Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Ninnoli
Author: Rovetta, Gerolamo, 1854-1910
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Ninnoli" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



http://dp.rastko.net. (This file was produced from images


                         G. ROVETTA


                          NINNOLI


                     Storiella vecchia
                  Era matto o aveva fame?...
                    Cavalleria assassina
                       Scellerata!...
                      Quintino e Marco


                       Terza Edizione

                        1.° Migliaio


                            ROMA
               CASA EDITRICE A. SOMMARUGA E C.
                      Via dell'Umiltà

                            1884



                    PROPRIETÀ LETTERARIA


         901--Firenze, Tip. dell'Arte della Stampa.



                   Al mio carissimo Amico

                    GIUSEPPE FRACCAROLI



STORIELLA VECCHIA


Se Domenico Ghegola non fu un eroe, la colpa certo non è stata sua, ma
del coraggio che sempre gli venne meno in tutte le circostanze della
vita.

Vi è, non è vero? un certo coraggio _sui generis_, così detto della
paura, il quale, alle volte, spinge anche i timidi a compiere prodigi
di valore.... Ebbene, lo credereste?... Domenico Ghegola non ebbe mai
neppure il coraggio della paura.

Tuttavia, però, non bisogna credere che, di tanto in tanto, non se la
sentisse anche Menico, così tra carne e pelle, la fregola di essere o
almeno di parere un ammazzasette; ed anzi, si può dire di più, che,
per diventare un eroe, o soltanto un di quei _buli_ capaci di tener la
gente in soggezione, egli avrebbe fatto di tutto; tranne, s'intende,
di mettere in pericolo una goccia del suo sangue, o un'ora della sua
vita.

Egli non discorreva che di scherma, di duelli, di fucili e di cannoni.
Passava l'intera giornata in sala d'armi; e nel cortile di casa s'era
fatto costruire un bersaglio per divertirsi nel dopo pranzo. Le sue
stanze erano tappezzate di sciabole, di spade, di pugnali e di stocchi
di ogni forma e di ogni tempo, dalle scimitarre ricurve alla turca,
agli spadini flessibili delle Eccellenze veneziane. I quadri
ricordavano qualche battaglia fra le più sanguinose della storia;
nella sua camera, inchiodato forte sul muro, accanto al letto, teneva
un guancialino di pelle, sul quale, per esercitarsi il pugno, tirava
lesto lesto varii colpi di fioretto ogni mattina appena alzato, e ogni
sera prima di coricarsi. I ferma-porte rappresentavano degli zuavi col
muso nero come il carbone, delle armature antiche e dei cannoni.... di
legno. La sua biblioteca conteneva i migliori trattati di scherma e i
codici più autorevoli della cavalleria; gli unici versi ch'egli
sapesse a memoria eran quelli del Tasso, quando descrive il duello di
Tancredi con Argante.

                            ***

Tutti i giorni, durante la guerra del 59, perchè la nostra è una
storiella vecchia, egli, a sentirlo dire, voleva passare il confine,
emigrare in Lombardia, correre in Piemonte, entrare nell'esercito,
arruolarsi con Garibaldi.... e invece restava sempre fermo al di qua
del Garda, non decidendosi mai al salto del Rubicone, brontolando con
le sue amiche contro il _Comitato segreto_, che non sapeva cogliere il
momento buono per farlo scappar via. Però, siccome egli tirava innanzi
colle chiacchiere, i suoi amici a poco a poco cominciarono a non
salutarlo e a non guardarlo più in faccia; le signore gli mandavano a
casa, per deriderlo, dei soldatini di piombo e delle spaducce di
legno, i monelli scrivevano il suo nome su per i muri, accompagnandolo
con degli aggettivi pochissimo lusinghieri; e Domenico Ghegola, per
paura di prendersi, una sera o l'altra, anche un paio di scapaccioni,
a buon conto preparò le valigie, poi, appena firmata la pace di
Villafranca, passò il confine col diretto, chiuso, tutto solo, in un
_coupé_ di prima classe, e andò difilato fino a Brescia, dove prese un
quartierino in affitto e si fermò in esilio.

A Brescia ci si trovò subito e molto bene. Egli faceva sempre vita in
mezzo agli ufficiali; andava con loro al caffè, al teatro, e al
passeggio sul corso di _Torre Lunga_, Dava loro delle lezioni sul modo
di battersi, di tirare, di stare a cavallo, e guardava i _borghesi_
dall'alto al basso. Ma però, dopo qualche settimana, i suoi nuovi
amici, vedendo ch'egli lasciava passare il tempo senza far nulla, lo
consigliarono apertamente di arruolarsi in un reggimento per essere
pronto al bisogno. Ghegola finse, in sulle prime, di accomodarsi
volentieri a quel buon consiglio e di esitare soltanto nella scelta
fra la cavalleria e i bersaglieri; ma poi, visto che ogni bel giuoco,
anche quello del _tentenna_, non può durare un pezzo, allora, cominciò
a rallentare la sua intrinsichezza cogli ufficiali, finchè uscì in
certe proposizioni che lo fecero mettere al bando dell'esercito, tanto
di quello a piedi che a cavallo.

                            ***

Ghegola era malcontento di Cavour, di Vittorio Emanuele e di
Napoleone.... _il piccolo_!--Egli aveva dei grandi ideali, delle forti
aspirazioni: le monarchie erano tutte compagne e avevano fatto il loro
tempo; Ghegola non sarebbe mai, ad ogni costo, il soldato di un re.
Peuh!... E agli avventori del _Caffè del Duomo_, dov'egli adesso
consumava il suo tempo, sdottoreggiando di politica, ripeteva sempre,
a proposito e a sproposito dei re, e senza mai stancarsi, il noto
epigramma

    Che cosa è re?...
    Di _reo_ due terzi egli è,
    Anzi, per dire il vero,
    La differenza è zero!

Occorrendo, per l'indipendenza del paese e per una volta tanto,
avrebbe fatto un sacrificio alle proprie convinzioni e si sarebbe
arruolato con Garibaldi; il quale, appunto in quei giorni, aveva
sciolta la sua legione. Ma quando, pochi mesi dopo, Garibaldi richiamò
la gioventù italiana sotto le armi per la campagna delle Due Sicilie,
il nostro esule rimase a Brescia scandalizzato e molto malcontento
anche di Garibaldi, perchè, lo diceva Ghegola al _Caffè del Duomo_,
cominciava a compromettere la _causa_. Il Duce dei Mille aveva cantato
con un tono troppo alto _Italia_ e _Vittorio Emanuele_; l'equivoco non
poteva più essere mantenuto, era un caso di coscienza bello e buono: e
Ghegola, che avrebbe sdilinquito per Casa Savoia se si fosse trattato
di porre a rischio la pelle per la repubblica, questa volta si mostrò
un repubblicano intransigente per non esporre la pancia in servizio
della monarchia.

Con questo suo modo di agire, non occorre dirlo, in poco tempo egli
s'era fatto prendere in uggia da tutti indistintamente, monarchici e
repubblicani; ma ancora più degli altri ne avean piene le tasche i
suoi stessi compaesani, i veneti, i quali dubitavano, e a torto, di
poter sfigurare, perchè fra i tanti giovani animosi, coi quali aveano
ingrossate le fila dell'esercito e dei volontari, era capitato pure
dalle loro parti anche quel tanghero unto e bisunto di pomate e di
profumi, colle gambe lunghe lunghe, la faccia bianca bianca, i capelli
di stoppa, la barbettina rada.... e il cuor di coniglio.

Lo deridevano, lo prendevano in giro, lo tormentavano in mille modi.
Ma Ghegola, di rimando, faceva l'incompreso, l'uomo superiore al
_pubblico flagello_, e solamente quando la discussione si accendeva,
ed egli, messo proprio fra l'uscio e il muro, non sapeva più che
rispondere, allora tirava fuori i suoi paroloni da _smargiasso_ e le
sue arie da ammazzasette. In fondo in fondo però non gli dispiaceva
punto di essere quasi sempre il centro delle conversazioni politiche
del _Caffè del Duomo_; e questo passatempo, unito alla saccoccia
rigonfia e ai conforti di una sartorella sana, fresca e sui
diciott'anni, faceva sì ch'egli trovasse la vita abbastanza
sopportabile, anche in terra d'esilio.

Ghita, si chiamava così la sartorella, era una buona ragazza, e
cominciò a volergli bene perchè Menico le fece credere di essere un
cospiratore travestito, uno di quelli, tal e quale, come se ne vedono
nell'_Ernani_. Co' suoi paroloni le intronava la testa, e la poveretta
non ne capiva un'acca, ma sbarrava tanto d'occhi quando sentiva il suo
innamorato vantarsi di essere un _martire dell'idea_, un _eroe
dell'ombra_, l'_avanguardia del pensiero_. Ghegola, il birbaccione,
abusava della sua influenza; colla Ghita faceva lo spaccamonti più che
non lo facesse cogli altri. Assumeva un'aria terribile, un cipiglio da
tiranno, e la spaventava in mille guise, qualche volta allungandole
anche certe carezze che pesavano un po' troppo. Era sempre la Ghita,
in fin dei conti, che doveva scontare le canzonature inflitte al suo
Menico dagli avventori del _Caffè del Duomo_.

                            ***

Però, tutte queste fortune e la bella vita che menava, furono presto
intorbidite per quel suo viziaccio di parlar sempre ad alta voce e in
modo che, quando c'era lui, si sapeva subito, da un punto all'altro
del caffè. Aveva una vocina sottile, ma rompeva i timpani come un
campanello. Per di più, pranzava di solito alla _Fenice_, dove c'era
un vinetto di Gussago limpido come un rubino, che si faceva bere anche
quando la sete era finita da un pezzo. Si capisce dunque come Ghegola,
tutt'altro che resistente alle seduzioni, fosse il dopo pranzo
alticcio anzi che no, e ci vedesse di sera ancor più rosso che alla
mattina. E fu di sera appunto, sorbendo il _moka_, quella volta che
cominciò a tirarne giù, senza un motivo, di cotte e di crude, addosso
ai _piemontesi_, ai _monarchici_ ed ai _fedifraghi_; tanto che un
giovinetto, il quale sedeva ad un tavolo vicino, stomacato da quella
retorica balorda, si alzò d'un tratto e venne a gridargli sotto il
muso che «parlando in quel modo, il signore era un vigliacco!...»

Ghegola si levò in piedi, bianco come un panno di bucato, e colla voce
strozzata sfidò l'impertinente a ripetergli l'ingiuria.... E
quell'altro, prontissimo, non la ripetè una volta sola, come avea
desiderato Ghegola, ma due, dandogli così la buona misura, e
accompagnò le parole coll'atto di volergli allungare un man rovescio.

Era questi un giovinetto bresciano, tarchiato, bruno, dalla faccia
ardita: un garibaldino, anzi un mazziniano per la pelle, ma che in
que' giorni, contentandosi, come diceva lui, di fare una cosa alla
volta, raccoglieva compagni per la spedizione dei Mille.

Dopo quel fatto un duello era inevitabile.

Certo credevano tutti, che Menico Ghegola non avrebbe mandato giù in
santa pace un'offesa tanto grave; e Marino Aimoni, così si chiamava il
provocatore, pregò in anticipazione due suoi amici perchè fossero
pronti a rappresentarlo appena il Don Chisciotte lo avesse mandato a
sfidare.

In questo frattempo, attorno al tavolino dov'era seduto Ghegola, s'era
fatto un silenzio sepolcrale. Subito, appena l'Aimoni ebbe lanciato
quell'insulto, tutti si aspettavano che Ghegola gli si buttasse
addosso come una tigre inferocita. Il pallor del volto l'avevan
creduto, così in sulle prime, causato dall'ira, dal furore, non mai
certo dalla paura; ma quando udirono quelle sue parole uscirgli dalla
bocca balbettante, quando videro grosse gocce di sudore correr sulla
sua fronte, e quella figura lunga allampanata scattar su ritta dalla
sedia, non già per avventarsi sull'offensore, ma invece per tirarsi
prudentemente indietro, allora capirono che in quell'eroe della
retorica non c'era di vero altro che della gran paura.

Appena l'Aimoni ritornò tranquillamente al suo posto, Menico disse a
chi lo circondava, ansando forte e ancora tremante, che era stato la
vittima di un'aggressione bella e buona, e che quell'altro, per fare a
lui quella partaccia, doveva essere o matto o ubbriaco; perchè, in fin
dei conti, se avevano mandato al diavolo i tedeschi, era perchè ognuno
voleva avere la libertà dei propri atti o per lo meno delle proprie
opinioni.

Ghegola, si sa, dei tedeschi non ne aveva certo mandati al diavolo per
detto e fatto suo; ma intanto anche lui aveva preso parte ai
plebisciti!...

Tuttavia quelle parole, biascicate col tono di volersi scusare, non
ottennero, non solo alcuna adesione, ma nemmeno alcuna risposta dalla
brigatella che gli stava seduta intorno. Invece cominciarono l'un
l'altro a guardarsi in viso; poi si alzarono senza dir motto, e si
allontanarono tutti quatti quatti, salutandolo appena con un lieve
cenno del capo.

                            ***

--Domattina lo manderò a sfidare e domani sera gli taglierò il
muso--borbottava Ghegola fra i denti, ritornandosene tutto solo a casa
sua.--Gli darò una di quelle lezioni da far epoca, e così insegnerò a
lui e a tutti di non rompermi le tasche!... Del vigliacco a me!...
Animale!... Non ha osato di toccarmi, però; che se mi avesse toccato,
per Dio che si sarebbe preso una seggiola sui corni! Lo ammazzerò,
voglio ammazzarlo come un cane!--E mentre Ghegola allungava il bastone
e lo batteva contro il muro, quasi volesse far la prova d'infilzare
l'Aimoni, colla testa combinava delle _azioni_ che terminavano tutte
con una botta terribile.

Giunto a casa, salì e si chiuse nel suo quartierino senza passare a
salutar la padrona; entrò subito nella camera da letto e staccò una
sciabola bene arrotata che aveva appesa al capezzale, e ch'egli
chiamava, con gergo soldatesco, _la sua madonna_.

Ma, ahimè, povero Ghegola! lo stridore che fece la spada nell'uscir
dal fodero, e la vista di quella lama così lunga, così larga, con
quelle due dita di punta, con quel filo che la faceva parere un
gigantesco rasoio, gli fece correre un brivido per tutto il corpo.

Se invece di colpire l'Aimoni con una stoccata, gli fallisse il colpo,
e quell'altro forasse a lui il petto con un simile spadone?... Se gli
spaccasse la testa?

A questa idea spaventosa Ghegola si chinò macchinalmente come per
parare quel colpo, chè egli già, nella fantasia impaurita, sentiva il
fischiar della sciabola attorno al capo.

--Che ghiribizzo era stato quello dell'Aimoni per insultarlo a quel
modo?--pensava Ghegola rabbonito, mentre rimetteva prudentemente lo
sciabolone nel fodero.--Che cosa doveva importare a quell'altro se lui
voleva mo' la repubblica invece della monarchia! Appunto! fra i
vantaggi della libertà non c'è quello anche di poter volere chi una
cosa, chi un'altra a piacimento? Insultarlo a quel modo!... Dov'era la
creanza.... e dov'era il patriottismo? perchè lui, alla fin fine,
Domenico Ghegola, era un esule, sicuro, come Mazzini in Svizzera e
Victor Hugo in.... in qualche altro luogo, e però aveva diritto a
tutti i maggiori riguardi. _Lontano da' suoi_, egli aveva rinunciato
agli agi della vita, alle abitudini più care, ai cavalli, al cuoco,
perfino alla comodità di far la doccia in casa, e tutto ciò per il suo
paese; e l'Aimoni, quell'asino, invece di ammirarlo, gli diceva
gratuitamente delle insolenze?! Ma dunque per far ciò l'Aimoni doveva
essere proprio, anche ammessa l'ubbriacatura, un poco di buono!
Sicuro, egli si sentiva troppo superiore a quel becero e non lo
avrebbe mai inalzato fino al suo livello, non gli avrebbe mai fatto
l'onore di rilevare un insulto che partiva troppo dal basso per
poterlo colpire. Tutt'al più, quello che Menico poteva fare per
l'Aimoni, era di dargli una lezione di generosità perdonandogli
quell'offesa, se gli avesse mandato a chieder delle scuse. Dopo tutto,
non era stato toccato.... Oh! se lo toccava anche con un dito appena,
allora.... allora sarebbe stato un altro paio di maniche!--Ghegola era
di buona pasta, e quando ragionava per conto proprio, riusciva sempre
a convincersi; ed anche quella sera, appena in letto, chiusi i
bilanci, trovò tra il dare e l'avere, che il vigliacco era l'Aimoni, e
che nel caso suo ci voleva certo più coraggio a non battersi.--Una
sciabolata!--pensava,--mi fa proprio ridere una sciabolata.... È una
scalfittura, un salasso.... la dài, la pigli, e dalla sera alla
mattina tutto è scomparso. Ma la vera forza d'animo, il vero coraggio
sta appunto nel non piegarsi davanti ad un mascalzone che t'insulta
per avere da te una patente di gentiluomo. Qui ti voglio!--E Ghegola,
siccome quel coraggio sentiva d'averlo, si addormentò convinto
d'essere un eroe.... o poco meno.

Ma egli cominciava appena a sognare, non si sa più bene se un bacio
della Ghita o un pugno dell'Aimoni, quando fu svegliato di soprassalto
da un battere precipitoso che facevano alla porta della camera.

--Chi è?... Indietro!... Chi è là?--gridò Ghegola, spalancando gli
occhi, tutto spaventato.

--Sono io, apri, fa presto!--rispose una voce al di fuori.

Ghegola doveva conoscere quell'_io_, perchè, accesa una candela, si
alzò subito, senza indugiare, e a piè nudi corse ad aprir l'uscio;
poi, prima ancora che l'altro fosse entrato in camera, balzò daccapo
nel letto, dove lo aspettò seduto.

Chi faceva quella visita a quell'ora ed in quel modo, era Gianni
Foscarini, un bravo giovinetto, che avea guadagnate le spalline
d'ufficiale combattendo a San Martino come un leone, e che in que'
giorni aveva mandate al Ministero le proprie dimissioni, perchè voleva
esser libero di andare con Garibaldi in Sicilia. Era veneto anche lui
e cugino di Menico, e non è a dire se ci soffrisse pel ridicolo che
circondava il bollente Ghegola.

--Che cosa vuoi?--chiese Menico, un po' inquieto, a Gianni che s'era
fermato a' piedi del letto.

--Diavolo, m'hanno contata la scena di poco fa, e ho rotto il sonno
della tua padrona di casa per farmi aprire e correr qui subito a
mettermi a tua disposizione.

--A mia disposizione?

--Spero bene che un imbroglio simile lo lascerai sbrigare da me. Sono
tuo cugino, mi sta a cuore l'onor tuo, che è quello della nostra
famiglia e, tu lo sai, sono abbastanza pratico di tali faccende.
Dunque di' su, contami com'è andata, dall'a alla zeta....

--Com'è andata? O che non lo sai? di più io non ho nulla da contare.
Che l'Aimoni sia un mascalzone, anche questa è cosa nota, _ergo_ non
seccarmi, perchè io non sono venuto a Brescia per dare delle lezioni
agli ineducati.--E Ghegola, così dicendo, si allungò tutto sotto le
coperte coll'aria di chi ha sonno e vuol dormire.

--Scusa, caro, ma, di lezioni, invece di darne mi pare che tu ne
riceva!...

--Pare a te?... Ebbene, così sia e felicissima notte!--e Menico si
dimenò nel letto adagio adagio come per farsi la nicchia ancora più
comoda.

--In quanto all'Aimoni, poi, ti so dir io ch'egli è tutt'altro che un
mascalzone e che....

--Sta a vedere che m'hai rotto.... il sonno per venir qui adesso a
farmi il panegirico di quel villano!

