Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Opera nova amorosa, vol. 3 - Comedia nova
Author: Notturno, Napolitano
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Opera nova amorosa, vol. 3 - Comedia nova" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



by the Bibliothèque nationale de France (BnF/Gallica) at
http://gallica.bnf.fr)



  Comedia Nova Composta
      Per Nocturno
      Neapolitano.

      Libro Tertio.



    Interloquutori.


    Minerva    nontio.
    Provida    madonna.
    Scaltra    Ruffa.
    Philotea   messaggia.
    Belvico    servo.
    Livida     serva.
    Orio       Il riccho.
    Avido      servo parassito.
    Virido     virtuoso.
    Numio      servo.
    Donna      A chaso.
    Fachin     portator.
    Scalco     dil pasto.



  ARGVMENTO, MINERVA,
  DICE.

    M  Nobil Caterva di excellentia ornata,
         Per haver vostre menti a virtù, volte
         Vengomi, di este quatro insegne armata,
       Che a fortuna, amor, tempo, e morto, ho tolte
         Per che ogn'alma, qui stia, quiete, e rimota
         Senza tema d'alcun: con voglie sciolte,
       Prima, non pò fortuna, la sua Rota
         Voglier contra di voi: ch'io l'ho qui al braccio
         E al tutto, e d'ogni sua possanza, vota,
       D'amor, l'arco, gli strali, il foco, e 'l laccio,
         Eccogli quivi al fianco e il colpo intenso
         Suo, non temete hor, che gli è freddo giaccio
       Dil tempo, eccovi il corso: il qual dispenso
         In virtù, noscho qui: che a l'huom riserba
         Nome in vita, e dopoi, cellebre, e immenso
       Di morte poi, ecco la falce acerba
         Dila qual non spavite: che nel fondo
         Hor iace, ogni possanza sua, superba
       Questi, son quelli, che domano il mondo
         Quai n'harran forza in voi: se a tal dechoro
         Porgerete le orecchi, e il cor, iocondo,
       Anci nel fin, voi vincerete loro
         Qual io fo: che per vera experientia
         Vincesi con virtute il sacro choro,
       Io son Minerva: dea di la sientia,
         Ch'io vi apresento, una Comedia, nova
         Misteriosa e colma, di excellentia,
       I nella qual per modi assai, si prova,
         Quanto sagace sia, l'arte amorosa,
         E come agrada, spiace, noce, e giova,
       E fra l'altre, una Donna ingeniosa
         Vederete di nulla: in tempo corto,
         Farsi riccha, potente, alta, e famosa
       E fantesce, e famigli, a dritto, e a torto,
         E gioti Parassiti, e Ruffe astute,
         Far l'impacito, il saggio, il vivo, e il morto
       E dopo, quanto val, vie più virtute
         Che la Ricchezza: vederte aperto
         Per diverse, e potissime, dispute
       Et altri assai bei tratti, in stil, coperto
         Da maraviglia, e riso, intenderete
         Da far venir un huom di marmo, experto
       Hor mentre che a virtù, pronti, starete
         Sempre seconda, vi serà, la sorte
         Et io propitia: expettator: valete:
       Ch'io mi ritorno alla celeste corte



  Provida da se stessa dice Cusì.


       Poi che invidia fortuna, e ingorda morte
         Tolto m'ha in questa giovenil etade
         L'una, la facultà, l'altra, il consorte
       Et lassatomi sola, in povertade
         Senza amico, o parente: al tutto i' voglio
         Haver di me, poi che altri, n'ha pietade
       Castità, e fede, usar, a chi amo, soglio
         Morto, è chi amavo assai più che me stessa
         Senza il cui viver, mi distrugo, e doglio
       Ben ch'io non vo' per questo haver demessa
         Mia ioventute: anci sempre adoprarla
         Che vecchiezza in pocche hore, a noi si appressa
       Parmi che d'altro al mondo hor non si parla
         Se non di facultade, e di ricchezza
         Perciò, fin che poss'io, vo' seguitarla
       E s'io non son in cotal arte, avezza
         Bisogna entrar, senza timor, né affanno
         Che al ciel fin va, chi a quello il passo adrezza
       Ma chi son quelle dua, ch'insieme vanno
         Ragionandose in là: Scaltra parmi una
         E l'altra philotea, se non m'inganno
       Anci di queste, non mi par nissuna
         Sì pur, l'è Scaltra, Scaltra, la non ode
         L'è pur svegliata più di donna alcuna
       Per certo qualche affanno che le rode
         Costei, conta a quell'altra, che non sente
         Over qualche piacer, di che 'l cor gode
       Scaltra

    S          madonna

    P                  ov'eri con la mente
         Ch'io t'ho chiamata un'hora

    S                                a te sol volta
         Ma tu sai da lontan, che mal si sente
       Lagrimando a Costei, con doglia molta
         Narravo tua sventura, e per ch'io t'amo
         Son venuta insensata, sorda, e stolta

    P  Non ti achade doler, vien meco, andiamo
         Che già più dì disidero parlarte

    S    E anch'io de udirti, e di parlarti, bramo

    P  Donque da costei vogli, acombiatarte

    S    Philotea vane, e fa seco mia scusa
         E quel ti ho detto, vogli ricordarte

    Ph Parto senza di te, tutta confusa

    S    Pò far il Ciel, che tu non saprai dire
         Che m'hai parlato, essend'io in casa chiusa
       E che al presente: i' non posso venire
         Ch'io verrò poi doman

    Ph                         hor sia con dio
         Resta, non mi saprei mai dipartire

    P  Scaltra, perché a te sola, il pensier mio
         fu oghor palese: hor vo' ch'intendi il tutto
         Per sapermi redir se, è buono, o rio
       Che havesti il cor, d'ogn'arte, ognhor, sì instruto
         Che mai non seminasti in me consiglio
         Ch'io non vi raccogliesse, ottimo, frutto
       Fo cunto che se' il padre, e ch'io sia il figlio
         Che se cosa dirò, che non riescha
         Corregier mi saprai con un sol ciglio
       Tua madonna già fui, tu mia fantescha
         Ben che ognhor te hebbi in luoco di sorella
         Per la bontà, che ognhor par che in te crescha
       Questa vita ch'io fo, misera, e fella
         Vo' lassar, per tenerme una megliore
         E per non esser più di me ribella
       Mai non mi vo' trovar in tanto errore
         Che quel dir, che ogni femina il suo pegio
         Seguita, hebba in me, forza, né vigore
       Duro, è d'alto cader, in basso, seggio
         Scaltra mia d'ogni ben sai ch'io ere in cima
         Hor più d'ogn'altra, al fondo esser mi veggio
       Mediante tua virtute in prima
         E il mio saper, sarò più che mai lieta,
         Che tanto è, pover un, quanto il si extima,
       Non son per haver mai l'anima quieta
         Ma questa, vita in tuto, adoprar tanto
         Ch'io giungeroe, a la desiata meta
       Tutto il giorno ambasciate ho d'ogni canto
         Non di persone vil, ma d'homin degni
         Da portarne alfin gloria, utile, e vanto,
       El bisogna mo, scaltra che t'ingegni
         A pensar quel che in ciò debbiamo fare
         E che a tuo modo, mi amaestri, e insegni.

    S  Ti son stata madonna, ascoltare
         Ben che n'happristi apena pur, la boccha
         Ch'io intesi apien, di che volei trattare,
       Poi che ragion, e il proprio ben, ti toccha
         Seguita questa impresa, e lassa ogn'altra
         Che non si acquista haver, per fuso, e roccha
       Tu hai de gli amanti assai, credilo a scaltra,
         Ogni giorno ne ho diece a la mia porta
         E a tanto sei, che non si parla d'altra
       E pur poco, è che una messaggia accorta
         De un de' megliori, e primi, dil paese,
         Volea ti havesse, una sua, letra porta
       Credo che 'l sia passato più d'un mese
         Che ognhora, e letre, e messi, e priegi, ho habuto
         D'alme gentil, che di te sonno acese
       Gemme, oro, argento, e munili: in tributo
         Offerendosi darti: & io temea
         Dirtil: che non mi festi reo saluto,
       Quella gentil fantesca, philotea,
         Che era qui meco adesso: a ciò che intendi
         Vien per chi, per te vive, in pena rea,
       E perché sappi come ognuno, accendi,
         Ecco una letra qui: dil suo patrone
         In che vol che 'l suo caldo amor, comprendi
       Questo è bello gentil riccho, e gargione,
         Quel che vorrai di lui, tanto farrai,
         Ma bisogna proceder con ragione

    P  Dammi la letra

    S                 l'haria persa mai
         No, no, l'è qui, to' leggi, che 'l si veda
         Quel che gli scrive: e il tuo parer, dirai

    P  Che cosa, è questa, un bolletin ca seda
         Ben, l'è la fitation di la tua casa
         Che tu dei dar, tre lire, di moneda,
       Sarebbe questa mai qualche tua rasa

    S    Certo madonna non, ch'io l'ho cangiata
         In fallo: che la me era in sen rimasa
       Eccola qui

    P             so che l'è sigillata
         Et ha qui, pinto, dentro, un mordace angue
         Che gli haver mostra, o me, l'alma arabiata

  la letra

       Quel che per tua beltà, morendo langue
         Privo di cor, d'arbitrio, e d'intelletto,
         Questa ti manda, scritta, dil suo sangue,
       Che apena visto, il tuo divino, aspetto
         La dolcissima gratia, e il caro, riso,
         Me ti fei sviscerato, e humil, sugetto,
       Et son a tal, ch'io bramo esser occiso,
         Né curo più richezza, né thesoro,
         Non potendo fruir, il tuo bel viso
       Et ogni mio poter, argento, &, oro,
         Dedico a tua beltà, senza la quale
         Struggo, peno, tormento, languo, e moro
       Hor non trovando aiuto, al mio gran male
         Né possendo altro far, diterminai,
         Drizar questa al conspetto tuo, regale,
       A la qual, se benigna, e humil, serai,
         Per concluder mia, vita, o morte, presto
         Una sola risposta, donerai

  Letta

       Scaltra, costui fa sì, lo afflito, e mesto,
         Vistomi havendo una sol volta, apena,
         Che ciò parmi un inganno, manifesto,
       Forsi, è legato, in qualche aspra catena
         E non potendo haver, quel che disia
         Vien per meco sfochar l'ardente pena
       O per che ognuno volentier se invia
         A qualche praticha, amorosa, e nova,
         Per pascer, sua, volubil, fantasia

    S  Madonna credi a me, ch'io 'l so, per prova
         Che quel che va, per ingannar altrui
         Nela fine ingannato, esser, si trova
       Ma tal consulto, hor vo' faccian, tra nui
         Se a quel che ai prima detto, conrispondi
         Che sarà il vinto, e il subgiugato, lui
       Prima, vo' che a la letra, non rispondi
         Per questa volta: e che tu faci il grave
         E anchor come tu 'l vedi, che ti abscondi
       Poi se 'l te scrive anchora: in stil soave
         Vo' che tu gli rispondi: e honestamente
         Che dil ioco d'amor, questa, è la chiave
       Pur concludendo, che non voi far niente
         De cosa che 'l ti chiggia: che a sto modo
         Terrai te in pregio, e gl'intrerà in la mente
       Ben ch'io credo che, gli habia fermo il chiodo
         A quel che ognhor vist'ho, d'amarti sempre
         E ad ogni stratio, star constante, e sodo

    P  Scaltra, talhor un huomo, è di tal tempre
         Che vol alciarti al ciel: che in un momento
         Poi veder brama che 'l tuo cor, si stempre
       Ma sia quel che si voglia, alcun contento
         Non sia da me, se da lui non son prima
         Che solo, è l'amor mio, oro, & argento
       Non sia, chi belle parolette, exprima
         Con humidi occhi, e con pietoso aspetto
         Che di me, non d'altrui, fo cunto, e stima

    S  Donque madonna, n'hai di me dilletto
         Donque nulla mi extimi

    P                           come nulla
         Anci t'ho sempre sculpta in mezo il petto
       Quando nomino me, come fanciulla
         Nel cor qual madre, ognhor ti pongo inanti
         Che tu sei 'l mio sepulcro, e la mia culla
       E che 'l sia 'l vero, voglio da qui avanti
         Che habi a star meco, e lassi ogni altra cosa
         Che farem nostra vita in gioia, e canti
       Iovene, e frescha, anchor come una rosa
         Schaltra tu sei: ove potremo insieme
         Con utii star, su la vita, amorosa
       Conoscho ben alcun, che per te, geme
         E tu non curi, e ciò te, è danno molto
         Che 'l si de' coglier, fin che rende il seme
       Tutte le crespe, e machie, c'hai sul volto
         Ti le traroe, con licor, lambicati
         Di questo, non ti haver affanno tolto
       Et altro che verzin, e sulimati
         Adopreroe, in frati rossa, e biancha
         Ne' unti, a capei lungi, e in anellati
       Poi cercha i vestimenti, mai non mancha
         A chi si adopra: che in ogni delitia
         Si trova quella, che, è più ardita, e francha
       Ma lassian questo andar, tua massaritia
         Farai da me portar, e dopo il fitto
         Pageren con danari, o co' amicitia
       E se tu hai altro debito, o altro scritto
         Qual suol haver, chi povertate, incalza
         Lassa la briga a me, sai quel ti ho ditto

    S  Madonna i' son, senza camisa, e scalza
         Sol per voler pagar dilletto, il nolo
         Onde da freddo, in corpo: il cor, mi sbalza
       E questo guardacor, che ho indosso: solo
         È, mio: e, tutto il resto, è dil patrone
         Qual son i muri, il colmo l'aria: e il suolo
       Ma poi ch'io veggio ch'ai compassione
         Di me scaltra tua, misera, e tapina
         Son per te sempre, a torto, &, a ragione

    P  Taci mo, chi, è colui che in qua camina
         Sarebbe 'l mai quel che ti diè la letra

    S    Chi, Orio, no 'l cavalco stamatina
       Certo gli è quel

    P                   voi tu, ch'io me gli aretra

    S    Sì, entra in casa: e lassa che una baglia
         Vo' dargli, da spezar un cor di pietra

    O  Scaltra

    S          signor

    O                 che fai

    S                         nulla che vaglia

    O    Non ti degnasti, venir l'altro giorno
         Viemmi voglia di far teco battaglia

    S  Da indi in qua, so' in tanto, affanno, e scorno
         Ch'io credo certo perderò il cervello
         Se 'l perduto d'altrui, non gli ritorno

    O  Che cosa, è questa

    S                     i' ti dirò, uno anello
         Diemmi un per ch'io l'impegnasse al giudeo
         E il persi per la via: o destin fello:

    O  Ad ogni modo questo è un caso reo
         Guarda, se alcun di questi, se gli aviene
         To', piglia, e a lui lo torna, o va a lo Ebreo

    S  Parmi veder le stelle in Ciel serene
         Mirandoti le dita, e alcun di questi
         Con quel, per che val tropo, non conviene

    O  Quanto potea valer, quel che perdesti

    S    Egli mi disse, to', ch'el val tre scudi
         Fa che sopra il Iudeo, duo, ti ne presti

    O  To', un, e duo, e tre, e quatro, chiudi
         Va, e fa, quel che ti piace, e se 'l ti achade
         più cosa alcuna, fa che in me concludi

    S  Signor, per questa immensa tuo bontade

    O    Odi, non mi formar belle parolle
         Che ognun tenuto, è ad aiutar, chi chade

    S  I' ti volevo dir duo cose sole
         L'una, che gratie assai ti rifferischo
         L'altra, de adempir quel che tuo cor, vole

    O  A questo ultimo dir, tutto indolcischo
         O me felice, se fusti la trama
         Dila tela gentil, che ardendo, ordischo

    S  Possi la luce tua, vedermi, grama

    O    Come la luce

    S                 sì, vedermi trista
         S'io no cerco far quel che 'l tuo cor brama

    O  Per dio che dea grama la mia vista
         Che dicesti haver brama di vedere
         Ch'io meza havea di tosco l'alma mista

    S  Non, dio mi guardi anci ti fo a sapere
         Che pria scemasse dil tuo ben, sintilla
         I' mi vorrei per te, morta, vedere

    O  Hor quanto amo costei tu 'l sai, che in villa
         Hito ero, questo mane, e oltra mia voglia
         Tornato i' son, che 'l cor di lei sfavilla
       Né conosco altri, che d'affanno, e doglia
         Mi possi trar, se non te, scaltre fida
         In che ogni mio ben, pullula, e germoglia
       Tu sol sei quella vera scorta, e guida
         Che pò levarmi al Ciel, e a tuo comando
         Far che a un punto, per sempre pianga, e rida

    S  Senza ch'io 'l dica, sai quel ch'io dimando

    O    So il tuo voler, e di lei quello anchora
         E però scaltra, a te, mi racomando
       Duo notti son, ch'io n'ho dormito un'hora
         I' voglio ir a posar, scaltra ti prego
         Che mi vogli aiutar, prima ch'io mora

    S  Al comandar, no al tuo pregar, mi piego
         E dimostrar ch'io t'amo, son disposta
         Che a iusta gratia mai non si fa niego
       Col pel parlar, che tanto poco, costa
         Farò che harrai da lei, quel che ti piace

    O    haver presto de ciò, vorrei risposta

    S  L'harrai

    O           me ricomando

    S                        vane in pace



  Finisce il primo atto, Orio va a posar & Scaltra va, a
  provida & dapoi consulato insieme un pezo, Scaltra vien
  di casa fori sola col viso volto & provida cusì dicendo.


       Io t'ho intesa, non più, basta una volta
         Replica tante fiate una parola
         Come s'io fuse, smemorata e stolta
       Se sei legera e se 'l cervel ti vola
         Ponderosa son io, e non mi movo
         Che in quest'arte, tenuto ho sempre scola
       Ogni volta più instabile, la trovo
         E più superba: benché per usanza
         Sempre hebbe questo: e non me, è caso novo
       Crede costei col suo darmi speranza
         De inrichime: ch'io sia la rufiana
         Et viver ella in amorosa danza
       Com'ella, esser cred'io bona putana
         E pur volesso degli amanti, ch'io
         Saria tenuta diva, più che, humana
       E se 'l volto com'ella voless'io
         Farmi bello, e lisciar, persino i sassi
         Accenderei, d'amoroso disio
       Crede la stolta, far che al tutto i' lassi
         Ogni mia impresa: e ch'io vadi a star seco
         Per tenirmi la robba a un tratto, e i' passi
       Non bisogna a 'sta foggia venir meco
         Per ch'io son sì dottata in ciascun'arte
         Che al fin, io seria il fusto, & ella, il cieco
       In casa sua non voglio alcuna parte
         Portar dil mio: ma solo la persona
         Per exequir quel che mio cor comporte
       Del mio corpo esser voglio honesta, e bona
         Né haver la fede a belvico spezata
         Che dopo eterna infamia ne risuona
       Faci questo chi vol, che una fiata
         Pria con honor vo' sutta la camisa
         Che haverla con vergogna mai bagnata
       Dil resto, adoprerommi in ogni guisa
         In truffe, in rase, in futii, e in tradimenti
         Se ben restar dovesse al fin conquisa
       Pur che restino i spirti miei contenti
         Di qualche facultade: e che nel fine
         Belvico mio di me non si lamenti
       Credo che esser già den l'hore vicine
         Di trovar orio in casa, ecco che 'l viene
         Vo prepararmi, a dolci paroline
       Qual orio, anci gli è belvico mio bene
         Belvico mio gentil

    B                       io ti ringratio
         Fai proprio quello che a me si conviene
       D'alcuni giorni in qua, fai di me stratio
         Ma se me ti rivolgo un tratto intorno
         Ti ne darò per fin ch'io sarò satio
       Ti partisti sta mane al far dil giorno
         E infina ad hor, che già discende il sole
         Non t'hai degnato a casa far ritorno

    S  Taci Belvico, ascolta tua due parole

    B    Non mi romper la testa, che hora mai
         Son satio de tue baglie, zancie, e sole

    S  Que ch'io ti voglio dir, anchor non sai
         E se 'l sapesti, saria la più cara
         Femina, che tu havesti anchora mai
       So che non mi vedendo, pena amara
         Tu senti al cor, & hai di me martello
         Send'io d'ogni beltade, al mondo, rara
       E non troppo è, che un gioven, vago, e bello
         Parlar mi fece, & io ripulsa i diedi
         Per non ti dar infamia, né flagello
       Ma se ho intelletto, hor voglio che tu vedi
         Che una a chi già fui serva, pel mio ingegno
         Se, è venuta a gettar sotto miei piedi
       Questa è bella gentil, e vol nel regno
         Intrar dile

    B                putane dillo almanco

    S    Ma de sì, e far tutto quel ch'io gl'insegno
       Tanti ella ha drieto, che han ferito il fianco
         E per ch'io l'alzo sopra ogn'altra in cima
         Chi si struge, chi langue, e chi ven manco
       Questa, è belvico sol, la causa, prima
         Ch'io me affatico, per acquistar tanto
         Che al fin de noi sia fatto qualche stima
       I' vo' darmi fra gli altri, questo vanto
         Che non ella, e suo amanti, spoglieri
         Con arte ma dil Ciel se 'l fusse un santo
       La briglia in man, un tratto ho di costei
         E de' suo amici, hor sia la volta questa
         Ch'io poterò far bene, i fatti miei
       E per mia virtù farti, manifesta
         To' questi quatro scudi, e doman torna
         Ch'io ti vo' por indosso ancho, una vesta

    B  Scaltra per certo, tu mi fai le corna

    S    Come le corna

    B                  sì gli fusi torti

    S    Dhe per mio amor da novo, a dir, ritorna

    B  Dico che vesti i nudi, e avivi, i morti
         Ch'io era nudo e morto

    S                           ben t'o inteso
         Belvico se in ciò pensi hai mille torti
       Che pria che haverti in un sol pelo offeso
         Me stessa ociderei

    B                       dio mai nol volia
         più presto, mi vedess'io in foco acceso
       Anima mia non pianger

    S                        che una folia
         Credi ch'io sia quando un va drettamente
         E che 'l sia improperato, e gli è gran doglia

    B  Se non mi fusti sempre nella mente
         Non direi tal parole: benché certo
         Sia, che tu sei, qual fusti, ognhor prudente

    S  Belvico mio, sacreto alcun coperto
         Mai non fu in me, che a te, fusse nascoso
         Né serà, fin che 'l tumul, me sia aperto

    B  O parlar dolce, caro, & amoroso
         Basciami scaltra, e se teco mi adiro
         Talhor, io, so, ch'i' son di te, giloso

    S  Anch'io dì, e notte, pur per te sospiro
         Dolce belvico mio, e non già dico
         Che habi per altra Donna, al cor martiro

    B  Scaltra tu sai che gli è un, proverbio antico
         Che amar ben non si pò, se non si teme
         Io t'amo, e temo, e per te vo mendico
       Taci, che cosa, è quel

    S                         parmi un che geme

    B    El non, è il ver, gli è vesper

    S                                   sì a la fede

    B    Voi tu restar, o voi che andiamo insieme

    S  Come restar volgo in tal luoco il piede
         Che più che certa son, in men d'un'hora
         Guadagnar forsi: quel, che altri non crede

    B  Donque scaltra men vado

    S                          va in bon'hora
         Odi, se qualche dì, senza me resti
         Guarda dil mio vassel, la salamora

    B  Ah ah, sia maledetti, gli tuoi giesti
         Che con le tue parole, di dolcezza
         E di luxuria, i marmi accenderesti
       Non mi tener più, dolce mia vagezza
         Ch'io non so se heba ben, la porta chiusa
         Ch'io non vorrei restar, pien di grameza

    S  Credo che per partir, trovi 'sta scusa
         E che pò torti

    B                   come che pò torme
         La granata, la scranna, e la gratusa

    S  Hor vane

    B           resta

    S                 so costui non dorme
         Ma in mille parti sempre, ha volto il core
         O quanto al mio voler, questo, è conforme
       So ch'io son stata qui, ben duo grosse hore
         Tal che mi par che troppo tardi il sia
         Che Orio di casa, esser de', uscito fore
       Io non so che mi far s'io vada, o stia
         Tornerò, indrieto, per non ira a fallo
         E in penneroli, qualche mia, bugia
       Scaltra non far, anci fin che se' in ballo
         Vogli ballar, e seguitar, la traccia
         A vele, a remi, a piede, &, a cavallo
       Ecco, apunto che 'l vien, bisogna audacia
         Usar, per far le sue bugie coperte
         E che in tutto, al voler mio, sotto giaccia

    O  Scaltra

    S          signor

    O                 queste non son le offerte
         T'ho expettata tutto oggi, e non so dove
         Venga, che tu mi pasci sol, di berte

    S  Vengo hora in fretta a te, con buone nove
         Ne possuto ho più presto, dispacciarmi
         Che gran tempo, bisogno, a far gran prove
       Se tu sapesti come ho preso, l'armi
         E per te fatto qual guerier, in campo
         Cercheresti per idolo, adorarmi

    O  Scaltra son tuo d'ognhora infin ch'io campo
         Ma non tener più il dolce parlar, quieto
         Scopri de mia salute, il chiaro lampo

    S  Dimi Orio, per costui che ti vien drieto
         Si pò parlar

    O                 sì che gli è mio famiglio
         Sopra d'ogn'altro, tacito, e secreto

    S  I' ti dirò, quel colorito giglio
         De chi sei preso, ito, è fuori esta mane
         Dil che da parte tua, gran dolor piglia

    O  Sempre burli

    S               non certo

    O                         vane, vane

    S    Io so, che tu n'havesti, quasi, un grosso

    O    Po', spiace a, tutti, le parole, strane
       Ma di' su presto, che omai più non posso

    S    Dissi pria come, che per sua beltade
         A durissima morte, sei, percosso
       E che essendo tu pien, de humanitade
         Riccho, saggio, gentil, bello e modesto
         Dovesse haver, dil tuo penar, pietade
       Ella che 'l viver suo, sempre hebbe honesto
         Prima, scaciommi, & io pur lagrimando
         Gli faceva il tuo caso, manifesto
       Dicendo volto, sacro, e venerando
         Questo spirto gentil, che per te, langue
         Spinta da gran pietà, ti 'l ricomando
       Se, è ver che sei di nobile stirpe, e sangue
         E che qual dici, scaltra ami tua serva
         Agiuterai, chi per te, fassi, exangue
       E con altro parlar, che in me, si serva
         Con faticha, la si hebbe, a me, rimessa
         Che duro, è agiunger, fugitiva, e cerva

    A  Patron, va in là, colui, da la promessa

    O    Va non mi romper, matto bestiale
         Quella gratia dal ciel, che hor me, è concessa

    A  So che tu voli, molto ben, senz'ale

    O    Che cosa

    A             a fin di ben, dico, il dicea

    O    Non ti curar de mio ben, né mio male
       Seguita scaltra

    S                  infin quest'alma dea
         Tanto sarà, quanto saprò mostrarli
         Che liberalitade in te, si crea

    O  Meravigliomi assai, che questo parli
         Non sai tu, che oltra il corpo, il cor, e l'alma
         Ch'io le ho dato: ancho l'haver, mio, vo' darli
       E per segno dil vero, apri la palma
         To' questi duo annelli, e 'sta catena
         Ch'io ne fo un dono a sua beltà magn'alma
       E fa scaltra gentil, d'ingegno, piena
         Ch'io parli sieco a fronte, un tratto, e poi
         Ovonque piace a te, mi guida, e mena

    S  Odi farem cusì, oggi ambe doi
         For di casa, ir, debiamo, e tu per strada
         Fa che la incontri, e digli i casi tuoi
       Prima, di' che altri ch'ella, non ti agrada
         E con tremante dir, humile e, piano
         Di', ch'in tal duol, più non ti tengi, a bada
       Da l'altra parte, io poi con prego humano
         Gli sarò drieto sì, che al fin sia forza
         Che la ti porga la sua biancha mano

    O  O quanto il tuo bel dir, lo ardor mi amorza
         Se non fusse te scaltra, i' sarei morto
         Che quanto in lei più penso più rinforza

    S  Orio non più men vo, ch'el tempo, è corto
         Tu ad espettarla qui serai rimaso
         Et io gli harrò, questo presente, porto
       Fa che tu fingi, passar oltra, a caso
         Aciò non para, che noi siam, d'acordo
         Che ella de assai discorsi, ha, colmo il vaso

    O  Hor vane scaltra

    S                   ascolta, i' ti aricordo
         Che non ti perdi a mezo dil camino
         Ma che tu tessi ben com'io ben, ordo

    O  O ciel, se questa volta, il mio destino
         Come ch'io spero, mi serà propitio
         Potromi sopra ognun, chiamar divino
       Avido mio, tu ch'ai saldo iuditio
         Consigliami

    A                patron questo si, è il punto
         D'alciarsi, o de ruinar, in precipitio

    O  Che debio far

    A                se a parlar seco giunto
         Serai, bisogna esser, sagace, e tristo

    O    Aymè, mi sento già, mezo, deffunto

    A  Quando il vago suo volto, haverai visto
         Che farai donque

    O                     resterò di sasso

    A    Forsi anco polve

    O                     forte cosa o cristo
       Ma sia quel che si voglia affretta il passo
         Peggio qui, intravenir, non pò, che morte
         Se moro proprio per quel sei, ti lasso

    A  Ti ringratio patron

    O                      grida ben forte
         Ch'io non te intendo

    A                         non voi tu ch'io grida

    O    Nun quand'io treppo

    A                        pacientia, o sorte

    O  Ascolta pazo, come scorta, fida
         Starai quivi, a veder, se la venisse
         Et io di, là come al thesoro, Mida
       Presto verrà, che presto venir disse

    A  Va pur che ella faratti ben vedere
         A mezo dì, le stelle nel ciel fisse
       O ignorantazo, senza antivedere
         Lassa pur far a me, so ben star quieto
         Quando il bisogna, e far anco, il dovere
       Vivi pur se tu sai, contento, e lieto
         Ti farò riportar, cotal partita
         Che non fu mai trovata, in alphabeto
       O vedimo, s'egli ha tesa polita
         Questa reta: possendo a ognun si deve
         Torre, i dannari, la robba, e la vita
       Altra cosa, da me, non si riceve
         Però ch'el dado, il bichier, e le carte
         Fammi ogni gran delitto, parer leve
       Ma se ben miro, parmi, in quella parte
         Ivi apresso le mura, un vago volto
         Veder, più bel, di quel, che accese, Marte
       Sì che gli è quello, questa volta, stolta
         Orio divien: a sua tanta, beltade
         Ecco che 'l va, che pargli il spirto tolto
       Ella camina, e d'una voluntade
         Mi paion ambo, e questo sol voglio
         Per meglio pro mia falce, né lor biade
       Ir voglio per vederla, inanti, anch'io
         Provida ella, è che la sia mi glorio
         Per poter presto oprar, come disio

    P  Scaltra

    S          madonna.

