Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Dizionario storico-critico degli scrittori di musica e de' più celebri artisti, vol. 4 (of 4) - Di tutte le nazioni sì antiche che moderne
Author: Bertini, Giuseppe
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Dizionario storico-critico degli scrittori di musica e de' più celebri artisti, vol. 4 (of 4) - Di tutte le nazioni sì antiche che moderne" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                  DIZIONARIO DEGLI SCRITTORI DI MUSICA

                                S. — Z.


                              DIZIONARIO

                           _STORICO-CRITICO_

                      DEGLI SCRITTORI DI MUSICA

                      E DE' PIÙ CELEBRI ARTISTI

                         _DI TUTTE LE NAZIONI_

                        SÌ ANTICHE CHE MODERNE


                     _DELL'AB. GIUSEPPE BERTINI_

            MAESTRO DELLA REGIA IMPERIAL CAPPELLA PALATINA


                                           _In medio omnibus
                    Palmam esse positam qui artem tractant musicam._
                                                 Ter. Prol. in Phor.


                         QUARTO ED ULTIMO TOMO

                               PALERMO
                  DALLA TIPOGRAFIA REALE DI GUERRA.
                                1815.



S


SABBATINI (il Pad. Luigi Antonio), di Albano, minor conventuale, e uno
de' più cari discepoli del P. Martini, sino al 1780 era maestro di
cappella di SS. Apostoli in Roma, e dopo la morte del cel. P. Vallotti
lo fu dell'insigne chiesa di S. Antonio del suo ordine di Padova. Egli è
autore di più opere teoriche e pratiche, cioè: 1. _Elementi teorici e
pratici di musica_, Roma 1790; sono questi de' solfeggi, di cui i
precetti e le lezioni sono in canoni. 2. _La vera idea delle musicali
numeriche segnature_, in Venezia 1799; questo è un quadro molto esatto
degli accordi secondo l'ordine diretto e indiretto. Abbenchè l'autore
non sembri generalmente adottare le regole di successione degli accordi,
lascia tuttavia scappar fuori alcune opinioni sistematiche. 3. _Trattato
della fuga_, 2 vol. in 4º con molti esempj estratti dalle opere del
Vallotti, Venezia 1801. Non sappiamo s'egli ha pubblicata l'opera, che
_Gugl. della Valle_ nelle memorie del P. Martini dice che egli teneva in
pronto per le stampe col titolo di _Ristretto teorico di autori diversi
sopra le fughe, e sopra le proporzioni armoniche_ ec. Sappiamo bensì
ch'egli ha diretto l'edizione, che lo stesso P. _della Valle_ ha data
nel 1801 e negli anni seguenti, de' Salmi di _Marcello_, edizione assai
bella ed esatta. Il Padre Sabbatini ha scritto moltissima musica per
chiesa sul gusto del Martini suo maestro. Nell'elogio di Jommelli scrive
il Mattei, che ne' solenni di lui funerali celebrati in Napoli venne
eseguita una messa del Sabbatini. Morì egli in Padova nel marzo del
1809.

SABBATINI (Galeazzo), da Pesaro, nel 1644 pubblicò in Venezia _Regola
facile e breve per suonare sopra il basso continuo nell'organo_ ec., di
cui vi ha una seconda edizione in Roma del 1699, in 4º. Fu anche
rinomato maestro di cappella in Napoli _Nicolò Sabbatini_, morto dopo la
metà dello scorso secolo, le di cui composizioni per chiesa ebbero gran
pregio al suo tempo.

SACCHI (D. Giovenale), cherico regolare Barnabita, dell'Accad. reale di
Mantova e dell'Istituto di Bologna, professore di eloquenza del collegio
imperiale de' nobili di Milano e quindi rettore, vien meritamente
riguardato in Italia come uno de' migliori teorici nella musica, e uno
scrittore non men rispettabile per l'erudizione, che per la pulitezza
dello stile. Alla cognizione delle lingue antiche e delle mattematiche
egli unì un profondo studio della musica: avendo contratta amicizia non
solo co' filosofi studiosi delle teorie, come il conte Giulini, il conte
Riccati, il Zanotti, ma co' dilettanti e professori che esercitavano in
pratica come il P. Martini, M. Pichl ed altri, non è meraviglia se di
tutte le composizioni più celebri degli antichi, e de' nuovi maestri
egli conoscesse il pregio, l'indole ed il carattere. Dal 1761 incominciò
a pubblicare le sue dissertazioni di musica. La prima fu quella _del
Numero e della Misura delle corde musiche e loro corrispondenze_, Milano
in 8º. Quest'opera è stata criticata dall'Eximeno nell'Introduzione al
suo libro _dell'origine_ ec. p. 39. 2. _Della divisione del tempo nella
Musica nel ballo e nella poesia_, dissert. tre, Milano 1770; a queste
vanno aggiunte una _Lettera al Ch. Dr. Canterzani_, nella quale
dimostra, che le dimensioni delle corde musicali appartengono tutte
all'Iperbole posta fra gli assintoti; poi una dottissima, ed
onorevolissima _Risposta del Canterzani all'A._, infine una _Lettera del
Sacchi_ in confutazione di certe opposizioni, che il Sig. _Tartini_
aveva proposte incidentemente nella sua opera contro M. de la Somis.
Quest'opera _della divisione del tempo_ ec. ha avuto altresì de'
contraddittori come l'Arteaga (_Rivoluzioni ec. t. 2, p. 231_), e l'ab.
Venini (_Principj dell'armonia ec. p. 113_). 3 _Della legge di
continuità nella scala musica in risposta al P. Draghetti gesuita_,
Milano 1771, in 8vo di cui abbiamo detto qualche cosa nel 2º t, all'art.
Draghetti. 4. _Della natura e perfezione dell'antica musica de' Greci, e
dell'utilità, che ci potremmo noi promettere dalla nostra, applicandola
secondo il loro esempio alla educazione dei giovani_, dissert. 3, Milano
1778. Questo libro è assai pregevole per la molta dottrina che
rinchiude, per l'eleganza dello stile, in che è scritto, e più ancora
per i giusti, e saggi ammaestramenti che suggerisce. Il Requeno tuttavia
trova a riprenderlo per aver egli negato il genere enarmonico a' Greci:
“Non so, egli dice, come un certo P. Sacchi, uomo per altro di buon
ingegno, e di colta favella, si prendesse l'impegno di persuadere il
pubblico, acciocchè credesse una pura impostura de' vanagloriosi greci
l'esistenza e la pratica del genere enarmonico.” (_Saggi ec. t. 2, p.
163_). 5. _Delle quinte successive nel contrappunto, e delle Regole
degli accompagnamenti; al Sig. Wincesl. Pichl_ ec., Milano 1780, in 8º.
In quest'opera il P. Sacchi si mostra profondo teorico e pratico
peritissimo: sostiene che la matematica ha poco assai da far colla
musica, vi attacca il basso fondamentale del Rameau, e 'l suo sistema
de' rivolti, e propone degli ottimi principj di contrappunto. Intorno
alla novella dottrina de' rivolti del sullodato Rameau, del d'Alembert,
di Rousseau, e di altri ingegnosi scrittori, dice egli che
“richiamandola all'esame, altro a lui non sembra di riconoscervi, che
errore ed inganno (p. 38), che per quanto basta alla pratica, questo già
si conosceva assai chiaramente; e quanto alla dimostrazione teorica,
nulla essi arrecano che sia utile. Diranno forse, che intendono soltanto
di mostrar il modo e l'ordine, con che le proporzioni delle corde si
vanno scambiando, o come essi dicono rivoltando l'una nell'altra,
secondo che o di sopra, o di sotto poste si trovano? Ottimamente. In
tutte le cose l'ordine è degno di essere osservato, e considerato, ma
questo ordine già _dagli antichi fu esibito molto più evidentemente, con
metodo assai migliore, e più comodo_.” (p. 40). Se lo stordito autore
delle Riflessioni critiche sul nostro Dizionario letto avesse questo
dottissimo libro del Sacchi, convinto forse dalle robuste ragioni da lui
addotte su questo proposito, sarebbe meno idolatra di quel sistema e del
suo autore, e più rispettoso verso i grand'uomini che ne han dato a
conoscere gl'inconvenienti e gli errori. 6. _Lettere del Sig. Franc.
Zanotti, del P. Martini, e del P. Sacchi, nelle quali si propongono, e
si risolvono alcuni dubbj appartenenti al_ Trattato delle divisioni del
tempo ec., e dell'altro delle Quinte successive; Milano 1782 in 4º. 7.
_Vita del Cav. Broschi detto il Farinelli_, Venezia 1784, in 8º. 8.
_Dialogo, dove cercasi: se lo studio della musica al religioso convenga
o disconvenga_, Pisa 1786 in 8º. 9. _Epistola in versi al Conte Giorgio
Giulini_, nella quale lo invita ad unirsi seco per promovere la musica
sacra ed eroica, pubblicata nel t. 68 del Giornale di Pisa. Il P. Sacchi
dopo la morte del conte Giulini, che oltre all'essere stato
diligentissimo Storiografo di Milano, era dilettante, ed eccellente
professor di musica, e suo cordiale amico esortò il cel. P. Fontana a
stenderne l'elogio. 10. _Specimen theoriæ musicæ_, 1788, che si trova
nell'ultimo tomo degli atti dell'Instituto. 11. _Vita di Ben. Marcello_
tradotta, Ven. 1789. 12. _Lettere al Conte Riccati_, Modena 1788-1789.
L'arte musica secondo il Sacchi, appresso di noi Italiani moderni in tre
differenti tempi è pervenuta al sommo grado della perfezione, ed in
ciascuno di quelli ha prodotto un genere dissimile di canto e di stile:
ch'egli ingegnosamente rapporta ad alcuno dei tre ordini della greca
architettura. Egli attribuisce il dicadimento della musica d'oggigiorno
al niuno studio delle eccellenti composizioni de' gran maestri, e al non
provedersi di libri, che trattino dell'arte, alle scuole musicali che
tengonsi in Italia. “Se in ciascuna delle maggiori città avessimo noi
quella Società del _Concerto antico_, che odo essere in Londra, dove la
memoria delle buone composizioni di tempo in tempo si ravviva, non mai
l'arte musica pervenuta sarebbe alla corruttela, nella quale al presente
la veggiamo. Gli scrittori stessi di musica generalmente sarebbono assai
modesti, che la vera dottrina nelle belle arti non fa già gli uomini
arroganti, ec.” Queste lettere contengono degli utilissimi precetti di
pratica, e molto vi avrebbero da apprendere i giovani artisti. Il P.
Sacchi è morto in Milano nel settembre del 1789 in età di 64 anni. Nella
galleria dell'Instituto di Bologna si vede il suo busto con questi
versi: _En tibi quem sacræ extinctum flevere Camoenæ — Ille animo Saccus
purus ut èloquio._

SACCHINI (Antonio), nato in Napoli da onesta, ma poco agiata famiglia
nel 1735 cominciò da ragazzo a studiare il violino nel conservatorio di
Loreto, e alcun tempo dopo mostrando molto pendìo per la composizione,
vi si occupò intieramente. In pochissimo tempo appreso avendo gli
elementi, ed eziandio il disegno della progression musicale, diessi a
comporre alcune arie, che trovaronsi aver molta grazia; vi si rimarcò
che la misura, la progressione, l'unità e l'egualità del ritmo erano di
un uomo consumato nell'arte, non già d'uno scolare. Il cel. Durante suo
maestro ne restò sorpreso, _Mio figlio_, gli disse, _tu sarai un gran
compositore_: il che diè sommo coraggio al giovane, che da quel tempo in
poi vi si applicò indefessamente, ed in cinque anni fece il corso di
tutti gli studj più difficili. Durante era altresì maestro del
Conservatorio di S. Onofrio, ove aveva dei discepoli della più grande
espettazione: tali erano Piccini, Traetta e Guglielmi. Un giorno per dar
loro dell'emulazione ed animo, _Voi avete_, disse loro, _nel
conservatorio di Loreto un rivale, cui è assai malagevole il vincere: se
non fate tutti i vostri sforzi per eguagliarlo almeno, egli resterà
solo, e sarà desso certamente l'uomo del secolo_. Al sortire di questa
eccellente scuola, non tardò Sacchini a farsi conoscere colle sue opere.
Sin dal 1762 fu egli chiamato per il teatro di Roma, ove soggiornò per
lo spazio di sette o otto anni. Faceva pur non dimeno di tempo in tempo
alcune scorse nelle primarie città dell'Italia, e gl'intendenti furon di
avviso, che se Piccini lo superava nel comico, Sacchini sorpassavalo di
lunga nel tragico. L'abilità, che con un continuo esercizio aveva il
Sacchini acquistata sul violino, gli diè quella facilità di spargere ne'
suoi accompagnamenti l'eleganza ed il brio che vi spiccano. Nel 1769 fu
scelto per succedere a Galuppi nell'impiego di direttore del
Conservatorio dell'Ospedaletto di Venezia; e nel tempo che occupò questo
posto, oltre alle composizioni sagre che vi publicò, ebbe l'onore di
formare un gran numero di buone cantanti, tra le quali si sono distinte
la Gabrieli, la Conti, Pasquali ec. In quest'occasione è da rimarcarsi,
che tutti i gran compositori italiani sono nel tempo medesimo eccellenti
maestri di canto: il che si confà al sistema adottato ne' conservatorj
d'Italia, dove il canto, e la composizione vocale sono i più essenziali
oggetti, non riguardandovisi il resto se non come accessorio. Le opere
di Sacchini essendo state conosciute in Londra, fecero nascer la brama
agli amatori inglesi di possederlo come compositore del loro teatro.
Pria di portarsi in quell'isola, fece un viaggio in Germania, passò a
Stutgard ed a Monaco, dove fu sentita la sua musica co' più grandi
applausi: venne poi in Olanda, e giunse finalmente in Londra nel 1771.
Compose quivi pel teatro italiano molti eccellenti melodrammi tragici,
come _Montezuma_, _Perseo_, _il Cid_, e più altri di un'estrema
bellezza. Il suo soggiorno in Inghilterra sarebbe stato assai favorevole
alla sua fortuna, se la passione per le donne trascinato non lo avesse
in considerabilissime spese, che a tal segno lo rovinarono che a capo di
alcuni anni fu costretto per i gran debiti ad abbandonare quel paese.
Allora fu, che il suo amico M. Framery l'invitò di venire a Parigi verso
il 1782, e scrivere per quel teatro con delle condizioni, che gli
convenne accettare. Arrivato in Francia, “non tardò, dice M. Choron, di
arricchire la nostra scena lirica; _Renaud_ fu rappresentato nel
febbrajo del 1783 a cui seguirono ben tosto _Chimène e Dardanus_.
Sacchini giungendo ad un'epoca in cui Gluck e Piccini ci avevano già
familiarizzati con la musica forestiera non eccitò dapprima tutto
l'entusiasmo ch'egli doveva attenderne: le prime sue opere furono anche
accolte con una specie d'indifferenza. Non fu così però dell'_Edipo a
Colone_: l'interesse del poema fece sentire tutte le bellezze della
musica di Sacchini; cosicchè quest'opera ottenne sotto tutti i rapporti,
un meritevole successo, che si è sostenuto non solo fin al presente, ma
che va a crescere eziandio di giorno in giorno. Si crederebbe tuttavia
che la sua rappresentazione incontrò tutte le immaginabili difficoltà, e
che Sacchini per tal ragione disgustato del soggiorno di Parigi, preso
aveva la risoluzione di tornare in Inghilterra, ove i suoi protettori,
dopo aver pagati tutti i suoi debiti, lo invitavano di venir quivi a
godere d'una sorte felice, che avevangli procurata?” Ma la morte gliene
tolse il comodo; i dispiaceri che aveva provati in occasione
dell'_Edipo_, e che la di lui sensibilità rendeva ancora più vivi,
esaurito avevano le sue forze, ed egli venne a soccombere ad un attacco
di podagra salitagli al petto li dì 7 ottobre del 1786, in età di soli
51 anni. Le qualità singolari di questo cel. compositore sono la
facilità, la grazia e la nobilezza, che mai lo abbandonano, sino nelle
più energiche espressioni, il suo canto è così facile, e così naturale,
che par che si formi e da se stesso si produca in bocca al cantante.
Questo canto così amabile e facile seppe egli adattare alla sua musica
di chiesa, senza confondere questo stile con quello del teatro, e senza
allontanarsi dalla severità ch'egli esige. Pura e svelta è la sua
armonia, ed eccellente soprattutto nello stile religioso ideale, la sua
orchestra è sempre brillante, sempre ingegnosa, e d'un'inimitabile
chiarezza. Siccome sonava egli superiormente di violino, i suoi
accompagnamenti danno gran risalto a quest'instrumento, ed egli ha dato
anche dell'effetto ai secondi violini. Il lettore ci saprà buon grado di
rapportar quì l'elogio che ne ha fatto il gran Piccini in una lettera da
lui inserita nel giornale di Parigi, ecco le sue parole. “Che dirò io di
quel gran talento che ha dispiegato il Sacchini in tutte le città
d'Italia, in Allemagna, in Inghilterra, e finalmente in Francia?
Quell'andamento facile, quel canto melodioso, quel carattere or grave,
or allegro, brillante, patetico, amoroso, malinconico, e sempre
sostenuto! Quella progressione incantatrice, senza che mai venga urtato
l'orecchio, fin nelle transizioni le più aspre, ch'egli ha sempre così
bene preparate, e ben risolute! Quella precisione esatta, in cui nulla
potete togliere, nè aggiungere, ove tutto è finito! La ricchezza de'
suoi accompagnamenti, così ben distribuiti, adattati così a proposito,
senza recare alcun danno alla parte cantante (ch'egli ha considerata
sempre come principale), e nel grado più sublime di nobilezza! Quel
superbo colorito! Quei cori, ove le quattro parti sono tanto ben
disposte; ove nulla vi sta ozioso, ove aspirano tutte allo stesso scopo,
ove non si distingue una sola misura inutile, ove in somma ciascuna
parte forma separatamente una cantilena così ben tirata, così ben
modulata, che anche isolata diviene un pezzo capitale! Io darò fine al
suo elogio debole omaggio dal mio canto, ma molto ben meritato dal suo,
con dir che la morte ce lo ha rapito assai presto; che con un talento
così trascendente, egli era degno di più felice sorte, che meritava di
essere più conosciuto, più studiato a fondo. Io priego il lettore a non
volermi accusare di parzialità, o di adulazione: non si adulano i morti.
Io sento, ed ho sempre sentito ciò che avanzo, e lascio al tempo ed agli
intendenti la cura di apprezzar le sublimi produzioni lasciateci da sì
grand'uomo.” Il dotto _Carpani_ rassomiglia al _Correggio_ il
_Sacchini_, e descrivendo la facilità del suo stile, e la maniera ch'ei
teneva nello scrivere: “Sacchini, egli dice, non trovava una cantilena,
se non gli stava la sua bella accanto, e se i suoi gattini non gli
scherzavano intorno. E ben se ne risente di questo tenero e giocoso
consorzio la graziosa e seducente sua musica.” (Lett. 13). Questo
valente compositore portava nella società la sensibilità, che regnava
nelle sue opere. Generoso, benefico all'eccesso, non era mosso che dal
piacer di dare, e più spesso si sarebbe procurato un tal piacere, se
meno trascurato avesse i suoi affari. Buon parente, buon amico, buon
padrone; poco avanti di rendere l'estremo sospiro, con moribonda voce
egli disse a un suo domestico: _Povero Lorenzo, che diverrai tu ora?_
Uno de' suoi ammiratori ha fatto mettere il suo busto in Roma nella
chiesa di S. Maria della Rotonda.

SAFFO, celebre cantatrice e poetessa era di Mitilene, le lettere e la
musica furono il suo trattenimento, e cercò d'inspirare questo gusto
alle altre donne di Lesbo. Ella, secondo Ateneo, adoperò sempre
l'instromento _pectide_ ossia _lira coperta_ pel canto: e come
introdusse nell'ode un nuovo metro, inventò anche nella musica un nuovo
modo, detto _Mixo-Lydio_, che fu adottato, al dir di Plutarco, da' poeti
tragici come molto adatto per il patetico, e le scene lugubri. In mezzo
alle lodi di tutta la Grecia, che le diè sino il nome di decima Musa, in
mezzo alle spiritose sue doti personali conservò sempre un decoroso e
modesto contegno; noi abbiamo riferita la passione che concepì per ella
il giovane Alceo, e qual decente condotta seco lui essa tenne (_V. t. 1,
pag. 16_). Coll'esempio di Saffo si mossero allo studio della musica
molte donne, e sin da' paesi stranieri vennero ad accrescere il numero
delle sue discepole, tra le quali molto si distinsero Erinna e Demofila.
Quest'ultima propose a Saffo, che sarebbe alla patria di grande utilità,
e di particolare onore alla loro memoria l'aprire una scuola d'arte
armonica, in cui si potessero educare le giovani più civili, e più
ingegnose: piacque a Saffo il progetto, e s'innalzò la scuola delle
zitelle cantatrici sotto la direzione di Demofila, e secondo Filostrato,
sotto il consiglio di Saffo. La superiorità del suo genio servì a
muovere contro di lei la rivalità, e l'odio di alcune donne potenti.
Saffo oppose loro verità ed ironie, il che finì d'irritarle (_Aten. l.
1_). Quindi ebbe ella a lamentarsi delle loro persecuzioni; e questo
divenne un altro delitto (_V. Horat. l. 2, od. 13_). Obbligata a
fuggire, venne a cercare un asilo in Sicilia, ove dopo alcun tempo le si
innalzò una statua scolpita per mano di Silanione, uno de' più celebri
artisti del suo secolo, che fu poi rubata da Verre, come abbiamo da
Tullio (_in Verr. l. 4, c. 57_). Il dotto ab. _Barthelemy_ crede così
poter smentire quel che vien detto, ch'ella s'imbarcasse per
quest'isola, tratta dall'amor di Faone, che l'aveva abbandonata, ed è da
osservarsi, egli dice, che tutto ciò che narrasi dei costumi libertini
di Saffo, non si trova che negli scrittori di molto posteriori ai tempi
in cui dessa viveva, cioè sette secoli innanzi l'era cristiana (_Voyag.
d'Anac. tom. 2 in not._).

SAINT-AMANS (Luigi Giuseppe), nato a Marsiglia nel 1749, come i suoi
parenti lo destinavano al foro, entrò ben presto nel collegio per farvi
i suoi studj, ove per diporto si diè a coltivare ancora la musica. A
capo di alcuni anni, il suo gusto per quest'arte giunse al segno, che
per impiegarvisi del tutto, lasciò il collegio, e seguì per qualche
tempo una compagnia di musici italiani ad Aix in Provenza, a Nizza ed a
Torino, come cembalista al teatro. Dopo otto mesi, unitosi ad un barone
svizzero che viaggiava con due suoi figli, come maestro di musica,
soggiornò circa a tre anni in diverse città dell'Italia, ove incoraggito
da' suoi progressi, dai consigli dei gran musici ch'egli consultava, e
dall'amicizia del suo protettore, formossi sull'osservazione dei capi
d'opera de' più celebri maestri di quel paese. Stabilitosi quindi nel
1769 in Parigi, il suo stile tanto per chiesa, che per teatro sul gusto
italiano ebbe felicissimo incontro. Nel 1798 fu eletto professore al
Conservatorio, posto ch'egli perdè l'anno di appresso per la riforma del
medesimo: partì quindi per Brest come maestro di cappella, e nel 1804 vi
compose un _O filii_ a tre voci e cori per il giorno di Pasqua, e la
_Destruction de Jericho_, oratorio a piena orchestra pel teatro di
Brest. Nel 1807 un _Te Deum_ a tre voci e cori, che fu ben accolto nel
conservatorio di Parigi. Vi ha di lui inoltre molta musica impressa nel
1810, nel magazzino d'Imbault a Parigi, tra la quale distinguonsi trenta
sonate di differenti caratteri per il piano-forte con violino e basso;
sonate a quattro mani, ed una _tavola elementare degli accordi_, presso
Mr. Porro.

SAINT-LAMBERT (le marquis de), celebre autore del poema _des Saisons_ e
della _Lettre sur l'opéra d'Onphale_, sommamente lodata da Rousseau, e
da Arteaga. Vi si trovano delle riflessioni molto utili a' compositori
di musica drammatica: M. Suard l'ha inserita nel t. IV _des Variétés
littéraires_.

SAINT-MARD (Raimond de) scrisse una dissertazione col titolo:
_Réflection sur l'opéra en musique_, 1741 in 12º, ch'è stata tradotta in
tedesco da Hertel, e corredata di molte annotazioni.

SAINT-PERN (M. de) è l'inventore dell'_Organo Lyricon_, che riunisce
diversi instromenti da fiato in un piano-forte. _M. Charles_ fisico nel
suo Rapporto all'Instituto 1810, dice che il sistema totale di questo
nuovo stromento si presenta a prima vista sotto la forma di uno scrigno
a cilindro, molto ben fatto, di un legno americano, ornato di bronzi
dorati: ha circa due palmi e mezzo di altezza, due palmi di larghezza,
ed un palmo e mezzo di profondità. All'aprirsi del cilindro trovansi due
tastiere, ognuna delle quali ha il suo uffizio: ambedue si coordinano
co' diversi stromenti da fiato, che fanno suonare insieme, o in
disparte. La tastiera inferiore è primitivamente parte costitutiva d'un
piano-forte; ma per un ingegnosissimo meccanismo, può sotto le dita del
suonatore, e a suo piacere, secondo la varietà della pressione, far
sentire isolatamente o il piano-forte, o il tal suono di flauto o di
oboè, o rimescolar finalmente le voci loro riunite. Una dozzina
d'instromenti da fiato trovansi uniti attorno al piano-forte, e sempre
pronti a conversar con lui, dacchè il suonator li chiama. Vi si
rimarcano tre sorta di flauti, tra quali il traversiere distinguesi per
la bella qualità del suo suono; l'oboè, il clarinetto, il fagotto, i
corni, la tromba ed il piffero. Le combinazioni di tutte coteste voci
offrono ad un abile artista delle feconde risorse. All'estremità
dell'instromento sono disposti 14 pedali, a sinistra evvi la piccola
tastiera di contrabbasso, i di cui tasti premonsi col piede. Vengon poi
i pedali corrispondenti a' differenti suoni che voglionsi sostituire o
mescolare l'un coll'altro. Toccati a vicenda coll'uno e l'altro piede,
portano fedelmente sotto la tastiera tutte le voci, che fan d'uopo al
musico per recitare i suoi canti, e variarne l'espressioni. La tastiera
superiore è isolata dal piano-forte, e non ha azione sopra il medesimo;
ma come l'altra, ha un'organizzazione così precisa e così delicata, che
per la sola differenza della pressione fa sentire a suo arbitrio o il
traversiere, o l'oboè, e produce dei _rinforzi_ mercè la riunione
graduale di molti suoni, che sembrano terminarsi in un solo. La
corrispondenza tra le due tastiere è tale, che possono a piacere agire
insieme, o in disparte ed anche parzialmente. Cosicchè, mentre la
tastiera superiore fa sentire tutti gli stromenti, che le sono
subordinati, l'altra ha la medesima azione sopra loro; di maniera che le
due mani, alternando sulle due tastiere, vi trovano prontamente i suoni
più convenevoli ai canti ed ai sentimenti, che l'artista cerca di
rendere, o d'inspirare. Non ostante l'intensità delle loro funzioni, i
tasti sono di una singolar arrendevolezza, anche nel _massimo_ della
loro pressione, molto in ciò differenti dai tasti de' grand'organi, la
di cui asprezza è ben nota ai pratici, e stanca ben presto le dita
avvezze soltanto alla leggerezza della tastiera del piano-forte.
L'_organo lyricon_ è una nuova composizione sotto molti rapporti, ed ha
servito di stimolo a trovare de' nuovi mezzi di usarla. Considerando
quest'instromento nel suo insieme, e ne' suoi dettagli, si vede ch'egli
è stato il felice risultato di lunghe meditazioni. L'autore vi ha
impiegato dieci anni di fatiche, e di ricerche, molto denaro e più
ancora d'intelligenza, e di sagacità.

SALA (Nicolò), uno de' più dotti allievi del gran Leo, era maestro di
cappella, professore nel Conservatorio _della Pietà_ in Napoli quivi
morto nel 1800 in età di presso a cent'anni. Egli aveva consagrato il
corso d'una lunga e laboriosa vita alla formazione di una serie seguita
di modelli su le parti tutte della composizione. Nel 1794, questa
preziosa fatica fu pubblicata a spese del nostro Sovrano, sotto il
titolo di _Regole del contrappunto pratico_, e l'edizione era di una
magnificenza estrema. Questo novello codice della composizion musicale
già veniva accolto con gradimento dall'Europa, quando una funesta
avventura sopraggiunse a rapirlo all'espettazion generale. In mezzo ai
disordini che rovesciaron l'Italia nel 1799, la città di Napoli fu messa
a sacco: i rami dell'opera di Sala conservati nella R. stamperia, furono
tolti via e dispersi, e 'l frutto d'immense fatiche, d'immense spese,
distrutto in un sol momento, parve ridursi al nulla senza riparo. In
tale circostanza, credè _M. Choron_ non poter fare cosa più utile ed
onorevole che dirigere le sue cure alla ristorazione di questo
monumento. Ma al momento di porre in effetto tale impresa, dar gli
volle, mercè degli importanti miglioramenti, tutto quel grado di utilità
di cui era suscettibile. Cosicchè, senza permettersi di fare il menomo
cambiamento all'opera di Sala, senza confondere in modo alcuno il suo
travaglio con le addizioni, che sembravangli indispensabili, ordinò le
cose in maniera che tutte le cognizioni che formano l'arte del
compositore, oggetto essenziale dell'opera, presentate vi fossero con
tutto l'ordine, e con tutta la profondità che esigono queste materie, e
che le cognizioni relative alle altre parti della musica, che qui non
sono se non se oggetto accessorio, fossero brevemente esposte, ma con
tutta la chiarezza e l'estension necessaria. Tale è lo scopo che si
propose M. Choron ne' suoi _Principj di composizione delle Scuole
d'Italia_, opera classica, formata dalla riunione de' modelli di Sala,
Martini, ed altri rinomati maestri, Parigi 1809, 3 vol. in fol. di 1456
rami. Questo si è il solo corpo di dottrina compiuto intorno all'arte
della composizione. Noi ne abbiamo parlato abbastanza all'art. _Choron_.

SALIERI (Antonio) nacque a Legnano nello Stato Veneto li 29 Agosto del
1750 da un ricco negoziante. All'età di undici anni cominciò a prender
lezioni di cembalo; ma crebbe talmente la sua passione per la musica,
che alla morte di suo padre, cui perdette all'età di quindici anni,
consacrossi intieramente a quest'arte. La protezione di Mocenigo,
patrizio Veneto, gli offrì l'occasione di rendersi a Venezia per
continuarvi i suoi studj. Giovanni Pescetti maestro di cappella in S.
Marco, fu il suo primo maestro, e morto costui, Salieri scelse Pietro
Passini. Il cel. Gasman essendosi portato in quel tempo a Venezia, il
giovane Salieri fecesi da lui eziandio istruire sul cembalo e nell'arte
di cantare. L'affezione che egli prese al suo maestro lo determinò ad
accompagnarlo in Vienna, col permesso del suo protettore, per prendervi
ancor lezioni nell'arte della composizione. Giunse egli in Vienna nella
primavera del 1766, e vi dimorò per otto anni di seguito approfittando
delle lezioni di Gasman sul contrappunto. Alla di lui morte Salieri
divenne maestro della cappella, della musica di camera e del teatro di
Vienna, ne' quali posti fu ajutato da' consigli del cel. Gluck. L'età e
le malattie avendo ridotto costui nell'impotenza di soddisfare al
pubblico di Parigi, che non desisteva dal chiedergli delle nuove
composizioni per i teatri di quella città, Salieri fu quegli, che
compose per lui l'opera intitolata _les Danaides_, sotto gli occhi di
Gluck, e secondo le idee che date aveagli sulla maniera di trattare quel
dramma. Gluck gli rese allora l'attestato, ch'egli aveva saputo
familiarizzarsi colla sua maniera, e 'l suo stile, il che era riuscito
impossibile a verun tedesco. Credevasi frattanto in Parigi, che Salieri
non aveva altra parte che nel terzo atto di questo dramma. L'artifizio
ebbe un compiuto successo. Salieri venne nel 1784 in Parigi colla sua
opera, che fu assai volte eseguita dinanzi la famiglia reale, e sempre
con esito vieppiù fortunato. La regina stessa degnossi ancora cantarvi
qualche volta. Finalmente quest'opera fu eseguita sul gran teatro della
capitale. I critici riconobbero sin d'allora ne' dettagli,
principalmente ne' recitativi e nel canto, uno stile particolare, e
convennero ch'egli annunziava il più distinto talento. Non fu se non
dopo la decima terza rappresentazione che Gluck in un indirizzo al
pubblico di Parigi, dichiarò Salieri solo compositore delle Danaidi. La
direzione dell'opera gli pagò una somma di diecimila franchi, ed altri
tremila per le spese del viaggio. La regina gli fece altresì un
considerevolissimo dono, e l'incisore pagogli la partitura duemila
franchi. Prima di partire per Vienna, la direzione dell'opera gli
commise ancora di scrivere gli _Orazj e Curiazj_. Alcun tempo di poi,
egli compose pel teatro di Vienna la musica del dramma _Axurre di Ormo_;
per il quale l'Imperatore Giuseppe II donogli 200 ducati, ed una
pensione di altri 300. Poco dopo sposò egli una damigella, che gli recò
una pinguissima dote. Salieri è attualmente in Vienna, maestro di
cappella dell'Imperatore d'Austria: egli ha scritto molta musica sì per
chiesa che per teatro, per tutta l'Europa celebratissima. L'oratorio
della _Passione_ del Metastasio posto da lui in note è un capo d'opera;
vi ha in questo una fuga bellissima, che veniva lodata molto
dall'_Hasse_ medesimo. “Un bello esempio dell'economia e del buon uso
che dee farsi degli strumenti da fiato, dice il dotto _Carpani_, trovasi
nel _Cesare in Farmacusa_ del profondo maestro _Salieri, che applicò con
tanta felicità la metafisica alla sua arte_. Egli acciocchè una sortita
furiosa di Cesare nel finale del primo atto facesse più colpo, sospese
per molti tempi dello stesso pezzo di musica tutti gli strumenti da
fiato e particolarmente le trombe, e fe' tacere i timpani, e li adoprò
poi tutt'insieme al luogo sopra indicato con stupendissimo effetto. Non
è a dirsi qual energia riceva la musica da quella sortita improvvisa di
strepito marziale. Ho sempre sentito fremere l'udienza a quel passo, il
cui incanto sta tutto nell'artificio riferito, e che il più degli
ascoltanti non si curano nemmeno d'indagare d'onde venga.” (_Lettera
X_). Racconta lo stesso Carpani che il grand'Haydn aveva in sommo conto
Salieri, e che a lui affidò egli sempre la direzione de' suoi due capi
d'opera, _la Creazione_ e le _quattro Stagioni_ (_Lettera XIV_). La
maniera che usa Salieri per eccitare la sua fantasia nel comporre, così
vien descritta da quel lepidissimo scrittore. “Salieri, egli dice, il
maestro della ragione, deve fecondare la sua fantasia coll'uscir di
casa, scorrer per le vie più frequentate della città masticando
confetti, e col suo _graphiarium_, e la cannuccia nelle mani gli è forza
notar subito le idee felici, che a volo gli passan pel capo.” (_Lettera
XIII_).

SALINAS (Francesco), spagnuolo nativo di Burgos, professore di musica
nell'università di Salamanca, divenne cieco sin dall'età di dieci anni,
ma non fu perciò meno abile nelle scienze e nella musica. Egli è autore
assai celebre di sette libri _de Musica_ pubblicati nel 1577, che di
tutti gli scritti armonici del secolo XVI, dice l'_ab. Andres_, ebbero
una fama più universale, e hanno poi conservata più durevole
riputazione. Questo illustre cieco, profondamente istruito nella musica
pratica, e nella teorica, ed altresì erudito filologo, poeta filosofo e
matematico, che a giusto titolo da molti vien detto il moderno Didimo, e
potrebbe anche chiamarsi lo spagnuolo Sanderson, dopo lungo studio de'
greci e de' latini, dopo lunghe meditazioni, e dopo continuo esercizio
lasciò a' posteri in quella dotta opera quanto l'erudite ricerche, e
l'attente speculazioni nel lungo corso di cinquanta e più anni avevano
suggerito su la pratica, e su la teorica della musica (_Dell'origine ec.
t. 4_). Assai ragionevole è l'encomio, e la critica che di questo suo
illustre compatriota ha fatto il _Requeno_. “Un solo cinquecentista,
egli dice, rispettabile pe' suoi lumi, per la sua latina favella, per la
sua coltura, per la disinvoltura del suo spirito, per la sua erudizione,
per la maestrevolezza dell'arte armonica sarebbe stato capace di
ravvivare tutta la greca armonia, se la preoccupazione a favore della
musica moderna da lui mirabilmente ben avviata e corretta non lo avesse
impegnato in volerci far vedere, che le nostre corde armoniche, ed il
nostro ritmo poco sono dissimili dall'antico. Cotesto cel. scrittore gli
è lo spagnuolo Salinas. Nessuno creda, che io lodi per ispirito di
patriottismo; e chi ne dubita, lo prenda in mano, e mi dica se fra tutti
gli spositori della musica greca si ritrovi l'eguale fra moderni. Il
trattato di Vossio sull'antico ritmo, ove mettasi al confronto del
trattato di ritmo di Salinas, scomparisce affatto. Vossio niente
insegna; Salinas tutto analizza. Vossio tesse il panegirico da colto
grammatico; Salinas tesse l'arte dell'antico ritmo poetico da pratico,
Vossio parla da oratore con lodi generalissime: Salinas da intelligente
delle più picciole differenze mostra quanto è degno di lode nel greco
ritmo. Egli è però da dolersi, che Salinas non osservasse, che oltre il
ritmo poetico da esso così bene analizzato, esisteva il ritmo musicale,
di cui non ci disse parola. Salinas nell'esame delle corde armoniche,
diede troppo a' numeri, ed alle proporzioni, niente agli sperimenti, e
poco all'autorità de' greci armonici; quando doveva dare anzi tutto ai
testimonj di questi provati prima cogli sperimenti; ai numeri quant'essi
richiedevano e nulla più; e niente poi affatto a quelle proporzioni,
colle quali la scuola Alessandrina nella decadenza della greca armonia
oscurò ed imbrogliò il semplicissimo musico sistema di Aristosseno, e
del secolo d'oro de' Greci. La è cosa parimente da dolersene, che questo
insigne scrittore non siasi tutto impiegato in analizzare i Greci, in
costruire un monocordo per le prime pruove, in fare poi lo stromento
chiamato _Canone_ minutamente descritto da Tolomeo, e in avanzare altri
passi richiesti per la genuina intelligenza de' greci scrittori. Ma
forse pel vanto, che esso erasi procacciato nella pratica del moderno
contrappunto, non volle esporre il suo sapere al pericolo di detestarlo;
nè mai gli cadde forse anco in pensiero di fare uno stromento armonico
con tutte le corde eguali sì in lunghezza, che in grossezza, come
praticarono i Greci: forse non seppe concepir la maniera, con cui esso
potesse suonarsi.” (_Pref. ai Saggi ec. pag. XIV_).

SALOMO (Elia), prete francese del sec. XIII: nel 1274 dedicò a Gregorio
IX un libro: _De Scientiâ artis musicæ_, che si era conservato
manoscritto nella bibioteca Ambrosiana in Milano, donde lo ha tratto
l'ab. Gerbert, inserito avendolo nel terzo tomo della sua collezione
degli antichi autori di musica. L'Aut. vi tratta del numero delle
chiavi, de' tuoni, delle figure, della dottrina del canto, e della
maniera di cantare a quattro voci, ec.

SAMMARTINI (Gio. Batt.), maestro di cappella assai celebre del suo
tempo, e uomo singolare, nacque in Milano verso la fine del secolo XVII;
fu prima suonatore d'oboe, e poi di violino. Devesi a lui l'uso del
_mordente_, delle _note sincopate_, delle _contro arcate_, e delle
_punteggiature continuate_, le quali grazie, se pure si conoscevano, non
erano in grande uso: egli le introdusse nel violino, come è facile di
rilevare dalle sue composizioni confrontate con quelle de' precedenti
scrittori. Sammartini, dotato d'ingegno creatore, imparò il contrappunto
da se, e si diede a scrivere musica instrumentale, singolarmente dei
_trio_, e delle sinfonie. Il Generale Pallavicini, governatore di
Milano, gli fece comporre le prime sinfonie a grande orchestra. Si
sonavano esse in buona aria sulla mezzaluna della cittadella a
divertimento dei cittadini che a diporto trovavansi nella sottoposta
spianata le sere d'estate. Il _Paladini_, che morì troppo giovane, il
_Lampugnani_, che il primo cominciò a lussureggiare negli
accompagnamenti delle arie, ed altri gareggiavano su quel parapetto,
divenuto sede e teatro di una guerra tutta piacevole col Sammartini, il
quale tutti li vinse per la copia, il fuoco e la novità, sebbene
rimanesse molto al di sotto del Paladini e degli altri per la scienza
degli accordi. Fu in quelle sinfonie che si sentì per la prima volta il
gioco separato dalle viole che da prima suonavano col basso, e che
udironsi movimenti continuati di violini secondi, i quali si fecero con
bella novità scorrere per un modo tutto diverso di quello dei violini
primi. Anche il Sammartini aveva pratica cognizione di tutt'i strumenti,
e fu da lui che la apprese, il Gluck, stato per più anni suo scolare. Se
a questi pregi unito avesse il Sammartini una più fondata teoria, e una
maggiore applicazione avrebbe avuto l'Italia il suo Haydn, prima che lo
avesse l'Alemagna. Il Sammartini non fu sì felice nella musica vocale
come lo era nella strumentale. Eccitato dai generali voti della sua
patria, compose un'opera seria per quel teatro, e non piacque punto. Che
anzi era egli il primo a burlarsi di se medesimo quando si rammentava
quella sua produzione. Fu però essa la prima e l'ultima di tal genere,
mentre non volle più comporre pel teatro, e fuori di qualche oratorio
sacro, non abbiamo di lui altra cosa drammatica. Egli, come dissi, fu
maestro del Gluck per dieci anni, e basta confrontare la musica
instrumentale di Gluck con quella del maestro per capire quanto gli
dovesse. L'Haydn stesso molto apprese per la parte ideale osservando le
opere del Sammartini, benchè più volte detto avesse al suo amico Carpani
non dover nulla a lui, aggiungendo di più ch'_egli era un imbroglione_.
Ma confrontando le prime composizioni dell'Haydn con quelle del
Sammartini si vedrà di quante idee, di quante bizzarríe e di quante
invenzioni di questo rinomato scrittore si giovasse l'Haydn, non già da
vile plagiario ma da maestro. Il _Misliwechek_ trovandosi in Milano ad
una accademia, e sentendovi alcune vecchie sinfonie del Sammartini,
della di cui musica non aveva in prima contezza, proruppe in questa
esclamazione: _ho trovato il Padre dello stile d'Haydn!_ Il maestro
Venceslao Pichl inclinava anch'egli alla opinione del suo patrioto; ma
l'Haydn era troppo buon contrappuntista e troppo amico dell'ordine, e di
quella regolata condotta che si trova in uno stile puro e ragionato, per
imitare di proposito quel capricciosissimo milanese che nel creare non
badava più che tanto alla tessitura, ma seguitava all'impazzata gli
impeti della sua fervida fantasia, e quindi aveva quà e là dei lampi
bellissimi, contigui a masse tenebrose di nubi. Il conte d'Harrach
governatore della Lombardia Austriaca portò il primo a Vienna la musica
del Sammartini, la quale subito ottenne applausi e voga in quella gran
capitale. Il conte Palfi, il conte Schönborn, il conte di Mortzin, ed il
principe Esterhazy facevano a gara in procurarsene della nuova, e
quest'ultimo signore destinato aveva in Milano un banchiere per nome
Castelli a pagargli otto zecchini d'oro per qualunque composizione gli
desse per sua altezza. Il dottor Burney conobbe il Sammartini in Milano
nel 1770, e scrive ne' suoi _Viaggi_ pag. 95 di avere inteso una messa
seguita sotto la sua direzione nella chiesa del Carmine. “Gli
accompagnamenti, egli dice, erano ingegnosissimi, pieni di brio e di un
fuoco tutto proprio di questo compositore. La parte instrumentale delle
sue composizioni è fatta a maraviglia. Nessuno degli esecutori può
restare lungamente in ozio. I violini soprattutto non hanno mai riposo;
si potrebbe per altro desiderare ch'egli ponesse la briglia al suo
pegaso, poichè sembra portarsi seco il cavaliere fuggendo di scappata. E
per parlar fuori di metafora, la sua musica piacerebbe ancor più se
fosse meno ricoperta di note e men ripiena di allegri; ma l'impetuosa
foga del suo genio lo sforza a percorrere una successione di rapidi
movimenti, la quale alla lunga, stanca l'esecutore e l'uditorio.” Alla
pag. 103 parlando d'un'altra messa del medesimo dice, “Il Sammartini mi
ricompensò de' movimenti posati de' quali mi aveva defraudato nella
messa di giovedì, mediante un adagio che era veramente divino.” Rousseau
nel suo dizionario parlando di composizioni eccellenti non ne nomina, in
monte, che due, _Un adagio, dic'egli, di Tartini, un andante di
Sammartini_, e di fatti questi suoi andanti eran degni di Anacreonte.
Questa piccola biografia deesi all'erudito Carpani, _giacchè la fama_,
egli dice, _non ha parlato di lui quanto meritava_ (_Lettera IV_).

SANCHO (Ignazio), negro della Guinea stabilito in Londra, ove fecesi
cristiano, e coltivò con successo le scienze e la letteratura. Morì egli
nel 1780. Fra le altre sue opere vi ha di lui _Theory of music_ (Teoria
della musica), London 1776, ch'egli dedicò alla principessa reale. Nelle
belle arti possedeva un tatto, ed un gusto così delicato, che gli
artisti medesimi si davan premura di consultarlo.

SANTARELLI, maestro della cappella del Papa a Roma e cappellano
dell'ordine di Malta, ad una straordinaria abilità e consumata
esperienza nella pratica della musica e del canto univa delle profonde
cognizioni nella teoria e nell'istoria dell'arte. Nel 1764, pubblicò
egli in Roma il suo trattato della musica di chiesa dalla sua prima
origine sino a' nostri giorni, col titolo: _Della musica del santuario,
e della disciplina de' suoi cantori_. Il secondo volume è del 1770. Egli
comunicò anche al Dr. Burney in Roma un altro suo libro intitolato:
_Estratto di alcune notizie storiche appartenenti alla facoltà
musicale_, d'onde cavò l'inglese storico della musica l'origine de'
primi eunuchi italiani. Ecco le proprie parole del Santarelli. “P.
Girolamo da Perugia, prete della congregazione dell'oratorio fiorì nel
sec. XVII. Fu eccellente cantore della parte di soprano, e fu il primo
evirato che avesse luogo nella cappella pontificia, avendo fino allora
servito la cappella in qualità di soprani i nazionali spagnuoli con voce
di falsetto. Il prelodato padre fu ammesso tra' cantori pontificj nel
1601, e morì nel 1644.” Si vede da questa notizia, che non si esigevano
allora da un prete tutte le qualità che gli sono necessarie oggigiorno,
come l'erano nell'antica legge; e che non si era adottato ancora in Roma
in tutto il suo rigore il divieto del Deuteronomio, cap. 33, v. 1.
Santarelli è autore altresì di alcune _Lettere su i compositori per
chiesa, e sulla moderna musica sagra_, che l'ab. Gerbert ha inserito nel
2º tomo della sua storia.

SARRO (Domenico), stimatissimo compositore in Napoli, e uno de' primi
maestri a porre in musica i drammi di Metastasio: la sua _Didone_
scritta pel teatro di Torino è del 1717. Quanz, che sentì una sua opera
in Napoli nel 1725, afferma aver egli seguito la maniera di Vinci. In
Alemagna levò gran grido la sua musica per chiesa. Sarro e Porpora
furono i primi che si studiarono a semplificare l'armonia, e a ripulire
la melodia.

SARTI (Giuseppe), nato a Faenza nel 1730, fu da prima maestro di
cappella del conservatorio _della Pietà_ a Venezia, che formò la sua
gran riputazione nell'Italia. Alle sue composizioni davasi il nome di
_musica divina_: tutti i teatri faceano a gara per avere sua musica, e a
lui non bastava tempo per comporne. Nel 1782 fu scelto per esser maestro
di cappella del Duomo di Milano, malgrado il concorso di molti altri
gran maestri. Tra le sue opere quella che fece più strepito fu _Giulio
Sabino_, ch'egli aveva composto nel 1781, pel teatro di Venezia; e che
fu impressa a Vienna nel 1784. La sua celebrità giunse fino al nord.
L'imperatrice delle Russie lo chiamò a Pietroburgo, dove egli pervenne
nel marzo del 1785, e diè principio da un concerto spirituale composto
di una musica di venerdì santo, e di alcuni salmi in lingua russa; fu
essa eseguita da un'orchestra di 66 cantanti, e cento corni russi, oltre
gli ordinarj strumenti da corda e da fiato. Tuttavia non essendosi
creduto colà romoroso abbastanza quel concerto, aggiunse egli de' colpi
di cannone a un _Te Deum_, che fece eseguire per la presa d'Okzakow.
Questi cannoni di diverso calibro, situati nella piazza del castello, e
servendo di basso a certi pezzi, formavano una musica assai bizzarra.
Dopo la rappresentazione dell'_Armida_ nel 1786, l'imperatrice gli diè
in dono una superba scatola d'oro, e un anello di diamanti; il nominò
direttore del conservatorio di musica, con l'onorario di 35mila rubbli,
oltre l'alloggio, e altri 15mila rubbli d'indennità pei suoi viaggi, e
lo innalzò al rango della prima nobiltà. Tra le sue numerose
composizioni sono da rimarcarsi per chiesa un _Confitebor_ a sei per
soprani e contralti; un simile _Dixit_ col _Gloria_ a nove; un
_Miserere_ con viole violoncelli e contrabbassi. Pel teatro le _Gelosie
villane_ opera buffa su i teatri di Germania ebbe particolarmente gran
successo: _Giulio Sabino_; _Fra due litiganti il terzo gode_, 1787 in
Vienna; _Armida e Rinaldo_, 1786. Le seguenti opere si danno tuttora ne'
teatri allemanni, l'_Incognito_, gli _Accidenti non provisti_,
l'_Ipocondrico_. Deesi in oltre al Sarti il far rivivere lo stile e 'l
gusto per le _Cantate da camera_ (_M. Ginguené Encycl. méthod_). Egli ha
posto in questo genere di musica le bellissime _canzonette_ del
Metastasio, e le ha espressamente composte per la voce de' Pacchiarotti,
de' Marchesi, e de' Rubinelli. Si comprende facilmente qual esser dee la
perfezione d'una musica da camera fatta da un simil maestro, ed eseguita
da tai cantanti. Racconta il _Carpani_, che Sarti si vantava d'insegnare
in poche lezioni a chiunque la maniera di comporre per basi numeriche;
ma chi ne fece la prova non ne ottenne che la persuasione, che nel Sarti
questo gioco altro non era che un facile mezzo per trarre di molto
danaro dai grandi con poca fatica; ma che i suoi capi d'opera con
tutt'altro venissero composti, che per via di fredde combinazioni
aritmetiche (_Lett. 3_). Narra egli inoltre che nel comporre voleva una
camera grande, vuota, ed oscura; funebremente rischiarata da una
solitaria lampada appesa nel mezzo, e soltanto nella più alta notte, e
nel più cupo silenzio trovava i pensieri musicali. Di questa fatta
scrisse il _Medonte_, tessè il rondò _mia speranza_, e la più bella aria
che si conosca, voglio dire, _la dolce compagna_ (_Lett. 13_). Il
tedesco _Gerber_ mostra di non fare gran stima del genio di Sarti: si sa
non per tanto che il cel. Haydn faceva il più gran caso di questo
compositore, e sopra tutto del suo _Giulio Sabino_. In Italia godè Sarti
della più alta celebrità, e le sue composizioni vengono ammirate per uno
stile or energico, or tenero, e sempre ben adattato alle parole. Carpani
lo chiama il _Domenichino della musica_, ed al pari del Paesiello, e
dell'Haydn eccellentissimo nell'unire alla verità delle idee, all'unità
del pensiero, alla convenienza dello sviluppo il pregio della
naturalezza. Sarti morì a Pietroburgo nel 1802, in età di 74 anni.

SARTI, fratello del precedente, e per quanto ho inteso dire, fu dapprima
gesuita. Venne quindi a stabilirsi in Pietroburgo, e divenne membro di
quell'accademia delle scienze. Negli atti della medesima trovansi dei
sperimenti, e delle osservazioni di Sarti sull'acustica, comunicate
all'accademia li 19 ottobre 1796 (_V. Nov. Act. Acad. Petropol., e
Chladni Acoust. p. 7, 84, 253_).

SAUNDERS è autore di un'opera, che ha per titolo _Treatise on theatres
including some experiments on sound_, London 1790 in 4º, cioè _Trattato
sui teatri contenente alcuni sperimenti intorno al suono_. M. Chladni lo
cita con elogio alla p. 302.

SAUVEUR (Joseph), professore di mattematiche a Parigi, e dell'Accademia
delle scienze, gli si dee la gloria di aver fatto della teoria delle
corde vibranti, e della sua applicazione alla musica, uno
degl'importanti rami della fisica, e di averlo unito alla meccanica.
Egli amava molto la musica, benchè non avesse avuta nè voce, nè
orecchio, e cercò di trovar i mezzi di semplificarla mediante l'idea di
uno stesso tuono generale e fisso per tutti i strumenti e tutte le
orchestre del mondo. Il suo sistema generale de' suoni si trova nelle
memorie della surriferita accademia. Aveva ancora proposto una maniera
di scrivere la musica sopra una sola linea, ed inventato un cronometro.
“Nuova lingua musicale più distesa, e più comoda; dice l' ab. Andres,
nuovi caratteri, nuove regole, nuove divisioni de' suoni, nuovo sistema
d'intervalli, ed in somma una nuova musica, o per dir meglio
un'acustica, di cui la musica non è che una sola parte, sono i frutti
delle sue speculazioni, e che voleva portare alla sua maturità e
perfezione. Egli era in verità un fenomeno strano e maraviglioso, che il
Sauveur, come dice il _Fontenelle_ (dans l'eloge) non aveva voce, nè
orecchio, e non ad altro pensava che alla musica, era ridotto a prendere
in prestito la voce e l'orecchio altrui e ne rendeva in cambio
dimostrazioni sconosciute a' musici, che gli prestavano quell'ajuto. Se
il Sauveur avesse potuto condurre al bramato termine le divisate teorie,
se la morte non l'avesse rapito nel corso delle sue meditazioni, sarebbe
egli stato il Newton dell'acustica, e noi avremmo questa scienza ridotta
alla perfezione dell'ottica. Or non di meno dobbiamo alla sua diligenza
molte scoperte su varj accidenti della propagazione del suono, molte
osservazioni su gli instromenti da corda e da fiato, e molte curiose ed
utili cognizioni su varie parti della musica e dell'acustica.”
(_Dell'origine ec. t. 4_). I trattati sulla musica di M. Sauveur sono
tutti inseriti nella storia dell'Accademia, eccone i titoli: _Principes
d'acoustique et de musique, ou Système général des intervalles des sons
et son application a tous les systèmes et instrumens de musique_, 1701.
_Application des sons harmoniques à la composition des jeux d'orgues_,
1702. _Méthode général pour former les systèmes tempérés de musique et
du choix de celui qu'on doit suivre_, 1707. _Table générale des systèmes
tempérés de musique_, 1711. _Rapport des sons des cordes d'instrumens de
musique aux flèches des cordes et nouvelle détermination des tons
fixes_, 1713. M. Sauveur morì nel 1716.

SAY (Samuele), ecclesiastico di Londra, ivi morto nel 1745, si distinse
per le sue virtù, e per le vaste sue cognizioni: era molto perito delle
mattematiche, e buon letterato aveva sommo gusto per la musica e la
poesia. Egli avea scritto alle preghiere di Richardson due _Saggi
sull'armonia, sulla varietà e 'l potere de' numeri_, che furono
pubblicati dopo la di lui morte in un volume in 4º, Londra 1749.


SCARLATTI (cavalier Alessandro), nato in Napoli, fu allievo in Roma del
Carissimi, maestro della cappella pontificia. Egli si rese cel. come
compositore in tutti i generi: fu il primo che più contribuì a fissare e
perfezionare nel contrappunto la chiarezza, l'espressione e le grazie,
conservandovi sempre la nobiltà e semplicità convenevoli, onde dagli
italiani veniva chiamato _l'onor dell'arte, e il capo de' compositori_.
Fu egli altresì il primo a tentar di ritorre all'infanzia de' secoli la
musica instrumentale. Prima di lui non si sentivano sui teatri d'Italia
altre _ouverture_ o sinfonie che quelle di Lulli: Scarlatti scosse il
giogo, uscì in campo con _ouverture_ di suo conio, e rispondendo il
successo all'impresa, fu riputato un genio. Fu alla corte di Baviera, e
in quella di Vienna dove scrisse delle opere italiane per que' teatri
con esito felicissimo: venne poi in Roma e dopo aver molto composto pel
teatro e per la chiesa, divenne cavaliere, e maestro di cappella della
corte di Napoli, ove passò tranquillamente il resto de' suoi giorni, ed
impiegò i suoi talenti a formare degli allievi degni di lui. Tra questi
distinguonsi il Sassone, il Durante, ed altri rinomati maestri.
Scarlatti, fu singolarmente il compositore più fecondo, e più originale
di _cantate_ per camera. Il suo genio era effettivamente creatore;
alcune collezioni manoscritte, notate di sua mano con la data di ciascun
pezzo, provano ch'egli ne componeva assai volte una per giorno. Ad
eccezione di alcuni periodi, che hanno di già invecchiato, la sua
cantilena ha nondimeno la freschezza della novità; e vi si riconosce la
più parte de' motivi e de' tratti di melodia, di cui si sono serviti
dopo di lui i migliori compositori de' primi 40, o 50 anni dello scorso
secolo. _Durante_ ne ha formati de' duetti; _Sacchini_ se ne serviva per
dare scuola di canto nel conservatorio di Venezia, ed al fine di ogni
lezione, baciava rispettosamente il libro che le conteneva. Tutti i gran
maestri hanno avuta sempre somma stima per lo Scarlatti. _Hasse_
parlando di lui diceva, che _in riguardo ad armonia egli era il più gran
maestro dell'Italia_; Jommelli riguardava la sua musica di chiesa come
la migliore in questo genere: le sue messe sorpassano il numero di 200.
Nel 1725 _Quanz_ trovò Scarlatti in Napoli, che scriveva ancora per
chiesa all'età di 75 anni, e che sonava molto bene di arpa. A Roma se
gli attribuisce il merito di aver molto perfezionata la scuola di canto.
A lui si deve altresì l'invenzione de' recitativi obbligati. Alessandro
aveva una figlia per nome _Flaminia_, che cantava egregiamente: il cel.
pittore _Franc Solimena_ la ritrasse per amicizia frequentando la sua
casa, insieme con suo padre al cembalo, con tal grazia ed evidenza
involta in una veste da camera, che si mostra il di lei ritratto per
maraviglioso a' forestieri. (_V. Signorelli Coltura delle due Sicilie,
t. 6_).

