Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: La guerra dei pirati e la marina pontificia dal 1500 al 1560, vol. 2
Author: Guglielmotti, Alberto
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "La guerra dei pirati e la marina pontificia dal 1500 al 1560, vol. 2" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



(This file was produced from images generously made


                        LA GUERRA DEI PIRATI

                                  E
                        LA MARINA PONTIFICIA
                           DAL 1500 AL 1560


                                PER IL
                       P. ALBERTO GUGLIELMOTTI
                     DELL'ORDINE DEI PREDICATORI,
                         TEOLOGO CASANATENSE.


                           VOLUME SECONDO.



                               FIRENZE.
                        SUCCESSORI LE MONNIER.
                                1876.



LIBRO SESTO.

Capitano Gentil Virginio Orsini, Conte dell'Anguillara. [1534-1548.]


PARTE SECONDA.

DAL 37 AL 48.



SOMMARIO DEI CAPITOLI.

I. — Cresce l'armamento. — Il Conte lascia e ripiglia il capitanato. —
Ritiene le galèe di sua proprietà. — Breve confidenziale di Paolo III (5
nov. 1537).

II. — La consegna e l'inventario delle galèe. — Documenti. — Perizia dei
pratici, e del capitano Ermolai. — Prima occultazione dell'Orsino,
riflessioni e conseguenze (12 novembre 1537).

III. — Trattato della lega. — Difficoltà politiche. — Capitoli stabiliti
in Roma (8 febbrajo 1538). — Analogia tra la lega di Paolo III nel 1538
e l'altra di Pio V nel 1571. — Mia protesta perpetua.

IV. — Il patriarca Grimani, legato e prefetto. — Armata papale di
trentasei galèe. — Gente e fornimento, Girolamo Grossi e il vescovo di
Sinigaglia. — Difficoltà dei rematori. — Giovanni Ricci e i suoi Mss. —
(10 febbrajo 1538).

V. — Rassegna dell'armata in Ancona. — Nota delle galèe e dei capitani
(11 giugno 1538). — Fanterie romane pei Veneti. — Religiosità degli
equipaggi. — Congiunzione a Corfù.

VI. — Viaggio intermedio di Paolo III a Nizza. — Conferenze tra
Francesco e Carlo. — Tregua di dieci anni. — Il Doria in Provenza per
tutto luglio.

VII. — Querele dei Veneziani in attesa (1 agosto). — Ferrante Gonzaga
tiene a bada. — L'armata di Roma esce sola da Corfù per attaccare la
Prèvesa (14 agosto).

VIII. — Il golfo dell'Arta e la piazza della Prèvesa. — Sbarco,
batterie, assalto, morti e feriti. — Si ritira il Patriarca dalla
Prèvesa e fa ritirare Barbarossa dalla Canèa. — Lettera inedita del
Patriarca (19 agosto 1538).

IX. — Arrivo del Doria a Corfù (8 settembre 1538). — Specchio
dell'armata. — Consigli e raggiri (10 settembre). Pretensioni spagnuole
e rifiuti veneziani. — Sempre le stesse cose. — Equipaggio più o meno
numeroso, secondo i paesi.

X. — Arte d'Andrea e di Barbarossa. — Amendue per evitare la battaglia.
— Scaramucce alla bocca dell'Arta. — Andrea si ritira (26 settembre).

XI. — Barbarossa segue appresso. — Ordinanza bellissima dei nemici e dei
nostri. — Lunghi e inutili consigli. — Il Condulmiero attacca la
battaglia. — Il Doria si trattiene. — Barbarossa l'imita. — Ardore
dell'armata cristiana e mormorazioni contro il Doria. — I generali
alleati lo esortano ad investire, tutti chiedono battaglia. — Andrea
piglia la fuga (27 settembre 1538).

XII. — Confusione di ogni altro per la fuga del Doria. — Perplessità di
Barbarossa. — Finalmente i Turchi danno la caccia ai fuggitivi. —
Perdite e vergogne. — I Turchi montano al più alto segno di arroganza.

XIII. — Esame di amici, di nemici e d'imparziali. — Giudizio della
storia sincera. — Sempre l'istessa politica di Ferdinando alla
Cefalonia, di Carlo alla Prèvesa, di Filippo a Lepanto.

XIV. — Miniato Ricci al tesoriere Parisani. — Notizie della giornata. —
Documento inedito (30 settembre 1538).

XV. — Lettere del Doge al Doria. — I Veneziani si piegano a ricevere i
venticinque. — Insulti di Barbarossa a Corfù (7 ottobre 1538).

XVI. — Attacco alla fortezza di Castelnovo. — Manovra delle galere. — I
marinari espugnano la piazza. — Valore dei Veneziani (27 ottobre).

XVII. — Il Doria contro la fede dei capitoli piglia possesso della
piazza. — La presidia con quattromila Spagnuoli. — I Veneziani traditi
fanno tregua. — Le parole e i fatti. — Gli Spagnuoli perdono Castelnovo,
e i Veneziani salvano Cattaro (1539).

XVIII. — Ritorna l'Orsino al comando. — Il pirata Dragut e le cinque
squadre contro di lui. — Preso prigione dai nostri. — Ricuperata la
galèa del Bibbiena, perduta alla Prèvesa (giugno 1540).

XIX. — Detti e fatti di Dragut in catena. — Biasimo comune dei
contemporanei per la liberazione di Dragut (ottobre 1540).

XX. — Vendette dei pirati. — Gli Spagnuoli chiedono Algeri. — Carlo
ottiene le nostre galere. — Ottavio Farnese e sua brigata. — La galèa
imperiale. — L'armata nelle acque di Algeri (24 ottobre 1541). — Sbarco
e prime fazioni (26 ottobre). — La pioggia, la stella e il tramonto (27
ottobre).

XXI. — La tempesta della notte cresce nel giorno seguente (28 ottobre
1541). — Naufragare, sferrare, rompere, investire in terra. — Saldezza e
disciplina delle galèe dell'Orsino. — Condizioni dell'esercito, e
ritirata (30 ottobre). — Ritorno del Conte in Civitavecchia.

XXII. — Armamento maggiore. — Il Conte rimettesi in crociera pel
Tirreno. — Documento. — Piglia la squadra del pirata Scirocco (1542).

XXIII. — Altre guerre tra Carlo e Francesco. — Questi richiama i Turchi,
e quegli i Protestanti. — Il Conte si ritira (marzo 1543).

XXIV. — Il capitano Bartolommeo da Talamone conduce in salvo le nostre
galere a Malta. — Passaggio e rovine di Barbarossa (luglio 1543). —
Feste in Marsiglia ai Turchi. — Il capitano Bartolommeo scorre per
l'Arcipelago e brucia i giardini di Barbarossa. — Suo ritorno e morte
(dicembre 1543). — Gli succede per compera Orazio Farnese.

XXV. — Barbarossa sverna in Provenza. — Di là ritorna verso il Tirreno.
— Taglie a Genova. — Il figlio del Giudèo all'Elba. — Fuoco a Talamone.
— Minacce a Civitavecchia. — Ruine nel golfo di Napoli e in Calabria. —
Due Domenicani mettono la pace tra Carlo e Francesco (4 agosto 1544). —
Intimazione del Concilio di Trento.

XXVI. — Litigi privati appresso ai pubblici. — Questioni del Doria coi
Camerali di Roma. — Cattura delle quattro galere di Civitavecchia (15
agosto 1544). — Clamori dei Farnesi, e restituzione.

XXVII. — La nostra squadra col capitano de Nobili in Barberìa (1545). —
Vendita delle quattro galèe dei Farnesi a Gianluigi del Fiesco. — Il
conte Girolamo in Civitavecchia con tre galere; ed il conte Gianluigi
colla quarta (la Caterinetta) fuor di linea (1546). — La congiura, e
tutte le galèe del Doria prese dalla Caterinetta. — Fine della congiura
(3 gennajo 1547).

XXVIII. — Tornano le galèe all'Orsino. — Il conte Gentile ripiglia la
condotta (marzo 1548). — Sua morte, e ricordo delle più belle giornate
(agosto 1548).



LIBRO SESTO.

CAPITANO GENTIL VIRGINIO ORSINI,

CONTE DELL'ANGUILLARA.

[1534-1548.]


PARTE SECONDA.

DAL 37 AL 48.



[5 novembre 1537.]

I. — Solenne alleanza dei principi cristiani, dugento navigli di linea,
cinquanta mila fanti, quattromila cavalli, guerra in ogni parte di
Oriente, assedî ed espugnazioni di fortezze, scontri sul mare con tutta
l'assembraglia turchesca e piratica, in somma per le mani mi cresce la
materia, ma non l'autorità del conte Gentile, protagonista del libro
sesto: anzi per la stessa ragione dell'armamento straordinario esso
tirasi indietro, e cede rispettosamente la mano ed il passo ad un
dignitario ecclesiastico, chiamato dal Pontefice al primo posto d'onore
e di autorità col titolo di Legato apostolico sull'armata navale[1].
Vediamo or dunque discendere il Conte alla seconda linea, e appresso lo
vedremo risalire alla prima; e poi ritirarsi e ritornare, non lasciando
mai per altri dieci anni, cioè infino all'estremo giorno della sua vita,
di mostrarsi principal condottiero alla nostra marina. Però senza
rompere il filo, penso di continuare la seconda parte del sesto libro
sotto gli stessi auspicî dello splendido suo nome, perchè egli solo tra
noi per dieci anni resta fermo, quando gli altri vengono e vanno.

Nel fervore delle pratiche, trattandosi la lega, e dovendosi mettere in
sesto dalla parte di Roma il primo fondamento alla futura squadra
marittima del Legato infino a trentasei galere, i Ministri camerali
deliberarono riprendere dall'Orsino le tre della condotta: e trovandosi
egli in Civitavecchia, mandarongli colà il vescovo di Pavia con un
brevetto papale del tenore seguente[2]: «Al diletto figliuolo, nobil
uomo Gentil Virginio Orsini conte dell'Anguillara. — Figlio diletto,
salute ed apostolica benedizione. — Mandiamo costà in Civitavecchia il
venerabile fratello Giovanni de Rossi, vescovo di Pavia, per rivedere e
riconoscere l'amministrazione delle nostre galere. Ed esso da parte
nostra ti avrà altresì a dire certe cose. Però tu presterai piena
credenza alle parole di lui, come presteresti a Noi medesimo. — Dato a
Roma, presso san Pietro, addì cinque novembre 1537, del nostro
pontificato anno quarto. — Fabio Vigile.»

Parrebbemi villanìa entrare in camera dove parlano da solo a solo il
Vescovo e il Conte, coll'intenzione di riferire altrui i loro discorsi.
Detesto l'origliare di certuni al bucolino, molto più sotto le speciose
apparenze di rendere servigi. Ma se ad alcuno verrà vaghezza di sapere i
trattati dei due personaggi, secondo il brevetto, aspetti che quei
signori escano in pubblico, e vadano al notajo, e allora con tutta
dicevolezza saprà che il Conte pel buon andamento della lega, e per la
maggior quiete dei contraenti, riconosce la convenienza di mettere il
Legato sull'armata: quindi lascia (per poi riprenderlo a suo tempo) il
titolo di capitan generale e di commissario in Civitavecchia, scrive
l'inventario e la perizia delle tre galèe papali, le consegna ad un
altro capitano, e se ne resta colle quattro galèe sue proprie, come
venturiero capitano assoldato nella armata papale sotto gli ordini e lo
stendardo del Legato per la prossima spedizione generale contro il
Turco[3].

NOTE:

[1] RAYNALDUS, _Ann. eccl._, 1537, n. 54: «_Medio septembri Pontifex....
meditabatur sacrum fædus cum Cæsare et Venetis contra Turcum.... quo
represso, Concilium quantocyus celebrare._»

P. A. G., _Medio èvo, e Guerra dei pirati_, Vedi l'Indice alla voce
_Legato_. — Qui sopra, nel vol. primo, p. 32.

[2] PAULUS PP. III, _Dilecto filio nobili viro G. Virginio Ursino,
comiti Anguillariæ_. — Dall'Archivio dei Notaj camerali, come alla nota
quarta, protocollo di B. Berisio, ch. 381 vers.: «_Dilecte fili etc...
Mittimus isthuc venerabilem fratrem Joannem epum Papien., causa
revidendi et recognoscendi computa galearum nostrarum, qui etiam tibi
nonnulla nostro nomine referet. Quare ejus relatis, non secus ac Nobis
habebis fidem. Datum Romæ apud s. Petrum, die quinto novembris MDXXXVII,
pont. nri. an. quarto. — Fabius Vigil._»



[11 novembre 1537.]

II. — Ecco il tenore dell'istrumento[4]: «Giorno di domenica, undici di
novembre 1537. — Civitavecchia, nel palazzo camerale. — Perchè il
reverendissimo in Cristo padre e signore Giovanni de Rossi, vescovo di
Pavia, presidente e chierico della Camera apostolica, e commissario
delegato da nostro Signore nella terra di Civitavecchia; ed insieme con
lui il reverendo don Guido Pacelli commissario della Camera predetta, ed
Alessandro Benci computista, intendono ritirare dall'illustrissimo ed
eccellentissimo signore Gentil Virginio Orsini, conte dell'Anguillara,
le tre galèe di nostro Signore, con tutti i loro armamenti e corredi ed
altre cose appartenenti alle medesime, e appresso intendono consegnare
le istesse tre galere al nobile signore Giacopo Ermolai, cameriere
secreto di sua Santità, eletto capitano delle dette galere, secondo che
la Santità sua verbalmente ha espresso al predetto reverendissimo
Signore vescovo e chierico; il quale similmente ha ricevuto la istessa
commissione verbale dal reverendissimo signor vescovo riminese,
Tesoriere generale di nostro Signore e della Camera apostolica, e
nondimeno essi non vogliono accettare la consegna delle predette tre
galere senza il lodo di alcuni periti e pratici marinari, e senza la
visita del predetto signor Ermolai con altri due marinari di sua fiducia
e da lui nominati, i quali concordemente attestino che le dette galere
sono atte a navigare e pronte a qualsivoglia combattimento marittimo,
non avendo i predetti Vescovo, Commissario, e Computista niuna
esperienza di queste cose; per ciò fecero chiamare alla loro presenza il
signor Paolo Giustiniani di Venezia, Giovanni da Milano padrone della
galèa sant'Agostino e Giorgetto Camilli comito della galèa medesima, i
quali dinanzi agli stessi signori Vescovo, Commissario e Computista
affermarono aver visitato le stesse galere di sua Santità, ora
ormeggiate nel porto di Civitavecchia, e chiamata, l'una san Pietro,
l'altra san Paolo, e la terza san Giovanni, ed essere veramente atte
alla navigazione e pronte al combattimento, secondo l'uso di mare, posto
che siano fornite di ciurma e di panatica: e così dissero doversi le
stesse galere tenere e giudicare, come essi tengono e giudicano.

«Questi Atti furono compiti in Civitavecchia nel palazzo camerale,
giorno ed anno come sopra.»

[12 novembre 1537.]

«L'altro dì seguente venne il predetto signor Giacopo Ermolai, e disse
ed affermò di avere già da quattro giorni veduto bene ed accuratamente
le tre galere designate negli atti presenti, e di aver visitato tutti
gli armamenti, corredi ed altre cose attenenti alle dette galere, sempre
accompagnato da due marinari pratici e sperimentati, fedeli ed amici
suoi, per nome Bartolommeo di Gallipoli padrone della capitana di nostro
Signore, e Domenico da Genova padrone della galèa san Paolo, ambedue
chiamati dal medesimo signor Giacopo e insieme con lui revisori e
giudici; ed ora afferma di aver riconosciuto e giudicato le dette tre
galere per buone, atte a navigare, pronte a qualunque fazione ed
esercizio marittimo, ed anche a battaglia navale.»

Dopo il preambolo delle testimonianze e dei giudizî, segue in lingua
volgare l'inventario delle tre galèe[5]. Non lo ripeto, perchè niuno ci
troverebbe cosa che non fosse già prodotta e dichiarata nei documenti
precedenti, specialmente trattandosi del capitan Salviati nel quinto
libro[6]. Comincia l'inventario sulla galèa san Giovanni, capitana della
squadra papale, continua sulla galèa di san Paolo, poi sul san Pietro;
termina colla quietanza a favore del conte dell'Anguillara, e colla
consegna delle tre al capitano Giacopo Ermolai.

Dunque il Conte al suo ritorno, dopo navigazione piena di combattimenti
e di vicende, còlto all'improvviso, rende buona ragione del materiale
affidato alle sue cure; e si piega volentieri a tutte le esigenze del
governo pel miglior servigio della cristianità nella guerra contro il
Turco. Le galèe sono giudicate perfette anche per la battaglia navale,
conforme al parere di un capitano e due ufficiali dalla parte del Conte;
Giustiniani, Giovanni e Giorgetto: di un capitano e due ufficiali dalla
parte della Camera; Ermolai, Bartolommeo e Domenico. Testimoni
intelligenti, perchè del mestiero; e imparziali, perchè scelti a disegno
da province lontane. Patisce eccezione la panatica, perchè si prende
quando bisogna, e nei porti si compra alla giornata: resta la difficoltà
perpetua tra noi di trovare gente da remo.

Il capitano Ermolai, qui sopra nominato, non fa gran comparsa nella
guerra viva; ma primeggia negli apprestamenti e nella amministrazione,
provveditore solertissimo, o come oggi direbbesi ufficiale generale di
intendenza e di commissariato navale. Egli durante l'annata di guerra
erasi con somma lode adoperato nelle provincie della Marca e della
Romagna all'imbarco delle milizie papali per la Dalmazia; e più
all'abbondanza del biscotto e delle vittuaglie per rifornire l'armata
del Doria e dell'Orsino nello Jonio. Giacopo sovrastava ai magazzini e
ai forni impiantati in Ancona ed in Fano, e facevane trasportare ogni
bene dai legni di traffico delle città medesime, secondo le istruzioni
ricevute direttamente dal Papa. Inoltre le sue commissioni si
estendevano a mantenere la sicurezza delle provincie littorane
sull'Adriatico contro qualunque scorreria vi potessero fare i Turchi in
tanto sobbollimento di guerre vicine dalla Puglia, dalla Dalmazia, e
dalle Isole Jonie[7].

Finalmente il vescovo di Pavia per delegazione straordinaria commissario
nel porto e piazza di Civitavecchia aveva a fare ufficio di mediatore
tra l'Orsino e l'Ermolai; e dar mano agli apprestamenti dell'armata per
l'anno seguente, prevedendosi vicina la conclusione della lega. Il
perchè si ponga ben mente al novero delle prime sette galèe che si
allestiscono in Civitavecchia, colle quali dovranno poscia congiungersi
le otto armate in Ancona, e le quindici prese a Venezia. Teniamo segnata
la capitana, la padrona e la sensile della Camera, coi nomi di san
Giovanni, san Paolo, e san Pietro: teniamo l'Orsina la Vittoria, il
sant'Agostino, e il san Paolo del Conte; che tutte insieme tra poco
saranno in Levante coll'Orsino che rassegna le galèe camerali,
coll'Ermolai che le piglia, col Giustiniani che le rivede, con
Giorgetto, Giovanni, Bartolommeo e Domenico che le giudicano, e con
tutti quegli altri che appresso dirò[8].

NOTE:

[3] L'ARCHIVIO principesco degli Orsini, aperto per la somma cortesia
dell'eccellentissimo don Filippo alle mie ricerche, forse appresso darà
maggior chiarezza ai fatti del conte Gentile, quando saranno fatti gli
indici e gli inventarî, recentemente ordinati dalla saviezza del
possessore.

BOSIO, e gli altri appresso alla nota 8.

[4] ARCHIVIO dei Notaj e cancellieri di Camera a Montecitorio in Roma.
Volume segnato, _Contract._ ab anno 1534 ad 1539. Not. Berisius, ch.
377: «_Die dominica undecima novembris MDXXXVII, Civitævetulæ in
palatio Cameræ etc. — Remus in Christo pater et dominus Joannes
de Rubeis epus Papien. Cameræ aplicæ præsidens et clericus, et
commissarius a SSmo D. N. Papa ad locum Civitævetulæ destinatus, rev.
d. Guido Pacellus commissarius et Alexander Bencius computista dictæ
Cameræ, qui ex eo quod intendunt tres triremes SSmi D. N. Papæ cum
suis armamentis, furnimentis, et rebus eis necessariis sibi ipsis ab
illmo et exmo d. Gentile Virginio Ursino, comite Anguillariæ
consignandas, postquam sibi consignatæ fuerint, nobili dno Jacobo
Hermolao Sanctitatis suæ camerario secreto, et dictarum triremium
capitaneo asserto consignare, prout Sanctitas sua verbo tenus dicto
rmo dno epo et clerico, ut ibidem assertum fuit, commisit; et
similiter remus d. epus Ariminen. Sanctitatis suæ et Cameræ
aplicæ generalis thesaurarius similem commissionem sibi dedit verbo:
tamen easdem triremes recipere nec acceptare intendunt nisi prius per
aliquos peritos expertos nautas, et per dictum d. Jacobum cum aliis
duobus nautis ab eo nominandis, si navigabiles et paratæ ad exercitium
maritimum fuerint, dictum et attestatum fuerit, cum in similibus
experientiam aliquam non habeant; et propterea coram ipsis vocare
fecerunt dnum Paulum Justinianum venetum, Joannem de Milano
patronum galeræ sancti Augustini et Georgetum Cammillum comitum dictæ
galeræ qui demum coram eisdem rmo d. epo. ac dnis commis.
et computista affirmarunt dictas tres galeras Sanctitatis suæ nunc in
portu Civitævetulæ existentes, nuncupatas unam S. Petro, aliam S. Paulo,
reliquam S. Joanni, vidisse illasque in rei veritate navigabiles
aptasque et paratas ad bellum et usum marittimum, dummodo earum ciurmis
et panaticis necessariis furniantur, etc. et pro talibus teneri et
adjudicari posse prout ipsi tenent et judicant. Super quibus etc._

»_Acta fuerunt hæc. Civitævetulæ in palatio Cameræ etc, die et anno ut
supra._

»_Successiva vero die præd. d. Jacobus Hermolaus dixit et affirmavit
tres galeras in præinsertis designatas cum armamentis furnimentis et
aliis rebus dictis galeris necessariis jam a quatuor diebus citra cum
aliis duobus practicis et expertis nautis, sibi fidis et amicis,
nominatis Bartholomæo de Gallipoli patrono capitanæ, et Dominico de
Genua patrono triremis S. Pauli, ab ipso d. Iacobo vocatis; et cum eo
revidentibus et judicantibus, bene et fideliter atque accurate vidisse,
illasque pro bonis et navigabilibus ac aptis et paratis ad omnem et
quamcumque factionem et exercitium marittimum, etiam ad navalem bellum,
cognovisse et judicasse._»

[5] ARCHIVIO cit., nella nota precedente ch. 382: «_Inventario de la
ghalera Capitana de santo Joanne de Nostro Signore, qual'è al presente
nel porto de Civita vecchia, et altre cose consegnate per l'illmo
et exmo signore il signor conte de Languillara al rmo signor
vescovo di Pavia presidente et chierico di Camera aplca, come
commissario di Sua Santità a dì XII de novembre del MDXXXVII. Velame
etc. — Sartiame ecc. L'artiglieria di san Giovanni ecc.... — Inventario
della ghalera di san Paulo.... ecc. — Et de sancto Pietro ecc._»

[6] P. A. G., nel primo volume, p. 364.

[7] PAULUS III, _Jacobum de Hermolais nuncium et commissarium deputat
pro securitate littorum Romandiolæ et Marchicæ, earum comunitatibus
præcipiens ut cujuscunque generis victualia, earum naviliis conducenda,
justo prætio recepto, subministrent trans mare Christianæ Classi. —
Datum Romæ die secunda januari MDXXXVII._ — ARCH. SECR. VAT. ex tom.
minut. brev. die dicta, numero 40, p. 52, e copia presso di me.

[8] BOSIO cit., III, 177, E: «_Tutta l'armata in Corfù.... comprese....
le galere che in Civitavecchia armate s'erano a carico del conte
dell'Anguillara, che erano del Papa._» 178, A: «_Il conte non portava
stendardo alcuno._»

MARCO GUAZZO, _Istorie de' suoi tempi_, in-8. Venezia, 1549, p. 234:
«_Presenti all'armata quattro galèe del conte dell'Anguillara, Capitana,
Padrona, santo Agostino, e santo Paolo._»

DOCUM. cit., nota 4: «_Paulum Justinianum, Joannem de Milano, et
Georgettum Camillum comitum galeræ sancti Augustini._»

ARCHIVIO de' Notari Camerali, alle ultime note di questo libro:
«_Inventario della galea Vittoria consignata all'illmo signor
conte de Languillara._»



[Gennajo 1538.]

III. — L'invernata del trentasette rapidamente scorreva tra gli
apprestamenti dalla parte dei Cristiani e dei Turchi, volendo gli uni e
gli altri tornare più che mai gagliardi ai ferri nella buona stagione
del trentotto. Al tempo stesso papa Paolo trattava l'argomento della
lega, sempre desiderata, e non potuta mai fermamente stabilire tra i
principi cristiani. Lettere, brevi, messaggeri, viaggi, maneggi, nunci
per tutta l'Europa; e specialmente grandiose trattazioni in Roma tra il
pontefice Paolo III, e i ministri di Carlo V, e del doge di Venezia al
fine di conchiudere una lega stabile contro il Turco. Cosa facile in
apparenza, perchè Paolo e Carlo già erano di fatto collegati contro
Solimano; e i Signori veneziani pur di fatto già combattevano contro lo
stesso nemico: quindi non si poteva dubitare che non avessero a volere
la compagnia e i soccorsi di gente, di navigli e di danaro dal Papa e
dall'Imperatore. Ma per venire con patti determinati alla conclusione
dell'alleanza solenne bisognava superare non poche difficoltà tra i
Veneziani e Cesare: gelosi i primi di conservare il loro dominio e la
loro indipendenza, cupido il secondo di accrescere i suoi confini, e di
avere tutti in Italia deboli e soggetti. Questi intendimenti
rimaneggiati per ragione di stato, coperti sotto il manto dell'urbanità,
e pienamente conosciuti dalle due parti, non potevano non portare
diffidenza tra loro. Per vincere la quale il Pontefice adoperava tutto
il suo gran senno, non perdonando nè a fatiche nè a dispendio. Spingeva
i Veneziani, frenava Carlo, chiedeva fiducia e la mostrava, voleva
spedizione gagliarda, e si offeriva pronto ad armamenti maggiori: ma non
poteva togliere le conseguenze necessarie di funesti principî.

Carlo V già da un anno erasi impadronito del ducato di Milano,
pretendeva altresì vecchi diritti sopra parecchie città del dominio
veneto, perchè al tempo degli antichi erano appartenute allo stesso
ducato. Carlo dominava direttamente nei regni di Napoli, di Sicilia e di
Sardegna, indirettamente in Toscana, in Genova e in Piemonte. Nè a ciò
contento, voleva anche di più: e sapeva che la soverchiante intramessa
sua faceva afa a molti, specialmente ai Papi e ai Veneziani. Presso i
primi si era sdebitato in gran parte col sacco di Roma, e il resto
serbavasi alla guerra di Campagna. Il freno ai Veneziani lo ponevano i
Turchi. Per ciò indirettamente la potenza di Solimano sosteneva quella
di Carlo in Italia, tenendo abbasso la Venezia e la Sicilia, e dando
pascolo ai Genovesi. Dunque il Turco per lui si aveva a comprimere, non
a distruggere. Intendono meglio di me questa spezie di politica coloro
che la praticano: coloro che assettano ogni cosa del mondo
coll'equilibrio. Santa parola, e bellissima teoria, l'equilibrio sulle
braccia della giustizia: ma sotto alle leve dell'interesse è stata e
sarà sempre scellerata impostura. I Veneziani, maestri a chicchessia
nell'arte del governo, conoscevano a fondo questi umori; e sapevano non
doversi aspettare grandi soccorsi dall'amorevolezza di Carlo. Se non che
assaliti con tutto lo sforzo da Solimano, e messi al rischio di perder
tutto dalla parte di là; e di qua invitati dai ministri cesarei, sotto
la mediazione del romano Pontefice, vollero provarsi a vedere cosa
succederebbe, sostituendo alle teorie interessate dell'equilibrio la
giustizia e la fede dei trattati. Parve miracolo che, dopo poche sedute,
in due settimane gli ambasciatori di Madrid e di Venezia coi ministri
del Papa in Roma dessero la lega tra loro per conclusa.

[8 febbrajo 1538.]

Produco qui i capitoli dell'alleanza senza preamboli e in compendio,
perchè sono notissimi e da altri pubblicati. Chi li vuole per intiero,
se li accatti dove facilmente si trovano, che io non do nè piglio noje
inutilmente a talento di qualche arrogante[9]:

«Roma, otto febbrajo 1538.

»1. Le spese comuni della guerra contro il Turco in Levante saranno
divise in sei parti: una a carico del Papa, due dei Veneziani, tre
dell'Imperatore.

»2. La guerra dovrà cominciare in quest'anno 1538 con galèe ducento,
navi cento, fanti cinquanta mila, cavalli quattromila.

»3. Il Papa armerà trentasei galere, e se non potrà averle tutte del
suo, gli saranno dati dai Veneziani gli scafi, da essere armati a sue
spese e di sua gente.

»4. L'imperatore metterà galèe ottantadue, ed altrettante i Veneziani,
perchè, insieme colle trentasei del Papa, abbia a venire il numero pieno
di dugento.

»5. Le cento navi saranno tutte allestite dall'Imperatore, e gli altri
collegati ne faranno le spese, a ragione delle seste parti convenute.

»6. Fanti e cavalli metterà ciascuno in punto nella proporzione medesima
delle seste.

»7. Le contribuzioni degli altri principi italiani saranno tassate a
giudizio del Papa, e anderanno a beneficio comune dei collegati.

»8. Il Re dei Romani manterrà viva la guerra con poderoso esercito in
Ungheria.

»9. Il Papa solleciterà gli altri principi e popoli, specialmente i
Polacchi, a venire in ajuto dei collegati.

»10. Si riserva posto onorevole al Re di Francia, se gli piacerà di
entrare nella lega.

»11. I confederati saranno pronti colle forze di terra e di mare non più
tardi del mese di marzo dell'anno presente.

»12. Il capitano generale di tutte le forze di terra sarà Francesco
Maria della Rovere, duca di Urbino; e di tutta l'armata navale capitan
generale Andrea Doria, principe di Melfi.

»13. Le vittuaglie potrà ciascuno comprare a giusto prezzo nel paese
dell'altro, dove ne sia abbondanza; ma prima sarà tenuto tirare le
provvigioni più che può di casa sua.

»14. Qualunque differenza potrà nascere tra i collegati, sia rimessa
all'arbitramento del Papa.»

Questi capitoli addì otto di febbrajo, letti ed approvati in Roma nel
pubblico concistoro, alla presenza dei ministri e ambasciatori
pontificî, veneziani, e spagnuoli, ebbero prestamente l'approvazione
delle corti di Madrid e di Venezia; le quali colla stessa solennità vi
aggiunsero alcuni articoli accessorî per regolare tra loro gl'interessi
particolari pel caso delle conquiste future. Pattuirono che qualunque
fortezza, provincia o città dovesse tornare a colui che le aveva altre
volte possedute: pognamo esplicitamente l'isola di Rodi ai Cavalieri, le
province dell'Africa a Cesare, ed ai Veneziani gli antichi possedimenti
di Levante, più la Vallona e Castelnuovo di Dalmazia[10].

Or qui ricisamente chiedo l'attenzione del lettore intorno al
procedimento della lega ed alla osservanza dei capitoli: perchè ci viene
innanzi il modello, sul quale dopo trent'anni si riprodurrà quella lega
tanto notissima per la vittoria di Lepanto, quanto infelicissima pei
dissidî precedenti e successivi. Attenda il lettor savio e imparziale
alla politica di Carlo V nel trentotto, e vedrà quella di Filippo II nel
settantuno, conforme agli stessi interessi, alle medesime tradizioni, ed
alla seguenza dei consiglieri; specialmente del famoso Granuela che dal
fianco del primo passò poscia nel gabinetto del secondo. Qui si ha a
vedere Filippo simile a Carlo, come figlio al padre; i ministri dell'uno
simili a quelli dell'altro, come discepoli a maestri; Giannandrea simile
ad Andrea, come erede e testatore; e Granuela simile a sè stesso come
identico soggetto. Qui alle prove certissime, che ho dato altrove, si
aggiugnerà da sè la controprova, ciò è dire l'ultimo e supremo apice
dell'evidenza. Gli è attributo proprio soltanto della verità l'andar
sicura attorno per ogni parte in armonia con sè stessa, in tutto e per
sempre: al contrario dell'errore, che tosto o tardi incontra l'inciampo
e il trabocco nella contraddizione. Tutti gl'intelligenti troveranno i
fatti e le ragioni delle due leghe avvolte nei medesimi tranelli della
stessa politica: vedranno sempre i medesimi disordini provenire al modo
istesso e costantemente dalla stessa parte. Dunque la causa era e sarà
sempre di là. Perciò io di qua ripeto e mantengo altamente tutto ciò che
ho scritto altrove ad onore e difesa di Pio V, de' suoi ministri, e del
nostro paese contro i nemici e detrattori stranieri: e insieme ripeto e
mantengo che non ho mai confuso nè confondo le nazioni colle corti, nè i
cortigiani coi popoli, nè gli innocenti coi rei. Veniamo ai fatti.

NOTE:

[9] RAYNALDUS, _Ann. eccl._, 1538, n. 4: «_Die octava februarii. Hæc
sunt capitula fœderis et ligæ per SSmum in Xto P. et D.
N. D. Paulum divina provvidentia Pp. III, ac serenissimum et
potentissimum principem D. Carolum V. Rom. Imp. semper augustum,
Hispaniarum et utriusque Siciliæ regem Catholicum, tum suo quam
serenissimi etiam regis Romanorum ejus fratris nomine, nec non
illmum Ducem Senatum et Dominium Venetorum contra Turcas etc._»

SPONDANUS, _Ann. eccl._, 1538.

DU MONT cit., _Corps diplomatique_, IV, ii.

LUNIG cit., _Codex Italiæ diplomaticus_.

[10] PRUDENCIO SANDOVAL, _Vida y echos del emperador Don Carlos quinto_,
in-fol. Pamplona, 1634, lib. XXIV, n. 6, II, 183.

ANDREAS MAUROCENUS, _Histor. Venet._ lib. V, in-4. Venezia, 1719, p.
492. — Vedi appresso la nota 106, e segg.



[10 febbrajo 1538.]

IV. — I Veneziani, secondo il capitolo quarto, fin dal mese di febbrajo
facevano massa di gente, di navigli e d'armi in Corfù; e il Pontefice
con sollecitudine non punto minore spingeva l'armamento in tre centri,
Civitavecchia, Ancona e Venezia. Nel primo adoperavasi il vescovo di
Pavia col capitano Ermolai, come si è detto[11]. Nel secondo il vescovo
di Sinigaglia con Girolamo Grossi romano, familiare di sua Santità e
collaterale della milizia, scriveva soldati e marinari, e cercava
rematori[12]. Cosa difficilissima quest'ultima, altrettanto che
necessaria, perchè niun marchigiano nè romagnolo voleva mettersi alla
viltà del remo, e gli stessi condannati usavano ogni artifizio per
sottrarsene coi pretesti o colla fuga. In quella vece di marinari non
era difetto, e di soldati tanta abbondanza da sopperire ad ogni
richiesta degli arrolatori pontificî e veneziani. Al vescovo di
Sinigaglia era commesso il fornimento dei magazzini in Ancona e in Fano,
specialmente che non mancassero le farine, i biscotti, e ogni altra
vittuaglia pel sostentamento dell'armata; prevedendosi che le fazioni ed
i maggiori bisogni sarebbero stati nei paraggi dell'Adriatico[13]. In
Venezia più di ogni altro davasi faccenda monsignor Giovanni Ricci
tesoriere dell'armata, che poi fu nuncio in Portogallo e cardinale. Esso
ci ha lasciato memorie e documenti in quei preziosi volumi che si
conservano nell'archivio della nobile sua casa in Roma; e che ho potuto
io a bell'agio nella mia camera consultare per la squisita cortesia e
pel senno veramente romano dell'eccellentissimo signor marchese Giovanni
Ricci, cui la storia e Roma, non io soltanto, debbono essere grati[14].

Finalmente in Roma per beneficio comune dei collegati, e per dare
solennità maggiore all'impresa, volendo contentare i cesarei, che non
amavano l'Orsino, e cattivarsi i Veneziani colla promozione d'un loro
patrizio, si promulgava solennemente la nomina di Marco Grimani
patriarca d'Aquileja a prefetto dell'armata romana coll'autorità di
Legato a latere[15]. Marco, fratello del cardinal Domenico, di
principalissima nobiltà veneziana, ed uomo nelle cose del mare e del
governo (come tutti della sua casa) sperimentato, prendeva in Roma addì
dieci di febbrajo dalle mani stesse di papa Paolo nella basilica
Vaticana lo stendardo della lega; e apparecchiavasi senza indugio alla
partenza[16].

[3 marzo 1538.]

La mattina del tre di marzo il Legato partivasi da Roma col suo seguito
verso Civitavecchia, prendeva in quel porto le sette galèe, e
speditamente navigava, toccando Napoli e Messina, verso Ancona, dove si
avevano a raunare le altre della sua commissione, cioè otto già armate
in quel porto dal Grossi collaterale, ed una ventina armate in Venezia
per cura di monsignor Ricci. Le distanze dei luoghi, le provviste delle
munizioni da guerra e da bocca, l'imbarco delle genti, e tutte le
difficoltà consuete di armamento in gran parte nuovo e fuor dell'usato
non lo tennero tanto in ritardo, che agli undici di giugno coll'armata
sua non fosse tutto in punto per far vela nel porto d'Ancona.

NOTE:

[11] DOCUMENTI cit., alle note 4, 7, 8.

[12] PAULUS III, _Hieronymum Grossum, triremium contra Turcas
muniendarum, commissarium constituit_, dalle Schede Borgiane, e copia
presso di me: «_In provinciis nostris Marchiæ et Romandiolæ.... milites,
nautas, et remiges conducas et describas.... carceratos et facinorosos
et damnatos ad triremes inquiras etc. — Dat. Romæ die octava januarii,
MDXXXVIII. Pont. IV. — Fabius Vigil._»

[13] PAULUS PP. III, _Marcum epum Senegalliensem classis maritimæ
adversus Turcas jam paratæ commissarium constituit_. Dall'arch. di
Ancona, Schede Borgiane, e copia presso di me: «_Pro majori et celeriori
executione.... tibi mandamus ut victualia et alia omnia ad classem
necessaria pares.... et remiges in toto Statu ecclesiastico tibi
assignari procures. Dat. Manliani die xvi martii. Pont. IV._»

[14] ARCHIVIO della eccellentis. casa Ricci in Roma, nel suo palazzo a
Monserrato. — Scritture originali di monsignor Giovanni Ricci, tesoriere
dell'armata navale in tempo di Paolo III. — Sono sette volumi in gran
foglio legati alcuni di cordovano, altri di pergamena, e quivi
corrispondenze, ordini, lettere, remissioni di danaro, spese e simili.
Ne verrò citando, secondo il bisogno, i titoli e i documenti, e con essi
potrò correggere errori e varianti di data e di nomi che pur vanno per
le stampe.

[15] FERDINANDUS UGHELLUS, _Italia sacra_, in-fol. Venezia, 1720, V,
133.



[11 giugno 1538.]

V. — Prima della partenza il Legato schierò in battaglia i suoi
bastimenti, e passò la rassegna. Della quale essendo mio debito dare
tutte le notizie che ho potuto raccogliere, scriverò il risultamento,
registrando i nomi dei legni e dei capitani, secondo le testimonianze
sommarie dei documenti e degli storici, specialmente dell'archivio di
casa Ricci, non trovandosi in niuno la nota compiuta. Dove bisogna
avvertire che rispetto alle minuzie dei nomi e dei numeri, così per
punto e per segno, non si trovano mai due testi concordi: ma sempre
qualche piccola differenza. Non tutti hanno avute le stesse notizie, nè
tutti le hanno curate, nè sempre parlano del medesimo tempo. Gli è
chiaro che in questa materia da un giorno all'altro succede mutazione:
si arma, si disarma, si perde, si riacquista, si manda, non ritorna, e
simili, come sanno gli esperti. Nondimeno, riducendo la mostra al giorno
undici di giugno, quando il Legato ebbe tutta l'armata in Ancona, mi
pare sulle predette autorità, e sugli autori che continuamente cito,
massime sui registri di casa Ricci, potersi formare la seguente[17]:


NOTA

DEI LEGNI E DEI CAPITANI DELL'ARMATA PAPALE PER LA LEGA DEL 1538.

_Galèe armate in Civitavecchia._

  1. La Capitana, san Giovanni — Patriarca Grimani.
  2. La Padrona, san Paolo del Papa — cap. Giustiniani.
  3. Sensile, san Pietro — cap. Mario Pontani, romano.
  4. Fanale, l'Orsina — Conte dell'Anguillara.
  5. Sensile, la Vittoria — cap. Francesco de Nobili.
  6. Sensile, sant'Agostino — cap. Franc.º Quintili, rom.
  7. Sensile, san Paolo del Conte — cap. Bart.º Peretti.

