Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: I tre tiranni - Commedie del Cinquecento
Author: Ricchi, Agostino
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "I tre tiranni - Commedie del Cinquecento" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



generously made available by Editore Laterza and the
Biblioteca Italiana at
http://www.bibliotecaitaliana.it/ScrittoriItalia)



  COMMEDIE
  DEL CINQUECENTO


  A CURA
  DI
  IRENEO SANESI


  VOLUME PRIMO



  BARI
  GIUS. LATERZA & FIGLI
  TIPOGRAFI--EDITORI--LIBRAI
  1912

  PROPRIETÁ LETTERARIA

  GENNAIO MCMXII--30148



I TRE TIRANNI

DI AGOSTINO RICCHI



A LO ILLUSTRISSIMO E REVERENDISSIMO SIGNORE

IPPOLITO IL CARDINAL DE' MEDICI

AGOSTINO RICCHI


Se la eterna Maestá a le ostie, ai tempii ed a le statue piú che ai
cori, agli animi ed a la fede riguardasse, quelli che a pena porgere
agli altari suoi le picciole immagini ponno, disperando de le celesti
grazie, di porgerli i fidi voti si rimarrebbero. Ma perché il grande
Iddio piú gode de la fervida volontá dei cori che de la gonfiata
superbia dei doni, ciascuno a la somma bontá ricorso, lá dove il freddo
poter manca, supplisce con il caldo volere: ne la guisa che, ne lo
offerire al gran vostro nome il primo parto del mio ancora acerbo
ingegno, faccio io; rendendomi certo che stenderete in accettarlo la
sacra destra con quella istessa natia clemenza con la quale il grande
Artaserse abbassò la real bocca, l'acqua pura gustando che con le ruvide
mani il semplice pastore rozzamente gli porse. E perché lo eccelso re
vie piú si umiliò in ber l'anima che insieme con le onde del fiume il
boscareccio uomo gli diede che nel ricevere i preziosi doni dei potenti
signori non soleva, ancora l'Altezza Vostra si umilierá nel prendere il
core che insieme con queste mie prime fatiche gli offerisco non
altrimenti che si faccia in accettare gli alti poemi che i chiari
prencipi de le sacre scuole de le lettere, in ciascun luogo, in ogni
tempo ed a tutte le ore, li consacrano. Né si creda però che io sí
temerario fossi che a voi, che obbietto degli onori siete, per onorarvi
inviassi l'opra che io come in poco spazio di tempo forse con poca
esperienza d'arte feci, ancora che a Dio, a cui né crescere né scemare
si può di gloria, veggiamo, non misurando la grandezza sua, cantare
inni, ardere incensi ed accender lumi; anzi perché (sí come le cose
poste ne' tempii, per vili che sieno, di indegne degnissime diventano),
essendo al magnanimo Ippolito consecrata, di bassa e negletta venga
dagli uomini pregiata: ché, per tenere sculto ne la sua picciola fronte
il pregiato nome vostro, i pellegrini spiriti che vi adorano la
solleveranno con la medesima fortuna che dal tempo abbattuta colonna,
per la riverenza de l'antico titolo che in essa si legge, si solleva. E
se a me di ciò punto vien di onore, non altrimenti lo estimerò che
soglino li umili sacerdoti i fumi degli odorati incensi e gli altri
onori di che essi participano, ricognoscendo tutto da colui che è
cagione in loro di tali grazie.

Di Ferrara, a li XXV di luglio M.D.XXXIII.


PERSONE

  GIRIFALCO vecchio
  PILASTRINO parasito
  ORGILLA fante di Girifalco
  SIRO   }
  TIMARO } servi di Crisaulo
  CRISAULO nobile
  FILENO servo di Crisaulo
  FILOCRATE giovane
  CALONIDE madre di Lúcia
  LÚCIA figliuola
  EPARO lavoratore
  LISTAGIRO parasito
  FRONESIA fante di Lúcia
  ARTEMONA roffiana
  COMPAGNI di Filocrate
  DEMOFILO vecchio socero di Calonide.


ARGUMENTO

      Girifalco ama Lúcia e da Listagiro
    e Pilastrino accorti parasiti
    n'è beffato e punito. Ancor di questa
    preso Crisaulo nobil, per astuzia
    d'una roffiana e d'una sua fantesca
    (che Filocrate giovan quale amava
    li trasser de la mente, ond'ei impazzò,
    e si partí romito), la si gode
    sotto uno inganno d'oro, con parole
    di volerla sposar. Tornato in questo
    Filocrate di Spagna, in vece altrui,
    pensandosi d'aver ne le man Lúcia,
    si giace con la fante; qual poi sposa,
    quando Crisaulo, sol da Amor costretto,
    oltre ogni suo voler, si sposa Lúcia
    e insieme con Calonide sua socera
    congiunge Girifalco, giá beffato.



PROLOGO


MERCURIO.

      Giove, che vive e regna suso in cielo,
    come voi qui (la sua mercede) in terra,
    m'avea mandato qui per i lamenti
    ch'escono ognor qua giú da le gran mandre
    dei filosofi nudi e dei poeti;
    i quai, giá incominciati, or piú che mai
    spessi e piatosi al ciel passando a schiere,
    ne turban sí che m'avean commesso,
    tutti a una voce, ch'io venga a pregarvi
    e persuader che, per nostra quiete,
    per vostra gloria e per piatá, vogliate
    dar fine a tai miserie ond'essi ogni ora,
    discacciati e mendici e disperati,
    minaccian sotterrare i nostri onori.
    E però quegli onde ciascuno ha vita
    aría voluto ch'io vi protestassi,
    quando non provediate ai lor bisogni,
    che, senza alcun rispetto, lasceria
    cadervi a dosso lo sdegno Aretino:
    a cui diè forza fulminare i nomi
    nel modo ch'egli suol talor per ira
    fulminar l'alte torri. Ma, trovato
    certi ch'ora qui voglion recitare
    una comedia per vostro diporto,
    per non mescolar cose altro che allegre,
    lascerò questo ufficio. E perché un certo
    parasito, ch'avea da parlar prima,
    sorbito ha Bacco in modo che sta in dubbio
    s'egli è nel nostro mondo o in quel d'altrui,
    hanno voluto che da parte loro
    io venga a dirvi quel che intenderete,
    se m'ascoltate alquanto. Alti e cortesi
    spettator degni, una comedia nova
    (nova, dico, non mai piú vista o letta
    o in alcun degli antichi ritrovata)
    vi apporto, piena di giuochi e d'amore:
    il cui tittol, per oggi, sará in vece
    di quel che s'avria a dirvi in argumento
    de l'istoria, perché voglio esser breve.
    Son tre superbi e potenti signori
    c'han de la vita nostra in mano il freno
    e la governan come piace a loro.
    E perché spesso, anzi il piú de le volte,
    non giustamente in noi s'incrudeliscono,
    onde ci vien disnor, disagi e morti,
    l'autor di questa, che vorria mostrarvi
    la natura di loro, i loro effetti,
    li finge in tre persone che di pari
    contendeno ad un fine; e cosí volse
    chiamarla _I tre tiranni_. E questi sono,
    come vedrete, Amor, Fortuna ed Oro.
    Ma, perché ben sappiate la sua mente,
    gli è piaciuto scostarsi cosí alquanto
    dal modo e da l'usanze degli antichi:
    ché, dove han sempre usato essi che il caso
    e tutto quel che pongono in comedie
    possa essere in un tempo o in un dí solo,
    questi ora vuol che la presente scena,
    sicondo che richiede la sua favola,
    servi a piú giorni e notti in fine a uno anno.
    E, benché si potesse aperto dire
    che gli è così piaciuto, ha pur in vero
    qualche ragione in sé: perché, sí come
    si vive or con la vita del dí d'oggi
    e non di quegli che fûrno giá un tempo,
    e son vari i costumi, pare onesto
    con questi le poesie, le prose, i versi,
    li stili e l'uso ancor del recitare,
    sicondo i tempi, si mutino e innovino.
    Né vi offendano i nomi inusitati,
    perché, per adattargli a le persone
    e loro uffici, gli ha tratti dal greco:
    e questo dice dei latini antichi
    essere usanza; e in ciò gli ha seguitati.
    Io vi direi piú cose da sua parte;
    ma il tempo passa. Questa qui è Bologna.
    Chi 'l crederá ch'oggi in sí picciol luogo
    si sia ristretta? E pur è con effetto:
    e in modo tal che sí superba e grande
    forse non fu mai Troia, Atene o Roma.
    Qui sta Crisaulo nobile; e qui Lúcia;
    qua Girifalco; e di lá Pilastrino.
    Eccol che viene in qua. Se sta in cervello,
    potrete intender da lui meglio il tutto.
    Siate sempre felici.



ARGUMENTO


PILASTRINO parasito.

                        Buona vita,
    insieme con la pace di Marcone,
    caso che vi fermiate con silenzio.
    Ma io sono il bel pazzo a creder ch'ora
    tante cicale e tanti cicaloni
    s'acquetin per mio dire. Orsú! Ciarlate,
    ciarlate forte, ch'io dirò cantando
    il _Verbum caro_ o 'l _Chirielleisonne_.
    Anzi, vo' dir, poi che non è peccato,
    _O pecorar, quando anderastú al monte_
    o vero il _Ritornando da Bologna_,
    _La scarpa mi fa male in ponta_ o pure
    _La vedovella quando dorme sola_.
    Mi vien voglia di dire ad alta voce
    il _Mal francioso_ di Stracin da Siena;
    ma so che tutti lo sapete a mente
    come il _Pater_ e l'_Ave_ e l'_a b c_.
    Orsú! Farete tanto che a la fine
    vi lascerò di pian come ser Zughi.
    Par quasi che non sappia quel c'ho a dire.
    Son costor che da ogni ora, qua di dietro,
    mi stanno a festucar ch'io mi ricordi
    non so che d'argomento o serviziale
    o cristeo. Madonne, e voi, messeri,
    io vel farei, s'io fossi uno speziale
    sí come sono un bel cacapensieri
    in campo azzurro. Ma vi voglio dire
    di me, se a sorte non mi cognosceste.
    Io sono un uomo, come voi vedete.
    E mia madre fu donna da bon tempo.
    E, avendo un giorno tolto una satolla
    di biroldi e di trippe, venne pregna
    di me, com'ho poi inteso; ed in quel mese
    mi fe' in cucina a piè del focolare:
    ond'io la maledico mille volte,
    ch'ella si morí in quello ben pasciuta
    ed io sto sempre per morir di fame
    e so ch'è sol per qualche suo peccato.
    Ond'io volli, una volta, farmi frate
    per viver lieto e non durar fatica;
    e comperai i zoccoli e 'l cordone
    (la cappa me la dava un mio parente):
    ma, pensando ai digiuni ch'essi fanno,
    mi risolvei diventar parasito
    acciò che il corpo non mi bestemmiasse
    a petizion de l'anima da poca
    che non mangia e non bee e non si vede
    e vuol, la sciocca, mille cacherie
    per gire in paradiso a far la ninfa
    o ver la sposa. Or lasciamo andar questo;
    e ritorniamo al da ben Pilastrino
    (che così mi dimando) c'ha piú fede
    ne' tordi e nel buon vino e nel pan bianco
    che i frati al campanel del refettorio.
    E certo, se vivesse oggi Margutte,
    mi adoreria sí come adoro lui:
    massimamente s'egli mi vedesse
    pelare e rassettare a la moderna
    le donne, le matrone e le massare
    _et utriusque sexus_ fine ai vecchi.
    Ma di che vi ridete? de' miei fatti?
    Ridiam pur tutti. Io riderò de' vostri.
    Ah! ca! ca! Quanti augei perdegiornata!
    Oh! co! co! co! Quanti cameleonti
    che si pascon di vento! altri in amore,
    fiutando le duchesse e le reine
    (poi van con una slandra in Fiaccalcollo
    a menarsi l'agresto a tutto pasto);
    altri in sperar d'aver l'entrate grandi,
    mangiando in interessi il ben futuro.
    Quanto fariano il meglio a provedere
    di pagar tutto quello c'hanno in dosso
    a chi fatto ne l'ha credenza; e poi
    rappattumarsi con la sua signora
    che, per basciargli tuttavia la borsa,
    gli fa gir di pecunia a la leggera!
    Ma son giá di proposito sí uscito
    che non so a che fine io vi favello
    né ciò ch'avea da fare in questo luogo.
    Sí, sí! Me ne ricordo: l'argomento.
    Assettatevi tutti ben, ch'io possa
    mettervel tutto ne la fantasia,
    pel buco de l'orecchio, come s'usa.
    Fermi! Aspettate, ch'ora ci va dentro.
    Oh! Gli è 'l gran caldo! In fin, queste borsette,
    per parlare in linguaggio veniziano,
    non son mia arte; e, non vi entrando tutto
    il brodo d'esse, non si fa nigotta.
    Quanto meglio campeggia Pilastrino
    ne la santa illustrissima cucina,
    dando pro tribunal sentenze giuste
    del cappon lesso e del fagiano arrosto,
    del mangiar bianco e di quel sapor nero
    che si cava de l'uva e di quel verde
    che si trae de l'erbette fiorentine!
    Oh com'io son ben dotto in ordinare
    le buone gattafure genovesi!
    Oh! Io ne fo il bel guasto, per mia grazia!
    Cosí di queste nostre bolognesi.
    Risolviamla pur qui. _Celi celorum_
    altro non è, secondo il mio giudizio,
    che 'l mangiar bene e il ber solennemente.
    Non niego giá che il far quella faccenda
    non mandi altrui piú sú che mona luna.
    _Tamen_ un pasto buon pontificale
    mi dá la vita. E, se ne l'altro mondo
    si facesse talvolta colazione,
    la morte mi faria poca paura;
    ma, quand'io penso che non vi si mangia
    e non vi si bee mai, divento matto.
    Oh Dio! Abbia pietá di Pilastrino!
    Non dico che mi mandi in purgatorio.
    Ficchimi pur ne l'inferno e nel limbo,
    ché, pur ch'io mangi talor duo bocconi
    e bea un ciantellin di malvagía
    ne incaco Ferraone e Satenasso.
    E quel poltron di Lucifero porco
    facciami come vuol, se ben volesse
    farmi in pasticci o in brodo o in gelatina.
    Ma, per parer ch'io non parlo col vino,
    vorria contarvi pur di questi pazzi:
    di Girifalco vecchio; e di Crisaulo;
    e quello scimonito di Filocrate
    ch'al fin si mangia, in cambio di perdice,
    la carne de la madre di san Luca
    tutto l'anno avocata dei tinelli.
    So ben ch'io sono inteso. Io giá non dico
    che la fante non sia una buona robba;
    ma basta che li parve essere ai ferri
    con Lúcia ch'era stata giá cagione
    ch'egli aveva mandato il senno in poste.
    Di Calonide taccio, c'ho rispetto
    di mentovare invano una sua pari
    che digiuna l'avvento. Or la vedrete
    entrare in nozze come una donzella
    (cosa da empir di risa gli orinali)
    insieme con la figlia, ch'oramai
    creggio che senta _tentationem carnis_.
    State attenti, vi prego, senza strepito;
    ché qui non vi si chiede né danari
    né altro che vi debba dispiacere.
    Un'altra volta comandate a noi.
    Ora questa è la cena: io volli dire
    la scena. E questo intorno è 'l Coliseo
    dove sedete. Chi è stato a Roma
    sa quel ch'egli è... Oh come mi rodeva!
    Una rogna canina! Ma tacete.
    Ecco il vecchio. Ei vien via col suo portante.
    Oh che cera d'amante! O dio Cupido,
    hai pur poca faccenda a travagliarti
    con simil manigoldi! Se non pare
    il _Testamento vecchio_ e l'_Imprincipio_!
    Parla con seco istesso. Sará forza
    legarlo, inanzi agosto, a la senese.
    Voglio udir ciò ch'ei dice, qui da canto.
    Or di' sú, mestolon, cancar ti venga!



ATTO I


SCENA I

      Girifalco si lamenta d'Amore. Pilastrino lo ammonisce
  schernendolo; e, non potendo ultimamente mangiar seco la
  mattina, si fa dar danari per comprar da cena e promettegli
  di menar l'altro parasito il quale gli aveva giá fatto
  credere che fosse negromante.

GIRIFALCO vecchio, PILASTRINO parasito, ORGILLA fante.


    GIRIFALCO. Va' sempre stenta! Caca gli occhi e 'l sangue
    in gioventú per non esser mendico
    quand'altri è vecchio! Or vedi come, al fine,
    tutto è niente; ché qui mai non puote
    l'anima aver riposo in fin che dura
    con la carne congiunta.

    PILASTRINO.             Oh bel dettato!
    Gli è bene un buon boccon, se la è congiunta
    con la mostarda; ma vuole esser porco
    di pochi mesi. Oh! Parti che 'l vecchione
    ragioni anch'egli _de bene vivendo_?
    Piace anche a me.

    GIRIFALCO.        Deh! taci ivi, ti prego,
    o parla piano; ch'oggi ho poca voglia
    di cianciar teco.

    PILASTRINO.       Tu sei pur lunatico,
    Girifalco: perdonimmi i tuoi anni.
    Deh guarda che natura! Or si lamenta,
    or tace e fa il balordo, or ride, or piange,
    or ciancia fuor di modo e si rallegra
    e infuria; che talora ho meraviglia
    ch'un che pratica teco, in otto giorni,
    nol fai impazzir. Che sí che ancor ti veggio,
    un tratto, negromante? uomo composto
    di sciatiche e catarri e d'avarizia,
    d'ira e d'amore.

    GIRIFALCO.       Abbimi compassione.
    Vedi pur com'io sto; lasciami alquanto
    sfogar, ch'io moro.

    PILASTRINO.         Possa sfogar tanto
    che ne rimanga agghiacciato per sempre.
    Non restar giá per me.

    GIRIFALCO.             Sempre ho stentato;
    né mai mi ho tolto un'ora di buon tempo,
    in questa vita, per non stentar sempre.
    Ed or che l'etá mia richiederebbe
    qualche riposo e d'animo e di corpo,
    cosí dentro mi sento travagliato,
    inquieto e confuso che desio
    talor la morte come cosa dolce.
    Ma non vorrei esser posto in sacrato,
    se non pensassi fare, anzi quel punto,
    vendetta e strazio di quella frittella
    che n'è cagione.

    PILASTRINO.      E che pensi di fare?
    se Dio ti guardi, come ha fatto i denti,
    ancor la vista.

    GIRIFALCO.      Se mai viene il tempo...
    Non vo' dire altro.

    PILASTRINO.         Forniscel di dire.
    Che la farai, come ti vien dietro,
    morir forse in sul buco? Oh guarda volto
    da far morir le donne di martello!
    Che sia impalato!

    GIRIFALCO.        A chi dici «impalato»?

    PILASTRINO. Ho detto che mi tira omai 'l palato;
    e tu mi pasci qui pur di parole.
    Saresti appunto buon, per la cappella
    che si fa al Baracane, per un santo
    in su l'altare o per un di quei voti
    con le man giunte; ché non mangi o béi
    ma vivi d'aere.

    GIRIFALCO.      Lascia: berem poi.
    Anima mia, tu mi fai pur gran torto.
    E poi per chi? Per un morto di fame,
    un furfantello, un ladro, un giocatore,
    un plebeo. Ma guardati, Filocrate;
    ché, a' miei dí, mai nessun mi fece ingiuria
    che non mi vendicassi. Vatti sposa:
    e to' per donna qualche ruffianaccia
    per tua infame. Oh! co! ca! ca! Io muoio.
    Rinego il dí che mi battezza. Ca! ahi!
    In mal punto. Ah!

    PILASTRINO.       Dá' giú, ch'io 'l voglio, il cuore.
    Che fai? Par che rineghi anche il battesmo.
    O Girifalco, tu sei diventato
    un gran biastemmiatore. E poi sei vecchio
    e mostri esser saputo!

    GIRIFALCO.             Io son perduto
    piú lá che ora. Vo' chiamare il diavolo.
    Diavol!

    PILASTRINO.  Di' forte, ché non ti può udire.
    Sú! che ti porti presto.

    GIRIFALCO.               Che hai detto?

    PILASTRINO. Che? non m'hai forse inteso? Che ti porti
    dov'è colei che ti può dar salute
    e tòr d'angoscia.

    GIRIFALCO.        Aimè! che sarò morto
    prima ch'io n'esca.

    PILASTRINO.         Va'. Se non moro io
    in questo mezzo, sará forse troppo
    presto per te.

    GIRIFALCO.     Non vorrei esser nato
    prima ch'esser cosí.

    PILASTRINO.          Fai grande errore
    a dir tal cose. Oh! Se 'l sapesse Lúcia,
    e che direbbe de la tua incostanza?
    Ché debbi pur saper che amano i vecchi
    perché son fermi e potenti a durare
    a le lor dolci pene; ove noi altri
    reggiam di rado. E l'aspettare ancora
    non ti debbe esser grave perché sai
    ch'un tesoro sí fatto non s'acquista
    in un mese o in uno anno. Ma puon caso
    che n'aspettassi ancora venticinque
    e poi l'avessi. Non saria il tuo meglio?
    ché allor forse saresti un'altra volta
    tornato giovan, come ancor giá fosti,
    e piú atto a l'amor ch'ora non sei.
    Non perder la speranza.

    GIRIFALCO.              E che? Saremmo
    forse come leggiam de la fenice,
    noi innamorati?

    PILASTRINO.     Tu sol sei fra tutti
    fenice. Gli altri li vo' dir pipioni.
    Ma, s'Amor non si muta di costume,
    tengo scorciare a sí vecchia fenice
    con l'ali il volo. Di fiere piú brave
    ho giá domato.

    GIRIFALCO.     E perché son dannato?
    Ve' ladroncel! Non so che mi ritiene
    che non ti lasci un pugno, che tu veda
    le stelle a mezzo dí.

    PILASTRINO.           Non so vedere
    altrimenti le stelle a mezzo giorno
    se non sotto la botte; ma son certo
    che non le vedrò giá sotto la tua,
    subbio e telare, a mille opre d'aragna
    ch'ivi tesse la muffa per vestirne
    gli amici de l'aceto e del vin guasto.
    Resta con Dio. So dir che sei persona
    d'aver teco de' topi e de le mosche
    in compagnia. E da lor sei fuggito,
    così sei largo!

    GIRIFALCO.      Deh! non ti partire.
    E dove, Pilastrino? Una parola
    odi, se vuoi.

    PILASTRINO.   Non giá da quello orecchio.
    Di': che ti manca?

    GIRIFALCO. Cávali la cappa.
    Non odi, Orgilla? Vo' che desni meco,
    se non ti è grave.

    ORGILLA.           Or che se l'ha cavata,
    il briacon, mio danno, se ogni mese
    non ci torna a veder. Parti governo,
    questo, di casa? Mi morrei se, un tratto,
    non gli pesto a mio modo quel mostaccio.
    Mettiam pur fuor la frasca.

    PILASTRINO.                 Orsú, madonna!
    Bisogna che abbi compassione un poco
    al messere ancor tu, poi che tu vedi
    come sta il poverin.

    ORGILLA.             La mala pasqua,
    e presso che non dissi, che vi venga
    a tutt'e dui! Forse che non s'arrabbia
    per casa, poi, di questa massarizia
    e non rugnisce? Saria manco male
    se spendesse o comprasse della robba,
    poi che vuol fare il grande.

    PILASTRINO.                  Oh! Di' ben forte
    che non v'è da mangiar; ma intanto cuoci
    quello che c'è.

    ORGILLA.        Vien qua, vecchio insensato.
    Tu sai pur che costui non mangia rape
    cotte giá di tre dí né di pan cotto
    minestra, come farai tu stamane;
    né bee meschiati.

    PILASTRINO.       Io mi turo gli orecchi.
    Tra voi gridate e menate le mani,
    pur ch'io panebri.

    ORGILLA.           Tu tirerai in fallo,
    Pilastrin, questa volta, ché la carne
    rimasta è in beccaria. Che vuoi ch'io cuoca?
    le miei mutande?

    PILASTRINO.      Giá denno essere arse,
    se l'hai portate un dí, ché 'l vostro fuoco
    non cuoce o scalda.

    GIRIFALCO.          Pilastrin mio caro,
    tu vedi. Tornerai da me stasera,
    ché compreremo una libbra di lonza
    per fare arrosto; e poi, con quel guazzetto
    che fa l'Orgilla, vo' che noi sguazziamo.
    E mena l'indiano.

    PILASTRINO.       Hai ben pensato.
    E che ci arem da cena?

    GIRIFALCO.             Non t'ho detto?

    PILASTRINO. Non t'ho inteso.

    GIRIFALCO.                   Una libbra di buon porco.

    PILASTRINO. A incominciare. E poi infra pasto?

    GIRIFALCO.                                     Quello
    non basterá? Tu se' pure, oggi, strano!
    Non t'empierebbe....

    PILASTRINO.          E sí! Dici da vero?
    Tu vuoi tener me a cena con un'oncia
    di carne e con guazzetti? Tu mi vuoi
    far ridere, oggi. Or veggio ben che Amore
    qualche volta ti trae del seminato.
    E poi sei vecchio. Dammi a me i danari,
    ché comprerò da cena onestamente.
    E non esser sí scarso.

    GIRIFALCO.             Ecco i danari.
    Piglia quel che bisogna. O Pilastrino,
    ferma un poco. Che fai? Non c'è moneta?
    Questi quatrini... Sta'.

    PILASTRINO.              Non dubbitare:
    ti porterò l'avanzo. Io voglio andare
    a cercar di colui.

    GIRIFALCO.         Non v'è a bastanza?
    Odi un poco.

    PILASTRINO.  Sí ben; ma lassa. Io vado
    caminando a le porte, or ch'è passato
    il mercato, se trovassi qualcosa
    e spender poco. Non uscir di casa.
    Torno con lui stasera.

    GIRIFALCO.             Ecco, or costui
    mi vuol brugiar di qualche bolognino
    con queste parolette: ché son fatti
    come 'l tizzone. Ma son bene allegro,
    se mena il negromante. Entrerò in casa:
    ché mi par di sentire un ventarello
    non molto sano.


SCENA II

      Siro servo, non introdotto in altro luogo che in
  questo, parlando con Timaro, apre e dá lume a la favola: e
  questo è costume degli antichi comici.

SIRO. TIMARO servi.


    SIRO. Or veggio il lor cervello.
    Innamorati? Che sia maladetto
    quel giorno traditor che incominciai
    a servir mai nessun! ché non mi manca
    da starmi a casa mia ben da mio pari
    e sto a straziarmi dietro a questi cani
    che tengon servitori come gli osti
    le bestie da vettura; e 'l dí non basta,
    ché ancor s'ha a star la notte or qua, or lá
    per lor capricci. Che sia strutto Amore
    e chi lo fe', chi 'l pruova e chi gli crede!
    Io mai nol vidi.

    TIMARO.          È Siro che ragiona.
    Lasciamili accostar. So che camina!
    O Siro, aspetta.

    SIRO.            Che vai tu cercando,
    Timaro?

    TIMARO. Sono uscito de la strada
    per venirti dietro, ché sentiva
    bastemmiar non so che.

    SIRO.                  Sí, ch'io bastemmio
    qualche volta me stesso; ché non posso
    omai durar con questo insopportabile,
    quasi ho detto, poltron.

    TIMARO.                  Che c'è di nuovo?

    SIRO. Ultimamente non m'ha minacciato
    di fare e dire, s'io non truovo modo
    ch'esca di questi affanni?

    TIMARO.                    O dágli il modo.

    SIRO. E come?

    TIMARO.       Che s'appicchi per la gola!

    SIRO. Or non ho punto voglia di scherzare.
    E' nol potrebbe fare altri che Dio
    che l'ami, se non l'ama.

    TIMARO.                  Sa bene egli
    se l'ama o no.

    SIRO.          Non fosse egli piú vivo!
    Io l'ho cercato: ch'è piú d'otto giorni
    che non mi fermo mai, né dí né notte,
    sol per saper di questo; e truovo al fine
    ch'ella l'ha in odio sopra ogni altra cosa.
    E questo è la cagion. L'ha sempre amata
    un Filocrate giovin, qual si dice
    che se la sposi in breve. Ora il padrone
    vorria impedir che questo non seguisse.
    E, per esser chi egli è ed ella vile,
    vorria poterla avere a posta sua.
    A che bisognerebbe che mutasse
    l'animo, prima, in disamar chi ella ama;
    e poi si fesse tal che sí grande odio
    rivolgesse in amore; e poi la madre,
    ch'è la piú saggia donna, intera e santa
    di questa terra, consentisse a questo:
    il che non potria far, penso, un reame.
    E giá mille altri han lasciato l'impresa,
    sol per esser la madre quel ch'ella è.
    Potria forse anco star; ché non è 'l primo
    miracol ch'abbia fatto, a' miei dí, l'oro.
    Ma non voglio che mai per mezzo mio
    faccia tal roffiania.