SCARLATTI (Domenico), figlio del precedente, nato in Italia nel 1683, fu
mandato da suo padre a studiar musica in Roma sotto Francesco Gasparini
compositore e cembalista assai celebre, di cui aveva alta opinione il
vecchio Scarlatti. Domenico trovandosi in Venezia nel 1709, mentre eravi
il cel. Hendel, restò così preso de' suoi talenti, che venne seco in
Roma per godere più lungamente del piacere di sentirlo. Venne egli di
poi chiamato alla corte di Madrid per dar lezioni di musica alla
principessa dell'Asturie, che continuò ancora divenuta essa regina di
Spagna. Compose e dedicò alla medesima le sue opere di sonate per
cembalo che furono impresse a Venezia, e divenne cavalier di S. Giacomo.
Egli viveva sino nel 1757, e brillava in quella corte come gran sonatore
di cembalo e compositore insieme. Il _Sassone_, che lo aveva conosciuto
in Napoli, ne parlava ancora cinquant'anni dopo con molto entusiasmo, ed
ammirava sopra tutto la sua grande attitudine e l'abbondanza della sua
immaginazione. _Giuseppe Scarlatti_ suo figlio, nato in Napoli verso il
1718, passò la più gran parte di sua vita a Vienna, ove fu stimatissimo,
sì come compositore, che pel suo talento straordinario nell'insegnare il
cembalo. Differente dagli altri Scarlatti, il di lui stile si distingue
per la sua facilità e grazia. Egli ha scritto la musica di più drammi
italiani, e serj e burleschi, pel teatro di Vienna, ove morì nel 1776.

SCARMIGLIONI (Guido Ant.), di Foligno, professore di filosofia e
medicina in Vienna, morì nella sua patria nel 1620. La sua dissertazione
_De sonis_ gli dà il dritto di essere compreso nel numero degli autori
di musica.

SCHEIBE (Giov. Adolfo), figlio di un cel. costruttore di organi a
Lipsia, sino dall'età di 9 anni si diè allo studio della musica, senza
tralasciare in seguito di coltivare le altre scienze. Ad una grande
abilità sul cembalo e l'organo unì egli lo studio degli autori di teoria
musicale, e delle antiche partizioni, aspirando ad un posto di organista
o di compositore; ma non avendo potuto nè l'un, nè l'altro ottenere,
cercò di far fortuna almeno come autore. Cominciò a pubblicar dunque il
suo _Musico-critico_, opera periodica, di cui dava un foglio per
settimana. _Mitzler_ e _Schroeter_ gli suscitarono delle dispute per
aver sostenuto, che le matematiche erano assolutamente inutili nell'arte
della composizione. Alcun tempo dopo ottenne egli il posto di maestro di
cappella del re di Danimarca, e nel 1745, pubblicò a Lipsia _la seconda
edizione_ in 4 vol. accresciuta di tutte le quistioni, che gli era stato
d'uopo discutere. Vi si trovano in essa alcune nuove dissertazioni, _del
Recitativo_; _dell'Origine progresso e natura del moderno gusto in
musica_; _la Critica di Mitzler con la sua risposta e note_; _Progetto
d'una divisione della musica_, ec. L'arrivo di Sarti a Coppenague fe'
perdere a Scheibe in gran parte la sua riputazione come compositore. La
musica leggiera e brillante di Sarti dovea necessariamente far cadere il
genere grave, e pesante di Scheibe, e finì con perdere il suo posto,
conservando nondimeno sino alla morte una pensione di 400 scudi. Poco
prima di morire intraprese egli ancora un'_opera sulla composizione
musicale_, che doveva contenere _quattro volumi in 4º_, ma egli morì
immediatamente dopo la pubblicazione del primo, a Coppenague nel 1776,
di 68 anni. Le altre opere di costui sono: _Degli intervalli e generi in
musica_, Amburgo 1729, _Sull'antichità e l'origine della musica,
principalmente della vocale_, Lipsia 1754, _Sulla Composizione in
musica_, 1 vol. contenente la teoria della melodia e dell'armonia,
Lipsia 1773, in 8º. La chiarezza e la profondità sono gli ordinarj pregi
delle opere di Scheibe.

SCHLICK (Rodolfo) è autore di un'opera latina impressa a Spira nel 1588
col titolo: _Dell'origine, cultura ed importanza della musica_, di cui
fa menzione Christ. Aug. Heumann alla p. 270 del suo _Prospetto di
storia letteraria_ (_Hannover 1746_).

SCHMIDT (Tobia), di Nassau, è l'inventore del _piano-harmonica_.
Quest'instromento è composto d'un piano-forte, che occupa un'estremità,
e dall'altra di un'harmonica ad arco doppio e continuo, i di cui tasti
sono i medesimi, che quei del cembalo: esso fila tutti i suoni a
piacere, secondo la maggiore o minor pressione che riceve la tastiera.
Mediante la continuità del movimento dell'arco, imita perfettamente il
violino, la viola, il contrabbasso e l'organo. Il suo meccanismo è
semplicissimo; gli effetti vengono espressi senza confondersi, e
permettono ad un abile suonatore di disporne a suo arbitrio. La tastiera
ha tutta l'arrendevolezza, che esige una mano avvezza a' più leggieri
_piano-forti_ (_V. Annuaire de l'industrie française, 1811, et Archive
des découvert. t. 2, 1810_).

SCHOTT (Gaspare), gesuita alemanno, fu per più anni professore di
mattematica nel collegio di Palermo, e quindi a Wirzburgo, ove morì nel
1666. Il nono libro del suo _Organum mathematicum_ pubblicato dai
gesuiti dopo la di lui morte nel 1668, tratta della _composizione
musicale_ ne' due primi capitoli: nel terzo della _definizione e
divisione della musica, de' suoni, degli intervalli, e de' sistemi e
generi musicali_; nel 4º _Della musica de' latini, e la moderna_; nel 5º
_Di quel che si richiede per l'una e l'altra_; ne' cap. 6 e 7 _Della
melopea, e sue regole_; ne' cap. 8 e 9 _Della composizione pratica del
contrappunto_. Si trova altresì la maniera di costruire molti stromenti
automati di musica nella sua _Mechanica hydraulico-Pneumatica_ par. 3.

SCHROETER (Cristoforo) fu allievo a Dresda del maestro di cappella
Schmidt, e dell'italiano Lotti, che quivi era venuto a scrivere per
teatro. Schroeter veniva da costui impiegato a mattere in bello le sue
partizioni, e a supplirvi le voci intermedie che aveva omesse. Dopo aver
viaggiato per la Germania, l'Olanda e l'Inghilterra, si rese a Jena per
istudiarvi più a fondo le belle-lettere. Ben presto essendosi fatto
conoscere assai profondo nella musica, gli studenti di quell'università
lo impegnarono a dar corso pubblico della teoria e pratica di
quest'arte. Egli aderì al loro invito facendo uso della _Teoria
matematica della musica e della composizione_ di Mattheson. Dopo alcun
tempo egli ottenne il posto di maestro di musica della chiesa principale
di Nordhausen, dove terminò i suol giorni assai vecchio nel 1782. Le sue
profonde ed estese cognizioni, e 'l zelo con cui si applicò alla sua
arte, avrebbero meritato una miglior fortuna. Un monocordo, ch'eragli
stato dato da Beguisch in Dresda diegli occasione di far delle dotte
ricerche su questo strumento, e i suoi calcoli di musica, di cui fè uso
allorchè divenne membro della Società musicale di Mitzler. L'accordo de'
clavicembali, e le riparazioni ch'era uso a fare sui medesimi, gli
diedero l'agio d'inventare _il forte-piano_, benchè non avesse avuto
nemmeno l'onore di esserne riconosciuto come il primo inventore. Egli si
è reso più celebre come autore di opere teoriche: eccone i titoli: Esame
del Musico critico di Scheibe, t. 2, 1746, 1754. Il numero e i rapporti
degli intervalli in musica, 1752. Esame del sistema degli intervalli di
Telemann, 1753. Riflessioni sulla disputa cominciata da Sorge contro le
idee di Marpurg, sulla derivazione de' temi armonici, 1763. Descrizione
esatta d'un cembalo nuovamente inventato, e sul quale può suonarsi a
piacere il forte ed il piano, con rami 1763. Istruzione sul basso
continuo, Halbesstadt 1772. Hiller riguarda quest'opera come la più
importante tra quelle di Schroeter. Le mie ultime occupazioni in musica
con sei piani di temperamento ec. 1783. Egli ha scritto altresì la sua
Biografia, e la Storia dell'armonia, nella quale fa molte ricerche
sull'epoca, il luogo, da che, e in quale occasione l'armonia è stata
arricchita di un nuovo intervallo o di un accordo sino allora incognito.
Nulla diremo delle sue composizioni, perchè non sono conosciute in
Italia.

SCHUBACK (Giacomo), sindaco della città di Amburgo, alle sue estese
cognizioni nel dritto unì uno squisito gusto per la musica. Egli sonava
non solo con estrema abilità molti stromenti, e sapeva ben destramente
regolare un'orchestra, ma si è ancora distinto come compositore ed
autore di musica. La musica di Amburgo a lui deve l'idea della sala del
concerto, di cui regolò eziandio la costruzione. Egli terminò quivi i
suoi giorni nel 1784. Tra le opere che ha lasciate sulla musica, la più
interessante è quella _della Declamazione musicale_, Gottinga 1775 di
cui Forkel dà un estratto nel t. 3 della sua _Biblioteca_.

SCHUBART (Daniele), uno de' più distinti poeti dell'Alemagna, e
direttore della musica della corte e del teatro di Stutgard nacque nel
1741. Egli è di un'abilità straordinaria sul forte-piano, e a giudicar
dalle sue composizioni, egli è meno compositore e contrappuntista che
teorico profondo, luminoso e di gusto. Nella sua _Cronica Alemanna_ ha
egli inserite molte dissertazioni sopra diversi soggetti di musica. Nel
1783 pubblicò ad Ausburgo _Complaintes addressées a mon clavecin_, e nel
1790 _Aesthetick der Tonkunst_, ossia _l'Estetica della musica_, opera
assai dotta, e citata con lode dal Dr. Lichtenthal. Saggio è il
giudizio, che reca Schubart in questo libro dello stile di chiesa
dell'Haydn. “Il suo stile, _egli dice a carte 79_, è focoso, pieno e
nobile, e l'esultanza de' suoi _alleluja_ e de' suoi _amen_ si distingue
singolarmente, se non che talvolta propende al gusto austriaco anche
negli abbellimenti delle sue messe. Questi sono troppo affollati, e
diminuiscono l'effetto: simili frascherie rassembrano al vario pinto
abito d'arlecchino, e contaminano lo stile di chiesa.”

SCHULTES (Gio. Paolo), secretario perpetuo della classe delle belle-arti
dell'Accademia italiana in Livorno; nacque a Techeim nel 1748. Apprese i
primi elementi della musica sì vocale che stromentale da suo padre, ed
ebbe lezioni di cembalo e di composizione a Erlanghen da Kehl, e da
Emman. Bach. Nel 1773 venne a stabilirsi in Italia, ove i suoi talenti
presero una consistenza, che sorprese lui stesso, e gli procacciò
l'incoraggiamenti degli Haydn, Mozart, Paesiello, del P. Mattei, Forkel,
Reichardt, ec. Nel 1782 fu chiamato dalla corte di Toscana per esservi
sentito. Il gran duca Leopoldo, e l'arciduchessa sua sposa, il
ricolmarono di doni, e di elogi. Egli è in commercio co' più illustri
musici della Francia, dell'Italia, e della Germania. Abbiamo di lui 14
opere di musica stromentale impresse a Livorno, a Londra, a Firenze ec.,
di sonate per piano forte, di quartetti, di variazioni, tra le quali è
da rimarcarsi _la Riconciliazione di due amici_, tema con variazioni per
forte-piano, op. XII, dedicato ad Haydn, che l'aggradì moltissimo, e
lodonne l'autore. Schultes è altresì autore di un _Trattato della musica
di chiesa_, in 8º, Livorno 1809.

SCHULZ (Pietro), di Luneburgo, dopo avere studiato il contrappunto a
Berlino sotto il cel. Kirnberger, entrò al servigio di una principessa
della Polonia, con cui ebbe l'agio di viaggiare per la Francia e
l'Italia, e conoscervi lo stato della musica, e sentire i migliori
virtuosi. Di ritorno a Berlino nel 1774 compilò tutti gli articoli
relativi alla musica nel 2º vol. della teoria delle Belle-Arti di
Sulzer, travaglio che riunì in suo favore i suffragj degli intendenti.
Poco dopo fu direttore dell'orchestra del teatro francese a Berlino, e
nel 1780 il principe Enrico lo nominò suo maestro di cappella; pubblicò
allora la più parte delle interessanti sue opere. Nel 1787 divenne
maestro di cappella della corte di Coppenhague. Gli articoli della
teoria di Sulzer fanno fede delle profonde sue cognizioni in musica: ma
chi vuole perfettamente conoscerlo studii le sue opere pratiche per il
canto, e rimarrà convinto, che niun maestro esiste, che com'egli abbia
saputo prendere in tutte le gradazioni il senso del testo, dalla
canzonetta burlesca sino al canto serio della chiesa: quest'è l'opinione
di M. Gerber. Le sue opere teoriche sono, oltre i sullodati articoli,
_Progetto d'una intavolatura nuova, ed intelligibilissima in musica_,
ec. Berlino 1786. _Idee sull'influenza della musica per rapporto alla
civilizzazione delle nazioni_, Copenhague 1790. Vi ha inoltre di lui
molta musica per teatro, ed instrumentale impressa a Lipsia, a Berlino e
a Copenhague.

SCHUSTER (Giuseppe), uno de' più graziosi compositori della Germania,
nacque a Dresda nel 1748; suo padre, musico della camera e cappella del
re di Polonia, gli diede Schurer per maestro, ma per vieppiù
perfezionarsi nell'arte, fece egli col maestro di cappella Naumann nel
1765 un viaggio in Italia, ove studiò il contrappunto in Venezia sotto
il cel. Girolamo Pera, profittando nel tempo stesso delle lezioni e de'
consigli di Naumann. Lo stile gajo e brioso, che caratterizza le sue
composizioni, gli valse ne' tre anni che vi dimorò la più favorevole
accoglienza su molti teatri dell'Italia. Se gli rese l'istessa giustizia
al suo ritorno in Dresda, e l'elettore nel 1772 lo nominò suo
compositore per chiesa, e per camera. Sul pensiero di conoscere
intimamente la maniera del cel. P. Martini di Bologna, nel 1774 fece un
secondo viaggio in Italia, e compose allora più opere per i teatri di
Napoli, e di Venezia. In questo viaggio fu che il nostro sovrano
Ferdinando lo nominò suo maestro di cappella, e compose egli la sua cel.
_Didone_. Un nuovo invito lo ricondusse nel 1778 per la terza volta in
Italia: oltre gli onori e le ricompense per le sue composizioni, egli vi
godè il commercio del cel. Hasse, che in un' età decrepita viveva nel
ritiro in Venezia. Nel 1781 a lui consegnò il Sassone l'ultima opera che
aveva composta, cioè una messa a 4 voci per offerirla all'Elettore. Nel
1787 questo principe nominò Schuster suo maestro di cappella, e
affidogli, a vicenda con Naumann e Seydelmann, la direzione della musica
sì del teatro, che della chiesa. Le sue composizioni per teatro sono
_l'Alchimista_, _l'Isola deserta_ in un atto, _Il marito indolente_;
_Gli due avari_, 1787; _Amore e Psiche_; la _Didone_; _le lodi della
musica_, cantata che contiene tra le altre, sette arie sublimi, e di cui
ve n'ha un estratto per cembalo, 1784. Per gli stromenti: _Sei
divertimenti per il cembalo con violino_; _Un concerto pel forte-piano_;
_Recueil de petites pièces pour le clavecin a 4 mains_, Dresda 1790;
_Alcune sinfonie_. Le opere di Schuster sono pregevoli per molta
vivacità ed immaginazione, e per uno stile animato e brillante. Vi
s'incontrano assai volte delle idee talmente comiche, che riesce
malagevole il trattenersi sul serio: così è che le sue composizioni sono
oltre ad ogni credere in somma stima presso i tedeschi.

SCHUTZ (Francesco), pittore e musico cel. nacque a Francfort nel 1751.
Suo padre, rinomato pittore del pari, gl'insegnò la sua arte sin dalla
più tenera età, e tai progressi vi fece, che un viaggiatore di qualità
seco il menò nella Svizzera nel 1777, affinchè vi dipingesse le viste
assai pittoresche che offre quel paese. Da Basilea, egli portossi in
Ginevra nel 1780, ove morì l'anno di appresso a motivo degli eccessi
d'ogni genere, a cui abbandonossi. Il suo biografo, nelle _Miscellanie_
di Meusel, f. 14, così dice di lui: “La sua passione per la musica era
all'estremo, ed io non sapeva giudicare il più delle volte, s'egli amava
più la pittura, o la musica. Il violino era il suo favorito: egli
suonava _a prima vista_ le parti più difficili, ed era in istato di
proseguire per più ore senza comparirne stanco. Gl'intendenti eran di
accordo ch'egli aveva il colpo d'arco fermo, nitido, e pien di vigore.
Il suo suono aveva qualche cosa di particolare, che i più abili musici
non potevano non ammirare.”

SCHWANBERGER (Giov.), maestro di cappella del duca di Brunswick prese da
principio Graun per suo modello, e si era reso di già familiare il suo
stile, allorchè si determinò di portarsi in Italia. Studiò quindi la
composizione in Venezia sotto la direzione di _Latilla_, e in appresso
di _Saratelli_, maestro del conservatorio dei _Mendicanti_, e della
chiesa di S. Marco. Dimorò quivi otto anni, e profittò così bene delle
lezioni di questi gran maestri, che al suo ritorno fu generalmente
stimato in Germania come uno de' primi compositori per teatro. Egli era
altresì gran virtuoso sul forte-piano: il suo suono era leggiero,
dilicato ed armonioso. Tra i drammi, che ha posto in musica, sono da
rimarcarsi specialmente _Giulietta e Romeo_, l'_Olimpiade_ nel 1782. Le
sue 36 sonate per cembalo sono capi d'opera nel loro genere.

SCHWARZ (Giorgio), dottore in filosofia e professore nell'università di
Altorff pubblicò nel 1765: _De musicæ morumque cognatione_ in 4º.

SCIROLI (Gregorio) fu per qualche tempo maestro di musica del
Conservatorio _de' figliuoli dispersi_ di Palermo, verso la prima metà
dello scorso secolo. Egli era della buona scuola di Napoli sua patria,
ma non sortì dalla natura un gusto delicato ed originale che distingue i
grandi artisti. Nel 1770 fece imprimere in Parigi sei _trio_ per
violini.

SCORPIONE (Domenic.), frate conventuale da Rossano nel regno di Napoli,
fu maestro di cappella in Roma e nel Duomo di Messina. Abbiamo di lui
_Riflessioni armoniche_, Napoli 1701.


SENOCRITO, di Locri nella Magna Grecia, nato cieco, fu poeta e musico
eccellente, di cui favella Eraclide (_de Polit._). Fioriva egli otto
secoli innanzi l'era cristiana. (_Signorelli Colt. delle due Sicil. t.
1_).

SENOFANE, di Colofone nella Jonia, poeta musico, e fondatore della
scuola filosofica d'Elea, esiliato dalla sua patria, venne a stabilirsi
in Sicilia, dove per sostenere la sua famiglia, non ebbe altro mezzo che
la musica. Egli andava cantando e suonando per le piazze le sue poesie,
come facevano i primi filosofi. Visse sei secoli prima di G. C. (_V,
Laert. lib. 9. Bruker. Hist. Philos t. 1_).

SERÉ (M. de) è autore di un Poema sulla musica, cui diè per titolo: _Les
Dons des enfans de Latone_, Paris 1734, in 8º. Esso è diviso in quattro
Canti: il suo autore ha avuto l'arte di farvi entrare di una maniera sì
ingegnosa che naturale tutto ciò che la musica ha di più profondo ed
astratto. Non trascura altresì la parte didattica onde vi spiega i
principj dell'arte, e vi unisce alcune regole della composizione. Per
render queste più sensibili, egli ha fatto imprimere molti rami, dove
veggonsi in dettaglio gli elementi della modulazione, e dell'armonia.
Nel terzo e quarto Canto egli espone il gusto, e 'l carattere della
musica italiana, ch'egli preferisce alla francese, e fa l'elogio de'
gran maestri in quest'arte, come _Scarlatti_, _Bononcini_, _Hendel_, che
sebbene tedesco, merita di essere annoverato tra gli italiani. Il Poeta,
dopo avere dimostrato come il gusto italiano sparso in Francia ha
contribuito a migliorare la musica, finisce con formar de' voti per la
riunione delle _Due Sorelle_, la musica italiana e la francese. _La
musique n'est qu'une et ces mêmes accords par tout doivent former de
semblables transports._ Questo Poema ha meritato la stima e gli elogj
degli intendenti, e possiam dire l'autore un degli apostoli del buon
gusto, e della musica italiana in Francia.

SERRE (Jean-Adam), cittadino di Ginevra, profondo nella fisica e dotto
musico, era grande antagonista delle teorie di Rameau e di Tartini.
Avendo viaggiato in Italia, ebbe quivi cognizione degli sperimenti del
Tartini; e trovato avendo insufficienti a molti riguardi i principj del
Rameau, inventò un altro _Sistema misto_, che non vale più, a dir vero,
degli altri due. Egli pubblicò in Parigi nel 1753: _Essai sur les
principes de l'harmonie_ e nel 1763 a Ginevra: _Observations sur les
principes de l'harmonie_, occasionées par quelques écrits modernes sur
ce sujet, et particuliérement par l'article de M. d'Alembert _basse
fondamental_ dans l'Encyclopédie, _le Traité de Théorie musicale_ de M.
Tartini, et le _Guide harmonique_ de M. Geminiani, in 8vo.

SESTO EMPIRICO, medico e filosofo celebre per il suo pirronismo, che non
bisogna confondere con Sesto di Cheronea filosofo Stoico, e nipote di
Plutarco, come sull'autorità di Suida ha fatto l'illustre Requeno. Egli
è autore di una grande opera contro gli mattematici, o coloro che
professano le scienze, _Istituzioni Pirroniche in sei libri_,
nell'ultimo de' quali attacca la musica considerata come scienza, che
tratta de' suoni, delle modulazioni e del ritmo. Egli si dichiara contro
i maravigliosi effetti della musica, narrati dagli antichi scrittori, ed
armato unicamente dell'acutezza del suo ingegno, e delle idee, che gli
presentava in quel tempo di decadimento quest'arte, dichiara doversi
avere in conto di favole le narrazioni degli antichi armonici. “Sesto
Empirico, _dice il sullodato Requeno_, era uno di quei letterati, con
cui può più la vanagloria e la cupidigia che l'amore del giusto e della
verità.” (_Saggi t. 1. p. 287_). Egli avrebbe dovuto tacersi intorno
alla musica (come ben riflettè un moderno filosofo,) pretendendo che non
ve ne fosse, e che l'armonia sia una pura chimera. Nulla offende tanto
quanto il carattere di un uomo che contraddice tutto per fare il bello
spirito. Non si dee mai contendere contro il testimonio de' sensi,
allorchè si sono prese le necessarie precauzioni per non restarvi
deluso. (_M. le Clerc, Bib. anc. et mod. t. 14_).

SEYDELMANN (Francesco), nato a Dresda nel 1748, studiò da prima la
musica sotto Weber maestro del re di Polonia, e 'l contrappunto sotto il
cel. Naumann. Nel 1765 viaggiò insieme con lui e Schuster in Italia, ove
non solo si rese perfetto nell'arte della composizione, ma eziandio in
quella del canto: fu a quell'epoca che essi vennero, in Palermo, come si
è detto all'articolo di Naumann. Di ritorno a Dresda, Seydelmann fu
nominato nel 1772 compositore per la chiesa, e la camera di quella
corte, alternar dovendo tutt'i mesi col maestro Naumann, e Schuster,
nella direzione dell'opera, e della musica di chiesa. Egli ha scritto la
musica di alcuni drammi italiani, nel 1784 _la figliuola di Misnia_; nel
1786 _il capriccio corretto_; nel 1787 _il Mostro_; nel 1788 _il turco
in Italia_. Vi ha di lui impresse a Lipsia _Sei sonate_ a 4 mani pel
forte piano, ed altre con accompagnamento di violino 1801-1807.


SHIELD (Will.) nel 1800, pubblicò in Londra, _An introduction to
harmony_, ossia _Introduzione all'armonìa_, in 4º. Non è che un picciol
libro elementare di 125 pagine. Shield era in oltre stimatissimo
compositore per teatro, e vi ha di lui la musica di più drammi inglesi,
e sei _duo_ con altrettanti quartetti per violino.


SIGISMONDO (Giuseppe), gentiluomo napoletano, ed allievo favorito del
gran Jommelli, possedeva una collezione compita delle opere di questo
maestro, e proponevasi di scrivere la sua vita, non che quella de'
compositori napoletani ma ne lo impedirono forse le turbolenze politiche
di Napoli del 1799. Il nostro sovrano Ferdinando lo aveva costituito
Bibliotecario del Conservatorio della Pietà nel 1791, a cui somministrò
il Sigismondo delle rare e preziosissime carte, dice il Mattei, e per
suo mezzo si è intrapresa la formazione di una Biblioteca musica con
buoni auspicj. (_Memor. per la Bibliot. mus. del Conserv. 1795_).

SIGNORELLI (Pietro Napoli), secretario della Real Accademia di Napoli e
autore di molte stimabili produzioni, fu vent'anni in Madrid professore
in quell'università coll'onorario di annui scudi 600. Nel 1786 essendo
venuto a ripatriarsi in Napoli, sul procinto di tornare in Ispagna, fu,
come dice egli stesso (_t. 4, Vicende ec. p. v._) dalla real munificenza
di Ferdinando III trattenuto in sua patria. Sin dal 1777 egli aveva
enunciata la sua opera, che rifusa poscia in Madrid e limitata al solo
genere musicale diè al pubblico nel 1783, col titolo di _Sistema
melodrammatico_ (_V. ib. in not. p. 70_). Egli è anche autore delle
_Vicende della coltura delle due Sicilie, o sia Storia ragionata delle
lettere delle arti ec._, 5 vol. in 8vo, Napoli 1785, ove molte notizie
ritrovansi intorno alla musica di questi due regni dall'epoca de' greci
sino a' nostri giorni. Pubblicò finalmente l'eccellente sua _Storia
critica de' teatri antichi, e moderni_, 6 vol. in 8º, Napoli 1787, e 12
vol. in 12º, Venezia 1810, con più addizioni, opera che vien riputata la
migliore e la più esatta in questo genere, ed in cui vi ha una compiuta
storia della musica drammatica.

SIMONIDE, poeta musico, e filosofo nacque nell'Isola di Ceo. Egli meritò
la stima dei sovrani, dei saggi, e dei grand'uomini del suo tempo.
“Questo cel. musico, vedendo il pericolo che correva l'antico canto
stromentale con le tragedie da recitarsi dalla parte superiore della
Cartéa, ove soggiornava in Atene, mandò un pubblico invito a tutta la
greca gioventù per l'apertura d'una nuova scuola di musica, innalzata
all'usanza de' loro maggiori; promettendo egli d'insegnare coll'armonia
la morale, la storia e la religione. Ateneo (lib. 10) allude a questa
scuola, raccontandoci che Simonide per venire in città aveva un
asinetto, a cui doveva alla giornata pagare la biada lo scolaro più
trascurato e negligente nell'imparare la sua lezione.” (_V. Requeno t.
1_). Nessuno meglio di lui conobbe l'arte sublime d'interessare, e
d'intenerire, e riuscì principalmente nell'elegie e nei canti
lamentevoli. Jerone re di Siracusa il volle nella sua corte, e ciò che
assicura a Simonide una gloria immortale, si è di aver date utili
lezioni a questo monarca, e felicitato la Sicilia, ritirando Jerone dai
suoi traviamenti, e obbligandolo a vivere in pace co' suoi confinanti,
co' suoi sudditi, e con se stesso; cosicchè sebbene cominciato avesse ad
essere il tiranno di Siracusa, finì coll'esserne il padre (_V. Xenoph.
in Jeron._). Bacchilide fu suo scolare in Sicilia nella poesia, e nella
musica, e vi si fece molto onore. Plinio attribuisce a Simonide
l'invenzione dell'ottava corda nella lira. Morì egli a Siracusa in età
di 90 anni l'anno 468 prima di G. C.

SIMPSON (Cristoforo), musico e dotto autore inglese del sec. 18,
pubblicò nel 1667 _A compendium of practical music_, in 8º, che vien
riguardato come utilissimo: e nel 1670, _Introduction to composition_,
in 5 vol. ove trovansi i principj del suono e della composizione, l'uso
delle dissonanze, le regole del contrappunto semplice e figurato, e de'
canoni. Nella storia della musica di Hawkins si vede il suo ritratto.


SMITH (Dr. Armando), verso il 1780 annunziò in Berlino, dove allora
trovavasi, la sua _Filosofia della musica pratica_, ch'egli pubblicò in
Vienna nel 1787 col titolo di _Fragmens philosophiques sur la musique
pratique_, in 8º.

SMITH (Robert), dottore dell'università di Cambridge, e membro della
Real Società di Londra è autore di un'opera, di cui la seconda edizione
è del 1760 col titolo: _Harmonies, or the philosophy of sounds_, in 8º,
cioè _Principj dell'armonia, o la filosofia de' suoni_. L'autore vi fa
entrare troppo di matematica, in cui gli era versatissimo, ed ha poca
cognizione delle antiche teorie della musica, onde poco profitto può
ritrarsi dalla sua opera, tuttochè venga molto lodata nel giornale
letterario di Berna.


SOMIS (Giov. Battista), primo violino della real corte di Torino, e de'
più esimj tra i discepoli del _Corelli_, fondatore di una nuova scuola,
che porta il suo nome, nello scorso sec. “Somis, dice il _conte di S.
Raffaele_, riuscì veramente impareggiabile pel merito della esecuzione,
ed è stato (ciò che a pochi altri addiviene) fin oltre all'anno
settantesimo sì prode nell'arte sua, da non ravvisarvisi orma di senile
scadimento.” (_Sull'arte del suono p. 181_). Vi sono di lui sei opere di
sonate per violino. La scuola di Somis si reca la gloria di avere
formato Giardini.

SONNETTI (J. J.), sotto a questo nome va un picciol libro intitolato _le
Brigandage de la musique italienne_, 1777 in 8º, ove in mezzo a curiosi
aneddoti vi ha un'ingiusta critica de' più celebri maestri italiani, e
delle indecenze contro il rispettabile P. Martini, cui nelle memorie
della di lui vita si è fatto un dovere di confutar dottamente il P.
della Valle. Ecco un piccol saggio delle ciance di quest'autore.
“Tutt'il contrappunto italiano, dic'egli, è oggidì ristretto sul capo
d'un frate francescano; bisogna che i maestri vadano a baciargli i
sandali per avere della musica, come si va al bacio della mula del papa,
non dico già che questo religioso non possa essere un gran santo, ma
solo che di raro addiviene, che un frate sia grand'uomo principalmente
nelle arti di gusto e di genio. Benchè S. Francesco non fosse un gran
musico, egli non è per tanto che da uno de' suoi conventi d'Italia
escono oggigiorno quei pezzi di contrappunto vivace e voluttuoso e che
seducono i cuori. Se la scuola di questo francescano è buona, non vale a
nulla la sua fantasia. La più parte poi de' maestri italiani portano
tant'oltre la loro ignoranza sino a non conoscere i principj dell'arte
loro. L'acustica che n'è la parte teorica è loro del tutto straniera
ec.” Da queste poche linee ben può dedursi la sgarbata maniera di
ragionare di questo larvato autore.

SORGE (Giorgio-Andrea), allievo di Walther per la musica, e di Holzhey
per cembalo, era un eccellente pratico non men che profondo teorico.
Egli avea fatto il suo corso di studj a Mellenbach sua patria, ed oltre
un gran numero di opere da lui scritte sì pratiche che teoriche, si è
ancora applicato alla perfezione degli instrumenti. Morì a Lobenstein,
dove era maestro della corte, nel 1778. Sono le sue opere, 1.
_Genealogia intervallorum octavae diatonico-chromaticae_, 1741. 2.
_Anweisung etc._, ossia _Istruzione per accordare gli organi e i
cembali_, _Amburgo_ 1744. Chladni loda molto quest'opera. 3. _Dialogo
sul temperamento di Pretorio, Prinz Werkmeister, Neidhart e Silbermann,
e del sistema moderno di Telemann_, in 8º, 1748, _Lobenstein_. 4.
_Principj del calcolo razionale, della misura, e della divisione del
monocordo_, 1749. 5. _Esame de' temperamenti del cembalo di Schroeter_,
1754. 6. _Compasso musicale perfezionato_ in f. 7. _Osservazioni sul
sistema degli intervalli di Eulero_, Lipsia 1771. 8. _Sulla natura del
suono dell'organo_, 1771. _Istruzione nei principj del calcolo, e della
geometria per i costruttori di organi_, 1773. 9. _Compendium
harmonicum_, che diè occasione alla sua disputa con Marpurg, il quale lo
pubblicò col titolo di _Sorge's Anleitung ec._, o _Istruzione sul basso
continuo e l'arte della composizione di Sorge_, con note critiche di
Marpurg, 1760. 10. _Elementi della composizione musicale_, 3 vol. in 4º,
Lobenstein, la migliore certamente delle sue opere. 11. _Principj della
fantasia_, in 4º.

SOTERIDE d'Epidauro, detto il grammatico visse a' tempi di Nerone nel 1º
sec. dell'era cristiana. Tra le sue opere sono da rimarcarsi _Storia
della musica_ in tre libri, e due _Trattati sulla Comedia e sui diversi
Metri_.

SOUHAITTY (il Padre), religioso dell'Osservanza, nel 1677 pubblicò un
suo Saggio intitolato: _Nouveaux élémens du chant_, nel quale propone
una nuova maniera di scrivere la musica, facendo uso di cifre in vece di
note. Rousseau ne fa menzione nel suo Dizionario, e ne propone egli
stesso un'altra più semplice. _Ma il Pubblico_, egli dice _senza molto
discutere il vantaggio de' segni, che se gli propongono, s'attiene a
quelli che trova stabiliti, e preferirà sempre una cattiva maniera di
sapere a una migliore di apprendere_.

SOUTH (Robert), canonico della chiesa di Cristo a Oxford, è autore di un
poema latino, che ha per titolo: _Musica incantans, sive poema exprimens
musicae vires_ etc. Oxonii 1655, in 4º. South commendevolissimo per le
sue vaste cognizioni, e per la sua probità, dopo aver ricusato due
vescovati, morì nel 1716.


SPADARO (Giov.) da Bologna scrisse contro Gaffurio un _Trattato di
musica_, pubblicato in Venezia nel 1531 in fol.

SPIES (Meinardo), priore benedettino del convento d'Yrsee nella Svevia,
e membro della società di musica di Mitzler dopo il 1743, fu discepolo
di Giuseppe Bernabei maestro di cappella romano della corte di Baviera:
secondo l'ab. Gerbert egli viveva ancora nel 1774, compose molta musica
di chiesa, e pubblicò ad Ausburgo nel 1716, un'opera col titolo di
_Tractatus musico practicus_, che è divenuta rarissima. Vi si trovano in
vero molte bellissime cose, ma è così pessimamente scritta che lo stesso
_Hiller_ nell'atto di lodarla dice che sarebbe a desiderarsi, che
_qualcuno volesse tradurla dall'alemanno in tedesco_.

SPONTINI (Gaspare) nacque a Jesi, piccola città dello stato Romano li 14
novembre 1778. Dopo avere studiato i principj della musica sotto il cel.
P. _Martini_ a Bologna, e 'l maestro _Borroni_ in Roma, entrò all'età di
13 anni nel conservatorio _della Pietà_ in Napoli, sotto la direzione
de' maestri _Sala_ e _Trajetta_. A capo di un anno, divenne maestro in
quel conservatorio; nel 1795, in età di diciasett'anni, compose l'opera
buffa, _i Puntigli delle donne_, di cui fu così grande il successo, che
tutti gli impresarj dell'Italia si diedero premura di domandargli delle
opere. L'anno di appresso egli portossi in Roma, ove scrisse gli _Amanti
in cimento_, e quindi passò a Venezia per comporvi l'_Amor secreto_.
Tornò nuovamente in Roma e vi scrisse la musica dell'_Isola disabitata_
del Metastasio, che mandò a Parma dove non potè egli condursi, perchè
veniva allora richiesto pei teatri di Napoli e di Palermo. Compose in
Napoli _l'Eroismo ridicolo_, e si acquistò la stima di Cimarosa, di cui
divenne il discepolo e con lui dimorò cinque anni sino alla sua partenza
per Palermo. Dopo avere scritto quell'opera, Spontini si rese in Firenze
ove la sua opera seria, _il Teseo riconosciuto_ ottenne il più brillante
successo. Di ritorno in Napoli, fu ancora molto applaudito nelle due
opere _la Finta filosofa_ e _la Fuga in maschera_. A quest'epoca il Re e
la corte trovandosi in Palermo il direttore del nostro real teatro di S.
Cecilia, vi chiamò Spontini per iscrivere due opere buffe ed un'opera
seria: furono le prime _i Quadri parlanti_, ed _il finto pittore_,
l'altra _gli Elisi delusi_, in occasione della nascita del real
principe. Non ebbe molto felice incontro per la prima volta in Palermo
per il cattivo consiglio di alcuni malevoli. Gl'insinuarono questi, che
se voleva buona riuscita della sua musica per quel pubblico, dovesse far
uso di molto fracasso nello strumentale. L'esperienza lo fece a suo
costo ricredere dello sbaglio, e la musica degli altri due drammi ebbe
quivi un felicissimo incontro. Non essendo molto favorevole al suo
temperamento il clima di quest'isola, tornò egli in Roma, e vi scrisse
l'opera _il Geloso e l'audace_: poco dopo chiamato in Venezia compose
colà _le Metamorfosi di Pasquale_, e _Chi più guarda, meno vede_.
Spontini dopo aver dato con successo undici opere buffe e tre serie sui
primarj teatri dell'Italia, ebbe il progetto di portarsi in Parigi. Vi
si fece da prima conoscere colla sua _finta filosofa_, diè quindi il suo
_Milton_ che ebbe molti applausi. Ma non volle più scrivere che per il
teatro dell'accademia di musica, ove diè _la Vestale_ nel 1807 e
_Fernando Cortez_, nel 1809. Il _Jury_ istituito da S. M. pel giudizio
de' premj decennali, così si esprime nel suo rapporto sulla _Vestale_:
“Quest'opera ha ottenuto un brillante e fermo successo. Il compositore
ha avuto il vantaggio di applicare il suo talento ad una composizione
interessante, e veramente tragica. La sua musica ha dell'estro della
magnificenza e assai volte della grazia. Vi si sono costantemente e con
ragione applaudite due grand'arie d'un bello stile, e di bella
espressione, due cori di un carattere sagro e toccante, e il finale del
secondo atto, il di cui effetto è tragico insieme e piacevole. Il merito
incontrastabile, e la superiorità del successo della _Vestale_ non
permettono alcun dubbio al _jury_ di proporre quest'opera come degna del
premio.” Questo giudizio è a dir vero sommamente onorevole per Spontini,
ma la pubblica opinione decretò il premio ai _Bardi_ di Lesueur.


SQUARCIALUPI (Anton.) da Firenze, fioriva nel sec. 15. Egli per
maggiormente promuovere gli avanzamenti di quest'arte, dava come
professore de' pubblici corsi di musica. Gerardo Vossio (_de scientiis
mathemat. cap. 60_) dice ch'egli era in tale riputazione, che gli
amatori di musica occorrevano da tutte parti in Firenze per conoscerlo,
e sentire i suoni armoniosi, ch'egli ritrar sapeva da' suoi stromenti.
Il magistrato della città fecegli innalzare una statua presso la porta
della cattedrale. Dicesi ancora di avere scritto un libro sulla musica.


STAINER (Giacomo), cel. costruttore di violini di una piccola città del
Tirolo, sulla fine del secolo 17 era allievo di Amati. Non fu se non
dopo la sua morte, che si cominciò a conoscere il valore de' suoi
stromenti, e tanto più vengono oggidì apprezzati quanto più di raro se
ne incontrano de' veri e de' ben mantenuti. E così pur si può dire, che
talvolta allo Stainer, o all'Amati è uscita di mano una zucca, mentre
qualche oscurissimo guastamestieri urta a caso nell'ottimo: (diceva il
conte di S. Raffaele), cosichè non si deve dal nome del facitore misurar
sempre il pregio dello stromento, ma sì dall'intrinseca sua perfezione.
(_Dell'arte del suono Lett. 1_)

STAMITZ (Giovanni). Boemo, da cui la terza rivoluzion della musica
stromentale prende cominciamento dopo quelle del _Corelli_ e del
_Tartini_, viveva circa 1770 a Manheim, ove fondato aveva la sua famosa
scuola di violino, che conservò lunghissimamente gran fama. “In tutti i
generi di musica stromentale, dice il dotto conte di San Raffaele, ha
posto mano e conseguito gran lode il Boemo Stamitz. Maravigliosa di vero
è stata la fertilità della sua penna a stendere duetti, trio, sinfonie,
concerti con una rapidità, che suol essere incompatibile col ben
riuscire. Lo stile suo è grandioso, vastissimo, sorprendente: la
modulazione agiata, corrente, naturale: i passi ben concatenati: i
principj semplici, inaspettati, luminosi. Se dal _Brioschi_ o dal
_Tartini_ ei toglie a nolo qualche concetto, sì se l'appropria che il fa
parer cosa sua; sì l'abbellisce che non è più desso; sì ben l'adatta e
il pone in opra, che meglio per avventura nol seppe collocar quel
medesimo che ne fu l'inventore. Lo stile di Stamitz è un ingegnoso
composto di stil tedesco e d'italiano. Egli ha saputo accoppiar queste
scuole per modo, che i suoi compatrioti ebbero ad ammirar ne' suoi
dettati una soavità di canto dianzi non intesa, e noi italiani una
novità di passaggi non mai conosciuta. Ma dove singolarmente campeggia
la vaga fecondità del suo ingegno inventore, egli è ne' concerti, i
quali se tanta non fosse la malagevolezza di venirne a capo, sarebber
eglino senza dubbio la più saporita musica ad ascoltare, e la più
dilettosa ad eseguire, di quanta ne sia finor caduta di penna agli
scrittori da suono. Un erudito, ma insipido contrappuntista veggendo in
codesti concerti tanti e sì smaniosi gruppi di note, tanta folla di
salti, di capitomboli, di rompicolli, smascellava dalle risa, come a
vista delle più strane mattezze, che produr possa un cervello eteroclito
ed offeso. Ma il poveruomo traendo poi di tasca le sue armoniche
fanfaluche, nelle quali tutte erano esattamente osservate le regole di
non dar gusto, restava in fatti il solo contento delle proprie melense
produzioni. Nondimeno a far ragione al vero m'è d'uopo il dire, che
affatto ingiuste non erano cotali rampogne; essendo pur vero che Stamitz
al par di quanti sono iti in grido d'esimj sonatori, smodatamente corse
dietro al difficile; troppo degli acutissimi si compiacque, troppo amò
il rischio di stuonare, mentre che anche nel suono è pur vera quella
gran massima, che _l'amor del pericolo è l'amor della propria rovina_.”

STEFFANI (Agostino) di Castelfranco, piccola città dello stato Veneto,
fu uno de' più gran compositori, e cantanti del suo tempo. Suo principal
maestro nella musica fu Ercole Bernabei, uno de' primi virtuosi a
quell'epoca, e maestro di cappella di S. Pietro in Roma. Fece ancora i
suoi studj di dritto, prese la tonsura a Monaco, e il titolo di abbate
che portò sempre di poi. Dopo avere composto molta musica per teatro, e
per camera con incredibil successo, Innocenzo XI gli conferì la dignità
di vescovo di Spiga, nelle possessioni spagnuole dell'America: non volle
più mettere allora il suo nome alle sue composizioni musicali, e corsero
d'indi in poi sotto il nome di Greg. Piva suo copista. Sin dallo
stabilimento dell'accademia di musica antica in Londra nel 1724,
Steffani ne fu scelto di unanime consenso il presidente, posto che egli
occupò sino alla morte. Dopo una lunga assenza dalla sua patria, nel
1729, tornò in Italia, ed ebbe in Roma l'onore di esser sempre nella
compagnia del cardinale Ottoboni, il quale faceva spesso rappresentare
le di lui opere, oratorj, o altri suoi capi d'opera. Egli morì
finalmente a Francfort nel 1730, di anni 80. L'ab. Steffani era di
mezzana taglia, e di delicato temperamento, indebolito altresì da' suoi
studj, e dalle continue fatiche. Era di serio contegno, ma modificato
nella conversazione da una estrema affabilità. Oltre a molte di lui
composizioni musicali vi ha una sua Dissertazione italiana, dotta
insieme e profonda in difesa della musica contro alcuni pretesi
filosofi, i quali sostenevano non esser ella fondata sulla natura,
Amsterdam 1695.

STEIBELT, compositore eccellente e gran virtuoso sul piano-forte nacque
a Berlino nel 1756. Il re di Prussia conoscendo le belle sue
disposizioni per la musica, lo fece istruire dal famoso Kirnberger, ed
egli ben corrispose alle cure del suo maestro. Viene rimproverato, dice
schiettamente M. Gerber, d'estrema incostanza nella scelta di sua
dimora. Ed infatti or egli è a Londra, or a Parigi, ed attualmente è in
Russia. La sua musica di _Juliette et Romeo_ ottenne in Parigi il più
brillante successo nel 1809. Egli ha composto per il piano-forte gran
numero di sonate, di concerti, e di variazioni: vi si trova sommo estro
e fantasia, ma la loro lunghezza assai sovente ne rovina l'effetto. La
più prezzata è la sua Op. 4 di Sonate. Steibelt è uno de' primi
improvvisatori sul forte-piano de' nostri giorni.

STEINBART (Samuele), professore di filosofia a Francfort pubblicò nel
1785 un'opera col titolo _Idee per la Filosofia del Gusto_, di cui la
prima parte contiene la _Teoria generale della Musica_.

STERKEL (l'Abbate Giuseppe), primo cappellano della corte dell'elettore
di Magonza, nacque a Wirzburgo nel 1755. L'elettore il fe' viaggiare in
Italia nel 1781, ove acquistossi prima in Roma, e poi in Napoli la
pubblica stima sì per l'amabilità del suo carattere che per le piacevoli
sue composizioni per cembalo. In Napoli per un espresso ordine della
regina compose anche la musica del _Farnace_. Tornò quindi nel 1782 in
Germania, ove il numero delle sue sonate impresse è una prova del
successo, che vi ha ottenuto. Sino al 1787 egli aveva fatto già
imprimere 28 opere, l'ultima delle quali consiste in 4 sonate a quattro
mani per i principianti. Le precedenti 27 contengono per lo più sonate
per il forte-piano con violino e basso.

STESICORO d'Imera, città della Sicilia, celebre poeta-musico
dell'antichità, visse a' tempi del tiranno Falaride d'Agrigento, sette
secoli innanzi G. C. Egli accompagnava i suoi versi al suono del flauto
e della lira, ed avendo fatto tutto il possibile per impedire che
Falaride usurpasse il governo, e non essendovi riuscito, abbandonò la
sua patria, e passò in Atene. A 35 anni dell'età sua alzò cattedra fra'
greci, e riformò per ordine del governo i _nomi_, o sieno i canti de'
più antichi e de' più celebri greci compositori. Chi avrà osservato
nella storia la gelosia con cui gli ateniesi custodivano le musicali
leggi de' loro maggiori, dovrà concepire una sorprendente idea
dell'abilità di Stesicoro nella musica, per avergli il senato dato tale
incarico. Pieno di nobile franchezza e di amore dell'altrui profitto,
pubblicò alcuni de' suoi canti con l'instruzione in iscritto del modo,
con che dovevano cantarsi; non avendo così fatto gli antichi, perchè
nessuno si facesse bello con le loro composizioni. Stesicoro tornò
finalmente nella sua vecchiezza in Sicilia, ove gli si resero ed in vita
e dopo morte i più grandi onori. In Catania, la porta della città,
d'onde egli era entrato, fu d'allora in poi detta porta _Stesicora_, vi
si eresse una statua lavorata da celebre artefice, rappresentante
Stesicoro incurvato dagli anni, involto nel suo pallio, e con un volume
in mano. Tale è la descrizione che fa M. Tullio di questo illustre
monumento, l'ammirazione de' viaggiatori, finchè fu rubato da Verre.
Aggiunge il romano oratore, che Stesicoro in ogni tempo è stato
riguardato come uno de' più bei genii della Grecia (_l. 2, contra
Verr._). Platone nel _Fedro_, Ateneo, Pausania ne parlano con elogio:
Dionigio di Alicarnasso lo dice superiore a Pindaro, ed a Simonide, e
Quintiliano afferma ch'egli sostenne sulla lira la dignità e la
nobilezza del poema epico (_Instit. Orat. l. X c. 10_).

STILLINGFLEET (Beniamino), nipote del vescovo di Worcester, poeta e
naturalista inglese, e assai dotto nella musica, viaggiò lungo tempo in
diverse contrade dell'Europa; al suo ritorno pubblicò in Londra le sue
opere, di cui non faremo qui menzione che di quella sulla musica,
intitolata: _Principles and powers of Harmony_, in 8vo London 1771, cioè
_Principj e potere della musica_, di cui fa menzione l'Ab. Andres (_t.
4, c. VIII dell'Acustica_). Questo dotto autore morì nel 1772, di 69
anni. M. Fayolle gli imputa a delitto la predilezione, ch'egli ha per
gli antichi, il che, egli dice, lo ha strascinato in molti errori, come
l'avere attribuito a' medesimi la cognizione dell'armonia e del
contrappunto. Una tale censura dà a divedere l'ignoranza di M. Fayolle
nella storia degli antichi musici. Veggasi qui appresso l'articolo
_Stratonico_.

STOELZEL (Arrigo), dopo avere profondamente studiato in Allemagna la
musica, ed aversi fatto distinguere per la bellezza di sue composizioni,
la seducente pittura che gli venne fatta da un suo amico dell'ameno
soggiorno dell'Italia, lo fe' risolvere a farvi un viaggio. Portossi da
prima in Venezia, ove visitò que' conservatorj sì celebri per le loro
belle musiche. _Gasparini_, _Vivaldi_, _Polaroli_, _Biffi_, ed il
cavaliere _Vinaccesi_ erano allora gli inspettori ed i professori delle
quattro scuole di musica. Stoelzel si recò a somma fortuna il far con
essi conoscenza, e 'l godere della loro amicizia, e de' loro consigli.
Il cel. _Bened. Marcello_ gli offrì il comodo di assistere alla musica
dei _Nobili_ nel palazzo _alli fondamenti nuovi_. Si rese quindi a
Firenze, ove conobbe _Ludwig_ di Berlino: il duca Salviati gli procacciò
nello stesso tempo la conoscenza della principessa Eleonora di Guastalla
intendentissima di musica. Il favore, di cui venne onorato da questi due
illustri personaggi, avrebbe potuto servire a far la sua fortuna, se non
fosse stato di ostacolo la diversità della religione. Venne in Roma di
poi, dove contrasse amicizia col cel. _Bononcini_, ed Aless.
_Scarlatti_: passò per Bologna, e nel 1719 entrò al servigio del duca di
Saxe-Gotha come suo maestro di cappella, dove visse più di 30 anni,
continuamente occupandosi di nuove composizioni, come Messe, oratorj, e
molta musica stromentale. La sua musica ben si distingue per un canto
leggiero e piacevole: non è caricato il suo accompagnamento. La
disposizione de' suoi cori è variata all'infinito; molti compositori
moderni han tirato profitto da ciò, ch'è stato da costui prima di loro
eseguito. Il suo genio nell'espressione musicale del testo era
inesauribile, ed egli vi riuscì assai volte di una felicissima maniera.
Nel 1739 egli aveva scritto un _Trattato sul recitativo_ per la società
musicale: Albrecht a Mulhausen aveva promesso di pubblicarlo nel 1762 ma
egli con dispiacere degli intendenti non mantenne la sua parola. Chi lo
ha letto, lo trova dottissimo. La sola opera, che si ha di lui impressa,
prova insieme e la sua profonda scienza nel contrappunto, e 'l poco
conto ch'egli faceva de' gran pieni e del fracasso in tal maniera di
comporre. Questo trattato comparve nel pubblico nel 1725 col titolo di
_Musica pratica_ in tedesco, ma non è stato mai posto in vendita,
attesochè l'A. non fè tirarne che cento copie, ch'egli divise tra gli
amici. Stoelzel morì nel 1749 di anni 60.

STRADELLA (Alessandro), famoso cantante e compositore Veneziano sulla
metà del sec. 17. La di lui vita offre una sensibile prova della
possanza della musica, ed insieme un terribile esempio dell'eccesso
della vendetta. Com'egli frequentava le più distinte case di Venezia,
gli amatori di musica facevano a gara per aver da lui lezione. Tra' suoi
allievi eravi una giovane signora, chiamata Ortensia, di un'antica
famiglia di Roma, che teneva un amoroso intrigo con un signor veneziano.
Stradella ne fu innamorato, e non stentò molto a farsi da lei preferire
al suo rivale; la rapì, e seco menolla in Roma facendosi credere di già
maritati. Il Signor veneziano, montato in furore per quel ratto, fece
appostar due assassini sulle loro tracce: costoro, dopo averli
inutilmente cercati in alcune città d'Italia, scopersero finalmente il
luogo del loro ricetto, e giunsero in Roma una sera, che Stradella dava
un oratorio in S. Giovanni di Laterano. Questi scellerati, risoluti a
compire il loro delitto al sortire ch'ei farebbe dalla chiesa, entrarono
per sentire la musica, o sibbene per vegliare sulla loro vittima, e non
far che sfuggisse loro. Ma questo lo salvò. Al sentire appena la voce
incantatrice di Stradella furon eglino presi di compassione e di
rimorsi; rimprocciaronsi a vicenda il loro orribile disegno, ed altra
brama e voglia non ebbero che di salvar quello, di cui un istante avanti
avevan giurata la morte. Lo aspettarono dinanzi alla porta della chiesa,
e vedendolo uscire insieme con Ortensia, gli si accostarono con
pulitezza e con garbo, lo ringraziarono del piacere che aveva lor
cagionato, e gli confessarono dover egli la sua salvezza
all'impressione, che su di loro fatto aveva la sua voce: gli spiegarono
dappoi il motivo del loro viaggio, e conchiusero consigliandogli di
lasciare al più presto Roma, affinchè potessero far credere a quegli,
che gli aveva spediti, di esser giunti assai tardi. Stradella ubbidì
loro, e portossi con la donna a Torino, mentre quelle due persone di
ritorno a Venezia scusaronsi della maniera che di già si è detta. Ma un
tal successo non fece che accrescer rabbia al furibondo veneziano; alla
sua vendetta fece compagno il padre stesso di Ortensia, dandogli a
sentire, che lavar ei non potrebbe la sua ignominia se non col sangue
della figlia, e del di lei rapitore; e lo snaturato vecchio messosi alla
testa de' due assassini prese il cammino della Savoja; dopocchè fè darsi
delle commendatizie per l'ambasciadore di Francia, allora il marchese di
Villars. Frattanto la duchessa reggente di Savoja, informata dell'arrivo
de' due amanti, e del motivo della loro partenza da Roma, pensò
sottrarli alla vendetta del veneziano. Mise Ortensia in un convento, e
diè a Stradella il titolo di primo suo musico, con alloggio nel suo
stesso palazzo. Tali precauzioni parvero bastevoli alla sicurezza di
ambidue, ed essendo scorsi tranquillamente già alcuni mesi, Stradella
credeva non aver nulla a temere, allorquando una sera trovandosi a
diporto sui baloardi della città, venne assalito dai tre sicarj, che gli
diedero un colpo di pugnale al petto; e lasciandolo per morto in sul
luogo, andarono prestamente a ricoverarsi nel palazzo dell'ambasciadore
di Francia. Eran costoro il padre di Ortensia, e i suoi due satelliti,
che il ministro francese, il quale nè voleva difenderli dopo un sì
atroce delitto, nè abbandonarli alla giustizia dopo avergli dato asilo,
fece secretamente fuggire alquanto dopo. Fra questo mentre Stradella
guarì della ferita, che non era mortale, e 'l Veneziano vide una seconda
volta andar in fumo i progetti di sua vendetta, ma non perciò
abbandonolli. Stabilì soltanto a differirne d'or innanzi l'esecuzione
per renderla più sicura, e contentossi di far spiare il suo nemico da'
suoi emissarj. Passò così un anno senza tentare nuova impresa, ed era da
presumere che i persecutori eran già stanchi dell'inutilità de' loro
sforzi. La duchessa regente di Savoja pensò esser giunto il tempo di
render sicura la felicità de' due amanti, e legittima la loro unione.
Stradella ed Ortensia contrassero alla fine il lor matrimonio, e si
credettero al termine delle loro sciagure. Ma una trista sperienza
avrebbe dovuto far loro aprir gli occhi, e diffidare d'una calma
apparente; la troppa sicurezza fu infatti la loro rovina. La curiosità
di andare a vedere il porto di Genova fece abbandonar loro Torino. Il
veneziano ne fu avvisato, e l'indomani del loro arrivo in Genova,
entrarono i sicarj nella loro stanza, e gli assassinarono ambidue.
L'epoca di questa fatale avventura è dell'anno in circa 1670. Stradella
oltre all'essere un cantante di prima sfera, era altresì sommamente
virtuoso sull'arpa e 'l violino, e gran compositore insieme. Il dottor
Avison afferma ch'egli fu de' primi ad introdurre il recitativo nelle
arie.

