Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Il Sacro Macello Di Valtellina
Author: Cantù, Cesare, 1804-1895
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Il Sacro Macello Di Valtellina" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



Progetto Manuzio (http://www.liberliber.it/). Questo testo
Progetto Manuzio (http://www.liberliber.it)



Cesare Cantù


IL SACRO MACELLO DI VALTELLINA

Episodio della riforma religiosa in Italia, 1832

Le guerre religiose del 1620 tra Cattolici e Protestanti, tra
Lombardia e Grigioni.



INDICE



CAPO I
Dottrine di Lutero, Calvino, Zuinglio diffuse negli Svizzeri e nei
Grigioni--Descrizione della Valtellina--I nuovi insegnamenti
penetrano in Italia; e specialmente nella Diocesi di Como--Novatori
rifuggiti in Valtellina--Lodovico Castelvetro--Pier Paolo Vergerio.

CAPO II
Protestanti nei baliaggi Svizzeri--Sono cacciati--Premure dei
Cattolici--Concilio di Trento--I Borromei--Impresa del
Tettone--Calendario gregoriano.

CAPO III
Corruzione dei Grigioni--Forte di Fuentes costrutto--Mal governo della
Valtellina--Ingiurie alla religione repulsate dai Cattolici--Nicolò
Rusca è tratto al tribunale e morto--Ruina di Piuro.

CAPO IV
Scontento dei Valtellinesi--Congiura dei Grigioni e dei
Valtellinesi--Sacro Macello.

CAPO V
La Valtellina indipendente--Invasa dai Grigioni--Politica delle
potenze--Battaglia di Tirano--Governo della Valtellina--La Valtellina
resa ai Grigioni--Lamenti--Il trattato di Milano è cassato--I Grigioni
espulsi dalla Valtellina--Invasi dagli stranieri--Riconoscono
l'indipendenza della valle--Ne spiace alle potenze--Ambagi
diplomatiche--La valle consegnata ai Papalini--Occupata dai
Francesi--Trattato di Monson.

CAPO VI
Passo dei Lanzichinecchi per la Valtellina--Fame--Peste del
1630--Superstizioni--Il duca di Rohan in Valtellina--Capitolato di
Milano.

Introduzione alla ristampa del 1885



CAPO I

Dottrine di Lutero, Calvino, Zuinglio diffuse negli Svizzeri e nei
Grigioni--Descrizione della Valtellina--I nuovi insegnamenti
penetrano in Italia e specialmente nella Diocesi di Como--Novatori
rifuggiti in Valtellina--Lodovico Castelvetro--Pier Paolo Vergerio.


Intendo raccontare i turbamenti della Valtellina nel secolo XVII,
abbaruffata religiosa che, come spesso, copriva una quistione di
nazionalità, mista di eccessi dei popoli e di viluppi d'una politica
ambidestra, fecondi di atroci successi, e dove andarono in un fascio
le umane cose e le divine. Né forse è privo d'opportunità questo
episodio in tempi di sette caldeggianti d'operoso contrasto fra le
opinioni e la forza, di lotta fra la sublime ambizione di non
sottomettersi che alla ragione pura, e il folle orgoglio di arrogare
tutti i diritti di questa alla ragione individuale.

Pontificando Leone X, il sassone frate Martin Lutero aveva
levata--audace--la voce contro le indulgenze, le quali, se prima erano
un compenso alle gravose pene ecclesiastiche per i peccati, vennero
poi a sovrabbondanza profuse, insinuandosi perfino contro gli oracoli
della Chiesa, che assolvessero vivi e morti dalla pena e dalla colpa,
e facendosi traffico delle bolle che le concedevano. Da questo, Lutero
si aperse il varco a fare alla curia romana altri rimproveri, più
uditi perché veri: poi passando dagli abusi nuovi alli vecchi, e dalla
fabbrica alli fondamenti(1) impugnò l'autorità papale, il celibato dei
preti, infine il sacerdozio stesso. Se, a detta di San Paolo, il
giusto vive per la fede, la fede è il tutto, nulla le opere: il monaco
orante e penitente è inferiore al laico credente, la fede Iddio la dà
a chi egli vuole, talché l'uomo non è libero di operar la propria
salute, né la Chiesa ha nulla a prescrivergli: al solo Cristo devono
tutti chinarsi, né il papa ha efficienza maggiore che l'infimo fedele.

Non che con ciò si venisse a stabilire la parità di tutte le opinioni
e ad abbracciare chiunque ammette il Vangelo. Si volle piantare
un'altra autorità al posto della distrutta e imporre nuovi dogmi sulla
grazia, sul battesimo, sulla cena, sui santi. Ne sorsero dunque
prontamente molteplici discrepanze, e Calvino predicava in Svizzera e
in Francia dottrine diverse; e diverse ne faceva pullulare ciascun
caposetta. Non è da questo luogo il ragionarne, e basterà dire che fin
là si era creduto tutto quel complesso di dogmi, di discipline, di
pratiche, che costituisce il cattolicismo. Allora si volle tutto
richiamar in esame. Fin là si era venerata la sacra scrittura qual era
interpretata dalla chiesa, depositaria della tradizione apostolica ed
unica dispensiera della verità; allora si volle libero a ciascuno
d'interpretare la scrittura a suo senno privato. Invano i capi
riformatori, fallendo al proprio assunto, vollero limitare le credenze
con simboli, ai quali mancava ogni autorità. Né, ammesse le negazioni
di Lutero e di Calvino, s'aveva titolo per escludere quelle degli
Anabattisti, dei Sociniani, degli Entusiasti, che ripudiavano la
Trinità, e la divinità di Cristo, e ogni rivelamento fuor
dell'ispirazione personale.

La Chiesa non aveva mai dissimulato, e tanto meno giustificato, i
disordini e gli abusi pullulati nel suo seno; né mai tenne quei
sublimi suoi comizii, che chiamansi concilii, che non facesse savii
decreti di riforma. E forse un uomo di alta e sincera volontà avrebbe
anche allora potuto condurre a mediazione pacifica, a risoluzione
cristiana la chiassosa discrepanza delle credenze e degli atti,
adoprandovi l'amore, non l'ira, l'abbraccio, non la repulsione, per
saldare l'unità, anzichè sconnetterla irreparabilmente. Ma, come in
altri simili casi, la potenza minacciata s'addormentò sull'orlo del
precipizio: papa Leone, dedito al deliziarsi ed alle lettere, e poco
temendo dai Tedeschi che reputava grossolani e sprovvisti di maschia
volontà, non ebbe tal dissensione in più concetto delle tante
scolastiche, le quali nascevano e morivano senza lasciar traccia, fra
gli ozii ringhiosi e superbi dei conventi e delle università. Scossosi
poi, come persona che è destata per forza, diede in estremi, che
precipitarono la ruina. Adriano, successogli, conobbe gli abusi della
curia romana e del clero, e pensava efficacemente al rimedio. Ma la
morte gli ruppe il disegno, e i letterati ne menarono trionfo. Quando
i successori videro a quanta importanza riuscisse il movimento, già si
era là dove inutili uscir dovevano ammonizioni, consigli, scomuniche.
Stabilita già in più parti la nuova credenza, e sostenuta coll'ardore
della novità, coll'autorità d'uomini che avevano studiato a fondo,
coll'interesse di quei che avevano usurpato i beni delle chiese e dei
conventi, coll'appoggio dei principi, che, tolto l'ostacolo di Roma,
potevano ormai fare ogni lor voglia, come capi nello spirituale, al
pari che nel temporale, fin colla prepotenza delle armi. Tutto furono
allora i Cattolici in impedire che la Riforma trapelasse nei paesi
ancora mondi, massimamente nell'Italia, dove le crescevano pericolo
l'acutezza e curiosità degli intelletti arditi e vaghi del nuovo,
l'abitudine letteraria di cuculiare preti e frati, il conoscersi da
presso le esorbitanze romane e l'aver i governi avvezzato i popoli a
non tener come sacro tutto quanto fosse papale, né far gran caso delle
benedizioni e degli interdetti. Libri, scuole, missionarii, legati
furono disposti, come barriera, contro la Svizzera e la Rezia, donde
il contagio viepiù si faceva vicino.

Imperocché, contemporaneamente a Lutero e senza sapere di lui, il
curato Ulrico Zuinglio, in occasione che vi vendeva le indulgenze fra'
Bernardino Sansone da Milano, aveva cominciato a predicare a Zurigo
che una vita pura ed un'anima religiosa più sono accettabili al
cospetto dell'Eterno, che non macerazioni e pellegrinaggi. Poi, che il
pane ed il vino erano soltanto simboli del SS. Corpo e Sangue. Indi
via via, sulla messa, sul purgatorio, sulla confessione, sul venerare
i santi, sul celibato dei preti, una folla di novità che pretendeva
antichissime.

Sono i Grigioni discendenti da quei Reti che, devoti a libera morte,
difesero l'indipendenza loro contro le armi di Roma, stando a scirocco
della Svizzera, nelle valli dove sorgono il Reno e l'Inn, e dove molti
Romani rifuggirono al cader dell'antichità, siccome l'attesta la
lingua che ancor vi si parla, detta ladina e romancia.

Fra le turbinose vicende che mutarono faccia all'Europa, subirono
anch'essi le leggi della prepotente feudalità e il dominio dei vescovi
di Coira e d'una folla di signorotti che, possedendo appena poche
pertiche di paese, si arrogavano però la sovranità indipendente,
guerreggiavano coi vicini, opprimevano i sudditi, svaligiavano i
viandanti.

Ai costoro soprusi opposero i popoli la concordia dei voleri. Insorti,
furono però moderati dall'essersi posti alla loro testa il vescovo di
Coira, gli abati di San Gallo e di Dissentis, sotto la cui direzione
si formò la _lega Caddea_.(2)

Gli altri preti ne presero coraggio a domandare ai loro signori
giustizia e sicurezza. I quali signori, accoltisi intorno ad un acero
che si venera presso Truns, fra Hanz e l'abadia di Dissentis, e
sospesi i loro grigi gabbani al ferrato bastone infisso nelle rupi,
giurarono d'essere buoni e leali federati, e così formossi la _lega
grigia_(3) che diede agli altri il nome di Grigioni. Quando poi fu
morto l'ultimo dei conti di Tockeburgo, i suoi vassalli strinsero la
lega delle dieci dritture o giurisdizioni(4). Coll'oro, col coraggio,
colla spada, assicuratisi dalle minacce dell'imperatore Massimiliano,
che voleva rimetterli a soggezione, le tre leghe si congiunsero fra
loro a Vazerel, stipulando di dividere i pericoli per difendere il
franco stato e giudicare i comuni interessi in una dieta che, a
vicenda, si terrebbe a Coira, a Hanz e a Davos. Ciascuna lega restava
divisa in comuni, ognuno dei quali regolava i propri affari interni e
mandava deputati alla dieta, talché il governo fu quivi più
democratico che in qualsiasi altro luogo e possedeva quel voto
universale, che oggi vuol considerarsi come la miglior espressione
della libertà. Ogni valle, anzi, ogni terra, ogni parrocchia(5), si
conservò stato indipendente, con governo proprio, diritti, privilegi.
Talvolta ciascuno forma un comune, tal altra se ne riuniscono diversi,
e nell'assemblea loro ha voto chiunque compia i 18 anni per elegger
tutte le autorità, dal podestà o Ammann o ministeriale, che giudica
nel civile e nel criminale, e dal curato fino al cursore e al
campanaro(6).

Varii Comuni uniti costituiscono una giudicatura (_hoch Gericht_)
sotto un landamano o podestà. Tutte insieme poi le 25 giudicature, i
49 grossi comuni e gl'innumerevoli piccoli, ogni anno, al san
Giovanni, tenevano i comizi generali (_Bundstag_) alternandoli fra
Davos, Hanz e Coira, dove i Grigi avevano 28 suffragi, 24 i Caddei, 15
le Dritture. In casi straordinarj radunavano (_Beytag_) i soli capi e
primarj ufficiali, per lo più in Coira, i quali pure non potevano dar
voto che secondo le istruzioni ricevute dalle loro comunità, presso le
quali rimaneva sempre il poter sovrano. Ciò rendeva lungo e spendioso
il trattare coi Grigioni, bisognando girar di comune in comune ad
ungere le girelle perché corressero. Ne derivò sfacciata
corruttibilità, intrigo universale e una sfacciata oligarchia, la
quale concentrò nelle due famiglie dei Planta e dei Galis tutti gli
uffizi di lucro o di onore.

Giovanni Comander, arciprete della cattedrale in Coira, Enrico
Spreiter, Giovanni Blasius, Andrea Fabritz e Filippo Salutz, avevano
propagato fra i Grigioni le dottrine di Zuinglio e di Calvino, e ben
presto la riforma si stabilì nelle Dieci Dritture; nella Lega Caddea
prosperò attorno a Coira, ma scarsamente nell'Engadina e pochissimo
nella Lega Grigia.

Invano gli Svizzeri fedeli tentarono rimettervi il cattolicismo;
invano della Riforma disgustarono gli Anabattisti ed altri
trascendenti, dai quali Lutero e Zuinglio erano esecrati non meno che
il papa: nella dieta d'Hanz fu stabilito che a tutti fosse libero
professare la religione cattolica o l'evangelica; i ministri non
insegnassero se non ciò ch'è contenuto nel Vecchio e Nuovo Testamento.
Questo restò fino ad oggi lo statuto religioso dei Grigioni. Ogni
parrocchia ebbe il diritto di scegliersi i pastori; sciolti gli
obblighi ereditati di far celebrare messe e anniversarj; non si
ricevessero più frati nei monasteri, non si mandasse danaro a Roma per
annate o dispensa o che altro motivo. La Chiesa vi fu costituita al
modo svizzero, senza vescovi, e con concistori e conferenze; poi
s'introdusse il sinodo nazionale, che s'accoglieva ogni mese di
giugno.

Il fiume Adda, scendendo dal monte Braulio ai confini del Tirolo
tedesco sino a perdersi nel lago di Como, traccia il corso della
Valtellina, la quale toccava a levante esso Tirolo, a mezzodì i
dominii bergamaschi e bresciani della Repubblica veneta, a
settentrione le terre dei Grigioni, dai quali paesi tutti è separata
per montagne più o meno alte, alcune altissime fra le prime d'Europa;
e basti nominare lo Spluga e lo Stelvio, attraverso ai quali si va ai
Grigioni ed ai Tirolesi, una volta per scabri sentieri alpestri, oggi
per vie stupende. Ad occidente la Valtellina finisce in un vasto
delta, impaludato dal fiume e dagli scoli montani, e che tocca il
territorio milanese e il lago di Como. Di terre importanti è seminata,
di cui sono principali, sul fondo stesso della valle, Morbegno,
Sondrio, capo della valle, Ponte, Tirano, congiunte allora appena da
scoscesi viottoli, ora da piana strada. La valle si sviluppa in una
serie di bacini, chiusi da strozzature di monti ravvicinantisi. E
principalmente alla Serra questi la chiudono quasi affatto, lasciando
solo un piccolo e difficile accesso ad un altro ampio anfiteatro, che
forma il contado di Bormio. Sboccano in questo le valli Viola e di
Pedenosso, che a maestro mette all'Engadina e ai Grigioni; la val
Furva a levante, che verge alla Camonica e al Bresciano; e a
tramontana la valle di Fraele, per cui entrando nella retica valle di
Santa Maria, si va in Val Venosta e a Bolzano nel Tirolo. All'opposta
estremità della Valtellina, verso il lago di Como, si prolunga a
settentrione un altro contado, di cui era capo Chiavenna, terra di
grossi traffici, perché chiave d'un trivio che, verso mezzodì, scende
al lago di Como, a settentrione sale, per la valle San Giacomo e pel
letto del Liri, al monte Spluga, donde si varca alla valle del Reno e
a Coira, città capitale dei Grigioni. A greco poi s'interna la valle
della Mera, che comunica colla val Pregallia, e questa coll'Engadina,
dove sorge l'Inn, che, innavigabile, procede fin nel Tirolo.

Altri varchi ha la Valtellina. E principali quel della Casa di San
Marco verso i Bergamaschi; e Zappelli di Aprica verso i Bresciani; a
Tirano la valle di Poschiavo, italiana di lingua e grigione di
governo; a Sondrio la val Malenco, che termina nella montagna del
Muretto, per le cui ghiacciaje si cala fra Grigioni.

Il cielo, la lingua, le produzioni della Valtellina e dei contadi son
quelle della Lombardia ed alla Lombardia erano state sempre unite,
obbedendo nell'ecclesiastico ai vescovi di Como, nel civile, ai duchi
di Milano. Ma quando questi s'infiacchirono col separare la causa loro
da quella dei popoli, la lasciarono invadere da stranieri. I Grigioni,
non appena assicurata la libertà, ambirono conquiste e, con quei
pretesti che non difettano mai agli ambiziosi, piombarono assai volte
sulla Valtellina; nel 1512 la occuparono tutta, e benché nella pace di
Jante la ricevessero come cara e fedele confederata al vescovo di
Coira e alle Tre Leghe, salvo i privilegi e le consuetudini sue
antiche, l'ebbero ben presto ridotta a serva. Solito abuso di chi ha
la forza.

A reggerla mandavano a Sondrio, ogni quattro anni, un capitano della
valle, e negli altri due _terzieri_ un podestà biennale. Restavano
governati a parte i contadi di Bormio e Chiavenna. Questi magistrati
oltre l'essere esosi, perché forestieri, non erano limitati da stabili
leggi: compravano a danaro il posto e se ne rifacevano regolando la
giustizia, secondo l'avarizia e l'ambizione. Peggio andò quando
entrarono di mezzo anche le dissensioni religiose.

Le dottrine nuove propagate nei Grigioni, per la vicinanza, per il
commercio, per i magistrati, non tardarono a introdursi anche nella
Valtellina, piacendo ai Grigioni dominatori che questa si allontanasse
ognora più dalla Spagna, allora dominatrice del Milanese e capitana
della parte cattolica. Adunque a Poschiavo da Rodolfino Landolfo fu
piantata la prima stamperia che i Grigioni avessero; e per quanto il
papa e il re di Spagna ne reclamassero, seguitava a diffondere i libri
dei Riformati per l'Italia; la valle fu aperta a quegli Italiani, che,
per sospetto di eresia, erano dalla patria sterminati.

Perocché, appena i nuovi insegnamenti valicarono le Alpi, furono qui
accolti, studiati e applauditi nell'ombra e nel mistero. Che se qui
non suscitarono tanto incendio come in Alemagna, nasceva da ciò che il
popolo, già avvezzo a sentir declamare da novellieri, da poeti, da
predicatori contro la corte di Roma, come si tollerava pienamente, non
trovava in quelle diatribe l'allettamento della novità. Deditissimo
poi agli spettacoli religiosi, non sapeva abbracciare un culto senza
bellezza, senza vita, senza amore, surrogato a quella bella liturgia
romana, ove i canti, or lieti e trionfali, or teneri e melanconici,
gravi sempre e maestosi, e le cerimonie, venerabili per antichità e
per significazione profonda, riposano sul dogma della presenza reale,
e si manifestano con una ricca e magnifica arte, composta di idee, le
più sublimi unite ai simboli più graziosi. Dei sentimenti più puri,
manifestati colle forme più splendide e variate. Un culto che
all'Italia diede una seconda gloria, quella delle arti, e il primato
sul mondo, quando la politica la cancellava col sangue dal catalogo
delle nazioni. Se aggiungi l'essere più vicino il rimedio, anzi nel
cuore, troverai le ragioni onde Iddio vestì la grazia che concesse
alla nostra patria di rimaner nell'arca ov'è la sicura salute.

Molti però aderivano ai nuovi teologanti, condotti o dal febbrile
aspirare a perigliose novità e da smania di farsi nome, o da paura di
sembrare attardati nel comune movimento, o da imitazione. Non pochi
allettati dallo specioso nome di riforma, che sì spesso significa
rivoluzione e che vieppiù lusingava quando la Chiesa congregata non
aveva ancora tolti in esame i fondamenti delle controverse dottrine.
Chi del diffondersi dei nuovi dogmi in Italia più volesse sapere,
ricorra allo Schelornio, al Gerdesio, ad altri, con questo però di
crederli a riserva, giacché per leggerissime ragioni pongono della
loro taluni, che non cessarono d'essere fedeli cattolici. I
novellieri, come Masuccio Bandello, il Poggio, il Sacchetti, il Lasca,
ridondavano di burle sul clero. I poeti, dall'iroso Dante fino al
bizzarro Ariosto, avevano bersagliato i papi. Uomini di gran senno e
gran virtù palesavano la necessità di togliere ai Riformati il
maggiore pretesto col levare dalla Chiesa gli abusi. E tutti costoro,
e il Bembo, il Trissino, il Flaminio, altri ed altri, furono dai
protestanti contati come eretici, benché sapessero abbastanza che per
riformare non è mestieri distruggere, e che le riforme opportune e
durevoli devono venire dall'amore, non dalla collera, dall'autorità
che dirige, non dalla violenza che tumultua(7).

Noi limitandoci a riferire ciò che riguarda il paese di cui trattiamo,
o a cui siamo recati da questo racconto, diremo come fra le masnade
alemanne, che calpestarono l'insanguinato terreno di questa povera
patria nelle guerre, in cui il fatale Carlo V spegneva l'indipendenza
italiana, molti erano già, non pure aderenti, ma fervorosi in quelle
novità; toglievano a gabbo le superstizioni del popolo che
trucidavano, e tutt'insieme il culto, i preti, le dottrine. Fra questi
Giorgio Freundsperg tirolese, che fu uno dei maggiori capitani, e
inventò i Lanzichenecchi, fanteria stabile disposta in reggimenti,
armata di picche e secondata dai reitri a cavallo. Entusiasta
luterano, costui portava sempre allato un laccio d'oro, col quale
vantava di voler strozzare in Clemente VII l'ultimo dei papi. Passò
egli pel lago di Como al tempo delle fazioni ivi esercitate contro
Giangiacomo Medici castellano di Musso(8), e si fermò anche a Sorico,
deponendovi la testa colossale di Pompeo, rapita nel sacco famoso di
Roma, e che poi recò a Parigi.

Uno dei primi ad infervorarsi della riforma fu Francesco Minicio,
detto così secondo l'uso d'allora da Menaggio sua patria(9), lodato da
Erasmo di Rotterdam e dall'Alciato, e cui il Frobenio in una lettera a
Lutero fa onore del titolo di eruditissimo e sacro alle muse. Egli da
Basilea, dove molte opere di italiani eretici si stamparono, recò di
qua dall'Alpi i libri di Lutero, ed essendo stampatore in Pavia ebbe
modo di propagarne rapidamente le invettive, forse in buona fede
lusingato dalle parole antiche onde si coprivano errori nuovi. Quei
libri diedero una scossa agli ingegni, ed era per tutto un cianciar di
teologia, come oggi si ragiona di politica ben o male, e presumendo
ognuno di saperne quel che n'è, e riprovando chiunque non pensa come
lui. Egidio della Porta, agostiniano comasco dopo esser frate da
quarant'anni, nei quali aveva predicato con fama di singolare
eloquenza, scriveva a Zuinglio come le verità del Cristianesimo
fomentassero in esso non il fervore, bensì l'ambizione: "e sicché
Iddio mi mostrò (così egli) la mia nullità, e che siamo polvere e
nulla più. Allora io gli chiesi: _O Signore, cosa vuoi ch'io faccia?_
e l'anima mia si sentì dentro gridare: _Va e trova Ulrico Zuinglio, ed
egli t'insegnerà quel che tu deva_". E finisce assicurando lo Svizzero
che molti altri suoi paesani s'erano con lui rivolti al lume dei nuovi
insegnamenti. Zuinglio gli fece risposta che rimanesse e traducesse in
italiano il nuovo Testamento, che poi farebbe stampare a Zurigo. E di
qui cominciò ricambio di lettere, in una delle quali il comasco prega
l'altro a dissipare al più tosto certi dubbj dei religionarj suoi:
"scrivete una lettera, ma con prudenza, che sono pieni di orgoglio e
d'amor proprio. Con qualche testo delle sacre carte, fate loro veduto
siccome è voler di Dio che la parola sua venga predicata con
semplicità e senza fronzoli e che peccano in lui coloro che, come
responsi del cielo, spacciano le proprie opinioni"(10).

Nei partiti non si guarda ai mezzi, e dalle più strane vie si confida
la riuscita; e il nostro frate esultò quando vide le bande di Carlo V
calar in Italia col Freundsberg e col Borbone; e quei miserabili che
da un capo all'altro devastarono miserrimamente l'Italia, erano da lui
sperati salvatori, e a Zuinglio scriveva: "Dio ci vuol salvare;
scrivete al contestabile che liberi questi popoli; alle teste rase
tolga il denaro, e lo faccia distribuir al popolo che muore di fame.
Poi ciascuno predichi senza paura la parola del Signore. La forza
dell'anticristo è prossima al fine".

Corre una popolare tradizione che Martin Lutero predicasse in molti
paesi del lago di Como, e che a Menaggio alcuni lo facessero per
ispregio cader di pulpito. Del che, indispettito, voltò loro le
spalle, pronunziando certi versetti d'improperio che corrono fin oggi
per le bocche di quei terrazzani. Di ciò io non trovai monumento: pure
la tradizione deve avere qualche fondamento(11). Ben è fuor di dubbio
che Calvino, verso il 1535, visse sconosciuto alla corte di Ferrara
presso la duchessa Renata di Francia, scolara sua di religione, e non
pochi guadagnò. Ma poiché vennero scoperti, chi fu preso, chi scampò,
chi venne messo a carceri e tormenti(12).

Per le persecuzioni, com è il solito, nessuno si convertì, alcuni
dissimulavano le loro opinioni, i più fuggivano là dove potessero
trovar pace, negli Svizzeri, fra i Grigioni. E per continuare in
luoghi ove il cielo, i costumi, la favella gli avvertisse d'essere
ancora in Italia, si ricoveravano nei baliati svizzeri italiani, che
oggi sono il Canton Ticino, in Valtellina e massimamente a Chiavenna.

Il primo che d'Italia ci capitasse fu Bartolommeo Maturo, priore dei
Domenicani di Cremona, che predicò le novità in Valtellina nel 1528.
Poi nella Val Pregalia, infine fu pastore a Vicosoprano e nella valle
di Tomiliasca. Ai piedi dell'Albula s'erano messi Francesco e
Alessandro Bellinchetti fratelli bergamaschi e, abbracciata la
riforma, vi lavoravano una miniera di ferro. Avendo voluto riveder la
patria, furono arrestati dall'inquisizione; la dieta retica li reclamò
come proprii cittadini, e non fu ascoltata se non quando minacciò
confiscar i beni dei Domenicani in Morbegno.

Le due Engadine e la Pregalia devono ai rifuggiti italiani la loro
riforma, talché divenne prevalente il numero dei protestanti(13), e
più facile il propagarsi nella confinante Valtellina.

Giulio da Milano, prete secolare, predicò nell'Engadina inferiore e
fondò a Poschiavo una chiesa, di cui per trent'anni fu pastore (1571).
E lì attorno le chiese di Brusio, Ponteilla, Prada, Meschin, Piuro: ed
ebbe successore Cesare Gaffuri francescano di Piacenza.

Un Parravicini valtellinese fondò una chiesa privata a Caspano nel
1546: ma essendosi trovato un crocifisso fatto a pezzi, il popolo in
furore arrestò lui, che al tormento si confessò reo di tal sacrilegio:
ma a Coira protestò aver confessato solo per lo spasimo, e se ne
accertò autore uno studente.

A Chiavenna che, dopo che si era data ai Grigioni era cresciuta del
doppio, fece lunga dimora Girolamo Zanchi, canonico regolare di Alzano
bergamasco, che stampò a Ginevra sei volumi d'opere teologiche e del
cui sillogizzare tanto conto si facea che Giovanni Sturmio ebbe a
vantare, se solo fosse mandato a disputare contro tutti i teologi
adunati a Trento, avrebbe fatta sicura la causa dei protestanti(14).
Là pure visse e morì nei 1563 Agostino Mainardi agostiniano, che
scrisse l'_Anatomia della messa e la soddisfazione di Cristo_: e che
unito ad un prete, Giulio da Milano, ed a Camillo Siciliano stabilito
a Caspano, e a Francesco Negri capanese, autore d'una _Tragedia del
libero arbitrio_, a Chiavenna educava figliuoli.

Il Mainardi fu accolto dal ricco Ercole Salis a Chiavenna e posto capo
della chiesa quivi allora formatasi, e nella quale gli successe poi lo
Zanchi suddetto. Perocché, ad interpellazione di esso Salis, la dieta
di Davos del 1554 aveva dichiarato coloro che abbracciassero la
riforma in Valtellina potrebbero tener in casa precettori e
catechisti; e i rifuggiti stanziare sulle terre della repubblica, dopo
sottoscritto alla confessione evangelica.

Francesco Stancari mantovano insegnò in Valtellina l'ebraico, prima
d'andare a professarlo in Polonia.

A Teglio fu ministro Paolo Gaddi cremonese, che aveva fatto tirocinio
a Ginevra, poi assistito alcun tempo il pastore di Poschiavo.

Frate Angelo di Cremona domenicano, che lassù predicava la quaresima
nel 1556, si avventò contro gli insegnamenti e i riti riformati,
talché l'uditorio malmenò la costoro cappella e il Gaddi ed altri; e
il governatore della pace ordinò che esso ministro si collocasse
altrove.

Il sospetto di contagio religioso indusse il vescovo di Como sin nel
1523 a spedire in Valtellina un fra' Modesto inquisitore; ma ne fu
respinto, e si stanziò che nessun inquisitore entrasse più su quel
territorio. Il clero e i cattolici zelanti non cessarono di opporsi
singolarmente a cotesto accogliere i profughi d'Italia; frati e
particolarmente cappuccini assai venner da Milano e da Como a
predicare la verità. Nel 1551 si domandò l'attuazione di una legge
antica, per cui nessun profugo o predicatore evangelico potesse
rimanere più di tre giorni in Valtellina. Antonio Planta governatore,
benché riformato, temette il furor del popolo e consentì la domanda,
ma la dieta rinnovò il suo primo editto.

Poi nel 1557 rese un decreto che fu messo fra le leggi fondamentali
per cui si permetteva di predicare _il Vangelo_ in tutta la Valtellina
e nei contadi. Dove vi fosser più chiese, una si attribuisse ai
riformati; dove una sola, servisse ai due culti; i ministri
protestanti fossero abili a tutti gl'impieghi; nessun ecclesiastico
straniero potesse dimorarvi se non dopo esame ed autorizzazione del
sinodo pei protestanti, e del vescovo di Coira pei cattolici. I
riformati non fossero tenuti a osservar le feste dei cattolici.

II pastore della ricca chiesa di Chiavenna ebbe un terzo delle rendite
della cattolica; gli altri almen 40 scudi, prelevati sui benefizi
degli assenti o della parrocchia. Altre chiese v'erano a Tirano,
Regoledo, Mello, Morbegno, Dubino. Più tardi se ne posero anche nel
contado di Bormio, e pare che almeno venti ne esistessero in
Valtellina, tutte servite da rifuggiti italiani. Insomma la valle
poteva dirsi un compendio di tutt'Italia: tanti erano quelli che da
ogni paese vi si ricoverarono, allettati dalla vicinanza, dalla fida
compagna dei profughi e dalla speranza di prossimi cambiamenti.

E potevano essi consolarsene al vedere ed all'esagerare a se stessi,
secondo si suole, come in ogni parte germogliasse quel ch'essi
chiamavano seme della parola di Dio. Notissimo è come da antico
stessero ricoverati nelle valli subalpine di Luzerna e Agrogna a pié
del Monviso alcuni dissidenti, forse avanzo dei Valdesi, dei quali
portano il nome. Tollerati e tranquilli sinché i nuovi riformati
svizzeri li sollecitarono a metter fuori le professioni di loro fede,
e in tal modo provocare la persecuzione. A quelle chiese aveva servito
di molta dottrina Scipione Lentulo napoletano, e quando Emanuele
Filiberto duca di Savoja cominciò acerba persecuzione contro i
Valdesi, egli molto soffrì, indi ricoverò a Sondrio, poi a Chiavenna,
coltivandovi le nuove credenze in compagnia di Simone Fiorillo, pur
napoletano.

Molto radicarono le nuove opinioni in Vicenza, ed un'accademia di
quaranta si era radunata per prendere partito del come credere e
adorare. Inquisizione ecclesiastica non tollerava Venezia, ma i suoi
inquisitori di Stato colsero cotesti novatori, e fecero strozzare
Giulio Trevisani e Francesco di Rovigo: gli altri scamparono a rotta.
Fra i quali Alessandro Trissino con altri riparò a Chiavenna, donde
scriveva al concittadino suo Lionardo Tiene, perché con tutta la città
abbracciasse una volta a viso aperto la riforma.

I Socini di Siena avevano intanto spinta più logicamente la libera
interpretazione del Vangelo; e, invece di arrestarsi a confini
arbitrarj, negarono la Trinità e in conseguenza la redenzione. Fu loro
discepolo Giampaolo Alciato da Milano, che predicò a Ginevra(15) ed in
Polonia con l'altro sociniano piemontese Giorgio Biandrata; e Calvino,
che visto il trascendere della riforma pensava frenarla coll'autorità
che aveva scassinata, avventò contro lui parole certo non tolte dal
Vangelo: "uom non solo di stolido e pazzo ingegno, ma di affatto
farnetico sino alla rabbia". E Teodoro Beza, altro caporione, lo
intitolò "uomo delirante e vertiginoso" onde, mal sicuro a Ginevra,
ricovrò verso il 1560 a Chiavenna.

Nella visita fatta alla Valtellina nel 1594, il Ninguarda vescovo di
Como trovava ricovrati a Sondrio parecchi sbanditi dalla patria,
singolarmente artefici di Cardona e del Bresciano; Natalino da Padova,
Calandrino da Lucca, Luigi Valesano prevosto di San Mojolo; a Boalzo
il domenicano Forziato Castelluzio calabrese; a Poschiavo, frate
Agostino agostiniano d'Italia (forse è il suddetto Mainardi), che già
aveva tratto dalla sua un quarto degli abitanti; a Morbegno avevano
messo famiglia Giulio Sadoleto di Modena, Bernardo Passajotto
vicentino, Pier Giorgio d'Alessandria sartore, Giovan Battista ed
Aurelio Mosconi del Polesine, Francesco Rapa di Musso, Paolo Benedusio
e Giovanni Antonio Corte di Gravedona e vi predicava Girardo
Benedettino di Fossano piemontese.

Caspano, il semenzajo della nobiltà valtellinese, abbondava più che
altri di evangelici, come essi si intitolavano o di eretici come
gl'intitolavano i nostri, ai quali predicava Angelo cappuccino
piemontese; Lorenzo Gajo di Soncino minor osservante predicava a
Mello, e un cappuccino a Traona. In altri libri scontrai Ottaviano Mej
lucchese(16), uomo di grande erudizione in greco ed ebraico, e di
virtù lodatissima, che per lungo tempo fu ministro in Chiavenna e morì
nel 1619; Antonio dei Federici di Sonico in Valcamonica stava a casa
in Teglio. Ortensia Martinenga contessa di Barco(17) viveva a Sondrio.
Isabella Manrica di Bresegna napoletana, ricchissima e colta e in
relazione con Annibal Caro, stette a Chiavenna in povertà e ritiro,
alla quale dedicarono Celio Curione la vita della Morata, e frate
Ochino l'opera della presenza di Cristo nel Sacramento. Marcantonio
Alba di Casale Monferrato era predicante in Malenco. Plinio
Parravicino comasco a Vicosoprano. Antonio Tempino di Gardona in
Teglio. Vincenzo Parravicino comasco, ministro nei Grigioni, voltò dal
francese in italiano il trattato di Mestrezat sulla comunione di Gesù
Cristo nel sacramento della cena. Aggiungiamo frà Francesco Carolini,
Paolo Barretta ed Antonio Crotti da Schio vicentino; altri ce ne
verranno nominati nel processo di questo racconto.

