Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: I Puritani di Scozia, vol. 3
Author: Scott, Walter, Sir, 1771-1832
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "I Puritani di Scozia, vol. 3" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                              I PURITANI
                              DI SCOZIA


                            ROMANZO STORICO
                                  DI
                             WALTER SCOTT

                             VOLGARIZZATO
                            DAL PROFESSORE
                           GAETANO BARBIERI


                              _TOMO III._



                               FIRENZE
                        TIPOGRAFIA COEN E COMP.
                     _All'insegna della Minerva_
                             MDCCCXXVII.



I PURITANI DI SCOZIA



CAPITOLO PRIMO.

    »Odi qual suon di fazïose grida
    »Empie la valle e il monte? Ah! fan pur fede,
    »Che da chi disdegnò virtude a guida
    »La pace anco del cor ritorce il piede.»

                                       _Burns._


Dopo che Morton ebbe abbandonate le ultime stazioni del campo reale, e
giunto a quelle de' Presbiteriani, lo colpì fortemente la diversità
immensa di disciplina che fra un esercito e l'altro scorgeasi; laonde
mal augurò della pugna che già era imminente. La discordia impadronitasi
dianzi, come vedemmo, de' consigli presbiteriani, s'era propagata
successivamente fra i semplici soldati, nè v'era drappello d'essi, o
corpo di guardia anco il men ragguardevole, ove lo studio di disputare
spietatamente le controversie che teneano disgiunti quegli animi non
prevalesse alla cura di vigilare sulle fazioni dell'inimico: e sì! sel
vedeano vicinissimo, e ne udivano le trombe e i tamburi.

Era stato posto un grosso presidio alla testa del ponte di Bothwel,
sopra il quale, e ciò pur dicemmo, doveano passare indispensabilmente i
Reali, ma ciascuno di questa guardia, diverso d'opinione dal suo
compagno e scoraggiato, credeasi offerto vittima ad una morte sicura, e
divisava ritrarsi al centro dell'esercito; condotta che avrebbe
anticipato il generale disastro, poichè ogni speranza di buon successo
si stava nell'impedire quel varco. Forzato quello, il nemico diveniva
padrone di una grande pianura, frastagliata sol lievemente dalle
boscaglie, e sulla quale un esercito regolare avea l'assoluto vantaggio
sopra bande mal disciplinate, povere di cavalleria, sfornite affatto
d'artiglieria.

Pertanto le prime considerazioni di Morton si portarono su questo sito,
che gli parve atto a farvi buona difesa sol che venissero occupate
alcune case giacenti a sinistra del fiume ed alcune macchie che ne
proteggeano la riva. E a questo appunto intesero i primi comandi venuti
da lui, oltre al far rompere lo stesso ponte dalla parte dell'inimico, e
chiudere una porta situata sull'arco di mezzo giusta una costumanza
antica scozzese. Raccomandò sino al suplicarlo al capo di quelle scolte
non abbandonasse un tal luogo, importante sì che la salvezza
dell'esercito ne dependea, promettendo di inviarvi sollecitamente
poderosi rinforzi. L'intrepidezza, l'intelligenza, lo zelo di Morton
ristorarono gli abbattuti animi di quella gente che riprese coraggio,
eseguì appuntino gli avuti suggerimenti, e accompagnò con reiterati
applausi la partenza del duce, che corse di grande galoppo al quartier
generale.

Ma qual ne fu la sorpresa e la costernazione in veggendo il disordine e
la compiuta confusione che regnavano per ogni dove! In vece di por mente
ai cenni de' proprj ufiziali e d'ordinarsi in file regolari, quei
soldati uniti in confusa turba, rassembravano piuttosto ad una massa
agitata a guisa di flutto in tempesta. Mille voci parlavano, o a dir
meglio, gridavano in una volta; nessuno ascoltava. Lasciamo che Morton
pensi a scoprire le cagioni d'un tanto scompiglio, e a trovar modi a
correggerlo, intantochè faremo consapevoli i nostri leggitori delle cose
che accaddero mentre questi era assente.

Si ricordano essi, non v'ha dubbio, come all'atto della partenza di
Morton, fu risoluto che Poundtext e Kettledrumle reciterebbero un
sermone, ciascuno a lor volta, nè v'era chi solamente sognasse la
possibilità che per un giorno o due il nemico attaccasse battaglia. Ad
uso degli spettabili predicatori venne collocata una fila d'assi
congiunte su i lor cavalletti, e il reverendo Poundtext si avanzava a
passi gravi e lenti per salir quel pergamo, allorquando il prevenne
Abacucco Mucklewrath che con violenta precipitazione occupò quella sede.
D'indi fu la prima origine del tumulto. Chi volea che costui cedesse
luogo a Poundtext, altri, ed erano questi i più energumeni fra i
Puritani, si sfiatavan gridando: »È inspirato! è inspirato! conviene
ascoltarlo» il qual partito prevalendo, Abacucco restò padrone delle
assi converse in pulpito.

Nè i nostri leggitori avranno tampoco dimenticato quanto furibonda fosse
l'indole d'Abacucco, il più violento fra i puritani predicatori. I
moderati, nè a torto, lo avevano per un matto; ma in tanto più alta
venerazione il tenevano gli _ultra-puritani_, persuasissimi che le
stravaganze d'una immaginazione in delirio fossero inspirazioni del
cielo.

Pervenuto a far fare silenzio Abacucco, prese per testo del suo discorso
il seguente passo del Deuteronomio: »Più d'un figliuolo di Belial è
uscito di mezzo a voi e ha condotti seco i proprj concittadini dicendo
loro: _andiamo a servire altri Dei che non avete mai conosciuti._»

Poi girando attorno a guisa di furioso gli occhi stravolti, incominciò
con istile enfatico e sconnesso un discorso che riferivasi per intero a
quanto era stato argomento di controversia e di discordie fra le persone
dell'esercito. Promulgò eretici i moderati, sollecitando i fedeli
Puritani a far causa separata da essi e a non contaminarsi col
combattere seco loro nelle medesime file. Indi applicò individualmente a
Morton le parole del testo, conchiudendo sulla necessità di lapidarlo
siccome empio, e d'arderne il corpo, e di sperderne al vento le ceneri.

Una simile invettiva, volta così all'impensata contra uno de' principali
capi dell'esercito, fu seguita da tumulto sì violento ch'è per sin
difficile il farsene giusta idea. I Puritani proruppero con quel detto
lor favorito. _Chi non è con noi è contra noi_; non valer meglio un uom
tepido d'un partigian de' Reali; doversi tosto procedere ad una nuova
elezione di ufiziali, nè conferire un tal grado se non se a quelli che
non volevano co' malvagi nè pace nè tregua. Parimente non si stavano i
moderati dall'accusare i loro nemici di nuocere al buon successo della
causa generale con uno zelo fuor di misura e con ridicole pretensioni,
rampognandoli come i soli che seminavano zizzania in mezzo all'esercito.
Ben s'adoperavano Poundtext e alcuni altri a calmare gli animi e a tor
di mezzo una discordia tanto funesta; e per vero dire in quel momento lo
stesso Burley fece prova di sua prevalenza a ritornare l'ordine e la
tranquillità. Ma tutto fu indarno; che lo spirito d'Abacucco pareva
avesse invasato la massima parte di quella genia, la quale pensando
unicamente alle intestine dissensioni parea dimentica della formidabile
oste che stava per assalirla. Già i più prudenti, ovvero sia i più
pusillanimi della congrega si ritiravano abbandonando una causa che non
offeriva più speranza di buon successo. Gli altri passando alla nomina
d'altri ufiziali, scacciavano quelli, cui fino allora avean obbedito,
chiamandoli _figli delle tenebre e della perdizione_. In somma il
tumulto, l'insubordinazione, il disordine non poteano giugnere più in
là.

In tal momento arrivò Morton, nè tale venuta contribuì di poco ad
accrescere il baccano che costoro facevano; applausi da una parte,
imprecazioni dall'altra.

Burley stanco per gli sforzi inutilmente operati a ricondurre nel campo
il buon ordine, e disperato in veggendo che la confusione ad ogn'istante
crescea, erasi adagiato sopra un tamburo col capo appoggiato sulla
propria sciabola. Gli si volse Morton che in tale atteggiamento lo
scorse.

»E che vuol dire questo disordine in tale momento?»

»Vuol dire, rispose Burley, che Dio ha risoluto abbandonarci fra le mani
de' nostri nemici.»

»No: non è Dio quegli che ne abbandona, si fece allora a dir Morton.
Siamo noi che abbandoniamo Dio, e disonoriamo noi stessi col tradire la
causa della libertà e della religione.»

Lanciatosi allora sul palco, già stato pulpito ad Abacucco esclamò:
»Amici miei, di grazia ascoltatemi.» Tornò il silenzio per un istante.
»Il nemico vi offre la pace; ma pretende che mettiate giù l'armi; amate
meglio difendervi? Potete tuttavia opporre una onorevole resistenza. Ma
il tempo strigne; v'è d'uopo risolvere sull'istante. Non si dica mai che
diecimila Scozzesi non seppero avere nè il coraggio di combattere, nè il
senno di far la pace, nè quella prudenza che han persino i codardi,
d'assicurarsi almeno una qualche via di ritirata.» Nuovo tumulto
d'applausi e d'imprecazioni prevalsero in tal momento alla sua voce.
Intanto egli scôrse le schiere de' nemici che a grandi passi si
avvicinavano al Clyde. »Fate silenzio! esclamò, fate silenzio! Ecco il
nemico. Dal conservare il ponte dipende la nostra vita o la nostra
morte. Chiunque ama la patria mi segua.»

Voltesi le turbe ver la parte d'onde l'arrivo del nemico doveva temersi,
videro, e quella ben ordinata fanteria, e la formidabile cavalleria che
la fiancheggiava, e persino gli artiglieri che già collocavano una
batteria di cannoni per fulminare il campo presbiteriano. Un cupo
silenzio succedè d'improvviso al clamoroso strepito di pochi istanti
prima. Tutti furono compresi da tale sbigottimento, come se l'assalto al
qual s'accigneano i Reali fosse avvenimento da non essersi potuto
prevedere. I soldati si guardavan l'un l'altro in volto, ed in uno
volgeano occhiate su i loro capi che ricordavano la spossatezza d'un
infermo al cessare dell'impeto d'ardente febbre.

In questo mezzo, Morton seguito da un centinaio di giovani che in
singolar guisa gli erano affezionati, correa verso il ponte di gran
galoppo.

»Efraim, sì disse Burley a Macbriar, la Provvidenza ha voluto prevalersi
della saggezza mondana di questo giovane per additarci la sola strada di
salvezza che ne rimane. — Seguitemi amici! Presto! avviamoci verso il
ponte.»

»Fermati, esclamò Macbriar. Non è il soccorso d'un Enrico Morton o
quello dei pari suoi che possano salvare il tempio di Gerusalemme; temo
d'un tradimento. Tu non devi seguire colui; tu il lione di Giuda! tu il
forte d'Israello! rimanti con noi.»

»Taci, gli rispose guardandolo con volto d'indignazione Burley; egli ha
detto la verità. Ogni cosa è perduta se il nemico si impadronisce del
ponte. Non trattenermi. Corri le file, fa d'inviarmi munizioni e
rinforzi; schiera i soldati sotto gli stendardi de' loro capi.»

Detto ciò, prese il cammino del ponte, accompagnato soltanto da dugento
circa dei più zelanti fra' suoi partigiani.

Dopo la partenza di Morton e di Burley un totale scoraggiamento
s'impossessò dell'esercito, nè più alcuno parlò di dispareri o
disputazioni teologiche; del qual istante s'approfittarono i capi per
ricondurre qualche ordine tra le file: i soldati non opposero veruna
resistenza e ne seguirono i comandi a guisa d'armenti docili alla verga
del pastore; ma l'entusiasmo loro, l'ardore, il coraggio dileguati
s'erano affatto.

Ciò nulla ostante pervennero a dare un aspetto tuttavia rispettabile
all'esercito, e per far prova di rialzarne gli spiriti, Macbriar,
Poundtext e Kettledrumle intonarono di concerto un salmo, ma non vi fu
chi accompagnasse quel canto; onde si ebbe dai più fanatici
superstiziosi per un sinistro presagio l'osservare, che quella cantilena
imitava la salmodia penitenziale che si recita sul palco del colpevole
dannato a morte anzichè gli inni di gioia, onde risonarono i poggi di
Loudon-Hill innanzi a quella memorabil vittoria, di cui rimaneva or
soltanto la rimembranza. Nè guari andò che la tetra melodia ebbe un
accompagnamento ancor più lugubre dal fragor de' cannoni che veniano
sparati dalla riva opposta del Clyde, e da quello degli archibusi, sole
armi onde ai Reali rispondevano i Puritani. Finalmente una densa nube di
polve nascose i combattenti agli sguardi d'ognuno.



CAPITOLO II.

    Pria nerricci, i caledonii
      Gioghi van di sangue or tinti.
      Ah! dai lor petti il versarono
      Della Scozia i figli estinti.
      Li mietero i truci ferri
      De nemici d'Israel.
    Così mentre abeti e cerri
      Al furor cedon de' venti
      Improvvisa su gli armenti
      Piomba grandine dal ciel.

                  _Antica ballata._


Prima che Morton fosse giunto al sito che gli rilevava difendere, il
nemico ne avea incominciato l'assalto, e i marraiuoli reali davano opera
a rifare col ministerio di travi la parte del varco interrotta
dall'atterramento di mezzo il ponte. Gli assicurava in tale impresa il
continuo fuoco di due reggimenti di fanteria, fuoco però cui altrettanto
ne contrapponean con coraggio, benchè inferiori di numero, i Puritani, e
facean con questo più danno ai nemici di quello che ne ritraessero;
perchè protetti dalle case che aveano occupate e dalle macchie che
guernivano quella riva di Clyde, intanto che i Reali non aveano a pro
loro alcuno di sì fatti vantaggi. L'arrivo di Morton e il rinforzo che
lo seguiva fece ai Presbiteriani abilità di sostenersi anche meglio, e
il buon successo si manifestava affatto per essi quando s'aggiunse
Burley; talchè i due reggimenti di Reali dopo perduti molti de' loro, e
averne uccisi ben pochi della parte contraria, incominciavano a piegare.

Monmouth, del quale primo scopo era sempre il far risparmio di sangue,
avea comandato si traesse sul più grosso corpo de' Puritani a fine di
sgomentirli, e così indurli a disciogliersi. Ma accortosi della troppo
seria e inaspettata resistenza che la testa di ponte contraria
opponeagli, fece addirizzare il cannone contra quelli che il
difendevano, e pervenne a snidiarli dalle case ove fino allora si
tennero riparati, e che ridotte in mucchi di rottami pur servirono lor
di trincee.

Ma intanto riaperta la comunicazione del ponte, Dalzell postosi a capo
dei montanari Scozzesi ne imprese il passaggio. Per loro sciagura i
sollevati incominciavano a difettare di munizioni, e divenendo più lento
il lor trarre, s'accorsero di ciò i Reali che altrettanto raddoppiarono
di sforzi per impadronirsi dell'intero ponte. S'affaticava indarno
Burley spedendo messaggi sopra messaggi al campo affinchè gli
s'inviassero rinforzi e soprattutto polvere e piombo. Nessuna di tali
cose ottenea, e sarebbesi detto che colà non fossero più persone capaci
nè di obbedire nè di comandare.

Posto il piede una volta sul ponte le truppe reali, incominciarono a
vincere gli ostacoli che si paravano alla loro impresa. La porta
collocata sull'arco di mezzo fu fracassata, e rotti del pari i palizzati
eretti sulla seconda parte di ponte, ne gettarono i frantumi nell'acqua.
In somma Dalzell e i suoi montanari pervennero a sbucar fuori della
sinistra riva del Clyde.

Il qual successo però non riportarono prima d'aver vinto una resistenza
tremenda; perchè Burley e Morton, primi innanzi alle file de' lor
soldati e incoraggiandoli collo esempio e coi detti contendevano ogni
palmo di terreno al nemico. Per qualche tempo non ebbero a tener fronte
che a Dalzell e ai suoi montanari, perchè essendo per così dire
altrettanto stretto quanto lungo il passaggio, non ci capivano in una
volta se non se pochi soldati che si succedevano l'uno all'altro. Ma
poichè Monmouth a capo di tutto il suo reggimento di guardie ebbe
valicato il fiume, i due duci presbiteriani previdero, che breve omai
poteva essere la resistenza. I più valorosi fra' lor soldati cadean
mietuti dalle sciabole de' Reali, e una parte di quelli dell'ultime file
se ne stoglievano a quando a quando per raggiugnere il centro
dell'esercito.

»Pure, tale fu l'osservazione che Burley fece con Morton, se la nostra
cavalleria potesse piombar loro addosso prima che avessero tempo
d'ordinarsi in battaglia, non sarebbe tanto difficile il rispignerli, e
riguadagnare anche il ponte. — Andatele a portar l'ordine di marciare,
ed io mi assumo di resistere finchè torniate.»

Comprese Morton la saggezza di questo avviso e senza perdere istante
spinse come di volo il suo corridore verso l'ala sinistra della
cavalleria, siccome a lui più vicina. Ma essendo questa composta de' più
infanatichiti fra i Puritani costoro lo salutarono con grida
d'improperio.

»Egli fugge! sclamarono. Egli fugge! il codardo, il fellone, fugge a
guisa di lepre al cospetto del cacciatore, ed ha abbandonato il prode
Burley in mezzo alla strage!»

»Non fuggo, no, gridò Morton; vengo anzi per condurvi dinanzi al nemico.
Questo è l'istante di assalirlo con vantaggio. Seguitemi.»

»Non lo seguite, non lo seguite! si urlava per tutte le file. Costui vi
ha venduti alle spade dei vostri oppressori.»

Ma intantochè Morton usava indarno le preci, la persuasione e le
rimostranze per condur costoro nel proprio avviso, il tempo di fare
un'utile diversione trascorrea. Burley col piccolo numero d'uomini
rimastigli era stato respinto, e costretto ad unirsi egli pure al corpo
principal dell'esercito, il quale certamente in contemplando tale
ritratta non riacquistò quel coraggio che lo aveva già abbandonato.

In questo mezzo, l'esercito dei Reali passava il ponte senza contrasto e
schieravasi in ordine di pugna. Claverhouse comandando la cavalleria
fece impeto sul bel mezzo del più grosso corpo de' sollevati, la cui
prima fila operò appena una scarica d'archibusi; d'indi in poi il campo
di battaglia non offerse più che una scena d'orrore e di confusione. I
Presbiteriani, rotti da ogni banda, non pensavano neanco alla difesa, e
la maggior parte di essi gettava l'armi per essere più lesta alla fuga.
Udiasi Claverhouse gridare a' suoi con una voce di tuono: »Uccidete,
uccidete! Non si dia quartiere a nessuno! Ricordatevi di Riccardo
Graham!» Eccittamento a vendetta del quale non abbisognavano quei
dragoni, già memori assai della disfatta che sofferta avevano a
Loudon-Hill; tanto più che non rimanea loro altra fatica se non se
d'uccidere uomini i quali non sapeano più qual cosa fosse il difendersi;
laonde ben presto fu coperta di cadaveri l'intera pianura.

Un corpo di mille dugento sollevati che trovavasi all'ala sinistra
buttando via l'armi all'appressarsi del duca di Monmouth gli si rendè a
discrezione. Ma questo generale, umanissimo quanto prode, concedè ad
essi quartiere, ed accorgendosi che il potea con sicurezza, trascorse in
lungo ed in largo il campo di battaglia per far cessare la strage.
Giunto alla parte dell'ala destra di quegli infelici vi trovò il
generale Dalzell, che esortava i suoi montanari a dar prove di zelo per
la causa del re, cogli eccidj, e _collo spegnere_, così dicea, _il fuoco
della ribellione entro il sangue di chi avea ribellato_.

»Generale, sclamò il duca, fate sonare a ritratta. Si è versato sangue a
bastanza. È ora d'usar indulgenza ai sudditi traviati di una maestà.»

»Obbedisco ai vostri comandi, rispose Dalzell rimettendo in
quell'istante la spada nel fodero: ma vi avverto che non abbiamo ancora
intimoriti assai questi malvagi. Ignorate forse che Basilio Olifant ha
levato una grossa banda d'uomini ed è già in cammino per unirsi a
costoro?»

»Basilio Olifant! Chi è questo Basilio Olifant?»

»Un ricchissimo feudatario; l'ultimo erede maschio del defunto conte di
Torwood. Egli armava dritti sull'eredità del padre di lady Margherita
Bellenden, ed è mal contento del governo che ne ha invece posta in
possesso la figlia. Spera, non v'ha dubbio all'ombra delle civiche
turbolenze ottener dalla forza quanto la giustizia non gli ha
conceduto.»

»Sieno quali si vogliono i motivi che guidano costui, non è più da
temersi. Questo esercito è troppo sconfitto perchè altri possa adesso
riordinarlo. Vel ripeto adunque; fate cessare ogni strage, ogni
persecuzione.»

»Vostra altezza ha il diritto di dar comandi; riprese a dire Dalzell, e
le conseguenze d'avergli eseguiti torneranno sopra di lei.» Nel tempo
stesso dando i segni d'una manifestissima ripugnanza, fe' quanto doveasi
per arrestare il furor de' soldati.

Ma Claverhouse, implacabile nelle concette idee di vendetta, trovavasi a
troppa distanza per poter intendere il segnale della ritratta; laonde a
capo del suo reggimento, inseguiva accanitamente i fuggitivi, e
trucidava e faceva trucidare quanti ne raggiugnea.

Morton e Burley combattettero sino alla ultima estremità; nè
risparmiarono sforzi per proteggere la ritratta del loro esercito,
sintantochè non si videro abbandonati fin da que' pochi rimasti più
costanti alle loro bandiere. In quel momento una palla colse il braccio
destro e lo infranse a Burley.

»Non sono più in istato di battermi, diss'egli a Morton. Poi a che giova
omai il resistere? Or non pensate che a serbare ad un miglior uopo la
vostra vita. Addio. Udrete ancora parlare di me.»

Detto ciò, volse la briglia del suo cavallo, e si perdè in mezzo alla
folla de' fuggitivi.

S'avvide allora Morton dell'inutilità di ogni sforzo ch'ei potesse
tentar tuttavia, e spiacendogli del pari il sacrificarsi indarno per una
causa vuota già di speranza e il cader prigioniero, s'appigliò al
partito di abbandonare la battaglia, seguendolo nella ritratta il suo
fedele Cuddy. Forti entrambi di buona cavalcatura si trovarono ben
presto fuor del pericolo d'essere ulteriormente inseguiti.

Dalla prima eminenza che venne lor fatto d'aggiungnere diedero
un'occhiata ai campi posti all'intorno, e videro da un lato l'esercito
de' Reali che in ottimo ordine prendea campo di riposo in sulle sponde
del Clyde, dall'altro, ma in lontananza, i fuggiaschi che correano per
tutti i versi inseguiti dai dragoni di Claverhouse, le cui sciabole non
la perdonavano alla minor celerità di quegli sfortunati pedoni.

»Questa giornata non somiglia a quella di Loudon-Hill, disse sospirando
Cuddy. Oh qual terribil cosa è la guerra! Stimo bravo chi mi vi trappola
un'altra volta. — Ma per amor di Dio sig. Enrico! non istiamo a fermarci
e prendiamo ancora un po' più di largo.»

»Vedo anch'io. È impossibile il tornarli ad unire» soggiunse Morton, che
fe' galoppare il suo cavallo, e prese la dirittura delle montagne colla
speranza di trovare colà qualche avanzo dell'esercito disperso, e di
potere con questo opporre tuttavia alcuna resistenza ai vincitori, od
ottenerne almeno patti più vantaggiosi.



CAPITOLO III.

    »Qual chi ottener dal ciel co' voti spera
    »Un'alma pura, un mansueto core,
    »Costor ne imploran d'orrida pantera,
    »O di lion famelico, il furore.»

                                 _Fletcher._


Già sopraggiunta la notte, erano trascorse due ore senza che nè Enrico
nè il suo fido scudiere vedessero alcuno dei loro infelici fratelli
d'armi. S'internavano allora in una valle paludosa posta fra mezzo a due
montagne, e alle radici d'una collina scôrsero una grande casa, che
parea disgiunta da ogn'altra abitazione.

»I nostri cavalli, disse Morton, stanchi e affamati non ci possono
condurre più in là. Vediamo se ci volessero ricevere in questa casa.»

E s'accostò alla medesima, che parea, giusta ogn'indizio, abitata.
Densissimo fumo uscia dal cammino, e vedeansi sul terreno orme recenti
di zampe di cavallo. Tutte le finestre erano munite d'imposte esterne,
state chiuse con grande accuratezza non men che la porta. Morton
avvicinandosi udì molte voci che venivano dal pian terreno, picchiò, ma
nessuno venne ad aprirgli o rispose. Fattosi con Cuddy a girare
all'intorno di quell'abitazione per accertarsi se vi fosse più d'un
ingresso, trovarono una scuderia, entro cui stavano dodici Cavalli.
Dalla spossatezza, dal disordine delle selle, dalle ferite tuttavia
grondanti d'alcuni di essi, giudicarono che dovessero appartener ad
alcuni infelici fuggiaschi venuti al pari di Morton e di Cuddy a
cercarsi ivi un ricovero.

Dopo avere posti i propri cavalli in quel luogo, ove trovavasi copia di
paglia e di avena, ritornarono alla porta della ridetta casa, alla quale
picchiando una seconda volta, si diedero a conoscere per individui
dell'esercito presbiteriano.

»Chiunque siate, lor rispose una lugubre voce, non disturbate alcuni
fedeli che si stanno piagnendo la desolazione e la cattività del popolo
d'Israello, e indagando il perchè Dio gli abbia abbandonati a fine poi
di far ricadere su quei che l'offesero la collera dell'Eterno.»

»Ah: sono Puritani di que' più indiavolati, disse Cuddy, li conosco al
loro gergo. Faremmo pur bene a tirar diritto, sig. Enrico!»

Ma in questo intervallo Morton avea fatto forza ad un'imposta, e aprendo
la finestra saltò entro la sala d'onde provenia quella voce. Cuddy gli
tenne dietro, e rammentando che lo scalar le finestre non gli portava
fortuna borbottò tra i denti: »Purchè anche qui una pentola di minestra
bollente non sia al fuoco! »

Allora si trovarono in mezzo ad una brigata di dodici uomini armati, e
seduti tutti attorno ad un grande fuoco, ove stava cocendosi la carne
preparata per la loro cena.

Benchè niun lume di candela rischiarasse allor quella stanza, la luce
che venia del camino aiutò pur troppo Morton a ravvisare ne' sinistri
lineamenti de' compagni in cui s'era incappato molti di que' fanatici,
mostratisi nimici a morte d'ogni moderato temperamento; e fra costoro
Efraim Macbriar e l'energumeno Abacucco Mucklewrath.

Questi parimente riconobbero Enrico, ma nessun di loro gli tendea la
mano, nessun volgeagli la parola; e il solo segno che davano d'essersi
accorti di lui stava nel lanciar sovr'esso a quando a quando occhiate di
mal augurio. Macbriar continuava la sua prece al cielo implorando una
pioggia di fuoco e zolfo su le teste dei persecutori della sua congrega
e de' falsi fratelli che l'aveano tradita.

Vedutosi da Morton che la brigata, in mezzo alla quale s'era introdotto,
assai fuor di proposito per vero dire, non dava a divedere propensioni
molto amichevoli verso di lui, incominciava a pensare alla ritirata, ma
l'osservar tosto che due uomini vennero non a caso collocati come di
guardia alla finestra d'onde fece il suo ingresso, gli fece comprendere
di non esser più in tempo, e come il partito meno insalubre, se pur ve
n'erano in tal frangente, fosse quello di non lasciare scorgere nè
timore nè diffidenza.

Una di queste scolte del mal presagio, avvicinatasi a Cuddy, gli disse
sotto voce: »Figlio della rispettabile Mausa, tu corri al tuo
precipizio, se rimani più lungo tempo con un reprobo di Babilonia, i cui
giorni son numerati. — Scostati prontamente; o temi che la punizione
dovuta al colpevole non ricada sovra il tuo capo.»

E ciò dicendo additavagli la finestra; del qual salutare avviso
profittando Cuddy uscì della stanza per quella strada, ma con maggiore
prestezza che non la fece in entrandovi.

»L'ho detto che le finestre mi portan malanno;» sclamò egli appena
trovatosi all'aria aperta. Ma la successiva considerazione del contadino
al suo signore fu volta. »Que' cialtroni lo ammazzeranno. Oh, non v'è
punto di dubbio! l'ammazzeranno, e poi anche si daran merito d'aver
fatta una buon'opera! — Si corra tosto dalla parte di Hamilton. Chi sa?
Posso trovarvi qualcuno de' nostri che venga meco e mi aiuti a
soccorrerlo. Solo non basto.» Pensar ciò, correre nella scuderia,
impadronirsi del cavallo miglior che vi fosse, furono un tempo stesso
per lui; e prese galoppando la strada di Hamilton.

Macbriar intanto avea terminata la sua preghiera, e Morton che vedea
continuare il silenzio circa quanto a lui riferivasi, mentre gli sguardi
d'ognuno stavano fissi sovr'esso, deliberò indagare per la via più corta
le costoro intenzioni.

»Signori miei, lor diss'egli, voi accogliete in una guisa assai strana
un vostro fratello d'armi. Ignoro il come io mi sia meritato un tale
ricevimento.»

»Meschino te! gridò Abacucco. Meschino te! Tu se' il capro espiatore,
che devi col tuo sangue riscattare il sangue dei figli di Abramo. La
spada che tu volevi infrangere è serbata dal cielo a trafiggerti il
fianco. A voi amici! Prendetelo, legatelo, immolate la vittima.»

Molti di que' circostanti sursero per secondare questo furibondo, e
Morton sentiva tatto il rincrescimento d'essersi con tanta imprudenza
avventurato in mezzo a tal razza di gente. Sola arme eragli la sua
sciabola, avendo lasciate le pistole attaccate alla sella del cavallo; e
di due pistole intanto vedea armato ciascun Puritano; tal che non gli
rimaneva nè manco la speranza di sottrarsi, a furia di resistere, dalle
loro mani.

Gli fu soccorrevole per un istante, chi 'l crederebbe? la mediazione di
Macbriar.

»Un momento, o miei fratelli! un momento! esclamò. Non v'affrettate di
troppo nello sguainare le vostre sciabole. Dice il Signore Iddio:
_Guardate che non ricada su i vostri capi il sangue dell'innocente_.
Convien prima verificare che costui non lo è. — Accostati, e rispondimi
o Morton. Noi vogliamo far teco i conti pria di vendicare la causa che
tu hai tradita. Non è egli vero, che resistesti con fronte di bronzo
alla parola della verità, quando ti fu pronunziata nelle assemblee del
consiglio?»

»Sì, sì» gridavano tutte le voci di quei giudici carnefici in una volta.

»Volea consiliarne a far pace co' reprobi» sclamava un d'essi.

»Ha predicato l'indulgenza e la tolleranza» un altro allor soggiugnea.

»Ha venduto l'esercito a Monmouth, rincalzava un terzo. Fu il primo a
lasciar nelle peste il valoroso Burley che resistea tuttavia. Io lo vidi
fuggendo per la pianura assai tempo prima che la battaglia al ponte
fosse finita.»

»Signori, si fe' intendere Morton quando il potè; se avete decretata la
mia condanna innanzi ascoltarmi, forse la mia vita è in vostro potere,
ma renderete conto a Dio e agli uomini...»

Nuove grida gl'impedirono il continuare.

»Lasciate ch'ei parli; imperò Macbriar. Lo sa il cielo se le nostre
viscere si erano commosse a favor di costui. Noi volevamo far brillare
ai suoi sguardi la luce del cielo. — Chiuse gli occhi per non vederla!
Insegnargli la verità. — Si turò le orecchie per non ascoltarla! —
Parla, o giovane. Che puoi tu addurre per tua discolpa?»

Dopo avere finalmente ottenuto che essi tacessero, Morton enumerò i
motivi che lo aveano condotto al campo del duca di Monmouth, rendè conto
del parlamento avuto con questo generalissimo, giustificò la condotta
che ei tenne durante l'azione »e se ognuno, ei conchiuse, avesse voluto
seguirmi alla pugna, l'esercito presbiteriano anzichè trovarsi in uno
stato di sconfitta e di dispersione, sarebbe or trionfante, o per lo
meno in essere di negoziare per favorevoli condizioni di pace.»

»Lo udite? sclamò Abacucco; non parla che di vie umane; egli ha per
nulla il soccorso che viene dall'alto. Ch'ei _muoia di morte_!»

»Silenzio! tornò in campo Macbriar. Non ho per anche finito
d'interrogarlo. — Non fu, o Morton, il tuo aiuto che sottrasse il
reprobo Evandale alla prigione ed alla morte? Negherai che salvasti dal
fendente delle nostre sciabole Miles Bellenden e quella sua guernigione
di rompicolli?»

»Se non avete altri delitti da rampognarmi, questi mi glorio di
confessarli.»

»Avete udito? riprese a dir Macbriar. — Rispondimi ancora. Non è egli
vero che tradisti la causa d'Israello per una femmina madianita, per
amore di Editta Bellenden?»

»Voi non siete gente fatta per dar giusto prezzo ai sensi; che questa
giovane abbia potuto inspirarmi; rispose Enrico rafforzando il tuon
della voce. Ma quand'anche ella non fosse mai stata su questa terra, mi
sarei comportato nel modo medesimo.»

»Già tu sei un ribelle indurato contro la verità. — Però dinne. Quando
salvasti la vecchia Margherita Bellenden e quella sua pronipote, non ti
prefigesti di far andare a male i savi divisamenti di Burley, inteso con
Basilio Olifant, con quel Basilio Olifant che avea promesso di unirsi a
noi, e insieme a lui tutto il nerbo de' suoi vassalli, se gli venivano
assicurati i beni posseduti da queste due femmine?»

»Non ho mai avuta notizia d'un tal patto infamissimo. Dunque la vostra
religione vi permette l'adoperare vie così atroci, così abbominevoli...»

»Zitto là! Non tocca a te il dare lezioni a chi t'è maestro. — In somma,
o Morton, voi avete confessato tanti misfatti e tanti tradimenti quanti
basterebbero ad attirare la collera del Signore sopra tutto un esercito,
fosse anche numeroso come i grani di arena che coprono le spiagge del
mare. — Noi dicevamo con Giosuè: _ond'è che Israello è fuggito al
cospetto de' suoi nemici?_ E pronunziavamo appunto tai detti allorchè ci
siete apparso dinanzi. Ella è la Provvidenza che vi ha posto nelle
nostre mani per assoggettarvi al castigo troppo meritato da chi fece
piovere l'ira di Dio sul suo popolo. Noi medesimi ci renderemmo rei col
lasciarvi la vita. Dunque ascoltatemi attentamente. Siamo tuttavia in
sabbato, nè profaneremo un tal giorno con ispargimento di sangue. Ma
appena quell'orologio segnerà mezza notte, verrete cancellato dal novero
de' viventi. Profittate pertanto de' brevi istanti che vi rimangono, e
preparatevi al viaggio dell'eternità. — Fratelli, assicuratevi del
prigioniero e impadronitevi delle sue armi.»