_Galèe armate in Ancona._

  8. Fanale — cap. Giammaria Straticopulo, cav. di Malta.
  9. Sensile — cap. Belisario Ralli, di Orte.
  10. Sensile — cap. Bastiano Bonaldi, di Ancona.
  11. Sensile — cap. Gioacchino degli Agli, di Ancona.
  12. Sensile — cap. Vinc.º Sampieri (l'ab.), di Bologna.
  13. Sensile — cap. Battista Dovizi (l'ab.), di Bibbiena.
  14. Sensile — cap. Almerigo Almerighi, di Bologna.
  15. Sensile — cap. Marco Feletti, di Comacchio.

_Galèe armate in Venezia._

  16. Fanale — Vittorio Soranzo, caposquadra, e prov.e
  17. Sensile — cap. Tommaso da Rovigo.
  18. Sensile — cap. Giacomo Priuli.
  19. Sensile — cap. Gianfrancesco Benedetti.
  20. Sensile — cap. Giov. Battista del Mangano.
  21. Sensile — cap. Stefano del Cuore.
  22. Fanale — cap. Giovanni Gritti.
  23. Sensile — cap. Marco da Zara.
  24. Sensile — cap. Luigi Giustiniani.
  25. Sensile — cap. Bernardino da Londano.
  26. Sensile — cap. Alessandro Rois.
  27. Fanale — cap. Pietro Daltelli.
  28. Sensile — cap. Vittorio Peterlin.
  29. Sensile — cap. Cristoforo Canali.
  30. Sensile — cap. Luigi Rosa.
  31. Sensile — cap. Agostino da Terni.
  32. Brigantino — Domenico Squarciafichi.
  33. Fregata — Niccolò da Cipro.
  34. Fregata — Antonio da Napoli.
  35. Fregata — Luca d'Antivari.
  36. Fregata — Domenico da Scutari.

Alle fanterie presiedevano capitani eccellentissimi: primo col grado di
mastro di campo generale quel prode Alessandro Tomassoni da Terni,
notissimo nella storia militare di questi tempi, che fu poscia
governatore delle armi in Piacenza[18]. Con lui Camillo da Fabriano,
Niccolò da Santogemini, Giosìa da Fermo, Orlando da Salò, Cesare da
Fermo, Giangiulio da Terni, Giambattista da Tolentino, Pierfrancesco
Corboli da Urbino, Silvio da Parma, Luigi Raimondi di Roma, con molti
nobili e venturieri ascritti alla famiglia del Legato e del conte
dell'Anguillara, tra i quali nominerò specialmente il venturiere Miniato
Ricci, gentiluomo del Legato, Alessandro Marchesini scrivano, Andrea
della Bella mastro di casa, Girolamo Ludovisi gentiluomo romano,
Bernardino Bianchi e Marino Fiori segretarî, ambedue pel nome e pel
cognome di Civitavecchia[19]. Le compagnie piene di robusta e scelta
gioventù, essendosi preso il fiore della Sabina, del Lazio, della
Campagna, e delle provincie di Romagna e della Marca, miniera inesausta
di valenti soldati, per tutte le guerre d'Europa e di Asia in quei
tempi. I Veneziani più d'ogni altro di là ne traevano con buona licenza
del Papa, quasi in compenso dei fusti di galèe che davano; e in questa
stessa occasione con una sola levata ne presero cinquemila[20].

[15 giugno 1538.]

La brava gente, volenterosa ed intrepida ad ogni rischio di guerra e di
mare, fece principio coll'ajuto di Dio e colla protezione della Vergine
santissima per una passeggiata militare da Ancona al santuario di
Loreto. Il Patriarca e gli ufficiali alla testa, e appresso soldati e
marinari, e buon numero anche di rematori. Onesta e pietosa comparsa,
secondo il patrio costume e l'esempio dei maggiori: di che, non meno
degli ascetici, hanno fatto i nostri classici in ogni tempo ricordo ed
encomio[21]. Addì quindici di giugno participarono quasi tutti ai divini
misteri, anche gli altri rimasti in Ancona: e il diciassette tutta
l'armata spiegò le vele per Corfù, dove si congiunsero con Vincenzo
Cappello capitan generale dei Veneziani.

[20 giugno 1538.]

Io qui non parlo delle nobili e liete accoglienze dei nostri alleati:
non potevano volersi maggiori. Domando però or che siamo a mezzo giugno,
dove è l'armata dell'imperador Carlo V? Domando io, e domandano tutti
colà, quando verrà il Doria, capitan generale di tutta la lega pel mese
di marzo, conforme ai capitoli? Ma perchè niuno risponde alla chiamata,
e dobbiamo attenderlo ancora inutilmente infino agli otto di settembre,
per toglierci col pensiero dall'angoscioso aspettare (anzi che morire di
stento, secondo il proverbio), parleremo d'altro.

NOTE:

[16] ANGELUS MASSARELLUS, _Diaria_, Mss. _Concilii tridentini_: «_Quarto
idus Februari.... Dominus Marcus Grimani, patriarca Aquilegiensis,
classis pontificie præfectus, sacris in basilica principis Apostolorum
peractis, designatus fuit: qui die tertia Martii ex Urbe recedens
Corcyram versus cum triremibus pontificiis iter arripuit._»

RAYNALDUS, _Ann. Eccl._, 1538, n. 4, et 7.

JOVIUS cit., 456.

MAUROCENUS cit., 479, 511.

[17] ARCHIVIO RICCI cit., Volume intitolato _Tesoreria dell'armata
contro il Turco: Ordini, conti, ricevute, et altro per servitio di detta
armata_, segnato di fuori col numero IX da pagina 128 a 174;
specialmente la pagina 134, contiene la gran maggioranza della nota
seguente.

MOROSINI cit., 519: «_Patriarca Grimanus.... cum classe sua.... cum
trigintasex triremibus._»

MARCO GUAZZO cit., 234, 235.

BOSIO cit., III, 177, E. — 173, D.

AMMIRATO cit., II, 661.

JOVIUS cit., 560.

VERDIZZOTTI cit., 653.

MAMBRINO ROSEO cit., 226.

ALFONSO ULLOA cit., 153.

PRUDENCIO SANDOVAL, II, 183.

[18] GIROLAMO RUSCELLI, _Precetti della milizia moderna_, in-4. Venezia,
1568, p. 40, B.

MURATORI, _Annali di Italia_, 1547, prop. fin.

[19] LEANDRO MELE, Mss. _Genealogia della nobile famiglia Ricci di
Roma_, nell'Arch. della medesima. Un giusto volume in-4. — Si parla di
Miniato e di questa spedizione da p. 165 a 176. — Verrà poscia sovente
menzione dello stesso Miniato.

ARCHIVIO RICCI cit., vol. IX, p. 134.

ARCHIVIO municipale e parrocchiale di Civitavecchia cit.

[20] MAUROCENUS cit., 500: «_Capitaneo generali injunctum est ut Anconam
proficisceretur ad quinque peditum millia subducenda, que in pontificis
et urbinatis ditionibus erant conscripta._»

[21] NICCOLÒ MACHIAVELLI, _Discorsi sopra le Deche di Tito Livio_, lib.
I, cap. XI, e XV: «_Quanto importa negli eserciti conservare incorrotte
le pratiche della Religione._»

LODOVICO ARIOSTO, Il _Furioso_, XL, 11:

    «_Come veri cristiani, Astolfo e Orlando,_
    _Che senza Dio non vanno a rischio alcuno,_
    _Nell'esercito fan pubblico bando,_
    _Che sieno oration fatte e digiuno._»



[Marzo e luglio 1538.]

VI. — Papa Paolo con pio intendimento non lasciava, come ho detto, niuna
pratica intentata per ridurre in pace tra loro i principi cristiani,
senza di che non si potevano sperare effetti vantaggiosi dalla lega
contro i Turchi, nè l'apertura del Concilio generale, da lui e da ogni
altro ardentemente desiderato. E avendo per questi giorni saputo il re
di Francia trovarsi in Provenza, e Carlo imperatore esser venuto vicino
in Catalogna, deliberò mettersi di mezzo; e farsi paciere tra i due
maggiori sovrani che tenevano diviso il mondo. Mosse pertanto da Roma il
dì ventitrè di marzo per la via della Marca e Romagna, entrò in Parma,
quindi scese da Alessandria a Savona, e per la via del mare con alcune
galèe dirette a Barcellona navigò infino a Nizza, avendo prima spedito,
secondo principe fedele ai trattati, il suo naviglio verso Levante[22].
Ma ai diciassette di maggio, come fu presso Nizza, maggiormente sentì la
difficoltà del pacificare gli emuli pertinaci; ed ebbe a darci l'esempio
di un congresso altrettanto arduo, quanto singolarissimo. Imperciocchè
avendo il duca di Savoja fatto intendere non potere per certi rispetti
consentire a ricevere nella sua città di Nizza nè i Francesi nè gli
Spagnuoli nè altri; il Papa, dissimulando l'offesa, se ne andò in
campagna a un convento di frati Minori. Colà sopraggiunse Francesco a
trattare seco, ma non volle mai abboccarsi con Carlo; il quale fece
altrettanto rispetto a lui. L'uno si posò a ponente, l'altro a levante;
e Paolo di mezzo tra Nizza, Villanova e Villafranca, or coll'uno or
coll'altro negoziando, scorreva alle opposte bande tra l'Imperatore ed
il Re. Ottenne però, che i due sovrani (senza vedersi) firmassero una
tregua di dieci anni, e intanto ciascuno tenesse quel che aveva, e il
Concilio generale si celebrasse[23]. Con queste conclusioni prese
congedo, e accompagnato da sei galèe del Re e da altrettante
dell'Imperatore, venne senza novità a sbarcare nel porto di
Civitavecchia, e tornossene in Roma[24].

Allora quei principi di levante e di ponente (cosa strana!) non soltanto
si visitarono mutuamente e parlarono insieme, ma se ne andarono con
tutta la corte di questo e di quello a solennissime feste in un luogo
detto l'Acquamorta di Provenza. E il principe Doria, capitano generale
dell'armata cristiana, in vece di essere secondo i patti non più tardi
del mese di marzo in Levante pronto alla guerra contro i Turchi, si
tratteneva lietissimo fino al mese di agosto in Provenza a far gazzarra
sotto gli occhi di Carlo V. Insisto sul fatto della tardanza, perchè
tocca al massimo dei disordini nelle faccende militari; e nondimeno ci
torna sempre costante, sempre riprodotto, e apertamente voluto dalla
corte di Spagna; non solo adesso, ma infino a trent'anni dopo: chè i
comandanti al servigio di Madrid comparivano sempre in ritardo,
lasciando perdere il tempo migliore, e tenendo i Romani e i Veneziani
afflitti ad aspettare, e i Turchi sbrigliati a distruggere. Tutti
dicevano necessaria la presenza del Capitan generale e dei suoi
rinforzi; i trattati stabilivano il termine alla congiunzione, e i
marinari appellavansi specialmente ai mesi estivi per imprese grandiose.
Il Doria meglio di ogni altro doveva saperne: egli medesimo che a
chiunque chiedevagli il nome del miglior porto di mare soleva rispondere
non essere nè più nè meno di tre i migliori porti del Mediterraneo; e
chiamarsi giugno, luglio, e agosto. Ciò non pertanto i tre mesi preziosi
lasciavansi perdere; e Carlo approvava la tardanza dell'Acquamorta, per
Andrea, come Filippo la tardanza e i disordini di Cipro per
Giannandrea[25]. Io non dico che sieno criminose le feste di Provenza,
nè gl'interessi di Tizio e di Sempronio; nè mi oppongo se altri gli
chiama padroni di dare o no soccorso a chi ne chiede: potranno esserci
diverse opinioni. Ma quando si fa lega con trattati e promesse, entra il
dovere: nè sarà mai lecito ad alcuno, nè anche ai barbari, volere,
lodare e assentire alla rottura della fede.

NOTE:

[22] PETRUS PAULUS GUALTERIUS, _Diaria Cærem._ Mss. cit., a die XXIII
martii, ad VI julii.

ARCHIVIO RICCI cit., IX, 181: «_Il papa partì da Roma a ventitrè di
marzo, e tornò ai primi di luglio._»

[23] NICCOLÒ TIEPOLO, _Relazione dell'abboccamento di Nizza tra Paolo
III, Carlo V, e Francesco I, e della tregua seguitane_, ap. DU MONT,
_Corps diplomatique_, IV, ii, 172.

RAYNALDUS, _Ann._, 1538, n. 8.

ANGELO PENDAGLIA, _Lettera narrattiva dell'abboccamento di Nizza_, con
note del canonico GIUSEPPE ANTONELLI, in-4. Ferrara, tip. Bresciani,
1870.

[24] MAUROCENUS cit., 514: «_Pontifex octavo calendas julii Genuam
pervenit, mox cæsarianas triremes conscendens Centumcellas delatus inde
Romam petiit._»

[25] ARCHIVIO DORIA, _Lettera di Don Diego Ortiz_, data da Madrid, 29
novembre 1570, e diretta al principe Giannandrea Doria in Genova:
«_Omissis.... Et prior don Antonio me ha dicho esta mañana (haviendolo
yo informado primero de que por la corte se dizia que Marco Antonio se
quexava de V. S. Ill.ma), que no tema de nada porque el entiende que
Su Majestad y el Consejo tienen toda satisfaçion possible de la manera
como V. S. Ill.ma ha procedido en toda esta jornada: y pues que hay
esto, de todo lo demas se puede V. S. Ill.ma burlar._» Originale,
autografo importantissimo e inedito, che vien bene in questo luogo per
la sua precisione e brevità a confermare il discorso dal trentotto al
settantatrè. Tutti i disordini erano approvati a Madrid.



[10 agosto 1538.]

VII. — Può altri fare ragione del gravissimo cruccio con che doveva
sostenersi il Grimani in Corfù, costretto a perdere il tempo migliore
nell'aspettare chi non voleva venire; e oppresso dalle continue querele
dei Veneziani e dalla loro desolazione. Imperciocchè proprio di quei
giorni, favorito dalla buona stagione e da niuno frenato, Barbarossa
coll'armata ottomana e colle squadre dei barbareschi disertava l'isola
di Candia, e gli altri possedimenti della repubblica. Quando ecco in
vece dell'armata imperiale ai primi di agosto giungnere in Corfù, e
mettersi sopra tutti, don Ferrante Gonzaga. Costui povero di forze e
ricco di buone parole, gran privato di Spagna e vicerè di Sicilia,
veniva per ordine dell'Imperatore col titolo di capitan generale di
terra in luogo del duca d'Urbino, gravemente infermo di quel lento
veleno, pel quale non guari dopo addì venti d'ottobre morissi[26]. Egli
doveva largamente pascere di speranze future i Veneziani, perchè
continuassero ad aspettare pazientemente, senza nè guerra nè pace.
Indarno adunque i capitani di Roma e di Venezia si volsero a lui
facendogli pressa, dopo essere stati tanto tempo senza far nulla con
cento galere e trenta mila uomini. Don Ferrante, imbarazzo più che
sostegno degli alleati, non consentiva. Anzi tutto aperto diceva non
essere cosa nè ai soci sicura nè a Cesare onorevole il cominciare la
guerra sul mare senza il naviglio del Doria. Perchè dunque ne manca
questo ente necessario? come la gloria dell'Imperatore e il bene degli
alleati potrà consistere nell'aspettare Andrea inutilmente? Dunque si
hanno tutti a patire i tristi effetti dell'abbandono, il dispetto,
l'ozio, la mortalità, la perdita del proprio paese, e il trionfo dei
nemici? Tristi principî, resi più tormentosi dalle relazioni correnti
alla giornata: dicevano bruciati ottanta villaggi, e stretta di assedio
la Canèa, piazza principalissima dell'isola di Candia, alla quale
indarno il generale Cappello chiedeva che si portasse soccorso[27].

Nè si lagnavano soltanto i Veneziani della tardanza (alla quale mi
bisogna continuamente in questi giorni ritornare), non soltanto coloro,
pe' quali il pubblico bene incontravasi insieme col privato interesse;
ma i Romani, tuttochè imparziali, non potevano patirla. Perciò il
Patriarca, sazio alla nausea dei pubblici lamenti, uscì dal porto, sotto
colore di esercitare le sue genti, e prese a fare la guerra solo da sè
contro ai Turchi, senza voler più oltre aspettare niuno. E perchè non
poteva con una trentina di legni soccorrere la Canèa, tanto lontana, e
assediata da cento e trenta, volle operare a favor dei Candiotti per
diversione, pigliando a battere una delle fortezze nemiche. Andò con
gran secretezza nel porto di san Niccolò presso Corfù, e di notte più
che poteva celatamente navigando, giunse quasi improvviso agli undici di
agosto sull'ora di vespro innanzi alla Prèvesa[28].

NOTE:

[26] FRANCESCO MARIA DELLA ROVERE (duca d'Urbino), _Discorsi militari_,
in-12. Ferrara, 1583. — Opera postuma, dove esso stesso parla dei
consigli e discorsi fatti in Venezia sopra queste guerre dei Turchi
dell'anno 1537 e 1538; specialmente p. 1, 4, 10, 14, 27.

GIAMBATTISTA LEONI, _Vita di Francesco Maria della Rovere_. Venezia,
1605, p. 452: «_Morì addì 20 ottobre, 1538._»

CARD. FARNESE, _Lettera a monsig. Gio. Ricci in Venezia_, data di Roma,
28 ottobre, 1538. — ARCH. RICCI, _Armata navale_, cit., IX, 225.

MURATORI, _Ann._, 1538: prop. fin; «_Terminò i suoi giorni nel dì primo
d'ottobre, Francesco Maria della Rovere duca d'Urbino_,» e cita
Alessandro Sardi, Storia mss.

[27] VERDIZZOTTI cit., 653: «_Scrisse Cesare a Ferrante Gonzaga che
dovesse condursi senza indugio a Corfù.... Scorgevano al solito i
Senatori di Venezia che queste confidenze venivano misteriosamente
sporte.... per nudrire le speranze della repubblica, acciocchè in tanta
tardità di cose non ripigliasse i negoziati di pace colla Porta._»

DE HAMMER cit., X, 514: «_Barbarossa portava incendio e ruine sulla
costa di Candia. Retimo e Canea seppero resistere alla furia: ma i
corsari presero vittovaglie e artiglierie da Milopotamo e da Scittia
abbandonate, e incendiarono ottanta villaggi._»



[11 agosto 1538.]

VIII. — La Prèvesa, detta altrimenti Nicopoli, è punto di momento per
chiunque guerreggia in Levante. La fabbricò Augusto dopo la celebre
battaglia d'Azzio, nel luogo medesimo dove aveva posto l'alloggiamento
in terra prima del combattimento, e donde erasi imbarcato per acquistare
il dominio del mondo. Oggidì per quelle acque passa la linea di confine
che divide la Turchia dal nuovo regno di Grecia. Un golfo di circa
ottanta miglia, detto dagli antichi seno Ambracio, e dai moderni golfo
dell'Arta, si apre a cerchio tra le terre; e a guisa di tanaglia
sboccata lascia alla riva tra due promontorî un tortuoso ed angusto
canale, dove non passano più che due o tre bastimenti per volta. Il
promontorio boreale è l'Azziaco; e nella sua risvolta dentro il golfo
sopra rupe è la Prèvesa: città piccola, ma secondo quei tempi
fortificata in figura di quadrilatero con otto torrioni rotondi, tre per
ogni fronte, piazze alte e basse di artiglieria, muraglie grosse, e
fosso profondo. Sarebbe stata ancor più sicura se non avesse avuto un
prolungamento di case discendenti verso la marina a guisa di borgo,
aperto da ogni parte[29].

Il Grimani, prima di avventurarsi all'entrata dell'angusto canale, pensò
di mettere in terra un corpo di fanteria; e dopo investita la piazza, e
divisa l'attenzione del nemico, spingervi a fidanza l'armata. Il qual
divisamento sortì felice esito: chè essendo saltato in terra il mastro
di campo Tomassone con quattro compagnie di dugento uomini ciascuna, ed
avendo di primo impeto preso il borgo e postovi l'alloggiamento, non fu
difficile a Paolo Giustiniani sforzare l'ingresso e aprire il varco a
tutte le altre galèe; tanto che al tramonto del sole già l'armata
dominava nel golfo, e il piccolo esercito nel borgo[30].

[12 agosto 1538.]

Venuta la notte, perchè più agevolmente potessero le milizie di terra
attendere ai lavori di zappa ed accostarsi copertamente alla muraglia, i
marinari presero a battere con vivissimo fuoco la piazza: i Turchi al
modo stesso rispondevano. Di qua e di là a vicenda molti e gravi danni.
Tra i nostri in quella notte colò a fondo un palischermo pieno di gente,
squassato da cannonata grossa; il capitan Bernardino Londano, che nella
galèa da sè puntava il corsiero, colpito da una palla nel ventre ebbe il
corpo dal mezzo in su gittato fuor di bordo; il comito del cavalier
Sampieri fu morto, e similmente il padrone di un'altra galèa, con
parecchi altri di minor conto[31]. Ne parla il Grimani in una lettera.
Non la produco, tuttochè inedita, perchè non voglio menare il discorso
troppo alla lunga: e in vece ne darò tra poco un'altra più piena di
notizie.

Maggior contrasto ebbero a sostenere le milizie di terra, e dal numeroso
presidio, e dallo stormo dei vicini. Costretti a combattere non tanto
per espugnar la fortezza, quanto per mantenersi nelle posizioni,
duravano intrepidi tutta la notte e la giornata seguente, e sempre in
gran travaglio coll'armi in mano, senza potersi aspettare lo scambio pel
cibo e pel riposo. Un sorso di vino, e un'archibugiata: un mozzicon di
pane, e un colpo di cannone. Poscia il Patriarca, avendo fatto
disbarrare tre grossi pezzi da breccia, aggiunse il sopraccollo ai
soldati, che si trovavano dalla fronte e dalle spalle assaliti e scossi
da gagliarde sortite, e tenuti alla difesa di sè stessi, delle poste e
dell'artiglieria. Non però di meno, rinfrancati dall'esempio e dalla
voce del loro mastro di campo, sostenevano egregiamente la fazione, e si
facevano sempre più presso alla porta della marina.

[13 agosto 1538.]

Il dì seguente, avendo rotta in parte la muraglia, dettero due assalti
alla terra: e tuttochè ributtati, tornarono la terza volta infino a
piantare tutte e quattro le bandiere sulla cresta dei muri. Ma pel
piccol numero, non superando ottocento fanti, e dovendone quasi la metà
restare a guardia delle trincere e dell'artiglieria, non furono
sufficienti a maggior progresso. Fece allora il Patriarca sonare a
raccolta. E vedendo crescere il numero dei nemici alla campagna, e
diminuire la sua gente, deliberò di ritirarsi. Caddero in questa fazione
quasi cento e venti uomini tra morti e feriti: tra i primi il prode
capitan Camillo da Fabriano, compianto ed ammirato da tutti; tra i
feriti il mastro di campo, e Luigi Raimondi.

[14 agosto 1538.]

Allora i nemici, che quasi dodici mila si erano raunati dai luoghi
vicini, nulla più aspettando che la ritirata dei Romani, con
terribilissimo impeto assaltavano alla coda ed ai fianchi la nostra
colonna, che sempre combattendo marciava verso la marina, conducendo
però in mezzo l'artiglieria, le bagaglie, ed i feriti. Alla spiaggia
erano attelate a scaglioni su due punti le galèe, colle prue verso terra
per incrociare i fuochi e tenere i Turchi lungi dal punto intermedio
della riva, dove avevasi a eseguire l'imbarco, per lo spazio interno del
triangolo difeso e intercetto dai fuochi convergenti. Dopo di che
l'armata nostra si tirò fuori del golfo, e die' volta per racconciarsi a
Corfù.

[15 agosto 1538.]

La impresa del Patriarca, come si legge in tutti gli storici di quel
tempo, così la troviamo commendata da ciascuno, massime dai Veneziani:
perchè ebbe conseguenze importantissime, che superarono di lunga mano
qualunque guadagno fosse potuto venire dall'acquisto di quel luogo.
L'esempio dei Romani tra gli amici rilevò le speranze già quasi morte; e
tra i nemici costrinse Barbarossa, per paura di perdere la Prèvesa, a
levarsi in sul punto dell'assedio della Canèa, liberando all'improvviso
(come poi si seppe) dalla terribile ambascia i Candiotti. Però il
ribaldo se ne venne proprio nel golfo dell'Arta con tutta l'armata sua a
cercare la nostra; e fu costretto restarsi impotente; perchè così vicino
non eragli dato più imprender nulla senza esporsi a pericolo[32].

Di questi fatti parla il medesimo patriarca Grimani in una lettera del
diciannove di agosto, diretta al Ricci, tesoriero dell'armata romana in
Venezia, il quale l'ha conservata nei suoi registri, ed io qui la
pubblico come documento importante ed inedito[33]:

«19 agosto 1538, di Corphù.

»Reverendo monsignor Giovanni. — Si ebbero le notizie vostre per il
schirazzo[34] che giunse quivi; come l'havrà inteso per lettere di
Bernardino[35], et similmente la nave Malipiera con le munizioni
accusate: al che non accaderà dire altro.

«Credo che havrete inteso, pur per lettera di Bernardino, del nostro
andare all'impresa della Prèvice. Hora vi dirò succintamente che,
desideroso di fare servitio et cosa di honor a Sua Santità, a questi
giorni passati mi deliberai di far qualche effetto, et di non perder più
tempo[36]. Di modo che essendomi detto da molti che l'impresa di essa
Prèvice sarebbe molto facile, et ritrovandomi io alla Parga[37], quivi
discosta quaranta miglia, deliberai tentarla. Et così il dominica che fu
alli undici feci dismontar la gente, che potevano essere da ottocento
fanti: et la notte, posta in terra l'artiglieria per batterla, fatte le
trincere et difese al meglio che si potè, cominciammo la mattina
seguente a batterla per terra et per mare. Però io con tutta l'armata
entrai da l'altra banda sotto la fortezza per il golfo senza danno
alcuno, ancorchè provassero le galere infinite cannonate di nemici.
Battemmo tutto il lune, il marte, et il mercole, sino al giobbia
mattino[38], che ci levammo: et non si cessò mai giorno et notte. Talchè
havendo tirato più di novecento cannonate[39], senza gli altri pezzi
piccoli, ci cominciò a mancare la munizione. La quale fu potissima causa
di non ci lasciar tentare l'ultima fortuna. Il marte vi furono dati doi
assalti, et furonvi tutte piantate le bandiere sopra i muri: ma furono
ributtati per non essere soccorsi dagli altri che stavano dentro gli
alloggiamenti in guardia dell'artiglieria. I quali non si moverno, quasi
spaventati dal primiero assalto et dalla vista di nemici che si
trovavano alla campagna, et tuttavia andaveno crescendo, a piedi et a
cavallo.

»Per la qual cosa vedendo il mercore che multiplicava il soccorso a'
nostri danni, deliberai porre l'artiglieria in galera: et così sugli
occhi dei nemici, che ci vennero assaltare sin dentro gli alloggiamenti,
levatala con bonissimo ordine, la calcammo sopra esse galere, senza
lasciar dietro cosa alcuna, et sempre scaramucciando con Turchi, sin che
si ebbero condotte le artiglierie et le altre cose ad salvamento.

»Poi il giobbia mattina, havendo colle galere tutta la notte tormentato,
et vedendone mancar le munitioni, et crescere il nemico di continuo alle
spalle, havendo poca gente da poterli resistere, deliberammo lasciar
l'impresa. Et cusì venimmo fuori del golfo, salutati però tutti con
buone cannonate. Et alla mia galera ne toccorono cinque, però senza
morte di alcuno per grazia di Dio. Ultimamente uscimmo tutti ad
salvamento, con qualche danno però de' nostri. Et abbiamo lasciato
quella fortezza di modo ruinata, et dal canto nostro con tutto
quell'animo che s'ha potuto operatosi, che mi reputo haverne riportato
la vittoria. Et forse Iddio per qualche mio peccato non mi ha voluto far
degno di vederne un fine. Nondimeno io spero che un giorno Sua Santità
conoscerà che la vita mia è per sacrificarsi nel servitio di Sua
Beatitudine. Havendone scritto largamente al signor Nunzio di costì, et
volendo questo Generale spacciare in pressa non se gli puote dir tutto
il particolare: però Vostra Signoria ne potrà essere ragguagliata da Sua
Signoria reverendissima.

»Di nuovo ci è che Barbarossa ha spalmato a Scio, et che andava alla
volta di Negroponte coll'armata, et di più che haveva mandato quaranta
galeotte alla volta di Modone: et appresso questo clarissimo Generale vi
è qualche sentore et dubitanza che egli se ne venghi sotto Napoli di
Romania. Et di tanto più si dubita, quanto che le sei galere, che furono
mandate l'altro giorno per soccorrerla, per timore di non incapparsi nei
piedi di essa armata, sono andate et ancor sono alla Cania[40].

»Io vi scrissi per l'ultima il bisogno grande del danaro e dei frumenti.
Hora torno a recordarvelo, che per l'amor di Dio operiate che se ne
facci quella provvisione che vedete necessaria. Et di questo, di grazia,
siate ricordevole; perchè potete comprendere il bisogno mio.

»In oltre sapete come io sto di remigi. Et la causa che mi ha mosso a
tentare la impresa è stata principalmente per usare ogni via, acciò mi
potessi interzare[41]. Nè havendomene Dio fatto la gracia, anzi havendo
ricevuto qualche danno di uomini in questa impresa, resto più che mai
disperato. Et ancor che l'animo mio fosse di non disarmare alcuna di
queste galere che ho meco (non piacendo ancora a Sua Santità), nondimeno
questo clarissimo Generale mi ha esortato ad disarmarne tanto che possa
interzarmi intieramente; et dettene le ragioni, per le quali non vedo nè
via nè modo di potergli contradire: et massime che la necessità dei
tempi che hora cominceranno non comporta che si possa fare
altrimenti[42]. Però mi sono risoluto disarmarne quattro di quelle che
mi parranno a me manco profittevoli et interzarmi col resto ad
compimento; acciò possa comparire cogli altri et fare honor a Sua
Santità. La quale quando havrà compreso che tutto si conviene per
evidente necessità, son certo rimarrà soddisfatta di questo, conoscendo
che di manco non si puote fare.

»Messer Miniato io più et più volte l'ho persuaso ad venirsene. Et hora
più che mai parmi che non voglia sentirne parola, dicendomi che, se io
non voglio che stia meco, egli si acconcerà sopra l'armata del Doria. Di
modo che non so più che fare, se non ogni giorno predicarcelo nella
testa. Et quando se disponga de venire io lo manderò molto volentieri
per soddisfarvi[43]. Ben vi dico che in questa impresa della Prèvice si
ha fatto honor; che sempre ha voluto trovarsi anche egli armato nelle
fattioni con gli altri soldati, et portatosi coraggiosamente.

»Altro per hora non le dico, se non ricordarle di nuovo il bisogno mio
et della armata: et a V. S. de cuor me offero et raccomando.

  »Da Corphù il 19 d'agosto 1538.

                           »Marco Grimano, Legato apostolico.»

NOTE:

[28] MAUROCENUS cit., 519: «_At Grimanus moræ impatiens, generoso animi
impetu incitatus.... privato consilio aliquid se conficere posse ratus,
Corcyra solvens.... cum triginta sex triremibus.... ad Ambracii sinus
fauces delatus est._»

ULLOA cit., 16: «_Mentre in Corfù si aspettava.... messer Marco Grimani
patriarca d'Aquileggia capitano delle galere del Papa.... per non perder
tempo.... determinò di occupare la Prevesa, per esser luogo di mare
molto importante._»

[29] CORONELLI, _Atlante veneto_, grande in-fol. Venezia, 1690, II, tav.
25.

IDEM, _Piante di città e fortezze_, in-fol. Venezia, 1689, tav. 155.

W. H. SMITH, _R. N. Jonian Sea, from Purga to Katakolo, and the gulfs of
Arta and Patras_, in-fol. Londra, 1825. — Admiralty charts.

[30] MAMBRINO ROSEO cit., 226.

MARCO GUAZZO cit., 232.

SABELLICI, _Contin._ cit., 493.

JOVIUS cit., 476.

VERDIZZOTTI cit., 654.

JUSTINIANUS cit., 274.

SEGNI cit., lib. IX.

[31] ARCHIVIO RICCI, _Lettera del Patriarca a Monsignor Giovanni Ricci,
data da Corfù, addì primo settembre 1538_, nel volume segnato IX, pag.
172.

[32] BOSIO cit., III, 178, B: «_Sebbene fatto non venne al Patriarca per
il gagliardo soccorso che al Castello della Prèvesa dettero i Turchi di
Lepanto, fu nondimeno cagione che Barbarossa da Candia si levasse._»

[33] MARCO GRIMANI patriarca d'Aquileja e legato apostolico sull'armata
di Nostro Signore, _Lettera a monsignor Giovanni Ricci, tesoriero
dell'armata medesima in Venezia_. — ARCHIVIO RICCI, volume intitolato:
_Tesoreria dell'armata_, IX, 163.

[34] _Lo Schirazzo_ era navetta da carico, usata dai Levantini in quel
tempo. — Come sopra a p. 436.

[35] _Bernardino_, cioè Bianchi, segretario del Patriarca, per mezzo del
quale si manteneva la corrispondenza ordinaria tra il Legato e il
Tesoriere.

[36] _Non perder più tempo!!_ Testimonianza imparziale del Legato
apostolico, ministro papale. Perder tempo! in quelle circostanze, per
mancanza del Doria, nel mese d'agosto!

[37] _La Parga_. Questo è quel castello, di che parla il Berchet nella
sua notissima poesia, intitolata _Gli esuli di Parga_.

[38] _Lune e giobbia_. In dialetto veneto, vale lunedì, martedì,
mercoledì, e giovedì: e così _Prèvice_ per Prèvesa, ed altri idiotismi
che ciascuno corregge da sè.

[39] _Cannonate_ qui intende tiri di cannone intiero e ordinario da
cinquanta (senza contare i tiri dei mezzi e dei quarti cannoni, da
ventiquattro e da dodici), tanti da consumare la munizione valutata a
trenta cariche per ciascun pezzo grosso di ciascuna galèa, disponibili
in terra, senza togliere le altre trenta necessarie nel mare, che a
sessanta si valutava il complesso, come in alcun luogo dimostrerò.
Questo doveva essere messo a memoria dal commissario Ricci, perchè
fornisse subito dell'altra munizione.

[40] _La Canèa_. Dunque liberata dall'assedio, come è detto; e
pareggiata la partita colla Prèvesa, da una parte e dall'altra. Le
notizie correvano rapide per la vicinanza dei luoghi, la qualità della
stagione, e la moltitudine dei fuggitivi e degli incrociatori.

[41] _Interzare_, parlando di remeggio in questo caso, significa mettere
tre uomini almeno a ogni remo. Chi si trovava con due, era fiacco, e
cercava il terzo, pigliandone tra i Turchi prigionieri. Data
l'espugnazione della Prèvesa con qualche centinajo di prigionieri, il
Patriarca si sarebbe interzato a preferenza di ogni altro.

[42] _La necessità dei tempi._ Dunque i Veneziani capivano da sè la
qualità dei tempi vicini all'equinozio, la stagione inoltrata, e il
bisogno di armarsi a dovere, senza andare all'altrui scuola, e senza
ricevere in casa per violenza gente straniera. Dunque la difficoltà dei
nostri armamenti era sempre pei rematori. E più si vede uno dei casi che
porta la variante nel numero dei legni di un'armata.

[43] Questi è Miniato Ricci, giovane fratello del Tesoriere, imbarcatosi
per venturiero sull'armata romana. Siamo chiari che il fratello
maggiore, temendo perderlo, usava ogni arte a richiamarlo: ma egli
stette saldo, e appresso avremo una sua relazione inedita della gran
giornata, alla quale fu presente.

MELE, mss. cit., _Genealogia di casa Ricci_, in quell'Archivio, da p.
165 a 180.



[8 settembre 1538.]

IX. — Se taluno dopo tanto tempo non avesse più alla memoria il fatto
della lega, oggi che siamo agli otto di settembre, si riscuota; che
finalmente si avvicina il giorno della salute, ed alla vista di Corfù
comparisce il glorioso Messia. Così, dopo averlo tanto aspettato
all'armata, si usava comunemente chiamare il principe Doria[44]. Egli
seco conduce una trentina di navi piene di infanteria spagnuola, quasi
dieci mila uomini, cavati dai presidî del Regno; e in vece delle
ottantadue galere pattuite, ne mena la metà, cioè quarantuna galea, tra
le sue e quelle di Napoli e di Sicilia e dei particolari assoldati dalla
maestà di Carlo. Niuna galera dei regni di Spagna[45]. Dopo le visite e
i complimenti, cominciano al solito le mostre e i consigli.

Prima di udire i pareri di quei signori scendiamo al porto sotto la
fortezza di Corfù, e vediamo ciò che si può consigliare e imprendere in
quest'anno coll'armata della lega così oramai raccolta come si trova; e
appunteremo sulla carta in breve compendio il novero dei legni, delle
artiglierie e delle genti, perchè a un batter d'occhio ciascuno possa
riconoscerne la forza. Nei numeri io mi tengo al minimo, e sempre sulla
testimonianza degli autori e dei documenti che per tutto questo libro
vengo citando. Per esempio, al patriarca Grimani non darò più di
ventisette galere, dovendo supporre che di fatto ne abbia disarmate
quattro, come egli scriveva di voler fare per interzarsi: similmente
escludo dal novero i legni minori, cioè le fregate e i brigantini nostri
e d'ogni altro; ma sempre ritengo le quattro galèe del conte
dell'Anguillara, che alcuni mettono in disparte. Ai Veneziani assegno il
minimo, dicendo galèe settantadue; perchè il compimento delle altre
dieci, e un numero anche maggiore essi tenevano altrove in distaccamenti
diversi per la guardia e scoperta nel golfo e nelle isole; e assegno
loro venti navi, compreso il famoso galeone, non potendosi ammettere
numero minore senza impedire il servigio e l'approvvigionamento delle
galèe. Una nave sola e grossa, chiamata la Cornara, assegno al
Grimani[46]; quantunque egli nelle sue lettere parli di più navette e
schirazzi, e della nave Malipiera al servigio dell'armata papale. Al
Doria assegno le trenta navi, che bastavano al trasporto delle
infanterie; e quarantuna galea, come trovo distinte a parte a parte le
sue proprie e le seguaci. Ho voluto altresì tener conto della maniera
diversa di questi e di quelli nel noverare le artiglierie; dandone dieci
o undici pezzi a coloro che tanti ne solevano portare; e dandone sette o
cinque solamente agli altri che stavano contenti al numero minore. Nelle
navi metto sottosopra trenta pezzi per ciascuna, quantunque compresavi
l'artiglieria minuta ne portassero di più. Rematori interzati calcolo
almeno cencinquanta per galèa; soldati settantacinque pei Veneziani, e
cento per ogni altro; marinari cinquanta per ciascuna nave o galèa. Con
queste regole, che possono essere provate e riprovate da chiunque,
compongo la tavola generale che metto nella nota[47].

[10 settembre 1538.]

Ci troviamo adunque dinanzi bella e fiorita armata: centoquaranta galèe
di battaglia, cinquanta navi grosse, trentasette mila tra soldati e
marinari, dumila e cinquecento cannoni, e capitani eccellentissimi come
il Doria, il Cappello, il Gonzaga, l'Orsino, il Simeoni, il Giustiniani
e tanti altri. Entriamo con essi in Consiglio; e chiunque abbia fior di
senno, un po' di pratica, e qualche lettura, giudichi ciò che possiamo
aspettarci. Primo di tutti il General veneziano, senza niuna querimonia
dei disordini precedenti, saluta il Doria: e, levando le mani, ringrazia
Iddio di poter vedere unita l'armata cristiana, per numero e per forza
capace di qualunque impresa. Indi richiede che si debba uscire, cercare
l'armata nemica, e conquiderla. Don Ferrante Gonzaga volge il discorso
assegnatamente alla Prèvesa, non solo per guadagnare quella importante
fortezza, ma anche per chiudere dentro al golfo l'armata nemica, nella
speranza di pigliarsela tutta a salvamano, come pochi anni avanti erasi
fatto nello stagno di Tunisi. Il patriarca Grimani non chiede altro
favore che di esser messo alla vanguardia: e per le recenti prove fatte
in quei rivaggi, promette condurre gli alleati a sicura e segnalata
vittoria. Gli altri a una voce ripetono battaglia e vittoria.

