Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: La Vita Sul Pianeta Marte
Author: Schiaparelli, G. V. (Giovanni Virginio), 1835-1910
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "La Vita Sul Pianeta Marte" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



is a common project with "Progetto Manuzio",
http://www.liberliber.it



Giovanni Virginio Schiaparelli

LA VITA SUL PIANETA MARTE



I.   IL PIANETA MARTE -  Estratto dai fascicoli N.i 5 e 6
     1 e 15 febbraio 1893 della Rivista "Natura ed Arte"

II.  LA VITA SUL PIANETA MARTE - Estratto dal fascicolo N.° 11
     Anno IV - 1895 della Rivista "Natura ed Arte"

III. IL PIANETA MARTE - Estratto dalla rivista Natura ed Arte,
     Anno XIX, n° 1,1° dicembre 1909



GIOVANNI SCHIAPARELLI

IL PIANETA MARTE

Estratto dai fascicoli N.i 5 e 6 1 e 15 febbraio 1893 della Rivista
"Natura ed Arte"


Nelle belle sere dell'autunno passato una grande stella rossa fu
veduta per più mesi brillare sull'orizzonte meridionale del cielo; era
il pianeta Marte, che si accostava per qualche tempo alla Terra in una
delle sue apparizioni, solite a ripetersi ad intervalli di 780
giorni. Nella schiera degli otto pianeti principali Marte occupa, per
volume, il penultimo luogo; il solo Mercurio è più piccolo di lui. Ma
in certe posizioni, in cui egli ritorna ad intervalli di sedici anni,
Marte può avvicinarsi alla Terra più dell'usato, brillando più di ogni
altro pianeta, Venere sola eccettuata; ed in tali contingenze tanto
arde di luce rossa, da meritare il nome, che i Greci gli diedero, di
_Pyrois_(infocato). Nei tempi ormai per sempre passati, quando si
pretendeva di leggere in cielo l'avvenire degli umani eventi, queste
grandi apparizioni di Marte erano lo spavento dei popoli, e davano
molto da fare agli astrologi, ai quali incombeva il compito, non
sempre facile, di studiare l'influsso del pianeta sulle vicende
guerresche e sulle costellazioni politiche del momento. Anche ora la
grande apparizione testè avvenuta di Marte ha destato il pubblico
interesse; ma per una ragione ben diversa. Oggi è nata presso alcuni
la speranza, che da osservazioni diligenti fatte sulla sua superficie
con giganteschi telescopi, si possa ottenere quando che sia la
soluzione di un gran problema cosmologico; arrivar cioè a sapere, se i
corpi celesti possano dirsi sede di esseri intelligenti, o, almeno, di
esseri organizzati.

L'idea di popolare gli astri e le sfere celesti d'intelligenze pure o
corporee, di animali e di piante, non è nuova; ed una curiosa rassegna
sarebbe a farsi di tutti gli scrittori antichi e moderni che si
esercitarono su questo tema, incominciando dal _Sogno di Scipione_di
Cicerone, e dalla _Storia veridica_di Luciano Samosatese, e venendo
già per Dante, Giordano Bruno, Ugenio e Kircher a quegli eleganti
novellatori francesi Cyrano di Bergorac, Fontenelle, Voltaire, i quali
posero negli spazi celesti il teatro delle loro argute o satiriche
descrizioni, per arrivare in ultimo al celebre Hans Pfaal d'Amsterdam,
ben noto ai lettori di Edgar Poe. La maggior parte di questi scritti
però o professano di esser pure immaginazioni poetiche, o sono scherzi
di ingegno dei quali il vero pregio deve cercarsi in tutt'altra parte
che in una seria discussione dell'argomento di cui stiamo
discorrendo. Ma nel presente secolo diversi scrittori tentarono di
elevare la pluralità dei mondi abitati alla dignità di questione
filosofica. Lasciando da parte le sedicenti rivelazioni degli
spiritisti, che ai nostri tempi hanno rinnovato ed anzi superato le
visioni di Swedenborg, basterà nominare Giovanni Reynaud (_Terre et
Ciel_) e Davide Brewster (_More Worlds than one_) i quali collocarono
negli astri le speranze della nostra vita futura e seppero trovare,
non dirò dimostrazioni (che in questa materia non ve n'è) ma pensieri
ed aspirazioni che ebbero e sempre avranno eco vivissima nel
sentimento di molti. Metafisica per metafisica, preferiamo questa ai
dogmi brutali e scoraggianti del materialismo. Quanto ai teologi
cristiani, essi, seguendo l'esempio di San Tommaso, quasi tutti
osteggiarono l'idea che possano esistere altri mondi simili al mondo
terrestre. Dico, quasi tutti, perchè noi leggiamo in uno di loro, a
cui certamente nessuno ha potuto far rimprovero d'empietà, le parole
seguenti[1]

"Il creato, che contempla l'astronomo, non è un semplice ammasso di
materia luminosa; è un prodigioso organismo, in cui, dove cessa
l'incandescenza della materia, incomincia la vita. Benchè questa non
sia penetrabile ai suoi telescopii, tuttavia, dall'analogia del nostro
globo, possiamo argomentarne la generale esistenza negli altri. La
costituzione atmosferica degli altri pianeti, che in alcuno è cotanto
simile alla nostra, e la struttura e la composizione delle stelle
simile a quella del nostro sole, ci persuadono che essi, o sono in uno
stadio simile al presente del nostro sistema, o percorrono taluno di
quei periodi, che esso già percorse, o è destinato a
percorrere. Dall'immensa varietà delle creature che furono già e che
sono sul nostro globo, possiamo argomentare le diversità di quelle che
possono esistere in altri. Se da noi l'aria, l'acqua e la terra sono
popolate da tante varietà di esse, che si cambiarono le tante volte al
mutare delle semplici circostanze di clima e di mezzo; quante più se
ne devon trovare in quegli sterminati sistemi, ove gli astri
secondarii son rischiarati talora non da uno, ma da più Soli
alternativamente, e dove le vicende climateriche succedentisi del
caldo e del freddo devono essere estreme per le eccentricità delle
orbite, e per le varie intensità assolute delle loro radiazioni, da
cui neppure il nostro Sole è esente!

"Sarebbe però ben angusta veduta quella di voler modellato l'Universo
tutto sul tipo del nostro piccolo globo, mentre il nostro stesso
relativamente microscopico sistema ci presenta tante varietà; nè è
filosofico il pretendere che ogni astro debba esser abitato come il
nostro, e che in ogni sistema la vita sia limitata ai satelliti
oscuri. È vero, che essa da noi non può esistere che entro confini di
temperatura assai limitati, cioè tra 0° e 40°-45° gradi centesimali,
ma chi può sapere se questi non sono limiti solo pei nostri organismi?
Tuttavia, anche con questi limiti, se essa non potrebbe esistere negli
astri infiammati, questi astri maggiori avrebbero sempre nella
creazione il grande ufficio di sostenerla, regolando il corso dei
corpi secondarii mediante l'attrazione delle loro masse, e di
avvivarle colla luce e col calore. E qual sorpresa sarebbe, se fra
tanti milioni, anche molti e molti di questi sistemi fossero deserti?
Non vediamo noi che sul nostro globo regioni, in proporzioni assai
estese, sono incapaci di vita? L'immensità della fabbrica, non
verrebbe perciò meno alla sua dignità, nè allo scopo inteso
dell'Architetto.

"La vita empie l'universo, e colla vita va associata l'intelligenza; e
come abbondano gli esseri a noi inferiori, così possono in altre
condizioni esisterne di quelli immensamente più capaci di noi. Fra il
debole lume di questo raggio divino, che rifulge nel nostro fragile
composto, mercè del quale potemmo pur conoscere tante meraviglie, e la
sapienza dell'autore di tutte le cose è una infinita distanza, che può
essere intercalata da gradi infiniti delle sue creature, per le quali
i teoremi, che per noi son frutto di ardui studi potrebbero essere
semplici intuizioni".

Mi son permesso di trascrivere questo passo del Secchi, perchè è
difficile dir più e meglio in sì poche parole. Ai nostri tempi la
dottrina della pluralità dei mondi abitati da esseri viventi ed
intelligenti ha trovato un ardente apostolo in Camillo
Flammarion. Questo dotto ed immaginoso scrittore, nel quale la scienza
copiosa ed ordinata dei fatti d'osservazione non impedisce l'esercizio
di una fantasia potente e della più seducente eloquenza, già da
trent'anni va svolgendo la questione sotto i suoi varii aspetti in
diverse opere, le quali e da chi consente, e da chi dubita si fanno
leggere assai volentieri[2]. Egli si è proposto di sottrarre questo
tema alla fantasia dei poeti ed all'arbitrio dei novellieri, e di
circondare l'ipotesi della pluralità dei mondi abitati con tutto
l'apparato scientifico, che oggi è possibile chiamare in suo soccorso;
di darle così tutto quel grado di logica consistenza e di probabilità
empirica di cui è capare. "Faire converger toutes les lumières de la
science vers ce grand point, la Vie universelle; l'éclairer dans son
aspect réel; établir ses rayonnements immenses et montrer qu' il est
le but mystérieux autour du quel gravite la création toute entière;
agrandir ainsi jusque par de là les bornes du visible le domaine de
l'existence vitale, si longtemps confiné à l'atome terrestre; déchirer
les voiles qui nous cachaient le règne de l'existence à la surface des
mondes; et sur la vie à l'infini répandue permettre à la pensée de
planer dans son auréole glorieuse; c'est là, selon nous, un problème,
dont la solution importe à notre temps". Questo è lo splendido
programma al quale il cosmologo francese ha consacrato il suo ingegno
e la sua varia coltura. Leggendo le sue pagine animate da calda
eloquenza ed ardenti del desiderio dell'ignoto, si è tratti ad
esclamare coll'Ettore virgiliano:

                             _Si Pergama dextra
     Defendi possent, certe hoc defensa fuissent_

Se fosse stato possibile dimostrare la esistenza della vita e
dell'intelligenza nei globi celesti con altri argomenti, che con
quelli della diretta osservazione, nessuno più del Flammarion avrebbe
meritato di farlo. Ma pur troppo è da confessare che, quanto a
risultati di osservazione, finora abbiamo poche speranze e nessun
fatto. La Luna, che di tutti gli astri è senza paragone il più
prossimo a noi, e nella quale oggetti di 400 e 500 metri di diametro
sono visibili senza troppa difficoltà nei potenti telescopi del tempo
moderno, la Luna non ha dato fatti, e non dà neppure speranze. Più la
si esamina, e più si ha ragione di credere, che sia un deserto di
aride rupi, privo d'ogni elemento necessario alla vita organica. Nè
fatti, nè speranze si possono avere dallo studio della superficie di
Venere, che fra tutti i pianeti è quello che può avvicinarsi
maggiormente alla Terra. La sua atmosfera è perpetuamente ingombra di
dense nuvole, le quali finora hanno impedito, ed impediranno
probabilmente ancora per lunghi secoli (se non per sempre) di
conoscere i particolari del suo corpo solido, e quanto su di esso
avviene. Per ragioni non dissimili (a cui si aggiunge la grande
lontananza) nulla avremo a sperare in quest'ordine di idee dallo
studio dei grandi pianeti superiori, Giove, Saturno, Urano, e
Nettuno. Quanto a Mercurio, le sue osservazioni sono di una estrema
difficoltà, avviluppato com'egli è di continuo nella luce del Sole;
tanto, che solamente negli ultimi anni è stato possibile discernervi
entro qualche macchia con sufficiente frequenza e determinare il vero
periodo della sua rotazione. Non parliamo nè del Sole, nè delle
stelle, nè delle comete, nè delle nebule; tutti corpi, dei quali la
costituzione fisica non sembra propria alla produzione e alla
conservazione della vita, almeno nelle forme con cui noi l'intendiamo.

Tutte le nostre speranze si sono quindi poco a poco concentrate su
Marte il solo astro che possa giustificarle sino ad un certo punto,
siccome or ora si vedrà. Tali speranze si sono accresciute ed hanno
raggiunto anzi presso alcuni un grado di esaltazione quasi febbrile,
dopo che un esame accurato di quel pianeta ha fatto scoprire in esso
alcuni cambiamenti, e un sistema di misteriose configurazioni, in cui
con un po' di buona volontà si potrebbe congetturare piuttosto il
lavoro di esseri intelligenti, anzi che la semplice opera delle forze
naturali inorganiche. L'ultima grande apparizione di Marte ha dato
origine ad espressioni entusiastiche di tali speranze, specialmente
presso i Nordamericani; i quali, possedendo nel loro Osservatorio di
California il più gran cannocchiale che mai sia stato costrutto,
avrebbero tutto il diritto al vanto di aver scoperto non solo un nuovo
mondo, ma anche una nuova umanità. Ma in Francia l'agitazione delle
menti ispirata dal Flammarion ha prodotto effetti anche più
straordinari: ivi con tutta serietà sono proposte ingenti somme come
premio a chi sarà primo a dimostrare, per mezzo della diretta
osservazione, che esistono in alcuno degli astri indizî certi di
esseri intelligenti. In America poi ed in Francia si sta macchinando
la costruzione di nuovi telescopi d'inusata potenza, il costo dei
quali si conterà per milioni. Fra tanti segni dei tempi questo almeno
ci dà diritto a sperar bene dell'avvenire. L'ansietà con cui molti
guardano alle tenebre del futuro non mi sembra in ogni parte
giustificata. Non è vero che l'età presente, più delle passate, manchi
di elevati principi e di aspirazioni ideali. Il secolo decimonono può
considerare con orgoglio quello che ha fatto; il suo posto negli
annali del progresso umano non sarà senza gloria. A costo
d'incredibili fatiche e di eroici sacrifizi esso ha compiuto ormai
l'esplorazione di tutta la superficie terrestre, sulle cui carte non
restano che poche lacune. Penetrando nelle viscere del nostro pianeta,
ha mostrato la storia delle trasformazioni a cui fu soggetto, ed ha
rievocato dal loro sepolcro le infinite generazioni che lo popolarono
per milioni di anni. Coll'investigazione archeologica, collo studio
dell'etnografia e della filologia ha ritrovato i veri titoli di
nobiltà del genere umano, e fatto risorgere alla luce del giorno i
primi prodotti delle sue civiltà. Con estese associazioni di pazienti
e di instancabili osservatori ha iniziato lo studio dell'atmosfera, e
delle sue leggi, che sarà uno dei grandi problemi del secolo XX. Ma
tutto questo non gli è bastato; e dopo aver proseguito energicamente
nello studio dei cieli, della materia, e delle forze naturali l'opera
dei secoli anteriori e fondata la chimica degli astri, di cui prima
pareva follia parlare; ora aspira a più alta meta, e ansiosamente
comincia a spiare, se qualche voce di simpatia e di fratellanza non ci
possa venir dalle profondità cosmiche; e per ottenerne indizio è
pronto a spender per un solo telescopio più somme, di quante ne abbian
spese in favore della scienza pura tutti i secoli precedenti insieme
considerati. Ecco uno, un solo dei tanti aspetti nobili, moralmente
grandiosi, poetici, sotto cui si presenterà alla posterità imparziale
quel secolo, che allo spettatore unilaterale sembra essere per
eccellenza il secolo della prosa, dell'egoismo, della meccanica
brutale, dei godimenti materiali. Noi siamo migliori di quello che
crediamo essere! La stessa difficoltà che proviamo ad esser contenti e
soddisfatti di noi medesimi, è un segno di progresso e di forza. Ma
torniamo al nostro argomento.



II.

Nella scala delle orbite planetarie, la Terra occupa, a partir dal
Sole, il terzo posto e Marte il quarto. L'orbita di Marte comprende
quindi dentro di sè l'orbita della Terra; ed è di essa più grande nel
rapporto di circa 3 a 2. Ambedue le orbite sono di forma leggermente
ovale, ma così per l'una come per l'altra la differenza fra il più
grande e il più piccolo diametro è relativamente trascurabile: in
altre parole, la differenza di queste orbite da un circolo perfetto è
assai poca, tanto che occorrebbero disegni in molto grande scala per
renderla sensibile a misure fatte col compasso. Il Sole non si trova
nel centro nè dell'una, nè dell'altra, e questo difetto di centratura
è assai maggiore per Marte che per la Terra. La Terra gira intorno al
Sole in ragione di 30 chilometri per minuto secondo; Marte in ragione
di 24 chilometri. Essendo questi più lento, e dovendo percorrere un
circolo più grande, impiega, a far il suo giro completo intorno al
Sole, 687 giorni, quasi il doppio dei 365 che impiega la Terra a fare
il proprio.

Quindi appare subito manifesta la ragione per cui così di raro Marte
rifulge in tutto il suo splendore. Movendosi i due astri intorno al
Sole in periodi così differenti, per lo più si troveranno in parti
molto distanti dello spazio celeste, e soltanto saranno vicini, quando
l'uno e l'altro giaceranno nella medesima direzione a partir dal
sole. Trovandosi allora i tre corpi (Sole, Terra, Marte) in linea
retta, e la Terra (come quella che è più vicina al Sole) occupando il
posto di mezzo, allo spettatore terrestre, Marte ed il Sole
appariranno in plaghe opposte al cielo; e questo intendono dire gli
astronomi quando parlano di Marte in _opposizione_col Sole. Le epoche
adunque in cui Marte si presenta a noi più vicino, sono quelle delle
opposizioni, le quali ricorrono ad intervalli di circa ventisei mesi,
o 780 giorni.