Non so se qui porre il famoso Lodovico Castelvetro, che il Fontanini
incolpò, il Muratori difese dall'apostasia. Certo è che Modena, sua
patria, andava molto presa alle nuove dottrine; un'intera accademia ne
venne accusata, e fin due di provata virtù, Egidio Foscherari vescovo
ed il celebre cardinal Morone, n'ebbero a soffrire persecuzione. Il
Castelvetro, a parte dell'accademia, fu pure a parte dei guai. Entrò
poi con Annibal Caro in una di quelle baruffe delle quali di tanto in
tanto i letterati italiani rinnovano lo stomachevole spettacolo. E
allora, come adesso, non si agitavano solo coi reciproci strapazzi e
col prezzolare la penna di quei petulanti per cui è un bisogno
l'odiare e il farsi odiare, e che non avendo bontà che fregi la
memoria loro aspirano alla fama di Erostrato, insozzando altrui col
proprio fango, ma correvano le coltella e i titoli infami e (se ne
consolino i nostri) l'infame spionaggio: e il Caro, o i partigiani di
lui, scesero alla codardia di rapportare il Castelvetro al
Sant'Uffizio. Il Sant'Uffizio non era un ministero, con cui fare a
credenza. Onde il Castelvetro per timore degli _esorbitanti_ rigori
dell'inquisizione, colpa o no che ne avesse, riparò a Basilea, a
Lione, a Ginevra; poi con Giovanni Maria suo fratello si condusse a
Chiavenna(18). Quivi si avvenne a Francesco Portocretese, amico suo
d'antica data, già lettore di greco in Modena e in fama dei più dotto
uomo d'allora, il quale già era con lui stato involto nell'affare
dell'accademia, poi vissuto con Renata d'Urbino, e scoperto aderente a
Calvino aveva dovuto dar un addio all'Italia. Il Castelvetro, per
compiacere a molti giovani studiosi, teneva in Chiavenna ogni giorno
una lezione sopra Omero ed una sopra la _Rettorica ad Erennio_,
discretamente sofistico, gonfio di sé e sprezzator degli altri e
sapendo non credere tutto bello, tutto vero ciò ch'è antico: fors'anco
vi leggeva ai giovani quei commenti sul Petrarca che abbiamo a stampa.
Secondo il merito lo stimò e lo protesse Rodolfo dei Salis di Solio,
il quale a lui morto pose una lapide(19), che diceva come, fuggito
dalla patria per iniquità d'uomini malvagi, dopo decenne esilio,
finalmente su libero suolo, morto libero, libero riposava. Venne
tacciato il Castelvetro d'avere tradotto un libro di Melantone, con
quel suo carattere di stile che non può essere contraffatto: nelle
opere postume, comunque temperate dagli editori, trovò la curia romana
di che condannarle all'indice, ma benché scomunicato, non consta
ch'egli abjurasse la fede. Il che, se stato fosse, non l'avrebbero
taciuto i nemici per vendetta, i religionarj per trionfo.

Chiarissimo tra i rifuggiti in Valtellina è Pier Paolo Vergerio, che
spedito nunzio del papa in Germania quando più il luteranesimo
acquistava, caldamente operò a bene della vera fede. Le sue lettere
spirano religione, vivo zelo per gl'interessi di Roma e speranza di
richiamare sul cammin dritto Lutero, col quale anche s'abboccò. Ma
tornato, quando attendeva la porpora in premio di sue fatiche,
l'invidia il bersagliò di maniera che, allontanato da Roma, fu messo
vescovo prima a Mondrussa in Croazia, poi a Capodistria sua patria.
Ivi egli pose studio a correggere gli abusi della sua Chiesa,
allontanare il convento delle monache da uno attiguo di frati, cessare
le leggende di san Cristoforo e del drago di san Giorgio, levare certe
strane effigi, negar ai santi la protezione speciale su certe
malattie, togliere le tavolette dei miracoli. Per questo gli furono
addosso i frati zoccolanti ed altri operosi nemici quali il celebre
Muzio, povero arnese che la corte romana pagava allora come suo
campione, e monsignor della Casa, l'autore del _Galateo_, che lo
dipinsero come luterano marcio nel cuore. Tali accuse acquistavano
allora sì facile credenza, come una volta le stregherie e nei tempi a
noi vicini quelle di giansenista e l'altre generiche, a cui la
vaghezza toglie di esser colpite di risposta. Il Vergerio si condusse
al concilio di Trento, a radunar il quale efficacissima opera aveva
prestata, ma ne venne rigettato: ricovrò a Padova e sentendosi o
temendosi ricercato fuggì in Valtellina, e fu sentenziato d'eresia.
Chi sente la rara virtù di resistere con tranquilla mente agli iterati
colpi della fortuna, ossia della malvagità degli uomini, slanci la
pietra contro di lui, perché il dispetto, il bisogno, la disperazione
lo trasformarono in un furioso novatore. Girò la Germania portando
seco, invece di tesori mondani, molti scritti dei novatori, dicendo
"con certa sua eloquenza popolare ed audacemente maledica" cose di
fuoco contro monsignor della Casa, principalmente per quei sozzi
capitoli della Formica e del Forno, contro Paolo III, contro il
Concilio, contro le fede: "e sono certo--dice Bayle--che pochi libri
si facevano allora, i quali fossero letti con più avidità da costui".
A persuasione di lui, gli Svizzeri non intervennero al Concilio. I
Grigioni, che vi avevano mandato il vescovo Tomaso Pianta, lo
richiamarono. A Pontaresina, ai piedi del monte Bernina, predicò il
Vergerio sulla giustificazione e sui meriti della morte di Cristo e
ridusse gli abitanti alla riforma, come pure a Casaccia sotto la
montagna Maloggia. E la chiesa di Poschiavo consacrò al nuovo
culto(20), a cui tanti proseliti acquistava la sua apostasia. Quando
nel 1553 visitò la Valtellina, una deputazione supplicò il governatore
di impedirlo, altrimenti non rispondevano degli scandali che potessero
nascere; e il Vergerio si tenne per avvisato, e si ritirò. Ma nel 1563
il nunzio papale Visconti scriveva da Trento a san Carlo, essersi per
lettere del monsignor di Como inteso che il Vergerio si trovava in
Valtellina, predicando ogni male del Concilio. Poi, mentre aveva
perduta l'alta sua posizione nel clero cattolico, non acquistò la
confidenza dei protestanti, perché libero pensatore, e non aderendo a
Lutero più che a Zuinglio, diveniva sospetto a tutti. Il far
episcopale che conservava ingelosì i ministri retici, talché si
ricoverò a Tubinga, dove morì al 1565 ed alcuni ne dispersero le
ceneri.

Così i Riformati già erano a lite fra loro. E anche in Valtellina i
rifuggiti, come avviene quando il senno individuale sottentra al
comune, mancava un punto d'accordo. Abbandonandosi all'orgoglio della
libera interpretazione mettevano fuori sottigliezze ed errori ogni
giorno nuovi e, intolleranti quanto coloro da cui si erano staccati,
ognuno accusava l'altro perché facesse uso di quella libera ragione
sulla quale egli stesso si appoggiava. In esecrare il papa e riprovar
la chiesa cattolica e abbattere il clero erano unanimi, ché facile è
accordarsi nell'odio e nella negazione. Ma quando si venisse ai dogmi,
nasceva quella confusione che è inevitabile ove ognuno ha diritto
d'essere interprete della parola di Dio. Repudiato poi il simbolo
cattolico, che pure traeva autorità dall'ispirazione superna, qual
ragione doveva legarli al simbolo luterano o al calvinista, opere
d'uomini, variate nelle successive edizioni? Quindi molti
trascorrevano con Socino a negare la trinità, o cogli Anabattisti a
non accettare che la personale aspirazione.

Francesco Calabrese e Girolamo da Mantova predicavano apertamente
contro il battesimo dei bambini in Engadina, onde furono espulsi
dall'inquisizione protestante, che non era meno intollerante della
romana. Camillo Renato spacciò uguali dottrine a Caspano, poi a
Chiavenna; e vi costituì una chiesa separata ove s'insegnava che
l'anima finisce col corpo, che soli i giusti risorgeranno ma con corpo
diverso, che niuna legge naturale impone cosa fare od ommettere, che
il decalogo è inutile a coloro che credono, lor legge essendo lo
spirito, che il battesimo e la cena son semplici segni di avvenimenti
passati, e non portano alcuna grazia particolare o promessa. Il
Mainardo tentò correggerlo, e stese una confessione di fede che ne
riprovava gli errori, ma esso gli rispose violentemente, incoraggiato
dal Negri e dallo Stancari. Benché il sinodo grigione del 1547 lo
condannasse al silenzio, continuò e infine il concistoro di Chiavenna
lo dichiarò scomunicato. Adopravano cioè le armi dell'autorità, quelli
che l'autorità impugnavano. Camillo è dato dai contemporanei come
maestro di Lelio Socino, il quale in fatto molto il frequentò a
Chiavenna. I suoi seguaci procurarono che per gl'Italiani riformati si
stabilisse un sinodo di qua dei monti, senza dover condursi a quelli
fra i Grigioni, paese lontano, di lingua diversa, e dove si
tolleravano alcuni riti cattolici, di qui ripudiati. Ma si conobbe
ch'era arte per prevalere dove minor fosse il numero, e che
pericolerebbero le chiese cisalpine col disunirsi dalle retiche.

Anche Michelangelo Florio ministro a Solio, e Gerolamo Torriano a
Piuro variarono intorno all'espiazione. Luigi Fieri bolognese a
Chiavenna impugnò la divinità di Cristo, onde fu scomunicato nel
sinodo del 1561. E poiché gli Antitrinitarii erano perseguitati in
Isvizzera, molti vennero in Valtellina, fra cui Camillo Socino,
Marcello Squarcialupo medico di Piombino, Niccolò Camulio, ricco
negoziante, che col Torriano suddetto e con Bartolommeo Silvio
ministro di Traona predicavano nel loro senso, finché il sinodo del
1571 li sbandì. Il qual sinodo approvò il diritto dei magistrati di
riprovare l'eresia. Anche l'Alciati e il Biandrata nel 1579 furono
esclusi per sempre.

Adunque si comincia col titolo di riforma, e presto si giunge alla
rivoluzione. I rivoluzionari impugnano tutto il passato e vogliono
stabilir un avvenire, ma tosto sorgono altri, per cui quei primi
motori son gente attardata, son retrivi, son tiranni e alla loro volta
sono sopravanzati da altri, che non trattano più di riformare ma di
abolire, non negano solo il papa, ma Cristo. I primi novatori invocano
allora l'autorità dei libri santi, impongono simboli nuovi, dopo
aboliti i vecchi. Chi non crede chiamano eretico, e se non basta
scomunicarlo il fan passibile di pene temporali. E tutto ciò nel giro
di pochi anni.

Non occorre aggiungere che i titoli di anabattista e d'ariano erano
regalati a questo o a quello dei riformati per puro pretesto
d'ingiuria e scredito, come erano ripicchiati quei di papista e di
frate, pascolo troppo consueto dei partiti: chi nutriva rancore con un
altro lo tacciava d'eretico e traditore e spione, e il volgo ignorante
e dotto credeva, come fa sempre, alle ingiurie generiche. Oltre che ai
rifuggiti d'ogni fazione suole mescolarsi una ciurma miserabile e
intrigante, che tutte le fazioni disonora e ruina.



CAPO II

Protestanti nei baliaggi Svizzeri--Sono cacciati--Premure
dei Cattolici--Concilio di Trento--I Borromei--Impresa del
Tettone--Calendario gregoriano.


Questi predicavano adunque ai popoli della Valtellina (sotto tal nome
abbraccio anche gli annessi contadi di Bormio e Chiavenna) le nuove
dottrine. Sul principio, come suole, aborrite da un popolo cui
volevano togliere i suoi santi e le sue reliquie, indi per curiosità
ascoltate, poi discusse. E giacché i nuovi teologanti, oltre aver
l'avvantaggio di chi attacca, s'erano di proposito addentrati nelle
dottrine loro, mentre i più di quei preti erano rozzi delle cose
dell'anima ed avvezzi a credere senza tanto esame, molti vennero a
seguirli, quali perché vedevano veramente come i protestanti, quali
per l'allettamento proprio d'ogni novità, quali perché recatesi a noja
le austere discipline, amavano meglio vivere come ne tornava in
piacere alla lor carne. Alcuni allora per cieca sommessione, per
riverenza servile, per adulazione. Imperocché i signori grigioni, dei
quali la parte maggiore si era scossa dall'ubbidienza alla sede
romana, non solo diedero alla Valtellina libero esercizio del culto
evangelico, ma favorivano chiunque con loro credesse. Era tutt'uno
l'abbracciar la riforma ed essere dichiarato uomo delle Tre leghe,
aver privilegi, cariche, esenzioni. Né poche famiglie apostatarono: i
Lazzaroni, i Besta, i Paravicino Cappelli, i Marlianici, i Malacrida,
l'arciprete di Mazzo, i Guarinoni, i Sebregondi, i Piatti ed altri di
primo conto, dietro cui, come suole, traeva il popolo imitatore. Se
vogliamo aver fede al Magnocavallo(21), di 100.000 abitanti ben 4.000
avevano volte le spalle all'ovile romano.

Né in minor frangente stava la fede nei paesi italiani sottoposti agli
Svizzeri. Quanto presto vi entrassero le dottrine d'oltremonti ce ne
fa chiari una lettera, che fin dal 15 dicembre del 1526 Baldassare
Fontana carmelitano di Locarno dirigeva alle chiese evangeliche della
Svizzera "fedeli di Gesù Cristo" perché pensassero al Lazzaro del
Vangelo che bramava nutrirsi delle briciole cadute dalla mensa del
Signore. E quindi volessero, alle lagrime ed alle supplicazioni sue
compiacendo, inviare "le opere del divino Zuinglio, dell'illustre
Lutero, dell'ingegnoso Melantone e dell'accurato Ecolampadio" o far
ogni loro potere perché "la nostra Lombardia, schiava di Babilonia,
acquistasse quella libertà che il Vangelo impartisce". Questo frate
era ancora a Locarno nel 1531, donde un'altra lettera scriveva di
somigliante tenore. Molti riformati vi erano, o fuggiti dall'Italia, o
venuti a posta d'oltremonte come maestri, o giovani che, pel commercio
o per l'educazione mandati in Germania, tornavano insegnati delle
nuove cose. A Bellinzona abitò sovente Ortensio Landi milanese che
disertato dagli Agostiniani, stranamente morse preti e frati in un
libro, _de Persecutione Barbarorum_, indi fece tragitto ad ogni sorta
di dottrine riprovate che lo fecero porre dal Concilio di Trento fra i
condannati in primo grado. Bizzarro ingegno, gran conoscitore degli
autori antichi eppure emancipato dalla cieca venerazione per essi. E
come dice Giannangelo Odoni, volea Cicerone e Cristo, ma quello nei
libri non aveva. Se questo avesse nel cuore, Iddio lo sa.

Non par vero che in quelle podesterie dimorassero Lelio e Fausto
Socino a predicarvi le loro credenze avverse alla Trinità. Ma il
governo uccise od esiliò molti loro settarii. Un Beccaria che si era
eretto a Locarno principal autore degli Evangelici fu dal balio
cacciato in prigione, ma una banda dei suoi ne lo trasse, e lo menò in
trionfo. Egli giudicò meglio ricoverarsi a Chiavenna, e rimase a capo
di quei novatori Taddeo de Dunis medico; e già troppi non andavano più
alla chiesa, non ricevevano i sacramenti, e per il battesimo facevano
venire un ministro da Chiavenna. Ma poiché i Cantoni signori di quelle
podesterie s'attenevano i più alla fede cattolica, ai nemici dei
Riformati e ad Emilio Orelli acerbissimo persecutore di quelli non
riuscì difficile il persuaderli a nettarne quelle terre.

Già per consenso dei sette Cantoni cattolici(22) il balio di Locarno
aveva ingiunto ai Riformati che, pena il bando, andassero alla messa.
Ne fecero richiamo i Cantoni evangelici, ma indarno, atteso che
vedevano come tali novità fossero per rompere l'unità elvetica. Infine
nel 1555 il balio congregò tutti i capi delle famiglie riformate,
ch'erano ben 150, ed intimò loro da parte dei signori svizzeri che
colle famiglie e coi beni dovessero, senza por tempo in mezzo,
abbandonare la patria. Ascoltavano essi nel silenzio il comando,
allorché entra fra l'adunanza il Riverda, nunzio pontifizio,
esclamando troppo mite la sentenza, doversi toglier loro e i beni come
roba di eretici, e i figli che si crescerebbero così alla vera
credenza. Ma con ciò il nunzio non ottenne che di mostrare il suo
maltalento, giacché il balio non poteva trascendere il suo mandato.

Quelli che si disposero ad obbedire fecero la sommessione. Gli altri
il 3 di marzo, seguiti dalle mogli e dai figliuoli, fatto fardello
delle robe loro, da una parte colla rassegnazione d'uomini attaccati
più alla credenza che alle cose del mondo, ma dall'altra col
crepacuore di chi lascia i parenti, gli amici, le abitudini della
vita, una patria sempre cara, più cara a chi ne è spinto lontano da
una forza prepotente, fra gli stridori della stagione valicarono le
nevi del Gottardo in traccia di paesi ove non fosse colpa l'adorare a
modo loro. Guidati da un Pestalozzi, da Giovan Luigi Orelli e dal
dottore Martino Muralto, entrarono nei Cantoni protestanti e fermatisi
i più a Zurigo, vennero con carità accolti e soccorsi. Non cercavano
essi che sicurezza e pace: poteva mancare di che vivere a gente
volonterosa della fatica, sperta nelle arti? Alle quali drizzatisi,
fecero alzare a gran fiore l'arte della seta, stabilirono filature e
tintorie, per cui Zurigo venne in grandezza, a scapito delle
podesterie italiane. Ancora serba l'antico nome il sobborgo dei
Lombardi, ove quelli si posero: le famiglie vi acquistarono ricchezza
e nome(23).

Ivi ottennero di formare una chiesa, diretta in prima dal Beccaria, il
qual poi tornò fra i Grigioni a Mesocco, diffondendovi le sue
dottrine, finché sturbatone da Carlo Borromeo nel 1561, si ritirò a
Chiavenna. A Zurigo gli successe nel 1555 Bernardino Ochino, famoso
cappuccino da Siena che aveva errato per Germania e per Inghilterra,
applaudito e perseguitato. Ivi stesso ebbe cattedra di teologia e
d'ebraico Pietro Martire Vermiglio, che già aveva combattuto per la
Riforma in Inghilterra e in Francia, in modo che le opere sue eran
messe a livello con quelle di Calvino. A quella chiesa italiana
appartenne Lelio Socino, che ottenne la stima di Melantone, Bullinger,
Calvino, Beza, dissimulando sotto proteste e confessioni la sua
avversione alla Trinità; e pare che egli la insinuasse all'Ochino, le
cui ultime opere sentono di questo errore, per il quale ebbe guai a
Zurigo e ne fu bandito, di 76 anni, con i figli, nel fitto inverno.
Respinto da Basilea e da Mülhausen, si nascose in Moravia ove della
peste perduti due figliuoli e una figlia, morì nel 1564.

Anche a Basilea molti italiani s'erano ricoverati. Paolo Alessandrino
de Colli, padre d'Ippolito, celebre giureconsulto, Guglielmo
Grattarola di Bergamo, Alfonso Corrado mantovano, che aveva predicato
fra i Grigioni, Silvestro Teglio che tradusse in latino il _Principe_
e Francesco Betti cavalier romano, Mino Celsi, Celio Curione, dalle
cui molte opere raccogliamo varie particolarità intorno ai riformati
italiani.

Altri ebber ricovero a Strasburgo, fra cui Paolo Lazise di Verona,
profondo nelle tre lingue dotte e che vi fu professor di greco,
Girolamo Massari di Vicenza che vi insegnò medicina e descrisse un
processo dell'Inquisizione romana, e sebben non avessero Chiesa, si
univano in assemblea particolare, diretta da Girolamo Zanchi che colà
professò teologia. Lo Zanchi stesso era stato chiesto ministro a Lione
dove molti Italiani stavano, e dove stamparono libri loro; ma egli
preferì passare a Chiavenna. Rifiutò pure gl'inviti della chiesa
italiana d'Anversa nel 1580, alla quale andò il conte Ulisse
Martinengo, dopo rimasto alcun tempo in Valtellina. Altre chiese
avevano i nostri a Ginevra e Londra.

Alla causa dei cattolici, più che il venir dei nemici, noceva
l'addormentarsi delle sentinelle d'Israele. Anziché levarsi al
sacerdozio i più probi e sapienti, ogni genìa vi trovava asilo, ogni
ignorante, molti malvissuti vi si ricoveravano per avere agio,
sicurezza ed ozio. L'essere il clero immune dal Foro secolare lo
rendeva baldanzoso col venderli simulatamente agli ecclesiastici, o
col legarli a nome di benefizio, si sottraevano i fondi alle gravezze.
Se in una famiglia vi fosse un prete, a qualunque richiamo compariva
lui. Se in un delitto fosse implicato un prete, si invocavano i
privilegi del Foro. I preti intanto andavano attorno carichi d'armi,
volevano cacciare nei tempi proibiti (era dalle calende di marzo a
quelle di luglio). Con astuzie si causavano dalle taglie(24). Peggiori
cose ebbi ad imparare dagli atti delle visite degli ordinarii di Como
e di Milano. Oltre che i più fra i sacerdoti appajono ignoranti a
segno, da saper a mala pena segnare il proprio nome, intendevano a
turpi guadagni, tenevano senza pudore in casa le complici ed i frutti
dei loro peccati(25). E taccio le violenze, le ire, le troppe più cose
ch'io so, e che facevano correre in proverbio non esservi modo più
facile di dannarsi che l'andar prete(26). Non erano così rari quelli
che, per i bisogni delle plebi, avevano facoltà di celebrare due messe
la festa: ma molti se la usurpavano per guadagno. Ebbi a mano una
relazione dell'arciprete di Tresivio al vescovo, dove si lagna che i
preti di Valtellina portano barbe a foggia di Turchi, "usano collari
alle camicie rotondi e crespi alla bresciana, le sottane con collari
pure rotondi cascanti sul collo, maniche scavezze e folte di bottoni,
e veste quale portano gli sbardellati Bresciani". Ben i vescovi
comaschi gridavano, senza cessare, perché si osservassero le feste, i
sacerdoti smettessero gli abiti sfarzosi, le armi offensive, non
bazzicassero l'osteria, non ricettassero malviventi, non donne di mal
affare. Il vescovo Volpi interdice di vendere alla festa confortini né
odori, il fare spettacoli di saltimbanchi, ed il sedere in chiesa: i
preti non portino calze sparate e larghe, non camicie colle crespe e
le lattughe, non il cappello in città o nei borghi, se pur non fosse
per ripararsi dall'intemperie. Si astengano dai guanti, non barbe
troppo lunghe, non armi, eccetto un coltello in viaggio. Il vescovo
Archinti si lagna che troppe parrocchie rimangano sprovvedute di
parrochi perché date in commenda a cardinali, i quali in Roma ne
godevano, senza cura, le entrate. E che i preti della Valtellina
rechino scandalo agli eretici, singolarmente per l'ignoranza, l'andare
armati, la lussuria e l'imperizia dell'ecclesiastica disciplina in
quella esecranda libertà di vivere, e di dire quanto meglio piace a
ciascuno. Era poi piuttosto unico che raro quel parroco che talvolta
spiegasse il Vangelo o la dottrina ai suoi: e la predicazione era
abbandonata ai frati, singolarmente ai mendicanti, indipendenti dal
vescovo, e spesso più desiderosi dell'applauso che del frutto, o del
frutto della bisaccia che di quel delle anime. Recando adunque non
rimedio ma danno quelli che dovevano opporsi, non sarà meraviglia se
la Riforma più sempre acquistava.

I Cattolici però s'ingegnavano assai per tutela dell'antica credenza.
Ai vescovi di Como non molto restava a fare, giacché i Grigioni,
sospettosi sempre di qualche trama, ne avevano angustiata l'autorità,
vietando il ricorrere ai superiori ecclesiastici, escludendo ogni
sacerdote estero, nel qual titolo comprendevano anche gli Ordinarii.
Se non che fatto vescovo Feliciano Ninguarda nativo di Morbegno, mancò
ogni ragione di tenergli la porta della valle, onde la visitò ad agio
suo. Nei sinodi poi e nelle lettere circolari non cessavano essi
vescovi di esortare i Valtellinesi a durare fermi nella fede, aprir
bene gli occhi su chi viene d'oltremonte, massimamente soldati a
quartiere od a guarnigione. Ne esplorino i fatti e se alcun che ne
scoprano, diano indizio all'Ordinario se non vogliono cadere in un
peccato riservato. Anche ogni maestro era obbligato a prestare
giuramento di fede in mano del vescovo.

E poiché ogni potere minacciato diviene violento, neppur le vie del
rigore furono intentate e la Chiesa sgomentata chiamò in ajuto il
braccio secolare, agli orrori della superstizione e dell'impostura
opponendo gli orrori dei roghi. Basti, per non esser lunghi, citare
Francesco Gamba di Como, che essendosi condotto a Ginevra a celebrar
la cena cogli Evangelici, mentre tornava in patria fu còlto e (ciò fu
il 21 luglio 1554) strangolato, poi gettato al fuoco. Neppure in morte
aveva voluto ricredersi, ed affinché favellando non recasse scandalo
al popolo accorso al suo supplizio gli venne forata la lingua. Anche
Galeazzo Trezzi, gentiluomo lodigiano convertito dal Mainardi e dal
Curione, fu nel 1551 condannato dall'Inquisizione al fuoco. Il duca
d'Alba, la cui memoria risveglia quella dei supplizii e delle stragi
dei Paesi Bassi, venuto governatore del Milanese raddoppiò i rigori e
nel 1558 furono bruciati un religioso e un altro, e così negli anni
seguenti.

Le declamazioni dei dissidenti e l'antipatia rimastale come a nemica
del progresso indicano che a capo della opposizione stava Casa
d'Austria, adoperando ingegno, forza, brighe, danaro; quel danaro
austriaco che si trova denunziato in antiche e moderne diatribe. Si
era ella vivissimamente industriata per introdurre la _spaventosa_
inquisizione spagnuola invece della _mansueta_ romana nel Milanese,
che "ridotto in miseria per l'eccessive gravezze, si sarebbe disciolto
affatto con quella che superava tutte". Ma due volte che si tentò
sotto Filippo II ed il III stabilirla in Milano, si levò a ribellione
il popolo _per la formidabile severità di cotal tribunale_ onde fu
consiglio di prudenza lasciarla nel primiero stato.

Un gran tempo però e Cattolici e Riformati appellavano all'autorità
d'un concilio generale, che discutesse ampiamente e liberamente sui
dogmi della fede. Solo era in contesa il luogo, volendolo i
Protestanti in una città libera, per condursi alla quale non avessero
d'uopo di salvocondotti, ai quali aveva tolto fede il concilio di
Costanza col porre alle fiamme Giovanni Hus(27).

Ma Paolo III l'aveva decretato in Trento e avendo i dissidenti
ricusato intervenirvi e impugnatane l'autorità, dopo infinite
lungagne, fu aperto, poi chiuso, poi trasferito con replicata vicenda,
sinché a Pio IV riuscì di mandarlo a fine. Non è qui luogo di dire
quanto quel venerabile consesso abbia giovato alla religione riguardo
al dogma, e col separare del tutto quelle opinioni a conciliare le
quali si presumeva convocato. Certo è che quanto alla disciplina
aperse un'epoca nuova. Rese al clero cattolico il vigore perduto;
richiamò i costumi, sagrificati da prima ai piaceri e agli interessi;
procurò nell'opinione dei popoli rialzare gli ecclesiastici al grado
dond'erano scaduti e fece che la corte romana, animata da zelo e dal
vero sentimento della religione, non porgesse più che santi esempi.

Secondo la mente di quel Concilio, monsignor Bonomi vescovo di
Vercelli fu delegato a visitare la diocesi comasca. Entrò in
Valtellina, mandando voce di recarsi a titolo di salute ai bagni di
Bormio. Ma poiché si diede ad esercitarvi l'uffizio suo, i Grigioni
mandarono intimandogli che, se veramente intendeva venire a cercare
sanità, fosse il ben arrivato. Non patirebbero però mai sottofini, e
dove non giovasse l'avviso sarebbero presti ad imprigionarlo,
trattandolo non altrimenti che il suo papa trattava i loro ministri.
Queste minacce, cui facevano viso di voler dare corpo, atterrirono il
Bonomi, che con poco frutto se n'andò. Ma negli ordini da lui dettati
alla diocesi di Como impose che i parroci (oltre il giovedì santo
colla bolla in _Coena Domini_) leggessero due volte l'anno, nei giorni
di maggior frequenza, un editto che obbligava a denunziare
all'Inquisizione entro quindici giorni ogni eretico, o chi mostrasse
fuorviare dalla credenza comune, o tenesse libri proscritti. Ogni
settimana il vescovo si affiatasse coll'inquisitore e con certi
teologi e canonisti per giudicare degli eretici e dei sospetti.

Pio V papa tentò gran maneggi fra i Grigioni per favorire i Cattolici
e impedire le apostasie crescenti in Valtellina, ma senz'altro
ritrarne che la morte di Giovanni Planta signore di Retzuns, uomo pien
d'ogni lode e caloroso protettore della causa romana. Contro questo
papa un odio particolare avevano concepito i Grigioni fin da quando,
essendo col nome di frà Michele Ghislieri inquisitore della diocesi di
Como, si era con forza adoperato contro i novatori. Una volta, avuto
spia che a Poschiavo si erano impressi libri pieni delle nuove massime
destinati all'Italia e che alcune balle n'erano state spedite ad un
negoziante di Como, frà Michele le sequestrò. Il mercante ebbe ricorso
al capitolo del duomo, che in sede vacante presedeva al Foro
ecclesiastico, ma invano s'interposero i canonici per la restituzione,
benché spalleggiati dal governatore Gonzaga. Del che piccati, sparsero
per la città contro l'inquisitore male voci, cresciute a tanto che,
preso dalla plebaglia a villanie ed a peggio, ebbe pel il migliore
partito il ritirarsi. E si recò a Roma, ove la congregazione dei
cardinali decise in suo favore e citò innanzi a sé il vicario e
quattro canonici come eretici, che ebbero a far e dire a
scamparsela(28). Egli medesimo essendo a Morbegno, aveva istituito
processo contro Tomaso Planta vescovo di Coira per sospette opinioni,
senza né citarlo, né nominare i testimoni: procedura solita
all'inquisizione, ma contraria agli ordinamenti dei Grigioni. I quali,
dando facile ascolto ai richiami del vescovo, fecero dal podestà di
Morbegno vietare a frà Michele di procedere più oltre contro chi che
fosse in Valtellina, se non previa licenza dei signori Reti. Dovette
egli, allora tanto, piegare il capo; ma spinto poi dal suo zelo
rinnovò i processi, onde a poco si tenne che il popolo non gli
mettesse le mani alla vita. Divenuto poi pontefice, e saputo che
Francesco Cellario già frate poi ministro protestante in Morbegno, non
là solo, ma fino a Mantova(29) diffondeva le sue dottrine, lo fece
cogliere di sorpresa, e tradurre al sant'uffizio di Roma, che lo
cacciò dal mondo. Non era egli dunque il soggetto meglio opportuno ad
acquetare i Grigioni, che studiavano anzi rendergli secondo avevano
ricevuto.

Chi meglio d'ogni altro operò fu Carlo Borromeo, cardinale arcivescovo
di Milano. Capace di riuscire a qualunque, arduo per la forza della
volontà, una grande ricchezza, i vantaggi d'una condizione
privilegiata, la gioventù, le aderenze, l'autorità della virtù e
l'intima persuasione della causa che sosteneva, stabilì, finché
l'anima gli bastasse, opporsi al lacrimabile incendio quand'era più
vivo. Spinto per sua principal cura a fine il sinodo di Trento, tutto
fu in rinnovellare la propria Chiesa: viaggiò, e veduto che
l'ignoranza del clero era cagion prima dei progressi della Riforma, e
che i più erano privi d'ogni sorta di lettere nelle terre soggette a
signoria svizzera, stabilì in Milano il collegio elvetico, ove
dovessero allevarsi per Dio operai apostolici e difensori della
fede(30). Mandò missionari, e singolarmente oblati da lui istituiti, e
Gesuiti, nati poc'anzi per opera d'Ignazio da Lojola; e tanto fece che
i sette Cantoni cattolici giurarono la così detta Lega d'oro o
Borromea e concessero che un nunzio papale rimanesse di piè fermo
nella Svizzera. Non è mestieri vi dica a quanto dispetto dei Cantoni
riformati, che si vedevano piantato nel cuore un nemico attento ed
operoso. Ma del Borromeo il principal desiderio, dice il Bescapé, "era
volto alla Valtellina, sì per la vicinanza che essa ha con noi sì per
gli ingegni svegliati di quei popoli, non pure all'erudizione adatti,
ma alla probità altresì proclivi, che soleva esso Carlo non
mediocremente lodare". Procurò dunque stabilirvi i Gesuiti che,
sostenuti da Antonio Quadrio medico di Ferdinando d'Austria, si posero
a Ponte, guidati dal padre Bobadilla, tanto celebre nella storia della
celebre compagnia. I Grigioni li sbandirono come forestieri, ond'essi
vennero a collocarsi a Como.

Trovandosi poi il cardinale, nel 1580, in Valcamonica per secondare le
istanze del vescovo Volpi, passò pei Zapelli d'Aprica(31) in
Valtellina, sotto apparenza di un pellegrinaggio alla Madonna di
Tirano, tempio sontuoso per edifizio e celebre per devozione, ove,
malgrado del divieto, il giorno di sant'Agostino fu ricevuto con
solennità di rito, non meno che d'affetto, anche dai Protestanti.
Sigismondo Foliani, bormiese, gli recitò un'orazione in cui (come
solevano tutti allora e molti adesso) non dice che parole(32). Egli
poi, il cardinale, edificò la concorsa folla coll'esempio, collo
speciale studio di carità e di prudenza, e con un discorso animato da
quella fede che vince ogni errore e dall'eloquenza di chi parla dalla
pienezza del cuore. Aveva egli saputo ottenere che i Cantoni cattolici
mandassero una delegazione a proteggere gli affari degli ortodossi
valtellinesi alla Dieta dei Grigioni, ma non ne avanzò gran fatto.
Volle anche visitare le terre poste attorno al Lario ed al Ceresio,
come bisognevoli assai di ajuto; e a Como, avuto colloquio col vescovo
sul bene della Chiesa, passò per Menaggio a Porlezza e nella Cavargna,
valle selvatica che s'interna da quella di Menaggio ed i cui abitatori
rompevano ad ogni delitto, sì di violenza, sì d'astuzia(33).