    P                   quel che vien, parmi, orio

    S    Quello, è

    P              mo' perché va, sì lento, e pegro

    S    Per che, è come ombra, senza il tuo aiuto rio
       Et, è venuto, come infermo, & egro
         E se una dolce tua parola, o un riso
         Non riceve da te mai non fia alegro

    O  Quel che governa il mondo, e il paradiso
         Ti salvi, e guardi sacra e immortal, diva
         E faci me, da te, non mai, diviso

    P  Tua signoria ben venga, e sempre viva
         L'alto nome di quella, e in chiara fama
         Eternamente, ognun, ne canti, e scriva

    O  Madonna, i' son collui, che tanto, ti ama
         Che al tutto smenticato, è di se stesso
         E altri che te, dì, e notte, mai non chiama
       Tu sai ch'io t'ho mandato, più d'un messo
         Per discoprirti com'io peno, e moro
         Pel tuo bel volto, che ho nel petto, impresso
       L'anima, il cor, la facultà, e il thesoro
         Offerendoti, pur che chiaro il raggio
         Me sia, de tua beltà, che in terra adoro
       E s'io non son, cusì ellegante, e saggio
         Come a te si convien, in colpa, il sguardo
         Tuo, che mentre ch'io 'l miro, alma non haggio
       Tutto hor teco parlando, agiaccio, & ardo
         E se non mi soccorri, il debil corso
         Mio correr sento, al fin, qual, celler pardo

    P  Tanto sai dolce dir, che un tigre, e un orso
         Aquieteresti, col pietoso stile
         E già m'hai tottalmente posto il morso
       E per che mi mandasti un don gentile
         Qual porto perch'io t'amo: anchor, tu voglio
         Che porti per mio amor, questo, manile

    O  Prima col cor, poi con la man, il toglio
         Et son da gran letitia, fuor di senso
         Che tal diletto, in me sentir non soglio
       Et al bel volto tuo, d'amor, accenso
         Gratie rendo infinite, de un tal dono
         Qual fin sotterra, portar meco, i' penso
       O lieto dì, per cui felice, io sono
         O dolce tempo, o aventurato loco
         Cagion da terra, alciarmi, al sacro trono
       Altra gratia dal ciel, più non invoco
         Se non che degno, facimi, al tuo albergo
         Ch'io venga a star, e a parlar teco un poco

    P  Signor, iusta dimanda, non postergo
         Con honestade ame, venir pò ognuno
         Perché il ben seguo, & il mal lasso atergo
       A casa mia, non vi vien huomo, alcuno
         Ma per che da ben sei, doman te invito
         Quando a te piace, satollo, o digiuno

    S  Madonna se dei far, fa' il ben compito
         Fal venir a desinar

    P                        horsù, sia fatto

    O    Io ti ringratio, & accetto, il partito

    P  Orio signor, men vado, observa il patto

    O    Vane, verrò, son servo de tua imago

    S    O questo, è 'sta madonna, il nobil tratto

    O  S'io fui contento, e mesto, hor lieto, e vago
         Trovomi sopra ognun che viva in terra
         Che de lieto,  e gaudio,  sol mi apago

    S  Madonna il se suol dir, che in l'aspra guerra
         Si vede un cor magnalmo: in 'sta batalia
         Conosciuto il saper, che in te, si serra

    P  Non fu bel tratto, per darli, la baglia
         E trarlo sotto: darli il manil prima
         E a mensa convitarlo, ala battaglia
       Chi alto, vol ir, comincia in la parte, ima
         E sì de grado, in grado, va scandendo
         Che ne la fin, poi si ritrova in cima
       Lassa pur far a me, s'io non atendo
         Fin su l'osso, a pelarlo, mio sia il danno

    S    Madonna adhor, per saggia, i' ti comprendo

    P  Horsù va dentro e bussa, tu sta' un anno
         Vedi ch'io son tutta straccha, e sudata

    L    Chi, è quel

    P                apri, che dia ti dia il mal anno

    S  So che ho batuto più d'una fiata



  Qui finisce il secondo atto, Provida con Scaltra va in
  casa a far preparamenti per far honor a orio che de'
  andar a disinar seco & di là un poco manda scaltra per
  un servitio la qual vien fuori & provida dal balcon cusì
  gli dice.


    P  Scaltra

    S          madonna

    P                  presto che li è tardi

    S    Più ch'io posso mi afretto, asassinarti
         Poltrona, falsa, e vil che 'l foco te ardi
       Quello che a me voi far, quel volio farti
         E cusì come al ciel, salir te credi
         Cusì voglio nel fin precipitarti
       Ma extender con misura, voglio, i piedi
         Né a furia correr, che mio seria il danno
         Ma volio che 'l sia tuo, qual proprio il chiedi
       Malvagia, trista rea, colma d'inganno
         Che mi promette far che 'l tutto io sia
         Poi mi fa come, le bugiarde, fanno
       Con carezze, e con basci, scaltra mia
         Dicendo, non pensar, ch'io faccia, cosa
         Che di consentimento tuo, non sia
       E poi sen va, la stolta, e viciosa
         Aprir in casa, alcuni novi, amanti
         Credendo a me, sia tal malitia ascosa
       E se almen fusser, qualche nobil, fanti
         I' non haverei certo, doglia, tanta
         Ma son poveri, e vil come furfanti
       Ma mi duol più di quel, che suona, e canta
         Dil qual, veggio sì accesa: esser costei
         Che l'alma, e il cor, nel pette, se le schianta
       Ma per suoni, o per canti, buoni, o rei
         Non pensi alcuna, acquistar mai, valore
         Se di la vita sua, non fa, de sei
       Ma so ben dove vien, questo fettore
         Quella serva che tolta ella ha, da novo
         Sola, è cagion, de tutto questo, errore
       Ma, a tutto, quand'io vo', rimedio, i' trovo
         Scaltra, è il mio nome, e scaltro, è 'l mio inteleto
         E ad ognun pur ch'io volio nozo e giovo
       Poi che la val a farsi, ogni dispetto
         E mostrar d'un sì un, no, e d'humil grave
         Mostrati anch'io se vaglio, i' ti prometto
       Questo, è quel, che gettando, le mie fave
         La trovai petto, a petto, e bocha, a bocha
         Con certi genti vil, povere e prave
       O insatiabil, sciagurata, e scioccha
         Nol voglio ad orio dir, per la mercede
         Non perder, dil servir mio, che a me tocha
       Anci voglio in più modi, fargli fede
         Come l' è saggia, sancta, casta, e pura
         Per poter d'ambo far, poi magior prede
       Io voglio tesser, fin che a la misura
         Sia questa tela mia: né esser mai stancha
         Che cusì fa, chi 'l proprio ben, procura
       Ciò ch'io voglio da loro, non mi mancha
         Et ho, qualchosa al mondo infin quest'hora
         Ben che con gran sudor, l'anima il fiancha

    B  Eccola apunto, questa, è proprio, l'hora
         Bisogna far l'offeso, e il corociato
         Per farla de qualchosa, venir fora

    S  Chi è quel, che vien in qua, che, è tuto armato
         Gli è il barisello no, gli è il capitano
         Anci s'io 'l miro ben, parmi un soldato
       Voglio andarmine in qua, cusì pian piano
         Ch'io non vorrei, pel fitto di la casa
         Che 'l mi occorresse, qualche, caso, strano

    B  Non fugir scaltra

    S                    o fuss'io in cha rimasa
         Tien pur a mente, che questa, è la volta
         Ch'io purgerò in un punto, ogni mia rasa

    B  Schaltra raffrena, il passo, aspetta, ascolta

    S    Che deb'io far, costui vien via disteso
         Mi giungerà, gli è meglio ch'io mi volta
       Di' tu a me

    B              sì

    S                 certo n'haveati inteso
         Che iva sopra pensier

    B                          anci fuggivi

    S    Per che fuggiva

    B                    per che tu m'ha offeso

    S  Non so pur chi tu sei

    B                        belvico, scrivi
         Questa parola:

    S                   o belvico ben mio
         Ove sì armato vai, dove derivi

    B  Ben tuo, non son, né mai, fui tuo ben io
         Mi vedi, e senti, e ti fai, ciecha, e sorda
         Forsi un dì, de vedermi, harrai disio

    S  Se visto, o udito, i' t'ho, che mi aricorda
         Che dire, alegra, non mi veda mai

    B    Iura sopra di te, poltrona, lorda
       Hor, non mi vo' sdegnar, non so se 'l sai
         Venivo per trovarti, adesso, in fretta
         Per dirti quello, cha tu intenderai
       Vist'io che senza me, star ti dilletta
         E che con altri godi, & io sol stento
         Ratto hebbi un'altra, meglior vita, elletta
       Che tutto il giorno, andar fiachato, e lento
         Drieto gli asini, come un vil poltrone
         Me, è gran vergogna, e magior il tormento
       Tanto più, che per strada, le persone
         Che a exercitio sì misero, sia posto
         Mi guardan colme, de admiratione
       Dicendo sei pur sano  e, ben, disposto
         Grande, grosso, gagliardo, ioven, frescho
         Et a tanta viltà, stai sotto posto
       E peggio, è anchor, che s'io vo' al letto, o al descho
         Trovomi sempre solo, come un cane
         Tal che insino a me stesso alfin, rincrescho
       E andando ognhor cusì, de ogg'in domane
         Dil ciel mostrommi il mon, un chiaro, lampo
         Da guadagnar, più nobilmente, il pane
       Dove conclusi, ridrizarmi, al campo
         E preso ho, già due page, in questa terra
         E in ciò penso di viver, fin ch'io campo
       Che un sol proverbio degno, in noi si serra
         Che vil: è chi si pone, a cosa vile
         E degno, è quel che vive, e mor in guerra
       Io per che fui di cor sempre gentile
         Voglio hor mostrarlo: e poi quando non fusse
         Gli è bel, farsi di rustico, civile
       Il disfrenato amarti, a tal m'indusse
         Che non pur d'huomo, fecemi animale
         Ma quasi a darmi morte, mi condusse
       E per mostrarti quando, come, e quale
         Sia il mio partire, scaltra i' son venuto
         Hor a prender da te, l'ultimo vale
       E tanto sento in petto, il duol accuto
         Di te cor mio, ch'io temo nel camino
         Morto non rimaner, senza il tuo aiuto
       E se in viaggio, o in campo, per destino
         Manco ricorderatti qualche fiata
         Dil tuo servitor Belvico, tapino

    S  Ecco la chiave, la porta, è serata
         Aymè, donque gli è ver, che vuoi partire
         O me infelice, misera, e mal nata
       Fa quel che vuoi, che prima che adimpire
         Habbi questa tua scioccha fantasia
         Voglio aspramente, di tua mano morire
       Belvico mio gentil, anima mia
         Non vo' che parti, né serà mai vero
         Che altra donn'habbi, o che d'altr'homo i' sia
       Di te sol mi nutrico, in te sol spero
         Per te sol stento, & a te solo ho volto
         L'animo, il, cor, il spirito, e il pensiero
       Non ti aricordi ah, can, con lieto volto
         Quando che tu dicevi sopra ogn'altra
         T'amo, anci adoro, né serò mai sciolto
       Non ti aricordi, se dicevi scaltra
         Voltati un poco, mi voltava tutta
         Che a contentar non have person'altra
       Sempre m'havesti, o piaque a te, riduta
         E per far cosa che ti agrada e piaccia
         Non curava per te, restar, distrutta
       Non, è questo, il tenermi, nele braccia
         Non son questi, gli basci e le carezze
         E il dir voi tu ch'io resta, o voi ch'io facia
       Non son questi gli gaudi, e le dolcezze
         Ch'io expettava da te, né questo, è il merto
         Di le usate a te tante gentilezze
       Soffro, son per soffrir, & ho, sofferto
         Per te ogni cosa, e stretti ho sempre e denti
         Lassando tutto andar, col cor aperto
       Et hor in premio de mie affanni, e stenti
         Vuoi misera lassarmi, a tal partito
         E ch'io finischa, in lagrima e tormenti

    B  Scaltra, non pianger, cusì ho stabilito
         E se altro far volesse, i' non potrei
         Che esser non vo' da ognun, mostrato, a dito

    S  Quanto tocchasti

    B                   i fur duchati sei
         Et hogli spesi, come vedi in arme
         Con altratanti anchora, de gli miei
       Quel corsaletto, e quel che havevi, parme

    B    Come quel, questo viemmi otto duchati
         E nol vede huom: che più non voglia darme
       Questi bracciali fini: e lavorati
         E questa spada e questa, piccha insieme
         Non men di esta armatura, enno extimati

    S  Hor se ragion, e amor, punto, ti preme
         Belvico a viver, sian tuoi spirti accesi
         Non a quel che l'hom guida, a l'hore extreme
       To', piglia, ecco i dannari, habili resi
         Con qualche honesta, e lici a, tua scusa
         Che in acceptarli, i non ti fian contesi

