Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: La vita in Palermo cento e più anni fa, Volume 1
Author: Pitrè, Giuseppe
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "La vita in Palermo cento e più anni fa, Volume 1" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.

***



Internet Archive.

                   EDIZIONE NAZIONALE DELLE OPERE DI

                             GIUSEPPE PITRÈ


                             OPERE COMPLETE
                                   DI
                             GIUSEPPE PITRÈ


                                 XXVII.

                              SCRITTI VARI
                            EDITI ED INEDITI

                                  ————

                             GIUSEPPE PITRÈ

                                LA VITA
                               IN PALERMO

                          CENTO E PIÙ ANNI FA

                              VOLUME PRIMO


                          _G. BARBÈRA EDITORE_
                               _FIRENZE_

                                  ————

                    _Proprietà letteraria riservata_

                                  ————



                                COMITATO

                   _Giovanni Gentile_, _presidente_.
                         _Maria D’Alia Pitrè._
                         _Giuseppe Cocchiara._
                           _Raffaele Corso._
                           _Nino Sammartano._
                            _Paolo Toschi._

                                  ————



                             OPERE COMPLETE

            _BIBLIOTECA DELLE TRADIZIONI POPOLARI SICILIANE_

    I-II. Canti popolari siciliani.
    III. Studi di poesia popolare.
    IV-VII. Fiabe, Novelle e Racconti popolari.
    VIII-XI. Proverbi siciliani.
    XII. Spettacoli e Feste popolari siciliane.
    XIII. Giuochi fanciulleschi siciliani.
    XIV-XVII. Usi e Costumi, Credenze e Pregiudizi del Popolo
    siciliano.
    XVIII. Fiabe e Leggende popolari siciliane.
    XIX. Medicina popolare siciliana.
    XX. Indovinelli, Dubbi, Domande, Scioglilingua del popolo
    siciliano.
    XXI. Feste patronali in Sicilia.
    XXII. Studi di Leggende popolari in Sicilia.
    XXIII Proverbi, Motti e Scongiuri del popolo siciliano.
    XXIV. Cartelli, Pasquinate, Canti, Leggende, Usi del popolo
    siciliano.
    XXV. La Famiglia, la Casa, la Vita del popolo siciliano.

                    _SCRITTI VARI EDITI ED INEDITI_

    _XXVI. Del Sant’Uffizio a Palermo e di un carcere di esso
    (inedito)._
    _XXVII-XXIX. La vita in Palermo cento e più anni fa (il vol. III
    inedito)._
    _XXX. Novelle popolari toscane (edite; ma con molte aggiunte)._
    _XXXI-XXXII. Bibliografia delle Tradizioni popolari d’Italia (il
    vol. II inedito)._

          _Corsi di Demopsicologia, cinque volumi (inediti)_:

    XXXIII. I. La Demopsicologia e la sua storia.
    XXXIV. 2. I Proverbi.
    XXXV. 3. Poesia popolare italiana.
    XXXVI. 4. Poesia popolare straniera.
    XXXVII. 5. Novellistica e varie.
    XXXVIII. La Rondinella nelle Tradizioni popolari (inedito).
    XXXIX-XL. Viaggiatori stranieri in Sicilia (inediti).
    XLI-XLVIII. Articoli di Riviste e di Giornali; Recensioni,
    Conferenze, Discorsi, Prefazioni, ecc. (editi e inediti).
    XLIX-L. Carteggio con illustri contemporanei (inedito).

                                  ————



                                 INDICE


    Prefazione
    I. Stato politico ed economico della Sicilia nella seconda metà del
    Settecento.
    II. Su e giù per Palermo.
    III. Pulizia e condizioni igieniche della città. Bandi di Palermo.
    IV. Senato e Senatori.
    V. Condizioni economiche del Senato.
    VI. Le Maestranze.
    VII. Cartelli e Pasquinate.
    VIII. I Giacobini e la poesia politica.
    IX. Come si viaggiava per mare. I Corsari e la cattura del Principe
    di Paternò.
    X. Come si viaggiava per terra.
    XI. Locande ed Osterie, Correrìa o Posta.
    XII. Portantine e carrozze.
    XIII. Abituale assenza dei proprietarî dalle loro terre. Triste
    condizione dei campagnuoli.
    XIV. Nobiltà e gara di fasto.
    XV. Passione pel giuoco.
    XVI. Circoli di conversazione. Romanzi più in uso.
    XVII. Ospitalità e gentilezza. Balli e duelli.
    XVIII. Dame belle, dame buone, dame virtuose.
    XIX. Libertà di costume. Cicisbeismo.
    XX. La moda delle donne. Il parrucchiere.
    XXI. La moda degli uomini.
    XXII. Pranzi di ricchi e mangiare di poveri.
    XXIII. Lutti di Corte, di nobili, di civili, di plebei. Scene
    macabre.
    XXIV. Partecipazioni.
    XXV. Passeggiate della Marina e della Villa Giulia.
    XXVI. Divertimenti a Porta Nuova e a Zè Sciaveria. Villeggiatura ai
    Colli e a Bagheria.

                              AL SENATORE
                        _Prof._ PASQUALE VILLARI
                    CON ANIMO RIVERENTE E AFFETTUOSO
                                L’AUTORE



                               PREFAZIONE


Sorprendere e fissare, prima che cominciasse a trasformarsi, la vita
pubblica e privata delle varie classi sociali nell’antica Capitale
dell’Isola, nell’ultimo ventennio del Settecento: ecco lo scopo del
presente lavoro.

Quella vita, così diversa dall’attuale, è in certe sue esteriorità, per
chi non se ne sia occupato di proposito, poco o punto nota: ed è tale,
non tanto pel comune preconcetto che la storia contemporanea sia
familiare a tutti, quanto perchè da molti si confonde la storia scritta
dei principali e più clamorosi avvenimenti con la vita, da scriversi,
del popolo in mezzo al quale gli avvenimenti si sono svolti.

I costumi, le consuetudini e le istituzioni nel periodo illustrato in
questo libro sono d’una importanza che ha pochi riscontri nella storia
generale di Sicilia. Perchè, se, per esempio, il quattrocento ha grande
somiglianza o analogia col cinquecento e questo col seicento, in quanto
inalterato rimaneva sempre l’ordinamento politico e civile, e con esso
le condizioni fisiche, morali e religiose, il settecento invece non ha
nulla che lo ravvicini all’ottocento. I due secoli divide un abisso, in
fondo al quale è facile scoprire che non cento ma quattro,
cinquecent’anni ha corsi la Sicilia dagli ultimi decennii di quel secolo
all’ultimo del seguente. Ciò che il 1789 ed il 1793 lasciarono intatto
tra noi, solo per lenta, impercettibile evoluzione di tempi e di uomini
si venne modificando, e potè del tutto mutarsi pei rivolgimenti
politici, che principiarono dalla sapiente rinunzia (imposta, peraltro,
dall’incalzare degli eventi) dei Baroni ai diritti feudali nel 1812; e
finirono ai moti siciliani del 1860; onde più tardi le nuove idee e
riforme sociali.

Come e per quali espedienti abbia io potuto dettare questo _Palermo_,
parrà solo in parte dalle citazioni a piè di pagina. Dico «in parte»,
perchè esse son le poche indispensabili a confortare le notizie da me
accennate. Se tutto quel che dico avessi dovuto documentare, le note
avrebbero affogato il testo, ed io avrei scritto non già un libro pel
gran pubblico, che cerca fatti in forma spigliata, ma un’opera per più
ristretto cerchio di persone.

Atti, Provviste, Bandi del Senato Palermitano nell’Archivio del Comune,
documenti svariati nell’Archivio di Stato, registri ed elenchi nella
Congregazione dei Bianchi ed in alcuni Reclusori, carte e manoscritti
d’ogni genere, e soprattutto diari non mai fin qui posti in luce (per
non citare se non le cose inedite) del Torremuzza, del D’Angelo, del
Camastra, e dell’inesauribile Villabianca¹ son le fonti alle quali ho
largamente attinto. Da questo, le moltissime vicende, ed i fatti, per
certi argomenti, nuovi, che io son riuscito a mettere insieme. Ma il
soffio della vita del momento, non avvertito, perchè ordinario ed
abituale, dalla vigile Polizia, dal provvido Senato, dal severo Governo,
dai diligenti diaristi, io non ho potuto altrimenti raccogliere che
tenendo dietro ai forestieri venuti tra noi. Le loro impressioni nessuno
fin qui mise a profitto nello studio dei costumi e delle condizioni
della civiltà nel secolo XVIII, nonostante che un illustre storico lo
avesse autorevolmente raccomandato².

   ¹ A ben giudicare dell’immenso _Diario Palermitano_ di quest’ultimo,
     giova sapere che la parte finora stampata nella _Biblioteca_ del Di
     Marzo giunge solo all’anno 1784, e che i 17 anni rimanenti, fino al
     1801, vigilia della morte dell’Autore sono compresi in ponderosi
     volumi mss. di ben 6584 pagine in-folio, che io ho spogliati al
     pari di centinaia d’altri volumi, egualmente manoscritti,
     dell’antico prezioso Archivio del Senato di Palermo.

   ² I. _La Lumia_, _Viaggiatori stranieri in Sicilia nel sec. XVIII_:
     in «Rivista Sicula», a. III, v. VI, pp. 20-39. Palermo, Luglio
     1871.

I trenta e più viaggi dell’ultimo terzo del settecento, distribuiti in
meglio che cinquanta volumi pubblicati all’estero e non sempre
reperibili, contengono preziose e quasi tutte sicure notizie di
costumanze, pratiche, scene, qua e là vedute e udite da uomini colti, i
quali da curiosità mossi, con gravi disagi, ingenti spese, pericoli
immensi erano venuti a visitare un paese tagliato fuori del consorzio
d’Europa, e rappresentato come l’ultima Tule. Qui essi non compievano
inchieste in una sola settimana, come oggi purtroppo usa, correndo,
volando con la vaporiera da Messina a Taormina, a Catania, a Siracusa, a
Palermo, e viceversa, facendo escursioni a Girgenti, a Segesta, a
Selinunte, ed interrogando i primi sfaccendati che s’incontrino nella
piazza, o i primi malcontenti d’una amministrazione comunale del giorno.
Essi invece si fermavano mesi e mesi girando, visitando attentamente
ogni cosa, in portantina, su muli, a piedi, e patendo sovente il
digiuno, il freddo, lo scirocco e gli inenarrabili supplizi delle
osterie e dei fondachi.

E però non fu solo Goethe colui che, è stato detto, scoperse la Sicilia
ai Tedeschi. Le sue lettere del 1787 non videro la luce prima del 1817³;
e le dolci carezze tra le quali egli durante la primavera di quell’anno
si cullò nella città mollemente adagiantesi ai piedi del Pellegrino,
rimasero lungamente ignote. Prima e dopo di lui, durante cinque, sei
lustri, percorsero, descrissero la Sicilia — Palermo soprattutto — i
suoi connazionali Riedesel, Salis Marschlins, Stolberg, Reith, Hager⁴, e
quel Bartels, che, tanto ingiustamente da tutti dimenticato, ha il
maggior diritto alla considerazione di ogni buon siciliano. La
percorsero il danese Münter ed il viennese de Mayer e, prima di
Swinburne, l’inglese Brydone, che del suo soggiorno tra noi offriva il
primo modello di viaggio nell’isola con intendimenti moderni. Il suo
_Tour_ ebbe una dozzina di edizioni, versioni e riduzioni⁵, nonostante
il controllo che volle farne il Conte de Borch.

   ³ _Italiänische Reise_, Stuttgart und Tübingen, 1816-1817.

   ⁴ [Nell’errata corrige in fondo al secondo volume l’A. avvertì che
     «Hager, oriundo tedesco, era milanese»].

   ⁵ Vedi _D’Ancona_, _Saggio di una Bibliografia di viaggi_, che segue
     alla edizione del Viaggio in Italia di M. de Montaigne, p. 582, e
     la mia _Bibliografia delle tradizioni popolari in Italia_, nn.
     3651-3661.

Nè ciò è bastevole: oltre le cose non originalmente descritte da Audot e
da de la Porte, i francesi de la Platière, Houel, de Saint-Non, de Non,
Derveil, Sonnini, d’Espinchal, e gl’italiani Onorato Caetani, E. Q.
Visconti e Rezzonico, assai cose descrissero delle molte che videro, e
videro quelle che i siciliani non guardavano, come vecchie e non degnate
di attenzione.

A tutti questi viaggi io ho avuto la fortuna e la pazienza di far capo
con insperato frutto; e le affermazioni di essi ho potuto controllare,
corroborare e compiere con testimonianze d’altro genere: quelle dei
poeti contemporanei.

Giovanni Meli, cui vieti pregiudizi d’oltremonte non ha fatto mai
spassionatamente guardare in uno dei principali suoi aspetti, è il primo
gran pittore morale dell’età sua. Nessuno più coraggiosamente, più
argutamente di lui rilevò il guasto dell’ambiente e della società
d’allora; nessuno fu più realista del Meli, cui, solo nel 1874, nella
sua patria nativa, presso alla cattedra nella quale il simpatico poeta
insegnò, un improvvisato professore d’Università dovea con audacia senza
limite battezzare «arcade di buona fede!».

Se io sia riuscito a ricostruire nelle multiformi sue manifestazioni la
vita di Palermo nei giorni del suo vero o fittizio splendore, quando
questa vita per ineluttabile necessità di eventi si disponeva a
cangiamenti radicali, giudicheranno coloro che vorranno seguirmi nella
rassegna, forse apparentemente severa, ma sostanzialmente spregiudicata,
di ciò che facevano, di ciò che pensavano, di ciò che volevano i nostri
bisnonni.

Chi ha visto con quanto ardore e con quanta coscienza io mi sia
preparato per conoscere appieno ed intimamente questo passato, mi terrà
conto, se non altro, del buon volere e del mio culto per le memorie
storiche della Sicilia.

                                                             _G. Pitrè._

Palermo, 10 Febbraio 1904.



                             _Capitolo I._


   _STATO POLITICO ED ECONOMICO DELLA SICILIA NELLA SECONDA METÀ DEL
                              SETTECENTO._

Chiamato al trono di Spagna Carlo III, la doppia corona di Napoli e di
Sicilia passava al minorenne figliuolo di lui, Ferdinando⁶. Le riforme
iniziate dal sapientissimo Principe venivano proseguite e fecondate
dall’accorto Ministro Tanucci, educato ai principî di Montesquieu e di
Hume: e l’Isola avviavasi ad altre riforme economiche, civili, sociali
per quanto lo consentissero i tempi, a grandi novità poco disposti e
pieghevoli.

   ⁶ Anno 1759.

La lieve scossa recata alla istruzione pubblica dalla espulsione dei
Gesuiti (1767) veniva riparata dal savio provvedimento che assegnava il
cospicuo patrimonio della Compagnia alla beneficenza, agli studî ed alle
scuole che dappertutto si aprivano. Ustica e Pantelleria, approdo temuto
di barbareschi, si venivano colonizzando. Le imposte, già lasciate alla
capricciosa violenza di avidi appaltatori, passavano al Governo, che men
dura dovea renderne la riscossione. Si abbandonava il monopolio dei
grani e del tabacco; ed intanto che miglioravasi il Monte di Pietà, si
volgeva l’animo alla censuazione dei beni comunali; e, per quelli della
chiesa richiamavasi la legge dell’_ammortizzazione_ di Federico II lo
Svevo: richiamo seguìto, a breve distanza, dal divieto ai chierici di
farsi agenti nei tribunali.

L’abolizione del S. Uffizio riempiva di gioia anche gli stessi
ecclesiastici.

L’opera di rinnovamento progrediva rimediando a vecchie ingiustizie.

Dignità e titoli, sotto il dominio spagnuolo smisuratamente cresciuti
nel ceto nobile, si trovavan di fronte al ceto medio, che guadagnava in
diritti civili assurgendo a dignità non prima raggiunta. Molte
disuguaglianze e prerogative alla medio evo cadevano in oblio; e la
libertà e la indipendenza personale gradatamente si affermavano. Ai
vassalli, numeri senza personalità, senza ordine, senza grado,
concedevasi facoltà di lavorare fuori del territorio del signore:
concessione addirittura rivoluzionaria in un tempo in cui nessuno di
essi potea, senza permissione del Barone, trasportare da un luogo
all’altro il proprio prodotto, nessuno allontanarsi dalla sua
residenza⁷. Toglievasi per tal modo vigore a certi diritti angarici e
contrattazioni di servigio, traducentisi, quelli in monopolî
commerciali, queste in servitù personale. In altri termini, se il
feudalesimo vigeva, gli abusi ne erano in gran parte aboliti, e la
capacità giuridica delle persone rimaneva appena limitata dai vincoli
che tuttavia inceppavano gli agricoltori nelle terre feudali, e che in
ogni occasione venivan prescritti o almeno mitigati⁸.

   ⁷ _La Mantia_, _Storia della Legislazione civile e criminale di
     Sicilia_, v. II, p. I, cap. II, p. 116. Palermo, 1874.

   ⁸ _Palmeri_, _Saggio storico e politico sulla Costituzione del Regno
     di Sicilia infino al 1816_, cap. V, p. 57. Palermo, 1848. —
     _Gregorio_, _Considerazioni sopra la Storia di Sicilia_, v. I.
     Palermo, 1861.

Intanto che promoveasi la costruzione di legni nell’Arsenale di
Palermo⁹, si deliberava quella di otto grandi strade rotabili per oltre
700 chilometri (1778), ma il voto dovea attender dell’altro il suo
compimento.

   ⁹ _A. Sansone_, _Storia del R. Istituto Nautico_, p. 2. Palermo,
     1892.

Un intrigo di Corte spingeva nuovo Vicerè in Sicilia Domenico
Caracciolo¹⁰, il quale, informato alla politica anti-feudale ed
anti-ecclesiastica del Tanucci, usanze e pratiche arditamente, benchè
non sempre ponderatamente, affrontava; pur qualche volta costretto a
ritornare sopra i suoi decreti o per revocarli o per ammollirne la
durezza.

  ¹⁰ _Lettres sur l’Italie en 1785. Nouvelle édition_, t. II, lettr.
     CVIII. À Lausanne, Mourier 1790.

Tra energici richiami forzatamente riducevasi dal 5 al 4% la rendita che
lo Stato pagava per soggiogazioni; e se per alcun grave interesse di
casta i tre bracci del Parlamento, quasi sempre uniti, erano in alcune
quistioni in disaccordo tra loro (come quando il baronale chiedeva una
legge contro il lusso e l’ecclesiastico un regolare catasto che
comprendesse i beni ecclesiastici e feudali), l’accordo regnava sempre
completo in tutto ciò che fosse bene del paese, e che servisse ad
infrenare l’autorità regia o viceregia prevalente alla parlamentare.
Laonde unanimi si opposero al Caracciolo medesimo, che il Parlamento
volea chiamato _congresso_, e _contributi_ i donativi (1782).

Sotto le terribili impressioni del tremuoto del 1783, Messina, ridotta a
desolazione, otteneva il porto franco: provvedimento non bastevole a
distruggere, ma efficace ad attenuare le conseguenze dell’immane
disastro.

Mentre da un lato si proponeva il censimento dei beni feudali,
dall’altro si restringeva — sgradito colpo alla feudalità — il mero e
misto impero, che ogni dì si stremava di forze.

Dello scoppio dell’89 in Francia, la Sicilia, per ragioni feudali,
civili, ecclesiastiche diversa da quella, non si risentì gran fatto;
perchè se in Francia il terzo stato abbatteva nobiltà e clero, in
Sicilia, clero e nobiltà sostenevano i diritti del Parlamento, qualunque
essi fossero e per quanto logorati dalle leggi e dal tempo.
L’aristocrazia e gli ecclesiastici aveano in sè tanto da esser giudicati
liberali; la potestà regia, per assoluta che fosse, rompeva contro tutto
un ordinamento, ch’era guarentigia dei diritti della nazione
siciliana¹¹.

Quale codest’ordinamento, non è chi non sappia. Per antico istituto, non
prima che la proponesse il Parlamento poteva il Re decretare una legge;
nè decretata, derogarvi da sè; nè, se penale e non proposta dal
Parlamento, farla valida per più d’un anno¹². Il Re stesso, soggetto
alle leggi dello Stato, non avea facoltà di far cosa che tornasse in
pregiudizio delle Costituzioni, essendo lecito a’ custodi di esse fin lo
impedire la esecuzione dei sovrani decreti¹³. Le basi della monarchia
riguardavano come incompatibile presso i privati l’esercizio del mero e
misto impero: e le concessioni che si vantavano, erano precarie ad
arbitrio del Re¹⁴. Ovvio pertanto il supporre come nessuna gravezza
potesse dal supremo Capo dello Stato imporsi senza il suffragio del
Parlamento, salvo che non intervenissero certi casi stabiliti da Giacomo
d’Aragona; e medesimamente come nessun mutuo coattivo di danaro e di
generi, non istimato necessario da quello, potesse dal monarca
decretarsi¹⁵.

  ¹¹ _F. Maggiore-Perni_, _La Popolazione di Sicilia e di Palermo dal X
     al XVIII secolo_, cap. XIX. Palermo, 1892.

  ¹² Cap. 418 Regis Alphonsi; Cap. 59 Regis Johannis.

  ¹³ Cap. III Regis Friderici II; Cap. XXIX Regis Martini; Cap. XXXIX,
     CMVII, CMXXXVI Regis Alphonsi; Cap. VII, CXLV Caroli V. Imp.

  ¹⁴ Constitut. _Ea quae ad speciale decus_ Friderici Imp.; Cap. X Regis
     Martini; Cap. CCCLVII et CMXXIX Regis Alphonsi; Cap. CXXVI Regis
     Ferdinandi II; Cap. XX, LXX, CCXXXIV Caroli V Imperatoris; Cap.
     XCIV Regis Philippi I. Vedi nella nota seguente l’opuscolo del
     Ventura.

  ¹⁵ _F. Ventura_, _Dei Diritti della Sicilia per la sua nazionale
     indipendenza_. Seconda edizione, pp. 47-48. Palermo, dalla R.
     Stamperia, marzo 1821.

Alle cariche dello Stato volevansi preferiti gli uomini virtuosi. Il
Parlamento, sola autorità di punire i delitti dei magistrati e di altri
pubblici funzionarî¹⁶. Condizione poi notevolissima: il Governo non avea
un esercito; la forza era nelle mani del popolo.

  ¹⁶ _Ventura_, loc. cit.

Quale diversità di ordinamenti da quelli di Napoli! E frattanto quale
disparità di trattamento per opera del Governo centrale!

Un testimonio non sospetto di sicilianesimo, dopo di aver visitata nel
1778 l’Isola, scriveva:

«Questa bella parte dei dominî del Re di Napoli, dove fiorisce un
milione di uomini; alla quale la natura prodiga i suoi tesori; che in
altri tempi nutrì i Romani, e che ad Atene, a Roma, all’universo intero
diede d’ogni ragione capolavori d’arte, è da secoli abbandonata ai
Vicerè ed all’Etna! I Siciliani son ritenuti a Napoli come stranieri;
alla Corte, come nemici. Si crede che vessarli sia governarli, e che per
averli sudditi fedeli se ne debba fare schiavi sommessi. La Sicilia è
dal Ministero riguardata come un’escrescenza incomoda; la Corte non vede
se non Napoli»¹⁷.

  ¹⁷ _Lettres sur l’Italie_, ecc., t. II, lettre CVIII.

Nel 1795 scendevano i Francesi in Italia: e nobili ed ecclesiastici
profondevano denaro ed armi per difendere il paese. Solo pochi
ardimentosi cospiravano a favore dei Repubblicani d’oltralpe,
impromettendosi per siffatto espediente il bene dell’Isola; ma il nobile
tentativo aveva il suo epilogo nel taglione di F. P. Di Blasi e nel
capestro dei suoi compagni.

Stremato per gli ultimi donativi ordinarî e straordinarî lo Erario, un
decreto del 1798 imponeva la consegna degli ori e degli argenti delle
chiese e dei privati, il compenso dei quali assicurava con mendaci
promesse. Larghe e tutt’altro che cordiali le consegne, ma alla bisogna
insufficienti: quando il 26 Dicembre, inattesa, sbigottita, chiedente
asilo, giungeva la Corte.

Da quarant’anni Ferdinando III regnava in Sicilia, e in quarant’anni non
s’era mai sognato di mettervi piede. Nel 1792 il milanese Gorani avea
detto: «I Siciliani si dolgono che il loro Re non li abbia mai visitati,
che non siasi mai messo in grado di conoscere i loro mali, che li lasci
vegetare sopra un suolo pel quale soltanto la natura ha fatto tutto»¹⁸.
Quattr’anni dopo le cose erano immutate. «I Siciliani, osservava Hager,
non vedono il loro Re, che pur vorrebbero vedere, e pel cui figliuolo
[Francesco I] è stato preparato il palazzo reale di Palermo. Ferdinando
viaggia per Genova, per Vienna, per Francoforte; ma non viene mai in
Sicilia. Egli rimanda sempre questa venuta, e così è passato tanto
tempo»¹⁹. Quando venne, un’eco sgradevole di Napoli rimpiangeva aver
egli barattata la vecchia residenza di terraferma con la nuova
dell’Isola!²⁰.

  ¹⁸ _Gorani_, _Mémoires secrets et curieux des Cours, des gouvernements
     et des moeurs des principaux états de l’Italie_, t. I, p. 456. A
     Paris, 1793.

  ¹⁹ _Hager_, _Gemälde von Palermo_, pp. 210-11. Berlin, 1799.

  ²⁰ _Notizia della città capitale delle due Sicilie e della Residenza
     della Real Corte durante i due regni sotto un sovrano_, 1799.
     Palermo, Solli.

No, non si poteva essere più ingiusti verso la Sicilia generosa!

Non ostante il lungo, semi-secolare rinnovamento che abbiamo fugacemente
seguito, preludio della vita del secolo XIX, l’Isola rimaneva in tale
depressione morale e materiale che a noi tardi nepoti parrà quasi
incredibile. Palermo, la stessa Palermo, partecipava a quella condizione
di cose, triste e dolorosa ad un tempo, nella quale di fronte alla
sprezzante ricchezza brancolava dimessa la povertà; accanto alla
dottrina profonda balbettava la crassa ignoranza. Quivi il culto sublime
della Divinità si confondeva con la superstizione delle pratiche, lo
smagliante corteo nuziale s’incontrava nel Cassaro col lugubre
cataletto: e con periodica, alterna vicenda si urlavano sguaiate canzoni
carnevalesche e si biascicavano paternostri di quaresime penitenti: e
recenti licenze di usi venivan cozzando contro viete restrizioni di
consuetudini, e leggi severe contro applicazioni negligenti, ed
aspirazioni sincere al bene contro accidiose attuazioni di esse.

Gli è che tutto un avanzo increscioso di abusi e di miserie gravava
sulla società. La forma del reggimento interno, rimettendo al Parlamento
la spartizione delle imposte, non tutelava abbastanza l’infima classe da
aggravî talvolta superiori alle sue forze. Se nobili e civili ne aveano
il modo, la povera gente non poteva sopportare pesi, i quali, come
quelli de’ Baroni alle loro terre, incombevano alle città; dove, come
dappertutto, pel comun difetto di agricoltura, di sicurezza, di
commercio, di comunicazioni, di pubblica igiene, miserrime eran le
condizioni, rese anche intollerabili dalla mancanza di un codice, dalla
cattiva amministrazione della giustizia, non sempre controllata nè
sempre controllabile da un magistrato esaminatore della condotta dei
ministri del Regno²¹.

  ²¹ _Bartels_, _Briefe über Kalabrien und Sicilien_, III. Bd., 824-26;
     II. Bd., 220. Göttingen, Dietrich, 1789 e 1792.

Oh come avea ragione quel patriotto siciliano che nel 1790 diceva a J.
H. Bartels: «Il suddito dell’Isola è tutt’altro che lieto. Se egli alza
per un istante il capo, un singhiozzo gli si sprigiona dall’animo!»²².

  ²² _Briefe_ ecc., III, 832.



                             _Capitolo II._


                        _SU E GIÙ PER PALERMO._

Palermo era tutta circondata da bastioni e, ad ineguali distanze, da
porte. Gli uni e le altre, come alcune piazze e vie principali,
portavano e portano ancora nomi di Vicerè, che, poche eccezioni fatte,
non vi spesero mai un quattrino del proprio.

Porta e via Macqueda, porta d’Ossuna, porta di Castro, porta Montalto,
porta Colonna, strada Toledo, strada Colonna (Marina), piazza
Caracciolo, e poi il bastione Vega, il bastione Gonzaga, il bastione
Montalto, la via Albuquerque son testimoni di questa piacenteria o
servilità, nella quale, _spinte_ o _sponte_, il Senato toglieva a sè ed
ai suoi concittadini il vanto di un’opera edilizia od estetica.

Anche le vice-regine vi aveano la parte loro: e porta Felice e la Villa
Giulia ricordano la prudente Felicia Orsini e la pompeggiante Giulia di
Avalos, mogli dei due Marcantonio Colonna: il primo del secolo XVI, il
secondo del XVIII.

La gente però, non guardando a certi battesimi officiali, consacrava,
salvo rari casi, quelli da essa originariamente creati per circostanze
di tempo e di luogo. Laonde la via Macqueda diceva e dice _Strada
nuova_, quasi per distinguerla dalla vecchia, che per antonomasia è
sempre il _Cassaro_; piazza Vigliena, _le Quattro Cantoniere_; piazza
Caracciolo, il _Garraffello_; la strada Colonna, _Marina_; la Villa
Giulia, _Flora_; la via Albuquerque, strada _Cappuccini_ ecc. Un giorno
del 1822 il viaggiatore tedesco Tommasini, montando sopra una
carrozzella, ordinava al cocchiere che lo conducesse a via Toledo, ed il
cocchiere, senza tanti complimenti gli rispondeva: _Niente via Toledo;
niente via Toledo; si chiama Cassaro._

Come allora così anche adesso la città chiusa era divisa in quattro
rioni o _quartieri_: Albergaria, Siralcadi (Monte Pietà), Kalsa
(Tribunali), Loggia (Castellammare), il più piccolo tra’ quattro rioni.
Con uno sforzo di fantasia archeologica questi si volevano considerare
come altrettante città, divise dal Cassaro e dalla Strada nuova ed
abbracciantisi in naturale amplesso alle Quattro Cantoniere, dette _di
Palermo_ per distinguersi da quelle _di campagna_, ribattezzate or non è
guari, al chiudersi dell’ottocento, piazza Regalmici per quell’Antonino
Talamanca-La Grua, marchese di Regalmici, che ne fu l’ardito autore, e
che ora si presta a certi bisticci della cittadinanza palermitana,
contrariata dal recente titolo sostituito al primitivo.

Questo Pretore (giacchè il Talamanca-La Grua fu uno dei più rinomati
Pretori di Palermo), agitato dal desiderio incessante di nobilitare la
città, non si dava riposo: ed ora con un disegno, ora con un altro,
ordinava il lastricamento della Strada nuova, dal palazzo Castelluzzo in
sopra; ed il prolungamento della via fuori la porta Macqueda fino al
Firriato di Villafranca (cominciamento di via Libertà). Forte del
sostegno del Vicerè, moltiplicava la sua energia: e in un giorno faceva
man bassa sopra tutto un giardino e sopra una casa, costringendo le
monache delle Stimmate a rifare sul modello di porta Felice porta
Macqueda, fino allora piccola quanto S. Agata; abbatteva le principali
tettoie (_pinnati_) delle botteghe, le quali toglievano ai cittadini
agio di passare ed a chi vi entrava, aria e luce; accorciava i banchi
sporgenti dagli usci dei venditori; costruiva selciati dove non ve ne
fossero, ne ricostruiva, anche a spese dei privati, dove fossero già
sciupati.

Non basta: tracciava la via oggi detta Stabile, e fino al 1860 _Ciccu di
Palermu_, e lasciando ai Quattro Canti da lui formati due lapidi ed otto
sedili ora scomparsi, si spingeva, rasentando a sinistra il Firriato di
Villafranca (Giardino Inglese, o via della Libertà), verso la via del
Mulino a vento. Ed intanto che un terreno montuoso e selvatico
convertiva nella deliziosa Villa Giulia, livellava piazze, sventrava
cortili, collocava fontane, ricorrendo, ove incontrasse resistenza, alla
mano militare.

Il Senato, per forza di passività, lasciava fare, e forse mentre
approvava davanti il Regalmici, mormorava dietro a lui per tante e così
grosse spese, alle quali non rispondevano le entrate. I contribuenti,
d’altro lato, stanchi delle gravezze ogni dì crescenti, una mattina
facevan trovare alla porta maggiore del Palazzo Pretorio (Municipio)
questo cartello:

    Nun cchiù Villa, ’un cchiù funtani:
    Ma bon vinu, carni e pani.

Dicono che ogni rione avesse uno stemma suo: l’Albergaria, un serpente
verde in campo d’oro; Siralcadi, Ercole sbranante un leone; la Loggia,
l’arme di Casa d’Austria; la Kalsa, una rosa. Chi voglia sincerarsene,
vada alla microscopica piazzetta del Garraffo all’Argenteria vecchia, e
li troverà scolpiti in marmo, sotto la trisecolare statua del Genio di
Palermo, dei tempi di quel Vicerè Caetani, Duca di Sermoneta, che fu
soprannominato: _Duca di far moneta_ (1663-1667).

Vero o no questo affare delle quattro cittadine stemmate, certa cosa è
che ogni rione avea una santa patrona propria: l’Albergaria, S.
Cristina; Siralcadi, S. Oliva; la Loggia, S. Ninfa; la Kalsa, S. Agata.
La vergine Rosalia, santa sopra le sante palermitane, troneggiava su
tutti i rioni. Ora nel dubbio, che la notizia possa o non comprendersi,
o dimenticarsi, è bene guardare le Quattro Cantoniere, la fantastica
«Piazza del Sole» dei nostri iperbolici scrittori antichi, e si vedrà
che la santa torreggiante dall’alto dei quattro lati è la protettrice
del quartiere; sotto di lei, è un re di Spagna; sotto il re di Spagna,
una delle quattro stagioni: le beate del cielo, i beati della terra
(allora sì che potevano dirsi tali i re: e Carlo V si compiaceva che il
sole non tramontasse mai nei suoi Stati), i simboli delle quattro parti
dell’anno.

Sia che si voglia, i rioni differivano tra loro per indole, costumi,
occupazioni, pronunzia. Anche oggi la vita e la parlata dei Kalsitani è
un po’ differente dalla vita e dalla parlata dei Brigarioti e dei
Sampietrani. Per siffatti caratteri, che formavano un distacco tra
palermitani e palermitani, nel secolo XV gli abitanti di un quartiere
erano in relazioni niente cordiali, anzi assolutamente odiose, con gli
abitanti di un altro; ed il Senato nel 1448 otteneva da Alfonso de’
capitoli contro gl’ingrati disordini giornalieri²³.

  ²³ _De Vio_, _Privilegia urbis Panormi_, a. 1448, p. 308, n. 2.
     Panormi, MDCCVI. — _G. Alessi_, _Notizie della Sicilia_, n. 75. Ms.
     Qq. H, 44 della Bibl. Comunale di Palermo.

Nel Gennaio del 1776 si fu a un pelo d’incorrere in un grosso guaio per
una sassaiuola che dovea impegnarsi tra monelli di mestieri diversi²⁴.

  ²⁴ Vedi il cap. _Maestranze_.

Una distinzione tra’ nativi di questi quartieri non è così facile come
la divisione della città nei quartieri medesimi. V’hanno caratteri
etnici comuni a tutti e quattro, e ve ne hanno di particolari, che pure
qua e là si vennero intrudendo e confondendo, e che ora a somma fatica
potrebbero sceverarsi. I Kalsitani, per esempio, se uomini, son
pescatori; se donne, ricamatrici; e quando all’una ed all’altra
occupazione non son più adatti, i vecchi rammendano reti, che servono
pei loro figli; le vecchie fanno funicella di cerfuglione²⁵: gente, dal
più al meno, tranquilla, che solo due volte ha fatto parlare di sè: nel
1647, durante la sollevazione del Masaniello di Palermo, Giuseppe
D’Alesi, e nel 1770, quando le donne kalsitane, messe con le spalle al
muro dal Senato, che voleva costringerle ad una tassa sulle aperture
delle case, si adunarono furenti sulle Mura delle Cattive, e con grida
da spiritate e manate di fango dimostrarono contro il Pretore Duca di
Cannizzaro, andato per la solita sua passeggiata alla Marina.

  ²⁵ _Maria Pitrè_, _La Kalsa e i Kalsitani in Palermo_. Palermo, 1903.

Specie di colonia di pescatori della Kalsa era la frazione di S. Pietro
nel rione della Loggia, che poi con quella venne a poco a poco
formandone un’altra, parte di pescatori, parte di marinai, nel Borgo,
dove i Lombardi, per ragioni di commercio, facevano vita propria.

Ma dalla Kalsa propriamente detta alla Corte Pretoria (Municipio) ed a
porta di Vicari (S. Antonino) quant’altra gente, diversa per indole e
per occupazioni!

Lattarini coi suoi fondaci aperti a tutti i mulattieri dell’Isola
bastava sola per richiamare a costumi del tutto medievali ed al ceto
meno colto, anzi addirittura incolto, dei comuni anche prossimi a
Palermo.

La gente dell’Albergaria anche oggi ha la non buona riputazione di
litigiosa: e _brigariotu_ vale persona che non tenga peli in bocca, che
non si faccia passare mosca al naso, che non rifugga dallo attaccar
briga per un nonnulla: il rovescio della medaglia delle persone della
Kalsa. Un po’ lontanamente nelle inclinazioni medesime tenevan dietro
alle persone dell’Albergaria, quelle del Capo nel quartiere di
Siralcadi.

Siamo alla Kalsa e vogliamo percorrerla un tratto.

Nelle vie dell’Alloro e di Lungarini, a pochi passi dai tuguri della
povera e rassegnata gentarella che vi si addensa, sono palazzi dalle
ampie ma semi-buie corti, dai riposati scaloni, dalle luccicanti sale,
ove i Marchesi Abbate, della Sambuca, di S. Gabriele, di Bonagia,
lussureggiano di magnificenze. I credenzieri vi hanno le loro case, la
loro chiesa i cocchieri, che nella processione del Venerdì Santo
affermano la loro prestanza fisica e la aristocratica dei loro padroni
nelle dorate livree e nelle bianche parrucche.

Ecco il monastero della Pietà, già palazzo Abbatellis, dalla strana,
unica sua porta d’ingresso (sec. XV); ove pietose monachelle ogni anno,
al domani di Pasqua, non tralasciano di recitare in suffragio degli
Angioini freddati nel Vespro Siciliano l’uffizio dei defunti.

Imboccando la strada Butera, il palazzo di questo nome, ultimamente
ingrandito con lo spazio del demolito baluardo del Tuono²⁶, e che si
ingrandirà ancora dell’altro (1798) verso porta Felice, accoglie con
isplendore reale ed ospitalità tutta siciliana sovrani e principi,
ambasciatori e ministri. La via è come ostruita dalla parrocchia di S.
Niccolò Anita la Kalsa, la quale ad oriente guarda porta Felice, ed a
tramontana l’ospedale di San Bartolomeo. Fissiamolo bene questo cimelio
d’arte innanzi che il tempo lo spazzi.

  ²⁶ 3 Marzo 1768. «La casena, ossia baloardetto di Porta Felice, a lato
     la strada Colonna (Marina, Foro Italico) fu concessa dal Senato ad
     Ignazio Lanza-Stella, Duca di Camastra, figlio del Pretore Principe
     della Trabia». _Villabianca_, _Diario della città di Palermo_, in
     _Biblioteca storica e letteraria di Sicilia_, di G. Di Marzo, v.
     XIX, p. 88. Palermo, L. Pedone Lauriel.

L’architettura medievale dell’Isola v’impresse la delicatezza delle sue
linee. La finestra sulla porta d’entrata gareggia con quella di S.
Agostino. Il campanile ha sagome che ricordano quelle della Cattedrale
coi loro archi dolcemente acuti e le ogivali di purezza inappuntabile.

Guai se il cav. Fuga vi mettesse gli occhi!

Tutte le cure del Senato nel chiamarvi i più eletti parroci, nel
mantenervi il culto più attivo²⁷, non impedirebbero ch’egli vi
ripetesse, come _in corpore vili_, l’opera devastatrice del maggior
tempio della Capitale²⁸.

  ²⁷ Il Senato si occupava con manifesta predilezione della casa del
     Parroco, della rifusione delle maggiori campane e d’altro che
     accrescesse il lustro di questa parrocchia. Vedi nell’Archivio
     Comunale di Palermo gli _Atti del Senato_ medesimo, a. 1789-90, p.
     79; 1797-98, pp. 46 e 53; _Provviste del Senato_, a. 1796-97, p.
     380.

  ²⁸ Ma ahimè! il tremuoto del 1823 ne rovinò una parte, ed il Governo
     di Napoli, per alte influenze palermitane, permise la demolizione
     di tutto l’edificio!

Tre grandi palazzi, sorgenti sulla medesima linea e ad eguali distanze,
dalla parte orientale alla occidentale della città, dal basso all’alto,
furon teatri di avvenimenti drammatici nella storia cittadina: il
palazzo Chiaramonte, ora dei Tribunali, il Pretorio, e quello del
Vicerè, ora Palazzo Reale.

Che epopea d’arte, d’avventure romanzesche, di fasti religiosi e civili
il palazzo Chiaramonte! Qui il fondatore Manfredi raccoglieva il fiore
del baronaggio siciliano, traendo legittimo vanto dalle geste
cavalleresche probabilmente della Casa Clairemont di Francia fatte da
lui dipingere nel soffitto del grande salone. Qui, vinto da Martino II,
lasciava sul palco la testa Andrea, uno dei quattro Vicari del Regno
dopo la morte di Federico III il Semplice, padre della minorenne Maria.
Qui il libidinoso vecchio Bernardo Cabrera Conte di Modica con comico
insuccesso assaliva la bella Regina Bianca di Navarra involantesi da lui
verso il Castello di Solante. Qui Luca Squarcialupo assediava il Vicerè
Ettore Pignatelli, e la plebe in rivolta uccideva e precipitava giù
dalle finestre i giudici della Gran Corte. Qui i piccoli Torquemada
degli uomini e dell’arte martoriarono temerarî ed isteriche, visionarî e
maliarde, e tagliarono architravi e ruppero colonne, che erano gioielli
della migliore architettura dell’epoca aragonese. Dal sommo del
prospetto rispondente sul Piano della Marina qui si precipitarono i
trasgressori delle leggi della pubblica salute nei giorni paurosi di
pestilenza. E qui, nelle notti scure e rigide d’inverno, quando il vento
vi fischia sinistro, par di sentire come cupi gemiti di sepolti vivi e
strida orribili di torturati e mormorii confusi ed imprecazioni feroci
di giocatori al Lotto, interrotte dal monotono battere dell’immenso
orologio, nel quale il poeta Meli ravvisò la grandezza dell’occhio di
Polifemo.

Nell’andar su pel Cassaro, le vie laterali scompariscono al multicolore
bucato teso tra un balcone e l’altro, tra una ed un’altra finestra. E
non ci vuole di più per comprendere che si è in un paese del
mezzogiorno, se pure non lo accusi quell’attentato permanente ai piedi
dei passanti che è il ciottolato delle strade.

A destra è sempre la chiesa di S. Antonio, centro della città, donde
partono gli avvisi dei generali Parlamenti del Regno e dei pubblici
consigli, e le chiamate impellenti degli uomini atti alle armi, quando
pericoli di corsari minaccino la sicurezza della vita e delle
sostanze²⁹.

  ²⁹ _Villabianca_, _Diario_, in _Biblioteca_, v. XX, p. 305.

Più in su a sinistra sorge il Palazzo Pretorio con le sue tre porte, una
delle quali, quasi per irrisione, serba ancora l’antico motto: _Pax huic
domui._

E pace sia!

In alto, sul cornicione, di fronte alla chiesa dei Teatini, furon sempre
di orrore due gabbie di ferro, nelle quali stavano chiuse le teste di
due giustiziati per delitto contro la fede pubblica e l’Erario del
comune: Francesco Gatto (1611) e Carlo Granata (1721), cassieri della
Tavola (Banco).

La fontana del cinquecento è sempre lì maestosa, ma le sue statue, più
che scollacciate, ignude, offrono ancora le cicatrici dei nasi rotti per
una vendetta, dicesi, compiuta dai Messinesi³⁰, o dalla barbarica
abitudine dei monelli — ed anche dei non monelli — di guastare
cosiffatte parti nei simulacri in marmo. Ad un prelato della famiglia
Sermoneta di Roma, venuto a visitare Palermo (1773), fu assicurato la
impudicizia di quelle statue essere stata in parte corretta da un suo
antenato, (il Vicerè B. Francesco Caetani, dianzi citato) per riguardo
alle monache di S. Caterina³¹.

  ³⁰ _Pitrè_, _Usi e costumi_, vol. II, pp. 351-54. Palermo, 1889.

  ³¹ _O. Caetani_, _Observations sur la Sicile, par Son Excellence Mgr._
     _Caetani_, _en 1774_, p. 5. Roma, 1774.

Dal lato di S. Giuseppe rendevano una volta gaia la piazza i fiorai
della città, dagli antichi posti raccoglientivisi a giornaliero
mercato³², caro ai devoti di chiesa e di galanteria, che andavano a
provvedersi di mazzolini da offrire a santi e a donne³³.

  ³² _L. M. Presti_, _Nuova ed esatta Descrizione del celeberrimo fonte
     esistente nella piazza del Palazzo Senatorio_ ecc., p. 44. In
     Palermo, Epiro, 1737.

  ³³ L’idea d’un mercato di fiori, che si vuole oggi tradurre ad atto in
     Palermo, come si vede, non è nuova.

Se non s’avesse fretta, potremmo guardare ad una ad una tutte le
particolarità di questo edificio, dal secolo XV a noi centro di vita
civile, religiosa e politica, teatro di grida di _Morte!_ al domani di
grida d’_Evviva!_ ad un medesimo personaggio. La visita ci stancherebbe
forse, perchè non poche son le curiosità da vedervi anche dopo
l’orribile scempio dell’Armeria perpetrato all’ultimo piano dalla
plebaglia pazza d’incosciente devozione pel suo Pretore Principe del
Cassaro nei tumulti del 1773. Non tutto, peraltro, potremmo visitare,
giacchè nel quartierino del Pretore non è permesso di metter piede: e
quello superiore della rappresentanza, dopo i tumulti, non è sempre a
tutti visibile come lo è l’urna dei privilegi di Palermo, specie di arca
santa messa sotto la tutela d’una immagine della Immacolata.

V’hanno arazzi di squisita fattura e suppellettili di non ordinaria
bellezza, e tutto un corredo di argenteria, che attesta munificenza di
Pretori e dignità di Senato. E sopra, di fronte a S. Caterina, sono
ancora seimila tra archibugi grandi di archiglio e serpentina
(_zuffioni_), ed elmi e corazze e cimieri e bracciali ed altre armature,
buone a mettere in pieno assetto un esercito per la difesa della
capitale.

Chi ne voglia, però, sapere qualche cosa si affidi al Torremuzza ed al
Villabianca, che gliene diranno per filo e per segno³⁴.

  ³⁴ _Gabr. Lancellotto Castello_, _Le antiche Iscrizioni raccolte e
     spiegate_. In Palermo, MDCCLXII. — _Villabianca_, _Palermo
     d’oggigiorno_, v. I, p. 45, e _Diario_, in _Biblioteca_, v. XX, p.
     300; v. XXVI, pp. 376-77.

Noi potremo solo esaminare il portico, a tutti consentito di guardare.
Vi sono statue in marmo: un David battezzato per Giovanni da Procida; un
uomo in abito consolare con una matrona allato, ricordo di non so che
lega tra Roma e Palermo: e che forse raffigura due coniugi romani. Un
magro genio di Palermo col motto _Fidelitas_ in uno scudo è sostenuto da
mezza colonna di porfido, e seduto sopra un sasso, col solito detto:
_Panormus conca aurea, suos devorat, alienos nutrit_: e vi sta fin da
quando il Pretore D. Francesco del Bosco lo esumava da luoghi sordidi
(1596). Nella medesima linea è un’urna cineraria, la cui recente
iscrizione, male imitante le forme antiche, vuol confermare la vantata
lega, essendo console per Roma in Sicilia Cecilio Metello.

La gente però si ferma volentieri innanzi a due statuette ignude: e vi
si ferma non perchè tali, ma perchè ha sempre sentito narrare sul conto
loro una certa storia, un po’ triste, un po’ allegra, che serve
d’ammaestramento a chi abbia la tentazione di litigare. Il pittore
Houel, messosi un giorno a disegnarle entrambe ebbe raccontato:

«Due fratelli piativano in questo Palazzo. La lite era di somma
importanza, e tutti tenevano gli occhi fissi su di loro. Inesprimibile
l’ardore che essi mettevano nella causa; l’agitazione, la fatica, la
contenzione d’animo influì tanto sul temperamento dell’uno, che, appena
udita la sentenza contraria, la sua statura s’accorciò improvvisamente
d’un piede; mentre fu così viva la gioia dell’altro che le sue membra si
allargarono, e di più pollici s’ingrossò la sua corporatura. Il duplice,
strano prodigio sorprese tanto che si pensò a far eseguire due simulacri
della grandezza dei due fratelli dopo la loro trasformazione: ed
eseguiti, si collocarono alla porta del Palazzo senatorio ad
ammaestramento dei litiganti; i quali, peraltro, non si correggono
mai»³⁵.

  ³⁵ Il David si perdette nel tremuoto del 1823, e col David il Mercurio
     e le misure esistenti nell’atrio. Le gabbie di ferro, già vuote,
     furon fatte togliere dal Principe Lanza di Scordia nel 1836, appena
     nominato Pretore. Le teste, con le armi, erano state buttate giù
     dalle finestre nel 1773.

E dire che le due statue leggendarie rappresentavano, l’una un Antinoo,
l’altra un Mercurio! L’Antinoo è sempre lì al municipio; il Mercurio, da
buon mezzano, prese il volo³⁶.

  ³⁶ _Houel_, _Voyage pittoresque des isles de Sicile, de Malte et de
     Lipari_, t. I, p. 66. Paris, 1782.

     La leggenda venne testè con notevoli varianti raccolta dalla bocca
     del popolo. Vedi _Archivio delle tradizioni popolari_, v. II, pp.
     547-49. Palermo, 1883.

A scanso di molestie, nell’uscire non ci voltiamo nè a destra nè a
sinistra. Sui due lunghi sedili, a piè del palazzo, stanno accoccolati
straccioni e miserabili sollecitanti elemosine e grazie: e son già
troppi quelli che s’incontrano per la città, la quale ne è tutta invasa!

Constatazione dolorosa: dal lato meridionale del monastero di S.
Caterina e del Palazzo Pretorio evidenti rimasero le tracce dello
sconsigliato tentativo di abbassamento del livello stradale. Voleva
togliersi il rialzo della piazzetta S. Caterina; e, scava, scava, dopo
dodici palmi di terriccio portato via, si scopriron le fondamenta dei
due edificî minaccianti rovina. Si gridò alla improvvida opera, e con
gravissima spesa del Senato dovette subito ricolmarsi il malfatto vuoto.
Malfatto, sì, perchè metteva a pericolo la solidità di antiche fabbriche
solo per vanità della Deputazione delle strade, e, sia detto senza
riserbo, per vantaggio d’uno di essa, il Marchese Giacona, il quale
avendo acquistato una casa nel piano di S. Anna, e riformatala, ad
ottenere il comodo di uscire in carrozza per la più corta via nel
Cassaro (salita Giudici, via S. Caterina, piazza Pretoria) sacrificava
al suo privato il pubblico interesse³⁷; esempio pernicioso ai futuri
amministratori del Comune!

  ³⁷ Questo nell’anno 1782, Vicerè il Caracciolo, annuenti il Regalmici,
     il Castelnuovo, il Prades, il Cefalà, deputati per le strade!
     _Villabianca_, _Diario_, in _Biblioteca_, v. XXVII, pp. 415-16.

Torniamo alla piazza Vigliena, da poco stata proclamata nobile³⁸.

  ³⁸ _Atti del Senato_, a. 1775-76, p. 8.

Otto altri sedili accoglievano altri disoccupati in attesa di chiamata.

Chi per avventura si affacciasse dalla ringhiera della Casa dei padri
Teatini (S. Giuseppe), o da quelle del palazzo Jurato (oggi Rudinì),
Napoli, Gugino (Bordonaro), poteva bene indovinare, a certi loro
strumenti, che mestiere essi esercitassero. Ve n’erano con una cazzuola
in mano, e questi eran muratori; ve n’erano con grandi pennelli:
imbianchini; i falegnami aveano una sega; i fontanieri, una specie di
elmo di ferro in mano ed una martellina; i cocchieri, una frusta; e non
occorreva cercare insegne per i lacchè, i servitori, i barbieri, ed
altri oziosi forzati e volontarî, i quali davan la misura del disagio
delle classi operaie. Nel 1777 un ingegnere della marina francese li
trovò armati di spadini: il ciabattino dal grembiule di cuoio e dal
sudicio vestito; il parrucchiere dal sacco pieno di cipria. Inoltre
qualunque artigiano, uscendo di casa nel costume proprio del mestiere,
andava armato d’un’ampia e vecchia parrucca, sovente d’un paio
d’occhiali inforcati sul naso³⁹.

  ³⁹ _C. S. Sonnini_, _Voyage dans la Haute et Basse Égypte_, t. I, p.
     45. A Paris, Chez F. Buisson. An 7 de la République.

Poco discosto, presso la chiesa di S. Giuseppe, s’aggruppavan preti e
sagrestani privi d’elemosina di messe e senza occupazione; ed al lato
opposto nella Calata dei Musici, la virtuosa canaglia, presso la quale
gironzolava questuando qualcuno dei «figliuoli dispersi» del
Conservatorio del Buon Pastore, in attesa di rientrare la sera nel pio
Istituto⁴⁰.

  ⁴⁰ _Costituzioni del Conservatorio del Buon Pastore dei Figliuoli
     dispersi di questa Capitale_, pp. 9-10. In Palermo, MDCCXLVIII.

Gente di bassa estrazione, facchini, lettighieri, si sarebbero cercati
invano qui. Gli uni stavano alla _posta di li vastasi_, nella via dei
Chiavettieri, presso la Vicaria, dove a quando a quando gridavano: _Cu’
mi chiama, cà sedu!_ i seggettieri, — portantini di sedie volanti —
nelle loro vie dell’Albergaria (Lomonaco-Ciaccio) e del Monte di Pietà,
e i _cancelli_, vetturali da soma⁴¹, nei dintorni della chiesa di S.
Maruzza, che da essi prende il nome, nella piazzetta di S. Cosimo⁴².

  ⁴¹ _Canceddi_ erano appunto i guidatori di bestie da soma, così detti
     dallo arnese a guisa di forbici che stava levato sul basto, e che
     chiamavasi appunto _canceddu_.

  ⁴² _Atti del Senato_, a. 1790-91, p. 132.

Mastro Bernardo Rusciglione, dalla sua classica panca vendeva nelle
Quattro Cantoniere acqua diaccia di estate, acquavite, centerbe,
_mmiscu_ d’inverno. E d’inverno, appunto, col piano della pavimentazione
delle vie, le piogge correvan giù impetuose al mare, e le Quattro
Cantoniere diventavano un lago, a traversare il quale, non bastando i
passaggi tenuti dal Senato⁴³, chi non era un disgraziato, si lasciava
caricare a spalla da uno dei tanti marangoni che per un grano a persona
facevan da S. Cristoforo.

  ⁴³ _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XX, pp. 270 e 274.

Qualche viaggiatore, venuto a svernare tra noi, pensò di far sapere a
chi non se l’era mai sognato, che Palermo era una città divisa da un
fiume ed unita da ponti. Il fiume sarebbe stato l’Oreto; i ponti, a
vedere, i pezzi di legno di passaggio, dei quali era incaricato il
famoso mastro Agostino Tumminello!

Se volessimo per un momento andare oltre, dovremmo sguisciare tra la
folla che assiepa la strada. Tanta gente parve ad un inglese maggiore di
alcune vie popolate di Londra⁴⁴.

  ⁴⁴ _J. Galt_, _Voyages and Travels_ ecc. _containing Observations on
     Gibraltar, Sardinia, Sicily, Malta_ ecc. Second Edition, p. 20.
     London, T. Cadell a. W. Davies, 1813.

Più sotto incontreremmo «uno stuolo di mercatanti seguiti da una turba
più folta di piccioli rivenduglioli, o rigattieri, e traffichieri minori
di basse merci di comodo e di vantaggio alla povera gente». Troveremmo
sarti e calzolai lavorare all’aria aperta, proprio nel Cassaro, e in
tanto numero, da sorpassare ogni immaginazione; e, sparsi per terra,
libri usati e, in varie fogge distesa, roba vecchia⁴⁵; e resteremmo
confusi alla ressa di altri venditori, i quali con panchette,
attaccapanni, tavole, sporte, paniere, canestre prendon posto sulle
sponde (marciapiedi); e qui, presso la Piazza, nelle quattro vie che in
essa convergono, più che mai all’apparato di stoffe e di abiti che
impedisce la vista, ed alle seggette (portantine) che barricano
dappertutto, alla moltitudine di uomini, ai quali solo da pochi anni,
per la riforma delle maestranze, è stata fatta libertà di gridar la roba
che spacciano, libertà non prima concessa⁴⁶.

  ⁴⁵ _C. Santacolomba_, _L’Educazione della Gioventù civile proposta ai
     Figliuoli del R. Conservatojo del Buon Pastore_, p. 374. In
     Palermo, MDCCLXXV.

  ⁴⁶ Che cosa sia questa, ce lo dice il Santacolomba (p. 372): «Gente
     civile che assiste al foro, agli scagni, alle officine di computo,
     ai pubblici e privati archivj, alle dogane, ai rogiti di notaj, ed
     a simili occupazioni».

Sprigionatici appena, potremmo a destra e a sinistra guardare i grandi
palazzi, ai cui pianterreni son pannerie, botteghe, caffè, con entrate
inegualmente divise da basse colonne sostenenti l’architrave e sópravi
certi quartierini che sembrano gabbie da uccelli e sono abitazioni dei
pigionanti delle botteghe medesime. Non uno spaccio di grasce, non uno
di annona, non un’osteria od altro che non offra carattere di pulitezza.
Antiche, inviolate ordinazioni del Senato non ne consentono uno nei due
corsi⁴⁷.

  ⁴⁷ Nelle _Provviste del Senato_ del 1778-80, p. 521, è un ricorso del
     Console e dei consiglieri d’una maestranza della città contro le
     persone che vanno _bandiando_ (gridando per le strade) roba.

Sopra le botteghe grandeggiano abitazioni di persone di foro e di toga,
di gente arrendata e di gente di penna⁴⁸; nei «quarti (quartieri)
nobili», alti impiegati e magistrati del vecchio stampo, pei quali
abituale è lo spandere più del pingue stipendio, gaudenti dell’oggi, non
preoccupati del domani delle loro festaiole famiglie. Agli ultimi piani,
sotto i tetti, son le logge coperte dei monasteri, dove in ogni
spettacolo profano, in ogni grande solennità religiosa fiammeggiano
occhi irrequieti, sui quali più oltre senza secondi fini alzeremo
freddamente i nostri.

  ⁴⁸ _Provviste del Senato_, a. 1782-83.

In altre vie, di secondo, di terz’ordine, stanno di casa e di bottega
artigiani; dalla specialità dei loro mestieri prendono nome le vie:
Materassai, Sediari, Formari, Pianellari, Spadari, Cintorinai, Tornieri,
Gallinai. A brevi distanze singolare è il contrasto di vita e di
movimento. Silenziosi i vicoli dei Calzonai, dei Frangiai e dei Mezzani,
che pur danno sul Cassaro; stridenti quelli degli Schioppettieri, dei
Chiavettieri (magnani), e dei Cassari, che intronano le orecchie.

L’ab. Meli raccomanda, rimedio infallibile alla sonnolenza, lo star di
casa ai Calderai, che è, secondo Galt, «il sito forse più tumultuoso di
tutta Europa», dove si ammassano «considerevoli blocchi di stagno per la
manifattura di lampade, forchette e di altri utensili da tavola e da
cucina»⁴⁹. Nel medesimo rione (e deve esser la Kalsa) egli vede pure una
strada tutta di ricamatrici: ed il ricamo è su mussolino di
Caltanissetta, città produttrice di buona tela, come Palermo lo è di
nastri di ogni dimensione e colore per le centinaia di piccoli telai che
vi stanno in continuo moto.

  ⁴⁹ _Galt_, _op. cit._, p. 20.

Sconfortante peraltro è il pensare che molto, moltissimo venga
manifatturato all’estero su materie prime qui prodotte e da qui partite.
Un uomo d’ingegno fa osservare (1793) che l’olio siciliano è di gran
lunga inferiore al medesimo olio che, mandato fuori, ritorna depurato,
meno verde e più squisito; ed aggiunge: essere di pelle siciliana i
cappelli provenienti dall’estero, di potassa nostra i cristalli, di
canape nostra le funi, di lana nostra i panni, di seta nostra molte
stoffe⁵⁰. Carte di archivî privati in Palermo confermano la
osservazione; se mai di conferma fosse bisogno.

  ⁵⁰ _J. H. Bartels_, _op. cit._, III, pp. 827-28.

E sì che questo è il paese nel quale il cav. de Mayer di Vienna trovò
della gente che sa fare un’ascia con una sega!...

Andiamo avanti: piazza di Bologni!

La statua di Carlo V pare la figura d’un cieco che s’appoggi al suo
bastoncello ed allunghi la mano andando tentoni. Ai suoi piedi cresce
dell’erba, ed alla base fan brevi apparizioni pasquinate che tutti
vedono e nessuno sa chi le attacchi: nè i servitori del Principe di
Belmonte che vi stanno di faccia (Palazzo Riso), nè i frati del
Carminello (Tribunale militare), nè i corrieri del Principe di
Villafranca, che vi stanno allato.

Nell’andar su verso porta Nuova copriamoci gli occhi per non veder la
Cattedrale. Dal 1780 l’ingegnere Fuga vi perpetra restauri, che sono
complete trasformazioni. C’era presso i campanili, dal lato orientale,
una torre, ed egli l’ha convertita in cupolone quasi quanto quello di S.
Giuliano; c’erano, qui sulla piazza meridionale, tre ordini di merli e
di finestre, e li ha caricati di tredici cupole e cupolette per
altrettante cappelle edificate distruggendo i muri laterali lungo le due
navate laterali, e pel necessario sfondo alle cappelle guadagnando
terreno a mezzogiorno ed a settentrione. Le statue gaginesche del coro
le ha piantate innanzi queste cupole, e, sopravvanzandogliene, le ha
messe a fianco delle incoronazioni di Vittorio Amedeo e di Carlo III,
sotto il portico! C’era.... c’era tutto un tesoro d’arte siculo-normanna
e non ha avuto ritegno di sfigurarlo, disperdendone le parti più belle!

E per tanto scempio, prima non permesso, poi voluto dalla Corte di
Napoli, si sono spesi centomila scudi, ed altrettanti se ne ritengono
ancora necessarî alla interna decorazione, nella quale neppure un arco
venerando sarà rispettato! E già si parla dell’opera con immenso
vantaggio, e si gongola al pensiero che per la festa del _Corpus Domini_
del nuovo secolo (4 Giugno 1801) il ringiovanito, rifatto tempio verrà
riaperto al culto dei fedeli!⁵¹.

  ⁵¹ Su questo doloroso argomento potrà leggersi la recente _Monografia
     sulla Cattedrale di Palermo_ di Mons. _S. Di Bartolo_. Palermo,
     1903.

Stringiamoci al monastero dei Sett’Angeli, e, senza guardare al
vandalismo dell’abside e del lato settentrionale del sacro luogo,
rasentiamo la chiesa della Incoronata, che vide giurare rispetto a
diritti siciliani sovente conculcati. Pietro d’Aragona, al domani del
Vespro, vi prese la corona. Alla porta del Palazzo arcivescovile sta
sempre attaccata un’elsa che ricorda quella con la quale Matteo Bonello
avrebbe squarciato il petto di Maione, triste ministro di più triste
sovrano (Guglielmo I).

E siamo già nella maggiore piazza della città, in faccia al più grande
edificio: il palazzo vicereale.

Anche dopo la scomparsa delle sue primitive torri, esso fu fortezza
custodita sempre da alabardieri, quando spagnuoli, quando tedeschi,
quando svizzeri, e munita di cannoni dominanti da solidi terrapieni la
città. Ogni parte di esso è un monumento, ogni monumento una pagina di
dolore, di fremiti, di dolcezze.

Considerazioni diverse, liete e tristi, suscita la sala ove lo svevo
Federico II accoglieva il fiore dei dicitori in rima, e, contrasto
lacrimevole, le laterali carceri della torre _ioaria_ o _rossa_, ove per
ordine di lui venivan fatte morire d’inedia donne d’alto legnaggio, ree
d’esser mogli di baroni, veri e presunti ribelli⁵². Il Vicerè march. de
Vigliena per tutto suo piacere ruppe l’antica armonia dell’edificio. Al
domani della rivolta del D’Alesi, il card. Trivulzio, malevolo verso il
popolo, irriverente verso la chiesa, la fortificò di due baluardi (1649)
distruggendo il tempio della Pinta fondato da Belisario, capitano di
Giustiniano Imperatore: tempio rimasto celebre per l’_atto_ che da esso
prese nome. Quella che è ora scuderia (risibile fortuna delle umane
cose!) fu aula dei Parlamenti della nazione: ed un affresco, che
riproduce l’apertura solenne di uno di essi, sta di fronte ad un altro:
che è tutta la messa in iscena di un auto-da-fè. Sulla volta della nuova
sala dei Parlamenti, nei piani superiori, il principe di Caramanico fece
dipingere la Maestà regia, protettrice delle scienze e delle arti
(1787). S. M. però la volle più tardi cancellata per farvi dipingere dal
Velasquez le forze di Ercole, delle quali, non più giovane, Ferdinando
III si sarà compiaciuto più che dell’arcadia allegoria.

  ⁵² _T. Fazello_, _De rebus siculis, Decades duae_. Dec. II, lib. VIII,
     ed altri autori citati da _Pitrè_, _Fiabe, Novelle e Racconti pop.
     sic._, v. IV, n. CCXCV. Palermo, 1875.

Vicerè e Presidenti del Regno vi ricevettero baciamani di patrizî ed
inchini di dame, piati di litiganti e suppliche di rei, voci di plauso
ed urli di sdegno; e tra sorrisi e lacrime, tra carezze e minacce, tra
condanne e grazie passarono non pure il decretato triennio, ma anche la
conferma di altri triennî, invocata al monarca dai tre Bracci
parlamentari che sovente li detestarono.

Vediamone qualcuno di questi potenti, che fecero tremare mezza Sicilia,
ma che pur tremarono la parte loro al ruggito di una sommossa. Li
troveremo dipinti nell’anticamera dei vicereali appartamenti, ritti,
imponenti come per dirti: — Guarda chi siamo! —

Ecco la mingherlina figura di D. Giovanni Fogliani de Aragona, Marchese
di Pellegrino (che però non è il nostro diletto monte!). Chi gli avrebbe
mai detto che in un momento d’inconcepibile tumultuazione delle
maestranze sarebbe stato mandato via? egli così affezionato al paese,
egli che ne cercò, come meglio seppe, il pubblico bene, che ne sostenne
con larghe limosine i poveri, ne protesse in ogni maniera la sicurezza!
Oh andate ad aspettarvi la gratitudine dei popoli! Che bel parruccone
questo suo! Dal 1770 in poi non se ne vide uno più prolisso; come non si
vide viceregno più lungo del suo; la bellezza di quasi diciott’anni! Il
suo naso potrebbe far credere ad un avido succhiatore di sangue; ma le
sue opere furono di uomo bonario quasi altrettanto che il Principe di
Caramanico, col quale ebbe parecchi punti di somiglianza. Perchè,
entrambi ebbero un gran debole per le feste e la nobiltà; entrambi
amarono il sapere e ne protessero generosamente i cultori; e come il
Fogliani non se ne sarebbe andato senza la frenesia popolare, così
questo vi sarebbe forse rimasto con la fiducia del Sovrano, se la morte
non lo avesse colto all’improvviso.

Ecco Marcantonio Colonna, Principe di Stigliano, magro, diritto, dal
corto parrucchino e dal bastone.... coi fiocchi. Come splende l’anello
che porta al mignolo! Si direbbe che egli se ne tenga quanto della
discendenza dal Vicerè suo omonimo, quanto delle carezze che riceve dai
titolati e che ai titolati largamente profonde, quanto delle ordinanze
che emanò a favore dell’annona e contro la forza operaia nei baluardi.
Dicono avesse velleità poetiche; ma il ritratto non lo accusa: e nessuno
sognò mai che partendo malaticcio da Palermo potesse perpetrare versi di
amore, come quelli per _La partenza da Clori_, trovati autografi nel suo
scrittoio:

      Sorge l’infausta aurora,
    Deggio partir, ben mio.
    Ti lascio in questo addio
    Un pegno di mia fè....
      Ma già il nocchier s’affretta
    Le vele a sciorre al vento.
    Ecco il fatal momento.
    Mi sento ohimè mancar!

Il Principe che si sdilinquiva per la poetica Clori, era marito, padre e
nonno!...

Ecco D. Domenico Caracciolo, Marchese di Villamajna. Disimpacciato dal
vicereale paludamento, tende in avanti la mano in atto imperioso:
espressione della sua indole autoritaria in lineamenti comunali, che mal
rivelano la irrequietezza del suo pensiero. Quell’atto compendia la
storia di un governo: cinque anni di scatti e di calme, di vittorie e di
sconfitte, di esaltamenti e di depressioni: lotte continue tra un
carattere non pieghevole a transazioni e la necessità di ripieghi, che
furono scomposta rassegnazione e dovettero parere indifferenza.

Che vita di agitazione quella sua! Che rumore di discussioni attorno
alla sua condotta! Ogni ordine di cittadini ebbe parole violente
all’indirizzo di quest’uomo, che affettò il più profondo disprezzo della
pubblica opinione. Gli artigiani fremettero d’aver avuto tolto lo
spadino dal fianco e di essere stati diminuiti nelle antiche loro
rappresentanze; i civili, impermaliti delle restrizioni al libero
esercizio delle loro professioni, lo misero alla gogna; i nobili, in
odio ai quali egli, cadetto, ma portatore di titoli nobiliari, ridusse
loro gli sconfinati privilegi, lo detestarono del pari che gli
ecclesiastici, altri bollandolo come paglietta napoletano, altri
additandolo novello Argante,

    D’ogni Dio sprezzator, e che ripone
    Ne _lo scettro_ sua legge e sua ragione.

E in questa sala, ov’egli protende il dito altezzoso, si ripercuote
ancora la sua voce altisonante: e la storia non tace il po’ di bene che
egli fece in mezzo al molto che non gli fu consentito di fare: ma non
dimentica che agli occhi di chi lo conobbe appena tornato in Napoli
l’antico ateo diventava ligio alla Corte Romana ed a quel pontefice che
egli avea chiamato il gran muftì, e che l’uomo gaio appariva un
buffone⁵³.

  ⁵³ _Gorani_, _op. cit._, t. I, pp. 165-67. Altri giudizi da leggere
     sul Caracciolo sono in _Villabianca_, _Diario_, in _Biblioteca_, v.
     XXVII, pp. 317-22; v. XXVIII, pp. 46-48. — _V. Mortillaro_,
     _Leggende storiche siciliane dal XIII al XIX secolo_, seconda
     ediz., pp. 174-76, 182-83. Palermo, Pensante, 1866. — _La Lumia_,
     _Un Riformatore_, in _Studi_, v. IV, p. 614. Pal. 1883. — _G.
     Bianco_, _La Sicilia durante l’occupazione inglese_, pp. 6-8 e nota
     1. Palermo, 1902.

Ecco il piacevole D. Francesco D’Aquino, Principe di Caramanico, il
quale tra il plauso dei letterati e gli ossequî dei patrizî sbarcò nove
lunarî fino ai primi giorni del 1795. Ha cinquantasei anni, e ne mostra
dieci di più, non ostante il suo viso rubicondo. Ha naso adunco, ma non
fu un vampiro; fa un gesto di comando, ma solo per posa accademica: e
pare non dimentichi le grazie sconfinate di Maria Carolina che lo
levarono alla non prima sognata grandezza di Vicerè.

Tanta grandezza non può non destare un senso di profonda mestizia. Le
ceneri del Caramanico giacciono inonorate, neglette nella chiesa dei
Cappuccini, coperte da un semplice mattone. Tra’ nobili i quali, appena
morto, offrirono di ospitarne la salma nelle loro superbe sepolture, e
la famiglia in Napoli, che si riserbava di richiamarla nella propria, si
interpose la negligenza, lo abbandono, l’oblio!

In mezzo all’uno e all’altro di questi Vicerè superbiscono Presidenti e
Capitani Generali del Regno, Vicerè provvisorî con facoltà quasi
vicereali: il giovialone D. Egidio Pietrasanta, Principe di S. Pietro,
Tenente Generale dell’esercito per la prima assenza del Fogliani (1768);
D. Serafino Filangeri dei Principi di Arianello, benedettino cassinese
napoletano (1773 e 30 Giugno 1774), solenne nel costume di prelato,
modesto in quello di Presidente, involontariamente altero nella mossa
della destra a guisa del Carlo V della piazza Bologni; e D. Antonio
Cortada e Brù (1778), D. Gioacchino de Fons de Viela (1786) e D. Filippo
Lopez y Royo, che pare smentisca il severo giudizio dell’ab. Cannella⁵⁴.

  ⁵⁴ Vedi in questo vol. la lettera di lui.

Da poco nell’antica torre di S. Ninfa, dallo Osservatorio Astronomico si
leva gigante alla contemplazione del cielo l’ab. Piazzi, che presto darà
al mondo scientifico la scoperta della Cerere e la numerazione delle
stelle. «Un re eresse la torre, un altro la destinò a più nobile uso»:
così dice una iscrizione latina sulla porta della Specola, alludendo a
Ruggiero il Normanno ed a Ferdinando III Borbone.

Dalla terrazza di quest’Osservatorio girando attorno lo sguardo, lo
spirito si sublima in una veduta che non ha confronti. La riviera
compresa tra il Capo Zafferano e l’Arenella si stringe ai lambiti del
mare di cobalto, carezzante la città bella. Palermo è tutta dentro le
sue vecchie mura. Logge, cupole, campanili, si contano ad uno ad uno: e
chiese, monasteri, conventi, palazzi, istituti si discernono in mezzo
alle torri di Rossel (Albergaria), di Terranova, di Pietratagliata
(Loggia), di Vanni, di Chirco, di Rombao, della Pietà, di Cattolica,
alla Kalsa, il turrito tra’ quartieri.

Le seduzioni politiche dei Vicerè, favorite dalla debolezza del Senato,
tolsero ai baluardi i cannoni, resi, peraltro, inutili alla difesa,
nocivi alle circostanti case. Quei cannoni furono imbarcati per Napoli;
ma lunghesso la costiera altri ne rimasero (una sessantina circa),
all’Acqua dei Corsari, al Sacramento, a S. Erasmo, alla Garita, alla
Lanterna del Molo, all’Arenella ed altri ancora al forte del Castello,
che però il sospettoso Governo tiene con le bocche parte sul mare, parte
sugli inermi cittadini.

Siamo di primavera, e tutta verdeggia la Conca.

Nelle campagne che a vista d’occhio vanno a perdersi a pie’ dei monti
Gallo, Belampo, Billiemi, Caputo, Cuccio, Grifone, Gerbino, Gibilrossa,
Solunto, lussureggiano viti ed aranci, olivi e mandorli, agavi ed
opunzie.

L’aspetto di questi monti è d’un colore indefinibile tra l’azzurrognolo
ed il rossastro se nudi; e se coperti di alberi, disseminato di macchie
folte, irregolari, come capricciose, finchè lo comportino le immani
rocce e le piccole balze, dove cadenti in bruschi ciglioni a picco, dove
correnti in dolci linee di curve, di rialzi, di frastagliature, di
punte, lisce, dentellate, taglienti, non tentate mai dalla mano
dell’uomo.

A sinistra, sotto il crine meridionale del Pellegrino, a cavaliere della
collina declinante verso l’Acqua santa, sorgerà tra non guari la villa
Belmonte, ed al lato occidentale la Favorita, che dei rimpianti ozii di
Capodimonte e di Caserta compenserà l’esule Ferdinando. Anche lontane,
anche poco visibili, son sempre maestose laggiù le cospicue ville, anzi
i grandi palazzi di Niscemi-Valguarnera, di Cassaro, di Montalbo, di
Castelnuovo. Ai cipressi del finto eremo, alla chiesetta che questo
fiancheggia, l’occhio distingue la villa Resuttano dalla villa Moncada,
maravigliosa per verzieri, boschetti, labirinti, fontane, peschiere,
statue e viali coperti; la villa Pandolfina dalla Airoldi, il cui
padrone, custode della Legge, ha potuto in onta ad essa occupare un
terreno.... pubblico.

Ed altre ed altre ancora son le ville della fatata pianura, e tutte, più
o meno, si legano senza unirsi, si affiancano senza confondersi, in una
gara di opulenza e di grandiosità, di fastigio e di spensieratezza. Il
Conservatorio delle Croci, avanzo di una di queste ville (Cifuentes),
non è più l’officiale albergo di nuovi Vicerè alla vigilia del loro
solenne ingresso nella Capitale; ma Ospizio pietoso di povere orfane.

Dietro a noi, lassù, è il divin tempio in Monreale; e a destra della via
che ad esso conduce, la Zisa, «il più bel possesso del più splendido dei
re del mondo», secondo la iscrizione araba del coronamento della
facciata dell’edifizio, che Guglielmo I incominciò ed il figlio «a tutta
sua cura volle serbare».

Ma da questa terrazza non tutto ci è dato vedere; saliamo più in alto,
torno torno alla Specola.

La Cuba, che a sinistra fronteggia quella via, è malinconica superstite
degli ameni giardini, pei quali potè esser chiamata: «Paradiso della
terra». Non più con imperiale pompa Arrigo VI vi riceve i commissarî
della Repubblica di Genova, venuti a ricordargli le pattuite
concessioni; non più, novellando il Boccaccio, Federico l’Aragonese vi
tiene la vaghissima Restituta, dai marinai siciliani rapita in Ischia.
Alla orientale immagine dell’Arabo Ibn Gubayr, valentino, intorno i
manieri della Cuba e della Zisa sopravvive la gentile leggenda popolare,
creduta anche dal Fazello, che Cuba e Zisa siano nomi di due figliuole
d’un emiro di Sicilia; e la Cuba è dal seicento quartiere dei militari,
i quali vi compiono l’opera devastatrice del tempo, e la Zisa, più
fortunata, accoglie i Principi Sandoval⁵⁵.

  ⁵⁵ Vedi Lettera del Barone Raffaele Starrabba sulla storia
     amministrativa della Cuba, nella 3ª _Relazione della Associazione
     sicil. pel bene economico_, pp. 59-66. Pal. 1903.

A destra gli orti si alternano coi frutteti, i monumenti antichi
attendono la giocondità dei moderni. Di costa, sulla sponda sinistra
dell’immenso arido letto dell’Oreto, sorge deserta la chiesa di S.
Spirito, ove col novello cimitero di S. Orsola il Caracciolo ha voluto,
proprio al quinto centenario del Vespro Siciliano, confondere nelle
medesime fosse i trucidati del 31 Marzo 1282 coi morti dal 1782 in poi.
E i cittadini ne mormorano ancora come di offesa alle loro sacre
memorie, e le famiglie dispettano di farvi seppellire i loro cari.
Quivi, di fronte, sul poggiuolo di S. Maria di Gesù, i frati Osservanti
furono spettatori dell’eccidio. Ora i loro successori, forse immemori,
vivono la stretta regola di S. Francesco d’Assisi. Nella contrada di
Falsomiele l’occhio corre in cerca del Monastero delle Basiliane, ma
esso non c’è più, e la loro tradizione si continua raffinata nella vita
delle monache del Salvatore nel Cassaro.

Solitario e triste, S. Giovanni dei Leprosi ospita infelici, che la
demenza e la etisia han condannati all’ostracismo. Un cuore di donna li
redimerà presto e li rifarà esseri umani tra uomini. Oh anche la Regina
Carolina ha un po’ di carità!⁵⁶.

  ⁵⁶ È noto che la Regina Carolina, quando venne da Napoli a Palermo,
     volle sollevare la tristissima sorte de’ poveri infermi chiusi in
     quest’Ospizio, facendoli trasportare in città e dividere secondo la
     natura delle loro malattie. Da questa sovrana disposizione,
     inefficace allora, ebbe molto più tardi origine l’Ospizio dei
     matti.

Lì presso, sul greto del fiume, è il ponte dell’Ammiraglio del Conte
Ruggiero, Giorgio d’Antiochia, e sulle scarse acque vagolano di notte in
bianche vesti le anime dei giustiziati sepolti nella vicina chiesa di S.
Antoninello. E non molto discosto l’arabo castello della Fawarah o
Maredolce, voluttuosamente cantato da’ poeti musulmani; tra’ quali fu
chi disse: «Ciò che ho descritto l’ho visto coi miei occhi; ed è certo;
ma se sentissi racconti di delizie eguali a queste, io li reputerei
invenzioni assai sospette».

Spiccata la differenza di vita e di natura, di storia e d’arte in questa
variopinta Conca d’oro! A destra tutto parla del passato; a sinistra
tutto brilla del presente; là tutto è vecchio; qua tutto è nuovo. Ad
ogni passo che si muova da quel lato è un’orma profonda di emiri e di
principi normanni; ad ogni passo che si faccia da questo, è un’eco
solenne di nobili palermitani. Non alla Guadagna, non a Falsomiele, non
a S. Maria di Gesù ha cercato l’aristocrazia dolci riposi, ma più in là,
più in là ancora, alla Bagheria; e dall’altro ai Colli. Dove cappelle,
palazzi, flore sorgevano a testimoniare la sapiente grandezza dei
Chiaramontani fiammeggiarono roghi paurosi ed echeggiarono strida
raccapriccianti.

L’occhio è già stanco: rientriamo nel santuario del Piazzi. Guardato o
no, il mare splenderà sempre ai raggi fulgenti del sole; l’aura
carezzerà alberi e piante, ed al sorriso perenne d’un azzurro purissimo
il cielo sarà sempre in perpetua festa di bellezza e di sublimità.

È tempo ormai di lasciare questo incanto, senza neanche affacciarsi là
ove prima avremmo dovuto lungamente deliziarci. No, la Cappella palatina
non va profanata con uno sguardo fuggevole alla guisa dei futuri
_touristi_ del sec. XIX. Visita di questa maniera potrebbe far credere
ad incoscienza quel che è semplice nostra imperizia. La sorpresa che al
primo entrarvi colpisce, lo stupore che invade appena alla temperanza
della mite, dolcissima luce cominciano a scintillare i fulgidi mosaici,
a disegnarsi gli arabeschi, a profilarsi le figure, a comporsi in un
tutto l’armonia architettonica di quel tesoro d’arte, che pare prodigio
di celesti ed è opera di uomini, toglie all’ammirazione la parola.

Qui potrebbe, pel molto ancora che ci resta, troncarsi la nostra
passeggiata; ma vi son cose che non dobbiamo trascurare. Noi non abbiamo
idea di quel che sia un rione popolare della città; l’Albergaria ne è il
tipo: e facile è lo andarvi per la discesa del Piano del Palazzo sino
alla piazzetta dei Tedeschi, ove alabardieri alemanni, guardie del corpo
dimorano.