Quelli del conciliabolo trovatisi più vicini a Morton posero tanta
prestezza nell'eseguire un tal ordine, che la vittima fu disarmata prima
di poter pensare a difendersi. Seguì per parte d'ognuno un silenzio cupo
e feroce. Allora que' fanatici si assisero attorno ad una tavola, e
fecero sedere anche Morton collocandolo in modo da avere innanzi agli
occhi l'orologio che contrassegnava i minuti di vita, su' quali tuttavia
poteva far conti. Portate che furono le vivande sopra la mensa, ne venne
offerta la sua parte anche a Morton; ma ciascuno certamente s'immagina
che in tale stato dell'animo suo il bisogno di soddisfar l'appetito non
era gran che lo scopo de' suoi pensieri. — Lo sguardo di que' commensali
feroci volgeasi a quando a quando sull'aguglia dell'orologio, nè di rado
accadea che in essa ancor si fissassero quelli di Morton.

Terminata era la cena; e d'improvviso il farnetico Abacucco balzò in
piedi esclamando in tuon di persona che si crede ispirata. »Il sole
altra volta arrestò alla voce di Giosuè il proprio corso per operare la
distruzione de' nemici d'Israello; la mia mano affretterà il corso
dell'ore per far più certa la punizione dell'empio.»

Indi mosso da furor di energumeno, saltò sopra una sedia, e stese la
mano, e stava per porre l'aguglia sull'ora fatale, allorchè gli fu sopra
un compagno.

»Fermati Abacucco! Odo uno strepito.»

»Di vento che soffia tra le boscaglie» un altro soggiunse.

»No, del fiumicello che abbiamo vicino» un terzo congetturava.

»Questa è, non v'ha dubbio, cavalleria, dicea Morton fra se medesimo.
Voglia Dio che venga per liberarmi!»

Lo strepito divenia più distinto a proporzione dell'avvicinarsi.

»È scalpitar di cavalli! sclamò Macbriar Verificate che possa essere
questo.»

»Il nemico!» gridò uno della congrega che aperse subito una finestra.

Allora lo strepito degli uomini e dei cavalli si fece udire
chiarissimamente intorno alla casa. Ognuno si mise in fazione chi per
brandir l'armi, chi per darsi alla fuga. Ma in quell'istante medesimo
vennero forzate porte e finestre, e la stanza fu piena di dragoni del
reggimento guardie.

»Fuoco sopra i ribelli! (sclamò la voce del colonnello Claverhouse
ch'era a Morton ben conosciuta). Che non vi sfugga un sol di costoro!
Ricordatevi di Graham.»

Molte pistole vennero sparate ad un tempo. Alla prima scarica un
Puritano che trovavasi vicino ad Enrico, venne ferito mortalmente, e
cadendo sopra di lui seco a terra lo trascinò, il quale avvenimento fu
probabilmente la salvezza di Morton, che avrebbe corso gravissimo
rischio in quel notturno combattimento rischiarato dal fuoco sol del
cammino; combattimento che durato fra i quattro e i cinque minuti diede
luogo a molto menar di sciabole e a molto trar di pistole.

Non appena i dragoni si furono impadroniti del campo della battaglia la
prima inchiesta di Claverhouse fu la seguente: »È salvo il prigioniero
che dovea essere vittima di questi sgraziati? Alcuno ne vada in traccia
subitamente; e spacciate questi cialtroni. Sono stanco d'udire i loro
gemiti.»

Vennero eseguiti entrambi gli ordini, e mentre fu dato il colpo di
grazia ad uno di que' feriti che tuttavia respirava, Morton sgravato dal
cadavere che gli soprastava, fu aiutato a rizzarsi in piedi dal fedele
Cuddy, che atterrì da prima in veggendolo coperto di sangue, ma non potè
indi moderare la gioia accorgendosi che da altre vene quel sangue
istesso era uscito. Si affrettò poscia a narrargli con sommessa voce la
cagione dell'arrivo di questo distaccamento, così a proposito giunto.

»Tosto lasciatovi andai in traccia di qualcuno de' nostri che venissero
a toglierci dalle mani di tale canaglia; mi sono invece incontrato in
quei di Claverhouse. Vedendomi fra due fossi, mi gettai nel meno
profondo. Dovetti raccontare quanto v'era accaduto allo stesso
Claverhouse che mi disse di condurlo qua. Ubbidii senza esitare, perchè
già di peggio non vi poteva succedere; Claverhouse dovrebbe essere
stanco della beccheria che ha fatto tutta la notte; poi sa che lord
Evandale vi è debitore della vita. Soprappiù, i dragoni m'hanno
assicurato che dà quartiere a chiunque il domandi. Dunque non rimane che
farsi coraggio e spero che il tutto termini in bene.»



CAPITOLO IV.

    »Fausto squillo di tromba guerriera
    »Renda omaggio alla gloria, al valor.
    »Presta, è ver, giugne ai forti lor sera,
    »Ma che è vita, se priva d'onor?

                            _D'un Anonimo._


Dopo che Claverhouse ebbe fatto sbarazzare quella stanza da quanti morti
ivi giacevano, annunziò ai suoi soldati, che in quella casa si
passerebbe la notte, e gli eccitò a star pronti per la partenza della
domane. Pensò indi a Morton, al quale parlò in modi che eccedeano quelli
di una ordinaria cortesia.

»Voi vi sareste risparmiati i pericoli che correste da ambe le parti,
sig. Morton, se aveste voluto prestare un po' più d'attenzione ai
suggerimenti che vi diedi ieri mattina. — Però non ne parliamo più;
rispetto i motivi che vi guidarono. — Voi siete prigioniero di guerra, e
la vostra sorte dipende dal re e dal consiglio, ma è mia intenzione che
vi si usi ogni riguardo possibile. Vi chiedo unicamente parola di onore,
che non farete alcun tentativo di fuga.»

Morton diede tosto questa promessa. Claverhouse l'accolse chinando il
capo cortesemente; indi voltosi altrove chiamò un sergente.

»Quanti prigionieri, Holliday? Quanti uccisi?»

»Tre uccisi in questa casa, o generale (tal grado era stato allora
conferite a Claverhouse) due nel cortile, uno in giardino, e quattro
prigionieri.»

»Armati o senz'armi?»

»Tre armati fino ai denti. L'altro senz'armi. A fisonomia dev'essere un
predicatore.»

»Intendo — una fra le trombe dell'esercito. — Gli parlerò domani. Quanto
ai tre altri conduceteli nel cortile, e un fuoco di fila — Non
dimenticate di notare nel libro degli ordini tre ribelli presi coll'armi
alla mano e moschettati, con data di giorno e di luogo. Credo che siamo
a.... Drumshinnel. — Tenete sotto buona guardia il predicatore. Preso
senz'armi! Lo sottometteremo ad un piccolo interrogatorio. Ma a ciò
penseremo domani, e lo manderò forse al consiglio. Sono stanco di questa
faccenda sgradevole. — Si abbiano i massimi riguardi pel signor Morton.
— Eh! vegliate che si prendano cura anche del suo cavallo. — Ah! bisogna
far lavare la schiena al mio con un bagno d'aceto; la sella deve avergli
fatto un poco di scorticatura.»

Ordini che erano dati con aria d'indifferenza e tutti sul medesimo
tuono; quasi quegli da cui venivano li giudicasse indistintamente della
stessa importanza.

Uscito appena Holliday, Claverhouse si fece portar qualche cibo, che li
venne in fretta apprestato, ed invitò Morton a mettersi seco lui a
mensa, aggiugnendo: »Un tal giorno ci è stato giorno di fatica per tutti
due.» Ma fu impossibile cosa a Morton il prendere alcun nudrimento. Le
sensazioni varie e violente alle quali fu in preda gli aveano tolto
l'appetito del tutto; solamente lo crucciava un'ardentissima sete, ed
esternò a Claverhouse la necessità di sbramarla.

»Nulla di più facile! rispose l'altro. Ecco un fiasco di birra, che
quegli sgraziati si erano preparato. Dev'esser buona, perchè que'
mariuoli di Puritani sanno bene i luoghi ove si trova migliore. — Alla
vostra salute, signor Morton» diss'egli empiendone un bicchiere per sè e
presentandone un altro al suo convitato.

Morton accostava al labbro il bicchiere allorquando una scarica
d'archibusi annunziò terminata la vita di tre prigionieri. Abbrividì
Morton e rimise il bicchier sulla tavola.

»Siete giovane, sig. Morton (disse Claverhouse, votando il proprio
tranquillamente) nè quindi avvezzo ancora a simili scene. Questa prova
di sentimento delicato non vi toglie nulla della mia stima; ma il dovere
e la necessità ne accostumano finalmente a non ci scomporre per tali
avvenimenti.»

»Spero che nè dovere nè necessità produrranno mai in me quest'effetto.»

»Così anch'io ho creduto una volta. Voi penerete forse a persuadervene;
ma sull'incominciare di mia carriera io fremeva al sol vedere un ferito;
parea che il suo sangue sgorgasse dalle mie vene medesime. Siamo però
giusti, sig. Morton! perchè la morte che ne attornia da tutte le parti
deve poi atterrirci cotanto? Udiamo noi sonar ora che non sia l'ultima
per qualcuno fra' nostri simili? Perchè darci tanto affanno per
prolungare la nostra o l'esistenza degli altri? È un vero lotto. La
mezzanotte scorsa doveva essere estrema per voi; voi vivete, ed invece i
malvagi che divisavano assassinarvi non sono più. Qual cosa è il dolore
che si prova all'atto del morire? Non merita l'incomodo di pensarci
sopra, tanto più che è un destino al quale o più presto o più tardi, o
in un modo o nell'altro, convien soggiacere. Se penso alla morte, sig.
Morton, egli è colla speranza di trovarla un giorno sul campo di
battaglia, dopo avere combattuto da valoroso, in mezzo alle grida della
vittoria.»

Claverhouse aveva appena terminate queste parole che di guerriero
entusiasmo gli faceano scintillar le pupille, allorquando un tale, che
avea piuttosto forma di spettro insanguinato, apparve in un angolo di
quella stanza, e lasciò vedere a Morton, sfigurati dal molto sangue
perduto e dalla vicinanza della morte, i lineamenti dell'energumeno
Abacucco, il quale stendendo le braccia verso Claverhouse sì disse: »Tu
ti confidi nella tua forza; ma Dio è il protettore dei deboli. Il sangue
degl'innocenti che tu spargesti dal tuo sangue vuol esser lavato.
Ricordati che sta scritto; _chi ferisce di coltello perirà di
coltello_.»

Ricadde in pronunziando queste parole, e morì nel medesimo istante.

Il quale spettacolo acrebbe la commozione di Morton, colpito in oltre
dal modo onde gli ultimi detti di questo farnetico vennero quasi al
proposito de' sensi esternati da Claverhouse.

Due dragoni che trovavansi in quella stanza, comunque avessero i cuori
indurati dall'uso di versar sangue, non poterono contemplare
quell'apparizione, e udire la specie di profezia che l'accompagnò, senza
sentirsi addiacciar per orrore. Rimasero pallidi, immobili, cogli occhi
fissi al fantasma e in uno stato che colla stupidità confinava.

Claverhouse solo non diede il menomo segno di commozione. Fin dal
momento che Abacucco erasi alzato da terra, aveva afferrate le pistole e
solamente quando s'accorse che costui era moribondo le rimise sulla
tavola, ascoltando con somma calma le predizioni minaccevoli, che furono
l'ultimo atto fra i vivi di un tale fanatico.

»Come ha fatto a trovarsi là questo sgraziato? (disse Claverhouse appena
che Abacucco, pronunziate l'ultime parole, ricadde a terra.) Ebbene!
(volgendosi ai dragoni che gli erano vicini) non mi risponderete una
volta? Che significa questa faccenda? Vi ho da credere sì poltroni da
aver paura d'un morto?»

Un d'essi balbutendo rispose che forse i lor colleghi non s'erano
accorti di costui quando portarono via i tre altri cadaveri: ed a
scusare meglio siffatta omissione gli fecero osservare che il luogo ove
questi cadde era quel angolo della stanza opposto al cammino, scelto dai
Presbiteriani per collocarvi in mucchio i proprj mantelli.

»In somma trasportatelo via adesso invece di star lì spalancando gli
occhi e incrocicchiando le braccia; o temete forse ch'egli vi morda? —
Vedete sig. Morton che i morti tornano a risuscitare per venirne ad
affrontare con minaccie! — Conviene ch'io faccia arrotare le sciabole di
questi furfanti; compiranno più speditamente gli ufizj loro. — Ma
abbiamo avuta una terribile giornata, che ha stancate le braccia a
costoro, e credo anzi che, nè a voi, signor Morton, nè a me, faranno
male alcune ore di riposo.»

Dette le quali cose incominciò a sbadigliare, si stirò le braccia, e
prendendo un lume, diede a Morton la buona notte, e passò nella stanza
che intanto aveano allestita per lui.

Allora Morton fu condotto nella stanza in disparte assegnatagli, ove
rimase solo e libero interamente. Le finestre metteano su la campagna,
nè guernendole alcuna ferriata, niuna cosa sarebbe stata più agevole per
lui del fuggire. Ma avea obbligata la sua parola a Claverhouse, onde nè
manco gli passò per mente l'idea di violarla, benchè non avesse alcun
genere di certezza sulla sorte che il consiglio di guerra gli
apparecchiava. Offerse alla Provvidenza umili rendimenti di grazie
perchè a liberarlo dal ferro degli assassini si era giovata del
ministero di quei medesimi che egli, Morton, riguardava come suoi proprj
nemici, e supplicandola d'inspirargli il contegno da tenere in un tempo
sì fertile di errori e pericoli, mise nelle braccia di essa la cura del
suo futuro destino.



CAPITOLO V.

    »Gli avvocati son già lesti.
    »Il reo sta sullo sgabello
    »Con tal viso che il diresti
    »Or uscito dell'avello.
    »Contra lui stanno seduti
    »I suoi giudici barbuti,
    »Nè le cere lor fan fede
    »Al meschino di mercede.»

    _Il Mendicante. Opera in musica._


All'agitazione sofferta da Morton in tutta quella giornata succedè un
sonno tanto profondo che seppe appena ove si ritrovasse allor quando il
destarono di repente lo scalpitar dei cavalli, il gridar de' soldati e
lo squillar delle trombe. Aveva appena avuto il tempo di levarsi dal
letto allorchè il sergente Holliday venne ad avvertirlo in
rispettosissima guisa, che il generale sperava averlo compagno nel
cammino da farsi.

Si danno tai punti nella nostra vita che gl'inviti sono comandi, e pensò
Morton, nè mal pensò, trovarsi in uno di simili casi, laonde non perdè
istante nel trasferirsi presso Claverhouse. Sellato era già il cavallo
di Enrico, e Cuddy pronto a seguirlo. A vedere il modo onde venivano
trattati e l'uno e l'altro, sarebbersi detti non prigionieri ma
individui dell'esercito de' Reali, eccetto l'armi che ad essi erano
state tolte. Ma Claverhouse restituì colle proprie mani a Morton la
sciabola, arme che a quei tempi avevasi per distintivo delle persone più
ragguardevoli. Postisi in viaggio sel chiamò vicino e parea dilettarsi
assai di favellare con lui. Ma più Morton ne udiva i propositi, men
facile gli diveniva il formare una massima sulla vera indole di
cotest'uomo. Una urbanità, una cortesia di modi, tai sentimenti tutti
nobili e cavallereschi, che si univano alla devozione verso la causa
reale da lui difesa, un criterio finissimo che il soccorreva a leggere,
come in un libro aperto, per mezzo ai penetrali i più reconditi del
cuore umano, costrignevano l'approvazione di tutti quelli che
conversavan con esso e li facevano di lui ammirati; ma per altra parte
l'indifferenza ch'ei mostrava per la vita dei propri simili, le violenze
e le crudeltà che ai soldati suoi permetteva; e talvolta pur comandava,
lo sprezzo nel quale teneva ogn'uomo di classe inferiore alla sua,
opponeano tal contraria tinta alle prerogative dianzi encomiate da
alienare gli animi, che queste medesime prerogative avrebbero
soggiogati. Morton non potè starsi dal paragonarlo in suo cuore a
Burley, e tale idea s'impadronì sì fattamente di lui che lasciò sfuggire
alcuni accenti atti a lasciarla trapelare[1].

  [1] È più facile a scorgere l'aggiustatezza di un tale
  confronto, che tutta la metafisica, l'acutezza d'ingegno, lo
  forzo d'estrarre le idee, necessarie a trovarlo la prima volta.
  Sia che Walter Scott abbia creati appostatamente tali due
  caratteri, simili in tal qual modo e disparatissimi,
  sostenendoli poi maravigliosamente sino alla fine, sia che dopo
  aver fatto ciascuno d'essi di primo getto, abbia così
  maestrevolmente rilevati i punti di corrispondenza di queste due
  fatture della sua mente, chi gli negherà il vanto primiero de'
  veri romanzieri e degli autori teatrali, il vanto cioè di
  conoscere a perfezione tutti gli stati del cuore e de' cuori
  umani? — _N. del T._

»Voi avete ragione, disse sorridendo Claverhouse, interamente ragione!
Siam due fanatici e l'uno e l'altro; ma v'è qualche differenza tra il
fanatismo inspirato dallo onore, e quello derivato da una feroce e cupa
superstizione.»

»Non perciò vi state gli uni e gli altri dal versare il sangue umano
senza riguardi o pietà» soggiunse Morton incapace di palliare il proprio
sentimento.

»Egli è vero, rispose con massima calma Claverhouse; ma vi è, credo una
bella distanza tra versare il sangue di valorosi soldati, di leali
gentiluomini, di virtuosi prelati, e versare il sangue se sangue può
dirsi quel che sgorga dalle vene di rozzi villani, d'oscuri demagoghi,
d'abbietti salmeggiatori di cantici. Non fate voi distinzione alcuna tra
un fiaschetto di sciampagna, e una tazza colma di cattiva birra?»

»Tal distinzione è troppo fina per me. Dio ha data in dono la vita al
contadino siccome al principe; e chi distrugge l'opera di Dio, o non
mosso da un ben poderoso motivo, o a grado del proprio capriccio, glie
ne renderà in entrambi i casi strettissimo conto... Per esempio, ho io
più dritto alla protezione del generale Claverhouse quest'oggi di quanto
io ne avea il primo giorno che il vidi?...»

»E che vedeste sì da vicino la morte, volete dire? Ebbene vi risponderò
francamente. Allora io non sapea scorgere in voi che il figlio d'un
antico capitan di ribelli; il nipote d'un avaro vecchio presbiteriano;
ora vi conosco meglio; vi trovo fornito di uno di que' caratteri che
onoro ne' miei nemici, siccome l'amo ne' miei amici. Ho prese dopo la
prima volta che c'incontrammo, molte contezze sopra di voi, e spero
vediate che non vi furono sfavorevoli.»

»Pure io mi mostro lo stesso...»

»Oggi, che allora non ve lo nego. Ma gli è sol da quel tempo che ho
incominciato ad esaminarvi, a valutarvi più da vicino. Per altro la
resistenza da me opposta a quelli che intercedeano per voi dovrebbe
provarvi che fin da quel tempo io avea concepito altissima opinione del
vostro ingegno.»

»Credete, generale, ch'io vi sia debitore di molta gratitudine per una
tal prova di stima?»

»In somma siete ben difficile da contentare! Ma tornando al nostro
proposito, non posso sentirmi molto commosso per qualche abbietto
contadino che venga cancellato dal novero de' viventi.»

»Nondimeno, o generale, avete fra' vostri prigionieri un contadino, e ad
onta del disprezzo da voi ostentato presentemente verso una professione
che parecchi filosofi riguardarono più utile nè men decorosa di quella
del soldato, mi farò lecito sollecitare ardentemente la vostra
protezione a favore di questo individuo.»

»Voi parlate ora del vostro servo. Lo conosco; Holliday me ne ha
ricordato il nome, ma le signore del castello mi aveano già detto
qualche cosa a suo vantaggio. Dee sposar credo la lor cameriera. Oh! non
temete nulla per lui; si toglierà bene d'impaccio semprechè però non
faccia l'impertinente o il testardo, in somma semprechè non voglia per
suo bel diletto sostenere la parte di vittima.»

»Ciò non dovrebb'essere. Non credo che egli abbia l'ambizione di essere
martire.»

»Tanto meglio per lui! Poi, avesse anche fatto peggio di quel che avrà
fatto, lo proteggerò in grazia del felice errore che lo trasse nelle
nostre file la scorsa notte quando vi cercava soccorritori per ogni
dove. Ha mostrata confidenza in me. È questa una ragione di più perchè
io non lo abbandoni. Ma, a parlarvi sinceramente, è lungo tempo che ho
gli occhi aperti sopra di lui per vigilarne la condotta. — Holliday,
datemi il libro nero.»

Il sergente dopo avere aperta la sua valigia, ne trasse un registro che
conteneva per ordine alfabetico i nomi di tutte le persone avute in
sospetto di intenzioni nimichevoli contra il governo. Claverhouse lo
prese e lo scartabellò continuando il suo viaggio.

»_Gumbleton, ministro approvato, furbo, ipocrita_, non è questi, —
_Heathercat predicatore refrattario, zelante Puritano._ Nemmeno! — Ah!
ci sono. _Cutberto Headrigg, per soprannome Cuddy. Sua madre ha la testa
infanatichita. Quanto a lui, e un ragazzo piuttosto semplice, d'ingegno
che si alza pochissimo, buon tiratore, e migliore per cose di mano che
per cose di testa. Si potrebbe guadagnarlo alla buona causa, se non
fosse troppo affezionato....._»

Qui Claverhouse diede un'occhiata a Morton e chiuse il suo libro.

»La sincerità d'un'affezione, la fedeltà, sig. Morton, son pregi che non
vanno perduti ai miei occhi. Voi potete far conto sulla vita di questo
giovane.»

»Ma un'anima di tempera, come la vostra, o generale, non prova ribrezzo
contra un sistema che richiede inquisizioni tanto minute sopra individui
affatto oscuri?»

»Voi vi date forse a credere, signor Morton, rispose con un po'
d'alterezza Claverhouse, che questa briga ce la prendiamo noi? I
ministri di ciascuna parrocchia hanno l'incarico di trasmetterci tutte
queste particolarità; e le loro nozioni locali agevolano ad essi un sì
fatto lavoro. — Son tre anni che ho il vostro ritratto.»

»Oh! sclamò Morton. Ardirei pregarvi per vederlo.»

»Volentieri, rispose Claverhouse. Non trovo inconveniente a ciò.»

Aprendo allora una seconda volta il registro, lesse quanto segue:

»_Enrico, Morton, figlio di Silas Morton colonnello di cavalleria pel
parlamento di Scozia, nipote di Morton di Milnwood. — Educazione
imperfetta, ma coraggio e ingegno al di sopra della sua età. — Idee
pericolose su la libertà e l'indipendenza. — Propenso al culto
presbiteriano, ma senza fanatismo. — Molto amato da tutti i giovani de'
dintorni. — D'indole dolce, modesta e tranquilla, ma nondimeno anima
ardente, testa di fuoco...._ Voi vedete, sig. Morton, continuò il
generale, che dopo queste parole vengono due croci rosse, vogliono dire
_doppiamente pericoloso_. Capite se eravate un uomo rilevante per
vegghiarvi addosso. — Ma questo messo che chiede?»

In quell'istante medesimo gli si avvicinò un uomo a cavallo apportatore
d'una lettera ad esso diretta. Claverhouse l'aperse e trascorrendola
sorridea disdegnoso. Dopo averla letta per intero si volse in aria di
sprezzante non curanza al messo: »Dite al vostro padrone che mandi i
suoi prigionieri a Edimburgo. Non ho altra risposta da dargli.»

Movendo indi la parola al giovane di Milnwood.

»È un vostro confederato, gli disse, o per parlare più giusto un
confederato del vostro amico Burley, che abbandona le vostre parti.
Udite come scrive.»

_Mio caro signore._

»Non so a che s'appoggi questo suo tuono a intrinsichezza.»

_Supplico vostra eccellenza ad aggradire le mie umili congratulazioni
per la vittoria or riportata dall'esercito di sua maestà. Ho l'onore
d'avvertirla che ho messi in arme i miei vassalli per correre dietro ai
fuggiaschi. Ho già fatti prigionieri parecchi di essi._

                                                _S. Basilio Olifant._

»Non dee giugnervi nuovo il nome di questo furfante.»

»Non sarebbe già un parente di lady Margherita Bellenden?»

»In lontananza però; l'ultimo che in linea mascolina riconoscesse un
ceppo medesimo col padre della ridetta dama. Amava l'avvenente Editta,
della quale gli fu ricusata la mano, perchè assolutamente erane indegno;
e più di Editta ei vagheggiava il dominio di Tillietudlem e le sue
pertinenze.»

»Prendea una cattiva strada per affezionarsi questa famiglia, soggiunse
Morton se facea lega colla nostra sventurata confederazione.»

»Oh! il prudente Basilio Olifant è uomo da sostenere tre parti al
giorno. Egli era malcontento del governo, il quale non volle a favor
d'esso annullare il testamento del conte di Torwood che avea lasciata
erede la figlia; nemico di questa che non volle dargli in isposa la
giovane Bellenden, e finalmente nemico dell'ultima, perch'ella detestava
il contegno simulato, unito in costui ad una figura sgraziatissima. Egli
pertanto si mise in corrispondenza con Burley e fece una leva d'uomini
coll'intenzione di soccorrerlo.... mi spiego, di soccorrerlo nel caso
che non avesse avuto d'uopo di soccorso, nel caso che ieri noi avessimo
avuto la peggio. — Oggi che ci vede vincitori, il briccone cambia
registro, e pretende essere stato per servigio del re quanto ha fatto.
Credo nondimeno che il consiglio accetterà per buona moneta le sue
proteste, e vedrete morire giustiziata una dozzina di poveri fanatici
che fuggivano, intantochè questo cialtrone avvolto nel manto della sua
ipocrisia godrà gli onori dovuti alla lealtà solamente.»

Così conversando sopra diversi argomenti, il duce e il ragguardevol
prigioniero ingannavano la noia di quel cammino. Claverhouse parlò
sempre a Morton colla massima franchezza, e riguardandolo come amico e
compagno, anzichè prigioniero. Ognun vede come Enrico dovesse trovarsi
tuttavia incerto sul suo futuro destino: pur le ore che trascorse
favellando con cotest'uomo straordinario fornito di immaginazione
fertile e brillante oltre ogni credere, gli parvero le più brevi di
quante ne erano passate per lui dacchè s'aggirava nel vortice de'
pubblici affari. Potea in tale occasione paragonarsi ad un cavaliere,
che dopo avere allentate le redini del suo corridore, s'abbandona ad
esso, e la molestia di regolarne il corso almen si risparmia.

In cotal guisa giunsero ad Edimburgo, aumentandosi continuamente il lor
seguito de' diversi distaccamenti di cavalleria che li raggiugneano e
che tutti, chi più chi meno, traevano con sè prigionieri.

Stavano sul punto di entrare nella città, quando Claverhouse volse
questi detti a Morton. »So che il consiglio privato per dar maggiore
solennità alla propria gioia, ed io aggiungo, alla sofferta paura, ha
provvedute le cose in modo che l'ingresso del nostro corpo a Edimburgo
sia qual si spetta ad esercito trionfante, e che ci seguano i nostri
prigionieri, come usavasi ne' trionfi de' Romani. Quanto a me, poco
m'importa di presentarmi in tale apparato, e m'importa assai
risparmiarvi il dispiacere di corredar lo spettacolo colla vostra
persona.»

Detta la qual cosa, chiamò a sè Allan, divenuto allora
tenente-colonnello, e gl'ingiunse di comandare la cavalleria, intanto
ch'egli abbandonando la strada maestra, per sentieri men battuti entrò
sconosciuto con Morton nella città, e l'accompagnavano soltanto alcuni
servi domestici, nel cui novero fu compreso Cuddy.

Giunti all'abitazione ch'egli avea sopra una delle principali strade di
Edimburgo, in questa casa assegnò un appartamento a Morton dove lo
lasciò solo, ottenutane parola d'onore che non si sarebbe mosso di lì.

Dopo avere questi passata una mezz'ora meditando sulle vicissitudini cui
da un mese in poi soggiaceva, intese sulla strada un grande rumore che
il fe' avvicinare alla finestra. Derivava questo dalle trombe, dalle
chiarine, dai tamburi e dalle molte acclamazioni di popolo che giunta
annunziavano entro le mura la reale cavalleria. Le magistrature s'erano
condotte a ricevere alla porta della città i vincitori, e andavan
innanzi alla pompa trionfale, preceduti dalle guardie civiche. Venian
dietro portate sopra picche le teste di due ribelli, e le mani di
costoro, ciascuna destra delle quali con barbaro scherno veniva
avvicinata alla sua sinistra nell'attegiamento supplichevole solito ad
usarsi dai Puritani nelle loro invocazioni. Tai sanguinosi trofei furono
dianzi mortali spoglie di due predicatori trucidati nella pianura di
Bothwell. Seguiva indi una carretta guidata dal famiglio del carnefice,
sopra la quale stavano Macbriar ed altri due prigionieri della
professione di costui, a quanto appariva. Aveano scoperto il capo, e
carichi andavano di catene, ma non quindi mostravansi atterriti, nè sul
destino dei lor compagni i cui tristi avanzi vedean portati dinanzi a
sè, nè sul non dissimile, che pendea sovr'essi, come troppo chiaramente
lo annunziavano loro que' brutti preludi: volgeano ferme occhiate sulla
folla che li circondava, e sembravano trionfare in tal qual modo de' lor
vincitori.

Dietro a questi prigionieri abbandonati agl'insulti della ciurmaglia,
che non si stava dal gettar sovr'essi e pietre e sozzure, venia un corpo
d'uomini a cavallo che tenean brandite le sciabole, e mandavano
acclamazioni ripetute da mille voci della plebaglia, che nelle grandi
città accoglie sempre volentieri, quali poi che siano, le occasioni di
potere far chiasso.

Vedeasi un numero d'oltre a cento prigionieri; a fra questi scerneansi
coloro che aveano avuto grado di comandante nell'esercito puritano, per
essere quali legati su i loro cavalli in modo che la testa del cavaliere
guardasse la coda dell'animal cavalcato, quali attaccati a pesanti
stanghe di ferro, che i meschini dovean portare colle proprie mani, come
si pratica nella Spagna coi galeotti che viaggiano al sito del loro
imbarco; e tale aggiustamento era per essi indizio certo della morte a
cui avviavansi, non men di quanto lo sarebbe parimente stato nella
Spagna il _san benito_ alle sciagurate vittime costrette a sostener
parte nell'atroce spettacolo d'un _auto da fè_. Li seguivano i
prigionieri di minor conto. Alcuni col guardo fiero ed intrepido si
davano a diveder tuttavia convinti d'avere militato per giusta causa, ed
incapaci di raffreddarsi nel loro ardore per essa all'aspetto medesimo
d'una morte imminente; ma altri mostravano la costernata fisonomia
d'uomini che rimproverassero a se medesimi l'imprudenza d'essersi
chiariti per quella parte che il cielo avea abbandonata, e pareano
ruminar colla mente sotterfugi onde sottrarsi al supplizio che vedeano
sì da vicino. Ve n'erano anche di quelli che estenuati dalla fame, dalla
sete, dalla stanchezza, avevan più ch'altro l'apparenza di pecore spinte
dal beccaio a forza verso la macelleria, ed ignare se vadano ad essere
solamente tosate, ovvero scannate. Cotesti sgraziati non lasciavano
scorgere nè timore, nè desiderio, nè speranza; assorti sì nel sentimento
della propria sventura da non conservare più le idee distinte di alcuna
cosa.

Ogni lato di questa deplorabile schiera era fiancheggiato da una fila
d'uomini a cavallo. Chiudeano la comitiva gli squadroni di cavalleria,
preceduti da banda militare, che faceva eccheggiare suoni di trionfo,
interrotti ad ogn'istante dalle acclamazioni della moltitudine.

Ciascuno può agevolmente immaginarsi lo stato dell'animo di Morton
all'aspetto di un tale spettacolo, e al ravvisare fra i miseri
prigionieri molti di coloro che avea imparati a conoscere nella breve
durata della sollevazione; ma soprattutto il commosse la vista della
testa recisa di Kettledrumle già suo collega, ch'era una delle due
infisse alle picche. Allora si lasciò cadere sopra uno scanno, com'uomo
stupefatto ed inorridito ad un tempo, e durò in quella inazione del
terrore sintantochè venne a ritrarnelo la voce di Cuddy, che entrò nella
stanza, pallido, sfigurato, dibattendo i denti, e capace appena
d'esprimersi.

»Chiediam perdono al cielo, signor Enrico! Ah Dio abbia misericordia di
noi! — Dobbiamo in questo momento comparire davanti al consiglio. — Dio
Dio! qual cosa vogliono che un povero uomo come son'io dica alla
presenza di tanti lordi e signori? — Oh! ma non è questo il peggio; mia
madre è arrivata a scoprir dove sono. È qui alla porta! ho fatto di
tutto perchè si ritiri, ma non vuole saperne. È impaziente di vedermi
_rendere testimonianza_, espressione del suo gergo, e che in buon
volgare vole dire vedermi _appicato_. Cuddy per altro non è ancor tanto
bestia, e se può scappare la corda, vadino al diavolo tutte le
testimonianze!»

Entrò allora Claverhouse. »Fa d'uopo che vi presentiate subitamente al
consiglio, sig. Morton (gli disse salutandolo con quella facile cortesia
alla quale lo avea già accostumato). Il vostro servo ancora dovrà
seguirvi colà; ma non avete di che temere, sia per la vostra, sia per la
sua sicurezza. Solamente vi avverto, che sarete spettatore di una scena
alquanto penosa per voi. — Avrei voluto risparmiarvene il disgusto, ma
non mi è stato possibile. — Il mio calesse ci aspetta. Volete che
andiamo?»

Era questo un secondo invito, che, comunque non troppo gradevole a
Morton, non erano in esso i modi di ricusare. Surse tostamente in piedi
e seguì il generale.

Nello scender le scale Claverhouse ripeteva a Morton »Sì; voi vi
trarrete a buon mercato d'impaccio; e sarà lo stesso del vostro servo,
purchè tenga la lingua a dovere.»

Parole che intese da Cuddy lo fecero giubbilare. »Oh la mia lingua,
disse fra sè medesimo, starà a dovere! tutto è che mia madre non ci
venga a frammettere la sua.»

Usciva egli appena, che la vecchia Mausa stata ad appostarlo alla porta,
il prese per un braccio: »Figlio mio, figlio mio! ella esclamò. Son
soddisfatta e gloriosa, benchè afflitta ed umiliata ad un tempo, che
s'avvicini ad un figliuolo l'istante di _rendere testimonianza alla
verità_ in pieno consiglio, come già gliela rendeva il tuo braccio sul
campo della battaglia.»

»Tacete una volta, madre mia! Tacete una volta! gridò con tutto il
fervore dell'impazienza Cuddy. È propriamente il momento di tenere tali
discorsi! Che importa a me delle vostre _testimonianze_? mi credete
ardente della voglia di farmi appiccare? Ho già parlato col signor
Poundtext. Egli sì, è un ministro che vale un tesoro. Ha fatte tutte le
dichiarazioni che si volevano da lui, ed ha ottenuto grazia per sè e pel
suo gregge. Io mi conformerò al suo esempio; e le vostre prediche e i
vostri salmi, ve li potete tenere per voi.»

»Ah Cuddy; mio caro Cuddy! ricordati che ti sei battuto per la fede e
non volere...»

»Va bene, va bene!... Sicuramente che mi sono battuto; anche troppo mi
sono battuto; ma appiccato non lo sono stato per anche, e Dio mi vede il
cuore, non lascerò che mi appicchino finchè mi darà l'animo di
impedirlo.»