--Io sono venuto qui per sapere come intendi di riparare al tuo onore,
dopo l'insulto che hai ricevuto.

--Prima di tutto non capisco perchè tu voglia pigliartela così
calda....

--Me la piglio calda, sissignore; me la piglio calda perchè tu sei mio
cugino, me la piglio calda perchè l'onor tuo è anche l'onore della
nostra famiglia, e in fine me la piglio calda perchè vedo te
pigliartela troppo fredda!

--Allora ti dirò, in secondo luogo, che il mio onore non ha perduto
nulla, e che ci perderebbe in un caso solo: qualora io mi degnassi di
raccogliere le parolacce di un ubbriaco.

Foscarini aprì la bocca.... voleva rispondere, ma non fiatò. Fissò
invece suo cugino con un'occhiata così espressiva, che diceva molto
più di quanto Ghegola avrebbe voluto intendere.

--Tu pensa ciò che vuoi--disse alla fine, non potendo a meno di
sentirsi un po' impacciato sotto quello sguardo--ma in quanto a me non
desisto e non desisterò mai dalla presa risoluzione.

--Ma crederanno che tu abbia paura.

--Chi lo crederà?... Gl'imbecilli!...

--No, perchè lo crederò anch'io!...

--Ogni regola ha la sua eccezione.

--Diranno che tu sei un vigliacco!...

--Che si provino un po'!...

Menico tornò a sedersi sul letto, incrociando le braccia, con un
piglio da guerriero.

--Ma per l'amor di Dio, non te lo hanno detto e ripetuto sul muso
anche due ore fa?

--Ed io....

--E tu.... te lo sei lasciato dire!

--Perchè non ero ubbriaco, perchè non sono un mascalzone come
quell'altro, perchè sono una persona educata!...

--Hai paura!... Hai paura di batterti!... Non trovarmi fuori delle
scuse!...

--Sia pure. Avrò paura. Tu sei padrone di credere quello che vuoi!--E
Ghegola si stirò di nuovo sotto le coperte, esprimendo la
rassegnazione di chi si sa colpito dalla calunnia, ma che però, forte
della propria coscienza, la sopporta tranquillo e sicuro.

Gianni capì che colle cattive non avrebbe ottenuto nulla da suo
cugino, e allora, tanto per dire d'averle tentate tutte, volle provare
a commuoverlo colle buone e si avvicinò, penetrando nella stretta,
alla sponda del letto.

--Via.... sii ragionevole.... pensa che se tu non ti batti
coll'Aimoni, sarai costretto a partire da Brescia.... Nessuno de' tuoi
conoscenti ti guarderà più in faccia.

--Anderò a Modena.

--Vuoi andare a Modena?... Sta bene; ma e la gente? Non pensi che cosa
dirà la gente di te?...

--Ebbene, tu dici che io non ho il coraggio di battermi, non è vero? E
io ti mostrerò che ho il coraggio, ancor più raro, d'infischiarmene
dell'opinione pubblica, quando per ottenere i suoi applausi dovrei
perdere il mio tempo e la mia dignità, dispensando dei _brevetti di
cavalleria_: perchè, sai, l'Aimoni cerca d'avere uno scontro con me
per far del rumore, e non per altro. Ma non gliela do vinta, sta'
sicuro; sarei ben minchione!...

--Un uomo come l'Aimoni che cosa vuoi che ne faccia de' tuoi
_brevetti_? fa un po' il piacere!... Ne ha tanto dell'onore, quello
là, da darne anche a.... a degli altri che ne avrebbero bisogno.

--Questa sarà la tua opinione; la mia è diversa: tante teste tanti
cervelli!...

--Ma perchè non sei rimasto a casa a far l'avvocato, invece di venire
quaggiù a fare di queste figure!?

--E te?... chi ti ha pregato di venire in casa mia a dirmi di queste
piacevolezze?...

--Ti voglio bene, mi sta a cuore l'onor tuo.

--Oh, grazie!

A questo punto, Gianni, che s'era proposto di esercitare la pazienza
del povero Giobbe pur di riuscir nell'intento, tornò da capo a pregar
Menico, a scongiurarlo d'accettare i suoi consigli. Ma l'altro, duro.
Allora gli promise che avrebbe condotto la cosa in modo che tutto
sarebbe finito con una scalfittura.

--Vedi che non c'intendiamo!--rispose Menico, sempre sotto le
lenzuola, con una mano sola fuori, colla quale gestiva come un
burattino.--Vedi che non c'intendiamo! Se dovessi accettare questo
duello, non sarebbe che a condizioni gravissime. È, o non è un'offesa
che meriti una riparazione? Nel primo caso bisogna ammazzarsi.... o
quasi....

--Ebbene, ammazzatevi, se ciò ti accomoda di più.

--Ma nel secondo caso, che è il mio, si lascia morir la faccenda....

--E si fa la ricevuta di ciò che hai preso!--

A questo punto, Foscarini, che non ne poteva più, attaccò un di que'
moccoli da far arrossire la barba d'uno zappatore; poi, acceso d'ira,
uscì bofonchiando e tirandosi dietro l'uscio con tanta forza da far
tremare tutta la casa.

Menico, a questa sfuriata, si tirò un po' su, fuori dalle lenzuola, e
tornò a mettersi a sedere ascoltando attentamente il rumore che faceva
Gianni colla sciabola e gli speroni correndo giù per le scale; poi,
quando lo udì serrare con impeto anche la porta di strada, allora,
adagio adagio cacciò fuori dal letto le sue gambe lunghe, secche,
pelose, corse a richiuder colla chiave l'uscio della camera, poi, in
due salti si coricò di nuovo.

--È un bel matto quello là--pensava tra sè, tentando di persuadersi
che aveva ragione lui. Però non ci riuscì del tutto, ma, in compenso,
dopo una mezz'ora, potè riaddormentarsi quetamente.

                            ***

La mattina dopo, Menico si alzò per tempo, e tutto musone, colla
faccia stralunata, stava facendo le sue valigie per prepararsi ad
andare a Modena, allorchè suo cugino ritornò a capitargli in camera.

--Sai? Ho combinato tutto per oggi alle cinque--disse Gianni a
quell'altro che lo guardava con due occhi sbalorditi.--Ho pregato un
mio amico a nome tuo perchè ti serva da testimonio. Il duello è alla
pistola e....

A queste parole, Ghegola non lo lasciò più andare avanti, si pose a
gridare, a urlare, a dirgliene di tutti i colori, e concluse col
mettere Foscarini alla porta o poco meno: se non del coraggio, questa
volta la gran paura riusciva a mettergli in corpo un po' d'ardire.

--Ma il duello,--continuò Gianni senza scomporsi, appena Menico si
fermò per pigliar fiato--salverà l'onore, senza che ci sia alcun
pericolo nè per te.... nè per l'Aimoni.

Ghegola stralunò gli occhi a quelle parole, ma fu più sorpreso che
fidente.

--Spiègati!...

--Subito. Devi sapere che il _secondo_, scelto dall'Aimoni, è il
Gottardi, che è poi fratello di una signorina che l'Aimoni ha promesso
di sposare quando ritorna dalla Sicilia. Anche a lui, dunque,
rincrescerebbe moltissimo, come puoi figurarti, se al suo mandante
accadesse qualche sinistro. Noi due, vedi che cosa vuol dire nascere
colla camicia? siamo amici intimi: eravamo a San Martino soldati nello
stesso battaglione. Figurati!... appena saputa la cosa, immaginandosi
che io sarei stato scelto da te per questo affare, è venuto a
cercarmi, e allora, d'accordo, abbiamo fatto in modo che all'insaputa
dei nostri due _primi_, bada bene, all'insaputa dei nostri due
_primi_, il duello non avesse tristi conseguenze.

--E che cosa avete combinato?... Che cosa avete deciso?...--Ghegola
passava dallo stupore alla diffidenza e dalla diffidenza
all'incredulità.

--Che cosa abbiamo combinato? È presto detto. Devi sapere intanto che
si scelse appunto la pistola, perchè l'inganno così è sicuro. Siamo
noi due, non è vero, che dobbiamo caricarle? ebbene: noi due le
carichiamo soltanto a polvere. Tu tiri il primo colpo a venticinque
passi di distanza, l'altro tira il secondo avvicinandosi di cinque
passi, tu tiri il terzo avvicinandoti d'altri cinque: avete sparati i
tre colpi, non vi siete presi, naturalmente, e l'onore è bello e
salvo.

--Ma gli altri due testimoni sono poi d'accordo in quest'affare?
Bisogna che sieno presenti alla carica.

--Non è vero. Non è necessario che restino lì a guardare; del resto è
facile allontanarli con una scusa qualunque, mandandoli a dire qualche
cosa ai medici o a vedere se tutto è a posto, se non c'è nessuno che
si avvicini o che possa sorprenderci!... Ce ne sono tanti, dei
pretesti!

A Ghegola, se si deve dire la verità, quella soluzione non dispiaceva
punto. Trovava che c'era molto del buono: salvava l'onore e non
metteva in pericolo la pelle. Ma.... poteva proprio fidarsi di
Foscarini? E se quelle palle da far scomparire, se quel giuoco di
bussolotti non riusciva bene?...

Foscarini lesse negli occhi del cugino tutte le incertezze e le
esitazioni che gli turbavano lo spirito, e con quella sua eloquenza di
soldato franco e sincero gliene disse tante che riusci ad assicurarlo
e a convincerlo.

--Avere un duello.... senza correre alcun rischio?!--Per Ghegola era
addirittura l'avverarsi di un sogno!...

Però seppe far le cose per benino. Non volle ceder tutto in una volta,
tornò da capo colla dignità, coll'onore, coi _brevetti di cavalleria_;
ma così debolmente adesso, che Gianni Foscarini durò poca fatica a
guadagnarselo completamente.

--Il secondo dell'Aimoni sarà uomo capace di conservare un segreto di
tanta importanza?...

--Non è un ragazzo, diamine! E poi ne va del suo onore, come ne va del
mio, e in ogni caso egli non sa che t'ho messo a parte del nostro
progetto.

--Tutta Brescia dunque crederà che ci siamo battuti sul serio?...

--Certamente.

--L'Aimoni avrà una gran paura, crederà che lo ammazzi!...

--A meno che non isperi di essere lui ad ammazzar te!...

Ghegola, quantunque sapesse ormai questa supposizione fuori affatto
del possibile, non potè trattenersi, ciò non ostante, dal fare una
smorfia.

--Via, via,--replicò Foscarini--fortunatamente, come t'ho detto,
nessuno dei due corre di questi pericoli. Ti raccomando intanto di
mostrarti sicuro, disinvolto sul terreno, e di far vedere in una
parola che è proprio vero che tu non hai paura.

--Lascia fare a me; e come mi devo vestire?

--Vèstiti un po' come vuoi.

--Di nero?

--Di nero o di rosso, non importa. Resta fissato che verrò qui a
prenderti colla carrozza, alle quattro e mezzo.

--Alle quattro e mezzo in punto mi troverai in casa ad aspettarti.

--Intanto bada di non far chiacchiere, di non contare a nessuno che
hai un duello.

--Diavolo, per chi mi pigli?!

--Siamo intesi!

--Siamo intesi, arrivederci alle quattro e mezzo.

                            ***

Partito Foscarini, e Ghegola rimasto solo, fece due o tre salti nella
camera, fregandosi le mani dalla contentezza. Quella soluzione
insperata gli andava molto a genio, perchè la parte da eroe ch'egli
avrebbe sostenuta nel duello, senza nessun rischio e pericolo, pareva
proprio fatta a suo dosso, nello stesso tempo che, non avendo più
paura d'essere infilzato da quell'altro, vedeva bene la necessità in
cui era di lavare col sangue l'insulto patito dall'Aimoni. Di più,
sfidato l'Aimoni e battutosi con lui, poteva continuare a fermarsi a
Brescia, non occorreva altro che egli partisse per Modena, e di fatti
si pose subito a disfare le valigie ch'erano già quasi piene di roba.

Durante quell'operazione fu sorpreso dalla Ghita ch'era solita di
regalare al suo Menico delle visite mattutine.

Ghegola si lasciò baciare serio serio, sospirando.

--Che cos'hai, Menico?... Perchè mi guardi in quel modo?

--Nulla, nulla; lèvati lo scialle.

Ghita si levò lo scialletto nero che, secondo l'usanza delle
sartorelle bresciane, aveva puntato sul capo e dopo averle circondata
la faccia le scendeva giù fino ai fianchi avvolgendole tutta la
persona.

--Povera la mia Ghita.... mi rincrescerebbe!... per te mi
rincrescerebbe!...--borbottava il giovinotto a mezza voce, mentre
ricambiava alla fanciulla baci e carezze.

La Ghita, a tali parole, si sentì stringere il cuore, e viste le
valigie sparse per la camera, e i cassettoni aperti, ne rimase
sbigottita; poi d'improvviso, sollevandosi sulla punta de' piedi per
arrivare, piccina com'era, a stringersi al collo del suo lungo
innamorato:

--Tu parti con Garibaldi--esclamò--tu parti!--e la poveretta si pose a
piangere.

Menico, invece di mostrarsene intenerito, accettò con un gran sussiego
tutte le manifestazioni di quel dolore così sincero, ed anzi fece
intendere all'amorosa che sarebbe stato più facile di tornare indietro
partendo con Garibaldi che non andando dov'era aspettato lui.... alle
cinque in punto. E così, dopo averle fatto giurare che non direbbe
nulla a nessuno, le contò il gran segreto, cioè che egli doveva
battersi quel giorno coll'Aimoni, che l'arma scelta era la pistola, e
che l'uno o l'altro, indubitabilmente, sarebbero rimasti sul terreno
con una palla nello stomaco,

Ghegola, il crudele, la nominò varie volte quella palla micidiale,
tanto che la poveretta ne era disperata e piangeva, piangeva con dei
singulti che facevan pietà.

--Almeno--concluse singhiozzando--che tu fossi andato con Garibaldi!
saresti morto per l'Italia e per Vittorio!...

Povera tosa; non aveva torto: ma c'era questo di male, che con
Garibaldi i fucili si caricavano a palla!

                            ***

Domenico Ghegola uscì di casa prima del solito e passeggiò sotto i
portici per un pezzo, fumando tranquillamente un sigaro d'Avana, molto
più corto, ma quasi più grosso di lui. Poi sul mezzogiorno andò a far
colazione al Caffè del Duomo, dove fece mostra d'un appetito
invidiabile.

Quando si trattò di pagare il conto, gettò al cameriere un biglietto
di banca da duecento cinquanta lire.

--S'accomodi, signore, pagherà domani--e il cameriere fece l'atto di
restituirgli il denaro.

--Domani.... domani, caro mio, chissà dove potrei essere a far
colazione! Dammi il resto.

Uscì dal caffè zufolando l'arietta della _Bella Gigogin_, e si avviò
dal suo parrucchiere, sul _Corso del Teatro_, a farsi radere la barba.
Quel giorno Ghegola fu amabilissimo coi giovani di bottega, si provò
anche a fare dello spirito, e, finito d'acconciare, prima di andarsene
volle pagare l'_abbonamento_, benchè non si fosse allora che ai
quindici del mese.

--Il signore è di partenza?--gli domandò il padrone di bottega, tutto
cerimonioso.

--Potrebbe anche darsi....

--E.... va lontano, s'è lecito?...

--Mah! te lo saprò dire.... se ritorno.--Così parlando si arricciava i
baffettini radi, ammirandosi nello specchio.

Il parrucchiere gli si avvicinò con intrinsichezza, e--Ho capito,
anche lei se ne va con Garibaldi--gli sussurrò in un orecchio. Eh! se
avessi vent'anni di meno le chiederei l'onore d'accompagnarla: le
farei magari da ordinanza!

Menico se ne andò indispettito. Per Dio, non sapevano parlar d'altro
che di Garibaldi, in quei giorni!

                            ***

.... Foscarini fu puntuale: suonavano le quattro e mezzo, ch'egli
entrava da Menico. Lo trovò tutto vestito di nero, come un notaio.

--Andiamo?

--Andiamo.

Ma è proprio vero che il peggior passo è quello dell'uscio!...

Difatti tutti due stavan già per uscire, quando, proprio sulla porta,
s'incontrarono nella Ghita che voleva ad ogni costo abbracciare il suo
amante per l'ultima volta.

La poverina cominciò a piangere, a strillare, e finì col buttarsi per
terra in preda a fortissime convulsioni. Foscarini, commosso,
l'aiutava, la soccorreva, tentava di tutto per darle animo, per
acquetarla; mentre Menico, imperturbabile, non faceva che ripetere a
suo cugino:--Bada, Gianni, che si fa tardi; sono le quattro e
trentacinque!--Andiamo, Gianni, ti ripeto che si fa tardi; sono le
quattro e trentasette.

--Madonna delle Grazie, salvatemelo voi, salvatemelo, per
carità!--singhiozzava la Ghita, e si stringeva con degli spasimi da
disperata addosso al suo Menico, che rimaneva duro come un palo.

--Animo, via, sta' su, Ghita. Sai bene che io non posso sopportare di
queste scene!...

--Ma se quell'altro t'ammazza....

--Ebbene, e per questo?... Una volta o l'altra bisogna morire!

--Ma non vedi, stolido, che potresti far crepar lei parlandole in
questa maniera?--gridò Gianni stizzito.

--Intanto che ti commovi, ti ricordo che son le quattro e
quarantatrè!--E Menico mostrò l'orologio al cugino con un sangue
freddo da far stordire.

La ragazza fu quasi trascinata da Gianni fuori della stanza e, sola,
cominciò a discender le scale, come istupidita, senza che nemmen lei
sapesse che cosa si faceva; ma appena in fondo, fu tutta presa dalla
angoscia paurosa di non rivederlo mai più: allora risalì
precipitosamente e gli si buttò nelle braccia, stanca, priva di forze.
Mai come in quel momento la Ghita era stata sua. Poi fece un gesto
deciso, baciò Menico ripetutamente, in fretta, e sparì di corsa giù
per le scale; asciugò gli occhi, benchè non avessero più lacrime,
nascose il viso dentro lo scialletto nero e si cacciò in mezzo al
frastuono della via.

                            ***

Le due parti s'eran date convegno, per il duello, in un tratto di
terreno abbandonato che si distendeva al di là del Camposanto.

Ghegola e Aimoni vi giunsero quasi nello stesso punto. Aimoni un po'
pallido, serio, ma sicuro; Ghegola saltellante, sorridente, con una
parlantina ed una disinvoltura tutt'altro che forzata, distribuiva
saluti e strette di mano ai medici, ai testimoni dell'avversario, e
per poco, nell'effusione, non complimentava anche il _brumista_ che
l'avea condotto sul luogo.

Intanto i padrini si occupavano dei preparativi, e dopo misurata la
distanza, fissarono i duellanti l'uno di fronte all'altro. L'Aimoni,
colle braccia incrociate, si manteneva grave, taciturno; Ghegola,
sempre sorridente, si arricciava i baffetti. Però ci fu un momento,
anche per lui, di una dolorosa perplessità: cioè quando vide tutti e
quattro, i due padrini e i due testimoni, riunirsi per caricar le
pistole. Ghegola si sentì correre un sudor freddo per il corpo e mancò
poco non scappasse via. Fortunatamente in quel punto i due testimoni
si allontanarono, uno per indicare ai medici dove dovevano mettersi,
l'altro per avvertire i fiaccherai che s'eran di troppo avvicinati.
Foscarini, allora, rimasto col secondo dell'Aimoni, sbirciò Ghegola
con un'occhiatina che gli rimise il fiato in corpo e gli ritornò il
colore sulle guance.

Caricate le armi, i due padrini si avvicinarono e le misero in pugno
ai loro primi, che col braccio piegato ascoltarono le solite
raccomandazioni, senza batter ciglio.

--Attenti!--gridò Foscarini, e fece l'atto di cominciare a batter le
mani.

