Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Democrazia futurista
Author: Marinetti, Filippo Tommaso, 1876-1944
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Democrazia futurista" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                          DEMOCRAZIA FUTURISTA


           434 — IV-1919 — Cooperativa Grafica degli Operai.



                            F. T. MARINETTI

                               DEMOCRAZIA

                               FUTURISTA

                           DINAMISMO POLITICO


                                  1919

                        FACCHI, EDITORE — MILANO

                             18, VIA DURINI



    _Dedico questa prima opera di politica futurista ai_ _*Fasci
    politici futuristi*_ _di MILANO, ROMA, FIRENZE, FERRARA,
    TARANTO, PERUGIA, ecc. e all_’_*Associazione degli Arditi*_.

                                                          _F. T. M._



                                 INDICE


    1. Un movimento artistico crea un Partito Politico.
    2. La servaccia e i quadri degli antenati.
    3. Ideologie sfasciate dalla conflagrazione.
    4. Vecchie idee a braccetto da separare.
    5. Crollo di filosofi e storici, sibille a rovescio.
    6. Idee-muri da sfondare.
    7. Contro il matrimonio.
    8. Orgoglio italiano rivoluzionario e libero amore.
    9. La Democrazia futurista.
    10. Contro il Papato e la mentalità cattolica, serbatoi di ogni
    passatismo.
    11. Patriottismo futurista.
    12. Pacifismo e Società delle Nazioni carabiniera.
    13. Contro l’immonda anzianità, la burocrazia, per il decentramento.
    14. Il proletariato dei geniali.
    15. Governo tecnico senza parlamento, senza senato e con un
    Eccitatorio.
    16. Contro il diritto di successione.
    17. Sintesi della concezione marxista.
    18. L’Azionariato sociale.
    19. Sintesi della concezione di Mazzini sulla proprietà e la sua
    trasformazione.
    20. La riforma fondiaria di Henry George.
    21. Denaro ai combattenti!
    22. Abolizione della coscrizione, esercito volontario, scuole di
    forza, coraggio e patriottismo; corsi di strategia e d’armi.
    23. Il cittadino eroico, l’abolizione delle polizie e le scuole di
    coraggio.
    24. Morale del pericolo: la libertà elastica senza carceri e
    carabinieri.
    25. Eroismo dinamico e antigloria.
    26. Gli Arditi, avanguardia della Nazione.



                                   1.


            Un movimento artistico crea un Partito Politico.


Il nostro Partito Politico Futurista è nato naturalmente dalla grande
corrente spirituale del movimento artistico futurista.

Unico nella storia il nostro Partito è stato concepito, voluto e attuato
da un gruppo di artisti poeti, pittori, musicisti, ecc.: che, carichi di
genio e di coraggio ormai provati, dopo avere svecchiato brutalmente e
modernizzato l’arte italiana sono giunti logicamente ad una concezione
di politica assolutamente sgombra di retorica, violentemente italiana e
violentemente rivoluzionaria, libera, dinamica e armata di metodi
assolutamente pratici.

Poichè un passato illustre schiacciava l’Italia e un _avvenire
infinitamente glorioso_ ribolliva nel suo seno, appunto in Italia, sotto
il nostro cielo troppo voluttuoso, l’energia futurista doveva nascere,
dieci anni fa, organizzarsi, canalizzarsi, trovare in noi i suoi motori,
i suoi apparecchi di illuminazione e di propagazione. L’Italia, più di
qualunque altro paese, aveva un bisogno urgente di futurismo, poichè
moriva di passatismo. L’ammalato inventò il proprio rimedio. _Noi siamo
i suoi medici occasionali._ Il rimedio vale per gli ammalati di ogni
paese.

Il nostro programma immediato era di combattimento accanito contro il
passatismo italiano sotto le sue forme più ripugnanti: archeologia,
accademismo, senilismo, quietismo, vigliaccheria, pacifismo, pessimismo,
nostalgia, sentimentalismo, ossessione erotica, industria del
forestiero, ecc. Il nostro movimento ultra-violento, anticlericale,
antisozzalista e antitradizionale si fondava sul vigore inesauribile del
sangue italiano e lottava contro il culto degli avi che, ben lungi dal
cementare la razza, l’anemizza e l’imputridisce.

Il futurismo, nel suo programma totale, era un’atmosfera d’avanguardia;
la parola d’ordine di tutti gl’innovatori o franchi-tiratori
intellettuali del mondo; l’amore del nuovo; l’arte appassionata della
velocità; la denigrazione sistematica dell’antico, del vecchio, del
lento, dell’erudito e del professorale; un nuovo modo di vedere il
mondo; una nuova ragione di amare la vita; una entusiastica
glorificazione delle scoperte scientifiche e del meccanismo moderno; una
bandiera di gioventù, di forza, di originalità ad ogni costo; un
colletto d’acciaio contro l’abitudine dei torcicolli nostalgici; una
mitragliatrice inesauribile puntata contro l’esercito dei morti, dei
podagrosi e degli opportunisti, che volevamo esautorare e sottomettere
ai giovani audaci e creatori; una cartuccia di dinamite per tutte le
rovine venerate.

La parola futurismo conteneva la più vasta formula di rinnovamento;
quella che, essendo a un tempo igienica ed eccitante, semplifica i
dubbî, distrugge gli scetticismi e raduna gli sforzi in una formidabile
esaltazione. Tutti i novatori s’incontrarono sotto la bandiera del
futurismo, perchè il futurismo proclamava la necessità di andar sempre
avanti, e perchè proponeva la distruzione di tutti i ponti offerti alla
vigliaccheria. Il futurismo era l’ottimismo artificiale opposto a tutti
i pessimismi cronici, il dinamismo continuo, il divenire perpetuo e la
volontà instancabile. Il futurismo non era dunque sottoposto alle leggi
della moda nè al logorìo del tempo, non era una _chiesuola_ nè una
_scuola_, ma piuttosto un grande movimento solidale di eroismi
intellettuali, nel quale l’orgoglio individuale è nulla, mentre la
volontà di rinnovare è tutto.

Il futurismo italiano, profeta della nostra guerra, seminatore e
allenatore di coraggio e d’orgoglio italiano, ha aperto undici anni fa
il suo primo comizio artistico col grido: _W. Asinari di Bernezzo!
Abbasso l’Austria!_

I futuristi organizzarono _Le due prime dimostrazioni_ contro l’Austria
nel Settembre 1914 a Milano in piena neutralità, bruciarono in piazza
otto bandiere austriache e furono incarcerati a S. Vittore.

Vollero la guerra, lottarono per la guerra e fecero la guerra.


                               FUTURISTI

                        _Morti in prima linea._

_Cantucci_ (medaglia d’argento).
_Stojanovich._
_Sant’Elia_ (medaglia d’argento).
_Carlo Erba._
_Athos Casarini._
_Luca Labozzetta._
_Luigi Peron-Cabus._
_Visone._
_Occhinegro._
_Angelo Della Santa._
_Annunzio Cervi_ (medaglia d’argento).
_Ugo Tommei._

                        _Feriti in prima linea._

_Guizzi Doro._
_Nino Zuccarello._
_F. T. Marinetti._
_Nino Formoso._
_Jamar_14.
_Bolongaro_ (medaglia di bronzo).
_Racchella_ (5 ferite — mutilato — medaglia di bronzo).
_Raffaele Merola_ (mutilato).
_Berr_ (4 ferite — 2 medaglie d’argento).
_Piero Bolzon._
_Gennari_ (mutilato — 3 medaglie d’argento).
_Soffici_ (medaglia di bronzo).
_Russolo_ (mutilato — medaglia d’argento).
_Vann’Anto’._
_Dessy._
_Olao Gaggioli_ (4 medaglie).
_Steiner_ (mutilato).
_Mario Carli._
_Marcello Manni._
_Ugo Piatti._
_Ottone Rosai_ (medaglia d’argento).
_Enrico Rocca._
_Cerati._
_Astarita_ (medaglia d’argento).
_Morpurgo._
_Catapano_ (medaglia di bronzo).
_Paolo Rubio._
_Businelli_ (medaglia d’argento).
_Raffaello Franchi._
_P. P. Carbonelli._
_Urrico Foa._
_Berto Ronchis_ (mutilato — 3 medaglie).
_Romano Imegli_ (2 medaglie).
_Renato Beccati_ (2 medaglie).
_Renato Zamboni_ (mutilato).
_Giorgio Forlai._
_Giovanni Brunetti._
_Nino Scotto_ (4 ferite).
_Corrado Giusti._
_G. Benasciuti._
_Arturo Breviglieri._

                         _Morto sotto le armi._

_Umberto Boccioni_.


Convinti di avere col genio profetico, il coraggio, il sangue e la
tenacia collaborato ampiamente alla formidabile vittoria italiana, i
futuristi italiani sentono oggi la necessità di partecipare direttamente
alla direzione politica dell’Italia, lanciando in avanti un sogno
rinnovatore infinitamente più audace e un programma di libertà
infinitamente più rivoluzionario.

Il _Corriere della Sera_ diceva nell’aprile 1917: «Purchè l’Italia non
sia, come a volte pare, un organismo sociale _sui generis_, nè
aristocrazia nè democrazia, ma gerontocrazia, una gelosa repubblica
senile ove — salvo strabilianti eccezioni — è preclusa la strada a chi
non sia tanto stagionato e infiacchito da non dare ombra a nessuno».

Sì: è così. È assolutamente così, ed è contro questa Italia schifosa —
sostenuta in realtà dal _Corriere_ stesso — che noi combattiamo da dieci
anni.

Il manifesto del Partito Politico Futurista Italiano, pubblicato e
lanciato l’11 febbraio 1918, dichiara:

«Bisogna portare la nostra guerra alla sua vittoria totale, cioè allo
smembramento dell’impero austro-ungarico, e alla sicurezza dei nostri
naturali confini di terra e di mare, senza di che non potremmo avere le
mani libere per sgombrare, pulire, rinnovare e ingigantire l’Italia».

La nostra profezia, come altre nostre, si è pienamente realizzata. Il
nostro ottimismo futurista molte volte deriso, combattuto da quasi
tutti, ha avuto pienamente ragione.

Abbiamo le mani libere. Incominciamo dunque senza ritardo a sgombrare,
pulire, rinnovare e ingigantire l’Italia, liberandola dal peso del
passato e dello straniero.

Il Partito Futurista vuole una Italia libera, forte, non più sottomessa
al suo grande Passato, al forestiero troppo amato e ai preti troppo
tollerati: una Italia fuori tutela, assolutamente padrona di tutte le
sue energie e tesa verso il suo grande avvenire.

Il Partito Politico Futurista sarà nettamente distinto dal movimento
artistico futurista. Questo continuerà nella sua opera di svecchiamento
e rafforzamento del genio creativo italiano. Il movimento artistico
futurista, avanguardia della sensibilità artistica italiana, è
necessariamente sempre in anticipo sulla lenta sensibilità del popolo.
Rimane perciò una avanguardia spesso incompresa e spesso osteggiata
dalla maggioranza che non può intendere le sue scoperte stupefacenti, la
brutalità delle sue espressioni polemiche e gli slanci temerari delle
sue intuizioni.

Il Partito Politico Futurista invece intuisce i bisogni presenti e
interpreta esattamente la coscienza di tutta la razza nel suo igienico
slancio rivoluzionario. Potranno aderire al Partito Politico Futurista
tutti gli italiani, uomini e donne d’ogni classe e d’ogni età, anche se
negati a qualsiasi concetto artistico e letterario.

Le ostilità suscitate dal Futurismo artistico non devono turbare i nuovi
aderenti al Partito Politico Futurista.

Le opere artistiche del movimento futurista possono apparire ai loro
occhi troppo programmatiche e violente, troppo cariche di voluto e di
teorico.

Ciò è naturale.

Le faccie di coloro che scavano un _tunnel_ sono contratte dallo sforzo
violento e tenace.

Le faccie di coloro che entrano in un _tunnel_ sdraiati in un treno di
lusso veloce sono calme, allentate, appagate, soddisfatte e senza
contrazioni.

Il nostro Partito Politico vuole creare una libera democrazia futurista
che disprezzando le utopie pacifiste al latte-e-miele tragga la sua
potenza di sviluppo dal valore tipico energetico di tutto il popolo
italiano.

Questa italianità provata e glorificata nelle vittorie sanguinose dal
più umile fante, deve trasformarsi domani, nel più umile fante (operaio
o contadino) in un saldo orgoglio di sentirsi italiano.

Tutte le audacie, tutti i progressi e tutte le libertà in questa grande
luce che si chiama Italia.

L’Italia unico sovrano.

Tutto, tutto per la libertà il benessere il miglioramento fisico e
intellettuale la forza il progresso la grandezza e l’orgoglio italiano
del più umile e più piccolo italiano.

Essere italiano è oggi un titolo di nobiltà altissimo, un grande
diritto, un valore incalcolabile.

Noi Futuristi esigiamo dunque da ogni italiano un nuovo sforzo eroico
perchè superando tutte le debolezze della razza calpestando e uccidendo
ogni viltà e ogni abitudine del cervello del cuore e dei nervi tronchi
brutalmente con tutto il suo passato e appaia finalmente virilissimo,
_nuovissimo_, _italianissimo_.

Il Partito Politico Futurista si dichiara dunque nettamente
antimonarchico, ma non contentandosi del rancido e floscio ideale
repubblicano vuole giungere ad un governo tecnico di 30 o 40 giovani
direttori competenti senza parlamento, eleggibili da tutto il popolo
mediante sindacati.

Il Partito Politico Futurista avendo per obbiettivo la _massima_
libertà, il _massimo_ benessere e la _massima_ potenza di produzione di
tutti gli italiani, tutti portati al loro massimo valore, vuole
l’abolizione graduale del matrimonio mediante il divorzio facilissimo,
il voto alle donne e la loro partecipazione all’attività nazionale.
Inoltre abolire l’attuale sistema di Polizie e di Questure riducendo al
minimo l’attuale complicata inefficace difesa del cittadino che deve —
_anzitutto_ — difendersi da sè.

Il Partito Politico Futurista vuole inoltre con un anticlericalismo
intransigentissimo liberare l’Italia dalle chiese, dai preti, dai frati,
dalle monache, dai ceri e dalle campane.

Il Partito Futurista ha come unica religione l’Italia di domani, non
ammette mezzi termini, esige senz’altro l’espulsione del Papato.

Il manifesto del Partito Politico Futurista dichiarava nel febbraio
1918:

«Mantenere l’esercito e la marina in efficienza fino allo smembramento
dell’Impero austro-ungarico. Poi, diminuire gli effettivi al minimo,
preparando invece numerosissimi quadri di ufficiali con rapide
istruzioni. Esempio: duecentomila uomini con sessantamila ufficiali, la
cui istruzione può essere suddivisa in quattro corsi trimestrali ogni
anno. Educazione militare e sportiva nelle scuole. Preparazione di una
completa mobilitazione industriale (armi e munizioni) da realizzarsi in
caso di guerra contemporaneamente alla mobilitazione militare. Tutti
pronti, con la minore spesa, per una eventuale guerra o una eventuale
rivoluzione».

Poichè lo smembramento dell’Impero austro-ungarico è un fatto compiuto,
noi crediamo di superare questa concezione propugnando senz’altro
l’abolizione della coscrizione, la creazione di un piccolo esercito
volontario che organizzerà le nostre colonie e sarà il punto di partenza
di una eventuale improvvisazione di grande esercito in caso di guerra.



                                   2.


                La servaccia e i quadri degli antenati.


La vita italiana si riduce a una convivenza cretina di quadri d’antenati
e di una lurida servaccia.

Sotto i quadri d’_antenati_ senza autorità e senza prestigio che
spandono intorno in una penombra tediosa pessimismo, pedantismo,
austerità professorale, verbalismo patriottico e polvere di Roma antica,
s’aggira sporca taccagna provinciale brindellona la servaccia che fa
tutto male, tiene malissimo la casa, non vuole migliorare nulla, perde
le giornate a verificare le spese di cucina, ha sempre paura di spendere
e di rovinarsi ed è tronfia perchè sa fare una minestra non troppo
salata che costa poco.

I quadri d’antenati sussurrano: «ricordate le legioni romane, l’urbe....
I padri conversanti lunghesso il Fiume Sacro....».

La servaccia spiega freneticamente come mediante le sue chiacchiere coi
fornitori e la sua pertinacia turbolenta sa conservare il prestigio del
padrone di casa, si tiene in buoni rapporti col dottore, ecc.

Vanta il suo eroico libero pensiero perchè fa le corna dietro le spalle
ai preti.

Va però in chiesa, è amica del delegato e sa veramente strangolare una
_spaventosa_ economia.

La servaccia e i quadri d’antenati si rivoltano ferocemente all’idea di
cambiar casa.

Sono d’accordo anche sulla conservazione della polvere, dei tarli, dei
topi, della muffa, dei prefetti, ecc.

I quadri d’antenati si chiamano Boselli e Salandra, la servaccia si
chiama Giolitti o Bissolati.



                                   3.


               Ideologie sfasciate dalla conflagrazione.


1º La conflagrazione ha prodotto lo sfasciamento del concetto religioso
della Provvidenza e dell’intervento divino negli avvenimenti terrestri.

2º La conflagrazione ha prodotto lo sfasciamento delle logiche e dei
sistemi filosofici quadrati e chiusi. Un sintomo: il suicidio tentato
dal filosofo Ardigò.

3º La conflagrazione ha prodotto la glorificazione della forza brutale e
del diritto compenetrati.

La conflagrazione cominciò con una aggressione della Forza Bruta al
Diritto. Il Diritto, invenzione audace del cervello umano come l’Amore
Puro Eterno Unico è un freno ideale creato per contenere nei limiti le
forze brutali. Il Diritto però esagerò le sue pretese esagerando in
quietismo, pietismo, pacifismo internazionalista, rammollimento
fisiologico, ipertrofia del cervello a scapito della muscolatura. Il
Diritto così gradualmente minacciava di evirare sviare e ammosciare
l’umanità.

Gli Imperi Centrali furono evidentemente scelti dal _grande Equilibrio
Universale_ delle forze per ristabilire i diritti della forza brutale
contro gli eccessi del Diritto.

Scoppiò la lotta fra il Diritto, gran freno spirituale, e la Forza che
ha per ragione d’essere la sua stessa sfrenatezza.

Se gli Imperi Centrali avessero avuto oltre alla forza il genio elastico
improvvisatore avrebbero vinto e soppresso le razze avvelenate di
pacifismo, che credevano di potersi difendere con l’unica arma del
Diritto.

Gli Imperi Centrali avevano invece come zavorra pericolosa il
preparazionismo pedantesco professorale, aprioristico della loro razza,
che tolse loro ogni divinazione, ogni agilità improvvisatrice.

L’Intesa, formata di razze malate di pacifismo e padrone assolute del
Diritto, fu più volte colpita e quasi atterrata imparando così a proprie
spese a valutare la forza brutale e la necessità della violenza e
imparando inoltre a svalutare un poco la fragile benchè esistente
divinità del Diritto.

L’Intesa vinse gli Imperi Centrali poichè seppe — combattendo — imparare
da loro quel poco che potevano insegnare. Dall’Intesa vittoriosa nasce
una concezione di nuova umanità veramente futurista, fatta di violenza
rivoluzionaria, elastica, improvvisatrice, eroica di spirito, muscoli,
ferro.

Gli Imperi Centrali servirono unicamente a dare con la loro aggressione
una lezione di forza brutale al Diritto. Il Diritto esce dalla lotta
agilissimo ma inguainato di duttile acciaio.

Non dimentichiamo il favoritismo esplicito e palese che le forze
misteriose dimostrarono nel dosare sui campi di battaglia le
temperature, le intemperie invernali alle offensive germaniche. Uragani,
pioggie, nevi, collaborarono fino all’ultima fase con Hindenburg e
Ludendorff.

Le forze misteriose dirigevano così la guerra, formidabile coito che
tendeva a mescolare e ad equilibrare la Forza e il Diritto,
compenetrandoli in un corpo a corpo sanguinario.

La Forza doveva sverginare il Diritto, fecondarlo di nuova forza e
morire perchè nascesse un Diritto più forte.

4º La conflagrazione ha prodotto coi suoi contraccolpi lo sfasciamento
dell’Amor Puro. L’amor puro con tutti i suoi corollarî di fedeltà e di
costrizioni matrimoniali è l’esagerazione e degenerazione dell’amore
fisico: coito naturale. Così il Pacifismo pietista è l’esagerazione e la
degenerazione del Diritto.

La conflagrazione costrinse l’umanità a delle forme d’amore libero,
fugace, senza domani.

Abbiamo avuto la fusione delle razze più lontane che si rinforzavano
così fisiologicamente.

Molti maschi diversi di razze diversissime venuti da tutte le parti del
mondo per unirsi in coiti imprevisti e veloci con una sola donna.
Sfasciamento del matrimonio tradizionale, dispersione della famiglia,
amore libero e rapido. Sfasciamento delle tradizioni e delle abitudini
sentimentali. Bonifica brutale del cuore-pantano dove si ferma la
carne-istinto.

La conflagrazione, sintesi di patriottismo accanito, di militarismo, di
garibaldinismo improvvisatore, di forza rivoluzionaria, d’imperialismo e
di spirito democratico, ha sconfessato tutti i partiti politici,
ridicolizzato tutti i calcoli diplomatici, frantumato tutti i quietismi,
sgretolato o spaccato tutti i passatismi, e rinnovato il mondo.

La conflagrazione ha liberato igienicamente il mondo da tutti i
mediovalismi (Czarismo, Kaiserismo, ecc.).

La conflagrazione ha dimostrato il fallimento inevitabile del concetto
di preparazione metodica di quadratura pesante e di cultura.

La conflagrazione ha dimostrato il trionfo del concetto
d’improvvisazione elastica intensiva. La preparazione stanca e irrita la
Fortuna. L’improvvisazione attira e seduce la Fortuna.

La conflagrazione ha sviluppato tutte le scienze e tutti gli sports,
velocizzato e centuplicato le comunicazioni terrestri, marine ed aeree.

La conflagrazione ha sventrato a cannonate i cimiteri; dissodato e arato
a cannonate le solitudini romantiche; decapitato a cannonate le
montagne; sconvolto, sfasciato e vivificato a cannonate le città morte;
scavalcato e rovesciato monumenti e cattedrali; condannato alla fame le
città passatiste che persistono a vivere sfruttando il loro passato e
svalutato e spaventato per sempre la pericolosa e umiliante industria
del forestiero.

La conflagrazione ha massacrato il «buon gusto», le delicatezze
effemminate, i bizantinismi psicologici, i decadentismi e gli estetismi
(Baudelaire, Mallarmé, Oscar Wilde, D’Annunzio) le estasi mistiche, le
nostalgie e tutti i sentimentalismi delle rovine.

La conflagrazione ha snobilitato, svalutato e ridotto l’amore alle sue
proporzioni naturali. Tutti i soldati al fronte sapevano di essere, più
o meno, traditi dalle loro donne ma se ne infischiavano.

La conflagrazione ha denigrato e preso a calci, col suo vasto massacro a
ripetizione, il patriottismo commemorativo che morrà soffocato — lo
speriamo — sotto la valanga degli eroi da commemorare.

La conflagrazione ha inspirato ai nostri grandi generali dei proclami
duri, veloci, incisivi, balzanti, essenziali, che sono quasi _parole in
libertà_ di guerra.

La conflagrazione ebbe per oppositori accaniti tutti i nemici del
futurismo: conservatori, quietisti, tradizionalisti, clericali, uomini
d’ordine, eruditi, archeologhi, critici, professori e avvocati (tipo
Barzellotti, Benedetto Croce, Enrico Ferri, Claudio Treves).

La conflagrazione ha spento a cannonate le lampade dei filosofi e fatto
tremare l’impiantito sotto i podagrosi piedi pensanti dei sedentarî che
volevano sgovernare l’Italia dal fondo delle biblioteche e dei musei.

La conflagrazione è la nostra prima giovanissima parolibera futurista.

Tutti i partiti politici: conservatori, clericali, democratici,
nazionalisti tradizionali, socialisti interventisti, anarchici e
socialisti ufficiali si sono trovati a disagio in questa conflagrazione
milita-rivoluzionaria.

Noi soli futuristi fummo veramente a posto nella conflagrazione: la
prevedemmo, la comprendemmo e ricevemmo le sue confidenze segrete...

La conflagrazione era già tutta contenuta nel 1º Manifesto del futurismo
(pubblicato nel «Figaro» di Parigi il 20 febbraio 1909) che sembrò
contradittorio e pazzesco, mentre era semplicemente profetico.



                                   4.


                 Vecchie idee a braccetto da separare.


La politica prima di noi ha vissuto sempre di luoghi comuni o meglio
ancora di idee a braccetto che camminavano stupidamente sempre legate da
una illusoria parentela che in realtà non esiste.

Quando si dice: monarchia, si pensa immediatamente all’esercito, alla
guerra, alla patria, al patriottismo. E questo è ammissibile. Ma è
assurdo che dicendo, per esempio, le parole patria, patriottismo,
guerra, esercito entusiasta, si debba pensare forzatamente alla idea di
monarchia reazionaria.

Quando si dice: nazionalismo, si pensa immediatamente a spirito
conservatore, a imperialismo rapace e sistematico, a spirito
tradizionale e reazionario, a repressione poliziesca, a militarismo, ad
aristocrazia blasonata, a clericalismo.

Idee a braccetto da separare brutalmente.

Quando si dice: democrazia, si pensa immediatamente a spirito imbelle,
umanitario, pacifista, pietista, quietista, rinunciatario,
anticoloniale, umile, internazionalista, e senza orgoglio di razza o
negatore delle razze.

Idee a braccetto da separare brutalmente.

Quando si dice: rivoluzione, si pensa immediatamente ad
antipatriottismo, a internazionalismo e a pacifismo.

Idee a braccetto da separare brutalmente.

Quando si dice: educazione sportiva, slancio, coraggio, audacia, forza
muscolare, mania del record, si pensa immediatamente alla monarchia
imperialista o clericale.

Idee a braccetto da separare brutalmente.

Quando si parla di giustizia, di eguaglianza, di libertà, diritti del
proletariato, dei contadini e dei nullabbienti e della lotta contro il
parassitismo, si pensa immediatamente all’antipatriottismo,
all’internazionalismo pacifista, al marxismo, al collettivismo.

Idee a braccetto da separare brutalmente.

Il regno di questi luoghi comuni legati assurdamente insieme per
l’eternità ha fatto sì che una delle frasi del primo manifesto futurista
pubblicato 11 anni fa, la quale glorifica insieme il patriottismo e il
gesto distruttore dei libertarî, sembrò alle mentalità politiche una
pazzia o un puro scherzo.

Tutti trovavano assurdo o buffo che l’idea libertaria andasse per la
prima volta a braccetto con l’idea di patria. Come mai la parola
patriottismo non era quel giorno accompagnata dalla sua amica monarchia
d’ordine e reazionaria?

Come mai l’idea: _gesto distruttore dei libertarî_ non era quel giorno
accompagnata dalla sua inseparabile amica: _antipatriottismo_?

Stupore enorme nei cervelli così detti politici, i quali si nutrono di
luoghi comuni e di ideologie libresche, nella loro assoluta incapacità
di interpretare la vita, le razze, le folle, gli individui.

Ma il loro stupore ingigantì maggiormente quando nel maggio glorioso del
1915 videro ad un tratto nelle piazze burrascose di Milano e di Roma
passeggiare di nuovo la coppia strana: Gesto distruttore dei libertarî e
Patriottismo, con dei nomi nuovi come Mussolini, Corridoni, Corradini,
Garibaldi, Marinetti, al grido unico di: _Guerra o Rivoluzione_.

Noi oggi separiamo l’idea di Patria dall’idea di Monarchia reazionaria e
clericale. Uniamo l’idea di Patria con l’idea di Progresso audace e di
democrazia rivoluzionaria, antipoliziesca.

Ma occorre separare brutalmente una ben più grave unione cretina: quella
di queste due idee a braccetto oggi in molti giornali italiani e
d’Europa: Società delle Nazioni e Pacificazione della volontà
vendicativa dei vinti.

E queste altre idee a braccetto: Concessioni ai popoli inferiori e senza
civiltà e Conservazione della Pace.

Idee a braccetto assurde.

Per sostenere le forze della Intesa nella grande conflagrazione fu
necessario unire l’idea di guerra con l’idea di _ultima guerra_. E
l’idea di vittoria con l’idea di vittoria senza vincitori e senza vinti.

Si pensava vagamente ad una Pace di compromesso, ma si lottava
ferocemente per abbattere il nemico.

Come mai si poteva sperare che questo nemico una volta abbattuto
pacificasse immediatamente il suo cuore senza covare un desiderio
accanito di vendetta?

L’idea di vittoria completa si era stranamente sposata con la idea di
una Germania felice di essere stravinta. E l’idea di una Intesa
vittoriosa si era stranamente sposata con la idea di una Intesa quasi
mortificata di aver vinto.

I nostri contradittori gridano alla truffa, la chiamano anzi la truffa
all’europea. Come! ci gridano: la conflagrazione non servirà dunque a
stabilire una Pace eterna? Presto! presto! ad ogni costo, fondiamo la
_Società delle Nazioni_ per impedire la possibilità di una nuova guerra.
Nella loro Società delle Nazioni bisognerebbe far sedere intorno
all’unico tavolo pacifero i vincitori che erano stati aggrediti e non
avevano voluto la guerra, i vinti che l’avevano brigantescamente ordita,
i neutri che l’avevano vigliaccamente contemplata dal balcone, i neonati
sani e i neonati rachitici con alcuni popoli marci decrepiti.

Ma bisognerebbe anche che tutti lasciassero fuori dalla porta i loro
caratteri tipici: logico orgoglio del vincitore, desiderio logico di
vendicarsi nel vinto; sano appetito di neonato forte, nevrosi di neonato
morituro, subdole cocciutaggini di vecchio decrepito, ecc.

La Vita crea, domina e plasma le ideologie. Ogni idea politica è un
organismo vivo. I partiti politici sono quasi sempre destinati a
diventare dei grandi cadaveri gloriosi.

I partiti che ebbero un grande passato sono quelli che mancano oggi di
vitalità. Legge futurista. I repubblicani sono oggi ridotti ad un
impotente dottrinarismo che si contenta di invocare l’ombra di Mazzini.
In realtà Mazzini è vivo come Cavour è vivo, mentre Cappa e Comandini
sono dei morti, come Salandra è un morto.