Così conciliando paci e rammendando i costumi, passò nelle tre valli
di rito ambrosiano, poi a Gnoasca, a Giornico(34), a Lugano e di
nuovo, pel Ceresio, a Menaggio ed alla Valsassina.

Fattosi poi, nel 1582, a Roma, n'ebbe il titolo di visitatore pei
paesi svizzeri e grigioni anche sottoposti all'Ordinario di Como. Non
fu autorità a cui non avesse ricorso per ajuto in questa legazione: ai
re di Spagna e d'Inghilterra, a Rodolfo imperatore, ai Cantoni
cattolici al vescovo di Coira, al duca di Savoia, anche ai Veneziani.
Scrivendo egli al Castelli vescovo di Rimini, legato pontifizio in
Francia, perché intercedesse presso Enrico re sicurezza e libertà a
lui ed ai preti. "Fa però, gli diceva, che i Grigioni non sentano che
io vada a loro legato del papa: questo solo nome ogni cosa perderebbe.
Si dica un privato mio viaggio, col qual titolo, senza scemare il
frutto, consolerò quei popoli. Ben i cattolici mi desiderano, e gli
eretici stessi mi mostrano qualche deferenza ed amore: onde nutro
speranza non mi si pongano impedimenti: solo ho paura che i profughi
dall'Italia non mi guastino tutto. Sono essi sentina di vizii, né solo
eretici, ma molti apostati, e del resto facinorosi e perduti che
appena udranno trattarsi di sostenere la religione cattolica e
vedranno maturare le prime felici sementi, temendo d'essere
sterminati, daranno in furore, metteranno fuoco nei capi per
ritardarmi o togliermi ogni buon effetto... Quindi principalmente
sarebbe a curare che dall'intollerabile giogo degli eretici venissero
sollevati i cattolici di qua dalle Alpi. Poiché, quando sortiscono le
magistrature gli eretici, se anche non facciano aperta violenza ai
cattolici, pure si mostrano intenti a svellere la religione. Poiché e
danno pessimi esempi come scellerati ministri del diavolo, e non
lasciano la libertà di cercare o ritenere probi e religiosi sacerdoti,
che avviino sul calle della salute. Sendo vietato agli esteri,
tuttoché ottimi, di andar colà, mentre hanno podestà di rimanervi
empii e perduti uomini. Laonde, poiché il re può tanto presso i Reti,
gioverebbe che, senza far mostra d'essere da me officiato, vi
s'adoprasse. E tu potresti mettere in mente ad Enrico uno scrupolo che
pungesse e lui ed i Grigioni: mostrare cioè il male che ne potrebbe
uscire, se tanti, oppressi dalle calamità e stancati, come può
avvenire, dal giogo, macchinassero alcuna cosa e si ribellassero".

Con Francesco Panigarola francescano(35) e col gesuita Achille
Gagliardo, riassunta la visita, fu di nuovo a Lugano, poi a Tesserete,
consolato dalla pietà di quei popoli, ove, di cinquecento confessati,
neppur uno si trovò in colpa mortale(36): per Bellinzona si condusse a
Rovereto, nella Mesolcina, valle italiana sommessa ai Grigioni, ove
scoprì moltissime streghe. Istituitone processo, di queste ben 130
abiurarono: quelle che non vollero confessarsi in colpa, furono
condannate, e prima quattro, poi altrettante, poi tre, indi più altre,
vennero arse, e fin il prevosto di quel paese, Domenico Quattrino, che
da undici testimonii era stato visto nella tregenda coi demonii menar
danze oscene in paramenti da messa, e recando il santo crisma. Un tal
padre Carlo, sotto gli 8 dicembre 1583, descriveva al suo superiore il
supplizio di alcune fra queste. "In un vasto campo, costrutto un rogo,
ciascuna delle malefiche fu, sopra una tavola, dal carnefice distesa e
legata, poi messa boccone sulla catasta, ai lati della quale fu
appiccato fuoco: e tanto ferveva l'incendio, che in poco d'ora
apparvero le membra consunte, le ossa incenerite. Dopo che il
manigoldo le ebbe avvinte alla tavola, ciascuna riconfessò i suoi
peccati, ed io le assolsi. Lo Stoppano poi (quel desso che menzionammo
pochi versi sopra) e due altri sacerdoti le confortavano in morte, e
le affidavano del divino perdono... Io non basto a spiegare con qual
intimo cordoglio, e quanto di pronto animo abbiano incontrato il
castigo. Avanti condotte al supplizio, confessate e comunicate,
protestavano ricevere tutto dalla mano di Quel lassù, in pena dei loro
traviamenti; e con sicuri indizii di contrizione offrivano il corpo e
l'anima al Signore del tutto. Brulicava la pianura di una turba
infinita, stivata, intenerita a lacrime, gridante a gran voce: Gesù; e
le stesse miserabili poste sul rogo, fra il crepitar delle fiamme,
udivansi replicare quel santissimo nome e, pegno di salute, avevano al
collo il santo rosario... Questo io volli che la tua riverenza
sapesse, perché potesse ringraziare Iddio, e lodarlo per li preziosi
manipoli da questa messe raccolti".

Fin qui egli: sarebbero gettate le parole ch'io aggiungessi, per
mostrar come i deliri del secolo prendessero anche anime illuminate e
pie.

In quella valle, san Carlo trovò abbondare scolari del Vergerio e di
Pietro Martire Vermiglio ed esservi (scriveva al cardinale Sabello) il
nome di cattolici, non i costumi, né la credenza. V'avevano tenuto
casa i novatori Frontano e Canossa. Poc'anzi v'era morto Lodovico
Besozio, scolaro del Frontano(37) migliore del maestro: era
frequentissimo il contatto colla val di Reno, tutta già calvinista.
Singolarmente vi si segnalavano, per odio ai Cattolici, Francesco
Luino, che da trent'anni era colà, un figlio del Frontano e due o tre
altri le cui mogli _sono veri mostri d'inferno_. Stava a capo delle
cose sacre un frate, disertore dell'ordine e della religione che seco
traeva una femminaccia e quattro suoi figliuoli: poco di meglio erano
gli altri preti. Borromeo coll'amorevolezza, coll'inquisizione, col
pregare, coll'insegnare, col largheggiare, si conciliò gli animi: e
Dio ne prosperava le fatiche in pro delle anime, con fatti
d'ammirabile riuscimento. Si mise poi per la val Calanca, ove conobbe
cinquanta famiglie cadute in eresia e ventidue maliarde. Era sua mente
drizzarsi a Coira indi, nel ritorno, visitare Chiavenna e la
Valtellina. Ma, saputo che la sua comparsa non sarebbe sentita bene,
dovette voltare a Bellinzona, dove trovò folta ignoranza delle cose di
Dio, ed un vivere non punto meglio del credere: matrimoni incestuosi,
usure smodate, conculcati i diritti del clero, sacerdoti simoniaci e
viventi in pubblica disonestà. Ho letto varie delle omelìe ivi da lui
recitate, onde può trarsi argomento e dello stato di quel paese, e
dello zelo che il santo vi adoprò, dimorandovi sino al 15 dicembre,
ove eresse anche una prebenda per mantenere un maestro, lasciò un
catechismo compilato apposta dal gesuita Adorno, ridusse a compimento
il collegio d'Ascona. Aveva pure intenzione di aprire un seminario a
Locarno, che a grande bisogno sarebbe tornato per regolare quel paese
nel credere e riformarlo nel vivere.

Mandò anche Bernardino Mora al _Beytag_ dei Grigioni per impetrare
licenza di visitar la Valtellina ed il Chiavennasco, ma gli facevano
impaccio i predicanti, che andavano spargendo sospetti sul suo conto.
Lui, infine, esser nipote di quel Giangiacomo Medeghino il cui nome,
dopo le acerbe guerre loro recate sul lago e in Valtellina, era tra i
Reti rimasto terribile come la campana a martello. Vedessero quanto
aveva operato in Val Mesolcina, dove non prima pose piede, che
collocatosi in luogo forte stabilì un inquisitore e fece ogni suo
talento: assai tornerebbe sospetta ai loro alleati Francesi la venuta
del cardinale tutto ligio alla Spagna. E questi sussurri trovarono
fede, onde, non che escluderlo, i predicanti commossero quei della val
Pregalia a dare addosso ai missionari da lui mandati e metterli a
processo(38). Fin tra le cure che gli ponevano assedio negli ultimi
suoi giorni, il Borromeo s'occupava d'ottenere, se non pace, almeno
tregua ai Cattolici: e teneva corrispondenza con re Filippo d'affari
sì intimi che non si affidavano alle carte, ma si comunicavano a voce
col Terranova, allora governatore del Milanese.

Quando il fuoco è dentro, bisogna venga fuori il fumo: e il Borromeo
veniva rapportato ai Grigioni di aver intesa cogli Spagnuoli per
tornare ad essi la Valtellina. E per verità i duchi di Milano non
ebbero mai deposta tale speranza, né per rata l'occupazione di quella
importante valle e la cessione fattane per viva forza. Si sanno le
opere, ed aperte e di sottomano, ai tempi di Giangiacomo Medeghino.
Carlo V poi, aggiunta la ducea milanese agli immensi domini suoi, più
ne prese gola, ben avvisando quanto rileverebbe l'avere libera
comunicazione per quella parte fra gli Stati suoi di Germania e quelli
d'Italia. Ne aveva anzi passato ordini a don Ferrante Gonzaga
governatore, che ruminò quell'idea anche sotto Filippo II, menando per
ciò segreto intrigo col vescovo Vergerio, sebbene gli tornasse indarno
il suo intendimento.

Nei giorni poi del Borromeo, un tal Rinaldo Tettone, mercante milanese
al quale era avvenuto sì male della mercanzia che diede fondo ad ogni
suo avere, si era messo a capo di _Farabutti_, bravacci pari suoi, che
rubando e furfantando vivevano. Da piccoli tentativi incoraggiato a
maggiori, fermò d'entrare in Valtellina, e porla a preda. Infatuato
del qual desiderio, acciarpò truffatori e bagaglioni e quanti fossero
da tal servigio: e chi vorrà credere che di tutto ciò non scoppiasse
veruno indizio ai magistrati di Lombardia? Chi conosca l'ambidestra
politica spagnuola, più presto inclinerà a pensare che il governatore
Terranova, senza dargli apertamente favore, l'aiutasse però
sott'acqua, od almeno stesse a vedere a che il Tettone riuscisse:
andava a male? Niuno potrebbe imputargliene colpa: accadeva a disegno?
Getterebbe la maschera. Ed avendo, come si suol dire, tratto di buca
il granchio colla mano altrui, coglierebbe il destro di ricuperare la
valle al suo padrone.

Fatto è che il Tettone, raccozzata una canaglia valente in parole e
ch'egli chiamava esercito, parte ne inviò per la banda di Lecco. Cogli
altri volse a Como, ove chiese d'entrare nella città, alloggio e
foraggi, vantandosi capitano generale per risciacquare la Valtellina
dai miscredenti. Ma non sottigliò la sua malizia tanto che arrivasse a
trovar fede a quell'apparenza. Ed il Paravicino, governatore di Como,
non gradendo tali rodomontate stette saldo sul niego: anzi,
accingendosi il Tettone a mettere le finte parole in veri fatti, il
governatore armò i cittadini e con furia li liberò addosso a coloro,
che dopo sprovveduta e breve scaramuccia, quali andarono sbandati,
quali furono presi e mandati all'ultimo supplizio.

Ita al vento l'impresa, il governatore, come chi getta il sasso e
nasconde il braccio, se ne fece nuovo affatto, ed il Tettone, che
forse diventava un marchese e meglio, fu cacciato in bando. Dove
facendo del savio e dell'importante, andava spacciando avere in tal
impresa a sostegno il cardinale Borromeo, amico, diceva egli, e
parente suo; favorirlo nella valle grandi personaggi, e li nominava un
per uno. Questi vanti erano portati colle usate frangie ai Grigioni, i
quali, fattone un capo grosso che mai il maggiore, molta gente
inquisirono, senza però scoprire alcuno in colpa: e il cardinale
tennero in memoria d'uomo fazioso e brigante.

Era questi morto l'anno avanti; e noi siamo alieni dal supporre al
sant'uomo facinorosi consigli. Scrivendogli lo Speciano temere che i
Valtellinesi non rompessero in aperta ribellione, e si gettassero in
braccio a re Filippo, il Borromeo gli rispose che stava mallevadore
della regia volontà. E quand'anche i Reti cisalpini si ponessero a
dominio del re cattolico, si incaricava di ritornarli ai Grigioni.
Questo però già ne lascia intendere ch'egli avesse qualche sentore
delle macchinazioni. Ed abbia suo luogo la verità, tutti i
contemporanei e il Ripamonti ed il Ballarino fanno testimonianza che
la Spagna ed il Borromeo assecondassero l'impresa(39). Tutti poi i
fautori del cattolicismo avevano gran protezione nella casa d'Austria:
quando i Grigioni uccisero il Planta, Corrado, figlio di questo, si
ricoverò al Borromeo, che sel tenne ben due anni con altri di sua
parte, al giusto fine di formare un buon cattolico; ma la cosa non
poteva non dare ombra ai Reti. Altre lettere poi di san Carlo, che si
leggono manoscritte nell'Ambrosiana, tolgono ogni dubbio che a Milano
non si conoscessero tali movimenti. Fin dal 1583 i Valtellinesi
avevano richiesto il Terranova di 400 uomini, che, uniti ai
terrazzani, basterebbero, sono le proprie parole di Borromeo, _per
levarsi in un tratto da quella obbedienza, e serrare i passi ai
Grigioni, che volessero passare di qua dai monti._ Il re aveva
risposto si desse loro quell'aiuto, ma i ministri erano soprasseduti
fin allora _per vedere l'esito del negozio della lega_; svanito il
quale, tenterebbero questo: _ed ho speranza in Dio_, continua il
santo, _che in pochi anni si farà tanto frutto in quella valle e nei
paesi tutti di qua dai monti, che si smorberà quella eretica
peste._(40) E nei trattati che il santo menò a favore dei Cattolici
coll'ambasciatore di Francia presso gli Svizzeri, e coi Cantoni
cattolici, si mostra persuaso che pericolasse qualche non lieve
disastro: sicché voleva tenersi nei contorni della Svizzera per
accorrere pronto ad ogni moto di guerra. Dichiara però di ingerirsi il
meno che può "né tenere per ajutare que' popoli altra via che la
spirituale".

Non meno attento a salvar la Lombardia dalla contagione fu il
cardinale Federigo Borromeo: il quale perfino, allorquando dovevano
alcuni soldati svizzeri e grigioni attraversare la valle San Martino
ed altre terre bergamasche di diocesi milanese e di giurisdizione
veneta, pronunziò scomunicato chiunque conversasse, o, ch'è tampoco,
albergasse quegli eretici; esagerata provisione, alla quale la
serenissima repubblica veneta impedì fosse dato corso. Senza più altro
aggiungere, basti il già detto a scusare i Grigioni se dal paese
davano divieto ai preti e frati forestieri, specialmente ai
Cappuccini, come orditori di cose nuove. Quanto alle indulgenze ed ai
giubilei, si bandissero pure, ma o tacessero quelle parole _pro
extirpatione haereseon_, o i preti dichiarassero che sotto il nome di
eretici non s'intendevano i Riformati: altrimenti era iniquo che i
sudditi pregassero contro i loro padroni.

Tanto erano da ciò esacerbati gli animi, che qualunque cosa venisse
dai Riformati era sospetta ai Cattolici: qualunque cosa procedesse dal
vescovo o da Roma, si rifiutava dagli Evangelici, per buona che fosse,
d'ogni vin dolce facendo un aceto arrabbiato. E mi faccia testimonio
la riforma del calendario. Il concilio Niceno nel 325 aveva adottato,
pel calcolo della Pasqua, il calendario di Giulio Cesare, che suppone
l'anno di giorni 365 ed ore 6 appunto, e che 19 anni solari
equivalgano a 235 lunazioni; ondechè aveva ordinato che l'equinozio di
primavera cadesse al 21 di marzo. Ma non essendo precisa quella
determinazione, l'equinozio si era portato agli 11 di marzo, e le lune
nuove anticipavano di quattro giorni. Di ciò menavano rumore uomini di
gran vaglia, Ticone, Scaligero, Chambers, Calvisio, altri, sicché in
fine Gregorio XIII, principalmente coll'opera di Luigi Lelio
calabrese, riformò il calendario: furono sottratti e messi in nulla i
dieci giorni che dovevano correre dai 4 perfino ai 15 ottobre del
1582, ordinato che solo ogni quattrocento anni si facesse bisestile
l'ultimo anno del secolo, e la bolla del marzo 1583 ingiunse che i
conti dei giorni andassero a tal maniera(41).

Or credereste? Ai tanti altri motivi di dissidio, un nuovo ne aggiunse
questo calendario gregoriano, ed i Riformati nati a rifiutarlo, anche
trovandolo buono, solo perché veniva da Roma, ed i Cattolici a
volerlo, senza forse conoscerlo, sol perché quelli lo ricusavano,
tanto è cieca ed assurda la nimicizia che agita le parti. Mi par di
vedere alcuno sogghignare alla leggiera cagione di tante discordie,
alle dimostrazioni impotenti e assurde; ma deh non voglia ridere
d'altri il secolo nostro, che non ha ancor rasciutto il sangue versato
per altri sogni, per altre follie. Ogni età ha le sue.



CAPO III

Corruzione dei Grigioni--Forte di Fuentes costrutto--Mal governo della
Valtellina--Ingiurie alla religione repulsate dai Cattolici--Nicolò
Rusca è tratto al tribunale e morto--Ruina di Piuro.


Come sperar bene alla Valtellina quando i suoi dominatori erano
all'ultimo della corruzione? La religione li divideva, li divideva la
politica: cedevano a seduzioni, a lusinghe. I prìncipi vi tenevano
ambasciatori quando apertamente quando velati, che con donativi,
pensioni, croci d'onore facevano che uno favorisse a Francia, uno a
Spagna, uno a Venezia: tutti dimenticassero la patria. Due fazioni
singolarmente ponevano a scompiglio la Rezia: una venduta a Spagna ed
ai Cattolici, l'altra a Francia, ed agli Evangelici. Capi di quella
Rodolfo Pianta, di questa Ercole Salis, le due famiglie primarie dello
Stato.

Il grosso dei Grigioni però essendosi sottratto al dominio austriaco,
ed avendo abbracciato il calvinismo, aveva in uggia l'Austria e la
Spagna, e dei Francesi l'amicizia guardava come primo fondamento di
libertà e potenza. Prevalendo i Salis, venne rinnovata con Enrico IV
una lega di offesa e difesa, nella quale non si faceva eccezione
veruna a favore del Milanese. Con questo ducato avevano i Grigioni
accordato una convenzione di buona vicinanza, per cui il commercio
andrebbe senza verun impedimento, non concederebbero essi il passo ad
esercito che venisse contro il Milanese: in compenso dovesse il
transito delle merci volgersi pel paese delle leghe(42).

All'udire dunque della nuova convenzione coi Francesi, gran lamento
alzò il conte di Fuentes, il più memorabile fra i governatori
spagnuoli di Milano, che nel cuor della pace tenne sempre un
numerosissimo esercito, pauroso ai vicini, sgradito anche al suo
padrone, al quale voleva mostrarsi necessario col fingere pericoli o
farli anche nascere, e intanto esercitava tutte le prepotenze d'un
governo militare.

Con umore siffatto doveva esser poco disposto a inghiottire il torto,
e mandò minacciando ai Grigioni di trattarli come nemici. Questi, non
che mostrar paura, si collegarono anzi con Venezia, come quella che
non perseguitava i riformatori, siccome le altre potenze, ma ostava al
papa, e comportava una mezzana libertà di coscienza(43). Ne dispiacque
non meno alla Francia che alla Spagna, quella perché Enrico ambiva
maneggiar egli solo i Reti e che i Veneziani dovessero ricorrere a lui
qualvolta bisognassero di gente armata, questa perché si trovava
allontanata dalla speranza di legarsi i Grigioni, e di sottoporre
tutta Italia, potendo aver ostacolo nei Veneziani. A nulla approdando
colle parole, il governatore sdegnato pose mano a fabbricare un
fortalizio, detto dal suo nome(44) sul colle di Montecchio al primo
entrare della Valtellina ove, dominando gli sbocchi di Chiavenna, il
lago e la valle, teneva questa in soggezione e poteva, quando riavesse
talento, impedire alla Rezia i viveri ed il commercio. Stante però che
il duca Francesco II Sforza aveva stipulato coi Grigioni non si
porrebbe veruna fortificazione in quel giro, questi levarono querele,
e procurarono anche impegnare in esse i loro alleatì: ma nessuno si
mosse, del che furono, se non con verità almeno con accortezza,
accagionati i dobloni spagnuoli. E il Fuentes continuò, finì,
intercise il commercio col Milanese e ponendo genti e navi alle
Trepievi (così chiamano i paesi posti all'estremo del lago di Como),
confermò la voce che Spagna volesse ricuperare la Valtellina.

Queste pratiche, anzichè ravvivare, davano l'ultimo tuffo alla
Valtellina. Vi si crebbero le guarnigioni a carico del paese. Ogni
ombra pigliava corpo: i signori grigioni, ingordi d'aversi intorno
timidi soggetti anziché buoni amici, potevano quanto ardivano, ed
ardivano quanto volevano, sostenuti com'erano dai novatori. I quali,
come interviene allorché il debole vuole ad ogni costo ajutarsi sopra
il contrario, mirando unicamente all'utile proprio, vedevano bene che
i loro religionarj crescessero in autorità. Quindi coloro che erano
venuti come alleati, disponevano come donni e padroni, principalmente
da che ebbero a sé arrogata la nomina degli ufficiali. Allora mandare
a magistrato uomini di più che bassa mano, soperchiatori perché
persuasi di meritare il pubblico disprezzo, non guardare nelle cariche
a merito, ma a chi più ne dava, schiudere d'ogni preminenza i buoni,
conculcare i diritti e lo statuto, corrotte le sindacature, nelle
cause civili trovati lacciuoli a dovizia per costringere le parti a
dividere l'avere con giudici ingordi, franco il peccare, il benfare
spesse volte ruina. Si addormentavano sugli interessi della patria i
tristi, quelli io dico, cui piaceva fare il lor talento, e da poveri
venuti ricchi, da abjetti tremendi, usurpare i beni delle chiese, per
ispalle d'amici e per danaro scontare delitti, leccare i superiori per
mordere i soggetti. I buoni che osavano alzar la voce, erano
perseguitati sotto quella maschera d'oltraggio e di sangue che si
chiama ragione di stato.

Le cose della religione poi erano tornate a peggio che mai per
l'addietro non fossero. Ogni giorno nuovi editti, che pretendendo
parole di libertà religiosa vietavano le indulgenze, tacciavano di
superstizioso il culto del paese, cassavano le dispense, berteggiavano
i decreti papali. Negli statuti di Valtellina, stampati il 1549,
furono intrusi alcuni a favore dei Riformati. Nel 1585 trovandosi
unite a Chiavenna le insegne dei Grigioni, conchiusero di nuovo intera
libertà di religione; lo che, ed allora ed altre volte poi, significò
persecuzione della cattolica. Eccedeva dunque il governo, eccedevano i
magistrati cacciando i Gesuiti e cassando le donazioni lor fatte,
processando i miracoli di san Luigi, proibendo la pubblicazione dei
giubilei ed eccitando quistioni di giurisdizione, solito appiglio,
eccedevano i predicanti contro i monumenti dell'avito culto, opera
empia agli occhi dei Cattolici, impolitica agli occhi di tutti. Più
eccedeva la ciurma e l'astinenza delle carni in quaresima(45), rubando
ostensori e spargendo le particole, sfregiando tabernacoli, facendo
smacchi ai sacerdoti nelle processioni del Sacramento, ed in quei
devoti riti della settimana santa, che uom non può vedere senza
sentirsi fin nell'intimo dell'animo commosso ad una patetica
devozione.

Né si creda che noi caviamo queste fosche dipinture dai soli
Valtellinesi. Pascal ambasciatore francese, in una sua relazione,
chiamava il governo grigio "esecrabile tirannia, che sovra il capo e
le fortune dei buoni incrudelisce". Il Bottero verso il 1590 scrive:
"In Valtellina i Cattolici sono fuor di modo straziati dai Grigioni,
che puniscono con varj pretesti i preti e quei che si convertono,
forzano i curati a celebrare matrimonj in gradi vietati, non
consentono l'introdurre buoni sacerdoti forestieri, obbligano tutti
alla messa ed alla predica degli eretici, onde i Cattolici sono
costretti, per penuria di buoni ecclesiastici, servirsi d'apostati e
d'uomini di mal affare e scandalosi, e divengono a poco a poco
eretici".

Si moltiplicavano dunque le gozzaje: per una parte e per l'altra
tirandosi al peggio che si facesse, ogni sospetto si pagava colla
vita. Così fu (per tacer altri) del conte Scipione Gámbara bresciano,
che per aver ucciso un suo cugino, casi ordinarj in quel beato tempo
antico, era fuggito a franchigia in Tirano, ed ivi, secondo che l'uso
e il suo delitto portavano, si teneva attorno una masnada di _buli_,
come si chiamavano i bravi. Entrò gelosia nei Grigioni ch'egli volesse
dar mano a stabilire l'inquisizione, e liberare la valle dai
Protestanti: onde, còltolo, e coi metodi consueti in tali procedure,
convintolo di trama col cardinal Sfondrato e coll'inquisitore
Montesanto, egli, come nobile, fu decapitato a Teglio, il suo complice
Lazzaroni di Tirano squartato vivo, e le spese del processo caricate
alla valle. Peggio avvenne quando Ulisse dei Paravicini Capello di
Traona, che reo di molto sangue campava sul bergamasco la vita, osò
una notte ricomparire con venti sicarj in patria, e trucidare i
magistrati. L'atroce fatto seppe di ribellione ai Grigioni, e quindi
il sospetto, quindi lo sdegno pose in maggior urto gli animi, ed i
cattolici, o per colpa o per pretesto, venivano, or l'uno or l'altro
spicciolati, modo sicuro d'indebolire le fazioni. Così la certezza
dell'odio pubblico faceva prendere tali provisioni, che lo rendevano
implacabile. Qualche buon ordinamento veniva talora(46), ma di corto
cadeva nell'oblio e non rimaneva che il peggio.

Sotto la protezione dei signori, che dicevano: _"Credi quel che ti
piace, ma fa quel ch'io ti comando"_ ogni tratto qualche nuovo
Cattolico disertava, anche preti e curati. Essendo ordinato che ove
fossero più di tre famiglie riformate convenisse accomodarle di
_baserga_(47) e di ministro a spese comuni, i Cattolici si vedevano
costretti a mantenere i predicanti coi benefizj ecclesiastici. E non
compatendo la religione loro che i preti predicassero dalla bigoncia,
ond'era sceso dianzi il ministro calvinista, conveniva si
provvedessero di nuove chiese. Intanto, predicanti a gara gli uni
degli altri venivano fin da lontanissimo per far proseliti: prima
pochi per giuoco, poi molti per curiosità, indi più per diversi
affetti s'affollavano a udire il nuovo vangelo, i cui più soliti
ornamenti erano rampogne ed ingiurie. Credendo ciascuna parte essere
in possesso della verità, e l'avversaria trovarsi nell'eresia, lo zelo
esacerbava gli odj da fratello a fratello.

Rinfacciavano i novatori a quei della messa, come li chiamavano, che
una fede inculcata senza il consentimento della ragione, degenera
presto in superstizioni, e molte in fatto se n'erano introdotte(48), e
si prodigavano le indulgenze(49) a scapito della morale. I preti
cattolici, temendo fin quell'esame e quella luce, il cui bisogno eleva
e ingrandisce l'anima, ma che generava l'orgoglio del senso
individuale, inculcavano che una religione scandagliata e analizzata
cessa di esser fede, e si lamentavano di veder chiamate a scrutinio le
cose che il cattolico guarda con umile meraviglia, e che Iddio, per
occulti giudizj, tolse alle dispute dell'uomo, ingiungendogli "Credi e
adora". L'augusto Sacramento, di cui Cristo volle fare un simbolo di
pace e di concordia e che, _assunto in sua commemorazione,_ ricordasse
ai figli suoi il _sangue versato a salute comune,_ diveniva pretesto
d'acerbe contese. E pareva che ciascuna parte si fosse proposto di
mostrare, colla condotta meno evangelica, di possedere il vero
vangelo. Vi erano sì i buoni che gridavano da una parte e dall'altra:
"Se la nostra fede è la vera, se viene da Dio proviamolo col deporre
questa rabbia anticristiana: la carità move da Dio, la discordia
dall'inferno: _unitevi di spirito e di cuore, e Dio sarà con voi: il
nostro non è il Dio delle contese, ma della pace e dell'amore"_(50).
Così dicevano: ma quando mai il discorso dei savj la vinse sopra
l'orgoglio e l'egoismo delle opinioni?

I Cattolici però potevano dire ai loro avversarj: "O voi che venite a
mostrarci in errore: non siete uomini voi pure, non siete voi pure
all'errore soggetti? Noi seguitiamo la tradizione d'uomini pii, e più
vicini al tempo del Redentore: voi nasceste pur jeri. Noi stiamo ad
un'autorità di origine divina, al sentimento del genere umano; voi
surrogate la più fredda delle umane doti, la ragione, il più variabile
appoggio, la particolare persuasione. Voi venite a predicare l'amor di
Dio: eppur da voi nascono la scissura e la desolazione della patria".
Fondati su questo e sulle tante ragioni, che anche umanamente rendono
inconcussa la fede nostra, contrastavano i Cattolici al progresso dei
Riformati: e poiché non v'è caso di gran timore senza che vi sia di
gran coraggio, si narrano molte e ribalde e generose opposizioni.
Poniamo fra le prime i divisamenti dell'arciprete Schenardi di
Morbegno che in uno scritto latino sul _propagare la fede cattolica
nella Rezia_, suggeriva che quando i ministri eretici, ogni ottava del
_Corpus Domini_, venivano a celebrare i loro conciliaboli, nel ritorno
fossero còlti in imboscata in quel tratto di terreno presso Bocca
d'Adda che spetta al Milanese(51), e mandati a Roma. Tommaso della
Chiesa in val Malenco caldeggiava i Riformati; onde morto il parroco
del luogo, e sepolto il tempio di colà da una frana, fece di tutto per
indurre quei valligiani a valersi del ministro degli Evangelici, per
l'uomo dotto che sapevano lui essere: e con maniere a maraviglia
scaltrite, spacciava che la parola di Cristo, predicata da questo,
varrebbe assai più che non la messa dei papisti, che non orazioni
recitate in una lingua che non intendevano. Riboccar di baje le
prediche dei loro preti, di idolatria il culto; ove trovavano che il
vangelo comandasse il celibato ai preti? e il digiuno? e la
confessione auricolare? O che! vi farete a credere che uomini di
intendimento scòrti e nel viver santi, cima di principi e dottori
abbiano cercato sì sottilmente nel vangelo e nei dogmi solo per
dannarsi? E soggiungeva altre cose or serie, or ridicole, che non
sarebbero cadute a vuoto senza la fermezza di Tomaso Sassi pastore, il
quale si fece a gridare: stessero attaccati al _credo_ vecchio, non
volessero seguire piuttosto il nuovo che il sicuro(52), non
lasciassero rapirsi la consolazione dei sacramenti, che mescono il
gaudio e la sanzione del Cielo alle più solenni circostanze della
vita, dalla culla al letto di morte. E dopo morte, su in paradiso i
padri loro che v'erano giunti credendo all'antica, stavano ad
aspettarli. Quanto dolore se li vedessero precipitarsi coi nuovi
nell'inferno! Con tali o sì fatti argomenti, tolti dal lume del
natural discorso, il buon uomo rimutò i terrazzani dal proposito di
cambiar religione.

Anche il sesso imbelle spiegò costanza a sostenere il rito degli avi.
In Caspoggio, terra della val Malenco, mentre i mariti estivavano
com'è costume sugli _alpi_ (chiamano così i pascoli montani), venne
saputo dalle donne che i riformati intendevano seppellire in S. Rocco
un loro bambino allora morto, col che avrebbero preteso d'acquistar
possessione di quella chiesa. Che fan elle? si allestiscono ben bene
di sassi, e rinserratesi nella chiesa, aspettano il funebre convoglio.
Come s'avvicina, ecco fuori lo stormo, che schiamazzando alla
donnesca, con una tempesta di pietre pone in volta il funerale. Caso
che diede da ridere in quei contorni, e da stizzire a parecchi.

In Sondrio ancora si accingeva il governatore ad entrare per viva
forza nella chiesa cattolica, e ridurla al nuovo rito. Ma un Bertolino
di colà, uomo tagliato all'antica, commise a Giangiacomo, suo
figliuolo di gran cuore, che colla daga alla mano contendesse ai
Riformati l'entrare in chiesa. Ciò adempì egli sì bravo, che al
governatore non bastò l'animo di proceder oltre: ma voltosi in traccia
del Bertolino e scontratolo, tutto in gote si querelò del figliuolo,
che gli avesse, nel maggior pubblico della gente, usata quest'onta. Al
che il buon Sondriese rispose le molli parole che frangono l'ira, e
menossero a casa, ove a lui ed al suo satellizio improvvisò una lieta
merenda, spillando la miglior botte. E lì bevi e ribevi, fra l'ilarità
parliera delle tazze cominciò il Bertolini a gettar motti di scusa pel
figliuolo, onde il governatore, per iscambio delle cortesie ricevute,
si mostrò disposto a mettere in non cale l'affronto. Allora ecco
entrare Giangiacomo, né in aspetto d'avvilito, ma sempre accinto della
sua daga, e con un fiasco del più pretto vino, che cominciò a mescere
in giro alla ragunata. Non faceva però egli atto né mostra di voler
chiedere scusa e quando alcuno ne l'interrogò, diede un fischio, ed in
men ch'io nol dica uscirono fuori quindici garzoni in tutto punto
d'armi. Additando i quali al governatore, che pensate come si
sentisse, "Ecco (esclamò Giangiacomo) e me e questi pronti pel
governatore e per la repubblica fino all'ultimo sangue, solo che non
ci si tocchi la religione nostra: ma se alcuno presumesse recarci in
ciò al talento suo, non risparmieremo la vita a tutela della nostra
santa fede". Tra pei generosi modi del giovinotto, tra per la paura
dell'armi e il lenocinio del buon vino il governatore, che non doveva
essere un Verre, abbracciò Giangiacomo ed il padre, e in lieti
brindisi finita la festa, depose per allora ogni pretensione sulla
chiesa.

Altri fatterelli succedevano ogni dì, che non sempre si risolvevano in
un riso, e che rivelavano un'izza reciproca, per cui dominati e
dominatori erano pronti a correre ai risentimenti. I Riformati ne
davano ogni colpa a Nicolò Rusca, arciprete di Sondrio. Era questi
nato in Bedano terra del luganese, da Giovanni Antonio e Daria
Quadrio. Studiò prima sotto Domenico Tarillo curato di Comano, uomo di
buone lettere ed investigatore delle antichità, e recitò in quel paese
la prima volta dal pergamo, come sogliono i novelli cherici, un
discorso altrui. Fu poscia a Pavia, indi a Roma, poi nel collegio
elvetico di Milano, ove a san Carlo ne parve sì bene, che talvolta
abbattutosi in esso, postagli sul capo la mano: "Figliuol mio (gli
disse), combatti buona guerra, compi tua carriera. Per te è riposta
una corona di giustizia, che ti renderà in quel giorno il giudice
giusto".