Noi non ci avventureremo in questo laberinto di straducole anguste,
meandri tortuosi che si aggirano ed avvolgono, di usci che mettono in
ignoti chiassuoli, di tane ove così di sovente brulicano come vermi
esseri umani. A noi non importa se intatte siano le vecchie casupole,
inalterati i nomi dei vicoli e dei cortili, fresca la memoria di scene,
due, tre volte secolari; se refrattarî ad ogni novità vigano i costumi
d’una volta. Potremmo tutt’al più mettere il piede nel vicolo di quel
Matteo lo Vecchio che fu il più efferato aguzzino sotto il breve
tempestoso regno di Vittorio Amedeo e maestro insuperato nell’arte di
ordir calunnie, preparar denunzie, eseguire catture, onde di poveri
accusati le carceri pullularono. Potremmo affacciarci all’antro
recondito ove Anna Bonanno, la famigerata vecchia dell’Aceto, manipolò
fino a ieri (1782) beveraggi arsenicati per amanti che vagheggiavano
scellerati disegni sopra molesti rivali; sì che mariti e mogli
misteriosamente finirono. Potremmo anche accostarci a guardare la
finestra alla quale si fermava fanciullo Giuseppe Balsamo, il futuro
Conte Cagliostro, e donde la madre e la sorella di lui fiduciosamente
salutarono W. Goethe, venutovi a conoscerle ed a raccoglier notizie
sulla infanzia del celebre impostore (1787). Potremmo anche deplorare il
sopravvivere di pratiche refrattarie ad ogni umano progresso.
Nient’altro che questo.

Ma nelle strade Maestra e di Porta di Castro rumoreggiano confusamente i
venditori: e non si riesce a sentire neanche i carretti che ci
minacciano alle spalle, carichi di barili di quel di Partinico o di
verdure di Denisinni e dei Settecannoli; nè i venditori ambulanti, che
con le loro immense canestre c’impediscon l’andare, o ci tolgono il
vedere i cento usci ingombri di merci pendenti dagli stipiti od
ammucchiati ai fianchi. Una sequela interminabile di bottegucce ti dà la
mostra di quel che in esse si spacci: dalle brocche e dalle pentole al
nocciolo ed alla carbonigia, dalle funicelle e dagli spaghi alle punte
ed alle cordelle, dalle sporte e dalle ceste alle ferule ed alle
granate: e pane e pasta e carne e gli avanzi delle frutta di inverno.

Quando tu credi di uscir di tanta confusione sboccando a Ballarò, allora
il frastuono accresce lo sbalordimento. Altre botteghe con altre merci
si succedono come rincorrendosi a destra ed a sinistra: ed un vinaiuolo
grida come nella _Fata Galanti_ del Meli⁵⁷:

  ⁵⁷ Canto I, ott. 12.

    Tasta ch’è di Carini, veni, tasta!

ed uno spillettaio:

    Haju spinguli, agugghi e jiditali,
    Haju curdedda pri faudali!

E nel mezzo, tra la gente che deve comprare, e lesina sul quattrino,
_rigattieri_ (pescivendoli), erbivendoli, panettieri, fruttaiuoli: e
comari che cicaleggiano, e facchini che si bisticciano, e monelli che
dagli schiamazzi non fanno udire un nuovo bando che il Senato pubblica.

Più in su, verso il piano del Carmine, o verso quello di Casa Professa,
i _caminanti_ (spacciatori di libretti e stampe popolari) vendono per
due, tre grani le storie di _S. Alessio_ e di _S. Cristoforo_ e quella
di _Piramo e Tisbe_, men ricercata del contrasto tra _la Suocera e la
Nuora_, della _Storia della vecchia che ha perduto il gallo e la
Leggenda delle Vergini_, che Napoli in numero straordinario di copie
riversa su Palermo.

Qui come negli altri rioni fanno le loro frequenti affacciate i soliti
cantastorie col loro ricchissimo repertorio di pratiche religiose per
tutte le feste dell’anno, di preghiere per tutti i giorni della
settimana, di orazioni per tutti i santi di Palermo, di leggende per
tutti i fuorusciti della Sicilia e per tutte le novità più clamorose.
Nuova di zecca quella di _Testalonga_; sempre nuova e sempre vecchia
quella della _Principessa di Carini_, e per poco che ci accostiamo,
udremo la patetica ottava sopra i due sfortunati amanti:

      La Vernagallu, beddu Cavaleri,
    Di Carini a la figghia fa l’amuri.
    Ma cchiù chi cci usa modi ’nnamureri,
    «Pri mia fôra (idda dici) Don Asturi».
    Iddu la voli in tutti li maneri,
    Cci va d’appressu e l’invita a l’amuri;
    E currennu, a la fini, da livreri
    La junci, e tutti dui dicinu: _amuri_.

Nata di fresco una filastrocca, che a Ballarò si canticchia ad onore e
gloria del Pretore Marchese di Regalmici:

      Quant’è beddu stu Prituri,
    Ca nn’ha fattu lu stratuni!
    Fici ’i Quattru Cantuneri
    Pri li frati e li mugghieri....

E ci si ride sopra amaramente pensandosi che mentre si fanno tante spese
di lusso, il costo dei viveri cresce a marcio dispetto di tutte le mete
e di tutti i Pretori.

Intanto che ci troviamo nel più antico e popoloso mercato, non vorremmo
prender conto del prezzo di qualche derrata? Oh sì: esso ci potrà essere
certamente utile. Fissiamo la data: 1798. Ecco: v’è del pane di prima
qualità per dodici grani e tre danari un rotolo; la gente lo vuole a
forma di _guastidduni_ e di _puliddi_ (la forma più grande, cioè, e la
mezza forma): e grida se non è del peso regolare di un rotolo e mezzo, e
magari due, per un tarì. Della pasta bianca come cera di Venezia si ha
per dieci grani e quattro danari. Di carne non si fa molto consumo; e di
Venerdì e Mercoledì e nei giorni di vigilia, non se ne cerca altro che
per gli ammalati, la migliore però si ha a tre carlini e tre danari,
quanto l’olio. Le galline abbondano, ma chi volete che ne mangi a tre
tarì l’una, quando fino a pochi anni sono (1794) costavano due tarì e
sei grani quanto le paga l’Ospedale grande e nuovo? Le uova son tre
grani l’uno; il carbone non va a misura, ma a peso, anche a minuto; ed
un rotolo si paga cinque grani; un quartuccio di vino sette; un rotolo
di sapone, sedici; uno di formaggio, ventotto; uno di sugna, due tarì e
sedici grani⁵⁸.

  ⁵⁸ _F. Maggiore-Perni_, _La popolazione di Sicilia_ ecc. pp. 554-555.

Non diversi gli altri mercati, sia quello della Fieravecchia, sia
l’altro del Garraffello, che da poco il Senato, pur biasimandone il
nome, ha battezzato Caracciolo, ed il volgo, _Vucciria_: titolo che un
sedicente romanziere nel 1870 dovea derivare, non già da beccheria
(_boucherie_), ma dalle _voci_ che vi si fanno!⁵⁹.

  ⁵⁹ _O. Pio_, _I Conventi di Palermo_, romanzo storico in tre volumi.
     Milano, Battezzati, 1870.

Questa la città nella rapidissima visita che ne abbiamo fatta. Ma chi
sono, e che sono essi i cittadini alla fine del secolo?

Ecco una breve statistica, buona a far capire molte cose.

Fissiamo la data anche qui: l’anno 1798. La popolazione, secondo
l’ultimo _rivelo_ o censimento, è di 148,138 abitanti. Esistono 38
conventi, 39 monasteri, 152 chiese con 7379 preti, frati, monaci e
monache. (Avvertiamo qui una volta e per sempre che per _convento_ in
Sicilia s’intende monastero, con uomini; e per _monastero_, convento,
con monache; ma di ciò, meglio a suo luogo, cioè nel capitolo dei
_Monaci_ e delle _Monache_).

Moltissimi, come più innanzi si vedrà, i nobili tra autentici e falsi,
tra veri, presunti e sedicenti. Il ceto medio o civile è sempre ascritto
a corporazioni: e tra esse va ricordato il collegio dei medici, quello
degli aromatarî, dei dottori, dei procuratori, dei sollecitatori e le
nazioni dei Napoletani, dei Genovesi, dei Milanesi. Numerosissimi gli
artigiani, divisi, non ostante i vicereali decreti, in maestranze di
argentieri, caffettieri, barbieri, fornai, cocchieri, bordonari.

Queste cifre sono officiali; ma vanno controllate medesimamente che
quelle del censimento del 1774, nel quale per un malinteso interesse
delle loro chiese, i parroci fecero _riveli_ per 216,000 anime, compresi
i sobborghi di S. Lucia e di S. Teresa, dei Colli e di Bagheria, ed
esclusi 6000 ecclesiastici: rivelo così sorprendente da eccitare i
patriottici ardori del Villabianca, che esclamava:

«Faccia Dio onnipotente colla sua infinita beneficenza portare avanti
siffatto aumento costantemente nell’avvenire, e un anno miglior
dall’altro, a gloria del suo servizio ed a vantaggio di essa
metropoli!». Così i parroci potevano di buona fede nel 1774 far credere
al loro ordinario, Monsignor Filangeri, stragrande il numero delle anime
commesse alle loro cure; e nel 1798, forse accortisi dell’errore di
ventiquattr’anni prima, o forse insospettiti della fiscalità
governativa, inacerbita nelle forme più insidiose di contribuzioni
volontarie e forzate, di mete e di balzelli comunali, poterono scendere
al numero che abbiam visto di poco più che centoquarantottomila
abitanti. Esagerazione la prima, all’indomani della rivolta del 1773;
esagerazione la seconda, alla vigilia della entrata delle armi
repubblicane di Francia in Napoli.

E allora qual’è la verità?

La verità non si sa, ma si suppone: e la supposizione è questa: che nel
1774 la popolazione potè essere di circa 184,000 anime, e nel 1798 potè
giungere a 200.000! Così la pensa un bravo nostro statistico, il quale,
ha delle cifre in mano per affermarlo⁶⁰.

  ⁶⁰ _F. Maggiore-Perni_, _op. cit._, cap. XXII.

Ora che da buoni palermitani abbiam fatto un po’ di giro, guardando dove
l’una, dove l’altra delle particolarità della città nostra, non vorremmo
noi sentire quel che di essa dicono i forestieri? Perchè, altra è la
impressione d’un paesano, altra quella d’uno straniero. Al paesano
sfuggono le cose alle quali egli ha, fin dai suoi primi anni, abituato
l’occhio; mentre quelle medesime cose allo straniero si appresentano,
per poco che egli le veda, come nuove o caratteristiche. Per lui tutto è
curioso: le vie, le case, i monumenti, gli abitanti, e, degli abitanti,
il vestire, il muoversi, il gestire, il chiacchierare. Grande perciò il
contrasto fra il giudizio del nazionale e quello dello straniero: mentre
poi si completano entrambi a vicenda.

Degli ultimi trent’anni del sec. XVIII abbiamo quasi trenta libri di
viaggi in Sicilia. Alcuni si ripetono: e noi, che siam costretti a
brevità, dobbiamo restringerci a pochi, i quali valgono i molti.

Primo nel nostro interesse viene Jean Houel, architetto e pittore del Re
di Francia. Data del suo viaggio: 1782.

«La situazione della città, egli dice, è felicissima; lo spettacolo del
mare, delle colline, delle montagne, trasformandosi in aspetti
deliziosi, rende questo suolo più che adatto a formare artisti. Palermo
è piena di monumenti pubblici, di chiese, di monasteri, di palazzi,
fontane, statue, colonne: non tutto è bello, non tutto di secoli di buon
gusto; ma tutto è buono ad attestare che questo popolo ha amore alle
arti e genio di decorazione.

«Le acque sorgive vi sono abbondantissime, e non v’è rione che non abbia
le sue fonti, per lo più di marmo, tutte ornate di sculture, tutte
d’acque copiosissime».

Questo delle fontane è un ricordo prezioso per noi. Dentro e fuori la
città se ne incontrava sempre qualcuna. Due, per esempio, erano a Porta
Felice, addossate ai grandi pilastroni; due fiancheggiavano, come
vedremo in quella piazza, il teatro della musica alla prossima via
Borbonica (Marina). Tra la prima e la seconda casetta di questa via,
nello spessore della _cortina_ (bastione delle Mura delle Cattive) era
una ricca sorgente, alla quale andavano ad attingere gli acquaiuoli
ambulanti della passeggiata⁶¹, ed a fornirsi pei loro viaggi i legni
ormeggiati alla Cala, come quelli del Molo si fornivano alle due fonti a
lato dell’Arsenale. Ve n’erano a Porta Reale, a Porta S. Antonino. Con
premurosa curiosità additavasi quella nella quale in forma di sirena
l’innamorato Vicerè Marcantonio Colonna avea voluto ritratta la
indimenticabile Baronessa di Miserandino, che gli fece incontrare
avventure romanzesche. Dentro città, una piramidale eravene nel piano
del Carmine (1795); una in quello del Monte di Pietà; altre sotto lo
Spedale di S. Giacomo, alla Fieravecchia, nel piano della Conceria,
nella piazzetta di S. Francesco, alla Bocceria, dietro le regie Carceri.
Eccellente reputavasi l’acqua di Vatticani, nel Cassaro, e l’acqua del
Garraffello, presa a tipo di leggerezza e freschezza in Palermo, a
termine di paragone in tutta Sicilia. E chi lo ignora? Essa a quanti ne
bevevano dava come il battesimo della scaltrezza e della avvedutezza dei
Palermitani. La sua fama giunse fino alla Corte di Napoli; quando questa
giunse a Palermo, volle esserne servita nei caldi giorni di estate,
mentre dell’acqua pretoria beveano abitualmente molte famiglie nobili, i
cui servitori in lucide mezzine di rame andavano a provvedersene all’ora
del desinare.

  ⁶¹ Vedi il cap. _Marina_.

Cent’anni dopo, molte di queste acque, già proprietà del Senato, erano
parte per vicende telluriche o per appropriazioni indebite scomparse,
parte per dichiarazione dei batteriologi inquinate!

Torniamo ai viaggiatori.

Pel naturalista tedesco Stolberg, «mediocremente larghe sono le vie del
Cassaro e Macqueda: e sarebbero belle se gli abitanti delle case fossero
eletti. Ogni apertura ha il suo balcone a ringhiere ferrate, le quali
danno alle vie un aspetto tutt’altro che bello, specialmente se lavorate
con poco gusto. In certe strade larghe ci si sta come in gratelle di
ferro»⁶².

  ⁶² _Graf zu Stolberg_, _Reise in Deutschland, Schweitz, Italien und
     Sicilien_, III, p. 521. Königsberg, 1794.

Ad un connazionale dello Stolberg, non pur le ringhiere, ma anche
l’architettura delle chiese, le variopinte decorazioni delle case a
colori stridenti sembrano meridionali⁶³; e ad un altro, tedesco
anch’esso, tutto si presenta diverso dal continente⁶⁴: un insieme
singolare e bizzarro, pieno «di vita e di operosità», un paese ove
«anche uno sguardo fugace vede il centro del benessere siciliano:... e
commercio ed arti»⁶⁵.

  ⁶³ _Kephalides_, _Reise in Italien und Sicilien_, p. 229. Leipzig,
     1818.

  ⁶⁴ _Tommasini_, _Briefe aus Sizilien_, p. 17. Berlin, Nicolai, 1825.

  ⁶⁵ _Bartels_, _op. cit._, III, 521.

«L’affabilità ed onestà dei Palermitani, peraltro, rende sommamente
gradito ai forestieri questo soggiorno»⁶⁶. Fatidica poi la previsione di
Houel: «Palermo diventerà una delle migliori città del mondo; l’Isola
della quale essa è Capitale, coltivata come un giardino, potrà essere la
più deliziosa abitazione della terra»⁶⁷. E già nel 1814, per Kephalides,
Palermo era «un vero paradiso!»⁶⁸.

  ⁶⁶ _De Saint-Non_, _Voyage pittoresque, ou Description des Royaumes de
     Naples et de Sicile_, I.re partie, p. 156. A Paris, MDCCLXXXV.

  ⁶⁷ _Houel_, _op._ e _loc. cit._

  ⁶⁸ _Kephalides_, _op. cit._, p. 221: «Wahrlich, Palermo ist ein
     Paradies».

La nostra passeggiata è andata troppo in lungo perchè ci sia consentito
di prolungarla dell’altro. Siamo a mezzogiorno, e si pensa a desinare.

Un’onda di forensi, chi a piedi, chi in carrozzelle, chi in portantine,
scende dai tribunali del Palazzo del Vicerè spargendosi per tutta la
città. Compiuta la _via crucis_ dei loro ammalati, i medici rincasano
stanchi delle sofferenze udite e viste. Scolari d’ogni età e d’ogni
disciplina, fornite le lezioni antemeridiane, si affrettano verso le
loro abitazioni. Le botteghe si chiudono, le strade si spopolano. Un
tedesco che le vide disse: «Come diventi il Cassaro, non può meglio
esprimersi, che paragonandolo alle nostre vie a mezzanotte».

La siesta dura ordinariamente due, tre ore, nelle quali ognuno schiaccia
il sonnellino pomeridiano principiando dalla primavera e finendo
all’autunno ed anche più in là; gli ecclesiastici, dal 3 Maggio al 14
Settembre, ricorrenze commemorative della Santa Croce consacrate nel
detto: _A Cruce ad Crucem._

Poco dopo le vent’ore (4 prima dell’Avemmaria) tutto torna
all’ordinario; il movimento si riattiva, si ripopolano le vie; fanciulli
e giovani raggiungono le loro scuole e, se di vacanza, le _ville_ delle
pie congregazioni alle quali sono ascritti⁶⁹.

  ⁶⁹ La Villa Filippina dei padri dell’Oratorio di S. Filippo Neri,
     rimpetto il convento di S. Francesco di Paola; la Villa di S.
     Giuseppe e poi la Villa di S. Luigi, a pochi passi da questa; la
     Villa delle Teste e quella della Sacra Famiglia presso il Ponte
     dell’Ammiraglio; la Villa di San Carlo.

In estate, si va alla Marina.

Noi la vedremo più innanzi questa Marina deliziosa; qui non vogliamo,
con una pallida descrizione, sfruttarne l’entusiasmo.

Vediamo, invece, la città di sera.

L’orologio di S. Antonio batte la castellana (due ore dopo l’Avemmaria).
Una volta questo segno imponeva agli artigiani la chiusura delle
botteghe; ora (1787) lascia ad essi le facoltà di tenerle aperte:
indizio della lenta evoluzione dei pubblici costumi⁷⁰.

  ⁷⁰ Dall’anno 1787 in poi.

Le porte della città si chiudevan tutte; ma gli abitanti de’ sobborghi
ne soffrivano disagio: e più volte ebbero a muover lagnanze al Pretore
contro la vieta pratica, che li condannava a rimaner fuori quando avean
bisogno di entrare; e viceversa. Tra le lagnanze più insistenti eran
quelle degli abitanti presso S. Teresa, i quali domandavano che Porta di
Castro, almeno fino a due ore di sera, rimanesse aperta, come gli altri
di fuori Porta di Termini (oggi Garibaldi), insistevano perchè
l’apertura si protraesse tutta la notte⁷¹.

  ⁷¹ _Provviste del Senato_, a. 1781-82, p. 114; a. 1784-85, p. 257.

Il Senato concedeva l’uno e l’altro, e S. E. ordinava guardiani _ad
hoc_⁷².

  ⁷² _Provviste del Senato_, a. 1784-85, p. 441.

L’appetito viene mangiando: e quei di S. Teresa, «non contenti delle due
ore, chiedevano completa libertà di entrata ed uscita da Porta di Castro
di notte»; e poichè stavolta il Senato facea orecchie da mercante, il Re
emanava provvedimenti in proposito⁷³.

  ⁷³ _Provviste del Senato_, a. 1787-88, p. 248.

Porta Felice, spalancata di estate, si chiudeva a tarda sera d’inverno,
quando, cioè, l’orologio grande dello Spedale di S. Bartolomeo (S.
Spirito) sonava la mezzanotte, se pure l’orologiaio D. Francesco Melia
non pigliava un’ora per un’altra nel caricarlo⁷⁴.

  ⁷⁴ _Provviste del Senato_, a. 1790-91, p. 280.

Sul vecchio catenaccio di questa porta scherzavasi con l’indovinello
d’un poeta d’allora:

    Cu’ fu lu mastru quali fabbricau
    Lu catinazzu di Porta Filici?⁷⁵

  ⁷⁵ _Melchiore_, _Poesie siciliane, giocose, sacre e morali_, p. 71.
     Palermo, 1775.

La quistione delle Porte era grave, anche per l’ordine pubblico. Alcune
di esse costituivano un pericolo permanente per la morale e la igiene.
Porta di Termini, ad esempio, prolungandosi quanto l’androne sottostante
alla Congregazione della Pace, di giorno era popolata di ciabattini, ma
di sera, essendo al buio, diventava rifugio di malviventi. Porta S.
Antonino di Vicari formava un lungo tratto di via coperta, che era un
orrore. Erasi gridato a perdigola contro la indecenza di certa gente che
vi si andava a ridurre come a luogo innominabile; ma solo il 2 Gennaio
1789 il Vicerè si decise a farla finita. S. E. affidò al Principe di
Mezzoiuso l’incarico delle opere necessarie alla cessazione dell’indegno
spettacolo; ed il bravo Principe, senza pastoie di commissioni, senza
lustre di contratti, fece diroccare un pezzo del bastione, ricostruire
molto più ampia, in linea della via Macqueda, la porta, e nel nuovo
spazio di dentro ordinò botteghe, e di fuori fontane secondo
l’architettura della Porta Carolina (Reale).

Ma le porte non si toglievano; anzi le vecchie si rifacevano o si
rimettevano a nuovo⁷⁶.

  ⁷⁶ _Atti del Senato_, a. 1798-99, p. 168. Vedi inoltre un ms. del
     Principe Giuseppe Lanza di Trabia, 10 Gennaio 1797.

Meno le due vie principali, il piano del Palazzo, la via Alloro ed altre
di second’ordine, delle quali il Senato prendeva speciale interesse⁷⁷,
tenendovi fanali che anche oggi sarebbero singolare ornamento⁷⁸; la
maggior parte della città rimaneva al buio. Solo qualche rado lumicino e
la scialba luce delle lampade innanzi le edicole dei santi rompeva le
fitte tenebre delle viuzze e dei cortili quando la città era immersa nel
silenzio della notte⁷⁹; e se un improvviso lume guizzava, era fugace
come il passaggio d’un signore che, dopo una leziosa conversazione o una
disastrosa partita alle carte, frettolosamente rincasasse accompagnato
da lacchè con torce a vento o da un fedel servo col lampioncino acceso.

  ⁷⁷ _Teixejra_, _op. cit._, cap. XVI, § 204, scriveva nel 1793:
     «L’utile benefizio che da tutti si riceve (dalla notturna
     illuminazione) è la sicurezza nelle tenebre della notte, ove suole
     signoreggiare il delitto».

  ⁷⁸ Vedere i disegni fatti eseguire dal senatore Chacon, nel 1747.
     Benchè nell’Archivio Comunale non abbiamo trovato una pratica sulla
     illuminazione anteriore al 1818, pure degli appalti per le due vie
     principali se ne facevano; e negli _Atti del Senato_ del 1783-84,
     p. 132, ve n’è uno concesso a Domenico Calabrese.

  ⁷⁹ Questo silenzio era, una volta la settimana, a quattr’ore di notte,
     rotto da un generale scampanio delle chiese della città, in
     commemorazione del tremuoto del 1693. Lo volle abolito nel 1834 il
     Granduca Leopoldo di Borbone.

Preceduta da un «_cavarretta_», che rischiarava strade e viuzze⁸⁰, la
ronda andava in giro. Ogni persona dubbia che incontrasse, la ronda la
fermava, ed il cavarretta con la sua lucerna fissavala di sorpresa. Per
poco che un sospetto cadesse su lei, veniva tratta in arresto.

  ⁸⁰ _Cavarretta_ significò in origine carcere nel castello di Taormina,
     secondo Ugo Falcando. Nel sec. XVIII significava colui che nella
     ronda portava la lanterna. _Alessi_, _Aneddoti della Sicilia_, n.
     127. Ms. Qq H. 47 della Biblioteca Comunale di Palermo.

Una canzone, nata e cantata nel Luglio del 1774, ricorda la severa
pratica:

      Pigghiannu la lanterna
    Mittennula a la facci,
    Chiddu chi ’un avi ’mpacci,
    Già vota e si nni va.

La qualificazione di _porta-lanterna_ anche oggi viene applicata al più
spregevole aguzzino, e, per traslato, a chi commette azioni birresche.

La oscurità non poteva non favorire anche il mal costume, fomentato
soprattutto dall’eterno bisogno. Dove quella era più fitta, quivi si
raccoglievano male femine, delle quali era una vera falange. Nel rione
dell’Albergaria esse infestavano luoghi reconditi, attiratevi
specialmente dalla vicinanza dei quartieri militari. Il vicolo degli
Zingari, presso Porta di Castro, parla ancora. In tutta la città però
queste sacerdotesse di Venere si raccoglievano all’ombra delle
conniventi _pinnati_⁸¹, numerosissime anche dopo il provvido _repulisti_
che ne fece, Pretore il Regalmici, la Deputazione delle strade⁸², e per
vecchio costume riducentisi in que’ posti del Cassaro che agevolavano le
fermate e ne proteggevan le clientele; onde il titolo di _cassariote_
col quale le vedremo⁸³.

  ⁸¹ _Pinnata_, tettoia o gronda sporgente dai muri degli edificî e
     delle case nelle vie.

  ⁸² Il dì 26 Maggio 1783 «la Deputazione delle strade, protetta dal
     Vicerè, mandava buon numero di manovali e di fabbri ferrai, i quali
     alla militare assaltarono contemporaneamente tutte le piazze di
     grascia della città ed altre contrade e vie nelle quali sono
     botteghe di venditori di annona, e riformano in guisa da ridurre a
     soli quattro palmi di larghezza le _bancate_ (banconi) e le tettoie
     che contro le leggi civiche sporgono. Senatore è Gaetano Cottone,
     Principe di Castelnuovo. _Villabianca_, _Diario_, in _Biblioteca_,
     v. XXVIII, p. 72.

  ⁸³ Vedi il Cap. _Oziosi e Vagabondi_.



                            _Capitolo III._


   _PULIZIA E CONDIZIONI IGIENICHE DELLA CITTÀ; BANDI DI PALERMO!..._

Una delle ultime forme, e forse l’ultima, di quella specie di _magna
charta_ della pulizia urbana, che nel suo complesso organico apparve nel
1782⁸⁴, sul finire del secolo ammoniva gli abitanti di Palermo de’ loro
doveri «per il mantenimento e limpidezza delle strade di questa città e
suo territorio».

  ⁸⁴ _Bando, e comandamento d’ordine dell’Ecc.mo Signor D. Domenico
     Caracciolo, Marchese di Villamajna ecc. a petizione ed istanza
     della Deputazione eretta da S. M. (Dio guardi) nell’anno 1739 per
     il mantenimento, e limpidezza delle strade di questa città, e suo
     Territorio_ (in fine, p. XXVIII): _Palermo, die 3 augusti 15 ind.
     1782_.

     Ne abbiamo preso copia nella Biblioteca dell’on. Principe Pietro
     Lanza di Trabia.

Il 22 aprile del 1799, infatti, con tanto di _visto_ del Principe di S.
Giuseppe sindaco, veniva bandito un lunghissimo ordine regio pel decoro
e la nettezza della Capitale e per la salute dei suoi abitanti.

Chi ne scorra oggi i cento e più articoli, non può non riconoscervi un
documento di civiltà moderna: e vorremmo tutto metterlo sotto gli occhi
del lettore se dal farlo non distogliesse la soverchia lunghezza di
esso.

Nella impossibilità materiale di riportarlo nella sua interezza, noi
dobbiamo contentarci di un magro spoglio delle cose più utili a far
conoscere usanze inveterate, e, con esse, condizioni topografiche,
interne ed esterne della città, in mezzo alle quali si movevano padroni
e servi, venditori e compratori, pedoni e cavalieri, femmine e donne; e
carrettieri e vetturali e boari e panicuocoli e fabbriferrai e
fallegnami e rigattieri e perfino cenciaiuoli e spazzaturai.

Il dettato del bando conserva l’antica nomenclatura, dal popolo così
bene intesa, specchio fedele di quella lingua mezzo siciliana, mezzo
italiana, nella quale esso venne originariamente composto.

A quello tra’ lettori che non tutto potrà comprendere, gioveranno senza
dubbio le spiegazioni intramezzate al testo; ma forse non basteranno,
perchè troppo di dialetto e di antiche istituzioni locali, non a tutti i
Siciliani d’oggi note, risentono questi documenti, avanzo d’un tempo oh!
quanto diverso dal nostro.

Cominciamo la lunga rassegna.

D’ordine del Vicerè e ad istanza della Deputazione per le strade si
ordina:

«che nessuno, e specialmente padroni di botteghe e conduttori, possa
piantare focolai in mezzo le strade, dentro o fuori città, senza
licenza, per non dare incomodo al pubblico passaggio; e caso mai, il
cufolaio (_focolaio_) non sia più di palmi due, appoggiato al muro delle
botteghe proprie e non già in mezzo le strade; che nessuno getti fuori
di casa immondezze (_spazzatura_), che la sterratura ed altro materiale
di fabbricatura sia portato in luogo designato fuori città, senza
seminarlo per istrada, sotto pena di doverlo riprendere; che i fumalori
(_spazzaturai_) che raccolgono immondezze, non debbono sporcare le
strade; che ogni persona che abbia casa, debba ogni mattina scopare
innanzi di essa la polvere, di estate, innaffiando, e il fango
d’inverno, fin mezzo la strada raccogliendo in monzelli (_mucchi_)
quella roba ad un lato della rispettiva casa o bottega fuori la
rispettiva sponda delle abitazioni senza impedire il passaggio, così
come con le immondezze interne, che poi dai soliti animali per le
immondezze possono essere portati; ma, in ragion dei bandi 10 ottobre
1747, 20 novembre 1751, 18 aprile 1757, 12 settembre 1775; che nessuna
persona possa gettar dalle finestre, balconi, aperture, porte, acqua
lorda, di bagni, orina, bruttezze, immondezze ecc. di giorno e di notte;
che le bancate, pinnate di botteghe, caciocavallari, fogliajoli,
mercadanti, drappieri⁸⁵, pannieri, orologiari che sono oltremisura siano
ridotte alla misura voluta, di palmi 4 la pinnata, 2 palmi la bancata;
che non si lascino di notte fossi praticati di giorno».

  ⁸⁵ _Bancate_ ecc., i banchi, le tettoie delle botteghe, i
     pizzicagnoli, i venditori di verdure, i mercanti, i venditori di
     tele, drappi ecc.

Contro l’ingombro delle vie:

«E perchè li costorieri (_sarti_), spadari, cappellieri, scarpari,
scrittoriari (_moganieri_), maestri d’ascia d’opera gentile e opera
grossa, bottegai (_fruttivendoli_), venditori di qualunque genere di
comestibili ed altre persone di qualsiasi mestiere ed arte, anche quelli
che non hanno bottega, si mettono tanto nella strada Toledo e Macqueda,
quanto nell’altre strade e nelli luoghi pubblici di questa città e
sobborghi con sommo detrimento, con sedili, percie, rastelli, cartelli,
cannestri, boffette⁸⁶ ed altri, con le quali si viene ad impedire il
pubblico passaggio alli cittadini, con qualche pericolo, e
particolarmente nel Cassaro di questa città, ove vi è la frequenza delle
carrozze, talmente che non si può sopra la sponda seu catena della
strada Toledo e Macqueda nè per altre strade camminare.... così vien
fatto divieto che più oltre si continui con questi abusi».

  ⁸⁶ _Percie_, ecc., appendi-abiti, rastrelli, corbe, canestre, tavoli.

Assoluta è la proibizione che si occupi in un modo o in un altro il
suolo pubblico:

«I venditori sia per giuoco di cannamelli o di granata, o di miele
d’apa⁸⁷ o venditori di fichi d’India che non si possano situare nel
Cassaro o Strada Nuova, Quattro Cantonieri, piano della Corte, Piano
delli Bologni e della madrice Chiesa, siano obbligati tener limpie e
nette così delle foglie di dette cannamele, delli sopravanzi delli
granati, delle scorze di fichi d’India ed altre immondezze, che facciano
li suddetti venditori nelle banchette del Cassaro e Strada Nuova, purchè
non impediscano il passaggio al pubblico in quelle parti ove saranno
dalla Deputazione per le strade situati; come pure li venditori di fichi
d’India, che vanno camminando per la città con le cartelle (_corbe_),
non possono fermarsi in nessun luogo portando con essi altra cartella
per cogliere le scorze di detti fichi, e questo per non sporcare li
luoghi, strade e fontane pubbliche; come pure lo stesso si proibisce
alli venditori di celsi neri (_gelse more_).

  ⁸⁷ Cannamele, melagrane, dolciumi.

«E più essendosi osservato che tanti tengono nelle strade, avanti le
loro rispettive porte, delle mangiatoie per cavalli, asini, muli ed
altri animali, con grave pericolo ed incomodo di chi passa, si ordina
che fra il giro di giorni 15 dalla pubblicazione del presente bando si
debbono disfare».

E per altre maniere d’ingombri delle vie:

«Avendosi osservato la mostruosità delli venditori di robbe, che si
situano nelli Quattro Cantonieri di questa città, con perdersi la
visuale di quel bellissimo ornamento, come di essere di impedimento al
pubblico passaggio; per tanto si ordina, provvede e comanda che nessun
venditore di qualsiasi robba abbia in avvenire da pratticare detta
vendizione o situazione di robbe per venderle, come quelle portarle in
altri luoghi e per tutto il Cassaro e Strada Nuova⁸⁸.

  ⁸⁸ Intendi che si debbano vendere in altri luoghi che non siano i
     Quattro Canti, od anche camminando per il Cassaro e la Strada
     Nuova, senza però fermarsi in un posto.

«Nessuna persona possa fare ascare (_fendere_) legni, nè scaricare
qualunque sorta di robba, ferro ed altro sopra le strade balatate
(_lastricate_) di questa città; come pure non accendere, nè fare
accendere fuoco per non devastarsi le dette strade balatate».

Tra le altre disposizioni, ve n’è una che permette ai chiodaiuoli di
piantare le loro tende e fucine solo nella Piazza Marina, rimpetto alla
Vicaria, nella piazzetta della Chiesa di S. Sebastiano, e sotto gli
archi di S. Giuseppe dei Teatini, nell’attuale via Giuseppe D’Alesi.

Un’altra vieta ai carri da buoi carichi di pietre di passare per la via
del Borgo, dal ponte di S. Lucia a Porta S. Giorgio, perchè la
renderebbero impraticabile e guasterebbero i fossati del Bastione presso
quella porta; e indica la via da tenere, per la cui manutenzione i
padroni di carri si erano obbligati con atto notarile.

«Si è osservato che altrettanta mostruosità apportano ed impedimento al
pubblico passaggio l’essere collocati nelli Quattro Cantonieri sino alla
punta delle banchette le sedie portatili (_portantine_), essendo anche
causa di perdersi detta visuale ed impedimento al pubblico passaggio;
intanto si ordina che d’oggi innanti le suddette sedie si dovessero
situare e collocare in dette Quattro Cantonieri e nella Strada Nuova e
nel muro della Chiesa dei PP. Teatini una dopo l’altra in fila, con
lasciare libero il passaggio su la sponda, _seu_ catena, per il commodo
del pubblico. Siccome anche tutte l’altre sedie nel Cassaro e Strada
nuova avessero da praticare lo stesso».

Non era vigilanza che bastasse ad infrenare cocchieri e portantini,
abituati a qualunque abuso, e coloro che si lasciavano condurre in
carrozza o in sedia volante.

Perciò provvedimenti richiamati in vigore dalla Deputazione per le
strade fanno fede che nel sec. XVIII, come, del resto, nel XIX e nel
neonato XX, certe pratiche persistevano inalterate. Un bando di
quattr’anni prima, che è uno dei tanti sui medesimi inconvenienti, suona
così:

«Che i conduttori di bestie da soma entrando in città camminino e
conducano a mano o per le redini le rispettive vetture.

«Che ogni carrozza che cammina [non] si fermi a capriccio o col pretesto
di volere o il padrone o il cocchiere discorrere con altri.

«Che nel passeggio della Marina si vada in più di due file di carrozze e
sedie volanti, dovendosi lasciare vacuo il centro o mezzo per libertà di
S. E.»⁸⁹.

  ⁸⁹ Bando a stampa di D. Filippo Lopez y Royo, Pres. e Cap. G.le del
     Regno, in data del 21 Ottobre 1795.

L’abate Cannella, che l’avea contro Mons. Lopez, avrebbe potuto
applicare a lui l’eterno rinfaccio del _Cicero pro domo sua_.

E di vero, il vanitoso Presidente non pensava se non alla sua libera
passeggiata nello spazio libero tra le due file di carrozze; pure
stavolta il Lopez riproduceva _sic et quatenus_ gli ordini dei suoi
predecessori.

La malattia delle fermate nel Cassaro è antica quanto la carrozza e la
portantina, quanto lo spagnolesimo, quanto lo spirito aristocratico,
potremmo anche dire quanto il comodo umano. Un bando del Vicerè Niccolò
Pignatelli, Duca di Monteleone, ordinava nell’Agosto 1720 «che nessuna
carrozza, sterzino o sedia volante possa fermarsi al Cassaro o alla
Marina durante il passeggio; e chi voglia fermare qui a sentire la
musica deve mettersi in una delle due file rimanendo quella di mezzo pel
libero passaggio del Vicerè»⁹⁰. — Proprio come nell’anno 1775, quando il
secondo Marcantonio Colonna richiamava in vigore la medesima
disposizione⁹¹; proprio come nel 1795!

  ⁹⁰ _Miscellanea di Bandi_, t. I; nella Biblioteca Comunale di Palermo,
     segn. 2. Qq. 7.94.

  ⁹¹ Bando viceregio a stampa, in data del 18 Febbr. 1775.

E non diverse le pene ai contravventori, anzi più gravi delle solite: «I
cocchieri, la frusta e quaranta sferzate o zottate del carnefice sopra
un cavalletto nella piazza Vigliena; i padroni, la multa di onze cento o
la perdita istantanea con la vendita irremissibile nella medesima piazza
della carrozza, o calesse, o biroccio, o corso, o tariolo»⁹².

  ⁹² Bando cit. del Lopez, 21 Ottobre 1795.

Le provvide ordinanze di pulizia pubblica, richiamate in vigore nel
1799, trovavano compagne non meno provvide contro tutto ciò che potesse
anche lontanamente nuocere al comodo ed al decoro della città. Assidue
le cure che il Senato prendeva degli alberi copiosi e folti ond’eran
pieni e ornati i dintorni di essa; incessanti le premure di accrescerne
il numero e la estensione fin dove gli espedienti finanziarî e la natura
del suolo il consentisssero: onde il proponimento di piantarne nella
montagna di Gallo, che si vagheggiava d’imboschire⁹³. Guardie all’uopo
destinate ne avean la custodia; carrettieri con botti, l’annaffiamento;
frati di varî ordini, la potagione⁹⁴. In casi rari minacciavasi e
senz’altro applicavasi la pena dell’esilio a chi si permettesse di
metter la mano devastatrice sopra uno di quegli alberi⁹⁵.

  ⁹³ _Giornale di Sicilia_ del 12 Agosto 1794.

  ⁹⁴ Ai Cappuccini i superbi alberi della via di Mezzomorreale (corso
     Calatafimi); agli Antoniniani, quelli dello stradone di S. Antonino
     (corso Lincoln); ai Minimi, quelli di fuori di Porta Macqueda e
     Porta Carini. Vedi _Provviste del Senato_, a. 1793-94, p. 452;
     _Atti_, a. 1791-92, p. 146. — _Sala_, _Dimostrazione dello Stato
     del patrimonio di Palermo_, p. 214. Ms. dell’Arch. Com. di Palermo.

  ⁹⁵ _Atti del Senato_, a. 1777-78, p. 205.

La seguente ordinanza dimostra quale senso di estetica e di igiene fosse
negli antichi amministratori del Comune:

«Osservandosi da questa illustre Diputazione delle strade, che di giorno
in giorno vanno mancando e seccando gli alberi di pioppi, olivi ed
altri, piantati nelle strade che conducono da Porta S. Giorgio sino al
Molo e sino al Ciardone, per dare non meno il comodo a’ cittadini di
passeggiare ne’ tempi caldi e di rendere vieppiù magnifica la strada,
per causa che li padroni delle case, casini, luoghi od abitanti di essa,
in mille modi e maniere artificiose, li fanno desiccare e recidere e
scorticare; quindi la Diputazione, volendo ciò evitare, si è rivolta al
Re, il quale ha ordinato gravi pene pei trasgressori chiamando
responsabili i proprietari delle case e casine vicine e obbligandoli a
ripiantare il doppio degli alberi recisi, spiantati, scorticati,
mircati, scomparsi».

Gli ordinatori della pulizia urbana del sec. XX non sanno che la
esperienza del passato era stata guida di coloro che prima, assai prima
di loro, avevano studiato argomento così multiforme, ed importante per
la vita pubblica e privata. Eppure essi non hanno se non ripetuto
inconsciamente quello che avevano detto e fatto i nostri vecchi. La
esperienza è maestra: e la esperienza aveva insegnato quanto gravi
fossero le conseguenze di una dimessa pulizia stradale ed a quali
pericoli si esponessero gli abitanti trascurandone certi particolari
apparentemente frivoli. Chi presume il contrario, sconosce la vita di
casa sua, che è vita di quella grande famiglia che è la patria.

E poichè pulizia ed igiene si danno la mano, gli Archivi della città e
dello Stato ci offrono altre disposizioni acconce alla tutela di questa.
Ma per poco che voglia farsene la rassegna, si resta non solo confusi al
numero di esse, ma anche disillusi della vantata nostra sapienza del
genere.

Nel periodo che ci sforziamo d’illustrare sono disposizioni di tempi
anteriori. Ne rileviamo due, documenti della saviezza di molte altre.

Un nuovo bando del Pretore Marchese di S. Croce ordinava la buona
qualità del tabacco (1785). Altro se ne rinnovava ogni anno per le
modalità della immersione dei lini e del canape nei fiumi e pel seminato
dei risi.

Tanta ragionevolezza di provvedimenti, se ben seguita, avrebbe dovuto
far di Palermo una delle più pulite città d’Europa; ma, purtroppo, non
era così. La Capitale dell’Isola era molto lontana da ciò che il suo
magistrato si sforzava di avere. Ci sarebbe da giurare che tutti
gl’inconvenienti previsti, tutte le imitazioni designate, tutte le
licenze minacciosamente vietate, eran pratiche d’ogni giorno, d’ogni
ora. Oh! è proprio il caso di esclamare: _Bandi di Palermo e privilegi
di Messina!_ Solo a fermarsi sulla tanto desiderata nettezza delle
strade c’è da arrossire.

D’inverno le vie eran piene di mota; d’estate, di polvere. In una
solenne adunanza dell’Accademia del Buongusto nel Palazzo del Principe
di S. Flavia, in onore del Marchese di Regalmici, Onofrio Jerico
conchiudeva con questa spiritosa sestina una sua laude al riformatore
energico della città:

      Dixi. Però ’na grazia v’addimmannu:
    Com’ ’un aju carrozza e vaju a pedi,
    Vurria li strati netti tuttu l’annu.
    O fangu, o pruvulazzu chi arrisedi
    Sfascia li scarpi, allorda li quasetti,
    E in procintu di càdiri mi metti⁹⁶.

  ⁹⁶ Ms. Qq. D. 102, p. 69 della Biblioteca Comunale.

A qualche cosa il Senato rimediava con la famosa botte di Giacona, che
dal 1746 offriva un modo pratico d’annaffiare le vie: una botte sopra un
carro, che al davanti avea un mulo, e di dietro, con le spalle al carro
medesimo, un uomo il quale, cianchettando ritroso, veniva dimenando a
destra ed a sinistra un grosso tubo di pelle sulla molesta polvere.

Povero Giacona! Il pubblico ingrato tradusse la tua manichetta in un
gesto somigliante a quello dell’annaffiatore, e in un motto che non
risponde alle tue ingegnose intenzioni, per le quali un annuale servizio
di 70 onze potò esser compiuto con sole 40!⁹⁷.

  ⁹⁷ _Pitrè_, _Usi e Costumi_, v. II, p. 370-71.

Secondo un’antica ordinanza, passata in uso, ogni popolano ripuliva al
far del giorno il tratto innanzi all’uscio di casa sua, come ogni
mercante del Cassaro quello innanzi il suo negozio.

Goethe però il 5 Aprile del 1787 se la pigliava con un merciaiuolo, e
per esso coi Palermitani, «che lasciavano ammucchiare, diceva lui,
innanzi lo botteghe tante immondezze⁹⁸, che poi il vento ritornava alle
botteghe medesime»; ed il merciaiuolo, malizioso, gli faceva osservare
che «coloro ai quali spettava di provvedere alla pulizia aveano grande
influenza, e non si riusciva ad obbligarli a fare il loro dovere. Se si
sgombrasse, aggiungeva, tutta quella lordura, verrebbe in luce lo stato
miserando del sottostante selciato, e si scoprirebbero le malversazioni
della loro disonesta amministrazione» (Oh! come il mondo è sempre lo
stesso!).

  ⁹⁸ È curioso che l’usanza lamentata da Goethe fosse una antica
     disposizione del Senato consacrata nei contratti di appalto della
     spazzatura. Si prescrivea che le immondezze spazzate venissero
     raccolte a mucchi, con l’intendimento che poi dovessero portarsi
     via. Vedi il _Contratto_ citato nella nota 3 di questa pagina.

Concludeva poi scherzando: «le male lingue dicono essere la nobiltà
quella che favorisce questo stato di cose, affinchè le carrozze, andando
di sera alla passeggiata, possano proceder senza scosse, sopra un
pavimento meno duro»⁹⁹.

  ⁹⁹ _Goethe_, _op. cit._, lett. cit.

Ma quel merciaiuolo se non conosceva la storia del suo paese, se non
sapeva che già fin dai primi del quattrocento esistessero disposizioni
per la pulitura delle vie, se ignorava che nel 1600 il Comune avea dato
in appalto lo spazzamento ed annaffiamento giornaliero delle varie
strade e piazze¹⁰⁰; poteva almeno dire a Goethe, cosa della quale egli
era testimonio, che otto anni innanzi (7 Ag. 1779) si era concertato la
spazzatura del Cassaro e della Strada Nuova in una maniera più
rispondente allo scopo. Poteva fargli osservare che certi carrettieri
aveano impegnata con gli ortolani la spazzatura; anzi, come s’è visto in
principio di questo capitolo, per antico decreto del Senato, le bestie
da soma che entravano in città cariche di ortaggi non potevano uscirne
senza la spazzatura delle famiglie, tanto nociva alla pubblica salute
quanto utile alla agricoltura¹⁰¹; e che i padroni delle botteghe
pagavano un bajocco (cent. 4) l’uno, per due spazzate la settimana,
fatte da 20 forzati. Poteva anche soggiungere, ed egli doveva saperlo di
preferenza, che per quanto il Senato facesse e nel Cassaro e nel Piano
della Martorana lastricando, ripulendo, non riusciva mai a sbarazzare la
immensa mota che le piogge continue vi producevano: difetto comune ad
altri punti della città, ed alla Marina particolarmente¹⁰².

 ¹⁰⁰ _R. Starrabba_, _Contratto d’appalto_ ecc. in _Archivio stor.
     sic._, nuova serie, a. II, fasc. II, pp. 204-9, Pal. 1877.

 ¹⁰¹ _Capitoli del Senato_, t. II, f. 406; ms. dell’Archivio Comunale. —
     _Teixejra_, _op. cit._, cap. XIII, § 191.

 ¹⁰² _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XXVI, p. 372; v. XXVII, p.
     436.

Quando il Presidente Lopez ordinò delle spazzate periodiche, il Senato
non potè se non tornare a destinare una somma _ad hoc_ per l’avvenire,
ed affidare a «partitarî» questo servizio per le vie principali e per
una volta la settimana¹⁰³.

 ¹⁰³ Bando a stampa del Presidente del Regno, del Marzo 1797. Vedi
     _D’Angelo_, _Giornale_, pp. 137-38; _Villabianca_, _Diario_ ined.,
     a. 1797, pp. 115-16.

D’altro lato, bisogna esser logici. Il merciaiuolo di Goethe doveva
sapere qualche cosa, se con un forestiero a lui sconosciuto si apriva
intorno ad una pubblica accusa contro coloro ai quali incombeva la
sorveglianza della pulizia della città; altrimenti conviene ammettere la
solita malevolenza palermitana verso i Palermitani. Chi saranno stati i
malversatori aventi l’interesse di non far vedere le reali condizioni
del pavimento stradale? «I partitarî (appaltatori) delle strade o i
deputati alla nettezza», potrebbe dirsi; ma chi può affermarlo con piena
coscienza? Una sola rivelazione ci giunge per mezzo dei diaristi del
tempo, ed è: che i «maestri di mondezza» (sorvegliatori di pulizia
stradale) non erano immuni da colpe a danno del paese. Forse per loro
oscitanza, forse per delittuosità, questi maestri venivano dalla voce
pubblica accusati di corruzione; se no, come spiegarsi la sordidezza
delle strade ed il lezzo delle carogne di cani e di gatti?

È vero che questo inconveniente non era nuovo; ma gli spazzini addetti a
sì bassi servigi, portavano legati alla cintura degli uncini di ferro
coi quali rimovevano i ributtanti ospiti.

Stanco di tante porcherie un giorno il Senato mandò a spasso questi
inutili o disonesti «maestri»: e senz’altro ne abolì l’ufficio;
contemporaneamente provvide alla pulitezza ed al decoro della città con
una Deputazione di nobili, la quale con ufficiali adatti rispondesse
alla bisogna¹⁰⁴. E così fu fatto.

 ¹⁰⁴ _Villabianca_, _Diario_ ined., a. 1793, pp. 22-23.



                             _Capitolo IV._


                          _SENATO E SENATORI._

Magistrato supremo della città, il Senato mareggiava tra le
giurisdizioni ed i privilegi che re e vicerè per volger di secoli avean
profuso su di esso.

Grande di Spagna di prima classe, il Pretore procedeva a sinistra del Re
e gli stava di fronte, a capo coperto, nelle cappelle reali. Generale di
cavalleria, esso avea il comando supremo di tutte le truppe cittadine.
Alle opere filiali del Senato era preposto e sovraintendeva con vigile
cura. La Tavola o Banco, fondazione del Comune, avea in lui il
mallevadore de’ capitali privati; in lui il tutore supremo il Monte di
Pietà; lui avea capo la Deputazione di salute, ond’egli traeva facoltà
di accordare o negare libera pratica a chi giungesse per mare a Palermo,
basso o alto che fosse e di qualsivoglia autorità investito. Mentre vi
era un Protomedico del Regno, il Pretore era Protomedico della Capitale
con poteri amplissimi sulla pubblica salute e sugli uomini ai quali era
essa affidata, sulla igiene e sulla pulizia urbana.

Talvolta egli avea potestà anche criminale, rappresentando l’antico
baiulo.

Nelle quattro grandi processioni e fiere dell’anno, il medesimo Pretore,
accompagnato da un giudice della sua Corte, girava togato per le strade
reggendo in mano il bastone, emblema di giurisdizione per la quiete del
popolo. Gli eruditi scoprirono «l’uguale meccanica scritta nella romana
Istoria e praticata dai consoli e pretori romani»; come un quissimile
degli antichi littori precedenti i consoli vedevano nei contestabili che
nelle pubbliche funzioni recavano il bastone sormontato dall’aquila.
Tutti ne sapevano qualche cosa; ma sopra tutti D. Pietro Teixejra,
storiografo del Senato¹⁰⁵.

 ¹⁰⁵ _Teixejra_, _op. cit._, §§ 305 e 349. Correggendo le stampe di
     questo capitolo, ci cade in acconcio far menzione di un
     bell’articolo di _F. Maggiore-Perni_: _Il Senato e
     l’Amministrazione municipale di Palermo dai tempi più antichi al
     1860_ (Pal. Lo Casto 1902).

Per queste ed altre eccelse facoltà, in bocca del Pretore posava la
sacra formola: _Do, dico, abdico._ Col _do_ esso concedeva ai giudici
della Corte pretoriana il modo di procedere nelle cause, come
l’eccezione ai rei e la possessione dei beni; nel _dico_ concentrava la
proibizione dei giorni di giudizio e la restituzione _in integrum_ per
le persone; nell’_abdico_ comprendeva il suo diritto in tutte le
cessioni sulla legge scritta: nella confisca dei beni, nella vendita di
essi all’incanto e via di seguito¹⁰⁶.

 ¹⁰⁶ _Teixejra_, _op. cit._, § 310.

Dal quale diritto traeva lume e forza quello civile e criminale che egli
esercitava sulle carceri del Palazzo pei trasgressori delle ordinanze e
dei bandi senatorii e le ingiunzioni al capo di Castellamare nel
ricevere questo o quel reo di ceto nobile o civile.

Se questo pare troppo, si pensi che v’era anche dell’altro. Bagheria e
Parco eran terre soggette al Senato, che vi esercitava amplissima
giurisdizione per mezzo di persone di sua fiducia e da esso delegate.
Prima che Ferdinando venisse in Palermo, e pensasse a proclamare _città_
Partinico, ragione di lepido risentimento del Villabianca, che pur vi
avea tenute, anch’essa, questa terra, era pel mero e misto impero
soggetta al Pretore.

Ce n’era abbastanza, crediamo, per fare inorgoglire non che qualunque
patrizio il più modesto cittadino palermitano, che pur sapea di non
poter mai e poi mai aspirare, non diciamo alle sublimi sfere del
Pretorato, od a quelle alte del Senato, ma alle altre di ufficiale
nobile al seguito del Senato medesimo, pel quale un pezzo di blasone era
indispensabile.

Il rosso associato al giallo era ed è tuttavia il colore senatorio della
città; stemma pubblico: l’aquila d’oro in campo rosso; damasco cremisino
le sopravvesti dei contestabili; rosso il drappo delle vesti dei
mazzieri, sulle quali si disegnavano vaghissimi fiori d’oro¹⁰⁷; rosso
scarlatto e giallo la uniforme della fanteria e della cavalleria¹⁰⁸, e
rosso fiammante le livree dei sei paggi e dei sei cocchieri degli
equipaggi.

 ¹⁰⁷ Costavano fino a 120 onze! Vedi _Provviste del Senato_, a. 1779-80,
     p. 362, a. 1795-96, pp. 255 e 374.

 ¹⁰⁸ _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, XXVI, pp. 210-211.

Questo per coloro che circondavano il Senato; ma i singoli Senatori
nelle loro giornaliere funzioni indossavano ordinariamente «il vestito
alla francese in giamberga», come ci fa sapere il loro Cerimoniere¹⁰⁹;
nella mezza festa, toga semplice e cateniglia; nella grande festa, toga,
manica ricca e gioie.

 ¹⁰⁹ _De Franchis_, _op. cit._, p. 433.

Il Pretore dava la intonazione al Senato: e quando avea paggi suoi (e
raro è che non ne avesse), il colore della città veniva sostituito dalle
livree della sua famiglia. Questa, per la forma e pel colore, si
anteponeva talvolta a qualunque altra livrea, perchè indicava l’altezza
del casato. Ricordasi in proposito, per analogia di richiamo, che quando
il Principe di Paternò Moncada Capitan Giustiziere dovette recarsi nei
suoi stati in Sicilia, e trattenervisi alcuni mesi (1780), il Pretore
Regalmici ne ebbe la delegazione. Ora l’energico Marchese, zelando più
che l’amico assente, si affrettò a fare aggiungere alla Carboniera
ordinaria (la quale, come è risaputo, era il carcere di giurisdizione
del Pretore, dentro il Palazzo municipale) altra Carboniera per le
donne, ma non volle mai uscire a pubbliche comparse con gli ufficiali
vestiti in livree Paternoniane¹¹⁰.

 ¹¹⁰ _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XXI, 180; v. XXVII, 11-12.

La fanteria composta di trenta dragoni era a custodia delle dieci torri
di guardia del littorale (_torrari_); la cavalleria, di quaranta
soldati, sorvegliava le spiagge e segnava l’avvicinarsi di barche
sospette. Codesti eran detti «soldati di marina», e più tardi compagnia
o «milizia urbana», nome sfigurato oggi, con uno de’ _qui-pro-quo_ della
fortuna di cui il popolo possiede il segreto, in _truppa babbana_.
Questa milizia rappresentava la forza propria del Senato sotto un
comandante nobile (Sergente maggiore), un Capitano delle torri, un
Alfiere, un Tenente e varî caporali, tutte persone civili; ed ogni anno,
il 1º Maggio, veniva passata in brillante rivista. Carlo II nel 1695,
confermando il privilegio di questa milizia al Senato, dava ad esso
facoltà di assoldarne — in assenza del Vicerè — quanta per la sicurezza
del Palazzo senatorio e della lanterna del Molo gliene abbisognasse,
investendola dei medesimi onori e trattamenti delle truppe regolari
regie, con divisa, tamburi, armi, bandiera e stemma della città.

E qui cade acconcio un richiamo storico strettamente connesso col
privilegio di Carlo II.

Ciò che faceva il Senato facevano altri personaggi e comunità. La
Compagnia dei barrigelli di Butera era modellata su quella di Palermo,
benchè con iscopo un po’ diverso. Ventiquattro soldati dragoni con
insegne proprie, timpani e trombe correvano frequentemente una parte del
Regno con la medesima libertà e giurisdizione delle compagnie reali. La
Compagnia di San Cimino, dello stato di Monreale, mancava di stendardo,
ma non della facoltà de’ barrigelli di Butera: ed il Governo si serviva
di essa come di altre compagnie baronali per la tutela degl’interessi e
della sicurezza delle terre dei signori, quando le esigenze imponevano
estirpazione di banditi, soffocazione di tumulti, od altre gravi
pubbliche incombenze. Carlo VI riteneva potere con questo mezzo mettere
sul piede di guerra meglio che diecimila uomini¹¹¹.

 ¹¹¹ _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XXVII, 420-425.

L’uscita del Senato era uno spettacolo sempre pittoresco, che chiamava
sulle vie popolani e civili.

La compagnia dei carabinieri di cavalleria della truppa senatoria
precedeva con le spade sguainate alle mani: regia preminenza più volte
ritolta e ridata dai Vicerè. I contestabili, dalle larghe code, che
coprivano muli o cavalli, e dal cappello ad embrici, eran sempre i
servi, non sempre fedeli, dei loro Senatori.

Seguivano le tre carrozze del Senato. Di queste diremo particolarmente
più innanzi.

Il rullo cadenzato dei tamburi, lo squillo monotono delle trombe ne
annunziava il movimento. Quando l’alto Magistrato stava per entrare
officialmente in una chiesa, festevole era lo scampanio; quand’era alla
vista di un baluardo, spari assordanti d’artiglieria lo salutavano,
anche perchè il Pretore era Capitan d’armi o di guerra del Val di
Mazzara. Sforniti di cannoni i baluardi e scompigliate le Maestranze
armate, queste pubbliche dimostrazioni, gravose al Comune, dannose alle
fabbriche dei privati, cessarono. I cannoni che avrebbero dovuto servire
alla difesa della patria, servirono per aiuto del Borbone in Napoli.

Le pretese di distinzione si acuivano tra gli ufficiali del Senato. Gli
ufficiali nobili alzavano la cresta in faccia ai Senatori, non
intendendo subire gradazioni lesive della loro dignità. Gli ufficiali
civili li aizzavano facendo con essi quelle che si direbbero congiure di
palazzo.

Una volta per la festa del Corpus Domini il Pretore Duca di Castellana,
ammalato, delegò, consenziente il corpo del Senato, un senatore; i
giudici pretoriani si negarono a prestargli omaggio, e ne seguì un
litigio che si portò fino al Protonotaro del Regno¹¹². Il perno della
questione era questo: gli ufficiali nobili nelle processioni e in altre
pubbliche comparse del Senato devono andare a lato o dietro ai Senatori?

 ¹¹² _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XIX, pp. 284-85.

Il Cerimoniale dava ai Senatori facoltà di regolarsi come credevano; ma
gli ufficiali nobili non volevano riconoscere questa facoltà,
ritenendola arbitraria. I Senatori affettavano indifferenza e tiravan di
lungo; ma gli ufficiali sputavan veleno senza neppure ricordarsi della
benevola concessione fatta loro dal Senato d’un tappeto sotto le loro
sedie¹¹³; e tra il pretendere degli uni ed il rifiutarsi degli altri;
tra l’imporre di quelli e il disubbidire di questi, si giungeva per
lungo, eterno dissidio alla fine del secolo. Celebrandosi nel 1800,
presenti i Reali di Napoli, le funzioni della Settimana Santa, il ceto
civile faceva una tacita ma severa dimostrazione contro la senatoria
dignità: brillava per la sua assenza, come direbbe una frase moderna!

 ¹¹³ Il Teixejra ce ne dice anche la misura: tre palmi! stabilita dai
     _Capitoli del Senato_, t. III, p. 47.

Vecchio ed infermiccio, il Marchese Villabianca ne avea notizia fino a
casa, e nel suo _Diario_ consacrava questa nota, che nel decadimento
grammaticale accusa lo ingenuo sognatore del passato, il patrizio a cui
mancava la esatta visione del presente: «I paglietti hanno disdegno il
servire e corteggiare i magnati. Non v’è forma che questi benedetti
paglietti per la potenza che hanno nelle mani, di arrivare e conoscer sè
stessi, cioè la loro condizione, stato e differenza. La superbia e
l’orgoglio li mangia vivi»¹¹⁴. Eppure egli stesso negli anni passati
avea biasimato i suoi consorti e lodato le opere pubbliche dei
_poglietti_, tipo dei quali per amor patrio disinteressato il Presidente
Asmundo Paternò!

 ¹¹⁴ _Diario_ ined., a. 1800, p. 220.

Ma non ci occupiamo di queste miserie, quando ben altro abbiamo da
vedere.

Due delle tre carrozze del Senato erano veramente belle. Nella prima
andava il Pretore coi Senatori; nella seconda, altri Senatori;
nell’ultima, il Cerimoniere, il Segretario e qualche ufficiale nobile. A
volte nella prima entrava tutto il Senato; nella seconda, la sua Corte;
la terza procedeva vuota per rispetto.

Eccole queste magnificenze!

Montate su traini e sospese con solidi tiranti di cuoio sopra molle,
esse sono, all’esterno, ricche di dorature e di dipinti allegorici:
all’interno, fulgide per la tappezzeria di raso rosso. La maggiore di
queste carrozze somiglia a quella di Carlo X serbata ora al Trianon, ma
le ruote son cariche di sculture; e nello insieme ha una linea più
armonica di quella della vettura di Caterina di Russia (1773)¹¹⁵.

 ¹¹⁵ _Il Festino di S. Rosalia nel 1896 in Pal._, p. 3. Palermo, Virzì,
     1896.

Donde vengono queste carrozze?

Negli Atti ufficiali troviamo più volte cenno di carrozze pretorie.

Il più curioso è quello del 1789. S. M. accordò al Senato la carrozza
dell’abolito S. Uffizio contro il pagamento di onze 46¹¹⁶: il che
significa che il Senato prese od ebbe la carrozza, probabilmente di
gala, del grande Inquisitore, testimonio degli ultimi atti generali di
fede. La trasformazione degli stemmi fu presto fatta: alla croce
fiancheggiata dalla spada e dall’ulivo, col terribile motto: _Exurge,
Domine, et judica causam tuam_, venne sostituita l’ardita aquila
palermitana col classico S. P. Q. P.

 ¹¹⁶ _Provviste del Senato_, a. 1788-89, p. 112.

Tre nuove carrozze uscivano l’8 Maggio 1796, festa di S. Cristina. La
più bella tra esse attestava non la opulenza del Comune, ma la
generosità dei privati. La fecero a contribuzioni proprie il Pretore, i
Senatori, il Presidente del Regno ed i nobili, che con singolar
munificenza vollero sopperire a questo bisogno del Senato. «Quel Senato,
già così ricco e magnifico..., non ha come potere uscire a gala, e deve
comparire accattone e cercare la elemosina per farsi una carrozza!»,
mormorava con profonda tristezza dentro la Biblioteca del Comune P.
Giovanni D’Angelo; ed esclamava: «Tempi meschinissimi!... Io di questa
mendicità non voglio nè posso ricercar la cagione. La indaghino i nostri
posteri»¹¹⁷.

 ¹¹⁷ _Giornale_ ined., a. 1792, pp. 100-102.

Ma la ragione, se vogliamo indagare la reticenza, può per un momento
sospettarsi negli amministratori della città, i quali, perchè in alto,
venivano presi di mira da chi stava in basso. Bisogna chiudere gli occhi
alla luce per non vedere che, più che alla disonestà degli uomini,
convenisse guardare all’indirizzo economico dei tempi ed alle teorie
amministrative che conducevano a fatale rovina gli erarî civici.

La nuova carrozza pretoriana era quanto di più splendido avesse prodotto
la Sicilia dal dì che veicoli del genere erano stati tra noi costruiti.
I più esperti operai ed artisti vi avean lavorato a gara di delicatezza
e di maestria, e Giuseppe Velasquez ne coronò l’opera con disegni che
destavano l’ammirazione di tutti al vederla passare¹¹⁸.

 ¹¹⁸ Costò onze 1171, 16.

Il fastigio del Senato non poteva non far gola agli amministratori delle
opere filiali di esso, non nuovi alla dignità pretoriana o senatoriale.
In seguito a recenti elezioni, i nuovi eletti eran punti dalla bramosia
di andare a prender possesso solenne delle loro cariche nelle carrozze
del Comune. Una pompa come quella non era da disprezzare! Ed il Principe
Conte S. Marco, benchè avesse i suoi superbi equipaggi, la desiderò e la
chiese. «In considerazione del merito e della nobiltà di esso principe»,
il Senato chinava il capo.

L’esempio è contagioso: e quando, compiuto il biennio del S. Marco, il
nuovo eletto D. Francesco Statella, Principe del Cassaro, dovette far la
funzione del suo possesso, si ricordò con letizia della carrozza
officiale e la riconobbe adatta alla sua dignità. Il Senato, _obtorto
collo_, consentiva anche stavolta; ma scorso, per non offender tanto
signore, un mese, facea «un appuntamento col quale proibiva di potersi
in avvenire accomodare (_prestare_) le carrozze proprie di esso Senato
alle opere filiali per qualunque siasi funzione»¹¹⁹.

 ¹¹⁹ _Atti del Senato_, a. 1794-95, p. 110; a. 1796-97, p. 78; a.
     1797-98, p. 187.

Difatti, era troppo che signori di quel grado, i quali quando coi loro
equipaggi uscivano sulla via Alloro facevano maraviglia a chicchessia,
dovessero cercar la pompa del supremo Magistrato della città!

Prima di lasciare l’ambito veicolo ed il cerimoniale che lo accompagnava
anche nelle relazioni col rappresentante del Re, è opportuno un ricordo.
Il sedere in carrozza con S. E. tenendo la sinistra, era un’altra delle
prerogative del Pretore. Il Marchese Fogliani, che po’ poi non guardava
tanto pel sottile la distanza tra lui ed il magnifico Senato, confermò
praticamente la prerogativa. S. E. il Principe Marcantonio Colonna di
Stigliano ne diede benigna conferma al Pretore Principe di Scordia (Dic.
1774 e Marzo 1775), facendoselo sedere allato in una visita annonaria
che volle fare con lui per Palermo.

È fama che codesta distinzione avesse voluto una volta arrogarsela il
March. di Geraci Ventimiglia recandosi col Vicerè Duca de Uzeda a
passeggiare alla Marina, e che questi, per tanta impertinenza, lo avesse
mandato in carcere. L’atto del Ventimiglia fu invero audace; ma il nobil
uomo non poteva dimenticare di essere il _Marchese_ per eccellenza, in
tutta Sicilia¹²⁰, un piccolo re dei suoi stati con facoltà, dicevasi, di
coniar moneta.

 ¹²⁰ È noto che quando in Sicilia si diceva senz’altro _il Marchese_,
     non s’intendeva se non lui, il Marchese di Geraci. Vedi
     _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XXI, pp. 5 e 200.

Savia consuetudine quella del periodo limitato delle cariche e degli
alti uffici; savia perchè impediva il formarsi ed il prepotere di
clientele protette da un lato, spalleggianti dall’altro chi siffatti
ufficî a lungo s’infeudava.

Non più di due anni, spirati i quali non erano più rieleggibili, stavano
in ufficio Pretore e Senatori, i Governatori del Monte di Pietà e quelli
degli Spedali, il Deputato per la suprema generale Deputazione di salute
e di quella del Molo, delle torri e delle strade; il Deputato della
Terra di Partinico e l’altro della Terra di Bagheria ed altri di altre
opere filiali. Più rigorosi, perchè più brevi (un anno appena), gli
ufficî dei «giudici-senatori della gabella delli 12 tarì sopra ogni
cantàro d’olio, della gabella delle teste piccole» ecc.

Di altri dignitarî e di modesti ufficiali urbani pochi quelli che,
eletti, aveano da prestar giuramento; e tra essi l’Archivario della
Tavola, i Giudici idioti, i Deputati di piazza, i credenzieri della
carne, il Pretore, i Senatori, i Capitani delle torri, i Giudici
pretoriani, il Capitan giustiziere: persone sulla fede delle quali era
riposta la fede pubblica e sulle quali poggiavano le pietre angolari
degli interessi cittadini.

«L’ufficio di Senatore per regio dispaccio del 12 Maggio 1775, deve
conferirsi ai primogeniti e secondogeniti di famiglie magnatizie, titoli
e feudatari con vassalli e tutt’altri nobili, ed atti a tale ufficio, ma
con condizione che non usino il titolo di _Eccellenza_ abusivamente fin
qui preso, che compete al solo Pretore. La carica di Senatore sarà un
passo per conseguire quella di Pretore».

Così scrivea il 26 Agosto 1775 il Villabianca, che pure anni prima aveva
detto: «In Sicilia il solo Vicerè esige per forza l’_Eccellenza_ come
rappresentante la persona del sovrano»: e _Sua Eccellenza_ era per
antonomasia il Vicerè. Quando nell’Agosto del 1774 il Re sostituì la
Giunta pretoria (una vera Giunta amministrativa dei tempi nostri),
magistrato governativo di revisione degli atti del Senato, al Tribunale
del R. Patrimonio: Giunta «composta di cinque ottimati ex-Pretori ed
ex-Capitani giustizieri e patrizi della prima segnatura di nobiltà, cioè
_nati_ di famiglie pretorie e magnatizie», si pensò anche a questa grave
faccenda del titolo. Fu concertato (ed il concerto durò fino al secolo
XIX) che il ministro della Giunta pretoria scrivendo al Senato darebbe
dell’_Eccellenza_, firmandosi in pie’ della lettera, e che il Senato
rispondendo col medesimo titolo non soscriverebbe nè come Senato nè come
Pretore, ma col solo nome di Segretario¹²¹. E nel sovrano comando del
1775 veniva anche prescritto che i Senatori non dovessero essere
obbligati a trattare con l’_Eccellenza_ il Pretore¹²².

 ¹²¹ _Diario_, in _Bibl._, v. XXI, pp. 235-37, 371-72. v. XIX, p. 128.

 ¹²² _Atti del Senato_, a. 1775, p. 377.

Vecchia costumanza, non mai intermessa, era quella che i nuovi nati dei
Senatori in atto fossero tenuti al fonte battesimale dal Senato in
corpo. Il battesimo assumeva un carattere di solennità particolare,
compiuta con tutta pompa dal Magistrato civico. Quale compare, esso
faceva un regalo alla comare, la senatoressa puerpera, alla levatrice,
agli ufficiali della parrocchia. La senatoressa riceveva cinquant’onze:
e se la puerpera era pretoressa in atto, cento. I Senatori non eran dei
vecchi, e le mogli loro, molto meno. Immagini perciò il lettore come
procedesse pel pubblico erario questa faccenda di sgravi, di battesimi e
di regali!

Non v’era anno che il prolifero Senato non festeggiasse una di queste
nobili comari, e che per conseguenza la cassa pretoria non si aprisse
per siffatte graziosit๲³. Nel 1770, in meno di due mesi, la festa si
ripeteva due volte: il 17 Gennaio pel primogenito del Sen. Salvatore
Valguarnera, Principe di Niscemi e Duca dell’Arenella, funzionante
l’Arciv. Sanseverino, e compare il Pretore Regalmici (al neonato veniva
imposto il nome di Giovanni, in omaggio al card. Giov. de Buccadoks,
Generale dei Domenicani, amico e parente del Niscemi); ed il 10 Marzo
per la figlia del Sen. Bernardo Filingeri, Principe di Mirto.

 ¹²³ 21 Ag. 1770. Il «Senatore Romagnuolo pel Senato battezza la figlia
     del Sen. Carcamo, e dà in regalia al padre (_stavolta al
     Senatore!_) onze 50 ed altre (10) ne dà alla levatrice ed agli
     uffiziali della parrocchia».

     13 Apr. 1771. Il Pretore Duca di Castellana a nome del Senato
     battezza alla Kalsa la figlia del Sen. Corradino Romagnuolo, con le
     solite regole di onze 40 (?) al detto Romagnuolo, e di onze 10 alla
     levatrice (_Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XIX, pp. 229 e
     277).

     5 Luglio 1773. Il Senato battezzò il figlio del Senat. Gius.
     Carcamo, il quale «dalla cassa del Senato tirò la solita regalia di
     onze 50». _Diario_, XX, 167. Questo Sen. Carcamo in meno di tre
     anni prendeva 90 onze!

Nel 1782 però abbiamo due begli esempî di dignitoso rifiuto per parte
del Principe di Valguarnera e Montaperto e del Duca di Belmurgo, ai
quali il Senato avea tenuto a battesimo i figliuoli¹²⁴. Ma sono _rari
nantes in gurgite vasto_.

 ¹²⁴ _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XXVI, pp. 294-95 e 308, e
     XXVII, 429.

Infatti nel medesimo anno la Giunta pretoria permetteva al Senato di
cavare dall’erario comunale la solita somma per la puerpera Principessa
di S. Lorenzo; nel 1785 per la Principessa di Fiumesalato e per la
Baronessa Morfino¹²⁵, tre pretoresse l’una più fresca e promettente
dell’altra.

 ¹²⁵ _Provviste_, a. 1781-82, p. 517; a. 1784-85, pp. 89, 188.

Nei «Nuovi regolamenti stabiliti per il buono ordine
dell’amministrazione dell’annona del Senato di questa città di Palermo e
patrimonio di essa approvati dalla Maestà sua con real dispaccio de’ 16
Agosto 1788», l’articolo XIII ordinava l’abolizione delle regalie «pelli
parti delle mogli del Pretore e Senatori: non essendo giusto che
ritrovandosi il corpo amministrato in somma decadenza e sbilancio, gli
amministratori, in danno del pubblico, fruiscano delli vantaggi»¹²⁶. Ma
siamo sempre ai bandi di Palermo! Infatti verso la fine dell’anno un
nuovo battesimo senatoriale è lì lì per riaprire la cassa del Comune e
metterne fuori le vietate e volute cinquant’onze. La senatoressa
Marianna Branciforti si sgrava di una vezzosa bambina, la quale deve
ricevere il nome di Beatrice. Il Senato si apparecchia al consueto
battesimo; ma il Principe di Trabia, Pietro Lanza e Stella, nol
consente, non già per l’onore, al quale non rinunzierebbe, ma per la
gravezza che ne verrà al Comune. Potrebbe limitarsi ai nobili rifiuti
precedenti del Valguarnera e del Belmurgo, ma va più in là. La sera del
30 Dicembre, martedì, chiama uno dei suoi familiari con la moglie,
«persone minute», e da esse fa tenere al fonte la neonata. La geniale
risoluzione suscita rumore, dove con plauso e dove con senso di
maraviglia; ma primi a lodarla sono i Senatori. Il Villabianca, non
sempre facile dispensatore di lodi, e che rivede volentieri uno di casa
Lanza, il Duchino di Camastra, frequentare la sua casa e studiare il suo
_Diario_, se ne mostra soddisfatto, e vuole che «serva questa buona
introduzione in beneficio e rilievo in qualche maniera della cosa
pubblica»; e «Dio volesse» esclama «che il di lui esempio venisse dai
successori padri seguitato!».

 ¹²⁶ _Riforma_, p. 90.

E lo sarà stato certamente. Ma il simpatico Principe non trovò riscontro
se non in se stesso. Dieci anni dopo, al giungere dei Reali a Palermo,
nominato Ministro Segretario di Stato (1799), rifiutava cinquemila scudi
annuali di emolumento¹²⁷.

 ¹²⁷ _Diario_ ined., a. 1787-88, pp. 611-12; a. 1799, p. 155.

Più dannoso al non florido patrimonio urbano erano certi battesimi che
il Senato faceva a personaggi estranei alla famiglia e più elevati. Ne
ricordiamo un solo. La neonata Melelupi Soragno, nipote del Vicerè
Fogliani, veniva tenuta al fonte dal Pretore del tempo: e la madre
riceveva un orologio d’oro smaltato, a ripetizione, un astuccetto d’oro
per bocca, una reliquia di S. Rosalia incastonata pur essa in oro, con
preziosa statuetta della Santa e non so che altro: non picciolo
dispendio, come si vede, ma che pur veniva compensato dal signorile
ricevimento fatto dal Vicerè al Senato; ed il Vicerè era una eccellente
persona, con la quale i Senatori erano in ottime relazioni.

Onore poi del Magistrato civico era la parte attiva, generosa ch’esso
prendeva ad ogni piccola e grande sventura del paese. Incendî, tremuoti,
alluvioni, carestie lo trovavano sempre al suo posto di tutore,
benefattore, padre dei cittadini. In una notte freddissima d’inverno del
1775 (5 Dic.) prendeva fuoco la bottega d’un confettiere a Ballarò; ed
il Pretore Principe di Resuttana coi Senatori, lì sul luogo, con l’aiuto
dei maestri carrozzieri e di due compagnie di fanteria, era lieto di
veder domare l’incendio. Il medesimo avveniva in una notte d’autunno (22
Ott.) dell’anno seguente, nel Conservatorio del Buonpastore¹²⁸; e negli
incendî del forno civico di Porta di Vicari (16 Giugno), del Monastero
Valverde, della casa di Giuseppe Merlo Marchese di S. Elisabetta al
Garraffello, della bottega del fruttaiuolo Neglia del Conte Federico in
via Biscottari (30 Giugno, 12 Agosto, 19 Settembre 1787): tre incendî in
soli quattro mesi, che ai dì nostri, con le solite lustre e frasi d’uso,
provocherebbero tre solenni _inchieste_ ufficiali, probabilmente senza
venire a capo di nulla.

 ¹²⁸ _Diario_, in _Bibl._, v. XIX, p. 158; XXI, 392; XXVI, 39.

In uno scoppio di polvere nel bastione di Porta S. Giorgio (21 Febbr.
1788), il Pretore facea prodigi di abnegazione; non meno che nei gravi
infortunî del forno di Maiorca ai Formari (21 Febbr., 3 Sett. 1788), e
più oltre in quelli del forno di via Materassai (30 Maggio 1793), nei
quali, dovere è il confessarlo, la parte migliore della nobiltà
coadiuvava il Pretore Duca di Cannizzaro ed il Senato per mantener
l’ordine e dare salvezza a tutta la contrada, esposta a sicuro disastro.

Opere generose come queste eran sovente compiute dai conciatori e sempre
dai pescatori della Kalsa¹²⁹.

 ¹²⁹ _Villabianca_, _Diario_ ined. a. 1785, p. 172; 1787, pp. 140, 175,
     359; a. 1788, pp. 472, 513. — _D’Angelo_, _Giornale_ ined., a.
     1793, p. 63.

Mirabile la vigilanza sull’annona e sulla salute pubblica, in ragione,
s’intende, dei tempi, che è quanto dire dei sistemi e delle difficoltà
d’allora. Questa vigilanza era dove immediatamente, dove per mezzo di
deputazioni esercitata.

Ai lamenti dei cittadini per la cattiva qualità del pane e dell’olio il
Senato provvedeva con gravi multe a padroni di forni ed a commercianti
d’olio¹³⁰: provvedimenti non rari se frequenti erano le infrazioni dei
bandi da parte degli interessati.

 ¹³⁰ _Provviste del Senato_, a. 1793-94, p. 126; a. 1795-96, p. 158.

I forni pubblici, i lombardi inclusi, pel numero al quale eran giunti
(23 fino al 1768), imponevano sorveglianza assidua, oculata; e
preoccupazione fissa d’un Senatore scrupoloso de’ suoi doveri era la
_meccanica_ del pane.

_Meccanica_, parola comunissima a quei giorni, si diceva lo scandaglio
che tre volte l’anno il Senato eseguiva per vedere se una data quantità
di grano dèsse la presunta quantità di pane; _meccanica_ pure il mercato
che il Pretore faceva dei suoi grani con cittadini e fornai pubblici e
senatorî dandoli loro in vendita con notabile rincaro sui prezzi
correnti del caricatoio¹³¹.

 ¹³¹ _Teixejra_, op. cit., 238. — _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._,
     v. XX, p. 340.

La città avea un privilegio, che sarebbe stato di eccezionale importanza
se il Governo non si fosse studiato sempre di dimenticarlo.

Per concessione di Re Ferdinando (3 Sett. 1507), qualsiasi prammatica
regia o viceregia doveva prima esser sottoposta al Pretore ed ai
Senatori (una volta, jurati), perchè essi vedessero se in nulla ledesse
i privilegi e le consuetudini della Capitale. Vistala ed esaminatala,
con la solita formola: _Publicetur, salvis privilegiis urbis_, firmata
dal Sindaco, veniva pubblicata.

Nell’ultimo periodo del settecento era banditore del Comune D. Girolamo
De Franchis, l’ultimo di una generazione di banditori, il più popolare
ma anche il più antipatico tra tutti gli ufficiali pretorî. In lui si
vedeva il nunzio di tutte le disposizioni del Senato e della Deputazione
di nuove gabelle, disposizioni che non potevano non riuscire ostiche al
pubblico. Il Governo, sempre odioso pel popolo, veniva confuso col
Comune, e l’odio per entrambi s’impersonava nel banditore, come quello
che portava divieti, imponeva gravezze, limitava libertà personali,
prescriveva, minacciava, rivelava. L’antipatia per lui estendevasi ai
trombetti che lo accompagnavano: i quali alla lor volta mormoravano
malcontenti della scarsa mercede che loro toccava ad ogni «liberazione»
che dal Senato facevasi, a tutti i bandi proibitivi che si pubblicavano
_ad instar_ delle parti, e nella occasione di bandi di privilegi delle
strade Toledo e Macqueda¹³².

 ¹³² _Provviste del Senato_, a. 1787-88, p. 195.

Torniamo al privilegio.

Contraria ad esso, una disposizione del Vicerè Principe di Caramanico
(1788) voleva che nessun ordine senatorio venisse bandito senza la
revisione e quindi il _placet_ dell’avvocato fiscale della Gran
Corte¹³³.

 ¹³³ _Provviste_ cit., p. 81.

Ecco la libertà concessa al Senato.