STRADIVARI (Antonio) da Cremona, rinomatissimo costruttore di stromenti
a corda: i suoi violini vengono ricercati tuttora. Gli _Amati_ han fatti
de' violini convessi e ricurvi, costui all'opposto li ha fatti tutti
poco men che piani. Hanno i primi più dolcezza, e più sonorità i
secondi: questi sono più adatti ad eseguire le carte di Haydn e Mozart,
e quelli di Boccherini. Stradivari viveva sino al 1734.

STRATONICO di Atene, celebre suonatore di cetra, fioriva nel quarto sec.
prima dell'era cristiana. Il suo talento per le risposte pronte e vivaci
uguagliava in lui quello della musica: egli passava la sua vita
viaggiando per i varj paesi della Grecia. Ateneo ci ha conservati
parecchi aneddoti intorno a lui. (_lib. 8, cap. 9_). Avendo non so in
qual luogo, promesso di dare pubbliche lezioni di musica, non potè
radunare più di due scolari. Egli insegnò in una sala, ove trovavansi le
nove statue delle muse con quella di Apollo: Quanti scolari avete voi,
gli disse certuno? Dodici, rispose con l'ajuto degli dei. Secondo Faria,
citato da Ateneo, egli si esercitò ancora nel canto, aumentò la cetra di
molte corde e fu il primo a regolare ed insegnare le corde, ed i ritmi,
che potevano negli stromenti, e nel canto unirsi per contrappunto o
armonia simultanea con le loro variazioni, e con le regole da osservarsi
per l'accordo. “Le innumerabili dissertazioni, dice al proposito di
questa invenzione di Stratonico il dotto Requeno, fatte da' moderni per
negare il contrappunto a' greci, mi sono sembrate simili alle
dissertazioni degli antichi, che negavano l'esistenza degli antipodi:
nelle quali si presentavano argomenti e ragioni, che scoperta l'America
ci fanno ridere. Scoperta l'antica musica, si vede, che i greci ebbero
tutte le nostre corde, ed altre dippiù benchè diversamente ordinate: che
divisero la battuta come noi ed il tempo con maggior arte de' moderni,
che ebbero le note richieste per variarlo, o contrassegnarlo con
maggiore semplicità di noi altri: onde le dissertazioni dei moderni, che
adducono per ragioni da negare a' greci il contrappunto, il non aver
essi conosciute le nostre consonanze, il non aver distinti che due tempi
breve e lungo, e la scarsezza de' segni da notare i tempi, svaniscono e
si risolvono in nulla, letti o intesi i greci armonici. Le parole di
Ateneo parlando di Stratonico sono: _Primumque docuisse concentus
musicos, ac cantuum numeros varietatesque designasse_. Ecco
l'interpretazione che ne dà lo stesso accurato scrittore: Il _concentus_
è accordo di voci diverse: se la dottrina di Stratonico si fosse ridotta
all'unisono di molte e differenti voci, era affatto superfluo
l'insegnare come doveva distribuirsi il tempo vario delle parti cantanti
unite in una cantilena. Stratonico dunque con accurato esame fissò le
regole da unire le corde consone in diverso tuono, e in ogni specie di
canto; distinguendo e spiegando in ogni canto la maniera, con cui doveva
distribuirsi il tempo, e i numeri ritmici di qualunque specie” (_Saggi
t. 1, p. 200_).


SUARD (Giov. Antonio), secretario perpetuo dell'accademia francese nato
a Besançon, ha pubblicato molti scritti sulla musica. Insieme con l'abb.
Arnaud suo amico prese con zelo la difesa di Gluck contro le cabale
ordite dallo spirito di partito: tutti i pezzi che nelle memorie per
servire alla storia di Gluck vanno sotto il velo dell'anonimo di
Vaugirard, sono di M. Suard: ve ne ha ancora di lui nel 4º tomo di
Supplemento all'_Essai sur la musique_ de M. la Borde. Finalmente a M.
Suard ed all'ab. Arnaud, un poco prima della rivoluzione fu affidata la
compilazione generale della parte della musica nell'Enciclopedia
metodica, e dopo la morte del suo amico, Suard rimasto solo nell'impresa
associossi M. Framery per la parte tecnica dell'arte musicale, e riserbò
a se la parte istorica, e ciò che dir si potrebbe la rettorica
dell'arte: ma non se ne ha sinora che il solo primo volume; senza
speranza di averne il resto. Gli articoli di M. Suard sono di un uomo di
gusto, e di profonda erudizione, ha chiarezza e vivacità nel suo stile:
propone delle ottime viste, e stabilisce eccellenti principj. Egli è
morto in età molto avanzata nel 1812.

SULZER (Giorgio), della R. Accademia di Berlino, nacque nel 1720 a
Winterthur nel cantone di Zurigo. Nel 1763 intraprese la sua _Teoria
universale delle Belle Arti_ in tedesco, opera importante, che gli
assicura un distinto posto nella Repubblica delle Lettere. Per gli
articoli di musica egli fè uso de' lumi, e delle cognizioni profonde di
tre celebri maestri, _Agricola_, _Kirnberger_ e _Schutz_. Il primo tomo
di quest'opera fu pubblicato nel 1771 ed il secondo nel 1774. Una nuova
edizione della medesima n'è stata fatta in Lipsia nel 1792, 4 vol. in
8º, e M. Millin ha data la traduzione de' principali articoli nel suo
_Dictionnaire des beaux-arts_, 3 vol. in 8º, Paris 1806. Nelle Memorie
dell'accademia di Berlino per l'anno 1770. si trova di Sulzer una
distinta relazione dell'opera dell'ab. Roussier, _Sur la musique des
Anciens_: e nel t. 27 la descrizione di una macchina di Holfeld, per
notare i pezzi di musica a misura che si eseguiscono sul cembalo. Mr.
Sulzer morì in Berlino nel febbrajo del 1779.

SUREMAIN (Franc. Alessio), uffiziale d'artiglieria, nato a Dijon nel
1769, pubblicò a Parigi nel 1793 in età di soli 24 anni un'opera
analitica e filosofica intitolata: _Théorie acoustico-musicale ou de la
doctrine des sons rapportés aux principes de leur combinaison_, in 8º.
Questa teoria ha avuto l'approvazione dell'accademia delle scienze di
Parigi: essa infatti è piuttosto della giurisdizione de' geometri che
de' musici. L'autore ha formato l'impresa di sottoporre alla luce
dell'esperienza e del calcolo i principj elementari, e primordiali
dell'arte musicale: egli si è principalmente proposto di riunire i
differenti risultati, ai quali può condurre il calcolo de' suoni
ravvisati sotto questo punto di vista, di ricondurre tutti questi
risultati ad una teoria generale, e, finalmente di rendere più esatti,
più filosofici, e in conseguenza meno arbitrarj la nomenclatura ed i
primi elementi della musica. Egli dimostra che tutte codeste nozioni si
trovano assai volte confuse nel Dizionario di musica di Rousseau, di cui
rileva gli errori, e soprattutto nella sua teoria attacca altresì gli
_Elementi di musica del d'Alembert_, opera che a dirla daddovero, non è
secondo lui, nè teorica, nè filosofica. Bisogna confessare, egli dice,
che questo gran geometra non pretese se non rischiarare, e semplificare
_Rameau_; e non già fare un'opera che fosse sua, senza di che l'avrebbe
certamente egli fatta d'altra maniera. L'A. osserva con ragione, che
Rameau ne' suoi scritti sulla musica si era perduto in un labirinto di
proporzioni e progressioni d'ogni specie, aritmetiche, geometriche, ed
armoniche, e vi aveva sparso quel falso apparato scientifico, che non
impone che agl'ignoranti. _Rameau_ era stato assai poco filosofo per
avanzare che si trova nella musica il principio della geometria. M.
Suremain è assai ragionevole per combattere l'opinion di coloro i quali
si danno a credere che le matematiche posson servire a comporre della
buona musica. L'uno voleva innalzare la sua arte a spese del buon senso:
l'altro conosce abbastanza le scienze esatte, per non accordar loro un
potere che non hanno. Costui ha delle sane idee, quegli ha de'
pregiudizj da musico. Finalmente quest'opera è ben concepita, e messa in
buon ordine; connesse tutte ne sono le parti, tutte concorrono all'unità
del soggetto; l'autore ha saputo esser conciso senz'essere oscuro, se
non che nel presentar le sue idee d'una maniera troppo generica, farebbe
bramare in certi casi degli esempj e delle applicazioni particolari, che
sviluppassero ciò che egli detto non ha, se non in una maniera puramente
astratta (_V. Journal de Physique t. 42 a Paris 1793_). Questo profondo
matematico, benchè assai giovane, fu una delle vittime della
_guillotina_ lo stesso anno 1793 in cui pubblicò la sua opera.



T


TAGLINI (Carlo), professore nell'università di Pisa, pubblicò verso il
1650, _Lettere scientifiche sopra varii dilettevoli argomenti di
fisica_, nella prima delle quali parla de' suoni prodotti dal violino, e
vi dimostra in quale maniera la differenza loro proviene dalla
grossezza, lunghezza e varia tensione delle corde. Nella terza spiega
egli come si formano nella gola i suoni.

TAILLARD (Mr.), musico francese assai rinomato pel suo talento sul
flauto: viva era la sua esecuzione, brillante ed animata. Sin dall'età
di dodici anni fu ascoltato con piacere da più sovrani: negli anni 1760
e 1767 sono state impresse alcune collezioni di sue sonate per
quell'istromento pregiatissime. Vi ha di lui altresì: _Méthode pour
guider les compositeurs_. Morì egli in Parigi nel 1783.

TAILLER (Simone), domenicano scozzese verso il 1240, scrisse due libri
_de Pentacordis_, un altro _de Tenore musicali_, e _de Cantu
ecclesiastico corrigendo_, de' quali fa menzione il Fabricio nella
Biblioteca latina.

TALETE di Mileto nella Jonia, uno dei sette savj della Grecia, e uno dei
precettori di Pitagora, fiorì sette secoli prima di G. C. Oltre
all'essere egli stato il più antico filosofo e caposcuola tra' Greci,
sappiamo da _Plutarco_ aver tenuto anche scuola di musica. “Trovando
Licurgo, egli dice, a Creta un uomo savio e civile chiamato _Talete_, lo
persuase con l'amicizia e co' prieghi a passar seco in Sparta. _Era
Talete stimato musico lirico di ottimo gusto; e quivi insegnava l'arte
sua_, e faceva quegli ufficj, che sono soliti a fare gli ottimi
legislatori: perciocchè il canto suo si riduceva a certe preghiere, le
quali co' modi, e co' loro leggiadri e gravi ritmi conducevano gli
uomini all'ubbidienza de' loro maggiori, ed a stare bene uniti in
società, co' suoi canti s'infrenavano e si acchetavano le passioni, e
avvezzavansi gli uomini a lasciare la rustica malevolenza, e ad
abbracciare le cose oneste; e così esso preparolli in certo modo, e
disposeli all'osservanza degli onesti insegnamenti di Licurgo.” (_In
vit. Licurg._). Dal che chiaramente si rileva che l'antica educazione
era in mano de' musici, d'onde derivano quei tratti storici degli
antichi, ne' quali vien detto, che alcune greche provincie erano
divenute inselvatichite e feroci per avere unicamente negletta la
coltura della musica; essendo allora lo stesso il tralasciar questo
studio che il tralasciare la civile e religiosa educazione.

TANSUR (William), musico inglese, nel 1735 pubblicò un'opera col titolo:
_A complete melody_, in 3 vol. nel primo de' quali vi ha un'introduzione
ai veri elementi della musica vocale ed instrumentale, con un nuovo e
facil metodo: ella è, dice M. Gerber, una compilazione in dieci capitoli
di ciò, che si è scritto sulla musica da' Greci, Romani, Francesi, ed
Italiani. Gli altri due volumi contengono alcuni canti scelti a più
voci. Alcuni anni dopo diè egli al pubblico altre sue opere col titolo
di _Universal harmony_, ossia _Armonia universale_, e l'altra: _A new
musical grammar_, cioè: _nuova grammatica della musica_.

TARCHI (Angiolo), nato in Napoli nel 1760. Fu per lo spazio di tredici
anni nel _Conservatorio della Pietà de' turchini_, sotto i cel.
Tarantino e Sala, e due anni dopo esserne uscito, ne divenne il maestro,
compito avendo allora, secondo gli statuti, il vigesimo quarto anno
dell'età sua. Nel 1781, essendo ancora allievo nel Conservatorio scrisse
la sua prima opera buffa, _l'Architello_, di cui tale ne fu il successo,
che il sovrano Ferdinando volle sentirla nella sua villa di Caserta: nel
1783 avendo tuttora la tonaca di panno sbiavato come allievo _della
Pietà_, compose pel teatro nuovo di Napoli, la _Caccia di Enrico IV_,
opera burlesca, che ebbe grandissimo incontro, e fu incaricato di tre
altre opere pel teatro _del Fondo_. Passò quindi in Roma, in Milano, in
Firenze, a Mantova, a Venezia, a Padova, in Torino e scrisse per quei
teatri più opere serie con grandi applausi. Nel 1789 compose in Londra
il _Desertore_, e _Alessandro nell'Indie_ drammi serj, che incontrarono
moltissimo, e sino al 1793 era di ritorno in Italia, e diede gli oratorj
l'_Isacco_ a Mantova, e _l'Ester_ a Firenze. Dopo il 1796 era egli a
Parigi, ove ha composta molta musica pel teatro dell'opera comica. Il
successo, ch'egli vi ha ottenuto, sostiene in Francia l'alta riputazione
della scuola di Napoli, d'onde è sortito. In Napoli si sono anche
eseguite di Tarchi molte messe e vespri a più voci.

TARTAGLINI (Ippolito) di Modena, uno de' migliori professori di musica
nel secolo XVI, il dotto Cardinale Alessandro Farnese fu suo protettore.
Si crede però ch'egli sia stato il primo a ricondurre il canto sul
teatro coi cori. Alcuni suoi mottetti a 4, e 6 voci sono stampati in
Roma nel 1574. Morì egli nel 1580, in età di anni quarant'uno.

TARTINI (Giuseppe) nacque a Pirano nell'Istria di assai civile famiglia
nel 1692. Entrò dapprima nell'Oratorio di San Filippo Neri; ma
distinguendosi ben presto per le sue brillanti disposizioni, fu mandato
a Capo d'Istria, per terminare i suoi studj nel collegio dei Padri delle
Scuole-Pie: quivi egli ebbe le prime lezioni di musica e di violino. Nel
1710 i suoi parenti lo mandarono all'università di Padova per istudiarvi
la giurisprudenza, e formarsi nella profession di avvocato. Ma
invaghitosi di una giovinetta, ch'egli sposò di nascosto, abbandonò lo
studio del foro, e rovinò la sua fortuna. Questo matrimonio gli trasse
addosso l'indegnazione de' suoi parenti, che lo abbandonarono affatto.
Tartini tanto più trovossi smarrito, che essendo la sua moglie della
famiglia del vescovo di Padova il card. Giorgio Cornaro, aveva altresì a
temere il processo, che questi doveva intentargli. Non restogli altro
partito che di lasciare la sua donna in Padova, e di fuggirsene in Roma
travestito da pellegrino. Non trovando in niun luogo sicurezza, andò
vagando di paese in paese; finalmente il gran convento dei francescani
in Assisi, il di cui guardiano era suo parente, gli offrì un asilo
sicuro contro la persecuzione del cardinale. Restò egli quivi due anni,
ed applicossi allo studio del violino, che aveva quasi totalmente
negletto in Padova. Le lezioni del _P. Boemo_, celebre organista di quel
convento, terminarono d'iniziarlo nell'arte della musica. Un altro
vantaggio, ch'egli trasse da quel solitario soggiorno, fu una totale
mutazione del suo carattere. Di violento e collerico ch'egli era,
divenne moderato, e mercè questo genere di vita laborioso e tranquillo
perdette per sempre i difetti, che cagionato avevano la sua
disavventura. Il suo ritiro era lungamente rimasto ignoto; un non
previsto accidente il fè discoprire. Sonando di violino nel coro della
chiesa, un colpo di vento portò via la cortina, che ne impediva la vista
agli astanti, ed ei fu riconosciuto da un abitante di Padova. Tartini si
ebbe per perduto: ma qual fu la sua sorpresa, allorchè quegli gli diè
nuova, che il cardinale lo aveva perdonato, e cercava di lui per
condurlo in braccia alla sua sposa! Di ritorno a Padova, egli fu
chiamato in Venezia per esser membro di un'accademia, che doveva
formarsi sotto gli auspicj del re di Polonia. Egli vi si rese con la sua
sposa: ebbe colà occasione di sentire il cel. violinista _Veracini_ di
Firenze, e restò talmente sorpreso della sua maniera di sonare ardita e
nuova, che amò meglio lasciar l'indomani Venezia, anzicchè entrar con
lui in concorrenza. Mandò sua moglie a Pirano in casa di suo fratello, e
ritirossi ad Ancona per vie meglio attendere allo studio del suo
stromento. Fu da quest'epoca (nel 1714), ch'egli da se creossi un nuovo
modo di sonar di violino: fu anche allora che scoprì _il fenomeno del
terzo suono_, ossia della risonanza della terza nota dell'accordo,
allorchè si suonano le due note di sopra. Nel 1721, fu egli posto alla
testa dell'orchestra di S. Antonio di Padova: questa cappella, una delle
migliori d'Italia, aveva quaranta musici, dei quali sedici eran
cantanti. Nel 1723, fu chiamato a Praga per l'incoronazione
dell'imperatore Carlo IV, e vi restò per tre anni insieme col suo amico
Antonio Vandini, suonatore di violoncello al servigio del conte Kinsky.
Quivi fu, che il sentì Quanz che così ne parla: _Tartini è un violinista
di primo ordine; produce de' suoni bellissimi. Le sue dita, il suo arco
del pari gli ubbidiscono bene: eseguisce senza stento le più difficili
cose, fa a perfezione con tutte le dita dei trilli, e fin anco dei doppj
trilli, e suona molto negli acuti. Ma la sua esecuzione non tocca
affatto; non è nobile il suo gusto; ed assai volte ancora è tutto
opposto alla buona maniera_. Tartini senza dubbio seppe acquistar poi
dal canto dell'espressione, e del gusto quel, che a giudizio di Quanz,
mancavagli allora; poichè ogni volta che sentiva sonar con destrezza, ma
senz'anima, _quest'è bello!_ diceva, _quest'è difficile! ma non parla al
cuore_. Da Praga tornò coll'amico Vandini a Padova, e da quel tempo in
poi nulla potè risolverlo ad accettare un servigio straniero, malgrado
le più vive, e le più vantaggiose sollecitazioni. Nel 1728 fondò in
Padova, una scuola di musica, e pochi maestri hanno formato ormai così
bravi scolari. Gli Italiani chiaman Tartini _il maestro delle nazioni_.
La di lui scuola ha provveduto di gran musici la Francia, l'Inghilterra,
l'Alemagna, e l'Italia. Pagin intraprese espressamente il viaggio di
Padova per formarsi sotto la direzione di Tartini. Nardini, Alberghi,
Bini, Ferrari, Carminati, mad. Sirmen, Lahoussaye e Capuzzi, nomi
illustri, e tutti suoi allievi. Questo gran maestro si rese benemerito
dell'arte per tutti quei mezzi che contribuiscono all'avanzamento di
essa. Egli era per natura uom riflessivo, perspicace, voglioso
dell'ottimo, paziente de' penosi indugj, e non isbigottito delle
difficoltà, che convien vincere per conseguirlo. Sì nel _comporre_, che
nell'_eseguire_ egli è stato _vero inventore_; ed ecco fin dove il
condussero l'osservazione e la sperienza. Osservò egli in primo luogo,
che il violino è per natura uno stromento acuto e stridente; che chi lo
arma di cordicelle sottili non ne può trar altro, che un suono fievole e
smilzo. Si avvisò quindi di armarlo di corde grosse un pò più
dell'usato. Con questa leggiera mutazione sentì addolcirsi la crudezza
natía, ed uscirne più grato e più morbido il suono. Osservò poscia, che
l'arco usato dalla scuola Corelliana è troppo corto; che però uno appena
in venti di quella scuola riesce a cavar una voce piacevole, bella, e
pastosa. Laonde ei si pose ad usar arco più steso, non trovandovi niun
de' difetti, e tutt'i vantaggi dell'arco breve. Da questi saggi
cambiamenti passò egli tosto ad un doppio studio, l'uno del modo
d'adoprar l'arco, faticando per impadronirsene sì nel guidarlo allo in
su, che allo in giù, sì nel trar senza stento e secondo il bisogno or
lunghe e melodiose, or brevi e snelle le arcate. Con siffatte minute
attenzioni, delle quali ogni egregio suonatore, e niun mediocre o
cattivo ravviserà l'importanza, pervenne il Tartini a singolar
eccellenza nel suono. Vediamo or pure, quanto egli nel comporre siasi
dipartito altresì dall'uso comune: nel che riuscì meglio a riprendere e
schivare gli altrui difetti, che a vedere e correggere i suoi. Quando
Tartini cominciò ad apparire, dominava ancora tra gli scrittori d'Italia
quel barbaro gusto delle fughe, de' canoni, e di tutti in somma i più
avviluppati intrecci d'un ispido contrappunto. Questa increscevol pompa
di armonica perizia, questa gotica usanza d'indovinelli e di logogrifi
musicali: questa musica gradita agli occhi, e crudel per gli orecchi,
piena d'armonia e di romore, e vuota di gusto e di melodia, fatta
secondo le regole, seppure le regole hanno l'atrocità di permettere di
far cose dispiacevoli, fredde, imbrogliate, senz'espressione, senza
canto, senza leggiadría, qual altro pregio veracemente aver può, che
quel di abbagliar gli eruditi, e di uccidere per la fatica il
compositore, e per la noja i dormigliosi ascoltanti? Tartini sedotto sul
principio dall'amor del difficile, si logorò anch'egli per qualche
tempo, e stese alcune sonate in questo gergo enigmatico e sibillino. Ma
di poi avvedutosi, che tal profusione di scienza, ben raro è il caso,
che riesca opportuna, e ancor più raro che ella rechi diletto, se prima,
come fa il pittore, aveva cercato il maraviglioso aggiugnendo; si volse
poscia a cercare il bello, come lo scultore, togliendo. E in fatti
quanto egli ha scritto dopo tal suo ravvedimento, tutto spira la nobile
semplicità, linda e schietta è pur sempre l'armonia: intelligibile e
andante il pensiero; sgombra di rancidumi la cantilena. (_V. Cont. S.
Raffael. lett. 2_). Egli ebbe inoltre due pregi insigni, dov'egli non
soffre eguali. Il primo d'aver un metodo esatto, e limpidissimo
d'insegnar l'arte. I suoi precetti eran sì chiari, e sì precisi, che lo
scolare, seppur non era un gonzo madornale, preveniva il maestro, e
godea di suggerirgliene gli esempli. L'altro suo pregio raro ben anco e
prestante si era l'essere scevro affatto d'invidia, di gir sommamente
guardingo nel dar giudizio dell'altrui valore, di largheggiar nelle lodi
senz'adulazione, e di accennare i difetti senza livore, da solo a solo,
non pel piacer inumano di riprendere, ma pel vero vantaggio del ripreso,
cui moderatamente avvertiva, dicendogli i motivi della sua
disapprovazione, udendone chetamente le discolpe, cedendo se si trovava
convinto, soffrendo in pace, che non gli si desse ragione da quegli
ostinati, che non credono mai d'aver torto. Tal era l'indole, e il
merito di questo eminente caposcuola nell'arte del suono. Ci resta ora a
considerarlo come _autore_, ed _inventore_ di un nuovo sistema di teoria
musicale, sotto il quale riflesso, se censure piuttosto che lodi
verranno da me riferite, il farò protestandomi di non voler in nulla
derogare al rispetto, che per altri titoli a sì grand'uomo è dovuto.
All'epoca in cui si credeva non poter dare alla musica un fondamento
nella natura, se non con darlene uno nella fisica, Tartini ebbe la
debolezza, come in Francia Rameau, di cedere a questa bizzarría. Volle
egli creare un sistema, prendendo per la sua base _il fenomeno del terzo
suono_, sistema, che non è stato possibile a capirsi da niuno per le
folte profonde tenebre che lo involvono, e che l'autore senza dubbio non
ha saputo egli stesso comprendere. A tale oggetto diè egli fuori il suo
_Trattato di musica secondo la vera scienza dell'armonia_, Padova 1754,
in 4º. Tartini sin dal 1714, aveva osservato la coesistenza di un suono
grave uguale all'unità, e se ne serviva come di base alla sua scuola: ma
non rese pubblica questa sua scoverta, che nel 1754 in quel suo
trattato; onde è che se gli ha voluto torre l'onor dell'invenzione, con
attribuirla alcuni a M. Sorge, altri a M. Romieu. “Ma il suo libro, dice
M. d'Alembert, è scritto in una maniera così oscura, che ci è
impossibile il recarne alcun giudizio; e ben si sa averne in tal guisa
altresì giudicato Letterati di gran nome.” Tali furono il Rousseau, che
dandone un estratto nel suo Dizionario sembra tuttavia preferir le idee
di Tartini a quelle di Rameau; tali il Scheibe, il Forkel tra i
tedeschi, l'Eximeno, il Bettinelli e più altri. M. Serre di Ginevra nel
2º cap. delle sue _Osservazioni su i principj dell'armonia_ fece delle
oggezioni al sistema del Tartini, a cui oppose egli: _Risposta di G.
Tartini alla critica del di lui trattato di musica di M. Serre_, Venezia
1767, in 8º. E cercando di evitare i difetti oppostigli da M. Serre, diè
al pubblico: _Dissertazione de' principj dell'armonia musicale,
contenuta nel diatonico genere_, Padova 1767, in 4º. M. Mercadier nel
Discorso preliminare al suo _Nouveau système de musique_ fa la
confutazione dell'algebra posta in uso dal Tartini nel suo sistema:
finalmente il dottissimo Eximeno impiega un capitolo della sua opera per
confutare i raziocinj di fisica e di metafisica, i calcoli e le
singolari dimostrazioni geometriche della sua teoria. “Tartini non
avendo avuto, egli dice, che un lume superficiale di matematica e di
filosofia, si abusò dei vocaboli di queste scienze per iscrivere un
_Trattato dell'armonia_, che niuno ha potuto finora intendere, e credo
che neppur l'A. intendesse se stesso. Se altri più avveduti filosofi
hanno vaneggiato, ognun può figurarsi, qual caos d'illusioni si formi il
Sig. Tartini. Comincia a vedersi qualche lume allorchè fa egli
utilissime riflessioni circa l'accompagnamento, ed altre materie di
pratica, dalle quali si scorge, che il Tartini avrebbe potuto illustrar
la teorica, come illustrò la pratica, se la matematica e la fisica non
avessero sconcertata la sua fantasia.” (_l. 1 c. 4_). L'illusione del
suo spirito giunse al segno di credere che avesse nel suo sistema _la
prova dell'uno e trino_, com'egli stesso lo affermò all'ab. Bettinelli
(_V. Risorgiment. c. 4_). Egli conservò sino alla morte queste idee
metafisico-teologiche, e lasciò morendo al P. Colombo la cura di
pubblicare un suo _Trattato sulla teoria del suono_, ove essendosi
trovate siffatte chimere, fu stimato miglior consiglio il non darlo a
luce. Maggior profitto può trarsi dagli altri libri, che ci restan di
lui, in riguardo alla pratica del suono. Nel t. V dell'Europa letteraria
1770, è stata inserita una sua _Lettera alla Sig. Maddalena Lombardini_
(mad. Sirmen), _inserviente ad una importante lezione per i suonatori di
violino_. M. Fayolle ne ha dato l'originale in francese nel 1810. In
fronte alle sue nove opere si trova impressa altresì _l'arte dell'arco_,
di cui ne ha data una nuova edizione M. Cartier nel 1812. L'ab. Fanzago
parla di un manoscritto che ha per titolo: _Lezioni sopra i varj generi
di appoggiature, di trilli, tremoli, e mordenti ec._ Mr Denis ne ha
pubblicata una traduzione in francese. Per la musica vocale non
conosciamo altro di Tartini, che il _Miserere_ eseguito il mercordì
santo del 1768 nella cappella Sistina in Roma dinanzi il papa Clemente
XIII, che il barone Ag. Forno palermitano, il quale era presente, dice
nel suo elogio di Tartini, che questa composizione merita il primo luogo
tra tutte quelle dell'autore. Tartini morì in Padova tra le braccia del
suo favorito allievo Nardini, a dì 16 Febbraio 1770. Il carattere morale
di questo grand'uomo merita somma lode. Egli usò sempre la moderazione
di Socrate verso la moglie, che era a suo riguardo una vera Santippe,
riottosa e caparbia. Sosteneva molte indigenti famiglie, e molti orfani
a sue spese: dava anche delle lezioni gratuite a quegli, che volevano
imparar la musica, e non avevano i mezzi onde pagare i maestri. Il posto
ch'egli occupò per trent'anni non gli valeva che 400 ducati, e non era
obbligato a sonare che nelle grandi festività. Non lasciava tuttavia
passar settimana in cui non sonasse più volte. Giulio Meneghini suo
succesore dispose in suo onore la funebre pompa che celebrossi nella
chiesa de' Serviti. L'ab. Fanzago profferì il suo elogio, e la cappella
di S. Antonio eseguì un _Requiem_ composto dal P. Vallotti. Il conte
Algarotti attesta, che il Tartini prima di comporre era uso leggere un
qualche sonetto del Petrarca, cui somigliava moltissimo nella
delicatezza del sentimento, affinchè avesse un oggetto determinato a
dipignere; e non perdesse mai di vista il motivo, o soggetto. Così in
fatti nelle sue sonate la più gran varietà vien sempre sposata alla più
perfetta unità.

TAUSHER (J. G.), morto verso il 1787, si crede esser l'autore di un
_Saggio d'istruzione sulla disposizione de' registri dell'organo, e la
maniera di perfezionare in generale questi instromenti_, Waldenburgo
1775. Vi si trova in fine una relazione di un soffietto, nuovamente
inventato dai fratelli Wagner, costruttori di organi, e di cui si è
fatto uso nella costruzione dell'organo di Hohenstein.

TAYLOR (John Brook), cel. matematico inglese, e secretario della Società
reale di Londra, fu il primo che nella sua opera, _Methodus
incrementorum directa et inversa_ (Londra 1715), giunse a dimostrare con
esattezza e con rigore geometrico il problema su le vibrazioni delle
corde sonore, e sottomettere al calcolo il moto delle corde oscillanti.
Taylor morì in Londra nel 1731.


TEDESCHI (Giov.), detto _Amadori_, e più conosciuto sotto questo nome,
fu uno de' più gran cantanti della cel. scuola di Bernacchi. Dopo aver
figurato moltissimo ne' più rinomati teatri dell'Italia e della
Germania, prese in Napoli nell'anno 1773 l'impresa del R. teatro di S.
Carlo. Conoscitore ch'egli era della buona musica, e fissar volendo la
volubilità del gusto napoletano, indusse Jommelli a scrivere per quel
teatro l'_Armida_, e un pò dopo il _Demofoonte_. Amadori avendo per se
tratto gran profitto dall'ottima riuscita della musica di questi due
drammi, andò in Roma, dove era ito a scriver Jommelli, non avendolo
potuto persuadere per lettere, che gli componesse un terzo, che fu
l'_Ifigenia_, e gli offerse doppia ricognizione. Ma per una fatalità
incredibile essendo in teatro caduta questa musica, Jommelli restituì
generosamente all'impresario Amadori i scudi seicento, prezzo convenuto
dell'Ifigenia, col dire, che avendo sbagliata l'opera, doveva aver
riguardo al di lui interesse nel metterne un'altra; atto magnanimo e
virtuoso, dice il Mattei, che vale per la sua gloria più assai di cento
opere ben incontrate. Tedeschi viveva ancora nel 1775.

TELEFANE di Samo, celebre maestro di canto e suonator di flauto fu
amicissimo dell'oratore Demostene. Narra costui che dovendo per incarico
della sua tribù mandare al concorso del premio ne' pubblici giuochi i
giovani più abili nel canto, stava per esser tradito dalla trascuratezza
di _Midia_, che loro aveva dato per maestro. Pochi giorni prima del
concorso avvisato dell'inganno, Demostene licenziato _Midia_ dalla
scuola, scongiurò l'amico Telefane a fare in modo, che sotto la sua cura
supplissero in que' giorni le lezioni, che i ragazzi avevano perdute
fino a quell'ora, acciocchè non facessero disonore alla sua tribù. La
maestria di Telefane fu tale, che li dispose con sugose lezioni di
armonìa; ed i ragazzi e Demostene fecero bella figura. Viaggiando
Pausania per la Grecia trovò un magnifico mausoleo innalzato con una
eccellente iscrizione in Megara da Cleopatra sorella del grande
Alessandro alla memoria di questo cel. suonatore. Plutarco riferisce,
che egli non solo non faceva uso d'imboccatura nel suonare il flauto, ma
che cercava di persuadere eziandio i costruttori a non metterne nei loro
strumenti. Fu per questa ragione ch'egli non volle entrar mai in lizza
ne' giuochi pitici (_V. Requeno t. 1_).

TELEMANN (Giorgio Filippo), nato a Magdeburgo fu uno de' più fecondi
compositori. Hendel diceva di lui, che scriveva un pezzo di musica a
otto parti colla stessa facilità con cui un altro scriverebbe una
lettera. Egli mostrò principalmente nella musica di chiesa uno
straordinario talento: ma avea più scienza, che gusto, e le sue opere
per teatro sono del tutto obliate. Morì in Hamburgo nel 1767. Egli fu
membro della Società musicale di Mitzler, che gli diè un vasto campo a
far delle ricerche sulla teoria. Abbiamo di lui: 1. _Descrizione
dell'organo di Castelli_; 2. _Istruzione sul trasporto_; 3. _Sistema de'
suoni, e degli intervalli, con ispiegazioni_, Hambourg 1767.

TELEMANN (Michele), nipote del precedente nato nel 1748 fu precettore
nella scuola musicale della cattedrale di Riga. Degno del suo avo non fu
men di lui profondo teorico. Nel 1773 diè egli al pubblico _Unterricht_
ossia _Elementi del basso continuo_. Nel 1785 fece stampare a Lipsia
un'altra opera in fol. col titolo di _Memorie sulla musica di chiesa_,
in tedesco. Vi si trovano delle _Messe_ a gran cori, e _Sanctus_ di sua
composizione.

TELESTE di Selinunte in Sicilia, cel. musico e poeta lirico nel quinto
secolo prima dell'era cristiana. Ateneo (_l. 14_) fa di lui menzione, e
reca un frammento di un suo Poema sull'avventura di Pallade, che sonando
la tibia si avvide in un fonte, che il suo volto divenivane sconcio, e
la gittò via. E poco appresso adduce ancora un passo del di lui _Imeneo
Ditirambico_ dove ei favella di uno istromento musico di cinque corde,
chiamato _Magade_.

TEMPELHOF (Giorgio-Feder.), dopo il 1786 precettore del R. principe di
Prussia per le matematiche, pubblicò a Berlino _Riflessioni sul
temperamento di Kirnberger, con una Istruzione per accordare di una
facil maniera gli organi, i cembali e li forte-piano_, 1775.

TEOFRASTO, nativo di Eresia città di Lesbo, filosofo greco. Platone fu
il primo suo precettore, dalla cui scuola passò a quella di Aristotile.
Costui invaghito della facilità del suo spirito, e della leggiadria
della sua elocuzione, cambiò il suo primo nome di Tirtamo in quello di
Eufrasto, che _buon parlatore_ significa, e un tal nome non rispondendo
abbastanza all'alta stima, ch'egli concepito avea della bellezza del suo
ingegno, e del suo dire, lo chiamò _Teofrasto_, cioè un _uomo di lingua
divina_. Aristotile, obbligato a sortire d'Atene, lasciò la sua scuola,
l'anno 322 prima di G. C. a Teofrasto. Il di lui nome divenne così
celebre in tutta la Grecia, ch'egli giunse ad aver nel suo liceo oltre a
due mila scolari: ebbe la stima e la familiarità di più Sovrani:
Cassandro re di Macedonia fu suo amico, e Tolomeo figlio di Lago primo
re dell'Egitto trattenne sempre seco uno stretto commercio. Teofrasto
morì carico d'anni e di fatiche, non cessando di studiare se non
cessando di vivere. Tra le molte sue opere dalla voracità del tempo
rapiteci, eravi quella dell'_Origine della Musica_, in tre libri ch'egli
avea scritto da metafisico piuttosto che da pratico. L'enciclopedista
_Plutarco_, che l'aveva letta, ci diede nel _Simposiaco_ l'argomento
della medesima, dicendo, che questo filosofo riconobbe tre differenti
origini del canto: 1. il dolore, da cui derivarono i canti lugubri; 2.
il piacere o la gioja, dalla quale ebbero origine le allegre cantilene
co' balli; 3. l'estro divino, da cui furono prodotti i canti eroici e
profetici; aggiungendo, che per perfezionare queste tre specie di canti,
altro principio che l'istinto del cuore e dello spirito non dovesse mai
consultarsi. Secondo Laerzio scrisse ancora Teofrasto un _Trattato
storico de' Musici_, ed un altro degli _Armonici_.

TEOFRASTO di Pieria, cel. musico dell'antica Grecia fiorì cinque secoli
innanzi G. C. Nicomaco afferma ch'egli aggiunse la nona corda alla lira
di Mercurio verso la parte grave (_Manual. mus. lib. 2_).

TEONE di Smirna, filosofo platonico, e celebre matematico nel secondo
secolo dell'era cristiana, scrisse a lungo della musica nel suo
_Compendio della dottrina matematica di Platone_, ed un altro libro
abbiamo di lui intitolato _Della Musica_, nel quale rapporta le
proporzioni de' musicali intervalli secondo la dottrina di Laso
ermionese, e d'Ippaso di Metaponto, e disapprova la divisione del tuono
data da Aristosseno.

TERPANDRO, nativo di Lesbo, poeta musico, guadagnò più d'una volta il
premio d'onore nei giuochi pubblici della Grecia (_V. Euclid. Introd.
music._): maggior onore recarongli però le sue scoperte. Da lui fu
aggiunto un quarto tetracordo nella cetra, chiamandolo _diezeugmenon_,
che prima tre soli ne avea, due congiunti ed uno disgiunto. Narra
Plutarco, che per tal novità fu chiamato a Lacedemone, dove egli
dimorava, in giudizio dagli Efori. Terpandro, armato della sua lira,
comparve dinnanzi al popolo, e disse primieramente in sua difesa, che la
musica non fu solo inventata per istruire, ma eziandio per dilettare,
che non consistendo il criterio de' piaceri nel senso o
nell'immaginazione di un sol uomo, ma della moltitudine, a questa egli
appellavasi; e mettendo mano alla lira fece delle sonate così nuove e
piacevoli, che fu assoluto dal popolo, e da' giudici; ed applaudita la
novità da lui introdotta nella lira. Compose egli altresì per differenti
strumenti alcune arie, che serviron poi di modello: fissò con note il
canto, che dar si doveva alle poesie d'Omero: introdusse nuovi ritmi
nella poesia, e coll'adattarvi l'azione diede spirito agli inni ne'
musicali conflitti (_Polluc. lib. 4, Plutar. de mus._) In Lacedemone era
chiamato per eccellenza il _cantore di Lesbo_ e gli altri Greci
conservaron per lui la stima profonda con cui eran usi onorare i
talenti, che contribuivano ai loro piaceri. Terpandro fiorì sette secoli
innanzi G. C.

TERRADEGLIAS (Domenico) nacque a Barcellona sui principj dello scorso
sec. e venne in Napoli a studiar la musica sotto il cel. Durante nel
Conservatorio di Sant'Onofrio. Mercè i suoi talenti e l'assiduità allo
studio pervenne al rango di uno de' migliori compositori del sec. 18,
principalmente pel teatro. Nel suo stile, egli più che altri si avvicina
a quello di Majo e del Sassone, ma vi unisce più fuoco e più brio.
All'epoca della sua maggiore celebrità, circa 1746, i cantanti
amaramente lagnavansi delle difficoltà delle sue opere, il che certo non
avverrebbe oggigiorno. _Rousseau_ nella sua lettera sulla musica
francese rapporta che Terradeglias parlandogli una volta di alcuni
Mottetti da lui composti, dove aveva messo de' cori con gran maestria
faticati arrossiva di averne fatti così belli scusandosi sulla sua
giovinezza, _altre volte_, egli diceva, _io amava a far del fracasso,
cerco adesso di far della musica_. Nel Dizionario di musica dice che il
Genio guidò questo compositore, nel santuario del buon gusto, e
dell'espressione. Un giorno Terradeglias trovandosi in Francia, venne al
teatro ove si eseguiva la musica di una grand'opera francese. Al sentir
le grida e gli urli, che allora ne formavano l'essenza, e vedendo gli
applausi con i quali accoglievansi quelle svenevolezze, _i francesi_,
sclamò egli, _hanno le orecchie di corno_. Terradeglias si stabilì
finalmente in Roma come maestro di cappella di S. Giacomo de' Spagnuoli,
e morì quivi nel 1751.

TERZA (Giuseppe) nel 1805 pubblicò in Napoli, _Nuovo sistema del suono_,
in 8º, con un rame di esempj. Egli è una specie di Prospetto di un'opera
più lunga, che l'autore si propone di pubblicare sull'arte del maestro
di musica. Prima d'ogn'altra cosa vi esamina egli le idee di Aristotile,
di Descartes, di Newton e d'altri sull'origine del suono, e sviluppa a
questo proposito delle estese conoscenze, che prevengono in favore
dell'opera ch'egli annunzia.

TESI (Vittoria), nata in Firenze, fu una delle prime cantatrici
dell'Italia nel secolo 18. Francesco Redi maestro di cappella fiorentino
le diè le prime lezioni di canto. Ella portossi quindi a Bologna, e vi
proseguì i suoi studj sotto la direzion di Campeggi, e frequentò insieme
la celebre scuola del Bernacchi; applicandosi con zelo allo studio
dell'arte di cantare, il suo gusto naturale la portò sulle scene. Nel
1719 cantò sul teatro di Dresda, e nel 1725 su quello di Napoli: nel
1749 cantò la parte di Didone, dramma del Metastasio messo in musica dal
gran Jommelli, nel teatro di Vienna; e tutto che la Tesi sorpassasse
allora i cinquant'anni di sua età, piacque più che prima la sua
esecuzione. Lo stesso Metastasio scrivendo quell'anno alla principessa
di Belmonte, _andò in iscena la mia Didone_, egli dice, _ornata di una
musica che giustamente ha sorpresa, ed incantata la corte. La Tesi è
ringiovanita di venti anni._ Essa stabilitasi in Vienna lasciò il
teatro, ed impiegò i suoi ultimi anni nel formare delle giovani
cantanti, ed attrici, tra le quali si distinsero la _Teuber_, e la _de
Amicis_. Burney ne' suoi _Viaggi_ t. 2 p. 236 racconta, che in Vienna
ella ricusò generosamente la mano di un conte, per riguardo alla sua
famiglia, e sposò un giovane di bassa lega. Il re di Danimarca onorolla
nel 1769, della croce dell'ordine della fedeltà e della costanza. Morì
ella a Vienna in età di più di 80 anni verso il 1775. Aveva la voce
molto estesa, e cantava con uguale facilità sì nell'alto, che nel basso:
il genere serio e 'l grazioso le eran familiari ugualmente.

TESSARINI (Carlo) da Rimini, godè in Italia di gran rinomanza come
compositore, e come violinista, fu per molti anni maestro di concerto e
primo violino della cattedrale di Urbino: nel 1762 portossi a Amsterdam,
dove la sua musica strumentale ebbe un grandissimo incontro per il gusto
moderno, con cui era scritta, e molta ve ne ha quivi impressa, come
anche ad Urbino e in Parigi. Pubblicò altresì in Amsterdam: _Nuovo
metodo di apprender per teorica, in un mese di tempo, a suonar di
violino, diviso in tre classi, con lezioni a 2 violini_, 1762.

TESTORI (Carlo Giovanni), maestro di musica e professore di violino in
Vercelli, è autore di un'opera quivi pubblicata col titolo: _La Musica
ragionata, espressa famigliarmente in dodici passeggiate a dialogo_, in
4º, 1767, con 22 carte di rami. L'autore dice, che avendo avuto due
maestri di composizione, non ebbe dall'un di essi che sei lezioni,
dall'altro nove, e tutti e due _si fa così si dee far così_, e o le loro
ragioni, egli soggiunge, non furono abbastanza per me, od io non bastava
per loro, e così lasciando la cosa a suo luogo, non ne feci altra. Si
mise egli a leggere varj libri, che trattavan di musica, massime per
comporre, e benchè il titolo promettesse assai inoltrandosi nel leggerli
vi trovò un numero infinito di regole senza vedere un principio d'onde
derivassero. Leggendo attentamente queste regole trovonne molte tra di
loro contradicenti. Formossi egli dunque da se stesso un metodo, dedotto
da alcuni principj, che ben meditando sull'arte dispose gradatamente in
buon ordine, e procurossi così il vantaggio di capire il buono, e
scartare il cattivo negli scritti altrui. Incontratosi poi nel _Trattato
dell'Armonia di M. Rameau_, dice egli di averlo non solo inteso bene
dalla prima lettura, ma di averne eziandio capito lo spirito, per avere
egli già battuta la medesima strada. Chechè sia di ciò, l'A. nella sua
opera ha saputo farne buon uso, non adottando del Rameau che alcuni
buoni principj di pratica: non ha saviamente fatto uso di calcoli
aritmetici, che non son punto necessarj al fine ch'egli si propone; ed
ha solo sparso il suo libro di esempj chiari, e di semplici
dimostrazioni affine di formare in brieve tempo, e senza molta fatica
de' ragionevoli compositori di musica. Quel che reca alcun fastidio ai
suoi leggitori si è la prolissità e la bassezza del suo stile, onde
dommi a credere che questa sia stata la ragione del poco spaccio del suo
libro. Nell'avvertimento al lettore egli prometteva di dar fuori pure un
altro _Trattato della misura, e dello scrivere sotto le parole
coll'adattamento al senso di esse_. Non sappiamo però ch'egli ciò avesse
messo in effetto.

TEVO (Zaccaria), francescano di Venezia e professore di musica, pubblicò
quivi nel 1706 un'eccellente opera intitolata: _Musico testore_, in 4º,
ove trovansi molte profonde riflessioni sulla teoria, e sulla pratica
della musica. Chiama egli _testore_ il musico che vuol formare _a
texendo_, perchè insegna la maniera di _tesser_ un pezzo di musica di
qualunque genere egli sia. Egli sostiene il sentimento di coloro, che
non niegano agli antichi la cognizione del contrappunto, o dell'armonia
simultanea, sentimento il più abbracciato oggigiorno. L'opera di Tevo è
stata lodata da' più dotti scrittori di musica, particolarmente
italiani, e francesi.


THIEMÉ (Federico) musico tedesco, che ha passato in Francia la più gran
parte di sua vita, e dove si sono impresse molte sue composizioni
musicali. Egli pubblicò in oltre nel 1801 a Parigi, _Nouvelle théorie du
mouvement des airs, contenant le projet d'un nouveau chronomètre_.
Quest'opera non sorpassa la mediocrità.


TIEDEMANN professore di lingue dotte a Cassel, nel 1779 scrisse delle
_Osservazioni sulla Musica di Pitagora_, che Forkel ha inserite nel t. 3
della sua biblioteca di musica.

TIGRINI (Orazio), canonico di Arezzo, pubblicò in Venezia nel 1588
_Compendio della musica, nel quale si tratta dell'arte del contrappunto,
diviso in 4 Libri_ in 4º. La seconda edizione è del 1602.

TIMOTEO, poeta musico di Mileto, fornito di un singolar talento dalla
natura venne a darne in Atene i suoi primi saggi: ma sonato avendo
dinanzi al popolo, gli Ateniesi lo fischiarono. Scoraggiato da questo
primo incontro, pensava di rinunziare alla musica per la quale credeva
già di non avere disposizione alcuna, quando Euripide, più perspicace
della moltitudine talmente lo consolò e fecegli animo, che obbliar gli
fece la sua disgrazia. Egli diessi di poi interamente a coltivar la sua
arte, e giunse col suo genio a fare una rivoluzione nella musica de'
Greci. Ad imitazion di Terpandro aggiunse quattro nuove corde alla lira,
e trasse dal nuovo istromento un'armonia sì penetrante, sì dolce, che il
Senato di Sparta, riguardando siffatta innovazione come pericolosa a'
costumi condannò con un rigoroso decreto conservatoci da _Boezio_ i
nuovi progressi dell'arte, e l'artista insieme. (_V. l'artic._ Cleaver,
_nel 2º tom._). Si pensava già al riferir di _Ateneo_, di tagliar quelle
nuove corde secondo il decreto, quando si accorse Timoteo di una statua
di Apollo, la di cui lira aveva l'ugual numero di corde della sua:
mostrolla ai giudici, ed ei fu assoluto. Proseguì a perfezionare allora
l'antica musica, e vien riguardato qual inventore del genere cromatico,
e di un canto più scientifico e più variato. La sua riputazione tirò
alla sua scuola un'infinità di scolari. Egli esiggeva doppia paga da
quegli, che venivano per imparar da lui a suonar di flauto, o la lira,
dopo avere avuto un altro maestro: e davane per ragione, che un abil
maestro, succedendo a de' precettori semidotti, ha doppiamente ad
affaticarsi, con fare obbliare al discepolo quel che aveva appreso male,
e con nuovamente istruirlo. Egli morì in età di 90 anni cinque secoli
innanzi G. C. Si sa la bella ode di _Dryden_, nella quale il poeta
celebra con entusiasmo i sublimi talenti di Timoteo, e M. _Delille_ nel
suo poema de _l'Imagination chant V_, se non che ambidue lo han confuso
con un altro Timoteo posteriore a costui.

TIMOTEO di Tebe, cel. musico e suonatore di flauto nella corte del
grande Alessandro, fiorì alcun tempo dopo del precedente. Chiamato alle
nozze di Alessandro con Rossane, Timoteo ne fece l'apertura
accompagnando con la tibia un inno ad Apollo (_V. Plutarc. de nupt.
Alex._), e talmente fecesi ammirare da quel conquistatore, che volle
presso di se ritenerlo per sempre. Egli aveva il talento di eccitare, o
di calmare in questo principe il suo umore guerriero. Se gli
attribuiscono dei _libri sulla musica_, che non sono giunti sino a noi.

TINCTOR, o TEINCTURIER (Giovanni), di Nivelles nel Brabante, fu dapprima
cappellano e musico del re di Sicilia, come nelle sue opere si chiama
egli stesso, e quindi nella sua patria canonico e dottore in dritto. Fu
egli che fondò in Napoli, mentre era in corte del re Ferdinando, insieme
con Gaffurio e Garnerio, quella cel. scuola di musica, che fu in quel
tempo sommamente utile ai progressi dell'arte in Italia. A quest'oggetto
egli scrisse più opere sulla teoria e la pratica della musica in latino
idioma, assai puro per quel secolo: a lui si deve il primo _Dizionario
di musica_ col titolo di _Terminorum musicæ definitorium_, e quest'opera
è altresì il primo trattato dell'arte, che siasi onorato colle stampe di
Napoli, e da lui dedicato a Beatrice di Aragona figlia di Ferdinando
verso il 1478. Forkel l'ha fatto ristampare nella sua _Letteratura
generale della musica_ a Lipsia 1792. Questo dizionario, dove sono
spiegati i termini dell'arte in uso ne' secoli di mezzo, è di un'estrema
importanza per la sua storia: pare che i più accurati bibliografi in
musica, come Sammler, Doni, Zarlino, Bottrigari non ne abbiano avuto
notizia: e sino al P. Martini, Burney e Forkel se n'era quasi del tutto
perduta la memoria. Le altre opere di questo dotto autore del secolo 15
sono rimaste manoscritte.

TISSOT (Samuele-Augusto), cel. dottore in medicina, in molte delle sue
opere parla degli effetti della musica sul corpo dell'uomo, e divide la
musica medicinale in _incitativa_, e _calmante_. (_V. Lichtenthal p. 57,
e 79_). Merita altresì che si legga un suo piccol libro intitolato:
_Essai sur la mue de la voix_.

TITON DU TILLET (Evrard), morto in Parigi nel 1762. Egli conservò sino
alla fine de' suoi giorni un vivo gusto per le belle lettere: nel suo
_Parnasse français_, Paris 1732 in fol. si trovano molte osservazioni
sulla poesia e sulla musica, e le notizie necrologiche de' musici
francesi. I supplementi ch'egli pubblicò in un altro volume in fol.
giungono sino al 1760, e contengono la storia de' musici in
quest'intervallo defunti. Il suo stile è negletto, e monotono.


TODERINI (l'ab. Giambattista), precettore dei figlio dell'ambasciadore
di Venezia a Costantinopoli, ove dimorò per sei anni, è autore di
un'opera in 3 vol. intitolata: _Letteratura turchesca_, Venezia 1787.
Nel primo tomo egli tratta _della Musica de' Turchi_, e mostra esser
falso contro l'asserzione di Dunbar, e Niebuhr inglesi che i turchi di
distinzione disdegnino di apprender la musica: essi evitano soltanto di
farsi sentire in pubblico. I turchi, egli dice, hanno preso dai Persiani
la loro musica; il Sultano mantiene un numeroso coro di musici, i quali
fanno sentirsi in occasione di solennità. Al serraglio vi ha una musica
da camera, che il Sultano fa eseguire più volte per settimana: vi fa
alle volte introdurre eziandio i più distinti musici della città Greci,
Armeni, Giudei o Turchi. Toderini dà alla fine di questo volume un
saggio della musica turchesca. La sua opera è stata tradotta in tedesco
dal professore _Hausleutner_ a Stuttgard, ed in francese dall'ab. _de
Cournand_ a Parigi.

TOEPFER (Carlo), precettore nel ginnasio d'Eisenach, è autore di
un'opera in tedesco che ha per titolo: _Elementi per imparare la musica,
e principalmente il cembalo, con una introduzione critica_, Breslavia
1773 in 4º.

TOLEMAIDE di Cirene, donna seguace della filosofia di Pitagora, secondo
l'uso di questa scuola coltivò anche la musica. Porfirio ne' Comenti
sugli armonici di Tolomeo, cita alcuni di lei scritti sulla musica (_V.
Fabric. Bibl. Gr. t. 2_).

TOLOMEO (Claudio), cel. matematico di Alessandria nell'Egitto fiorì
verso l'anno 130 dell'era cristiana. Egli coltivò la musica, che presso
gli antichi sappiamo aver fatta parte delle mattematiche, e de' studj
de' filosofi. Abbiamo di lui _Tre libri degli Armonici_, sopra i quali
vi fece Porfirio de' lunghi Comenti. Il D. Wallis li ha tradotti in
latino, e col testo greco promesso dal Meibomio pubblicolli a Oxford,
dapprima in 4º, nel 1682, e quindi nel 1699 in fol. con una sua
appendice: _De veterum Harmonica ad hodiernam comparata._ Il dottissimo
ab. Requeno dopo un profondo esame della dottrina di Tolomeo e de' suoi
Comentatori, “I moderni credono, egli dice, che la musica debba più a
Tolomeo che a nessun altro de' Greci; ma dall'esame de' greci armonici,
e da' miei sperimenti sul greco sistema si conchiude, che nessun altro
rovinò tanto l'antico sistema, nè autorizzò col calcolo armonico tanti
errori su gli intervalli consoni, quanto Tolomeo. Egli era uomo molto
erudito ed accreditato nel calcolo, ed un grande ingegno. Il suo
eccellente ingegno lo avrebbe condotto a fare delle dimostrazioni
verissime intorno agli intervalli delle sei consonanze, se il fondamento
della misura del tuono, con cui le computò, fosse stato vero, anch'esso:
ma le fece falsissime per l'insussistenza del principio, da cui fu
guidato. Il credito non di manco del suo sapere autorizzò questi computi
a tal segno, che Boezio suo seguace giunse fino a sistemare i suoi
errori, e a dimostrarli col metodo geometrico in diversi teoremi. Il
dotto Zarlino gli copiò e li difese, e Rousseau li trascrisse dal
Zarlino: _I commentarj di Porfirio_ sono degni dell'autore dell'Isagoge
de' cinque predicabili, celebrati tanto da' nostri scolastici.
_Porfirio_ muove disputa contro Tolomeo per avere definito il suono per
quantità, essendo, dice egli, una qualità. Lo riprende inoltre per aver
egli confuso il suono con la voce; e fuori di qualche erudizione, che
allora poco si valutava, e adesso si stima molto, Porfirio ed i suoi
commentarj su Tolomeo sono poco pregevoli.” (_Saggi ec. t. 1_). Veggasi
ancora la confutazione della dottrina di Tolomeo che ne ha fatta questo
dotto critico nel t. 2 de' suoi _Saggi pratici, part. 2, c. 3_. Nelle
_Memorie_ di Gruber _per la letteratura della musica_ trovansi eziandio
delle ricerche critiche molto interessanti sui libri armonici di
Tolomeo. “In molti punti, dice l'ab. Andres, Tolomeo si rende
inintelligibile, e passa in altri da' ragionamenti e dimostrazioni in
sogni e delirj” (_Dell'Acustica c. 8_). Reca quindi meraviglia come
l'inglese Burney lo chiami il più dotto, più preciso, e più filosofico
scrittore in questa materia (_History of music_ c. V).