Monsignor Volpi di Como gli diede la parrocchia di Sessa: indi
compreso di che gran parti egli fosse in sapere, in saviezza, in
cristiana prudenza, lo chiamò arciprete di Sondrio. Peso enorme a quei
dì. Il predecessore suo Niccolò Pusterla era stato, con sei zelanti
cattolici, rapito in prigione, e colà, vollero dire, avvelenato dal
governatore, perché in tempi di fazione si crede non si esamina. Delle
contrade vicine molte assentivano ai Riformati, altre erano miste(53),
sicché avevano due ministri: dei Sondriesi un terzo si era sviato
dalla Chiesa romana. Aggiungi che dal 1520 al '63 v'era stato intruso
arciprete Bartolomeo Salice, che contemporaneamente era arciprete di
Berbenno, curato di Montagna, arciprete di Tresivio e in nessun luogo
risedeva, lasciando che il gregge sviasse a pascoli infetti. Dei
benefizii si valeva per dotare nipoti. Portò anche le armi, il che
tutto giovava miserabilmente alla diffusione dell'eresia. Di quel
tempo venne a predicar a Sondrio un frate in aspetto di somma dottrina
e pietà. E il popolo che da gran tempo non udiva più prediche, accorse
alle sue: ma ben presto egli si scoperse eretico. Se ne levò tumulto,
ed egli rifuggì ai Mossini in casa Mingardini, donde seguitava a
predicar ai nuovi convertiti. L'arciprete Salice non se ne dava
pensiero. Blandiva i Grigioni nella speranza di esser fatto vescovo di
Coira, e quando infatti Pio IV vel destinò egli rinunziava ai tanti
benefizii in Valtellina. Ma poiché non fu confermato, si trovò
sprovvisto e morì poveramente in Albosaggia.

Il Rusca, chiamato a quel posto, tentò sottrarsi al grave incarico.
Indi per obbedienza l'assunse, collo zelo del buon pastore che offre
l'anima per le pecorelle.

Deditissimo agli studi, sapeva di greco e d'ebraico, non che di
latino: altamente sentiva delle cose celesti, e _usando la spada dello
spirito che è la parola di Dio_, era tutto in predicare con una
dottrina chiara, corrente e morale, piena dei lumi della somma verità,
escludendo quanto potesse avere dell'agro e del contenzioso. Trovata
la chiesa squallida, vi rimise belle suppellettili, buon organista,
solenni funzioni. Imperterrito si oppose alle pretendenze dei
novatori, i quali, oltre esigere dal capitolo la provvigione di 30
zecchini pel ministro evangelico, volevano ch'egli cedesse porzione
del suo giardino per fornirli di cimitero, si sonassero le campane al
venerdì santo, ed altre sì fatte novità. Intervenne a varie dispute,
ove per chiarimento del vero si solevano mettere in contraddittorio un
per uno gli articoli della fede. Dispute che, secondo il solito, non
convincevano alcuno, e finivano sempre col gridarsi da ambe le parti
il trionfo(54).

Ma quale veniva chiamato _martello degli eretici_, si mostrò
singolarmente allorquando i Riformati ottennero si istituisse a
Sondrio un collegio, del quale il rettore e tre dei cinque professori
fossero calvinisti. Fin dal 1563 si era divisato, poi aperto nel 1584
un collegio, dove si accettassero cattolici e no; e dove naturalmente
nessun cattolico andava. Cadde, e allora voleva rinnovarsi. Ma senza
guardare in faccia né ai Salis che lo proponevano, né al re
d'Inghilterra che si diceva somministrar il danaro, si attraversò il
Rusca a questa impresa, e riuscì a sventarla, ed unire anzi
un'accademia che propagasse le cattoliche dottrine.

Questo perpetuo e vivo contradditore dei loro disegni non poteva non
essere in gran dispetto agli acattolici, che miravano a torselo d'in
sugli occhi. Dapprima Gio Corno da Castromuro capitano della valle lo
condannò in grave multa perché avesse rimproverato ad un giovane suo
popolano l'aver assistito alla predica dei Calvinisti. Ma i Sondriesi
presero le armi, e si fu ad un pelo di far sangue: onde il capitano
denunziò l'affare a Coira. Il Rusca difeso da Anton Giojero ministrale
della val Calanca, fu assolto, ed il capitano ammonito. Gli apposero
quindi d'aver fatto trama con un Ciapino di Ponte per ammazzare o
tradurre all'inquisizione(55) Scipione Calandrino predicante di
Sondrio. Il Ciapino fu messo a morte: a Nicolò, che ne aveva assistite
le ultime ore, confortandolo in quella estrema e maggiore di tutte le
umane necessità, attaccato un processo, che lo costrinse a ricoverare
a Como. Giustificatosi, tornò più glorioso, aggiungendosi alla virtù
il lustro della persecuzione. Tanto più bramavano i nemici suoi di
metterlo per la mala via, e la fortuna mandò tempo al loro
proponimento.

Ci fu veduto come, fra i Grigioni, tutto andasse in brighe di potenze
straniere; fra le quali si dimenticava l'interesse della patria. Gli
ambasciatori francesi, con disapprovare la lega fatta coi Veneziani,
caddero in sospetto di esser d'accordo colla Spagna: sicché
l'ambasciatore Gueffier, denigrato dai predicanti, dovette fuggire
negli Svizzeri: quinci lamenti e turbolenze, fra le quali pigliavano
il sopravento i predicanti, venuti ormai il tutto del governo, come
succede ai pochi che schiamazzano mentre i più stanno savi e
tranquilli. E avendo intesa con Zurigo, Berna e Ginevra, non cessavano
di gridare doversi far nello Stato una sola religione, essere violate
le costituzioni poi bocconi stranieri, si operasse una volta
efficacemente a rintegrare la libertà, riformare il governo e simili
altre parole, che sempre discendono grate nelle avide orecchie della
plebe. Fidati nel favore di questa, sotto Gaspare Alessi ginevrino
predicante di Sondrio, accozzarono un loro concilio prima a Chiavenna
presso Ercole Salis, uomo per servigi ed ingegno in gran nome, poi a
Bergun, paese romancio alle falde pittoresche dell'Albula. Ivi
dichiararono la fazione spagnuola funesta alla Rezia ed alla
religione, micidiale l'alleanza di Francia, buona quella sola di
Venezia: e si concertarono sul come dar superiorità alla parte loro.

Consiglio di volpi, tribolo di galline. Quei predicanti, presa
dall'operare audacia all'operare, corsero intorno gridando contro gli
Austriaci, e che v'erano maneggi per quelli, e che il governatore di
Milano aveva disseminato danari per la Valtellina, e che per
reprimerla si doveva stabilire il tribunale inquisitorio, il quale
correggesse la costituzione venuta omai in gran punto. Il popolo
s'infiamma, tanto poco basta a travolgere le menti di chi, non a
ragione ma ad empito, si conduce. Ercole Salis se ne fa capo,
l'Engaddina e la Pregalia levansi in arme, i castelli dei Planta
fautori degli Ispani sono diroccati, uomini malfattori, accesi in
rabbiosa ira, entrano a forza in Coira. Dispersi o carcerati come
ribelli i preti e persone di gran bontà, tutta quella moltitudine si
conduce a Tosana (_Tusis_), paese romancio a piè del fertile
Heinzenberg fra il Reno posteriore e la formidabile Nolla. Ivi
stanziando le 25 bandiere, con un migliajo e mezzo di soldati,
proclama 13 capitoli per conservare la libertà, e pianta lo
_Strafgericht_. Chiamano così un criminale straordinario di giudici
scelti dalle comunità grigione, che viene ordinato con autorità
dittatoria ogni qual volta alcuna fazione sovverta il paese, si scopra
abuso nel governo o macchinazione contro lo statuto. Questa volta
v'aggiunsero un consiglio di predicanti.

Allora, pretendendo rintegrare la libertà politica col togliere ogni
libertà legale, mandano a compimento i feroci disegni. E una furia
d'accusatori esce addosso a quanti erano sospetti: cioé, come il
solito delle rivoluzioni persecutrici, a chiunque avesse nome di
ricchezza o di bontà. Là il settantenne podagroso Zambra, quasi,
comprato dai dobloni spagnuoli, avesse favorito l'erezione del forte
di Fuentes, venne squartato; là bandita una taglia sul capo di Rodolfo
e Pompeo Planta, del vescovo di Coira Giovanni Flug, e di altri
profughi, ed erette forche sulle spianate lor case(56).

Il dottor Antonio Federici di Valcamonica, mutatosi per opinioni
religiose in Valtellina, prese moglie a Teglio, e si fece protestante.
Egli diede voce che Biagio Piatti, cattolico infervorato di questo
paese, avesse subornato un fratello di lui ed altri della Valcamonica,
perché venissero, e quando i protestanti di Boalzo si trovavano alla
predica, gli uccidessero. Il Piatti fu arrestato, e così altri
supposti complici, intanto che un fratello di esso uccideva Paolo
Besta che aveva recato l'ordine dell'arresto. Biagio, messo alla
tortura, confessò quel delitto e quanti altri se ne vollero, e fu
decapitato dal tribunale inquisitorio, e tenuto per martire dai
Cattolici.

Francesco Parravicini d'Ardenno, settagenario e infermiccio, si
presenta a quel tribunale per iscolpar il proprio figliuolo contumace,
e il tribunale non potendo ottenere si ritirasse, gli coglie addosso
un'accusa. E poiché le sue infermità non permettono di alzarlo sulla
corda, gli serrano i pollici in un torchietto e sebbene stesse saldo a
negare, il condannano in 1500 zecchini. E migliaja di zecchini furono
imposti ad altri.

Nicolò Rusca, a cui da tanto tempo i predicanti, come a sturbatore dei
loro divisamenti, volevano il peggior male che a nemico si possa, non
fu dimenticato dallo _Strafgericht_. Marcantonio Alba di Casal
Monferrato, predicante di Malenco a capo di quaranta satelliti, la
notte del 22 giugno, colto nella sua arcipretura, per l'alpestre via
di Malenco e dell'Engaddina lo trascinò a Tosana. Si dice inviasse nel
tempo stesso per arrestare molti altri, che però, in sull'esser presi,
tranne un Piatti suddetto ed un Castelli, fuggirono, probabilmente
avvertiti da quei Grigioni che saviamente disapprovavano tali
violenze.

Come appena i Sondriesi udirono entrato in forza dei nemici un pastore
che sì caramente guardavano, sorse in tutti una pietà tanto più
generosa quanto che proscritta. Nel primo furore si voltarono per far
rappresaglia addosso a Gaspare Alessio predicante, ma s'era ridotto in
salvo: diressero quindi una deputazione a scolpare l'arciprete, ma non
fu ricevuta: i Cantoni cattolici e Lugano sua patria mandarono Gian
Pietro Morosini a perorarne la causa. Ma il tribunale, cercando casi
vecchi e dubbi come recenti e certi, gli rinnovò l'accusa
dell'attentato contro il Calandrino. Poi di avere subornato il popolo
a non ubbidire alle Tre Leghe, cercato tornar cattolici i riformati,
tenuto commercio di lettere col vescovo e con altri, esortato in
confessione a non portar le armi contro il re cattolico; aver
istituita la confraternita del Sacramento, che asserivano portare
micidiali armi sotto le devote cappe.

Indarno gli avvocati suoi lo scusavano intemerato, protestando la
candidezza dell'animo suo, e come in 28 anni da che era arciprete
fosse stato al bene ed al male che s'aveva, fedele alle Leghe, se non
devoto, tutto in gran fare per l'anime altrui, non avendo in desio che
il bene della religione. Operato bensì che si mitigassero i decreti
pregiudizievoli alla cattolica religione, non ordito però mai contro
il governo. Quanto al Calandrino non che adoprar seco dispiacere od
agrezza, avergli usate quelle maniere di maggior cortesia che il caso
permetteva, visitandolo talora, e prestandogli anche libri. Ma qual
pro delle difese in caso di stato quando già è prestabilita la
condanna? Il ben vissuto vecchio, benché fosse disfatto di forze e di
carne e patisse d'un ernia e di due fonticoli, fu messo alla tortura
due volte, e con tanta atrocità che nel calarlo fu trovato morto. I
furibondi, tra i dileggi plebei, fecero trascinare a coda di cavallo
l'onorato cadavere, e seppellirlo sotto le forche, mentre egli dal
luogo ove si eterna la mercede ai servi buoni e fedeli, pregava
perdono ai nemici, pietà per i suoi(57).

Quel giorno stesso fu segnalato da un gravissimo disastro naturale,
perché di doppio danno avesse a piangere la Valtellina. Vuole la
tradizione che un antichissimo scoscendimento di montagna abbia
coperto Belforte(58) sul cui cadavere s'eresse Piuro, grossa terra
posta a quattro miglia da Chiavenna, nella valle che mena alla
Pregalia. Scorre sul fondo di quella valle la Mera fra due pendii di
montagne, l'uno volto a settentrione tutto pascoli e selve. Quello che
alla plaga del mezzodì riguarda, popolato, senza perderne spanna, di
frutti, di vigneti, di casini, di crotti(59).

Sulla cui falda lentamente inclinata sedeva il paese, pieno "di case
nobili e ricchi mercatanti con ampli cortili e portici, con colonnati,
sale spaziose di vaghe pitture ornate, da stufe alla tedesca
superbissime pel lavoro di intaglio e di commisso, ben addobbate di
tappezzerie di Fiandra e d'altri preziosi drappi, di sedie di velluto
con frange d'oro, di copiose argenterie, di scrigni ben lavorati... di
ameni giardini e spaziosi con ispalliere d'aranci, cedri, limoni...
non solo ne' vasi di legno e di terra cotta, ma di bronzo ancora e di
rame, o molti inargentati e indorati"(60).

Erano poi lodate per una delle belle cose del mondo le case dei
signori Vertemate, i cui giardini sono dal tipografo Locarni(61)
paragonati alle delizie di Posillipo, alla riviera di Genova, ai
romani palagi. Tanta ricchezza vi portavano il passaggio delle merci,
la vendita dei laveggi di pietra ollare che là presso si tagliano, e
la manipolazione della seta, della quale scrive alcuno vi si
lavorassero 20.000 libbre ogni anno.

Nella montagna settentrionale, alla pietra ollare (_clorite
schistosa_) grossolana, untuosa al tatto e liscia sovrastava un
monticello, che chiamavano Conte, di argilla e terriccio. In questo
già da un pezzo i terrieri avevano avvisato qualche crepaccio; ma
quell'estate continuarono più giorni a ciel rotto rovesci di piogge,
che insinuandosi fra la roccia e il monticello, lo scalzarono. E già
franava sopra le vigne del prossimo villaggio di Schillano, ed i
pastori vennero annunziare come e pecore ed api fuggissero da quella
balza. Né perciò si atterrirono quei di Piuro. Mal per loro, giacché
sull'oscurare del 25 agosto (4 settembre secondo il calendario
gregoriano) ecco in un subito scuotersi la montagna di Conte,
ondeggiare. E fra un sordo fragore quasi d'artiglierie murali, lo
scrollato colle scivola sul lubrico pendio della montagna, precipita
sopra Schillano e Piuro, seppellisce uomini e case. I Chiavennaschi
che udirono il fracasso videro caligarsi il cielo, volare fin là il
sommosso polverìo, ed interrompersi il corso della Mera, durarono la
notte intera in dubbio della sorte dei loro amici, di sé stessi: la
mattina rivelò deplorabile scena. Era Schillano grande in quantità di
48 fuochi, di 125 Piuro con 930 abitanti, nobili famiglie e buone
borse, molti tornati appena dalla fiera di Bergamo. Ed anima viva non
ne campò. Dopo alcun tempo la Mera si aperse un nuovo corso fra il
dilamato terreno: si tentò, si scavò, nulla poté ritrovarsi che
masserizie e cadaveri(62). Non mancarono prodigi al terribile caso: la
cometa che in quel tempo aveva atterrito i popoli e i re. Predizioni
portentose: angeli che avvisarono del pericolo, demoni che infierivano
la procella, chi l'attribuì a vendetta di Dio per il licenzioso vivere
d'alcuni, o per i protestanti che vi avevano culto. I più giudicarono
non senza destino fosse accaduto appunto il giorno della barbara
uccisione dell'arciprete Rusca. Fermo tra i miserabili resti e nel
letto del fiume devastatore, che scorre sopra il diroccato borgo, ben
sei disumano se non ti senti stringere il cuore pensando a quelli, che
repente dalla quiete dei domestici lari, dalla preghiera,
dall'amichevole discorso, dalla soavità degli affetti famigliari,
vennero balzati in quell'incognita regione, dove solo si fa giusta la
retribuzione delle opere umane.



CAPO IV

Scontento dei Valtellinesi--Congiura dei Grigioni e dei
Valtellinesi--Sacro Macello.


Ma, dolorosa verità! L'uomo ha più da temere le passioni dei suoi
simili che i disastri della natura. Gran doglia andava continuando
alla Valtellina il severo procedere dello _Strafgericht_, che per
racconciare la libertà guastava la giustizia: provocava lo sdegno dei
nobili col toglierli singolarmente di mira, mentre i popolani (se le
fazioni non ne traviavano il senno) si accorgevano che, percossi i
capi, rimarrebbero essi alla mercede dei predicanti. Nella Valtellina
intanto i Grigioni ogni di più prendevano rigoglio addosso ai
Cattolici, e questi dovevano mandar giù e mandar giù; e se dicevano
parola di lamento, i padroni si voltavan loro con un viso, quasi i
buoni ed i belli fossero essi. Se ti fai a leggere gli scritti di quei
giorni, ti apparrà come i signori vivessero timorosi e tremendi, nei
sudditi fosse un'ira, un cordoglio, un'affannosa speranza, il silenzio
della paura in tutto il paese, l'idea della vendetta in tutti i cuori,
e quel sordo rumore dello sdegno di Dio che si appressa.

Sciagura al governo, che intende col terrore comprimere i soggetti
mentre potrebbe colla giustizia amicarseli! Tristo a quello, il cui
egoismo crede riparar al male coll'acquistare tempo! I perseguitati
grigioni e valtellinesi, e quelli che riputavano meglio un onorato
ribelle che uno schiavo cittadino, cercando fuor di patria sicurezza,
libertà di lagnarsi, speranza di vendicarsi, si davano attorno per
introdurre le armi straniere nella valle non solo, ma nei Grigioni.
Anche il popolo dal terrore alla pietà, poi allo sdegno passò. E prima
parlottar segreto, poi aperte querele, ché nei patimenti sembra
consolazione il gridare e lamentarsi, e venire per il più leggero
appicco a parole, e tutt'insieme a sassi e coltelli. Avendo voluto i
Reti introdurre una chiesa evangelica in Boalzo e Bianzone, s'opposero
a tutta lor possa i Cattolici. E per vendetta di Biagio Piatti i
Cattolici ammazzarono un evangelico di Tirano, e diedero tal avviso
che mal per lui al predicante di Brusio, _primizie de' Martiri_.(63)
Anche al Calandrino, mentre predicava a Mello, una banda s'avventò, e
lo ferì a morte. Anzi avendo i predicanti, dopo la pasqua, fatto una
solita loro accolta in Tirano, i terrieri in arnese d'armi s'erano
rimpiattati al ponte della Tresenda per trucidarli: ma lor ventura
volle ne sentissero fama a tempo per ripararsi.

Intanto i Valtellinesi non lasciavano cura per trovare rimedio
efficace ai mali sì lungamente pazientati. Dal duca di Feria, nuovo
governatore del milanese, e dal Gueffier ambasciadore francese
ricevevano subdoli incentivi: trattarono colle Corti d'Austria e di
Spagna, ma l'ambigua politica di questa niente lasciava trarre a riva.
Il papa, a cui inviarono non una sola volta, li consolava con un mondo
di promesse, ma intanto li teneva confortati ad una pazienza, che loro
pareva ormai intempestiva. Sopratutto adoperavano i fuorusciti, gente
che, nimicissima di chi la proscrisse e nulla avendo a sperare nella
quiete, tutto nei tumulti, badando ai suoi odj più che ai comuni
interessi, è perpetua autrice di partiti estremi e ruinosi, purché
riesca non tanto al proprio trionfo, quanto a danno o a dispetto
dell'inimico. Colle consuete esagerazioni costoro gridavano per il
mondo l'oppressione della patria loro, e confortavano i Valtellinesi a
levarsi una volta per la causa santa, promettendo tener mano con essi.

Poiché ad ogni partito si vuole un rappresentante, un capo, tal fu
Giacomo Robustelli di Grossotto, parente dei Planta perseguitati,
perseguitato egli stesso, uom d'alto sangue, agiato dei beni di
fortuna, d'animo gagliardo e male al servire disposto, e ricco di
quell'ambizione che dei sagrifizj altrui sa fare vantaggio proprio.
Servendo nell'armi, era da Carlo Emanuele di Savoja stato fatto
cavaliere dei ss. Maurizio e Lazzaro, e molt'aura si era tra i suoi
acquistato coll'affabilità e splendidezza, sicché parve opportuno
centro alle trame per liberare la patria. Ben giungeva all'orecchio
dei dominanti come si parasse mal tempo, farsi appresto d'armi e
danari per venirne ad una: ma il sangue del Rusca era montato al
cielo, grave giudizio stava per avvenirne, e Dio gli inebbriava col
calice che manda talvolta a popoli e a principi, il sopore(64).

Ciò faccia saggi i signori della terra, che il pubblico bene, se vuol
che il suddito soffra alcuna cosa, vuol a più forte ragione che, chi
comanda, paventi stancarne l'obbedienza, schermo d'armi non bastare
ove ingiustizie si continuano, e mostrare più ancora dissennatezza che
atrocità chi ai lamenti dei popoli risponde "Confido nel mio
esercito".

Non intenderà mai la storia chi guardi i passati avvenimenti dalla
camera propria, anzi che trasportarsi in mezzo agli uomini, ai
costumi, alle opinioni tra cui furono compiti. La tolleranza, questo
dolce frutto della civiltà fecondata dal vangelo, per la quale noi
consideriamo fratello l'uom di qualunque credenza, e lasciamo a Dio lo
scrutare i cuori e punir gli errori dell'intelletto. La tolleranza che
nei secoli forbiti si risolve in accidiosa indifferenza tra l'errore e
la verità, e fa oggi da molti guardar come buone del pari tutte le
religioni purché morali, era affatto estranea a secoli dove le
pratiche religiose tenevano il primo posto nella società, dov'era
profonda la persuasione che una credenza sola portasse alla salute, le
altre alla perdizione. Chi però dice che la tolleranza fosse
proclamata dai riformatori, mentisce, e basterebbe a sbugiardirlo
questo nostro racconto. Le persecuzioni furono tra essi comuni non
meno che tra i Cattolici, altrettanto fiere e più durevoli, e nelle
dissensioni religiose di quel secolo si trattava solo qual parte
dovesse scannare l'altra; se in Francia i Cattolici trucidare gli
Ugonotti o in Inghilterra il contrario.

Anche in Valtellina si ha per costante che i Riformati si fossero
giurati a fare un vespro siciliano, e ridurre alla nuova religione la
valle, non lasciando razza né generazione dei Cattolici. Questo fatto
potrebbe, se non giustificare, scusare almeno l'estremità dei
Valtellinesi: ma è egli altrettanto vero, quanto asseverantemente
ripetuto? Il Ballarini, il Tuana ed altri scrittori cattolici lo
affermano; e che il governatore di Sondrio si fosse lasciato sfuggire
di bocca, non andrebbe molto che sarebbero tutti d'una fede. Nelle
suppliche sporte dal clero e dal popolo di Valtellina al re cattolico
ed al cristianissimo si asserisce questa congiura. Possibile ardissero
mentire così sfrontatamente in faccia a quelle corone? Parrebbe anzi
che unissero alle suppliche l'atto di quella congiura(65). Ma perché,
mentre si conservarono le suppliche perì tal documento? Come, fra
tanti fasci di carte, che ad altri ed a me non parve fatica rovistare,
questa non si rinvenne? Ben si ragiona di qualche lettera, ed il
Bajacca asserisce nel 1619 esserne caduta in mano dei Cattolici una,
di non si sa qual predicante, che si leggeva "Dio vi salvi, fratelli.
Non potendo la patria conservarsi in altra guisa che col levare di
mezzo i dissidenti, si conchiuse che vengano dalle fondamenta tolte la
città ed il vescovo di Coira, poi la Rezia tutta per riguardo ai
papisti". Ne recitano pure un'altra lunga latina, che suona in questo
tenore: "Fratelli, il dado è gittato... usiamo prestezza: non diamo
agli avversarii tempo a respirare... I papisti non si devono ridurre
alla disperazione se non si possono insieme prendere ed uccidere,
poiché spesso la disperazione è causa di vittoria. Mentre dunque il
ferro è caldo, battiamo: di poi l'occasione sarà calva: moviam loro
liti, molestiamoli citando, disputando, mormorando: calunniamoli,
finché lice quanto piace; quelli d'alto ingegno irretiamo colle
astuzie: allontaniamo così qualunque pericolo possa alle cervici
nostre sovrastare; tronchiamo le più alte: prima il vescovo, gli
abati, i prelati, i ministri avversi prendiamo, poi gli ispanizzanti;
rissiamo gli altri fra loro affinché si consumino: questi cacciamo,
quelli abbattiamo: se non taglieremo, saremo tagliati: oppressi
quelli, nulla è a temere... E ch'io lo dica in una parola: coll'esilio
e la morte di 300 uomini saremo sicuri".

Fin qui la lettera. Ora ti par questo l'ordinamento d'una congiura! O
non anzi il gridare, concediam pure d'un fanatico, ma che non fa che
gettare in mezzo un suo pensamento? Mi dirai che parlar oscuro si
suole in cose di tanto rilievo; ma od egli non temeva che la lettera
cadesse sott'occhio cattolico, e diceva poco; o sì, e diceva troppo.
Chi poi vergò quella lettera? donde? quando? a chi?(66) Manca ogni
data, ogni autenticazione. Come poi cadde in mano ai Cattolici?
Miracolosamente, vi dicono: risposta vaga, che cresce le dubbiezze. E
se considero come pochi fossero i Riformati a petto dei Cattolici,
come fra questi ne fossero di baldanzosi, che, quantunque sbanditi,
vivevano in patria fidando nei satelliti e nel proprio braccio, tanto
da ardire fino insultare i magistrati, sempre più scemo fede a questa
congiura, e vengo a crederla uno spediente, che il secolo nostro non
ignorò. Accusare la parte che soccombette, coprendo l'atrocità colla
calunnia e ammantando di difesa il misfatto.

Ma nulla più facile che ottener credenza perfino all'assurdo in mezzo
al turbinio dei partiti, cui primo effetto è annichilare il buon
senso. Vi si diede dunque retta. Le apparenze si recavano a realtà, i
veri mali s'invelenivano, si fingevano dei non veri, e quelli e questi
aumentavano l'accanimento. Era quello un tempo di rivoluzioni. La
Francia, dopo il macello della famosa notte di san Bartolomeo che
molti guardarono come generosa vendicazione di libertà nel credere, si
era agitata fra guerre terribili, che appena allora avevano posa.
L'Olanda si scoteva sanguinosamente dal giogo della Spagna in nome
della religione. In nome di questa la Boemia rompeva guerra
all'imperatore. Tutta Germania era in tumulto per quella che poi si
chiamò guerra dei Trent'anni. Quanto valga l'esempio nelle rivolte non
fa mestieri ch'io lo dica; né dovette essere allora inefficace a
persuadere i Valtellinesi a procacciare con mano forte ai casi loro.

Il cavaliere Robustelli accozzò nella propria casa a Grossotto alcuni
Valtellinesi di maggior recapito e di spiriti più vivi e con parole da
quel dicitore felice che egli era, discorse i danni ed i pericoli
della patria e della religione. Qui gran disparere. Chi esortava
ancora a pazienza: come si tollerano le brine ed i rovesci del tempo,
doversi tollerare la mala signoria. Esservi altri legali mezzi a
sperimentare, i subugli alla fine non far bene che ai tristi. Essi,
che fin qui potevano mostrare la ragione, non volessero gittarsi al
torto col soverchio avventurarsi, colle rivolte, esperimento
pericoloso quanto la trasfusione del sangue, non s'ottiene che di
cangiar padrone, forse di ribadir le catene, certo di perdere
l'inestimabile dono della pace. I moti popolari, facili ad eccitarsi,
difficili a mantenersi. A parole tutti esser buoni, ma al fatto si
sente che altro è immaginare, altro è soffrire, quando, raffreddo il
primo bollore, si conosce di non aver altro che aperto un varco di
pianto in pianto e d'un male in un peggio. Così dicevano quelli cui
pare che la perseveranza conduca ben più innanzi che non l'impeto; e
che disposti a non transiger mai colla prepotenza confidano fiaccarla
colla sofferenza attiva, persone che il secolo nostro condanna col
titolo di moderati.

Ma uom deliberato non vuol consiglio. E i più ai quali pareva lodevole
il far libera la patria od utile il comandarla o santo il purgarla
dalla eresia, sordi ad ogni voce di moderazione, per bocca del
Robustelli esclamavano essersi sofferto assai: dallo star pazientando
qual buona mercede ce ne venne? I timidi consigli ci fecero
disprezzati, i gagliardi ci faranno rispettati. Chi non comincia non
finisce. Dai padri nostri ne fu lasciata una patria da amare, un
patrimonio da difendere, il dovere di conservare le leggi da loro
promulgate. E la patria ed i beni e le leggi e, che più conta, la
religione ci hanno codesti stranieri tolto o contaminato. Chetare le
speranze in Dio? Quest'è lodevole quando cresca stimolo alle forze,
non quando sia pretesto a cessar dalle opere. Una misera pace ben si
muta anche colla guerra. Cento mila Cattolici, quanti ne abitano dalle
fonti del Liro a quelle dell'Adda, elevano un voto solo: cento milioni
di Cattolici in tutta Europa aspettano da noi esempio, e ci preparano
applausi e soccorsi. Noi dunque concorde volere, noi sdegno generoso,
noi magnanime speranze, noi armi giuste perché necessarie, formidabili
perché impugnate per la patria e per gli altari. Il papa ci benedice,
Spagna ci appoggia, la discordia dei Grigioni ci favorisce. Se
l'occasione fugga, chi più la raggiungerà? Chi non vuole quando può,
non può quando vuole. Torna meglio morire una volta che tremar sempre
la morte. Cadremo colle armi alla mano? Il mondo ci compassionerà, ci
ammirerà come martiri, come eroi. Sopravviveremo alla ben condotta
impresa? Quanto sarà dolce nei tardi nostri anni dire ai figli ed a
chi nascerà da loro: "Noi pugnammo per la patria e per la fede: se
liberi, se cattolici voi siete è merito nostro".

Applausi non mancano mai a chi parla alle passioni più che alla
ragione, e non tardarono ad entrar tutti nel parere più violento. Si
faceva grande appoggio sulle armi e sui maneggi dei Planta, si sperava
dai Cantoni cattolici; "Ribellione (diceva il capitano Guicciardi) si
chiama il macchinare e non compiere l'impresa". "Non mancheranno
ragioni (esclamava Anton Maria Paravicini) se non mancherà la forza di
sostenerle". "Tolgo sopra di me (soggiungeva il valente giureconsulto
Francesco Schenardi), il mostrare al mondo che abbiamo diritto d'esser
liberi ed indipendenti".

Ma come operare il gran fatto? Levarsi in arme, proponevano alcuni:
intimare ai Grigioni di partirsi, ai nostrali di convertirsi alla
fede; dar mano agli _ispazzinanti_ della Rezia per abbattere la parte
ereticale, e chiusi nei propri monti, respingere le armi che venissero
per soggiogarli. Ma "No no (gridava il dottor Vincenzo Venosta), non è
più tempo di mezzi consigli. Le ingiurie contro i principi non si
cominciano per farsi a mezzo: chi trae contro i padroni la spada,
getti il fodero, né ponga speranza che nel proprio valore. Or che
clemenza? che discorrere di diritto e non diritto, di pietoso o di
crudele, quando si tratta di salvare la patria e la religione? Non
sono costoro che uccisero Biagio Piatti ed il santo arciprete Nicolò?
Che chiesero a morte i migliori di noi? Che congiurarono per
iscannarci tutti inermi? Volti Iddio sovr'essi il loro consiglio, e si
scannino fino ad uno quanti eretici dannati al demonio vivono in mezzo
all'ovile di Cristo. Se noi li uccidiamo, se ne parlerà alcun tempo,
indi scaderà fin la memoria loro: se vivi li lasciamo, continueranno a
darsi attorno, cercando a noi nemici, a sé vendetta. Gusti il popolo
la voluttà del sangue, e sia suggello al voto di eterna nimistà con
questi esecrati padroni". Quel caldo parlare vinse i ritrosi pareri, e
fece precipitare la bilancia dei consigli esagerati. Onde, accesi
tutti in gran volontà di un passo terminativo, serrandosi le mani con
quella potenza che è data dall'accordo delle volontà, giurarono
ridurre le vendette ad un colpo e fare a pezzi quanti eretici natii o
stranieri, fossero nella valle. E senza punto frammettere, venne
spedito il capitano Giovanni Guicciardi di Ponte per amicare il
cardinale Federico Borromeo, il duca di Feria e gli altri magnati del
governo milanese. Nel che riuscito a poca fatica, ed avutone anzi 3000
doppie,(67) assoldò esuli e gente d'ogni sorta pel primo sforzo di
liberare la patria.

Non crederete che, fra tanti complici, questi trattati passassero
nascosti ai Grigioni: ma dagli interni tumulti occupati rimessamente
provvedevano, mentre i Valtellinesi per questo appunto acceleravano
vieppiù. E già avevano composto che il 19 luglio, mentre gli
Evangelici erano assembrati alla predica festiva, dovessero assalirli
e trucidarli nel punto stesso, truppe milanesi entrerebbero nella
valle. I Planta dal Tirolo, il Giojero, già podestà dì Morbegno, dalla
Mesolcina, piomberebbero sopra la Rezia. Tutti quei concerti insomma
che al tavolino pajono immancabili, e all'atto svaniscono, lasciando
chi vi credette in faccia alla nuda realtà. Disajutò gravemente
quest'ordine esso Giojero, che ai 13 di quel mese valicò il San
Bernardino, e sceso in val di Reno, difilò sovra Coira, presumendo con
un avventato colpo dare buon cominciamento all'impresa: ma dai
Grigioni respinto, sperperata quella sua marmaglia, fu mandato in fumo
il tentativo.