Partendo da queste nostre concezioni futuriste, il futurista Volt
dimostra precisamente come non si possa oggi invocare una tradizione,
poichè questa tradizione è assolutamente antinazionale:

«La nostra grande vittoria è un fatto assolutamente _nuovo_ nella storia
d’Italia. Di fronte alla monumentale imbecillaggine degli «assidui» che
ingombrano le colonne dei quotidiani con proposte di archi di trionfo,
colonne Vendôme, aquile e trofei da carnevale archeologico, giova oggi
più che mai ripetere che la grandezza italiana non ha nulla a che fare
con quelle antiche grandezze. _Noi non dobbiamo nulla al passato._ Unica
fra le potenze d’Europa, l’Italia è una nazione che manca di tradizioni
nazionali. Viceversa, l’Italia abbonda di tradizioni regionali,
anazionali o addirittura antinazionali. Noi esamineremo queste
tradizioni nefaste attraverso le varie classi, i vari strati della
società italiana.

1. _Esercito._ L’argomento è troppo delicato perchè se ne possa parlare
oggi.

2. _Clero._ Si può discutere sulla opportunità di rinfocolare il
dissidio fra Chiesa e Stato, ma in ogni modo, questo dissidio _esiste_,
almeno allo stato latente ed è vano negarlo. La ragione di questo
dissidio sta appunto nelle _tradizioni antinazionali_ che tenacemente
sopravvivono nello organismo della Chiesa Italiana. Vi sono bensì molti
cattolici che sono al tempo stesso buoni patrioti ed è da augurarsi che
aumentino: ma essi rappresentano nel senso del clericalismo tradizionale
una forza rivoluzionaria.

3. _Aristocrazia._ I figli dell’aristocrazia italiana hanno fatto il
loro dovere sui campi di battaglia _nè più nè meno_ che i figli del
popolo e della borghesia, ma nel suo complesso non si può dire che
l’aristocrazia si sia messa alla testa della nostra guerra nazionale.
Dalle sguaiate denigrazioni di alcuni «figli di preti» al blando
ostruzionismo dei blasonati ammiratori del demagogo di Dronero, il
neutralismo ha fatta larga presa nella classe nobiliare. Ciò si deve
all’assenza di tradizioni nazionali nell’albero genealogico delle più
antiche famiglie italiane. Queste tradizioni non potevano esserci, per
la semplice ragione che l’Italia, come stato unitario, non ha un passato
qualsiasi. Bene o male, siamo una nazione di «parvenus». Coloro dunque
che nell’aristocrazia italiana si sono «ralliés» al nuovo regime,
aderendo entusiasticamente alla nostra ultima guerra d’indipendenza,
hanno dovuto per ciò stesso futuristicamente rinnegare le ombre
borboniche o austriacanti dei loro antenati. E sono entrati nella vita.

4. _Borghesia._ Ciò che costituisce la gloria della nuova classe
dirigente, la borghesia, è la potenza produttiva del lavoro. Ma la
recente fioritura delle nostre industrie e del commercio, non si
riannoda in alcun modo al passato. L’industria italiana si è modellata
sull’esempio dell’industria forestiera; nessuna traccia resta fra noi
dell’attività commerciale dei Comuni medioevali e delle gloriose
Repubbliche marinare.

Ciò che di tradizionale resta nella nostra vita economica è solamente un
elemento _negativo_, un ingombro, una palla di piombo legata al piede!
Misoneismo, «routine», abitudini sedentarie, orrore delle innovazioni
tecniche, mancanza di iniziativa, paura del rischio, micromania,
contentamento del piccolo e non sudato guadagno, ecco l’eredità che il
nostro «grande passato» lasciò alle industrie ed al commercio italiano.
È in forza della tradizione, che il contadino si rifiuta di adoperare le
nuove macchine agricole, che il banchiere ha paura di dare il suo
sussidio alle nuove industrie, che l’industriale si guarda bene di
allargare la cerchia delle proprie operazioni. Tutto ciò che di buono è
stato fatto nel campo economico, è stato uno schiaffo di più alle così
dette «_sante memorie_». L’Italia non potrà divenire una grande potenza
economica, se non riuscirà a sbarazzarsi totalmente del peso della sua
tradizione.

5. _Proletariato._ Nella mente dei più il disfattismo popolare è
strettamente associato alla idea di rivoluzione. Niente di più falso. Il
disfattismo non è che l’eredità di dieci secoli di servitù nazionale.
Esiste, nella plebe italiana, e specialmente nelle campagne, una
antichissima tradizione antigovernativa, anti-militarista,
anti-nazionale, _anteriore al socialismo_, e che il socialismo non fece
che sfruttare abilmente, come la sfruttarono i sanfedisti al tempo non
tanto lontano della «_guerra del brigantaggio_».

Lo spirito che anima certe «leghe» di Romagna è identico nella sostanza
allo spirito della _mafia_ siciliana e della _camorra_ napoletana. Il
socialismo non ha fatto che sovrapporre la sua etichetta rossa su di una
vecchia merce avariata. Del resto basta avere ascoltato certe
canzonaccie, rampollate da chi sa quali bassifondi del disfattismo
popolare, per sentire come nulla di nuovo, di ardito, nulla di
idealmente rivoluzionario vi sia in un tale stato di animo.

È l’uomo primitivo timido e selvatico, che nello stato moderno non vede
che il Consiglio di leva e l’esattore delle imposte, il «Moloch»
divoratore di uomini e di beni; è il bruto originario, attaccato come
una talpa alla miseria della propria tana, che la guerra ha strappato
alle querimonie domestiche e alle angustie del mestiere quotidiano,
lanciandolo verso il rischio, l’avventura, l’ignoto, rinnovandolo e
facendo di lui, suo malgrado, un uomo. Contro quest’opera della guerra,
contro questa vera e grande rivoluzione spirituale del popolo italiano,
si oppone, sorda e tenace, la resistenza della tradizione. A noi la
scelta! La guerra ha posto un dilemma fra il passato e l’avvenire. Da
una parte, tutte le forze antinazionali del passato, che si ragrupparono
sotto le ambigue insegne del neutralismo. Dall’altra l’Italia. Il grano
e il loglio da ardere. La vita contro la morte. Essere futurista,
significa avere optato per la vita. Combattere il passatismo, significa
combattere una tradizione antinazionale che ha la sua radice nei secoli.
Perchè, in Italia, tradizione è sinonimo di disfatta».



                                   5.


           Crollo di filosofi e storici, sibille a rovescio.


Quando ho del tempo da perdere mi diverto a guardare attentamente dentro
le filosofie, a smontarle, a ricomporle, come i bambini guardano dentro
a un orologio, lo smontano e lo ricompongono, senza guardare l’ora
segnata dalla freccia, poichè so che certamente quella non è l’ora vera.

I filosofi e gli storici non avevano previsto la conflagrazione, hanno
creduto per molto tempo nella invincibilità della Germania.

In novembre furono brutalmente rovesciati dal tremendo ceffone della
vittoria.

Data la pendenza del terreno hanno la testa bassa e i piedi in alto. Io
li chiamo _Sibille rovesciate_ o _Sibille a rovescio_. Sono
terrorizzate. Speravano nella quiete e vedono intorno un terreno
terremotato con molte mine inquiete. Tremano che il disordine continui.

II terrore è pessimo consigliere. Non capiscono. E come sempre si
sbagliano nel prevedere.

Sono le «Sibille a rovescio». Mi spiego: Volete prevedere il futuro?
Pensate esattamente il contrario di ciò che prevedono.

Se mormorano piangendo che la rivoluzione sta per scoppiare, è certo che
la rivoluzione scoppierà fra 5 anni.

Se la prevedono lontana essa può scoppiare stasera.

La più caratteristica di queste sibille a rovescio è Guglielmo Ferrero.

Pochi mesi prima dell’_ultimatum_ austriaco alla Serbia egli esaltava la
invincibilità della Germania e la impossibilità della conflagrazione.

In realtà filosofi e storici avendo fatto della filosofia e della storia
dei mestieri lucrativi, tengono assolutamente alla immobilità della loro
lampada serale sul tavolo ingombro di documenti e temono gli scossoni
fragorosi e tetri della piazza rivoluzionaria.

Prendono dunque per realtà l’ideale verdegiallo della loro vigliaccheria
sedentaria e editoriale.

Giorgio Sorel in un recente articolo intitolato: «_Dubbi sull’avvenire
intellettuale_» piange sul tradimento intellettuale del filosofo
francese Boutroux che «dopo aver consacrato la sua lunga carriera ad
insegnare il culto di Kant ha sentito il bisogno di apprenderci che non
aveva mai compreso l’insegnamento del vecchio maestro di Konisberga. Il
venerato patriarca dell’idealismo trascendentale non sarebbe stato,
secondo la nuova vulgata del Boutroux, che un esecrabile «_boche_».

Giorgio Sorel vede in ciò una volgare genuflessione davanti al
patriottismo rozzo, volgare e cieco.

Con la tipica mancanza di intuizione che caratterizza tutti i filosofi,
Sorel errava quando dava importanza al pensiero di Boutroux kantiano.

Boutroux, era uno dei tanti professori di filosofia ciecamente
innamorati di Hegel e di Kant. La loro paura fisica, la loro tremante
sensibilità di topi di biblioteca intravedevano nella filosofia
autoritaria germanica un ideale paradiso d’ordine per i molti libri,
studi e scartafacci da compulsare e divorare in pace.

Naturalmente Boutroux, come tutti i filosofi e storici del mondo
s’indignarono di vedere ad un tratto la filosofia autoritaria germanica
esplodergli sulla testa volumi d’acciaio e gaz asfissianti.

In realtà non vi era trasformazione. La Germania, dopo avere massacrato
il mondo sotto il peso delle sue ideologie pedantesche e professorali,
professoralmente e culturalmente bombardava donne, vecchi e bambini con
nuovi pesi, nuove indigestioni, feroci, tediose e senza risultato.

Professoralismo aprioristico e cieco quello di Kant e di Hegel.

Professoralismo aprioristico e cieco quello di Boutroux.

Professoralismo aprioristico e cieco quello di Sorel.

Professoralismo aprioristico e cieco quello di Hindenburg e di
Ludendorff.

Altrettante pesanti armature ideologiche che dovevano essere sfasciate
dalla straripante esplodente realtà.

Noi futuristi non abbiamo _mai_ dato importanza positiva nè a Kant, nè a
Hegel, nè a Boutroux, nè a Hindenburg, nè a Ludendorff.

Abbiamo previsto dieci anni prima, con sicurezza, la grande
conflagrazione, il crollo della Germania, che priva di facoltà artistica
improvvisatrice, creatrice, plasmatrice e rivoluzionaria, non poteva
_assolutamente_ vincere.

Eravamo convinti che l’unico ambiente intellettuale favorevole alla
comprensione, divinazione, e dominazione delle forze mondiali è
l’ambiente futurista che noi sintetizziamo con queste parole: «guerra o
rivoluzione».

Giorgio Sorel dice: «l’arte, la religione, la filosofia sono
inseparabili».

Non è vero. La filosofia e la religione sono per noi futuristi due
questure create dalla paura dell’_al di qua_ — guerra o rivoluzione — e
dalla paura dell’_al di là_ — inferno.

L’arte è per noi inseparabile dalla vita. Diventa arte-azione e come
tale è sola capace di forza profetica e divinatrice.

Il filosofo De Ruggero ed altri filosofi parlano oggi del trionfo del
_liberalismo_ (concretato nella Intesa) sullo _Stato organizzatore_
(concretato nella Mitteleuropa). Oppongono il liberalismo dell’Intesa,
figlio dell’individualismo calvinistico della Riforma, all’ordine
accentratore della Germania, figlio dell’universalismo teologico del
medioevo.

Accusano il liberalismo di essersi sciupato nella ideologia democratica
della rivoluzione e nello sparpagliamento nazionalistico della
restaurazione.

Si vede nettamente che prevedevano la sconfitta del liberalismo e si
affannano ora a legittimare e a dimostrare naturale il suo trionfo
inaspettato con mille cavilli inconcludenti.

Trovano, per esempio, che il liberalismo non era così disgregato come
sembrava e che d’altra parte ha manifestato una forza di simpatia e
d’attrazione coll’attirare altre idealità liberali e conquistare così un
numero sempre crescente di alleati alla Intesa.

Benedetto Croce annaspando anche lui per conciliare la sua germanofilia
di ieri col suo terrore della rivoluzione d’oggi, parla tremando della
vittoria del liberalismo sul tipo di civiltà a base di organizzazione e
di centralizzazione.

Spettacolo miserevole di questi poveri ciechi, mutilati dal Passatismo.

È assurdo parlare di liberalismo e di Mitteleuropa organizzatrice.

La conflagrazione segna la vittoria delle razze coalizzate più geniali,
più elastiche, più dotate di immaginazione improvvisatrice sulle razze
coalizzate meno geniali, meno elastiche, più professorali, ecc.

Fu la sconfitta del _filosofumo_, del cultoralismo, del criticismo
teorico. I filosofi e storici passatisti sono stati sconfitti dagli
scugnizzi rivoluzionarî e poeti futuristi.

Io scrivevo molto tempo fa:

Questa è una guerra di

                          poeti contro critici
                       istintivi contro culturali
               allievi geniali contro professori pedanti
                   improvvisatori contro preparatori
                        elastici contro pesanti
                      futuristi contro passatisti.



                                   6.


                         Idee-muri da sfondare.


Vi sono delle idee-muri, e cioè dei difficilissimi problemi da risolvere
che i cervelli politici nella loro viltà incapace hanno da tempo
abbandonato senza soluzione. Tutti si fermano dinanzi a queste
idee-muri:

1. Il Principio della Famiglia è intangibile.

2. Il Parlamento non è rimpiazzabile.

3. Il Popolo non può vivere senza religione.

4. Non si può abolire il Denaro.

5. La Società non può sussistere senza polizie e questure.

6. Il dissidio fra capitale e lavoratori è insanabile.

7. L’educazione dei bambini deve essere necessariamente a base
affettiva.

8. È indispensabile per lo sviluppo di una nazione un lungo periodo di
pace senza pericolo di rivoluzione o di guerra.

Altrettante idee-muri da sfondare.



                                   7.


                         Contro il matrimonio.


La famiglia come è costituita oggi dal matrimonio senza divorzio è
assurda, nociva e preistorica. Quasi sempre un carcere. Spesso una tenda
di beduini con la lurida mescolanza di vecchi invalidi, donne, bambini,
porci, asini, cammelli, galline e sterco.

La sala da pranzo familiare è il bicotidiano scaricatoio di bile,
malumore, pregiudizî e pettegolezzi.

In questa grottesca pigiatura di anime e di nervi la noia continua e le
vane irritabilità spremono e corrodono sistematicamente ogni slancio
personale, ogni iniziativa giovanile, ogni decisione pratica e fattiva.

I caratteri più energici e più marcati si consumano in questo
sfregamento assiduo di gomiti.

Avviene un contagio e talvolta una vera epidemia di cretinerie
ingigantite, di manie catastrofiche, di _tics_ nervosi che si converte o
in un meccanicismo di truppa tedesca o in uno sbrindellamento di
emigranti nella stiva.

Rimbalzano i capricci femminili e le prodigalità dei bambini
sull’apoplettica cocciutaggine dei padri avari.

Si scolorano le faccie primaverili intorno ad una agonia che dura dieci
anni. Una vittima, due vittime, tre martiri, un carnefice, una pazza
assoluta, un tiranno che perde il potere.

Tutti soffrono, si deprimono, si esauriscono, incretiniscono, in nome di
una divinità spaventosa da rovesciare: il sentimento.

Corridoi di liti cretine, litanie di rimproveri, impossibilità di
pensare, creare da sè. Si guazza nel pantano quotidiano della sudicia
economia domestica e delle volgarità banali.

Se la famiglia funziona male è un inferno di complotti, liti,
tradimenti, dispetti, bassezze e relativo desiderio di evasione e di
rivolta in tutti. Gelosia a coltello fra madre e figlia eleganti e
belle; duello di avarizia e di sperpero fra padre conservatore e
goliardismo del figlio. Dovunque in Italia il triste spettacolo del
padre ricco egoista che vuole imporre la solita _professione seria_ al
figlio poeta, artista, ecc.

Se la famiglia funziona bene, vischìo del sentimento, pietra tombale
della tenerezza materna. Quotidiana scuola di paura. Vigliaccheria
fisica e morale davanti a un raffreddore, un gesto nuovo, un’idea nuova.

La famiglia che nasce quasi sempre, per la donna, da una legale
compra-vendita d’anima e di corpo, diventa una mascherata di ipocrisie
oppure la facciata saggia dietro la quale si svolge una prostituzione
legale incipriata di moralismo.

Tutto questo in nome di una divinità spaventosa da rovesciare: il
Sentimento.

Noi proclamiamo che il Sentimento è la virtù tipica dei vegetali, di
abbarbicarsi e piantar radici. Diventa un vizio negli animali, un
delitto negli uomini, poichè ne incatena fatalmente il dinamismo e la
evoluzione veloce.

Dire: _la mia donna_ non può essere altro che una cretineria infantile o
una espressione da negrieri. La donna è _mia_ quanto io sono suo, oggi,
in questo momento, per un’ora, un mese, due anni, secondo il volo della
sua fantasia e la forza del mio magnetismo animale o ascendente
intellettuale.

La famiglia con la parola _mia moglie_, _mio marito_, stabilisce
nettamente la legge dell’adulterio ad ogni costo o della prostituzione
mascherata ad ogni costo. Ne nasce una scuola d’ipocrisia, di tradimento
e di equivoco.

Noi vogliamo distruggere non soltanto la proprietà della terra, ma anche
la proprietà della donna. Chi non sa lavorare il campo deve esserne
spodestato. Chi non sa dare gioie e forza alla donna non deve imporle il
suo amplesso nè la sua compagnia.

La donna non appartiene a un uomo, ma bensì all’avvenire e allo sviluppo
della razza.

Noi vogliamo che una donna ami un uomo e gli si conceda per il tempo che
vuole; poi, non vincolata da contratto, nè da tribunali moralistici,
metta alla luce una creatura che la società deve educare fisicamente e
intellettualmente ad un’alta concezione di libertà italiana.

Una sola educatrice basta a favorire e difendere senza costrizione il
primo sviluppo di 100 bambini, i quali avranno per prima percezione
dominante la necessità di costruire il proprio coraggio, l’urgenza di
risolvere personalmente e al più presto i minuti problemi fisici di
equilibrio e di nutrimento; verrà completamente abolita quella atmosfera
di piagnucolamenti e di mani aggrappate alle gonne e di baciucchiamenti
morbosi che costituiscono la prima fanciullezza.

Sarà finalmente abolita la mescolanza di maschi e femmine che — nella
prima età — produce una dannosa effemminazione dei maschi.

I bambini maschi devono — secondo noi — svilupparsi lontano dalle
bambine perchè i loro primi giuochi sieno nettamente maschili, cioè
privi d’ogni morbosità affettiva, d’ogni delicatezza donnesca, vivaci,
battaglieri, muscolari, e violentemente dinamici. La convivenza di
bambini e di bambine produce sempre un ritardo nella formazione del
carattere dei bambini che immancabilmente subiscono il fascino e la
seduzione imperativa della piccola femmina come piccoli cicisbei o
piccoli schiavi stupidi.

Sarà finalmente abolita l’abbietta caccia al _partito_ e il balordo
calvario delle madri affannose che portano su per le feste da ballo e le
stazioni balneari le loro ragazze da sposare, come croci pesanti da
piantare nel Golgota cretino di un buon matrimonio.

«_Bisogna metterle a posto_» — nel letto di un tubercolotico, sotto la
lingua di un vecchio, sotto i pugni di un nevrastenico, fra le pagine di
un dizionario come una foglia secca, in una tomba, in una cassaforte o
in una cloaca, ma bisogna «metterle a posto».

Strangolamento feroce del cuore e dei sensi di una vergine che
fatalmente considera la prostituzione legale del matrimonio come una
condizione indispensabile per raggiungere la mezza libertà
dell’adulterio e la riconquista del suo _io_ mediante il tradimento.

La vasta partecipazione delle donne al lavoro nazionale prodotto dalla
guerra, ha creato un tipico grottesco matrimoniale: Il marito possedeva
del denaro o ne guadagnava, ora l’ha perduto e stenta a riguadagnarne.

Sua moglie lavora e trova il modo di guadagnare un denaro abbondante in
un momento in cui la vita è eccezionalmente costosa.

La moglie ha per il suo lavoro stesso la necessità di una vita poco
casalinga, il marito invece non lavorando concentra tutta la sua
attività in una assurda preoccupazione di ordine casalingo.

Rovesciamento completo di una famiglia dove il marito è diventato una
donna inutile con prepotenze maschili e la moglie ha raddoppiato il suo
valore umano e sociale.

Urto inevitabile fra i due soci, conflitto e sconfitta dell’uomo.



                                   8.


            Orgoglio italiano rivoluzionario e libero amore.


Il matrimonio è una forma di barbarie che non avrebbe potuto reggere
senza la grande valvola dell’adulterio.

La schiavitù assurda nella quale si compiace la donna fra le catene e le
trappole della cretinissima gelosia ha come unica scusa la difesa del
figlio.

Lo stato deve occuparsi della educazione fisica morale, intellettuale,
patriottica del figlio. Consacrando una educatrice a cento bambini si
liberano circa 30 madri da un’inutile fatica assorbente e si educano
virilmente cento bambini senza viltà effemminatrici e morbosità
sentimentali.

Il matrimonio deprime e avvilisce la donna abbreviandone la gioventù e
troncandone le forze spirituali e fisiche.

Il matrimonio scoraggia e soffoca lo sviluppo del figlio, tronca la
gioventù e la forza virile del padre, effemmina l’adolescente,
monotonizza e affloscia in un ambiente di mediocrità tre o più individui
che avrebbero dato il loro massimo rendimento slegati in libertà e in
piena avventura.

Il matrimonio è un nemico di ogni audacia e di ogni eroismo.

Noi non ci preoccupiamo soltanto di libertà e di sincerità, ma
specialmente di eroismo.

La conflagrazione futurista del mondo avendo centuplicato le speranze,
le volontà e le audacie dello spirito umano impone al Genio privilegiato
della razza italiana di liberarsi primo fra tutti dalle vecchie forme di
passatismo per dare al mondo tutta la sua potenza di luce e d’entusiasmo
rinnovatore.

Mediante il divorzio facile, il voto alle donne e la partecipazione
completa delle donne all’attività nazionale noi distruggeremo il
matrimonio e giungeremo all’amore libero.

Avremo un inevitabile periodo in cui regnerà una perniciosa promiscuità
sessuale, periodo breve che la donna supererà giungendo ad una maggiore
coscienza di scelta sessuale e ad una raddoppiata cerebralità.

L’individualità della donna non si può ottenere che a questo prezzo.
L’amore svalutato e rimesso a parte fra i valori della vita umana,
l’affettività e il sentimentalismo energicamente guariti come malattie,
avremo madri, padri e figli che dopo avere compiuto la loro funzione
umana saranno capaci di vivere un’alta liberissima vita di continuo
superamento, di eroismo e di sincerità solidale.

Siamo antimperialisti.

Crediamo che ogni razza sia predisposta a un primato speciale in un dato
campo della attività. Crediamo pure che non vi sia razza predisposta
alla egemonia mondiale.

L’Italia, che non può nè potrà mai vincere tutte le concorrenze
nell’agricoltura, nel commercio e nella industria, deve invece
conquistare il suo primato assoluto nel pensiero, nell’arte, nella
scienza.

La vittoria che ha liberato l’Italia dal suo nemico ereditario
minaccioso o preoccupante le impone di rompere subito tutte le
tradizioni moderatrici e tutti i passatismi ingombranti per assurgere al
suo ufficio di illuminatrice mondiale.

Si impongano dunque i seguenti sgombri immediati:

1º Papato, Monarchia, Parlamento, Senato, matrimonio, coscrizione,
burocrazia, anzianità, proprietà, latifondismo e tutte le forme di
parassitismo antiproduttore e di ricchezza stagnante.

La famiglia stabilisce una disuguaglianza di partenze con vantaggi o
svantaggi per i giovani corridori della vita.

Vogliamo una corsa con severo controllo di partenze perchè i vincitori
siano veramente i migliori, siano coloro che non privilegiati o poco
privilegiati avranno dato veramente il massimo sforzo. Tutti poveri ma
padroni assoluti di tutte le loro forze.

La nostra strepitosa vittoria militare che ha coronato quattro anni di
stupefacenti sforzi eroici impone alla nostra razza un dovere smisurato.

Noi futuristi esigiamo dunque dalla nostra razza che costringa fino allo
spasimo la sua muscolatura, faccia un nuovo spaventevole sforzo per
giungere ad ogni costo in alto, molto più in alto, dando il suo massimo
rendimento. Deve annientare tutte le sue debolezze per superarsi.

Il Futurista Arturo Blangino riassume queste nostre idee futuriste nel
seguente manifesto:

«Alla Guerra Vittoriosa e Gloriosa che l’umanità civile sta combattendo
contro l’oscurantismo, contro l’egemonie imperialistiche e dispotiche,
contro la barbarie teutona e teutonizzata, contro il passatismo
conservatore ed ammuffito, seguirà indubbiamente, stante l’ecatombe del
_sesso maschio_, primo materiale di resistenza e di offesa, lo
spopolamento di quelle Nazioni che, ubbidendo all’impulso nuovo di
conquista e di gloria, vi parteciparono. E mentre scarseggia il
materiale umano _uomo abile_, aumenta l’esuberanza della donna in
rapporto all’esiguità dei primi.

La donna, primo deposito e fabbrica di munizioni umane, deve
necessariamente in questi tempi di stasi commerciale e procreatrice,
sospendere momentaneamente la sua produzione di prole, con incalcolabile
danno delle singole Nazioni, perchè devesi solo al numero illimitato di
uomini forti del quale poterono disporre i rispettivi stati, se in
questa guerra alcuni di essi resistettero gloriosamente ad invasioni di
altri più forti, più crudeli, più sanguinarî, più ammaestrati alla
Guerra.

Per prevenire che un’inevitabile futura conflagrazione ci trovi in
condizioni da non poter far fronte vantaggiosamente e vittoriosamente ad
invasori o ad oppressori limitrofi, occorre fin d’ora provvedere ad
utilizzare tutte le forze produttrici del _sesso femmina_.

                                          _L’abolizione del matrimonio._

Il primo e più importante provvedimento, occorrente per evitare lo
spopolamento e favorire la libera procreazione è l’abolizione del
matrimonio.

Due esseri di diverso sesso sentono nascere tra di loro una reciproca
simpatia e vorrebbero unirsi carnalmente per soddisfare il loro amore
sensuale, ma il maschio non trova sempre consenziente la femmina, la
quale si oppone perchè teme che dopo l’amplesso fecondativo, l’uomo
l’abbandoni, teme il disonore da quell’accoppiamento carnale. Il maschio
quindi, per poter godere carnalmente la donna amata, deve unirsela in
matrimonio e quando pel sacrificio di Imene la vita dell’uno è
consacrata eternamente alla vita dell’altra, quando reciprocamente essi
hanno monopolizzate le forze vitali rispettive, entrambi i coniugi
tentano allora ogni mezzo lecito od illecito per godere il più possibile
l’ebbrezza dei sensi, ma senza procreare prole numerosa, perchè le
finanze famigliari non possono permettere tale lusso.

L’uomo poi, dopo aver goduta a sazietà la sua donna, per l’istinto
stesso del maschio il più delle volte ai annoia facilmente di quella
monotonia di piacere, e va a cercare fuori delle pareti domestiche nuovi
focolari di godimento sensuale, ed entra nelle putride case di
tolleranza, covi ributtanti di insidiose malattie veneree, di
sentimentalità passatista e di mercantilismo, per trovar nuove ebbrezze
sconosciute che lo snervino e lo soddisfino, e ciò con incalcolabile suo
danno morale e materiale.

Ma non è a lui _uomo maschio_ che si deve imputare la colpa di quel
pervertimento sensuale, non è a lui che si deve imputare la colpa di
quell’avidità di piacere nuovo che egli si procura ovunque e comunque
pur di sfogare il suo desiderio di procreazione: la colpa è della
società passatista, ignorante e fossilizzata dai convenzionalismi
antichi, dai vecchi pregiudizii, la quale lo obbliga ingiustamente a
monopolizzare il suo istinto sensuale, la sua mascolinità,
congiungendolo in matrimonio con una donna sola!...

Gettiamo lontano da noi le ultime vestigia barbariche di passatismo che,
simili a impure scorie di infami putridità millenarie, ancora aderiscono
alle nostre coscienze, che il clericalume retrogrado ha voluto foggiare
a sua immagine con raschiature rancide di inutili religioni, con
belletti di ridicola serietà, con masturbazioni di falsa morale, con
siringate di ambigua convenienza, con stroncature di inutile buon gusto,
con scampoli tarlati d’arte a buon mercato; liberiamoci da tutto ciò che
è convenzione, che è tradizione, da tutto ciò che si fa perchè _si è
sempre fatto_, seppelliamo la esperienza barcollante dei vecchi
rimbecilliti, glorifichiamo la bellezza futurista cruenta e
purificatrice della Guerra, immenso pennello che stria di rosso violento
la superficie giallo-nera del nostro globo troppo sacro, troppo
decrepito per sostenerci e del quale cantiamo il prossimo sfacelo e il
rinnovamento novello, esaltiamo la poesia sublime della violenza
carnale, propugniamo l’abolizione delle false verginità claustrali,
gridiamo l’inno di odio contro le rovine putride delle città passatiste,
contro i musei, contro le biblioteche, contro tutto ciò che è bello, che
è regolare, che è perfetto, ed allora nulla ci parrà paradossale, di
nulla ci parrà dubbia l’attuazione, liberiamo le nostre coscienze dalle
catene che le rendevano schiave della tradizione e allora si
schiuderanno le vie dell’antiveggenza e del progresso!