Il solo Andrea Doria si contrappose a tutti, e non comparve più quegli
che infino allora era stato. Uomo eccellente, gran marino, di alto
senno, e di cuor magnanimo, fedele a chiunque lo aveva assoldato senza
offenderlo, benemerito di papa Clemente, vittorioso a Corone, degno di
somma lode per tutto il quarto dei miei libri intitolato al suo nome; in
somma lo abbiamo messo e tenuto in grande onore, secondo il merito suo e
il dover nostro. Ma ora la fede dei trattati, la salute di tutti gli
stati d'Italia, e la suprema necessità civile e religiosa del
cristianesimo nel secolo decimosesto, mi costringono a compiangere la
sua e la nostra sventura, ripensando mestamente quanto miglior comparsa
avrebbe fatta quest'anno in Levante sotto miglior padrone. Il Doria
veniva fresco fresco dall'Acquamorta, bene indettato coll'astutissimo
Carlo e co' suoi consiglieri, donde traeva soldi ed onori col patto di
tenere a segno i Veneziani ed ogni altro. Perciò nel consiglio del dieci
di settembre, in vece di mettere animo, fecesi con grande sfoggio di
teoriche marinaresche a sciorinare le infinite difficoltà delle
battaglie navali, aggiungendovi i sinistri delle traversìe, delle
correnti, dei venti e delle tempeste equinoziali. In fine
coll'inesorabile rigore della logica prese a svolgere tutte le
conseguenze che aveansi a cavare dalla sua tardanza. Proclamò la
necessità di tenersi sempre vicino a qualche gran porto di rifugio,
escluse il punto principale della Prèvesa proposto dagli altri; e per
mostrare che i disegni suoi miravano a più alto vantaggio, propose nulla
meno della conquista di tutta la Morèa, cominciando da Patrasso e da
Lepanto; allegandone molte ragioni, e specialmente il comodo dei
ricoveri che in ogni fortuna di mare avrebbero quivi incontrato[48].
Tristo preambolo! la ricerca del rifugio, e non del nemico!

Niuno degli astanti si ardì replicare all'oracolo diffinitivo per non
rompersi fin dal principio. Ma perchè a voler andare da Corfù a Patrasso
e a Lepanto, secondo il disegno di Andrea, doveva l'armata della lega
necessariamente passare innanzi alla Prèvesa, dove era Barbarossa
coll'armata nemica, gli altri capitani di Venezia e di Roma mostrarono
di contentarsene, sotto espressa condizione che, traversando di là, e
prima di procedere avanti, si dovesse presentare la battaglia al nemico.
Pensavano certamente che Barbarossa, almeno per riputazione, non avrebbe
mancato di accettarla, nè a sè stessi sarebbe fallita l'occasione di
vincerla. Intendevano tutti che il primo assunto di campagna navale deve
essere la distruzione o l'avvilimento dell'armata nemica; senza di che
ogni altra fantasia di castelli, di isole, di porti, non può tornare che
vana. Andrea medesimo erane più d'ogni altro persuaso, e così aveva
fatto esso stesso a Corone: però costretto dall'evidenza, e dalla
maggioranza, accettava il partito, come colui che altresì ben conosceva
le diverse maniere di presentare la battaglia, volendo o non volendo
combattere.

[11 settembre 1538.]

Intanto il primo attacco non mira a Barbarossa, ma ferisce di punta i
Veneziani. Conciossiachè Andrea per tenerseli soggetti tanto che mai non
potessero fare diversamente dalle sue macchinazioni, preso pretesto
dalle galèe della repubblica non provviste a sufficienza di fanterie,
richiese solennemente al generale Vincenzo Cappello di lasciar montare
in ciascuna delle sue galèe venticinque fanti spagnuoli di rinforzo[49].
Vincenzo turbossi tutto alla insolente proposta: ma si contenne, e
rispose scusandosi di non poterlo fare senza espresso comandamento del
Senato. Si offrì nondimeno pronto a rinforzarsi al bisogno, togliendo
gente dai presidi di Corfù e del Zante, e specialmente dalle due grosse
brigate di riserva sotto Pasotto Pasio di Bologna e sotto Giacopo da
Nocera. Di più domandò, anche senza altri rinforzi, di esser collocato
in parte ove fosse maggiore il pericolo e più difficile la ritirata, in
tutto a giudizio e a piacimento del Principe. Il genovese ed il
veneziano, ambedue scaltriti, dissimularono: quegli contento della
superiorità assunta, e dei partiti che trar si proponeva tanto dal
consenso, quanto dal rifiuto, per governare le cose a suo talento;
questi offeso dal sospetto ingiurioso e dall'attentato di servitù
volutagli imporre.

Notate adesso come (quantunque per equivoco) il nome di Giannandrea,
nipote ed erede di Andrea Doria, esce fuori per la prima volta dalla
penna del gravissimo storico e cavaliero Giacopo Bosio proprio al
proposito delle pretensioni di mettere soldati spagnoli nelle galere
veneziane[50]; quasi che niun altro nome meglio del suo potesse legarsi
a questi tranelli, da lui poscia ripetuti a rischio di condurre gli
alleati sul punto di rompere in guerra mutua quattro giorni prima della
battaglia di Lepanto. Tanto erano radicati certi artifizi nei consigli
di Carlo e di Filippo, e dei ministri e degli eredi!

Ben so che i Veneziani non usavano empire di gente a ribocco le loro
galèe, come empivale Andrea, senza spesa, coi soldati di Carlo; ed anche
so che lasciando altrui il vantaggio dei numeri non però di meno
correvano in valore i Veneziani alla pari con tutti, e talvolta anche di
più. Ogni nazione ha il suo modo tradizionale di equipaggiare:
gl'Inglesi, per esempio, fino a questi ultimi tempi hanno usato tenere
il settecento dove i Francesi mettevano il mille; e così diversamente i
Portoghesi, gli Americani e gli Olandesi. Che però? Valevano forse meno
per questo gli uni degli altri? O vero qualcun di loro ha mai preteso,
sotto colore dell'alleanza, di mettersi di filo in casa altrui a
venticinque per volta?

NOTE:

[44] DOCUMENTO, che verrà per esteso alla nota 81, 82.

[45] PRUDENCIO SANDOVAL, _Vida y echos del emperador Carlos V_, in-4.
Pamplona, 1634, II, 184: «_No se pudieron armar las doscientas galeras
que prometieron.... las españolas no fueron allà._»

BONFADIUS JACOBUS, _Ann. genuen._, in-8. Brescia, 1747, p. 147: «_Veneti
omne suum belli apparatum Corcyram contulerant._»

[46] MARCO GUAZZO, cit., 235: «_La nave grossa Cornara, armata per il
Legato._»

M. GRIMANI, _Lettera_ cit. alla nota 33.

[47] ANTONIO DORIA cit., _Compendio_, p. 74: «_Galèe centotrentacinque,
navi più di cinquanta, soldati diecimila imbarcati._»

BOSIO, III, 178, A: «_Centotrentaquattro galere, e settantadue navi._»

MARCO GUAZZO, 234, 235. — ARCHIVIO RICCI cit.

E gli altri che di continuo cito.

SPECCHIO _dell'armata cristiana l'anno 1538_.

  Colonne:

  S: Soldati.
  M: Marinari.
  R: Rematori.
  G: Galere.
  N: Navi.
  C: Cannoni.

                      |                     FORZA
      Contingente     |       PERSONALE       ||    MATERIALE
          di          |———————————————————————||——————————————————
                      |   S   |   M   |   R   ||  G  |  N  |  C
  ————————————————————————————————————————————————————————————————
  1. Roma             |  2800 |  1400 |  4050 ||  27 |   1 |  300
  2. Venezia          |  7400 |  4600 | 10800 ||  72 |  20 |  960
  3. Malta            |   400 |   200 |   800 ||   4 |   » |   44
  4. Monaco           |   200 |   100 |   300 ||   2 |   » |   20
  5. Napoli           |  1800 |   900 |   750 ||   5 |  10 |  350
  6. Sicilia          |  1600 |   800 |   600 ||   4 |  10 |  320
  7. Andrea Doria     |  2200 |  1100 |  3300 ||  22 |   » |  220
  8. Antonio Doria    |   600 |   300 |   900 ||   6 |   » |   60
  9. Marchese di      |       |       |       ||     |     |
     Terranova        |   200 |   100 |   300 ||   2 |   » |   20
  10. Spagnoli sulle  |       |       |       ||     |     |
      navi            | 10000 |   500 |     » ||   » |  10 |  300
                      |       |       |       ||     |     |
                      |———————————————————————||——————————————————
             _Totale_ | 27200 | 10000 | 21800 || 144 |  51 | 2594
  ————————————————————————————————————————————————————————————————

                          Uomini           59,000
                          Legni               195
                          Cannoni           2,594

[48] BOSIO cit., III, 178, C: «_I generali tennero consiglio.... Non
parve al Principe il tener l'armata a quella traversìa.... Stagione e
tempi cominciati a rompere.... e per il parer suo andare
all'espugnatione di Lepanto e di Patrasso, quindi la conquista della
Morèa._»

[49] JOVIUS cit., 375: «_Venetis triremibus non plene confisum Auriam
disserebant.... quod ab initio presidium hispanorum militum, quod
distribui in venetas triremes debebat ut propugnatoribus firmiores
evaderent, superbe repudiassent._»

BOSIO, 178, C: «_Per mettersi al sicuro il principe Doria prese
risoluzione di rinforzare le galere veneziane, disegnando di mettervi
dentro venticinque soldati per galera, degli spagnoli vecchi.... e
questo anche per assicurarsi._»

MAMBRINO ROSEO, cit., 228: «_Il Cappello accettasse venticinque
archibugeri spagnoli per ciascuna galera.... egli disse che quando gli
fosse parso mettere altra gente avrebbe fatto venire altri soldati in
supplemento.... Il Principe non disse altro, mostrando restar
soddisfatto._»

[50] BOSIO cit., III, 178, E: «_Il generale Cappello non volle in modo
alcuno i soldati spagnuoli nelle sue galere.... Con tutto ciò il
Principe non lasciò di passare oltre, e mandò innanzi quattro galere a
carico di Giovan'Andrea Doria suo nipote._» (Leggi di Giannettino,
perchè Giannandrea non era nato nel 1538, ma l'anno seguente.)



[25 settembre 1538.]

X. — Non farei troppo conto degli intrighi minori, se non fossero maglie
di rete maggiore, nella quale trovo avviluppati gli uomini, i fatti e i
costumi che mi studio fedelmente ritrarre dal principio alla fine col
pensiero e col discorso, perchè più facile e piena conoscenza ne piglino
i lettori. Chè se amano fuggir fastidio, passino innanzi: e dal
venticinque dei Bisogni vengano al venticinque del settembre. Passate
altre tre settimane tra gli stenti dei consigli e delle astuzie! Ecco
tutta l'armata cristiana fuor del canale di Corfù scorrere a vela verso
la Prèvesa, secondo le mezze misure fermate in consiglio. Alla
vanguardia le galèe papali guidate dal Patriarca, nel corpo di battaglia
le galèe del Principe colle antenne tinte di nero per segno di speciale
ricognizione, alla coda i Veneziani, dolenti di essere al termine della
stagione, consunti dalla tardanza, avuti a sospetto e minacciati di
servitù. Le navi d'alto bordo, tutte sulla destra, più larghe a mare, e
in due squadroni; l'uno condotto da Franco Doria genovese, l'altro da
Alessandro Condulmiero veneziano. Con questa ordinanza l'armata
cristiana si presenta alle fauci dell'Arta, si attela, dà fondo, e passa
quivi la notte sull'àncora. Gli esploratori vanno e vengono, portando le
relazioni dell'armata nemica racchiusa nel golfo; e diconla minore della
nostra, vuota di gente, e piena di paura. Nella notte Ariadeno ed Andrea
mulinano disegni, e già ciascuno ha preso il suo partito: anzi meglio,
ambedue sono venuti nell'istesso divisamento. L'uno e l'altro si propone
di sfuggir la battaglia, e insieme di far le viste di cercarla. Le
ragioni loro totalmente diverse, le arti uguali, l'onestà e il vantaggio
al Pirata. Venga, chi vuole apprendere arti pellegrine: venga e veda
come possono mostrarsi grandi battaglieri due ammiragli che non vogliono
battersi.

[26 settembre 1538.]

Fermo nei suoi ripieghi, e senza dare un minimo fastidio a chicchessia,
Andrea la mattina seguente distacca il suo Giannettino con quattro
galere, e lo manda verso il golfo a sfidar Barbarossa: e questi,
provocato in quel modo, risponde alla presenza di tutti essere egli
capace di uscir fuori, di restar dentro, di accettare e di rifiutare,
tutto in un tempo. Eccolo: sguinzaglia sei galèe disalberate; che,
costeggiando a mano manca, dànno segno di voler trascorrere alle spalle
dei provocatori. Ed ecco Giannettino a sua volta che si gitta rasente la
spiaggia per tagliare la strada ai nemici, o per ricacciarli a cannonate
nel golfo. Un'ora dopo escono di là altre sei galèe di barbareschi: e di
qua per segnali di Andrea muovono quattro di Malta e due di Roma,
provocandoli a combattere in numero pari. Sembra che accettino, levano
remi, sparano cannonate: e i nostri arrancano per guadagnare la bocca
del golfo, e per costringerli al combattimento. Ma che? I barbareschi si
ritirano; e gli altri danno loro il buon viaggio con una salva di palle
nei fianchi. Appresso fan capolino altri quattro; e il Grimani con pari
numero corre allo schermugio. In somma durando alla lunga lo
strattagemma, e uscendo più volte le quattro e le sei galere senza
profitto, finalmente tutti intendono l'astuzia del Pirata, che tenta
deludere e stancare i Cristiani, dappoichè combattere apertamente non
ardisce. E tutti eziandio intendono l'arte del Principe, che parimente
non vuole combattere, nè mettere gente in terra, nè assaltare la
Prèvesa, nè chiudere il golfo, nè ripetere le bravure della Goletta[51].
Fatte adunque le viste di aver compìto al debito suo, secondo le
deliberazioni del precedente consiglio, e levatosi un po' di Grecale dal
golfo, Andrea spara il segno della partenza per tutta l'armata, e fa
vela verso Santamaura. Non calza qui forse bene il proverbio, che le
cose passano tra corsaro e pirata?



[27 settembre 1538. All'alba, Grecolevante maneggevole.]

XI. — Giorno per sempre memorabile, e fin dal primo albore, il
ventisette di settembre, quando l'armata cristiana, filate una trentina
di miglia con venti variabili e mare grosso nella notte, e fermatasi
attorno alla Sèssola, isoletta a ponente di Santamaura, essendosi la
mattina messi i venti di Grecolevante, coi quali non si sarebbe potuto
doppiare capo Ducato per andare a Lepanto, giunse l'avviso che
Barbarossa moveva appresso con tutti i suoi. Le guardie del calcese,
poco dopo sclamavano maravigliate, dicendo vedere l'armata dei Turchi in
bellissima ordinanza. E tutti montando ad alto ripetevano: bellissima.
Imperciocchè essa veniva a vele gonfie, antenne parallele, carro a
sinistra, vento di Grecolevante maneggevole; e presentava da lungi la
figura di una grande aquila bianca, come se col corpo e colle ali
distese sorvolando lieve lieve, radesse l'azzurro campo del mare.
Faceangli testa venti galèe rostrate di antiguardo, tutte pomposamente
in armi, e coperte di bandiere variopinte: indi sfilavano sul collo in
più righe le fuste cangianti del pirata Dragut. Ingrossavano il corpo
ventisei galèe di Ariadèno, affusolate in rombo, colla capitana nel
centro ed il ricco stendardo vermiglio dell'impero. Salech-rais con
ventiquattro galèe spiccava al volo l'ala destra, e Tabach-rais con
altrettante distendeva l'ala sinistra. E la coda a pennoncelli
spiumacciati aprivasi con più filaretti di brigantini e di fuste
condotte dai pirati barbareschi[52]. In somma l'armata nemica contava
novantaquattro galèe, e sessantasei legnetti: dunque di forza e di
numero valeva a pena la metà della nostra.

Ora seguiamo con attenzione gli ordini del Doria e le manovre
dell'armata cristiana per continuarci sicuri nel giudizio, secondo la
ragione dei fatti e delle condizioni speciali del vento e del mare, e
delle mosse nelle ore diverse della stessa giornata: cose a bastanza
distinte dai contemporanei, tuttochè artificiosamente da taluno volute
confondere per pescare le scuse nel torbido. Penso per la loro
importanza trattarle a parte a parte, come segue:

[27 settembre 1538. Levata di sole, all'àncora presso la Sèssola, vento
Grecolevante maneggevole.]

Alla comparsa dell'armata ottomana da ogni altro riguardata con
ammirazione e diletto, impensierisce il principe Doria, perchè vede
ormai vicino il momento decisivo, tenuto infino allora con tanto studio
lontano. Però a pigliar tempo senza suo carico adopera il notissimo
ripiego dei consigli, sbrigliando le lingue a lunghi e diversi discorsi.
Chiama a sè i maggiori: e come se non avessero già pochi giorni prima
deliberato di combattere, rimette ogni cosa in dubbio, e ricomincia:
Ecco, dice (come se gli altri lo ignorassero), ecco sloggiato il nemico;
eccolo in aperto mare alle nostre spalle. Non può fuggire, nè
ascondersi, sta a noi combatterlo, come vogliamo. Ma bisogna pensarci
bene, prima di metterci al rischio, perchè sarebbe inutile il pentirsi
dappoi. La salute della cristianità, e la riputazione dei nostri
principi dipende da questa armata, perduta la quale non abbiamo altro
per difendere le nostre marine. Più di tutti pensi il general veneziano,
che insieme alla ruina dell'armata sua ne andrebbe per la repubblica la
perdita dello stato e della libertà[53]. Non parvi di sentire i medesimi
propositi che dopo trenta anni correvano per la bocca dei ministri
spagnoli continuamente alla presenza di don Giovanni, e la mattina
stessa della battaglia di Lepanto?

Il generale Veneziano risponde non volersi perdere nè punto nè poco in
sinistri presagi. Sapere che i suoi Signori di Venezia hanno già
preveduto ogni cosa, e comandatogli solamente di combattere senza paura.
Lo metta il Principe alla vanguardia, ai maggiori pericoli, dove a lui
piace, andrà risoluto, per la fede, per la patria: e trovandosi bene in
ordine, con sì bella armata, superiore di numero e di forza al nemico,
nel giorno tanto lungamente desiderato, non altro poter pensare che
battaglia e vittoria[54]. Il patriarca Grimani, per non dar subito
contro il Principe, discute un poco se sia meglio per combattere il
muovere o l'aspettare: poi volgendosi alle proposte generose del
Veneziano, aggiugne che se i principi collegati avessero voluto soltanto
pensare a conservarsi l'armata non l'avrebbero fatta uscire dai porti,
nè mandatala in Levante a sfidare i nemici: conchiude che alla vista dei
Turchi e di Barbarossa non si può pigliare altro partito che di
combatterli e vincerli, per liberare una volta la cristianità dai
pericoli e dagli insulti[55]. Gli altri insieme ripetono battaglia e
vittoria, tanto più che, durante il consiglio, il vento è saltato a
Levantescirocco, vantaggioso all'armata cristiana per piombare con tutta
la forza delle galere e delle navi contro il nemico. Onde il Principe,
col voto di tutti, termina dicendo: Dunque così sia: e favorisca Iddio
il nostro ardimento. Nondimeno la consulta ha fatto perdere tre ore,
senza di che saremmo già alle mani.

[27 settembre 1538. 9º m. Levantescirocco fresco.]

La deliberazione della battaglia si propaga in un baleno tra le genti
con segni di manifesta universal contentezza. Presti a salpare, a far
vela, ed armi in coverta. Le navi divise in due corpi sulle punte delle
ali: metà sulla destra al comando di Alessandro Condulmiero, capitano di
un galeone veneziano; metà sulla sinistra con Francesco Doria. Le galèe
in tre corpi, distanti due gomene tra loro, e scaglionati da sinistra a
destra. Il Principe di vanguardia e più largo a mare, appresso i
Veneziani nel corpo di battaglia, e il Patriarca ultimo al retroguardo,
più vicino all'isola di Santamaura[56]. Le galèe di ciascun corpo tutte
sopra una linea distanti, l'una dall'altra per la metà della loro
lunghezza: e tanto bene vanno per la via assegnata e descritta nella
carta consueta dell'ordinanza, che meglio non andrebbe sulla piazza un
drappello di lanzi veterani.

Barbarossa da sua parte, vedendo a vele gonfie e con sì bell'ordine
tutta l'armata cristiana farglisi incontro, palpita più d'Andrea:
prevede vicino non solo il combattimento, ma più anche la sua intiera
disfatta[57]. Nondimeno acconciandosi alla necessità, scompone l'aquila,
e distende la curva in figura di mezza luna, studiandosi a remi di
accostarsi alla terra per guadagnare sopravvento. Dunque i due padroni
del Mediterraneo ci danno nella mattinata buon saggio della loro
abilità, e in modo diverso: chè il Pirata, inteso dirittamente al suo
scopo, si copre di figure bizzarre; e il Cortigiano conduce linee rette,
inteso pur col pensiero e co' fatti al rovescio. Non già che l'arte del
navigare e del combattere consista nelle comparse degli aquiloni, delle
lunate e dei rettilinei: ma e' son segni evidenti della sicurezza e
intelligenza dei capitani; come pur dell'arte e obedienza dei marinari,
e della agilità e maneggio dei legni. Segni di eccellenza nei
soprastanti e nelle masse: non essendo dubbio che gran cose saprà fare a
un bisogno e per necessità, chi sa farne a soprabbondanza per diletto.

[27 settembre 1538. Mezzodì, bonaccia.]

Intanto le due armate si appressano, già sono vicine a un miglio, quando
sul mezzodì il vento che infino a là tanto bene ha portato l'armata
cristiana tutta unita, navi e galèe, cade del tutto e si fa malaccia con
qualche rifolo dall'istesso quartiere. Tutti richiamano le tre ore
perdute nella consulta. La piccola distanza di un miglio si potrebbe
superare coi remi in dieci minuti: ma le navi resterebbero indietro, e
le galèe andrebbero sole. Perciò il Principe mettesi in giolito: tanto
assegnatamente, che alcune navi più destre e veliere, fatti i
coltellacci e scopammari, e raccolta ogni bava minima di vento, pur gli
passano avanti.

Primo di tutti il galeone del Condulmiero, coperto di cotone da cima a
fondo, tira alla punta dell'ala di Tabach, e lo provoca in modo, che
costui si risolve di farlo assalire da una falange di galere, perchè lo
caccino a picco. Comincia pertanto la detta falange a trarre contro il
galeone; e il Condulmiero nullamente risponde, aspettando di mettersela
tutta vicina. E come si trova tanto da presso da avere ogni colpo per
sicuro, lancia la prima fiancata a cartocci di scaglia, e scopa via
d'attorno quanti Turchi si mostrano; sì che ai pochi rimasti in vita
pare un'ora ogni istante che tardano a fuggire[58]. Animato da questo
successo, il Condulmiero si prepara a conciare per simigliante maniera
tutta l'ala di Tabach; e già il galeone di Franco Doria si mette in
punto di fare altrettanto sull'ala di Salèch; e tutta l'armata
cristiana, soldati, marinari, spagnuoli ed italiani (se ne togli alcuni
silenziosi politiconi), tutti chiedono che si debba non solo arrancando,
ma volando, se fia possibile, investire l'armata nemica: tutti vedono di
aver cinquanta galèe di vantaggio, alcune navi già innanzi, e le altre
vicine[59]. All'incontro Andrea, mantenendo le riserve assunte dal
principio, fa dare qualche palata, e tra la maraviglia di tutti colle
sue galèe piglia un giro di lungo circuito dalla sinistra attorno alle
navi verso il largo del mare[60]. Forse che Giannandrea coll'istessa
arte non allargossi a Lepanto?

[27 settembre 1538. 3º s. bonaccia.]

Barbarossa intende benissimo quella lentezza e quegli aggiramenti
lontani, e ne piglia conforto. Spera che i Cristiani se ne andranno
senza far nulla. E non volendoli provocare, anzi parendogli già troppo
di essere stato le tre ore a fronte di armata tanto superiore, comincia
a dare lento lento alcune palate indietro, tirandosi verso terra. In
quel punto lo sdegno divampa dai petti generosi, in ogni brigata si
mormora del Doria, e i due generali di Venezia e di Roma con velocissimi
palischermi corrono a trovarlo, pregandolo e scongiurandolo che dia il
segno della battaglia, levi in alto il grande stendardo, e non perda
occasione tanto propizia e desiderata[61]. Andrea in gran sussiego
risponde buone parole più all'uno che all'altro: e gli esorta ambedue di
ritornarsene a bordo, e di osservare attentamente di là a mano a mano i
segnali.

[27 settembre 1538. 5º s. Scirocco fresco.]

Un ora prima del tramonto ridonda a un tratto il vento favorevole da
Scirocco: beneficio solenne per tutta l'armata cristiana[62]. Già le
navi in massa ripigliano l'abbrivo, già si avanzano per investire i
nemici; e le galèe anche senza l'uso delle vele e dei remi, per sola
spinta del vento ne' corpi agilissimi, da sè son venute tanto vicino,
che i marinari possono distinguer bene i colori, le vestimenta, e i
paurosi sembianti dei Turchi[63]. I Cristiani di ogni nazione e di ogni
parte ripetono: battaglia, battaglia. E vedendosi con tanti vantaggi di
numero, di forza, di navi e di vento; all'incontro il nemico avvilito,
fuggiasco, presso a terra, accertano con pronto conflitto di
sbaragliarlo. Ma che? In quel procinto Andrea, senza dir motto ad
alcuno, e senza far segni, contro ogni ragione di milizia, e fuori della
espettazione di amici e nemici, scioglie le vele, piglia il vento, mette
il timone alla banda, si allarga alquanto a ponente, e poi con tutte le
sue galere, e vento in poppa se ne fugge a Corfù[64].

NOTE:

[51] JOVIUS cit., 372, 18: «_Turcicæ namque triremes quatuor, cum
expeditis totidem triremibus egressæ eludendo rursus intra fauces se
recepere._»

BOSIO cit., III, 178, E: «_Uscir si videro sei galere disalborate dalla
bocca dell'Aria.... e poco dopo altre sei.... gli andò incontro il
Simeone colle quattro galere della Religione e due del Papa.... Dopo ne
uscirono altre quattro.... il Patriarca Grimani le fece ritirare._»

ANTONIO DORIA, _Compendio_ cit., 74: «_Barbarossa uscito con parte delle
sue galere a scaramuzzare.... Andato Andrea con tutta l'armata, et
parendoli di non tentare l'entrata, et di star fori inutile, deliberò
partirsi._»

[52] JOVIUS cit., in-fol. Basilea, 1578, p. 373: «_Navigiorum omnis
generis quæ remis aguntur centum quinquaginta.... leviores vero
myoparones.... Mediæ aciei cohærebant cornua tanto ordine ut alas
extendentis aquilæ speciem præberent.... Mirabundus Auria...._»

BOSIO, 179, C: «_Andò Barbarossa con sì bella e ben intesa ordinanza che
con maraviglia ne fu non poco dall'istesso principe Doria laudato. Tutta
l'armata rappresentava la figura d'un'aquila, che le grandi ali
spiegasse._»

DE HAMMER, X, 513: «_Ssalih-reis, Tabâch-reis._»

[53] PARUTA cit., 61: «_Si tornò di nuovo a consultare.... all'hora il
Doria disse: Bisogna per certo pensarci bene.... perdute queste forze è
disperato ogni soccorso._»

CESARE CAMPANA, _Vita di Filippo II_, in-4. Vicenza, 1605. Parte I, deca
II, p. 37, b: «_Quivi si ebbe lungo e prudente consiglio di quanto si
havesse a fare._»

[54] ULLOA ALFONSO cit., 157: «_Si dice per cosa certa che il Cappello,
vedendo gli nimici, desideroso di combattere, disse al Principe.... che
egli era presto.... gli desse la vanguardia.... si porrebbe volentieri
ai primi pericoli._»

[55] MAMBRINO ROSEO cit., 228: «_Il patriarca Grimani e il generale dei
Veneziani sollecitano il Doria al combattere._»

[56] BOSIO cit., 180: «_Avendo ogni galera il suo luogo in conformità
dell'ordine che, in una carta particolarmente descritto, si era mandato
a ciascuna galea per ordine del Principe._»

PARUTA, 63: «_Volle il Doria colle sue galere porsi dinanzi agli altri,
tenendo il luogo dalla parte del mare; al Cappello assegnò la battaglia,
e nella retroguardia il Grimano._»

[57] ANTONIO DORIA, _Compendio_ cit., 76: «_Barbarossa, veggendosi andar
sopra le navi a vele piene, hebbe terrore._»

[58] ULLOA cit., 157, fin.: «_Dal galeone furono disserrate tante
cannonate che fece ritirare i Turchi non senza gran danno._»

[59] PRUDENCIO SANDOVAL cit., 184, b.: «_Los de la liga quieren
batalla.... nunca hombres estuvieron con mayor gana de pelear, que los
de la liga aquel dia.... pedian batalla Vicente Capello y el
Patriarca.... No queria pelear Andrea de Oria sin las naves._»

[60] ULLOA, 157: «_Il Doria.... facendo un lungo circuito, senza venire
alle mani coi nemici, faceva maravigliare ognuno._»

MARCO GUAZZO cit., 239: «_Il Principe un'altra volta addietro e di fuori
delle navi ritornossi._»

VERDIZZOTTI cit., 660: «_La vera cagione dei ritardi del Doria era
quella stata sempre. Non voleva combattere. Nè tardò molto a
manifestarlo chiaro._»

PARUTA cit., 68: «_Il Doria risoluto, come mostrarono tutte le
osservazioni sue, di non commettersi al rischio della giornata._»

[61] PARUTA cit., 67: «_Il general Cappello ed il patriarca Grimano
gridarono ad alta voce che non si perdesse omai più tempo.... E al Doria
disse: Andiamo, signore, ad urtare i nemici che fuggono; il tempo e le
voci dei soldati ne invitano, la vittoria è nostra, io sarò il primo ad
investire._»

MARCO GUAZZO, 239: «_Il general Cappello andato dal Prence disse: Che
facciam noi? Chè non investiamo nei nemici?_»

[62] MARCO GUAZZO, 240: «_Nell'hora che il sole si preparava per
tuffarsi, un nembo con alquanto di vento levossi.... per andare a vela a
Corfù._»

ULLOA, 158: «_Nembo col vento di Scirocco._»

PARUTA, 68.

[63] BOSIO cit., III, 480, D: «_Barbarossa si era già tanto avvicinato,
che dalle galere delle Religione si discernevano i colori delle giubbe e
dei vestimenti dei Turchi._»

[64] PRUDENCIO SANDOVAL cit., 185: «_Andrea de Oria.... sin concierto ni
respecto echò le buelta dè Corfù, hacia do corria el viento; haviendo
perdido aquel dia la honra y fama que de buen capitan tenìa._»

BOSIO cit., 180, D: «_Il Principe fece dare il timone alla banda contro
l'aspettazione degli amici e dei nemici, declinando dal dritto cammino,
allargandosi in mare._»

MAMBRINO ROSEO cit., 229: «_Infame fuga dell'armata cristiana.... Il
Principe si rivoltò verso Ponente coll'armata dilungandosi ogni ora più
dalla drittura.... e se ne andò a Corfù._»

ULLOA, 157: «_E così il principe Doria, capitano di tanta esperienza,
quel giorno non valse nulla, perdendo l'occasione migliore che mai ebbe
di lode e fama con grande accrescimento della cristiana religione....
L'Imperatore non aveva colpa._»



[27 settembre 1538. Il tramonto. Scirocco fresco.]

XII. — Alla vista di tale ontosa e inaspettata fuga, l'armata, navi e
galèe, Veneti, Spagnuoli e Romani, caddero nella confusione, abbandonati
senza governo; infino a che questi e quelli, e poi tutti furono di
avviso di dover seguire lo stendardo del grande Capitano[65]. Ma nel far
vela, e nel poggiare al largo, i navigli si investirono e intricarono
tra loro, che se Barbarossa gli avesse caricati, come doveva, cadevano
tutti irreparabilmente nelle sue mani. Ma al Pirata non sembrava
possibile nè tanto errore, nè così solenne perfidia: sospeso però
dell'animo in molti pensieri, temendo strattagemmi, e non volendo
arrischiare battaglia, dette tempo ai nostri di allargarsi e di
rannodarsi alquanto. Ma poscia reso sicuro del fatto, e orgoglioso
dell'inaspettato trionfo, ordinò la caccia, traendo a furia grida di
vergogna e colpi di cannone dietro alle spalle dei fuggenti. E non
avendo mai la reale del Principe osato voltar faccia, nè contrabbattere,
niuno si ardì sparare un sol pezzo per sua difesa. Indi cresciuto tra i
Cristiani il disordine ed entrato il timor panico, si dierono a correre
a chi più poteva verso Corfù, e quasi venti galere fino in Puglia: e
quanti vi ebbero navigli tardi alla vela, o sbandati, tanti furono
assaliti e presi dai Turchi.

Qui devo sostenere alquanto per sovvenire, almeno colla voce, alla
tredicesima delle nostre galèe, armata in Ancona, e condotta dal
cavalier Giambattista Dovizî, detto l'abate di Bibbiena. Il legno, tanto
forte per la bravura e pel numero dei combattenti, quanto fiacco di
rematori, ebbe danno dai compagni nel procinto della ritirata, e rimase
addietro. Assalito da due galeotte, le ributtò tuttaddue; e sarebbe
scampato pel valore del capitano e delle genti, se non fosse venuto
Dragut con altri quattro contro lui solo. Il Bibbiena si difese da
disperato, le ciurme istesse presero l'armi coi soldati, e combatterono
alla vista di tutti più di mezz'ora. Finalmente al tramonto del sole la
galèa fu presa, quando non vi ebbe quasi più alcuno in vita a
difenderla. Sotto gli occhi di Andrea i Turchi abbatterono lo stendardo
del Papa, ne incatenarono il capitano, tolsero ogni cosa[66]. La
riscossa verrà coll'armi dal nostro conte Gentile, come in alcun luogo
diremo.

In somma sul far della sera i Turchi avevano in poter loro una galèa di
Venezia, una di Roma, e cinque navi di Spagna, non ostante l'eroica
difesa de' loro fortissimi capitani e soldati lasciati in abbandono[67].
Ardevano in mezzo al mare le navi da carico, e il famoso galeone del
Condulmiero, che aveva sul mezzodì così bene incominciata la battaglia,
abbandonato da tutti e traforato da molte palle, si credeva comunemente
perduto, infino a tanto che tutto lacero e sanguinoso dopo tre giorni
non fu ricondotto dall'intrepido capitano in Corfù.

[27 settembre 1538. La notte. Scirocco fresco.]

Finalmente venuta la notte dopo l'infelicissima giornata, che ci portò
tutti i danni della sconfitta senza niuna prova di battaglia, il
principe Doria volle che non si accendessero i fanali, ma celatamente si
navigasse di ritorno a Corfù, dove si aveva a decifrare la sua conquista
di tutta la Morèa con Patrasso e Castelli. Tutto ciò crebbe animo ai
barbari, e dette loro occasione di insolentire maggiormente, dicendo con
amaro sarcasmo essere stati nascosti i lumi per coprir meglio tra le
tenebre la fuga e la paura[68]. Derisi adunque dai barbari, e fuggendo
al bujo tutta la notte, confusi e taciturni volgeano loro malgrado lo
sguardo alle cornute punte della luna ottomana, e vedeanla sopraccapo
crescere minacciosa e terribile[69]. Imperciocchè i Turchi infino a quel
punto timidi e quasi disperati sul mare, non pensando mai di attribuire
ad altrui difetto così grande successo, ma ascrivendolo soltanto alla
propria bravura, si levarono indi in poi a tragrande superbia, e
divennero quanto mai petulanti, arrogantissimi, e solenni dispregiatori
del nome cristiano[70].

Quella notte Andrea corruppe il sentimento morale della marineria per
tutta la cristianità, togliendole la fiducia e la coscienza della
propria virtù. Quella notte certi politiconi dell'equilibrio musulmano
(i quali per interesse faceano grande assegnamento sul braccio del Turco
come sopra leva sufficiente a contrappesare questo e quello)
cominciarono a dar voce che i Turchi erano invincibili per mare.
Tenetelo a memoria: e ne vedrete le conseguenze tra i cortigiani della
Porta e di Spagna per altri trent'anni e più, fino alle acque di
Lepanto; dove Giannandrea avrebbe ripetuto in sesto minore la medesima
manovra dello zio, se avesse avuto l'istessa autorità. Andrea previde le
conseguenze e gli fu forza di piangere. Ma quelle lacrime non tolsero i
disastri, nè discolparono la sua condotta, nè estinsero il fuoco della
discordia continuamente rattizzato dai suoi parziali per volerlo
difendere a scapito dei Veneziani, come se questi per esser presti alla
fuga, in vece dei mattaffioni e delle garzette avessero serrate coi
giunchi le vele. Il metodo si usava da tutti, e si usa ancora per buoni
effetti, non per fuggire[71]. La causa è vinta, quando l'avversario non
ha altro argomento che sospetti assurdi, e ridicole recriminazioni, come
queste.

NOTE:

[65] ANTONIO DORIA, _Compendio_ cit., 77: «_Andrea Doria diede la
volta.... Andrea schivò la battaglia la seconda volta.... Barbarossa
veduto fuggire le galee cristiane._» (Nel punto della fuga tutti
combinano, anche Antonio, parzialissimo di Andrea. Però la sua
confusione manifesta nel racconto a salti e pieno di ambagi, tra le
quali ne metto una sola per saggio, dove dice: «_Restando a ponente più
verso la terra di Leucata._» Questo è impossibile, perchè Leucada guarda
per traverso ponente, e chi le resta più a ponente sta più verso mare,
non più verso terra.)

[66] AMMIRATO cit., 661: «_Restaronvi prese due galere; una veneta di
Francesco Mocenigo ucciso d'archibugiata, ed una pontificia dell'ab.
Gio. Batta Bibiena, che fu fatto schiavo._»

MAMBRINO ROSEO cit., 229: «_Furono prese due galere di Cristiani; l'una
dall'abate Bibbiena.... e l'altra di Francesco Mocenigo.... le quali
combatterono con mirabile difesa._»

[67] ULLOA cit., 157, b. med: «_Barbarossa prese due galere.... e la
nave di Luigi di Figueroa spagnolo, et alcune altre navi da carico, le
quali furono abbruciate._»

SANDOVAL cit., 184: «_Los Turcos combatieron tres naos en que iban
españoles, y tomaron la del capitan Villegas de Figueroa, natural de
Ocaña._»

[68] SANDOVAL cit., 185: «_Barbaroxa dixo en español muchas veces, y
todas riendo a carcaxadas, O como Andrea de Oria mata a las linternas
por no ver por donde huye!_»

[69] DE HAMMER cit., X, 517: «_Le imprese di Barbarossa.... furono
prosperose solo per la inattività del Doria._»

ANTONIO DORIA cit., 52. — V. vol. I, p. 342.

[70] MIGUEL CERVANTES, _Don Quixote_, in-8. Ambères, 1673, I, 451: «_A
quel dia de Lepanto.... se desengaño el mundo, y todas las naciones del
error en que estaban, creyendo que los Turcos eran invencibles por la
mar._»

LEOPOLD RANKE, _The ottoman and Spanish empire_, in-4. Londra, 1843, p.
23: «_The Turks ruled the Mediterranean in war and piracy ever since
that day of 1538.... They believed that the christians would never
venture again to stand before them in open fight. This superiority
endured till the year 1571._»



[29 settembre 1538.]

XIII. — Le infauste notizie dell'armata corsero rapidissime da Ancona e
da Brindisi a Venezia ed a Roma, e le due città presero aspetto di tale
costernazione, quale si vede nei giorni più acerbi di pubblico
infortunio. Da una parte l'insolenza cresciuta ai barbari e ai pirati,
dall'altro l'avvilimento delle armi proprie, il discapito della società
e della religione, tutti vedevano; e insieme l'onore delle armi, il
sangue dei cittadini, il pubblico danaro, le navi, le milizie gettate in
una voragine di guerra e di spesa inutile, anzi vituperosa e per gli
indugi e per la fuga del principal condottiero. Tutti cercavano la causa
del disastro, pochi la capivano, niuno ardiva scriverla[72]. Ma un fatto
tanto grave, con tanta cura preparato, e costantemente seguìto anche dai
successori per tanto tempo, deve avere una ragione stabile, arcana,
alta, che non mette a pericolo i mancatori, anzi gli assicura e li rende
più cari ai padroni e più potenti tra i cortigiani: dunque la ragion di
stato. Con lungo studio ho cercato io di spiegare a me stesso questo
fatto: ed ora per debito di storico, dovendo ragionevolmente stabilire
le cause e gli effetti dei grandi successi, ad esempio dei posteri, ed a
giusta retribuzione di lode e di biasimo, cui spetta, grande o piccolo,
nostrano o straniero; massime trattandosi di personaggio per tanti
titoli commendevole, al quale la pubblica opinione non attribuisce altro
che bravure, e da me stesso tante volte lodato, presento ai lettori la
sostanza di ciò che han detto in questo caso i suoi difensori, i suoi
nemici e gl'imparziali. Si vedrà che tutti, volendo o non volendo,
menano alla medesima conclusione, come il lettore dalla precedente
esposizione dei fatti deve prevedere.