Questo Senato, che affogava tra le preminenze, stava sottoposto ad una
Giunta pretoria, e ben poco poteva fare senza la intelligenza, il
permesso del Vicerè, suo ingrato tutore. Lo stesso denaro che esso dovea
spendere per una festa da tenersi all’arrivo o alla partenza d’una
Autorità, mettiamo del Vicerè medesimo, dovea essere autorizzato da lui.
Se altri oggi ritiene il contrario, si disilluderà svolgendo gli _Atti_
e le _Provviste_ nell’Archivio comunale. E fa senso che mentre egli, il
Vicerè, era tutto miele col Pretore, coi Senatori, coi nobili che gli
facevan la corte, e ossequiato, carezzava individualmente quando gli uni
e quando gli altri e tutti insieme, nei suoi atti pubblici appariva ben
diverso. — Imparzialità! dirà il lettore. — Ingratitudine! diciam noi,
se si rispondeva col pungolo a chi, non demeritando, nell’esercizio
delle proprie funzioni faceva il meglio che potesse pel bene del paese!

Persistente poi lo studio di soffocare negli animi ogni sentimento di
patria carità.

Un ordine del Re (1787) faceva rimuovere dal vestibolo del palazzo di
città i medaglioni del Mongitore, del Presidente Marchese Drago, di
Carlo Napoli e di Giordano Cascini¹³⁴. Il perchè della remozione è nel
decreto: perchè furon collocati senza autorità superiore. Ci voleva
anche il permesso per onorare le glorie siciliane! Il medaglione del
Cascini, biografo ed elogista di S. Rosalia, veniva confinato nella
sagrestia della chiesa consacrata alla Patrona della città; quello del
Mongitore, relegato nella Carboniera delle femmine, nella parte bassa
dell’atrio del palazzo. Degli altri due si smarrirono le tracce.

 ¹³⁴ _Provviste del Senato_, a. 1787-88, p. 110.

Ora in quest’atto, che pare semplicemente inconsulto, forse
c’inganniamo, è una meschina vendetta. Vediamo se è vero.

L’anno 1783 il Senato, forse per ingraziarsi il Sovrano, faceva istanza
perchè gli fosse consentito che la Fontana pretoria togliendosi dal
posto d’allora — ed anche d’oggi — venisse collocata in una piazza più
ampia, e che in luogo di quella si alzasse un monumento con una statua
al Sovrano medesimo. Domanda così servile non dissimula la bassezza di
coloro che la umiliarono al trono, a perpetua vergogna dei quali
dovrebbero consacrarsene i nomi in una lapide. Per la esecuzione
dell’opera fu ordinato che si monetassero i cannoni di bronzo fuori uso
tra’ 120 dei baluardi della citt๳⁵.

 ¹³⁵ _Provviste del Senato_, a. 1782-83, p. 160.

O che la domanda fosse consigliata da circostanze del momento (c’era
allora un Vicerè mangia-nobili: ed il Senato, composto di nobili, era
forse stanco della lunga, disuguale lotta con lui), o che la somma
presunta fosse inferiore alla spesa da farsi, o che i Senatori fossero,
com’erano già, scaduti di ufficio, proposta e sovrano assenso (il Re
avea decretato a se stesso il monumento togliendone un altro d’arte, e
secolare, come i Vicerè approvavano le spese straordinarie del Comune
per regalie, pranzi, cuccagne da farsi in loro onore e beneficio!¹³⁶),
non ebbero esecuzione: la fontana non fu toccata e la statua non venne
eretta. Ebbene: per noi un occulto legame tra il decreto del 1783, che
approvava il monumento, e il decreto del 1787, che ordinava la
sconsigliata remozione dei monumentini ai quattro insigni patriotti
rappresentanti il diritto, la scienza, la storia siciliana, c’è;
rivincita tanto puerile quanto invincibile era l’avversione a qualunque
principio di sicilianità degl’Isolani.

 ¹³⁶ _Provviste del Senato_, a. 1785-86, p. 372.

Ed è notevole anche questo: che come nel sovrano dispaccio pel monumento
era Segretario di Stato e di Casa Reale un siciliano, il Marchese della
Sambuca, sceso indi a non molto (1787) dall’alto seggio in cui avea
dominato potente¹³⁷, così nell’altra contro gl’innocui medaglioni era
Ministro (di Giustizia e di Affari ecclesiastici) altro siciliano,
Marchese anche lui, ma non del valore del primo, il De Marco, vanità
boriosa, che nei marmi dei quattro venerandi uomini deve aver fatto
vedere all’augusto padrone una glorificazione audace dei diritti
baronali e siciliani contro la sovranit๳⁸.

 ¹³⁷ Parecchie pagine che sott’altro aspetto lo riguardano lasciò il
     Villabianca nel suo _Diario_, in _Biblioteca_, v. XXVII, pp.
     383-86.

 ¹³⁸ Sul Marchese De Marco veggasi il severo giudizio del _Gorani_,
     _Mémoires_, I, 138-39.

Un’altra notizia sui diritti degli amministrati, e chiuderemo con una
solenne adunanza del Senato e delle Maestranze della città.

Grandi i privilegi del cittadino palermitano. In bocca sua poteva stare
l’orgoglioso motto: _Civis romanus sum_; ed egli, messo in una posizione
superiore, quasi di razza, al regnicolo, ne profittava per ottenere
uffizî pubblici non consentiti ad altri siciliani, godere preminenze
solo dovute ai nativi della Capitale. Al che vuolsi anche aggiungere che
a condizione eguale di altri, egli era trattato eccezionalmente con una
procedura di particolari sottintesi e distinzioni. Un _prosecuto_
palermitano era sicuro che il fisco non gli metterebbe le mani addosso
senza aver prima ottemperato al tale o tal altro articolo di legge. D.
Gaetano Pensabene, imputato di omicidio e già latitante, nel 1784 si
rivolgeva al Sindaco della città, perchè sostenesse non potere il fisco
agire contro di lui, cittadino palermitano, anche perchè non v’era parte
querelante¹³⁹.

 ¹³⁹ _Provviste del Senato_, a. 1783-84, p. 71.

Qui è la chiave di tutto un sistema di piani per ottenere l’ambita
cittadinanza. Un regnicolo, solo per avere sposata una palermitana, in
virtù della vecchia formola: _per ductionem uxoris_, vi avea diritto,
esteso anche ai nipoti.

Ma ahimè in quante maniere non si eludeva la legge!

Ed ecco il rendiconto storico d’una seduta di operai dentro il Palazzo
Comunale.

Da tre giorni la campana di S. Antonio suona per preavvisare ai quattro
quartieri della Città il pubblico Consiglio, indetto dal Senato per la
meta da imporsi su alcuni comestibili. Le Maestranze degli argentieri e
degli orefici, dei sarti, degli scarpari, dei calderai e dei
chiavettieri (_magnani_) sono state invitate dal Contestabile maggiore.

È la mattina del 21 Novembre 1789. Alla spicciolata giungono gl’invitati
alla Casa pretoria: e quando scoccano le ore 17,31 (11 a. m.) tutti sono
militarmente nel salone delle grandi adunanze. Tra Maestri, Deputati di
piazza, loro _Esposti_, Contestabili, «Maestri di mondezza», non
giungono ancora a dugento, numero legale «per conchiudersi il
Consiglio»; ma v’è la banda del Senato: e con essa il numero è
raggiunto.

Ed ecco farsi innanzi, come in simili congiunture, servitori con vassoi
gremiti di sorbetti, e passarli a tutti i presenti. I sorbetti, che
sogliono coronare una funzione, stavolta ne formano la base: e dopo il
primo di mieta (_cannella_), ne viene un secondo di melarosa: due
rinfreschi, l’uno più squisito e persuasivo dell’altro. Il Senato coi
suoi ufficiali nobili e civili sta a chiacchierare nella «Camera di
negozio» dell’Eccellentissimo signor Pretore: e solo a trattamento
finito si muove.

L’avanzarsi grave del Magistrato è accolto con una profonda riverenza
dai rappresentanti del popolo. Chi l’uno, chi l’altro, tutti i maestri
conoscono i signori Senatori. Il primo venuto fuori è S. E. D. Bernardo
Filingeri Conte di San Marco, testè nominato Pretore; il secondo per
ordine di gerarchia e di anzianità è il Duca di Villareale, _priolu_;
terzo e quarto, i Principi della Trabia e del Cassaro; quinto, il
Marchese Ugo; sesto, il Duca di Villafiorita; ultimo il Duca di Paternò
dei Principi di Manganelli, Senatori. Mentre tutti sono in piedi
aspettando che il Capo gl’inviti a sedere, questi prende posto sotto il
_soglio_, e con lui i Senatori ed il Sindaco; davanti, i mazzieri ed i
maestri di cerimonie; dappiè, i Contestabili; da un lato, sei ufficiali
nobili del Senato; dall’altro.... nessuno! Le sedie vuote attendono i
Deputati di piazza nobili, i quali non si degnano d’intervenire, sempre
per la eterna pretesa delle preminenze, alle quali non sanno rinunziare.
Più giù ancora, in fondo, son due banchi per la musica: e torno torno
alle pareti, quattro altri pei maestri magnani, quattro per gli orafi,
sei pei calzolai, sette pei calderai, undici pei sarti.

Ad un cenno del Pretore suonano le trombe e gli oboe; ad un altro, si fa
silenzio; ed il Pretore pronunzia queste sacramentali parole:

«Nobili ed onorati cittadini, dovendo imporsi la meta alli formenti
forti, rosselli ed orgi (_orzi_), racina (_uva_) e vino, e dovendo farsi
alcune concessioni di terreno ed altri, ho fatto convocare voialtri
nobili ed onorati cittadini, per dare ognuno il vostro parere».

Detto questo, D. Gaspare Cordaro, attuario del Maestro Razionale, legge
la proposta. La faccenda, nel pubblico interesse, è vitale, e
meriterebbe una larga discussione. Quali ragioni determinano il
Magistrato a presentarla? In che misura vorrà essa applicarsi, la meta?
Quali risultati se ne vogliono ottenere? Questi punti interrogativi non
si affacciano alla mente di nessuno, non ostante che tutti siano
chiamati a quello che oggi si chiamerebbe _referendum_. Nessuno fiata;
tutti però si volgono al Sindaco Marchese della Motta d’Affermo, il
quale, come procuratore generale dei cittadini, si fa innanzi verso il
centro del salone, e in nome delle mute Maestranze si uniforma alla
proposta della meta sui frumenti. Però siccome quella sul vino e la
concessione del terreno gli sembra di non comune importanza, invoca il
parere di «dodici cavalieri: sei interessati, sei disinteressati»; e con
ciò anche il consenso di altri.

O che un accordo tra lui ed il Senato abbia preceduto, o che questa sia
la consuetudine, o che non ci sia altro da fare, le sue osservazioni,
consacrate in una scrittura, vengono dall’attuario senatoriale
pubblicamente lette. Allora gli attuarî del Maestro Razionale vanno in
giro ricevendo l’assentimento dei singoli convenuti; il sostituto del
Maestro Razionale D. Benedetto Giusino lo raccoglie, e ad alta voce
grida la vecchia formola: _Conclusum est_.

Il Senato scende dal _soglio_; i Consoli delle maestranze gli tengon
dietro; alla porta della sala il Pretore gli ringrazia cortesemente: e
la funzione è finita.

A quest’altro Novembre, per la festa di San Martino, Consoli e Maestri
riceveranno, graziosità del Pretore, i biscotti che prendono nome dal
Santo. E della graziosità godranno quanti nel Palazzo sono impiegati
alti e bassi, dai Maestri razionali agli amanuensi, dai Contestabili
agli attuarî, dal banditore al guardaroba, dai trombettieri ai paggi, e
perfino ai volanti ed alle cameriste della casa del Pretore: una
cuccagna che porta via da un migliaio e mezzo a duemila biscotti¹⁴⁰.

 ¹⁴⁰ _De Franchis_, _op. cit._, pp. 486-87.



                             _Capitolo V._


                  _CONDIZIONI ECONOMICHE DEL SENATO._

Non alieno mai dal fasto, al quale lo spingevano le secolari tradizioni
del paese, le naturali tendenze de’ nobili e l’acquiescenza del Governo,
inteso sempre a concedere per guadagnare, il Senato si avviluppava nello
scompiglio della sua sconquassata finanza. Un malinteso sistema
economico imponeva provviste di grani, olii, latticinî, carboni, che
rispondessero alle esigenze della città pei bisogni eventuali. Così il
Senato si faceva compratore e rivenditore di comestibili, ne’ quali
spendeva denaro che non aveva, e dai quali non ricavava il danaro che
avea speso. Vendeva quasi sempre a prezzi inferiori a quelli di compra,
sì che ci rimetteva somme ingenti¹⁴¹, che poi andava cercando alle casse
pubbliche, agli istituti di credito, alle comunità religiose, ai
privati¹⁴², pagando frutti onerosi. Quando, divorato dai debiti, vendeva
i capitali della illuminazione notturna, il _grano_ sopra le estrazioni
ed altri cespiti, e non avea più nulla su cui metter le mani¹⁴³, lo si
vedeva a contrattare con questa o con quella persona per alcune migliaia
di onze ai relativi interessi, che poi, alla scadenza, stentava a
soddisfare¹⁴⁴; di che la necessità di nuovi espedienti che lo
togliessero alla triste condizione del momento. Si direbbe che vivesse
alla giornata avvalendosi di tutto ciò che fosse buono a tirarla alla
meglio. E gli espedienti si trovavano: e se ne otteneva la sovrana
approvazione nei non pochi dazî, dai quali tutta dipendeva la vita
materiale della città.

 ¹⁴¹ Nel 1793 comperava l’olio ad onze 9 il quintale e lo vendeva ad
     onze 7! Negli anni 1785-86 nella annona perdette la bellezza di
     onze 53,455,17,10 (_Provviste del Senato_, pag. 64).

     Peggio ancora nel 1660 o in quel torno. Panizzando e vendendo
     140,000 salme di frumento, comprato parte ad onze 7, parte ad onze
     8 la salma, il Senato ebbe una passività di 800,000 scudi!
     (_Teixejra_, _op. cit._, cap. XV, § 237, p. 271). Vi furono annate
     di giornaliere perdite di 3000 scudi, per le quali il Comune
     dovette contrarre debiti di mezzo milione di scudi (_Ivi_, p. 262).

 ¹⁴² Il Senato restituiva all’Amministrazione onze 1631,11,4 a conto di
     onze 3430 avute in prestito da essa. Ben 5000 onze avea avute in
     prestito dal S. Uffizio; 9200 dalla Eredità Carlina; 12,000 dalla
     Congregazione Olivetana. Si consulti in proposito: _Riforma, fatta
     dalla R. Giunta delegata da S. R. M. per conto d’introiti ed esiti,
     tanto dell’Amministrazione d’annona che del civico patrimonio
     dell’Ecc.mo Senato di questa Capitale_, pp. 79, 80, 82. In Palermo,
     MDCCXCI.

     Ogni anno poi c’incontriamo in documenti di siffatti prestiti negli
     _Atti del Senato_. Eccone alcuni. Si autorizza il Banco a prestare
     al Comune per la pubblica macellazione onze 5000 oltre le
     precedenti 12,000. — _14 Luglio 1788._ «Solito prèstamo delle
     12,000 onze del Banco». — _7 Agosto._ «Prèstamo di onze 5000 per
     compra di neri (maiali) ed altre urgenze». — _28 Ottobre._
     «Prèstamo di onze 5000 a conto delle solite onze 12,000 per compra
     di grani». — _10 Aprile 1789._ «Prèstamo del Banco, di onze 13,000
     per bestiame». — _12 Agosto 1790._ «Prèstamo di altre onze 12,000
     come sopra». — _3 Gennaio 1791._ «Prèstamo di onze 3000 per compra
     di neri colle solite cautele» (guarentigie). — _6 Giugno 1795._
     «Solito prèstamo di onze 24,000 dal Banco».

 ¹⁴³ _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XIX, p. 404.

 ¹⁴⁴ 10 Ottobre 1789 — Dal Governo si concede al Senato una dilazione e
     dissequestro «per gli attrassi dei donativi». _Atti del Senato_,
     1788-89, p. 64.

Abolito il diritto proibitivo del tabacco, si inasprivano i dazî sul
vino, sull’orzo e, peggio, sulla farina. Dalla odiosa sostituzione
speravasi trarre l’«abbisogna» per la passività; ma se ne fu ben
lontani, e si dovette ricorrere ad altre gravezze. E mentre angustie
nuove si aggiungevano ad angustie vecchie, privilegi, buone grazie e
favori mantenevansi intatti a detrimento dell’erario civico: e si
ritardavano riscossioni che sarebbero state provvidenze finanziarie.

Un principe, il cui titolo resta onorato in un suo successore nel sec.
XIX, avea contratto non sappiamo quali impegni; non volendo o non
potendo mantenerli al termine fatale, chiedeva di poterlo fare con
annuali soluzioni, che poi prolungava all’infinito e non compiva mai.

Monasteri, conventi e confraternite non pur domandavano esenzioni dal
dazio sulla neve, ma anche facevano istanze, non inefficaci per lo più,
di concessioni, invocando antichi privilegi, che si era troppo indugiato
ad abolire, e dimenticando prosperità che aveano potuto permetterle; ed
il Senato cedeva e concedeva, autorizzato a conservare nel suo bilancio
un gruppo di franchigie dei generi spettanti a monasteri ed a conventi e
perfino un impiegato per esse¹⁴⁵. La voce _scasciatu_ è un ricordo di
codeste anomalie dei tempi¹⁴⁶.

 ¹⁴⁵ _Riforma_ cit., p. 113.

 ¹⁴⁶ «_Scasciatu_ si dice quel denaro che dà il Senato ai chierici
     invece di franchigia». _M. Pasqualino_, _Vocab. sicil._, v. IV, p.
     379, Palermo 1790. E meglio: «compenso in denaro che si paga agli
     Ecclesiastici per l’esenzione che debbono godere da’ dazii
     pubblici». _Santacolomba_, _op. cit._, pag. 60.

     Questo pagamento o rimborso si faceva, come sempre le cose del
     Municipio di Palermo, con grande stento e ritardo: e la frase:
     _pagari cu lu scasciatu_, pei nostri vecchi significava: essere
     ritroso a soddisfare i debiti pigliando tempo quasi per aspettare
     la riscossione di ciò che era solito una volta l’anno. _Traina_,
     _Nuovo Vocab. sic.-ital._, p. 178, Palermo 1868.

E i bisogni crescevano anche dopo. Il Re avea imposto al Comune un
contributo annuale di 300 onze per la rovinosa fabbrica (la dicevano
restaurazione) del Duomo: e la Deputazione di essa ne voleva depositate
con anticipazione le rate trimestrali¹⁴⁷. Nè, dopo che la Giunta
Pretoriana fu sostituita con la Giunta del Presidente e di un
Consigliere, le condizioni migliorarono; chè anzi si fecero più
critiche, perchè l’instancabile cercator di danaro, Re Ferdinando,
rafforzava le sue pretese con insistenze che pigliavan carattere
d’imposizione al Senato, al Clero secolare e regolare, al Parlamento.
Per poter mantenere il suo fastigio, per soddisfare ai suoi amici e
servi, ed ultimamente per tener fronte alla guerra minacciosa, la Corte,
caduta in istrettezze che mai le maggiori, sperava sottrarsene coi
soliti donativi. I donativi venivano, ma eran gocce d’acqua sulla terra
riarsa dal sole di estate; altri ne chiedeva, ed altri ottenevane
straordinarî, accresciuti da contribuzioni che assumevano nomi diversi
con insidiose lusinghe.

 ¹⁴⁷ _Provviste del Senato_, a. 1779-80, p. 20.

La Deputazione del Regno pagava ed avrebbe pensato alla riscossione!

Morto l’Arcivescovo Sanseverino, al novello Arcivescovo s’avea da fare
un dono d’argento di 200 onze (a. 1794), pagando l’arrendamento della
neve¹⁴⁸. Quest’Arcivescovo, pel breve allontanamento del Vicerè Principe
di Caramanico, restava delegato alla Presidenza del Regno: e dovere
elementare era un attestato di attenzione di 600 onze da fornirsi dai
fondi civici (1794). Sarebbe stato strano poi che, tornato il Vicerè al
supremo governo, non si pensasse ad una nuova e grande offerta; e una
seconda volta ci si pensò. L’Arcivescovo, lui morto, veniva eletto
Presidente: ed un tributo, che dicevasi _consueto_, di altre 600 onze
doveva renderglisi (1795).

 ¹⁴⁸ _Provviste_, a. 1793-94, p. 46.

Al tirar delle somme, in pochi mesi la città avea messo fuori 1400 onze,
per la bella faccia di una fortunata vacuità di prelato, piovuto da
Monteroni (Leccese).

E fossero queste soltanto! Lopez y Royo godeva il diritto di «scegliere
ogni giorno per servizio della sua casa un giovenco»; e, con le ultime
riforme governative, soppresso questo diritto, riceveva un compenso
annuale di onze 324,22,4¹⁴⁹. La Giunta esaminava e deliberava questo
pagamento all’Esattore degli introiti dell’Arcivescovo-Presidente.

 ¹⁴⁹ _Provviste_, 1798-99, p. 48. Nella _Riforma_ cit. il Senato
     corrispondeva all’Arcivescovo onze 571,20 l’anno, cioè: 200 per
     gabella di fosse di neve; 200 per accordo di non vender neve nel
     suo palazzo; 171,20 per dette fosse (p. 21).

E poichè di esso avea ormai piene le tasche il Sovrano, e di nominarlo,
come egli ambiva, Vicerè non se la intendeva, e mandava in sua vece il
Principe de’ Luzzi, altri 3000 scudi per volontà del Re dal palazzo
pretorio prendevano il volo pel Palazzo viceregio, sotto la ipocrita
causale di «solita dimostrazione!¹⁵⁰».

 ¹⁵⁰ _Provviste del Senato_, 1797-98, p. 738; 1798-99, p. 22.

Potrebbe supporsi che di Presidenti o di Vicerè avidi di danaro non ve
ne fosse che uno, il Lopez; ma affrettiamoci a dirlo: questo sarebbe una
offesa agli altri padroni napoletani. Tutti i Vicerè fecero a gara
nell’attingere alla cassa civica accampando diritti di regalie o di
compensi, o diritti trasformati; e gli _Atti_ del Comune rivelano come
la tanto vantata correttezza del Marchese di Villamajna non avesse
trattenuto il Vicerè Caracciolo dall’imporre al Senato il pagamento di
settant’onze per franchigia di cinquanta botti di vino e di trenta
quintali d’orzo, per rifarsi del danno che a lui proveniva dal nuovo
dazio imposto dal Comune in surrogazione del _jus_ proibitivo dei
fornai¹⁵¹. E quando questo Catone in ritardo, deposto l’occhialino col
quale stava perpetuamente a guardare chi passasse e che cosa si facesse
nel piano del Palazzo, recavasi a Napoli, ritornando portava in tasca un
regio dispaccio che imponeva al Senato il pagamento delle franchigie
spettantigli nei mesi d’assenza¹⁵².

 ¹⁵¹ _Atti del Senato_, a. 1781-82.

 ¹⁵² _Provviste_, 1783-84, p. 50. Nella _Riforma_ cit. (p. 21) si
     facevano buone al Vicerè a titoli diversi di franchigie, onze
     483,10.

Poco importava, anzi non importava nulla, se la potenzialità economica
del paese non rispondesse più, stremata a cagione di sistemi agricoli
primitivi, non buoni ad accrescerla per fiacchezza di iniziativa, per
manco di speculazione, per difetto di braccia, di cultura, di viabilità,
di assistenza alla terra. Tutto dovea trarsi dalla città, e dove la
terra non potesse, dovea trarsi dai cittadini¹⁵³.

 ¹⁵³ Sarebbe da aggiungere altra pagina d’ingiustizie se volesse dirsi
     della camorra che si esercitava dalla gente del palazzo del Vicerè
     e da quella dell’Arcivescovo a danno dell’Erario comunale. Il
     _zagàtu_, ossia monopolio dei generi, agevolava per varie forme e
     maniere questa camorra; del quale _zagàtu_ vedi il cap.
     _Maestranze_.

Preoccupato di siffatto stato di cose, del quale esso avea molta parte
di responsabilità, il Governo di Napoli incaricava la Giunta del
Presidente (Asmundo Paternò) e del Consultore (Simonetti) «di discutere
e riconoscere quali e quanti i debiti ed i pesi di questo Senato, della
Deputazione di nuove Gabelle e del pubblico pecuniario Banco ed in qual
tempo contratti ed altresì le rendite annue che dalli stessi si
possiedono». Trovando del disordine, essa ne indicasse la sorgente e i
mezzi onde correggerlo e preservarsene per l’avvenire. Le risposte furon
tre, distinte tra loro. Lasciamone due, che qui non c’interessano.
Quella sul patrimonio civico, con cifre eloquenti facea vedere che il
Comune introitava 70,236, 10, 9 in cifra tonda, ed esitava 82,867, 2, 4,
con una perdita annuale di 12,731, 15, 3.

Tra le cose più strane a danno dell’erario, una era enorme: le spese ed
i salarî per l’amministrazione delle vettovaglie, che dovevano gravare
sulla vendita di queste, gravavano invece sul bilancio della città.

Come si è detto innanzi, nello spaccio dei generi alimentari il Senato
vendeva al di sotto del prezzo di compra e, che è peggio, non poteva
gravare sui singoli generi le spese che per ciascuno di essi sopportava.
I fallimenti dei gabellotti, gli ex-computi loro fatti, le
strabocchevoli partite per la sterilità del 1784-85, la mancanza di varî
cespiti, le passate perdite per le provviste, erano ragioni più che
forti per spiegare la sempre crescente passività.

Il regime costituzionale d’oggi si trascina tra inchieste governative su
centinaia di comuni del Regno, ed offre, pascolo a curiosi ed a maligni,
ad onesti e a disonesti, operazioni losche, furti, ingiustizie, favori
indebitamente concessi, ovvero negligenze, guardate attraverso a lenti
d’immensurabile ingrandimento. Ma la vita amministrativa dei tempi
passati non andava immune da simili sconcezze. Nella _Riforma_, che
compendia codesta vita nel penultimo decennio del settecento, quanti
indebiti favori, quante colpevoli trascuratezze a danno del pubblico
erario! Per interi decennî (dal 1778 al 1788 e poi al 1791!) non si
riscotevano censi per concessioni di terreni comunali¹⁵⁴. Abolito lo
sparo delle artiglierie per arrivi e partenze di Vicerè, la somma della
polvere occorrente continuava a figurare nelle spese; scomparsa
l’Armeria pretoria, se ne portava il carico di onze 1898 sull’esausto
bilancio, come pur si faceva di artiglieri e bombardieri per cannoni e
bombarde che più non si sparavano; e si vantava un credito di 24,660
onze, non saputo riscuotere, sopra _partitarii_, o impresarî, o
appaltatori!

 ¹⁵⁴ Se ne vuol sapere il perchè? Ce lo dice la _Riforma_ cit. (p. 55):
     non era stata «ancora passata la corrispondente scrittura agli
     ufficiali del Maestro Razionale del Senato, e per conseguenza
     questi non avea mandato ancora la _significatoria_ all’Officio del
     Tesoriere che avea l’obbligo della esazione...»: 1º Settembre 1788.

Vietate fin dall’anno 1776 le toghe d’allegrezza e di lutto, solite di
attribuirsi al Pretore, ai Senatori, agli ufficiali nobili per la venuta
d’un nuovo Vicerè e per morti illustri, continuava a pagarsene
indebitamente il fondo di onze 328. E poi «regalie, palmarî,
riconoscenze (gratificazioni), moratorie, rilasciti, difalchi,
transazioni», senza intesa del Sindaco e senza approvazione della Giunta
del Presidente e del Consultore.

«Vendere i capi d’annona come si comprano, escogitare i mezzi meno
pesanti al pubblico, onde equilibrare il disordinato urbano patrimonio e
lasciargli un annuo avanzo affinchè in ogni fine d’anno pretorio si
formi un esatto ed attento bilancio degli introiti ed esiti di
quell’anno, e tutto il più che avanza doversi girare ad un conto a parte
del Banco, sotto titolo di Colonna, o sia peculeo pelle urgenze del
Senato»; e sopratutto economia su tutta la linea: ecco i rimedi
arditamente proposti.

Ma non si recedeva di un passo dalla falsa via sulla quale si tribolava.

«Da questa massa in denaro, dice poi con sicurezza invidiabile la
Giunta, negli opportuni tempi far si dovranno le compre prudenziali
delli tre primarj e necessarj generi di grano, latticini ed olio, di cui
non può il Senato in verun conto starne senza totalmente, per occorrere
al sovvenimento di questa popolazione quando vi fosse mancanza, nulla
ostante la libertà a chiunque di poter vendere a consonanza
degl’inculcati ordini della Maestà del Sovrano; ma pure dovrà in ogni
tempo valersene per ritrovarsi provveduto in tutte le urgenze della
città. Il fornimento delle varie colonne è provista fissa». «La nuova
libertà di vendere varî generi di annona» non può sottrarre il Senato al
dovere delle solite provviste «per moderare li prezzi a fronte de’ pochi
trafficanti e per non restare mancante un genere tanto sperimentato,
necessario e desiderato». Condizione indispensabile; le centomila onze
della consumata Colonna frumentaria devono rifornirsi!¹⁵⁵.

 ¹⁵⁵ Per la Colonna o Monte frumentario v. il cap. _Assenteismo._

Non v’era dunque resipiscenza; nè ve ne poteva essere, perchè il
riconoscimento dell’errore e quindi il passaggio dal male al bene non
poteva affacciarsi alla mente dei maggiorenti ed assurgere a coscienza
pubblica quando il sistema economico dominante persisteva. Si cercava il
bene degli amministrati col male che involontariamente loro si faceva:
male che non di rado prendeva proporzioni allarmanti pel deteriorare dei
generi chiusi nei magazzini del Comune!

I suggerimenti della R. Giunta portano la data del 1786; due anni dopo
erano voleri sovrani; tre anni appresso (1791) pigliavan carattere di
_Riforma_¹⁵⁶.

 ¹⁵⁶ È quella indicata nella nota 1 di pag. 96.

Ma ahimè! se la cosa pubblica mutava indirizzo, il disavanzo cresceva,
non per incuria di ufficiali, non per disonestà di Senatori, ma pei
principî dei tempi e per gli errori degli uomini. Quasi tutti i danni
fin qui deplorati sono dello scorcio del secolo, in seguito
all’applicazione della _Riforma_. Nè essa è unica o sola, nè altre
precedenti erano state più fortunate. A che valse infatti quella del
1739? a che, l’ultima del 1776?

L’anno 1793 segna la maggiore rovina delle finanze del Comune: anno di
carestia e di fame, in cui il sistema della Colonna frumentaria, delle
provvigioni vittuarie, delle vendite pretoriane trascinava a nuovi
disastri finanziarî, che più tardi dovean tradursi nell’insopportabile
caro dei viveri sia per le guerre dei Francesi (1796), sia per le truppe
richieste dagl’Inglesi nel Mediterraneo e per l’affluenza dei
forestieri, specialmente de’ Napoletani, a Palermo (1799)¹⁵⁷.

 ¹⁵⁷ _Sansone_, _Gli Avvenimenti_ cit., cap. II.

Dettando l’opera tuttora, inedita sull’_Origine e giurisdizione
dell’ecc.mo Senato_, il Teixejra, più volte citato, usciva dall’abituale
suo riserbo nel giudicare i sovrani provvedimenti relativi all’azienda
comunale. «La libertà di panizzare, egli diceva, è stata una rovina pel
paese: nobili, forestieri, proprietarî, monopolisti ne hanno tratto poco
utile; la povera gente gravissimo danno; povertà e libertà son due date
eterogenee ed opposte così che vanno sempre in collisione; avvegnachè la
introdotta libertà non fa esente il Senato di soccorrere nel bisogno i
poveri; e perciò mantenersi si dee sempre una certa provvigione di grani
per provvedere nei casi fortuiti il popol tutto, il quale non può restar
soddisfatto del pane di voluttà, il quale non riconosce limiti per la
quantità e leggi per la qualità. E vi è di più: che questo voluttuoso
pane non potrà trovarsi in tutti i tempi con la uguale abbondanza,
perchè nei tempi di penuria mancar sogliono queste braccia dirette
soltanto dal privato guadagno e non dalla comune felicità; ed ecco in
tal caso mancare questo precario sussidio, o almeno con tale minorativa
che uguaglia la mancanza¹⁵⁸. La libertà di panizzare (aggiungo) ha
portato anche questo: che quasi tutte le comunità religiose vendono pane
pubblicamente, nulla curando le chiesastiche proibizioni in canone
ridotte»¹⁵⁹.

 ¹⁵⁸ _Teixejra_, _op. cit._, cap. XV, § 242.

 ¹⁵⁹ Vedi Lettere della Sacra Congregazione in data del 15 Maggio 1685,
     esecutoriate in Palermo il 30 Luglio del medesimo anno. _Teixejra_,
     cap. XV, § 244.

Queste osservazioni hanno valore quasi officiale. Il Teixejra scriveva
per incarico e con la compiacenza del Senato, il quale premiavalo di un
lavoro, che era la sua glorificazione. Avrebbe potuto il glorificatore
scrivere ben centoquindici pagine contro l’abolita proibizione di libera
vendita decretata dal Re senza il pieno consenso del Senato? La sua
dissertazione quindi rispecchia le opinioni del consesso civico: ed è
tutto dire.



                             _Capitolo VI._


                            _LE MAESTRANZE._

Le Maestranze palermitane apparvero all’apogeo della loro potenza negli
scomposti tumulti del 1773. Senza una rivoluzione nelle forme classiche
delle rivoluzioni siciliane, il Vicerè Fogliani doveva abbandonare per
sempre la Capitale e, come can battuto, andarsi ad imbarcare per Napoli.
Le Maestranze lo scossero dalle fondamenta solide di 12 anni, lo
mandaron via e, da Porta Nuova a Porta Felice, gli protessero la vita
dalla folla schiamazzante¹⁶⁰.

 ¹⁶⁰ Sotto la data del Settembre 1773 il Villabianca, _Diario_, V. XX
     della _Biblioteca_, v. XX pag. 292, scriveva:

     «Le maestranze della città, ossian collegi di arti, sono al numero
     di 74, e tutte poi, fatto il calcolo, press’a poco vanno a formare
     un corpo di 30,000 uomini atti alle armi, trovandosi quasi ogni
     singulo lo schioppo in casa ed armi offensive di ogni sorta per la
     custodia del loro tetto, ma molto più per l’uso ed il piacere della
     caccia e pel mestiere della guerra».

Fino a quell’anno erano state padrone dei baluardi di cinta, dei cannoni
di difesa, della sicurezza notturna della città e, armate di tutto punto
quali guardie cittadine, braccio forte dell’Autorità, avean fatto le
ronde, mantenuto il buon ordine, fiere della fiducia che il Governo
riponeva in loro.

Erano esse una istituzione con organamento politico, economico,
possibile solo nel tempo della loro prosperità, e ne era forza il
principio religioso. Base fondamentale il monopolio dell’arte, limite
alla produzione di pochi, attentato continuo alla libera concorrenza.
Regolamenti statutari riconoscevano il monopolio sulle persone e sul
lavoro, ed il riconoscimento di essi da parte del Senato in Palermo come
in Messina, e del Vicerè in altri paesi dell’Isola, dava alle
corporazioni personalità giuridica.

Fu tempo che alle Maestranze principali se ne aggregavano delle mezzane
ed anche delle infime, le quali, in mancanza di personalità propria, si
acconciavano a quella dei consoli dell’arte maggiore. Se non che, questa
specie di giurisdizione, nascente da inferiorità di forze economiche e
morali, agitava il loro spirito e lo faceva pensare alla soggezione loro
imposta o creata dalla mancanza di rappresentanti proprî. Da qui
risentimenti e scissure, ricorsi e litigi, nei quali ad artisti
privilegiati e ricchi di privative vedevansi mescolati «artigiani ed
operai di mezzana sfera, ed intrusa gente inferiore, e presto la più
servile»¹⁶¹.

 ¹⁶¹ _Villabianca_, _Opuscoli palermitani_, v. VII. Ms. Qq. E, 7, 9
     della Biblioteca Comunale.

I deboli si dolevano delle sopraffazioni dei forti: e forti erano gli
ascritti alle arti maggiori ed i _vocali_, cioè gli aventi diritto al
voto (_voce_). Giacchè come non a tutti era consentito di presentarsi a
lavorare senza essere prima riconosciuti lavoranti, così in seno alle
Maestranze nessuno poteva dirsi maestro. Maestro era il più alto grado
della scala della maestranza, ed a questo non si giungeva se non dopo
alcuni anni di _lavorantado_.

Il lavorante in una bottega era pagato a tanto il giorno o a tanto per
opera; ma il maestro non poteva associarselo al lavoro, perchè il
lavorante non avea personalità giuridica. A lui perciò, privo di
rappresentanza officiale, non era consentito aprire bottega, nè gestire,
altro che temporaneamente, quella degli altri. Il suo _lavorantado_
durava tre o più anni, fino a tanto che nella maestranza non vi fosse un
posto per lui, o che il lavoro esigesse maggiori braccia riconosciute o
uomini patentati. Allora egli, munito degli attestati del suo tirocinio,
presentavasi al Console per far gli esami tecnici di abilitazione al
maestrato, pronto, non sì tosto venisse dichiarato abile, a pagarne le
tasse al Consolato, le buone grazie ai futuri colleghi e alla cappella:
tasse, secondo i tempi e le maestranze, variabili dai 10 tarì pei
muratori (a. 1487), alle 6 onze pei forgiatori (a. 1772). L’esame
versava sopra l’arte del candidato, con una o più opere. Il giudizio non
era privo di una certa severità e, se sfavorevole, inappellabile.

Riconosciuto maestro, l’operaio avea raggiunta la meta delle sue
aspirazioni. Non più asservimento a maestri, solo dipendenza dal
Console, dignità alla quale poteva aspirare anche lui; e poi facoltà di
aprir bottega, di farsi valere nel sodalizio e quindi di votare
(prerogativa di grande valore); coscienza di sapere le sue gioie e i
suoi dolori condivisi da tutta la corporazione, sicurezza di soccorso in
caso di malattia, di assistenza alla famiglia in caso di morte, di
conforto di legati alle figliuole orfane. E da parte sua conosceva bene
i suoi doveri di moralità, di religione, di fratellanza, senza i quali
maestro onorato non vi poteva essere; e si sarebbe guardato dal tenere
più di due garzoni da istruire, dal togliere avventori ai suoi compagni,
dall’accrescere lo spaccio della propria merce mandandola a vendere per
le strade, dal violare un solo articolo dei Capitoli, dal disubbidire al
Console, e, in generale, dall’esser tepido nel sostenere gl’interessi e
il decoro della corporazione.

Contro tanta democrazia di istituzioni e di pratiche cozzavano
giurisdizioni e privilegi del tutto medievali: dal privilegio di foro
per sè al privilegio pei figli e pei generi, il che oggi si direbbe
ingiustizia sociale. Ve n’è poi una, alla quale ogni principio moderno
di libertà ripugna, il garzonato.

Il ragazzo che aspirava a diventare maestro doveva per alcuni anni
obbligarsi (e l’obbligazione era legale) a star sotto il tale o tal
altro maestro, avente bottega ed officina. Questi s’impegnava ad
istruirlo in casa propria.

Condizioni così semplici sono veramente patriarcali; ma esse sembrano
fatte a posta per nascondere stato e condizioni di cose insopportabili.
L’alunno accolto in bottega ed ospitato in casa facea parte della
famiglia del maestro, ma non come figlio, bensì come _picciotto_, al
quale non era fatica nè basso servizio che non si comandasse; e dove
egli, per negligenza o per ottusità di mente, mancasse, guai per lui!
Poichè, come vi sono anime gentili, ve ne sono anche (e disgraziatamente
in assai maggior numero) crudeli. Costoro, abusando di un contratto
imposto dal bisogno del momento e dalla prospettiva dell’avvenire,
sfruttavano i poveri ragazzi ed insegnavano loro poco e male con maniere
disdicevoli a maestri ed a padri di famiglia. Le carte del tempo
conservano ricordi di discepoli, i quali, stanchi dei maltrattamenti
ricevuti, si richiamavano all’autorità per essere sciolti
dall’obbligazione e cambiar maestro, sinonimo di padrone. Il che ci fa
correre con la mente al sospetto che qualche cosa offuscasse sovente
l’animo del maestro, una certa qual gelosia di mestiere, una
preoccupazione che il giovanetto d’oggi potesse domani diventare un
emulo forte.

Notizie di scenate fanciullesche nel tempo di maggior prosperità delle
corporazioni ci soccorrono qui di luce chiarissima sulle relazioni tra
le varie maestranze. Nessuno ci ha detto mai, ed ora soltanto può
affermarsi con ragione, che queste relazioni non fossero sempre
plausibili, e che le manifestazioni di malumori, si potessero trovare
nella condotta degli allievi di esse. Di tanto in tanto costoro venivano
a zuffe; dispetti lungamente sopiti erompevano in violenti attacchi, nei
quali mancavano solo le armi per prender nome di battaglie. Fuori le
porte della città, in campo aperto, con bandiere spiegate, in giorni
precedentemente stabiliti, la ragazzaglia di alcuni mestieri e
particolarmente delle due parti, degli argentieri e dei conciatori,
facevano ai sassi tra loro con la evidente intenzione di offesa e di
difesa, quali che fossero i risultati finali di malconci e di feriti
d’ambe le parti. Come più tardi, e come forse prima, alla vittoria
seguivano urli di canti di gioia dei vincitori contro i perditori
sgominati, e rappresaglie che rinfocolavano odii ed eran seme maligno di
future vendette.

Una di codeste sassaiuole (Gennaio 1776), sventata a tempo, impedì danni
non lievi alla città ed ai privati. Il Vicerè, il Capitan Giustiziere,
il Senato stettero un momento in grande ansia; ma se ne rifecero a
misura di carbone quando, avuti tra le mani i capi della fallita zuffa,
li gratificarono di un cavallo per uno con venti sferzate, regalate loro
da un commissario invece che dal boia, come avrebbe dovuto essere:
quantunque si pensasse da ultimo a condannarli, i maggiori all’esilio,
ed i più piccoli dai dodici anni in giù, alla catena pei lavori
forzati¹⁶².

 ¹⁶² _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XX, pp. 165-66. V. XXVI,
     pp. 5-6.

Ma c’erano di mezzo i figli dei conciatori, e qualunque rigore delle
Autorità e severità dei cittadini pareva giustificata.

Di limitazione in limitazione, di privilegio in privilegio, si era
giunti alle più insopportabili prescrizioni. Proibito l’esercizio di
un’arte a chi potesse nuocere a coloro che l’esercitavano; proibita la
concorrenza sulle vendite: tutto monopolizzato sotto quel nome di
_zagato_, che era un ostacolo permanente al libero svolgersi del piccolo
e del grosso commercio, come al progresso delle manifatture e delle
industrie. Il _zagatu_ (una volta tabaccheria, poi merceria e da ultimo
pizzicheria), diritto di vendere una cosa, concesso mercè pagamento, era
il monopolio per eccellenza; e di _zagati_ se ne avea quanti si riusciva
ad ottenerne per via di protezioni, di influenze, di aiuti presso
l’eterna officina di favori e di mercedi, il Palazzo senatorio.

Come di fatti ordinarî della vita, nè storie, nè diarî se ne occupano;
ne testimoniano invece le _Provviste_ dell’Archivio della città, dove la
pazienza del ricercatore ha modo di confermare che in mezzo a tante cose
belle ed oneste, molte ve ne avea nè oneste nè belle.

Una delle più severe prescrizioni era quella delle distanze tra bottega
e bottega congenere. Non se ne poteva aprire una che non distasse
quaranta palmi, partendo dalla _bancata_ (dal banco), da altra della
esistente. Il Senato lo vietava: ed il venditore vecchio lo avrebbe
messo a rumore a furia di ricorsi contro il nuovo. Non mancavano
tuttavia modi di eludere leggi e regolamenti, e di fare degli strappi al
grande organismo rappresentato dal Magistrato municipale.

Senza di questo un pescatore, _rais_ Modesto Marino, non avrebbe potuto
divenire un vinaiuolo, e molto meno aprire spaccio di vino a trentasette
palmi dalla bottega più vicina; nè maestro Giuseppe Errante aprirne una
di concia-calzette con dieci palmi di meno di quelli prescritti dai
Capitoli; nè maestro Giuseppe Arcuri ottenere un posto da vendervi
sapone nella strada Macqueda con passi assai di meno dei quaranta,
voluti per la bottega preesistente rimpetto alla Congregazione delle
Dame. Inoltre, certa Signora non avrebbe insistito per aprire il
_zagato_ che possedeva sotto il proprio villino, nello stradone di
Mezzomorreale, e farvi vendere, come pel passato, non sappiamo che cosa,
sorpassandosi alla mancante distanza voluta¹⁶³.

 ¹⁶³ _Provviste del Senato_, a. 1779-80, pp. 288, 584, 612, 823.

Tanta larghezza, ed altra ancora che torna inutile rilevare, in un solo
anno (1780), incoraggiava a chiedere ancora: e le domande di dispense e
di eccezioni fioccavano, ed il Senato, come vigile custode degli
ordinamenti del genere, così arbitro supremo in tutte le liti,
dispensava, eccettuava, sentenziava indiscusso. Alla tempesta delle
suppliche e delle istanze seguiva sempre la pioggia delle concessioni e
delle grazie.

Ampie, quasi illimitate le facoltà del Console. Ad esso il
riconoscimento dei titoli che davan diritto al maestrato; ad esso i
giudizî sulle liti del mestiere tra’ varî gradi dell’associazione; ad
esso le sentenze di multe, di carcere, di privazione dei beneficî, di
espulsione dalla maestranza; ad esso, per dir tutto, l’autorità di
giudice «idioto», o, come diremmo oggi, conciliatore. Inappellabili le
sue sentenze; e chi contro di esse si richiamasse ai tribunali ordinarî,
veniva quasi ribelle, come uscito dalla casta che lo tutelava,
condannato all’ostracismo.

Il feudalesimo delle alte classi non avrebbe potuto, sotto questo
aspetto, trovare più evidente riscontro di quello che offriva questo
feudalesimo del popolo.

Abbiamo detto esser forza delle Maestranze il principio religioso.
L’affermazione potrebbe discutersi; ma i fatti son lì a provarla. Senza
di esso le corporazioni non avrebbero avuto ragione di esistere: e
crediamo di apporci al vero, partecipando alla opinione di chi non è
guari ammetteva le Maestranze «aver avuto preparazione nelle compagnie
religiose dette di disciplina» ed essere state «una specializzazione,
una trasformazione civile di esse; onde i capitoli di alcune compagnie
sono il substrato degli statuti di alcune corporazioni»¹⁶⁴.

 ¹⁶⁴ _G. Beccaria_, nell’_Archivio Storico sic._, nuova serie, a. XXII,
     pp. 264 e 276-77. Palermo, 1897.

Ogni maestranza avea il suo santo protettore: i sarti S. Oliva, i
parrucchieri S. Maria Maddalena, i calzolai S. Crispino, i falegnami S.
Giuseppe, i pescatori S. Pietro, ecc. Nel giorno della festa patronale i
maestri non lavoravano; bensì rinnovavano le cariche ed assistevano alla
messa ed alle funzioni ecclesiastiche nella cappella della corporazione,
e conducevano in processione la statua del santo. Nella cappella si
scorge lo sdoppiamento della società in corporazione e in confraternita,
giacchè la maestranza metteva capo alla congregazione (confraternita)
schiettamente religiosa, che si attaccava a quella senza farne parte
integrale, anzi quasi sempre avendo amministrazione propria con la
cooperazione del cappellano. In quella cappella, la confraternita, quasi
sodalizio diverso dalla corporazione, che tale era essenzialmente,
compieva le pratiche religiose e tutelava gl’interessi sociali,
economici, amministrativi della maestranza. Lì le adunanze dei maestri,
come dei congregati; lì le trattazioni degli affari, gli esami degli
aspiranti al maestrato, le elezioni; lì si decidevano le sorti di tutto
un corpo di artigiani. Pensiero pietoso poi, per quanto nocivo alla
pubblica salute: sotto la cappella si seppellivano i confrati defunti,
sì che vivi e morti erano in tacita comunione tra loro.

La maggiore delle feste religiose nelle quale il duplice carattere delle
Maestranze dava pubblica e solenne mostra di sè, era quella dell’Assunta
a Mezz’Agosto. Quivi in giamberga o senza, con lo spadino a fianco,
antico privilegio o abuso, prendevan parte alla lieta mostra conducendo
ciascuna il proprio _ciliu_, cereo, da offrire alla Vergine. Un _ruolo_
annuale a stampa, qualche giorno prima della festa, indiceva l’ordine da
tenersi nella processione ed il posto che a ciascuna maestranza
spettava. Chi voglia oggi trovare la ragione dell’ordine, dovrebbe
indagare le origini delle singole Maestranze, la loro natura, le loro
vicende, il dividersi, il fondersi, il trasformarsi loro, i privilegi e
gli abusi che ne accompagnavano l’esistenza.

Queste vicende sarebbero materia per la conoscenza delle condizioni
economiche e sociali del paese, pagine della storia del diritto, fatti
ed aneddoti che lumeggiano il carattere del popolo siciliano.

Il Vicerè Caracciolo vide sempre male i collegi delle arti, e cercò una
buona occasione per romperne la compagine.

La occasione venne propizia. Nella processione dei cerei il 15 Agosto
1782, a cagione d’una lite insorta tra due maestranze, un maestro dei
gallinai venne ucciso; lo spettacolo religioso, funestato. Il Caracciolo
non cercò di meglio: e senz’altro decretò l’abolizione dello spadino per
gli artigiani e la graduale soppressione ora di uno, ora di un altro
collegio di arti e mestieri. Primo a fare scomparire fu quello dei
macinatori; secondo, quello dei Lombardi che venivano in Palermo a
vender grasce; terzo, quello dei bordonari; poi quello dei cocchieri¹⁶⁵,
contro i quali più tardi, pur restituendo qualche collegio annullato, il
Governo fu sempre inesorabile.

 ¹⁶⁵ _Pollaci-Nuccio_, _Delle Maestranze in Sicilia_, nelle _Nuove
     Effem. Sicil._, serie III, v. V, p. 262. Pal. 1877.

Nel 1786 il Caracciolo era già andato via, ma le soppressioni
continuavano ancora. La malevolenza di lui, echeggiando in Napoli,
proseguiva nel suo successore; tuttavia non così sorda da non sentire le
voci di reazione degl’interessati, nè così intollerante da resistere al
rumore dei ceti civile e nobile, che dalle nuove riforme pigliavan
pretesto ad agitarsi, non per tenerezza delle vecchie corporazioni
artigiane, divenute oramai troppo prepotenti e, secondo le idee del
tempo, insopportabili, ma per naturale avversione alle idee innovatrici
del Caracciolo.

Le Maestranze in quell’anno venivano ridotte a 59, divise in due
categorie, l’una di quindici per la vendita dei comestibili, dipendente
dal Senato, (bottegai, pizzicagnoli, tavernieri, pasticcieri, macellai
ecc.); l’altra di quarantaquattro, per le arti meccaniche, soggette ad
una commissione governativa. Gli antichi capitoli venivano sostituiti
con altri compilati dalla Giunta; abolito il privilegio del foro,
formato per un cumulo di tacite acquiescenze e costituente un tribunale
speciale dentro un tribunale generale: e però, il magistrato ordinario,
competente a giudicare i maestri; bandite le privative; non più
consentite le tasse di entrata.

Colpo più grave le Maestranze non potevano avere, sì che ne rimasero
scompigliate e stordite. Ma le idee liberiste cominciavano a farsi
strada in Italia, e, pel Governo di Napoli, nel Governo di Sicilia. Le
Maestranze avevano fatto il loro tempo, e cadevano sotto il peso di quel
privilegio col quale e pel quale si erano mantenute. Chi consideri bene
la lor vita sociale, economica e industriale, rivelata dalle carte che
ce ne rimangono, scoprirà subito il tarlo che le avea lentamente róse,
ed il male incurabile che era venuto minandone la esistenza, un dì
rigogliosa e fiorente. Oppresse da debiti per ispese che non avean
compenso nelle entrate; inclinate a feste religiose imponenti gravezze
non facili a sostenersi; morose a pagamenti di tasse obbligatorie, le
quali, per quanto ingiuste, eran necessarie alla giornaliera funzione
del magistrato, si dibattevano tra le strette del volere e del non
potere. Le liti, cooperatrici delle costosissime solennità religiose nel
lavoro di rovina, le rendevano inabili a qualsiasi atto di energia,
escluso quello solo della giurisdizione, che i Consoli eran gelosi di
esercitare sulle tre classi della corporazione: liti di gente contro
gente, di associazione contro associazione, per lesione di privilegi e
per non retta interpretazione di Capitoli.

Ordinarî i ricorsi per lesioni di preminenze e per negata reintegrazione
in diritti perduti, o infirmati per mancata osservanza dei Capitoli.
Comunissime le richieste di maestri morosi ai pagamenti, imploranti la
dispensa di essi, la quale consentisse loro l’ambita elezione a cariche
ufficiali, non altrimenti permessa dai Capitoli medesimi.

Il Senato, la cui competenza in siffatte liti era sempre da tutti
riconosciuta e dai Vicerè riconfermata, e nel cui palazzo questi
Capitoli venivano conservati, se ne occupava come delle faccende più
importanti per la cosa pubblica¹⁶⁶.

 ¹⁶⁶ _Provviste del Senato_, a. 1780, p. 373.

Per anni ed anni i maestri d’acqua (fontanieri) litigarono per
emanciparsi da un consolato, quello dei muratori, al quale non avean
diritto di salire. Emancipazione simile, battagliando, conseguivano
gl’intagliatori e gli scalpellini. «Semolai e vermicellai» non si
stancavano dall’invocare, ciascuno nel proprio interesse, certi diritti
di preferenza, loro contrastati. Dimentichi di una legge perpetua che li
accomunava all’unico consolato dei paratori di chiesa, i fiorai
ricusavano di prender parte secondaria ad un istituto del quale non
potevano rappresentare la funzione principale e propria¹⁶⁷. I pescatori,
non potendo più andare d’accordo nella stessa loro corporazione, si
scindevano per rioni della Kalsa, di S. Pietro, del Borgo (mand.
Tribunali, Castellammare, Molo) e, sotto le bandiere dei loro santi e
patroni, rivaleggiavano più che non usassero, essi di lor natura alieni
da quistioni. Nelle solenni comparse officiali le ire esplodevano per
malintese e mal sopportate precedenze nel ruolo.

 ¹⁶⁷ _Atti del Senato_, a. 1775-76, p. 383; a. 1777-78, p. 416.

Faticoso quanto rincrescevole il tener dietro, sulla scorta dei
documenti d’archivio, a questi sodalizî, perdentisi in futili pretesti
pel conseguimento d’una rappresentanza purchessia, o per l’impedimento
di un consolato a quello tra essi che credevano non meritarlo. Nel vanto
del loro forte passato s’affannavano a cercar vigore alla debolezza del
presente: e si confortavano nel titolo di milizie reali, dato loro da
Carlo III¹⁶⁸, rimpiangendo l’abrogazione del diploma di Filippo III, che
concedeva l’altissimo privilegio di liberare ogni anno un condannato a
morte¹⁶⁹.

 ¹⁶⁸ _Capitoli del Senato_, t. III, pp. 55-56. Pal. 1768.

 ¹⁶⁹ _Teixejra_, _op. cit._, v. I, cap. X. — _De Vio_, _Privilegia_, a.
     1612, pp. 466 e seg.

Il tempo che corse tra la campagna iniziata dal Caracciolo e la fine del
secolo passò meno turbinoso di quel che si potesse al primo istante
prevedere.

Risensate dall’improvviso colpo ricevuto, le Maestranze pensarono
seriamente a rialzarsi. Prive in parte di armi materiali e morali, non
tutte avevano espedienti a resistere. Le loro sessantamila braccia di
ieri, le cento e più mila dei giorni migliori della loro vita non si
moveranno più a difesa della città, non potranno più agitarsi nella
rivendicazione di diritti proibitivi¹⁷⁰, nella restrizione di esercizî,
nella osservanza di monopoli, nella imposizione di contribuzioni
obbligatorie di feste e di cerei¹⁷¹; ma non rimarranno inerti. Se non
altro pel loro numero, una grande energia è ancora in esse. Ora l’una,
ora l’altra delle corporazioni, pensa a ricostituirsi chiedendo il
riconoscimento ufficiale. La loro azione non cessa di svolgersi sotto
l’alto patrocinio e la autorevole vigilanza del Senato, il quale
continua a tenerne conto; il Pretore, Console dei consoli, non lascia di
averli, quali li ebbe sempre, «onorati uomini»: prova patente il suo
solenne invito del 1789, nel quale il voto delle Maestranze fu chiesto
come suffragio del popolo¹⁷². Dove non possano e non vogliano ricomporsi
nella soppressa forma di collegio, cercano altrimenti di ordinarsi: e
gli orafi e gli argentieri ricompariscono in compagnie ad azioni,
proprio nel medesimo anno (1794), in cui altra maestranza assume
parvenze di confraternita (S. Filippo d’Argirò e SS. Ecce Homo), sotto
la quale viene senz’altro riconosciuta.

 ¹⁷⁰ Tra le _Provviste del Senato_, a. 1784-85, pp. 435, 530, è un
     viglietto di S. E. al Senato perchè, in seguito alla abolizione del
     Collegio de’ misuratori, che erano in numero di 30, intìmi loro il
     divieto della privativa del loro mestiere.

 ¹⁷¹ Notevole questo: che il 15 Agosto del 1787 non potè aver luogo la
     solita festa dei _cilii_, perchè la riscossione delle tasse annuali
     dei maestri fu proibita dal Re. _Vinc. Torremuzza_, _Giornale
     Istorico_ inedito, p. 444. Ms. della Bibl. Com. di Palermo.

 ¹⁷² Vedi innanzi, p. 91, e _De Franchis_, _Ceremoniale_ ined. pp.
     488-97.

Il giorno dell’arrivo dei Reali di Napoli in Palermo (26 Dic. 1798),
«non armate, colle coccarde chermisi al cappello e coi loro ufficiali
indossanti le uniformi turchine e rosse», insieme con la guardia dei
miliziotti della Bambina, esse si trovano schierate nella via Macqueda e
nella via Toledo¹⁷³; ed il Re ne resta grandemente compiaciuto.

 ¹⁷³ _A. Sansone_, _Avvenimenti_, p. XX.

Così dopo tante fortunose vicende le Maestranze rientrano nelle grazie
del Governo, che nel 1812, per suo tornaconto, le ripristina quali erano
state prima del 1784: provvedimento fuori luogo a favore d’una
istituzione indocile alle nuove idee civili ed economiche, non compresa
neanche da coloro che più erano interessati a prolungarne la esistenza.

Ott’anni ancora, ed esse si riaffermeranno nella rivoluzione del 1820,
con velleità di ordine, ma con atti torbidi e minacciosi.

Sarà l’ultimo supremo sforzo d’un gigante che finisce di decrepitezza.

Il 13 Marzo del 1822 un tratto di penna di Francesco I le faceva
scomparire per sempre. Di quasi 80 corporazioni non rimaneva altro che
il nome!¹⁷⁴.

 ¹⁷⁴ Sull’argomento delle Maestranze in Sicilia, oltre le pubblicazioni
     dell’_Orlando_, del _La Colla_, dello _Starrabba_, del _Lionti_ e i
     cenni del _La Lumia_ (_Storie siciliane_, v. IV), e del _Di Marzio_
     (_I Gagini e la Scultura in Sicilia_, v. II), notate dal _Cusumano_
     nel _Giornale degli Economisti_, v. V, fasc. 3º, e gli scritti del
     _Pollaci-Nuccio_ e del _Beccaria_ sopra citati, giova vedere: _F.
     Maggiore-Perni_, _La Popolazione_ ecc., pp. 395-621; _F. G.
     Savagnone_, _Le Maestranze siciliane e le loro origini dalle
     corporazioni artigiane nel Medio Evo_ (Pal., Amenta, 1892), che
     abbiamo molto utilmente tenuto sott’occhio in questa rapida corsa;
     _G. Scherma_, _Delle Maestranze in Sicilia, contributo allo studio
     della questione operaia_ (Pal., Reber, 1896), che però non abbiam
     potuto leggere.



                            _Capitolo VII._


                        _CARTELLI E PASQUINATE._

L’antico costume di affidare ad una statua, ad un qualunque monumento le
voci di indignazione di una classe della società, del popolo o di alcune
persone di esso aveva la sua applicazione nella figura marmorea del
_Palermo_, in quella di bronzo di Carlo V alla Piazza Vigliena, o in
altro dei luoghi più frequentati della città.

Siffatto costume era una delle tante conferme dell’assoluta mancanza di
libertà di parola e della insormontabile difficoltà di dire il fatto
proprio rivelando cose che potessero suscitare lo sdegno dei governanti
e degli amministratori.

Nel tempo del quale ci occupiamo, e prima e dopo di esso, chi avrebbe
osato parlare a viso aperto? Chi rinfacciare al Governo centrale o
locale la riprovevole condotta ond’esso rendevasi colpevole in faccia
alla Sicilia? Questa condotta, subìta in silenzio, deplorata nelle
intime conversazioni, esecrata nei fremiti di spiriti indipendenti tra
noi, era solo pubblicamente censurata nei libri d’oltremonte. Coloro che
aveano visitata l’Isola, tornando alle loro case, la rivelavano nelle
relazioni stampate dei loro viaggi. I _Briefe_ del D.r Bartels sono in
questo genere la più severa condanna della Corte di Napoli e della Corte
di Palermo¹⁷⁵.

 ¹⁷⁵ Si scorrano qua e là i voll. IIº e IIIº, ma particolarmente le pp.
     823-24 del IIº.

Le statue pertanto e le mura dicevano quello che gli uomini non potevano
o non osavano.

Di statue di _Palermo_ ve n’erano (e qui possiamo dire anche: ve ne
sono) parecchie: una, p. e., dentro l’atrio del Palazzo pretorio, una
nella piazzetta del Garraffo, una nella Fieravecchia: tutte tra loro
somiglianti per la magrezza del re coronato che si lascia
tranquillamente rodere il petto da un pingue serpente, e per la posa
solenne e maestosa nella quale il re se ne sta seduto.

Quest’ultima figura era e fu lungamente la favorita dai Palermitani: ai
suoi piedi i popolani del quartiere si raccoglievano chiacchierando; e
dal suo collo pendevano di tanto in tanto cartelli di collera, di
protesta, di minaccia, che non si sarebbero altrimenti potute ripetere
senza supplizî o bastonate.

E lo stecchito sovrano, sollevantesi di mezzo all’acqua della vasca che
lo attornia, rimaneva impassibile a tutte le berline alle quali lo
esponevano i suoi presunti capricciosi sudditi, senza uno scatto di
risentimento per le scenate che gli si facevano rappresentare. Se dopo i
tumulti contro il Vicerè Fogliani (Sett. 1773) appariva in _giamberga_,
parrucca, nicchio e spada al fianco, egli riaffermava la sua sovranità;
se al feroce strazio di tre giovanetti, veri o non veri colpevoli, dopo
quei tumulti, veniva coperto di gramaglia, egli voleva piangere col suo
popolo una giustizia che sconfinava e non colpiva i veri e principali
rei; e se gli si imbrattavano di pane e pasta volto e vestiti, ben a
ragione avea da deplorare i pessimi comestibili che impunemente
obbligavansi i suoi figli a mangiare; e quando una fitta sassaiuola di
fichi lo prendeva di mira, avea tutta la ragione di riconoscersi coperto
di tanta ignominia per la vigliaccheria nella quale i suoi Palermitani
eran caduti di fronte alla tirannia del Governo ed alla inettitudine del
Senato.

La segaligna statua di Carlo V nella Piazza Bologni, rispettata sempre
nei furori delle sommosse, non era risparmiata quando il malumore
serpeggiava nella cittadinanza, e quando una voce voleva farsi giungere
a’ capi del Governo ed a quelli della città. Era un cireneo come il
vecchio Palermo e come l’aquila audace del Comune, la quale al domani
d’una sanguinosa esecuzione di giustizia compariva spennacchiata e grama
nella Conca d’oro, divenuta conca di.... immondezze.

E non si andava oltre quella piazza, nè si sognava di salire verso il
Palazzo reale, perchè ivi erano centinaia di Svizzeri a guardia, non
della città, ma del Vicerè.

L’incalzar degli eventi e le miserie cittadine resero indispensabile
questa tra le meno pericolose e tra le più efficaci manifestazioni di
malcontento e di rabbia.

Se la vanità della erudizione dovesse vincerla sulla parsimonia dello
scrivere, potremmo prenderla molto larga in quest’argomento. Potremmo,
p. e., ricordare una certa elezione di giudici capitaniali in persona di
Emanuele Lo Castro, di Serafino Castelli e di Pasqualino, elezione che
fece nascere il _calembour_, sanguinoso per le allusioni menelaiche al
primo ed al terzo e per le birresche al secondo, che avea il nome
(Castelli) comune con quello del carcere dei nobili e dei civili
(Castello a mare):

    Mircatu di carni grassa di _Crastu_ (Lo Castro) _pasqualinu_,
    pasciutu cu li malvuzzi di _Castell_'a mari.

Potremmo ricordare quella del Principe di Partanna Grifeo, a Pretore,
per la quale alla porta del Palazzo di città si trovarono attaccate
quattro P.P.P.P., iniziali delle parole: _Poviru_, _Palermu_, _Preturi_,
_Partanna_, allusive al fare spendereccio del nuovo capo del Senato.

Potremmo anche ridere alla vecchia _giamberga_ attaccata ai rastrelli
della nuova pescheria da un cenciaiuolo, unico, solitario compagno di un
portatore di roba di Faenza nella piazza Marina, quando nel Vicerè
Caracciolo sorse la infelice idea di un pubblico mercato in quel luogo,
triste pei ricordi del S. Uffizio, disagevole per il sole di estate e le
piogge d’inverno, e quindi rimasto deserto¹⁷⁶.

 ¹⁷⁶ _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XXI, pp. 70-71; v. XXVII,
     pp. 205-6 e 322. — _Mercato di Palermo_, pp. 5-6. Ms. Qq, E, 88
     della Bibl. Comun. di Palermo.

Ma questi ed altri ricordi esorbitano dal nostro periodo, ed a noi non
preme raccoglierli.

Siamo al 1793: il caro dei viveri s’inacerbisce di giorno in giorno; i
granai comunali si vengono esaurendo; la città, come tutta l’Italia, è
minacciata di carestia, la quale, non ostante che lungamente e
ripetutamente prevista, giunge con tutta la crudezza e la desolazione
del suo treno.

Ridire quel che è stato detto sull’argomento, non occorre. L’Autorità
senatoria viene accusata del danno; essa che, secondo le solite voci,
non previde, essa che non seppe provvedere in tempo e, peggio ancora,
giocò con la cassa del Comune. Pretore è il Cannizzaro, Duca di
Belmurgo, e contro di lui convergono gli strali di tutta la
cittadinanza, invelenita avverso a lui usuraio, arricchitosi col denaro
della città, e frattanto consigliere di pazienza e di attesa!... Ma la
pazienza ha un limite, e un giorno i monelli del Mercato di Ballarò si
mettono a gridare per le strade:

      Cu la fidi e la spiranza
    Un guastidduni ’un jinchi panza¹⁷⁷:
    Preturi Cannizzaru
    Ha misu Palermu cu’na canna a li manu.

 ¹⁷⁷ Un pane non riesce a sfamare. _Guastidduni_, come sì è detto
     innanzi, forma e, secondo il sistema del tempo, peso voluto dalle
     mete; il quale non doveva essere inferiore a rotoli due (chilogr.
     1, gr. 600) pel prezzo di un tarì (cent. 42), ed era invece sceso a
     poco più di metà.

Se non che, i soldati del Pretore te li acciuffano, ed il boia se ne
diverte con una buona fioccata di nerbate per uno.

Evidentemente questo Pretore Cannizzaro non era nelle buone grazie del
popolo, se dopo le chiassate delle Kalsitane sulle mura delle Cattive
alla Marina gli si faceva anche questa.

L’anno che segue v’è tanto ben di Dio che di carestia non accade più
parlare. Ma ahimè! le cose continuano come per l’innanzi, ed il pane che
si avea a grosse forme è bazza se si ha per metà del peso. Di chi la
colpa? Ci vuol tanto a vederlo?!... del Pretore! E tutti lo vogliono
ucciso, mentre il Vicerè Principe di Caramanico fa il possibile per
rendere meno gravi le conseguenze della crisi. Questo sentimento si vede
espresso al Pretorio nel seguente cartello:

    Lu Vicerrè supra la vara staja¹⁷⁸,
    Lu Pirituri sutta la mannara¹⁷⁹;

 ¹⁷⁸ Questo verso avrà potuto nascere così: «Staja lu Vicerrè supra la
     vara».

 ¹⁷⁹ _Villabianca_, _Opuscoli palermitani_ inediti, v. XVIII, op. 3, p.
     105. — _Diario_ ined., a. 1793, p. 203.

e significa che del Pretore non se ne vuole più sentire a parlare.

Audaci, violente le minacce al Governo, che con inganni ed ipocrisie
tentava carpire la buona fede, non già del popolo, che non aveva nulla,
ma del medio e dell’alto ceto, che possedeva ori ed argenti, e dovea
andarli a depositare alla Zecca in cambio di moneta sonante. Strumento
servile del Governo in cosiffatta barbarica espoliazione l’arcivescovo
Lopez y Royo, Presidente e Capitan Generale del Regno per la improvvisa
morte del Caramanico, e tanto più servile ai danni del paese in quanto
sperava la nomina di Vicerè facendo il piacere de’ Ministri di Napoli.
Avverso a lui si udirono canzoni e cartelli frementi di sdegno.

Siamo alle prime ore del mattino del 16 Aprile 1798, e attaccata alla
solita colonna del Palazzo del Comune ed alle abitazioni dei Ministri
del Consiglio e del Governo, si legge:

      O v’aggiustati, tiranni, la testa,
    O di li Morti faremu la festa.
    E chi vuliti impuviriri a tutti?
    Chi oru?! Chi argentu?! un....

e qui una mala parola¹⁸⁰.

 ¹⁸⁰ _D’Angelo_, _Giornale_ ined., p. 189. — _Villabianca_, con
     varianti, in _Diario_ ined., a. 1798, p. 202.

Il Governo di Napoli era sotto l’incubo dei Francesi scorrazzanti il
Mediterraneo con gli occhi fissi su Malta. La Corte, in preda ai timori
che poi dovevano spingerla alla rada di Palermo, avea chiesto cannoni,
soldati, danaro, e ne aveva ottenuti quanti non ne meritava. I Siciliani
parteggiavano per essa, ma non erano così ciechi da non vedere la
gravità della situazione: e poichè questa peggiorava di giorno in
giorno, il 21 Giugno un cartello trovavasi affisso alla colonna.
Stavolta era un dialogo tra due persone, composto di parole furbesche,
accuse dei componenti del Governo locale. Cominciava altra mala parola,
poi

    ...! Vennu li gaddi, addiu gaddini!
    Addiu nassa, canigghia e puddicini!

E seguiva la risposta:

    Addiu nassa, canigghia e puddicini!
    Minchiuni! ch’è grossa! ’Na vota si mori!

dove, chi cerchi i doppi sensi, vedrà che i galli sono i Francesi, le
galline i Napoletani, la _massa_ la cricca governativa, la _canigghia_,
crusca, la mangiatoia dello Stato, alla quale (per conservare
l’allegoria) si direbbe che le galline bècchino, cioè i favoriti e gli
aderenti divorino: egli ultimi due versi esprimono la indifferenza de’
_cartellanti_ siciliani di fronte alle conseguenze delle minacce
francesi.

Gli eventi incalzano. Re Ferdinando ottiene una vittoria in uno scontro
coi Francesi, ma i Napoletani pei Palermitani son tutti giacobini,
compreso lo stesso loro S. Gennaro: la vittoria non è dovuta a questo
Santo, ma a S. Rosalia, patrona di Palermo, alla quale il Re dev’essersi
caldamente raccomandato. Quattro cattivi versi corsero in proposito:

      T’haju fattu la varva, o San Ginnaru,
    Giacchì t’ha’ fattu giacubinu amaru,
    Tradituri, putruni e da quagghiaru;
    Viva, dunca, Rusulia e non Jinnaru!¹⁸¹.

 ¹⁸¹ _Villabianca_, _Diario_ ined., a. 1798, p. 284; a. 1799. p. 103.

La misura lasciamola all’ignoto poeta da colascione.

Quest’uso di dir male degli uomini e delle cose pubbliche era, come
abbiamo affermato innanzi, antico, molto antico, e per quanto si fosse
fatto a sopprimerlo, sempre vivo. Gli interessati vi ricorrevano sempre
che il bisogno lo imponesse per non lasciarsi sopraffare. Il Governo
sapevalo bene; e quando vi scorgeva una minaccia all’ordine pubblico ed
un’offesa alla sua dignità, si sfogava in bandi e comandamenti severi,
ripetizioni di altri precedenti e secolari. Dopo la giustizia del
Settembre 1773 sopra cennata, per la rivolta contro il Fogliani,
l’Arcivescovo Filangeri, Presidente del Regno, ordinava che «nessuna
persona di qualunque ceto e condizione nelle private conversazioni in
casa, nelle piazze, nei teatri, nelle cafetterie, nelle sagrestie, nelle
chiese, nei conventi, nelle congregazioni» osasse ricordare i fatti
avvenuti; nessuno «formare canzoni, sonetti, satire, leggende».

Disposizioni più severe emanava dieci anni dopo il Caracciolo, preso di
mira specialmente dalle classi nobile e civile. Egli non sapeva darsi
pace pensando che miserabili senza nome osassero gettare il ridicolo su
lui; sicchè, fingendo di prendersela pel decoro delle famiglie, vietava
«a qualunque persona, di qualsiasi grado, ceto e condizione si fosse il
poter comporre, pubblicare, spargere o affissare o scrivere tali libelli
e cartelli infamatori e contumeliosi, nè in versi, nè in prose, nè in
figure esprimenti il carattere, nè in satire, nè in pasquinj, nè in
qualunque altra guisa», e prometteva premî da trecento onze a chi
siffatti delitti segretamente denunziasse¹⁸².

 ¹⁸² _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XXVII, pp. 244-46.

Egli avea ragione: nessuno più di lui era stato bersaglio di frizzi e
barzellette, tanto che avea dovuto mandare in carcere i nobili Vincenzo
di Pietro, Ugo delle Favare e Gaspare Palermo, sospetti di avergliene
fatti. Ma il pubblico, che dovea saperlo, rinunziava alle trecent’onze e
non faceva la spia a nessuno. In tempi più civili questo silenzio
sarebbe stato chiamato _omertà_ e _mafia_!

Le satire, le pasquinate continuarono senza posa fino al giorno della
partenza del bollente Vicerè (Gennaio 1786), in cui gliene vennero messe
sotto il muso non solo in italiano e in siciliano, ma anche in latino.

Gente incorreggibile questi Siciliani!



                            _Capitolo VIII._


                  _I GIACOBINI E LA POESIA POLITICA._

I versi popolareschi che abbiamo riferiti a proposito del pericolo
francese nel Mediterraneo, e dei Napoletani ribelli alla monarchia
potrebbero fornir materia d’un capitolo sulla poesia politica del tempo.
Questa materia non sarebbe scarsa, perchè in nessun secolo di storia
civile dell’isola s’incontra una fioritura di componimenti politici pari
a quella determinata dal precipitar degli eventi nell’ultimo decennio in
Palermo del sec. XVIII.

Se non che, l’argomento ci condurrebbe troppo in lungo, e noi lo
sciuperemmo a scapito degli studiosi, che ai dì nostri, con cure
indefesse, attendono a questa manifestazione dello spirito pubblico nei
tempi passati. Non intendiamo però lasciarlo senza una parola che giovi
a chiamar su di esso l’attenzione di coloro che volessero quando che sia
percorrere a tutto loro agio questo campo inesplorato.

Mano mano che l’eco della rivoluzione di Francia si ripercoteva tra noi,
e le mosse dei Francesi turbavano la olimpica tranquillità d’Europa, la
così detta pubblica opinione si commoveva ed accaniva contro di questi
in Palermo. I Francesi erano i nemici del trono e dell’altare. La
_Raccolta di Notizie_ di Palermo, come il _Compendio delle notizie_ e le
_Nuove di diverse Corti_ di Messina, nelle loro periodiche comparse non
lasciavano mai di dipingerne a foschi colori le imprese istillando
nell’animo dei leggitori avversione invincibile per la Francia, covo di
settarî e di malviventi. Guai a seguire le idee di essa! Chi ne avesse
avuta la tentazione, si sarebbe buscato il carcere e la galera; perchè
non era ammissibile che un suddito di S. M. Siciliana partecipasse a
principî sovversivi e, peggio, ad atti di ribellione.

Le carte segrete della Polizia e le cronache private offrono in questo
un triste spettacolo della politica del Governo e delle inclinazioni
reazionarie delle classi alta e bassa dei cittadini. L’alta, aggiogata
al Governo, non poteva non parteggiare per esso: e vi parteggiava anche
per la propria conservazione. Lo Stato era salute ed ordine; ogni
avversario del Monarca, avversario della casta che con la monarchia
faceva causa comune. La classe bassa, abbrutita dalla ignoranza, non era
in grado di comprendere, e, compresolo, di discernere quel che fosse di
vero nelle vaghe, contraddittorie notizie che giungevano fino ad essa;
la quale nel più frivolo fatto del giorno, in una festicciuola, p. e.,
in uno spettacolo interno, tutta si assorbiva, ignara od incurante dei
grandi avvenimenti di fuori. Ogni francese era un giacobino: ed il
giacobino un anarchico, pronto a sconvolgere l’ordine sociale, a radere
al suolo la chiesa, a manomettere la proprietà privata. Contro i
partigiani della Francia e i dottrinarî del tempo un libriccino scritto
pei vescovi da un vescovo ammoniva: «Oggi ogni pastore deve sapere come
condursi colla porzione di gregge composta di fiere orribili,
sanguinolenti e voraci: pantere, lupi, orsi e molto maggiormente di
volpi astute e maliziose; voglio dire questa razza che scorre per tutto
di filosofastri, massoni, saccentoni, politici ecc.»¹⁸³.

 ¹⁸³ _Avvisi politici a’ Vescovi eletti, adattati a’ tempi presenti_, p.
     57. MDCCXCII.

Il Domenicano P. Crocenti consacrava una opera alle tendenze
giacobinesche¹⁸⁴: e queste ed altre pubblicazioni simili evocando
antiche memorie riaccendevano e rinfocolavano vecchi rancori, non
ispenti ma sopiti, verso i Francesi del Vespro. Così tenevasi la
popolaglia disposta a menar le mani là dove capitasse un francese, od
anche un sospetto sorgesse, che il tale e tal altro forestiero fosse
dell’aborrita Francia.

 ¹⁸⁴ _Meditazioni filosofiche politiche sopra l’anarchico sistema
     giacobino della Libertà ed Eguaglianza, Opera del_ _P. M. F. Dom.
     Crocenti_, _de’ Predicatori_, T. I. Messina, Fratelli del Nobolo,
     1795.

E la classe media?

La classe media, non iscarsa di cultura, offriva qualche caso di
simpatia, più che verso la nazione nemica, verso il giacobinismo, ma non
per l’attrattiva che una setta od anche una segreta società suole
esercitare su spiriti facilmente eccitabili, bensì per un senso di
reazione alla tirannia dei governanti, alla prepotenza dei maggiorenti,
alla corruzione marcia degli uni e degli altri, ma specialmente per quel
fascino che in molti esercitano certe novità.

Se di tendenze repubblicane francofile e di Giacobinismo deve pertanto
parlarsi in Sicilia (e non può non parlarsene poichè vi fecero qualche
apparizione), bisogna metter gli occhi sul ceto civile in generale e,
come per analogia, sul clero secolare e regolare.

È curioso che per tutto un secolo non si preparasse movimento
rivoluzionario in Sicilia senza che qualche prete o frate se ne credesse
parte attiva, vera o presunta che essa fosse. La fine del settecento, il
1820, il 1848, il 1860 sono per questo memorabili date. Nello scorcio
del sec. XVIII, dopo l’editto reale contro i Giacobini (14 Marzo 1795),
i sacerdoti la passavano tra sospetti continui: ed ora veniva arrestato
l’arciprete di Troina (Luglio 1797); ora, acremente ripresi l’abate
Cancilla, professore di algebra e di geometria all’Accademia degli
Studî, ed uno dei due sacerdoti bibliotecarî della Libreria del Senato;
ora trascinati al Castello il sac. Mario La Rosa e varî frati
Conventuali e frati Minori.

Le indicazioni di persone sospette venivano da Napoli; da Napoli gli
ordini di cattura. Sovente i sospetti eran così deboli che il darvi
retta riducevasi ad una puerilità crudele.

Da Marsiglia un tale per burla o per vendetta od anche per insipienza
mandava una carta, una semplice carta, con l’indirizzo: _Al cittadino_
N. N., a _Troina_: e tosto alcuni Troinesi venivano improvvisamente
investiti, catturati e condotti come Giacobini a Palermo. Cinquantadue
tra nobili, civili, frati, monaci, additati come pericolosi dal Governo
centrale, erano chiamati e sgridati acremente solo perchè sparlavano del
Governo locale: come se questo dimostrasse addirittura una intesa coi
rivoluzionarî. Non era persona pacifica che potesse sottrarsi ai
sospetti, non persona sospetta che non fosse vittima di vessazioni
persistenti.

La introduzione di libri ritenuti pericolosi si combatteva con tutti gli
espedienti dei quali il Governo era maestro. Non si doveva attendere che
i libri uscissero dalla Dogana. Il teatino P. Sterzinger revisore aveva
l’obbligo di andarli ad esaminare uno per uno appena giunti e depositati
in dogana; e poichè alla merce egli solo non bastava più, attivi
cooperatori gli si associavano in una Commissione di revisione, che era
insieme di vigilanza, di censura preventiva e soppressiva¹⁸⁵.

 ¹⁸⁵ Erano essi Ros. Gregorio, P. Antonino Barcellona ed i canonici
     Fleres, Leone, Basile, Melia.

Il provvedimento non era nuovo; ma pur sempre stupefacente. Siamo sempre
all’antica paura governativa di tutto ciò che potesse scuotere
l’ordinamento dello Stato; e quando non s’informava al principio
politico, si camuffava sotto quello morale e religioso. Il solo dubbio
che il libro fosse brutto, bastava al provvedimento che dovea impedirne
la entrata in commercio. Non si parlava più della _Philosophie de
l’histoire_, de _La chandelle d’Aras_, dell’_Examen important_ par
Mylord Bolingbroke, del _Catéchisme de l’honnête homme_ e del _Dialogue
de qui doute_ ecc.; non si parlava dei _Derniers mots d’Epictète à son
fils_ e del _Mémoire sur les libertés de l’église gallicane_,
pubblicazioni tutte bandite già fin dal 1769¹⁸⁶; non si parlava neppure
dei libri di Rousseau, di Voltaire, di Diderot, di Volney, di Elvezio,
stati inappellabilmente proscritti; ma delle _Novelle_ del Casti,
dall’_Adone_ di G. B. Marino, del _Pastor fido_ del Guarini, del
_Decamerone_ del Boccaccio e dell’_Elegantia latini sermonis_¹⁸⁷.

 ¹⁸⁶ _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XIX, pp. 183-84.

 ¹⁸⁷ _G. La Mantia_, _Libri da bruciarsi per mano del boia_, appunti
     presi nell’Archivio di Stato di Palermo, filza 1316.

E se questi libri si trovassero già per caso in città?...