      _La Tassa di filiatico e gli Istituti di allevamento della prole._

Liberate l’uomo e la donna dal rito passatista del matrimonio,
lasciateli liberi di pensare, di agire e di liberamente procreare come i
loro sensi e le loro volontà dettano, date anche alla donna
l’indipendenza e il mezzo per decorosamente vivere, non esecrate la
giovane colpevolmente incinta, anzi all’opposto rendetele onore perchè
solo se è madre essa può degnamente chiamarsi donna, se è sterile essa è
una femmina ignobile mercantessa di piacere; istituite una nuova tassa
da pagarsi da tutti gli uomini abili a procreare, dai 18 ai 50 anni,
tassa che potrà giustamente chiamarsi _tassa di filiatico_: coi proventi
di questa imposta che renderà indubbiamente parecchi milioni (perchè
nessuno ricuserà di pagare una somma annuale anche elevata sapendo che
egli è completamente libero di amare a suo piacimento, senza il
torturante assillo delle conseguenze dei suoi atti, sapendo che con tale
piccolo sacrificio pecuniario resta liberato dalle noie della famiglia e
dei figli) fondate in tutte le città degli _Istituti Governativi di
allevamento e di educazione della prole_, eguagliate, abolite la
differenza morale tra il _figlio bastardo_ e il _figlio legale_, evitate
la miseria delle famiglie con prole numerosa, abolite i postriboli che
infestano indecorosamente le vostre città; non lasciate sprecare
inutilmente l’umore fecondante del maschio in uteri sterili e putridi,
fate che ogni goccia della sua vitalità sia germe di nuova vita per un
suddito, per un soldato futuro, ed ecco che allo Stato non mancherà mai
materiale umano per difenderlo, per sfruttare le sue ricchezze, ecc.

Nell’_Istituto di allevamento e di educazione della prole_, che dovrà
essere _gestione di Stato_, le donne prossime ad aver figli saranno
gratuitamente ricoverate, circondate dalle maggiori cure ed attenzioni
ed il figlio loro, al quale sarà assegnato un numero progressivo di
matricola, sarà ricoverato ed allevato con cure più che materne. Giunto
in adeguata età si darà a lui una libera educazione senza pregiudizî di
false religioni, curando essenzialmente la sua educazione fisica, si
cercherà attentamente di scoprire le sue attitudini, le sue tendenze più
spiccate, e si avvierà ad un’arte, ad una professione o ad un mestiere
secondo la sua volontà e la sua capacità. Esso non dovrà avere alcuna
riconoscenza, alcun obbligo di affetto nè verso l’Istituto, nè verso i
genitori: non al primo perchè egli, appena ne avrà la capacità, pagherà
allo stesso la sua tassa di filiatico, non ai secondi perchè non li
conoscerà.

Quanti artisti, quanti innovatori, quanti genii fervidi e potenti ai
quali d’umanità e le stupide convenzioni passatiste hanno impedito il
prodursi e l’espandersi perchè questi avendo i genitori poveri hanno
dovuto troncare gli studi per andare in età ancor giovine alle fumiganti
officine, ai campi fertili per rendere come merce, come schiavi!....

L’Istituto poi oltre ai proventi che percepirà dal comune pagamento
della tassa di filiatico, avrà anche facoltà di ricevere i lasciti
ereditarî che genitori ricchi di figli ricoverati devolveranno allo
Istituto, altamente utile e umanitario, perchè con essi provveda alle
migliori comodità al miglior modo di educare ed allevare i giovani ad
esso assegnati.

In questo modo avverrà la diminuzione delle grandi proprietà private,
dei ricchi speculatori, accomunando le sostanze ed eguagliando equamente
ogni singolo cittadino.

                                          _L’emancipazione della donna._

Alla donna poi non si dovrà dare una educazione diversa di quella che si
dà all’uomo, essa dovrà, come lui, avere una cultura o un impiego,
sempre secondo la sua volontà, le sue tendenze, le sue aspirazioni, che
le permetta di agiatamente vivere senza che ella abbia a gravare
sull’uomo, e l’Istituto di allevamento, oltre ad uno speciale compenso
fisso che darà alla donna che ricoverata in istato interessante avrà
figli sani, sarà anche tenuto ad indennizzarla per le giornate di lavoro
o d’impiego perdute durante il corso della malattia e la convalescenza,
con l’obbligo da parte del principale di riaccettare l’impiegata o
l’operaia da lui dipendente non appena essa sarà in grado di nuovamente
e bene attendere alle sue mansioni.

In tal modo non vi saranno più povere donne che scoraggiate per
l’abbandono e l’abiezione in cui la ignorante società passatista le
getta perchè un momentaneo impulso di esuberante giovinezza ha fatto
loro perdere ciò che chiamasi l’onore, si dànno alla prostituzione,
rendendosi vili schiave di drudi laidi, schiave delle voglie sensuali di
uomini che, se pienamente scusabili ora non lo sarebbero certamente se
la teoria nostra fosse concretata, sperdono inutilmente le loro forze
vitali senza proficuità alcuna; non vi saranno più femmine che si
sposano coll’illusione di poter campare alle spalle di un qualunque
minchione «_che di lor si carca_» e che invece fanno della
compassionevole miseria resa ancor più triste e dolorosa quando a
completare lo straziante quadro s’aggiungon altri piccoli esseri umani
innocenti che crescono ignoranti e brutali e che, lasciati in continuo
abbandono da genitori più disgraziati che colpevoli, il più delle volte
nell’impossibilità materiale di curare la loro educazione, s’aggiungono
allo stuolo, non esiguo certo, dei teppisti da strada, dei malviventi,
fannulloni, ecc.

Se i moderni legislatori invece di perdere del prezioso tempo in inutili
diatribe su puerili questioni personali o in facili discorsi, recipienti
di vento ricolmi di vacue parole inconcludenti, su ridicole limitazioni
di consumi e di orari, s’occupassero della miseria incipiente e del
pauperismo doloroso in cui versa il proletariato mondiale, vedrebbero ad
esuberanza l’utilità, la praticità e l’umanità della nostra proposta.

Non occorre solo recriminare lo spopolamento degli Stati in cui la
Guerra ha esaurito il materiale più necessario e più giovane, ma
prevenirlo bisogna e non attendere oltre evitando che la piaga
s’allarghi disastrosamente e irrimediabilmente.

Il maggior incubo per i genitori poveri o quasi (sono il 90 per cento!)
è il mantenimento dei figli: il peggior legame per i figli è la continua
attestazione di riconoscenza, di affetto e di servilismo a quei genitori
che li hanno procreati per un loro bisogno, per un loro piacere erotico
costato troppo caro e con troppo tristi conseguenze e poi non li hanno
lasciati liberi di agire e di pensare come credevano, non li hanno
lasciati studiare o lavorare a loro piacimento o perchè le finanze della
famiglia non erano tali da permettere il lusso di un figlio
all’Università o perchè il decoro della famiglia non permetteva ad un
figlio l’esercizio di una professione manuale.

                                                _Conclusioni futuriste._

Per evitare lo spopolamento, terribile per la garanzia futura
dell’integrità dei territori nazionali

                                occorre:

1º Abolire il matrimonio perchè dannoso alla libera procreazione e non
rispondente ai giusti scopi di umanità e di libertà;

2º Permettere all’uomo maschio il possesso di più femmine e viceversa;

3º Favorire il libero amplesso;

4º Rendere la donna indipendente al pari dell’uomo dando ad essa il
mezzo di vivere senza bisogno di fare la mantenuta del maschio. Onorarla
se s’approssima a diventare madre, proteggerla, glorificarla perchè essa
è il simbolo della proprietà di uno stato;

5º Istituire la _tassa di filiatico_ a carico di tutti quegli uomini
atti a procreare figli sani;

6º Col reddito di questa tassa fondare in tutte le città degli _Istituti
di allevamento e di educazione della prole_, la cui gestione appartenga
allo stato, ove i figli saranno allevati, educati ed avviati ad un’arte,
professione o mestiere secondo le loro tendenze e volontà, tutto a spese
del Governo, senza alcuna ingerenza o compartecipazione dei genitori;

7º Eguagliare i figli bastardi ai figli legali;

8º Dichiarare in seguito alla libertà di procreazione l’inutilità dei
postriboli ed abolirli e vietarli come pericolosi e nocivi alla salute e
agli interessi della Nazione;

9º Spogliarsi dal ridicolo sentimentalismo della santità della famiglia,
dell’amore fraterno, paterno, figliale, materno, liberarsi da tutto ciò
che significa poesia, sentimentalismo, gelosia, amore ideale o
platonico, da tutto ciò che in una parola sola suona convenzioni
passatiste, tradizione, usanza, esperienza, sapienza e castità.

                                                     _Arturo Blangino_».



                                   9.


                        La Democrazia futurista.


L’orgoglio italiano non deve essere, non è imperialismo che spera
imporre industrie, accaparrare commerci, inondare di prodotti agricoli.

Noi difettiamo di materie prime, e siamo una potenza di ricchezza
agricola mediocre.

Il nostro orgoglio italiano è basato sulla superiorità nostra come
quantità enorme di individui geniali.

Vogliamo dunque creare una vera democrazia cosciente e audace che sia la
valutazione e l’esaltazione del _numero_ poichè avrà il maggior numero
di individui geniali.

L’Italia rappresenta nel mondo una specie di minoranza genialissima
tutta costituita di individui superiori alla media umana per forza
creatrice innovatrice improvvisatrice.

Questa democrazia entrerà naturalmente in competizione con la
maggioranza formata dalle altre nazioni, per le quali il numero
significa invece massa più o meno cieca, cioè democrazia incosciente.

Su 1000 slavi vi sono due o tre individui.

L’ultima fulminea nostra vittoria ha dimostrato che non vi è gruppo
d’italiani (20, 30 o 40) che non contenga almeno 10 o 15 individui
capaci di iniziativa e di direttiva personale.

Abbiamo ancora da sgombrare papa, monarchia, parlamento, senato e
burocrazia e da bonificare le zone morte dell’analfabetismo.

Questo còmpito molto arduo con un nemico minaccioso alle porte è oggi
còmpito facile e senza pericoli per la unità e indipendenza nazionale.

Nazione ricca di individui geniali, democrazia intelligentissima.
Quantità di personalità tipiche, massa di tipi unici, democrazia che non
vuole imporsi bancariamente, industrialmente, colonialmente, ma può e
deve dominare il mondo e dirigerlo con la sua maggiore potenzialità e
altezza di luce.

Noi crediamo che l’ora è venuta di tentare tutte le rivoluzioni per
liberare il popolo italiano da tutti i pesi morti e da tutti i ceppi
(matrimonio e famiglia cattolica soffocatrice, pedantismo professorale,
elettoralismo, mentalità pessimistica, provinciale mediocrista e
quietista).

Liberata dal giogo della vecchia famiglia tradizionale, dal dogma
dell’anzianità, dal parlamento, dal senato, dal papato e dalla
monarchia, l’Italia manifesterà finalmente la sua potenza di 40 milioni
d’individui italiani tutti intelligenti e capaci di autonomia.

Concezione assolutamente opposta alla cretinissima concezione
germanofila che voleva svalutare i 40 milioni di individui italiani per
organizzarli meccanicamente.

Sul palcoscenico della razza italiana dobbiamo mettere in luce i 40
milioni di ruoli diversi perchè in questa luce possa perfettamente
svolgersi il valore tipico di ognuno.

Disfatto l’impero austro-ungarico il popolo italiano non deve temere le
scosse anche disastrose (promiscuità sessuale, distruzione di ricchezza)
prodotte da una rivoluzione profonda.

Saranno scosse brevi. Da una rivoluzione, oggi il popolo italiano
risorgerà più vivo e potente, più ricco di individui geniali, più agile,
più dinamico.

Noi non abbiamo la nevrastenica pigrizia, la neghittosità, il
misticismo, il bizantinismo ideologico, l’ossessione teorificatrice
della Russia.

Siamo pieni di senso pratico, di tenacia costruttrice di ingegnosità
inesauribile, di eroismo bene impiegato.

Possiamo dunque dare tutti i diritti di fare e disfare _al numero, alla
quantità, alla massa_ poichè da noi _numero quantità e massa_ non
saranno mai come in Germania e Russia numero quantità e massa di
mediocri d’inetti e di sconclusionati.

Arturo Labriola definisce la democrazia «come sentimento dei diritti
concreti della massa sullo Stato e sulla Economia».

Noi futuristi consideriamo la democrazia non in astratto ma bensì la
«democrazia italiana».

Parlare di democrazia _in astratto_ è fare della retorica. Vi sono
numerose democrazie; ogni razza ha la sua democrazia, come ogni razza ha
il suo femminismo.

Noi intendiamo la democrazia italiana come massa di individui geniali,
divenuta perciò facilmente cosciente del suo diritto e naturalmente
plasmatrice del suo divenire statale.

La sua forza è fatta di questo diritto acquisito, moltiplicata dalla sua
quantità valore, meno il peso delle cellule morte (tradizione), meno il
peso delle cellule malate (incoscienti, analfabeti).

La democrazia italiana, è per noi un corpo umano che bisogna liberare,
scatenare, alleggerire, per accelerarne la velocità e centuplicarne il
rendimento.

La democrazia italiana si trova oggi nell’ambiente più favorevole al suo
sviluppo. Ambiente di rivoluzione-guerra nel quale è costretta a
risolvere tutti i suoi casi-problemi, fra le mille punte di altri
problemi insoluti, le cui soluzioni possono esercitare una influenza sul
suo avvenire. Necessità igienica di continua ginnastica trasformatrice,
improvvisatrice.

Il governo si allarma oggi nel vedere formarsi innumerevoli associazioni
di combattenti. Se non fosse un governo di miopi reazionari tremanti di
paura accoglierebbe favorevolmente questo nuovo ritorno di vitalità
italiana.

La guerra ha semplicemente svegliate le coscienze di 4 o 5 milioni di
italiani che tornano oggi dalla guerra, arricchiti di una personalità
politica.

È la prima volta nella storia che più di quattro milioni di cittadini di
una nazione hanno la fortuna di subire in soli 4 anni un’educazione
intensiva e completa con lezioni di fuoco, di eroismo e di morte.

Spettacolo meraviglioso di tutto un esercito partito per la guerra quasi
inconsciente e ritornato politico e degno di governare.

La democrazia futurista è ormai pronta ad agire, poichè sente vibrare
tutte le sue cellule vive.

Naturalmente ha un bisogno urgente di spalancare le porte e di uscire
all’aperto. Il governo si allarma, reprime e trema, come la nonna
leggendaria teme che il nipotino pigli un raffreddore.

Fuori l’aria è frizzante e salubre. Il sole, spalancato, beve il mare di
liquido quasi solido saporito, azzurro, tutto spumante di raggi, tutto
da bere fino all’ultimo sorso.



                                  10.


Contro il Papato e la mentalità cattolica, serbatoi di ogni passatismo.


Inutile enumerare le ragioni politiche che rendono indispensabile per
l’Italia vittoriosa il liberarsi, al più presto, del Papato.

Cavour e Crispi e cento altri italiani hanno dimostrato come il Papato
sia in tempo di pace un peso ingombrante e in tempi convulsi o
guerreschi un nemico in casa o per lo meno una spia.

Io domando l’espulsione del Papato per sgombrare l’Italia dalla
mentalità cattolica.

Non si può toccare il principio della famiglia e la concezione giuridica
del matrimonio fintanto che permane la forza del prete.

Questi fa pesare sulla vita l’assurda idea antivitale di eternità.

Eternità dei valori spirituali, eternità di gioia nel paradiso extra
terrestre e perciò eternità assurda dell’amore sulla terra.

Un uomo che ama una donna deve amarla per tutta la vita.

Se cessa di amarla dopo tre anni, grave disordine morale, allarme,
spavento.

Se cessa di amarla dopo tre mesi, scandalo diabolico, peccato infame,
sanzioni infernali.

Il prete creò il più assurdo dei carceri, il matrimonio indissolubile.

Così per evitare che la legge dell’amore eterno sia violata, il prete
imprigionò il cuore e i sensi della donna, costringendola a fingere
l’amore, a prostituirsi ogni sera ad un uomo odiato, sviluppando nella
sua sensibilità e intorno a sè e ciò che è più grave — nei suoi figli —
la necessità schifosa di una ipocrisia continua.

Assurda concezione dell’amore eterno, assiduità artificiale delle
attrazioni erotiche, il prete non si contenta di questi veleni
perniciosi, ma combatte anche l’istinto coraggioso dell’avventura e del
rischio e il meraviglioso spirito d’improvvisazione che anima gli
individui forti e i temperamenti ricchi.

Il prete odia il provvisorio, il momentaneo, la velocità, lo slancio, la
passione. E in ciò cancella brutalmente l’essenza ardente, preziosa,
della morale di Cristo che accordava tutti i diritti e tutti i perdoni e
tutte le simpatie al fervore appassionato, alla fiamma volubile del
cuore. Il prete dimentica che la frase di Cristo alla Maddalena: Molto
sarà perdonato a chi molto ha amato. E quest’altra: Colui che è senza
peccato scagli la prima pietra, sono due glorificazioni del libero amore
e due calci alla indissolubilità del matrimonio.

Se la donna, come avviene sovente, è stata desiderata, presa e fecondata
spensieratamente dal maschio il prete vuole che questa donna non sia
sottoposta a nessun rischio, a nessuna nuova avventura. Subito, nel
carcere del matrimonio, a braccetto con un uomo che non la vuole più,
che la odia come un ingombro. Due pugnali legati insieme, entrambi
inutilizzabili e che sognano di lottare fra di loro, si smusseranno i
tagli e finiranno per ferire il figlio. Questo nasce florido come un
frutto, ma diventa presto una palla che inciampa i due galeotti.

Assurda concezione dell’amore eterno, legami indissolubili fra
corpi-anime che si ripugnano, legge della ipocrisia e spettacolo di odio
dato quotidianamente come educazione al figlio. Ma il prete non si
contenta. Dice, non siete felici? Lo sarete in Paradiso! Sfiorite tutte
e due! Logoratevi! Sciupate tenerezza, bellezza, baci, forza
fisiologica, nervi, rimandate il vostro adulterio a quando sarete in
Paradiso.

Così il matrimonio è il comune purgatorio di tutti i temperamenti
rigogliosi e potenti. Purgatorio di peccati inesistenti, logorìo di
gioventù, tutto in omaggio a un’assurda mentalità negatrice, deprimente,
sopraffattrice che non ammette il trionfale sviluppo della gioia
fisiologica e della libertà rischiosa e temeraria.

Il prete vuole ed impone le leggi immonde della rinuncia e della
lentezza.

Così dovunque in questa nostra Italia sana e forte noi troviamo tante
anime agonizzanti, stroncate: donne che non han saputo decidersi, che
hanno amato l’uno e si son date all’altro, sperano nel terzo e si
daranno al quarto. Sempre sbagliandosi, aspettando sempre con una
cretinissima pessimistica valutazione della vita, condannate,
condannati, incapaci di concedersi le assoluzioni fulminee e le
liberazioni allegre dell’uragano, della pioggia, e del suicidio.

Per giungere alla concezione futurista del provvisorio, del veloce e
dell’eroico sforzo continuo, bisogna bruciare la tonaca nera, simbolo di
lentezza e fondere tutte le campane per farne altrettante rotaie di
nuovi treni ultra-veloci.

La lentezza, il prepararsi quotidianamente ad una gioia lontana poco
sicura che involontariamente l’immaginazione butterà poi al di là della
morte in paradiso, questo paziente preparazionismo cattolico misticoide
è molto simile al preparazionismo militare tedesco che è crollato ora —
fortunatamente — in una grande sconfitta.

La nostra fulminea vittoria italiana, dieci giorni di offensiva e tutte
le terre riconquistate, i sogni politici dei nostri padri colti al volo,
realizzati, inchiodati, tutte queste glorie nostre sono anticattoliche.
Finalmente la lentezza imposta dal prete è stata travolta. La velocità
tempestosa del genio italiano ci libera da tutto un medioevalismo
minuzioso a base di sacrificio, di sogno estatico, di mani mendicanti,
d’inginocchiatoi, di diplomazie, d’irredentismi platonici e di nostalgie
professorali.

Finalmente non guardiamo più dietro di noi i lontanissimi cortei di eroi
romani. Ci guardiamo nello speccchio: noi, siamo noi. Gli italiani
d’oggi veloci che a dispetto di tutte le prudenze storiche, a dispetto
di tutti i pessimismi, balzati fuori da una famiglia cattolica
mediocrista soffocata da ruderi illustri, fuori dall’elettoralismo
miserabile di provincia e dalla taccagneria degli impieghi governativi,
siamo noi che abbiamo sfasciate in dieci giorni — giocondamente come
ragazzi — il grande esercito austroungarico invincibile nel sogno —
giuocattolo fra le nostre mani potentissime, in realtà.

Questa famiglia provinciale col suo matrimonio ipocrita, il prete lurido
custode, gli scorpioni del moralismo a tutte le crepe dei muri, bisogna
al più presto col fuoco annientarla.

Dopo il fuoco, per spegnerlo, abbondanti sputacchi in velocità.

Il prete è fratello del carabiniere. Carcere del matrimonio
indissolubile. _Il divorzio_ e _il libero amore_ sono due _arditi_
pericolosi. Cantano quando gli altri dormono e spaccano sovente i vetri
— ventri ai passatisti. È passatista colui che teme, che si acquatta,
che non accetta responsabilità, che ricorda malinconicamente, che prende
le idee dal quotidiano più saggio, che non osa interrogare suo figlio
sulla sua evidente blenorragia, che crede cementare il sesso vivace
della sua bambina sedicenne chiudendola in casa con catenacci di
paternali idiote.

Mentre egli va — ipocritamente — a fumare la pipa in un bordello per
narrare omericamente sull’origliere a una prostituta i difetti di sua
moglie, sua figlia chiusa in casa spalanca la finestra e le gambe allo
studente che dalla finestra di faccia le spiega la _virtus_ latina.

La vita italiana di domani altro non deve essere che una serie di bombe
a mano lanciate nelle gambe degli importuni pesantissimi due nemici: il
prete e il carabiniere. La primavera ride e scoppia sotto le leggi, i
divieti, i confessionali, i senati, vince e vincerà _sempre_; ma quanto
sarebbero più splendidi i suoi frutti se un giorno si sentisse
finalmente una voce riempire l’azzurro: il Papato è fuori, fuori
d’Italia con l’ultimo dei Preti e l’ultimo dei Carabinieri!

La nostra guerra vittoriosa ha rivelato un antagonismo feroce fra i
combattenti e i carabinieri. Come tra gli interventisti e i preti d’ogni
specie: clericali, professori e socialisti.

Gli _arditi_ odiano i carabinieri. Questi hanno sognato di mettere le
manette agli Eroi.

Secondo loro gli Eroi devono essere gente quieta, che non grida, che
prevede, ha paura, va adagio, non ha gomiti nelle folle, aspetta
pazientemente agli sportelli dove l’abrutitissimo impiegato di stato fa
tutti i suoi comodi e distribuisce la lentezza.

Gli _arditi_ disprezzano i reticolati e la disciplina militare, queste
manette imposte dal professoralismo strategico e dalla scienza
teutonica.

Improvvisano tutto e specialmente la vittoria. Sono futuristi: non si
curano dei «rincalzi» romani, forniti dalla storia e non vogliono essere
preceduti da bombardamenti sapienti.

Sorprendono la trincea nemica che ha la forma di un banchiere panciuto,
la sfondano, la svaligiano e così, di slancio, a Trieste.

I carabinieri durante la guerra avevano il còmpito di verificare
minuziosamente i passaporti per afferrare al passaggio le numerosissime
spie. Ne lasciarono passare molte, impiegarono 4 anni ad imparare questo
mestiere di controlli ed ora, finalmente lo sanno fare così bene che non
smettono più di verificare i passaporti di noi vincitori.

Preti come i preti, custodi della lentezza e della burocrazia,
medioevali, perniciosissimi imprigionatori della Primavera ardita e
veloce piena di fiumi rivoluzionari!

Concludendo, bisogna:

Sostituire all’attuale anticlericalismo retorico e quietista un
anticlericalismo d’azione, violento e reciso per sgombrare l’Italia e
Roma dal suo medioevo teocratico che potrà scegliere una terra adatta
dove morire lentamente.

Il nostro anticlericalismo intransigentissimo e integrale, costituisce
la base del nostro programma politico, non ammette mezzi termini nè
transazioni, esige nettamente l’espulsione.

Il nostro anticlericalismo vuole liberare l’Italia dalle chiese, dai
preti, dai frati, dalle monache, dalle madonne, dai ceri e dalle
campane.

Unica religione, l’Italia di domani. Per lei noi ci siamo battuti senza
curarci delle forme di governo destinate necessariamente a seguire il
medioevo teocratico e religioso nella sua fatale caduta.



                                  11.


                        Patriottismo futurista.


L’Idea di patria non è per noi un prolungamento ideale del sentimento
della famiglia.

Il sentimento della famiglia è un sentimento inferiore, quasi animale,
creato dalla paura delle grandi belve libere e delle notti gonfie
d’agguati e d’avventure. Nasce coi primi segni della vecchiaia che
screpolano la metallica gioventù. Primi segni di quietismo, di saggia
prudenza moderatrice, bisogno di riposarsi, di ammainare le vele in un
porto di calma e di comodità.

La lampada familiare è una luminosa chioccia che cova delle uova putride
di vigliaccheria. Padre, madre, nonna, zia e figli dopo alcune stupide
schermaglie finiscono sempre per complottare insieme contro il divino
pericolo e l’eroismo senza speranza. E la zuppiera fumante è
l’incensiere di questo tempio della monotonia.

L’Idea di patria invece è una idea assolutamente superiore.

Rappresenta il massimo allargamento della generosità dell’individuo
straripante in cerchio verso tutti gli esseri umani simili a lui o
affini, simpatizzanti e simpatici.

Rappresenta la più vasta solidarietà concreta d’interessi agricoli,
fluviali, portuali, commerciali, industriali legati insieme da un’unica
configurazione geografica, da una stessa miscela di climi e da una
stessa colorazione di orizzonti.

Rappresenta precisamente la distruzione del sentimento di famiglia
egoistica, ristretta, divenuta inutile o dannosa all’individuo.

Alcuni dicono: la patria è la nostra grande famiglia. Altri possono dire
che la famiglia è una piccola patria. Noi dichiariamo che il cuore
dell’uomo spacca e annulla nella sua espansione circolare il piccolo
cerchio soffocatore della famiglia per giungere fino agli orli estremi
della Patria dove sente palpitare i suoi connazionali di frontiera come
se fossero i nervi periferici del suo corpo.

L’idea di patria annulla l’idea di famiglia. È un’idea generosa, eroica,
dinamica, futurista, mentre l’idea di famiglia è gretta, paurosa,
statica, conservatrice, passatista.

La vera concezione di patria nasce per la prima volta oggi dalla
concezione futurista del Mondo. È stata prima d’ora una confusa miscela
di campanilismo, di retorica greco-romana, di eloquenza commemorativa e
d’istinto eroico incosciente. Hanno stupidamente poggiata questa idea
sulla commemorazione degli Eroi, sulla sfiducia nei vivi, sulla paura
della guerra, sulla restaurazione conservatrice di tutto ciò che era
morto.

Il patriottismo futurista è invece la passione accanita, violenta e
tenace per il divenire-progresso-rivoluzione della propria razza
lanciata alla conquista delle mete più lontane.

Come massima potenza affettiva dell’individuo il patriottismo futurista
pur essendo di essenza disinteressata, si trasforma in utilità pratica
per la continuità e lo sviluppo della razza che favorisce.

Il patriotta italiano invece di lavorare per i suoi figli, lavora, si
batte e muore per gli italiani di domani. Massima potenza di amore
paterno: invece di 4 o 5 figli sentirne nel cuore 40 milioni.

Il cerchio affettivo del mio cuore italiano tendendosi smisuratamente
abbraccia la patria cioè la massima quantità manovrabile di ideali,
interessi, bisogni miei, nostri, legati fra loro e non in contrasto fra
di loro.

Data la conformazione della nostra divina penisola, la varietà piacevole
dei suoi climi, dato il sangue straricco di qualità varie, ma unico e
tipico della nostra razza, la massima quantità manovrabile d’interessi e
d’ideali nostri legati fra di loro e non in contrasto include il
Trentino, l’Istria, la Dalmazia, Vallona, Rodi, Smirne, Bengasi,
Tripoli.

Concludendo: la patria è il massimo prolungamento dell’individuo o
meglio: il più vasto individuo vivo capace di vivere lungamente, di
dirigere, dominare e difendere tutte le parti del suo corpo.



                                  12.


             Pacifismo e Società delle Nazioni carabiniera.


La Società delle Nazioni è una vecchia idea mazziniana rinata oggi e
riverniciata a nuovo. Idea passatista fondata su una spasmodica speranza
di pace universale eterna che presuppone il miracoloso cambiamento in
latte e miele di tutto il sangue che scorre nelle vene delle razze.
Presuppone inoltre un’eguaglianza assoluta spirituale e fisica dei
popoli. Fa astrazione completa dalla varietà infinita di tipi diversi di
popoli che occupano ognuno un loro gradino sulle numerose scale di
valori e di sviluppi, dal cannibale salendo un poco al Tuareg, salendo
un poco al Prussiano, salendo un poco al Croato, salendo molto fino al
Francese, all’Inglese, salendo molto fino all’Italiano.

La concezione della Società delle Nazioni rinasce oggi:

1) Dalla stanchezza della guerra e dalla paura di una nuova guerra.

2) Dalla paura di una rivoluzione.

Il corridore che buttandosi sul letto dopo una corsa frenetica, sfinito
dalla stanchezza maledice la corsa è altrettanto naturale che il
combattente che dopo una guerra violenta e sanguinosa maledice la
guerra.

Essi trasformano tutte le loro fatiche logicamente mescolate di
disillusioni e di piccoli rancori in un motivo sufficiente per
condannare in blocco la gioia di correre e l’entusiasmo di combattere.

La pace non può essere l’ideale assoluto di un’anima virile come il
sonno non può essere l’ideale assoluto di un corpo sano.

La Società delle Nazioni è una delle tante ideologie fiorite dalla
stanchezza e dall’esaurimento nervoso.

La Società delle Nazioni se verrà realizzata come fu sognata, sarà o
_platonica_, specie di nuovo tribunale dell’Aia, senza efficacia, o
_attiva_, e diventerà in questo caso soffocatrice d’ogni libertà e
d’ogni sviluppo nazionale.