L'ira e le accuse dei contemporanei contro Andrea non ricorderò io colle
parole della plebe rabbiosa, ma colle scritture notissime ed assennate
di Scipione Ammirato e di Paolo Paruta, ambedue lodati dal Tiraboschi; e
più il Paruta dal Pallavicino, come «Storico egregio tra gli italiani,
non meno per candore di sincerità che di stile, e per limpidezza di
pietà che di prudenza». Il primo parlando della pubblica indignazione,
che veniva crescendo come si moltiplicavano le lettere private, nelle
quali minutamente si narravano i fatti e biasimavasi Andrea, dice[73]:
«Non vi fu accusa, non vi fu detrazione contro il Doria, che avventata
non gli fosse. La sovranità del comando conservavalo in rispetto,
altrimenti gli sarebbero corsi in faccia gli sputi universali: tanto era
grande la rabbia.... Il mancar di fede è colpa da non rimettersi, nè da
gastigarsi mai abbastanza.» Il senator Paruta scende ai particolari, ed
enumera ad una ad una le accuse comuni e le voci che allora
correvano[74]. La privata amicizia di Andrea con Barbarossa, la venuta
di una galeotta piratica al suo bordo presso la Prèvesa, gli interessi
suoi nel mantenimento della pirateria, l'avversione contro i Veneziani,
la tinta di nero data alle antenne per arcano segno di secrete
intelligenze, l'ambizione della propria grandezza, il timore di mettere
a rischio la sua persona, l'avarizia delle sue sostanze e galèe, dalle
quali dipendeva tutto l'esser suo pel bisogno che aveva l'Imperatore del
suo servizio. Indi soggiugne cosa di gran momento e inaspettata,
scrivendo: «Nè più degli altri astenevansi da queste accuse gli
Spagnuoli: anzi il marchese d'Agialar, ambasciatore di Cesare in Roma,
pubblicamente detestava le operazioni del Doria; mostrandosi in ciò
forse più ardente per levare quel carico, che da tale successo potesse
nascere, all'Imperatore; quando fosse nato sospetto essere ciò eseguito
di ordine e di commissione di lui.» Dunque per quanto sia grande il
susurro popolare, la destrezza dei ministri e la cautela degli
scrittori, una cosa in fondo si rivela dalle parole dei contrari: cioè
corso libero a tutte le accuse, salvo al sospetto di infedeltà combinata
tra Carlo ed Andrea.

Tra gli imparziali metto il fiore dei dotti e religiosi uomini, e primo
il cardinal Pallavicino, con queste parole[75]: «Della Lega seguirono
successi inferiori alle speranze, bastando ad Andrea Doria mandare a
vuoto gli sforzi dell'inimico senza combattere, eziandio che la vittoria
apparisse molto più verosimile della sconfitta: poichè dall'una si
prometteva egli leggier vantaggio del suo principe, e dall'altra gli
prevedeva grandissimo detrimento. Il qual consiglio gli partorì l'odio
appresso i collegati e l'infamia appresso la moltitudine.» Dunque non si
procede conforme alle esigenze della cristianità e del comune vantaggio
dei collegati, ma a seconda dei privati interessi di Cesare. Ciò
conferma con poche e circospette parole il cavalier Giacopo Bosio nella
storia dell'Ordine suo, dicendo[76]: «Avvegnachè il principe Doria in
quella giornata nell'opinione di molti dall'acquistata riputazione sua
non poco cadesse, ne assegnò egli nondimeno all'Imperatore ragioni tali,
che per sicurezza degli stati suoi di lui soddisfattissimo rimase.» Con
maggiore intrepidezza, e per zelo di religione, leva la voce Odorigo
Rainaldo dell'Oratorio, continuatore del cardinal Baronio, e storico
ufficiale di Roma, negli Annali ecclesiastici, scrivendo[77]: «In verità
io mi vergogno di raccontare nell'anno presente i fatti dell'armata
cristiana.... Mancò al dover suo Andrea Doria, anche nel momento di
combattere, quando si vedeva più certa la speranza di vincere;
quantunque sollecitato a battaglia dai generali di Venezia e di Roma.
Esso al contrario, facendo sul mare inutili giravolte e più vana
ostentazione di arte marinaresca, prese finalmente il turpe partito
della fuga, e se ne andò deriso dai barbari, che gli ciuffarono sette
bastimenti tra navi e galèe, e ne fecero falò in mezzo al mare....
Furono sparse voci sinistre intorno alla sua condotta; ma dicono che
Andrea non ne facesse niun conto: perchè egli riduceva la somma delle
cose al comodo di Cesare. Il quale, avendo accapigliato i Turchi contro
i Veneziani, non aspettava altro che vedere quest'ultimi stremati di
forza e di sostanza, per gittarsi sopra di loro, e spogliarli del
dominio di terraferma.» In questo modo gli imparziali rincalzano
l'argomento: e dalle basse regioni delle ingiurie personali montano alle
sublimi ragioni di stato, dove assicurano l'assunto della infedeltà fuor
di controversia. Ma perchè sarebbe ingiustizia condannare chicchessia
senza udirne le difese, volgiamoci ai due che hanno scritto di proposito
in favore di Andrea.

Udiamo il Sigonio discolparlo così[78]: «Noi non cerchiamo di
investigare le cose occulte, gli ordini dati in secreto, gli intimi
pensamenti dei principi, e le oscure volontà degli uomini.... Per voler
di Dio il Doria non fu favorito dalla fortuna, perchè tutti confessano
che il vento mancò.» A mezzodì pel desinare, signor Carlo, mancò il
vento; non all'asciolvere, nè alla merenda, quando Andrea lo sciupò
prima in consigli inutili, e poi in fuga vergognosa. Col vento fresco di
Scirocco in poppa sciolse le vele, fece orecchie di lepre alla
marinaresca, si allargò dai Turchi, fuggì verso Corfù e piantò i
Cristiani in confusione. Menollo il vento. E voi ravvolgetevi quanto che
sia per quella notte senza lumi, abbarcate cose occulte, secrete, intime
e oscure quantunque vi pare, che noi vediamo i fatti più chiari delle
parole; anzi per la medesima filatessa di scuse non ricerche vediamo più
che altro manifesta l'accusa. E quanto alla temerità di interpretare a
rovescio la volontà di Dio... Passiamo all'altro, commensale di Andrea e
segretario dell'Altissimo, il quale al modo istesso non trovando nè per
mare nè per terra scuse sufficienti alla difesa; e non sapendo dove che
siamo noi piantar chiovello da carrucolare il convincimento nostro, si
volge al cielo dove ci ha lasciati il collega suo, ed esclama[79]: «Il
grande Iddio, che vide la strage che si faceva quel giorno di sangue
umano, se due sì potenti armate combattevano alla Prèvesa, levò di
animo.... che si combattesse.... Di maniera che qualunque esaminerà quel
successo (dirittamente giudicando) confesserà che fosse permissione
divina che quelle due armate non si azzuffassero insieme.» Caschi
adunque il diritto di guerra e pace, esultino i codardi, tremino i
prodi, si rompano i giuramenti, si tradiscano le alleanze. Chi potrà
trovarci biasimo? Sono permissioni divine! Vedi il sistema delle
discolpe personali come mena alla negazione dei principî eterni della
giustizia, e quindi quanto importi alla storia di mettergli il freno.
Non sono mai mancati, nè mai saranno per mancare nè sofismi, nè
bestemmie, nè ciurmerie al fine d'imporre alla moltitudine e di mettere
gli stolti in confusione. Ma quei che hanno l'intelletto sano non
possono non vedere che, quando i difensori per scusare i falli di un
uomo intorbidano le massime supreme della morale, della difesa e delle
battaglie; e di più mettono in compromesso a favore dei Turchi la
provvidenza divina, secondo gli umori del loro cervello; in somma quando
spiegano dall'alto al basso coperchioni tanto fatti, e' deve esserci
sotto gran magagna da nascondere.

Ora esaurite le testimonianze imparziali, e pesate le accuse e le
difese, non sarò io giudice singolare a proferire la sentenza: ma
volentieri seguirò la formola del magistrato e legislatore supremo Carlo
V imperatore, alla quale senza appello tutti devono colla debita
riverenza sottomettersi. Pensate in quel primo fervore quanta gente
intorno a Carlo per dire, per sapere, per consigliare: gli ambasciatori
dei principi, l'oratore di Venezia, il nunzio del Papa, i grandi di
Spagna, i ministri, gli ammiragli, cento ronzoni pel gabinetto: ed egli,
non volendo mettersi in contradizione con alcuno, aveva pronta per tutti
una sola risposta, che ci ha conservata nei precisi termini il
Cappelloni segretario del Principe. Diceva Carlo, semprechè alcuno
parlava dei successi della Prèvesa[80]: «Per mia fede, Sua Santità in
quell'impresa ha mancato. Io ho mancato, et i Vinitiani mancarono; et
niuno ha fatto il debito suo, se non il principe Doria.» Dunque erano
d'accordo: e Andrea ha obedito agli ordini di Carlo. Ecco tutto.

Che maraviglia dunque se Andrea diviene sempre più grande, più accetto
al padrone, più potente alla corte? Carlo non naviga se non lo porta
Andrea, non entra in Genova senza alloggiare in casa d'Andrea, non move
foglia, nè fa alleanza, senza metterci alla testa Andrea. Soltanto il
Doria conosce e soddisfa al debito suo. Lo stento dell'arrivo, la metà
del contingente, la molestia del rinforzo, l'infingimento dei consigli,
il rifiuto di combattere, la fuga innanzi al nemico, l'abbandono degli
alleati, il trionfo degli infedeli sono tutti doveri di Andrea; tutti
servizi resi all'Imperatore. Carlo è soddisfattissimo per comodo suo:
così può tenere abbasso Venezia per mezzo del Turco, abbasso Milano per
l'impotenza dei Veneziani, basse le Sicilie per la paura dei pirati,
bassa Roma pel bisogno del soccorso, basso il Turco per la minaccia
della lega; ed alto solamente Carlo e la sua corte. In somma gli
Austriaci di Spagna volevano che il Turco ci fosse per contrappeso ai
Veneziani, i Borboni di Francia che ci fosse per contrappeso agli
Austriaci, altri che ci sia per contrappeso ai Moscoviti. In ogni tempo
la stessa politica dell'equilibrio, ordinato soltanto al proprio
interesse ed alla altrui depressione, ha tenuto Maometto in Europa.
Carlo, Filippo, Francesco e Sempronio han sempre fatto e faranno la
medesima cosa, e per le stesse ragioni. Dunque stian cheti gli
eccentrici difensori dell'Escuriale (non dico del muro, ma delle persone
in quella cerchia appostate) a proposito di queste faccende dei Turchi.
Filippo ha seguìto la politica tradizionale della sua casa, incominciata
dal bisavolo alla Cefalonia, e continuata dal padre alla Prèvesa. Ciò
risulta dalla catena dei fatti, dal raziocinio, dai documenti: e quanto
più se ne pubblicano, tanto meglio si conferma questa verità, che è
l'unica chiave per entrare nel laberinto di cotali maneggi, senza di che
non si capirebbe più nulla.

NOTE:

[71] BOSIO cit., III, 181, E.

SANDOVAL cit., 185.

BRANTÔME, _Capit. étrang. Leida_, 1666, II, 45.

MAMBRINO ROSEO cit., 231.

LETTERE DE' PRINCIPI, Venezia, 1561, p. 132.

[72] CIVILTÀ CATTOLICA, del 4 settembre 1875, p. 515: «_Ferdinando
d'Aragona aveva nelle sue mani il Consiglio supremo delle Indie; e guai
allo scrittore che si fosse osato allora dar lodi al Colombo, in onta
alla volontà ed ai risentimenti di cotesto Consiglio!_» (Sempre
l'istessa prepotenza, tanto nella lode che nel biasimo, secondo la
ragione o meglio l'ingordigia di stato.)

[73] SCIPIONE AMMIRATO, _Storie fiorentine_, in-fol. Firenze, 1641,
parte II, 661.

[74] PAOLO PARUTA, _Storia di Venezia_, in-4. 1717, lib. IX, p. 70.

[75] CARD. SFORZA PALLAVICINO d. C. d. G. _Storia del Concilio di
Trento_, in-fol. Roma, 1666, lib. IV, n. 30, p. 91.

[76] CAV. JACOMO BOSIO, _Storia della sacra religione et illustrissima
milizia di San Giovanni Gerosolimitano_, in-fol. Roma, pel Facciotto,
1602, III, 181, D.

[77] ODORICUS RAYNALDUS, _Congr. Orat. Annales Ecclesiastici post. card.
Cæsarem Baronium_, in-fol. Roma, Anno 1538, n. 26: «_Quid porro a
sociali classe gestum sit hoc anno, pudet referre.... Defuit Andreas
Auria.... ductis mari variis gyris et navalis peritiæ inani
ostentatione, demum turpem fugam, ridente Barbaro, capessivit.... Cumque
adversi rumores spargerentur, ferunt.... eos contempsisse, cum omnia
revocaret ad commodum Cæsaris, qui turcico bello implicitos Venetos, a
præpotente hoste viribus et opibus exhauriendos, terrestris imperii
urbibus expoliare posset._»

[78] CARLO SIGONIO, _Vita e fatti di Andrea Doria_, tradotti in volgare
da POMPEO ARNOLFINI, in-8. Genova, 1598, p. 210.

[79] CAPPELLONI LORENZO, _Vita e gesti di Andrea Doria_, in-8. Genova,
1565, p. 79, 89.

[80] CAPPELLONI cit., p. 79.



[30 settembre 1538.]

XIV. — Qui cade in concio di contrapporre agli studiati artifizî delle
ingordigie politiche una lettera scritta proprio di quei giorni da un
giovane venturiero dell'armata romana: il quale avvegnachè non potesse
entrare tanto addentro nei fatti e nei giudizî di quella giornata, e
qualche volta anticipi e posticipi come gli viene alla penna l'ordine
dei fatti, nondimeno con schiettissima semplicità, non disgiunta da
qualche arguta ironìa di sale romanesco, ripete i parlari di tutti, e
mostra pur di sapere da sè alcuno arcano e pauroso secreto da non
potersi confidare nè allo scritto, nè alla cifra: ma da essere riservato
a bocca quando che sia. Ecco la lettera inedita, che pubblico colle
stesse scorrezioni, delle quali chiede scusa per più ragioni esso stesso
lo scrittore, Miniato Ricci da Corfù addì 30 settembre[81]:

  «A monsignor Parisani, tesoriero di N. S.

»Non ho scripto a Vostra Signoria Reverendissima più tempo fa, pensando
de voler tornare costà più presto che non è stato. Et il mio tardare
l'ha causato la venuta del signor principe Doria, et il mio desiderio di
vedere l'armata turchesca, e di che modo si combatte in mare: essendo
che in terra havevo veduto per l'ultima alla Prèvesa. Et così spettando,
venne quello glorioso Messìa[82], che fu alli otto del presente. Che per
honor della Christianità fusse piaciuto a Dio che non se fusse per
quest'anno partito da Genova: che haveria riportato molto più honore in
quelle bande de Ponente, che credo fora de queste di Levante, per
quest'anno. La causa bisogna la dica abbreviata per non far volume. Et
haveria dire a bocca[83]; sendo che la vergognia me fa restare de qua.

»Vostra Signoria Reverendissima ha da saper come alli 25 del presente
partissimo dal canale de Corfù in tre battaglie, come il signor principe
haveva ordinato. Cento quarantuna galèra, et sessanta o più navi[84],
fra le quali erano tre galeoni che portavano più di quattrocento
cinquanta bocche d'artiglieria di bronzo, nel qual numero sono più di
cento cannoni[85]. Et andassimo quel dì sopra il canal della Prèvesa,
largo tre miglia. Et surgessimo tutti, con vento tutta la notte assai
fresco. Et perchè nel canale ovvero golfo della Prèvesa era l'armata
turchesca, non possette riuscire il disegno di far smontare le genti,
come s'era disegnato. Perchè per gente che andarono la notte a
riconoscere fu giudicato esser di troppo gran pericolo per più rispetti,
che non accade il contarli.

»La mattina del ventisei partissimo di lì, dipoi di haver alquanto
scaramucciato et tratte molte cannonate coll'armata turchesca, cioè con
venticinque galere, quali intravano et uscivano dal golfo[86]: et
pigliammo la volta di capo Ducato per andare in golfo di Lepanto. E così
camminassimo tra il giorno e la notte fino a trenta miglia, perchè
bisognò remurchiar le navi per carestia de vento. La mattina de'
ventisette, a ore dieci in circha[87], sorgessimo molte galere sotto
l'isola di Santamaura per spettar che tutta l'armata se drizzasse verso
capo Ducato, quale andava vagando per certo vento che ne dava in faccia.
Et stando noi surti così dove stava il signor Principe, et il nostro et
il veneto Generale, et molti altri signori, fu scoperta l'armata del
Turco, quale era uscita dalla Prèvesa. Perchè causa non lo so, ancorchè
li judicii siano varii: perchè molti dicono che Barbarossa voleva andare
in Barberia, molti che ne veniva a disturbare l'andare a Lepanto, e
molti judicii. Dove per questi signori fu determinato, de poi molte
discussioni[88], se dovesse tornare alla volta dei nemici. Et benchè
l'opinione del reverendissimo Patriarca non fusse de tornarci,
tuttavolta per obbedire ce tornò; con ordine del signor Principe che sua
Signoria reverendissima fosse retroguardia, Veneziani battaglia, et lui
antiguardia. Et così dessimo alquanto de spazio alle navi, quali avevano
un poco de vento[89], acciò potessero intrare in prima. Et così dui
delli sopraddetti tre legni, molto agili di vele, andarono alla volta
dell'armata: la quale poichè l'ebbe veduti tornare indietro, ancora lei
si fece innanzi. Et come piacque al vento, li sopraddetti dui legni
andorono tanto innanzi che cominciorono a tirare alli nemici, et li
nimici a loro. Dove tutta l'armata stava di tanto buona volontà et de
tanto grande animo de combattere, che non pareva che cento quaranta
legni che haveva Barbarossa fossero stati se non tante fregate. E
spettando tuttavia che se desse segnio de dar dentro. Abbenchè in questo
mezzo, per ordine di sua Excellentia, eravamo usciti del primo ordine,
et andati tutti in una battaglia. Et dipoi per il medesimo ordine
mettessimo tutte le navi sopra del vento.

»Et stando così con questa speranza tuttavia andassimo largandoci verso
li nimici, et loro stringendosi verso la terra. Di sorte che (per li
nostri buoni ordini!) ne guadagnarono il vento: et se messero d'una
tanto bella ordinanza verso di noi per spettarci, che se fossero stati
lanzichinecchi saria stato troppo; non tanto esser galere. Et così ne
tirorno molti e molti pezzi d'artiglieria alle nostre galere et alle
navi, quali erano tutte arrivate, e restate a lor dispetto in
bonaccia[90]. Et stando così loro verso terra, e girando noi in mare
veleggiando, se drizzorno ad alcuni navigli che erano restati indietro,
fra li quali furono de veduta mia tre navi grosse; ancorchè molti
dichino quattro o sei. E combattendo l'una più di quindici galere,
avendole dato assai botte, nè mai havendo possuto salir sopra, havendole
buttato l'albero colle vele a terra, per volerla prendere ce buttarono
fuoco: et questo perchè cinquecento Spagnuoli che ce stavano sopra se
portorno tanto bene che non se può dir più. E certo se gli archibusi
ammazzan loro, come li loro han fatto de li nostri, si judica che molti
più siano morti di loro in quel combattimento.

»In mezzo a questo le altre galere combatterono dui altre navi, quali al
medesimo feceno grandissima difesa; pure all'ultimo furono prese: perchè
uno contro trenta è impossibile a durar, chè tutti non sono galioni.
Presso queste tre navi se trovano dui galere: una del Papa assai male in
gambe per fuggire, rispetto alli homini che non sono nè pratichi nè atti
a questo offitio o per dir meglio exercitio[91]: et l'altra de'
Venetiani, più atta a fuggire della nostra: ma al combattere la nostra
meglio di quella, come per l'experientia si è visto. Perchè essendo la
nostra prima assalita da dui galiotte, le rebbuttò. Et saria scampata,
se altre quattro galere non l'havessero sopraggiunta. Dove combattè
mezz'ora o più gagliardamente: et all'ultimo restò pregiona la galera,
et tutti li homini morti. Questo se sa per vista delle navi che erano
più presso; et per uno scampato a nuoto sotto una galèa turchesca, quale
tornando poi verso le navi, quello si dispiccò, e intanto con voti
eccetera se salvò in una nave. L'altra de' Venetiani, per quello se
vedde, se judica siano più prigioni che morti: perchè non fece troppa
difesa.

»In questo tempo tutti pensavamo che se dovesse dar dentro alli nemici:
perchè pensavamo il Principe havesse lassato sbattere li Turchi con le
navi, et che poi con le galere se dovesse investire. La qual cosa non fu
fatta. Et forse la causò un nembo di tempesta che venne, che ne fece un
gran disturbo[92].

»Per la qual cosa, per venire alla conclusione, essendo ventiquattro
hore[93]; et essendo insieme cento trentanove galere et tutte le navi,
honoratissimamente ce ne demmo a fuggire! lassando dui galere, tre navi,
et forse più, et molti altri vascelli in man di Turchi. Et che è più,
lassammo tutte le navi a seccho, che non havevano vento. Et vedemmo
bruciar dui navi. Et la fuga fu tanto honorata, senza che li nemici ci
venissero direto, che fino a quest'hora mancano molte galere, quali
s'intende sono andate in Puglia, che sarà stata una fuga di ottanta
miglia: et in questa fuga sono intervenute una delle nostre, sei o otto
del Principe, et altrettante o più de Venetiani. E questo, come ho
detto, senza che li nemici ne seguitassero un passo: ma la tanto gran
paura che era intrata addosso alli uomini[94]. Tutti dicono essere stati
li ultimi a fuggire, et che avevano li nemici alle spalle, et che sono
stati seguìti quindici miglia. Oltre che alcuni dipoi d'haver corso per
dette ottanta miglia più che di passo hanno dato in terra per sospetto
d'altre galere che vedevano pur delle nostre. Alcuni hanno tratto
d'artiglieria a scogli, pensando fussero galere[95]. Alcuni lungata la
via trenta o quaranta miglia discostandosi uno dall'altro, ogniuno per
sospetto. Et come è piaciuto a Dio, semo tutti in Corfù. Et dalle dui
galere in poi, nessuna ha havuto male nissuno, salva una di Rodi, che
una botta mazzò otto homini. Sicchè vostra Signoria reverendissima ha
inteso come ce troviamo. Basta che a judizio de tutta l'armata, la quale
se sa che semo più de settanta mila homini, è stato ed è molto inculpato
e biasimato quello, il quale ha avuto il carico di questa impresa[96].
Et certo ha perso in un punto quello che non ha acquistato in molti
anni.

»Et io non saprei dire quale fusse la causa che non se sia fatta questa
giornata: se non forse che quelli che stanno in cielo et all'inferno
hanno havuto paura di tanta gente, quanta in quel dì justamente doveva
sopraggiungere sopra l'una et l'altra porta in un tratto, non li
togliesse il dominio[97]. Che certamente ogniuno judica che campandone
di cinque due, fusse assai: stante che essendo tra l'uno e l'altro più
di cento trenta mila, saria stata pur troppo grossa la mortalità. Et io
non judico che sia stata altra la causa: perchè avendo la fortuna
mostrato una tanta immortalità d'un Principe, et una tanta grandissima
vittoria di Cristiani, come ne mostrava; et non havendo saputo
pigliarla, non saperia dire altrimenti da quel che ho detto.

»Certifico bene Vostra Signoria Reverendissima che mai li Christiani
ebbero tal ventura, nè haveranno, de esser tanto vicini a una armata di
nemici, come sono stati, et haver più certa vittoria, che havevano[98].

(Seguono alcune righe in cifra, senza chiave, e niun deciframento
nell'Archivio.)

»Io tra il disagio che se patisce a scrivere, et haver hanco prescia,
non sarò più lungo. Et la prego che, se dell'altre sarà più
scorrettamente scritta, oltrechè per l'ordinario è mio costume, adesso è
forza sia molto più, rispetto al luogo: et per questo mi perdoni più
dell'ordinario. Et alla sua bona gratia humilmente me raccomando,
insieme col signor Cavaliero[99], quale anchora lui non havendo possuto
mostrare il desiderio che tiene di far honore alli padroni, sta
desperato.

»Et perchè so che Vostra Signoria Reverendissima ama messer
Giovanni[100], la supplico voglia fare opera che non venga in queste
parti: chè me pare intendere che egli debba venire. Et certo finirà la
vita sua, se egli viene. Io saria tornato: ma per vergogna son risoluto
vedere il fine, o vero la partita del Principe, quale a mio judicio
penso sarà presto.

»Da Corfù a dì ultimo de settembre 1538, mezzanotte.

  »Di V. S. Rma.

                                            »Umilissimo Servitore
                                               »Miniato Ricci.»

NOTE:

[81] ARCHIVIO RICCI IN ROMA: Volume intitolato _Cardinal Ricci,
istrumenti, ordini, bilanci e lettere_. t. X, p. 138. — Lettera di
messer Miniato Ricci a monsignor Parisani, tesoriere in Roma. Data da
Corfù ai 30 settembre 1538.

[82] _Il glorioso Messia._ Ecco lo stentato arrivo, il lungo ritardo, ed
il nomignolo di beffa ad Andrea.

[83] _Dire a bocca!_ Tanto era il dispotismo possente e temuto! Vedi
appresso per la cifra, nota 98 e pel silenzio la prec. 72.

[84] _Il numero_ ribatte collo specchio dato alla nota 47, salvo le
avvertenze ivi premesse.

[85] _Cannoni_, più che trenta pezzi da cinquanta per galeone, e più che
cento di calibro minore.

[86] _Scaramucciato._ Tocca di volo il badalucco alle fauci dell'Arta
per disfida languida, come è detto. Cinque o sei schermugi di quattro e
sei legni per volta.

[87] _Ore dieci._ Secondo l'orologio italico, equivalgono alle quattro
ore dopo la mezzanotte, e il vento in faccia di Grecolevante.

[88] _Molte discussioni._ Ecco le noje del lungo Consiglio che fecero
perdere le tre ore e il vento.

[89] _Un poco di vento._ Dopo il Consiglio, anche questo giovanetto
ingenuo trova il vento favorevole di Levante scirocco, e porta le navi a
contatto dei nemici, con tanto animo che i legni di fila dell'avversario
erano stimati per nulla.

[90] _La bonaccia_ dal mezzodì alle cinque pomeridiane. Parla della nave
del capitan Hermosilla, che valorosamente si difese. L'autore narra per
anticipazione alcuni combattimenti avvenuti dopo.

[91] _Una galèa del Papa._ Parla eziandio per anticipazione della galèa
del cavalier di Bibbiena: _male in gambe_, cioè nel palamento, con pochi
rematori, come è detto. L'autore non parla per veduta, ma per detto di
un marinaro scampato.

[92] _Un nembo._ Qui si mostra nella sua semplicità il novello marino,
perchè quel nembo di Scirocco sarebbe stato il gran beneficio e avrebbe
condotto navi e galere in massa contro il nemico, disordinato, se da chi
lo capiva fosse stato colto al detto fine, e non rivolto alla fuga ed al
disturbo degli amici.

[93] _Ventiquattro ore._ Il tramonto e la fine della giornata, come alla
nota 62. Scirocco fresco.

[94] _Paura._ Descrive il timor panico propagatosi alla inattesa manovra
di Andrea; e la sospensione di Barbarossa nel principio della fuga: chè
dopo realmente diè caccia alla coda, dove non era il Ricci.

[95] _Artiglieria a scogli._ Qualche iperbole, secondo il solito, messa
fuori da belli ingegni.

[96] _Quello._ Non ardisce nominare il peccatore, sapendo con chi è
legato. Ma prevede che non perderà niente nè in un punto, nè in molti
anni di là; ma soltanto nella estimazione degli altri di qua.

[97] _Dominio in cielo et all'inferno._ Tratto di spirito, messo in giro
fin da quel giorno, e poscia afferrato per inquartarlo a proposito nelle
difese di Andrea.

[98] _Mai tal ventura._ Qui mettesi in cifra, e parla sul sodo, ed è
importantissimo il suo discorso scritto dopo tre soli giorni dal famoso
scontro. Egli medesimo si avvede di entrare addentro nella spinosa
materia, perchè continua in scrittura arcana, non mai più intesa da
altri. Devono essere sentenze udite all'armata a carico di supremi
personaggi.

[99] _Il Cavaliere._ Dal contesto presente e da tante altre lettere,
dove espressamente è nominato, dico il cav. Giovanni Maria Straticopulo
dell'Ordine di Malta, comandante di fanale sulle galèe del Papa, del
quale sovente parla il Varchi nelle _Storie fiorentine_, ed il Bosio
nelle _Maltesi_, 88, B; 99, B; 107, A.



[7 ottobre 1538.]

XV. — La partenza del Doria non andò così presta, come il Ricci
desiderava. Dopo tanta vergogna bisognavagli pur qualche prova di
rilevarsi, di riprendere la perduta riputazione, e di rimettere su la
speranza, perchè gli alleati durassero volontieri alla lunga senza
guerra e senza pace. Di che saviamente giudicando il Senato veneziano,
ed uso a reprimere i movimenti inconsiderati delle passioni per servire
al bene pubblico, facendo anche ragione di non doversi dare appiglio ad
Andrea di farsi più nocivo, quando tuttavia riteneva nelle mani il
supremo comando di tutta l'armata, gli scrissero lettere consolatorie: e
tacendo con prudente trapasso ciò che allora non doveva esser detto, lo
chiamarono capitano avveduto, ed eccellente marino, dal quale alla fine
tutti aspettavansi alcuna segnalata rivincita, prima che la stagione lo
chiamasse al riposo.

Arrivarono queste lettere alle mani di Andrea quando Barbarossa, superbo
di averci superato senza combattere, per maggior segno di disprezzo
eraci venuto innanzi alla rada di Corfù, sbravazzando e sparando più
tosto per mostra che per disfida. Sapeva bene il tristo che non
avrebbero gli alleati così presto, nè tanto facilmente combinato tra
loro di condurre fuori l'armata, senza che esso non si fosse potuto
prima a suo talento ritirare. La qual cosa andò a punto pel verso da lui
preveduto: perchè quantunque i maggiori capitani altatamente parlassero
pieni d'indignazione, dicendo che non si poteva più oltre lasciare
impunita tanta baldanza, nè tollerare tanto oltraggio; con tutto ciò
prima che si congregasse il consiglio e si discutessero le solite
difficoltà; prima che si imbarcassero le fanterie, e prima che i
Veneziani in ciascuna galèa ricevessero i venticinque, imposti a ogni
modo da Andrea, andò tanto tempo, che Barbarossa fatte le viste di aver
troppo e inutilmente aspettato, erasi già tolto dal canale, ed aveva
ripreso il viaggio verso il fatal suo covo dell'Arta[101]. Non devo
lasciar passare il settimo giorno d'ottobre di quest'anno senza
affrettarne coi voti un altro che ne cancelli la trista memoria: non
senza trarre un gemito sull'avvilimento del nome cristiano, e un
applauso alla pazienza dei Veneziani. I quali, accettando nelle predette
circostanze il supplemento dei venticinque, dimostrarono con suprema
evidenza al mondo e per tutti i tempi futuri la loro sommissione ad ogni
privata molestia, tanto solo che potessero procacciare pubblico
vantaggio alla cristianità ed alla patria[102].

NOTE:

[100] _Messer Giovanni._ Questi è Monsignor Ricci, fratello dello
scrivente, e tesoriero dell'armata papale, che agli ordini del Patriarca
provvedeva da Venezia e da Ancona al sostentamento e munizioni
dell'armata medesima.

[101] RAYNALDUS, _Ann. eccl._, 1538, n. 26: «_Auria in portu Corcyræ se
continuit, frementibus cæteris ducibus nec ferentibus ad tantum dedecus
abjici christianam virtutem. Cumque Andreas pudore victus pugnæ tandem
assentiretur, tamdiu prolata est consultatio ut Barbarossa, parta
contentus gloria, in Ambracium sinum se receperit._»



[27 ottobre 1538.]

XVI. — Tutto inutile: Barbarossa ai sette d'ottobre si era allontanato,
e l'armata cristiana batteva inutilmente le acque intorno alle isole
vicine. Non le restava altro partito che ricominciar da capo sulle fauci
dell'Arta, o espugnar la Prèvesa, o entrare nell'Arcipelago, come
proponevano coloro che desideravano ardentemente levarsi dal viso la
vergogna. Si adunò più volte il consiglio: e finalmente esclusi
coll'arte solita i disegni più nobili e generosi, convennero di
imprendere cose minori; volgere le spalle, lasciare il pensiero
dell'armata nemica, rimettersi per le acque dell'Adriatico, ed attaccare
la fortezza di Castelnuovo, tenuta allora dai Turchi, dentro al primo
cerchio delle bocche di Cattaro, a sinistra di chi entrando la cerca,
luogo assai conosciuto in Dalmazia, sporgente tra le terre dei Veneti e
dei Ragusei, e per ciò stesso preso e ripreso più volte dai Cristiani e
dai Turchi. Ogni nuova occasione giova a mostrarci vie meglio il valore
dell'armata cristiana, e le offese perpetue contro i capitoli della lega
per parte dei ministri di Spagna.

Venuta l'armata nell'interno del golfo, e sbarcate senza contrasto le
genti e l'artiglieria, mentre i soldati intendevano ai lavori d'assedio,
i marinari molestavano la piazza dalla parte del mare, volendo dividere
l'attenzione e le forze del presidio. Ma per essere troppo angusto quel
luogo, e ingombro di scogli veglianti alla riva, nè convenendosi tenere
poche galèe ferme là sotto all'insulto del cannone turchesco, disposero
i capitani nostri di mandarle a quattro a quattro: così che, la prima
quadriglia, dopo battuto il castello con tutta l'artiglieria, dovesse
dar volta, e aprire il passo alla quadriglia seguente per fare
altrettanto; e in questo modo di mano in mano mantener vivo il fuoco, e
continuo il movimento[103]. Manovra (se vi ricorda) di felicissimi
effetti a Corone e alla Goletta: manovra che qui in Castelnovo, subito
cominciata, ci darà finita la fazione.

La mattina del ventisette d'ottobre le galèe assegnate al tornèo, messe
a scaglioni secondo le distanze, aspettano impazientemente il segno per
correre all'arringo. Squilla la tromba, e voga innanzi a tutti la
squadretta veneta, e appresso la romana. Giunta la prima a brevissima
distanza, sprizzano venti lampi e volano altrettante palle di ferro, tra
nugoli di fumo e tuoni risonanti tra le montagne ed il mare. Ma in
quella che il primo stuolo provasi a sciare ed a volgere, ecco
sopravvenire abbrivata il secondo con tanta prestezza, che, non potendo
gli uni comodamente retrocedere, nè volendo lasciarsi investire dagli
altri, continuansi ambedue a correre avanti. Arrancano i Veneti, ed
appresso i Romani, tanto che insieme a gara percotono degli speroni
nelle muraglie del Castello. Eccoti in un punto unite otto galere al
piede d'un solo baluardo. I marinari ne pigliano buon augurio e senza
altrimenti consultare, saltano in terra, l'uno all'altro prestando ajuto
e sostegno di pertiche, di funi, di ramponi e di scale. Beato colui che
prima degli altri può mettersi alla prova! In somma di soprassalto con
prestissima battaglia di mano, in mezzo a infinite archibugiate di
nemici e di amici, tramezzate da qualche colpo di cannone, la piazza non
così tosto è tentata che presa[104]. Il giorno seguente, secondo il
corso della stessa fortuna, si rende a patti la rôcca del monte.
Splendido fatto d'arme compiuto dai soli marinari, quasi a conferma di
quanto in alcun luogo ho detto intorno all'eccellenza di questa sopra
tutte le altre milizie. Grande là sotto la mortalità dei nostri per la
vicinanza e l'ostinazione del conflitto voluto vincere ad ogni costo;
morto il terzo dei capitani di Roma, Cesare Giosia da Fermo[105]:
essendo gli altri due capitani, il Londano ed il Raimondi, caduti
onoratamente alla Prèvesa.

NOTE:

[102] BOSIO cit., 182, A: «_Avendo accettato nelle galere veneziane
venticinque Spagnoli per ciascuna.... e giunti essendo al Paxù a sette
d'ottobre, trovarono che Barbarossa si era ritirato all'Arta._»

[103] MARCO GUAZZO cit., 247: «_Le galèe a quattro a quattro dovevano
battere Castelnuovo, e poi voltarsi e dar luogo alle altre quattro....
ma dopo le prime le altre quattro con tanta valorosità giunsero, che
insieme andarono ad urtare nel detto Castello._»



[28 ottobre 1538.]

XVII. — Doveva la piazza di Castelnovo, secondo i capitoli della lega,
restare nel dominio dei Veneziani; e il general Cappello, lieto di poter
dare alla patria sua qualche compenso delle fatiche e del dispendio, col
trattato alla mano ne faceva al principe Doria formale richiesta[106].
Al contrario l'egregio e fidato ministro di Carlo V, che non falliva mai
al debito suo verso il padrone, ne pigliava possesso al nome di Spagna,
metteva alla porta le milizie di san Marco, e se ne tornava
contentissimo in Sicilia, lasciando al governo delle armi nella piazza
il mastro di campo don Francisco Sarmiento con quattromila fanti
Spagnoli, di quei famosi veterani che in gran parte si erano trovati al
sacco di Roma, e tutti recentemente avevano fatto ribellione e crudeltà
inaudite in Milano[107]. Notate il passaggio: dai venticinque ai
quattromila, e dai bastimenti di guerra alle piazze d'armi. Non negavano
mica la ragione dei Veneziani: tutto al contrario! Ma stessero quieti, e
la piazza sarebbe consegnata loro in futuro[108]. Lo scherno per arrota
al tradimento.

[Novembre-dicembre 1538.]

Partitosi il Doria, anche il patriarca Grimani prese congedo dal general
Cappello con dimostrazione di benevolenza tanto grande, quanto era stata
la soddisfazione mutua dal principio alla fine, e perenne la concordia
tra loro, senza pur un'ombra di offensione. Il Patriarca disarmò in
Ancona le galèe prese a prestanza; e venne per la via di terra in Roma,
dove le sue parole, più che da altri, ebbero la conferma dal conte
dell'Anguillara. Il quale, tenutosi sempre da parte nelle querele
levantine e con grande riserva, rimenate avendo le galèe a
Civitavecchia, sosteneva al Vaticano i diritti conculcati della sacra
alleanza: biasimatore acerrimo dei falli commessi durante la campagna.
E' vedeva da una parte crescere la superchieria turchesca e
l'oltracotanza piratica, e dall'altra vedeva la rovina dei popoli e
della religione. Perduta ogni speranza di buoni effetti colle armi
congiunte della cristianità.

[Aprile 1539.]

Quale sorta di amicizia fosse cotesta dei ministri spagnuoli inverso gli
alleati, giudichi chiunque ne ha patito di simile, non chi ne ha goduto.
Basti che il lettore si renda sicuro per l'evidenza del fatto di
Castelnovo essere stati violati i capitoli, e rotta la lega, tradito il
cristianesimo dai ministri cesarei.

Ondechè i Veneziani, senza mai disarmare durante l'invernata,
aspettarono il mese di marzo dell'anno seguente: e poi che ebber veduto
chiaro e disteso sempre l'istesso inganno dalla parte medesima, e i
Cesariani al solito menare in lungo le provvisioni dell'armamento,
pensarono di provvedere ai casi loro, e volsero l'animo a quella pace
che aver potevano meno dannosa e meno vergognosa della guerra. Prima per
intramessa di Luigi Gritti fecero tregua di tre mesi colla Porta: poi la
prolungarono ad ogni scadenza[109]. Durissime le condizioni, tenaci i
rifiuti, due anni di prove, e finalmente un trattato gravoso a' venti di
ottobre 1540.

Intanto i falsi amici correvano a processione in Venezia, sconsigliavano
la pace, parlavano di onore, di giustizia e di cristianità; e spargevano
tra i popoli le notizie dei loro consigli e delle loro premure.
Francesco di Francia (l'alleato dei Turchi) voleva comparire zelante
anche esso agli occhi della gente semplice! Più di tutti zelante Carlo
d'Austria mandava a Venezia il marchese del Vasto a scusarsi e
scolparsi, promettendo di voler mettere pei Veneziani la vita e gli
stati suoi, eserciti e armate, e soccorsi inauditi: tutto pel tempo a
venire[110]. Erano parole troppo diverse dai fatti. Qui cade in concio
un proverbio che mi ricorda aver letto la prima volta in una grammatica
per imparare la lingua spagnuola[111], e potrebbesi volgere così: Buone
parole e tristi fatti gabban tutti, e savî e matti. Nel vero costoro
intendevano giuntare senza lor carico, con sottile artificio, in ogni
parte i Romani, i Veneti, i Maltesi, il Cristianesimo e tutti,
contrapponendo alle promesse lusinghiere le opere sleali. Mi si conceda
raccoglierne la somma, e mostrare in conclusione l'antitesi con che
sostituivano alle parole di soccorso il fatto dell'abbandono, alla
prontezza di marzo le lungaggini di settembre, all'unione in Levante le
gazzarre in Provenza, alle galèe ottantadue il numero quarantuno, alla
bravura dei Veneziani la soperchieria dei venticinque, all'abbattimento
dei Turchi la consunzione dei Cristiani, alla guerra viva le misere
scaramucce, alle grandi battaglie la fuga vergognosa, alla consegna di
Castelnovo l'occupazione violenta di quattromila Spagnoli, alle
conquiste in Levante le minacce in Terraferma, all'amicizia la servitù.
Sia pur che il numero infinito degli stolti si lasci pigliare
dall'apparenza delle belle parole; non per questo dovranno i savî
tenergli bordone, anzi maggiormente intendere alla sostanza della
verità, schifare gl'inganni e conoscere gli uomini (secondo i dettami
della sapienza) dalle opere loro. Io ho messo qui insieme i detti ed i
fatti, perchè ormai ciascuno pigli da sè il posto che gli compete; e da
sè giudichi le vicende del mondo, senza accezione di persone, sian
grandi e piccoli d'ogni paese: cosa non potuta sempre fare libera e
apertamente dai trapassati, quando i mancatori erano possenti e temuti;
nè sempre voluta fare dai moderni per vani puntigli di onor nazionale
inteso a rovescio, o per riverenza in tutto a chi non fu lodevole in
tutto. Prima gli eterni principî della morale colla loro verità e
giustizia, e poi il resto delle persone coi loro difetti e colle loro
malizie[112].