    TIMARO.               Farei ancor peggio,
    per il padron, pur ch'ei mel comandasse.
    Che ne puoi perder tu?

    SIRO.                  Quello c'ho al mondo,
    servendo un fuor di senno e disperato.
    Ma ascolta. Non è solo. Girifalco
    vecchio, sí avaro, anch'egli è in questo ballo
    (ed era sí stimato!): ché un Listagiro
    con Pilastrino e certi buon compagni
    l'han messo sú ch'ella gli muor dietro.
    E fangli far l'amor seco ogni giorno:
    cosa da smascellare. E, perché mai
    non la vede, gli dicon che 'l difetto
    vien c'ha poca veduta. E 'l moccicone
    è giá venuto a tale, in questa giostra,
    di cosí scarso, che gli tran canóni
    che ne portano il sangue. E va pensando
    che Pilastrino, un tratto, il peli e strini
    fine in su l'osso. Specchiati in quel nome.
    Da l'altro canto mi par sí vedere
    che 'l padrone (e Dio voglia ch'io mi menti)
    faccia con colei tanto che la sposi.
    Che ti parria di questo?

    TIMARO.                  Io non mi curo.
    Sia come vuol. Non ho di questi impacci;
    non penso tanto inanzi e mi contento
    di questa vita: ben mangiare e bere
    e gire a spasso, portato c'ho sú,
    talor, come acqua e legne e governato
    ben la mia stalla e spazzato la casa
    e netto gli usuvigli di cucina,
    le secchie e i caldaroni e, alcuna volta,
    supplito anche ai bisogni de le fanti
    che non mi lascian viver.

    SIRO.                     Sí, t'ho inteso.
    Tu la discorri bene.

    TIMARO.              Io me ne vado
    di lungo a casa (m'hai tenuto un pezzo),
    ché 'l padron non gridasse.

    SIRO.                       A posta tua.
    Questi stan ben con queste simil gente
    che sopportan com'asini venduti;
    o ver gli adulatori. Io mi risolvo
    di non vi tornar piú; ch'omai son chiaro
    ch'ogni or ne sarei a peggio, ché Fileno
    (perché dice a suo modo) è seco il _totum_.
    Io sarei sempre schiavo.


SCENA III

      Crisaulo batte il servitore e biasma forte con
  Pilastrino l'avarizia; e, incominciandosi a doler d'Amore,
  Pilastrino lo lascia.

CRISAULO nobile, FILENO, TIMARO servi, PILASTRINO.


    CRISAULO.                    Basta. Ho inteso.
    Ma parti che ci torni?

    FILENO.                Eccol, per Dio.
    Contava i passi; or corre.

    CRISAULO.                  Io son disposto...
    A che sei stato tanto, manigoldo?
    Ho voglia di...

    TIMARO.         Signore, ho corso sempre.
    Questo è 'l resto di tutto il fornimento,
    d'infuor la sella che non è fornita.
    S'avrá stasera.

    CRISAULO.       Hai piú tu di bisogno
    del baston che non ha di te la stalla.
    Canaglie! ché non passa per la strada
    civette o olocchi o per l'aere augelli
    che non voglin vederli.

    TIMARO.                 È pure stato
    il maestro che m'ha fatto indugiare
    questo poco: ché non voleva darmi
    quegli avanzi del drappo e stava a dire
    che non è usanza e che none sta bene
    a un vostro pari; e quasi bastemmiava.
    Son ladri: sempre voglion sopra i pregi
    di quel d'altrui.

    CRISAULO.         Ah vigliacco, poltrone!
    Questi sono gli onor? Vo' che tu impari
    per l'altre volte.

    TIMARO.            Oimei, padron! Son morto.

    CRISAULO. Ti vo' spezzar quella testa balorda.
    Chi te l'avea commesso?

    TIMARO.                 Oh gramo a me!

    CRISAULO. S'io vi ritorno...

    TIMARO.                      Oimei, che ho rotto gli ossi!
    Morrò in duo dí.

    PILASTRINO.      Oh! co! Non piú, Crisaulo.
    Oh! co! Crepo di rise. Gli farai
    smaltire i sughi, con quelle sopposte
    che gli hai fatto nel viso da sedere.
    Cosí si smuove il corpo ai manigoldi
    che vogliono, a dispetto del padrone,
    far massarizia: ma la medicina
    non val niente, se non si continova
    piú d'una volta il giorno. To', poltrone!
    Come fa il morto!

    CRISAULO.         Corre e va' riportali.
    E di tua bocca di' che t'ho punito
    di tanta villania: se non, con altro
    la farem che con calci.

    TIMARO.                 Ben, messere.
    Che ti possa esser mozza quella gamba,
    prima ch'io ti riveggia!

    PILASTRINO.              O va' pur via.
    So che ti sentirai di quelli schiaffi,
    per otto giorni almeno, a cavalcare.
    Se avessi istaman fatto colazione,
    non avrei sí goduto. O guarda dove
    si truova esser condotto un gentiluomo!
    Ché lasci ogni anno cento pezzi d'oro
    per non dar luogo agli spirti che sempre
    biasmano altrui; ed or, per quattro soldi,
    avrá dato da dire a tutta piazza,
    quest'ignorante. Ma che! Non importa:
    perché sei cognosciuto da ciascuno
    per l'uom che sei.

    CRISAULO.          Ho sempre da natura
    avuto questo, che d'alcuna cosa
    non mi son dilettato quanto avere
    il mondo tutto e, se fosse possibile,
    l'inferno amico. E quegli che altra via
    tengono, essendo nobili di sangue
    e di gran facultá, debbiam chiamargli
    animai brutti. Avarizia malnata,
    d'ogni altro mal radice! O pien d'inganni,
    fraudi, ruine e morti, oro, tiranno
    fatto di quello a cui ti fe' suggetto
    chi tutto fe'! Come può tanto errore
    fermarsi in noi? poi che veggiamo espresso
    che chi piú n'ha piú stenta e manco gode.
    Ché nol fuggiamo?

    PILASTRINO.       Ogni uom sa predicare;
    e tanto piú di quel che poi non crede.
    Certo è che l'oro è cosí maladetto
    che alcuno esser non può mai, in fin che n'ha,
    contento o riposato. Ma vorrei
    veder pigliare, un tratto, a chi 'l cognosce
    qualche rimedio.

    CRISAULO.        E questo è 'l colmo appunto
    del nostro errar: ché lo veggiamo aperto;
    né in alcun modo ne vogliamo uscire
    o rimanerne.

    PILASTRINO.  Tu non neghi, adunque,
    essere in grande errore?

    CRISAULO.                Errore. Ah quanto
    fòra 'l meglio esser nato in vil capanne,
    talora, e in boschi che ne l'alte case!
    Chi nol pruova nol sa.

    PILASTRINO.            Cosí sarebbe
    piú felice 'l mio stato assai che 'l tuo;
    ché non mi truovo un soldo.

    CRISAULO.                   Senza dubbio.

    PILASTRINO. È meglio, adunque, che cangiam gli stati
    e le fortune. E tu sarai contento
    sempre nel mio: e sí lieto e felice
    e senza alcun pensier che non vorresti,
    quando lo provi poi, per tutto il mondo
    non l'aver fatto. Ed io, in cambio tuo,
    torrò questi tuoi affanni.

    CRISAULO.                  E che potresti
    cangiar se non que' panni e quella pelle?
    o 'l vizio orrendo che non potrá mai
    mancare in te? poi sai che non possiamo,
    per noi stessi, cangiar stato e fortuna:
    ché s'appartiene al ciel.

    PILASTRINO.               Ti vo' insegnare.
    Avremmo prima a tramutar la robba:
    _verbi gratia_, la tua fa' che sia mia.
    Tu voglio che ti chiami Pilastrino;
    ed io sarei Crisaulo. E, in questo modo,
    non sol muterai nome, ma costumi,
    stato e natura; e forse ancor la mente.
    Proviam, se tu nol credi.

    CRISAULO.                 Io ti ringrazio;
    ché è buono il tuo consiglio: ma non voglio
    ch'oggi ne venda a me.

    PILASTRINO.            Ah! ca! ca! ca!
    Non ti si può appicare oggi niente
    di questa mia dottrina. Io me ne vado.
    Qui non si busca.

    CRISAULO.         Sta', non ti partire;
    fermati un poco.

    PILASTRINO.      Non posso indugiare.

    CRISAULO. E che buona facenda?

    PILASTRINO.                    Un'altra volta,
    se riesce, tel dirò; ché penso, un tratto,
    uscir d'esti pedocchi. Non dir nulla,
    ché vo' ch'abbiam da rider per cent'anni,
    se mi vien fatta.

    CRISAULO.         Non vo' sapere altro.
    Guarda pur di non far qualche trabalzo
    che te n'abbi a pentir. Di poi quel giorno,
    non mi sai dir niente di colei?
    Tu sei pur negligente!

    PILASTRINO.            Ora non posso
    dirt'altro, c'ho da fare in fine a sera.
    Ma vo' che sappi la piú bella berta
    ch'io tramo adesso.

    CRISAULO.           Non lo vo' sapere.
    Attende ad altro, e forse ti fia 'l meglio.
    Ier la vidi duo volte a la fenestra.
    Felice giorno!

    PILASTRINO.    Ed io piú di sei volte
    la vidi, dopo bere; e l'abbracciai.
    Chi è piú felice?

    CRISAULO.         Aimè! Vita infelice,
    quando fia 'l dí che fuor di tanti affanni
    ti scorga Amor, che giá condotta a tale
    t'ha in poco tempo ch'altro omai non resta
    in tuo conforto che la morte istessa
    o di lei la speranza?

    PILASTRINO.           Oh! co! T'ho inteso.
    Addio; fa' pur da te. Questi incomincia,
    pur come suole, a noverar le stelle
    e gli animali e le donne e le piante;
    i sassi e i monti e l'acque e 'l cielo e l'aere
    dimanderá crudeli; e la fortuna
    e la sua sorte iniqua e ingiuriosa;
    troverá tutti i santi, al fine, in fraude;
    e vorrá far vendetta. Io voglio andare
    a comprar, prima, e, poi, in qualche taverna,
    fin che giunga la sera, anch'io a gridare
    con le mezzette.

    CRISAULO.        Aimè! Dolce mia luce,
    quando mai resterai di tôrti in gioco
    questa mia miser'alma? e quando avranno
    mai fin tante passioni? e le cocenti
    fiamme fian spente? e quando fia mai vinta
    da pietá cosí dura altera mente?
    o di me sazia quella cruda voglia?
    Certo, non mai; ché la mia sorte è tale
    ch'io sempre peni. Ma lascia, ché, in breve,
    forse questa mia man ti fará lieta
    di tanto desiderio e fia disciolta
    l'alma d'esta prigion.

    FILENO.                Fornisce, un tratto.
    Che cosa è questa, tanto lamentarsi
    e rinnegar la fé? che tanti stinchi?
    tante prigion? Chi ti sentisse, certo,
    giudicherebbe ch'aspettassi or ora
    acerba morte. Hai pur questo tuo pecco,
    come le donne, di voler morire
    d'ogni picciola cosa e avere in cima,
    come lo sputo, il pianto. Se non fosse
    ch'io troppo t'amo e del tuo mal m'incresce,
    in fine al cuore avrei or con fatica
    ritenuto le risa. È pur vergogna
    tanta viltá.

    CRISAULO.    Dico che n'ho per sette
    de' buon consigli. Ma questo non basta:
    ché bisogna pazienza; di che i santi
    mancan talora.

    FILENO.        Eh! va': l'hai per costume
    questo voler morire. E poi per chi?
    Una fraschetta, che, chi la strizzasse
    tutta, non n'usciria tanto di buono
    che te n'ungessi un'unghia.


SCENA IV

      Filocrate viene a parlare a Calonide; e riman seco di
  sposar Lúcia di corto.

CALONIDE madre, FILOCRATE giovane,
LÚCIA figliuola, GIRIFALCO.


    CALONIDE.                       Chi è giú?

    FILOCRATE. Io sono. Aprite.

    CALONIDE.                   Aspettami, figliuolo.

    FILOCRATE. Non mi par giá cangiata. Oh! Dio volesse
    che non ci avesse visto! Iddio ti guardi,
    madre. Quanto m'allegro di vederti
    cosí di buona voglia! ch'istanotte
    non ho dormito mai, del dispiacere
    ch'ebbi, perché pensai che ci vedesse
    Demofilo, iersera.

    CALONIDE.          Anzi, ci vide:
    e me ne dimandò; ma tanto seppi
    bene acconciarla che poi non disse altro.
    E di qui presi occasion d'entrare
    ne' fatti tuoi; e, per fartela breve,
    tanto ho saputo ben dir mal di te
    che, d'uomo che ci fu giá sí ritroso,
    or n'è contento e l'ha rimessa in me.
    Che faremo ora?

    FILOCRATE.      E che! Va' che n'usciamo.
    Questo è stato ben fatto: aver disposto
    la cosa seco. Orsú, madre! Ora è fatta.
    Porgimi qui la man; ti do mia fede
    di non mancare; e cosí fa' tu a me.
    Quando farem le nozze?

    CALONIDE.              Ora, a tua posta:
    ché a me non manca se non provedere
    a certe cosarelle; poi, del resto,
    possiam farlo istasera. Ma indugiamo
    ancor duo giorni perché a lui non paia
    che siam corrivi. E tu fa' che non manchi.
    A te ne sto.

    FILOCRATE.   Perché? non è giá fatta?

    CALONIDE. È fatta, sí, ma vo' veder le nozze:
    ché non vo' star piú in questo struggimento,
    ché importa troppo; e lo starne sospesa
    non è sicuro.

    FILOCRATE.    Io sono a le tuoi voglie;
    altro non bramo. Ma vorrei che anch'ella
    mi toccasse la mano.

    CALONIDE.            Oh! S'è per questo,
    anco s'ha da far ben. Dálli la mano.
    Orsú! A chi dico?

    FILOCRATE.        Quando fia mai l'ora
    per me tanto felice che, legati
    d'eterno nodo, di tante fatiche
    e tanti stenti al fin mi sia concesso
    cogliere i dolci frutti? Aimè! ch'io temo,
    sí come mi cognosco al tutto indegno
    d'un tal tesor, che non mi sia negato
    da la mia sorte.

    CALONIDE.        Lascia andar da canto
    queste tuoi leggerezze. Ora attendiamo
    che si dia fine. E poi vo' che tu pigli,
    figliuolo, per potervi mantenere
    sempre nel grado vostro con onore,
    qualche onesto esercizio; ed io giá mai
    non ti son per mancar.

    FILOCRATE.             Lo voglio fare.
    E son restato in fine a questo giorno
    perché, mercé di lei, cosí inquieto
    era di mente che ad altro pensare
    non mi poteva dar che a dimostrarle
    quanto fosse 'l mio amore. E ancor la veggio
    tanto esser de le suoi rare bellezze
    superba e altera che non par si degni
    accettarmi per suo.

    CALONIDE.           Taci, figliuolo.
    Or non vo' dir piú in lá: ché, se sapessi
    gl'intrinsechi di lei, forse altrimenti
    ti parrebbe col ver; ché tutta notte
    m'abbraccia e bascia e spesso ancor, se 'l giorno
    non ci sei stato. In fine, ancora in sogno
    ti chiama e piange e meco si lamenta
    con dir che tu non l'ami; e ben talora
    c'è che fare appagarla.

    LÚCIA.                  Oh che bugie!
    Non è giá vero.

    CALONIDE.       Cosí fosse manco
    in tuo servigio come è da vantaggio
    di quel ch'io dico. Ma ben sai che poi
    non staria bene a lei essere ardita
    e parlar come me. Ma sia pur certo
    che d'affezion ti avanza.

    FILOCRATE.                Lúcia, è vero?

    LÚCIA. Che cosa?

    FILOCRATE.       Quanto ha detto, qui, tua madre.

    LÚCIA. Ha detto cose assai.

    FILOCRATE.                  Non ti ricordi?
    Che tu ami tanto me quant'amo io te.
    Ma non lo credo.

    LÚCIA.           Tu non sei cristiano,
    se tu credi sí poco. E perché questo
    non creder, sí?

    FILOCRATE.      Perché vedrei gli effetti,
    se cosí fosse. Or che rispondi a questo?
    Non ti fare insegnar.

    LÚCIA.                Faccia mia scusa
    la fanciullezza mia, ché inver non so
    darti risposta.

    CALONIDE.       E che vuoi che risponda?
    che non ha mai parlato con alcuno
    quanto or con te. Ve', ve'! Dimmi, Filocrate.
    Chi è quel vecchio? che ogni dí lo veggio
    passar di qua.

    FILOCRATE.     Piú presto di', ci impazza:
    ché, secondo che ho inteso, è innamorato
    costí di Lúcia e la torria per moglie.
    Guardalo, un tratto. Oh! gli è 'l buon capitale!
    Felice quella donna che l'avrá!
    ché è tutto robba.

    CALONIDE.          Oibbò! ibbò! ibbò!
    Che è quel ch'io sento? E quel vecchio pelato
    e gottoso vuol tôr donna ancor egli?
    Si li vuol dar. Te ne contenti, Lúcia?
    Guarda che bella cera!

    LÚCIA.                 Par lo sposo
    de la madre de' vecchi.

    CALONIDE.               Io dico il padre
    de' guattari che sono innamorati.
    Non si può bussicar, tanto è pasciuto!
    M'ha cosí cera che debbe esser nato
    a la luna mancante.

    FILOCRATE.          Eh! Il poverino
    non fu mai savio. Oh! Senti che si spurga.
    Gli è caduto il cimurro: avria bisogno
    de la scuffia de l'asino. Ah! ca! ca!
    Bella cosa ch'è un pazzo!

    CALONIDE.                 Orsú! Va' via,
    ché non pensasse mal: ché sai com'oggi
    si vive al mondo.

    GIRIFALCO.        Io son mezzo aggirato.
    Mi parve pur veder lá non so chi;
    ed or si fugge; e sento in qua romore.
    Qualche quistione è nata. Meglio è ch'io
    ritorni in dietro, che non ritrovassi
    quel che non vo cercando.


SCENA V

      Pilastrino porta a Orgilla da cena abbondantissimamente
  e commette che ordini per la sera; e, volendo ella saper la
  cagion di ciò, si parte. Ed ella chiama Eparo lavoratore
  ivi a caso per farsi aiutare: il che dimostra l'avarizia di
  Girifalco che non teneva famigli.

PILASTRINO, ORGILLA, EPARO villano.


    PILASTRINO.                   Orgilla! o Orgilla!

    ORGILLA. E che vuoi, Pilastrin?

    PILASTRINO.                     To' questa robba.
    Non morrem giá di fame.

    ORGILLA.                Oh! Oh! Puon mente.
    Ve' quanta robba! Oimè! Mi faccio il segno.
    Che vòl dir questo? È forse dodici anni
    che sono in questa casa e sí ti giuro
    che non ne ho visto mai per la metá.
    Dimmi, di grazia.

    PILASTRINO.       Non è tempo, adesso.
    Fa' d'aver cura a questo, che stasera
    ogni cosa sia cotto.

    ORGILLA.             Oh! S'io gli cuoco,
    ch'io caschi morta, se prima non dici
    la cosa come sta.

    PILASTRINO.       Tu vuoi ch'io 'l dica?
    In casa s'ha da fare un par di nozze.
    Bastiti questo.

    ORGILLA.        Seheh! Dimmi il vero.

    PILASTRINO. Attende qui.

    ORGILLA.                 Di grazia, dimmi il tutto.

    PILASTRINO. Nol saperai, se non m'attendi prima.
    Incomincia qui. Sú!

    ORGILLA.            Mezzi i pollastri
    arrosti e mezzi lessi e questa carne
    a l'ordinario e mezzi anco i pipioni
    faremo arrosto e gli altri in un tegame,
    da far solo a l'odor levare i morti,
    come so fare.

    PILASTRINO.   Iddio ti benedica.
    Tu sei saccente piú de la metá
    ch'io non pensava. L'altre cose tutte
    rimetto in te.

    ORGILLA.       Che vuoi far lí da canto
    di quel fagian?

    PILASTRINO.     Lo voglio di mia mano
    governare istasera: e imparerai
    un modo onde potrai fare al messere
    mangiarsi, un tratto, in cambio di lasagne,
    i suoi stivali. Come torna, digli
    che aspetti in casa; ché avrò il negromante
    stasera meco.

    ORGILLA.      E tu vai, Pilastrino?
    Che m'hai promesso?

    PILASTRINO.         Nulla.

    ORGILLA.                   Ah sciagurato!
    Tornaci pure a cena. O vecchio matto,
    dove hai lasciato andare il tuo cervello?
    dove è 'l tuo senno? Ho visto cento pazzi
    da incatenar che non farian mai quello
    che fai or tu in vecchiezza. Ma Dio voglia
    che non sia qualche tratto di costoro
    di mala sorte. Eparo! o Eparo!

    EPARO.                         Ben?

    ORGILLA. Ben fostú mézzo, sciocco!

    EPARO.                             Ben, madonna:
    che ti manca?

    ORGILLA.      Non altro se non quello
    che hai tu e non ho io.

    EPARO.                  Non so che m'av'é
    che questi pagni frusti qui di nogona
    ed una capannuccia a ca' e l'asina
    di mia moiera. Egghi negotta ancora
    che sia per ti?

    ORGILLA.        Sí ben che c'è; quell'asina
    di tua mogliera.

    EPARO.           Mò non g'ho di quella
    a far negotta é, ché l'è del suoccio.
    Li faccio ben le spese e la somezo
    e la governo ancor; ma l'è di lui.
    Maidò, non g'ho da fare é.

    ORGILLA.                   O cappachione,
    si vede pur che sei nato villano,
    c'hai piú dura la pelle de la testa
    e de la fronte che non han le bestie.
    Vo' farti scorto.

    EPARO.            E perché? Non ti intendo,
    se Dio m'aida.

    ORGILLA.       Perché spuntar fuora
    non ti posson le corna de la testa.
    E pur sei becco.

    EPARO.           Parla ch'io t'intenda;
    ché non son becchi ne' nossi paesi,
    se non quegghi che ammontan le bestiuole.
    I galli e le galline ancora l'hanno;
    ma non l'ho é.

    ORGILLA.       Ascolta, anima mia.
    Che vuol dir che tu sei sí grossolano?
    Vo' che tu venga a girarmi l'arrosto
    di qua in cucina.

    EPARO.            E che tanto cianciare
    e berlingar? Dimmi se vuoi covelle,
    ché vo' spazzar la ca'.

    ORGILLA.                Possi morire,
    se tu vedesti mai camicia a donna.
    Bufalo, e 'n questo mondo a che sei buono?
    Va', sta pur con le capre.

    EPARO.                     Vagghi ti;
    ché non sei buona se non da sbelare
    e non sai che ti voglia.

    ORGILLA.                 Guarda razza
    di matto scempio! Vorrei venir teco
    ad esser tua mogliera a casa tua.
    Te ne contenti?

    EPARO.          N'ho d'avanzo n'una é.
    Che credi, se ben siam grossi di pagni,
    che siam poi asen? ché non è bastante
    ad una donna sol tutto un comuno
    di nossi pari; e tu vuoi ch'in mia parte
    n'ava dò o tre! La non ti verrá fatta,
    Orgilla me.

    ORGILLA.    Orsú! Va' tra' de l'acqua;
    e porta sú tutt'oggi de le legna;
    tramuta quei pietron che sono a basso;
    e fa' netto il terrestre e la cantina
    com'uno specchio. Or vanne, bufalaccio!
    Si voglion gli animali adoperare
    solo a quel che son buoni.

    EPARO.                     Ben, madonna.


SCENA VI

      Torna Fileno da casa di Artemona roffiana e racconta
  piú cose strane che v'ha veduto.

FILENO, CRISAULO.


    FILENO. Addio, vecchiona. Parti che ne facci
    a dritto ed a traverso? E poi al padrone
    porta mille ciancette e vuol che creda
    che questa sia la prima che ha venduto
    e quel che fa sol faccia per servirlo,
    come intera e da bene!

    CRISAULO.              Ecco Fileno.
    Ringraziato sia Dio. Che nuove porti?
    che t'ha risposto? verrá qui istasera?
    ha fatto nulla?

    FILENO.         Non l'ho ancor trovata;
    ch'era, m'han detto, andata fuori al monte
    a cercar di certe erbe. Ho ben lasciato
    che venghi, come giunge.

    CRISAULO.                A chi parlasti?

    FILENO. A quei di casa, ché v'era una corte
    che l'aspettava. Io so che quella strega
    ha tutte le virtú cardinalesche
    e l'arti liberali. Mi ricorda,
    quand'entro in quella casa, de l'inferno,
    a quel ch'ivi si vede.

    CRISAULO.              Che dirai?
    T'intendo ben. Sei stato fino a sera
    lá, con qualche carogna che ha per casa,
    ed or vuoi far la scusa.

    FILENO.                  Io non lo niego.
    Ma non son giá carogne; ché, a la fede,
    c'è di bei visi.

    CRISAULO.        Tanto avestú fiato.

    FILENO. Vo' che vi venga, un tratto, e che tu veda
    l'opre belle che fa questa tua arpia.
    Il collo torto, il volto consumato,
    quegli occhi lagrimosi accompagnati
    con l'abito fratino e i paternostri
    che sempre biascia inganneriano il tempo
    che inganna ognuno.

    CRISAULO.           Di' che cosa è questa,
    se lo sai dire.

    FILENO.         Io te ne dirò parte.
    Tu vedi prima una casaccia antica
    fatta al tempo de l'arca; e poi le stanze
    fantastiche, affummate; e, per la casa,
    vecchie sciancate che paion Creonte;
    ed una infinitá di fanciullette
    che tien (come faremmo noi i capponi
    sotto la cesta) perché venghin belle.
    E, quando poi son grasse e da qualcosa,
    le vende, le trabalza e con danari
    ne fa ogni derrata. Ivi tutte hanno
    il lor proprio esercizio: una pesta ossa
    e piú cose bizzarre; una crivella
    le polveri e sementi; un'altra l'erbe
    mette ne le strettoie e cava il sugo;
    questa fa medicine; un'altra unguenti,
    penso, da gambaracci e simil cose;
    una è in lavar la trementina; e l'altra,
    falserá sollimato e, con salnitro
    e solforo, fará puzzar la casa.
    E vedi poi, d'intorno, mille fatte
    di lambicchi e campane da stillare,
    bocce di vetro le piú contrafatte
    del mondo. Ivi fornaci, scaffe e stufe,
    orci, fiaschi, arbarelli e tarabaccole.
    Per le fenestre fiori, erbe e sementi,
    radici, zucche, zucchelle e pignatte,
    laveggi, pignattini e speziarie
    e cose strane. E ci vedrai d'augelli
    piú membra; e piú animali scorticati;
    e pelle e grassi e sangui come inchiostro;
    unghie e capei morti.

    CRISAULO.             Io son giá sazio.
    Non mi dir piú, ti prego.

    FILENO.                   Odi ancor questa.
    Oggi vidi stillare a una campana
    che è fatta appunto com'un uom che s'abbia
    le man miso in su' fianchi; che credetti
    morir di rise. V'era cinque o sei
    di quei visi affummati intorno al fuoco,
    che parean le donzelle di Vulcano
    giú nel regno di Dite. Ancor piú oltra
    passando, vidi in una gran caldaia
    il piú schifo belletto, che a la prima
    mi fe' voltar lo stomaco a vederlo,
    ove dicevano esser perle e gioie,
    oro e coralli. Poi ne vidi un altro
    d'un'altra fatta, che v'era ammarcito
    un mondo d'uova e colombi favacci
    e teste di castroni e pilpistrelli
    e piú grassi e biturri e piú pastocchi
    che qualche volta.

    CRISAULO.          Sú! Fornisse, un tratto.
    Fa' che si ceni. Che ora può essere?

    FILENO. È passato di poco un'or di notte.
    Entriamo in casa.


SCENA VII

      Venendo di notte Filocrate a la posta a Lúcia e non
  vedendola, si pensa che una pignata, ove era steso un
  fassoletto, sia essa e non li voglia rispondere: onde se ne
  parte tutto pien di sdegno. Pilastrino, in questo, cercando
  Listagiro, si imbatte a veder tutto quello che fa
  Filocrate; ed apre piú la cosa e mostra che la cena si
  indugerá a l'altra sera per non aver trovato Listagiro.

FILOCRATE solo, FRONESIA fante a la fenestra, PILASTRINO.