Ghegola tranquillo, impassibile, continuava a sorridere. Era bello di
coraggio e d'audacia; tanto bello, che lo stesso Aimoni si sentì
costretto ad ammirarlo.

--Attenti!--grida Gianni per la seconda volta.--Uno!... Due!...
Tre!--Ghegola pronto tira il grilletto.... il colpo parte.... Aimoni,
colpito, gira su se stesso, poi cade fra le braccia del suo padrino.

Foscarini, i medici, i testimoni, gli corsero tutti d'intorno per
soccorrerlo; soltanto Ghegola non si mosse.

Egli s'era fatto bianco, quasi livido: pareva un cadavere. Gli
tremavano le gambe, il terreno gli cominciò a girare sotto gli occhi,
poi tutto all'intorno gli alberi vicini e le colline lontane; e finì
anche lui col cader per terra, senza dir motto, lungo disteso.

                            ***

Aimoni ebbe forata una spalla parte a parte, e rimase a letto per una
quarantina di giorni; ma dopo potè dire d'averla scappata bella, che i
medici, dapprincipio, lo davano come spacciato.

Anche Menico, appena finito il duello, fu portato nella sua vettura
più morto che vivo: la sera fu colto da una febbre fortissima, e poco
mancò non se ne andasse davvero all'altro mondo.

Fra malattia e convalescenza, ne ebbe per più di un mese anche lui. La
paura gli aveva sconvolto la mente; gridava tutta la notte che lo
volevano ammazzare; e, nei momenti di riposo, gli pareva di vedere un
fantasma al quale domandava perdono giurando d'essere innocente!

La Ghita faceva dire delle messe alla Madonna delle Grazie, e non
abbandonò mai, nè giorno, nè notte, il capezzale del povero delirante,
finchè durò in quello stato e non cominciò a migliorare.

Com'è poi l'usanza cavalleresca, gli avversari, appena furono in caso
di poterlo fare, si affrettarono a scambiarsi delle visite. Ma in
questa occasione fu il ferito quello che fece visita per il primo al
feritore, perchè Ghegola era tuttavia convalescente quando l'Aimoni
era già completamente ristabilito.



ERA MATTO O AVEVA FAME?...


Quella mattina il buon Michele si alzò più presto del solito. Aveva
cenato la sera innanzi, e non avendone l'usanza, gli era rimasto il
cibo sullo stomaco, si sentiva la testa pesante e la bocca amara. Non
fece colazione punto; prese soltanto il caffè con due gocce di latte,
e poi bighellonando là là, dove il fumo del sigaro lo conduceva,
infilò, senza avvedersene, per forza d'abitudine, la _Via Nazionale_,
dove stava di casa la contessa Lavinia: una signora, che voi mi
domanderete subito se è vedova, perchè io vi possa rispondere di sì, e
salvarle in tal modo la morale della favola.... che non c'è.

La contessa Lavinia è bionda; non come Giulietta o come Ofelia, ma
come una marchesa dei _proverbi_ di De Musset, di quel biondo
capriccioso, a giorni rossiccio, a giorni quasi castano. È carina, è
buona, è amorosa; e quando voi desiderate una cosa, se la contessa
Lavinia non la vuole, essa, per non disgustarvi, non vi dirà di no
colla bocca, ma piegherà la sua testina lentamente, sorridendo
coll'aria di una bimba che fa i capriccetti colla mamma.... Però quel
sorriso amabilissimo, quel _no_ che pare uno scherzo e una carezza
insieme, sono inflessibili.

C'è un capitano di stato maggiore, per esempio, il cavaliere Arditi,
che le fa una corte spietata: orbene, il buon Michele n'è geloso come
un Otello.... bianco; suda veleno ma protesta invano.

--Cattivo! cattivo che sei!.... Non capisci mo'che sopporto la corte
degli altri per nascondere la tua?--E con questa scusa, che pare buona
per la grazia con cui sa dirla, Lavinia si tiene il capitano Arditi
sempre fra i piedi.

Proprio quella mattina, passeggiando lemme lemme, come vi ho narrato,
in _Via Nazionale_, il nostro amico pensava appunto al capitano, che
la notte scorsa avea ballato colla contessa il _cotillon_, quando,
attratto da un rumore di sproni che battevano sul marciapiedi, alza il
capo e se lo vede, luccicante d'oro e colla durlindana sotto il
braccio, ca minare in fretta, pochi passi dinanzi a lui.

--Da dove è saltato fuori?--borbotta Michele certo è uscito dalla casa
della contessa. Non c'è dubbio, la casa della contessa è a dieci
passi, lui è a venti, e prima non lo aveva veduto.

Ad ogni costo vuol sapere come sta la faccenda, e si affretta per
raggiungere quell'altro.

--Capitano! Capitano!... Buon giorno!

--Oh!... Buon giorno, conte Michele!

--Dove si corre, se è lecito?...

--Devo essere al _Comando_ alle undici, figuratevi, e sono adesso le
dieci e mezzo.

--Diavolo, chissà chi vi avrà fatto perdere tutto questo tempo!

--Affari di servizio.

--Ma servizio di che genere? Maschile o femminile?

--Il servizio, pur troppo, è di genere neu.... To'! benissimo! una
vettura!... Fiaccheraio, sei disponibile?

--Sissignore!

--Scusate, ma come vi ho detto, sono in ritardo.

E il capitano Arditi stringe la mano al giovanotto, salta nella
carrozzella e grida al vetturino di condurlo al _Comando militare_.

Il buon Michele era rimasto là con un palmo di naso.

--Certo--masticava fra sè, e intanto sentiva la bocca farsi sempre più
amara--certo esce da lei. Non ha voluto dirmi nulla, non ha voluto
spiegarsi.... e poi lo si vedeva com'era imbarazzato. Però questa
faccenda bisogna chiarirla subito. O lui o me, o dentro o fuori, cara
contessa! Ah! Ah! Crede lei di potermi sorbire come il caffè? Tanto
meglio; ma quest'oggi mi troverà senza zucchero, mi troverà. Un po'
per uno, signora mia. Avete sempre comandato voi? Va bene; e adesso
tocca a me a comandare. Ma non sono che le dodici, e fino alle due
tanto non mi riceve! Come bruciarle queste due ore?...

Il buon Michele si pose a passeggiare; ma gira e rigira, ogni volta
che guardava l'orologio, quella benedettissima lancetta non avanzava
mai; pareva che avesse il granchio!... Allora egli si sentiva addosso,
con un orgasmo nervoso, il bisogno di rivederla, di trovarsi con lei,
di farle una scena!...--Intanto, per non perdere il tempo, ruminava
nella mente le frasi meglio adatte colle quali egli avrebbe fatto
colpo, rimproverandola. Quando era contento dell'effetto, si fermava
su due piedi, rispondendosi quello che gli avrebbe risposto Lavinia, e
concludeva combinando in cuor suo di finire la visita fissandola con
due occhi freddi, proprio di stagione, perchè s'era in gennaio, e di
dirle lentamente sottolineando le parole:

--Amleto, quando chiamò la donna _perfida come l'onda_, non era matto,
signora contessa, no, non era matto!

Ma dopo quello sfogo, dopo quel borbottare eccitato, a mezza voce, il
petto gli faceva male e lo prendeva l'angoscia ed una prostrazione di
forze generale. Allora si sentiva avvilito, non ci trovava più nessun
costrutto nemmeno a perdonare alla contessa Lavinia, s'ella si fosse
anche gettata alle ginocchia di lui; tanto e tanto egli sapeva ormai
di essere ingannato; si sentiva ineffabilmente infelice, vedeva farsi
il vuoto d'intorno e, cosa strana, lo provava anche dentro di sè,
batteva i denti sotto quel sole falso di gennaio, aveva una gran
voglia di piangere; e non essendo che le dodici e mezzo, pensò che
poteva ingannare benissimo un quarto d'ora facendosi radere la barba.

--Perfida! Perfida come l'onda--borbottava fra sè sospirando, mentre
il barbiere lo insaponava.--No! Non era matto Amleto quando lo
disse.... Ohi! Ohi! senza il contrappelo, mi raccomando!...

Rasa la barba ricominciò a camminare, benchè provasse un'insolita
stanchezza. Ebbe quasi l'idea di far colazione, ma quell'idea non fu
così forte da sedurlo. Ormai cominciava a soffrire l'inappetenza per
il lungo digiuno. Guardò l'orologio: segnava le una e mezzo. Alle
cinque desinava; facendo colazione allora, si sarebbe rovinato il
pranzo, e poi aveva più volontà di morire che di mangiare!... Vi
rinunciò, e, prendendola larga, si avviò di nuovo verso i paraggi di
_Via Nazionale_. Di quel passo lì, sarebbe cascato da Lavinia in punto
alle due.

--E se invece la piantassi? Se non mi facessi più vedere da lei?...
così alla chetichella, senza dirle nulla, all'inglese?

Giunto sul posto, guardò di nuovo l'orologio: era l'ora precisa.
Benchè avesse già infilata la porta, si pentì, ritornò indietro:
sarebbe stato ridicolo, facendosi vedere così puntuale da lei che lo
tradiva, che lo faceva aspettare fino alle due; e ciò considerato,
volendo salvare la dignità, rifece la passeggiata almeno per altri
dieci minuti.

                            ***

Quando fu introdotto nel salottino particolare dove Lavinia non
riceveva che gli amici, gli toccò di attendere, secondo il solito. Là
dentro c'era un odore così acuto di viole e di mughetti, che gli fece
crescere il mal di testa e cominciare anche il mal di gola, quando un
noto aprirsi e rinchiudersi di porte vicine, ed un fruscio di abiti,
lo avvertì che Lavinia stava per giungere. Egli adesso aveva
abbandonato il progetto di assalirla con una scenata; non aveva più
lena di parlare.

All'indifferenza avrebbe opposto indifferenza; la trovava anche più
_scicche_, e invece di aspettarla dietro la porta per sorprenderla con
un bacio, si cacciò nel vano della finestra, guardando fisso in
istrada, fingendo di non accorgersi della sua venuta e di essere
assorto in lontani pensieri.

Lavinia gli si fece vicina, piede innanzi piede, trattenendo il
respiro, poi, improvvisamente gli chiuse gli occhi con le mani:

--Ah!... siete voi?--Il buon Michele prese un'aria trasognata, che
parea venisse allor allora dall'altro mondo.

--No, sai, è stato il _babau_--e la contessa, ridendo, andò a
rannicchiarsi, co' suoi atteggiamenti di gattina indolente, in un
cantuccio in fondo del canapè. Michele le tenne dietro, ma si fermò a
sedere due poltrone distante da lei. Lavinia lo fissò, poi:

--Temporale, quest'oggi--esclamò con aria di amabile canzonatura.

--Tutt'altro, bonaccia completa--rispose Michele senza guardarla.

--_Sarà_.... _sarà_.... _sarà ma non lo credo_!--canterellò Lavinia a
mezza voce.

Michele non fiatò, tutti e due stettero zitti zitti, immersi nella
meditazione. La contessa, dal canapè, sfilandosi colle dita inquiete
le frange della manica, di tanto in tanto, di sottecchi, guardava
Michele, che mezzo sdraiato sulla poltrona, una mano in tasca, il
bastoncino nell'altra, gli occhi per aria, scotendo convulsamente una
gamba, faceva battere il tacco sul pavimento con un tic, tic, tic,
regolare, monotono, inquietante.

La contessa Lavinia, in fondo, era una buona donna.... Oh Dio, non
moriva d'amore per Michele, questo no, ma gli voleva bene e le
rincresceva di vederlo così imbronciato. Dopo un po' di tempo che
durava quella scena muta, si rizzò dal suo cantuccio, e pian piano,
leggera, si avvicinò a quell'altro, gli si inginocchiò dinanzi, poi
appoggiando i gomiti sui bracciuoli della poltrona, e congiungendo le
mani in atto di preghiera:

--Andiamo, parla--le disse--qual nuovo misfatto ho io commesso?...

Michele continuò ostinato a non guardarla, e aspettò del tempo prima
di risponderle.

--Avete voglia di scherzare, voi--le disse alla fine.... con una voce
incerta.

--E lei?... avrebbe volontà di dormire, _lei_?...

--Quasi!--rispose l'altro con un vocione brusco brusco, mettendosi il
corno del bastoncino sulla bocca per nascondere uno sbadiglio.--Notate
bene, anche quello era uno sbadiglio nervoso.

--Allora s'accomodi sul canapè, vi starà meglio--e Lavinia forzò il
buon Michele, strascinandolo contro voglia, lei gaia, sorridente,
birichina; lui duro, imbronciato, a cambiare di posto. Poi gli si
sedette accosto, vicinissima, e gli prese una mano, affaticandosi
inutilmente per riuscire a sbottonargli un guanto.

--Via, noioso che sei, lèvati i guanti!

--No; adesso me ne vado. Con questi fiori c'è da rimanere
avvelenati--e si schiarì la gola due o tre volte, dispettosamente
pensando fra sè, con una gelosia rabbiosa, che, ad onta di tutte
quelle moine, il capitano era ricevuto prima delle dodici, mentre per
lui la porta rimaneva chiusa fino alle due.--Perfida!--Più Lavinia
quel giorno gli sembrava carina, attraente, e più cresceva il suo
malcontento, così ch'egli adesso ritornava infelice, ma di una
infelicità che lo rendeva fiacco, sfinito, sotto il colpo improvviso
di quel gran dolore. Rimproverarla? a che pro? Lei avrebbe negato, lui
non le avrebbe creduto, dunque.... dunque tanto valeva risparmiare il
fiato e mostrarsi invece un uomo di spirito coll'abbandonare quel
posto assediato e forse, Dio non lo volesse, espugnato dallo _stato
maggiore_!--_Nella guerra d'amor vince chi fugge_! e allora chissà,
fuggendo lui, che Lavinia non incominciasse a corrergli dietro.
Michele però non si fermerebbe, continuerebbe a fuggire, ed era tanto
risoluto in quella idea, che già si sentiva le gambe stanche.... forse
per il gran correre che faceva coll'immaginazione.

Lavinia, nel frattempo, sempre colla testa bassa e dopo molta fatica,
era riuscita a levargli un guanto; rimaneva il secondo, ma il buon
Michele, pochissimo compiacente, si ostinava a tener l'altra mano
abbrancata sul bracciuolo del sofà, dalla parte opposta a quella
dov'era seduta la contessa. Questa, ostinata anche lei, non si diede
per vinta, si distese, si allungò, riuscì ad afferrargli il braccio e
si sforzava a tirarsi Michele vicino, mentre la sua testina bionda
passava e ripassava proprio sotto il naso di Michele, il quale, dalla
gran paura che alle volte gli sfuggisse un bacio, piegò il capo
vivamente all'indietro; troppo vivamente, chè colla nuca, battè, tanto
forte da farsi male, contro la cornice a punte dorate del sofà.
Lavinia non potè contenersi, cominciò a ridere, e più quell'altro
faceva la faccia inferocita e più lei rideva. Il buon Michele, sfido
io!, perdette la pazienza, e, un po' per il dolore, un po' per il
dispetto della figura che ci faceva, e per tutto il resto unito
insieme, si alzò, avviandosi risoluto verso l'uscio, e salutandola
appena con un--Buon giorno--che pareva un morso dato nel vuoto.

--Vai via?

--Sì.

--Per ritornare?

--No.

--No?... per sempre?

--Per sempre!

--Tanto meglio!

Lavinia tornò a rannicchiarsi nel suo cantuccio.... ma questa volta
fece il muso anche lei. Il suo però, manco a dirlo, era un musino che
non aveva nulla a che fare coi visacci di Michele, il quale, giunto
sulla porta, sperava che Lavinia lo richiamasse indietro; ma invece la
contessa non fiatò; allora si decise da solo, e piantandosele innanzi,
mentre lei tornava a sorridere, e fissandolo con degli occhietti
furbi, sbarrati, ne imitava a tratti, comicamente, la mimica della
faccia:

--Amleto--egli disse con tragica espressione--Amleto, quando chiamò la
donna perfida come l'onda, non era matto, signora contessa, no, non
era matto.

--Oh! oh! quanta erudizione!--esclamò Lavinia, con poco rispetto per
l'oratore.

--Addio, signora contessa!

--Addio, signor conte!

--Stupida!--brontolò Michele fra i denti, attraversando
l'appartamento, sconcertato per il cattivo esito della sua parlata; ma
quando, nell'anticamera, aiutato dal servo, indossava la pelliccia, si
riaprì la porta interna, e Lavinia, sorridente, scherzosa,
maliziosetta, fece capolino fuor dell'uscio che teneva socchiuso,
colla sua manina bianca quasi coperta dagli anelli ingemmati:

--Se stasera il signor conte si sentirà meglio, l'avverto, per sua
norma, che io vado all'opera. Numero nove, second'ordine, a sinistra.

--Grazie, contessa, ma stasera devo andare alla commedia.

--Pazienza: _la sua ferita le duole forse_?

--Punto.... _ma non è bella la vita_!

--Si potrebbe sapere che cosa.... _Jolanda_ ha fatto di male?

Il servitore serio, impalato, che teneva aperta la porta impediva a
Michele di spiegarsi chiaro.

--Ah, contessa!--le rispose con aria diplomatica--_Jolanda_ fa sempre
e tutto bene.

Il peggior passo, quello dell'uscio, fu consumato: l'onore era salvo.

Però il nostro eroe, subito, col freddo della strada, sentì un sincero
rincrescimento pel coraggio dimostrato; ma ormai, pur troppo, era
inutile il pianto; ritornare indietro non si poteva più!... Allora,
guardando atterrito nell'avvenire che gli si preparava, provò la
sensazione di un vuoto così squallido, così debilitante, da essere
costretto a chiudere gli occhi perchè lo prendevano le vertigini.
Ritornò a camminare dinoccolato, sentendosi dentro una prostrazione
tale come s'egli si fosse appena rimesso da una lunga malattia. Invece
la covava addosso, la malattia; erano bastate quelle poche ore a
minare la esistenza di lui; e mentre prevedeva i suoi proprî e
prematuri funerali, mentre figurava la sua tomba bianca con un bel
monumentino sopra, rappresentante l'_amore che uccide_, sentiva
ripetersi in cuor suo, profondo, il melanconico lamento di Edgardo, e
a mezza voce, convinto, mesto, rassegnato, canticchiava anche lui, il
buon Michele--_Mai non passarvi, o barbara_--_Del tuo consorte
allato_.--Qui, l'allato, si sa bene che invece di essere un consorte
era un capitano, ma la situazione rimaneva la stessa.

Il povero infelice non aveva mai amato Lavinia, come allora che non
l'amava più!--Era bellina tanto in quel suo abito così bene
attillato!... Civetta!... Le mancava affatto il cuore, le mancava;
ecco il suo difetto! Lo avrebbe tradito, avrebbe aspettato a riceverlo
alle due suonate, s'ella avesse avuto solamente un po' di cuore?--In
quel punto egli passava dinanzi al _Caffè di Londra_: vi entrò per
ammollire con una limonata l'arsiccio della gola e si incontrò là
dentro, per l'appunto, con un frequentatore platonico della contessa
Lavinia.

--Di' un po', Michelino, la contessa sta in casa stasera?

--No, va all'opera, credo.

--Sai il numero del suo palco?

--Il nove, second'ordine, a sinistra.... credo.

I due amici si strinsero la mano: uno si fermò nel caffè, l'altro,
Michele, ne uscì e ritornò alle sue meditazioni peripatetiche.

--Appena quella gente lì, che adesso schiatta dall'invidia, conoscerà
la mia ritirata, figuriamoci come gongolerà dal piacere!... Ma chi ci
guadagna un tanto, per giunta, è il capitano.... Antipatico! l'unico
che mi faccia dispetto, che mi faccia rabbia, chè, di tutti gli altri,
non me ne importerebbe uno zero. Diranno adesso ch'io sono stato
battuto, vinto, messo alla porta; è falso, falsissimo, perchè l'ho
piantata io, la contessa Lavinia; ma questo fatto chi lo saprà?...
nessuno, e intanto diverrò la favola, il ridicolo del paese.