TOMEONI (Florido), nato in Lucca, ma stabilito attualmente in Parigi da
più di venti anni, come compositore e professore di musica, nel 1799
pubblicò quivi: _Teoria della musica vocale con osservazioni sulla
pronunzia delle due lingue italiana e francese_, in 8º. Quest'opera
contiene delle giudiziose riflessioni sulle due scuole di musica
dell'Italia, e della Francia; vi si veggono le ragioni della superiorità
degli Italiani nell'arte musicale, ed i mezzi di giungere alla
perfezione, che eglino hanno acquistata nell'esecuzione.

TONELLI (Antonio), nato a Carpi nello stato di Modena, studiò in Bologna
la musica, ove fecesi un nome celebre pe' suoi talenti. Nominato
all'impiego di maestro di canto nel collegio di Parma, ottenne per la
sua virtù la protezione del duca. Dopo un soggiorno di 15 anni in quella
città, per la stranezza del suo pensare, partì subitamente senza danaro,
senz'equipaggio, con un solo abito nero, e 'l suo violino, che
eccellentemente sonava: portossi in Danimarca, e vi restò per tre anni.
Nel 1720 tornò in Italia come ne era sortito, sfornito di tutto, e
ricusò lungo tempo i beneficj de' principi, che offrivangli a gara
ottimi stabilimenti, ma egli non volle fissarsi mai in verun luogo. Non
fu che nel 1760, che si stabilì finalmente nella patria in qualità di
maestro di cappella della cattedrale di Carpi, ove morì li 26 dicembre
del 1765, dopo aver dichiarati suoi eredi i poveri incurabili di Faenza.
Egli lasciò manoscritto un _Trattato della musica_. Coltivava altresì la
poesia, e si hanno di lui alcuni eccellenti pezzi satirici, sparsi in
diverse raccolte.

TOSCANELLO (Orazio), uno di quegli eruditi cinquecentisti italiani, che
tentarono di ristabilire l'antico genere enarmonico de' Greci, ma
ponendo per base le corde diatoniche, e cromatiche de' moderni, e
facendone lo sperimento sul nostro clavicembalo, presero moltissimi
abbagli. Orazio pubblicò la sua _Arte metrica_ in Venezia nel 1567. “Su
tali principj o su tali supposizioni lascio alla considerazione
degl'intelligenti armonici qual conto debba farsi delle loro dotte
dicerie, e de' loro tomi in foglio sopra il cromatico o enarmonico de'
Greci. Non sono però affatto indegni que' soggetti di stima, mentre,
cercando essi l'antica musica, avanzaronsi nella moderna, e rischiararon
con la loro pratica varie corde dubbiose della nostra armonia.” Questo
si è il savio giudizio che reca di tali opere il _Requeno t. 2, p. 125_.

TOSI (Pierfrancesco), socio dell'accademia filarmonica di Bologna, si
rese illustre sui principj dello scorso secolo per la sua eccellente
maniera di cantare, e come compositore e scrittore eziandio. Fu
applaudito ne' più gran teatri d'Italia, e d'oltramonti. Quanz il
conobbe a Londra nel 1724, benchè in un'età molto avanzata: ma stimato
ancora pel suo raro merito. Lasciò quindi il teatro, e consacrossi a
formar degli allievi nel canto. La sua opera pubblicata in Bologna, col
titolo di _Opinioni de' cantori antichi e moderni, o sieno Osservazioni
sopra il canto figurato_, 1723, è molto pregiata non solo in Italia, ma
altresì in Germania ed in Francia (_V. Enciclop. metod. art. Aria_).
Agricola nel 1757 la tradusse in tedesco, con aggiungervi delle
interessanti note.


TRAETTA (Tommaso), uno de' più celebri scolari di Durante, e de'
migliori compositori pel teatro nello scorso secolo, nacque a Napoli nel
1738. In età di anni 21, sortì dal conservatorio della Pietà, e due anni
dopo scrisse il _Farnace_ per il gran teatro di S. Carlo, di cui fu così
brillante il successo, che gli si fecero comporre altre sei opere di
seguito sì serie che buffe. In Roma scrisse l'_Ezio_: e tutti i gran
teatri dell'Italia facevano a gara per averlo. Dopo averli tutti
percorsi, si attaccò egli al servigio della corte di Parma: fu richiesto
in Vienna, e vi scrisse due grandi opere con cori e balli, l'_Ifigenìa_
e l'_Armida_. Il successo ne fu prodigioso. Dopo la morte dell'infante
D. Filippo, Traetta portossi in Venezia, ove se gli affidò il
conservatorio dell'_Ospidaletto_, ma non vi si trattenne lungo tempo.
Due anni dopo l'Imperatrice Caterina II lo chiamò a Pietroburgo per
succedere a Galuppi, e nei sette anni del suo soggiorno nella Russia vi
scrisse sette opere, e molte cantate. Dopo la prima rappresentazione
della sua _Didone_ dicesi che l'imperatrice mandogli in dono una scatola
d'oro col di lei ritratto, e dentro un biglietto scritto di sua mano, in
cui gli diceva, che _Didone morendo avevagli fatto quel legato_.
L'Inghilterra volle anche averlo, ma provò quel clima assai nocivo alla
sua salute, e dopo un anno tornò in Italia per guarirsi. Il male
tuttavia fu incurabile, ed egli venne a morire in Napoli nel 1779,
compiti appena i 40 anni dell'età sua. Traetta musico profondo e
melanconico, riesce soprattutto eccellente negli effetti pittoreschi, e
patetici dell'armonia. Le migliori sue opere passar possono per
altrettanti modelli di musicale poetica, e come esemplari di correzione
e di grazia. “Bisognerebbe, dice l'elegante Arteaga, aver approdato or
ora da qualche Isola boreale scoperta dal celebre viaggiatore Cook per
ignorar i talenti, e la scienza del sempre bello, e qualche volta
sublime Traetta.” (_Rivol. t. 2_). M. Ginguené rapporta il seguente
aneddoto, all'art. _crier_ dell'Enciclop. metodica. Nella Sofonisba di
Traetta, questa Regina framettendosi tra 'l suo sposo, e l'amante, _Ah!
barbari che fate?_ dice loro: _Se di sangue dissetarvi bramate — Ferite,
uccidetemi, ecco il mio seno_, e come eglino sono ostinati a partire per
battersi, ella esclama: _Dove andate? Ah! no._ A quell'_Ah!_ vien
interrotta la musica. Il compositore, vedendo che quì gli era d'uopo
esimersi dalla regola generale, e non sapendo come esprimere il grado
della voce, che dar doveva l'attrice, mise sulla nota _sol_, tra due
parentesi: (_Un urlo francese_). Traetta intendeva molto bene, che urlo
_francese_ era il più acuto grido che formar possa la voce dell'uomo.

TRASILLO, greco scrittore di musica, filosofo platonico, e matematico,
familiare dell'Imperatore Tiberio, vien citato con elogio come dotto
musico da Plutarco, da Nicomaco, da Teone di Smirna e da Porfirio; il
quale ne' suoi _Comenti sugli armonici di Tolomeo_ fa menzione di un suo
_Trattato dell'Eptacordo_. Svetonio rapporta, che Trasillo come
matematico fu in Roma molto onorato da Tiberio, sino a dargli alloggio
nel palazzo. (_Vit. Cæsar, in Tiberio n. 14_).

TREJER (Padre maestro), valoroso contrappuntista di Firenze e autore di
quel curiosissimo canone a quattro, intitolato il _Ponte di santa
Trinità di Firenze_. Sanno i Fiorentini, che su quel bellissimo ponte
accorrono li venditori d'ogni genere di frutta e di utensigli, e vi
fanno un chiasso del diavolo per tirare ciascuno a se stesso i
passeggieri. Questo frastuono di voci e caratteri diversi prese egli
facetamente ad imitare con tanta precisione, che a chi l'udiva sembrava
proprio di trovarsi in quel luogo, e vi sentiva per sino il romore delle
carrozze, non che le grida de' barcaruoli d'Arno, miste a quelle de'
venditori. (_V. Carpani Haydine lett. 7_).

TRENTO (Vittorio), compositore italiano dei nostri giorni per teatro
rinomatissimo, per un gusto tutto nuovo nelle sue produzioni, e per
l'originalità e le grazie del suo strumentale, onde a ragion, io credo,
che detto ei venga dagl'intendenti l'Haydn e il Mozart dell'Italia. Le
sue sinfonie sono pregiatissime per la novità, e brio, e vivacità de'
motivi: per lo più vi dà egli principio da un _Grave_, ove impiegando
tutte le ricchezze delle transizioni armoniche, e scorrendo per varj
tuoni o modi, interessa non meno il cuor che l'orecchio, comecchè ambi
alletti e soddisfaccia. Il suo stile è dignitoso, elegante metodico, e
di tale forza a resistere più che ogn'altro all'instabilità del gusto
italiano. Nel magazzino di musica del _Ricordi_ in Milano trovansi di
lui impressi _Gli assassinj_ ossia _Quanti casi in un giorno_, _Teresa
vedova_, _le astuzie di Ficchetto_ oltre a più canzonette con
accompagnamento di forte piano stampate in Londra, e altrove.

TRICHET (Pietro), avvocato di Bordeaux, morto a Parigi nel 1644, di 57
anni. Nella Biblioteca di S. Genovefa si conserva un di lui _Trattato
manoscritto sugli stromenti di musica_.

TRIKLIR (Giovanni) nato a Dijon nel 1750, mostrò sin da' primi anni
molta abilità sul violino, e in età di 15 anni portossi a Manheim per
perfezionarvisi. Fece quindi tre viaggi in Italia, ove acquistò molti
lumi per la sua arte, e nel 1783 di ritorno in Alemagna entrò al
servigio dell'Elettor di Sassonia. Egli era allora uno de' più gran
virtuosi sul violoncello, e uno de' migliori compositori eziandio su
questo istromento. Deesi a lui l'invenzione del _microcosmo musicale_,
pel cui mezzo possono mettersi gli stromenti da corda al sicuro delle
variazioni dell'aria. Terminò egli questa sua scoperta l'anno 1785, con
l'ajuto di M. Hennequin a Dresda, e la sottomise allora al giudizio de'
Signori Schuster, Babbi, Uhlig e Caselli. Egli è morto verso il 1806.

TRITTA (Giacomo), attualmente maestro di contrappunto nel R. Collegio di
musica in Napoli, fu allievo del cel. Sala. Nel 1787 scrisse _la Vergine
del Sole_, nel quale dramma vi ha un duetto, ed un terzetto di una
estrema bellezza. Nel 1788 compose la musica della _Molinarella_. Nel
magazzino del Ricordi in Milano vi ha di lui in oltre _Il Cartesiano
fantastico, e le trame spiritose_.

TROMLITZ (Giorgio), uno de' primi virtuosi sul flauto nella Germania, e
cel. nella costruzione di tali stromenti, benchè la delicatezza della
sua salute lo avesse obbligato dopo il 1780 a non più suonarlo. Egli
diessi allora all'istruzione di un gran numero di allievi
nell'università di Lipsia; e nel 1786 pubblicò quivi una _Dissertazione
sul flauto e sulla maniera di suonarlo_: di cui ve ne ha una seconda
edizione del 1790. Nel magazzino di Cramer trovansi di lui impressi
_Concerti di flauto_, che sono assai ricercati.

TRYDELL (John), musico di Londra, ove nel 1769 diè per le stampe: _Two
essays on the theory, and practice of music_, cioè _Due Saggi sulla
teoria e la pratica della musica_. Il primo contiene gli elementi
musicali, e 'l secondo i principj dell'armonia, della composizione e del
basso continuo.


TURINI (Ferdinando), veneziano, nipote del rinomato _Berton_, benchè
avesse avuta la disgrazia di divenir cieco nel 1772, nel fiore dell'età,
fu non di meno uno de' migliori organisti dell'Italia. Compose molti
intermedj e cantate, alle quali lo stesso Sassone non potè ricusare la
sua approvazione.

TURKI (Daniele) fece i suoi studj nell'università di Lipsia dopo il
1773, e coltivò insieme la musica. Il cel. Hassler gli diè lezioni di
cembalo sulla maniera di Emman. Bach. Turki si applicò quindi alla
composizione: e dopo il 1781 ha dato molti corsi pubblici di quest'arte
nell'università di Halle, dove pubblicò le seguenti opere: _Dei
principali doveri di un organista, 1787. Scuola di cembalo per i
maestri, e per i principianti con note critiche 1789. Introduzione allo
studio del basso continuo_ in 8º; la seconda edizione è del 1800, in
Lipsia. Quest'opera è pregiatissima. Vi sono di lui impresse eziandio
molte sonate per cembalo assai stimate.

TURN-TAXIS (il conte di), direttore generale delle poste italiana e
tedesca in Venezia, era il protettore e l'allievo dell'illustre Tartini,
col quale mantenne sempre un commercio non interrotto di lettere intorno
alla musica, di cui erane distintissimo amatore. Allorchè Rousseau si fè
lecito nel suo dizionario di musica di fare alcune osservazioni critiche
sul sistema di Tartini, egli ne prese vigorosamente la difesa: e venendo
a morte il Tartini lasciò in sua cura tutti i suoi manoscritti. Il
dottor Burney, che conobbe questo conte ancor giovane nel 1770 in
Venezia, lo annovera tra' migliori allievi del medesimo, comecchè il di
lui strumento favorito fosse il cembalo, ed ammirò il numero delle
messe, de' mottetti, e degli oratorj da lui composti. (_Present state of
music in Italy_).

TURNER (William), dottore in musica a Londra, e compositore al suo tempo
pregiatissimo sul gusto italiano, morì nel 1740. Egli è inoltre autore
di un'opera intitolata: _A philosophical essay on music_; cioè _Saggio
filosofico sulla musica_, in 4º, senza data.



U


UGOLINI (l'ab. Biagio), dottore veneziano, a cui si deve l'immensa
collezione in 34 vol. in fol. col titolo _Thesaurus antiquitatum
sacrarum_ etc. Venetiis 1766. Il trentesimo secondo vol. è interamente
addetto alla _Musica degli Ebrei_: vi si trovano in sul principio i 10
capitoli del _Schilte Haggiborim_, tradotti dall'ebreo in latino,
dall'ab. Ugolini, i quali trattano di quasi tutte le parti della musica
di questa nazione, e quindi 40 dissertazioni, o estratti dalle più
considerevoli opere di diversi autori, come Abicht, Bartoloccio,
Bocrisio, Bytemeister, Calmet, Drechsler, Glaser, Hasac, Heumann, Horch,
Kircher, Lamy, Mersenne, Hothon, d'Outrein, Pfeiffer, Paschio, Reime,
Schacchi, Schudt, Spencer e Van-Til, sullo stesso argomento.


UNGER (Federico) di Brunswick, ove fu consigliere di giustizia, inventò
ad Einbeck una macchina, che unita a un cembalo nota successivamente
tutto quello che si suona su questo istromento. Egli comunicò in una
lettera all'accademia di Berlino, di cui era membro, i disegni di questa
macchina, e nel 1774 ne pubblicò a Brunswick una descrizione
dettagliata. Quest'idea è stata di poi perfezionata da _Holfeld_, da
_Lenormand_, e nel 1810 da Mr. Nabot meccanico in Londra, che più che
altri vi è riuscito. (_V. Archiv. des découvertes t. 2_). Unger morì a
Brunswick nel 1781.


UREGNA (Pietro d'), monaco spagnuolo, visse nel decimosesto secolo a
Vigevano nel Milanese. L'ab. Arteaga dice, che egli merita esser cavato
dall'oscurità, ove indebitamente giaceva, poichè fu l'inventore della
settima nota aggiunta alla scala di Guido Aretino; che siffatta scoperta
si trova nel compendio del sistema di esso Uregna fatto, e pubblicato in
Roma in lingua spagnuola l'anno 1669. Il libro ha per titolo: _Arte
nueva della musica inventada por S. Gregorio, desconcertada an. 1022 por
Guido Aretino, restituida a su primera perfeccion por Fray Pedro de
Urena, y reducida a este breve compendio por J. C. in 4º._ L'autore del
compendio è il cel. M. Caramuele. (_Rivol. ec. t. I, p. 202_).



V


VACCARI (Francesco), nato a Modena circa 1772, cominciò a studiar di
violino dall'età di cinque anni, e mostrovvi le più grandi disposizioni.
Suo padre per farvelo vie più avanzare, gli offriva a suonare a prima
vista ogni specie di musica. Di nove anni eseguì in Parma un concerto di
violino dinanzi al duca e al conte del Nord: _Pugnani_, che si era
opposto a far suonare in corte un fanciullo, non lasciò, sentendolo, di
ammirarne l'esecuzione. Egli passò poi in Firenze a prender lezione del
cel. _Nardini_. Di tredici anni si rese a Mantova, ove _Pichl_
presentogli per saggio un concerto da lui composto, ch'egli eseguì
perfettamente a primo colpo d'occhio. Dopo aver viaggiato per quasi
tutta l'Italia, il figlio del gran-duca di Parma lo portò seco in
Ispagna, e verso l'anno 1804 fu dal re scelto come primo violino della
corte. Nelle turbolenze politiche di Madrid passò in Portogallo, dove
forse attualmente si trova. Egli ha scritto alcune sonate di violino.

VAGUE (M.), di Marsiglia, pubblicò in Parigi nel 1733, _l'Art
d'apprendre la musique, exposé d'une manière nouvelle et intelligible,
par une suite de leçons, qui se servent successivement de préparation_.
Gli elogj prodigamente accordati a quest'opera sin dalla sua
pubblicazione, e più ancora l'onore di una seconda edizione, sono una
prova del suo merito. Le dissertazioni, che vanno alla fine, meritano di
esser lette.

VALBURGA (M. Antonietta) di Baviera, figlia dell'imperatore Carlo VI,
elettrice vedova di Sassonia, morta a Dresda nel 1782, coltivò il suo
spirito collo studio delle scienze, e delle arti di gusto, e senza
mancar punto a' doveri d'una savia sovrana giunse così perfettamente a
possederle, che i più abili professori riguardaronla come un prodigio
del sesso. Alle profonde cognizioni in musica, univa somma abilità sul
cembalo, ed una grande espressione nel canto. Possedeva sì bene
l'italiano sino al segno di comporre degli eccellenti drammi in questa
lingua, che ella medesima metteva in note. Tali sono _il Trionfo della
fedeltà_, _Talestri regina delle Amazoni_, e l'oratorio _la Conversione
di S. Agostino_, cui fè porre in musica dal Sassone. Il cel. abbate
Eximeno nel dedicarle la sua Opera della Musica dice “che se il gran
Metastasio ha avuto l'immortal gloria di stimolare co' suoi drammi il
genio de' professori di musica; ella però non ha sofferto che altro
genio esprimesse colla musica i nobili sentimenti de' suoi drammi.”
Essendo venuta in Roma, fecesi ammirare pe' suoi sublimi talenti nella
poesia e nella musica, e l'accademia degli Arcadi recossi a gloria di
annoverarla tra' suoi membri, dove essa ebbe il nome di _Ermelinda
Talea_. Il dottor Burney sommamente la loda, per avere avuta occasione
nel 1772 di sentirla in Roma cantare un'intera scena, accompagnandosi al
cembalo, del suo dramma il _Trionfo_. Puossi anche vedere un'intera aria
della sua _Talestri_, che il surriferito _Eximeno_ ha fatto imprimere
alla fine del suo libro: lo stile ne è espressivo, grazioso, e pare
recentemente scritta. Porpora era stato il suo maestro sì per la
pratica, che per la composizione, ed essa aveva conservate nel suo
canto, e nelle sue produzioni la maniera grande, nobile e semplice
insieme di questo celebre maestro.

VALGULIO (Carlo), nato a Brescia da una antica e distinta famiglia, fu
uno de' più dotti uomini del sedicesimo secolo. Egli era secretario del
card. Cesare Borgia, e possedeva a fondo la lingua greca e latina. Nel
1507 pubblicò in Brescia la sua _traduzione latina del dialogo di
Plutarco sulla musica_ in 4º con sue dottissime annotazioni, a cui fa
precedere un _Discorso sull'antica musica_ per render più facile
l'intelligenza del suo autore. Spiega in esso i diversi termini della
musica usati da Plutarco; prende a difendere l'antico musico Aristosseno
contro le ingiuste accuse de' suoi avversarj, e deplora la totale
perdita di una musica così perfetta qual si era quella degli antichi;
perdita non per tanto, che secondo lui non è irreparabile, poichè
quest'arte può essere ristabilita per li medesimi mezzi, che la
portarono anticamente ad un sì alto grado di perfezione. Nè altra
cagione del cattivo stato della medesima crede potersi assegnare, se non
la trascuranza de' suoi professori nel non voler consultare le opere
degli antichi, ove troverebbero di che migliorare un'arte così utile.
Valgulio, dice M. Burette, merita della stima, e dell'attenzione per
avere avuto il coraggio di spianare il primo un pezzo cotanto difficile
a ben capirsi, qual si è questo dialogo di Plutarco sulla musica, e di
tradurlo in un latino puro abbastanza, perchè Enrico Stefano lo
adottasse nella sua edizione (_Histoir. littéraire du Dial. sur la
musique_). Tuttavolta fa maraviglia come la versione di Valgulio sia
sfuggita all'esatto Fabricio. Gaffurio, altro letterato musico di quel
secolo, fa onorevol menzione del Valgulio in un suo Trattato italiano, e
lo chiama _homo doctissimo, et experto in tutte le discipline_.

VALLA (Giorgio) da Piacenza, letterato di grido sulla fine del
quindicesimo secolo, e i principj del seguente, nel 1501 pubblicò in
Venezia, _de Musicâ_ libri V. Diè ancora una versione latina
dell'_Introduzione armonica_ del greco Euclide, cui egli attribuisce a
Cleonide (benchè non sia nè dell'uno, nè dell'altro, come lo abbiamo
avvertito all'artic. _Euclide_ t. 2 p. 124), pubblicata insieme con
l'_Architettura_ di Vitruvio a Venezia l'anno 1497, in fol.

VALLE (Pietro della), cavaliere romano, che secondo Kircher, era gran
musico e precettore di musica, nacque in Roma a' 2 di aprile del 1586.
Si ha di lui una dissertazione _de musicâ ætatis suæ_, che si trova
inserita nel secondo tomo delle opere di Doni, Firenze 1763.

VALLE (Guglielmo della), frate conventuale, che ne' suoi scritti mostra
aver del gusto per le belle arti, è autore delle _Memorie storiche per
la vita del Pad. Martini cel. maestro di cappella_, Napoli 1785 in 8º;
in esse dà egli un estratto delle di lui opere musicali, e specialmente
della sua storia pubblicata in tre volumi, ma rimasta imperfetta per la
morte del suo autore. Il P. della Valle dà eziandio l'estratto del 4º
tomo, che sui manoscritti del Martini continuar dovevasi dal Pad.
Stanislao Mattei: la musica degli Etruschi, de' Romani e de' bassi
secoli ne è il soggetto. Fa quindi le difese del Martini e della scuola
musicale italiana contro gli attacchi del frivolo autore di un libercolo
francese intitolato: _Brigandage de la musique italienne_, e rapporta
alla fine le lettere dell'avvocato Mattei, dell'ab. Eximeno, del P.
Martini ed alcune sue ancora sulla questione: _Se i greci ebbero
cognizione dell'armonia simultanea o contrappunto._ Diverse altre
lettere del Martini, e di alcuni celebri letterati al medesimo egli
riferisce molto interessanti alla letteratura della musica. Il P. della
Valle pubblicò anche il di lui elogio, che letto aveva nell'accademia di
Roma nel 1784 e che si trova nel tomo 57 del _Giornale de' letterati_.

VALLO (Domenico), napoletano, diè alle stampe un _Compendio elementare
di Musica specolativo-pratica_, in 8º, Napoli 1804. L'autore dice che
“obbligato dalle circostanze di apostatare dal foro, e di dare un addio
ai libri della dotta legge, la necessità ridestò in lui quei musicali
talenti, la di cui acquisizione, abbenchè estranea allo scopo che
mirava, pure adolescente la riguardò come mezzo salutare a poter
suffogare talvolta nel camin della vita il molesto senso delle edaci
cure; che metamorfosato in tal guisa da uom legale in musico, giunto in
paese straniero meritò il compatimento de' particolari del luogo, e la
benemerenza degli allievi a lui affidati per essere istituiti nell'aurea
scienza musicale. Dopo aver così consumato un intero lustro, essendosi
avvisato della mancanza di un breve metodo di musicali rudimenti,
vennegli in pensiero di compilare il presente, che ora offre al
pubblico.” _In esso lungi dall'occuparmi_, egli dice, _de' rapporti
chimerici tra la musica e le altre scienze, e lungi dal prescrutare il
principio fisico della risonanza de' corpi sonori, ed il principio
metafisico del sentimento dell'armonia, è solo mio disegno di fornire a'
principianti in iscorcio le sommarie cognizioni di teoria sufficienti a
rischiarar la pratica de' principj._ Pare in verità che questo compendio
sia assai ben fatto, e possa riuscir di profitto non che agli scolari,
ma ai maestri eziandio; mancando essi d'ordinario di un buon metodo
elementare. Gli uni e gli altri vi troveranno chiarezza e precision
nelle idee, una scelta erudizione, e de' principj atti a formare un
musico di buon gusto.

VALLOTTI (Franc. Antonio), nato a Vercelli nel 1697, fece i suoi primi
studj nel Seminario di quella città, ed applicatosi con ispezialità alla
musica sotto il cel. Brisson, fece in quest'arte de' molto rapidi
progressi. La poco fortuna de' suoi parenti l'obbligò a prender l'abito
di minore conventuale; dopo il noviziato, ritornò in Piemonte, studiò la
teologia e la filosofia, e lasciò ben tosto le lettere per la musica.
Egli fu dapprima organista del suo gran convento di Padova, e poco
appresso ne divenne maestro di cappella. La sua maniera sembrò tutta
nuova: fornito di un sentimento delicato, e di un'anima, per così dire,
tutta armonica, fu del paro applaudito da' suoi compatriotti e dagli
esteri. Dopo il 1750 veniva riguardato come uno de' migliori teorici, e
de più bravi compositori per chiesa. Il dottor _Burney_ rapporta di aver
veduto presso di lui nel 1770 in Padova, oltre ad una preziosa
biblioteca, due grandi armadii pieni di partiture delle sue
composizioni, tra le quali eravi la Messa di _Requiem_ per le esequie di
Tartini (_Travels, etc._). Nel 1779, diè egli alla luce in Padova la
prima parte della _Scienza teorica e pratica della moderna musica_, in
4º. Questo primo libro è puramente teorico: altri tre ne prometteva
l'autore, che son rimasti inediti. Il _secondo_ dovea contenere _gli
elementi pratici della musica_; il _terzo i principj del contrappunto_,
e 'l _quarto le regole dell'accompagnamento_. Egli morì a 16 gennaro del
1780, l' ab. Fanzago pronunziò il suo elogio. Il cel. P. Martini fu
incaricato dai Padri di Padova a cooperarsi alla pubblicazione del resto
di quell'opera del Vallotti, ed essendogli stati perciò rimessi i
manoscritti, così loro scriveva: _Non posso esprimere con quanto piacere
abbia dato una scorsa a tali scritti, dai quali rilevasi il profondo
sapere del P. Vallotti, e il danno che ne verrebbe al pubblico se non si
proseguisse a stampare quanto manca al compimento di tutta l'opera._ Non
sappiamo però per qual ragione sia svanita l'esecuzione di un sì util
progetto. Anche il Burney grandemente bramava che se ne facesse parte al
pubblico per la maniera chiara ed intelligibile, con la quale era
scritta. Nell'Effemeridi letterarie di Roma del 1780, uscì quindi una
mordace critica al primo tomo del Vallotti, che recò molto disgusto al
Martini. _Sono stato tentato_, dice egli in una lettera, _per la stima e
l'onore del defunto a rispondervi; ma il mio naturale abborrisce troppo
la guerra. Codesto P. Barca amicissimo del Vallotti, e che è informato
del profondo suo sapere potrebbe confutare i Signori Effemeridisti, per
far noto al mondo, che se fosse vivo il cel. Vallotti, forse non si
sarebbero azzardati a tanto, perchè loro avrebbe risposto per le rime._
La migliore apologia però sarebbe stata al certo la pubblicazion delle
sue opere, il che, per disavventura dell'arte non si è sinora avverato.

VALMALETE (Louis de), dilettante assai distinto sul violino, nato a
Rieux circa 1768, fece i suoi primi studj musicali sotto M. Fonces, e a'
quindici anni di sua età cantava qualunque musica a batter d'occhio.
Ebbe le prime lezioni di violino da Turlet, primo violinista del teatro
di Tolosa, a cui davasi il nome di _Tartini della Provenza_: nel 1787
venne a Parigi, e prese lezioni da Gaviniès. M. de Liron iniziavalo ne'
misteri della composizione, finchè venne a morire nel 1806. M. Valmalete
è oggidì uno de' primi dilettanti della Francia: egli suona da primo
violino con altrettanto di esattezza che d'intendimento nelle
composizioni di Tartini, di Haydn, e di Boccherini: accompagna molto
bene al piano-forte, ed ha fatto sinora imprimere a Parigi tre romanzi,
di cui ha composto i versi e la musica. Nel 1805, pubblicò inoltre le
_Due odi sull'armonia_ di Dryden, e di Pope, ch'egli ha tradotto da
poeta e da musico.

VANDERMONDE (M.), nato in Parigi nel 1735, e quivi morto nel primo di
gennaro 1796, era gran geometra e fisico, e non per tanto falso spirito.
Nel 1780 espose in una sessione pubblica dell'accademia delle scienze,
di cui era membro, un nuovo sistema di armonia. Egli riferisce le
maniere di procedere adottate sino a lui a due regole principali, una
sulla successione degli accordi, l'altra sulla disposizione delle parti;
queste due leggi generali, secondo lui, dipendono da una legge più
sublime, che regolar deve tutta l'armonia. L'autore temendo che si
potesse trar profitto dalla sua scoverta, inviluppò il suo sistema di
tanta oscurità, che finì col non comprendervi niente egli stesso.

VANHAL (Giovanni), boemo, dimorante in Vienna, ove viveva da semplice
particolare del prodotto della vendita di sue composizioni, che sono
state impresse per la più parte a Amsterdam, a Berlino, e a Parigi.
Queste consistono in sonate di cembalo, in divertimenti e rondò con
variazioni, in sinfonie, in concerti, ed anche in musica vocale, e tutte
stimatissime. Le sue prime sinfonie comparvero nel pubblico nel 1767, e
furono generalmente ricercate. Vi si ammirava la vivacità
dell'espressione, e la leggiadria del canto. Si pretendeva a quest'epoca
ch'egli fosse soggetto ad attacchi di follia: Burney, che il vide in
Vienna nel 1772, par che confermi tal voce, nel dire che lo trovò
guarito di siffatta malattia. Vanhal migliorò notabilmente la sua
fortuna con un vantaggioso matrimonio; e sarebbe divenuto ricchissimo,
se non portava tanto avanti la prodigalità verso i suoi confratelli. Gli
è assai volte accaduto di torsi l'abito dalla persona per vestirne un
musico bisognoso.

VAN-SWIETEN (il Barone di), prefetto dell'imperiale biblioteca di
Vienna, e presidente della commissione d'istruzione pubblica, uomo
dottissimo anche nella musica, e compositore non privo di merito, morto
a Vienna nel 1806, è inoltre autore d'una dissertazione _De musicæ in
medicinam influxu atque utilitate_, Leida 1773. A lui dobbiamo la divina
musica dell'Haydn, _della creazione, e delle quattro stagioni_: eccone
il come. Osservato aveva il Barone, che sebbene la musica non abbia un
linguaggio, pure come sa esprimere a maraviglia gli affetti, così può
colorire e dipingere le immagini, mercè la imitazione degli effetti
analoghi: aveva pure osservato che sebbene quà e là s'incontrino nelle
produzioni dei valenti maestri, dei cenni di questa imitazione, nulla di
meno un tal campo restava pressocchè tutto a scorrere, e l'additò al suo
amico Haydn, l'impresa da tentarsi fu dapprima un oratorio tutto di
genere descrittivo. Haydn accettò l'invito, e ne nacque questo capo
d'opera: il barone tradusse in tedesco il testo inglese del cel. Milton
dell'oratorio intitolato la _Creazione del mondo_, e vi aggiunse cori,
arie, duetti, ed altri pezzi concertati, onde pompeggiar potesse il
talento del maestro. Nel 1795 l'Haydn vi pose la prima mano: non meno di
2 anni vi sudò sopra, ma fece un lavoro di secoli. Due anni dopo, cioè
nel 1800, animato dal successo, e più ancora stimolatovi dall'amico
Barone, compose le _quattro stagioni_. Il poema è una imitazione di
quello di _Thompson_, ridotto a cantata da Van-Swieten: in quanto alla
musica, è opera tale da assicurare il primato nel genere descrittivo al
suo autore, quand'anche non avesse composta la creazione. Può leggersi
la dotta analisi, che fa della musica dell'Haydn su questi due poemi del
Van-Swieten, il non mai abbastanza lodato _Carpani_ nelle lettere 10 e
12. Dice egli inoltre, che se il Barone non moriva, avressimo un terzo
oratorio dell'Haydn de' _quattro novissimi_. Tanta era l'autorità, egli
soggiunge, che il detto Barone aveva preso sopra il buon vecchio, che
d'altronde non poco doveva ai di lui lumi, ed alla di lui amicizia.

VATRY (l'abbé Jean), morto nel 1769, membro dell'accademia delle
Iscrizioni, nel di cui tom. 8 1733 trovansi due sue _Dissertazioni sulle
tragedie degli antichi_. Egli ragiona de' vantaggi, che l'antica
tragedia ricavava da' suoi Cori per la gran varietà del loro canto,
diverso da quello delle scene: abbraccia l'opinion di coloro, che
sostengono essersi cantate le tragedie dal principio sino al fine, come
si fa ne' nostri drammi per musica. Su tal principio mette in luogo
della declamazione una specie di musica così differente da quella de'
Cori, come lo era la Poesia de' medesimi da quella delle scene, sì per
la cadenza e l'armonia, come per l'espressione. L'Autore va innanzi
all'obbjezione, che è un assurdo il minacciare, il lagnarsi, e il morir
cantando: risponde che la Tragedia è a dir vero una imitazione, ma una
imitazione in versi, ossia un Poema destinato a divenire spettacolo: che
imita non che per i suoi discorsi, ma eziandio per via dell'azione, e
de' gesti, che esser debbono diversi dal tuono naturale e di
conversazione, e a cui preseder fia d'uopo la musica: in somma che non è
meno assurdo il parlare in versi, che il cantare nel più forte di una
passione.


VECCHI (Orazio), diverso da Orfeo Vecchi maestro di musica nello stesso
secolo, era poeta insieme e maestro di cappella in Modena circa 1590.
Deesi a costui la prima Opera buffa, e poesia e musica, che sortì alla
luce in Vinegia l'anno 1597 col titolo: _Anfiparnasso Commedia_ dedicata
a D. Alessandro d'Este. L'accademia filarmonica possiede nella sua
biblioteca un esemplare di quest'opera così rara, che il _Zeno_,
comecchè in tal genere di erudizione fosse versatissimo, confessa in una
sua lettera al _Muratori_ d'ignorarne persin l'esistenza. Il Vecchi
nella Dedica dice: “Non essendo questo accoppiamento di commedia, e di
musica più stato fatto, ch'io mi sappia da altri, e forse non
immaginato, sarà facile aggiungere molte cose per dargli perfezione; ed
io dovrò essere se non lodato, almeno non biasimato dell'invenzione.” Ed
in fatti nell'Epitafio del Vecchi in Modena, che rapporta il Muratori
nella sua _Perfetta Poesia_, così vi si legge: _Qui harmoniam primus
comicæ facultati conjunxit, et totum terrarum orbem in sui admirationem
traxit._ Ma il dotto Arteaga, che ebbe alle mani questa rara edizione
dell'Anfiparnasso dice che “nè la musica, nè la poesia meriterebbono,
che se ne facesse menzione, se la circostanza d'esser la prima nel suo
genere non mi obbligasse a darle qualche luogo nella Storia.” (_Rivoluz.
t. 1, p. 264_).

VENINI (Francesco), nativo di Lago di Como fu da prima Somasco, e sin
dal 1755 professor pubblico di matematica in Parma: lasciò poi quella
congregazione, e venne da abate secolare in Francia al servigio di
Monsignore di Aix. Uscì una di lui _Dissertazione_ in Parigi _sui
principj dell'armonia musicale e poetica_, in 8º gr. Ella è divisa in
cinque capitoli. Nel primo ragionasi dei principj dell'armonia musicale,
e in pria di quella, che risulta dalla combinazione equitemporanea o
successiva dei suoni gravi cogli acuti. Nel secondo si tratta
dell'armonia risultante dalla durata dei suoni, ossia del ritmo
musicale. In questi due capi evvi molto uso di frazioni, e l'autore
protesta a p. 17 di essersi valuto del sistema di Rameau, e del terzo
suono del Tartini. Il conte Giovio fa menzione del Venini nel suo
_Dizionario ragionato degli scrittori Comaschi_.

VENTO (Mattia), maestro napoletano, dopo aver fatti i suoi studj, e la
sua riputazione in Italia, fu chiamato in Inghilterra, ove soggiornò gli
ultimi sette anni di sua vita, che terminò quivi l'anno 1778. Le sue
opere per teatro sono poco conosciute oggi giorno, comecchè avessero
ottenuto del successo a' suoi tempi: egli aveva messo anche in musica
quasi tutte le canzoni anacreontiche del Metastasio, in uno stile facile
e naturale. Le sue sonate per cembalo, pria che si avesse preso gusto in
Italia per quelle de' tedeschi, vi ebbero gran voga.

VENUTI (l'ab. Rodolfo), nativo di Cortona, per le sue profonde
cognizioni in letteratura divenne primo ispettore delle antichità in
Roma, ove è morto verso il 1780. Delle sue opere non farem qui menzione
che delle addizioni da lui fatte all'opera del cel. Bianchini
sull'antica musica, di cui fu egli il primo editore: _Blanchini de
tribus generibus musicæ veterum, opus ineditum, nonnullis additis a Rod.
Venuti_, etc. Romæ in 4º, 1742.

VERACINI (Francesco M.), fiorentino, uno de' più gran virtuosi sul
violino, la di cui maniera ardita e nuova diè occasione, e stimolo al
cel. _Tartini_ di formar la sua novella scuola come si è detto nel suo
articolo. Nel 1720 Veracini fu chiamato a Dresda in qualità di
compositore per la cappella del re di Polonia. Mattheson rapporta,
ch'egli perdè colà prestamente l'uso della ragione, sì per la lettura
de' libri di alchimia, per cui andava perduto, come per uno studio
avanzato di troppo della musica. In un accesso di manía egli
precipitossi, li dì 13 Agosto del 1722, dalla fenestra della sua camera,
ed ebbe la fortuna di non farsi altro male che rompersi una gamba.
Dacchè fu guarito sì della follia, che della frattura lasciò Dresda, e
venne a stabilirsi a Londra, ove probabilmente finì i suoi giorni.
Walther cita di lui dodici _a solo_ per violino impressi a Dresda nel
1721. Cramer lo accusa di aver mostrato dell'orgoglio, e del dispregio
pei virtuosi del paese in Dresda.


VIADANA (Ludovico), nativo di Lodi nel Milanese, era maestro di cappella
della cattedrale di Fano sul principio del sec. 17, e nel 1614 della
cattedrale di Mantova. Egli si rese celebre per avere il primo
introdotto de' concerti nelle chiese, ed inventato il _basso continuo_:
o per dir meglio egli fu il primo ad usare il basso _sonante_ oltre il
basso che canta con le altre voci, e a renderlo _continuo_ allorchè
questo intermette in certe pause, così può ben capirsi quel che
_Brossard_, e _Rousseau_ hanno con poca esattezza detto ne' loro
dizionarj di musica, cioè che _un certo Lud. Viana fu il primo a mettere
il basso in uso sul principio del diciasettesimo secolo_. Viadana diè
delle regole del basso continuo in un'opera scritta nelle tre lingue
latina, italiana, e tedesca. Le di lui composizioni per chiesa, molto in
istima presso i suoi contemporanei, trovansi impresse in Roma, in
Venezia, ed altrove.

VICENTINO (D. Nicolò). Prete di Vicenza assai dotto pel suo secolo nella
teoria, e nella pratica della musica, trovavasi in Roma nel 1551, e vi
sostenne una disputa con Vincenzo Lusitano altro scrittore di musica
portoghese. Si trattava di determinare il genere della moderna musica;
sosteneva il Lusitano, che ella era nel genere diatonico, e 'l Vicentino
al contrario, che ella risultava da tutti e tre i generi, diatonico,
cromatico, ed enarmonico rimescolati insieme. Fece ciascuno scommessa di
due scudi d'oro a favor della sua opinione, e la questione fu rimessa
all'arbitrio di due preti cantori della cappella pontificia. Gli arbitri
ascoltarono le due parti per più sessioni dinanzi al cardinal di
Ferrara, e ad una assemblea di molti letterati, ed intendenti delle
scienze armoniche: essi decisero a pro del Lusitano. Ma il Vicentino
tacciolli d'ingiustizia, e sostenne che il cardinale suo protettore non
era rimasto meno di lui rivoltato del loro giudizio. Bottrigari nel suo
trattato del _Melone_ censura fortemente la sentenza degli arbitri, e
difende il parere del Vicentino sul fondo della quistione. Tentò
oltracciò il Vicentino di ridurre alla pratica quella sua teoria in un
nuovo stromento di sua invenzione, ch'egli chiamò _archicembalo_, e nel
1555 diè alla luce in Roma un gran vol. in fol. per ispiegarlo ed
insegnarne l'accordatura, col seguente titolo: _L'antica musica ridotta
alla moderna pratica, con la dichiarazione e con gli esempj dei tre
generi con le loro specie, e con l'invenzione d'un nuovo stromento, nel
quale si contiene tutta la perfetta musica, con molti segreti musicali,
ec._ In questa ed in siffatte opere de' nostri antichi italiani benchè
si trovino degli errori e de' pregiudizj, non sono però, al dir di
Requeno, affatto indegne della nostra stima, mentre i loro autori
cercando l'antica musica, avanzaronsi nella moderna, e rischiararono con
la loro pratica, e stabilirono varie corde dubbiose della nostra
armonia. Eran essi filosofi, e da filosofi ragionavano; ma non era
possibile, che sul principio delle loro scoperte giugnessero tosto alla
perfezione dell'arte, onde ha ben ragione l'ab. Arteaga di alzar la sua
voce contro a' maestri, e a' musici del nostro tempo, che col fasto
proprio dell'ignoranza vilipendono le gloriose fatiche degli altri
secoli. “Si trova pur fra voi, egli dice, chi sappia tanto avanti ne'
principj filosofici dell'arte propria, quanto sapevan quegli uomini del
secolo decimosettimo, che voi onorate coll'urbano titolo di seguaci del
rancidume?”

VIEL (M.) pubblicò nel 1784, alla fine di una sua operetta intitolata:
_Considération sur l'origine de la peinture et du langage_, una curiosa
memoria sui balbuzienti al cembalo. M. Viel propone il seguente
problema, che non è stato ancora sciolto dai fisiologi. _Perchè un
balbo, che non lo è più cantando, lo è non pertanto sul cembalo, e come
questa difficoltà può pervenire sino alle dita?_

VIENNE (M. de), musico francese, morto a Charcuton vicino a Parigi nel
1802 con molte sue composizioni di uno stile piacevole e cantante ha
rigenerata la musica degli stromenti da fiato. Egli ha inoltre
arricchito il teatro francese di alcune produzioni di gusto, come _les
Comédiens ambulans_, _les Visitandines_, _le Valet de deux maîtres_. La
sua più bell'opera è il suo _Méthode de flûte_, da lui riveduta,
corretta, e considerevolmente accresciuta alcun poco prima di sua morte.

VIEUZAC (Barrere de), membro di più accademie, e letterato di un gusto
luminoso, e costante per le belle arti in generale, e con ispezialità
per la musica. Egli ha scritto molte dissertazioni in forma di _lettere
sulla musica italiana_, e fra le altre _sulle più belle composizioni di
Cimarosa e di Paesiello_. Queste lettere sono inserite nel _Journal des
défenseurs de la patrie_, anno 1810, e 1811. Ha scritto inoltre _sulle
tre scuole di musica, italiana, tedesca e francese_, come sull'influenza
del clima di Parigi sulle arti; un'_eccellente notizia sul genio e le
opere musicali di Winter_; ed una _analisi di quelle di Dalayrac_.

VIGNOLES (Alfonso des), di una antica e nobil famiglia della Linguadoca,
venne a stabilirsi in Berlino sin dal tempo, in cui il re Federico I vi
eresse la Real Società delle Scienze, come uno de' primi suoi membri, e
vi divenne in appresso direttore della classe delle matematiche, posto
ch'egli occupò con distinzione sino alla morte. Egli divenne per la sua
decrepita vecchiezza il Decano di tutti i Letterati dell'Europa, e finì
i suoi giorni in età di 95 anni nel 1744. Oltre a un gran numero di
dotte opere abbiamo di lui _Remarques sur la musique des Anciens_
dirette a M. Achard, che M. Formey ha inserite nei tomi X, XI, e XV
della _Nouvelle Bibliothèque Germanique_. (_V. élog. des Acad. de
Berlin, t. 1, 1757_)

VILLEBLANCHE (Armand de), nato a Parigi nel 1786, ebbe in Inghilterra le
prime lezioni di composizione da M. de Marin suo parente, e poi dall'ab.
Roze in Parigi. Cramer fu suo maestro sul forte-piano, da cui apprese
egli tutti i secreti di quest'instromento. Abbiamo di lui tre opere di
sonate per forte-piano impresse nel 1811 sommamente pregevoli. La sua
musica sul dramma la _Colère d'Achille_ è stata ricevuta all'imperiale
accademia di musica.

VILLOTEAU (G. A.), professore di musica a Parigi, membro di più società
letterarie nato a Bellème nel 1760, è autore di una eccellente opera in
2 vol. in 8º, pubblicata a Parigi nel 1807 con questo titolo, _Mémoire
sur l'utilité d'une théorie exacte et complète des principes naturels de
la musique_. Essa non è come dice egli stesso, che una breve
introduzione ad un'opera più grande, ch'egli medita sull'analogia della
musica con le arti, che hanno per oggetto l'imitazion del linguaggio. M.
Fayolle ha data una dettagliata analisi di questi due ben grossi volumi
nelle sue _Quatre Saisons du Parnasse_ (Automne 1807) che non sarà
discaro ai lettori di qui riferire, non essendo sinora quest'opera
giunta sino a noi. L'A. tratta nella prima parte dell'arte musica
considerata ne' suoi rapporti più diretti, e più naturali col
linguaggio, e coi costumi. Prima di stabilire questo punto egli dà a
divedere quanto in generale si han poche idee distinte sulla natura
della musica, e quanto è falsa l'opinion di coloro nel sostenere che
quest'arte sia una cosa puramente arbitraria, che nulla imita, nulla
dipinge ed esprime; che non ha se non molto poca o niuna influenza sui
costumi, e che non dee essere ammessa nell'educazione se non come
esercizio di mero divertimento. Per prova del contrario egli dimostra
che la musica è fondata sullo studio delle modificazioni espressive
della voce; che la sua espressione è composta degli elementi medesimi
della espressione naturale del linguaggio; che quest'arte è cominciata a
formarsi dacchè gli uomini sono stati costretti pei loro bisogni, e le
diverse relazioni socievoli, d'interessare i loro simili alla loro
sorte, e che eglino han sentito la necessità di perfezionare
l'espressione naturale per renderla più energica; avvegnachè, per
giungere a tale scopo, attaccar si dovettero ad imitare gli accenti di
coloro, l'espression de' quali era la più perfetta: e questa prima
imitazione, dic'egli, fu il primo passo dell'arte. La musica, così unita
al linguaggio sin dalla sua origine, ebbe dunque una massima influenza
sui costumi; e quel che ci fa osservare l'autore era stato sentito dagli
antichi. Nella seconda parte tratta della musica riguardata sotto il
rapporto dell'arte, dalla prima epoca della sua depravazione presso i
Greci sino al tempo in cui ce ne è giunta la cognizione. L' A. si
applica a scovrirci le cagioni, che han fatto dicadere l'arte musica
dall'alto grado d'importanza, che ella già ebbe come quelle eziandio che
le han fatto perdere quella possente energia, che tanto impero le dava
sui costumi presso le più culte, come presso le più selvagge nazioni
dell'antichità. Espone un gran numero di fatti citati dagli antichi, per
avere contribuito alla corruzione dell'arte musica, e della morale:
prova egli quindi con un gran numero di autorità, e coll'esame delle
parti essenziali della teoria, dello studio, e della pratica delle
diverse arti, che hanno il linguaggio per oggetto, che elleno in origine
fecero parte della musica, e che ogni specie di discorso premeditato fu
anticamente cantato. Fa osservare oltracciò le tracce molto sensibili
che ciascuna di esse ha costantemente conservata della stretta unione,
che ebbe dal suo principio colla musica, benchè ne sia stata quindi
assolutamente distaccata. Giugne finalmente all'epoca della riforma del
musicale sistema de' Greci fatta da Guido Aretino. Queste due prime
parti sono seguite da note in supplemento storiche, e piene di una
scelta e vasta erudizione. Nella terza parte l'A. tratta dell'attuale
stato della musica nell'Europa dopo la riforma dell'antico sistema de'
greci introdotta da Guido d'Arezzo, e de' mezzi che contribuir possono
vie meglio alla di lei perfezione. Quì fa egli conoscere quel che v'ha
di vizio in cotale riforma con un parallelo del sistema riformato da
Guido con quello de' Greci: fa osservare gli inconvenienti, che
risultano dal moderno sistema, ed i vantaggi che offriva l'antico.
Esamina le conseguenze pregiudizievoli a' progressi dell'arte che ha
portate seco il moderno sistema, ed i moltiplici errori che sono
derivati da queste conseguenze medesime; il che gli dà agio di fare
alcune riflessioni sulle cognizioni necessarie ad un perfetto musico, e
'l mena a nuove considerazioni generali sulla natura, origine, ed
oggetto della musica. Consacra finalmente la quarta parte nell'esaminare
qual sia la vera origine, l'oggetto e lo scopo della musica.
Conseguentemente l'A. vi discute da prima le principali opinioni, che
sono state in diversi tempi spacciate sull'origine della musica. Egli
prova non essere quest'arte una invenzione arbitraria, o dovuta solo al
caso, ma che ella ci è stata inspirata dalla natura, e che piuttosto è
stata dallo stesso Dio offerta agli uomini anzicchè realmente inventata
da loro. Secondo lui quest'arte fu sin dal suo nascere essenzialmente
tradizionale; e che pel suo mezzo si sono conservate, comunicate e
perpetuate pel corso di un gran numero di secoli senza veruna
alterazione le leggi, le scienze, le arti, e tutte in somma le umane
cognizioni. Egli ne dà in prova, che la tradizione orale e cantata, che
fu per assai gran tempo la sola ammessa, necessariamente aveva da se
stessa un carattere di autenticità che non permetteva a quei che la
tramandavano di alterarla impunemente, mentre che qualunque altra
tradizione, e soprattutto la scrittura, potendo per contrario essere
clandestinamente trasmessa al favore del silenzio e dell'arcano, non
offeriva la sicurezza medesima; per altro questi monumenti muti di
rimembranza non facevano sullo spirito, e sul cuore un'impressione così
profonda e durevole come la voce, poichè assai volte negletti o
distrutti dal tempo, divenivano in appresso inintelligibili, o soggetti
a mille false interpretazioni. Perciò egli è, dice l'autore, che i più
antichi legislatori di tutte le nazioni civilizzate non permisero che la
tradizione fosse per altro mezzo conservata e propagata se non del
canto. L'ultimo capitolo contiene un epilogo di tutta l'opera, e le
principali ragioni sulle quali l'autore forma il giudizio, ch'egli reca
della musica. “Questa Memoria, dice M. Raymond, annunzia che il suo
autore non è solamente un professore distinto nella sua arte, ma che
egli è inoltre un letterato profondo nella cognizione delle lingue,
degli usi, e delle arti degli antichi, e ben capace di concepire le
utili riforme, che ci sarebbero d'uopo. Egli giudica dell'arte musica da
filosofo e da uomo sensibile: ammira le ricchezze della nostra musica, e
compiange l'abuso che se ne fa: propone una riforma, che tenderebbe a
ricondurla alla sua primitiva purezza; e se pur ciò non avviene, avrà
sempre la gloria e 'l conforto di aver concepito un util progetto.”
(_Lettre a M. Villoteau 1811_).

VINCI (Leonardo da), celebre pittore nato di buona famiglia nel castello
di Vinci presso Firenze, era uno di quei genj felici, a cui nulla costa
l'acquisto di quelle cognizioni, che i mezzani ingegni apprender non
possono senza una lunga ed ostinata fatica. Le scienze e le arti eran
familiari a questo grand'uomo, aveva inventata una specie di lira, che
divinamente suonava, ed egli fu dapprima in qualità di musico e di
virtuoso sul violino al servigio di Lud. Sforza duca di Milano, con un
assegnamento di 500 scudi. Teneva alla sua lira un manico di argento che
terminava con una testa di cavallo, ed egli cantava alle volte
accompagnandosi con quest'instromento. Dopo aver dipinto in Roma, in
Firenze, ed in Milano venne in Francia, ma morì poco dopo a Fontainebleu
nel 1520 in età di 75 anni fra le braccia del re, Francesco I, che erasi
portato a visitarlo nella sua malattia.

VINCI (Leonardo), compositore celebratissimo nella prima metà dello
scorso secolo, nato in Napoli, fu insieme con Pergolesi allievo nel
conservatorio _de' Poveri di G. C._ Nel 1725 diè in Venezia la sua prima
opera _Ifigenia in Tauride_, che ebbe tale successo, che le più grandi
città dell'Italia vollero averlo per compositore. La _Didone_ e
l'_Artaserse_ che fu l'ultimo dramma ch'egli scrisse, rappresentato in
Roma nel 1731, furono riguardati come i suoi capi d'opera. Il Vinci
mirabile nella forza, vivacità delle immagini, dice l'ab. Arteaga, prese
a perfezionare quella specie di composizione detta volgarmente
_recitativo obbligato_, la quale per la situazione tragica, che esprime,
pel vigore che riceve dalla orchestra, e pel patetico, di cui abbonda, è
lavoro pregiatissimo della musica drammatica. L'ultimo atto della
_Didone abbandonata_ modulato in gran parte da lui a questo modo è
preferibile a quanto han di più fiero e più terribile nella pittura i
quadri di Giulio Romano. (_Rivoluz. t. 2, p. 21_). Uno de' principali
meriti di questo gran musico, si è di aver cercato sempre a render
l'espressione della natura; egli fu rapito all'arte nella immatura età
di 42 anni nel 1732. Dicesi di avere avuto il veleno nel cioccolato. Si
vuole che egli avesse avuta l'imprudenza di vantarsi, che mentre era in
Roma aveva ottenuto i favori di una dama d'alto rango. Uno de' parenti
della medesima, trovandosi per allora in Napoli, ne fu informato, e
vendicolla dell'indiscretezza del Vinci con farlo avvelenare.

VIOTTI (Giov. Battista), nato in Piemonte è senza dubbio il primo
violinista del secolo. Nel 1782 portossi a Parigi, ove si è fatto
ammirare nell'esecuzione de' suoi concerti per un carattere originale,
che sembra fissare i limiti del genere, per una fecondità di fantasia,
per una felice arditezza, per un brio ed una vivacità temperata da un
gusto nobile e puro: vennero applauditi que' bei motivi, che dalle prime
misure annunziano il genio del compositore, e quei sviluppi di un
pensiero unico, in cui la progressione del sentimento porta al più
sublime grado l'effetto. Qual energia e qual grazia insieme nella di lui
esecuzione! come è finito negli _adagio_! come è brillante negli
_allegro_! La regina di Francia M. Antonietta volle, che Viotti venisse
a Versailles. Gli si assegna il giorno pel concerto: giungono tutte le
persone della corte, e comincia il concerto. Già le prime battute
dell'_a solo_ impongon silenzio, e la più grande attenzione, allorquando
tutto ad un tratto odesi gridare: _place à monseigneur le comte
d'Artois_. In mezzo al tumulto, Viotti si pone il violino sotto al
braccio, e va via, lasciando così tutta la corte con grande scandalo de'
spettatori. Da quel tempo in poi egli determinossi a non più suonare in
pubblico. Nel 1790, un deputato all'assemblea costituente, intimo amico
del Viotti, alloggiava sino a un quinto ordine della casa, egli aveva
consentito a dar quivi un concerto. Furonvi invitati dei gran principi e
delle dame d'alto rango: _Lungo tempo abbastanza_, disse Viotti, _noi
siamo discesi sino a loro; bisogna ora che essi saliscano sino a noi_.
Viotti aveva gran prontezza di spirito. Un giorno il ministro Calonne
dimandogli qual era il violino più giusto. _Quello_, egli rispose, _ch'è
meno falso_. Allorchè trovavasi insieme con M. Puppo, di cui non
apprezzava gran fatto il talento sul violino, diveniva allora più di lui
malizioso. Egli sapeva che il virtuoso Lucchese per ogni dove vantavasi
di essere scolare del Tartini, e che ciò era una falsità; allora egli
pregava M. Lahoussaye, vero allievo del Tartini, di sonare sulla maniera
del suo maestro dinanzi a Puppo, e diceva a costui: _Amico, senti bene
Lahoussaye, ed avrai un'idea dello stile del Tartini._ Sulla fine del
1792, Viotti passò in Londra, ove poco dopo diè un addio all'arte musica
per darsi interamente al commercio. Questo gran violinista conta tra
suoi allievi Rode, Alday, Libon, la Barre, Cartier, Vacher ed altri
bravi artisti. Egli ha fatto imprimere 25 concerti, un'opera di
quartetti, più opere di trio, che sono in gran pregio, e delle
variazioni per violino.