    FILOCRATE.            E ch'io mi sia ingannato
    non può giá star; ché questa è pure appunto
    l'ora che m'ordinò. Vo' ritornare
    un'altra volta. Vincer pur devrebbe
    la lunga servitú, la mia pazienza
    sí cruda mente. Visch'! visch'! isch!
    Oh! Eccola; è venuta. Pensai bene:
    ché, s'io non ritornava, forse ch'ora
    s'andava al letto; c'ha la scuffia in testa.
    Guarda come riluce! T'ho aspettato
    qui, giá tre ore. Io non credo che pensi
    a me, se non a caso; e, per quai merti,
    o qual mio fallo, mi sei sí crudele?
    Ci debbe esser di nuovo qualche amante
    che ti de' tôr di mente la mia fede,
    l'amor, la servitú che tanto tempo
    hai visto in me.

    FRONESIA.        Chi sento giú? È Filocrate.
    Ma con chi parla?

    FILOCRATE.        Prego che mi dica
    la cagion del tuo indugio perché dentro
    giá 'ncominciava a sentir tanto sdegno
    che forse anco avrei preso de' partiti.
    Non vo' dire altro.

    FRONESIA.           Odi. Costui vaneggia.
    Oh! Va', ché tu m'hai pien del tuo cervello.
    Parla con l'aere.

    FILOCRATE.        Tu non mi rispondi,
    Lúcia? A chi dico? E' non sta però bene
    far tanto strazio di chi sai che t'ama
    piú che la vita propria. Aimè, che torto!
    Lúcia, ti prego, attende a quel ch'io dico.
    Non mi lasciare andar cosí istasera
    beffato a casa, ch'io ti do mia fede
    che te ne pentirai.

    FRONESIA.           Oh! co! co! Parla
    a una testaccia, che v'ho steso sopra
    un fassoletto.

    FILOCRATE.     Aspetto ancora alquanto,
    se ti muove piatá.

    FRONESIA.          Puoi aspettare.
    Chi nasce matto non guarisce mai.
    Il mal tuo non è a lune.

    FILOCRATE.               Deh! Se mai
    ti venne in cuor del mio lungo servire
    poco ricognosciuto e de la fede
    e di quanto per te giá mai soffersi
    amando e di giá tanti spesi giorni
    ne' tuoi servigi render qualche cambio,
    mostrami tutto in questo; e fammi grazia
    d'una parola.

    FRONESIA.     Ve' che bella predica!
    Cosa appunto da lui, oh! far l'amore
    a una pignata e voler convertirla
    con sí belle parole!

    FILOCRATE.           Aimè! che in vano
    prego un sasso, una tigre e mi querelo.
    Altronde porti i miei lamenti il vento;
    ch'io mi risolvo al tutto di cangiarmi
    di sentimento, poi che piace al cielo.
    La prima non è giá, ma ben fia forse
    l'ultima. Sí, che ancor ne piangerai!

    FRONESIA. Oh! Sta', ché si scorruccia. Voglio andare,
    ch'io creperei. Tratterrò in tanto Lúcia,
    ché non venisse a sorte a la fenestra
    e guastasse la torta. Oh! co! co! co!

    FILOCRATE. Abbi speranza in donne! abbi in lor fede!
    credeli il paternostro! Ahi reo costume!
    Chi tanto ha posto in voi di falso e vano?
    tanto di crudo, iniquo, acerbo ed empio?
    Chi vi ci fa suggetti? Ma che! Forse
    la sorte mia, perché non peni sempre,
    sempre non mi ritrovi in quello errore
    in che ora sono e perché n'esca un tratto,
    sí mi governa. Assai mi fia acquistato,
    questa sera, d'aver l'empia natura
    cognosciuto di voi. Prometto a Dio,
    per l'avenir, come foco e veleno
    e mortal peste, di fuggirvi sempre.
    Troppo era lieto de la mia fortuna
    che, sovr'ogni altra cosa desiata,
    ti m'avea dato. Ma cognosco or chiaro
    che tutto era a la mia futura vita
    amaro tòsco; perché, alfin, tai frutti
    si ricoglie di voi e di tai fiori
    tai fronde e rami suol vostra radice
    produr fra noi. Pianta empia, rea, mal nata!
    Che 'l ciel la sterpi. Ma di Giove l'ira
    a tanta iniquitá punire è tarda.
    Venga almen, poi, cosí grave e focosa
    che n'arda anca il terren con le radici.
    Voglio, prima, di questo consigliarmi
    con Sofomide mio. E, se ci è via
    che la possa lasciar, che a l'onor mio,
    mancando, non mancassi, anzi morire
    son risoluto che mi ponga in casa
    un drago tal, sí velenosa vipera
    m'allevi in seno.

    PILASTRINO.       Io sono stato un'ora
    a sentir questo pazzo. Che può avere?
    Tanti lamenti e tante bravarie!
    Debbe esser, certo, a la fenestra Lúcia,
    ché fa lo squartator; Vo' fare anch'io
    l'amore. È quella? Sta'. Non è? È pur dessa.
    Dico non è, potta de la fortuna!
    ch'è, credo, una pignata. Oh! co! co! co!
    Io so che l'è col manico. La voglio
    puor fra le cose del piovano Arlotto:
    come quell'altra che fece Listagiro
    per uscir di prigion; che si fe' morto
    e, quand'il portâr fuori a sotterrarlo,
    se ne fuggí, pestato prima il volto
    a un di quegli sbirri che 'l portavano
    con un gran pugno. Or veggio ben che Amore
    fa travedere appunto a questi sciocchi
    come fa 'l vino a me. La vo' contare
    in piú di cento luoghi, anzi ch'io dorma.
    Io lancio de la fame; ché ho cercato
    quest'altro parasito tutto il giorno.
    Or mi risolvo che non è possibile
    che ceniamo istasera. E che 'l vecchione
    impari, un tratto, a fare a la civetta
    in terzo con duo mastri di rapina!
    Forza è che l'indugiamo un dí vantaggio
    per farla netta; ché a trovar Listagiro
    non basteria 'l piú valente pilotto
    che guardi carta. Io so che in Pizzimorti
    non è stato oggi; e ancora in Fiaccalcollo
    né in Gattamarcia non è capitato.
    Sempre che abbiam da far qualche bel tratto
    par che intravenga questo. Fia forse ito
    verso 'l tinel del cardinal de' Medici
    a cortegiare il cuoco. Oh! Quel signore
    devria adorar ciascun, poi che senz'esso
    ogni virtú mendicherebbe un pane,
    come soleva, _nunc et usque in seculi_.
    Io mi muoio di fame; ed ho pensato
    di stendermi in fin lá, dove, se 'l truovo,
    scroccherò prima anch'io, poi daremo ordine
    a questo offizio per diman da sera.
    Lasciami caminar, perché a la mensa
    _beati primi_.



ATTO II


SCENA I

      Artemona viene, in sul far del giorno, a parlare a
  Crisaulo e li trae di mano un'altra soma di farina e
  prometteli, sotto scusa di andare a stender camicie, di
  parlare a Lúcia.

ARTEMONA roffiana, TIMARO, CRISAULO.


    ARTEMONA.          Ta, ta. Saran tutti a letto.
    Piace anche a me 'l dormir.

    TIMARO.                     Chi batte giú?

    ARTEMONA. Amici. Apri: son io.

    TIMARO.                        Pare una donna.
    E chi sei tu che vai cosí a quest'ora?
    Oh brutta vecchia! Se non par la strega
    che vadi in corso!

    ARTEMONA.          Dimmi: ove è Crisaulo?

    TIMARO. E che buona faccenda? qualche polli,
    cosí a buon'ora?

    ARTEMONA.        Quel che vuoi, speranza.
    Non mi fare indugiar, ché non è ora
    da star per via.

    TIMARO.          Non dubitar, figliuola,
    ché non sarai rubbata.

    ARTEMONA.              Oh! Basterebbe
    perder l'onor.

    TIMARO.        Che? la verginitá?
    Se tu non perdi quelle che hai venduto...
    che son piú d'un million.

    ARTEMONA.                 Dissi l'onore.

    TIMARO. Oh! l'onor c'hai struziato a mille amanti
    e mille donne. Credo ch'omai d'altro
    puoi perder poco.

    ARTEMONA.         Tu non l'hai chiamato.
    Di' che son io, ché mi spedirá, forse.

    TIMARO. Eccol che viene. Arruffati, barbuta.

    ARTEMONA. Dio ti facci contento.

    CRISAULO.                        E te meschina,
    donna maestra di non dir mai vero
    e vender ciancie.

    ARTEMONA.         E perché dici questo?
    Ancor io non ti intendo.

    CRISAULO.                Son ben tante
    quelle che tu ci fai che con fatica
    te ne puoi ricordar; senza mille altre.
    Ove m'hai fatto ultimamente andare,
    che aspettai tanto e non vi fu persona?
    Che vuoi ch'io pensi?

    ARTEMONA.             Oh! Di cotesto sai
    che non tel dissi certo; ma pensava,
    secondo che m'avea detto la fante,
    che la vi andasse. Non ci ho colpa alcuna.
    Dio sa'l cuor mio. Oh se tu fossi, figlio,
    quel ch'io ti prego ognor!

    CRISAULO.                  Non è in proposito.
    E poi fai 'l grande meco.

    ARTEMONA.                 Odi. Ti giuro
    sopra l'anima mia che appunto or ora
    son giunta a casa: ché da lune in qua
    non mi son mai partita (io tel vo' dire)
    d'un monastero; ch'una mia compagna
    mi ci ha tenuto a lavar certi panni
    del padre confessoro. Oh paradiso!
    Biat'a lor che v'andranno!

    CRISAULO.                  Io non ricerco
    i tuoi travagli. Dimmi se facesti
    di quella mia.

    ARTEMONA.      Sí, sí. Lasciami dire.
    Da poi ch'io ti trovai v'ho messo mano;
    e 'l dí dopo, in bel modo, feci a Lúcia,
    ridendo, cenno di voler parlarli.
    Ella non s'è mostrata in alcun modo
    né di qua né di lá, ché sta in sul savio
    per amor de la madre; ma dimane
    la coglierò in soquadro, se crepasse.
    Voglio tre o quattro de le tuoi camicie
    piú belle per lavarle; e con degli altri
    panni le stenderò ne la sua altana.
    E lascia che a la prima non li parlo,
    che farò qualche ben.

    CRISAULO.             Non ti dico altro
    se non che quanto mai ce n'è bisogno:
    ché so ben come sto. Fa' di servirmi
    e serviti di me.

    ARTEMONA.        Ti vo' contare.
    Quella farina, ch'è forse otto giorni
    che mi mandasti a casa, il mio figliuolo,
    quel maritato, venne, non ier l'altro,
    quand'io non era in casa, e se la prese
    dicendo che n'ha piú di me bisogno.
    Ond'io son senza; e, per trattare or questa
    tua impresa, non lavoro o faccio niente;
    e cosí non guadagno: onde conviene
    alfin ch'io stenti. Di darti fastidio
    a me ne incresce. Abbimi per iscusa
    che 'l bisogno mi fa forse far quello
    che non feci mai piú.

    CRISAULO.             Basta. T'ho inteso.
    Timaro, fa' portare a questa donna,
    a casa, un'altra soma di farina;
    e, se vuole ancor altro qui di casa,
    dálli quello che vuole.

    ARTEMONA.               Oimè meschina!
    Vivrò mai tanto che mi sia concesso
    rendere in cambio di sí larghi doni,
    non parole, ma fatti? E forse tali
    che tu sempre cognosca tanto bene
    non aver fatto, se ben poverina,
    a donna ingrata. Certo, ch'io non posso,
    almeno in render le debite grazie,
    scioglier parola.

    CRISAULO.         Non grazie o parole.
    Fa' ch'io sol veda, lá dove bisogna,
    parole e fatti; ché so ben c'hai l'arte
    e la lingua da far muovere un sasso,
    non ch'una donna.

    ARTEMONA.         Vo' che sian gli effetti
    che provin l'arte, l'amore e la fede.
    Resta con Dio.

    CRISAULO.      Fa' di tenermi a mente.
    Va'. La accompagna tu per fine a casa,
    Timaro.

    TIMARO. Ben, signor. Son de le nostre,
    se séguiti cosí. Vecchia scanfarda,
    sará ben forza ch'io ti cavi gli occhi,
    se non sei onesta piú nel dimandare
    per l'avenir. Ti farò lavorare,
    se vòi viver crestosa. Oh! Parti bella?
    Sgomborarmi la casa con le some!
    Fa' conto di venir piú regolata;
    ché, per Dio vero...


SCENA II

      Lúcia si lamenta di Filocrate e manda la fante a
  cercarlo.

LÚCIA, FRONESIA.


    LÚCIA.                   Aimè, caro Filocrate!
    Son pur passati giá tre giorni interi
    e non ti veggio. Ove son le promesse
    che cosí caldamente, tante volte,
    a mia madre ed a me festi di tôrmi
    e sempre amarmi? Di quante lusinghe,
    quante false parole e quanti inganni
    son sempre pieni, omini senza fede!
    Quante son quelle che nel fin rimangono
    da voi ingannate! Ahi quante crude morti!
    quante passion portiam per creder troppo!
    Non posso desiar di te vendetta;
    né, potendo, vorria: perché piú quella
    sopra di me verria che a te medesmo,
    quando la ti venisse. Sol ti prego
    che vogli aver di sí dogliosa vita
    qualche pietade.

    FRONESIA.        Io te l'ho detto sempre
    che non bisogna fare in lor disegno
    mai di fermezza; ché son fatti appunto
    come le foglie e, con modi e parole
    e, come dicon, con lor servitú,
    trattengon tutte. E, s'avesser con mille
    commoditá, tutte gli son padrone;
    tutte li fan morir. Poi, vedi, al fine,
    i portamenti lor mostran l'amore
    e il lor poco cervello.

    LÚCIA.                  Orsú, Fronesia!
    Voglio che vadi a dimandar di lui
    in qualche luogo e che non torni a casa
    se non me ne dái nuova interamente.
    E pregal quanto puoi da parte mia
    ch'io li vorrei parlar.

    FRONESIA.               Mi metto in via.
    E lascia fare a me, ché non è un'ora
    ch'io l'ho parlato. Ma tu, se madonna
    gridasse, sappi trovar qualche iscusa.
    Ed io son qui in un punto.

    LÚCIA.                     Va', sorella:
    e sappi far.


SCENA III

      Pilastrino e Listagiro vengono, avanti ora di cena, da
  Girifalco, temendo che, per la troppa roba comprata, il
  vecchio fosse sdegnato; e, trovandolo meglio disposto,
  Listagiro li guarda la mano; e partensi con ordine di
  tornare a ora di cena.

PILASTRINO, GIRIFALCO, LISTAGIRO parasito.


    PILASTRINO.      Buona sera, messere.

    GIRIFALCO. Oh! Siate i ben venuti, i miei figliuoli!
    Ben mi pareva d'avervi sentito;
    e però son venuto in su la porta
    ad incontrarvi.

    PILASTRINO.     Come sta la cena?

    GIRIFALCO. Sará in ordine a l'ora; ma, se pensi
    di trattarmi cosí...

    PILASTRINO.          Perché?

    GIRIFALCO.                   Spendesti
    piú di mezzo il ducato.

    PILASTRINO.             Non è vero.
    Eccoci a brontolare. Ah discrissione!
    Orsú! Fa' che beviamo almeno, un tratto,
    acciò che meglio possiam ragionare
    senza seccarci.

    GIRIFALCO.      Pilastrin, piú regola.
    Non è poi meraviglia se stai sempre
    malsano perché nuoce fuor di modo
    il ber cosí ad ogni ora; ché, nel corpo,
    fa come, in un laveggio, mentre bolle,
    puor l'acqua fredda che toglie il bollire:
    onde nascon di poi l'infermitá,
    come tu vedi.

    PILASTRINO.   Oh! co! co! Chi sentisse
    parlar costui del modo e de la via
    del non mangiar né ber non penserebbe
    che fosse un Ippocrasso o un Gallinello?
    Cosí c'è dotto!

    GIRIFALCO.      Per grazia di Dio,
    sempre ho trovato che mi giova assai
    non m'acciarpare. E vedi che ho passato
    di molto il tempo che la maggior parte
    non suol passare. Ma che c'è di nuovo?
    In piazza che si fa?

    PILASTRINO.          Si vende e compra
    de' frutti e de l'erbette; e qui di nuovo
    avrem da cena.

    GIRIFALCO.     Tu sei sempre in berta.

    PILASTRINO. Vuoi ch'io ne dica un'altra?

    GIRIFALCO.                               Sí, di grazia.

    PILASTRINO. Questo ci abbiam di nuovo: che Crisaulo
    fa del suo resto; ed or, per questa giostra,
    apparecchia livree d'argento e d'oro,
    infin per gli staffieri; ed ha comprato
    ora un corsier cinquecento ducati.
    Pensa se è bello!

    GIRIFALCO.        Tu non di' da vero.
    E come 'l sai?

    PILASTRINO.    Ti voglio dir la cosa.
    Passava ier da casa di Calonide.
    Ed erano ivi aspettarlo a la porta
    duo servi o tre. E mi fermai con loro,
    alquanto, a ragionare; e intesi questo
    con mille altre grandezze che di nuovo
    fa per colei.

    GIRIFALCO.    Oimè! che mala nuova
    è quella che mi porti, sciagurato!
    Poi non debbe esser vero; e tu lo dici
    per vedermi morire.

    PILASTRINO.         Oh! tu ti cangi
    cosí di cera! E' par che abbi paura
    di quel marcetto. N'è ben gran pericolo
    che ti scavalchi!

    GIRIFALCO.        Or to' questi ristori,
    Girifalco meschino. E sí, fu vero?
    Era pur dentro in casa quel tignoso?
    Vedesti 'l tu?

    PILASTRINO.    Sí, vidi poi a l'uscire,
    che fu in sul buio; ma non so giá dirti
    quel che v'avesse fatto.

    GIRIFALCO.               Aimè tapino!
    Perché voglio piú viver? Prego il cielo
    che faccia in modo ch'io mi rompa il collo
    prima ch'abbi a morir di questa morte.
    Cara la vita mia, non ti ricordi
    giá piú di me. Tu mi fai pur gran torto,
    ché sai che 'l primo dí non ti cercava.
    E tu ti innamorasti cosí forte
    di me che non vivevi ben quel giorno
    che non facevi dirmi qualche cosa.

    LISTAGIRO. Lascia pur: ti trarem questi pensieri.

    GIRIFALCO. Ed ora, che t'ho posto un poco amore,
    sei sí ritrosa! E forse ancor mi cambi
    per una nebbiarella. Che se, un tratto,
    mi dá fra l'unghie, ne vo' fare appunto
    quel che fo d'un pidocchio. Oh! ah! ca! ca!
    Che sará poi?

    PILASTRINO.   Del tuo resto, s'io posso.

    GIRIFALCO. Ghiottoncella, che m'hai cavato il fiato!
    Ma ti voglio cavare a te de gli occhi
    quel riso e quelle frasche.

    PILASTRINO.                 E però è buono
    che sia venuto qui questo mio amico;
    perch'è persona che ti saprá dire
    la cosa come sta e forse trarti
    d'ogni tuo affanno.

    GIRIFALCO.          E che induggiamo, adunque?

    PILASTRINO. Non si può far, di giorno. Poi, istasera,
    dipoi cena, potrem mettervi mano
    e far qualcosa buona. E, perché veda
    ora qualcosa, mostrali la mano.
    Guarda, maestro Abraham.

    LISTAGIRO.               Per contentarvi.

    GIRIFALCO. Ecco. Guarda, maestro, se a' tuoi giorni
    vedesti man sí bella e dilicata,
    colorita e ben fatta.

    LISTAGIRO.            Bella, bella,
    se Dio mi guardi. Tu non debbi molto
    curarla con saponi ed acqua fresca,
    per ordinario.

    GIRIFALCO.     Sí, quando è l'estate.

    LISTAGIRO. E 'l verno?

    GIRIFALCO.             Maffenò, ché allor mi lavo
    sol con la calda.

    LISTAGIRO.        Ho veduto a la prima.
    Oh bella vita! oh bei monti! oh begli anguli!
    oh che bei segni! oh! gran particolari
    v'è da vedere! Io, per me, mai non vidi
    la piú felice man. Guarda, messere.
    Non voglio far come che soglion certi
    che dicon mille cose, poi fra tutte
    non si ricoglie un vero. Io sempre dico
    qualche particolar che sia notabile
    e lascio le lunghezze. La man, prima,
    è bella com'un cesso.

    GIRIFALCO.            Come «un cesso»?

    LISTAGIRO. Attendimi, se vuoi. Dissi: non cesso
    di veder tuttavia cose piú belle
    quanto piú guardo. Quando non mi intendi,
    talor, non ti curar; ché ora non puoi
    esser tanto capace.

    PILASTRINO.         Orsú! Incomincia.

    LISTAGIRO. Prima, per quello che si può vedere,
    hai una vita lunga piú che n'abbi
    altra visto giá mai. Viverai tanto
    che, per vecchiezza, debbi andar carpone
    per terra con le mani e verrai sordo,
    orbo ed attratto: ma v'è tempo ancora
    piú d'ottant'anni.

    GIRIFALCO.         Oh! Quello andar carpone
    che non sia qualche mal! ché non ne ho visto
    alcun cosí.

    LISTAGIRO.  Perché intraviene a pochi
    tanto invecchiare. E non è poi gran cosa,
    quand'altri si ci avvezza.

    GIRIFALCO.                 E come è questo?
    haine mai tu veduti?

    PILASTRINO.          Van per terra
    co' piedi e con le man, per la vecchiezza,
    come i cavalli e, quasi ogni stimana,
    bisogna ancor ferrargli; ché, altrimenti,
    per i gran calli che han sotto a le piante,
    non potrian bussicarsi.

    GIRIFALCO.              Uimei! Che sento?
    E mi bisognerá mettere ai piedi
    i ferri con i chiodi?

    LISTAGIRO.            Sí; ma in modo
    che non posson far mal, perché quei calli
    vengono appunto duri com'un'unghia
    d'un cavallo e, se ben v'entrano i chiodi,
    non si posson sentir.

    GIRIFALCO.            Dio me ne guardi!
    Ché vo' inanzi morir dieci anni prima
    che venire a cotesto; ché, in un giorno,
    mi romperian le calze e gli scappini:
    e forse mi dorriano.

    LISTAGIRO.           A questo, allora,
    in qualche modo provederem noi.
    La tua vita sará lieta e felice,
    benché, per il passato, l'abbi avuta
    alquanto travagliata; ché sei stato
    uomo di grande ingegno e penso ch'abbi
    fatto gran robba.

    GIRIFALCO.        Eh! cotesto, non molto:
    ché sempre mai si spende e poi 'l guadagno
    non risponde a un gran pezzo.

    LISTAGIRO.                    E poi tu spendi
    liberalmente, ché sei uomo largo.

    PILASTRINO. Sí, tanto! nel forame.

    LISTAGIRO.                         Ancor non penso
    ch'abbi figliuoli; ma, in fra poco tempo,
    ti se n'aspetta (per quello che mostrano
    quelle linee che vedi in fra quei monti
    che fan duo stelle) duo maschi a la fila,
    perché si fa la congiunzion di Giove
    ne la casa di Venus. E di questo
    allegrati perché, per via di madre,
    nasceran di bellissima progenie.
    Al nascimento lor, che non c'è forse
    mille anni, ti dirò de la lor vita
    cose grandi. E, se questo non ti fosse
    destinato dal ciel, giudicherei
    che tu venissi, un tratto, ne la Chiesa
    un gran privato.

    GIRIFALCO.       Cardinale? o che?

    LISTAGIRO. Forse che sí; perché, giri a suo modo
    il ciel, che ti s'aspetta poi in vecchiezza
    felicitá.

    GIRIFALCO. Se vien fatta quell'altra,
    non vorrei esser papa.

    PILASTRINO.            Oh scempionaccio!
    Ti trarrem ben l'amor.

    LISTAGIRO.             E de la vita
    sei talora infermiccio; ma 'l tuo ingegno
    vede di lá dai monti.

    GIRIFALCO.            Questo è vero:
    ché, quando voglio fare una cosa io...
    Orsú! Non vo' lodarmi. Di persona
    non son giá infermo: ché, da questa poca
    di gotta in fuori e certo mal di rene
    e la pietra, che è giá forse vent'anni
    che la sento, con questo catarretto...,
    oh! co! co!...

    PILASTRINO.    Ti dia Iddio.

    GIRIFALCO.                   ... aiuti anche a te...
    ... mi sto assai bene.

    LISTAGIRO.             Orsú! Tien questo a mente.
    Tu déi venire, anzi che passi troppo,
    al desiato fin d'una tua impresa:
    e fia per la virtú di duo pianeti
    le cui opposizion debbon pure ora
    mancare al fin di questa nuova luna.
    E le cose che son giá lungamente
    desiate verranno a buoni effetti.
    Però sia allegro. Or non vo' qui discorrere
    il ciel di cerchio in cerchio e i loro aspetti.
    Ma ho detto appunto.

    PILASTRINO.          Basta. È da vantaggio.
    Diamo una volta in piazza.

    GIRIFALCO.                 Io non potrei,
    maestro, ringraziarti a la metá
    di quel che...

    LISTAGIRO.     Lascia andare or le parole.
    Ringrazia il cielo che ci ha fatti degni
    di tanta sua virtú.

    PILASTRINO.         Studia la cena.

    GIRIFALCO. Non furia, Pilastrino, perché Orgilla
    mal può sola conciar tante vivande
    quanto comprasti.

    PILASTRINO.       Avresti da allegrarti
    e tenerti felice, che ho provisto
    robba a bastanza: ch'io ti so dir certo
    che t'avremmo mangiato al manco mezza
    cotesta tua giubbessa in su le spalle
    e da mano e nel petto; che sarebbe
    com'un presciutto appunto.

    LISTAGIRO.                 Oh! co! co! co!
    Tu mi farai crepare. E la berretta?
    Non n'hai fatto menzion. Che par caduta
    nel catin de la morca di dogana
    e sarebbe bastante a cento frati
    de l'Osservanza a condire un minuto
    di duo caldaie.

    PILASTRINO.     Quel si ci intendeva.


SCENA IV

      Artemona, parlando da sé, mostra di aver parlato a
  Lúcia ed aver ricevuto da lei villania; e, in questo,
  truova Fronesia che cercava di Filocrate. E, partitesi
  l'una da l'altra, Fronesia si pensa di non cercar piú
  Filocrate ma fare, in favor di Crisaulo, uno inganno a
  Lúcia.

ARTEMONA, FRONESIA.


    ARTEMONA. Che farai, vecchia? Vuoi dare a Crisaulo
    questa cattiva nuova? Io veggio certo
    che non si fa per te. Gliel dirò pure;
    ma in destro modo. E vo' veder s'io posso
    farlo suonar di qualche bolognino
    per riavermi di quella paura
    che m'ha fatto colei. E, se non sono
    al cane adesso, non ne vo' quattrino;
    che mi farebbe far senza disagio
    mille miei faccenduzze. Ecco Fronesia.
    Non par quasi turbata punto in vista.
    Debbe averla istimata forse anch'ella,
    com'ho fatto io. E dove, cosí in furia?
    Come andò poi la cosa?

    FRONESIA.              Eh! manco male.
    Ha fatto pace meco.

    ARTEMONA.           Lo sapeva;
    ché non fu mai tempesta che durasse.
    Io t'arei da insegnar come hai da fare
    che questo toro ti divenga agnello,
    se potessi fermarti.

    FRONESIA.            Non è tempo,
    ch'è troppo tardi. Ci vedrem dimane.
    Non voglio piú cercarlo, poi che ho inteso
    ch'è fuori in villa e non si sa pur dove.
    Onde avrò luogo di fare un bel tratto
    in favor di Crisaulo e far mio sforzo
    di cavarneli al tutto de la mente:
    ché, infin che sta cosí, non è possibile
    che pensi ad altro; ché noi donne sempre
    pigliamo il peggio. E, se fia suo marito,
    sendo pover di robba e di parenti,
    faranno amendui insieme i stentolini
    ed a me sará forza procacciare
    altronde il pan. Ma se, per opra mia,
    venisse in mano di Crisaulo ricco,
    so che gran doni non mi mancherebbono.
    E, se piacesse a Dio che la sposasse,
    sarebbe ella felice ed io, contenta,
    me n'andrei seco. E di tutta la casa
    sarei donna e madonna; e con alcuno
    di quei bei giovanotti servitori
    mi starei qualche volta a sollazzare;
    e cosí lieta sguazzerei il mondo.
    A la croce di Dio, che è ben pensata!
    Diman voglio trovar la vecchia e seco
    consigliarmi di questo; e che pensiamo
    qualche malizia nuova.


SCENA V

      Artemona, trovato Crisaulo, li narra quello che è
  seguito de la sua imbasciata e lo lascia mentre egli si
  lamenta d'Amore: in che poi forte crescendo, preso da uno
  accidente di cuore, si vien meno; e, per una orazione di
  Fileno suo servo fedele, ritorna.

ARTEMONA, CRISAULO, FILENO.