Ecco un dubbio tormentoso per la Censura; la quale, non sapendo trovar
modo di liberarsene, ordinava a tutti i librai fissi e girovaghi la
presentazione del catalogo delle pubblicazioni in vendita nei loro
magazzini. L’ordine non poteva rivelare maggiore ingenuità in chi lo
emanava o provocava; mirando esso per tal modo a scovare libri proibiti,
come se i librai fossero tanto disaccordi da dichiararsene all’autorità
possessori con la certezza di esser buttati in fondo a un carcere. Pure
venne scrupolosamente eseguita; nè c’era da discutere trattandosi d’un
ordine del Presidente (il Presidente era per antonomasia il cav. G. B.
Asmundo Paternò), il quale, per farla breve, minacciava la chiusura
degli spacci ai ritardatarî.

E come se la lista dei libri proibiti fosse scarsa, il Presidente vi
aggiungeva la _Scienza della Legislazione_ del Filangeri e l’_Orlando
furioso_ dell’Ariosto¹⁸⁸; mentre Ferdinando in persona si riserbava
l’autorizzazione delle scuole private, ed anche concedendola, vi vietava
l’insegnamento delle scienze¹⁸⁹.

 ¹⁸⁸ _D’Angelo_, _Giornale_ ined., a. 1799, p. 461.

 ¹⁸⁹ _Raccolta di Notizie_, n. 14; 12 Marzo 1799. Vedi il cap.
     _Accademia degli Studi_.

Dalle semplici catture si passava alle espulsioni ed ai confini. Alcuni
catturati in Palermo venivano imbarcati per Napoli; altri catturati in
Napoli imbarcati subito per Palermo. Giuseppe Gallego, Principe di
Militello, era di quelli; un figlio del Marchese Palmieri, dei secondi.
L’uno, bollato come degenere dalla sua casta, veniva mandato a
disposizione del Governo centrale; l’altro, in un monastero di nobili,
alieni da relazioni con Giacobini, a S. Martino¹⁹⁰, dove più tardi i
Reali doveano essere accolti con pranzi lautissimi, doni preziosi e
poesie riboccanti di fedeltà per essi, di orrore pei loro nemici di
Terraferma.

 ¹⁹⁰ _D’Angelo_, _Giornale_, anni 1797-1799, pp. 146-47, 151, 161-62,
     197-98, 203, 209, 272, 328-31, 537, 733-34.

Tenevan dietro le esecuzioni: ed aprivano l’odissea funeraria il giovane
giureconsulto F. P. Di Blasi coi suoi compagni, e la continuavano D.
Pietro Lesa, tenente della truppa, il segretario di Jauch ed altri non
pochi.

Lo spettro del Giacobinismo si aggirava pauroso nella Reggia di Napoli
dapprima, in quella di Palermo dappoi, e rincorreva e perseguitava
Ferdinando e, innanzi che abbandonasse la città nostra, Mons. Lopez,
sognante, come il Sovrano, cospirazioni e rivolte.

Quali fossero da questo punto di vista le condizioni della Capitale ce
lo dice il Villabianca in una pagina del suo _Diario_; e noi, anche con
la certezza di tornare su quello che abbiam detto, la trascriviamo come
informe ma fedele pittura dello stato dell’Isola mentre vi mettevan
piede i sovrani.

«Li Giacobini nel nostro paese, cioè in Palermo e nella Sicilia tutta,
non sono nè i nobili, nè i popolani, ma sono le persone che non ànno da
perdere, birbi ed assassini. Da costoro nasce il fermento tumultuante
che tanto tanto travaglia il Governo e a tutti strappa la quiete.
L’impegno di questi ribaldi è di saccheggiare le case dei ricchi e
mettere tutto a soqquadro, perchè coi spogli degli assassinati si
provvedessero nei lor bisogni.

«Che fanno dunque li più maligni di questa terza specie di gente? Dànno
a sentire a’ plebei popolani e persone minute come li Giacobini e
traditori del Re sono li nobili, ricchi e li ministri di Stato: e come
tali esser di bene che il popolo piccandosi della fedeltà al Re
prendesse l’armi contro detti Giacobini, li massacrasse e ne facesse
l’esterminio con portarne le teste al Re. Così quindi praticando il
popolo, da una mano fa un servigio alla maestà del Sovrano, e dall’altra
mano, saccheggiandone le case, si arricchisce delle lor rapine.

«Le persone minute e i plebei, come che ignoranti ed innocenti quasi
tutti, si persuadono di tai consigli, e ne ànno cominciato l’opera; per
disgrazia incendia città e paesi, tutt’ora con accompagnarla di omicidij
e furti sebbene di poca leva.

«Li nobili, ministri e ricchi non se l’àn sognato di essere Giacobini, e
nè pure le maestranze e popolani, anche di buon senno; ma soltanto
quelli vili uomini scellerati e vagabondi.

«E questo quindi è il fermento che sta bollendo a’ tempi nostri nelle
popolazioni e luoghi della Sicilia. La cosa intanto è seria e
pericolosa. Il Governo ora pensa al riparo di un luogo, ora pensa
all’altro. Si trova in una continua agitazione»¹⁹¹.

 ¹⁹¹ _Diario_ ined., a. 1799, pp. 172-73.

Se questo era l’ambiente governativo, nobilesco, popolare contro i
novatori e contro i Francesi, dei quali facevasi tutt’uno coi detestati
Giacobini, facile è presumere quale dovesse esser la poesia politica che
lo ritraeva.

Uno dei primi componimenti nel genere era un sonetto di Giuseppe da
Ponte. Questo sonetto, appena comparso, andò a ruba e, divenuto raro,
per onorevole eccezione veniva ristampato dalla _Raccolta di Notizie_,
come vedremo, specie di giornale ufficiale d’allora in Palermo. La
imitazione dell’Alfieri ci si sente in ogni verso.

      Vantar tra ceppi libertà di Stato
    In discorde Anarchia per l’uguaglianza,
    Buon Governo cercar dall’ignoranza,
    D’ogn’Erostrato far un Numa, un Cato;
      Orrida povertà mirarsi allato,
    E gli agi immaginar dell’abbondanza,
    Cangiarsi a ogn’aura, e poi vantar costanza,
    Chiamar felice un popol disperato;
      Stragi, sangue, ruine, ire, spaventi
    Piantar per base del Dominio eterno,
    E grandezza chiamar vil tradimento;
      Mostrare assassinando cuor fraterno,
    Un trono rovesciar, e alzarne cento;
    È questa, affè, Repubblica d’inferno¹⁹²!

 ¹⁹² _Raccolta di Notizie_, n. 61. Pal., 6 Sett. 1799.

Tipico altro sonetto _Contra li Giacubini_, del Meli, il quale celiando
schizzava veleno sopra la Francia e sopra quanti parteggiassero pei
nuovi apostoli che da essa partivano e in tutta Europa si diffondevano:

      L’antichi ànnu vantatu a Santu Sanu
    'Ntra li strani prodigj astutu e finu:
    Sanava un ugnu e poi cadia la manu;
    Cunzava un vrazzu, e ci ammuddia lu schinu.
      Ora c’è n’autru apostulu baggianu,
    Chi si ’un c’è frati, almenu c’è cucinu,
    È natu in Francia, e poi di manu in manu
    Scurrennu, s’è chiamatu _giacubinu_.
      Duna a tutti pri re ’na staccia tisa;
    Li fa uguali, però ’ntra li guai sulu,
    Liberi, pirchì in bestij li stravisa.
      Porta appressu frustati supra un mulu,
    'Na Roma nuda, un Napuli ’n cammisa
    E un’Italia scurciata e senza....
        Nè resta ddocu sulu;
    Chi li Fiandri o l’Olanna.... e ’nsumma pati
    Desolata l’intera umanitati.
        Cristi sù li vantati
    Prodigj, ahimè, terribili e funesti
    Di lu giacobinismu, orrenna pesti!
        Oh scuncirtati testi!
    Camina cu li cudi stu sunettu
    Pirchì veni a li bestii direttu.

Nessuna allusione, come si vede, a Giacobinismo in Sicilia. Lo spirito
conservatore del poeta, monarchico più del monarca, non voleva neanche
supporre, che esso potesse trovare eco e far proseliti fra noi; ma, caso
mai, il corrosivo che è nell’apparente anodino sarebbe valso a
distogliere dai pericolosi principî coloro che ne avessero avuta la
tentazione.

In poche settimane, in fogli volanti, venivan fuori due inni di guerra
minaccianti strage ed esterminio ai Francesi. Il primo tuona in termini
abbastanza fieri perchè possa sospettarsi delle convinzioni dell’autore,
che sarà stato un mediocre uomo di lettere, ma che fu certo un cattivo
verseggiatore. Comincia così:

      Chi s’aspetta? All’armi, all’armi!
    Si mora tra un serra-serra,
    Vinni l’ura di la guerra
    Disiata da quant’à!
      Ceda a nui la Francia infida
    E ’na vota almenu impari
    Cosa sù li frutti amari
    D’una insana libertà.

Continua:

      Nui lu pettu comu un brunzu
    Alli baddi espuniremu,
    Scrittu in pettu purtiremu:
    «O la morti, o Diu e lu Rè!»
      Impia Francia mmaliditta,
    Abbastanza ài gaddiatu;
    Pirchì troppu l’hai stiratu:
    Rumpiremu l’arcu sò.
      L’armi nostri s’hannu vistu
    Di Francisi sangu lordi;
    Forsi ancora ’un ti ricordi
    La Sicilia quali fu.

E finisce:

      Chi s’aspetta? All’armi, all’armi!
    Via, curremu, o fidi amici;
    Si lu Vespiru si fici
    La Cumpeta si farà.

È la nota dominante in tutti gli scatti contro la Francia ed i Francesi,
la eterna minaccia della sonata delle campane e riscossa. Sarebbe da
vedere che cosa avessero fatto di eroico gli scamiciati e raccogliticci
volontarî, pei quali, e in bocca ai quali risonarono spavalderie di
questa fatta. Chi vide quella milizia ricordava con rincrescimento come
nella leva contro i Francesi fossero stati, secondo un’ordinanza,
accettati ed iscritti «inquisiti per delitti non gravi e non infamanti
anche se carcerati», e notava con soddisfazione che a buoni conti con
siffatto mezzo erasi «sbarazzata la folla de’ ladri, de’ malviventi o
della gente oziosa, che infestavano la pubblica tranquillit໹⁹³.

 ¹⁹³ _Villabianca_, _Diario_ ined., a. 1796, pp. 576, 589, 590.

L’altro inno è del notissimo D. Raffaele Drago, monaco cassinese, a
proposito della Seconda Divisione del Corpo franco de’ volontarî
siciliani ordinato per cura e spesa di D. Saverio Oneto, Duca di
Sperlinga, della famiglia di quel Michele che freddava il suo
provocatore Beccadelli nell’anno 1799.

      Vinni l’ura di cummattiri;
    Già la trumma all’armi invita:
    Damu, amici, e sangu e vita
    Pri la patria e pri lu Re.
      Opponèmucci a stu turbini,
    Chi scurrennu va la terra;
    Comu chista, nautra guerra
    Santa e giusta nò, nun cc’è.
      Già s’avanza l’avversariu,
    Chi ha seduttu tanti genti
    Cu prumissi fraudolenti
    D’uguaglianza e libertà.

E segue con altri trentasei versi che battono sul medesimo tono¹⁹⁴.

 ¹⁹⁴ _Canzonetta siciliana per uso del corpo franco de’ volontarj del
     sig. Duca di Sperlinga da cantarsi al suono di una marcia
     militare_. In Palermo, Solli, MDCCXCVI.

Alla testa del suo Corpo franco partiva lo Sperlinga a raggiungere
l’esercito reale; ed un caldo augurio di D. Pellegrino Terzo salutavalo
in un sonetto italiano. Il principio era questo:

      Saverio, all’armi, all’armi, ecco rimbomba
    L’italo ciel degli oricalchi al suono;
    E l’empio Gallo al buon Fernando il trono
    Stolto minaccia, a tal che mugghia e romba¹⁹⁵.

 ¹⁹⁵ In Palermo, Adorno, MDCCXCVI. È nella raccolta del Principe di
     Trabia: _Miscellanee diverse di Sicilia_, v. 9 e 10; e nel _Diario_
     ined. del Villabianca, a. 1796.

Quali tesori per quella spedizione profondesse il soverchiamente
liberale Duca, e con lui per la medesima causa altri nobili palermitani,
non sarebbe credibile se non ci fossero documenti, che fanno pensare ad
un vero sperpero di gente inconscia¹⁹⁶.

 ¹⁹⁶ _L. M. Majorca-Mortillaro_, _La Cappella Sperlinga_, pp. 46-47.
     Pal., Reber, 1902.

L’odio dei poeti illetterati andava di pari passo con quello dei poeti
dotti. Dalle strade e dalle piazze passava nelle chiese. In tutti gli
abecedarî del tempo è riportata una canzonetta alla Madonna, canzonetta
che risuona ancora nelle argentine voci dei fanciulli portanti nella
prima quindicina d’Agosto i piccoli simulacri in cera di Maria Assunta.
Quivi i Francesi vanno di conserva coi Turchi nello attentare alla
religione cristiana:

      Li Turchi e li Francisi
    Nni vonnu arruinari:
    A Maria âmu à chiamari;
    Idda nn’ajutirà.

E nasceva e giungeva fino a noi in frammenti una filastrocca, con questo
principio:

      Ò milli setticentu
    Ottantanovi orrennu,
    Annata mmaliditta
    Di (_da_) chiddu Diu tremennu!
      Tu la porta grapisti
    Di danni e di ruina,
    Pri tia muntau ’n triunfu
    La Setta Giacubina.
      Sunnu li Giacubini
    Chi portanu sta pesta:
    Triunfa lu Diavulu
    E si cci fa la festa.

E si trasformava in siciliano e cantavasi a coro un’aria italiana,
giunta del Continente:

      A sti ’nfami Giacubini
    Cchiù la terra ’un li ricivi;
    Cala forti la lavina
    E a mari li purtirà!
      A sti ’nfami Giacubini
    Pezzi pezzi li farannu,
    E li donni e picciriddi
    La simenza si pirdirà.
      A sti ’nfami Giacubini
    Li viju afflitti e scunsulati
    'Ntra lu ’nfernu straziati
    Di lu Cifaru di ddà¹⁹⁷.

 ¹⁹⁷ _Archivio storico siciliano_, nuova serie, a. XVII, pp. 151 e segg.
     Palermo, 1892.

E spuntavan fuori e s’imparavano da tutti e in tutti i siti lunghe
storie leggendarie della rivoluzione di Francia, nelle quali la
tetraggine delle scene parigine acuiva nel popolo l’orrore alla nazione
avversa, ed il nome di Giacobino perpetuavasi come ingiuria ai nemici
dell’ordine sociale¹⁹⁸.

 ¹⁹⁸ _Pitrè_, _Canti popolari sic._, 2ª ediz., n. 509. Pal. 1891.

Nuovo aspetto assumeva la poesia politica all’arrivo di Ferdinando III e
Carolina a Palermo. Non più i Giacobini, ma i Napolitani
repubblicaneggianti eran l’obbiettivo de’ verseggiatori. La Francia però
era sempre presa di mira, la prima, la più evidente, essa che con i suoi
eserciti, coi suoi libri, coi suoi giornali, con la sua moda si era
riversata sull’Italia e sul Regno di Napoli, beato, secondo i pacifici
gaudenti, sotto l’egida dei Borboni. La libertà in nome della quale a
squarciagola si grida, è vana lusinga, inganno, tradimento. Chi cerca in
essa la sicurezza dello Stato, chi in essa vuol trovare la felicità, è
un illuso; il quale non tarderà a vedere che cosa costi l’aver
abbandonato il migliore dei re pel peggiore dei popoli.

Queste le manifestazioni comuni ed unanimi delle poesie stampate e delle
poesie scritte d’allora: e molte devono essere state, se ancora tante
oggidì ne avanzano. Appena poi la prima notizia della reazione
trionfante in Napoli giungeva a noi, all’odio pei ribelli si associava
il desiderio che nessun atto di clemenza venisse a temperare il rigore
delle leggi contro di essi.

Nell’atrio del R. Palazzo, verso le tre pomeridiane d’una afosa giornata
del Luglio 1799, una comitiva di cantanti recavasi a felicitare i
sovrani della recente loro vittoria oltre Faro. I versi della cantata
non son perfetti; ma il difetto non è dell’ab. Catinella, il quale
dovette scriverli come sapeva scriverli lui, in perfetta prosodia,
benchè potesse comporli meno servili:

      Pr’un piattu di linticchi,
    Di libertà figura,
    Si curri a la malura
    E si tradisci un Re.
      O brutta sciliragini
    Di sti ribelli indigni!
    Tutti viraci signi
    C’amuri nun ci nn’è.
      Grida l’età cadenti
    E grida la ’nnuccenza:
    Nun cchiù, nun cchiù clemenza,
    No, nun si nn’usa nò.
      A forza d’armi e sangu
    Si superau ssu mostru:
    Castel Sant’Elmu è nostru,
    Li spassi senti mò.
      Sacra Real Famiglia,
    La cosa è già finuta:
    La libertà è battuta,
    Favuri ’un cci nn’è cchiù.
      Tocca a scialari a nui
    Vassalli fedelissimi
    E sempri nimicissimi
    Di tutti sti _monsù_¹⁹⁹.

 ¹⁹⁹ Nelle più recenti edizioni del Meli (vedi _Puisii siciliani_, pp.
     383-84; Palermo, L. Pedone Lauriel, 1884; _Opere poetiche_, pp.
     283-84; Pal. MDCCCXCIII) questi versi vengono attribuiti al
     grazioso poeta; ma un cronista del tempo li dà proprio al
     Catinella. Vedi _D’Angelo_, _Giornale_ ined., p. 621, Luglio 1799.

Ma mentre nelle aule della Reggia, tra una pietanza e l’altra della
giubilante Carolina, l’esultante coro inneggia ai Reali e freme a parole
verseggiate contro i rivoluzionarî di Napoli, fuori, nella città, in
Sicilia, una voce severa levasi dal popolo, per ben altro sofferente. La
vista cotidiana di un Re che nella Capitale dell’Isola consuma in
divertimenti e sollazzi un tempo che dovrebbe impiegare nelle cose dello
Stato, lo spettacolo indegno di mille cortigiani che mangiano e bevono
senza neanche guardare alla povera gente che muore di fame, scuote le
fibre di chi ne resta scandalizzato. Molti odono quella voce, nessuno
l’ascolta, nessuno la raccoglie; ma, dopo un secolo, la tradizione ce ne
ripercuote l’eco viva, come se quella voce parlasse ora la prima volta.
È un’alata sestina siciliana, della quale ogni verso è una pagina
storica:

      Quattru scazzuna, cu’ mancia e cu’ vivi:
    Li puvireddi morinu di fami;
    Lu Re l’avemu ccà, nun cc’è’ chi diri!
    Autru nun pensa chi a caccïari;
    'Nsutta po’ joca cu li Giacubini,
    E nui ristamu misi a li succari²⁰⁰.

 ²⁰⁰ _Archivio_ cit., p. 171.

Che amara ironia di versi, e quale contrasto con la storia, descrivente
la gioia dei Siciliani per la presenza dei Reali a Palermo!



                             _Capitolo IX._


  _COME SI VIAGGIAVA PER MARE, I CORSARI E LA CATTURA DEL PRINCIPE DI
                               PATERNÒ._

Una tradizione popolare siciliana attribuiva virtù salutari maravigliose
a chi fosse riuscito a traversare incolume lo Stretto di Messina: ed il
berretto da lui usato in quella traversata era buono ad agevolare le
donne soprapparto.

La tradizione è speciosa; ma ha un grande significato, in quanto
conferma la vieta credenza nei pericoli del Faro, e nella fortuna di chi
li superasse. Non dimentichiamo la paura degli antichi pel vortice di
Cariddi e per lo scoglio di Scilla, onde il motto _Incidit in Scyllam
cupiens vitare Charybdym_. I Greci localizzarono in quel sito la
leggenda delle Sirene, le quali addormentavano col canto i naviganti e
li perdevano.

A passare dunque lo Stretto ci si pensava due volte.

Sotto il Governo spagnuolo i viaggi ordinarî erano per Barcellona o per
altri porti della penisola iberica; sotto il borbonico, per Napoli; rari
quelli per approdi più lontani, salvo che non si fosse marinai di
mestiere.

Un pacchetto (_packet-boat_), spesso regio, teneva il traffico tra
l’Isola ed il Continente. Il legno partiva ogni dieci, quindici giorni:
e la partenza, non meno che l’arrivo, era cosa _albo signanda lapillo_.
Bisognerebbe leggere qualche poesia del tempo per comprendere ciò che
rappresentasse agli occhi di certuni un viaggio nel Mediterraneo²⁰¹.

 ²⁰¹ Notevole un’anonima (del Principe di Francofonte) _Anacreontica
     sulla Partenza da Palermo a Napoli_ di S. Eccellenza la Principessa
     di Jaci (s. a.; ma in Palermo, 1767, in fol., 2 cc.).

Poco dopo il 1770 la feluca di padron Parata faceva da corriera tra le
due capitali, o portava lettere di privati e carte del Governo. Più
tardi, il regio pacchetto _Tartaro_, comandato dal cap. D. Filippo
Cianchi, e dipoi dal pilota D. Giovanni Fileti (anima di Mons. Gioeni, e
vita del Seminario nautico da quello fondato), eseguiva il medesimo
servizio, condiviso poi dal _Leone_, dall’_Aurora_ e dal brik inglese
_The Progress_. Il passeggiere aveva un camerino, una cuccetta e vitto,
e pagava ventisette ducati in Napoli, o nove onze in Palermo (pari a L.
113,50 d’oggi). Poteva pagare metà, ed anche meno, fino a tre ducati, o
un’onza; ma doveva rassegnarsi a diventare una merce, non diciamo da
stiva, ma da prua, con la razione e la branda dei marinai.

Al primo salpare, specialmente per un lungo viaggio, il bastimento dava
il segno della partenza col solito _tiro di leva_²⁰², colpo di
cannoncino: e tutti sapevano che un legno lasciava il porto. Una
canzonetta del tempo, che ogni giovane bacato d’amore cantava alla sua
bella nelle serenate estive, così frequenti allora, avea questi versi da
colascione:

 ²⁰² _Pippo Romeo_, _Raccolta di Cicalate_, p. 43. Messina, D’Angelo,
     MDCCCLXXXV.

      Ahimè! salpâr’ già l’ancora
    I legni alla Marina!
    Già l’ora si avvicina,
    Nice, del mio partir.
      Senti il cannone, ascoltalo,
    Che di partir m’invita;
    Addio, mia cara vita,
    Addio, mio caro ben!²⁰³.

 ²⁰³ _G. Cammineci_, _Brevi cenni storici ecc. delle maschere siciliane
     in Palermo_, pp. 19-20. Pal. 1884.

E noi daremo al legno che parte il buon viaggio: augurio del quale esso
ha gran bisogno.

I corsari infestavano i mari, specialmente mediterranei, ove le loro
galeotte, equipaggiate da uomini rotti ad ogni pericolo e delitto e
armati di coltellacci, jatagani, pugnali, pistole, tromboni, saette,
fiocine, viveano di catture gavazzando nel sangue dei morti e dei feriti
e nelle lacrime dei catturati.

Il legno, nel caso nostro, siciliano, palermitano, era alla sua volta
munito di cannoni e di moschettoni carichi sempre a palla, pronti a far
fuoco al primo appressarsi di galeotte sospette. Il timore era
incessante in tutta la navigazione; marinai stavan sempre alle vedette,
quale sul castello di prua, quale sulla carrozza della camera, e quale
sulla coffa dell’albero maestro: e non sì tosto scoprivano un punto
nero, una vela, un segno equivoco, ne davano avviso. In un batter
d’occhio la ciurma era tutta in piedi: chi dietro i cannoncini, chi col
suo enorme schioppettone a pietra focaia in braccia, chi con le accette
in mano ad impedire l’abbordo, pronti tutti a vender cara la vita.

I non lieti incontri non erano rari, e quando i barbareschi, misurando
le proprie forze con quelle probabili del legno che incontravano, non
viravan di bordo fino a dileguarsi, gli abbordaggi erano improvvisi,
fulminei; feroci gli assalti: e se una parte soccombeva, l’altra restava
mal viva.

Le coste della Sicilia erano anche per questo fortificate, e a brevi
distanze custodite da torri di guardie, le quali di notte
corrispondevano con _fani_, fuochi e segni di vigilanza alimentati da
_torrari_. La torre più vicina a Palermo era quella dell’Acqua de’
Corsari, contrada triste per infami approdi. La villa S. Marco di
Bernardo Filingeri, seconda per antichità tra quelle di Bagheria, avea
nel mezzo una torre con ponti levatoi a guisa di fortezza per resistere
alle incursioni²⁰⁴.

 ²⁰⁴ _Villabianca_, _Palermo d’oggigiorno_, v. II, p. 161.

Un canto popolare, nato probabilmente tra noi, e certo diffuso in tutta
Italia, accusa l’imminente arrivo di predoni, che vogliono precipitarsi
sul tugurio d’una terra e, tra il ferro ed il fuoco, manometter tutto,
portarne via fanciulle e giovanotti da vendere ai mercati d’Algeri. Quel
canto è un grido di guerra:

    All’armi, all’armi, la campana sona,
    Li Turchi sunnu junti a la Marina!

E la campana della torre di S. Antonio coi suoi improvvisi, precipitati
colpi chiama all’armi: e le donne de’ minacciati villaggi fuggono
atterrite: e gli uomini corrono a difendere contro i cani infedeli le
loro case, i lor figli, i loro santi.

Palermo avea bene i suoi «soldati di marina», che ne custodivano le
spiagge dal Pellegrino allo Scoglio di Mustazzola ed anche a Bagheria;
ma che potevano essi fare, questi soldati, impotenti come erano a
resistere ai pirati che giungevano fino a Mondello, anzi fino al tiro
della Lanterna del Molo?

I ricordi dell’ardimentoso Spalacchiata, corsaro trapanese della
galeotta del Principe di Furnari contro i Turchi, eran sempre vivi; ma
vivi eran del pari quelli delle dieci prede del rinnegato Vito Scardino,
trapanese pur esso, che con ferocia inaudita e crescente a danno dei
Siciliani corseggiava pei nostri mari. Se il Re ai voti del Parlamento
del 1778 concesse a ciascuno dei suoi vassalli dell’Isola di armare
legni contro i pirati²⁰⁵, non ebbe modo d’impedire che due figli del
Marchese Lungarini, recandosi in Madrid alla Corte del Re Cattolico come
guardie del corpo, cadessero nei lacci degli astuti Algerini, a poche
miglia da Majorca.

 ²⁰⁵ _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XXVI, p. 233; v. XXVII, p.
     164 e 170-71; anni 1778 e 1781.

Le notizie della vita miseranda alla quale i captivi andavano
assoggettati erano commoventi. «Spogliati e lasciati in camicia e con un
bastone sugli occhi», essi venivano trascinati schiavi al bagno; poco e
muffito pane, il nutrimento: scarsa e malsana l’acqua, pesanti i ceppi
ai piedi. Più fortunati, i Lungarini scioglievan vele dalle galere, se
le caricavano sulle spalle, le rappezzavano, attendendo a non men bassi
servizi. E frattanto, quanti loro compagni di sorte non gemevano in
tormenti!...

Il forte di Castellammare, che avrebbe dovuto essere la principale
difesa della città, non era nè la principale nè l’ultima. Quando la sera
del 17 Maggio 1779 giungeva la fregata francese _Attalanta_ e faceva il
consueto saluto, e i nostri artiglieri dovevano restituirlo, due lunghe
ore ci vollero perchè si caricassero i cannoni sugli affusti²⁰⁶.

 ²⁰⁶ _Sonnini_, _Voyage_ cit., t. I, c. IV.

Con questa prospettiva non era coraggio che bastasse. Alla più lieve
occasione, alla visita di pirati i marinai, i passeggieri, dissennati
dalla paura, prendevano il largo o raggiungevano la spiaggia. Il 19
Aprile del 1797 (si noti la data!), V. Emanuele Sergio, Segretario del
Presidente del Regno, emanava una circolare a stampa per dire che «le
perdite considerevoli dei bastimenti mercantili che cadono in preda dei
corsari barbareschi» derivano da questo: «che facendo la maggior parte
de’ bastimenti nazionali la lor navigazione nel Mediterraneo radendo
terra, all’apparire un corsaro barbaresco i rispettivi equipaggi, senza
fare la minima resistenza, abbandonano subito il proprio bastimento e
corrono a salvarsi in terra. Tali frequenti volontari abbandoni,
nell’atto che privano i proprietarj de’ loro bastimenti e delle merci di
cui sono carichi, aumentano le forze del nemico, che, con il
considerevole guadagno che ricava dalla vendita di essi, si alletta vie
più alla pirateria; per cui si vede di giorno in giorno crescere il
numero dei corsari». E finiva raccomandando che non potendosi resistere,
pur salvandosi l’equipaggio, si colasse a fondo o si bruciasse il legno
che non si potesse altrimenti salvare.

Il consiglio, dato da un uomo pratico come il Sergio, ad istigazione di
un lupo di mare come il Maresciallo e Comandante della R. Marina
Forteguerri, mostra la supina incoscienza dello stato vero delle cose.
La pirateria era diventata una istituzione internazionale ed un pericolo
cotidiano per tutti. Alle prime avvisaglie di movimenti in Napoli, i
pirati algerini facevano causa comune coi corsari francesi (1794).
Qualche legno inglese andava in corso anch’esso. Nè solo bastimenti in
viaggio eran minacciati di cattura! Il porto di Palermo restò alla mercè
dell’ultimo ladrone straniero. Un giorno (13 Luglio 1797) una nave
inglese voleva dar la caccia ad una nave spagnuola; non potendo
riuscirvi, volge la prua verso un veliero palermitano carico di
mercanzie e, incredibile! lo cattura innanzi la Lanterna. Senza
contrasto, imbaldanzisce; oltrepassa imperterrito il capo del Molo e
ruba a man salva quanti più legni può, nel porto, proprio dentro il
porto, «divenuto (dice indignato un ottimo prete d’allora) asilo di
ladri, ossia, per servirci delle stesse parole [dei cittadini],
_portella di mare_»²⁰⁷.

 ²⁰⁷ _D’Angelo_, _Giornale_ ined., n. 501. — _Villabianca_, _Diario_
     ined., a. 1794, p. 431; a. 1798, pp. 127-28. _Purtedda di mari_,
     ladronaia.

Così le indisturbate scorrerie di Algerini, Tunisini, Tripoletani nelle
nostre spiagge son presto spiegate, e si comprende perchè i _torrari_
non rispondano più come una volta al loro ufficio, ed il Senato si
rassegni in silenzio alle sollecitazioni del Vicerè per la provvista
della polvere nelle torri²⁰⁸, ed i cannoni vengano inchiodati, e la
gente senza colpo ferire vigliaccamente fugga. Così ancora si spiega la
famosa cattura del Principe di Paternò; la quale per la maniera onde fu
perpetrata ed ebbe fine, appresta dolorose pagine alla storia della
pirateria nell’Isola. Noi non la lasceremo senza una breve notizia,
questa cattura; ed il lettore non vorrà rifiutarsi a scorrere con noi
questo episodio della nostra vita passata.

 ²⁰⁸ _Provviste del Senato_, a. 1793-94, p. 525.

D. Gian Luigi Moncada, Principe di Paternò, Duca di S. Giovanni, Conte
di Caltanissetta, di Adernò, di Cammarata ecc. ecc., partiva da Palermo
per Napoli sopra un veliero greco, la notte del 30 Luglio 1797. Nelle
vicinanze di Ustica per tradimento del capitano veniva assalito da una
galeotta turca e condotto con altri cinquanta passeggieri e sedici sue
persone di seguito a cinque miglia da Tunisi.

Il fatto era grave; ma ancora di più per le complicazioni che doveano
avvenire dopo.

Giunto a Tunisi, egli credeva di poter comandare come in Sicilia;
dovette però persuadersi di essere divenuto un semplice schiavo, e che
la sua altezzosità era vana con coloro ai quali era affidato in
custodia. Raccoltosi allora in se stesso, cominciò a fare assegnamento
sulla interposizione del Re, di cui era Cavaliere di S. Gennaro e
Gentiluomo di Camera con chiavi d’oro, e del cognato Principe del Bosco
di Belvedere: nè mal si appose. Ferdinando fu sollecito di raccomandarlo
al Sultano; questi mandò un suo agente come ambasciatore al Reggente di
Tunisi; ed il cognato si mise in moto per la desiderata liberazione.
Tutto questo faceva sperare una buona riuscita; ma non bastava senza
l’argomento potentissimo del denaro. La preda era grossa, ed il
Reggente, o chi per esso, non se la sarebbe giammai lasciata
improvvidamente sfuggire di mano. La cattura di un Principe non era
fortuna di ogni giorno: e di principi di Paternò, ricchi sfondolati e
strapotenti, non vi era che un solo in Sicilia.

Cominciano le trattative pel riscatto. Il Paternò chiede di affrancare
sè ed i suoi sedici servitori. Lunghe, difficilissime le pratiche. Il
predatore impone, condizione _sine qua non_, e dopo quattro mesi e mezzo
di captività il Principe sottoscrive (14 Dic. 1797): il pagamento di
300,000 _pezzi duri_ sonanti, pari ad un milione e cinquecentotrenta
mila lire d’oggi. Il pagamento si sarebbe fatto in tre rate eguali a
brevi distanze, impegnando il Principe i suoi beni presenti e futuri.

Rimesso in libertà e tornato a Palermo, il Principe a tutto pensò fuori
che all’obbligazione contratta: ed è naturale. Egli s’era trovato a
viaggiare pei fatti suoi; andava a prestar servizio al Re; una masnada
di ladroni avealo proditoriamente assalito e tradotto in catene;
condannato contro ogni diritto di natura e delle genti a perpetua
schiavitù, avea soscritta, per liberarsi, un’obbligazione quasi
superiore alle sue forze presenti: ed ora lo presumevano tanto sciocco
da buttar via quella somma ingentissima!

Sdegnato della mancata promessa, il Bey fa sollecitare il moroso, e
minaccia rappresaglie. Il Governo tentenna un poco; poi messo al bivio
tra i danni conseguenti dall’ira del Bey e quelli del suo fedelissimo
suddito e benefattore (bisognerebbe leggere la lettera scritta dal Re al
Principe captivo per comprendere il significato di questa parola),
anteponendo alla giustizia la ragion di Stato ed il quieto vivere con la
Reggenza, ne prende le parti e fa citare in tribunale il Principe
amico....

Era seria questa citazione? Al collegio degli avvocati del Principe,
eterno litigante, non parve. Un’obbligazione strappata col coltello alla
gola non potea, dicevano essi, avere effetto legale; nessun tribunale
dover costringere a un patto imposto da una causa ingiusta, per
illegittimità di preda; mostruoso il solo pensare a legalità in un atto
di così sfrontata pirateria.

Ma Principe ed avvocati facevano i conti senza l’oste: e l’oste, cioè il
Reggente, faceva intendere al Governo di Napoli che se esso non gli
rendeva giustizia, la giustizia se la sarebbe fatta da sè. Laonde il
Governo, tutto sossopra per la paura, con una di quelle risoluzioni che
non paiono assolutamente credibili ai dì nostri, commetteva all’Avvocato
fiscale del R. Patrimonio di perorare le ragioni del Reggente contro il
Principe. Speciose codeste ragioni in bocca al Sovrano: «Attesochè si
tratta di articolo che interessa non che il privato, ma il pubblico
diritto, l’armonia fra le potenze, la fede delle convenzioni e che per
le dichiarazioni fatte dal Bey potrebbero seguirne le più dannose
conseguenze per gli Stati e i soldati del Re se non si vedesse
amministrata la più rigorosa e la più sollecita giustizia, ha comandato
e vuole che l’Avvocato fiscale del Patrimonio assista alla difesa di
questa causa e per la pubblica sicurezza che vi è interessata proponga
avanti il Magistrato del Commercio tutte quelle ulteriori istanze che
fossero opportune per la soddisfazione della comunicata polizza
debitoria».

E l’Avvocato fiscale, ossequente e sollecito, assume per tesi della sua
requisitoria un bel passo di Cicerone, che suona così: _Si quid singuli
temporibus adducti, hosti promiserint, est in ipso fides servanda_²⁰⁹.

 ²⁰⁹ _Cicer._, _De Officiis_, lib. I, c. 13.

La difesa del Reggente trionfa: il Principe è condannato «a soddisfare
il debito contenuto nella polizza di cui trattasi»; e la sentenza vien
fatta di pubblica ragione²¹⁰.

 ²¹⁰ Ecco il titolo di questo documento, che dobbiamo alla gentilezza
     del cav. Vito Beltrani: _Memoria presentata al Magistrato del
     Commercio dall’Avv. fisc. del R. Patrimonio March. Di Blasi in
     sostegno delle istanze del Bey di Tunisi contro il Principe di
     Paternò_. In Palermo, 1800, nella R. Stamperia. In 4º, pp. 20.

A tanta enormità di giudizio il Principe di Paternò comincia a pensare
sul serio ai fatti suoi; ma il Re non gliene dà il tempo, e direttamente
gl’intima che depositi nella Tavola (Banco pubblico) di Palermo la somma
che è stato condannato a pagare al Bey; e si affretta a darne
comunicazione al Senato della cittಹ¹: ed il Principe, per pagare il
riscatto e le spese del processo, è costretto a fare dei prestiti dando
in ipoteca tutti i suoi feudi²¹².

 ²¹¹ _Provviste del Senato_, a. 1800-1, p. 307.

 ²¹² Il fatto scandaloso fu estesamente narrato dal Villabianca
     (_Diario_ inedito, a. 1797, pp. 261 e segg.), a cui attinse Em.
     Pelaez pel suo opuscolo intitolato: _Un episodio di storia
     siciliana_ (_Archivio stor. sic._, nuova serie, a. XII, pp. 133-50.
     Pal. 1887). Ne fece, tra gli altri, cenno A. Sansone, _Storia del
     R. Istituto nautico_ (p. 5. Pal. 1891). Nella Biblioteca privata
     del Principe di Trabia esiste la copia delle lettere di Ferdinando
     III al Paternò in cattura, al Sultano, e forse della Regina
     Carolina alla sua Dama di Corte Principessa di Paternò, allora in
     Napoli, e, se mal non ricordiamo, incinta.

     L’argomento, per la sua importanza nella storia del diritto
     internazionale, si presta ancora a nuove considerazioni, se non
     alla scoperta di nuove particolarità.

Cose turche!...

Chiusa la digressione, torniamo ai disgraziati che capitavano nelle
zanne dei corsari.

L’Ordine religioso dei Mercedarî avea per istituto la redenzione degli
schiavi. Quest’Ordine avea in Palermo un convento al Capo, nel quartiere
di Siralcadi, ben diverso dall’altro, e maggiore, dei Mercedarî scalzi
ai Cartari, la cui Chiesa, maravigliosamente solida per costruzione,
veniva anni fa, per inconsulta deliberazione del consesso civico,
demolita. Cooperavano al medesimo fine pietoso e con espedienti poco
diversi, uomini per censo, dottrina e pietà insigni. Tutte le somme che
costoro accattando riuscivano a mettere insieme, spendevano per
restituire alla patria, alla famiglia ed al culto della Religione
cristiana quanti fosse loro concesso di riscattare.

Una sera del 1787 (12 Apr.) Goethe stando a chiacchierare nella bottega
di quel tale merciaiuolo che già conosciamo²¹³, vide passare a destra ed
a sinistra del Cassaro due staffieri vestiti con molta eleganza, i quali
portavano entrambi preziosi vassoi con monete di rame e d’argento. Nel
centro del Cassaro, in mezzo ad essi, non curante della mota che gli
sporcava le elegantissime calzature, il Principe di Palagonia, «serio,
senza darsi pensiero di tutti gli sguardi rivolti sopra di lui....
percorreva la città facendo la colletta per il riscatto degli
schiavi...». Goethe corre subito col pensiero ai tesori profusi nella
villa di Bagheria; ed il merciaiuolo osserva che questa pietà del
Principe «vale a mantenere sempre viva la memoria di quegl’infelici.
Onde sovente, coloro i quali ebbero a provare nella loro vita sventure
consimili, legano morendo somme ragguardevoli per il riscatto. Il
Principe di Palagonia, conchiude il venditore, è da molti anni
Presidente della pia opera che mira a quello scopo, ed ha fatto molto
bene»²¹⁴.

 ²¹³ Vedi il Cap. III, {p. 55}.

 ²¹⁴ _Goethe_, _op. cit._, lett. del 12 Aprile 1787.

Sedici anni prima, nell’Agosto del 1771, si erano con siffatto mezzo
riscattati ottantun cristiani dell’Isola, e l’Ordine dei Mercedarî avea
speso la ragguardevole somma di tredici mila onze.

Allora fu oggetto di private discussioni se non sarebbe stato meglio
impiegare tanto danaro in armamenti marittimi buoni a fare rispettare il
paese, ed a tenere a freno i barbareschi; ma si posò senz’altro il
quesito se fosse più civile premunirsi da future insidie che riscattare
gli sventurati i quali gemevano sotto il bastone degli inumani
predatori: e la pietà pei captivi del momento prevalse su quella per le
catture avvenire²¹⁵.

 ²¹⁵ _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XIX, p. 296-99.

Il dolore attuale, dice Epicuro, determina la volontà.

In cosiffatte delizie, il viaggiatore tribolava da due a quattro giorni
per la traversata da Napoli a Palermo, che oggi lamentiamo di dover
compiere in sole dieci, undici ore²¹⁶. E non mettiamo in conto il fatto
ordinario della bonaccia, che immobilizzava il legno, lo scirocco
contrario alla rotta per Palermo, e i temporali, ai quali si scampava
come per miracolo.

 ²¹⁶ Goethe nel 1787 sopra una corvetta v’impiegava quattro giorni;
     altrettanti Ferdinando III e Carolina nel 1798; Rezzonico nel 1793
     sul _Tartaro_, cinque; dodici Kephalides da Civitavecchia; Creuzé
     de Lesser nel 1801, sul _S. Antonio_, era costretto ad approdare a
     Milazzo, donde sopra muli s’avviava a Palermo.

Ma finalmente il legno giungeva in porto; e allora nuove tribolazioni
attendevano l’arrivato: la contumacia. E come sottrarvisi se regnavano
ora le febbri petecchiali in Napoli; ora le febbri maligne in
Civitavecchia, ora il vajuolo nero in Livorno; e qua e là il sospetto di
pestilenza?!

La contumacia si scontava al Lazzaretto pel viaggiatore: sulla nave per
l’equipaggio, ed anche per esso e pel viaggiatore. Come si passassero i
sette, i quattordici giorni di attesa all’Acquasanta, dove è adesso la
Regìa de’ Tabacchi, segregati, quasi carcerati in una nuda cameretta,
immagini chi può; mentre il legno, non ammesso a libera pratica,
ancorato in rada e sotto vigilanza facile ad eludersi, caricava in
quarantena e ripartiva pel Continente.

E quando i lunghi giorni della espiazione della pena contumaciale eran
trascorsi, allora quante formalità a compiere per la libera pratica!



                             _Capitolo X._


                     _COME SI VIAGGIAVA PER TERRA._

Se questo era il viaggio per mare, immaginiamo quale fosse quello per
terra.

Un antico detto siciliano raccomandava ai viandanti la recita di una
certa preghiera al loro santo protettore:

    Si vô’ junciri sanu,
    Nun ti scurdari lu _patrinnostru_ a Sanciulianu.

S. Giulianu l’Ospitaliero custodiva i viaggiatori: ed il paternostro,
comune anche fuori Sicilia, ha questa strofe:

      Sanciulianu, ’ntra l’äuti munti,
    Guarda li passi, e pöi li cunti:
    Tu chi guardasti l’acqua e la via,
    Guardami a mia e a la mè cumpagnia²¹⁷.

 ²¹⁷ _Pitrè_, _Usi e Costumi_, v. IV, pp. 308-9; e _Il Paternostro di S.
     Giuliano_. Palermo, 1902.

Virtù preservatrici avea pure il _Postiglione_, ossia l’Epistolario di
S. Francesco di Paola, del quale correvano varie stampe palermitane,
tanto più ricercate quanto più antiche²¹⁸, e che si portava addosso e
particolarmente in seno.

 ²¹⁸ Eccone una delle due che ne possediamo: _Il Postiglione, che porta
     alla notizia de’ desiderosi del Cielo l’avvisi inviati dal Glorioso
     Patriarca S. Francesco di Paola a’ suoi Corrispondenti. Sesta
     Impressione_. In Palermo MDCCLXC (_sic_). Per Salvatore Sanfilippo.
     Con approvazione. In 12º picc., pp. 229.

Tanta preoccupazione spiega perchè prima di avventurarsi ad un viaggio,
chi avea un po’ di roba al sole pensasse talora a far testamento, e
sovente a confessarsi e comunicarsi²¹⁹.

 ²¹⁹ L. _Perroni-Grande_, _Per la storia di Messina, e non per essa
     soltanto_, p. 4. Messina, 1903.

Guardando ai mezzi moderni di locomozione, noi non potremo formarci
un’idea di quel che fosse in passato un viaggio per terra. Il venire a
Palermo da Trapani, p. e., da Girgenti, da Messina, e viceversa, era tal
cosa da mettere in pensiero: e la frase: _jiri d’un vallu a ’n’ àutru_
per significare: recarsi da un luogo all’altro molto lontano, è lì ad
attestare quel che ci volesse per giungere ad un posto, specialmente
dovendosi muovere dall’interno dell’Isola. «Il Re stesso» scriveva nei
primi dell’ottocento un tedesco, «se vuole andare in carrozza, non può
farlo oltre Monreale e Termini», le sole vie carrozzabili d’allora, o
almeno le sole buone a tragittarsi. Le altre eran sentieri (_trazzeri_),
dove s’affondava nel fango a mezza gamba d’inverno, si soffocava tra
fitti nembi di polvere, di estate.

Giungendo alla sponda d’un fiume, bisognava attendere che si abbassasse,
se ingrossato a cagion di piogge torrenziali, per guadarlo, con che
pericolo, lasciamo considerare²²⁰. Non rari quindi gli annegamenti.
V’era poi un altro guaio: la mancanza di sicurezza in certe contrade e
in certi tempi.

 ²²⁰ Basterà leggere le pp. 80-82 del _Viaggio_ del _Rezzonico_, t. II.

Dei viaggiatori alcuni esagerarono questo pericolo; altri recisamente lo
negarono. Due esempi in questo ci soccorrono. Dotti venuti da Vienna e
fermatisi quasi nel medesimo tempo in Palermo, affermarono cose dei
tutto contrarie tra loro. A sentire il primo, il cav. De Mayer: «In
Sicilia si viaggia con sufficiente sicurezza ed a torto s’è perpetuata
la tradizione dell’esistenza di briganti che desolano il paese»; se
diamo retta al secondo, il Dr. Hager: «Il paese è tuttavia un soggiorno
continuo di masnadieri che girano per le contrade deserte e abbandonate,
assalendo viandanti solitarî ed uccidendoli senza pietà dopo averli
svaligiati»²²¹.

 ²²¹ _De M[ayer]_, _op. cit._, lett. XVII, p. 178. — _Hager_, _Gemälde_,
     p. 212.

Chi dei due ha ragione?

Tra il 1801 ed il 1802 due altri stranieri percorrevano, tenendo quasi
il medesimo itinerario, la Sicilia: Creuzé de Lesser francese e Johann
Seume tedesco. L’uno scrive cose _de populo barbaro_ del brigantaggio,
l’altro si loda della sicurezza; anzi costui narra l’inatteso incontro
con un noto perseguitato dalla Giustizia, il quale, trovando lui (Seume)
sfornito di mangiare (giacchè il Seume, infastidito della mula, andava a
piedi), lo avrebbe generosamente provvisto²²².

 ²²² _Creuzé de Lesser_, _Voyage en Italie et en Sicile fait en MDCCCI
     et MDCCCII_, p. 94. A Paris, Didot l’aîné, MDCCCVI. — _Seume_,
     _Spaziergang nach Syrakus im Jahre 1802_, p. 178. Leipzig, Reclam.

Giammai furono contraddizioni più aperte!

Necessario, ad ogni buon fine, che il viaggiatore provvedesse alla
propria sicurezza: al che riusciva prezioso l’accompagnamento dei
_campieri_, dei quali si chiedeva, come oggi si fa dei carabinieri, il
numero occorrente. «I Siciliani», scriveva il Barone di Riedesel in
Girgenti, «non farebbero sei miglia di cammino senza averne uno
almeno.... Il costume e l’abitudine che hanno di viaggiare, li rende
così timidi, che fa loro riguardare come indispensabile siffatta
scorta»²²³.

 ²²³ [_J. H. Von Riedesel_], _Reise durch Sicilien und
     Gross-Griechenland_, I. Zürich. 1771.

Ma il Riedesel, potrebbe osservarsi, è già un po’ antico, e le sue
notizie sono stantie: nientemeno del 1771! E va bene: sentiamo allora un
altro viaggiatore più recente.

Purtroppo, le cose non mutano d’una linea.

L’autore italiano delle _Lettres sur la Sicile_ osservava che «andando
per l’Isola i signori son circondati dai loro vassalli, armati da capo a
piedi e con buone cavalcature. I borghesi hanno sempre qualcuno che li
segue a piedi, e portano a cavallo il fucile di traverso. I forestieri
son provvisti di cavalieri assoldati dal Governo»²²⁴.

 ²²⁴ _Lettres sur la Sicile_ ecc. pp. 132-35.

I campieri, che diremo governativi, andavan divisi in tre compagnie in
ragione dei tre valli.

Nel 1770 si facevano ammontare a 120; nel 1791, a 200 circa²²⁵. Si dice
che fossero dei ladri matricolati, i quali però si facevan mallevadori
delle persone che prendevan sotto la loro custodia. Si dice che fossero
schiuma di ribaldi, dei quali però il Governo servivasi per tenere a
freno coloro che avessero la intenzione di disturbare i viandanti. Si
dice.... si dicon tante cose, che codesti campieri, a traverso le lenti
paurose dei viaggiatori d’oltralpe, son divenuti tanti orchi
maravigliosamente terribili. La verità poi è questa: che, traendo o no
origine sinistramente oscura, essi mantenevano quella che si dice
sicurezza pubblica, e consegnavano incolume al posto, a cui
s’indirizzava, il passeggiero senza che gli fosse torto un capello,
anzi, senza che nessuno osasse guardarlo in faccia. Avevano bensì certe
loro teorie intorno a quello che si chiama punto d’onore, ma
rispettavano e si facevan rispettare.

 ²²⁵ _Brydone_, _op. cit._, lett. IV. — _De M[ayer]_, _op. cit._, lett.
     XIII, p. 139.

I signori ne tenevano anche per proprio conto e servizio personale, nè
più nè meno di quel che facciano ai dì nostri, nei quali i campieri
vestono divisa con distintivi speciali e con l’arme della casa a cui
appartengono.

Limitato il genere dei veicoli: la lettiga e la mula. Il cavallo di S.
Francesco, sovente preferito da chi non sapesse rassegnarsi ad una
disagiata cavalcatura. Per certi posti era possibile il carretto, ed
anche qualche carrozza o biroccio.

La lettiga era padronale e da nolo: l’una, come vedremo per la
portantina, finemente dipinta, miniata, ornata all’esterno, rivestita
all’interno di velluto, di raso, di broccato; l’altra, quale poteva
fornirla un Mariano Campanella qualunque, che viveva di
quell’industria²²⁶. Ma, bella o brutta, era sempre lettiga: e le due
persone vi sedevan dentro _vis-à-vis_ (donde il nome che sovente
pigliava la lettiga), sospese in alto, sorrette da due lunghi timoni
appoggiati alle due mule, l’una avanti, l’altra dietro, che col tardo
andare imprimevano ai timoni medesimi, per la loro elasticità, un
movimento di saliscendi che faceva dar di stomaco. Paolo Balsamo,
recandosi in questa maniera da Palermo alla Contea di Modica,
s’indispettiva pensando che a questo mondo vi fossero persone le quali
tenessero la lettiga «un migliore eccitante per il ventricolo che quello
della carrozza»²²⁷. Ombre venerate dei medici d’allora, il Cielo non vi
ascriva a peccato l’errore onde macchiaste la vostra coscienza di
sacerdoti d’Esculapio! Il vostro errore trova appena riscontro in quello
dei medici di sessant’anni fa, quando a centinaia dei nostri borghesi ed
impiegati, tutti affetti da ostruzione di fegato, consigliavasi di fare
un po’ di equitazione; sì che ogni mattina, di primavera o di autunno,
frotte di uomini di età avanzata su pazienti asinelli della Pantelleria
si vedevano a trottare verso le falde del Monte Pellegrino, o verso la
Rocca di Monreale, o verso Boccadifalco: spettacoli non sai se più
comici o pietosi!

 ²²⁶ Leggesi nel _Giornale di Commercio_ del 1794, n. 4: «Mercordì 30
     corrente (Aprile) parte per Sciacca una lettica vuota, e si
     ricercano passeggieri. È allogata nel Fondaco di Mastro Antonio a
     Lattarini».

     N. 8 «Mercoledì o Giovedì (28 o 29 Maggio) partono per Troina due
     lettiche di Mariano Campanella vuote».

 ²²⁷ _P. Balsamo_, _Giornale del viaggio fatto in Sicilia, e
     particolarmente nella Contea di Modica_, p. 28. Palermo 1809.

La lettiga aveva due uomini di accompagnamento: uno a lato dei
viaggiatori, inteso a guidare ed aizzare gli animali; uno a cavallo,
dietro la lettiga. Viottole ripide e scoscese per creste di monti, fiumi
gonfi per recenti piogge, greti infocati dal sole, mettevano paura ai
viandanti più arditi; ma la pratica degli animali e quella vigile ed
esperta dei guidatori scansavan pericoli e danni. «Io mi meravigliava»,
scriveva il Rezzonico a proposito della sua gita da Palermo a Segesta,
«come potessero i muli ora inerpicarsi all’erta di que’ dirupi sassosi,
ora passare fil filo d’uno in altro solco sulla margine d’un viottolo
che qual tenue cornice scorreva intorno all’inclinato piano d’un colle;
e più volte per l’orrore dell’imminente pericolo rivolgeva gli occhi
altrove, e morivano gli sguardi miei contro la schiena ardua del monte,
che quasi quasi poteva toccare distendendo la mano. Altre volte scendeva
in una cupa ed oscura voragine anzichè strada, e la lettica sugli omeri
de’ muli rimbalzando per la scossa mi faceva temer vicina una gravissima
caduta. Ma veggendo che mai non ismucciava il piede a’ solerti animali,
e più di loro fidandomi ormai, che de’ condottieri vociferanti con
noioso metro, mi lasciava trasportare nella mobile carcere per que’
luoghi e sentieri sol culti dalle bestie, e valicava intrepido valli e
monti».

E ricordandosi pure di altra gita da Aci a Giarre sotto un violento
acquazzone, nel suo abituale stile ricercato raccontava:

«Cessata alquanto l’acqua, da cui mi fu preciso l’entrare in Jaci,
ripresi il cammino e fui per pentirmene amaramente; imperocchè sorvenne
la pioggia più di prima abbondante e dirotta; gonfiaronsi i torrentelli
e fiumiciattoli che scendono dai vicini monti, e l’acqua inoltre
raccogliendosi in varj canali, strariparono siffattamente che la valle,
per cui vi andammo, divenne una terribile e larghissima fiumana. Il
suolo tutto sassoso e declive rompeva l’acque, e feale rimbombare con
grande strepito, e i muli attoniti a tal vista e impauriti da sì grande
frastuono e flagellati sul dorso da’ violenti scrosci, non volevano più
gire oltre. Il mulattiere a piedi non poteva punzecchiarli, giacchè
doveva per forza allontanarsi dalla lettica, e cercare saltellando di
sasso in sasso un luogo per porre i piedi; cosicchè, privo omai di
consiglio, l’istesso caporedine non sapeva come superare sì vasto
pelago, e più volte io temei che smucciassero i piedi a’ travagliati
muli, e saltasser nel fiume. Da ogni banda accorrevano intanto nuovi
flutti, e traevano seco de’ grossi ciottoloni, che minacciavano di
frangere la lettiga e di rompere gli stinchi dei miseri animali, che
colle orecchie abbassate l’iniqua lor mente e l’estrema fatica
appalesavan, rimprocciando tacitamente la temerità di loro guide
coll’arrestarsi ad ogni due passi»²²⁸.

 ²²⁸ _Rezzonico_, _op. cit._, v. I, pp. 120; II, 68-70.

Per buona ventura le cose non andavano sempre così, anzi ci andavan di
rado: e solo chi cercavali, certi guai, li trovava.

Nelle condizioni ordinarie, i mulattieri, camminando a passo, fornivano
quattro miglia l’ora e, tenuto conto della natura delle strade, che, in
generale, erano una serie di rovine, di precipizî e di sentieri pieni di
sassi, compivano viaggi straordinari.

Dai seguenti particolari il lettore può formarsi un’idea delle distanze
e del tempo necessario a percorrerle. Li desumiamo da un viaggio
affrettatamente fatto da Vaughan per andare a raggiungere il pacchetto
da Messina a Catania, in un sereno mese di Ottobre, e poi nel centro
della campagna di Girgenti. Da Messina a Fiumedinisi, partendo martedì
sera su tre muli, si facevano 18 miglia in quattr’ore e mezzo; da
Fiumedinisi a Caltagirone, dalle due di mattina del mercoledì alle sei
di sera, 42 miglia; da Caltagirone, dalle tre del mattino del giovedì
alle sei di sera, a Catania, 40 miglia; e poi a S. Maria, 12 miglia,
partendo alle dieci; dopo un riposo di due ore, a Licata, 30 miglia
senza fermate io non so quante altre ore. Cosicchè i muli della lettiga
compirono un viaggio di quella fatta dalle tre del martedì mattina alle
otto del venerdì²²⁹.

 ²²⁹ _A view of the Present state of Sicily_, pp. 23-24, nota. London,
     Gale a. Curtis, 1811.

I muli portavano attaccati dei fili di campanelli alle testiere e in
giro sopra i selloni. Questo suono continuo, cadenzato, confuso con le
voci monotone e le cantilene dei mulattieri accresceva il supplizio del
viaggio²³⁰. Vogliamo sentirne una di siffatte cantilene? Ce la dice il
Rezzonico, che la udì nelle sue escursioni per l’Isola: _Au! cani, cani,
Spaccafurnu, cani!_ (_Spaccafurnu_ era una delle mule della sua lettiga
comprate a Spaccaforno), e si compiaceva di avere scoperto che queste
maniere d’incitare le mule lettighiere si chiudevano sempre in versi
endecasillabi²³¹.

 ²³⁰ Ecco uno di tre indovinelli popolari sopra la lettiga, composti
     forse nel Modicano, e senza forse provenienti di qui. Parla la
     lettiga:

     Cu lu _chi-ti-chi-tì_ vaju ’n Palermu,
     Cu lu _chi-ti-chi-tì_ vaju a Missina,
     Cu lu _chi-ti-chi-tì_ la portu china.

     (_Pitrè_, _Indovinelli siciliani_, n. 387. Palermo, 1897).

 ²³¹ _Rezzonico_, v. I, p. 116.

Dove va a ficcarsi la prosodia!

Solo di tanto in tanto, a prestabilite distanze di sei, otto miglia, il
soffrire veniva interrotto dalle così dette _catene_, presso le quali la
comitiva fermavasi; ma anch’esse erano nuove molestie agli stanchi
molestati. La via, il sentiero trovavasi sbarrato da una catena di
ferro, tesa di traverso per impedire il passaggio dei veicoli e degli
animali da tiro, ai quali era fatto obbligo del pagamento d’un diritto
di barriera. Moltissimi comuni aveano facoltà di metterne: e non pochi
dei nostri coetanei ricorderanno i fastidî che s’incontravano nel
passaggio di Villabate, presso il fondaco della Milicia, presso Trabia
prima di giungere a Termini, e al ponte di Boarra, poco oltre Monreale.
Non si pagava molto in vero: due _grana_ (cent. 4) per un animale da
sella o da basto; uno per un asino; quattro per un carretto; sei per una
lettiga con passeggieri, quattro se vuota²³²; speserelle che gravavano
sulla spesa maggiore concordata col lettighiere, il quale doveva perciò
pagarla di suo, ma, al contrario, molte volte, fingendo di mancare di
moneta spicciola, non pagava, chiedendola per la urgenza al suo
passeggiere, che, pur sicuro di non più riaverla, si affrettava a metter
fuori, impaziente di giungere dov’era indirizzato.

 ²³² Aggiungi: qualunque trasporto a due ruote e ad un cavallo, 4 grani;
     a due cavalli, 6; biroccio a quattro ruote, 8; carretto carico di
     pietra, 30!

     Vedi ordinanza della Deputazione delle Gabelle in Palermo, in data
     del Febbraio 1791.

E meno male che un decreto del Caracciolo avea fatto cessare il grave
abuso di certi birboni di riscuotere dai viandanti in alcune strade del
Regno una specie di taglia sotto il pretesto di sicurezza di esse!
Altrimenti, chi sa dove si sarebbe arrivati! Quel provvido decreto
assimilò per la pena l’abuso al furto di passo, cioè di campagna²³³.

 ²³³ Decreto del Caracciolo, in _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v.
     XXVIII, p. 206.

Oltre la lettiga c’era, come abbiam detto, il cavallo ed il mulo, forse
più comodo per chi sapesse adattarvisi, o fosse armato di giobbica
pazienza. Voleva andarsi da Palermo a Messina? Potevasi aver guide e
muli a propria disposizione per 10 onze e 15 tarì, tutto compreso: mulo,
guida, vitto. Voleva percorrersi la Sicilia, a tutto suo piacere? Pagare
14 tarì il giorno per una guida ed un cavallo; ma se non si pensava in
tempo a provvedersi da mangiare a spese proprie, c’era da rimanere a
stomaco vuoto²³⁴.

 ²³⁴ _De M[ayer]_, _op. cit._, lett. XIX, pp. 211-12.



                             _Capitolo XI._


                _LOCANDE ED OSTERIE, CORRERIA O POSTA._

Quando nel 1793 il Conte Rezzonico metteva piede in Sicilia, egli non vi
trovava nè alberghi, nè locande; ma solo fondachi, secondo lui,
«caverne, anzichè ricetti d’uomini e per lo più senza letti e senza
mobili». Man mano che il nobile lombardo s’inoltrava per l’Isola,
confermavasi in questo sconfortante giudizio. Obbligato da piogge
violente a pernottare in Fiumedinisi, fermata ordinaria allora in Val
Demone, egli faceva esperimento della miseria e dello squallore di quei
luoghi. «Un casolare che tutto tentenna passeggiandone i palchi, e le
cui camere non si distinguono dalla stalla per la negrezza delle pareti
e per li frequenti screpoli, senza vetrate, senza mobili (dove andava
questo signore a cercare i mobili!) fuorchè alcune sedie sgominate ed un
lercio tavolino di piedi ineguali e zoppi, si fu l’albergo che m’accolse
e che io trovai delizioso per sottrarmi all’inclemenza di Giove
pluvio»²³⁵.

 ²³⁵ Vol. I, pp. 80, 114, 155.

V’era anche di peggio. Sovente si era costretti ad acconciarsi in
casolari, stamberghe e mal connessi granai, privi del necessario al
bisogno della giornata. Non solamente la carne, i polli, le uova, ma
talvolta anche il pane difettava; e quando l’acqua non era buona, si
dovea preferire certo vino tutt’altro che potabile.

Provvido perciò il consiglio dei due primi articoli del decalogo
popolare:

    Primu: amari a Ddiu sopra ogni cosa;
    Secunnu: ’un caminari senza spisa.

Più provvido però quello di fornirsi di commendatizie per autorità
civili e religiose: e questo consiglio era così accortamente seguito che
un vecchio vescovo, indirizzandosi ai vescovi novelli, in ragione dei
tempi ammoniva: se vi son prelati che credono potersi esimere dal dovere
di ospitare viandanti là dove sono alberghi e comunità religiose,
sappiano che la loro casa dev’essere aperta ai poveri ed ai
pellegrini²³⁶.

 ²³⁶ _Avvisi pratici ai vescovi eletti_ ecc., cap. III, p. 84.

Una lettera di presentazione pel superiore di un ordine religioso era
una provvidenza; ordine preferito, quello dei Cappuccini; i quali, a dir
la verità, per rendere men disagevole il viaggio, si moltiplicavano,
anche applicando un galateo molto sommario, del quale essi, umili
fraticelli per quanto dotti teologi e canonisti non misuravano le
conseguenze igieniche. Riedesel, Erydone, Delaporte, Houel, de
Saint-Non, Münter, de Mayer, Stolberg, Hager, tutti più o meno vi
ricorsero.

Ma anche nelle case religiose, quanti disagi prima di essere ricevuti!

«A Terranova, il posto più vicino a Malta (racconta quest’ultimo),
dovemmo stare dai Francescani; a Taormina, dove è il più splendido
teatro antico ed uno dei più bei panorami, ai Cappuccini. Quivi fui
messo insieme con un ricco americano lasciandosi il nostro discreto
seguito a bussare per oltre mezz’ora senza aprirglisi; tanto che dovette
andare da un calzolaio, nella seconda ordinaria locanda di quella città,
dove pure la bella Principessa di Belmonte, figlia del Marchese Verac,
poco tempo innanzi avea passata la notte, non osando recarsi, per
ragione della clausura, al Convento. Così dovette pure rassegnarsi a
fare Mylord Wicombe, figlio di Lord Landsdowne, col quale un anno prima
(1796) io era stato a Segesta, desinando ora in una cucina, ed ora in
una stalla»²³⁷.

 ²³⁷ _Hager_, _Gemälde_, p. 130.

Del difetto di locande facevano ripetuti lamenti i viaggiatori, senza
che nessuno sapesse o volesse darsene conto. «Il paese non ha locande!»
dicevasi; e non si considerava che la Sicilia non sempre nè per molti
era centro d’affari, e che per venirci occorreva una gran forza
d’abnegazione, una ferma volontà e quattrini da spendere.

Pochi quindi ci venivano, e non tali che ad una industria sicuramente
lucrosa incoraggiassero i paesani, pei quali, peraltro, in ragione della
indole e delle abitudini, il tornaconto della impresa industriale,
manifatturiera, commerciale che si tenti, dev’esser certo, largo ed
immediato.

Solo un accorto tedesco, nel secolo XIX, capì la cosa e con molto senso
pratico osservò: «Quello che gli Inglesi chiamano _comforts_, si
cercherebbe invano in Sicilia.... È invece da maravigliare che non si
stia peggio. Se non vi sono alberghi, gli è che non vi sono viaggiatori:
e chi viaggia non cerca albergo, e va a casa sua o a casa d’amici. Il
popolo basso non viaggia punto.... Come possono le osterie esser bene
assestate, se esse vengono visitate di rado da viaggiatori, almeno da
Siciliani? Quando un Siciliano di conto si mette in viaggio, porta con
sè quasi tutto l’occorrente; un corriere lo precede per mettere in
assetto il quartiere da notte nel vuoto palazzo d’un ricco amico; il
signore viene trasportato, in lettiga chiusa, da agili muli a grandi
giornate, e trova tutti pronti al suo arrivo. Le persone del ceto medio
hanno come da noi [tedeschi] raccomandazioni presso i loro conoscenti
nei paesi vicini; la classe infima non viaggia quasi punto, o dorme di
convento in convento. Aggiungi un’altra circostanza: i paesi importanti
sono nelle coste, dove si può andare in barca, e dove i disagi son
sempre minori di quelli per terra. Nel nostro lungo viaggio a traverso
l’Isola, il quale da Palermo a Messina non è stato meno di 150 miglia e
mezzo tedesche, noi abbiamo potuto incontrare forse tre o quattro
lettighe, solo con alti dignitarî ecclesiastici in giro per le loro
diocesi»²³⁸.

 ²³⁸ _Wanderungen_, p. 338.

E questo, nientemeno, nel 1822, dopo trenta anni che il Rezzonico avea
scritto: «Manca in una sì chiara città una buona locanda, perchè mancano
i forestieri: e così per tutta la Sicilia fino a Siracusa»²³⁹.

 ²³⁹ Vol. I, pag. 3.

In Palermo però, anche ab antico, le cose andavano diversamente²⁴⁰.
Paesani e forestieri che potessero spendere, vi trovavano un albergo
superiore ad altri (così almeno dice Hager) del Continente, e nel quale
si poteva stare con una certa comodità: era quello di una signora
provenzale, presso Porta Felice, dirimpetto alla Casa dei Teatini, ora
Archivio di Stato. Quivi per mezzo secolo, dalla metà del settecento,
presero alloggio non solo i principali benestanti dell’Isola che non
avessero parenti od amici dove albergare in Palermo, ma anche gli
stranieri più illustri. Conosciuto per un breve ricordo del
Villabianca²⁴¹, esso accolse, tra gli altri, Brydone nel 1770, Sonnini
nel 1777, de Saint-Non nel 1782. Ora una lapide murata sul portone,
ricorda che

                        GIOVANNI VOLFANGO GOETHE
                   DURANTE IL SUO SOGGIORNO A PALERMO
                                NEL 1787
                         DIMORÒ IN QUESTA CASA
                        ALLORA PUBBLICO ALBERGO.

 ²⁴⁰ Esempio: in una pergamena del Tabulario del soppresso ospedale di
     S. Bartolomeo in Palermo, in data del 7 Aprile 1417, Xª indizione,
     parlandosi della vendita d’un grande albergo, in contrada S. Biagio
     (Palermo), e descrivendosene i varî corpi, lo si specifica: _cum
     cortilibus, cammaris et aliis domibus cohopertis et discopertis_
     (terrazze). _A. Flandina_, _La sala delle dame in Palermo_, p. 5.
     Palermo, 1799.

 ²⁴¹ _Villabianca_, _Palermo d’oggigiorno_, v. II, pp. 70-71, scriveva:
     «Madama di Montagna. Locanda nobile nel Cassaro morto del braccio
     Kalsa. Viene conosciuta sotto il nome di locanda di Madama di
     Montagna, ch’è appunto la degna dama che la mantiene. Questa è
     l’unica locanda che ha somiglianza con le locande di fuori regno, e
     in conseguenza vi prendono stanza tutti i forestieri e gran
     signori, che vengono in Palermo per diletto di viaggiare».

Piccanti le osservazioni del Brydone intorno a questa locandiera, Madama
de Montaigne, al cui ritratto l’arguto giovane inglese consacrava alcune
pagine. «Non essendovi se non un solo albergo in Palermo, noi [Brydone
ed un suo amico, compagno di viaggio] dovemmo accettare le condizioni
che ci vennero fatte: cinque ducati al giorno. Siamo alloggiati poco
comodamente; ma è questo il primo albergo che abbiamo in vista in
Sicilia, e, difatti, può dirsi l’unico in tutta l’Isola.

«Lo tiene una francese chiacchierona e fastidiosa, la quale io temo ci
debba dare molto fastidio; non c’è verso di tenerla fuori le nostre
camere, e non viene mai senza raccontarci che il principe tale e il duca
tal altro furono sommamente lieti di stare da lei. Ci è facile capire
che tutti quanti dovessero essere cotti di lei; la quale perciò pare si
abbia a male che non lo siamo anche noi. Mi è stato giocoforza dirle che
noi siamo gente molto ritirata, e che la compagnia non ci piace
abbastanza; onde essa, come io mi sono accorto, non ci tiene più in
pregio; e questa mattina (19 Giugno 1770) traversando io, senza dirle
parola, la cucina, la ho sentita esclamare: _Ah mon Dieu! comme ces
anglois sont sauvages!_ Io credo che dovremmo avere per lei maggiori
attenzioni, altrimenti ci vedremo aumentar la pigione. Ma la è grassa
come un maiale e brutta quanto il diavolo, e s’imbelletta talmente le
due grosse gote che si direbbe essersi intonacata di Marocco rosso».

Brydone prosegue la sua descrizione fermandosi sui ritratti di lei e del
marito attaccati alle pareti della stanza di lui e sopra un certo
scambio di parole tra lui e lei, la quale avrebbe dato il tema di quei
ritratti al pittore; e conclude:

«Benchè sia stata vent’anni qui, madama è restata così perfettamente
francese come se non fosse mai uscita da Parigi, e guarda da alto in
basso e con grande disprezzo ogni donna di Palermo sol perchè le
palermitane non hanno mai avuto la fortuna di vedere quella capitale, nè
di udirne la musica sublime dell’Opera»²⁴².

 ²⁴² _Brydone_, _op. cit._, lett. XXI.

Questo severo giudizio sull’albergatrice d’allora in Palermo fu alcuni
anni dopo comunicato in francese a lei stessa da un suo connazionale,
l’ingegnere Sonnini. «Madama montò in collera, e dimostrò (parla il
Sonnini) che Brydone s’era male apposto giudicandola una chiacchierona;
e mi raccontò certi aneddotuzzi, pei quali aveva dovuto pregare
l’inglese di procurarsi un altro alloggio; ed essa mi fece in proposito
un capitolo altrettanto lungo quanto quello di Brydone»²⁴³.

 ²⁴³ _Sonnini_, _Voyage_, ch. IV.

Sicchè si conferma anche qui l’antico avvertimento morale, che bisogna
sentire da tutte e due le orecchie.

Ad evitare pettegolezzi, lasciamo dunque la locanda della signora de
Montaigne; ma, gittando un’occhiata all’ultimo piano di essa ed ai
balconi che danno nel Cassaro, noi, con gli occhi della mente, vediamo
ancora il giovane Goethe sulla terrazza, estasiato nel godimento del
mare, del cielo e del Pellegrino, ch’egli non cessa di proclamare il più
bel promontorio del mondo²⁴⁴.

 ²⁴⁴ _Goethe_, _op. cit._, lett. del 3 Aprile 1787.

In occasioni eccezionali quest’albergo non bastava, e si era costretti a
ricorrere ad altri, quanto, oh quanto diversi!

L’Ab. Richard de Saint-Non, giunto a Palermo coi suoi amici artisti il 2
Luglio 1778, trovò le locande affollate di forestieri venuti a vedere le
imminenti feste di S. Rosalia. «Noi, egli dice, non potemmo alloggiare
là dove ci si era proposto di andare, in un albergo tenuto da una
francese, che è il conforto ordinario dei viaggiatori a Palermo; ma lo
fummo in una casa che dà sul porto vecchio».

Quale poteva essere questa casa? Ce lo dice la tradizione. Da più d’un
secolo la _Locanda del Commercio_, a Porta Carbone, sulla Cala (porto
vecchio) riceve provinciali e forestieri di assai modesta condizione.

Ora, sia questa dell’Abate francese, sia quella del cav. viennese de
Mayer, fatto è che mitissime ne erano le spese, e non solo nella
Capitale, ma anche in Messina, in Catania e, in generale, in tutta
l’Isola²⁴⁵.

 ²⁴⁵ _R. De Saint-Non_, _Voyage_, t. IV, p. 139. — _De M[ayer]_,
     _Voyage_, p. 212.

Poichè tanto di quest’argomento degli alberghi, quanto di altri simili
non è stato scritto nulla finora, ci si consenta di aggiungere,
sorpassando il settecento, che il posto di Madama de Montaigne fu preso
dall’_Albergo della Gran Bretagna_ nella Piazza Marina, che avea balconi
sul Cassaro, a pochi passi della Chiesa della Catena. Nessuno ne dice
male; anzi il tedesco G., che si divertiva tanto a guardare la gente
andare avanti e indietro, ne dice molto bene.

La locanda di Tegoni sulla medesima piazza, là dove sorse molto più
tardi l’«Hôtel d’Italie», divenne la principale del suo tempo. Durante
la rivoluzione del 1820 vi stette il Generale Church²⁴⁶.

 ²⁴⁶ _De Bernardis_, _Rivoluzione di Palermo del 1820 espressa in
     diciotto incisioni_.

I Siciliani che si recavano a Palermo, o eran dei signori, ed avevano
dove andare; o eran dei miseri mortali, e cercavano le locande d’infimo
ordine, delle quali la città era fin troppo provvista. Dicendo
_locande_, noi intendiamo le meschine, poco decenti stamberghe di
Lattarini; dove anche nel settecento erano accentrate, e, come ai dì
nostri, frequentate dai provinciali che venivano per liti in tribunali,
per contrattazioni con proprietari e signori, per compre e vendite. Ma
altre ve ne avea un po’ qua, un po’ là: nel piano della Fonderia, alla
Fieravecchia, presso la parrocchia di S. Giacomo, proprietà della Chiesa
di S. Maria la Nuova, del convento di S. Domenico, di Asdrubale Termine
di Vatticani e dello Spedale grande e nuovo.

E lì, a Lattarini, mettevano le vie dei Bordonari (_mulattieri_) e dei
Cavallari, gente che viveva guidando bestie da soma e da tiro.
Aggirandoci per tutta la contrada, noi possiamo anche oggi riconoscere
il fondaco d’Agnuni, quello dell’Oglio o fondaco grande o del Sù
Rosario, il fondaco piccolo dell’Oglio e, per non dire d’altro, quello
della Calata dello Spedale grande all’Albergaria e di S. Cosimo a
Siralcadi.

Quali le difficoltà del viaggio, tali quelle del carteggio.

Per limitato che fosse l’uso dello scrivere, ai bisogni più comuni esso
non poteva mancare. Tra Napoli e Palermo la corrispondenza era attiva;
più attiva però quella tra i varî paesi dell’Isola, specialmente con la
Capitale, alla quale per ogni ragione di negozî tutti si rivolgevano....
V’erano i _serii_, o corrieri espressi, per affari urgentissimi; ma non
tutti potevano permettersi la spesa occorrente, e si era costretti a far
capo alla correria ufficiale (posta), che a periodi partiva ed a periodi
avrebbe dovuto arrivare.

Esiste a Palermo anche oggi, innanzi il palazzo Bosco di Cattolica, una
piazzuola detta della _Correria vecchia_. Quivi fino al 1734 fu la posta
dei corrieri, donde in quell’anno passò al Piano dei Bologni, nel
Palazzo de’ Villafranca, i cui padroni aveano il diritto ed il
privilegio della correria. Andate ad immaginare un servizio pubblico di
questo genere in mano a privati, per quanto egregi e rispettabili come i
Villafranca! Eppure altro che questo si vedeva nei tempi andati! nei
quali, ufficî e dignità retribuite erano non di rado concesse contro
pagamento, costituendo un vero e proprio privilegio. Il Governo
spagnuolo spillava danaro da tutte le parti ed in tutte le guise, e
quando la Casa Alliata de’ Principi di Villafranca, per avere il
monopolio dei servigi postali, offrì a Carlo VI cinquantamila fiorini
contanti e centomila in soggiogazioni, Carlo non esitò un istante ed
intascò bel bello quei cinquantamila.

«Nei primi tempi del viceregno del Caracciolo s’intesero lagnanze circa
il servizio di correria. Pieghi disserrati e di nuovo chiusi, attrassi
(ritardi) di consegna di lettere per replicati procacci cagionarono
risentimenti. Il Duca Pietro Alliata e Gaetani, Luogotenente allora di
Corriere maggiore del Regno, fu accusato d’indolenza dal Caracciolo alla
Corte di Napoli. La verità è che si vollero rimettere in campo i diritti
inalienabili del Demanio, il potere regio, per sottrarlo alla Casa
Villafranca». Questa si difese, ed il Governo dovette provvisoriamente
pagarle la cospicua somma di 92,000 ducati prima di poter prendere per
conto suo l’esercizio di corrispondenza, che si affrettò a concedere ad
appalto ritraendone un profitto annuale tra le undici e le quattordici
mila onze²⁴⁷. La gazzetta degli _Avvisi_ di Napoli, in uno dei suoi
numeri del 1786, scrivea che il Principe di Villafranca si era
rassegnato ai voleri del Sovrano, e soggiungeva:

 ²⁴⁷ _Ortolani_, _Sulle antiche e moderne tasse della Sicilia_, p. 49.
     Palermo, 1813.

«La posta in Sicilia sta per mettersi sopra un piede molto più
rispettabile e più vantaggioso per la nazione. Le lettere del lato
orientale per Napoli non aspetteranno sette giorni a Messina; quelle di
città vicine come Alicata e Terranova non attenderanno quaranta giorni
per le risposte, e procacci pubblici assicureranno il trasporto interno
delle merci».

E cominciava la riforma.

La Posta dal palazzo Villafranca passava all’Ospizio degli arcivescovi
di Monreale, nella casa, cioè, di S. Cataldo di fronte all’attuale
Università degli Studî ed al lato meridionale del palazzo pretorio.
Giuseppe Gargano veniva nominato primo ministro di posta e Luogotenente
di Corriere maggiore pel Governo (questo Gargano era il Segretario del
Vicerè). I corrieri dalla livrea di Casa Alliata passavano alla divisa
(montura) turchina e rossa come le truppe, con una placca d’argento sul
petto, rappresentante le armi regie, ed uno sciabolotto a fianco. Nel
palazzo Villafranca rimaneva soltanto, e rimane anche oggi, l’archivio
della correria di tutta la Sicilia e la vecchia buca delle lettere, che
forse nessuno ha mai veduta.

Il dì 7 Aprile del 1787, Sabato Santo, la gente si accalcava innanzi ad
un foglio di carta attaccato alla porta nel nuovo ufficio, nel quale era
quest’avviso manoscritto:

«L’Officina della distribuzione delle Lettere del Regno in tutti giorni
della Settimana, fuori del Sabato, resterà aperta la mattina per tre ore
sino al mezzogiorno, e il dopopranzo dalle ore 21 sino alle 23.
L’Officina delle Lettere di fuori Regno resterà aperta per tre giorni
consecutivi dopo l’arrivo della Staffetta nelle ore della mattina e del
dopo pranzo come sopra dinotate, e negli altri giorni solo dopo pranzo
dalle ore 21 sino alle ore 23»²⁴⁸.

 ²⁴⁸ _Villabianca_, _Diario_ inedito, 1787, p. 127. Vedi pure
     _Torremuzza_, _Giornale della città di Palermo_, p. 234. Ms. Qq. H,
     2 della Bibl. Com. di Palermo.

Era una riforma anche questa, che segnava un gran passo nella vita
commerciale privata e pubblica.

Una nota del Marzo 1799 in Villabianca ci fa sapere che per la guerra di
Napoli il Re era servito da due pacchetti accompagnati da fregate e navi
da guerra che da Palermo andavano a Livorno, «luogo di correria per
l’Europa». La posta partiva ogni quindici giorni, di giovedì. La lettera
pagava in ragione del suo peso e della distanza che dovea percorrere. Il
peso era rappresentato dal foglio; e la tariffa minuta era tassativa per
le lettere di mezzo foglio, un foglio, un foglio e mezzo, due fogli, e
un’oncia (grammi 25) di peso. La lettera da un solo foglio per Roma
pagava 36 bajocchi; per l’Italia, 48; per Germania, Inghilterra, Olanda,
60; per la Spagna, 96; per Costantinopoli, 128²⁴⁹: il che vuol dire che
la tassa di una lettera ordinaria costituiva il guadagno d’una, due
giornate d’un maestro, d’un impiegato!

 ²⁴⁹ _D’Angelo_, _Giornale_ ined., pp. 327-28.

Nè c’è da dire che codesta gravezza di spesa fosse la conseguenza
immediata della guerra; perchè, come per lo innanzi, così anche dopo,
essa rimaneva la medesima. Ed ecco perchè le lettere costituivano un
contrabbando: ed il trovarne addosso ai viaggiatori in vettura corriera
dava ragione a multe.



                            _Capitolo XII._


                        _PORTANTINE E CARROZZE._

Chi si fosse messo a percorrere le vie principali della città, facendo
una punta alla Marina e, in certe ore del giorno, fuori altre porte
della città, si sarebbe sempre incontrato in portantine, o sedie
volanti, o seggette, come vogliamo chiamarle.