VIRBES (M. de), maestro di musica e di cembalo a Parigi, inventò nel
1771, il _cembalo acustico_, e circa 1777 _il clavicembalo armonioso e
celeste_. L'uno e l'altro ottennero i suffragi delle accademie di Londra
e di Parigi. Questi stromenti hanno di particolare, che senza tubi,
senza martelletti, e senza pedali imitano per via di corde d'acciajo
ordinarie il suono di quattordici o diciotto strumenti. Nel 1786 un suo
figlio fecesi sentire sopra un tal cembalo in un particolare concerto.

VITRUVIO Pollione da Formia, ora Mola di Gaeta, visse nel secolo d'oro
de' romani sotto Augusto. Egli, come a ragion riflette il dotto Andres,
non si appagò solo delle opere greche e latine risguardanti
l'architettura, ma s'immerse eziandio nello studio della fisica, e
passando alle matematiche non seppe starsi ne' primi elementi, ma
penetrò nelle più profonde speculazioni geometriche e meccaniche,
_musiche_ ed astronomiche d'Archita, d'Aristosseno, ec. (_T. 4.
dell'Origine de' progressi ec. p. 10_). Nel suo _Trattato di
Architettura_, ch'è l'unico rimastoci dell'antichità, ragiona egli a
lungo della musica, de' suoi effetti, e della maniera con cui debbonsi
costruire i teatri perchè più spicchi l'armonia. Tutti coloro che han
fatto de' comenti, o delle traduzioni di questo libro di Vitruvio, come
_Valla_, _Barbaro_, _Perrault_, il marchese _Galiani_ e più altri hanno
trattato lo stesso soggetto.

VITTORIA (Tommaso della), spagnuolo nativo di Avila rivale e
contemporaneo del cel. Palestrina, contribuì com'egli colle sue opere
alla perfezione della musica di chiesa, e alla gloria del canto
italiano. I suoi libri di teoria musicale furono stampati in Roma l'anno
1585, e assai pregiati a' suoi tempi. (_V. Lampillas Sag. Apolog. della
letterat. spagn. t. 2_).


VOGEL (Cristoforo), di Norimberga, studiò la musica sulle opere di Graun
e del Sassone. Nel 1776 essendo venuto in Francia il suo genio si accese
al sentire i capi d'opera di Gluck. Stabilì allora di prenderlo a suo
modello, e nel 1786 diè al pubblico la musica del _Toison d'or_ dedicata
a Gluck. Questo gran maestro nella sua risposta a Vogel così
esprimevasi: _Sulle altre vostre qualità quegli che più brilla, si è il
talento drammatico, onde di questo con tutto il mio cuore seco voi mi
congratulo. Egli è questo un talento tanto più raro, quanto nol dovete
voi già alla pratica, ma alla natura._ Una febbre maligna il tolse di
vita in età di 32 anni a' dì 28 giugno del 1788. Gluck lo chiamava _il
suo primogenito_. La sinfonia del Demofoonte, ch'egli morendo lasciò già
compito è un capo d'opera di espressione e di gusto; essa fu eseguita
nel 1791 ne' funerali degli uffiziali morti a Nancy, e produsse
grandissimo effetto.

VOGLER (Abate Giorgio Giuseppe), cavaliere dello speron d'oro,
cappellano della corte di Baviera, e dopo il 1786 maestro di cappella
del re di Svezia, nato a Virzburgo nel 1749, studiò il contrappunto in
Padova sotto il celebre P. Vallotti. Verso il 1776 venne a Manheim, ove
stabilì una scuola di musica, e ne diè de' corsi pubblici. Non fu
frattanto che l'anno d'appresso, ch'egli si fè conoscere dagli esteri
mercè la sua _Scuola di musica_, opera periodica di cui non ne pubblicò
che tre soli anni. I critici il censurarono allora di aver molte idee
non ben digerite, e di mancar di chiarezza. I viaggi ch'egli intraprese
dopo il 1780, per tutte le grandi città dell'Europa, han servito a far
conoscere i suoi talenti. Egli si è mostrato da per tutto
grand'organista, gran suonatore di forte-piano, gran compositore e dotto
autore insieme, onde vien detto il _Brown della musica_. È inventore
altresì di un organo di nuova specie, a cui ha dato il nome
d'_orchestrion_, perchè imitando tutti gli stromenti, rappresenta una
compiuta orchestra. Egli fecene costruire uno in Amsterdam, ove fecesi
sentire in un suo secondo viaggio con ammirazione di tutti. Le sue
composizioni abbracciano tutti i generi, e ve ne ha gran parte impressa:
le sue sonate per piano-forte sono pregiatissime. Vi ha inoltre di lui
gran numero di opere teoriche: tali sono, 1. _La teoria della musica e
della composizione_, Manheim 1776. — 2. _L'arte di formar la voce_, 1776,
ibid. — 3. _Esame della scuola di musica di Manheim_, 3 vol. — 4. _Molte
dissertazioni_, nelle notizie di Wetzler, 1779 e 1780. — 5. _Risposta a
diverse quistioni relative al suo sistema_, 1790. Nel 1800 l'ab. Vogler
pubblicò il suo _Choralsystem_, ossia _Sistema musicale_, Koppenhagen
ec. Egli è diviso in tre parti, di cui gli intendenti fanno moltissimo
caso (_V. Lichtenthal p. 8, in not._). Pio VI trovandosi a Spira fece
comporre dall'ab. Vogler un _Miserere_ a 4 voci con organo e bassi quivi
impresso nel 1782.

VOSS (Jean de) profferì un discorso in onore del cel. Haydn a Berlino,
li 9 Settembre 1809 nel salone detto Royal-Yorck, ove eransi radunati in
gran numero i musici, e gli amatori. Vi si eseguirono quindi molte
composizioni dell'Haydn, fra le quali, la sua cantata d'Arianna a Nasso,
a cui M. Schneider si era permesso di aggiungere gli accompagnamenti di
tutta l'orchestra, non essendo stata scritta dall'Haydn che per il solo
piano-forte.

VOSSIO (Gerardo-Giovanni), professore in Amsterdam molto abile nelle
belle-lettere, nella critica, nella storia e nell'antichità, si è fatto
gran nome presso i letterati per un'infinità di opere assai ben scritte,
piene di profondo sapere, e di solide osservazioni. Noi non farem qui
menzione che di alcune, nelle quali egli ha trattato diffusamente della
musica. Così nella sua opera: _De astium et scientiarum naturâ, et
constitutione_, parla dell'oggetto e criterio della musica, e delle
diverse sette degli antichi musici: della di lei antichità, e quanto
essa debba a Pitagora: chi è stato il primo a scriverne, e di alcuni
altri antichi scrittori di musica che si son perduti: dell'utilità della
musica: delle diverse parti, e generi della musica, de' primarj autori
greci di questa scienza, e finalmente de' latini. Nell'altra sua opera
_De scientiis mathematicis_ tratta ancora a lungo della musica
considerata come parte della matematica. Nelle sue _Institutiones
Poeticæ_ al secondo e terzo libro parla altresì di molte materie di
musica. Questo cel. letterato morì in Amsterdam nel 1649. Sua figlia
_Cornelia Voss_ viene annoverata tra le più colte donne del suo secolo:
ella aveva ancora delle cognizioni stese nella musica. In una lettera al
dotto Meursio suo padre la chiama _peritissima in ogni genere di
musica_. Ella annegossi nel 1638 nel passar che faceva in una vettura
sopra i ghiacci.

VOSSIO (Isacco), l'ultimo tra' figli del precedente, e il primo per la
erudizione, si rese molto abile nella storia e nella critica greca e
latina. Egli si stabilì in Inghilterra, fu canonico di Windsor, e morì
quivi nel 1689. Questo letterato aveva una prodigiosa memoria, ma
mancava di giudizio. Il suo ingegnoso libro _de Poematum cantu et
viribus rythmi_, Oxford 1675 in 8º, merita di esser letto da' poeti e
da' musici. Egli vi sostiene con autorità, e con ragioni, che gli
antichi greci han fatto uso dell'armonia simultanea, o contrappunto, e
schernisce con ingiurie i moderni per avere avuto l'arditezza di
negarlo, ed ammette come vere tutte le maraviglie attribuite all'antica
musica. Per divertire alquanto i lettori rapporteremo una sua curiosa
osservazione, lasciando a ciascuno la libertà di giudicare, quanto
l'immaginazion dell'autore, possa aver aggiunto alla realità del fatto.
Dice egli adunque essere un gran piacer il farsi strofinare o pettinare
da coloro, che lo fan bene in misura. Ed aggiunge d'esser più d'una
volta caduto fra le mani di parrucchieri così detti, che coi loro
pettini sapevano perfettamente imitare i movimenti d'ogni maniera di
canti e di ritmi, cosicchè colla più esatta precisione esprimevano ora i
giambi, ora i trochei, altre volte i dattili o gli anapesti, e talora
gli amebrachi, ed i peonii. Egli è certo però che sebbene non si trovin
da per tutto parrucchieri così eruditi, ad ogni passo e ad ogni momento
può osservarsi, quanto abbia di forza anche negli uomini più volgari
l'abitual sentimento della regolar misura del tempo. Qual contadino è sì
rozzo e sì sfornito d'orecchio, che intonando le sue villerecce canzoni
non faccia manifestamente sentire la regolarità degl'intervalli di
tempo, con cui son modulate le più semplici cantilene? Tanto è vero, che
_cantar senza misura non è cantare_, come sensatamente dice Rousseau; _e
che il sentimento della misura non essendo men naturale di quello
dell'intonazione, una di queste cose non ha mai potuto star senza
l'altra_.



W


WALKER (John), professore di musica in Londra, nel 1787 pubblicò nel
_Monthly Review_ una sua Dissertazione col titolo: _The melody of
speaking delineated_, etc. ossia _Sulla melodia del linguaggio, o la
declamazione insegnata come la musica per via di segni sensibili_. Vi dà
egli de' precetti per la modulazione e l'espressione degli affetti, e
delle passioni, dimostrata con alcuni scelti passaggi, tratti da'
migliori compositori.

WALLIS (John), professore di geometria nella università d'Oxford, e
membro della R. Società di Londra morto a Oxford nel 1703, ha
contribuito moltissimo ad illustrare l'antica musica con le sue
traduzioni dal greco delle opere armoniche di Tolomeo, e de' _Comentarj_
alle medesime di Porfirio, alle quali ha aggiunte delle dottissime
annotazioni. Trovansi queste nella superba edizione delle sue Opere
matematiche in 3 vol. in fol., a Oxford 1799. Hawkins nella sua _Storia
della musica_ rapporta una lettera del Dr. Wallis, in cui descrive un
rituale greco manoscritto trovato a Buda nel 1686, ch'egli crede più
antico almeno di tre secoli, cioè del sec. 13. Vi si trovano le note
musicali sotto gl'inni e le antifone greche solite cantarsi nella chiesa
di Costantinopoli, e la spiegazione inoltre di queste note, ch'erano
allora in uso, delle loro forme, de' loro nomi e del valor loro. “Senza
di queste cose, egli dice, non sarebbe intelligibile il resto
dell'opera, ed anche con tal soccorso vi abbisogna molta attenzione e
molta sagacità per comprendere e poter comparare questa musica colla
nostra. Egli è vero, che questo manoscritto è assai più moderno delle
opere di Aristosseno, e degli altri musici greci, essendo posteriore
allo stabilimento del cristianesimo, ma è il più antico di questo
genere, che ci sia stato conservato.”

WALTHER (Gio. Godefredo), dotto musico della corte e della chiesa di
Weimar, fu precettore del giovane principe, e della principessa sua
sorella. Egli è autore di un _Lexicon musicale_, o _Biblioteca di
musica_ in tedesco, 1732, a Lipsia. Vi si trovano non che gli antichi e
moderni musici, che si sono distinti nelle differenti nazioni sì nella
teoria, come nella pratica; tutto quel che si sa di ognuno di essi, e
quai scritti han lasciati; ma eziandio la spiegazione de' termini
tecnici della musica in uso nel greco, nel latino, nell'italiano, e nel
francese, con la più parte de' segni usitati, per ordine alfabetico.
Quest'opera è piena di molte ricerche, e compilata con maggior esattezza
di quella più recente di M. Gerber. L'autore dopo l'impressione
dell'opera proseguiva a raccorre degli altri materiali, che gli erano
sfuggiti, e che aveva nuovamente scoverti, ma non ebbe il tempo di
pubblicarne il Supplemento, essendo morto a' 23 di marzo del 1748.

WALTHER (D. Michele), figlio di Giov. Walther, uno de' migliori
contrappuntisti alemanni del sedicesimo secolo, è autore di una
dissertazione _de harmoniâ musicâ_, Willeberg 1679.

WARREN (Ambrogio), dotto inglese, ed amatore di musica sul principio
dell'ultimo secolo in Londra. Nel 1725 pubblicò quivi _The tonometer:
explaining and demonstrating, by an easie method, in numbers and
proportion_, cioè: _Spiegazione e dimostrazione de' tuoni musicali con
un nuovo metodo di proporzioni e di numeri_. Presso Scheibe
(_Composizion musicale_) si trova una distinta analisi del trattato di
Warren sulla divisione dell'ottava in 32 tuoni differenti.


WEBB (Daniel), letterato inglese, e dilettante di musica sulla fine
dello scorso secolo a Londra, è autore di un trattato, che ha per
titolo: _Observation on the correspondence between poetry and music_,
cioè: _Osservazioni sull'affinità della poesia con la musica_ 1793. Egli
prova con molto gusto ed eleganza, che la vera ragione degli effetti e
de' fenomeni della musica risiede nell'armonia de' movimenti, che
l'anima ed i suoni producono su' nervi, e gli spiriti vitali. Mr.
Eschenburg l'ha tradotto in tedesco (_V. Desessarts Bibl. d'un homme de
goût, t. 3; Paris 1808_).

WEBER (F. A.), nato a Heilbronn nel 1753, è quivi dottore in medicina, e
distinto compositore ed autore di più opere di musica. Le sue opere di
teoria sono: 1. _Caratteristica delle voci, e di alcuni stromenti in
uso_; — 2. _Osservazioni sul violino e la maniera di sonarlo con
esempj_; — 3. _Dissertazione pratica sulla viola di amore, e i
miglioramenti che recar vi si possono_; — 4. _Dissert. sulla perfezione
dell'intavolatura italiana, ad uso de' suonatori di cembalo, con una
serie di sonate ec_; — 5. _Osservazioni sulla dottrina del
contrappunto_; — 6. _Corrispondenza musurgica sopra molti argomenti di
Estetica musicale, ed analisi delle opere dei gran maestri, con de'
paralleli de' più recenti_; — 7. _Molte altre dissertazioni di
musica_; — 8. _L'arte poetica di Orazio secondo la traduzione di Ramler,
con note per i compositori ed i musici_, 1806-1810. Egli ha scritto in
oltre molta musica sì stromentale, che vocale, che è in molto pregio per
la novità e 'l gusto. Il d. Lichtenthal rapporta, che Weber come medico
ha impiegato la musica con successo ne' dolori d'occhi (_Influenza della
mus. p. 62_).

WEIGL (Giuseppe), valente maestro di musica de' nostri giorni, detto dal
Carpani il _Parmigianino_ della musica, fu per qualche tempo scolare del
grand'Haydn. Egli si è reso celebre pel suo stupendo _oratorio_ della
_Passione_, che solo basterebbe a immortalarlo, dice il sullodato
Carpani, e dove fece buon uso delle fughe (_Lett. III e X_). Weigl
riferisce del suo maestro Haydn, che aveva per via di certi suoi calcoli
numerici, stabilito un metodo con cui reggeva l'artificio della sua
composizione, e che non volle mai comunicar ad alcuno questo suo magico
ritrovato: quando ne veniva pregato, rispondeva sorridendo: _provatevi e
trovatelo_. Nel magazzino di musica del Ricordi in Milano abbiamo di
Weigl i seguenti drammi buffi italiani: _il Rivale di se stesso_;
_l'Uniforme_; _l'Amor marinaro_; _la Famiglia Svizzera_; _Casa delli
orfanelli_; _la Principessa d'Amalfi_.

WEIMAR (Pietro), maestro di musica nel ginnasio elettorale di Erfurt, è
autore di alcune _dissertazioni sullo stato della musica_ in quel paese,
inserite nel Magazino musicale di Cramer. Vi ha anche di lui impressa
molta musica a Reval, ed a Lipsia, e dopo il 1790 una collezione di
canti per la chiesa. L'arte deve a lui molti allievi, che fannogli
onore.

WEREMBERT, monaco di S. Gallo, morto l'anno 884, era figlio di Adalberto
uno degli uffiziali di Carlo-magno: fece i primi suoi studj nella scuola
di Fulda, e li terminò a S. Gallo. Egli coltivò le belle-arti, e le
scienze, la poesia, la musica, la teologia e la storia. Abbiamo di lui
un _Trattato sulla musica_, che è il più importante tra le sue opere.

WERNER (Greg. Giuseppe), primo maestro direttore della scelta numerosa
orchestra del principe Ant. Esterhazy verso il 1758, fu in quel posto il
predecessore dell'Haydn, e secondo il Carpani, uomo di molto merito. Vi
sono di lui alcune cantate a 4 ed a 5 voci con due violini, e basso, ed
alcune sinfonie.


WIDDER (Feder. Adamo), professore nell'università di Gottinga, nel 1751
fecevi imprimere una dissertazione, citata con lode da Lichtenthal: _De
affectibus ope musices excitandis, augendis et moderandis._

WIELAND, uno de' più celebri scrittori e poeti dell'Alemagna, verso il
1780 diè al pubblico un _Saggio sullo stato della musica_ a quell'epoca.
Egli dà tutto il merito della perfezione di quest'arte al cel. Gluck:
“Mosso da una delle più belle massime di Pitagora, egli dice, Gluck ha
preferito le Muse alle Sirene; egli ha sostituito ai vani e falsi
ornamenti quella nobile e preziosa semplicità, che nelle Arti come nelle
Lettere fu sempre il carattere del vero del grande, e del bello. Eh!
quai nuovi prodigj non produrrebbe quest'anima di fuoco, se qualche
Sovrano de' nostri giorni volesse fare per l'opera quel che fece
altrevolte Pericle per il teatro di Atene?” Wieland è autore altresì del
_Poema delle grazie_, una delle più predilette composizioni del suo
autore, Lipsia 1770 in 8º, ove tratta a lungo della musica, e del bello
ideale di quest'arte.

WIEN (Saverio), nato a Pesmes nella Franca-Contea; diè al pubblico:
_Musique théorique et pratique reduite à ses principes naturels, ou
nouvelle méthode pour apprendre facilement et en peu de tems l'art de la
musique_, Paris 1742-1744 in 4º.

WIESE (il barone di), amatore di musica a Bade, nel 1790 pubblicò un
trattato col titolo: _Anweisung_ ec. cioè: _Metodo meccanico di
accordare il cembalo secondo un nuovo temperamento_. Havvi di lui
altresì un manoscritto col titolo: _la teoria della divisione delle
corde vibranti_.

WILELMO, abbate del monistero di Hischau nel dodicesimo secolo, molto
istruito per que' tempi nella musica, ha lasciato un trattato _de
Musica_, che l'ab. Gerbert ha inserito nella sua collezione, t. 2 p.
154.

WINTER (Cristiano), direttore di musica a Hannover, membro della società
musicale di Mitzler, viveva sino all'anno 1786. Abbiamo di lui:
_Dissertatio de musices peritia theologo neque dedecòra, neque
inutilis_, Cell. 1749. — _Diss. de eo quod sibi invicem debent musica,
poetica et rhetorica, artes jucundissimæ_, Hannov. 1764. Il dottor
Forkel loda principalmente quest'opera: _De curâ principum, et
magistratuum in tuendo, et conservando cantu ecclesiastico_, Hann.
1772. — _Dissertazione intorno a S. Cecilia patrona de' musici_, nel
magazzino di Hannover 30 giugno 1786.

WINTER (Pietro), cel. compositore tedesco de' nostri giorni, nato nel
1758, non ha faticato solamente pel teatro di sua nazione, ma ha
arricchito altresì di molte altre opere il teatro italiano, comecchè
dovizioso abbastanza per le produzioni de' Sarti, de' Jommelli, de'
Cimarosa, de' Guglielmi, de' Mayer, de' Paer. Egli ha scritto più drammi
italiani e serii e comici eseguiti con gran successo su' teatri di
Venezia, di Napoli, di Vienna, di Parigi e di Londra. Questo compositore
è energico, ricco, abbondante, drammatico, e sempre locale nella sua
musica, e ne' suoi motivi.


WOLF (Ernesto Guglielmo) era uno de' migliori compositori della Germania
nell'ultima metà del passato secolo. Nel 1761 egli divenne maestro di
cappella del duca di Saxe-Weimar, e diè lezioni alla giovane duchessa,
per il cui favore ottenne quel posto che onorevolmente occupava ancora
nel 1791. Egli ha arricchito la musica di un gran numero di opere assai
pregiate sì teoriche che pratiche. Non ne citeremo che le più
rimarchevoli. _Viaggi di musica ne' mesi di giugno, luglio, ed agosto
1782_, Weimar 1784. _Regole ed osservazioni per ben suonare il cembalo_,
che danno a divedere la sua profonda cognizione in quest'arte. _Lezioni
di musica per il canto, per l'accompagnamento, e per la composizione;
per l'espressione e la disposizione delle composizioni, ad uso di
quegli, che vorranno esercitare ed insegnare altrui la musica_, Dresda
1788 in fol. Vi ha altresì di Wolf diciassette pezzi di musica vocale
per chiesa, per teatro, e per camera: ed un'infinità di musica
stromentale impressa a Lipsia, a Lione, a Breslavia, assai ricercata
dagli intendenti.

WOLF (Giorgio-Federico), maestro di cappella del conte di Stolberg, è
autore di più opere. Tali sono: _Breve istruzione e chiara per toccar di
cembalo con una tavola di note_, Gottinga 1784. _Istruzione nell'arte di
cantare_, Halle 1784. _Breve dizionario di musica_, Halle 1787, contiene
la spiegazione de' termini tecnici. Per la pratica: _Canzoni con melodie
pel cembalo_, Nordhausen 1781. _Mottetti funebri con cori_, 1786.


WUNSCH (Ernesto), dottore in filosofia e in medicina a Francfort, nel
1776 pubblicò in Lipsia: _Initia novæ doctrinæ de naturâ soni_, e nelle
memorie alemanne presentate all'accademia di Berlino l'anno 1793,
trovansi di lui degli _Esperimenti sulla propagazione del suono_. (_V.
Chladni Acoust. p. 319_).



X


XAVIER (Antonio), nato a Parigi nel 1769 da un certo signore di qualità,
si vide costretto dalla rivoluzione a vivere del talento, che sino
allora aveva esercitato per suo diporto. Egli suonava assai bene di
violino, essendo stato allievo di Berthaume e di Mestrino: la sua
maniera è grande, nè può trarsi un più bel suono dal suo stromento. Dopo
il 1806 egli è all'accademia imperiale di musica. Vi sono di lui
impressi de' _Duo_, e molti romanzi; M. Kreutzer gli ha dedicato
un'opera di sonate, e M. Jadin i suoi quartetti di violino.


XIMENES (il conte) è autore di un'opera, cui diè per titolo: _M. Chambre
un petit-mond_, che il Signor Heydenreich ha tradotta in tedesco e
pubblicolla a Lipsia nel 1797. L'autore vi esamina la questione, _quale
delle due arti merita la preferenza, la Pittura, o la Musica_? “Si dice
in onor del Pittore, che le sue opere gli sopravvivono, ed eternano la
sua memoria: al che rispondo, che i compositori lasciano anch'eglino,
come i Pittori, i loro quadri, le loro opere, e i concerti. Ma la Musica
è soggetta alla moda, che non lo è la Pittura; quei pezzi che
stempravano l'anima a' nostri antenati, ci muovono ora alle risa. I
nipoti di coloro, che nelle opere comiche erano commossi sino alle
lacrime, ne formano ora il soggetto del loro scherno. Ma, che m'importa,
mi disse una volta Mad. de Hautcastel, se la musica di Cherubini, e di
Cimarosa sia o no diversa da quella dei loro predecessori? o che mi
cale, se la antica musica mi fa ridere, purchè la moderna alletti il mio
animo? Sarà forse necessario alla mia felicità, che i miei piaceri sien
simili a quelli della mia bisavola? Perchè mi parlate della pittura, che
è una professione che forma il gusto di poche persone, dove la musica
incanta ognun che respira? A questa osservazione, che non mi aspettava,
rimasi senza saper rispondere; se l'avessi prevista, non mi sarei
innoltrato in tal dissertazione. Io non sono che un dilettante di
musica, non già un virtuoso, e ne chiamo in testimoni coloro che mi
hanno inteso suonare il violino. Ma dato ancora che si prendesse il
merito della professione uguale da ogni lato, non si dovrebbe
precipitosamente conchiudere dal merito della professione a quello del
professore. Veggonsi de' fanciulli sonar maestrevolmente di cembalo, ma
non si sono veduti giammai dei gran pittori a dodici anni. La pittura
richiede gusto e sentimento, ed una testa che riflette, che pensa;
laddove un musico può esserne, senza pregiudizio, esente. Veggiamo tutto
dì degli uomini senza testa, e senza cuore trar dai loro stromenti
melodie che incantano. Può macchinalmente avvezzarsi un uomo, a suonare
il cembalo, e quando vi si è abituato da un buon maestro, può l'anima
comodamente darsi in balia a' suoi vaneggiamenti, mentre le dita
meccanicamente formano i suoni, alla unione de' quali essa per nulla
s'intromette. Non si potrebbe al contrario dipingere la più semplice
cosa del mondo, se l'anima non vi cooperasse concentrando unitamente
tutte le sue forze. Se alcuno poi vorrebbe il mio parere per distinguer
nella musica tra l'invenzione e l'esecuzione, io lo confesso, ciò mi
porrebbe in qualche inquietudine. Ah! se tutti i compositori di
dissertazioni fossero sinceri, tutti avrebbero un istesso fine. Sul
principio della discussione si prende d'ordinario un tuono di
contraddizione, giacchè si è deciso occultamente; come io infatti, non
ostante la mia imparzialità, era per la pittura; ma il continuar le
ricerche porta delle nuove difficoltà, e tutto finisce sul tuono del
dubbio.” Ecco la graziosa maniera, con cui presenta questo autore le sue
riflessioni: egli fa leggersi con piacere e con profitto.



Y


YOUNG (Matthew), dotto fisico inglese, nel 1784 pubblicò a Dublino: _An
Enquiry into the principal phoenomena of sounds and musical strings_,
cioè: _Ricerche su i principali fenomeni de' suoni della musica_, in cui
procura di difendere i principj d'acustica di Newton. Questo trattato
contiene molte utili osservazioni intorno a' soggetti di acustica, come
la simpatía de' suoni, le vibrazioni delle corde, la propagazione del
suono, l'eco ec. (_V. Chladni Acoust. p. 57-290_).


YRIARTE (D. Thomas de), spagnuolo dottissimo, autore di un poema in
questa lingua intitolato: _la Musica_, la cui prima superba edizione fu
fatta in Madrid nel 1779 in 4º; la seconda del 1764, in 8º ed è stato
stampato ancora in Parma dal cel. Bodoni. Egli è uno de' poemi spagnuoli
moderni il più generalmente stimato (_V. Desessart. Biblioth. d'un homme
de goût, t. 1, p. 383 Paris 1808_). “In tutti i secoli è piaciuto
d'ornare con le Veneri poetiche i precetti delle scienze e delle arti.
Abbiamo grandissima copia di poemi fisici e astronomici: molti ne
possegghiamo sopra la pittura, sull'eloquenza, sulla declamazione, sul
ballo, e somiglianti: ma nè veruno antico, nè moderno scrittore mai
pensò di comporre un poema didattico su la musica. Se era malagevole per
lo passato il riuscire in questo progetto, lo è anche assai più ai dì
nostri: è stata l'arte condotta a grado tale di perfezione, sonosi a
segno moltiplicati i precetti, che sembra quasi impossibile, che un
poeta presenti il contenuto in un'opera, che dee dilettare insegnando.
Lo stesso non si esigge da un artefice, che scriva in prosa, per dar
contezza dell'arte sua. Eppure abbiam noi forse molti libri che
spieghino con metodo, e compiutamente quella della musica? i migliori
libri per essere intesi non esiggon forse la voce del maestro, e numero
grande d'esempj? Un poeta non ha gli ajuti medesimi, e vien giudicato
con più rigore. Noi dobbiamo avere obbligazione grandissima al Sig. _de
Yriarte_ per aver coraggiosamente superata la difficoltà, ed aperta una
sì interessante carriera.” (_V. Giorn. de' Letterati d'Italia, 1780_). È
questo poema diviso in cinque canti. Il _primo_ è consacrato agli
elementi musicali, che l'Aut. riduce al _suono_ ed al _tempo_. Ei lo
termina con vaghe riflessioni sopra l'inutilità dei precetti dell'arte,
allorchè manchino a chi compone la sensibilità, e il genio. Il _secondo_
offre le regole dell'espressione musicale. Il _terzo_ comincia da una
vigorosa apostrofe alle anime insensibili, che hanno preteso di avvilire
la musica: tratta quindi dell'eccellenza della musica, e del suo impiego
nei nostri Templi. Il _quarto_ è consagrato alla musica di teatro.
L'autore che tratto tratto è andato investendosi del tono
dell'entusiasmo, credesi in un subito trasportato in quella parte degli
Elisi occupato dai famosi musici di tutti i secoli, e di tutte le
nazioni. Ei s'indirizza a Jommelli, e questo cel. compositore gli spiega
esso medesimo tutto quello, che è relativo alla musica teatrale. Il
_quinto_ comprende finalmente le due ultime classi della musica, cioè
l'uso che ne vien fatto nella società e nella solitudine. Principia da
un elogio delle accademie di musica, o concerti: loda grandemente gli
autori tedeschi, e singolarmente Haydn per la musica istrumentale.
Seguono in fine delle importanti note relative a cadaun canto, che
meritano di esser lette con attenzione. Lo stile poetico dell'Aut. è
d'un elegante natío, e dee estremamente dilettare chi perfettamente
intende l'idioma spagnuolo. Eccone un saggio tra' dieci versi del IV
canto consagrati all'elogio del cavaliere Gluck. _E tu_, fa egli dire al
Jommelli, _immortal compositore d'Alceste, d'Ifigenìa di Paride, e
d'Elena, Cantor germano del Cantore di Tracia, o Gluck, sublime
inventore, che hai richiamato alla vita il secol d'oro della scena,
allorchè l'infelice Europa verrà a perderti, coronato d'eterno alloro
troverai un asilo distinto in questo luogo, ove non si conosce
interessato encomio, ove non regna l'invidia, ed ove non ha sede verun
partito nazionale_. Un così eccellente poema non ha trovato sinora un
traduttore in Italia a danno dell'arte, e della nostra letteratura.



Z


ZACCONI (Luigi). Agostiniano di Pesaro, e maestro di musica del duca di
Baviera, pubblicò a Vinegia nel 1596 un libro assai ben fatto col titolo
di _Pratica di musica utile e necessaria sì al compositore per comporre
i canti suoi regolarmente, sì anco al cantore per assicurarsi in tutte
le cose cantabili_. Nel 1622, il P. Zacconi fe' comparire per le stampe
la seconda parte di quest'opera, dove con maggior precisione imprese a
trattare degli elementi musicali, e de' principj della composizione. Vi
si trovano, dice M. Suard, oltre a buoni principj chiaramente esposti,
de' curiosi dettagli su i progressi dell'arte, e sul carattere de' più
celebri compositori, che conosciamo del sedicesimo secolo.

ZANOTTI (Francesco), illustre filosofo, letterato di gran nome, oratore
e poeta, nato in Bologna, fu quivi professore di matematiche e di
filosofia dal 1718: spogliò la logica degli innumerevoli abusi con cui
sfigurata l'aveano i scolastici. Nel 1731 divenne Bibliotecario
dell'Istituto e membro di quella dotta Società; e nel 1766 ne fu quindi
il Presidente. Egli amava la musica, e trovossi in comercio co' più gran
professori di quel tempo, come il Sacchi, il conte Giulini, e 'l
Martini. Abbiamo in fatti, di lui alcune _Lettere sulla Musica_ stampate
insieme con quelle del Pad. Sacchi e del Pad. Martini in Milano 1782 in
4º. E nel t. 4 de' _Comment. Bonon._ un suo trattato di Acustica, _de vi
elasticâ_ citato da Chladni. Egli morì vivamente compianto da' suoi
concittadini ed amici l'anno 1777.

ZANOTTI (l'Ab. Giov. Calisto), nipote del cel. bibliotecario di Bologna,
di cui testè si è parlato, era membro della Società Filarmonica della
stessa città. Il dottor Burney (_Travels t. 1_) rapporta che trovandosi
egli nel 1770 in Bologna, nel concorso tra' membri di quella società
l'ab. Zanotti vi si fece distinguere per un suo _Dixit_, scritto con
molta vivacità e fantasia.

ZARLINO (Giuseppe), di Chioggia nello stato Veneto, si è reso cel. nel
sedicesimo secolo per le profonde cognizioni, ch'egli aveva della
musica. Era stato allievo di Adriano Willaert, e nel 1565 divenne
maestro di cappella di S. Marco, e della signoria di Venezia. Le sue
opere di teoria musicale lo han sollevato al rango di uno de' primarj
autori classici di quel tempo. Se gli attribuisce altresì il merito di
avere scoverto il rapporto esatto tra la terza maggiore e minore. Tutte
le sue opere sono state impresse in Venezia in 4 vol. grandi in fol. nel
1558. Eccone il catalogo: _Istituzioni harmoniche_, nelle quali, oltre
le materie appartenenti alla musica, si trovano dichiarati molti luoghi
di poeti, historici e filosofi, Ven., 1558, e 1588 in 4º.
_Dimonstrazioni harmoniche_, Ven. 1571 in 4º. _Istituzioni et
demonstrazioni di musica_, Ven. 1580 e 1602. _Opere della musica_, 1589,
in 2 vol. _Supplementi musicali_, 1588. _Melopeo, o musico perfetto. De
utraque musicâ_, libri 25, 1559. _Storia della musica. Trattato che la
quarta e la quinta sono mezzine, tra le consonanze perfette ed
imperfette_, ancora manoscritto, che trovavasi nella libreria del P.
Martini. Zarlino lasciò ancora molte sue composizioni per chiesa
impresse ed inedite, e per teatro l'_Orfeo_ eseguito la prima volta in
Venezia, che alcuni anni dopo la di lui morte il card. Mazarino fece
rappresentare in Parigi da una compagnia di musici italiani che aveva
fatti venir quivi nel 1630. Le _Istituzioni armoniche_ del Zarlino,
tuttochè troppo cariche di vane e fantastiche ragioni, divennero
nondimeno il libro classico per gli studiosi della musica pratica, e
tutte le sue opere musicali servirono per lungo tempo a formare la
teoria de' professori; benchè vi siano scarsi i veri principj d'armonia,
giovaron elleno non pertanto per usar delle corde con più esattezza, che
non era stato fatto ne' precedenti secoli. Oggidì però dice a ragione il
Bettinelli, _niun conosce più lo Zarlino, più non si cita, non si
ristampa, neppur si cerca dai bibliotecarj_ (Risorgimento ec. _della
Musica_ c. 4).


ZEIDLER (Carlo Sebastiano), di Norimberga, figlio del maestro di
cappella Massimiliano Zeidler nato nel 1719 studiò la musica sotto
Pachelbel. Vi ha una sua dissertazione impressa nel 1745: _De veterum
philosophorum studio musico_, in cui mostra molta cognizione dell'antica
letteratura musicale. Zeidler morì a Norimberga a' 15 marzo del 1786.

ZELTERN (Carlo), letterato di professione, ed amatore di musica in
Berlino, ove scriveva un _Giornale di musica_, in cui dava l'analisi e
la critica di tutte le produzioni de' più celebri compositori. Ne' suoi
diversi esami delle opere di Haydn, _profondità, gusto, perspicacia e
filosofia distinguono i giudizj di questo scrittore_, dice il Carpani,
_e l'Haydn non avrebbe potuto parlar meglio de' suoi lavori, se quanto
era grande nel fare, lo fosse stato ugualmente nel dire_. (_Lett. XVI_)
Se non che parlando della di lui musica delle _quattro stagioni_, la
definì per una musica strumentale con accompagnamento di parole, _nel
che il metafisico Zeltern, per vero dire portò la satira e il frizzo più
in là della realtà e della ragione_. Zeltern si è fatto altresì
distinguere per le sue composizioni nuove, e piene di gusto: egli era
violinista e direttore del concerto de' conoscitori e dilettanti
stabilito in Berlino: dove trovansi impresse di lui nel 1790, _Otto
variazioni di un rondò per forte-piano_, sul dramma il _Matrimonio di
Figaro_; alcune _sonate per cembalo_, ed un _concerto per viola_.

ZENO (Apostolo), nobile Candioto poeta, e storiografo dell'Imperatore
Carlo VI, si rese benemerito della musica migliorato avendo, per quanto
gli fu possibile, tutti i generi del dramma musicale. Quest'uomo
infaticabile, dice l'Arteaga, giornalista sensato, raccoglitor
diligente, erudito senza pedanteria, e antiquario senz'affettazione può
chiamarsi a ragione il Corneille del teatro lirico. Tra le molte
imprese, a cui porse mano con gran vantaggio della sua nazione, una fu
quella di migliorare il dramma. Le cose sacre principalmente furono da
lui maneggiate con maestria e decenza sconosciuta fino a suoi tempi. Gli
oratorj giacevano allora nell'avvilimento abbandonati alle penne
triviali. Zeno vi porse mani ajutatrici, e gli rivestì di quella maestà
che conviensi al linguaggio delle divine scritture. Le commedie musicali
eziandio, o sieno le opere buffe ricevettero maggior lume dalla sua
penna. Egli tuttavia fornito non era d'orecchio musicale, e dee
piuttosto dirsi un uomo di talento che un uomo di genio, il suo
recitativo riesce alquanto duro: le sue arie non sono molto arrendevoli
ad una buona musica. _Niun rapporto_, dice Marmontel, _niuna
intelligenza nella divisione de' versi, e nella scelta del ritmo: nulla
di regolare, di periodico_: onde a ragione è stato abbandonato da'
musici. Egli stesso conosciuto avendo la superiorità del gran
Metastasio, gli cedette il suo posto di _Poeta Cesareo_ nella corte di
Vienna, e si rese a Venezia per porre in ordine, e pubblicar le sue
opere. Morì quivi nel 1738. Nelle sue _Lettere_ pubblicate dal Morelli
in Venezia in 6 vol. in 8º, molti di lui passaggi ritrovansi sulla
_Musica drammatica_, e sulla _Poesia musicale_.


ZIANI (Pier-Andrea), veneziano, dapprima maestro di cappella di S. Marco
a Venezia, e quindi al servigio dell'imperatrice Eleonora in Vienna, fu
uno de' migliori teorici del diciassettesimo secolo. Fu altresì buon
compositore per quei tempi, sì per teatro che per chiesa, come ben lo
dimostrano molte sue opere di pratica stampate a Venez. dal 1654 sin al
1679. _Marc'Antonio Ziani_, di lui parente e suo successore nel posto di
maestro della corte di Vienna sotto l'imperatore Leopoldo, si rese anche
cel. sino a' primi anni del passato secolo per le sue composizioni
teatrali, oggigiorno del tutto obliate. Il suo oratorio _Gesù
flagellato_ è del 1714. (Encyclop. méthod. art. _Allemagne_).

ZIEGLER (Giov. Fedele), direttore di musica a Dresda, allievo di Pezold,
e dell'antico Bach si rese perfetto nell'arte sì per i suoi viaggi, che
per lo studio sulle partizioni de' migliori maestri. Egli fiorì sulla
metà dello scorso secolo. Non avendo potuto trovar un editore per le sue
opere di teoria, e per le sue composizioni, imparò l'arte d'incidere, e
pubblicolle egli stesso nel 1731. Abbiamo di lui: _Elementi di musica_,
e _Nuova istruzione sul basso continuo_.

ZINGARELLI (Niccolò) nacque in Napoli a' 4 aprile del 1752. All'età di
sette anni, rimasto orfano del padre, entrò nel conservatorio di Loreto
per apprendervi la musica. Finaroli fu suo maestro di composizione, e
Cimarosa, e Giordanello suoi condiscepoli. Uscito dal conservatorio
volle porsi sotto la direzione dell'ab. Speranza, per penetrare gli
arcani della teoria dell'arte; poichè, nel conservatorio, appena
s'insegnano le regole grammaticali. Questo cel. maestro con un suo
metodo particolare d'insegnamento addestrò per modo il Zingarelli, che
potè d'indi in poi scrivere le migliori sue opere in non più, e talvolta
anche in meno di otto giorni. “Io stesso sono testimonio, scrive il
Carpani, che in 40 ore, distribuite in dieci giorni, egli fece la sua
inarrivabile _Giulietta e Romeo_, ed in sette giorni, essendosi per
giunta ammalato, scrisse l'_Alsinda_ pel teatro di Milano, la prima
delle sue opere di grido” (_Lett. 3_). Nel 1781 compose egli pel teatro
di Napoli, _Montezuma_, opera più dotta che piacevole, e molto stimata
dall'Haydn. Nel 1785, diè in Milano l'_Alsinda_, che fu molto
applaudita, avvegnachè aveva egli abbandonato lo stil ricercato. Tutti i
teatri dell'Italia han fatto a gara per averlo compositore: _Ifigenia_,
_Pirro_, _Artaserse_, _Apelle e Campaspe_, _Giulietta e Romeo_, _Ines de
Castro_, _Clitennestra_, opere serie; e gli oratorj _la Distruzion di
Gerusalemme_, _il trionfo di Davide_, la _Passione_. I drammi burleschi:
_il Bevitor fortunato_, _la Secchia rapita_, _il Ritratto_, sono le
migliori sue opere. Nel 1789 chiamato in Francia diè alla R. Accademia
di musica in Parigi l'_Antigono_, poema di Marmontel, che mercè gli
avvenimenti politici non ebbe più che due rappresentazioni. Di ritorno
in Italia, egli applicossi ad uno studio profondo della musica di
chiesa, e compose ad otto voci per ottenere il posto di maestro di
cappella del duomo di Milano, e fuvvi eletto dopo un esame di tre
consecutivi giorni. Le circostanze l'obbligarono quindi a rinunziare
alla cappella di Milano. Nel 1806 alla morte del cel. Guglielmi fu egli
nominato a succedergli come maestro del Vaticano; e da quest'epoca in
poi rinunziò al teatro, non occupandosi esclusivamente che di musica per
chiesa. Egli è attualmente direttore del Real Collegio di musica in
Napoli nel soppresso monastero di S. Sebastiano. Par che di lui intenda
il Carpani, allorchè ci dice che “un cel. maestro italiano, e _uomo di
prima sfera in linea di compositori_, preso il testo poetico della
_Creazione_ (opera dello stesso Carpani), si mise a rifarne da capo
tutta la musica, procurando di far meglio _che l'Haydn_; ma il suo
lavoro non s'è ancora visto. Egli giace _sub rosa_, nè si vedrà che dopo
la morte dell'autore, avendo egli così deciso per evitare la taccia
d'invidioso o nemico della fama dell'Haydn, ch'egli stima moltissimo.
_Questo maestro, che vanta dei veri capi d'opera_, riconosce l'Haydn per
uomo unico come sinfonista, come scrittore accademico non superato da
altri, ma non lo crede inarrivabile, nè unico nel rimanente: nel che
troverà fra i dotti non pochi compagni di sentimento.” (_Lett. XI_). I
caratteri attribuiti a questo maestro anonimo dal Carpani, se pur lice
indovinarlo, sono confacenti e ben calzano al merito del Zingarelli, e
al giudizio che di questo grand'uomo far mostra l'illuminato scrittore.
Descrive altresì la maniera usata dal Zingarelli per disporsi a comporre
la sua musica. “La lettura di un passo di qualche santo padre, o di
qualche classico latino è necessaria al Zingarelli per improvvisare poi
un atto intero del _Pirro_, o della _Giulietta e Romeo_, e stendervelo
in meno di quattro ore.” (_Lett. 3_).


ZUCCARI (Giov.), minore conventuale, e dotto compositore e scrittore di
musica sui principi del sec. 18. Egli pubblicò in Roma _Pratica di
musica_, 1719. Diè anche in Venezia nel 1725 l'opera _Seleuco_: e nel
magazzino di Breitkopf a Lipsia vi ha una di lui cantata: _Come potrà il
mio cor, ec._

ZULATTI (Giov. Franc.), di Cefalonia, pubblicò in Venezia: _Discorso
della forza della musica nelle passioni, nei costumi, e nelle malattie:
e dell'uso medico del ballo._

ZULEHNER (Carlo), membro della società delle scienze ed arti di Magonza,
e del Museo di Francfort, nacque a Magonza nel 1770. Imparò il
forte-piano da Sterkel, e da Eckard a Parigi: studiò la composizione
sotto Philidor, e Kreutzer, e dopo il 1805 è direttore dell'orchestra in
Magonza, ove ha stabilito eziandio una stamperia di musica. Egli compose
dopo il 1790 una Messa, un _Te Deum_; due opere alemanne; tre sinfonie;
18 quartetti per violino; tre concerti per piano-forte; 24 sonate con
violino, ec. Vi sono in oltre impresse di lui sette opere per il
cembalo, e la maggior parte delle opere di _Mozart_ disposte per il
forte-piano.

ZUMSTEEG (Giov. Rodolfo), nato a Gausingen nel 1760, e morto a Stuttgard
nel 1802, era eccellente compositore e gran virtuoso sul violoncello
nella cappella del duca di Vittemberga. Egli era stato allievo del
maestro di cappella Poli, ma acquistò la miglior parte delle sue
cognizioni mercè lo studio delle opere di Mattheson, di Marpurg e di M.
d'Alembert. Le di lui composizioni distinguonsi per un carattere grave e
dignitoso: non faremo menzione che della _Festa di primavera_ di
Klopstock, d'una sua _Messa_, e della sua musica stromentale moltissimo
ricercata.



SUPPLEMENTI E CORREZIONI AL DIZIONARIO


ADAMI (Giuseppe), nato in Torino verso la metà dello scorso secolo, si
distingue molto oggigiorno per la sua singolar maniera di sonare il
_Clarinetto_, che tira a se l'ammirazion degli ascoltanti. Benchè sia
addetto alla Real Cappella e Teatro di Torino, la sua gran fama il fè
chiamare in Milano per il cel. teatro della Scala, ove attualmente
soggiorna.

AFRANIO, o Afanio come lo chiama Zacc. Tevo, fu canonico di Ferrara, e
vien riguardato come inventor del _fagotto_. Ambrogio Albonesi di Pavia,
canonico di Laterano nella sua Opera intitolata: _Introductio ad linguam
Chaldaicam_, impressa a Pavia nel 1539, e dedicata ad Afranio, dà la
descrizione di questo strumento da lui nuovamente trovato, e ne
rappresenta in un rame la forma primitiva.

AGNESI (M. Teresa), di Milano, sorella della celebre Gaetana Agnesi
morta nel 1799 in Bologna, dove coltivate avea con onore le matematiche,
si è fatto gran nome nella letteratura e nella musica. Ella ha posto in
note molte Cantate e tre drammi serj, che ebbero del successo, la
_Sofonisba_, _Ciro in Armenia_ e la _Nittocri_. Morì in Bologna nel
1808.

ALGHISI (Franc.), da Brescia, compositore rinomatissimo e maestro di
cappella di quella cattedrale soggiornò per alcun tempo in Venezia, ove
scrisse due opere per quel teatro, che piacquero al segno di essere
replicate l'anno di appresso, distinzione molto rara in Italia. Tornato
in Brescia diessi tutto alla pietà e al ritiro, e quivi terminò con
grande edificazione i suoi giorni nel 1733. (_V. Gazzetta music. di
Lipsia_).

AMATO (Vincenzo), di cui si è parlato nel tom. 1, p. 28: era prete e
dottore in teologia. A' suoi funerali nella chiesa di S. Ninfa de' padri
crociferi di Palermo, in dimostrazione della stima, che si aveva del di
lui merito, assister vollero non che tutt'i musici della città, ma il
clero ancora ed il capitolo della cattedrale, di cui era maestro di
cappella. Egli sorpassava appena i 40 anni di sua età.

ANDRIOLI di Torino, egregio suonatore di contrabbasso al servigio della
R. Cappella del re di Sardegna, e non meno commendevole sull'arpa, per
la pienezza e sonorità della sua corda, e per l'agilità con cui maneggia
il contrabbasso: vien oggidì riputato pel più bravo virtuoso su questo
strumento.

ANGELONI, di Frosinone in Italia è autore di una interessante
_Dissertazione sulla vita e le opere di Guido d'Arezzo_, 1809, ove molte
dotte notizie rinvengonsi utili alla storia, ed alla letteratura della
musica, e l'analisi di tutti i libri musicali di quel monaco ristoratore
dell'arte.

ANTIGENIDE, musico di Tebe, fu uno de' pubblici maestri di quest'arte
quattro secoli innanzi G. C. Egli accrebbe i fori nel flauto, per
facilitare l'accompagnamento nella musica a più parti (_Plin. Hist. l.
16_), onde rendesi incredibile il racconto di Aulo Gellio, il quale nel
lib. 15 delle sue _Notti Attiche_ dice, che per essere Antigenide bello
assai di persona, vedutosi egli un giorno deforme nel suonare il flauto
innanzi ad uno specchio, screditò l'uso di questo stromento fra' Tebani.
Ma chi darassi a credere, ch'egli facesse maggior conto della bellezza,
che della singolar gloria d'inventore? della passeggiera deformità, con
cui compariva nell'orchestra, che della durevol lode di abile suonatore?
(_V. Requen. t. 1_).

BABBI (Cristoforo), nato a Cesena nel 1748 studiò il violino sotto Paolo
Alberghi scolare di Tartini, e nel 1780, entrò al servigio dell'Elettor
di Sassonia a Dresda come maestro di concerto. Eranvi in quella corte i
primi virtuosi di Europa: Naumann, Schuster, e Seydelmann erano i
direttori della musica. Babbi ha composto dei concerti per violino,
sinfonie per chiesa e per camera, quartetti e duo per flauto, e una
cantata per cembalo, Dresda 1789.

BAMBINI (Felice), nato a Bologna, venne assai ragazzo portato in Francia
da suo padre direttore di una compagnia di musici italiani, che
rappresentarono sul teatro della Real Accademia in Parigi i belli
intermedj di Pergolesi di Jommelli, di Rinaldo ec. Questa musica
italiana fu che circa il 1760 diè occasione alla prima guerra musicale
in Francia. Bambini in età allora di dieci anni, era accompagnatore al
cembalo, e mostrovvi tale intelligenza, che Rousseau fecene l'elogio
nella sua cel. _Lettera sulla musica francese_. “Risovvengavi, dic'egli,
di avere inteso negl'intermedj datici in quest'anno il figlio
dell'impresario italiano, ragazzo al più di dieci anni, accompagnare
all'opera. Noi fummo dal primo giorno sorpresi dell'effetto dalle sue
piccole dita prodotto; e tutt'i spettatori si avvidero al suo suono
preciso e brillante ch'egli non era il solito cembalista. Io cercai ben
tosto le ragioni di tal differenza, benchè non dubitassi che M. Noblet
non fosse un buon armonista, e non accompagnasse molto esattamente: ma
qual fu la mia sorpresa nell'osservare le mani di quel bravo ragazzo,
vedendo ch'egli non riempiva quasi mai gli accordi, sopprimeva molti
suoni, e non impiegava assai volte che due sole dita, di cui l'uno
suonava quasi sempre l'ottava del basso. E che! diceva in me stesso,
l'armonia compita fa meno effetto della mancante, e i nostri cembalisti
con rendere tutti gli accordi pieni, non fanno che un confuso romore,
mentre costui con meno suoni fa più d'armonia, od almeno rende il suo
accompagnamento più sensibile, più grato! Io ne compresi ancora più
tutta l'importanza, allorchè osservai che tutti gl'italiani,
accompagnavano della stessa maniera che il piccol Bambini, ec.” Suo
padre divenuto console di Venezia a Pesaro lasciollo in Francia, ed egli
continuò i suoi studj di canto, e di composizione sotto Bordenave e
Rigade, ch'era stato scolare di Piccini. Le sue composizioni per teatro
gli han fatto molto onore in Francia: vi sono inoltre di lui otto opere
di sonate per forte-piano, ed alcuni trio per violino, viola e basso.

BANNIERI (Antonio), nato in Roma, e fornito di bella voce e di buona
scuola di canto venne assai giovane in Francia, ed ebbe l'onore di
cantare dinanzi la regina Anna d'Austria, che l'ebbe in grande stima, e
lo colmò di favori. Per prevenire la perdita della voce, impegnò un
chirurgo a fargli la crudele operazione. Non vi consentì costui che a
condizione della più forte promessa di custodire il secreto. Ma come la
voce del Bannieri di giorno in giorno diveniva più bella, si venne a
scoprir finalmente che non ne era naturale la cagione. Il re Luigi XIV
ne l'interrogò; e voleva sapere chi fosse il chirurgo che prestato
aveagli quel buon ufficio. _Sire, diss'egli, io ho dato la mia parola
d'onore, di non dirne mai il nome. — Tu fai bene, perchè io lo farei
appiccar per la gola, e così tratterò il primo che si arrischierà di
commettere un sì abominevole misfatto._ Voleva allora il re bandir
eziandio lui stesso: ma lo rimise poi in grazia, nè gli accordò la sua
dimissione che dopo aver compiti i 70 anni. Bannieri morì assai vecchio
nel 1740.

BARBELLA (Emmanuele) cominciò a studiar di violino dall'età di un pò più
di sei anni, e quindi ebbe lezioni da Pasquale Binni allievo del
Tartini. Il cel. Leo fu suo maestro nel contrappunto, che celiando
diceva di lui: _Non per questo Barbella è un vero asino, che non sa
niente._ Questo abile violinista, seguace de' principj di Tartini, morì
in Napoli sua patria nel 1773. Tra' suoi allievi singolarmente si
distinsero il Sig. _Girolamo Blasco_ primo violino del teatro, e della
R. Cappella di Palermo, morto nel 1795; ed il cel. _Ignazio Raimondi_,
autore eziandio di molta musica strumentale impressa a Amsterdam, dove
erasi stabilito. Le sonate di Barbella per violino trovansi pubblicate
in Parigi, e a Londra.

BARBICI (Michele), nato in Palermo di assai civile famiglia, mostrò sin
da' primi suoi anni molta inclinazione alla musica, e studiolla
profondamente sino a divenire un abile compositore. Egli può dirsi
altresì l'inventore dell'_Arpone_, che si fabbricò da se stesso, e che
senza l'ajuto di alcun maestro giunse a suonare perfettissimamente.
Questo strumento è fornito di corde di budello, e può chiamarsi un
forte-piano verticale, ma non avendo de' tasti, si suona pizzicando a
punta delle dita. Il Sig. Barbici intraprese un viaggio per l'Italia per
farsi intendere su quel nuovo istromento, ed in Napoli, e
particolarmente in Firenze fu sommamente applaudito in ambe le corti, e
in tutte le più scelte compagnie, ma siccome non volle far mai la figura
che di un semplice amatore, e non già di un virtuoso che metteva a
profitto l'arte sua, gli fu d'uopo ritornare alla patria pieno di
debiti, e per colmo di disavventura perdette eziandio l'onesto impiego,
ch'egli aveva lasciato pe' suoi viaggi. Quindi gli convenne soffrire
delle ristrettezze, e vivere di que' pochi beni di sua famiglia, e de'
scarsi profitti che ritrar potè dalla professione di notaro ch'egli
esercitava. Proseguì tuttavia ad amar passionatamente la musica, a
comporre pel suo strumento, ed allorchè veniva invitato a suonarlo sì in
chiesa, che in camera, occorreva egli ben volentieri a farlo senza
generosamente pretenderne veruna paga. Egli aveva scritto de' concerti
pel suo _Arpone_ a piena orchestra; delle suonate pel medesimo a solo, o
con accompagnamento di due violini e basso, e molta musica vocale, ove
l'_Arpone_ produceva grandissimo effetto accompagnando la voce, mentre
il resto degli istrumenti sentivasi appena: le di lui composizioni, e la
sua esecuzione riuniron sempre tutti i suffragj non che de' semplici
amatori, ma eziandio de' virtuosi. Questo strumento riesce moltissimo
con ispezialità negli _adagio_: tenero, e assai dolce ne è il suono; e
di una espressione atta a muover gli affetti ne' cuori eziandio meno
sensibili. Assai volte avveniva, che suonando egli cadeva in isvenimenti
alcuno de' suoi uditori, e quel ch'è più da rimarcarsi, siffatta
convulsione verificavasi più su gli uomini che sulle donne. Il
Giornalista di Modena, nel riferire un simil successo dietro la
testimonianza del nostro P. Catalisano che vi era presente, _ci
sembrerebbe_, ei dice _più degno di maraviglia il siciliano arpone, se
in vece di scompaginare la macchina corporea, racchiudesse la virtù di
rinfrancarla_. (_V. Grammat. armon. c. 3_). Osservazione ridicola! come
se l'unico effetto che produce l'arpone fosse costantemente quello di
far isvenire gli astanti, e come se non mettesse il più delle volte,
secondo la qualità dei tuoni e del modo, e secondo la disposizione
morale e fisica delle persone, lo spirito in allegrìa ed in brio. Il
Sig. Barbici terminò i suoi giorni verso il 1790. Non sappiamo aver egli
fatto degli allievi su quel suo stromento; fuvvi bensì un altro bravo
suonatore di arpone in quel tempo, di lui più giovine, per nome il Sig.
_Cristoforo Baisi_ palermitano. Egli avendolo sentito suonare al
Barbici, fecesene costruire un simile, e come fornito egli era di grande
ingegno, e di somma abilità nella musica, giunse senza alcun maestro a
suonarlo così perfettamente, che sorpassò di gran lunga lo stesso
Barbici sì per l'agilità, che per il gusto. Egli eseguiva sull'arpone
qualunque difficile sonata di clavicembalo, e vi adattava qualsivoglia
pezzo di musica scritta per altri stromenti: molta ne compose egli
stesso, e dopo aver fatto l'ammirazione, e la delizia de' suoi
concittadini, fecesi ne' suoi viaggi ammirare ancora in Italia, in
Francia, e finalmente formò la sua fortuna in Moscovia, dove attualmente
si trova.