Né però i congiurati fecero come sbigottiti e vinti al primo colpo
fallito: anzi tenevano pronto armi, munizioni e bravi per un terribile
domani. Ma di rado van piane queste pratiche. Il capitano Giammaria
Paravicini di Ardenno, cancelliere generale ed uno dei più vivi in
tale faccenda, dando nome di dover accudire a certi suoi poderi in
Vacallo, terra nei baliaggi svizzeri, si era messo colà per far còlta
di gente, con cui doveva, appena cominciata la strage, mozzare le
strade del chiavennasco perché di là non venissero Grigioni in
soccorso. Ora non so qual urgentissimo negozio lo chiamò di tutta
prontezza a Milano, donde fece inteso a Giovanni Guicciardi come per
ciò fosse mestieri dare al fatto l'indugio di otto giorni, finché
spedito egli si fosse dagli affari per cui era partito. Quanto se ne
turbasse il Guicciardi lascio a voi pensarlo, ben sapendo di qual
momento sia un'ora sola nelle crisi d'un popolo come d'un malato.
Spedì dunque per il Robustelli, che da Grossotto a Tirano in diligenza
venuto, nella tinaja del podestà Francesco Venosta unitisi molto alle
strette, si consultarono su qual partito fosse a pigliare al caso. Per
evidenti segni appariva il loro consiglio essere trapelato ai Grigioni
o per ispioni, genia non mai scarsa, o per qualche parola mal
avvisata, o per quei piccoli segni che si notano quando si ha niente
indizio d'una pratica. Onde, vigili in loro terrore, si erano recati
in miglior guardia, avevano raddomandate dai Valtellinesi le chiavi di
tutte le pubbliche fortificazioni ed armerie, rifrustavano con rigore
alcune case, avevano posto su ciascun campanile chi, ad ogni primo
rumore, toccasse a stormo, proibito l'uscir dalla valle e fin lo
spedire lettere, tenuti ben d'occhio i caporioni, disposta una tela di
cagnotti che ronzassero alle frontiere.

E appunto in queste guardie cadde un corriere, spacciato a posta con
lettere dal Robustelli al Paravicini. Ciò sapevano i congiurati,
ignorando però come il corriere fosse stato destro abbastanza, da
gettare nell'Adda i dispacci, che avrebbero messa in luce la trama.

In così terribile intradue che fare? Fuggire, proponeva il Guicciardi,
mentre lo scampare era a tempo, e serbarsi a migliore opportunità. Ma
dissentivano fermamente gli altri due: essersi ormai là, dove se
andasse al contrario avevano giocata ogni speranza. Già era in forza
dei padroni un dei loro complici, che al domani doveva esaminarsi alla
corda: e se i tormenti gli strappassero la verità? Poi se anche
riuscisse a loro di fuggire, che ne sarebbe dei tanti, che per
confidenza avevano preso parte con loro? Che della patria, abbandonata
ad un offeso padrone? Già sono in punto d'armi molti satelliti, già il
Paravicini mandò un gomitolo di 40 uomini i quali, dato che siano
scarsi di numero, basteranno poco o assai a coprire il terziere
inferiore. I momenti che il vile usa a fuggire, il prode gli adopra al
vincere. Si tolga dunque ogni indugio al fatto, usando quell'audacia
che padroneggia gli eventi.

Neppur tanto bisognava perché anche l'altro scendesse nel loro parere:
onde navigando perduti, vinse il partito di dar corpo al feroce
disegno, se ne andasse quel che volesse. Le terre superiori non erano
da verun accattolico abitate, né i Bormiesi avevano di che lagnarsi
dei Grigioni(68). Doveva dunque la strage cominciarsi a Tirano, ove
aggregati i manigoldi in casa del Venosta, coll'avidità del fanatismo
già pareva loro mill'anni d'essere al sangue. Appena si oscurò quella
notte, trista per cielo perverso, più trista per i disegni che vi
dovevano maturare, sono fuori, altri a guardare le vie perché non esca
fama del fatto, altri a serragliare la strada di Poschiavo, altri a
collocarsi opportuni. Poi in un sogno pieno di fantasmi e di paure,
quale scorre fra il concepire d'una terribile impresa ed il compirlo,
stettero aspettando l'ora pregna di tanto dubbio avvenire, con quel
gelo di cuore, con quell'indicibile sospensione d'animo, che non
conosce se non chi la provò. Là sul biancheggiare dell'alba quattro
archibugiate danno il segno convenuto, le campane suonano a popolo,
compunti il cuore di paura, balzano dal sonno i quieti abitanti, ma
come all'uscire ascoltano gridare 'ammazza ammazza', e vedono darsi
addosso ai Riformati, tutti sentono il perché di quell'accorruomo.
Ogni cosa è un gridare, un fuggire, un dar di piglio all'armi, chi per
difesa, chi per offesa, e piombare sovra i nemici, e difendentisi
invano, gridanti a Dio mercé della vita e dell'anima, tra le braccia
delle care donne che ponevano i bambini a pié dei sicarj per
ammansarli, e tra i singulti degli innocenti figliuoli, nelle case,
per le strade, sui tetti, trucidarli. Il cancelliere Lazzaroni,
valtellinese riformato, fuggì ignudo su per li tetti, e s'occultò in
luogo schifo; ma additato da una donna, fu finito, e con lui un
cognato suo cattolico, che gli aveva dato mano al camparsi. Il pretore
Giovanni di Capaul si rendette alla misericordia dei sollevati, ed i
sollevati l'uccisero. Trascinarono nell'Adda il pretore di Teglio. Al
cancelliere Giovan Andrea Cattaneo non valse il farsi scudo del petto
di una sposa, che pur era cugina del Robustelli e del Venosta. Non al
Salis vicario della valle ed al cancelliere suo il fuggire a
franchigia nella casa del capitano Omodei, leale cattolico aborrente
di quelle estremità. Al ministro Basso fu tronca la testa e posta, fra
barbari dileggi, sul pulpito da cui soleva predicare. Ben sessanta
vennero in diversa foggia scannati, fra cui tre donne, e le altre ed i
fanciulli perdonati se abbracciassero la cattolica fede. II
Robustelli, entrato a Brusio in val di Poschiavo, schioppettò un
trenta persone, poi mise fuoco al paese. Falò, diceva egli, per la
ricuperata libertà di religione.

Che premeva a costoro? Che difendevano essi? La religione di Cristo?
No, se ne falsavano il primo precetto, il supremo distintivo, amare.
Era abitudine di antichi riti, era quel furore che accompagna le
fazioni, era zelo iniquamente incitato da fanatici capi, che
predicavano questi orrori nel nome del Dio della pace, a sostegno di
una religione, che deve essere propagata con armi incolpate, colla
santità degli esempj, coll'efficacia della parola e della grazia.

Guai se la plebe comincia a gustare il sangue! È un ubbriaco, che più
beve, più desidera il vino. "Ripurgato così (uso le parole del
Quadrio) dalla eretica peste Tirano e le sue vicinanze", si spedirono
a Teglio uomini vestiti di rosso, che annunziassero il felice
incammino dato all'impresa. All'avviso, i Besta corrono coi manigoldi
addosso alla chiesa degli Evangelici e prima li prendono a tiri di
scaglia dalle finestre, poi, atterrate le porte, a coltella li
sgozzano. Diciannove rifuggirono nel campanile, e gli insorgenti,
messovi fuoco, li soffocarono. D'ogni sesso, d'ogni età, fin settanta
ne uccisero, fin un cattolico, Bonomo de Bonomi, perché non prendeva
parte all'esecrando atto. Fin te, povera Margherita di quattordici
anni, che, colla viva eloquenza d'una giovinezza innocente, opponevi
il capo alle ferite dirette al sessagenario tuo padre Gaudenzio
Guicciardi.

Intanto Giovanni Guicciardi levava a strage i paesi da Ponte in giù e
la val Malenco e drizzava i sollevati con forte mano sopra Sondrio,
sede del magistrato supremo della valle. Al governatore di colà
l'usata moderazione giovò per ottenere che colla famiglia riparasse in
patria. Settanta altri, di viva forza apertosi il passo tra gli
assassini, fidati nella disperazione, si salvarono per Malenco
nell'Engadina, e si sparsero a Zurigo, a Ginevra, a Sangallo. Toltì
questi pochi, la plebe, gridando _Viva la fede romana_, saccheggiò le
case, e fece orribile guazzo di sangue. Si figuri a cui regge l'animo
l'orrore di quel giorno, quando ben cenquaranta furono trucidati, ed
un Agostino Tassella, coll'insensata gioja del delitto, come di
bellissima prodezza andava trionfante d'averne egli solo _mandati
diciotto a casa del diavolo_; e un tal Cagnone si vantava pronto a
trafiggere anche Cristo; e la ciurmaglia, stanca ma non satolla,
facendo insane gavazze in Campello, gridava: ecco la vendetta del
santo arciprete.

A Bartolommeo Porretto di Berbenno fu scritto l'ordine dell'uccisione,
ma il buon uomo mostrò la lettera ai Riformati. Qual ebbe merito la
sua virtù? Un furibondo Cattaneo trucidò lui e due altri cattolici:
esordio alla strage dei calvinisti di colà.

La fama precorsa aveva intanto fatto agio a molti delle squadre
inferiori di cansarsi. Ma quando i satelliti, messi alla posta sulle
frontiere, ebbero sentore della sommossa, precipitarono a Morbegno per
pigliar parte all'impresa _gloriosa_ dei fratelli. Alcuni calvinisti,
assicurati di salute sulla pubblica parola, furono richiamati, e poi
crudelmente ed iniquamente ammazzati. I predicanti Bortolo Marlianici,
G. B. Mallery di Anversa, M. A. Alba furono uccisi. L'Alessio campò
con Giorgio Jenatz predicante di Berbenno ed altri. Francesco Carlini
frate apostato e predicatore calvinista, fu mandato all'inquisizione,
ove abjurò. Paola Beretta, monaca apostata, inviata anch'essa a quel
tribunale, resistette, e fu arsa viva.

Andrea Paravicini da Caspano, preso dopo molti giorni, fu messo fra
due cataste di legna e minacciato del fuoco se non abjurasse: durando
costante, fu arso vivo. E si videro spiriti celesti aleggiargli
intorno a raccoglierne lo spirito. Né fu questo il solo prodigio, onde
le due parti pretesero che il Cielo ad evidenti segni mostrasse a
ciascuna il suo favore.

Ignobili affetti presero il velo della religione, e coll'eterna
iracondia del povero contro il ricco, contadini e servi piombarono sui
loro padroni, i debitori su cui dovevano, i drudi sui cauti mariti.
Molte donne, ancora e nella florida e nella cadente età andarono a fil
di spada: Anna Fogaroli, Pierina Paravicini, Caterina Gualteria,
Lucrezia Lavizzari scannate: Cristina Ambria, moglie di Vincenzo
Bruni, e Maddalena Merli precipitate dal ponte del Boffetto. Ben venti
nel solo Sondrio(69). Anna di Liba vicentina di sette lustri con un
bambolo alla mammella, perché ritrosa a rinnegare la fede che aveva
abbracciata col marito Antonello Crotti di Schio, venne in quattro
trinciata. Costanzina di Brescia, giovinetta di viva bellezza, era
troppo piaciuta ad un giovinastro, che chiestala invano d'amore, covò
la vendetta sino a quel giorno quando di sua mano le passò la gola.
Caterina si era ad onta dei fratelli, sposata in un Marlianici
protestante, ed i fratelli si piacquero sfracellare il cognato, e
balzare nell'Adda la miserabile che lo piangeva.

Poi per molti giorni, come bracchi entrati sulla traccia, si mettevano
fuori all'inchiesta i villani con forche e picche e moschetti e
crocifissi tutto insieme, facendo gesti e schiamazzi, ridicoli se non
fossero stati tremendi. Le selve si mutarono in armi. I coltelli delle
chete mense, le benefiche falci erano travolte al misfatto. Nelle
caverne, disputate ai lupi e agli orsi, si trucidavano freddamente i
latitanti. Quali perirono di fame. Tratto tratto uno sparo annunziava
un nuovo assassinio. Non v'è così solitaria valle, ove tu non possa
dire: qui fu versato sangue. Non eco di quei taciti poggi, che non
abbia ripercosso ì miserabili lai di moribondi. E fortunato chi moriva
di primo colpo, senza vedersi scannate innanzi le persone care, senza
bevere a sorsi una morte disperata, straziati a membro a membro, coi
visceri divelti, col corpo spaccato dalla polvere accesa nella gola...
Vien meno la virtù della favella a descrivere quell'orribile arte di
strazio. Deh quante vedove fece quel giorno! Quanti orfani! Quanti
nodi d'amore barbaramente troncati!

Che più? Fanatici frati, sacerdoti del Dio che perdona, aizzavano la
moltitudine, quasi non credessero poter essere zelanti senz'essere
feroci. Battista Novaglia a Villa tre di sua mano ne scannò; frate
Ignazio da Gandino venne a posta da Edolo; l'arciprete Paravicini
inanimava i suoi Sondriesi a tuffarsi nella strage dei fratelli; il
Piatti, curato di Teglio, attaccò il dottor Federici di Valcamonica,
_e fatto il segno della croce quale portava nella mano sinistra e una
spada nella destra, ammazzò detto dottor Calvino con altri seguaci_;
il domenicano Alberto Pandolfi da Soncino, parroco delle Fusine, con
uno spadone a due mani guidava il suo gregge a trucidare i fratelli di
quel Cristo, che aveva detto: _Non ucciderai_. Il _Sacro Macello_ e
allora e poi fu lodato come santo e generoso da storici, da principi e
da papi(70). Ma al secolo mio, al secolo che pure macchiò le mani di
sangue e di che sangue, e di quanto, io non ardirò domandare se possa
lodarsi quella impresa: domanderò solo se possa scusarsi. Grave è
l'oppressione dei reggitori, cara la religione in cui si nacque, siano
vere le vessazioni tutte, finanche la congiura: ma era d'uopo scannare
i nemici? Avvisati del pericolo, non bastava provvedere alla difesa? E
volendo pur togliersi di suggezione, non si poteva intimare ai
Riformati che abbandonassero quella terra? Intimarlo con quella
potente concordia, a cui nulla possono negare gl'imperanti? Che dirà
il lettore quando saprà che dei 600 uccisi (l'appunto non si può dire
essendo chi li scema e chi d'assai li cresce) poche decine erano
Grigioni, gli altri indigeni o rifuggiti d'Italia? Ma l'età si era
rifatta barbara. Sull'Italia, la prima svegliata, tornava la notte dei
mezzi tempi, e ve l'addensavano gli stranieri suoi dominatori. Poi di
tempo in tempo si getta fra i popoli un furore, simile alle epidemie,
durante il quale ogni riparo di ragione, ogni consiglio di prudenza
esce indarno. Quasi per una adamantina fatalità, bisogna che si compia
il reato, che si colmi la misura, per lasciare poi ai popoli il
pentimento quando dalla colpa e dal delirio vedono germogliare
inevitabili la miseria, l'oppressione, il tristo disinganno e il
tardivo pentimento.



CAPO V

La Valtellina indipendente--Invasa dai Grigioni--Politica delle
potenze--Battaglia di Tirano--Governo della Valtellina--La Valtellina
resa ai Grigioni--Lamenti--Il trattato di Milano è cassato I Grigioni
espulsi dalla Valtellina--Invasi dagli stranieri--Riconoscono
l'indipendenza della valle--Ne spiace alle potenze--Ambagi
diplomatiche--La valle consegnata ai Papalini--Occupata dai
Francesi--Trattato di Monson.


Il primo respiro da una lunga oppressura sembra un trionfo per i
popoli, e facilmente si persuadono che la felicità d'una subitanea
riuscita sia tutto merito proprio, e rimanga compiuta l'opera, mentre
appena fu incominciata. Ma a vincere basta talvolta l'impeto, a
conservare ed ordinare la vittoria si richiedono senno, concordia,
abnegazione, virtù rare in ogni tempo. E quella perseveranza che è il
più difficile eroismo. Quante rivoluzioni felicemente iniziate, non
vedemmo noi o fallire il momento dopo per inettitudine degli uomini, o
riuscire a meschinissimi effetti per l'accorto aspettare dei nemici, e
per la improvvida fiducia dei trionfanti?

Quelle gioje così vivaci e così spesso fuggevoli, furono gustate
allora dai Valtellinesi, i quali, dichiaratisi indipendenti,
scancellate le impronte della retica dominazione si diedero un governo
provvisorio, e cominciarono a far decreti. Presero al fisco i beni dei
Grigioni, restituirono la patria agli sbanditi, i possessi alle
chiese. Chiamarono frati a predicare e confessare, accettarono il
calendario gregoriano, la bolla in _Coena Domini_, il concilio di
Trento. Invitarono il vescovo a far la visita, stabilirono
l'inquisizione contro gli eretici, levarono il seminario acattolico,
indi, con larghe proferte, trassero dalla loro i Bormiesi. Più allora
che mai saria convenuto a questi osservare quel loro statuto _de
comunione non habenda cum Valle Tellina_, ma i politici, sperando che
i passi delle regie truppe, _quasi al tocco d'un Mida, convertirebbero
in oro perfino le rupi_, e i devoti per essere _quella santa
rivoluzione a Dio dedicata,_(71) indussero i Bormiesi a prendere
quel che chiamavasi il partito santo, il partito di Dio.

I Valtellinesi, in generale ragunata, sortirono al grado di capitano
generale della valle, e governatore, Giacomo Robustelli, con 200 scudi
il mese "per aver cominciato l'impresa di nostra libertà con sue gravi
spese e danno", suo luogotenente il Guicciardi. Sentendo il vicino
pericolo, sfondarono i ponti, bastionarono paesi, si rassodarono di
uomini, armi, danaro, nervi della guerra. Mandarono ambasciatori a
quanti erano di momento in quell'affare, ai Cantoni svizzeri, al
nunzio apostolico in Lucerna, al papa, all'arciduca Leopoldo
d'Austria, e lettere particolari di gran calore a tutti i popoli
cattolici, dando pieno conto del fatto loro per loro giustificazione(72).
Anche ad Andrea Paruta, generale veneto di terraferma, spedirono per
sincerarlo ed imbonirlo: ma furono accolti a dir poco, freddamente. E
Venezia, salda coi Grigioni e malvolta verso i sollevati, richiamò
dalla Valtellina tutti i suoi sudditi, e allestì di armi il confine. E
in generale s'aveva poca simpatia per assassini, e spiaceva la
prevalenza che Spagna veniva ad acquistare.

Che il governatore di Milano avesse notizia della meditata
sollevazione, non si può dubitarne. E come altri ai dì nostri, avrà
accarezzato il tentativo con quelle parole che non legano il forte,
eppur dal debole sono accettate per promesse. Sciagurati i popoli al
momento che su quelle debbono contare. S'appoggiarono a una canna, e
questa si ruppe e straziò loro la mano. E i popoli invece di
confessare d'essersi ingannati, incolpano altrui e gridano all'inganno
e al tradimento.

I Valtellinesi più sempre tenevano raccomandati al duca di Feria i
soccorsi che dicevano promessi. Ma questi stava colle mani giunte, o
temesse far manifesto d'aver sin da prima intesa coi Valtellinesi, o
volesse attendere finché con qualche bel fatto avessero dato segno di
valore, prova di fermezza, speranza di esito prospero, e mostrato se
dovesse il mondo chiamarli ribelli od eroi.

Il successo era stato in questo mezzo udito gravissimamente dai
Grigioni in Chiavenna, i quali in grosso numero trovandosi, ebbero
tempo di pararsi in difesa, steccare gli accessi, farsi prestare dai
Chiavennaschi giuramento di durare in fede. Ond'è che quella parte
rimase immacolata di sangue. Il governo grigione poi, avutone avviso,
si affrettò a far piangere amaro il fatto ai Valtellinesi, e a ciò
chiese l'aiuto dei confederati. La lega grigia era quasi tutta
cattolica, e impediva i provvedimenti contrari ai propri fratelli di
religione. Talché rifiutò le armi, e solo la lega Cadea e le Dritture
si ordinarono a vendetta e, sotto Giovanni Guller ed Ulisse Salis,
3000 uomini spedirono per lo Spluga a Chiavenna, e per Chiavenna in
Valtellina. Il Robustelli e gli altri capi volevano mostrarsi degni
del primo posto coll'adoprar vivamente a raccogliere difensori,
sperando che l'ardore adoprato nella subitanea sommossa durerebbe alla
lunga difesa. Ma pericolosa e inutile è quella che si fa
tumultuariamente e senza ordine, e il popolo precipitoso,
sconsiderato, che piglia l'armi in fretta, in fretta le gitta. I
Grigioni, o schivando, oppure valorosamente superando le opposizioni,
grossi ed impetuosi investirono Traona, occuparono il ponte di Ganda,
e varcato su quello l'Adda, voltarono difilato sopra Sondrio, dove
altri giungevano da Val Malenco. Sondrio, abbandonata di soccorsi e
imperfetta di mure, non potea, non che una regolare oppugnazione,
neppur reggere una battaglia di mano. Onde i cittadini, credendo, come
si fa delle male nuove, ogni cosa peggio del vero, e ripieni di
presentimenti funesti per vedute meteore, determinarono abbandonarla,
ricovrandosi ad Albosaggia, terra montuosa sulla sinistra dell'Adda,
ove potrebbero ancora difendersi col fiume e coi ridossi. Miserabile
spettacolo, vedere le lunghe file degli abitanti con infinito sbattito
d'animo, seco trascinare quel che di più caro avevano, e piangere e
desolarsi. E l'affetto di quelli che dovevano abbandonare gli infermi
e i vecchi, e le povere monache di San Lorenzo, uscite dall'asilo ove
si erano ripromessa pace perpetua, venire, alla guida dell'arciprete
Paravicini,(73) attraverso ai monti per ricovrarsi a Como. Entrarono i
Grigioni in Sondrio, uccisero due infermi trovati, e n'ebbero i
mirallegro da alcune donne salvatesi col fingersi cattoliche, e le
quali ora gettavano ai loro piedi i rosarj e gli scapolari di che
s'erano fatto scudo.

Ho sempre creduto il più inutile uffizio della storia il divisare per
minuto i casi delle guerre. Tanto, mutati i nomi, è uniforme questa
scienza dei figli di Caino. Da per tutto invasioni e fughe, incendj di
paesi, racquisti, vittorie, sconfitte alterne, sangue, lacrime,
terrore, desolazioni d'ogni parte. Stando ai sommi capi delle cose,
dirò come il Feria, veduto che ai Grigioni davano soccorso ed i
Cantoni protestanti e la Repubblica di Venezia, mandò giù la visiera,
gravò il Milanese in 900.000 lire, ottenne che Madrid dichiarasse la
valle sotto la protezione reale, e bandì inimicizia e guerra ai
Riformati. Aggiungeva legna al fuoco Paolo V papa, che offrì 80.000
scudi d'oro, bramoso di mettere una barriera all'eresia. Si udirono i
predicatori in Milano esortare i fedeli all'impresa, che denotavano
col titolo, così spesso e stranamente abusato, di crociata.

Tutta Europa si mise in ragionamenti di politica per quell'angolo
d'Italia, piccolo sì, ma che, per la sua postura, faceva gola a troppi
potentati. Imperocché la Valtellina, come dicemmo, dall'estremo
occidentale tocca il Milanese, dall'opposto il Tirolo; gli altri due
lati confinano coi Veneziani e coi Grigioni; ed è noto che allora un
ramo austriaco imperava in Germania, un altro nella Spagna, nel Nuovo
Mondo e in tanta parte d'Asia. Immensi possessi, tra cui andavano
perduti il Milanese e il Napoletano. Cadeva la Valtellina alla Spagna?
Ecco aperto e spedito un passo, onde tragittare qualunque esercito
dalla Germania in Italia, volessero o no gli Svizzeri ed i Grigioni.
Che se in tal modo si fossero dato mano i domini austriaci dalla Rezia
fino alla Dalmazia, avrebber tolto in mezzo la Venezia e gli altri
Stati Italiani, impedendo a questi i soccorsi esterni, e divenendo
arbitri della Penisola. Veniva poi il papa, sperando in quel torbido
pescare grandezza alla Chiesa od ai nipoti; veniva la Francia
ingelosita della baldanzosa potenza austriaca, come la chiamava il
Richelieu. Dall'altra parte i Riformati della Rezia, di Svizzera, di
Germania, d'Olanda, fin d'Inghilterra, sostenevano, per interesse di
religione, gli antichi dominatori: i predicanti, in ogni paese,
narravano ed esageravano l'assassinio, chiedendone vendetta, a nome
non solo della fede, ma dell'umanità. Non è dunque meraviglia, dice il
Capriata, se, come per la bella Elena i Greci ed i Trojani, così per
la Valtellina i principi, con tutto lo sforzo dell'imperio e
dell'autorità, si travagliassero.

I Valtellinesi come seppero che il re cattolico li aveva presi sotto
la sua protezione, alzarono bandiera spagnuola, se non disciplinati,
certo arditi all'opera, e mentre alcune truppe del Feria passavano
nella Geradadda, per fare una diversione ai Veneziani, altre salirono
nella valle, rammezzarono ai nemici la marcia, difesero Morbegno,
ripresero il ponte di Ganda, e don Girolamo Pimentello, generale della
cavalleria milanese, munì i passi, occupò la riva di Chiavenna, talché
i Grigioni dovettero ripassare le Alpi retiche. Non già per restare
dalle offese, ma per rinfocarle. Imperocché, accresciuti dall'oro
veneziano e dai soldati svizzeri, piegando su per il lungo
dell'Engadina riuscirono, per la valle di Pedenosso, a sboccare sopra
Bormio in numero di 7.500, e chi dice fin di 12.000(74) soldati.
Avevano mandato innanzi Giovanni Scinken cancelliere di Zug, persona
di gran ricapito, a cercare i passi dai Bormiesi. Ma alcuni, còltolo
fra le gole, lo scannarono e seppellirono con obbrobrio. Fu olio a
fiamma: i Grigioni, più inacerbiti, piombarono sul paese, ed unendo
cupidigia e crudeltà al fanatismo religioso, si piacevano profanare
quanto i Cattolici avevano in venerazione, nella marcia vestire
piviali, tunicelle e cotte, sfregiare e bersagliare le imagini devote,
illaidire i lavacri battesimali ed il sacro pane, coi crismi ungersi
gli stivali, mutilare sacerdoti, menar danze nelle chiese al profanato
suono degli organi, usare a desco i calici e le patene: empietà che,
per gli animi commossi, non potevano succedere senza sangue.

Incontro a loro si erano mossi i Valtellinesi e gli Spagnuoli col
Pimentello, traendo anche le artiglierie del forte di Fuentes. Varie
incomposte avvisaglie dapprima: poi grossa e brava battaglia si fece a
Tirano, ove ben otto ore durò un tremendo menar di mani, finché i
Valtellinesi ebbero la migliore. Oltre 2.000 fra Grigioni ed ajuti si
dissero periti chi di ferro, chi nell'Adda, fra i quali il colonnello
Florio Sprecher. Il prode Nicola da Myler, capo degli ausiliarj
bernesi, in sul partire per la guerra, toccando i bicchieri coi suoi
amici, aveva promesso di riportar loro tante chierche di papisti,
quante anella contava una lunga catena d'oro, che gli pendeva dal
collo. Ucciso lui, quella catena fu mandata in dono e trofeo al
governatore Feria. Cinquanta Spagnuoli si divisero le spoglie di
Bormio e 30.000 ducati della cassa militare. Memorabile vittoria, la
quale, anzichè al valor confidente di chi combatte per la patria e per
la religione, il popolo devoto volle ascrivere a prodigio del Dio
degli eserciti, asserendo che la versatile statua dell'arcangelo
Michele, posta sul pinacolo del santuario della Madonna, per quanto
durò la pugna, si tenesse rivolta, benché contrario spirasse il vento,
contro ai Grigioni, vibrando minacciosamente la spada. Il Feria fece
stampare tal prodigio, e lo mandò a Madrid, insieme con una imagine
dei ss. Gervaso e Protaso, che sulla facciata della chiesa di Bormio,
fatta bersaglio delle fucilate, ne era rimasta illesa.

I Grigioni più che di passo ripiegarono verso Bormio, indi in patria:
avendo prima con insoliti ed aspri consigli irritato i loro soggetti,
poi con armi insufficienti mostrato incapacità di ritornarli alla
rotta pazienza. I Valtellinesi sbarrarono quel calle con una fitta
muraglia. Altre ne eressero a Tirano, a Sondrio, a Morbegno e gli
Spagnuoli rimasero a tutela.

Ma tutela migliore fu il mettersi della vernata, che chiuse di nevi e
ghiacci tutti i passi. Onde, sostando il pericolo, la Valtellina, come
libera di sé, in universale assemblea, si recò in mano tutta
l'autorità del governo, nominò i magistrati e pose fra i primi un
rappresentante del ducato di Milano. Rese le monache ai conventi,
riconsacrò le chiese, disperse le ossa degli eretici, promise di tutto
soffrire, anziché tornare alla distrutta dominazione; ed entrò in quel
secondo stadio delle insurrezioni, dove gl'intriganti sottentrano ai
convinti.

Mentre l'inverno quetava la guerra delle armi, risvegliava una guerra
di penne fra i gabinetti, agitandosi il destino della valle da
politici, da giureconsulti, da teologi e da quei tanti che ponevano in
campo ragioni sopra di essa. Né dormiva la Valtellina, mandando al
papa, ai re, alle repubbliche, affinché la conservassero indipendente.
Più che i soccorsi e la diplomazia a gran vantaggio le tornavano i
lunghi odii civili delle Tre leghe, ove Cattolici e Riformati
litigavano fieramente, in apparenza per dissenso religioso, in fatto
per i raggiri della Spagna e della Francia, che volevano far prevalere
ciascuna il proprio interesse. A maneggi e ad armi soprastettero in
fine i Cattolici, ed il Feria usò pienamente questa sbattuta a pro
della sua corona, lasciando, come spesso accade, i fiacchi nelle
peste, e conchiudendo in Milano una perpetua lega, a condizione che la
Valtellina tornasse ai Grigioni con buoni patti, e i Grigioni
concedessero libero passo alle truppe spagnuole.

Quanto la lega grigia, cattolica di sentimento, si tenne lieta di
questo accordo, altrettanto le altre due, singolarmente la bassa
Engadina, la avversarono sollecitate dai Veneziani e dai Francesi che,
per non lasciar crescere la Spagna, volevano rialzare i Reti, e
restituire loro la valle in pieno diritto. Anche i predicanti
schiamazzavano contro quel capitolato, onde si ruppe a baruffa, ed il
Feria mandò armi che sostenessero la guerra fraterna. La quale scoppiò
nel marzo, ed i Riformati, dati nell'armi e nel sangue in Engadina,
ritolsero Tosana ai Cattolici. Gli assaliti in gran terrore mandarono
verso Bellinzona le loro masserizie; ma sebbene i Riformati
respingessero fin là alcuni Borgognoni venuti a difesa dei Cattolici,
in fine la fortuna si volse a pro di questi, che ajutatì dai Luganesi,
ricacciarono gli assalitori.

Allora i potentati e Gregorio XV succeduto papa ed informato da
persone gelose dell'austriaca potenza, scrissero al re di Spagna
contro il Feria, quasi fosse turbatore della comune pace,
supplicandolo perché rendesse le cose di Valtellina in punto di comune
soddisfazione.

Giunsero le lettere quando il re stava negli estremi di sua vita, e
corse fama che nel testamento egli legasse al figlio ed erede suo
l'obbligo di restituire la valle ai Grigioni. In fatto l'imbecille
Filippo IV successogli, perché non paresse occupare l'altrui, né
soperchiare la libertà italiana, stabilì in Madrid che la valle
ritornasse ai Grigioni nell'antico assetto di cose, demoliti i forti,
levati i presidii, perdonata la ribellione: il re di Francia, gli
Svizzeri e Vallesiani stessero mallevadori per i Grigioni.

Pensate qual dire ne facessero gli insorgenti, fomentati forse dalla
Spagna a rivoltarsi ed or dalla Spagna consegnati ai nemici!
Mormoravano che il Cattolico avesse condisceso fiaccamente alla
moglie, sorella del Cristianissimo. Spedirono uomini a posta a dire, a
pregare, a lagrimare. Sposero anche al re cattolico gagliarde
significazioni in una lunga supplica, della quale questi erano i sensi
e quasi le proprie parole(75): "Soffra la serenissima vostra maestà
che noi poveri clero e cattolici di Valtellina veniamo supplichevoli
in atto ad umiliare nostre ragioni ad una corona, che degnò prenderci
in protezione; ad una corona che ha per primo fregio la santa croce ed
il titolo glorioso di cattolica. Tardi, e ce ne rincresce, le abbiamo
dichiarate le nostre querele, sicché la M. V. mal informata, (lasci
pur dirlo) sì per la politica, sì per la religione, trascorse a
concedere qualche speranza ai pravi eretici Grigioni di ripossederci.
E dalla religione cominciando, la quale più deve stare a cuore alla M.
V., che, sull'esempio de' gran padri suoi, tanto adoperò per
conservarla pura, resti servita di considerare in che pessima guisa
sieno corse le cose da quando cademmo sotto il giogo di quel popolo,
barbaro di costumi, empio di fede. Sarebbe un non finire mai
l'annoverare le vicende nostre, già per abbastanza relazioni fatte
note al gran teatro del mondo, talché ormai de lamenti son nojati
coloro, che non provano il martello di queste acerbe disavventure:
ruine, demolizioni di chiese: mutati i templi di Dio in _baserghe_
d'abominazione: i sabati volti in obbrobrio: il santo Nicolò Rusca
tratto al martirio: quanti Cattolici avevano fermezza, perseguitati,
cacciati: istituite scuole d'empi dogmi, sicché potevamo dire con
Isaia: La vite s'infiacchì, gemettero quei che giubilavano perché
trasgredirono la legge, mutarono il diritto, dissiparono il patto
sempiterno. Non più onore al culto, non più il dovuto rispetto alle
venerabili immunità del clero, al quale il gran Costantino, specchio
singolare degli imperanti, come vedesi chiaramente in Rufino 1. X c.
10 dell'istoria Ecclesiastica, aveva detto: _Dio costituì voi
sacerdoti, e vi diede podestà di giudicare anche noi regnanti, e
quindi noi giustamente siamo giudicati da voi, ma voi non potete
essere giudicati dagli uomini, perocchè dal solo Iddio voi aspettate
il giudizio_. Che più? I Grigioni, li cui consigli Dio perda tutti
così, avevano ultimamente fatto trama di sagrificare fino ad uno i
Cattolici per radicare la scellerata eresia dell'empio e maledetto
Calvino in questa bella Italia, ov'è (al dir del poeta) la sede del
valor vero e della vera fede.

"Così tollerarono i Valtellinesi, lo sa Iddio, fin all'estremo, quando
si stancò la loro longanimità; e dalla schiavitù di Babilonia
aspirando alla libertà della vera Gerusalemme, fecero siccome Giuditta
che trucidò il nemico della sua patria, siccome i Macabei che
s'armarono contro gli Assiri, siccome i savi di Giuda che si tolsero
all'ubbidienza di Joram re, perché _dereliquerat dominum Deum_. Il
Signore, che per far molto non ha bisogno di molti, avvalorò con
evidenza di effetti il braccio di quelli, che avevano posto mano
all'aratro senza guardarsi indietro. I re, gli infallibili papi
autenticarono la santa impresa, colla quale ci togliemmo dal collo il
retico e l'eretico giogo. Quali furono l'opere nostre dopo che,
ajutante Dio, ci vendicammo in libertà? Rimettere in onore i santi ed
il clero, introdurre il calendario gregoriano, proclamare il
sacrosanto sinodo di Trento, ristabilire il santo uffizio
dell'inquisizione, ottimo a tutelare la fede.