    ARTEMONA.                  Io non pensava
    piú di trovarti.

    CRISAULO.        Eccomi qui. Che nuove?

    ARTEMONA. Cattive e dolorose.

    CRISAULO.                     Aimè! Son morto.
    Contami il tutto.

    ARTEMONA.         Eh! Non cosí cattive
    che nochin con effetto, ché vedrai
    che te la vo' domar; ma, per adesso,
    si mostra aspretta.

    CRISAULO.           Sará tanto, al fine,
    ch'io ne morrò. Dimmi come è passata,
    di punto in punto.

    ARTEMONA.          Oggi vi sono stata:
    e la fante mi la ha fatto parlare,
    sotto quelle camicie; ed io da lunge
    mi mossi per ordir la buona tela.
    Ma costei se n'accorse nel principio:
    onde mi colse ben, ché è gran ventura
    ch'io ne sia ritornata senza offesa.
    Ma ancor, per questo, non aver pensieri;
    ché, anco che crepi, le vo' trar del capo
    la bizzarria.

    CRISAULO.     Ben l'avev'io pensato:
    ché la cognosco per la piú crudele,
    la piú ingrata e scortese che nascesse
    mai sotto il cielo. Ahi lasso sfortunato!
    Questo è 'l buon guidardon di tanta fede?
    Deh non foss'io mai nato!

    ARTEMONA.                 Taci, dico.
    Ascolta.

    CRISAULO. Sí, s'io posso: ch'io mi sento
    mancar l'anima dentro. Ma che fia?
    Dopo tanta miseria, al fine, un giorno
    verrá pur lieto e, dopo tante morti,
    una che mi trarrá di questi affanni.
    Questo s'acquista.

    ARTEMONA.          E va'; riserba altrove
    tanta disperazion: ché, se sapessi
    il lor cervello come è dentro fatto,
    com'io so giá per mille, non potresti
    se non sperar. Ti giuro, sopra questa
    anima peccatrice, ch'io la tengo
    piú sicura che s'io l'avessi in casa.
    Ché, a dire il vero, non è cosa al mondo
    sí varia e ad ogni vento tanto mobile
    quanto è la mente lor. Nulla è si stabile
    in lor che non si muti poi col tempo
    e con ingegno ed arte.

    CRISAULO.              Io ben lo provo.
    Orsú! Vo' che mi dica che ti pare
    che abbiamo a fare; e cosí governarmi,
    se per me si potrá.

    ARTEMONA.           Non ho tempo ora,
    ché ti direi una mia fantasia
    sopra di questo; ma ci voglio meglio
    pensar. Lascia, ch'io vengo infra duo giorni
    con qualche aiuto. Fa' che, in questo mezzo,
    tu non ti pigli affanno.

    CRISAULO.                Iddio volesse
    che lo potessi far!

    ARTEMONA.           Fa' di sforzarti.

    CRISAULO. Deh! Perché non poss'io tante parole
    formar col pianto o, co' sospiri ardenti,
    dar tanto di valore a questi venti
    che al cielo ancor de l'acerbe mie pene
    giunga pietade? Ché giá qui mi pare
    ch'ogni cosa mortal meco s'attristi,
    meco pianga e sospiri e mostri in vista
    di compassion sembiante; se non quella
    che sol desia vedere in mezzo agli anni
    quest'alma spenta. E giá condotta è a tale
    che poco manca che sí dura vita
    non abbandoni e si ritorni ignuda
    al suo Fattor.

    FILENO.        Caro padrone, affrena
    questi tuoi pianti. Tu vuoi pur far lieti
    i tuoi nimici e noi sempre tenere,
    miseri, in duolo. Se non vuoi aver cura
    a te medesmo, abbi almanco rispetto
    a noi; che piú t'amiamo e piú nel cuore
    abbiam le tuoi passion, gli affanni e pene
    che piú ci affliggon che le nostre istesse.
    Prendi questo leuto; e, per uscire
    di tanto duolo, fa' che suoni e canti
    qualche canzone allegra.

    CRISAULO.                Altro non posso
    cantar se non di quel che dentro il cuore
    mi muoverá.

    FILENO.     Sú! Non star piú; ch'io senta.

    CRISAULO.

            MADRIGALE

        Non vedrá mai queste mie luci asciutte,
      in alcun tempo, il cielo
      né l'alma de le dolci fiamme spenta
      per fin ch'ella si spogli,
      lieta, del mortal velo,
      lasciando il corpo e l'amorose lutte.
        Alta luce, che accogli
      l'anima ch'è contenta
      in cosí dolce foco arder mai sempre,
      con meno amare tempre
      scorgi l'alma che è giunta all'ultim'ora;
      poi che, morendo, ancor t'ama ed onora.

    FILENO. Ah! Tu sei pur di bello in su la grossa!
    Oh! Che canzone è quella, da cantare
    il dí de' morti!

    CRISAULO.        Ahi! Luce di mia vita,
    che al cor lasso di sí dolci pensieri
    fosti esca un tempo, altro or da me non vuoi
    che pianto e morte. È venuto omai l'ora.
    La ti do volentieri.

    FILENO.              Aimè, padrone!

    CRISAULO. Io passo. Potrai dirle tu con vero
    ch'io son morto per lei.

    FILENO.                  Timaro, corri;
    porta aceto rosato e malvagía
    e confessioni. Aimè! ch'io tremo tutto,
    ché 'l padron si vien meno. O sommo Iddio,
    chiunque puoi col sol benigno sguardo
    al mio caro signor porgere aita,
    deh! muovati pietá, se quella solo
    ne gli spirti celesti vive e alberga;
    né vogli di sí cruda e acerba morte
    di chi piú che sé t'ama e sopra a tutti
    li iddii t'onora esser cosí cagione.
    Ma, se pur questo fosse in suo destino
    e 'l ciel cosí dispuon che Amor questi occhi
    lassi chiuda piangendo, a te mi volgo
    (se feci mai perché benignamente
    merti d'essere udito) che nel cielo
    sei piú potente, Amore; e sol ti priego
    che pria mi facci de la morte dono
    (ch'io te la chieggio in grazia) che ciò segua:
    ché assai piú amara e piena di spavento
    questa mi fòra e quella men dogliosa,
    lasciando in vita lui.

    CRISAULO.              Che fai, Fileno?
    Mi pare aver sentito apparir, dentro
    ne le tenebre mie dell'intelletto,
    luce d'immortal guardo che gli oscuri
    e dogliosi pensieri in parte m'abbia
    riconfortato. E m'è venuto in mente,
    quando si truova un poverino ignudo,
    nel tempo de le nevi, essere, in luogo
    diserto, sí aggelato che giá l'alma
    si sia partita, pur restando alquanto
    nel cuore ancor del caldo naturale,
    che, venuto un allegro e ardente sole,
    li porta, insieme con un dolce caldo,
    la vita giá perduta.

    FILENO.              I caldi prieghi
    sono stati, signor, che ho qui, piangendo,
    porti a quel Sol che col suo divin raggio
    sempre ti può far vivo.

    CRISAULO.               Non fia mai
    in me dimenticato tanto amore.
    Anzi, per fin che sará questa vita
    meco, l'avrò con gli altri tuoi infiniti
    buoni uffici nel cuore.


SCENA VI

      Pilastrino, avendo cenato col vecchio, esce ebbro di
  casa: e, caduto di contra a la porta di Crisaulo, la
  famiglia sua esce fuori con arme dubbitando di romori.

PILASTRINO ebbro, FILENO.


    PILASTRINO.                 Oh! oh! co! co!
    Sta', sta', ch'io vengo. Ohu! Sú! sú! Listagiro,
    corri, ché la casa trema, ca...cade.
    Lascia, lascia 'l vecchio, ché affumma tutta.
    Oh! co! co! Ve' ch'io 'l dissi. Eccola in terra.
    L'addovinai pur. Leva! leva! Lasciami
    spegn...gne...gne...gner quel mocchilone. Addio!
    Sta' sú, Pilastrino, in su la persona.
    Te n'hai fatt'una ben...ben...buona, a raso
    canale. Oh! Stammi cosí bene allegro.
    Sí, sí, gli è buono: ch'è piú dolce ch'essere
    in su la pancia (oh che dolce morire!)
    d'una vitella cotta col formaggio;
    ch'è piú dolce che 'l mele. Oh! Cosí vogliono
    esser gli uomini li...liberali! Ohu!
    oh! co! Guarda come gira ben...bene
    il tetto in su la piazza! So, so che nol
    farebbe Iddio che non ci sia qui al mulin
    di Bertaccio. Sta', sta', che viene. Eccolo.
    Véllo. Sta' pur fermo. Non mi ti accostar,
    ché son troppo stanco. Ecco lí quan...quante
    belle donne! Se non mi pare 'l bor...boor...
    borgo nuovo! Leva! leva! fugge! oh!
    fugge sotto, ché 'l ciel ca...casca! Ve' che 'l
    camino arde in cu...cucina. Sú! Leva
    la torta. Ve' che mi struggo tutto, ahuè!
    d'ambascia. Oh! S'io non pagassi un pan unto,
    qui, il letto de la Gnesa, tan...tanto mi
    vien sonno! Oimè! come mi duol lo stomaco
    ne le budella! Ve', lá giú, quan... quante
    pecorelle! Vo' saltare anch'io e ballar
    d'allegrezza. Lasciami appoggiar prima
    con la persona. Chiocciola marinella,
    cava fuor le corna. Oh potta di santo...!
    Par ch'abbi la febbre, cosí mi bolle
    il fegato! Oh! Bogli bogli, calderon,
    per dispetto del tuo padron. Oh! co! S'io
    mi reggo d'allegrezza, ch'io diventi
    speziale o sbirro. Lascia ch'io fornisca
    questa, e vengo. Streppiti e calderoni,
    ch'io li ho impegnati. E viva la ca...
    Sta', non mi dar la spinta. Eccomi giú.
    Oimei, c'ho rotto dentro! auhè!

    FILENO.                         Chi è quello?
    Timaro, chi è lá? Senti? Chi grida?
    Che romore è? Che vuol dir, Pilastrino?
    Tu non rispondi? È morto. Aiuto, aiuto!
    Arme, arme! Fuori! ché gli è stato morto,
    qui, Pilastrino. Accennami col dito
    se ancor sei vivo.

    PILASTRINO.        Oh! oh! oimè meschino!

    FILENO. Non c'è mal, non c'è mal.

    PILASTRINO.                       Ben... ben sapeva
    ch'oggi m'avea a venir qualche disgrazia.
    S'io campo, faccio voto di vestirmi
    pinzocora del terzo ordine. Oimei! oh!
    che m'esce il fiato.

    FILENO.              Guarda lá gaglioffo!
    Forse ch'io nol pensai che gli è ubbriaco,
    questo impiccato? M'era giá venuto
    il cuor, di compassione e di paura,
    ad un granel di miglio. Che t'han fatto?
    Di', Pilastrino.

    PILASTRINO.      Son caduto giú
    da le mura de la ròcca. Oimei! Aiutami,
    qua giú nel fosso, fratello, ch'io moro.
    Vorrei la candela da benedire
    e ben da bere in questo affanno.

    FILENO.                          Parti
    ch'abbia ben preso l'orso per gli orecchi,
    questo poltron? Sta' sú, che sei ubbriaco
    spolpato. Quel che avresti di bisogno
    in questo mal sarebbe un braccio e un terzo
    d'un buon querciuol. Questo porco da stalla,
    ch'ogni tre dí si cuoce!

    PILASTRINO.              Tu non dici
    il ver, se fossi mia madre. Ti vo' far
    men... men... mentir per la gola. Aspettami,
    assassino! ch'io ti voglio accusare.
    Non camperai da le mie mani. È desso,
    quel traditor, quel biroldaio, boia.
    Ti vo' cavare il cuor, coglion, co l'unghie.
    Lasciami pure arrizzare il ca... capo
    ben... bene. Sta'. Tien... tienti alto. Oh! Bene!
    Io me ne vado in chia... chiazzo Barletti
    a ber con l'oste. Addio.



ATTO III


SCENA I

      Listagiro e Pilastrino fanno uno incanto piacevole al
  vecchio il quale, per mezzo di quello, pensa, la sera,
  godersi di Lúcia; e, fattolo stracinare ai diavoli e
  leggatolo sotto una scala, gli svaligian la casa e
  rompengli i forzieri e escon fuori carichi di robbe con i
  sacchetti in mano dei danari.

LISTAGIRO, PILASTRINO, GIRIFALCO.


    LISTAGIRO.                   O Pilastrino,
    non mi stringer a questo perché sai
    che la Chiesa lo vieta. E, se qualcuno
    m'accusasse al Vicario, che sarebbe
    atto a tenermi che non ruinassi?
    So come fanno.

    PILASTRINO.    Tu puoi pur pensare
    che, se ben non sapessi la natura
    di quest'uomo da ben, non ardirei
    dimandarti tal cosa; ma, per altro,
    l'ho cognosciuto esser sí liberale
    e per l'amico che vo' che tu 'l serva
    per amor mio. Non pigliar piú lunghezze.
    Mettiamvi mano.

    LISTAGIRO.      Io ti credo ogni cosa.
    Ma questo tu sai pur che non si puote
    fare in un punto, come pensa, forse:
    perché bisogna prima comandare
    che sia portata; e poi far ch'ogni notte
    venga da sé, senza mandar per lei.
    E questo poi non manca. Giá lo feci
    per uno ambasciator di Portogallo
    che mi donò cinquecento ducati
    in tanti razzi: e feci che, in un'ora,
    l'ebbe nel letto.

    PILASTRINO.       Non guardar giá a quello;
    ché è ben persona, questo gentiluomo,
    da farti il tuo dovere.

    GIRIFALCO.              Io t'imprometto,
    se fai ch'io l'abbia in letto, di vestirti
    tutto da capo a piè, senza mille altre
    cose ch'io ti darò. Tu avrai prima
    tanto guarnel che fará un bel giubbone,
    che era fodra d'un saio di mio padre;
    ed un paio di calze di scarlatto
    a martingala, ch'ebbi dal Gonnella,
    che ne l'avea donate il duca Borsio,
    e non son fruste che un poco al ginocchio;
    ed un par di pianelle come queste,
    che non son rotte. Poi le scarpe nuove
    comprerem questa pasqua.

    PILASTRINO.              Che ti pare?
    Di' poi di nol servire!

    LISTAGIRO.              Io son forzato,
    poi che ti veggio esser cosí magnanimo.
    Mi vo' fidar di te. Le bolge e i libri
    ch'oggi ti lasciai in man...?

    PILASTRINO.                   Son ben qui presso.

    LISTAGIRO. Ordina, adunque, come t'ho insegnato,
    ogni cosa ivi in terra. Truova i cuori
    di colombi e di gufi; e ben rassetta
    tutti quegli instrumenti e quei sacchetti
    e libri; e fa' da te quella orazione.
    E consacra la casa in ogni canto
    con quei licori. E troverai quel sangue
    di fenice da far tutti i caratteri;
    e la verga e la stola.

    PILASTRINO.            Sará fatto.

    LISTAGIRO. Come sei ben gagliardo in su le gambe?
    ché, a questo, non si siede.

    GIRIFALCO.                   Eh! Sí, assai bene:
    ché sto tal volta in piedi un'ora in piazza,
    senza avervi che fare. Or pensa! A questo,
    che l'ho sí caro, vo' far de le gambe
    palanche.

    LISTAGIRO. Oh bene! E de le braccia salci.
    Ella è la vite che a le tue palanche
    si leggherá co' salci. E questa tutta
    sará la vigna.

    PILASTRINO.    E noi i lavoratori
    che ricoglion il vin senza sementi,
    sol per zappare e saper ben congiungere
    le palanche a le viti.

    LISTAGIRO.             Sta' in cervello,
    ch'io te la do istasera in ogni modo
    anzi che vadi al letto; e poi l'avrai,
    ogni sera, invisibile. E potrebbe
    venirti ancora in odio per il troppo,
    ché sei pur vecchio.

    GIRIFALCO.           Averò prima in odio
    quest'occhi, questa vita e queste membra
    che quel bocchin.

    LISTAGIRO.        Ci penserai poi tu.
    Quanto tempo è che non sei confessato?
    ché questo impediria.

    GIRIFALCO.            Mi confessava...
    non mi ricordo quando.

    LISTAGIRO.             Or non c'è dubbio.
    Le cose anderan ben.

    PILASTRINO.          Mi parria buono
    avedimento a velargli la fronte
    perché possa durare e, per le varie
    cose, non s'abbarbagli e, all'apparire
    de' diavoli, non tema.

    GIRIFALCO.             Fate voi
    quel che vi pare il meglio. Ma, di grazia,
    in che forma verranno?

    LISTAGIRO.             In varie forme.
    Chi d'animai, chi di donne e di pesci
    piglian la pelle; e chi ne la lor propria
    vengono e son sí brutti che tremare
    fanno in fine al solaio di paura;
    e cosí in altri modi. E farti male
    non posson, se di giá tu non parlassi;
    ché allor ti salirian tutti a la pelle.
    Pur, non ti farian mal; ma forse avresti
    qualche paura. E, se pur tu volessi
    segnarti o chiamar Dio, tien bene a mente
    che ti porterian via. Ma, se vuoi nulla,
    chiama il diavol per nome.

    GIRIFALCO.                 E come ho a dire?
    Satenasso? Così, pian piano? o forte?
    Questo non ci verrá?

    LISTAGIRO.           Sí, sí; va bene.
    Hai giá imparato. Ma chiamane un altro,
    se questo non vi fosse.

    GIRIFALCO.              Gambatorta?

    LISTAGIRO. Tutto sta bene. Si può incominciare.
    Férmati cosí in mezzo.

    GIRIFALCO.             E voi sarete
    diavoli? o pur cosí?

    LISTAGIRO.           Appunto! Questo
    nol possiam far. No, no. Mutarci in diavoli?
    Lascia pure andar tutti questi dubbi;
    e dispuonti a la cosa.

    GIRIFALCO.             Eccomi qui.
    Cari fratelli, mi vi raccomando
    che non mi faccin mal.

    LISTAGIRO.             Or ciascun taci.
    Férmati in questo cerchio; ed avertisci
    di non parlar, se non come t'ho detto.
    _Miástor, ániptos chiè dolichóschios,
    teostighìs, cantílios chiè nodòs,
    móscos apalotrephìs chiè ámpelos
    frenomoròs, gereòs chiè phalacròs,
    te claudo in hoc circulo et te invoco,
    exorcizo et tibi ac tuis impero,
    demon Maladies, ut ludifices
    cum caracteribus vestri nominis
    istum perditum_. E, per la gran virtú
    di questi nomi tuoi, con le caterve
    de la tua compagnia, fa' che ne venga
    e porti Lúcia inanzi che trapassi
    a l'orologio il termin di tre ore.
    Fa' che tu non ti muova. Sta' piú ardito
    su la vita.

    PILASTRINO. Tien questa.

    GIRIFALCO.               Satenasso!

    PILASTRINO. Non sono ancor venuti. Sta' paziente:
    ché al terzo incanto...

    LISTAGIRO.              Porgemi quell'acqua.
    _Auturgòs, chrismodòs, agauròs, criòs,
    cladéutir, inófliz, antíphron, lícnos
    chiè áutis táchistos, attende in tuo
    circulo et argue, invoca, increpa omnes
    demones a Sathana usque ad Saraboth:
    nec deerit tibi virtus et vis in
    mei nomine_. Lascia pur del cielo,
    de la terra, de l'erbe e de le piante
    le natural virtudi; e stringe forte
    chi ti crede per forza, ché in fra poco
    verrai un altro uomo.

    PILASTRINO.           Ferma!

    GIRIFALCO.                   Satenasso!

    PILASTRINO. Tien quest'altra, per burla.

    GIRIFALCO.                               Gambatorta!

    PILASTRINO. Sta', Girifalco, se ben fossi tócco:
    ché vengono or.

    LISTAGIRO.      Senti com'io son destro!

    GIRIFALCO. Maladies!

    PILASTRINO.          E 'l malanno! Taci, un tratto.
    Lascia fornir l'incanto.

    LISTAGIRO.               _Párochros chiè
    sapròs, hipnilòs, philárghiros, chriódis..._
    Sú! Tien. Ben tócco.

    GIRIFALCO.           Oimei! M'ha rotto il capo.
    Non poteva piú star. Mi portan via,
    a l'inferno. Oimei! Orgilla! Aiutami.
    Son morto. Oh!

    LISTAGIRO.     _Órseo, orchózo, chielévo,
    epióntes_. Riportatel qua nel cerchio.
    Fate che non vi ponga tutti quanti
    ne le catene. Parvi che sia giusto
    volernelo portare, in mia presenza,
    sol per dire «oimei»?

    PILASTRINO.           Meriteriano
    che gli leggassi tutti. Tun! tun! tun!

    GIRIFALCO. Oimei, anima mia! ché sarò morto
    prima ch'io t'abbi.

    PILASTRINO.         Or abbiam bello e fatto.

    LISTAGIRO. Rimedio non v'è piú.

    GIRIFALCO.                      Son morto. Aiuto!
    Misericordia! Oimè! O Pilastrino,
    m'han preso per il collo.

    PILASTRINO.               Oimei! Fo voto
    Mi portano ancor me.

    GIRIFALCO.           San Gimignano!
    Una testa di cera, s'io ne scampo.
    Ribbaldella, sarai pur di me sazia,
    che sei cagion di questo. O Satenasso,
    perché mi legghi sí le mani e i piedi?
    Lasciami, priego, ritornare a casa,
    ché non sono ancor morto. E ti prometto
    di mutar vita ed andare in un bosco
    a mangiar l'erba e farmi un uomo santo.
    Oimè! che la corata mi si schianta
    di doglia; ché giá sento, in fin di qui,
    rompere i miei cascioni che i vicini
    denno rubbarmi. Che sia maladetto
    mio padre e la mia madre e la mia balia
    che non mi soffocorno quando nacqui,
    per venire a tal punto! Ah, vita mia!
    Dove debbe essere or quel boccolino?
    Se tu 'l sapessi, di tanta disgrazia,
    l'avresti pur per male. Oimei! O Lúcia!
    Oimei! M'han rotto un braccio. Oimè! la testa.
    Mi strozzan tuttavia. Sono a l'inferno,
    in mezzo al fuoco.

    PILASTRINO.        È pure andata netta.

    LISTAGIRO. Fa' in modo, Pilastrin, che non vegnamo
    a le mani in fra noi.

    PILASTRINO.           Partirem tutto.
    Nettiam pur presto.


SCENA II

      Fronesia, parlando con Lúcia, dimostra averle giá
  contato quel che pensò cercando Filocrate; e di nuovo gne
  le narra; e, messole in disgrazia Filocrate, le mostra che
  fece male a dir villania a la roffiana e le persuade che,
  per l'avenire, la tenga amica.

FRONESIA, LÚCIA.


    FRONESIA.               Non l'avresti mai
    pensato che ti avesse in questo modo
    lasciata. O parti che questo sia amore,
    a l'incontro di quel che porti a lui?
    Ve' come v'ingannate a creder tanto
    a chi vi fa buon viso! ché non fanno
    profession d'altro che di darne ciance
    e di tenerci in berta.

    LÚCIA.                 Non si puote
    con lor cognoscer tanto. Ma vedrai
    ch'io vo', per l'avenir, mutar costume
    e fuggirgli da lunge: perché, poi,
    non si può far di non prestargli fede
    o in tutto o in parte; tanto piú che quello
    che noi vorremmo crediam facilmente.
    Ma dimmi brevemente un'altra volta
    come facesti.

    FRONESIA.     Ti par duro a crederlo?
    Dico che giá l'avea cercato alquanto
    quando intervenni esser fuor di Bologna
    duo miglia. Ed io v'andai; ma, quando giunsi
    appresso al luogo, ch'era una capanna,
    mi venne incontra, forte borbotando.
    E, quando mi cognobbe, a presti passi
    tornava a dietro. Ed io forte 'l pregai
    che si fermasse, ché da parte tua
    li voleva parlare: onde si volse
    e disse tutto quel che giá t'ho detto,
    con arroganza; e, in presenza d'alcuni,
    ci minacciava.

    LÚCIA.         Ti prometto certo
    che m'è sí uscito de la fantasia
    che non li son mai piú per voler bene,
    se vivessi mill'anni.

    FRONESIA.             Hai da sapere
    che è ben gran tempo che la sua natura
    ho cognosciuto e forse l'avrei detto
    inanzi che ora; ma ti li vedeva
    troppo inclinata.

    LÚCIA.            Ora, per l'avenire,
    forse li sarò manco.

    FRONESIA.            Oh! Mi facesti
    il gran dispetto, ier, quando gridasti
    con quella vecchia che trovasti meco:
    non per altro se non che son poi genti
    c'han pratiche infinite e dicon sempre
    de' fatti d'altri; e d'una cosa tale
    si laverá la bocca in mille luoghi.
    Ed a te non stan ben sí fatti nomi,
    perché sai quel che importa: tanto piú,
    avendoti ora forse a maritare
    ad altri che a Filocrate.

    LÚCIA.                    E chi è quella?
    Ha la cattiva cera.

    FRONESIA.           Non guardare
    a quello: ché, se poi la cognoscessi,
    avresti caro che ti fosse amica;
    ché ha poche pari.

    LÚCIA.             E in che?

    FRONESIA.                    Prima, ella cuce
    e fa de le suoi man quello che vuole.
    Fa poi profumi rari e d'ogni sorte
    acque e belletti. Ed ha mille secreti
    che vagliono a l'amore; che, se avessi,
    inanzi questo, aúto la sua pratica,
    ti avria saputo dir se pure in vero
    questi t'amava. Ed io, per questo solo,
    desiderava che pigliassi seco
    pratica, perché poi potresti avere
    da lei quel che volessi. Ma sei donna
    troppo di tuo cervello.

    LÚCIA.                  Me ne incresce,
    a fé, d'averlo fatto; ma non puoti
    lasciarla dir, quando la vidi entrare
    in certe ciance.

    FRONESIA.        Non si vorria mai
    rompersi con altrui cosí a la prima,
    senza ascoltar ragion. Se non volevi
    sentir parlar di quel giovin, che disse
    volerti tanto ben, ma non devevi
    dirnele sí con ira; ché, se forse
    lo cognoscessi, ancor non ti parrebbe
    uom da farsene beffe; ch'egli è pure
    (anco che tu non vogli), in ogni cosa,
    altr'uomo che Filocrate.

    LÚCIA.                   Io lo so.

    FRONESIA. Parti che bisognasse usare, adunque,
    simil parole seco?

    LÚCIA.             A me sta male
    dare audienza a tutte queste cose,
    se non con quegli che m'avesser poi
    a tôr per moglie.

    FRONESIA.         Se tu avessi fatto
    miglior cera a costui, che sai che, al fine,
    non ti sposasse? Parriati star bene?
    Poco cervello! Come ti governi,
    cosí ti troverai. Segui colui
    ch'è venuto or villano in ogni cosa
    lá dove prima fu sol di costumi!
    Questi, ch'è giovan, bello, ricco e nobile
    e cosí ti vuol ben...

    LÚCIA.                Che ne sai tu,
    che ne parli cosí?

    FRONESIA.          Passo ogni giorno
    quasi dal suo palazzo e bene spesso
    vado sú da la madre. E, per tuo amore,
    sempre mi viene in contra e mi saluta
    e fa carezze. Ed ivi di continovo
    usa colei; che avrá forse giá detto
    di quella subbitezza.

    LÚCIA.                E questo pensi
    che l'avrá detto a lui?

    FRONESIA.               Forse che sí.
    Ma, quando ne li avesse ancora detto,
    farem cosí. Direm che eri adirata
    con la madonna, se ci torna piú;
    perché l'ho giá piú volte detto che eri
    cosí gentile. E tu, per l'avenire,
    non ti portar cosí perché daresti
    un nome attorno d'essere un gallaccio,
    un'altieraccia: come san poi dire,
    ché aggiungon sempre.

    LÚCIA.                È stato buon che m'abbi
    fatta avertita, ché, per l'avenire,
    ci avrò piú cura; perché veggio anch'io
    che non sta bene.


SCENA III

      Artemona, cercando Crisaulo, si incontra in Pilastrino
  rivestito de' panni del vecchio scorciati e rifatti; e li
  dimanda di Crisaulo. E, non avendo da lui risposta a
  proposito, lo lascia; e, trovato Crisaulo, li dá per
  consiglio che dia parole a la madre di Lúcia di sposar la
  figliuola.

ARTEMONA, PILASTRINO, CRISAULO.


    ARTEMONA.         Io non so omai piú dove
    cercar quest'uomo. Sará andato in villa.
    Quel non è Pilastrin? Par diventato
    gentiluomo; non è piú parasito.
    È desso, per mia fé. Ne vien ridendo:
    debbe aver fatto pace col boccale.
    Questo è quello a cui piú crede Crisaulo
    che al paternostro. Oh poveretti amanti!
    U' son condotti!