[Giugno 1539.]

Ora, per finire questa materia, devo ricordare gli ultimi due atti della
guerra nel trentanove, prima che fosse conchiusa la pace tra i Veneti e
Solimano. Torniamo a Castelnovo, dove sulla fine di giugno si presenta
Barbarossa con tutte le forze dell'imperio turchesco, per ricuperare al
suo signore la piazza perduta. I quattromila fecero egregia e
valorosissima difesa: ma voluti tenere contro legge e contro natura in
Levante, dove il padrone da lontano non li poteva soccorrere, alla fine
caddero il dì sette d'agosto nelle mani dei Turchi: i quali senza pietà
gli tagliarono quasi tutti a pezzi, e i pochi superstiti posero al remo
nelle galere, come testimonî della final conclusione della strana
alleanza[113].

Poscia l'istesso Barbarossa col medesimo esercito e colla medesima
armata, vie più animoso per la recente vittoria, andò quivi presso a
volersi pigliare la città di Cattaro tenuta dai Veneziani, e vi pose
assedio pari e più duro che non a Castelnovo. Ma era riserbato al
governatore di quella piazza Matteo Bembo, ed a quei spregiati marinari
coi loro soldati, romagnoli, marchiani e dalmatini, senza bisogno degli
altri venticinque, il dare a Barbarossa tale percossa, che il barbaro
lacero e sanguinoso dovette esser contento di andarsene lungi dalla
città e dal golfo, senza ardirsi mai più di ritentare quella prova[114].
Perduto adunque Castelnovo dagli Spagnoli, e salvato Cattaro dai
Veneziani, finisce l'epopèa della prima grande alleanza nel secolo
sestodecimo contro i Turchi. Per la seconda ci rivedremo agli scogli di
Lepanto. Ma per la terza del secolo seguente sarà meglio comprovato come
a pubblico beneficio della società e della religione tra Roma, Vienna,
Venezia e Varsavia allora soltanto poteva durare intemerata la lega per
sedici anni fino al trattato di Carlowitz, quando non entravano di mezzo
i mestatori dell'Escuriale.

NOTE:

[104] ANDREAS MAUROCENUS cit., 535.

MARCO GUAZZO cit., 247.

MAMBRINO ROSEO cit., 230.

SANDOVAL cit., 184.

[105] MAMBRINO cit., 230: «_Vi morì Boccanera.... con Cesare Giosia da
Fermo, valorosi soldati ambedue...._»

MOROSINI cit., 535: «_Cæsar Josias firmanus et Buccanigra hispanus,
cohortium præfecti, ceciderunt._»

[106] RAYNALDUS, _Ann. eccl._, 1538, n. 26: «_Cum vero Castrum novum ex
fæderis legibus Venetis deberetur, tamen Auria veteranas cohortes
hispanas præsidiarias, ad quatuor millia, oppido imposuit: quod ægerrime
tulit Senatus venetus._»

SANDOVAL cit., 185: «_Andrea de Oria y Fernando Gonzaga metieron
Españoles en los castillos, contradiziando Vicente Capelo que los pedia
per virtud del concierto._»

Vedi sopra la nota 10.

[107] ULLOA cit., 158: «_Andrea Doria mise in Castelnovo quattro mila
Spagnoli di quelli che si trovarono al sacco di Roma e nelle altre
guerre d'Italia._»

BOSIO cit., 182, D: «_Quattro mila Spagnoli lasciati in Castelnovo in
gastigo degli abbottinamenti e delle crudeltà fatte poc'anzi in
Milano._»

MAMBRINO, 200.

GUAZZO, 273.

[108] ANTONIO DORIA, _Compendio_ cit., 78: «_Ancorchè il generale di
Vinitiani richiedesse che gli fosse consegnato Castelnovo, secondo le
conventioni della lega, nondimeno vi fu lasciato Francesco Sarmiento con
tre mila Spagnoli, dicendo Andrea e Ferrante di levargli innanzi alla
primavera._»

[109] RAYNALDUS, _Ann._, 1539, n. 31: «_Veneti indignati quod Auria,
violato fædere, superiori anno hostis delendi sprevisset occasionem,
Solymanum de pace postularunt._»

[110] PARUTA cit., 115: «_Biasimarono molti di comprar la pace così
cara.... ma considerato lo stato delle cose, e le più vere ragioni, si
rimasero tutti quieti, e fu lodata la prudenza._»

ULLOA, 158, b: «_Carlo mandò il marchese del Vasto a Venetia a dolersi
con essi loro delle cose successe, significando che egli non n'haveva
colpa alcuna.... promettendo di metter per loro la vita e gli stati suoi
se bisognassero._»

MURATORI, _Annali_, 1539, princ.: «_L'Imperatore e il Re di Francia per
comparire zelanti del bene della cristianità verso la gente credula
spedirono a Venezia.... facendo sperare possenti soccorsi._»

[111] ANTOINE FABRE, _Grammaire pour apprendre la langue espagnole_,
in-4. parvo, 1627. Venezia, presso Giovanni Guerigli, p. 283, linea
ultima: «_Buenas palabras y ruynes hechos engañan a sabios y a locos._»

[112] CARLO V approva i disordini di Andrea, v. sopra nota 80.

FILIPPO II approva i disordini di Giannandrea, v. sopra nota 25.

Al modo stesso e nella stessa sentenza consentono i documenti che del
continuo vengono alla luce per opera di solerti e diligentissimi
collettori dagli archivi di Spagna, d'Italia, di Germania e del Belgio;
di che si potrebbe tessere lungo catalogo noverando soltanto i più
recenti dal Navarrete al de Leva, e dall'Heine al Gachard.

[113] BIZARUS cit., 508: «_Barbarossa Castronovum terra marique acerrime
obsessum.... hispanis omnibus aut trucidatis aut ad transtra triremium
relegatis expugnavit._»

PETRUS PAULUS GUALTERIUS, Mss. cit., _sub die decimanona augusti
MDXXXIX_: «_Nunciatum est Romæ Turcos die septima hujus mensis augusti
expugnasse Castrumnovum, occiso præsidio quod ibi a Cæsare tenebatur._»



[1540.]

XVIII. — Rimettiamoci attorno ai nostri porti e alla difesa delle
spiagge, dove ci si ripresenta, come prima, alla testa delle sette galèe
il conte Gentil Virginio Orsini con ordini pressantissimi di Paolo III
contro le infestazioni del pirata Dragut. Costui, degno allievo
prediletto di Barbarossa, ci è venuto due volte innanzi nel nostro
cammino, prima fra la Prèvesa e Santamaura, comandante la vanguardia
dell'Aquilone, e poscia rapitore della galèa del Bibbiena. Ora,
scioltosi di ogni legame dell'armata ottomana, mena guerra piratica per
conto proprio con venticinque o trenta bastimenti da remo, a rovina dei
commerci e delle riviere di Spagna e d'Italia. Conseguenza dell'orgoglio
cresciuto ai Turchi per gli inutili sforzi della lega dei Cristiani. La
navigazione per tutto l'anno trentanove era stata interrotta nel
Mediterraneo, con tanta crudeltà e arsioni di terre, e prede di navigli,
e schiavitù di gente, che le doglianze dei popoli mossero l'Imperatore a
ordinare lo schianto di costui. Indi lettere al Papa e al Grammaestro
per ottenere il rinforzo delle galèe di Roma e di Malta; e commissione
al principe Doria di non attendere ad altro se non a perseguitare
Dragut, e ad estirpare gli altri pirati dal Mediterraneo.

[Aprile 1540.]

Per questo Andrea, non più aggirato nè aggiratore tra la diversità delle
parole e dei fatti, non più tra capitoli espressi ed ordini secreti,
ricomparisce quel valentuomo ch'egli era; e piglia l'assunto da senno, e
in guisa da condurlo a buon termine[115]. Pronto fin dal mese di aprile
in Messina, aggiugneva alle galèe sue quelle di Napoli e di Sicilia e di
Spagna, e le quattro di Malta e le sette di Roma, ottantuna in tutto; e
ne faceva cinque squadre per diversi paraggi, da stringere in mezzo
Dragut, secondo l'esempio di Pompèo nella guerra famosa contro i pirati
della Cilicia[116]. Erasmo Doria con dieci galèe alla guardia delle
Baleari; Giannettin Doria e il conte dell'Anguillara in Corsica e
Sardegna con ventuna galea[117], don Federigo di Toledo con undici
innanzi alle isole del golfo napolitano, il conte di Requesens con
diciassette e i Maltesi a ponente della Sicilia, e il principe colle
ventidue consuete per la costa di Barberia. Tutti gli squadroni fecero
degna prova, ed ebbero segnalati vantaggi: ma l'onor supremo e il
maggior guadagno della gran caccia toccò alla squadra di Giannettino e
del Conte, ciascuno colla sua bandiera e le sue galere, che erano
quattordici genovesi col primo, e sette romane col secondo[118].

[2 giugno 1540.]

Visitarono insieme le coste di Sardegna, e finalmente ebbero avviso che
Dragut, dopo aver dato il guasto alle riviere della Corsica, era stato
veduto con undici vele trapassare le bocche di Bonifacio, e dirigersi
alla Capraja, isoletta dei Genovesi, allora quasi disabitata[119]. Lo
seguirono in quella parte, e udirono le cannonate che egli tirava contra
la torre di tramontana. Per questo stando più vigilanti, con buone
guardie, e pigliando lingua da quei che fuggivano con piccoli legnetti,
e dai pescatori, vennero a sapere che i pirati eransi levati di là, e
rivolti alle alture di capo Corso; e finalmente alla deserta cala della
Girolata, che è sulle coste occidentali dell'isola presso alla Cinarca e
quasi nel mezzo, dove facevano baccano, gavazzando e dividendo a
ciascuno la parte che gli veniva di preda e di schiavi. Costume perpetuo
dei barbareschi il mettersi subito alla partizione delle prede, tanto
per quietare gli ingordi appetiti, quanto perchè meglio ciascuno
pigliasse nel viaggio la particolar cura delle cose sue. Costume
eziandio perpetuo lo scegliere per tale bisogna gli ascosi recessi di
qualche isola deserta, dove non avessero a temere nè concorso di
bastimenti da guerra, nè stormo improvviso di abitatori.

Lietissimi i nostri girarono l'isola, e addì due di giugno 1540 di buon
mattino posero gli agguati a ponente per assicurarsi il beneficio dei
venti consueti nella stagione dal secondo e dal terzo quadrante.
Oltracciò Giannettino mandò innanzi verso la cala il solo Giorgio Doria
con sei galere ed una fregatina, perchè fattosi scoprire allettasse il
nemico alla caccia, e lo traesse dove le altre quindici galèe stavano
soppiatto ad aspettarlo. Veduti i pochi di Giorgio, il Pirata temerario
chiamò all'armi; e lasciando due soli bastimenti alla guardia del
bottino, si spinse contro di lui, che a maraviglia infingevasi di
fuggire, tirandosi appresso i pirati verso l'agguato. Corsero qualche
tempo i legni barbareschi, in numero di nove, contro i sei di Giorgio,
infino a che questi con un tiro diè il segno, e comparvero agli occhi
stupefatti di Dragut le altre quindici galèe di Giannettino e del Conte,
che venivangli risolutamente incontro col vantaggio del vento. Virò
costui subito subito di bordo, e prese a fuggire: ma i nostri avendolo
sottovento, e forzando di vela, non potevano mancare di investirlo per
poppa. E già il Pirata, sentendosi alle calcagna più e più da presso i
cacciatori, si teneva perduto, quando disperatamente pensò volgere la
faccia, e provare se colle armi potesse meglio provvedere allo scampo.
Eccolo dunque dare alla banda, venire al vento, mainare le vele, e
mettersi a remo: eccolo a suon di trombe approntarsi ferocemente al
conflitto. Ma non gli fu dato nè anche il tempo di cominciare:
conciossiachè a pena voltato, Giannettino col cannon di corsia gli
assettò tale un colpo, che incontratosi di imbroccare nella ruota di
prua, gliela strappò quasi dal calcagnolo, sfondandogli la galera. In
quel punto di confusione, ed egli che scendeva nello schifo, e gli altri
legni che perdevano la speranza, circondati nell'impeto dell'abbrivo,
restarono tutti uncinati e presi, da due infuori che prima degli altri
avean preso la fuga.

Intanto che Giannettino incatenava Dragut e rimetteva i sei legni
predati, il conte dell'Anguillara seguiva innanzi verso la cala, dove si
vedevano le due galere dei barbareschi di guardia al bottino; e
pigliavasele ambedue senza colpo ferire, essendosi Mamì capitano di
quella guardia gittato in terra con tutti i suoi, abbandonata ogni cosa
alla riva, colla speranza di salvarsi nei boschi vicini[120]. Ma poco
gli valse la fuga; perchè inseguito dai vincitori, e cacciato dalla fame
nel termine di due settimane con tutta la sua brigata venne in potere
dei vincitori. Splendido successo senza niuna perdita dei nostri: mila
ducento Cristiani liberati dalla schiavitù, altrettanti Turchi fatti
prigioni, cattivato il terribile Dragut, in catena l'ajutante Mamì,
presi nove bastimenti nemici. Tra quelli due lasciati alla cala l'Orsino
riconobbe e ricuperò intatta la galèa del Bibbiena, che avevamo perduta
due anni prima nello scontro del ventisette settembre alla Prèvesa, come
si è detto[121].

Non trovo che il conte dell'Anguillara abbia toccato parte dei guadagni;
nè punto me ne dolgo o maraviglio, tale essendo la condizione perpetua
della marineria romana, combattere per debito, non per mestiero, per
onore, non per guadagno. Soltanto mi meraviglio e dolgomi che niuno
degli scrittori ligi ad Andrea l'abbia voluto nominare a questo
proposito[122]. Il silenzio di costoro, contro la testimonianza di tutti
gli altri, prova soltanto quella parzialità, che mi auguro abbia a
essere emendata da qualcuno de' dotti e virtuosi scrittori genovesi, i
quali per loro gentilezza fan conto delle cose mie, e non lasciano
cadere a vuoto i miei desiderî. Dunque il conte Gentile se ne tornò con
molto onore a Civitavecchia, e fece feste in Roma, come se ne facevano
in ogni parte dai popoli cristiani con fuochi, spari e dimostrazioni di
pubblica esultanza per vedersi liberati da potente e capitale nemico.

NOTE:

[114] RAYNALDUS, _Ann._, 1539, n. 31: «_Cum Barbarossa Cattaro urbi
inhiaret a Matthæo Bembo præfecto, effusa globorum procella, repulsus
est._»

MAMBRINO ROSEO, 137, 138.

MATTEO BEMBO, _Lettere al card. Pietro Bembo suo zio, con le risposte
del medesimo e del Doge intorno a questa difesa: tra le lettere dei
Principi_, in-4 Venezia, 1562, da p. 133 a 143.

[115] MAMBRINO ROSEO, 251: «_Avvenne che il principe Doria in Messina,
il secondo dì del mese di maggio in quest'anno 1540, mandò incontro a
Dragut Giannettino Doria con ventuna galèe ben armate.... Il Conte
dell'Anguillara era con Giannettino._»

BOSIO, III, 191, E: «_Ordinò l'Imperatore che per quell'anno 1540 il
principe Doria ad altro attendere non dovesse che a perseguitare et
estirpare i corsali.... Dragutto preso._»

ANTONIO DORIA, _Compendio_, 84: «_In questi tempi Dragutto fu preso con
nove de' suoi vascelli, il quale fu poi riscattato con danari._»

[116] L. FLORUS, _Histor. Rom._, III, VI.

[117] BOSIO cit., III, 192 (nomina tutte le galèe raunate e spedite alle
diverse parti).

[118] MARCO GUAZZO cit., 273: «_Il conte dell'Anguillara era con
Zannettino colle sue galere._»

MAMBRINO ROSEO cit., 252: «_Il conte dell'Anguillara, che era con
Giannettino, era trascorso oltre, et haveva con quattro galere assaltato
le due di Dragut._»

BOSIO cit., 192, D: «_Dal conte dell'Anguillara furono prese le due
galere che Dragut a guardia della preda lasciate haveva._»

[119] BOSIO cit., 192, C: «_Dragut se n'era andato all'isola della
Capraja._»

ALFONSO ULLOA, _Vita di Carlo V_, in-8. Venezia, Valgriso, 1566, p. 160,
B, lin. 33: «_Giannettin Doria prese Dragut rais, corsale, a l'isola di
Capraria de' Genovesi._»

MAMBRINO ROSEO cit., 251: «_Dragut dall'isola di Corsica.... era andato
all'isola di Capraja. Giannettino seguendolo sempre, senza abbandonarlo
di vista lo giunse in una spiaggia di mare, dove aveva tratta la preda
in terra._»

[120] MARCO GUAZZO cit., 273: «_Il conte dell'Anguillara andò colle sue
galere contro quelle che facevano la guardia alla preda._»

BOSIO cit., 192: «_Furono prese dal Conte dell'Anguillara le due
galere.... Mamì rais veduto venirgli sopra il Conte si diede a fuggire
pei vicini boschi.... dove poi fu fatto schiavo._»

MAMBRINO ROSEO cit., 252: «_Il conte dell'Anguillara.... trascorso
oltre, haveva assaltato le due galere di Dragut che erano fermate alla
spiaggia.... Mamì-rais abbandonò la preda.... e furono tutti presi._

[121] GUAZZO cit., 273: «_Fra le galèe di Dragut ve n'era due già prese
alla Prèvesa, l'una Moceniga, e l'altra Bibbiena._»

MAMBRINO ROSEO, 251: «_Dragut aveva lasciato in guardia della preda due
galere, che erano quelle che i Cristiani perderono alla Prèvesa._»

[122] CAPPELLONI cit., 90. Tace.

SIGONIO, 211. Zitto.

BONFADIO, 155. Mosca!

ANTONIO DORIA, 84. E buci!



[22 giugno 1540.]

XIX. — Dall'altra parte Giannettino ai ventidue di giugno entrava
trionfalmente nel porto di Genova con una schiera di legni acquistati,
una lunga infunata di prigionieri, e Dragut alla catena[123]. Il quale,
come trasognato, non credeva a sè stesso di avere in un tempo solo
perduta la roba, la libertà e la riputazione. Caduto in tanta bassezza,
consumavasi di rabbia, nè ammetteva consolazione che dare gli volessero
gli altri compagni: anzi dolendosi con loro non potè tanto tenersi che
non gli uscissero parole ingiuriose contro Giannettino, dicendo sua pena
principale essere la viltà d'un imberbe ed ignoto vincitore. Le quali
parole riferite, come succede, a Giannettino, che non si teneva nè per
fanciullo nè per oscuro, il fecero montar sulle furie, tanto che gli
pose il piè sul mustaccio, e ordinò al comito di legarlo al remo, e di
farlo vogare alla pari con tutti gli altri galeotti. Più mansueto trattò
con lui il cavalier Giovanni Parisotto della Valletta, che doveva poi
divenire celebre grammaestro di Malta. Il quale, chiamandolo per nome,
secco secco alla soldatesca gli disse: Capitan Dragut, usanza di guerra.
E l'altro, riconosciutolo subito per professo di Malta, sul medesimo
tono: Signor cavaliere, mutazion di fortuna.

[Ottobre 1540.]

E così successe, come ebbe detto il pirata. Perciocchè l'anno seguente
il cavalier della Valletta cadde prigione del Zoppo di Candia alle
seccagne di Barberia: e colà egli schiavo si incontrò un'altra volta con
Dragut rimesso in libertà e in grandezza, e divenuto principe più di
prima. Di che dobbiamo esser tenuti alla generosità di Andrea Doria, e
della Principessa sua moglie, e dell'imperator Carlo V; i quali tutti
insieme accordarono il riscatto del ribaldo per tremila cinquecento
ducati[124]. E costui divenuto più niquitoso per le ingiurie, più cauto
pei disastri, e più sitibondo di sangue e di vendetta, tornò peggio che
peggio a spremer lacrime da chiunque aveva riso nel vederlo prigioniero.
Crebbe per molti anni in ribalderia, si fece beffe del vecchio Andrea,
gli dette i brividi sul letto di morte, sconfisse Giannandrea alla prima
comparsa sul mare, e impresse il suo nome come simbolo di rovina per
tutti i lidi del Mediterraneo infino alla punta di Malta, che tuttavia
lo ricorda. Ne avremo lungamente a parlare.

Tutti i contemporanei, senza eccezione, biasimarono di tal fatto Andrea.
Tra i moderni non pochi si ostinano a rinfacciargli l'avarizia, come se
tremila ducati di più o di meno disformassero il cassetto d'un principe
suo pari. Altri vorrebbe spiegare la cosa pel desiderio di volgere
coll'esempio generoso i Turchi agli usi e costumanze di buona guerra:
follìa, che non poteva capire nella testa di Andrea, conoscitore
solennissimo delle differenze che passano tra milizia e pirateria. Io
penso tra me che egli abbia voluto provvedere al contraccambio in caso
simile, al quale i giovanetti suoi nipoti ed esso stesso erano
continuamente esposti: e penso questo argomento più di ogni altro e con
tutte le possibili conseguenze essere stato destramente maneggiato
dall'istesso Dragut, e fatto sentire alla Principessa, massime
nell'udienza con tanto studio richiesta ed ottenuta da lui in Genova per
averla favorevole, come l'ebbe, alla sua liberazione.

NOTE:

[123] CESARE CAMPANA, _Vita di Filippo II_, in-4. Vicenza, 1608, lib.
XIV, p. 59: «_Giannettino se ne tornò come trionfante in Genova,
facendoci molto solenne intrata il giorno di ventidue del mese di
giugno._»

[124] ULLOA, 160: «_Dragut per via della moglie del principe Doria
ottenne la libertà, havendo pagato una buona somma di danaro. Nel che si
fece grandissimo errore_, ec.»

BRANTÔME, _Mémoires des capitaines étrangers de son temps_. in-16.
Leida, 1666, II, 45: «_Fut une grande honte pour ceux qui le laisserent
aller.... encore luy Dragut, dis-je, qui avoit fait tant de maux à la
chrestienté, et estoit prest et suffisant d'en faire d'avantage._»

MAMBRINO ROSEO, 252: «_La Principessa mandò Dragut al marito in
Messina.... il Principe lo mandò all'Imperatore.... egli glielo rimandò
a dietro.... Il Principe lo liberò con taglia, e fu questa liberazione
sì dannosa ai Cristiani, che ne patirono maravigliosa rovina, perchè
divenne il più crudele e dispietato corsale._»

BOSIO cit., III, 192, D: «_Fu la liberazione di Dragut molto biasimata,
e riuscì alla cristiana repubblica dannosa._»



[Marzo 1541.]

XX. — Tre mesi dopo Dragut ripigliava il mare da padrone: e il vicerè di
Napoli, spaventato dai continui rubamenti e disastri che si udivano per
opera sua, chiamava all'armi le galere del Regno, e volgeva l'occhio a
quelle di Roma, implorandone l'assistenza[125]. Altrettanto di clamore
usciva dalle province marittime di Spagna, infestate dai seguaci di
Barbarossa per modo così pertinace, che i popoli oppressi arrivarono al
segno di tassare sè stessi di somme enormi per fare le spese di un'altra
spedizione contro i pirati di Algeri, come si era fatto contro quelli di
Tunisi. Ed avendo Carlo V promesso agli Spagnuoli di pigliare quella
briga, licenziata la dieta di Ratisbona, dove si era indarno adoperato
per comporre insieme i cattolici coi protestanti, si dispose a venire in
Italia per sorvegliare da presso gli armamenti che i suoi ministri di
Milano, di Sardegna, di Sicilia e di Napoli facevano, ammassando da ogni
parte danaro, gente, munizioni, vittuaglie e navigli per la guerra
d'Africa. Se Carlo coi Veneziani di vero senno avesse abbattuto il Turco
alla Prèvesa, non avrebbe avuto il flagello dei pirati in Spagna, nè le
ruine dei giannizzeri in Ungheria. La mala propagine fin dalla radice
aveasi a cavar di Costantinopoli, anzichè perdere l'opera e il tempo a
cimarne qua e là le foglie per le riviere della Libia.

[Giugno 1541.]

Al Papa scrisse Carlo di suo pugno mostrandogli il desiderio di avere in
compagnia le galèe romane, e di abboccarsi seco quando passerebbe da
Lucca per andare a imbarcarsi nel golfo della Spezia. Perciò il conte
dell'Anguillara con grandissima sollecitudine allestiva in Civitavecchia
le tre galere della guardia, e le quattro sue proprie, sapendo che
avrebbe avuto di camerata Ottavio Farnese, nipote di sua Santità e duca
di Camerino, con eletta schiera di gentiluomini romani grandemente
desiderosi di trovarsi coll'Imperatore e col Duca alla grande
impresa[126]. Nominerò tra questi il conte Francesco di Bagno, il
capitan Lucidi di Subiaco, Tito Cansacchi d'Amelia, Arrigo Orsini di
Roma, Marcantonio della Porretta, il capitan Aurelio da Sutri, con altri
molti veterani che avevano combattuto nella guerra del sale contro i
Baglioni nell'Umbria, e contro i Colonnesi in Campagna di Roma:
aggiungendovi il capitan Giulio Podiani, i Paluzzi, i Delfini, i Naro, i
Massimi, gli Altieri, gli Albertoni, i Capizucchi, i Savelli, i
Boccapaduli, i Cesarini, i Particappa, i Maddaleni, i Capodiferro, i
Mochi, i Frangipani, i Gabrielli, i Berardi, i Pagani, i Cavalieri, ed
altrettali, che valevano al pari di chicchefosse per quei tempi nel
maneggio della spada[127].

[Agosto e settembre 1541.]

Sciolsero questi signori all'entrante di agosto da Civitavecchia e
fecero capo alla Spezia: di là il duca Ottavio passò a Milano incontro
al suocero che veniva da Trento, e stette con lui tra le feste dei
cortigiani, e seguillo dalla Lombardia a Genova e a Lucca. In questa
città agli otto di settembre per la via di terra era venuto papa Paolo,
a dispetto dei medici, i quali a lui vecchio sconsigliavano il viaggio
pei calori della stagione. Poco dopo con sessanta galere sbarcava alla
spiaggia di Viareggio l'Imperatore: ed alli dodici nella cattedrale di
Lucca incontravansi insieme Paolo e Carlo. In somma le feste di Milano,
i negozî di Genova, e il colloquio di Lucca, menarono le cose tanto in
lungo che il principe Doria sperava non si dovesse più per quest'anno
pensare ad Algeri. Lo stesso diceva papa Paolo, e tutti gli uomini
assennati, massime per le infelici notizie che venivano fresche delle
guerre di Ungheria, per le quali di là si richiedeva la presenza e
l'ajuto dell'Imperatore. Ma Carlo, tenacissimo de' propositi e
soverchiamente fiducioso nella sua fortuna, non volle ascoltar consigli
di niuno, e prese congedo per Algeri.

[18 ottobre 1541.]

Presso la Spezia a' diciotto di ottobre Carlo montò sulla ricchissima
galèa imperiale di trenta banchi che il Doria teneva per lui. La quale,
perchè era remigata da cinque uomini ad ogni remo, alcuni usavano
chiamare con isfoggio di classicismo Cinquereme: ma devo ripetere, che
dalla ricchezza, dalla grandezza e dai cinque rematori infuori, non
aveva nulla di essenziale diversità dalle altre galere, secondo le
consuete forme di costruzione altrove descritte. Presso la reale a mano
destra sorgeva la capitana di Roma, col conte dell'Anguillara, Ottavio
Farnese e quegli altri signori che ho nominati[128]; a sinistra la
capitana di Malta, indi per ordine le altre capitane di Genova, di
Napoli e di Sicilia, meno quella di Spagna, che aspettava colle sue
conserve alle Baleari. L'istesso giorno di martedì diciotto del mese di
ottobre salparono dalla Spezia: indi si ripararono dal fortunale di
Ponentelibeccio a capo Corso. Discesero a Bonifazio, e per quelle bocche
ad Alghero: di là a porto Maone, e finalmente addì ventiquattro
d'ottobre tutta l'armata dètte stupenda e terribil vista innanzi alla
città d'Algeri.

[24 ottobre 1541.]

Erano insieme attelate nella linea principale di fronte settanta galèe,
cioè diciotto di Spagna, venti del Doria, dodici di Napoli, dieci di
Sicilia, sette di Roma e quattro di Malta, con al centro l'Imperatore e
le altre capitane imbandierate e in armi: a tergo trecento navi da
carico, piene di soldati, di munizioni e di artiglieria; e appresso
altrettante navette minori di sussidio e di complemento per trentamila
uomini da sbarco delle tre nazioni. Colonnelli delle fanterie italiane,
Camillo Colonna di Roma e Agostino Spinola di Genova: capitan generale
il marchese del Vasto[129].

Non prenderò a descrivere la inospita costa d'Algeri, dove tante
mutazioni sono avvenute del tempo nostro, molto più che non avrò a
fermarmi lungamente alla sua vista. L'attacco di Algeri per Carlo V può
dirsi tragedia di un atto solo. Quindi basterà accennare che l'armata
sorgeva distesa nel golfo, a piccola distanza dalla città, tra il capo
di Mattaffusso da levante e il capo di Cassino da ponente, sopra fondo
di fango nero e tenace. Ferma sugli ormeggi passava senza alcuna novità
due giorni, ordinati al riposo delle fanterie, in gran parte deboli e
mareggiate dalla fastidiosa navigazione, prima di esporle in terra a
fronte dei nemici: molto più vedendosi attorno il mare tuttavia grosso e
frangente sul lido, quantunque il vento si fosse calmato.

Dentro alla piazza non era gran presidio: quasi tutti i pirati, memori
del successo di Tunisi, avevano coi loro legni già preso la fuga.
Restavano solamente ottocento turchi veterani, e cinque mila mori
assoldati, oltre la numerosa cavalleria dei Beduini per la campagna. Il
governatore supremo dell'armi Assan-agà, rinnegato sardo, allievo ed
amico intimo di Barbarossa, disegnava menare in lungo più che si potesse
la fazione; confidando nell'entusiasmo di quei popoli, nell'esempio di
altre simili invasioni sfallite agli Spagnuoli, e principalmente nei
rovesci della stagione che si potevano facilmente prevedere. Con questo
Assano si faceva beffe dell'araldo, che gli portava l'intimazione della
resa a nome di Cesare.

[26 ottobre 1541.]

All'alba del ventisei incominciava lo sbarco dell'esercito a levante
della piazza, così: le galèe entravano sotto alle grosse navi, riceveano
alla scala le fanterie colle sole armi manesche, poscia i soldati
medesimi cogli schifi delle galere e sotto la protezione del loro
cannone, saltavano in terra, ordinandosi sul lido, mano mano che
arrivavano, per mantenere il terreno occupato. Sul mezzodì, ingrossatisi
già gli squadroni fino a ventimila uomini, l'Imperatore istesso poneva
piede in terra e montava a cavallo, e disponeva l'accampamento e le
prime operazioni contro la piazza; seguendolo appresso i capitani e
gentiluomini della sua casa militare a poco a poco che venivano in terra
i destrieri e le barde. Il barchereccio da carico doveva convogliare
appresso le bagaglie, i viveri, le munizioni, le artiglierie. Operazioni
condotte sempre combattendo contro gli Arabi; i quali di galoppo a
briglia sciolta con badalucchi continui ed assalimenti repentini
molestavanci dovunque paresse loro di poterci offendere. Opportunamente
però, e qui lo ricordo per la storia dell'artiglieria, si era provveduto
al modo di contenere gli insulti dei cavalli nemici, assegnando a
ciascun corpo delle nazioni diverse tre pezzetti da campagna; i quali
maneggiati a dovere producevano effetti stupendi. Nulla meglio del
cannone, al quale non erano assueti, faceva imbizzarrire e fuggir via le
mandre dei Beduini[130]. Con quest'ordine occuparono le alture, e
passarono la prima notte all'addiaccio. Trista notte per le privazioni,
per la pioggia continua e pel freddo.

[27 ottobre 1541.]

Compivasi lo sbarco delle fanterie la mattina del ventisette, e già
metteansi dentro terra al lungo trasporto delle salmerie e delle
provvisioni, intanto che l'esercito marciava arditamente per investire
la piazza. Continue le avvisaglie, gli agguati, i combattimenti con
molta bravura e poco frutto. Le masse a stento si difendevano. La
pioggia avea disteso un guazzo di fanghiglione tenace per la campagna,
dove i picchieri non potevano agiatamente maneggiare l'armi d'asta, nè i
cavalli caricare; e gli archibugi, allora tutti a miccio, stavano come
inutile ingombro nelle mani dei soldati: guasta la polvere, bagnate le
corde, spenti i fuochi[131]. Si noti il fatto non certamente di piccolo
momento per la diffusione del fucile a ruota, come appresso dirò.
Nondimeno si ebbero ad ammirare diversi tratti di singolar bravura per
parte dei nostri. Un cavaliero ardì avanzarsi infino alla porta di
Algeri, e lasciarvi confitto per segno il pugnale: un altro di grande
statura e di forze gagliarde afferrò un turco per un braccio, e,
trattolo giù da cavallo, l'uccise in terra a colpi di stocco: il capitan
Lucidi della squadra romana, tuttochè ferito, non si peritò di farsi
incontro ed assalire a corpo a corpo colla spada il più terribile e
grande combattitore nemico e distenderlo morto ai suoi piedi[132]. Così
passò la giornata del ventisette.

NOTE:

[125] DOCUMENTI _sulla storia del regno di Napoli_, pubblicati da
FRANCESCO PALERMO nell'_Arch. Stor. It._, in-8. Firenze, 1846, IX, 113:
«_Marzo 1541. Le galere di Sua Santità arrivarono qui tre dì sono, e
credo che si andranno a unirse con le altre; ed oggi sono ite a
Castellammare per vino._»

[126] LUIS DE SALAZAR Y CASTRO, _Glorias de la casa Farnesa_, in-4.
Madrid, 1716, p. 74: «_Octavio Farnese saliò a recibir Carlos V, su
suegro, con una gran comitiva de cavalleros italianos.... y luego
accompagnò al Cesar en la infeliz jornada de Argel._»

MAMBRINO ROSEO cit., 264: «_L'Imperatore fu incontrato da Ottavio
Farnese suo genero, con una gran comitiva di nobili cavalieri
italiani._»

JOVIUS cit., 474, 28: «_Imperator.... Octavium Farnesium, miræ indolis
adolescentem, cum insigni comitatu obviam habuit.... ad ponendum militiæ
rudimentum in Cæsaris soceri sui contubernio._»

IDEM, 479, 21.

[127] JOVIUS cit., 484, 24; 485, 14: «_Ex his Lucidus romanus....
Franciscus Balneus, Titus item Amerinus, et M. Ant. Porretanus._»

ADRIANI cit., 118, G: «_Il capitan Aurelio da Sutri, soldato e familiare
del conte dell'Anguillara, con Arrigo Orsino._»

ANTONIO COLARIETI, _Degli uomini più distinti di Rieti per scienze,
lettere, ed arti_, in-8. Rieti, 1860: «_Giulio Podiani da Paolo III
posto a capo della spedizione navale contro i corsari._»

I BIOGRAFI della casa Farnese, Francesco Sansovino, Salazar y Castro,
Bonaventura Angeli, Alfonso Loschi, Flaminio da Latera, il de Lazzari, e
il ch. Amadio Ronchini non dicono di più: e quest'ultimo, tanto noto
archivista di Stato a Parma, con sua lettera del 23 maggio 1873,
scrivevami: «_Sono dolente di non aver nulla, propio nulla per
soddisfare alle sue domande._»

[128] BOSIO cit., 203, B: «_Avendo l'Imperatore posto alla banda dritta
la capitana del Papa, comandata da Virginio Orsino, conte
dell'Anguillara._»

SOMMARIO _di Storia lucchese_, nell'ARCH. ST. IT., in-8. Firenze, 1847,
p. 424.

[129] RAYNALDUS, _Ann._, 1541, n. 64: «_Cohortes italicas quibus præerat
Camillus Columna et Augustinus Spinula._»

MAMBRINO ROSEO cit., 266.

BOSIO cit., III, 202, D; 205, C; 207, C.

[130] MAMBRINO ROSEO, 267: «_La fanteria divisa in tre schiere sì come
era di tre nazioni.... assegnati a ciascuna di esse tre pezzi di
artiglieria.... con quest'ordine marciavano._»

BOSIO, 205, C: «_Haveva ciascun di questi squadroni tre pezzi
d'artiglieria da campagna, per ispaventare gli Arabi, i quali
continuamente all'usanza loro traccheggiando, or quinci or quindi
l'esercito assaltavano._»

[131] NICOLAUS VILLAGAGNONUS, _De expeditione ad Argeriam. Inter
Selecta_ CLAUSERI _de rebus Turchicis_, in-fol. Basilea, 1556, p. 599,
lin. 32: «_Nobis imbres sclopetorum usum ademerant._»

JOVIUS cit., 484, 16: «_Jam a pluvia extinctis funiculorum ignibus,
lagunculisque sulphurei pulveris madefactis, sclopettorum usus penitus
ereptus._»

MAMBRINO ROSEO, 269: «_I Mori adoperavano le balestre già dismesse in
Italia.... e i fanti italiani non potevano per quella pioggia adoperare
gli archibusi._»

BOSIO cit., 207, B: «_La grande acqua haveva spente le corde degli
archibugi, e bagnata e guasta la polvere delle fiasche.... in quel
piano, fango viscoso a mezza gamba...._» 208, A: «_Il tempo di pioggia
rende gli archibusi inutili._»

ANTONIO DORIA, _Compendio_ cit., 87: «_Ai soldati per la grossa pioggia
s'erano spenti i micci degli archibusi e quasi tutti i fuochi._»

[132] JOVIUS, 484, 24: «_Lucidus Romanus præferocem Maurum cominus
congressum, quamquam saucius, interfecit._»



XXI. — Più calzante al nostro proposito viene il discorso che abbiamo a
fare intorno alla marina, tutta turbata l'istessa sera del ventisette.
Il sole tramonta sotto il velo di densa caligine. Non colori brillanti
di crepuscolo, non azzurro ranciato di cielo, nè chiarezza lucente di
mare: ma tinte fosche, aria umida, acqua torbida, e dal lato boreale una
lontana parata di nugoloni oscuri, pesanti, immobili in prima sera; e
poscia mano mano sorgenti e torreggianti più e più in alto, senza altra
luce che qualche guizzo di baleno. Il piloto impensierito pronostica da
quella parte il vento furioso di Tramontana, traversia funesta del
rivaggio; e ansiosamente cerca tra nube e nube il punto ortivo della
temuta stella, già nota ai miei lettori[133]. Osservato diligentemente e
con segni sinistri il tramonto del sole e la levata della stella, sibila
e risquittisce il fischietto del comito e del nocchiero: e tutti i
marinari dalla tolda a riva son pronti per la manovra di mal tempo alla
sicurezza delle navi e delle galèe. Vedete da ogni parte ammainare le
antenne e i pennoni, sghindare di gabbia, arridare gli stragli e le
sartie; e giù in coverta chiudere le boccaporte, parare i portelli,
trincare le artiglierie, mettere le tende a pendio; ed altri in mezzo
colle barche assicurare gli ormeggi, filare i calumi, attrezzare i
pennelli: crescere di fuori nel mare gomene, ferri, gherlini; e di
dentro bozze, paglietti e trinche sulle bitte. Intanto avanza la notte,
e insieme la furia del vento, la gonfiezza del mare e l'oscurità del
cielo: cadono rovesci di pioggia obliqua tra lampi paurosi, e scrosci di
folgori, e scoppî di tuoni, ripercossi da tutti i monti nel bujo. Le
onde corrono infuriate verso la costa, gittansi rapidissime sugli
scogli, saltano alle creste, e ricadono come torrenti spumosi. Odi
ronfìo profondo di mare, e fischio rabbioso di vento, e vedi quanto v'ha
di più terribile nella confusa battaglia degli elementi. Là in mezzo
apprende il marino a vincere il sentimento del terrore, e a pigliar
pratica del suo mestiero.

[28 ottobre 1541.]