"Ed ora crederemo noi che la M. V. abbia fatto alcuni capitoli per
ritornare questa mondata terra di Gessen nelle mani d'eretici
perversi, i quali, siccome avevano fatto del loro paese una Babele di
discordie, una Tebe di tragedie, così dal nostro avevano cacciato la
quiete, la pietà e poco meno che la religione? Volete dunque si
rinnovino tutti gli abomini, si cancelli quanto di santo e di
cattolico fu introdotto dopo il '20, torni la nostra patria un rifugio
ed un seminario di Calvinisti? Né vi ricorda quant'oro e quanto sangue
abbiano sparso i vostri gloriosi antipassati per conservare pura la
ss. religione? Né vi ricorda che poc'anzi, ricevendo la corona, avete
giurato a Dio ottimo massimo di proteggere la fede romana, e di
estirpare le eresie?

"Vi avranno forse detto che la Valtellina spetta per diritto a'
Grigioni. Falso, falso giacché quella spontaneamente in torbidi giorni
si strinse in lega coi Reti: e solo dopo che l'uomo inimico seminò la
zizzania e l'eresia, che ha per base la ingiustizia ed è nemica de'
legittimi e madre de' tirannici imperii, questi mutarono la
confederazione in padronanza, e ci fecero come schiavi stare così, che
non potevamo star peggio. Fu dunque non ribellione la nostra, ma un
richiamo alla preziosa e imprescrittibile libertà. Però avessero pure
avuto i Grigioni diritto sopra di noi: chi non sa come, per comune
sentenza de' teologi non si sia nodo gordiano di suddito, di padre, di
fratello così tenace, che l'eresia, come spada d'Alessandro, non lo
recida? Per questo la santa memoria di Gregorio IX _ae haereticis capo
ultimo_, assolse d'ogni debito di fedeltà verso un padrone caduto in
eresia: e Lucio papa, _ad abolendum statuimus_, ordinò si scaccino gli
eretici sotto pena di scomunica.

"O forse a questo fare si indusse la M. V. pel desiderio del bene e
della quiete di questa valle? Qual bene! Quale quiete! Se i Grigioni
tanto aspramente ne trattavano in buona pace ed in sicurezza d'amore,
che non faranno tornando irritati col ferro alla mano, sopra un popolo
vinto ed abbandonato? Si rinnoveranno gli orrori del tribunale di
Tosana; faranno più che prima alle peggiori per la vita, per la roba e
(quel che più ne importa) per la religione; né sarà cosa che non si
credano lecita dopo che quei valorosi campioni, i quali, con singolare
sdegno di zelo e di ragione, restituirono la libertà alla patria, la
quiete alla fede, saranno stati scannati sull'altare della vendetta,
senza poter neppure dire, ohimé! _Difficilimum imperare nolentibus_:
noi parliamo esperti, e tutti siamo pronti a morire (e ne fossimo
degni!) per la santa religione. S'eterneranno adunque gli sdegni fra
sudditi e signori, e di tutto che ne potesse nascere, Dio chiederà
conto alla M. V. Né v'impedisca la promessa legata a coloro, giacché
niuno è tenuto a portar fede agli infedeli. Bensì ponete mente alla
perfidia de Grigioni a mille segni palesata; che cacciarono i
ministri, vilipesero i legati, uccisero i soldati vostri. E voi li
premierete a danno de' Valtellinesi, fedeli a voi quanto Dio vel dica?

"Deh piuttosto, se albergate alcuno spirito di pietà, movetevi in
favore d'un paese, che solo da Voi, dopo Dio, spera salute. E noi
siamo italiani di nome, di lingua, di costumazione, di generoso
sentire: e sopra noi s'inazzurra il limpido cielo di quella bella
Italia, ov'è sì grande il nome ed il potere di V.M.. Perché da quella
separarne? Perché tornarci al giogo che la Dio grazia scotemmo,
anziché formare di noi fedeli vassalli, che benedicano in eterno alla
vostra bontà? Prostrati in umilissimo aspetto, colle ginocchie a
terra, con tutte le viscere del cuore e pel sangue del Figliuolo di
Dio, noi vi esortiamo _ne tradas bestiis animas confitentium Deo_.
Trovi la M. V. come comporre la pubblica tranquillità: ma deh non ci
tradiscano le mani, in cui a confidenza ci siamo noi posti. Mantenga
questa porta d'ltalia senza macchia né ruga di eresia, e non che a'
suoi ventidue regni, che il Cielo conservi, ma al mondo tutto faccia
manifesto, che è propriamente quale si intitola, difensore
principalissimo della santa, cattolica, romana religione". Queste
ragioni, esposte cogli ingredienti d'allora come cogli ingredienti
d'adesso si fanno i proclami e gl'indirizzi odierni, giravano colle
stampe, e quantunque non lasciassero i Grigioni di rispondervi(76),
pure furono di qualche momento presso il re di Spagna; e forse egli
aveva acceduto a quel trattato soltanto per gettare polvere negli
occhi, e studiava del come snodarsene; tanto più dopo che gli fu, a
prove di consigli e di valore, mostrata la fermezza dei Valtellinesi.
E la fortuna mandò tempo al suo disegno: perocchè adunatasi in Lucerna
la dieta svizzera cattolica, vi si presentarono i Grigioni dando
l'atto del perdono generale alla Valtellina, e chiedendo la
restituzione di questa. Il Tommasini inviato di Spagna, o vi fossero
di fatto o volesse vederli, notò dei cavilli in quell'amnistia; e gli
Svizzeri, forse abbagliati dai dobloni di Spagna, ricusarono
interporsi mallevadori, e così l'accordo andò sturbato.

Allora di nuovo sulle armi i Grigioni: e sicuri d'avere chi li
secondava al lembo del bergamasco e del bresciano, fatto massa,
irrompono nel bormiese con 12.000 soldati, saccheggiano, mandano a fil
di spada e di vergogna, colla crudeltà di barbari e fanatici
vincitori. Ma il governatore Feria si era inteso coll'arciduca
Leopoldo, il quale già al primo tumulto avendo fatto capo nel forte di
Santa Maria nella tirolese valle di Monastero (_Munsterthal_), tosto
invase i retici confini. Il Feria stesso veniva su per la Valtellina,
accolto a stendardi sciorinati, a saluti di trombe, d'artiglierie, di
campane, acclamato il protettore, il liberatore. A Sondrio il
Robustelli gli fece comodità della sua casa, ed il padre maestro
Cherubino Ferrari Legnani teologo carmelitano recitò, poi stampò un
_elogio a perpetua memoria et a gloria immortale de l'ill. et eccell.
sig. il sig. D. Gomez de Figueroa et Cordova, duca di Feria ecc. per
l'heroica et santa impresa d'aver cacciati gli eretici dalla
Valtellina_, ove colle ampolle proprie di quella età, vien dicendo
come la Valtellina gli erge a perpetua memoria un monumento, ove archi
sono gli intelletti dei popoli, piramidi le memorie, trofei le
volontà, statue i petti, colossi i cuori.

All'ancipite pericolo si erano i Reti ricoverati in casa, e gli
Spagnuoli inseguendoli, avevano stimato bene mettere il fuoco a
Bormio, bruciando settecento case, e tredici sole lasciando illese!
Tanto e amici e nemici parevano in gara di far male. Ripiegò poi il
Feria sopra Chiavenna, e snidatine i Grigioni, li perseguitò per Val
di Reno e per la Pregalia.

Ecco maturato per i Grigioni l'amarissimo frutto di loro dissensioni.
I Planta, capi della parte cattolica e spagnuola, scacciati,
chiamarono vilmente le armi straniere contro la patria: onde
l'arciduca d'Austria per la valle di Monastero mandò il generale
Baldiron con 10.000 uomini ad occupare l'Engadina, e Coira stessa.
D'ogni parte venivano cacciati gli eretici, presa vendetta delle
antiche ingiurie, respinti i Salis; e dopo scene compassionevoli di
assassinii fraterni, le Dritture furono staccate dalla Rezia e poste a
dominio austriaco. Fra il terrore delle spade straniere e lo
scompiglio della guerra intestina, i Grigioni, oramai non più capaci
di sé, dopo essersi ostinati in tempo, dovettero cedere fuor di tempo,
ed ai cenni del vincitore stipularono in Milano una perpetua
confederazione colla Spagna, concedendo i passi liberi alle truppe di
questa. Quanto alla Valtellina, avesse piena ed assoluta libertà
civile e religiosa, pagando il tributo di 25.000 scudi. Acattolici non
vi potessero dimorare, e dentro sei anni dovessero vendere quanto vi
possedevano. L'arciduca manderebbe alla valle un commissario per
rendere la giustizia. Chiavenna, sgombrata dagli Spagnuoli, fu ceduta
ai Grigioni. Ma poiché questi non mandavano ufficiali che tenessero
ragione, i Chiavennaschi si providero d'un governo lor proprio.

Così parevano composte le cose: ma agevolmente si conosceva che non
era a durare questo assetto. Gli emuli dell'Austria, che contavano lor
perdita ogni guadagno di essa, e quelli che sempre in lei videro la
più pericolosa nemica dell'italiana indipendenza, la miravano troppo
di mal occhio godersi alla quieta un paese così ambito, mediante il
quale le era aperta l'Italia, mentre dalla Rezia poteva, per l'Alsazia
e pel Palatinato del Reno, acquisto suo recente, spedire qualunque
esercito nelle Fiandre ove la guerra fervea. I principi italiani ne
temevano per la propria indipendenza: al duca di Savoja rincresceva
che più non fosse mestieri ricorrere a lui per ottenere un passaggio
ch'egli sapeva farsi pagare: ai Veneziani il vedersi rapito il frutto
di un'alleanza comprata a peso di zecchini. Tutti gridavano contro gli
Spagnuoli come col titolo di religione insidiassero la libertà,
invadessero gli altrui possessi.

È vezzo antico degli Italiani ricorrere alla Francia nei loro
pericoli, e dei Francesi il professarsi tutori delle italiche libertà.
Allora pure la Francia, sollecitata dalla Savoja e da Venezia, formò
una lega per la libertà d'Italia contro la casa d'Austria(77), mandò
ambasciatore alla Spagna il signore di Bassompière, che prima
sott'acqua poi a viso aperto, dichiarò la sua corte pronta a sostenere
il trattato di Madrid, e rimettere i Grigioni in possesso della
Valtellina. Il re di Spagna non voleva udirne. Pure per non crescersi
altri nemici, calò ad un di mezzo, cioè di consegnare in serbo i forti
della valle al papa, il quale dovesse custodirli con genti proprie, ma
a spese della Spagna, finché le due corone vi prendessero su un
partito decisivo. Infatti Orazio Ludovisi duca di Fiano, nipote di
Gregorio XV, occupò i forti coi papalini, cioè con una mano di banditi
e di ribaldi.

Di questo partito seppe assai male al _partito santo_, che vedevano
prepararsi lo sdrucciolo per restituir la Valtellina, salvo il decoro
della Spagna: ma misero chi non ha dal canto suo che la ragione, e
commise le proprie sorti a fede di re e a maneggi di diplomazia!
Sapeva pur male ai Veneziani cotesto incremento fosse del re o del
papa(78). Si lamentavano, e il papa destreggiava rispondendo sulle
generali, lasciando però trapelare come volentieri costituirebbe di
quel paese un principato ai suoi parenti.

Fra tali macchinazioni Gregorio XV morì, e gli successe Urbano VIII,
propenso alla Francia. Era egli appena sublimato al sommo degli
uffizi, quando in Avignone, città francese obbediente ai papi, si
combinò lega tra Francia, Inghilterra, Danimarca, Venezia, Olanda,
Savoja ed i principi di Germania a danno della Spagna e
dell'imperatore, singolarmente per costringerli a restituirle il
Palatinato del Reno e la Valtellina: tanto di generale importanza
questa pareva! Dovevano i collegati movere guerra di conserto in ogni
punto, fin nell'America e nelle Indie: il re di Francia intanto
assalirebbe il Milanese, susciterebbe i Grigioni, ed entrerebbe nella
Valtellina.

Il papa non appariva che vi avesse avuto parte: ma pure gran gelosia
ne dava alla Spagna, massimamente che franco procedeva nelle cose
della Valtellina, e messala in guardia al conte di Bagno(79), aveva
fatto consegnare a questo anche Chiavenna e la Riva, non comprese nel
primo accordo. Non è però che il papa fosse da vero risoluto a
restituirla, avvegnaché da una parte vi repugnava l'interesse suo,
dall'altra una consulta di teologi, radunata a posta, lo aveva fatto
certo che non poteva in coscienza rimettere i cattolici sotto gli
eretici, con urgente pericolo delle anime. Ma il re cristianissimo
che, vedendo la Spagna occupatissima in guerra, voleva cogliere le
rose mentr'erano fiorite, e scancellare dall'Italia l'austriaco nome,
intimò al pontefice che o demolisse i forti della valle, o li
restituisse alla Spagna, affinché egli potesse, senza lesione delle
sante chiavi, entrare ostilmente in quel paese, siccome aveva
deliberato di fare per richiamare a libertà i Grigioni, e sottrarli
affatto dal giogo austriaco. Si peritava Urbano cercando tempo dal
tempo, e di cortesissime parole(80) confortava i valligiani, che
stavano in grande ansietà di lor futuro destino.

Se non che mentr'egli la tentenna d'oggi in domani, il re francese
move a soccorso dei Grigioni. Ed era tempo, giacché i Grigioni si
trovavano all'ultimo tuffo. Gli Austriaci vi avevano perseguitato i
Riformati, singolarmente i ministri, soffocata ogni favilla di
libertà, rapite le armi. Colonie di cappuccini d'ogni lingua furono
mandate: tedeschi nel Pretigau, a Tavate, a Coira: i milanesi nella
Pregalia; bresciani in val Santa Maria, e ne era sostenuto
l'apostolato colla forza. Molti rimasero martiri fra questi, molti
martiri fra i Protestanti(81).

Quando si volle a forza costringere quei di Pretigau ad usare alle
chiese cappuccine, ruppero a schiamazzi. E questo esser troppo:
"morremo senza patria, senza libertà, ma salviamo almeno le anime
nostre". Fuggirono dunque nelle selve, le quali tosto si cangiarono in
armerie: con falci e coltella e pesanti mazze trapuntate di chiodi
corsero addosso agli Austriaci il giorno delle palme 1622, e quanti
trovarono uccisero esultando fin le donne allo sterminio dei tiranni
della patria loro(82).

Le armi del Baldiron e del Feria ricomposero per allora la quiete. Ma
covava lo scontento, e finché un popolo non ha perduto né il coraggio
che ispira l'amore della libertà, né la confidenza in sé, nulla ha
perduto: gli spunterà il giorno della rigenerazione. E spuntò ai Reti,
i quali sfuggendo l'oppressa patria, empivano Europa dei loro lamenti,
e singolarmente facevano capo al marchese di Coevres, il quale di
ambasciatore mutato in capitano, raccolse truppe, intanto che nella
Valcamonica s'erano lesti gli ajuti veneziani.

Era orditura di Richelieu, il quale venuto allora ministro, avea
persuaso a Luigi XIII volersi armi a sostenere e risolver i trattati.
Onde all'ambasciatore di Francia che da Roma si lagnava degl'impacci
attraversati a quest'affare, rispose: "Il re ha cangiato di consiglio,
e il ministero di massima. Si spedirà un esercito in Valtellina che
renderà il papa meno incerto, e più trattabili gli Spagnuoli".

Queste mosse non restavano nascoste al Feria, e ne invocava una
providenza. Ma alla sua corte era egli scaduto di credito come primo
autore di questo moto di Valtellina, che alfine non partoriva che
guai. Ed il papa, dicendole sottili invenzioni spagnuole, non volle
ricevere in Valtellina guarnigione austriaca. Se così pensava da vero,
il fatto lo disingannò, avvegnaché il Coevres, che fu poi maresciallo
d'Estrée, spiegata bandiera francese, entrò in Coira, restituì alla
libertà le Dritture, cacciò il vescovo, rimise il primiero stato, e
marciò sopra la Valtellina. Il 29 novembre entrò in Poschiavo, poi per
Brusio fu sopra il castello di Piattamala, difeso dai soldati del papa
con quel valore che li fece passare in proverbio: espugnatolo, si
condusse a Tirano(83). Il Bagno, che ivi si trovava pieno d'orgoglio
ma vuoto di valore, senz'altro cedette; il che se non fu tradimento,
fu inescusabile viltà.

Quivi il Coevres conchiuse un trattato coi deputati della valle,
promettendo gli alleati proteggerebbero il paese. Grigioni non
entrerebbero nei forti, solo resterebbero finché fosse stabilito un
ragionevole governo. Intanto si solleciterebbe una decisione
all'affare. Il Robustelli, adoprato invano a difesa della patria, che
aveva tratta in sì infelice ballo, si ridusse sul Milanese a Domaso.
Il Bagno a Verceja. La valle tutta fu occupata dai Francesi, esultando
quelli, cui non l'intera libertà stava a cuore ma il cambiar di
signori. Il papa mosse bensì qualche lagnanza ma quietamente, cui più
quietamente rispose il re di Francia, incolpando il Coevres d'avere
trasceso le sue commissioni. Del che un gran dire fu pel mondo: che la
Francia mostrasse così poco rispetto alla santa sede? Che voltasse
contro di essa le armi dopo solennemente impegnata la fede sua di
nulla innovare in Valtellina? E che il papa fosse così cieco del fatto
suo, da trascurare gli avvisi del Feria, e prima del riparo attendere
il colpo? E di poi si lamentasse così debolmente? E conchiudevano che
Urbano se la passasse d'intesa colla Francia, o perché, non essendo
uomo da nipoti, non trovasse di verun pro lo spendere in tenere questi
forti, o perché fosse venuto nel comune pensiero degli Italiani
sbigottiti dalla crescente dominazione austriaca. Si ragiona
ancora(84) che il conte di Bagno, rimbrottato della niuna difesa
opposta, mostrasse brevi di Roma, ove gli era così ordinato. Ma in
tempi di caldi partiti chi può scoprire la verità fra le mutue
incriminazioni?

Grand'apprensione prese il Feria non volessero i Francesi, mentre
l'aura era destra, calare sul milanese, e ritorre parte dei suoi a chi
aveva voluto occupare i possessi altrui. A chi viene di Valtellina due
strade si aprono al Milanese: una per il fondo della valle, e questa
dà di petto nel forte di Fuentes, messo così opportunamente, da
intercidere ogni passaggio; l'altra rasenta la montagna sulla dritta
dell'Adda, per capitare al laghetto di Mezzòla e a Riva di Chiavenna,
donde ancora per i monti si riesce alle Tre Pievi superiori del lago
di Como. Questa strada diviene pure impraticabile se sia occupata la
Riva, dove null'altro era che un'osteria ed un portico in angusto
valico fra il lago ed il monte, e soverchiata da una montagnuola, dove
tirando a gittata, affatto si impedisce il passare. Riuscì al Feria
d'occuparla, giovato anche dalle milizie urbane comasche, e la pose in
atto di difesa. A tempo: giacché il Coevres, ridotta ad ubbidienza la
valle e Bormio, difilò sopra Chiavenna. Ma trovato quel cozzo, dovette
ripiegare, e per iscoscese vallate, senza artiglieria, scendere sopra
quel borgo, che prese dopo qualche resistenza. Di là ritorse verso
Riva, ma questa piccola Gibilterra gli resistette molto utilmente. Ed
invano ebbe Novate, invano occupò le alture sovraposte, donde si
rotolavano macigni sulla fortezza: che anzi agli Spagnuoli venne fatto
di sorprendere i Francesi, e legatili a coppia, spettacolo miserabile,
li trabalzarono dalle greppe. Il milanese generale Serbelloni, con uno
spadone a doppio taglio, si precipitava in mezzo ai nemici, ed a chi
spaccava il cranio, a chi fendeva il ventre, a chi in due la persona;
eroe se avesse pugnato per la patria. E quando a lui fu sostituito il
Pappenheim coi Tedeschi, questi fece non men cara costare al francese
quell'osteria, anzi poté togliergli tutte le fortificazioni là intorno
e spingersi fino a Traona.

Come stesse allora la Valtellina pensatelo! Tutto era pieno d'armati
baldanzosi ed ingordi: Francesi e Grigioni a gara le succhiavano il
sangue, eccedevano in prepotenza rube e sacrilegi, i nobili, per lo
meno male s'erano fuggiti, ricovrando alle Tre Pievi ed al Milanese,
dove non cessavano d'industriarsi a pro della patria.

I segreti motivi della corte condussero finalmente una concordia,
praticata in Monson città dell'Aragona dove, quel che riguarda la
Valtellina, si stabilì vi si conservasse la religione cattolica,
ridotte le cose allo stato del 1617: i natii si eleggessero i propri
magistrati e governatori, senza dipendenza dai Grigioni; toccasse però
a questi il confermare gli eletti entro otto giorni, e ricevere un
annuo censo di 25.000 scudi d'oro; le fortezze fossero rimesse al papa
da demolire; Grigioni più non entrassero armati nella valle, né gli
Spagnuoli tenessero forze oltre le ordinarie alla frontiera milanese.

Questo trattato salvava il decoro della Spagna, la quale pareva sì
bene avere provveduto alla religione ed alla libertà di quei popoli.
Ma nessuno dubiti che di pessimo occhio nol vedessero i Grigioni, i
quali venivano così ad aver profuso invano il sangue e l'oro per
ricuperare la valle. Onde, cavillando, ricusavano stare in verun modo
agli accordi. Anche al Coevres ne sapeva male; ma buon grado o no che
ne avesse, dovette lasciare che, a nome del papa, entrasse Torquato
Conti, che fece demolire le fortezze e riscosse il giuramento. I
soldati francesi nel ritirarsi vollero danari; e perché tardo a
pagarli, bruciarono il casale di Piantedo. Il nuovo generale venuto
pretese un regalo, perché un regalo si era dato al Coevres. Pure la
Valtellina portava in pace, sperando finalmente composte le cose.

Non era ancor tempo. Imperocché i Grigioni chiedevano si osservasse il
trattato di Madrid, aizzati dai predicanti, da Venezia, dalla Francia.
Mentre la Spagna andava stimolando il partito santo nella speranza che
i Valtellinesi per istracchi si gettassero in braccio di essa. Intanto
però che si contrastava, la Valtellina godeva libero stato e pubblica
rappresentanza; inviava ai re, e ne riceveva messaggi ed ambascerie, e
d'ora in ora faceva ordini rigorosi contro gli eretici, pubblicava i
beni dei ricaduti e molti coperti riformati o dall'inquisizione o
dagli zelanti erano fatti capitar male. Poschiavo, che non aveva preso
parte al sacro macello, vedendo non potersi altrimenti sbrattare dagli
evangelici, meditò scannarli; e Claudio Dabene, cameriere del
Robustelli, fiero di lingua e di mano, entrò in quel borgo, e vi
uccise quanti calvinisti poté sorprendere. Del che domandato in
giudizio fu sostenuto a Tirano, ma ben presto prosciolto per grazia.
Leggo nello Sprecher e nel Quadrio che il curato fosse complice
dell'assassinio; voglio credere piuttosto al Merlo, il quale racconta
che esso curato Beccaria aperse il presbitero per ricovero agli
eretici chiesti a morte.

Quei pochi che sono avvezzi non solo a censurare in un libro quel che
vi è, ma a scoprire quel che vi manca troveranno che noi parlammo
degli avvenimenti, ma poco degli uomini: e vorrebbero avessimo posto
in prospettiva e in giuoco quei Robustelli, quei Guicciardi, quei
Venosta che ordirono prima, tesserono poi la rivolta. D'ogni eroe, ma
d'un rivoluzionario specialmente, la prima qualità è l'azione. Ora
qui, come spesso, l'ebbero impacciata da avvenimenti troppo gravi e
dalla preponderanza forestiera. A chi dirige una nave in gran fortuna
sarebbe giusto il domandar conto d'ogni comando, d'ogni movimento,
d'ogni scompiglio? Poi per un solo Washington, il quale comandi
generosamente, perché nobilmente obbedì, sappia non solo vincere i
nemici, ma, ch'è più difficile, vincere gli amici, affronti non solo
gli attacchi di coloro che offuscano colla loro bava ogni splendore,
ma anche la disapprovazione di chi all'essenziale delle teoriche
stesse ch'egli venera non sa fare i sagrifizii accidentali che
l'attualità esige. Ed altro non cerchi se non di poter dire _ho fatto
il mio dovere_; per un siffatto la storia ci offre centinaja di questi
capi, che all'atto non mostrano se non quanto male si conoscevano ed
erano conosciuti. Che quando vedono incalzar gli eventi esterni, e
dentro crescere l'irrequietudine, anziché confessar la propria
inettitudine e soffrire che il sole dissipi quelle rinomanze
misteriose che reggevano solo nel crepuscolo della considerazione,
disperano della libertà e proferiscono la bestemmia di Bruto.

Quanto ai Valtellinesi, neppur tra loro se la passavano in pace, e
facevano a torsi i bocconi l'un l'altro, in gare continue e spesso in
armi, scontenti del presente, ignari dell'avvenire, fremendo jeri
pazzamente per belar domani miserabilmente. Chè dopo le gravi
convulsioni dei popoli, gl'intriganti sogliono rimpiazzar i convinti;
i rivoluzionari di riflessione soccombere ai rivoluzionari di
passione, cui pesa il rispetto e rode l'invidia; al ciurmadore, l'uom
colto e ragionevole che non ne ha la sfacciataggine; si crede primo
acquisto il non tenere subordinazione; ribalderie colpite dalla legge
o dall'infamia, perdono vergogna col drappeggiarsi in una bandiera;
passioni irose od avide si sfogano a nome d'una causa santa; e palme
di martire si pretendono ad atti, che in tempi composti menerebbero
alla gogna.

Quelli che primamente sommossero la Valtellina non credeano certamente
procurarle lunga serie di sventure. Gran lezione ai macchinatori di
cose nuove! Eppure guai maggiori sovrastavano alla già misera valle ed
al resto della Lombardia.



CAPO VI

Passo dei Lanzichinecchi per la Valtellina--Fame--Peste del
1630--Superstizioni--Il duca di Rolian in Valtellina--Capitolato di
Milano.



Qui dice la storia come di quei giorni Vincenzo Gonzaga duca di
Mantova fosse morto senza eredi e Carlo di Nevers duca francese, suo
prossimo parente, si credeva in diritto di succedergli nel Mantovano e
nel Monferrato(85).

Ma il duca di Savoja aveva antiche pretensioni e gravissime
convenienze sul Monferrato. Il re di Spagna, o dirò piuttosto il conte
d'Olivares suo ministro ambendo posseder tutt'Italia, mal sopportava
questo vicino sostenuto dal re di Francia, o dirò piuttosto dal
Richelieu suo ministro. E così per intrighi di successione e miscele
di regii maritaggi, di cui non vogliono ricordarsi quei che beffano i
ridicoli motivi delle guerre popolari delle repubblichette del medio
evo, nacque una delle miserabili guerre regie, cominciate senza buona
cagione, condotte senza pietà, terminate senza gloria e senza effetto.

Il duca di Nevers, profittando della recente convenzione di Francia
coi Grigioni, venne in Valtellina coll'esercito da Poschiavo, e per i
Zapelli d'Aprica passando sul Veneto andò a prender possesso del
ducato. Da altre intanto delle valli che sì inutilmente ci chiudono,
sbucavano soldati francesi, spagnuoli, savojardi a disputarsi il
tristo onore di spogliare ed avvilire questa povera Italia premio
ognora della vittoria. L'imperatore Ferdinando, per fare smacco alla
Francia e sostener egli austriaco le austriache ambizioni, mandò
trentaseimila fanti e ottomila cavalli, alla guida di Rambaldo
Collalto. Truppe terribili sempre, allora viepiù per il timore della
peste che serpeggiava. Già il grosso di costoro per Lindau era venuto
nel Chiavennasco, e stava per calarsi sul Milanese quando il Cordova,
governator di questo, mosso dai reclami dei popoli, spaventati dai
latronecci e dal contagio, mandò l'ordine che non si avanzasse più.

Si diffuse dunque per tutta la Valtellina questo nuovo ed orribile
flagello. Erano, quelle, bande assassine, che andavano desolando la
Germania nella guerra detta poi dei Trent'anni; erano i Lanzichinecchi
di quel Waldstein che in sette anni smunse da una metà della Germania
sessantamila milioni di talleri(86). Gente che, solo ingorda di far
suo l'altrui, non perdonava a sacrilegi, a stupri. Ora colla forza, or
cogli ordini portava via i mangiari di quella povera gente. Sicché,
oltre le solite provigioni, la valle doveva pagare 10.000 scudi al
mese, e con larghissimi doni abbonacciare, se non saziare,
l'ingordigia degli uffiziali(87).

La stagione era andata affatto sinistra ai grani, sicché n'era un caro
già eccedente nel 1628, esorbitante nell'anno seguito(88): onde può
ognuno figurarsi come travagliasse la Valtellina, sino a vedere la
gente, abbandonata del pane per sostentarsi un dì, trovar buone a
mangiare le carogne, a contendere alle bestie la gramigna e le
ghiande. Si richiamavano con dolorosa istanza i Valtellinesi ai
governatori di Milano. Ma a questi piaceva meglio lasciare le truppe
colà, che trarsele nello Stato. Finché cresciute a 22.000 pedoni e
3.500 cavalli, non trovando più sostentamento, dovettero portare il
disastro delle loro lentissime marce sopra il Milanese. Dalla valle e
dal contado di Chiavenna, raccozzatisi dunque a Colico, contaminarono
la riva sinistra del bellissimo lago di Como, percotendo
d'inesprimibile terrore gli abitanti. Fra i quali era Sigismondo
Boldoni, felice scrittore latino e non pessimo poeta italiano, il
quale da Bellano sua patria ai lontani amici descriveva i patimenti
suoi e degli altri. "Tutti gli abitanti del Lario (traduco e compendio
il suo elegante latino) sono a spogliare le case, cacciare le mandre
ai monti, trasportare ogni cosa di pregio, sovrastando i Tedeschi,
che, per nostro malanno e per ira di Dio, passano di qui, affinché
l'Italia, già strema per battaglie, rapine, uccisioni ed inumane fami,
sia involta in guerre, che ai dì nostri non finiranno. Allo schiamazzo
loro non le muse soltanto, ma gli uccelli fuggono: nulla santo, nulla
sicuro".

E già in suo terrore gli pareva, fra lo scrivere, udire i tamburi, ed
in gran procella recò ai cappuccini dell'opposto Bellagio il poco suo
danaro e, che più gli premevano, le sue scritture: poi a casa a
nascondere, a steccare, a murare le porte. Intanto quei Lanzichinecchi
piombano su Colico e lo depredano: di là per sentieri montani sboccano
sopra Bellano, rubando se trovano, smurando e disotterrando come
pratici, costringendo chi trovavano a svelare il nascosto. "All'arrivo
di quella sozzura del genere umano, tutta va devastata la campagna,
sperperata la matura vendemmia, unica speranza dopo tanta fame e tante
depredazioni. All'avidità degli uomini, non che i frutti, neppur
bastano le erbe: a tanti cavalli, non che foraggio, neppure si trova
spazio. Non un abito, non un vaso lasciano nelle stanze: solo un
insoffribile tanfo. Bruciano le travi ed i pali delle viti, stramenano
i tralci, tolgono ogni cosa ed in pagamento danno busse e ferite e
stupri. Brandeburgo, Vallenstaino, Anzalt, Maradas, Furstembergo, nomi
di casa del diavolo; Altringer, Montecuccoli, Ferrario, Acerboni, ed i
Croati, e Torquato Conti, ed in fine Galasso, e sempre ad una banda
cattiva una peggiore ne succede".

Dava alloggio il Boldoni in sua casa agli uffiziali, uno dei quali
visto una macchia d'alloro: "Che fronda è quella?" gli chiese.

"Oh l'uom barbaro! (esclama il Boldoni) povere Muse! cosa aspettarvi
da gente che neppure la vostra pianta conosce?"(89)

Così da Samolaco a Lecco guasto tutto quello che non potevano portar
via, passarono l'Adda, e giù per la Brianza: e otto giorni rimasero a
flagello del Milanese, lasciando da per tutto il segno di loro gola e
disonestà. Stridevano i miseri paesani, ma i re avevano a pensare ad
altro che al bene dei popoli, né curavano a quali guai esponessero una
pacifica popolazione per crescere d'una piccola provincia uno stato
immenso, per una prerogativa, per un puntiglio, talora per supina
infingardaggine di non saper pigliare un partito. Eppure quelle erano
truppe amiche, erano ausiliari: vi lascio pensare come dovesse stare
la Valtellina, corsa da tanti nemici. Tali frutti coglieva dal tenersi
raccomandata ai signori della Lombardia, quando avrebbe potuto farsi
libera ed indipendente col proprio braccio.

Quelle truppe scesero verso il Po a fare un lento macello d'amici e di
nemici, a devastare Mantova, che ancora se ne piange; a raccogliere le
maledizioni dei popoli travagliati da quelle non so se chiamarle
guerre o ladronaje, in tanto peggiori, in quanto che neppure offrivano
una speranza alla imaginazione. Ma un altro tristissimo dono
lasciarono al paese, una terribile peste.

Ognuno sa quanto ricorressero frequenti le epidemie in Europa. Nel
1610 la _morte nera_, aveva imperversato fra gli Svizzeri, donde si
propagò nelle valli dei Grigioni, e di là nella Valtellina; altre
volte vi tornò, e singolarmente nel 1621 se ne stette in gran paura.
Gli eserciti erano reclutati e tenuti allora in tal maniera che, come
dice il Varchi, v'aveva sempre uno spruzzolo di peste.

Questi poi venivano da Lindau, scala generale delle merci per
l'Alemagna, "dove per il più dell'anno sono molte città e luoghi
infetti di morbo contagioso"(90). A ragione dunque se ne temeva; e di
fatto dietro a quelle sudice truppe, che si rifiutavano ad ogni legge
di sanità, si sviluppò un contagio, che ritrovando i corpi disposti
dalla miseria universale, dalla fame, dal cattivo cibo, dai crucci
dell'animo, dai patimenti del corpo, doveva produrre la più fiera
mortalità che le moderne memorie ricordino. Una contadina di Tirano fu
la prima cui si scoprisse la peste: poi su tutta la via, che le truppe
avevano percorsa, se ne trovavano orribili tracce. A Bellano, a Lecco,
a Chiuso. Pier Paolo Locato italiano a servigio di Spagna, venuto da
Chiavenna, la recò a Milano. Il moltiplicare delle vittime scosse il
tribunale di sanità, che mandò un commissario, il quale tolto seco a
Como un medico visitò i luoghi infetti: se non che a Bellano avendoli
un barbiere ignorante assicurati quella non esser peste, eglino, con
imperdonabile trascuranza, stettero contenti agli oracoli di costui.
Fors'anche bassamente connivendo al governo, al quale non giovava che
peste vi fosse o si dicesse.