BARNI (Camillo), nato a Como nel 1762, cominciò dall'età di 14 anni lo
studio del violoncello sotto la direzione del suo avolo _Davide
Ronchetti_, e quindi per alcun tempo del dilettante _Giuseppe Gaggi_,
canonico della cattedrale di Como. Di 26 anni venne egli in Milano come
secondo violoncello di quel gran teatro, e vi soggiornò per otto anni
presso il conte _Imbonati_, protettore illuminato degli artisti. Nel
1791 divenne egli il primo violoncello, e sonò gli a solo nel teatro
_della Scala_. Nel 1799 studiò la composizione sotto il cel. _Minoja_:
scrisse alcuni quartetti in Italia, e portossi a Parigi, dove si è
stabilito sin dal 1802. L'anno di poi diè egli al teatro Olimpico un
concerto di violoncello di sua composizione, e sino al 1809 ha
pubblicata molta musica strumentale.

BARTHEZ (Paolo-Gius.), celebre medico, morto nel 1806; nella sua
_Théorie des beaux-arts_ ha scritto un capitolo molto erudito, che ha
per titolo: _Nouvelles recherches sur la déclamation théâtrale des
anciens Grecs et Romains_ (_V. Millin, Mag. encyclop. t. V_)

BECCARIA (il conte), cel. in Italia e in tutta l'Europa nello scorso
sec. per il suo trattato dei delitti e delle pene, come per altre dotte
sue opere, è autore eziandio di una _Dissertazione sulla musica_ piena
di eccellenti riflessioni sul poco effetto della moderna per rapporto
agli affetti. “Oh quante volte, egli dice, accade di dover dire ad
alcune arie, quel che soleva l'ingegnosissimo autore dei mondi, _Musica,
che vuoi tu?_ S'ascoltano delle arie eccellentemente intonate, dette con
una prodigiosa agilità, con una perfetta eguaglianza di corde nella
voce, con esattissimo rigore di tempo, con trilli, con lunghezza
mirabile di cadenze senza prender fiato: _Musica che vuoi tu?_ Ancora
non lo so, se non mi desti nel cuore verun sentimento. Io ho ascoltato
delle voci, alle quali non si poteva rimproverare alcun difetto, ma il
mio animo faceva loro il rimprovero massimo poichè non sentiva nulla. I
ballerini da corda si pagano perchè ci faccian maraviglia, i musici si
pagano perchè ci movano; eppure la massima parte de' musici vuol fare da
ballerini da corda”, ec.

BELOLLI (Luigi), da Parma, celebre suonatore di corno di caccia
stabilito in Milano nel R. teatro _della Scala_. I suoi concerti sì pel
gusto, che per la sodezza delle regole lo han messo al rango di un de'
più celebri compositori d'oggigiorno. Non puossi esprimere l'effetto che
produce lo strumento da lui maneggiato: l'illusione è arrivata al segno
di aver creduto alcuni ch'egli pronunzii insin le parole. _I quartetti,
ch'egli ha composto per quattro corni di caccia, fanno un eccellente
effetto_, dice il dottor Lichtenthal: noi ne abbiam fatto un cenno nel
suo articolo (t. 3. p. 25). Belolli ha formato un grand'allievo nella
persona di un certo Balezar Milanese, che attualmente dimora in Napoli.

BENDA (Francesco) merita un distinto luogo nella storia dell'arte qual
fondatore di una scuola di violino nell'Alemagna. Egli era della Boemia,
ma dopo di avere appreso il canto e la musica a Praga, applicossi allo
studio del violino a Dresda, ove era stato accolto come uno de' membri
della real cappella. Tornato dopo alcun tempo a Praga, ebbe lezione da
Konyezek bravo violinista del paese, e quindi dal cel. Francischello in
Vienna. Sulla raccomandazione di Quanz entrò egli nel 1732 al servigio
del principe real di Prussia, indi Federico II. Benda intento sempre
alla perfezion di sua arte fecesi istruire nell'esecuzione degli
_adagio_ da Graun maestro de' concerti del Re, nell'armonìa dal di lui
fratello maestro di cappella della corte, e dallo stesso Quanz nella
composizione. Nel 1772 fu sostituito a Graun nel posto di maestro de'
concerti, e morì di apoplesia a Potsdam nel 1786 in età di 77 anni. Il
Dottor _Burney_ dice che “la sua maniera non era nè quella di _Tartini_,
nè quella di _Somis_ o _Veracini_, nè quella di alcun altro caposcuola
di violino, ch'ella era tutta sua propria, da lui formatasi su i modelli
de' gran maestri.” (_Travels 3º vol. p. 101_). Hiller nel 1º vol. delle
sue biografie dice: “ch'egli rendeva col suo violino i più belli, i più
nitidi, i più gradevoli suoni, che sentir si potessero. Niuno
uguagliavalo nella celerità e nell'esecuzion degli acuti. Egli conosceva
a fondo tutte le difficoltà, e tutte le risorse del suo instromento,
delle quali giudiziosamente sapeva far uso. Egli inclinava maggiormente
ad una nobile melodia.” Pregevolissimi sono i suoi concerti; _il Benda_,
dice Carpani, _è pennelleggiatore fiero e profondo_. (_Lett. 4_). Tra'
suoi allievi pel violino si fecero gran nome suo fratello Giuseppe Benda
e due suoi figli; Koerbitz, Bodino, Pittcher, Ramnitz, Rust e Matthes;
per il canto formò egli le sue due figliuole, che sposarono i maestri di
cappella Wolff, e Reichardt, ed il soprano Paolino. _Giorgio Benda_, il
terzo de' suoi fratelli si rese celebre come maestro di cappella del
duca di Saxe-Gotha: le sue composizioni sì per chiesa che per teatro
furono molto applaudite in Germania e nella Francia. Egli aveva
viaggiato in Italia per apprendervi la lingua, e il buon gusto nel
canto, il che acquistar fece alle sue produzioni la singolar maniera che
le rende superiori a quelle de' suoi contemporanei. Egli viveva ancora
nel 1794.

BERNARD, musico tedesco viveva in Venezia nel 1470. A lui deesi
l'invenzion de' pedali negli organi. (_Fabric. bibl. lat. med. ætat._).

BERNARDI (Franc.), detto il _Senesino_, eccellente mezzo soprano, nato
in Siena, fu ricercato dal cel. Hendel per condurlo seco in Londra come
prim'uomo nel teatro italiano, collo stipendio di 1500 lire sterline,
che fu in appresso accresciuto sino a 3 mila ghinee; ma essendosi
disgustati fra loro, Hendel lo mandò via dal suo teatro, malgrado il
discapito che gliene avveniva, e le premure de' più gran signori di
Londra, cui dispiaceva il perderlo. Nel 1739 egli si era stabilito in
Firenze, e tuttochè vecchio vi cantò un duetto insieme con l'imperatrice
M. Teresa, allora arciduchessa d'Austria. Era in gran pregio la di lui
voce penetrante, chiara, uguale e flessibile: aveva egli in oltre
un'abilità poco comune nell'esecuzion de' passaggi, pura l'intonazione,
ed il trillo perfetto. Ottimo attore nel tempo stesso primeggiava fra
tutti ne' recitativi.

BERRETTARI (Gaetano), membro della Società delle scienze ed arti
dell'Italia, è autore delle _Osservazioni sul suono_, che trovansi negli
_Annali di Chimica e Storia Naturale di Brugnatelli_, a Pavia, tom. 18,
1800.

BERTINOTTI (Teresa), da Savigliano nel Piemonte, cantatrice
rinomatissima su i primi teatri d'Europa, come di Londra, Milano, Napoli
e Palermo, dove sommamente si distinse nell'oratorio _la Zaira_ scritto
dal Federici per la sua voce nel 1800. La sua singolar maniera di
cantare, e la sua bellissima voce penetra il cuore: la sua espressione è
ammirabile. Alle doti di avvenenza e di grazia, di cui è stata assai
favorita dalla natura, unisce ella una decenza, un contegno, una virtù
che trovansi di raro nelle persone del suo rango. Ella sposò finalmente
il Sig. Radicati famoso professor di violino. Attualmente soggiorna in
Bologna, e canta da prima donna in quel teatro, dopo di essere stata in
Lisbona.

BIANTE di Priene, uno dei Saggi della Grecia fiorì sei secoli innanzi G.
C. Dopo essersi istruito in ogni genere di scienza, e dopo avere
imparata con eccellenza la musica, prese a cantar con la lira in diverse
occasioni i mezzi di render felice la patria, e di preservare da' mali
la poco accorta gioventù. I sentenziosi detti sparsi ne' canti di questo
valentuomo si celebrarono tanto da' Greci, che dell'età sua si videro
scolpiti nel tempio di Apollo, quali sentenze del Dio della musica. La
Grecia dichiarollo per uno de' suoi Savj (_V. Laert. l. 1, 35, et
Plutarch. de Monarch._)

BLANGINI (Mad.), sorella del bravo maestro Giuseppe Blangini (_V. il suo
art. nel t. 1, p. 123_), nacque in Torino nel 1780. Ebbe dapprima
lezioni di violino dal col. Pugnani, e poscia da Puppo, e da Boucher. Il
Sig. Barni da Como l'ha diretta nello studio della composizione. Essa ha
suonati de' concerti di violino nelle pubbliche accademie a Torino, a
Milano, a Vienna e a Parigi: una sola delle sue opere si è pubblicata
sinora, cioè un trio per due violini e violoncello. Ella è attualmente
nella corte di Baviera in qualità di maestra di canto della principessa.

BURA (Antonio), da Savigliano in Piemonte, attualmente uno de' primi
suonatori di violino, fu scolare del Pugnani.

BURGH (A.) nello scorso anno 1814 pubblicò in Londra _Anecdotes
historical and biographical of music in letters_, cioè _Lettere
contenenti alcuni aneddoti storici e biografici della musica_, 3 vol. in
8vo.

CATALANI (Ottavio), dell'antica Enna, abate e canonico della cattedrale
di Catania, acquistossi tal nome per la sua scienza e perizia nella
musica, che divenne in Roma maestro della cappella pontificia sotto
Paolo V. Fu poi maestro di cappella del duomo di Messina dove morì dopo
il 1620. Le sue composizioni per chiesa furono stampate in Roma presso
il Zannetti, e dedicate a quel Papa nel 1616 in 4º. (_Mongit. Bibl.
Sic._)

CESAROTTI (l'abb. Melchiorre), illustre professore nell'università di
Padova sua Patria, ed assai noto all'Europa letterata per l'eccellenti
sue opere di diverso argomento, merita un distinto luogo fra gli
scrittori sulla musica, comecchè protesti egli stesso _di non aver avuta
veruna intelligenza di quest'arte_ (_Lett. a M. de Vogt_). Trovansi non
pertanto nelle sue opere molte notizie riguardanti la musica: tal si è
quella sull'origine della medesima nel suo _Ragionamento sopra l'origine
e i progressi dell'arte poetica_. Tali sono le due sue relazioni
accademiche sulla nuova teoria musicale del P. Barca Scolopio; e tale è
la relazione della musica dei Caledonj nel suo _Ragionamento
preliminare_ dell'inavanzabil traduzione de' poemi di Ossian. Tra questi
vi ha il poema drammatico di _Comala_, ove come osserva lo stesso
traduttor Cesarotti, _la varietà della misura dei versi fa vedere che il
poema fu originalmente messo in musica_. Come il suo amico M. de Vogt
scrivevagli da Vienna nel 1776, ch'egli non disperava d'indurre M. Gluck
a porre in note l'eccellente traduzione ch'egli ne aveva fatta, “mi
sarebbe al certo gratissimo, gli rescrisse il Cesarotti, di veder posto
in musica da cotesto cel. professore il pezzo rimato del Celtico Bardo.
Parmi che quella versificazione imitativa, spezzata e varia, sarebbe
suscettibile di bellezze musicali straordinarie.” Ma, se pur non
m'inganno, la varietà e l'inuguaglianza del metro, che usò il Cesarotti
ne' versi di una medesima stanza, e la strada, com'ei dice, in gran
parte nuova che gli convenne tentare nella lirica, la rendono meno
adatta ad una buona musica: e fu forse questa la ragione, per cui non
potè indursi il Gluck a metterla in note. Piacemi di qui rapportare il
giudizio, che questo insigne letterato formavasi del Pacchiarotti,
ch'egli soleva chiamare l'_Orfeo dell'anima_ (_Lett. al Gener. Miollis
del 1808_), con tanto più di ragione, quanto nel formare il di lui
articolo non mi era occorso allora l'elogio così onorevole fattogli dal
Cesarotti. Egli dunque scrivendo alla contessa Livia Dragoni nel 1785
dice così. “Il vortice amichevole mi trasse seco per alcuni giorni a
Verona a render omaggio al nostro Orfeo. Tale è per me realmente il
Pacchiarotti. Egli si fa tiranno dell'anime sensibili, ed è il solo che
m'abbia fatto credere ai miracoli della musica Greca tanto magnificata
dall'antichità.” (_Epistolar, t. 2_). Per la ragione medesima tralasciar
qui non debbo le lodi, che dà il Cesarotti all'insigne poeta _Angelo
Mazza_ per la collezione de' suoi _Sonetti sull'armonia_. “È già molto
tempo, dic'egli in una lettera del 1803, che l'Italia vi riguarda come
il suo Pindaro. I vostri sonetti scuoterebbero il letargo stesso. Io ne
sono incantato, trasportato, e non ho parole che bastino a spiegarvi
quel ch'io ne sento. Voi meritate d'esser chiamato per eccellenza _il
Signor dell'altissimo canto_. Non v'è fra tanti un solo sonetto che non
porti l'impronta luminosa del grande; ma varj di essi sono d'una
bellezza sorprendente, e senza esempio. _S. Cecilia_, _il Genio_,
_l'Entusiasmo_, _l'Armonia ideale_, per tacer di altri, sono degni solo
di Apollo se pur Apollo ne sapea tanto.” Morì Cesarotti il giorno 4
novembre 1808.

CHLADNI, di cui abbiamo parlato nel 2º tomo a carte 58, e nel cui nome
vi è occorso errore. Chiamasi egli _Ernesto-Florente-Federico_, come lo
abbiamo trovato scritto negli estratti della sua _Acustica nel Journal
de Physique_ a Paris, etc., tom. 48.

COLLE (Francesco), accademico e storiografo dell'università di Padova, e
socio dell'accademia letteraria e georgica di Belluno assai noto per le
sue opere commendate dal Cesarotti, merita qui un distinto luogo per la
sua _Dissertazione_ presentata al concorso dell'anno 1774, e coronata
dalla R. Accademia di Scienze e Belle-Lettere di Mantova, sopra il
quesito: _Dimostrare che cosa fosse, e quanta parte avesse la musica
nell'educazione de' greci; qual era la forza di una siffatta
istituzione, e qual vantaggio sperar si potesse se fosse introdotta nel
piano della moderna educazione._ Essa è scritta con uno stile
coltissimo, e talora anche fiorito, sparsa di molta e punto non volgare
erudizione, soprattutto giusta, ed esattissima nel proporre e nello
sciogliere con tutta la soddisfazione desiderabile a parte a parte il
quesito, che ne forma l'interessante argomento. Prova l'A. quanta
efficacia aver dovesse nell'educazione della gioventù la musica
dall'esser questa l'arte più adattabile anche alla più tenera età: a
quell'età cioè, a cui le altre scienze di eloquenza, filosofia,
matematica sarebbero troppo sproporzionate. Quindi è che nessuna
professione conta tanti eccellenti professori suoi in fanciulli, quanto
la musica; laonde è che in età di soli sei anni i Greci erano alla
musica applicati. Essa oltre l'esser un innocente anzi virtuoso
trattenimento, coltiva ulteriormente e arricchisce l'intelletto, e il
cuore: e quindi mentre che ella si è uno scherzo e un diletto, ha
insieme il merito delle più nobili scienze, cioè di esser fonte di
sempre nuove cognizioni, e di nuovi affetti. Vero è che questo merito
non è grande, quanto esser lo potrebbe, per colpa dell'avvilimento, in
cui la lasciamo. E però prende da ciò motivo l'A. di deplorare con ogni
ragione, che la musica si professi per lo più da persone mercenarie e
venali che tanto sol la coltivano, quanto basta a proccurar loro danari
in copia, onde sollevarsi da quella vile e stentata condizione di vita,
a cui la nascita gli avea condannati. Due gran pregiudizj da ciò tornano
alla musica. L'uno è di non poter ispirare tutta quella nobiltà di
sentimenti, e di passioni di cui sarebbe suscettibile, perchè ne mancano
quei che la professano. L'altro di non aver nessun ajuto dalle scienze,
e dallo studio ragionato, perchè non son punto versate, nè nelle
lettere, ne nelle scienze le persone a cui è affidata. Qual danno il non
avere studiato a dovere la natura sì fisica che morale del cuore umano,
onde dedurne quai moti fisici, e quali affetti si potrebbero con sicuro
dominio svegliare in lui! Chi è chi ignori quanti avanzamenti non han
portati alla musica que' pochi uomini dotti, che l'han professata, un
_Zarlino_, un _Salinas_, un _Galilei_, un _Doni_, un _Banchieri_, un
_Rameau_, e più recentemente un _Tartini_, e un _Riccati_! Quanti
maggiori dunque non ne farebbe, se ella entrasse nell'educazione
universale; sicchè a professarla venissero non pochi solamente, ma tutti
i dotti che vantasser l'età venture! Professata così anche da' più
ricchi e potenti avrebber questi campo di far nuovi sperimenti comecchè
dispendiosi, onde acquistar nuovi lumi, e procurare alla musica nuovi
avanzamenzi. E poi se ogni dì la vediamo acquistar qualche nuovo grado
di perfezione, mentre è per lo più fra mani indotte e vili, quanti
adunque più ne acquisterebbe ai dotti ed ai nobili affidata? Nè la
perfezione, che essa allora otterrebbe non sarebbe di tal sorte, come lo
è al presente, che tende a guastarla e farle perdere la sua nobiltà.
Ecco un piccol Saggio di questa dotta ed erudita Dissertazione, che
fassi leggere con piacere e con profitto.

COLLIER, inglese, grande amatore della musica, dopo avere viaggiato per
la Francia, la Germania e l'Italia, ed aver osservato lo stato di
quest'arte in tutti que' paesi, ne diè al pubblico una ben dettagliata
notizia in un suo libro intitolato: _Musical Travels_, ossia _Viaggi
musicali_, in 12º, Londra 1790 (_V. Bent's the Lond. Cat._).

CONTI, valente compositore italiano, e uno dei primi a porre in note i
drammi del Metastasio, era al servigio dell'Imperatore Leopoldo grande
amatore della musica italiana in Vienna. Mr. _Suard_ nell'Encicl.
metodica ci ha conservato di lui il seguente aneddoto. Nel 1730, questo
virtuoso essendo stato insultato da un prete in Vienna, vendicossene
tosto con dargli delle buone botte addosso. La contesa avendo avuto de'
testimoni, gli si fece un processo criminale, ed in virtù di una
sentenza ecclesiastica, Conti fu condannato ad essere esposto per tre
giorni, pello spazio di un'ora, dinanzi alla porta della cattedrale
chiesa di S. Stefano. L'imperatore, per la stima che facevane, mitigato
aveva la sentenza, con ridurre ad una sola le tre umilianti stazioni. Ma
poichè nella prima non comportò egli quella pena con rassegnazione e
pazienza, venne condannato a subirla due altre volte; rivestito di un
grosso sacco, e tenendo un cero alla mano. Dopocchè la giustizia
ordinaria condannollo a pagar mille franchi al prete offeso, e tutte le
altre spese; ad una prigione di quattro anni, o ad esser quindi
perpetuamente bandito, da' dominj dell'Austria. (_Art. Allemagne_).

CRISTOFORI (Bartolomeo), da Padova, costruttore di cembali dimorante in
Firenze: a cui secondo la testimonianza del P. Sacchi, e del Conte
Gianrinaldo Carli, ambi Milanesi, deesi l'invenzione del _Piano-forte_
nella prima metà dello scorso secolo; benchè per l'usata trascuraggine
degli Italiani nel non rivendicare sugli esteri i dritti alla propria
gloria, si attribuisca cotale invenzione or a' Tedeschi, or a' Francesi
anche in Italia. Noi riporteremo qui le parole stesse del Conte Carli,
autore grave e rinomatissimo. “Bartolomeo Cristofori Padovano, egli
dice, fu l'inventore del cimbalo a martelletti, della quale invenzione
ci siamo scordati a segno, che l'abbiam creduto una nuova cosa, allorchè
ci venne dalla Germania, e dall'Inghilterra accogliendolo come una
singolare produzione di quelle felici regioni destinate ad illuminarci
con i lumi presi dagl'Italiani, i quali hanno ritrovato tutto,
inclusivamente un nuovo mondo, e non hanno saputo conservar mai cosa
alcuna.” _V. il vol. 14 delle sue opere, p. 405, Milano 1788, in 8º._

CROTCH (William), musico inglese, nel 1813 pubblicò in sua lingua:
_Elementi di composizione musicale_, opera che viene annunziata nel
Giorn. Enciclopedico di Sicilia, Maggio n. 5, 1814.

CROUSAZ (Jean-Pierre), professore di filosofia, e di matematica
nell'Accademia di Losanna, nel 1714 diè al pubblico _Traité du Beau_, in
8º, dove dimostra in che consista il _bello_ con degli esempj tratti per
la più parte delle arti, e delle scienze. L'autore parla altresì del
_Bello_ della musica, che ha qualche cosa che non del tutto dipende dal
piacer dell'orecchio. L'ultimo e 'l più lungo capitolo di quest'opera
viene da lui impiegato a spiegar da prima fisicamente la natura del
suono; tratta quindi da matematico dei tuoni, e delle differenti
combinazioni che bisogna farne, per produrre un pezzo di musica, che sia
veramente bello, secondo i principj, ch'egli ha premessi. Ma come tale
bellezza matematica della musica è da pochi, anzi da niuno compresa,
così tolse egli questo capitolo sulla musica dalla seconda edizione del
suo trattato pubblicata in Amsterdam nel 1723, e tratta in sua vece
della bellezza della Religione. (_V. le Clerc Bibl. Anc. et Modern. t.
20_).

DESCARTES. Benchè siasi da noi detto abbastanza in riguardo al suo
trattato _sulla musica_, per onor dell'Italia tutta via crediamo
ragionevol cosa lo aggiungere quel che ne ha scritto il dottissimo
_Andres_ nel cap VIII del t. 4 _Dell'Acustica_. “La dottrina musica del
Cartesio, egli dice, è tanto conforme a quella del Galileo, che il
Cartesio stesso pare che voglia schivare la taccia di plagiario, e
cerchi di rifonderla nel Galileo (_Ep. XCI, par. II_); e il Poisson
illustratore della sua musica più uso fa delle ragioni e delle sperienze
del Galileo, che di quelle del suo autore Cartesio (_Elucid. phys. in
Cartes. music._). Sotto l'ombra di questi due sommi filosofi cresceva la
musica, e chiamava l'attenzione del Mersenne, del Gassendi, del Wallis,
e d'altri chiarissimi scrittori... La dottrina però del Galileo e del
Cartesio intorno la musica, le sperienze de' fisici, e le teorie de'
geometri sopra il suono non erano che piccioli saggi de' moltissimi
argomenti, che offre questa materia, e delle infinite speculazioni, che
restavano a fare.” Puossi anche aggiungere all'articolo di Descartes,
che nelle sue _Lettere_ trovansi spesso trattati soggetti di scienza
musicale, così nell'_epist. 75 e 106_ della Part. 2 spiega egli meglio
che il Mersenne la coesistenza de' suoni acuti col suono fondamentale di
una corda, benchè attribuisca esclusivamente questa qualità alle corde
irregolari; nell'epist. 72 osserva egli, che l'intensità della
propagazione del suono per via di corpi solidi è maggiore di quella, che
si fa per via dell'aria a motivo della maggior coesione di questi corpi;
nell'epist. 3, spiega assai bene gli effetti delle consonanze e
dissonanze sul nostro senso, ec.

DIETZ, valente meccanico di Darmstatt è inventore di un nuovo strumento,
cui diè il nome di _Melodion_. Egli si è stabilito in Parigi, ed avendo
presentato nel 1810 all'esame dell'Istituto quella sua invenzione,
Gossec, Gretry, Mehul, Lacépède, e Charles furono incaricati a farne il
rapporto. Quest'istrumento offre la forma di un piano-forte, contenente
cinque ottave e mezza, e puossene vedere un'esatta descrizione
nell'_Archive des découvertes pendant l'an 1811 p. 254_. Madamigella
_Sofia Welsch_ distinta virtuosa fecelo sentire ai Commissarj
dell'Istituto, e Mr. Charles nel suo Rapporto alla classe delle
Belle-Arti dice averne essa ben preso il carattere; e che contenendosi
in quella cantilena che più gli è propria, osserva sempre i giusti
limiti dell'espressione e della grazia.

DIONISIO di Tebe, cel. musico dell'antica Grecia fu il maestro di
Epaminonda l'uomo forse il più grande che abbia prodotto quella nazione.
Fanno di costui menzione Aristosseno presso Plutarco, e Corn. Nepote
nella vita di Epaminonda. Pare che il maestro e lo scolare siano ambi
stati seguaci di Pitagora. _La musica_, dice quel biografo, _imparata da
Epaminonda sotto la scuola del valente musico Dionisio tebano formava il
suo divertimento. Suonava eccellentemente il flauto; e ne' banchetti ai
quali veniva invitato, cantava accompagnandosi colla lira._ Fiorì egli
quattro secoli prima dell'era cristiana.

DIONISIO il giovane, re di Siracusa, benchè si sia reso esecrabile per
l'abuso del suo potere e la sua tirannide, non era tuttavia sfornito di
cognizioni e di coltura. Egli amava passionatamente la musica, e ne
possedeve così bene la teorìa e la pratica, che cacciato dal trono e
bandito a Corinto gli servì di mezzo a procacciarsi il vitto. Secondo lo
Storico Giustino, egli quivi tenevane scuola, esercitava le donne che
cantar doveano ne' cori, e disputava seco loro sull'armonia e intorno la
maniera di far de' passaggi colla voce (_Lib. 21, c. 2_). Egli
l'accompagnava col flauto, che sapeva suonar assai bene. Aristosseno il
musico, al riferir di Plutarco (_in Timol._) lo riscontrò in Corinto, e
seco si trattenne in famigliari discorsi. Evvi in Siracusa il famoso
carcere detto _l'Orecchio di Dionisio_: dicesi che “il rimbombo che vi
fa la voce, avesse dato ai professori della musica occasione di produrre
quell'invenzione non prima sentita del _Canone_, per cui cantando due
voci e rispondendo l'eco ne nasce quindi di quattro voci una perfetta
armonica concordanza. Il viaggiatore Swinburne (_nel t. 3, de' suoi
viaggi p. 394_), nota una tal particolarità come cosa detta avanti da un
autor Siciliano (_questi è il Mirabella_), essendo stato il primo che
ciò inventasse Antonio Falcone nella parte pratica della musica.” (_V.
Antichi monum. di Sirac. di Gius. Capodieci, t. 2_).

DRACONE, famoso legislatore della Grecia secondo Aulo-Gellio, o
riformatore delle antiche leggi al dire di Clemente d'Alessandria
(_Stromat. l. 3_) era, secondo l'uso di que' tempi, musico e poeta
altresì celebratissimo. I precetti di morale, di civile e religiosa
educazione cantati in tre mille versi da Dracone lo autorizzarono fra
gli Ateniesi a segno, che fu scelto dal senato per compilar un codice di
leggi, e crearne delle nuove per ogni caso particolare. Furono queste
cantate per la prima volta nel teatro degli Eginesi, e tali applausi
riscossero da que' cittadini, che in segno di approvazione gettarongli
in seno ed attorno nobili, e grandiosi regali, smaniglie, orecchini,
anelli. Non essendo conforme alle nostre usanze il cantare così serj e
gravi argomenti, può sembrar strano un tale racconto. Ma Aristotile ne'
suoi problemi (_cap. 51, quest. 28_) ne sarà mallevadore. Essendosi egli
proposta la quistione, _perchè molte leggi si chiaman cantilene?_
Risponde: _non sarebbe egli, perchè gli uomini avanti l'invenzion delle
lettere cantavan le leggi, affinchè non fossero dimenticate: il che a'
nostri giorni è ancora in uso fra gli Agatirsi?_ Dracone visse sette
secoli innanzi G. C.

EPIMENIDE di Creta, uomo illuminato, e capace di sedurre co' suoi
talenti, fu considerato a' suoi tempi qual uomo ispirato dal cielo.
Passò egli i primi anni nella solitudine, dedito interamente alla
contemplazione e allo studio della natura: imparò il metro, l'armonia e
'l ritmo, senza il quale non era possibile figurare fra' principi della
letteratura. Ei giunse così a tanta fama di saggezza e di santità, che
gli Ateniesi al riferir di Platone lo accolsero con trasporto in una
pubblica calamità (_De leg. l. 1_). Compose allora de' cantici per
placare gli Dei, e ne insegnò a quel popolo la musica (_Stab. l. 10_);
strettosi quindi in amicizia con Solone, lo istruì nell'armonia e nella
scienza de' costumi e della politica, e formar gli fece un nuovo codice
di leggi, che fu ammirato da tutta la Grecia. Compose e cantò ancora una
teogonia con tanto estro, che gli Ateniesi lo stimarono ispirato da
Apollo. La di lui autorità crebbe a tal segno, che riprese in pubblico
canto i suoi compatriotti con quelle parole, santificate dipoi dalla
bocca stessa dell'Appostolo: _Cretenses semper mendaces, ventres pigri,
malæ bestiæ_: senza che perciò incorresse la nota di maldicenza. Fioriva
egli sette secoli prima dell'era volgare.

ESCHILO, poeta musico, e padre della tragedia, benchè nato nell'Attica,
appartiene ancora alla Sicilia, ove dimorò lungamente, e vi terminò i
suoi giorni. In età di 25 anni concorse con Pratina, e Cherilo al premio
della tragedia, ed oscurò la gloria de' suoi rivali. Egli fu il primo a
provvedere il teatro di macchine, e lo abbellì con decorazioni (_Vitruv.
præf. ad l. 7_): vi fece sentire il suono delle trombe; esercitava egli
stesso quasi ogni giorno i suoi attori, e prese perciò in suo compagno
un bravo maestro di cori per nome Teleste: introdusse nella tragedia
modulazioni sublimi, e il ritmo impetuoso di certe arie, o _nomi_, atti
ad eccitare il coraggio. Non mai però s'indusse a far uso delle
innovazioni, che cominciavano a disfigurare l'antica musica: _il suo
canto_, dice Plutarco, _era pieno di nobiltà e di decenza, sempre nel
genere diatonico; il più semplice e 'l più naturale di tutti_ (_Dial. de
Musicâ_). Abbandonò la patria, perchè accusato a torto di avere rivelati
in un suo dramma gli Eleusini misteri, potè a gran stento sottrarsi ai
furori d'un popolo superstizioso, qual si era quello di Atene. Passò in
Sicilia, dove il re Jerone colmollo di beneficenze, e di distinzioni, e
quivi morì di 70 anni, circa 456 innanzi G. C. (_Plutarc. in Sympos._).
Fu scolpito sulla di lui tomba il seguente epitaffio, ch'egli stesso
aveva scritto: _Quì giace Eschilo figlio di Euforione, nato nell'Attica,
morì nel paese fertile di Gela_, ecc. (_Pausan. l. 1, Athen. l. 14_).

ESER (Carlotta), nata tedesca, è oggidì in Italia una delle più rinomate
cantanti per la sua bellissima voce, non che per la profondità del suo
sapere nella musica. Ella ha cantato in Milano, in Vienna, in Napoli e a
Roma, d'onde non le si è permesso mai più di partire, non solo per la
magia della sua voce, e la superiorità del suo canto, ma sibbene per una
decente e virtuosa condotta, che fa l'ammirazion de' Romani. Sposò ella
quivi un de' primi e de' più ricchi avvocati, il quale essendosi dovuto
portare in Vienna a difendere in quel Parlamento una causa rimarchevole
di un Principe romano, condusse seco la moglie per servirgli
d'interprete nella sua aringa. Attualmente dimora ella in Roma, e non
sorpassa gli anni ventisette di sua età.

EUMELO nacque a Corinto otto secoli prima dell'era cristiana. Di questo
celebre cantore fa onorevol menzione Pausania (_in Eliac._), e qual
testimonio di vista e di udito, ci narra di avere inteso un
armoniosissimo inno di questo compositore, solito ad intuonarsi in
Corinto allorchè i pubblici magistrati presentavansi in corpo alle porte
del tempio a farvi l'adorazione. Morì questo cel. musico in età di
ventiotto anni, lasciando di se molte, e scelte memorie del suo ameno, e
vivace spirito, mentre in così brevi anni lavorò da fisico un
leggiadrissimo canto sulla generazione delle api. (_Euseb. Chron._).
Eumelo fu il primo, che compose un inno notato in musica col ritmo
_prosodiaco_; e a suo esempio quanti inni si cantarono di quella fatta,
chiamaronsi _prosodiaci_. Il che vuol dire, che Eumelo dilatò le severe
leggi del ritmo nel canto, aggiungendo a questo della vaghezza con la
moltiplicità de' piedi. Il ritmo _prosodiaco_ ora componevasi di tre
piedi diversi, or di quattro, or di più; la quale cosa variava di molto
il tempo nel suono e nel canto (_Requen. Saggi ec. t. 1_).

EUNOMO di Locri, famoso citarista, di cui rapporta Strabone esservi
stata in quella città della Magna-Grecia una di lui bellissima statua
tenente in mano una cetara, su cui era una cicala. Timeo, presso
quell'antico geografo, racconta che Eunomo venne a competenza nei
giuochi pizj con _Aristone_ altro musico di Reggio, e ne riportò il
premio per un fortunato accidente. Poichè essendosi rotta una corda
della sua lira prima di terminare il concorso, una cicala venne così
opportunatamente a muoversi su di essa, che supplì al difetto della
corda. Ecco una di quelle favolette de' Greci, che M. _Banier_ cerca di
spiegare inutilmente colla fisica (_Explic. de la Mytholog. l. 8_). Più
naturale, e più semplice è la spiegazione che ne dà il _Signorelli_,
cioè che la statua fu eretta, non per accreditare un'inverisimile
avventura senza conseguenza, come congettura il _Banier_, ma per
conservar memoria del trionfo di Eunomo; e che vi si aggiunse una cicala
sulla lira, non perchè avesse miracolosamente supplito alla corda rotta,
come narrò Timeo, ma ad oggetto di specificare la patria del musico
vincitore con un segno noto a' vicini, e tratto dalla storia naturale
del paese, essendo che in Locri abbondano le cicale. (_Vicende della
Coltura delle due Sicil., tom. 1_).

EURIPIDE di Salamina, uno de' più gran poeti drammatici, e detto il
filosofo della scena, perchè sparge ne' suoi drammi le massime della
morale di Socrate suo amico, e della filosofia di Anassagora, di cui fu
discepolo. Verso la fine de' suoi giorni ritirossi presso Archelao re di
Macedonia, il quale radunato aveva in sua corte tutti quei che
distinguevansi nelle lettere, e nelle arti. Euripide vi trovò Zeusi, e
Timoteo, il primo de' quali aveva fatta una rivoluzione nella pittura,
come l'altro nella musica. Complice delle innovazioni fatte da Timoteo
nell'antica musica, adottò quasi tutti i modi, e specialmente quelli che
per dolcezza, e mollezza si accordavano col carattere della sua poesia.
S'intesero per la prima volta sul teatro con istupore suoni effeminati,
e talvolta replicatamente poggiati sopra una sola sillaba. Gli autori di
commedie, tra quali _Aristofane_ il più maledico di tutti, cercarono di
screditarlo: costui nella sua commedia _delle Rane_, lo rappresentò come
uno scrittore tragico senza vigore, che aggiungendo ariette a piccole
strofe, procurava di supplire al difetto di bellezza cogli ornamenti, e
alla mancanza di forza coll'artifizio: _Facciamo cantare Euripide_,
quivi egli dice, _prenda una lira, o piuttosto un pajo di nacchere, che
tale è il solo accompagnamento, che possono sostenere i suoi versi_
(_Ranæ, v. 1340_). Ma l'uomo di genio sa dispensarsi all'uopo della
severità delle regole, e colla novità delle sue grazie trionfa sempre
della pedanteria, e della satira. L'innovazione stessa di Euripide servì
maggiormente a distinguerlo da quelli, che lo avevano preceduto. Egli
morì in età di 76 anni, cinque secoli prima di G. C.; il re di
Macedonia, non volle cedere alle premurose istanze degli Ateniesi le sue
ceneri, e fecegli costruire presso alla capitale un magnifico monumento.
La sua memoria fu altresì onorata in Atene con un superbo cenotafio
presso al Pireo, e non vi si pronunziava il suo nome che con istima e
trasporto, malgrado le prevenzioni, che Aristofane cercò di spargere
contro di lui.

FANTASTICI (la Signora), celeberrima improvvisatrice di Firenze. La sua
casa è frequentata da' più ragguardevoli Signori forestieri che visitano
la Toscana, e dai più colti ingegni del paese per godere delle belle
accademie di musica e di canto estemporaneo ch'ella dà frequentemente
per suo divertimento e per quello de' suoi amici. L'accademia degli
Arcadi in Roma si è fatto un pregio di annoverarla fra' suoi membri. La
di lei figlia maggiore maritata a Trieste improvvisa e canta anch'essa
con molta eleganza, e un'altra più piccola, che può avere al più 15 o 16
anni fa ammirarsi per gli stessi talenti. (_V. Pananti, t. 1, note p.
326_).

FANZAGO (l'abate Francesco), rettore del collegio di Padova sua patria
circa 1780, è stato scelto, come uno de' bravi oratori italiani, a far
l'elogio di due grand'uomini nella musica il Tartini e il Vallotti. Nel
1770 pubblicò egli _Orazione delle lodi e di Giuseppe Tartini, recitata
nella chiesa de' RR. PP. Serviti in Padova li 31 di marzo_, in 4.º in
fronte alla quale vi ha il ritratto di quel celebre virtuoso. Nel 1780
pubblicò ancora _Orazione ne' funerali del R. P. Franc. Ant. Vallotti,
recitata nella chiesa del Santo in Padova_, in 4º.

FENZI da Torino, virtuoso distinto sul violoncello, vien creduto
oggigiorno da tutti gli intendenti il più bravo professore sì per la
bellezza de' suoni, che per l'esecuzione della più gran difficoltà. Nel
1807 fecesi egli sentire a Parigi ne' pubblici concerti, e vi ottenne il
più brillante successo: il suo nome è celebre ancora in Germania, e in
Italia. Il di lui minor fratello, tuttocchè abilissimo sullo stesso
strumento, non giunge tuttavolta alla stessa di lui celebrità.

FERREIN (Mr.), nelle Memorie dell'Accademia delle scienze di Parigi
1741, e 1745 vi sono di lui alcune osservazioni fisiche sulla voce
dell'uomo nel canto, che sembrano contradir quelle di M. Dodart. (_V.
Chladn., Acoustiq. p. 68_).

FORTIS (l'ab. Cesare), nato in Padova di nobil famiglia, per la sua
letteratura e le doti del suo spirito veniva onorato dall'illustre
Cesarotti col titolo di _suo caro e fedele amico_ (_V. Epistolar. tom.
5_). La di lui madre Francesca Capodilista donna di coltissimo ingegno e
di cuor nobilissimo divenir fece la sua casa un'accademia di Letterati;
in sul far della sera i più specchiati di Padova vi si radunavano.
Conoscenza degli uomini e degli affari, intelligenza, bontà, discrezione
e per colmo finezza di gusto, agilità di spirito, passione del bello,
rendevano questa donna l'anima di quella dotta compagnia. Dai talenti e
dalle virtù di tal madre puossi ben argomentare la coltura del figlio.
“L'abate Fortis è buon improvvisatore (_scriveva nel 1808 il D.
Pananti_), buono scrittore e grandissimo naturalista. Credo che
attualmente sia in una gran carica nell'Università o nell'Instituto di
Bologna.” (_Poet. di teatr. t. 1, note p. 326_). Oltre a più opere
scrisse egli _sulla musica de' Morlacchi_, popoli vicini della Dalmazia,
di cui può vedersene un lungo estratto presso M. de la Borde. _V. Essai
etc._

FRICHOT è inventore di un nuovo stromento, cui diè il nome di
_Basse-cor_, o _Basso di corno di caccia_. Ha egli l'estensione di
quattro ottave e mezza: il che forma un compiuto sistema di suoni, che
cromaticamente procedono dal suono il più grave al più acuto. M. Frichot
nel 1811 presentò al Conservatorio di Parigi questo nuovo strumento, la
di cui invenzione dee far epoca per il grand'utile che recar può
all'arte musica. (_Achiv. des Découvert. tom. 2, p. 265_). Nel Giornale
Enciclopedico di Sicilia n. VI mal si annunzia col nome di _Tromba_.

GARSIA (Alessandro), nativo Spagnuolo, uno de' più celebri cantanti di
Tenore e compositore sensatissimo, ha scritto la musica di più drammi
per i teatri di Napoli, e cantò per più anni nel teatro privato della
corte di Francia con incredibil successo. La dolcezza e la grazia, con
cui sa modular la sua voce, rapisce i cuori; la sua musica fa sentirsi
con tale trasporto, che non vi ha teatro in Europa dove non si sia
ricercata ed eseguita sempre con felicissimo incontro. Oggidì trovasi
egli stabilito in Napoli in servigio della R. Cappella. Non sorpassa gli
anni trenta di sua età. La sua passione per il vino gli ha cagionato de'
disgusti: dicesi ch'egli attualmente si occupa a far de' negozj di
quadri de' migliori artisti.

GERBINI (la Signora) da Torino, abilissima suonatrice di violino, fu per
alcun tempo virtuosa di camera nella corte di Baviera, e quindi in
quella di Francia. Avendo percorso la Moscovia, la Germania, la Francia
e l'Italia, la sua delicata maniera, la sua agilità, il suo bello stile
nell'eseguire sul violino ritrasse non che ammirazione ed universale
applauso, ma doni considerevoli ancora da più Sovrani e Signori, sicchè
divenne agiatissima, e posseditrice d'immense ricchezze. Non oltrepassa
ella i 40 anni di sua età, e non ha abbandonato ancora il suo strumento.

GIBELIN (Mr.): tra le opere presentate alla classe delle Belle-Arti
dell'Istituto nazionale di Francia nel 1803, vi ha di lui: _Discours sur
la necessité de cultiver les arts d'imitation._

GOUGELET (Pierre Menie), nato a Chalons, fu da Monsignor Vescovo suo
padrino posto a servire in età di sei anni come chierico corista nella
cattedrale. Egli fece de' rapidi progressi non solo nella musica, ma
anche nelle lingue dotte, e nelle mattematiche. Compose alcune messe in
musica, e nel 1744 a diciott'anni della sua età i suoi talenti gli
meritarono il posto di maestro di cappella, ma il vescovo di Chalons,
che voleva farlo entrare nel seminario, vi si oppose. Il giovine Menie
non sentendosi del gusto per lo stato ecclesiastico, portossi a Parigi
presso un suo zio assai ricco, che voleva fargli abbandonare la musica
per il commercio, e le finanze. Gougelet impiegava il giorno in questa
nuova occupazione, e la notte nell'esercizio dell'arte sua favorita.
Compose allora molta musica per chiesa, che fu eseguita più volte a
Versaglies, e ricevuta sempre con applausi. Egli possedeva con la musica
il talento della poesia, e scrisse parole e musica di più graziose
canzonette: fornito di spirito, di vivacità e di grazie veniva ben
accolto nelle più colte società, ma la morte venne a rapirlo assai
presto all'arte ed agli amici. Egli finì i suoi giorni in Parigi nel
1768 di 42 anni. Poco prima aveva dato al pubblico: _Méthode, ou Abrégé
des règles d'accompagnement de clavecin_, Paris.

GRIMALDI (Carlo, e Paolo), fratelli nati in Messina da onesta famiglia
nell'ultima metà del diciassettesimo secolo, ed i più celebri
costruttori di cembali a que' tempi in Europa. Di Carlo si sa, ch'egli
viaggiò in Italia, in Francia, in Inghilterra, e che lasciò in que'
paesi de' monumenti illustri della sua arte. Somma esattezza nelle
misure, una singolar nettezza ed insieme un'aggradevele pienezza ne'
suoni, una squisitezza di lavoro e solidità di costruzione formavano il
singolar pregio de' cembali di questi due virtuosi fratelli, che vengono
ricercati tuttora specialmente dagli esteri. Nell'ultimo tasto de' loro
strumenti vedesi scritto il loro nome, e l'anno della costruzione.
Eglino sopravvissero a' primi anni dello scorso secolo. Il cembalo è
oggigiorno così in abbandono che uno di quelli costruiti da Grimaldi,
che trent'anni prima compravasi per 300 e più ducati, a stento ha oggidì
il prezzo di trenta scudi.

GRIMALDI (Emmanuele), nato in Catania ma dalla più tenera età educato in
Palermo nel Conservatorio di musica, mostrò in quest'arte quanto può il
genio secondato dalla cultura e dallo studio. Apprese la composizione
dal bravo Niccolò Logroscino, che erane allora il maestro, ma applicossi
soprattutto al violino, nel quale istromento riuscì valentissimo. Egli
formossi una maniera sua propria con l'assiduità d'uno studio profondo
sulle composizioni del gran Boccherini: eseguiva con singolare
espressione i di lui quartetti, e ne' _larghi_ giunse più volte a muover
le lagrime degli ascoltanti. Un'immatura morte il rapì all'arte nel
1773, compiti appena gli anni 35 di sua età. Il disgusto, ch'ei risentì
per aver perduto l'occasione di guadagnare un'ingente somma al lotto, ne
fu cagione per consiglio di uno di quegli impostori, che si vantano di
possederne la scienza, egli aveasi ritirato un biglietto, in cui
ritrovavansi tutt'i cinque numeri di quella estrazione. Lasciò morendo
un sol figlio nella tenera età di cinque anni, di cui parleremo nel
seguente articolo.

GRIMALDI (Andrea), figlio del precedente, nato in Palermo nel 1768, può
dirsi con verità l'allievo favorito della natura, che a man piena versò
su di lui tutti i talenti, che si richieggono per riuscire eccellente in
quest'arte. Egli dee il suo singolar valore sul violino alla felicità
del suo genio, piucchè all'assiduità dello studio: più al naturale suo
istinto, anzicchè agli insegnamenti del maestro. La vivacità del suo
temperamento non soffriva ne' suoi giovani anni il giogo d'uno studio
seguìto, metodico, e la superiorità del suo talento il dispensò dal
calcare il battuto sentiero. Ragazzo di nove in dieci anni, dopo di
avere avute alcune poche lezioni dal Signor Pietro Morici, buon
professore di que' tempi, cominciò tosto a suonar sull'orchestre con
tale franchezza di esecuzione, con tale esattezza d'intonazione e di
tempo, che destava maraviglia non che alla comune degli uditori, ma sino
ai più bravi professori. Nel monastero di S. Martino de' PP. Cassinesi,
per divertire nel carnovale i giovani in quella trista solitudine,
permettevasi l'esecuzione di alcuni drammi in musica del Metastasio in
un teatrino di burattini, eseguita da una scelta, benchè poco numerosa,
orchestra. Quivi fu chiamato a far da primo violino il Grimaldi di così
piccola età, che faceva mestieri porre uno sgabello ben alto sotto alla
sua sedia, perchè giunger potesse a veder la sua parte: ma egli eseguiva
e dirigeva anche gli altri nella esecuzione della delicata, difficile, e
allora nuova musica del famoso Schuster con tal maestria e destrezza,
che diè ben a divedere quel che sarebbe un dì divenuto con più maturità
di anni, e di studio. Una distinta articolazione di note, una chiara e
piacevole robustezza di voce, cosichè il suo violino fra cento altri
agevolmente distinguasi: esattezza e verità di suono, somma agilità e
franchezza nell'esecuzione; gusto, e quel che più vale, giudizio negli
abbellimenti, ecco il distintivo carattere della maniera di questo bravo
suonatore, ch'egli da se solo si è formata, senza che appresa l'avesse
da alcuna scuola particolare. Egli conosce a fondo tutt'il difficile e
'l bello del suo instrumento; e sa farne uso quando gli abbisogna: non
ha chi l'uguagli nella celerità, nell'espressione, e nella perfetta
intonazione de' suoni più acuti. Il gran Lolli, venuto essendo in
Palermo, non isdegnò di farne l'elogio. Finalmente egli ha formato e
perfezionato il suo gusto sulle inarrivabili composizioni di Haydn, di
Pleyel, di Mozart, di Beethoven, ch'egli ha eseguite a primo colpo
d'occhio perfettamente sin dalla prima volta che giunsero sino a noi. A
tanta abilità e valore nell'arte sua unisce egli quella modestia, e quel
basso sentimento di se stesso, che distinguono dalla comune l'uomo di
genio, e d'uno spirito e d'un cuore ben fatto. Vi sono di lui alcuni
concerti di violino, e notturne con accompagnamento di piena orchestra
sul gusto de' moderni tedeschi.

HELTA (Vincenzo de), palermitano, fu maestro della real cappella
palatina su i principj del sec. 17, per la quale compose la musica di
molti salmi ed inni di vespro a 4 e 8 voci con il basso continuo per
l'organo, che pubblicò per le stampe del Veneziani in Palermo 1636, in
4º. (_Mongit. Bibl. Sic._).

HOFMANN, costruttore di organi e piano-forte è l'inventore del _Piano à
archet_, ossia di un clavicembalo a corde di budello sulle quali fa egli
muovere circolarmente un arco di crino, che produce l'effetto de'
violini, della viola e del contrabbasso. Se ne trovano i dettagli nel
_Journal der fabriken, und manifacturen, cahier de novembre 1808_. (_V.
Archiv. des découvert. p. 372_).

JACQUIER (il Padre), francese dell'ordine de' Minimi, professore di
matematica nel loro collegio della S. Trinità de' monti in Roma, nel suo
_Corso di filosofia_ (_tom. 3 part. 2, 131, edit. rom._) spiega il
sistema musicale dell'Eulero, e lo abbraccia rigettando quello del
Galileo. Egli con altri filosofi deriva il piacere dell'armonia
dall'esatta ragione e proporzione, che si trova in alcune corde
musicali. _Musica_, dice il metafisico Leibnizio, _est exercitium
arithmeticæ occultum nescientis se numerare animi... Errant enim, qui
nihil in animâ fieri putant, cujus ipsa non sit conscia. Anima igitur
etsi se numerare non sentiat, sentit tamen hujus numerationis
insensibilis effectum, seu voluptatem in consonantiis, molestiam in
dissonantiis inde resultantem._ (_Epist. ad divers. t. 1, ep. 154_).
Descartes ha proposto gli stessi principj nel suo Tratt. _de homine_, p.
3, § 36, e nel _Compendio di musica_. L'Eulero, il Diderot, e il P.
Jacquier li hanno adottati; ma il dotto Eximeno sulle tracce del
d'Alembert, li ha tutti seriamente confutati nel secondo capitolo del
suo primo libro a carte 75. “L'insegnare a dilettare l'udito per le
proporzioni delle corde è lo stesso, che insegnare a convincere
l'intelletto per il numero delle parole, e lo stesso ancora che voler
condire i cibi per regole di geometria.” Il P. Jacquier viveva ancora
nel 1781. Ne' suoi commentarj a Newton, ch'egli compose insieme col suo
confratello il P. _le Seur_, per supplire al difetto della teoria de'
suoni del matematico inglese, ha fatto de' calcoli così complicati, che
non puossi pienamente restar affidati nelle loro conclusioni, e _i
posteriori geometri_, dice l'ab. Andres, _non hanno infatti abbracciata
la dottrina del Newton_.

JANIDE, antichissimo musico della Grecia, inventò il modo frigio
contenuto entro il _diapason_ ossia, secondo il Requeno, il sistema
armonico più usitato da' Greci detto _eguale_, o _equabile_ (V. Plutarc.
_de Mus._). I marmi arundelliani non solo confermano il detto di
Plutarco, ma aggiungono che Janide lo inventò a Celene, e che fu egli il
primo, che con regolata armonìa facesse delle cantilene alla gran madre.
Lo fanno eziandio inventore non del flauto, come dei scrittori poco
accorti hanno stampato più volte, ma del _canto tibiale_: la qual cosa
non vale a dir altro, se non che Janide applicò al flauto il ritrovato
della divisione della corda armonica, e il modo frigio da lui inventato.

LAMPILLAS (ab. Saverio), exgesuita spagnuolo nato nell'Andalusia nel
1739, e morto a Genova nel 1798 dopo l'espulsione del suo ordine passò
in Italia, si diè alla letteratura, e indegnato della maniera con cui i
suoi confratelli Bettinelli e Tiraboschi giudicato avevano nelle loro
opere del merito letterario di sua nazione, attribuendo alla medesima il
dicadimento e la corruzione del gusto dell'antica Roma, e della moderna
Italia, e della loro letteratura, diè al pubblico per le stampe di
Genova la sua opera in italiano idioma col titolo di _Saggio storico
apologetico della letteratura spagnuola contro le pregiudicate opinioni
di alcuni moderni scrittori italiani_, in 6 vol. in 8º, 1778-1781. Egli
ebbe delle onorevoli e lucrose ricompense dal re Carlo III, per avere
vendicata con quest'opera la nazione spagnuola. Siccome l'apologista
percorre tutte le scienze, e i rami tutti della letteratura, così nel 2º
tomo (_Part. 2, diss. 3, § 5_) parla egli della scienza musica degli
Spagnuoli, e parecchi di loro ne accenna, che stabiliti in Italia furono
impiegati a tenervi cattedra di musica, o ad esercitarla con
distinzione.

LERIS (Antoine de), nato a Montlouis nel Rosciglione, è autore di un
_Dictionnaire portatif historique et littéraire des théâtres_, 1754 in
8º; la seconda edizione è del 1765. Egli ha avuto parte eziandio come
editore al libro intitolato: _Sentiment d'un harmoniphile_, 1756. De
Leris è morto sul principio di questo secolo (_V. l'artic. Laugier_).

LEVESQUE (Pierre-Charles), membro dell'Istituto nazionale di
Letteratura, e Belle-Arti diè al pubblico nel 1797 _Considérations sur
les trois poètes tragiques de la Grèce_, a Paris in 8º. L'A. vi tratta,
della poesia lirica e della musica de' Greci. “Io credo assai probabile,
dic'egli, che i Poeti tragici e lirici componevano eglino stessi la
musica delle loro opere. La musica entrava nell'educazione dei Greci ben
nati. Io vedo altresì che gli antichi fan menzione di Cantori celebri,
di celebri Suonatori: ma non ci offrono mai l'idea di una classe
distinta di Musici-Compositori.”

MANGO (ab. Vincenzo), nato in Palermo da antica e nobil famiglia nel
1741, uomo d'alto ingegno, di molto criterio e gusto, versato nelle
lingue dotte, e d'immensa letteratura sia sacra, sia profana, ha fatte
nella musica sorprendenti scoperte, benchè per un curioso fenomeno della
natura, simile in ciò al cel. M. Sauveur, per difetto di orecchio, nè
colla voce nè colle mani potesse esercitarla. Egli senza negligere altri
studj più serj, o le occupazioni del proprio stato, mercè le più
profonde meditazioni su varj sistemi di musica sì antichi che moderni, è
giunto colla propria intelligenza a formare un nuovo filosofico sistema
della bell'arte della musica, che scevro di calcoli e di numeri, di
sofisticherie pedantesche e scolastiche, di termini insignificanti e
d'idee parassite, presenta un tutto ben ragionato e connesso di ben sodi
principj e di regole inalterabili, formato sulla natura stessa della
cosa. Ecco il catalogo delle sue opere, di cui ci fa sperare che al più
presto farà parte al pubblico. 1. _Elementi della moderna musica
conforme alle correzioni fatte alle sue parti artificiali._ 2. _Discorso
sopra i caratteri della musica._ 3. _Progetto delle Note novelle della
musica._ 4. _Discorso sopra la riforma delle note volgari della musica._
5. _Sopra la moderna musica e suo temperamento._ 6. _Origine storica del
Canto-fermo ecclesiastico-diatonico._ 7. _Origine della musica teatrale
diatonico-cromatica._ 8. _Origine storica dei volgari caratteri della
musica._ Come l'A. ha saputo riunire ne' suoi scritti due difficili
pregi, concisione, e chiarezza, così io credo che tutti potran
contenersi in 2 tomi in 8vo.

MANFROCE, giovane compositore di grandissima espettazione morto in
Napoli in sul fior dell'età nel 1813. Egli non sorpassava il ventunesimo
anno: delle sue produzioni non ci resta che l'_Alzira_, dramma serio,
impresso dal Ricordi in Milano.

MATTUCCI (Pietro), nativo dell'Abruzzo, famosissimo cantante di soprano,
dopo aver fatta la prima figura sui principali teatri di Europa, or già
vecchio fa sua dimora in Messina. La fortuna non avendolo molto favorito
nella negoziatura, che aveva intrapresa dacchè erasi ritirato dal
teatro, vive oggidì pressocchè nel disagio. Era egli inoltre molto
portato per il bel sesso, ma vecchiezza smorza tutt'i fuochi.