    PILASTRINO.      Addio. Che fai, mia zia?
    Quant'è che non magnasti qualche putto?
    Ve' se non par la stria che, a questi giorni,
    si scaldò il culo in piazza per avere
    usato carnalmente con Lucifero!
    Vedi bel naso fatto a campanello!
    Tu sei pur tutta bella, anima mia.
    Ti va' donar quatro di questi fichi,
    se vuoi venir a stare un'ora meco
    al necessario.

    ARTEMONA.      E che vorresti, poi,
    pan perduto?

    PILASTRINO.  Vorrei farti i miei fatti,
    costí, nel tuo grembial.

    ARTEMONA.                Guarda sgarbato!

    PILASTRINO. Oh! Mi vien la gran voglia, se sapessi...

    ARTEMONA. E di che?

    PILASTRINO.         ... di sederti in su la faccia
    senza le brache. Gli è pur fatto a posta
    quel tuo nasin per farmi un argomento.
    Deh! vien, ti priego; ch'è piú d'otto giorni
    che n'ho bisogno.

    ARTEMONA.         Io t'ho per iscusato,
    ché sei ubbriaco; ché t'avrei fino ora
    cavato gli occhi. Dimmi, se tu sai:
    ove è Crisaulo?

    PILASTRINO.     Cosí nol sapessi!
    ch'è non so quanto ch'era giú da basso,
    in cantina, di sopra, a la fenestra,
    che dormiva nel letto.

    ARTEMONA.              Io son piú matta
    a parlar con costui!... Vatti in mal'ora;
    vatti imbriaca.

    PILASTRINO.     Voglio andarvi or ora.
    Son tanto allegro che non par ch'io possa,
    d'allegrezza, tenermi in su le gambe.
    Vedi che ho dato, un tratto, un pugno e un calcio
    a questa povertá, madre tignosa
    del freddo e de la fame e de' pedocchi.
    Ma non potrò durare in questo stato,
    ché la bontá suol sempre il fondamento
    esser de la miseria; e, s'io in quel punto
    era da bene, ora sarei mendico.
    Voglio mutar costumi, or c'ho la robba,
    e diventar un asino.

    ARTEMONA.            È quattro ore
    che t'ho cercato. Ho pensato una via
    e l'ho in parte giá messa ad effetto.
    A me par buona:...

    CRISAULO.          Non mi indugiar. Dillo.

    ARTEMONA. ... perché veggiam che a noi sarebbe assai
    poter, per ora, solo avere audienza;
    e, se questo facciamo, il resto è nulla.
    E certo verria fatta, se dái ciance
    che la torresti tu, com'io feci oggi
    con la madre; e lo fei come da me.
    Ella, benché mostrasse di nol credere,
    sí volentieri par che l'ascoltasse
    ch'io penso che la cosa di Filocrate
    sia prolungata. E chi ha tempo ha vita.
    Che pare a te?

    CRISAULO.      Mi piace, se a te piace.

    ARTEMONA. Ma ti bisogna molto essere accorto,
    in questa cosa, perché non pensassimo
    prender chi poi, nel fin, prendesse noi:
    ché anzi vorrei morir che simil cosa
    venisse per mio mezzo.

    CRISAULO.              E perché questo?

    ARTEMONA. Perché bisogneria che tu facessi
    conto sol di fuggire o co' parenti
    venir forte a le mani.

    CRISAULO.              Io non ho cura
    d'altri che di me stesso, in questi casi.
    Pur, perché vada ben, piglia tu il modo:
    ch'io son per ubbidirti.

    ARTEMONA.                Vederemo
    quel che si potrá far. Forse domane
    io le riparlerò. Fa' d'esser savio,
    in dar parole, e non lasciar ridurti
    piú lá di quel ch'io ti terrò ammonito:
    ché Amore è cieco e vuol con gli occhi d'altri
    esser guidato e dal senno d'altrui
    aver governo; onde 'l fingiam fanciullo
    e nudo perché è cosa naturale,
    non trovata da noi, e alato e lieve
    perché 'l suo star non dura mai gran tempo.


SCENA IV

      Filocrate, ritornato di fuori, vien per veder Lúcia. E,
  avendolo visto Fronesia da la fenestra, li va in contra, e
  falli un altro tradimento improviso con il quale ingannò
  ancora Lúcia. Per questo poi Filocrate, la sera,
  impazzisce.

FILOCRATE, FRONESIA, LÚCIA.


    FILOCRATE. Vivace Amor, che negli affanni cresci,
    che dolci lacci e quai catene d'oro
    son quelle con che i tuoi suggetti alleghi?
    con quai fiamme gli accendi? e di quai pene
    dolcemente gli affliggi? e con quai punte
    gli sproni e muovi? e come, in mezzo al corso,
    gli affreni e stringi? Quel non sente affanni,
    doglie, travagli, vigilie o fatiche
    che a te non serve. Non gusta dolcezza
    sovr'ogni altra dolcezza o beatitudine
    chi 'l tuo mal non soffrisce. Prima l'alma
    lascerá queste travagliate membra
    ch'io possa mai (per gran ragion ch'io n'abbia)
    di te dimenticarmi e non mai sempre
    esserti servo.

    FRONESIA.      Addio. Sia 'l ben tornato.
    La mia padrona ti si raccomanda,
    la qual mi manda a te (perché t'abbiamo
    visto in fin di lá giú in piè de la strada)
    a pregarti, di grazia, che per ora
    non passi in alcun modo lá da casa,
    ché Demofilo è in loggia. E la cagione
    di questo ti vorria dire istasera
    a le tre ore: che tu ci venissi,
    ma bene accompagnato, perché forse,
    non istimando, interverrieti male.
    Cosí ti priego che tu sia contento
    e che torni istasera. E che sia il vero,
    di subito ch'io giungo in su la porta,
    te ne dará segnale; e tu allor volgi
    a dietro. Sei contento?

    FILOCRATE.              Son sforzato
    esser contento, poi che cosí, in questo
    contento, chi potria me sovr'ogni altro
    far felice e contento?

    FRONESIA.              Vien pian piano.

    FILOCRATE. E che sará venuto ora di nuovo,
    sfortunato Filocrate, oltre a tante
    giá passate disgrazie? Iddio pur voglia
    che non sia intervenuto ora qualcosa
    che di lei insieme e d'esta afflitta vita
    mi faccia privo.

    FRONESIA.        Lúcia, buona nuova.

    LÚCIA. E che mi può venire in questo stato
    che mi possa allegrar?

    FRONESIA.              Passa Filocrate.
    Debbe esser ritornato a l'uccelliera.
    Fatti a vederlo.

    LÚCIA.           Ah fosse pure il vero!

    FRONESIA. Dico che passa giú.

    LÚCIA.                        Guarda se alcuno
    è in su la strada.

    FRONESIA.          Non veggio persona.
    Io so che s'è attillato! Non par quello
    che vidi allora.

    LÚCIA.           Aimè, ben mio! Mi fosse
    concesso almen di venirti abbracciare,
    ché tanto mi sei stato, a questi giorni,
    nel cuore! Oh! Guarda, guarda che si volge!
    Vedi, Fronesia, che, come ci ha viste,
    si fugge? Non avranno mai fin queste
    tuoi scortesie? Or per prova cognosco
    quello che ad altrui mai avrei creduto.
    Tu sai pur quant'io t'amo. Ed, in dispregio
    de la mia vita, m'hai vòlto le spalle
    perché, dopo sí lunghi e amari pianti,
    da te non abbi un sol breve conforto
    di vederti almen tanto quanto, senza
    tua noia, il passar qui mi concedesse:
    come forse anca (chi sapesse il vero)
    t'era bisogno.

    FRONESIA.      Appágati di questo,
    Lúcia. C'è peggio.

    LÚCIA.             E che mi può far peggio?

    FRONESIA. Volesse Iddio che cosí fosse il vero!
    ché sarei piú contenta.

    LÚCIA.                  Dimmi tutto
    quello che c'è, se mi vuoi far piacere.
    Non indugiar.

    FRONESIA.     Questo non farò io:
    ché so meglio di te se sia piacere
    intender cose tali; e poi non voglio,
    per l'affezion che gli hai.

    LÚCIA.                      Omai di questo
    non mi san piú per tôr passion né affanno,
    visto quanto in lui regni villania
    e ingratitudine; anzi, il grande amore
    è vòlto in odio.

    FRONESIA.        Tel vo' dir. Suo danno!
    Io era, poco fa, sú, a la fenestra,
    quando il vidi apparir lá giú lá giú.
    E, d'allegrezza, non potei soffrire
    di venirti a chiamar; ma gli andai in contra
    e, giuntolo al fornaio, il salutai
    da parte tua. Ma non patí ch'appresso
    gli andassi, ché mi fece un viso arcigno,
    come quel giorno; e, minacciando forte,
    parlava da ubbriacco. Io mi li tolsi
    dinanzi e, nel parlar che fe', mi parve
    sentirli dir che istasera a tre ore
    tu l'aspettassi, ché volea venire
    a punirti di tanta iniquitá
    e tanti tradimenti; e forse in modo
    (dicea) che non fara' peccati, dopo:
    onde mi ritornai, correndo, a casa.
    E tremo ancora.

    LÚCIA.          E questo è vero? Oimè!

    FRONESIA. Cosí fosse altrimenti!

    LÚCIA.                           E che fará?

    FRONESIA. Potrebbe venir qui con una schiera
    di quei suoi soldatacci; e tôrti a forza
    e far quello che vuole e porti poi
    in vergogna del mondo.

    LÚCIA.                 Oimè meschina!
    E che farem? Non voglio che mi truovi.
    Anderò a stare a casa di mia zia;
    e lo dirò a mia madre, poi che 'l cielo
    cosí dispuon di me.

    FRONESIA.           Non è da fare,
    ché non si potria poi trarli del capo
    qualche mal. Tu sai pur com'ella è fatta:
    che non vuol che lo guardi, se non quando
    ella è in presenza. Ho pensato un bel modo.
    Fa' com'io ti dirò. Va' che istasera
    l'aspettiamo a quell'ora; e, se 'l vediamo,
    voglio che tu li dica due parole
    come t'insegnerò.

    LÚCIA.            Farò a tuo modo.
    Ma pur che non ci tirino de' sassi,
    come ci veggian qui!

    FRONESIA.            Non dubbitare:
    provederemo a tutto. Andiam di sopra
    e ci consiglieremo. E sará buono
    che 'l sappia ancor la vecchia.


SCENA V

      Pilastrino si viene a rallegrare con Crisaulo e
  mostrali un sacchetto di scudi; e poi si parte da lui per
  andargli a sotterrare.

PILASTRINO, CRISAULO.


    PILASTRINO.                     Addio. Rallegrati
    meco, Crisaulo.

    CRISAULO.       Di cotesti panni
    a la civile?

    PILASTRINO.  Appunto! C'è ancor meglio.
    Voglio che noi ridiam, se mi prometti
    di tacer sempre.

    CRISAULO.        Cosí ti prometto.

    PILASTRINO. È fatto il becco a l'oca. Oh! co! co! co!
    Son pure allegro.

    CRISAULO.         Tu puoi sí crepare,
    ch'io non ti intendo.

    PILASTRINO.           Quello innamorato,
    quel nostro amico, mentre che aspettava
    che gli fosse portato la sua dea,
    la sera, a letto, per negromanzia,
    i diavol l'han portato. Ed io l'ho fatto,
    al forzier de' danari... Oh! co! co! co!...

    CRISAULO. Oh! Dillo, un tratto.

    PILASTRINO.                     ... la barba di stoppa.
    Fatti in qua. Che son questi? M'è ingrossato
    la maestra e' testicoli.

    CRISAULO.                Ed è vero?
    Come non è crepato di passione,
    il poverino?

    PILASTRINO.  Se è morto, suo danno!
    Io so ben che sta mal, se non ha tratto
    le loffe al vento.

    CRISAULO.          L'ho pensato sempre,
    in questa intrinsichezza, che a la fine
    li mostreresti quel ch'è l'impacciarsi
    con Pilastrini. Io so che, questa volta,
    tu l'hai saputa far senza mollette.
    Ma, a dire il ver, la ladroncellaria
    è troppa grande.

    PILASTRINO.      Sí! L'hai bello e detto!
    Chi non gli avesse fatto un tale scherzo,
    non avria mai imparato in questo mondo
    come si vive, quell'uomo di legno.
    Ed or, chi sa? potrebbe ravedersi;
    ch'era cosí in amore omai perduto
    che facilmente, un tratto, da se stesso
    si sarebbe appiccato. Or io l'ho tratto
    di tutti questi affanni; perché penso
    che questo sará stato medicina
    a farli uscir l'amor da le calcagna.
    Cosí non sentirá l'amare pene
    che lo facevan talor dare al diavolo.
    E non saria gran cosa che morisse
    da buon cristiano, un giorno, a lo spedale;
    onde sarebbe stato co' danari
    sempre un giudeo. Poi, par che tu non sappi
    quel che dice 'l diverbio che «_de rebus
    que male diviserunt non gaudebis
    tertius heredes_».

    CRISAULO.          Va'; sta' pur discosto:
    meco non partirai.

    PILASTRINO.        Oh che dolcezza
    a maneggiar queste patacche gialle!
    Ne giova piú che del fuoco l'inverno
    e del fresco l'estate e d'un buon greco
    quando son riscaldato nel parlare.
    Oro, piú dolce che 'l zuccaro e 'l mele
    e piú assai che 'l mangiare a la taverna
    e poi dormire! perché, senza questi,
    quel paradiso è chiuso e ne intraviene
    com'a' viandanti, ne' tempi di peste,
    senza la fede. Io non vorrei qui, ora,
    il piú bel cul che mai mostrasse augello
    pelato ne lo spiedi o ver di donna
    vergine abbracciamenti. Questo è degno
    piú d'ogni cosa e tanto dolce e amabile
    che mi fa tutto qui struggere in oglio.
    Or non mi meraviglio se quel vecchio
    tanto è vivuto piú che non deveva
    senza mangiare o ber; perché mi penso
    che si pascesse d'esta dolcitudine,
    come farebbe ognun.

    CRISAULO.           Guarda che in te
    non facciano il contrario; che, anzi 'l tempo,
    non ti faccin morir con un capestro:
    ché sai ben che a la fin...

    PILASTRINO.                 Tu hai poco ingegno.
    Deh! Non mi ricordare i morti, a tavola.
    Or credo ben che quel Giupiter, Giove,
    quando s'innamorò, si rivolgesse
    in questa forma. Guarda gran fatica
    ch'ebbe, a far ch'una donna l'abbracciasse!
    ché, se fosse la Morte inorpellata
    con questo, gli anderia dietro ciascuno
    né sarebbe secura nel suo regno.
    Ch'altro è vedere una gran verga d'oro
    che 'l viso d'una donna! E questo il pruova:
    che veggiamo adornarne un lucernaio
    e parere una sposa.

    CRISAULO.           Altro non s'ama,
    oggi, altro non s'onora; e saria degno
    di tanto onor, se non avesse seco
    sempre tanto di amaro e tante pene
    e tante passioni.

    PILASTRINO.       Io voglio ire ora
    a sotterrargli, che non veggian mai
    piú l'aria: perché gli è d'una natura
    che a chi non l'ama sbudellatamente
    s'ingegna di fuggire, e in questo ha l'ale;
    al ritornar, di poi, ne vien gottoso,
    vecchio e sí lento che, 'l piú de le volte,
    siam morti prima che di nuovo a noi
    sia ritornato.

    CRISAULO.      Non è giá possibile
    che 'nsieme con amor non venga a pari
    la gelosia. Chi l'avria mai creduto
    che, a questo modo, in fine a Pilastrino,
    sol per aver danar, divenga avaro?
    Oh! Va' pur lá.



ATTO IV


SCENA I

      Filocrate viene a tre ore, accompagnato, per parlare a
  Lúcia, la quale li dice, per consiglio di Fronesia, una
  gran villania; ed egli, per il non sperato tradimento,
  divien furioso.

FILOCRATE, COMPAGNI, FRONESIA, LÚCIA.


    FILOCRATE.      Fatevi qui da canto,
    appresso al muro, ché non diam sospetto
    a chi passa; e guardate bene intorno,
    se vedeste qualcosa; e fate solo
    quel ch'io farei per voi.

    COMPAGNI.                 Sí; va' pur via.
    Non ho paura ch'abbiamo istasera
    a insanguinar le spade. Anzi, son certo
    che potrem far l'amore a la sicura,
    qui, con questi pilastri.

    FRONESIA.                 Hai gente teco?

    FILOCRATE. Sí ben.

    FRONESIA.          Fatevi tutti insieme in qua.

    FILOCRATE. Visch! Si vuol pure far desiderare.
    Or siam qui tutti.

    FRONESIA.          Sta', ché vien. Son qui.

    LÚCIA. Filocrate, odi. Tu hai fatto bene
    a venir qui stasera; ché, in presenza
    di questi tuoi, voglio che interamente
    sappia l'animo mio: perché, forse
    con danno tuo, non cresca in quello errore
    ove sí bruttamente or sei perduto.
    Mi sono accorta del tuo scelerato
    e disonesto amore; e, se non fosse
    che a me starebbe mal che, per mio conto,
    venissero omicidii, non sarei
    tanto indugiata che di tale ardire
    fossi punito sí come tu merti:
    ché poco mi costava. Or questo è 'l tutto.
    Ti priego forte (e cosí ancor da parte
    di mia madre perché cognosce anch'ella
    l'animo tuo villano) che tu lasci
    e ti rimanga di passar di qua
    ed al tutto ti levi de la mente
    di avermi piú per donna o per amica.
    E quando, seguitando la tua via,
    non faccia conto de le mie parole,
    se ben sei un furfante, un sciagurato,
    farem che tu cognosca l'error tuo
    in qualche modo. E la cagion di questo,
    essendo un ladroncello come sei,
    meglio di me lo debbi saper tu,
    con questi tuoi; ché volevate insieme
    menarmi via.

    FILOCRATE.   Che dici, Lúcia cara?
    Odi. Hoti fatto forse dispiacere
    a venir qua? Non voglia usar tant'ira
    con me tuo servo.

    LÚCIA.            Abbrevia queste ciance.
    Toglimiti dinanzi.

    FILOCRATE.         Ah scelerata!
    fonte di tradimenti! intero albergo
    d'iniquitá! femina ingrata e rea!
    insolente ubbriaca! Questo è quello
    che mi volevi dire, in ricompenso
    de le buone promesse che fino ora
    m'hai sempre dato? Ah sfacciata! che mai
    ad alcun tenderai sí fatte reti.
    Questo è 'l buon merto (ah scelerata Circe!)
    del mio servir? Lasciami, te ne priego,
    far sí giusta vendetta e che tal peste
    togli a davanti a chi, non cognoscendo
    com'io fosse per essere ingannato...
    Lascia! lascia! ché questo non è 'l primo.
    Non ti varranno...

    COMPAGNI.          Resta! resta! sta'!
    Tienlo. Non odi? Toglili quell'arme.
    E che volevi far? Poco cervello!
    Pórti con una...

    FILOCRATE.       Lascia, oimei!
    ché vo' sfondar quell'uscio e le fenestre.
    Stelle crudeli, e che vo' far di questa
    mia vita? State un poco. Aimei! Son morto.
    Non mi menate via.

    COMPAGNI.          Vien: non gridare.
    Piglial di lá. Sú! Ben. Con manco strepito
    che si può. Zitto!

    FILOCRATE.         Taci, taci, taci!
    Leva, leva! Ognun corra ai malandrini.
    M'avete assassinato. Ah traditori!
    E dove mi portate? Lascia qui.
    Non è la tua. Non mi legate stretto,
    ché non voglio fuggire. A le prigioni, ah?
    Morrò pur dunque, un tratto, e farò sazi
    quegli avoltori ch'entro il petto ogni ora
    pasco col core: anzi, una donna; io mento:
    una fera crudele. A quanto strazio
    m'hai riserbato, Amore? Anzi, son morto.
    Dico che no. Ah! Cecco di Bertella,
    aiutami, che sia scannato a brenti!
    E tu, Giannosso, che sia scorticato!
    Chi l'avria mai creduto? A questo modo
    mi lascian stracinare a la famiglia.
    Deh! Lasciami spogliar; to' questi panni;
    non li vo' piú. Son diventato un altro.
    Voglio volar. Lasciami questo braccio,
    ché mi vo' gittar giú da quella torre.
    Odi, fratello. Deh! Va' di' a mia madre
    che or ora sono stato assassinato
    e che, s'io campo...

    COMPAGNI.            Sí, camperai bene.
    Non ti pigliar pensieri. Entriamo in casa.
    Poi che è cosí, facciam che si confessi
    anzi che venga a peggio.


SCENA II

      Avendo sentito Pilastrino romore ne la strada, che
  erano i compagni di Filocrate che lo portavano a forza a
  casa, esce in camiscia fuori e fugge: dubbitando che non
  sia Listagiro preso da la giustizia.

PILASTRINO.


                             Cacasangue!
    So che ho aúto una vecchia paura!
    Parti che l'abbian preso? Addio, Listagiro.
    Sempre con gli scredenti si guadagna.
    Ha racconto la burla a mille frasche
    che l'avran poi tradito. Io vo' fuggire.
    L'ho detto sempre ch'è stato uno scherzo
    che merita la forca; e che nol dica.
    Non ci vo' piú pensare. Oh poverino!
    ch'era sí destro! Io so che son saltato
    del letto senza mettermi il farsetto.
    S'io aspettava, mi ci avrebben còlto.
    Ma non sentii sí presto quel romore
    ch'io me l'addovinai. Or che son fuora
    non dubbito di nulla. Voglio andare
    a casa di Crisaulo e, come è giorno,
    intenderem la cosa. Ma son certo
    che ha bello e tratto: ché 'l governatore,
    pria mancherá la giustizia a se stessa,
    ch'egli li manchi. Ma che indugio qui?
    Non è tempo da starsi.


SCENA III

      Artemona, parlando con Lúcia, fa destramente offizio
  per Crisaulo: e, parlando poi con la madre, le dá
  intenzione che Crisaulo la sposerá.

ARTEMONA, LÚCIA, CALONIDE.


    ARTEMONA.              Oh! Non pensare:
    ché lo vidi a la prima che tu eri
    d'altro adirata. E però feci poca
    stima de le parole, ché altrimenti
    non ci sarei tornata: ché, dove uso,
    son troppo avezza ad esser ben veduta
    e accarezzata.

    LÚCIA.         E che vorresti mai?
    che ti pigliassi in braccio e ti basciassi
    com'un bambino? Tu sei troppa grande!
    Eccoti qui de' baci quanto vuoi.
    Queste non son carezze?

    ARTEMONA.               Ah luce mia,
    piú bella e risplendente d'ogni stella
    e piú cortese di ciascuna donna!
    Ho giá con tante donzelle par tue
    praticato e mi par che a te ciascuna
    ceda di tanto quanto al mio bel sole
    cede, nel cielo, ogni stella minore.
    Però non ti debbe esser meraviglia
    s'un giovinetto, a la prima, si perde
    in te e ti si dona; ché, s'io voglio
    dirti la veritá, come mi vedi,
    son quasi innamorata anch'io di te.
    Foss'io pur uomo!

    LÚCIA.            E perché? che faresti?

    ARTEMONA. Altra felicitá non vorrei al mondo
    ch'esserti appresso. Ma poi, quando io fosse,
    non vorresti vedermi.

    LÚCIA.                Tu ti inganni.
    Fossi quel che volessi, non potrei
    se non esserti amica.

    ARTEMONA.             Oh! Questo, fallo
    al tuo Crisaulo, ch'omai sai pur certo
    quanto che t'ami; e l'avrai fatto a me,
    che t'amo pur di cuor. Ma voi fanciulle
    fate profession d'esser crudeli
    e di lasciar morir prima la gente
    che li porgessi aita d'un sol guardo
    o d'una paroletta; ma, nel fine,
    tornan sopra di voi: non me n'impaccio.
    Ma non è giá 'l dover chi tanto v'ama
    apprezzar cosí poco. Tieni a mente
    che al pentirci siam noi sempre le prime,
    come l'ultime a creder.

    LÚCIA.                  Non t'intendo.
    Parla piú chiaro.

    ARTEMONA.         Io so che vuoi mostrare
    esser di tutte l'altre la piú savia
    e piú da ben.

    LÚCIA.        Perché?

    ARTEMONA. Perché tu sola
    vuoi governarti al contrario de l'altre
    che non son manco belle o meno oneste
    che ti sia tu.

    LÚCIA.         E in che?

    ARTEMONA. Dico che l'altre
    tutte fan buona cera a chi con vero
    veden che l'ami; e non è donna al mondo
    che non abbia piacer d'essere amata,
    come tu mostri.

    LÚCIA.          Io sono, in queste cose,
    nata troppo infelice e disgraziata.
    E però mi risolvo sempre mai,
    quanto potrò, fuggirle perché insieme
    fuggirò quei travagli e quelle pene
    che fanno altrui morire innanzi al tempo.
    Io l'ho provato e cognosco oramai
    quel ch'è 'l cervel d'uno uomo.

    ARTEMONA.                       Tu mi strazi.
    Io priego Iddio che faccia, in penitenza
    di tanto mancamento, che tu pianga,
    un tratto, per qualcun, come or ne ridi:
    ché forse allor mi terresti piú cara.
    Ecco tua madre. Voglio andar da lei.
    Come ne parlo piú...

    LÚCIA.               Sta': non andare.
    Quando tornerai in qua? verrai stasera?
    Non odi?

    ARTEMONA. S'io verrò, tu mi vedrai.
    Calonide, buon dí.

    CALONIDE.          Dio ti contenti,
    Artemona. Tu hai una buona cera.
    Buon pro ti faccia.

    ARTEMONA.           Cosí dice ognuno.
    Ma non lo credo lor, ché le mie gambe
    mi dicon quel ch'io son.

    CALONIDE.                Di', per tua fé:
    come la fai con gli anni?

    ARTEMONA.                 Oh! bene, bene:
    ché passan via che non li veggio a pena;
    e mi fan cosí buona compagnia
    ch'altro dolor non ho sempre nel cuore
    se non che non stan meco o ver, partiti,
    non ritornan mai piú.

    CALONIDE.             Questo intraviene
    a tutti. Che hai di nuovo?

    ARTEMONA.                  Io ci ho sol questo
    (e son venuta a posta per saperne
    da te la veritá): ho inteso dire
    c'hai spedito giá a fatto la faccenda
    di Lúcia tua; benché non posso crederlo,
    per quel che mi dicesti ultimamente
    che non volevi farlo, inteso pure
    de la persona la condizion trista.
    E tanto piú ch'io dissi che quell'altro
    volea pensarci e che potrebbe stare,
    a quello ch'io vedeva, che, a la fine,
    se l'avesse sposata. Or ti risolvo
    ch'egli 'l fará. Se l'avessi giá data,
    fa' ch'io lo sappi.

    CALONIDE.           Io te lo dissi, allora,
    che non s'è fatto nulla di Filocrate
    né s'è per far; ché, se mi ritornasse
    carico d'oro, non glie la darei.
    Poi ti dico de l'altro: che non voglio
    che noi pensiam tant'alto, perché poi
    non ci venisse come quella fola
    di colui che voleva andare in cielo
    con le penne di cera.

    ARTEMONA.             Non fai nulla,
    se guardi a queste cose. Tu sei savia.
    Sappia pigliare il tempo: ché i partiti
    sono oggi scarsi.

    CALONIDE.         Ascolta. Non vorrei
    che si dicesse, poi, che avessi fatto,
    per fargliela pigliar, qualche malia
    o qualche tratto che non fosse onesto;
    perché sa ben ciascun quanto in fra loro
    sono i gradi ineguali.

    ARTEMONA.              Lascia a lui
    pensare a questo; ché a te non sta male,
    s'ei fosse ancor da piú. Fa' che la sposi;
    e lascia dir ciascun.

    CALONIDE.             Di' che mi parli
    e qualcosa sará. Ma voglio prima
    ben consigliarla.

    ARTEMONA.         Questo fie ben fatto.
    Cosí son per ridirgli. Poi, dimane,
    vedrò che venga in qua.

    CALONIDE.               Come ti piace.
    Deh! prega Iddio per me che questa cosa
    si faccia, se fia il meglio.

    ARTEMONA.                    Sempre io 'l faccio.

    CALONIDE. Piglia questi duo soldi.

    ARTEMONA.                          Dio vel meriti
    e san Francesco. Tu ci sei pur giunta!
    Non ti varrá il consiglio e l'orazioni,
    ché l'avrai in barba. Bisogna cervello,
    in queste cose! Ora qui non manca altro
    se non ch'ei venga qua duo volte o tre
    e sappia governarsi. Io penso un tratto.
    Non passò ancor duo giorni.