»Ma, figlio mio, pensa che se macchi la veste nunziale!...»

»Sì, ora siamo veramente di nozze! credete che i miei pensieri adesso
sieno volti a Jenny? Mi venite a parlare di matrimonio, quando mi sento
quasi al collo il capestro. — Oh addio, madre mia! voi vedete che i
soldati mi aspettano.»

Pregò indi i dragoni datigli a scorta che il volessero condurre al
Consiglio; e alcuni di questi, secondando le ardenti istanze che ne fece
loro Cuddy, trattennero la vecchia Mausa ostinatasi a voler seguitare
suo figlio, e sostenerne, ella diceva, il coraggio.



CAPITOLO VI.

    »Ebben si parta! Addio, mia patria, addio.»

                                 _Lord Byron._


Il consiglio privato di Scozia che dopo l'unione di questo regno
all'Inghilterra collegava al potere esecutivo l'autorità giudiziaria,
stava assemblato nella grande sala gotica, vicina a quella ove altre
volte in Edimburgo il parlamento teneva le sue adunate. Entratovi il
generale Claverhouse prese luogo frammezzo ai giudici, poi Morton e
Cuddy furono fatti sedere alla panca degli accusati, vicino a Macbriar
condottovi prima. Costui avea le catene ai piedi e alle mani, ed era
legato in tal modo da non poter fare un sol gesto.

»Generale, voi ci avete imbandito un piatto di salvaggina variata in
modo singolarissimo (disse a Claverhouse, volgendo in giro l'occhio su i
tre prigionieri, un dei giudici seduto a destra del presidente). Un
corvo, che fra poco udremo gracchiare, uno stornello che a quanto sembra
non sa ove dare la testa, e uno... come dovrò chiamare il terzo?»

»Senza cercare metafore, o milord, rispose Claverhouse, chiamatelo un
onest'uomo che mi sta particolarmente a cuore.»

»Non potrò almeno chiamarlo un _wigh_?[2]» soggiunse il primo
interlocutore, mandando una lingua sì grossa, che pareva potesse appena
capir entro la cavità della bocca e cercando comporre alla malignità una
fisonomia grossolana ed atta solamente a dipingere la stupidezza.

  [2] Sono troppo notorie, perchè non occorra ai nostri leggitori
  un lungo schiarimento a tal proposito, le fazioni dei _wigh_ e
  dei _tory_, e pochi non sanno che i _wigh_ erano i partigiani
  del culto presbiteriano, i _tory_ del culto cattolico romano, i
  quali doveano quindi necessariamente prevalere sotto gli
  Stuardi.

»Sì, milord, rispose con quella sua imperturbabile calma Claverhouse.
Egli è un _wigh_, come lo era la signoria vostra nel 1641.»

»Ne avete avuto pe' vostri denari, o milord» disse sorridendo al primo
un altro di que' consiglieri.

»Sì, sì, rispose costui e contorse la faccia credendo sorridere. Dopo
l'affare di Loudon-Hill non se gli può più parlare.»

»Segretario (entrò allora in mezzo il duca di Lauderdale che presedeva
al consiglio) leggete l'atto di malleveria prestata dal generale Graham
di Claverhouse e da lord Evandale. Apparve da sì fatta lettura come gli
anzidetti personaggi guarantivano a rischio d'una somma di dodici mila
marchi d'argento per cadauno, che Enrico Morton sarebbe uscito del
regno, nè vi porrebbe più piede a meno che sua maestà si degnasse di
richiamarlo; e tal bando era espresso in termini che l'infrangerlo
avrebbe fruttato pena capitale a chi l'infrangea.

»Sig. Morton, disse indi il duca di Lauderdale, accettate voi a queste
condizioni il perdono offertovi dalla clemenza di sua maestà?»

»Non ho migliore scelta, o milord» rispose Morton.

»Avvicinatevi dunque, e venite a sottoscrivere l'atto di vostra
sommissione.»

Morton si prestò senza opporre replica a sì fatta sollecitazione, ben
convinto non esservi da sperare per lui un trattamento più favorevole.

Mentr'egli sottoscriveva, Macbriar fattosi acceso in volto esclamò: »Dio
di Giacobbe, vedilo che or compie la sua apostasia, e riconosce il
tiranno! Odilo rinnegare il tuo nome!»

»Zitto là! (sclamò tosto quel consigliere che era stato primo a volgere
la parola a Claverhouse, e che pretendea pompeggiare di spirito). Non vi
prenda il prurito di assaggiare la minestra degli altri. Troverete calda
a bastanza la vostra, e tanto calda che vi brucierà forse il
gorgozzuolo.»

»Ci siamo colle minestre bollenti! pensò fra se stesso Cuddy. Non vorrei
che mi ricadesse addosso anche questa.»

»Fate venire avanti l'altro prigioniere (disse il presidente dopo avere
ordinato si assegnasse a Morton una delle seggiole che guernivano i lati
della sala). Colui ha la fisonomia di que' montoni che saltano il fosso
dopo essersi veduti precedere dagli altri.»

Allora due archibugieri accompagnarono Cuddy presso la tavola, nanti a
cui sedevano i giudici. Volse attorno gli occhi impauriti, indi gli
abbassò compreso da rispettosa tema in veggendo tanti grandi personaggi
che si prendean pensiere di lui; nè lo stesso ricordarsi delle
assicurazioni date da Claverhouse al suo padrone lo sciogliea d'ogni
inquietudine sulle conseguenze che alle deliberazioni di quei lordi
succederebbero. Aspettando intanto che lo interrogassero fece in goffa
guisa parecchi inchini.

»Vi siete voi trovato all'affare del ponte di Bothwell?» Fu questa la
prima interrogazione che gli venne mossa e che produsse su di lui
l'effetto dello scoppiar della folgore. Non ardiva confessare le verità,
e per altra parte avea giudizio quanto bastava a comprendere, che col
negare, facilmente si avventurava ad essere convinto di menzogna. Volea
pertanto sciorsi d'impaccio con qualche scappatoia.

»Non nego la possibilità d'essermici trovato.»

»Rispondete a dirittura. — Sì o no? — Voi sapete bene che ci eravate.»

»Non tocca a me il contraddire la signoria vostra.»

»Torno a chiedere. Ci eravate, o non ci eravate?»

»Ma chi può ricordarsi di tutti i luoghi ove è stato ne' diversi giorni
della sua vita?»

»Furfante! (gridò allora il generale Dalzell) se non rispondi meglio, ti
fo saltare i denti fuori di bocca col pomo della mia spada. — Pensi
forse non abbiamo altro che fare in tutta la giornata fuorchè
interrogarti e seguirti di domanda in domanda, come cani che corrono
dietro ad un lepre?»

»Ebbene dunque! poichè niun'altra risposta può contentare le signorie
loro, scrivano che non posso negare d'esservi stato.»

»Ora, soggiunse il duca, credesti tu col trovarviti di commettere un
atto di ribellione?»

»Risponderai una volta?» gridò con voce di tuono Dalzell che vedea
esitante Cuddy.

»Adagio di grazia, signori miei! vedete bene che non è sì facile il
rispondere presto ad interrogazioni che puzzano di capestro, disse
fregandosi il collo Cuddy. Credo dunque che avrei fatto meglio...»

»Meglio che cosa? Sbrigati.»

»Che avrei fatto meglio a non andarvi.»

»In nome di Dio! sclamò il presidente. Questo almeno si chiama
rispondere. — E se il re si degna perdonarvi la ribellione nella quale
siete caduto, pregherete voi il cielo per la prosperità del suo regno?»

»Oh, di tutto cuore, milord! e non manderò giù un bicchiere di vino
senza berlo alla salute di sua maestà.»

»Eh! costui è un mariuolo di buona lega. — Ma, amico mio, chi vi ha
indotto a prendere parte in questa sollevazione?»

»Il cattivo esempio, milord, e una vecchia madre indiavolata, salvo il
rispetto che debbo alla signoria vostra.»

»Ottimamente! Non credo possa mai venire in animo a nessuno che tu trami
una congiura. — Speditegli il suo perdono in termini semplici e chiari.
— Fate ora avvicinare quello sgraziato, seduto là in fondo.»

Mentre Cuddy tutto giubbilante andava a porsi vicino a Morton, Macbriar
veniva condotto al luogo che questi due aveano abbandonato un dopo
l'altro.

Al nuovo interrogato parimente chiesero s'ei si era trovato alla
battaglia del ponte di Bothwel.

»Io vi era» egli rispose con voce franca e sicura.

»Armato?»

»Armato, sì; della parola di Dio per sostenere coloro che per la causa
di Dio combattevano.»

»O in altri termini, predicavate la ribellione contra il re!»

»Sei tu che il dicesti.»

»Voi conoscerete probabilmente Iohn Balfour di Burley?»

»Se lo conosco! Sì. E ne ringrazio Iddio. Egli è un cristiano sincero e
zelante.»

»Che è egli addivenuto di questo grande personaggio?»

»Son qui per rispondere intorno a me stesso, non per mettere a rischio
la sicurezza degli altri.»

»Troverem noi modo a farti uscire le parole di bocca» sclamò Dalzell.

»Se costui fosse in un angolo di foreste, soggiunse un altro giudice, a
capo d'un centinaio di Puritani, oh! parlerebbe senza farsi pregare!»

»Ponete mente, gli disse il duca, a quai pericoli andate incontro col
ricusar di rispondermi; parlate finchè ne siete anche in tempo. Voi
siete troppo giovane per potere resistere ai patimenti che diverranno
conseguenza della vostra ostinazione.»

»Vi sfido! (rispose Macbriar lanciando su i giudici uno sguardo di
rabbia e disprezzo). Non è la prima volta ch'io sia stato imprigionato e
assoggettato ai tormenti, e comunque giovane, ho vissuto abbastanza per
imparare a morire quando Dio l'avrà ordinato; perchè, sappiatelo; non è
da voi altri che la mia vita dipenda.»

»Va ottimamente! il duca riprese a dire; ma vi sono certe cose
sgradevoli che vi possono accadere innanzi ancor di morire;» e detto ciò
fe' udire lo squillo d'un campanello d'argento posto sopra una tavola
dinanzi a lui.

Nel tempo stesso venne sollevata una cortina di color cremisi che era ad
un'estremità della sala, e che lasciò ad ognuno visibile il carnefice,
munito di tutti gli ordigni della tortura, in quel secolo tuttavia
barbaro, adoperata. Morton, tutt'altro che preparato a così truce
spettacolo non potè starsi dal fremere. Macbriar vide questi apparecchi
senza impallidire, o mostrare il menomo segno di debolezza.

»Conoscete voi quell'uomo?» gli chiese Lauderdale.

»Egli è senza dubbio l'esecutore degli atroci comandi che avete dettati
contra gli eletti del Signore, nè agli occhi miei siete spregevoli men
di colui. Benedico il cielo, poichè mi dà la forza di non temere i
tormenti che voi saprete ordinare e ch'e' saprà farmi soffrire. La carne
e il sangue possono risentirsi di tai patimenti; la fragilità della
natura umana potrà costrignerla a gemiti e a lagrime, ma la mia anima è
superiore ai vostri sforzi congiunti.»

»Fate il vostro dovere» disse il duca al carnefice.

Risparmieremo ai nostri leggitori la troppo increscevole pittura de'
tormenti che al prigioniero si fecero sopportare, limitandoci a dire
ch'ei li sostenne con una costanza degna di miglior causa. Il presidente
ordinò più d'una volta si sospendesse quella orribile fazione per
reiterare al paziente l'inchiesta fattagli intorno a Burley, ma ne
ottenne sempre la stessa risposta. Finalmente i patiti travagli avendo
privato Macbriar dell'uso de' sensi, un chirurgo postogli a canto
proferì che la natura non poteva reggere a maggiori prove.

»Dunque, disse il duca, or non occorre altro che pronunziare la sua
sentenza.»

Intanto che il chirurgo operava i soccorsi della sua arte per richiamare
i sopiti sensi dello sciagurato, il presidente raccoglieva i voti de'
membri del consiglio, il quale al primo segno di vita esternato dal
prigioniero, pronunziò contro di lui sentenza di morte per delitto
d'alto tradimento, condannando, lui essere appiccato e ad avere indi
tronche la testa e le mani; le sostanze sue ad essere confiscate a pro
del pubblico erario.

»Doomster, diss'egli allora; leggete al condannato la sua sentenza.»

Doomster era il carnefice. Giusta le leggi che a que' dì si osservavano
nella Scozia, e che lungo tempo dopo ancor vi durarono, era tra gli
ufizi del carnefice il far nota ai condannati la loro sentenza; il che
aggiugnea nuovo grado d'onere nell'animo di que' miseri col farli
accorti come sarebbe incaricato di operare il loro supplizio chi ad essi
ne leggea la sentenza. Macbriar non avea potuto che imperfettissimamente
comprendere il tenore della medesima allorchè il presidente la
pronunziò, ma avea già ricuperati i sensi allor quando la udì letta da
Doomster.

»Milord, egli disse terminata questa lettura, vi rendo grazie. Mi avete
compartito il solo favore ch'io fossi pronto a non ricusare da voi. Co'
patimenti preparaste la mia anima all'eternità, e mi porgete occasione
di far conoscere alla terra tutto quanto un cristiano può sopportare per
la buona causa. Da un mondo di tenebre voi mi fate passare nel seno
dell'eterna luce. Vi rendo grazie, ripeto, o milord, e vi perdono la
morte mia. Possano gli ultimi momenti della vostra vita essere per voi
felici e tranquilli come lo sono per me!»

Venne trasportato dalla sala del consiglio al patibolo; i suoi
lineamenti erano quelli d'un uomo condotto in trionfo, e serbò fino
all'ultimo istante la stessa fermezza e lo stesso entusiasmo.

Finchè durò questa scena tanto crudele lo spirito di Morton sofferse
tutti i supplizi de' quali il suo sfortunato collega era vittima. Più
d'una volta spinto da involontario moto era surto in piedi, ma gli occhi
di Claverhouse sempre fissi sopra di lui lo richiamavano alla prudenza,
e il costrigneano di bel nuovo a sedersi. Finalmente perdè i sensi egli
stesso: e sapeva appena quali cose gli accadessero intorno; tal che
allor quando fu nel calesse del generale, non potea rendere ragione a se
medesimo del modo onde vi si trovava.

»Qual coraggio! quale fermezza! diss'ei finalmente. Oh! quanto è da
compiagnersi che tanti bei pregi dell'animo sieno stati oscurati e
inviliti dagli errori d'una setta feroce!»

»Egli muore, disse Claverhouse, con quella medesima calma, che era in
lui quando a morte vi condannò. La giustizia il volea. — Ma voi, signore
Morton, udiste che vi è mestieri abbandonare questo regno?»

»Sì, lo so. Ma non potrò innanzi partire congedarmi da' miei amici?»

»Hanno parlato di voi a vostro zio; ma questi ricusa vedervi. Il buon
uomo è troppo atterrito. Lo ha compreso uno spavento, non del tutto
irragionevole, che la colpa di tradimento onde foste giudicato vada a
percotere le sue sostanze. Però non accadrà nulla di questo. Vi manda la
sua benedizione e una piccola somma che troverete entro di questa borsa.
— Quanto a lord Evandale, egli è tuttavia in cattivo stato di salute, nè
può vedere nessuno. — Il maggiore Bellenden è a Tillietudlem insieme
alla cognata e alla nipote, tutti intesi a tornarvi le cose nel primo
ordine. Quei bricconi non si sono affaccendati poco nel mettere a sacco
que' monumenti rispettabili d'antichità che erano primo scopo alla
venerazione di lady Bellenden. Hanno persino abbruciato il seggiolone
col baldacchino, che la buona signora chiamava il _trono di sua maestà_.
— Vi sono altre persone che voi desideraste vedere?»

»No! disse Morton, sospirando profondamente, no! ma comunque debba
essere sollecita la mia partenza, mi abbisognano ancora alcuni
apparecchi indispensabili.»

»Tutto fu preveduto, il generale rispose. La vostra valigia è dentro il
mio calesse, e in un forziere collocato dietro ad esso troverete quanti
arredi vi mancassero ancora. Eccovi diverse lettere commendatizie che
lord Evandale vi ha preparate affinchè possiate trasferirvi alla corte
dello Statolder principe d'Orange. Io medesimo ne ho aggiunta una a lui
stesso. Feci la mia prima carriera militare sotto gli ordini di questo
principe, e alla giornata di Senet vidi con lui il fuoco la prima volta.
— Eccovi ancora una credenziale sopra un banchiere dell'Aja. Ella è
tratta da lord Evandale, che vi prega non trovare difficoltà a farne
uso. Gli è un prestito che qualche giorno potrete restituirgli, se pur
vi piace considerare siccome prestito quanto ei ravviserebbe appena per
un tenue rimborso degl'immensi debiti che vi professa.»

Morton non credea quasi ai propri occhi e alle proprie orecchie, nè
sapea riaversi dallo stupore prodotto in lui da una così subitanea
esecuzione della sentenza di bando intimatagli.

»E Cuddy?» Soggiunse.

»Ne avrò cura io medesimo. Procurerò che torni al servizio di lady
Bellenden. — Perchè non credo che omai lo prenderà la tentazione di
mancare ad una rassegna; ma fo per lui sicurtà che non gli viene più il
prurito di campeggiare co' Puritani. — Oh! eccoci alla spiaggia. Un
palischermo vi aspetta.»

E tosto si presentarono alcuni piloti, che preso il fardello di Morton,
nel palischermo il portarono.

»Possiate essere felice! gli disse Claverhouse stringendogli la mano, e
possano venir tempi più tranquilli da rivederci ancor nella Scozia! Non
dimenticherò mai la condotta generosa che serbaste per riguardo al mio
amico Evandale! Ella vi onora tanto più agli occhi miei, che mi son noti
i segreti sentimenti dell'animo vostro: e pochi, credo io, nel caso in
cui vi trovaste, avrebbero lasciato sfuggire il destro di spacciarsi
d'un uomo, che loro attraversava il cammino, e ciò in tempo che lo
spacciarsene non gli copriva all'aspetto del pubblico d'alcun disdoro.»

Gli strinse una seconda volta la mano, e se ne disgiunse all'atto che
l'altro stava per entrare nel palischermo.

Sparito appena Claverhouse, Morton sentì prendersi la mano, e lasciarla
tosto; e vi trovò un biglietto piegato in modo che occupasse il minore
spazio possibile. Si volse immantinente. La persona trasmettitrice di
questo foglio avvolgeasi entro grande mantello sì fattamente, ch'era
impossibile ravvisarne il volto; si mise un dito alla bocca, poi si
perdè tra la folla.

Incidente dal quale la curiosità di Morton fu scossa oltre ogni dire.
Appena trovatosi a bordo del vascello ove era aspettato, e che a
Rotterdam veleggiava, si scostò da' suoi compagni di viaggio, e aprendo
il biglietto consegnatogli con tanto mistero, lesse tai note.

_Il coraggio che dimostrasti nella fatale giornata ove Israello fuggì al
cospetto dei suoi nemici ha espiato in tal qual modo i tuoi errori e le
tue colpe. So che desti il cuore alla figlia dello straniero. Scordati
di lei, perchè, ch'io sia lungi o vicino, in esilio al punto della
morte, la mia mano starà sollevata contro della sua casa, e il cielo mi
ha compartito il modo di far ricadere sovr'essa i tanti delitti d'una
sciagurata famiglia. La lunga resistenza opposta del castello di
Tillietudlem è la principale cagione onde fummo disfatti al ponte di
Bothwell il sangue dei nostri fratelli grida vendetta. Non pensar più
dunque a costei, e riunisciti ai nostri colleghi esiliati. Tu ne
troverai in Olanda, che terran gli occhi sempre aperti sull'ora della
liberazione. Sonerà quest'ora e se tu sei tuttavia degno di coltivare la
vigna del Signor, mi troverai tantosto, facendo chiedere notizie di
Quintino Mackell d'Irongray, all'ottima cristiana Bessia Maclure, che
dimora presso l'albergo di Niel. Intanto cigniti i lombi colla cintura
della pazienza, e tieni accesa la lampada, com'uomo che vegli di notte,
perchè all'ora che meno gli uomini si aspetteranno, comparirà l'angelo
sterminatore, coperto d'una veste tinta di sangue, e vendicherà sopra i
suoi persecutori Israello._

Una sì straordinaria lettera era sottoscritta I. B. DI B. Ma non
abbisognava di queste iniziali per provare a Morton che essa non poteva
essere stata scritta fuorchè da Iohn Balfour di Burley. Sorpreso dalla
audacia e dall'ostinatezza di cotest'uomo, che nell'atto medesimo di
vedere pressochè annichilata la sua fazione, pensava a raggruppar le
fila d'una orditura già posta in pezzi, non quindi sentì alcun desiderio
di legare con costui una corrispondenza, congiunta al certo a pericolo,
e molto meno di rinnovare un'alleanza che per poco non gli fu micidiale.
E quanto alle minaccie profferite contra la famiglia Bellenden, Morton
non ravvisò in esse che effetto d'un risentimento ancor caldo contr'essa
per la bella difesa operata dal castello di Tillietudlem; laonde non ne
fece caso, nè gli venne tampoco in pensiero, che un nemico fuggiasco e
bandito potesse dar da temere ad una famiglia attenente alla parte dei
vincitori.

Ciò nullameno rimase perplesso un istante se dovesse trasmettere la
lettera di Burley a qualcuno, fosse poi lord Evandale o il maggiore
Bellenden, ma poichè questa medesima lettera dava indizj sul soggiorno
di chi la scrivea, gli parve che il far ciò sarebbe stato un rendersi
reo di tradita confidenza, ed anche senza pro, trattandosi di prevenire
un danno che immaginario ei reputava. Lacerato pertanto il biglietto ne
gettò i frammenti nel mare, non senza però avere prima notati e il nome
additato da Burley per farne ricerca, e il luogo per saperne contezza.

In questo mezzo la nave salpava dal porto, e un vento propizio ne
rigonfiava le vele. Sparvero agli occhi del giovane di Milnwood le coste
della Scozia e a poco a poco le cime ancora delle montagne; e Morton si
vide per molti anni disgiunto dalla contrada d'onde avea sortito il suo
nascere.



CAPITOLO VII.

    »Volano gli anni rapidi
    »Del caro viver mio»

                 _Parini._


Gli scrittori di racconti godono d'un privilegio, che fa la condizion
loro migliore d'assai sopra quella degli autori drammatici, quello cioè
di non essere soggetti alle unità di tempo e di luogo, e di potere,
giusta l'uopo, condurre i lor personaggi ad Atene o a Tebe, e di
ricondurneli ancora se le circostanze lo chiedono. — Finora il tempo è
trascorso d'egual passo col nostro eroe, poichè dal giorno della
rassegna, alla quale vedemmo per la prima volta far mostra di se il
giovane di Milnwood sino alla partenza di lui per l'Olanda, non è
passato un intervallo più lungo di sei settimane. Ma è giunto l'istante
di fargli prendere il galoppo e superare d'un salto il corso di cinque
anni. Non quindi ne sarà d'uopo cambiare il luogo della scena, che
continuerà tuttavia ad essere nella Scozia. Ma prima di tornare a far
parola del nostro eroe, gioverà presentare al leggitore alcuni cenni
sugli avvenimenti che quivi accaddero in questo intervallo.

Scorsi appena tre mesi dopo l'arrivo di Morton in Olanda, la morte di
Carlo II chiamò il secondo Giacomo al trono dell'Inghilterra. Ne'
quattro anni che questo monarca regnò, le dissensioni civili e religiose
continuarono a dilacerare la Scozia, e s'ella cominciò finalmente a
respirare, il dovette alla prudente tolleranza del re Guglielmo. Gli
abitanti di questa contrada, pagarono bensì il primo tributo a quella
violenta impressione cui non manca di generare negli animi un mutamento
di dinastia; ognun sa che questo, o poco o assai, è origine di politiche
rivoluzioni, alle quali nella presente circostanza si unirono le
religiose; ma finalmente i cittadini alla cura de' pubblici affari
sostituirono quelle de' lor privati interessi.

I soli che resistessero al nuovo ordine di cose introdotto erano i
montanari del nort della Scozia, i quali ricusavano ostinatamente
sottomettersi all'autorità di Guglielmo, e brandian l'armi per la causa
dell'esule Giacomo II, avendo per loro duce il visconte di Dundee, che i
nostri leggitori hanno fin qui conosciuto sotto il nome di Graham di
Claverhouse, e che dopo una vittoria riportata sotto le mura di Dundee
ottenne questo titolo d'onore dalla gratitudine di Giacomo II.

Dal poco sol che abbiam detto s'accorgeranno i leggitori che un grande
cambiamento esser dovea accaduto nelle cose interne della Scozia. I
_wigh_, nemici nati della dinastia degli Stuardi s'erano tostamente
manifestati propensi al nuovo re Guglielmo, ed avendone ottenuto la
restaurazione del presbiterianismo, con altrettanto zelo parteggiarono
per la causa de' Reali, quanto furore posero nel combatterla finchè la
causa della monarchia era pur quella di Carlo II o del successore di
lui. Quegli in vece che aveano guerreggiato per questi due principi
venivano a propria volta qualificati siccome ribelli, e costretti
ripararsi alle foreste e alle montagne nella stessa guisa onde poco
prima vi cercarono asilo i loro avversarj. Gli uni aveano acquistato il
nome di traditori; gli altri riceveano da questi il titolo di
persecutori.

Trovavasi pure in Iscozia una terza fazione formata dai Puritani
fanatici, che non sapean andar d'accordo con nessuna delle altre due. Un
governo repubblicano e teocratico era il fantasma cui sempre viveano
affezionati; laonde muniti sempre di testi scritturali, riprovavano qual
delitto la savia tolleranza del re Guglielmo, che permetteva ne' propri
stati la libera pratica di tutte le religioni. Ma questa fazione perdea
vigore ogni giorno perchè il governo contentavasi di vigilare gli
andamenti, ma colle armi sol dello sprezzo la combattea.

Tal si era lo stato degli affari della Scozia sei mesi dopo
l'avvenimento di Guglielmo al trono della Gran-Brettagna.

E fu sotto il regno di questo monarca, che in bella estiva sera, uno
straniero, che aveva aspetto di militare distinto per grado fermò il
superbo suo corridore alle falde di fertilissima collina, d'onde
scorgeansi le rovine tuttavia maestose del castello di Bothwell, e le
acque del Clyde che serpeggiano attraversando quelle montagne, e i
boschetti che ad ogn'istante ne interrompono il corso, e il ponte di
Bothwell, in cui si termina la pianura da quel castello denominata;
pianura che pochi anni prima era stata sanguinoso teatro di desolazione
e di stragi, e che respirava di nuovo la pace e la tranquillità. Il
lieve sussurro del venticel della sera faceasi appena udire fra le
piante e le macchie che verdeggiavano lungo le rive del Clyde, e le
acque della riviera pareva attenuassero il lor mormorio per discordar
meno dal grato silenzio che regnava su quelle sponde felici.

Il nostro viaggiatore tenne una via ombreggiata da pomi carichi di
frutta d'onde perveniasi ad una casa situata sul declivio d'una vicina
montagna. Appartenea questa ad un fondo rustico, ed aveva l'apparenza
d'essere ad un tempo il soggiorno di qualche proprietario mediocremente
agiato.

All'ingresso d'un viale che guidava alla fabbrica principale, scorgeasi
una casetta assai decente, e che avrebbe potuto giudicarsi l'abitazione
del custode, se l'edifizio che venia dopo si fosse meglio rassomigliato
ad un castello. Ciò nullameno non prestava esso quell'aspetto di
trascuratezza, o di scadimento che sogliono contraddistinguere le
abitazioni de' contadini scozzesi. Osservavasi a sinistra della medesima
un piccolo giardino ben fornito di legumi e di alberi da frutto. Una
giovenca e una capra pasceano il vicino verziere. Quivi parimente era un
recinto chiuso da viva siepe, ove alcune chiocce governavano la lor
famigliuola; un mucchio di rami secchi, e un monticello assai rilevato
di torba davano a divedere, che gli abitanti s'erano muniti contra i
rigori del prossimo verno. Finalmente i vortici di fumo che uscendo fuor
della canna del cammino s'aggiravano attorno alle cime de' vicini
alberi, indicavano che la famiglia quivi stanziata stava pensando agli
apparecchi della cena. Per dar l'ultima mano a questa pittura della
campestre beatitudine, una fanciullina di circa quattro anni empieva una
brocca all'acqua limpida d'una fontana non oltre a venti passi distante
di lì.

A questa meta fermatosi il cavaliere chiese alla picciola ninfa la
strada d'onde si va a Fairy-Grove. Allora la fanciullina mise a terra la
brocca, e colle sue tenere dita, disgiunse i bei capelli biondi che le
cadean sulla fronte; indi fissando sopra lui due occhi maravigliati gli
chiese: »Che cosa mi dite o Signore?» Solita interrogazione che i
contadini della Scozia rimandano a chi gli interroga sopra qual si sia
cosa.

»Desidero sapere la strada di Fairy-Grove.»

»Mamma, mamma! sclamò la fanciulla correndo alla porta della casetta.
Venite a parlar voi con questo signore.»

Comparve la madre, giovane ed avvenente donna, i cui lineamenti la
diceano stata scaltra e smaliziata anzichè no, comunque la matrimoniale
condizione le avesse inspirato quel contegno di gravità e decenza, che è
caratteristico quasi sempre delle contadine di Scozia. Ella portava fra
le braccia un bambino, ed altro fanciullino, di due anni e mezzo a un
dipresso, le veniva a fianco tenendosi ad una falda del grembiule
materno. La figlia maggiore, colla quale abbiamo di già fatta conoscenza
lanciava occhiate frequenti e alla sfuggita sul forestiere.

»Che bramate, o signore?» gli domandò la contadina, d'un tuono
rispettoso sì, ma ben lontano dal manifestare quella zotichezza e
quell'aria d'imbarazzo, solito nelle sue pari quando, non avvezze a
conversare con persone di un grado distinto, casualmente in queste
s'incontrano.

Il viaggiatore dopo averla fissata in volto parve turbarsi un istante,
ma riavutosi immantinente. »Vorrei, rispose trasferirmi a Fairy-Grove.»

»Ci siete signore, nè questa casa si chiama altrimenti.»

»Mi occorrerebbe parlare a Cutberto Headrigg, soprannominato Cuddy. Sarà
qui dunque ov'egli dimora?»

»Per l'appunto, o signore, egli è mio marito. Oggi è andato alla città,
ma dee tornarne in questa sera medesima. Se la signoria vostra vuole
discendere, nè sdegna entrare nel povero nostro tugurio, Cuddy non
tarderà senza dubbio ad essere qui.»

Il forestiere avendo accettata l'offerta, la contadina lo fece entrare
in una stanza che era ad un tempo cucina, tinello e sala di ricevimento;
indi dopo aver messo il cavallo entro la scuderia, gli esibì lardo,
uova, butirro, e birra della quale gli vantò la squisitezza.

Lo straniere acconsentì a prendere qualche cibo, anche per non dare
disgusto alla persona che glielo offeriva, e durante la mensa, così il
loro dialogo s'intavolò.

»Sarei troppo ardita, o signore, col chiedervi quale affare avete con
mio marito?»

»No certo, mia buona ospite. Abbisogno d'alcune notizie, che a quanto mi
viene assicurato, egli potrà procurarmi.»

»Se queste riguardano persone nostre vicine, forse io potrò appagarvi al
pari di lui. Non v'è ignoto, o signore, che nell'essere curiose le donne
non la cedono sì facilmente a chicchessia; laonde posso accertarmivi
informata delle cose che accadono dieci miglia all'intorno meglio di
quanto lo sia lo stesso Cuddy.»

»È molto tempo che ho abbandonato questo paese, ripigliò sospirando quel
forestiere. Altra volta l'ho assai conosciuto. Or sembra che finalmente
vi sia tornata la calma.»

»Non però in tutti i punti, e abbiamo ancora molti guai dalla parte di
tramontana! Lord Dundee, che in addietro era conosciuto per Claverhouse,
si è posto a capo de' montanari, e sta fermo per il re Giacomo. Onde si
battaglia in quelle rupi, come si battagliava qui, sono cinqu'anni. Ah!
se aveste veduto questo spianato dopo un combattimento che si decise
sovr'esso! Mio marito m'assicura che fu uno spettacolo orrendo.»

»Vostro marito dunque vi si trovava? — E ditemi! da qual banda s'era
egli posto?»

»Mio signore! — Questa è una interrogazione alla quale lascerò ch'egli
risponda.»

»Lodo la vostra prudenza, ma non è necessaria con me, perchè mi è noto
ch'egli serviva Enrico Morton, uno fra i capi dei Presbiteriani.»

»Lo sapete, sì? Ebbene saprete ancora che Cuddy lo amava grandemente, e
che ne ha pianta per lungo tempo la morte.»

»Ah! dunque morì Enrico Morton?»

»Senza dubbio. Egli avea preso imbarco per l'Olanda. Tutti gl'imbarcati
perirono e del sig. Morton non si è avuta contezza mai più.»

»Avete inteso parlare d'un certo altro capo, di nome Burley? Sapete se
viva tutt'ora?»

»In verità è tal cosa alla quale non penso nè poco nè assai. E non v'è
nemmeno chi possa dir con certezza quel che ne sia divenuto. Alcuni
pretendono che egli sia passato in paese straniero, ma che essendo stato
riconosciuto per uno degli assassini dell'arcivescovo di Sant'Andrea,
non abbia trovato chi voglia nè manco vederlo, nè capo d'esercito che
acconsenta impiegarlo. Altri aggiungono che è tornato fra noi e che vive
in mezzo ai boschi, alimentato dai soccorsi di qualche fanatico della
sua specie.»

»E (aggiunse lo straniero dopo aver esitato un istante) potete voi darmi
contezze di lord Evandale?»

»Se posso darvene! E chi meglio di me? Non sarà egli a momenti il marito
della mia giovine padrona, di miss Editta Bellenden?»

»Bellenden! Intendo. — Dunque le nozze non sono ancora seguite?»

»Quasi come seguite. Son già promessi, e Cuddy ed io, qualche mese fa,
siamo stati presenti alla promessa. Le nozze veramente vanno tardando, e
il perchè lo so io.»

Lo straniero col capo appoggiato sulle proprie mani sembrava assorto in
penose meditazioni, nè dava più ascolto alla sua ospite, che in tutta la
durata di tale colloquio sembrava commossa da una segreta molestia, ed
essendosi posta a sedere vicino alla finestra, volgeva ad ogn'istante
l'occhio da quella parte, come per curare l'istante dell'arrivo di suo
marito.

Uscendo al fine della sua estasi il viaggiatore chiese, e si vide che
tale domanda gli costava un penoso sforzo al suo animo, se lady
Margherita viveva ancora.

»Sì, ma i tempi sono ben cambiati per essa. Oh che disgrazia avere
perduto il castello di Tillietudlem, la baronia, i fondi che il povero
Cuddy ha lavorati sì lungamente, e tutto ciò per mancanza d'alcuni pezzi
di pergamena che non si sono più rinvenuti dopo che ella rientrò nel
castello!»

»Io avea udito dir qualche cosa di tutto ciò, disse con voce affogata il
forestiere, e prendo molta parte agli affari di questa famiglia. Oh come
volentieri le sarei utile! Qual felicità per me se il potessi! — Ma, e
dove dimorano presentemente queste signore?»

»Qui, in quella casa che vedete in fondo a quel corto viale; e questo
picciolo fondo è la sola proprietà che lor sia rimasta.»

»Vi si trovano ora?»