    B  Scaltra a ciò che tu intendi, qui, non, si usa
         Dargli adrieto i dannar: e poi huom tristo
         Tenuto, è chi la data fé, richusa

    S  Belvico hor tu m'ha inteso, habbi provisto
         Che tu vadi, per niente, i' nol consento
         Che, è troppo duol, perder sì degno acquisto
       To' la borsa, i dannar, tra oro, e argento
         Diece duchati son Belvico vane
         E fa sì ch'el cor mio, resti contento

    B  Scaltra, non vo' che credi, ch'io sia un cane
         Ch'io non t'ami: e che in me non habin forza
         tuoi dolci priegi, e tue parole humane
       Che non pur ciò farei, ma quella scorza
         Spoglierei con mia mano per tuo amore
         Che tanta humanità troppo mi sforza
       Ben che hor sento combattermi, nel core
         Duo gran guerrieri, l'uno, è il tropo amarte
         Scaltra mia dolce e l'altro, è poi l'honore
       Ma conviemmi gettar questo da parte
         Che amor mi astringe, mi comanda, e vole
         Ch'io debba in tutte cose, contentarte

    S  O benigne, e dolcissime parole
         Dammi la mano belvico, mio bene
         Sempre, esser vo' tua serva, al'ombra, e al sole

    B  Questo m'è, grato: ma sento al cor pene
         Ch'io non so dove tanti dannar, trovi
         Ch'io temo faci quel, che non conviene

    S  Sempre s'io antico tuo parlar, rinovi
         Mai non ti feci torto, in cosa, alcuna
         Ben ch'io so, per scherzar, tal parlar movi
       Son da quell'hora in qua, che sai, digiuna
         Che dolcemente, tu mi salassasti
         A modo usato, la vena comuna

    B  So ben che tu non vivi, agli miei pasti

    S    Mo, veggio che mi vuoi far voltar carta

    B    Ben, ti dispiace, quand'io toccho i tasti

    S  So che 'l fai per che in sdegno, mi diparta
         A ciò ch'io senta in me, doppio, martello
         Ma i' n'ho pur troppo, ch'el cor me apre, e squarta

    B  De chi, di me

    S                di te, sì can ribello

    B    O me mammina mia

    S                     lasiami stare
         Senza se mescredente, ingrato, e fello
       S'io ti volesse tal ingiuria, fare
         Tanti amorosi, harrei, giovani, e belli
         Ma honesta vo', qual soglio sempre, usare
       Quegli ducati, moneti, e marcelli
         Ch'io t'ho dati in più volte: con ingegno
         Gli ho guadagnati, & altre ioie, e annelli
       E se serai humil, fido, e benegno
         Tutto fia tuo: che solo mi affatico
         Per far che giungi a qualche richo segno
       Hor voglio ir, nota ben, quel ch'io ti dico
         Per che haver cercha, provida un familio
         Non voglio che tu mostri esser mio amico
       Ella si regge sol per mio consiglio
         Dirogli che un garzone, gli ho trovato
         Obediente, più che al padre, il figlio
       Dove fia forza haverti a lei guidato
         E tu con modi ingeniosi, e desti
         Mostreraiti, & assai più di l'usato
       E cusì converta, che nosco resti
         E a questo modo, tutti i suoi sacreti
         A noi doi soli, ci fiam manifesti
       Insieme viverem, contenti, e lieti
         Ambo tirando l'aqua, al molin, nostro
         E tendendo per noi, sempre, le reti
       L'util, l'honor, e il proprio ben, ti mostro
         Non si de' mai cessar: io che son donna
         Con fortuna qual sai dì, e notte, iostro
       A un punto, cangierai pensiero, e gonna
         E di tutto il suo haver, ti so dir questo
         Che tu sara' il messer, io la madonna

    B  Ben, farò quel che vuoi: ma con quel cesto
         O vai, che tu ivi sì veloce, e leve

    S    A comprar da mangiar che 'l tempo, è presto
       Orio venir a disnar nosco deve
         E per che m'hai tenuta, a parlar tanto
         Meglio, è tu vadi, che serai più breve

    B  S'io son qual vedi, armato, tutto quanto
         E' conviemmi a la bancha, ir in persona
         Come vuoi, ch'io mi volga, in altro canto

    S  E, non defferir più, che presto, è nona

    B    Si, non, è anchora pur sonata terza
         Taci mo, ecco apunto, che la suona
       Dei pur veder al sol, se non sei guerza
         Tu sei come insensata, e scemiviva

    S    Sì son la forcha

    B                     o, che baston di querza

    S  O t'hai tornata in boccha, anchor, la piva

    B    Che la voresti tu

    S                      sì che l'è cara

    B    Cara, la ti fe già de morta, viva

    S  Non più Belvico hor suso, i' prepara
         Andar a spender, to', prendi il camino

    B    I' non so spender

    S                      se tu non sa, impara
       Compra prima, de cievali, un carlino
         E poi di calcinelli, e peveraci
         Con qualche altro menuto, pesciolino
       Erba bona, persuol, zuchar, spinaci
         Per far cosa che al gusto humano agrada
         E sopra tutto, prego, che ti spaci

    B  Horsù men vo, poi che tu vuoi ch'io vada

    S    Vane, ti expetto a casa, e dirò come
         I' ti ho trovato, a sorte, per la strada
       Per, che, l'altr'ieri, dissigli il tuo nome
         E che eri buon, da ben, fidato, e saggio
         Pronto al servir, più che fanciullo, al pomo

    B  Hor resta

    S            vane, e torna, in buon viaggio

    B    O, t'ho pur fatto star, vecchia, ruffiana
         E buttar fuori, come aprile, e maggio
       Ma questo, è niente, provida putana
         Che vol ch'io vada sieco, per vassallo
         Vo' che soni altramente, la campana
       Lassa pur far a me, guiderò il ballo
         S'io gli entro in casa, in cotal forma, e modo
         Che correr senza spron farò il cavallo

    S  Da l'un canto ho spiacer, dal'altro, godo
         Spiacer, perché riffonder mi bisogna
         Godo che dil mio amor, gli ha stretto, il nodo
       E poi chi 'l sa: forsi, che non menzogna
         Mi tol il mio: & spaciami per scioccha
         Se ben penso, me, è danno, e gran vergogna
       Gli è forsi un mese, e più che 'l non mi tocha
         Né mi move parola, e che 'l sia, credo
         Per che 'l dà, da mangiar, a un'altra bocca
       Gran cosa, che a me mai, venir, nol vedo
         Se non per tormi: e col dir sì mi aciega
         Che ogni cosa, nel fine, gli conciedo
       Io son ben stolta, ognuno a me si piega
         Offerendomi doni, argento, &, oro
         E il mal per me si acetta, e il ben si niega
       Avido egli è, qual dice scaltra, i' moro
         Se date non ho un bascio: e se mi 'l doni
         Tu me alci fin, sopra il celeste choro
       Ma chi, è che 'l che da sé, par che ragioni
         Che in qua vien, virido, è che provida ama
         Che maledetti siam suoi canti, e suoni
       Par che 'l sapesse ben, ordir, la trama
         A far fila amorosa, & ella sieco
         Adimpir senza me, sua ingorda brama
       Voglio andar verso lui, piangendo meco
         Con una rasa, s'io posso far starlo
         Ma certa son che 'l farà il sordo, e il cieco

    V  Scaltra che vai facendo

    S                          i' piango, e parlo
         Fra me, di la mia sorte, e rea, sventurata
         Che 'l cor mi rode, come legno, tarlo

    V  Certo, che sei mutata, di figura

    S    Come mutata, i' moro, aymè meschina
         Se ad aiutarmi alcun, non pone cura

    V  E che cosa hai

    S                 il patron ier matina
         Di la casa, mi tolse, il pegno, e tutto
         Ond'io rimasta, son, trista, e tapina

    V  Che per questo ti struggi, e spargi, luto

    S    Non debbo pianger ma donarmi morte
         Ch'io sparto, il sceme, & altri acolto a il frutto

    V  Bisogna per te stessa ti conforte
         Scaltra mia dolce, a te mi ricomando
         Sai che sempre non si ha, propitia sorte

    S  Va che 'l tuo fin sia tristo, e miserando
         Poltron, ingrato, vil, rozo, e ignorante
         Spero anchor, vederte ire, mendicando
       Ti par che 'l mio pensier, fusse distante
         Dal suo voler hor la parola, è verra
         Che viltà, se riceve, da un furfante
       Perché provida i mostra buona, ciera
         Né se gli pò parlar, ma non sia troppo
         Che i' farò parer notte, nanti, sera
       Chi, è quel che vien in qua, sì lento, e zopo
         Che par che caminando il chiegia aiuto
         O che 'l tema trovar, dannoso intoppo

    F  Bon dì madona

    S                tu sia 'l ben venuto

    F    Dom sta ch'io ina dona, chai ga dis
         Porfida

    S            al cesto pria t'ho conosciuto
       Non ti manda un armato

    F                         se in hom fis

    S    E che, è di lui

    F                    a l'ho lassachg em piazza

    S    Hai comprato buon pesce

    F                            com, bo bis
       M'ha comprat de i cegoli, e ina spinazza
         Piver, meli, ma zucha, e dol'incenso

    S    O belvico insensato, o scaltra, pazza
       Per certo questa, è grande, se pen penso
         Cevali dissi, el mi manda cevole
         Guarda se a la ragion, risponde, il senso
       De tor spinaci, che mangiar, si sole
         E lui da spinazar lin, m'ha, mandato
         Cosa da far meravigliar il sole
       Zucharo, e peveraci, holli ordinato
         E tu zuche, con pevere, mi porti
         Caso, che al mondo mai, non fu nomato
       Mele, erba bona, che al cor dà conforti
         Ordinai mi mandasse, e lui mi manda
         Pomi da fanciullin, erbe da morti
       O che disnar gentil, o che vivanda
         Belvico m'hai chiarito, tottalmente
         Scaltra, per sempre, a te, si ricomanda
       Come faria, s'io non fusse, excellente
         Non pur in far di tal cose, un buon pasto
         Ma se possibil dir, fusse, de niente
       Più volte son di ciò, stata al contrasto
         Con osti, chochi, giotti, e tavarnari
         E il mio honor sopra ogn'altro è, ognor rimasto
       Hor basta, portator che voi dannari

    F    So sta 'l pagachg me

    S                         mo dammi il panier
         E va, che ambo so dir sete, di rari
       Sia maladechg, quachg fanteschi, e masser
         Al mont sga trova, cha noi, e sno boni
         Sta dre 'l cul ai berto, leccha, i, taer
       Al ge ina ma, de sti vachi poltroni
         Cha noi sa nient, e suuol fa de ol dises
         Per descretio che intenda, li personi
       Ale u gra fachg, sa l'haues leidichg pes
         Cha l'haues lu quell'hum, crompat, cegoli
         Ma inotro la balorda havial cuor mes
       Che sti pvita, va sno con milli foli
         E quant ai la cosa chag va l'honor
         I al cuor a bressa, e a bergem, li paroli
       Tuo cha ta vegna ol cancher, in duol cuor
         Non portarif plu robba, a sta bagassa
         Sa credes cha la m' des, u ducathg d'or

    L  Tu me n'hai fatto tre, con questa, lassa

    S    Livida

    L           ben

    S               le chiavi de gli argenti

    L    Guardate che le sonno, nella cassa
       Che viver mai volesse, in tanti stenti
         Mi faria prima femina, d'ognuno
         Che esser, notte, e dì, schiava, a tante genti
       Pur fin quest'hora, non e conosco, uno
         Che un sol quatrino, di presente, o manza
         Mi donasse: anci mi torria, ciascuno
       Ma se non fusse in me, ferma speranza
         Che numio mi vol ben, a un'altra guisa
         Dispenserei quel tempo, che mi avanza
       Ecco apunto che 'l vien, a la divisa
         Tutto vestito: o persona mia isnella
         Son da dolcezza, già, vinta, e conquisa
       Numio gentile

    N                livida mia bella
         Dove ne vai

    L                al tuo patron mi extendo

    N    Con che subietto

    L                     con buona novella
       Dimi ello in chasa

    N                     sì

    L                        hor donque havendo
         Io fretta di tornare, l'ambassiata
         Farai sufficiente, e saggio, essendo
       Digli che mia madonna, è preparata
         A far quel che richiesse l'altro giorno
         E che 'sta sera vengi a l'hora, usata

    N  Donque, bisogna, ch'io faccia, ritorno
         Mo me, livida mia, che tanto t'amo
         Non harrò teco mai alcun sogiorno

    L  Più che non brami me, Numio te, bramo
         E se harrò questa sera, tempo, e loco
         Mostrerò qual di te, son presa, a l'amo
       Se quella vecchia, femina, da poco
         De scaltra, pur non c'interompe, voglio
         Che stiamo tutta questa notte, in gioco

    N  Livida se mi trai, di tal, cordoglio
         Non sol di cor amarti, son disposto
         Ma scrivermeti sempre, schiavo in foglio

    L  Tu lo vedrai, hor fa quel ch'io t'ho imposto

    N    L'invidia i' me ne vo

    L                          numio va in pace
         Mai non fia 'l mio voler, dal tuo discosto
       O quanto che costui me agrada, e piace
         Gli volea gettar le braccia al collo
         Per dargli un bascio, ma fui poco audace
       O dio, quando serà il mio cor satollo
         Ch'io possa un tratto, uscir, di servitute
         E a costui mostrar quanto avampo, e bollo

    O  E a tempo, e loco, haver le labia mute
         Che stolto, è quel che in riso, e in zancie, abonda
         E saggio, è chi honor ama, e sua salute
       Questa, è come tu sai, l'hora, ioconda
         Ch'io mi debbo trovar, con quella, a mensa
         Che pò saldar la piaga mia, proffonda
       Questo, è il dì, che, da sua beltade, imensa
         Debbo accoglier quel frutto, che ogni, amante
         Espetta di sua fé, verace, e intensa
       Questo, è quel punto, che a mie pene tante
         Darò fin: e a mia pace, tal principio
         Ch'io giungerò nel ciel, tra l'alme sante
       Avido, non ti far da me, mancipio
         Che se da gran letitia, ivi, non manco
         Farò più che in battaglia, non fe', scipio

    A  Vedi tu già, come ch'io arosso, e imbianco
         Pos' tu creppar

    O                    che dici

    A                             i' dico molto
         Esser bisogna, a chi ama, ardito, e franco

    O  Ecco le sacre mura, ove 'l bel volto
         Nobilmente si chiude, o Iove, aiuto
         Dami, che 'l cor mi manca, e vengo stolto