MOLINO (Luigi), nato in Torino sulla fine dello scorso secolo, fu
allievo del Pugnani e suo successore come primo violino del teatro reale
e direttor della musica di S. M. Sarda. La forza, l'espressione ed il
sentimento con cui maneggia il suo stromento, l'eleganza, il gusto ed il
bello stile delle sue composizioni lo han fatto giudicar da taluni come
superiore allo stesso Pugnani. Nel 1809 egli ha fatto imprimere un suo
concerto per l'arpa con accompagnamento di due violini, viola e basso,
due corni e due clarinetti, dedicato a Mad. Louisa Pascal distinta
suonatrice di arpa. Questo concerto è d'una composizione dotta e
graziosa, e molto adattata a dar risalto a quell'instromento. Vi sono
altresì impresse a Parigi presso Pollet molte di lui canzonette
italiane.

MONGEZ (Mr), dell'Istituto nazionale di Francia è autore di una _Mémoire
sur la réunion des littérateurs et des artistes dans l'Institut
Français, et sur l'esprit qui doit les animer_, 1796. “Bacone, dic'egli,
quel bel genio, che simile al Giove di Esiodo, ha fatto germogliare dal
suo vasto cerebro le cognizioni di tutti i gradi di perfezione, di cui è
suscettibile l'umano spirito, aveva proposto di riunire le fatiche de'
letterati, e quelle degli artisti. Questa riunione era desiderata dallo
spirito filosofico, che distingue il secolo già vicino a terminare...
Gli architetti allorchè costruiranno delle sale di adunanza,
apprenderanno dagli artisti divenuti giustamente celebri mercè lo studio
della declamazione e della musica, le forme, che l'abitudine sovente
meglio instruita che la teoria, avrà mostrate loro come le più
vantaggiose per il canto, e per la voce. Isolati sinora i musici, ed i
maestri della declamazione acquisteranno nella società degli altri
artisti, un grado di perfezione, di cui la loro modestia gli impediva di
credersi capaci. L'accento della verità, quell'accento che con tanta
fatica imita l'arte, perchè nemmeno l'aveva sospettato, sortirà da
quella bocca, che declamando, o piuttosto cantando i suoi versi,
riaccenderà il bel fuoco che li aveva inspirati. Quest'accento prezioso
colpirà l'immaginazione del musico osservatore che ne farà l'ornamento
del suo recitativo, e dell'Artista giudizioso, che lo farà rimbombare
sulla scena sorpresa. Quanto sarà loro favorevole l'intima conoscenza
dei tragici, e de' comici greci o romani? Gli amatori delle lingue
antiche ne comunicheranno loro i tesori. Finalmente questi artisti, sì
cari a' nostri occhi, ed alle nostre orecchie apprenderanno dai
grammatici a modulare il canto e la declamazione secondo la vera
espressione delle idee. Gli uni eviteranno quelle sospensioni almanco
oziose, che dividono un pensiero complesso; e gli altri temeranno il
rimprovero fatto assai volte con ragione alla turba dei compositori
esteri, quello di ravvicinare o de' termini opposti, o delle idee
incoerenti. Figlie di Mnemosine le Muse sono sorelle, e si danno a
vicenda uno scambievole appoggio. La presenza degli artisti, le loro
osservazioni, la discussione delle loro opere, e delle loro opinioni,
produrranno ancora degli effetti sensibili sulle fatiche de' letterati.
I Poeti saranno allora più obbligati agli Artisti che abbelliscono la
scena, e che animano l'orchestra. Eglino daranno costantemente ai loro
drammi un andamento favorevole alla melodia; faranno rivivere la cesura
antica, o quei riposi simmetrici, situati nelle stanze e nelle strofe
dell'istesso metro, tanto ardentemente bramati dai nostri celebri
musici, e tanto felicemente usati da _Metastasio_, il Quinault di
Firenze, e di Vienna. Io qui devo invocar la tua ombra illustre immortal
cantore d'Ifigenia, d'Alceste e di Armida. Nudrito nella lettura di
Sofocle e di Euripide, Gluck aveva acquistato, mediante la meditazione
de' loro capi d'opera, e lo studio della lingua armoniosa, nella quale
essi hanno scritto, una conoscenza della scena ed un tatto delicato, di
cui i poeti, i quali accompagnavano colle loro le di lui fatiche,
risentirono spesse volte de' felicissimi effetti. Gli eruditi
imploreranno altresì il vostro soccorso, _o emuli di Amfione_, per
dileguare le tenebre, sotto alle quali è ancor ricoperta quella musica
de' greci, di cui tanto si sono vantati i prodigiosi effetti... Così a
vicenda viaggiatori e guide _i Letterati, e gli Artisti_ si presteranno
de' scambievoli soccorsi, che aspettar non si potevano, se non se da una
riunione già progettata da gran tempo da Bacone e da altri filosofi.”
Nel 1801 Mongez fece all'Istituto nazionale, di cui egli è membro, un
rapporto _Sur les moyens de faire entendre les discours et la musique
par tous les spectateurs, en quelque nombre qu'ils puissent être_.
Questo Rapporto, e la Memoria, di cui se n'è dato un piccolo saggio,
possono leggersi nel primo e nel terzo volume _des Mémoires de
l'Institut_ ec.

MONTALBANI (P. Bartolomeo), minor conventuale da Bologna, nel 1651 era
maestro di cappella in Palermo, ove stampò mottetti ad una ed in sino ad
otto voci, dedicati ai Senator Bargellini suo parente. Più alcune
sinfonie di violini impresse in Palermo nel 1629. Egli morì finalmente
maestro di cappella del suo convento di S. Francesco di Bologna (_V.
della Valle Mem. del P. Martini p. 7_).

NOZARI da Bergamo, allievo del suo concittadino David rinomatissimo
cantante di tenore d'oggigiorno. Benchè non fosse molto bella la sua
voce, con l'arte e la profondità del suo sapere ha egli così ben saputo
correggere i difetti della natura, che tutti i teatri fanno a gara per
averlo. Il suo canto alletta ed istruisce. Trovasi egli attualmente nel
R. teatro di Napoli.

PAGES (M.) è autore di un'eccellente opera pubblicata nel 1800 a Parigi
in 6 vol. in 8vo, col titolo _Cours d'études encyclopédiques redigé sur
un plan neuf_. Contiene la storia dell'origine e dei progressi di tutte
le scienze, delle Belle-Lettere, delle Bell'Arti, e dell'arti meccaniche
con l'analisi de' loro principj. Gli amatori di musica troveranno molto
di loro profitto ne' varj articoli, in cui si tratta della medesima come
arte, e come scienza.

PANANTI (Dr. Filippo), da Mugello in Toscana, poeta e bello spirito del
secolo, da alcuni anni in quà ha fatta la sua dimora in Londra, sebben
nello scorso anno 1814 fu per suoi affari alcun tempo in Palermo. Egli è
uno della società d'italiani autori dell'_Italico Giornale_, che dal
1813 si va pubblicando in Londra, ove trovansi di lui alcuni _Saggi
teatrali_ (Agosto 1813, p. 408). Il primo ha per titolo: _Musica e
Parole_; vi si contengono delle buone, benchè non nuove riflessioni
sull'intima parentela della poesia e della musica, e sul dovere del
compositore di dare il colorito proprio alle immagini disegnate dal
poeta: ma gli esempj e gli aneddoti, che a tal proposito vi si
rapportano, par che vengano smentiti dal buon senso, e dalla
sperimentata saviezza delle persone, alle quali attribuisconsi.
“_Haydn_, vi si dice, pretendea che il poeta componesse dietro alla
musica, e un giorno che il Dr. Morell che avea fatto le parole de' di
lui oratorj si avvisò di fargli osservare che la musica non
corrispondeva bene, non esprimeva il senso delle parole, _Haydn_ tutto
sdegnato esclamò: maledette le vostre parole, ecco le mie idee; voi far
dovete su quelle idee le parole. (_Credat judæus apella, non ego_). Di
questo lagnavasi, e si burlava l'ab. Casti. Un giorno Giuseppe II gli
disse, fatemi delle parole, arriva il gran duca di Russia, vò dargli un
nuovo spettacolo. Chi farà la musica, domandò Casti. La musica è fatta,
disse l'imperadore; ho trovato prima di voi Salieri, ed egli ha già
finito il travaglio. Oh questa è da ridere veramente, disse il leggiadro
autor del _re Teodoro_, degli apologhi e delle novelle. Sapete cosa
farò? Io farò il Signor del villaggio che ordina uno spettacolo, e fa
far la musica prima delle parole. _Musica e poi parole_ sarà il titolo
del mio dramma.” Io lascio giudicar a' lettori, se è pur verisimile che
così pensasse un _Haydn_, un _Salieri_: se è possibile lo scriver la
musica di un dramma intero pria che esistessero le parole, e se un
principe così illuminato come Giuseppe II avesse potuto esiger dal Casti
un così scempiato strafalcione, ovvero se il Dr. Pananti vuol farci
ridere a carico de' grand'uomini. _Dummodo risum — Excutiat sibi, non hic
cuiquam parcet amico._ L'altro di lui saggio è intitolato _La musica
dolce e patetica_: pensieri usati e comuni come nel primo. Nel suo
_Romanzo poetico_ in sesta rima intitolato: _il Poeta di teatro_, Londra
1809, 2 vol. in 12º, trovansi alcuni canti sulla musica: _Le due
sorelle_, _Musica e Poesia nacquer gemelle_, _il Canto_; _la Perfetta
armonia_; _la Musica_ ec. Nelle annotazioni s'incontrano delle notizie
di molti distinti soggetti tuttora viventi, e che si son fatti un chiaro
nome nella musica. Io le trascriverò quì: “_La Grassini_, per la
soavità, l'espressione, per quella che chiaman voce accostante,
accompagnata da una mirabile azione; _Braham_, per l'agilità, pel sonoro
metallo, pel così detto bel corpo di voce; _Siboni_ per l'eccellente
stile, il metodo giudizioso, la dotta azione; _Naldi_, per la vivacità
della scena, la chiarezza del sillabare, e pel talento raro di far
brillare non tanto il cantante quanto il declamatore, tutti questi si
distinguono nell'Europa per la scienza profonda del canto, hanno
moltissimo merito, e tutti si rendono commendabili per il lor carattere
onesto e per la dolce urbanità dei loro costumi. Io rendo questa
giustizia al merito e alla verità.” (_t. 2, p. 302_). Grazioso è
l'aneddoto di _Farinelli_, che l'A. racconta a carte 346. “Il musico
Farinelli vantava al Papa Lambertini i grandi onori e le gran ricchezze
ottenute in Ispagna. Rispose il faceto e spiritoso Papa. Avete fatta
tanta fortuna colà perchè vi avete trovate le _gioje_ che avete perdute
in quà.” Ho creduto però dover omettere un altro aneddoto riguardante il
musico _Guadagni_, non molto a lui onorevole, perchè, per servirmi
dell'espressioni dell'autore medesimo, sembrami una _storia strampalata
e una vera fandonia_.

PAU (Felice), vescovo di Tropea, al di cui articolo nel 3º t. p. 157
puossi aggiungere che scrivendo all'avvocato Mattei nel 1769, egli dice
di avere impiegato parecchi anni in sua gioventù nella musica per
acquistare una non leggiera cognizione di tale facoltà e per esaminare
quanto dell'antica musica ne aveano scritto i più dotti autori: che avea
disegnata un'opera divisa in tre libri. Nel primo faceva il confronto
dell'antica colla moderna musica; nel secondo comparava l'antico al
moderno teatro; e nel 3 esaminava in qual maniera la musica opera i suoi
effetti nel nostro meccanismo, che a suo talento ci dispone alla
letizia, ed alle tante altre diverse passioni. Egli non ne compose
altro, che il primo, mentre dimorava in Roma. Era così perito nella
musica che racconta nella stessa lettera, come ne' primi anni ch'egli fu
in Roma, fu condotto nella cappella pontificia ad udir nella settimana
santa il cel. _Miserere_, che veramente lo sorprese, e perchè seppe, che
ci era pena di scomunica a chi mai ne dava fuori la copia, egli per
averlo portò seco nell'altre sere un pezzo di carta di musica con un
calamaretto, e col solo udirlo in quello, e nell'anno seguente, sel
copiò e lo teneva poi presso di se. _Per poterlo copiare_, egli dice,
_io posi l'orecchio in prima al solo basso, ed andai seguitando la
traccia de' suoi tuoni, e così ne notava le figure musicali. Dopo
terminato il basso, feci lo stesso col soprano, al contralto ed al
tenore_.

PERNE (François-L.), nato a Parigi nel 1772, allievo dell'abb.
d'Haudimont, e professore di armonia, unisce ad una profonda cognizione
della teoria della musica quella di più lingue sì antiche che moderne,
ed è presso a dare alla luce alcune opere interessantissime alla
letteratura musicale. Hanno elleno per principale oggetto di ristabilire
un certo nesso in tutte le parti dell'istoria della musica, e di
rischiarar quella de' tempi di mezzo. A tal fine ha posto già in
partitura una raccolta di composizioni di Guglielmo de Machault (_V.
quest'artic. nel t. 3, p. 41_), di alcuni altri musici de' secoli 13, e
14, ch'egli spera far risalire sino a Guido di Arezzo. Questo dotto
artista è membro attualmente della R. Accademia di musica, ed ha
composto molta musica per chiesa, fra la quale distinguesi una messa a
grande orchestra, eseguita in S. Gervasio, e la prima che si fosse
intesa dopo le turbolenze della rivoluzione.

PFEIFFER e PEZOLD, tedeschi costruttori di stromenti in Parigi, nel 1806
esposero in vendita un _forte-piano verticale_ di loro invenzione, il di
cui meccanismo è stato a perfezione eseguito. Egli non occupa altro
luogo, fuorchè quello necessario per la larghezza della cassa di un
piano-forte ordinario, stabilita verticalmente, aggiungendovi
l'estensione di una tastiera: i suoni ne sono piacevoli, e facile
l'esecuzione. Un'altra loro invenzione è di un _forte-piano orizontale_
di forma triangolare, che può situarsi alle mura di una stanza, senza
che il suonatore sia costretto a volger le spalle agli ascoltanti. La
sua tastiera trovasi riposta sopra uno de' lati del triangolo,
aggradevole del pari ne è l'armonia. (_V. Archiv. des dècouvert. 1808_).

POISSON (Nic. Joseph), prete dell'Oratorio, nato a Parigi, viaggiò
lungamente in Italia, e vi si fece ammirare per l'erudizione e lo
spirito. Aveva molto studiato le opere di Descartes suo amico, e morì
assai vecchio a Lione nel 1710. Egli pubblicò in Parigi: _Abrégé de la
musique par M. Descartes, avec les éclaircessemens nécessaires_, 1668 in
4º, ed in latino: _Elucidatio physica in Cartesii musicam_, dove più uso
fa delle ragioni e delle sperienze del Galileo, che di quelle del suo
autore Cartesio, che prese ad illustrare.

POLLET (Nicolina), nata a Parigi nel 1787 da M. Simonin autore d'una
meccanica per l'arpa, studiò per tre anni sotto Blattman
quest'istrumento, e perfezionossi quindi colla direzione di M.
Dalvimare. Ella prese in marito _M. Benedetto Pollet_, abilissimo
anch'egli professore di arpa, ed il primo ad unir questo stromento col
corno di caccia, a cui si dee _un metodo_, e _un giornale di arpa_. Mad.
Pollet ha composte molte arie con variazioni per arpa, che sa vieppiù
render belle colla sua esecuzione. Essa si è fatta sentire a Parigi in
più pubblici concerti, e nella Sala-Olimpica con molto successo. In
quest'anno 1815 venne ella in Palermo, e nel R. teatro Carolino vi si è
fatta ammirare sull'arpa per la chiarezza, agilità ed una singolar
espressione di suoni, che sa trarne. Oltre a questa virtù che
eminentemente possiede, rendesi commendevole per la coltura del suo
spirito, e l'amabilità della sua compagnia.

PUPPO (Giuseppe), nato a Lucca nel 1749 fece suoi primi studj di musica
nel Conservatorio di _S. Onofrio_ a Napoli. I suoi progressi nello
studio della composizione furono brillanti e rapidi; ma una inclinazione
predominante per il violino lo indusse a darvisi interamente. A tal fine
narra egli che andò in Padova per aver lezione dal cel. Tartini, che
dopo aver esaminato le sue disposizioni, questo gran maestro gli disse
_tre cose esser necessarie per sonar bene di violino: suono, arco e
giustezza_: in quanto alle dita è la natura che le dà. In conseguenza
Tartini raccomandava al suo allievo di filar de' suoni sopra tutti i
tuoni e sopra tutte le posizioni a lunghe arcate. Quest'esercizio durò
per diciotto mesi, ed otto ore per ciascun giorno senz'interruzione.
Ecco quello ch'egli chiamava _gettar delle grosse pietre per la base
dell'edificio_. Puppo assicura di esser restato cinque anni sotto di
lui, e che nol lasciò se non quando quel grand'uomo il riconobbe di non
essere egli un violino del volgo. Puppo viaggiò quindi per l'Italia, la
Spagna, il Portogallo, l'Inghilterra e venne a Parigi, ove soggiornò per
venti sette anni. Nel 1799 pubblicò i suoi studj per violino, e tre
_duo_ per violini. Quel che eminentemente caratterizza lo stile e la
maniera di questo eccellente artista egli è una leggiera tinta di
malinconia, che s'impadronisce dolcemente dell'anima. Egli eseguisce con
magìa ed incanto la musica del suo concittadino Boccherini, che così
graziosamente ha chiamato _la moglie di Haydn_. Puppo attualmente è in
Napoli direttore di orchestra di un teatro secondario di quella città.

RADICATI da Torino, famoso suonator di violino fu scolare del Pugnani.
Dopo essersi arricchito col prodotto della sua arte, sposò la celebre
cantante la _Bertinotti_, e oggidì vivono agiatissimamente in Bologna.
Egli ha abbandonato il suo istromento per darsi alla composizione, e vi
si distingue pel gusto e le grazie della novità, non men che per la
solidità del suo sapere.

REGA (la Signora), napoletana, moglie del rinomato incisor di camei
Filippo Rega, è la più abile suonatrice di Arpa che siavi in Napoli, e
una delle virtuose di quella Real Accademia. Eseguisce con precisione ed
esattezza qualsivoglia concerto o composizione che gli si presenti. Il
suo nome è conosciutissimo in Europa, cosichè i forestieri si fanno un
pregio di conoscerla, ed ammirarla, e ne prendon nota ne' loro giornali
di viaggi.

RENAUDIN, professore di arpa a Parigi, è l'inventore di un nuovo
_Cronometro_, ch'egli propose nel 1785 come il più semplice di tutti
quelli, che sin'allora eransi inventati, e il più facile per
l'esecuzione. È questo un cordone di seta, alla cui estremità pende una
balla di piombo. La sua lunghezza è divisa da alcuni segni posti a certe
convenute distanze, e che formano altrettanti gradi. Si sa che le
oscillazioni di un pendolo sono sempre in ragione della sua lunghezza;
cosicchè quei segni servono per dinotare, ove bisogna sospendere il
_cronometro_, cioè la lunghezza che bisogna dargli per accelerare o
ritardare il moto proprio ad ottenere tutt'i gradi di celerità
possibili. Il vantaggio di questo strumento sopra tutti gli altri
consiste nell'essere di una costruzione facilissima, e di pochissima
spesa, nell'essere portatile, e soprattutto nell'essere un esatto mezzo
di corrispondenza tra' musici alle più rimote distanze.

RIFFELSEN, meccanico danese, cel. per l'invenzione di più importanti
macchine, è anche inventore di un nuovo strumento detto _Melodica_. Essa
è composta di tubi di metallo battuto di varie grandezze, e di una
tastiera simile a quella del forte-piano. Vi si adatta una ruota per
mettere i mantici in movimento: il suono ne è armonioso, aggradevole, e
gli intendenti lo preferiscono a quello del piano-forte. L'inventore
avendo osservato che un cordone passando dalla ruota allo strumento
eccitò, mediante le sue vibrazioni, delle straordinarie sensazioni sulla
persona, che faceva girar quella ruota, provossi di mettere molte
persone in contatto con quel cordone. Siffatta esperienza ha prodotto
de' buoni effetti sopra diverse persone di complession debole, e
singolarmente su quelle attaccate di male di nervi, di podagra, di
scorbuto, ec. Secondo questi principj M. Riffelsen ha fatto costruire
una macchina destinata singolarmente a questi salutevoli effetti, e ha
avuto l'approvazione de' medici di Coppenaghe (_Esprit des Journaux,
août 1808_).

ROLLIN (Charles), celebre rettore dell'Università di Parigi, e autore di
molte opere utilissime di letteratura e di storia, ha trattato della
musica de' Greci nel tom. XI _de l'Histoire ançienne, a Paris_ 1737, in
12º. Egli osserva che l'antica musica presso i Greci era semplice, grave
e maschia: nota in qual tempo e in qual maniera si è corrotta: specifica
i diversi generi, e i varj modi della loro musica, e la maniera con la
quale notavano il canto. Esamina se bisogna dar la preferenza alla
moderna o all'antica musica, e dopo aver considerate le ragioni pro e
contra: _Per me_, egli dice, _non so astenermi dal credere, che i Greci
portati, come lo erano, a' passatempi, educati e nudriti nel gusto de'
concerti, con tutti i soccorsi, di cui ho parlato, con quel genio
inventore ed industrioso per tutte l'Arti che si riconosce in loro, non
siano stati anche eccellenti nella Musica come in tutto il resto. Ecco
la sola conseguenza, che da tutto il ragionamento, che sinora ho fatto
io ne traggo, senza pretendere di dar la preferenza agli Antichi sui
Moderni_. Mr. Fayolle, senza forse averlo letto, ne dà il seguente
saggio; _Ce qu'il en dit est rapporté sur ouï-dire et sans aucune
connaissance de cause: il eût mieux fait de n'en pas parler_. Non si
capisce però cosa dir voglia, quando attacca M. Rollin di aver parlato
della musica de' Greci _sur ouï-dire_. Egli non potè esser presente a
quella musica per poterne dar saggio, gli fu dunque d'uopo starsene alle
memorie che ce ne rimangono, ed ognuno che scrive delle cose antiche non
ha altro mezzo che consultare gli antichi, e parlarne _sur ouï-dire_.
Attacca altresì Rollin di averne parlato _senza cognizione alcuna di
causa_, cioè ch'egli non ha conosciuto nè l'antica, nè la moderna
musica. Ma quale prova ne adduce M. Fayolle? Forse perchè questo Autore
dopo aver consultati tutti i Scrittori sì antichi, che moderni
sull'antica musica (il che non ha mai certamente fatto il Sig. Fayolle)
è disposto a credere, che i Greci sian riusciti eccellenti nella musica,
come in tutte le Belle-Arti, lo che non gli va molto a sangue, ed egli
espressamente il dimostra ogni qual volta ha occasione di entrare in
questa materia, perciò è ch'egli conclude, _che avrebbe fatto meglio a
non parlarne_. Questo giudizio è veramente ingiusto e ridicolo.

ROSSINI (Gioacchino), da Pesaro allievo del cel. Ab. Mattei, è ancora
molto giovane, ma le sue composizioni sono state così bene accolte in
Italia per la novità e gajezza dello stile, che vien egli riputato
oggigiorno come uno de' più grandi ingegni, e de' migliori compositori
del bel paese della musica. Non aveva ancor compiti i dodici anni
allorchè acquistossi gran nome per una _solenne Messa_ e un _Tantum
ergo_ da lui composto per S. Petronio di Bologna: gli applausi e le
grida di tutta l'udienza cambiaron, per così dire, la chiesa in teatro.
Aveva egli scritto un Inno in lode di Murat, ma entrate le armi
Austriache fecero arrestar Rossini per l'entusiasmo che aveva eccitato
la poesia e la musica di quell'Inno: liberossi dal castigo, che gli si
minacciava, a condizione di comporre in tre ore la musica di un altro
Inno in onor dell'Imperatore. Ad onta della strettezza del tempo vi
riuscì al segno che vien creduto quel pezzo un capo d'opera dell'arte.
Ha scritto altresì la musica di varj drammi, come il _Tancredi_, e
_gl'Italiani in Algeri_, che si è rappresentato in questo R. teatro
Carolino di Palermo nel corrente anno con universale approvazione. Si
racconta di lui, che obbligato a scrivere in Italia un certo dramma, che
non gli andava molto a sangue, dopo aver fatta la musica del primo atto,
se n'andò via da quel paese di notte tempo per le poste, lasciando
scritto in fronte alla partitura: _fatevi comporre il resto da uno de'
bravi maestri già morti_, il che mostra un pò di quella mattezza, che al
dir di Tullio, non va scompagnata dai grandi ingegni.

RUSSO (Raffaele), nato in Napoli, fu nella più tenera età da' suoi
parenti portato in Palermo. Come mostrava sin d'allora delle buone
disposizioni per la musica, gli si fece apprenderla nel conservatorio
de' _Figliuoli dispersi_ di questa Capitale sotto la direzione del
maestro Amendola. Dato avendo de' saggi d'una estrema facilità, e d'una
somma vivacità di fantasia nel comporre, gli fu fatto scrivere assai
giovane l'_Atalia_, oratorio per il real teatro di S. Cecilia. La sua
musica eseguita alla presenza della Real Famiglia ebbe il più brillante
successo, nè minor si fu quello ch'ella incontrò poi sul teatro di
Londra. L'anno d'appresso egli scrisse pel medesimo teatro di Palermo
un'opera buffa, che fu del paro sommamente applaudita. Comecchè ne' suoi
accompagnamenti non si trovi molta esattezza e regolarità nella
condotta, nè naturalezza e felicità nelle transizioni di un modo
all'altro, vi si ravvisano tuttavia alcuni tratti di genio, e de' lampi
di quell'estro creatore, che caratterizza i gran compositori, onde siavi
da sperare che coll'esercizio, e lo studio de' buoni modelli acquistar
debba quella correzione, che ancor vi si desidera. E tale dommi a
credere che sia l'oggetto de' viaggi ch'egli ha intrapreso ne' paesi,
ove da sommi uomini maggiormente coltivasi questa bell'arte.

SALES (Pietro-Pompeo), nato a Brescia nel 1729 è stato riguardato a
ragione come uno de' migliori compositori sulla fine dello scorso
secolo. Egli si era di già acquistato pe' suoi talenti gran fama nella
patria, e poteva aspirare a farvisi maggior fortuna, quando un orribil
tremuoto gli fè perdere tutti i parenti, e lo costrinse ad
allontanarsene per cercar altrove la sua sussistenza. Dopo aver
viaggiato per alcun tempo, venne in Germania, ove per molti anni fu al
servigio di diversi principi, che amavano e proteggevano la musica, tra
quali il vescovo principe di Ausburgo. Nel 1763 fu chiamato a Padova per
comporvi un'opera seria, e quindi in Inghilterra, dove ebbe il più gran
successo. Nel 1772 ebbe l'onore di comporre per il teatro dell'elettor
di Baviera: e nel 1777 la rimembranza de' suoi talenti il fè richiamare
a Londra dove fu accolto col massimo favore. Egli morì finalmente
maestro di cappella e consiglier di finanze dell'elettore di Treveri a
Coblenz verso il 1796. Nelle sue opere egli riunisce nel canto l'armonia
tedesca alla soavità italiana, ed impiega con giudizio gl'instromenti
nell'accompagnamento.

SCACCHI (Marco), dotto maestro di cappella romano, al servigio del re di
Polonia, _assai conosciuto_, dice il Marpurg, _per le sue opere teoriche
e pratiche, fioriva nel 1640_. (_Hist. abreg. du Contrepoint, p. XVII_)
Vi ha di lui per le stampe di Venezia _Cribrum musicum_, ossia: _Esame
della musica de' Salmi di Paolo Sifert di Dantzica_, 1643.

SCOPPA (Ab. Antonio), nato l'anno 1767 di assai civile famiglia nella
città di S. Lucia presso Messina, fece in questa città i primi suoi
studj, che venne a terminar poi con ottimo successo in Palermo, in
Napoli e in Roma. Dopo aver viaggiato per l'Italia, ed aver fatto
conoscenza co' Letterati più celebri di quel paese, venne a stabilirsi
in Parigi sul principio del corrente secolo. Egli vi si è fatto
distinguere in qualità di uomo di lettere per più opere da lui
pubblicate. Nel 1803 diè alla luce in Parigi il Saggio dell'eccellente
Opera, di cui or parleremo, col titolo di _Traité de la Poésie italienne
rapportée a la Poésie française_, che fu assai favorevolmente accolta
da' Letterati di Francia, non che dell'Italia. “Egli dimostra (dice M.
_Leulliette_ professore della scuola centrale) con infiniti esempj e
tutti scelti con delicatezza di gusto che la lingua francese è del paro
espressiva e adatta a render tutt'i movimenti dell'anima, e i vezzi
della musica, come l'italiana, a cui erasi sino a quest'ora deferita la
maggioranza: nè dubito punto che quest'opera esser non possa sommamente
utile a' letterati delle due nazioni: essa non può principalmente che
onorar all'estremo la nostra.” (_Lettre à M. Garnier_). Narra lo stesso
abb. Scoppa, che mercè questo primo _Saggio_ ebbe l'onore di esser
ammesso nell'_Accademia italiana_ come membro corrispondente, e che con
un diploma divenne allora socio dell'_Accademia del buon gusto_ di
Palermo; onore, ch'egli mostra d'aver gradito sommamente. “Io mi fo un
dovere, dic'egli a questo proposito, di qui dichiarare che la mia patria
è Sicilia: che in qualsisia tempo o luogo, ove la sorte vorrà mettermi,
sempre geloso de' suoi interessi e della sua gloria, tutte le mie
fatiche letterarie ed i viaggi per mia instruzione intrapresi non
avranno altro scopo se non di meritare il suo compiacimento.” (_Préfac.
du 3 tom. p. V_). Incoraggiato da questo successo intraprese egli a
trattar con più estensione lo stesso soggetto, e ciò ha prodotto
l'eccellente opera _Les vrais principes de la versification développés
par un examen comparatif entre la langue italienne et la française_,
tom. 3 in 8º a Paris, 1811-1814. Egli vi esamina la versificazione e la
musica delle due lingue: propone le regole per comporre de' versi
lirici, e i mezzi di accelerare i progressi della musica in Francia, e
rilevando tutte le bellezze della lingua francese, che la rendono
suscettibile delle grazie della poesia, e della musica, la difende dalle
imputazioni di coloro che le niegano dolcezza ed armonia. “Io devo
aspettarmi, dic'egli, una dimanda dal canto de' miei lettori: _siete voi
musico?_ Io dirò loro francamente che no: che io ignoro sin le menome
regole dell'arte, e le note elementari, contento dell'idee che poteva
offrirmi la musica della natura. Oggetto del mio lavoro non è di
occuparmi del tecnico della musica; non è d'uopo esser musico per
isviluppare la semplicità di certe idee, i di cui principj sono nella
natura, che ci parla per l'organo dell'orecchio (_t. 3, p. 191_). Alcuni
musici mi han censurato, perchè abbia usurpata la giurisdizion loro
nell'entrare in materie di musica, e nel proporre sopra un'arte, che io
ignoro, delle regole facili in teoria, e nell'immaginazione, ma
impossibili nell'esecuzione agli occhi di coloro che conoscono le
difficoltà delle quali è circondata quest'arte. Cerco in vano di
giustificarmi col rispondere che io non parlo del tecnico della musica,
ma sul modo di associar la parola al canto, e vuolsi ch'io creda essere
anche in ciò essenziale la cognizion della musica. Mostrar la maniera di
accoppiar le parole al canto, non è lo stesso che insegnar l'arte della
musica che io ignoro. Quel che non ignoro, e che ignorar non dovrebbero
alcuni musici, si è la _Musica della natura_, che fa magía al cuore, e
risveglia il sentimento, e che non è straniera ad una ben organizzata
orecchia. Guai a coloro, che sono obbligati a studiarla affinchè la
sentano! Assai volte quegli che non sa la musica dell'arte ignora quel
che sanno i musici: ma quegli che conosce la musica della natura, sa
quel che ignorano i musici. Non fa d'uopo esser musico per isviluppar le
idee sull'unione della parola colla musica: i principj di queste idee
sono impressi nella natura del canto, che ci parla per l'organo
dell'orecchio, per la voce del buon senso, per l'uso d'una buona
filosofia (_Pref. t. 2_).” Non giudicò infatti così di quest'opera uno
de' più specchiati professori dell'arte, M. _Gretry_, allorchè scriveva
all'A. ch'egli approvava come veri i suoi _Principj_ relativamente a
quel che riguarda la musica e ch'egli era dello stesso suo sentimento.
“Voi avrete dritto alla pubblica riconoscenza, dic'egli, nel vendicar la
nostra lingua dalle false imputazioni, di cui la caricano. Gradite
altresì ch'io vi renda grazie pe' servigj che prestate all'arte, che io
professo.” I musici potran leggere con diletto e con utile quel che
dietro a' migliori maestri insegna l'A. sulla _divisione dei tempo_
nella musica: come sia possibile il misurare il tempo; come si evitino i
due gran scogli del _controttempo_, e del _controsenso_ (_tom. 1, p. 204
seg._). Esamina egli quindi da filosofo, se la musica è un'arte
imitativa come la poesia e la pittura (_p. 349_), e si attiene al
sentimento, che determina l'imitazion della musica per l'espression
delle parole, che in questo senso può la musica vocale esser imitativa,
e che la strumentale non può con precisione ottenere lo stesso
vantaggio; dacchè non dà essa se non espressioni vaghe ed equivoche, che
possono applicarsi a più immagini. Nel 2º tomo tratta egli dell'_accento
musicale_, che secondo lui non è che il risultato dell'accento oratorio
e patetico. L'accento musicale propriamente detto, dic'egli, è un
linguaggio particolare della natura e delle passioni, che si esalano
cantando: associandosi alle lingue egli le rende cantanti, e dà loro
quel che non hanno. Nel 3º tomo esamina l'A., se il clima, e il gusto e
'l genio della nazione francese possono opporsi a' progressi della buona
musica: espone quindi le vere cagioni che li han ritardato in Francia, e
che li han promosso in Italia e in Alemagna, e termina con proporre i
mezzi più energici perchè quest'arte giunga alla stessa perfezione
presso i Francesi com'ella è giunta presso gl'Italiani e i Tedeschi.
L'A. è per lo più così chiaro nelle sue spiegazioni, dice l'ab.
_Sicard_, così adeguato ne' suoi principj, così sincero nelle sue
critiche, che i Francesi di buon grado saran per perdonargli alcune
leggere scorrezioni che rendono men vago il suo stile, senza indebolir
mai la forza della sua logica. Quest'opera merita di essere ben
conosciuta, e 'l suo autore otterrà dei dritti alla stima de' letterati
di tutte le nazioni, come ne ha alla riconoscenza de' Francesi.

SCORPIONI (Domenico), da Rossano, minor conventuale fu maestro di
cappella in Roma, e nel Duomo di Messina sui principj dello scorso
secolo. Le sue _Riflessioni Armoniche_ stampate in Napoli nel 1701, sono
citate con elogio dal P. Martini, e da Gugl. della Valle.

SILVA, una delle più rinomate cantanti de' nostri giorni è stata
grandemente ammirata per una bellissima voce, per la sua buona scuola di
canto, e molto più per la sua singolar saviezza ed avvenenza. Essa
nacque di nobil famiglia a Reggio di Modena, e più per suo diporto, che
per bisogno ha cantato in alcuni pochi teatri. La fama di questi
eminenti suoi pregi giunta essendo in Londra, fu spedita a bella posta
una persona di distinzione a Reggio per scritturar la Signora Silva per
quel teatro a qualunque condizione volesse ella imporre in quanto al
prezzo, ma mentre trattavasi l'affare un'immatura morte venne a rapirla
non compiti ancora i trent'anni di sua età.

SILVESTRO II (il Papa), ossia Gerberto, prima arcivescovo di Rheims, poi
di Ravenna, e precettore di Ottone III, e finalmente sommo Pontefice fu
francese di nascita: ma venne giovine a Roma, ove conosciuto
dall'Imperatore Ottone I, ebbe da lui il governo del cel. monastero di
Bobbio verso l'anno 970. Egli adoperossi singolarmente a farvi rifiorire
gli studj. Quattro anni soli governò la Chiesa Romana, ma ciò che il
rendette assai caro ed utile all'Italia, ed all'Europa tutta, fu il di
lui zelo nel risvegliare in tutti l'ardore del coltivamento de' buoni
studj che già da più secoli sembrava del tutto estinto. Nelle sue
lettere tratta sovente non sol della matematica, che era lo studio suo
prediletto, ma della musica e d'altre scienze nelle quali ei si mostra
versato. Le lettere, ove parla egli della musica, sono la 92, 124 e 151.
Tra molte sue opere di meccanica si fa menzione di un organo idraulico
di sua invenzione, nel quale l'acqua scaldata produceva i suoni (_V.
Tiraboschi tom. 3_).

SOLONE nacque a Salamina, ma il desiderio di colta educazione lo fè
trasferire da ragazzo in Atene. S'istruì nell'armonia e nella scienza
de' costumi e della politica, e diede di tutto i più luminosi saggi.
Incaricato dal Senato di formare un nuovo codice di leggi, egli vi diè
opera con tal senno e prudenza, che ne' giorni festivi i ragazzi si
radunavano a cantarlo nel tempio. Si sa che le leggi in que' tempi
componevansi in versi e cantavansi in musica (_V. l'artic. di Dracone_).
Platone nel _Timeo_ dice di aver egli cantato il codice di Solone in
questa circostanza insieme con gli altri ragazzi; assicurandoci che la
melodia de' suoi canti era così particolare, che se gli sconvolgimenti
degli Ateniesi non l'avessero disturbato, Solone sarebbe da paragonarsi
con Omero, ed Esiodo per la leggiadra armonia delle sue composizioni.
Solone morì a Cipro in età di 80 anni sei secoli prima di G. C.

SPERANZA (l'Abbate), uno de' più profondi teorici, e de' più illustri
discepoli del maestro Durante, teneva scuola di musica in Napoli sua
patria nella metà del p. p. secolo. A mostrare la di cui celebrità,
basterebbe il dire essersi in essa formato il rinomatissimo Zingarelli.
“Per avvezzare gli scolari, _dice il dotto Carpani_, a trarsi d'impaccio
speditamente, ecco il metodo che soleva adoperare il celebre abate
_Speranza_ di Napoli. Egli obbligava il suo discepolo a comporre trenta
volte di seguito, e variando tuoni e tempi, la stessa aria senza uscire
dal carattere prescritto dalla poesia. La cosa è fattibile dappoichè
trenta diversi maestri possono comporre sulle medesime parole, far
ognuno un'aria confacente alle medesime, e nessuno aver fatto la musica
dell'altro. Un bell'esempio di ciò ne abbiamo di recente in quella
arietta messa in musica da cento e più maestri, e stampata dal _Mollo_
in Vienna. Ma trarre da una sola testa e di seguito trenta cantilene
diverse sulle stesse parole è cosa, come ognuno vede, scabrosissima. Di
questa fatta il detto _Speranza_ addestrò il rinomato Zingarelli, ec.”
(_Lett. 3_).

STAT (M.), di nazione tedesco, cel. professore ed improvvisator di
violino, venne in Italia sulla fine dello scorso secolo: fu in Milano
alla corte di Ferdinando arciduca d'Austria. Oltre a più pregi necessarj
per ben distinguersi su quell'istromento, che eminentemente trovavansi
in lui riuniti, faceva nel suonare anche uso del pollice, di che
ricavavane non indifferenti vantaggi. Viaggiò per tutta l'Italia, ed
essendo in que' tempi assai illustre la riputazione del Pugnani, recossi
a Torino. Ammesso in un'accademia, dove quel virtuoso eseguir doveva in
presenza de' Sovrani un suo concerto dopo aver riscosso costui i più
grandi applausi dalla corte e da tutti gli astanti, M. Stat pregò
Pugnani che gli permettesse di suonar quel concerto medesimo, il che
ottenuto capovolse la carta, e l'eseguì con tal franchezza, espressione
e forza, che si trasse de' replicati viva, non che l'ammirazione di
quanti eran presenti: ma al Pugnani sopraggiunsero così gagliarde
convulsioni, che fu costretto ad uscirsene dalla sala. Siffatto aneddoto
è il più grande elogio che far gli si possa.

STELLINI (P. D. Giacomo), chierico regolare de' Somaschi, di Cividal nel
Friuli, coltivò le lingue greca e latina, la poesia, la storia, la
musica, le matematiche e la teologia. Fu professore di Morale
nell'università di Padova, ove contrasse singolare amicizia col cel.
Cesarotti e quindi morì l'anno 1770. Tra le sue opere stampate in Padova
dopo la di lui morte nel 1781, in 6 vol. in 8º, molte cose si trovan
sulla musica, che possono leggersi con profitto.

TESTORI (Angelo) da Milano, quanto brutto di persona, altrettanto
amabile cantante di soprano è stato molti anni alla corte di Russia.
Dopo aver guadagnati quivi de' tesori colla bella sua voce è tornato in
Italia a goderne co' suoi ed è tuttora al servigio della R. Cappella di
Milano. Era la sua maniera maestosa ed espressiva, e quel che più
sorprendeva era il suo talento come attore.

VIGANONI da Bergamo, può dirsi il primo de' cantanti di tenore nel
genere comico o di _mezzo carattere_ come dicesi in Italia. Egli si è
spezialmente distinto nel _Matrimonio segreto_ di Cimarosa per l'aria
che fu per lui scritta _pria che spunti in ciel l'aurora_: non vi è
stato teatro dove non gli si sia fatto cantar questo pezzo, senza
produrre lo stesso entusiasmo e furore della prima volta. Viganoni è
stato lungo tempo in Londra dopo aver girato per tutta quasi l'Europa:
alla sua sublime maniera di cantare univa gran talento nell'azione, e
sapeva sulle scene far divenire interessante la sua persona. Egli vive
oggidì molto agiatamente in la sua patria all'età di 65 anni. Gli
s'imputa alcun poco d'avarizia; ma a fare il suo elogio basta il
proverbio ch'eravi in Italia: _David per il serio, e Viganoni pel mezzo
carattere._

VINCI (Pietro), di Nicosia in Sicilia, fu a' suoi tempi celebratissimo
per le sue composizioni musicali. Egli fecesi apprezzare anche in Roma
ed a Bergamo come maestro di cappella, e morì nella sua patria nel 1584.
Il suo epitafio dà a divedere la riputazione di cui godeva al suo tempo.
_Temporis Amphyon nostri hac modo conditur urnâ — Haec Petrum Vinci
barbara saxa tenent: — Ille tamen lapides sonitus dulcedine traxit — Hunc
trahit in cineres efferas iste lapis._ Egli aveva posto in musica (e sa
Dio in quale musica) quattordici Sonetti dell'Eccell. Vittoria Colonna
marchesa di Pescara, che fu stampata a Venezia nel 1580 in 4º. I suoi
mottetti a quattro voci furono ancor quivi pubblicati nel 1578, onde può
rilevarsi come uno sbaglio del dottissimo Andres, l'aver egli asserito
che “la prima raccolta e pubblicazione di mottetti notati in musica
colle sue parti che sia giunta a di lui notizia è stata quella del
Vittoria d'Avila fatta in Roma nel 1535.” (_Dell'origine ec. t. 4, pag.
263, ediz. di Parma_). La pubblicazione de' mottetti del Vinci precede
di sette anni quella del Vittoria. Questa osservazione, benchè di
piccolo momento, deesi all'importunità di un mio amico dello stesso
paese del Vinci, che volle comunicarmela per farne onore, pubblicandola,
al suo compatriotto.

ZAMORA (Giov. Egidio da), frate spagnuolo di S. Francesco visse sulla
fine del tredicesimo secolo. Il re Alfonso X nominollo precettore del
principe Sancio suo figlio. Tra molte dotte sue opere si distingue la
sua _Ars Musica_ che manoscritta conservasi nella biblioteca del
Vaticano. L'abate Gerbert l'ha resa pubblica nella sua _Collezione degli
autori di musica_ tomo II, p. 369.


_Fine del quarto ed ultimo tomo._



ADDIZIONE

_Relativa all'Articolo di_ ASIOLI (Bonifacio) _nel Tomo 1 a carte 56._


Sul punto di compiersi l'impressione dell'ultimo tomo del presente
Dizionario, mi giunse per avventura alle mani il _Trattato di Armonia
del maestro Bonifacio Asioli_, inciso elegantemente in più rami col
ritratto dell'autore in _Milano 1813, in fol._ Ho creduto mancar al mio
dovere, se data non ne avessi notizia a' miei Lettori. Per la
ristrettezza del tempo, a dir vero, io non l'ho ancora che leggermente
scorso: ma per quanto ho potuto formarne giudizio, parmi che soddisfar
possa alla brama da me dimostrata nel suo articolo (_t. 1, p. 56_) di
avere il pubblico da questo valent'uomo oltre a' _Principj elementari
della Musica_ quelli ancora della _Composizione_, onde formarsi un corso
compito di lezioni pei Conservatorj. Il presente libro riguardar si può
come la prima parte di un intero Trattato sulla Composizion musicale,
promettendoci per altro l'Autore di darne uno in appresso _sulla Fuga_,
come era stato espressamente immaginato, e disteso per lui dal suo
maestro Angelo Moriggi. Avvegnacchè, come molto a proposito riflette
egli stesso, a formare un retto e lodevole compositore fa di mestieri,
che questi unitamente possegga le tre parti, che costituiscono la
Composizione, cioè l'_Armonía_, l'_Artifizio_, ed il _Gusto_; in ordine
alla prima offre agli studiosi l'Autore il presente Trattato: per
l'acquisto del secondo ne promette egli un altro _sulla Fuga_; e per il
_Gusto_, siccome non vi ha nè lezione, nè maestro atto ad infonderlo,
parzial dono essendo sol di Natura, e solo stuzzicar puossi, dic'egli,
ed ingentilire col frequente studio delle eleganti altrui composizioni,
colla metodica progression degli accordi, cogli effetti derivanti da un
numeroso complesso d'istrumenti e voci cantanti, ec. ec., così a
dilucidar tutto ciò con opportuni esempj, promette l'Autore un suo nuovo
lavoro, in cui farà conoscere di quanto abbisogni al Compositore onde
trattare con successo tutti gli stromenti che servono la Chiesa, la
Camera, e 'l Teatro; mostrerà i capi d'opera de' gran maestri moderni,
indicando minutamente i mezzi, co' quali seppero eglino produrre i più
sorprendenti effetti, ed esporrà in fine gli progressi del _Buon Gusto_
colle produzioni de' più accreditati Compositori, cominciando
dall'insigne _Benedetto Marcello_, e percorrendo le diverse epoche sino
a' tempi nostri. Ai voti de' veri amatori di questa Bell'Arte, uniamo il
nostro, di veder cioè ben presto condotto a termine dall'Autore un sì
util progetto, e compita veramente così questa sua scuola di
Composizione. Ma per far ritorno al surriferito _Trattato d'Armonia_:
egli porta in fronte la più onorevole approvazione de' Professori di
quel Conservatorio di Milano, e de' Commissarj da loro destinati
all'esame per l'adozione del medesimo come di base all'insegnamento
degli allievi di quel Regio stabilimento. La celebrità di questi membri
della commissione rende vieppiù rispettabile ed autorevole il giudizio
che recato ne hanno. Sono eglino i celebri maestri _Minoja_, _Pollini_,
_Federici_, e _Piantanida_. “Dopo avere consultate, dicono essi, le
migliori opere, che hanno trattato sull'armonia, e d'appresso le proprie
cognizioni acquistate collo studio de' Classici, e convalidate
dall'esperienza abbiam ritrovato, che il sistema d'armonia sottoposto
alla nostra lettura, ed esame, è sviluppato in ogni sua parte con tanta
maestria, evidenza e chiarezza per non ammettere verun dubbio, che il
Giovane studioso guidato dalle regole, ed esempj ivi proposti, e
spiegati deve con tutta sicurezza attingere lo scopo che vorrà
prefiggersi, sia per la Composizione, o per l'Accompagnamento. Dalla
dotta ed insieme accuratissima Analisi degli Accordi, e particolarmente
delle dissonanze d'ogni genere, vien tolta quella specie di mistero, e
di dubbio in cui sono stati finora avvolti per mancanza di un sistema
certo su cui appoggiare la derivazione, e quindi l'uso delle medesime.
Questo sistema viene incontrastabilmente fissato, ed illustrato
dall'Autore del presente Trattato, dietro le tracce del dottissimo _P.
Vallotti_, il primo che lo abbia investigato, ec.” Questo si è il
Saggio, che ne han dato quattro de' più gran maestri che si abbia
oggigiorno l'Italia, a cui ben volentieri mi vi soscrivo.



                        TAVOLA CRONOLOGICA

                    DEGLI SCRITTORI DI MUSICA,

                    E DE' PIÙ CELEBRI ARTISTI

                         _GIUSTA L'EPOCA_

                 IN CUI CIASCUN DI LORO HA FIORITO


Perchè i lettori possano formarsi un'idea generale della storia
progressiva della musica, offriamo loro, come in sul principio
dell'opera l'abbiamo promesso, il catalogo di tutti gli scrittori ed
artisti disposti secondo l'ordine de' tempi. L'oggetto di questo
catalogo si è di riunire sotto quest'altro punto di vista tutti gli
articoli, che trovansi sparsi quà e là secondo l'ordine alfabetico ne'
quattro tomi del Dizionario, e di facilitar così la maniera di
riscontrarli secondo il vario gusto e l'uopo di ciascheduno. Per
distinguere gli _Scrittori_ dagli _Artisti_, si rimarcherà la qualità
dei primi, e si avverte di sottintendersi quella de' secondi col non
metter altro di loro che il solo nome. Siccome gl'_Inventori_ occupano
un distinto rango nella storia dell'arte, così verrà notato il genere
d'ogni loro scoperta. _I nomi_ che trovansi scritti _in caratteri
corsivi_, dinotano gli articoli che si sono adottati dal Dizionario
francese di _M. Fayolle_ a differenza di quelli che in grandissimo
numero abbiamo nuovamente sopraggiunti, o che quivi in niun modo
s'incontrano: il che serve in oltre di prova a quanto si è da noi
avanzato nel Discorso preliminare pag. LVI, cioè che infinite sono le
omissioni del sullodato dizionario, con ispezialità in riguardo
all'Antica Storia della Musica, oltre a molte inesattezze ed errori, che
alle volte abbiam rilevati all'occasione in molti de' nostri articoli.


SECOLI INNANZI G. C.

SEC X.

  Marsia inventore delle doppie tibie.
  Ardalo inventore del flauto.

SEC IX.

  Creofilo.
  Dafni inv. de' conflitti musici.

SEC VIII.

  Archiloco invent. della battuta.
  Leona.
  Eumelo di Corinto.

SEC. VII.

  Dracone.
  Saffo inventore del modo Mixo-lidio.
  Stesicoro inventore di nuovi canti.
  Epimenide.
  Talete.
  Alcmane inventor di più fori nelle tibie.
  Arione inventore del genere lirico.
  Terpandro.
  Alessandride inventore de' buchi nel flauto.

SEC. VI.

  Laso d'Ermione il primo scrittore di musica.
  Minermo inventore de' diesis quadrantali.
  Pindaro inventore di nuovi ritmi music.
  Agelao.
  Anacreonte inventore di nuovo ritmo.
  Biante.
  Solone.

SEC. V.

  Democrito primo scrittore di musica.
  Pitagora inventore della teoria musicale.
  Ferecrate.
  Diocle scrittore.
  Frinide inventore della cetra di 9 corde.
  Empedocle scrittore.
  _Alcidamas_ scrittore.
  Lampo maestro di Socrate.
  _Anassila_ scrittore.
  Archita inventore d'un nuovo sistema.
  Pitagora Zacinto inventore del tripode.
  Corinna.
  _Aristoclide._
  Damone caposcuola.
  Oleno.
  Simonide.
  Ippaso inventore degl'intervalli.
  Glauco di Reggio scrittore.
  Teleste maestro de' cori.
  Teofrasto di Pieria inventore della lira di 9 corde.
  Eschilo inventore di nuovi ritmi.
  Lampro d'Eritrea scrittore.
  Epicarmo inventore della commedia.
  Euripide inventore di nuovi modi.
  Timoteo inventore del genere cromatico.

SEC. IV.

  Platone scrittore.
  Epicuro scrittore.
  Eraclide scrittore.
  Aristotile scrittore.
  Adrasto scrittore.
  Aristosseno inventore di nuova teoria.
  Teofrasto scrittore.
  Antigenide inventore de' fori ne' flauti.
  Clinia di Taranto.
  Timoteo di Tebe.
  Telefane.
  Filolao scrittore.
  Melanippe.
  Midia.
  Filosseno.
  Ibico di Messina inventore della lirafenicia.
  Dionisio di Tebe.
  Stratonico inventore dell'armonia simultanea.
  Dionisio di Siracusa.

SEC. III.

  Euclide scrittore.
  Callimaco scrittore.
  Glauca.

SEC. II.

  Eratostene inventore di una nuova teoria.

SEC. I.

  _Filodemo_ scrittore.
  Vitruvio scrittore.


D'INCERTA ETÀ INNANZI G. C.

  Erastocle inventore del sistema perfetto.
  Eunomo di Locri.
  Olimpo inventore del genere enarmonico.
  Diorion.
  Archestrate scrittore.
  Aristocle scrittore.
  Amfione inventore del modo lidio.
  Androne inventore della cadenza.
  Elena.
  Eliano scrittore.
  Janide inventore del sistema equabile.
  Tolemaide scrittore.


ERA VOLGARE, O CRISTIANA.

I. SEC.

  Albino primo scrittore latino di musica.
  Filone ebreo scrittore.
  Aristide Quintiliano scrittore.
  _Plinio seniore_ scrittore.
  _Soteride_ scrittore.
  Didimo d'Alessandria scrit.
  Trasillo Platon. scrittore.

II. SEC.

  Apulejo scrittore.
  Luciano di Samosata scrit.
  Ateneo storico.
  Plutarco storico.
  Bacchio seniore scrittore.
  Dionisio d'Alicarn. storico.
  Giulio Polluce storico.
  Nicomaco scrittore.
  M. Fab. Quintiliano scrit.
  Teone di Smirna scrittore.
  Cl. Tolomeo scrittore.

III. SEC.

  Gaudenzio scrittore greco.
  Alipio scrittore greco.
  Plotino filosofo.
  Sesto Empirico scrittore.
  Porfirio filosofo scrittore.

IV. SEC.

  Jamblico filosofo scrittore.

V. SEC.

  S. Agostino scrittore.
  Marciano Capella scrittore.
  Celio Aureliano scrittore.
  Macrobio scrittore.

VI. SEC.

  Boezio scrittore.
  Cassiodoro Scrittore.

VIII. SEC.

  _Beda_ scrittore.

IX. SEC.

  Rabano scrittore.
  _Weremberto_ scrittore.
  _Remigio_ scrittore.
  Resinone scrittore.
  _Abdulcadir_ scrittore arabo.
  _Abunars_ scrittore arabo.

X. SEC.

  Silvestro II inventore dell'organo idraulico.
  Dunstano inventore d'un'arpa da se sonante.
  Aureliano scrittore.
  _Avicenna_ scrittore arabo.
  Al-bufaragio scrittore arabo.

XI. SEC.

  Guido Aretino inventore d'un nuovo sistema.
  Psello scrittore greco.
  Aribo scrittore.
  Adelpold scrittore.
  Bernone scrittore.
  Alberico scrittore.
  _Bernelino_ scrittore.
  _Francone_ inventore del metro musicale.

XII. SEC.

  _Atelardo_ scrittore.
  _Wilelmo_ scrittore.

XIII. SEC.

  _Alberto vesc._ scrittore.
  _Rogero Bacone_ scrittore.
  _Marchetto_ di Padova scrit.
  Odington scrittore.
  Pachymere scrittore greco.
  Manfredi re di Sicilia.
  _Salomone Elia_ scrittore.
  _Taillero_ scrittore.
  _Zamora_ scrittore.

XIV. SEC.

  _Bartolomeo_ inglese scrit.
  _Boccaccio_ scrittore.
  Briennio scrittore greco.
  Filippo di Caserta scrittore.
  Landini inventore di più stromenti.
  _Machault_ scrittore.
  _Ahmed Nuwairi_ scrittore arabo.

XV. SEC.

  _Adamo di Fulda_ scrittore.
  _Beissel_ scrittore.
  Beldemandis scrittore.
  _Bonadies._
  Brescia Bonaventura scrit.
  Burana scrittore.
  Bursio scrittore.
  Canovio scrittore.
  Della Casa scrittore.
  Caza scrittore.
  _Ciconia_ scrittore.
  Gaffurio scritt. — Garnerio scritt. Fondatori della Scuola di Napoli
  Hambois.
  De Cannutiis scrittore.
  Cordovero.
  Dunstable scrittore.
  _Josquin._
  Mascardio scrittore.
  Ramos scrittore.
  Tinctor autore del primo Dizionario di musica.
  Magryzi scrittore arabo.
  Squarcialupi.
  Valla scrittore.
  _Bernard_ inventore de' pedali negli organi.

XVI. SEC.

  Aarone scrittore.
  Afranio inventore del _Fagotto_.
  _Agricola_ scrittore.
  _Agrippa_ scrittore.
  _Aiguino_ scrittore.
  _Alberto_ Veneto scrittore.
  Aldobrandini Tomm. scrit.
  _Animuccia._
  _Antonj_ scrittore.
  _Aquino_ scrittore.
  _Amato_ Andrea costruttore celebre di _violini_.
  _Artusi_ scrittore.
  _Ashwell._
  _Aventino_ scrittore.
  Banchieri inventore della _settima nota_.
  Barbaro scrittore.
  _Aviano_ scrittore.
  Bassentin scrittore.
  Beurhusio.
  Bona Valerio scrittore.
  _Bennet._
  Bocchi scrittore.
  _Bonini_ scrittore.
  Bottrigari scrittore inventore del _melone_.
  Chiaula.
  _Bunting_ scrittore.
  Capranica scrittore.
  _Calvisio_ scrittore.
  Caccini inventore del _recitativo_.
  Cavaliere Emilio primo scrittore di _drammi_.
  Cerone scrittore.
  _Cima_ compositore di _canoni enimmatici_.
  Corsi inventore di nuova forma di musica.
  _Dentice_ scrittore.
  _Chell_ scrittore.
  Doni Francesco scrittore.
  Fogliani scrittore.
  Galilei Vincenzo scrittore.
  _Finck_ scrittore.
  Gallo.
  _Glareano_ scrittore.
  _Heyden_ Sebaldo.
  _Guerrero._
  del Lago scrittore.
  _Lamotta._
  Lasso scrittore.
  Luzaschi inventor di un _nuovo cembalo_.
  Lusitano, scrittore.
  Luscinio.
  _Magir._
  Maurolico scrittore.
  _Gaudenzio._
  Palestrina inventore di nuova musica.
  Porta Costanzo scrittore.
  _Nanini_ Giovanni.
  _Nanini_ Bernardo scrittore.
  Ponzio scrittore.
  _Melone_ Annibale scrittore.
  _Tigrini_ scrittore dottissimo.
  Toscanello scrittore.
  Spadaro scrittore.
  Vecchi primo scrittore di _musica buffa_.
  Tartaglini inventore de' _cori teatrali_.
  Vecentino inventore dell'_archicembalo_.
  Vinci Leon. celebre pittore musico.
  Vinci Pietro.
  Valgulio primo traduttore _de' greci musici_.
  Zarlino scrittore dottissimo.
  Uregna scrittore.
  Valla Giorgio scrittore.
  _Valle Pietro della_ scrittore.