»No signore. Sono andate a visitare la sorella di lord Evandale, e
intanto custodisco io le chiavi della casa. Non è poca ventura per esse
l'avere fatta l'eredità del vecchio maggiore Bellenden.»

»Uom rispettabile e degno! sclamò lo straniero. Seppi a Edimburgo che
più non vivea.»

»Ah! non ebbe più un giorno di bene dal momento che vide la vedova di
suo fratello e la sua giovine nipote cacciate dal loro castello; e sì!
ha speso di bei denari per sostenere quella lite. Ciò è stato sotto il
regno del re Giacomo. Basilio Olifant che facea causa per ottener questo
dominio diventò cattolico a fine di guadagnarsi il cuore de' giudici.
Oh! allora non gli si ricusò più cosa veruna. È poi da aggiugnersi, che
lady Bellenden non ha mai più potuto trovare quello straccio di
pergamena, che avrebbe fatti veder chiari com'erano i suoi diritti,
sicchè dopo un litigare per più interi anni, la terminò coll'avere la
sentenza sulle spalle. Fu pel maggiore un tal colpo che non se ne riebbe
da poi, e la rivoluzione fu l'ultimo; perchè, comunque non avesse gran
ragione di amare il re Giacomo che gli avea con tanta leggiadria ridotte
alla nudità le parenti, il suo amore al sangue dagli Stuardi ancor
prevalea. Insomma è morto. Già non è stato ricco in alcun tempo, perchè
quel bravissimo uomo non vedea mai persona in bisogno che non si facesse
tosto a soccorrerla. Vennero di giunta i debiti che dovette incontrar
per la lite, tantochè dopo la sua morte Charnwod è andato in mano de'
creditori, e questo piccolo fondo è tutto ciò che è rimasto della sua
eredità.»

»Se così è, soggiunse l'ospite commosso oltre ogni dire, queste due
povere signore son rimaste prive di sostanze e di appoggio.»

»Oh! non mancheranno mai di nessuna di tali cose sintantochè viva lord
Evandale. Egli non le ha abbandonate, come hanno fatto tant'altri. No
certo! anzi per valermi del parlare di Mausa, mia suocera, dai giorni
del patriarca Abramo venendo a noi, non si è mai dato uomo, che
s'affaccendi tanto per meritarsi una donna.»

»Perchè dunque, con voce tremebonda l'ospite domandò, perchè dunque un
affetto sì disinteressato non ebbe prima d'ora la sua ricompensa?»

»Ah! Ah! — Son più d'una le ragioni. Primieramente le turbolenze del
paese, poi la lite, poi la morte del maggiore, finalmente... Ma, oh Dio!
signore, voi vi sentite male.»

»Non è nulla, disse il forestiere, che le parole appena trovava.
Soggiaccio talvolta a certe palpitazioni di cuore. M'accorgo che avrei
bisogno di riposo e di solitudine. Potreste voi darmi una stanza ed un
letto? Vedrò Cuddy domani mattina. Mi trovo troppo stanco per potergli
parlare questa sera.»

»Oh sì certamente, o signore! (rispose la contadina con una premura,
mossa, a quanto parea, da cagione segreta ch'ella disvelar non volesse).
Posso darvi una stanza nella casa de' miei padroni. S'eglino vi fossero
non m'assumerei da me sola una tal libertà; ma so bene che non me ne
faranno rimprovero.»

Detto ciò, prese un lume e pregando l'ospite a seguirla, lo condusse
nella casa, della quale, come vedemmo, aveva essa le chiavi. Entrato
ch'egli vi fu, la donna si congedò da esso un istante per
apparecchiargli, soggiunse, la stanza; nella qual bisogna mise una
prestezza sì straordinaria da potere in men di cinque minuti avvisarlo
che il letto gli era allestito. Ma quando a ciò s'accignea il trovò
privo di moto e col capo appoggiato sopra la tavola presso cui si era
seduto. Temette da prima ch'egli avesse smarriti i sensi; ma avvedutasi
ch'egli era unicamente assorto nel suo dolore si ritirò senza ch'ei
l'avesse veduta, e prima di ritornare fece qualche strepito per dargli
tempo a nascondere un'interna agitazione, della quale ella non volea
darsi per accorta; e di fatto questa seconda volta il trovò in piedi che
camminava su e giù per la stanza. Indi il condusse nell'appartamento
assegnatogli, che era quello solito ad essere occupato da lord Evandale
quando a Fairy-Grove trasferivasi; e questo appartamento tutto stavasi
in una stanza da letto e in un picciolo gabinetto che metteva al
giardino, separato poi da una grande sala per un sottilissimo tramezzo
di legno. La contadina si partì da quel luogo augurando una felice notte
e miglior salute al suo ospite.

»Sia lodato Dio! disse fra se medesima nel tornar che fece alla propria
abitazione: sarò io la prima a vedere Cuddy, e ad avvertirlo di quanto
accade.»



CAPITOLO VIII.

    »O tu che adduce all'are dell'imene
      »Brama di rinvenir chi le spinose
      »Calli di vita aspergati di rose
      »Nella compagna di tuoi gaudj e pene;
    »Paventa di ritrarne al pie' catene
      »In fra i mirteti lusinghieri ascose,
      »Catene dure sì che non le impose
      »Neron più dure in sulle lazie arene.»

                           _D'un anonimo._


Certamente il lettore ha riconosciuto negl'interlocutori del capitolo
precedente Enrico Morton e Jenny Dennison, un dì scaltrita cameriera di
miss Bellenden, or degna metà di Cuddy, il quale, mercè la protezione di
lord Evandale l'avea sposata, ed era rientrato al servigio di lady
Margherita fin d'allora che l'amante di Editta veleggiò alle spiagge
olandesi.

Giugneva ella nella sua picciola casa, quando Cuddy vi rientrò.

»Oh che maledetto tempo, Jenny! Tutto il rovescio dell'acqua m'è venuto
addosso, e m'è penetrato, credo, fino nell'ossa. Presto dammi di che
mutarmi.»

E inteso a questa faccenda non dimenticava suggiugnere:

»Jenny, non m'hai dunque preparato nulla da cena? Mi sento morir dalla
fame.»

»Un poco di pazienza! Egli è a quanto ho pensato finora: sai che la
minestra non ti piace, se non è ben calda.»

»Via, via! sei sempre lì colle tue frascherie!... Ma che cosa hai Jenny?
Tu pensi a qualche cosa.»

»E non è senza perchè. Se sapessi che cosa accade! Oh povero il mio
Cuddy! Ho paura che siam rovinati.»

»Come sarebbe a dire? le chiedeva imperturbato Cuddy, non solito a
sgomentire per poco. Spiegati. — Ma prima di tutto la mia cena.»

Jenny dopo avere coperto un canto della tavola colla salvietta, pose
dinanzi a Cuddy una grande scodella di minestra, e intanto ch'ei
contentava l'appetito, gli narrò senza omettere veruna particolarità
l'accaduto arrivo d'un forestiere, e la natura del colloquio che avea
avuto con esso.

»Ebbene! disse Cuddy, io non vedo nulla da spaventarsene in tutto ciò
che m'hai raccontato. Nessuno saprà che hai fatto dormire uno straniere
in casa dei padroni; e quand'anche venisse a sapersi, miss Bellenden
presterebbe servigio all'universo, purchè il potesse; e quanto alla
vecchia padrona non ha mai negato ricetto ad un uom di riguardo, come a
quel che sembra, è questo nostr'ospite. Di che cosa dunque t'inquieti?»

»Tu dunque, o Cuddy, non indovini chi sia questo forestiere?»

»Come diavolo vuoi tu che lo indovini? Son forse diventato, senza
accorgermene, uno stregone?»

»Quest'è un uomo in somma che farà andare a sconquasso le nozze di miss
Editta con lord Evandale, e ne sarà conseguenza, che la prima non
diverrà mai più ricca, e noi rimarremo due poveri pitocchi in eterno.»

»Diammine! Come ha da fare il tuo forestiere ad operare questo miracolo?
Il matrimonio non è egli bello e concluso e poco meno che consumato?»

»Sei bene una gran testa dura! Nè intendi ancora che questo forestiere è
l'antico spasimato di miss Editta, in una parola il tuo antico padrone?»

»Il sig. Enrico Morton!» sclamò Cuddy alzandosi in piè con tal impeto
che rovesciò la minestra e la tavola.

»Egli stesso (rispose Jenny mentre riparava gli sconci derivati
dell'entusiasmo di suo marito) nè per questo era d'uopo rompermi la mia
scodella.»

»Ma sei matta, Jenny? Ella è cosa troppo sicura che il sig. Morton sta
sotterra o sott'acqua da lungo tempo.»

»Dunque mi credi cieca? Ti dico che l'ho ravvisato come ravviso te?»

»Come hai fatto a ravvisarlo?»

»Oh bella! credi tu che il corso di cinque anni basti a cambiare un uomo
dell'età del sig. Morton in modo da non riconoscerlo più? Poi avrebbe
bastato ad accertarmi che era desso, il dolore da cui fu preso nell'udir
parlare delle nozze di miss Editta. Mi ha ricordato il giorno che costò
tante lagrime a questa povera giovane quando egli e tu, pessima lana,
prendeste le armi a favor de' ribelli. — Oh! indovina a che cosa sta
pensando ora costui!»

»A che cosa penso? (rispose Cuddy che avea cenato in camiciuola, ed
imbracciava in quel punto il giustacore). Penso a correre subito ad
abbracciare il mio povero padrone.»

»Voi non ci andrete, Cuddy.» Soggiunse freddamente ma con fermezza
Jenny.

»Non ci andrò? Ma costei ha il diavolo in corpo! Ti credi forse ch'io
voglia per tutto il tempo della mia vita lasciarmi menar per naso dalle
donne?»

»Ascoltami Cuddy! voglio farti intendere la ragione. Primieramente, mi
sono accorta che il sig. Enrico desidera di non essere riconosciuto: non
ti dirò per qual motivo, perchè chi può saperlo? Ma pensi tu che egli
ignorasse con chi parlava, parlando meco? Ti pare, Cuddy, ch'io sia
tanto cambiata da produr tal effetto? Abbiamo finto l'uno e l'altro di
non ci riconoscere, e ne avevamo ciascuno le nostre ragioni. Le sue
forse erano d'assicurarsi che cosa fosse divenuto di miss Editta; e
quando l'ha saputa in procinto di conchiudere un buon matrimonio, la sua
intenzione, lo vedo, è stata subito di ritirarsi per non guastarlo. Siam
noi i soli a sapere che egli è ancora tra' vivi. Ma se tal cosa
giugnesse a notizia di miss Editta, foss'anche lì dinanzi al ministro
per dar la mano di sposa a lord Evandale, direbbe no quando sarebbe il
momento a proposito di dir sì.»

»E che m'importa il _sì_ o il _no_ di miss Editta? E s'ella preferisse
l'antico amante al novello, non è forse padrona di fare quello che
vuole? — Anche voi, bella Jenny, avevate promesso a Holliday di
sposarlo, e la cosa è certa, perchè costui l'ha divulgata per tutti i
cantoni.»

»Holliday è un mentitore, e tu uno stupido se gli dai retta. Ma quanto a
miss Editta!.... oh mio Dio, mio Dio! Il sig. Morton, ne sono sicura,
non possiede altro oro fuor di quello che sta nel ricamo del suo
vestito. Di che dovrebb'egli campare con lady Margherita e con miss
Editta? Tu il sai pure che questo piccolo fondo basta appena a far
vivere le due signore... Cioè non basterebbe nemmeno, se noi secondando
lord Evandale non dessimo loro ad intendere che rende tre volte di più.»

»E dove metti Milnwood? Non è un bello e un buon possedimento? Mi
opporrai che il vecchio sir David ne lasciò morendo usufruttuaria la
vecchia Alison, perchè non sapea che cosa fosse accaduto di suo nipote.
Ma questa è una donna dabbene; e una parola che le si dice v'è panno per
accomodarli tutti.»

»Che mi va tu panneggiando? Tu non sai quel che ti dica. Credi tu che
una matrona rispettabile, del calibro di lady Margherita, voglia
ricevere una grazia dalla vecchia Alison? quella lady Margherita, alla
quale se lord Evandale vuol prestare servigi è obbligato ricorrere
all'inganno, e andar inteso con noi? No, no! — Poi se miss Editta si
facesse sposa al sig. Morton, le converrebbe seguirlo alla guerra,
poichè l'abito che gli ho veduto è un uniforme di militare.»

»E per conseguenza anche la vecchia matrona che non saprebbe separarsi
da miss Editta! A dir vero comparirebbe male fra le bagaglie d'un
esercito.»

»E chi sa da qual parte si sia posto adesso il sig. Enrico?»

»E la vecchia matrona su questo articolo è alquanto schizzinosa!»

»In fine Cuddy (aggiunse allora l'astuta Jenny che il vedea alquanto
scosso dalla sola idea di poter tornare in guerra, ed aveva serbato per
l'ultimo il più possente degli argomenti) se vanno in fumo le nozze con
lord Evandale, ci va anche il bel podere che questi ne aveva promesso.
Che accadrà allora di noi e dei tre nostri fanciulli? Potremmo noi
nemmeno vivere su questo fondo senza i sussidj che ci va passando la
generosità di milord?»

Alcune lagrime di Jenny aggiunsero forza all'eloquenza di sì fatta
arringa. Cuddy intanto colla testa bassa pareva il vero ritratto della
irresolutezza. »Ma Jenny, le diss'egli, in vece di tutto questo tuo
cicaleggio non potresti suggerirmi il partito da prendersi?»

»Lasciar andare naturalmente le cose, rispose Jenny. Non far vista di
riconoscere il sig. Morton ammeno che non voglia essere riconosciuto
egli stesso. Non parlare di lui con nessuno; non far sapere ad anima
vivente che è qui. Io non te ne avrei nemmeno parlato, senza la paura
che tu vedendolo domani mattina commettessi qualche imprudenza.
Scommetto che egli se ne andrà senza farsi conoscere, e che non ritorna
altrimenti.»

»Povero il mio padrone! Sclamò Cuddy. E sarà vero ch'io lo veda, ch'io
gli parli senza dirgli che l'ho riconosciuto? Ah questo è impossibile!
Piuttosto, Jenny, partirò innanzi giorno per andar a lavorare, e non
ritornerò che a notte avanzata.»

»Questo è quel che va fatto, Cuddy! Se lo dico io! nessuno ti pareggia
in giudizio quando discuti i tuoi affari in compagnia d'altre persone.
Ma tu non dovresti mai volere operare di tua testa.»

»Egli è vero (borbottava Cuddy mentre si spogliava per mettersi in
letto) che da quando ho l'uso della ragione, qualche femmina s'è sempre
frammessa ne' miei affari, e mi ha fatto andar a suo modo in vece di
lasciarmi seguir la strada che avrei voluto prendere. La mia vecchia
madre prima di tutte, poi lady Margherita; e il bello era che queste due
donne non andavano nemmeno d'accordo ed io era sempre come il fornaio
de' burattini che ho veduto alla fiera; tirato dal diavolo da una banda,
e dal Pulcinella dall'altra. Adesso poi che ho moglie (soggiugnea
avvoltandosi sotto la coperta) bisogna ancora che cammini com'essa la
intende.»

»E non sono io la miglior guida che t'abbi avuto in tua vita?» Così
diede fine alla conversazione Jenny prendendo luogo vicino al marito, e
ponendo lo spegnitoio sul lume.



CAPITOLO IX.

    »Di vita fin sull'albeggiar ne danna
    »Alle angosce Natura. Oh quante volte
    »Pria di perir periamo. È a noi pur morte
    »Il morir degli amici: e della fera
    »Mietitrice degli anni incontro al têlo
    »Nè son d'amor le care grazie usbergo.»

                                   _Logan._


Spuntava appena il nuovo giorno allora quando due signore a cavallo,
seguite da due servi arrivarono a Fairy-Grove, e Jenny non senza
crucciarsene grandemente si avvide che queste erano miss Bellenden e la
sorella di lord Evandale.

»Se voleste qui sedervi un istante, lor disse Jenny sopraffatta da tale
improvvisa apparizione, avrei campo di andare a mettere in ordine
l'appartamento.»

»Gli è inutile, rispose Editta, non ne occorre che la chiave comune.
Gudyil aprirà le finestre del nostro gabinetto.»

»Non è possibile aprirne la porta, perchè ha guasta la serratura» si
fece a dire Jenny ricordandosi che la chiave del gabinetto delle signore
serviva anche a schiudere la stanza ove trovavasi Morton.

»Ebbene! andremo nella camera rossa» ripigliò lady Bellenden e togliendo
le chiavi di mano a Jenny si avviò alla volta della casa.

»Tutto sta per iscoprirsi, pensò Jenny fra se stessa, ammeno che non mi
riesca di farlo uscire segretamente. Forse era meglio dire con
naturalezza a queste signore che un forestiere ha alloggiato qui. — Ma
no. L'avrebbero forse invitato a far colezione con loro.»

Immersa in tali meditazioni faceva il giro della casa per entrarvi dalla
parte del giardino, e veder pure se le fosse possibile procurare di
soppiatto l'uscita al suo ospite. »Proviamo, diss'ella giugnendovi. Oh!
ecco là Gudyil. Mio Dio! Dio mio! come or regolarmi? Oh! come andrà mai
a finire questa faccenda?»

In tale stato di perplessità s'avvicinò all'ex-cantiniere, al quale, e
ad una cuciniera soltanto, ridotto erasi tutto il servile corteggio di
Margherita. Ella adoperò bene tutta la sua destrezza per trar fuori del
giardino il personaggio che la incomodava. Ma per mala sorte di lei,
John Gudyil dopo la sua residenza a Fairy-Grove, avea presa passione per
la botanica pratica, e Jenny lo trovò attaccato a quel luogo quanto gli
arbuscelli che vi avevano fatta radice. Innaffiava, vangava, mettea
sostegni alle giovani piante, si perdea in dissertazioni sulle virtù di
ciascuna d'esse, e la povera Jenny agitata da spavento, da inquietudine,
da impazienza, disperava del buon esito dei suoi disegni.

Ma il destino in questa fatale mattina avea risoluto contrariarla
compiutamente. Portò il caso che miss Bellenden si collocasse appunto
nell'appartamento d'onde sarebbe stata più bramosa di allontanarla
Jenny, in quella grande sala cioè che un sol tramezzo di legno
disgiugneva dalla stanza di Morton, separazione di sì lieve conto, che
non si potea profferire parola o mover passo in una delle due stanze
senza renderne inteso chi si trovava nell'altra.

Sedutasi miss Editta colla sua amica, così incominciarono i lor
discorsi. »Come può essere, disse la prima, ch'ei non sia ancora
arrivato? E perchè poi chiamarne in questo luogo allo schiarire del
giorno, quando potea raggiugnerci in casa vostra a Castle-Dinan, ove
doveva pure ricondurre mia madre?»

»Evandale non opera mai per capriccio, lady Emilia rispose. Egli ci darà
buone ragioni dell'essersi contenuto in tal guisa, e se non le troveremo
tali v'aiuterò a sgridarlo io medesima.»

»S'io m'agito egli è soprattutto per timore ch'ei si trovi avventurato
in alcuna delle brigate di fazione tanto frequenti nei tempi sfortunati
a' quali viviamo. Mi è pur troppo noto che col cuore è sempre unito a
Claverhouse, e l'avrebbe, cred'io, raggiunto da lungo tempo se non
accadea la morte di mio zio che gli è stata cagione di assumersi a favor
nostro tanti fastidi. È però cosa da trasecolare, che un uomo sì
ragionevole, sì perfettamente istrutto degli abbagli e delle
inconsideratezze, che han fatto perdere il trono alla casa degli
Stuardi, sia pronto ad ogni sagrifizio per richiamarla su questo trono
medesimo!»

»Che posso io dirvi su ciò? A tal proposito opera molto il puntiglio di
onore sopra Evandale. La nostra famiglia si è sempre contraddistinta per
lealtà. Mio fratello ha servito lungo tempo, il sapete, nel reggimento
guardie del quale il visconte di Dundee fu colonnello. Molti fra' nostri
parenti vedono di mal'occhio la sua inazione, e l'attribuiscono a poco
vigor di carattere. Nè potete ignorare, mia cara Editta, che alcune
ragioni di famiglia, o alcuni vincoli d'amicizia, spesse volte possono
più d'ogni miglior ragionamento sull'animo umano. Spero non pertanto che
potrà continuare nel sottrarsi alle funeste dissensioni della nostra
patria, e a dirvi la verità, credo che voi sola possiate agevolargliene
i modi.»

»Io! e come devo poter io simile cosa?»

»Col somministrargli il pretesto che l'Evangelio commemora: _Ho presa
moglie, e non posso venire di brigata._»

»Egli ha già avuta la mia promessa, rispose con voce debole Editta; ma
quanto al dì delle nozze spero non verrà tolta a me la libertà
d'indicarlo.»

»Quest'è un articolo sul quale lascio la cura di discutere vosco a
Evandale, poichè lo vedo venire a noi.»

»Rimanete, lady Emilia, ve ne supplico, rimanete!» sclamò Editta
sforzandosi a trattenere l'amica.

»No davvero! questa rispose. In certe tai quali occasioni un terzo fa
sovente cattiva figura. Vado a passeggiare nella prateria lungo al
ruscello; mi farete avvertire quando sarà ora di colezione.»

Ella usciva della sala nell'atto stesso che vi entrava Evandale. »Buon
giorno, fratello, sorridendo gli disse, e buon giorno fino al momento
della colezione! Spero che darete a miss Bellenden qualche buona ragione
sul motivo d'averla obbligata ad alzarsi così di buon'ora.» E sì
parlandogli, sparì senza aspettarne risposta.

Miss Editta stava per ripetere la stessa inchiesta a milord, quando
fissando il guardo sopra di lui, vide su tutti i lineamenti del medesimo
l'espressione d'un'agitazione tanto visibile e straordinaria che non
potè ristarsi dall'esclamare: »Mio Dio! milord; che avete voi dunque?
Che cosa abbiamo di nuovo?»

»I fedeli sudditi di sua maestà, Giacomo II, rispose Evandale, hanno
riportata presso Athol una vittoria segnalata, e, a quanto pare,
decisiva, ma il mio sfortunato amico, il prode visconte di Dundee...»

»È egli morto?» gridò miss Editta, indovinando sull'istante questa
fatale notizia.

»Egli è vero, mia cara miss! Egli è morto in mezzo al trionfo, come fu
sempre l'ardente suo desiderio; e le ultime parole di lui sono state per
additarmi ai propri ufiziali come l'uomo ch'ei giudicava il più capace a
venirgli dopo. Anzi ieri per parte di questi ho ricevuta una
sollecitazione di trasferirmi al campo ed assumervi il comando
dell'esercito. Voi ben comprendete, miss Bellenden, che non mi è lecito
esitare. Ho ordinata la leva de' miei vassalli, e mi è d'uopo congedarmi
da voi questa sera.»

»E potete pensare a questo, o Milord? nè sapete come la vostra vita è
preziosa ai vostri amici? Deh! non l'avventurate in una impresa sì
temeraria. E credete dunque i vostri vassalli e i montanari essere una
forza bastante ad opporsi agli eserciti uniti della Scozia e della
Inghilterra?»

»Ascoltatemi, Editta: la mia impresa non è temeraria quanto
l'immaginate; ed ho motivi d'altissima importanza alla risoluzione che
mi vedete abbracciare. Il reggimento guardie, che m'ebbe due anni per
colonnello (qui abbassò la voce qual uom pauroso che fin le mura di
quella sala acquistassero orecchie per ascoltarlo) questo reggimento
conserva un segreto affetto alla causa del suo sovrano legittimo. Son
certo che due altri reggimenti di cavalleria nudrono l'egual
propensione; non aspettavano per manifestarsi che l'arrivo del visconte
di Dundee nel mezzodì della Scozia. Morto esso, qual evvi altro
uficiale, in cui si fidassero abbastanza per risolversi a tale impresa?
Se lasciam cadere questo favorevole istante, si raffredderà il loro
zelo, e la vittoria riportata dai nostri amici non sarà stata che uno
spargimento di sangue versato senza alcun frutto. Che i soldati sappiano
dunque essere io il condottiero dell'esercito di Giacomo II!
abbandoneranno tosto la causa dell'usurpatore; gareggeranno nel venirmi
a raggiugnere.»

»Ed è sulla fede di mercenarj, pronti ad ogn'istante a passar sotto
nuove bandiere, che vi cimentate ad un passo così periglioso, ad un
passo che produrrà conseguenze, non si può dir quanto gravi?»

»Non posso a meno; lo debbo, l'onore e la lealtà me ne impongono
l'obbligazione.»

»E tutto ciò per un principe sul contegno del quale voi trovavate a
ridire quand'era sul trono!»

»Nol nego. Io non potea vedere senza disgusto le innovazioni ch'egli
introducea nel governo e nella chiesa; ma ora egli giace nell'avversità,
e ne sosterrò i diritti come si aspetta ad un suddito fedele. Lascio che
gli adulatori e i cortigiani adorino il potere, abbandonino
l'infortunio; la condotta di costoro non sarà mai esempio alla mia.»

»Ma risoluto come vi trovo, o milord, ad una impresa, che il mio debole
discernimento mi dimostra per inconsiderata, perchè poi in tal momento
avete desiderato vedermi?»

»Nè mi basterebbe egli il rispondervi (disse animato della massima
tenerezza Evandale) che non seppi risolvermi a raggiugnere l'esercito
senza prima rivedere la persona, alla quale m'è sì glorioso aver
obbligata la mano di sposo? Chiedermi la cagione d'un tal mio desiderio,
gli è dubitare dell'ardore de' miei sentimenti, gli è fornirmi, Editta,
d'una prova della tiepidezza de' vostri.»

»Ma perchè, se non altro, scegliere questo luogo al nostro vederci?
perchè dargli una apparenza tal di mistero?»

»Perchè devo, miss Bellenden, farvi una inchiesta; inchiesta che non oso
spiegarvi finchè (e ciò dicendo le presentava un biglietto) non abbiate
lette le cose che questo foglio contiene.»

Editta che volse per prima cosa gli occhi al soprascritto della lettera,
vi riconobbe i caratteri della propria ava e lesse quanto segue.

  _Mia cara nipote._

_Il mio reumatismo che mi confina nella mia seggiola a bracciuoli non mi
è stato mai sì molesto come nell'atto di scrivervi questa lettera, e
vorrei essere in persona laddove essa giugnerà ben tosto, vale a dire a
Fairy-Grove presso la figlia unica del mio povero William. Ma la volontà
di Dio è che in questo momento io mi trovi lontana da lei, com'è
parimente sua volontà, che il mio reumatismo non ceda nè alle decozioni
di camamilla nè ai cataplasmi di senape, i quali rimedi tante volte
m'hanno giovato a portare agli altri salute._

_Conviene pertanto ch'io vi dica per iscritto, in vece d'annunziarvelo a
voce, com'erane il mio desiderio, che lord Evandale chiamato dal dovere
e dall'onore all'esercito, mi ha fatte istanze le più vive per unirsi a
voi ne' santi vincoli del matrimonio prima che accada la sua partenza.
Non ho avuto nulla da obbiettare a sì fatta domanda, tanto più che siete
già l'uno all'altro promessi, e non è questo che il compimento d'una
unione già stretta fra entrambi. Spero pertanto, che voi, statami sempre
rispettosa e obbedientissima figlia, non opporrete dal canto vostro
alcuna difficoltà, poichè non ve ne sarebbero di ragionevoli._

_Egli è ben vero che nella nostra famiglia si son sempre celebrate le
nozze d'una maniera più convenevole al nostro grado, nè è mai accaduto
che seguono in segreto, o alla presenza di pochi testimonj, quasi si
trattasse in somma di cose da vergognarsene; ma tale è la volontà del
cielo, come è stata quella degli uomini che governano questo paese il
privar noi delle nostre sostanze e il nostro re del suo trono. Confido
nondimeno in Dio; rimetterà l'erede legittimo nel possedimento de' suoi
diritti, e lo convertirà alla fede protestante[3]. Perchè ad onta della
mia vecchiezza non può restarmi ancor la lusinga di vedere un
avvenimento tanto felice? Questi occhi miei non hanno contemplato sua
maestà il re Carlo II di gloriosa memoria che trionfò de' ribelli
collegati contr'esso poco prima si degnasse di accettare una
colezione?..._

  [3] Quelli che ne' regni d'Inghilterra e di Scozia non erano, nè
  Presbiteriani moderati, nè in senso stretto Puritani,
  professavano per la maggior parte la religione riformata, onde
  al cospetto della nazione una fra le maggiori colpe di Giacomo
  II si fu l'essersi fatto ascrivere all'ordine de' Gesuiti,
  l'avere inviata al Papa un'ambasceria d'_obbedienza_, l'avere
  per ultimo infranti i privilegi della Chiesa anglicana. — _N.
  del T._


Non abuseremo già della pazienza de' nostri leggitori col metter loro
dinanzi agli occhi il rimanente della lettera di lady Margherita, e ne
basterà il dire che questa terminava con un solenne comando alla
pronipote di prestarsi immediatamente alla celebrazione delle sue nozze
con lord Evandale.

»Non avrei mai creduto sino a questo momento, disse Editta, che lord
Evandale potesse mancare di generosità.»

»Mancare di generosità! sclamò il lord. E potete voi, miss Editta,
contemplare sotto simile aspetto la brama ch'io provo di potervi
nominare mia sposa, prima di abbandonarvi, e di abbandonarvi forse per
sempre?»

»Lord Evandale avrebbe dovuto ricordarsi, riprese a dire miss Bellenden,
che sin quando la sua costanza, e devo aggiungere la stima da lui
ispiratami, e la gratitudine per le obbligazioni da noi professategli,
mi indussero a promettergli la mia mano, misi una condizione a questa
promessa, e fu che egli mi dispenserebbe dal ricevere sollecitazioni
circa all'istante di mantenerla; ed ora ei si giova della prevalenza
acquistatasi sopra l'unica parente che mi rimanga per costringermi ad un
passo di tanta importanza, senza neanco darmi luogo a meditare un
istante! Milord, mi spiace il dirvelo; trovo più amor proprio che
generosità in questo vostro contegno.»

Tal rimprovero dovea non poco trafiggere l'animo di lord Evandale,
com'egli stesso il diede a divedere. Prima di rispondere alcuna cosa
fece due o tre giri lungo la sala; finalmente avvicinatosi di nuovo a
miss Editta: »Voi m'avreste risparmiato, le disse, una incolpazione
cotanto disgustosa, se più ardito io, vi avessi svelato il principale
motivo che or m'incoraggiava a simile inchiesta. Voi stessa mi sforzate
a manifestarvelo, e son certo che sarà di molto peso sull'animo vostro,
non sotto aspetto di quanto vi riguarda personalmente, ma atteso l'amore
che portate alla rispettabile vostra ava lady Margherita. — La rendita
di questo fondo non basta al solo sostentamento della medesima, nè
arriva ad un terzo di quello che v'immaginate. Io corro al campo, ove
forse mi aspetta il destino dell'amico mio, il visconte di Dundee. Se
ciò accadesse, i miei beni passerebbero ad un mio parente, lontano sì,
pure il più prossimo erede che io mi abbia nella mia linea di
discendenza maschile, nè, nubile, mi sarebbe lecito impedirlo o in tutto
od in parte con un testamento. Potrebbe anche la sorte dell'armi,
risparmiando i miei giorni, divenire contraria alla causa che imprendo a
sostenere, e il governo usurpatore non si starebbe forse dal confiscare,
apponendomi colpa di tradimento, le mie sostanze. In entrambi i casi la
mia rispettabile amica, lady Margherita, la diletta sposa promessami,
miss Bellenden, rimarrebbero prive così d'averi come di protezione. Ma
la stessa miss Bellenden, divenuta lady Evandale, troverebbe ne' diritti
che le deriverebbero da questa nuova condizione di vita, i modi onde
assicurare alla sua degna parente una tranquilla vecchiezza, ed in tal
certezza troppo piacevole ad un'anima come la sua troverebbe anche il
compenso di avere conceduta la mano ad un uomo, che sott'altro riguardo
non osa sperarsene degno.»

Questo argomento, cui Editta non erasi preparata, era tale da non
ammettere risposta; onde la giovine si vide costretta al confessare, che
la condotta di lord Evandale era mossa da animo dilicato e generoso ad
un tempo.

»Non vi celai alcuno de' miei sentimenti, milord, (ella però non si
stette dal dirgli) e nemmeno in tal punto dissimulerò innanzi a voi,
come il mio cuore torni continuamente all'idea d'un oggetto che più non
è. Non vi farà quindi maraviglia se dura in me una tal qual renitenza a
strignere sì tostamente un nodo, tanto rispettabile per sua natura.»

»Pur sapete, mia cara Editta, che tutte le nostre sollecitudini, tutte
le indagini da noi praticate, non sortirono miglior effetto del
convincimento comune ch'esse erano inutili.»

»Egli è pur troppo vero!» soggiunse Editta sospirando profondamente.

In quel medesimo istante udì nella stanza vicina ripetersi il sospiro da
lei mandato. Ogni fibra d'essa tremò, e valse appena a calmarla lord
Evandale col farle osservare, che quanto le sembrava d'avere udito non
poteva essere se non se l'eco della voce di lei medesima.

Allora s'adoperò nuovamente a trarla nelle proprie risoluzioni, che
comunque avessero apparenza di troppo affrettate, erano le sole in
quell'istante d'onde potessero sperare uno schermo contra i contingibili
disastri avvenire sì l'ava che la nipote. Nè mancò di porle innanzi agli
occhi il diritto che a sollecitar queste nozze gli davano e l'ottenuta
promessa e le brame dell'ava e la necessità di assicurare uno stato
indipendente a sì ragguardevol matrona e la diuturnità del proprio
amore. Sol s'astenne dal mettere in mostra i servigi renduti, ad Editta;
ma meno ei gli sfoggiava, più fortemente ricorreano alla mente della
donzella la quale non avendo finalmente altra obbiezione fuor d'una
repugnanza sfornita di ragioni valevoli, ed arrossendo fin di
confessarla nell'atto che il generoso amante le offeriva una prova
novella di nobiltà d'animo, si limitò ad allegargli l'impossibilità di
celebrare in sì breve tempo le nozze.

Ma tutte le cose lord Evandale avea prevedute. S'affrettò quindi a
narrarle come fosse venuto lì in compagnia del vecchio cappellano del
suo reggimento, e d'un fedele servo, antico dragone che avea militato
sotto di lui, il quale, e Cuddy, e la moglie di Cuddy, e la stessa lady
Emilia sarebbero stati presenti e testimonj alle nozze. Aggiunse di
avere scelta per celebrarle la piccola casa di Fairy-Grove per
assicurarne meglio la segretezza, troppo necessaria a non rendere
sospetta al governo l'istantanea partenza ch'ei dovea far succedere alle
sue nozze. Di fatto non si sarebbe potuto spiegare, senza dedurlo da
possentissimi motivi, il contegno d'un uomo, che abbandonava una diletta
sposa poche ore dopo il seguìto matrimonio.

Avendo in tal guisa risposto vittoriosamente all'ultima difficoltà posta
in campo da Editta, nè altre dovendo ragionevolmente aspettarne, corse
tosto ad avvertire la propria sorella affinchè andasse a tenere
compagnia all'amica, mentr'egli avrebbe riunite le persone necessarie
colle loro presenze alla nuziale cerimonia.