    A  Tu non verrai patron, che sei venuto

    O    Come hai tu detto

    A                      dico che non lice
         Pria lamentarti, se non sei battuto

    O  Horsuso, o ch'io farò, tristo, o felice
         Avido, va guarda se l'uscio, è chiuso

    A    Gli è chiuso

    O                 pulsa

    L                       chi, è che picha

    S  Ben, sete voi signor, venite suso

    O                                    amice



  Finito il terzo atto, Orio va dentro a disnar con
  Provida e dopoi disnato Avido famiglio de Orio vien
  fuori imbriaco cusì da se solo dicendo


    A  Qual corpo è più dil mio contento al mondo
         Che con varie, oncioni, dila gola
         Fol pieno, gonfio, lustro, grasso, e tondo
       O vita mia felice, in gaudio, sola
         Haggio un patron, che più che lui mi ha caro
         Né mai mi dice torta, una parola
       Solco a mia posta il mar, tranquillo, e chiaro
         Di Cerere, e di Bacco, e altre vivande
         Mio danno, se di quel d'altrui, so' avaro
       La pigritia mi stringe in tutte bande
         Il letto a lungo sonno, mi diffida
         Quel che poi segue, alcun non mi dimanda
       La mia scorta, mia duce, e la mia guida
         È, adullation, inganni, e tradimenti
         E più questo uso, con chi più, si fida
       Hor che miei spirti, son satii, e contenti
         Tornar vo' a casa, e dormir tuto il giorno
         Lassando a chi vo' haver affanni, e stenti
       Horsù, col fiasco allato, al bel sogiorno
         De buon passo men vo, pasciuto, e pieno
         E surga quanto sa poi, danno e scorno
       Aymè mi sento quasi, venir meno
         Ecco scaltra che vien, vo' far l'amore
         Sieco: e dir come per lei, languo e peno

    S  Avido anima mia

    A                  Scaltra mio core
         Eri pur hora in casa, e dove vieni

    S    Vengo che esser vorria, de vita, fore

    A  Sempre chi te ode, par che stenti, e peni
         Fa come facio me, che neva, o piova
         D'ogn'hora facio, i giorni miei, sereni

    S  Se sapesti il dolor, che in me, si cova
         Tu crepperesti, amandomi, da doglia

    A    Creppa pur te, e chi de' tuoi, si trova

    S  Parmi, sei più di me, di mala voglia

    A    Io son alegro, ma quand'un mi offende
         Tor con questa, i' vorrei, la vital spoglia

    S  Mai non offessi alcun, e non se intende
         Offesa quando narrassi, il suo male
         Ma in altra parte, il tuo pensier si extende
       Avido resta, non disto altro vale
         Va pur là, tu stai fresco gli è pur vero
         Ch'el vin, fa pegio l'huom che uno animale
       Humil agnel fatto, è de luppo, fiero
         O, dio, come un huom presto, il cervel, perde
         Che non conosce il bianco, via dal nero
       Come una vaccha il muggia, che disperde
         Ti so dir per un tratto, che 'l sta, bene
         Gli è carco d'altro che di legna, verde
       Ecco virido apunto che in qua, viene
         Sia maledetto lui, non pur gli è orio
         De avido dir gli vo' quel che intraviene

    O  Scaltra gentil

    S                 signor mio

    O                            che mormorio
         È, quel che spargi, di letitia, misto

    S    È che imparando, esser viva, mi glorio

    O  Harresti tu per forte, avido visto

    S    Non io

    O           ti giuro se'l mi vien appresso
         Farlo don tanto error, pentito, e tristo
       Io gli havea, ordinato, per expressa
         Che 'l non se dipartisce: e lui, pasciuto
         Hebbe il comandamenti mio, demesso
       Te par mo Scaltra, che 'l fusse il dovuto
         Un huom qual me lassar come un poltrone
         Non mai tal caso, anchor, me, è intravenuto

    S  Orio di lamentarti, hai gran cagione
         Hor l'ho incontrato, somnolento, e fiaccho
         E parlò meco, e ognhor fuor di ragione
       Veder mi parve, quand'io 'l vidi, baccho
         Pur per la via di la limaca, andando
         Come quel che de vino, ha, colmo il saccho
       E certo meraviglia hebbi, pensando
         Che tu eri a casa solo: e che egli andasse
         Atorno senza te, cusì vagando

    O  Horsù, lassiamo andar, se hora il trovasse
         Son sì sdegnato, che forza saria
         Che a colpi de baston, morte, i donasse
       Sai Schaltra, di che, è più la doglia, mia
         Che tolto un servo ha provida, da novo
         Che un giotto, e un rufian, mi par che 'l sia

    S  Orio gli è un huom da ben, io 'l so che 'l provo
         Et io 'l conosco, e Belvico, il si chiama

    O    Basia il vedrà, se in qualche fallo, il trovo
       Se 'l fia cagion di qualche nova, trama
         De messi, o d'ambasciate, i' ti prometto
         Di far la vita sua, misera, e grama

    S  Perché non habbi, sopra lui, sospetto
         Advertisci Orio, Provida ama un altro
         Il qual va in casa, & vien, al suo diletto

    O  E chi, è costui

    S                  hor sta basta, non dico altro
         Se non che virido, è suo proprio nome
         Dottor musico, giotto, acuto, e scaltro

    O  Dimmi di sua statura, il che, e il come

    S    Un tal grande ben fatto, ioven, bello
         Con pochissima barba, e nere, chiome

    O  Tu dici il ver, per mia fede, gli è quello
         Che mai non stendo il piè, per questa strada
         Ch'io non m'incontri, in questo tristo: e fello

    S  Ecco, apunto che 'l viene

    O                            o, la mia spada

    S    Per men mal orio, ch'io mi parta, è buono
         Che a lui dispiaccio, e a me, lui manco, agrada

    O  Dimi tu huom da ben, sai tu chi sono

    V    Per che

    O            per il malan che dio ti dia
         Asino da baston caval da sprono

    V  Orio credo il cervel, volto, ti sia
         Che non ti havendo fatto alcun, oltraggio
         Dicimi in su la strada, vilania

    O  Hor voglio far sì come fa, l'huom, saggio
         Che de qui, più non passi, i' ti protesto
         Che un giorno, mal per te sia tal viaggio

    V  Certamente Orio non sapeva questo
         Che tu fussi signor, di questa terra
         O, in quanta degnità, sei giunto presto

    O  Tu intendi quel che 'l mio parlar, disserra
         Lassa Provida star, e vivi, in pace
         Se tu non vuoi far tristo fin, in guerra

    V  Non so quel che tu dichi: e me dispiace
         Che mi usi modo tal: ma per natura
         Tu havesti, de esser sempre, sì loquace

    O  Hor basta, acciò che fai, poni ben cura
         Non ti dico altro: da qui inanti ognuno
         Si guardi, da la rea, disventurata
       Chassi, che 'l giorno da oggi, non sia bruno
         Ch'io farò che costui, di tal, impresa
         Bramerà mille volte, esser degiuno

    N  Per dio patron, che havea l'alma sì accesa
         Di darli a sto poltron, ma dubitai
         Non far a l'honor vostro, alcuna, offesa

    V  El non si debbe, Numio, voler mai
         Far degno un vil di nobile, risposta
         Né adegnar con la notte, i solar rai
       Crede questo ignorante, che a sua posta
         Debba Provida star: e ch'ella l'ami
         Ma ad altri, ella ha la voglia sua disposta
       Ella amica, è de gli apollinei rami
         Non di, mida o di, crasso onde li è forza
         Che l'uno apreci, e che l'altro disami
       Io fin che duro in questa fraggil scorza
         Suo vivo i' son, e se potrò morto, anco
         Che sua virtute, e gran beltà, mi sforza

    P  Presto

    S         sì ch'aver debbo l'ale al fianco
         Da volar: in 'sta casa maledetta
         Mille homini di ferro, verrian manco
       Eccola apunto qui camina in fretta
         Livida, presto, o che femina morta

    L    Che c'è

    S            l'è un'hora e più, che la ti expetta

    L  Io son stata a cerchar, porta per porta
         De ciaschun speciai, sanita, pesta
         E ognun drieto mi fa, la boccha torta

    S  Livida mia tu non intendi, questa
         Di provida sagace, e le une rasa
         Che avanti che hora, la me, è manifesta
       Per far venir, e nasconder, in casa
         Virido giotto, e che noi nol vediamo
         Via ci ha mandate, e sola, ella, è rimasa
       Che dubita che ad orio, nol dichiamo
         A me mi disse, scaltra, è tardi, hor vedi
         Costei non vien, e noi fuor ir, debiamo
       Vagli in contra correndo, hor movi i piedi
         E che, o trovar, o non, che la ne vegni
         E fra me dissim alhorm ch'io creda, credi
       Cusì, con questi soli, suoi, dissegni
         Hor questo, hor quello, mille amanti al giorno
         Muta: e se 'l dico, par che ella si sdegni
       Orio qual sai, per me gli ha il dosso adorno
         De aserichi, & aurati, vestimenti
         Et ella il fugge, & fagli offesa, e scorno
       Altri signori, de ioie, & de argenti
         L'hanno per me adobbata, e ben fornito
         In casa, de superbi adornamenti
       E a virido qual sai, che n'ha, la vita
         Per quella sola, di quel sono, e canto
         Gli ha data l'alma, e da ogni altro, è relita
       Ma ben so, che orio andrà cercando tanto
         Che se in casa de provida, lol trova
         Gli muterà il cantar, in grido, e in pianto

    L  Scaltra

    S          ben

    L              trista me credo che piova

    S    Non, gli è un poco de nebia, che vien giuso

    L    Come nebia, anci, è neve, e di la nova

    S  Andiamo a quella man, che ai

    L                               qui, fu il fuso
         E le scudelle, guarda st'altra anchora
         Che io non posso far ben, il pugno chiuso
       Tu sai, che mai non ho di requie, un'hora

    S    Mo me, che notte, e dì vivo, in contese
         Hor di sotto, hor di sopra, hor dentro, hor fora

    L  Sei ben sbattuta, che ai, qualche diffese

    S    L'è che afflitto il mio volto ognor si mostra
         Quando mi vien, il mio fior d'ogni mese
       Taci mo, che rumor, è in casa nostra

    V    Aymè son morto, ah, sassin, a 'sto modo

    O    Non ti 'l diss'io, guarda, come entri in giostra

    V  In chasa mia poltron

    O                       Dovei star sodo
         Se l'era casa tua, ti lo mostrava
         Truffador, iotto pien d'ingano, e frodo

    V  O, dio una sol cosa, è che mi agrava
         Ch'io son nudo, senz'arme, horsù, pacientia
         Si dice chi vol far fatti, non brava

    L  Non vo' più star, le vo' chieder, licentia
         In questa casa, è pegio star, che in campo
         Mai non v'è pace, amor, né obedientia
       Se in fin quest'altra settimana, i' scampo
         De tutto il mio vo' farmine un farsetto
         Et uscir fuor, di tanto ardente vampo
       Che chi me ne parlò, sia maledetto
         De in tanto labirinto avoluparme
         De faticha, de stimulo, e dispetto

    B  Chi, è quella che va in là, livida, parme
         I' la voglio chiamar, ma non vorrei
         Che scaltra sieco, vedesse, parlarme
       Questo, è il tempo, da aprirle i pensier miei
         Debo non debbo, sì, no i vo' chiamarla
         Livida, o certo, è sorda costei
       I' sento da sua posta, che la parla
         Voglio ir inanti, e poi che l'è qui sola
         Se, è mesta, o lieta, voglio dimandarla
       Livida

    L         ben

    B             ascolta una parola

    L    Che voi tu

    B               che cosa hai che mormorando
         Veloce vai, come lo augel che vola

    L  Belvico tu non sai l'atto, neffando
         Che in casa nostra, a virido orio ha fato
         Poco è

    B           non io, per questo, i' ti dimando

    L  Virido si ha, di la finestra, tratto
         Che orio gli corse drieto, e a che partito
         Fusse, non so: e se gli ha spiacer fatto
       E per saper se 'l povero, è ferito
         La patrona mi manda, e per ciò vado
         Col cor mesto, e col volto, impallidito
       Tuttavia come vedi, a mal mio grado
         Che al servir più mercede, i' non discerno
         Che non fu mai come hora, a sì vil, grado
       Tanti più, in casa, ove non v'è, governo
         I' nella qual mirando, i' mi credea
         haver il paradiso, & ho, lo inferno
       Sia benedetto quel patron, ch'io havea

    B    Chi ere 'l

    L               l'era un murador, che siolta
         Sieco senza travaglio, mi vivea
       Questa fatica havea che non, è molta
         Quando che 'l si poneva, a lavorare
         Gli porgeva le chiappe, qualche volta
       Ma quivi o son, dì, e notte, mai, cessare
         Non bisogna per campi strade, e schale
         Hor non dico altro, i' me ne voglio andare

    B  Se vai per veder se virido ha, male
         Ti so dir che gli è san, rafrena il corso
         E driziamo ambo, al nostro albergo, l'ale
       E più forte dirotti, che gli ha corso
         Drieto orio: e se per forte il non fuggiva
         Con sua man gli tronchava, il vital corso

    L  Che hai tu qui dentro

    B                        una raina viva
         Ova pizon, figa, formazo e starne
         Et una anguilla grossa, e non cativa
       Per ogi il pescie, e per doman la carne

    L    Certo che hai speso ben, horsù da poi
         Che m'ai chiarito, i' vo' teco, trovarne

    B  Livida, nui siam soli, qui ambe doi
         Ti vo' pregar, che tu vogli, degnarte
         Darmi qualche soccorso quando poi

    L  Belvico hor non ho, il tempo, di parlarte
         Ma tien quando l'harrò, per cosa certa
         Che tutto soffrirò per contentarte

    B  Livida gran mercè

    L                    tiemmi coperta

    B    Non dubitar

    L                di' pian che alcun non senta
         Belvico fischia non più, che l'è aperta

    N  Ecco scaltra, che vien pensosa, e lenta
         Ruffiana, poltrona, avitiata
         Morrei, se non ti fesse mal contenta
       Questa, falsa ribalda, causa, stata
         Che quasi il mio patron, non hebe morte
         Vecchia, superba, misera, e mal nata
       Se la mi dice due parole torte
         Gli darò tante pugna, e chusì grave
         Ch'io farò forsi sue giornate, corte

    S  Sia maledetto il patron di este chiavi
         Dapoi che esser convengo, sua fantescha
         Mai tanta servitute anchor, non havi
       Il diavol non volse, che tant'escha
         Non giunsi al foco, che 'l restasse extinto
         D'altro certo non par, che mi rincrescha
       Ma ponerollo in tanto labirinto
         Con tutti amici de provida, ch'io
         Farò ch'in breve, il resterà, sospinto
       Echo apunto il suo servo, numio, adio