[vedi figura 01.png]

Ma non in tutte le opposizioni Marte giunge ad avvicinarsi alla Terra
in egual misura. Mentre l'orbita della Terra è quasi esattamente
centrata sul Sole, quella di Marte è invece notabilmente eccentrica:
la loro proporzione e disposizione può vedersi rappresentata nella
figura qui a lato, dove S rappresenta il Sole, il circolo minore è
quello della Terra, il maggiore quello di Marte. Ora si vede subito,
che quando i due pianeti si avvicinano fra loro nella parte più
serrata dell'intervallo fra le due orbite, la Terra essendo in T e
Marte in M, si ha il massimo avvicinamento possibile, siccome (con
poca differenza) è accaduto nel 1877 e nel 1892, e di nuovo accadrà
nel 1909. Queste, che ricorrono ad intervalli alternati di 15 e di 17
anni, diconsi le _grandi opposizioni_. Marte allora è veramente
stupendo a considerare coll'occhio nudo, ma più ancora col
telescopio. Tuttavia anche in tale favorevolissima posizione il suo
diametro apparente non supera la settantacinquesima parte del diametro
apparente del Sole o della Luna: così che occorre un telescopio
amplificante 75 volte perchè in esso Marte si presenti come la Luna
all'occhio nudo. Ma nelle comuni opposizioni non si arriva neppure a
tanto: e quando i due pianeti occupano i punti designati sulla figura
con T' M', la minima loro distanza T'M' è quasi doppia della TM. In
queste opposizioni meno fortunate il massimo diametro apparente a cui
Marte può arrivare non supera 1/150 del diametro lunare, ed è
necessario amplificarlo 150 volte per vederlo come la Luna ad occhio
nudo. La sua superficie apparente e la sua luce sono allora soltanto
_il quarto_di quella che si vede nelle grandi opposizioni.

Non conviene dunque illudersi su questi, che abbiam chiamato
avvicinamenti di Marte alla Terra; sono vicinanze relative, e la Luna,
che pure dista da noi trenta diametri del globo terrestre, ha ancora
su Marte un grandissimo vantaggio. Il 2 Settembre 1877 e il 6 Agosto
1892, giorni delle ultime grandi opposizioni, ebbe luogo la minima
distanza possibile del pianeta, che fu di quasi 57 milioni di
chilometri e di 146 volte la distanza della Luna. Mentre adunque in
questa un telescopio di mediocre potenza è capace di rilevare
montagne, valli, circhi e crateri senza numero ed un'infinità di altri
particolari topografici[3], ben altro potere ottico sarà necessario,
perchè si possano vedere distintamente in Marte anche soltanto le
configurazioni delle macchie principali. L'esperienza ha fatto vedere
che non è difficile di rilevar nella Luna, col soccorso dei maggiori
telescopi, un oggetto rotondeggiante di mezzo chilometro di diametro,
o una striscia di 200 metri di larghezza. In Marte si può arrivare a
distinguere come punto un oggetto rotondeggiante di 60 a 70 chilometri
di diametro, e come linea sottile una striscia di 30 chilometri di
larghezza. Il corso di un fiume come il Po sarebbe facile a
distinguersi nella Luna su quasi tutta la sua lunghezza, ma nessuno
dei maggiori fiumi della Terra riuscirebbe a noi visibile in Marte. E
mentre nella Luna una città come Milano (od anche soltanto Pavia)
sarebbe già un oggetto ben vidibile a noi, in Marte non potremmo
sperare di vedere neppure Parigi e Londra, ed appena con molta
attenzione sarebbe possibile distinguervi isole rotondeggianti della
grandezza di Majorca, od isole allungate, grandi come Candia e Cipro.

Non farà dunque meraviglia, che Galileo, i cui telescopi non
superarono mai l'amplificazione di 30 diametri, non abbia potuto fare
in Marte alcuna scoperta. Primo ad osservare con qualche sicurezza le
macchie di questo pianeta fu il celebre Ugenio, che le vide coll'aiuto
di telescopi lavorati da lui stesso, assai più perfetti e più grandi
di quelli di Galileo (1656-1659). Pochi anni dopo, Domenico Cassini a
Bologna (1666) non solo riconobbe diverse macchie, ma dal loro rapido
spostarsi sul disco fu condotto a scoprire la rotazione del pianeta
intorno ad un asse obliquo, a similitudine della Terra: dalla qual
rotazione definì la durata in 24 ore e 40 minuti. I telescopi usati da
Cassini erano lavorati in Roma dal più celebre artefice ottico di quei
tempi, Giuseppe Campani, i cui lavori godettero di un incontrastabile
primato per quasi cent'anni, fino a che per opera di Short, di Dollond
e di Herschel tale vanto passò per qualche tempo all'Inghilterra. E
con telescopi di Campani fece Bianchini in Verona nel 1719 i primi
disegni alquanto accurati delle macchie di Marte, scoprendo in esse
particolari abbastanza difficili, quale per esempio la sottile
penisola che nella carta annessa porta il nome di _Hesperia_. Verso la
fine del secolo scorso Herschel e Schroeter dallo studio delle candide
macchie polari del pianeta dedussero l'obliquità del suo asse di
rotazione rispetto al piano dell'orbita, quell'angolo, cioè, che per
la Terra costituisce l'obliquità dell'eclittica, ed è poco diverso
nell'uno e nell'altro pianeta. Così fu determinato anche per i due
emisferi di Marte il corso periodico delle stagioni, e la legge delle
variazioni dei climi, che tanta analogia mostrano con le nostre.

Tutte queste osservazioni però non erano sufficienti a dare una
descrizione completa della superficie di Marte. Come vero fondatore
dell'_Areografia_[4] dobbiamo considerare il tedesco Maedler, il quale
nel 1830, valendosi di un perfettissimo telescopio di Fraunhofer
(celebre ottico di Monaco, per cui opera il primato nella costruzione
dei telescopi passò verso il 1820 alla Germania), vide e descrisse le
macchie del pianeta incomparabilmente meglio che tutti gli astronomi
anteriori. Maedler fu il primo a determinare con misure bene ordinate
la posizione di un certo numero di punti principali sulla superficie
di Marte rispetto all'equatore e ad un primo meridiano, che è quello
notato zero sull'annessa carta.

[vedi figura tavola01.jpg]

[vedi figura tavola02.jpg]

Ordinando rispetto a questi punti le diverse particolarità
topografiche riuscì a costruire la prima carta areografica: la quale,
comechè ancora incompleta e necessariamente limitata a poche macchie
principali, è tuttavia monumento onorevole della sua cura e
diligenza, e rappresenta per la descrizione di Marte quello che 2000
anni fa la carta di Eratostene fu per la geografia terrestre. Questa
carta per più di 30 anni fu non soltanto la migliore, ma anzi
l'unica; e soltanto verso il 1860 si cominciò a fare nello studio del
pianeta qualche progresso ulteriore, specialmente per le osservazioni
di Secchi, Dawes, Kaiser, e Lockyer. Da quell'epoca e specialmente a
partire dalla grande opposizione del 1862 quei progressi si vennero
accelerando, ed a ciò contribuirono non poco i grandissimi telescopi,
che negli ultimi tempi gli ottici, specialmente quelli d'America,
hanno imparato a costruire[5].

Dalla comparazione di tutte le nuove ed antiche osservazioni risultò
come primo fatto importante, che la forma e disposizione delle macchie
del pianeta è invariabile nei suoi tratti principali, com'è sulla
Terra la distribuzione dei mari e della parte asciutta. Noi possiamo,
per esempio, riconoscere nei disegni di Ugenio (1659) il golfo
appellato _Gran Sirte_(vedi l'annessa carta); nei disegni di Maraldi
(1704) il _Mare Cimmerio_e il _Mare delle Sirene_; nei disegni di
Bianchini (1719) il _Mare Tirreno_e la penisola _Esperia_. Anche le
posizioni dei punti principali determinate da Maedler (1830), da
Kaiser (1862) e da me (1877-1879) si accordano fra loro in modo da
escludere affatto l'idea di Schroeter, che le macchie di Marte siano
nuvole o formazioni atmosferiche transitorie, come certamente sono
quelle di Giove e di Saturno.

Marte ha dunque una topografia stabile, come la Terra e la Luna, e per
quanto si può sapere, anche Mercurio. Tale stabilità si ravvisa
tuttavia per Marte soltanto nelle forme generali, e non si estende
agli ultimi particolari. Osservazioni continuate han posto fuor d'ogni
dubbio negli ultimi tempi che molte regioni mutano di colore fra certi
limiti, secondo la stagione che domina su quei luoghi, e secondo
l'inclinazione, con cui sono percossi dai raggi solari. Tali mutazioni
di colori hanno certamente luogo anche per molte parti della Terra, e
sarebbero visibili ad uno spettatore collocato in Marte. Ma si osserva
in questo una cosa, che certamente sulla Terra non ha luogo: i
contorni delle grandi macchie possono subire cioè leggiere mutazioni,
piccole rispetto alle dimensioni delle macchie stesse, ma pur tuttavia
abbastanza grandi per rendersi cospicue anche a noi. Anche questi
contorni non sono sempre ugualmente ben definiti. Molte minutissime
particolarità si vedono meglio in certe epoche, e meno bene in certe
altre; e possono da un tempo all'altro anche variar d'aspetto e di
forma, senza che tuttavia si possa concepire alcun dubbio sulla loro
identità. E finalmente è da notare, che Marte ha un'atmosfera
abbastanza densa, ed una propria meteorologia, come sarà spiegato più
innanzi. Tutte queste variazioni annunziano un sistema grandioso di
processi naturali, che conferisce allo studio di Marte un interesse
molto più grande di quello che deriverebbe dal semplice studio
topografico di una superficie immutabile ed inerte, come sembra esser
quella della Luna. Insomma il pianeta non è un deserto di arido sasso;
esso vive, e la sua vita si manifesta alla superficie con un insieme
molto complicato di fenomeni, ed una parte di questi fenomeni si
sviluppa su scala abbastanza grande per riuscire osservabile agli
abitatori della Terra. Vi è in Marte un mondo intiero di cose nuove da
studiare, eminentemente proprie a destare la curiosità degli
osservatori e dei filosofi, le quali daranno da lavorare a molti
telescopi per molti anni, e saranno un grande impulso al
perfezionamento dell'Ottica. Tale è la varietà e la complicazione dei
fenomeni, che soltanto uno studio completo e paziente potrà
rischiarare le leggi secondo cui quelli si producono, e condurre a
conclusioni sicure e definite sulla costituzione fisica di un mondo
tanto analogo al nostro sotto certi rispetti, e pur sotto altri tanto
diverso.

Non si creda tuttavia di poter accedere a questo studio così attraente
senza aiuto ottico proporzionato alla difficoltà della cosa. La sempre
grande distanza del pianeta, e la piccolezza relativa[6] del medesimo
non permettono di usare con molto frutto amplificazioni inferiori a
200 e 300, nè telescopi di lente obbiettiva inferiore in diametro a 20
centimetri: questo nelle_grandi opposizioni_, come quelle del 1877 e
del 1892. Ma nelle opposizioni meno favorevoli (ed in quelle appunto
suole Marte dispiegare i suoi fenomeni più curiosi) lo studio dei più
delicati particolari non si può far bene con amplificazioni minori di
500 e 600 diametri, quali si possono avere soltanto da telescopi
dell'apertura di 40 centimetri o più.

Le due carte annesse sono state fatte appunto con istrumenti della
forza che ho detto. L'emisfero australe, il quale a causa
dell'inclinato asse di Marte suole presentarsi meglio alla nostra
vista nelle grandi opposizioni, che nelle altre, è stato rilevato
principalmente negli anni 1877-1879, con un telescopio di 22
centimetri d'apertura. Ma per l'emisfero boreale, che si presenta in
prospettiva conveniente soltanto nelle opposizioni meno favorevoli, si
è potuto negli anni 1888 e 1890 approfittare di un istrumento molto
più grande, il cui vetro obbiettivo ha 49 centimetri di diametro, e
permette di spingere l'amplificazione di Marte fino a 500 e 650.

[vedi figura 02.png]

Non senza qualche interesse vedrà il lettore rappresentato
nell'annessa pagina quest'ultimo istrumento, il più potente che sia
uscito delle officine di Germania. La sua collocazione a Brera fu
decretata dal Re e dal Parlamento nel 1878; ogni volta che lo
consideriamo esso richiama a noi la memoria di quell'uomo non
facilmente dimenticabile, che fu Quintino Sella, ai cui uffici la
Specola di Milano deve questo suo principale ornamento. La lente
obbiettiva, lavorata in Monaco da Merz successore di Fraunhofer, ha 49
centimetri di diametro nella parte libera; la macchina che porta il
telescopio e permette di dirigere con tutta facilità in cinque minuti
la gran mole verso qualunque plaga del cielo, è un vero prodigio della
meccanica moderna e fu lavorata in Amburgo dai fratelli Repsold. La
sua parte mobile (che son parecchie tonnellate di metallo) può essere
mossa dalla pressione di un dito ed aggiustato su qualunque astro
colla stessa esattezza che si potrebbe ottenere per il più delicato
microscopio. Un meccanismo d'orologio la porta in giro insieme al
cielo intorno all'asse del mondo, per guisa, che diretto il telescopio
ad un astro, segue di questo la rivoluzione diurna, e l'astro appare
immobile nel campo telescopico per tutto il tempo che si vuole. I
molti organi sussidiari, che si veggono nella parte inferiore del tubo
a portata dell'osservatore, servono alle diverse specie di operazioni,
che con questo strumento si devono compiere.

È questo il massimo dei telescopi esistenti in Italia[7] ma otto o
dieci altri di esso maggiori sono stati costrutti o si stanno
costruendo in diverse parti. Fra tutti giganteggia quello
dell'Osservatorio di California, eretto sulla cima del Monte Hamilton,
presso S. Francisco per legato di James Lick, ricco negoziante, che in
tal modo volle assicurata presso i posteri la sua
memoria. L'obbiettivo di questo colosso dell'ottica moderna ha 91 1/2
centimetri di diametro, e da sè solo è costato l'egregia somma di 50
mila dollari (275000 lire a un dipresso). Tutto l'istrumento è, nella
sua generale disposizione, poco dissimile da quello che qui sopra fu
descritto, ma è due volte più grande in ogni dimensione. Ma fra non
molto il telescopio Californiano sarà superato da un altro, per il
quale già si hanno fusi i vetri in America: questo avrà non meno di
102 centimetri d'apertura, ed il suo costo è calcolato in 200 mila
dollari (1.100.000 lire). E sarà collocato, non già nei climi
variabili della nostra zona temperata, e tanto meno poi in mezzo al
fumo e alla luce elettrica di una città grande; ma sopra una mediocre
elevazione delle Ande peruviane, in un clima sereno, di aria
tranquilla e temperata, benchè posto nella zona torrida.

Quanto al telescopio di tre metri di diametro che si vuoi preparare in
Francia per l'esposizione del 1900, e sul quale già si è mosso tanto
rumore, aspetteremo a parlarne quando sarà fatto. Non ha da essere un
telescopio a vetri, come i precedenti, ma un telescopio
_riflettore_nel quale la lente obbiettiva sarà surrogata da un grande
specchio. Senza dubbio, la maggior facilità e la minore spesa di
questa maniera di telescopio permetterà di raggiungere dimensioni
molto maggiori che colle lenti di vetro: anzi esistono già in
Inghilterra ed in Francia parecchi di tali strumenti da uno a due
metri di diametro, i quali prestano utillissimi servizi in molte
ricerche e segnatamente in tutte quelle che richiedono gran copia di
luce senza molto riguardo alla precisione dell'immagine ottica: per
esempio nello studio del calore lunare e nella chimica celeste. Ma
quanto a visione distinta, gli specchi di grande dimensione finora si
son dimostrati troppo inferiori alle lenti di corrispondente potenza:
e riguardo all'esplorazione dei mondi planetari non sarà permesso di
fondare sul futuro telescopio di Parigi molto grandi speranze.



III.

Già i primi Astronomi, che studiarono Marte col telescopio, ebbero
occasione di notare sul contorno del suo disco due macchie
bianco-splendenti di forma rotondeggiante e di estensione
variabile. In progresso di tempo fu osservato, che mentre le macchie
comuni di Marte si spostano rapidamente in conseguenza della sua
rotazione diurna, mutando in poche ore di posizione e di prospettiva;
quelle due macchie bianche rimangono sensibilmente immobili al loro
posto. Si concluse giustamente da questo, dover esse occupare i poli
di rotazione del pianeta, o almeno trovarsi molto prossime a quei
poli. Perciò furono designate col nome di macchie o calotte polari. E
non senza fondamento si è congetturato, dover esse rappresentare per
Marte quelle immense congerie di nevi e di ghiacci, che ancor oggi
impediscono ai navigatori di giungere ai poli della terra. A ciò
conduce non solo l'analogia d'aspetto e di luogo, ma anche un'altra
osservazione importante.