Lady Emilia al suo giungere trovò Editta che piagneva a cald'occhi, ma
si affaticava indarno a rilevarne il motivo. Era la ridetta lady nel
numero di quelle signore, che non sanno trovare nulla di terribile o di
spaventoso nel matrimonio, soprattutto quando il futuro sposo possiede
le prerogative che s'adunavano in lord Evandale. Quindi per ritoglierla
allo smarrimento in che la vedeva, pose in opera que' triti modi, soliti
ad usarsi per infondere coraggio in quelle giovinette che fingono
atterrirsi all'aspetto d'un giogo, cui sospirano in realtà soggiacere.
Ma poichè li trovò inoperosi a sedare i pianti, che continuavano a
rigare le scolorate guance di miss Editta, poichè la trovò sorda ai
conforti, nè commossa dalle carezze, poichè stringendole la mano
s'accorse che questa rimanea fredda e priva di moto, tutto ciò le parve
offesa al proprio orgoglio, e l'amorevolezza cedè luogo al dispetto.

»Mi è forza, miss Bellenden, il confessare che non comprendo nulla in
questo vostro contegno. Vi obbligaste a sposare mio fratello sin
d'allora che acconsentiste di venirgli promessa. Or non si tratta che di
compiere cose già pattuite da voi medesima, e vi affannate come se
doveste mantenere una condizione gravosa, e persino disonorante! credo
poter guarentire per lord Evandale, ch'egli non vorrà mai conseguire la
mano di una donna persuasa di sagrificarsi nel porgerla a lui; e benchè
sua sorella, posso aggiungnere non mi sembrare egli di tal umore da
sopportare il disprezzo di chicchessia. Perdonatemi, miss Bellenden; ma
i pianti ne' quali vi struggete mi sembrano un tristo presagio per la
futura felicità del fratel mio, nè posso tacervi come la presente vostra
afflizione sia un cattivo compenso a tante prove d'amore ch'egli vi ha
dimostrate.»

»Lady Emilia, voi avete ragione (rispose Editta rasciugandosi gli occhi
e facendo forza a se stessa per calmare l'affanno che la straziava)
avete ragione. Non dovrei corrispondere in sì fatta guisa all'onore che
lord Evandale mi comparte scegliendomi per sua sposa. Mi conforta però
in tal momento il pensare che non gli è ignota l'origine dei miei
pianti, perchè nulla ho di nascoso per lui. — Ma ad ogni modo avete
ragione. Merito biasimo per abbandonarmi in tale guisa a dolorose
ricordanze, ad inutili sospiri; sarà stata questa l'ultima volta. Il mio
destino è per essere indissolubilmente congiunto a quello di lord
Evandale: oso sperare ch'egli non avrà mai motivo, nè di lagnarsi di me,
nè di pentirsi d'avermi fatta sua moglie. Impedirò a me stessa che vane
immagini vengano a rammentarmi il passato....»

Ella tenea vôlto il capo verso una finestra riparata da una gelosia
chiusa a metà fin quando incominciò questa ultima frase, che interruppe
mandando altissimo grido e cadendo poscia svenuta sul pavimento. A
quella dirittura si volsero parimente gli occhi di lady Emilia, la quale
vide soltanto dileguarsi l'ombra d'un uomo che dianzi in quella finestra
pigneasi. Più atterrita dallo stato in cui scorgea Editta, che da quella
spezie d'apparizione, mise ella ancor forti grida chiamando gente in
soccorso. Arrivò tosto il fratello di lei unitamente al cappellano e a
Jenny; ma passò qualche tempo prima che potessero far tornare i sensi ad
Editta che nel riacquistarli ebbe sol forza di esprimersi con rotte
frasi.

»Non insistete di più (e si volgea intanto a lord Evandale) — È
impossibile! — Il cielo e la terra, i vivi e i morti si oppongono a ciò.
— Contentatevi di quanto posso concedere. — La tenerezza d'una sorella.
— Un'amicizia vivissima. — Non si parli più di matrimonio!»

Le forze nuovamente l'abbandonarono.

Chi potrà descrivere da quale stordimento fosse sopraffatto lord
Evandale?

»Questa, Emilia, è una delle vostre! così prese a disfogarsi contro
della sorella. Perchè mai vi ho mandato a tenerle compagnia? L'avrete
fatta impazzire con qualcuna delle stranezze a voi solite.»

»In parola d'onore, fratello mio, con questi vostri modi voi sì che
fareste impazzire quante donne vivono nella Scozia! Perchè la vostra
innamorata vuol prendersi spasso di voi, o crede così acquistar maggior
vezzo ai vostr'occhi, voi piantate una lite contro d'una sorella che
difende la vostra causa presso di lei, e nel momento che sperava averla
ridotta alla ragione. E qual è poi stata l'origine di tutta questa scena
da tragedia? La vista d'un uomo che s'è affacciato al poggiuolo di
quell'angolo della casa.»

»Qual uomo? Qual poggiuolo? Sclamò impazientito lord Evandale. Miss
Bellenden non è capace di volermi prendere a giuoco.»

»Chetatevi, milord! chetatevi! venne in campo Jenny sollecita di non
lasciare innoltrare le dilucidazioni; parlate di grazia più sotto voce.
Miss Editta comincia a riaversi.»

Quand'ella ebbe riacquistato affatto l'uso de' sensi chiese di rimanere
sola con lord Evandale. Ciascuno si ritirò, Jenny con aria di semplicità
uficiosa, lady Emilia e il cappellano dando a divedere lo scontento di
non poter meglio appagare la loro curiosità.

Usciti che questi furono della sala, Editta pregò Evandale a sedersi
presso al sofà ove l'aveano dopo il deliquio adagiata. Ne prese la mano,
la portò alle proprie labbra a malgrado della maraviglia e della
resistenza opposta dal lord; indi raccogliendo quante forze le
rimaneano, lasciò d'improvviso, gettandosegli ai piedi, il sofà.

»Perdonatemi o milord! esclamò, perdonatemi sono costretta ad esservi
ingrata, a rompere un obbligo il più solenne. — Voi possedete la mia
amicizia, la mia stima, il mio rispetto, la mia gratitudine, ma egli e
impossibile ch'io vi sposi.»

»Voi uscite d'un sogno doloroso, mia cara Editta (le disse lord Evandale
rialzandola e riponendola sul sofà); e vi lasciate ora trasportare dalla
vostra immaginazione e dalle larve che vi crea un animo facile troppo a
sentire ogni impressione.»

»V'ingannate, lord Evandale, Editta rispose. Io non ho sognato
altrimenti, nè la mia mente è in delirio. Non l'avrei creduto se
qualcuno me lo avesse raccontato. Ma l'ho visto, e debbo crederlo agli
occhi miei.»

»Visto chi?» sclamò lord Evandale sorpreso quanto confuso.

»Enrico Morton!» ripigliò Editta e pronunciò queste due parole con quel
tuono come se fossero state l'ultime che dovesse pronunciare in sua
vita.

»Miss Bellenden, disse allora lord Evandale, voi usate meco qual s'io
fossi un fanciullo o uno stupido. Se vi trovate pentita d'avermi
obbligata la vostra fede aggiunse in guisa di uom risentito, non son io
quel tale da valermi de' miei diritti per violentare le vostre
inclinazioni, ma trattatemi siccome uomo, non vi prendete giuoco di me.»

Profferiti i quali accenti s'accigneva ad abbandonarla, ma volgendo
sovr'essa un ultimo sguardo, s'accorse al pallor delle guance e allo
smarrimento delle pupille che troppo verace erane il turbamento, e che
qualunque fosse stata la cagione sì stranamente forte sopra lo spirito
di lei, questo era del certo posseduto da un inesplicabile
disordinamento. Cambiò all'istante di tuono, si assise un'altra volta
vicino ad essa, e prese i modi i più confacevoli a venire in chiaro su i
motivi del terrore che la opprimeva.

»L'ho veduto, ella ripetè, ho veduto Enrico Morton al poggiuolo di
quella finestra. Ei guardava entro questa sala nel momento ch'io stava
per abbiurare in eterno la sua memoria. Avea il volto pallido e scarno;
un grande manto gli copria la persona; il cappello gli veniva su gli
occhi; l'espressione della fisonomia era la stessa di quel giorno che
Claverhouse l'interrogava nel castello di Tillietudlem. Domandate a
vostra sorella, domandatele se non l'ha veduto al pari di me!»

Nel medesimo tempo aprivasi la porta della stanza che lasciò vedere
Holliday, il quale nel momento della rivoluzione aveva abbandonato il
reggimento insieme a lord Evandale, e rimase poi sempre al servigio di
questo lord. Tutto pallido in volto, parea sopraffatto da un sentimento
di tema insolito in lui.

»Che v'è di nuovo Holliday? esclamò il padrone alzandosi impetuosamente.
Sarebbesi mai scoperto?....»

Ebbe l'accorgimento di non terminare questa frase pericolosa, ed atta a
tradire i divisamenti che lo guidavano al campo.

»No, milord, rispose Holliday. Non è questo, o nulla che somigli a
questo. Ma ho veduto uno spirito.»

»Uno spirito! esclamò lord Evandale, la cui impazienza smisuratamente
crescea. Tutti oggi cospirano a farmi diventar matto! E quale spirito
hai dunque veduto o imbecille?»

»Lo spirito di Enrico Morton, del capitano de' Presbiteriani che si
battè con tanto valore al ponte di Bothwell e che si annegò presso alle
coste d'Olanda. Mi è comparso improvvisamente a fianco là nel giardino,
poi si è dileguato a guisa d'un fuoco fatuo.»

»Tu sei pazzo, sclamò lord Evandale, o qui cova qualche trama infernale.
— Jenny, abbiate cura della vostra padrona, intanto ch'io procuri trovar
la chiave di un tale mistero.»

Tutte le indagini di lord Evandale non conclusero a nulla. La sola Jenny
che, volendole, avrebbe potuto offerirgli i desiderati schiarimenti, era
la più sollecita di lasciare avvolta fra le tenebre la verità; e ciò per
viste di suo creduto interesse, perchè l'interesse avea in lei preso il
luogo della civetteria sin quando si trovò in possesso d'un marito, buon
capo di casa e ad essa affezionatissimo. Costei pertanto avea profittato
destramente de' primi istanti di confusione per fare sparire dalla
stanza vicina tutto quanto avesse potuto dare indizio di qualcuno
rimastovi a dormire la scorsa notte; cautele da lei estese fino a
spazzare l'orme di piede umano che trovavansi su quel poggiuolo, dal
quale congetturò esser stato veduto Morton da miss Editta; e lo
congetturò sembrandole cosa naturalissima che egli avesse voluto valersi
di quella opportunità per vedere un'ultima volta colei dalla quale
s'involava per sempre. Ella andò finalmente a far le sue indagini nella
scuderia, e non avendovi trovato il cavallo, ne conchiuse che Morton
fosse partito per non più ritornare, e credè quindi in sicuro il proprio
segreto.

»Poi, pensava fra se medesima; quando anche Editta e Holliday lo
avessero conosciuto in pieno giorno per Morton, non ne vien già di
conseguenza che debba averlo ravvisato io a lume di candela; se pertanto
si arrivasse anche un giorno a sapere che è stato qui, non v'è rischio
da temere per me.»

Considerazione che la tenne coraggiosissima sulla negativa, allorchè
lord Evandale si fece ad interrogarla. Quanto ad Holliday non seppe mai
ripetere altra cosa se non se che entrando in giardino gli era apparso
ai fianchi lo spirito, venuto a guisa di lampo, indi sparito prima ch'ei
si riavesse dallo stordimento concetto.

»Se l'ho riconosciuto! aggiunse. Nè io poteva ingannarmi. L'ho avuto in
custodia quand'era prigioniere, e ne notai tutti i contrassegni per
prevedere il caso che mai fosse arrivato a fuggirmi. In oltre non son
molti gli uomini formati sullo stampo del sig. Morton. — Per qual motivo
poi torni qui, gli è quanto non so capire, perchè non è morto, o
moschettato, o appiccato, o assassinato, ma di morte naturale.»

Lady Emilia protestò d'avere veduto sicuramente l'ombra dell'uomo che si
ritraeva dal poggiuolo.

John Gudyil s'era tolto dal giardino per andare a far colezione nell'ora
appunto della apparizion del fantasma. Cuddy stava nei campi a lavorare;
il servo d'Emilia in cucina aspettando gli ordini della padrona, nè
avean quindi veduto nulla. Erano questi i soli individui che si
trovavano in quella casa e che vennero inutilmente interrogati.

Non fu lieve il dispetto di lord Evandale, che vedea per tal romanzesca
avventura mandato a vuoto un disegno da lui ideato non tanto per
assicurare la propria felicità quanto per procurare ad Editta un asilo
contra ogni sciagura che potesse sovrastare. Persuaso com'era a ragione
dell'indole di miss Bellenden, non sapea crederla capace d'aver cercato
un pretesto per sottrarsi alla fede data; avrebbe però attribuito ad
effetto d'una immaginazione posta in effervescenza la visione da lei
asserita, se non fosse concorso a sostenerla per vera Holliday, da
nessuna cagione sospinto a pensare in quel momento più a Morton che a
qual si sia altra persona.

Troppo spirito e senno erano in lord Evandale, perch'egli non credesse
del certo alle apparizioni, ma altrettanto gli sembrava difficile che in
mezzo alla sciagura di mare, per cui perirono e tutti i compagni di
Morton e quanto aveano portato con se alle coste d'Olanda, Morton fosse
sopravvissuto quasi per un miracolo, e rimasto cinque anni senza far
pervenire ad alcuno contezze di se, e che si desse nel medesimo tempo
l'inutilità delle tante indagini praticate per sapere se egli vivea. E
vivo ancor supponendolo, qual cagione omai lo costrigneva a nascondersi
mentre la fazione per cui parteggiò trionfava, mentre la rivoluzione
accaduta nel governo gli era un allettamento a mostrarsi, e poichè il
primo atto di Guglielmo asceso al trono d'Inghilterra fu richiamare
tutti coloro che gli Stuardi aveano banditi.

Il cappellano, col quale lord Evandale s'intertenne sulla perplessità
impadronitosi del proprio animo, fece a questo una lunga dissertazione
intorno alle apparizioni e agli spiriti, non mancando condirla di quanto
avean pensato al proposito e Delrio e Burthoog e Delancre, e conchiuse
finalmente: »quindi porto opinione certa e immutabile che:

O l'ente apparso questa mattina fu veramente lo spirito di Morton,
avvenimento del quale, nè come teologo nè come filosofo, ho fondamenti
per ammettere o negare la possibilità;

O il detto Enrico Morton è tuttora fra i vivi, è tuttora in _rerum
natura_, e si è fatto vedere in persona propria;

O finalmente qualche cosa di somigliante a Morton (del che parimente
abbiamo gli esempi) ha fatto travedere tanto miss Bellenden quanto
Holliday.

Qual è poi di queste tre ipotesi la più probabile? Non oserei profferire
giudizio su ciò; ma ne farei mallevadore il mio capo; una d'esse è
sicuramente la vera.»

Intanto accadde cosa che attristando sommamente lord Evandale non gli
diè tempo di meditare alla forza di questo dottissimo schiarimento in
forma. Lo scotimento sofferto da miss Bellenden, la rendè fra brevi ore
ammalata serissimamente.

»Non partirò di qui, s'io non la so fuor di pericolo, pensò fra se
stesso. Qualunque sia la cagione immediata dell'infermità, io le ho data
origine colle mie malaugurate insistenze.»

Già un messo era corso ad avvertire dello stato, in cui giacea la
nipote, lady Margherita che ad onta del suo reumatismo si fece
trasportare in quello stesso giorno a Fairy-Grove. Lady Emilia non volle
scostarsi dall'inferma, e la presenza di queste due signore facea lecita
una più lunga dimora di lord Evandale, che deliberò trattenersi ivi
sintantochè la salute di miss Editta fosse rimessa in guisa da
permettergli d'entrar seco lei in una spiegazione definitiva.

»Io non comporterò giammai, dicea il giovine generoso, che l'obbligo, a
cui si è legata con me, le divenga tale catena da costrignerla ad un
maritaggio, del quale la sola idea sembra sconcertarle lo spirito e
condurla sul limitar della morte.»



CAPITOLO X.

    »Poggi, valli, boschetti e voi pur siete
      »Ch'io rivedo in tal giorno?
      »Oh quante volte intorno
      »Corsi vostr'ombre chete!
      »Nè angoscïose imagini la mente
      »Mi turbavano ancor; la prima aurora
      »Di gioventù ridente
      »Per me splendeva allora.
      »Nuovo di vita all'oceâno, ignoti
      »M'eran gli scogli e il furïar de' noti.»

    _Ode sopra una veduta del collegio di Eton._


Non sono unicamente le infermità del corpo e la povertà, che abbattano
il coraggio degli uomini i più distinti per ingegno, e li mettano a pari
di quegli enti ordinari de' quali la maggiorità del gregge umano è
composta. Avvi tali istanti d'agitazione anche per gli animi forniti di
più fermezza, onde questi nulla conservano che li contraddistingue dai
deboli, e scontano il tributo generale imposto alla nostra natura. Stato
di tanto più deplorabile in essi, poichè s'accorgono che abbandonandosi
così in preda al dolore, mancano ai dettami della religione e della
filosofia, la cui prevalenza pur dovrebbe essere continua su gli atti e
le passioni degli uomini.

In tale stato era lo spirito dell'infelice Morton, intantochè
allontanavasi da Fairy-Grove. Il sapere che questa Editta da esso amata
per sì lungo tempo, e che non avrebbe mai lasciato di amare, era in
procinto di farsi sposa a chi ab antiquo gli fu rivale e nondimeno
s'avea acquistati sul cuore di lui tutti i diritti dell'uom che
benefica, il saper ciò divenivagli insopportabile angoscia, comunque ad
un cruccio di tal genere dovesse aver l'animo preparato. Soggiornando in
terra straniera egli avea scritto una sola volta ad Editta, nè ad altro
fine che d'inviarle l'ultimo addio, e accertarla de' propri voti, alla
felicità dell'amata donna intesi costantemente. Non la supplicava in tal
lettera di risposta, ma ben si tenea certo di ricevere notizie di essa,
e se questa speranza andò a vuoto ne fu cagione che la lettera al suo
destino mai non pervenne. Morton cui sì fatta circostanza era ignota,
prese il silenzio per un indizio d'essere stato messo in obblio. Posto
piede nella Scozia, intese gli sponsali pattuiti tra lord Evandale, e
miss Bellenden; anzi conchiusi già li credea; e quand'anche si fosse,
come erasi di fatto nella seconda parte, ingannato, la generosità
dell'animo suo non gli avrebbe permesso di pensare a turbar il riposo,
ed amareggiar forse ogni contento di Editta, col volere rinverdire
pretensioni che dal tempo e dalla lontananza sembravano annichilate.

Il caso lo fece abbattersi in un tale che avea militato sotto gli ordini
di lui nell'esercito presbiteriano, e fu quel medesimo dal quale seppe
come Cuddy, dopo avere condotta Jenny Dennison in isposa, a Fairy-Grove
dimorasse; laonde non potè resistere alla brama di vedere sì l'uno che
l'altra, e di raccorne sicuri contrassegni sullo stato in cui trovavasi
allora miss Bellenden, che ei non osava più accennare col nome di
Editta. Già vedemmo quai conseguenze partorisse questa risoluzione;
talchè si dipartì da Fairy-Grove tutto pieno del convincimento, che
Editta lo amasse tuttavia, e più dolente quindi della necessità di
rinunziarne per sempre il possedimento, necessità impostagli dall'onore.
Oh qual fu la commozione dell'animo suo in udendo il colloquio seguito
fra Editta e lord Evandale! Tanto può immaginarsela il leggitore che già
non imprenderemo a descriverla. Si trovò venti volte sul punto di
esclamare »Editta, sono ancor vivo!» Ma gli ricorreano nel tempo stesso
alla mente, la fede ch'ella aveva obbligata ad Evandale, i servigi che
questo lord avea prestati alla famiglia della donzella, la gratitudine
di che andavagli debitore egli stesso, troppo giustamente persuaso che
l'aver avuto salva la vita dopo la giornata di Bothwell fosse effetto
della proponderanza goduta da Evandale sopra l'animo di Claverhouse; le
quali idee imponendo silenzio all'amore lo stolsero da un atto d'onde a
suo avviso poteano scaturire soltanto, sciagura ad un rivale degno di
stima, aumento d'affanni alla sua cara Editta, non quindi a lui la
speranza d'un avvenire più prospero.

»Sia fatta dunque la volontà del cielo! così egli pensò. Io era morto
per lei sin quando die' fede di sposa a lord Evandale. Ella non sappia
almeno, che ancor respiro, che il mio amore è sempre il medesimo!»

Sul punto stesso di giurare questa risoluzione ei sentiva quanto poca
forza si avesse per mantenerla, e diffidava di se medesimo; e straziato
ogni volta che il suono della voce d'Editta gli perveniva all'orecchio,
o per dir meglio al cuore, uscì rapido per la porta che mettea nel
giardino. Ma non sì rapido che prima d'involarsi al luogo ove udia per
l'estrema volta gli accenti della giovane amata, non lo prendesse
invincibil desio di ricontemplarne un solo istante le forme. Con questa
intenzione si trasse al poggiuolo, e quando il grido messo da Editta gli
fe' sospettare d'essere stato veduto, fuggì com'uomo inseguito dalle
furie; passò d'accanto, senza riconoscerlo, e perfin senza vederlo, ad
Holliday; corse alla scuderia; cavalcò il palafreno, e prese il primo
sentiero che dinanzi se gli parò.

S'egli avesse tenuta la strada di Hamilton o l'altra che guidava al
ponte di Bothwell, forse lord Evandale sarebbe venuto in cognizione
ch'egli era ancor vivo. La notizia della vittoria che su le truppe del
re Guglielmo riportarono i montanari scozzesi, avea messo il governo in
tema di qualche sediziosa mossa per parte dei settarj del mezzogiorno.
Laonde essendo stati posti più corpi di guardia alle due frontiere, non
passava viaggiatore, che non soggiacesse alle indagini le più scrupolose
per parte di quelle sentinelle. Invano lord Evandale mise attorno
persone fidate per prendere schiarimenti; nessuno straniero erasi
presentato ad alcuno de' ridetti confini in tutta quella mattina. Quindi
il lord si vide ridotto a supporre che Editta avesse preso per reale un
fantasma, figlio soltanto d'un'immaginazione per le precedenti cose
alterata, e che per una coincidenza strana quanto inesplicabile di
avvenimenti, la mente di Holliday fosse stata travoltata dalla medesima
idea.

Intanto il cavallo di Morton, non avendo potuto mai abbandonare il
galoppo, si trovò dopo pochi minuti a tal parte della riva del Clyde,
che recenti orme indicavano venir adoperata ad uso d'abbeveratoio. Il
corridore di Morton, punto dagli speroni ad ogni istante e comunque poco
abbisognasse di stimolo, entrò senza esitare per quella bocca, e si
trovò ben tosto guadando; della qual cosa Morton s'avvide unicamente pel
freddo sopraggiuntogli allora che si trovò colla metà della persona
nell'acqua, e pensando meglio a se stesso comprese la necessità di
provvedere alla salvezza propria e del corridore, perchè ivi era più che
altrove rapida la riviera. Fattosi quindi a governar l'animale, lo guidò
qualche tempo, per non estenuarne oltre modo le forze, a seconda della
corrente, in guisa però d'avvicinarsi all'opposta riva, che essendosi
offerta allora troppo ripida, gli convenne abbandonarsi di nuovo al
fiume, finchè dopo alcuni minuti scôrse migliore sponda e toccò immune
da rischio la terra.

»E dove or volgermi? pensava Morton in mezzo all'afflizione che lo
premea. In fine che rileva? Ah! se l'augurarmelo non fosse colpa, avrei
desiderato che l'acque del Clyde m'inghiottissero. Così almeno nè la
rimembranza del passato nè l'affanno del presente mi rimarrebbero.»

Ma si vergognò che tale idea gli fosse occorsa all'animo appena l'ebbe
concetta, soprattutto in ripensando alle vie quasi miracolose, onde il
cielo gli avea fatta salva una vita che allor ponea tanto in non cale.
»Io sono, disse, uno stolto!... assai peggio che stolto, se oso lagnarmi
della Provvidenza, che mi ha dati sì manifesti contrassegni di
protezione. Non mi resta più dunque cosa da operare su questa terra?
Quand'altro non facessi che sopportare coraggiosamente i patimenti ai
quali son condannato, non sarebbe questo abbastanza? In quanto ho
veduto, in quanto ho udito eravi forse nulla a cui non dovessi
aspettarmi? Ed eglino son forse più felici di me? (Aggiunse non osando
profferire il nome di questi _eglino_.) Ella spogliata delle sostanze!
Egli!...... ne compresi poco que' discorsi fatti più sotto voce; pur
compresi assai ch'egli si cimenta ad un'impresa pericolosa! Oh potessi
trovar modi a confortarli, a soccorrerli, a vegliar su di loro!»

Così a poco a poco dimenticò affatto i propri affanni per dar tutto il
suo pensiero alle cose di Editta e del futuro sposo di lei. E in tal
punto ricordandosi quella lettera di Burley che avea dimenticata da
lungo tempo, nuovo raggio di luce alla mente gli sfavillò.

»La loro sciagura è l'opera di costui. Ne son certo. Ma qual via a
ripararla? Se pur v'è, dipende dagli schiarimenti che mi fosse dato
ottenere da lui medesimo. Fa d'uopo ch'io il cerchi, ch'io il trovi, che
egli me li fornisca tutti con esattezza. Chi sa? Potrebbe derivarne un
salutifero cambiamento sul destino di quelle persone che più non debbo
vedere, e che forse non verranno mai a scoprire, com'io in tal'istante
dimentichi le mie proprie sventure per adoperarmi alla loro felicità.»

Animato da sì fatta speranza, comunque posasse su fragilissima base,
cercò raggiugnere la strada maestra, e pratichissimo di tutti que'
dintorni da lui trascorsi le tante volte alla caccia, si vide
prestamente in sulla via d'onde pervenivasi a quella picciola città, che
il vide cinque anni addietro entrar trionfante, e acclamato capitano del
_Pappagallo_. Benchè una tetra malenconia ne signoreggiasse
continuamente lo spirito, non trovavasi più immerso in quello stato di
disperazione cui per poco non avea soggiaciuto. Tal si è l'effetto d'una
risoluzione disinteressata e virtuosa; se non vale a richiamare la
perduta felicità, essa almeno la pace dell'animo ricompone.

Dopo avere rintracciati e rinvenuti nella propria cartella i connotati
che all'uopo di chiedere di lui aveva alla sua lettera uniti Burley,
sperò men difficile il discoprirlo, e deliberò andarne in traccia,
quand'anco dimorasse in terra straniera. Volea pensare al modo onde,
potendo vederlo, potrebbe scavar da costui le cose utili da sapersi a
vantaggio della famiglia Bellenden. Ma poi sentì ch'era impresa
impossibile e vana il darsi ad architettare a tal uopo un sistema,
finchè ignorava persino la condizione di vivere cui questo suo collega
antico fosse ridotto.

Era incirca mezzogiorno allor quando il nostro viaggiatore arrivò a poca
distanza dal castello di Milnwood, situato dinanzi ad una piccola
foresta posta a gittata di archibuso della strada che egli correa. La
vista di quell'abitazione destò in esso mille rimembranze soavi e penose
ad un tempo al suo cuore, e tali quai suole provarle chiunque di tempera
d'animo dilicata, rivede, dopo essere stato in balìa alle tempeste
d'agitatissima vita, que' luoghi ove passò i giorni tranquilli e beati
della sua fanciullezza.

»La vecchia Alison, così andava ragionando in sua mente, non può
ravvisarmi più di quello che ieri sera m'abbia ravvisato Jenny. Tanto
meglio! soddisfarò una mia brama, libero di partir indi senza farmi
conoscere. Mio zio, credo m'abbia detto Jenny, ha lasciato ad Alison le
sue sostanze. Così sia! non me ne dolgo; ho affanni che mi riguardano
più da vicino. Ad ogni modo voglio vedere anche una volta la casa de'
miei maggiori.»

Già la veduta del castello di Milnwood non ispirava gaiezza sotto
l'antico padrone, or presentavasi ancora più malenconica e tetra che per
lo passato, benchè vi fosse stata fatta qualche restaurazione. Non
mancava una tegola al coperchio della casa, non vedevasi una lastra
rotta alle finestre, ma l'erba era stata lasciata crescere nel cortile,
come se si avesse dovuto farvi pascolare una mandria; le tele di ragno
che tappezzavano la porta principale indicavano il lungo tempo dacchè
non aprivasi. Morton picchiò ad essa più d'una volta senza che alcun
susurro anche lievissimo gli si facesse udire dall'interno di
quell'abitazione. Finalmente vide aprire la finestrella, d'onde soleansi
guatare i forestieri che bussavano a quell'ospizio, e ravvisò per
traverso ad essa le fattezze della nostra Alison sulle quali scorgeasi
una giunta di grinze a quel discreto numero che la corredavano prima che
Morton abbandonasse il castello. Le copriva il capo una cuffia da notte,
e fuor d'essa sfuggivano alcune ciocche di capelli grigi, atte a
produrre un effetto pittoresco assai più che gradevole.

»Che cosa si vuole?» chies'ella con voce stridula e rauca.

»Bramo dir due parole alla Alison Wilson che abita qui.»

»Ella non è in casa (rispose la stessa mistress Wilson, persuasa forse
dallo stato della sua acconciatura a dire questa bugia). Voi siete però
un malcreato. Vi sareste fatto male alla lingua col nominarla _Mistress
Wilson di Milnwood_?»

»Vi domando scusa (rispose Enrico sorridendo fra se stesso in accorgersi
come la buona Alison non avea dimesse le sue pretensioni a que'
rispettosi riguardi che a se credeva dovuti). Vi domando un'altra volta
scusa ma arrivo da paese straniero, e vi sono rimasto sì lungo tempo che
quasi ho dimenticata fin la lingua della mia patria.»

»Voi venite da paese straniero? Avreste a sorte inteso parlare d'un
giovane di questi luoghi, il cui nome è Morton?»

»Ho udito pronunziare un tal nome nella Alemagna.»

»Aspettatemi un momento. Ma no. State ben attento a quel che vi dico.
Girate attorno la casa. Troverete una porticella di dietro chiusa
soltanto con un saliscendo. Apritela, ed entrate nel cortile delle
galline, ma ponete mente di non cadere nella cisterna che è lì lì
appresso a questa portella, perchè l'ingresso è assai buio. Voltatevi
indi a man destra, e andate diritto un poco di tempo. Vi volgerete indi
a destra una seconda volta, e vi troverete nel cortile nobile. Abbiate
occhio di non isdrucciolar giù per la scala della cantina. Poco lontano
da essa troverete la porta di cucina. Adesso non si viene nel castello
per altra parte. Entratevi e mi troverete ivi, e direte a me quello che
volevate dire a mistress Wilson.»

Ad onta della minuta spiegazione che di ogni particolarità locale avea
fatta la nostra Alison, tutt'altro forestiere sarebbesi trovato
nell'impaccio a dover superare un tal labirinto. Ma la nozione che
Morton doveva avere della sua casa, giovò di filo al nostro secondo
Teseo. Evitò con tutta franchezza i due scogli additati a lui dalla
vecchia, e l'ostacolo più difficile a superare fu un cane di Spagna che
abbaiava spietatamente contr'esso. Questa bestia però gli era
anticamente appartenuta; ma diversa assai dal cane di Ulisse, non
ravvisò il suo padrone comunque l'assenza di lui men che quella del re
d'Itaca fosse durata.

»Nemmeno costui! sclamò Morton. Se lo dico! Non v'è anima che mi
ravvisi!»

Entrò adunque in cucina, nè andò guari, che udì per le scale lo strepito
concertato de' talloni alti che armavano le scarpe della vecchia, e del
bastone col pomo a becco di civetta sul quale ella reggevasi.

Prima che questa giugnesse ebbe il tempo di dare un'occhiata intorno
alla cucina. Comunque le vicinanze del paese non difettassero di carbone
e si vendesse anche a buon mercato, ei non vide però ardere sulla
ferrata del cammino che un fuoco economico di torba e di ramicelli di
ginestra. Attaccato era alla catena un pensile ramino entro il quale
stava cucinandosi il desinare per la Alison e per una fantesca, ragazza
di dodici anni che avea per salario il sol nudrimento. Le esalazioni
delle vivande poste sul fuoco davano a conoscere come questa vecchia non
facesse pasti più sostanziosi di quelli cui avvezzata erasi col suo
defunto padrone.

Al primo apparire di lei, Enrico ravvisò tostamente e quel tuono
dignitoso di cui le piacea tanto sfoggiare, e que' lineamenti su i quali
il mal umore, frutto della consuetudine, contendea colla bontà d'animo
connaturale a questa donna; e riconobbe persino quel berrettone rotondo,
quella vesta turchina, quel grembiule bianco che le avea veduti portar
tante volte. Unicamente un nastro che ricigneale il capo, e qualche
lieve giunta che avea fatto in fretta all'ordinario suo aggiustamento,
indicavano qual differenza passasse tra la Alison, antica governante di
sir David, e mistress Wilson di Milnwood.

»Qual cosa bramate da mistress Wilson? ella gli disse. Son io mistress
Wilson» Perchè i cinque minuti impiegati nel farsi linda le sembrarono
bastanti a ripigliare il suo nome d'onore, e a poter pretendere con più
sicurezza il rispetto che a se credeva competere. Enrico non sapea
troppo quel che gli convenisse rispondere a tale interrogazione, poichè
avea pensato bensì a non farsi conoscere, ma non al pretesto da prendere
per introdursi incognito in casa. Ma la nostra Alison nol lasciò gran
fatto nell'imbarazzo, perchè senza aspettare ch'ei rispondesse alla
prima inchiesta, attaccò sotto e con molta sollecitudine la successiva:
»Voi dunque stando nell'Alemagna avete udito parlare del sig. Morton?»

»Sì, mia signora, del colonnello Silas Morton.»

Tutta la ilarità che leggeasi dianzi nella fisonomia della buona donna
disparve all'udir questi accenti.

»È dunque il padre del Morton di cui vi chiedo che avete voi conosciuto,
il fratello del fu sir David. Però.... quello, voi non potete averlo
conosciuto in paese straniero! l'apparenza de' vostri anni mi dice di
no. Quando egli fece ritorno alla Scozia voi dovevate ancora essere
nella mente di Dio. Io sperava che mi portaste notizie del figliuolo di
questo Silas, del povero sig. Enrico.»

»Vi dirò, signora. Le nozioni sul colonnello Silas Morton, le ho avute
da mio padre. Quanto al figlio, ho inteso dire che ei sia perito
naufragando sulle coste di Olanda.»

»La cosa non è che troppo probabile, e ha costato ben molte lagrime ai
miei poveri occhi. Sfortunato! suo zio me ne parlava ancora il giorno
della sua morte, e fu dopo avermi comunicate le sue intenzioni sulla
quantità di vino e d'acquavite da dispensarsi nel dì de' suoi funerali
alle persone che vi assisterebbero, perchè, morto come vivo, è sempre
stato un signore prudente, economo, e che antivedeva tutte le cose. —
Alison, mi dicea, perchè mi chiamava sempre così. Figuratevi..... la
nostra conoscenza era di vecchia data! — Alison, dunque diceva, abbiate
ben cura della casa; fate che vi regni il buon ordine come se fossi
ancor vivo; se mai un giorno rivedeste il mio povero nipote,
raccomandategli saviezza e soprattutto economia. Furono le sue ultime
parole. Ah! aggiunse qualche altra cosa. Aveva un'avversione grandissima
alle candele gettate a stampo, e la sfortuna lo portò ad accorgersi che
in quel momento ne ardeva una di queste sopra la tavola, onde mi si
volse: — Per un moribondo basta anche una candela foggiata sulla
bacchetta.»