    N    Ben venga scaltra

    S                      che vai tu facendo

    N    Vengo a te che mi manda il patron mio

    S  Che vuoi tu

    N              quelle chavi, che fuggendo
         Lu gli cascorno in casa

    S                            ecco che apunto
         Gele portava, dil suo mal dogliendo

    N  Damile qui

    S             non voglio

    N                        e per che cunto

    S    Per ch'io vo' darle a lui, o un qualche segno
         Vo' che mi doni

    N                    guarda, ove son giunto

    S  Numio non ti admira, né prender, segno
         Che madonna mi ha detto habile a dare
         A lui o a chi ti dona, un contrasegno

    N  Da' qui, poi che tu 'l vuoi, ti 'l vo', donare
         Hor tuoi

    S             aimè che m'ai posto sul volto

    N    Gli è il segno matta, taci non gridare

    S  Ah, poltron can, che ti fia 'l fiato, tolto
         A 'sto modo m'hai conza, hor ti aricorda
         Che a tuo costo serai, se tu sei stolto

    N  Non vo' star a gridar, con 'sta balorda
         I' me ne voglio andar, resta poltrona
         Disutil, trista, dissoluta, e lorda

    S  Questo tutto, è cagion, de mia, patrona
         Che consente che un vil famiglio, e un cane
         Strapaci sì vilmente, mia persona
       Che maledette sian quante, puttane
         Trovansi al mondo, e quelle che han piacere
         De farsele fantesche, o ruffiane
       Debbo parer proprio, un conza, caldere
         O d'un spaza camin sì m'ha 'l ben conza

    N    Ecco qui il mio patron

    V                           numio

    N                                 mesere

    V  Hai tu

    N         eccola qui

    V                    quant'ella

    N                               un'onza

    V    Quell'altra poi

    N                    ecco quell'altra anchora
         L'una andò ben, l'altra fu quasi sconza

    V  Chi, è quel che con quell'altro, ivi dimora

    N    Gli è Orio, & il suo servo

    V                               a, quel insano
         Per mia fé questa, apunto, è proprio l'hora
       Numio

    N        patron

    V               non iochasti de mano
         Per che qual vederai, cogli ho parlato
         Farò il suo fal conoscer, 'sto villanno

    O  Avido il drapesel, me l'hai, ben dato
         Manegoldo, pultron, va corri in fretta
         Che gli è in sul letto, vil, disgratiato

    A  To', piglia questo, i' verrò, adesso, expetta
         Tu mi tratti a 'sto modo, basta, al fine
         Vederen chi de noi fia la civetta
       Questo, è virido pur, questo, è il confine
         Che non debbe passar: pò far il cielo
         Ch'io non porrò a tal cosa, sesto, o fine
       A quel ch'io vegio, il non mi stima un pelo
         Hor che gli è qui finirla al tutto, i' voglio
         E solgiermi da gli occhi, questo velo
       Virido pò far me, che habi anco, orgoglio
         A passar di qua via

    V                        orio in 'sta impresa
         Son fermo, e fisso, ognhor, più che in mar, scoglio
       Né pensi alcun, per ciancie, o per offesa
         Farmi mai cangiar stile: e ben faresti
         Haver tua rete, in altro loco, tesa

    O  Oltra diserto, e vil, che non potresti
         Haver ferite, e bastonate, tante
         Quante che di ragion, meriteresti
       Non ti vergogni sozo, e reo furfante
         A volerti aguagliar a un ricco, e un degno
         Che essergli schiavo, tu non sei bastante
       Altro che frasche, ciancie, astutie, e ingegno
         Suoni, canti, e dottrina ci bisogna
         Che di questi, n'habiamo il capo pregno
       Stupisco, che non mori, da vergogna
         A equiparar con gemme, argento, & oro
         Il sterco, il fango, & una vil carogna

    V  Ah, ah, non posso più, da riso, i' moro
         Anci, per che ove duolti, t'hai percosso
         Da parte tua, per gran pietade, i' ploro
       Sì come il stolto, a far proprio t'hai mosso
         Che volendo sputar da lunge, in alto
         Cadendo il sputo, gli ritorna adosso
       Far meco non potrei, peggior, salto
         Di questo: il qual m'insegna, & argumenta
         A mostrar che sei cera, & io son smalto
       Le gemme, e l'or, son io, che rapresenta
         La mia virtù: di valore, e splendore
         Che fa l'anima in terra, e in ciel, contenta
       Il sterco, e il fango, sei tu, che entro, e fore
         Ti mostra tutto: per tuo danno, e scorno
         Qual si vede al collo, sente, al fettore
       Non, è tua quella vesta, che tu ha, intorno
         Né quei pallaci, e possession, che tu hai
         Ma de chi rota sempre, notte, e giorno
       Hoggi tu l'ha, doman, tu non l'harrai
         E se vi fusse in te, virtù, veruna
         Non ti potria la sorte, offender, mai
       Sì che taci, e non dir più cosa, alcuna
         Né sprezar mio saper, ma tua ignorantia
         Che virtù vince 'l il ciel, morte, e fortuna

    O  Per certo, è stata in me, pur gran, constantia
         Ad ascoltarti, non dicendo cosa
         Miser, che habbi in sé, punto, di substantia
       Ascondi il spini, e sol, mosti, la rosa
         E in fino qui, come mendico, e tristo
         Hai ricerchato il testo, e non, la chiosa
       Dimi un poco impacito, onde hai tu visto
         Che un huom vil, come te, povero, e nudo
         Facesse mai, d'un alto dono, acquisto
       Non hai pur dir possuto, in me, rinchiudo
         Tanto cibbo una volta, ch'io son satio
         Sì, ognhor ti copre, di miseria, 'l scudo
       Mai non havesti tanto ingegno, e spatio
         Di tempo: che potesti cangiar, stile
         Di povertà, di miseria, e di stratio
       Huomo, o fanciul, non v'è, sì abietto, e vile
         Che ti doni la strada, quando, passi
         Fatti pur quanto sai, feroce, o humile
       In fin, va dove vuoi, che insino i sassi
         De tue miserie, vitiose e, strane
         Cantando, e dil desnhor, che adrieto, lassi
       E val più quel che manza un sol mio cane
         Che quel che mai manzasti, o un de' mie' astori
         Che pur satio non fusti mai di pane
       Con gli primi che, sian, duchi, e signori
         Vado a paro, qual sai, e tu vuoi meco
         Parangonarti, o d'intelletto, fuori

    V  Orio per che, ignorante, stolto, e cieco
         Sopra ogn'altro ti vegio: i' sto dubioso
         S'io debbo di virtù, disputar, teco
       Pur per ch'io son, dil tuo fallir doglioso
         Voglio veder di quel, la strada aprirti
         Per farti s'io potrò, da lui, retroso
       Prima questo per sempre, voglio, dirti
         Che n'habbi sì dal ver, l'alma, discosta
         Che tu lodi le ortiche, e sprezi i mirti
       Dicessi che 'l bel dir, giova, e non costa
         Però da saggio, qual vedi, mi reggio
         Che ogni parola, non de' haver, risposta
       Sì che dimi se sai, pur questo, è peggio
         Che d'una sola cosa, i' mi conforto
         Che quel che dici a me tutto in te, vegio
       La mia riccheza, e il mio thesor, qui, porto
         E son per che ho virtute, e riccho, e vivo
         Tu che sei senza: sei povero, e morto
       Dimi nudo d'ingegno, e senso privo
         Ove vedesti mai, che la richezza
         Un hom mortal facesse, eterno, e divo
       Curio che hebbe in thesor, l'alma, sì aveza
         Et altri assai, sprezior quel per virtude
         Che l'uno al fondo, e l'altra al ciel ne adreza
       Quanti son già molt'anni che, compiute
         Han lor giornate, e vivon più che prima
         Che le chiome, ha virtù, bionde, e canute
       Se loro, e non e virtù, si pone in cima
         Gli è il vulgo ignaro: che è come il fanciulo
         Che un pome, più, che tutto il mondo extima
       Guarda omero, caton, Plauto e catullo
         Mario, Mutio, Marcel, Claudio, Pompeo
         Demostene, Zenon, Plinio, e Tibullo
       Che ognun de lor, tenuto, è un scemideo
         Sol per virtù: però tuo grave errore
         Vogli conoscer, stolto, insano, e reo

    V  Ecco provida apunto, che vien fore
         Di quella strada: ch'io li dia una voce

    A    Patron, eccola qui

    O                       merti l'honore

    A  Famil donque

    O               ti 'l fo sì che 'l mi noce
         Ch'io non posso talhor tenirmi, in piede

    V    Orio non più che la sen va, veloce

    O  Donagli un grido

    A                   provida

    P                           chi chiede

    A    Il mio patron, e virido, ti chiama
         I' vengo: hor che 'l ciel gratia mi concede
       Voglio loro sfochar, mia ardente brama

    V    Orio, voi tu che ad hor, la si decida

    N    Sì, ch'io voglio saper, qual de noi l'ama
       Ben venuta tu sia, provida, fida

    P    Per trovarti orio, adesso, apunto andava
         Perché forza, è che un pezo teco, i' grida
       Dishonesta persona, ingrata, e prava
         Chi ti condusse, a farmi, un tanto insulto
         In casa mia, se alcun non ti oltraggiava
       Che hai tu da far, se in palese, o in occulto
         Far vo' una cosa: vo' ch'abbi di gratia
         Ch'io mi degna guardarti, rozo e inculto
       Che credi tu ch'io sia, una tua stratia
         Da piè: che mi usi tanta inhonestade
         Non posso udirti, sì mi se', in disgratia
       Credo che credi per ch'ai facultade
         Ch'io ti debba adorar, e correr dietro
         Non siamo giunti anchora, a quella etade
       Tu credevi per farti, obscuro e tetro
         Nel volto con minacie, e bravarie
         Far che 'l disegno mio fusse di vetro
       Orio, oh, oh, queste non son, le vie
         Che a voler adimpir le voglie tue
         Bisogna che conosci ben, le mie
       Non sian ad un taglier, giotti, ambe due
         Né guardar ch'io sia donna che dormendo
         Sempre una, è più svegliata, di le grue
       Che più tu assendi, ov'io son, non pertendo
         Anci vo' d'ogni gratia, che dismonti
         Che patir tanta offesa mai, no intendo
       Tu sai quanto signor, principi, e conti
         Vengono in casa mia né son discosti
         Dal mio voler, anci a quel, caldi, e pronti
       Non sia sì stolto alcun, che a me si accosti
         Per obtener da me, con modi rei
         Cosa alcuna: che alfin saran, discosti
       Ma con dolcezza, il proprio, i' porgerei
         Che crudeltà, e durezza, mi dispiace
         Che l'hano in odio sino, i sacri dei
       Guarda virido qui, che ascolta, e tace
         Come spirto gentil, modesto, e humano
         Questo, è quel che mi agrada, e che mi piace
       Questo è sol quel che tien mia vita in mano
         Questo, è solo collui, che pò guidarmi
         Ovonque piace a lui, per monte, e piano
       La più bella ricchezza, questa, parmi
         Che in gentilezza, virtute, e costumi
         Dolcemente, la notte e 'l dì trovarmi

    O  O sian ringratiati, i sacri, numi
         Provida, hor pur tu m'ai chiarito apieno
         È questo il far per me, degli occhi, fiumi
       È questo il dir orio mio, fin che a meno
         Non mi venga esta frale, e mortal gonna
         Mai non resterò amarti, e senza freno
       È questo il dir, sol tu sei mia collonna
         Che hor senza causa, per un vil, mi scaci
         O quanto, è stolto: chi si fida, in donna

    V  Orio tu ha inteso il tutto hor non più taci

    O    Taci pur tu, poltron, ruffian, da poco

    P    Virido vane, e non gridar con paci
       Ancho men vado

    A                 o questo, e sta il bel ioco
         Mio patrone

    O                o imbriaco ti par bello
         Che altri, posseder deba, il proprio loco

    A  Devriati tor la vita, tristo, e fello

    N    So l'hai conzo patron

    V                          non ti 'l diss'io
         Ch'io 'l faria perder subito il cervello
       Per tua fé dimi 'l ver, non ti par ch'io
         Habbia con lei guidato ben, il ballo
         E l'un, e l'altro, vinto

    N                             sì per dio

    S  Madonna, certo hai fatto, expresso, fallo

    P    Come

    S         in cangiar un richo per un povero

    P    Dhe va, che 'l non saria suo buon vassallo
       Non ha far col piombo, or, nè col pin rovero



  Finito, è il quarto atto, & provida va in casa Scaltra,
  & dentro si conclude le noci, cioè Provida in virido,
  Scaltra in Belvico & livida in Numio, e Scaltra vien
  fuori per ir dal sarto, & in altri servitù, chusì da sé
  dicendo.