Come è noto dai principî di cosmografia, l'asse della terra è
inclinato sul piano dell'orbe che essa descrive intorno al sole;
l'equatore pertanto non coincide al piano di detto orbe, ma è
inclinato rispetto ad esso piano dell'angolo di 23 1/2 gradi, detto
l'obliquità dello zodiaco o dell'eclittica. Ed è noto pure, come da
questa semplice e quasi accidentale circostanza tragga origine una
varietà di fatti, che sono del più grande influsso sui climi dei
diversi paesi, producendo l'estate e l'inverno, e la diversa durata
dei giorni e delle notti. Ora lo stesso precisamente avviene in
Marte. Il suo equatore è inclinato rispetto al piano dell'orbita di
quasi 25 gradi; e da tal disposizione ha origine la stessa vicenda
delle stagioni e dell'irradiamento solare, la stessa varietà di climi
e di giorni, che ha luogo sulla Terra. Marte ha dunque le sue zone
climatiche, i suoi equinozi e i suoi solstizi, e simili vicende
d'illuminazione. Per quanto concerne la durata dei giorni e delle
notti il parallelismo è quasi completo nella zona torrida e nelle
temperate: perchè mentre il giorno terrestre solare è di 24 ore, il
giorno solare di Marte è di 24 ore e quaranta minuti
prossimamente. Circa l'andamento delle stagioni e delle lunghe
giornate e notti del polo vi è questa differenza, che le nostre
stagioni durano tre mesi ciascuna, quelle di Marte hanno una durata
poco men che doppia, di 171 giorni in media: e i giorni e le notti del
polo, che presso di noi sono di sei mesi a un dipresso in Marte durano
per un medio undici mesi[8]. Tal differenza è dovuta a questo
principalmente, che l'anno di Marte è di 687 giorni terrestri, mentre
il nostro è di soli 365.

Così stando le cose, è manifesto, che se le suddette macchie bianche
polari di Marte rappresentano nevi e ghiacci, dovranno andar
decrescendo di ampiezza col sopravvenire dell'estate in quei luoghi,
ed accrescersi durante l'inverno. Or questo appunto si osserva nel
modo più evidente. Nel secondo semestre dell'anno decorso 1892 fu in
prospetto la calotta del polo australe; durante quell'intervallo, e
specialmente nei mesi di Luglio e d'Agosto, anche osservando con
cannocchiali affatto comuni era chiarissima di settimana in settimana
la sua rapida diminuzione; quelle nevi (ora ben possiamo chiamarle
tali), che da principio giungevano fino al 70.° parallelo di
latitudine, e formavano una calotta di oltre 2000 chilometri di
diametro, si vennero progressivamente ritraendo al punto, che due o
tre mesi dopo pochissimo più ne rimaneva, una estensione di forse 300
chilometri al maximum; e anche meno se ne vede adesso, negli ultimi
giorni del 1892. In questi mesi l'emisfero australe di Marte ebbe la
sua estate; il solstizio estivo essendo avvenuto il 13
Ottobre. Corrispondentemente ha dovuto accrescersi la massa delle nevi
intorno al polo boreale; ma il fatto non fu osservabile, trovandosi
quel polo nell'emisfero di Marte opposto a quello che riguarda la
Terra. Lo squagliarsi delle nevi boreali è stato invece osservabile
negli anni 1882, 1884, 1886.

Queste osservazioni del crescere e decrescere alterno delle nevi
polari, abbastanza facili anche con cannocchiali di mediocre potenza,
diventano molto più interessanti ed istruttive, quando se ne seguano
assiduamente le vicende nei più minuti particolari, usando di
strumenti maggiori. Si vede allora lo strato nevoso sfaldarsi
successivamente agli orli; buchi neri e larghe fessure formarsi nel
suo interno; grandi pezzi isolati, lunghi e larghi molte miglia
staccarsi dalla massa principale, e sparire sciogliendosi poco
dopo. Si vedono insomma presentarsi qui d'un colpo d'occhio quelle
divisioni e quei movimenti dei campi ghiacciati, che succedono durante
l'estate delle nostre regioni artiche secondo le descrizioni degli
esploratori.

Le nevi australi offrono questa particolarità, che il centro della
loro figura irregolarmente rotondeggiante non cade proprio sul polo,
ma in un altro punto, che è sempre press'a poco il medesimo, e dista
dal polo di circa 300 chilometri nella direzione del _Mare
Eritreo_. Da questo deriva, che quando l'estensione delle nevi è
ridotta ai minimi termini, il polo australe di Marte ne rimane
scoperto; e quindi forse il problema di raggiungerlo è su quel pianeta
più facile che sulla Terra. Le nevi australi sono in mezzo di una gran
macchia oscura, che colle sue ramificazioni occupa circa un terzo di
tutta la superficie di Marte, e si suppone rappresenti l'Oceano
principale di esso. Se questo è, l'analogia con le nostre nevi artiche
ed antartiche si può dire completa, e specialmente colle antartiche.

La massa delle nevi boreali di Marte è invece centrata quasi
esattamente sul polo; essa è collocata nelle regioni di color giallo,
che soglionsi considerare come i continenti del pianeta. Da ciò
nascono fenomeni singolari, che non hanno sulla Terra alcun
confronto. Allo squagliarsi delle nevi accumulate su quel polo durante
la lunghissima notte di dieci mesi e più, le masse liquide prodotte in
tale operazione si diffondono sulla circonferenza della regione
nevata, convertendo in mare temporaneo una larga zona di terreno
circostante; e riempiendo tutte le regioni più basse producono una
gigantesca inondazione, la quale ad alcuni osservatori diede motivo di
supporre in quella parte un altro Oceano, che però in quel luogo non
esiste, almeno come mare permanente. Vedesi allora (l'ultima occasione
a ciò opportuna fu nel 1884) la macchia bianca delle nevi circondata
da una zona oscura, la quale segue il perimetro delle nevi nella loro
progressiva diminuzione, e va con esso restringendosi sopra una
circonferenza sempre più angusta. Questa zona si ramifica dalla parte
esterna con strisce oscure, le quali occupano tutta la regione
circostante, e sembrano essere i canali distributori, per cui le masse
liquide ritornano alle loro sedi naturali. Nascono in quelle parti
laghi assai estesi, come quello segnato sulla carta col nome di _Lacus
Hyperboreus_; il vicino mare interno detto _Mare Acidalio_, diventa
più nero e più appariscente. Ed è a ritenere come cosa assai
probabile, che lo scolo di queste nevi liquefatte sia la causa che
determina principalmente lo stato idrografico del pianeta, e le
vicende che nel suo aspetto periodicamente si osservano. Qualche cosa
di simile si vedrebbe sulla Terra, quando uno dei nostri poli venisse
a collocarsi subitamente nel centro dell'Asia o dell'Africa. Come
stanno oggi le cose, possiamo trovare un'immagine microscopica di
questi fatti nel gonfiarsi che si osserva dei nostri torrenti allo
sciogliersi dei nevai alpini.

I viaggiatori delle regioni artiche hanno frequente occasione di
notare, come lo stato dei ghiacci polari nel principio della state, ed
ancor al principio di Luglio, è sempre poco favorevole al progresso
dei viaggiatori; la stagione migliore per le esplorazioni è nel mese
di Agosto, e Settembre è il mese, in cui l'ingombro dei ghiacci è
minimo. Così pure nel Settembre sogliono essere le nostre Alpi più
praticabili che in ogni altra epoca. E la ragione ne è chiara; lo
scioglimento delle nevi richiede tempo; non basta l'alta temperatura,
bisogna che essa continui, ed il suo effetto sarà tanto maggiore,
quanto più prolungato. Se quindi noi potessimo rallentare il corso
delle stagioni, così che ogni mese durasse sessanta giorni invece di
trenta; nell'estate in tal modo raddoppiata lo scioglimento dei
ghiacci progredirebbe molto di più e forse non sarebbe esagerazione il
dire che la calotta polare al fine della calda stagione andrebbe
interamente distrutta. Ma non si può dubitare ad ogni modo, che la
parte stabile di tale calotta sarebbe ridotta a termini molto più
angusti, che oggi non si veda. Ora questo appunto succede in Marte. Il
lunghissimo anno quasi doppio del nostro permette ai ghiacci di
accumularsi durante la notte polare di 10 o 12 mesi in modo, da
scendere sotto forma di strato continuo fino al parallelo 70° ed anche
più basso; ma nel giorno che segue di 12 o 10 mesi il Sole ha tempo di
liquefare tutta o quasi tutta quella neve di recente formazione,
riducendola a sì poca estensione, da sembrare a noi nulla più che un
punto bianchissimo. E forse tali nevi si struggono intieramente, ma di
questo finora non si ha alcuna sicura osservazione.

Altre macchie bianche di carattere transitorio e di disposizione meno
regolare si formano sull'emisfero australe nelle isole vicine al polo;
e così pure nell'emisfero opposto regioni biancheggianti appaiono
talvolta intorno al polo boreale fino al 50° e 55° parallelo. Sono
forse nevicate effimere, simili a quelle che si osservano nelle nostre
latitudini. Ma anche nella zona torrida di Marte si vedono talora
piccolissime macchie bianche più o meno persistenti, fra le quali una
fu da me veduta in tre opposizioni consecutive (1877-1882) nel punto
segnato sui nostri planisferi dalla longitudine 268° e dalla
latitudine 16° nord. Forse è permesso congetturare in questi luoghi la
esistenza di montagne capaci di nutrire vasti ghiacciai. L'esistenza
di tali montagne è stata supposta anche da alcuni recenti osservatori,
sul fondamento di altri fatti.

Quanto si è narrato delle nevi polari di Marte prova in modo
incontrastabile, che questo pianeta, come la Terra, è circondato da
un'atmosfera capace di trasportar vapori da un luogo all'altro. Quelle
nevi infatti sono precipitazioni di vapori condensati dal freddo e
colà successivamente portati; ora come portati, se non per via di
movimenti atmosferici? L'esistenza di un'atmosfera carica di vapori è
stata confermata anche dalle osservazioni spettrali, principalmente da
quelle di Vogel; secondo il quale tale atmosfera sarebbe di
composizione poco diversa dalla nostra, e sopratutto _molto ricca di
vapore acqueo_. Fatto questo sommamente importante, perchè ci dà il
diritto di affermare con molta probabilità, che d'acqua e non d'altro
liquido siano i mari di Marte e le sue nevi polari. Quando sarà
assicurata sopra ogni dubbio questa conclusione, un'altra ne
discenderà non meno grave; che le temperature dei climi marziali,
malgrado la maggior distanza dal Sole, sono del medesimo ordine che le
temperature terrestri. Perchè se fosse vero quanto fu supposto da
alcuni investigatori, che la temperatura di Marte sia in media molto
bassa (di 50° a 60° sotto lo zero!) non potrebbe più il vapor acqueo
essere uno degli elementi principali dell'atmosfera di Marte, nè
potrebbe l'acqua essere uno dei fattori importanti delle sue vicende
fisiche; ma dovrebbe lasciare il luogo all'acido carbonico o ad altro
liquido, il cui punto di congelazione sia molto più basso.

Gli elementi della meteorologia di Marte sembrano dunque aver molta
analogia con quelli della meteorologia terrestre. Non mancano però,
come è da aspettarsi, le cause di dissomiglianza. Anche qui, da
circostanze di piccol momento trae la Natura un'infinita varietà nelle
sue operazioni. Di grandissima influenza dev'esser la diversa maniera,
con cui in Marte e sulla Terra veggonsi ordinati i mari ed i
continenti; su di che uno sguardo alla carta dice più che non si
farebbe con molte parole. Già abbiamo accennato al fatto delle
straordinarie inondazioni periodiche, che ad ogni rivoluzione di Marte
ne allagano le regioni polari boreali allo sciogliersi delle nevi:
aggiungeremo ora, che queste inondazioni diramate a grandi distanze
per una rete di numerosi canali, forse costituiscono il meccanismo
principale (se non unico), per cui l'acqua (e con essa la vita
organica) può diffondersi sulla superficie asciutta del
pianeta. Perchè infatti su Marte piove molto raramente, _o forse anche
non piove affatto_. Ed eccone la prova.

Portiamoci coll'immaginazione nello spazio celeste, in un punto
distante dalla Terra così, da poterla abbracciare d'un solo colpo
d'occhio. Molto andrebbe errato colui, che sperasse veder di là
riprodotta in grande scala la immagine dei nostri continenti coi loro
golfi ed isole e coi mari che li circondano, quale si vede nei nostri
globi artificiali. Qua e là senza dubbio si vedrebbero trasparire
sotto un velo vaporoso le note forme, o parti di esse. Ma una buona
parte (forse la metà) della superficie sarebbe fatta invisibile da
immensi campi di nuvole, continuamente variabili di densità, di forma
e di estensione. Tale ingombro, più frequente e più continuato nelle
regioni polari, impedirebbe ancora per circa la metà del tempo, la
vista delle regioni temperate, distribuendosi su di esse in
capricciose e perpetuamente variate configurazioni; sui mari della
zona torrida si vedrebbe disposto in lunghe fasce parallele,
corrispondenti alle zone delle calme equatoriali e tropicali. Per uno
spettatore posto nella Luna, lo studio della nostra geografia non
sarebbe un'impresa tanto semplice, quanto si potrebbe immaginare.

Nulla di questo in Marte. In ogni clima e sotto ogni zona la sua
atmosfera è quasi perpetuamente serena e trasparente abbastanza per
lasciar riconoscere a qualunque momento i contorni dei mari e dei
continenti, e per lo più anche le configurazioni minori. Non già che
manchino vapori di un certo grado di opacità; ma ben poco impedimento
danno essi allo studio della topografia del pianeta. Qua e là vedonsi
comparire di quando in quando alcune chiazze biancastre, mutar di
posizione e di forma, di raro estendersi sopra aree alquanto ampie;
esse prediligono di preferenza alcune regioni, come le isole del Mare
Australe e sui continenti le parti segnate sulla carta coi nomi di
_Elysium_e di _Tempe_. Il loro candore generalmente diminuisce e
scompare nelle ore meridiane del luogo, e si rinforza la mattina e la
sera con vicenda molto spiccata. È possibile che siano strati di
nuvole, perchè così bianche appajono pure le nubi terrestri nella
parte superiore illuminata dal Sole. Però diverse osservazioni
conducono a pensare, che si tratti piuttosto di sottili veli di
nebbia, anzichè di veri nembi apportatori di temporali e di piogge: se
pure non sono temporanee condensazioni di vapore sotto forma di
rugiada o di brina.

Adunque, per quanto è lecito argomentare dalle cose osservate, il
clima di Marte nel suo generale complesso dovrebbe rassomigliare a
quello delle giornate serene nelle alte montagne. Di giorno
un'insolazione fortissima, quasi punto mitigata da nuvole o da vapori;
di notte una copiosa irradiazione del suolo verso lo spazio celeste, e
quindi un grande raffreddamento. Da ciò un clima eccessivo e grandi
sbalzi di temperatura dal giorno alla notte e da una stagione
all'altra. E come sulla Terra ad altezze di 5000 e 6000 metri i vapori
dell'atmosfera più non si condensano che sotto forma solida, formando
quelle masse biancastre di diacciuoli sospesi, che si chiamano
_cirri_; così nell'atmosfera di Marte saranno raramente possibili (od
anche non saranno possibili) vere agglomerazioni di nuvole capaci di
dar luogo a piogge di qualche momento. Lo squilibrio di temperatura
fra una stagione ed un'altra sarà poi accresciuto notabilmente dalla
lunga durata delle medesime; e così si comprende la grande
coagulazione e dissoluzione di nevi, che si rinnova intorno ai poli ad
ogni rivoluzione compiuta dal pianeta intorno al Sole.



IV.

Come le nostre carte dimostrano[9], nella sua generale topografia
Marte non presenta alcuna analogia colla Terra. Un terzo della sua
superficie è occupato dal gran Mare Australe, che è sparso di molte
isole, e spinge entro ai continenti golfi e ramificazioni di varia
forma; al suo sistema appartiene un'intiera serie di piccoli mari
interni, dei quali l'_Adriatico_ed il _Tirreno_comunicano con esso per
ampie bocche, mentre il _Cimmerio_, quello _delle Sirene_, e il _Lago
del Sole_non hanno con esso relazione che per mezzo di angusti
canali. Si noterà nei quattro primi una disposizione parallela, che
certo non è accidentale, come pure non senza ragione è la
corrispondente positura delle penisole _Ausonia, Esperia_ed
_Atlantide_. Il colore dei mari di Marte è generalmente bruno misto di
grigio, non sempre però di uguale intensità in tutti i luoghi, nè nel
medesimo luogo è uguale in ogni tempo. Dal nero completo si può
scendere al grigio chiaro ed al cinereo. Tal diversità di colore può
aver origine da varie cause, e non è senza analogia anche sulla Terra,
dove è noto che i mari delle zone calde sogliono essere più oscuri che
i mari più vicini al polo. Le acque del Baltico, per esempio, hanno un
color luteo chiaro, che non si osserva nel Mediterraneo. E così pure
nei mari di Marte si vede il colore farsi più cupo quando il sole si
avvicina alla loro verticale e l'estate comincia a dominare in quelle
regioni.