In questo secondo caso avendo bisogno di sanzioni, pene e minaccie dovrà
avere un esercito di terra e di mare internazionale. Questo esercito per
garantire il disarmo e impedire eventuali subdoli armamenti dovrà
contare per lo meno 600.000 uomini. Avremo così il ridicolo e il
pericolo e l’assurdità di una smisurata forza poliziesca al servizio di
questo nuovo tribunale dell’Aia o Tempio della Pace. È cretino che per
evitare la guerra si giunga così a trasformare tutti i soldati in
poliziotti. Tutti temendo lo scoppio di una rissa o di una rivolta sulla
gran piazza dell’Europa o sulla smisurata piazza del Mondo, ogni nazione
verrà sorvegliata come una specie di dimostrante riottoso o di anarchico
sospetto da acciuffare e da imprigionare al primo grido d’allarme.

Non _Società delle Nazioni_, ma semplicemente carabinierismo universale.
L’arma dei carabinieri a custodia dei popoli grandi borghesi intimoriti.

Vinta, umiliata e diminuita la Germania, sfasciato l’Impero
austroungarico, l’unica Società delle Nazioni possibili, cioè la Società
delle Nazioni vittoriose, è di fatto già formata in tutto il suo massimo
valore di diritto-forza contro la possibile vendetta della _Forza senza
diritto_. Se i vinti accenneranno un movimento di rivincita, questa
Società delle Nazioni vittoriose reprimerà e sopprimerà.

Nella Società delle Nazioni concepita dagli utopisti, costituita da
Popoli vittoriosi, vinti, neutri, neonati sani e rachitici, vecchi e
invalidi avverrà fatalmente che quello migliore fra tutti e più potente
alzerà la voce.

La Società interverrà minacciando. Discussioni violente. L’esercito
internazionale non interverrà subito con la forza perchè sarà legge
fondamentale della Società che la forza è da condannarsi
sistematicamente. Si discuterà, ma pur discutendo la Nazione forte e
minacciata dal carabinierismo della Società si armerà nascostamente o
apertamente.

Avremo allora in presenza l’uno dell’altro due eserciti. La Società avrà
una minoranza e una maggioranza, vi saranno coalizioni di tre, quattro o
cinque nazioni simpatizzanti fra loro e camorre nascoste per sventarle o
tradirle. Un ambizioso rappresentante di nazione rappresenterà in realtà
un dato gruppo industriale a scapito e in contrasto con gli interessi
della Nazione da lui rappresentati.

Vi sarà un parlamentino o un parlamentone con tutte le bassezze, i
personalismi, le burocrazie cretine che caratterizzano i Parlamenti.

Lo spirito emulativo delle razze e l’impeto rivoluzionario che le agita
igienicamente interverrà ad ogni modo e il solito ciclone d’eroismo e di
distruzione che investe di tempo in tempo i popoli travolgerà la Società
delle Nazioni.

L’aureola luminosa che orna il capo di Wilson Messia della Pace Eterna
non può durare. Il glorioso rappresentante del poderoso intervento
americano non detiene la formula pacificatrice della guerra. Fiducia e
pretesa assurda quella di abolire per sempre la guerra; simile alla
pretesa e fiducia assurda dei bolsceviki russi che credettero di trovare
(dopo il fallimento di tante rivoluzioni) la formula unica definitiva
della questione sociale (capitalismo, proletariato, contadini,
diseredati) in un comunismo semplificatore e livellatore oggi già irto
di feroci vendette e tutto ineguale come un mare in tempesta.

La Società delle Nazioni essendo nata dalla paura di una seconda guerra
e ancor più dalla paura di una Rivoluzione probabile, nasconde un
desiderio spasmodico di ordine carceriere, di autocrazia, di reazione
moralistica e poliziesca. Questo desiderio è mascheratissimo, si
comprende, poichè in contrasto assoluto con tutte le ideologie
libertarie sventolate sui combattenti della Intesa per sorreggerne lo
slancio eroico.


Noi futuristi che non abbiamo paura nè della Rivoluzione nè della
guerra, noi futuristi senza stanchezza e pronti a tutto per il Divenire
anche esplosivo della nostra razza, rivolgiamo a Wilson, quale tipico
rappresentante della formula Società delle Nazioni, le seguenti domande:

1) La Società delle Nazioni sarà animata da spirito rivoluzionario o da
spirito conservatore?

2) La Società delle Nazioni essendo nata dalla conflagrazione
rivoluzionaria riuscirà — come speriamo — ad escludere i rappresentanti
reazionari delle Nazioni?

3) La Società delle Nazioni interverrà o si disinteresserà nelle
questioni interne capitali delle Nazioni rappresentate?

4) La Società delle Nazioni aiuterà ogni nazione a rinnovarsi
internamente e a sgomberare i suoi decrepiti passatismi?

5) Nel caso tipico italiano la Società delle Nazioni favorirà il nostro
necessario urgente svaticanamento dell’Italia o lo contrarierà?

_That is the question, dear Wilson!_

6) La Società delle Nazioni sarà dunque una specie di Paradiso
terrestre, la mèta della umanità. Dovremo fermarci in questo paradiso?


Temo che Wilson essendo stato trascinato dalla conflagrazione futurista
del mondo ad una concezione di Società futura, sia in realtà mal
convertito al Futurismo e rimanga un elegante professore di diritto che
ha trovato non in trincea, ma nei suoi vecchi libri, la formula
pacificatrice della guerra, una specie di Dio-_bonne à-tout-faire_ per
beghina in transatlantico. Naufragheranno insieme nell’Oceano...
Pacifico!

Combattiamo la concezione della Società delle Nazioni non per
imperialismo, ma per amore della Rivoluzione.

Non bisogna temere nè guerra nè rivoluzione. Ogni nazione superando il
periodo naturale di stanchezza deve passare serenamente dalla guerra
alla pace vigile e laboriosa, governandosi da sè e mettendosi in grado
di difendersi e svilupparsi senza il carabinierismo assurdo della _Lega
delle Nazioni_.

Crollati gli Imperi della Germania, dell’Austria-Ungheria, della Russia,
della Turchia col loro decrepito semplicismo autocratico barbarico
medioevale, clericale, poliziesco, grossolano, la paura di una nuova
guerra è una indegnità.

La paura è pessima consigliera. Cosicchè — dopo il crollo del Kaiser e
della Germania si vuole copiare la Confederazione germanica creando una
grande Confederazione pacifista della vigliaccheria e del quieto vivere.
Il mondo dovrebbe diventare una smisurata Germania pacifista con una
Prussia di cocciuto pacifismo alla testa, una Berlino di ostinato e
retrogrado, cubico quieto-vivere, un’enorme burocrazia per archivizzare
le diverse paure dei popoli e naturalmente un grande Kaiser di
decorativo latte-miele sopra tutto.

Concezione tedesca pletorica, professorale, antiumana, strangolatrice,
reazionaria, stagnante, regressiva, arteriosclerotica, passatista.

Ridicolo collettivismo delle nazioni evirate con obbligatoria
deposizione dei testicoli in comune.

Concezione aprioristica contraria ad ogni futurismo nazionale. Ogni
nazione è etnicamente e geograficamente un grande individuo, il più
grande individuo capace di vivere. È inoltre il massimo prolungamento
dell’individuo. È inoltre la più vasta solidarietà concreta, naturale,
cosciente e sincera, il massimo aggregato di forze umane legate da
interessi comuni e simpatie profonde.

È il massimo numero d’uomini che possano vivere in una solidarietà
assoluta di interessi e di ideali.

Bisogna dunque rispettare la sua libertà e il suo sviluppo.

La possibilità di una guerra lontana è un’atmosfera sana per un popolo.
L’atmosfera di una rivoluzione possibile è una atmosfera ancor più sana
per un governo che non può così nè addormentarsi nè tradire.

La Società delle Nazioni è specialmente concepita come una morfina o una
questura antirivoluzionaria.

Noi futuristi la condanniamo recisamente perchè è la negazione di ogni
_interventismo_ (questa parola divina).



                                  13.


    Contro l’immonda anzianità, la burocrazia, per il decentramento.


Esempi tipici della nostra barbara, pedantesca burocrazia: Per
impiantare la luce elettrica nella stazione ferroviaria di Caltagirone
occorsero 3 anni di laboriose trattative e un volume di carta scritta, e
per la consegna del piazzale esterno della Stazione Ferroviaria al
Comune di Caltagirone si discute da 13 anni. I fascicoli voluminosi
della pratica del Comune sono già 3, fin’oggi. 20 convegni sul posto con
ispettori, ingegneri e simili.

Il poeta futurista Paolo Buzzi che è anche uno dei rarissimi geniali
funzionarî d’Italia, segretario alla Deputazione provinciale di Milano,
interrogato da me sui recenti progetti di riforma della burocrazia, mi
rispondeva con le seguenti considerazioni:

Il progetto di riforma della burocrazia presentato recentemente dalla
Commissione di studio presieduta dal senatore Villa al Ministero del
Tesoro è, nelle sue linee generali, lodevole.

Si eleva, con esso, di colpo, il tono delle categorie così dette _di
concetto_ nelle quali il criterio d’avanzamento è fissato in base a
concorsi e premi per speciali benemerenze. L’allettamento materiale è
dato dall’aumento sensibile degli stipendi, dalla garanzia della
carriera a _ruoli aperti_ e dal modernissimo criterio delle
_cointeressenze_ sugli utili dell’azienda pubblica.

Un miglior organamento delle pensioni con possibilità di realizzo di
capitali dopo un certo numero d’anni di servizio, segna qualcosa di
veramente _umano_, finalmente, in questo argomento sul quale tante
chiacchiere vane vennero fatte e meglio invece sarebbe stato, _pietatis
et dignitatis causa_, tacere in attesa d’agire.

Lo Stato traccia, così, le sue linee generali. Le Provincie ed i Comuni
dovranno seguirle, ormai sicuri di non trovare inceppi negli organi
tutori che, finora, siluravano i progetti organici più audaci
trincerandosi dietro la comoda ragione che non si potessero fare ai
funzionari degli Enti locali trattamenti più favorevoli di quelli fatti
ai funzionari dello Stato.

È tempo che queste distinzioni sorpassatissime, abbiano a cessare. Tutti
i lavoratori degli uffici sono uguali di fronte alla Pubblica Cosa.

I Comuni altro non sono che deanellamenti istologici, attraverso la
spina dorsale delle Provincie, dello Stato. E nei grandi Comuni e nelle
grandi Provincie è risaputo che la vita amministrativa non è se non un
più analitico processo della vita politica, certo ne è il lievito
elementare, sempre essa si irradia attraverso organismi tecnici i quali
costituiscono ormai dei veri e propri dicasteri.

La politica del lavoro, questa grande ossigenatura della vita pubblica
moderna, è fatta ormai anche dagli Enti locali. Ogni Giunta municipale,
ogni Deputazione Provinciale che si rispetti ha preceduto lo stesso
Governo nella creazione d’un Dicastero del Lavoro.

E così la materia delicata e complessa degli Organici può ormai
sottrarsi allo stitico quando non sia ostile àmbito di Presidenze
retrive o di Ragionerie microcefale per essere portato nella sua degna e
naturale sede, là dove si dibattono con vedute nuove i problemi della
mano d’opera e dei conflitti fra capitale e lavoro, alla luce dei tempi
che corrono e col concorso democraticamente pareggiato delle due parti.

Col nuovo progetto sulla burocrazia vengono moralmente assai più elevate
le figure oltrechè dei Direttori generali, dei Capi Divisione e dei
Segretari.

Il che, di conseguenza, importerà un congruo elevamento, nelle
Amministrazioni locali, delle figure dei Segretari generali e degli
altri Funzionari di Segreteria, oggi spesso ingiustamente disconosciute,
messe ad un livello virtualmente inferiore a quello dei Segretari
Comunali, che sono i veri maggiorenti nei piccoli Comuni, quasi ovunque
sacrificati alle invadenze delle Ragionerie le quali dovranno avere,
alla lor volta, garantiti i migliori sviluppi materiali e morali, ma a
parte, in una carriera ben delimitata, di puro controllo cifrario,
estranea ad ogni _débordement_ di merito, ridotti alle proporzioni dei
Corpi contabili nell’Esercito, dove solo prevale uno Stato Maggiore di
intellettuali che costituzionalmente si sovrappone agli stessi ufficiali
delle armi dotte e delle specialità scientifiche.

Che l’importanza di questi Funzionari direttivi debba essere
definitivamente fissata e posta in rilievo anche dai nuovi organici
degli Enti locali è intuitivo, ove si pensi che il progetto di riforma
della burocrazia di Stato non toglierà di mezzo, se pure li attenuerà, i
difetti ai quali si imputa ogni giorno in Italia l’arrugginimento della
Macchina governativa. In Italia, dico io, e in Francia (per parlare del
paese che la Vittoria ha ancor più affinizzato al nostro) se uno dei più
eletti spiriti politici della latinità moderna, Paul Déchanel, ha, in un
suo nuovo libretto: _La Décentralisation_, non da oggi invocato dal
decentramento la salvezza dell’Amministrazione anche nella luminosa
Repubblica, di cui probabilmente l’anno venturo sarà il Presidente. In
Italia bisognerebbe essere incoscienti per non comprendere che la chiave
di volta del miglior assetto pubblico (ed io aggiungo la sola
piattaforma positiva sulla quale si dovrebbero impiantare le imminenti
elezioni) è il Decentramento.

Tornerò, per meglio spiegarmi, su questo tema essenziale, con la dovuta
ampiezza e l’indispensabile coraggio civile.

Ma io dico fin d’ora: per ben decentrare, bisogna che si trovi già
saldamente impiantato il telaio organico delle Amministrazioni
centrifughe. Si potrà e si dovrà, ben inteso, fare tutta una rifusione
di forze burocratiche, liberamente scambiabile, dal centro alla
periferia, per tener conto di tutti i lavoratori disponibili e delle
conseguenze diverse.

Ma il montaggio dei pezzi dislocati non potrà essere fatto che intorno
ai motori fissi di produzione etnica che già si trovano in posto. Lo
Stato si scinderà in Regioni che le Provincie ricostituiranno sulla base
delle loro tradizioni storiche, economiche, politiche e burocratiche. I
Comuni, prendendo alla lor volta fiato, oltrechè dalle proprie
tradizioni, in Italia magnifiche, dalle nuove correnti energetiche della
vita nazionale, meglio producendo e meglio ricavando dall’ambito
costituzionale alleggerito, dinamizzati dallo stesso isveltimento del
ritmo pubblico locale, che si farà sentire attraverso la finanza, la
cultura, l’igiene, la viabilità, le comunicazioni, l’assistenza e la
previdenza sociale, ecc., daranno man forte alla Regione, invece di
richiederne, come oggi fanno, alla Provincia. E l’atmosfera liberista e
laburista, la sola unica vera nella quale oggi debbono muoversi gli
organismi collettivi, si troverà saldamente piazzata dalle Alpi al Mare
sopra un cumulo di forze ringiovanite, sorrette da crediti rinsanguati
ed equilibratamente distribuiti, per la salvezza e la fortuna d’Italia.

Decentrati gli organismi di Stato, io vedo in gran parte tolti i mali
attivi e passivi della Burocrazia. La macchina si velocizzerà perchè
negli elementi dinamici sarà penetrata la passione che nasce dai più
facili riconoscimenti materiali e morali. E, sopratutto, si sarà operata
la selezione dei migliori: ed i mediocri saranno spazzati a colpi di
frusta dal tempo, come si augura, nel suo brillante articolo (apparso
sull’ultimo numero di _Roma futurista_) lo Zuccari.

Perchè tutti sono d’accordo che i servizi miglioreranno se saranno
decentrati, non solo, ma ridotti d’organico. Date a dei giovani
d’ingegno e di volontà una pattuglia pur scarna di lavoratori: e libertà
d’azione e pieno senso di responsabilità. Ciò che fu fatto nelle
trincee, si farà negli uffici. Allungate pure gli orari commisurandoli
agli aumentati supplementi d’onorario. Cointeressate al più intenso
rendimento dell’opera: premiate il valore burocratico: assicurate ai
pochi ma buoni un _massimo_ di carriera possibile: e per i servizi in
subordine, per le mansioni ausiliarie nelle quali il numero può essere
indispensabile a pregiudizio, talvolta, dell’entità del compenso,
anzichè reclutare dell’elemento maschile che potrebbe trovare più sano
collocamento nell’industria, nel commercio o nell’agricoltura, reclutate
delle donne!

Le donne hanno dato la loro parte di nobile rendimento alla causa della
guerra. Non dimentichiamole! Esse, se intelligenti e colte, sono delle
eccellenti collaboratrici nelle pubbliche aziende. Il loro lavoro vibra,
quasi sempre, di passione ed è doppiamente redditizio di quello degli
uomini. Negli archivi, dove la necessaria pazienza nel rintraccio e nel
riordino delle carte è quella insita ai loro stessi domestici istinti
conservatori, nelle copisterie dove le Remington hanno ereditato il
ritmo delle Singer passandolo dal pedale alla tastiera, nelle spedizioni
dove la celerità e l’ordine, pregi essenzialmente femminili, facilitano
il movimento dei carteggi, ai telefoni, ai magazzini, ai depositi, lo so
per prova diretta, ormai, che le donne sono indispensabili e
garantiscono la dignità dell’Amministrazione che non ha più, mercè loro,
bisogno d’assoldare dei paria sempre malcontenti e perciò, in fondo,
sabotatori del buon lavoro altrui.

Con ciò credo aver toccato alcuni punti essenziali della riforma
burocratica, che, ripeto, per esperienza e per convinzione, reputo
estensibile, ormai, a tutte le Amministrazioni pubbliche d’Italia,
statali e non statali.

Inutile un esame psicologico della questione. In fondo siamo sempre ai
termini che Balzac ha immortalato nel suo saggio _Les Employés_, perchè
gli uomini saranno sempre gli uomini e le greppie (dico io) sempre
saranno le greppie.

Ma non posso in tutto dividere l’avversione dello Zuccari contro la
casta.

Non è vero che la burocrazia italiana sia un branco di parassiti e di
fannulloni. Vi sono dei valori realissimi di cultura, d’ingegno,
d’abnegazione che rendono al Paese il 100 per 10. E non dimentichiamo
che da noi, in mancanza di mecenati e di pensioni accademiche, in più
d’un caso lo stipendio serve a garantire il pane al pensatore,
all’artista, allo studioso che sa sdoppiarsi ed offrire una doppia
energia alla Patria. Vi sono, si capisce, i rovesci di medaglia, i casi
di pietà e, se non d’obbrobrio, di disperazione. Il Corbino trattò con
mano felicissima, in indimenticabili puntate della Rivista
_Avvenimenti_, il lato negativo del problema burocratico. Sono pagine,
direi, antropologiche d’una sincerità e d’una evidenza suprema.

Ma io, che da più di vent’anni vivo fra gli Impiegati e li studio con
occhi miei, credo che da una classe, per senso abnegativo del dovere e
per intenso amor di patria non inferiore a nessuna altra, l’Italia, da
matrigna divenendo finalmente madre, molto potrà attendersi alla vigilia
del suo rinnovamento ideale e sociale.

Rispondo a Paolo Buzzi:

1) Trovo lodevole la garanzia delle carriere a ruoli aperti. Trovo
lodevole l’elevare il tòno delle categorie così dette di concetto col
criterio d’avanzamento fissato in base a concorsi e a premî per speciali
benemerenze. Ma dichiaro che disgraziatamente si procederà con timidezza
mentre il criterio d’avanzamento e premî per speciali benemerenze
dovrebbe essere dominatore e applicato sistematicamente.

2) L’aumento degli stipendi deve essere sensibilissimo e parallelo alla
diminuzione degli impiegati.

3) Il criterio delle cointeressenze sugli utili dell’azienda pubblica
deve essere generale.

4) Bisogna procedere immediatamente al decentramento amministrativo.
Decentramento regionale di tutte le attribuzioni amministrative e
relativi controlli.

Bisogna sviluppare le autonomie regionali e comunali; fare di ogni
amministrazione uno strumento agile e pratico, diminuire di due terzi
gli impiegati, raddoppiando gli stipendi dei Capi-servizio e rendendo
difficili ma non teorici i concorsi. Dare ai Capi-servizio la
responsabilità diretta e il conseguente obbligo di alleggerire e
semplificare tutto.

Tutto ciò non basta, bisogna per raggiungere ad un’agile amministrazione
decentrata poco costosa, semplificatrice e pratica, abolire l’immonda
anzianità in tutte le amministrazioni.

Nella carriera diplomatica e in tutti i rami della vita nazionale.

Bisogna premiare direttamente l’ingegno pratico e semplificatore dei
buoni impiegati e giungere così ad una organizzazione semplificata a
tipo industriale.

Questo non potrà avvenire fintanto che trionferà l’assurdo prestigio dei
diplomi accademici e fintanto che l’iniziativa commerciale e industriale
procederà lentamente senza un assiduo incoraggiamento di premî
allettatori e sostentatori.

Non condivido il pessimismo di Paolo Buzzi sull’ingombro burocratico che
egli crede insanabile. È questione di coraggio nell’operazione
chirurgica che dovrà essere violenta, profonda, e senza pietà partendo
da questi due principî:

1) Decentramento.

2) Abolizione della anzianità.

Non condivido l’ottimismo di Paolo Buzzi sulla classe degli impiegati.
Vi sono eccezioni ma naufragano nell’oceano dei parassiti e dei
fannulloni.

Parassiti e fannulloni plasmati tali dall’atmosfera tediosa, pedante,
scettica, irresponsabile, senza luce, senza ambizione, quietista, vile
taccagna, abbrutente degli attuali ambienti burocratici.

Volete diventare rivoluzionarî? Volete sentirvi nelle mani un desiderio
pazzo di lanciar bombe, bruciare, massacrare, radere al suolo?

Volete, malgrado il vostro temperamento placido e sedentario, diventare
il più violento e sanguinario anarchico?

Passate mezz’ora in un ufficio governativo!

Non è ammissibile che la nostra meravigliosa guerra rivoluzionaria,
vittoriosa, dopo averci liberati dall’Impero austroungarico, feroce
burocrazia esterna, non ci liberi dall’assurda elefantiasi burocratica
interna.

Non ho che un sol timore quando penso alla rivoluzione: Quello che anche
violentissima, totale e ben diretta lasci sussistere in Italia la forse
immortale Burocrazia.

Tutti gli Italiani intelligenti pensano come me. Vi sono dovunque nel
mondo — oggi — dei tentativi riuscitissimi per creare nuovi organismi su
basi antiburocratiche.

La conflagrazione portando un uomo giovane e di grande ingegno come il
generale Badoglio dal grado di tenente colonnello, al grado di sottocapo
di Stato Maggiore di un esercito di 5 milioni di uomini, ha dato una
mazzata energica al principio di anzianità. Più volte abbiamo
glorificato questo carattere assolutamente futurista della
conflagrazione.

Nello sviluppo meraviglioso dell’aviazione inglese dominarono
fortunatamente due principî futuristi:

1) Si diedero i gradi di merito e venne abolita l’anzianità.

2) Trionfò sistematicamente il principio di preferire il più giovane.

La gioventù non fu un argomento per impedire che un aviatore abile,
intelligente, esperto, avesse il grado meritato. Vi furono molti _assi_
gloriosi per aver precipitato numerose vittime nemiche che rimasero a
lungo sottotenenti poichè il coraggio, l’abilità di volo e d’attacco non
bastavano. Si dava, secondo la concezione _veramente_ futurista molta
importanza all’abilità organizzatrice.

Predominava non soltanto il principio del merito fuori d’ogni anzianità,
del più giovane, ma specialmente del migliore organizzatore. Ed era
logico poichè si trattava di creare _dal nulla_ una grande
organizzazione.

Fu così possibile creare più di 40.000 piloti inglesi e di mettere a
disposizione della linea francese 2500 aeroplani pronti a volare.

Queste constatazioni non devono però ispirarci un eccessivo pessimismo
sullo sforzo aviatorio italiano, veramente glorioso.

È indiscutibile che il merito dell’Inghilterra in questo sforzo
trionfale è diminuito dallo spreco enorme di denaro. Un aviatore inglese
mi diceva: «il denaro ha salvato l’Inghilterra. Lo sforzo aviatorio
italiano è infinitamente più grande del nostro perchè fatto con denaro
limitato».

Questo aviatore inglese aggiungeva che in Scozia il governo inglese
spese 500.000 sterline per fondare una scuola d’aviazione _per assi_ e
il denaro fu tutto perduto perchè la località prescelta ventosissima e
burrascosa, non permetteva di volare che 4 mesi all’anno.

Il futurista Volt risponde con acume alle obbiezioni correnti dei
difensori della anzianità:

Se tutti i vecchi fossero della tempra del vecchio Clemenceau, io non
esiterei a schierarmi fra i paladini della più ferrea gerontocrazia.
Disgraziatamente o fortunatamente non è così.

È noto che fra i trenta e i quarant’anni la maggior parte degli uomini
normali subiscono quella specie di involuzione spirituale che viene
eufemisticamente chiamata «metter giudizio». Se si tratta di un artista,
l’individuo prende moglie e per dar da mangiare ai marmocchi si mette a
far dell’arte commerciale. Se è un uomo politico, mette accuratamente da
parte ogni opinione meno che ortodossa per irreggimentarsi nella
incolore maggioranza politica del momento. Ai _difetti_ della età
giovanile succedono, a unanime compiacimento di amici e congiunti, le
_qualità_ dell’uomo serio e maturo: la prudenza (leggi: paura cronica),
la ponderazione (cioè indecisione, mancanza di iniziativa e lentezza) e
la gravità (adorazione del mezzo termine e orrore di ogni specie di
innovamento).

E siccome gli uomini di governo vengono esclusivamente reclutati fra
questi _uomini serii_ e ben stagionati, ne segue che le suddette
_qualità_ senili danno la loro impronta a tutto l’indirizzo della
politica estera e interna di una nazione.

La politica estera sarà quindi _prudente_ e cioè pronta alle peggiori
rinunzie (vedi «politica delle mani nette», «piede di casa»,
«neutralismo») e _ponderata_, cioè lascierà sfuggire le migliori
occasioni per affermare la potenza politica della nazione (Cairoli,
ecc., ecc.). La politica interna poi sarà _grave e seria_, cioè basata
sul compromesso ed essenzialmente conservatrice, benchè larvata di
formule avveniristiche (giolittismo, Depretis e C.).

Tale infatti è la storia politica del Regno d’Italia da Custoza
all’impresa di Tripoli. La guerra attuale capovolse codesto sistema di
cose. Le qualità eminentemente giovanili e interventiste del coraggio,
della iniziativa e dell’agilità spirituale sopraffanno impetuosamente la
mentalità tarda e neutrale della vecchia Italia. Coronamento pratico e
giuridico di questa rivoluzione spirituale del popolo italiano non potrà
essere altro che l’_abolizione del criterio di anzianità_ in tutte le
carriere governative e nel libero apprezzamento del pubblico.



                                  14.


                      Il proletariato dei geniali.


È indiscutibile che la nostra razza supera tutte le razze per il numero
stragrande di geniali che produce.

Nel più piccolo nucleo italiano, nel più piccolo villaggio vi sono
_sempre_ sette, otto giovani ventenni che fremono d’ansia creatrice,
pieni d’un orgoglio ambizioso che si manifesta in volumi inediti di
versi e in scoppi di eloquenza sulle piazze nei comizi politici.

Alcuni sono dei veri illusi, ma _sono pochi_. Non potrebbero giungere al
vero ingegno. Sono però sempre dei temperamenti a fondo geniale, cioè
suscettibili di sviluppo e utilizzabili per accrescere l’intellettualità
geniale di un paese.

In quello stesso nucleo o piccolo villaggio italiano è facile trovare
sette, otto uomini maturi che nella loro piccola vita d’impiegato, di
professionista nei caffè del loro quartiere e in famiglia portano sul
capo l’aureola malinconica del geniale fallito. Sono dei rottami di
genialità che non hanno mai avuto un’atmosfera favorevole e furono
perciò subito stroncati dalle necessità economiche e sentimentali.

Il movimento artistico futurista da noi iniziato 11 anni fa aveva
precisamente per scopo di svecchiare brutalmente l’ambiente
artistico-letterario, esautorarne e distruggere la gerontocrazia,
svalutare i critici e i professori pedanti, incoraggiare tutti gli
slanci temerarî dell’ingegno giovanile per preparare un’atmosfera
veramente ossigenata di salute, incoraggiamento e aiuto a tutti i
giovani geniali d’Italia.

Sono certamente due o trecentomila in Italia.

Incoraggiarli tutti, centuplicarne l’orgoglio, aprire davanti a loro
tutti i varchi, diminuire al più presto, così, il numero dei geniali
italiani falliti e stroncati.

Ho spiegato in molte opere precedenti come i 3/4 dei vizi mentali, delle
debolezze, degli errori, delle viltà e delle lentezze che si opponevano
al celere progresso dell’Italia derivavano da ciò che noi chiamiamo il
Passatismo. Culto ossessionante del passato e delle glorie antiche,
misoneismo cocciuto, valutazione pessimista delle forze della nostra
razza, accademismo scolastico, purismo letterario, culto del plagio,
copia dell’antico, adorazione del museo, esaltazione dello sgobbone,
ecc.

Il Passatismo fu per molto tempo la essenza unica del sistema
d’insegnamento e dell’educazione familiare. Era favorito da molte
ideologie assurde più o meno importate e tipicamente antitaliane.

Regnava uno schifoso intellettualismo socialistoide, antipatriottico,
internazionalista, il quale separava il corpo dallo spirito, vagheggiava
una stupida ipertrofia cerebrale, insegnava il perdono delle offese,
annunziava la pace universale e la scomparsa della guerra, i cui
_orrori_ sarebbero sostituiti da battaglie d’idee. Intellettualismo di
origine germanica, ossessione del libro, bibliofilia, pedantedescheria.
Disprezzo per la ginnastica, abbrutimento dei ragazzi nelle aule
puzzolenti e chiuse, svalutazione completa della salute e della forza
muscolare.

Vegetava in quest’aria di muffa una gioventù stremenzita, senza
freschezza primaverile e senza virilità.