    S  Et ho l'anima mia, di gaudio piena
         Che sol si acquista, in seguitar, tal arte
         Scorno affanno, faticha, biasmo, e pena
       Se col pensier mi volgo, in ogni parte
         Provida i' veggio, che con gran dissegno
         Come saputa, il viver suo comparte
       De honor, e facultade, a grado, degno
         Fin qui si trova, hor non bisogna dire
         Che alfin si vede, un pellegrin ingegno
       Parmi veder in qua, Orio venire
         Non so s'io i dicha, o taccia, esta novella
         Hor ge la voglio in ogni modo, aprire

    O  Avido è quella scaltra

    A                         egli è ben quella

    O    Dil tutto sieco i' vo' chiarirmi, adesso
         Perché me, è fatta provida, ribella
       Scaltra

    S          signor

    O                 o' vai

    S                        quivi dapresso

    O    Ben che ti par di tua madonna

    S                                  o pegio
         Per te: di quel, da novo, hora, è successo

    O  Come, di' su

    S               che voi ch'io dica, i' vegio
         Il viver nostro, andar a tal partito
         Che d'hora in hor, si muta forma, e segio

    O  Che voi dir

    S              provida ha preso, marito

    O    Marito

    S           sì

    O              e cui

    S                    virido ha tolto

    O    Certo

    S          certo

    O                 hor il bal donque, è finito
       Questo, è che mi mostrò sì obscuro il volto

    S    Non a te, sol mostrol, ma a tutti quanti
         Quei che li haveano il cor, e il spirto volto
       Tutti amici, amorosi, e tutti, i amanti
         Che ella havea, li ha privati che altro stile
         Vol tener, come lice, da qui inanti
       Da una parte, mi duoli Orio gentile
         Per te, di questo: da l'altra mi piace
         Che la sia fuor, di exercitio, sì vile

    O  Scaltra tu puoi pensar che 'l mi dispiace
         Ma di tal dispiacer, me ne contento
         Pur che ciò fusse, causa, di sua pace
       Che anchor, che ognhor l'havesse il spirto intento
         A mio danno, e vergogna, i' non vorei
         Intender mai, che la vivesse, in stento
       Se fatto altro l'havesse i' non potrei
         Restar de ognhor seguirla: ma no soglio
         Ir contra quel, che fanno, i sacri dei
       D'ogni affettion, per sempre, hor, mi dispoglio
         Che virido se, è ben nimico, mio
         Offender in tal cosa, mai, nol voglio
       Scaltra qual dei saper ho moglie, anch'io
         Che di bellezza, un amoroso raggio
         Spiega, che accende i sassi, da disio
       E se da provida era, il mio, viaggio
         Ogni giorno qual sai, Scaltra, il fu solo
         Per che la mi facea qualche, avantaggio
       S'io non fusse ito al radiante stuolo
         Non harrei preso sì veloce, corsa
         Che senza causa, non mi levo, a volo
       Ma lassian pur andar, la cosa, è occorsa
         Né a te, né a lei, mai no fui scaltra, avaro
         Che aperta ognhor qual sai, vi fu, mia borsa
       Non quei che ho speso, ma sei tanti, ho caro
         Conoscio d'haver, in donna, questo
         Che più d'ogn'altro, volontier imparo
       E se non occorrea tal caso presto
         Dilla mia facultade, in poco spatio
         Scaltra tien certo, ch'io facea dil resto
       Sì che per questo solo: la ringratio
         Che se lo haver traggea che mi mantene
         Saria stato altro, che amoroso stratio
       Hor sì come tal volto, l'intravene
         Di me, bisogno havesse, in qualche cosa
         Gli mostrerei, quant'io le volsi, bene
       E a te scaltra mia, fida, & amorosa
         Non mi voglio offerir, per che tu sai
         Che a tua, mia volia, mai non fu retrosa

    S  Orio, ti refferisco gratie, assai
         S'io ti potrò servir, in qualche banda
         Al tuo comando sempre, mi haverai
       Hor su, convien che a te mi ricomanda
         Orio, che, è tarda l'hora, i' mi diparto
    O    E dove vai

    S               io vo, che la mi manda
       Dal calzolar, dal marcer, e dal sarto
         A tor pantoffe, scuffie, e vestimenti
         Per questo, non ti fuggo, né ti scarto
       Un'altra volta, su 'sti parlamenti
         Staremo: e forsi i' ti dirò parole
         Che tuoi spirti faran sempre, contenti
       Hor men vo, che mi par che smonti, il sole

    O    Scaltra va in pace, io son al tuo comando

    S    Resta dio 'l sa che assai partir, mi dole
       Certo, credea trovarlo, lagrimando
         Horsù non v'è più amor: chi udiva lui
         Mostrava esser di vita sempre, in bando
       Poltrona me, che sempre pegra, fui
         Ch'io dovea come provida, pelarlo
         Che era da farse richi, con costui
       Ma se sotto la rete, i' posso tirarlo
         Un'altra volta: i' saro tanto desta
         Che a la madre de urlando, i' sarò starlo

    O  Avido che ti par

    A                   mi par la testa

    O    Come la testa

    A                  i' non so quel ch'io dica
         Pensava da iersera, in quella agresta
       Che tu dicesti le vernaza antica
         E i' dissi la non val pur un quatrino
         Anchor che la sia forte, vostra amica

    O  Che sto poltron, da la sera, al matino
         Parli mai d'altro, hor, anco, è buon segnale
         Quando un affanno, si converte, in vino

    S  Ecco livida so, che la mette ale
         O come il foco dentro, la lavora
         Livida

    L           scaltra

    S                   come stai tu

    L                                male

    S  Come mal

    L           non ho preso cibbo, ancora

    S    Credea che fusti amalata, a la morte
         Ma tu stai ben: va pur, che l'è a, bon'hora
       Che hai tu qui

    L                 confetioni de ogni sorte
         Cedri, aranci, limon, peri, e maroni
         Zucharo, mele, spetie, dolce, e forte
       Et altre cose

    S                questi en cibbi boni

    L    Ben scaltra che ti par, pur giunto, è il giorno
         Che harremo un solo, e non tanti patroni

    S  Mai sì alegri miei spirti, anco, non forno
         Che sequitando come sai, tal ballo,
         Non riceveva se non, danno, e scorno,
       E non v'è troppo, che Avido vassallo
         Come, imbriaco in mio dispregio, volse
         Con la padella, donarmi, un cavallo
       Livida poi pensar, mo, se 'l mi dolse
         E tanto più, che le mie cose havea,
         Hor buttai vintiun, che 'l non mi accolse,
       Guarda come son fatta sozza, e rea,
         Che 'l volto mio qual sai, n'haveal parecchio
         De natura era bella: e mi facea

    L  Perché, ancor, non ti fai

    S                            perché quel spechio
         Che bella mi facea, perso ho, né trovo,
         Alcun, che non mi faci il volto vecchio

    L  Che tempo haver poi

    S                      naqui de anno novo
         Dil quatrocento e trenta, e a punto, a punto,
         Vinti anni adesso haver, i' mi ritrovo,

    L  Ti par scaltra, che sappi, ben far cunto
         Po tu se' gioveneta, ma devresti
         Farti bella, e tenerti, ornata, e in punto

    S  Se quando mi fo bella mi, vedesti,
         Io pareriati la fada, Morgana,
         Ai squardi, a i risi, a le parole, e a i gesti
       E s'io volesse far la cortesana
         Haveria de gli primi, di la terra,
         Ma più tosto mi batti, la quartana

    L  Tacerò scaltra, e tu le labbia serra
         Men vo, tu va, che 'l par che se mi chiame
         Come le trombe, gli soldati, in guerra
       Il tempo, la patrona, e poi la fame

    S    Donque livida resta

    L                        scaltra vane
         Son una man, di queste vecchie grame
       Torte, grime, sdentate, lorde, e insane
         Che fan la nympha, e dal tempo, e faticha
         Gli gozzan gli ochi, e callose han le mane

    B  Non so quel ch'io mi faccia, né mi dicha
         Tanto mi trovo alegro, che fortuna
         Fatta mi sia, più di l'usato, amicha
       Non temo più de adversitade, alcuna
         Poi che la robba harrò, tutta, di scaltra
         Potrò sguazzar, al sole, & a la luna
       E non pur quella harrò, ma anchor di l'altra
         Che in dotta mi darà, per lei, madonna
         O, felice mia vita, sopra ogn'altra
       Chi è quel che vien vestito in lunga gonna
         Cusì veloce in qua, parmi sia il sposo
         Voglio affrettami, non pur, gli è una donna
       Credea che fusse scaltra, che, ioiosa
         Era per ralegrarmi fiero, alquanto
         Che fatto i' son marito, de amoroso

    D  Vendi tu quei capon

    B                      ma de sì

    D                               quanto

    B    Tre carlin

    D               ne voi dua

    B                          ma de no,
         Mia madonna non vol manco de tanto dagli

    D  E come vendi l'un, 'sti caschavali

    B    Qual volete

    D                i' vo' questo

    B                              i' voglio un grosso

    D    Credo che mi bertegi, o mi travalia
       Se 'l fusse almanca, più l'uno, e più grosso

    B    Non so che

    D               horsù voi tu un baioco

    B    Certo madona mia, dar non vi 'l posso
       Togliete 'l mezo

    D                   mezo, è troppo poco
         Damil tutto, se vuoi

    B                         i' vi fo certa
         Che tal pretio n'harrete, in alcun loco

    D  A tua posta

    B              hor son stato pur imberta
         Un pezo, dolcemente qui, a contendere
         Con donna durlindana, over, fiusberta
       La si credea, ch'io gli volesse vendere
         Queste cose, e non sa che sian, da noce
         Che in vivande anco assai ci conven spendere

    S  Belvico, belvico

    B                   ove vien, 'sta voce
         Ben sei tu, scaltra

    S                        sì, ti fai da sordo

    B    Non certo i' non sentia, che iva veloce
       Tu carca, io carco, segno che d'acordo
         Fussemo sempre, in tutto, Scaltra cara
         Tu dil mio ben bramosa, io dil tuo ingordo
       Mai non mi fusti in cosa alcuna, avara
         Anci sopra d'ognuna, a tutte l'hore
         Ti trova liberal, splendida, e chiara
       Ma dapoi che per gratia, dil signore
         Insieme habian legato, il cor, e il piede
         Ti prego Scaltra, che mi faci honore

    S  Belvico a me dir questo, non richiede
         Che sai che ogni mio effetto e, fantasia
         Fu pronta, a mantenerti amor e fede
       Ma lassian questo andar, la robba mia
         Ti la do tutta, ben che 'l mi vien detto
         Che sei uso a buttar, de fora via

    B  Odi Scaltra mia bella, tien pur stretto
         Quel che tu hai, che s'io ne spando un gozo
         Chiamami tristo, e colmo, de diffetto
       E se a te par ch'io habbia ingegno mozzo
         Poni la robba, ove tu vuoi, te stessa
         Ch'io non vo' teco ognor, darmi di cozo
       Hor da poi che per mia, mi sei concessa
         Voria sposarti, e far quel che si deve

    S    Belvico, oh, non si corre, sì impressa
       Come sai fin quel'hora, il tempo, è breve
         Il patron pria de far, gli effetti suoi
         E non il servo, che biasmo, riceve
       Vorrei saper dove sposar mi vuoi
         Belvico mio gentil, volto mio bello

    B    Dove a te piace, in publico, o tra noi

    S  Belvico a segno ben drizza il cervello
         Che più non si usa a por l'anello, in dito
         Da un tempo in qua, ma il dito, ne lo anello

    B  Per dio che d'un gran dubio, m'ai chiarito

    S    Tu mi berteggi, tal moglie, se ha visto
         Che in più modi aperto a l'ochio al marito

    B  U, siamo a cha, che non se habbiano advisto
         Scaltra va inanti, che 'l patron non creda
         Che sian d'acordo, che li è, acuto e tristo

    S  Sì, sì, meglio, è, sta qui, che 'l non ti veda

    B    Con questa vechia, andar bisogna a pelo
         Fin che fatto ho, di la sua robba, preda
       Com'io la guardo, la vien foco, e gelo
         Mille fiate all'hora, e s'io la toccho
         La non sa poi, se la sia, in terra, o in cielo
       Se trovato n'havesse, questo, alocho
         Che la borsa mi tien sempre, inserrata
         Saria tenuto, un disertazo, e un fioccho
       Ma ad esto i' vo', de buoni panni ornati
         Haver questa persona, e de vivande
         Morbide, e buone, haverla, satiata
       Che la robba me abonda, in tutte bande,
         Non son belvico più, ma son felice
         Non son povero più non, ma richo, e grande
       Hor mi ne volio andar, star più non lice
         Ecco provida, Scaltra, e Livida, anco
         Scaltra parla, qualchosa, di me dice

    P  Belvico

    B          che vi piace

    P                       sei tu stanco

    B    Madonna non

    P                mo sei sì aflitto, e lasso,
         Son pur due hore, che sei fuori, almanco

    B  I' ti dirò, scontrato ho quivi, al passo
         Orio, il qual con parlar, tristo e vilano,
         Come un poltron, m'a fatto, drieto, il chiasso

    P  E che tal detto

    B                  po

    P                     di' suso

    B                              insano,
         Il m'ha detto, vil tristo, doloroso
         Giotto, giorgin, messetto, e ruffiano
       Et altre cose

    P                e tu che gli hai risposo

    B    Gli dissi come il dovea vergognarsi
         A usarmi tal parlar, ingiurioso

    P  E lui che disse

    B                  il cominciò, a sdegnarsi
         Spiegando de viltà, magior volume
         Qual, chi vol de alcun mal suo, vendicarsi

    P  Et tu

    B        gli dissi che 'l non, è costume
         D'un signor, contrastar, con l'humil servo
         Che non si pone, il mar co un piciol fiume

    P  E lui

    B        me disse, rustico, e protervo
         Che se un tratto, ti havesse, in poter mio
         I' ti distruggerei, ogni osso, e nervo

    P  E tu, e lui, e tu, & io

    B    Mo, patrona, di me, ioco, ti cavi
         M'hai fatto star, hor su pacientia, a dio

    P  Vien in qua

    B              non voi tu che mi disgravi
         Di questa robba

    P                    sì che assai, la pesa,
         Come il caval da nolo, a casa andavi
       Belvico ascolta ben, habbimi intesa
         Se contra te, venir vedi Orio, intento
         A ciò che 'l perda teco, la contesa
       Tu vagli incontra con un argumento
         E fa il maestro, che non pur, confuso
         Tu l'haverai ma gli farai, spavento

    B  Per dio l'e fatta

    P                    va donque, e pon giuso
         'Ste cose, e vieni ch'io ti expetto quivi
         Movite, hor su, che stai guardar in suso

    B  Men vado

    P           va', fa che qui adesso arivi,

    B    Non vo' far altro, che bever, un tratto

    P    Io non so certo, de che cosa vivi
       Una sol volta al dì, per ordin fatto
         Mangia costui, dal mattino, a la sera
         Né più né men, questo, è un cativo patto

    S  Horsù madonna, la parola, è vera
         Che ogni sposa lieta, e tu tanto pivi
         C'hai per natura, scherzar, volontiera

    P  Donque star lieti, debbian, tutti nui
         Che sian da noce, e tutti, spose, e sposi
         Io per me, lieta qual son, mai, non fui

    S  Livida donque, habbiamo i cor, ioiosi

    L    Scaltra tu poi pensar, com'io mi trovo
         Se fur miei spirti in ciò, sempre disiosi

    P  Scaltra

    S          Madonna

    P                  quel Guardacor novo,
         E tu quella Camora, piglierai

    S    Non so se 'l mi stia ben, se non mi 'l provo

    P  Se gli è fatto a tuo dosso, o christo, mai
         Di te non vidi, la più, smemorata

    S    Sì, sì, voi dite il ver

    P                            ben tu non sai
       Hor ognuna de voi, sia sì, adobbata
         Politamente, per 'sta sera, a cena,
         Che in un tempo ogni cosa, sia parata
       Ecco Belvico, il non si move, apena