Tutto il resto del pianeta fino al polo Nord è occupato dalle masse
dei continenti, nelle quali, salvo alcune aree di estensione
relativamente piccola, predomina il colore aranciato, che talvolta
sale al rosso più cupo, altre volte scende al giallo ed al
biancastro. La varietà di questa colorazione è in parte d'origine
meteorica, in parte può dipendere dalla diversa natura del suolo, e
sulle sue cause ancora non è possibile appoggiare ipotesi molto
fondate. Neppure è nota la causa di questo predominio delle tinte
rosse e gialle sulla superficie del vecchio _Pyrois_. Alcuno ha
creduto di attribuire questa colorazione all'atmosfera del pianeta,
attraverso alla quale si vedrebbe colorata la superficie di Marte,
come rosso diventa un oggetto terrestre qualsiasi, veduto a traverso
vetri di tal colore. Ma a ciò si oppongono più fatti, fra gli altri
questo, che le nevi polari appajono sempre del bianco più puro, benchè
i raggi di luce da esse derivati attraversino due volte l'atmosfera di
Marte sotto una grande obliquità. Noi dobbiamo dunque concludere che i
continenti marziali ci appajono rossi e gialli, perchè tali veramente
sono.

Oltre a queste regioni oscure e luminose, che noi abbiamo qualificato
per mari e continenti, e la cui natura ormai non lascia luogo che a
poco dubbio, alcune altre ne esistono, veramente poco estese, di
natura anfibia, le quali talvolta ingialliscono e sembrano continenti,
in altri tempi vestono il bruno (anche il nero in certi casi) e
assumono l'apparenza dei mari; mentre in altre epoche la loro
colorazione intermedia lascia dubitare a qual classe di regioni esse
appartengano. Quasi tutte le isole sparse nel Mare Australe e nel Mare
Eritreo appartengono a questa categoria, così pure le lunghe penisole
chiamate _Regioni di Deucalione_e di _Pirra_, e in contiguità del Mare
Acidalio le regioni sognate coi nomi di _Baltia_e di _Nerigos_. L'idea
più naturale e più conforme all'analogia sembra quella di supporre in
esse vaste lagune, su cui variando le profondità dell'acqua si produca
la diversità del colore, predominando il giallo in quelle parti dove
la profondità del velo liquido è ridotta a poco od anche a niente, e
il colore bruno più o meno oscuro nei luoghi dove le acque sono tanto
alte da assorbire molta luce e da rendere più o meno invisibile il
fondo. Che l'acqua del mare o qualsiasi acqua profonda e trasparente
veduta dall'alto appaja tanto più oscura quanto maggiore è l'altezza
dello strato liquido, e che le terre in confronto di esse appajano
chiare sotto l'illuminazione del Sole, è cosa nota e confermata da
certissime ragioni fisiche. Chi viaggia nelle Alpi spesso ha occasione
di convincersene, vedendo dalle cime neri come l'inchiostro stendersi
sotto i suoi piedi i profondi laghetti di cui sono seminate, in
confronto dei quali luminose appajono anche le rupi più nereggianti
percosse dal sole[10].

Non senza fondamento adunque abbiamo finora attribuito alle macchie
oscure di Marte la parte di mari e quella di continenti alle aree
rosseggianti che occupano quasi i due terzi di tutto il pianeta, e
troveremo più tardi altre ragioni che confermano tal modo di vedere. I
continenti formano nell'emisfero boreale una massa quasi unica e
continua, sola eccezione importante essendo il gran lago detto _Mare
Acidalio_, del quale l'estensione pare mutarsi secondo i tempi e
connettersi in qualche modo colle inondazioni che dicemmo prodotte
dallo sciogliersi delle nevi intorno al polo boreale. Al sistema del
Mare Acidalio appartiene senza dubbio il lago temporario denominato
_Iperboreo_ed il _Lago Niliaco_: quest'ultimo ordinariamente separato
dal Mare Acidalio per mezzo di un istmo o diga regolare, la cui
continuità soltanto nel 1888 fu vista interrompersi per qualche
tempo. Altre macchie oscure minori si trovano qua e là nella parte
continentale, le quali potrebbero rappresentare dei laghi, ma non
certo laghi permanenti come i nostri; tanto sono variabili d'aspetto e
di grandezza secondo le stagioni, al punto da scomparire affatto in
date circostanze. Il _Lago Ismenio_, quello _della Luna_, il _Trivio
di Caronte_e la _Propontide_sono i più cospicui e i più durevoli. Ve
ne sono di piccolissimi, quali il _Lago Meride_e il _Fonte di
Gioventù_, che nella loro maggiore appariscenza non superano i 100 o
150 chilometri di diametro e contano fra gli oggetti più difficili del
pianeta.

Tutta la vasta estensione dei continenti è solcata per ogni verso da
una rete di numerose linee o strisce sottili di color oscuro più o
meno pronunziato, delle quali l'aspetto è molto variabile. Esse
percorrono sul pianeta spazi talvolta lunghissimi con corso regolare,
che in nulla rassomiglia l'andamento serpeggiante dei nostri fiumi;
alcune più brevi non arrivano a 500 chilometri, altre invece si
estendono a più migliaja, occupando un quarto ed anche talvolta un
terzo di tutto il giro del pianeta. Alcuna di esse è abbastanza facile
a vedere, e più di tutte quella che è presso l'estremo limite sinistro
delle nostre carte, designata col nome di _Nilosyrtis_: altre invece
sono estremamente difficili, e rassomigliano a tenuissimi fili di
ragno tesi attraverso al disco. Quindi molto varia è altresì la loro
larghezza, che può raggiungere 200 od anche 300 chilometri per la
Nilosirte, mentre per altre forse non arriva a 30 chilometri. [vedi
figura 03.png]

Queste linee o strisce sono i famosi _canali_di Marte, di cui tanto si
è parlato. Per quanto si è fino ad oggi potuto osservare, sono
certamente configurazioni stabili del pianeta; la Nilosirte è stata
veduta in quel luogo da quasi cent'anni, ed alcune altre da trent'anni
almeno. La loro lunghezza e giacitura è costante, o non varia che
entro strettissimi limiti; ognuna di esse comincia e finisce sempre
fra i medesimi termini. Ma il loro aspetto e il loro grado di
visibilità sono assai variabili per tutte da un'opposizione ad un
altra, anzi talvolta da una settimana all'altra; e tali variazioni non
hanno luogo simultaneamente e con ugual legge per tutte, ma nel più
dei casi succedono quasi a capriccio, od almeno secondo regole non
abbastanza semplici per essere subito intese da noi. Spesso una o più
diventano indistinte od anche affatto invisibili, mentre altre loro
vicine ingrossano al punto da diventar evidenti anche in cannocchiali
di mediocre potenza. La prima delle nostre carte presenta tutte quelle
che sono state vedute in una lunga serie di osservazioni; essa
tuttavia non corrisponde all'aspetto di Marte in alcuna epoca, perchè
generalmente soltanto poche sono visibili di un tratto[11]

Ogni canale (per ora chiamiamoli così) alle sue estremità sbocca o in
un mare, od in un lago, od in un altro canale, o nell'intersezione di
più altri canali. Non si è mai veduto uno di essi rimaner troncato nel
mezzo del continente, rimanendo senza uscita e senza
continuazione. Questo fatto è della più alta importanza. I canali
possono intersecarsi fra di loro sotto tutti gli angoli possibili; ma
di preferenza convergono verso le piccole macchie cui abbiamo dato il
nome di laghi. Per esempio sette se ne veggono convergere nel _Lago
della Fenice_, otto nel _Trivio di Caronte_, sei nel _Lago della
Luna_, sei nel _Lago Ismenio._

L'aspetto normale di un canale è quello di una striscia quasi uniforme
nera o almeno di colore oscuro simile a quello dei mari, in cui la
regolarità del generale andamento non esclude piccole diversità di
larghezza e piccole sinuosità nei due contorni laterali. Spesso
avviene che tal filetto oscuro, mettendo capo al mare, si allarghi in
forma di tromba, formando una vasta baja, simile agli estuari di certi
fiumi terrestri: il_Golfo delle Perle_, il _Golfo Aonio_, il _Golfo
dell'Aurora_, e i due corni del _Golfo Sabeo_sono così formati dalla
foce di uno o più canali sboccanti nel Mare Eritreo o nel Mare
Australe. L'esempio più grandioso di tali golfi è la _Gran Sirte_,
formata dalla vastissima foce della _Nilosirte_già nominata; questo
golfo non ha manco di 1800 chilometri di larghezza e quasi altrettanti
di profondità nel senso longitudinale, e la sua superficie è di poco
minore che quella del golfo di Bengala. In questi casi si vede
manifestamente la superficie oscura del mare continuarsi senza
apparente interruzione in quella del canale; quindi, ammesso che le
superficie chiamate mari siano veramente espansioni liquide, non si
può dubitare che i canali siano di esse un semplice prolungamento a
traverso delle aree gialle, o dei continenti.

Che del resto le linee dette _canali_siano veramente grandi solchi o
depressioni delle superficie del pianeta destinate al passaggio di
masse liquide, e costituiscano su di esso un vero sistema idrografico,
è dimostrato dai fenomeni che in quelli si osservano durante lo
struggersi delle nevi boreali. Già dicemmo che queste, nello
sciogliersi appaiono circondate da una zona oscura, formante una
specie di mare temporario. In tale epoca i canali delle regioni
circostanti si fanno più neri e più larghi, ingrossando al punto da
ridurre, in un certo momento, ad isole di poca estensione tutto le
aree gialle comprese fra l'orlo della neve e il 60° parallelo
nord. Tale stato di cose non cessa, se non quando le nevi, ridotte
ormai al loro minimo di estensione, cessano di struggersi. Si
attenuano allora le larghezze dei canali, scompare il mare temporario,
e le aree gialle riprendono l'estensione primitiva. Le diverse fasi di
questa grandiosa operazione si rinnovano ad ogni giro di stagioni ed i
loro particolari si son potuti osservare con molta evidenza nelle
opposizioni 1882, 1884, 1886, quando il pianeta presentava allo
spettatore terrestre il suo polo boreale. L'interpretazione più
naturale e più semplice è quella che abbiam riferito, di una grande
inondazione prodotta dallo squagliarsi delle nevi; essa è interamente
logica, e sostenuta da evidenti analogie con fenomeni
terrestri. Concludiamo pertanto, che i canali son tali di fatto, e non
solo di nome. La rete da essi formata probabilmente fu determinata in
origine dallo stato geologico del pianeta, e si è venuta lentamente
elaborando nel corso dei secoli. Non occorre suppor qui l'opera di
esseri intelligenti; e malgrado l'apparenza quasi geometrica di tutto
il loro sistema, per ora incliniamo a credere che essi siano prodotti
dell'evoluzione del pianeta, appunto come sulla Terra il canale della
Manica e quello di Mozambico.

Sarà un problema non men curioso che complicato e difficile lo
studiare il regime di questi immensi corsi d'acqua, da cui forse
dipende principalmente la vita organica sul pianeta, dato che vita
organica vi sia. Le variazioni del loro aspetto dimostrano che questo
regime non è costante: quando scompaiono o lasciano di loro traccie
dubbie e mal definite è lecito supporre, che siano in magra, od
asciutti affatto. Allora nel luogo dei canali rimane o niente, oppure
al più una striscia di colore giallastro poco diverso dal fondo
circostante. Talvolta prendono un aspetto nebuloso, di cui per ora non
si saprebbe assegnar la ragione. Altre volte invece producono veri
allagamenti, espandendosi a 100, 200 o più chilometri di larghezza, e
questo avviene anche per canali molto lontani dal polo boreale secondo
norme fin qui sconosciute. Così è avvenuto dell'_Idaspe_nel 1864, del
_Simoenta_nel 1879, dell'_Acheronte_nel 1884, del _Tritone_nel
1888. Lo studio diligente e minuto delle trasformazioni di ciascun
canale condurrà più tardi a conoscere le cause di questi fatti.

Ma il fenomeno più sorprendente dei canali di Marte è la loro
_geminazione_; la quale sembra prodursi principalmente nei mesi che
precedono e in quelli che seguono la grande inondazione boreale,
intorno alle epoche degli equinozi. In conseguenza di un rapido
processo, che certamente dura pochissimi giorni, od anche forse solo
poche ore, e del quale i particolari non si sono ancora potuti
afferrare con sicurezza, un dato canale muta d'aspetto e d'un tratto
si trova trasformato su tutta la sua lunghezza in due linee o strisce
uniformi, per lo più parallele fra di loro, che corrono dritte ed
uguali con tracciamento geometricamente tanto esatto, quanto suole
esser presso di noi quello di due rotaje di ferrovia. Ma questo esatto
andamento è il solo termine di rassomiglianza colle dette rotaje:
perchè nelle dimensioni non vi è alcun paragone possibile, come del
resto è facile immaginare. Le due linee seguono a un dipresso la
direzione del primitivo canale, e terminano nei luoghi dov'esso
terminava. L'una di esse spesso si sovrappone quanto più è possibile
all'antica linea, l'altra essendo di nuovo tracciamento; ma anche in
questo caso l'antica linea perde tutte le piccole irregolarità e
curvature che poteva avere. Ma accade ancora, che ambe le linee
geminate occupino dalle due parti dell'ex canale un terreno
interamente nuovo. La distanza fra le due linee è diversa nelle
diverse geminazioni, e da 600 chilometri e più scende fino all'ultimo
limite, in cui due linee possono apparir separate nei grandi occhi
telescopici, meno di 50 chilometri d'intervallo; la larghezza di
ciascuna striscia per sè può variare dal limite di visibilità, che
supponiamo 30 chilometri, fino a più di 100. Il colore delle due linee
varia dal nero ad un rosso scialbo, che appena si distingue dal fondo
giallo generale delle superficie continentali; l'intervallo è per lo
più di questo giallo, ma in più casi è sembrato bianco. Le geminazioni
poi non sono necessariamente legate ai soli canali, ma tendono anche
prodursi sui laghi. Spesso si vede uno di questi trasformarsi in due
brevi e larghe liste oscure fra loro parallele, tramezzate da una
lista gialla. In questi casi naturalmente la geminazione è breve, e
non esce dai limiti del lago primitivo.

Le geminazioni non si manifestano tutte insieme, ma arrivata la loro
stagione cominciano a prodursi or qua, or là, isolate in modo
irregolare, o almeno senza ordine facilmente riconoscibile. Per molti
canali mancano affatto (come per la Nilosirte, a cagion d'esempio), o
sono poco visibili. Dopo aver durato qualche mese, si affievoliscono
gradatamente e scompajono fino ad una nuova stagione egualmente
propizia a questo fenomeno. Così avviene che in certe altre stagioni
(specialmente presso il solstizio australe del pianeta) se ne vedono
poche, od anche non se ne vede affatto. In diverse apparizioni la
geminazione del medesimo canale può presentare diversi aspetti quanto
a larghezza, intensità e disposizione delle due strisce: anche in
qualche caso la direzione delle linee può mutarsi, benchè di
pochissima quantità; sempre però deviando di piccolo spazio dal canale
con cui è associata strettamente. Da questa importante circostanza si
comprende immediatamente, che le geminazioni non possono essere
formazioni stabili della superficie di Marte, e di carattere
geografico, come i canali. La seconda delle nostre carte può dare
un'idea approssimativa dell'aspetto che presentano queste
singolarissime formazioni. Essa comprende tutte le geminazioni
osservate dal 1882 fino al presente; nel riguardarla bisogna tener a
mente, che non di tutte l'apparizione è stata simultanea, e che
pertanto quella carta non rappresenta lo stato di Marte in
nessun'epoca; essa non è che una specie di registro topografico delle
osservazioni finora fatte in diversi tempi su quel fenomeno.

L'osservazione delle geminazioni è una delle più difficili, e non può
farsi che da un occhio bene esercitato, ajutato da un telescopio di
accurata costruzione e di grande potenza. Ciò spiega perchè non siano
state vedute prima del 1882. Nei dieci anni trascorsi da quel tempo
esse sono state vedute e descritte da otto o dieci
osservatori. Nondimeno alcuni ancora negano che siano fenomeni reali e
tacciano d'illusione (o anche d'impostura) coloro che affermano
d'averle osservate.