Intanto il male acquistava violenza. Tutto era pieno dell'imagine di
varia morte: prima una palpitazione, indi letargo, spasimo, delirio e
col corpo orrido di buboni e di luridi gavoccioli si trascinavano i
miserabili alla tomba. I pubblici provvedimenti non bastavano alla
furia del male: onde, dopo che negli spedali si erano più ammassati
come cadaveri che disposti come infermi, avresti veduto per le vie,
per li campi stendersi poveri giacigli di stoppie e di immondo
ciarpame, o capanni di fronde e di strami, ove, malagiati di cibo e
peggio di rimedi, si gettavano i miseri man mano che il morbo toglieva
loro le ultime forze da reggersi in pié. Ivi persone d'ogni sesso ed
età, cresciute fra gli stenti o gli agi, avvezze all'umiliazione od
alla prepotenza, venivano eguagliate a dar di sé una vista
d'inesprimibile compassione. Gli uni appiccavano il morbo agli altri:
col crescere dei malati crescevano le miserie. Qua vedevi alcuno
lacrimando trascinarsi lungo le vie in traccia di soccorsi, o almen di
compassione, anch'essa venuta meno. Là bambini che s'attaccavano
all'esausto seno delle madri. E da per tutto e tutto il dì un
incessante trar di guai, ad ora ad ora funestamente interrotto dalle
disperate strida di quei miserabili, in cui al male si aggiungeva il
tedio del male, e l'aspetto dei presenti, ed il desiderio dei lontani,
ed il dolore dei perduti, ed i terrori della fantasia. Non bastavano i
cimiteri a ricevere le salme dei tanti, gettati là senza onore
d'esequie, senza funebri deprecazioni. Interi paesi furono spopolati,
né si riebbero più. Como perdette 10.000 persone, la Valtellina che,
secondo la relazione di monsignore Scotti, comprendeva ben 150.000
abitanti, fu ridotta a non più che 40.000.

Da una parte crescevano i pii legati ed i voti; dall'altra, riflettono
i contemporanei, non che farsi migliori alla terribile voce del
castigo divino, vie peggio si pervertivano i costumi degli uomini,
insultando al Dio che flagellava, godendo della vita che fuggiva, del
disordine che regnava, degli averi che nei superstiti si accumulavano.
Noi vorremmo raccomandare ai gran savii del nostro secolo di non
permettere mai queste grandi sciagure naturali. In primo luogo, essi
vantano l'onnipotenza dell'uomo, il poter suo nel domar la natura, un
avvenire di godimenti quando esso avrà tolte le cause di distruzione,
incatenati gli elementi. Ed ecco un torrente, una scossa di terra, un
morbo che s'attacca all'uomo o alle patate, un'avversità di stagione,
perde le gioconde previsioni, e attesta il predominio di una mano
poderosa, e come precario sia il possesso dell'uomo su questa crosta
che copre un incendio.

Secondariamente le gravi sventure sono il giorno del prete, del frate,
della carità. Cose tutte che i gran savii del nostro secolo devono
ingegnarsi di screditare e d'impedirne quell'influenza che divien
tanto efficace quanto benedetta in simili casi.

E anche allora se al male v'aveva qualche rimedio, lo porgeva la
carità cristiana. Al clero si erano concesse amplissime facoltà; ma
era un eroe chi rimanesse al posto destinatogli dalla provvidenza,
quando il vivere era un'eccezione. Eppure non pochi con ispontaneo
sagrifizio andavano incontro alla peste come ad un premio, non perdita
ma guadagno riputando il dare la vita temporale per acquistare altrui
l'eterna. I cappuccini dì e notte erano ove li chiamasse il bisogno
altrui: essi ad apprestare cibi e medicine, rassettare i letti,
vegliare i moribondi, con affetto più che di madre trasportarli,
nettarli, profittare di quei terribili momenti che sogliono far
trovare la coscienza anche ai più perduti d'anima, e mandare i morenti
confortati nella speranza del perdono. In Tirano singolarmente infierì
la morìa, e gli infermi si fecero collocare in un palancato attorno al
tempio della miracolosa Madonna, fidando d'averne conforto al corpo o
all'anima; consolati almeno di morire ove bramavano. Si erano colà
fino dal 1624 stabiliti i cappuccini, e fin ad uno morirono a servigio
degli appestati. Altri sottentrarono volenterosi alle loro cure, a
morire anch'essi. Dare la vita per fare del bene! A queste azioni ti
riconosco, o religione, che sola crei i martiri dell'amore.

A prevenire ed a curare il malore si erano dati provvedimenti quali
buoni, quali superstiziosi, quali esecrabili. Sequestrare i malati,
durare le quarantene, non comunicare con alcuno, portarsi in mano
ruta, menta, rosmarino, aceto, una boccetta di mercurio, che si
credeva assorbire gli effluvii contagiosi. I monatti, infermieri
incaricati di portare gli infetti agli spedali, erano un nuovo
flagello: ed entrando nelle case vi commettevano le più laide
cattiverie, rubando, svergognando sugli occhi dei padroni, e
minacciando chi fiatasse di trascinarlo ai lazzaretti.

E poiché nei grandi flagelli dove non si osa bestemmiar la
provvidenza, si sente il bisogno di sfogar contro alcuno il brutale
istinto dell'odio, e della superbia umiliata dall'impotenza, si era
sparsa la funesta opinione che uomini perversi venissero con malìe ed
unzioni propagando la peste: e molti paesi soffersero il miserabile
spettacolo di alcuni reputati untorì, processati, convinti, e messi ai
peggiori tormenti ed alle fiamme. Né la mia storia può andare esente
di tali orrori, ché sempre e da per tutto vengono gli stessi frutti
dall'ignoranza e dalla superstizione. Bormio aveva posto divieto che
nessuno osasse passare nell'Engadina, ove il contagio infieriva. Nelle
guardie, che ronzavano al cordone, incappò un contadino che l'aveva
trapassato. Alle interrogazioni confessò come, trovandosi la donna sua
inferma e dubitando fosse effetto di stregheria, si fosse condotto di
là per tenere consulta coll'astrologo di Camoasco, volgar uomo che se
l'intendeva col diavolo, ed il quale di fatto gli aveva dato a vedere
in un'ampolla tre persone, che avevano fatto l'incantesimo alla sua
donna(91). Ignorante o maligno, il contadino nominò una povera
vecchia, che detto fatto catturata e domandatane alla corda, incolpò
sé stessa e denunziò molt'altri. Il giudice di Bormio istruì il
processo, facendo, per sicurezza di coscienza, intervenire l'arciprete
Simone Murchio; e col consenso del vescovo di Como furono decapitati
ed inceneriti trentaquattro fra uomini e donne(92). Così e folli
guerre, e tremendi contagi, e pazzi pregiudizi concorrevano ad
affliggere ed a sterminare la miserabile umanità.

Quand'a Dio piacque, la peste cessò: ma non i mali della Valtellina.
Poiché, ora col pretesto del passaggio, ora del bisogno, or
dell'inquietezza, era ogni tratto riempita da quella ribaldaglia che
si chiamava soldatesca, la quale diffondeva lungo il cammino malori,
fame, mal costume. E quando era costretta andarsene, se ne faceva
compensare con dei mille fiorini come d'un gran favore. Si dovettero
vendere od impegnare gli argenti delle chiese, e gli abitanti erano
messi a gravi tormenti per obbligarli a dare danaro(93); tanto che i
pochi residui della peste erano entrati nel disperato consiglio di
abbandonare l'infelice patria, se per avventura il Feria, tornato
governatore del milanese, non avesse adoprato di cuore presso
l'imperatore, affinché di là togliesse le truppe. E l'ottenne o fosse
pietà, o piuttosto il bisogno di opporre quei soldati al gran Gustavo
Adolfo di Svezia, che aveva in Germania rialzata la causa dei
Protestanti.

Ed appunto per quella guerra, di grand'importanza diveniva la
Valtellina all'Austria, che per di là portava, senz'altro chiederne, i
soldati d'Italia in Alemagna a pronto soccorso. Così nell'agosto del
1633 il duca dì Feria s'inviò con 12.000 fanti e 1.600 cavalli pel
giogo di Stelvio in Tirolo, calle preferito perché non toccava terre
grigioni. Venne poi meno della vita a Monaco, mancando così un gran
protettore alla Valtellina. Anche l'anno dopo, il Cardinale infante
con 12.000 combattenti fu accolto a tripudio in Como, indi per la
Valtellina passò, come dice Minozzi, invece di olivi comaschi a
sfrondare fiamminghi allori. Questi ajuti, cui porgeva agevolezza la
fede della Valtellina, furono principale stromento a difendere
Costanza e Brisacco, e sollevare l'agonia dell'impero.

Tanto più incresceva questo possesso della rivale alla Francia. La
quale si levò alfine risoluta di liberare l'Italia, titolo solito
(diceva il Ripamonti), onde i Francesi valicano le Alpi; i Francesi
(soggiunge egli) ai quali punto credere si dovrebbe, essendo gente
inquieta, e che vuol gli altri inquietare.

Fatto sforzo d'ogni parte: Weimar è sul Reno, Crequi penetra in
Italia, la Vallette assale il Piemonte, l'Arcivescovo Sourdis arma sul
mare, Gassion sul Rossiglione, e per la via dei Grigioni è mandato il
duca Enrico di Rohan, il più compito gentiluomo del suo secolo.

Come capo dei Riformati aveva egli resistito con forza e genio al
Richelieu, il quale poté fargli perdere il favor della corte, ma non
la reputazione di capitano eccellente. Colla quale e con 12.000 pedoni
e 1.500 cavalli passò per Basilea e Sangallo fin a Coira e preceduto
da un proclama (già si sapeva adoprare quest'arma in guerra) entrato
per Chiavenna, senza guari difficoltà occupò la valle.

Tosto 9.000 Tedeschi col barone di Fernamondo, entrano in Bormio, e da
veri barbari mandano a fil di spada oltre cento inermi. Spagnuoli e
Milanesi vengono dal forte di Fuentes, dai cui rincalzi il Rohan è
costretto ritirarsi nell'Engadina. Ivi, rinnovato di forze, rientra,
agita terribili battaglie, a Livigno fa carne non battaglia addosso ai
Tedeschi ubbriachi, poi addosso agli Spagnuoli al Fraele,(94) indi a
San Martino di Morbegno, ove, se non era il valore del Robustelli,
pigliava lo stesso famoso generale Giovanni Serbelloni(95), e smorba
la valle dagli Austriaci.

Anzi, mentre aveva buono in mano, feroce per le prospere cose,
precipita sopra le Tre Pievi, le pone a sacco e fuoco; mette fiamme al
bellissimo palazzo Gallio, composto di glorie maritate agli stupori;
ma... il fuoco conobbe esser grande empietà il danneggiare quelle
torri che nella loro elevatezza sembran parenti prossime della sua
spera. Al Monte Francesca il Rohan sconfigge il Serbelloni e
s'inoltra: finché Lodovico Guasco, mastro di campo che gli aveva
sempre nojato il fianco e impedito i viveri, gli oppose nel castello
di Musso tale resistenza, che il Rohan diede l'impresa per
impossibile. Ma com'era d'animo audacissimo, per tentare una punta
sovra Milano, di concerto coi collegati, prese via sulla sinistra del
Lario e da Bellano risalendo per il letto della Pioverna entrò nella
Valsassina. Ad Introbbio distrusse le fucine dei projetti guerreschi,
e tutto malmettendo, si spinse fino al ponte di Lecco. Quivi trovò una
testa grossa dei Brianzuoli, gente (riflette il Ripamonti) robusta e
bella, salda nelle battaglie, che esercitata nelle guerre per le
frequenti insidie e contese private, non ismentisce la vera, libera,
generosa, battagliera origine sua. Al tocco del campanone di Brianza,
ed alle fiamme accese sulle vette, erano essi accorsi in arme guidati
dai loro castellani; e tale aspetto offrivano di bravura e sicurezza,
che il Rohan si tolse giù dal disegno, e fatto rogare ad un notajo
l'atto di questo ardimentoso tragitto, ripeté il corso sentiero. E
perché ne mormoravano le truppe sue, schiuma di ribaldi, le acquetò
permettendo il sacco del litorale, principalmente di Mandello e
Bellano, poi della Valtellina(96).

In questo stante s'erano messi nuovi trattati per parte della Francia,
la quale, smaniosa di togliere all'Austria quel passaggio, moveva ogni
macchina per amicarsi i Valtellinesi, promettendo sottrarli affatto
dai Grigioni, redimerli fin dallo stabilito censo, incaricandosene
ella stessa, e concedere giustizia propria, unica religione.

Ne venne odore ai Grigioni, i quali altamente adontatisi, come il re
gli accarezzasse solo in quanto gli parevano utili contro gli
Austriaci, abbandonarono di tratto l'alleanza del Cristianissimo e si
volsero a Spagna. E Spagna, non avendo maggior desiderio che questo,
non istette ad assottigliare sulla coscienza, e ne abbracciò la lega.

Che che delirano i gabinetti, ne soffrono i popoli. Subito sonò di
armi il paese: Spagnuoli al forte di Fuentes, Tedeschi a Bormio,
Grigioni a lato. Sicché il Rohan, a cui la rivalità del Richelieu
faceva sempre scarseggiare i soccorsi, dovette battere in ritirata,
non senza insulti e sangue per parte della ciurmaglia, usa a mordere
chi fugge, leccare chi arriva.

In tal modo la fortuna della Valtellina ritornava nelle mani della
Spagna, che ingorda di saldare l'alleanza coi Reti, perché non avesse
altri a coglier la lepre ch'essa aveva levata, non si faceva coscienza
di sacrificare agli interessi proprj l'antica ma debole sua protetta.
Il marchese di Leganes, nuovo governatore del milanese, cupido di
tornare carico di questa gloria in Ispagna, non badava se bene o male
fosse il porre a repentaglio la religione e la nazionalità altrui.
Quindi ogni cortesia ai Grigioni ambasciadori, niuna ai Valtellinesi:
chiese al vescovo di Como se la religione cattolica fosse compatibile
col governo grigione, e questi rispose del sì. Né diversamente aveva
deciso una congregazione di teologi in Spagna. Vi ricorderà che pochi
anni prima si era diversamente sentenziato: ma gli è uso antico, fin
quando i generali colle spade dettavano le risposte agli oracoli.

E già nel castello di Sondrio s'era messo presidio grigione: del che
non domandate se fremevano i Valtellinesi. Si era anzi da certuni
proposto di avventarsi di bel nuovo nell'armi e, concitati da sdegno
formidabile, scannare i pochi nemici in paese, ardire ogni estremo per
risuscitare la fortuna da sé, dopo gettata a banda ogni fiducia di
soccorsi da Francia o da Spagna. Pareva ottimo quel che non era più a
tempo. Perocché erano asseccati di vivande; non più danaro né credito;
la peste del '30, rinnovata per soprasoma cinque anni dipoi, li aveva
consumati di popolo; ed in tutto l'universale era quella malavoglia,
quella stanchezza che suole succedere alle forti emozioni, come al
delirio furente il delirio tremante; e che fa parere il minor male
chinar la testa, e pregare Dio che la mandi buona.

In somma fu, per venire presto al fine di questa lagrimevole
narrazione, che il governatore Leganes coi deputati Reti ultimò
l'affare in Milano, restituendo ai Grigioni la Valtellina coi patti e
salvi compresi in 40 articoli, i cui termini principali erano
questi:--nessuno venisse riconosciuto pei fatti corsi dopo il 1620;
cassate le procedure di Tosana; le finanze, le tratte e le
consuetudini tornino come avanti l'insurrezione; gli uffiziali, dal
vicario della valle in fuori, vengano eletti dai signori Grigioni, e
la sindacatura se ne faccia in paese; degli statuti impressi nel 1549
sono derogati nominatamente quelli intrusi a danno della fede e delle
immunità ecclesiastiche; Bormio ed altri comuni godano i privilegi
quali avanti la rivolta; così Chiavenna e Piuro conservino le proprie
leggi, ed invece del vicario, possano nominare tre persone pratiche
del diritto, una delle quali assista al podestà nei casi criminali; in
occasione di passaggio di truppe, i Grigioni procureranno che i
Valtellinesi vengano trattati e compensati al pari di loro; unica
religione la cattolica, operando in ciò come gli Svizzeri nei baliaggi
italiani; non inquisizione; vescovo, preti frati esercitino
francamente i loro ministeri, non vi fermi dimora alcun protestante,
se non sia magistrato; i signori Grigioni cattolici eleggeranno di due
in due anni chi provveda acciocché non sia indotta novità; si
manderanno a fascio le fortezze erette dopo la sommossa. Alle tre
leghe doveva la Spagna pagar 1.500 scudi l'anno per ciascuna, e
mantener sei giovani a studio a Milano e a Pavia. Libero a soldati
austriaci il transito per la valle, e a niun altro.

Ai popoli bisogna pure gettar polvere negli occhi; e il Leganes invitò
a Milano i caporioni della Valle, come uomini di fiducia interessati
nelle decisioni che si stavano per pigliare. Vennero, ma egli non li
consultò, non li fece intervenire all'atto, perché non istessero da
pari a pari coi loro signori(97). Rato e stipulato, gl'informò
dell'accordo. Cadde il fiato a tutti in udirlo, gridarono contro il
vescovo Caraffino, la cui fede si diceva _mercata e mendicata_ dai
ministri spagnuoli(98); parodiavano il nome del Leganes in _liga-nos_;
protestarono; s'appellarono: fu invano; il gran cancelliere ai loro
lamenti rispondeva, non essersi potuto ottenere di meglio; i
forestieri davan ad essi ragione, ma nulla più. Onde i Valtellinesi
diedero un altro esempio a chi si solleva per favorir un altro
principe, e a chi prima degli accordi si lascia togliere le armi di
mano.

Questo capitolato formò la base del gius pubblico della Valtellina
verso i suoi padroni, e la misura dei diritti e dei doveri reciprochi.
Allora si lamentarono altamente i Valtellinesi che fosse stato
conchiuso senza di loro; eppure, venne stagjone che, trapassandosi
anche quei patti si richiamavano essi alla piena osservanza del
Capitolato, asserendo che anch'essi vi avevano stipulato, trasfondendo
i proprj arbitrj nel loro protettore(99), e con quello alla mano
dovettero, deh quante volte! ricorrere al duca di Milano, che n'era
entrato mallevadore, acciocché provvedesse alle continue violazioni.
L'ultimo lamento il portarono a Buonaparte, generale e onnipotente
della repubblica Cisalpina nel 1797, il quale, considerandosi come
sottentrato nei diritti dei duchi di Milano, citò i Grigioni a
scolparsene, e prima che arrivassero dichiarò la Valtellina unita alla
Lombardia, colla quale poi stette al male e al bene; e con essa caduta
sotto la Casa d'Austria, divenne importante anello fra i possessi di
quella in Italia e i trasalpini.

Ma senza prevenire i tempi, per allora tornarono Grigioni nell'intero
possesso e, dicasi a loro lode, moderatamente. Non s'affidarono però a
rimanere quelli ch'erano stati maggiori stromenti a ordire la rivolta;
e il cavaliere Robustelli, primo fulmine di quella guerra, benché
affidato di pace e di salute, non sofferse d'obbedire cogli altri ove
agli altri aveva comandato, e alla patria, cui più non poteva giovare,
disse addio con quel sentimento, con cui s'abbandona la terra che
rinchiude ogni cosa più caramente amata. Non mancò chi gli applicasse
il titolo che gli Italiani serbano a chi non riesce, di traditore.

Le cose però non potevano a lungo passare di cheto fra tanto astio di
sangui: e sarebbe un non finir mai il ripetere le lamentanze dei
Valtellinesi perché si violassero alla scoverta le convenzioni. I
Riformati, benché avessero divieto dal paese, crescevano di dì in dì:
la sola piccola Mese dopo un 15 anni ne contava 50. Quattro famiglie
n'erano a Tirano, tre a Teglio, altrettante a Cajolo, il doppio a
Traona, nove a Sondrio, due a Berbenno, dodici a Chiavenna, altre
altrove di buona parentela, a non contare gli artigiani ed i
forestieri. E questi vivere alla libera, facendo gabbo dei divoti e
dei riti. Ed i magistrati ledere le immunità del clero, proibire il
ricorso a Roma, pretendere la rivelazione delle confessioni, tenere in
palazzo a Sondrio conventicole di predicanti, e industriarsi
d'introdurli(100). Anzi i Riformati avevano chiesto alla dieta grigia
di potervi avere tre chiese. Intanto i ricchi tenuti sempre in colpa
per ismungerne danaro; assolto chi pagava; processati due
ragguardevoli sondriesi perché avessero usato la parola eretico e lo
stesso arciprete perché congregò alcuni caporioni a prendere partito
sopra questa cattura. "O cara libertà come t'ho persa! O cara libertà
dove sei gita!" esclamavano essi(101). Quindi frequenti richiami; e
gran trattati si menarono nel 1652 nel '59, nel '69, ma tutti
coll'esito stesso, rimanendo fermo il Capitolato di Milano.

I Riformati però non ebbero più il vantaggio nella diocesi comense, e
libertà di riti tennero solo a Poschiavo e Brusio, terre che anch'oggi
appartengono alle Leghe grigioni, benché di lingua italiana e
cisalpine. Ivi i Riformati sono un terzo, ed in questa proporzione si
distribuiscono gli impieghi: essendo il podestà due anni cattolico,
uno riformato e così delle altre cariche. Vivono in buona concordia e
tolleranza, e noi vedemmo assai tra gli Evangelici assistere ai riti
dei Cattolici con bella modestia. I pastori delle due chiese riformate
sono spediti dal capitolo dell'alta Engadina. Usano la bibbia tradotta
da Giovanni Diodati! e seguono la confessione retica segnata in Coira
il 22 aprile 1553, cui si aggiunse poi l'elvetica. Ammette quella i
tre simboli, il _pater_, il decalogo, la domenica, i sacramenti del
battesimo e della cena, però come segni e non necessari alla salute.
In un concistoro, tenuto ogni anno dai pastori della Rezia per turno,
e sopravveduto dal decano, approvano i ministri, e si danno a vicenda
consigli sulla fede e sui costumi. Nei loro catechismi variano assai
anche nei punti fondamentali; alcun che di luterano vi s'introduce,
conservandosi il sacramento e portandolo agl'infermi; s'era fin
proposta la confessione auricolare, ma tutto dipende dai ministri,
laonde questi da alcuni anni ebbero istruzione di non trattare mai di
dogma, ed attenersi alle sole verità pratiche. E deh sia presta l'ora
che rinverdiscano i rami, e il sacro sangue della redenzione ci unisca
tutti in un solo ovile sotto un solo pastore.

A questo riuscì la lotta sì lungamente agitata con armi e con trattati
in Italia e fuori: lotta male avvisata nel cominciamento, crudele
nell'atto, inutile nel fine. Quegli uomini, superstiziosi non
religiosi, se la religione sta in benevolenza d'affetti e santità di
opere, dopo compiuto il gran delitto, persuasi di non trovare perdono,
e che unica salute era il non sperarla, dovevano da sé stessi
difendersi fra le barriere dei loro monti. Qual esercito, pur ordinato
e grosso, può resistere alla fatica della guerra popolare; che sventa
i disegni del nemico e glieli volge sul capo, che drizzando sempre i
colpi dal giro al centro, li fa tutti mortali; che affanna e stracca,
fugge e ricompare impreveduta, inevitabile, né può per battaglie
terminarsi; ove più valgono i soldati assai che i capitani; ogni casa
diviene una fortezza; ogni siepe, ogni macia un baluardo, ogni
elemento un'arma micidiale. ove gli aggressori scorati, privi del
mangiare e del bere, devono in fine cedere al popolo, che, non
disperando della patria nel giorno della sventura, difende la propria
indipendenza? Così vedemmo ai dì nostri salvarsi dall'ambizione
d'eserciti tremendi la Spagna, il Tirolo, la Grecia... doveva così la
Valtellina francheggiarsi. Ma i coltelli adoprati all'assassinio
parvero cadere di pugno. E dopo la vittoria di Tirano, non sapendo
intera soffrire né la libertà, né la servitù, seguitarono non
diressero gli eventi. Quand'era tempo di fare, se n'andarono in
consigli: da re, i più avidi di acquistare che vogliosi di
francheggiare, mendicarono gli ajuti che dovevano da sé soli sperare.

Ricorsi all'intervenzione dello straniero, potevano ottenere buono
stato dalla Francia; invece si commisero alla Spagna, che col non
risolvere, nutricò lungo tempo la guerra. Poi pretendendo vigilarne il
bene e la religione, la vendette per vantaggio proprio a coloro che
più odiava, senza tampoco i privilegi di prima; anzi consolidando quel
servaggio, cui l'avevano ridotta le lente usurpazioni dei Reti.
Diciannov'anni di guerra fra tumulti ed eccidi, fra le ansietà della
speranza e degli sgomenti, colle solite conseguenze delle rivoluzioni,
sospensione delle utili arti e del faticato progresso, abbassamento
dei caratteri, assuefazione allo stato provvisorio ed ai mali come ad
una necessità, oblìo della franchezza vera e della legittima
opposizione, schifiltà da quell'obbedienza che è la condizione più
necessaria alla libertà, bisogno di distrarsi e stordirsi, confidenza
nelle eventualità imprevedibili e fin nella conflagrazione universale
come rimedio, mentre è un male che tutti gli altri peggiora e a
nessuno ripara. E l'appannaggio dei deboli la rabbia e la paura:
aggiungete 25 milioni di lire scialacquati, infine la sudditanza che
avevano dichiarata importabile furono l'espiazione imposta da quel
Dio, di cui si erano arrogati i diritti e le vendette.

Ad alcuno parrà che la storia dia torto ai Valtellinesi sol perché
soccombette, se fosse riuscita, cercherebbe da lei esempi del meglio.
Caduta, non vi vede che ragioni di biasimo. E forse è così: ma se il
passato potesse servir di lezione, e l'uomo non si ostinasse a
ricominciare sempre l'esperienza a proprie spese, avrebbero i signori
ad apprendere a rispettar la giustizia, i patti e la più libera delle
cose, la coscienza, onde non costringere i popoli a ricorrere
all'estremo rimedio. Avrebbero i popoli ad apprendere che a grandi
mutazioni si vuole gran consiglio prima, gran risolutezza poi,
adoperare tutti i mezzi di riuscire, né prorompere senza
considerazione o procedere senza fermezza per non pentire senza
rimedio quando si trovino ribadite e aggravate le catene da quegli
appelli alla forza, da cui si erano ripromesse libertà e pace.


FINE



INTRODUZIONE ALLA RISTAMPA DEL 1885


Quando venne in luce questo racconto storico, _Il sacro macello di
Valtellina,_ i clericali si levarono contro Cesare Cantù, perché mal
sapevano acquietarsi al pensiero che si risuscitasse, da uno scrittore
operoso, il ricordo di fatti crudeli, operati da fanatici cattolici,
che insanguinarono una terra ch'è asilo antico di libertà. Tanto
maggiore fu l'ira dei clericali, in quanto l'autore non era un
protestante, ma bensì un cattolico, che professò sempre la sua fede
anche se, il proclamarla, gli sia costata la popolarità.

Le monografie sulla _Lombardia del secolo XVII, la Storia di Como, la
Rivoluzione di Valtellina_, (riveduta ed ampliata nel _Sacro Macello_)
erano la preparazione all'opera colossale della _Storia Universale_
che con meravigliosa modestia l'autore imprese a correggere, a
ampliare, a rifondere. E lo fece spinto da quella "perseverante
ricerca della verità e deliberata franchezza nel dirla" che è il
merito di tutta la sua vita; perché altri autori, invece di ritornare
sull'opera propria, si sarebbero compiaciuti di riposare sulla gloria
ottenuta per aver scritto la storia più popolare nel mondo civile, che
ebbe dieci edizioni in Italia e fu tradotta in tante lingue. Di questa
_universalità_ della sua storia se ne deve cercar la ragione nella
limpida parola, nella forza dell'argomentazione, nella logica
inflessibile, nell'aver "scritto col cuore, dopo molto riflesso colla
testa" sicché le sue storie hanno tutte le attraenze della lettura
amena, ma lasciano vital nutrimento in chi leggendole si ferma a
considerare con lui il bello e melanconico spettacolo dell'umanità, la
cui destinazione "è di ingrandire soffrendo, e di camminare
all'acquisto del vero, all'attuazione del buono, ad una più equa
partizione dei godimenti della vita e dei vantaggi del sapere".

Un'altra ragione della fama antica e ognor verde delle opere storiche
di Cesare Cantù (come delle altre educative e di fantasia) è l'amore
che sempre ebbe per le classi deboli e perché deboli infelici. Nelle
sue pagine spira il soffio dei tempi nuovi, della rivendicazione del
diritto; uscito dal popolo, ricorda con compiacenza le dure prove
subite e vinte colla tenace volontà che gli fece scrivere in nome di
chi lavora: "Noi abbiamo per simbolo il progresso per guida di
battaglia _Avanti_". All'elenco dei re, che una volta costituiva la
storia, egli aggiunse lo studio delle condizioni degli oppressi, egli
ci fece partecipi dei dolori della massa disconosciuta, dimenticata
composta dì ignoti, alla quale si devono lo svolgersi delle
istituzioni e i progressi che gli scrittori d'un tempo solevano
attribuire, quale appannaggio di gloria, ai principi. E per questi
dimenticati del passato egli chiede per il presente e per l'avvenire
non privilegi, ma giustizia: e mentre ciò chiede ai potenti,
dall'altra parte lavora perché crescano quei deboli nel loro diritto,
educati, virtuosi e dignitosi. Noi non dividiamo in tutto le opinioni
dello scrittore; parecchie volte siamo indotti dalle nostre
convinzioni a proferire diverso giudizio dal suo; ma non per questo
vien meno in noi il rispetto per le opinioni, con sì schietta e sì
ferma fede, proclamate da Cesare Cantù. E mentre guardandoci intorno
si vede tanta trivialità d'ingegni e codardia di carattere, non si può
rifiutare l'ammirazione a quest'uomo contro il quale si sbizzarrirono
invidie e calunnie, ma che in questi tempi in cui i libri più lodati
vivono sei mesi, ha la compiacenza di veder sempre letti i suoi libri
di sessant'anni fa, e che opponendo la serenità della coscienza alla
trascuranza colla quale si cerca di opprimerlo, può dire d'essere
sempre lo stesso di quando giovinetto "combatteva solo, col suo
coraggio e colle sue speranze".



NOTE


(1) SARPI, Storia del Concilio di Trento, I.

(2) Ca-de-Dio, Gott-haus-bund.

(3) Graubund.

(4) Zelin-gerichten-bund.

(5) Secondo i vari linguaggi del paese, cioé tedesco, romancio o
ladino, si intitolano Comuni, Vicinati, Nachbarschaften, Schnitze,
Gleve, Directuren, Squadre, Contrade.

(6) Questa costituzione durò fino al 1847.

(7) Non posso tacere un curioso documento della tolleranza romana,
ch'è nei preziosi Diarj manoscritti di Marin Sanuto. Nel Vol. XXXVIII
pp. 159-160 porta una lettera che il cel. Gaspare Contarin,
ambasciadore a Madrid e che fu poi cardinale, scriveva ai suoi
fratelli raccontando come tre patroni di galee veneziane fossero stati
colti dall'inquisizione per aver venduto una bibbia ebrea e caldea
coll'esposizione di Rabin Salamon. Esso Contarin si presentò subito al
S. Uffizio, "parlai lungamente, dichiarandoli il costume di Italia e
di tutta la chiesa cattolica essere di admeter ogni auctor infedele,
quantunque contradicesse alla fede quanto li paresse, come Averois e
molti altri, perché si faria ingiuria quando non si volesse che li
adversarj nostri fossero auditi et lecti".

Addusse anche altre ragioni per le quali furono rilasciati, solo con
lieve penitenza. E il Contarin conchiude: "Questa inquisizione in
questi regni (di Spagna) è una cosa terribilissima, né il re medesimo
ha potestà sopra lei, et per li cristiani nuovi una cosa che a noi
pare minima a costoro pare grande. È stato etiam dito che hanno
venduto libri de Luterio, ma io nol credo".

(8) V. Missaglia, Vita del Medeghino, p. 52 e G. Batta Giovio, lettere
lariane, XI.

(9) Nel poema dell'Arsilli sui poeti del suo tempo è nominato come
uomo che a cercar libri aveva girato tutta Europa. Il Bossi nelle
incondite giunte alla vita di Leone X del Roscoe, v 10, p. 94, non
sapendo chi costui si fosse, propose di cambiarlo in Fausto Sabeo di
Brescia. La famiglia Calvi fu chiara in Menaggio, e n'è il sepolcro
nella chiesa maggiore.

(10) Ap. Hottinger, Hist. Eccl. sec. XVI, T. II, p. 611.

(11) Anche oggi in Valtellina e nei Grigioni un protestante si nomina
un Luter; forse dunque il predicatore di colà non fu che uno dei
seguaci di frà Martino.

(12) Olimpia Maratti, una di quei profughi, scriveva da Idelberga
Ferrarie crudeliter in christianos animadverti intellexi, nec infimis
parci, alios vinciri, alios pelli, alios fuga cibi consulere.

(13) Castagneto fu riformato da Girolamo Zerlino siciliano al qual poi
successero Agostino veneziano un G. B. vicentino; Girolamo Terriano di
Cremona fu il primo pastore di Bondo, ove il seguirono altri italiani.
Da Pietro Parisotti di Bergamo fu riformato Bevers; Siglio da Giovanni
Francesco, e da Antonio Cortese di Brescia; a Pontresina fu ministro
Bartolomeo Silvio di Cremona; a Casaccia Leonardo Eremita ed altri.
Evandro riformò Vettan e gli successe Francesco calabrese. Vedi sempre
De Porta.

(14) Alla biblioteca nazionale di Parigi, 8097, 3 son manoscritte
varie lettere che Celso Martinengo bergamasco apostata, da Ginevra,
scriveva ad Angelo Castiglioni, carmelitano di Genova, dopo il 1558 e
le risposte di questo, più acri che persuasive.

(15) A Ginevra era una chiesa riformata italiana, ove fu ministro
Nicola Balbani, scrittore della vita di Galeazzo Caracciolo marchese
di Vico, dalla quale si hanno importanti notizie sulla riforma nel
regno di Napoli. Quivi, e singolarmente a Caserta, predicò le dottrine
di Zuinglio e di Melantone l'agostiniano Lorenzo Romano di Sicilia.
Nelle Calabrie furono in un dì solo scannati ottantotto per eretici.
Il manigoldo, ammazzato uno, si poneva il coltello in bocca, mentre
avvolgeva un velo al capo dell'altro che doveva scannare. Contano da
seicento uccisi in quel tempo. Si faccia la debita deduzione ai
martirii raccontati da chi si gloria martire.

(16) Molti lucchesi furono tenuti eretici, dopo che Pietro Martire
Vermigli fu priore degli Agostiniani: e così altri assai toscani dei
quali i più nominati sono: Matteo Palmieri, I'andolfo Ricasoh
canonico, Jacopo Fantoni, e il famoso Gamesecchi, il quale a Viterbo
si era trovato col vescovo di Bergamo Soranzo, con Apollonia Merenda,
Luigi Priuli, Pier Paolo Vergerio, Lattanzio Ragnoni di Siena,
Baldassarre Alfieri, coi fiorentini Antonio Brucioli e Francesco Pucci
Mino Censo sanese, e vari Lucchesi, tutti tinti d'una pece. Il
Camesecchi finì bruciato.