    S    Egli è perché, l'ha, in pugno, un sparevier, credo

    P    Anci gli è, perché l'ha, la panza, piena

    S  Non so, tal volta, molto presto, il vedo

    P    E presto, e pegro, a l'homo, esser bisogna
         Secondo i luochi

    S                     è vero i' ti 'l concedo

    P  Belvico c'hai tu in man,

    B                           una Cigogna
         Gli è l'argumento, che m'hai ordinato
         Col qual contra Orio vada, in sua vergogna
       E per haverlo vinto, e subiugato
         I' vado, e che 'l conoscha ch'io son quelo
         Che 'l m'hebbe iniustamente, ingiuriato

    P  A dio mi segno, i' perderò il cervello
         Per tua fé dimmi, dove hai tu il pensiero

    B    Che vuoi ch'io faccia, non el buono, e bello

    P  Perché lui ti tenisse ardito, e fiero
         Dissi, con argumento, vagli incontra
         E tu contra gli vai, con un crestiero

    S  Tal cosa spesse volte, a l'huomo, incontra,
         Et fa una cosa, e un'altra far, si extima
         Ben che tu sai madonna, il pro, e il contra,

    P  Sì che stata esser de', questa, la prima,
         Ben che tra l'altre, colme, di tristitia
         Si potrebbe questa, por in cima,
       Hor vane, e porta via quella, sporcitia
         Che era Orio amalato, an fuor di senso
         Rustico, insano, e pieno, de stultitia

    B  Più che servir dì, e notte, costei penso,
         Men si cura, e mi paga di reo, merto
         Ma, a tanta servitù, vo' por, compenso

    P  Scaltra, odi, qui, de Belvico tuo, experto
         Mi ne fe' un giorno, un'altra, e sì matura
         Ch'io mi critti da sdegno, morir certo
       Poi scampò via, per fuggir la sciagura
         E i' dissi, non temer, d'esser, offeso,
         Vieni sopra di me, n'haver paura
       Costui che 'l mio parlar, torto, hebbe inteso
         Corse, e gettomi in terra, e poi di sopra
         Me si buttò, il poltron, lungo, e disteso
       Ti par che questa, sua matteria, scopra
         Perché sopra di me dissi il venisse
         Lui sopra di me corse, o che bell'opra

    S  E gli è, madonna, che gli ha tanto, fisse
         Le voglie, in obedirvi ognhor, che errare
         Il teme: e però affar questo, il si misse,

    P  Sì, sì, perché gli è tuo, tu 'l voi scusare

    S    Non già, che sempre al ver, l'alma o, disposta

    P    Taci chi, è quel che vien

    S                              Orio mi pare

    P  Sì certo, i' non volea, hora sua posta
         Non potrò se 'l mi parla far di meno
         Ch'io non gli doni honestà, e humil, risposta,

    O  Provida volto mio, chiaro, e sereno
         E come stai tu

    P                   bene

    O                        i' mi ralegro
         Che abbi il cor tuo, d'ogni contento pieno

    P  Orio son certa che mai lento, o pegro
         Tu non fusti al mio ben: né mai non vidi
         Che mi mostrasti il bianco per il negro,
       E se con parole aspre, & alti gridi
         Talhor mi volsi a te, se pensi il fine
         Vedrai che iuste fur mie, voci, e stridi
       Che vedendomi giunta, a quel, confine
         Qual tanto disiai, lieta, mi parse,
         Coglier le rose, e non tocchar, le spine
       Iuste speranze mai, non furon, scarse
         Sperai robba, e marito, e in tempo curto
         Gli hebbi, e di sorte, assai da contentarse
       Vero, è che ardita ognor, substenni, l'urto
         Col mondo: senza quel d'altrui mai torre
         Che 'l non si assende per inganno, e furto,
       Sì che Orio mio gentil, t'habbi a disporre
         Di n'haver contra me, sdegnose, voglie,
         Che in questo caso, tu non poi mi opporre
       Trovar non potea in te, quel che 'l fin, scioglie,
         Prima perché sei riccho, e d'alto, sangue
         L'altra poi che 'l tuto, è perche tu hai molie
       Che se restar creduto havesse, exangue,
         Non t'haverei lassato, per huom vivo,
         Che, è ben di marmo, chi per te non langue
       Ben che Virido mio, lucido, e Divo,
         Ha in sé tal modo, tal virtute, e gratia,
         Che sopra ogn'altra più felice, vivo,
       Di che sempre mia lingua il ciel, ringratia,
         Che m'ha sortita, a sì honorato scanno
         Che dil prim'huom dil mondo, i' son in gratia

    O  Provida mia, s'io ti ascoltasse, un anno,
         Non pareriami un punto, veramente
         Tanto i bei detti tuoi, gaudio mi danno
       Ben che sempre ti ho sculpta, ne la mente
         Hor perché riccha, e sposa, fatta sei,
         Smisurato piacer, l'alma mia sente

    P  Non sian sol duo, congiunti, ma fian sei
         Virido, e me, Belvico, e Scaltra, e ancora
         Numio, e Livida, qual piaceno, ai Dei,
       Che son tre sponsalitii: che in bon'hora
         Son fatti: e sopra questi, alti aparati
         Questa sera si fa, che presto, è l'hora
       Suoni canti, i triomphi, feste, hornati
         Balli pasti, piaceri, pompe, iochi
         Scrime, salti, moresche, e momi usati

    S  Madonna noi habiamo ire, in duo lochi,

    O    Hai ben gran fretta Scaltra

    S                                mo li è tardi

    O    Quel che già tu dicesti, hora rivochi
       Io t'ho per schuso, che per belvico, ardi
         Provida resta in pace, i' me ne vado

    P    Orio vane, che 'l ciel sempre, ti guardi
       Scaltra che 'l sia contento, i' mi persuado
         Che a ciò sia giunta

    S                         ei più che te ne gode
         Che tu ti trovi a sì eminente, grado

    O  O a drito, o a torto, o col vero, o con frode
         Costei s'è hal ciel levata, dal proffondo
         Hor su sol che ha governo, merta lode

    S  E cusì a tempo, e loco, manco, e abondo

    V    Scaltra lassiamo andar, questo contrasto
         A te, di cotal cosa, lasso, il pondo
       Ma dimi un poco l'ordin, di 'sto pasto
         In che maniera, e modo, il guiderai

    S    Til dirò, perché cauto fu rimasto
       Prima piffari, e trombe, se vorrai
         Che a te sta questo: che agli spirti humani
         Dan gran conforto: e tu, gran lode, harrai
       Dapoi l'aqua, odoriffera, a le mani
         E tutta via in argenti, aurati, e belli,
         Per non parer, da rustici, e vilani
       E una salata minuta, de occelli,
         E dopo, vo', che 'l rosto, sia venuto
         Prima, a guacetto, giotti figatelli,
       Tordi, quaglie, occellin, conci a stranuto,
         Lepre, cunigli, cercene, e pizoni,
         Ranci, limon: rosto grosso, e minuto,
       Il lesso poi, faggian, starne, e paoni,
         Conci a l'inglese, & a la Catelana,
         E il rosto de vitello, con caponi,
       Zelatin diverse, a la Romana,
         E torte bianche, e verdi, con cupata,
         Da lecchar il taglier, o ver la piana
       Poi pere guaste, zucha, e codognata,
         Ranzato, rinci, e cedri, più perfetti
         Marzapan, pignochado, e morselata
       Poi l'ultima mestura, de confetti
         Pignol, mandole, nice, e fulignati,
         Anesi, curiandoli, e rancetti,
       Son questi i cibbi, i' ti gli ho disegnati
         Cusì di grosso, hor che ti par, sta bene

    V    Sì per mia fé, che gli hai ben, ordinati

    S  Vo' sia questa una di le prime, cene,
         Ch'io mai facesse: per ch'io vaglio in strate
         E poi tuto haggio, quel, che mi conviene
       Virido, voglio un punto, a ricordarte
         Che quel bel razzo di seta, a figure,
         Tu lo vogli mutar, da l'altra, parti

    V  I' l'ho mutato: e il tassello, e le mure,
         Tutte, de ricchi panni, ho ricorperte
         Et ornate, di quadri, e di scolture,

    S  Hai fatto come, le persone, experte,

    N    Patron tardi, è

    O                    su donque scalco andiamo

    V    Non fischiar Numio, le porte, e non aperte

    S  Pur ch'io satisfi quel, che sol, tanto amo

    V    Non tardar

    B               messer non: mi par millanni
         Che 'l sia sera

    S                    ecco a punto quel ch'io bramo
       El lui, o non a il s'ha mutà de panni
         Cor mio, nol conoscea, come gallante
         Camina: sol riposo de' mie' affanni

    B  Ecco Scaltra, vo' ardito, andarle inante

    S    Belvico o vai

    B                  vo qui per un servitio

    S    Vai tu lontano

    B                   non troppo distante

    S  Ben mio gentil, senza diffetto, e vitio
         Basciami, sangue dolce, sempre i' voglio
         Amarti fin il giorno, dil iuditio,

    B  Tu m'hai contaminato, ond'io mi dolio
         Che non sian per un'hora, nele piume
         Ch'io metteria quella partita in foglio

    S  O parlar pien d'ingegno, e di costume,
         Me generi al cor riso, e agli ochi pianto
         E a un tratto, son conversa in foco, e in fiume
       Belvico questo anel, me, è stretto alquanto

    B    Bagnat'il dito

    S                   me l'hai ben conclusa
         Oh, oh, oh, oh, mi vien da rider tanto
       Non sai quanto, è che più bagnar non si usa

    B    Non per mia fé

    S                   mo 'sta recetta impara
         Che tra gli homin da ben solo, è deffusa

    B  Hor me diparto, vane Scaltra cara
         Che presto anch'io verrò, star più non posso
         Che l'hora come vedi, si prepara,

    S  Belvico quel da tre hai tu lo adosso

    B    Non, ch'io l'ho lassà dentro, e sol per questo
         Da cha, per ir a torlo, mi son mosso

    S  E non far nol voler cavar sì presto
         Lassalo ben gozzar

    B                       egli ha ordinato
         Che 'l si debba tor tutto, e por, in cesto

    S  Belvico fa cusì, di' che sei stato,
         E che 'l tutto fatto hai: che l'hora, è tarda
         Non vedi già, che 'l sol, è tramontato

    B  Son contento tornar, ma Scaltra, guarda
         Non palesar che tu m'habbi veduto

    S    Va, me conosci, per falsa, o bugiarda,
       Odi, i suoni, esser de ciascun venuto
         Va inanti presto, ch'io ti verrò drieto
         O eterno dì, de eterno ben, compiuto
       Qual cor, è più dil mio contento, e lieto
         E, pur la gloria mia qui, manifesta,
         Il frutto hor pur d'ogni mio seme mieto
       Donque viver ansioso, adietro, resta
         Che in te non sia poter più, che mi aterri
         Viverò fino a morte, in gaudio, e in festa
       Poi chi riman adietro, l'uscio, serri


         Finis



    Sonetto.

    Amor, e il mio cor sieco, un giorno intenti
      Ch'io non gli udisse, trovai ragionando
      Dicceva il cor, dhe signor dolce, quando
      Saren mai noi dil expettar contenti
    Et ei, per mitigar, magior tormenti
      Rispondea con dir dolce, & venerando
      Andrai gran tempo pria, dubioso, errando
      Che intrar possi sicuro, ove argumenti
    E il cor, come dal corpo, mai distante
      Dicea, viver potrò, sì lungamente
      Maxime in doglie, e lagrime cotante
    E, Amor, sian pur tue voglie, in ciò contente
      Ch'io do per privilegio, ad ogni amante
      Che viver possi, il cor, dal corpo, absente


    Sonetto.

    Vado piangendo miei passati tempi
      Quai vanegiando nel fral secul persi
      Piango le rime mie, piango miei versi
      Sparsi fra calli, campi, theatri, e tempi
    E se a me mai non valser gli atru exempi
      Forsi che i miei ad altri non sian persi
      Donque voi per amor che ite dispersi
      In me spechiando vostro cor si adempi
    Vano, è nostro signor, che è cieco, e muto
      In pacito, bambin, nudo augelletto
      Da ognuno omai, per miser conosciuto
    E chi prova ne fa, vedrà lo effetto
      Che ogni saper si trova, in pel canuto
      Et in pueril età, poco intellecto


    Sonetto.

    Veggendoti esser sola, al secul nata
      Di beltà, di virtù, d'ingegno, & arte
      Mi disposi un bel don, natural, farte
      In exempio di tua fronte sacrata,
    Dove ogni mio saper, e forza ho oprata,
      In mandarti este rose, sol per darte
      A conoscer sei da equiperarte,
      A queste: a le quai tu se', apropriata,
    Vedi da mane un fior, bianco, o vermiglio
      Fresco e la sera poi languido e seccho
      Tutto guasta dil Tempo il fero artiglio
    Però pensa che sei Narciso, ad Ecco
      E mentre se' in età, prendi consiglio,
      Che spinto il tuo bel fior, riami un steccho


    Sonetto.

    Prima, lucer vedrassi phebo, il giorno
      La luna, con le stelle, a meza notte
      E, gli orsi e, i lupi, albergar, nelle grotte
      E di maggio, il terren di fiori adorni
    Iove sempre farà nel ciel soggiorno
      Pluto, nel centro: e se speranze rotte
      Harran gli desperati, e le più dotte
      Genti, harran lode, e le più ignare scorno
    Serà calda l'instate, e freddo, il verno
      Fermi i monti, il mar salso, e dolci, i fiumi
      Fragile il mondo, e il paradiso, eterno
    Morigerati sian, tutti, e costumi
      Et fia qui giuso il mondo unico, e terno
      Ch'io mai resti d'amar, tuoi sacri lumi



  Impresso in Milano per Magistro Gotardo
  da Ponte ad instantia. Do. Io. Iacobo & fratelli
  de Legnano Anno. D.M.ccccc.xyiii adi. xxiii.
  de Setember.



  Edizione del 1519

  [Illustrazione: frontespizio]

    Impresso in Milano per Rocho & fratello da
  Valle che sta in corduxo apreso a la speciaria
      dal Moltone ad instantia d Miser Nicolo
        da Gorgonzola nel. M:ccccc:xviiij.
               adi. xx. de Zenaro.



Nota del Trascrittore

La trascrizione di quest'opera è stata effettuata sulla base
dell'edizione pubblicata nel 1518. Si è cercato, pur modernizzando il
testo per alcuni aspetti, riguardanti essenzialmente le
convenzioni tipografiche dell'epoca, di mantenerlo il più
possibile fedele all'originale. Minimi errori tipografici sono
stati corretti senza annotazione. Si è fatto riferimento anche a
un'altra edizione (1519), della quale al termine del testo è
presentata l'illustrazione di copertina unitamente ai dati di
pubblicazione.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Opera nova amorosa, vol. 3 - Comedia nova" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home