Fattosi giorno, chi si trova accampato tra i pantani, stretto di
vittuaglia, e privo di ogni comunicazione coll'armata, alla incerta
apprensione della oscura notte vede succedere la trista realtà di
spaventoso sguardo. Lunghi cordoni di onde accavallate biancheggiano
intorno al lido, valli e colline alla rinfusa sul mare; orizzonte
ristretto dalle nubi, e la volta del cielo simile alla tinta livida
dell'acqua. In piccolo spazio settecento navigli di ogni grandezza,
tutti umili e dimessi: tutte le alberature ridotte a metà, tutti i
fianchi paralleli, tutte le poppe opposte al vento, tutte le teste
legate agli ormeggi: gusci oscuri, circondati da liste bianche di spuma,
mosse e mutate in ogni senso. Ma al tempo stesso quei legni, chi più chi
meno, dall'una o dall'altra banda a perpetuo contrasto si scuotono:
talvolta li vedi sbandati fin quasi a trabocco; e improvvisamente
sollevati di poppa fino a mostrarti la chiglia; e poi, arrizzati
davanti, tutta presentarti la coverta, inondata d'acqua e di spume
correnti giù dagli ombrinali. Fissa oltracciò lo sguardo, e vedi
continuato contrasto di ciascun legno cogli ormeggi suoi, secondo le
diverse forze spinte, e chiamate dell'onde, del vento e delle gomene.
Eccoli barcolloni più volte alle bande; e poi bruscamente dare indietro,
traendo fuori d'acqua tutta tesata la lunghezza dei canapi: eccoli
all'improvviso farsi avanti verso il ferro, mollando i calumi; e poi
barcollando e rifuggendo tesarli un'altra volta: sempre con durissime
tentennate. Chi ha pratica, ed ha visto di simile, egli soltanto può
distinguere il discorso tecnico dal romantico.

Dopo quindici ore di rabbiosa procella col vento sferratore di
Tramontana, tra le continue strappate delle gomene, e il consentimento
sforzato dei legni, cominciano le falle, e il gettito, e le grosse
avarie. Sartie e manovre a pezzi, cime fileggianti in bando tutte da una
parte a seconda del vento; alberi scavezzi a precipizio, palischermi
infranti, murate e fianchi sdruciti, rottami sparti e trabalzati sulle
onde. Chi si trova debole di corbame, o fiacco d'ormeggio, entra in
distretta: a questo il canapo stremato si strappa; a quello le bitte e
le coste gli vanno appresso. L'uno piomba nel fondo con tutta la gente;
l'altro, miserabile spettacolo, irreparabilmente sferra, ed è gittato
dai flutti a perdizione sulla costa. Lo sferrare in bocca dei marinari è
maledizione assolutamente intransitiva, alla quale attivamente non si
opera come nel salpare, ma si è soggetti come nel morire; e vale perdere
i ferri, e la ritenuta delle gomene, e la conserva dei compagni; Esser
portato a precipizio dalla violenza del vento e del mare. Via dunque di
qua il maniscalco arcigno che sferra attivamente le bestie al travaglio;
via il ringhioso pedante che sferra a rovescio la penna sulla carta; via
le sferre di ogni altro prosuntuoso mestatore. Sferrano altrimenti i
miseri marinari; e in men che si dice, il grosso mare e il vento
rabbioso nelle secche e sugli scogli li percuote a certissimo naufragio.
Vengono abbrivati, urtano nei bassi, cadono gli alberi, e lo scafo
sbattuto dai marosi sul duro letto si apre, e va in pezzi. Della gente
in quel momento, chi piomba nell'abisso per non uscirne mai più, chi
resta maciullato dalle onde sugli scogli, e chi cade trafitto dalla
scimitarra degli Arabi. Costoro guardano il lido avidi di strage, e non
danno quartiere.

Ciò non pertanto la capitale sventura pareva rifugio ai miseri, stanchi
dei travagli del mare. Tanto era grande lo spavento e la perturbazione!
Scaduta la disciplina, molti volevano volontariamente investire in
terra, mettendosi nelle stesse condizioni che altri per violenza pativa.
La smania di levarsi dal pelago, la corrosione progressiva delle gomene,
la difficoltà di sgottar la sentina, la disperazione di non potersi
lungamente sostenere, massime alla cieca nella notte ormai vicina,
condusse non pochi al tristissimo partito di tagliar le gomene, messo in
non cale il divieto dei capitani[134]. Tanto che sull'ora di vespro più
di cencinquanta bastimenti di ogni maniera e quindici galere erano sul
lido miserabilmente infranti, non essendo più altro a vedere in quella
parte, che rottami, alberi, bariglioni, tavole, corde, cenci, attrezzi,
corredi, e uomini che di mezzo sorgevano per iscampare, e invece
trovavano più pronta la morte, o tra i gorghi del mare, o tra gli
acciacchi degli scogli, o sotto alle spade dei nemici[135].

In quella Andrea Doria non ismentì la fama di esperto ed intrepido
marino: avrebbe potuto facilmente salvare sè stesso e l'armata nel porto
vicino di Bugia; ma non volle mai abbandonare l'Imperatore e l'esercito,
quantunque gli pesasse gravissima la perdita di quasi tutte le sue
galere pel sollevamento della gente e pel taglio delle gomene, essendosi
dovuto piegare al tristo espediente l'istesso Giannettino[136].
L'incauto giovane insieme con tanti altri sarebbevi restato morto, se
l'Imperatore, vedendolo naufragato alla riva, e chiedere coi segnali il
soccorso, non avesse mandato di gran fretta don Antonio d'Aragona con
tre compagnie di Italiani a cavarlo fuori dalla rabbia degli Arabi e del
mare[137]. Grazia singolarissima, usata a lui solo per riguardo dello
zio: chè gli altri si lasciavano alla loro ventura, non forse altrimenti
tutta l'armata si avesse a gittare in terra, e tutti i bastimenti a
rovina, senza speranza di ritorno a nessuno.

Grandiosa tra tanto schianto comparisce alla vista di tutti la figura
dell'Orsino, l'arte e la virtù dei Romani, la saldezza dei petti e dei
legni, la bravura dei soldati e dei marinari. Essi fermi, intrepidi,
intatti; essi riguardati con maraviglia, essi citati ad esempio[138]. La
squadra di Malta, per colpa dei marinari, già era in procinto di
naufragio: e i forsennati a colpi di scure avrebbero senza dubbio
eseguito il tristo proposito di tagliare le gomene e di dare in terra,
se il comandante di quella capitana, mostrando da una parte la
disciplina dei Romani, e dall'altro la punta della spada sguainata, non
si fosse opposto; minacciando risolutamente la morte al primo che di ciò
si fosse ardito[139]. Pei fatti di Algeri, e per le lodi da tutti
ripetute alla squadra romana, Ottavio Farnese, genero dell'Imperatore,
formò primamente il disegno di appoggiare nella sua casa, come poi
seguì, la compra di esse galere.

[29 ottobre 1541.]

L'Imperatore e gli altri accampati miseramente tra fossi e dirupi,
abbattuti nell'animo alla vista continua di tante sciagure; perduta nel
mare l'artiglieria d'assedio insieme coi barconi di rimburchio, dove
l'avevano il giorno avanti discesa; corrotte o assorbite dal pelago le
munizioni e le vittovaglie, si trovavano a mal partito. Carpire le
radici salvatiche, macellare i cavalli, e pel fuoco raccogliere in
giornèa le tavole dei bastimenti naufragati, bastava nel giorno seguente
a nutricare di insolito pasto trenta mila uomini: ma non poteva durar
lungamente. In quella veniva a Carlo una lettera di Andrea, portatagli a
nuoto da intrepido marangone, assicurato anche meglio da un fodero di
sugheri. Andrea scongiurava l'Imperatore a levarsi di là, se non voleva
vedere tutti sommersi o massacrati; esortavalo a venirsene verso il capo
Mattaffuso, dove sperava poterlo raccogliere, e rimenare in Europa.
Carlo, perduta ogni speranza di conquista, accettò le conclusioni del
Doria: dètte i segnali, e imprese la ritirata a piccole tappe in tre
giorni, sempre combattendo cogli Arabi sul destro fianco ed alla coda.

[30 ottobre.]

La sera del ventinove essendosi calmato il vento, e potendo salpare i
ferri verso il largo (ma non approdare al lido, dove l'onde infuriate
tuttavia orribilmente frangevano), il Doria sparò il tiro dell'avviso,
perchè nella notte ciascuno si riattrezzasse a dovere e si mettesse in
punto di far vela al primo segno. La mattina del trenta prese il vento
colle poche galere che gli restavano: e, sempre sostenuto dalla squadra
romana, condusse il convoglio delle navi all'àncora nella cala del
Mattaffuso, dove è sicura stallìa per tutti i venti, salvochè da
Ponentemaestro. Le galere di Malta sotto colore di necessità si
allontanarono[140]. Al contrario le nostre continuaronsi nell'assistenza
degli afflitti, levarono le genti dalla spiaggia, servironle
all'imbarco, le scortarono al porto di Bugia, tenuto allora dagli
Spagnoli, quantunque sempre perseguitate dalla pertinacia delle
tempeste, e dal sentimento delle altrui avarie. Solo disastro per noi un
colpo di mare, che nelle acque di Bugia scoprì la poppa della Capitana
nostra, e ne strappò l'immagine del Santo protettore[141]. Del resto
fino all'ultimo, coll'arte e col magisterio dei marinari e degli
ufficiali governandosi, evitarono le disgrazie più e più funeste nella
ritirata di quell'armata: servirono l'Imperatore, assicurarono
l'esercito. Indi per Biserta, la Favignana e le Eolie, se ne tornarono
dolenti, altrettanto che onorati e salvi, al porto di Civitavecchia.

NOTE:

[133] BOSIO, 209, C: «_La tempesta ben pronosticata da Andrea Doria con
la presupposta e tanto dai marinari temuta stella di san Simone e
Giuda._»

IDEM, 182, C: «_Correndo colla cima di un vento e tempo fortunevole,
prodotto dalla tempestosa stella di Tuttisanti._»

JOVIUS, 491, 29: «_Tandem aspirantibus Euris, Cæsar ad Baleares cursum
direxit, divæ Catharinæ maligno sydere tranquillam nactus tempestatem._»

P. A. G., _Medio èvo_, II, 94, 96.

[134] RAYNALDUS, Ann., 1541, n. 64: «_Centumquadraginta navigia
quadratis velis perierunt.... quindecim etiam triremes allisæ
littori.... plures periissent nisi calamitas virtute vieta fuisset._»

MAMBRINO ROSEO, 270: «_Si perderono cento quaranta navi grosse, da
quindici galere, altri piccoli vascelli, si affogarono infiniti marinari
e galeotti._»

ANTONIO DORIA, _Compendio_ cit., 86: «_Ponendosi la notte del ventotto
d'ottobre una gran fortuna in mare.... fece dare a traverso quattordici
galèe, e molte navi: conquassando il resto dell'armata in modo che la
rese inutile._»

[135] VILLAGAGNON cit., 601, lin. 13: «_Numidæ, viso naufragio, ad
littus magno numero convenerant, ut quos fortuna in terram transportaret
eos transfoderent. Utrum in terram elabi, an submergi præstaret,
nescio._»

[136] BOSIO, 209, C:: «_Il Doria poteva salvare le galere a Bugia
(essendo le perdute quasi tutte sue), ma da quella spiaggia movere mai
non si volle._»

[137] ULLOA cit., 162, med. B: «_Giannettin Doria fu per perire.... la
sua galèa diede nell'arena.... L'imperatore, acciocchè quel valoroso non
fosse tagliato a pezzi sotto gli occhi di suo zio, mandò alla riva don
Antonio d'Aragona con tre compagnie italiane.... per la venuta dei quali
si salvò da tanto pericolo._»

[138] JOVIUS cit., _Hist._, lib. XL, p. 487, 24: «_Pari quoque
perseverantia Virginii Ursini Anguillarii triremes, totidemque Rhodiæ
(earum æmulatione) cuncta tempestatis incomoda feliciter pertulerunt._»

VILLAGAGNON cit., 603, lin. 8: «_Integri relicti ad Argeriam pauci:
comitem Anguillarium immunem ibi._»

[139] BOSIO, 208, D: «_Il cav. Francesco de Azevedo, che comandava,
minacciò levar la vita al primo che ardito havesse di più ragionare di
imitare quelli che volontariamente a perdere si andavano.... con sua
gran lode salvò quella galera._»

GIOVIO cit., nella nota precedente.

[140] BOSIO cit., 210, D: «_La capitana di Malta.... seguendola l'altre
tre galere della Religione.... salutata nel passar oltre la galera
imperiale, e con alta voce fattole sapere che da inevitabile necessità
sforzata si era posta in viaggio per salvarsi._»



[25 aprile 1542.]

XXII. — Dopo l'aspro rovescio, papa Paolo maggiormente si strinse col
Conte, prevedendo dai nemici molestie maggiori, e dagli amici maggiori
richieste. Però a tenore dei capitoli lo avvisò di duplicare la forza
dell'armamento, e di tenere al soldo nell'estate seguente sei galèe,
lasciandogliene una fuor di linea a suo privato comodo: essendo che egli
sempre continuava a tenerne quattro di sua proprietà, oltre alle tre
consuete della Camera. Le ragioni e le spese di tale rinforzo sono
espresse nella seguente costituzione, che volgarizzo col testo a fronte,
perchè importante ed inedita[142].

«Paolo papa terzo a tutti i singoli, cui le lettere presenti saranno
mostrate, salute ec. — Chiamati senza nostro merito per superna
disposizione al regime dell'ovile del Signore, volontieri attendiamo
secondo il dover nostro a provvedere tutto ciò che riguarda il buono
stato e conservazione del medesimo, e a mettere efficacemente in opera i
mezzi che occorrono, perchè la nostra greggia non vada a strazio tra gli
artigli dei lupi rapaci. Certamente a tutti deve esser noto come il
ferocissimo tiranno dei Turchi, venuto l'anno passato nel regno
d'Ungheria alla testa di numeroso esercito, dopo lacrimevole strage di
soldati cristiani, sotto le mura di Buda ha rotto il campo del carissimo
in Cristo figliuolo nostro Ferdinando illustre re dei Romani e di
Ungheria, che intendeva a ricuperare coll'armi quella piazza; e in vece
il Turco vi si è maggiormente assodato: nè contento a ciò, appresta ora
altri eserciti di terra ed altre armate di mare per entrare più avanti,
e sottomettere il resto di quel regno, e forse anche la Germania e
l'Italia. Vedendo dunque imminente il gravissimo pericolo di tutta la
cristianità per le costui invasioni, e per la discordia dei nostri
principi, tra i molti rimedî da noi pensati, abbiamo risoluto di
aggiugnere tre galèe alle altre tre che sempre tiene la Sede apostolica,
e fornirle secondo si conviene di gente, vettuaglie, e di armamenti
necessari alla guerra, perchè formato in tal modo il nucleo di giusta
squadra o possano da sè difendere la Spiaggia romana, o presentandosi
l'occasione anche più lontano possano perseguitare e cacciare il nemico.
La salute della maggior parte di questi nostri paesi principalmente
dipende dalla esecuzione di tale divisamento. E perchè non possiamo noi
sostenerne la spesa, nè col danaro dell'erario esausto, nè colle gabelle
ordinarie assegnate ad altre spese, bisogna che da coloro caviamo il
sussidio, alla cui salute provvediamo. Sperando adunque che tutti i
sudditi nostri, persuasi del manifesto bisogno, sosterranno volentieri
questo peso, noi per moto proprio, certa scienza e pienezza della
apostolica potestà, per tenore delle presenti vogliamo e comandiamo che
le città, terre e luoghi soggetti mediate o immediate alla sede
apostolica, per sei mesi soltanto prossimi futuri, debbano mantenere e
pagare ciascuno la sua quota, secondo la tabella che pubblicherà il
diletto figlio Guidascanio Sforza diacono cardinale di sant'Eustachio e
camerlengo, e tutti ugualmente debbano versare il danaro assegnato nelle
casse e nei termini indicati dall'istesso Camerlengo. Nè alcun vi sia
che presuma andare esente dal mettere la sua porzione sotto pretesto di
qualsivoglia privilegio o immunità, ma tutti indistintamente siano
tenuti a contribuire, decretando che in questo modo e non altrimenti si
abbia a giudicare e a diffinire da qualunque giudice e commissario di
qualsivoglia autorità rivestito, fosse pur cardinale della santa romana
Chiesa, eccetera.

»Dato in Roma addì venticinque di aprile 1542, del nostro pontificato
anno ottavo.»

In queste lettere si parla della discordia dei principi maggiori, si
prevede la guerra tra loro, si dubita di ulteriori progressi del Turco,
si accenna a qualche lontana spedizione, e si afferma la necessità di
fare da sè, senza aspettarsi il soccorso altrui. Tutte sentenze, dalla
prima all'ultima, confermate pei fatti. Il Conte colla squadra
rinforzata, e la consueta compagnia dei gentiluomini della sua casa
prese a difendere la Spiaggia. Ebbe per camerata e per allievo Giulio
Podiani, patrizio reatino dei signori di Piediluco e di Poggiobustone,
che poi vedremo crescere di autorità sul mare coi Farnesi e coi
Fieschi[143]. Sbrattò da ogni parte i nemici, prese parecchi bastimenti
piratici, e fece prigione quel giovane ladrone chiamato Scirocco; cui
poi divenuto famoso ammiraglio, governatore di Alessandria, e gran
faccendiero all'assedio di Malta, vedremo comandante a Lepanto dell'ala
destra nell'armata dell'imperatore Selim[144]. In somma la Spiaggia
romana nel quarantadue era da tutti i naviganti osservata, come sicura
più di ogni altra tra le marine d'Italia sul Tirreno; e vi convenivano
assai legni a comprare frumenti, di che era tutt'altrove gran caro[145].
Al tempo stesso papa Paolo, istantemente richiesto dal re Ferdinando,
mandava in soccorso degli Ungari Alessandro Vitelli da Castello con
tremila fanti romani, al cui valore i nostri scrittori e gli stranieri
attribuirono gran parte della onorata difesa di Pest[146].

Francesco di Francia altresì e Carlo di Spagna ripigliarono la guerra
tra loro. Dovevano i due emuli passar la vita consumandosi insieme a
danno dei popoli, specialmente d'Italia, in continui contrasti,
tramezzati da brevi e false amicizie. Per qualche tempo Francesco aveva
lasciato di molestare il rivale, tenuto in rispetto dalla tregua
stabilita per dieci anni all'Acquamorta nel trentotto, come è detto: ma
dopo l'infelice spedizione d'Algeri, veduto il sinistro delle forze
spagnuole, e tolto il pretesto dall'uccisione di Antonio Rincone e di
Cesare Fregoso, suoi ambasciatori (che, passando di Lombardia verso
Venezia, andavano a secreti maneggi in Constantinopoli), dichiarava
rotta la tregua; e fin dalla primavera di quest'anno moveva guerra a
Carlo in quattro punti lontani da noi, Fiandra, Piccardia, Rossiglione e
Brabante: di che non dobbiamo occuparci.

NOTE:

[141] VILLAGAGNON cit., 603, lin. 9: «_Comitem Anguillarium noluit mare
immunem esse apud Bugiam.... tanto enim furore in puppim involavit, ut
ipsam puppim everterit, et sanctum Andream, qui puppi in signum erat
appositus, præcipitem egerit: a cæteris autem, quos ad Argeriam ultus
erat, manus continuit._»

[142] PAULIS PP. III. _Const. qua ad auxilium populi christiani contra
Turcas tribus triremibus pontificiis tres novas addit, et subsidium ad
sex menses imponit_. — ARCH. SECR. VAT., t. II. n. 353, ex archetipis
brevium. — Copia tra le Schede Borgiane nel Museo di Propaganda, e copia
presso di me.

«_Universis et singulis præsentes litteras inspecturis, salutem etc. —
Paulus Papa III. — Ad curam dominici gregis, meritis licet imparibus
divina dispositione vocati, ad ea ut debemus libenter intendimus per quæ
cuncta ad ejus felicem statum salubriter dirigantur, et ne luporum rabie
opprimatur opem et operam impendimus efficacem. Sane, sicut omnibus
notum esse credimus, immanissimus Turcarum tyramnus anno præterito ad
regnum Hungariæ cum numeroso exercitu personaliter veniens, exercitum
charissimi in Christo filii nostri Ferdinandi Romanorum et Hungariæ
regis illustris in obsidione civitatis Budensis, quam pro illa
recuperanda tenebat, ingenti christianorum militum strage profligavit,
ac ejus ditionem inibi stabilivit: et nunc iis non contentus ad
penetrandum ulterius in dictum regnum et quod reliquum est dicti regni,
et forsam Germaniam et Italiam occupandum novum terrestrem exercitum
maritimamque classem præparat; et cum ex iis, et principum christianorum
dissidiis magnum periculum reipublicæ christianæ immineat, decrevimus,
præter alia per nos excogitata remedia, tribus triremibus apostolicæ
Sedis tres alias addere, illasque prout res postulat militibus ac
commeatibus aliisque ad belli usus necessariis munire, ut justæ classis
numero expleto, vel per se oram maritimam tueantur, vel si res
postulabit longius etiam hostem propulsent atque persequantur. Quod
nostrum consilium, in quo maximæ partis harum regionum consistit salus,
cum ex pecuniis ærarii nostri quod hoc tempore exhaustum est, nec ex
vectigalibus quæ ordinariis impensis ordinata sunt, explicari nequeat,
necesse est ut ab iis subsidia exquiramus quorum saluti consulimus.
Sperantes igitur quod omnes manifestum periculum hujusmodi
recognoscentes onus hoc libenti animo sustinebunt, motu proprio, et ex
certa scientia, et de apostolicæ potestatis plenitudine tenore
præsentium volumus et ordinamus quod civitates, terræ, et loca Sedi
apostolicæ mediate vel immediate subjecta sex triremes hujusmodi, pro
sex mensibus proxime futuris tantum, pro rata, juxta taxam per dilectum
filium Guidonem Ascanium Sfortiam sancti Eustachii diaconum cardinalem
Camerarium nostrum faciendam munire et sustinere, et pecunias ad id
necessarias in locis et terminis per dictum Camerarium statuendis,
solvere teneantur. Nec aliquis ad evitandam solutionis portionem, eum
pro rata subsidii hujusmodi tangentem, vigore cujusvis privilegii vel
exemptionis tenore se tueri possit, sed omnes indifferenter contribuere
teneantur. Decernentes sic, per quoscumque judices et commissarios,
quavis auctoritate fungentes, etiam S.R.E. cardinales judicari et
diffiniri etc._

»_Datum Romæ die XXV aprilis MDXLII, Pontif. nostri anno VIII._»

[143] MEMORIÆ RHEATINÆ, Mss. nell'Archivio Capitolare, p. 87: «_Julius
Pojanus, Hectoris filius, Jacobi nepos, adolescens undeviginti annorum a
Paulo III Pont. Max.... universæ expeditionis navalis et maritimæ
generalis dux constitutus erat: quo in munere præclare se gessit, ita
ut.... captivum duxit Sirocum, piratam ejus temporis famosum et
immanem._»

ANTONIO COLARIETI, _Degli uomini più distinti di Rieti per scienze,
lettere_, ed arti, in-8. Rieti, 1860: «_Giulio Podiani da Paolo III
posto a capo della spedizione navale contro i corsari, in cui fece
prigione Scirocco, uno dei primi pirati di quei tempi._»

[144] BOSIO cit., III, 577, B: «_Sirocco rais, uomo diligente colla
galeotta sua a Costantinopoli...._» 634, C: «_Tornato Sirocco rais
coll'ordine di finire l'impresa di Malta...._»

P. A. G., _Lepanto_, 212, 224.

[145] ADRIANI cit., 96.

[146] RAYNALDUS, _Ann._, 1542, n. 36.

MAMBRINO ROSEO, III, 289.

CAMPANA cit., I, 84, B, med.

ANTONIO DORIA, _Compendio_, 31.



[1543.]

XXIII. — Più da vicino ci tocca la lega scoperta al principio di
quest'anno tra Francesco e Solimano ai danni di Carlo; o per dir meglio
a rovina del cristianesimo e di tutti noi, ed a perpetua infamia di lui
Francesco e dei suoi complici, non di tutta la nazione francese, come
sempre ho detto e ripetuto imparzialmente dei nostrani e degli
stranieri, quando ho dovuto biasimare gli oltraggi alla fede, e al
pubblico bene della civiltà e della religione. Tanto nell'odio contro
Carlo era accecato colui, che per vendicarsene chiamava Barbarossa a
molestare gli stati del rivale in Italia: e Carlo il cattolico, per non
essere da meno di Francesco il cristianissimo, faceva lega con Arrigo
d'Inghilterra, famoso pel ripudio della sorella di sua madre, e per le
rivolture religiose[147]. Così vie meglio agli occhi di ciascuno deve
rilevare il non far troppo conto delle belle parole, ma di tenersi ai
fatti.

[Marzo 1543.]

Per queste ragioni di guerra tra casa di Francia e casa d'Austria, coi
Turchi di mezzo sulle nostre marine, avvenne un'altra occultazione del
conte dell'Anguillara. Tutta la casa Orsina correva a parte francese, e
tutta la Colonnese a parte spagnola: questi gelosi di quelli, ambedue
dei Doria, e così via via. Catena di miserie domestiche per le altrui
comodità. Quindi non potendo più il Conte combattere i Turchi senza
offendere i Francesi uniti con loro, prese congedo; e menandosi appresso
le quattro galere di sua proprietà, se ne andò a Marsiglia, dove quel Re
lo accolse con molte carezze, e gli dètte l'Ordine di san Michele, e lo
fece luogotenente generale di tutte le sue armate di mare[148]. A questi
tempi, e durante il congedo, voglionsi ridurre i doni fatti e ricambiati
tra l'Orsino e Barbarossa, di che tutti i biografi parlano; e
specialmente le dieci tavolette liscie coi veri ritratti dei dieci
sultani in miniatura: cose da non esser noverate tra le più felici della
sua vita. E bene se n'ebbe esso stesso a pentire (come molti altri
andativi prima e dopo), disgustato dei sospetti del re Francesco e della
gelosia dei cortigiani. Anzi non potendo mai tanto parer musulmano,
quanto costoro avrebbero voluto, patì prigionia, ed ebbe a gran ventura
il ritornarsene.

NOTE:

[147] ANDREAS MAUROCENUS cit., 533, 537.

MARCO GUAZZO cit., 247.

SANSOVINO, per tot.

[148] ADRIANI GIAMBATTISTA, _Storia de' suoi tempi_, in-fol. Firenze,
1583, p. 106, G: «_Gentil Virginio Orsino, conte dell'Anguillara con
quattro galere.... se n'era andato a Marsiglia, e dal Re era stato
carezzato, e datogli l'Ordine di san Michele.... e fatto luogotenente
generale di tutta la sua armata._» 114, E; 118, G, ec.

ANTONIO DORIA, _Compendio_ cit., 113: «_Era generale delle galere di
Francia Leone Strozzi, fatto dal re Francesco (privato che n'ebbe il
conte dell'Anguillara) e fattolo imprigionare per sospetti havuti di
lui, dei quali ritrovato innocente fu da Henrico, dopo la morte del
padre, liberato._»



[Aprile 1543.]

XXIV. — Intanto il Pontefice, restato con tre sole galèe, e tutta
l'armata turchesca vicina, chiamò a sè il capitan Bartolommeo Peretti da
Talamone, che era stato luogotenente del Conte[149]. Nominatolo
comandante della squadretta, gli ordinò di andarsene subitamente a
Malta, e di tenersi là al sicuro colle tre galèe, infino a che
Barbarossa non fosse passato; sapendosi per certo che tra poco doveva
venire nel mar Tirreno, diretto a Marsiglia, e aspettato dal re
Francesco. Il capitano Peretti, uomo di gran valore, scritto alla
nobiltà di Siena, accasato con una dei Migliorati di Pisa; pel cognome,
per lo stemma, e per le relazioni dei posteri ci fa pensare alla sua
consanguinità coi Peretti portati in Roma da Sisto V: comunemente
dicendosi da uno stesso ceppo illirico essersi derivati quelli della
Marca, di Toscana e di Corsica, per la emigrazione notissima degli
Albanesi, che dopo la morte di Scanderbeg fuggivano a torme dal dominio
dei Turchi[150]. Il valoroso discendente degli ultimi campioni della
Macedonia ci si mostra prima comandante di fanti pei Senesi, poi nel
trentasei venturiero sul mare con una galèa, nel trentotto capitano
coll'Orsino, nel quaranta suo luogotenente, e finalmente in quest'anno
successore: però quasi sempre nei servigi della marina romana, ai quali
erasi dato di preferenza, avvegnachè talvolta negli intervalli di
scioverno o di congedo abbia fatto da sè o con altri per mare e per
terra[151].

[Maggio 1543.]

Il capitan Peretti non ebbe gran che da indugiare per mettersi in salvo,
essendo Barbarossa uscito di Costantinopoli nel mese d'aprile
coll'armata ottomana e piratica: settanta galere, cinquanta legni
minori, cento navi grosse, e quattordici mila turchi di sbarco,
accompagnati da Antonio Polino, ambasciatore del re di Francia, e
direttore della tregenda. Costoro alla fine di giugno per lo stretto di
Messina fecero capo a Reggio di Calabria, donde tutto il popolo
spaventato erasi fuggito ai monti. Di là gl'infelici vedevano nel giorno
il sacco, e nella notte l'incendio della patria. Altri ed altri appresso
videro nello stesso modo ruine, saccheggi e fuoco per le riviere della
Calabria e della Campania, e infinita gente di ogni sesso e condizione
imbrancata sulle galere turchesche a perpetua schiavitù[152]. La
temerità di Barbarossa nella passata trionfale giunse in fino alle rive
del Tevere, donde bravando e minacciando sarebbe voluto venire a veder
Roma e il Papa, se non fosse stato ritenuto a stento dal Francese. Piena
la città di costernazione per più giorni, e i popoli delle campagne e
delle terre vicine tutti in fuga, cercando ricovero nelle fortezze e nei
luoghi sicuri. Fatta l'acquata nel Tevere, i Turchi passarono a Nizza,
ebbero a patti la città, bombardarono il castello, saccheggiarono il
contado: e finalmente si ritirarono a svernare nei porti di Marsiglia e
di Tolone[153]. Colà a maggior confusione dei miseri Cristiani fatti
schiavi, ed ammassati come vili giumenti sopra i legni infedeli, si
facevano bellissime feste in onore di Barbarossa e dei Turchi.
Scellerati!

[Settembre 1543.]

Intanto il capitan Bartolommeo, tornato da Malta a Civitavecchia alla
larga appresso all'armata ottomana, e avute nuove istruzioni da Roma,
prestamente ne ripartiva coll'ardito disegno di entrare nell'Arcipelago
e di dare il guasto alle marine dei nemici, lasciate in abbandono da
Barbarossa. Voleasi fargli danno e vergogna, ed anche indurlo a levarsi
presto dai nostri mari. Tornò dunque a Malta colle tre galere, vi giunse
addì ventotto di settembre, nel qual giorno presentò al Grammaestro e al
consiglio due brevi del Papa per avere seco di conserva le galere dei
Cavalieri a difesa comune[154]. Ma non sembrando a quei signori
conveniente l'invito, per la confusione dei Turchi coi Francesi; e non
volendo, come dicevano, mettersi al pericolo di combattere gli uni in
vece degli altri, o vero tirarsi addosso il risentimento simultaneo di
tutti e due, lasciarono i Romani senza conserva.

[Ottobre e dicembre 1543.]

Andò dunque solo il capitan Bartolommeo: e solo in quest'anno tra tutti
i Cristiani ardì scorrere in arme i mari di Levante contro i pirati e
contro le orde turchesche. Nella qual crociera fece cose degnissime di
memoria, per questa sola ragione ite in dimenticanza, perchè niuno tra
noi ha trattato di proposito la storia della milizia navale. Che se
appresso vorrà qualcuno metterci la mano, sappia di non dover pigliare a
opera i libri stampati: perché quanto mai si poteva cavare di là, l'ho
fatto io. Sì bene gli prometto gran frutto se cercherà negli archivi,
tanto da avvantaggiarne il capitale che io lascio. Dalle lettere, dai
giornali, dagli strumenti potranno derivarsi in maggior copia i
particolari: ma la sostanza dei fatti, l'ordine dei tempi, ed i
caratteri dei personaggi staranno sempre dove e come io gli ho posti.
Valga l'esempio del capitan Bartolommeo, del quale ora parliamo:
certamente egli fece quest'anno strepitose prodezze, ma i ragguagli ci
mancano, meno quei pochi che si sono potuti raggranellare dagli archivi
sanesi e fiorentini[155]. Eseguì l'ardimentoso disegno, scorse per
l'Arcipelago, si fece vedere alla bocca di Dardanelli, scese nel ritorno
a Metellino, dette il guasto alla villa di Barbarossa, e sulla fine
dell'anno rimenò in Civitavecchia le tre galèe cariche di preda, e piene
di prigionieri[156]. Non sopravvisse lungamente al suo trionfo:
fuggitosi di Roma per certi sospetti (forse potrebbono essere questioni
coi Camerali pei quarti delle prede), se ne andò in Siena malato; e
quivi, quantunque giovane di quarant'anni, morissi addì sei di febbrajo
dell'anno seguente.

[6 febbraio 1544.]

La morte del capitano Bartolommeo, come cosa di rilievo, fu scritta al
duca Cosimo di Toscana dal Duretti residente ducale in Siena, così[157]:
«Il capitan Bartolommeo da Talamone, che già era capitano delle galèe
del Papa, quale per timore si fuggì da Roma, se ne venne qui in Siena
ammalato di mal di pietra, la quale si fece cavare sei giorni sono; et o
per difetto di chi la cavò, o per quel che si sia, si è morto; che ha
arrecato universalmente malagevolezza e danno a tutta questa repubblica
et a le sue terre di mare; per ciò che egli, oltre essere molto valente
della persona, era ancor di molto credito. Hanno fatto questi signori
onore alla sua sepoltura, et in somma è molto doluto, et è stato
grandissimo danno.» L'Ugurgeri ci ha conservato la memoria della lapida
onoraria, che si leggeva a suo tempo nella chiesa di san Francesco, in
questi termini[158]: «A Bartolommeo Peretti da Talamone, già capitano di
fanti al servizio di questa repubblica: il quale, messosi dappoi sul
mare con una galèa, divenne celebre navigatore e capitano della navale
armata pontificia, che egli felicemente governò per quattro anni.
Ultimamente navigando tutte quasi le marine dell'Asia contro i Turchi,
carco di preda e di prigioni tornò, e morissi in mezzo al corso degli
onori. Ottavio al fortissimo ed ottimo padre. Visse anni quaranta, spirò
addì sei di febbrajo 1544.»

Non parlo del suo testamento, perchè rimonta a tempo anteriore di quasi
otto anni prima della morte. Forse quando egli cominciò a correre di
lungo il mare in compagnia del conte dell'Anguillara scrisse per ogni
evento le disposizioni della sua ultima volontà[159]. Sì bene posso
aggiugnere, per cortesia del chiaro signor Luciano Banchi direttore
dell'archivio di Stato in Siena, conservarsi in quei registri il ricordo
dei pagamenti fatti per due epitaffi in marmo alla memoria di esso
capitano, da metterne uno in Siena a san Francesco, e l'altro non si
dice dove: quantunque ciascuno possa pensare alla chiesa di Talamone,
insieme col corpo, o coi precordî dell'illustre defunto, che da quel
luogo aveva preso il nome[160]. Ma che? Il fuoco incalzava anche per le
chiese, anche sotto ai marmi, anche nelle ossa il capitan Peretti. La
lapida postagli dal figlio in san Francesco andò perduta nell'incendio
di quella chiesa l'anno 1655; e dell'altra in quest'anno medesimo si
narra per opera di Barbarossa quel trattamento che tra poco vedremo.

[Marzo 1544.]

Morto adunque il Peretti, e ritrattosi già prima l'Orsino, le galèe
camerali restarono per poco sotto il governo del capitan Francesco de'
Nobili, infino a tanto che non le comperò dalla Camera la casa Farnese a
nome di Orazio terzogenito di Pierluigi, il quale le prese cogli stessi
patti e capitoli dell'Orsino[161]. Segno che la crociera del Peretti
aveva eccitato l'emulazione dei grandi, e che all'Orsino era riservato
il ritorno.

NOTE:

[149] UGURGERI, _Le pompe Sanesi_, in-4. Pistoia, 1649, II, 198:
«_Bartolomeo Peretti da Talamone.... fu fatto nobile sanese per il suo
raro valore.... Paolo III lo dichiarò capitano generale della squadra
delle galere, con le quali quattro anni continui scorse tutte le barbare
riviere.... riportandone infiniti schiavi e ricchissima preda._»

[150] UGURGERI, I, 58, 152, prova che Sisto quinto papa, e Bartolommeo
Peretti vescovo de' Marsi, erano della stessa famiglia coi Peretti di
Talamone.

UGHELLUS, _Ital. Sac._, I, 915, di Bartolommeo Peretti, vescovo de'
Marsi, 14 aprilis 1596. — _Obiit Romæ in carcere_, 1628.

CASIMIRO TEMPESTI, _Vita di Sisto V_, in-4. Roma, 1754.

RATTI NICCOLA, _Famiglia Sforza, Cesarini, Peretti_, in-4. Roma, 1795,
II, 348, 356: «_I Peretti originari di Schiavonia._»

HÜBNER, _Sixte-Quint_, in-8. Parigi, 1870, t. I, p. 218: «_La famille,
d'origine esclavone, avoit paru en Italie au milieu du siècle precédent,
fuyant à l'approche des Turcs._»

[151] LETTERE _a Pietro Aretino_, in-16. Bologna, Romagnoli, 1874; p.
196: «_A Pietro Aretino Jacobo Giustiniani dal Campidoglio, 17 maggio
1540. — Lione d'Arezzo fu condannato alle galere di Sua Santità, delle
quali è capitano Mèo da Talamone côrso._»

[152] MARTINUS BELLAJUS, lib. X.

BELCAIRUS cit.

CAMPANA cit., 93.

ULLOA cit., 169, B. fin.

[153] GOFFREDO, _Storia delle Alpi marittime_, etc. int. _Monum. hist.
patr._, in-fol. Torino, 1839, IV, 1455.

[154] BOSIO cit., 228, A: «_Giunsero in Malta due galere et una galeotta
del Papa comandate dal capitano Bartolommeo da Talamone._»

SEBASTIANO PAOLI, _Codice diplomatico_ cit., II, 206, n. 185.

UGURGERI cit., II, 198.

[155] LUCIANO BANCHI, _I porti della maremma di Siena durante la
repubblica_, narrazione storica con documenti inediti, pubblicata
dall'ARCH. STOR. IT., in-8. Firenze, 1870, parte II, disp. IV, p. 69. —
E notizie da lui gentilmente a me trasmesse per più lettere.

[156] JOVIUS cit., 599: «_Bartholomeus Telamonius, pontificiarum
triremium præfectus, ad Lesbum insulam, mytilenæum agrum paternasque
Barbarossæ possessiones evastavit._»

BOSIO cit. 232, D: «_Bartolommeo da Telamone.... capitano del Papa....
scorrendo l'Arcipelago fino a Metellino, diede il guasto alle paterne
possessioni di esso Barbarossa._»

MAMBRINO ROSEO cit., 334: «_Bartolommeo da Telamone, huomo valoroso in
mare, essendo con le galere del Papa.... haveva rovinato a Metellino le
possessioni di Barbarossa._»

[157] ARCHIVIO di Stato in Firenze, Carteggio universale di Cosimo I,
filza 364 a 694. — Lettera di Bernardino Duretti a Cosimo data di Siena,
9 febbr. 1544. (Per favore del ch. Banchi.)

[158] P. ISIDORO UGURGERI AZZOLINI, _Le pompe sanesi_, in-4. Pistoia,
1649, vol. II, p. 199:

                             D. O. M.

               BARTHOLOMEO . PERETTO . THELAMONENSI
   CUM . AB . HAC . REPUBLICA . PEDITUM . COHORTEM . OBTENUISSET
                 ET . MOX . FACTA . UNA . TRIREMI
           BREVI . INSIGNIS . IN . NAUTICA . EVASISSET
         UT . MERITO . PONTIFICIÆ . CLASSIS . PRÆFECTUS
         ILLAM . QUATUOR . ANNIS . FELICITER . REXISSET
                      ET . PRÆTERITO . ANNO
                OMNES . ASIÆ . ORAS . PRÆTERVECTUS
                  TURCAS . UNDIQUE . INFESTASSET
           PREDAQ . ET . CAPTIVIS . ONUSTUS . REDISSET
          IN . MEDIO . HONORUM . CURSU . EXTINCTUS . EST
           OCTAVIUS . PATRI . FORTISSIMO . ET . OPTIMO
   VIXIT . ANNOS . QUADRAGINTA . OBIIT . DIE . SEXTA . FEBRUARII
                             MDXLIII.

[159] ROGITO di ser Ventura Montani all'anno 1536 nei protocolli dei
notaj di Siena.



[Maggio 1544.]