Intantochè mistress Wilson andava così ripetendo gli ultimi discorsi del
vecchio avaro, un barbone, antico camerata d'Enrico era entrato in
cucina, e avvicinatosi a lui, e dopo averlo fiutato un istante, non
tardò a riconoscerlo, e a manifestargli in mille carezzevoli guise la
gioia di rivederlo. Finalmente gli saltò sulle ginocchia.

»Abbasso Elphin, abbasso signorino!» gridò Enrico in tuon d'impazienza.

»Voi sapete il nome del nostro cane! la Alison sorpresa affatto esclamò.
Per altro non è un nome tanto comune. — Ma egli pur vi conosce!» Allora
mettendosi gli occhiali e avvicinandosi a lui: »Bontà divina! esclamò; è
il mio povero figlio; è il sig. Enrico.»

E ciò dicendo la buona vecchia si strinse fra le sue scarne braccia il
giovane amato, sel premè al cuore, e il colmò d'abbraciamenti sì teneri
come se fosse stata sua vera madre: finalmente ai pianti della
consolazione si abbandonò. Commosso Enrico da tante dimostrazioni
d'amore, non ne risparmiò contraccambio alla vecchiarella affettuosa, nè
pensò più a sostenere la sua finzione; che se l'avesse anche voluto non
ne avrebbe avuta la forza.

»Sì, mia cara Alison; sì son io veramente. Vivo ancora per ringraziarvi
di un affetto che non si è mai dismentito un istante; vivo per
rallegrarmi di trovare nella mia patria un'amica almeno che mi rivede
con giubbilo.»

»Oh! persone amiche non ve ne mancheranno, sig. Enrico. Chi ha denari
trova sempre amici, e la Dio mercè voi ne avrete, e ne avrete molti. —
Abbiate sol cura di farne buon uso e di non dissiparli. — Ma, mio Dio!
(ella soggiunse lievemente rispignendolo a fine di contemplarlo ad una
distanza più adatta alla sua vista) come siete cambiato, figliuol mio!
non vedo più il vostro colore, vi trovo le guance incavate, gli occhi
affossati, tutto dimagrato! Ah queste maladette guerre non hanno portato
che malanni! — E quant'è che siete tornato? — Dove siete stato? — Che
avete fatto finora? — Perchè non ci scrivere? — Com'è che v'hanno
creduto morto? — Perchè venire in casa vostra a guisa di straniero e
sorprendere così la povera Alison?»

Trascorse alcun tempo prima che Enrico potesse frenare la commozione del
proprio animo quanto bastava per rispondere a tutta questa fila
d'interrogazioni.

Se mai i nostri leggitori partecipassero alle moltiplici curiosità dalla
buona vecchia esternate, noi siamo per appagarle nel successivo
capitolo.



CAPITOLO XI.

    »Nomossi Aumerlo: in sostener pugnando
    »Le parti di Riccardo, il nome ascose;
    »Per prudenza or si fa nomar Rutlando.

                          _D'un Anonimo._


Benchè la nostra Alison fosse impazientissima d'udire quai risposte
avrebbe date Enrico alle molte e variate interrogazioni ch'ella gli
mosse, non volle permettere che ei rimanesse più a lungo nella piccola
cucina, e lo fece salire nel suo appartamento, ch'era il medesimo ove
solea stanziare questa donna anche allorquando non era se non se la
governante di sir David.

»È men soggetto al vento di tramontana che non quello posto a pian
terreno, disse ella, e vi si gode calore con men bisogno di fuoco.
Rispetto poi troppo la memoria del mio defunto padrone per volere
alloggiare nel suo appartamento che adesso è vostro, sig. Enrico. Non
parlo della grande sala apparata d'intarsi di quercia. Già sapete che
quella non è mai stata adoperata fuorchè nelle solennità, nè l'ho aperta
che qualche volta per darle aria, e lavarne il pavimento e spazzarne la
polve.»

Si assisero pertanto nella stanza della ex-governante in mezzo ad una
raccolta di legumi conservati e di frutta secche e giulebbate d'ogni
genere, cose ch'ella continuava a preparare per antica consuetudine, e
che finivano poi andando a male perchè non v'era chi le toccasse
giammai.

Morton adattando il suo racconto all'intelligenza dell'ascoltatrice lo
restrinse quanto gli fu possibile. Le narrò adunque come la nave
ov'erasi imbarcato essendo stata assalita da una burrasca era perita con
chi v'era dentro, tranne due marinai ed egli stesso, salvatisi in un
palischermo e approdati felicemente al porto di Flessinga. Colà ebbe la
buona sorte di scontrarsi in un antico ufiziale che avea militato
insieme al padre di lui. Seguendone i consigli non si trasferì
altrimenti all'Aia, e delle varie commendatizie che avea portate con sè,
non inviò ad essere ricapitata se non se quella datagli da Claverhouse e
indritta allo Statolder.

»Il nostro principe, dicea quel vecchio ufiziale, dee per motivi
politici mantenersi in buon accordo col suo suocero e vostro re, Carlo
II[4]. Commetterebbe quindi una imprudenza se si esternasse favorevole
ad uno Scozzese appartenente alla fazione dei malcontenti. Aspettatene
adunque gli ordini, senza far mostra di volerlo costringere a pensare a
voi. Usate prudenza, vivete ritirato, cambiate nome, schivate la società
degli esuli scozzesi, e, credetelo a me, non vi pentirete di esservi
comportato in tal guisa.»

  [4] »Mentre gl'Inglesi i più ragguardevoli si riparavano
  all'Aia, e mentre Guglielmo di Nassau mostrava prendere tenue
  parte ai disastri che questi sofferivano, facea di soppiatto
  preparamenti di guerra, e li faceva con tal'arte che il suocero
  non mai se ne accorse.» _Muller._ Stor. Un. L. XXII, cap. XIII.
  — _N. del T._

Il vecchio amico di Silas Morton non si ingannava. Non andò guari che il
principe d'Orange facendo un giro per le Province Unite, venne a
Flessinga, ove già Morton incominciava ad annoiarsi della propria
inazione; ed ebbe un colloquio segreto con questo giovine, mostrandosi
grandemente soddisfatto dell'intelligenza e prudenza che in lui ravvisò,
e soprattutto dell'occhio imparziale onde considerava le varie sette che
dilaniavano la sua patria, e della nitidezza colla quale chiarì al
ragguardevole ascoltatore le mire e la condotta delle diverse fazioni.

»Vi darei di buon grado servigio presso di me, gli disse Guglielmo, ma
non potrei senza dar ombra all'Inghilterra. Non mi crediate perciò men
volonteroso di giovarvi, sia per riguardo vostro, sia per riguardo alla
commendatizia di cui vi ha munito un ufiziale meritevole della mia
stima. Eccovi una patente di servigio in un reggimento svizzero,
stanziato in una delle province più lontane dalla mia capitale, e ove
non troverete, credo io, alcuno Scozzese. Evitate qualunque
corrispondenza col vostro paese, continuate ad essere il capitano
Melville, e lasciate dormire il nome di Morton, finchè arrivino istanti
più favorevoli.»

»In simil guisa, continuò Morton, ho incominciata la mia fortuna. Ho
avuta la ventura di ben riuscire nelle diverse commissioni affidatemi, e
di vedere i miei servigi riconosciuti e ricompensati da sua altezza
reale sino all'istante che è stato chiamato in Inghilterra qual nostro
liberatore e nostro re. La prescrizione ch'ei m'avea fatta deve essermi
scusa valevole sul silenzio da me serbato col piccolo numero d'amici che
ho lasciati nella Scozia. Quanto alla voce che si era diffusa della mia
morte, non poteva accadere altrimenti dopo lo sgraziato naufragio della
nave sulla quale partii, nè può che averle dato maggior fondamento il
niun uso fatto da me, o delle cambiali che mi erano state rimesse, o
delle commendatizie salvo quella al principe, che se raccomandò il
silenzio a me, certamente avrà taciuto egli stesso.»

»Ma figliuol mio, come può essersi dato che in cinque anni non vi siate
incontrato in un solo Scozzese quale v'abbia ravvisato? Io ho sempre
creduto non esservi Scozzese che non vi conosca.»

»Ponete mente, mia buona Alison, che i tre prim'anni della mia
lontananza si passarono in una rimota provincia, e che quando d'allora
in poi passai alla corte del principe d'Orange, vi sarebbe voluto un
affetto premuroso e sincero siccome il vostro per ravvisare l'esiliato
Morton nel maggior generale Melville.»

»Melville! era il cognome di vostra madre; ma quello di Morton sona
meglio alle mie vecchie orecchie. Nel tornare a possesso degli antichi
fondi della vostra famiglia converrà bene che riassumiate ancora il
primitivo cognome.»

»Non farò nè l'una ne l'altra di tali cose; ho fortissime ragioni per
desiderare che la mia tornata nella Scozia e perfino la mia esistenza,
rimangano ignote. Quanto al possedimento di Milnwood so che vi
appartiene, e sta bene nelle mani fra le quali si trova.»

»_Sta bene?_ Spero al certo, figliuol mio, che non parliate sul serio. E
che volete voi ch'io mi faccia de' vostri beni e delle rendite vostre?
Non è che un peso per me. Non vi nego esservi persone che troverebbero
gradevole questo peso, e vecchia qual mi vedete, lo scrivano Mactrick si
era offerto a sgravarmene in parte col portarlo in mia compagnia. Ma se
son vecchia, non sono matta per ciò, nè mi scaldo al fuoco di questa
legna. Non ho mai perduta la speranza di rivedervi, e di fatto ho sempre
mantenuto il castello nell'ordine che era ai giorni della buon'anima di
vostro zio. Non sarebbe bastante contento per me il vedervi governare
saviamente le vostre sostanze? Voi dovreste avere imparata quest'abilità
nell'Olanda, che è un paese masserizioso a quanto mi hanno detto. —
Benchè però credo potete sfoggiare un pochino più che nol faceva il
defunto. Per esempio, vorrei che aveste tutti i giorni, in vece di tre
volte la settimana, un piatto di carne tolta alla beccheria, che beveste
a quando a quando una tazza di vino, perchè ciò aiuta a discacciare i
vapori ipocondriaci; che....»

»Parleremo di queste cose altra volta, mia Alison (la interruppe Morton
stupefatto delle idee liberali esternate dalla vecchia governante, che
accoppiava in bizzarro modo il disinteresse e l'amore dell'economia).
Ora già non sono qui che per pochi giorni, e vel torno a dire, cara
Alison, vi raccomando nessuno sappia che mi avete veduto.»

»Non temete su di ciò, figliuol mio. Son buona a custodire un segreto,
il vecchio sir David, buon'anima, lo sapeva bene. Egli mi avea
raccontato persino ove teneva nascosto il suo denaro, e vedete ch'era
una grande prova di fidarsi nella mia segretezza. — Ma venite dunque
meco affinchè vi faccia vedere la gran sala. Io sola mi prendo il
pensiere giornaliero di tenerla di conto; è questa la mia ricreazione,
benchè qualche volta nel curarla abbia detto a me stessa, e mi venivano
le lagrime agli occhi. — Che giova fregar tanto l'inferrata del cammino,
lustrare i candeglieri, spazzare i tappeti, sbattere i cuscini? Il
padrone di tutte queste belle cose non tornerà forse mai più.»

E così parlando lo conducea in questo _sancta sanctorum_, ch'ella
aggiustava ogni giorno: come se avesse aspettato visite, e
inorgogliendosi di vederlo per sua opera sì ben tenuto. Morton
entrandovi ebbe dalla vecchia un rabbuffo, perchè non s'era ripulite le
scarpe, e si ricordò il rispetto pressochè religioso, da cui fanciullo
era compreso, quando nelle occasioni di grande pompa, gli si permetteva
mettere il piede per pochi istanti in quella sala, della quale allora
non credea si trovasse neanco la simile ne' palagi de' principi e de'
monarchi. Ognuno s'immaginerà facilmente che quei seggioloni da parata,
nani di piedi e giganti di dorsiere, quegl'immensi alari di bronzo
dorato, e quegli arazzi d'alto liccio, perdettero agli occhi di lui gran
parte dell'antico merito, in guisa che in quella sala non ravvisava più
nulla meglio d'un soggiorno dedicato alla tetraggine. Nondimeno due
ritratti fermarono la sua attenzione e altamente ne commossero l'animo.
L'un di questi rappresentava il padre di lui armato di tutto punto, e
nell'atteggiamento più confacevole ad indicarne l'indole risoluta e
guerriera. L'altro era quello dello zio, vestito d'un abito di velluto
co' manichetti, e la guarnizione dello sparato, di pizzi, e che parea
vergognarsi del suo abbigliamento, comunque nol dovesse che alla
generosità del pittore.

»Fu un'idea stravagante, disse Alison, quella di mettere addosso a
quella buona e cara creatura un abito sì bello che non ne ha mai portati
de' simili. Oh! comparirebbe assai meglio col suo pastrano di panno
grigio.»

Morton non potè starsi dal consentire nell'opinione della Alison, perchè
per vero dire un abito di parata si affava tanto al portamento goffo e
ridicolo del defunto, quanto l'avrebbero potuto i modi generosi ai suoi
lineamenti triviali ed ignobili.

Ei si disgiunse allora dalla vecchia per andare a visitare il parco e i
giardini, del quale intervallo essa profittò per far qualche picciola
aggiunta alla mensa che stavasi apparecchiando. Circostanza che noi
accenniamo unicamente perchè costò la vita ad un pollo, il quale forse,
se non sopravveniva un avvenimento così rilevante come lo era l'arrivo
del sig. Enrico, sarebbe giunto a lunga decrepitezza nel pollaio del
castello di Milnwood.

Mistress Wilson non fe' cerimonie di sorte alcuna quanto al mettersi a
un desco insieme con Morton, cosa sancita già da consuetudine antica.
Ella andò condendo il banchetto, or col citare le ricordanze de' tempi
andati, or col porre in campo divisamenti per l'avvenire, attribuendo
sempre ad Enrico la parte di padrone del castello, a se quella di
conservatrice del buon ordine e dell'economia legata dal defunto
proprietario, nè risparmiandosi molti encomj sul proprio zelo e sulla
propria abilità passata e presente in adempir tale incarico. Morton
lasciò che la buona donna si divertisse fabbricando castelli in aria, e
si riserbò ad altro momento il parteciparle la risoluzione allor ferma
in lui di tornarsene sul continente e di colà terminare i suoi giorni.

Abbiamo dimenticato dire, che allorquando mistress Wilson riconobbe nel
forestiero il suo caro Enrico, vedendolo tutto bagnato lo fece cambiare
di vestito e di biancheria. Laonde egli mise l'abito verde che avea
portato altre volte nel tempo del suo soggiorno a Milnwood, e che la
buona Alison conservò come reliquia nel cassetto d'un armadio, senza
però dimenticare a quando a quando di dargli aria e di spazzolarlo.

Finita la mensa gli offerse il suo uniforme dopo essersi data ogni cura
a farlo asciugare. Ma Morton pensò più atto forse ad agevolargli la
divisata ricerca di Burley l'abito che in quell'istante ei vestiva.
Rispose adunque alla governante che avrebbe conservato il vestito
cittadinesco, nè degli arredi che avea dianzi, prese altra cosa se non
se la spada e le due pistole, armi senza le quali uom non viaggiava in
que' tempi di turbolenza.

»Pensate ottimamente, diss'ella; il vostro abito verde vi sta benissimo,
e dopo esservi or riposato vi comunica quella stessa buona cera, che
avevate allorchè vi condussero via da Milnwood, tranne il non essere al
certo ingrassato. Fate anche bene, che così risparmiate il vostro
uniforme».

Ella si diffuse indi sul modo di trar buon partito dagli abiti usati, ed
erasi già inoltrata nel tessere la storia di un vestito di panno
scarlatto, appartenuto dianzi a sir David, poi divenuto fodera d'un
abito turchino, in appresso trasformato in un paio di calzoni, e che a
ciascuna di tali metamorfosi durava buono come se fosse nuovo; ma Morton
interruppe il filo di tal racconto per congedarsi da lei, ed annunziarle
la necessità in cui era di rimettersi in viaggio.

Fu questo un colpo difficile a sopportarsi per mistress Wilson.

»E perchè volete partire? — E ove ne andrete voi? E ove credete star
meglio che in casa vostra dopo esservene allontanato per tanti anni?»

»Voi avete ragione, o Alison; ma non ne posso di meno. E fu per questa
ragione che a voi non mi palesai all'atto medesimo del mio arrivo. Io
ben sapea che avreste fatto di tutto per trattenermi.»

»Ma ditemi dove andate, ella ripetè nuovamente. Si è mai veduta una cosa
simile? Appena giunto volar via a guisa di freccia!»

»Mi è duopo andare nella vicina città in cerca di Niel. — Credo bene
ch'ei potrà darmi un letto.»

»Oh sì certamente! potrà darvi un letto, e saprà anche farvelo pagar
bene. — Ma, figliuol mio, avete dunque lasciato il vostro giudizio ne'
paesi dove avete girato? E vi par egli una bella cosa pagare un letto e
una cena quando potete avere tutto questo senza spendere un soldo, ed
essere ringraziato per soprappiù?»

»Vi assicuro, Alison, che mi guida colà un affare della massima
importanza, e dal quale dipende ch'io guadagni o ch'io perda
moltissimo.»

»Quand'è così, non vi trattengo più. — Però fate ben attenzione che
questa gita sta per costarvi forse una dozzina di scellini di Scozia. Ma
la gioventù non conosce il valor del denaro. — Il mio vecchio padrone,
Dio l'abbia in gloria, quegli sì! era prudente; non toccava mai più il
denaro, quando una volta lo aveva messo in riserbo.»

Persistendo Morton nella sua deliberazione, risalì a cavallo e si
congedò da mistress Wilson, dopo averle fatto promettere nuovamente di
non far motto con nessuno ch'ei fosse tornato, sintanto almeno ch'ella
nol rivedea.

»Non sono prodigo, pensava egli nell'allontanarsi da Milnwood, ma se io
rimanessi con questa donna, come ella lo desidera, il sarei quanto basta
a giudizio di lei per farla sospirare più d'una volta.»



CAPITOLO XII.

    »Ov'è l'amico ostier? Ch'io 'l veggia presto!
      »E il seco starmi favellando a un desco
      »Tempri gli affanni d'indugiar molesto.»

                      _Il viaggio d'un amante._


Giunto, senza che alcuna particolarità gli cadesse, alla città Enrico
Morton, scese alla locanda di Niel. Più d'una volta lungo la strada si
pentì d'avere ripreso l'antico abito, pensando allora soltanto che in
vece di giovare allo scopo da lui ideato, poteva anzi crescergli la
difficoltà di rimanere sconosciuto; ma alcuni anni di assenza e di vita
militare aveano di fatto alterati assai i lineamenti del suo volto, e
per altra parte le persone delle quali andava in traccia non erano mai
state con esso in quella tale corrispondenza da poterlo riconoscere come
avea fatto la vecchia Alison, che a ciò nemmeno sarebbe riuscita senza
la distrazione accadutagli nel parlare al cane che lo accarezzava.

Piena vedeasi la locanda, e parea godere tuttavia della sua antica
celebrità. Lo scorgere Niel più grasso e paffuto, e men civile che non
lo era in passato, fu indizio a Morton che la borsa di cotest'uomo erasi
impinguata al pari della persona; perchè nella Scozia la civiltà degli
ostieri va in proporzione inversa dello stato lor pecuniario. La figlia
di Niel aveva acquistati i modi d'una serva d'osteria accorta ben del
suo conto, e incapace di distrarsi dalle proprie incombenze, o per lo
strepito delle armi, o per le cure d'amore. E padre e figlia non fecero
a Morton maggiore attenzione di quella cui può aspirare uno straniero
che viaggi senza seguito di cavalli e di servi. Risolvè quindi conformar
gli atti all'umile personaggio ch'egli in quell'istante raffigurava.
Condusse da se medesimo nella scuderia il suo cavallo, gli fe' dar la
biada, e tornò indi nella sala comune, perchè coll'ordinare per sè una
stanza a parte avrebbe creduto annunziarsi uomo di maggiore affare che
non volea comparire.

Era in quel luogo che alcuni anni prima Morton avea celebrata la sua
promozione al grado di capitano del _Pappagallo_, cerimonia che non
essendo nulla più d'un scherzo in sua origine, per lui s'era fatta
sorgente di serissime conseguenze. Consapevole anche a se medesimo del
grande cambiamento morale e fisico al quale avea soggiaciuto, giudicò
che niuno ravviserebbe nell'uom grave e posato venuto allora in quella
brigata il giovane spensierato, cui diè grido, anni addietro, una prova
di sollazzevole agilità.

L'assemblea unita nella sala era composta di diversi crocchi,
distribuiti nella proporzione e nel numero di quelli che vi trovò,
vincitore nella lotta del _Pappagallo_. Alcuni cittadini beveano
ponderatamente la lor foglietta d'acquavite: più in là stavano soldati
che nel votare un boccale di birra, bestemmiavano contro la presente
tranquillità del cantone, che non permetteva ad essi più dispendiosa
bevanda. Vedeasi un de' loro sott'ufiziali che gustava un bicchierino
d'_acqua ammirabile_ unitamente al parroco presbiteriano, e tre
viaggiatori attorno a un fiasco di vino aspettavano il ricambio de'
cavalli che doveano a maggior distanza condurli. La scena offerivasi la
stessa di cinque anni addietro, ma cambiati n'erano i personaggi.

»L'aspetto del mondo può variarsi, pensava Morton fra sè, ma le sedi che
il caso rende vacanti trovano sempre chi viene ad occuparle. Così negli
affanni come ne' diletti della vita gli enti umani imitano le foglie
degli alberi. Le loro differenze individuali, e la loro somiglianza
generale sono le stesse.»

Sedutosi indi e sapendo per esperienza qual sia il modo più sicuro di
ottenere riguardi nelle locande, chiese un boccale di vino di Bordò, che
l'ostiere gli portò tirato di fresco e spumante ancora nella mezzina,
poichè l'uso d'infiascare i vini non si conosceva ancora a que' giorni.
Il nostro Niel nell'atto di versargliene la prima tazza lo assicurava
con leggiadria, che non potea trovare vino più squisito di quello,
neanco se correva venti miglia all'intorno. Morton che in far ciò aveva
i suoi fini, invitò l'ostiere a sedersi ed a ber seco lui. Niel
assuefatto a ricevere tali inviti da tutti coloro che non trovavano
migliore compagnia, accettò senza bisogno di nuova preghiera, e tanto
più volentieri perchè avea scelto a requisizione di Morton tal vino che
del suo simile non si faceva grande scialamento in quell'osteria.

Intanto che si votava il boccale, venendone per cura di Morton la parte
maggiore all'ostiere, questi andava cianciando sulle notizie del paese,
sulle nascite, sulle morti, su i maritaggi, sulle traslocazioni accadute
ne' patrimoni, sulla rovina d'antichi casati, su i novelli che s'erano
inalzati sovr'essi, ma stava però lontano dal toccare direttamente punti
politici, e solamente posto in necessità di rispondere ad una certa
interrogazione di Morton disse con aria di indifferenza: »Sì, veramente
abbiamo sempre soldatesca nel paese, or più or meno: v'è un corpo di
cavalleria a Glascow: il suo comandante si chiama... _Wittybody_, credo,
o qualche cosa di consimile; olandese, v'assicuro, in corpo ed in anima.
Non ho mai conosciuto un uomo che unisca tanta gravità a tanta flemma».

»Vorrete dire sicuramente Wittenbold. Non è vero? Un vecchio che ha
capelli grigi, mustacchi neri, che parla poco!...»

»E fa sempre fumare la pipa. Vedo che lo conoscete. Può essere che sia
un uomo di garbo, benchè olandese, ma foss'egli dieci volte di più e
generale e _Wittybody_ di quello che è, sosterrò sempre che non ha gusto
per la musica di sorte alcuna. Un giorno co' suoi tamburi m'ha
interrotto in mezzo ad una delle più belle arie ch'io abbia mai sonate
colla mia cornamusa».

»E i militari che vedo qui appartengono essi al suo corpo?»

»Oh no! sono antichi dragoni del reggimento guardie: militarono un
giorno sotto Claverhouse, e credo bene che se si accostasse da queste
bande non tarderebbero a mettersi con esso».

»Non dicono che è stato ucciso in battaglia?»

»Sì, ne corre la voce; ma ci ho i miei grandi dubbi. Non è sì facile
ammazzare il diavolo[5]. Ma tornando a questi dragoni, torno a dirvi,
che se Claverhouse comparisse qui farebbero così presto a raggiugnerne
le bandiere, come io a mandar giù questo bicchiere di vino. — È vero che
oggi sono i soldati del re Guglielmo, ma, non è lungo tempo, lo erano
del re Giacomo. Già questa facilità di voltare casacca si fonda sopra
una ragione semplice quanto mai. Per chi si battono essi? Per quel che
li paga. Non hanno nè case nè poderi che loro importi il difendere. —
Però da questo cambiamento di cose, o come lo chiamano adesso, da questa
_revoluzione_ è venuto fuori qualche cosa di buono; ed è che si può
parlar forte, e dire francamente il suo parere senza la paura di andare
a dormire in prigione, o d'essere appiccato, cosa alla quale metteano
men cerimonie che non ne metto io a voltar la chiave d'una botte per
empire un boccale».

  [5] I leggitori si ricorderanno l'opinione che sul cavallo
  fatato di Claverhouse era invalsa nel volgo della Scozia (Tom.
  1, pag. 162.)

Qui accadde un istante di pausa, e Morton accorgendosi di avere fatto
qualche progresso nella confidenza dell'ostiere, pensò prima un istante
colla titubazione solita in chiunque preparandosi a fare un'inchiesta
sente l'importanza d'ottenerne una risposta adeguata; finalmente gli
domandò se conosceva in quelle vicinanze una donna che si nomasse Bessia
Maclure.

»Se conosco Bessia Maclure! Non devo io conoscere la sorella della
defunta mia moglie, abbia requie l'anima sua? Oh! questa Bessia è una
donna di garbo; ma ha avute parecchie disgrazie. E non fu poca il
perdere due figli nel tempo della persecuzione, perchè il governo di
Giacomo II si chiama adesso _persecuzione_. Aggiugnete! Non è passato
per lei un mese senza che debba alloggiare dragoni; perchè poco importa
il sapere la parte che ha vinto. Il peso casca sempre addosso ai poveri
albergatori».

»Vostra cognata dunque tiene locanda?»

»Una picciola bettola! (rispose Niel girando gli occhi soddisfatti
attorno al suo _stabilimento_). Vende birra a quei che viaggiano a
piedi, ma la sua casa, povera donna! non ha nulla che possa allettare
avventori».

»Mi dareste una guida per accompagnarmi a questo suo albergo?»

»Che ascolto? Non rimarrete voi qui questa notte? V'assicuro che non
troverete i vostri comodi nell'osteria di Bessia Maclure». Soggiunse
Niel, la cui carità di parente non andava tant'oltre da voler inviare
alla cognata que' forestieri che potea tenersi nella propria locanda.

»Devo trovarmi in quel luogo con un vecchio amico; nè mi son fermato qui
che per bere un bicchiere col piè nella staffa, e farmi insegnare la
strada».

»Voi fareste meglio a restar meco, perseverava ancora l'ostiere, e
mandar piuttosto ad avvisare l'amico che venga a raggiugnervi in questo
albergo».

»Vi dico che questa cosa è impossibile, rispose Morton impazientendosi.
Devo sull'istante trasferirmi all'abitazione di questa donna, e vi prego
trovarmi una guida».

»Voi siete padrone di fare come vi aggrada, o signore. Ma il diavolo mi
porti se avete bisogno di guida! Basta che seguiate per due miglia la
riva del fiume come se voleste andare a Milnwood. Allora vedrete a mano
diritta rimpetto a un vecchio pedale di salce una strada indiavolata che
mena nelle montagne, e più in là ancora due miglia, il tugurio di Bessia
Maclure. Non v'è pericolo di sbagliarvi, perchè è l'unico fra quei
dirupi, e fareste dieci miglia di Scozia, che ne valgono venti inglesi,
prima di trovare un'altra casa. — Mi cruccia che vogliate partire di qui
al cader della notte; ma in fin de' conti, mia cognata è una donna come
va, e quel bene che cade nella saccoccia dell'amico non è perduto per
noi».

Morton pagò il suo conto e tostamente avviossi.

Gli ultimi raggi di sole sparivano, allorquando si vide innanzi il
vecchio pedale di salce, e prese la via renosa e discoscesa postagli
dirimpetto.

»Egli è qui, pensò fra se stesso, ov'ebbero principio le mie sventure.
Qui Burley stava per dividersi da me, quando una vecchia seduta su
questo istesso pedale lo avvertì essere ingombra di soldati la via dei
monti. Non è ella stravagante cosa che il mio destino debba essere
collegato al destino di cotest'uomo per non avere fatt'altro se non se
compiere per riguardo di lui un dovere impostomi da umanità e
gratitudine? Oh! perchè non poss'io ricuperare la pace dell'animo in
questo luogo medesimo ov'io la perdei?»

Immerso in tali meditazioni spronava il cavallo, e la notte intanto
diveniva più buia. Ma sorti finalmente i primi raggi di luna, gli
permisero esaminare il paese in mezzo a cui trascorreva.

Trovavasi allora in una stretta gola di monti coperti un tempo di selve;
ma di queste non rimanevano altre vestigia fuor d'alcune boscaglie
radissime che sol manteneansi nelle sommità le più erte; erte sì che
sembravano disfidare l'invasione degli uomini, quando simili alle tribù
erranti abbandonano il devastato loro territorio per ripararsi in su i
ciglioni delle montagne. E quelle boscaglie stesse per metà disseccate
dal tempo vegetavano anzichè vivere, e sarebbesi detto non durare
tuttavia che per offerire agli occhi del viandante i saggi delle antiche
produzioni di quella terra. Un ruscello attraversava serpeggiando le
tortuosità di que' monti, e il solo suo mormorio animava in tal qual
modo quel paese deserto e selvaggio.

»Perchè mormori tu in questa guisa? Sclamava Morton preso
dall'entusiasmo dei suoi pensieri. L'oceano t'accoglierà nel proprio
seno, come l'eternità si dischiude all'uomo giunto al termine del suo
travaglioso pellegrinaggio. I nostri timori, le nostre speranze, i
nostri affanni, i nostri diletti paragonati alle cose che ci terranno la
mente nel succedersi interminabile de' secoli s'impiccioliscono anche al
di sotto del tenue tributo delle tue acque, poste a petto dell'immensità
dei flutti ove si vanno a confondere».

Intanto che lasciava in tal guisa il freno all'estro poetico-morale,
entrò in una parte di valle più larga. Un campo coltivato e una piccola
prateria annunciavano quivi la presenza dell'uomo. Alquanto più lunghi
sul confin della via vedeasi una picciola casa, le cui mura non aveano
più di cinque piedi d'altezza. Il tetto che la copriva, inverdito dalla
muffa presentava nei lati suoi alcune brecce fattevi da due vacche, le
quali ingannate dal colore aveano creduto le tegole un nudrimento che
lor convenisse. L'insegna postane al di fuori era quasi il simbolo
gramaticale e ortografico di quel che poteano sperare là entro i
viaggiatori. BVONO ALOGGO A PIEDI E A CUALO. Ad onta però di cattiva
dicitura ed apparenza, un tal invito non era da disprezzarsi per chi
ponea mente ed al deserto dovutosi trascorrere prima di giugnere fin lì
ed alle più selvagge regioni, che scorgea l'occhio portandosi al di là
di questo modestissimo asilo.

»Non vi volea, pensava Morton fra se, che una tanta orridezza di luogo
onde Burley vi trovasse una confidente degna di lui.»

Nell'avvicinarsi alla casupola ne vide la padrona seduta dinanzi alla
porta, ed intesa a filare.

»Buona sera, o madre! il viaggiatore le disse. Non vi chiamate voi
mistress Maclure?»

»Dite Bessia Maclure, mio signore, povera vedova ai vostri comandi.»

»Potete voi darmi alloggio per questa notte?»

»Sì signore, purchè vogliate voi contentarvi del poco ch'io posso
offerirvi.»

»Sono stato soldato, mia buona donna; quindi avvezzo alla scuola della
sobrietà.»

»Soldato, mio signore! (qui la vecchia sospirò) Oh! il cielo vi conceda
un altro mestiere!»

»E che? non è forse una professione onorevole? Spero non sarà per
cagione di essa che penserete men vantaggiosamente di me.»

»Non mi fo a giudicare di nessuno, o signore, e il suono della vostra
voce vi raccomanda. Ma ho veduto farsi tanto male a questo povero paese
e tutto per opera di soldati, che mi consolo persino di avere perduto la
vista perchè non potrò più vederne.»

Ultima frase da cui Morton fu tratto ad accorgersi ch'ell'era cieca.

»Ma vi sarebb'egli pericolo ch'io v'incomodassi, o comare? le soggiunse
in tuono compassionevole. Lo stato nel quale vi trovo non sembra tale da
permettervi le fatiche congiunte alla vostra professione.»

»Non abbiate, o signore, questa paura. Conosco per pratica la mia casa,
e cammino per essa come se avessi ancora i miei occhi. Poi ho una
ragazza che mi aiuta, e quando i dragoni torneranno dall'aver fatto
pattuglia, per un'inezia che doniate loro, vi governeranno il cavallo.
Presentemente son più onesti che non lo erano per lo passato.»

Dopo ricevute sì fatte assicurazioni, Morton mise piede a terra.

»Peggy! (allora l'ostessa chiamò una giovinetta di circa dodici anni,
che era dentro in casa) conducete nella scuderia il cavallo di questo
signore, levategli la sella, il morso, la briglia, e mettete un fascio
di fieno nella rastrelliera intanto che arrivino i dragoni. — Entrate,
signore (si volse indi a Morton): la casa non è bella, ma almeno è
pulita.»



CAPITOLO XIII.

    »O Teucro, o sia d'Ilio alle mura infesto,
    »Ch'è un infelice, il so: non penso al resto.»

                                       _Dryden._


Entrato appena in quell'abitazione, Morton s'avvide che la sua
albergatrice gli avea detto il vero. L'interno di quel luogo non era
tale qual la parte esterna lo presagiva. Vi si scorgea molta mondezza;
nulla eravi di superfluo, ma non mancava neanco veruna delle cose
necessarie o rilevanti per un viaggiatore. La nostra Maclure introdusse
Morton nella stanza assegnatagli per cenare e dormire, facendogli
un'imbandigione d'uova, di latte e di formaggio. Comunque ei non avesse
appetito, si assise a quel desco, principalmente per aver motivo di
trattenere presso di sè la sua ospite e farla parlare. La cecità non le
impediva di darsi efficaci cure onde il forestiere non mancasse
possibilmente d'alcuna cosa, e una specie d'istinto la conducea a por le
mani su quelle cose che a mano a mano abbisognavanle all'uopo.

»Nè avete altri che vi assista nel servigio de' forestieri?» le chiese
con molta naturalezza a fine d'intavolare il discorso.

»Nessun'altra persona, o signore. Vivo qui sola come la vedova di
Zarephta; vien poca gente in questo piccolo albergo, onde i proventi non
mi danno assai per mantenere una serva. Ebbi una volta due figliuoli che
pensavano a me. Dio me gli aveva dati; Dio me gli ha ritolti. Sia
benedetto il nome suo! Vi dirò bene che anche dopo averli perduti v'è
stato un tempo nel quale io vivea meglio di quel che mi vediate vivere
adesso. Ma fu prima dell'ultima rivoluzione.»