Il loro singolare aspetto e l'esser disegnate con assoluta precisione
geometrica, come se fossero lavori di riga o di compasso, ha indotto
alcuni a ravvisare nelle medesime l'opera di esseri intelligenti,
abitatori del pianeta. Io mi guarderò bene dal combattere questa
supposizione, la quale nulla include d'impossibile. Notisi però che in
ogni caso non potrebbero essere opere di carattere permanente, essendo
certo, che una stessa geminazione può cambiare di aspetto e di misura
da una stagione all'altra. Si possono tuttavia assumere opere tali, da
cui una certa variabilità non sia esclusa, per esempio, lavori estesi
di coltura e di irrigazione su larga scala. Aggiungerò ancora, che
l'intervento di esseri intelligenti può spiegare l'apparenza
geometrica delle geminazioni, ma non è punto necessario a tale
intento. La geometria della Natura si manifesta in molti altri fatti,
dai quali è esclusa l'idea di un lavoro artificiale qualunque. Gli
sferoidi così perfetti dei corpi celesti e l'anello di Saturno non
furon lavorati al tornio, e non è col compasso che Iride descrive
nelle nubi i suoi archi così belli e così regolari; e che diremo delle
infinite varietà di bellissimi e regolarissimi poliedri onde è ricco
il mondo dei cristalli? E nel mondo organico, non è geometria bella e
buona quella che presiede alla distribuzione delle foglie di certe
piante, che ordina in figure stellate così simmetriche tanti fiori del
prato, tanti animali del mare; che produce nelle conchiglie quelle
spirali coniche così eleganti, da disgradarne ciò che di più bello ha
fatto l'architettura gotica? In tutte queste cose le forme geometriche
sono conseguenze semplici e necessarie di principi e di leggi che
governano il mondo fisico e fisiologico. Che poi questi principi e
queste leggi siano esplicazioni di una potenza intelligente superiore,
possiamo ammetterlo; ma ciò nulla fa al presente argomento.

In omaggio dunque al principio, che nella spiegazione dei fatti
naturali convenga sempre cominciare dalle supposizioni più semplici,
le prime ipotesi proposte sulla natura e sulla causa delle geminazioni
hanno per lo più messo in opera solamente le azioni della natura
inorganica. Sono o effetti di luce nell'atmosfera di Marte, o
illusioni ottiche prodotte da vapori in vario modo, o fenomeni
glaciali d'un inverno perpetuo a cui sarebbe condannato tutto il
pianeta, o crepature raddoppiate nella superficie di esso, o crepature
semplici, di cui si duplica l'immagine per effetto di fumo eruttato su
lunghe linee e spostato lateralmente dal vento. L'esame di questi
ingegnosi tentativi conduce tuttavia a concludere, che nessuno di essi
sembra corrispondere per intiero ai fatti osservati nel loro insieme e
nei particolari. Alcune di tali ipotesi non sarebbero neppur nate, se
i loro Autori avessero potuto esaminare le geminazioni coi proprii
occhi. Che se alcuno di questi, ragionando _ad hominem_, mi
domandasse: sapete voi immaginar qualche cosa di meglio? risponderei
candidamente di no.

Più facile sarebbe il compito, se volessimo introdurre forze
appartenenti alla natura organica. Qui è immenso il campo delle
supposizioni plausibili, potendosi immaginare infinite combinazioni
capaci di soddisfare alle apparenze, anche con piccoli e semplici
mezzi. Vicende di vegetazione su vaste aree e generazioni d'animali
anche minimi in enorme moltitudine potrebbero benissimo rendersi
visibili a tanta distanza. A quel modo che un osservatore posto nella
Luna potrebbe avvedersi delle epoche, in cui sulle nostre vaste
pianure succede l'aratura dei campi, il nascere e la messe del
frumento; a quel modo che il fiorir dell'erba nelle vastissime steppe
dell'Europa e dell'Asia deve rendersi sensibile anche alla distanza di
Marte per una varietà di colorazione; così può certamente rendersi
visibile a noi un eguale sistema di operazioni che si produca in
quegli astri. Ma come difficilmente i Lunari ed i Marziali potrebbero
immaginare le vere cause di tali mutazioni d'aspetto senza aver prima
qualche conoscenza almeno superficiale della natura terrestre: così
anche per noi, che tanto poco conosciamo dello stato fisico di Marte e
nulla del suo mondo organico, la grande libertà di supposizioni
possibili rende arbitrarie tutte le spiegazioni di tal genere, e
costituisce il più grave ostacolo all'acquisto di nozioni
fondate. Tutto quello che possiamo sperare è, che col tempo si
diminuisca gradatamente l'indeterminazione del problema, dimostrando,
se non quello che le geminazioni sono, almeno quello che non possono
essere. Dobbiamo anche confidare un poco in ciò, che Galileo chiamava
_la cortesia della Natura_, in grazia della quale talvolta da parte
inaspettata sorge un raggio di luce ad illuminare argomenti prima
creduti inaccessibili alle nostre speculazioni; di che un bell'esempio
abbiamo nella chimica celeste. Speriamo adunque, e studiamo.

GIOVANNI SCHIAPARELLI.



G. SCHIAPARELLI

LA VITA SUL PIANETA MARTE

Estratto dal fascicolo N.° 11 Anno IV - 1895 della Rivista "Natura ed Arte"

                                    Semel in anno licet insanire



Il singolar globo di Marte, che sotto più riguardi tanto rassomiglia
al nostro, e nel quale sembrano celarsi così interessanti misteri,
ogni giorno più chiama a sè l'attenzione pubblica, e sempre più è
fatto oggetto di accurati studi e di ardite speculazioni. Esso non è
intieramente sconosciuto ai lettori di Natura ed Arte, i quali
ricorderanno senza dubbio la descrizione accompagnata da disegni, che
ne fu pubblicata nei due fascicoli di febbraio 1893. Non senza
ammirazione essi han potuto vedere quelle macchie oscure e quelle
regioni più chiare della sua superficie, che si considerano come
rappresentanti mari e continenti; le misteriose linee, dette canali,
or semplici or doppie, che lo solcano per ogni verso in forma di fitto
reticolato; le vicissitudini del clima nei suoi due emisferi; e
specialmente le nevi che biancheggiano intorno ai suoi poli, e con
alterna vece crescono e decrescono secondo le stagioni, nè più nè meno
di quello che si osserva nelle regioni agghiacciate che occupano le
zone polari del nostro globo.

Nell'anno decorso 1894 il pianeta essendosi molto avvicinato alla
Terra (siccome suol fare periodicamente ad intervalli di circa 26
mesi), si trovò a buona portata dei grandi telescopi astronomici; e
così fu possibile di fare alcune osservazioni importanti. Durante
l'epoca del massimo avvicinamento (che fu nei mesi di settembre e di
ottobre) la posizione dell'asse di Marte rispetto al sole, e le
stagioni dei suoi emisferi furono press'a poco quelle che han luogo
per la Terra ogni anno durante il mese di gennaio. Per l'emisfero
boreale di Marte era appena passato il solstizio d'inverno; l'emisfero
australe, invece, che si trovava principalmente in vista, era nelle
condizioni atmosferiche che noi esperimentiamo nel mese di luglio,
cioè al principio e al colmo della state. Le regioni polari australi e
il polo antartico del pianeta brillavano nell'illuminazione perpetua;
e sotto la sferza incessante del sole le nevi di quel polo parvero
decrescere a colpo d'occhio.

Le prime osservazioni si fecero in Australia alla fine di maggio col
gran telescopio dell'osservatorio di Melbourne, essendo il pianeta
ancora a grande distanza della terra. Il 25 maggio (epoca, che per
l'emisfero australe di Marte corrispondeva press'a poco alla metà
della primavera) i ghiacci si estendevano tutt'intorno al polo
australe fino a 67° di latitudine; l'area nevosa formava una calotta
ben terminata e simmetrica di 2800 chilometri di diametro.

A partir da quel punto fino alla metà d'agosto, per lo spazio di 80
giorni e più, l'orlo circolare della regione nevata andò
restringendosi con molta regolarità, avvicinandosi al polo in ragione
di 13 chilometri al giorno: così che a mezzo agosto il diametro delle
nevi da 2800 chilometri si trovò ridotto a 600. Durante questo
intervallo, e precisamente verso la fine di giugno, si manifestò nella
calotta bianca una grande spaccatura, che ne separava un segmento di
considerabile ampiezza. Quest'ultimo scomparve presto, e non restò che
la massa principale, notabilmente diminuita.

Da mezzo agosto alla fine di settembre la diminuzione delle nevi
intieramente si arrestò, quantunque appunto in quell'intervallo avesse
luogo il solstizio australe del pianeta (31 agosto) e con esso la
massima irradiazione del Sole su quelle regioni. Il 24 di settembre
l'area circolare nevosa aveva ancora quasi lo stesso diametro di 600
chilometri, che era stato misurato il 13 di agosto.

La causa sconosciuta, che produsse questo arresto nel ritirarsi dei
ghiacci, parve cessare negli ultimi giorni di settembre; il limite
delle nevi continuò a progredire verso il polo, questa volta in
ragione di dieci chilometri al giorno; e non fini che colla
distruzione totale delle nevi stesse, la quale da diversi osservatori
fu assegnata ad epoche alquanto diverse, ma si può stimare che avesse
luogo intorno al 23 ottobre, coll'incertezza di alcuni giorni in più
od in meno. Così rimase il polo australe di Marte affatto nudo di
ghiacci fino a questo giorno in cui scrivo (4 aprile
1895). Nell'intervallo si videro bensì di quando in quando comparire
certe macchie bianche in molta vicinanza del polo; nessuna di queste
però è stata permanente, e si deve credere che rappresentassero
nevicate di carattere locale e transitorio. Quale fortuna sarebbe pei
nostri geografi, se un simile scioglimento completo dei ghiacci si
producesse anche una sola volta sopra ciascuno dei due poli della
Terra!

Da che si è incominciato a studiar Marte con qualche attenzione, è
questa la prima volta in cui è accaduto di osservare la completa
dissoluzione delle sue nevi antartiche. Essa si può stimare avvenuta
circa 55 giorni dopo il solstizio australe, cioè dopo l'epoca, in cui
la massima intensità della radiazione solare si fece sentire in quella
regione. Nel 1862, trovandosi il pianeta in una stagione identica,
Lassell vide quelle medesime nevi ancora molto estese: 94 giorni dopo
il solstizio australe il loro diametro non era minore di 500
chilometri. Nell'anno 1880 io le vidi ancora a Brera 144 giorni dopo
il solstizio australe. Possiamo argomentare da questo, che in Marte,
come sulla Terra, il corso delle stagioni non è perfettamente il
medesimo in tutti gli anni, e che si danno colà, come presso di noi,
estati più lunghe o più calde, ed altre più brevi o più fresche.

La rapida fusione di così ingenti quantità di neve non può essere
senza conseguenze sulle condizioni idrografiche del pianeta. Sulla
terra la fusione delle nevi artiche ed antartiche non può essere di
molta conseguenza, prima perchè le aree ghiacciate polari sono ambedue
circondate dal medesimo mare, il quale, se cresce di livello per lo
sciogliersi di una parte delle nevi artiche, d'altrettanto decresce
pel contemporaneo coagularsi di nuove nevi antartiche. Una simil
compensazione non può aver luogo su Marte in modo così semplice od
immediato, essendo il maggior mare, che circonda il polo antartico,
intieramente separato da quegli altri mari assai minori o piuttosto
laghi, che stanno vicino al polo artico; siccome si può vedere dando
uno sguardo alla carta di Marte qui unita[12]. L'equilibrio nelle
masse liquide dei due emisferi può stabilirsi soltanto per mezzo di
deflusso attraverso ai continenti che occupano le regioni intermedie;
e questa è la causa per cui all'alternato coagularsi e dissolversi
dello nevi intorno ai due poli sono da attribuire in gran parte le
mutazioni che si osservano nel sistema idraulico del
pianeta. Mutazioni, che ai nostri telescopi son rese manifeste dalla
modificata estensione dei mari, e dalla varietà d'aspetto di quelle
strisce oscure che segnano le zone d'inondazione e di deflusso; le
quali pertanto non senza un po' di ragione furon chiamate _canali_,
quantunque tal nome si debba intendere in senso assai largo. Piuttosto
che veri canali della forma a noi più familiare, dobbiamo immaginarci
depressioni del suolo non molto profonde, estese in direzione
rettilinea per migliaia di chilometri, sopra larghezza di 100, 200
chilometri od anche più. Io ho già fatto notare altra volta, che,
mancando sopra Marte le pioggie, questi canali probabilmente
costituiscono il meccanismo principale, con cui l'acqua (e con essa la
vita organica) può diffondersi sulla superficie asciutta del
pianeta. Non è un problema privo d'interesse quello di rendersi conto
del modo, con cui può avvenire una tale diffusione.



II.

Sulla terra le vicende delle stagioni si corrispondono nei due
emisferi con effetti quasi intieramente simmetrici nella loro
alternativa. I periodi di freddo e di caldo, di siccità e di pioggia
si producono con fasi alternate, ma analoghe, ad intervalli di sei
mesi, sotto paralleli di ugual latitudine ai due lati
dell'equatore. Le diversità di clima, che si osservano in tal caso,
sono di carattere puramente locale, dovute per lo più a condizioni
accidentali di natura topografica. Qualche piccola differenza nella
meteorologia dei due emisferi veramente si manifesta a chi consideri
le cose con molta precisione; differenza principalmente derivata da
ciò, che nell'emisfero australe le aree continentali sono meno estese
che nell'emisfero boreale. Ma questo fatto, quantunque degno di studio
per il suo carattere generale, praticamente è di poca importanza nella
considerazione del clima di una data regione australe o boreale della
Terra.

[vedi figura 04.png]

In Marte le cose sembrano proceder molto diversamente. Come dimostra
uno sguardo dato alla carta, tutto o quasi tutto l'Oceano è
concentrato intorno al polo australe, al quale per conseguenza, e alle
circostanti regioni deve corrispondere una vasta depressione nel suolo
solido del pianeta. Al contrario, dall'esser l'emisfero boreale quasi
tutto occupato da un gran continente non interrotto, siamo indotti
ragionevolmente a credere, che da quella parte si abbian le regioni
più elevate, e che più alti di tutti siano i paesi circostanti al polo
nord. Questa disposizione di cose fa si, che lo sciogliersi delle nevi
polari può avere, pel clima e per la vita organica, conseguenze ben
diverse, secondo che si tratta delle nevi australi o delle nevi
boreali. È questo un punto, il quale merita di essere esaminato con
qualche cura.

Consideriamo dapprima la calotta dei ghiacci australi, che tutta si
forma entro all'Oceano di Marte, e può giungere ad occupare di questo
Oceano una parte considerabile, forse un terzo od un quarto. Lo
sciogliersi progressivo della medesima avrà per ultimo risultato un
innalzamento del livello generale di tutto l'Oceano, e dei mari
interni minori, che lo circondano come appendici. Tale elevazione
potrà bastare ad inondare tutte le parti più basse dei continenti e
specialmente quelle che all'Oceano sono più vicine. In tale stagione
infatti si vedono molto più marcati ed oscuri, non solo i mani interni
segnati col nome di _Adriatico_, _Tirreno_, _Cimmerio_, _Sirenio_,
ecc.. ma anche gli stretti più o meno spaziosi che li uniscono
all'Oceano, e l'Oceano stesso. I golfi, onde appare frastagliato il
continente, diventano più visibili, e con essi anche taluno dei grandi
canali che dall'Oceano direttamente si spingono entro terra, per
esempio la Gran Sirte e la Nilosirte, che da essa procede. Questa
maggior espansione dell'Oceano però non arriva nelle parti più interne
dei continenti e nelle regioni boreali; impedita a quanto sembra dalla
troppo grande elevazione di queste.

L'effetto dello sciogliersi delle nevi australi è dunque di far uscire
il mare dai suoi confini, e di produrre qua e là parziali inondazioni
del medesimo sopra alcuni lembi del continente. Ora è molto dubbio, se
un tal fenomeno possa riuscire di molto vantaggio per la vita
organica, e sopratutto pei supposti abitatori del pianeta. Simili
usurpazioni periodiche del mare sul continente hanno anche luogo
presso di noi in conseguenza del flusso e del riflusso: e, quantunque
siano di periodo breve e si facciano su piccolissima scala, non credo
si possano considerare come una benedizione pei paesi dove si
producono (Olanda, Frisia, litorale nord-ovest della Germania):
vediamo anzi gli abitanti tentare di difendersene con immense
dighe. Per Marte molto dipenderà dalla natura chimica delle sostanze
disciolte nell'Oceano. Se, per esempio, quelle acque fossero salate
come quelle dei mari terrestri, la zona delle aree invase dal mare ad
ogni ritorno dell'estate (che si fa su Marte a periodi di 23 mesi
circa dei nostri) potrebbe servire alla formazione di vaste saline, o
dar luogo a vegetazioni di carattere speciale. In nessun caso
potrebbero quelle acquo supplire alla coltivazione delle aree
continentali, ed ai bisogni dell'agricoltura quale noi l'intendiamo.