XXV. — Nè per tutto questo Barbarossa si levò mai dai porti di Francia.
Sentì nel vivo l'ingiuria fattagli dal Capitano di Roma; quando tanti
altri, che parevano maggiori, l'onoravano in Francia: pensò alla
vendetta pel corso della primavera, e svernò in Tolone e nei porti
vicini con quella pubblica corruzione, anche dei provenzali, che
ciascuno può intendere. Alla buona stagione riprese il mare per rimenare
il ferro a contrappelo in Italia. Primamente si posò a Vado presso
Savona, e avrebbe distrutto il borgo felice per la sua magnifica rada,
se dalla repubblica di Genova con grosse somme non fosse stato
prestamente redento quel luogo e tutto il resto del dominio. Poscia diè
fondo all'Elba, minacciando sangue e fuoco se non gli veniva subito
subito restituito un garzonetto, figlio del famoso Giudèo.

[22 giugno 1544.]

Del qual vecchio pirata, avendo promesso in alcun luogo dire la fine,
ora ricordo che egli per questi tempi dimorava in Suez presso il mar
Rosso, come ammiraglio di Solimano alla difesa di quei commerci e
navigazioni contro i Portoghesi delle Indie. Sazio di onori, di
ricchezze e di poteri, l'ammiraglio del mar Rosso piangeva sempre nel
cuore, richiamando il prediletto suo figlio, perduto con tutti i suoi
bastimenti a Tunisi nel trentacinque. Il fanciullo, allora decenne e
mozzo sull'armata, preso prigione dal principe di Piombino, erasi
cresciuto e nobilmente allevato come proprio figliuolo nella casa di
lui; dove, battezzatosi di spontanea volontà, viveva onorato e benvoluto
da tutti. Alle richieste, di Barbarossa, rispondeva assennato: esser
pronto di ritornare liberamente a rivedere il padre, perchè cosa giusta;
e richiedere per onor di lui che le terre e le isole dei suoi
benefattori non patissero danno. Andò dunque in Egitto: dove il padre,
imbevuto dei principî della legge mosaica, dalla quale tanto di
perfezione ridonda alla natural legge della paternità, ardentemente lo
desiderava. Ma quando un giorno all'improvviso, tra splendida compagnia
di servi e di ministri ordinatigli intorno da Barbarossa, rivide il
figlio, dopo dieci anni già grande, bello e costumato, il Giudèo ne
prese tanta allegrezza, e con sì grande espansione d'affetto
abbracciollo, che sollevatoglisi il cuore, in poco d'ora cadde
morto[162]. Pietoso e rarissimo caso, cui tra tutti i terribili compagni
del tristo mestiere niuno forse più di lui poteva trovarsi soggetto.

[25 giugno 1544.]

Ora a noi, chè Barbarossa si accosta alle nostre marine: e prima occupa
per sorpresa Talamone, fa schiavi quanti incontra, trae dalla chiesa le
memorie del capitan Bartolommeo, scuote le tombe, brucia le ossa, sparge
le ceneri al vento[163]. Nella maremma di Siena arde Monterano, e piglia
Portercole dopo breve resistenza. Orbetello si salva soltanto per la sua
posizione, e pei rinforzi mandativi dal duca Cosimo. Non così il Giglio:
donde Barbarossa cava gran preda di bestiame e di schiavi, e lasciavi
ogni cosa cenere. Poi si accinge a disfogare la sua rabbia contro chi lo
ha messo in ripicco; e viene deliberato di bruciare in Civitavecchia le
galere, i marinari, ogni cosa. Che se il terribile pirata l'indomita ira
ritenne a non venire all'effetto, ciò vuolsi attribuire alla fortezza
del luogo, ben munito da Bramante e dal Sangallo, e meglio difeso dal
capitan de' Nobili e dai nostri marinari; anzi che al rispetto del re di
Francia, o de' suoi ministri, o delle terre del Papa[164]. Gli storici
nostri municipali al solito non ne sanno nulla.

[1 luglio 1544.]

Quindi la tempesta dei musulmani, menata da Barbarossa nel Regno, si
scaricò sull'isola d'Ischia, feudo del marchese del Vasto, nemicissimo
della congrega turco-gallica. I ladroni scesero in terra di notte,
presero schiavi quasi tutti gli abitatori della campagna, bruciarono i
grossi villaggi, specialmente Forìo; e non potuto avere il castello
principale per essere ben difeso e inaccessibile sopra rupe nel mare,
andarono nella baja di Pozzuolo, fecero bottino a Procida, presero
Lipari con settemila prigionieri, arsero Cariati, empirono di strage e
ruine la Calabria, e finalmente carichi di preda volsero a
Costantinopoli, traendosi appresso in catena infiniti Cristiani, cui non
potendo convenientemente nutricare, lasciavanli in gran parte di fame,
di sete, di stenti morire; e gittavanli, come inutile e funesto
ingombro, nel mare[165]. Gli altri squallidi, impietriti nel dolore, e
privi d'ogni umano conforto, navigavano maledicendo la crudeltà delle
furie musulmane, e l'ambizione dei principi cristiani, che a loro comodo
funestavano l'Italia di tanto crudeli ribalderie. Orrori sul mare pei
Turchi, e guerra accanita per Francesco e per Carlo in Piemonte, in
Lombardia, e nelle viscere della Francia con gravissima infamia di chi
la maneggiava. E quando da ogni parte i popoli disperati chiedevano
tregua a tanti mali, senza vederne la fine; allora, contro la comune
opinione, a due frati spagnoli dell'abito di san Domenico era riservata
la grazia di poter ammansire i feroci animi di coloro, pe' cui rancori a
ferro e a fuoco andavano quasi tutti i popoli della Cristianità. Fra
Pietro di Soto, consigliere dell'Imperatore, e fra Gabriello di Gusman
direttore della regina di Francia, araldi di pace, s'interposero tra le
spade dei combattenti; e riuscirono dopo molti stenti sull'entrante di
agosto a quei preliminari, che poscia fermarono il diciotto di settembre
la pace detta dal luogo di Crespy[166]. Cessate le guerre, finalmente fu
tempo di aprire nell'anno seguente il tanto sospirato Concilio generale
di Trento.

NOTE:

[160] ARCHIVIO di Stato in Siena, e copia presso di me per favore del
ch. Banchi.

[161] FLAMINIO ANNIBALI DA LATERA, M. O. _Notizie Storiche di casa
Farnese_, in-8. Montefiascone, 1817-18, I, 58: «_Orazio il terzo creato
duca di Castro col breve: Quia postquam.... datum Romæ, apud S. Petrum
pridie nonas nov. MDXLVII, pontif. an. XIV._»

(Nè esso, nè gli altri citati alla fine della nota 126 dicono di più
intorno a questa compra delle galèe.)

[162] BOSIO, 232, D: «_Il Giudeo poco dopo haver riveduto il figliuolo
per soverchia allegrezza se ne morì._»

JOVIUS cit., 598.

MAMBRINO cit., 334.

[163] JOVIUS cit., 599, lin. 24: «_Barbarussa in domum Bartholomæi
Thalamonii igne desæviit, sepulchrumque ejus paulo ante defuncti
violatis ossibus disjecit._»

ADRIANI cit., 148, E: «_Barbarossa prese Telamone e novanta persone._»

BOSIO, 132, E: «_Barbarossa prese Talamone per vendicarsi del cap.
Bartolommeo.... sepolto nella chiesa principale del luogo.... lo fece
dissotterrare, e spargere l'ossa e le ceneri per la campagna._»

BELCAIRUS, _Comment. Rer. Gall._ in-fol. Lione, 1625, libro XXIII, p.
758: «_Barbarussa Telamonem, Monteanum, Herculis portum, Igillium,
cœpit, diripuit, et magnam omnis sexus ætatisque multitudinem in
servitutem abduxit._»

MAMBRINO ROSEO cit., III, 334: «_Barbarossa prese Telamone.... fece
dissotterrare le ossa del cap. Bartolomeo, e gittarle alla campagna._»

[164] JOVIUS cit., 601, lin. 29: «_Barbarossa Centumcellas invadere
atque cremare minatus est, ex eadem causa qua Telamonem delevisset. Sed
deprecante Leone Strozza ab injuria temperavit._»

BOSIO cit., 232, E: «_Barbarossa stette per voltarsi contro
Civitavecchia, desiderando abbruciare quelle galere, colle quali il
capitan Bartolommeo da Telamone la patria sua danneggiato aveva....
distolto dal priore Strozzi._»

SABELLICI, _Histor. Suppl._ in-fol. Basilea, 1560, p. 663.

[165] BOSIO cit., III, 235: 32: «_L'armata turchesca fu a Lipari il
primo di luglio._»

[166] DU MONT, _Corps diplomat._, IV, ii, 279.

RAYNALDUS, _Ann. Eccl._, 1544, n. 23.

JOVIUS cit., lib. XLV.

MARTINUS BELLAIUS, lib. X.



[10 agosto 1544.]

XXVI. — Chiunque studia le storie del mondo, e s'incontra nei perpetui
litigi degli uomini, deve più d'ogni altro intendere la infinita
sapienza della legge di mutua carità; senza di che le creature
ragionevoli si fanno simili alle belve feroci. Non vi è altra formola
per la pace, nè si possono altrimenti finire i dissidî privati e
pubblici: se no, questi succedono a quelli, e quelli a questi con
tortuosa, ma infrangibile catena. Così ora per punto nella nostra
storia, cessate le guerre de' principi maggiori, ma non deposti i
rancori dei partigiani, succedono per conseguenza i dissidî privati ai
pubblici con tanta perturbazione e sì gran disordine, che niuno potrebbe
imaginarne non che prevederne la enormezza, se non vi fosse condotto dai
fatti medesimi e dalle loro ragioni. Ne dirò brevemente, perchè non
posso ancora separarmi dall'Orsino: il quale avvegnachè non entri nello
scompiglio che ora ci stringe, nondimeno sta sempre lì dietro le quinte
per ripigliare, come di fatto ripiglierà per conseguenza, il comando.
Non ancora avevano i negoziatori di Crespy firmato i capitoli della pace
tra le grandi potenze, ed ecco i partigiani attaccarsi tra loro con
quelle astiosità, che poi toccarono il sommo nella congiura dei Fieschi
in Genova, dove cadde Giannettino; e nella congiura dell'Anguisciola in
Piacenza, dove seguillo Pierluigi; e tutto ciò strettamente connesso coi
fatti della nostra marina, avvegnachè da niuno fin qui osservata,
secondo la sua importanza. Eccone il filo.

[15 agosto 1544.]

Era passato di vita quel monsignor Imperial Doria, vescovo di Sagona in
Corsica, del quale per incidente abbiam fatto parola nel quarto libro; e
memore dei beneficî e della parentela, aveva lasciato erede di certe sue
rendite nel regno di Napoli (ingrandite, come è solito, dalla fama) lo
stesso principe Andrea Doria, perchè ne avesse a sollevare dalla miseria
alcuni poverissimi della stessa loro famiglia. Se non che volendo Andrea
entrare al possesso dell'eredità, trovò l'ostacolo dei Camerali romani,
che avevano già fatto giudizio di tirare i beni del vescovo defunto alla
camera degli spogli. Vero è che incominciata la lite e venuti i
protesti, il cardinal Farnese aveva fatto proporre ad Andrea di
transigere con lui nella metà dei beni, ed anche nel tutto, purchè lo
ricevesse come dono: ma l'altro, consigliato dai suoi avvocati, e
riputandosi maggiormente offeso dalla liberalità, che parevagli
oltraggiosa, deliberò con pericoloso e corsaresco consiglio di smaccare
i Farnesi, avversarî politici, e di ricattarsene da sè. Avvisò
Giannettino suo nipote, e s'intese con lui, perchè catturasse e portasse
a Genova le quattro galere, proprietà come è detto dei Farnesi, che la
Camera apostolica teneva al soldo per la guardia consueta.

Dopo la ritirata di Barbarossa, Giannettino Doria colle galere della sua
casa al soldo di Spagna erasi ridotto a Napoli; e colà per dargli mano
aveva altresì fatto raunanza la squadra nostra, condotta dal
provveditore e luogotenente generale di Orazio Farnese, che era per
questi tempi il capitano Francesco de Nobili da Lucca, più volte
nominato avanti, e più da nominare in seguito[167]. La mattina del
quindici di agosto, intanto che si spedivano alcune faccende di sua
commissione in Napoli, Francesco uscì dal porto colla squadra, e fece
una passeggiata di esercizio fino a Torre del Greco. Al ritorno fuori
del porto trovò Giannettino sul passo con quindici galere: il quale,
fattolo chiamare al suo bordo, dissegli volersi servire della squadra
romana infino a Genova. Dopo diverse repliche da una parte e dall'altra,
Giannettino uscì tutto aperto e tutto ardito nel mostrare di avere la
forza in mano, e di esser pronto ad usargli violenza. L'altro protestò
contro il tradimento, e non potendo nè volendo combattere con lui, uscì
di bordo, e andò a presentare i suoi reclami alla Nunciatura di
Napoli[168]. Giannettino al contrario mandò subito a levare dalle nostre
galere i soldati, e ogni altro ricalcitrante, e a mettervi gente dei
suoi; coi quali, senza punto indugiarsi, l'istesso giorno prese la via
di Genova, menandosi appresso catturata la squadra papale[169]. Non però
di meno prima di partirsi per tutta sua giustificazione presso il
Vicerè, cui lasciava all'improvviso il tristo retaggio dei litigi con
Roma, scrisse il seguente biglietto[170]: «Io mi sono assicurato delle
galere del Papa: e non l'ho fatto intendere a V. E. innanzi, per non li
fare disservitio. Non vengo da Lei per trovarmi in punto di andare a
Genova, e comandimi se posso servirla.»

Andarono via l'istessa notte: e il giorno seguente alterossi papa Paolo
grandemente, tanto che pose a general sequestro i beni dei Genovesi in
tutto lo Stato, e minacciò di voler procedere severamente contro gli
usurpatori. Tutta la casa Farnese attorno soffiava sul fuoco, massime
Pierluigi, futuro duca di Parma, ed uomo per vecchie rancure nemicissimo
della casa Doria. Però Andrea, dopo alquanti giorni, mosso anche dalle
rimostranze della sua repubblica, e non volendo interporre l'autorità di
Cesare nel privato negozio, di propria volontà liberò dal sequestro le
quattro galèe, e le rimise in Civitavecchia; contentandosi di aver
mostrato che non gli mancava nè animo, nè forza da far risentimento.
Dopo di che Paolo III ebbe per bene di chiamarsi soddisfatto; e la causa
dell'eredità, rimessa alla curia di Napoli, fu decisa in favore di
Andrea.

Ma il disordine non finì lì; duravano i partiti, celavansi le vendette e
gli odî: ed era scritto nei fati di casa Doria che una sola di quelle
galèe cavate da Civitavecchia sarebbe bastata a catturarne venti nella
darsena di Genova, e a mettere in ponte il dominio di Carlo e di Andrea
nella stessa città.

NOTE:

[167] ANNIBAL CARO, _Lettere scritte a nome del card. Alessandro
Farnese_, in tre volumi, Padova, Comino, in-8. 1865, III, 55: «_Al
vescovo di Lucca.... Vostra signoria deve sapere la fedele ed onorata
servitù che messer Francesco de Nobili ha fatto molti anni alla bona
memoria del duca Orazio mio fratello, e che ora continua con la casa
nostra. Per queste e per le altre qualità sue semo tenuti tutti noi ad
amarlo e favorirlo in quel che giustamente possiamo._»

DOCUMENTI cit., v, app. nota 181: «_Magnificus Dominus Franciscus de
Nobilibus de Lucca, procurator exmi D. D. Horati Farnesi._»

[168] LETTERE del duca di Ferrara, e di altri, pubblicate nell'Arch.
Stor. It. in-8. Firenze, 1848, app. n. 22, p. 189. — Lettera del Vescovo
Arcella nuncio in Napoli al cardinal Farnese in Roma, data del 16 agosto
1544 (non la ripeto, perché pubblicata.)

[169] BIZARUS cit., 520: «_Quatuor triremes Andreas, haud veritus Rom.
Pont. majestatem, cæperat et Genuam captivas abduxerat._»

SIGONIO cit., 246, 247: «_Andrea fece pigliare quattro galee del Papa da
Giannettino, le quali.... furono condotte a Genova._»

ANTONIO DORIA, _Compendio_, 105: «_Andrea Doria pretendendo alcuni
denari delle spoglie del vescovo di Sagona suo nipote fece prendere
quattro galèe delle sue (di Papa Paolo) che teneva Pier Luigi Farnese al
soldo della Chiesa, benchè assai presto gliele fece restituire._»

AUGUSTINUS THUANUS, _Historiarum sui temporis_, in-fol. Londra, 1733,
lib. III, princ.

ADRIANI cit., 208, 209.



[Giugno 1545.]

XXVII. — Imperciocchè tornata la squadra in Civitavecchia, i ministri
del Papa e dei Farnesi si lasciarono intendere di volersene levare il
peso, e darne la condotta ad alcuno che le comprasse e tenesse a suo
conto, sotto le condizioni consuete di mutuo vantaggio, specialmente per
la guardia della Spiaggia romana. La conclusione del negozio tardò un
anno, e intanto la squadra nel giugno seguente, sotto l'amministrazione
diretta della Camera, e la condotta del capitan Francesco de' Nobili,
navigava a Malta; avendo il Grammaestro offerto al Papa alquanti schiavi
da rinforzare le ciurme, purchè gli piacesse mandare le galèe a
prendergli, ed a fare una corsa coi Cavalieri suoi, e cogli altri
concorrenti contro Dragut[171]. Furono insieme colà del mese di giugno
diciotto galere: tre di Roma, quattro di Malta, quattro di Sicilia, tre
del visconte Cicala, due del principe di Monaco, e due del marchese di
Terranova, che ai ventitrè del mese sciolsero di conserva e si posero a
lungo corso per le coste di Barberia, alla Galitta, a capo Bono, a
Tunisi, alle Conigliere, alle Cherchene e per tutte quelle isole, senza
aver mai trovato una vela di nemici, salvo che la prima sera nelle acque
di Trapani sei galeotte, le quali si salvarono dalla caccia per
l'oscurità della notte; e ne dettero subito conto a Dragut ed agli altri
pirati, per quello che ne fu giudicato dappoi. Ai sedici di luglio,
scioltasi in Malta la detta raunanza, le nostre galèe ripresero la
strada di Civitavecchia, quando finalmente si aveva a concludere la
vendita dei legni, e l'appalto del mantenimento, secondo le forme
consuete dei precedenti capitoli.

[23 ottobre 1545.]

Il duca Pierluigi di Parma pose più di ogni altro le mani in questa
faccenda; e ne trattò con uno dei Sauli di Genova; ne ebbe domanda anche
da Piero Strozzi, e da Adamo Centurioni; e finalmente nell'occasione
della visita di omaggio che facevagli Gianluigi Fieschi pel feudo di
Calestano, strinse con lui il negozio delle galèe, tanto che addì
ventitrè di ottobre dell'anno medesimo 1545 concluse col Fiesco in
Piacenza l'atto di vendita[172]. Nel contratto si legge quattro galèe,
Capitana, Padrona, Vittoria e Caterinetta: prezzo trentaquattro mila
scudi d'oro, da pagare in tre rate; la prima subito, e le altre alla
fine dei due anni seguenti: garanzia sull'ipoteca del feudo di
Calestano. Ora non mi dà l'animo di aggiugnere altro, nè di esaminare il
mercato: ne parlerò tra poco con miglior fondamento e opportunità.
Intanto posso asserire che dal solo prezzo, senza inventario e senza
carati, non si può arguire frode nell'intenzione dei contraenti.

[Maggio 1546.]

Sì bene dai fatti successivi, dai documenti, e dalla concorde
testimonianza dei contemporanei risulta che l'animo del Fiesco fin
d'allora covava magagna: perchè non si era mai impacciato nè voleva
impacciarsi di navigazioni e di galèe; ma intendeva mutare lo stato di
Genova, cacciandone gli Spagnoli e la casa Doria. Non facciam repliche
di Catilina, nè di Cicerone, nè di altri personaggi o scrittori di
classica antichità: gli è il tramestìo di Genova, solito per quei tempi,
tra la plebe, i nobili, il cappellaccio e gli stranieri. I Genovesi
m'intendono. Qui abbiamo la scossa delle indomite fazioni francese e
spagnola, che intendono a scavalcarsi. Ciò che i signori Fregosi avean
fatto agli Adorni coll'ajuto dei Rovereschi, e gli Adorni ai Fregosi
coll'ajuto dei Medicei, e ciò che Andrea Doria aveva fatto a tuttaddue
coll'ajuto degli Austriaci, voleva il Fiesco fare a tutti e tre col
consentimento dei Borbonici. Se fosse riuscito nell'intento sarebbe
divenuto doge, cappellaccio, e forse più. Ma perchè cadde, restossi
vituperato oltre il dovere nella memoria dei posteri. Difficile è stato
e sarà sempre, tanto per la politica quanto per la morale, il maneggiare
congiure: e similmente è stato e sarà sempre disonesto l'aggravare nel
doppio i caduti, e il tenere diverse misure per gli stessi falli.

Venne il Conte in Roma del mese di maggio pel possesso delle galere, e
per la firma della condotta[173]: nè è da stupire se nella stessa città
i ministri, i cortigiani, e ogni altro a giovane signore e novello
capitano facessero liete accoglienze, e parole di cortesia e di felici
augurî. Ed egli con molto bel garbo, mostrandosi contento, pigliava
possesso in Civitavecchia, sottoscriveva in Roma i capitoli consueti
della guardia, cogli annuali vantaggi e pesi consueti; e poneva in sua
vece comandante sulle tre galèe assoldate il conte Girolamo suo fratello
minore, del quale non ho a dir nulla rispetto alla marina, se non che
governavasi col capitano Giulio Podiani[174]. Sì bene devo avvertire che
la Caterinetta, perchè non compresa nei soldi camerali tra le altre tre
galèe della guardia, restava fuor di linea agli ordini particolari del
conte Gianluigi, il quale facevala navigare da Civitavecchia a Genova
sotto il governo del padron Giacopo Conti[175], col disegno di acquistar
grazia e autorità nel popolo, e di tenersi attorno gente armata per
terra e per mare, senza destare troppi sospetti, e senza scoprire il
disegno che nel profondo del cuore chiudeva.

[24 dicembre 1546.]

Questa Caterinetta specialmente da Civitavecchia alla fine dell'anno
chiamò col padrone Giacopo Conti: e l'ebbe nel porto di Genova la
vigilia di Natale, quando si avvicinava il giorno assegnato al
compimento dei suoi propositi[176]. Pei quali aveva già dato voce di
voler armare quella galea di gran rinforzo, e similmente accrescere
gente di spada e di remo nelle altre tre, sotto colore di mandarle al
corso: facendo così venire da' suoi feudi uomini di fiducia, alcuni alla
scoperta, altri celatamente, parte nelle sue case, e parte sopra questo
bastimento, col quale si preparava all'ultima prova della famosa
congiura[177]. Tutti parlano di questa galèa, meno l'Olivieri: e tutti,
fuorchè lui, come di principalissimo strumento per coprire e terminare
il disegno[178].

[2 gennajo 1547.]

La notte di domenica del secondo sopra il terzo giorno dell'anno
quarantasette il conte Gianluigi Fieschi chiamò seco a cena Giambattista
Verrina principalissimo confidente, molti amici ed uomini armati:
propose il partito della congiura, ebbe l'approvazione di molti, e pose
gli altri alle strette di consentire con lui. La maggior parte di
coloro, attoniti alla novità, e commossi alle parole di libertà, popolo
e patria, che ripetutamente echeggiavano, giurarono seguirlo. In quella,
stando la città senza sospetto, e quasi disarmata, occuparono facilmente
la porta degli Archi a santo Stefano verso il Bisagno, e quella di san
Tommaso alla Lanterna; il capitan Borgognino dalla parte di terra
scalava la darsena, e la Caterinetta ne occupava la bocca dalla parte
del mare[179]. Essa dava col cannone il segno, essa rinchiudeva, e
s'impadroniva di tutte le galèe di casa Doria. Allora Giannettino,
tratto al rumore, cadeva morto da un'archibugiata di Agostino Bigellotti
da Barga; Andrea quasi solo fuggiva a cavallo fino a Sestri, a vela fino
a Voltri, e in lettiga fino al castello di Masone. Il Fiesco per un'ora
restava padrone della città.

Certamente avrebbe potuto in quella notte menar via da Genova venti
galèe, come altri ne avea menate quattro da Civitavecchia: ma il Conte
aveva disegni diversi pel capo, e in quel tramestio gli tuffò tutti
insieme colla vita nel mare. Fuor di sè pei primi successi, mentre ratto
scorreva dall'una all'altra di quelle galèe, mancatagli sotto una
palancola di trapasso, cadde nel mare armato come era di tutto punto, e
di sopraccollo tre o quattro congiurati, tutti insieme nel fondo sopra
di lui. Dove egli non potutosi ajutare di nuoto per la grave armadura, e
per la confusione ed oscurità della notte non veduto nè soccorso dai
compagni, restossi, come fu ripescato dopo alquanti giorni, morto nella
melma.

Per questa perdita, mancato il capo della congiura, invilirono i
complici, rilevossi il partito contrario, e cadde l'impresa: ma
d'accordo colla Signoria, e col patto della impunità promulgata e
sottoscritta da Ambrogio Senarega, cancelliere del Senato. Non guari
dopo tornò il vecchio Andrea più possente di prima, tornarono sitibondi
di vendetta i padroni di Spagna, e cominciarono a lavorare i giudici ed
i carnefici a dispetto dei patti, e secondo l'esigenza delle pubbliche e
private discordie. Anzi più, allora allora si affilarono i coltelli, pe'
quali addì dieci di settembre dell'anno medesimo il duca Pierluigi
Farnese nella sua camera dentro la cittadella di Piacenza fu fatto a
pezzi. Sempre e dovunque si vede avvenire l'istessa cosa: e tale mercede
ciascuno ricevere, quale ne fa altrui.

La Caterinetta fuggì da Genova: sbarcò a Nizza alcuni prigionieri che
aveva a bordo, tra i quali il capitan Lercari, e si riparò in Marsiglia,
ricevuta a gran festa dai Francesi[180]. Le altre tre stettero in
Civitavecchia: richieste da Carlo V, come beni di suo ribelle; richieste
da Scipione Fieschi, come erede del defunto; e più richieste e tenute da
Orazio Farnese, come creditore del prezzo non pagato[181].

NOTE:

[170] LETTERA cit., del Vescovo Arcella, ed ivi la copia.

[171] BOSIO cit., III, 238, D: «_Avendo il Gran Maestro scritto anco al
Papa.... risultò che nel mese di giugno nel porto di Malta vennero tre
galere del Papa.... che furono rinforzate con alquanti buoni schiavi....
perchè solamente deboli di ciurma._»

[172] STRUMENTO di vendita ec. fatto in Piacenza addì 23 ottobre 1545.
L'originale si conserva nella Biblioteca civica di Piacenza, cui donollo
con altri documenti il prof. Luciano Scarabelli, il quale pubblicò per
le stampe lo strumento medesimo alla pagina 89 della sua _Guida di
Piacenza_, ivi uscita in luce nel 1841. E fu riprodotto in Genova da
Agostino Olivieri tra i documenti e note aggiunte da lui alla ristampa
della Congiura di Gianluigi Fiesco dettata dal Cappelloni, edita in
Genova, in-8. 1858, p. 48. — Si calcola ivi la ciurma per le quattro
galere, così:

  Forzati a vita   N.  300
  Detti a tempo    »   185
  Schiavi turchi   »   188
                   ———————
                   N.  673

cioè censettanta per galèa. E si ricordano «_Gli eredi del quondam
capitano Pereto da Talamone._»

[173] CAPPELLONI cit., 144: «_Andò il detto conte a Roma al mese di
maggio, dopo che haveva fatto la compra delle galere del Duca, a
presentare al Pontefice Girolamo suo fratello, che egli haveva destinato
al carico delle galèe che stavano allo stipendio della Camera
apostolica._»

[174] CELESIA, _La congiura di Gianluigi Fieschi_, in-8. Genova, 1862,
p. 104: «_Gianluigi commetteva il comando (delle galere in
Civitavecchia) a Giulio Pojano._»

IDEM, p. 135: «_Gianluigi si soprattenne in Pontremoli assai lunga
stagione indettandosi col conte Galeotto della Mirandola, coi Pusterla,
col Cibo, coi marchesi di Valdimagra, coi Bentivoglio, cogli Strozzi, e
con quanti avversavano il giogo imperiale, secondato da Cataldo di
Rimini, e da quel Giulio Pojano, cui aveva commesso il comando delle
galere._»

[175] DOCUMENTI _ispano-genovesi dell'Archivio di Simancas_, ordinati e
pubblicati da Massimiliano Spinola, L. T. Belgrano, e Francesco Podestà,
in-8. Genova, 1868: «_Giacobbe Conte, figlio del medico ebreo fatto
cristiano, padrone della galèa._»

CELESIA, _La congiura_ cit., 140: «_Primo intendimento richiamare da
Civitavecchia la quarta galea, sotto il comando di Giacobbe Conte._»

[176] DOC. DI SIMANCAS, _Adamo Centurione a Carlo V_, cit., 19:
«_Havendo fatto venire da Civitavecchia una sua galera, la quale dava
fama di voler mandare in corso, sotto colore di armarla bene di gente da
combattere era andato introducendo da trecento uomini._»

CAPPELLONI cit., 125: «_Giunse la vigilia di Natale in Genova la galera
del Conte, che egli haveva chiamata da Civitavecchia._»

BONFADIUS cit., 187: «_Interim ex Urbe quam Veterem vocant, ex
triremibus quatuor.... unam ad se adduci jubet._»

[177] SIGONIO cit., 254: «_Gli bisognava fingere di volere armare e
mandare in corso la quarta sua galera, la quale haveva fatto venire in
Genova.... della quale non tirava soldo dal Papa._»

[178] JACOBUS M. CAMPANACIUS, _Motus a Joanne Aloysio Flisco excitatus_,
in-4. Bologna, 1588, p. 29, 30.

UBERTUS FOLIETTA, _Conjuratio Joannis Ludovici Flisci_. Ap. BURMAN in
_Thesaur._, II, 896.

JACOBUS BONFADIUS, _Ann. Genuen._ in-8. Brescia, 1797, p. 187.

BIZARUS cit., 529.

ADRIANI cit., 210, H.

AGOSTINO MASCARDI, _La congiura del conte Luigi Fieschi_, in-8. Venezia,
1629, p. 14, 19, 53.

EDUARDO BERNABÒ BREA, _Sulla congiura del conte Giovan Luigi Fieschi_,
Documenti inediti, in-12. Genova, Sambolino, 1863.

EMMANUELE CELESIA, _La congiura del conte Gian Luigi Fieschi_, Memorie
storiche del secolo XVI, cavate da documenti originali ed inediti, in-8.
Genova, 1865.

F. D. GUERRAZZI, _Vita di Andrea Doria_, in-12. Milano, 1864, II.

LUIGI TOMMASO BELGRANO, _Analisi di detta Storia nell'Arch. St. It._,
in-8. Firenze, 1866, IV, t. 1, serie III.

IDEM, _Nuovi documenti e illustrazioni, e la Relazione di Massimiliano
Spinola_, dal vol. VIII, fasc. 2º. _Atti della Società Ligure di storia
patria_, 1872.

AGOSTINO OLIVIERI, _La Congiura di Gianluigi Fiesco_, dettata dal
Cappelloni, con doc. e note, in-8, Genova, 1858. Tace c. s.

[179] BIZARUS, 529, prop. fin.: «_Triremis præfecto imperat ut cum
triremi, ad angustas fauces interioris portus, in quo triremes Auriæ
erant in hibernis, obsidendas proficiscatur._»

ADRIANI cit., 210, H: «_Mandò il Verina alla sua galera armata, perchè
pian piano in sulla bocca della Darsena, dove il Doria teneva le sue
galere, andasse; e quivi con un tiro d'artiglieria desse cenno._»

BONFADIUS cit., 198: «_Dato a trireme signo, in portum irrumpit.
Completur militibus locus, triremes occupantur._»

DOCUM. DI SIMANCAS, cit., 13: «_Una galera del conde de Fiesco se ha
puesto a la boca de la Darsena adonde estan las del Principe ha
comencado a tirar._»



[22 marzo 1548.]

XXVIII. — Dopo questi successi tutti in Roma e alla marina richiamavano
l'Orsino; e il Papa istesso diceva non esservi altr'uomo che in quelle
circostanze potesse rimettere a sesto la squadra, e rilevarne la
fortuna. Perciò Orazio Farnese che non aveva ricevuto nè poteva più
ricevere dai Fieschi il residuo del danaro alle scadenze pattuite, così
consigliato da papa Paolo, le vendette al conte Gentil Virginio Orsini
per diciassette mila e cinquecento scudi d'oro in oro, come
dall'istrumento rogato in Roma addì ventidue di marzo 1548, per gli atti
di Girolamo da Terni, notajo e cancelliere della Camera[182].

Dal documento possiamo arguìre la divisione dei beni liberi lasciati dal
duca Pierluigi ai suoi figli; e l'assegnamento delle quattro galere ad
Orazio, che già le aveva possedute[183]. E ciò anche per rispetto al suo
genio militare, ed alle politiche inclinazioni favorevoli alla Francia:
dove poi, sposato alla Diana giovane di Pottieri naturale di Arrigo II,
giovanissimo morì combattendo alla difesa della piazza di Hesdin
nell'Artoà, da esso stesso fortificata con tanta maestria, che lui vivo
non si sarebbe mai potuta espugnare; come disse il celebre generale
napolitano Giambattista Castaldo all'Imperatore, quando l'ebbe per suo
ordine riveduta[184].

Similmente dallo stesso istrumento abbiamo la continuata presenza del
capitan Francesco de' Nobili di Lucca, sempre aderente agli Orsini, ai
Farnesi ed agli Sforza nelle cose della marina. Abbiamo i nomi delle tre
galèe restateci, Capitana, Padrona e Vittoria; meno la Caterinetta, già
pagata nella prima rata dei Fieschi; che sarebbe stata presa in Genova,
se non fosse fuggita a Marsiglia. Abbiamo finalmente nell'ultima
chiamata dell'Orsino, tutto francese, una prova evidente dei mutati
disegni della romana curia verso la corte di Spagna: i cui eccessi, come
crescevano fastidio a Paolo III, così dovevano poscia produrre la guerra
di Paolo IV.

[Giugno 1548.]

Non guari dopo la compra delle tre galèe, furono pubblicati i capitoli
della condotta, precedentemente rifermata dal cardinal Guidascanio
Sforza al conte Gentile[185]. Capitoli da non ripetere, perchè simili
agli altri già prodotti, riserbando a suo tempo la pubblicazione di quei
totalmente nuovi, che saranno concertati tra la Camera e il capitan
Francesco Centurioni[186]. Ora fa pressa la fine del libro. Il conte
Gentile riprese le redini colla consueta sua diligenza e saviezza: pose
sul cantiere una galèa nuova da sostituire alla Caterinetta, e dopo
cinque mesi l'ebbe pronta a varare presso all'istesso porto di
Civitavecchia; costruita sotto la sua direzione dalle maestranze
medesime che teneva nella squadra. Armò le galere, fece alcuni viaggi
intorno alle isole vicine. Se non che nel meglio de' suoi apparecchi,
venuto infermo qui in Roma del mese d'agosto, pose fine alla vita e al
capitanato, ed ora lo pone a questo mio libro.

[Agosto 1548.]

Fu uomo per grandezza d'animo e per antico senno onorato in Italia e
fuori; ricercato dalla Francia, e sempre altrettanto osservato dalla
Spagna: capitano e marinaro eccellentissimo del suo tempo, salito ai
primi gradi nelle armate navali con titoli meno pomposi, ma più
autorevoli dei moderni; attore e testimonio romano delle tre famose
giornate di Tunisi, della Prèvesa e d'Algeri: vincitore di Dragut, di
Mamì e di Scirocco. Edificò nei suoi stati le rôcche di Monterano, di
Stigliano, di Cervetri, e dell'Anguillara. Non ebbe discendenza
maschile, e la contèa passò a Paologiordano suo cugino. La Maddalena sua
figlia, maritata a Giampaolo di Renzo da Cere; e la Caterina
secondogenita, maritata a Trajano Spinelli principe di Scalèa, eredi de'
beni liberi, vendettero l'istesso anno le tre galere e il fusto di nuova
costruzione, ancorchè disarmato, al cavalier Carlo Sforza, novello
capitano, del quale avremo a parlare nel libro seguente.

NOTE:

[180] DOCUMENTI _ispano-genovesi di Simancas_, ordinati e pubblicati da
MASSIMILIANO SPINOLA, L. T. Belgano, e Fr. Podestà. _Atti di storia
patria_, VIII. — Figueroa a Carlo V, p. 27: «_La galera del Conde
tambien se fue a la vuelta de poniente..._» p. 32: «_La dicha galera se
fue a Marcella...._» Andrea Doria a Cesare, 66: «_Questa galera che fu
la prima a tentare, andata a Marsella, è stata ben ricevuta e
trattata._» 72: «_La galera del Conde que huyò de aquï, llegò a
Marsella; y segun dicen fue bien recibida._» 107: «_Quando giunse la
galera di quel ribaldo Conte a Marsella, li furono fatte grandissime
carezze dai Francesi._» Ib. 32, 40, 66, 115, ec.

[181] DOC. DI SIMANCAS cit., 120, 137, 151, 188, 190.

[182] ARCHIVIO dei Notari e Cancellieri di Camera a Montecitorio di
Roma. Volume intitolato: _Instrument. Anni 1546 ad 1551. Not. H. De
Terano_, chart. 131 a 140: «_Die XXII martii MDXLVIII. — Magnificus
dominus Franciscus de Nobilibus de Lucca, procurator Illmi et
Excllmi DD. Horatii Farnesii ducis Castrensis, nomine præfati
Illmi Ducis, Vendidit Illmo DD. Virginio Ursino de Anguillaria tres
triremes, cum omnibus et singulis earumdem triremium remigibus seu
ciurmis ad numerum tercentorum septuaginta ascendentibus.... etc...._

  Segue: »_Inventario della galera Capitana...._
          _Et della Patrona...._
          _Et di la galera Vettoria...._

»_Nota de' forzati et schiavi de le galere consignate questo dì ventidoi
di marzo 1548 all'Illmo signor conte de Languillara...._

»_Acta fuerunt hæc Romæ in Palatio Apostolico, die, mense, et anno ut
sup. etc._»

[183] NICCOLA RATTI, _Della famiglia Sforza_, in-4. Roma, 1794, I, p.
282, col. 2, lin. 4: «_Girolamo da Terni, Hieronymum de Terano._»

RACCOLTA esattissima di tutti i Notari della città di Roma dall'anno
1507 a tutto l'anno 1585 in-4. Roma, a spese di Perego Salvioni, 1755.

[184] FLAMINIO DA LATERA, cit., p. 59. — ALFONSO LOSCHI, _Compendî
Storici_, cit., 458. — LUIS SALAZAR Y CASTRO, _Indice de las glorias de
la casa Farnesa_, in-fol., Madrid, 1716, p. 87, 90.

[185] ARCHIVIO de' notaj cit., ch. 114: «_Conductio Illmi D.
Comitis Anguillariæ in capitaneum generalem ad custodiam maris Thirreni.
— «Die quinta mensis martii MDXLVIII. — Rmus et Illmus D. Guido
Ascanius sancti Eustachii diaconus cardinalis de Sancta Flora
camerarius, necnon Bernardinus Helcynus epus Anglonensis,
thesaurarius aplicus generalis, Julius Gonzaga, necnon Alexander
Bononiensis et Hieronymus Torsellanensis episcopi, et Franciscus
Soderinus, Cameræ aplicæ clerici, Romæ in palatio aplico
et aula solitæ residentiæ præfati illmi dni Cardinalis camerarii,
pro rebus et negotiis præfatæ Cameræ utiliter peragendis de
more coadunati et congregati Cameræ nomine ex una, et illmus d.
Gentilis Virginius Ursinus Anguillariæ comes ex alia, partibus.... coram
etc. sponte etc.... omnibus melioribus modis super conducta ipsius
Illmi Dni Gentilis Virginii comitis in Capitaneum generalem ad
custodiam maris Thirreni designati, inierunt capitula, pacta, et
conditiones quæ sequuntur.... etc._» (L'arch. di famiglia ne ha la copia
autentica.)

[186] BIBLIOTECA CORSINIANA in Roma; Mss. codice segnato col vecchio n.
272, e col moderno Col. 34, D. 11. intitolato _Scritture diverse delle
galere pontificie_ pag. 797: «_Capitoli dell'assento per mantenere le
cinque galere per sessantatre mila scudi._» (Copia presso di me.)



LIBRO SETTIMO.

Capitano Carlo Sforza, dei conti di Santafiora. [1548-1555.]


SOMMARIO DEI CAPITOLI.

I. — Carlo Sforza, famiglia e notizie. — Generale delle galèe di Malta.
— Rissa di Cavalieri. — Salto di Sforza.

II. — Carlo in Roma capitan Generale delle galèe pontificie (3 settembre
1548). — Compra di bastimenti, e contratti.

III. — Valuta delle galèe, e Documenti. — Corpo, corredo, bozzelli,
ferramenti, armi, velatura, tende, sartiame, vestiario. — La stima ed i
carati.