E il buon Michele si vedeva adesso disonorato per avere appunto voluto
salvare il proprio onore con troppa precipitazione.

--Se mi fossi ingannato--continuava--se i miei sospetti sul capitano
fossero privi di fondamento? Oh! no; pur troppo tento d'illudermi, ma
non ci riesco: stamattina potrei quasi giurare di averlo visto io, coi
miei occhi, uscire da Lavinia. Che cosa faceva dunque in _Via
Nazionale_?... Affari di servizio! li chiama affari di servizio, lui!
Sarebbe un po' meglio che il Governo li facesse lavorare davvero,
questi soldati, con delle marcie, con delle grosse manovre, con delle
spedizioni, magari nel centro dell'Affrica. Oh! per Dio! sotto la
_destra_ se lavoravano di più! E poi con che costrutto cercherei
d'illudermi? ormai la è finita: certo, se Lavinia non avesse avuto del
contrabbando, non mi avrebbe proibito di andare da lei prima delle
due!... Però è una gran disgrazia che mi è toccata, sicuro; e siccome
le disgrazie non vengono mai sole, così ho avuta anche quell'altra di
accorgermene troppo presto. Come farò d'ora in poi a passare il mio
tempo?... La sera, pazienza, vuol dire che mi abbonerò al teatro come
un marito qualunque; ma di giorno?... Che cosa farò tutto il santo
giorno? Per oggi, tanto, sono le quattro e mezzo, ci rimedierò
coll'andare a pranzo mezz'ora prima; ma domani?...

Non posso mica andare a pranzo appena alzato da letto, domani!...
Perfida e senza cuore!--

Al _club_ non trovò nulla di pronto e se ne indispettì, quantunque
egli non sentisse la fame, essendosi anche troppo indebolito per causa
della colazione soppressa e per la limonata che lo avea gonfiato come
una rana. Avrebbe fatto bene a cominciare il pranzo con una minestra
al brodo, calda e sostanziosa, e lui, difatti, l'avea domandata; ma
quando il cameriere gli disse che bisognava farla andare apposta,
allora la disordinò brontolando che il servizio del locale era un
servizio pessimo e che bisognava cambiare la direzione. Terminato lo
sfogo, si trovò dinanzi una porzione di carne lessata che opponeva al
dente una ostinazione degna di miglior causa. Michele la voltò, la
rivoltò, ci battè sopra sdegnosamente col piatto del coltello e finì
coll'ingoiarla a stranguglioni.

--Auf!... che vita!... E pensare--continuava fra sè--che quella donna
aveva l'impudenza di ripetermi due volte al giorno, dalle due alle
cinque e dalle nove alle dodici, che mi voleva bene, e poi m'ha
lasciato venir via senza dirmi una parola.... M'avesse scritto almeno,
ma no: cioè no, veramente, non lo posso sapere, perchè in tal caso
avrebbe spedita la lettera a casa mia; anzi è quasi probabile, è
sicuro quasi che lo ha fatto.--

E allora, nella tenebra profonda di quella grande infelicità che lo
aveva preso tutto, dal cuore allo stomaco, la speranza vi alitò un
nuovo raggio di luce benefico e ristoratore.

Lasciò il pranzo da finire; già quella porzione di carne alida e
tigliosa lo aveva affaticato, come se avesse smaltito un bue, e andò a
casa dritto, quasi correndo.

--Ma! è proprio vero che i dolori tolgono affatto l'appetito. In tutto
il giorno non ho preso un boccone, e il cibo invece di solleticarmi,
chè!... mi dà nausea! Avrà scritto sì o no?... Io direi di sì.

Entrò dal portinaio che gli batteva il cuore, gettò un'occhiata sulla
tavoletta per vedere se ci fosse quella tal lettera, che egli
distingueva subito fra cento, ma non c'era nulla.

--Son venute lettere per me?

--Nossignore.

--Portatemele di sopra se vengono.

--Sissignore.

Michele salì nel suo appartamento e fece una teletta minuziosa, lenta,
che non finiva mai; ma ebbe un bell'attendere; ridiscese più
mortificato di prima.

--Nulla?

--Nulla, signor conte.

--Se più tardi arrivassero lettere, portatele al _club_.

--Sissignore....

--Nemmeno una riga! stup.... no! tanto meglio, così sono libero
finalmente--e il buon Michele tirò un sospirone che voleva essere di
sollievo, ma che invece sembrava un rantolo.--Era la schiavitù dei
negri tale e quale: tutti i santissimi giorni dalle due alle cinque e
dalle nove alle dodici comprese le domeniche!... Stasera mi divertirò
come uno scapolo al _Circo Americano_; farò la corte a madamigella
Fayler e sconcerterò il suo esercito di adoratori....

--Signor conte! signor conte!

Michele si volse e vide il suo portinaio che gli correva dietro con
una lettera in mano.

--Ah! ecco! lo dicevo! m'ha scritto! Intanto è la prima a cedere!

Il volto gli si colorì improvvisamente.... ahimè! Si accorse subito
che non era una lettera di Lavinia; era un fornitore che lo pregava,
_stante gli impegni della fine del mese_, di rimettergli prontamente
il saldo della fattura già da tempo consegnata, in lire 1268 75.

--E sempre al _verde_ questo animale!--Cacciò la lettera in tasca e
ritornò a pensare alla contessa.

                            ***

Al Circo Americano non si divertì come aveva sperato. Trovò
madamigella Fayler attorniata da una dozzina di giovanottini che la
corteggiavano, offrendole dei fiori e dei cartocci di _marrons
glacès_. Michele, là in mezzo a quello sciame che ciaramellava, prese
l'aria dell'uomo avvezzo, affettando colla equestre diva una
dimestichezza, un fare d'intimità molto olimpico, ma poco educato, e
per voler parere spiritoso finì coll'essere impertinente. Madamigella
Fayler gli rispose per le rime; Michele si strinse nelle spalle, buttò
là un'insolenza e se ne andò. In istrada tornò da capo a non sapere
come finirebbe la serata. All'opera già non ci poteva andare perchè
c'era la contessa!--Peccato; così bell'opera la _Favorita_!... _A
tanto amor, Leonora, il tuo risponda_..,. Altro che la musica tedesca
e i torci-budella dell'avvenire!... ed io non ci posso andare!...
Cioè, anzi, non andandoci proverei a Lavinia che ho paura di
rivederla; andandoci, invece, senza guardare dalla sua parte, nemmeno
per starnutire, le dimostrerò chiaramente che non me ne importa
un'acca di lei!

Giunto al teatro dell'opera, si sa bene, il numero nove fu il primo
che Michele adocchiò colla scusa di accomodarsi il goletto della
camicia....

--Come mai il capitano non è con lei?

E Michele che aveva notata Lavinia tutta sola, meno la visita innocua
di un piccolo segretario di prefettura, cercò nei palchi a diritta per
scoprire se il capitano Arditi fosse da quella parte a _filare_ con
lei, poi, contento di non avercelo veduto, entrò nella sua
_barcaccia_, dopo di essere passato dal Caffè dove prese un bicchiere
di barolo caldo. Il nostro amico si sentì animato da una elasticità
nuova, fece gli scalini a quattro a quattro e fra gli amici si mostrò
gaio ed espansivo. Si pose sul davanti del _palcone_, guardò a destra,
a sinistra, di su, di giù; insomma il capitano non c'era proprio
davvero!... Ma dunque egli non sapeva che la contessa fosse al teatro?
Dunque non l'aveva veduta quel giorno? dunque lei non l'aveva
avvertito, _ergo_ lui, Michele, aveva avuto torto di sospettare.
Allora si sentì invadere da una contentezza, da una beatitudine che
gli riscaldava l'anima e il cuore, si accusò di essere stato ingiusto
con Lavinia e provò per lei un'effusione di tenerezza così viva da
sentirne le lacrime agli occhi. Aspettò un atto ancora; poi, prima
dell'ultimo, affatto sicuro ormai che il capitano non sarebbe più
venuto al teatro, e perciò anche dell'innocenza della contessa, volò,
proprio come _dal desio portato_, a farle visita. Lavinia, vedendolo
entrare, arrossì tutta dal piacere, e quando un altro signore, molto
intelligente, ch'era nel palco, battè in ritirata lasciandoli soli,
essa, piegandosi tutta innanzi colla vita, per discorrere più piano e
più da vicino con Michele:

--Dunque--gli disse--_sgarbatone_, ti è passata la luna?

--Si, ma sono stato molto male!

--E il motivo, adesso, si potrebbe saperlo?

--Quattordici ore senza vederti! Da mezzanotte alle due è una tirata
troppo lunga!

--Hai delle fissazioni, dei capricci proprio da bambino. Lo sai bene
che fino a quell'ora non ho mai ricevuto nessuno, e che facendo
un'eccezione per te, darebbe subito nell'occhio e farebbe sparlare.

--Verrò travestito, con una barba finta.

--Quanto sei caro!--esclamò Lavinia sorridendo e guardandolo con due
occhioni colmi di tenerezza.--Ma, vedi, se non teniamo un'ora fissa,
tu, a forza di voler anticipare di dieci minuti tutti i giorni,
termineresti col capitarmi in casa appena fa giorno!... Io sono una
pigrona, mi alzo tardi, ho i miei interessi da vedere, la casa da
dirigere, mille bricciche da fare, e sbrigo tutto prima delle due
apposta per essere dopo affatto libera.

--Sì, hai ragione, sono indiscreto e ti domando per..do..n.. Michele
non finì la parola: un rumore di sciabola e di sproni, che si
ripercoteva nel corridoio, si avvicinò e si fermò proprio sull'uscio
del numero nove, poi l'uscio si aprì, ed entrò in palco il capitano
Arditi. Il buon Michele diventò pallido, Lavinia ch'era donna e che
perciò se le godeva assai tutte queste scenette, sorrise
impercettibilmente, più cogli occhi che colla bocca. Il capitano
salutò Michele, questi gli rispose colla voce rauca, e il barolo caldo
con un impeto subitaneo gli risali dallo stomaco alla gola, mentre il
tenore sul palco scenico cantava il romantico: _Spirto gentil, de'
sogni miei_!...

--Che musica ispirata, divina!--esclamò il capitano dondolandosi dalla
commozione.

--Sarà benissimo; in quanto a me--brontolò Michele, tenendo le gambe
dispettosamente piegate sotto lo sgabello per isfuggire i piedini
della contessa che cercavano i suoi--in quanto a me è roba da
organetti; patrimonio del passato!

--Non vi fate sentire, per amor di Dio, caro Michele: è uno
sproposito, un'eresia, questo che dite; e poi noi italiani non
dobbiamo disprezzarci in tal modo. La musica è forse l'unica arte
nella quale conserviamo ancora il primato, e prima di Paisiello e di
Cimarosa, ma dopo Palestrina, il fiorentino Lulli alla Corte di Luigi
XIV....

--Scusate, capitano, è una lezioncina che mi volete dare?

Arditi si morse le labbra, ma si contenne, e coll'aria di dire uno
scherzo, più che un'impertinenza:

--No, no; caro Michele--gli rispose sorridendo--non ho tempo da
perdere.

Il vino caldo fece un altro viaggio, quasi avesse preso un biglietto
circolare. In questo frattempo entrava nel palchetto un vecchio
parente di Lavinia, che aveva avuto l'incarico di ricondurla dopo lo
spettacolo. Michele si alzò e stese la mano alla contessa per
salutarla; Lavinia gliela strinse con una di quelle strette nervose
che parlano così bene e così chiaro, levando i suoi occhi cilestri
negli occhi foschi cattivi di Michele, con quell'effusione di amorosa
inquietudine colla quale la donna si rivela madre o amante: moglie no,
perchè le donne, a quel modo, non guardano quasi mai i loro mariti.

Michele, fatto un saluto col chinar del capo, saluto che comprendeva
tutti e non era particolare a nessuno, uscì dal palchetto, passò nel
Caffè a bere un secondo bicchiere di vino caldo per istordirsi, dopo
con un _brougham_ si fece condurre al _Caffè di Londra_, al _club_, al
_Circo Americano_, poi di nuovo al _club_, dove finalmente incontrò il
barone di Sant'Arduino, che Michele cercava in tutti quei giri, per
mandarlo a sfidare, insieme ad un altro amico, scelto d'accordo, il
capitano Arditi.

--Mi ammazzerà--pensava Michele--ma almeno, dopo un fatto simile, il
ministro della guerra si deciderà a farlo cambiare di guarnigione.

Alla cena, ad uno spuntino, non ci pensò nemmeno. La testa gli girava,
era stravolto; il tradimento di quella donna ormai appariva
evidente:--Arditi lo sapeva certo che Lavinia era al teatro,
altrimenti non ci sarebbe capitato all'ultim'atto.... con quel freddo
cane!...

--Cercavo di te--disse Michele al barone incontrandolo.

--Lo so, e so pure che cosa vuoi dirmi. Il capitano Arditi m'ha
lasciato or ora, m'ha detto che gli è sembrato di vederti risentito
per una sua freddura, e m'incaricò di dichiararti francamente ch'egli
non aveva proprio nessuna intenzione di offenderti.

--Non si tratta di una freddura, ma di un'insolenza bella e buona,
ch'egli gratuitamente mi ha diretto in presenza di una signora.

--Via, siamo giusti, anche tu però....

--Voleva rifarmi la storia della musica italiana all'estero: sfido io,
l'ho fermato appena ho potuto.

--Va bene, ma insomma, gli estremi per battersi non ci sono!

--Vuol dire, in tal caso, che tu non accetti d'essere il mio
secondo?... Pazienza, me ne dispiacerà moltissimo, te lo assicuro, ma
ne cercherò un altro.

Sant'Arduino era amico di Michele, e prevedendo che se lo avesse
abbandonato sarebbe stato più difficile l'accomodar la faccenda o il
risolverla alla meno peggio:

--Io accetto--gli rispose--senza discutere i tuoi motivi. Solamente ti
fo considerare che abbiamo ventiquattr'ore di tempo dinanzi a noi.
Stasera sei troppo irritato e nervoso, domattina alle dieci vieni a
casa mia, discorreremo e combineremo tutto.

I due amici si separarono, e Michele si avviò verso casa. Colà giunto,
trovò il servitore che lo aspettava.

--È arrivata una lettera per lei, signor conte, mezz'ora fa.

--Datemela.

Questa volta il presentimento non ingannò Michele, che lacerò la busta
e lesse con un sogghigno d'incredulità: «Domani vi aspetto prima delle
due, prima dell'una ed anche prima di mezzogiorno se volete. Bambino,
bambino, bambino!--L.»

--Troppo tardi, cara!...--si svestì con fretta concitata, strappandosi
i bottoni, si cacciò nel letto e spense il lume senza nemmeno leggere
la gazzetta. Sotto l'inaspettata dichiarazione del capitano egli ci
vedeva chiaro lo zampino di Lavinia, la quale, volendo salvare la
propria riputazione, aveva scritto a lui quel bigliettino per
adescarlo, e aveva ottenuto nello stesso tempo dal capitano che gli
facesse delle scuse.--Oh! era una scaltra, quella là, e sapeva menare
per il naso tutto il mondo. Con lui però non ci sarebbe riuscita, oh
no! piuttosto se lo sarebbe tagliato!... Se non fosse per lei, il
capitano Arditi che contava tre campagne, due medaglie al valor
militare e tanti duelli quanti non bastavano le dita di una mano a
numerarli, si sarebbe indotto ad un passo simile?... Perfida!... ma
egli si sarebbe vendicato facendosi uccidere ad ogni costo!

Il buon Michele non poteva pigliar sonno: si rivoltava nel letto
smaniando, colla gola secca, bruciata dalla sete, e si sentiva nelle
orecchie un ronzio fastidioso come se la camera fosse tutta piena di
zanzare.

Quando alla fine si addormentò, fu sconcertato dai sogni più strani:
Lavinia, in mezzo alle tenebre, con una veste scolorita, i capelli di
un bigio chiaro, pallida, gli si avvicinava, allungandosi,
assottigliandosi, finchè, come una mignatta, attaccava la sua bocca al
petto di Michele e ne succhiava il cuore.... e il povero paziente
soffriva la sensazione di un vuoto strano e molesto; poi, d'un tratto,
la scena variava. Egli era in mezzo ad una campagna sterminata
coll'erba e gli alberi color cenere di sigaro, e vedeva contro di sè
il capitano, ch'era diventato magro e lungo come Don Chisciotte, con
uno spadone che teneva a due mani; ed egli si lasciava infilare colla
stoica tranquillità di un dindio morto; ma poi si avanzava lentamente,
con isforzi inauditi, che lo facevano sudare, sulla lama che gli
attraversava il corpo, finchè giungeva ad abbrancare il suo rivale
fortunato: allora, con ugolinesca rabbia, cacciava i denti nelle carni
del capitano e, cosa orribile a narrarsi, Michele, di solito tanto
schifiltoso, trovava quella carne saporitissima!...

                            ***

Sì svegliò che erano le nove e mezzo, si vestì alla lesta e alle dieci
in punto entrava in casa di Sant'Arduino che faceva colazione; Michele
annusò con intima compiacenza il profumo dì un _consommè_ di pollo,
che davvero doveva essere eccellente.

--Mi fai compagnia?

--No, grazie.

--Sei ancora ostinato come ieri sera?

--Più che mai!

--Allora mi porrò d'accordo con Giuliani per andare insieme dal ca....
Ma tu non ti senti bene?...

--È stato un capogiro.... momentaneo!

--Sei pallidissimo.... che cos'hai?

--Ho fame.... cioè, ho sete del suo sangue!

Il buon Michele alludeva certamente al sangue del capitano, ma però,
con gli occhi imbambolati, fissava ostinatamente un piatto di
prosciutto cotto, dal taglio fresco, soffice, spumoso.

Sant'Arduino se ne accorse.--Tu non hai fatto colazione?--gli domandò.

--Non ho appetito.

--Chè! l'appetito viene mangiando, non lo sai?--così dicendo il barone
aveva fatto cenno al cameriere di servire Michele. Questi poco dopo si
sentiva la faccia avvolta dal fumo denso, caldo e profumato del
_consommé_. Cominciò a sorbire le prime cucchiaiate adagio e
svogliato, ma poi a poco a poco i suoi movimenti acquistarono una
insolita vivacità. Sant'Arduino gli versava del _Chablis_ e del
_Médoc_ e Michele lo lasciava fare, mentre prendeva due volte del
prosciutto, ingollava una bistecca all'ovo e, dopo di essersi battuto
con selvaggio accanimento contro lo stracchino di Gorgonzola,
distruggeva adesso un vassoio colmo di tigliate. Il suo volto intanto
si rischiarava, l'occhio avea ripreso la vivacità abituale, Michele
tornava a sentirsi sano, robusto, contento, e provava una certa
contrarietà, pensando di finire ammazzato prima di sera.

Dal _consommé_ al prosciutto e dal prosciutto alla bistecca, egli
aveva cominciato a dubitare del tradimento di Lavinia, la cui figura
gli si riaffacciava bionda, colorita, colle sue vaghe linee
tondeggianti come nell'originale; allo stracchino, era certo della
innocenza di lei, e giunto alle tigliate, una cosa sola non riusciva a
spiegarsi: come mai egli ne aveva potuto dubitare.

--Lavinia innamorarsi d'un capitano.... delle armi dotte?... Lasciarsi
fare un po' di corte, _transeat_, ma amarlo? Chi lo sospettava era
strambo davvero! Se lo avesse amato, per qual motivo allora fingerebbe
con me?... Cento volte, anche ieri, le avrei offerto un pretesto
validissimo per mettermi in libertà, caso mai mi preferisse un altro,
e lei invece tutti i giorni si fa con me più buona, più paziente, più
affettuosa. E poi, bisogna essere giusti; Lavinia non sa fingere e non
mi sopporterebbe dalle due alle cinque e dalle nove alle dodici, in
media sei ore al giorno, se proprio non mi volesse bene.