(17) Non poche illustri donne furono sospettate di nuove opinioni: e a
dir le più illustri, oltre la duchessa Renata di Urbino, Giulia
Gonzaga contessa di Fondi e Vittoria Colonna, entrambe celebrate da
Paolo Giovio. V TUANO, C. 39 sul principio, e BAYLE, Dict. Si
aggiungano Lavinia della Rovere Orsina, Teodora Sauli, Faustina
Mainardi fiorentina, Apollonia Merenda napoletana. Olimpia Morata
ferrarese è la più illustre. Le sue opere furono raccolte e pubblicate
a Basilea il 1599 e più volte ristampate. Si ha HOLTEN, De O. Moratta
vita, Francfurt, 1731; KNETSCHTE, O. F. Moratta, Zillau 1808; O.
Moratta, her times, life, ecc. Londra 1834.

(18) A gravare i sospetti sul conto della fede di Castelvetro, avvenne
nel 1823 che, ricostruendosi presso alla Staggia nel basso modenese
una casa appartenuta alla sua famiglia, si trovarono murati da 50 in
60 volumi di prima edizione di libri di Calvino, Lutero ed altri
riformatori, con moltissime carte. Queste sciaguratamente andarono
disperse; i libri furono acquistati dalla biblioteca estense. Vedi
VALDRIGHI, Alcune lettere d'illustri italiani, ecc. Modena, 1827.

(19)
D. O. M.
MEMORIAE
LUDOVICI CASITELVITREI MUTINENSIS VIRI SCIENTIAE
JUDICII MORUM AC VITAE INCOMPARABILIS QUI DUM
PATRIAM OB IMPROBORUM HOMINUM SAEVITIAM FUGIT POST
DECENNALEM PEREGRINATIONEM TANDEM HIC IN LIBERO
SOLO LIBER MORIENS LIBERE QUIESCIT ANNO AETATIS SUAE
LXVI SALUTIS VERO NOSTRAE MDLXXI FEB. XX

Anton Federico Salis nel 1791 fece risarcire quel monumento, ponendovi
anche un busto di Lodovico nel giardin suo, che poi divenne degli
Stampa. Falla adunque il Pallavicino nella Storia del Concilio di
Trento, lib. XV, c. 10, scrivendo come visse e morì tra gli eretici in
Basilea: errore copiato dal Bayle nel Diction.

(20) L'iscrizione ivi posta sopra la cantoria legge così: Chiesa
cristiana vangelica riformata dagli errori e superstizioni umane in
questo borgo primo 1520, e da Pietro Paolo Vergerio stato vescovo di
Justinopoli e nunzio mandato da papa Leone X nell'impero germano, ecc.
Quella chiesa era già cattolica; venne poi rinnovata dal 1647 al 1649,
e ristorata ancora nel 1769: vi si leggono sulle pareti alcuni detti
del Vangelo.

(21) Diario manoscritto delle cose comensi.

(22) Erano Lucerna, Uri, Svitto, Unterwald, Zug, Solura, Friburgo.

(23) I Pestalozzi, gli Orelli, i Muralti, che sì bene meritarono della
Svizzera in questi ultimi tempi, traggono origine da Locarno. Bisogna
dire che questo paese non si fosse del tutto ripurgato, poiché intorno
al 1580 il papa trovò mestieri di commettere quella pieve alla
speciale cura di monsignore Speziano, vescovo di Novara, che la tenne
un dieci anni.

(24) Vedi un appello dai Valtellinesi sporto al vescovo di Como,
manoscritto in questa curia.

(25) Delle monache di Moncarasso destinate all'educazione, sol una
sapeva scrivere alcuna cosa. Che anzi le constituzioni severamente
proibivano alle monache di tenere in camera penna, carta e calamajo; e
in caso di provato bisogno, dovevano ricorrere alla badessa.
L'arciprete di Dongo querela presso al vescovo Ninguarda il curato di
Musso, che vantava volergli cavare il cuore, ed altri preti, che gli
avevano spianato incontro il fucile. Il curato di Barbengo faceva
mercato di vacche e cavalli, fabbricava casse e tini, teneva bastardi,
eccetera. Visit. episc. Ning. 1593, 94.

(26) Così il Giussano nella vita di San Carlo. Questo santo nelle
Trevalli lepontine scriveva aver trovato XIV sacerdotes publica
scortorum consuetudine infames: presbiteros ibidem suis ipsorum filiis
stipatos ad aram procedere solitos, atque hoc sibi jus profanos earum
regionum praetores sumpsisse, ut scorti domi tenendi facultatem
sacerdotibus pro arbitrio impertirentur. L. 2 c. 1. Poco dopo nota che
mercatura et sordidi quaestus minima sacerdotum flagitia erant,
ecclesiae stipendia in pellicum alimenta vertebantur, et patris nomen
quod ex publicae salutis cura mereri debuerant, plerique ex libidine
voluptatum acceperant. Leggesi ivi pure L. 2 c. 7 che il santo
soppresse molti monasteri, monialium non dicam collegia, sed amantium
contubernia. Erano tali quei di Bellagio e di Mompiatto. Carlo II
scrisse al vescovo della sua città di Como perché provvedesse
d'impedire "le conversazioni de' secolari con religiose, avanzandosi
anche a cose illecite con titolo di devozione". Lett. 13 gennaio 1682
nell'archivio municipale di Como. La rilassatezza monastica è con
strano vigore rivelata nel Gemitus Columbae del cardinal Bellarmino.

(27) Corre voce si volesse una volta trasportare a Gravedona il
Concilio. Forse si appoggia a certi seggioloni a bracciuoli ch'ivi
sono nella gran sala segnati coi nomi dei cardinali d'allora. Ma non
contando il silenzio degli storici e dei panegiristi di quel palazzo
(p. e. il Minozzi), basti dire che Trento stessa pareva picciola alle
gran corti di quei prelati.

(28) Forse si ricordò di ciò, allorquando, fatto papa, fulminò di
tremendo anatema chi si permettesse alcuna ingiuria contro gli
inquisitori.

(29) Serpeggiava molto in Mantova la dottrina novella: e pare vi
aderissero Camillo Olivo, segretario di quel cardinale e amico del
Sarpi, ed Antonio Ceruto canonico, scolaro del Vergerio, come dai
processi dell'Inquisizione di Roma. Nel 1568, aperte a forza le
carceri dell'Inquisizione, i Mantovani scannarono due domenicani.
Carlo Borromeo, mandato dal papa a por freno al male, vi riuscì: e dei
moltissimi frati che favorivano i predicanti, i più fuggirono, altri
furono messi in istato di non più nuocere.

(30) Può esser un esempio della lautezza con cui provvedeva alle
conversioni quel santo, il qual poi digiunava mezzo l'anno in pane e
acqua. A quel collegio fu assegnata la prepositura di Rivolta presso
Monza; Gregorio XIII vi aggiunse 2400 zecchini annui, alcuni benefizi,
e case e commende ch'erano appartenute all'ordine degli Umiliati,
allora abolito. Dovevano starvi 20 svizzeri e 20 Grigioni; poi il
cardinale Altaemps cugino di san Carlo vi unì la sua commenda di
Mirasole acciocché vi avessero posto 24 chierici della diocesi di
Costanza. Riceveano anche la laurea, ma doveano giurare d'andar a
servizio dei propri paesi. Federico Borromeo fece fabbricare per essi
uno dei più magnifici palazzi di Milano a disegno di Fabio Mangone.
Giuseppe II, che riformava a bastonate, cacciò via quei chierici per
mettervi degli impiegati, nei quali esso riponeva il progresso. La
rivoluzione poi abolì quei posti gratuiti; di che la confederazione
svizzera si querelò sempre invano, finché nel 1841 furono istituiti
per gli Elvetici 24 posti gratuiti nel seminario arcivescovile, per
ciascuno dei quali il governo pagava mille lire.

(31) Dalle lettere del Borromeo caviamo una pietosa storiella. In Val
Trompia s'avvenne in una giovinetta, il cui padre era tra i riformati
nella Valtellina: e l'avo presso cui vivea continuamente instava
perché al padre la se ne andasse. Ella però, temendo il pericolo
dell'anima, si rifiutava, finch'egli la cacciò di casa, sicché doveva
tollerare a stento la vita presso una povera donna, contenta d'essere
mendica, purché sicura in sua fede. Morto poi l'avo, venne in
Valtellina un fratello di lei per trarla a viva forza a convivere col
padre: e già strappata alla patria ed alla pietosa amica, l'aveva
trascinata sin presso di Gardona, quand'ella destra si sottrasse, ed
immacchiatasi nel bosco, per luoghi inaccessi tornò in patria, ove
languì povera, sinché venuto il Borromeo ne sollevò la generosa
povertà.

(32) E alle stampe coi cinque libri delle epistole sue e dodici
orazioni latine. Venezia, Guerraei 1587. Di questa visita vedi i
curiosi particolari nel Giussano, Vita di san Carlo L. VI c. 6. Carlo
stesso scriveva al cardinale Speciano: "In questa occasione calato in
Valtellina, volli visitare la celebre chiesa della Madonna, per
infiammare quanto potessi gli ortodossi di quella valle: poiché
giaciono dall'intollerabile giogo degli eretici quasi oppressi, e gran
pericolo reca di contagione il quotidiano convivere coi nemici della
nostra fede. Ivi predicai per dare qualche consolazione a quel popolo,
che ardentemente bramava udire la mia voce, e volentieri lo feci con
facoltà del vescovo di Como".

(33) Il vescovo di Piacenza scriveva a san Carlo sotto il 22 marzo
1583 "V'ha alcuni della tua diocesi, singolarmente di Carlazzo,
Corrido e Cavargna, che si presentano a spedali ed altre pie case
addomandando danaro, e compiendo per tutta Insubria ogni genere di
iniquità. Quel che è peggio, sotto il velo della religione, esercitano
arti pessime, spargono superstizioni, falsità contrarie alla cattolica
fede, divulgando false indulgenze, agnus dei profani, anelli
raccomandati da falsi riti: per tacere altre fallacie colle quali
assicurando il perdono dei peccati, la liberazione dal purgatorio,
guarigione da certi mali, accalappiano gl'ignoranti, che delusi dalle
vane promesse di tanti beni, si lasciano smungere la borsa, mentre
quegli ipocriti si fanno pingui col danaro altrui e coi propri
peccati". Anche il Giussano nella vita di san Carlo, I. VII, c. 16,
c'informa che, con una raffinatezza appena credibile in gente nata e
cresciuta fra le selve, penetravano sin nelle reggie, con pompa di
arredo o fingendo una legazione, o falsi titoli o privilegi.

(34) Il passaggio del San Gottardo era allora uno dei più formidabili,
pure fin dal 1374 l'abate di Dissentis vi aveva posto un piccolo
ospizio. Nel suo viaggio san Carlo determinò porvi una fabbrica
solida; ma morì prima d'eseguirla, e Federico Borromeo vi collocò nel
1602 un prete con casa. L'ospizio fu poi eretto nel 1683
dall'arcivescovo Visconti, con due frati cappuccini per assistere i
viandanti. Si sa come soccombette nella guerra contro il Sunderbund.

(35) Divenne vescovo di Crispoli, poi di Asti. Sono a stampa varie sue
scritture polemiche, fra le quali le Lezioni calviniche, recitate
d'ordine del duca di Savoja in Torino il 1582 per opporsi ai novatori
che tuttodì cresceanvi. Ivi loda il congiungere la predicazione colla
teologia; questa gl'insegnò a fare più sicure le prediche, quella a
fare più chiare le lezioni. Una sua apologia per negare la voce
sparsasi, ch'egli si fosse fatto predicatore evangelico a Ginevra è
manoscritta nella libreria Soranzo a Venezia.

(36) Compertum est nullum ferme ex quingentis et amplius, qui labes
apud nos suas deposuerunt, lethalis culpae reum fuisse auditum.
Lettera del padre Vagliardo da cui togliamo la descrizione di questo
viaggio.

(37) Samuele figlio di Frontano, ed una Brocca con tutta la sua
famiglia, si resero poi cattolici nel 1584, come abbiamo dai
manoscritti del Borromeo.

(38) Erano Adorno, Grattarola, Boverio. Il Grattarola in una lettera
descrive il processo, fattogli in un'osteria, presenti quindici
giudici insigniti della collana d'oro, i quali alfine dovendogli
imporre una multa, s'accontentarono che pagasse la cena a tutti.

(39) "Papa Gregorio XIII, mosso da compassione e zelo,
coll'interposizione del cardinale san Carlo nell'anno 1584 persuase a
Carlo di Terranova di sorprendere la Valtellina, e per verità seguiva
se in quel mentre non moriva il detto cardinale". Relazione
manoscritta nell'archivio vescovile.

(40) Questa lettera il Quadrio l'ebbe dall'Oltrocchi: è del 24 maggio
1584.

(41) Solo verso il 1700 i Protestanti adottarono il calendario
Gregoriano; gli Inglesi nel 1752; i Russi non ancora, onde sono dodici
giorni indietro da noi nel contare i giorni.

(42) Vedi Capitolationi et conventioni co' signori Grisoni l'anno
1603.

(43) Vedi Bündniss entzwischen des durchleuchtigen Republic von
Venedig, und den lobl. Drey Bünden der ersten alten Raethia, gedrükt
zu Chur bey J. Pfeffer 1706. Da questo impariamo che il più comune
passo fra i due paesi era per la montagna di san Marco. l'alleanza si
mantenne sino al 1764.

(44) Fu cominciato il forte di Fuentes nell'ottobre 1603, dirigendo i
lavori l'architetto militare Broccardo Borrone di Piacenza, sul
disegno dell'ingegnere capitano Giuseppe Vacallo: si finì nel 1607.
Giuseppe II abolì quel forte ed il tenente colonnello Schreder, che
n'era stato l'ultimo castellano, lo comprò, e ne coltivò i dintorni a
gelsi. Venuti poi i Francesi nel 1796, il generale Rambaud con 500
soldati salpando da Como sulla più bella flotta e pomposa che mai vi
si vedesse, andò a demolirlo a forza di mine, resistendone però,
tant'era solido, una gran parte; e senza avere che qualche uomo
ammalato dalle febbri ivi dominanti. Ma il Pagès nella Storia della
rivoluzione raccontò questa come una delle segnalate imprese della
gran nazione. Or non rimane che un mozzicone di torre, pittoresco come
sogliono essere le ruine.

(45) Non usandosi allora chiedere l'indulto, per tutta la quaresima si
doveva mangiare di olio. Quindi non si macellava che qualche vitello
per i malati o per chi n'avesse licenza: il fare altrimenti oltre il
peccato, costava una multa a favore dei luoghi pii. La tassa degli
animali macellati in quaresima a Como rendeva a pro della fabbrica del
Duomo, e non sarà inutile l'avvisare come quell'entrata nel 1534 si
sia appaltata a L. 120; nel 1599 a L. 38; dal 1630 al 1698 circa L.
120; di là sino al 1730 L. 380 e più; poi L. 700, e fin L. 1105, nel
1768, in cui venne abolita da Giuseppe Il (dall'archivio della
fabbrica del Duomo di Como). Verso il 1580 Giangiacomo Pusterla di
Sondrio impetrò da Gregorio XIII per tutta la Valtellina perpetua
dispensa per i latticinj in quaresima. A Como trovo il primo indulto
dei cibi d'olio domandato dal Comune nel 1731.

(46) Vedi il patto stipulato nel 1587, rinnovato nel 1604, fra i
Cantoni svizzeri e Filippo Il per assicurare la religione cattolica
nelle terre già comasche, ap. LUNIG, Cod. dipl. ital. 1 p. I, sect. 2.

(47) Baserga (corrotto di basilica) chiamano i Grigioni le chiese
loro.

(48) San Carlo negli atti del IV sinodo raccomanda che, quanta fatica
si pone in istabilire e crescer la religione, tanta cura e diligenza
si spenda nello svellere dalle menti degli uomini la superstizione. Il
vescovo Bonomio (Decr. in calce alle vis. della Diocesi Com.) esorta
che nelle prediche si eviti di mettersi a confutare gli eretici e dal
riferire miracoli falsi ed apocrifi racconti.

(49) Trovo in una recente storia di Como, che in quella sola diocesi,
si poteva in un anno acquistare 1.975.405 anni d'indulgenza plenaria,
non contando quelle riservate alle confraternite del rosario, del
suffragio, del sacramento, eccetera.

(50) San Paolo ai Corintii.

(51) È il tratto ove, nel 1792, gli sgherri milanesi arrestarono gli
ambasciadori della repubblica francese Semouville, Montholon, Maret.

(52) Melantone, interrogato da sua madre che cosa dovesse in somma
credersi fra le dispute dei teologanti, le rispose: "Continuate a
credere e adorare come sin qui... La nuova religione è più plausibile,
l'antica è più sicura".

(53) Il Rusca istesso lasciò scritto: "Li principali della comunità di
Sondrio erano la maggior parte eretici. Triasso, Ponchiera, Piazzo,
Colda, Cagnoletti, Arquino, Riatti, Marzi, Gualzi, Colombera,
Sondrini, Bradella, Triangia, Ligari, Majoni, Bassola erano tutti
cattolici. Sondrio, Ronchi, Gualtieri, Aschieri, Prati, Mossini e
Moroni sono misti, e però si servono di due ministri, i quali tendono
in Sondrio e nella contrada dei Mossini". I Marlianici erano i
principali Calvinisti.

(54) Nominatamente in Tirano egli ed i parrochi di Mazzo e di Tirano
combatterono contro il Calandrino e Antonio Andreossa ministro di
colà. poscia in Piuro, ove singolarmente Giovanni Paolo Nazari
cremonese, bravo soggetto dei domenicani, disputò contro Giovanni
Muzio ministro di Teglio sulla messa. Abbiamo l'Apologia di F. G. P.
Nazari contro il Muzio. Como 1597, ed Acta disputationis tiranensis
del Rusca, Como 1578. Biagio Alessandro era predicante a Berbenno.

(55) Al primo pericolo di riforma si era messo in Valtellina un nuovo
inquisitore, fra' Modesto da Vicenza; ma il cronista Stefano Merlo
scriveva. "Non penso che al mondo si saria trovato il più furibondo e
i1 più simulatore di lui; ed aveva tanta cupidità di guadagnar scudi,
che faceva ogni diligenza a trovar gente che avesse voglia di
vendicarsi, ed accusar gente assai per accumular danari. Onde, se gli
uomini non avessero provvisto a mandarlo via, voleva infamar quasi
ogni persona, salva quelli i quali ajutavano a tal impresa... Dubito
che, se tali frati potessero andare in paradiso, troverebber la via di
fare che in paradiso vi fosse tal difetto (d'accusare d'eresia i
nemici)".

(56) Allora Giovanni Batista Bajacca comasco segretario del vescovo
d'Adria, nunzio agli Svizzeri, scrisse al signor abate Camillo
Cattaneo a Madrid una "Relazione dello stato politico de' Grisoni e
della causa de' moti e seditioni loro nell'anno 1618" manoscritto di
cui molto mi valsi, e dove mostra che bell'opera sarebbe al re
cattolico invadere la Valtellina, sperdere quel branco d'eretici, e
tornarla al suo dominio. Alfonso Casati, messo di Spagna a Soletta,
tentò persuadere questo partito, ma vi si opposero i Francesi.

(57) Scrisse la vita del Rusca il suddetto G. B. Bajacca. Fra'
Riccardo da Rusconera ne stampò il martirio nel 1620 ad Ingolstad. Ne
fece un poema (Il Parlamento, Conto, Arcione 1619) Cesare Grassi
comasco, che in un altro ladro poema (Il popolo pentito, ib. Frova
1630) descrive i mali del suo tempo. Morenas nella continuazione del
Fleury; dice il Rusca arcidiacono di Sondrio, Zschokke lo chiama
arciprete di Bedano in Valtellina, e dice che morì in prigione
avvelenato c. 37.

(58) Chi osserva quei dintorni s'accorge come furono scena di violente
convulsioni della natura. Singolarmente per la valle dei Ratti e per
la Codera si trovano enormi massi di granito. La tradizione,
confermata dall'aspetto dei luoghi, vuol che dalla parte di Uschione
precipitasse la val Condria. Sopra la via di Chiavenna ancor si vede
isolato un enorme macigno.

(59) Tal nome si dà a freschissime cave, aperte naturalmente nel
macigno, in cui ripongono e conservano i vini. Sono celebri i crotti
del Prato-Giano a Chiavenna, quei di Caprino rimpetto a Lugano, quei
di Figino, di Mendrisio, di Moltrasio presso Como, ed altri. Vi fa
mirabile frescura ed un continuo orezzo. Saussure, che ne discorre nel
Voyage aux alpes, t. III p. 313, dice che in un giorno estivo portato
in quei di Caprino, il termometro vi si abbassò di 19 gradi.

(60) Quintilio Passalacqua, Lett. Stor. 2. Anche oggi trovi fra i
Grigioni molte stufe, messe con bell'arte a opera di intagli, od a
pitture, tratte specialmente dalla Gerusalemme Liberata. Nel 1621 il
generale Serbelloni ne fece spiantare e trasportare a Milano una dei
Salis a Soglio, che valeva degli scudi a migliaja. Ne ha pure di belle
in Valtellina, e in quella dei Vertemate, vicinissima al luogo di
Piuro, sono profusi intagli delicatissimi e belle tarsie e pitture del
Campi. Ivi pure si conserva la pianta di Piuro antico.

(61) Nella dedica della vita del Medeghino del Missaglia.

(62) Si disse esservi periti 2 milioni in oro: chi a 3.000, chi a
1.800, chi a 1.200 somma i morti. Kant, Geografia fisica IV, 13 li
restringe a 200. Bossi, Storia d'Italia, li cresce a 3.600; ed in un
suo discorso all'Istituto suppose avervi dato cagione le cave della
pietra tornatile: ma ciò non può essere, giacché sono al di là del
colle. Il Dictionnaire geog. hist. et popul. de la Suisse somma i
morti a 2.430. Oltre quelli che ne parlarono per incidenza, ed il
Passalacqua suddetto, vedi una relazione di Benedetto Paravicino,
Bergamo 1619: una lettera di Girolamo Borserio al P. M. Montorfano,
Milano 1618: il Quadrio, diss. 3 p 104: Sprecher p 64 che allora era a
Chiavenna, ed ebbe lordo il cappello della levata polvere, eccetera.
La collegiata ne fu trasferita alla chiesa di Prosto, che conserva una
campana di Piuro (è la più grossa), un pesante calice d'argento con
ceselli leggiadri, donato nel 1588 dai Vertemate-Franchi, e metà di
una ricca pianeta. Dicesi ancora che alcuni v'abbiano rinvenuto del
bello e del buono. Pochi anni fa una mattina si trovò al posto di
Piuro sobbissata una quercia robusta, ciò che può indicare terreno
cavernoso.

(63) Così un libro intitolato Vera narratione del massacro fatto dai
papisti ribelli nella maggior parte della Valtellina, messa in luce
per la necessaria informatione et ammonitione a tutti i stati liberi,
e per esemplo a tutti i veri cristiani di perseverare nella pura
professione del S. Evangelio. Beati coloro che sono perseguitati per
cagione di giustizia perciocché di essi è il regno de' cieli.

(64) Calicem furoris Domini, calicem soporis.

(65) "Fu fatta una congiura da predicanti et Grigioni, la quale
s'esibisce separatamente alla M. V., nella quale fu risoluto
d'ammazzare il clero et nobili della valle... col giorno et ora ne'
quali doveva il tutto essere eseguito".

(66) Il Tuana nelle memorie manoscritte riferisce questa lettera come
scritta al reverendo Antonio ministro di Schanvich. L'arciprete di
Sondrio la credeva scritta dopo il sinodo tenuto dai predicanti in
Illanz il 15 giugno. Relazione manoscrita nell'archivio vesc. com.

(67) DE BURGO, P. 9: cioè da 30.000 franchi.

(68) Così attestava il loro oratore compar Giasone Fogliano in un
petitorio al Ferer, consigliere segreto di Filippo IV. Ivi dice che il
contado di Bormio non pagava ai Grigioni che 20 renesi, 20 bazzi e L.
400 di Milano ogn'anno. Una relazione del Botero parte 3, l. 1 Venezia
1618, dice nella giurisdizione di Bormio, che fa 10.000 anime, non vi
essere tre case infette d'eresia.

(69) Il Quadrio vorrebbe contro il vero insinuare che si aveva
riguardo alle donne come cose mobili per natura: che a Teglio otto
donne e tre fanciulli rimasero per accidente sacrificati eccetera, ma
non era egualmente un assassinio e su queste e sugli uomini?

(70) "Che fu il 19 di luglio 1620, giorno veramente fausto, et per
tanta felicità degno d'essere annoverato tra gli più celebri dell'anno
con solenni processioni", BALLARINI, Fel. Progr. etc. p. 10 "Come
tanti Macabei confidati nel divino ajuto assalirono gli eretici... La
qual impresa quanto sia stata accetta a Dio l'ha testificato con
diversi miracoli, eccetera" Relazione manoscritta "Il che successe con
tanta facilità e felicità, che ben si vide la mano di Dio assistente
ad opera tanto santa: poiché in tutta la valle non si mossero più di
100 persone, sebbene ci fu consenso di tutti gli altri, et nondimeno
ammazzarono tanto numero di heretici et officiali Grigioni". Supplica
al re cattolico. "Di Teglio il fatto glorioso sgombra l'oscurità
dell'eresia, abbellisce il cristianesimo, empie di gioja il mio cuore
e d'altri fedeli, e tutte le lingue si debbono snodare per celebrarlo
d'opera sì sublime ed alta, conveniente alla sublimità ed altezza ove
siede". Il Rusco o descrizione del contado, eccetera. L'Alberti però
nelle antichità di Bormio dice che "da prudenti fu lodata la rivolta,
non già il modo". Fortissimum consilium quod vos ad salutaria arma
capienda compulit, et Grisonum hereticorum jugum excutere suasit:
faveat exercituum Deus pietati et fortitudini vestrae. Greg, XV breve
del 9 marzo 1623. Ed il Quadrio diss. IV: "Parve che il cielo stesso
dichiarar si volesse a favore del loro disegno, poiché dove tutta la
notte caduta era abbondevole pioggia... si mostrò il cielo all'apparir
dell'alba terso affatto d'ogni nube e sereno". Al fine del Vol. III
degli atti e monumenti della Chiesa Gallicana 1631 in fol. è inserita
una Storia delle stragi di Valtellina di Abbot, arcivescovo di
Cantorbery.

(71) Informazione dei Bormiesi nel 1636.

(72) Ragioni e motivi del consiglio dai Valtellinesi preso eccetera.
Milano, 1620. Fu poi ristampato in Germania con postille ed aggiunte
pro, e contro.

(73) Giovan Antonio Paravicini successore del Rusca, nacque di padre
riformato in Sondrio, fu rettore di Tirano, poi parroco di Poschiavo,
e giovò a mantenervi i pochi cattolici, a ajutato anche di danaro dal
cardinale Federico Borromeo: sostenne le inquisizioni del tribunale di
Tosana, fu prevosto a Montagna, indi arciprete a Sondrio. Mandato poi
a Lucerna per trattare gli affari della patria coi deputati di Spagna
e Francia, si dirizzò invece a Roma. Ivi nel 1625 ottenne da Urbano
VIII due barnabiti e sei Piaristi, coi quali voleva fondare a Sondrio
un'accademia: ma i Cappuccini, gelosi non venisse calo alla loro
autorità, impetrarono che, invece delle scuole, si piantasse il loro
convento. Egli ottenne pure dal papa che i canonici di Sondrio fossero
obbligati alle cure d'anime. Lasciò manoscritti in grossi volumi lo
stato della pieve di Sondrio, ed altre cose degli affari correnti, e
morì arcivescovo di S. Severina.

(74) Vedi Relazione dell'empia scelleraggine dei Bernesi, Zurigani e
Grigioni eretici nella loro passata in Valtellina. Milano, Malatesta
1620

(75) Le ho fedelmente raccapezzate da forse quaranta suppliche
libelli, richiami eccetera di quel tempo.

(76) Vedi Véritable et solide responce aux calomnies, et raisons
desquelles les resbelles de la Valtelline, vrais et naturels sujets
des Grisons, pallient et desguisent leurs exécrables forfaits, voulant
par une entreprise imprudente et abominable persuader aux rois et
potentats de prendre les armes pour leur défence et protection.

(77) RIPAMONTI, 1. IV p. 65. Questi fatti sono esposti anche nella
Legatio Rhaetica del Pascal, cioè Carlo Pasquali di Cuneo, che servì
utilmente ai re francesi come diplomatico, e fra altre opere scrisse
il Legatus, che è il primo trattato dei doveri e delle attribuzioni
degli ambasciatori.

(78) Nelle opere di fra Paolo Sarpi, (Verona, 1758, vol. VIII p. 160)
è una scrittura sopra gli affari della Valtellina, dettata colla
limpidezza che quel famoso soleva, e dove tende a mostrare come da
antico la Spagna si mostrasse ghiotta di quel paese, e ne instigasse i
movimenti.

(79) Il Ludovisi suddetto era caldo protettore del celeberrimo Marini.
Il Bagno era capo dei Ghibellini di Roma, e grand'amico dell'illustre
Cartesio. V. BAILLET, Vie de Descartes, I 119.

(80) "Diletti figli, salute e benedizione apostolica. Non potranno mai
lagnarsi d'essere stati dai pontefici in tanta necessità abbandonati i
Valtellinesi, difensori della libertà e propugnatori della religione.
Tanto vediamo in Europa stimassi questo paese e per l'opportunità dei
luoghi e per la virtù degli abitanti, che il possesso d'una sola valle
può rompere la concordia fra potentissimi re, e suscitare l'armi di
ferocissime nazioni" Bolla del 22 giugno 1624.

(81) V. Istoria delle missioni de' frati minori cappuccini della
provincia di Brescia nella Rezia dal 1621 al 1693 pel P. F. Clemente
da Brescia. Trento, Pavone 1702. Ivi sono descritti alla grossa i
martirii di molti santificati da poi, e le superstizioni che correvano
fra quei popoli.

(82) Rimasero da 500 arciducali; con loro cadde il beato Fedele da
Sygmaringa cappuccino, odiatissimo prefetto di quelle missioni.
LAVIZZARI, p. 254.

(83) Il forte di Tirano fu rifabbricato nel 1625 dai Veneti, dirigendo
i lavori gl'ingegneri bresciani Jacobo Tebanello e Giambattista
Lantana, architetto del duomo di Brescia, che per malattia colà
contratta morì.

(84) ALBERTI, Antichità Bormiesi, m. 5.

(85) Si stamparono di quel tempo le Filippiche, attribuite
generalmente ad Alessandro Tassoni, ove si dipinge la condizione di
quest'Italia, straziante sé stessa a pro degli stranieri; e si
esortano tutti a dar mano al duca di Savoja "che solo s'attraversa ai
disegni della futura tirannide, che solo non è stato effeminato da
questa non meno artificiosa che lunga quiete, che come poliedro
adentato dal lupo s'è fatto più coraggioso dopo i travagli" e si lagna
che le lentezze, le freddezze, i timori del papa, del granduca, di
Venezia abbiano ridato baldanza alla Spagna.

(86) SCHILLER, Dreizigjähriges Krieg: lascio a sua coscienza
l'esattezza.

(87) Al solo marchese Corrada diede la valle L. 30.550 perché
sollecitasse la marcia delle truppe.

(88) In Como si comprava il frumento L. 100, la segale L. 70, il
miglio L. 60 al moggio.

(89) Componeva egli allora un'epopea in ottave La caduta de'
Longobardi: ma quando col fil della vita del poeta dalle Parche
parcamente ordita, già si parallelava il filo della poetica tessitura
del suo poema, recise Cloto crudele col filo della vita quello ancor
del poema, e furono più veloci l'ali della morte a sopraggiungere, che
quelle di Pegaso a sottrarsene. Così suo fratello nella prefazione ad
esso poema stampato a Milano 1656. II Boldoni morì della peste nel
1630.

(90) TADINI, Ragguaglio dell'origine della peste ec. p. 13.

(91) Quella donna, faturata in un braccio di panno rosso, stette due
mesi fitta nel letto senza mangiare, né bere altro che qualche stilla
d'acqua infusale per un dente mancante. Eppure la vedevano affacciarsi
alla finestra; ma come tosto s'accorgeva d'essere veduta, tornava al
letto, ove immobile giaceva. Tardi guarì, non obstanti i debiti
exorcsmi.

(92) ALBERTI, Ant. Borm. manoscritto.

(93) Manoscritti nell'archivio vescovile di Como.

(94) Probabilmente sono da riferire a quel tempo le ossa che si
trovano al Fraele, che si sognano gigantesche, e che il popolo
attribuisce agli Ariani uccisivi. Invano cercammo là intorno quel
campo di Lugo, ove, secondo lo Sprecher, nessun fiore germoglia.

(95) Causa principale della rotta fu la vanità del Serbelloni stesso,
il quale ricevuto lettere dal Fernamondo, ove gli si annunziava il
sopraggiungere del Rohan, ricusò aprirle perché non lesse sulla
soprascritta tutti i titoli a sé dovuti. I Valtellinesi, per ischivare
contese dei convenevoli facili a sorgere allora, avevano decretato che
sulle lettere si scrivesse nudamente Al sig. tale dei tali. Neppur
questa fu dunque invenzione dei Giacobini.

(96) Vedi Memoires du Duc de Rohan. Questa marcia aveva fatto entrare
il governo in disegno di una strada, che dal forte di Fuentes mettesse
per Colico a Dorio, Corenno, Dervio e Bellano, poi per la Valsassina a
Lecco. Lo spilorcio governo spagnuolo non aveva i mezzi di ridurre in
fatto quel disegno, che con più audace e generoso proponimento noi
vedemmo condotto a fine.

(97) È presso me la lettera ch'egli scrisse al Cavallero Giacomo
Robustelli che Dio guardi, sotto il 14 agosto, invitandolo senza resta
a Milano col capitano Guicciardi, il cancelliere Paravicini (uomo
sommamente benemerito della valle, per cui molto soffrì) e qualche
altro soggetto dei contadi.

(98) Nell'archivio della curia di Como.

(99) Vedi spesso il Desimoni nel Discorso Apologetico sopra la
Valtellina.

(100) Nel 1614 il vescovo di Como, Archinti, impetrava di visitar la
Valtellina, e ne mandò relazione a Paolo V. Dopo estreme lodi al
paese, si consola che "in quell'esecranda libertà di vivere, e dire
quanto a ciascuno piace" appena tremila persone abbiano adottato la
riforma, e i popoli accorreano festosi e piangenti ad accompagnarlo. A
Tirano trova da 150 eretici, vil plebe. I cattolici di Poschiavo e
Brusio tengonsi incontaminati, benché misti ai calvinisti. In Sondrio
questi erano potenti per numero e ricchezza, sicché a fatica egli vi
ottenne accesso. Più pericolosa era la Val di Chiavenna, e dalla
Pregalia i riformati minacciavano assalirlo in armi. Un terzo dei
Chiavennaschi aveva abbracciato l'errore, fra cui i meglio stanti.
Quando esso Archinti tenne un sinodo nel 1618, il podestà di Traona
pubblicò per editto terribili pene contro qualunque ecclesiastico
spedisse lettere o uscisse dalla Valle; cento scudi di multa, o tre
tratti di corda a chi non lo denunziasse conoscendolo. Nel 1700 erano
10 famiglie di protestanti in Tirano, 2 in Bianzone, 2 in Teglio, 1 a
Castione Inferiore, 1 a Cajolo, 65 nel contado di Chiavenna.

(101) Relazione manoscritta.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Il Sacro Macello Di Valtellina" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home