Chi oggi fa di queste una medesima cosa con le lettighe, cade in un
grosso errore. È vero, sì, che le une e le altre avevano stretta
somiglianza di forma; ma diverse ne erano le proporzioni, diversi i
trasportatori, diverso l’uso. Quelle erano per una sola persona; queste
per due e, in ragione, il doppio; quelle per affari, per visite, per
passeggiate; queste per viaggi più o meno lunghi; la sedia era portata a
mano da uomini; la lettiga caricata da animali.

Le portantine però avevano comune con la lettiga e con la carrozza la
qualità padronale e da nolo.

Diremo partitamente di esse.

La padronale era un’eleganza di fregi e dorature allo esterno, di ricche
stoffe all’interno: le facoltà di chi la possedeva si traducevano nel
maggiore o minor lusso. Dalla portantina della famiglia Sperlinga a
quella di casa Trabia, quali esse ci son giunte, è una scala ascendente
di particolarità l’una più bella dell’altra; imperciocchè dal severo
rivestimento in pelle nera sparsa di borchie indorate dell’una, alla
smagliante decorazione dell’altra, quali e quante gradazioni! Le quattro
fiammoline della prima, sprigionantisi dagli angoli, quasi a difesa
dell’aquila del centro, figurano come i puttini, i piccoli mostri in
giro della seconda, ripetentisi venti, trenta volte innanzi, dietro, ai
lati, nello sportello, nelle maniglie e perfino ai piedi: e non è spazio
libero che si sottragga ad un ghirigoro, ad un arabesco qualsiasi,
scolpito, intagliato, messo lì per incorniciare, nobilitandoli, quadri
mitologici di Aurore, Nettuni, Sirene, Satiri, Genietti dipinti, o quasi
miniati.

Rivaleggiano con questa, senza vincerla, altre portantine, dove la
profusione degli ornati, congiunta alla gaiezza delle figure simboliche,
inebbriatisi al profumo dei fiori onde s’inghirlandano, è tutta gaiezza
d’arte.

Dentro, altre bellezze, altre eleganze. Difese a destra, a sinistra, di
fronte, da tersi cristalli, riparate da rosee tendine, sopra soffici
cuscinetti e molli spalliere dal colore blasonico del casato, sotto
seriche bande, che da su in giù si aprono come a far largo ad una
candida testolina nell’angustissimo spazio di broccati, frange, trine
d’oro, stanno solennemente adagiate dame di grande levatura.

Pallido il viso, largamente scollata in alto la veste, stretta in basso
per fascette che a tante grazie ammezzano il respiro, ed a chi guardi
fan sognare voluttuose penombre, queste regine della nobiltà raccolgono
inchini e riverenze dei passanti.

Nè solo per diporto s’incontrano nelle feste profane ordinarie, ma anche
per occasioni eccezionali e rare e per ricorrenze sacre e religiose. Una
delle quali è quella della visita dei _Sepolcri_ in date chiese, nella
quali la esposizione del Cristo morto, nel Giovedì Santo, ha
l’attrattiva di artistici tappeti di sabbia, di composizioni di fiori di
passione, di rappresentazioni sacre, di splendide mostre di vasellame
d’argento. Il Senato ha le carrozze sontuose che già conosciamo, ma di
portantine si serve eccezionalmente per la gita al Monte Pellegrino
nella festa delle quarantore dentro la grotta del Santuario. Queste
portantine non son sue; forse appartengono al Pretore, o a qualcuno dei
Senatori, o ad altri che si pregiano di metterle a sua disposizione per
occasioni così solenni. Ne ha la Corte del Vicerè, come la Corte
dell’Arcivescovo; ne hanno le più aristocratiche famiglie, come qualche
ricca casa del ceto civile; ne hanno Valguarnera, Castelnuovo,
Regalmici, Belmonte, Partanna, S. Marco, Cassaro, Paternò, Sandoval ed
altri ed altri assai.

Mano mano che dalle alte si scende alle medie sfere, lo splendore scema,
e gli stemmi si riducono a semplici velleità emblematiche.

La tradizione parla di sedie volanti nei conventi e nei monasteri. Dei
Domenicani ne ricorda una, ad uso di non so qual P. Maestro, forse
supremo dignitario, e probabilmente della Inquisizione prima del 1782.
Portava dipinto l’emblema dell’Ordine: un cane con una fiaccola accesa
in bocca e varî motti biblici, tra’ quali: _Quis ascendit in montem
sanctum Domini?_ da un lato; e dall’altro: _Innocens manibus et mundo
corde_.

Questa portantina non vuol far dimenticare la famosa carrozza del
terribile Tribunale, stata ceduta al Senato²⁵⁰.

 ²⁵⁰ Vedi a p. 76 del presente volume, e _L. M. Majorca Mortillaro_,
     _Lettighe e Portantine_, 2ª edizione, p. 79. Palermo, 1901.

La tradizione ricorda pure portantine nei monasteri della Pietà, delle
Stimmate, di S. Vito, della Concezione, usate pel trasporto ed anche per
diporto di superiore e, in casi d’inabilità fisica, di semplici suore
nei giardini e nei baluardi facienti parte dell’edificio²⁵¹.

 ²⁵¹ Quando alcuni anni fa, il dì 4 Settembre 1899, il Cardinal Celesia
     volle recarsi al Santuario della Patrona di Palermo, la portantina
     venne apprestata dalle nobili suore del Monastero di S. Caterina.
     Vedi _Sicilia Cattolica_, 5 Settembre, 1899.

Nella portantina comune o da nolo l’ornamento mancava del tutto. Lo
scintillio delle dorature cedeva al nero della pelle rasa. Gli usi
diversi a tutto piegavano, fuori che a quello del semplice diporto.
Qualche medico se ne serviva per le ordinarie sue visite; qualche
magistrato per accessi giudiziarî; i predicatori per recarsi in chiesa e
da chiesa a casa. A quando a quando un delinquente, sotto valida scorta,
vi era chiuso dentro e portato in carcere; così del pari certi ammalati
gravi dal carcere (Vicaria), prima che la infermeria vi fosse costruita,
all’Ospedale grande e nuovo. I becchini poi vi ficcavan per forza e vi
raccomandavano con corregge alla vita cadaveri da condurre ai
Cappuccini, od al cimitero comune.

Potremmo esaminare uno per uno questi diversi stridenti ufficî; ma
troppo ci dilungheremmo; l’opportunità però di certe coincidenze non ci
dispenserà da notare debitori e falliti essere stati accolti in seggette
fiancheggiate da poliziotti, e, come un tempo alla pietra del vitupero,
condotti alle prigioni²⁵²; carnefici in espiazione di pena, portati
sotto custodia in una piazza a giustiziare un condannato, e levatrici in
tutta pompa a battezzar neonati. Nella farsa _Li Palermitani in festa_,
quando nel cuore della notte Nòfrio va a bussare all’uscio di Tòfalo,
perchè si levi, essendo improvvisamente giunto il Re (Ferdinando III),
Tòfalo esclama:

 ²⁵² È noto che anche in Sicilia fu in uso la pena del vitupero inflitta
     ai falliti. Costoro dovevano, non occorre qui ricordare in che
     forma indecente, in mezzo a pubblico tutt’altro che afflitto,
     sedere sulla pietra della vergogna. Ricordo dell’indegna usanza è
     la frase tuttora viva, ma non da tutti compresa: _Dari lu.... a la
     balata_, la quale significa: fallire, ridursi sul lastrico.

    _Seggia_ a st’ura? ch’è medicu, o mammana?
    O runna chi a qualcunu s’attapància?²⁵³.

 ²⁵³ _Meli_, _Poesie_, p. 189. Significato di questi versi: una
     portantina a quest’ora? sarà un medico, o una mammana? o una ronda
     che acciuffi (catturi) qualcuno?

Il Dr. Hager, che trovò molto comune anche in Palermo la seggetta, si
maravigliava che l’uso la estendesse al trasporto dei morti non meno che
dei vivi. Quasi ogni giorno egli vide sedie portatili per cortei
funebri, nelle quali però, al primo suo giunger tra noi, nulla gli era
parso di scorgere. Un aneddoto in proposito fa parte di altro capitolo
di questo libro²⁵⁴, e spiega perchè il colto orientalista non volle mai
entrare, finchè stette tra noi, in cosiffatte sedie, e molto meno
mettervi piede. Galt notò l’uso anche lui, e se ne ricordò sempre²⁵⁵.

 ²⁵⁴ _Lutti di corte, di nobili,_ ecc.

 ²⁵⁵ _Hager_, _op. cit._, pp. 118-119. — _Galt_, p. 50.

E pensare che in questo arnese, proprio in questo medesimo arnese, il
Venerdì Santo, i cappellani delle parrocchie si facevano condurre alla
Cattedrale a prendere l’olio santo per la Estrema Unzione da
somministrare ai moribondi durante l’anno!... Costume, questo, che
parrebbe stato introdotto nella Settimana Santa del 1777 per rispetto
all’altro, pietoso, di non andare in carrozza per la città nel giorno
commemorativo della Passione di G. Cristo²⁵⁶.

 ²⁵⁶ _Villabianca_, _Diario_, v. XXVI, 75. — _Pitrè_, _Spettacoli e
     Feste_, p. 213.

Secondo le sedie, i portantini. La differenza tra padronali e da nolo
costituiva due classi diverse di seggettieri; quelli da nolo facevan
parte da sè; si associavano nella devozione dei loro santi protettori
Euno e Giuliano, componendo la confraternita di _S. Uniu_, e abitavano
vicoli che prendevano nome da loro a Ballarò ed al Capo²⁵⁷. La vecchia e
non più ribattezzata «Via delle sedie volanti», che si apre di fronte
alla chiesa S. Cosmo, era loro abitazione e posto de’ loro veicoli.

 ²⁵⁷ A Ballarò era _vicolo dei Seggettieri_ quello che adesso si chiama
     _Ant. Lomonaco Ciaccio_. Al Capo è sempre il _Vicolo dei
     Seggettieri_, che sbocca sulla via Cappuccinelle.

     Pei lettighieri poi, ricordati nel capo X, giova avvertire che,
     come essi facevano una specie di maestranza per sè, così da loro
     prendevano nome la _Via delle lettighe_ ed il _Vicolo dei
     lettighieri_.

Facchini nati e cresciuti, i portantini erano rotti a qualunque
strapazzo del mestiere: e, la cinghia alla nuca, le estremità della
cinghia e le mani alle aste, si addossavano il gran carico, ansando e
sudando come.... bestie. Da ciò il loro soprannome di _mastru_ o
_vastasu di cinga_ (facchino da cinghia), il quale, ridotto a quello
semplicissimo di _cinga_, è giunto fino a noi, in un traslato di
dispregio di uomo che faccia e goda di fare atti incivili e bassi della
peggiore specie.

D’altra condotta e foggia i portantini padronali. Come parte del
servitorame d’una nobile casa vegetavano nelle anticamere, e conoscevano
a menadito tutte le forme della buona creanza e del _bon ton_. Ad un
cenno di Sua Eccellenza la Principessa, o la Duchessa, o la Marchesa, e
quando occorresse, di sua Eccellenza il Principe, o il Duca, o il
Marchese, erano in completo assetto di livrea, parrucca, nicchio
gallonato; assetto oh quanto scomodo, che rendeva loro difficile il
servizio, cui non bastavano ad alleviare aste artisticamente intagliate,
nè cinghie vellutate, come le catene d’oro non renderebbero meno penosi
i dolori della schiavitù.

Di sera, quando portavano a veglie ed a festini la dama, si aggiungeva
loro un numero di sei, otto paggi, che reggevano torce accese, le quali
essi, appena arrivati nel vetusto palazzo, si affrettavano a spegnere
nei buchi nascosti dietro le porte dei vestiboli.

Bella o brutta che fosse la portantina, l’andarvi dentro per affari
costava. Un _viaggio_, o per dir meglio, una corsa pel Cassaro o per la
Strada Nuova pagavasi due, tre tarì; poco o molto di più fuori città:
spesa non a tutti consentita dal proprio bilancio. C’erano, è vero, i
carrozzini; ma in paragone delle molte e molte sedie volanti, e del gran
numero di carrozze signorili, potevano dirsi pochissimi, o bisognava
contentarsi di quelli del noto _Vituzzu_.

In tanta scarsezza, un giorno, certo Antonio Bruno, accorto
commerciante, concepisce un’idea ardita per allora, ma pratica; quella
di acquistare un numero di carrozzelle nuove e di metterle a
disposizione del pubblico; pagamento d’una corsa, un tarì (cent. 42). Fu
una gran pensata! Il pubblico le accolse con gran favore, e dal prezzo
veramente medio del _tarì_ o _tariclu_ prese a chiamarle _tarioli_.

Se non che, la nuova impresa non poteva non danneggiare l’antica delle
portantine, e dal primo apparire dei tarioli i lettighieri se ne
risentirono. Si principiò col sorriso del giocatore che perde; seguì la
derisione dei cocchieri dei tarioli, e quando gl’interessi del mestiere
cominciarono, col considerevole sviluppo dei nuovi veicoli, a
pericolare, vennero gl’insulti, le ingiurie, i battibecchi, le zuffe, a
sedar le quali occorse l’intervento della Polizia. I tarioli si
moltiplicarono; nel solo Piano della Marina, rimpetto la Vicaria, sotto
le torve occhiate dei portantini della vicina _posta_, se ne contarono
fino a trenta il giorno. Nel 1785 i trenta erano ottantacinque, e due
anni dopo, centoventuno, che, secondo una opportuna ordinanza del
Capitan Giustiziere, portavano già segnato in cassetta il numero
progressivo del ruolo²⁵⁸. Oltre i _fiacres_ ordinarî, erano nel medesimo
Piano calessini a due ruote, coi quali, come a Napoli, si poteva andare
in mezzo alla più fitta popolazione²⁵⁹.

 ²⁵⁸ _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XXVII. _G. Alessi_,
     _Prontuario di alcune noterelle ammassate brevemente alla rinfusa_,
     n. 6. ms. Qq. 15 7 della Bibl. Com. di Palermo.

 ²⁵⁹ _Hager_, _Gemälde_, p. 117.

L’uso di questi e di altrettali veicoli divenne così comune che forse
più non si sarebbe potuto, date le condizioni topografiche della città
ed i bisogni degli uomini d’affari. Questo stesso avvenne fuori Palermo.
Il _Giornale di Commercio_ ed il _Giornale di Sicilia_ ne annunziavano
sempre qualcuno in partenza per Partinico, indicando posti vuoti per
passeggieri che volessero profittarne. N’erano proprietarî, ciascuno per
proprio conto, Matteo D’Aquila e Girolamo Montalbano. Quest’ultimo nome
è giunto fino a noi come ditta di carrozze corriere per l’Isola, e
specialmente di carrozze per la città, ed è finito in quell’azzimato
nanerottolo che nella sua altezza di una spanna, colla sua posa di
personaggio importante, esigeva rispetto (e se lo faceva portare) da chi
potesse aver la tentazione di ridergli in faccia al solo vederlo.

Carrozze si annunziavano anche in vendita: e le offerte giornaliere
erano di carrozzini, di calessi come di «_vis-à-vis_ con aste di ferro»,
di berlingotti, di «carrozzini di gala» e di «carrettelle per campagna,
che si chiudono intieramente»²⁶⁰.

 ²⁶⁰ Vedi _Giornale di Commercio_ (1794) e _Giornale di Sicilia_, che
     tenne dietro ad esso.

Tanto favore, non nuovo nè eccezionale, è espressione dell’indole
palermitana molto proclive alla vanità ed alle apparenze, e risponde
alla condizione delle cose del tempo ed allo spirito d’imitazione di ciò
che facevano gli altri, nel campo suggestivo della moda. La passione per
le carrozze, quasi innata in molti Siciliani, avea modo di affermarsi
specialmente nella Nobiltà; in seconda linea, nel ceto medio; quindi, in
qualsivoglia persona che avesse da poter comprare, o presumesse
mantenere un carrozzino pur che sia. Le cronache cittadine abbondano di
notizie su questo argomento, avvalorate dalle relazioni dei viaggiatori.
Due di questi, senza essersi veduti nè intesi mai, nel medesimo tempo
(1777), trovarono «prodigioso il numero delle vetture». Uno, l’abate de
Saint Non, notava esser «così proprio dei Palermitani il gusto di farsi
portare, che la carrozza era diventata oggetto di prima necessità in un
clima costantemente bello; godimento per godimento, spesso ottenuto con
sacrificio delle cose più utili alla vita»²⁶¹.

 ²⁶¹ _De Saint-Non_, _op. cit._, v. IV, part. I, p. 143.

Un altro, parlando del Cassaro e della Strada Nuova, nella seconda metà
di Maggio diceva: «La sera, il gran numero di botteghe e di caffè
illuminati, gli equipaggi che vi corrono rischiarati da torce, la
poveraglia che vi preme, nella principale e più larga di queste strade
(intendi il Cassaro) vi richiama allo splendore ed al fracasso della Via
St. Honoré di Parigi. I Siciliani vanno soltanto in carrozza; per una
persona agiata non sarebbe niente decente fare uso delle proprie gambe.
Le vetture sono moltissime, ed i forestieri possono procurarsene di
veramente buone per sette, otto franchi al giorno»²⁶².

 ²⁶² _Sonnini_, _op. cit._, t. I, p. 43.

La inclinazione alla carrozza, in gente che aveva buone gambe, nel tempo
che la città chiusa non girava più di quattro miglia, e tutti gli affari
si potevano sbrigare nelle poche vie maggiori, fu primamente rilevata da
Brydone, e fino a certo punto messa in dubbio da de Borch; ma, per
quello che diremo, è vera, verissima.

Il testimonio più sicuro del tempo, Villabianca, sotto la data del 1782,
scriveva: «Ai dì nostri il mantenimento delle carrozze è un lusso de’
nobili, credendo il volgo doversi reputar soltanto cavaliere colui che
ha carrozza e non va a piedi come le persone minute». Ecco adunque la
vettura segno manifesto di ricchezza. «Cangiano i tempi (continua il
sincero, ma aristocratico diarista), e sempre più invade la moda
corrente di tener carrozze per far mostra ognuno di sua nobiltà e del
carattere di sua persona, se non vogliam dire per una forza di frenesia
che ha invaso le persone degl’ignobili e molto più coloro che per la
ristrettezza degli averi non potrebbero farlo [com’è vero quel che trovò
de Saint-Non su questo godimento, ottenuto col sacrificio delle cose più
utili!...]; il che può bene compararsi all’antica moda, che è oggi in
disuso, di mantener schiavi in servizio di lor casa»²⁶³.

 ²⁶³ _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XXVII, p. 410.

I dati statistici confermano questa notizia.

Fino al 1647 soltanto le dame della prima aristocrazia si servivano
della carrozza. Gli uomini andavano a cavallo, ed i ministri regi del
Sacro Consiglio, i Presidenti ed i giudici, in chinea bianca, preceduti
da valletti e con gli algozini a fianco, che portavan alto le verghe
della potestà. Ebbene: fino a quell’anno le carrozze non erano più di
72. Un secolo e trentacinque anni dopo, nel 1782, erano più che
decuplicate: 784! senza, contare le timonelle, le carrozze dei militari,
dei signori regnicoli (provinciali), e non so quali altri veicoli del
genere.

Questa la ragione dell’eccesso di vetture notato dagli stranieri.

Eppure esso sarebbe stato comportabile, anche nel suo movimento
vertiginoso, se gravi inconvenienti non lo avessero accompagnato nelle
solite vie maggiori. Cocchieri padronali che voglion sopraffare
cocchieri da nolo; padroni che lasciano soverchiare, anzi impongono ai
loro cocchieri che soverchino il pubblico dei pedoni e passino primi ed
oltre, quali che i pedoni siano; carrozze e portantine che si fermano a
tutto comodo ed a tutta jattanza di chi vi è dentro, od escon dalle file
prescritte dall’autorità, invadendo il limitato spazio ed arrestando il
passaggio, non pur loro, ma anche di quanti debbono o vogliono andare a
piedi: ecco quello che si vede tuttodì. Ciò che oggi si dice _'mbrogghiu
di carrozzi_ (inviluppo, confusione; impedimento di libero corso) trae
appunto da questo abuso, che nè raccomandazioni, nè minacce, nè
punizioni, nè multe riuscivano ad infrenare²⁶⁴.

 ²⁶⁴ Vedi in proposito il bando viceregio di Marcantonio Colonna di
     Stigliani in data del 12 Settembre 1777, che ne richiama un altro
     del 23 Giugno 1767.

     D’altro ordine sono le disposizioni del Senato pel tragitto per le
     feste di S. Rosalia, del Senato pel passeggio e le fermate delle
     carrozze, dei calessini, delle sedie volanti, delle persone a
     cavallo nel Cassaro per le feste di S. Rosalia. Notiamo, p. e.,
     quella del 10 Luglio 1796.

Di siffatta jattanza volle trarre partito per migliorare certe vie della
città, battute di continuo da veicoli e da uomini, il Vicerè Caracciolo.

Amico di lui era il Regalmici, che non poteva non approvarne le audacie
edili; e di questi erano amici, e del Vicerè ammiratori, il Sorrentino,
il Prades, il Castelnuovo, il Cefalà, sulla energia dei quali poteva
fare sicuro assegnamento.

Allora, guardando alle deplorevoli condizioni delle strade ed al guasto
che tuttodì veniva ad esse dalle carrozze, pensò come da tanto male
trarre altrettanto bene: richiamò certa disposizione di una tassa
annuale di tre onze non prima applicata, e ne decretò l’attuazione per
la durata di soli quattr’anni, tassa da pagarsi da tutti i padroni di
carrozze. Ciascuna rata avrebbe dato un introito di 2352 onze all’anno,
e questa sarebbe bastata al lastricamento di una parte delle vie Toledo
e Macqueda.

Dodici onze, per quanto scompartite, erano una spesa, ed i proprietarî
di carrozze si misero a sbraitare. — «A buoni conti (mormoravano) che si
pensa di fare questo paglietta?... (_paglietta_, come si sa, nobili e
civili chiamavano il Caracciolo). Di punto in bianco vuole aggiustare il
mondo! Dopo di essersela presa con Dio ed i Santi, viene a prendersela
con la Nobiltà, solo perchè essa ha delle carrozze». — «Sta a vedere
(osservavano altri) che il Cassaro, la Strada Nuova vanno in rovina per
noi! come se le carrozze delle Autorità non sciupassero il pavimento
esse pure!...». E con queste ed altre querimonie molti si accordarono di
non cedere, o, tutt’al più, di cedere solo alla forza.

La Deputazione incaricata della nuova tassa, sicura dell’appoggio
vicereale, si disponeva ad energiche risoluzioni. Venne l’ora delle
riscossioni, e mentre molti imprecando pagavano, altri si rifiutavano
bravando. Allora s’impegnò una lotta accanita, ma disuguale; piovvero le
coerzioni giudiziarie. Il Governo, limitando la libertà personale, che
era sua recente preoccupazione, faceva pegnorare molte carrozze: questa
sorte toccò anche alla Marchesa Geraci. Alle pegnorazioni seguirono le
vendite. Il Duca Colonna di Cesarò con gran rumore e generale dispetto
vide portata via la sua carrozza alle Quattro Cantoniere, dove, tra
perchè il provvedimento pareva odioso e perchè la popolazione era
ostile, nessuno volle comperarla.

I ricorsi alla Corte di Napoli non tardarono: e la Corte fece dare alla
potente Marchesa soddisfazione del pubblico affronto; ma permise
sequestri alle rendite dei morosi. I nobili ne sorrisero; i Deputati per
le strade sogghignarono; gli uni e gli altri in apparenza soddisfatti;
in sostanza scontenti, perchè, correggendo la forma, il provvedimento
regio lasciava le cose come stavano.

Esenti dalla nuova tassa e quindi liete rimasero le timonelle e i
_carriaggi_ comuni di persone del popolo.

Così davasi opera ai lastricati (_balatati_; 21 marzo 1782), che poi
dovevano costituire la gloria non solo del Regalmici, ma anche di altri
Pretori.

Quasi contemporaneamente avveniva un fatto che ha relazione col nostro
argomento.

Menava gran vanto di sè una certa Unione di locatarî di vetture e di
cavalli, la quale accampava non so che diritti di privativa concessi dal
Senato. Un D. Vincenzo Bosio, rappresentante di essa, visto che gli
affari della Società non andavano bene, pensò di richiamarsene al
Vicerè.

Evidentemente D. Vincenzo non conosceva l’uomo: e l’uomo, appena letto
il ricorso e sentito il parere della giunta dei Presidenti e del
Consultore, scrisse al Senato una delle sue taglienti lettere
annunziandogli di avere sciolta l’Unione, cancellati i capitoli di essa
e conceduto piena libertà ai privati di prendere a loro scelta vetture e
cavalli²⁶⁵.

 ²⁶⁵ _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl_., v. XXVII, pp. 410-14. —
     _Provviste del Senato_, a. 1784-85, pp. 381-82, 468. — _D’Angelo_,
     _Giornale_ ined., a. 1791, p. 7.

Torniamo alla tassa. Scorsero i quattr’anni prescritti, e si sperava non
se ne sarebbe più parlato; ma essa venne inasprita con la inclusione di
altri veicoli non tenuti di conto dianzi. Il 16 marzo del 1786 si torna
a pubblicare il bando sopra le carrozze con la seguente gradazione di
imposta: carrozze padronali, onze tre; birocci, timonelle, ossia
_tarioli_, _canestri_ a due cavalli senza cocchiere, padronali o di
affitto, due; _carriaggi_ ad un cavallo, carri da buoi, carretti, da
città e da fuori, onza una e tarì quindici; sedie volanti, onza una²⁶⁶.

 ²⁶⁶ _Villabianca_, _Diario_ ined., a. 1796, p. 625.

Stavolta le mormorazioni dei nobili trovarono eco tra’ civili e tra’
plebei, e nessuno potè negare che l’esempio del Caracciolo era stato
fatale anche alla povera gente, che per un tozzo di pane dovea lavorare
giorno e notte all’aria aperta, alla pioggia, al sole, al vento, e di
questo scarso pane farne parte in danaro alla Deputazione per le strade.
Quello poi che toccava il colmo era la gravezza sulle seggette, per le
quali incominciava già la crisi della concorrenza dei _tarioli_, e la
fatica era, più che da uomini, da bestie.

La tassa rimase fissa per gli anni che seguirono, e l’ottocento, sotto
questo punto di vista, ereditò dal settecento un introito sicuro di
quasi tremila onze all’anno.

Scorrendo la lista dei tassati per quartieri nel giugno del 1801,
sorprende la differenza tra alcuni di essi. Quello di Siralcadi (Monte
di Pietà) era 559 onze; quello della Loggia (Castellammare), 645,15;
l’altro dell’Albergaria (Palazzo Reale), 650,15; quello, infine, della
Kalsa (Tribunali) 1071,15: totale 2926,15.

Donde tanta grazia d’involontarî contribuenti nel quartiere dei
pescatori della Kalsa? È chiaro: dal maggior numero di signori che vi
abitavano.



                            _Capitolo XIII._


 _ABITUALE ASSENZA DEI PROPRIETARII DALLE LORO TERRE; TRISTE CONDIZIONE
                           DEI CAMPAGNUOLI._

Una barbara parola recente, _assenteismo_, risponde alla inveterata
abitudine di certi signori, di stare lontani dalle terre o dalle tenute
di loro proprietà.

Quest’abitudine, divenuta sistema, era ordinaria e quasi comune. Vuoi
per naturale ignavia, vuoi per carezzevole inclinazione alle beatitudini
dei grandi centri, vuoi per difetto di sicurezza e di strade, essi
abbandonavano a gabelloti i loro fondi. Li abbandonavano anche per altra
ragione, o per altra serie di ragioni. Villani poveri, spesso
impossibilitati a pagare, anticipazioni che occorreva far loro, lamenti
sull’anno cattivo, sulle piogge abbondanti, sulle inondazioni
devastatrici, sulle prolungate siccità; malsania insidiosa e letale di
lunghi tratti di terreni, distoglievano dal tenere per proprio conto
fondi, nei quali increscevole tornava loro lo stare. I baroni
riconobbero molto commodo essere in relazione con una sola persona che
pagava puntualmente ed anche anticipatamente²⁶⁷; si separarono dalla
terra e dai coltivatori, e si ridussero nelle città inciprignendo così
una piaga già da lungo tempo aperta.

 ²⁶⁷ _G. Salvioli_, _Il villanaggio in Sicilia e la sua abolizione_, p.
     25. Roma, 1902.

I viaggiatori più spassionati, giungendo da Messina o da altri paesi
dell’Isola per via di terra a Palermo, ne rimanevano impressionati, e
non potevano non prenderne nota. «Noi trovammo, dice de Saint-Non, i
nostri baroni palermitani passare voluttuosamente la vita in molle e
dolce ozio mangiando a due palmenti il prodotto di quella loro terra che
essi non visitarono mai»²⁶⁸. Il naturalista Stolberg, fermandosi un
giorno (4 giugno 1792) nell’ampio, abbandonato palazzo del Marchese di
S. Croce, di qua da Mongerbino, messosi a conversare con l’ospitale
castaldo, potè per sicure informazioni scrivere che «questi palazzi non
hanno mai visti i loro proprietari: e che vi son baroni, morti senza
aver mai visitati i loro beni»²⁶⁹.

 ²⁶⁸ _De Saint-Non_, _op. cit._, v. IV, I. part., p. 156.

 ²⁶⁹ _Zu Stolberg_, _Reise_, III, p. 316.

A siffatti inconvenienti alludeva Paolo Balsamo quando nel maggio del
1808, presso il Ponte di Vicari, si permetteva di raccomandare al
Principe di Fitalia che con le sue splendide carrozze e livree trottasse
di meno nella passeggiata della Marina e di Toledo, e che invece
cavalcasse di più per le campagne²⁷⁰. Eppure il Fitalia era uomo molto
serio!

 ²⁷⁰ _P. Balsamo_, _Giornale_, p. 14.

Questa lontananza si rifletteva sulla cultura delle terre e su coloro
stessi che dovevano attendervi. Un mediocre ma pomposo economista
palermitano del tempo, dopo avere riconosciuto il principio che in un
paese agricolo come la Sicilia le campagne debbano essere popolate più
che la città, lamentava la pratica siciliana del tutto contraria, cioè
che non si pensasse a popolare la campagna, e che di tutte le
popolazioni dedite all’agricoltura non si formasse una città sola. E,
con vedute nuove tra i suoi contemporanei, aggiungeva: «che in essa
tutti i coltivatori che voltarono le spalle alle campagne si ammettono
tra il numero di domestici; e per nostra maggiore vergogna si lasciano
unire al folto stuolo dei poveri volontarj e sovente dei vagabondi
viziosi. Con ciò si accresce il lusso, si moltiplicano le spese, ed
intanto! Ed intanto la nazione diviene sempre più miserabile»²⁷¹.

 ²⁷¹ _Dom. Giarrizzo_, _Prospetto dei saggi politici ed economici su la
     pubblica e privata felicità della Sicilia_, p. 23. Palermo, G.
     Sulli, MDCCLXXXVIII.

Anche questo fatto era evidente pei forestieri, ed uno tra i più
temperati osservava: «Le abitazioni son troppo lontane dai fondi. Il
contadino perde quattr’ore il giorno per andare e venire. Stanco di
queste gite, ha poca energia di lavorare. Bisognerebbe trovar modo di
diminuire tanta perdita di tempo e di accrescere le abitazioni rurali.
Qua e là i lavori mi son parsi solo per metà compiuti: nè io saprei dire
se per difetto di braccia o per mancanza di danaro; il che però non si
riterrà improbabile quando si pensi che nella raccolta dei frutti non si
attende che maturino.

«Il contadino diviene proprietario con un censo ch’egli paga al suo
padrone. A questo censo, molto acconcio a moltiplicare i coloni ed a
migliorare il suolo, bisognerebbe aggiungere la costruzione di vie
praticabili, in guisa da rendere agevole ed a buon patto la circolazione
delle derrate e soprattutto del grano, il cui trasporto vien compiuto a
schiena di mulo, e perciò con difficoltà, lentezza e spesa»²⁷².

 ²⁷² _De M[ayer]_, _op. cit._, lett. XII, pp. 168-69.

Su quest’altro punto i lamenti dei forestieri non hanno riserbo. Münter,
andando da Palermo ad Alcamo, rilevava, cosa notata dianzi, che la
strada buona non andava oltre Monreale. «Al di là non si trova quasi
vestigio di pubblica via carrozzabile, e quindi l’unione ed il traffico
tra le città siciliane sono straordinariamente impediti, ed in certi
punti, quando la neve cade in abbondanza, tagliati. Invece di strade,
oltre quel paese, non sono altro che sentieri, su dei quali appena due
cavalli possono andare tra loro vicini: e perchè l’intera contrada è
molto montuosa e di nude balze ripiena, così tali passi sono assai
ripidi, formando al tempo stesso delle tortuosità che allungano sino a
trenta miglia circa la strada da Palermo ad Alcamo, che in linea retta
non sarebbe più di diciotto»²⁷³.

 ²⁷³ _Münter_, _op. cit._, vers. di F. Peranni, ecc., v. I, p. 28.
     Palermo, 1823.

Chi sappia come il Münter viaggiasse tra noi nel 1785, penserà che, a
buoni conti, qualcosa di meglio possa essere stato più tardi. Ma non è
così. Sul finire del secolo, un altro economista palermitano non sapeva
acconciarsi al pensiero che una derrata prodotta in un distretto
dovesse, a cagione delle difficoltà e delle spese di trasporto,
consumarsi nel distretto medesimo; «donde l’abbondanza disgustosa, al
tempo stesso che un altro distretto n’era privo e che avrebbe pagata ad
un mediocre prezzo». Necessarie quindi le strade agevoli al trasporto
verso le città e i luoghi marittimi. Le spese sarebbero state minori
«non solo a riguardo di un minore tempo da impiegarvi, ma a risguardo
pure che ai cavalli ed alle mule da soma si sarebbero agevolmente potuto
sostituire delle carrette ben serrate, senza esporre i grani e le
derrate all’adulterazione, bagnamento ed altre solite frodi dei
vetturali»²⁷⁴.

 ²⁷⁴ _V. E. Sergio_, _Lettere sulla Polizia delle Pubbliche Strade di
     Sicilia_, pp. XV-XVI e XX. Palermo, MDCCLXXVII, Rapetti.

Un’altra osservazione, pur essa nuova, scaturisce dalla coltivazione
della terra, resa, per difetto di animali, insufficiente.

La zappa non basta: ci vuol l’aratro, e l’aratro ha bisogno di bovi. Ora
i bovi, quando i baroni tenevano per conto proprio i loro feudi,
producevano. Da un certo tempo una pessima pratica era venuta
consigliandone la macellazione. L’esiziale esempio partì da due illustri
signori palermitani. Le campagne rimasero prive o scarse di bestiame: e
quando la crisi non potè più nascondersi, fu coraggiosamente gridato
doversi rifare, anche obbligandosi i signori all’antica economia rustica
di coltivare per conto proprio i loro feudi; il bisogno di far maggesi,
di abilitare gl’inquilini, avrebbe riprodotto il bestiame grosso, ed i
baroni si sarebbero rimessi nell’avita ricchezza. Gran danno invece
l’abbandono della cultura dei propri feudi, la perdita dei capitali
dalla campagna estratti; onde la decadenza dell’agricoltura, la povertà
dei _bracciali_, uomini addetti alla cultura della terra! Tutto, nel
modo che vedremo nel seguente capitolo, fu speso e consumato: ed il
lavoratore, che si conduceva conformemente a ciò che vedeva praticare e
che aveva appreso dai suoi padri, rimaneva sempre nella ignoranza dei
migliori metodi di coltivazione²⁷⁵. La terra produceva solo quello di
che la forza della natura benefica era capace; terra sfruttata sempre,
limitatamente aiutata dalla mano dell’uomo più che l’opera di viete e
dannose pratiche.

 ²⁷⁵ _Giarrizzo_, _op. cit._, pp. 21-22, 24-28 e 30.

Pietro Lanza di Trabia ripeteva la decadenza dell’agricoltura in Sicilia
dalla povertà dei contadini, dalla falsa loro credenza che il lor
mestiere fosse il più vile, dalla condotta dei proprietarî che davano le
loro terre _in estaglio_, o in amministrazione, a persone che
scrupolosamente ripetevano quel che avevan visto fare ai loro nonni, dal
difetto di cognizioni agrarie, comuni fuori Sicilia²⁷⁶; proponeva quindi
un «Teatro agrario, o un Educandario», in cui potesse la gioventù
istruirsi nell’agricoltura²⁷⁷.

 ²⁷⁶ «Inceppato da ogni parte il commercio, oppressa l’agricoltura da
     fidecommessi e da vincoli feudali; le nostre pratiche agrarie
     irremovibili per inveterate usanze ereditarie; ignorati o non
     applicati i metodi novelli». F. P., _Elogio di Niccolò Palmeri_; in
     _Palmeri_, _Somma della Storia di Sicilia_, p. VII. Palermo, Meli,
     1850.

 ²⁷⁷ _P. Lanza, Principe di Trabia_, _Memoria sulla decadenza
     dell’Agricoltura nella Sicilia_. In Napoli, MDCCLXXXVI.

     Questo lavoro, di capitale importanza per gli studi agricoli,
     economici e sociali del tempo in cui fu scritto e per le larghe
     vedute dell’A., meriterebbe di esser degnamente conosciuto e
     pregiato.

Il concetto, non raccolto allora da nessuno, neanche dal Re, al quale
veniva manifestato, doveva più tardi con altezza d’intendimenti
patriottici esser tradotto in pratica dal Principe di Castelnuovo;
concetto ragionevole, giacchè molti dei proprietari di grandi territorî
non avevano essi stessi idea esatta, compiuta di quel che occorresse per
migliorare i campi senza perder di vista la classe minuta che vi sudava.

Quanti han vissuto la vita della seconda metà dell’ottocento e respirano
le prime aure del novecento credono coscienza nuova, e però affermazione
suggerita dalla evoluzione dei tempi, il diritto degli umili a vivere
per mezzo del lavoro, la considerazione per la loro triste
condizione²⁷⁸. Scendendo a particolari, essi guardano con singolare
interesse quelli tra gli umili che intristiscono nelle asprezze dei
campi.

 ²⁷⁸ Commiserava i poveri facchini del settecento Santacolomba, _op.
     cit._, p. 377; i _bracciali_, Giarrizzo, pp. 46-47.

Eppure dovrebbero ricordare, e con soddisfazione ricordiamo anche noi,
che prima assai di essi e di noi (che con premuroso affetto seguiamo le
sorti dei diseredati dalla fortuna), una eletta di scrittori siciliani
nel secolo XVIII, senza apparato teatrale, senza pubblicità di giornali,
ma con idee che potrebbero dirsi moderne e sono antiche quanto il
Vangelo, perorava la causa di questi grami lavoratori e ne metteva in
evidenza l’opera proficua. Noti sono agli studiosi Antonio Pepi e
l’Ayala, il Guerra ed il Gallo-Gagliardo ed il forte Sergio; ma costoro
non son soli, nè, forse tutti, i più energici per quanto autorevoli.
Altro uomo, illustre nella poesia, sentì la missione rigeneratrice pei
poveri campagnuoli assai più e meglio che qualsivoglia altro
contemporaneo. Alle più sane fra le dottrine sociali d’oggi egli
precorse con un contributo di osservazioni maturate nel silenzio delle
pareti domestiche e nel raccoglimento dello spirito stanco delle
brutture della società. Qualcuno saprà che Giovanni Meli, scendendo
alcune volte dalle sublimi sfere della fantasia studiasse l’amara realtà
dei bisogni del popolino; ma pochi sapranno che argomento di sue cure
speciali egli facesse le condizioni miserrime degli uomini addetti
all’agricoltura ed alla pastorizia²⁷⁹.

 ²⁷⁹ _G. Meli_, _Riflessioni sullo stato presente del Regno di Sicilia
     (1801) intorno all’agricoltura e alla pastorizia_. Autografo
     pubblicato per cura del Prof. G. Navanteri. Ragusa, 1896.

Ora tra le verità da lui formulate è questa: che la gente civile era
così affascinata dal guasto del tempo che non s’accorgeva di essere
ingiusta verso i suoi benefattori. Questi benefattori, diceva, sono i
bifolchi, sono i villani, che bagnano del loro sudore la terra per
trarne i più salutari alimenti, d’alcuni dei quali non è loro concesso
un boccone, perchè tutto devono vendere alla Capitale.

Nel poema _D. Chisciotte e Sancio Panza_ questa verità egli, temendo che
per la sua crudezza potesse destare l’indignazione dei maggiorenti, la
mise in bocca allo stravagante eroe, il quale così ragionava:

      Vui autri picurara e viddaneddi,
    Chi stati notti e jornu sutta un vàusu
    O zappannu, o guardannu picureddi,
    Cu l’anca nuda e cu lu pedi scàusu,
    Siti la basi di cità e casteddi,
    Siti lu tuttu, ma ’un n’aviti làusu;
    L’ingrata Società scorcia e maltratta
    Ddu pettu chi la nutri e unni addatta²⁸⁰.

 ²⁸⁰ _Meli_, _Riflessioni_ cit., p. 8. — _Poesie: D. Chisciotte_, c. II,
     st. 21.

Egli stesso, aprendosi intimamente ad amici che sapevano comprenderlo, e
rimpiangendo che la Sicilia non avesse arti, nè manifatture, nè
commerci, riaffermava: tutto doversi ripetere dalla terra, che forma la
base, e dal mare che circonda l’Isola disagiata²⁸¹.

 ²⁸¹ Lo stesso, _Carteggio inedito_, pubblicato da G. Boglino, p. 55.
     Palermo, 1881.

E poichè un certo risveglio a favore dell’agricoltura e quindi della
povera gente di campagna venivasi accennando e prometteva di
fortificarsi per impulso specialmente di pochi intelligenti signori che
vi pigliavan parte attiva, un amico del poeta, il Marchese Giarrizzo,
sosteneva: «La Società è in obbligo di prestare agl’individui che la
compongono i mezzi di sussistenza; questi non può procurarglieli, perchè
siano reali ed effettivi, che con l’agricoltura; ogni altro mezzo è
certamente precario»²⁸².

 ²⁸² _Giarrizzo_, _op. cit._, p. 16.

Non meno esiziale agli interessi agricoli della Sicilia deve ritenersi
la maniera ond’erano tenute le terre comunali. Il diritto di pascolare e
di legnare, indispensabile alla vita delle popolazioni rustiche,
anteriore a re ed a leggi, e da re e da leggi sempre riconosciuto,
impediva la coltivazione dei terreni; come la coltura che in alcuni si
faceva era sempre fittizia e poco o punto produttiva. I fondi del
comune, sentenziava il Gregorio, non son di nessuno; se non si usurpano,
si abbandonano o si trascurano, sì che divengono sterili e brulli. Le
terre poi a colture, perchè in mano a fittaioli, che le smungono a più
non posso, poco o punto ottenendone, ritraggono dai giurati che li danno
a fitto, ed i quali, perchè amministratori temporanei, non si
travagliano a promuoverne la maggiore e più permanente coltivazione. E
del resto l’amministratore d’oggi potrà domani esser fittaiolo!²⁸³.

 ²⁸³ _R. Gregorio_, _Opere scelte_, 3ª edizione, p. 773. Palermo,
     Pensante, 1853.

La impressione, pertanto, che lasciava la vista dell’interno e delle
coste dell’Isola era penosa: e non si riesce a comprendere, esclamava
maravigliato Hager, come mai la Sicilia possa essere stata, nei tempi
antichi, il granaio d’Italia!²⁸⁴.

 ²⁸⁴ _Hager_, _Gemälde_, p. 199.

Qui un pauroso fantasma si leva a turbare le rosee speranze
dell’affaticato contadino e, salendo per la scala agricola, del colono.
Fissiamolo un poco questo fantasma, e riconosceremo in esso l’idra
divoratrice della miserabile classe dei campagnuoli. Ci soccorre con una
breve nota descrittiva un apologista del Senato, il Teixejra.

«Il colono riceve il frutto della terra inaffiata co’ proprj sudori;
fatta la recollezione, un’indispensabile dovere l’obbliga ad esitarlo, e
ciò per soddisfare i diritti di terraggio, semente, cultura ed altri; e
non trovando così sollecito un compratore convien che ricorra ad un
trafficante usurajo, quale ceto di persone trovasi in ogni luogo: e da
questo riceve il prezzo, non a seconda della giustizia, ma regolato
dalla sola sete del guadagno. Ed ecco così, in pochissimo tempo,
arrivare il frumento di proprietà di un numero strabocchevole di coloni
al piccolo numero di trafficanti, o almeno de’ fittajuoli, i quali,
ingrossata la massa, con questi mezzi dispongono dell’acquisto da’
padroni assoluti, e non lo mettono in vendita se non a prezzi
strabocchevoli»²⁸⁵.

 ²⁸⁵ _P. Teixejra_, _op. ined. cit._, t. I, § 243.

Che fremito di vita attuale in questa pagina, scritta più che un secolo
addietro! _Sunt lacrymae rerum!_

Ben è vero che il Monte Frumentario si contrapponeva a tanto danno di
uomini e di tempi; ma dal dì che venne istituito, esso non rispose mai
adeguatamente a’ bisogni di chi vi ricorse. Gli interessi del 4% agli
appaltatori del Senato, del 5 ai proprietarî di grani introdotti nel
caricatore della città, del 6 a tutti i padroni esteri nei principali
caricatori del Regno, consumavano il capitale. Questo, già scarso, era
messo a pericolo dalle esigenze di chi offriva le sue derrate al Monte
rifiutandole a mercatanti avidi e disonesti: onde lo istituto venne a
fallire e, presso al fallimento, impose agli esausti cittadini sacrificî
superiori alle proprie forze, che li mettevano nell’alternativa o di
rifiutarsi ribellandosi o di sobbarcarsi impoverendosi.

E tornando là donde siamo partiti, cioè ai baroni, che, per non averne i
disagi, abbandonavano le loro vaste tenute, vediamoli un poco nella
Capitale.

La città offriva tutte le attrattive del tempo e della moda, circoli,
compagnie, feste, giuochi, passatempi, ai quali non era facile
rinunziare, anche perchè a molti gli espedienti per ben vivere stando
alle sicure entrate annuali non mancavano. Col fidecommesso i beni erano
accentrati; i secondi, i terzi geniti avean modo di limitare i loro
bisogni e certe esigenze fomentate dal fasto di famiglia. Il chiostro
poi non c’era per nulla.



                            _Capitolo XIV._


                       _NOBILTÀ E GARA DI FASTO._

La conquista normanna diede origine ad una monarchia a base di feudalità
e di privilegi, forza e vitalità di essa. Il feudo fu il substrato
dell’edificio che dovea sorgere e sorse. Crebbero i feudatarî e i
privilegiati, che costituirono una classe a sè con preminenze e diritti
non comuni. Crebbero per la natura delle primitive concessioni, e si
mantennero pel Diritto siculo, che il passaggio del titolo feudale
consente in linea retta, senza distinzione di sesso, fino all’ultimo e
più lontano gettone della famiglia e, in linea collaterale, sino al 6º
grado; e chi n’era investito, poteva alla sua volta, in virtù del famoso
_quos volueris_, se di tanto avea facoltà, concederlo, trasmetterlo a
capriccio.

Nel giorno della sua incoronazione (2 febbr. 1286) Re Giacomo creò ben
400 militi; 300 e più ne creò dieci anni dopo, per la sua, Federico II
l’Aragonese, innalzando a dignità di Conti un buon numero di Baroni²⁸⁶.

 ²⁸⁶ _J. B. Caruso_, _Bibliotheca historica Regni Siciliae_, t. I, p.
     144; t. II, p. 220. Panhormi, 1723. — _R. Gregorio_,
     _Considerazioni alla Storia di Sicilia_ ecc., lib. IV, cap. VI, n.
     125.

Così nata l’alta classe, a poco a poco, col progredire dei secoli, col
succedersi degli avvenimenti, con gli incessanti bisogni dei sovrani,
diventava una legione con diritti e preminenze tutte proprie.

L’indirizzo impresso da Carlo III al Governo dell’Isola mirò anche a
ritornare ad usi gli abusi dei feudatarî, e gli usi a ricondurre nei
limiti compatibili coi tempi, assimilando alla feudalità di Napoli la
feudalità di Sicilia. E certo, se a questo non riuscì, a quello
accostossi con riforme sapienti, perchè non sempre fruttuose, vuoi per
incertezze del suo successore, vuoi per malferma volontà de’ ministri e
vuoi per difficoltà di ordinamenti interni, non del tutto coerenti.

La fine del secolo XVIII offre la seguente statistica nobiliare: 142
Principi, 95 Duchi, 788 Marchesi, 59 Conti, e 1274 Baroni tra feudali e
di franco allodio²⁸⁷. Costoro erano tutti in legittimo possesso dei loro
titoli; però, oltre di essi, era un numero sterminato di persone con
titoli abusivi, non suffragati neanche da parvenze di successioni e di
antichità, di regolarità di concessione originaria o di legale
passaggio; onde quel severo dispaccio, comunicato al Senato palermitano,
col quale Ferdinando dichiarava per modo di regola (1799) che il
conceder titoli od altra distinzione d’onore fosse unicamente e
personalmente riservato alla sua Autorità²⁸⁸.

 ²⁸⁷ _Protonotaro del Regno: Indici d’Investiture_ voll. 1881-1883. Nel
     R. Archivio di Stato di Palermo.

 ²⁸⁸ _Provviste del Senato_, a. 1798-99, p. 733.

Come in Palermo, così a Messina, in Catania, in Siracusa, questi
titolati abitavano palazzi da gran signori; ma la loro signoria era
esercitata nell’interno dell’Isola. Nella Capitale, tutte le forme
esteriori di grandezza in equipaggi, livree, ricevimenti; lì gli avanzi
del baronaggio e degli usi feudali nel pieno loro vigore.

Nei dialoghi del giornale _Conversazione istruttiva_ del 1792, un
filosofo, pregato da un cavaliere che gli trovi un maestro pei suoi
figli, risponde che essi non istudieranno gran fatto. E che vorranno
essi fare se, usciti di collegio o liberi della custodia dell’aio, senza
la guida dei genitori, si troveranno slanciati nel gran mondo, vittime
della loro o inesperienza o tendenza malsana, tra teatri e banchi da
giuoco, tra sensali di cavalli e venditori di stoffe?²⁸⁹.

 ²⁸⁹ N. 2, Sabbato, 14 Genn. 1792.

Dai difetti biasimati da questo troppo catoniano filosofo defalchiamo il
molto che deve attribuirsi alla umana natura; siamo anche indulgenti
ripetendo dall’ambiente certe abitudini inveterate; questo è certo: che
rimane sempre molto di deplorevole.

La gara del lusso impelagava in ispese che non trovavan compenso nelle
entrate ordinarie e sicure. A molti patrimonî si dava fondo senza
smettersi dallo spensierato ed improvvido sperpero, che a fatale rovina
avea condotto famiglie per censo rinomate. Il regio Archivio di Stato in
Palermo pullula di processi giudiziarî, che accusano vecchi spenderecci
e giovani dissipatori, dal primo all’ultimo orgogliosi di un nome
onorato che non seppero illustrare, e di un casato alla cui corona non
curarono di aggiungere il verde d’una fogliolina. Accanto a patrizî
venerandi e benemeriti, che la gloria più bella riponevano nel ben fare
per la patria pel lustro edilizio, pel sollievo dei miseri, per le
istituzioni di carità, erano scioperati, che a nulla di grande, a nulla
di veramente utile volgevano l’animo. Rivaleggiando in occupazioni
lontane dalla virtù, la nobiltà radiosa delle opere impiccinivano in
manifestazioni, più che di volontà ferma, di velleità, senza un atto
energico che rivelasse la coscienza sicura del movimento estero, inteso
a trasformar tutto, mentre la inerzia locale tutto lasciava come
cristallizzato.

Un patrizio dei più buoni d’allora, che del patriziato scrisse con
dottrina di blasonista e con sincero entusiasmo e piena coscienza di
celebrare una degna istituzione, il Villabianca, ebbe sempre parole
roventi all’indirizzo dei malversatori delle proprie sostanze, e fremeva
perchè molti del suo ceto non fecondassero gli esempî degli avi, e
perchè nella pratica del bene restassero dietro a quelli del ceto medio,
i quali egli dichiarava inferiori.

Sotto la data del 30 agosto 1793, prendendo nota dell’arresto di un
allegro consuntore, faceva di costui uno dei tanti «seguaci della moda
libertina lussuriosa», ed usciva in parole molto ma molto gravi.
Inaugurandosi poi, in sostituzione dell’altra del 1676, la fontana della
Piazza del Carmine alla Albergaria, e sostenendone le spese il
Presidente di Giustizia altrove citato, G. B. Asmundo Paternò, non
nobile di nascita ma nobile di azioni, il Marchese Villabianca riteneva
vergognoso che non si emulasse la gloria di servire il paese in opere
pubbliche, e che i magnati del sangue si lasciassero superare dai
ministri di Legge. «Lo fa, diceva, il _paglietta_, perchè è virtuoso, e
si nega il magnate, perchè è vizioso. A lui il vizio fura le ricchezze e
lo fa vivere povero»²⁹⁰.

 ²⁹⁰ _Villabianca_, _Diario_ ined., a. 1793, pp. 190-91; a. 1796, p.
     387.

Quasi contemporaneamente l’ab. de Saint-Non trovava «gran quantità di
case nobili, ricche, fastose, belle donne e.... costumi da Sibariti»²⁹¹.

 ²⁹¹ _De Saint-Non_, _op. cit._, t. IV, part. I, p. 138.

Questo, meno il poco detto dal de Mayer, è facile trovare nelle
scritture del tempo; quello però che si legge a stampa, desta un gran
senso di meraviglia.

Autori paesani e forestieri, ricercando la causa dell’ozio in Palermo,
la trovavano là dove realmente era: nel pregiudizio che un signore che
si rispettasse non dovesse in verun modo occuparsi di ciò che costituiva
occupazione ordinaria degli altri. Il ceto basso tribolava nelle fatiche
corporali; il medio sgobbava; ma il nobile non davasi punto da fare: non
sapendo sobbarcarsi alla modesta vita dell’impiegato, del mercante,
dell’architetto. Qualche eccezione era pel Foro; ma rara e da segnarsi a
dito. Due sole vie perciò rimaneva a battere: quella della milizia e
l’altra della Chiesa: e per esse si mettevano coloro che avevano la
sventura di esser nati dopo il primogenito, il quale, pel fidecommesso,
era il legittimo rappresentante della casa.

Questi cadetti pertanto entravano nei corpi distinti della milizia, dove
per lento corso potevan giungere a qualche grado. La disciplina militare
non era ostacolo alle inclinazioni succhiate col latte, mantenute dai
costumi delle famiglie, determinate dalla vista di persone e di cose,
che erano tentazioni continue²⁹². Altri preferivano la vita
ecclesiastica secolare e più frequentemente regolare. Per quanto si
cercasse, non si trovavano conventi che loro convenissero. Nei conventi
si raccoglievano _soggetti_ di assai modesta condizione; raramente della
media; rarissimamente, quasi mai, della superiore. Una volta, quando i
Gesuiti erano nel loro splendore, sì che in Palermo contavano fino a sei
_case_, non mancava tra essi l’elemento aristocratico: eletti ingegni,
che gli accorti e severi Padri sapevano attirare alla Compagnia; ma dal
1767 i Gesuiti ramingavano fuori del Regno in attesa di tempi migliori.
Non restavano se non le case dei Teatini, dei preti di S. Filippo Neri,
ed i monasteri dei Benedettini. E qui eran ricevuti come a casa loro;
giacchè tra i Teatini ed i Filippini si ostentava meno la grandezza dei
natali e si curava più la educazione della gioventù: occupazione alla
quale essi attendevano come per missione civile e religiosa; e tra i
Benedettini, nella finezza della cocolla, nella sontuosità
dell’abitazione, nella lautezza delle mense, nella copia dei mezzi di
cultura, da pochi, per altro, messi a profitto, aveasi modo di sfoggiare
la superiorità d’origine.

 ²⁹² «I majorascati e certe.... maniere adottate nelle famiglie nobili
     lor fan credere di conoscere il proprio casato, permettendo a’ loro
     secondogeniti darsi alla mercatura o ad altre utili professioni o
     mestieri che potrebbero levarli dalla miseria. Quando un ragazzo ha
     l’età di 10 a. e la femina molto minore, si racchiudono in un
     monistero, ove, privi d’idee del mondo e del proprio essere,
     ricevono una validissima impressione quelle che con tutta forza se
     gl’imprimono da coloro che, pentiti dello stato, al quale anch’essi
     furono sedotti, credono rivendicare la propria offesa
     moltiplicandone il numero». _Guerra_, _Stato presente della città
     di Messina_, pp. 48-49. Napoli, 1781.

I monasteri di S. Martino delle Scale e di Monreale avevano il loro
fratello maggiore in quello di S. Nicolò l’Arena in Catania. Le
ricchezze sconfinate, provenienti da 72 feudi pel solo monastero di
Monreale, potevano bene sopperire ai bisogni del gran numero di monaci,
che vi conducevano vita di agi campestri, alternata con quella non meno
agiata, ma più variata e mondana, di città. Qui altro monastero, quello
di S. Spirito, nel quartiere del Capo (attuale Caserma dei Pompieri
municipali), era la _Gangia_ di S. Martino, tutta a loro disposizione
quando l’aria dei monti non facesse per loro. Quei due monasteri eran
sempre aperti a chi vi giungesse, ed ai refettorî di essi poteva,
secondo il grado di civiltà, sedere chiunque, come alla sua foresteria
quanti cercassero ospitalità temporanea, rimasta fino a noi
tradizionalmente bella.

D’altro lato, alcuni dei primogeniti (non tutti, s’intende, giacchè
c’erano anche qui eccezioni lodevolissime, che chiamavano la generale
ammirazione su loro), schivi d’occupazioni fruttuose, sovente
anneghittivano nell’ozio, e per conseguenza nei disagi della vita²⁹³. O
non inchinevoli, o non adatti al maneggio degli affari, preferivano il
dolce far nulla, come se la proposta di Galt di una Costituzione non li
riguardasse punto, o come se sogno da menti inferme fosse la previsione
che le loro fortune si sarebbero senz’altro aumentate quando per poco
avessero voluto attendere al commercio ed alla mercatura²⁹⁴.

 ²⁹³ _Houel_, _op. cit._, t. I, p. 71.

 ²⁹⁴ _Galt_, _op. cit._, p. 38.

Vedremo nei seguenti capitoli le ragioni che per molti di essi era causa
di rovina; nel presente non saranno inopportuni pochi cenni, che
particolarmente illustrano quella vita o, come oggi si direbbe,
quell’ambiente.

Fu detto che essendo la principale Nobiltà della isola raccolta in
Palermo, il lusso degli equipaggi fosse eccessivo: e che essendo scarso
il numero dei forestieri, e tutte conoscendosi tra loro le persone del
paese, questo lusso non fosse giustificato neanche da occasioni
frequenti di mostrarsi in gala, di abbandonarsi a spese di whisky, di
carrozze, di cavalli e di altri rovinosi passatempi²⁹⁵.

 ²⁹⁵ _De M[ayer]_, _op. cit._, lett. XV, p. 143.

L’osservazione non poteva essere più giusta, ma peggio seguita. Il lusso
c’era; e sempre e quando occasioni nuove od eccezionali sorgevano,
diventava più che pericoloso, specialmente se pei ricevimenti di persone
straniere d’alta levatura si destasse una gara tra i riceventi. Questa
gara giungeva anche al parossismo, e più si avviava alla sua fine e più
accaloravasi in manifestazioni di opulenza che talora degeneravano in
fittizie manifestazioni, ahi quanto laboriose! di ricchezza.

Il lettore ci segua un momento.

Pel primo parto di Maria Carolina (1772), il Vicerè Fogliani, nella
villa Zati a Mezzo Monreale, invitava la Nobiltà ad un ballo, il popolo
ad una cuccagna, tutti ad una fantastica illuminazione. I diaristi del
tempo si diffondono nei particolari di quella festa, e ci fanno sapere
che in limonate granite, sorbetti, pasticci, vini, rosolî e non so che
altro, furono spese ben 700 onze. Poco dopo, il Pretore non volle esser
da meno del Vicerè; ma la cassa del Comune era esausta, e non c’era dove
metter le mani. Che importa! La festa dovea tenersi, e si tenne: ed il
Palazzo Pretorio venne invaso da duemila persone in maschera, servite di
rinfreschi, ghiacci, torte grasse, vini d’ogni sorta, ed alle ore otto
della notte seguì una ben lauta cena, in ventitrè mense, protratta fino
a giorno pieno. Quel giorno medesimo lo inasprimento della meta di
alcuni commestibili²⁹⁶ offriva ai malcontenti ragione di biasimo per la
inconsulta spesa.

 ²⁹⁶ _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XX, p. 76.

Ma v’era un’altra Autorità, che non poteva starsene inoperosa. Il
Capitan Giustiziere, Principe di Partanna, invitava al suo palazzo del
Piano della Marina quanto di eletto offrisse la città. Da lì assistevasi
al giuoco dei tori sulla sottostante piazza: e tra gli ori e gli
argenti, tra i luccicanti cristalli ed i ricchi doppieri, tra le superbe
tappezzerie e le sfavillanti lumiere, altre duemila persone danzavano,
giocavano, mangiavano, servite da ventisei paggi, diretti da non so
quanti maestri di casa, con soldati svizzeri e alabardieri del Principe.
A conti fatti, il Principe Girolamo Grifeo metteva fuori presso a 650
onze!

La morbosa emulazione non si arrestava a spese per nessun verso
giustificabili. Il 15 dicembre del 1777 giungeva al Molo di Palermo il
primogenito del Vicerè Marcantonio Colonna, Principe di Stigliano, con
la novella sposa, Cecilia Ruffo, secondogenita del Duca della Bagnara;
ed il padre bandiva, in onore degli sposi, tre ricevimenti della Nobiltà
Palermitana nei prossimi giorni 20, 21 e 22; e tre feste da ballo nei dì
27 e 30, e 1º gennaio del nuovo anno. Alla vanità del parere ed alla
spensieratezza dello spendere non poteva offrirsi stimolo migliore. Ed
allora, che restava a fare all’Autorità cittadina, se non indire una
festa nel pubblico Palazzo ed invitarvi gli sposi? E questo fece il
Pretore, il quale, conoscendo le strettezze dell’erario, da quel
patrizio disinteressato che era volle stavolta spender di suo.

Qui avrebbe dovuto finir tutto e lasciarsi in pace gli sposi; ma
nossignore! Una seconda serata bandisce il Principe G. L. Moncada di
Paternò. E vada anche questa! Tanto il Principe era Capitan Giustiziere,
e non poteva sottrarsi ai doveri della carica; altronde non per nulla si
è altolocati; e non per nulla si hanno palazzi e quattrini. E comincia
una gara tra’ signori per solennizzare il fausto evento di giovani che
nessuno di essi conosce e che ne hanno avuto già troppo con i tre
ricevimenti, le tre feste da ballo al Palazzo vicereale, e le due altre
del Pretore e del Capitan Giustiziere. Il Principe di Partanna, che nel
far onore ad ospiti vuol essere sempre primo, dà il segnale con una
festa alla sua casa. Segue il Principe di Giarratana, Troiano Settimo;
indi Antonio Statella, Marchese di Spaccaforno. Essendo stati pochi i
convitati, se ne mormora come di mancanza di riguardo. Tommaso Celestre,
non come Principe, ma come Marchese di S. Croce, vuol farsi apprezzare,
e dirama larghi inviti; e perchè è uno degli ordinatori del prossimo
costoso Carnevale, compie prodigi di magnificenza; imitato, non
superato, dal Duca di Cefalà Niccolò Diana, vecchia conoscenza dei
nostri lettori, e dal Principe e Duca d’Angiò Giovanni Gioeni.

La storia non è finita: a brevi intervalli, altre feste vengono date da
Placido Notarbartolo Duca di Villarosa, da Giovanni Oneto Duca di
Sperlinga nella sua villa suburbana di Malaspina, e da Antonio Lucchesi
Palli Principe di Campofranco, Capitano della real Guardia degli
alabardieri, dentro il Palazzo del Vicerè.

E la gara continua, continua ancora nel palazzo del Conte d’Isnello
Domenico Termine, nel Cassaro con altra festa, cominciata col passeggio
delle carrozze di maschere e finita con balli mascherati; e si chiude
nel piano dei Bologni, dentro il palazzo Villafranca ove dell’unico
principato del Sacro Romano Impero in Sicilia meritamente si onora la
famiglia Alliata.

Cuccagna come questa non s’era mai vista da mezzo secolo in Palermo: e
chi se la godette, ne rimase entusiasta; «imperocchè furon feste
veramente superbe e degne di esser date anche alla persona del re
medesimo.» Alcune, quelle, p. e., di Angiò e Spaccaforno, costarono le
solite seicento onze, col magro compenso d’una visita di ringraziamento
del Vicerè²⁹⁷.

 ²⁹⁷ _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XXVI, pp. 115-16 138-44.

Ci si consenta, mentre ci siamo, un ricordo o qualcosa di simile, di
data posteriore nei primi del sec. XIX.

Un bravo siciliano, che aveva molto viaggiato e molto veduto, parlando
d’una festa organata in Palermo dal Principe della Cattolica, non
trovava termini per dare un’idea anche lontana del gusto, della grazia e
della fantasia ond’essa era stata ordinata ed eseguita.

«Immensi saloni, dalle pareti coperte di specchi dall’alto in basso,
erano mascherati da alberi, testè divelti dalla terra, e tutti pieni di
frutte. Gli spazî tra il fogliame e gli specchi facevano credere ad un
altro mondo che passasse dall’altro lato della strada: la illusione era
completa. Si facevano balli inglesi sotto viali di pergolati, dai quali
pendevano grappoli d’uva matura e squisita; contraddanze francesi in
quadrati d’alberi, e tutt’intorno ad una ricca vasca, donde zampillava
un bel getto d’acqua che faceva dei giuochi. In fondo, nell’ultimo
salone, vedevasi una graziosissima collina, anch’essa imboschita, e nel
mezzo un sentiero, conducente alla sommità, a’ cui due lati erano in
gran copia _bombons_ e _gâteaux_ d’ogni genere. Nessun domestico si
vedeva dai convitati; ma, a piè del colle, trenta o quaranta chiavette,
con indicazioni delle singole bibite e d’ogni rinfresco desiderabile,
come poncio caldo, poncio freddo, crema, caffè, thè, bordò; e, sotto, i
bicchieri, che, presi, si sostituivano con un turacciolo. La musica era
sentita bene; ma come non si vedevano domestici, così non si scoprivano
musicanti, celati dentro grotte coperte di fogliame. Solo all’ora della
cena si potè sapere che v’eran servitori.

«E se non è questa una _féerie_, esclamava il Palmieri, io non so che
cosa meriti questo nome!»²⁹⁸.

 ²⁹⁸ _Palmieri de Micciché_, _Pensées et Souvenirs_, t. I, c. XI, Paris.

Ecco le condizioni della società che ci occupa! L’alta posizione sociale
consigliava sacrificî, che le condizioni personali forse non
consentivano. Per una malintesa dignità, l’esempio diveniva contagioso:
se non s’avea, erasi costretti a mostrar d’avere; se non si era,
dovevasi fare ogni studio per comparir doviziosi.

Quest’esempio induceva un certo Gentile a tenere, sotto il Vicerè
Fogliani, una clamorosa festa, molto lodata e molto biasimata. «Se le
fanno i nobili le feste, avrà egli pensato, perchè non possono farle i
civili?» Il figlio di lui, avv. Matteo, altra ne tenne superiore alla
prima; e Diego Orlando, uno dei più famosi avvocati, ne traeva stimolo a
bandirne alla sua volta una (26 gennaio 1798), che quella e questa
superasse: e larghi inviti a stampa alle principali dame della città
mandava la Principessa di Belvedere Caterina Del Bosco, e più larghi
ancora a signori e civili l’Orlando medesimo, che, a titolo di lode per
lui, non pur profondeva dolciumi e rinfreschi, ma anche deliziava
gl’intervenuti col canto delle virtuose del teatro S. Cecilia²⁹⁹.

 ²⁹⁹ _Villabianca_, _Diario_ ined., a. 1798, pp. 71-73.

Più tardi, quando S. A. Leopoldo di Borbone soscriveva per 100 copie
alla nuova edizione delle _Poesie_ del Meli, a due onze e tarì l’una, e
ne pagava anticipatamente il prezzo, un Presidente Marchese faceva
altrettanto, perchè nessuno potesse pensare che un dignitario come lui
facesse da meno di un Principe reale. Se poi il soscrittore
neo-Marchese, amico ed emulo di Ferdinando III nella caccia, non fece
onore alla sua firma, ed al momento della consegna dei libri negò al
Poeta le dugentottanta onze, il pubblico seppe almeno che egli stette
alla pari del Principe Leopoldo. E se un’arguta affabulazione
sull’incidente venne in testa al Meli³⁰⁰, tanto meglio pel Presidente
che ne fu l’oggetto! È sempre qualche cosa _ex magnis inimicitiis
excellere_.

 ³⁰⁰ _G. Pipitone_, _Giovanni Meli: I tempi, la vita, le opere_, p. 105.
     Palermo, Sandron, 1898.

La distinzione fra i ceti aveva linee così nette, che una confusione non
poteva assolutamente nascere e, nata, prolungarsi. Poteva bensì dolersi
Em. Perollo che le cariche principali del comune venissero impartite
solo ai nobili. L’Autorità, alla quale egli rivolgevasi chiedendo la
partecipazione dei semplici cittadini a quelle cariche, nol degnava
neanche di risposta!³⁰¹.

 ³⁰¹ _Provviste del Senato_, a. 1779-80, p. 462.

Aveva un bel dire il Santacolomba che gli uomini son tutti uguali, «e
manderebbe lo stesso odore d’arrosto messa sul fuoco la carne d’un alto
o di un basso personaggio». Egli stesso, nelle cui vene circolava sangue
non volgare, doveva poi convenire che «la civil polizia ha i suoi
scalini gerarchici: non tutti sovra tutti posano i piedi: chi si trova
più in alto, chi sta più basso. Il magnate, il nobile, il graduato esige
certe marche di rispetto dal semplice e dal civile; è dovere che gli si
paghino: volergli camminare a fianco è un’ingiuria»³⁰².

 ³⁰² _C. Santacolomba_, _op. cit._, p. 377.

Un giorno il Villabianca, andando in carrozza pel Cassaro in compagnia
del Principe di Paternò, era salutato forse con maggiore riguardo del
solito, ed egli ne traeva ragione di letizia, perchè ci vedeva gli
effetti dell’onore altissimo³⁰³.

 ³⁰³ _Diario_ ined., a. 1796, p. 472.

Ma il colmo di questo innato principio, fecondato e mantenuto dalla
educazione, avversa a tutto ciò che potesse fin lontanamente intorbidire
la purezza del ceto, è un aneddoto, che brevemente narreremo.

Festeggiavasi con un gran ballo il già detto parto della Regina
Carolina: ed «uno de’ figli del fu Razionale del Patrimonio, Scicli,
perchè ebbe lo spirito di frammischiarsi in questa serata co’ nobili,
avendo giuocato a tavolino di dame, ne fu messo fuori sul tardi dal
commissariato della celebrazione della festa, come persona affatto
ignobile ed incapace di unirsi colla Nobiltà. E questo fu fatto ad
istanza di quelle stesse dame che un’ora prima seco lui avean giuocato.
_Non licet omnibus adire Corinthum_. Pover’uomo! Egli spacciò tosto per
sua giustificazione essere originata la sua famiglia da avi nobili; ma
questa affatto non gli fu fatta buona»³⁰⁴.

 ³⁰⁴ _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XXVI, p. 346. Pel seguente
     aneddoto vedi anche v. XX, pp. 62-63.

Questo aneddoto e questa osservazione può destare impressione oggi; ma
non poteva destarne allora, che i distacchi tra le classi erano nella
coscienza di tutti. Diremo, in proposito, cosa che darà ancora meglio la
prova dell’abisso che separava non solo i ceti tra loro, ma anche i
gradi d’un medesimo ceto.

Il 17 ottobre del 1779 il primogenito del Barone Ignazio Capozzo, un
bravo giovane a 22 anni, sposava la figlia del già morto Principe di
Torrebruna, Girolamo Landolina. I parenti tutti della fanciulla,
scandalizzati, si misero a gridare contro lo sposo, che avea osato levar
gli occhi verso la figliuola di sì gran signore; il contrasto tra lui e
lei essere stridente. Le grida si tradussero in ricorso legale al
Governo, non solo di Sicilia, ma anche di Napoli, e si chiese
l’annullamento del matrimonio. L’annullamento, a dir vero, parve troppo
al Governo; ma una punizione allo sposo, indispensabile; onde il Capozzo
con dispaccio sovrano venne carcerato, proprio carcerato! a
Castellammare, e poi relegato in non so quale riposta prigione del
Regno. E quando rientrò libero a casa sua, dovette benedire alla toga
del Tribunale del Concistoro vestita dal padre suo, ed alle parentele
nobili, state contratte dai suoi antenati.

Un giorno, senza che nessuno se lo aspettasse, il regio Convitto
Carolino pei nobili giovanetti fu soppresso. Che è che non è? si volle
romperla con la intrusione di qualche ragazzo «di recente nobiltà».
Bisognava rimediare allo sconcio: e vi si rimediò con la istituzione di
un nuovo Convitto, il _S. Ferdinando_, nel quale furono ammessi alunni
con cent’anni di nobiltà, almeno.

Seguiamo ora un po’ davvicino la vita giornaliera, particolarmente da
salotto, dell’alta classe.

Eccoli, costoro:

    Quant’aprinu la vucca,

ed hanno

    Carrozzi e vulantini,
    Gran tavuli e fistini,
    Tutti (_ogni_) commodità³⁰⁵.

 ³⁰⁵ _Meli_, _Poesie_, p. 89.

Paggi, lacchè e servitori popolano le loro anticamere. Per poco che una
della famiglia, il signore soprattutto, la dama, il primogenito, si
muova da una stanza all’altra, si agitano in inchini profondi e in
attitudini rispettosissime. Fuori, cursori a piedi e _volanti_
accompagnano correndo le carrozze e disimpegnano altri urgenti servizî.
Ad essi vogliono, nella rapidità del fare, contrapporsi i servitori; ne
nascon gare a chi faccia più presto; e, questi in livrea, quelli nel
leggiero vestito ordinario, si rincorrono fuori le mura per vincere un
premio di agilità: prove pericolose, che il Governo è costretto a
vietare per impedire danni alla parte offesa e perdite a chi su di esse
scommetta³⁰⁶.

 ³⁰⁶ Il dì 28 Giugno 1788 il Vicerè Principe di Caramanico, «informato
     delle perniziose gare che si eccitano tra’ servidori di livrea e
     volanti, i quali si sfidano a correre furiosamente per lunghi
     tratti di vie fuori la città, colla lusinghiera speranza di
     riportare chi primo giunga alla meta designata un qualche
     guiderdone e una vera acclamazione del volgo; ed informato pure
     delle scommesse che si fanno vicendevolmente in favore di
     ciascheduno dei sfidanti, le proibisce e le vuol proibite». Stampa
     del tempo.

Stringevasi al Bartels l’animo per l’affanno di codesti infelici nel
trottare al trotto dei cavalli mentre il padrone distrattamente godeva
in cocchi, livree, cavalli, specie quando egli fosse un villan rifatto,
che sfarzava con uomini da lui condotti dalla terra, della quale erano
utili braccia, come della famiglia indispensabile aiuto³⁰⁷.

 ³⁰⁷ _Bartels_, _op. cit._, v. III, p. 602.

E volanti, lacchè, staffieri precedono, fiancheggiano e seguono i
signori che vanno a piedi o in vettura, di giorno o di notte, con torce
a vento se in vettura o in portantina, con ceri accesi se a piedi.

Codesto corteggio non era solo per comodità nelle vie buie o scarsamente
illuminate, ma anche per distinzione. L’arguto Brydone, che in Palermo
ebbe cortesie infinite di nobili amici, ricordava sorridendo
l’inalterabile loro costume di andare in carrozza; solo una volta potè
persuaderli a fare diversamente. Per condiscendenza essi scesero con lui
a piedi pel Cassaro, ma non prima che innanzi a loro andassero i
servitori con grosse torce di cera accese. Eppure il Cassaro era, per le
feste di S. Rosalia, illuminato a giorno!³⁰⁸.

 ³⁰⁸ _Brydone_, _op. cit._, lett. XXXIV.

Di siffatto uso rimane viva la memoria nel motto popolare dialogato: —
_Appressu!... — Lu stafferi cu la torcia._

Talora uno di codesti servitori o staffieri teneva dietro al padrone
portandogli il nicchio³⁰⁹.

 ³⁰⁹ _D. Pippo Romeo_, _Cicalate_, p. 350.

A qualche vecchio signore abbiamo più volte chiesto dei servitori di
casa sua o d’altrui: e le risposte ci son parse sempre esagerate.
Lasciamole dunque queste notizie orali, ed atteniamoci alle scritte. Un
figlio di famiglia, un cadetto di casa Palmieri di Miccichè, ce ne fa
sapere qualcuna; la nostra opinione, peraltro, è formata sulle carte
tuttora esistenti, di spese. Il Palmieri scrive così:

«Dei domestici straordinario era il numero nelle case signorili, anche
più modeste. E bisogna vedere con che etichetta si regolassero. Il
cocchiere si sarebbe guardato bene dal salir sopra per servire a
colezione o in una serata; il domestico da livrea non si sarebbe mai
acconciato a cingere un fardello: questo avrebbe fatto soltanto il
mezza-livrea; e non è esagerazione se si porti il numero di tutta
codesta gente a ventidue, ventiquattro persone tra maestro di casa,
camerieri, domestici propriamente detti, cuochi, cocchieri, e via
discorrendo»³¹⁰. V’eran case che tenevano fino a sei lacchè con livree,
alcune delle quali, per voler apparire ricche, riuscivano stravaganti.
Certe dame non avrebbero saputo uscire per le strade senza un duplice
appoggio ad entrambi i lati, quasi si svenissero ad ogni passo.

 ³¹⁰ _Palmieri de Miccichè_, _op. cit._, t. I, c. XXXVI.

«Superbi gli equipaggi; cavalli di razza spagnuola, vigorosi corridori,
per le gite ordinarie; cavalli danesi, romani, napoletani, per le grandi
occasioni, che non mancavano mai. Eguale il lusso delle abitazioni. Si
sarebbe creduto di non averne una bastevole, se questa fosse stata meno
di cinque, sei stanze; dieci, dodici, quindici di fila componevano
l’appartamento del signore: cosa, a dir vero, perdonabile in Sicilia,
dove le adunate sono numerosissime, ed un quartiere piccolo non potrebbe
accogliere tutti coloro che la convenienza vuole invitati. E frattanto,
non v’è nulla di più strano che per un piccolo desinare di società e in
famiglia si debba attraversare un filare di stanze e di gallerie per
trovar poi in un gabinetto il signore o la signora con quattro o cinque
commensali. Si resta sorpresi vedendo queste stanze mobigliate in
damasco, tappezzerie ecc., sedie di cuoio o di paglia.... Il tono di
magnificenza sul quale tutto è montato, impedisce alla Nobiltà di
abbandonarsi al suo naturale gusto ospitale e socievole invitando i
forestieri. Si sentirebbe vergogna di offrire una zuppa come vien viene,
perchè non si vuol comparire altrimenti che in tutto il proprio
splendore. Difatti, quando un desinare od una festa si dà, non si
risparmia nulla. Pare che tutto si voglia buttar giù dalle finestre; ed
io metto pegno se si trovi un paese dove le cose si facciano con
magnificenza, gusto, e vorrei anche dire con raffinatezza voluttuosa più
che a Palermo»³¹¹.

 ³¹¹ _De Borch_, _op. cit._, t. II, pp. 78-80.

Pittura così viva potrebbe parere esagerata in chi l’ha fatta, il conte
de Borch; ma la esagerazione, caso mai, sarebbe stata in altri
visitatori della città. Tutti, infatti, descrivevano la magnificenza dei
palazzi; tutti guardavano attoniti camere spaziose ed alte, in lunga
fila, con arazzi di gran costo: ostentazione di splendore principesco;
tutti, il nugolo di creati: etichette ambulanti di agiatezza; e le
superbe livree cariche d’oro: affermazione perenne di grandezza
nobiliare, e le carrozze pesanti dell’antica forma, e l’esercito di
battistrada, avviso di signoria magnatizia. E non è sfuggito neanche
questo: che, dopo morto, lì alle catacombe dei Cappuccini, qualche
signore, avvolto nel comun sacco nero, con le mani irrigidite dalla
inesorabile Morte, ti presentava un cartellino per dirti: _Io sono il
Principe A._ — _Io sono il Marchese B._ — _Io sono il Conte C._³¹².

 ³¹² _Bartels_, _op. cit._, v. III, pp. 602-631.

Ma in mezzo a tanto fastigio di mobili, abiti, pranzi, feste, l’animo,
insoddisfatto, non s’acquetava ad un capriccio stato appagato, ad una
bizzarria compiuta, ad una delicatura non a tutti, e solo a chi avesse
mezzi, possibile. Un non so che d’indefinito, che è infelicità di non
gustar mai nulla, sopravanzava a tutto. I mobili erano una decorazione
mutabile, gli abiti una servitù giornaliera, i pranzi una parata, le
feste una distrazione effimera; ed il fastidio della ricchezza
arieggiava il soffrire della povertà: ricco e povero in qualche cosa si
somigliavano.

In una delle sue ingegnose concezioni, il Meli vide alcuni genî
divertirsi ad osservare le umane sciocchezze; ed un gran quadro
rappresentar figure e costumi della vita,

    ... chi espriminu lussu e spisi orrenni³¹³.

 ³¹³ _Meli_, _Poesie Lu Cafeaus_, p. 137.

Lusso vide dappertutto e grossi debiti il Villabianca; il quale, a
proposito del nobile Senato di Caltagirone, esclamava in versi:

    Ah che il Senato non è più quel di pria!
    Schiavo è fatto de’ scribi e de’ _sensali_;

correggendo l’ultima parola _farisei_³¹⁴.

 ³¹⁴ _Opuscoli_, Ms. Qq., E, 94, della Bibl. Com., opusc. n. 3, p. 103.

Perchè questo? potrà chiederci il lettore.

Chi guardi con criteri morali alle esteriorità, penserà che anche i
piaceri lasciano un gran vuoto, e che _possessa vilescunt_. Pure una
conoscenza più esatta delle persone e delle cose del tempo e delle
conseguenze alle quali dovea condurre questa dissipazione induce a
giudicare ben altrimenti.

«La maggior parte dei signori son coperti di debiti: e le entrate dei
pochi, inadeguate ai loro bisogni; molti vivono in uno stato di miseria
completa»³¹⁵.

 ³¹⁵ _Galt_, _op. cit._, p. 36.

Ecco il giudizio di un inglese, venuto nei primordî del sec. XIX a
studiare la Sicilia: giudizio assoluto, e, perchè assoluto, inesatto;
nel quale una gran parte di vero è bensì a presumere, senza potersi
provare.

E come provare che un uomo, apparentemente dovizioso, facesse sfoggio di
denaro non suo, che forse non avrebbe avuto possibilità di restituire?