SCENA IV

      Filocrate, cognosciuto il suo errore, esce vestito di
  sacco predicando ed, in penitenza del suo fallo, dilibera
  andare a San Iacopo di Galizia; ed è da Pilastrino e Fileno
  beffato e straziato.

FILOCRATE vestito di sacco, PILASTRINO, FILENO.


    FILOCRATE.                  Troppo tardi,
    lasso! sí grande errore ho cognosciuto.
    Noi, che siam nati a la gloria del cielo,
    lasciarsi al senso, che è de la ragione
    nimico, involgere in sí brutta vita!
    Divota gente, anime benedette,
    populo eletto, in fin che Dio ne lascia
    il tempo a farlo, tornate, vi priego,
    a penitenza. Riguardate tutte
    le cose inferiori; e troverete
    esser la corruzione e annullazione
    il fin di loro. Volgetevi poi
    a le parti de l'anima; e vedrete,
    con ragioni e per pruova, essere eterna
    fatta da Dio sol perché fosse erede
    del ben suo eterno.

    PILASTRINO.         Ecco! Ve' un nuovo pazzo!

    FILENO. Da poi che 'l mondo fu, fu pien di matti,
    da que' duo primi matti. Or tutti quanti
    par che d'ogni paese piovin qui
    per influsso di cieli.

    PILASTRINO.            Quanta gente
    li corre dietro! Mi fa ricordare
    quando la Mannarona uscia di casa.
    Deh! che possiate diventar civette!
    Guarda che furia!

    FILENO.           Mi par di cognoscerlo:
    e non so dove mi possa aver visto
    questo birbon.

    FILOCRATE.     Miseri a voi! Che vale
    a tal felicitade esser chiamati,
    se, a forza poi de lo stimul migliore,
    fate insieme mortal l'anima e 'l corpo
    come le bestie?

    FILENO.         Certo, io lo cognosco;
    e non saprei dir come.

    PILASTRINO.            Potria stare.
    È un di questi che, con bullettini
    ed altre truffarie c'han sempre seco,
    cercan del mondo. Oh! Se non par Filocrate!
    Guardalo ben. Quel che toglieva Lúcia.
    Che ti par? non è desso? Io ho a morire,
    tanto ne godo!

    FILENO.        Non può anch'essere altri.
    Oh pazzarone! E che è stato questo?
    Accostiamci ancor noi.

    FILOCRATE.             Io non posso altro
    se non, andando per il mondo a sempre
    sopportar caldo, freddo, fame e sete
    e fatiche e passar tra gl'infideli
    predicando la fede e sol per zelo
    di caritá morir, pregar per voi
    il Signore ed ancor per ciascun altro
    che è fuor di strada.

    PILASTRINO.           E che! Non è gran cosa!
    Questi non fu mai savio. Oh! co! ahuè!
    Sta' fermo qui.

    FILENO.         Che porchitá è la tua?
    Che aspetti? Tu lo guardi cosí forte,
    o Pilastrin?

    PILASTRINO.  Lo voglio affigurare.
    Li vo' toccar la man, ché siam parenti.
    Filocrate crestoso, hai pur rubbato
    la spoglia d'un saccone? e t'hai con essa
    vestito? A questo estremo di prudenza
    t'han pur condotto i tuoi ruvidi amori?
    Guarda che cera! Non pare il legato
    de la peste e la fame?

    FILOCRATE.             Va', fratello,
    a la tua via: se pur non vuoi venire
    di compagnia a visitare il corpo
    del baron di Galizia.

    PILASTRINO.           Oh spennacchiato!
    Chi vuol venire a venderci cristei!
    Di', malandrino! E che non t'ha voluto
    aprir la porta, a quel che t'è incontrato
    cosí brutto accidente? Oh! Sta'! Sí, sí.
    Or mi ricordo: l'ha giá rotta seco.
    Non li vòlse rispondere. A la fede,
    che de' volere andare al prete Ianni,
    per intronato, in su quella galea
    che s'ha da armar di frati, artieri e pazzi.
    E debbe anco aver buona provigione,
    per portar la semente degli sciochi
    che a lor parrá gran cosa: ché la nostra
    nasce di qua, senza esser coltivata,
    ne le case, ne' muri e ne la rena,
    come fa la bacicchia. Toh poltrone!
    Ve' se non fa 'l piagnon, che sia scannato
    da le zenzale! Non so che mi tiene
    che non ti peli quella barba schifa
    e lorda.

    FILOCRATE. Dio ti dia cognoscimento,
    pazienza a me; poi che m'ha fatto degno
    de la sua grazia.

    PILASTRINO.       Dio ti dia 'l mal anno
    e la pasqua peggior, ladroncellaccio!
    Son piú omo da ben che non sei tu.
    Che sí, se m'accaneggi, ciarlatano,
    la farem con le pugna!

    FILENO.                Ah! Discrizione!
    È troppo, Pilastrin: lascialo stare.
    Togliamcene, piú presto, un poco spasso.

    FILOCRATE. «Apparecchiate la strada al Signore»,
    diceva il gran Battista nel diserto,
    per convertire ogni selvaggio core
      e, con la penitenza, farne aperto
    il buon sentier che giá l'antica gente
    chiuso n'avea facendol duro ed erto.
      Quale è donna di voi che non si pente
    e non rompe nel cor durezza tanta
    ch'altrui in vecchiezza poi suol far dolente?
      Rompete il ghiaccio che d'intorno ammanta
    i freddi petti; e di pietá s'accenda
    l'alma, ch'Amor vi faccia lieta e santa.
      Ma veggio che convien che altra via prenda;
    ché 'l predicar fra duri sassi e tigre
    non è possibil che mai frutto renda.
      Alme gentil, non siate al ben far pigre.

    PILASTRINO. Guarda se 'l cielo è giusto! Io so che questi,
    tra 'l non aver danari e tra l'amore,
    si trova fatto, e in cosí poco tempo,
    uomo da ben. Ghiottone, scelerato,
    c'hai qui gabbato il boia che a la forca
    t'aspettava col diavolo! Or vuoi andare
    per il mondo e gabbar Domeneddio
    e gli uomini?

    FILENO.       Troppo è; lascialo andare.
    Che pensi guadagnar da un simil pazzo?
    Torniamo in piazza.

    PILASTRINO.         Non ti potrei dire
    che voglia m'è venuto in cima a l'unghie
    di dare a sto poltron pien di peccati
    una man di punzoni! Ma non voglio,
    ora che sono acconcio, ruinarmi.
    Vedi Amoraccio! Parti che sia un putto
    o pure un gran signor? Parti che sappia,
    quando ci ha sotto i piedi, arragazzarci
    e farci gioco al vulgo? I premi, poi,
    son le crocce, la paglia e 'l boccalone.
    Ecco Artemona. Addio.

    FILENO.               Va' pure. Amore?
    Certo, non veggio in questa nostra vita
    pazzia piú chiara o vergogna e ruina
    piú evidente. E, per gli uomini savi,
    s'avria solo a fuggir la dolce entrata:
    ché, come ci siam dentro, è poi l'uscita
    assai piú stretta ed erta che non fu
    quella del laberinto. Ché di questo
    alcun non n'uscí mai per forza o ingegno
    di filo o di spaghetti.


SCENA V

      Artemona, parlando con Pilastrino, mostra averli
  racconto l'offizio che ha fatto per Crisaulo e quello che
  ha pensato perché egli fra poco ottenga, come si vedrá. E,
  in questo, Pilastrino le narra tutti li accidenti del suo
  amore che sono circa il mangiare e il bere.

PILASTRINO, ARTEMONA.


    PILASTRINO.             Sai per sette.
    Sempre ho sperato in te.

    ARTEMONA.                Omai la cosa
    passa per suoi piè.

    PILASTRINO.         Saresti donna
    da governare Stati. Ma vorrei,
    quand'hai guarito tutti gli altri amori,
    che dessi ancor qualche rimedio al mio
    a cui fei don di me fin ne le fasce;
    ed è quel che mi strugge e fa beato
    solo a pensarvi.

    ARTEMONA.        Fa' ch'io sappia il tutto
    e lascia fare a me.

    PILASTRINO.         È un gran signore:
    ch'altro che di pensier la vita nostra
    nutrisce; ed a sua posta la dilegua,
    mal grado nostro.

    ARTEMONA.         Séguita, ch'io t'ho...

    PILASTRINO. Non è 'l mio, come il loro, una fraschetta
    che non vede e non ode e porta l'ali
    per fuggirli di man, quando gli ha dato
    qualche percossa; né porta saette
    o dardi da impiagar; né a' suoi suggetti
    porge se no piacere; e dentro ai petti
    non mette fuochi o fiamme; anzi, egli stesso
    le vuol soffrir, per non le dare a noi.
    Cosí le morti, i martíri e i dolori,
    per dar vita a noi altri, egli sopporta:
    onde, s'io l'amo!

    ARTEMONA.         Non dir piú: t'ho inteso.
    Il tuo amore è 'l boccale.

    PILASTRINO.                Tu l'hai detto:
    con la minestra e la carne e la torta
    e tutti gli animai, gli uccelli e pesci
    e ancor con tutte le manifatture
    de l'arte di cucina. Parti ch'abbia
    perduto il senno, come soglion gli altri
    innamorati?

    ARTEMONA.   Tu sei troppo savio.
    Ne son teco, di questo. A dire il vero,
    io truovo un gran piacere nel mangiare
    e nel ber ben.

    PILASTRINO.    Perché tu hai cervello.
    Uno ignorante non sappria parlarne.
    Questo è l'amor divino che i dottori
    dicon ch'è cosí santo.

    ARTEMONA.              Di', di grazia:
    ché, se fosse cosí, vorrei provare
    a fargli qualche voto.

    PILASTRINO.            Vorrei dirti
    prima l'antica sua genealogia.
    Ma saria cosa lunga.

    ARTEMONA.            E come è fatto?
    di cera?

    PILASTRINO. Non ne vidi mai ritratto:
    come intraviene ancor di molti idii
    che fanno il grande e non si mostran mai
    in forma alcuna. Ma, se noi vogliamo
    far giudizio di lui come si debbe,
    lo trovarem cosí dolce e soave
    e sí perfetto che giudicherai
    ch'in ciel sia la sua sedia sopra Giove,
    non che a quel loro, ch'è lá sú un ragazzo,
    uno schiavetto.

    ARTEMONA.       Non si può dir contra.

    PILASTRINO. Se non fosse un noioso, un fottivento,
    non faria quel che fa. Se fosse grande
    nel ciel, com'essi dicon, non sarebbe
    ingiusto, instabil, fraudulente, iniquo,
    micidial. Ma fa un ritratto a punto
    da quel ch'egli è. Non troverai solo uno
    che si doglia del nostro e si lamenti
    ch'egli li strazi: come sempre loro,
    con tanti pianti.

    ARTEMONA.         Sí; ma quando, poi,
    siam ben pasciuti, in noi manca l'amore
    e 'l desiderio de la cosa amata.
    Ed in loro è il contrario.

    PILASTRINO.                E cosí in me:
    perché son com'un sacco senza fondo;
    ché, se 'l Ren fosse vino o ver minestra,
    io mi torrei a sorbirlo tutto a un fiato
    a la tedesca.

    ARTEMONA.     E come a la tedesca?

    PILASTRINO. Non m'hai veduto mai bere a la botte,
    pisciando a un tempo? ché, in un sesto d'ora,
    ne bevrò tanto che a l'uscir lo vedi
    negro come a l'entrare. A queste sere,
    con un soldato che m'alloggia in casa
    vinsi, giuocando a questo, dieci corbe
    d'un buon trebbian.

    ARTEMONA.           Debbe essere un bel giuoco.
    Ma 'l vino è troppo caro. Oh bella cosa!
    Almen non s'ha passioni, in questo amore,
    né pianti né sospiri.

    PILASTRINO.           Sento tutto
    appunto come loro: benché mai
    non abbia aúto voglia di morire,
    com'ogni or dicon essi.

    ARTEMONA.               Di': in che modo?

    PILASTRINO. Prima, non è mai stato al mondo alcuno
    verso l'amata sua sí forte acceso
    quanto son io: perché, se è il lor d'un mese,
    d'un anno o dieci, io giá son quaranta anni
    che lo portai del corpo di mia madre;
    perché nacqui con esso e i nostri antichi
    tutti, in millanta gradi, sono stati
    perduti in questo.

    ARTEMONA.          Questo omai si sa.

    PILASTRINO. E benché, qualche volta, di goderla
    abbia qualche contento, provo spesso
    l'amare pene, gli affanni, i martíri,
    i travagli e l'angosce, che, non solo
    non prova innamorato, ma pur donna,
    s'è sopra a parto, non gli sente tali,
    quando ne sto, da poi ch'è giorno, un'ora
    senza entrare in cantina.

    ARTEMONA.                 Io te lo credo.

    PILASTRINO. Le contentezze, le beatitudini
    e le gioie e i piacer gusto ne l'anima,
    e nel corpo a un tempo, quand'io vado
    a mangiar con qualcuno ove si trovi
    la mia padrona.

    ARTEMONA.       Questi son buon punti.
    Mi pari un Salamon. Saresti buono
    a leggerne in iscranna.

    PILASTRINO.             E poi le fiamme
    ardenti, che loro han sempre nel cuore,
    sent'io spesso per tutto e, qualche volta,
    in modo ch'io ne sudo e bagno tutta
    la camiscia e le brache, quando posso
    pigliar, sotto le volte, al magazzino,
    la grazia di san Paulo con quel greco
    ch'io bevvi l'altra sera.

    ARTEMONA.                 E, per ventura,
    debbi veder tutti quegli animali,
    aspiti, bisce, tarantole e serpi,
    come se fossi in banco.

    PILASTRINO.             Bene spesso.
    M'agghiaccio, poi, e m'affreddo e mi risolvo
    come la neve al foco e al vento nebbia,
    s'io sto, l'inverno, che non magni sempre
    e mi scaldi col vino.

    ARTEMONA.             Siam piú d'uno.

    PILASTRINO. Io, finalmente, come fanno loro,
    esco di me, divento furioso,
    divento povero e cosí ridiculo.
    Ed in questo ho avantaggio: ch'essi cercano,
    con ogni studio, per la cosa amata
    (il che il piú de le volte gli intraviene),
    venir mendíci; io sono stato sempre
    e, s'io non era savio, sarei ancora
    per l'avenire. E in tutte queste cose
    sento dolcezza. E tanto piú, se sono
    in quelle fiamme, in quei caldi che pare
    che 'l mondo giri. E talor veggio i cieli
    aperti tutti, com'un frate santo,
    e gli angeli suonare. Io canto e ballo.
    E poi mi par ch'io cado giú a ruina
    in un rio fresco fresco che talvolta
    (ti dico il ver) mi fa di contentezza
    pisciarmi sotto.

    ARTEMONA.        Questo l'ho provato
    piú d'una volta anch'io; ma non vien da altro
    che bere il vin senz'acqua.

    PILASTRINO.                 Non fa male
    a chi v'è usato. Non vo' dir de' sogni,
    ché ne potrei contar piú di trecento
    millia novanta dodici. E ben spesso
    mi sogno: e poi, svegliato, mi ritrovo
    sotto una scala o in cánova o in cucina
    o sotto un desco; e poi non mi ricordo
    se andai la sera al letto o se vi fui
    portato da qualcuno. E sí mi pare
    aver sognato le piú nuove cose
    del mondo! Cosí loro ancora abbracciano
    il loro amore in sogno e di poi, desti,
    non fan che lamentarsi. Dice l'uno:
    --Beato insogno!--e, di languir contento,
    d'abbracciar l'ombre e imbrattar le lenzuola
    d'un dolce pianto...

    ARTEMONA.            Ah! ca! A quanti intraviene!

    PILASTRINO. Dunque non mento. L'altro chiama il cielo
    crudel che in quella tanta dolcitudine
    non l'ha fatto morire o ver concesso
    di non destarsi mai. Cosí facc'io,
    se mi truovo, in quel sogno, ben pasciuto.
    Allor vorrei che 'l mondo stesse sempre
    in quello stato. Ma poi, come indugio
    ogni poco, incomincio a sentir dentro
    gli asprissimi dolori de la fame:
    ond'io mi adiro e squarto e maledico;
    e, se pur sono in luogo che non possa
    farlo forte a mio modo, da me dico
    la messa piana, come ne l'incanto
    faceva Girifalco. Ma vo' dirti.
    Sento un sonno assalirmi che non posso
    tener piú gli occhi aperti.

    ARTEMONA.                   Sí: t'ho inteso.
    Va' dormi; n'hai bisogno. Io 'l vidi al primo,
    ch'era cotto a l'usato.


SCENA VI

      Crisaulo, avendo parlato con Calonide, le promette
  ultimamente di sposar la figliuola e si fa conceder da lei
  di dirle duo parole: le quali, come poi si vedrá, fûrno di
  sorte che egli ottenne per quelle, la sera medesima, quanto
  desiderava.

CRISAULO, CALONIDE.


    CRISAULO.               Io ti ringrazio
    de l'affezion. Ma vegnamo a la fine.
    Piú volte abbiam parlato; e cosí Artemona
    t'ha detto la mia mente. Or ti concludo,
    e dico espresso, se ne sei contenta,
    ch'io sono in ogni modo risoluto
    di tôrla per mia donna e di sposarla:
    ché altro non truovo, al fine, in questo mondo
    che contentarsi; e so che può di lei
    contentarsi ciascuno.

    CALONIDE.             Io t'avea dato,
    figliuol, tempo tre giorni, ché potessi
    pensarvi bene; perché queste cose
    so come vanno e questo grande amore
    non dura sempre. Ma, poi ch'in te veggio
    cosí gran desiderio, non mi pare
    di poterti mancar; ma ben cognosco
    quanto sconvenga a te tôrre una donna
    sí poverina.

    CRISAULO.    Queste son parole.
    Piú robba o manco, non ne faccio stima;
    ché le ricchezze e i ben de la fortuna,
    per se istessi, non dan nobiltá.
    Cerco una donna che sia ricca e nobile
    di costumi e virtú; di che son certo
    quant'ella è ben dotata. Ma vo' prima
    che mi conceda (pure in tua presenza)
    ch'or io le dica qui sol duo parole;
    perché voglio saper ben la sua mente
    prima ch'altro si faccia.

    CALONIDE.                 È bene onesto.

    CRISAULO. Potrai star tu da canto; ed io da lei
    vo' quest'ultimo sí: poi, fra duo giorni,
    farem le nozze.

    CALONIDE.       Ti vo' contentare.
    Ma promettimi, prima, non dire altro
    che cosa onesta.

    CRISAULO.        Hai in me sí poca fede?

    CALONIDE. Orsú! Entra in casa.


SCENA VII

      Timaro va a dimandar Pilastrino a casa sua per farlo
  venir da Crisaulo; e lo truova dormendo ed, a la fine, lo
  mena. E Crisaulo li ordina che debbi render la robba sua a
  Girifalco: il che egli, per non poter fare altro, dopo
  alcune contese, pur si dispuone a fare.

TIMARO, PILASTRINO, CRISAULO, FILENO.


    TIMARO.                        Olá! Non c'è nessuno?
    So ch'io gli sveglierò o che la porta
    anderá in terra.

    PILASTRINO.      Chi è giú? Corri al fuoco,
    impazzato! Son fatte le limosine.
    Che cerchi tu?

    TIMARO.        Non gridar di lí, boia!
    Deh! scendi a basso.

    PILASTRINO.          Tu vuoi pur la baia!
    Che dimandi? ché vo' tornare al letto.
    Che discrezione!

    TIMARO.          Vedi u' son condotto!
    Cerco di Pilastrin.

    PILASTRINO.         Mi par che uccelli
    la fava. Non mi batter piú la porta.
    Debbi essere ubbriaco.

    TIMARO.                Apri qui, fiera!
    Ti taglierò un'orecchia.

    PILASTRINO.              Questa volta,
    voglio che tenga di mula di medico
    cosí come sei bravo.

    TIMARO.              Quello è desso;
    è Pilastrin. Parti che ha scelto l'ora
    di andare al letto? Mi bisogna averlo
    con le buone. Odi, o Pilastrin: ti prego;
    fatti fuori.

    PILASTRINO.  Tu m'hai rotto la testa.

    TIMARO. Ascoltami. Crisaulo...

    PILASTRINO.                    Io non vi sono.

    TIMARO. ... ora t'aspetta a far colazion seco
    e ti vorria parlar.

    PILASTRINO.         Sí, sí: è Timaro.
    Non t'aveva pur anco cognosciuto.
    Eccomi a te.

    TIMARO.      Credo che, questa volta,
    ti parrá forse amara.

    PILASTRINO.           Andiam pur via.

    TIMARO. Che cosa è di te tanto? Non possiamo
    giá piú vederti.

    PILASTRINO.      Queste ghiottoncelle
    m'han cavato 'l cervel de la memoria
    in modo ch'io non posso piú, senz'esse,
    vivere un'ora.

    TIMARO.        E che! Sei innamorato?
    Di' il vero.

    PILASTRINO.  Se sapessi come m'hanno
    concio! Non posso piú mangiare o bere,
    quand'io dormo; o dormir né chiuder occhi,
    mentre ch'io beo, se prima non è vòto
    il fiasco. E sento spesso tante pene
    che mi stempero tutto; e, in quel, talora
    vado al luogo comune. E degli affanni
    non ti dico; perché ne porto addosso
    quanto un somaro, di quegli degli altri.
    Pensa de' miei!

    TIMARO.         Anche ti venga il grosso!
    Non puoi giá uscir di quello.

    PILASTRINO.                   Tu non credi,
    che abbi una innamorata?

    TIMARO.                  Sí, lo credo,
    ch'abbi una sfondorata, ché pur una
    n'è la tua Gnesa; ché, in tutte le parti
    che fanno una plus quam perfetta lorda,
    port'essa la corona e non li manca
    se non esser fregiata in sul mostaccio.
    Ma a te piace cosí.

    PILASTRINO.         Sí! L'ho piú a noia...
    Ma ti ricordo che 'l venirmi incontra
    con le man piene...

    TIMARO.             E che! Di palafreni?

    PILASTRINO. Di tanto, forse, che non hai nessuna
    che porga tanto a te.

    TIMARO.               Gli è ragionevole
    che i belli sempre si faccin pagare.
    L'ordine è questo.

    PILASTRINO.        Ma per te si guasta;
    ché sei sí bello e non v'è forse alcuna
    che ti voglia pagar!

    TIMARO.              Bel non son io.

    PILASTRINO. Almanco tu ti tieni. E forse in modo
    che, qualche volta, se tu fossi appunto
    come ti tieni, faresti vergogna
    a Narciso; e per te morria, ogni giorno,
    un migliaio di donne; e si farebbe
    forse, ai lor prieghi, che fossi dannato
    a vita nel torrone.

    TIMARO.             Cianciatore!
    Di' pur, ch'è l'arte tua. Ecco Crisaulo
    che torna anch'egli a casa.

    PILASTRINO.                 Ci ha veduti.
    Andiam da lui, ché aspetta.

    CRISAULO.                   Ben venuto.

    PILASTRINO. Ben ti venga, poi c'hai per me mandato
    perché merendi teco.

    CRISAULO.            Ascolta, prima,
    quello che t'ho da dir: poi, se vorrai,
    potrai mangiare.

    PILASTRINO.      Oh! Se bevessi prima,
    t'ascolterei pur troppo volentieri
    e con pazienza.

    CRISAULO.       Orsú! Non mel far dire
    duo volte o tre.

    PILASTRINO.      Di' presto quel che vuoi.

    CRISAULO. Tu ti sei governato in un tal modo
    di quel tuo tradimento che potresti
    essern'ancor pentito; e giá, fin ora,
    saresti forse in man de la giustizia,
    se non fosse che t'hanno riguardato
    sol per mio amore. Or lascia andar le ciance
    e fa' che la sua robba torni a casa.
    Altrimenti ti dico che 'l maggiore
    nimico ch'abbi a aver voglio esser io.
    Ma non penso che manchi.

    PILASTRINO.              Hai detto assai:
    ma non t'intendo.

    CRISAULO.         Ti farò sturare
    gli orecchi, per mia fé. Dico che omai
    le tuoi ghiottonarie sono scoperte
    e che, se tu non rendi a Girifalco
    la robba sua, ti vo' far pigliar io
    e darti a l'auditore.

    PILASTRINO.           Oimè meschino!
    Questa è la colazion che mi volevi
    dare? Oh che nuova acerba! Ma fa' pure
    quel che ti par; ché tu predichi, appunto
    come facea quell'altro, nel diserto.
    Ché anzi voglio morir: ch'è meglio assai
    morir ricco che viver poi stentando
    in povertá. Non ne farem niente.
    Guarda la gamba, che mi lasci mettere
    nel giubbon del comune!

    CRISAULO.               Tienlo! piglia!
    Pigliatel presto, ché 'l vo' fare or ora
    appicar, cosí caldo, per la gola.
    È cotto, e vuol fuggire! È dato giú.
    Rimenatel pur qua.

    FILENO.            La lepre è giunta.
    E che volevi far cosí a fuggire?
    Sta' pur, ch'io t'ho.

    CRISAULO.             Va'; corri al capitano,
    Timaro, da mia parte; e fa' che mandi
    qui dieci sbirri, ché li voglio dare
    uno assassino.

    PILASTRINO.    Oimè! Misericordia!

    CRISAULO. Usarla in te sarebbe cosa iniqua:
    ché sei un ladrone e non vuoi ravederti.
    Sarai pagato adesso.

    PILASTRINO.          Odi, Fileno?
    Dice che tu mi lasci. Non hai inteso?
    Lasciami, dico: sono ancor digiuno;
    voglio ire a casa.

    FILENO.            Anca a digiun potresti
    dar con le scarpe la benedizione.
    Sta' pur qui fermo.

    PILASTRINO.         Ti prego, Crisaulo.
    Deh! Non mi lasciar metter piú paura,
    ché mi sento venir la febbre fredda.
    Manda a dir che non venga il capitano.
    Ne li vo' render parte.

    CRISAULO.               Tutti, tutti.
    Pensa se piacque a lui l'essergli tolti,
    quando è si grave a te, che gli hai rubbati,
    restituirgli!

    PILASTRINO.   Mi farai morire
    com'un uom disperato. Se fai questo,
    non camperò duo dí.

    CRISAULO.           Va'. Son contento.
    Porta qui tutto quello c'hai del suo.
    Ed io, perché non mora, ti prometto
    di lasciartene il terzo; gli altri voglio
    rendergliel'io.

    PILASTRINO.     Lo voglio fare, orsú!
    Ché pure, in vero, non potrei tenergli
    senza peccato; e forse ancora, un tratto,
    glieli rendeva io istesso.

    CRISAULO.                  Mal per lui,
    se stava a questo!



ATTO V


SCENA I

      Filocrate, ritornato di Spagna, piú che mai nel suo
  amore acceso, per entrare in casa di Lúcia e non esser
  cognosciuto, viene in abito di pelegrino dimandando
  limosina in lingua spagnuola; ed è a la fine da la madre
  accettato in una corte come pover'uomo: ove, con Demofilo
  socero di Calonide, entra ne le lodi de l'imperatore e di
  piú principi.

FILOCRATE ritornato pelegrino, FRONESIA, CALONIDE, DEMOFILO vecchio.


    FILOCRATE.         Ai de mi! O personas
    de bien, aiudadme con limosna. O quien
    hallasse alguna alma tan devota
    la qual oviesse piedad d'este pobre
    peregrin, maldispuesto, que a llegado
    a estos dias del sepulcro! O muger
    de bien, llamadme un po a vuestra señora;
    que io me muero de necessidad,
    por que pasa de ocho dias que io
    camino con la fiebre.

    FRONESIA.             Oh che fastidio!
    Ti s'è pur fatto giá due volte o tre
    limosina. Ma siete certe genti
    che vi fermate a la prima in un luogo
    e pensate ivi, senza andare attorno,
    aver le spese. Bisogna, fratello,
    andar cercando come fanno gli altri.
    Non hai detto che chiami mia madonna?

    FILOCRATE. A sí: llamadme a vuestra señora.

    FRONESIA. Questo fia poco.

    FILOCRATE.                 O triste de quien es
    pobre! porque ia en estos tiempos
    no se halla quien bien aga. O dichoso
    si una vez muriesse! A lo menos
    holgaria por salir de tanta pena.

    CALONIDE. Che vuol quel peregrin?

    FRONESIA.                         Parlerai seco.

    FILOCRATE. Solo me bastaria estare allá
    en cubierto: porque, no solo estoi
    muriendo, mas aun aeste aire
    me acaba la vida y haze que
    me consume.

    CALONIDE.   E che vuoi tu, pover'uomo?
    Siam poveri ancor noi, come tu vedi,
    e di quel poco di ben che si fa
    ti si fa parte. Se non foste tanti,
    ne verria piú per un.