Quanti giovani abbiamo visto uscire dalle scuole, malinconici, curvi,
deboli, avari di voce e di gesti, pallidi, avvizziti, con occhiali doppi
e infinite miopie stringendo sotto il braccio con una specie di orgoglio
spaventoso e miserando «I Promessi Sposi», come Don Rodrigo stringeva il
suo foruncolo di peste bubbonica.

La loro peste bubbonica era il culturalismo teutonico.

Si andava predicando che i giovani italiani erano ignoranti e che il
loro ingegno aveva bisogno di una cultura solida, seria, metodica. In
realtà si predicava l’odio all’ingegno. Leggete, studiate, ponderate,
chiudetevi nelle biblioteche, compulsate i codici, studiate gli antichi!
Vivete nei musei! Copiate quadri e statue! Bisogna imparare a scrivere,
a dipingere, a scolpire copiando le opere dei grandi! La lingua italiana
è difficilissima, occorre decidere dopo _serie_ meditazioni quali siano
i maestri da preferire e i dizionarî da consultare. Il Bartoli, il
Boccaccio, Machiavelli, Tommaseo, Rigutini, Fanfani.... Occorre
postillarli. Il tale ha ingegno. Ma usa francesismi. «Questa dei
francesismi è peste varia...».

In questa rete di divieti, di difficoltà inesistenti e di false divinità
da rispettare, da evitare, da non offendere il giovane geniale smarrisce
il suo vero istinto propulsore e deprime il suo coraggio orgoglioso.
Tutte le sue forze rimangono contratte allo stato di angoscia dolorosa
davanti alla strada lunghissima, senza conforto nè aiuto.

Sotto il nuvolone minaccioso degli esami inutili da passare o la pioggia
torrenziale dei compiti cretini, lo studente educa il suo cervello e il
suo spirito alla paura e al pedantismo.

Egli trova ogni sera in famiglia la tipica atmosfera di grettezza, di
mediocrità, l’odio per tutte le forme di avventura e di audacia, i
moralismi pretini, la goffa lotta fra l’avarizia taccagna e l’ansia del
lusso provinciale, l’affettuosità morbosa accaparrante e soffocante
della madre e la dura prepotenza di un padre rammollito che crede però
suo dovere stroncare il figlio ad ogni costo _in tutto ciò che può
sognare, desiderare, volere_.

Questo giovane geniale si sente nei nervi una forza misteriosa,
violenta. Sarà poeta, pittore, artista drammatico, costruttore di ponti
su fiumi americani, appaltatore di terreni lontani da dissodare,
deputato, ecc.: egli non sa esattamente.

Rischierebbe volentieri tutto ciò che ha di caro e di piacevole intorno
a sè, affetti, amicizie, primi piaceri sessuali, allegrie goliardiche,
per ottenere immediatamente la prova diretta e la manifestazione di
questa sua forza.

Egli ha invece intorno a sè degli alti pessimismi neri, delle negazioni
massiccie; respira lo scetticismo avvelenante e non ha un soldo in
tasca.

Se coraggiosissimo, rivoltosissimo, egli riesce a spaccare e rovesciare
tutti i divieti, la miseria assoluta, ultimo laccio invincibile, lo
trattiene e lo inchioda nell’assoluta impossibilità di staccarsi e di
osare.

Questi fallimenti di gioventù geniali sono numerosissimi e tipici in
certe provincie d’Italia come la Toscana, che pur essendo
indiscutibilmente le più intelligenti sono purtroppo le meno fattive e
le meno utili nello sviluppo nazionale.

Firenze è piena di giovani d’ingegno inoperosi e smarriti che sciorinano
sotto i soli elettrici dei caffè dei meravigliosi tessuti di pensiero e
di lirismo senza speranza di essere mai valutati, considerati,
utilizzati.

Scrivere? A che pro? Dov’è l’editore? Certo non pagherà, anzi vorrà
essere pagato. Nei giornali? Il direttore è stato prescelto fra i
quattro o cinque autentici cretini della città. Ostruzionismo, dunque
meglio abbandonare spiralicamente il proprio canto malinconico
nell’antico chiaro di luna che ripatina Lungarno e il Ponte Vecchio o
godersi una «bambina» alle Cascine che offre camere ammobiliate a buon
mercato assoluto.

Ho conosciuto innumerevoli giovani geniali a Firenze, in Toscana, a
Napoli e in Sicilia. Quasi tutti esasperati; il cuore già chiuso da un
sordo rancore contro la società, molti avvelenati da una precocissima
invidia che sporca la fonte chiara della ispirazione genuina e
dell’entusiasmo giocondo, creatore.

È talvolta difficilissimo conoscerli, apprezzarli, incoraggiarli. Poichè
invece di abbracciare spiritualmente l’Italia come una vasta massa
malleabile da plasmare essi la considerano come un reticolato idiota di
soprusi, di camorre, di autorità scroccate, di divieti imbecilli. Ed
hanno ragione. Dovunque, l’ingegno è svalutato, deriso, imprigionato.
Incoronato soltanto e festeggiato il mediocre opportunista o l’ex-genio
ormai rammollito.

Il Futurismo scoprì, svegliò, rianimò, radunò molti di questi giovani
geniali, i migliori, senza dubbio. Ma non tutti certamente. Nella vasta
rivoluzione di serate burrascose che si propagò su tutta la Penisola, il
Futurismo entrò in contatto con quasi tutti ma occorre un più
sistematico intervento delle forze del paese per salvare, riaccendere e
utilizzare tutto il vasto proletariato dei geniali.

Propongo che in ogni città sia costruito uno o più Palazzi che avranno
una denominazione sul genere di questa: «Mostra libera dell’Ingegno
creatore».

1º Verrà esposta per un mese un’opera di pittura, scultura, plastica in
genere, disegni d’architettura, disegni di macchine, progetti
d’invenzione.

2º Verrà eseguita un’opera musicale piccola o grande, orchestrale o
pianistica di qualsiasi genere.

3º Verranno letti, esposti, declamati poemi, prose, scritti di scienza
di qualsiasi genere, di qualsiasi forma e di tutte le dimensioni.

4º Tutti i cittadini avranno il diritto di esporre gratuitamente.

5º Le opere di qualsiasi genere o valore apparente, anche se
apparentemente giudicate assurde, cretine, pazze o immorali, saranno
accettate, esposte o lette senza giuria.



                                  15.


  Governo tecnico senza parlamento, senza senato e con un Eccitatorio.


I problemi che si affollano dopo-guerra in un paese non ricco come il
nostro superano, credo, la potenza governativa di qualsiasi regime e
sono destinati quindi ad avere un’unica soluzione rivoluzionaria.

È indiscutibile però che il governo parlamentare col suo smisurato
pantano burocratico è — fra tutti i governi possibili — il meno atto a
risolverli.

Esaminiamo la situazione dal punto di vista dei produttori.

Il governo ha stanziato 3 miliardi di lavori ma nessuno cura e sollecita
questi lavori. Per esempio: lavori ferroviari che devono provvedere alla
disoccupazione ed evitare la crisi gravissima dei trasporti.

Il governo dice: Bisogna produrre! produrre! produrre! Come si può
produrre se tutte le industrie sono oggi creditrici dello Stato? E con
quali materie prime? (se non sono già assicurate). A quali prezzi
verranno date queste materie prime?

Lo stato si è dimostrato mediocre acquirente e mediocre distributore.

Il governo dovrebbe invece concedere massima libertà alle industrie
togliendo impacci e pastoie.

Si sostituisca alla funzione dello Stato la funzione dei Sindacati o
Consorzi industriali i quali sotto il controllo dello stato provvedano
all’approvvigionamento delle materie prime.

Si esca da questo stato di cose che toglie ogni attività personale e si
distruggano i sistemi fiscali veramente passatisti.

Ammetto che si debba provvedere alle esigenze finanziarie e che le
entrate erariali siano portate ad un punto tale da _fare tutto il
servizio dei nostri debiti_. Ma non ostacoliamo la produzione della
ricchezza.

Accettiamo nuovi oneri ma si faciliti la produzione della ricchezza e la
si colpisca soltanto quando è prodotta.

I monopolî colpendo le materie prime rincarano i prodotti all’interno e
rendono difficilissima la importazione che è necessaria per la
ricostituzione economica del paese.

I divieti di esportazione sono assurdi. Si dice che non si può concedere
la esportazione perchè i prezzi all’interno già troppo elevati
aumenterebbero ancora mentre negando la esportazione tali prezzi
dovranno diminuire perchè le materie prime _imboscate_ finiranno per
venire sul mercato.

Errore questo. Un simile provvedimento che dovrebbe colpire soltanto gli
incettatori colpisce invece la produzione che finirà per arrestarsi.

Perderemo così i mercati esteri.

Un governo intelligente dovrebbe invece concedere entro limiti razionali
l’esportazione con limitazioni di prezzi all’interno.

Così l’industria riattivata potrebbe assumere gran parte delle
maestranze dimesse ora dalle industrie belliche.

Ma il governo parlamentare è un governo tipicamente inintelligente.

Esaminiamo ora la situazione dal punto di vista della marina mercantile.

La guerra ha creato l’avvento delle Cooperative di gente di mare alla
proprietà e all’esercizio della nave. Questo avvento importantissimo
deve essere assolutamente favorito dalla legislazione italiana.

Se sarà favorito senza diffidenza costituirà una delle migliori forme di
pacificazione sociale.

Gli articoli 9 e 10 del decreto Villa vanno radicalmente mutati. Perchè
l’articolo 10 impedisce che lo stato diventi proprietario di navi da
dare a gestire alle Cooperative di gente di mare.

I noli pagati dal principio della guerra a navi estere sommano a più di
9 miliardi di lire. I noli pagati dal principio di guerra a navi
italiane sommano a un miliardo e mezzo.

Bisognava per evitare questa fuga di denaro all’estero comperare subito
a buon prezzo navi da trasporto. Questo era possibile anche nel 1915 e
nel 1916. Quando ci siamo accorti che era un dovere comperare oro per
salvare tanto oro regalato ad armatori esteri, il prezzo delle navi era
altissimo, fantastico.

Il paese intuì il pericolo e pensò di riparare il danno.

Sorsero nuovi cantieri, vecchi cantieri si ampliarono e centinaia di
migliaia di tonnellate di ottimi vapori scesero in mare.

Disgraziatamente il decreto Villa troncò questa magnifica evoluzione e
si tornò così alla dispersione di ricchezza ed ai noli esteri.

Per costruire rapidamente navi di trasporto bisognava ricorrere ad
industrie particolari. La industria privata che non si occupava di navi
sapeva però costruire pezzi indispensabili per le navi. Lavoro quasi
identico. Per esempio: Un fabbricante di caldaie fisse poteva fabbricare
anche caldaie marittime. Così si fece. Migliaia di industrie particolari
arruolate subito con rapidità futurista collaborarono alla costruzione
delle navi. Tutto ciò però senza che il governo favorisse in nulla la
meravigliosa opera.

La costruzione in serie poco costosa e rapidissima doveva essere
ampiamente sostenuta e propugnata dal governo.

I «_fabricated ships_» hanno un minimo di curve. Ogni pezzo ha un
numero, il montatore ricevendo i singoli pezzi guarda il disegno e segue
il suo tracciato. Semplicità estrema.

Questo metodo è indubbiamente un metodo di guerra poichè esclude un poco
il progresso costruttivo. Tutte le navi essendo così identiche e non una
è migliore delle altre. Si può però facilmente evitare questo danno.
Resta indiscutibile che la costruzione in serie va propugnata e
sostenuta dal governo, con senso pratico e fuori d’ogni burocrazia.

Ma il governo parlamentare è un governo tipicamente antipratico.

Noi futuristi consideriamo lo stato come una realtà umana. Lo stato deve
essere l’amministrazione di una grande azienda che si chiama patria
appartenente a una grande associazione che si chiama nazione.

Il patriottismo è per noi semplicemente la sublimazione di
quell’attaccamento rispettoso che le buone e forti aziende ispirano ai
loro partecipanti.

Nel Manifesto del Partito Politico Futurista io dichiaravo:

«Trasformazione del Parlamento mediante un’equa partecipazione di
industriali, di agricoltori, di ingegneri e di commercianti al Governo
del Paese. Il limite minimo di età per la deputazione sarà ridotto a 22
anni. Un minimo di deputati avvocati (sempre opportunisti) e un minimo
di deputati professori (sempre retrogradi). Un parlamento sgombro di
rammolliti e di canaglie. Abolizione del senato.

Se questo parlamento razionale e pratico non dà buoni risultati, lo
aboliremo per giungere ad un Governo tecnico senza parlamento, un
Governo composto di 20 tecnici eletti mediante suffragio universale.

Rimpiazzeremo il senato con una Assemblea di controllo composta di 20
giovani non ancora trentenni, eletti mediante suffragio universale.
Invece di un parlamento di oratori incompetenti e di dotti invalidi,
_moderato_ da un senato di moribondi, avremo un governo di 20 tecnici
_eccitato_ da una assemblea di giovani non ancora trentenni.

Partecipazione eguale di tutti i cittadini italiani al governo.
Suffragio universale eguale e diretto a tutti i cittadini, uomini e
donne. Scrutinio di lista a larga base. Rappresentanza proporzionale».

Il futurista Volt entrò subito nelle difficoltà di realizzazione del
governo tecnico con il seguente articolo importante che io cito
integralmente:

«Aboliamo pure il parlamento — si domandano molti — ma cosa metteremo al
suo posto?

La risposta è pronta. _Sostituiremo il parlamento con le rappresentanze
dei sindacati agricoli, industriali ed operai._

La rappresentanza sindacale sarà la base dello «Stato tecnico»
futurista.

Al «collegio» elettorale, circoscrizione fittizia ed arbitraria, entità
che sembra creata apposta per l’esercizio del broglio, sostituiremo il
sindacato, espressione organica delle forze economiche che dànno
effettivamente forma alla società.

Al posto dell’«onorevole» deputato, demagogo costretto all’accattonaggio
sistematico del voto o feudatario di una nuova feudalità peggiore
dell’antica, manderemo a governare il paese ingegneri, commercianti ed
operai, gente che sa il suo mestiere e conosce i bisogni reali della
propria classe. Invece di un’Assemblea di intriganti, di chiacchieroni e
di incompetenti, avremo un corpo tecnico adatto allo scopo di dirigere,
con conoscenza di causa, la grande azienda dello stato.

In pratica, l’idea della rappresentanza sindacale si trova di fronte a
difficoltà serie ma non insormontabili.

Vari problemi ci si presentano.

1º A quali sindacati concederà lo Stato la personalità politica?

Si tratterà di determinare le categorie di produttori che avranno
diritto a una rappresentanza nel corpo legislativo.

2º L’iscrizione ai sindacati sarà obbligatoria per tutti i cittadini? A
me sembra che sia più logico lasciare che esercitino i diritti politici
coloro che hanno volontà e coscienza.

Coloro che resteranno volontariamente fuori dei sindacati
corrisponderanno in parte alle masse degli _astenuti_ nelle odierne
elezioni a suffragio universale.

3º In base a quale criterio si misurerà il numero di voti da attribuirsi
a ciascuna categoria di sindacati? È la questione più scottante. Il
criterio più semplice è quello numerico. Ma così si ricade nell’atonismo
individualistico del suffragio universale.

Io credo che non si debba tener conto del numero degli iscritti al
sindacato, _ma dell’importanza della funzione economica_ che esso
esercita nel Paese. Quindi un sindacato di industriali metallurgici avrà
una rappresentanza eguale a quella di un sindacato di lavoratori del
ferro benchè questi ultimi siano molto più numerosi.

E ciò perchè l’importanza delle due funzioni si controbilancerà nella
economia nazionale.

L’amico Settimelli dirà che questo è un criterio poco democratico. Me ne
infischio.

4º Quali saranno i limiti posti all’esercizio del potere dell’Assemblea
eletta mediante la rappresentanza sindacale? La competenza
dell’Assemblea dovrà essere limitata alle questioni prevalentemente
economiche, che sono del resto le più importanti in politica.

Le questioni di famiglia, di politica estera, ecc. dovranno essere
risolte in parte mediante _referendum_ popolare diretto ed in parte
attribuite alla competenza del potere esecutivo.

Non ho fatto che accennare le principali questioni. Invito tutti i
giovani futuristi ad inviarmi le loro soluzioni ai quattro problemi che
ho posto, senza avere la pretesa di risolverli definitivamente. Ma mi
sembra che la questione sia matura per lo studio. E per noi futuristi
«studio» deve significare già un principio di esecuzione. È l’ora di
finirla col parlamento. Abbiamo fatto la guerra senza bisogno del
parlamento. Senza il parlamento sapremo fare la pace. È ora di
sbarazzare l’Italia dalle 508 incompetenze che spadroneggiano a
Montecitorio.

La sola esistenza di un «senato» è la vivente antitesi di tutti i
principî del Partito Futurista. L’istituzione del senato parte dal
concetto che le assemblee elettive abbiano bisogno di essere «frenate»
in un modo qualsiasi. La esperienza invece ci dimostra che le assemblee
politiche non sono quelle indomite cavalle che la retorica dei nostri
padri amava imaginarsi.

Fanno un po’ di chiasso, si abbandonano ai «tumulti», tanto per dar da
strillare agli strilloni dei giornali quotidiani, ma poi, quando si
tratta di far sul serio, finiscono sistematicamente per addormentarsi.

La «rappresentanza sindacale» non sfugge a questo grave inconveniente.
L’elemento _tecnico_ è di per se stesso conservatore. I tecnici si
abbandonano volentieri alla «routine». Le più grandi invenzioni e
scoperte furono aspramente osteggiate dai tecnici. Le inglesi «trade
unions» sono in fondo piuttosto conservatrici e attaccate alla
tradizione. Le «corporazioni» medievali si irrigidirono fino a
cristallizzare tutta la vita economica dell’Europa.

Tuttavia il solo vantaggio che il paese sia governato da gente «che sa
il fatto suo» mi sembra tale da indurmi a non rinunziare al sistema
della rappresentanza sindacale. Solamente che la rappresentanza
sindacale ha bisogno di essere integrata da un altro organo politico,
che la stimoli e le impedisca di essere un ostacolo sulla via del
progresso nazionale.

E qui cade in acconcio la istituzione dell’«organo eccitatore» che
Marinetti propone di sostituire alla decrepita e ingombrante istituzione
del senato.

Chiameremo quest’organo «_Consiglio dei giovani_» o «_Eccitatorio_».
Perchè possa compiere adeguatamente la sua funzione, occorre che esso
abbia i seguenti caratteri:

_a_) deve essere composto di cittadini dell’età non superiore ai 30
anni;

_b_) deve essere reclutato da persone di tutte le categorie sociali,
senza distinzione di classi, per mezzo del suffragio universale diretto;

_c_) deve essere continuamente rinnovato. Le elezioni saranno annuali;

_d_) deve constare di un numero ristrettissimo di eletti.

Nove giovani basteranno. Di competenza del «Consiglio dei giovani» o
«Eccitatorio» saranno tutte le questioni non prevalentemente economiche.
Ma perchè possa agire in senso progressista sulla rappresentanza
sindacale, esso potrà prendere iniziativa di progetti di legge anche in
materia economica, i quali però dovranno essere discussi e votati in via
definitiva dalla assemblea dei rappresentanti sindacali. Viceversa
quest’ultima assemblea potrà porre il suo «veto» alle deliberazioni del
«Consiglio dei giovani» quando esse apportino conseguenze relative alla
vita economica del paese.

È chiaro che dei conflitti possono per tal guisa sorgere fra il
«Consiglio dei giovani» e la rappresentanza sindacale. Questi conflitti
dovranno risolversi in ultima istanza per mezzo del _referendum_
popolare diretto.

Tali, nelle loro grandi linee, sono le basi dello «stato futurista».

L’_Eccitatorio_ o Consiglio di giovani eccitatori è secondo noi
indispensabile.

Gli anarchici si accontentano di assalire i rami politici, giuridici ed
economici dell’albero sociale mentre noi vogliamo assai più.

Di quest’albero infatti vogliamo strappare e abbruciare le più profonde
radici, quelle piantate nel cervello dell’uomo e che si chiamano:
desiderio del minimo sforzo, quietismo vile, amore dell’antico e del
vecchio, di ciò che è corrotto e ammalato, orrore del nuovo, disprezzo
della gioventù, venerazione del tempo, degli anni accumulati, dei morti,
dei moribondi, bisogno istintivo di ordine chiuso, di leggi, di catene,
di ostacoli, di questure, di morale, di pudore, paura di una libertà
totale.

Avete visto un’assemblea di giovani rivoluzionarî anarchici? Non vi può
essere spettacolo più scoraggiante.

Vi noterete infatti la mania urgente, in tutte quelle anime impetuose e
rosse, di privarsi subito della loro indipendenza e della loro
iniziativa per dare il governo della loro assemblea al più attempato fra
loro. Ossia al più opportunista, al più prudente, insomma a colui che
avendo già acquistato una piccola potenza e una piccola autorità sarà
fatalmente interessato a conservare lo stato delle cose, a calmare la
violenza contrariando ogni istinto di avventura, di rischio, e di
eroismo.

Questo nuovo presidente pur guidando con una apparente equità la
discussione generale, la condurrà docile, all’abbeveratoio del proprio
interesse personale.

Credete ancora all’utilità delle assemblee, spiriti rivoluzionarî?

Accontentatevi in tal caso di scegliere un direttore o meglio un
regolatore di discussione ed eleggete a questo ufficio il più giovane di
voi, il meno noto, il meno importante e fate che la sua funzione sia
limitata a quella di distribuire la parola con un’assoluta eguaglianza
di tempo, controllata con l’orologio alla mano.



                                  16.


                   Contro il diritto di successione.


La legislazione democratica nello stringere e diminuire continuamente i
diritti di successione è stata sempre frenata da questa obbiezione: Se
voi vietate al padre di accumulare il denaro per il figlio togliete il
principale incitamento al suo sforzo di lavoro.

Il ragionamento non regge. È basato su una assurda morale altruistica e
cristiana che abolendo la gioia di vivere e il culto della propria vita
proietta tutte le energie in un’altra vita e in un altro essere. Il
padre nella attuale concezione moralistica della famiglia passatista
abolisce rapidamente il suo programma personale di godimento fisico e
intellettuale e considera la sua vita come una serie di sforzi accaniti
per conquistare una somma di denaro che annulli ogni necessità di sforzo
e di lotta per suo figlio. Ogni giorno segna una rinuncia. Il suo lavoro
invece di trasformarsi in quella sana allegria fisica e spirituale che
raddoppierebbe la sua potenza nervosa e creatrice è un lavoro tetro nel
buio di una piccola idea cocciuta e vile: mio figlio non lavorerà.

Ora io domando perchè mai questo figlio non deve lavorare? Perchè mai
deve essere privato della ragione essenziale del suo organismo vitale:
lottare, vincere, superare, produrre?

Ogni uomo _deve_ partire nella vita coi soli privilegi della sua forza
naturale, perchè possa manifestarsi pienamente dando il suo massimo
rendimento con un massimo di sforzi e godendo integralmente i frutti
personalmente conquistati.

Piena responsabilità nella vita, coscienza lucida di tutti gli ostacoli,
eroismo continuo e continuo adeguato godimento della vita senza rinuncie
e senza altruismi bestiali.

Vi sono dei padri che avendo lavorato tutta la vita accumulando denaro
per i figli, pretendono che i figli facciano lo stesso, accumulando essi
pure in un’ossessione di montagne d’oro che tutti devono aumentare e
nessuno godere. Qui la condizione passatista diventa di un ineffabile
misticismo cretino.



                                  17.


                   Sintesi della concezione marxista.


1) _La teoria del valore._

Secondo Carlo Marx la funzione del capitale è sterile nel processo della
produzione. Solo è feconda l’opera del lavoro.

Il maggior valore del prodotto è dunque il risultato esclusivo del
lavoro e a questo _deve_ appartenere. Invece iniquamente va ai
capitalisti sotto forma di _profitti_. Il profitto è il _plus-valore_
non pagato dagli imprenditori. La società si divide dunque in
sfruttatori e sfruttati. Lo sfruttamento divenendo sempre più intenso
per le esigenze della produzione, cresce la classe degli sfruttati,
diminuisce quella degli sfruttatori.

Conseguente proletarizzazione crescente della società.

Quando il capitale sarà concentrato in poche mani sarà facile alla massa
degli sfruttati incoscienti espropriare i pochi capitalisti e
riorganizzare il sistema di produzione in modo da attribuire tutto il
reddito sociale ai lavoratori.

Ora _la premessa_ che la funzione del capitale è sterile nel processo
della produzione _è falsa_.

Se la funzione produttrice del capitale fosse sterile, le industrie in
cui il capitale-salario (lavoro) prevale sul capitale fisso dovrebbero
dare redditi maggiori che quelle industrie in cui prevale il capitale
fisso sul capitale-salario (lavoro).

Ma ciò non si osserva nella realtà!

2) _La teoria del determinismo economico o materialismo storico_ di
Carlo Marx, il quale attribuisce un valore causale al fattore economico,
è quasi fallito. La scienza e il pensiero umano hanno dimostrato
l’impossibilità di stabilire un rapporto di causalità _tra i fattori_
che sono numerosissimi, di svariata potenza, tutti vivi, dinamici, e
_senza_ logica. Vi è un rapporto di interdipendenza elastica e non di
causalità tra i fattori numerosi del complesso fenomeno sociale. Non
dimentichiamo poi la importanza enorme dei fattori morali che sono
particolarmente esplosivi e determinanti.

3) _La teoria dell’unione dei lavoratori d’ogni paese._ — La
conflagrazione mondiale ha dimostrato violentemente l’assurdità di
questa concezione unitaria fra lavoratori diversissimi, spesso opposti e
nemici per interessi, per grado di benessere e per condizioni di lavoro
diverse.



                                  18.


                         L’Azionariato sociale.


I salarî sono fissati ad una certa altezza che dipende dalla domanda di
lavoro e dalla produttività del lavoro.

Il capitale riceve un compenso che è e tende ad essere uguale al saggio
dell’interesse corrente più una certa quota di rischio variabile.

Se — per esempio — c’è un impiego sicuro (come la rendita in tempi
normali) al 5% nessuno vorrà impiegare il suo risparmio in una impresa
industriale che non renda per lo meno il 5% più _una quota per il
rischio_.

Così, se in una industria si ricava il 7,50% e nondimeno un’azione di
100 lire di questa industria vale sul mercato 100 lire e non di più, noi
diciamo che la capitalizzazione è al 7,50% perchè la conoscenza della
industria porta a valutare a 2,50% i rischi che comporta.

La ditta Pirelli, per esempio, avendo accumulato in un triennio una
riserva di 6 milioni (dopo aver distribuito l’utile normale agli
azionisti) divide la riserva in 3 milioni agli azionisti (come aumento
gratuito di capitale) e 3 milioni al personale.

Ecco una dimostrazione pratica che non ci può essere _vera_
partecipazione operaia ai profitti delle industrie senza intaccare la
_quota di rischio_ che forzatamente _deve sostenere_, incoraggiare,
difendere gli azionisti e la industria stessa.

Infatti Pirelli non la chiama partecipazione agli utili, ma _regalo_ o
_premio_ agli operai fatto con una parte delle eccedenze sull’utile
normale.

Noi futuristi crediamo che bisogni imporre al più presto l’azionariato
sociale cioè: la partecipazione degli operai alle imprese. Questa
concezione geniale e pratica che è andata formandosi attraverso una
serie di tentativi in America, in Francia e in Inghilterra, ha
incontrato delle ostilità feroci che si giungerà però a superare
vittoriosamente.

Filippo Carli, segretario generale della Camera di Commercio di Brescia,
illustra, spiega e propugna con precisione lucida nella Rivista
dell’_Industrie illustrate italiane_ l’azionariato sociale.

Filippo Carli dice:

Il regime della fabbrica, diffusosi nell’Europa occidentale dopo la
rivoluzione industriale inglese, spezzò definitivamente i rapporti di
proprietà fra l’operaio e lo strumento di lavoro. Dopo di allora sorse
ripetutamente, nei varî paesi, l’idea di ricostituire l’associazione fra
il capitale ed il lavoro, poichè si sentiva più o meno oscuramente che
in questa era la chiave dell’armonia fra le parti cooperanti alla
produzione. Bisogna riconoscere però che il movimento fu affatto
inadeguato allo scopo: molti tentativi fallirono, altri si trascinarono
più o meno stentatamente, parecchi furono causa di profonde
disillusioni. Tuttavia è da chiedersi se quegli esperimenti si
compiessero con quella larghezza di vedute che sarebbe stata necessaria,
e con quella sincerità che è condizione indispensabile del loro
successo.

Fin dal 1825 si ebbero in Inghilterra i primi tentativi di
partecipazionismo operaio, e da quell’anno fino al 1910 si fecero 221 di
tali esperimenti, dei quali solo 70 erano in esistenza nel 1910, secondo
i rilievi fatti dall’Ufficio inglese del Lavoro; e, in fondo, gli operai
inglesi considerano attualmente questo procedimento con indifferenza. In
Francia già negli anni _quaranta_, il movimento connesso alla età d’oro
della borghesia, fece sorgere in alcuni spiriti illuminati l’idea della
partecipazione ai profitti. Il primo tentativo concreto fu quello di
Jean Leclaire nel 1842, il quale incontrò ogni sorta di difficoltà.
Tuttavia l’idea fece strada, e nel 1879 per la prima volta fu proposto
un disegno di legge al Parlamento francese da Laroche-Joubert,
nell’intento di «pousser au système coopératif, c’est-a-dire à
l’association de l’intelligence du capital et du travail, par la
participation imposée aux adjudicateurs...». Il concetto era che lo
Stato imponesse la partecipazione agli aggiudicatarî dei lavori
pubblici, per dare esso stesso l’esempio e per dimostrare l’utilità ai
liberi imprenditori. L’idea fu ripresa nel 1895 dal Guillemet, persuaso
com’era «qu’il n’y a rien de plus difficile à faire entendre aux gens
que leur propre intérêt» e che quindi bisognava che lo Stato desse
l’esempio. Dopo altri progetti, il Godard, nel 1909, si pose da un punto
di vista più ampio, chiedendo la creazione di _actions de jouissance du
travail_ nell’intento di imporre alle società anonime l’ammortamento del
loro capitale e di rendere il capitale iniziale e il lavoro
comproprietarî dell’attivo sociale liberato rispetto al primo mediante
il rimborso delle azioni. Era questa la via maestra del nuovo
partecipazionismo, la quale doveva condurre alla legge del 26 aprile
1917 sulle società anonime a partecipazione operaia. I principî
fondamentali di questa legge, che si può considerare come il passo più
decisivo fatto dalla legislazione moderna in tale campo, sono i
seguenti:

1º Gli operai avranno diritto ad una parte dei beneficî realizzati
dall’impresa a cui sono adibiti.