A non radi intervalli una sentenza di tribunale metteva in vendita un
feudo: espropriazione forzata per debiti insoluti. Ed ora un Principe
veniva privato della baronia di Garbanoara col relativo feudo,
acquistato da Girolamo Fatta Oddo pel prezzo di diecimila
quattrocencinquant’onze³¹⁶; ora un altro Principe vedevasi dismembrato
lo _stato_ e la Contea di Cammarata del feudo e della baronia di
Molinazzo, passato alla creditrice D. Lucia Sances³¹⁷; ed ora
volontariamente, per contratto ordinario, quando uno e quando un altro
dei signori era costretto ad alienare qualcosa del suo patrimonio per
rispondere ad impegni gravi ed a bisogni pressanti.

 ³¹⁶ Sentenza del Tribunale della R. Gran Corte in data del 10 Settembre
     1773. Atto del Not. Camillo M.a Pipitone in Palermo.

 ³¹⁷ Sentenza del Tribunale della R. Gran Corte, sede civile, in data
     del 18 Febbraio 1779.

Uno studio sugli atti degli antichi notai di Palermo porta a
constatazioni dolorose. Valga per tutte questa: nel 1787 la sostanza
mobiliare del Principe Tommaso Palermo ascendeva alla somma di onze
44765,07 (Lire 570756,65); poco men che quattordici anni dopo,
nell’Aprile del 1801, quella sostanza era ridotta ad onze 3462,06 (L.
44041,26), della quale 207,04 in argenteria giacente al Monte di Pietà.
Non ardite speculazioni, non speciali bonifiche di terre, non atti
insigni di carità aveano consumato il patrimonio di Tommaso (41303,01);
ma il lusso, al quale erasi sfrenatamente abbandonato il figliuolo
Giuseppe, la cui eredità nel 1810 era quasi scomparsa³¹⁸. Si parla
ancora di un feudo del valore di 80000 onze stato venduto per sole 7000!
E la causa di rivendica dei defraudati eredi si trascina ancora dopo un
secolo!

 ³¹⁸ Vedi Atti del notato Nicolò Barone di Palermo: inventario della
     eredità di Tommaso Palermo, in data del 9 nov. 1787; Atti del not.
     Rosario Averna: inventario dell’eredità di Giuseppe Giovanni, in
     data del 10 aprile 1801; Atti del not. Marco Antonio Averna:
     inventario del 18 agosto 1810. (Indicazione dell’avv. Giuseppe
     Riservato).

Nondimeno, la qualificazione di ricche seguiva sempre molte famiglie.

Non poteva pronunziarsi il nome di questa o di quella, senza il
sottinteso delle sue cospicue ricchezze. Lo _stato_ tale, il feudo tale,
la tale o tal’altra tenuta fornivano ad essa danari a palate, che, per
quanto volesse spendersi, eran sempre molti. «La casa è forte»,
ripetevan tutti: ed il fatto stesso che il capo di quella casa si
mantenesse con tanta proprietà, non dava luogo a dubitare.

Eppure non era sempre così!

Mancano pubblici documenti o libri di cassa accessibili allo studioso,
dai quali possa di certa scienza rilevarsi quali gravami pesassero sulla
casa, notoriamente per grosse annuali entrate, più che ricca, opulenta.
Rara e debole quindi la diffidenza nei capitalisti e nei banchieri, alle
casse dei quali ad ogni urgenza ricorrevasi attingendo oro che
spensieratamente si profondeva, e «usando della loro fortuna come i
fanciulli dei giocherelli»³¹⁹.

 ³¹⁹ _G. Quattromani_, _Lettere su Messina e Palermo_, p. 48. Palermo,
     1836.

Questo spendere alla scioperata però aveva un lato buono: quello di dar
da mangiare ad una poveraglia che sarebbe altrimenti rimasta priva di
pane in un paese senza fabbriche e senza considerevoli opificî, dove il
clima mette in corpo una certa pigrizia, sorella dell’accidia al lavoro.
Così la moltitudine, che vedeva circolare il capitale, rimaneva
soddisfatta.

Nuove leggi venivano a far conoscere a molti quel che solo pochi
s’andavan sussurrando all’orecchio: ed i fallimenti, rimasti all’ombra,
cadevano sotto i raggi del sole meridiano. La legge sulle soggiogazioni
parve un’ingiustizia verso i debitori, ma fu guarentigia dei creditori.

Le tristi condizioni descritte nel presente capitolo (che fa seguito al
precedente e si compie con quello sul _Giuoco_) furono energicamente
pennelleggiate dal più schietto pittore dei costumi del tempo, Giovanni
Meli. La invettiva che egli pone in bocca al popolano Sarudda nel
brindisi al Genio di _Palermo_ nella Fieravecchia è oramai documento
storico.

      Ieu vivu a nnomu tò, vecchiu Palermu,
    Pirchì eri a tempu la vera cuccagna;
    Ti mantinivi cu tutta la magna,
    Cu spata e pala, cu curazza ed ermu!
      Ora fai lu galanti e pariginu:
    Carrozzi, abiti, sfrazzi, gali e lussu;
    Ma ’ntra la fitinzia dasti lu mussu,
    Ca si’ fallutu ahimè! senza un quatrinu.
      Oziu, jocu, superbia mmaliditta
    T’hannu purtatu a tagghiu di lavanca;
    Tardu ora ti nn’avvidi e batti l’anca;
    Scutta lu dannu, písciati la sditta!



                             _Capitolo XV._


                         _PASSIONE PEL GIUOCO._

Nello elenco delle Maestranze del settecento comparisce per la prima
volta quella dei _cartari_; questo significa che il numero dei
fabbricanti di carte era tale da costituire una vera e propria
corporazione, come le altre del tempo: e non poteva non esserne ragione
il considerevole spaccio della tanto ricercata e tanto pericolosa merce.
Un bando poi del 18 settembre 1785 imponeva la gabella per le carte da
giuoco.

Comune era nelle conversazioni pubbliche e private il giuoco; senza del
quale la distrazione più dilettevole, e quindi l’attrattiva migliore,
sarebbe mancata.

Nelle grandi feste con solenni ricevimenti, Vicerè, Pretori e signori di
alta levatura avrebbero creduto di venir meno alle regole elementari di
cortesia non ordinando sale con tavole per giuoco: e «fare il tavolino»
era, ed è tuttavia, la espressione propria di questa maniera di passare
il tempo e di mettere in moto la borsa.

Alcuni vi si appassionavano a tal segno che ogni altra cura passava per
loro in seconda linea. Il giuoco era fascino morboso, ossessione. Lunghe
ore del giorno, intere notti, essi rimanevano attaccati a quelle sedie,
a quelle tavole: gli occhi avidamente fissi sui gruzzoli di monete che
facevano monticelli nel centro; lo spirito tremebondo al muovere di una
carta, dalla quale dipendeva la sorte loro, della loro famiglia. Il
ricco d’oggi poteva non esserlo più domani; senza testamento, l’ultimo
giocatore diventare il facile erede d’un feudo. L’eguaglianza di ceto
regnava sovrana tra disuguali per censo; ogni cuore chiudevasi alla
pietà, ed il dolore d’uno era la gioia d’un altro.

Nè solo dei nobili era rovina il giuoco, ma, in generale, di qualunque
persona vi si appassionasse; e però della sua condizione economica,
della sua salute, della sua felicità di borghese³²⁰.

 ³²⁰ _Bartels_, _op. cit._, v. III, p. 586.

La calabresella, il tressetti, la primiera: ecco i passatempi preferiti,
ma la bassetta specialmente, la quale si faceva anche con donne³²¹. Come
giuochi pericolosi d’_azzardo_, il Governo li bandiva sempre, e più
severamente che mai il 14 dicembre 1776. Il secondo Marcantonio Colonna
vietava non solo che si giocasse, ma anche che si vedesse giocare a
«bassetta, biribisso, primiera di qualsivoglia sorte, goffo, stopo con
invito, trenta e quaranta, cartetta, banco fallito, regia usanza, o sia
tuppa, faraone, paris e pinta, passa-dieci, sette a otto, scassa
quindici» ecc.; ed al contrario permetteva «quei giuochi leciti che si
usano per onesto sollievo del corpo e dello spirito, quali sono i
giuochi tresette, riversino, picchetto, gannellini, scarcinate,
calapresella, gabella ed altri simili non espressati, nè proibiti,
purchè non importino in qualunque modo e maniera invito e parata».

 ³²¹ _Melchiore_, _Poesie_, pp. 33-34.

Non è già, ripetiamo, che il giuoco fosse passatempo esclusivo dell’alto
ceto; tanto vero che il bando viceregio accordava che i giuochi permessi
ed altri d’altro genere, pur essi tollerati, si potessero usare «nelle
case de’ particolari, nelle botteghe de’ mercadanti, caffè, barbieri ed
altri artigiani, ed avanti le medesime»; ma ci vuol poco a vedere che
chi non possiede, non ha nulla da perdere: e le grandi fortune non
potevano restar compromesse da queste piccole concessioni. Le gravi
perdite avvenivano nelle grandi case, dove i pingui patrimonî erano
fomite alla malsana inclinazione.

Il Caracciolo rinnovò gli sforzi dei suoi predecessori col vecchio
bando, rimasto però lettera morta. Le condizioni dell’abuso eran sempre
le medesime dei secoli precedenti, a nulla essendo valsi capitoli di Re,
prammatiche e costituzioni di Vicerè. Il male si era invece acutizzato
per modo che egli dovette in forma solenne confessare essere in Palermo
il giuoco «funesta origine delle maggiori enormità...; tutti sieguono
perdutamente nella istessa ostinazione, non curando neppure la propria
rovina, nè lo scompiglio e desolazione delle proprie famiglie».

D. Ippolito de Franchis impiegò mezza giornata per leggere sulle
pubbliche piazze l’ordine viceregio³²²; ma fu fiato buttato anche il
suo, perchè la passione non riconosce impero di legge, ed i giuochi
proibiti continuarono nelle sale dorate e nei _rendez-vous_ d’ogni
sorta. Meli, che più volte alluse all’ingrato tema, vi lasciò cadere in
arguti terzetti la sua urbana satira, descrivendo i giocatori in gara
nell’assalire il più potente tra loro:

 ³²² Bando, e Comandamento d’ordine dell’Ecc.mo Sig. D. Domenico
     Caracciolo ecc. Vicerè, 10 gennaio 1785.

      E ddà si vidi càdiri da l’altu
    Un suldatu senz’arma, e l’autru resta
    Cu l’occhi bianchi e lustri comu smaltu;
      N’autru di stizza e colira si ’mpesta,
    E n’autru cu la sorti ’ntra lu pugnu
    Va a tuccari lu celu cu la testa.
      La maggior parti rusica un cutugnu,
    Pirchì si senti supra l’anca dritta
    Di lu cuntrariu sò lu rastu e l’ugnu³²³.

 ³²³ _Meli_, _Poesie: La Moda_.

Accecati come erano, non facevano mistero dell’audace trasgressione, e
non pensavano a nascondersi, neanche quando persone estranee al paese,
tra lo stupore e la paura per l’insensato sperpero, stavano a guardarli.
In barba al Governo, il biribissi faceva proseliti più che altro
passatempo; la attrattiva di poter prendere sessantaquattro volte più
della somma puntata sopra un numero, trascinava. Gli stessi giuochi
leciti, consentiti da Re e da Vicerè, compreso il Caracciolo, eran
tutt’altro che innocui, e bisognerebbe sapere che cosa ci fosse sotto,
se gli scacchi, stati introdotti dal Fogliani, destavano tanto
entusiasmo nelle conversazioni nobili e civili, come non sarebbe inutile
ricercare perchè infiniti proseliti contassero i tarocchi, fatti
conoscere dal Vicerè Gaetani di Sermoneta.

Quando poi giunse Hager, molto rari eran gli scacchi, perchè (il perchè
non ce lo dice lui, ma il Villabianca), trattandosi di lunghe partite, i
tavolini _ad hoc_ ed i lumi portavano sempre una spesa. Non nei caffè
come in Germania, ma in apposite sale, il bigliardo contava pure i suoi
cultori. Non birilli, non bersaglio e, incredibile, non tabacco da fumo.

Ben altro vide Hyppolite d’Espinchal nei beati giorni della estate del
1800 in mezzo all’alta Società palermitana. Udiamolo da lui: «Dalle 9 p.
m. in poi, noi restavamo liberi e andavamo alle numerose riunioni della
città, nelle quali molte graziose ed eleganti dame eran sempre occupate
in balli, musica e passatempi ordinarî in questo dolcissimo paese:
mentre i mariti, gli zii, i fratelli con vera frenesia si abbandonavano
a giuochi d’_azzardo_, dei quali son fanatici. Così non passava sera
senza probabilità di perdite enormi, tanto in ducati d’oro rotolanti sul
tavolo, quanto in debiti che si contraevano, di somme alle volte
spaventevoli»³²⁴.

 ³²⁴ _D’Espinchal_, _op. cit._, p. 49.

Eppure in Inghilterra, dalla bocca del celebre Fox, era uscito il famoso
detto: essere il primo piacere della vita quello di guadagnare al
giuoco; il secondo, quello di perdere!

Sotto la data del 2 marzo 1798 la cronaca cittadina riferiva la notizia
della morte d’una delle più illustri dame di Palermo, una Principessa
puro sangue, la quale al giuoco avea consumato non pure il suo, ma anche
l’altrui, rovinando il marito, degno, invero, di ben altra sorte.

L’unico suicidio del tempo avvenne per ragion di giuoco. Il patrizio
palermitano Giuseppe Chacon, non trovando conforto alle immense perdite
nel giuoco in Londra ed alla vergogna di non poterle pagare, si toglieva
la vita (1799), corsa fino allora gioconda per larghi guadagni nella
rivendita di quadri ch’egli ritirava dall’Isola in quella capitale³²⁵.

 ³²⁵ _Villabianca_, _Diario_ ined., a. 1798, p. 323; a. 1799, p. 387.
     Altro suicidio fu quello del controllo Fiorello, il 1º ottobre del
     1818. Per tutta la città se ne fece un gran dire, di che fu eco un
     forte sonetto del periodico _Mercurio Siculo_ (Palermo 1818, p.
     76). Più tardi, nel 1832, lo statista F. Cacioppo potè scrivere:
     «Il numero dei suicidj in Palermo non ascende comunemente che a due
     o tre per anno. È questa un’utile osservazione, giacchè da essa
     ricavasi, che il suicidio, sia per timor di religione, sia per
     avversione pubblica a tali eccessi di disperatezza, non è radicato
     fra noi, come lo è presso altre nazioni. Non bisogna che fare un
     paragone con alcune delle principali città d’Europa per conoscere
     la differenza, e lodare a questo riguardo la condotta del nostro
     popolo». Il paragone era questo: a Copenaghen, 51 suicidî per anno
     su 84,000 abitanti; a Parigi, 300 su 700,000; a Londra, 200 su
     1,000,000; a Berlino, 57 su 166,584. (_Cenni statistici sulla
     popolazione palermitana_, 52. Pal., Barcellona 1832).

     Coi tempi nuovi, i suicidî in Palermo variano tra i 250 ai 300
     all’anno, quali mancati, quali consumati!

Nuove di zecca le teorie sul giuoco, forse non dimenticate ora dopo un
secolo. Le somme perdute andavan pagate a qualunque costo, perciocchè
non esistendo un articolo di legge che costringesse a quel pagamento, e
dovendo starsi alla parola di chi giocava; questi, naturalmente, voleva
fare onore al suo nome ed alla sua parola, detta o scritta.

Un tale, che sopra un signore rovinato pel giuoco, vantava un vecchio
credito, pensò una volta, con uno stratagemma, di trar profitto da
questa rigida e fiera consuetudine per riavere il suo, che in cento
guise aveva sempre invano richiesto. Nelle prime ore d’una uggiosa
giornata, si presenta torvo in viso al suo nobile debitore, il quale
dormiva tuttavia la grossa. «Eccellenza, gli dice con aria di mistero e
di disperazione, stanotte, tentato dal mio maligno genio, ho giocato, e
perduto dugent’onze. Io non ho come pagarle...; vengo da V. E., non a
riscuotere il mio credito, ma ad implorare un aiuto...».

Il Principe, anima di vero giocatore, senza profferir parola, si alza da
letto, s’accosta ad uno scrigno, l’apre, ne trae fuori un sacchetto e
conta all’ingegnoso inventore della storiella cinquecento scudi l’uno
più lucente dell’altro, e lo ammonisce: «Caro mio, il danaro che si
perde al giuoco è danaro sacro, e si deve pagare. Ecco le dugent’onze;
ma guardatevi bene d’ora innanzi dal giocare più».

L’autore della trovata con due lacrime spremute dagli occhi si profuse
in ringraziamenti e benedizioni, e, tra riverenze e scappellate, scese a
precipizio le scale, non credendo a se stesso di aver potuto, per tale
sotterfugio e per una teoria di quella fatta, ricuperare il suo danaro.

Un’altra.

Nelle sale da giuoco non si doveva andare mai per curiosità: questa
regola, incomprensibile per chi non senta la brutta passione, era pur
tanto comunemente intesa da essersi fatto strada sin nelle basse sfere.
Uno dei facchini, che nei giorni di piogge impetuose allaganti certe
strade della città, facevano da marangoni ai Quattro Canti o in altri
posti del Cassaro, una notte trasportava a spalla un dopo l’altro
parecchi uomini, che venivano da aver giocato; ma quando l’ultimo di
essi, gli disse che egli tornava, non da giocare, ma da aver visto
giocare, lo lasciò, senz’altro, cadere nel torrente.

Costui non meritava nessun riguardo³²⁶.

 ³²⁶ Anche oggi tra i giocatori di carte usa dire per ischerzo:
     _jiccàmulu nn’â ciumara_, a proposito di chi guardi e non giochi.



                            _Capitolo XVI._


            _CIRCOLI DI CONVERSAZIONE, ROMANZI PIÙ IN USO._

Non fu nel settecento viaggiatore che non restasse impressionato di quei
«casini di conversazione», che per noi passavano inosservati. Di questi
casini, o circoli, o _clubs_, o _rendez-vous_, ce n’eran parecchi in
Palermo, e tutti per la Nobiltà. La quale se nel quattrocento e più
tardi, nelle ore antemeridiane, usava al largo della Cattedrale, onde la
denominazione di «Piano dei Cavalieri», rimasta per lungo tempo a quella
piazza³²⁷; verso la metà del settecento si adunava là dove ora son le
botteghe a pianterreno del monastero di S. Caterina, quasi rimpetto la
Chiesa di S. Matteo; il 1º settembre del 1769, nella casa del D.r
Domenico Caccamisi, presso la Cattedrale, e tre anni dopo anche nel
palazzo Cesarò³²⁸, di fronte alla Chiesa del Salvatore. Quivi in tutte
le ore della sera gran numero di signori dell’aristocrazia convenivano;
e le dame più note della città allietavano della loro presenza il
geniale ritrovo, come di mattina la passavano in compagnia dei cavalieri
presso a S. Matteo.

 ³²⁷ _Mongitore_, _Istoria del monastero dei Sett’Angeli_, cap. VII, p.
     91. Palermo, 1726.

 ³²⁸ _Meli_, in una sua lirica (ediz. cit., p. 89), ha questi versi:

       Pri li signuri nobili
     Ridutti ad opri boni
     La Cunvirsazioni
     Fissa unni Cisarò.

I due circoli non bastavan sempre. In estate se ne avea un altro, che
temperava i calori della stagione; ed era (1782) una delle _casine_
della Piazza Borbonica (Marina), dove «la nobiltà del corpo della Gran
Conversazione, cioè della maggiore, di cavalieri e dame, se la godono
nelle sere al fresco, facendovi dei tavolini a giuoco nel piano, e allo
spesso tenendovi feste da ballo. Il popolo intanto, che vi fa circolo e
n’è spettatore, e specialmente con esso la marineria vicina della Kalsa,
va a partecipare di tal godimento»³²⁹.

 ³²⁹ _Villabianca_, _Palermo d’oggigiorno_, v. I, p. 61.

Ottimo _club_ della buona compagnia, tenuto con magnificenza e poca
spesa da tutta la Nobiltà, la quale vi si raccoglieva e vi riceveva i
viaggiatori che le venivan presentati, il Cesarò restava aperto tutta la
giornata; ma le adunanze di esso cominciavano ad un’ora di notte (alle
nove di sera, cioè, in luglio), e finivano, alla maniera italiana di
computar le ore, a quattro o cinque ore, cioè, all’una dopo mezzanotte,
nella quale andavasi alla Marina³³⁰.

 ³³⁰ _De Saint-Non_, _op. cit._, t. IV, I. part., p. 141.

Quali fossero i giuochi, abbiam veduto nel capitolo precedente.

Qui accade confermare la buona decorazione de circolo, le vaste sale,
l’amabilità di chi vi si adunava e la incantevole libertà tra i due
sessi»: e la conferma viene appunto da un signore viennese che vi fu
ammesso³³¹.

 ³³¹ _De M[ayer]_, _op. cit._, lett. XV, p. 148.

Il tema della conversazione è facile a indovinarsi. Gli uomini, secondo
i tempi e le occasioni, si occupavano di fatti interni del giorno,
giunti ultimamente a loro conoscenza per via di _volanti_, di cocchieri,
di servitori, di lacchè, gazzette ambulanti tutti; de’ fatti esterni,
per mezzo di corrieri, fittaioli, procuratori, vassalli, amici, o per
sentita dire dai fogli stampati, o dalle persone giunte sia con l’ultimo
pacchetto da Napoli, sia con legni mercantili da Genova e Livorno, sia
con la vettura corriera da Messina, sia con forestieri provenienti da
Siracusa, Catania e Trapani³³². Difformi per le cose nostre, uniformi
fin con le medesime parole per le straniere, i giudizî eran pronunciati
a traverso tanti «si dice» che era bazza se di dieci notizie riferite
nei circoli ve ne fosse una esatta.

 ³³² _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XXI, p. 77.

La politica estera vi entrava sempre; ma negli ultimi anni, poco o
punto. Se la Francia vi facea capolino, e non potea non farvelo, ciò era
pei suoi Giacobini.

Le donne, si comprende bene, non conversavano se non di cose loro, dei
loro abiti, dell’ultima moda. Un nuovo costume le interessava quanto può
interessare al sesso femminile il comparir belle, graziose, ben
portanti. L’uso voleva ricevimenti e feste: e ricevimenti e feste erano
argomenti dei loro discorsi. I piccoli e grandi intrighi d’amore si
prestavano a confidenze attraenti, che tutte le donne si sussurravano
all’orecchio e tutte si confidavano rinfronzolandole con particolarità
di luoghi, persone, parole, date, sulle quali si poteva giurare. Era il
solito crescendo di circostanze nella vecchia storiella del marito che,
volendo mettere a prova la segretezza della moglie, le confidò d’essersi
sgravato d’un uovo, il quale dalla mattina alla sera si era moltiplicato
fino a cinquanta.

Se talora una di esse usciva dalle frivolezze, per entrare in un campo
d’idee generose, poteva avere, avea magari, uditrici affettuosamente,
coscenziosamente benevoli, ma chi sa! forse non tali che si
determinassero all’iniziativa d’una opera nobile e santa. Le nobili e
sante opere della collettività dell’età moderna, non sono se non
l’attuazione di idee largamente pensate, vivamente illuminate dalla fede
nel bene e dall’abitudine all’esercizio della carità, di una o poche
persone.

«La maldicenza, diceva Hager, è di casa a Palermo come a Parigi. Gli
scherzi spiritosi e gli aneddoti faceti vengono raccontati nel gergo
siciliano, come in gergo si raccontano nella Senna»³³³.

 ³³³ _Hager_, _Gemälde_, nella versione citata a p. 267, nota.

Questa facile critica di persone e di cose veniva ordinariamente
interrotta dal giuoco, al quale anch’esse le dame, si davano un cotal
poco, o dalla conversazione coi cavalieri. Allora questa mutava aspetto:
la galanteria saliva dai teneri sguardi alle espressioni della cortesia
nell’antico significato della parola, ma scendeva alle dichiarazioni più
audaci, senza peraltro smettere i misurati inchini, i saluti compassati,
gli studiati complimenti, stereotipati sulla mimica dell’affettazione e
sulle formole d’un ghiacciato galateo³³⁴. Ed è senz’altro comico che la
etichetta imponesse, non solo da cavalieri a dame, ma anche da cavalieri
a cavalieri, un certo gergo ed una inflessione di voce che oggi
desterebbe la più grande ilarità. Di rito era il _Voscilenza_,
contrazione di _Vostra Eccellenza_, che essi si davano a tutto pasto.

 ³³⁴ _Bartels_, _op. cit._, V. III, p. 600.

La conversazione però non si faceva solo nei circoli, ma anche, e forse
più, nei palazzi privati, per ricorrenze ed occasioni alle volte
eccezionali. Occasione non infrequente e pur sempre lieta il parto di
giovani donne. «Ogni notte si hanno molte conversazioni particolari
(nota P. Brydone), e vi recherà non poca sorpresa questo: che si tengono
sempre nelle camere delle puerpere». Questa circostanza era ignota al
Brydone, il quale una bella mattina vedevasi comparire il Duca di
Verdura (l’amico che a lui e ad un suo concittadino faceva gli onori del
paese), che in tutta fretta veniva a dirgli esser conveniente, anzi
indispensabile, una visita. «La Principessa di Paternò, ci disse, è
stata presa stanotte dai dolori del parto, ed a voi corre il dovere di
presentarle stasera i vostri omaggi. A bella prima credetti ad uno
scherzo; ma l’amico mi assicurò che parlava sul serio, e che sarebbe
stata grave mancanza la nostra di non farle quella visita. Così
sull’imbrunire ci recammo dalla Principessa e la trovammo seduta in
letto, in elegante _déshabillé_, circondata da varî amici. Parlava al
solito e pareva stèsse benissimo.

«Questa conversazione si ripete ogni notte, per tutta la convalescenza,
la quale dura da undici a dodici giorni: costumanza generale, poichè le
signore son molto prolifiche [sfido io, se sposavano dai 12 ai 15
anni!]; le conversazioni nella città son tre o quattro
contemporaneamente»³³⁵.

 ³³⁵ _Brydone_, _op. cit._, lett. XXII.

Codesta piccante notizia venne confermata pienamente dal Cav. de Mayer.
Nel 1791 egli trovò che «a Palermo non s’invita, non si riceve
ordinariamente; ma le persone si vedono due, tre volte il giorno ed
anche più se hanno relazioni. Le adunanze si tengono presso le donne in
puerperio; e poichè esse sono feconde, frequentissime son le
adunanze»³³⁶: nè più nè meno che vent’anni prima avea veduto e detto
Brydone: salvo, s’intende, la parte di altri ricevimenti ordinarî e
straordinarî da aggiungere, come vedremo, a questa, esclusivamente
puerperale.

 ³³⁶ _De M[ayer]_, _op. cit._, lett. XV.

Brydone rimase lietamente sorpreso della facilità onde le dame
conversavano seco lui in inglese; facilità che crebbe a vera
disinvoltura al tempo degl’Inglesi in Sicilia. Più familiare ancora il
francese, che quasi ogni nobile possedeva, avendolo appreso, gli uomini
al R. Convitto S. Ferdinando, le donne al R. Educandario Carolino o, in
generale, sotto la guida d’una _bonne_ o d’un aio, che raramente mancava
nelle case signorili. Bisognava anche tener presente che non poche
signore erano state all’Estero, e ne avean preso lingua e fogge.

Di siffatta familiarità col francese, specialmente dame, usavano a tempo
e a luogo. Alla presenza di forestieri, che non comprendevano l’italiano
e meno ancora il siciliano, da persone finamente educate, con una
gentilezza, dice un tedesco, che confondeva, parlavano il francese,
ovvero, occorrendo, l’inglese³³⁷; e nel francese aveano, secondo la
mondana espressione d’un nobile ecclesiastico³³⁸, «una chiave facile ad
aprire i gabinetti del cuore».

 ³³⁷ _Bartels_, _op. cit._, v. III, p. 596.

 ³³⁸ _Santacolomba_, _op. cit._, p. 95.

Parlare poi di cultura femminile nel significato moderno della parola,
non si può, senza creare equivoci. Quella che vi era (e certo
rappresentava qualche cosa, allora) si raccoglie dal programma di studî
del Carolino per le nobili donzelle, dalla Regola dei Collegi di Maria
per le civili. Ordinariamente, poco leggevan le donne, e questo poco era
la minima parte di quel che si leggesse in Continente: in Venezia, p.
e., in Firenze, in Napoli, centri di pubblicazioni romanzesche; là, in
Venezia, sovente originali; qua, in Napoli, quasi sempre tradotte.

Di romanzi originali siciliani neppur uno ce n’è giunto: e forse non ve
n’ebbero; o, se mai, furono manifestazioni sporadiche, non riuscite a
farsi strada oltre lo scorcio del secolo, come l’invisibile _Romanzino
utile e piacevole_ di quel Francesco Carelli, che fu anima venduta del
Governo. Quando lo stampatore veneziano Rapetti, sotto gli auspicî della
Duchessa Anna-Maria Gioeni, volle iniziare in Palermo una _Biblioteca
galante_, dovette fermarsi al solo primo volume, mentre la medesima
_Biblioteca_, per il gran numero di compratori, veniva su prospera a
Firenze ed a Venezia.

I libri ameni, meglio favoriti dal sesso gentile, venivano per la via di
Genova e di Livorno, e più comunemente di Napoli. Le novelle e i romanzi
inglesi e francesi, pessimamente tradotti, tenevano il campo conquistato
dagli italiani.

Entrando nel _boudoir_ d’una dama, o d’una signora del ceto civile,
l’occhio si posava subito su qualche volume elegantemente rilegato della
_Nuova Biblioteca da campagna_, o della _Biblioteca piacevole_, o della
_Biblioteca di villeggiatura_: tre collezioni napoletane levate alle
stelle dalle leggitrici delle due Capitali del Regno. L’ab. Galanti,
autore d’uno studio sopra la morale e i diversi generi di sentimenti,
avea curato una di queste _Biblioteche_, ricca di ventinove tomi; ma
anche qui tutto era forestiero, dall’_Orfanella inglese_ alle _Memorie
di Fanny Spingler_, dalle _Novelle morali_ di Diderot agli _Amori di
milord Bomston_ di Rousseau, dalle _Novelle_ e dalle _Favole_ di St.
Lambert alla _Lucia_, alla _Giulia_, al _Varbeck_, agli _Aneddoti_ del
ricercato d’Arnaud. E vi si appassionavano le nostre damine, e vi
facevan cadere sopra le loro discussioncelle. Conversando con esse in
francese, Hager credette di accorgersi che difettassero di letture
francesi; e si maravigliò che ragazze e signore non sapessero di
Marmontel, di Crebillon, di Mercier³³⁹; ma ebbe il torto di appoggiarsi
a vaghe notizie negative; e dimenticava, o ignorava forse, che ve
n’erano appassionate per Rousseau e per Voltaire, le pagine dei quali si
facevano spiegare in luoghi nei quali nessuno potesse sentirle³⁴⁰. Vero
è che in pubblico mostravano molta simpatia per l’Alfieri, il
Metastasio, il Parini; vero che amavano molto il Meli³⁴¹; ma la loro
predilezione era per la letteratura galante, da gabinetto, come vogliamo
chiamarla: e questa era tutta francese. Che se gli scrittori nostri se
ne scandalizzavano, è bene ricordare che essi non aveano nulla di
proprio da contrapporvi, e non pensavano a soppiantarla. La _Scelta
raccolta italiana di Romanzi_ di Milano (1787, tredici volumi), rimase
ignorata; ignorata pure la larga produzione di quell’Antonio Piazza, che
fu conosciutissimo nell’alta Italia. Solo qualche racconto
dell’inesauribile ab. Chiari penetrò in Sicilia, non giungendo peraltro
a scalzare nè il _Telemaco_ di Fénelon nè il _Belisario_ di Marmontel,
nè il _Diavolo zoppo_ e molto meno il _Gil Blas di Santillana_ di Le
Sage, che con i _Viaggi del Cap. Gulliver_ dello Swift ed i _Viaggi di
Enrico Wanton_ del veneziano Sceriman tenevano il posto d’onore.
Siffatti libri piacevano a donne e ad uomini, a vecchi ed a fanciulli;
ma non riuscirono mai a inumidire tante ciglia quante ne bagnarono gli
_Amori di Adelaide e Comingio_, il fortunatissimo tra i fortunati
racconti divulgati per l’Isola.

 ³³⁹ _Hager_, _Gemälde_, loc. cit.

 ³⁴⁰ _Meli_, _Poesie: La Villeggiatura_.

 ³⁴¹ _Hager_, _op._ e _loc. cit._

Tornando ai circoli dei nobili, dobbiamo aggiungere che il principale
tra essi (poichè, come s’è visto, ve n’eran parecchi), era quello della
_Grande conversazione_, lì nel Palazzo Cesarò.

Di minute particolarità ce ne diede il Conte de Borch, da cui le
riportiamo.

Questo circolo è «una specie di club inglese, o di Caffè pubblico per la
Nobiltà, al quale vanno tutte le Dame e quanto di più eletto abbia la
città. In esso i forestieri ed i regnicoli, colmati d’ogni maniera di
garbatezze, sono come a casa loro, lieti di poter parlare di affari, di
contrarre conoscenze gradite senza soggezione e senza disuguaglianza. A
qualunque ora vi si ha caffè e rinfreschi a proprie spese. I socî
debbono esser tutti nobili, e vi sono ammessi a bussolo secreto e
strettissimo; sono dugento e pagano un’onza all’anno, e con questa somma
e con quella che si ricava dal giuoco si fa fronte alle spese di pigione
della bellissima casa, di servizio (servi e massari) e di
illuminazione.... Io ho veduto, conclude il nobile visitatore del 1777,
molte istituzioni simili, ma sento il dovere di dichiarare che quella di
Palermo supera le migliori che io abbia viste nel genere in Italia»³⁴².

 ³⁴² _De Borch_, _op. cit._, t. II, lett. XV. Vedi anche _Torremuzza_,
     _Giornale Istorico_ ined., carta 176.

La Conversazione sul finire del secolo non era più da Cesarò. Ai socî
parve un po’ fuori centro: e centro per ogni buon palermitano è la
Piazza Vigliena. «Martedì 9 dicembre del 1800 il Re assiste alla
processione della Immacolata dalla casa del Barone Gugino (Bordonaro),
destinata alla Conversazione dei Cavalieri e Dame della città». Così
dice il n. 97 della _Raccolta di Notizie_, di quell’anno.

Ott’anni dopo, nel 1808, presso la casa di D. Giuseppe Valguarnera e
Gentile Peveri, Marchese di S. Lucia, allato della piazza di S.
Caterina, veniva demolito l’antico teatro dei _Travaglini_ e ricostruito
nella forma dell’attuale _Bellini_, allora, dal nome della regina,
_Carolino_. Una parte della casa del Marchese aggregavasi al nuovo
teatro, con diritto al proprietario di entrata e di libero accesso dallo
interno della propria abitazione; diritto passato più tardi a D. Teresa
Fasone, detta _di S. Isidoro_, rimasta celebre fino ad oggi, anche per
una certa avventura galante avuta con Ferdinando III³⁴³.

 ³⁴³ Da una nota testè trovata dall’onorevole Principe Pietro Lanza di
     Trabia in un _Diario_ del suo bisnonno, D. Giuseppe Lanza e
     Branciforti, sappiamo che proprio in quell’anno l’antico Circolo di
     Cesarò passava accanto al teatro _Carolino_, cioè nella casa di S.
     Lucia, e che l’anno seguente vi teneva una splendida festa. Vi
     prendeva, o forse continuava a tenervi, il titolo di _Sego_:
     titolo, dicono i vecchi, preso dalle candele di sego che vi si
     accendevano, ma pure interpretato in altro senso.

     Nel 1816 il diligentissimo cav. Gaspare Palermo scriveva: «In
     questa stessa casa del Marchese di S. Lucia al presente si tiene la
     Conversazione della Nobiltà, la quale vi passa dallo stesso teatro
     senza uscire in istrada». (_Guida_, 2ª ediz., pp. 283-84).

     Nell’anno di grazia 1904 nulla si è mutato. Il Circolo Bellini è il
     ritrovo della Nobiltà autentica siciliana in Palermo; la quale pur
     si divide tra quello già di Piazza Bologni, detto della
     _Paglialora_, andato ora in via Ruggiero Settimo, presso la Badia
     del Monte, ed il Circolo Geraci, composto in buona parte di
     elementi civili o borghesi.

In quella casa trapiantavasi da ultimo, e prospera ancora, l’antica
_Grande Conversazione_.



                            _Capitolo XVII._


               _OSPITALITÀ E GENTILEZZA. BALLI E DUELLI._

Una frase del Conte De Borch dianzi riferita suona lode della ospitalità
palermitana, virtù per la quale potè il Barone di Riedesel affermare che
gli uomini «amano ricevere gli stranieri, e questi passan con quelli
piacevolmente il tempo»³⁴⁴. Quella frase dobbiamo raccoglierla per
avvalorarla con testimonianze autorevoli. Facciamo parlare gli
stranieri, i quali ne fecero esperimento.

 ³⁴⁴ _Riedesel_, _op. cit._, p. 122.

Il dovere di ospitalità era (e con lieto animo possiamo dire è)
profondamente sentito da ogni siciliano, fosse anche il meno colto.
Questo i viaggiatori decantavano a coro, e c’impongono di confessarlo
anche noi. Dei tanti che visitarono l’Isola, pochi furono quelli che non
ebbero occasione di accorgersi e di provare questa qualità, che agli
stranieri riusciva provvidenziale. In Palermo si spingeva fino alla
delicatezza. Il vecchio Genio della Città, cui la recente creazione
dello scultore Marabitti faceva nella Villa Giulia pompeggiare con
un’aquila ed un cane dappiè, simboleggia la naturale tendenza del
palermitano a nudrire lo straniero pur divorando sè stesso. Questo Genio
è ormai noto al lettore. I Palermitani, non benevoli verso i loro
concittadini, apron le braccia al primo che venga da fuori. Nel
commercio stesso, la bottega d’un _nazionale_ (come si diceva il
siciliano) era meno simpatica di quella d’un forestiere; e le botteghe
dei Lombardi aveano un concorso che altre non sognavano.

Nel 1787 l’Ab. Delaporte diceva: «La Sicilia offre ai viaggiatori
vantaggi veramente preziosi e quasi sconosciuti nei paesi nei quali si
crede supplire col danaro a molte virtù: è l’ospitalità generosa di
tutti gli abitanti, avanzo venerando di costumanze antiche, che formava
un legame invidiabile e sacro tra uomini di nazioni diverse. Io ne feci
più volte lieta esperienza. Provvisto di semplici lettere di
raccomandazione ricevute a Messina, io trovai amici dappertutto,
accolto, festeggiato con ogni maniera di servigi e sempre con una
gentilezza, con una cordialità che mi ha colmato di riconoscenza, e
addolcito le fatiche del viaggio»³⁴⁵.

 ³⁴⁵ _Le Voyageur françois_. Nouvelle édition, t. XXVIII, pp. 50-51. À
     Paris, chez Moutard. MDCCLXXXVII.

Così pure un altro Abate, R. de Saint-Non: «Poche sono in Europa le
città nelle quali il tono generale sia più amabile, più onesto, e la
Nobiltà abbia tanta _politesse_, tanta naturale affabilità, quanta in
Palermo; al che concorre specialmente il _club_» dianzi citato³⁴⁶.

 ³⁴⁶ _De Saint-Non_, _op. cit._, t. IV, I par., p. 141.

Così il Dr. Hager: «L’indole del siciliano non è meno orgogliosa che
superba o sostenuta; ma i forestieri, come in una campagna che sia poco
frequentata, vi son ricevuti con ispecial dimestichezza ed ospitalità.
Si è lieti quando si vede arrivare qualcuno da lontane contrade: ogni
forestiere è veramente il benvenuto»³⁴⁷.

 ³⁴⁷ _Hager_, _Gemälde_, p. 187.

«Un forestiere che si regoli bene, non ha bisogno di commendatizie: è
subito accolto nelle migliori società. Nelle passeggiate pubbliche le
signore più aristocratiche gli rivolgono la parola, come pur fanno a
teatro se esse si accorgono che egli cerchi far la loro conoscenza; gli
domandano del suo paese, non dell’esser suo. _Eccellenza_ è il titolo
che gli danno. Soventi volte, tanto nelle passeggiate, quanto a teatro,
io non ebbi a durar fatica per conoscere le primarie famiglie. Invitato
ai loro circoli, ho avuto le prove d’una ospitalità amichevole, che si
cercherebbe invano in altre grandi città anche per via di lettere di
raccomandazione». Proseguendo, Bartels aggiunge: «Anche oggi, standomene
a contemplare in un palco la leggiadra bellezza della Principessa X, ho
avuto il piacere di veder cominciare da lei la conversazione, finita con
un suo invito al ricevimento di domani. In quali luoghi si va tanto
incontro al forestiere? Ma in quali altri luoghi si acquista tanta
celebrità ricevendo dei forestieri nella propria casa quanto a
Palermo?»³⁴⁸.

 ³⁴⁸ _Bartels_, _op. cit._, v. III, p. 601.

Più tardi, nel secondo decennio dell’ottocento, Gino Capponi, percorsa
la Sicilia e giunto a Palermo, serbava nel suo Diario finora inedito
questo ricordo: «Non vi è forse altro paese dove questi (i forestieri)
siano così accetti, nè in altro luogo può il viaggiatore adempiere
meglio che qua l’oggetto che dovrebbe esser principalissimo, di vivere,
cioè, coi connazionali»³⁴⁹.

 ³⁴⁹ _M. Tabarrini_, _Gino Capponi, i suoi tempi, i suoi studi, i suoi
     amici_, p. 36. Firenze, Barbèra, 1879.

Egli poteva ben ripetere quello che un altro toscano, Filippo Pananti,
reduce da Algeri, e ammaliato della franca affabilità e della gentilezza
affettuosa dei Principi di Villafranca e di Valguarnera, avea detto con
Catullo a proposito di certi uomini: «Coloro che li conosceranno un
giorno, li ameranno; e coloro che li avranno amati una volta, li
ameranno sempre»³⁵⁰.

 ³⁵⁰ _Pananti_, _Relazione d’un soggiorno in Algeri_, cap. XX.

Quali i padroni, tali i loro dipendenti; quali i nobili ed i civili,
tali i popolani. Questo principio di ospitalità era ed è innato in
tutti. La liberalità nel ricevere e trattare il forestiere senza un
fine, che non fosse quello di compiere un atto di convenienza e di buona
educazione, era pratica ordinaria.

Particolareggiando sulla squisita cortesia, il prof. Bartels
ragguagliava della ospitalità delle dame. Pareva a lui di trovarsi non
in un’isola, ma in un paese in contatto immediato e continuo col mondo.

Nessuno capitava mai in una casetta, in un abituro che non vi venisse
cordialmente festeggiato. Quando Stolberg, prima di giungere a Bagheria,
si fermò innanzi il palazzo del Marchese Celestre di S. Croce, il
castaldo (che per la sua gentilezza già conosciamo) offrì subito a lui
ed al suo compagno di viaggio, vino, letto e commodi d’ogni genere, che
lo confortarono dell’insopportabile scirocco della giornata³⁵¹.

 ³⁵¹ Vedi nel presente vol. p. 205, e _Zu Stolberg_, _Reise_, v. III, p.
     316.

Ma noi abbiamo parlato di ospitalità e gentilezze senza parlare delle
forme con le quali l’una e le altre si svolgevano.

Accompagniamo un forestiere in una visita che egli, giungendo tra noi,
vada a fare. Ad immaginarla ci vorrebbe poco; pure non occorre giocare
di fantasia quando ci son testimonî di vista.

Il Bartels descrive una di codeste visite fatte da lui, e ricorda i
sonori annunzî dei servitori: _Signori forestieri!_ al suo inoltrarsi
nel salotto; ed il dignitoso ricevimento dell’ospite e la presentazione
di esso Bartels alla signora ed alla compagnia: tutto condotto in guisa
da mostrare la importanza del luogo e la solennità del momento³⁵².

 ³⁵² _Bartels_, _op. cit._, v. III, p. 603.

L’inglese Vaughan scende a particolari, che hanno dello spiritoso e sono
verissimi. Riassumiamoli.

Facendo una visita a persone ragguardevoli, voi siete, secondo
l’etichetta, condotti per una lunga fila di stanze, probabilmente fino
ad un’ultima, in fondo, piccola ma bella, che è forse quella da letto,
ove, se indisposta, la dama riceve. In inverno vi viene offerto caffè;
in estate, acqua diaccia.

Finita la visita, il padrone di casa attraversa con voi le stanze e vi
accompagna, pronto a farvi un inchino. Importa che voi conosciate tutto
il cerimoniale del momento per non venir meno a’ doveri che v’incombono.
Voi, p. e., cominciate ad inchinarvi pregando il Signore che non si dia
pena (_by no means_); ed egli vi risponde che non fa se non lo stretto
suo dovere. Voi vi provate di nuovo ad impedire tanto disagio, ma egli
vi prega di non privare il più umile dei vostri servitori di tanto onore
e piacere.... Se vi capita di lodare le sue belle sale, vi dichiara che
esse sono a vostra disposizione, e che tutto è merito delle vostre lodi.
Vi mostrate disposto ad esprimere la vostra obbligazione agli amici che
vi presentarono a Sua Eccellenza? Ebbene: Sua Eccellenza vi assicura che
la obbligazione è proprio sua, e che gli amici lo giudicavano
discretamente prevedendo il piacer suo nel ricevere un forestiere di
meriti così singolari, che — voi rispondete — «sono bontà sua».

Il resto si passa come si può, con ripetute insistenze per impedire
altro disturbo, e con le migliori espressioni di rincrescimento da parte
di lui per la occasione che gli si toglie di mostrare altrimenti la
propria stima: frase, questa, che, pronunziata a capo della scala,
v’impone le maniere più cortesi e gentili e le parole più rispondenti
alla vostra riconoscenza. Così inchinandovi e indietreggiando sempre,
potete andar soddisfatto di avere alla meglio compiuta la visita. Un’ora
dopo, riceverete una carta o una visita nell’albergo o nell’abitazione
da voi scelta.

Grande è lo stupore che un inglese prova nel sentirsi rispondere, quando
loda alcun che, case, cavalli, carrozze, che tutto è a disposizione di
lui. Un inglese vede in questo un complimento che basta esso solo a
dimostrare la differenza tra Siciliani ed Inglesi³⁵³; ma un italiano, il
Rezzonico, prima di lui, vi avea riconosciuto ben altro, e ne avea preso
argomento delle seguenti parole, lusinghiere per ogni isolano, ma più
ancora per la Nobiltà:

 ³⁵³ _Vaughan_, _op. cit._, lett. V.

«L’urbanità, lo spirito, la bellezza delle dame di Palermo,
l’affabilissimo carattere de’ cavalieri, ed i loro gentilissimi modi co’
viaggiatori sono invisibili catene che gli ritengono dolcemente in una
città tranquilla e piena d’ozio beato, che dopo il tumulto di Napoli
riesce aggradevole e deliziosa, per quell’equabile tenor di vita e
quella soave dimenticanza d’ogni cura e d’ogni fastidio che gli uomini
talvolta cercano indarno nelle torbide ed inquiete capitali del
continente»³⁵⁴.

 ³⁵⁴ _Rezzonico_, _op. cit._, v. I, p. 152.

Poichè nei ritrovi c’incontriamo sempre con donne, qualche altra notizia
di esse non dovrebbe tornare superflua. Ma dove cercarla se i nostri
scrittori, meno il Villabianca, non ne hanno alcuna? Peraltro, o essi la
danno buona, e allora son sospetti di piacenteria; o la danno cattiva, e
allora fanno nascere il dubbio di malanimo personale: e poi, v’è sempre
quell’ingrata figura del Palermo con quel brutto serpente!...

Facciam capo dunque ai forestieri. Hager, che si trattenne a lungo e
volentieri nei salotti eleganti e nei circoli di compagnia, ce ne dice
più di tutti.

«Il pianoforte, mobile di quasi tutta l’Europa, è anche qui abituale
dappertutto. Per mezzo di questo magnifico strumento ho imparato in
Palermo, accanto a dive siciliane, arie appassionate di Cimarosa e di
Fioravanti, e duetti di Andreozzi e di Tritto. L’amore si unisce
inosservato col canto; l’armonia del suono porta quella dei sentimenti,
e non si può immaginar nulla di divino più che un momento così
celestiale.

«Col pianoforte, pel quale si hanno in Palermo eccellenti sonatori e
compositori, va anche la chitarra, come nelle case della Spagna. Di
questa le ragazze si servono per accompagnare, con la delicatezza che è
propria di siffatto strumento, brevi canzonette popolari siciliane, il
cui contenuto scherzevolmente amoroso non cede in acutezza ed in arguzia
al tedesco. Pure la melodia è diversa, non solo dalla nostra, ma anche
da quella italiana, perchè suona proprio secondo il gusto asiatico, nel
modo che l’arte chiama _moll_ minore, nè più nè meno che io la udii
sulle rive del Bosforo. Essa fu importata dagli Arabi o dagli Aragonesi,
che ancora più lungamente tennero il dominio della Sicilia»³⁵⁵.

 ³⁵⁵ È superfluo il dire che quest’affermazione, così recisa, è per lo
     meno discutibile.

E parlando delle donne palermitane:

«La loro andatura, i loro balli, ogni loro movimento tramandano un non
so che di dolce e di delicato; di esse tutto somiglia alle mimiche
attitudini che Rehberg a Napoli ha ritratto in assai gentile maniera in
Lady Hamilton. La loro conversazione è vivace, il loro sguardo
espressivo, ora con fisonomia languida, ora con sorrisi maliziosi, ora
con parole scherzevoli; il suono della loro voce è dolce, e la loro
presenza spira in tutti gli astanti serenit໳⁵⁶.

 ³⁵⁶ _Hager_, _Gemälde_ e _Maria Pitrè_, _Donne, passeggiate e società
     in Palermo nello scorcio del sec. XVIII descritte da_ _J. Hager_,
     pp. 5 e 6. Palermo, 1901. Cfr. pure _Goethe_, _op. cit._, lett. 16
     marzo 1787.

Non ti pare egli, amabile lettore, che il prof. Hager, dimenticando per
poco il suo brutto arabo, per cui fu chiamato dal Re a giudicare della
_impostura saracena_ del Vella, abbia perduto la testa per qualche bella
ragazza, o bella dama?

I balli! Oh i balli eran pure un gran divertimento! Peccato che nessuno
d’allora abbia pensato a descriverli! Neanche questo stesso Hager, che
ci si trovò così di frequente; neanche d’Espinchal, che vi prese parte
godendo i beati ozii palermitani del 1800.

E che balli! Uno dei più graditi e forse dei tenuti più in conto, era il
minuetto, espressione della società d’allora, ma pur sempre grazioso.
Quando oggidì si vuole alludere a cosa che ci si somministri a
spilluzzico, sì che si rimanga un cotal poco in pena, usa dire in
Sicilia: _Mi fa lu manuettu cu lu suspiru_, frase che ricorda una
particolare figura della cerimoniosa danza, con pose mimiche di
prestabiliti sospiri. Avverso per indole a qualsiasi caricatura di vita,
il popolino non poteva guardare con piacere tutte quelle finzioni, e vi
creava sopra il non benevolo motto.

Ma il ballo non era un semplice esercizio fisico e di educazione, come
quello che s’insegnava alle nobili donzelle del R. Educandato Carolino
ed ai nobili giovinetti del R. Convitto S. Ferdinando; nè poteva, in
vero, dirsi uno svago da cenobiti. Francesco Sampolo, che ballò la parte
sua, perchè anche lui fu giovane, e della società del suo tempo studiò i
difetti, scrisse qualche verso in proposito; donde si vede a che ufficio
la danza servisse, e come le mani, i piedi, che si palpano, si toccano,
s’intrecciano, si stringono, s’avvinghiano, siano, ed eternamente
saranno, lacci potenti d’amore. Egli stesso, numerava un per uno questi
lacci, raffigurati da altrettanti balli. La seguente lista è la più
copiosa che da noi si conosca:

      Lu quàcquaru, la starna, la scuzzisi,
    Lu savojardu, lu ’ngaggiu d’amuri,
    Lu valson, lu pulaccu, l’olannisi,
    Lu manuettu di lu stissu Amuri.
    L’ussaru, lu ’ngongò, lu tirolisi,
    Lu sursì, l’alemanna, su’ d’amuri
    Ministri, chi cci ’mbrogghianu li carti
    E fannu cchiù ruini chi ’un fa Marti.

Pedanteggiando, potrebbe discutersi sulla triplice comparsa della parola
_amuri_; però ci vuol poco a capire che essa non è fortuita, ma fatta
con arte. Se poi il lettore ha nel genere una certa erudizione che a noi
difetta, non troverà difficoltà a riportare ai nomi originali parte dei
quattordici nomi sicilianizzati di danze. Quei nomi, altronde, nei
ritrovi correvano quali erano giunti dall’estero, e bisognava sentire
con quale correttezza di pronunzia li dicesse, con quale franchezza di
tatto li insegnasse il più scrupoloso ministro d’Euterpe d’allora,
Domenico Dalmazzi.

Oh tre volte e quattro volte benedetto Maestro, che, lasciando per
Palermo la natia Genova, tante generazioni educasti all’arte che fu tua!
Morendo (1797), tu lasciasti largo compianto di fanciulle e di giovani
desiosi di danze; e chi sa che, trasportato per le vaghe regioni della
fantasia, non ti sarai, anche tu, abbandonato alle ineffabili dolcezze
sognate dal poeta, che cantava:

      Mentri ca godi grata sinfunia
    Di trummi, contrabassi e vijulini,
    E senti lu cuncertu e l’armunia
    Di citarri francisi e minnulini,
    E ammira lu ’ntricciu e la mastria
    Di li balletti e di li ballerini,
    Ed è ’ntra li piaciri tutt’astrattu
    Ogni armuzza si cogghi a lu strasattu³⁵⁷.

 ³⁵⁷ Ogni cuore vien preso all’improvviso.

     _F. Sampolo_, _Parte quarta. Lu Cavaler serventi, Cicalata_, ottave
     46 e 49. Ms. inedito, messo a nostra disposizione dal venerando
     prof. Luigi Sampolo, figlio del valoroso poeta.

Con questi ardori è facile immaginare quel che dovesse avvenire tra le
teste calde dei giovani. Ad ogni menoma occasione sorgevano contrasti;
per lievi malintesi di inavvertite preferenze nei balli, per
impercettibili violazioni di etichette, passavasi a vie estreme; e
cartelli di sfida venivano issofatto lanciati, specie nei giorni di
ridotti carnevaleschi o al giungere di qualche bella, compromettente
artista del S. Cecilia o del S. Caterina (oggi teatro Bellini).

Ai duelli, altronde, si era per antica consuetudine adusati. Al S.
Ferdinando, tra le varie discipline che s’impartivano, non mancavano le
cavalleresche. La scherma, una delle cinque piaghe, non già d’Egitto, ma
della Sicilia, lamentate dal poeta benedettino P. Paolo Catania³⁵⁸,
possedeva un abilissimo insegnante in un tal Torchiarotto. A lui faceva
codazzo uno stuolo interminabile di ammiratori; a lui si rivolgevano per
esser preparati coloro che cercavano nelle vertenze di cavalleria farsi
ragione.

 ³⁵⁸ _P. Catania_, _Theatro ove si rappresentano le miserie umane_ ecc.
     Palermo, 1665.

Una poesia, andata in giro tra gli schermidori di Palermo (1784), dà la
misura dell’ammirazione che gli professavano i suoi devoti. È una stampa
del tempo, che fedelmente ripubblichiamo:

«In lode del celebre maestro di spada D. Antonino Torchiarotto,
inventore e direttore del battimento nella contradanza allusiva alla
presa della fortezza di Algeri:

        SONETTO

      Marte, cui deve il primo onor la spada,
    Rese nel campo mille eroi guerrieri.
    Ma fra l’orride stragi agli alti imperi
    Schiude di gloria sanguinosa strada.
      Nuovo Marte tu sei, e fai che cada,
    L’audace Moro ai colpi tuoi non veri
    Formi col brando i nostri, i tuoi piaceri;
    Porti illustre vittoria u’ più ti aggrada.
      I tuoi seguaci in eleganti pruove
    Con grati giri e con maestri passi
    Spingi fra loro a belle pugne e nuove.
      Così tu vinci il natural dell’arte,
    Mentre i limiti suoi dolce sorpassi.
    Or ceda a te l’onor lo stesso Marte»³⁵⁹.

 ³⁵⁹ _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XXVIII, p. 210.

E poichè Marte ha ceduto le armi a Torchiarotto, giova avvertire che
anche nei più grossi scontri le cose non si facevano troppo sul serio,
perchè poche tracce cruente si scoprono di partite cavalleresche.



                           _Capitolo XVIII._


                _DAME BELLE, DAME BUONE, DAME VIRTUOSE._

Le donne che abbiamo qua e là, nel corso di queste pagine, incontrate,
non son le sole della società del tempo. Astri maggiori, splendenti di
luce propria nel firmamento muliebre della Nobiltà siciliana, esse
gareggiavano in attrattive di grazia dominatrice, in distinzione di
eleganza.

La vaghissima Marianna Mantegna, col suo delizioso neo sul seno
d’alabastro, ispirava al Meli la canzonetta _Lu Neu_, che contiene non
innocenti arditezze:

      Tu filici, tu beatu
    'Nzoccu si’, purrettu o neu!
    'Ntra ssu pettu delicatu
    Oh putissi staricc’eu!
      'Ntra ssi nivi ancora intatti
    Comu sedi, comu spicchi!
    Ali! lu cori già mi sbatti,
    Fa la gula nnicchi nnicchi!³⁶⁰.

 ³⁶⁰ _Meli_, _Poesie: Lirica_, ode XI, p. 38.

Gli occhi non sai se più penetranti o voluttuosi della Duchessa di
Floridia, Lucia Migliaccio, facevano battere cento cuori e penetravano
fino alle midolle del buon Poeta³⁶¹, che nella dolcissima tra le sue
dolci odi _L’Occhi_ cantava:

 ³⁶¹ _Palmieri de Miccichè_, _op. cit._, t. I, c. XI.

      Ucchiuzzi niuri,
    Si taliati³⁶²
    Faciti càdiri
    Munti e citati.
      Ha tanta grazia
    Ssa vavaredda³⁶³
    Quannu si situa
    Menza a vanedda,
      Chi, veru martiri
    Di lu disiu,
    Cadi in deliquiu
    Lu cori miu....³⁶⁴.

 ³⁶² _Taliati_, guardate.

 ³⁶³ _Vavaredda_, pupilla.

 ³⁶⁴ _Meli_, _Poesie: Lirica_, ode V, p. 35.

     Varie famiglie attribuiscono per tradizione a una loro propria
     antenata la ispirazione di questa canzonetta. La verità è questa:
     che il Meli la scrisse proprio per la Duchessa di Floridia, la
     quale, rimasta vedova, alla morte di Maria Carolina, regina di
     Napoli e Sicilia, divenne moglie morganatica, non felice nè ricca,
     di Re Ferdinando III.

Riandando con la memoria e celebrando nel suo _Gemälde_ le principali
fattezze femminili da lui viste, il prof. Hager metteva in prima linea
la Principessa di Leonforte (poi di Butera), una vera Aspasia per le sue
forme e pel suo ingegno. Beltà come la sua, nessuno tra quanti la
conobbero ricordava: e tutti dicevano dei suoi occhi di gazzella, della
sua testa scultoria, resa maravigliosa dai ricchissimi gioielli³⁶⁵. Chi
stenta a riconoscerla, la identifichi con la seconda Caterina
Branciforti, e saprà subito chi ella fosse, anche senza il ritratto che
ne fece il siculo poeta delle venustà del tempo³⁶⁶.

 ³⁶⁵ _Palmieri de Miccichè_, _op._ e _loc. cit._

 ³⁶⁶ _Meli_, _Poesie_, p. 103.

Leggiadre le signore di Calascibetta, di Villarosata, di Castelforte e
molte altre minori. Rimettendo il piede in Terraferma, sul Ponte della
Maddalena, Hager incontrava (dicembre 1796), un’ultima volta ammirando,
la simpatica Principessa di Petrulla e la Marchesa d’Altavilla, di casa,
crediamo, Bologna, accompagnate dal Marchese di Roccaforte e dal
Principino della Cattolica³⁶⁷.

 ³⁶⁷ _Hager_, _Gemälde_, pp. 57 e segg. e 235.

E lì, a Napoli, gemme l’una più dell’altra preziosa, queste dame
componevano la corona della altera Maria Carolina, confermando con la
loro presenza l’antica reputazione del tipo estetico dell’Isola: forme
giunoniche e taglie mezzane, volti rosei ed ardenti e visi
sentimentalmente pallidi, chiome dai riflessi dell’ebano alternantisi
con le bionde oro, grandi occhi neri lampeggianti allato a languidi
cerulei, quali più, quali meno, imperiosi e carrezzevoli, dalle
interrogazioni rapide e dalle meste vaghezze d’un sogno.

Esse si eran chiamate Aurora Filingeri, Maria Gravina, Caterina Bonanno:
Principesse di Cutò, di Palagonia, di Roccafiorita (1775) e Marianna
Requesen Contessa di Buscemi (1777). Scomparse dalla vita e ritratte
dalla società, ricomparivano nelle grazie delle loro incantevoli
figliuole, o congiunte, o amiche, od anche emule: Marianna e Ferdinanda
Branciforti, Principessa di Butera l’una, Contessa di Mazarino l’altra,
Stefania Bologna Marchesa della Sambuca ed Anna-Maria Ventimiglia
Contessa Ventimiglia-Belmonte (1780). Belle, superbamente belle tutte,
come la Principessa di Carini Caterina La Grua, nome che richiama ad una
forte leggenda³⁶⁸: la Duchessa di Belmurgo Rosalia Platamone, la
Principessa di Villafranca Giuseppina Moncada, la Principessa di Scordia
Stefania Valguarnera e Felice di Napoli Marchesa di Giarratana (1797),
la quale non vuolsi confondere con la Lionora.

 ³⁶⁸ Vedi nel presente vol., p. 42.

Dame d’alto lignaggio, costoro brillavano con l’ideale di loro
gentilezza nei circoli, con la prestanza di loro signorilità nel ceto,
col fasto di loro casato nelle due Capitali e fuori.

Pieni d’ammirazione per tante dive dell’Olimpo siciliano, alcuni
scrittori del tempo non sapevano far differenza tra bellezza e bellezza.
I tipi più eletti eran lì, sorriso gaio di natura, fascino potente di
uomini, invidia mal celata di donne. Profili spiritualmente greci, dagli
occhi e dalla capigliatura corvina, dai lineamenti correttissimi, quelle
dive passavano ammirate tra la folla, corteggiate tra le conversazioni.
Bartels, astraendosi talvolta dalle sue severe lucubrazioni economiche e
storiche, vide «a Palermo ed a Venezia le più splendide donne, in faccia
alle quali anche Paride sarebbe restato incerto a chi assegnare il pomo
d’oro»³⁶⁹.

 ³⁶⁹ _Bartels_, _op. cit._, v. III, p. 605.

Le figure più snelle offrivano anche allora agli osservatori stranieri
«un’idea di quelle bellezze che una volta servirono di modello a
Prassitele ed a Policleto in quest’Isola greca, e che infiammarono Aci
per Galatea». E lanciandoli fantasticamente in mezzo alle favole ed alla
storia, li richiamavano a quella siciliana che fece girare il capo ad
Eufemio, quando nel secolo IX l’Isola cadeva sotto la dominazione degli
Arabi³⁷⁰.

 ³⁷⁰ _Hager_, _Gemälde_, nella cit. vers. di M. Pitrè, p. 4.

Tra le rare onorificenze e, perchè rare, pregiate, qualcuna
concedevasene a donne, per meriti e virtù preclare.

Dopo il quarto ventennio del secolo la Marchesa Regiovanni, Sigismonda
Maria Ventimiglia, veniva insignita del sacro militare ordine
gerosolimitano con la medesima croce ed i medesimi privilegi che avean
goduto e godevano la Principessa di Valguarnera e la Marchesa
Fogliani-Malelupi. Lionora Di Napoli, Principessa e Marchesa di
Spaccaforno, indossava l’abito di Malta e la gran croce di devozione³⁷¹:
e quando ogni anno il Gran Maestro dell’Ordine mandava il solito tributo
solenne del falcone a Re Ferdinando, ella, in mezzo ai pochi cavalieri
che della distinzione si onoravano, attirava gli appassionati sguardi
della folla.

 ³⁷¹ _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XIX, p. 223; v. XX, p. 12.

Con queste, altre dame con altre insegne.

Poco prima dell’abolizione del S. Uffizio un Grande Inquisitore
viaggiava per le campagne di Sciacca. A un tratto, nel feudo Verdura,
una masnada di ladri sbuca da una macchia, lo assale ed è quasi per
finirlo. Non discosto da lui è la Duchessa Leofanti coi suoi uomini;
alle grida dell’assalito ed alle voci degli assalitori, ella, con
ardimento più che virile, accorre, investe e mette in fuga i ribaldi
salvando il malcapitato uomo. Per quest’atto la Duchessa veniva decorata
in perpetuo, per sè e per le sue discendenti, dell’Ordine cavalleresco
della SS. Inquisizione³⁷². Quella crocetta verdescuro e bianca, pur dopo
la soppressione dell’aborrito Tribunale, fregiò più d’un petto
femminile, coprì molti palpiti, oggetto di fiero, inestinguibile odio e
di viva ammirazione.

 ³⁷² _V. Mortillaro_, _Leggende storiche siciliane dal XIII al XIX
     secolo_. 2ª edizione, p. 177. Pal., Pensante, 1866.

E con le valenti erano anche le dame colte e virtuose, nelle quali
l’ardore del vero era così intenso come fecondo il culto del bello.

La spiritosa giovane Baronessa Martines metteva in musica con dolcezza
degna dell’originale qualche canzonetta che l’amabile Cantore delle
«Quattro Stagioni» scriveva per lei. Anna Maria Bonanno, ingegno pronto
e luminoso, con profondo intelletto studiava gli scelti volumi del suo
ricco studio; sì che a lei faceva omaggio della sua _Biblioteca galante_
il tipografo Rapetti³⁷³. Educando la prole alla pietà, non fu lieta dei
frutti della sua buona educazione; chè il figlio Agesilao si rendeva un
giorno colpevole di contumelie ad un Giudice del Concistoro³⁷⁴.

 ³⁷³ Firenze e Palermo, MDCCLXXVIII, p. III.

 ³⁷⁴ _Villabianca_, _Diario_ ined., a. 1797, p. 50.

Una figliuola del Principe di Campofranco, monaca in uno dei principali
monasteri, scriveva sapientemente di morale³⁷⁵: e fresca era la memoria
della povera Anna Maria Alliata, primogenita di Pietro, Duca di
Salaparuta, la quale, morendo a trentanove anni, lasciava nome di
cultrice di filosofia³⁷⁶.

 ³⁷⁵ _Houel_, _op. cit._, v. I, p. 67. Vedi pure nel vol. II di questa
     nostra opera il cap. _Monache_.

 ³⁷⁶ Gioverebbe accertarsi se fosse stata veramente indirizzata a lei la
     odicina testè pubblicata nelle _Opere poetiche_ del _Meli_, ediz.
     Alfano, p. 296:

     Vulennu farisi
     Virtù ’na cedda ecc.

Parlandosi della Principessa di Villafranca, a titolo di lode fu scritto
(1794) esser ella tutta dedita a conversazioni istruttive e ad
occupazioni ben diverse da quelle di altre donne. Il lettore prenda nota
di questa lode³⁷⁷, e si procuri le _Lezioni sulla educazione_ della
culta dama.

 ³⁷⁷ _Cannella_, _Lettre sur la littérature de Palerme_ ecc. pp. 42-43.
     A Naples. 1794. Cfr. in questo nostro vol. il cap. _Libertà di
     costume_.

Triste esperienza della vita ammaestra che gli uomini s’inchinano al
sole che nasce e voltano le spalle a quello che tramonta. Chi è in auge
od anche in ordinaria prosperità di fortuna è carezzato, corteggiato,
adulato; la sua stella declina, ed egli cade in dimenticanza. Il _Dum
eris felix_ di Ovidio si ripete assai più frequente di quel che si possa
immaginare.

Nei momenti più tristi del Marchese Fogliani, quando una turba
incosciente urlava: _Viva il Re! Fuori il Vicerè!_ pochi serbarono al
Principe contro cui s’imprecava i riguardi prodigati al Principe fino
allora regnante. Tra questi e sopra questi pochi fu una donna, la
Contessa di Caltanissetta, vedova Ruffo Moncada. Costei, degna di sue
copiose ricchezze, affrettavasi a far sapere all’afflitto Marchese che
teneva a disposizione di lui i suoi beni, e pronte a qualunque di lui
bisogno le migliaia di scudi della sua cassa³⁷⁸: offerta di anima
nobilissima, la quale aveva anche il coraggio di affrontare non pur la
impopolarità del momento, ma anche le ire della plebaglia d’allora.

 ³⁷⁸ _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XX, p. 279.

Tra tante dame che non negavano un sorriso ai lodatori e forse
s’inebbriavano ai profumi del loro eccelso casato e del sangue generoso
dei loro avi, erano donne casalinghe ed economiche, tutte cura di
famiglia: tipo non unico ma perfetto, Rosalia dei Principi di Resuttana,
che meritò un bel ricordo in un libro di viaggi del tempo³⁷⁹.

 ³⁷⁹ _Brydone_, _op. cit._, lett. XXIX.

Ad atti di religione attendeva la Consororita di S. Maria delle
Raccomandate, presso Porta di Vicari (S. Antonino). Per lungo volger
d’anni ne tennero le sorti ora Caterina Tommasi Principessa di Lampedusa
(1794), ora la Principessa di Furnari Maria Teresa Marziano (1800),
coadiuvate dalle _congiunte_. Alla Principessa Maddalena Gravina vedova
Rammacca e a Bernardina Oneto di S. Lorenzo (1794) seguivano la vedova
Duchessa di Castellana Antonia Bonanno (1795), la Baronessa Teresa
Schittini e la Principessa d’Aragona Marianna Naselli-Agliata (1798-99);
ed a queste Stefania Branciforti Principessa di Scordia (1800), sempre
piene di fiducia nella perpetua tesoriera vedova Principessa di S.
Giuseppe, Maria Barlotta.

Il numero delle vedove nella pia congrega fa pensare ai disinganni della
vita dopo le grandi sventure, per le quali il bisogno di conforto
religioso si fa più che mai imperioso, e le pratiche divote si levano
dal semplice misticismo al più profondo sentimento di Dio. Non abbiamo
le fedi di battesimo e di stato civile delle altre nobili consuore, ma
ci sentiamo quasi autorizzati a credere che tra esse non erano, poche
eccezioni fatte, nè giovani, nè ragazze, nè donne, alle quali più
sorridessero gioie di idealità avvenire.

Presso che ignoto l’uso moderno dei comitati. Il bene, chi sentiva di
doverlo fare, sapeva dove e come farlo. Tuttavia, eccezionalmente, un
Comitato misto di signori e di signore s’incontra verso la fine del
secolo. Nel luglio del 1796 l’Arcivescovo e Presidente del Regno Lopez y
Royo, affine d’ingraziarsi la Corte, nominava una commissione di dame,
di cavalieri e di mercanti che raccogliesse danaro tra i nobili ed i
civili a favore del Re. Col Pretore Principe del Cassaro era la
Pretoressa Felice Naselli, col Capitan Giustiziere Conte di San Marco la
Capitanessa Vittoria Filingeri nata Agliata, e Rosalia Di Napoli
Marchesa di Montescaglioso e la Principessa della Trabia Marianna
Branciforti Lanza, alla quale la carità non era impedimento negli uffici
di Dama della Regina, come non pareva distrazione alla passione, che in
lei si disse potente, pel giuoco.

La somma che questo Comitato potè mettere insieme fu cospicua, ma chi si
fosse trovato a sentire coloro ai quali chiedevasi una contribuzione, si
sarebbe senz’altro turate le orecchie.

Non un libro d’oro ci ha tramandato coi nomi le opere di codeste donne;
anzi i nomi stessi ci mancano, perchè molte di esse si restavano
nell’ombra. Giornali che le mettessero in evidenza non c’erano: e la
cronaca mondana correva orale piuttosto che stampata e divulgata come
ora tra i curiosi e gli sfaccendati. Eppure a noi è consentito affermare
che se non furono tutte Veneri le belle, la beltà di molte fu fine e
soave; se non eroine le buone, la loro benemerenza, chi se l’acquistò,
non fu fittizia nè bugiarda. Molte le creature deboli e leggiere, ma
molte anche le forti: e di fronte ad amori avventurosi, quali comportava
con la suggestione la triste morbosità dei tempi, vi ebbero affetti
elevati, che alle ebbrezze chimeriche contrapposero serenità ragionevoli
ed alle seduzioni materiali del corpo le sublimi idealità dello spirito.

Veniamo ora alle dolenti note dell’ambiente nel quale donne belle ed
avvenenti poterono non partecipare all’esercizio delle virtù ed esserne
distratte dalla influenza d’allora.



                            _Capitolo XIX._


                   _LIBERTÀ DI COSTUME, CICISBEISMO._

La storia non mai scritta della vita siciliana offre, per la seconda
metà del settecento, lo strano e quasi incredibile fenomeno d’una certa
rilassatezza di costume. Si tratta d’un lungo episodio — chiamiamolo
così — del poema morale dell’Isola, e bisogna rassegnarsi a percorrerlo
anche quando l’amor proprio di chi scrive e di chi legge ne resti
mortificato per la tradizionale aureola di rigidezza onde ogni buon
isolano si abbella. Per fortuna, gli attori dell’episodio sono,
relativamente alla popolazione intera, di numero sparutissimo, e di
quasi una sola classe.

Siamo dunque nello scorcio del secolo XVIII. La moda straniera, come
diremo, valicando monti e mari, veniva ad assidersi sovrana tra l’eterno
femminino della Capitale. La galanteria francese con orpelli ed insidie
tutto informava il costume dell’alta classe e, per imitazione, o per
esempio, o per contagio, della media.

La libertà di fogge e di maniere, come sprigionata dalle secolari
pastoie, veniva arditamente fuori in non corrette manifestazioni. La
Francia era la gran tentatrice, e le sue lusinghe giungevano apertamente
o sottomano. Dalla Francia un galateo non prima sognato, dalla Francia
libri ed oggetti licenziosi. Le autorità civili e le ecclesiastiche
vigilavano zelantissime, confondendo sovente il male reale col male
immaginario, il bene assoluto col bene relativo; ma i loro occhi d’Argo
e le loro braccia di Briareo non riuscivan sempre ad impedire relazioni
occulte di commercio malsano, o creduto tale³⁸⁰. E che cosa, d’altronde,
non poteva penetrare in città, quando in una sola volta, non meno di
venti forestieri residenti in Palermo, usciti col pretesto di andare a
bere un thè sopra un legno straniero ancorato nel porto, ritornavano di
pieno giorno, carichi di preziose merci di contrabbando?³⁸¹. Nel 1782 si
riusciva a metter le mani sopra non so quanti ventagli giunti intatti da
Parigi. Due anni dopo, per ordine dell’Arcivescovo Sanseverino, non so
quanti altri, con figure che facevano arrossire anche i libertini, ne
ardeva il boja; e nel 1790 si diffondevano davanti alla polizia figure
che erano il colmo della sconcezza. Pure il malcostume al quale si
chiudeva la porta entrava per la finestra; e le frequenti arsioni di
merci proibite non impedivano che si facessero strada costumanze
licenziose; anzi esse diventavano patrimonio comune appunto quando le
autorità si moltiplicavano nello sbarrar loro la strada.

 ³⁸⁰ Vedi il cap. VIII, {p. 133}.

 ³⁸¹ _Bartels_, _op. cit._, v. III.

Le prime conseguenze della inconsulta condotta del Governo le risentiva
la educazione, non più madre, ma madrigna; la quale preparava un
avvenire poco edificante per le donne anche delle buone famiglie.
Mentre, secondo Brydone, prima della celebrazione delle nozze non era
permessa domestichezza di sorta tra i giovani dei due sessi in Italia,
le signorine palermitane, disinvolte, affabili senza affettazione,
cominciavano a rallentare la severa consuetudine di stare ai fianchi
delle mamme. Mentre queste in Continente conducevano le figliuole in
società guardando non al diporto, ma al secondo fine di disporle al
matrimonio, pur sempre paurose che esse non venissero loro ad ogni
istante rapite, o che prendessero la fuga; in Sicilia mostravano una
certa confidenza nelle loro figliuole, e permettevano che il loro
carattere si svolgesse e maturasse³⁸².

 ³⁸² _Brydone_, _op. cit._, lett. XXIX.

Bartels volle indagare lo spirito di questa nuova educazione, e ne trovò
le ragioni, alle quali facciamo larghe riserve. Ecco in proposito una
sua pagina, che gioverà come informazione, ma non già come
apprezzamento; perchè, alla maniera di altri del medesimo genere, questo
apprezzamento non corrisponde tutto alle condizioni del paese di allora.

«Il tenore di vita di società è libero e piacevole, e più leggiadro per
le nubili, le quali in tutto il resto d’Italia non compariscono mai. Qui
non si guarda più che tanto alla età acconcia a prender parte ai piaceri
del mondo. Una filosofia ben intesa, non più offuscata da principî
religiosi, ha preso piede fermo nella Capitale dell’Isola: e già si
riconosce quanto sia pericoloso per una ragazza ignara della vita il
passaggio improvviso dalla oscurità del chiostro alla luce abbagliante
del mondo, tanto più pericoloso in quanto il temperamento, per ragione
del clima, è ardente. Qui per le ragazze si stima necessaria la entrata
prematura in società, acciò non manchi in esse la conoscenza dei
pericoli stando ancora sotto la direzione dei genitori. Nè accade
fermarsi sulle particolarità di quest’argomento, perchè basta solo il
fatto che qui, come altrove in Italia, usa il cavalier servente, e che
per passione irrefrenata il palermitano cerca di spendere quanto più
può, e, in ogni occasione, di primeggiare. Così la madre non si occupa
assolutamente della educazione dei figli, i quali, com’è ovvio supporre,
non avranno alla loro volta imparato nulla. Però incontra in Palermo ciò
che non incontra fuori, in Italia: una ragazza che possa facilmente dare
un passo falso: e questa è conseguenza naturale della conoscenza precoce
dei piaceri mondani; conoscenza che, trovando la ragazza un cotal poco
emancipata dalla sorveglianza paterna e materna e completamente
abbandonata a se stessa, dà ad essa agio di profittare dei molti
godimenti.

«Non è pertanto a dubitare della influenza che questa pratica debba
esercitare sulla salute di lei, e del come essa sia ragione degli
infelici matrimonî che si contraggono, della rovina dei mariti e della
nervosità delle mogli»³⁸³. Al che concorrevano anche e in alto grado gli
sposalizî anticipati dei quali abbiam fatto cenno³⁸⁴, e pei quali, mogli
a dodici, quattordici anni di età, erano nonne a trenta³⁸⁵.

 ³⁸³ _Bartels_, _op. cit._, v. III, pp. 597-99.

 ³⁸⁴ Vedi a p. 275.

 ³⁸⁵ _Brydone_, _op. cit._, lett. XXII. — _Hager_, _Gemälde_. — _Meli_,
     _Poesie_, p. 87.

Durante ventun anno (1767-1787) tre tedeschi ed un francese scrissero in
termini niente lusinghieri delle donne palermitane; ed è notevole che i
loro giudizî indipendenti l’uno dall’altro, non presentano carattere
d’imitazione. Cominciò primo Riedesel dicendo che esse erano in preda ad
una grande libertà, e che i mariti s’avviavano a spogliarsi della
vecchia gelosia³⁸⁶. Goethe, non già perchè portava al petto come un
breviario il viaggio di Riedesel, ma perchè pensava con la sua testa e
vedeva coi suoi occhi, notava che le persone all’occorrenza si
corteggiavano a vicenda³⁸⁷. Terzo, un anonimo francese, facendo un passo
avanti, affermava essere soprattutto le donne che fornivano aneddoti
alla cronaca scandalosa³⁸⁸; e quarto, e malauguratamente non ultimo,
Bartels, passando il segno, imprimeva delle vere stimmate all’alto
femmineo sesso³⁸⁹.

 ³⁸⁶ _Riedesel_, _op. cit._, p. 121.

 ³⁸⁷ _Goethe_, _op. cit._, lett. del 3 aprile 1787.

 ³⁸⁸ _Lettres_, p. 346. A La Haye, MDCCLXXVII.

 ³⁸⁹ _Bartels_, _op. cit._, v. III, p. 581.

Queste ed altre accuse generali ci preparano a qualche notizia, meno
vaga per i luoghi e le date.

Il grande laboratorio, la fucina diciamo così, degli articoli onde si
componeva il nuovo o recente galateo sorgeva fuori la città chiusa. La
Marina era l’attrattiva più potente di chi amasse divertirsi senza
troppi scrupoli di.... morale.

Brydone, impressionato della sfrenata passione degli abitanti per le
pubbliche passeggiate, scriveva:

«Siccome i Palermitani in estate sono obbligati a mutare la notte in
giorno, il concerto musicale non principia prima della mezzanotte. Il
tocco è il segnale perchè i virtuosi diano fiato ai loro strumenti per
la sinfonia. A quell’ora la passeggiata formicola di pedoni e dì
carrozze, alle quali, perchè sian meglio favoriti gl’intrighi amorosi, è
vietato, qualunque sia il grado della persona, di portare lumi. Questi
vengono spenti a Porta Felice, ove i servitori attendono il ritorno de’
loro padroni: e tutti i passeggianti restano un’ora o due nelle tenebre,
a meno che le caste corna della luna, insinuandosi ad intervalli, non
vengano a dissiparle. Il concerto finisce verso le due del mattino, e
tutti i mariti rincasano a trovare le loro mogli.

«Questa usanza è ammirevole [vedi un po’ che cosa vuol dire viaggiatore
giovane, come era il nostro inglese!] e non cagiona scandali. Un marito
non rifiuta mai alla sua metà il permesso di andare alla Marina; e le
signore per conto loro son tanto circospette che spessissimo coprono il
viso con maschere»³⁹⁰.

 ³⁹⁰ _Brydone_, _op. cit._, lett. XXII.

Questo passo, per la crudezza delle affermazioni, è d’una estrema
gravità. Giammai nulla di simile era stato detto in proposito. Vietati i
lumi, che perciò si spegnevano a Porta Felice, la Marina rimaneva al
buio completo, come quello che meglio favorisse gli amori. Le signore
potevano andarvi senza i mariti, ed alcune anche mascherate.

Invero, non c’è da rimanere edificati! Ma è poi vero codesto? Il Conte
de Borch, che scrisse per controllare il viaggio di Brydone, spiega così
l’affare dei lumi: «Siccome la maggior parte dei nobili di sera si reca
alla Marina in veste da camera e le donne in semplice mussola bianca, si
ha tutta cura di non far entrare fiaccole accese; altronde, non se ne ha
bisogno, perchè la bella luna riflettendosi sul mare illumina tutto
d’intorno.

«Io, aggiunge, non mi farò il paladino della galanteria delle donne, qui
come altrove civette; ma sostenere che vi sia una legge positiva, un uso
pubblico stabilito che protegga il disordine, e questo abuso siasi
mantenuto da tempo immemorabile, è per me quanto di più assurdo si possa
immaginare»³⁹¹.

 ³⁹¹ _De Borch_, _op. cit._, t. II, pp. 132-33.