    FILOCRATE.            Solo, señora,
    queria una merced: que me dexasses
    estar allá debaxo a quel portal,
    porque soi cierto que, estando allí
    una noche, acostado en quella paia,
    resucitaré sin dubda; que estoi mas
    que muerto del trabaio.

    CALONIDE.               Entrar lá dentro?

    FILOCRATE. No deseo otra cosa.

    CALONIDE.                      Oh poverino!
    Che cosa è questa vita! Il mio fratello,
    questo non posso far; ché dal messere
    ho commission di non lasciare entrare
    in casa alcuno, per questi sospetti
    di peste che sono or per tutto il mondo.
    Uno spedale è qui vicino.

    FILOCRATE.                O Dios
    del cielo! que bien sé io do he stado
    y quam limpio soi de sospecha; porque
    el mal no es otra cosa que fiebre
    iuntamente con las passiones
    y tan longas fatiguas.

    FRONESIA.              Potria dire
    cosí, tre dí, che non lo intenderei
    se non per discrezione.

    CALONIDE.               Io non saprei
    giá parlar come lor; ma diria poche
    cose che non l'intenda perché, inanzi
    che Lúcia fosse grande, n'ha Demofilo
    sempre tenuto in casa di scolari
    quasi tutti spagnuoli.

    FILOCRATE.             Mi señora,
    tiengo a vos sola de ablar dos palabras.

    CALONIDE. Tiratevi da canto. Volentieri.
    Di' 'l tuo bisogno.

    FILOCRATE.          Io soi bien nascido
    y en buena ciubdad y de mui noble
    familla; y, por haver prometido
    d'ir al Sepulchro, soi venido a este
    fin y malaventura. Y, estando
    a sí, alende de otras passiones,
    es otra mui maior; que tiengo a qui
    cientos ducados, sin algunas ioias.
    No sé come hazer porque no me mate
    algun ladrone, estando a si a dormir
    de fuera: por lo qual, cara señora,
    solo por esta noche, os suplico
    que me dexeis entrar; que, a la mañana,
    io me iré. Y, porque he oido dezir
    de vuestra mucha bondad, he osado
    descobrir a vos todos mis secretos
    confiando de vos.

    CALONIDE.         Puoi ben fidarti.
    Orsú! Entra in casa. Ed io vado a Demofilo
    a pregarlo che voglia esser contento,
    tanto che ti riabbi d'esto male,
    che ti stia qui.

    FRONESIA.        In vero, m'ha ben cera
    d'uomo da bene: me ne crepa il cuore.
    Tristo a quel che si truova in tal disgrazie
    sbandonato da tutti! Cosí suole
    far la fortuna: nulla è, in questo mondo,
    di fermo che 'l ben far. Par che simigli
    una persona e non saprei dir chi.
    Ecco 'l messer.

    DEMOFILO.       Donde sei, peregrino?

    FILOCRATE. Soi spañol y natural de Cordova,
    muy buena patria, y tan bien de buena
    familla. Aora soi en vuestras manos.
    De gracia, havedmi compassion.

    DEMOFILO.                      Appunto.
    Non ti pigliar fastidio, ché potrai
    star qui per fin che tu sia ben sanato;
    e farò governarti da fratello.
    Ma ben m'incresce non poter tenerti
    come vorrei perché, in fin che non passa
    bene il sospetto, non ci veggio modo
    d'accettarti sú in casa.

    FILOCRATE.               Soi contiento
    con eso. Non quiero otra cosa.
    Dios os pague el gualardon.

    DEMOFILO.                   Sapresti
    darmi nuova d'un signor Fabio Negri
    di Valenza?

    FILOCRATE.  En verdad no le cognosco.

    DEMOFILO. Che si fa in quelle bande? che si dice
    di nuovo?

    FILOCRATE. Quando io me partí da quellas
    partes, se hazian grandes allegrias
    y fiestas y triumphos; porque havian
    nuevas de la tornada muy felice
    de Su cesarea Maiestad (y esto
    por toda Spagna). La qual es tan de-
    seada que cada ora les parece
    mas de un año. Y en special
    la emperatriz que tan cortés a havido
    el cielo ne las dotes de la anima
    quanto de la fortuna. Y asimismo
    se aderecavan iustas y torneos
    para quando aia llegado con tanta
    gloria y vencimiento.

    DEMOFILO.             Ai tempi nostri
    non si ricorda che, da Adamo in qua,
    sia nato alcun dal ciel piú largamente
    dotato e favorito e sovr'ogni altro
    fatto felice; non cavando alcuni
    passati imperatori o capitani.
    Che se la nostra etá fosse sí ornata
    di scrittor degni come fu l'antica,
    non si ricorderebbe piú, in esempio
    dei piú famosi e illustri semidei,
    Augusti, Arsacidi o Iustiniani:
    ché la fama maggior di Carlo quinto,
    come fa 'l sol con le minori stelle,
    offuscherebbe i loro accesi lumi.

    FILOCRATE. Ciertamente sus grandes vitorias
    y empresas honrosas y magnanimos
    hechos muy felices dexaran
    tal fama de Su alta Maiestad
    que, sin scrittores o poetas, haran
    que su nombre siempre viva, sin
    falta alguna, despues de mil mondos.
    Y specialmente por esta vitoria
    que a avido en Ungaria contra el Turco;
    la qual a seido nuestra redemption
    y fortification y esaltation
    y aumento de la nuestra santa
    y catholica fé. Donde el vuestro
    marques del Vasto, de Su Maiestad
    capitan diño, con illustres obras
    a ganado tal nombre que qualquiere
    gentilhombre parece desear
    non menos de seguir la gherra por
    militar vascio al dominio de tan
    generoso señor; que el desea
    la eterna gloria y accrecientamiento
    de las vitorias a lo emperador
    su rey señor. Dichosa edad nuestra,
    que de tan glorioso emperador
    sta governada y tan bien regida!

    DEMOFILO. Felice è certo questa nostra etade
    quanto altra mai ne fu, quanto ne fia
    dopo i dí nostri: poi che 'l ciel l'onora
    d'un pontefice tal che l'alta sede
    non manco adorna e imperla e ingemma e inostra,
    con le rare eccellenze e con la fama
    de l'opre chiare, ch'ella il suo bel nome
    rischiari e 'l renda a le future genti
    colmo di gloria e d'immortali onori.
    Il cui chiaro valor, se tanto vivo
    che giunga a la vecchiezza, spero ancora
    veder rinovellar (come d'alloro
    esce ramo piú vivo) in due gran piante.
    Ippolito fia l'un, giá adorno e carco
    di fama tal che l'Indo e le Colonne
    passa colma d'onor, dal tempo sciolta.
    Il qual vedrem, cinto di perle e d'oro
    e verdi fronde, anzi che cangi il pelo,
    giungere in cima a l'onorato calle
    per l'istesso sentieri onde ora sale;
    e fare al gran valor forse secondi
    i patri onori; e, come vivo sole,
    dar lume a questo e quell'altro emispero
    con sí soave raggio che si eterni
    la primavera: a che pensando, parmi
    veder tornata giá l'etá de l'oro.
    L'altro, Alessandro; che al valore antico
    del grande antecessore, ne' verdi anni,
    succede sí che par giá che sostiene
    ogni speranza che ha 'l Tosco e il Latino.
    Taccio or del gran legnaggio piú ministri
    i quai, se avesse aúto ai primi tempi
    Roma, via piú d'onor l'ariano ornata
    che né Fabrizio né Caton né Scipio:
    il gran Salviati, un Tomaso, un Francesco;
    un di prudenza, un di bontade esempio
    e l'altro di giustizia, il Guicciardino;
    il qual la terra nostra or teme ed ama.
    Ei ben si può dar vanto d'esser nato
    per governar provincie, imperii e regni:
    di che, non sol s'allegra l'Arno e Ibero,
    ma tutto quello che la santa Chiesa
    onora ed ama; onde confuso trema,
    sotto il nome Clemente di pastore,
    non manco che giá fesse il fiero artiglio
    del Lion valoroso, ogni gran fiera
    ed ogni lupo al bel gregge nimico.

    FILOCRATE. Esta fama se a adquirido nuestro
    muy Santo Padre, en todo el mondo, con
    muchas pias y buenas obras; la qual
    durará tanto quanto del tiempo
    el movimento. O quanto deve olgarse
    todo el mondo! que con tanto amor,
    aora ultimamente, y entera fé
    an firmado ambos y fortificado
    los fondamentos de la eterna paz;
    que no solo seran siempre unidos
    mas tomas una vida y una alma:
    porque, al fin de todo, su unidad
    es asimismo de todo el mondo
    y de nuestra santa fé.

    DEMOFILO.              Gli è certo:
    ché sempre, uniti i capi de le cose,
    stanno unite anche lor; tanto piú quelle
    che da quelle son rette e governate
    come è 'l mondo da lor. Portali cena;
    ché passa il tempo, cosí, ragionando,
    che non si vede.


SCENA II

      Pilastrino, ricercando qualche suo amico vecchio per
  mangiar seco, si imbatte in Girifalco e, per ire a cena
  seco, lo invita a cenar con lui; ed è dal vecchio scorto,
  onde il disegno vien fallato.

PILASTRINO, GIRIFALCO.


    PILASTRINO.      Che farai istasera,
    Pilastrino? S'accosta ora di cena,
    e tu in casa non hai né pan né fuoco.
    Sono ora in piazza. Lasciami cercare
    se trovassi qualcun di questi miei
    amici vecchi; e non avrò a comprare:
    ch'oramai m'incomincia a increscer troppo,
    cosí mi truovo stretto di danari,
    poi che Crisaulo mi fe' render quello
    ch'era mio di ragione! Or, come spendo
    un quattrino, mi par che mi sia tratto
    un dente de' migliori che abbia in bocca,
    che gli ho piú cari la metá che gli occhi.
    Ma guardo pure e non ci veggio alcuno.
    Quel non è Girifalco? Orsú! Mi voglio
    apparecchiare a una magra cena.
    Girifalco da ben, Dio ti contenti.
    Ti son pur servitor: ma sei un cert'uomo
    che non mi degni; o che tu m'abbia in odio,
    non so perché.

    GIRIFALCO.     T'ho in luogo di fratello.

    PILASTRINO. Toccala qui. Vo' che istasera facci
    una bontá: che venga a cenar meco,
    se mi vuoi ben.

    GIRIFALCO.      Non posso.

    PILASTRINO.                Dissi bene
    che non mi degneresti. Non ci è peggio
    che essere, in questo mondo, pover'uomo;
    ch'ognun ti fugge. Avrem di buon pipioni
    in colombaia; e buon vin ne le bótte;
    e 'l pan, se non è poi bianco a tuo modo,
    manda per esso a casa.

    GIRIFALCO.             S'io potessi,
    non mi aresti a pregare.

    PILASTRINO.              E dove ceni?

    GIRIFALCO. A casa.

    PILASTRINO.        Vedi che tu mi rifiuti.

    GIRIFALCO. Dimmi altro, se vuoi nulla.

    PILASTRINO.                            Oh! Va', ch'io voglio,
    per non cenar da me, venir teco io
    a casa tua.

    GIRIFALCO.  Perdonami. Non posso.

    PILASTRINO. E perché questo? Oh! co! La cosa è guasta.
    Oh! che spilorcio!

    GIRIFALCO.         Ho forestieri a casa.
    Un'altra volta, poi.

    PILASTRINO.          Ed io che sono?
    Arei pensato aver luogo nel letto
    ove tu dormi. T'ho pure ancor fatto
    qualche piacer.

    GIRIFALCO.      No, no. Sono oratori
    de' veniziani. Parti che sia onesto
    che venga a star fra lor?

    PILASTRINO.               Sono oratore
    anch'io, per questo; ma non so concludere.
    Non avrò premio da la mia republica.
    Vatti con Dio. S'io non ti pelo, un tratto,
    quella barbaccia nido di piattoni,
    non sarò mai contento. Volpe vecchia!
    ché non penso, cercando tutto il mondo,
    si ritruovasse un che sopra il quattrino
    fosse piú scozzonato. Se potesse
    chi te n'ha giá fatt'una farne un'altra,
    forse che perderesti il ciaccolare
    e lo schermo.


SCENA III

      Essendo, di notte, Crisaulo andato da Lúcia per
  l'ordine avanti preso, vien Fileno verso la casa; e trova
  Timaro il qual, devendo aspettare il padrone, era fuggito.
  E, mentre li dice villania, Crisaulo scende da le fenestre
  e manda subito a donare a la roffiana una gran collana che
  aveva al collo.

TIMARO, FILENO, CRISAULO.


    TIMARO.       Addio, Fileno.
    M'avrebbe dato troppo, s'io aspettava.
    Tu non mi ci corrai. Son quasi stato
    per non tornar. Mi sta a metter paura.
    So che venni correndo un pezzo in giú
    prima ch'io mi fermassi.

    FILENO.                  Io la sapeva.
    Non restò giá da me che nol dicessi,
    che cosí potea armare un paracuore.
    E sei fuggito? Che avesti paura?
    dei morti?

    TIMARO.    A la fé, sí, cosí a la prima;
    ma non fuggiva. Poi vidi venire
    non so chi camminando per la strada:
    onde mi entrò paura; e m'appiattai
    e poi venni correndo in fin qua giú,
    che non mi son fermato.

    FILENO.                 Se non fosse
    per non far qui romor, ti caverei
    quell'arme tutte e ti concerei in modo
    che ti ricorderesti, manigoldo,
    sempre di questa sera.

    TIMARO.                Orsú! Sta' fermo;
    lasciami star. Lo saperá il padron, veh!
    Eccolo.

    FILENO. Corri lá! Tien quella scala.
    Buon pro ti faccia.

    CRISAULO.           Pian! Senza romore.
    Timaro, va', corri ora e trova Artemona.
    Dálle questa collana; e sappia dirle
    ch'io glie la mando perché da lei intenda
    almen parte di mia sorte felice
    a cui si truova esser stata presente.
    Chi è piú contento al mondo?

    FILENO.                      È ben passata.
    Saranno pur finiti tanti pianti.
    Sempre ho sperato; ch'io sapeva bene
    quanto possa in noi l'oro che le porte
    che fosser di diamante rompe e spezza.
    Pensa che ci può il cor d'una donzella!
    Con questo ci ha insegnato vincer Giove
    la castitá e l'onor, se fosse in carne.
    Di': come andò?

    CRISAULO.       Deh! non mi molestare,
    ché di dolcezza il cor mi si diparte.
    Poi, un'altra volta.


SCENA IV

      Filocrate, il qual, come povero, in abito di pelegrino,
  era fermatosi ne la corte di Lúcia, con consentimento loro,
  in su certa paglia, vede Crisaulo andar da lei ed uscirne;
  e minaccia tutti e duo di ammazzarli, pure in lingua
  spagnuola, perché ancora non appare che si sia scoperto.

FILOCRATE solo.


                         Ai porque no me a dado
    el cielo, pues que era ia de tanta
    servidumbre salido, de allí léjos
    morir allá donde el morir podia
    venir con men dolor? Quisa sará
    que, con la morte sua, mucho allá
    contiento andaré; si de un tan grande
    ultrage yo saco venganza. Quiero ir
    allá, como el buelva esta noche;
    y hazer de maniera que su cru-
    el condition y tan mala natura
    sea castigada; en exemplo de l'otras
    que siempre tales costumbres tienen.
    Quiero que esta man castighe a todos
    dos y despues me ya mas contento
    saque de tanto trabaio y pena.


SCENA V

      Crisaulo, ritornando a casa, ringrazia il cielo de la
  felicitá che in quella notte li concesse e racconta a
  Fileno la istoria tutta succintamente; ed è da lui in modo
  persuasoli il partirsi de la cittá che si dispuone di
  partir la mattina a giorno, per non averla a sposare; come,
  stretto da amore, dubbitava di fare.

CRISAULO, FILENO.


    CRISAULO. Grazie immortal ti rendo, grande Iddio,
    chiunque sei del cielo e de la terra
    governator, di sí gran benefizio
    e largo dono; e a te, maggior pianeta,
    ch'ogni cosa terrena col tuo lume
    governi e reggi (che giá tante volte,
    al dipartir, mi lasciasti sí pieno
    di pensier tristi, ed al ritorno, poi,
    lontan da ogni riposo a tragger guai),
    che, rivolgendo altrove il chiaro giorno,
    lasciando dietro a te l'ombrosa notte,
    a tanto mio contento desti luogo.
    Luna, e tu parimente, che porgesti,
    velando il chiaro viso di piú oscure
    e fosche nubi, a tal felicitá
    favor, non sará mai mia lingua stanca
    in pregar chi che sia che lo può fare
    ne le tue contentezze; e che ritornino
    i dolci abbracciamenti de lo amato
    Endimion quanto mai lieti e spessi.
    Benigne stelle, cui chiamai sovente
    in testimonio di mia vita acerba,
    ma sempre in vano, onde crudeli ed empie
    vi dissi, non è alcun mortal mio sforzo
    che mi vaglia a formar degne parole
    in rendervi le grazie ch'io vi debbo.
    Cor lasso, che di lagrime e sospiri
    vivesti un tempo, ond'eri giá ridotto
    quasi a l'estremo, come puoi di tanta
    dolcezza esser capace? Occhi, che primi
    foste a soffrire e mandar dentro al core
    il dolce amaro, ché non fate segno
    di cosí gran letizia? ch'or vi involge
    in dolce pianto, come, in questa notte,
    vi ha dato il ciel, discacciando a voi lunge
    ogni tristezza, quanto vi fu prima,
    ogni riposo. E tu, lingua mia frale,
    che giá sí spesso, ne l'alte sue lodi,
    cantando, davi a le acerbe mie pene
    alleggiamento ed a le fiamme lena,
    or quanto mai ne l'onorato nome
    spende tue forze; sí che 'l vivo lume
    veggiam dritto poggiar verso le stelle
    onde discese.

    FILENO.       Vorrei che finissi,
    Crisaulo, oramai sí lunga predica;
    e mi partissi cosí gran piacere
    quanto tu non capisci.

    CRISAULO.              Sono allegro,
    certo, in tal modo che, ne la soverchia
    dolcezza, il cor mio lasso sente pena.
    Non mi dir nulla.

    FILENO.           Vo' che tu lo dica;
    ché mi fai stare appeso per i piedi.
    Non ti far piú pregare.

    CRISAULO.               Io son forzato.
    Eccotel brevemente.

    FILENO.             Orsú! Incomincia.

    CRISAULO. Tu déi saper sí come ier, parlando
    con Calonide, molto la pregai
    mi concedesse ch'io parlassi a Lúcia.
    Ella, che vive come al tempo antico,
    senza molte parole fu contenta
    e si tirò da banda.

    FILENO.             Questa è bella!
    Accostare il tizzone al zolfanello
    ed aspettar da canto che non brugi!
    E le parlasti?

    CRISAULO.      Ora ti dico il tutto.
    Questo le dissi:--Cognoscer puoi certo,
    Lúcia, che siamo omai condotti a tale
    ch'esser non può ch'io non sia sempre tuo
    e tu di me. Però vo' che mi attendi,
    ché ti vo' confidare un mio secreto.
    Io son diviso giá da mio fratello
    perché sopra di te non abbi alcuno
    ne la mia casa ma ne sia signora.
    E perché il nostro aver, per il passato,
    maneggiav'io, mi truovo da appiattare
    un cassettino ov'io missi da canto
    molti ducati e gioie: ond'io ti prego
    che mostri avere in te giudizio e ingegno,
    ché li salviamo; e fidarsi d'altrui
    cognoscer déi da te che non sta bene.
    Io verrò qui istasera a le cinque ore.
    Fa' che mi attenda.--E le mostrai de l'orto
    la fenestrella. E dissi:--Come dorme
    tua madre, verrai qui, ché gli avrò meco
    e insegnerotti quel che vo' che faccia.--
    Semplicemente (come puoi pensare)
    la mi rispuose che non sapea come
    levarsi, che la madre non sentisse.
    Rimase, al fin, di farlo. E la pregai
    che facesse che alcun mai nol sapesse
    e che a la madre ancor trovasse iscusa
    perché non s'avedesse di tal cosa.
    Non ti dico altro. La mi venne fatta.
    E cosí fu la fin d'ogni mio affanno
    e 'l principio d'un sí felice stato
    ch'io quasi par che a me istesso nol creda.
    Che te ne pare?

    FILENO.         Io, non sol mi stupisco,
    ma, dentro, d'allegrezza mi confondo.
    Bene è venuta a tempo: ché comprata
    l'hai con tanti disagi e tanti pianti
    e tante amare notti e tanti giorni
    che appena mi risolvo se ciò basti
    a compensar tante fatiche e danni.
    Hai ben da ringraziar tutti li iddii
    di tanto dono; ch'io cognosco certo,
    se questo non riusciva, la sposavi.
    Oh che bel fregio a sí onorata casa!
    Che direbbe ciascuno?

    CRISAULO.             È vero e certo
    ch'io la sposava o che sarebbe in breve
    seguíto la mia morte; ché non basta
    il nostro ingegno a schifar le fortune
    e i casi avversi che sono imminenti.
    Che possiam contra 'l ciel?

    FILENO.                     Bisogna, adunque,
    uscir d'errore ed a l'antico male
    porger rimedio, poi che v'è gagliardo.
    Fuggiam, per qualche dí, l'occasione,
    che fa peccar talor l'anime elette,
    ed andianne a diporto; ove vedrai
    ogni virtute ed ogni sentimento
    surgere in te come da morte a vita.
    Lasciati governare.

    CRISAULO.           Io sono stato,
    un tempo, appunto com'un uom che è morto
    e non esce di pena; e in stato tale
    mi son trovato che ho portato invidia
    a chi morio giá un tempo o mai non nacque.
    E fui giá tal che or sol la rimembranza
    mi toglie parte del piacer presente.
    Or che posso gioir, lasciami alquanto
    restare ove è 'l mio core e la mia vita,
    se tu non vuoi ch'io mora.

    FILENO.                    Addio, Crisaulo.
    Dissi ben io che ci saria che fare
    che tu voglia ora uscir de la calcina,
    ch'altrui non par sentir mai che l'offenda
    per fin che non l'ha roso in fine a l'osso.
    A te verrá come al villanel suole,
    che, per cogliere il mele ai nidi d'api,
    si ferma sí che, prima che si parta,
    guasto n'ha malamente gli occhi e 'l volto.
    Voglio che ti governi in ogni modo
    come t'ho detto, ché quel poco amaro
    in questo ha seco utilitá infinita.
    Andianne, com'è giorno.

    CRISAULO.               Sia a tuo modo.
    Cosí farem, ché anch'io cognosco certo
    che fia 'l mio meglio. Ma non potrò starvi:
    ché ci morrò in duo dí.

    FILENO.                 Sí! T'è piú sano
    che non è 'l cavar sangue agli impestati.
    Ed è ben peste quella che ti ha preso!
    Né certo ti devrebbe esser sí grave:
    perché non si terria impiastro perfetto,
    se non cuocesse al mal; né medicina
    fu dolce al gusto mai che fosse sana.


SCENA VI

      Artemona si mostra con la collana al collo che ebbe da
  Crisaulo. E, dicendo alcune cose che sono introdotte come
  certa conclusione sopra de l'oro, è da Pilastrino trovata.
  Il quale le fa uno assalto per tôrgliela con violenza; ma
  non li riesce, ché è interrotto da la gente che al gridare
  di lei correva.

ARTEMONA sola, PILASTRINO.


    ARTEMONA. Crisaulo mio da ben, questa è ben stata
    una mancia piú degna che 'l mio merto
    non richiedeva. Io so che l'è ducale.
    Oh Dio! Potessi almen portarla sempre,
    che non si disdicesse! ché mi penso,
    per la allegrezza che mi reca al cuore,
    farebbe piú mia vita che non fia
    lunga venti anni. Oh! mi par d'esser bella!
    Che benedetto sia chi me l'ha data
    e la sua casa e tutti i suoi parenti!
    Or vorrei che passasse per la strada
    qualche bel giovanetto; ché son certa
    che, cosí vecchia, gli anderei a gusto.
    Oro sopran, quante son le macagne
    e' difetti che copri! quanti i visi,
    che forse senza te parrian di fango,
    che gli fai risplendenti e pien di grazia!
    Spècchiati in me, che in alcun tempo bella
    giá mai non fui, ed or, che son pur vecchia,
    risplendo giá com'un bacin forbito.
    Di questo aspetto è 'l sol; questo le stelle
    mostra sí chiare; e questo è qui fra noi
    padron di quanto il sol girando vede.
    Questo dá tutti i ben, tutti i piaceri,
    tutti i contenti; e, fuor di questo, è nulla
    che a noi sia a grado. E di qui tutti i mali,
    tutte le sceleraggini ed inganni,
    i furti, le rapine e gli omicidii,
    le iniquitá, gli stupri, i sacrilegi,
    l'invidie e gli odii e quanto ha di piggiore
    la nostra vita in sé pullula e nasce.
    Per questo al padre e la madre e i parenti
    vegnam nemici; ed occidiamo i figli;
    e, per vil pregio, vendiam l'alma spesso.
    Questo è stato tenuto iddio, gran tempo,
    ed adorato, come è ancora il sole
    e la luna e le stelle in certe parti.
    E questo è tutto per la sua bellezza:
    onde nasce sí fatta gelosia
    che gli uomini, talora, a poco a poco
    rodendo, mena a vergognose morti.
    Questo può tutto; e di qui ciò ch'è al mondo
    è governato a' suoi debiti fini.
    Tanto mi piaccio di sí bella cosa
    ch'io dubito che alfin (come quell'altro)
    di me, senza specchiarmi, mi innamori.
    Ché non penso, sí grinza come sono,
    che alcun mi rifiutasse.

    PILASTRINO.              Sei in amore, ah?
    Eccomi. Piaci a me, vecchia crestosa.
    Posa in un punto giú quella catena,
    se non vuoi ch'io ti mandi il collo ai piedi.
    A chi dico io?

    ARTEMONA.      Sta' fermo. Oimè meschina!
    Sai ben ch'io ti cognosco, Pilastrino.
    Lasciami stare. Oimei!

    PILASTRINO.            Ed anco i miei
    voglion qualcosa loro. Tu non odi?
    Lasciala qui; ch'io ti caverò gli occhi,
    s'io ci metto le mani.

    ARTEMONA.              Oimè! Ladrone!
    Prima mi caverai la vita e 'l fiato
    e gli occhi e 'l cuor che di man la catena,
    se non mi scanni; e, se 'l fai, ti predíco
    che, inanzi un mese, tu sarai appiccato.
    Lasciami, adunque.

    PILASTRINO.        Dico ch'io la voglio.
    Dammi la corda, ch'io mi vo' appiccare.
    Posala giú, ch'io ti pesterò l'ossa.
    E chiude quella bocca di ranocchia;
    ché, ad altro suon che di cembalo o pivi,
    ti farò far la tosa e mazzacrocca.
    Scanfarda, che sei uscita de l'inferno,
    e vuoi le cose mie a forza, tu!
    Ti taglierò le man.

    ARTEMONA.           Misericordia!
    Fuor, vicin! Tutti fuor! ch'io son giá morta;
    ché un ladro m'ha assalito in su la strada.
    Mi taglia il collo.

    PILASTRINO.         Se tu te ne vanti...
    Cosí si fa, poltrona! Aspetta, aspetta!
    ch'io te la caverò d'in mezzo al cuore
    e se l'avessi chiusa nel cervello.
    Roffianaccia! scorziera!

    ARTEMONA.                È giá fuggito.
    So ben chi è. Non son tre giorni a notte.


SCENA VII

      Filocrate, vedendo in casa di Lúcia farsi apparecchi
  per le nozze che aspettavano di far con Crisaulo, si
  lamenta solo: il che è come uno epilogare sopra de la
  fortuna. Ed, al fine, discopre a Fronesia chi egli è; e
  come, la sera avanti, era ito da Lúcia con animo di
  vendicarsi di averci veduto andar Crisaulo; e, trovatola in
  aspettare (per essersi giá, la mattina, per consiglio di
  Fileno, partito Crisaulo de la cittá), aveva ottenuto il
  suo desiderio. Ed ègli da Fronesia discoperto come quella
  che egli pensò esser Lúcia fu essa: onde, veduto pur esser
  cosí volontà de' cieli, se la sposa.

FILOCRATE solo, FRONESIA.