2º Essi partecipano alla sua gestione, saranno rappresentati alle
Assemblee generali, avranno il loro posto nel Consiglio di
Amministrazione.

3º Essi avranno un diritto di credito eventuale sull’effettivo della
società.

Dice l’art. 1 della legge: .... «Le azioni della Società si compongono:
_a_) di azioni o parte di azione di capitale; _b_) di azioni dette
_azioni di lavoro_. Le azioni di lavoro sono la proprietà collettiva del
personale salariato (operai ed impiegati dei due sessi) costituito in
società commerciale cooperativa di mano d’opera in conformità dell’art.
68 della legge 24 luglio 1867, modificata dalla legge 1º agosto 1893.
Questa società di mano d’opera comprenderà obbligatoriamente od
esclusivamente, tutti i salariati adibiti all’impresa da almeno un anno
ed aventi più di 21 anni di età....». E per tal modo il lavoro, del pari
del capitale, costituisce un diritto fisso e permanente, diritto che da
origine ad un’azione, l’azione di lavoro. Questo geniale concetto
dell’azione di lavoro, viene a sovvertire completamente la nozione
corrente del salario, ed a elevare il salariato al livello di un
collaboratore del capitalista. Esso contiene in sè potenzialmente una
profonda trasformazione economico-sociale, trasformazione alla quale noi
pure dobbiamo mirare. Certo, non mancano le obbiezioni di carattere
dottrinale contro il principio informatore di tale legge, come non
mancheranno le difficoltà della sua pratica applicazione: ma è fuor di
dubbio che essa contiene una formola fondamentale di equilibrio sociale.

La grande idea è lanciata, un’idea che ha la potenza di un profondo
rivolgimento legale nei rapporti fra le classi: «_l’azionariato
sociale_». C’è qui veramente la chiave dell’armonia fra capitale e
lavoro nel dopo guerra: c’è tutto l’avvenire. Se le classi dirigenti
hanno qualche incertezza, qualche ondeggiamento nell’applicazione di
questo principio, sono perdute. E notisi che la legge francese non
rappresenta se non un primo passo sulla via che deve condurre alla piena
attuazione del principio: essa non sancisce che una facoltà, mentre si
deve venire all’obbligatorietà; e probabilmente essa è destinata a
combinarsi con alcuni principî propugnati dal Briand fino dal 1910.
Secondo il progetto Briand, il 33% dei beneficî sarebbe riservato agli
operai; il 33% al Capitale ed al Consiglio di Amministrazione, in cui
gli operai sono rappresentati in proporzione di almeno 1/4 dei membri;
l’altro 33% sarebbe distribuito, quanto al 17% sotto forma di premi a
compensare gli operai di élite, e quanto al 16% al direttore tecnico,
ingegneri, consigliere delegato, sotto forma di supplemento dei loro
stipendi. È probabile dunque che notevoli passi innanzi si debbano fare;
ma la via è questa, ed ogni deviazione sarebbe rovinosa: giacchè non si
può non riconoscere la legittimità storico-sociale e
demografico-economica del fondamento su cui posa il nuovo principio.
L’impresa non è più, nella nostra società, una funzione privata: è una
funzione pubblica nei suoi presupposti, nel suo svolgimento, nelle sue
conseguenze. Viceversa l’imprenditore nell’atto in cui assolda mille,
duemila, diecimila operai, per una determinata forma di produzione,
tende ad accaparrare nel proprio individuale interesse una parte delle
forze nazionali: la nazione gli cede una parte del proprio organismo
affinchè egli ne disponga come crederà più opportuno: e da allora la
vita e l’avvenire di questa parte della nazione, dipendono dal suo
arbitrio e dalla sua capacità. A questo punto è legittimo che sorga il
diritto della collettività nazionale a limitare quello dell’individuo:
rappresentata da quei mille o duemila o diecimila operai che furono
assunti dall’individuo imprenditore — il quale, notisi bene, deve allo
stesso ambiente sociale una gran parte della sua capacità tecnica e
della sua potenzialità economica — la collettività nazionale insorge ed
afferma il suo diritto a partecipare all’impresa. Spunta l’azione
sociale. Un radicale rivolgimento è avvenuto nei principî del salario,
poichè questo riesce così composto di due quote: una quota con la quale
all’operaio è assicurata la semplice esistenza e che pertanto si
potrebbe chiamare biologica, ed una quota con la quale e per la quale
l’operaio partecipa in modo cosciente ai beneficî della gestione
sociale.

Umberto Notari, direttore delle _Industrie illustrate italiane_, da me
interrogato sull’opposizione che la sua campagna in favore
dell’azionariato sociale ha incontrato nell’ambiente industriale, mi
disse:

«Uno dei principali oppositori, Pirelli, non ha trovato, in fondo, che
queste due obbiezioni:

1) Accogliere nel consiglio di amministrazione degli operai vuol dire
accogliere dei possibili propalatori o trafugatori di sistemi, di metodi
speciali, di formule segrete e di brevetti preziosi, dato che gli operai
possono domani abbandonare l’azienda od officina per recarsi in
un’altra.

2) Le maestranze sarebbero sempre più o meno malcontente degli operai
che le rappresenterebbero nel consiglio d’amministrazione.

In realtà, mi disse Notari, «negli industriali si manifesta una
irriducibile repugnanza ad avere al fianco l’operaio servitore o schiavo
di ieri».

Vecchia concezione medioevale del padrone capitalista chiuso coi suoi
amici azionisti nel ricco ed elegante studio che guarda attraverso gli
eleganti pizzi delle sue tendine il fiume nero degli operai che scorre
nelle vaste arterie della sua immensa fabbrica fra il rosseggiare degli
alti forni e le cataste di coke.

Ma l’ostilità — soggiungeva Notari — viene anche dagli operai, i quali
non comprendono assolutamente l’ascensione morale che l’azionariato
offre loro e sono d’altra parte sobillati dai capi e agitatori contro
l’azionariato stesso che tende a distruggere ogni loro ragione d’essere,
poichè addormenta la lotta di classe».

Notari conveniva con me che in fondo si tratta di ostacoli di un valore
molto relativo.



                                  19.


      Sintesi della concezione di Mazzini sulla proprietà e la sua
                            trasformazione.


La proprietà come è oggi costituita manca di qualsiasi titolo di
giustificazione.

Il valore di ogni proprietà è un prodotto sociale. Il possesso deve
essere legittimato da una sociale utilità. La legittima proprietà di
ogni bene non può spettare che alla collettività.

_Il lavoro deve con la libera associazione diventare padrone del suolo e
dei capitali d’Italia._

Il lavoratore non deve passare dal salario del privato a quello dello
stato (collettivismo), ma dello stato deve servirsi per elaborare il
nuovo ordinamento economico che lo libererà dallo sfruttamento.

Dobbiamo spingere lo stato a riconoscere il carattere e la funzione
sociale della Proprietà e quindi ad intervenire per una sempre più
giusta distribuzione di essa. Dobbiamo tendere alla nazionalizzazione
delle terre, delle acque e del sottosuolo.

Bisogna distinguere fra proprietà ed esercizio.

Bisogna sottrarre la proprietà all’arbitrio individuale. Ma non
affidarne l’esercizio allo stato.

Lo stato deve affermare in nome della collettività il diritto sociale
della proprietà.

L’esercizio deve essere affidato agli individui, gruppi, associazioni.

Quando lo stato avrà accettato il principio che _il valore e la funzione
della proprietà sono sociali_ bisognerà disporre perchè ogni terra dia
il suo massimo rendimento e perchè ogni braccio trovi occupazione
adeguata. Far passare le terre incolte dei latifondi e di tutti i
terreni che non rendono dalle mani degli attuali detentori a quelle dei
lavoratori in _enfiteusi_ o gruppo di affittanze collettive.

Il passaggio può farsi mediante esproprio o automaticamente; molto
meglio con l’abolizione del diritto di successione.



                                  20.


                 La riforma fondiaria di Henry George.


Il futurista Magamal riassume così le teorie di Henry George sulla
riforma fondiaria:

Soltanto in breve qui possiamo parlare della sua opera principale
_Progresso e povertà_, di cui il punto di partenza è appunto quel
problema sopraccennato della povertà crescente, nonostante il continuo
progresso materiale. Per quanto è possibile, lasceremo parlare Henry
George stesso:

«Dove sono le speranze del secolo passato, — dice George nel capitolo
d’introduzione — svegliate dalle nuove scoperte, che aumentano le forze
produttive della natura; la speranza, che la forza del vapore e
dell’elettricità fossero per dare a tutti gli uomini la possibilità di
vivere con una certa agiatezza? È evidente, purtroppo, che il progresso
dell’industria, o meglio il progresso materiale, non è stato capace
d’alzare il livello del benessere delle classi inferiori. La posizione
di queste classi, per contro, ha peggiorato precisamente sotto
l’influsso del così detto «progresso materiale».

«Le nuove forze, nonostante che abbiano la possibilità in sè di
inalzarsi, non influiscono sull’edificio sociale, cominciando dal di
sotto, come si sperava e si credeva durante lungo tempo, ma esse lo
colpiscono nel luogo che serve come punto medio fra la cima e la base. È
evidente, che un cuneo enorme è stato messo non sotto la società, ma
l’ha penetrato _in mezzo_. Quelli che sono _al di sotto_ del punto sono
stati abbassati più giù oppure addirittura ne sono schiacciati».

L’economia politica, benchè sia una scienza esatta, non ha potuto finora
scoprire la legge, che esprime questo fenomeno. Le varie scuole
d’economia si contradicono nelle loro risposte, benchè tutte riconoscano
la legge fondamentale, che sta alla base di ogni indagine economica: la
legge, che «gli uomini cercano di soddisfare i loro bisogni col minimo
sforzo possibile».

La produzione di una società è la somma delle ricchezze, prodotte da
essa, è il suo fondo comune. I suoi tre fattori sono la _terra_, il
_lavoro_ ed il _capitale_.

1. Il termine _terra_ abbraccia tutti i prodotti, tutte le forze, tutti
i vantaggi della natura preesistenti al lavoro umano.

2. Col termine _lavoro_ s’intende la somma di ogni attività umana,
fisica o spirituale, che sia diretta alla produzione dei beni e alla
utilizzazione della «terra».

3. Il _capitale_ è quella parte dei prodotti che si hanno dalla
combinazione del «lavoro» e della «terra», la quale parte non è
consumata immediatamente, ma è destinata come riserva o come strumento
per la produzione di altri beni. Il capitale non è una sorgente prima
della produzione; ma è uno strumento creato dallo spirito umano, per
rendere possibile la divisione del lavoro e una più intensa produzione.
«Il capitale è quella parte del lavoro umano che è immagazzinato,
affinchè serva ad un nuovo lavoro». Perciò la terra non è capitale.
Invece le case, le officine, le provviste, gli strumenti, le macchine,
ecc., sono inclusi nel concetto di «capitale».

Questi tre fattori: la _terra_, il _lavoro_ e il _capitale_ si
distribuiscono i prodotti di tutte le attività umane.

Il lavoro riceve il _salario_. È indifferente che si tratti di lavoro
fisico o spirituale; che la ricompensa sia data in una forma o in altra,
da parte di chi fa lavorare; che la ricompensa sia o non sia il frutto
di un lavoro libero. «Salario» è la ricompensa che si consegue in
qualsiasi forma per qualsiasi sforzo fisico o spirituale. Secondo H.
George, la teoria, che sia il capitale, donde si prende il salario, è
del tutto sbagliata. In realtà il salario, invece di essere preso dal
capitale, è preso dal prodotto del lavoro, per il quale esso è pagato:
_il salario è creato dal lavoro_. Guadagnare vuole dire creare. Ogni
lavoratore, compiendo il suo lavoro, si crea in realtà un _fondo_, donde
è preso il suo salario. Il capitale perciò non può limitare l’industria:
esso può soltanto determinare la sua forma, l’uso degli strumenti e la
divisione del lavoro. L’unica limitazione ha luogo, quando all’uomo non
è possibile il libero accesso alle ricchezze naturali della terra.

Nè può la pressione della popolazione crescente essere la causa della
tendenza del salario verso il minimo. Il secondo libro dell’opera
_Progresso e Povertà_ è dedicato a una dimostrazione chiarissima, che la
teoria di Malthus non è vera: la realtà non dà la prova, che mentre la
popolazione tende ad aumentare in proporzione geometrica, i mezzi di
esistenza non possano crescere che in proporzione aritmetica. Nè sono
giustificate le analogie dell’uomo coll’animale, che servono come
fondamento principale della teoria Malthusiana. Sì, è vero, che l’uomo è
un animale, «ma un animale più qualche altra cosa».

La causa del fenomeno, che il salario tende al minimo, deve essere
cercata non nelle leggi, che governano la produzione dei beni, ma nelle
leggi, che governano la _distribuzione_. Come avviene dunque la
distribuzione fra i tre fattori suddetti?

Il _salario_, il compenso per il lavoro, e l’_interesse_, l’indennità
per l’uso del capitale, cioè delle provviste e degli strumenti, non
hanno subìto, col crescere del progresso, nessun aumento. Per contro,
coloro che vivono soltanto col «salario» del lavoro si trovano nelle
condizioni peggiori. E se interroghiamo i capi delle iniziative
commerciali ed industriali, troveremo tutti concordi nel lamentare le
difficoltà che essi trovano nel ricavare dai loro impianti un
«interesse» abbastanza largo.

Da chi è assorbita la massima parte dei prodotti della civiltà? È
assorbita dal terzo fattore, sotto la forma della _rendita fondiaria_,
che è appunto quella parte della produzione che tocca a chi concede
l’uso della «terra» o delle forze della natura.

Ora questa rendita non è il risultato della attività dei singoli
proprietari; essa _è il prodotto di tutti i collaboratori della
produzione_. Ne segue la dottrina fondamentale di Henry George: _la
rendita fondiaria deve diventare proprietà sociale_.

George propone di sequestrare la rendita fondiaria, per gli scopi
sociali, per mezzo di una imposta, lasciando all’individuo il diritto di
godere dei miglioramenti, di cui egli è l’autore; tutte le altre tasse,
che ora aggravano l’industria; tutti i dazi, che impediscono il libero
scambio, debbono essere aboliti. Di qui il nome _«single-tax» league_,
che fu dato in molti paesi ai seguaci di H. George.

Il modo pratico di realizzare una tale riforma importante è esposto da
George in un modo completo; però, come vedremo subito, parlando dei suoi
seguaci presenti, ogni paese ha elaborato il suo programma, adattandolo
alle condizioni rispettive di ogni nazione.

La nostra patria ha avuto uno dei più grandi riformatori fondiari di cui
l’ideale era la creazione di una classe di _liberi contadini_.

Parlo di Tiberio Gracco, il quale insieme al fratello morì per il suo
ideale, rimasto finora senza realizzazione.

«Le bestie selvaggie hanno le loro caverne ed i loro giacigli; ma agli
uomini che lottano e muoiono per l’Italia non è rimasta che l’aria e la
luce del cielo». Ecco, con che parole Tiberio Gracco, secondo Plutarco,
invoca la giustizia per i lavoratori della terra.

È un fenomeno strano, che proprio nel paese di Tiberio Gracco le idee
del suo fratello spirituale George non abbiano svegliato l’attenzione
del pubblico. Quando nel 1909 Giovanni Carelli, l’autore sunnominato del
_Riscatto della Terra_, cominciò la sua propaganda di una riforma
fondiaria, non trovò, che una trentina d’aderenti, nonostante che i
primi numeri del suo organo _Terra_ fossero fatti in un modo molto
interessante contenendo varî articoli preziosi.

Non posso non nominare qui le opere di Achille Loria, il quale pure
preconizza un regime della terra libera; secondo lui «questo nuovo
ordinamento della proprietà non creerà già una nuova costituzione
economica — ciò che sarebbe inammissibile, perchè il diritto è impotente
a mutare i rapporti economici, dei quali invece è creatura e strumento —
ma darà riconoscimento e pacifico assetto ad uno stato di fatto, che è
imposto ormai dalla evoluzione economica e che si realizza, ad ogni
modo, con isfrenata veemenza, anche senza intervento di legge».

Interessante è poi il disegno di legge del Rinaldi, che propone che
tutte le terre pubbliche ancora esistenti in Italia, cioè quelle
appartenenti ai comuni (quelle soggette agli usi civili e quelle
patrimoniali), alle Opere Pie, agli enti ecclesiastici ancora conservati
e al patrimonio dello stato, vengano non già quotizzate, ma assegnate ai
poveri di ciascun comune riuniti in un ente giuridico sotto il nome di
comunanza agricola, al quale ente verrebbe concesso il diritto di
proprietà su queste terre, e dal quale queste terre verrebbero poi
concesse in affitto a chi ne ha il diritto.

Il progetto Tittoni, mirando ad una _forma demaniale ad uso comune_, il
qual progetto fu combattuto da Ferri, è pure di un certo interesse.
Sarebbe a desiderarsi, che per l’ordinamento fondiario nella Libia
l’Italia seguisse l’esempio dato dalla Germania nella colonia di
Kiautsciu e che «quell’onda di prevenzione, di animadversione e di
pauroso sospetto, che fluttua intorno all’opera dello scrittore
americano, trovi la sua bonaccia, e molti s’accostino ad osservare più
dappresso o senza passione, l’interessante edificio».

Tanto più, che questo è un edificio, di cui il fondamento fu messo
secoli fa. «Non dovete mai vendere la terra; perchè essa è _mia_; voi
siete soltanto i miei ospiti e vassalli» (3 Mos. 25,23) leggiamo nella
Bibbia, e tutti i profeti israeliti erano in un certo senso riformatori
fondiari, come lo erano pure gli antichi Brahmini, di cui il proverbio:
«A chi appartiene la terra, a colui appartengono purtroppo le sue
frutta» contiene la verità centrale delle teorie di Henry George.



                                  21.


                         Denaro ai combattenti!


È assolutamente urgente che l’Italia offra con una sufficiente somma di
denaro un ponte fra guerra e pace a tutti i combattenti.

Questi benemeriti, questi vincitori non devono in alcun modo sentire i
danni di essersi battuti, di essere stati lontani dalla vita nazionale.
Sarebbe il più sudicio e vigliacco dei tradimenti. Sarebbe il più
funesto degli errori.

Purtroppo fino ad oggi i provvedimenti sono assolutamente meschini. Lo
stesso avviene in Francia. Eppure occorre trovare i denari per la Pace,
dopo aver trovato quelli per la guerra.

Bisogna che gli uomini di governo siano energici e al di fuori di ogni
pressione personale, senza alcun rispetto a interessi particolaristici.

Si dichiara che l’erario è esaurito e non ha possibilità di nuovi
prestiti (eppure la nostra grande vittoria che ci centuplica dovrebbe
essere una garanzia poderosa); ebbene eccovi due soluzioni:

                             1ª Soluzione:

_Vendiamo il patrimonio artistico!_

Si dice che noi siamo un popolo a tutti superiore per il suo genio
elastico e creatore, il suo eroismo e per la sua giovanile resistenza
muscolare, ma disgraziatamente povero.

No. Non è povero, il popolo italiano. Noi futuristi affermiamo che il
popolo italiano è il più ricco della terra, poichè possiede un
incalcolabile capitale inutilizzato, costituito dall’enorme patrimonio
delle opere d’arte antiche ammucchiate nei suoi musei. Di questo
patrimonio artistico, noi proponiamo senz’altro al Governo la vendita
graduale e sapiente. Dato che soltanto le Gallerie degli Uffizi e Pitti
furono valutate più di un miliardo, l’Italia sarà in pochi anni
abbastanza ricca per:

1) avere la prima marina mercantile del mondo;

2) avere una grande navigazione fluviale;

3) intensificare decisamente tutte le industrie esistenti, e creare
immediatamente le mancanti;

4) sviluppare fino al rendimento massimo l’agricoltura e sanare tutte le
zone malariche;

5) vincere completamente l’analfabetismo;

6) abolire totalmente ogni imposta per venti anni almeno;

7) dare un utile compenso ai combattenti.

Prevediamo tutte le obbiezioni e le distruggiamo: La vendita del nostro
patrimonio artistico, ben lungi dal diminuire il nostro prestigio,
dimostrerà al mondo che un popolo giovane e sicuro del proprio avvenire
ne sa affrontare tutti i problemi, trasformando in forze vive le sue
ricchezze morte, come un aristocratico intelligente rinuncia ad ogni
fasto vano e lancia il proprio oro nell’industria.

Sarà altamente patriottico il gesto col quale l’Italia, rompendo vecchie
catene tradizionali e sentimentali, trasformerà le sue vecchie tele e i
suoi vecchi marmi in acciaio utile, veloce e dominatore. D’altra parte,
le nostre opere d’arte antiche, vendute in America, in Inghilterra, in
Russia o in Francia, diventeranno la più efficace delle _réclames_ al
genio creatore della nostra razza.

Genio inesauribile, questo, poichè si manifestò oggi nel nostro grande
esercito improvvisato che vinse, in matematica militare e in eroismo
garibaldino, un esercito agguerrito e preparato in più di 40 anni. I
nostri eroi del Carso, dell’Isonzo e del Trentino hanno cento volte
sorpassato in grandezza tutti gli eroi romani. Non viviamo dunque più
del nostro passato; non siamo più soltanto «figli di grandi uomini»; il
nostro prestigio presente ci garantisce una illimitata grandezza futura.

Siamo il popolo più artista della terra. Nessuno perciò potrà dubitare
che dopo la nostra grande vittoria sapremo anche conquistare un assoluto
primato artistico. Il nostro glorioso Rinascimento sarà superato
dall’arte italiana di domani.

Si obietterà anche che questa vendita allontanerà dall’Italia il fiume
rimunerativo dei visitatori stranieri. Non vogliamo discutere qui
sull’utilità dell’industria dei forestieri, che pur regalando all’Italia
molti milioni, è tanto aleatoria da poter cessare per un caso isolato di
colera o per una scossa di terremoto, ed è sempre dannosa poichè
snazionalizza e umilia il nostro paese, lo riempie di spie e trasforma
un terzo degl’italiani in albergatori, in ciceroni e in _boys_ d’hôtel.

Dichiariamo soltanto che i forestieri verranno sempre, purtroppo, in
gran numero in Italia, poichè la nostra penisola ha il clima più dolce,
il cielo più bello, la massima varietà di paesaggi, ed è insomma il
riassunto meraviglioso di tutte le bellezze della Terra. Siccome la
vendita delle nostre opere d’arte antiche sarà necessariamente graduale,
i forestieri, per molto tempo, se ne accorgeranno appena. Essi
troveranno sempre ad ogni modo, sul nostro suolo, torri, mura, chiese e
palazzi da ammirare.

D’altra parte, tutti i nostri vecchi quadri e le nostre vecchie statue
vanno continuamente decadendo in una lenta agonia e sono destinate a
perire. La loro vendita dunque s’impone a un popolo come l’italiano,
praticissimo, il quale deve fare oggi ciò che domani si farebbe con
vantaggio assai minore.

La vendita dovrà essere fatta con somma perizia e abilità. Ne affideremo
volentieri la direzione ai più illustri nostri cultori e critici d’arte,
che ne regoleranno la valutazione sul mercato mondiale, mantenendone
alti i prezzi e imponendo in ogni contratto delle clausole di riscatto.
Nessuno vieterà all’Italia, ingigantita da queste utili vendite, di
riacquistare più tardi ciò che fu venduto.

Un’altra obiezione può essere questa: Non si devono privare gl’italiani
del piacere di godere in casa loro le opere dei nostri grandi antenati.
Rispondiamo. È assurdo che su 40 milioni d’italiani, i 39 milioni che
sono incapaci o non hanno tempo di amare le opere d’arte antiche
continuino ad essere esauriti, e fors’anche esasperati fino alla
rivolta, da sempre più gravose imposte, mentre il paese possiede un
colossale capitale artistico praticamente trasformabile in tanto oro.

Supponendo nella maggioranza incolta della popolazione italiana una
sempre crescente possibilità e passione di gustare il possesso delle
opere d’arte antiche, noi proponiamo che una piccola parte del prodotto
della vendita sia consacrata a nuovi e più profondi lavori di scavi
archeologici, i quali riempiranno certo, in pochi anni, i vuoti dei
nostri musei e delle nostre piazze con innumerevoli altre opere d’arte
antiche. Possiamo infatti affermare senza ombra di paradosso o d’ironia
che mentre gli altri paesi posseggono miniere di carbone, di ferro o
d’oro, il nostro possiede le più inesauribili miniere archeologiche. Il
sottosuolo di Roma, quello dell’Umbria, della Toscana, della Campania e
della Sicilia, possono diventare le nostre Cardiff, le nostre Westfalie,
il nostro Capo di Buona Speranza. Certe zone saranno meno fruttifere, ma
anche per quelle si tratta di lavoro, e io non esito ad affermare che a
tre o quattrocento metri sotto la mia Casa Rossa, a Milano, dorme un
prezioso, elegante e nostalgico Tempio di Venere. Il passato
galvanizzato così, risorgerà per partecipare al gran progresso
nazionale. I nostri grandi avi pittori e scultori, da Giotto a
Botticelli, a Cellini, a Michelangelo, a Raffaello, parteciperanno alla
nostra vita formidabile, ombre di futuristi geniali del loro tempo,
finalmente liberate dalla muffa e dal tedio dei musei.

Queste idee, d’un futurismo moderato, che io comunicai nel 1913 allo
_Standard_ di Londra, e nelle quali il mio intervistatore inglese trovò
allora qualche cosa di vero, di pratico e di patriottico, potevano
sembrare, in tempo di pace, audaci e divertenti paradossi. Oggi, dopo la
grande vittoria noi sentiamo il dovere di proporre al Governo italiano
la vendita graduale e sapiente delle nostre opere d’arte antiche, come
una soluzione razionale del compenso ai combattenti.

                             2ª Soluzione:

_Sequestriamo due terzi dei guadagni ai fornitori._

Il futurista Settimelli dice:

Bisogna colpire subito i fulminei esagerati guadagni dei fornitori.

Ragioni sopratutto sentimentali ci spingono a far gravare la mano —
prima che su ogni altro proprietario — sui fornitori militari.

Nessuna ricchezza potrà oggi essere ingiusta di fronte al combattente
come quella accumulata in occasione della stessa guerra che gli ha
portato disagi, ferite, sacrifici, pericoli d’ogni sorta.

Afferma giustamente Léon Daudet: «L’arco di trionfo non è tutto!».

E nemmeno i paroloni di riconoscenza. Occorre del buon pane, del buon
vino, del buon panno a questi quattro milioni di maschi italiani che
hanno salvata e ingigantita la loro patria e che oggi le sono più che
mai indispensabili.

Troppe automobili da passeggio per neo-milionarie, troppi sfarzi son
sbocciati fuori dalle lunghe teorie dei rudi carriaggi da guerra!

Signori del governo, trasformate questo lusso in denaro per i
combattenti, date all’Italia questa eleganza più grezza ma più sana!

Denaro, denaro, denaro per i vincitori! Non è un’elemosina, ma il
riconoscimento di un sacrosanto diritto che nessuno e nessuna forza
potrà togliere loro. _Non è possibile truffare il Destino._

All’opera, signori del governo, finchè siete in tempo!

Il nostro _manifesto politico_ esige: il sequestro dei due terzi di
tutte le sostanze guadagnate con forniture di guerra.

Costituzione di un patrimonio agrario dei combattenti. Occorre
acquistare una determinata quantità della proprietà terriera d’Italia,
pagandola a prezzi da fissarsi con criterii speciali, e darla, con le
debite cautele e riserve, ai combattenti, o, in caso di loro
soccombenza, alle famiglie superstiti.

Al pagamento delle terre così acquistate deve provvedere la Nazione
intera, senza distinzione di classe, ma con distinzione progressiva di
posizione finanziaria, con elargizioni volontarie e con imposte.

Il pagamento delle terre occorrenti potrebbe estinguersi entro
cinquant’anni dallo spossessamento, in modo che il contributo della
Nazione, sotto forma di elargizione o di imposta, sarebbe minimo.
Rientrino, se ve ne sono, nel patrimonio agrario dei combattenti, le
terre espropriate per debito d’imposta.

Tutti i lavoratori manuali che avranno prestato servizio militare nella
zona delle operazioni dovranno essere inscritti per cura dello stato
nella «Cassa Nazionale di previdenza per la invalidità e la vecchiaia
degli operai» a far data dal primo giorno del loro effettivo servizio.
Lo stato dovrà pagare i contributi annuali per tutta la durata della
guerra. L’iscrizione dei militari combattenti alla «Cassa Nazionale»
avverrà d’ufficio e sarà posta a carico dello stato per tutto il periodo
corrispondente al servizio militare, produrrà un onere continuativo a
carico degli interessati per tutto il resto della loro vita.

L’assegno congiunto alla concessione di medaglie al valor militare sarà
triplicato, — Il limite di età stabilito nei corsi sarà prolungato per i
reduci della zona delle operazioni di un tempo equivalente alla durata
della guerra. — Ai reduci dalla zona delle operazioni, quando ottengono
un pubblico impiego, saranno computati il servizio militare e le
campagne agli effetti dell’anzianità e della pensione, provvedendo lo
stato, quando ne sia il caso, ai versamenti alla Cassa Pensioni per il
tempo passato dal militare sotto le armi. Per dieci anni dopo la guerra
le amministrazioni dovranno alternare concorsi liberi, con concorsi
esclusivamente riservati ad reduci della zona delle operazioni ed ai
mutilati di guerra fisicamente suscettibili del servizio richiesto.

Preparazione della futura socializzazione delle terre con un vasto
demanio mediante le proprietà delle Opere Pie, degli Enti Pubblici e con
la espropriazione di tutte le terre incolte e mal coltivate. Energica
tassazione dei beni ereditari e limitazioni di gradi successorii.