Ben diverso è lo stato di cose che ci si presenta allo sciogliersi
delle nevi boreali. Essendo queste collocate nel centro del
continente, le masse liquide prodotte dalla liquefazione si diffondono
sulla circonferenza della regione nevata, convertendo in mare
temporaneo una larga zona del terreno circostante; e, correndo verso
le regioni più basse, producono una gigantesca inondazione molto bene
osservabile ai nostri telescopi. Tale inondazione si estende per molte
e grosse ramificazioni sopra terre prima asciutte, formando presso il
polo nord laghi molto estesi, che la carta nostra designa sotto i nomi
di _Mare Acidalio _e di_Lago Iperboreo_. Da tal regione inondata si
diramano grosse strisce oscure, rappresentanti al nostro sguardo
altrettante larghe correnti, per le quali le nevi liquefatte
ritornano, o tendono almeno a ritornare verso la loro sede naturale
che sta nell'altro emisfero, cioè verso le bassure australi occupate
dall'Oceano.

Riflettiamo ora, che la neve è il prodotto di una distillazione
atmosferica, nella quale l'acqua si riduce alla purezza quasi
completa. Se ciò non fosse, l'evaporazione dei nostri mari condurrebbe
alla formazione di pioggie d'acqua salata, e di nevi salate; dove
tutti sanno, che l'acqua piovana caduta a traverso di una atmosfera
non inquinata è acqua quasi assolutamente pura, come assolutamente
pura o quasi è l'acqua delle nostre nevi. Adunque la grande
inondazione boreale di Marte, risultando dallo scioglimento di nevi
cadute in terreno prima asciutto, e non essendo mescolata alle acque
di un Oceano, sarà libera da quei sali e da quelle mescolanze, da cui
non si può dubitare che sia inquinato l'Oceano australe del
pianeta. Ne possiamo concludere, che se nelle parti asciutte o
continentali della superficie di Marte vi è vita organica, gli è
esclusivamente o quasi esclusivamente allo sciogliersi delle nevi
boreali che deve la sua esistenza: gli è dalla giusta e opportuna
ripartizione delle acque venenti dal polo nord, che dipende il suo
progresso e il suo sviluppo. E se in Marte esiste una popolazione di
esseri ragionevoli capace di vincere la Natura e di costringerla a
servire ai propri intenti, la regolata distribuzione di quelle acque
sopra le regioni atte a coltura deve costituire il problema principale
e la continua preoccupazione degli ingegneri e degli statisti.



III.

Fino a questo punto abbiam potuto arrivare, combinando il risultato
delle osservazioni telescopiche con probabili deduzioni tratte da
principi conosciuti della Fisica, e da plausibili analogie. Concediamo
ora alla fantasia un più libero volo; sempre appoggiati, per quanto è
concesso, al fondamento sicuro dell'osservazione e del ragionamento,
tentiamo di renderci conto del modo, con cui sarebbe possibile in
Marte l'esistenza e lo sviluppo di una popolazione d'esseri
intelligenti, dotati di qualità e soggetti a necessità non troppo
diverse dalle nostre: e sotto quali condizioni si potrebbe ammettere,
che i fenomeni dei così detti canali e delle loro geminazioni possano
rappresentare il lavoro di una simil popolazione. Ciò che diremo non
avrà il valore di un risultato scientifico, ed anzi confinerà in parte
col romanzo. Ma le probabilità a cui per tal modo arriveremo non
saranno minori che per tanti altri romanzi più audaci e meno innocui,
che sotto il sacro nome di scienza si stampano nei libri e si
predicano nelle assemblee e nelle Università.

Comparando il globo della Terra con quello di Marte sotto il rispetto
della loro costituzione meteorologica ed idrografica, subito ci appare
manifesto, dalle cose dette di sopra, quanto il primo dei due sia
meglio disposto per accogliere la vita organica e per favorirne lo
sviluppo nelle sue forme superiori. Ai fortunati terricoli l'acqua
fecondatrice è distribuita gratuitamente dalla periodica e regolare
operazione del gran meccanismo atmosferico. Piove sui nostri campi
senza alcun nostro merito: per noi, senza alcuna nostra fatica si
condensa sulle montagne il liquido prezioso, che per mezzo dei
ruscelli e dei fiumi può in molti modi esser rivolto a nostro
vantaggio, coll'irrigazione, colla navigazione interna, colle macchine
idrauliche: e senza di questo dono, che sarebbe il genere umano? Assai
più dure condizioni di esistenza ha fatto la Natura ai poveri
Marziali. Dove rare sono le nuvole e mille le pioggie, ivi mancano
certamente le fonti ed i corsi d'acqua[13]. Tutto per loro sembra
dipendere, come già si è accennato, dalla grande inondazione prodotta
nello sciogliersi delle nevi polari boreali. La loro conservazione o
la loro prosperità richiede ad ogni costo, che siano arrestate nella
maggior quantità possibile, e trattenute per tutto il tempo necessario
quelle acque, prima che vadano a perdersi nel mare australe; che se ne
approfitti nel modo più efficace alla coltura di aree abbastanza vaste
per assicurare durante un intero anno Marziale (23 mesi nostri)
l'esistenza di tutto ciò che vive sul pianeta. Problema forse non
tanto facile e non tanto semplice! perchè la somma di acqua
disponibile è al più quella che hanno formato le nevi boreali d'una
sola invernata; quantità certamente assai grande, la quale però,
ripartita sopra tutti i continenti, potrebbe presto diventare
insufficiente, anche non tenendo conto delle perdite inevitabili per
evaporazione, filtrazione, errori di distribuzione, ecc.

Bastan questi riflessi a persuaderci, che le molte strisce oscure,
onde il pianeta è solcato per ogni verso, larghe talvolta quanto il
Mar Adriatico od il Mar Rosso e quasi sempre assai più lunghe, non
possono, malgrado il nome da noi loro assegnato di _canali_,
rappresentare nella loro vera larghezza arterie di deflusso delle
acque boreali. Se tali fossero, basterebbero a dar passo in poche ore
a tutta quanta la grande inondazione. Non solo le acque non potrebbero
esser impiegate a colture che richiedessero la durata di alcuni mesi,
ma giungerebbero al mare e vi si perderebbero prima che un vantaggio
qualunque se ne potesse trarre. Certo per le vie segnate da quelle
strisce ha luogo un deflusso, ma non tutte intiere quelle strisce
servono al deflusso. La loro larghezza è per tale scopo eccessiva, nè
a questo scopo corrisponde bene il loro variabile aspetto, e la loro
geminazione. Ciò che noi vediamo là, o che finora abbiam chiamati
_canali_, non sono larghissimi corsi d'acqua, come da alcuno fu
creduto. L'ipotesi più plausibile è quella di considerarle come _zone
di vegetazione_, estese a destra e a sinistra dei veri _canali_, i
quali esistono sì lungo le medesime linee, ma non sono abbastanza
larghi da poter esser veduti dalla Terra[14]. Queste zone di
vegetazione facilmente si distaccano sulle circostanti regioni del
pianeta per un colore più cupo, dovuto, com'è da credere, al fatto
stesso dell'inaffiatura (si sa che il terreno bagnato è di color più
oscuro che l'asciutto e disseccato dal sole) e anche in parte senza
dubbio alla presenza stessa della vegetazione; mentre per le aree
aride e condannate a perpetua sterilità rimane invariato il color
giallo uniforme che predomina su tutti i continenti. Questo colore
dobbiamo d'or innanzi considerare come rappresentante il deserto puro
ed assoluto; e pur troppo si può far stima, che i nove decimi della
superficie continentale di Marte ad esso appartengano.

Proseguendo nelle nostre deduzioni arriveremo a comprendere senza
difficoltà, che, regnando in Marte il potere della gravità, quantunque
in misura assai minore che sulla Terra[15], i liquidi diffusi alla
superficie del pianeta tenderanno a scendere ai luoghi più bassi; e
che le zone oscure destinate alla vegetazione saranno più basse delle
aree luminose circostanti, in cui l'acqua non può penetrare. Quello
pertanto che a noi appare sotto aspetto di striscia oscura, e che da
tutti finora si è chiamato _canale_, sarà un grande avvallamento della
superficie, esteso secondo la linea retta o secondo il circolo
massimo, sopra larghezze e lunghezze comparabili a quelle del Mar
Rosso. D'or innanzi daremo ad esso il nome più proprio di _valle_. La
larghezza di una tal valle è in tutti i casi presso che uniforme, e
tale dobbiamo credere ne sia pure la profondità, che diverse ragioni
c'inducono a credere molto piccola, e certamente poi molte volte
minore della larghezza. L'osservazione ci accerta che una tal valle fa
sempre capo co' suoi estremi o ad un mare, o ad un lago, o ad un'altra
valle consimile. E poichè il color oscuro, effetto della vegetazione e
dell'irrigazione, ne occupa tutta l'apparente larghezza, dobbiamo
ritenere, che i due pendii laterali siano accessibili alle acque tanto
bene quanto il fondo. Quale poi sia stata l'origine di tali valli così
numerose ed intrecciate, come si vede sulla carta, non è ora opportuno
discutere; però l'enorme loro larghezza non ci dà confidenza di
soscrivere all'opinione di coloro, che le credono prodotto di uno
scavo artificiale.

La mente nostra non è avvezza a concepire tali grandiose opere come
effetto di potenze comparabili a quella dell'uomo. Quando però dalla
considerazione generale di questi fatti si scende allo studio minuto
dei loro particolari, e sopratutto si ferma l'attenzione sopra le
misteriose geminazioni e sulla straordinaria regolarità di forma
ch'esse presentano, l'idea che qualche parte almeno secondaria vi
possa avere una razza di esseri intelligenti non può esser considerata
come intieramente assurda. Anzi, al punto in cui siamo giunti, e data
la verità delle cose sin qui esposte, tale supposizione perde quel
carattere d'audacia che ci spaventava da principio, e diventa quasi
una conseguenza necessaria.

Poniamo infatti per un momento, che lassù tutto si faccia per
conseguenza cieca di leggi fisiche, senza intervento alcuno di mente
direttiva. Le nevi del polo boreale, a misura che saranno disciolte,
correranno all'Oceano seguendo le ampie valli, che loro offrono la
strada più facile. Se il fondo delle valli è concavo (come nella
maggior parte delle nostre), l'acqua vi si riunirà in una corrente di
larghezza molto limitata, e non potrà occupare i pendii laterali, nè
produrre sopra di essi l'innaffiamento e le vegetazioni che soli
possono renderli a noi visibili. Il corso d'acqua o canale esisterà,
ma difficilmente prenderà tale ampiezza.da rendersi sensibile al
telescopio. Insomma noi non ne vedremmo nulla. Perchè l'acqua e la
vegetazione potessero espandersi sopra larghezze di 100 e 200
chilometri, bisognerebbe che il fondo della valle fosse piano e quasi
assolutamente uniforme. Avremo allora qualche cosa di simile ad un
vasto impaludamento, nel quale potrebbero ottimamente svolgersi una
flora ed una fauna somiglianti a quelle della nostra epoca
carbonifera. Con tali ipotesi è possibile renderci conto delle strisce
oscure semplici; rimane però inesplicato il fenomeno della loro
temporanea geminazione. Non si riesce a comprendere perchè in una
medesima valle l'innaffiamento e la vegetazione si faccian talvolta
sopra una linea unica, tal'altra invece si dividano sopra due linee
parallele di larghezza e d'intervallo non sempre eguale in ogni tempo,
tra le quali resta uno spazio infecondo o almeno non irrigato. Qui la
supposizione di un intervento intelligente è più che mai indicata. E
il modo di questo intervento dev'esser determinato dalle condizioni
particolari fatte dalla natura ai supposti abitatori del pianeta.

[vedi figura 05.png]

Ora prego il lettore di considerare l'annessa figura, nella quale si è
inteso di rappresentare il taglio o sezione traversale di una delle
larghe valli di Marte. In A A sono le sponde della valle, in B il suo
fondo. Se al giungere delle inondazioni s'immettesse l'acqua nella
valle senza altro apparato, essa si raccoglierebbe tutta al fondo
sotto forma di un gran fiume in quantità probabilmente eccessiva,
mentre i pendii laterali rimarrebbero asciutti. Per dare a tutta la
valle la irrigazione necessaria così in quantità come in durata, i
nostri ingegneri avrebbero scavato (e così dobbiam supporre abbiano
fatto anche gl'ingegneri di Marte) a diverse altezze sui due pendii
una serie di canali paralleli fra loro e paralleli alle sponde della
valle; canali di dimensioni comparabili alla nostra Muzza, al Canale
Cavour, al gran Canale del Gange[16]. Simili canali, di cui non è
necessario qui precisare il numero, sono rappresentati sulla figura
dallo incavature segnate colle lettere _m, n, p_... Fra due canali
contigui il terreno segue il pendio naturale verso l'asse della valle,
in modo che l'acqua da un canale più alto (come quello segnato _m_)
possa arrivare a quello che gli sta sotto (come quello segnato _n_)
espandendosi gradatamente su tutta la zona coltivata intermedia _m
n_. I due canali più bassi serviranno ad irrigare la zona più bassa di
coltivazione, che occupa il fondo della valle. All'estremità boreale
di questa stanno i robusti argini, che trattengono entro i dovuti
limiti, e fino al tempo opportuno, le acque della grande inondazione;
ivi si chiudono e si aprono le porte d'afflusso: mentre per
l'estremità australe e più bassa accadrà l'uscita delle acque residue,
che vanno a raccogliersi nell'Oceano australe.

Già si è accennato, che la copia d'acque provenienti dalle nevi di una
sola invernata sembra piuttosto inferiore che superiore ai bisogni
dell'irrigazione; la poca area delle superficie coltivate in confronto
colle deserte favorisce questa conclusione. L'apertura dei canali e
l'immissione delle acque nelle campagne di una data valle non si
potranno quindi fare a caso, ma dovranno succedersi con certa regola,
onde tutte le zone, anche le più alte, possano ricevere il fluido
benefico e conservarlo per tanto tempo, quanto ne richiede il ciclo
vegetativo delle colture adottate. Male si provvederebbe a questo, se,
per esempio, prima che la grande inondazione sia giunta al colmo, si
cominciasse a consumar l'acqua per uso delle zone più basse: perchè in
tal modo potrebbe avvenire che l'inondazione non raggiungesse il
livello necessario per irrigare le zone più alte. Queste ultime
pertanto dovranno avere la precedenza in ogni caso.

Così stando dunque disposte le cose; essendo giunta l'estate
dell'emisfero Nord, e la grande inondazione boreale essendo arrivata
alla massima altezza; il Gran Prefetto dell'Agricoltura ordina che si
apran le chiuse più alte, e che sia immessa l'acqua nei due canali più
elevati a destra e a sinistra della valle (segnati colle lettere _m
m'_nella figura qui sopra). L'irrigazione si estenderà sopra le due
zone laterali più alte (cioè _mn m'n'_); la superficie della valle
cambierà colore in queste due zone, l'abitante della Terra vedrà due
strisce parallele colorate, cioè una _geminazione_. Trascorso il tempo
sufficiente per assicurare il completo ciclo vegetativo in quelle due
prime zone, e la grande inondazione boreale essendo già in sul
decrescere, si aprono le chiuse conducenti a due canali più bassi _n
n'_, i quali frattanto avranno ricevuto anche i residui delle due zone
già irrigate. Così sarà aperta alle acque la via per fecondare due
altre zone fra loro parallele, _np n'p'_le quali a loro volta
diventeranno visibili all'osservatore terrestre. A quest'ultimo la
geminazione sembrerà or composta di due linee più larghe, l'una
proveniente dall'insieme delle due zone irrigate di destra, l'altra
dall'insieme delle due zone irrigate di sinistra. Ma col cessare della
vegetazione nelle zone più alte, _mn m'n'_, queste riprenderanno il
loro colore primitivo, e cesseranno d'esser visibili; onde a un dato
momento nel telescopio non si vedranno che le sole zone _np n'p'_più
interne; la geminazione sarà di nuovo composta di due linee sottili,
ma l'intervallo fra queste sarà minore di quanto fosse in principio,
quando erano irrigate le sole zone _mn m'n'_. Così di grado in grado,
abbassandosi le acque della grande inondazione, si passerà ad irrigare
zone sempre più basse; da ultimo, esaurite ormai quelle acque, se ne
profitterà per immetterle nella zona che forma il fondo della valle,
cioè nell'intervallo rappresentato con _pp'_. Allo spettatore
terrestre apparirà una striscia sola; la geminazione avrà cessato di
esistere. E quando il ciclo vegetativo sarà compiuto su tutte le zone
della valle, allora soltanto si potranno aprire le porte inferiori per
lasciare l'uscita alle acque residue, non senza prima aver riempito i
vasti serbatoi necessari all'uso quotidiano di quegli abitanti, e alla
coltura dei giardini durante l'intervallo della lunga
siccità. Dell'irrigazione avvenuta non rimarrà che qualche traccia
accidentale, il terreno ritornerà arido, e l'osservatore terrestre o
non vedrà più affatto la valle, o appena ne discernerà qualche lieve
indizio.