    FILOCRATE. Di quanto amaro, Amor, temprasti il mele!
    di quanto assenzio che, per farmi al mondo
    unico esempio d'ogni sventurato,
    gustar mi festi! Ahi! Qual veleno e tòsco
    nel core i dolci frutti recato hanno!
    Di quanto fel, di quanto acerbo ed acro
    opprimen l'alma! Oimè, lasso! Che vale
    uman consiglio? poi che ne' miei danni
    s'arma il ciel tutto e, con la rea fortuna,
    in me congiura perché il debil filo
    d'una vita meschina, in mezzo agli anni,
    tronchin le Parche. Ma condotta omai
    la veggio a tal che, senza alcun ritegno,
    corre lá dove è spinta dal destino.
    Che cosa è, in questa vita, aver le stelle
    contrarie e 'l cielo! ché, se pur ci viene
    nulla di quel che ne faria felici,
    subito in mortal tòsco lo converte
    quest'empia che dichiam Sorte o Fortuna.
    Quanto fòra il tuo meglio, se giá mai
    non avessi gustato il dolce cibo
    che sí tosto è poi vòlto in amara esca!
    Dato è a me in sorte una piú acerba pena
    di quella che si dice ne l'inferno
    portar Tantalo ingordo: perché a lui
    il veder sol quel ch'ama è duro scempio
    e non ne poter tôr; ma quel che 'l gusta
    e poi gli è tolto e 'l vede son fatt'io.
    Ché ben cognosco che quella persona
    debbe esser che si aspetta che la sposi:
    ond'io resto a me scherno e al mondo gioco.
    Ho tante volte di fuggir provato
    l'eterna mia ruina e sol per questo
    corso son giá da l'uno a l'altro sole.
    Ma sempre con piú scorno mi rimena
    il mio destino ove convien ch'io mora,
    alfin, dopo piú morti.

    FRONESIA.              È disperato.
    Io vengo, peregrin, perché ti sento
    piangere e sospirare e con lamenti
    esprimer non so che di acerbo e reo;
    tal che spesso, a sentirti, ancor da lunge
    mi muovo tutta dal capo alle piante,
    sol di pietá. Non aver dubbio o téma,
    per esser, come sei, qui, forastieri
    in terre altrui; ché sarai governato
    da me come tu fossi mio fratello.
    E, se altra cosa è pur che sí t'addoglia,
    mi serebbe piacer (se 'l si può dire)
    intender la cagion; perché potrebbe
    forse a cosí gran mal, se non rimedio,
    trovarsi almen per noi qualche conforto.
    Non mel voglia celar.

    FILOCRATE.            Se alcuno è al mondo
    che possa avere nel mio mal rimedio,
    penso che l'abbi tu; benché sia poco,
    e di parole. E poi, del resto, il male
    è giunto a tal ch'omai piú cosa umana
    non li può dar conforto.

    FRONESIA.                Dillo, adunque;
    ch'io ti prometto quel che in questa vita
    onestamente per me si può fare
    in ogni cosa.

    FILOCRATE.    Accetta questo, prima;
    e dammi realmente la tua fede
    di quello che ti voglio dimandare
    dirmi la veritá.

    FRONESIA.        Son ben villana
    a pigliar sí gran dono! Pur, l'accetto,
    offerendomi a te parata sempre.
    T'impegno la mia fede. E sí ti giuro
    di non mancar, sopra l'anima mia,
    se gli è cosa ch'io sappia; e dirti il vero,
    come farei al frate.

    FILOCRATE.           Io t'ho parlato
    or ne la lingua nostra per vedere
    se mi ricognoscevi; ma son certo
    che ti son tanto fuor di fantasia
    che non te ne ricordi. Io son Filocrate,
    Fronesia cara.

    FRONESIA.      Che sento oggi dire?
    Filocrate sei tu? Sí! È desso, a fede.
    Lasciamiti abbracciar, ché di dolcezza
    e di compassion m'hai mosso il core.
    Piango e non so di che. Quasi nol credo.
    Non t'arei in mill'anni affigurato;
    ché pari un altro.

    FILOCRATE.         Aimè! Son bene un altro:
    cangiato di presenza negli affanni;
    ma quello sventurato di mai sempre.
    Io piango di dolcezza e di dolore:
    ché mi veggio condotto, al fin, lá dove
    mi fia la morte men dogliosa e grave;
    da poi che piace al ciel.

    FRONESIA.                 Lascia andar questo.
    E raccontami presto ogni tua pena
    e quel che vuoi da me; ch'io qui t'attendo
    con disio d'aiutarti.

    FILOCRATE.            Ah sfortunato!
    Onde mai incominciar mi fia concesso?
    Donna sleale, al tuo trionfo altero,
    che fia di crudeltá mista con fraude,
    voglio che aggiunga queste spoglie frali,
    vinte da te, da te distrutte e sparte,
    in esempio d'altrui.

    FRONESIA.            Deh! Affrena alquanto
    questi lamenti e le lagrime e 'l duolo.
    Dimmi quel c'ho da fare.

    FILOCRATE.               A queste notti,
    chi era quello che sí destro entrava
    ne le camere vostre? Ove è l'onore?
    ove è la castitá? dove è l'offizio
    che conveniva a saputa servente?
    Devevil comportar?

    FRONESIA.          Guarda, Filocrate,
    che non ti inganni; perché veramente
    io non intendo quel che voglia dire.
    Son molte volte, quando altrui è infermo,
    che par veder le cose piú che espresse
    e non è altro che 'l cervel che varia.
    E come andò?

    FILOCRATE.   Per chi bene e chi male.
    Per te devette ir mal, per Lúcia bene.
    Confessalo oramai.

    FRONESIA.          Sappilo Iddio;
    ché tu potresti dir cosí vent'anni,
    ch'io non ti intenderei. Se guardi bene,
    certo vedrai che sará stato un sogno
    o ver fantasma. Io non saprei che dirti
    sopra di questo.

    FILOCRATE.       Non lo negar piú;
    ch'omai incomincio a perder la pazienza.
    Pensa se san negar, quando a me istesso
    nega quello che sa che ho giá veduto!
    Non so se ero intronato o se 'l cervello
    mi vacillava o se cosí mi penso
    o se qualcun mel fe' veder d'incanto,
    la sera inanzi a ier, che una persona
    per una scala entrò ne la fenestra
    che guarda l'orto ove era Lúcia.

    FRONESIA.                        Lúcia?

    FILOCRATE. Sí, Lúcia. E v'eri tu.

    FRONESIA.                         Io?

    FILOCRATE.                            Sí. Piú forte.
    Iersera ci venni io in persona
    come mi vedi: ond'ella ancor si rise
    perché, fuor de l'usanza di quell'altro,
    venni di corte e prima fui partito
    che tu te ne accorgessi; ché eri dentro.
    E l'animo mio fu sol di vendetta.
    Ma la sorte non volse perché, quando
    la vidi sola ivi aspettar quell'altro,
    dimenticato ogni onta, l'abbracciai
    (cosí morto foss'io, inanzi quel punto!);
    ed allor vidi che mi tolse in cambio:
    ch'ella forte mi strinse e mi pregava
    che passassi di lá. Paionti sogni?
    o pur che con effetto io fossi desso?
    Or vuoi negarlo?

    FRONESIA.        Non posso, volendo.
    Meschina a me! Ti dimando perdono.
    Non era giá promessa da attenere
    appalesare una sí fatta infamia
    e scoprir tale error.

    FILOCRATE.            Basta: io sapeva
    come faresti. Or dimmi la persona
    a cui concesso ha il cielo, in mio dispregio,
    il guiderdon di tante mie fatiche
    non mai concesso a me.

    FRONESIA.              Quello è Crisaulo
    (come debbi saper, gran cavalieri)
    il qual l'ha tolta; e, fra due giorni al piú,
    la de' sposare.

    FILOCRATE.      E questo è senza fallo?

    FRONESIA. Altro non resta se non che dimane
    li metta de le nozze in man l'anello.
    L'altre cose sai tu come sono ite.
    Ma ti voglio pur dir che tu ti menti
    d'averla aúta in braccio...

    FILOCRATE.                  E pure ancora
    non ti si può far vero?

    FRONESIA.               ... perché quella
    con chi scherzasti parla ora qui teco.
    Vedi che t'ingannasti?

    FILOCRATE.             E come fu?
    Sarresti mai tu quella? Anima mia,
    dimmel liberamente; ché, se è vero,
    poscia che ci ha condotti il cielo a questo,
    ti prometto sposarti.

    FRONESIA.             Hai pur giá detto
    ch'io ti tirava per menarti dentro
    ove Lúcia aspettava il suo Crisaulo.
    Onde ne rimaniam tutti beffati,
    ma dolcemente; e tutti e tre in tal modo
    l'un con l'altro ci siam rimescolati
    che appena ritroviamo i propri nomi.
    Io fui giá Lúcia; e tu fosti Crisaulo,
    secondo ch'io pensava; e da me, a sorte,
    in me credendo d'averla ingannata,
    fu da inganno difesa la padrona.
    E tu facesti com'un uom che sogna
    cosa che li sia a grado, che poi, desto,
    trova tutto il contrario. Ma Crisaulo
    (se non è ritenuto da qualcuno
    de' suoi perché nol faccia) ora, in fra poco,
    forse che dará fine a la comedia
    con far da vero.

    FILOCRATE.       Basta: ora io son chiaro.
    Vedi, al fin, come volge la fortuna!
    Poi che noi siamo a questo e che vediamo
    che in questo modo l'ha guidata il cielo,
    segua quello che debbe: ché 'l destino
    non si può mai fuggir. Se ti contenti,
    ti vo' sposare, in questo modo appunto:
    che ci diamo or la fede, se di Lúcia
    si fan le nozze; perché vo', se a sorte
    non fosse fatta, come giá promessa
    mi fu, poterla, se mi parrá, tôrre.
    Dimmi se ti contenti.

    FRONESIA.             Sí, ben mio,
    poi che ti piace; e ci siam cognosciuti,
    come a Dio piacque che governa il tutto;
    ed è stato fra noi, giá tanto tempo,
    amore e fede. Or durerá in eterno
    il dolce nodo che non fia mai sciolto
    fino a l'ultimo giorno.

    FILOCRATE.              Orsú, Fronesia,
    giá tanto amata! Tu sei la mia sposa.
    Serberai questo anello; e poi le nozze
    farem, quando ci paia tempo e luogo.
    Sei chiamata di sopra.


SCENA VIII

      Crisaulo, non avendo potuto patir fuori che duo giorni,
  apparisce in su la scena andando a sposar Lúcia; ed ha seco
  Girifalco il quale si dichiara, nel parlar loro, avere da
  sposar Calonide: il che si mostra essere stato per mezzo di
  Crisaulo. Vanno adunque insieme ragionando; e con loro è
  Pilastrino il quale, giunti a casa, dá licenzia con dir
  che, di poi cena, si faranno gli sposalizi.

CRISAULO, GIRIFALCO, PILASTRINO, CALONIDE, FRONESIA.


    CRISAULO.              Io l'ho detto
    dal primo giorno, che l'andar di fuori
    era appunto al mio male erba trastulla;
    ma nondimen, per esser poi iscusato,
    non ho voluto mancar d'ogni sforzo.
    Ma non è in poter nostro.

    GIRIFALCO.                Eh! Questo è poco,
    Crisaulo, ché sei tal che potrai sempre
    vivere in questo mondo con onore,
    se ben ti biasmi il popolo e la plebe:
    perché questo è lor proprio né alcun vive
    dai lor morsi securo; e spesso i morti
    gli sentono anche lor dentro a la terra.
    E questo è, per il piú, che è gente vòta
    di robba e di pensieri; e altro non hanno
    u' esercitar la lor maligna mente
    che ne' fatti d'altrui. Ma un ben nato
    non sará tinto di cotesta macchia
    né assai né poco.

    PILASTRINO.       È ver. Sol si conviene
    a simil gentarelle il biasimare:
    vizio che trovò il diavol de l'inferno.
    Lascia pur dir chi vuol, ch'è piú d'un mese
    ch'io veggio, appunto come or veggio te,
    una gran fame. Oh! Pensa, a queste nozze,
    s'io m'affaticherò che vadin bene
    i boccon giú! ché, se devessi ancora
    durar tre giorni in quella cosa dolce,
    me ne voglio saziar; né mai partirmi
    per fin che 'l ventre non mi dice:--Tura.--
    Andiam pur lá.

    CRISAULO.      Ma non è ancor gran cosa:
    ché, quando ben riguardo a le parole
    che fûr tra noi, non veggio, senza carco
    e senza dar gran macchia a l'onor mio,
    poter ritrarmi da sí fatta impresa.
    È ver che tempo fu ch'io non pensai
    d'averlo a fare: onde, piú del dovere,
    son stato di parole liberale
    per venire a la fin del mio disegno.
    Or veggio meglio che nol posso fare
    e mancare a' miei detti: ond'io, in ciò, voglio
    che la necessitá l'errore iscusi.
    Ma non ti veggio, Girifalco, lieto
    com'io vorrei.

    GIRIFALCO.     Io son pur troppo allegro:
    tanto che non mi par d'esser capace
    di tanta gioia; onde l'alma, in se istessa
    talor rivolta, si stupisce e quasi
    non crede ch'in vecchiezza tanto bene
    le venga quanto è questo di tal donna
    e sí da bene.

    PILASTRINO.   E che! Sei fatto sposo,
    padre degli anni, ove tutti i difetti
    c'ha la vecchiezza in sé son giá scoperti?
    È vero o mi berteggi?

    CRISAULO.             Tu nol credi,
    eh, Pilastrino? Gli è pur troppo vero.
    Credilo a me, che sono stato il mezzo.
    Calonide è la sposa; e sallo Iddio,
    s'io ci ho durato punto di fatica!
    Pur si contenta; e ne vedrai gli effetti,
    come siam giunti. E ben ci fia che ridere:
    che parrá certo, appresso a lui, la sposa
    piú che donzella.

    PILASTRINO.       Io vado a sotterarmi
    per disperato sotto a la mia botte.
    Ma ci voglio un pitaffio ch'io m'ho fatto
    per mia memoria.

    CRISAULO.        Dillo.

    PILASTRINO.             Falli onore.
    «Qui giace un ch'ebbe nome Pilastrino.
    Vivo, tanto m'amò che disperato
    morio mancando in me lo spirto e el vino».

    CRISAULO. Ha odor d'antico.

    PILASTRINO.                 No. Ci manca questo:
    «Visse di baie e morí disperato,
    vedendo andare a nozze un che col tempo
    contendea d'anni».

    CRISAULO.          Ah! ca!

    PILASTRINO.                Gli è pure il vero.
    Non vedi che non ha pur le gengíe?
    Povera Orgilla, so che l'avrá buona
    come lo sa! ché questo è appunto un tôrgli
    la sua provenda de la mangiatoia.
    Or non manca se non ch'io mi rassetti
    per poter ben mandar per le mascelle
    i denti a scrocco e far d'altro che d'esca
    farina macinata a duo palmenti.
    Oh! Scherza e salta e pigliati sollazzo
    or, Pilastrin, ché di troppa dolcezza
    par che ti senta andar tutto in condime.
    Oh! Ve' che starò, un tratto, un giorno allegro!
    ché è giá quindici dí che sono stato
    come le donne quando han le lor cose,
    fortuna ladra!

    CRISAULO.      E che debbo dire io?
    ch'in duo sol giorni era giá fatto tale
    ch'ora mi pare uscir di sepultura
    e tornar vivo. E sarei morto, certo,
    se non me ne campava la speranza
    di tornare ove fosse e fare in modo
    ch'ambo siam prima d'esta salma scossi
    che lontani o divisi; in fin che 'l cielo,
    che ci ha congiunti, ne divida e sparta.
    Dica pur quanto vuol ciascun; ché, al fine,
    è pazzo quel che ne' propri interessi,
    per viver sol sotto costumi e usanze,
    se ne governa come piace altrui.
    Usciremo or d'affanno.

    PILASTRINO.            Tocca forte,
    ché non posson sentir.

    CALONIDE.              Va'. Guarda a l'uscio,
    Fronesia. E tu vatti governa, Lúcia,
    con i panni ordinari; ché Crisaulo
    oggi verrá come ancor venne ieri.
    Forse non piace a Dio. Qualcun de' suoi
    l'avrá tenuto.

    FRONESIA.      Apri, apri; è lui; è Crisaulo
    con molta gente. Oh che felice giorno!
    Lúcia, torna di qua.

    CALONIDE.            Di' 'l vero? È desso?
    Èvvi il mio Girifalco? Andiamgli incontra.
    Suonisi ogni strumento e facciam festa.
    Abbraccia il tuo Crisaulo. O Girifalco,
    non v'aspettava piú. Ringrazio Iddio
    ch'in sí poco ha condotto ad un bel fine
    sí onesta impresa.

    GIRIFALCO.         Ed io ringrazio prima
    il cielo e poi voi duo che a la mia vita
    dato avete soccorso; ché non era
    possibil che durasse piú dieci anni.
    Or son felice, al mondo.

    CALONIDE.                Entriamo in casa.
    Fronesia, or puoi chiamare il tuo Filocrate,
    ché è giunto il fin de' desidèri nostri.
    Saran tre nozze insieme in una festa.
    E, perché è tardi e passerebbe l'ora,
    è meglio cenar, prima. A le quattro ore
    potrá tornar ciascuno.


SCENA IX

      PILASTRINO dá licenzia.


                           Avete inteso,
    brigate? Non si balla, inanzi cena;
    ché ci ha fatto restar tanto per via
    questo gottoso ch'è passato l'ora
    di far le cerimonie de li sposi:
    onde siete pregati da madonna
    prima andarvene al letto e poi cenare.
    E, se vorrete pur tornar dimane
    e lasciarci istasera queste donne,
    vi fia concesso piú che volentieri.
    Noi li darem da cena e da dormire
    e li farem sí buona compagnia
    che loro istesse vi confesseranno
    che non vorriano esser tornate a casa:
    ché balleremo, al suon de le lettiere,
    tutta la notte. Or pigliate il partito,
    ché la cena vogliam far qui tra noi.
    Ma sento giá un odor, che par d'arrosto,
    entrarmi nel cervello. Addio. Vi lascio.
    Vado in cucina. Fate ch'io non abbia
    a cacciarvi con altro che parole.



NOTA


AVVERTENZE GENERALI

Per tutte le illustrazioni relative alle commedie che si raccolgono in
questo e in altri successivi volumi rimando alla parte giá pubblicata
della mia storia della _Commedia_ italiana (Milano, Vallardi, 1911). Qui
occorre solo avvertire che furono esclusi dalla presente raccolta tutti
quegli scrittori (ad es. l'Ariosto e il Machiavelli) di cui dovranno
ristamparsi le opere complete e quegli altri scrittori (ad es. il Cecchi
e il Della Porta) la cui operositá drammatica fu cosí vasta e complessa
da esigere una nuova edizione di tutto il loro teatro. La mia scelta si
restringe a quei commediografi (o notissimi, come il cardinal da
Bibbiena, o del tutto ignoti, come Niccolò Secchi) che non avrebbero
potuto entrare per altra via, mentre di entrarvi avevano pur essi
diritto, nella grande collezione degli _Scrittori d'Italia_. E, in tale
scelta, mi sono attenuto a un doppio ordine di criteri: storici ed
estetici. Ho badato, cioè, non solo all'intima bellezza delle commedie,
ma anche a certe loro speciali caratteristiche o ai loro stretti
rapporti con la vita e i costumi del Cinquecento o alla varietá delle
tendenze che, pur senza uscire dalla tradizione classicheggiante, si
manifestano in esse. Dalla _Calandria_ del Bibbiena, composta in sugli
inizi del secolo XVI, alla _Donna costante_ del Borghini, venuta in luce
al declinar del secolo stesso, v'è gran differenza di spiriti, se non di
forme: ridanciana, quella, e giocosa, spensierata e cinica; questa,
invece, seria, accigliata, lugubre, quasi preannunziatrice dei molto
posteriori _drames larmoyants_. Per ciò, a rappresentare, in qualche
modo, lo svolgimento storico del nostro teatro comico cinquecentesco, ho
disposto le commedie che qui si pubblicano in ordine approssimativamente
cronologico: solo approssimativamente, pur troppo, giacché di molte fra
esse ignoriamo, fin ora, il preciso anno della composizione.

La punteggiatura, quanto mai arbitraria ed irrazionale nelle
stampe del Cinquecento, ho rinnovato interamente. Del sistema
ortografico nulla ho da dire perché è quel medesimo che fu
adottato per tutti i volumi degli _Scrittori_. Piuttosto è
necessario che io renda conto del come mi son comportato rispetto
alle parti spagnuole o dialettali che si trovano assai di
frequente nelle nostre commedie. Per questo lato (mi limito a
discorrere dello spagnuolo, intendendosi che tutto ciò che
dico di esso valga, benché in minor proporzione, anche per
i vari dialetti italici), le stampe del Cinquecento ci offrono
lo spettacolo di una scapigliata anarchia. Troviamo «_io_»
e «_yo_»; «_estoi_» e «_estoy_»; «_ablar_» e «_hablar_»;
«_che_» e «_que_»; «_debaxo_» e «_debascio_» e «_debajo_»;
«_magnana_» e «_mañana_»; «_engannar_» e «_engagnar_» e «_engañar_»;
«_acer_» e «_hacer_» e «_azer_» e «_hazer_» e «_fazer_»; «_vieio_» e
«_viejo_»; «_mui_» e «_muy_»; «_nocce_» e «_noche_»; «_allá_»
e «_agliá_»; «_a_» e «_á_»; «_á chi_» e «_á qui_» e «_a qui_» e
«_aqui_» e «_aquí_»; «_por que_» e «_porque_»; «_tan bien_» e
«_tambien_»; e cosí via discorrendo. Di fronte a tale moltiplicitá
di espressioni grafiche che cosa dovevo fare? Dovevo ridurle tutte
ad un'espressione unica e corretta e scrivere, per es., in tutti i
casi, «_yo_», «_hablar_», «_que_», «_mañana_», «_hacer_», «_muy_»,
«_noche_», «_allá_»? oppure dovevo mantenere questo strano
ma pur significativo disordine? Mi parve, in principio, che
fosse miglior partito attenersi al primo sistema; poi, dopo
avere assai dubitato e riflettuto, ho finito coll'appigliarmi al
secondo. E le ragioni son queste. Innanzi tutto, le molte incertezze
ortografiche possono esser proprie non tanto del tipografo quanto
dello stesso autore e indicare la sua maggiore o minor conoscenza e la
sua piú o meno esatta pronunzia dello spagnuolo; né è male,
anzi è bene, che di questa sua conoscenza e pronunzia restino,
anche nella nostra edizione, le tracce. In secondo luogo,
può ben darsi che l'autore abbia inteso di usare promiscuamente
parole italiane (per es. «io», «engannar») e parole spagnuole
(per es. «_yo_», «_engagnar_» o «_engañar_»): sicché, quando
si adoperasse una sola grafia, potremmo correre il rischio
di allontanarci involontariamente dal suo stesso pensiero.
Il Piccolomini, infatti, dichiara nelle sue _Annotazioni alla Poetica
d'Aristotele_ di avere «interposto», nell'_Amor costante_ e
nell'_Alessandro_, «qualche scena in lingua spagnuola italianata,
accioché manco paresse straniera»[1]. Il quale italianizzamento
dello spagnuolo, oltre che giovare a render piú intelligibile
il discorso, era anche naturalmente suggerito dalla realtá;
come possiam rilevare dalla seguente preziosa testimonianza
del Bandello: «E queste parole ella disse mezze spagnuole e
mezze italiane, parlando come costumano gli oltramontani quando
vogliono parlar italiano»[2]. Ciò spiega, non pur le oscillazioni
ortografiche di cui ho discorso fin ora, ma anche la presenza di
scorrette forme grammaticali; che sarebbe, evidentemente, errore
il voler correggere. Insomma, per questa parte, io ho creduto di
dovere essere, quanto piú mi fosse possibile, conservatore:
conservatore, dico, dell'anarchia.

    1. _Annotazioni di M. Alessandro Piccolomini, nel Libro della
       Poetica d'Aristotele; con la traduttione del medesimo Libro,
       in Lingua Volgare. Con privilegio_. In Vinegia, presso
       Giovanni Guarisco, e Compagni [in fine l'anno: M.D.LXXV],
       p. 29.

    2. Le novelle a cura di G. BROGNOLIGO, I (Bari, Laterza, 1910),
       242 (nov. I, .16)

Ciò non di meno, qualche modificazione o correzione è stata pur
necessaria. Non potevano, per es., nella scena 3 dell'atto II
degl'_Ingannati_ rimanere un «_lamas hermosas mozas_» e un «_ellacca ob
alcatieta_» che sono stati rispettivamente ridotti a «_la mas hermosa
moza_» e «_vellacca alcahueta_». E cosí, nell'uso degli accenti e del
«_h_» iniziale, se ho rispettato di regola le antiche stampe da me poste
a fondamento di questa nuova edizione, e se ho scritto indifferentemente
«_á_» e «_a_», «_hacer_» e «_acer_» ecc., me ne son però
allontanato ogni qual volta la mancanza dell'accento o del
«_h_» potesse ingenerare confusioni ed equivoci. Per es., un
«_alla_» o un «_alli_», che sembrano preposizioni articolate
italiane mentre sono avverbi spagnuoli, ho creduto bene di accentarli
(«_allá, allí_»); un «_resucitare_» o un «_andare_» o un «_ire_»,
che possono prendersi per infiniti mentre non sono che la prima
persona singolare del futuro, li ho pure accentati («_resucitaré,
andaré, iré_»); e ho fatto precedere dal «_h_» un «_e_»
che, invece d'essere la nostra congiunzione copulativa, sia
la prima persona singolare del presente indicativo del verbo spagnuolo
«_haber_» («_he_»); e altre simili modificazioni ho introdotte
quando mi sia parso opportuno. Ma ciò non infirma punto
il general criterio di conservazione al quale, come piú sopra
dissi, mi sono, nel maggior numero dei casi, rigorosamente attenuto.


I TRE TIRANNI

Ecco il titolo della sola stampa che di questa commedia sia stata
fatta dal Cinquecento ad oggi: _Comedia di Agostino Ricchi da Lucca,
intittolata i Tre Tiranni. Recitata in Bologna a N. Signore, et a
Cesare, Il giorno de la Commemoratione de la Corona di sua Maestá. Con
Privilegio Apostolico, et Venitiano M.D.XXXIII [in fine: Stampata in
Vinegia per Bernardino de Vitali, A di xiiij di Settembre del
MDXXXIII_]. Precedono la commedia una lettera dedicatoria dell'autore
stesso a Ippolito de' Medici, che io qui riproduco, e un avvertimento
«ai lettori» di Alessandro Vellutello, che ometto, come troppo lungo e
di troppo scarso interesse. Delle correzioni da me introdotte basterá
indicar le seguenti. A. I, sc. 5: «ch'io caschi morta» (ediz.: «ch'io
corri morta»).--A. II, sc. 1: «Non dubitar, figliuola» (ediz.: «Non
dubitar lola»).--A. II, sc. 6: «men... men... mentir per la gola»
(ediz.: «... morir per la gola»).--A. III, sc. 1. Dei molti
epiteti greci, coi quali Listagiro designa il diavolo da lui
invocato, cambio «_ágniptos_» in «_ániptos_» (ἄνιπτος),
«_Cantíglios_» in «_cantílios_» (κανθήλιος) e «_criau_»
in «_criós_» (κριός); lascio immutati un «_cladéutir_» e un
«_inófliz_» e un «_orchózo_» che non mi riescono chiari;
e parimente conservo un «_chielévo_» nel quale non so se
siano da riconoscere le due parole «_chiè lévo_» (καὶ λεύω)
o l'unica parola «_chelévo_» (κελεύω). Quanto agli accenti,
che nell'edizione sono a volta a volta bene o mal collocati
o anche del tutto omessi, li pongo sempre su quelle sillabe
ove devono effettivamente trovarsi secondo l'accentuazione greca.
In fine, poiché l'invocazione di Listagiro è diretta al demone
Maladies, mi è parso necessario, lá dove la stampa legge
«per la gran virtú di questi nomi suoi», cambiare «suoi» in
«tuo».--A. V, sc. 4: «_de allí léjos_» (ediz.: «_de alli llesos_»);
«_si de un tan grande ultrage yo saco venganza_» (ediz.: «_... ae
sacho vengan_»); «_me ya mas contento saque_» (ediz.: «_me yu...
sache_»). Scrivo «_saco_» e «_saque_» invece di «_sacho_»
e «_sache_» perché piú chiaro apparisca che si hanno qui due
forme del verbo «_sacar_» e perché si eviti l'equivoco col
suono palatale «_ch_» quale è nel «_mucho_» e nel «_noche_»
di questa medesima scena. Compio il «_vengan_» nel modo che
mi sembra piú naturale, quantunque non sia da escludere la
possibilitá che si abbia qui l'infinito sostantivato «_vengar_».
Quanto all'«_ae_», che non dá alcun senso ed è certamente
un errore, lo muto in «_yo_».--A. V, sc. 5: «un sí felice stato ch'io
quasi par che a me istesso nol creda» (ediz.: «... mil creda»).





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "I tre tiranni - Commedie del Cinquecento" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home