In fin dei conti non è mia moglie, io non ho nessun diritto, pur
troppo, sopra di lei, motivo per cui non ci vedo lo scopo di fingere
in pubblico con me, per il gusto di tradirmi di nascosto; e
quell'altro, se ci potesse qualche cosa per davvero, invece di
sopportarmi sempre lì fra i piedi, mi manderebbe dritto a quel paese!

--Diamine!... Ma dunque, ero proprio matto ieri?... Lei indurre il
capitano a farmi delle scuse, per non restar compromessa? Intanto
dalle scuse alle dichiarazioni del capitano ci corre e poi.... e poi
non è donna, Lavinia, da simili commedie!... Riepilogando, quale prova
mi resta del suo tradimento? L'incontro mio col capitano in _Via
Nazionale_! Grazie tante: ma io non posso dire da dove veniva, ed
anzi, se Lavinia non me lo ha confessato, vuol dire che non c'è stato
da lei. Certo, quando ieri m'ha veduto con un palmo.... di muso, ne
avrebbe indovinata la cagione e con un pretesto; qualunque--ha tanto
spirito--avrebbe subito giustificata quella visita clandestina. Come
l'ho trattata male.... povero angelo!... Ma bisogna che mi
compatisca.... ero proprio matto!... Sicuro!... L'amore fa di questi
scherzi!...--E allora Michele, ricordandosi del bigliettino di
Lavinia, che gli permetteva di andare da lei magari prima delle
dodici, fu preso da un desiderio vivo, cocente, di rivederla, di
gettarsi alle sue ginocchia, di confessarle tutti i suoi torti,
concludendo però che se il giorno prima era stato matto, lo era stato
per il gran bene che le voleva!... Guardò l'orologio; erano le 11.
Sant'Arduino, il quale in tutto quel tempo non aveva sentito l'amico
dire una sola parola, vedendolo adesso che guardava l'orologio, lo
credette deciso più che mai nei suoi propositi di vendetta. Allora
ritornò da capo, quantunque sperasse poco di riuscirvi, a tentare di
persuaderlo sull'inutilità, e quasi sulla sconvenienza, di quella
sfida.

--Dunque--gli domandò Michele, quando l'altro ebbe finito, sfettandosi
del panattone che inzuppava nel caffè--dunque tu, nel mio caso, in
parola d'onore, accetteresti le dichiarazioni del capitano?

--In parola d'onore, accetterei le dichiarazioni del capitano, che è
un uomo leale e di cuore!--esclamò Sant'Arduino, meravigliato e
soddisfatto del buon esito della sua eloquenza conciliativa.--Tutt'al
più, se lo vuoi, posso fargli sapere, in via amichevole, che tu,
risentito un po' dalle sue parole, avevi cercato di me, appunto per
chiarirle.

--Sì, questo glielo puoi dire, ma ti raccomando di farlo in modo
ch'egli non debba credere ch'io abbia del mal'animo contro di lui,
perchè, lo riconosco, egli ha agito con me da vero gentiluomo, con
molta delicatezza e cavalleria. Dopo tutto, se l'avesse voluto, sai,
mi avrebbe tagliato a fette come quel tuo prosciutto, ch'era proprio
eccellente. Hai detto bene. Il capitano è uomo di cuore!

                            ***

Mezz'ora dopo, il buon Michele, leggiero, svelto, felice, colla
fisonomia ridente e l'occhio limpido, imboccava la _Via Nazionale_
canterellando il motivo del duetto: _mia vita l'amarti_--_Se' tutto
per me_. E confrontando allora quella sua contentezza gaia, serena e
confidente, colla torbida infelicità, l'amaro dubbio e il malessere
del giorno prima, non potè a meno di domandare in confidenza a sè
stesso:--Ero matto.... o avevo fame?



CAVALLERIA ASSASSINA


Il signor di Gaucherin non avea chiuso occhio in tutta la notte. Dopo
parecchi giri di _valtzer_, ballati colle più leggiadre donne di
Bordeaux, si era gettato vestito sul letto, convulso e torvo. I suoi
occhi stanchi guardavano con ripugnanza il riflesso bianchiccio
dell'aurora che penetrava dalla finestra socchiusa. Una folla di
pensieri foschi, angosciosi, gli turbava la mente. Avrebbe pur voluto
dimenticare col sonno le vicende di quella notte; ma non ci riusciva,
anzi faceva peggio. Gaucherin era stato ad un ballo, e gli splendori
delle gemme e dell'oro, i lampi procaci della gaia giovinezza che per
tante ore lo avevano esaltato e commosso, adesso gli suscitavano
nell'anima un impeto d'ironia amara e feroce.--Ah! senza dubbio si era
avvolta di tanto lusso, di tanta luce quella festa, perchè a nessuno
sfuggisse l'ignominia di lui!

L'irrequieto giovinetto era andato al ballo per una donna.... voleva
almeno vederla. Gaucherin aveva trent'anni, _lei_ ventiquattro. Le
fanciulle, quando Gaucherin passava per la via, se lo rubavano cogli
occhi. Era bello, e poi aveva fama di ardito, di battagliero. Non
c'era stata mano di ferro che l'avesse fatto piegare; la sua spada non
ricordava il numero de' suoi duelli, e allora i duelli erano di moda
come il ferraiolo a tre baveri e la cravatta a tre giri.

Quanto alla vaga prescelta da questo giovane bruno, forte,
affascinante, c'era davvero di che perder la testa. Carlotta di Morny
pareva una statua di marmo pario, nella quale una strega in collera
cogli umani avesse costretta un'anima strappata dal limbo. In quella
donna, nelle sue carni, nelle sue fibre, c'era del ghiaccio. Il suo
occhio, quantunque bellissimo, sembrava privo di vita. I fascini che
emanavano da lei, erano altrettanti agguati involontarî di una
bellezza senza cuore. Aveva la sua forza in un istinto che, mentre
temprava la sua virtù, faceva sordo il suo cuore. Era una donna caduta
per caso sulla via dell'amore. A ciò non era destinata, ed è per
questo che passava fredda, distratta, sicura attraverso quel campo
nemico dove, a vent'anni, ogni fanciulla affronta la lotta.... con una
corazza di velluto ed un elmo di pizzi e di piume.

Carlotta di Morny quella sera ricevette l'omaggio di cento cavalieri;
ma rimase alteramente placida in mezzo al loro caldo entusiasmo: ebbe
per tutti un sorriso, una parola, un saluto ugualmente cortese, ma
senza scomporsi dalla sua attitudine di regina annoiata, senza che mai
_l'eterno femminino_ scoperto da Goethe avesse in lei un solo lampo di
vita. Anche durante la danza, nel giro febbrile, vorticoso,
insidiatore del _valtzer_, ella, strana cosa, si mantenne impassibile.
I suoi riccioli biondi ondeggiavano appena quando le coppie
incrociandosi le une colle altre mettevano in iscompiglio l'aria
tepida, odorosa, che tutto e tutti circondava. Ma dopo un lungo ballo,
quando il cavaliere garbato s'inchinava innanzi a lei, asciugandosi
con una pezzuola di seta la fronte infiammata, notava, sorpreso e
dolente, la tranquillità inalterabile della sua dama. Ella era rosea,
avea l'occhio sereno e l'atteggiamento di chi vuole la quiete perchè
ama la quiete soltanto. Ma il male si è che in quella festa c'era
stata una vittima nuova, impensata di questa sirena noncurante e
fatale. Il signor di Gaucherin se ne era fortemente innamorato, e
siccome fra le sue abitudini avea pur quella di far tutto alla lesta,
così si spiegò con lei spiattellandole la sua brava dichiarazione
durante un giro di _valtzer_. Con voce rotta dalla commozione e
dall'urto della danza, egli le disse che già da qualche tempo aveva
perduta la pace; che sentiva bisogno di lei come dell'aria, della
luce; che non era bugiardo giurandole di amarla immensamente. Le
disse, insomma, tutte quelle belle cose che son sempre le stesse in
ogni idioma; ma alle quali si lavora assiduamente col pensiero prima
di esprimerle, studiandone il modo e la forma più efficace, paventando
con una timidità inusitata e nello stesso tempo affrettando con
un'ansia indicibile il momento nel quale saranno ascoltate.

Gaucherin parlò tremando. Egli citato per la sua serenità quando
rischiava la vita, egli che sorrideva in faccia ad ogni pericolo,
balbettava, colle ginocchia che gli si piegavano, dinanzi a questa
donna, e quando ebbe finito, aspettò confuso, impacciato, ubriaco
quasi, una parola di lei. Ma la bionda creatura non rispose nè con una
parola, nè con un sospiro e nemmeno col rossore del volto.

--Nulla?... Non mi dite nulla?--esclamò Gaucherin fatto pallido e
cogli occhi fissi, lucenti.

--No.... Questa musica allegra e appassionata ad un tempo non è certo
adatta per quello che io vi risponderei; ma però non posso
disconoscere ch'essa ha pur la potenza d'inspirare sentimenti quali
voi dite di sentire per me.

Ciò detto, mollemente si adagiò sopra un divano: aveva parlato
abbastanza chiaro.... e Gaucherin, quantunque pazzo d'amore, lo
comprese; s'inchinò addolorato, attraversò la sala, e giunto nel
mezzo, si voltò per salutarla ancora, quasi mendicando cogli occhi un
ultimo atto di compassione. Carlotta di Morny non lo vide, lo aveva
già dimenticato e rideva, rideva deliziosamente col marchese di Tracy
che si sarebbe detto la stasse aspettando appoggiato alla spalliera
dorata di una poltrona vuota.

A Gaucherin quel sorriso punse e rimescolò il sangue; non tremava più;
si fermò guatando i due in modo da far paura; ma allora il marchese di
Tracy, sghignazzando e guardando lui beffardamente, si sedette al
fianco di Carlotta. Per Dio! non l'avesse mai fatto!... A Gaucherin
parve di morire. Il cuore gli mancava, si sentì traballare, ma fece
violenza e imperò su sè stesso. Si guardò ancora d'attorno, e là, nel
mezzo alla sala, urtato, serrato, spinto dalle coppie che ballavano,
avvolto da un'onda di luce, tormentato da un'afa soffocante, credette
per un momento che tutti ingrossassero la voce deridendolo, come aveva
fatto il marchese di Tracy; vide moltiplicarsi le fiamme dei doppieri,
e tingersi in bianco, in giallo, in rosso, e quella musica folle,
spensierata, egli la sentiva sghignazzante e pettegola, esultare
all'oltraggio patito da lui come ad una bastonatura di Pulcinella.

Il suo primo pensiero, forse il suo primo impeto, fu quello di
gettarsi sul marchese e di schiaffeggiarlo; ma lo scandalo sarebbe
ricaduto su quella donna che, se si era fatta il suo tormento, era pur
sempre il suo amore, e si trattenne. Invece, coll'odio nell'anima,
facendo sacramento a sè stesso di far scontare al marchese quella sua
beffa temeraria, corse a casa, si buttò sul letto, pianse di rabbia,
ma promise a sè stesso di aspettare il momento propizio.

                            ***

La stagione delle danze, dei teatri e delle allegre cene era
terminata. Il maggio, colle sue rose, colle sue rondini in cerca del
vecchio nido e coi ruscelli colmi d'acqua appena calata giù dall'alto,
metteva fremiti nuovi di nuovi amori. Una gran benedizione discendeva
dai cieli tepidi, tersi e diffusi, parlando di pace, di gioia,
sorridendo benigna al fecondo lavorìo della natura. Ma il signor di
Gaucherin, da quella notte, si era fatto infelice e cupo. Era stato
offeso, odiava e ancora non avea trovato il destro di vendicarsi. Quel
riso beffardo lo seguiva dovunque, se lo sentiva d'attorno: era
l'incubo della sua vita. E mille volte in cuor suo, mentre le voleva
un bene pazzo, smanioso, furente, imprecava contro quella donna che
ignorava lo strazio della sua anima, che non poteva neanche
comprenderlo; ma che lo rendeva incapace di difendere il suo orgoglio.
Se ella non fosse stata, oh, allora!...

Da due mesi Gaucherin cercava invano un pretesto. Il marchese di Tracy
non sospettava nemmeno di avere ai fianchi un così acerrimo nemico; ma
però se ne accorse il giorno soltanto ch'egli comprese la
provocazione. Fu un'inezia, che fra diversi contendenti e in altri
tempi avrebbe tutt'al più messo un po' di dispetto. Sangue non se ne
sarebbe versato, o quel tanto solamente che ne poteva correre da una
scalfittura. Ma quelli erano tempi intolleranti, per così dire, e
maneschi. Nel 1829, il duello era una frenesia della vita; affrontare
così balordamente la morte, una seduzione. La temerità si confondeva
coll'eroismo, essere audaci voleva dire essere celebri, così che
talvolta il punto d'onore e la cavalleria giustificavano un
assassinio, legalizzando la ragione del più forte. Il _lion_ del
giorno era Choquart, guardia del corpo, spadaccino insolente e
frenetico, il quale avea avuto _quaranta_ duelli ed altrettante
ferite, che alla mattina si svegliava col prurito di trovare una
briga, e con questa spavalda aspirazione entrava nelle botteghe dei
parrucchieri, gridando con voce grossa e volgare:

--Non usano più i capelli tagliati; è una cosa da stupidi; ve lo dico
io; io! pronto a schiaffeggiare il primo che mi smentisce!

E da ciò un tafferuglio, mezza dozzina di pugni, la conseguente sfida
e la relativa stoccata che metteva a letto per un mese l'uno o l'altro
dei contendenti.

Erano tempi da matti, quantunque con un'apparenza severa e castigata.
Da tre anni ì duellisti si erano costituiti in associazione, tutti
guasconi, per la maggior parte. Perfezionarsi nella scherma era lo
scopo e il vanto; sciabolare, storpiare, uccidere, il lugubre ideale.
Le autorità per tre anni tentarono invano di porvi riparo. Il giorno
che si misero a perseguitare quell'associazione, due prefetti e un
generale, avversarî e vittime dello stesso pregiudizio, pagarono colla
vita il loro zelo soverchio. Alla fine gli ufficiali dell'esercito si
sollevarono contro questa bestiale manìa; ma il rimedio fu peggiore
del male. Era una lotta decisa, pronta, inesorabile, barbara; era
togliere la piaga uccidendo l'ammalato, seminare il dolore dove
c'erano e madri e spose e sorelle che imploravano misericordia. La
morte non si presentava più come un fantasma nero ed immane che
cercava gli eroi; ma come un fantoccio insensato e buffone che amava i
capricci.

Appunto sotto questi auspizi i due vagheggini della Morny si mandarono
i loro padrini. Il signor di Gaucherin era capitano d'artiglieria,
duellista audacissimo, uccisore di _undici_ membri dell'associazione
che gli ufficiali dell'esercito si erano proposto di distruggere. Il
marchese di Tracy era l'ultimo dei duellisti guasconi: l'ultimo....
perchè era stato il più forte.

Presso ad Archon i due rivali si trovarono di fronte, in un bel giorno
di fiorita primavera, tutto sole, in mezzo ad un vasto campo serrato
da verdura nuova e palpitante: la morte non ebbe mai un più festevole
sudario.

Il _processo verbale_, firmato in piena regola, stabiliva che i due
avversari, armati entrambi di due pistole, si dovevano porre alla
distanza di venticinque passi, con facoltà di far fuoco l'un contro
l'altro, avanzandosi a piacere. Non c'erano sottintesi: l'uno o
l'altro dei due doveva, come si dice, restar sul terreno.

Al segnale, il signor di Gaucherin fu il primo che si mosse: altero,
sicuro, cogli occhi fissi nel volto del suo avversario, dove pareva a
lui che errasse ancora il ghigno di quella notte; ma non aveva fatto
cinque passi che il marchese di Tracy sparò il primo colpo.... nessuna
fronda d'attorno si mosse. Gaucherin si fermò un istante, fu visto un
fremito sulle sue labbra, si fece ancor più pallido, ma continuò,
colle braccia protese, le armi ferme nel pugno, il suo cammino....
Adesso anche egli ghignava; l'ora tanto aspettata, sognata, era
giunta. Che importava a lui della palla che gli bruciava nel petto?...

Il marchese di Tracy pareva un gigante di granito. Era forse più
audace in quella immobilità suprema. Attese, altero come un leone, e
quando Gaucherin non fu che a dieci passi da lui, sparò il secondo
colpo. Uno sgomento si librò allora su quel campo così lieto, eppur
così desolato; un grande sgomento, giacchè il marchese di Tracy,
gettate a terra le armi, colle braccia incrociate, immoto, baldo,
aspettava la morte, mentre Gaucherin, insanguinato, colle sue pistole
ancora cariche si avanzava inesorabilmente spietato.

Egli camminava con una lentezza paurosa: guardò le pistole, osservò
freddamente l'acciarino, le montò con cura e le appuntò alle tempie
del marchese di Tracy.

Gl'istessi padrini si ribellarono a quell'atto.

--Fermatevi, Gaucherin! Voi uccidete un inerme--gridarono--Basta!...
cotesto è un assassinio!

Ma nè il marchese ebbe un pensiero di speranza, nè Gaucherin un atto
di compassione. Si volse, ebbe tanta forza di volgersi, volle parlare,
ma un fiotto di sangue gli spumeggiò sulla bocca, e colle pistole
ferme sulla fronte del suo rivale sparò sghignazzando beffardamente.

Il marchese di Tracy cadde fulminato ai piedi di Gaucherin, che un'ora
dopo spirava.

.... Carlotta di Morny, causa involontaria e insciente di così orrenda
tragedia, al racconto che gliene venne fatto si rivoltò inorridita.
Però non pianse nè il signor di Gaucherin, nè il marchese di Tracy.

A dispetto della sua giovinezza, quella donna non era stata mai viva.



SCELLERATA!...


Il signore cerca della marchesa Giulia o della marchesa
Lucia?...--domandava un coso lungo, secco, in livrea, ad un giovanotto
elegante, un bel giovanotto, nell'anticamera del palazzo Tolosana.

--Cerco della marchesa....--e qui ci pensò sopra:--Cerco della
marchesa Lucia--disse poi, quando si credè sicuro del fatto suo.

--Allora da questa parte--e Battista, perchè come tutti i servitori
del mondo, anche lui si chiamava Battista, precedette l'elegante
visitatore in un gabinetto di temperatura e di lusso quasi orientale,
tutto dorature, specchi e arazzi, fiori e gingilli.

--Chi devo annunciare?

--Gino de' Recanati.

Battista s'inchinò un'altra volta, e uscì lasciando solo il signore,
il quale approfittò del momento per riparare, con una mano, ai guasti
che avea fatto il cappello sulle _onde_ della capigliatura.

                            ***

Oltre di essere un bel giovanotto, il nostro Gino era anche un giovane
ammodo e aveva tutta l'aria del gran signore e del diplomatico. Gino
de' Recanati era infatti _attachè_ alla legazione di Spagna e si
trovava allora in congedo a Roma.... per le Corse dei Barberi.

Aspettando la bella marchesa di Tolosana egli si guardava dentro allo
specchio e misurava le sue forze d'assedio e d'assalto.... A farla
breve, da quattordici ore egli era cotto della marchesa Lucia; l'aveva
veduta la sera prima al ballo della duchessa Melikoff, le avea
parlato, avea ballato con lei. Lucia non era una bellezza romana;
piuttosto sembrava una donnina balzata fuori viva e fresca da un
capitolo di Feuillet. Il corpicino pieno di grazia.... nervoso,
flessuoso, vivace. L'occhio ora provocante ora languido, aveva alle
volte un'espressione scaltra e beffarda. Vestiva come acconciava i
suoi capelli rossicci copiosissimi, cioè con un disordine pieno di
eleganza e di ardire. Rideva, parlava, gestiva continuamente,
mostrando due fila di dentini da bambina e due fossette alle guance
pienotte. Due fossette che pareano fatte apposta per raccogliere i
primi.... e gli ultimi baci dell'innamorato.