XVII. SEC.

  _Agazzuri_ scrittore.
  _Ahla_ scrittore.
  _Alardo_ traduttore di Psello, e scrittore.
  Aldobrandini Giuseppe.
  _Allegri._
  _Alsted._
  Amato Vincenzo.
  Amadori fondatore della scuola romana.
  _Amato Ant. e Ger._ costruttori _di violini_.
  _André_ Gesuita scrittore.
  _Andrighetti_ scrittore.
  Angeli scrittore.
  _Angleria_ scrittore.
  _Antegnati_ inventore di un _temperamento_.
  _Arauxo_ scrittore.
  _Ariosto_ Giovanni scrittore.
  _Arnot_ scritt.
  _Avella_ scritt.
  _Avenario_ scrittore.
  _Bacilly_ Art. scrittore.
  _Bacone di Verulam._ scritt.
  _Baehr_ scrittore.
  Bann scrittore.
  Bardi inventore di nuovo genere di musica.
  Bartoli Dan. Gesuita scrit.
  _Baryphon_ scrittore.
  _Bartolucci_ scrittore.
  _Bate_ Gesuita scrittore.
  _Baumgarten._
  _Beck Michele_ scrittore.
  _Bendlowes_ scrittore.
  _Benevoli_ Orazio.
  Berardi Angelo scrittore.
  _Bergier_ scritt.
  _Bernabei_ Ercole.
  _Bernardi_ scritt.
  _Bevin_ scrittore ed artista.
  _Biffi_ Ant.
  Biffi Egidio scrittore.
  _Boeclero_ scritt.
  Bona Cardin. scritt.
  _Bonifacio_ scritt.
  _Bononcini_ scritt., ed art.
  Bontempi scritt. ed artista.
  _Bordenare_ scrittore.
  _Bossnis_ scritt.
  Bourdelot scritt.
  Brouncker scrittore.
  _Bruckmann_ scritt.
  _Bull_ Giov.
  _Capocino_ scrittore.
  _Caramuele_ scrittore.
  _Carapella_ Tommaso.
  _Caresani_ Cristoforo.
  _Carissimi_ Giacomo.
  _Caruzio_ scritt.
  _Casali._
  Catalani Ottavio.
  Casini scritt.
  _Castro_ Medico musico.
  Cavalieri Bonav. scritt.
  _Cavalli_ scritt.
  Cerreto scritt.
  _Cesti Antonio._
  _Charpentier._
  _Chiavelloni_ scritt.
  _Cicognini_ de' primi inventore delle arie.
  _Cionacci_ Canon. scritt.
  Clari Giancarlo.
  _Cleman_ scritt.
  Colonna Fabio inventore del _Pentacontachordon_.
  _Colonna_ Giov.
  _Davella_ scrittore.
  Descartes scrittore.
  _Desideri_ storico degli inventori di stromenti.
  Dodart scrittore.
  Doni scrittore inventore dell'_Amphicordum_.
  Dryden Poeta musico.
  Duclos scrittore.
  Fedi Giuseppe.
  Fell Giov. scritt.
  Ferri Baldassare.
  Fèvre scritt.
  Flaccomio.
  _Foggia._
  _Frescobaldi._
  Froberger.
  Galileo Galilei scrittore.
  Gassendi scrittore.
  Holder scrittore.
  _Huyghens_ scrittore.
  Helta Vinc.
  Grimaldi celebri costruttori di _cembali_.
  Keplero scrittore.
  Kirberg scritt.
  Kircher Ges. scritt.
  Kirchmaier scritt.
  _Klotz_ celebre costruttore di _violini_.
  Lavalle celebre costruttore d'_organi_.
  _Lemaire_ scrittore.
  _Liberati_ scrittore.
  _Lock_ Matteo scrittore.
  Lorente Andrea scritt.
  Lulli celebre artista inventore della _sinfonia_.
  _Mace_ scrittore.
  _Magliard_ scrittore.
  Marcello scritt ed artista.
  _Marenzio_ Luca.
  Marotta inventore del dramma pastorale.
  _Masson_ scrittore.
  Mazzocchi.
  Mei Girolamo scritt.
  Menestrier Ges. scrittore.
  Mengoli scrittore.
  Mersenne scritt.
  Merula.
  _Mirabella._
  Montalbani.
  Monteverde.
  _Neusz_ scritt.
  _Nigetti_ inventore dal _cembalo onnicordo_.
  _Nivers_ scritt.
  _Otto_ scritt.
  Ouvrard scritt.
  Penna scritt.
  Peri inventore della _musica drammat._
  Perrault scrittore.
  Playford scritt.
  _Pretorio_ scrittore.
  Puteano inventore della _settima nota_.
  _Reggio_ artefice e scrittore.
  _Sabbatini_ Galeazzo scritt.
  Scorpioni Domenico.
  Scacchi Marco scritt.
  _Simpson_ scritt.
  Souhaitty inv. di nuovi segni musicali.
  Stainer cel. costruttore di _violini_.
  _Ruggeri_ Francesco costruttore di _violini_.
  _Ruggiero_ celebre costruttore di _violini_.
  Rossi inventore del _sistema sintono_.
  _Stradella_ Alessandro.
  _Scarmiglioni_ scrittore.
  _Taglini_ scrittore.
  _Trichet_ scrittore.
  Viadana inventore del _basso continuo_.
  Vossio Gerardo scrittore.
  Vossio Isacco scrittore.
  Wallis scrittore tradutt. de' greci musici.
  _Walther_ scrittore.
  Zacconi scrittore.
  _Ziani_ Andrea.

XVIII. SEC.

  _Abel_ Federigo.
  _Abicht_ scrittore.
  Abos.
  Adam scrittore.
  Adami scrittore.
  Addison scritt.
  Adlung scrittore.
  Adolfati.
  Agricola scrittore.
  _Albrecht_ Lor. scrittor.
  Albrecht Gugl. Medic. musico.
  _Albrici._
  Alembert scrittore.
  Algarotti conte scrittore.
  Alghisi.
  _Amiot._
  _Ammerbacher._
  _André_ inventore del _Grafomeccanico_.
  Andreozzi.
  Anfossi Pascale.
  Anfossi Luigi.
  _Amalia_ di Prussia.
  _Antoniotti_ scrittore.
  Aprile.
  _Araja._
  Arbuthnot scrittore.
  _Archenio_ scrittore.
  Ardore principe di.
  _Ariosti_ Attilio.
  Arnaud scrittore.
  _Arne._
  _Arnold_ autore d'un _Dizionario di musica_.
  _Arteaga_ scritt.
  _Asplind_ scritt.
  _Astarita._
  _Astorga_ barone.
  _Asworth_ scritt.
  Avison scritt.
  Aumana.
  _Azais._
  _Azopardi_ artista, e scritt.
  Bach Sebast.
  Bach Emman. scritt.
  Bach Giovanni.
  Bach Gugl.
  Bach Cristiano.
  Bach Mich. Scritt.
  Bacchini scrittore
  _Bachmann_ Luigi scrittore.
  Bachmann Franc. Medic. music.
  Baj Tommaso.
  Bayle Scritt.
  _Babbi._
  Bambini.
  _Bannieri._
  _Barbella._
  Barbici inv. dell'arpone.
  Beccaria conte scrittore.
  _Benda_ Francesco.
  Benda Giorgio.
  Bernardi detto il Senesino.
  Beattie Hay.
  _Beaufort_ scritt.
  Beccatelli.
  _Bedford_ scrittore.
  _Balhorn_ scritt.
  Ballière aut. di una _nuova teoria_.
  Barca Scolopio aut. _di nuova teoria_.
  _Baron_ scrittore.
  Barthelemy scritt.
  _Bastide_ scrittore.
  Bates scrittore ed artista.
  _Baton_ scrittore.
  Batteux ab. scritt.
  _Baumgaertner_ scrittore.
  Baurans.
  Bayly Aut. scritt.
  Bedos scritt. per la costruz. d'_organi_.
  Belz scritt.
  Bemetzrieder scritt.
  _Bendeler._
  _Benincasa_ conte scrittore.
  _Bérard_ scrittore.
  _Berlin_ inventore del _Monocordo_.
  _Bernabei_ Giov.
  _Bernacchi_ caposcuola di canto.
  Bernhold scrittore.
  _Bernier._
  Bernoulli Giovanni scritt.
  Bernoulli Daniele scritt.
  Bertini Salvat.
  _Bertini_ Mons.
  Bertizen scrittore.
  Bertoni Ferdin.
  Bethizy scrittore.
  _Beyer_ inventore del _glasse chord_, o cembalo di cristalli.
  Bianchini scrittore.
  _Biedermann_ scrittore.
  _Biferi_ scritt.
  _Bigati_.
  _Bingham_ scritt.
  _Bini._
  _Birnbaum_ scritt.
  Blainville inventore d'un _terzo modo_.
  _Blanchet_ scrittore.
  _Blankenburg_ Quir. scritt.
  _Blankenburg_ Feder. scritt.
  _Blasio_ scritt. ed artista.
  _Blavet._
  _Blanviere._
  Bocrisio scrittore.
  _Bode._
  _Bodenburg_ scrittore.
  Boerhave Medic. mus.
  Boiteau Poeta music.
  Boisgelou aut. d'un _nuovo sistema_.
  _Bollioud_ scrittore, ed art.
  Bolsena scrittore.
  Bonanni stor. scritt. Ges.
  _Bonnet_ scrittore.
  _Bonneval_ scritt.
  _Bonno._
  _Bononcini._
  Borde De la, Ges. inventore del _cembalo elettrico_.
  Borde Beniam. de la, scritt.
  Bordes scritt.
  _Bordet_ scritt.
  _Bordier_ scritt.
  Borghi Giov. Batt.
  Borghi Luigi.
  _Bornet_ scritt.
  Borsa Matteo scrittore.
  _Bosch_ scrittore.
  _Bose_ scrittore.
  _Bossler_ scritt.
  Bougeant Ges. scrit.
  _Boulmy_ scritt.
  Boyce Gugl.
  Boyé scritt.
  _Boyer_ Pasquale scritt.
  _Breitkopf_ inventore d'una _tipografia music._
  Bremner scritt.
  Brendel Medic. music.
  _Bresciano_ scritt.
  _Brétevil_ de, barone scritt.
  _Brijon_ scritt.
  _Brillon_ Mad.
  Brossard aut. di _Dizion. di musica_.
  Brown Giov. scritt.
  Brown scritt.
  _Browne_ Ricc. Med. music.
  _Bruce_ scritt.
  _Brumbey_ scritt.
  _Bucher_ scritt.
  _Buchoz_ Medic. music.
  _Buel_ scritt.
  Bulgarini Madama.
  _Bunemann_ scrittore.
  Burette scritt.
  Burney dottore artista, scritt. dottissimo.
  _Burrmann_ scrittore.
  Caffarelli Gaetano.
  Caffaro Pasquale.
  Caffiaux scrittore.
  _Cajon_ scrittore.
  _Caldara_ Antonio.
  Calegari.
  Calmet scritt.
  _Calviere_ Antonio.
  _Calvoer_ scritt.
  Cambini scrittore.
  Campbell Med. music.
  _Campion_ scritt.
  Camprà.
  _Canovio._
  _Cantemiro_ scrittore.
  _Capelli._
  _Caprara._
  _Carbasus_ scritt.
  Carcani.
  _Carestini._
  Carlenças scritt.
  _Carletti_ ab. scritt.
  Carlo VI.
  _Caroli._
  _Carré_ scritt.
  Carré Remigio scrittore.
  Cartaud scrittore.
  _Casali._
  Castel Ges. inv. del _cembalo oculare_.
  Castillon scrittore.
  Catalisano scritt.
  Caylus conte di, scritt.
  _Celestino._
  Cerf scritt.
  Cerutti scritt.
  Chabanon scritt.
  _Chabanon de Maugris._
  Chamber scritt.
  Chapelle scritt.
  _Charpentier._
  Chastellux Marquis de, scrit.
  Chateauneuf ab. de, scritt.
  _Chelleri._
  _Choquel_ scrittore.
  _Christmann_ scritt.
  Cleaver scritt.
  _Clamer_ scritt.
  _Clayton_ scritt.
  _Cocchi._
  Colle Franc. scritt.
  Collier scritt.
  Conti.
  Collyer scritt.
  Constant ab. du, scritt.
  Conti Ant. Abate scritt.
  Corelli caposcuola di _violino_.
  _Corilla_ Mad. Poet. mus.
  _Cramer_ Federico.
  _Creed_ inventore d'una macchina per scrivere musica.
  Cristofori inventore del _Forte-piano_.
  Crousaz scritt.
  _Dalberg_ barone de.
  _Danzi._
  _Daquin._
  Daube scritt.
  _Davaux_ inv. di un _cronometro_.
  _Davies_ Miss. inv. dell'_armonica_.
  _Davies_ Cicilia.
  _Delaire_ scritt.
  _Dellamaria._
  Delpiano costrutt. di _organi_ cel.
  _Demoz_ scritt.
  Derham scritt.
  _Desaugiers._
  Desbout Medic. mus.
  _Desmarchais_ scritt.
  Dessault Medic. music.
  Diderot scritt. inv. d'un _nuovo organo_.
  _Dittersdorff._
  _Diviss_ inv. del _Denis d'or_.
  Dodart.
  _Doerner_ scritt.
  Dorat Poet. mus.
  _Douws_ scritt.
  Draghetti Ges. scritt.
  _Dreslen_ Scritt.
  Dubos ab. scritt.
  _Dubugarre_ scritt.
  Ducerceau Gesuita scritt.
  Duclos inv. del _ritmometro_.
  Dumas inv. d'un _nuovo metodo_.
  Dumont inv. del _consonante_.
  _Duni_ Egidio.
  Durante Franc.
  _Durieu_ scritt.
  _Duval_ scritt.
  Eastcott.
  _Ebeling_ scritt.
  _Eberhard_ scritt.
  _Eckelt_ scritt.
  _Edelmann._
  _Elliot_ scritt.
  _Engel_ scritt.
  _Engramelle_ aut. della _Tonotechnia_.
  _Eschenburg_ scritt.
  _Eschtruth_ scritt.
  _Estève_ aut. d'una _nuova teoria_.
  _Ettmullero_ Medic. music.
  Eulero scrittore.
  Eximeno scrittore dottissimo.
  Fabricio scritt.
  Farinelli cav.
  _Feo_ Francesco.
  _Fanzago_ Ab. scritt.
  _Ferradini._
  _Ferrari._
  Fèvre Ges. _Poema music._
  Feyoo scrittore.
  Feytou ab. aut. di una _nuova teoria_.
  _Fiorillo._
  _Fioroni._
  _Fischer_ scritt.
  _Fischer_ costrutt. celebre di _violini_.
  _Fletscher._
  _Floquet._
  Fraguier Ab. scritt.
  Frank Medic. music.
  Franklin inventore dell'_Armonica_.
  _Frick_ scritt.
  _Friker_ scritt.
  _Fritz_ cel. costruttore di stromenti.
  _Fuger._
  _Funk_ scritt.
  Fux Gius. scrittore ed artista.
  Ferrein scritt.
  Gougelet scritt.
  Gabory inventore di un _cronometro_.
  _Gabrieli_ Caterina.
  _Galeazzi_ scritt.
  _Galland_ scritt.
  _Gallimard_ scritt.
  Galuppi Baldass.
  Galvano scritt.
  Gasman.
  _Gaspar._
  _Gasparini._
  _Gattey_ inventore d'una _macchina per scrivere_.
  _Gattoni_ inventore dell'_armonica meteorologica_.
  _Gatti_ ab.
  _Gauzargues._
  _Gazzaniga._
  _Geminiani_ scritt.
  _Gerbert_ ab. scritt.
  Gesner Poet. mus.
  Giardini caposcuola di _violino_.
  Giroust.
  Giulini conte scritt.
  _Gizziello._
  Gluck Cristoforo.
  Gluck Annetta.
  _Gottsched_ scrittore.
  Goulley ab. scritt.
  _Graf_ scritt.
  _Grandval_ scritt.
  Grassineau aut. d'un Diz. di musica.
  _Graun._
  _Gresnik._
  Griselini scritt.
  _Grosley_ scritt.
  _Gruber_ scritt. della _letteratura musicale_.
  _Guadagni._
  _Guarducci._
  _Guys_ scritt.
  Gougelet scritt.
  Grimaldi Emman.
  _Haremberg_ scritt.
  Harris scritt.
  _Harington._
  Harrison inv. d'un _monocordo_.
  Hasse Adolfo il Sassone.
  Hasse Mad. Bordoni.
  _Haudenger_ inv. di un _tonometro_.
  _Hawkins_ storico della musica.
  Hendel Giorgio.
  _Hennequin_ inv. d'un _nuovo forte-piano_.
  _Hertel._
  _Hessel_ inv. _de' tasti nell'armonica_.
  _Heumann_ Stor. letter. della musica.
  _Hiller_ scritt. ed artista.
  _Hire de la_ scritt.
  _Hirschfeld_ Stor. aut. della musica.
  _Hofmeister._
  _Holberg bar. d'._
  Holfeld inv. d'una _macchina per scriver sonando_.
  _Holzhaver._
  _Hullmandel._
  _Hurlebusch_ scritt.
  _Jacob_ scrittore.
  Jommelli Nic.
  _Jamard_ inv. d'una _nuova teoria_.
  _Jones_ scritt.
  _Jortin_ scritt.
  Jorissen scritt.
  _Irhov_ scritt.
  _Iunker_ scritt. ed art.
  Jacquier scritt.
  Kahler Medic. mus.
  _Kaiser._
  _Keeble_ scritt. sulla _mus. greca_.
  _Keil_ scritt.
  _Keiser._
  _Kellner_ David scritt.
  _Kellner_ Cristf. scritt. ed art.
  _Ken_ vesc. scritt.
  Kirnberger inv. di un _temperamento_.
  _Klein_ scritt. ed art.
  _Klinghammer_ scritt.
  _Klockenbring_ stor.
  _Klotz_ cel. costrutt. di _Violini_.
  _Koch_ scritt.
  _Koenig_ scritt.
  _Krause_ Godofr. scritt.
  _Krause_ Gius.
  _Kruger_ scritt.
  _Kuhnau_ scrittore.
  _Laag_ scritt. ed art.
  Lacassagne ab. scritt.
  La Barbera.
  Lathlard scritt.
  Lalande.
  _Lallemant_ Medic. music.
  _Lambert_ scritt.
  Lampe scritt.
  Lampillas storico.
  Lampugnani.
  Lanzi Petronio.
  _Latilla._
  Laugier ab. scritt.
  Lebeuf ab. scritt.
  _Leblond_ ab. storico.
  _Lebrun._
  _Lebrun_ Mad. Danzy.
  _Ledran_ scritt.
  _Leboeuf_ scritt. ed art.
  _Legipons_ aut. d'una _Biblioteca music._
  _Lemoyne._
  Leo Leonardo.
  _Lepileur_ scritt.
  _Leprince._
  Lesueur.
  _Levens_ scritt.
  _Lingke_ scritt.
  Linguet storico.
  Locatelli caposcuola di _violino_.
  Lockmann scritt.
  _Loehlein_ scritt.
  _Loen, de_ scritt.
  _Loescher_ scrittore.
  Logroscino inv. de' _finali_.
  _Lotti._
  Loulié scritt.
  _Lucchesi._
  _Ludwig_ scritt.
  Lupi scritt.
  _Lustig_ scritt.
  Mably scritt.
  _Madin_ scritt.
  _Maggiore._
  _Maier_ scritt.
  _Mairan_ scritt.
  Majo Francesco.
  Malcolm scritt.
  Mancini scritt. ed art.
  Manfredini scritt. ed art.
  Manna Gennaro.
  _Marescalchi._
  _Maret_ scritt.
  Mariani scritt. ed art.
  _Marin_ scritt.
  Marmontel scritt.
  Marpurg scritt. ed art.
  Marquet Medic. mus.
  Marsh scritt.
  Martignoni scritt.
  Martinelli Vincenzo scritt.
  Martinez Marianna.
  Martini P. Storico, scritt. ed art.
  _Martini_ Enrigo scrittore.
  _Marzio_ scrittore.
  Mattei Saverio scritt.
  _Mattheson_ scritt. ed art.
  _Maupertuis_ scritt.
  _Mazzanti._
  Mazzocchi ab. inven. d'un _nuovo strumento_.
  Mengozzi.
  Mercadier aut. di un _nuovo sistema_.
  Metastasio ab. scritt.
  _Mezieres_ scritt.
  Milizia scritt.
  _Millico._
  _Mingotti_ Mad.
  _Mirabeau_ conte scritt.
  _Misliwechek._
  _Mitzler_ scritt.
  _Molineux_ scritt.
  Monopoli o Insanguine.
  _Monteclair._
  Montucla storico.
  _Montvallon_ scritt.
  _Monza._
  _Morellet_ ab. scritt.
  _Moret_ scritt.
  Morigi.
  Mozart Giov. Crisost.
  Nardini caposcuola di _violino_.
  Mozart Leopoldo.
  _Naselli._
  _Nasolini._
  Nauze (de la) scritt.
  _Neefe_ scritt.
  _Neidhart_ scritt.
  _Nichelmann_ scritt.
  _Nicolai_ Medic. music.
  _Nicolai_ Feder. scritt.
  Nougaret scritt.
  _Noinville_ scritt.
  _Odoardi_ cel. costruttore di _violini_.
  _Oeder_ scritt.
  _Oettinger_ scritt.
  _Oginski_ scritt.
  _Ottani._
  _Overbeck_ scritt.
  _Palma._
  Paolucci scritt.
  _Parran_ scritt.
  _Pasquali_ scritt.
  Passeri ab. scritt.
  Pau vesc. scritt.
  Perez David.
  Pergolesi.
  Perti.
  _Petri_ Samuele scritt.
  _Pfeiffer_ storico.
  _Piantanida_ ab.
  Piccini Nicolò.
  Pichl Vinceslao.
  Pigeon de Saint-Paterne scritt.
  Pistocchi caposcuola di _canto_.
  Planelli cav. storico.
  Poisson Leon. scritt.
  Pope Aless. Poema mus.
  Porpora Nicolò.
  Porpora.
  _Prati_ Alessio.
  Predieri Antonio.
  _Prinz_ scritt.
  Profilio ab.
  Puckeridge primo inv. dell'_Armonica_.
  Pugnani caposcuola di violino.
  Poisson Nic. scritt.
  Quadrio ab. storico.
  _Quanz_ scritt. artista.
  _Quatremere_ scritt.
  _Raff_ Antonio.
  Raffaele Conte di S., scritt.
  Raguenet ab. scritt.
  Rameau inv. di un _nuovo sistema_.
  _Ramler_ scritt.
  Rangoni scritt.
  _Raspe_ scritt.
  _Ravezzoli._
  _Redi_ caposcuola di _canto_.
  _Reiman_ scritt.
  _Reinard_ scritt.
  Rellstab scritt.
  Renaudin inv. di un nuovo _cronometro_.
  Requeno ab. scritt. dottis.
  _Riccio_ Ang. scritt.
  _Riccoboni_ storico.
  Ricieri per errore v. _Ridieri_.
  _Riedt_ scrittore.
  _Riepel_ scritt.
  _Rigel_ Gius.
  Rinaldo di Capua.
  _Robbers_ scritt.
  _Robertson_ scritt.
  _Rochefort_ storico.
  Rocchi scritt.
  Rodolphe inv. de' semituoni nel _corno di caccia_.
  Roger medic. music.
  _Rolla_ Alessandro.
  Rollin Carlo storico.
  Romieu inv. del _terzo suono_.
  Rossetti Antonio.
  Rousseau scrittore, aut. del _Dizionario_.
  _Rousseau_ ab.
  _Roussel_ scritt.
  Roussier ab. inv. di un _nuovo sistema_.
  Rubbi ab. scritt.
  _Ruetz_ scritt.
  _Rusti._
  _Rutini._
  Sabbatini Nicolò.
  Sacchi scrittore dottissimo.
  Sacchini Antonio.
  Saint-Lambert march. de, scritt.
  Sala Nic. scritt. ed art.
  Sammartini.
  Sancho scritt.
  _Sarro_ Domenico.
  Santarelli storico.
  Sarti Giuseppe.
  Sarti scrittore.
  Saunders scritt.
  Say Samuele scritt.
  Sauveur inv. dell'_Acustica_.
  Scarlatti Alessandro.
  Scarlatti Domenico.
  _Scarlatti_ Giuseppe.
  _Scheibe_ scritt.
  _Scheibel_.
  _Schmidt_ inv. del _piano-armonico_.
  _Schroeter_ scritt.
  _Schuback_ scritt.
  Schubart Daniele.
  Sciroli Gregor.
  Serey _Poema music._
  Serre inv. d'un _Sistema misto_.
  Signorelli storico.
  Smith Gugl. scritt.
  Smith Roberto scritt.
  Somis caposcuola di _violino_.
  Sonnetti scritt.
  Sales Pompeo.
  _Sorge_ scritt.
  South scritt.
  Speranza ab.
  Spies scritt.
  Stamitz caposcuola di _violino_.
  _Steffani_ ab.
  _Steinbart_ scritt.
  _Sterkel_ ab.
  Stillingfleet storico.
  _Stoelzel_ scritt.
  _Stradivari_ celebre costruttore di _violini_.
  Sulzer scritt.
  Suremain aut. d'una _teoria acustico-music._
  Stellini scritt.
  Taillard scritt.
  Tansur scritt.
  Tartini aut. d'una _nuova teoria_.
  _Tauscher_ scritt.
  Tedeschi detto _Amadori_.
  _Telemann_ scritt. ed art.
  _Telemann_ Michele scritt.
  _Tempelhof_ inv. d'un _temperamento_.
  Terradeglias.
  Tesi Vittoria.
  _Tessarini_ scritt.
  Testori scritt. ed art.
  Tevo Zacc. scritt.
  _Tiedemann_ scritt.
  Tissot Medic. music.
  _Titon_ storico.
  _Toderini_ ab. storico.
  _Toepfer_ scritt.
  Tonelli scrittore ed artista.
  _Tosi_ scritt. ed art.
  Traetta Tommaso.
  _Tromlitz_ scritt.
  _Trydell_ scritt.
  Turini Ferdin.
  Turki Daniele scritt.
  Turn-Taxis conte di.
  Turner scritt.
  Ugolini ab. storico.
  Unger inv. d'una _macchina per scrivere_.
  _Vague_ scritt.
  Valburga M. Antonietta.
  Valle Gugl. della storico.
  Vallotti scritt.
  _Vandermonde_ scritt.
  _Vanhal._
  _Vatry_ storico.
  Venini ab. scritt.
  _Vento_ Matt.
  Venuti ab. scritt.
  _Veracini_ caposcuola di _violino_.
  _Viel_ scritt.
  Vignoles scritt.
  _Vinci_ Leonardo.
  _Virbes_ inv. del _cembalo acustico_.
  _Vogel_ Cristof.
  _Walker_ scritt. ed art.
  _Walther_ aut. d'una _Biblioteca music._
  _Warren_ scritt.
  Webb scritt.
  _Weimar_ scritt. ed art.
  _Werner_ Gius.
  _Widder_ scritt.
  Wieland scritt.
  _Wiese_ bar. de, scritt.
  _Wien_ scritt.
  _Winter_ Crist. scritt.
  _Winter_ Pietro.
  _Wolf_ Gugl. scritt. ed art.
  _Wolf_ Feder. scritt. ed art.
  _Wunsch_ scritt.
  Young Matt. scritt.
  Yriarte Tommaso _Poema-music._
  Zanotti Franc. scritt.
  Zanotti Calisto.
  _Zeidler_ scritt.
  Zeno Apostolo scritt.
  _Ziani_ Marcant.
  _Ziegler_ scritt.
  Zuccari scritt.
  Zulatti Medic. music.

XIX. SEC.

  _Adam_ Luigi scritt.
  Adami Giuseppe.
  Agnesi M. Teresa.
  Aimon scritt. ed art.
  _Albrechtsberger_ scritt. dottissimo.
  Andres ab. scritt.
  _Androt_ Augusto.
  Asioli Luigi.
  Assensio Carlo scrittore ed art.
  Angeloni storico.
  _Baillot_ Pietro.
  _Barni_ Camillo.
  _Barthez_ scritt.
  Baud scritt.
  Beattie Giacomo scritt.
  _Beck_ Francesco.
  Beethoven Luigi.
  Belolli.
  _Beloselsky_ scritt.
  _Bernardi Valernes._
  Berrettari scritt.
  _Bertini_ Aug. med.
  Bertinotti Teresa.
  _Berton_ Enr. scritt. ed art.
  Bettoni ab. storico.
  _Bianchi_ Franc.
  _Bigatti_ Carlo.
  Billington Miss.
  Biot scritt.
  _Bisch_ scritt.
  _Blangini_ Felice.
  Blangini la signora.
  _Blondeau_ Luigi.
  Boccherini Luigi.
  _Bochsa_ Nic.
  _Boely_ scritt.
  Boisgelou scritt.
  Boisquet scritt.
  _Bonesi_ scritt.
  _Borde_ Aless. scritt.
  _Bouteiller._
  Boyeldieu Adriano.
  _Brack_ tradutt. de' viaggi di _Burney_.
  Breval.
  Buonfichi.
  Bura.
  Burgh scritt.
  Busby aut. di un _Dizionario di mus._
  Calegari.
  _Carbonel._
  _Carilles._
  Carpani scritt.
  _Cartier_ scritt.
  Caruso Luigi.
  _Casimir._
  _Castro._
  _Catalani_ Mad.
  _Catel_ scritt. ed art.
  Cesarotti ab. scritt.
  _Champein._
  _Chaves_ scritt.
  Cherubini Zenobio.
  Chladni inv. del _Clavicilindro_, e dell'_Eufonio_.
  Choron scritt.
  _Chretien._
  _Cianchettini._
  _Cimador._
  Cimarosa Domen.
  Clementi Muzio.
  _Colbran_ Mad.
  _Cramer_ Guglielmo.
  _Cramer_ Giov. Batt.
  _Crescentini._
  Crotch scritt.
  _Dalayrac._
  _David._
  Delille Poet. music.
  _Demar._
  Denina scritt.
  Denis scritt.
  Desessarts scritt.
  Despaze Poema music.
  _Devismes_ scritt.
  _Dourlen_ Vittore.
  Dusseck Luigi.
  Dusseck Veronica.
  Dietz inv. del _Melodion_.
  _Eckard._
  Escherny Conte d', scritt.
  Eser Mad. Carlotta.
  _Fabre_ inv. del _modo ellenico_.
  Fantastici Mad.
  Farinelli.
  Fayolle scritt.
  Federici Vincenzo.
  Ferlendis Aless. scritt.
  Ferlendis la Sig. Barberi.
  Ferro cav. scritt.
  _Festa_ Mad.
  Fetis scritt.
  Finaroli Fedele.
  _Fiocchi_ Vinc.
  Fioravanti.
  Forno Bar. scritt.
  Förster.
  Fortis ab. storico.
  Framery scritt. dell'_Enciclopedia metodica_.
  _Franz_ Carlo.
  Frichot inv. del _Basse Cor_.
  Friedberg.
  _Fuchs._
  Garsia Alessandro.
  _Gasse._
  Gatti ab.
  _Gattoni_ inv. dell'_Armonica meteorologica_.
  _Gautherot_ scritt.
  _Gaveaux._
  _Gaviniès._
  _Genlis_ Mad. de.
  Gerber scritt.
  Gerbini Mad.
  Gervasoni scritt. ed artis.
  _Gherardesca._
  _Gin_ scritt.
  Ginguené scritt. dell'_Enciclopedia metod._
  Girault scritt.
  Gnecco.
  _Gorsse_ scritt.
  Gossec scritt. ed art.
  Grassini Mad.
  _Grimm_ Bar. de, scritt.
  Guglielmi Pietro.
  Guglielmi Carlo.
  _Guglielmi_ Giacomo.
  Gyrowetz.
  Gibelin scritt.
  Grimaldi Andrea.
  Haensel Daniele.
  Harpe de la, scritt.
  Haydn Giuseppe.
  Haydn Michele.
  Herbin scritt.
  _Herder_ scritt.
  Herschel.
  Hofman inv. del _piano-archet_.
  Jackson scritt.
  _Jarnowick._
  _Jones_ scritt.
  _Isouard_ scritt.
  _Koch_ scritt.
  _Kolmann_ scritt.
  Kozeluch.
  Krommer.
  Lacépède scritt.
  _Lacombe_ scritt.
  Lagrange scritt.
  Lahoussaye.
  Lalande scritt.
  Lamark scritt.
  _Langlé_ scritt.
  _Lasalette_ scritt.
  _Lasceux._
  Laire storico.
  Lavigna.
  _Lavit_ scritt.
  Leclerc scritt.
  Levesque scritt.
  _Leduc_ scritt.
  Lemoyne.
  Lesueur scritt. ed art.
  Lichtenthal Medic. music.
  _Lirou_ scritt.
  Lolli Antonio.
  Luneau scritt.
  Lunier scritt.
  Leris scritt.
  _Maelzel_ inv. del _Pan-harmonicon_.
  Maelzel inv. dell'_Armonia d'Orfeo_.
  Maisseder.
  Manfroce.
  Mango ab. scritt.
  _Marchesini._
  _Marcou_ scritt.
  _Marie_ Medic. music.
  _Marin_ Martin.
  _Marin_ Claudio.
  Marinelli Gaet.
  Martin Vinc.
  _Martinn_ Gius.
  _Martini_ scritt.
  Mattei Stanislao scritt. ed art.
  Molino Luigi.
  Mattucci.
  Mayer Simone.
  Mazza Angelo Poema-mus.
  _Mehul_ scritt.
  _Meissonnier._
  Michaelis scritt.
  Millin scritt.
  Minoja scritt. ed art.
  Mojon Medic. music.
  _Momigny_ scritt. ed art.
  _Monsigny_ Aless.
  Montù inv. della _sfera armonica_, e del _Sonometro_.
  _Mooser_ inv. dell'_orchester-instrument_.
  Mortellari Michele.
  Mortellari.
  Mosca Luigi.
  Mosca Giuseppe.
  Mozart figlio.
  Mongez scritt.
  Nani scritt.
  Naumann Amed.
  _Neukomm._
  Nicolini.
  Niemetschek scritt.
  _Niemeyer_ scritt.
  _Nopitsch_ scritt.
  _Noverre_ scritt.
  Nozari.
  _Oginski_ scritt.
  _Onslow._
  Orgitano.
  Orlandi.
  Pacchiarotti.
  Paer.
  Paesiello.
  _Palione._
  Palma Silvestro.
  Parenti Poema-mus. scritt.
  _Parenti_ Francesco.
  Pavesi.
  Pellegrini Anna Maria scritt. ed Art.
  Perolle scritt.
  Perotti scritt. ed art.
  _Pfeffinger._
  _Piccini_ Luigi.
  _Piccini_ Alessandro.
  Pleyel Ignazio.
  Poisson scritt.
  Perne scritt. ed art.
  Pfeiffer inv. del _piano verticale_.
  Pezold inv. del _piano orizontale_.
  Pollet Mad.
  Ponce scritt.
  Porta Berardo.
  Portogallo.
  Poulleau invent. dell'_orchestrino_.
  Prandi scritt.
  Puccitta Vincenzo.
  Puppo Gius.
  Radicati.
  Raymond scritt.
  Rega Signora.
  _Reicha_ scritt. ed art.
  _Reichardt_ scritt. ed art.
  _Rellstab_ scritt. ed art.
  _Reveroni_ scritt.
  _Rigel_ Arrigo.
  _Rigel_ Luigi.
  _Righini_ scritt. ed art.
  Riffelsen inv. della _Melodica_.
  Rolla Alessandro.
  _Romberg._
  Rossini.
  _Roze_ ab. scritt. ed art.
  Russo Raffaele.
  Ruphy scritt.
  Sabbatini Anton. scritt. ed artist.
  _Saint-Amans_ scritt. ed art.
  Spontini Gaspare.
  _Steibelt._
  Scoppa ab. scritt.
  Silva Mad.
  Stat.
  Suard aut. dell'_Encicl. metodica_.
  _Tarchi_ Angelo.
  _Terza_ Gius. scritt.
  Testori Angelo.
  _Rey_ Giov. scritt. ed art.
  _Rey_ Gianb. scritt. ed art.
  Rhode scritt.
  Roquefort scritt.
  Thiemé inv. di un _nuovo cronometro_.
  Tomeoni.
  Tritta Giacomo.
  _Vaccari._
  Vallo Dom. scritt. art.
  Valmalete scritt. ed. art.
  Van Swieten bar. di scritt.
  Trento Vittorio.
  Vienne M. de.
  _Vieuzac_ scritt.
  Viganoni.
  _Villeblanche_ Armand.
  _Villoteau_ scritt.
  _Viotti Giamb._
  Vogler ab. scritt. ed art.
  _Vosde_ scritt.
  Weber scritt.
  Weigl Gius.
  _Winter_ Pietro.
  _Xavier_ Antonio.
  Ximenes conte scritt.
  Zeltern Carlo.
  Zingarelli Nicolò.
  _Zulehner_ Carlo.
  _Zumsteeg_ Rodolfo.



                        BIBLIOTECA SCELTA

                      _O CATALOGO RAGIONATO_

                  DE' MIGLIORI TRATTATI DI MUSICA
              DISPOSTI SECONDO L'ORDINE DELLE MATERIE,
                 RELATIVAMENTE ALLA CLASSIFICAZIONE
                       CHE N'È STATA FATTA
                     NEL DISCORSO PRELIMINARE
                       DALLA PAG. V. — XXVI.


_DELLA MUSICA CONSIDERATA COME ARTE_.


I. TRATTATI ELEMENTARI.

_Lustig_. Introduzione alla conoscenza della musica. _Amsterdam_ 1754.

_Bisch_. Explication des principes élémentaires de musique. _Charenton_
1802.

_Tansur_. A new musical grammar. _London_ 1790.

_Vallo_. Compendio elementare di musica specolativo-pratica. _Napoli_
1804.

_Asioli_. Principj elementari di musica adottati dal R. Conservatorio di
_Milano_ 1811.


II. DIZIONARJ DI MUSICA TEORICA E PRATICA.

_Brossard_. Dictionnaire de musique. _Paris_ 1703.

_Crassineau_. Musical Dictionary. _London_ 1740.

_Geminiani_. Dizionario armonico. _Londra_ 1743.

_Rousseau_. Dictionnaire de musique. _Paris_ 1768.

_Arnold_. Dictionary of music. _London_ 1784.

_Wolff_. Breve Dizionario de' termini tecnici della musica. _Halle_
1787.

_Busby_. Dictionary of music. _London_ 1802.

_Koch_. Dizionario teoretico di musica. _Lipsia_ 1802.


III. MUSICA VOCALE.

_Crescentini_. Esercizj per la vocalizzazione. _Parigi_ 1811.

_Mancini_. Pensieri e riflessioni pratiche sopra il canto. _Vienna_
1774.

_Tomeoni_. Teoria della musica vocale. _Parigi_ 1799.

_Righini_. Esercizj per la perfezione nell'arte del canto. 1803

_Pellegrini_. Grammatica o sieno regole per ben cantare. _Roma_ 1810.

_Minoja_. Lettere sul canto. _Milano_ 1813.

_Boisquet_. Essai sur l'art du musicien chanteur. _Paris_ 1813.


IV. STRUMENTALE.

_Bach_. Saggio sopra la vera maniera di sonar il cembalo con esempj.
_Lipsia_ 1787. _Opera classica, trad. in francese da Charon._

_Assensio_. Nuova scuola di ben sonare il piano forte. _Palermo_ 1815.

_Tartini_. Lettera a Mad. Sirmen, importante a' suonatori di violino.
1770.

_Conte di San Raffaele_. Lettera intorno ai principj dell'arte del suono
del violino. Lett. II sopra le rivoluzioni dell'arte del suono. 1784.

_Geminiani_. L'arte di sonar di violino. 2. ediz. 1801.

_Durieu_. Méthode de violon. _Paris_ 1793.

_Galeazzi_. Elementi teorico-pratici, e dell'arte di sonar il violino.
_Roma_ 1791.

_Tessarini_. Nuovo metodo di sonar di violino. _Amsterdam_ 1761.

_Quanz_. Méthode pour apprendre à jouer de la flûte. _Breslau_ 1781.

_Tromlitz_. Dissert. sul flauto e sulla maniera di suonarlo. _Lipsia_
1790.

_Blasio_. Nouvelle méthode de clarinette, et raisonnement des
instrumens. _Paris_ 1796.


V. RETTORICA E POETICA MUSICALE.

_Lacépède_. Poétique de la musique. _Paris_ 1785.

_Devismes_. Pasilogie, ou de la musique considérée comme langue
universelle. _Paris_ 1806.

_Chabanon_. De la musique considérée en elle-même et dans ses rapports
avec la parole, les langues, la poésie etc. 3 vol. _Paris_ 1785.

_Engel_. De la peinture en musique. _Berlin_ 1780.

_Baily_. Alliance of music, poetry and oratory. _London_ 1790.

_Bemetzrieder_. Essai sur l'harmonie suivant les règles de la syntaxe et
de la rhétorique. _Paris_ 1781.

_Webb_. Observation on the correspondance between poetry and music.
_London_ 1793.

_Weber_. L'arte poetica di Orazio tradotta da Ramler, con note per i
compositori ed i musici, vol. 2. 1806-1810.

_Morellet_. De l'expression en musique. _Paris_ 1771.

_Hiller_. Sull'imitazion della natura in musica. _Lipsia_ 1781.

_Bonesi_. Della misura o divisione de' tempi nella musica e nella
poesia. 1806.

_Mattei_. Della filosofia della musica. 1780.

_Beattie_. Essay on poetry and music. 1783; _trad. in franc._ _Paris_
1798.

_Framery_. Mémoire sur les Rapports de la musique avec la déclamation.
_Paris_ 1802.


VI. SUL VARIO STILE DA CHIESA, DA TEATRO E DA CAMERA

_Algarotti_. Saggio sopra l'opera in musica. 1770.

_Borsa_. Saggio sulla musica imitativa teatrale. 1781.

_Doni_. Della musica scenica e teatrale. _Firenze_ 1763.

_Arnaud_. Lettre au comte de Caylus. _Paris_ 1754.

_Carpani_. Le Haydine ec. _Milano_ 1812.

_Sacchi_. Lettere al conte Riccati ec. 1789.

_Raymond_. De la musique dans les Eglises, et lettre à M. Millin en
_Paris_ 1811.

_Riccati_. Due lettere al P. Sacchi intorno al grado di eccellenza, al
quale è giunta la musica ec. 1769. Lettera al medesimo, dove si paragona
l'antica alla moderna musica. _Modena_ 1787.

_Schultes_. Trattato della musica di chiesa. _Livorno_ 1809.


VII. REGOLE DELLA COMPOSIZIONE O CONTRAPPUNTO.

_Marpurg_. Trattato della fuga e del contrappunto, trad. in franc.
_Berlino 2 volumi_ 1756.

_Paolucci_. Arte pratica di contrappunto. _Venezia_ 1765.

_Martini_. Saggi di contrappunto. _Bologna_ 1776.

_Manfredini_. Regole armoniche. _Venezia_ 1797.

_Gervasoni_. Scuola della musica in tre parti. _Piacenza_ 1800.

_Fux_. Gradus ad Parnassum, _in fol._ 1725; e tradotto in italiano da
_Aless. Manfredi_. Carpi 1761.

_Albrechtsberger_. Trattato elementare di composizione, in tedesco.
_Lipsia_ 1790.

_Riepel_. Elementi della composizione musicale, e del sistema della
misure, in ted. Ratisbona 1754.

—— Spiegazione indispensabile del contrappunto ec. con esempj, _in
ted_. 1768 _in fol_.

_Vallotti_. Scienza teorica e pratica della moderna musica. _Padova_
1779.

_Sabbatini_. Vera idea delle musicali numeriche segnature. _Venezia_
1799.

—— Trattato della fuga, 2. vol. in 4º. _Venezia_ 1801.

_Rey_. Système harmonique etc. _Paris_ 1801.

_Choron_. Principes de composition des Ecoles d'Italie, 3 volumi in
foglio di 1456 rami. _Paris_ 1809. _opera classica._


_DELLA MUSICA CONSIDERATA COME SCIENZA_.


I. ACUSTICA OSSIA SCIENZA DE' SUONI.

_Diderot_. Lettre sur les sourds et muets, etc. _Paris_ 1751.

_Euler_. Sur la nature et la propagation du son. _Basilée_ 1727.

—— Tentamen novæ theoriæ musicæ, etc. _Petropoli_ 1738.

_Ganterot_. Sur la théorie des sons. 1800.

_Chladni_. Traité d'Acoustique. _Paris_ 1809.

_Perolle_. Sur les expériences acoustiques de Chladni et de Jacquin.
1799.

—— Recherches physiques sur le son, etc. 1799.

_Sauveur_. Principes d'acoustique. 1701. 1713.

_Suremain_. Théorie acoustico-musicale. _Paris_ 1793.

_Lagrange_. Sulla propagazione del suono. _Torino_ 1759.

_Riccati_. Delle corde etc. e delle vibrazioni sonore. _Verona_ 1781.

_Taylor_. Methodus incrementorum directa et inversa. _Lond._ 1715.

_Young_. An enquiry into the principal phænomena of sounds and musical
strings. _Dublin_ 1784.


II. SISTEMI, E TEORIE MUSICO-MATTEMATICHE.

_Estève_. Nouvelle découverte du principe de l'harmonie. 1751.

_Lalande_. Principes de la science de l'harmonie et de l'art de la
musique. 1751.

_Montù_. Numerazione armonica per ispiegare le leggi dell'armonia. 1809.

_Rameau_. Nouveau Système de musique théorique, etc. 1737.

_Barca_. Introduzione ad una nuova teoria di musica. _Padova_ 1786.

_Alembert_. Elémens de musique théorique et pratique. _Lyon_ 1779.

_Romieu_. Nouvelle découverte des sons harmoniques graves, etc. 1753.

_Tartini_. Trattato di musica secondo la vera scienza dell'armonia.
_Padova_ 1751.

_Kirnberger_. Principj dell'uso dell'armonia; e l'arte della
composizione pura, secondo positivi principj, con esempj. 1776 _in
tedesco_.

_Klein_. Saggio d'instruzione sistematica della musica. 1783 _in
tedesco_.

_Lasalette_. Considérations sur les différens systèmes etc. _Paris_
1811.

_Mercadier_. Nouveau système de musique. _Paris_ 1776.

_Eximeno_. Dell'_Origine, e delle regole della musica_. _Roma_ 1774.


III. SOPRA LA COSTRUZIONE DEGLI STRUMENTI DI MUSICA E LORO TEMPERAMENTO,
COME DE' TEATRI.

_Antegnati_. Arte organica per accordare ogni sorta di strumenti.
_Brescia_ 1608.

_Adlung_. Istruzione sulla costruzione degli organi con addizioni di F.
Agricola maestro della corte di Prussia, _con fig._ 1768.

_Bedos_. L'art du facteur des orgues, 4 vol. in fog. _Paris_ 1778.
_Classico._

_Kirnberger_. Costruzione della temperatura equilibrata, _in ted._ 1760.

_Sorge_. Istruzione per accordar gli organi e i cembali. _Amburgo_ 1744.

—— Esame de' temperamenti del cembalo di Schroeter, 1754.

—— Istruzione nei principj del calcolo e della geometria per i
costruttori d'organi. 1773.

_Marpurg_. Saggio sul _temperamento_ in musica. _Breslav._ 1776.

_Rhodes_. Teoria della propagazione del suono per gli architetti, _in
ted._ _Berlino_ 1800.

_Vitruvio_. Suo trattato latino di architettura con i comentarj di
Valla, Dan. Barbaro, Perrault, Galiani ec.

_Saunders_. Treatise on theatres including some experiments on sound,
_London_ 1790 in 4.

_Milizia_. Trattato completo formale e materiale del teatro, _Venezia_
1794.


_ERUDIZIONE MUSICALE_


I. STORIA GENERALE

_Blainville_. Histoire générale, critique et philologique de la musique.
_Paris_ 1765.

_Bontempi_. Storia della musica. _Parigi_ 1695.

_Burney_. History of music from the earliest ages to the present period,
4 vol. in 4º. _London_ 1788.

_Hawkins_. A general history of music, 5 vol. in 4º. _London_ 1776.

_Forkel_. Storia generale della Musica in ted. 2 vol. in 4º. _Lipsia_
1802.

_Martini_. Storia della musica, 3 vol. in 4º. _Bologna_.

_Kalkbrenner_. Histoire de la musique, 2 vol. in 8º. _Paris_ 1802.


II. STORIA DELLA MUSICA PARTICOLARE DI ALCUNE NAZIONI.

_Girault_. Lettre sur la musique des Hebreux. _Paris_ 1810.

_Herbin_. Sur la musique ancienne. _Paris_ 1806.

_Bettoni_. Della musica degli ebrei a' tempi di David, ec. _Bergamo_
1786.

_Goulley_. Sur les anciens poètes de Sicile et sur l'origine des
instrumens à vent, _nel vol. 5 delle Memor. delle Iscriz._

_Requeno_. Saggi storici dell'arte armonica de' Greci e Romani Cantori,
2 vol. in 8º. _Parma_ 1797.

_Passeri_. De musica veterum Etruscorum. _Romæ_ 1770.

_Jones_. Musical and poetical Relicks of the Welsh Bards. _London_ 1786.

_Cesarotti_. Della musica de' Caledonj, _nel Ragion. prel. alla sua
traduzione di Ossian_, t. 1. _Bassano_ 1795.

_Klockenbring_. Sullo stato della musica ne' paesi nuovamente scoverti
nel mare del Sud. 1787.

_Desmarchais_. Sur la musique et les instrumens du royaume de Juida en
Afrique, _nel 3º vol. di Mitzler_.

_Fortis_. Della musica de' Morlacchi. _Venezia_. 1777.

_Pigeon_. Mémoire sur la musique des Arabes. 1790.

_Arnot_. De la musique des Chinois et leurs instrumens, dans le 6. vol.
des Mémoires sur ce peuple par M. l'_Abbé Roussier_. Paris 1780.

_Roquefort_. Sur la musique et les instrumens des Français depuis le IX
siècle jusqu'au XVII. _Paris_ 1880.

_Toderini_. Della musica de' turchi, nel 1. t. della sua letteratura
turchesca. _Venezia_ 1787.


III. BIBLIOGRAFIA E LETTERATURA MUSICA.

_Ebeling_. Saggio sulla formazione d'una biblioteca di musica. 1784.

_Forkel_. Biblioteca musico-critica, 3 vol. in 8º. 1778.

—— Letteratura generale della musica, ossia instruzione per conoscere
i libri di musica in tutte le lingue. 1804.

_Burney_. Present state of music in France and Italy, and Germany, 3
vol. in 8º. _London_ 1778.

_Eschtruth_. Principj della musica trascendente ove si tratta della
letteratura e dell' espressione della musica. 1789.

_Marpurg_. Memorie storiche, critiche per servire a' progressi nella
musica, 3 vol. in 8º. 1752.

_Martinelli_. Lettere critiche sulla musica, _Londra_ 1762. 2 volumi.

_Collier_. Musical Travels. _London_ in 12º 1790.

_Gruber_. Letteratura della musica, o istruzione per conoscere i
migliori libri di musica, in 8º. 1783.

_Laugier_. Sentimens d'un harmoniphile sur différens ouvrages de
musique. _Lyon_ 1756.

_Legipons_. Dissertationes philologico-bibliographicæ de adornandâ
musices bibliothecâ. _Verona_, in 4º 1746.

_Walther_. Lexicon, o Biblioteca di musica. _Lipsia_ 1732.

_Gerber_. Dizionario storico di musica. _Lipsia_ 1790.

_Mensel_. Dizionario degli artisti alemanni. 1787.

_Mitzler_. Biblioteca di musica _in ted._ 3 vol. in 4º 1754.

_Moret_. Dictionnaire raisonné, ou histoire générale de la musique et de
la lutherie, 13 vol. in 8º. 1775.

_Choron_ et _Fayolle_. Dictionnaire historique des Musiciens, _tom._ 2,
in 8º. _Paris_ 1811.


IV. CONSIDERAZIONI FILOSOFICHE SULLA MUSICA.

_Dubos_. Réflexions critiques sur la poésie, sur la peinture et sur la
musique, 3 vol. in 12º. 1770.

_Batteux_. Principes de la littérature etc. de la musique et de la
dance, 5 vol. 1775.

_Bettinelli_. Dell'entusiasmo delle belle arti. _Venezia_ 1801.

_Borsa_. Saggio sulla musica imitativa. 1781.

_Arteaga_. Rivoluzioni del teatro musicale italiano ec. 3 tom. _Ven._
1785.

_Kausch_. Riflessioni psicologiche sull'influenza de' suoni, e
particolarmente della musica sulle affezioni dell'anima. 1782.

_Hiller_. Sull'imitazione della natura in musica. 1760.

_Schulz_. Idee sull'influenza della musica per rapporto alla
civilizzazione delle nazioni. _Copenague_ 1790.

_Planelli_. Dell'opera in musica. _Napoli_ 1772.


V. DELL'USO DELLA MUSICA IN MEDICINA.

_Gaspar_. De arte medendi apud priscos musices ope. _Lond._ 1783.

_Desbout_. Ragionamento fisico sopra l'effetto della musica nelle
malattie nervose. _Livorno_ 1780.

_Desessarts_. Mémoire sur la musique dans les maladies. _Paris_ 1813.

_Van-Swieten_. De musicæ in medicinam influxu, atque utilitate. _Leida_
1773.

_Mojon_. Memoria sull'utilità della musica, sì nello stato di salute,
come in quello di malattia. _Genova_ 1802.

_Lichtenthal_. Dell'influenza della musica sul corpo umano, e del suo
uso in certe malattie. _Milano_ 1611.

_Nicolai_. Sull'unione della musica con la medicina. 1745.


POEMI SULLA MUSICA.

_Boileau_. _Dialogue._ La Poésie et la Musique.

_Delille_. Poème sur l'Imagination: Ch. V _de l'Harmonie_.

_Dryden_. Ode on the power of harmony.

_Dorat_. De la déclamation théâtrale, Ch. III _des Opéra en musique_.

_Gesner_. L'invention de la lyre et du chant; _Idylle_.

_Mozza_. Ode e sonetti sull'armonia.

_Pope_. Ode on the Music.

_Marmontel_. Poème de la musique.

_Fraguier_. Schola Platonico-Musica.

_Rubbi_. Sonetti sull'armonia.

_Rosa_. Satira contro i musici.

_Seré_. Poème didactique sur la musique en 4 chants.

_Yriarte_. La musica: Poema didattico in lingua spagnuola.


COLLEZIONI DI AUTORI DI MUSICA.

_Meibomio_. Antiquæ Musicæ Græci scriptores septem. _Amstelodami_ 2 vol.
in 4º 1652.

_Wallis_. Ptolemei Harmonica cum Comment. Porphyrii græce ac lat. cum
adnot. _Oxonii_ 1699.

_Gerbert_. Scriptores Ecclesiastici, de Musicâ Sacrâ ex variis. Ital.
Gall. et German. Codd. MS. nunc primum editi. _Paris_ 1774.

_Hertel_. Raccolta di scritti sulla musica, in ted. 1758.


_Fine del quarto, ed ultimo tomo._



  PAGINA  ERRORI                   CORREZIONI

    2.    _Sabbati_                _Sabbatini_
    8.    e la di lui              e che la di lui
   21.    guoco                    gioco
   40.    _cognitione_             _cognatione_
   41.    venggonsi                veggonsi
   69.    un non previsto cidente  un non previsto accidente
   81.    certo non avrebbe        certo non avverrebbe
   95.    dagl'intendenli          dagl'intendenti
  ivi.    Il suo slile             Il suo stile
   97.    _A philosophicol_        _A philosophical_
  129.    _di Estitica musicale_   _di Estetica musicale_
  142.    nell'aste                nell'arte


NE' SUPPLEMENTI.

   1.     discrizione              descrizione
   5.     compesitore              compositore
   7.     Madena                   Modena
  16.     non mancano              ne mancano
  21.     Tenevale                 tenevane
  23.     Cretentes                Cretenses
  30.     celebre                  celebri
  38.     aritisti                 artisti
  47.     e vanne                  e venne
  54.     _de la verification_    _de la versification_



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, così come
le grafie alternative (armonia/armonìa/armonía, qui/quì,
Copenhague/Coppenhague/Coppenague/Koppenhagen e simili), correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici. Le correzioni
indicate dall'Autore a pag. 246 sono state riportate nel testo.
Sono stati corretti i seguenti refusi (tra parentesi il testo
originale):

   29 — SAY (Samuele), ecclesiastico [acclesiastico]
   46 — suo nome, nello scorso [corso] sec.
   48 — secondo l'ab. Gerbert [Gerbest] egli viveva
   78 — prima dell'era cristiana [cristiaca]
  116 — più energica; avvegnachè [avvengnachè]
  207 — che manoscritta conservasi [conservarsi] nella





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Dizionario storico-critico degli scrittori di musica e de' più celebri artisti, vol. 4 (of 4) - Di tutte le nazioni sì antiche che moderne" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home