»Davvero? E sì se non m'inganno, voi siete presbiteriana.»

»Lo sono, sì signore; e sia pur benedetta la luce che mi rischiarò per
condurmi sul buon sentiere!»

»Come sta adunque che la rivoluzione vi abbia procurato svantaggi?»

»Se ha fatto il ben del paese, se ne è derivata la libertà delle
coscienze, son cose di poco momento le conseguenze che ha portate a un
povero insetto come son io.»

»Ma, vi ripeto, non intendo in quale modo ella possa avervi
pregiudicato.»

»Oh! la storia è lunga, o signore. — Una notte, circa un mese prima
della battaglia al ponte di Bothwell, un giovane ufiziale alloggiò in
questa osteria; pallido, coperto di ferite, che perdea sangue da tutte
le bande, nè era in istato di tirar innanzi il suo viaggio: aggiungasi
che anche il suo cavallo era sfinito in modo da non poter più portarlo.
I nemici lo inseguivano, e se l'avessero trovato, la sua vita non era
salva, perchè appartenea al reggimento dragoni. Che cosa doveva io fare,
o signore? Voi che siete un soldato mi darete forse torto, come hanno
fatto tant'altri; ma io lo ricoverai in mia casa, gli fermai il sangue
che ne usciva dalle ferite, e lo tenni ascoso finchè potesse andarsene
senza pericolo.»

»E chi ardirebbe biasimarvi d'aver tenuto questo contegno?»

»Eppure, o signore, fu questo contegno appunto che mi fece essere
guardata di mal occhio da quelli della mia lega medesima. Incominciarono
a dire che avrei dovuto condurmi per riguardo al mio forestiere, come
Jael fece con Sisara. Ma se Dio non mi avea mandata in quel momento
l'ispirazione di versar sangue! Vi dirò anzi: mi sembrava ch'egli mi
comandasse di risparmiare e salvare il mio simile. Di fatto non mi son
pentita d'essermi regolata così, ad onta che mi abbiano rimproverato di
avere manifestata poca affezione ai miei figli, nel proteggere i giorni
d'un uomo che apparteneva al reggimento de' loro assassini.»

»I vostri figli sono stati assassinati?»

»Secondo poi che l'intenderete, o signore. Morti sicuramente: un di
questi combattendo per la fede, l'altro... Oh mio Dio! i dragoni vennero
ad arrestarmelo qui, e lo moschettarono rimpetto alla nostra casa, sotto
i miei occhi medesimi che da quel momento non hanno più cessato dal
versar lagrime; e d'indi in poi cominciò a mancarmi tanto la vista, che
sarà un anno, l'ho perduta del tutto; ma vi domando, o mio signore,
avrei forse ridonata la vita ai miei poveri figli col sagrificare quella
di lord Evandale?»

»Di lord Evandale! Morton esclamò. È lord Evandale il militare al quale
salvaste la vita?»

»Sì, signore, rispose la vecchia, e da quel tempo mi ha sempre date
prove di sua bontà; mi donò una vacca, un vitello, biade, denari, e
finch'egli è stato in autorità, non vi era dragone che si fosse
attentato a torcermi un capello; ma noi siamo vassalli del castello di
Tillietudlem. Basilio Olifant, che ora ne è il feudatario, disputò lungo
tempo con lady Margherita la proprietà di questo dominio; e lord
Evandale sostenea la causa della vecchia signora per amore di miss
Editta, nipote di essa, e che è, a detta d'ognuno, esempio raro di bontà
e di bellezza sopra tutte le giovani della Scozia; ma finalmente Basilio
guadagnò il castello e le terre che gli stavano sotto, e Dio sa come
guadagnò tutto questo! Abbiurando la propria credenza! Nondimeno, venuta
la rivoluzione, è stato de' primi ad abbiurare di nuovo; ha giurato di
non essere stato cattolico che estrinsecamente, ma sempre buon
presbiteriano in fondo del cuore; ha saputo insinuarsi nella buona
grazia del nuovo governo, mentre al contrario lord Evandale è tra le
pecore segnate, perchè un certo orgoglio, una certa franchezza d'animo
gli fanno abborrire l'usanza di volgersi ad ogni vento. Ma senza entrare
a discutere sulle sue massime, non io sola ma molti de' nostri, non
possono negare a lord Evandale questa giustizia, che ne' giorni della
persecuzione ci ha riparmiati fin dove ha potuto. Basilio Olifant dunque
che non potea perdonare a quell'altro d'avere armato lancia contro di
lui nel tempo della sua lite, volle vendicarsene, perchè i cattivi
trovan sempre diletto nella vendetta. Bisogna che non potesse farla a
bastanza contra la persona del milord. Che partito ha preso costui?
Battere la povera Bessia Maclure per ciò solo, che lord Evandale la
proteggeva. Ha fatto vendere le mie vacche per pagarsi di regalie
trascorse ch'io gli dovea. Se non sono mai stata libera di dragoni
mandati espressamente ad alloggiare in mia casa, è frutto delle
diaboliche sollecitudini di costui. In fine ha cercata ogni via di
rovinarmi, e solo per far dispetto a lord Evandale; che poi alla seconda
cosa non è neanco riuscito; perchè lord Evandale non sa nulla di questa
faccenda, e passerà un bel tempo prima ch'ei lo sappia da me. Ho forza
di sopportare le disgrazie che il cielo mi manda, e la perdita de' beni
di questa terra non è poi la più grande.»

Morton ascoltò, maravigliato in uno e commosso, questa ingenua
narrativa, nella quale si dipigneano la rassegnazione, la gratitudine,
il disinteresse dell'ottima donna, nè potè stare dal prorompere in
maledizioni contra l'uomo sciagurato ed abbietto che avea potuto
compiacersi d'una sì obbrobriosa vendetta.

»Non lo maledite; ella così lo interruppe. Ho inteso dire che una
maledizione è come una pietra scagliata nell'aria, la quale non di rado
va a ricadere sul capo di chi la lanciò. Piuttosto, se conoscete lord
Evandale, consigliatelo d'avere riguardo a se medesimo; perchè ho udito
più d'una volta pronunziarne il nome dai soldati che alloggiano qui, e
un d'essi va di frequente a Tillietudlem. Inglis n'è il nome, una specie
di favorito del nuovo feudatario, ben che questo Inglis nell'essere il
flagello del nostro paese non la cedesse al defunto sergente Bothwell.
Vi dico la verità; tutte le ridette circostanze mi pongono in gravi
sospetti.»

»Mi sta vivissimamente a cuore la sicurezza di lord Evandale; e vivetene
certa: troverò una strada per far giugnere a lui le notizie che mi avete
comunicate. Ma in compenso di ciò, mia buona comare, permettete che io
vi faccia a mia volta un'inchiesta. Potreste voi darmi alcuna contezza
di Quintino Mackell d'Irongray?»

»Contezza di chi?» sclamò la vecchia in tuono di sorpresa e di
sbigottimento.

»Di Quintino Mackell d'Irongray. — Ma che cosa ha dunque di spaventoso
un tal nome?»

»Nulla.... nulla.... Solamente.... l'udirlo profferire da uno straniero,
da un soldato..... O Dio! proteggetemi! Qual nuova disgrazia ancor mi
sovrasta!»

»Nessuna che possa derivarvi da me. Siatene ben certa. La persona della
quale vi parlo non ha che temer nulla dalla mia persona, se pure il suo
vero nome è, come io lo suppongo; John Balf...»

»Non terminate! sclamò la vecchia, mettendosi un dito alle labbra. Vedo
che voi conoscete il segreto di quest'uomo e che possedete la parola di
riconoscimento. Con voi dunque posso spiegarmi liberamente. Ma per amor
del cielo, parlate sotto voce! — Mi assicurate voi bene che la vostra
intenzione non è quella di nuocergli? — Per altro vi nominaste meco per
militare.»

»Sì; ma tal militare che l'uomo di cui favellasi non può da me temer
nulla. Io comandava seco lui nella giornata del ponte di Bothwell.»

»Vel crederò? — Per vero dire trovo nell'accento della vostra voce un
non so che, fatto per inspirare fiducia; poi il parlar vostro mi sembra
sì schietto.... sì lontano dalla ricercatezza.... in somma mi sembrate
un galantuomo.»

»E ardisco lusingarmi di esserlo.»

»Gli è perchè, nol dico per offendervi, mio signore; in questi sgraziati
tempi i fratelli si armano gli uni contro degli altri, e se devo dirla,
il nuovo governo non dà a temere men dell'antico.»

»Veramente? Questo io non poteva saperlo. Arrivo da paese straniero.»

»Ascoltatemi dunque» disse la vecchia facendogli cenno d'avvicinarsele.
Poi si tenne silenziosa un istante, girò lentamente il capo attorno di
sè per accertarsi colle proprie orecchie, venute a supplimento degli
occhi che le mancavano, se mai vi fosse qualcuno che potesse udire quel
colloquio, e quando dalla taciturnità che ivi dominava le parve essere a
bastanza rassicurata, continuò così il suo discorso. »Voi sapete quanti
travagli ha sostenuti quest'uomo per la liberazione degli eletti. Dio sa
quello ch'egli ha fatto! e fors'anche ha fatto di troppo; ma chi di noi
è in diritto di giudicarlo? Dopo la rotta ch'ebbero i Puritani, egli si
trasferì nell'Olanda; e il ricusarono in consorzio que' nostri fratelli
medesimi che colà viveano: in esilio. Lo statolder gli fece intimar
l'ordine d'abbandonare i suoi stati. Quindi cercò nuovamente la patria;
e tornò nel suo antico asilo, come a lui notissimo da lungo tempo, e
quel medesimo ove era solito nascondersi tutte le notti, due dì prima
della memorabile vittoria di Loudon-Hill: ma in quell'intervallo correa
pericolo col volervi tornare, e nel distolsi io, mi ricordo, la sera
successiva al giorno che il giovine di Milnwood venne acclamato capitano
del _Pappagallo_.»

»Che ascolto? Voi dunque eravate quella che avvolta in rossa mantellina,
e seduta sul confin della strada lo avvisaste, che il _lione stava nelle
montagne_?»[6]

  [6] Tom. I. pag. 52.

»In nome di Dio! chi siete voi dunque? (Così la vecchia cieca interruppe
la narrazione di Morton). Ma chiunque vi siate, potete voi biasimarmi,
se avendo salvata la vita dei miei nemici ho voluto salvare anche quella
de' miei amici?»

»No certamente, mia buona donna. Ma continuate, vi prego, il vostro
racconto. Unicamente ho voluto darvi a divedere com'io conosca
minutamente gli affari della persona in discorso, e quanto motivo
abbiate di sicurezza nel confidarmi ciò che vi rimane a narrare di lui.»

»È presto detto. Gli Stuardi perdettero il trono. Guglielmo e Maria
vennero in loro vece. Avevamo sperato veder rinascere i bei giorni del
popolo di Dio. Ma oibò! Si è voluto venire ad accomodamenti col cielo,
come se non fosse scritto: _Dio volesse che tu fossi o ardente o
agghiacciato, ma perchè sei tepido..._»

»In somma (disse Morton sollecito di troncare la digressione ove stava
per imbarcarsi questa buona donna, spinta da zelo per quella ch'essa
chiamava la buona causa) voi non siete contenta del nuovo governo, e
Burley ancora è del vostro parere.»

»Parere di tutti que' nostri fratelli che non sacrificarono a Baal.
Finalmente alcuni d'essi hanno pensato che si potrebbe richiamare sul
trono l'antica famiglia col metterle nuovi patti; e poichè questa gode
tuttavia nel Nort di molti partigiani, già armatisi per la sua causa, i
nostri fratelli stavano per unirsi loro, purchè volessero acconsentire a
rialzare il tempio in tutto il suo primitivo splendore. Non per fine
diverso l'amico nostro è stato a visitare i montanari del Nort, e si è
trovato con Claverhouse, chiamato adesso Dundee.»

»Ed è possibile? Ah l'avrei giurato! (Morton esclamò) Un tale scontro
avrebbe ad un dei due costato la vita.»

»Oh no! ne' tempi di turbolenza si vedono stravaganze, altre che queste.
Claverhouse lo accolse compitissimamente, gli diede molte speranze, e lo
incaricò di regolare i patti con lord Evandale. Ma quest'ultima
circostanza è quella appunto che ruppe tutti gli accordi. Lord Evandale
non volle nè vedere, nè ascoltare il nostro amico, nè parlargli, e gli
mandò a dire che se gli compariva dinanzi lo faceva arrestare come
assassino. È dunque tornato nel suo asilo, non parlando, non respirando
fuorchè vendetta; non n'esce più, e in alcuni momenti soggiace a tali
impeti di furore da crederlo invaso dallo spirito maligno.»

»E come dunque farò per vederlo?»

»Domani all'alba del giorno, prima che si alzino da letto i soldati, la
mia piccola Peggy vi sarà guida nel trasferirvi colà; perchè, dopo la
disgrazia della mia cecità, è dessa che gli apporta quanto è necessario
a sostenerlo in vita, se pur è lecito chiamar vita una esistenza sì
miserabile.»

»E dov'è questo suo asilo?»

»In un luogo detto la caverna di Linklater; il più tristo fra quanti
soggiorni una creatura umana possa prescegliersi; ma lo antepone ad
ogn'altro per la concepita certezza che niuno ivi andrà a ritrovarlo;
poi si è tanto assuefatto a starvi!... Ma vorreste voi qualch'altra cosa
prima di andare a letto, o signore? Perchè domani vi sarà d'uopo alzarvi
di buon mattino.»

Morton la ringraziò, e la sua albergatrice lo lasciò solo.

Intanto ch'egli spogliavasi, udì lo strepito de' dragoni che tornavano
dopo avere fatta la loro pattuglia: chiesti indi al cielo il coraggio ed
il consiglio necessari al colloquio cui accigneasi, andò in letto, e
sonno profondissimo il prese.



CAPITOLO XIV.

    »Dello speco per l'orrido forame
      »Pensoso il mira! dei delitti ancora
      »Non sazia è in lui la scellerata fame.»

                                  _Spencer._


L'aurora incominciava appena a spuntare, allorchè Morton intese picchiar
dolcemente alla porta della sua stanza, indi la voce della giovine
fanciulla servente che gli chiedea se volesse trasferirsi alla caverna
prima che i dragoni facessero giorno.

Vestitosi in fretta Morton raggiunse la sua giovine guida, che lesta gli
camminava innanzi, portando al braccio un piccolo canestro. Niun
sentiere le additava l'orme ch'ella tenea; inerpicavasi per montagne,
attraversava per valli, e a proporzione dell'innoltrarsi de' due
viandanti, la natura vestiva aspetto più cupo e selvaggio; finalmente
dopo avere camminato una mezz'ora, non videro più che dirupi sparsi qua
e là raramente di dumi.

»Siam noi lontani ancora dal luogo ove ci trasferiamo?» chiese Morton
alla sua conduttrice.

»Un miglio circa, rispose la giovinetta. Noi vi saremo tantosto.»

»E questa strada la fate voi spesso?»

»Ogni due giorni per portare colà comestibili.»

»E non avete timore del trovarvi sola in questi orridi luoghi?»

»Di che dovrei paventare? Non vi capita mai anima vivente, e la mia
padrona mi ha insegnato che non si deve aver paura di nulla, quando si
fanno opere buone.»

»Felice innocenza!» disse Morton fra se medesimo, e seguì la giovine
senza moverle nuove inchieste.

Pervennero ben presto in tal luogo che sembrava altra volta essere stato
selvoso, ma i rovi e le spine tenevano il luogo delle querce e degli
abeti che prima l'ombrarono. Ivi Peggy addentrandosi fra due monti
condusse il suo compagno verso un torrente. Il mormorio sordo, ch'egli
udiva da lungo tempo e che col suo avvicinarsi crescea, lo aveva
preparato in parte allo spettacolo che gli si offerse e che uom non
potea contemplare senza rimanere e stupefatto ed atterrito. Usciti fuor
della gola per cui erano passati, si videro sullo spianato d'un monte,
ricinto da un precipizio profondo oltre a cento piedi, entro il quale
precipitavasi spumeggiando il torrente, che scendea dall'altro lato
della gola trascorsa. L'occhio cercava indarno rintracciare il fondo di
quell'abisso: non si vedea che la nebbia prodotta dall'acque, che
rompeansi nel cader sì dall'alto. Laggiù parea che il torrente si
perdesse nelle caverne sotterranee delle montagne poste all'intorno; poi
a qualche distanza vedeasi riprendere più tranquillo il suo corso.

Intantochè Morton considerava questo spettacolo, in un maestoso e
tremendo, la giovinetta traendolo per le vesti gli disse: »Ecco la
strada che ci resta a fare: seguitemi se vi piace, o signore; ma badate
dove mettete il piede.» Dopo dette le quali cose abbandonò lo spianato
su cui trovavasi, e sorreggendosi or colle mani or coi piedi,
attaccandosi a qualche ramo o punta di roccia, ella imprese la discesa
verso il precipizio dall'orlo del quale si distaccava. Morton agile al
pari che ardito non esitò a seguirla, e scendendo com'ella a ritroso,
cercava ad ogni volta di mettere il piè in sicuro prima di staccar la
mano da' precedenti sostegni, ai quali via via raccomandavasi.

Dopo essersi in questa foggia calati giù per un'altezza di venti piedi,
trovarono un sito ove era lecito fermarsi, e che stava trenta piedi
all'incirca al di sotto del luogo d'onde l'acque si gettavano in
quell'abisso, e settanta piedi lontano dal fondo che le ricevea. Nè andò
guari, così vicino ad essi cadeva la cateratta, che si trovarono molli
inzuppati de' vapori che ne derivavano. Ma gli era d'uopo accostarlesi
ancor di più, e quando furono dieci passi lontano da essa, Morton
osservò una vecchia quercia che atterrata sembrava dal caso, e che
presentava a chi avea vaghezza di attraversare quella voragine un varco
periglioso quanto tremendo. La cima dell'albero situata scorgeasi dalla
riva allora occupata da Morton: le radici infitte stavano all'altra
toccando lo stretto ingresso d'una spelonca, e per traverso a questo
ingresso egli vide una rossa e tetra luce che contrastava in guisa
strana co' raggi del sole, i quali già incominciavano ad indorare la
sommità della montagna.

La giovine condottiera tirò nuovamente per l'abito il suo forestiere, e
poichè il fracasso della cateratta non le permetteva far udire la
propria voce, gli additò a cenni la vecchia quercia, siccome il ponte
sul quale ei dovea passare di là.

Morton la riguardò in aria d'uomo preso da altissimo stupore. Non
ch'egli ignorasse come sotto i passati regni i Presbiteriani avessero
più d'una volta cercato ricovero in mezzo ai boschi, sulle montagne, e
dentro le cavità delle spelonche; ma l'immaginazione di lui non avea mai
dipinto a se stessa un soggiorno cotanto orrendo siccome quello che
allora alla vista gli si parava. Maravigliò anzi che vago siccom'egli
era di procurarsi il riguardo d'ogni più sublime e portentosa fra le
vedute offerte dalla natura, quel luogo avesse potuto sottrarsi alle sue
indagini per tutto il tempo giovanile trascorso in que' montuosi
dintorni. Ma pensò di poi che in sì selvaggio deserto non avrebbero
potuto condurlo nè gli eventi della caccia, nè alcun altro motivo, e che
se quella caverna serviva all'uopo di nascondere qualche vittima della
persecuzione, era giuoco forza il concluderne pochissimi trovarsi che ne
sapessero l'esistenza, e a tal circostanza soltanto essere raccomandata
la segretezza del loro asilo.

Ma più che a ciò si diede a meditare sul modo di passar sopra quello
spaventevole ponte, fatto, per giunta di pericolo, sdruccioloso
dall'acqua della cateratta che lo bagnava. Non che fosse larghissimo lo
spazio da attraversare, ma anche una profondità di piedi fra i sessanta
e gli ottanta, presta ad inghiottire il passeggero, era cosa che
meritava qualche attenzione. Pur si sentia deliberato a tentare
l'arrischievole impresa, quanto ad infondergli vie più coraggio, la sua
giovine condottiera, senza trepidazione valicò sul dorso dell'albero il
precipizio, e tosto ritornò a valicarlo per riunirsi al compagno.

Ben allora Morton invidiò alla giovinetta i suoi piedi scalzi, co' quali
afferrando le scabrosità della corteccia quercina, si assicurava
sovr'essa una salvezza che le scarpe degli stivali non poteano a lui
procacciare. Non quindi più lungo tempo esitò, e avanzandosi intrepido
nel terribile varco, e fissando all'opposta riva gli sguardi, sordo al
romore della cateratta che gli precipitava da vicino, e fattosi forza
per dimenticare la sottostante voragine, si trovò in men d'un baleno
all'ingresso della caverna che avea scorta stando dall'altra sponda.
Quivi fermossi un istante: chè mentre la luce del fuoco di carbone
permetteagli di vedere nell'interno dell'antro, uno sporto di roccia
impediva a lui d'essere osservato da chi soggiornava colà.

Non ravvisò ne' lineamenti di Burley altro cambiamento fuor quello
derivato da una lunga barba grigia che costui aveva lasciato crescere
quando vide a vuoto il suo divisamento di lega co' montanari del Nort.
Seduto per terra, presso del fuoco, colle braccia incrocicchiate e il
capo che pendeagli sul petto, erane la fisonomia non d'inoperoso e
negghiente, ma d'uomo assorto in profonda meditazione.

La giovinetta fe' cenno a Morton ch'ei poteva entrare intanto ch'essa
dal lato opposto aspettavalo.

Appena Burley s'avvide d'un uomo che entrava nella sua caverna, prima ad
affacciarsegli fu l'idea di qualcuno che venisse per arrestarlo, e
deliberato di vender cara la propria vita, corse nella parte dello speco
la più recondita per munirsi d'una sciabola che trasse tosto dal fodero.

»Sig. Burley, gli disse Morton d'un tuono tranquillo, vengo a rinnovare
con voi una conoscenza, che rimase interrotta fin dopo la giornata del
ponte di Bothwell.»

Angustissimo essendo l'ingresso della caverna, le immani rupi sotto
delle quali la natura o i secoli l'aveano scavata, faceano che nella sua
parte interna si udisse meno lo strepito della cateratta, e potessero
vicendevolmente parlarsi ed intendersi quei che vi stavano.

Burley tosto lo riconobbe.

»Tardasti assai, Enrico Morton, gli disse; tu entri nella vigna allorchè
la duodecima ora ha sonato. Ma nulla rileva! Sta scritto che gli ultimi
saranno i primi. Ebbene! sei tu pronto a mettere mano all'opera? se' tu
fra coloro che calpestano sotto il piede i troni e le dinastie, che non
ascoltano altra voce se non se quella che vien di lassù?»

»Mi fa maraviglia, rispose Morton (che volea schivarsi dal rispondere a
sì fitte interrogazioni) che m'abbiate riconosciuto dopo una sì lunga
lontananza.»

»Le fisonomie di coloro che s'accinsero con me ad operare la liberazione
d'Israele mi stanno scolpite nel cuore. E chi avrebbe osato venirmi a
cercare in questo asilo fuorchè il figlio di Silas Morton? — Vedesti tu
qual fragile ponte unisca il mio asilo alla dimora degli uomini: uno
sforzo solo del mio piede può precipitar nell'abisso quel ponte; può
mettermi in istato e di disfidare la rabbia de' nemici che occupassero
l'altra sponda, e di disfogare il mio sdegno sullo sciagurato che avesse
osato varcarlo per innoltrarsi fin qui.»

»Non credo che v'accadrà mai il bisogno di ricorrere a tal genere di
difesa; il vostro asilo è sì inaccessibile!.....»

»Inaccessibile? Non vi sei tu pervenuto? Quello che hai fatto, non
potranno eseguirlo i nemici implacabili congiurati contro di me? Ma ciò
non m'affanna. Amo questo mio asilo sì che nol cambierei cogli
appartamenti dorati del castello appartenuto un giorno ai conti Torwood.
Tu pensi forse altrimenti, a meno che il delirio della tua febbre non
t'avesse già abbandonato.»

»Gli è appunto di quel castello ch'io debbo parlarvi, nè dubito
rinvenire nel sig. Burley un uomo ragionevole; e di mente fredda come il
vidi alcune volte quando ci battevamo entrambi per la medesima causa.»

»Sì è vero? rispose ironicamente Burley. Tale è la vostra speranza? —
Dimmi. Ti spiegherai tu in termini un po' più chiari?»

»Volentieri. Voi avete usato, e i modi me ne sono sconosciuti, d'una
potenza segreta sulle sostanze di lady Margherita Bellenden e della sua
pronipote. Il fatto è che trovansi ora spogliate di que' beni ai quali
aveano diritti i più legittimi: il fatto è che l'ingiustizia gli ha
appropriati al vile, allo scellerato Basilio Olifant.»

»Tu il credi?» gli chiese, sempre sullo stesso tuono Burley.

»Ne sono convinto, nè voi vi affaticherete certo a negarmi cosa, della
quale fa prova la lettera stessa che mi scriveste.»

»E supponendo ch'io questa cosa non neghi, e supponendo ch'io abbia il
potere e il volere di distruggere l'opera delle mie mani, di restaurare
il retaggio della casa Bellenden, qual ne sarebbe la ricompensa? Speri
tu ottenere la mano dell'avvenente pupilla, e tutte le sue facoltà...?»

»Di ciò non nudro la più che lieve speranza.»

»E a favor di chi dunque hai intrapresa questa tua venuta nell'antro del
lione per involargli la sua pastura? Conosci tu l'indole di sì fatta
impresa? Non è men difficile da mandare a termine che nol fosse la più
rischiosa tra le fatiche operatesi da Sansone. Se tu vi riuscissi chi
dovrebbe raccoglierne il frutto?»

»Lord Evandale e la sua promessa sposa, rispose Morton colla massima
fermezza. Pensate meglio del genere umano, sig. Burley, e persuadetevi
esservi tali uomini che sanno sagrificare a quella degli altri la
propria felicità.»

»Per l'anima mia! fra tutti gli enti che portano la sciabola, che sanno
domar un cavallo, che furono forniti di barba da madre natura, tu sei il
più pacifico, il men atto a risentirti contra gli oltraggi. — Come? Tu
vuoi mettere fra le braccia di questo esecrato Evandale la donna che ami
da sì lungo tempo? Gli è a favor d'un rivale che imprendi fargli
restituire que' beni de' quali per considerazioni possentissime fu
privata? E puoi credere che viva sulla terra un altro uomo, non men di
te offeso da questo reprobo, capace di una simile abbiezione? E ardisci
supporre che questo tal uomo sia John Balfour di Burley?»

»Sig. Burley, quali che siano i sentimenti motori dell'opere mie, non ne
devo conto che al cielo. Quanto a voi, che v'importa se il dominio di
Tillietudlem appartenga piuttosto a un Basilio Olifant, o a lord
Evandale?»

»Tu sbagli d'assai. Gli è ben vero che entrambi sono figliuoli delle
tenebre, estranei alla luce quanto il sia un fanciullo che non ha ancora
aperti gli occhi. Ma Basilio Olifant è un Nabal, un ente da nulla, la
cui fortuna, la cui possanza stan nelle mani di chi ha la forza di
torgliela. Divenuto puritano pel dispetto di non avere conseguito il
possedimento delle agognate sostanze, papista sotto Giacomo I per
impadronirsene, or si è fatto per conservarle partigiano di Guglielmo
d'Orange, e sarà tutto quello che piacerà a me vederlo divenire,
sintantochè vivrò io, sintantochè rimarrà in mia mano il documento che
può cacciarlo dal suo possesso, documento che da me non si è partito
giammai. I dominj goduti da costui sono un freno, del quale io tengo le
redini, mercè il quale costui non seguirà mai altra strada fuor quella
che mi sarà in grado prescrivergli. Egli li serberà adunque semprechè io
non abbia certezza di conferirne la signoria ad un amico vero, e zelante
per la buona causa. Ma lord Evandale è un reprobo dalla testa di ferro e
dal cuor di diamante. I beni di questa terra non gli offrono maggior
vezzo delle foglie secche cadute da un albero e levate in aria dal
vento; ei li vedrebbe trasportati lungi dal turbine senza scomporsi,
senza fare un passo per assicurarseli. Le virtù mondane d'uomini pari a
lui portano maggior detrimento alla nostra causa, che non la sordida
cupidigia di tanti altri, condotti dal solo interesse lor personale.
Schiavi almen costoro dell'avarizia, si può regolarne il cammino, e
farli operare alla vigna del Signore, coll'adescamento, non fosse altro,
di meritarsi il salario dell'empietà.»

»Tali considerazioni poteano forse essere in qualche parte opportune,
alcuni anni sono; e avrei trovato un'apparenza d'aggiustatezza ne'
vostri ragionamenti, comunque mi sarebbe sempre stato impossibile il
ravvisarli fondati sulla rettitudine e sulla equità. Ma ai tempi ne'
quali viviamo, mi sembra un privilegio inutile per voi il conservare
sopra Olifant la prevalenza di cui mi parlate. Qual uso potreste farne?
Godiamo ora della pace, della libertà religiosa e civile. Che bramate di
più?»

»Che bramo di più? Sclamò Burley traendo la sua sciabola fuori del
fodero. Vedi tu questa sciabola? Essa ha liberato da più d'un
persecutore la chiesa. Essa ha operate grandi cose. Pur maggiori glie ne
rimangono da operare. Le è d'uopo estirpare la eresia: le è d'uopo
rifabbricare in tutto l'antico splendore il tempio di Gerusalemme: le è
d'uopo intridersi nel sangue di coloro che si dissetarono del miglior
sangue dei martiri nostri fratelli. Compiuti che avrà questi ufizj,
venga allora a corroderla la ruggine, e si riposi vicino all'ossa del
suo padrone!»

Sì dicendo, rimise la sciabola nel fodero, e la riportò nel fondo della
spelonca.

»Pensate almeno, Sig. Burley, che non avete nè le forze bastanti, nè i
modi necessarj a rovesciare un governo fondato sopra saldissime basi
come il nostro ora lo è. Il popolo, nella massima parte è soddisfatto e
tranquillo. Non si scorgono che pochi malcontenti, e son quelli che
parteggiano tuttavia pel re Giacomo. Ma voi non vi colleghereste
certamente con uomini i quali non si varrebbono delle vostr'armi che per
condurre a fine i loro disegni, spartati affatto dai vostri.»

»Sono questi uomini in vece che senza volerlo ci assicureranno il
trionfo. Mi sono trasportato al campo del reprobo Claverhouse, come
David visitò un giorno quello de' Filistei. Avevamo stretti insieme gli
accordi per una sollevazione generale; e se non era quello sciagurato di
Evandale, tutta la parte occidentale della Scozia sarebbe in arme a
quest'ora. Io lo scannerei, soggiunse digrignando i denti, se il
trovassi ancora abbracciato all'altare. Se tu volessi, continuò indi in
tuon più tranquillo, rompere i disegni che costui formò sopra Editta, o
sposarla tu stesso; se tu mi giurassi di accignerti alla grand'opera con
uno zelo eguale al tuo coraggio, non credere già che io preferissi
l'amicizia d'un Basilio Olifant alla tua: io metterei sull'istante nelle
tue mani questo documento che è l'ultima volontà testamentaria del conte
di Torwood, e tuo sarebbe l'onore di restituire nel paterno retaggio la
discendente dei Bellenden.»

Nel dire tal cose aprendo la sua cartella, traevane una pergamena che
fece vedere a Morton.

»Un tal desiderio, aggiunse, non si dipartì dal mio cuore dopo l'istante
che ti vidi combattere con tanto valore per la difesa del ponte di
Bothwell. Io so che Editta ti amava, e se tu l'ami ancora, favella:
armato di questa carta importante, non temere che ti sia negata in
isposa.»

»Sig. Burley, venni da voi colla speranza d'indurvi ad un atto di
giustizia, non mosso da verun personale interesse. Non vi sono riuscito,
e me ne duole più ancora per voi, che per le vittime di una tale
iniquità.»

»Voi ricusate adunque le mie offerte?» disse Burley, che gli
sfavillavano gli occhi di rabbia.

»Nè esito un istante. Se l'onore e la coscienza dominassero sol per poco
nel vostro animo, voi mi consegnereste, e senza profferire patti, questa
pergamena, perchè fosse restituita a chi ne è legittimo proprietario.»

»Sia dunque annichilata!» sclamò Burley tratto fuor di sè dal furore; e
gettando il testamento in mezzo al focolare che ardeagli rimpetto, lo
spinse col piede per entro alle brage onde accelerarne la distruzione.

Ben si lanciava Morton per torlo alle fiamme; ma corsogli al collo
Burley, ne nacque una lotta fra loro. Vigorosi entrambi, e animato
ciascuno della propria passione, doppie pareano le forze di que' due
atleti. Pur Morton pervenne a sciogliersi dai legami che formavano
attorno al suo corpo le braccia dell'avversario, ma non sì in tempo che
già quella carta sì rilevante non fosse ridotta in cenere.

Il furibondo Puritano allora fissò sopra Morton due occhi, ne' quali
scintillava la barbara gioia di avere soddisfatta la vendetta e la
rabbia: »Ora, soggiunse, nulla posso più a tuo favore, ma divenisti
padrone del mio segreto; egli è d'uopo morire, o far giuramento
d'entrare a parte dei miei disegni.»

»Sprezzo le vostre minaccie, rispose Morton imperturbato, compiango il
vostro delirio, e vi lascio.»

Nel tempo stesso avanzavasi verso la bocca della caverna; ma il prevenne
in esserne fuori Burley, e corso al pedale della quercia rovesciata, che
presentava la sola via d'uscir di quel luogo, la fece cader nello abisso
con uno strepito simile a quello del tuono.

»Ebbene! gli disse colla gioia di un cannibale; eccoti mio prigioniero.
Difenditi e vediamo se ti ricordi ancora l'esercizio della sciabola. Fa
duopo cedermi o morire.»

Nel medesimo tempo corse verso il fondo della caverna per ripigliare la
sciabola.

»Non so ancora che siasi il cedere alle minacce, Morton dicea, pur non
voglio battermi coll'uomo che salvò la vita a mio padre, e gli
risparmierò un vile assassinio.»

Detto ciò lanciossi coll'agilità naturale a lui, e che pochi altri
uomini possedevano, e spiccò un salto al di sopra della voragine, che
Burley credea dovesse opporgli un ostacolo insuperabile. Aveva il piede
sull'altra sponda allorchè vide Burley presentarsi di nuovo alla bocca
della spelonca colla sciabola alla mano, e pallido per la sorpresa, e
tratto a ruggir dal furore. Sparve un istante e tornò con due pistole
per trar dietro a Morton. Ma l'umidità della caverna avendole fatte
inette al loro ufizio, il polverino non prese fuoco, nè il ribaldo potè,
se non se coi gesti, minacciare Morton, e fargli comprendere che
divenuto più ardente ognor di vendetta non si sarebbe ristato dal
perseguirlo.

In questo mezzo, Morton avea raggiunta la sua piccola conduttrice non
poco atterrita dal precipitar della quercia. Ei le disse essere stato
effetto del caso questa caduta, ed ella lo accertò non poterne venire
alcun danno a Burley che avea avuta l'antiveggenza di preparare nella
caverna altri alberi per costruir nuovi ponti di quella natura ogni
qualvolta inaspettate circostanze avessero obbligato chi stavasi in
quello speco a distruggere per propria sicurezza tal ponte di
comunicazione.