Recanati non durò gran fatica a perdere la testa per una creatura
tanto piacente; ma però un merito la cara marchesa glielo doveva pur
riconoscere; quello di essersene invaghito subito subito, senza
titubar nella scelta fra lei e sua cognata, perchè, bisogna anche
sapere che Lucia aveva una cognata, la marchesa Giulia, donna che, in
un altro genere di bellezza, era pure un astro dei più sfolgoranti.

Le due cognate erano l'una al braccio dell'altra quando Gino le notò
per la prima volta:--Ohe! c'è del buono!

--Le conosci?--domandò il nostro amico al conte Raiberti, un ufficiale
di cavalleria che a Roma faceva al nuovo arrivato gli onori
dell'ospitalità.

--Mezz'ora fa mi ci ha presentato il Vitalis.

--Vuoi fare a me lo stesso piacere?

--Volentieri.

--Chi sono?

--La prima è la marchesa Giulia di Tolosana, vedova....

--Peccato! Non ne parliamo più.... E quell'altra?....

--Quell'altra è la marchesa Lucia, una Tolosana anche lei. Hanno
sposato due cugini. Uno è morto, quello della marchesa Giulia, e
l'altro, quello della marchesa Lucia, è vivo e sano....

--Meno male; e che la grazia di Dio lo conservi!

Gino fu presentato alle dame. Egli ballò una contraddanza colla
vedova, per convenienza, poi una _mazurka_ e un _waltzer_ con
quell'altra, per.... per il gusto che ci trovava. Al _cotillon_, il
cuore, la felicità, l'avvenire del nostro diplomatico, tutto insomma
era già nelle mani della bella Lucia.

--Quando mi sarà concesso di rivederla, marchesa?...

--Ricevo gli amici tutti i giorni dalle due alle quattro.

--Allora mi permette di venire dalle quattro alle cinque?

--Come! non vuol essermi amico?

--La conosco da troppo poco tempo per esserlo, e l'amo già troppo per
diventarlo.

--Oh! oh! Una dichiarazione?!...

--No. Una confessione.

--Allora c'è un peccato da assolvere?

--Non lo so, perchè è la prima volta che provo.... quello che provo!

Finito appena il _cotillon_, Lucia e Giulia furono delle prime a
partire, e naturalmente anche lui, Recanati, s'affrettava a lasciare
la festa.

--Sai, Gino, gli disse il conte Raiberti che l'incontrò
nell'anticamera, devo farti delle rettifiche a proposito delle
cognate.

--Delle cognate?

--Cioè delle due cugine, delle Tolosana insomma che io credeva cugine,
mentre invece sono cognate perchè hanno sposato due fratelli. Uno per
una.

--Ah! tu in fatto di parentele sei sempre lo stesso confusionario.

Gino, uscito da casa Melikoff, contro al solito quella notte non si
avviò verso il _club_. Aveva bisogno di essere solo, di fantasticare.
Passeggiò come lo portavano le gambe, a caso, per viottoli e strade
deserte, camminando nel fango e nelle pozzanghere colle sue scarpine
da ballo, colla pelliccia aperta, quantunque facesse un freddo
acutissimo, e col paracqua chiuso quantunque cadesse un'acquerugiola
fitta come neve. Suonavano le quattro quando si trovò sulla porta
dell'albergo.--Le quattro!... Dodici ore ancora!... Una eternità. Per
accorciare il tempo non c'è che uno spediente: dormire.... se si può.
Gino fece prova di questo espediente, e il giorno dopo, alle tre,
quando il cameriere aprì le finestre della sua stanza, egli sognava la
moglie del superstite Tolosana.

                            ***

--Bravo Recanati! Credevo che ella si fosse dimenticato dell'impegno
che avea preso--disse la marchesa Lucia animando il salottino col
_fru-fru_ della sua veste di seta turca ed inondandolo con un profumo
acuto, inebriante; un profumo ed un _fru-fru_ che scossero tutte le
fibre di Gino.

--Dimenticarmene?... Se da ieri notte io non fo che pensare a lei! non
fo che desiderare questo momento, imprecare al tempo, pigro, eterno,
noioso?!

--Dio mio, quale crescendo! Badi però che sono le quattro suonate.

--Lei m'ha detto, marchesa, che riceve dalle due alle quattro....

--Appunto; come vede, avrebbe potuto imprecare al tempo così eterno,
così noioso, due ore di meno. Ma via, non si confonda e impari a
essere meno eloquente e più.... e più utile. Butti giù, da bravo, la
tenda di quella finestra, così non mi vedrà arrossire ai suoi
complimenti.

Gino ubbidì. Difatti dalla finestra entrava una striscia di sole
molesta, sfacciata.

--Adesso però io non la vedo più;--esclamò il galante
mortificato.--Era sole d'inverno e di tramonto, e, abbassata così la
tendina, essi rimanevano in una oscurità quasi completa.

--Si consoli; non ci scapiterà molto!...

--Forse, avendo imparato a vederla anche quando non sono con lei....

--Così presto?! Ma in tal caso ella avrà lavorato di fantasia, e ora,
veduta a occhio nudo, chi sa come le sembrerò brutta!

--Divina!... Adorabile!...--Queste due volgarità Gino le aveva
lasciate sfuggire a denti stretti, schiacciando quasi, con un moto
convulso, il cappello fra le ginocchia. Benchè alle volte egli fosse
pieno di spirito come un termometro, adesso lo spirito era svaporato
del tutto. Egli si sentiva molto.... molto commosso. L'oscurità del
salottino, alla quale il suo occhio si abituava, lasciava distinguere,
a poco a poco, la bella marchesa di Tolosana che si disegnava
fantasticamente fra i colori vivaci della seta e dei velluti. Di
quella bizzarra creatura, Gino intravvedeva la linea pallida del collo
e delle spalle, una linea che si allungava via via completandosi,
quando a Lucia, che era tutta un continuo movimento, si apriva meglio
la scollatura a cuore della veste. E distintamente, anche
nell'oscurità, vedea disegnarsi il biancastro delle braccia
tondeggianti, che, nude fin sopra il gomito, uscivano dalle maniche
larghe e cortissime, e poi.... e poi tutta quella massa di capelli,
quel disordine, quella confusione di capelli che, lunghissimi, le
cadevano sul collo sulla faccia, sulle spalle, penetrando qualche
ciocca indiscreta anche nell'apertura della veste; il profumo intenso,
nuovo, particolare a quella donna, e il caldo della stufa e i
fiori.... Insomma, se a Gino era svaporato lo spirito, bisogna pur
compatirlo!...

--Adorabile!... Divina!...

--Recanati, attento! È la quarta delle dichiarazioni ch'ella mi fa in
cinque minuti, e così non mi lascia nemmeno il tempo di poterle
gustare.

--Marchesa cattiva! cattiva! Per amarla troppo terminerò coll'odiarla.

--Il caso non sarebbe nuovo, ma:

    Sì fieri sensi nell'ardente petto
    Chi v'ispira, o signor?

--Sfido io! Non c'è caso ch'ella voglia prendere le mie parole sul
serio!

--Oh! Se non prendo le sue parole sul serio, dovrebbe ringraziarmene,
caro Recanati--e qui l'accento ebbe un'intonazione molto marcata.--Se
no, scusi, sa, scusi, ma, a quest'ora.... me ne rincrescerebbe tanto
per la diplomazia, ma....

--Marchesa, non era mia intenzione l'offenderla.

--Lo credo, e non si sgomenti. A me piace lo scherzo e ho capito che
piace molto anche a lei, ecco tutto.

--Ella certo non può dubitare della mia stima!

--Oh no; perchè sono abbastanza sicura del fatto mio, ma lei, come
lei.... Mi conosce da dodici ore e pretenderebbe di amarmi non solo,
ma pretenderebbe anche di farsi amare e....

--Non lo pretendo, marchesa, lo desidero.

--Un momentino; lasci finire. Appena presentato, subito mi scarica
addosso una dichiarazione fulminante. Io ne rido; e lei, con una
disinvoltura invidiabile, giù la seconda, la terza, la quarta: una
raccolta non sempre originale, ma molto ricca. Continuo a ridere, per
il meno male, e allora, con un talento superiore a qualunque
filodrammatico, mi recita per benino la parte del cruccio e dell'ira.
Senta, se lei mi lascia ridere, rider di cuore, potrò credere che,
pure scherzando, abbia della stima per me; ma se invece dubita
solamente che io possa accettare le sue, sarò buona e dirò le sue
_amabilità_ sul serio, per valuta corrente, nei miei Stati--la sua
passione che dura da dodici ore, delle quali ne avrà dormito otto per
lo meno, mi condurrebbe a delle conclusioni contrarie, credo, ai suoi
desiderii.

Ella rideva mentre parlava, rideva con un riso fresco, giovane,
sonante, e le fossette delle sue guance si facevano più profonde e più
tentatrici.

--Sì.... dodici ore, sarà; ma dodici ore sono più che abbastanza per
diventar matto!

--E allora, per ritornar savio, quante ore pensa che le possano
occorrere?

Gino, a questa lezione, perchè, anche detta ridendo, mentre ella, con
una mano, si accomodava i capelli dietro la nuca, mostrando così tutto
il braccio nudo e facendo risaltare le curve squisite del busto, era
sempre però una lezione, Gino si trovava maluccio....

--Chi le assicura che io l'abbia veduta per la prima volta ieri
sera?--diss'egli come l'uomo che nuota a caso in cerca di una tavola
di salvamento.

--Raiberti me lo ha assicurato mezz'ora fa.

Raiberti era un buon diavolo, ma chiacchierava troppo.

Esso raccontò alla marchesa l'esclamazione di Gino al sentire che
Giulia era vedova, la confusione delle parentele; raccontò tutto, in
una parola. D'altra parte era la sua prima visita, e si riteneva
fortunato di avere così un argomento qualunque da mantener viva la
conversazione.

--Ma Raiberti non lo poteva sapere.

--No?... Se mi ha detto che son due giorni soli ch'ella è qui a Roma e
che era assente dall'Italia da cinque anni?

--Questo non vuol dire. Non è la prima volta che ci vengo.

--Ma io, cinque anni fa.... cinque anni fa ero già fidanzata.

--Fidanzata.... pur troppo!--Dicendo queste parole, egli prese una
cera rassegnata, si avvicinò a Lucia che, sicura di sè, non si
ritrasse nemmeno, e:--Se io le dicessi--continuò--di aver portato meco
in questi cinque anni di esilio....

--D'esilio?... In Ispagna?... Alla Corte?... Con una incoronazione,
due matrimoni e un funerale?

--Cinque anni di esilio, perchè non ho potuto dimenticare mai ciò che
io avevo lasciato in Italia, qui a Roma.

--Raiberti me lo ha detto: una nonna adorata!...

--Marchesa, questa è cattiveria, è crudeltà....

--Via, via, da bravo! quella brutta faccia non gliela voglio
vedere!...--e Lucia stese una delle sue piccole mani a Gino, che la
prese e la strinse.... anche un po' troppo.

--Avevo lasciata in Italia, una fanciulla bionda, pallida, con due
occhioni neri.

--Non la si può dire una rarità della specie; tutte le bionde, da poco
in qua, hanno gli occhi neri.

--Lei.... non si ricorda di nulla, lei?--Gino prima di andare avanti
aveva bisogno di un qualche indizio per poter regolarsi.--Imbecille!
Perchè non sono andato al _club_ ieri sera?--pensava intanto fra
sè.--Avrei potuto forse conoscere suo marito e raccogliere qualche
informazione opportuna.

--Non si ricorda di nulla, lei?...

--Io?... Di nulla!

--Non si ricorda di avermi veduto mai, nè al Pincio....

--No....

--E nemmeno al Valle?...

--Al Valle, cinque anni fa? Ero ragazza!

--Cioè all'Apollo, volevo dire.

--Ci sono stata una volta con papà. Alla _première_ dell'_Aida_.

--E non si ricorda di avermi veduto!...--soggiunse Gino, il quale
finalmente si sentiva in porto.

--Io no. Ero fidanzata, e capirà bene, io non guardava che il marchese
di Tolosana.--Così dicendo Lucia abbassò gli occhi sospirando
profondamente; profondamente davvero.

Gino pensò, con una soddisfazione colpevole, che anche quel marito non
andava a versi alla moglie.

--Io non conoscevo alcuno--continuò il diplomatico--ero a Roma, per
gli esami, da pochissimo tempo. Entro in teatro, mi guardo attorno
svogliatamente e vedo.... vedo lei, marchesa, in un palco di....

--Di second'ordine.

--Appunto.... In seconda fila. Vederla, e restare colla bocca aperta,
assorto in una muta contemplazione, fu tutt'uno. Le cantilene di
Selika e di Nelusko....

--Cioè di Radames e d'Aida....

--Di Radames e d'Aida, trovarono la mia mente, i miei sensi distratti.
Tutta la mia vita era negli occhi, negli occhi che contemplavano lei,
e la divina musica di Verdi rimaneva soffocata da un'armonia celeste
dell'anima, che mi trasportava in un altro mondo, in una follia di
desiderii e di sogni. Egli è che allora conoscevo l'amore per la prima
volta, egli è che allora per la prima volta imparavo ad amare. Finito
lo spettacolo esco dalla sala per incontrarla all'uscita. Mentre la
vedo passare bionda, pallida, sottile, come la figura d'Ofelia nella
mente di Shakespeare innamorato, scorgo un collega:--Conosci quella
giovinetta? domando.--È la.... Qui Recanati s'interruppe un istante:
il casato di Lucia non lo sapeva.--È la fidanzata del marchese di
Tolosana--mi risponde. Creda, marchesa.... mi sono sentito una mano
ghiacciata serrarmi la gola, un coltello piantarsi nel cuore....

Lucia non rispose, pareva commossa.... anche lei pareva avesse perduto
lo spirito.

--Ricordo di averla veduta quella sera con.... con un....

--Con mio padre.

--Appunto. Un signore.... piuttosto in età....

--Alto di statura....

--Sicuro, alto.... un po'....

--Un po' magro.

--Un po' magro....

--Colla barba bianca.

--Oh bianchissima. Vede bene come ricordo ogni più minuto particolare!

Lucia lo guardò con un'occhiata che era una carezza, e sfogliando a
caso uno degli _album_ che teneva sul tavolo, mostrò un ritratto a
Gino.

--Lo ricorda?...

--Suo padre?...

--Mio padre.

--Tal e quale.--Eppure, pensava Gino guardando il ritratto, quella
barba io la conosco.--Le rassomiglia molto.

--Le pare?

--Tutta lei. Come era bella anche allora! Con suo padre nel palco
formavano un quadretto, tutt'e due, che non ho mai potuto dimenticare.

--Tutt'e due?... Cioè, tutti e tre, perchè c'era anche mia sorella.

--Sicuro, ma.... non se n'abbia a male.... con sua sorella era il
quadretto veduto, solamente lei era quell'altro; quello conservato
nell'anima.

A questo punto, Gino baciò lentamente la mano della marchesa. Lucia lo
lasciò fare abbassando la vaga testina e così si aperse un po' più la
scollatura dell'abito. Cominciava ad esser commossa anche lei, non
della commozione effervescente di Gino, ma di una specie di malinconia
tranquilla e profonda.

--Ebbene, signora Lucia.... Permetta che io la chiami così, per una
volta sola almeno; ebbene, signora Lucia, quando le avrò detto che
sono cinque anni, cinque lunghi anni che io vivo per lei e con lei,
crederà ancora che, se sono pazzo, mi possano bastare poche ore per
ritornar savio?

Lucia lo guardò, sorrise, e poi abbassò la testa anche di più:

--Oh se fosse proprio vero.... cinque anni.... allora.... allora
sarebbe tutt'altra cosa!...

Recanati intanto continuava a farsi più e più vicino, e già, con un
ginocchio, toccava la veste della marchesa.

--Io non pretenderei, certo, non pretenderei mai di essere amato, ma
se tutto quello che ho sofferto in cinque anni, tutto quello che ho
sofferto di dolori, di gelosie....

--Gelosie....--e qui la marchesa sospirò un'altra volta--adesso lei
non avrebbe più ragione di essere geloso....

--No?...--Curiosa! pensava tra sè il diplomatico, fra marito e moglie
le relazioni sarebbero dunque interrotte?--Ascolti, marchesa--riprese
poi rinfrancato da questa nuova scoperta.--Ascolti. Mi deve rispondere
con franchezza, con serietà. Se lo ricordi, non ha il diritto di
scherzare colla passione di un uomo, perchè ha il diritto di non
parteciparvi!

Lucia lo guardò con uno sguardo tenero, lungo, e riabbassò di nuovo
gli occhi.

--Quando io facessi tutto ciò che il suo capriccio fosse per
domandarmi, quando io superassi tutte le prove alle quali le piacesse
di sottopormi, fra un anno, fra due, fra dieci, potrei forse
sperare....

--Che cosa?...

--Una sua parola.... una sua parola sola.... Mi dica qualche cosa,
marchesa.... Non rimanga così muta.... la prego, la supplico....
Dunque?... Sì o no?... Parli!...

--.... Forse! Chi sa!...

--Forse! Ah! Grazie, grazie; sente dunque che.... un giorno.... E
allora si mostri buona, abbia della compassione per me. Non mi faccia
aspettare troppo quel giorno. Sarebbe una crudeltà!

--Ma bisogna intendersi prima sul tenore di questa parola....

--Le domando solo di lasciarmi spendere la vita, tutta la vita, per
adorarla in ginocchio. Domando di essere l'uno dell'altra per sempre!
Oh! se potessi portarla con me, fuori dal mondo che ci separa, in una
campagna isolata, lontana, lontana....

--Ma se io la dicessi, quella parola.... potremmo vivere così.

--Liberi?

--Come l'aria.

--Decisamente sono divisi--concludeva Gino--e quello stordito di
Raiberti che non me l'ha detto!... Scommetto che l'ha fatto apposta.

--E allora tanto più se ella è libera, parli, parli subito. Dica
tuttociò che compendia il mio sogno di cinque anni. Sarebbe così bella
la nostra vita!

--No. Ella deve prima conoscermi meglio. Conoscermi a fondo. Ho dei
difetti, sa; sono stata viziata, perchè sono stata anche molto amata.

--Conoscerla? Ne ho forse io di bisogno? La donna che si ama,
s'indovina, si sente.

--Il passo è grave ed io voglio lasciarle tempo a riflettere....

--Riflettere?! Riflettere quando l'amo?

--Si tratta della libertà, si tratta di tutta la vita, ci pensi!

--Ma s'è già nelle sue mani tutta la mia vita!

--Allora....

--Allora? Ebbene!... allora?

--No, no, parta, signore. Un altro giorno mi ringrazierà di non averle
ceduto, di non averla sorpreso, quasi, in un momento di esaltazione.

--Partire? Partirò dopo che m'avrà detta quella parola, non prima, di
certo.

--Ma se io le dicessi questa parola oggi, subito, che cosa poi
potrebbe pensare di me?...

--Che siete un angelo!--rispose Gino, tentando il _voi_ per la prima
volta.

--No, non sono un angelo--e qui Lucia, a sua volta, cogli occhi umidi,
lucenti, accesa nel volto, tremante, pareva in preda anche lei
all'orgasmo, in uno stato, pareva, di eccitamento nervoso.--No, non
sono un angelo. Sono una povera donna che sente, che sente troppo,
forse. Un linguaggio così appassionato, la confessione imprudente di
un amore che dura da cinque anni, solitario, pieno di fede e senza
alcuna speranza.... tutto ciò mi ha commossa, sconvolta. Oh, signore,
dev'esser buono lei, che è tanto forte: ebbene, abbia un po' di
compassione per me.

--Cara....

--E poi ella mi ricorda nella voce, nel volto, negli occhi.... mi
ricorda....