Il nobile savoiardo disegna con matita di rosa il paesaggio che il
viaggiatore inglese avea disegnato col carbone; ma la matita di rosa non
illumina la scena; e resta di fatto: che se non c’era una proibizione
ufficiale di lumi, c’era una consuetudine per la quale carrozze, sedie
volanti ed altri veicoli uscivano a lumi spenti nell’allegra piazza.
Mutate le parole, le cose suppergiù restano. Nell’Archivio del Comune, a
farlo apposta, non siamo riusciti a trovare documento di un solo fanale
in quella piazza. Altri forse lo troverà. La pubblica illuminazione,
principiata in Palermo nel 1746, quando ancora molte metropoli d’Europa
(lo dicono quelli che venivano dall’Estero, non lo diciamo noi) erano
allo scuro, non si estese oltre alle due vie principali, e quando vi si
estese non ebbe premure per la Marina, che, proprio nel secolo XVIII,
restava a discrezione della luna e degli _habitués_.

I viaggiatori di quello scorcio di secolo ripetono la notizia del
Brydone, non per sentita dire, ma per vista personale. Tutti furono a
Palermo, tutti assistettero alla scena; qualcuno solo ne trasse
particolarità che si prestano a sfavorevoli discussioni.

Il lettore abbia pazienza di proseguire con noi la galante rassegna.

Per un italiano del 1776, che non volle farsi conoscere, «la Marina è la
passeggiata universale ed il convegno della sera. La Polizia ne vieta
l’accesso alle fiaccole [non sarà stata la Polizia, sarà stato l’uso].
Al coperto d’una oscurità fitta passeggiano i mariti gelosi ed i timidi
amanti, nascondendo gli uni i loro possessi, attutendo gli altri le loro
fiamme. Ho visitato più volte queste tenebre misteriose, e non son
rimasto mai senza una certa penosa emozione alla vista del turbamento
che suole sempre accompagnare la felicità dell’uomo»³⁹².

 ³⁹² Un Voyageur italien, _Lettres_, lett. 16 ottobre 1776.

Che cosa debba intendersi per «possessi dei mariti gelosi» cerchi di
indovinare chi ci sa ben leggere! Noi procediamo oltre.

Per un altro scrittore del medesimo tempo la faccenda non è diversa.
L’abate de Saint-Non, persona colta e senza scrupoli, rilevava (1778):

«_La promenade charmante_ è un convegno dove nessun palermitano rinuncia
a fare un giro prima di andare a letto. Pare un sito privilegiato con
indulgenza plenaria per tutto quel che vi avviene, e pare altresì che i
Siciliani abbiano per esso dimenticato a tal segno la loro naturale
gelosia da proibire le fiaccole e tutto ciò che possa recare incomodo
alle piccole libertà clandestine. Molto difficile sarebbe darsi ragione
di siffatta singolarità, se non si sapesse già che essa, facendo
partecipare tutti ai medesimi vantaggi, soffoca e fa cessare le
mormorazioni di quei gelosi che per essa soffrono tormenti. Qui regna la
oscurità più misteriosa e la meglio rispettata: tutti vi si confondono e
smarriscono, tutti vi si cercano e vi si trovano»³⁹³.

 ³⁹³ _De Saint-Non_, _op. cit._, t. IV, p. I, p. 142.

A brevi intervalli noi possiamo con altri viaggiatori visitare il
piacevole ritrovo. Possiamo farlo col tedesco Bartels (1787), e
troveremo inalterata l’usanza della spengitura delle fiaccole, che
«senza etichetta, senza gelosia e con gentili scherzi» concorre a
rendere più brevi le notti³⁹⁴. Possiamo farlo col Cav. de Mayer (1791):
e se ci recherà fastidio la polvere sollevata dalle vetture,
confessiamolo candidamente: non è per la polvere in se stessa, ma perchè
la polvere «nuoce ai piaceri della sera»; e piaceri sono «il fresco, il
_laissez aller_, la libertà, gl’incontri»³⁹⁵. Possiamo farlo con altri
ancora; ma che più, a fronte di testimonianze così concordi?

 ³⁹⁴ _Bartels_, _op. cit._, v. III, p. 554.

 ³⁹⁵ _De M[ayer]_, _op. cit._, lett. XV.

E le donne mascherate? Queste si, lasciamole alla responsabilità di
Brydone, che nessuno ne parlò mai e prima e dopo di lui. Solo la
tradizione ne fa timido cenno, accusando certe illustri dame (e dice tre
nomi), le quali a nascondere infedeltà colpevoli avrebbero ricorso al
mal sicuro espediente.

E del resto, perchè questo sotterfugio quando gli stessi italiani in
Palermo giudicavano preoccupazione non necessaria quella delle donne
borghesi di coprirsi del manto nero?³⁹⁶

 ³⁹⁶ Un Voyageur italien, _op. cit._, p. 19, nota. — _Lettres sur la
     Sicile par un Voyageur italien à un de ses amis._ Amsterdam,
     MDCCLXXVIII.

Ed ora, lasciamo il costume estivo della Marina, tanto esso non è se non
una delle molteplici esteriorità della vita palermitana, e veniamo ad
altro.

Siamo nel 1800. La Famiglia reale di Napoli è in Palermo. Il Duca du
Berry, con un seguito di brillanti ufficiali, arriva nel nostro porto e
viene a chiedere la mano d’una figliuola di Ferdinando III. Maria
Carolina è a Vienna e la si attende da una settimana all’altra. Il
signor d’Espinchal, uno degli ufficiali, senza perdere un solo dei
divertimenti della giornata, prende nota di quel che fa e di quel che
vede. Ecco una delle sue note:

«Maria Amelia ha diciott’anni: figura molto gradevole, ma nulla di
particolare in un paese dove di beltà non è difetto. Le sue maniere
dolci, gentili, timide anzichè no, ritraggono dalla etichetta troppo
affettata della Corte, in contrasto delle costumanze molto rilassate
della Sicilia».

Appressavasi l’estate: e la ducale comitiva francese passava la notte
tra le numerose conversazioni della città, nelle quali splendevano donne
eleganti e graziose, «dedite ai balli, alla Marina, ai passatempi
abituali in questo paese dolcissimo». La Flora era «il ritrovo delle più
belle donne della città, _des intrigues amoureuses_». Le dame,
appassionate pel fasto e per gli ornamenti, amavano «le feste, i
piaceri, e soprattutto _les intrigues de coeur, leur passetemps
habituel_, così che gli stranieri consideravano Palermo «come l’Eldorado
di Europa».

Dopo quattro mesi di attesa, non inutile per nessuno: non per il Duca
che, a buoni conti, passava buona parte del giorno presso l’Amelia, non
per la sua compagnia, che divideva gradevolmente, troppo gradevolmente,
il suo tempo tra le visite ai monumenti e quelle alle conversazioni; si
fu costretti a partire.

D’Espinchal, che è il solo cronista di quei giorni avventurosi, evocava
«le deliziosissime ore passate in questa città incantatrice, dove i
capricci della graziosa e vaga Duchessa di Sorrento aveano tali fascini
da render veramente felice chi vi si sottoponesse; dove era la Marchesa
Aceto, più costante in amicizia che in amore, e la bella, altera e
superba Principessa di Hesse, ai cui desideri tutti servivano
specialmente in amore, del quale ella era una delle più ardenti
sacerdotesse»³⁹⁷.

 ³⁹⁷ _D’Espinchal_, _op. cit._, pp. 48-50, 64.

Ma d’Espinchal era giovane, e la sua accesa fantasia poteva dar corpo
alle ombre, ed attribuire a molti il facile godimento di pochi, tra i
quali era pur lui. Tuttora giovane, benchè persona molto seria ed
artista di grande valore, l’architetto Houel che, visitando la casa del
Principe di Campofranco, rimaneva sorpreso di trovarvi più libertà che
in Francia³⁹⁸. Giovane e maldicente quell’altro ufficiale francese
Creuzé de Lesser che trovò «la Marina la passeggiata del miglior tono
specialmente di notte, ove si danno i ritrovi d’ogni genere»³⁹⁹: tutti e
tre da noi chiamati a testimonî stranieri nella non bella causa di
moralità.

 ³⁹⁸ _Houel_, _op. cit._, t. I, p. 67.

 ³⁹⁹ _Creuzé de Lesser_, _op. cit._, p. 109.

Più che straniero, poi, il figlio del Sultano del Marocco, Mohammed Ben
Osman, assistendo nel gennaio del 1783 ad una festa da ballo al Palazzo
Vicereale, si dichiarava scontento della libertà delle donne, «vedendole
comandar dappertutto gli uomini», dai quali esse «erano poco men che
adorate»⁴⁰⁰. Volgiamoci pertanto ai non giovani ed a Siciliani, anzi a
Palermitani, che non avevano ragione di esagerare, anzi dovevano aver
tutto l’interesse di attenuare ciò che non faceva loro onore.

 ⁴⁰⁰ _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XXVII, p. 394.

E qui con amaro sorriso presentasi l’abate Meli. Nessuno più civilmente
di lui studiò la società del tempo, nessuno la ritrasse con maggior
fedeltà; l’opera sua quindi rispecchia quella vita. Più e più volte lo
sdegno del poeta eruppe contro la leggerezza dei suoi contemporanei; e
l’apparente sua festività era collera, tanto più grave quanto viva era
la interna lotta ch’egli dovea sostenere per non offendere il ceto nel
quale egli, medico retribuito e poeta carezzato, vivacchiava. Tutta, col
Meli, si percorre dispettando la scala di questa galanteria: dalla
misteriosa trasparenza dei veli che volevan coprire il collo delle
ragazze alla procace evidenza dei seno delle maritate, dalla furtiva
occhiata della monachella al fremito inverecondo della donna mondana.

Ecco qua la _Moda_. Tra le malattie in voga predomina quella dei
deliquî, pretesto all’amore, e certe smorfie per accreditarli; si finge
di

      Trimari d’un cunigghiu, anzi sveniri,
    Sfùjri li corna di li babbaluci,
    Ma di l’autri mustàrrinni piaciri.

Si gioca a carte: guerra di spade, bastoni e dardi d’amore; nubili,
mogli e vedove, tutte posson dirsi paghe e contente, in quanto

      A un latu ànnu l’amanti o niuru o biunnu,
    Secunnu lu capricciu, e all’autru latu
    La sfera, lu quatranti e mappamunnu⁴⁰¹.

 ⁴⁰¹ _Meli_, _Poesie: Lu Cafeaus_, p. 137.

Ecco _Non cchiu Porta Filici_. L’estate è finita, cessata è la Marina, i
nobili tornano assidui alla conversazione del palazzo Cesarò, dove tra i
due sessi

      Si tratta a la francisa,
    Nun su’ nenti gilusi,
    Su’ tutti afittuusi,
    Nun c’è nè meu nè tò.
      Per iddi è impulizia
    Qualura la sua dama
    'Un joca, ’un balla, ’un ama.
    Ma fa lu fattu sò.
      Anzi taluni stilanu
    Chi lu maritu va,
    Pri stari in libertà,
    Unni la mogghi ’un c’è.
      Hannu morali a parti;
    La liggi sua briusa
    'N’è nenti scrupulusa,
    Ognunu fa per sè.

E come la libera moda ha riconosciuto naturale l’uso di prendere a
braccio la prima ballerina che s’incontri a passeggio, così per questa
si spende e si spande⁴⁰².

 ⁴⁰² _Meli_, _Poesie: Ma chi pittura_, p. 372; _Nun cchiù Porta Filici_,
     p. 89.

Ecco _Ma chi pittura!_ Il buon Meli, disgustato delle scene alle quali
gli tocca assistere, pennelleggia le condizioni dei tre ceti. A lavoro
finito, egli non ha il coraggio di dare alle stampe la sua poesia, e la
lascia manoscritta. È carità di patriota, o incontentabilità d’artista?
Nol sappiamo; però è certo che in essa vuolsi vedere un documento di
quella vita che non ha avuto ancora un illustratore con le vedute
moderne.

In Palermo tutto vede bizzarria e sfacciataggine il poeta; la vanità
regna immoderata:

      Nun c’è vergogna,
    Nun c’è russuri,
    Pocu è l’onuri
    E l’onestà.

La desiderata Marina è sempre il luogo favorito di certa gente. L’amore
vi assume carattere di liberalità; la gelosia ne fugge; e se vi fa
capolino, vi è, come avanzo di barbarie, derisa. Ogni donna — continua
piacevoleggiando, il poeta — ha il suo amante e chi non ne ha, potrà
occhieggiando procurarselo; e allora complimenti a tutt’andare, e subito
confidenza.

      Chi tocchi amabili,
    Chi duci vezzi,
    Chi pezzi pezzi
    Lu cori sfa!

Le vesti di queste donne sono scollacciate quali si addicono al tratto,
che la moda impone libero dai vieti pregiudizî di dignitoso riserbo
nelle donne, di sommo rispetto alle mogli altrui. Tutto questo al buio,

      A la francisa,
    Senza cannili:
    Chistu è lu stili
    Di la cità.


E sempre nella fortunata piazza,

      E specialmenti
    La siritina
    'Ntra la Marina
    C’è libertà.

E così, sempre alla Marina, ove Palermo, la Sicilia, accentra quanto del
suo peggio moderno abbia mandato Parigi:

    Chista è la Francia
    Di sta Marina⁴⁰³.

 ⁴⁰³ _Meli_, _Poesie: In lodi di la Flora_, p. 77; _Ma chi pittura!_ pp.
     372-74.

Se così è al palazzo Cesarò, nelle case private, ai pubblici passeggi,
che c’è mai da aspettarsi altrove? L’ambiente è sempre uno: tutti lo
respirano, e vi prosperano.

Queste le scene reali che tuttodì cadono sotto gli occhi del Meli.
Cent’anni dopo, un dilettante di lettere, dovea venire a battezzare
«arcade di buona fede» il poeta che così aveva scritto!

Un prete contemporaneamente cantava:

      Oggi viju introdutta certa usanza,
    Chi pari chi cci sia qualchi indecenza;
    In ogni casa, cui canta, cui danza,
    Va pri li pedi pedi l’Eccellenza.
    Nun si vidi cchiù un quatru ’ntra ’na stanza,
    Cu cornacopi speddi (_finisce_) ed accumenza.
    Li credituri e la povira panza
    Sunnu custritti a fari pinitenza⁴⁰⁴.

 ⁴⁰⁴ _Melchiore_, _Poesie_, p. 104.

E non isfuggirà a nessuno il _calembour_ della cornucopia.

Il Villabianca, raccogliendo le voci popolari del tempo in cui il
Regalmici faceva sorgere la Flora, mentre prima avea pensato ad un
camposanto o carnaio (_carnala_), osservava che:

      La carnala fu in flora a commutari.
    Acciò ’ntra chiddi fraschi e ddi virduri
    Putissiru li vivi agumintari;

dove l’allusione è così trasparente che viene spontanea alle labbra la
casta invocazione:

    Musa, deh copri di benigno velo
    L’incauta scena....

Quando poi la licenza si traduceva in fatti scandalosi, il medesimo
Villabianca, acceso di sdegno contro coloro che ne erano gli attori,
usciva in una invettiva che è forse la più sanguinosa ch’egli abbia
lanciata contro la moda del libertinaggio, contro le famiglie che ne
inalberavano la bandiera, contro la società che tollerava siffatte
vergogne. Noi stessi, non osiamo riferirla⁴⁰⁵. Nè l’Arcivescovo Serafino
Filangeri, Presidente del Regno, era stato meno severo⁴⁰⁶.

 ⁴⁰⁵ _Diario_ ined., a. 1798, p. 412.

 ⁴⁰⁶ Vedi bando del 13 ottobre 1774.

Prove indirette di questa realtà di cose potrebbero sorgere da
particolari indagini da farsi sull’argomento in archivi speciali. Nei
diversi reclusorî d’allora molte nobili e civili signore venivano
ospitate. Quante le une? quante le altre? quali di spontanea loro
volontà? quali per volere di parenti o per ordine superiore? Giacchè,
per citare un solo esempio, se tra il 1770 ed il 1804 meglio che
quattordici grandi titolate entrarono nel solo Conservatorio della
Divina Provvidenza (Suor Vincenza) a Porta S. Giorgio⁴⁰⁷, bisognerebbe
cercare quali lo fecero, se alcuna ve ne fu, per propria elezione, quali
_obtorto collo_. In quel ritiro, come negli altri simili d’allora,
nessuna dama andava a chiudersi senza gravi ragioni, e queste non
potevano non essere d’indole estremamente delicata: o che i doveri
coniugali avessero, per passioni inconsiderate, ricevuto qualche colpo,
o che la condotta del marito si riflettesse sulla moglie, la quale,
appunto perchè donna, rimaneva esposta alla solita maldicenza, che
talora risparmia l’uomo notoriamente infedele ed accusa la donna forse
lievemente indiziata di colpevolezza, quando non del tutto innocente.

 ⁴⁰⁷ Un minuto spoglio di registri delle commoranti in questo Reclusorio
     mi ha favorito, per graziosa raccomandazione del Presidente di
     esso, sig. Ing. Giovanni Biondolillo, l’archivista avv. S.
     Minutilla.

E se le quattordici dame, che pur tenevano ai loro servizi ciascuna le
sue cameriere, rappresentavano l’undecima parte delle ricoverate in quel
Reclusorio, quante saranno state le civili, maritate o vedove, che per
le medesime ragioni vi convivevano?

Con questa vita e con queste abitudini è facile comprendere come potesse
nella Capitale farsi strada il cicisbeismo, che tra le cattive fu la
peggiore delle mode. Non si cerchi nel popolo, perchè la rigidezza della
sua morale e quella gelosia che, per quanto esagerata da viaggiatori e
da romanzieri, era ed è sempre intensa, mal ne avrebbe comportato le
libere pratiche⁴⁰⁸. Il _cicisbeo_, o meglio, il _cavalier servente_
(giacchè solo con questa parola si conosce la brutta cosa nel popolo)
non esistette mai o, piuttosto, esistette solo di nome; il vero servente
nacque, potè prosperare nelle alte sfere sociali. Brydone, quelle sfere
le conobbe in Palermo, e trovò «generale anzi che no» la istituzione.
Bartels, senza circonlocuzioni e sottintesi, ne confermava, come in
altre parti d’Italia, l’usanza⁴⁰⁹; e tanto era comune che il non
trovarne in qualche famiglia parve lodevole eccezione. L’ab. Cannella
ascrisse a vanto della Principessa di Villafranca l’avere ella scelto un
dotto sacerdote per la conversazione, in luogo d’un cicisbeo che le
facesse la corte⁴¹⁰; mentre, al contrario, un’altra giovane Principessa
non seppe rinunziare all’ordinario conforto d’un vagheggino (un
principone d’alto lignaggio) alla notizia che il marito fosse stato
catturato dai corsari barbareschi; vagheggino, ch’essa si tenne schiavo
d’amore in Napoli e in Palermo, come il Reggente si tenne schiavo di
pirateria in Algeri il non più giovane marito di lei⁴¹¹.

 ⁴⁰⁸ Un nobile ed ardito siciliano lasciava scritto: «L’amore è tutto in
     Sicilia. Feroce nel popolo, esso perde sempre del suo colore scuro
     salendo i diversi gradini della società, fino alla nobiltà, dove
     prende nome di galanteria, od anche altro nome che suona men bene.
     Cagione d’assassinî in quello...» _Palmieri de Miccichè_, _op.
     cit._, t. I, ch. XL.

 ⁴⁰⁹ _Bartels_, _op. cit._, v. III, p. 598.

 ⁴¹⁰ _Cannella_, _Lettere_, pp. 42-43.

 ⁴¹¹ _Villabianca_, _Diario_ ined., a. 1797, p. 191. Questo nobilissimo
     cicisbeo era il Principe di Roccaromana Capua.

Se riflettiamo un po’ sopra queste cattive tendenze, verremo alla
dolorosa conclusione che vi son simpatie non approvate dalla legge
civile, vietate dalla ecclesiastica, le quali, secondo alcuni, non
intaccano certi articoli del decalogo. La educazione d’allora, parliamo
sempre del settecento, era, ahimè! troppo progredita perchè potesse
arrestarsi a proibizioni, riconosciute grette da quella società.

Il cavalier servente guardava con serenità calcolatrice la perdita del
tesoro che era suo; e seguiva istintivamente, forse senza conoscerla la
dantesca Semiramide,

    Che libito fe’ licito in sua legge.

Simile ad accorto capitano, egli dalla effimera perdita traeva ragione e
forza a conquiste, tanto facili quanto meno consentite o permesse. Una
fortezza che si perdeva, ne faceva supporre una che si vincesse; anzi la
fortezza perdevasi appunto perchè il capitano, niente premuroso di essa,
era alienato dagli stratagemmi di guerra necessarî ad espugnarne altra.
Ed a questa, espugnatala, egli consacrava se stesso, ogni sua cura, dal
primo istante in cui questo giovin signore, compagno del «giovin
signore» lombardo del Parini, riapriva gli occhi al sole già alto, al
far del nuovo giorno, in cui li chiudeva stanchi al sonno pertinace. Ad
essa e per essa spendeva, senza riguardi a conseguenze economiche, le
sostanze che aveva, se pure le aveva. Egli la custodiva, la teneva di
conto, ne visitava ad ore determinate gli angoli più recessi, e
l’addobbava e adornava di sua mano; giacchè a lui, solamente a lui, era
dal nuovo codice galante fatto diritto di accedere, padrone e servo,
signore e vassallo, cavaliere e valletto, capitano e soldato, là dove
codici oramai fuori moda non consentiron mai di levare gli occhi, non
che di mettere i piedi o di alzare le mani.

Usciamo di metafora.

Il cicisbeo era sempre in pieno esercizio in molte case signorili, in
quelle specialmente dove la cascaggine dei zerbinotti e le smancerie dei
ganimedi si credevano così innocue da limitarsi a leziosi inchini, e,
tutt’al più, a languide occhiate. Se qualche puritano ne faceva le
maraviglie, c’erano i non puritani, persone di mondo, che trovavano
opportuno lasciar fare.

Alla fin fine, che cosa è il cicisbeo se non un cavaliere della
galanteria, che volontariamente si rassegna ai capricci d’una bella o
d’una brutta dama? Come ellera all’albero, così egli si attacca a lei;
nè l’abbandona mai quando ella esce per la messa, per le prediche, per
le passeggiate, quando va al giuoco, ai ricevimenti, agli spettacoli.
Ella non va senza di lui, e quando la s’incontra è impossibile che egli,
vagheggino fedele, in ogni guisa non si adoperi a tenerla divertita e
soddisfatta di sua corte. A villeggiatura, in luogo solitario, legge
alla signora Metastasio, e spiega Voltaire e Rousseau⁴¹². C’è da
stupire, che sappia far questo; ma è così.

 ⁴¹² Vedi in questo volume, p. 278.

In città, la condotta non è diversa. La femmina

      L’amicu sò sirventi
    Chi a latu fissu teni
    Càncaru! si manteni
    Cu tutta proprietà.

Nè unica nè sola è questa femmina nel costume corrente; perchè

      Teni ogni donna
    A lu sò latu
    Lu ’nnamuratu
    Cu gravità⁴¹³.

 ⁴¹³ _Meli_, _Poesie_, pp. 138-39, 373.

L’innamorato non era il cavalier servente. Quello era un infelice che
trascinava la catena d’una passione ardente; questo, felice, perchè
alieno da gelosie, sospetti, guai: distinzione fondamentale, fatta da un
testimonio del cicisbeismo. Una cicalata di Fr. Sampolo è la più sottile
psicologia del _Cavaler serventi_. Non conosciamo in proposito studio
intimo più fine, come della voce cicisbeo non conosciamo etimologia più
sicura di quella data da un vocabolarista siciliano d’allora⁴¹⁴. Solo il
cavalier servente, secondo il Sampolo, gustava i più deliziosi piaceri,
veri o fittizî che fossero. Preferibile l’amore senza amaro, com’era il
suo. La dama ed il cavaliere godevano d’una felicità senza limiti:

 ⁴¹⁴ _M. Pasqualino_ _da Palermo, Vocabolario siciliano etimologico,
     italiano e latino_, t. I, p. 316 (Palermo, MDCCLXXXV): «_Cicisbeu_,
     cicisbeo, dal franc. _ciche_, parvulus, e _beau_, pulcher».

      Accussì stannu sempri in jochi e sciali
    Senz’essiri nè amanti nè mariti;
    Guadagnanu cu pocu capitali
    Tirannu frutti, ma frutti squisiti....
    Lu gran nimicu chi ognunu avirria
    Fora la maliditta gilusia.

Ma egli questa gelosia non la conosce, e molto meno lei. La gelosia,
osserva il poeta, è morta, o presso a morire; talchè di giorno o di
notte, in pubblico o in privato, camminando o sedendo, in campagna o in
città, per tutti e due è cuccagna continua:

      Cuccagna d’ogni gustu in generali:
    La vista vidi così (_cose_) di allucchiri;
    Lu gustu tasta così curdiali;
    La ’ntisa senti cosi di ’nfuddiri;
    Lu nasu ciàura (_odora_) così essenziali;
    Lu tattu tocca cosi d’ ’un si diri;
    E l’armuzza ’mparissi assintumata
    Cci fa lu lardu, ed è tutta scassata⁴¹⁵.

 ⁴¹⁵ Potenti questi due ultimi versi! i quali voglion dire: il cuore
     fingendo (in mezzo a tanti piaceri) di svenirsi, ci ingrassa, ed è
     al colmo della soddisfazione e della contentezza.

Quello che fa difetto non son mica i piaceri; ma il tempo; chè dei
piaceri se ne ha tanti che non si riesce tutti a goderseli; bisognerebbe
allungare i giorni con le sere, le sere con le notti,

    E succedi a li voti (_volte_) e forsi spissu
    Chi pàrinu cchiù jorna un jornu stissu.

Potrebbe osservarsi che non varrebbe la pena di perdere il sonno per
passatempi di siffatto genere; ma chi la pensa così, aggiunge Sampolo,
non capisce che l’uomo e la donna sono come la secchia e la fune, e che
fuoco novello spegne vecchio fuoco. Un sorriso asciuga una lacrima, una
giovane ringiovanisce un vecchio, e l’amore, a chi chiude, a chi apre un
paradiso; i balli son fatti per legare le anime; e amore tesse i fili
d’argento della tela della felicità.

Con un’analisi così delicata del cuore del cicisbeo, noi possiamo
lasciare lo spinoso tema; tanto il cicisbeismo in Sicilia fu assai più
temperato che in altre regioni d’Italia⁴¹⁶, e se si protrasse anche fino
ai primi del sec. XIX esso non fu se non l’ombra di se stesso. Heinrich
Westphal, che si volle nascondere sotto il pseudonimo di Tommasini,
parlando del nostro Cassaro, potè nel 1822 vedere soltanto questo: che
«nelle botteghe di galanteria entrano donne elegantemente vestite, coi
loro cicisbei o _cavalier serventi_, occupate a passare a rassegna le
novità parigine, e comperare questo o quell’altro, ovvero anche a dare
una specie di _Avis au lecteur_ al povero accompagnatore, notando come
veramente bello e di buon gusto il tale o tal altro oggetto»⁴¹⁷.

 ⁴¹⁶ _Brydone_, _op. cit._, lett. XXIII.

 ⁴¹⁷ _Justus Tommasini_, _Briefe aus Sizilien_, p. 32. Berlin, Nicolai.
     1825.

Fortunatamente per noi lo stato morboso che in mezzo alla derisione del
popolo ed all’aperto disprezzo delle persone sane, compiè il suo
periodo, cessò del tutto. I cicisbei del settecento sono anche per la
Sicilia semplici ricordi storici, anzi reminiscenze archeologiche.



                             _Capitolo XX._


                _LA MODA DELLE DONNE, IL PARRUCCHIERE._

La moda, che per lungo volger di tempo fu spiccatamente spagnuola, nella
seconda metà del settecento era senz’altro francese, o infranciosata.

Però, mentre le donne della campagna conservavano qualche cosa del
vestire antico, le civili di Palermo, Messina, Catania ecc. indossavano
lunghi manti neri, che scendendo dal capo coprivano interamente il
volto. Del medesimo costume si servivano anche le grandi dame quando di
mattina si recavano in chiesa: ma preferivano il bianco od il
variopinto, che era di seta e formava un _negligé_ ricco e piacevole.

Questo ci dicono i viaggiatori d’allora⁴¹⁸; ma nessuno ci dice che
l’acconciatura del capo era il massimo dell’eleganza, il centro a cui
convergevano i raggi della grande ruota femminile: del qual silenzio
dev’essere stata la ragione la generalità dell’uso e la notorietà della
_toilette_ in Francia, in Germania, in Inghilterra. Quando uno dei
viaggiatori disse che le donne siciliane avevano chiome bellissime, e
sapevano in particolar guisa giovarsene per accrescere grazia alla loro
bellezza, disse molto e non disse nulla, perchè l’acconciatura del capo
meritava ben altra notizia.

 ⁴¹⁸ _Riedesel_, _op. cit._, p. 121. — _Bartels_, v. II, p 605, v. III,
     pp. 596-97. — Un Voyageur italien, _Lettres_, lett. 16 ottobre
     1876.

Riguardato con sottilissima cura, questo requisito di venustà muliebre
occupava il parrucchiere, la cameriera ed altre persone di casa.

Fedele ministro della vanità femminile, il parrucchiere non poteva ogni
giorno prestar l’opera sua; ma bastava che lo facesse una volta la
settimana o più, per lasciar paga la sua eletta cliente. Giacchè,
l’acconciatura del capo, così come per un certo tempo la ridusse il
figurino francese che veniva da Napoli, era un edificio mirabile di
mezza giornata di paziente, industre lavoro.

La vigilia di questo lavoro Madama andava a letto in ciocche
accartocciate: e fin dalle prime ore del domani stava ad attendere il
desiderato carnefice. Una intera batteria di ferri, ferretti, pettini,
bambagia, fettucce, nastri era a disposizione di lui, capitano e
stratego. Polveri e cosmetici popolavano la stanza. Il sapone di spiga
andava con le polveri dentifricie; l’acqua nanfa gareggiava con l’acqua
di rosa, la fior di mirto con la _sans-pareille_, e tutte con la
costosissima _acqua del paradiso_. Le pastiglie profumatorie si
associavano sovente con il ricercato liquore per togliere le macchie del
volto.

Atteso con febbrile impazienza, ecco giungere il parrucchiere.
Seguiamone le mosse con D. Pippo Romeo:

      Si spoglia del vestito, si attacca un panno innanti,
    Divide le incombenze a tutti i servi astanti.
      Chi scioglie papigliotti, chi intreccia nocche e veli,
    Chi penne, chi fettucce e chi posticci peli;
      E mentre al disimpegno ciascun di lor s’adopra,
    Superbo di sè stesso si accinge il fabbro all’opra.
      Principia con il pettine a dar la prima carica,
    Indi pomata e polvere senza contegno scarica;
      Torna a levare e mettere, dissipa senza frutto,
    Suda a compor la parte, poscia distrugge il tutto,
      Riede a ricciare il pelo, unisce, disunisce,
    Lascia il deforme, e il bello annichila e sbandisce;
      Innalza il promontorio con stoppa e crine riccio,
    Guarnisce riccamente di nocche il bel pasticcio;
      E dopo il gran lavoro, tutto sudato e sfatto,
    «Signora, consolatevi, dice, il scignò sta fatto»⁴¹⁹.

 ⁴¹⁹ _Cicalate_, pp. 39-40.

È fatto: e di nuova cipria si copre e di ornamenti di piume, che si
prestano ad equivoci di begli umori e di poeti⁴²⁰. La cipria è il
cavallo di battaglia del parrucchiere: e di cipria facevasi tanto
consumo che il Senato, a corto di quattrini, non sapendo dove metter le
mani, la gravava di due grani (cent. 4) il rotolo: gravezza che era
costretto subito a sopprimere (1790)⁴²¹. Altra cipria gialla, detta
_pruvigghia atturrata_, usavasi per far bianche e rilucenti le
chiome⁴²².

 ⁴²⁰ _Meli_, _Poesie: Lirica_, nn. IX e XI e altrove scherza su queste
     penne, moda contro la quale penetrò in Palermo una stampa volante
     col titolo: _Alle Dame romane per l’uso del pennacchio. Canzonetta_
     (s. a.), che principiava così:

       Quelle penne bianche e nere,
     Che sul capo voi portate,
     Care donne innamorate,
     Vi fan crescere beltà.

 ⁴²¹ _Provviste del Senato_, a. 1792-93, p. 298, a. 1793-94, primi
     fogli. — _Villabianca_, _Diario_ ined., a. 1788, p. 447; a. 1789,
     12 marzo; a. 1790, p. 424.

 ⁴²² _G. Alessi_, _Aneddoti della Sicilia_, n. 317. Ms. Qq. H, 43 della
     Biblioteca Comunale.

Questa _frisatura_, una delle dieci diverse di moda, era chiamato
_gabbia_: e vera gabbia era, sulla quale potè lepidamente dirsi che:

      Di lu concavu ancora di la luna
    Vinniru pri mudellu a li capiddi
    Nuvuli fatti a turri e bastiuna.
      Poi di l’autri mudelli picciriddi
    Cui fa trizzuddi mali assuttilati
    Cui d’intilaci fa gaggi di griddi,
      Vali a diri ddi scufii sbacantati
    Chi contennu li càmmari e li alcovi
    Cu medianti di ferrifilati⁴²³.

 ⁴²³ _Meli_, _Poesie: La Moda_ (4 aprile 1778). — _Pippo Romeo_,
     _Cicalate_, p. 38, nel 1772 aveva detto in Messina:

       Non stranizzarti, amico, è questa oggi la moda:
     Un promontorio in testa e palmi sei di coda.
       Costumasi un tuppè degno di andare in fiera
     Non so se sia castello, piramide o _montera_.

Ma con questo arnese sul capo come prender sonno la notte?

Ebbene: la moda provvedeva con un apparecchio di tela inamidata, specie
di fodera, di cuffia, della capacità di due teste, dentro la quale la
studiata ricciaia veniva custodita, dovesse anche scomparirvi dentro una
parte del viso. Il _mimì_, nome dello strano supplizio, era anche altra
maniera d’acconciatura, con la quale la volontaria martire della vanità
usciva di casa⁴²⁴.

 ⁴²⁴ _Pippo Romeo_, _Cicalate_, p. 38. — _Meli_, _Poesie: Lirica_, n.
     IX.

Tornando al parrucchiere, bisogna riaffermarne la importanza nelle case
signorili. Quando un uomo si presenta per cameriere in una di queste, la
cosa che gli si domandava era se sapesse pettinare da donna e da uomo:
ed è curioso che la _réclame_ rudimentale nei primi giornali di Palermo
s’iniziasse proprio con questi lisciatori di dame. Nel _Giornale di
Sicilia_, che conosceremo nel secondo volume di quest’opera, si legge:

7 Aprile 1794: «Un giovane palermitano della età di 22 a. vorrebbe
impiegarsi per cameriere, sapendo pettinare da uomo e da donna.

«Altro giovane romano di anni 24 cerca impiegarsi da cameriere. Sa
leggere, scrivere, far di conti, parlar francese, pettinare da
donna...».

28 Aprile. «Una persona di abilità, e che sa pettinare da donna,
vorrebbe impiegarsi da cameriere in qualche nobile casa».

7 Luglio. «Da Filippo Remajo, parrucchiere, che abita nel palazzo del
Principe di S. Lorenzo, si cerca impiego di cameriere, sapendo pettinare
da donna»⁴²⁵.

 ⁴²⁵ Una notizia inedita d’Archivio: Quando nel 1754 si ricompose in
     forma di _Unione_ il sodalizio dei parrucchieri palermitani, il
     numero dei soli maestri intervenuti fu di 98! Nel 1780 la
     maestranza dei barbieri contava non meno di 250 soci. Vedi le
     _Carte delle Maestranze di Palermo_ nell’Archivio Comunale.

In Messina, il parrucchiere Di Carlo era l’_enfant gâté_ della Nobiltà.
Una sera che egli, reduce da Napoli, ove andava a prendere le ultime
novità della moda, si recò, appena sbarcato, al ridotto carnevalesco
della Munizione, tutto il teatro si mise a rumore⁴²⁶.

 ⁴²⁶ _Pippo Romeo_, _Cicalate_, p. 210.

Per il fatto che egli penetrava fino nei _boudoirs_ delle signore, il
parrucchiere era a parte di tutte le cronache d’alcova, e adibito in
incombenze delicatissime. Il lettore potrà averne un’idea quando saprà
di una certa vertenza tra i partigiani delle artiste Bolognese e
Andreozzi nel S. Cecilia (1797-98), della parte attiva, eccessivamente
attiva, che vi ebbe a favore di quest’ultima il Pretore Principe
Giuseppe Valguarnera e del dietroscena delle dame cospiratrici ed
occulte attrici per mezzo dei loro parrucchieri⁴²⁷.

 ⁴²⁷ Vedi nel vol. II, il cap. _Teatri_.

Che perciò a furia di scatricchiar capelli e costruire toupets certi
accreditati parrucchieri riuscissero a mettere insieme larghi guadagni,
è naturale. Giuseppe Fraccomio potè per tal modo convertirsi in
mercante, e come tale divenire principale impresario della grande
Beneficiata di S. Cristina⁴²⁸. Carlo Biscottino, che nei giorni di
maggiore splendore per lei servì la Duchessa di Floridia in Palermo, e
la seguì poi alla Corte di Napoli, moglie di Ferdinando, potè con
frequenti prestiti sopperire ai bisogni di essa, resi ogni dì più gravi
dai nuovi doveri dalla sua altissima posizione e dalla taccagneria del
vecchio Re: donde non guadagni⁴²⁹ gli vennero, ma influenza che pochi
poterono vantare eguale, ed il conforto di due eccellenti partiti per le
sue vaghe figliuole, una delle quali divenne Marchesa.

 ⁴²⁸ _Villabianca_, _Diario_ ined., a. 1790, p. 336.

 ⁴²⁹ _Palmieri de Miccichè_, _op. cit._, t. I, ch. X.

Lasciamo l’artista del capo, e prendiamo la moda di tutta la persona.

Con le _munteri_ e gli _scignò_, con i _chiuvetti_ ed i _tuppi_
altissimi, andavano i _cantusci_ o _andriè_, ed i _tonti_, detti pure
guardinfanti, ed i busti, che avevano il loro complemento in scarpine di
drappo ornate di rose e di altri fiori artificiali. Il _cantusciu_
(forse da _qu’on touche_ franc.) era una veste di lusso, composta di
drappi a colori, lunga e ristretta alle maniche. Il _tonto_ un forte,
inflessibile crinolino di ossi di balena, sul quale il faceto D. Pippo
sicilianamente piacevoleggiava coi suoi concittadini messinesi:

      Spuntannu un guardanfanti l’omini tutti allura
    Un largu ossequiusu facïanu a la Signura,
      E chidda, cu ddu tontu, e dda gran cuda strana
    Chi trascinava ’n terra, paria vera suvrana:
      Chiudianu l’occhi tutti, nè cc’era di imbarazza
    Pirchi scupava ognuna sarmi di pruvulazzu;
      Ed era chiddu tontu un baluardu forti,
    'Na rocca inespugnabili chi difinnia li torti.
      (Mi servu di metafuri, chi la mudestia un velu
    Esiggi in ogni cantu, nè tuttu vi rivelu!)
      Ddu bustu trapuntatu, simili a un fucularu
    Di pisu undici rotula, sirvia di gran riparu;
      L’invernu li guardava di friddu e di punturi,
    L’està li depurava a forza di suduri,
      Eternu, inistrudibili, supra lu quali spissu
    Fundava un testaturi lu sò fidi-cummissu,
      Insumma era curazza, furtizza, bastiuni
    Cchiù forti pri cummattiri l’Andria, Macrifuni⁴³⁰,
      'Na vera citatedda ferma, sicura e soda.
    Oh busti! oh guardinfanti! oh biniditta moda!⁴³¹.

 ⁴³⁰ Due fortezze di Messina.

 ⁴³¹ _Cicalate_, pp. 392-93.

Lo spirito d’imitazione si attua specialmente nelle cose che forse meno
lo meritano. Per esso la gara del vestire acuivasi nel medio ceto.
Invano si rievocavano le leggi suntuarie a correzione del lusso e ad
armonia dei ceti. Chi poteva mettere insieme, non cerchiamo come, i
quattrini all’uopo, anche castigando lo stomaco voleva per la propria
moglie, per le figliuole gli abiti più eletti e l’indispensabile
parrucchiere coi relativi arnesi⁴³². Cipria a profusione copriva
_toupets_ e _chignons_, patrimonio festivo delle donne civili;
_andriennes_ e scarpettine seriche ne completavano il costume.

 ⁴³² _Meli_, _Poesie_, pp. 89-90.

Quando nell’ottobre del 1772 una vera alluvione venne a guastare la
festa data dal Vicerè Fogliani a tutte le classi della cittadinanza a
Mezzo Monreale, i cantastorie fecero argomento delle loro colascionate
la rovina delle vesti e delle superbe pettinature delle donne non
nobili; ed un poetucolo ne traeva ragione di avvertimenti alla città,
una volta rigida di morale; e si scandalizzava

    Di li fimmini attillati,
    Schittuliddi e maritati,
    Cu scufini e frisaturi⁴³³
    Pri cumpàriri signuri.
      Li fadeddi⁴³⁴ a mezza gamma,
    La scarpetta cu la ciamma,
    E lu pettu tuttu nudu
    Chi a pinsàricci nni sudu.

 ⁴³³ _Scufini_, cuffie; _frisaturi_, acconciature.

 ⁴³⁴ _Fadedda_ o _fodedda_, gonnella, gonna.

E rimproverava mariti e padri che permettevano siffatte sconcezze,
incentivi frequenti di liti, zuffe, sangue⁴³⁵.

 ⁴³⁵ _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XX, p. 103.

Anche il Meli rimava sul medesimo tono, e con fine ironia ammoniva una
ragazza troppo modesta:

      Nun ti vèstiri a l’antica,
    Cà di tutti si’ guardata;
    Cumparisci pittinata
    Cu la scuffia e lu tuppè.
      Cu cianchetti⁴³⁶, veli e pinni,
    Cu fadedda bianca e fina,
    Cu la scarpa ’ncarnatina
    Fai vutari a cu’ c’è c’è⁴³⁷.

 ⁴³⁶ _Cianchettu_, arnese imbottito per sotto le vesti delle donne,
     buono ad aggiustare i fianchi (_cianchi_) ed il contorno della
     vita.

 ⁴³⁷ Farai voltare indietro a guardarti chichessia. _Meli_, _Poesie:
     Lirica_, n. XI, p. 81.

Non avendo ove riporre ciò che il bisogno od il capriccio imponeva o
consigliava, le donne servivansi d’un elegante astuccio d’argento,
specie di _nécessaire_ da passeggio. Quest’arnese con altri gingilli
pendeva dal fianco delle signore, flagellato ad ogni istante e per ogni
loro movimento. Uno che ne abbiamo veduto, quante rivelazioni ci ha
fatte! Fremiti e svenevolezze, palpiti e speranze, mal simulate gelosie
ed ostentate freddezze, visioni fantastiche e delusioni amare, e gioie
evanescenti come guizzi di baleno che rompa la notte e la renda più
cupa....

Mentre non si conosceva ancora il sigaro, il tabacco da fiuto era lo
_chic_ per le donne, la delizia degli uomini. I medici non eran tutti
d’accordo sulla vera azione di esso; e, come a Napoli ed a Parigi, chi
lo vantava salutare, chi lo sprezzava come dannoso alla testa. Federico
di Prussia, artistica fusione di genialità e di stranezza, di poesia e
di prosa, il quale alla vigilia d’una battaglia scriveva barzellettando
a Monsieur de Voltaire, ne portava ripiene le tasche; Ferdinando di
Napoli regalava tabacchiere, ma non pigliava tabacco.

Un giorno uno dei più illustri professori dell’Accademia degli studî
(Università) leggeva una palinodia contro gli effetti perniciosi di
esso. Durante la firitera, in mezzo a continua ilarità del pubblico, non
faceva altro che stabaccare; e quando, a lettura finita, uno degli
uditori gli chiese a bruciapelo a chi dovesse credersi, se all’oratore
che avea tanto gridato contro il tabacco, o al maestro che ne avea preso
a manate, il dotto uomo, confuso, mendicando una risposta, tornava
istintivamente a fiutare.

Pertanto si spiega come, stanco dei continui reclami dei consumatori, il
Governo s’indusse ad abolire (1781) il dazio proibitivo del tabacco,
gravando invece la mano sulla farina, sull’orzo, sul vino!

La tabacchiera era d’avorio, o d’argento, o di oro. I damerini che se ne
stavano a tessere e ritessere la Marina, al primo incontrarsi con una
dama, facevano a gara nell’offrirgliela⁴³⁸: e non v’era dama che non
avesse la sua. Molte ragazze, nelle quali la buona educazione non sempre
riusciva a moderare la vanità degli ornamenti, la volevano.
L’aristocratico educandato Carolino proibiva alle alunne l’uso di
«orologi, ricordini, odorini, astucci e simili cose inutili e vane», e
permetteva le tabacchiere solo «in caso di tale infermità che non
ammettesse altro medicamento che il tabacco».

 ⁴³⁸ _Meli_, _Poesie_, p. 373:

       Cu’ ci offerisci
     La tabacchera,
     Cui la stuccera
     Ci prujrà.

Come devono essere state carine quelle amabili convittrici a gingillarsi
coi loro ciondoli e mandar su l’odorosa polvere di Nicot!...

In mezzo a tante metamorfosi camaleontiche, la moda femminile serbava
sempre la massima cura delle chiome. Questa cura subì una certa
decadenza dopo la rivoluzione francese del 1793 ed in seguito al
crescente progresso del giacobinismo in alcune parti d’Italia.
Stranezza! Mentre si cercava di soppiantare la parrucca coi proprî
capelli tra gli uomini amanti di novità, cominciavasi invece a studiare
tra le donne ogni espediente per sostituirla alle proprie, anche più
belle, chiome: codesti uomini e codeste donne appartenevano alla classe
più alta.

Alle prime avvisaglie, il Sovrano rimase allarmato e, non sapendo fare
di meglio, proibì le parrucche femminili. Il divieto ritardò, non impedì
la graduale introduzione del costume, deformatore delle muliebri
fattezze. Il primo tentativo partì (nessuno lo immaginerebbe!) da una
dama della Regina, che era pure una delle tre più belle ma più discusse
dame d’allora. Il marito, gentiluomo di Corte, Grande di Spagna, uno dei
dodici Cavalieri siciliani dell’Ordine di S. Gennaro, con esercizio, ne
rimase scosso; ma nulla fece per temperare il rigore del suo Re, il
quale, contro la predilezione della capricciosa donna pel monastero
della Concezione, la mandò all’Assunta, monastero di penitenza.

Ciò avveniva nei primi di giugno del 1799. Pochi dì appresso (18 giugno)
partiva dal R. Palazzo una severissima lettera ai signori Capitani,
Giudici e Fiscali di Sicilia del seguente tenore:

«È pervenuta alla notizia del Re che siasi adottata dalle dame e da
altre donne l’uso delle parrucche, e che talune per uniformarsi vieppiù
ai sistemi repubblicani son giunte tant’oltre che fino anche si son rasi
intieramente i capelli trasformandosi in tal guisa notabilmente. S. M.
ha risoluto perciò che si proibisca affatto l’uso delle parrucche alle
donne sotto la pena della carcerazione, e per le dame in un monastero o
reclusorio che S. M. giudicherà, e per coloro che le lavorano o le
vendono soggiaceranno ugualmente alla pena della carcerazione parimenti
per quel tempo a S. M. ben visto ed alla perdita dei mobili. Con tale
espediente si renderà alla pubblica intelligenza la facilità di talune
di adattarsi a sì strani modi». Seguiva la firma del Ministro: «Il
Principe di Cassaro»⁴³⁹.

 ⁴³⁹ _Diario_ del Duchino di Camastra, nella Biblioteca Trabia, a. 1799.

A dispetto di Re e di Ministri, il parrucchino, stavolta politico, si
faceva strada anche tra coloro che non ne capivano il valore; e D. Pippo
Romeo col suo fare in apparenza allegro, in sostanza serio, nel
Carnevale del 1800, innanzi a numerosissimo pubblico dentro il teatro la
Munizione, declamava:

      Finiu la purcaria, è la pilucca in moda,
    E da lu nostra sessu si esalta, encomia e loda,
      Qualunqui signuruzza chi vanta gustu finu
    La trovu providuta d’un beddu pilucchinu,
      O niuru, o castagnolu, o comu quadra ad iddi;
    E quattru pila rizzi li portanu a li stiddi;
      Li compranu salati. Tutti li frisaturi⁴⁴⁰
    Di pila fannu un traficu, e vìnninu favuri!
      Fineru li suspetti, scrupuli non cc’è chiù
    D’esaminari e vìdiri.... di quali testa sù?⁴⁴¹.

 ⁴⁴⁰ _Frisaturi_, voce qui usata nel significato di persone che
     trafficassero di capelli posticci, di ricciaie e di parrucche.

 ⁴⁴¹ _Cicalate_, p. 354.

Vesti ed ornamenti, senza ombra di rispetto dovuto al pudore, si
abbandonavano all’andazzo dei tempi; con l’antiestetica acconciatura del
capo procedevano veli leggieri e civettuoli scialli, fascette cortissime
e sottilissimi lini, che scoprivano ciò che volevan coprire e rivelavano
appunto ciò che morali velleità miravano ad occultare. Anche qui il Meli
va chiamato come testimonio autorevole, il Meli che non sapeva chiudere
gli occhi ai calzoncini femminili alla turca, agli arnesi che colmavano
i fianchi, alle bianche e sottili gonne, per le quali a tutte ed a
ciascuna delle partigiane di tante risibili novità e _francisarii_,

      Li gammi si cci vidinu,
    Lu cintu cumparisci,
    Ed accussì cchiù accrisci
    La curiusità⁴⁴².

 ⁴⁴² _Poesie: Lirica_, nn. IX e XI. Costante è nel Meli la
     preoccupazione delle novità della moda e della libertà francese.

Altronde, non sappiamo dirne di più quando per le particolarità di
questa toletta abbiamo la franca dichiarazione dello stesso D. Pippo, il
quale, sfogandosi contro la indecenza _fin de siècle_, si domandava:

      Stu vèstiri mudernu senza cchù capu e cuda,
    Chi parti su’ cuverti, e parti su’ a la nuda,
      Senza cchiù spaddi e scianchi, senza principiu e fini,
    Lu centru nun cchiù centru, la vita ’ntra li rini,
      Fadetti di sei parmi, ch’appuntanu a li sciddi,
    Scarpi cu li ligneddi, testi senza capiddi,
      Pilucchi a battagghiuni, circhetti, castagnoli,
    Senza disparitati di vecchi e di figghioli,⁴⁴³
      Sta caristia di pila pri tantu gran cunsumu,
    Stu beddu chi consisti in apparenza e fumu,
      Sta razza di vintagghi, di menzu spangu a stentu,
    Chi Suli non riparanu e mancu fannu ventu,
      Sti scialli chi si portanu ’mparissi pri lu friddu
    E pisa cchiù ’na pagghia, o un filu di capiddu,
      Sti veli trasparenti, sta fina cammiciola,
    Sti musulini oscuri, stu sciusciami chi vola,
      Chi mettinu in prospettu chiddu chi duvirria
    Ristari a lu cuvertu, su’ rami di pazzia?⁴⁴⁴.

 ⁴⁴³ _Figghiolu_, nella parlata messinese, fanciullo, piccolo.

 ⁴⁴⁴ _Cicalate_, p. 392.

Il ricordo dei ventagli è una brutta tentazione ad una rassegna delle
varie fogge che ne corsero. Quelli richiamati da D. Pippo erano di forme
nanerottole, ai quali, degradando sempre, si eran ridotti i mastodontici
ventagli dei tempi anteriori. Ma noi non possiamo fermarvi la nostra
attenzione; specialmente riflettendo che essi suscitaron la collera
dell’Arcivescovo Sanseverino e, che è tutto dire, del Vicerè Caracciolo.
Sotto la data del 7 luglio 1784 costui scriveva all’Avvocato Fiscale
della Gran Corte, avere inteso di ventagli donneschi in vendita presso
alcune botteghe di galanteria: ventagli con bizzarre figure, con la
Confessione e la Comunione; e di esser rimasto scandalizzato del fatto
che a maggior danno del veleno dell’empietà istillato negli spiriti
deboli, si aggiungesse la stampa di certe canzonette francesi, per le
quali mettevansi «pure in derisione i più sagrosanti misteri della
nostra Religione». E però incaricava esso Avvocato Fiscale «di proibire
immediatamente lo spaccio di tali ventagli, e formare al tempo stesso il
legale processo contro coloro che li hanno introdotti, come rei di
pubblicazione di stampa senza legali permessi»⁴⁴⁵.

 ⁴⁴⁵ _Reali Dispacci_, a. 1784, n. 1514, ff. 202-203. R. Archivio di
     Stato di Palermo.

Il Vicerè che scriveva in questo modo era un enciclopedista convinto;
coloro che comperavano ed usavano i ventagli, erano delle donne che si
picchiavano il petto.



                            _Capitolo XXI._


                        _LA MODA DEGLI UOMINI._

Le fogge per gli uomini, tolte piccole modificazioni, rimanevano sempre
le stesse, e per oltre mezzo secolo inalterate. Si guardino un poco i
ritratti del tempo in un salone magnatizio d’oggi, e si troverà la
eterna parrucca incipriata, il magnifico giambergone (divenuto traslato
non sempre serio nella _giammèrica_) dalle candide e pieghevoli
manichette con _dentelles_, mutabili ad ogni tre o quattro giorni, con
il profuso panciotto che slarga in basso, e con calzoni di raso
attaccati a mezza gamba, là dove li raggiungono eleganti calze di
seta⁴⁴⁶ uscenti da scarpine ornate di lucentissime fibbie d’oro o
d’argento.

 ⁴⁴⁶ Nel 1775 prosperava ancora in Palermo una numerosa maestranza di
     _conza-calzette_ di seta.

     Diversa la etichetta pel lutto rigorosissimo: nel primo mese,
     rattina, senza manichette e senza cipria, e con fibbie di lutto;
     nel secondo e terzo, panno e poche assole come nel lutto rigoroso;
     nel quinto e sesto, lutto più leggiero.

Chi poi avesse veduto questi signori per le strade, a passeggio
specialmente, avrebbe rilevato sopra la parrucca un cappello a tre pizzi
trinato e indorato, che la jattanza affidava talora ad un creato, ad uno
dei creati usi a tener dietro al padrone⁴⁴⁷.

 ⁴⁴⁷ Vedi nel cap. XIV, p. 233.

Nobili e civili andavano armati di spadino.

Quest’arme fino al 1782 era comune anche alla bassa gente. Dopo
l’omicidio commesso nella processione della Madonna Assunta, del quale
abbiam fatto cenno⁴⁴⁸, essa venne severamente proibita, e si volle che
per lo avvenire «niuno degli artisti e degl’individui delle maestranze
che esercitano arti meccaniche, servitori di livrea, eziandio qualora
non vestono livrea, e qualunque altra persona del volgo inferiore, possa
da oggi (26 dic.) innanti portare al fianco o in altra guisa spada di
qualunque misura e forma, sciabole, sciabolette, guardafreni, squarcine
o altro genere di arme, ancora quando fossero vestiti di giamberga,
sotto le pene contenute nel bando proibitivo delle arme»⁴⁴⁹.

 ⁴⁴⁸ Vedi cap. VI, p. 116.

 ⁴⁴⁹ Bando del Vicerè Caracciolo in data del 26 dicembre 1783.

Contro questa disposizione si levò un vero putiferio. Le stampe
attaccate nei soliti luoghi per la affissione, vennero stracciate dai
maestri, e riattaccate sotto i sospettosi occhi della Polizia; la quale,
sorpreso nel momento che tornava a stracciarle un prete, e arrestatolo,
lo condusse nelle carceri dello Arcivescovo. E perchè il Console degli
spadai si presentò al Vicerè per dirgli in un memoriale i danni della
nuova disposizione per la sua maestranza, quegli lo scacciò in così mala
maniera che il console ne rimase sconcertato⁴⁵⁰.

 ⁴⁵⁰ _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XXVIII, pp. 3-5.

Ai due ceti lo spadino non bastava; ci voleva pure, a compimento della
moda, un bastone, il cui manico con fiocchi di seta e d’oro, avea
sovente un valore cospicuo.

Dai taschini, anzi dalle grandi tasche del panciotto pendevano,
percotendo a destra ed a sinistra del ventre, due meravigliose catene⁴⁵¹
con ciondoli preziosi e con orologi. L’uso nobiliare chiamava _mostra_
(franc. _montre_) l’orologio: e di orologi si faceva sfoggio singolare.
Basta leggere il seguente avviso pubblicato nell’unico giornale
palermitano del 1794 per averne un’idea: «S’è perduta una mostra d’oro
montata alla francese, a quattro quadranti, dei quali quello che denota
li giorni del mese, ha li numeri scritti in oro sopra striscia blò, come
lo sono quelli dell’altro quadrante, che mostra le ore ed i minuti, e
che ha tutti li numeri in cifre. Tiene annessa una catena d’oro di
Napoli, nel di cui centro è dipinto un bastimento in ovale che
comparisce da ambedue le parti sotto cristallo, e vi è appesa pure la
chiave d’oro». E dopo questa descrizione necessaria a riconoscimento,
pel ricupero si avverte: «A chi la porterà, anche per via di
confessione, allo orologiaio sotto la casa del sig. Marchese di Geraci,
saranno date once quattro di mancia». Probabilmente il proprietario sarà
morto col desiderio di pagare quella mancia.

 ⁴⁵¹ _Santacolomba_, _op. cit._, p. 385.

Mentre la moda rimaneva come cristallizzata, una nuova ma breve, per
aberrazione della gioventù, ne sorgeva infra l’ultimo ventennio del
secolo: effetto di una anglomania acuta, che quasi in forma epidemica
invase quanti dispettavano il vecchio costume.

Costoro, professandosi devoti al _bon ton_, presero a seguire
rigorosamente fogge e pratiche inglesi. Indossavano abito scuro;
calzavano pantaloni di pelle e stivali, e sui capelli rialzati
piantavano un cappello tondo. Ora sì, ora no, portavano un nocchiuto
bastone, ma per lo più tenevano in tasca le mani. Salutare, era delitto
per loro; chiacchierare, avrebbeli resi indegni della loro società. Un
d’essi, che, dimentico un giorno della parte che rappresentava, si
abbandonò alla natural sua vivacità in una conversazione con un
forestiere, ricordandosi a un tratto di quel che era, voltossi di punto
in bianco e piantò in asso, senza neppur dire addio, il suo
interlocutore.

Secondo la rigida etichetta inglese, la loro biancheria doveva esser
molto semplice. Uno che fu sorpreso con merletti in quella, ne fu subito
severamente punito. Alcuni suoi compagni, senza profferir verbo, gli si
avvicinarono, gli strapparono i merletti e si allontanarono
tranquillamente come se nulla fosse stato.

Di sì strano episodio nella storia del viver nostro nessuno, altro che
Bartels, ne diede mai notizia; il quale riflettendovi sopra maravigliato
aggiungeva: Io spero che questa mania, così contraria all’indole del
popolo, non duri a lungo; altrimenti il palermitano diverrebbe un essere
pesante ed incivile. Disgraziatamente, questo esempio ha prodotto i suoi
effetti nel popolo: e se ne movete lagnanza, vi sentite rispondere:
«_Così fanno pure gl’Inglesi_»⁴⁵².

 ⁴⁵² _Bartels_, _op. cit._, v. III, pp. 539-40.

I seguaci della pazza usanza si chiamavano _intonati_: e _'ntunatu_ nel
dialetto siciliano resta anche oggi a denotare persona che stia sul
grave, o che affetti di non conoscere e di non sapere.

Ripigliamo il discorso del costume generale. Una reazione nacque anche
tra gli uomini, come l’abbiam veduta tra le donne; e causa ne furono i
rivolgimenti di Francia, echeggianti nelle principali città del
Continente e per esse in Napoli.

Il 29 marzo del 1798 il Presidente del Regno spediva al Principe di
Castelcicala, Ministro in Napoli, un secreto rapporto sulle nuove
maniere di vestire in Palermo, e chiedeva un apposito rescritto sovrano
per essere autorizzato a farle cessare. Il rapporto, quale è stato
trovato, dice così:

«Ecc.mo Signore. Corre qui voce costante che siasi da S. M. risoluta, ed
ordinata in codesta Dominante la riforma del vestire, e di certi tratti
esteriori, inconvenienti alla vita ed al costume di buoni Cattolici e di
fedeli Sudditi del Sovrano. Se ciò sia vero, avrei sommamente caro che
la M. S. si degnasse di far qua arrivare, e pubblicare la stessa Legge;
perchè lo stesso disordine si è qui da qualche tempo introdotto, ed è
allignata, e cresciuta a segno l’indecenza e deformità del vestire e
dell’abbigliarsi, o per meglio dire del trasformarsi, che non può
tollerarsi senza raccapriccio e ribrezzo, (e quantunque si procuri
coonestare come semplicità di animi, pure fanno sospettare fellonia di
cuori fazionarj e settarj. Nella lubricità del vestire, e dei tratti
esteriori, vi è tanta impunità, e si è giunto tanto oltre, che
dichiarandosi e infami e irregolari, si permette talora un’ostentazione
sì smodesta e lasciva, che non può rimirarsi senza orrore). Io diverse
volte me ne sono querelato pubblicamente, e non ho lasciato di
riprendere la indignità dello scandalo; ma non sono giovati nè i miei
risentimenti, nè le mie ammonizioni. Sarà perciò proprio delle paterne
cure di S. M. di trovarsi riparo a questo disordine, e di prefiggervi
pronto ed esemplar castigo; anche sul riflesso che la stessa apparenza
di uomini sì sconsigliati risveglia in ognuno la idea del giacobinismo e
dell’infame detestabile libertà.

«Prego V. E. a sollecitarmi da S. M. questa providenza, analoga a
quella, che si dice essersi costà promulgata»⁴⁵³.

 ⁴⁵³ _Real Segreteria, Incartamenti_, filza 5499, Archivio di Stato in
     Palermo.

     Dalle parole _e quantunque_ fino _senza orrore_ (qui segnate con
     parentesi) è tracciata al margine della minuta una linea, che fa
     supporre il tratto chiuso non essere stato partecipato nella
     lettera ufficiale al Principe di Castelcicala. — Dobbiamo questa
     indicazione all’egr. avv. Francesco La Mantia, Archivista nel R.
     Archivio di Stato in Palermo.

Questa allarmante relazione non dice in che consistessero le nuove
compromettenti fogge; ma da documenti posteriori si capisce subito.

Non degli enormi cravattoni allarmavasi il Governo, non dei ricci a
foglie di lattuga delle camicie, non dei ninnoli pendenti sulla
sottoveste; ma di certi peli che i giovani si lasciavano crescere sul
viso, abitualmente raso, di pochi capelli non incipriati sulla fronte, e
di non so che gambali di calzoni tendenti ad allungarsi dalle ginocchia
ai piedi: minacce, codeste, che facevano pensare ai pericoli che poteva
correre il Regno.

La lettera segreta del Presidente ebbe pronta risposta, e l’Arcivescovo
D. Filippo Lopez y Royo si vide autorizzato a pubblicare: come qualmente
il Re avesse appreso «con vero dispiacere l’abuso introdotto e assai
attualmente aumentato che la Gioventù si _trasformasse_ con strane e
singolarissime pettinature, con abiti strani e bizzarri e talvolta
indecenti con iscandalo de’ buoni e con proprio vitupero e disdecoro». E
lo proibiva severamente⁴⁵⁴.

 ⁴⁵⁴ Bando del Presidente del Regno, Arcivescovo D. Filippo Lopez y
     Royo, in data del 16 Giugno 1798.

Da ciò nuove, tassative disposizioni. Ordinavasi ai nobili che
vestissero decentemente «per esser d’esempio agli altri», e
moderatamente si pettinassero. «La moderazione — dicevasi — è nelle
parrucche e nella cipria», e si ricordavano le riflessioni fatte dal
Presidente del Regno ai nobili nel giorno che si erano presentati «alla
udienza in barbette» (_varbitti_)⁴⁵⁵.

 ⁴⁵⁵ _D’Angelo_, _Giornale_ ined., p. 204.

Dopo due mesi del suo arrivo a Palermo Ferdinando volle romperla con le
velleità novatrici, e per mezzo del Ministro Principe di Cassaro faceva
sapere al Capitan Giustiziere, Principe di Torremuzza (6 marzo 1799):

«S. M. ha veduto con suo dispiacere di esservi tuttora in questa
Capitale l’abuso del modo di vestire e di certi tratti esteriori
inconvenienti alla vita ed al buon costume; quando le precedenti sue
sovrane risoluzioni per le riforme avrebbero dovuto far entrar in sè
stessi coloro che lo hanno finora costumato con poca decenza e scandalo
e sommo disgusto delle persone serie d’ogni rispettivo ceto che ama la
decenza. La continuazione quindi di questo disordine nel vestire e
nell’abbigliarsi difformemente richiama la sovrana vigilanza di S. M. a
darvi l’opportuno rimedio; non potendolo tollerare senza raccapriccio e
ribrezzo; ed alla S. M. maggiormente rincresce il vedere nei luoghi
pubblici e circospetti l’uso di calzoni lunghi, senza legaccie, e di
calze brache o di calzoni chiamati alla pantalona.... nella città ove è
precisa la decenza e la priorità. [E rincresce pure a S. M.] il vedere
le barbette difformare le fisonomie e certe strane singolarissime
maniere di coprirsi la fronte con i capelli senza polvere di Cipro; li
quali, invece di adornare, trasformano il volto; e che in siffatto modo
disdicevole, precisamente alla Nobiltà, si ardisce di andare fin anche
nelle chiese». In coerenza a questo, «ha risoluto che si abolisca
addirittura siffatto abuso di vestire e che ognuno da oggi avanti pensi
a riformarlo a seconda delle sane sue intenzioni, e di quella decenza e
circospezione, i doveri di buon cattolico e gli obblighi di fedele
suddito». Finiva raccomandando la cieca rassegnazione ai sovrani voleri
e minacciando ai contravventori le pene della Giustizia.

Era un gridare al deserto. Quattro giorni dopo la promulgazione di
questo bando l’ab. Cannella, da poco tornato da Napoli, dove si era
ridotto dopo la sua romanzesca fuga in Francia, se la spassava col suo
inappuntabile vestito alla nuova moda: ed eccolo, quando meno se lo
attendeva, fermato, catturato e subito relegato nel Convento dei
Cappuccini⁴⁵⁶.

 ⁴⁵⁶ _D’Angelo_, _Giornale_ ined., 10 marzo 1799, pp. 328-29.

I rigori crescevano man mano che la piena minacciava d’irrompere e
rovinare l’edificio dell’ordine così gravemente compromesso nelle
fantastiche visioni dei governanti. Il Vicario Generale della Diocesi
faceva predicare da tutti i pulpiti, in tutte le chiese, contro il
pericolo del nuovo costume, favorito da giovinastri refrattarî alla
osservanza della legge.

Non è tutto. Il Capitan Giustiziere, Principe di Fitalia, una brutta
mattina fa venire al suo Palazzo presso S. Anna tutti i parrucchieri e
tutti i sarti della città; e in termini severissimi ordina loro che non
s’arrischino più a tagliar capelli in modo da coprir la fronte, e di
cucire calzoni lunghi: pena il carcere e la frusta; e che denunziino
senza indugio all’Autorità gli sconsigliati che cercassero l’opera loro
per l’una e l’altra foggia condannata dai sovrani voleri⁴⁵⁷.

 ⁴⁵⁷ Lo stesso, _op. cit._, p. 568.

Rinunziamo alle malinconiche riflessioni che s’affacciano in chicchessia
per provvedimenti così insensati; e passiamo ad un fatto col quale si
chiudeva il secolo dell’Ottantanove.

È la sera del 18 gennaio 1800. Ferdinando con la reale consorte è al
teatro S. Cecilia, pieno zeppo di spettatori. Il fiore della Nobiltà
occupa tutti i palchi; i civili, le gradette, la platea. Delle dame
della Regina neppur una manca. Parrucche candidissime (solo di uomini!)
si muovono in mezzo a _toupets_ tempestati di gioie, fulgide sotto la
grande lumiera che pende dalla volta e per mille candele di cera di
Venezia piantate intorno alla impalcatura. Ed ecco farsi innanzi
pettoruto verso la platea un giovane sui trent’anni. Un improvviso
scatto del Re rivela qualcosa che deve averlo inattesamente colpito.
Egli ordina che si faccia venire alla sua presenza questo giovane.

— «Chi sei?» gli chiede concitato e con la sua solita voce altisonante,
appena se lo vede innanzi.

— «Francesco Perollo da Cefalù, suddito fedele di V. M.».

— «E tuo padre»?

— «Emanuele Perollo, Cavaliere Costantiniano ed ex-Senatore di Palermo».

— «Ed hai l’ardire, villanaccio impertinente, di comparire in pubblico
con quei capelli sulla fronte e con quei pantaloni fino ai piedi»?

Il giovane, più morto che vivo, non sa che rispondere; e tosto, ad un
brusco cenno del Re, vien preso da due birri e portato via in lettiga al
carcere.

Al domani, di pieno giorno, alle Quattro Cantoniere, ripetuti squilli di
tromba chiamavano la folla dei curiosi. Il boia lega al cavalletto
Francesco Perollo, reo di moda sediziosa, gli recide con forbici il
posticcio codino, le fedine, i gambali e li butta sprezzatamente per
terra; e scioltolo lo riconduce al carcere, non già dei nobili e dei
civili, come avrebbe dovuto essere, ma, per onta maggiore, dei plebei,
alla Vicaria⁴⁵⁸.

 ⁴⁵⁸ _D’Angelo_, _Giornale_ ined., p. 745. — _Villabianca_, _Diario_
     ined., a. 1800, p. 57-59.

La patria era salva!

Questo fatto non dovea rimanere isolato. Re Ferdinando nutriva la più
fiera avversione ai pantaloni ed alle fedine, ed un vero culto al codino
naturale ed alla cipria.

Dal primo giorno che sbarcò in Sicilia fino all’ultimo che se ne
allontanò per sempre, egli vide un terrorista, un repubblicano esaltato
in qualsiasi partigiano della nuova moda francese; e sovente ordinò la
berlina dopo la violenta, completa rasura del viso e del capo.

Una delle sue vittime fu D. Giuseppe Ruffo, fratello del Principe di
Scilla. Incitato a ballo dal Principe di Trabia a Mezzo Monreale,
costui, bello com’era della persona, si presentava con grandi barbette e
coi neri capelli senza polvere. L’esser egli un servitore fedele del suo
Re, l’aver seguito costui in Sicilia, abbandonando patria, beni,
famiglia, dovevano esser ragioni più che forti per metterlo al di sopra
di qualsivoglia sospetto di demagogia; ma non fu così. Appena il Re,
presente al ricevimento, lo vide entrare, gli corse incontro
imbestialito, gli afferrò con ambe le mani le fedine e, tira, tira con
quanta avea di forza come per istrappargliele, gli grida, con voce
stentorea: _Porco, briccone_! E se non fosse stato per la Regina, la
quale corse in aiuto di lui, chi sa che ne avrebbe fatto!⁴⁵⁹

 ⁴⁵⁹ _Palmieri de Miccichè_, _op. cit._, t. I, ch. XXXIV.



                            _Capitolo XXII._


                _PRANZI DI RICCHI E MANGIARE DI POVERI._

Tale essendo il lusso del vestire e dell’acconciarsi, facile cosa è lo
immaginare la vita alla quale esso dovesse corrispondere. Conversazioni,
feste da ballo, teatri, villeggiature si alternavano con feste e
spettacoli sacri e passatempi religiosi. D’estate o d’inverno, la
giornata era sempre breve, insufficiente alle occupazioni del corpo e
dello spirito. Tolte le poche ore della siesta, essa era tutta divisa
tra le molteplici cure volute dalla posizione sociale e dagli affari di
famiglia. La siesta era l’ora che seguiva al desinare: e se per taluni
il desinare era delizia, per altri era fastidio, se non sacrificio
penoso.

Incredibile il lusso delle mense aristocratiche, quali lo videro alcune
volte i forestieri invitati, e pieni di stupore. Mense imbandite di
tutto punto, con servizî di singolar pregio; ricchi vasi d’oro e
d’argento, spesso cesellati dai migliori artisti, miniature di squisita
fattura, componevano e ornavano quelle mense: ricchezza sterile, non
fecondata nè confortata da quella fruttuosa del capitale che circola e
produce. Le posate splendevano al pari de’ piatti d’argento, e in una
festa datasi il 13 maggio 1799 alla nobiltà ed alla officialità militare
nel palazzo Butera (Principe, allora, D. Ercole Michele Branciforti e
Pignatelli) posate e piatti del prezioso metallo bastarono a più che 300
persone⁴⁶⁰.

 ⁴⁶⁰ La festa, principiata di sera, finì il dimani a 12 ore, con una
     colazione profusissima, degna della profusissima cena della notte e
     delle continue portate di sorbetti, liquori e vini forestieri. La
     immensa terrazza dal lato del mare era convertita in galleria
     coperta. Le due musiche di strumenti a fiato che allietaronla
     costarono 100 onze; e la neve consumata pei gelati fu 40 carichi,
     come a dire cinque migliaia di chilogrammi d’oggi. Vedi
     _Villabianca_, _Diario_ ined., a. 1799, pp. 354-56.

Ad un inglese nel 1770 la cucina siciliana parve un misto di francese e
di spagnuolo: e che l’_olla podrida_ serbasse «sempre il proprio posto e
la propria dignità in mezzo alla tavola, circondata da un trono di
fricassè, di fricandò, di ragù ecc., come un grave _Don_ spagnuolo in
mezzo ad uno stuolo di piccoli marchesini attillati»⁴⁶¹.

 ⁴⁶¹ _Brydone_, _op. cit._, lett. XXIII.

Dopo quell’anno la cucina, al pari della moda, della quale faceva parte,
era presso la Nobiltà o tutta francese o molto infranciosata. Per
qualche lieve modificazione bisogna attendere il tempo degli Inglesi
(1806-1815).

Con ordine inappuntabile i servitori attendevano alle singole loro
incombenze; nelle grandi occasioni le pietanze seguivano alle pietanze,
con crescente soddisfazione dei trimalcioni e con pericolo degli
stomachi più agguerriti. Il numero di queste pietanze era l’indice della
grandezza della casa e del rispetto che essa imponeva a sè ed agli
altri. Anche qui i forestieri guardavano stranizzati, non riuscendo a
persuadersi che l’essere ricchi, o semplicemente agiati, imponesse, per
onorare un ospite, di far passare sotto il naso di lui dieci, quindici
piatti l’uno più costoso dell’altro.

Le principali specialità dell’Isola eran messe a contribuzione, e nelle
portate di secondo e terzo ordine si vedevano i cefali della Cala di
Palermo e le anguille del Biviere di Lentini, i caci di Calatafimi e le
_provole_ di Modica, il miele di Mascali ed il torrone di Piazza, il
moscato di Siracusa e la malvasia di Lipari. I monasteri della città
compievano l’opera culinaria, L’ab. Giovanni D’Angelo ci ragguaglia d’un
pranzo tenuto nel Convento di S. Domenico (15 maggio 1796), nel quale,
con l’intervento del Presidente del Regno, l’Arcivescovo Lopez y Royo,
di trenta altri illustri commensali e di cinque frati dell’Ordine dei
Predicatori, a compimento del Capitolo da questi tenuto e ad omaggio del
nuovo Provinciale eletto P. Pannuzzo, furon serviti 24 piatti e 64
intramessi e tornagusti oltre il pospasto ed sorbetti⁴⁶².

 ⁴⁶² _D’Angelo_, _Giornale_ ined., p. 105.

Prima ancora, Brydone aveva fornito curiose particolarità di un pranzo
offerto nel giugno del 1770 dalla Nobiltà di Girgenti al suo Vescovo;
pranzo al quale egli prese parte.

«Eravamo, egli dice, trenta commensali; ma, parola d’onore, non credo
che i piatti fossero stati meno di cento. Si servì in vasellame
d’argento, e, cosa singolare, una gran parte delle frutta portate al
secondo servizio, ed il primo piatto portato in giro fu di fragole».
Brydone le mangiò con latte e zucchero, ed i convitati gustarono il
nuovo condimento. Il _dessert_ si compose di frutta svariate e di
sorbetti anche più svariati, in forma così perfetta di pesche, fichi,
arance, nocciole, che uno dei commensali, inglese come Brydone, ne
rimase ingannato. Perchè, finita la seconda portata, e presentatiglisi a
guisa di retroguardia, altra maniera di gelati, un servitore gli pose
davanti una bella e grossa pesca, che egli prese per frutta naturale: e
tagliatala in mezzo, e portatane la metà alla bocca, a bella prima ne
rimase scosso, e come per allargare lo spazio gonfiò le gote. Ma la
intensità del freddo vincendola sul ripiego e sulla sofferenza, egli la
palleggiò con la lingua, poi non potendo più oltre resistere, con gli
occhi rossi di lacrime la rigettò disperato sul piatto, bestemmiando
come un turco ed imprecando al servitore, dal quale si credette burlato
quasi gli avesse profferto per quel frutto una palla di neve dipinta.

Tanto abuso di sorbetti richiama a quello della acqua gelata nella
stagione calda. Come senza di essa non si sarebbe saputo dare un passo
in città, così con essa si alternava ogni pietanza ed ogni intingolo. Il
nostro bravo forestiere, lodandosene altamente in Palermo, riconosceva
strano che questo lusso (a parer suo, il più grande e forse il più
salutare tra tutti i lussi) fosse ancora tanto trascurato in
Inghilterra: e rilevava con piacere la pratica dei medici siciliani di
dare al malato di malattie infiammatorie acqua gelata in quantità;
pratica spinta tant’oltre che un celebre medico d’allora copriva con
esito fortunato il petto e lo stomaco del paziente, di neve e
ghiaccio⁴⁶³.

 ⁴⁶³ _Brydone_, _op. cit._, lett. XX, e XXXIII.

Se non l’abbiamo fatto prima, vogliamo ora che ci cade in acconcio,
notare che l’etichetta del tempo non guardava al vestire da tavola; pare
anzi che in questo non si andasse tanto pel sottile⁴⁶⁴. Alla eleganza
delle vesti non si sacrificava punto la libertà del comodo: di che
qualche viaggiatore si maravigliava come di costumanza incoerente alla
vita di grandezza e di sussiego.

 ⁴⁶⁴ _Galt_, _op. cit._, pp. 40-41.

Alle mense nobilesche raramente mancava qualche parassita, vecchia piaga
di chi ha. Quest’essere avea bene una casa, ma solo per dormire; il
resto della giornata divideva tra’ suoi potenti amici, presso i quali
giungeva sempre con esattezza matematica. D’uno di essi fu detto:

    Lu viditi affacciari a menzujornu,
    'Ntra l’ura giusta chi firria lu spitu⁴⁶⁵.

 ⁴⁶⁵ _Melchiore_, _Poesie_, p. 62.

Egli andava ben vestito, ma si hanno forti dubbî se il sarto del suo
giamberghino fosse stato pagato. Il suo appetito era pari alla sua
sfrontatezza. Degl’intingoli, dei manicaretti che si passavano in giro,
tutto assaggiava, tutto mangiava, tutto trovava eccellente; e come per
isdebitarsi col suo generoso ospite vuotava il sacco di tutte le notizie
che avea potuto udire o leggere gironzolando di qua e di là. E l’ospite
non poteva non esserne soddisfatto, solleticato nella sua vanità di
ricco, di magnifico, e, altronde, non isdegnoso della compagnia di
persone che alla fin fine erano le più innocue creature del mondo.

Un signore savoiardo ha una pagina aspra per codesti parassiti, i quali
egli incontrava in ogni casa magnatizia, e che il padrone di casa, pur
disprezzandoli, tollerava, perchè il loro rumoroso stuolo serviva ad
accrescere pompa alla scena: «espediente infelice, diceva lui, che
obbliga il signore alla compagnia di uno stuolo di miserabili che gli
ronzano attorno, guidati dallo interesse di strisciare ai piedi del
fortunato»⁴⁶⁶.

 ⁴⁶⁶ _De Borch_, _op. cit._, t. II, p. 82.

Meli vedeva una ingiustizia sociale nel favore accordato a questa gente
a scapito di altra che lavora e non riceve nulla. Certi baroni

      .... paganu beni e profumati
    Li tanti parassiti muscagghiuni,
    Chi si fannu vidiri affacinnati
    E usurpanu lu lucru tuttu interu
    Di chiddi chi fatiganu davveru⁴⁶⁷.

 ⁴⁶⁷ _Meli_, _Poesie: Lu boi e la muschitta_.

In mezzo a tanta festa di gola e di ghiottoneria, Palermitani e
Siciliani, dal primo all’ultimo, dal più alto al più basso, le solite
eccezioni fatte, erano frugalissimi nel mangiare, moderatissimi nel
bere. Nelle grandi mense, solo dopo il 1770 cominciarono a brindare alle
dame toccando i bicchieri, e bevendo alla loro salute: usanza, a quanto
pare, non mai udita nè seguita prima dell’esempio datone in Palermo da
due signori inglesi⁴⁶⁸.

 ⁴⁶⁸ _Brydone_, _op. cit._, lett. XXIII.

Questa frugalità c’induce a guardare il rovescio della medaglia: il
mangiare, cioè, dell’infima classe, dalla quale in parte, e in parte
dalla superiore, ritraeva il ceto civile.

Non occorre uno studio per conoscere come si nutrisse la povera gente
che viveva col lavoro delle braccia. I cibi meno costosi, presi dal
regno vegetale, erano il suo alimento ordinario. Zuppe d’ogni maniera di
legumi e di verdure, il meglio che essa potesse permettersi quando il
frutto del lavoro glielo concedesse, o solo in qualche giorno della
settimana. Il suo alimento però era sempre a base di pane, quando
_fino_, di buona qualità, quando _murino_, di qualità inferiore; pane
scusso, pane con cipolla e, secondo le stagioni, con pomidoro non
maturo, con fave verdi, o con frutta fresche o secche, o con olive, o
con formaggio della peggiore qualità, con copiose libazioni d’acqua o
con un gotto di vino quando l’aveva⁴⁶⁹. Il caffè, la cioccolata le eran
note solo di nome, per quel che ne sentiva dire, o che ne vedeva
passando, o per qualche prova che poteva averne fatta in giorni di
poesia. Questi conforti mattutini erano, come abbiam veduto, riservati a
gente civile, e tale essa non poteva dirsi nella triplice partizione
della società. Non caffè con latte quindi bevea, perchè il latte andava
preso in giorni eccezionali, ed i medici preferivano per gli ammalati
quello d’asina.

 ⁴⁶⁹ Una notizia in proposito ha _Galt_, _op. cit._, p. 40.

Al di sotto delle zuppe, come si chiamano tra noi, andavano altri cibi:
fave lesse non isbucciate, minestre ed erbaggi, che costavano solo la
cottura e non sempre esigevano condimenti di olio, bastando il vilissimo
sale di Cammarata o quello migliore di Trapani ed il pepe selvatico
della città⁴⁷⁰. Secondo le stagioni e le circostanze, usava anche
baccalà e tonno, che, copiosissima essendone la pesca e del tutto
mancanti i mezzi di esportazione, andava svilito al prezzo d’un baiocco
il rotolo (4 cent. di lira gr. 800), e che chiamavasi perciò _carni di
puvireddu_; e _sciala, poviru!_ gridavasi dai venditori per le piazze.

 ⁴⁷⁰ Usava, difatti, ed usa ancora, lo _speziu sarvaggiu_, falso pepe,
     ed il sale di _menza macina_, cioè non tutto raffinato.