Questo piano d'operazioni, che io ho descritto qui per fissare le idee
su di un caso concreto, non sarà probabilmente il solo ad esser
praticato. Non è necessario che l'ordine d'irrigazione delle
successive zone sia sempre ed ovunque così completo e così
regolare. Se, per esempio per le colture di Marte fosse necessaria la
pratica del maggese, qualche zona dovrebbe esser lasciata senza
irrigazione. A norma poi delle diverse specie di coltura dovendo
l'irrigazione esser più lunga o più breve, non si avrà sempre la
completa simmetria sui due pendii della valle; ma potrà tale
irrigazione esser più estesa e più durevole or da una parte or
dall'altra, od anche da una parte mancar totalmente. E sul fondo della
valle, che sarebbe il luogo più opportuno per boschi, si cercherebbe
di mantenere l'umidità per il tempo più lungo che sia possibile. Così
potrebbe anche nascere una zona permanente di vegetazione, sempre più
o meno osservabile dai telescopi terrestri. In tal modo senza supporre
cose miracolose e senza vagare all'impazzata nei campi dell'ignoto,
con sobrio uso d'analogie e con plausibili deduzioni, possiamo
spiegarci non solo la varia lunghezza e il vario aspetto sotto cui ci
appaiono i così detti _canali_, cioè le valli coltivate di Marte; ma
ancora dalle necessità pratiche della vita degl'ipotetici suoi
abitanti possiamo dedurre e l'esistenza delle geminazioni, e la varia
larghezza delle linee che le compongono, le mutazioni del loro
intervallo. E si riesce a comprendere perchè le strisce, dette
_canali_, qualche volta sembrano portarsi più verso destra, e qualche
altra volta più verso sinistra, sempre conservando il medesimo
orientamento.

Ammesse le linee principali del nostro quadro, non sarà difficile il
compierlo nei particolari, e disegnare coll'immaginazione i grandiosi
argini necessari per contenere nei giusti limiti l'inondazione
boreale; i laghi o serbatoi secondari di distribuzione, necessari per
dare le acque a quelle valli, che non fanno capo direttamente a quella
inondazione; le opere occorrenti per regolare la distribuzione secondo
il tempo e secondo il luogo; i canali di primo, secondo,
terzo... ordine destinati a condurre le acque su tutto il terreno
irrigabile; i numerosi opifici, a cui le acque potranno dar moto nel
loro scendere dai ciglioni laterali della valle al fondo della
medesima. Marte dev'esser certamente il paradiso degli idraulici!

E passando ad un ordine più elevato d'idee, interessante sarà
ricercare qual forma d'ordinamento sociale sia più conveniente ad un
tale stato di cose, quale abbiamo descritto; se l'intreccio, anzi la
comunità d'interessi, onde son fra loro inevitabilmente legati gli
abitanti d'ogni valle, non rendano qui assai più pratica e più
opportuna, che sulla Terra non sia, l'istituzione del socialismo
collettivo, formando di ciascuna valle e dei suoi abitanti qualche
cosa di simile ad un colossale falanstero, per cui Marte potrebbe
diventare anche il paradiso dei socialisti. Bello altresì sarà
indagare, se sia meglio ordinar politicamente il pianeta in una gran
federazione, di cui ogni valle costituisca uno stato indipendente,
oppure se forse, a reggere quel grande organismo idraulico da cui
dipende la vita di tutti, e a conciliare le diverse necessità delle
diverse valli, non sia forse più opportuna la monarchia universale di
Dante. Ed ancora si potrà discutere, a quale rigorosa logica dovrà
essere subordinata la legislazione destinata a regolare un così
grandioso, vario e complicato complesso d'affari: quali progressi
debbano aver fatto colà la Matematica, la Meteorologia, la Fisica,
l'Idraulica e l'arte delle costruzioni, per arrivare alla soluzione
dei problemi estremamente difficili e varii, che si presentano ad ogni
tratto. Qual singolare disciplina, concordia, osservanza dello leggi e
dei diritti altrui debba regnare sopra un pianeta, dove la salute di
ciascuno è così intimamente legata alla salute di tutti; dove son
certamente sconosciuti i dissidii internazionali e le guerre: dove
quella somma ingente di studio e di lavoro e di mezzi, che i pazzi
abitanti d'un altro globo vicino consumano nel nuocersi
reciprocamente, è tutta rivolta a combattere il comune nemico, cioè le
difficoltà che l'avara Natura oppone ad ogni passo.

Di tutto questo, o caro lettore, lascio a te l'ulteriore
considerazione. Io scendo dall'Ippogrifo; tu, se ti aggrada, puoi
continuare la volata. _Messo t'ho innanzi, omai per te ti ciba_.

G. SCHIAPARELLI.



GIOVANNI V. SCHIAPARELLI

IL PIANETA MARTE

Estratto dalla rivista Natura ed Arte, Anno XIX, n° 1,1° dicembre 1909



Come suol fare a periodi alternati ora di 15 anni, ora di 17 anni, il
pianeta Marte nell'autunno scorso passò ad una delle sue minori
distanze da noi, avvicinandosi alla Terra fino a 47 milioni di
chilometri, ed apparve luminoso e magnifico più che mai non sia stato
dal 1877 a questa parto. A quella distanza, il globo di Marte, di cui
il diametro arriva a circa 7600 chilometri, sottendeva nell'occhio
dell'osservatore terrestre un angolo di 25". Sopra un tal globo ed a
tale distanza si possono discernere, con telescopi di sufficiente
potenza, le configurazioni topografiche del pianeta con un grado di
minutezza e di precisione di cui si può avere un'idea dai qui annessi
disegni. E reciprocamente, ad uno spettatore collocato in Marte non
riuscirebbe troppo difficile distinguere sulla Terra particolarità del
medesimo ordine di grandezza. L'esperienza dimostra, che con un
istrumento di dimensioni affatto comuni, munito di una lente
obbiettiva di 20 centimetri di diametro, una macchia luminosa su fondo
oscuro (od oscura su fondo luminoso) si può distinguere senza troppa
difficoltà in Marte alla sopradetta distanza di 47 milioni di
chilometri, quando ad un discreto contrasto di colore essa congiunga
un diametro reale uguale a 1/50 del diametro del pianeta, cioè a 153
chilometri. Epperciò, usando sufficiente diligenza, si potranno
scoprire in Marte, con un obbiettivo della detta dimensione, tutte le
isole non minori della Sicilia e tutti i laghi non minori del Ladoga,
isole come l'Islanda e Ceylan; laghi come quello di Aral ed il
Victoria Nyanza devono esser molto cospicui. Similmente una striscia
luminosa su fondo più oscuro, secondo le fatte esperienze, dovrebbe
essere ancora visibile quando la sua larghezza non fosso minore di
1/100 del diametro di Marte, cioè di 80 chilometri o giù di lì. Quindi
lingue di Terra od isole oblunghe come la Jutlandia e Cuba e l'istmo
centrale Americano; stretti di mare e laghi oblunghi come il
Tanganyika, il Nyassa od il Mar Vermiglio di California dovrebbero
esser visibili da un ipotetico abitante di Marte, che vi ponesse molta
attenzione. Facilissimi dovrebbero essere per lui oggetti come
l'Italia, l'Adriatico, il Mar Rosso, Sumatra e Nippon.

Tali sono press'a poco i limiti a cui può arrivare la visione dei
particolari di Marte esaminato con una lente obbiettiva di 20
centimetri in quelle occasioni, in cui si trova alla minor possibile
sua distanza da noi. Negli ultimi tempi tuttavia gli ottici hanno
imparato a costruire lenti obbiettive di molto maggior potenza così
per riguardo alla amplificazione, come per riguardo alla precisione
delle immagini; quindi i limiti sovra accennati sono stati spesso
oltrepassati, malgrado che le difficoltà di esatta costruzione
crescano in misura assai maggiore che le dimensioni di questi
telescopi giganti.

La superficie di Marte presenta un insieme di macchie diversamente
colorate, che costituiscono un sistema topografico sotto certi
rispetti analogo a ciò che si vede sulla terra, sotto altri invece
molto differente. Marte ruota intorno ad un asse come la Terra, ed ai
due poli si veggono per lo più brillare di luce vivissima due macchie
bianche, le quali presentano vicende periodiche di grandezza, e
alternamente crescono e diminuiscono secondo il ciclo delle stagioni,
che per Marte è di 687 giorni, mentre per noi è un poco più di
365. Appena si può dubitare che tali macchie bianche polari siano
immense estensioni di nevi o di ghiacci. Non sono esse da confondere
con altre macchie di candore per lo più meno puro e meno intenso, che
talvolta appajono qua e là in tutte le latitudini, prediligendo anche
certe regioni della superficie, e che sono state interpretato talvolta
come nuvole, o strati di nebbia o condensazioni simili alla nostra
brina; si vedono or qua or là senza regola manifesta, e coprono talora
vastissime estensioni.

[vedi figura 06.png]

Fuori di queste regioni bianche o biancastre la superficie del pianeta
non è tutta di colore uniforme; nella maggior parte dei luoghi il
fondo è formato da diverse gradazioni di rosso chiaro, o di aranciato
o di giallo. Quello che rimane è occupato da vere macchie, in cui
dominano colori di un tipo più scuro, diversi in diversa località, con
intensità differente. Prevalgono il grigio, il bruno, qualche volta il
nero, ma solo sopra linee o strisce di poca ampiezza. Spesso le aree
coperte da colori differenti sono divise da una netta linea di
separazione; ma non di raro accade che dall'un colore all'altro v'è un
passaggio graduale, quello che si dice una sfumatura. Tutto l'insieme
dà l'idea di un magnifico e ricco musaico di gemme sparse su fondo
d'oro diversamente ombreggiato, che nessun pittore fino ad oggi ha
saputo rappresentare nemmeno con lontana approssimazione. Le immagini
di Marte che gli astronomi disegnano il meglio che sanno stando ai
loro telescopi, oltre all'imitazione quasi sempre molto imperfetta
della linea, per difficoltà che qui sarebbe lungo e inutile
descrivere, non danno alcuna esatta idea dei colori. Ciò che si stampa
nei libri sono figure assai imperfette, per lo più assai lontane dal
vero, e trattate in semplice chiaroscuro: da esse altro non si può
ricavare che un'idea approssimata della grandezza e della disposizione
delle macchie più salienti, senza che dei colori si possa dedurne
alcuna notizia. Nè bisogna immaginarsi di veder sempre in Marte le
medesime cose; e che, messo il pianeta nel campo telescopico, ad altro
non si debba pensare, che a far un _ritratto_somigliante più o meno a
quello che si vede nel suo dischetto. Appena cominciato il suo lavoro,
l'osservatore si avvede ben presto che le macchie, le linee e tutto il
resto vanno cambiando d'aspetto lentamente, ma pur in modo sensibile
in capo ad una mezz'ora; la scena dopo tre o quattro ore si trova
intieramente diversa, nuove cose compajono mentre gli oggetti di prima
o sono scomparsi, oppure se ancora si vedono, sono talmente cambiati
di posto, e deformati nel loro contorno, da esser appena
riconoscibili. Questa è una conseguenza della rotazione di Marte
intorno al suo asse, la quale si compie in 24 ore e 40 minuti: ed è
facile vedere quale imbarazzo nasca da questo fatto a chi debba
rappresentare tante particolarità a misura d'occhio.

Considerando le cose in massa, si distinguono nella superficie di
Marte le regioni di color più chiaro, le quali sono anche le più
luminose; ad esse, in conformità di ciò che si usa anche per la Luna,
si suole dare la qualificazione di _terre_o di _continenti_, mentre
alle parti ombreggiate con tinte più oscure si assegna il nome,
egualmente convenzionale, di _mari_e di _laghi_. Questi nomi non
servono che per uso di classificazione non interamente rigorosa,
essendovi (oltre alle bianche calotte polari) alcune regioni di
carattere intermedio. Vi sono anche regioni di colore variabile, che
sembrano appartenere ora all'una ora all'altra classe secondo la
direzione in cui il Sole le illumina, o secondo la direzione in cui
son vedute dall'osservatore, in dipendenza di cause per adesso ancora
sconosciute. Tali variazioni possono farsi entro limiti estesissimi,
che dal bianco puro possono andare sino al nero assoluto, passando per
gradazioni diverse di rosso, di giallo, di grigio e di bruno. Di tali
vicende alcune si ripetono ad ogni rotazione del pianeta con una certa
regolarità, altre hanno un andamento parallelo alla stagione che
domina nella località considerata del pianeta. Il quale è soggetto
alle stesse varietà di riscaldamento e d'illuminazione che ha luogo
nelle diverse regioni della Terra. Alcune di tali vicende d'aspetto
sono in diretta connessione collo stato meteorologico e termico, ed è
possibile che vi si rendano in qualche modo visibili a noi i diversi
stadi di un ciclo vegetativo, secondo un'ipotesi abbastanza probabile,
studiata e propugnata principalmente dall'astronomo americano
Lowell. Ma l'osservazione prolungata per molti anni ha fatto
riconoscere un'altra classe di fenomeni che non sembrano dipendere dal
periodo delle stagioni, e potrebbero anche essere irregolari. In certe
località un dato aspetto di cose che sembrava permanente, viene a
mutarsi d'un tratto per intervalli, dà luogo ad altre combinazioni,
che scompajono alla loro volta, per dar luogo ad un rinnovamento più o
meno esatto del primitivo stato di cose; tutto questo saltuariamente
ed in modo che si potrebbe dire accidentale.

[vedi figura 07.png]

La carta annessa può dare un'idea approssimata del modo con cui sono
distribuite le macchie principali di Marte e la loro disposizione
rispetto ai poli ed all'equatore del pianeta. Essa è divisa in due
emisferi al modo dei mappamondi ordinari, in maniera però da collocare
in alto il polo australe ed in basso il polo boreale; ciò per render
più facile la comparazione con quello che si vede nel telescopio
astronomico. In questo, infatti, che rovescia le immagini degli
oggetti, suole il polo nord apparire nelle parti inferiori del disco,
e il polo sud nelle parti superiori[17]. La figura è di carattere
schematico, come accade nelle nostre carte geografiche; essa non ha
per iscopo di dare una _pittura_imitante l'aspetto del pianeta come se
si volesse farne un ritratto, ma serve soltanto a facilitarne
l'esposizione descrittiva. Astraendo dalle regioni polari, le quali
sono sempre o quasi sempre occupate dal bianco polare, si vede subito
che le aree più o meno ombreggiate, dette _mari_, occupano forse un
terzo della superficie intiera di Marte, e sono divise in due parti o
gruppi molto disuguali. In basso abbiamo il _Mar Boreo_, che circonda
quasi da ogni parte il polo nord, e da una parte si avvicina
all'equatore fin quasi al parallelo 40°. In alto abbiamo il _Mare
Australe_che è molto più vasto e spinge entro le aree continentali una
gran quantità di ramificazioni denominate sulla carta coi nomi di
_Gran Sirte, Mare Eritreo, Golfo delle Perle, Mare Cimmerio, Mare
Tirreno, Lago del Sole_, ecc. Fra quei due mari _Boreo_ed _Australe_si
stende la zona continentale, sparsa qua e là di linee e di macchie più
oscure. Entro i due grandi mari poi sono sparse regioni che si
mostrano come grandi isole o penisole, quali_Hesperia, Atlantis,
Hellas, Argyre, Baltià, Nerigos_, colorate in giallo per lo più, ma
non in modo permanente; talora impallidiscono, ed anche si oscurano e
prendono il colore grigiastro o bruno delle macchie propriamente
dette; solo mostrano questo colore con minor intensità. Già verso la
metà del secolo passato molti particolari di questa topografia
areografica erano stati esplorati o disegnati da abili osservatori,
quali Secchi, Dawes, Kaiser, Maedler, Lockyer, ed alcuno di essi aveva
anche intraveduto qua e là curiose configurazioni di macchiette o di
linee: ma non erano riusciti ad afferrarne con evidenza la
forma. Soltanto nel 1877, trovandosi il pianeta in una delle sue
maggiori vicinanze alla Terra (in posizione poco diversa da quella
occupata nell'autunno ora decorso), si ebbe l'opportunità di studiare
in buone condizioni e con maggior successo quei particolari prima
confusamente intraveduti e di convincersi che tutta la superficie di
Marte, ma più specialmente le aree luminose continentali, sono
occupate da un reticolato di linee sottili, formanti una specie di
triangolazione o di poligonazione, come si può vedere nella carta qui
annessa. Queste linee sono tracciate sulla superficie del pianeta o
forse entro la sua atmosfera; ognuna d'esse corre per lunghissimi
tratti, serbando per lo più una direzione costante senza angoli nè
curvature violente, formando anzi (rigorosamente o almeno
prossimamente) sul globo di Marte ciò che i geometri chiamano un
circolo massimo. Il loro corso appare continuo, senza lacune
apprezzabili alla visione telescopica, e si estende da pochi gradi (un
grado di Marte equivale press'a poco a 60 dei nostri chilometri), fino
ad occupare talvolta in lunghezza un terzo od un quarto della
circonferenza totale del pianeta (la quale è di 21.600 chilometri). La
larghezza è molto varia; per alcuni giunge a 100 o 200 chilometri,
altri ad alcune decine di chilometri, per alcuni più sottili e più
difficili a vedere la larghezza non supera che alcune unità della
stessa misura. Perciò assai diversa è la facilità con cui si possono
riconoscere e figurare con disegno; e bisogna aggiungere, che questa
facilità è molto variabile secondo il tempo e sembra dipendere in
molti casi dalla stagione che domina lungo il loro corso. Spesso si
vede qualcuno di essi traversare una delle nevi polari, formando una
traccia nerissima, che ha tutto l'aspetto di una spaccatura di esse
nevi. Queste linee sono i così detti_canali_di Marte, così denominati
per pura convenzione analoga a quella per cui alle grandi macchie si è
dato il nome di _mari_e di _continenti_. Ma della loro natura finora
poco o niente si è potuto accertare. Il nome di _canali_però e la
regolarità loro apparente ha indotto molti uomini di calda fantasia a
ravvisare in essi opere artificiali gigantesche di esseri
intelligenti; ipotesi questa che per ora non è ancora stato possibile
dimostrare che sia vera o falsa. Gli spiriti scettici hanno poi
facilmente troncato la questione, negando a queste formazioni ogni
esistenza obbiettiva, e dichiarandole come fantasmi creati
dall'immaginazione sulla base di visione confusa ed imperfetta.