--Chi vi ricordo?...

--No, no, parta, parta finchè sono padrona di me. Parta, non mi guardi
in quel modo.... Mi fa male. No, è inutile, oggi, così subito, non
voglio dirla quella parola. No. Sia buono. Non mi guardi così!--Ma il
diplomatico si ostinava a fare il cattivo, e mentre sbarrava ancora di
più gli occhi, fissandola, pareva volesse magnetizzarla, con una mano
era penetrato adagio, adagio fra la spalliera del sofà e la vita della
marchesa che, d'un tratto, strinse forte contro il suo petto.

--Ah! Demonio!

--Angelo!... Quella parola la voglio!

--No!...

--E allora già io non vi lascio.

--Ah! Mio Dio! Ebbene.... sì.... sì, sarò vostra moglie!

--Mia moglie?!--esclamò Gino e, rallentate le braccia, ritornò fermo,
al suo posto.--Mia moglie?!... Cioè.... come sarebbe a dire?...

--Credo che non mi vorrete offendere, signore; credo che non avrete
pensato nemmeno per un istante di poter ottenere il mio cuore, senza
prima avermi fatta vostra moglie. Credo che non sarà una colpa quella
che dopo cinque anni di amore venite a propormi.

--No, no certo, signora marchesa.... solamente.... mi avevano
detto.... che.... vostro marito....

--Mio marito, dal cielo, mi perdonerà.

--Dal cielo?!...--Ah imbecille d'un Raiberti, imbecille!--pensava Gino
che si sentiva la voglia d'inghiottirselo crudo come un'ostrica.--Egli
ha confuso le due. La maritata era quell'altra!--e intanto continuava
a ritirarsi, restringendosi in fondo al divano; non sapeva più quel
che si facesse, asciugava il sudore coi guanti, cercava la lente che
teneva nell'occhio, avrebbe voluto rispondere, ma non sapeva infilar
due parole. Quella che avrebbe infilata molto volentieri, sarebbe
stata la porta.

--Credete, siete certa davvero che vostro marito dal cielo perdonerà
se....

--È la sua immagine ch'egli mi fa rivivere in voi.

--Grazie tante del miracolo--masticò Gino fra i denti e la bile.

--Voi gli rassomigliate in un modo singolare.

--Io?... Gli rassomiglio?

--Nel volto, negli occhi specialmente. È per questo che ho sentito
subito di volervi bene.

--Era lui, dunque, che io poco fa vi ricordavo?

--Sì, ora posso confessarvelo.... Ora posso dirvi tutto, perchè oramai
siamo uniti per sempre. Appena voi mi foste presentato ieri sera, io
ho sperato quasi in una risurrezione. Aspettavo una vostra parola
d'affetto come....

--Veramente, in principio, mi avete trattato piuttosto male.

--Volevo mettervi alla prova, e poi temeva quello che non è,
fortunatamente. Temeva, e lo temeva per il mio avvenire, per la mia
felicità, che voi foste un vagheggino sciocco, presuntuoso e leggiero,
con nessuna stima nelle donne, e con nessun rispetto per il loro
onore; un _irresistibile_ di professione, un Don Giovanni da strapazzo
che si crede un gran Sultano e passeggia colle tasche piene di
fazzoletti per....

--Ma il vostro dubbio....

--Oh! Il mio dubbio offendeva il vostro carattere, come offendeva la
cara memoria di colui che voi mi ricordate tanto!

--E per ciò....

--E per ciò capisco che vi debbo un'ammenda.... ebbene, io vi
domanderò perdono a Tolosana.... una villetta appartata dal mondo, una
villetta chiusa da tanti anni, ma che si riaprirà con voi, perchè con
voi riavrà l'adorato suo ospite e signore. Mi avete aspettato cinque
anni ed io non ho il diritto di essere crudele, non voglio farvi
aspettare di più. Ecco la mia mano, è vostra. Daremo un addio per
sempre alla società, al mondo, alle feste, ai balli, ai teatri, alla
Corte, come avete desiderato, per vivere noi due soli, in campagna, in
mezzo al verde, lontano, molto lontano, raccolti nel nostro amore, fra

    Pianure interminabili e colline
    Di perpetua verdura inghirlandate;

solamente rallegreranno la solitudine i miei figli che amerete....
come un giorno amerete i _nostri_, non è vero?

--I vostri figli?

--Quattro....

--Quattro?

--Quattro angioletti. E verrà con noi, a Tolosana, mia madre....

--Anche la suocera!--borbottava Gino, sospirando un treno diretto che
lo riportasse a Madrid.

--È un po' nervosa, irascibile, malaticcia.... ma è un angelo anche
lei!

--Anche lei! Tolosana, cara, diventerà la scala di Giacobbe!

--Ah! Gino, ripetete ancora le vostre divine parole di poco fa: Come
sarà bella la vita!

Lucia, così dicendo, questa volta si avvicinò lei. Ma a Recanati non
pareva più la medesima. In quelle tenebre l'occhio si era assuefatto e
vedeva che la carnagione della marchesa non conservava più la prima
freschezza e che molto candore lo doveva alla cipria. I capelli non
erano biondi, ma rossi, il disordine della pettinatura di pessimo
genere, i colori sfacciati della veste di pessimo gusto, e il profumo
che aveva intorno quella donna era un odore insopportabile di
kaenferia, da far venir l'emicrania.

--Prima però.... ho da regolare qualche affaruccio.... e bisogna per
pochi giorni che io ritorni in Ispagna....

--Benissimo, andremo in Ispagna facendo il viaggio di nozze! Avete
sofferto cinque anni di angosce ed io voglio compensarvene, non
lasciandovi mai, mai più.

--Questo è impossibile.... il mio ufficio.... ho una missione del
Governo delicatissima e....

--O posso venire con voi.... o date le dimissioni.

--Ma....

--Non ascolto nulla, non ammetto nulla, non vi permetto una sola
parola. Sono gelosa, e basta.

--Avete torto. Io non sono già un Don Giovanni da strapazzo, io non
sono un gran Sultano che abbia le tasche piene di fazzoletti per....

--Oh! Questo no. Anzi non ne avete nemmeno uno: da mezz'ora vi
asciugate il sudore coi guanti.

Così dicendo, Lucia suonò il campanello. Battista entrò.

--Alzate quella tendina. Mio Dio!--disse poi Lucia a Gino, vedendolo
pallido e quasi allibito,--voi vi sentite male.

--Non è nulla.... è l'emozione.... mi sento bisogno di prendere una
boccata d'aria.... d'aria libera.

--La signora marchesa ha null'altro da comandarmi?--domandava intanto
Battista.

--I bambini sono di là?

--Sono usciti, signora marchesa--rispose il servo.

--Con miss Dlain?

--No, col signor marchese.

--Appena ritornano, dite a mio marito,--aggiunse Lucia, fissando
Recanati che a queste parole acquistava gli smarriti colori,--dite a
mio marito che li conduca qui, che voglio vederli, andate.

Battista, fatto uno dei suoi soliti inchini a tre tempi, scomparve di
nuovo.

--Come? Ma dunque--allora--voi vi siete presa giuoco di me!--esclamò
Gino con aria offesa.

--Sì, un pochino, ve lo confesso. Intanto vi avverto che all'Apollo da
ragazza non ci sono mai stata e che cinque anni fa ero ancora a
Bologna.

--Ma....

--Mio padre poi è piccolissimo di statura e non ha mai portata la
barba.

--Ma allora, quel ritratto?...

--Quel ritratto? Abbiamo guardato l'album degli uomini illustri: il
ritratto era quello di Don Pedro d'Alcantara, l'imperatore del
Brasile.

--Aveva ragione anch'io! Quella barba non mi era nuova.

--Del resto, calmatevi--continuò ridendo Lucia, con un'aria di
canzonatura che le andava a meraviglia--benchè imperatore, Don Pedro è
un uomo di spirito e non se n'avrà a male se un diplomatico ha trovata
molta rassomiglianza fra l'augusto suo volto e quello di una povera
marchesa.

--Marchesa.... Marchesa scellerata!

Gino, nella sua falsa posizione, non trovava altra scappatoia, per il
minor male, che quella d'irritarsi e d'offendersi. Prese il suo
cappello:

--Ed ora....--mormorò cominciando dal salutare Lucia.

--Ora potete venire anche voi, dalle due alle quattro.... quando
vengono tutti gli altri.

--Non mi rivedrete più, signora marchesa.

--Mai più?...--disse Lucia con un accento e una espressione che
mostravano del rincrescimento sincero....

--Riparto questa sera per la Spagna.

--Ebbene, me ne dispiace molto, molto.--Dicendo queste parole Lucia si
era rifatta seria, e i suoi occhioni avevano un'espressione così
ammaliante, che Gino credendola forse pentita del suo scherzo e
dolente per la sua partenza, ritornò indietro, vicino a lei, e,
prendendole una mano:

--Davvero?--le domandò--ve ne dispiace molto che io ritorni in
Ispagna?

--Molto, perchè la nostra diplomazia mi pare in cattive mani!



QUINTINO E MARCO


L'avevano chiamato Quintino, perchè bisognava trovare ad ogni costo
una parola che, mentre ricordava al pover'uomo tutta la sua miseria,
lo insultasse, e facesse ridere; e la parola fu trovata.

S'egli fosse stato meno forte, incontrandolo gli avrebbero allungato
dei calci, oppure avrebbero fatto una gran baldoria, buttandogli in
faccia dei pugni di sabbia o delle manate di fango; s'egli avesse
avuta una casa, una mensa, una donna, sarebbero entrati là dentro per
attossicare quel pasto, per offendere quella pace e per tentare quella
donna: ma il disgraziato, quantunque paziente e mite, era forte.... ed
era solo. Non restava dunque che il veleno dell'ironia; e il pitocco
seminudo, che non aveva mai un soldo in saccoccia e non portava con sè
che una gran fame per tutto bagaglio, fu chiamato Quintino perchè
allora appunto era ministro delle finanze Quintino Sella. Quel
nomignolo, buttato là per ischerno da un burlone ben pasciuto, fece
dimenticare il vero nome dell'oscuro martire, crocifisso dal buon
umore altrui, un nome, che la sua mamma forse, povera pia, avrà voluto
scegliere apposta per lui da un vecchio libro di preghiere. Ma
Quintino era buono, paziente, rassegnato; e non solo sopportava tutto,
anche quell'insulto quasi feroce, sorridendo con un sorriso così mesto
che avrebbe dovuto inspirare un po' di compassione, ma per far ridere
ancora di più, aveva messo il nome d'un altro ministro delle finanze,
di Marco Minghetti, al fido e solo amico ch'egli avesse al mondo; al
suo cane. E Marco era proprio degno di Quintino; era una bestiaccia
magra, sozza, appuntita; ma però giudiziosa, compassata, prudente....
o dormiva, o pensava. Mai un latrato, mai un ringhio ostile, non
faceva mai un salto più del necessario, non faceva mai una corsa alla
quale non fosse stata obbligata. Tutto il suo còmpito si riduceva a
far da sentinella con un _cheppì_ di carta ed un randello per fucile.
I soldati, a veder quel fantaccino più rassegnato che formidabile, se
lo indicavano l'un l'altro, ridevano a crepapelle, gli si fermavano a
frotte d'intorno e facevano sì che la bestia fosse più profittevole
dell'uomo.

Quintino lo capiva, e quando guardava Marco, accarezzandolo colle mani
lunghe ed ossute, i suoi occhi rivelavano una tenerezza infinita.

Come l'uomo, anche la bestia era triste e meditabonda. Quintino
diffondeva la sua melanconia su Marco; e tutti e due, confusi nello
stesso dolore, parevano maledetti dallo stesso destino.

Certo i due affamati che si scorgevano lontani, sul fondo bianchiccio
della strada: certo quell'uomo vestito di rosso, magro ed agile, e
quel cane tutto nero che rigava col muso l'arso e polveroso terriccio,
camminando a sghimbescio, formavano un quadro triste e lacrimevole al
quale non c'era raggio di luce nè colori di maggio che prestassero un
solo riflesso giocondo.

L'esistenza di Quintino era simile a quella di un bandito perduto in
una macchia, senza un pensiero della vita, senza un desiderio, senza
mai una speranza; e alle volte cercava invano una goccia d'acqua,
mentre bruciava dalla febbre, cercava invano un mucchio di paglia
mentre cadeva sfinito dalla stanchezza.

Tuttavia egli non si lamentava mai; era sempre muto come Marco, e
l'uno e l'altro facevan festa a chi donava loro un pezzo di pan nero,
anche se non lo dava per carità, ma solo per tenere in vita quelle due
strane creature che facevano ridere coi loro giuochi e col loro
aspetto così buffo e meschino.

E come non riuscivano a sfamarsi proprio del tutto, così non avevano
mal nemmeno un giorno di riposo. Camminavano sempre attraversando le
città, i borghi, i villaggi, ed erano sempre in mezzo alle feste, al
chiasso e alle allegre ribotte. Quintino colla sua faccia da funerale,
e Marco Minghetti colla coda fra le gambe.

Ma quando l'uomo scorgeva di lontano al di là di una strada lunga,
arida, corsa dalla polvere o impaludata dal pantano, il paesello nel
quale ricorreva un mercato o una fiera, affrettava il passo come un
povero ciuco al quale si fa passar la stanchezza e il dolor di reni
con una bastonata, e allora dei lunghi e grossi sospiri gli salivano
su dal cuore alla gola, come se dietro a quelle bandiere svolazzanti,
a quegli archi di mortella, al brulichìo di quella gente, ci fosse
stata per lui la gogna o il patibolo. Ma la fame lo faceva affrettare,
allungava il passo e con un fischio confortava il suo compagno di
viaggio e di gloria che gli trottava alle calcagna, col muso basso,
colla lingua fuor dalla bocca, penzolante.

Tutti e due andavano dritto fino in mezzo alla piazza più frequentata;
e là Quintino piantava le sue tende: stendeva un canovaccio sudicio
per terra, intanto che Marco lo stava a guardare riposando sulle gambe
di dietro e il collo piegato per il fastidio della cordicella che gli
teneva fermo sul capo il _cheppì_ di carta. Quando tutto era pronto,
il cane si rizzava su, dritto in piedi, il saltimbanco gittava per
aria, salutando la folla, il cappellaccio a tre punte, e la
rappresentazione incominciava.

Era un uggioso spettacolo. Pareva che quella maglia di un rosso
scialbo e stinto dalla pioggia e dal solleone, coprisse uno scheletro.
Quando scattavano in salti e capriole o si allungavano o si torcevano,
le ossa del saltimbanco pareva che scricchiolassero. Era un pagliaccio
ben triste quel povero Quintino!...

Egli campava la vita sempre chiuso dentro a quelle sue maglie lacere
che non lo difendevano nè dal caldo nè dal freddo, coi calzoncini
corti a sbuffi verdi filettati di lustrini anneriti, colle scarpacce
bianche, sformate, la coda e il cappello da Meneghino, e, da anni,
viveva in quella buffonerìa della miseria, come se per lui fosse
diventata la sua propria carne; come Marco viveva nel suo pelo lungo e
inzaccherato. La faccia di Quintino però era ancora più buffa del muso
di Marco: quei capelli nerissimi, ruvidi, dritti, parevano un
pennacchio, così tagliati all'ingrosso come erbe selvatiche rotte da
un colpo di falce. Nel suo viso si vedevano ogni sorta di rughe; aveva
l'occhio senza sguardo, la fronte immota, una rossiccia lanugine sul
mento; e perchè all'ironia degli uomini fosse compagna l'ironia della
natura, lui, che mangiava così poco, mostrava dalla sua bocca larga
dei denti lunghi e bianchi che avrebbero macinato un forno intero.

I suoi esercizi erano numerosi e variati. Dava principio al
trattenimento il giuoco della _tartaruga_, nel quale si vedeva
Quintino ad allungar le gambe all'indietro della testa, accavallandole
attorno al collo, mentre, appoggiandosi colle mani sulla stuoia,
dondolava col corpo fra le braccia dritte, tese, che parevan di ferro.
Poi c'era il _salto chinese_, e poi l'_a due_, ovverosia la
_passeggiata comica_: in questo esercizio Quintino faceva sbellicar
dalle risa passeggiando guardandosi intorno coll'aria da moscardino,
arricciandosi i baffi, fingendo di fumare con un pezzo di legno, che
avrebbe dovuto essere un mozzicone di sigaro, tenendosi il
cappellaccio piegato sulle ventiquattro; e tutto ciò mentre Marco, col
muso basso e col _cheppì_ che gli cadeva sugli occhi, gli entrava e
gli usciva di mezzo alle gambe, seguendolo ad ogni passo senza mai
farlo incespicare, con una precisione di tempo degna di un matematico.
Ma la rappresentazione finiva però sempre col meraviglioso _salto del
Niagara_, che veniva annunciato come _un grande e straordinario
esercizio, unico nel suo genere_. Difatti era questo, si può dire, il
cavallo di battaglia del celebre Quintino. Figuratevi ch'egli saliva
come un gatto in cima a sei o sette seggiole, messe l'una sull'altra;
poi, quand'era arrivato all'ultima, mentre la mobile colonna dondolava
sotto il suo peso, Quintino, il capo all'ingiù, si sollevava dritto
sulle braccia, colle gambe all'aria, stava là qualche secondo, poi
prendeva la spinta e si slanciava a cader lontano su due piedi, nello
stesso punto che le seggiole precipitavano per terra con un fracasso
di grande effetto.

Marco, che serio serio era stato immobile a guardare il suo padrone
durante tutto l'esercizio, a questo punto gli si avvicinava pian piano
dimenando lentamente la coda: cerimonia alla quale egli si abbandonava
molto di rado.

Ma quantunque col _salto di Niagara_ Quintino arrischiasse l'osso del
collo ad ogni rappresentazione, tuttavia, quando lo incominciava, non
si vedeva mai incoraggiato da un pubblico numeroso. Ciò avveniva
perchè, messe le seggiole l'una sull'altra, prima di dar principio
alla salita, Quintino andava in giro col piattello, e allora quella
gente, pare impossibile ma è proprio vero, diventava in sull'attimo di
una sensibilità eccessiva, e chi gli voltava le spalle brontolando che
quel genere di giuochi avrebbe dovuto esser proibito dalla Questura,
chi spergiurava che gli metteva il capogiro, un altro che gli faceva
tornare a gola il desinare; ma però, appena il saltimbanco aveva
riposto il piattello e cominciava a salire, tutti i suoi disertori si
voltavano uno alla volta e si fermavano un po' discosti per vederlo
lavorare. Finito il _salto del Niagara_ egli restituiva le sedie a chi
gliele aveva imprestate, raccoglieva da terra il canavaccio piegandolo
in quattro, e ripigliava il suo viaggio senza dire una parola, senza
barattare un saluto e senza curarsi nemmeno dei monelli che lo
seguivano per un buon tratto di via, gridandogli dietro colla
vociaccia squarciata: _Quintino! Quintino!_ accompagnando molte volte
quel loro saluto con qualche torsolo che capitava a lui nella schiena,
ma che non gli facea volgere il capo, o con qualche sassata che
arrivava fino a Marco Minghetti, il quale, colto così all'improvviso,
benchè continuasse col muso basso per la sua strada, dava però in un
guaìto breve e sommesso.

Nè quell'uomo nè quel cane sentivano rancore per quegl'insulti; essi
dimenticavano tutto. Ogni giorno avevano troppe angosce da soffrire,
perchè potessero ricordare le amarezze del dì innanzi. Una sola volta
Quintino ebbe un impeto d'ira furibonda contro un perverso che gli
avea chiesto, ghignando, s'egli sapeva dov'era nato. Il saltimbanco,
smessa d'un tratto l'abituale mansuetudine, saltò addosso come una
belva a quell'uomo senza cuore, lo percosse, lo afferrò per la
gola.... e forse lo avrebbe ucciso se non ci fosse stato là chi lo
salvò dal commettere un delitto. Ma il tristo che gli avea fatto così
male, egli non lo incontrò più sulla sua strada; e quindi si dimenticò
ben presto anche del solo ed unico suo odio.