Ma le avventure di quella mattina non erano ancora al lor termine. I
nostri due viandanti trovavansi già vicini all'albergo della Maclure,
allorchè la giovinetta mandò un grido di sorpresa in veggendo venir
incontro ad entrambi la vecchia, che atteso il suo stato di cecità non
solea mai allontanarsi dalla propria abitazione.

»Peggy! sclamò ella appena ravvisati i viaggiatori alla voce, fate
presto, correte a mettere la briglia al cavallo di questo signore e
conducete voi la bestia fin'oltre allo spinaio. Là aspetterete il
cavaliere.»

»Siam noi soli? chies'ella in appresso. Vi è nessuno che possa
sorprenderci?»

Morton, mosso, più che da altro, dall'impazienza di sapere qual fosse la
novità accaduta, la incoraggiò a spiegarsi senza timore.

»Se avete premura per lord Evandale, eccovi, diss'ella, l'istante di
dargliene prova, o questo istante non torna mai più. Egli è esposto a
gravissimo rischio. Oh! come ringrazio ora il cielo che m'abbia lasciato
il senso dell'udito nel togliermi quello della vista! — No, no,
astenetevi ben dall'entrare. Venite meco, seguitemi.»

Ella condusse Morton dietro la casa, e presso alla finestra d'una
camera, ove stavano due dragoni votando un boccale di birra. Morton non
potea in quella situazione vederli, nè esserne veduto, ma bensì udì
chiaro il seguente dialogo.

»Più ci penso, dicea l'un d'essi, meno mi quadra la cosa. Lord Evandale
in fine era un buon ufiziale, era l'amico del soldato. Se ci gastigò per
l'affare di Tillietudlem, sii meco d'accordo, mio caro Inglis, noi lo
avevamo meritato.»

»Il diavolo mi porti, se gliela perdono mai più! ma non penso a ciò;
penso che è venuta la mia volta di dargli faccende.»

»Ma non sarebbe assai più il nostro conto unirci a lui e raggiugnere di
conserva i montanari? Non abbiamo noi mangiata la pagnotta del re
Giacomo?»

»Tu non sei che un asino. Lord Evandale si è lasciato sfuggire la buona
occasione; e perchè? — Perchè Holliday, quell'imbecille! ha veduto uno
spirito: perchè la sua innamorata è matta. — Ora il segreto non può
essere custodito nemmen per due giorni. E di chi sarà il profitto? del
primo gallo che canterà.»

»Affè non dici male! — Ma questo birbone di Basilio Olifant, lo credi
uomo da pagar bene un servigio?»

»Quanto possa esserlo un principe! non v'è uom sulla terra ch'egli odii
al pari di lord Evandale. Teme sempre d'avere con esso qualche lite pei
beni di Tillietudlem: e se una volta giungesse a far sua miss Bellenden,
e a mettere l'altro giù di strada, ma da dovvero non vi sono per lui più
inquietudini.»

»Però avremo noi un decreto d'arresto in buona forma contro lord
Evandale? e avendolo, siam sicuri d'una forza bastante per mandarlo ad
effetto? Perchè non troverem molte persone inclinate a fargli del male,
nè egli sarà sì facile da lasciarsi prendere al trabocchello. Si
difenderà come un lione, e staranno per lui Holliday, e forse alcuni
altri de' nostri colleghi.»

»Tu sei matto, e, chi t'ascolta aggiugnerebbe, pauroso. Egli dimora solo
a Fairy-Grove per non dar sospetto di sè. Non possono trovarsi con lui
che Holliday e il vecchio Gudyil che vale meno d'una piattonata. Olifant
è giudice di pace. Egli ci munirà bene del decreto d'arresto, e ne darà
per eseguirlo qualcuno della sua gente. Mi disse anzi che ci farebbe
scortare da un Puritano, vero demonio in carne, Quintino Mackell di
nome, tanto più preparato a ben battersi, che cova antica ruggine contra
Evandale.»

»Così sia dunque! Infine, voi siete mio superiore, e se le cose
andassero male...»

»Ne assumerò il biasimo sopra di me. — Su via! anche una tazza di birra!
Indi si galoppi a Tillietudlem. — Olà! Bessia Maclure! — Ove diamine s'è
rintanata la vecchia strega?»

»Tratteneteli finchè potete (disse Morton alla sua ostessa in tempo che
le ponea fra le mani una borsa.) Io non ho bisogno che di guadagnar
tempo.»

Poi corse là dove il suo palafreno aspettavalo »Qual via prenderò
dunque! ei dicea montandovi sopra. Di Fairy-Grove? No. Non basterei solo
a difenderlo. Vadasi dunque a Glascow. Wittenbold che comanda in quel
luogo mi darà un distaccamento e mi procurerà l'appoggio delle
magistrature. — Galoppa, Meorkopf, disse al suo cavallo. Oggi devi far
prova di tua velocità.»



CAPITOLO XV.

    »Cercò per dirle il doloroso vale
      »Gli accenti invano, e fisso in lei lo sguardo
      »Invan tenea. Di morte il gel ferale
      »Gli fe' muta la lingua e 'l veder tardo.
      »Sol dell'amata donna e in un fatale,
      »Che in sen gl'infisse l'amoroso dardo,
      »Ei può stringer la man, che alfin la trova,
      »E fu del viver suo l'estrema prova.

                                 _D'un Anonimo._


L'infermità sopraggiunta ad Editta la obbligò al letto in tutto il
restante di quella giornata, che l'apparizione istantanea di Morton le
rendè si tempestosa; pure alla domane trovossi riavuta sì, che lord
Evandale potè ritornare nei divisamenti di viaggio interrotti. Era
mezzogiorno, allorquando lady Emilia entrò nell'appartamento di Editta,
e dopo averle fatti, e averne ricevuti i soliti convenevoli, le diede a
conoscere in tuon serio, e che assai sapea del rimprovero; come fosse
venuto già tale istante che amarissimo per una sorella di Evandale, era
propizio a miss Bellenden, in procinto, al dir della lady, di vedersi da
un gravissimo peso alleviata; »oggi, conchiuse, mio fratello ci
abbandona.»

»Ci abbandona? Editta richiese esclamando. Spero sarà coll'intenzione di
tornarsene alla propria casa.»

»Io non penso come voi. Credo si prepari ad un lungo viaggio. Qual cosa
di fatto può trattenerlo in questo paese?»

»Gran Dio! Editta proruppe. Sono io dunque condannata a vedere
l'esterminio delle persone più nobili, più generose che sian sulla
terra? Che potrebbe egli farsi per impedirgli di correre alla sua
rovina? Fate presto, lady Emilia, ve ne supplico, pregatelo a nome mio a
non partire prima d'avermi veduta. Io scendo sull'istante le scale.»

»Volentieri, miss Bellenden, ma prevedo che tutto omai sarà inutile.»

Lady Emilia uscì della stanza serbando quel tuono di gravità ch'ebbe in
entrandovi, e si condusse ad avvisare il fratello che la salute di miss
Bellenden era rimessa quanto bastava ad inspirarle l'idea di far le
scale e vedere, prima ch'egli partisse, Milord.

»Credo, soggiunse ella con acerbità, che la speranza di trovarsi
tantosto sciolta della nostra compagnia l'abbia guarita dalle sue
affezioni ipocondriache.»

»Quest'è un'ingiustizia, sorella mia, se pure non vi fa parlare
l'invidia.»

»Ingiustizia! può darsi. Invidia poi! (soggiunse ella dando un'occhiata
allo specchio) non avrei mai creduto poterne essere sospettata, quando
non ho motivi d'averne. Ma andiamo a raggiugnere la vecchia Milady. Ella
ci ha preparata una colezione, che sarebbe assai per tutto il vostro
reggimento, se ne aveste uno.»

Lord Evandale la seguì nella sala del banchetto, nè le rispose cosa
alcuna, sapendo per prova quanto fosse difficile impresa il calmar
questa donna, se trafitta credeasi nell'amor proprio. La copiosa
imbandigione della mensa attestava le molte brighe che a tal uopo
assunta erasi lady Bellenden.

»Avete tanta bontà, Milord, diss'ella a lord Evandale, che vi
contenterete di una colezione parca e tal quale mi permette il mio stato
attuale offerirvela. Non mi piace vedere che i giovani si mettano in
cammino a stomaco vuoto, ed è quanto esternai a sua maestà, allorchè mi
onorò d'essere mio convitato a Tillietudlem nell'anno di grazia 1651, e
la ridetta maestà sua ebbe la bontà di rispondermi intanto che votava un
bicchiere di vin del Reno. — Lady Margherita, voi parlate come
un'oracolo — Proprie parole di quel sovrano! Milord quindi non mi darà
torto se insisto perchè si faccia colezione prima d'imprendere un
viaggio.»

Egli è da supporsi che Milord perdesse qualche tratto del discorso
tenutogli dalla buona signora, poichè la maggiore attenzione di lui era
volta alla parte della scala per udire i passi di miss Bellenden quando
ne fosse scesa: distrazione sì possente in lui da non accorgersi nemmeno
d'un incidente che stiamo ora per partecipare ai nostri leggitori, e che
gli fu di poi fatalissimo nelle sue conseguenze.

Mentre lady Margherita facea i cerimoniali del banchetto, cosa della
quale grandemente dilettavasi, e nella quale a maraviglia riusciva, la
interruppe John Gudyil annunziandole che »sta di fuori un uomo che brama
parlare a Milady.» Era questo il solito formolario da lui adoperato per
far comprendere alla padrona che la persona annunziata apparteneva alla
classe volgare.

»Un uomo, Gudyil? disse lady Bellenden facendosi ritta ritta. E qual
uomo? non ha nessun nome quest'uomo? Si direbbe ch'io tengo bottega e
che basta a chi mi vuole il chiamarmi.»

»Egli ha un nome certamente, o milady, rispose Gudyil, ma un nome che
non sona troppo bene all'orecchio della mia padrona.»

»E qual è questo nome, imbecille?»

»Ebbene, milady! è Gibby. (E nel dire ciò diede qualche segno di mal
umore il nostro ex-cantiniere, al quale l'epiteto di _imbecille_ non
garbava gran che, stimandosi, come servo antico della famiglia e
segnalatosi in oltre per prove non interrotte di disinteresse e
d'affetto, meritevole di qualche maggiore riguardo.) È Gibby, poichè
milady lo vuol sapere, Gibby or mandriano di bovi a Kitty-Hensaw, altra
volta custode del pollaio a Tillietudlem, e che cinque anni fa nel
giorno della rassegna.....»

»Tacete subito, Gudyil. L'è una bella impertinenza la vostra,
immaginarvi ch'io voglia parlare con tal razza di gente! Chiedetegli che
cosa vorrebbe dirmi.»

»Egli è quanto io aveva già fatto, o milady; ma mi rispose che il suo
commettente gli ordinò di non parlare ad altri fuorchè a voi medesima.
Per dire la verità, a quanto mi sembra, non ha bevuto male a quest'ora,
e ha l'aria stupida, come poi l'ha avuta in ogni occasione.»

»Mandatelo via, e ditegli di tornar domani a digiuno. Sicuramente, verrà
a domandare qualche soccorso, come antico servo di casa!»

»Anche questo, milady, è probabile. Il povero tapino ha le vesti che gli
cascano di dosso.»

Gudyil nel far noto a Gibby che non eragli permesso allora il
presentarsi a milady, operò nuovi tentativi per sapere qual cosa egli
desiderasse dalla padrona; ma tutto indarno. Gibby si rimise in tasca un
biglietto, e troppo fedele nell'eseguire letteralmente le cose
raccomandategli rifiutò passarlo in altre mani e conchiuse che sarebbe
tornato nel dì successivo.

Pur era cosa rilevantissima, che quel biglietto venisse consegnato
all'istante. Fu Morton che essendosi, presso al ponte di Bothwell,
scontrato in Gibby, scrisse affrettatamente, e coll'amatita, pochi versi
intesi ad avvertire lord Evandale delle trame ordite da Basilio Olifant,
ed a consigliargli una istantanea fuga, se non gli fosse piaciuto meglio
il trasferirsi a Glascow, ove lo assicurava che avrebbe trovato
protezione. Il soprascritto del biglietto era a _lord Evandale, presso
lady Bellenden — Fairy-Grove_; e Morton nell'affidarlo a Gibby, gli
raccomandò la prontezza _e la consegna in proprie mani_, unendo il dono
di due dollari per eccitare lo zelo, e raddoppiare la sollecitudine di
questo messo.

Ma parea ne' destini di Gibby che l'intervento di lui, o come armigero,
o come ambasciatore, non fruttasse nulla di buono alla casa di
Tillietudlem. Costui per accertarsi se il denaro del suo commettente
fosse di buona lega, entrò in una osteria, e vi fece sì lunga pausa, che
l'acquavite e la birra lo aiutarono a perdere il criterio, se pur
qualche grano ne possedea. Giunto a Fairy-Grove, avea già dimenticato il
nome di lord Evandale, si ricordava dell'altro di lady Margherita, più a
lui famigliare, e sfortunatamente si ricordava ancora della raccomandata
_consegna in mani proprie_, che a suo sentire diveniva _in mani proprie
di lady Margherita_; la qual cosa non avendo egli potuto eseguire a
motivo della narrata ritrosia di milady, anzichè fidare la lettera ad
altra persona, preferì l'espediente d'andarsene.

Gudyil partiva dal luogo del banchetto quando miss Editta vi entrò. Un
tal quale imbarazzo si fe' scorgere così in essa come in lord Evandale;
e ben se n'avvide lady Margherita; ma ignorando ella le cose accadute il
dì innanzi, e sapendo solamente che si era differita la celebrazione
delle nozze per l'incomodo di salute sopraggiunto alla nipote, non
attribuì a cagioni straordinarie un tal imbarazzo, e s'avvisò toglierlo
di mezzo imprendendo con lady Emilia discorsi i più indifferenti.

Allora Editta, coperta il volto di mortale pallore, disse, o piuttosto
fece comprendere a lord Evandale la propria brama, di aver con esso un
particolare colloquio. Offertole questi il braccio, la guidò in uno
stanzino contiguo a quel tinello, e soccorsala ad adagiarsi sopra una
seggiola a bracciuoli, altra ne prese per sederle vicino.

»Mi trovo all'eccesso della disperazione, o milord, gli diss'ella con
tuono semispento di voce, e quasi non potendo articolar le parole. So
appena quel ch'io voglia dirvi; nè trovo accenti ad esprimermi.»

»Purchè sia in mio potere l'alleviare le vostre pene, mia cara Editta,
credete che a tal fine nulla parrammi gravoso.»

»Voi siete adunque, o milord, fermamente risoluto d'unirvi a coloro che
corrono ad inevitabil rovina? Nè vagliono a distogliervi da tal disegno
o il vostro senno che dee mostrarvela tale, o le preghiere de' vostri
amici, o il precipizio che vi vedete aperto dinanzi?»

»Perdonatemi, miss Bellenden; ma nemmeno la stessa premura che vi
compiacete dimostrare sul mio destino può rattenermi, quando l'onore mi
prescrive ch'io parta. Quelli che mi devono seguire stan già raccolti in
mia casa: il segno della sommossa verrà dato all'istante del mio
giugnere all'assemblea di Kilsythe. La fedeltà che io serbo al mio re
non mi permette nè l'esitare nè il differire più lungamente. Fosse anche
l'ultima mia ora che mi chiamasse, non cercherò d'evitarla. Sarà un
conforto per me l'aver meritata nel mio morire la compassione della
donna, la cui tenerezza non ho potuto ottenere vivendo.»

»Rimanete, milord, esclamò Editta con un tuono che penetrò le viscere di
lord Evandale, rimanete per esserne ancora di soccorso e d'appoggio:
sperate tutto dal tempo. Questo diluciderà, non ne dubito, lo strano
avvicendamento d'eventi che turbò ieri il mio spirito, e gli restituirà
la smarrita sua calma.»

»Editta, è già troppo tardi, e mancherei di generosità sol che
accarezzassi un istante l'idea di trar partito da sentimenti esternati
da una giovane in simil circostanza. L'amarmi non dipende più da voi, e
la vostra amicizia è quanto or solamente mi resta a pretendere. Ma se
anche fossero altrimenti le cose, il dado è tratto; non mi è più
lecito....»

Cuddy allora entrò precipitandosi in quella stanza, col terrore pinto
sul volto.

»Nascondetevi, o milord, nascondetevi. Arrivano, circondan la casa.»

»E di chi parlate voi?» sclamò lord Evandale.

»D'una banda d'uomini a cavallo condotti da Basilio Olifant» rispose
Cuddy.

»Ah milord! ripetè con tuono enfatico Editta, per l'amor di me! per
l'amor di Dio! nascondetevi.»

»Nascondermi! sclamò il lord. No, giuro al cielo! E con quale diritto
questo sciagurato si arrogherebbe arrestarmi, o attraversarmi la via?
Fosse un reggimento, me gli aprirò strada per mezzo. — Cuddy, dite ad
Holliday e ad Hunter di mettersi a cavallo — Addio, Editta a me tanto
cara.» Strettala fra le sue braccia, le diede un tenero amplesso, e
congedatosi in fretta dalla sorella e da lady Margherita, che
s'adoperavano indarno a trattenerlo, salì a cavallo, uscendo fuori di
quella casa, ove il terrore e la confusione regnavano. Le donne
mandavano grida di spavento, e correano ver le finestre, d'onde
scorgeasi una piccola banda d'uomini a cavallo scendere dalla collina
posta rimpetto all'abitazione di Cuddy. Due soli di costoro pareano
appartenere ad assoldata milizia, e tutti avanzavano lentamente e colla
cautela di chi ignora quai forze apprestinsi ad affrontare.

»Ei può salvarsi! sclamò Editta, ei può salvarsi!» E aprendo una
finestra, gridò a lord Evandale che si allontanava: »Milord, tenetevi
alla sinistra, e fuggite per traverso ai campi.»

Ma non accadde giammai che lord Evandale all'aspetto del pericolo
s'involasse. Ordinò ai propri servi il seguirlo armati delle loro
carabine, e corse incontro a Basilio Olifant, che occupava ad una
distanza circa di sessanta miglia la sola via che a Fairy-Grove
conducesse.

Il vecchio Gudyil, fatto greve dagli anni, andò in traccia delle proprie
armi. Più agile Cuddy, diede mano al suo archibuso che tenea sempre
carico per una cautela voluta dalla situazione in isola della sua casa,
e si fece a seguire a piedi lord Evandale.

Invano la moglie, non meno atterrita dell'altre persone che ivi
rimaneano, si attaccò alle vesti del marito, predicendogli che il suo
voler frammettersi negli affari degli altri lo avrebbe tratto a finire,
o appiccato o moschettato, i suoi giorni. Cuddy se ne sciolse vibrandole
un sonorissimo pugno.

»Lasciami andare, _carogna_, e taci una volta. È parlare scozzese, mi
sembra. Son questi forse affari degli altri? Credi tu che io possa,
ch'io debba vedere, senza movermi, assassinato lord Evandale?»

Potemmo accorgerci fin dai tempi dell'assedio di Tillietudlem che Cuddy
si dilettava delle strade obblique. Non vedendo comparire Gudyil,
osservò che in quel momento tutta l'infanteria stava in lui; laonde fece
un giro a sinistra entrando in un vicino verziere per operare di lì una
diversione su i fianchi dell'inimico, ogni qualvolta le circostanze
l'avessero consigliata.

All'apparire di lord Evandale, Olifant fe' tostamente ordinare i suoi in
atto di circondarlo, e, conservati tre uomini con sè, rimase più innanzi
degli altri. Due di questi uomini portavano l'uniforme del reggimento
guardie; l'altro vestiva abito di villano; ma alla sua fisonomia truce e
risoluta, ai lineamenti duri e feroci di costui, chiunque lo aveva
veduto una sola volta, ravvisava necessariamente in esso Balfour di
Burley.

»Seguitemi, disse ai suoi servi lord Evandale, e se v'è chi si attenti
disputarne il passaggio, prendete esempio da me.» Non era egli lontano
da Olifant che quindici passi, e preparavasi a chiedergli conto di tale
violenza, allorchè l'altro esclamò. »Fuoco sul traditore!» Quattro colpi
d'archibuso furono tratti nel medesimo tempo. Lord Evandale portò la
mano sopra una pistola da sella, ma ferito mortalmente, gli mancò la
forza per afferrarla. Hunter scaricò la sua arme alla ventura. Ma
Holliday più avvezzo a sì fatti scontri, e agile quanto coraggioso,
prese Inglis di mira, nè lo fallì. Intanto una palla d'archibuso sparato
da un nemico invisibile dietro la siepe vendicò anche meglio lord
Evandale colpendo Olifant sulla fronte, e stendendolo morto sul suolo.
Atterriti quei del suo seguito da un esempio sì subitaneo, non pareano
gran che vogliosi di prender parte alla pugna, ma Burley, sentendosi vie
più ribollire il sangue di rabbia e di sdegno, esclamò: »Perano i
Filistei» assalendo Holliday colla sciabola. Mentre questi da valoroso
si difendeva, giugnea galoppando uno squadrone d'estrania cavalleria.
Erano dragoni olandesi, che conducea il colonnello Wittenblod, e ai
quali si faceano scorta Enrico Morton e un impiegato civile.

Wittenblod intimò a nome del re il metter giù l'armi: alla qual voce,
tutti obbedirono, tranne Burley, che spronando al galoppo il suo
cavallo, cercò il proprio scampo fuggendo. Parecchi dragoni si diedero
per ordine del lor comandante ad inseguirlo; ma fornito com'egli era
d'ottimo corridore, non riusciva sì facile tale impresa. Pur veggendosi
all'atto d'essere raggiunto da due di questi, si volse per affrontarli,
e dato successivamente di piglio a due pistole, uccise il primo,
rovesciò l'altro da cavallo. Continuando indi il cammino verso il ponte
di Bothwell, s'avvide a qualche distanza, che munito era di guardie;
laonde costeggiò il Clyde fino ad un punto ove il credea atto a guadarsi
e v'addentrò sè e il suo corsiero.

Il tempo impiegato a tal giravolta avendo dato modo di raggiugnerlo ai
cavalieri che gli correano dietro, questi trassero congiuntemente sopra
di lui, e colpito da due palle, s'accorse d'essere gravemente ferito.
Voltò immantinente la briglia al cavallo, e dato colla mano il segnale
di chi vuol rendersi, rivenne vicino alla riva da cui prima s'era
distolto. Cessò tosto il fuoco degli archibusi, e due dragoni corsero
fin entro alla riviera coll'idea di farselo prigioniero. Ma a lor mal
costo sperimentarono ch'ei non aveva avuto altro divisamento fuor quello
di vendicarsi, e vender cara una vita che più salvar non potea. Giunto
appena da presso a quei due soldati, raccolse quante forze ancora gli
rimaneano, e menò sul capo d'un di loro tal colpo di sciabola, che il
mise sott'acqua, poi con entrambe le mani strinse il collo dell'altro
avversario, risolutissimo a soffocarlo; nella qual lotta tutti e due
caddero da cavallo e trasportati vennero dalla corrente. Il sangue che
sgorgava dalle ferite di Burley contrassegnava lo spazio dai loro corpi
trascorso. Furono veduti per ben due volte comparire a galla del fiume,
il soldato sforzandosi per notare, Burley per trascinarlo seco a perire
in fondo del fiume. Non andò guari, che vennero tirati fuori dall'acque,
ma morti sì l'uno che l'altro, e le dita di Burley stavano sì fortemente
strette intorno al collo della sua vittima, che fu forza tagliarle per
distaccarnele.

Mentre periva in tal guisa questo feroce entusiasta, il generoso e prode
Evandale l'estremo fiato rendea. Non appena Morton lo scorse, si trasse
a basso da cavallo per prestare tutti i soccorsi che da lui dependeano
all'amico suo moribondo. Lo riconobbe lord Evandale, gli strinse la
mano, nè avendo più forza per favellare, manifestò co' segni il proprio
desiderio di essere trasportato a Fairy-Grove; la qual brama fu
secondata usandosi ogni cautela che allo stato del moriente addiceasi;
giunto colà, tutti gli amici in pianto gli si posero intorno. Il duolo
di lady Emilia manifestavasi alle grida ch'ella mandava; silenzioso, e
d'altrettanto più acerbo, era il dolore di Editta. In quell'istante ella
non s'accorse neanco di Morton; china sul corpo dello sventurato amico,
gli occhi di lei come l'animo non si prendeano pensier che di lui.
Finalmente lord Evandale facendo un ultimo sforzo, le strinse la mano, e
la pose in quella di Morton, poi sollevando gli occhi al cielo, come per
implorarne le benedizioni sovr'essi, in quel medesimo istante spirò.



CONCHIUSIONE.


Io avea deliberato risparmiare a me la molestia di scrivere una
conchiusione, e lasciare all'immaginazione de' miei leggitori la cura di
combinare a lor grado le cose che debbono essere accadute dopo la morte
di lord Evandale; espediente che mi sembrava accomodatissimo e allo
scrittore e al leggitore ad un tempo; ma non trovando esempi che lo
giustificassero, io me ne stava a tale proposito nella massima
perplessità; allora quando mi onorò d'invitarmi a bere il tè in sua
compagnia miss Marta Buskbody, figlia nubile, che da quarant'anni
pratica con buon successo la professione di mercantessa di mode in
Gandercleugh e ne' suoi dintorni. Sapendo io l'inclinazione che questa
madamigella ha per tutte l'opere del genere della precedente, la
persuasi a scorrerla per intero innanzi al giorno prefisso per trovarmi
alla sua abitazione, e la pregai nel medesimo tempo a mettersi in istato
di comunicarmi a tale proposito tutti quegli schiarimenti potutisi da
lei raccogliere nelle precedenti letture. Giova a sapersi, ch'ella avea
letto per ben due volte il magazzino de' tre gabinetti letterarj
instituiti a Gandercleugh.

Venuto quel tal giorno e trovatomi in casa della madamigella al momento
del tè,

»Ho letto, diss'ella, con molta avidità il vostro romanzo, ma l'idea
nata in voi di abbandonarlo senza conchiusione è assolutamente cattiva.
Voi potete a vostro talento, e finchè dura il racconto, non avere pietà
de' nostri nervi dilicati e facili alle impressioni, ma non vi è
permesso lasciarne avvolto in una nebbia lo scioglimento. Conviene
all'ultimo capitolo concederne il conforto d'un qualche raggio di sole;
la cosa è del tutto indispensabile.»

»Non vi sarebbe cosa più facile per me quanto il contentarvi,
madamigella, perchè nulla mancò alla felicità delle due persone, per le
quali cred'io, vi prendete tanta premura. Esse hanno avuto molti figli;
maschi e femmine, hanno....»

»Oh! non è mestieri farmi qui una minuta pittura della loro felicità
coniugale. Ma qual inconveniente trovate voi nel rendere in termini
generali inteso il leggitore che finalmente il destino divenne ad essi
propizio?»

»Pensate, o madamigella, che quanto più un romanzo s'accosta al suo
termine, tanto minore ne diviene il vezzo; ne accade lo stesso che del
vostro tè. Esso è di una qualità, non v'ha dubbio eccellente; ma
l'ultima tazza comparisce più debole della prima; e quanto zucchero
potrete aggiugnerle non la farà eguale in fragranza alle precedenti.
Nella stessa guisa, allora quando un racconto, che volge al termine, si
fa carico di particolarità anticipatamente prevedute dal leggitore,
queste divengon noiose a malgrado di quanta fioritura di stile un autore
adoperi a rianimarne la scipitezza.»

»Tutte queste vostre ragioni non contano un acca. Io sgriderei le mie
scolare, se una spilla sola mancasse a una cuffia; e voi non avrete
adempiuto bene il vostro dovere, se non ci parlate delle nozze di Enrico
Morton con miss Editta, se non ci dite che cosa è avvenuto di ciascun
personaggio della vostra storia, incominciando da lady Margherita e
venendo fino a Gibby.»

»Oh! non mi mancano materiali a tale uopo, madamigella, e posso appagare
la vostra curiosità, ammenochè non discendesse a minuzie immeritevoli
affatto di fermarvisi sopra.»

»Ebbene! principiamo dunque da un punto che non mi negherete essenziale.
Lady Margherita è tornata in possesso del castello e de' beni ereditari
di sua famiglia?»

»Oh sì, madamigella! e in un modo semplicissimo: vi tornò siccome erede
del suo degno cugino Basilio Olifant, che essendo morto _ab intestato_
le lasciò, e v'accerto senza averne voglia, non solamente quei beni de'
quali l'avea spogliata, ma anche tutti gli altri che immediatamente
spettavano a lui. John Gudyil fu rimesso nella sua antica dignità; Cuddy
riassunse, e con maggiore diletto, la coltivazione de' campi della
baronia di Tillietudlem: ma fedele alle abbracciate massime di prudenza
non si vantò mai d'aver tratto quel tal colpo d'archibuso ben
addirizzato, che restituì allo stato primitivo non solo lady Margherita
ma lui medesimo. »Infine poi, diceva egli a Jenny, serbatasi sempre la
sua confidente, egli era il cugino di milady, un gran signore, benchè
avesse operato contr'ogni legge allorchè ordinò una scarica addosso a
lord Evandale, senza intimargli di rendersi, senza far motto d'un
decreto d'arresto; e ti parlo schietto, non ho a cagione della sua morte
maggior rimorso che non ne proverei per avere ucciso un cane arrabbiato;
nondimeno è anche meglio il non far sapere come sia stata la cosa.» A
tal proposito Cuddy spinse anche più là la sua accortezza. Cercò
d'autenticare una voce divulgatasi, che faceva autore di tale prodezza
John Gudyil; e il vecchio cantiniere, d'un'indole affatto diversa da
Cuddy, non se n'aveva a male, talchè senza confessare il fatto, non lo
dismentì mai formalmente. Non vennero dimenticate nè la vecchia cieca,
nè la fantesca fanciulla che fu guida a Morton.....»

»Ma le nozze de' personaggi principali? Questo è quel che rileva!» Miss
Buskbody esclamò.

»Le nozze accaddero sol molti mesi dopo la morte di lord Evandale.
Entrambi ne vestirono il lutto, lutto durato più ancora ne' loro cuori
che nelle lor vesti.»

»Spero, o signore, che tali nozze saranno state precedute dal consenso
di lady Margherita. Mi piace che nelle opere di tale natura le giovani
imparino ad avere i dovuti riguardi ai propri maggiori. Si conceda che
in un romanzo prendano qualche tenera inclinazione a malgrado de'
medesimi; spesse volte la vaghezza del racconto dipende da ciò; ma
all'atto dello scioglimento fa d'uopo che questo consenso lo ottengano.
Anche il vecchio Darville finì acconsentendo alle nozze di suo figlio
con Cecilia, comunque nata in umile condizione.»

»E lady Margherita ha fatto come il vecchio Darville. Se volete,
conservò per qualche tempo il contraggenio del pregiudizio contra
Morton, non potendo dimenticarsi ch'egli, e il padre di lui aveano
militato a favore dei Presbiteriani; ma assodandosi ognor più sul trono
d'Inghilterra Guglielmo d'Orange, grande essendo in oltre il favore che
questo principe concedeva, e meritamente, a Morton, o per dir meglio a
sir Morton, erede dei titoli dello zio, la nostra lady per ultimo pose
in dimenticanza e i torti della giovinezza d'Enrico e i falli del padre.
Essendo tutte collocate in Editta le speranze di questa matrona, nè
nulla meglio desiderando quanto il vederla felice si confortò coll'idea
che il destino regola i maritaggi. — Tal è, soggiugnea la considerazione
che mi ha fatto fare sua maestà Carlo, di gloriosa memoria, stando a
contemplar due ritratti che si trovano nella mia sala; l'uno di Fergus,
conte di Torwood mio bisavolo, il più bello fra gli uomini del suo
secolo, l'altro della moglie del conte, la contessa Giovanna, guercia e
gobba, e facea tali osservazioni in quel giorno, che si degnò accettare
nel mio castello....»

»Ottimamente! soggiunse, interrompendomi ancora, miss Buskbody. Con quel
testo alla mano non v'era più luogo ad altre obbiezioni, ma che cosa è
accaduto di mistress...? come la chiamate voi quella vecchia governante
di Milnwood?»

»Di tutti i miei personaggi quella è il più fortunato. Non passa anno
che non vadano in certo giorno a desinare con lei sir Enrico Morton e la
sua moglie, i quali l'hanno obbligata a conservar fin che vive
l'usufrutto del castello di Milnwood. I preparativi per riceverli la
tengono in faccende sei mesi dell'anno, ed ha lavoro tutti gli altri sei
mesi per rimettere in ordine le cose dopo che sono partiti.»

»E Niel?»

»È vissuto a tardissima età, bevendo egualmente in compagnia dei Reali e
dei Puritani, e intonando ariette sulla cornamusa ad onore così degli
uni come degli altri.»

»E lady Emilia?»

»Giovane, ricca, avvenente, credete voi che le sarà mancato un marito?
Io spero finalmente che tutte le persone per le quali vi mostravate in
affanno...»

»Adagio, adagio, signore! Gibby, quel povero Gibby, sì sfortunato quasi
sempre nelle sue spedizioni?...»

»Ponete poi mente, mia cara Buskbody (perdonatemi il tuono di
famigliarità) ponete mente che nemmeno la famosa Scherazzade, quella
imperatrice delle novelle, avrebbe potuto durarla a ricordarsi... Non
posso dirvi al giusto come Gibby l'abbia finita; però inclino a credere
sia quello stesso che pochi anni dopo fu messo in berlina ad Hamilton
per un furto di polli.»

Miss Buskbody pose il suo piede sinistro sull'inferriata del cammino,
fece passar sul ginocchio la destra gamba, s'appoggiò sulla seggiola, e
fregandosi il fronte si diede a contemplar la soffitta. Conchiudendone
io che ella s'accignesse ad assoggettarmi ad un nuovo interrogatorio,
presi il mio cappello, e le augurai la buona sera senza darle il tempo
di ripetermi altre domande.


  FINE



ROMANZI STORICI DI WALTER SCOTT FINORA USCITI DA QUESTA TIPOGRAFIA


  Tomi 3 La Promessa Sposa di Lammermoor   L.  5
    »  5 Le Acque di S. Ronano             »   8
    »  3 I Puritani di Scozia              »   5
    »  1 Il Nano misterioso                »   1
    »  5 Kenilworth                        »   8
    »  2 L'Oficiale di fortuna             »   3
    »  4 Waverley                          »   6
    »  4 Il Pirata                         »   6
    »  4 Le Cr. della Canongate            »   3
    »  1 Il Canto dell'ultimo Menestrello  »   1
    »  4 L'Antiquario                      »   6 13 4
    »  5 Avventure di Nigel                »   8  6 8
    »  4 Quintino Durward                  »   6 13 4
    »  4 Ivanhoe                           »   6 13 4
    »  5 La bella Fan. di Perth            »   8  6 8
    »  1 Matilde di Rokeby                 »   1 13 4
    »  4 Carlo il Temerario                »   6 13 4
    »  4 Redgauntlet                       »   6 13 4
    »  4 L'Astrologo                       »   6 13 4
    »  6 Peveril del Picco                 »  10  — —
    »  5 Woodstock                         »   8  6 8
    »  4 La Prig. di Edimb.                »   6 13 4
                                           ——————————
                                        Lir. 136 13 4

  SOTTO IL TORCHIO

  L'Abate.



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute), correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici. Nell'elenco finale di
opere pubblicate alcuni prezzi risultano illeggibili a causa di una
etichetta applicata sull'originale.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "I Puritani di Scozia, vol. 3" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home