Sistema tributario fondato sulla imposta diretta e progressiva con
accertamento integrale. Libertà di sciopero, di riunione, di
organizzazione, di stampa. Trasformazione ed epurazione della Polizia.
Abolizione della Polizia segreta. Abolizione dell’intervento
dell’esercito per ristabilire l’ordine.

Giustizia gratuita e giudice eletto dal popolo.

I minimi salari elevati in rapporto alle necessità della esistenza.
Massimo legale di 8 ore di lavoro. Parificazione ad eguale lavoro delle
mercedi femminili con le mercedi maschili. Leggi eque nel contratto di
lavoro individuale e collettivo. Trasformazione della Beneficenza in
assistenza e previdenza sociale. Pensioni operaie.

Industrializzazione e modernizzazione delle città morte che vivono
tuttora del loro passato. Svalutazione della pericolosa e aleatoria
industria del forestiero.

Sviluppo della marina mercantile e della navigazione fluviale.
Canalizzazione delle acque e bonifiche delle terre malariche. Mettere in
valore tutte le forze e le ricchezze del paese. Frenare l’emigrazione.
Nazionalizzare, utilizzare tutte le acque e tutte le miniere. Concederne
lo sfruttamento a enti pubblici locali. Agevolazioni all’industria e
all’agricoltura cooperative. Difesa dei consumatori.



                                  22.


  Abolizione della coscrizione, esercito volontario, scuole di forza,
         coraggio e patriottismo; corsi di strategia e d’armi.


Dopo lo smembramento dell’impero austroungarico e lo sfasciamento del
suo esercito noi proponiamo senz’altro l’abolizione della coscrizione
che la conflagrazione ha dimostrato assolutamente inadatta a preparare
la vittoria.

Crediamo che bisogni rimpiazzarla con un indirizzo sistematicamente
sportivo, pratico e tecnico da darsi alle scuole. Istituiremo delle
scuole di forza fisica, di coraggio e di patriottismo concreto che
producano dei giovani agilizzati e rinforzati simili a quelli usciti
senza malattie, senza gravi ferite dalla guerra di trincea. Non crediamo
che occorra la vita assurda, deformata, esasperata, contorta, di tre
anni sopportati nel sudiciume delle Caserme per formare lo spirito
militare. Il giovane italiano non ha bisogno di 3 anni di scuola a piedi
abbrutente per imparare ad andare all’assalto e a circondare una
mitragliatrice nemica.

L’esercito è una costruzione medioevale che è stata quasi radicalmente
deformata e spaccata per vincere la guerra.

È tempo che si concepisca nettamente la possibilità di una guerra fuori
dal concetto di esercito.

Le scuole di forza, coraggio, patriottismo che noi vogliamo istituire
devono essere concepite fuori della vecchia mentalità del dovere pesante
e della disciplina monotona. Con una giocondità primaverile di gioventù
che si diverte, giuoca, e involontariamente perfeziona così la potenza
dei muscoli addestrandosi allegramente a scattare in avanti, a correre,
a irrigidirsi, a snodarsi, per evitare una legnata, prendere a volo un
oggetto lanciato, traversare un fiume a nuoto, saltare un ruscello,
superare un muro, arrampicarsi, ecc.

Queste scuole devono dare agli adolescenti l’orgoglio del proprio corpo,
della propria salute fisica e della propria bellezza muscolare. Da
queste scuole devono uscire dei giovani muscolosi, agili e belli che
sappiano non soltanto leggere e scrivere, ma anche atterrare un
aggressore, salire su un albero velocemente, considerare il coraggio
come la virtù essenziale dell’uomo, la vigliaccheria come il peggiore
delitto, e la qualità d’italiano come un titolo di nobiltà.

Fra questi giovani sarà facile reclutare un piccolo corpo coloniale
volontario con un pratico sistema di quadri elastici adatti a formare i
quadri delle grandi armate improvvisabili in caso di guerra.

Non credo alla utilità della vasta, ingombrante costruzione pletorica e
passatista che si chiama _lo stato maggiore_. Dei generali geniali e
decisivi come _Badoglio_ e _Pétain_ benchè venuti dallo Stato Maggiore,
ne dimenticarono sistematicamente la vecchia dottrina durante questi 4
anni di guerra, sviluppando il loro ingegno strategico e il loro esperto
maneggio di fanterie e di cannoni nell’esperienza quotidiana, caso per
caso, osservando la linea, contrapponendo astuzie ad astuzie,
perfezionamenti a perfezionamenti.

Il generale Caviglia e il geniale Foch si dimostrarono grandi
condottieri perchè unicamente preoccupati di agire con buon senso
antiscolastico, risolvendo tutti i problemi con un ingegno ancora
giovanile che aveva saputo resistere ai pedanteschi insegnamenti dello
Stato Maggiore e della Scuola di guerra.

Quattro anni di guerra ci hanno dimostrato che la cavalleria nel suo
stato attuale non può avere che una funzione decorativa da parata o da
torneo medioevale.

Enorme paralitico e paralizzante bersaglio offerto alle artiglierie
nemiche e senza vera potenza offensiva.

Impiegare delle masse di cavalleria non può divertire che un cervello da
macellaio.

Impiegare la cavalleria per squadroni o per plotoni in azioni di
molestia o di collegamento equivale a dichiarare il fallimento della
cavalleria.

Questa guerra ha assolutamente svalutato il cavallo. Prima, nei periodi
di lotta di trincea, e ultimamente nell’ultima meravigliosa nostra
offensiva manovrata.

Il fucile essendo stato quasi altrettanto svalutato che il cavallo e la
guerra futura non potendo essere che una guerra di mitragliatrici, noi
giungiamo al concetto di creare degli squadroni di mitraglieri a
cavallo, utilizzando così il cavallo a portare celermente in punti
lontani il maggior numero possibile di mitragliatrici. In una possibile
guerra futura avranno perciò parte preponderante i mitraglieri ciclisti,
le auto-mitragliatrici blindate, oltre le artiglierie.

Perchè eventualmente domani delle armate così concepite siano facilmente
improvvisate occorre che l’educazione sia imperniata oltre che sulla
ginnastica e i giuochi sportivi anche sulla scienza meccanica.

Occorre inoltre istituire delle scuole di strategia e d’armi dove tutti
i cittadini siano tenuti al corrente dei continui perfezionamenti di
tutti gli ordigni di guerra.



                                  23.


Il cittadino eroico, l’abolizione delle polizie e le scuole di coraggio.


Tutto l’attuale sistema d’ordine è assolutamente bacato, reazionario,
inefficace, balordo e spesso criminale.

Abolirlo, dunque, _al più presto_.

In massima ogni cittadino _deve_ sapere difendersi. Lo stato _deve_
intervenire soltanto in casi eccezionali per difendere l’individuo. Il
principio del libero cazzotto, dosato e frenato da multe, esiste di già
in America e in Inghilterra.

Le sommosse, le agitazioni di folla quando sono assolutamente assurde e
senza la più piccola parte di vero diritto devono essere frenate,
soffocate o spente ma senza intervento militare.

Bastano dei potenti getti d’acqua di pompieri. Se l’incendio prende
proporzioni enormi vuol dire che c’è molta legna secca da ardere e che
tutto _deve_ bruciare.

I pompieri rientreranno con le pompe e lasceranno assoluta libertà al
fuoco.

È assurdo che lo stato debba continuamente intervenire per difendere lo
zotico, il lento, il cretino rapace che si lascia prendere dalla solita
truffa all’americana.

Questo zotico rapace è molto più disprezzabile che _il ladro stesso_.

Non abbiamo nessuna compassione per un’altra categoria di cittadini
lenti, podagrosi, e privi di agilità vitale che io chiamerei gli
scimmioni di biblioteca.

Lo scimmione di biblioteca e lo scimmione della campagna _devono_
sparire. Difenderli dalle aggressioni possibili non può essere che una
immoralità.

Che ne dite per esempio di quel progetto futurista che consiste
nell’introdurre in tutte le scuole un corso regolare di rischi e di
pericoli fisici? I ragazzi saranno sottoposti indipendentemente dalla
loro volontà alla necessità di affrontare continuamente una serie di
pericoli sempre più terribili l’uno dell’altro sapientemente preparati e
sempre più imprevisti come: Un incendio, un annegamento, un diluvio
d’acqua, lo sprofondamento di Un impiantito o il crollo di un soffitto.

Il coraggio è la materia prima, la materia essenziale perchè secondo la
grande speranza futurista tutte le autorità, tutti i diritti, tutti i
poteri, siano brutalmente strappati ai morti e ai moribondi e dati ai
giovani fra i venti e i quarant’anni.

Propongo l’abolizione delle attuali polizie. Rimpiazzarle con un corpo
di cittadini scelti rimuneratissimi e poco numerosi che interverranno
soltanto in casi eccezionali portando specialmente il peso della loro
autorità e _mai_ quello delle manette.

Propongo inoltre delle vere scuole di coraggio fisico, per addestrare la
prima adolescenza ad affrontare con disinvoltura e superare _ogni
pericolo senza mai domandare aiuto e senza contare sulla forza
pubblica_. Questo coraggio diventato un’abitudine profonda diminuirà
singolarmente le aggressioni che in un paese di coraggiosi tenderebbero
fatalmente a sparire.

I nostri principî futuristi sono l’amore del progresso, della libertà,
del pericolo, la propaganda del coraggio e l’eroismo quotidiano.

Nostri grandi nemici: tradizionalismo, mediocrismo e vigliaccheria.

Da un lucido amore del pericolo, da un coraggio consuetudinario e da un
eroismo quotidiano scaturiscono appunto — naturalmente — la necessità
immediata e la bellezza della violenza.

Io vi parlo di tutto ciò in una forma assolutamente apolitica, alla
quale voi senza dubbio siete poco abituati; e vi sguaino senza altri
preamboli il mio pensiero, che voi potrete anche prendere per un
consiglio ad agire.

Non ignoro le prevenzioni accumulate in voi contro di noi futuristi,
dalle più o meno allegre chiacchiere dei giornali mercenarî, custodi
eunuchi della mediocrazia e del misoneismo italiani.

Forse non avete ancora un concetto esatto di ciò che siamo e di quel che
vogliamo....

Immaginate nella malinconica e stagnante repubblica delle lettere e
delle arti un gruppo di giovani, assolutamente ribelle e demolitore,
che, stanco di adorare il passato, nauseato dal pedantismo accademico,
avido di originalità temeraria, e anelante verso una vita libera
avventurosa, energica e quotidianamente eroica, vuol sgombrare l’anima
italiana da quel cumolo di pregiudizî, di luoghi comuni, di rispetti e
di venerazioni, che noi chiamiamo _il passatismo_.

Ci consideriamo come l’acido nitrico distruttore che è bene gettare su
tutti i partiti, già in putrefazione.

Nel nostro Manifesto futurista, pubblicato 11 anni fa dal _Figaro_ di
Parigi, noi esaltammo ad un tempo il Patriottismo, la Guerra — sola
igiene del mondo — il gesto distruttore dei libertarî, e le belle idee
per cui si muore, gloriosamente opposte alle brutte idee per cui si
vive.

Certo, questi principii e queste parole non ebbero mai, fino ad ora,
alcun contatto fra di loro.

Voi foste abituati a considerare il patriottismo e la guerra come
assolutamente contrarii alla idea anarchica, che fece esplodere tante
vite, per la conquista di una maggiore libertà.

Affermo che queste due entità apparentemente contradittorie: la
collettività e l’individuo, si compenetrano intimamente. Lo sviluppo
della collettività non è forse infatti il risultato degli sforzi e delle
iniziative particolari? — Così, la prosperità di una nazione è prodotta
dall’antagonismo e dall’emulazione dei molteplici organismi che la
compongono.

Ugualmente la concorrenza industriale e militare che si stabilisce fra i
diversi popoli è un elemento necessario al progresso dell’umanità. Una
nazione forte può contenere ad un tempo dei reggimenti ebbri di un
patriottico entusiasmo e dei refrattarî assetati di ribellione! Sono,
queste, due canalizzazioni differenti del medesimo istinto di coraggio,
di potenza e di energia.

Il gesto distruttore dell’anarchico non è forse un richiamo assurdo e
bello verso l’ideale dell’impossibile giustizia?

Non è forse una barriera opposta alla tracotanza invadente delle classi
dominatrici e vittoriose? Per conto mio, preferisco la bomba di un
anarchico, allo strisciare del borghese che si nasconde nel momento del
pericolo, o all’egoismo vile del contadino che si mùtila per non servire
il proprio paese.

Quanto all’elogio della guerra, non costituisce certo, come si è
preteso, una contradizione coi nostri ideali, nè implica un regresso
verso le epoche barbare. A chi ci rivolge accuse simili, noi rispondiamo
che alte questioni di salute e di igiene morale dovevano necessariamente
esser risolte _appunto per mezzo della guerra_, prima di qualsiasi
altra. — La vita della nazione non è forse simile a quella
dell’individuo che combatte le infezioni e le pletore mediante la doccia
o il salasso? Anche i popoli, affermiamo noi, devono seguire una
costante igiene di eroismo, e concedersi gloriose docce di sangue!

E le conseguenze? mi direte voi.... Le conosciamo! Sappiamo che un
periodo di miseria segue inevitabilmente la guerra, qualunque sia
l’esito di essa. Periodo assai breve, però, quando la guerra sia
vittoriosa, e meno lungo di quanto credete, nel caso di una sconfitta.

Ora, non abbiamo forse, senza luce di gloria, dei simili periodi di
miseria, per effetto di una semplice crisi di borsa o di un basso giuoco
di agiotaggio? Via! Bando a questi sentimenti usurai!.... Non avrete
dunque più altro ideale che quello della comodità e del quieto vivere?

Voi avete disgraziatamente imparate dal giolittismo (anteguerra) e dal
bissolatismo (dopo guerra) la nefasta e ridicola ricetta della pace
usuraia e mercantile e paurosa.

Noi sosteniamo invece e propugnamo la doppia preparazione della guerra e
della rivoluzione, nel cerchio di un patriottismo più intenso, sotto il
divino nome d’Italia, scritto nel nostro cielo dai rossi vapori di un
nuovo coraggio italiano.

Noi crediamo che soltanto l’amore del pericolo e l’eroismo, possano
purificare e rigenerare la nostra razza.

Quelli fra voi che sono più ligi alla tradizione mi obietteranno che un
simile programma intellettuale rimarrà fatalmente allo stato di utopia e
di paradosso vano.

Arturo Labriola stigmatizzava in noi futuristi, poeti e pittori, la
nostra tendenza a mescolare l’arte e la politica, per difendere
l’orgoglio nazionale e favorire, insieme, il movimento ascensionale del
proletariato.

Arturo Labriola mi sembra sia incorso in un pregiudizio, abbastanza
naturale, data la novità, nella storia, del nostro atteggiamento.

Provatevi infatti a rispondere a questa mia domanda:

— Dal momento che noi dobbiamo a parecchie generazioni di uomini
politici lo stato spaventoso di corruzione, di opportunismo e di comodo
scetticismo affaristico nel quale è caduto a poco a poco il
parlamentarismo italiano, noi, poeti ed artisti, che soli abbiamo
conservato — per quella che io chiamerei una assoluta mancanza di
mercato rimunerativo — la fiamma di un disinteresse assoluto, sotto la
luce acciecante di un ideale di bellezza irraggiungibile, — noi che
scriviamo versi, dipingiamo quadri, componiamo musiche, senza speranza
di guadagno sufficiente, non abbiamo forse, noi, il diritto d’insegnare
il disinteresse? E perchè non dovrebbe dunque essere permesso, a noi, di
scacciare i mercanti dal tempio e di offrire i nostri muscoli e i nostri
cuori all’Italia, in nome dell’arte?

Ci credete forse incapaci di praticità politica, per eccesso di
fantasia? Certo non potremo, malgrado tutte le nostre leggerezze
artistiche, far peggio dei nostri predecessori. Del resto, noi ci
crediamo attesi dalla storia. Avrete senza dubbio notato, nello
svolgersi degli avvenimenti umani, che ad un periodo di violenza
idealistica e generosa succede sempre un periodo di mercantilismo
egoistico ed avaro, come quello che attraversiamo.

Ora, noi vogliamo risuscitare lo sforzo passionale e temerario della
razza che seppe realizzare l’indipendenza italiana, e faremo ciò senza
l’eccitante alcool delle bandiere spiegate e delle rosse fanfare, noi,
poeti ed artisti; senza ricorrere a nuovi sistemi politici, e solo
spargendo il fuoco di un entusiasmo inestinguibile in questa Italia che
non deve cadere nelle mani di scettici e d’ironici, solo elettrizzando
di un coraggio accanito questa Italia che appartiene ai combattenti!

Voi mi direte, seguendo gl’insegnamenti di Giorgio Sorel, che nulla è
più pericoloso degli intellettuali per gl’interessi del proletariato
rivoluzionario. Ed avrete ragione, poichè oggi intellettualità e cultura
sono sinonimi di rapacità egoistica e di oscurantismo retrogrado.

Ma noi artisti non siamo i così detti intellettuali. Siamo soprattutto
dei cuori palpitanti, dei fasci di nervi in vibrazione, degli istintivi,
degli esseri governati solo dalla divina, ubbriacante intuizione, e
crediamo di essere, o siamo, tutti accesi del così detto fuoco sacro.

Abbiamo attraversato, senza fermarci, le catacombe dell’erudizione
pedantesca; sappiamo quel tanto che basta per camminare, senza
inciampare, e non inciamperemmo mai, anche se fossimo meno colti, poichè
siamo dotati del sicuro fiuto della gioventù.

Alla gioventù noi accordiamo tutti i diritti e tutte le autorità, che
neghiamo e vogliamo strappare brutalmente ai vecchi, ai moribondi ed ai
morti.

Il Futurismo proclama così il necessario intervento degli artisti nelle
cose pubbliche, _per fare finalmente del governo_ un’arte
disinteressata, al posto di quello che è ora una pedantesca scienza del
furto.

Ma vi sento già mormorare della nostra inesperienza tecnica. Eh! via!...
non dimenticate che la razza italiana non sa produrre, in realtà, che
dei grandi artisti e dei grandi poeti, ai quali certo non può essere
impossibile l’istruirsi rapidamente, in pochi mesi d’osservazione, della
meccanica parlamentare.

Io credo che il parlamentarismo, istituzione politica fallace e caduca,
sia destinata fatalmente a perire. Io credo, che la politica italiana
vedrà inevitabilmente precipitare la sua agonia, se non si piegherà a
sostituire degli artisti — ingegni creatori — alla classe degli avvocati
— ingegni dissolventi e palliativi — che l’hanno monopolizzato fino ad
ora, manifestandovi oltre misura la loro funzione specifica, che
consiste nello sfruttar bene e nel vendere il loro cervello e la loro
parola.

Quindi, è specialmente dallo spirito avvocatesco, che noi vogliamo
liberare la vita politica italiana. Ed è perciò che noi combattiamo
energicamente gli avvocati del popolo, e in genere tutti
gl’intermediari, i mezzani, i mediatori, tutti i grandi cuochi della
felicità universale, particolarmente nemici di ogni violenza, ignobili
maestri di diplomazia bassa, che noi riputiamo dannosi ed ingombranti
nell’ascensione della maggiore libertà.

La loro presenza è diventata ormai goffa e ridicola in questa nostra
vita ferrea e convulsa, ebbra di una frenetica ambizione e sulla quale
giganteggia la nuova e tremenda divinità del pericolo.

Le forze oscure della Natura, prese nei lacci e nelle reti delle formole
chimiche e meccaniche, e così asservite all’uomo, si vendicano
terribilmente, balzandoci alla gola con la selvaggia irruenza dei cani
arrabbiati.

Ben lo sapete, voi, operai degli arsenali, fuochisti dei transatlantici,
marinai dei sottomarini, operai delle acciaierie e dei gasometri!

Mi sembra inutile dimostrarvi qui come, per lo sviluppo fulmineo della
scienza, per la prodigiosa conquista delle velocità terrestri ed aeree,
la vita essendo diventata sempre più tragica, e l’ideale di una serenità
georgica essendo ormai definitivamente tramontato, convenga oggi che il
cuore dell’uomo si famigliarizzi sempre più col pericolo immanente, per
modo che le generazioni future possano essere ringagliardite da un vero
amore di questo pericolo.

Il progresso umano esige sempre più delle anime da giocatori d’azzardo,
dei fiuti da segugi, delle intuizioni temerarie da aviatori, delle
sensibilità medianiche, delle divinazioni da poeta.

La complessità psichica del mondo è singolarmente aumentata per
l’accumularsi delle esperienze fornite dalla storia, per la corrosione
continua e il controllo eccitante che la stampa va operando.

La febbrilità e l’instabilità delle razze sono divenute tali da
sconvolgere ogni calcolo di probabilità storica.

Potrei anche parlarvi del logorio che hanno subìto tutte le vecchie
formole sintetiche che influenzavano il movimento dei popoli, tutte le
ricette e le panacee di sicura e immediata felicità.

È ormai profonda in noi la convinzione che tutto si complica, che ogni
semplificazione ideologica, dimostrativa o amministrativa è illusoria, e
che _l’ordine assoluto in materia politica_ o sociale è assurdo.

Siamo giunti alla necessità di accettare in noi e fuori di noi la
_convivenza degli elementi più contradittorî_.

Il popolo non potrà per nessuna forza, per nessuna volontà, rinunciare
mai alle sue libertà conquistate. Rinunciarvi, sarebbe come volersi
servire della diligenza, ora che le reti ferroviarie hanno rimpicciolito
e offerto il mondo ad ogni singolo cittadino, come un giocattolo da
palleggiare e da osservare.

Queste libertà individuali, che ingigantiscono nel loro sviluppo verso
una possibile e desiderabile anarchia, debbono coesistere con un
principio di autorità. Questo, per meglio salvaguardare le singole
libertà, tende a distruggerle.

Vi è dunque una convivenza ed insieme una lotta salutare di principî
ostili, come fra i diversi elementi che compongono il sangue dell’uomo.
Cosicchè l’Italia dovrà sempre più attivare in sè il doppio fervore di
una possibile rivoluzione proletaria e di una possibile guerra.

Tra il popolo, sinonimo di libertà crescente, e il governo, sinonimo di
autorità decrescente, corrono in certo modo i rapporti, amichevoli e
antagonistici insieme, che corrono tra il proprietario e gl’inquilini di
una casa.

Vi è infatti qualche cosa di simile tra una rivoluzione contro un
governo colpevole di tirannide o d’incapacità, e il brusco trasloco di
un inquilino, quando il suo padrone di casa rifiuta di fare le
riparazioni necessarie contro le invasioni della pioggia, del vento e
del fulmine, o quando egli non seppe difendere i proprî inquilini dai
ladri notturni.

In quest’ultimo caso, come l’inquilino scinde il contratto, così il
popolo fa la rivoluzione.

Bisogna che ogni italiano concepisca nettamente il fondersi di queste
due idee: rivoluzione e guerra, distruggendo la stupida rettorica
paurosa che le avvolge di orrore, esaltando in sè e fuori di sè l’idea
di lotta e il disprezzo della vita, che solo può sublimare l’uomo, dando
il massimo splendore e il massimo valore ad ogni attimo vissuto.

Io credo infatti che non importasse salvare la vita di Francisco Ferrer,
chiusa da una veglia e da una morte eroiche, che hanno generato la
volontà liberatrice di Canalejas, — mentre era necessario impedire ad
ogni costo un nuovo trionfo dell’oscurantismo clericale.

Disgraziatamente, la scuola, inquinata dalla morale cristiana, che esige
lo stupido perdono delle offese, degenerato in vigliaccheria
sistematica, lavora assiduamente alla evirazione della razza.

Null’altro s’insegna oggi in Italia, se non l’obbedienza supina, e la
paura davanti al dolore fisico, e questo avviene con la tremante
collaborazione delle madri italiane, le quali certo non son fatte per
preparare dei soldati, nè dei rivoluzionari.

Noi futuristi esaltiamo dovunque, con la parola e con l’esempio, la
necessità di un’attivissima propaganda di coraggio personale.

Vogliamo che uno spirito di rivolta e di guerra circoli come un sangue
impetuoso nella gioventù italiana.

La nazione, che ha origine violenta, non può che essere rafforzata da
questa doppia circolazione irruente di sangue che mantenendo
l’elasticità delle arterie amministratrici, rinvigorisce il senso di
responsabilità nella testa e nei centri governativi.

Noi crediamo ormai infantile quel concetto dell’evoluzione rotativa
storica per la quale, secondo il sogno di molti imperialisti miopi, si
dovrebbe fatalmente ritornare a una forma di governo tirannico e ad una
supina schiavitù popolare.

Ci raffiguriamo invece l’evoluzione futura dell’umanità come il
movimento oscillante ed irregolare di una di quelle pittoresche ruote di
legno munite di secchielli e mosse da un quadrupede bendato, che, in
Oriente, estraggono l’acqua per l’irrigazione degli orti.

Per la costruzione primitiva della ruota e dei secchielli, l’acqua
estratta è mista con della sabbia, la quale, riversandosi anch’essa,
alza di continuo il livello del suolo circostante, di maniera che il
congegno stesso deve essere di continuo e sempre più innalzato.

Vi sarà sempre, nel rivolgersi della storia, insieme con la monotona
acqua degli avvenimenti una sempre crescente sabbia fine di libertà.

Gl’imperialisti sembrano ignorare, per esempio, la novità assoluta e
l’importanza eccezionale di quello che a me sembra l’avvenimento più
importante di questi ultimi cent’anni: voglio dire la libertà di
sciopero, conquistata meccanicamente dal proletariato; libertà tanto più
forte inquantochè non riconosciuta dalla legge; libertà che nessun
Napoleone potrebbe abolire.

Questa libertà non è che un risultato logico ma inaspettato della già
lontana Rivoluzione francese, la quale, come tutte le rivoluzioni
registrate dalla storia, produsse effetti lentamente fecondatori
paragonabili a quelli delle periodiche inondazioni del Nilo.

L’autorità dello stato non può più essere concepita come un freno alle
aspirazioni libertarie del popolo. Noi crediamo invece che lo spirito
rivoluzionario del popolo debba frenare — o meglio — corrodere
lentamente l’autorità dello stato e il suo spirito conservatore, indizio
di vecchiezza e di paralisi progressiva.

Rammentatevi della celebre frase di Clemenceau: «Io sono il primo
Poliziotto di Francia». Con questa espressione che sembrò un motto di
spirito, il grande ministro espresse esattamente la necessità che
costringe i socialisti — spinti al potere dalla forza ascensionale del
proletariato, quali esponenti e difensori della libertà — a trasformarsi
immediatamente in ferocissimi reazionari.

Un dilemma infatti si presenta a costoro: o diventare un coperchio
pesantissimo e soffocante sul ribollire della caldaia popolare, o
prestarsi ad essere lanciati via dalla traboccante veemenza di questa
furia accesa.

È sottinteso, nondimeno che simili coperchi non possono resistere a
lungo. I radico-socialisti Clemenceau e Briand, divenuti i poliziotti
barcollanti e feroci del movimento rivoluzionario francese dànno una
nuova prova della convivenza tumultuosa di quegli elementi contradittorî
di cui vi ho già parlato.

Da tutto ciò, è ovvio concludere che la violenza è oggidì divenuta la
miglior condizione di vera salute per un popolo. L’ordine, il pacifismo,
la moderazione, lo spirito diplomatico e riformista, non ne sono forse
l’arteriosclerosi, la vecchiaia e la morte?

È soltanto con la violenza, che si può ricondurre l’idea di giustizia,
ormai sciupata, non a quella fatale che consiste nel diritto del più
forte, ma a quella igienica, sana, che consiste nel diritto del più
coraggioso, e del più disinteressato, cioè all’eroismo.

Partendo da questo principio, io posso soddisfare subito quelli fra voi
che più sono assillati dal desiderio o dal bisogno di una precisione
dogmatica, collo stabilire che _il bene_ è per noi, tutto ciò che
accresce e sviluppa le attività fisiche, intellettuali e istintive
dell’uomo, spingendolo al suo massimo splendore, mentre _il male_ è
tutto ciò che diminuisce e interrompe lo svilupparsi di queste attività.

Come il pacifismo e la paura della guerra hanno creata la nostra
dolorosa schiavitù politica, così l’orrore della violenza hanno fatto
del cittadino italiano un fantoccio ridicolo, malmenato dagli
azzeccagarbugli, che risponde a un ceffone con una querela o con un
ricatto.

E qui tocchiamo uno di quei facili conflitti fra l’autorità ordinatrice
e la libertà individuale, la quale deve sempre finire col vincere, per
la legge ascensionale verso l’anarchia, che governa l’umanità.

Il principio delle sanzioni giuridiche in materia di offese personali
distrugge il senso importantissimo della dignità fisiologica,
intimamente legata a quella psichica, e canalizza tutte le attività
umane verso l’astuzia sfruttatrice, l’usura, la taccagneria e la
divinità tirannica del denaro.

Siamo ricaduti così, per altra via, nello stagno della vita nostra
italiana, le cui rive sono custodite dagli sterpi intricati delle leggi
poliziesche e dalle siepi burocratiche, destinate soltanto a stancare e
a dilaniare ogni istinto profondamente umano e ogni legittima
ribellione.

Per giungere a questo agognato rinnovamento sociale e politico del
nostro Paese, noi dobbiamo forzatamente vincere degli ostacoli, i quali,
a prima vista, sembrano insormontabili, poichè li portiamo in noi stessi
sotto forma di elementi caratteristici della nostra razza.

Voglio parlare del _personalismo_, dell’_utilitarismo clericale_, della
_ipersensualità_ e dell’_ironia_ mordace e demolitrice.

Chiamo _personalismo_ quell’abitudine intellettuale che consiste nel
sottomettere qualsiasi giudizio a delle considerazioni, a delle simpatie
o a delle antipatie assolutamente personali. — Chiamo personalismo
l’indifferenza, o meglio il disprezzo che ogni italiano nutre per le
pure idee, combattendole soltanto quando siano sostenute da un nemico,
amandole soltanto quando siano sostenute da un amico.

Bisogna combattere questo vizio gravissimo, anzitutto trasformando il
nostro mefitico sistema scolastico, inteso solo a premiare la bassa
cortigianeria degli allievi sgobboni ed imbecilli, che, leccando
quotidianamente la vanità di un professore finiscono coll’assorbirne la
tronfia e dogmatica imbecillità.