                            ***

Nessuno sapeva bene chi fosse Quintino, nè di dove venisse; ma però,
cosa strana, pareva a tutti, anche ai nonni, anche ai più vecchi,
anche al campanaro che aveva quasi cent'anni, d'averlo veduto sempre e
sempre così, fino da quando durava loro la memoria, con quel
cappellaccio a tre punte e le maglie stinte, e lo credevano sempre lo
stesso. S'ingannavano però: l'uomo era diverso, benchè fosse la stessa
maschera di pagliaccio che appariva di fuori e la stessa sventura che
ci soffriva dentro.

Solamente da dieci anni Quintino durava in quella vita e in quel
mestiere:--_Per la fabbrica dell'appetito_--come diceva lui.

Egli era nato fra le acque putride e le canne insulse e giallognole di
una campagna paludosa del Veneto, vicino al mare, dentro un casone
nero, ampio, umido, diroccato e abbandonato da tutti, che la leggenda
paurosa dei contadini chiamava col nome di _Cà del diavolo_. Non vi
era pace, non vi erano sorrisi, non vi erano baci, non si sentiva mai
una parola d'affetto in quella casaccia dove il lugubre silenzio era
interrotto soltanto dal fischio del vento, che vi penetrava come un
padrone impetuoso e villano dallo spacco dei tetti e dalle imposte
sgangherate.

Ogni volta che Quintino, così solo nel mondo, pensava a quella
bicocca, sentiva dei brividi di freddo corrergli per tutto il corpo, e
quando la ricordava, prima di addormentarsi sotto un albero
nell'estate, o in un fienile o sui gradini di qualche chiesa
nell'inverno, egli si faceva fremendo il segno della croce.

                            ***

Suo padre più d'una volta avea dato da fare alla Polizia e, per non
incomodarla ancora, dopo una rissa nella quale aveva lasciato correre
una coltellata ad un altro contadino proprio sull'uscio della bettola,
era emigrato in Sardegna; e nel _Lombardo-Veneto_ non si fece più
vedere.

Sua madre era stata una faticona tutta cuore.... pareva la bontà
divina venuta al mondo per creare un disgraziato. Ma la pellagra,
volgarmente detta il _mal di miseria_, che in quel tempo infieriva
forse ancor più d'adesso, la segnò fra le sue vittime, e un cattivo
giorno il povero ragazzo se la vide portare a casa colla faccia
livida, enfiata, il corpo gonfio, gli occhi spenti: l'avevano trovata
morta in una fossa d'acqua stagnante.

Da varî giorni ella avea già fatto temere che il cervello le dèsse di
volta: si faceva ad ogni momento il segno della croce, borbottando:
«Gesù, Giuseppe, Maria, vi dono il cuore e l'anima mia--Vi dono il
cuore e l'anima mia, Gesù, Giuseppe, Maria!» E colle mani coperte
dalle ulceri, si premeva con fremiti di disperazione le testa gialla
piagata.

Nella notte il ragazzo fu chiuso in casa tutto solo, colla povera
suicida, perchè delle contadine chi non si arrischiava di far la
veglia nella _Cà del diavolo_, e chi si valeva del pregiudizio per
andarsene tranquillamente a dormire col su' omo.

Il giorno dopo, quando ritornarono a prender la morta col becchino, il
ragazzo, tremante di paura, scappò via appena l'uscio fu schiuso, chè
non voleva lo seppellissero anche lui colla mamma, e, fuggendo a
casaccio, si smarrì fra le steppe e le distese d'acqua paludosa.

                            ***

Andò ramingando solo solo per varî giorni, finchè fu incontrato da un
funambolo che lo prese e lo condusse seco, che gl'insegnò il mestiere
e lo avviò alla vita a forza di calci e di percosse; ma che più tardi,
quando venne a morire di tisi in una stalla come una scimmia, lasciò
in eredità al suo alter ego le proprie maglie sdrucite, il
cappellaccio bisunto e una giacca logora di frustagno. Allora Quintino
continuò tutto solo quella brutta esistenza, poi, un giorno, s'abbattè
nel futuro Marco Minghetti, allo stesso modo ch'era stato incontrato
lui, qualche anno innanzi, dal funambolo, e lo prese con sè; ma
ricordandosi ancora il bruciore dei calci e delle busse patite, volle
risparmiarle al proprio allievo. Quella che non gli poteva certo
risparmiare era la fame; però, in compenso, ci si abituarono a patirla
insieme, e tanto bene, che Quintino, innanzi al _colto pubblico_ e
all'_inclita_, soleva dire con quel sorriso nel quale c'era
dell'angoscia mista ad alcunchè di dolcezza--«Di fame, illustrissimi
signori, non si muore, ve lo so dire per pratica, ma vi domando un
soldo perchè, _viceversa_, si può morire di sete!»

A questa buffonata, tutta quella gente, ch'era solita a desinare, si
metteva a ridere e a batter le mani; anche il povero Quintino, per
continuare il giuoco, faceva allora delle smorfie e dei lazzi
comicissimi, ma mentre colle mani suonava il tamburone sulla pancia
vuota, egli guardava cogli occhi pieni di compassione e di lamenti il
suo fido compagno di glorie.... e di digiuni.

Tuttavia era l'inverno il nemico più crudele dei due disgraziati.
Quando erano stanchi, affranti, estenuati dai calori dell'estate, si
sa bene, trovavano sempre un po' di refrigerio sotto l'ombra densa
degli alberi e c'era sempre anche per essi una corrente d'aria fresca
e refrigerante sulla riva di un fiume.... ma l'inverno?... l'inverno
col freddo, colla neve, colle notti di dodici ore?!...

Ed era appunto l'inverno, sull'imbrunire, dopo una giornata di
viaggio, che Quintino e Marco si trovarono finalmente in vista di una
cittaduzza. Fra tanta gente non ci sarebbe stata l'anima buona che per
carità volesse cavar loro la fame?... Fra tante case accumulate le une
colle altre, non avrebbero trovato un buco, una tana, per ripararsi
dal freddo e riposare?

Cadeva un'acquerugiola fitta fitta, minuta, ghiacciata. Quintino non
aveva più nemmeno la giacca di frustagno; l'aveva dovuta cedere ad un
bracciante in cambio di una fetta di polenta.... A confronto suo.
Marco Minghetti poteva proprio dirsi un signore, e Quintino glielo
fece notare.--Coraggio, Marco! tu hai la pelliccia, come un conte,
come un riccone sfondato.--Marco, per tutta risposta, squassò,
dimenandosi con violenza, l'acqua che gli si era diacciata sul pelo
nero.

Quando arrivarono alle porte, Quintino fece sghignazzare i doganieri
che lo guardavano battere i denti con quel freddo cane, non avendo per
tutto vestito che un calzoncino e un corsetto di maglia.

--Ohè, ohè, quel ballerino! non hai niente di dazio?--gli gridaron
dietro i soldati, per burla.

--Sì.... ho un quarto di vitello nascosto sotto il tabarro.

Questa risposta aumentò il buon umore delle guardie, che lo lasciaron
passare senz'altre osservazioni.

Ma a mano a mano che il povero buffone s'inoltrava nella cittaduzza,
faceva sempre più freddo e si faceva sempre più buio. Le case erano
chiuse, chiusi i negozî dietro ai larghi cristalli, e la poca gente
che camminava per le strade correva lesta lesta sotto gli ombrelli
perchè la pioggiolina cominciava allora a mutarsi in neve. Quintino
sentiva nel petto indolenzito i morsi acuti della fame, il freddo lo
intorpidiva, era affranto dalla stanchezza, e però gli si stringeva il
cuore vedendo quanto gli riuscirebbe difficile il dare almeno una
rappresentazione con quel tempaccio e a quell'ora.

Allungò il passo per arrivar più presto alla Piazza Grande.... Quando
vi giunse era deserta, non ci si vedeva anima viva: anche i fiaccherai
erano scomparsi, in barba al regolamento, mentre per terra, tutto il
vasto piazzale cominciava ad esser bianco di neve.

Quintino si fermò smarrito, sgomento, e guardò Marco Minghetti che
fissandolo a sua volta guaiva a mezza voce. Ma intanto i lumai
cominciavano ad accendere le lucerne e, dall'altra parte della piazza,
Quintino potè notare, sotto un breve porticato a due archi, la luce
rossastra d'un caffè e scorse della gente che stava ferma attorno alla
porta della bottega. A tal vista si consolò tutto. Dopo di essersi
soffiato nelle mani per riscaldarle, allungò, battè le braccia con
tutta forza attorno al petto saltando sulla neve per stirare le gambe
che avea aggranchite nelle maglie fradice d'acqua, e, attraversata la
piazza, si avvicinò a quei _signori_ che stavan là ben tappati a
guardar le falde cadere; poi levandosi il cappellaccio, col più comico
de' suoi lazzi:

--Illustrissimi!--cominciò--Favoriscano d'un benigno compatimento il
signor Marco Minghetti--e indicava il cane--e l'umilissimo Quintino
Sella che sono io, entrambi ministri delle finanze in riposo, i quali
si produrranno con degli esercizi _straordinari_ e non mai più veduti,
inventati apposta per la fabbrica dell'appetito!...

A tali parole quei messeri si strinsero nelle spalle infastiditi,
dando segni non dubbi di noia e di malcontento, ed entrarono nel caffè
brontolando fra' denti:

--Ozioso!

--Ubbriacone!

--Va a lavorare!

--Mi salterebbe il ticchio di fartela passare io a calci nel sedere,
la frega del Marco e del Quintino--borbottò un _costituzionale_
arrabbiato, il quale avea presa quella buffonata per una satira di
colore politico.

Il povero Quintino, viste le mossacce, restò lì tutto solo, come
interdetto, col cappello in mano e il corpo inchinato.

La piazza era diventata tutta bianca e co' suoi pallidi riflessi
rischiarava tristamente il vasto squallore di quella notte d'inverno.
Il portico soltanto era illuminato da una lucerna che pendeva giù
dall'architrave, e dalla luce viva che si diffondeva al di fuori dai
cristalli delle grandi portiere del caffè.

Che cosa fare?...

Quintino continuava a guardarsi d'intorno smarrito. Non c'era pubblico
punto, tranne un piccolo spazzacamino che s'era fatta una pallottola
di neve e la divorava, con un appetito eccellente, tal e quale come
fosse una fetta di polenta abbrustolita, guardando con gli occhi
imbambolati il pagliaccio vestito in quel modo così buffo e aspettando
che dèsse principio alla rappresentazione. Allora, preso da un
avvilimento profondo, Quintino si volse come per interrogare con uno
sguardo il suo compagno d'arte: Marco Minghetti, per tutta risposta,
si levò dritto in piedi, sulle gambe di dietro.

--Vuoi _travagliare_? Ebbe'.... coraggio e avanti sempre fin che la
dura.

Sbirciò dai cristalli del caffè, dopo averli qua e là strofinati col
gomito, perchè s'erano appannati, tutta quella gente che vi stava là
chiusa beatamente, che rideva, discorrendo e cianciando, che beveva
delle acque e del vino fumante, che mangiava pasticcini e leccornìe,
seduta in soffici poltrone e coi soprabiti sbottonati, perchè nella
sala si sudava dal caldo.

Egli pensò che dalle portiere lo avrebber forse potuto vedere a
travagliare, e si animò tutto. Si battè un'altra volta colle mani
sulle maglie inzuppate d'acqua, soffiò colla bocca sulle dieci dita
raggruppate, guardò lo spazzacamino che continuava a merendare
pacificamente colla sua pallottola di neve, e cominciò a mettere a
posto, le une sulle altre, tutte le seggiole del caffè ch'eran di
fuori sotto il portico. Ma dopo un poco gli tornò a mancar la lena:
era tutto intirizzito, gli pareva di venir meno per la fame e per la
stanchezza. Le gambe gli si piegavan sotto, aveva la testa che gli
martellava per la febbre, e la gola secca, arida, che lo faceva
spasimare ad ogni respiro, ad ogni parola, come se vi avesse avuto
dentro delle punte sottilissime di acciaio.

Quando le seggiole furono pronte, fece un altro salto per riscaldarsi,
ma sdrucciolò sul lastrico diacciato e mancò poco non cadesse giù,
lungo disteso.

--Signori!... Si dà principio per la fabbrica dell'appetito.

Marco Minghetti sapeva bene che adesso toccava a lui; si rizzò dritto
a sedere e colle due zampette tentò, al solito di accomodarsi il
_cheppì_.

Il piccolo spazzacamino rise dall'allegrezza godendosi quella mimica,
e battè soddisfatto le manine ghiacce marmate, quando il funambolo
cominciò a salire adagio adagio sulla colonna dondolante. Una
seggiola, due, tre, cinque le ebbe superate; superò anche l'ultima e
fu su, in cima: ma quando volle rizzarsi facendo il _braccio di ferro_
colle gambe all'aria, gli scivolò una mano, le sedie si smossero,
mancò l'equilibrio a tutto l'edificio e Quintino precipitò riverso a
terra, battendo di tutto peso col corpo sul lastrico, mentre le
seggiole gli cadevano addosso sulla testa e sul petto.

Non diede un grido, non un gemito; rimase là sotto, senza più
muoversi.

Lo spazzacamino diè un urlo e fuggì.

Per qualche tempo nessuno venne in soccorso del povero pagliaccio,
nemmeno Marco Minghetti che non osava di muoversi e, ancora seduto
sulle gambe di dietro, stanco, si appoggiava di tanto in tanto per
terra colla terza zampa per riposare un poco; e allungava il collo
guardando il padrone immobile sotto le seggiole, fiutando
affannosamente inquieto, come se avesse voluto indovinare il perchè di
quella nuova buffonata.

Un facchino fu che si avvicinò il primo al caduto, poi una donnetta
che invocò la Madonna e tutti i santi del paradiso, poi a poco a poco
gli si fermarono attorno otto o dieci persone, tenendosi però ad una
certa distanza, tanto da poter vedere, senza compromettersi, che cosa
era accaduto; poi uscì un cameriere del caffè, ma questi rientrò quasi
subito dovendo riferire il fatto agli avventori, che lo avevano
mandato apposta di fuori per sapere che voleva dire tutto quel
baccano. Finalmente capitò anche un vigile il quale mandò subito a
prendere una barella dell'ospedale: quando giunse, sollevarono in due
il ferito, che continuava a non dar segno di vita, lo misero dentro,
sul pagliericcio, poi chiusero il coperchio e lo portaron via.

Marco era stato sempre là, in mezzo alla calca; gli pestavano addosso,
ma non fiatava e non si allontanava punto. Seguì però la barella
appena si mosse; la seguì vicin vicino, colla coda tra le gambe e il
muso basso; ma giunto alla porta dell'ospedale, quando anche lui
voleva entrare dietro al suo padrone, un portantino, stizzito, lo
cacciò via con una pedata così forte e così bene aggiustata che lo
mandò lontano, a ruzzolar nella neve.

                            ***

Per tutta la notte Quintino nulla seppe di sè: era caduto in un
deliquio che faceva scrollare il capo sinistramente agli infermieri
del suo riparto. Ma quando la mattina vegnente si destò da quel sonno
così grave e si guardò all'ingiro, credette allora di cominciare a
vaneggiare: per la prima volta in sua vita gli pareva d'essere un
signore. Riposava, ben coperto, in un morbido letto di bucato. Dalle
ampie vetrate delle finestre, che davan sopra la strada, il sole
cominciava allegramente ad entrar co' suoi raggi, rigando le bianche
lenzuola con delle strisce luminose, piene di pulviscoli vaganti; e in
quell'ambiente sereno di candidezza e di quiete provò un benessere
nuovo che gli fece prorompere dall'animo grato come un'espansione di
riconoscenza e d'affetto per tutta quella gente ch'egli vedeva andare
e venire, con pietà santa, da un letto ad un altro, per quelle sacre
immagini che pendevano appese all'ingiro, e per quel Cristo gigantesco
dipinto sotto il soffitto, che dalla sua croce pareva diffondere
nell'ampio recinto la benedizione e il conforto.

Anche per il povero Quintino, la vita ebbe finalmente un sorriso.... e
lo ebbe allora che si svegliava così malconcio all'ospedale!... Gli
pareva che il suo male fosse stato il suo bene. La testa gli doleva,
nel petto sentiva di tratto in tratto delle fitte acutissime, ma la
febbre gli recava, coi suoi turbamenti, anche le sue leggiadre
visioni. Lo prese un gran bisogno, un gran desiderio d'amare, e,
illuso, anch'egli aspettò con ansia chi lo venisse a trovare, perchè
ogni volta che si spalancava la porta entrava nella sala qualcuno che
s'indovinava dovesse essere o una madre, o una sorella, o un'amante,
oppure un amico, e tutti si avvicinavano lesti e sorridenti all'uno o
all'altro dei lettucci, disposti in lunga riga, e vi dispensavano e
doni e baci e carezze.

Allora ognuno di quegli infelici aveva pure la sua consolazione!...
Quintino vedeva la mano del povero ammalato stretta in una mano
affettuosa che lo confortava, vedeva delle lacrime, dei sorrisi, udiva
delle grida di dolore o di gioia; ma invano aspettò che la porta della
sala fosse aperta da un'anima caritatevole che venisse là per lui.
Nessuno sapeva chi fosse quel saltimbanco; nessuno lo conosceva, e il
suo letto rimaneva solitario, abbandonato, come s'egli fosse uno
straniero anche in quella casa del dolore. Allora pensò a sua madre,
sformata dalla pellagra e morta dannata in una fossa d'acqua melmosa,
imputridita; pensò a suo padre finito miseramente fra gli stenti e i
rimorsi in un'isola lontana, invidiò il sorriso di un'amante, la
parola cara di un amico, e rimpianse la vita che gli sfuggiva, per
tutto ciò che non aveva goduto. Solo!... solo!... sempre solo!...
Eppure.... eppure sì, un compagno, un amico lo aveva anche lui! A
questo pensiero balzò con un impeto improvviso fuori dalle coperte e
venne giù e guardò e cercò sotto il letto..., ma invano! Era solo,
solo, abbandonato da tutti!... Allora tornò a scoraggiarsi, a
disperare, e trovò più penosa quella solitudine in mezzo al mondo e
alla gente di quanto non lo fosse per lui quella delle sue notti di
viaggio, quando si trovava smarrito fra le vaste pianure in riva al
mare.

Riadagiatosi nel letto, spasimò più forte e gli sembrò che tutte le
liete immagini di prima gli si annerissero cupamente d'intorno. Gli si
era mossa la fasciatura della larga ferita che aveva alla testa, e ne
usciva il sangue a fiotti. Infermieri e medici e suore gli corsero
intorno soccorrendolo, ma, in tutti que' volti sconosciuti, egli non
seppe più leggere una sola espressione d'affetto.

Intanto la febbre consumava quella misera esistenza destinata a quel
lugubre fine.

Il povero disgraziato era vicino al termine dei suoi patimenti e de'
suoi dolori.... era vicino a morire.... ma moriva come un delinquente,
senza una lacrima, senza un rimpianto, senza un saluto; e quest'ultimo
dolore che lo attendeva là dove tutti gli sventurati trovano un
conforto, impresse sul suo volto, fra le tracce di tante angosce
sofferte, il solco profondo di un'angoscia nuova, indescrivibile,
straziante.... ma poi, prima dell'agonia, l'espressione mutò, e a poco
a poco si diffuse su quel volto scarno, distrutto, una tenerezza
ineffabile.... le sue labbra balbettarono un nome, piegò il capo sul
capezzale, e fu sorridendo che chiuse gli occhi per sempre.

In quel momento, dalla strada, egli aveva udito un ululato lungo,
triste, disperato....

Era il saluto di Marco Minghetti.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Ninnoli" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home