[vedi figura 08.png]

Quando un canale è collocato in modo da attraversare il disco di Marte
nel suo centro, appare come una linea retta formante un diametro. Ma
girando il pianeta intorno al suo asse, in capo ad una o più ore, il
canale si presenta in prospettiva molto diversa, e s'incurva tanto più
fortemente in apparenza, quanto più è distante dal centro. Queste
variazioni di forma e di curvatura apparente si possono spiegare
esattamente secondo lo regole della prospettiva facendo l'ipotesi, che
i canali siano aderenti alla superficie del pianeta, o almeno
pochissimo distanti; la concordanza è tale, che di quell'ipotesi
nessuno può dubitare. Questo fatto, che è stato verificato centinaja e
migliaja di volte, basta da solo a dissipare qualunque dubbio potesse
nascere intorno alla realtà dei canali, e non lascia luogo a parlar
d'illusioni ottiche.

Tutti i canali hanno la proprietà di correre da un mare ad un altro, o
dal mare ad un lago o fra due laghi, o finalmente da un canale ad un
altro. Non si ha esempio di un canale, di cui un'estremità sia libera
e termini isolata nello spazio continentale che la circonda, senza
connettersi da qualche parte con un mare, o con un lago, o con un
canale o con un gruppo d'intersezione di più canali. Anzi tutte lo
estremità dei canali là dove terminano in uno dei mari o dei laghi,
sogliono esser molto ben definite e spesso sono segnate da una macchia
oscura, che in molti casi presenta l'aspetto di una larga foce in
forma di tromba, per cui l'ipotetico canale potrebbe dirsi sboccare
nell'ipotetico mare vicino, o nell'ipotetico lago vicino. E similmente
quando due canali s'incontrano, spesso nella loro intersezione si vede
una piccola macchia oscura, per lo più di aspetto rotondeggiante e di
diametro non molto superiore alla larghezza dei canali
medesimi. Simili macchiette sono denominate _fonti_, per analogia col
resto della nomenclatura. Il loro numero è assai variabile, in alcuni
anni se ne videro non più di due o tre, in altri anni più decine e
sembrano trovarsi frequenti in certe regioni del pianeta a preferenza
di certe altre. Nel 1907 la fotografia ne ha rivelato un gran numero
di nuovi, mentre altri prima evidenti cessarono di esser
visibili. Quando un canale ne incontra parecchi altri, avviene qualche
volta che nelle sue intersezioni con questi si vedono lungh'esso
allineati molti di questi punti oscuri, i quali formano una serie bene
ordinata, come perle infilzate in un filo. È da credere, che tutte
queste fonti o piccole macchie rotondeggianti siano ciascuna il
risultato dell'incontro di due canali; ma ciò non risulta con evidenza
dall'osservazione, essendo frequenti i casi in cui essi appajono
isolati affatto nel mezzo dei continenti senza alcuna connessione. Ma
è probabile che la connessione esista e si faccia per canali troppo
sottili per esser veduti coi nostri attuali telescopi.

In parecchi luoghi della superficie dei continenti, i canali
s'incontrano tre o quattro o più insieme formando piccolo
poligonazioni e dando luogo ad un insieme di macchie più
complicate. Nascono allora macchie oscure per lo più irregolari del
diametro di più centinaja di chilometri, e si vedono sulla carta
designati con nomi speciali, come Lago del Sole, Trivio di Caronte,
Propontide, ecc. Sono di forma più o meno regolare, secondo che i
canali da cui sono formati concorrono più o meno esattamente in un
medesimo punto. Questi laghi sono anch'essi molto variabili di colore,
di forma e di estensione; talvolta scompajono affatto, o si dividono
in più parti, e presentano fenomeni singolarissimi.

[vedi figura 09.png]

Ma riguardo ai canali e ai laghi il fenomeno più generale e più
notabile, e che nel mondo degli scettici ha provocato il maggiore
scandalo è quello assai frequente del loro sdoppiarsi, quando formano
ciò che si chiama geminazione. Un canale che prima appariva come linea
schiettamente semplice, d'un tratto si trasforma in un sistema di due
linee, quasi sempre uguali e parallele fra di loro. L'intervallo fra
le due linee è diverso da un caso all'altro, come pure la sua
proporzione alla grossezza delle linee stesse. Anche queste
geminazioni sono variabili col tempo. Non solo sembra esser diverso in
diversi tempi l'intervallo fra le due linee, ma la visibilità di essa
è soggetta a vicende, di cui non è ancora stato possibile scoprire la
norma. Talvolta una linea diventa più debole dell'altra e finisce per
sparire, l'altra rimanendo immutata e visibile come canale isolato. I
fenomeni che accompagnano la formazione delle geminazioni non si sono
ancora potuti completamente studiare; ma la durata del processo non è
mai molto lunga; le geminazioni compajono tali da un giorno all'altro,
durano qualche giorno o qualche settimana, poi si riducono di nuovo a
canali semplici, od anche entrambi i loro canali scompajono
affatto. La loro apparizione succede in diverse epoche con diversa
frequenza; talora mancano affatto o sono in piccol numero, in altre
epoche il pianeta ne è quasi tutto occupato, ed in certe occasioni se
ne son viste fino a 30 simultaneamente. Esse mancarono affatto nel
1877: frequentissime invece si mostrarono nel 1882, nel 1888 ed in
altre epoche. Nell'apparizione dell'autunno passato (per quanto
risulta dalle notizie fino ad oggi pubblicate) esse non sono mancate,
ma non sembra fossero molto abbondanti. Un certo numero se ne trova
pure nelle splendide fotografie di Marte, che il professor Lowell
ottenne durante l'apparizione del 1907.

[vedi figura 10.png]

Di tutti i svariati e complicati fenomeni di Marte quello delle
geminazioni è il più singolare ed anche, a quanto sembra, il più
difficile a interpretare. Ad esso correlativo, e quasi contrapposto è
un altro, l'apparizione e disparizione dei _ponti_. Sono striscie
luminose, regolari, rettilinee ed uniformi, che di quando in quando
compajono attraverso dei mari e dei laghi, formando di essi una
separazione completa. Il più facile e più visibile di tutti è quello
designato sulla carta col nome di _Ponte di Achille_, che rassomiglia
ad un argine o una diga posta fra il _Lago Niliaco_e quella parte del
Mar Boreo che è distinta col nome di _Golfo Acidalio_. Il Ponte
d'Achille è largo forse 200 chilometri e lungo poco meno di 1000. È
quasi permanente, ma talvolta si vede interrotto più o meno
completamente, come è avvenuto nel 1888. Un altro ponte divide in due
parti quasi uguali il Lago del Sole, ma non è sempre visibile: esso è
apparso nel 1890 ed ultimamente nel 1907. Queste zone luminose in
campo oscuro sembrano aver qualche relazione con le zone luminose, che
nelle geminazioni separano l'una dall'altra le due linee oscure che
costituiscono la geminazione.

[vedi figura 11.png]

Lo studio di tutti questi enigmi è appena cominciato; nulla ancora vi
ha di certo sui principi a cui si dovrà appoggiare una razionale
interpretazione dei medesimi. Tutto dipenderà dai progressi che farà
nei prossimi anni la rappresentazione fotografica di Marte. La
questione farà un gran passo quando si otterranno fotografie tali, che
sopra di esso sia possibile prendere misure precise.

Un altro passo importante è stato fatto dal signor Lowell, inaugurando
lo studio spettroscopico dell'atmosfera di Marte[18]. Egli dimostrò
che quest'atmosfera comprende, fra i suoi componenti il vapor d'acqua
e l'ossigeno. Con queste scoperte egli ha trovato un importante
argomento in favore dell'ipotesi da lui con molto ingegno e con gran
copia di osservazioni sostenuta, che Marte sia pur sede della vita,
come la Terra; e che i fenomeni di variazione osservati sul pianeta
sian dovuti principalmente alla vegetazione razionalmente governata da
esseri intelligenti.

Giovanni Schiaparelli



NOTE:



[1 SECCHI. Lezioni di fisica terrestre, p. 214-216.]

[2 Leggansi particolarmente: La Pluralité des Mondes Habités: Les
mondes imaginaires et les Mondes rèels: Rècits de l'Infini: Les
Terres du Ciel: Contemplations Scientifiques.]

[3 La carta lunare di Schmidt, fatta con telescopi di 10 a 15
centimetri, ha due metri di diametro ed in essa son figurati
nientemeno che 32.856 crateri.]

[4 Parola che significa descrizione di Marte ed è derivata dal nome
greco di questo pianeta. Ares, come dal nome greco della Terra è
derivato il nome della Geografia.]

[5 Una storia completa di tutte le osservazioni fisiche e
topografiche fatte su Marte dalla meta del Secolo XVII fino al
1892 si ha nell'opera di Flammarion intitolata: La Planète Mars et
ses conditions de habitabilité: synthèse générale de toutes let
observations, climatologie, météorologie, aréographie, continents,
mers et rivages, eaux et neiges, saisons et variations observées:
illustré de 580 dessins télescopiques, et 23 cartes. Paris
1892. 600 pag. in grande 8°.]

[6 Il suo diametro sta a quello della terra in rapporto prossimamente
di uno a due, o più esattamente di 11:21. Un grado geografico, che
sul globo della terra rappresenta 60 miglia di 1852 metri
ciascuno, sul globo di Marte rappresenta quasi esattamente 60
chilometri.]

[7 Secondo in ordine di grandezza è il telescopio che con esempio
degno d'imitazione il Dott. V. Cerulli eresse l'anno scorso a
proprie spese nel suo osservatorio privato di Colle Urania presso
Teramo (Abruzzi); il diametro della lente obbiettiva e di 40
centimetri.]

[8 Riferendoci tanto per Marte, che par la Terra, all'emisfero
boreale, abbiamo le seguenti durate esatte delle stagioni in
giorni terrestri:

                      Primavera Estate Autunno Inverno
  Per la Terra giorni    93       93      90     89
  Per Marte             199      182     146    160

L'illuminazione del polo boreale di Marte dura quindi continua per 381
giorni; quella del polo australe per 306 giorni; delle notti accade
l'inverso.

[9 Son fatte queste carte secondo le solite convenzioni dei
mappamondi in due emisferi, usando la proiezione detta
omalografica. Presentano il pianeta invertito, come si vede nei
cannocchiali astronomici; per tal ragione vedesi in basso il polo
Nord, in alto il polo Sud. Coll'inversione del foglio si ottiene
la consueta orientazione convenzionale delle carte terrestri.]

[10 Questa osservazione del colore oscuro che mostran le acque
profonde vedute dall'alto in basso, si trova già fatta dal primo
pittar delle memorie antiche, il quale nell'Iliade (versi 770-71
del libro V) descrive "la sentinella che dall'alta vedetta stende
lo sguardo sopra il mare color del vino, [oínopa
pónton]" Nella versione del Monti l'aggettivo indicante il colore
è andato perduto.]

[11 La continua variabilità dei minuti particolari fa sì che una
carta di Marte non può mai esser altro che una rappresentazione
convenzionale o schematica della superficie del pianeta. Per aver
un'idea esatta del suo aspetto fisico, quale si presenta nei
telescopi, bisogna ricorrere ai disegni, dei quali molte
centinaia si trovano raccolte nell'opera del Flammarion La
Planete Mars. Un esempio ne dà la figura della pagina precedente,
la quale è stata disegnata col grande telescopio di Brera nella
sera del 15 settembre 1892. L'immagine è rovesciata, quale nel
campo telescopico appariva. Il disco di Marte allora non era più
rotondo, ma alquanto deficiente a cagione della non diretta
illuminazione del Sole; rassomigliava alla Luna due giorni prima
del plenilunio. Comparando il disegno colla carta è facile
riconoscere in quello la costa molto accidentata del Mare
Eritreo, che corre press'a poco lungo l'equatore del
pianeta. Molto evidente è il doppio corno del Golfo Sabeo, e a
destra di esso il Golfo delle Perle. Il continente al di sotto
dobbiamo immaginarlo giallo brillante, lo si vede solcato da
parecchi canali, nei quali non sarà difficile ravvisare il
Phison, l'Eufrate, l'Oronte, il Gehon, l'Indo, l'Idaspe e la
Iamuna. L'Eufrate dava sospetto di esser duplicato. In alto del
disco il Mare Eritreo e il Mare Australe appaiono divisi da una
gran penisola curvata a guisa di falce, prodotta da una insolita
appariscenza della regione detta di Deucalione, la quale si
allungò quest'anno fino a raggiungere le isole Noachide ed
Argyre, formando con queste un tutto continuato, con deboli
traccio di separazione, sulla lunghezza di quasi 6000
chilometri. Il suo colore, molto meno brillante che quello dei
continenti, era un misto del giallo di questi col bruno grigio
dei mari contigui. In alto l'ovale chiara deve immaginarsi del
bianco più splendido e più puro: rappresenta la calotta delle
nevi australi, ridotta alla forma ellittica dallo scorcio della
prospettiva, molto obliqua in quel luogo. Perchè non bisogna mai
dimenticare che davanti a noi abbiamo, sotto forma d'un disco, la
curvatura d'un emisfero.]

[12 Notisi che in questa carta il pianeta si presenta rovesciato,
quale si vede nei telescopi astronomici usuali: quindi il polo
artico è in basso, l'antartico in alto rispetto a chi legge le
indicazioni delle carte stesse.]

[13 Sulla totale (o quasi totale) assenza di nuvole e pioggie in
Marte veggasi quanto ho scritto nel mio articolo precedente
(Natura ed Arte 1 e 15 febbraio 1893). L'anno scorso è riuscito
al signor Douglas, astronomo americano, di studiare e di misurare
alcune nuvole di questo pianeta. Una di esse, osservata il 25 e
il 26 novembre 1894, era larga 150 chilometri circa o lungo 230;
la sua altezza sul suolo del pianeta fu trovata esser più di 25
chilometri; essa sembrava muoversi con una velocità di circa 20
chilometri all'ora. Sulla Terra le nuvole bianche a strisce e
frange, chiamate cirri, le quali sembrano aver molta analogia
colla nuvole di Marte, non sogliono elevarsi a più di 6 od 8
chilometri dal livello del suolo.]

[14 Una striscia oscura della superficie di Marte non può esser
osservabile coi presenti nostri telescopi, se non ha almeno 30 o
40 chilometri di larghezza.]

[15 L'intensità della gravità alla superficie di Marte è minore nel
rapporto di 3 ad 8 di quella che ha luogo alla superficie della
Terra. Quindi quel peso, che noi chiamiamo di 8 chilogrammi,
potrebbe esser sostenuto in Marte da quel tanto di forza
muscolare, che a noi occorre per sostenere 3 chilogrammi.]

[16 Quest'ultimo canale è capace d'irrigare sopra tutta la sua
lunghezza (che è di 500 chilometri) una zona di terreno larga 35
chilometri. Più non si richiede per i canali qui sopra descritti.]

[17 Questo vale per gli osservatorii collocati nei climi più
settentrionali della Terra. Per gli osservatorii dei paesi
australi saccede l'opposto: il polo boreale appare in alto del
disco, il polo australe in basso.]

[18 Il Lettore che vorrà esser pienamente informato di tutto quello
che è stato osservato nel pianeta Marte e vorrà interessarsi alle
speculazioni ed alle discussioni ardenti cui ha dato luogo la
natura fisica del pianeta, e la possibilità che esso sia sede di
vita organica, anzi anche di esseri intelligenti, troverà di che
soddisfarsi nella grande opera di Flammarion, La Planète Mars, di
cui non già usciti due volumi e di cui si promette la
continuazione: essa formerà col tempo una serie di annali del
pianeta. Può inoltre consultare: Lowell, Mars and its canal,
Nuova York, 1906; Morse, Mars and its mystery, Boston, 1906;
Lowell, Mars the abode of life. Nuova York, 1908.]





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "La Vita Sul Pianeta Marte" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home