Noi futuristi, che accordiamo ai giovani tutti i diritti e tutte le
autorità, vorremmo che nelle scuole fossero invece incoraggiati e
premiati quegli studenti che manifestano fin dai primi anni, di avere
delle idee personali e una maniera spiccata di giudicare uomini e libri.

La libera intuizione, cioè la facoltà di avere e di creare delle idee
nuove: ecco ciò che noi vogliamo esaltare! Ed è per questo, che noi
proscriviamo dalla scuola il prete, il quale, non potendo più oggi
preparare delle fedi nell’assenza di un vero sentimento religioso, si
accontenta di rammollire e di abbassare le anime, creando quel fenomeno
di _utilitarismo cretino e pauroso_ che si chiama il Clericalismo.

Italiani! Conviene intensificare ed accendere ovunque una guerra
accanita contro il clericalismo, partito politico, che non basandosi
ormai più sul sentimento mistico e pure avendo ormai perso l’obbiettivo
del potere temporale minaccia, nei nostri figli, la nostra grandezza
futura.

Utilitarismo pretino, paura quietista: ecco il brago in cui la nostra
razza si avvoltola, coprendosi del fango dell’accidia e
dell’_ipersensualismo_.

Quest’altro vizio italiano, anzi latino, si manifesta in mille modi, ed
anzitutto nella tirannia dell’amore, che falcia le energie degli uomini
di azione, nell’ossessione della conquista femminile, nell’ideale
romantico della fedeltà e nella tendenza immonda alla più fatale e
snervante lussuria.

Questa nefasta tendenza deve essere contrastata, nella scuola e fuori,
mediante un continuo e sapiente sviluppo degli _sports_ violenti, della
scherma, del nuoto, e particolarmente della ginnastica. Questa deve
essere liberata dall’antico acrobatismo e dalla gesticolazione di
parata: una ginnastica razionale, atta ad amplificare il torace, a
dilatare i polmoni, a liberare il cuore, a contenere gli intestini, la
riattivare la circolazione del sangue, ad aumentare l’ematosi, a
fortificare i legamenti articolari, e a tonificare i muscoli, per la
formazione di un corpo d’uomo bello, svelto, forte e resistente, che
sappia pensare, volere ed atterrare uomini, idee e cose con uguale
disinvoltura.

Noi futuristi, convinti dell’influenza che l’Arte esercita su tutte le
attività di un popolo, vogliamo purificarla dal sentimentalismo, dalla
erotomania d’annunziana e dal dongiovanismo, creando un’arte che
glorifichi la forza e la libertà individuale, le vittorie della scienza
e il dominio crescente delle forze oscure della natura.

Sappiamo infatti che il romanticismo voluttuoso esagera l’importanza
dell’amore nella vita nostra.

La donna italiana, madre dolcissima, ma coltivatrice di viltà nei propri
figli, quando non sia semplicemente dominata dal prete o dal desiderio
assiduo di un lusso sfarzoso — diventa un nemico quasi invincibile e una
barriera insormontabile, in tutte le grandi fiammate guerresche o
rivoluzionarie.

Il nostro ipersensualismo genera non solo questa esagerata importanza
della donna unicamente voluttuaria e ingombrante, ma anche ciò che ne è
una conseguenza: la mania del lusso appariscente e delle grandi
agiatezze domestiche.

Ahimè! talvolta basta la preoccupazione di un buon pranzo, o di un
cappello piumato per la signora, o di un bel tappeto da fare ammirare
agl’invitati, talvolta basta — dicevo — una preoccupazione di questo
genere, a far deviare un uomo politico italiano dalla sua rotta
disinteressata, o a troncare un programma di eroismo e di sacrificio.

Abbiamo visto recentemente, con nostro grande dolore, uomini dagl’ideali
altissimi e violenti subire a tal punto la snervante atmosfera di
serenità coniugale, da rinunciare totalmente a qualsiasi audacia
direttiva, per sprofondarsi scetticamente in una comoda poltrona —
coltissimi fra i troppo amati, inutili ed amici libri — ed accogliere il
nostro irrompere entusiastico col sorriso della più facile e
scoraggiante ironia demolitrice.

Questa facile e scoraggiante ironia demolitrice, ecco il quarto vizio
grave, profondamente italiano, dal quale deriva un disastroso
misoneismo, opposto ad ogni arditezza, ad ogni sano ottimismo
eccitatore; ecco il veleno tragico e gaio che inquina purtroppo la parte
migliore d’Italia, voglio dire le popolazioni meridionali, le più ricche
d’immaginazione costruttrice e di divinazione geniale.

È questa ironia, fatta di epicureismo, di spirito caustico, e di
spensieratezza, che in un tramonto color di fucina, 12 anni or sono,
davanti al Cimitero monumentale di Milano, cadenzava stupidamente, con
un ritmo allegro di baldoria e di danza il ritorno di una massa
rivoluzionaria che aveva accompagnata la bara sinistra di un operaio
ucciso in un grave conflitto con le truppe.

Aveva seguito anch’io quella nera marea umana, schiumosa di faccie
livide, su cui sobbalzava, come un funebre canotto, la bara, che i
portatori curvi rendevano stranamente gambuta.

Sopra, si gonfiavano delle bandiere rosse, col movimento acceso e il
respiro di altrettanti mantici enormi.

Fiamme di torce, come stracci di miseria sanguinante, oratori riformisti
chini con la fiòcina per infilzare il viscido polpo del mezzo-termine;
discorsi di una stomachevole moderazione, tali da far cadere per la noia
le stelle e pel disgusto la luna, come un fulgido sputacchio!

Che schifo! Eravamo sommersi da un diluvio di consigli stupidamente
paterni, ed era ben giusto che dopo una simile immonda commedia, la
folla se ne ritornasse in città, verso il desinare, con ritmo di danza,
cantando l’inno dei lavoratori, per accompagnare un secondo feretro: non
più quello di un operaio ucciso, ma quello della Rivoluzione!

Ironia! Ironia! Vecchia ironia italiana!... Ecco la nostra nemica, da
distruggere, da calpestare, a forza di entusiasmo, a forza di temerità,
a forza di ottimismo, anche artificiali!

Operai! Guardatevi dall’ironia scettica ed egoista, vi liquefa il cuore
nel giorno della giusta sommossa, e crea in voi quel vergognoso fenomeno
che è il _pànico dello squillo_!

Quante volte, nei dieci anni di vita milanese che io ho condotto
studiando quotidianamente il flusso e riflusso del socialismo italiano,
leggendo attentamente ogni comizio come il più interessante e doloroso
dei libri, quante volte ho arrossito, come italiano... ve lo ripeto:
_come italiano_, al vedere delle ingenti masse operaie, agitate dalle
più legittime rivendicazioni e da un magnifico desiderio di maggior
libertà, delle ingenti masse di popolo, dico, prese fulmineamente dal
più insensato spavento collettivo, al risuonare delle quattro note
insolenti dello squillo poliziesco!

Una mandra in fuga... Dorsi curvi e folli, gambe levate, davanti al
trotto sgangherato di una cavalleria incapace di correre sul selciato.

Naturalmente, gli oratori che riformisticamente avevano tinto di rosa,
non di rosso, la folla, erano spariti... Dove e perchè? Senza dubbio per
qualche loro improvvisa rivoluzione intestinale!...

Ma una rossa visione mi si affaccia alla mente: una visione che conforta
il mio sangue futurista...

Vedo un crepuscolo fumoso di capitale, su una strada viscida di pioggia
e già chiazzata e febbricitante di riflessi...

Nella grande rete dei fili tramviari e telefonici, mille luci arrabbiate
azzannano la polpa dell’ombra!... Pallore famelico delle case!... Oscuri
profili irritati!... Laggiù, nelle vie laterali, ove furono fracassati
tutti i lampioni, tenebre, tenebre massiccie, rotolate giù da chi sa
qual cielo distrutto!...

Ad uno sbocco di via, una folla compatta, nerissima...

È formata, quella folla, dalle vostre donne e dai vostri figli: braccia
intrecciate di notturna foresta africana; tutti incastrati l’uno fra gli
altri come i mattoni di una muraglia!

Voi, uomini, vi schiererete davanti alle vostre donne, in quella tragica
jungla di pietra e di ferro, sotto i rotondi frutti elettrici, esplosi,
lattescenti, bianchissimi, e caricherete tranquillamente le vostre
carabine, per le belve poliziesche.

Risuoneranno allora, improvvise e beffarde, le note dello squillo,
funebre rasoiata attraverso la gola muta del silenzio...

Ed ecco il comando urlato: «_Avanti!_».

Ma sento anche uno sghignazzamento formidabile rispondere a quello
squillo, e la folla, pietrificata dal coraggio, gridare: «Gli italiani
non fuggono! Pel sublime amor del pericolo, accettiamo una lotta
sanguinosa sotto le stelle fulgidissime d’Italia, che c’impongono di non
indietreggiare!...».

Vedo un immane groviglio rosso: la mischia furibonda dei cavalli
impennati, sotto un rovescio di tegole. Ben venga il macello!... Ce ne
rallegreremo insieme, operai italiani, se avremo sopravvissuto... Ce ne
rallegreremo, poichè null’altro sarà avvenuto; null’altro che un
salutare colpo di bisturì nel gigantesco foruncolo della paura e del
mediocrismo italiano!

Poichè, alla propaganda della vigliaccheria, noi opponiamo la propaganda
del coraggio e dell’eroismo quotidiano...

Poichè, all’attuale estetica di fango monetato noi opponiamo — sia pure,
sia pure! — una estetica di violenza e di sangue!



                                  24.


 Morale del pericolo: la libertà elastica senza carceri e carabinieri.


Non credo di essere eccessivamente ottimista nell’accordare la più ampia
fiducia allo sviluppo crescente dell’intelligenza italiana.

L’intelligenza delle nostre masse politiche non è ancora giunta ma
giungerà al nostro alto concetto futurista di libertà assoluta da
imbrigliare o sciogliere secondo la mutevole urgenza degli avvenimenti e
dei bisogni.

Queste masse proletarie si dividono in reazionarî cretini e in anarchici
balordi. Degli arditi valorosi scatenati dall’orgoglio della vittoria e
dal patriottismo sanguinosamente provato sui campi di battaglia
dimostravano pochi giorni fa una splendida voglia di menar le mani e di
andare all’assalto in piazza della Scala. Ma rivelavano anche pur troppo
una tendenza a diventare dei carabinieri reazionari.

Il fenomeno è tipico: Chi dice «ardito» o «reparto d’assalto» dice
anche: «slancio rivoluzionario fuori dalla disciplina, amore sfrenato
d’ogni libertà, generosità, eroismo. L’ardito era un esplosivo più o
meno bene incanalato che scoppiava efficacemente in faccia agli
austriaci detentori d’ogni passatismo reazionario e d’ogni clericalume
poliziesco. Fui perciò attristato dal vedere un ardito furente di odio
slanciarsi con anima carabinieresca contro un cittadino che gridava: «W.
l’anarchia!» con audacia d’ardito.

Mi direte che è questione d’intelligenza. È vero. Ma è specialmente
questione di una qualità eminentemente futurista della intelligenza:
l’Elasticità.

L’ardito che si slancia contro i carabinieri che gli vietano una
dimostrazione o contro masse di sozzalisti antipatriottici dovrebbe con
elastica intelligenza fermarsi ed abbracciare il cittadino isolato che
osa, affrontando tutti i pericoli, lanciare un grido come quello di «W.
l’anarchia!».

Nel settembre 1914 io fui imprigionato coi miei amici futuristi
nell’enorme e terribile carcere di S. Vittore per avere organizzato e
scatenato le due prime dimostrazioni per il nostro intervento contro
l’Austria.

Avevo dietro il muro di destra un giovane meccanico che aveva accoppato
la sua amante ritornata un’ora in ritardo a casa. Dietro il muro di
sinistra un fabbricante di monete false. Questo era considerato da tutti
come una persona importante, un forte, un quasi _arrivato_. Attraverso
le inferriate e mediante la telegrafia delle nocche io comunicai con
quasi tutti gli incarcerati. Sono uscito da San Vittore con una discreta
esperienza in questa tragica materia. Non ammetto e considero
assolutamente criminale il vantato diritto della società a chiudere e
soffocare anime, polmoni e muscoli di individui fra enormi muraglie e
dietro porte incrollabili. La società che incarcerava il falsificatore
di monete, l’uccisore dell’amante e l’interventista prematuro, compiva
tre delitti superiori non soltanto ai nostri tre delitti, ma a qualsiasi
delitto umano. Lurido abuso di potere paragonabile all’uso della mazza
ferrata sui feriti o gli svenuti.

I carceri sono delle infami trappole che presuppongono un bestialissimo
Ordine-gatto accanito contro dei simpaticissimi e ingenui
temperamenti-sorci. Tutto in omaggio alla vigliaccheria del cittadino il
quale dovrebbe poter circolare nelle città come in un bagno tiepido
portando a zonzo il suo corpo imbelle, i suoi muscoli flosci, il suo
dorso privo d’intuizione, sotto lo sguardo paterno e protettore del
carabiniere.

Ebbene, è tempo che i carceri e gli ergastoli, questi avanzi del
medioevo, siano distrutti e rasi al suolo.

Il cittadino deve mediante una educazione razionale dei muscoli e del
coraggio conquistarsi una piena responsabilità fisiologica e morale che
dal pensiero passi alla parola e dalla parola — se è necessario — allo
schiaffo e al pugno per difendere il proprio diritto e moderare
eventualmente l’abuso del diritto intorno a sè.

Quando tutti i cittadini saranno capaci di difendersi da una aggressione
e di rintuzzare con un pugno bene assestato una villania o una
ingiustizia, regnerà finalmente l’ordine elastico e l’elastica libertà
senza carabinieri che deve regnare in una umanità superiore.

Propongo perciò che nelle scuole il tempo consacrato all’insegnamento
classico del greco e latino sia in parte impiegato all’educazione fisica
dell’adolescente. Formeremo così dei giovani muscolosi, agilissimi,
coraggiosi, audaci, pronti alla decisione egualmente capaci di smontare
un motore a scoppio, di tenere il libro mastro di una azienda
commerciale, di guidare una automobile, di afferrare per la gola un
borsaiolo e di schiaffeggiare un traditore.

Intelligenza pratica, istinto onnipresente, lucidità e prontezza di
spirito, passione della vita, dei suoi pericoli e delle sue mutevoli
avventure, ingegno improvvisatore, abilità e velocità nel risolvere
tutti i problemi per ottenere i massimi frutti nel minor tempo
possibile.

Non vedremo più dei giovani fiacchi, fragili portare languidamente a
zonzo le loro gambe molli, nelle nostre città come in un bagno
ammollente guardando le stelle impassibili lungo gli antichi fiumi della
malinconia provinciale italiana. Avremo dei cittadini sicuri della loro
forza agile e della loro intelligenza coraggiosa, dei cittadini buoni,
generosi e arditi che cammineranno speditamente, con libertà snodata,
dominando e guidando i commerci delle città futuriste. Vi saranno pochi
impiegati e poche discussioni agli sportelli. Aboliti i preti, i
carabinieri e le questure non vi saranno più risse, maldicenze,
moralismi e pessimismi cronici e vendette sotto le gioconde lune
elettriche. La libertà assoluta che noi futuristi sognamo può e deve
essere imbrigliata in circostanze tipiche.

Per giungere alla nostra meravigliosa vittoria bisognava assolutamente
imporsi le più ferree discipline militari. Dovendo necessariamente
fucilare sul posto un soldato che abbandonava la linea si doveva anche
fucilare sul posto un disfattista che predicava la diserzione nelle
retrovie e nelle città.

Vestendo l’uniforme militare un ingegno rivoluzionario come il mio
accettava per 4 anni la più matematica obbedienza a dei superiori
talvolta mediocri, talvolta indegni di rispetto.

Con la medesima elasticità futurista, oggi a vittoria compiuta, a nemico
disfatto, siano concesse tutte le amnistie e aperti tutti i carceri per
i detenuti politici.



                                  25.


                     Eroismo dinamico e antigloria.


Le nobiltà medioevali sono in decadenza, hanno perduto la vernice rossa
del sangue versato dai padri.

È assurdo dunque riconoscere una nobiltà ereditaria al sangue eroico
versato nella conflagrazione, poichè bisogna precisamente guarire questo
vizio tipico del cervello umano: fare il minor sforzo.

Io considero l’eroe d’oggi figlio e padre di sè stesso.

Il suo domani non può essere nobilitato dal suo oggi. Il figlio
dell’eroe non può essere titolato col sangue paterno poichè deve
titolarsi col proprio slancio eroico.

Superare, superarsi, _o non essere_.

Bisogna impedire che l’eroismo divenga il bottino dei vili, il ricco
terreno da sfruttare, l’uniforme elegantissima. Bisogna la libertà di
pensiero da ogni coccarda ereditata e fare impazzire la propria
generosità eroica.

La vittoria del Grappa-Piave (giugno) ha cancellato Caporetto. Il
Tagliamento gloriosissimo ha cancellato la vittoria del Grappa-Piave.

Bisogna cancellare la nostra fulminea vittoria con un dopo guerra più
potente e più eroicamente glorioso.

Cuore di manovra e non cuore da trincea. Truppe celeri del genio
Futurismo! Arditismo!



                                  26.


                 Gli Arditi, avanguardia della Nazione


 (Discorso di Marinetti a 300 Ufficiali della 2ª Divisione d’Assalto).

    _Cari Arditi d’Italia!_

Io non ho l’onore di far parte del corpo glorioso degli Arditi, ma spero
di aver presto il piacere di combattere, come comandante di
un’autoblindata, al vostro fianco alla punta estrema, tagliente,
dinamica dell’esercito italiano oltre Piave. Ho il diritto di parlarvi
poichè fui, dal principio della guerra, combattente in prima linea
sempre volontario, come voi, volontario ciclista, volontario
bombardiere, volontario automitragliere.

Come voi a Vertoiba, a Gorizia, a Plava, a Selo, a Nervesa.

Ma voi che siete uomini d’azione, poche chiacchiere, molti fatti, una
bestemmia, un bicchier di vino, un pernacchio al nemico, tascapane pieno
di bombe e pugnale brandito, mi direte che in genere le parole e i
discorsi poco vi interessano.

Avete ragione. Vi consiglio di non ascoltare i discorsi dei pedanti,
degli accademici, dei professorali, che vengono dalle città a parlarvi
di coraggio. Non si insegna il coraggio a un ardito. E a voi, tenenti,
capitani e comandanti di reparti d’assalto, non s’insegna nulla poichè
siete non soltanto arditi, ma italiani, cioè intelligentissimi.

Ero stato invitato a parlare ai soldati arditi, a loro dunque mi rivolgo
pel tramite vostro.

Vi prego di infondere nell’animo dei vostri soldati la convinzione che
non vi è più alto onore di quello d’essere un ardito d’Italia.

Non sono uno stratega nè un tattico. Vi parlo da appassionato
infiammatore della gioventù.

Sono futurista, cioè un patriota rivoluzionario. Intendiamoci,
rivoluzionario non ha nulla di comune con Lenin, Serrati, Lazzari,
Treves, ecc. Il nostro rivoluzionarismo futurista adora tanto l’Italia
da voler ad ogni costo svecchiarla, pulirla, sgomberarla dai pedanti,
dai preti, dai vigliacchi, renderla più giovane, più forte, più grande,
più alta, più veloce, più intelligente, più progredita.

Questo patriottismo non ha nulla a che fare col patriottismo
pangermanico. Cretino questo poichè un popolo inferiore come il tedesco,
privo d’ingegno e d’elasticità geniale, non può pretendere nessuna
egemonia.

Vi fu una vasta, tentacolare infiltrazione germanica di prodotti
commerciali. Il mondo fu avvelenato di lue tedesca. Vollero aggiungervi
il sigillo della vittoria militare. Voi lo trasformate in un bollo rosso
da macello sulle innumerevoli loro pecore militarizzate.

Voi siete la parte migliore della razza italiana. Ve lo dimostrerò
enumerando le ragioni e gli impulsi che v’hanno spinto ad entrare nei
reparti d’assalto.

1. Siete diventati arditi per un amore sfrenato della nostra divina
Italia. Se avessi davanti a me i vostri soldati, io farei qui la
glorificazione della nostra meravigliosa penisola, riassunto di tutte le
bellezze del mondo. Direi ai napoletani che la curva languida del golfo
continua nella linea delle belle donne per formare l’agile calice sonoro
d’una bella voce italiana, tornito dalla più soave atmosfera e dalla
luce più ricca.

Per quel golfo e per l’isola di Capri, si può ben lanciarsi all’assalto
e anche morire.

Direi agli arditi siciliani ch’essi si battono per la loro isola,
sintesi di tutti gli ardori e di tutti gli splendori dell’Africa e della
Spagna. Direi agli arditi sardi che il loro eroismo stupendo sarà
ricompensato da altrettanto denaro, da tutto il denaro che si dovrà dare
per il risanamento completo della loro isola forte ma sventurata.

Direi agli arditi veneti, emiliani e lombardi che le loro feconde
pianure predisposte a tutte le velocità commerciali e industriali
meritano il massimo eroismo contro l’invasore rapace e imbecille.

Direi a tutti i soldati arditi:

Siate orgogliosi di sentirvi italiani, nati proprio in questo periodo
della storia d’Italia e destinati dunque a risolvere col sangue d’un
colpo solo tutti gli enormi problemi del nostro avvenire italiano.
Privilegio unico: salvare l’Italia, ingigantirla.

A voi ufficiali, io dico:

Qual’è l’italiano che, rileggendo gli infami bollettini tedeschi
pubblicati dopo Caporetto, non senta il dovere di correggerli
fulmineamente, con pugnalate, sulla pelle dei generali tedeschi?

2. Voi siete diventati arditi per un amore sfrenato della libertà. Lo
conciliate con la disciplina necessaria ad ogni esercito che voglia
vincere.

Ho constatato che la disciplina impostavi dai vostri capi è una bella
disciplina elastica che non soffoca, che non può soffocare il vostro
gagliardo individualismo impetuoso.

Ho visto con piacere tutti gli arditi giocondi e spensierati con le loro
violente facce in tumulto scattare meglio dei fanti per salutare un
ufficiale.

L’ufficiale merita sovente l’amore sviscerato dei suoi soldati, ma ciò
non avviene sempre; ricordatevi che il saluto militare è sempre rivolto
alla presenza invisibile di questa madre unica: l’Italia.

3. Siete diventati arditi per amore di novità, spirito novatore, spirito
rivoluzionario, spirito futurista.

4. Siete diventati arditi per amore della violenza, della guerra e del
bel gesto eroico.

Schiaffi in tempo di pace ai vigliacchi, alle carogne, ai traditori.
Pugnalate e bombe a mano in guerra ai tedeschi.

5. Siete diventati arditi per desiderio di mafia e di spavalderia
giovanile.

Il colletto aperto preludia ad uno scamiciamento audace per meglio fare
ai pugni o per gettarsi in acqua al salvataggio d’un uomo che annega.

Collo libero dell’uomo forte e creatore. Collo svincolato dalle cravatte
idiote. Collo atletico che fa scoppiare il colletto della società.

Bella mafia trionfante degli arditi d’Italia che amano le belle donne e
le conquistano come trincee con un gesto eroico. Non preoccupatevi delle
smorfie e dei sussieghi degl’imboscati e degli avariati che nei caffè si
ritraggono ironicamente al vostro passaggio. Questi vili che hanno per
unico sangue il brodo dei loro calzoni riconoscono intimamente la vostra
potenza e il vostro valore. Ma vi temono, non hanno la forza di odiarvi,
tentano di svalutarvi. Non vi riesciranno. Dicono che molti di voi non
hanno più nulla da perdere e perciò osano tutto.

Io rispondo loro che essi hanno tutto da conservare ma tutto perderanno.
Siete voi i primi, i più alti, i più degni. Siete voi i padroni della
nuova Italia. Io amo la vostra disinvoltura insolente. Si hanno tutti i
diritti quando si sgozza un austriaco.

6. Voi siete diventati arditi per amore di improvvisazione e di
praticità. Di praticità novatrice contro il metodismo pedante e il
preparazionismo teutonico.

Rifiutate quasi sempre l’aiuto dell’artiglieria. Presto, senza sparare
un colpo di cannone, utilizzando sempre la sorpresa, voi partite,
sfondate, entrate, sorpassate. Pochi prigionieri, molti pugnalati e il
resto giù dalla cima conquistata a calci.

L’ultima grande vittoria è vostra. L’avete preparata mirabilmente, con
molti colpi di mano, tutti fulminei, tutti fruttiferi.

Venne la grande tronfia offensiva austriaca della fame, l’offensiva
dalle cinquecentomila bocche spalancate e l’avete accolta a pernacchi
dando loro da mangiare tutti i vostri pugnali. L’indomani, a
Montecitorio, i ministri si presentarono vestiti di gloria rossa. Col
vostro sangue quei vestiti erano colorati.

Voi non siete soltanto i migliori fanti d’Italia. Non siete i nuovi
garibaldini. Non siete truppe d’assalto alla tedesca. Queste sono
ferreamente condannate al sacrificio. Voi siete la nuova generazione
d’Italia, temeraria e geniale, che prepara il grandissimo futuro
d’Italia.

In questa vasta conflagrazione che costringe popoli e uomini a dare il
massimo rendimento di tutte le loro forze e a superare miracolosamente
queste forze stesse, vi sono fatalmente delle stanchezze, vi sono
fatalmente dei combattenti stanchi. Voi siete gl’instancabili, i
miracoli viventi di muscoli e coraggio, i divini futuristi della nuova
Italia.

    _Il 1º gennaio 1919, per iniziativa del futurista Mario Carli,
    capitano nel 18º Reparto d’Assalto, venne fondata a Roma
    l_’Associazione fra gli Arditi d’Italia, _appoggiata dal
    giornale_ Roma Futurista, _organo del Partito Futurista._

    _Subito dopo, per iniziativa del capitano Ferruccio Vecchi venne
    fondata la Sezione Milanese dell_’Associazione fra gli Arditi,
    _presso la_ Direzione del Movimento Futurista, _Corso Venezia
    61, Milano._



                        OPERE DI F. T. MARINETTI


*La Conquète des Étoiles*, poème épique, 3e édition, Éditions de la
«Plume», Paris.  _*3 fr. 50*_
*Destruction*, poèmes. Léon Vanier, éditeur, Paris.  _*3 fr. 50*_
*La Momie sanglante*, poème dramatique. Edizioni del «Verde e Azzurro»,
Milano.  _*2 fr. 50*_
*D’Annunzio intime*, 4e édition. Edizioni del «Verde e Azzurro»,
Milano.  _*2 fr. 50*_
*Le Roi Bombance*, tragédie satirique, 3e édition. Éditions du «Mercure
de France», Paris.  _*3 fr. 50*_
*La Ville Charnelle*, 4e édition. E. Sansot et C., éditeurs,
Paris.  _*3 fr. 50*_
*Les Dieux s’en vont, d’Annunzio reste*, 11e édition. E. Sansot et C.,
éditeurs. Paris.  _*3 fr. 50*_
*La Conquête des Étoiles*, 4e édition, suivie des jugements de la presse
internationale. E. Sansot et C., éditeurs, Paris.  _*3 fr. 50*_
*Poupées électriques*, drame en trois actes en prose, avec une préface
sur le futurisme. E. Sansot et C., éditeurs, Paris.  _*3 fr. 50*_
*Enquête internationale sur le vers libre*, précédée du premier
Manifeste futuriste, 8e mille. Éditions de «Poesia».  _*3 fr. 50*_
*Mafarka le Futuriste*, roman africain (21e mille). E. Sansot et C.,
éditeurs, Paris.  _*3 fr. 50*_
*Mafarka il Futurista*, romanzo, tradotto da Decio Cinti (Processato e
condannato. Due mesi e mezzo di prigione all’autore). Edizioni Futuriste
di «Poesia». _*Sequestrato*_
*Distruzione*, poema, tradotto in versi liberi, col_Primo processo di
«Mafarka il Futurista»_(Edizioni di «Poesia»). _*Esaurito*_
*Re Baldoria*, traduzione del_Roi Bombance_. Editori Fratelli Treves,
Milano.  _*L. 3,50*_
*Le Futurisme*. Théories et Mouvement. 12e mille. E. Sansot et C.,
éditeurs, Paris.  _*3 fr. 50*_
*La Battaglia di Tripoli*, récit futuriste de la journée_du 26 Ottobre
1911_. Edizioni futuriste di «Poesia».  _*1 fr. 50*_
*Le Monoplan du Pape*, roman prophétique en vers libres. E. Sansot et
C., éditeurs, Paris.  _*3 fr. 50*_
*Zang-tumb-tumb*. (Assedio di Adrianopoli), parole in libertà. Edizioni
Futuriste di «Poesia».  _*L. 3, —*_
*Guerra, sola igiene del Mondo*. Edizioni Futuriste di
«Poesia».  _*L. 2, —*_
*L’Aeroplano del Papa*, romanzo profetico in versi liberi, traduzione
del_Monoplan du Pape_. Edizioni Futuriste di «Poesia».  _*L. 3,50*_
*El Futurismo*, traducción de German Gomez de la Mata y N. Hernandez
Luquero. F. Sempere y C., editores. Valencia.  _*4 reales*_
*Futurisme*, traduction russe. Editions de «Prométhée»
Saint-Pétersbourg.  _*1 r. 25 k.*_
*Versi e prose* di_Stéphane Mallarmé_. — Prima traduzione italiana.
«Breviari intellettuali» dell’Istituto Editoriale Italiano.  _*L. 2, —*_
*I Manifesti del Futurismo*, 4 volumetti dei «Breviari intellettuali»
dell’Istituto Editoriale Italiano.  _*L. 8, —*_
*Teatro sintetico Futurista*, 2 volumi. Istituto Editoriale
italiano.  _*L. 4, —*_
*Noi Futuristi*. Edizione R. Quintieri.  _*L. 1,70*_
*Come si seducono le donne*. Ediz. dell’_Italia Futurista_.  _*L. 3, —*_
*L’Isola dei Baci* (In collaborazione con_Bruno Corra_) Editore
Facchi.  _*L. 3, —*_
*Democrazia Futurista*. Editore Facchi.  _*L. 5, —*_




*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Democrazia futurista" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home