Dall’agosto al dicembre i fichi d’India erano la provvidenza di quanti
non avessero da sfamarsi; e ciò non solo nella Capitale, ma anche in
tutta l’Isola. Galt sul principiare del secolo ne trovò quasi
incredibile il consumo. «In ogni parte voi v’incontrate in piantagioni
di fichi d’India, in ogni villaggio coperte ne sono le stalle. Ad ogni
angolo di strada di Palermo sono articolazioni (_pali_) di fichi
d’India. Se vi capita uno che mangi, il suo cibo non sarà che di fichi
d’India. Se egli porta un paniere, questo non sarà d’altro pieno che di
fichi d’India. Ogni asino che la mattina s’avvii alla città, è carico di
fichi d’India. Un contadino che in sul far della sera stia sopra una
pietra a contar monete di rame, non fa se non il conto di quel che gli
han prodotto i suoi fichi d’India. Se un genere è cattivo si dice che
non vale un fico d’India, mentre non v’è cosa più squisita al mondo che
un fico d’India. Ecco il solo lusso che gode il povero»⁴⁷¹.

 ⁴⁷¹ _Galt_, _op. cit._, p. 27.

Quale distacco tra chi avea e chi non avea!



                           _Capitolo XXIII._


   _LUTTI DI CORTE, DI NOBILI, DI CIVILI, DI PLEBEI; SCENE MACABRE._

Le feste ed i lutti della Corte eran feste e lutti della Nobiltà; e
siccome di occasioni liete e tristi non era penuria nella Corte di
Napoli, feste e lutti si alternavano con frequenza di forme stridenti.
Carolina regalava ogni anno o due un figlio all’augusto marito, un
padrone ai sudditi fedeli; e bisogna riflettere che questi regali
andavano celebrati anche negli anniversarî, e che il Principe
ereditario, in età da prender moglie, presala, avea anche lui i suoi
figliolini, i quali non potevano passare inosservati. Or se si consideri
che la Casa Borbone, emanazione di quella paterna di Spagna, era
imparentata con la Casa d’Austria-Ungheria, con quelle di Toscana, di
Portogallo e con altre regnanti in mezza Europa, può immaginarsi quante
volte all’anno dovesse il Castello issare la bandiera, il Duomo
sciogliere le sue campane, la Curia intonare i suoi _Te Deum_, le
fortezze della città sparare i loro cannoni; e con tutto questo le
truppe fare le loro mostre, i nobili accorrere al baciamano di giorno ed
ai ricevimenti di sera. E non mettiamo in conto gli arrivi e le partenze
dei Vicerè, gli onomastici ed i compleanni loro e delle Viceregine:
salvo che non si fosse scapoli, come il placido Marchese Fogliani,
l’arcigno Marchese Caracciolo, il dabben Principe di Caramanico.

Diremo altrove delle feste d’altro genere; qui accenneremo soltanto ai
lutti.

Feste e lutti venivano, le une avvisate, gli altri intimati con
ispeciali inviti che, come abbiam detto e diremo, si sdoppiavano: uno,
p. e., del Capitan Giustiziere ai cavalieri, uno della Capitanessa alle
dame. Basta leggere codesti inviti o partecipazioni per formarsi un’idea
del lutto che si dovesse prendere:

                 _La Marchesa di S. Croce Capitanessa_
                 _nell’atto di riverirla, le fa sapere_
            _di essere arrivata a S. E. con Dispaccio Reale_
             _in data de’ 24 dello scaduto Febrajo [1781]_
       _la morte_⁴⁷² _seguita della Reggina vedova di Portogallo_
                  _ed avere la Reggina Nostra Signora_
             _preso il lutto per mesi quattro due stretti,_
                          _e due più larghi,_
             _che corsero dalli 18 dello stesso Febbrajo;_
               _perciò S. E. Signor Presidente del Regno_
                            _ha determinato_
            _che lo stesso si prattichi in questa Capitale_
                      _da tutte le Signore Dame,_
                 _e con pieno ossequio le si rassegna._

 ⁴⁷² _Arrivata la morte_, invece della _notizia della morte_!

Se la morte era di persona della Famiglia reale, il bruno doveva essere
intero, completo, fino alla mancanza della inevitabile cipria alle
parrucche e delle _dentelles_ alle maniche delle giamberghe. Così fu per
la morte della Imperatrice Maria Teresa, madre della Regina, notizia per
la quale fu mandata in giro (6 febbr. 1783) un’elegante circolare in
questi termini:

             _Il Marchese di S. Croce Capitano Giustiziere_
          _nell’atto di riverirla distintamente le fa sapere,_
                  _che dovendosi celebrare nel Duomo_
           _per nove giorni continui l’Essequie, e Funerale_
                 _per la morte dell’Imperatrice Regina_
                       _Madre della Regina N. S._
                _cominciando dal giorno 16 del corrente_
                    _per tutti li 24 dello stesso;_
           _perciò S. E. Sig. Presidente del Regno il primo,_
            _ed ultimo giorno, due ore prima al mezzogiorno_
           _abbasserà al Duomo, ove terrà la Real Cappella:_
                       _ed in detti nove giorni_
      _vestirsi in lutto rigoroso senza polvere, e manichetti_⁴⁷³
                    _e con pieno ossequio si resta._

 ⁴⁷³ I _manichetti_ erano le _dentelles_ che si cucivano all’orlo delle
     maniche.

Nove giorni di funerali! C’era da svenirsi; ma la Nobiltà c’era
abituata, e, se si toglie l’incomodo della levata mattutina, che po’ poi
non era grave, non essendosi tenuta conversazione la sera innanzi, ad
esequie finite, rincasavasi con la soddisfazione di aver compiuto un
dovere, e forse con un po’ d’appetito in corpo.

Alle dame, per la medesima ragione, era stata spedita per via di lacchè
altra partecipazione consimile a nome della Capitanessa Marchesa di S.
Croce.

Qui la sventura era grande, perchè legata strettamente alla Famiglia
regnante; ma per decessi di personaggi che in Sicilia nessuno conosceva,
e che solo l’aristocrazia avea sentiti nominare nell’annuo _Notiziario
di Corte_ del Gregorio, il lutto si raccomandava ed esigeva; e quando
una volta un signore credette di potervi derogare, e tenne una festa da
ballo, il Vicerè lo mandò subito in prigione, scandalizzato che durante
un lutto ci fosse un nobile che si permettesse di tenere festino in casa
sua. Ed il povero, mal consigliato signore, che era stato sempre una
buona persona, dovette prendere un mesetto di Castello.

Questa commedia del lutto veniva a stancare; perchè, o bisognava
privarsi di qualunque divertimento pubblico e privato, o smettere il
bruno: due cose che non istavano bene e che conveniva guardarsi
dall’affrontare. Perciò conciliando, come suol dirsi, capra e cavoli,
che cosa facevano le dame? serbavano il lutto stretto, e così abbrunate
recavansi a teatro, che, a buoni conti, avea vita per esse. Alla
medesima maniera andavano alle deliziose adunate della Marina ed alle
funzioni di chiesa: servendo così a Dio ed a mammona. Ma la trovata dava
troppo all’occhio, ed il Vicerè, che tutto vedeva, e non poteva
permetterlo, per mezzo della moglie del Capitan Giustiziere faceva un
giorno sapere come qualmente queste contraddizioni non potevano passare
inosservate, e che se si voleva prender parte ad una festa e si era in
lutto, non bisognava profanare il dolore. La Capitanessa, col suo
superbo stemma inquartato a capo d’un biglietto e con la corona
marchionale, notificava l’ordine caraccioliano:

           _La Marchesa di S. Croce divotamente riverendola,_
              _le partecipa che intesa S. E. Sig. Vicerè,_
         _che alcune Dame nella occorrenza delle Feste Reali,_
                 _come di parto della Regina, ed altre_
              _non lasciano di comparire vestite a lutto_
                         _ne’ luoghi pubblici,_
       _e nei Teatri s’è servita con biglietto delli 7 corrente_
            _incaricarla di far avvertire le Signore Dame,_
               _che sotto pena della Reale Indignazione,_
                        _non si facciano vedere_
            _vestite a lutto ne’ pubblici Luoghi, e Teatri_
                         _in simili occasioni,_
       _e volendo in essi comparire, lasciar dovessero il Lutto;_
               _e perciò in adempimento di tal comando,_
                   _glie ne passa il presente Avviso_
                _pella dovuta esecuzione e regolamento_
                _e con dovuto ossequio se le rassegna._

Le dame non se la presero calda, come, per dovere d’ufficio, dovea dare
a vedere di prenderla la moglie del Giustiziere, e come, per eccessiva
servilità alla Corte, fingeva d’averla presa il Vicerè. E, discorrendone
tra loro, tutte vi fecero sopra le loro argute osservazioni.

Tolti codesti incidenti, il lutto signorile procedeva, non diremo sulla
falsariga, ma in ragione della vecchia etichetta, e molto davvicino alle
prammatiche del Regno. Da anni ed anni il Governo non avea fatto altro
che dibattere il chiodo del 1737, cioè che bisognava vestire così e
così, senza arbitrarie innovazioni; ed ultimamente (1775), infastidito
della rilassatezza nella quale si era caduti, volle ribatterlo più
fortemente ancora, ricordando come dovesse vestirsi non solo dai nobili,
ma anche dagli altri ceti, in occasione di morti. In quel bando del
Vicerè Colonna gli eruditi riconosceranno una delle solite leggi
sontuarie: noi invece vediamo una delle tante manifestazioni della vita
d’allora, così diversa dall’attuale. Molti faranno le grandi meraviglie
che il Governo s’immischiasse anche nel vestire di lutto o penetrasse
nelle case per dire alle famiglie: «Queste si può fare; quest’altro non
si deve fare!». Ma dovranno pure persuadersi che la ragione di ciò è nei
tempi, che consigliavano disposizioni di quel genere, estese anche alle
fogge per nascite, per nozze, per morte e per altre circostanze e
condizioni della vita ordinaria.

Spigoliamo, adunque, nel largo campo aperto dal bando del 1775; ma nel
far ciò, asteniamoci dal manifestare qualunque osservazione possa
affacciarsi alla nostra mente. Le osservazioni sarebbero molte, e ci
distrarrebbero dall’argomento.

Il Vicerè ordinava:

«Per le morti delle persone reali gli uomini possano portare le
giamberghe nere di panno o bajetta, ed in tempo d’està di stamina
(_stamigna_), e le donne vestir di laniglia o cattivello (_filaticcio_),
dovendo durare il lutto per mesi sei. Con che però, alle famiglie de’
vassalli, di qualsivoglia stato e condizione che siano i lor padroni,
non si permetta portare lutti per morte di persone reali, poichè
bastantemente si manifesta il dolore di tanta universal perdita colli
lutti de’ loro padroni».

Il medesimo ordinava per la morte dei nobili, dei Consiglieri di Stato,
dei Cavalieri di S. Gennaro e del Toson d’oro, dei Grandi di Spagna. Ai
visitatori, anche non parenti, consentiva pel solo primo giorno della
morte, non ancora sepolto il cadavere, il lutto, «permettendo anche alle
vedove il portar per uso proprio le fittuccie (_nastri_) a loro
arbitrio».

Inoltre «che nelle case di lutto i parenti di qualunque grado, ed anche
del marito e moglie, non possano tenere le finestre delle stanze chiuse,
ma totalmente aperte. Che la sera non si possano tenere lampadi, ma
candele, non meno di due, nella stanza ove si ricevono visite; e le
donne per la morte dei mariti possano stare in casa soli tre mesi; e per
padre e madre, figlio o figlia, nonno o nonna, suocero o suocera, genero
o nuora, giorni nove; e per zii, zie e cugini carnali non possano aprir
lutto in casa, ma solamente vestirlo per giorni nove.

«Che nelle case di lutto, ancorchè il cadavere sia sopra terra,
solamente si possa coprire il suolo della camera, ove le vedove o vedovi
ricevono le visite di condoglianza, con mettere li portali (_tendine_)
neri alle porte o finestre, e questo per giorni nove, proibendosi, in
qualunque altro lutto, che non sia come sopra, di marito o moglie, li
panni neri o morati, senza poterne giammai parare di nero le mura».

E poichè chi più poteva spendere, più largheggiava nella erezione di
altari e nella pompa dei ceri innanzi il morto, il bando consentiva un
altare e solo dodici lumi; e circa i mortorî: che essi non dovessero
sonarsi fuori la parrocchia del defunto o la chiesa della sepoltura,
fosse essa d’una confraternita, fosse d’un convento; e che
l’associazione ecclesiastica non uscisse dalla cerchia della medesima
parrocchia e dei medesimi frati e consocî della confraternita.

«Che le parti ed eredi del cadavere non possano dare a’ sudetti regolari
e confratelli, che interverranno all’associamento in forza del loro
invito, nè costoro ricevere e portare alle mani se non se una candela,
che al più non ecceda il peso di once tre: e per qualunque difonto o
difonta di qualsivoglia stato, grado e condizione, che fusse, non possa
eccedere il numero di cinquanta candele».

C’è egli dubbio che, a ragion di lusso o di pompa, ai processionanti si
dèsse più d’un cero, sì che il numero giungesse all’infinito?

«Che li baulli o tabuti, (_bauli o casse_) ne’ quali si portano ad
interrare li difonti, non siano coverti di drappo d’oro, argento o seta,
ma di bajetta o panno, o di altra sorte di lana, con color nero o
morato, per essere sommamente improprii tutti gli altri colori, e solo
si permette il terzanello di colore; senza oro ed argento, e non altro,
per li baulli _seu_ tabuti di figlioli (_bambini_), che muoiono prima di
uscire dall’infanzia, sentendosi del pari ne’ sudetti interri, in vigor
del presente bando, generalmente vietato checchessia altro mondano
somiglievole fasto.

«Che per qualsivoglia lutto, ancorchè sia della primaria nobiltà, non si
possano portare carrozze nere o sedie di mano (_portantine_) di drappo
nero o morato, o di qualunque altro colore, che dinotasse lutto, nè
tampoco usarsi qualsivoglia altro lusso»⁴⁷⁴.

 ⁴⁷⁴ Bando e Comandamento d’ordine dell’Ecc. D. Marcantonio Colonna
     Principe d’Aliano in data del 6 marzo 1775.

A questa lungagnata seguivano le pene ai trasgressori: e le pene erano
minacciate con tanta severità che nessuno dubiterà della ferma
intenzione del Vicerè di farla finita coi contravventori. Si trattava
nientemeno di una multa di 500 scudi ai nobili e di un anno di carcere e
di altre pene ad arbitrio di S. E. a qualsivoglia altra persona. Per le
donne maritate, la pena sarebbe stata pagata dai mariti; per le vedove,
si sarebbe esatta da qualunque dei loro effetti; pei figli di famiglia,
dai genitori.

A ben comprendere le inibizioni di questo bando bisognerebbe riportarsi
ai vecchi eccessi che turbavano la società, e soprattutto alle teatrali
ostentazioni di dolore alle quali grandi e piccoli, madri e figli,
mariti e mogli si abbandonavano. Porte, usci, si tingevano in nero; di
nero si coprivan le pareti; si capovolgevano seggiole e deschi;
sparecchiate si lasciavan le mense; buio pesto regnava nelle stamberghe,
nelle camere, nelle sale, rischiarate appena dal debole chiarore di
qualche lucerna: e tutto ciò per mesi interi ed anche per anni se per
poco la perdita fosse stata di mariti o, in generale, di capi di
famiglia. Aggiungi altre esteriorità create e mantenute dalla vanità e
dalla jattanza, come il tramutamento in nero di qualunque colore di
fornimenti di animali da soma e da tiro, e carrette, e carrozze, e sedie
portatili e perfino lettighe padronali se si fosse stati nella
imprescindibile necessità di andare a udir messa (dovere che i Sinodi
diocesani richiamavano sempre, condannandone l’inadempimento), o di
recarsi da un sito all’altro dentro o fuori città, nei dintorni di essa,
o nel vallo, o più oltre ancora⁴⁷⁵.

 ⁴⁷⁵ Sul lutto specialmente nel popolo, può vedersi il cap. che ne parla
     nei nostri _Usi e Costumi_, v. II, pp. 230-40.

Noi abbiamo parlato del bruno senza aver veduto ancora il morto per cui
il bruno andava preso.

Il cadavere veniva portato via subito senza pensarsi alla possibilità
d’una morte apparente. Questa possibilità turbava qualche persona
d’allora; ed il prof. Hager, che un giorno vide dentro il coro dei
Cappuccini, chiusa in un feretro, una giovane stata dianzi strappata al
desolato sposo, e che provò un grande raccapriccio scorgendo innanzi le
fosse della chiesa dei giustiziati, un’ora dopo lo strangolamento, i
compagni di congiura di F. P. Di Blasi (1795), ne parlò al Presidente
del Regno, il quale non se ne commosse nè molto nè poco⁴⁷⁶.

 ⁴⁷⁶ _Hager_, _Gemälde_, p. 125-27.

Le più strane costumanze s’incontravano nei due ceti estremi, la Nobiltà
e la bassa gente.

Nella Nobiltà tutto era un apparato di sontuosità che voleva attestare
quanto grave fosse stata la perdita. Quale la vita, tale la morte. Lo
splendore del palazzo si trasformava nelle gramaglie della chiesa ove i
funerali doveano celebrarsi. Molte le chiese che si facevano
partecipare, nel medesimo giorno e nelle medesime ore, ai suffragi, con
centinaia di messe e con migliaia di rintocchi di campane. Nella chiesa
del cadavere, immenso lo stuolo degl’invitati e la resa dei curiosi.
Sopra un cataletto a frange d’oro, in abito sfarzoso come per una festa
mondana, la fredda salma non istava, come d’ordinario, a giacere, ma
seduta quasi per mostrare l’esser suo⁴⁷⁷.

 ⁴⁷⁷ _Bartels_, _op. cit._, p. 629. Cfr. il cap. XIV, p. 256: _Nobiltà_.

Un capitolo sull’argomento riempirebbe di sorprese chi non abbia
familiarità con le tante sopravvivenze etniche dei popoli, descritte dai
moderni critici della civiltà.

Nel popolino la più comune era quella delle _reputatrici_, donne
prezzolate, che esercitavano il triste mestiere di piangere sui morti,
urlando nenie, strappandosi i capelli. Un parroco della città ne fu
testimonio pel suo rione, dove la più povera gente grameggiava in mezzo
alla più agiata. «Un solo rimasuglio di cantilene, dice il Santacolomba,
mi è accaduto sentire qualora m’è toccato d’assistere a ben morire ai
pescatori della Kalsa, e mi si dice che tuttora vi sia nelle piccole
terre del Regno: reliquia forse delle antiche prefiche»⁴⁷⁸.

 ⁴⁷⁸ _Santacolomba_, _op. cit._, p. 454.

Altro che «mi si dice»! L’usanza era così comune che più non si sarebbe
potuto trovare in inculti casali e in centri civili dell’Isola.

Sotto la data del maggio 1775, nel solito _Diario_ del Villabianca si
legge: «Sul cominciare di questo mese cessar vedesi la costumanza di
esporsi i cadaveri dei mendicanti nelle pubbliche piazze e contrade
della città; cattandovi la limosina pel suffragio delle anime e per la
spesarella dei facchini e del feretro li pii confrati dell’Opera della
Misericordia. Ciò venne ordinato dal Senato, non solo per dar favore
alli confrati della chiesa di S. Matteo del Cassaro [ma an]che per non
funestare i cittadini con quella luttuosa mostra⁴⁷⁹».

 ⁴⁷⁹ _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XXI, pp. 337-38.

     Varie confraternite aveano per pio istituto il seppellire coloro
     che per estrema povertà sarebbero rimasti insepolti; erano quelle
     di S. Giuseppe ab Arimathea, delle Sette Opere della Misericordia,
     de’ Pellegrini, di S. Ivone, di S. Giuliano, di S. Francesco, ecc.
     Esse potevano limosinare in tutti quei giorni che dovesse
     seppellirsi qualche povero, «il che in una città così popolosa
     avviene quasi ogni giorno». _Fundatio publici Caemeterii_, p. 88.
     Anno 1785.

La breve notizia è un guizzo di luce nel campo non del tutto esplorato
del costume. Come dev’essere stato orribile, andando per la città,
vedere nei posti più frequentati, fermi e circondati di curiosi,
cataletti, con sopravi figure contraffatte di uomini e di donne in
attesa di chi offerisse l’obolo per le spese del seppellimento!...

La provvida abolizione, peraltro, non tolse l’uso dei trasporti funebri
di poveri, di civili, di nobili. Il noto Segretario del Senato Teixejra
nel 1793 parlava ancora di questue dell’opera Santa di S. Giuseppe ab
Arimathea a beneficio dei defunti poveri⁴⁸⁰.

 ⁴⁸⁰ _Teixejra_, _op. cit._, cap. XII.

Nè mutò l’abolizione de’ diritti parrocchiali per siffatte occasioni
luttuose. Quantunque non si pagasse più l’associo, la benedizione del
cadavere ed il trasporto di esso, pure questo, dove l’agiatezza lo
consentisse, o la vanità del fastigio lo esigesse, avea l’onore d’un
corteo di frati e di preti dalla casa alla chiesa o, quando qui non
fosse la sepoltura, al camposanto. Non lo mutò neppure il divieto di
quella tale associazione che per un _grano_ (cent. 2) la settimana
forniva ai contribuenti gratuito, se tale poteva dirsi, ed associo e
sepoltura e mortorio e messe ed altri postumi suffragi⁴⁸¹.

 ⁴⁸¹ R. Decreto del 15 Gennaio 1783.

Il morto volgare veniva acconciato in portantina, scoverta o no. La
distinzione s’avea anche in questa, perchè esisteva una gradazione
esteriore, dal cuoio nero semplice al legno lucido, ed ornato con un
pennacchio in alto, un cranio su due stinchi incrociati davanti, ed il
motto: _Memento mori_⁴⁸².

 ⁴⁸² _Galt_, _op. cit._, p. 50. Vedi nel presente vol., p. 219.

Non era raro che una portantina comune con un cadavere dal viso
mostruoso e ributtante si scambiasse per altra, rallegrata da un bel
viso sorridente, e viceversa. Hager si disse vittima di questo equivoco,
e lo ricordava con terrore⁴⁸³.

 ⁴⁸³ _Hager_, _Gemälde_, pp. 118-19.

Eppure, la vista di cotali spettacoli non dovea essere così brutta come
ne è adesso per noi il semplice ricordo. Ci si era nati, cresciuti, e
perciò abituati: ed a forza di giornaliere ripetizioni doveva tenersi
come una delle cose ordinarie della vita.

Fin nelle feste dei bimbi e dei fanciulli, e nelle strenne, che loro si
facevano e si fanno credere regalate dai congiunti trapassati, le triste
immagini potevano ricomparire, frammischiarsi, senza turbare i miti
sogni delle anime tenerelle. L’Arcivescovo Filangeri, fungendo da
Presidente del Regno (1773 e 1774), volle per due volte consecutive,
all’avvicinarsi della fiera per la commemorazione dei defunti, disporre
«che non si lavorassero le antiche immagini o figure di qualunque si sia
sorte di morti, di scheletri, di ossa, di teschi»⁴⁸⁴ (anche di teschi
manipolati dai dolcieri per le strenne fanciullesche!); ma non si hanno
prove che con la venuta del novello Vicerè si fosse ottemperato al bando
presidenziale.

 ⁴⁸⁴ _Galt_, _op. cit._, p. 50. Vedi nel presente vol., p. 219.

Il provvedimento governativo per le seppellizioni nel nuovo cimitero di
S. Orsola non abolì l’uso delle inumazioni nelle chiese, ma ne diminuì
il numero. Le cosiddette sepolture _gentilizie_ continuarono a ricevere
i cadaveri di quelle famiglie che ne avessero la proprietà. Conventi e
monasteri erano per questo preferiti; ma preferiti erano, esclusivamente
per le donne, i sotterranei delle Cappuccinelle e, indistintamente per
gli uomini e per le donne, le catacombe dei Cappuccini. Lì
s’accoglievano le dame e le gentildonne dei migliori casati, e, vestite
da cappuccine, venivano allogate in nicchie; qui, invece, nobili,
civili, ecclesiastici, maestri, i cui congiunti potevano fare la spesa
del colatoio e del posto avvenire. In che forma, dopo essiccati,
venissero ridotti e come acconciati, si vede ancora nella triste
necropoli, che tutti i viaggiatori hanno con senso di ribrezzo visitata,
e dove solo un poeta di alta forma trovò non invidiabile ragione
d’ispirarsi.

La descrizione che ne lasciò Ippolito Pindemonte è artistica:

        .... spaziose, oscure
      Stanze sotterra, ove in lor nicchie, come
    Simulacri diritti, intorno vanno
    Corpi d’anima vôti, e con que’ panni
    Tuttora, in cui l’aura spirar fur visti
    Sovra i muscoli morti e su la pelle
    Così l’arte sudò, così caccionne
    Fuori ogni rumor, che le sembianze antiche,
    Non che le carni lor serbano i volti
    Dopo cent’anni e più: morte li guarda
    E in tema par d’aver fallito i colpi⁴⁸⁵.

 ⁴⁸⁵ _Pindemonte_, _I Sepolcri_.

Bei versi, invero, che non fanno onore ai gusti del malinconico Cantore
veronese, ma che bastarono a far dare il nome di _Via Pindemonte_ alla
strada dei Cappuccini.

Ora anche nel seppellimento una distinzione non poteva mancare. Tra le
gallerie ve n’era una anche pei nobili, e dove, mummificati e vestiti
d’un sacco nero i corpi di persone dozzinali venivano ordinariamente
appesi alle pareti, quelli di distinto casato, dissecati a quel modo ed
avvolti nei propri panni e veli, «con sacchetti d’erbe aromatiche sul
petto» venivan chiusi in casse, o bacheche, le quali il vecchio custode
del luogo apriva ai curiosi visitatori⁴⁸⁶.

 ⁴⁸⁶ _Rezzonico_, _op. cit._, v. I, pp. 52-53. Non c’è forse viaggiatore
     che giungendo a Palermo non abbia cercato di visitare e poi
     descrivere queste catacombe, ora non più aperte alle seppellizioni.
     Se non andiamo errati, il primo straniero che ne abbia fatto
     menzione fu nel 1726 D’Orville (in _Sicula_, pars I, caput V, p.
     45; Amstelodami, MDCCLXVI). Seguirono nel 1770 Brydone (lett. XXV);
     nel 1785 Münter (v. I, pp. 4-5); dopo il 1787 Bartels (v. III,
     lett. XXXIV); nel 1793 il citato Rezzonico e poco dopo Hager (pp.
     168-85).



                            _Capitolo XXIV._


                           _PARTECIPAZIONI._

Il lettore non tema di essere attristato con altre notizie funeree. Chi
muore giace, e chi vive si dà pace, dicono per proverbio i Toscani; ma
più efficacemente i Siciliani: _Tintu cu’ mori, ca cu’ arresta si
marita_. E proprio pei maritaggi, come per i ricevimenti, le gale, i
balli, i monacati, partivano gl’inviti da un palazzo e andavano ad un
altro, espressione della _grandeur_ delle titolate famiglie. Non un
invito che deviasse dal suo natural cammino, non una partecipazione che
uscisse dalla cerchia entro la quale se ne stava la classe elevata. Se
inviti per alcuno di essa dalla media classe partivano, raro è che,
giunti, si tenessero, per quanto graziosamente accolti; e se si
tenevano, circostanze e ragioni speciali dovevano averne determinata
l’accettazione: o che tra l’uno e l’altro dei due ceti fosse un’amicizia
tale da imporre a questo di spedire, a quello di accogliere l’invito
gentile, o che nel gentile patrizio fosse una singolare degnazione.
Senza di questo ciascuno rimaneva al posto che gli competeva.

Per quanto piccola, questa faccenda delle partecipazioni è una curiosità
anch’essa. Se ai dì nostri sono elementi di cronaca mondana la cravatta
di uno scombiccheratore di versi, la sottoveste d’un accozzatore di note
musicali, il tacco degli stivalini d’una _Nanà_ qualsiasi, e le più
futili cose della vita giornaliera assurgono ad importanza che rivela
soltanto la nostra miseria, perchè non devono queste dimenticate
delicatezze dei nostri vecchi entrare nella storia della eleganza
siciliana?

In una delle splendide sale del Palazzo Butera in Palermo⁴⁸⁷ è la ricca
biblioteca della Casa. Tra i manoscritti del Duchino di Camastra, che,
dopo il 1805, dovea essere D. Giuseppe Lanza e Branciforti, Principe di
Trabia e di Batera, ed uno dei più colti ed affabili letterati del sec.
XIX, v’è un volume che fa per noi⁴⁸⁸. Giovinetto ancora, l’intelligente
patrizio piacevasi di prendere appunti nel _Diario palermitano_ che il
venerando Villabianca metteva in propria casa a disposizione di lui⁴⁸⁹:
e certo a siffatta amicizia è da attribuire la spiccata tendenza del
futuro scrittore alla erudizione patria. I dotti lo chiamavano alle loro
adunanze: ed una stampa del tempo, che fa parte di quel volume, dice
così:

 ⁴⁸⁷ Vedi nel cap. II, p. 15.

 ⁴⁸⁸ _Opuscoli_, t. 5, a. 1795. Ms. di proprietà dell’On. Pietro Lanza
     Principe di Trabia, a cui siamo grati di aver egli messo a nostra
     disposizione questo ed altri pregiati mss.

 ⁴⁸⁹ _Villabianca_, _Diario_ ined., a. 1796, pp. 583-85.

    L’ACCADEMIA PALERMITANA DEL BUON GUSTO. DOMENICA LI 2 8BRE 1796
    ALLE ORE 22 NEL PALAZZO DELL’ECC.MO SENATO IL SAC. D. GIOVANNI
    D’ANGELO RECITERÀ UN DISCORSO CHE HA P. TITOLO LA GALLERIA DI
    VERRE. SI PRIEGA IL SIG.RE DUCHINO CAMASTRA AD INTERVENIRE.

È, come si vede, una formola ordinaria, la quale verrà subito compresa
quando nel corso di quest’opera si leggerà che cosa fosse
quell’Accademia, e perchè si adunasse nel Palazzo del Senato, ed alle
ore 22.

Sotto l’anno 1795, il volume Butera offre le più distinte forme
tipografiche e letterarie di partecipazioni. Scorriamone qualcuna.

Sono pezzetti di carta di filo, non più larghi di dieci, non più lunghi
di sette centimetri. Lo stampato vi è incorniciato in fregi incisi e
litografati con disegni di artisti d’allora: ben povera cosa, invero,
che però non andava senza il nome latino degli autori: _Franciscus
Gramignani_, ovvero _Michael Ognibene sculpsit_. Si capisce che le
cornicette servivano ad inquadrare qualunque comunicazione. Ma in tanta
modestia di dimensioni e di forma quale profumo di gentilezza!

Eccone uno, il primo, che s’infiora del sorriso d’una nobil donna a
tutti nota:

                        LA MARCHESA DELLA CERDA
                    MENTRE DIVOTAMENTE LA RIVERISCE
             SI DÀ L’ONORE DI SIGNIFICARLE IL GIÀ CONCHIUSO
                               MATRIMONIO
                    DI D. GIUSEPPE DI SANTO STEFANO
                          MARCHESE DELLA CERDA
                               SUO FIGLIO
                         CON D. GERTRUDE RUFFO
                       ZIA DEL PRINCIPE DI SCILLA
                  E CON PIENO OSSEQUIO SE LE RASSEGNA.

Non abbiam modo di vedere se la egregia Marchesa fosse, come pare,
vedova e, come supponiamo, madre di quel giovane che in Roma incontrò la
famosa avventura di strappare dalle unghie della gendarmeria pontificia
l’amico suo Cannella; ma se era la madre, essa deve aver presa molta
cura dell’ardito e sventurato abate, quando egli potè impunemente
ritornare a Palermo.

Eccone un altro, al quale mancano le forme tipografiche di epigrafia:

    ESSENDOSI DI GIÀ STABILITE LE NOZZE FRA D. FRANCESCO PAOLO DI
    MARIA AGLIATA PRIMOGENITO DEL BARONE DI ALLERI, E D. CASIMIRA
    DRAGO, E MIRA FIGLIA DELLA MARCHESA D. FLAVIA DRAGO, E MIRA, IN
    DISCARICO DI SUA ATTENZIONE IL BARONE DI ALLERI PADRE NE
    PARTECIPA L’ADEMPIMENTO.

Non è bello, ma in una collezione non guasta.

Ecco uno sposo che, forse per esser privo dei genitori, _nomine proprio_
annunzia a parenti ed amici i suoi sponsali:

                        IL PRINCIPE DELLA CATENA
                       NELL’ATTO CHE DIVOTAMENTE
                           RIVERISCE L’E. V.
                      LE PARTECIPA LA CONCLUSIONE
               DEL SUO MATRIMONIO, COLLA SIG. D. CATERINA
                         REQUESENZ, E BONANNO,
                 FIGLIA DEL PRINCIPE DELLA PANTELLERIA
                     E SPERANDO I GRAZIOSI EFFETTI
                             DI GRADIMENTO
              SU DI QUESTI DOVEROSI UFFICI SE LE RASSEGNA.

Il padre della sposa avea una paginetta aneddotica nel zibaldone ms.
d’un aromatario d’allora; ma noi non saremo così indiscreti da
richiamarla a proposito d’una festa gentile di gentilissima fanciulla. E
seguitiamo a sfogliare il volume del Duchino di Camastra.

La seguente è una partecipazione di due signoroni, l’uno forse
congiunto, o tutore della sposa, l’altro sposo:

                       IL PRINCIPE DI MONTELEONE
                 ED IL PRINCIPE MARCHESE DI GIARRATANA
                   NELL’ATTO DI RIVERIRLA DIVOTAMENTE
                 LE PARTECIPANO IL CONCHIUSO MATRIMONIO
                  TRA D.A FELICE DI NAPOLI, E NASELLI,
                 FIGLIA DEL SIG. PRINCIPE DI RESUTTANO
                    ED IL SUDETTO PRINCIPE MARCHESE
                             DI GIARRATANA,
                  E SI RESTANO ALLA DI LEI UBBIDIENZA.

Questo pei residenti nella Capitale; ma quando gli amici eran lontani,
forma e formola cangiavano: lo stampino minuscolo diventava un foglio
grande di carta, e la dicitura epigrafica passava in epistolare. In
proposito incontriamo una lettera stampata della Principessa di Cutò in
Napoli alle sue nobili amiche in Palermo:

    _Eccellenza._

    _Piacente novella recherà a V. E. questo mio divotissimo foglio
    della conclusione del Matrimonio tra la mia nipote D. Nicoletta
    Filingeri figlia del fu Duca di Misidindino mio primogenito, ed
    il Principe della Motta unigenito del Duca di Baranello.
    Ascriverà l’E. V. questo mio ufficio come testimonianza di mio
    rispettoso ossequio alla sua degnissima persona, e famiglia,
    mentre io contrasegnandole l’onore de pregiatissimi suoi comandi
    costantemente mi ripeto_

                               _Di V. E._

                                           _Napoli, 18 Agosto 1798._
                                Div.ma Obl.ma serva e par[tecipan]te
                                           _La Principessa di Cutò_.

    A. S. E.

    (_Ms._) La Sig. Principessa della Trabia.

                                Palermo.

Lasciamo la Biblioteca Trabia-Butera e rechiamoci alla Biblioteca
Comunale, ove il Mentore del futuro letterato ci conservava tesori di
erudizione contemporanea. Il _Diario palermitano_ edito ed inedito tante
tante volte sopra ricordato del Villabianca ha delle vere ghiottornie
del genere.

La forma dei piccoli avvisi cominciava a comparire verso il 1777; prima
del quale anno essi correvano su carta grande ad una sola colonna, e con
molta, fin troppa semplicità. Nella nuova forma tipografica, se nuova
può dirsi, venne diramato l’invito ad una serata da ballo della
Viceregina Principessa di Stigliano; uno della Duchessa di Sperlinga per
il figlio di essa Viceregina; uno del Principe di Paternò, Capitano, per
un lutto di due mesi, in seguito alla morte dell’Elettore di Baviera,
ed, esempio unico e solo, uno in caratteri d’oro, della Principessa di
Villafranca⁴⁹⁰.

 ⁴⁹⁰ M. Qq. D. 105, pp. 101, 138, 144, retro.

Nello stile vecchio il Villabianca ci dà a leggere le participazioni del
Principe di Trabia e del Duca di Sperlinga per le nozze dei loro
figli⁴⁹¹. Certo, Aloisia Lanza voleva un gran bene al suo Saverio, e
perchè gli voleva un gran bene era lontana dal prevedere il grave
attentato che un giorno, proprio nella casa nuziale, avrebbe egli
commesso alla vita di lei. Di quel torno (1780) sono, tra cento altri,
gl’inviti del Marchese di Regalmici, Pretore prima, Capitan Giustiziere
poi, per occasioni di gale⁴⁹²; e del Marchese di Villabianca a sacerdoti
celebranti. Questo qui, per la sua singolarità, vuol esser conosciuto di
preferenza:

 ⁴⁹¹ _Diario_ dell’art. 1779, p. 86.

 ⁴⁹² _Diario_ del 1780, pp. 255 e 261.

    IN OCCASIONE DI DOVER FARE LA LORO SOLENNE PROFESSIONE NEL VEN.
    MONASTERO DI S. MARIA DELLE VERGINI LUNEDÌ CHE SONO LI 26 DELLO
    SPIRANTE NOVEMBRE LA SIGNORA D. CONCETTA ELEONORA, E D. MARIA
    BEATRICE EMMANUELE DE’ MARCHESI DI VILLABIANCA SORELLE, VIENE
    PREGATA LA DI LEI BONTÀ PER ACCRESCERE VIEPPIÙ LA POMPA COLLA
    PRESENZA DI SUA MESSA, E SICURO DELLA SUA GENTILEZZA SI
    OFFERISCE ALL’INCONTRO⁴⁹³.

 ⁴⁹³ 26 nov. 1781. _Diario_ a. 1781-82, p. 183.

Le due monachelle non ci resteranno sconosciute. Noi le vedremo il
giorno della visita della Viceregina Colonna a quel monastero, e le
sentiremo squisitamente sonare strumenti.... non monacali.

Poco prima che la Corte di Napoli venisse a Palermo, la Capitanessa
Principessa di Torremuzza invitava le dame ad illuminare le loro case
pel felice parto della Granduchessa di Toscana Luisa Amalia, e, venuta
la Corte, il Principe marito Capitan Giustiziere avvisava che S. M.
«tiene appartamento in Corte, e permette alla persona alla quale è
indirizzato l’invito d’intervenire»⁴⁹⁴. Si noti la concessione
_permette_, non _invita_ ad intervenire.

 ⁴⁹⁴ _Diario_ ined., 19 sett 1798, p. 490; 3 febbr. 1799, p. 142.

La Capitanessa aveva rappresentanza ufficiale e andava ufficialmente
riguardata. Come il marito ai Signori, così lei alle dame partecipava i
reali o vicereali comandi; e come lei, così anche la Pretoressa per le
partecipazioni che il Pretore pel Senato faceva ai nobili in occasione
di ricevimenti al Palazzo Pretorio. Una volta che la Pretoressa nol
potè, la nuora ne tenne le veci, perchè la moglie del Pretore aveva il
dovere ed il privilegio di far gli onori di casa.

Un’altra citazione e non più. I nobili solevano recarsi ai periodici
convegni del Palazzo Viceregio; con loro o senza di loro, le dame non
mancavano mai. Un giorno però un ordine superiore, forse del
neo-Presidente del Regno, o dispensava le dame dallo intervento, o
rimandava a lutto finito le geniali adunanze; e allora la moglie del
Capitan Giustiziere si affrettava a far giungere di casa in casa questa
circolare:

                        LA PRINCIPESSA DI GALATI
                              CAPITANESSA
                   RIVERENDOLA DIVOTAMENTE LE AVVISA
                       CHE PER L’ACCADUTA MORTE,
                  DEL FU PRINCIPE DI CARAMANICO VICERÈ
                 SI È STABILITO DI NON INTERVENIRE DAME
                 NELLA GALLERIA DEL GIORNO 12 CORRENTE.

L’avviso era ampio, il doppio degli ordinarî: e non poteva non esser
tale, data la grande sventura della improvvisa scomparsa del buon
Principe, tanto festeggiato l’anno innanzi appena recuperata la effimera
guarigione.



                            _Capitolo XXV._


            _PASSEGGIATE DELLA MARINA E DELLA VILLA GIULIA._

Fino al 1782 la piazza, già Colonna, poi Borbonica, comunemente Marina,
era compresa tra la Garita, a sinistra di chi esce da Porta Felice, e a
destra Porta dei Greci, trofeo glorioso dei giovani siciliani a Mahadia,
nella spedizione africana del Vicerè de Vega (1556). Dopo quell’anno,
raso il baluardo di questo nome e conservata la porta più religiosamente
che non abbian fatto posteri incoscienti delle patrie glorie⁴⁹⁵, la
piazza, o passeggiata, si protrasse fino alla Flora o Villa Giulia.

 ⁴⁹⁵ La insipiente accidia o acquiescenza dei pubblici Amministratori
     dopo il 1860 tolse e fece portar via come ferro vecchio questa
     porta, nè si sa dove sia andata a finire.

In questa Marina l’occhio spazia libero pel pittoresco golfo,
circoscritto dal classico ferro di cavallo che ha un capo nel Zafferano
ed un altro in quel Pellegrino che a W. Goethe parve «uno dei più bei
promontorî del mondo», e della cui bellezza di forma egli si credette
inabile a dar con le parole un’idea adeguata⁴⁹⁶.

 ⁴⁹⁶ _Goethe_, _op. cit._, lett. del 6 aprile 1787. — G., _Wanderungen_,
     conferma (p. 22) che «in Italia non v’è monte più bello».

Il sole vi dardeggia di giorno il fulgore dei suoi raggi; la luna, di
notte, ne inargenta le onde tremolanti; «solo il Bojardo e l’Ariosto,
dice un tedesco, ricordano luoghi più incantevoli»⁴⁹⁷.

 ⁴⁹⁷ G., _Wanderungen_, p. 21.

Là dove ora frondeggiano perenni le eritrinee, sorgevano, non sappiamo
se tutte ammirate, le statue di Carlo II, Carlo III, Ferdinando III⁴⁹⁸,
dal furore del popolo abbattute più tardi insieme con altre, forse per
confuso dispetto di re fedifraghi e di regi patti non mantenuti; al qual
furore potè solo sottrarsi nella piazza Bologni quella di Carlo V, che
incarna pel popolo una dolorosa affermazione sul caro dei viveri in
Palermo⁴⁹⁹. Quelle statue erano intramezzate da due fontane, decoro
dell’artistico padiglione per la musica: e la cortina o bastione
concorreva alla bellezza della scena con ornamenti di archi e di figure.

 ⁴⁹⁸ Anni 1780, 1787, 1790.

 ⁴⁹⁹ _Pitrè_, _Fiabe, Novelle e Racconti pop. sic._, v. IV, n. CCLXVIII.
     Cfr. nel presente volume il cap. II, p. 27.

Forte, incessante il desiderio dei cittadini di recarsi ogni giorno a
questo luogo di svago, forte così da diventare una specie di bisogno. La
stagione inclemente e le giornate rigide non valevano a moderarlo. De
Saint-Non osservava che nella estate nessun palermitano avrebbe saputo
andare a letto senza aver prima fatto un giro in questo sito⁵⁰⁰. Ma
anche d’inverno e col freddo di tramontana Bartels vide signore, nobili
e borghesi, delicatissime di complessione affrontarvi una tempesta che
in continente avrebbe fatto paura⁵⁰¹. Il recente prolungamento
esercitava un fascino su tutti.

 ⁵⁰⁰ _De Saint-Non_, _op. cit._, t. IV, I. p., p. 141.

 ⁵⁰¹ _Bartels_, _op. cit._, v. III, p. 353.

Noi dobbiamo visitarla nella stagione in cui l’abitudine vi chiamava una
volta il giorno la popolazione tutta; due volte il giorno, i ceti
superiori⁵⁰².

 ⁵⁰² _De Borch_, _op. cit._, t. II, p. 132.

Il 24 giugno la passeggiata estiva inauguravasi in forma chiassosa.
Delle vetture padronali, altre eran nuove, altre rifatte a nuovo.
All’ultimo sole che andava a nascondersi dietro Monte Cuccio
luccicavano, svariati e ricchi, gli stemmi d’argento. Cocchieri, lacchè,
_volantini_ pavoneggiavansi in abiti che l’uso voleva o supponeva usciti
dalle mani dei sarti.

Uno sempre, ma variato fino a settembre, lo spettacolo. Godiamcelo sulle
Mura delle Cattive. Qui (se la tradizione è plausibile) le vedove
(_cattivi_) che non vogliono farsi scorgere, ma che invece si mettono in
evidenza, vengono a prendere un po’ d’aria, e la frequente loro presenza
dà il nome all’alto viale, ed il nome è etichetta della merce.

Brulica nell’ampio corso la folla di cavalieri e di dame, di borghesi e
di signore, di maestri e di donnicciuole. Preti e frati, impiegati e
professionisti, soldati e studenti, monachelle e pinzochere animano la
scena componendo e scomponendo, come in un caleidoscopio, gruppi
multicolori e distinti⁵⁰³.

 ⁵⁰³ Vedi il cap. XX, {p. 305}: _La moda delle donne_.

Verso la Garita siede maestoso in alto un uomo che narra e gesticola e
con un bastoncello in mano in forma di furberta trincia in aria dei
segni, o combatte corpo a corpo nemici che non ha. Egli è un
contastorie, che sa tutte le leggende di Rinaldo, di Carlo Magno,
d’Orlando, di Calloandro, di Guerino. Gli appassionati, chi in piedi,
chi su pancacce, con la spesa d’un _grano_, pendono religiosamente dalle
sue labbra.

A due passi da lui, in un teatrino di legno per farse e commedie in
dialetto, popolani ed anche civili entrano premurosi a sentire i
creatori della nuova arte nazionale⁵⁰⁴. Trombe e tamburi chiamano uomini
attempati e giovani ad uno steccato vicino, ove i lazzi di pulcinella
provocano ilarità e risa sgangherate; e dietro a tutti, con uno sforzo
assolutamente fantastico d’isolamento, il luogo della contumacia (1788),
non è guari scelto e costruito da chi trovò incomodo e pericoloso nelle
procelle quello di fronte alla Garita, presso la chiesa di Piedigrotta
(1787).

 ⁵⁰⁴ Vedi nel v. II di quest’opera il cap. _Casotti_.

In mezzo a tanta confusione giungon distinte le voci dei venditori di
seme di zucca tostata e di acqua del pozzo di Santa Ninfa che a piè del
nostro bastione vengono ad attingere gli acquaiuoli della passeggiata.

Circolano, frattanto, nel centro «_phaetons_» secondo l’ultima moda e
fornimenti inglesi ornati d’argento e carrozze indorate, con le più
eleganti livree e con arditi cavalli allietanti non meno per le loro
magnifiche forme che pel loro bel colore, e che attirano con la loro
finezza e col loro fuoco gli sguardi di tutti. Qui un amico che guida da
sè i cavalli spumanti, o una coppia di attraenti bellezze, che dalla
vettura aperta mandano ardenti saluti, o che passeggiando,
amichevolmente conversano.... Qui, si fanno nuove conoscenze, si sentono
notizie interessanti, si combinano accordi di divertimenti e di
piaceri»⁵⁰⁵.

 ⁵⁰⁵ _Hager_, _Gemälde_, nell’opuscolo cit. _Donne e Passeggiate_, p. 7.

Dall’altro lato, sotto della banchina, a cavalcioni, accoccolati,
carponi, in piedi, stanno lunghesso la spiaggia raisi della Kalsa, chi a
risarcire reti smagliate, chi a fornir d’esca e ad adugliare per la
prossima notte palangani, e chi sui gozzi tirati o da tirarsi a terra, a
frettare, ad aggottare con la vecchia sàssola l’acqua penetrata per le
falle: e quando or l’uno or l’altro di essi alza gli occhi verso tanti
sfaccendati, senza neppure fissarli, non sanno comprendere come possano
dirsi palermitani essi pure, i Kalsitani, se palermitani son tutti
costoro, che ogni giorno vengono qui a divertirsi.

E come possono essi, i poveri pescatori, veder di buon occhio, tutte
fronzoli, trine e belletti, vecchie impiastricciate di cerussa nelle
profonde rughe del viso e le quali vogliono gareggiare con le più
fresche ragazze? E come non sentirsi rimescolare al passaggio di una
che, tutta polvere e manteca, sfacciatamente invita un giovinotto a
farle compagnia nel passeggio, mentre altri zerbinotti la colmano dei
complimenti più leziosi?⁵⁰⁶.

 ⁵⁰⁶ _Meli_, _Poesie_: odi IX, XXIV, e pp. 372-74.

In tanto viavai il bel sole ha abbandonato sul Pellegrino la pietra
dell’Imperatore⁵⁰⁷: e noi, che dal baluardo non sappiamo più discernere
quel che la mancante luce non ci consente, rientriamo in città. Stasera,
chi ne avrà vaghezza, potrà rivenire a questo luogo bellissimo, ma
quanto mutato! Le tenebre lo avvolgeranno nel loro velo misterioso, che
solo la luna potrà per un istante diradare. Il curioso cercatore di
aneddoti potrà sguisciare tra la nuova folla sotto i baluardi. Presso
Porta Felice vedrà la Conversazione estiva della Nobiltà: un crocchio
d’indifferenti chiacchierare con le dame del circolo; uno di annoiati
ridire sul caldo della giornata, sulla mancanza assoluta di notizie,
sulle ultime disposizioni del Senato. Più in là, fuori le _casine_
incavate nei baluardi, vedrà un muoversi confuso di servitori carichi di
sorbetti pei seduti lungo la _cortina_, pei nuovi arrivati in carrozza,
schivi di scomodarsi a scendere. Più in là ancora, non lungi da Porta di
Greci, potrà prender posto in una delle trattorie che lottano contro la
recente concorrenza di quella dell’_Astracheddi_ alla Flora, dove a
tarda notte giovani spensierati accorreranno a sbraciare in compagnia
delle artiste da teatro che avran potuto conquistare, _cortigiane_ dei
secoli passati, _demi-mondaines_ dei secoli avvenire.

 ⁵⁰⁷ Cfr. _Pitrè_, _Usi e Costumi_, v. III, p. 110.

La Flora o Villa Giulia, creazione geniale del Pretore Regalmici, era
l’ideale dei giardini non meno pei Siciliani che pei forestieri.

Quando Goethe venne a Palermo (1787) essa non era ancora finita; eppure
parve a lui «maravigliosa», riflettente «un aspetto magico che vi
trasporta nei tempi antichi..., un vero incanto per l’occhio»⁵⁰⁸. Un suo
connazionale la disse «fatata», ed un altro ancora, «un vero
paradiso»⁵⁰⁹.

 ⁵⁰⁸ _Goethe_, _op. cit._, lett. del 7 aprile 1787.

 ⁵⁰⁹ G., _Wanderungen_, p. 21. — _Justus Tommasini_, pp. 54-55.

Chi vi si rechi oggi, spettatore o spettacolo, di giorno o di sera, nei
dolci tepori primaverili o nello splendore delle centomila fiammelle a
gas delle fresche notti di estate, non immagina, forse neanche sa che
quello fosse luogo di convegno della gente più spensierata; anzi, che
fosse il tempio della spensieratezza. Quando si è varcata una mezza
dozzina di decennî si è contati tra i _laudatores temporis acti_, tra i
disgustati del presente, tanto diverso dal buon tempo antico; ma non
dobbiamo disconoscere che il nostro umore oggidì è troppo nero perchè
possa ravvicinarsi, per via di paragone, a quello di un tempo. La
società moderna, risultato complessivo di condizioni psichiche, di
problemi sociali, di speranze e aspirazioni indefinite, con spostamenti
d’interessi, persone, cose, manifesta un turbamento abituale,
permanente, quale forse non si ebbe mai per lungo volger di secoli.

Quanto diversi invece quei nostri nonni di un bel secolo fa!

Vedeteli con che premura s’avviano alla Flora. Si direbbero preoccupati
di perdere un istante dello svago che li attende; si direbbe che in
mezzo a tanto rigoglio di alberi non sorga neppure il ricordo delle
cataste di legna che quivi si alzarono in orrendi _auto-da-fè_; ed al
profumo di tanti fiori sentano imbalsamare l’aria, non più pregna dei
sinistri vapori delle carni bruciate.

In tre ore diverse del giorno s’andava a respirare a pieni polmoni
quest’aria che la città chiusa non dava. Noi possiamo venirvi nelle
prime ore del mattino, nelle ultime del giorno, nel principio della
sera. Un gentile cavaliere c’invita di mattina: «Venitele a vedere in
questo giardino incantato le donne, in questa Flora che non ha la
eguale. Esse passeggiano; la bellezza del loro corpo, la grazia del loro
atteggiamento fanno di sè pompa naturale. Oh come vi guadagnano esse!
Una semplice mussola le copre; il verde degli aranci, l’oro del sole, il
bianco delle vesti scherzano con la luce e l’ombra. L’auretta mattutina
pare avvivi coi suoi carezzamenti la freschezza della bella tinta. No,
non manca nulla all’armonia del quadro!»⁵¹⁰.

 ⁵¹⁰ _De Mayer_, _op. cit._, lett. XV.

Torniamo più tardi.

Son ventidue ore: nei quattro viali che circondano in quadro la Villa
circolano signori in carrozza. Civili e popolani, palermitani e
regnicoli, attraversando i frondosi oleandri che tutta la chiudono in
giro, entrano a frotte spargendosi alcuni a sentire la musica,
liberalmente legata dal Principe Moncada, altri a numerare i cinquanta
busti donati dal Presidente Paternò, o a contemplare la fontana del
centro con l’orologio a sole e le vicine edicole di mons. Gioeni, altri
infine ad ammirare la solenne posa del _Palermo_ dello scultore
Marabitti. Delle sgradevoli figure che in semicerchio, di fronte a
_Palermo_, convulsamente si contorcono, tutti ignorano la ragione. Si
chiamavano _Scisma_, _Eresia_, _Maomettanismo_ quand’erano a piè del
brutto monumento di Carlo III a S. Anna; ma qui davvero nessuno ne
comprende il simbolo, specialmente dopo che Marabitti ve ne ha aggiunta
un’altra, la _Maldicenza_.

Due ore son passate rapidamente: e se non fosse il suono dell’Avemmaria,
che impone la cessazione della musica ufficiale, non se ne accorgerebbe
neanche un annoiato. Meno male che la Villa non si chiude, e vi si può
restare ad agio fino a tardi. I soldati di guardia la vigilano
d’intorno, e respingono pezzenti, mendici e gente in livrea⁵¹¹. Quattro
lioncini voglion farla da vigili anch’essi, ma.... sono di marmo e i due
versi latini che il poeta Giuseppe Costa mise loro in bocca:

 ⁵¹¹ Appena la Villa Giulia fu aperta al pubblico, il Principe di
     Paternò G. L. Moncada, Capitan Giustiziere, legava al Senato (1778)
     l’annua rendita di onze 50 per la musica da farvisi ogni giorno,
     dal 1º luglio al 30 settembre, dalle ore 22 a mezz’ora di sera
     (_Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XXVI, p. 204). Gareggiando
     di patriottismo il Presidente G. B. Paternò legava altra somma per
     «la notturna illuminazione nel tempo estivo quando mancava la
     luna». Monsignor Gioeni fece di suo le porte, i chioschi, la
     fontana centrale, ecc. (_Teixejra_, _op. cit._, cap. XIV, §§
     211-212).

    Adsumus hic vigiles. Florae sunt numine plena
    Omnia, quae lustrato Tu temerarie, cave⁵¹²;

 ⁵¹² _Villabianca_, _Diario_, in _Bibl._, v. XXVI, pp. 372-73; v.
     XXVIII, pp. 176, 357-58; _Palermo d’oggigiorno_, v. II, p. 126.

non son altro che belle parole.

La scarsa luce della via Butera finisce in oscurità, fitta nella recente
Porta Carolina (Reale), o nella Porta di Greci. La Villa nelle sere buie
ha pochi fanali liberalmente apprestati dal Paternò Asmundo; ma di lumi
serotini non si ha bisogno quando fin la stessa luna riesce talvolta
molesta.

L’eco delle dolci note musicali del giorno si ripercuote ancora, e già
d’altre note risuonano luoghi più recessi: tambussio di cembali, mesto
pizzicar di chitarre, malinconia di voci argentine, lieto scoppiettar di
mani ne prendono, con l’avanzar della sera, il posto. Son le serenate
delle comitive dei canterini; è il fruscio delle coppie che ballano;
sono gli applausi della folla che ascolta e non sempre vede. Se la luna
ci favorisce, noi potremo ravvisare tra essa un modesto abate, la cui
canzone:

      'Ntra lu pettu nun ci ha cori
    Cui nun godi la Marina,
    Cu sta bedda siritina
    'Ntra sta Villa chi si fa?

che prima salutò la trasformazione della deserta funerea campagna⁵¹³, è
uscita or ora dalla bocca d’un giovane innamorato alternandosi con le
canzonette _Lu Gigghiu, A Dori, Li Piscaturi_ da una donna del vicino
viale. Egli, lo schivo Meli, lieto della scena, ricantando a sua volta
le lodi della Flora, esclamerà commosso:

 ⁵¹³ _Meli_, _Poesie: Canzuna scritta in tempu e nell’occasioni chi
     incominciava a costruirsi la Villa Pubblica_, ecc.

      La luna manna
    Li soi amurusi
    Rai luminusi
    Pri cui va ddà;

e si rallegrerà di aver veduto

    Cui balla e sona,
    Cui canta e ridi,

mentre altri sgrana cialde e biscotti ed altri sorbisce gelati⁵¹⁴.

 ⁵¹⁴ Lo stesso, _Poesie_, pp. 35, 75, 77.

Povero Meli! condannato un secolo dopo alla berlina quando la berlina è
rimasta solo di nome, lì nella medesima Villa Giulia, in una amara
caricatura di statua, che il Municipio avea avuto la infelice idea di
far sorgere nella Piazza di S. Teresa, ed il Municipio stesso ha avuto
il buon senso di togliere per regalarla o relegarla in un angolo del
pubblico giardino. Oh no! il primo poeta della Sicilia non meritava il
ludibrio di quel monumento!

Se il chiaror della luna ci favorisce, noi potremo anche discernere lo
Scimonelli, che però, men fortunato dell’amico suo, s’avviene in una
«comitiva di cattivi dilettanti di canti, che più di una sera fu
fischiata», e forte si maraviglia che essa non comprenda, gli applausi
del pubblico essere una solenne canzonatura; onde è necessario smettere
dallo straziare minerali, vegetali, animali: statue, cioè, piante ed
uomini del luogo, dove pure

    Li sònura e li canti
    Piacinu a tutti....⁵¹⁵.

 ⁵¹⁵ _Scimonelli_, _Poesie: Contro una comitiva_, ecc.

Questo svago non fu smesso mai per lungo volger di estati: ed i
Palermitani attendevano ansiosi la stagione buona per goderselo sempre.
E quale svago più delizioso che concerti e canti notturni dei cittadini
più abili nell’arte della musica e del canto! Anche fuori di patria essi
vi tornavano col pensiero e lo celebravano con le parole. Il barone
Forno in Napoli diceva: «Due donne che abbiano sonora voce, cantando
l’una e l’altra in terza, ed un uomo che l’accompagni, in voce di basso,
cantando, dico, tutti e tre sull’unisono canzonette di gusto, non recan
eglino il maggior piacere del mondo, anche oggigiorno (1792), che siamo
per così dire sazj di sentire composizioni eccellenti della più scelta
ed armoniosa musica? Simili ariette, così cantate, si sentono con gran
diletto, tutte le sere estive, nella pubblica Villa di Palermo, e
moltissime persone di ogni ceto corrono ad esserne ascoltatrici»⁵¹⁶.

 ⁵¹⁶ _A. Forno_, _Opuscoli_, p. CCXXX. In Napoli, 1792.

Kephalides vi assistette nei primordî del sec. XIX, e «da ogni lato
intese chitarre e tamburelli e gran folla di spensierati ballando come
pazzi al suono d’un violino e con le mani facendo scoppiettar le
castagnette, mentre un vecchio batteva il sistro con le dita coperte
d’un grosso ditale di ferro».

Il vecchio è morto e seppellito: il sistro (_azzarinu_) si batte con un
ferro; ma la Flora non riecheggia più di cembali, nè di canti, nè di
balli, nè di grida di venditori. Il chiasso di chi mangiava e bevea
all’_Astracheddi_⁵¹⁷ è appena un ricordo del Meli. Fino i giocatori alle
bocce, incomodi e pericolosi ai passanti, sono per sempre scomparsi. Nel
1822 un forestiere trovava già chiusa all’Avemmaria questa Villa Giulia:
ed ora, quando il popolo vi accorre numeroso, vuoi di giorno, vuoi di
sera, la musoneria ne è sempre la nota dominante.

 ⁵¹⁷ _Meli_, _Poesie_, p. 374 ed anche a p. 92.



                            _Capitolo XXVI._


_DIVERTIMENTI A PORTA NUOVA E A ZE SCIAVERIA; VILLEGGIATURA AI COLLI E A
                               BAGHERIA._

Ma non la sola Marina, non la sola Villa Giulia, eran teatri di
passatempi e di svaghi.

Un giorno non si sa come e perchè, i Palermitani mettono gli occhi sopra
la via fuori Porta Nuova e cominciano ad andarvi, dapprima in pochi, poi
in molti. Quanti amano il piacere, nuovo come passeggiata giornaliera
estiva, son tutti lì.

E la Marina? La Marina resta quasi deserta, solo frequentata dai
signori. Andate a leggere nel capriccio del Palermitano!

La passeggiata fuori Porta Nuova finiva a mezzanotte. Beato chi poteva
trovare un posticino nei sedili presso la fontana di S. Teresa! (Piazza
Indipendenza). Qualche solitario sognatore di vecchie storie guardando
la bella, anzi bellissima sirena della fontana versante dal seno copiosi
zampilli d’acqua, avrà riflettuto sulla labilità delle umane cose, e
sarà corso col pensiero al primo Marcantonio Colonna, alla più che dolce
amica di lui Baronessa di Miserandino, ed alle turbinose vicende di quel
marmo, di continuo, secondo i tempi e le esigenze estetiche, spostato da
un luogo all’altro, e finalmente allogato qui, donde poi, al domani
d’una rivoluzione (1860), doveva passare in un privato giardino⁵¹⁸.

 ⁵¹⁸ Chi vuol sapere altro di questa simbolica statua, legga il _Diario_
     del Villabianca, in _Bibl._, v. XXVIII, pp. 358-62. Aggiungiamo per
     la dolorosa cronaca, che dopo il 1860 per la eterna inconscienza di
     amministratori incuranti d’ogni memoria storica, la sirena fu
     venduta, o ceduta, o regalata ad un privato, che la tiene, dicono,
     in un suo giardino di via Pietro Pisani.

Ma il gran pubblico, il pubblico grosso, pensava ad altro, e forse
neanche sapeva della passione gagliarda del Vicerè, forte così nella
giustizia pei delinquenti come nell’amore della sventurata dama di
Palermo. Per esso c’era più gusto a guardare le nuove baracche di
frutta, dolci, ed i nuovi caffè, che a contemplare la muta sirena.

Anche qui fu visto aggirarsi il Meli; anzi proprio da lui si è saputo
della diversione dalla Marina alla nuova passeggiata (nuova, s’intende,
per la forma che pigliava e per la passione dei frequentatori). Fu lui
che, cresciuto l’entusiasmo per _Porta Nuova_, volle andarvi, riandarvi,
e cantarla nella vita novella e nel movimento incessante, allegro di
coloro che vi si recavano. Fu lui che raccolse l’eco d’un

    Coru di strumenti
    Sunari a tinghitè,

e delle chitarre in mano ai più esperti figari della città; fu lui che
assistette alla ressa dei buontemponi, ed allo spensierato gironzolare
delle donne nel loro bianco costume di estate; e solo da lui sappiamo:

      Ca cui cci va la sira
    Ddà fora a Porta Nova,
    Siddu ni fa la prova,
    Mai si la scurdirà⁵¹⁹.

 ⁵¹⁹ _Meli_, _Poesie: Porta Nuova_, pp. 90-91.

D’altro lato, non dobbiamo giudicare priva d’un certo gusto la nuova
simpatia per la vecchia strada fuori Porta Nuova. Se oggi il Corso
Calatafimi è comodo e buono, allora che si chiamava, come ancora
volgarmente si chiama, strada di Mezzo Monreale, era anche bello, uno
dei più belli dei dintorni di Palermo. Da quella Porta fin sopra i
Cappuccini, platani, alvani e pioppi giganteggiavano in doppia fila
difendendo dal sole d’estate, dalle piogge d’inverno i passanti. Di
tratto in tratto, gaie d’aspetto vi sorgevano ville eleganti, e a
distanze regolari fontane di limpide e salutari acque, le quali
cent’anni dopo — non un giorno più, non un giorno meno — doveano come
impure e non potabili essere sostituite con altre, «dedotte dalle
eccelse vette dei Nebrodi» (come dice una sciocca iscrizione testè
murata nel prospetto del Palazzo municipale). Ed il popolo, eterno
poeta, non impassibile a tanta bellezza di natura e d’arte, cantava
lietamente:

      Quant’è bedda la via di Murriali!
    Cci su’ li chiuppi (_pioppi_) fileri fileri,
    E ’ntra lu menzu, li quattru funtani
    Su’ l’arricriu di li passaggeri⁵²⁰.

 ⁵²⁰ Di queste quattro fontane la 1ª era nella Piazza S. Teresa o
     Indipendenza, ove ora sorge l’obelisco, la 2ª, sola che rimanga, al
     fianco occidentale del R. Educatorio Maria Adelaide; la 3ª, nel
     mezzo d’un piccolo anfiteatro, scomparsa dietro un muricciuolo
     rimpetto l’antica Chiesa, oggi quartiere della Vittoria; la 4ª, di
     fronte alla via dei Cappuccini, adesso Pindemonte.

Di là dalla Flora, oltre la Tonnarazza ed il Ponte di S. Erasmo, a
Romagnolo era _Zè Sciaveria_, altra delizia palermitana. Zè Sciaveria
(zia Saveria) era il nome della intraprendente donna, ch’ebbe il
coraggio di convertire la solitaria spiaggia in ameno ed elegante
ritrovo. Nulla di simile si era saputo ideare in città; e della città
esso raccoglieva il meglio delle trattorie e dei caffè, senza essere nè
trattoria nè caffè, o dell’una e dell’altro partecipando. La novità
della impresa, l’amenità del sito, fronteggiato a sinistra dalla
_silhouette_ del Pellegrino, lambito di fronte dalle ondicelle del
golfo, guardato a destra dalla batteria del Sacramento, dalla torre dei
Corsari, dal Castello di Ficarazzi, che guida l’occhio verso la montagna
di Solunto, e dietro ed intorno coronato dai monti Grifone, Gerbino e
Gibilrossa, ne facevano la grande attrattiva giornaliera d’ogni persona
che avesse voglia di passare qualche ora divertita.

Non era nata ancora ed era già celebre, ed a frotte vi andavano d’ogni
classe persone; giacchè Zè Sciaveria era un posto buono per tutti. Poeti
superiori come il Meli, mezzani come il Melchiore ne decantavano le
maraviglie; questi, anzi, inventava una favola per provare che il sito
avesse avuto origine divina, giacchè Encelado, sopravvissuto ai giganti
subissati da Giove, venne a nascondersi presso Mostazzola, amò la
Saveria, che durante tremila anni rimase incinta e diede poi in luce un
nanerottolo, padrone di questo luogo, uomo che avea mente e pensieri da
re.

Codesta allusione, in mancanza di notizie particolari, fa supporre aver
avuto la Saveria un figliolo forse gobbetto: e così sarebbe spiegata la
fortuna insolita del caffè-ristorante, come oggi si direbbe, o della
elegante taverna od osteria, come si diceva allora,

      E chi ha nobilitatu sta cuntrata:
    'Nfatti Dami, prelati e Vicerrè
    Vennu ogni jornu a fari passiata;
      E tanti e tanti senza li stestè⁵²¹
    Vennu ccà apposta, lassannu la Flora,
    Sidennu a sti puliti canapè.
      L’occhiu guarda lu mari e si ristora,
    Godi vidennu culonni e perterra,
    Orti, muntagni e la citati ancora⁵²².

 ⁵²¹ Senza i cavalli, cioè senza carrozze.

 ⁵²² _Melchiore_, _Poesie_, pp. 247-49.

Meli conferma la inusata eleganza del nuovo posto nei tanti

      Gran cornacopj,
    Specchi e lumeri,
    Ed autri mobili
    Di cavaleri;

donde il favore, non solo dell’aristocrazia, ma anche d’ogni altro ceto.
L’accorta padrona avea fatto le cose bene: larga _réclame_ per la città;
tende pel riparo dei signori e civili che si recassero da lei; tavoli
illuminati da due candele, ciascuno per le singole famiglie che
volessero divertirsi; per i villeggianti dei dintorni, ai quali non era
proibito di accedere «coi reciproci galanti», e per chi volesse andarvi
da Villabate, S. Cataldo, Mostazzola, Torrelunga. Zia Saveria era donna
che la sapeva più lunga di qualsiasi altro commerciante di Palermo, e
basta dire che, esempio unico nel genere di industria, faceva ordinarî
trattenimenti di musica, al suono dei quali

    Si balla e canta,
    Si canta e vivi,

o meglio vi si passa tra

      Balli e tripudj,
    Sàuti a muntuni,
    Favuli e brinnisi
    Soni e canzuni⁵²³.

 ⁵²³ _Meli_, _Poesie_: ode n. XXIX: _Zè Sciaveria_.

Ora, dopo cent’anni, solo il nome rimane della divertente contrada, ed
un documento di soggiogazione nell’Archivio del Comune⁵²⁴. Ma sul vicino
scoglio echeggia la dolcissima canzonetta del Meli:

 ⁵²⁴ L’egr. avv. Guglielmo Savagnone, Direttore dell’Archivio Comunale
     di Palermo, il quale con ogni maniera di gentilezze ha aiutato le
     nostre ricerche per lo studio delle condizioni amministrative ed
     economiche della città, ci fa conoscere che nel 1781 in favore del
     Banco Comunale di Palermo veniva assegnata una «soggiogazione di
     ducati 45 annui sopra la _casina_ (villa) e le case alla zia
     Sciaveria, così detto _Romagnolo_». La contrada è denominata: _Zi
     Sciaveria_; _Romagnolo_ figura come soprannome; e non vuolsi
     dimenticare che quest’ultimo nome, ora tanto comune, nacque dalla
     villa del Senatore Corrado Romagnolo.

      Supra lu scogghiu
    Di Mustazzola
    L’àipa vola,
    L’alba si fa!

La città non bastava a chi avesse modo di procurarsi agiatezze e svaghi;
ci voleva qualcos’altro fuori, nelle campagne dei dintorni. La povera
gente ci andava (come ci va sempre) nelle tanto attese ricorrenze
festive di Madonne e di santi, e nel calore della scampagnata consumava
il guadagno d’una intera settimana, quando il guadagno l’aveva, o quando
i pochi tarì ottenuti al Monte di Pietà dando in pegno un soggetto
qualsiasi di casa, glielo consentissero. La quale risoluzione pratica
non si arrestava in essa, ma passava ed estendevasi in un ceto meno
modesto, quello di certi impiegati e di piccoli trafficanti, ai quali
non sembrava vero di poter fare uno strappo all’abituale parsimonia
della vita. Per costoro non ricorrevano invano le biennali quarant’ore
del 14 settembre a Monte Pellegrino, il festino del 3 di maggio e le
quinquennali dimostranze di settembre in Monreale o in altri siti, come
una volta le feste di Maredolce e di Baida, la cui proverbiale Calata ha
anche oggi la somigliante in quella del Pellegrino.

Senza aver sostenuto fatiche di corpo, e perciò senza un pressante
bisogno di rinfrancarsi, rompendo la monotonia della vita cittadina
forse perduta, i nobili cercavano nella campagna semestrali ricreazioni.
Con le sue agiatezze e coi suoi ozî beati la campagna non era se non la
continuazione della città. A Mezzo Monreale, ai Colli, a Bagheria essi
andavano con la famiglia; e lungo stuolo di amici, di aderenti, di
familiari li seguivano. Tra le varie ville come tra’ varî palazzi aveano
ben da scegliere. A guardare oggidì i palazzi magnatizi di Calvello, di
S, Giuseppe, di Guggino, di Maletto, di Tommaso Natale, di Pantelleria
ai Colli, e quelli innanzi ricordati⁵²⁵, si rimane stupiti della
sontuosità di essi. L’architettura del tempo vi spiegò tutti i suoi
capricci di scale esterne e di appendici ornamentali. La ricchezza vi
tenne una corte di casette basse per la servitù, sulle quali
signorilmente levavasi l’edificio superbo. Quanto la vita moderna possa
immaginare di confortevole era apparecchiato con particolarità che
rispondevano alle ricercatezze, ai gusti più delicati. Oh no! non erano
solo gli Agrigentini che fabbricavano come se non dovessero morir mai e
mangiavano come se dovessero morire il domani!

 ⁵²⁵ Vedi cap. II: _Su e giù per Palermo_, pp. 35-36.

Mentre le strade carrozzabili erano scarse come le cose buone, una,
conducente ai Colli, non mancava (1768); alla quale poteva accedersi
anche per quella del Mulino a vento (Corso Scinà) uscendo da Porta
Maqueda dopo il taglio del baluardo di questo nome (1780).

Bagheria era per l’alta aristocrazia di Palermo quello che per l’alta
aristocrazia di Roma i Castelli. I grandi signori della Capitale
siciliana vi aveano ville magnifiche, anche superiori ai palazzi loro in
città. Giganteggiava su tutte quella di Butera, a cavaliere del nascente
sobborgo. Grandeggiava sulle cospicue quella di Valguarnera; delirava
sulle strane l’altra di Palagonia; e, sontuose tutte, quelle dei
Principi della Cattolica, di Cutò, di Rammacca, di Campofranco, del Duca
di Villarosa, del March. Inguaggiato, del Conte di S. Marco e di altri
signori. Sdegnato della Corte, o sdegnoso di cortigianerie, verso gli
sfruttatori Vicerè stranieri, dignitosamente ritiravasi nel suo nuovo
palazzo nella seconda metà del sec. XVII, D. Salvatore Branciforti,
Principe di Butera, e sul frontone, a lettere cubitali voleva scolpito:
_O Corte, addio_, e dentro, i versi spagnuoli:

      Ya la speranza es perdida
    Y un sol bien me consuela,
    Que el tiempo, qui pasa y buela,
    Lleverà presto la my vida⁵²⁶.

 ⁵²⁶ _Villabianca_, _Palermo d’oggigiorno_, v. II, p. 144.

Cento e più anni dopo (1797) il Principe Ercole Branciforti Pignatelli,
sull’ingresso della Villa alzava «per novità di sua grandezza» un
monastero di trappisti, nelle cui cellette, monaci in cera
rappresentavano varî momenti della vita claustrale. Sa egli il lettore
raffigurare quei due solitarî così pieni di sentimento reciproco? Sono
un giovane e una ragazza, i quali, ignari l’uno dell’altro, dopo una
vita tempestosa, perdute le speranze di congiungersi, nel mondo han
vestito il bianco saio. I visitatori li chiamano ancora _Adelaide_ e
_Comingio_, e ne raccontano le avventure secondo il commovente
romanzetto onde tanto si deliziavano giovani e vecchi. In altra cella
son le figure di Don Ercole e di Ferdinando III, entrambi camuffati da
monaci che giocano a carte. Ritratti più fedeli dei due personaggi non
offre nessun monumento della Sicilia. Nelle frequenti visite fattevi col
Principe di Butera dal 1799 in poi, S. M. riconosceva siffatta
somiglianza, e non poteva trattenersi dal ridere vedendosi convertito in
trappista, lui così acerbo nemico del silenzio, rumoroso nel parlare,
sghignazzante nel ridere.

Idillio perpetuo di anime innamorate, la villa Valguarnera era la reggia
tra le case principesche della verde vallata. I padroni vi tenevano
corte bandita di cavalieri e di dame, di amici e di vassalli, di
servitori e di valletti, ai quali offriva comoda residenza in ampie
stanze, grandi saloni con quadri, pitture ed ornamenti, un teatro
artisticamente decorato ed orti e frutteti e boschetti e giardini
pensili e logge e cortili e fonti e statue e quella Montagnola che è la
più deliziosa delle colline, il più giocondo asilo della pace e della
poesia. Man mano che si va su pei larghi avvolgimenti di quella vetta,
l’occhio si perde, tra i due promontorî, nella vista del mare turchino,
nelle lontananze cerulee, nelle varietà di colori distribuiti su ruvidi
macigni, e di fughe e degradazioni di luce per valloncelli e falde e
costiere; e nel salire un amorino impone col dito sulle labbra silenzio;
un genietto ti sorride lietamente, una Diana ti invita alla caccia, una
baccante ti danza e un Polifemo fistoleggia quasi per farti cantare
l’arietta del Metastasio scolpita ai suoi piedi:

    Se scordato il primo amore....⁵²⁷

 ⁵²⁷ _Rezzonico_, _op. cit._, v. I, pp. 47-48.

A tanta profusione di ornamenti e di doni di natura il gusto dei patrizî
spese tesori. Gli artisti più illustri vi tornarono sempre, chiamati a
gareggiare di affreschi, di tele, di sculture, di ornati, che
attestavano non solo il merito loro, ma anche il senso squisito dei
signori che li chiamavano e largamente li retribuivano.

«Ma oh! quale contrasto all’atticismo della Valguarnera è la farnetica
villa di Palagonia!» esclamava Rezzonico della Torre un giorno che
recavasi a Bagheria insieme col Pretore di Palermo Duca di Cannizzaro,
col Principe di Grammonte cognato di lui e col Duca Calvello (19 agosto
1793).

La triste fama di essa gli era giunta a traverso le pagine quasi
incredibili dei viaggiatori che l’avean preceduto. Egli conosceva
Brydone e Riedesel, Houel, de Saint-Non, e forse de Borch e Bartels. Ma
il Cannizzaro ne ricordava altri, e più d’una volta avea sentito
raccontare del gentile Vicerè Caramanico, — che avealo tenuto a pranzo,
— d’un valente poeta e naturalista tedesco, il quale pochi anni innanzi
vi si era fermato pieno di sbalordimento, ripetendo non si sa che frasi
di sdegno e di orrore. Evidentemente parlava di W. Goethe, recatovisi
nella primavera del 1787⁵²⁸.

 ⁵²⁸ Le impressioni d’allora del Goethe si trovano conservate nella
     _Italienische Reise_ (lettera del 9 Aprile 1787), la quale, come è
     risaputo, non venne pubblicata prima del 1816-17.

Ora la fama era inferiore al vero circa i mostri della villa. Rezzonico
trovava il viale spogliato di moltissimi gruppi e busti e vasi che
preludevano a quelli fiancheggianti all’abitazione. Erano stati 200 e ne
trovava appena metà, che riddavano all’occhio e alla fantasia di chi li
guardasse.

«Sembravami il castello di Circe o di qualche fata, che di lemuri, di
larve, di farfarelli popolando loggie e tetti ed archi e viali godesse
atterrire, deludere, affascinare i pellegrini con istrani ludibrj
infernali, ed apparenze grottesche di uomini, di animali e di mostri
insieme accoppiati e misti. Qui vedi sopra un sol corpo annestate più
teste umane e ferine, ciclopi non solo triocoli ma sestocoli, orecchie
d’asino, di capra, di cinghiale e tempie d’uomini affisse, demoni che
abbracciano streghe o suonano violoni, e vanno imbacuccate di larghe
parrucche e di folte ricciaje anuti, cercopitechi, policefali, gerioni e
pagodi indiani...»⁵²⁹. E se hai forza di resistere, vedi un uomo che
cammina su due teste e sopra un piede, con occhi sul collo; e una testa
collocata a mezzo lo stomaco, e una testa di toro sul corpo di un uomo
appoggiantesi sulla coda d’un pesce⁵³⁰.

 ⁵²⁹ _Rezzonico_, _op. cit._, v. I, p. 45.

 ⁵³⁰ _Palmieri de Miccichè_, _op. cit._, t. II, p. 216.

Completava tanta aberrazione di spirito del fondatore Gravina e del suo
discendente Ferdinando juniore la palazzina, nella quale di sopra, di
sotto, di fronte, ai lati, di dietro sei immensurabili specchi
milliplicavano capovolti i visitatori e le visitatrici, con effetti
indecenti. La fantasia e la mano di cento artisti e di cento artigiani
erano state esaurite nelle multiformi decorazioni interne arrampicantisi
su per gli angoli delle pareti, per gli stipiti delle aperture, fino
alle volte, tempestando di rabeschi disordinati, di frutti e conchiglie
sciupacchiate in mostriciattoli paurosi, il più piccolo spazio che
rimanesse libero. V’eran sedie di inestimabile valore, di dorature
eleganti e di marmi torno torno al soffice piumaccio: chi
spensieratamente vi si adagiasse, sentiva spilli ed aghi acutissimi.

Centomila scudi furon buttati in tanta follia: e quando l’opera parve
compiuta, il Principe Ferdinando non cessava di ripetere soddisfatto «di
avere avuto al mondo l’abilità di dar supplemento alla creazione degli
animali lasciata imperfetta da Domeneddio»⁵³¹; ciò che dava piena
ragione al Meli di comporre l’arguto epigramma:

 ⁵³¹ _Villabianca_, _Palermo d’oggigiorno_, v. II, pp. 165-66.

      Giovi guardau da la sua reggia immensa
    La bella villa di Palagunia,
    Unni l’arti impietrisci, eterna e addensa
    L’aborti di bizzarra fantasia.
    «Viju, dissi, la mia insufficienza;
    Mostri n’escogitai quantu putia;
    Ma duvi tirminau la mia putenza,
    Ddà stissu incuminciau Palagunia»⁵³².

 ⁵³² Meli, _Poesie: Epigrammi_, I, p. 101.

Eppure quelle statue, parto di menti inferme, chi sa non debbano, nel
concetto creatore, raffigurare dei nobili contemporanei, tra’ quali la
misantropia o la stravaganza dei Palagonia non trovava comunione!

Durante la villeggiatura, gli annoiati della vita cittadina ricevevano
in queste loro reggie; e l’abituale splendore della città sfoggiavano
pure nei lauti pranzi, nelle brillanti conversazioni, nei giuochi
arrischiati, nei passatempi cavallereschi. Pei giardini, per le tenute
pare ancor di sentire l’eco tarda ma sempre lieta del nitrir dei
cavalli, del sonare dei corni, dell’abbaiar delle mute, del richiamo dei
bracchieri e dei fischi e bussi delle battute di caccia, come delle
sonagliere dei cocchi principeschi, al chiudersi del secolo, superbi
della presenza di Re Ferdinando.


                         FINE DEL VOLUME PRIMO



                         Nota del Trascrittore


Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, così come le
grafie alternative (diari/diarî, giudizi/giudizî, seguito/seguìto e
simili), correggendo senza annotazione minimi errori tipografici. Per
comodità di lettura sono stati inseriti nelle note, dove non presenti, i
numeri di pagina relativi al testo richiamato nelle note stesse, nella
forma {p. nn}. Sono stati corretti i seguenti refusi (tra parentesi il
testo originale):

    9 — la via Albuquerque [Alburquerque] son testimoni
    56 — che nessuno getti fuori di casa immondezze [immodezze]
    112 — giunti alle più insopportabili [isopportabili]
    prescrizioni
    125 — La segaligna [segalinga] statua di Carlo V
    175 — da piogge violente [violenti]
    250 — che le venivan presentati [presentanti]
    293 — Tra le malattie in voga predomina [perdomina]
    300 — nota 411 — era il Principe di Roccaromana Capua [Capoa]





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "La vita in Palermo cento e più anni fa, Volume 1" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home