IV. — Qualità, nomi, peso, calibro, e valuta dell'artiglieria. — Miccio,
e munizioni. — Documenti.

V. — Inescatura delle armi da fuoco. — Gli incomodi del miccio in
Algeri. — Fucile a ruota inventato nel principio del secolo XVI. —
Testimonianze e descrizione.

VI. — Lo Sforza in Malta si riconcilia coi nemici (giugno 1549). —
Crociera e prede nell'Arcipelago (ottobre 1549). — Bando sopra gli
schiavi in Roma.

VII. — Giulio III conferma il capitanato dello Sforza. — Ordina le
difese della marina pel giubilèo (1550). — La terza quadriglia dei
pirati. — Dragut acquista Afrodisio, e cresce molestie.

VIII. — Armata cristiana contro Dragut. — Capitani e venturieri in
Civitavecchia (1 maggio 1550). — L'incontro di Napoli e la rottura dei
remi: Detergere remos (6 maggio 1550).

IX. — L'armata innanzi Afrodisio (20 maggio). — Dragut in fuga. — Corsa
a Monastero. — L'acquata, e la provvista di bordo.

X. — Espugnata la terra di Monastero dal Baglioni. — Battuta la rôcca
(28 maggio). — Perdita di due galere. — Navigazioni e guardie. — Il
Triumvirato (24 giugno).

XI. — Afrodisio, e le sue fortificazioni. — Armi, presidio, e rinforzi
(26 giugno).

XII. — Lo sbarco delle genti e delle bagaglie. — Lavori di assedio
ordinati dal Ferramolino (30 giugno).

XIII. — Si apre il fuoco (1 luglio 1550). — Difficoltà della breccia. —
Assalto ributtato (11 luglio). — Infermi e feriti, spedali, medici, e
cappellani.

XIV. — Rinforzi e venturieri: Del Monte e Savelli. — La seconda
parallela. — La fucina da campo. — Spedale a Trapani. — Lo Sforza
trasporta i feriti. — Viene a Roma. — Dissensioni tra i Capitani (20
luglio).

XV. — In giornèa per fascina. — Giordano Orsini ferito e scavalcato
dagli Arabi, liberato dal Baglioni (21 luglio).

XVI. — Scorrerie di Dragut pel Mediterraneo. — Difese dei Sardi. —
Dragut torna in Africa, raduna gente, tenta soccorrere Afrodisio (22
luglio).

XVII. — Lo squadrone per la fascina. — Scontro con Dragut. — Maniche di
archibugeri. — Combattimento vantaggioso contro il soccorso e contro il
presidio. — Dragut fugge alle Gerbe (25 luglio).

XVIII. — Le fuste di Dragut sulla spiaggia romana. — Ributtate a
cannonate da Ostia. — Danni a Talamone, a Ponza, a Ventotiene. — Bravura
dei Sardi (26-30 luglio).

XIX. — Ritorno dello Sforza in Africa e salvamento di una fregata (31
luglio). — Gli ingegneri al campo: Ferramolino, Arduino, e Prato.

XX. — Mine e gallerie. — Morte del Ferramolino (8 agosto). — Nuova
batteria all'angolo di mare, ed effetti stupendi (29 agosto).

XXI. — La sambuca: antichità e forme diverse. — Giuseppe Buono. — La
batteria della sambuca (31 agosto).

XXII. — La ronda per mare. — Marco Centurioni e i rinforzi (6
settembre). — Predate due galeotte e una nave nel porto (7 settembre).

XXIII. — Prima mossa della sambuca (8 settembre). — Batteria, incagli,
breccia, e riparazioni. — Effetti utilissimi della sambuca. — La piazza
agli estremi.

XXIV. — Assalto da terra e da mare. — La colonna dei romani e fiorentini
entra nella piazza. — Dà mano agli altri. — La vittoria e la cervia (10
settembre 1550).

XXV. — Ingresso trionfale, e assettamento di governo. — Il Prato disegna
le nuove fortificazioni. — Ritorno dell'armata. — Ricchezze in Spagna, e
chiavistelli in Roma (ottobre 1550).

XXVI. — Lo Sforza in congedo. — Difende la spiaggia per suo conto colle
galere proprie. — Gratitudine dei Maremmani. — Guerra di Parma e di
Europa. — Lo Sforza in Francia (1552-53).

XXVII. — I cinque Sforzeschi nel 1554. — Tre spagnoli e due francesi. —
Sospetti in Francia contro Carlo. — Perdita di tre galere, e acquisto di
altre due. — Fuga di Francia, prigionia in Firenze. — Torna in grazia
(1554).

XXVIII. — Paolo IV. — Artifizî degli Sforzeschi per ricuperare le galèe.
— Alessandro se ne fa padrone, e caccia l'Alamanni. — Ajuto dei
Civitavecchiesi (agosto 1555).

XXIX. — Ordini e contrordini per la partenza. — Le galèe di Sforza a
Napoli. — Minacce, sedizioni e tumulti in Roma. — Il Sarrìa a mitigare
(agosto 1555).

XXX. — Partito preso in Napoli di restituire le galèe. — Ritorno di
Alessandro. — Rimesso l'Alamanni. — Ritiro di Carlo Sforza a vita
privata (settembre 1555). — Considerazioni, e fine del libro.



LIBRO SETTIMO.

CAPITANO CARLO SFORZA,

DEI CONTI DI SANTAFIORA.

[1548-1555.]



[Agosto 1548.]

I. — Dal gran mastro di guerra Muzio Attèndoli della Cotignola, cui il
conte Alberigo di Barbiano appiccò il nomignolo di Sforza a perpetuo
suggello da ricordarne ai posteri la gagliardìa e l'ardimento, si sono
generati i duchi di Milano, i signori di Pesaro e i conti di Santafiora;
donde derivossi dappoi accrescimento di splendore e di grandezza per
eredità e parentela nella nobilissima casata dei Cesarini di Roma. Di
quel sangue nacque Carlo, terzogenito del secondo Bosio conte di
Santafiora e di Costanza Farnese della stirpe di Paolo III; e parvero in
lui rivivere gli spiriti marziali del primo Sforza. L'istessa grandezza
della persona, il medesimo dominio sui cavalli, e l'agilità delle
membra, e il piglio soldatesco, e la robustezza del braccio e la
saldezza del core; aggiuntavi di più la coltura, lo studio, e
l'esperienza della milizia navale. Entrato giovanetto nell'Ordine di
Malta pigliò volentieri l'occasione di mostrarsi quale era prode e
valente per mare e per terra, in Levante ed in Germania: in breve
ottenne la grancroce, il priorato di Lombardia, e finalmente il
generalato delle galèe dell'Ordine suo[187]. Faceva perciò residenza in
Malta molto splendidamente, secondo uomo di alto affare; e appresso
menavasi numeroso seguito di capitani e di gentiluomini: fra i quali fin
d'ora mi piace ricordare quei due prodi che sempre lo sostennero nelle
sue spedizioni; cioè il conte Marcantonio Zane di Bologna, successore di
Marcantonio Colonna nella nostra marina dopo sciolta la lega[188]; ed il
nobile fulignate Giannantonio Gigli di chiara fama a Lepanto, e prima e
dopo[189]. L'anticamera di casa Sforza e similmente i saloni dei suoi
pari, che ancora abbiamo negli antichi palagi dei grandi signori (saloni
di trenta e cinquanta metri in lungo e in largo), non erano mica per
quel vecchio servigiano al banchetto in un cantuccio tra il vuoto e il
silenzio perpetuo d'oggidì: ma realmente ci ricordano il numeroso
concorso dei letterati, degli artisti, dei gentiluomini con tutto il
codazzo dei familiari, raccolti quivi insieme per motteggiare tra loro,
per corteggiare l'avventuroso signore, e per seguirlo dovunque secondo
il suo grado.

La quale magnificenza spiegata eziandio da Carlo in Malta, quantunque
conforme all'uso del tempo, gli fruttò l'invidia dei superbi; e suo
malgrado l'avvolse in una sanguinosa e ferocissima rissa, accesasi tra i
Cavalieri per la uccisione di un semplice soldato delle sue galere sulla
piazza del porto.

La furia delle private vendette levò alta fiamma nell'isola. Prima dalla
parte dello Sforza avvampò un famigliare, il quale per rimedio del morto
ammazzò a tradimento il cavalier Ribadeneira della lingua di Spagna con
un colpo ardente di archibugetto a ruota. Indi ribollirono maggiormente
i confratelli nazionali del secondo ucciso, risoluti di vendicare il
Cavaliere col sangue del Generale. Torna la nota contradizione degli
stolti; i quali, acciecati dalla passione, come giudicano altrui, così
condannano sè stessi. I congiurati assaltarono e ferirono in piazza lo
Sforza, egli trasse la spada e si difese, altri mossero per levarlo di
là, dove certamente sarebbe rimasto freddo, se non pigliava di gran
corsa la via del porto. Ma raggiunto alla sponda dalla calca dei
furiosi, e non veduto a suo scampo altri che il cavalier Giorgio Adorno
genovese quivi presso, e da lungi lo schifo della sua capitana che pel
confuso rumore erasi allargato da terra, levossi in aria, spiccò un gran
salto (non mi basta l'eleganza della frase, quando devo esprimere tutta
la verità e la grandezza del fatto), voglio dire, e forse non basta,
squarciò un salto portentoso, e raggiunse diritto e fermo la poppa del
suo palischermo. Avanti! Voga, arranca, e via!

Il successo maraviglioso di Carlo, in quel giorno, che fu il sei di
giugno 1547, sembrò un prodigio a chi lo vide: gli stessi nemici suoi
attoniti e maravigliati abbassarono le spade. Più e più la plebe Maltese
presente allo spettacolo ne restò presa: d'indi innanzi ne fece
proverbio, paragonando i più solenni tratti di destrezza al Salto di
Sforza[190]. Il vecchio Muzio, suo grande avo, non ebbe la stessa
ventura l'ultimo giorno della vita al guado della Pescara.

Lascio il seguito della sedizione: lascio il concorso dei cavalieri
francesi cogli italiani a difesa di Carlo, e la pertinacia degli
spagnuoli a volerlo assalire anche dentro la stessa sua capitana; lascio
in procinto di combattere due galèe piene di nemici, contro due altre
piene di difensori: e conchiudo che Carlo Sforza, dopo quietato il
tumulto, ebbe per bene levarsi dall'isola e venirsene in Roma presso il
cardinal Guidascanio suo fratello.

NOTE:

[187] NICCOLA RATTI, _Della famiglia Sforza_, due volumi in-4, composti
sui documenti dell'archivio di famiglia. Roma 1794, t. I, p. 279.

BOSIO cit., III, 240, 245, 265, ec.

BARTOLOMMEO DAL POZZO, _Ruolo dei cavalieri della veneranda lingua
d'Italia_, in-fol. Messina; 1689, p. 28: «_Fra Carlo Sforza romano,
priore di Lombardia nel 1546._»

POMPEO LITTA, _Famiglie celebri d'Italia_, in-fol. figur. Milano.
«_Famiglia Attendoli di Romagna_,» tav. II.

[188] POMPEO DOLFI, _Famiglie bolog._, in-4, 1670, p. 738.

GAMURRINI, _Famiglie Toscane ed Umbre_, in-4. Fir, 1668, vol. I, p. 258.

[189] GIORGIO VIVIANO MARCHESE, _Galleria dell'onore_, in-4. Forlì,
1735, I.

CORONELLI, _Biblioteca universale_, in-fol. Venezia, 1703, III, 426.



[30 agosto 1548.]

II. — Avvenuta dappoi la morte dell'Orsino, ognun intende che il
successore era pronto in palazzo: e veramente non ebbe molto a fare
Guidascanio per ottenere al fratello la nomina di capitano Generale
cogli stessi patti, capitoli e convenzioni del defunto; molto più che i
meriti, l'esperienza e la nascita rendevanlo degnissimo
dell'ufficio[191]. Perciò l'istesso Cardinale aveva comprato prima dagli
eredi del conte dell'Anguillara le tre galèe insieme col nuovo scafo; e
donato ogni cosa nell'istesso giorno tre di settembre al nuovo Capitano,
perchè avesse a fare vie più onorata comparsa alla marina. Ecco alcuni
estratti degli istrumenti di compra e di donazione[192]:

«Addì trenta del mese d'agosto 1548. — Il signor Gentil Virginio Orsini,
durante la vita, conte dell'Anguillara, recentemente defunto, tra gli
altri beni della eredità avendo lasciato tre triremi, volgarmente
chiamate galèe, da lui stesso comprate nel mese di febbrajo prossimo
passato, come proprietà dell'illustrissimo signore Orazio Farnese duca
di Castro, al prezzo di diciassette mila e cinquecento ducati d'oro in
oro; ed avendo ordinato nell'ultimo suo testamento che le dette galèe
s'abbiano a vendere eccetera..., quindi gli esecutori testamentari per
lo stesso giure di vendita hanno dato e consegnato al signor Guidascanio
cardinale eccetera.... le dette tre galèe e di più il corpo di un'altra
galèa che volgarmente dicono un Fusto di nuova costruzione, che è alla
spiaggia fuori dei porti di Civitavecchia, già dalla Santità di Nostro
Signore donato al medesimo signor Virginio, il tutto per prezzo a nome
di prezzo ventimila settecento scudi d'oro, eccetera...»

«Ratificazione della vendita delle galèe, per parte delle signore
Maddalena e Caterina, figlie dell'illustrissimo signor Gentil Virginio
Orsini di bona memoria, in sua vita conte dell'Anguillara, eccetera...»

«Donazione delle galèe — Addì tre settembre 1548. — Il signor
Guidascanio Sforza, del titolo di sant'Eustachio eccetera.... non come
persona ecclesiastica, ma come membro della illustrissima casa e
famiglia Sforza, ha comprato dalle illustrissime signore Maddalena e
Caterina, figlie della bona memoria del conte Gentil Virginio Orsini,
tre triremi o sia galere e un fusto nuovo, e spontaneamente ha donato il
tutto a Carlo Sforza priore di Lombardia, suo fratello germano,
eccetera...»

«Fatto in Roma ecc..., giorno, mese, ed anno, come sopra nella camera
del palazzo, residenza consueta del predetto signor cardinal Camerlengo,
chiamata la Cancelleria Vecchia[193].»

NOTE:

[190] BOSIO cit., III, 249. C: «_Fu tale il salto, che ancor hoggi
comunemente per proverbio spesso fra il volgo si ricorda il salto del
Priore di Lombardia._»

[191] ARCHIVIO _dei notai e cancellieri_ cit. H. de Terano, _Instrum.
Ann. 1546 ad 1551_. ch. 263: «_Die tertia septembris, MDXLVII. —
Conductio. Illmi et rev. D. Caroli Sfortiæ in capitaneum generalem
triremium. — Rev. Pater Dnus Franciscus epus Casalensis
vicecamerarius et Hieronymus epus Barensis decanus etc.... ex una,
et Revd. D. Illmus Carolus Sfortia ex comitibus Sanctae Floræ,
prior Lombardiæ, Ordinis sancti Joannis hierosolymitani ex altera,
partibus, super conducta Illmi et rev. D. Caroli Sfortiæ in
capitaneum Generalem ad custodiam maris Thyrreni inferius designati,
inierunt et contraxerunt capitula et pacta infrascripta, videlicet
etc._»

[192] ARCHIVIO _dei Notai e cancellieri_ cit., ch. 236: «_Venditio
triremium pro illmo et rmo DD. Guidone Ascanio Sfortia,
sancti Eustachii diacono cardinali de Sancta Flora, et S. R. E.
Camerario — Die XXX Augusti MDXLVIII, — Dnus Gentiles Virginius
Ursinus dum vixit Anguillariæ comes, nuper defunctus, inter alia bona in
hereditate sua cum reliquerit tres triremes, vulgariter nuncupatas
galeas, quas ipse de mense februarii proxime præteriti pro prœtio
xvii millium quingentorum ducatorum auri iu auro emerat ab illmo
D. Horatio Farnesio duce Castrensi, et in suo ultimo testamento jusserit
easdem galeas debere vendi etc... hinc est quod exequutores testamenti
ejusdem venditionis jure dederunt et tradiderunt Dno Guidoni Ascanio
etc.... dictas tres triremes, et unum corpus, fustum vulgariter
nuncupatum, dno Virginio per SSmum. Dnum. Nrum. donatum, existens
extra portus Civitæ Vetulæ prætio et nomine prætii viginti millium
et septingentorum scutorum auri etc...._»

Ch. 261: «_Ratificatio venditionis triremium per dominas Magdalenam et
Catharinam filias bo. me. Illmi D. Gentilis Virginii Ursini,
Anquillariæ comitis dum vixit etc...._»

Ch. 267: «_Donatio triremium. — Die tertia septembris. D. Guido Ascanius
Sfortia, sancti Eustachii etc.... non tamquam persona ecclesiastica,
sed tamquam unus ex Illma domo et familia Sfortia, emit ab
Illmis Dominabus Magdalena et Catharina bo. me. Illmi. D. G.
V. Ursini tres triremes seu galeras, et fustum vulgariter nuncupatum
inerme, et sponte donavit Carolo Sfortiæ, priori Lombardiæ, fratri suo
germano dictas tres triremes etc...._»

«_Actum Romæ, etc. die ut supra, in Camera Palatii residentiæ dicti R.
D. cardinalis Camerarii, la Cancelleria vecchia, nuncupati._»

[193] RATTI, cit., _Famiglia Sforza_, I, 281, nota 2, accenna soltanto
questi fatti, cita le carte dell'Archivio Sforza, e aggiunge: «_Il papa
Paolo III, con sua bolla del tre settembre 1548, confermò la compra e
donazione suddetta._»



[Ottobre-dicembre 1548.]

III. — Questi documenti limpidi e brevi confermano largamente ciò che si
è detto alla fine del libro sesto, ed al principio del presente. Di più
ci danno tre volte la compra e la vendita delle stesse galèe a prezzi
diversi: prima per scudi d'oro trentaquattromila, indi per
diciassettemila cinquecento, e finalmente per ventimila settecento[194].
Avendo già nella storia del Medio èvo descritto la costruzione, la forma
e il governo di questi legni militari, sembrami conveniente dirne adesso
la valuta; e ciò per chiarire sempre meglio la storia navale dei secoli
scorsi, e per continuare anche da questa parte lo svolgimento delle
frasi e dei termini marinareschi; come pure per stabilire i criterî da
risolvere a un bisogno quei problemi storici, nei quali il prezzo
fornisce argomento a provare cause ed effetti di maggior rilievo. Per
esempio, e tutto del nostro proposito, il Guerrazzi notissimo scrittore
moderno, volendo attribuire a Pierluigi Farnese una parte maggiore nella
congiura di Gianluigi Fieschi, si ferma sul prezzo delle quattro galèe
vendute dal primo al secondo per trentaquattro mila scudi d'oro: ed
elevando il valore di ciascuna galèa a ventimila, in somma per le
quattro a ottantamila, conchiude essere la differenza di quarantasei
mila la mercede pattuita del tradimento[195]. Io non torno adesso a
cercare come e quanto i Farnesi di Parma se la intendessero coi Fieschi
di Genova; sì bene a rilevare l'importanza della stima per risolvere
talune questioni di ordine più elevato.

E volendo andar sicuro nel giudizio dei prezzi, lascio da parte lo
stranio Brantôme che trinciava le cifre a ventimila per volta, e seguo
piuttosto Andrea Doria genovese, Lione Strozzi fiorentino, e Gentil
Virginio romano e i loro discendenti e consorti, che valutavano
diversamente, ed erano per quei tempi maestri e comandanti anche in
Francia, anche in Spagna, e per tutto. Con loro mi appoggio ad altre
colonne, cioè alle note ufficiali dei governi, ed a quei documenti e
autorità che sempre cito, tuttochè a taluno possano sembrare
soverchie[196]. Da queste sorgenti potrà derivarsi nella mente dei miei
lettori qualche contezza più precisa intorno al modo di determinare la
valuta delle galere, distinguendo le parti di costruzione, fornimento,
armamento e corredo, così dei legni come delle attenenze, secondo il
primo impianto, e secondo i diversi carati rispondenti al tempo ed al
consumo.

Perciò scelgo due documenti ufficiali, uno romano e l'altro fiorentino;
ambedue composti per norma di governanti, ambedue identici nei vocaboli
e nelle frasi del mestiere, che erano comuni in tutta l'Italia, come più
volte ho detto: ma il primo assai più breve, più chiaro, più ricco di
voci, tanto che il lettore potrà cavarne con manco fastidio maggior
copia di notizie. Nè io saprei altrimenti come mettere a stampa, perchè
non si perdano, tanti vocaboli degni di essere ricordati, e non
possibili a intarsiare nei racconti miei, nè altrui. Dirò appresso del
secondo: ora pubblico il primo documento nella sua integrità, come fu
compilato sopra le scritture e le tradizioni del tempo anteriore, a
richiesta dei principi Barberini, quando tenevano nella mano tutte le
fila dell'amministrazione al tempo di Urbano VIII. Già fin d'allora gli
economisti, rispetto alle spese, richiamavano i tempi passati, come di
miglior mercato, e dolevansi del maggior caro nel presente: perciò la
cifra della somma totale potrà essere stata più bassa cinquanta anni
prima, non certamente più alta. Udiamone[197]:

«NOTA DI QUANTO COSTA UNA GALEA PRIVATA, ARMATA DI QUANTO FA BISOGNO
ACCIÒ SIA PRONTA A NAVIGARE. LA SPESA CHE CI VA INCIRCA:

  » Lo scafo fornito nel modo che lo sogliono dare
    i maestri incirca                        Scudi (_romani_) 3500. —
  » Più si fa il piano della poppa, ed altre cose               50. —
  » Albero della maestra                                       130. —
  » Albero del trinchetto                                       80. —
  » Antenna di maestra: cioè due pezzi, carro e penna          100. —
  » Antenna di trinchetto simile, carro e penna                 50. —
  » Spigoni due per la borda e pel marabutto                    10. —
  » Tagliami diversi[198], come per la lista a parte
    numero 1ª                                                   60. —
  » Artiglieria e palle[199]                                     —  —
  » Armi diverse e apparati delle artiglierie, come
    da lista numero 2ª                                         500. —
  » Ferri quattro, a quattro marre, del peso di cinquanta
    cantàri genovesi di libbre 138 romane[200]                 220. —
  » Cinquantasette remi guarniti a scudi tre l'uno[201]        171. —
  » Tende, tendali, porte di poppa, porte di prua, e
    porte delle bande, tutto di albagio di Roma, guarnite
    di sartia e fodera, come da lista numero 3ª                630. —
  » Ferramenti per le maestranze e per la ciurma,
    come da lista numero 4ª                                    553.40.
  » Vele per la maestra e pel trinchetto, e loro guarnizione
    di sartia con due mantelletti, come da
    lista numero 5ª                                            690. —
  » Sartia necessaria all'uso di detta galea, come per
    lista numero 6ª                                            900. —
  » Dugencinquantacinque barili da acqua di Nizza              202. —
  » Botti ed altre cose necessarie alla compagna ed
    al pagliuolo, come per lista numero 7ª                     150. —
  » La ciurma si calcola numero ducensessanta uomini,
    compresi venticinque bonavoglia[202]. Vestiti per
    detta ciurma, cappotti e camiciuole, come da
    lista numero 8ª                                            963.50.
  » Vestiti bianchi per detta ciurma, come per lista
    numero 9ª                                                  543.50.
  » Fiamme ed attrezzi della poppa, come per lista
    numero 10ª                                                 156. —
  » Schifo guarnito                                             30. —
  » Cinquantuna vacchetta per li banchi                         36. —
  » Bronzi diversi per le pulegge, sessanta in circa,
    libbre centotrenta                                          36. —
  » Concerto di otto trombette                                  32. —
  » Lo spalmare della galèa, libbre settecento di sevo,
    e la brusca                                                 50. —
                                                              ————————
          » _In tutto_                       Scudi (_romani_) 9843.40.

  » _Lista N. 1ª._ — TAGLIAMI.

  » Un calcese di maestra.
  » Due colleoni di calcese.
  » Due taglie da ghindare per maestra.
  » Due pulegge di ritorno.
  » Due pulegge per la detta.
  » Due altre pulegge per la detta.
  » Due taglie di anchini da due occhi.
  » Due taglie di anchini da un occhio.
  » Due taglie di orza davanti, ossia orza novella, da un occhio.
  » Calcese pel trinchetto.
  » Una puleggia pel detto.
  » Due colleoni.
  » Due taglie pel fionco[203] da quattr'occhi.
  » Due taglie da due occhi.
  » Sei pulegge per dette.
  » Quattro taglie di anchini da due occhi.
  » Due taglie di anchini da un occhio.
  » Sei pulegge.
  » Otto taglie pei paranchinetti da due occhi.
  » Due taglie di orza davanti da due occhi.
  » Pulegge per dette.
  » Dodici taglie da collatori[204] da due occhi.
  » Dodici taglie pei collatori da un occhio.
  » Pulegge per detti.
  » Sette mazzapreti[205].
  » Pulegge per detti.
  » Ventiquattro vertecchi.
  » Una pasteca[206] da quarnale.
  » Pulegge per detta.
  » Due pasteche d'orza a poppa.
  » Una pasteca da schifo.
  » Una pasteca da quarnale.
  » Un mazzaprete per cazzare la tenda.
  » Due coccinelli.
  » Quattro pulegge per mazzapreti.
  » Due taglie di prodano da quattr'occhi.
  » La pasteca del cannone.
  » Una puleggia per detta.
  » Sei pulegge per mascellari[207].
  » Otto taglie da un occhio pei detti mascellari.
  » Ventiquattro pulegge pei detti.
  » Nove mazzapreti.
  » Nove pulegge pei detti.
  » Una bigotta da sperone.
  » Una puleggia pel detto.
  » Due bigotte da cordiniera.
  » Tre bigotte di trozza.
  » Ventiquattro vertecchi.
  » Due taglie da prodano.
  » Due dette da due occhi.
  » Otto pulegge per dette.
  » Due arganelli.
  » Pulegge per detti.
  » Maschi da schifo per salpare.
          » _In tutto, come è detto, Sc. Romani_                60. —

  »_Lista N. 2ª._ — ARMI DIVERSE ED APPARATI PER LE ARTIGLIERIE.

  » L'artiglierie non si notano[208].
  » Centoventi moschetti                               Sc. Rom 360.
  » Centoventi forcine                                          18.
  » Sessanta mezze picche                                       18.
  » Dodici rotelle                                               8.
  » Centoventi bandoliere                                       36.
  » Per le artiglierie. — Dodici schiappe da scalone, dieci
    bigotte, trenta perni, dieci mazze, un gancio, cucchiare,
    stivatori, rifolatori, lanate, borsa di corame
    per la polvere, in tutto                                    35.
  » Lo scalone pel cannon di corsia guarnito                    25.
                                                               ————
          »_Somma la lista 2ª, c. s._                 Sc. Rom. 500.

  »_Lista N. 3ª._ — TENDE, TENDALI, E PORTE.

  » Una tenda di albagio di Roma, palmi 2880, spago per
    cucirla libbre 24. Cavetto di terranina, libbre 20. Tela
    trina pel mezzanino, palmi 150. Sartia per guarnimento.
  » Un tendale di albagio di palmi 420. Spago per cucirlo
    libbre 6. Canavaccio per fodera, palmi 400.
  » Due porte d'albagio attorno alla galea, e porte di poppa
    e di prua, palmi 1100. Tela parata per fodera di
    tutto, palmi 1300. Spago per cucirne, libbre 10.
    In tutto                                          Sc. Rom. 470.
  » Una tenda di canavaccio, palmi 2800. Spago per cucirla,
    libbre 16. Mattaffioni, libbre 120. Guarnimento,
    libbre 90. Mezzanino, libbre 100. In tutto                 125.
  » Una incerata di cottonina, palmi 160. Spago per cucirla,
    libbre 2. Cera, libbre 50. Verderame, libbre 15.
    Trementina, libbre 10. Pece greca, libbre 8. Sevo,
    libbre 20                                                   35.
                                                               ————
          » _3ª lista, in tutto, c. s._               Sc. Rom. 630.

  »_Lista N. 4ª._ — FERRAMENTI.

  » Dodici verrugli da calafato                    Scudi Rom. 2.40.
  » Ferro uno per lo schifo                                   2.50.
  » Una gravina, o sia pie' di porco                          1.50.
  » Un pajo di tanaglie                                       1.20.
  » Incudine                                                  2. —
  » Due tagliaferri                                           0.60.
  » Due mazzette                                              0.50.
  » Otto buttafuori                                           2.20.
  » Otto piccozze                                             4.40.
  » Dodici zapponi                                            7.20.
  » Cinquantuna branca di catene a cinque fila per
    branca, a scudi sette per ciascuna                      357. —
  » Calzette di ferro, venti fila                            28. —
  » Ducencinquanta maniglie armate                          115. —
  » Diversi altri ferramenti minuti                          25. —
  » Marracci per far la legna, otto                           3.40.
  » Otto rasoj per rapare la ciurma                           0.50.
                                                            ———————
          » _4ª lista, in tutto, c. s._            Sc. Rom. 553.40.

  »_Lista N. 5ª._ — VELE DI COTTONINA.

  » Una borda, palmi 5000. Canavaccio per mantelletto.
    Sartia per guarnimento. Spago per cucirla.        Sc. Rom. 250.
  » Un marabutto, palmi 3600. Canavaccio per mantelletto.
    Sartia per guarnimento. Spago                              140.
  » Un marabuttino, palmi 2800. Canavaccio per mantelletto.
    Sartia per guarnimento. Spago                              120.
  » Un trinchetto grande, palmi 2640. Canavaccio per
    mantelletto. Sartia per guarnimento. Spago                 115.
  » Un trinchetto piccolo, palmi 1450. Canavaccio per
    mantelletto. Sartia per guarnimento. Spago per cucirlo      65.
                                                              —————
          »_5ª lista, in tutto, c. s._                Sc. Rom. 690.

  »_Lista N. 6ª._ — SARTIA A CANTARI DI LIBBRE 250 CIASCUNO.

  » Quattro gomene, collettivamente                     Cantari 22. —
  » Due gomenette                                                7. —
  » Due capi di posta                                            5. —
  » Dodici costiere[209]                                         3.50.
  » Due capi di vette                                            3.50.
  » Un pajo di amanti                                            1.80.
  » Due bracotti di poppa e prua                                 0.30.
  » Due oste di maestra                                          1. —
  » Due orze a poppa                                             1. —
  » Una quarnale                                                 1. —
  » Due scotte                                                   2. —
  » Orza davanti, ed orza novella                                1. —
  » Cavo pei collatori                                           1. —
  » Due prodàni per la maestra                                   3.50.
  » Fionco pel trinchetto                                        1.20.
  » Otto sartie pel trinchetto                                   1. —
  » Orza davanti pel trinchetto                                  0.40.
  » Bracotti di poppa e di prua pel trinchetto                   0.16.
  » Due oste di trinchetto                                       0.60.
  » Quarnaletta e carichetta di trinchetto                       0.20.
  » Prodàno del trinchetto                                       1. —
  » Barbetta pel cannone e per lo schifo                         1.80.
  » Paranchinetti pel trinchetto, due                            0.20.
  » Duo paranchinetti pel timone                                 0.06.
  » Tre mazzi da scandaglio                                      0.10.
  » Due anchini[210] del trinchetto                              0.50.
  » Anchini per la maestra                                       0.80.
  » Un pajo di amanti pel trinchetto si cavano
    dalle vette                                                  —  —
  » Cinquantuno stroppo de' remi, e collatori                    1. —
  » Otto bozze                                                   0.60.
                                                                ——————
          »_6ª lista, in tutto_                         Cantari 63.22.

  » Che a circa scudi 15 il cantaro, danno c. s. Sc. Rom. 900.

  »_Lista N. 7ª._ — BOTTAME ED ALTRO PER COMPAGNA
  E PAGLIUOLO.

  » Sei botti grosse                                    Sc. Rom. 0. —
  » Una manica di corame per imbottare                           8. —
  » Caldajo per la ciurma                                       10. —
  » Attrezzi di cucina, barbiere, e calafato                    12. —
  » Cantaro da pesare                                            8. —
  » Ottanta sacchi pel pagliuolo                                35. —
  » Ventidue stuoje pel pagliuolo, e cose diverse                4. —
  » Due bilance piccole                                          5. —
  » Un bilancione                                                6. —
  » Cinque pesi di bronzo da pesare la carne                     5. —
  » Sei lampioni di corsia                                      12. —
  » Sei lampionetti di cerca                                     5. —
  » Un lampione di burrasca                                      4. —
  » Venti coffe per savorra                                      3. —
  » Dodici sèssole da aggottare                                  3. —
                                                               ——————
          »_7ª lista, c. s._                          Sc. Rom. 150. —

  »_Lista N. 8ª._ — VESTITI PER LA CIURMA.

  » Cappotti di albagio per ducensessanta uomini:
    palmi ventuno per cappotto, e filo
    per cucirli, si calcola giulî ventuno per
    cappotto                                                   546. —
  » Camiciuole di panno cordellato, canavaccio
    per fodere, e filo per cucirle, ad uomini
    ducensessanta, da palmi undici l'una, si
    calcola scudi due per camiciuola                           520. —
                                                              ————————
                                                            + 1066. —
  » Se ne diffalca per venticinque bonavoglia,
    cui si danno a conto loro                               -  102.50
                                                              ————————
          »_8ª lista, c. s._                          Sc. Rom. 963.50.

  »_Lista N. 9ª._ — VESTITI BIANCHI, SCARPE, CALZE, BERRETTI.

  » Camicie, numero 520, due per ciascuno; e
    calzoni paja 520, due per ciascuno; che sono
    quattro pezzi di biancheria per uomo. Ve ne
    va canne cinque. Filo per cucire camicie
    e calzoni, vagliono[211] circa giulî
    quindici                                  Sc. Rom. 390. —
  » Berretti, numero 260 a bajocchi dieci               26. —
                                                       ——————
                                                     + 416. —
  » Se ne diffalca per venticinque bonavoglia,
    cui si danno a conto loro                        -  40. —
                                                               ——————
                                                       Resta + 376. —
  » Scarpe e calze a trenta schiavi, a giulî dieci per
    uomo, non mettendo i bonavoglia, perchè vanno
    a conto loro                                                30. —
  » Schiavine che si danno alla ciurma per l'inverno,
    non compresi i bonavoglia, ai quali si danno a
    conto loro, si calcola numero centodieci, a giulî
    dodici e mezzo l'una                                       137.50.
                                                               ———————
          »_9ª lista, c. s._                          Sc. Rom. 543.50.

  »_Lista N. 10ª._ — FIAMME ED ATTREZZI DI POPPA.

  » Le fiamme di tela importano circa                  Sc. Rom. 50. —
  » Un quadro di Nostro Signore e della Madonna, e
    campanello                                                   2. —
  » La chiesuola, due bussole, quattro ampollette                4. —
  » Candele e torcie per la Salve il sabato a sera               —  —
  » Una tendale di cotonina, e due parasoli; canne
    cento in circa                                              32. —
  » Due camerette di panno colle porte, canne trentacinque
    in circa, e fodera di tela turchina                         45. —
  » L'incerata per coprire la poppa è già nella 3ª lista         —  —
  » Due buffetti di noce                                         6. —
  » Due sedie a braccialetti                                     5. —
  » Quattro sgabelletti di vacchetta                             8. —
  » Un tappeto che serve a poppa e a schifo                      4. —
                                                               ——————
          »_10ª lista, c. s._                         Sc. Rom. 156. — »

NOTE:

[194] DOCUMENTI cit., 4 febbrajo 1544, la Camera vende ad Orazio
Farnese, prezzo ignoto (nota 160).

23 ottobre 1545, i Farnesi vendono ai Fieschi per scudi d'oro 34,000
(nota 171).

22 marzo 1548, i Farnesi vendono agli Orsini per 17,500 (nota 181).

30 agosto 1547, gli Orsini vendono a Sforza per 20,700 (nota 6).

[195] F. D. GUERRAZZI, _Vita di Andrea Doria_, in-12. Milano, Guigoni,
1864, II, 88.

[196] ARCHIVIO _generale del Ministero delle Finanze al Palazzo Salviati
in Roma_, del quale ho parlato nel primo volume, p. 371; e ne ho dato
cenno nel _Medio èvo_, II, 8, 280.

[197] _Nota di quanto costa una galèa._ — Mss. alla Barberiniana in
Roma, codice cartaceo del principio del secolo XVII, pagine dodici,
segnato LVIII, 9. — Item, cod. LV, 23. (V. vol. I, p. 363.)

[198] _Tagliami_ nella lista a parte seguono appresso. E quanto alle
voci basterà qui registrarle come tecniche e comuni della marineria
italiana. La dichiarazione verrà nel mio _Vocabolario marino e
militare_, e qualche cenno nel corso e nell'indice di questa storia.

[199] _Artiglieria_, niuna cifra, perchè in Roma la dava senza pagamento
il Governo dalle sue armerie, ed io ne indicherò appresso la valuta
secondo il documento toscano, senza turbare adesso le cifre del romano.

[200] _Il Cantaro_ genovese generalmente si valutava 150 libbre romane,
qui ridotte a 138. Il Cantaro napoletano a libbre 250.

[201] REMI, non più a sensile, ma a scaloccio; come dal numero.

[202] DOCUM. TOSCANO, p. 128: «_Si pregiano anche i forzati e gli
schiavi di una galera: li schiavi a fiorini 80 d'oro l'uno, li forzati a
fiorini 40 in 50._» — Tra noi non si valutavano, perchè gratuitamente
consegnati dai tribunali. — Quanto ai Bonavoglia, torna il numero
preciso e consueto di venticinque per galèa: uno per banco.

[203] _Fionco_, Drizza leggiera.

[204] _Collatori_, Canapetti da collare le sartie.

[205] _Mazzapreti_, Sorta di taglia a guancie gonfie sporgenti, per
difesa del canapo. Talvolta con più pulegge di diversi diametri e
centri.

[206] _Pasteca_, Sorta di taglia dove il canapo entra ed esce senza
esservi infilato dalle cime.

[207] _Mascellare_, Sorta di taglia a bocca aperta, dove la puleggia è
sostenuta dalle sole mascelle.

[208] COME e perchè si è detto alla nota 13.

[209] _Costiere_, Sartia di costa.

[210] _Anchini_, I cavetti della trozza.

[211] VALUTA del vestiario, vedi sopra I, 300.



IV. — Dunque, messo tutto a calcolo sottile, il prezzo totale di una
galèa remeggiata da forzati tra la fine del cinquecento e il principio
del seicento, veniva a novemila ottocento quarantatrè scudi, e giuli
quattro, secondo le conclusioni del documento romano. Alle quali cifre
si avvicina altresì il documento fiorentino[212], dopo lunghissima
analisi, di pagine censessanta, in continuo stento per rifilare ad ogni
capo le spese, secondo il desiderio del novello granduca Francesco di
Toscana, conchiudendo[213]: «Monterà dunque la somma dè le somme di
tutto quello che si è speso nè le cose predette col calculo di Pisa,
fiorini 9520, 6, 19, 3. et tanta spesa andrà a fare una galera et a
fornirla di ciò che bisogna.» Egli parla di fiorini pisani e fiorentini,
eguali a sette delle antiche lire di Firenze da quindici soldi, e a
cinque lire moderne circa d'Italia; tanto che presso a poco si
pareggiano i detti fiorini coi nostri scudi, e non si arriva nè con
quelli, nè con questi, ai diecimila: somma tuttavia che accetto rotonda,
volendo largheggiare al possibile, e fuggire miserie e frazioni.

Facciamo ora di pagare diecimila scudi, e ci troveremo innanzi una galèa
con tutti i suoi fornimenti, attrezzi, e corredi nuovi nuovi, e
nullamente frustati nè dal tempo, nè dalle burrasche, nè dai
combattimenti. Caso da non venirci più di una volta sola per sempre,
cioè il primo giorno del primo viaggio. Dopo di che, prescindendo pur
dalle avarie straordinarie che si valutavano e si valutano secondo i
danni, costumavano i marinari dividere il pregio di una galèa in
ventiquattro parti uguali, che chiamavano carati, supponendo la durata
del bastimento colle sue attenenze per la media di anni ventiquattro.
Quindi nel calcolo della stima, tanto diffalcavano ogni anno della sua
primitiva valuta, quanti erano i ventiquattresimi e gli anni; pognamo
dopo un dodicennio ogni cosa ridotta a metà, e pel doppio a zero. E ciò
senza pregiudizio delle spese occorrenti ad ogni stagione per riparare o
mantenere il bastimento in buon assetto; spese che non entravano
nullamente nei contratti di compra e vendita, ma negli strumenti di
condotta, di assento, e simili; dove o coll'imposizione del due per
cento sulle merci, o con altri assegni dell'erario pubblico, pel
mantenimento del legno, della gente e del capitano si assicuravano altri
cinquecento scudi d'oro per ogni mese e per ciascuna galèa. Però dai
carati specialmente vedeasi la diligenza e cura degli ufficiali nel
custodire e conservare le cose date loro in consegna. Di che saviamente
soggiugne il principe di Piombino nel citato documento[214]: «Et questa
regola dei carati serve molto sulle galere: perchè facendosi una
consegna di una galera o di altre robe ad un capitano, quale ella è
hoggi, se gli consegna ciascuna cosa per tanti carati; et poi, quando la
rende, si conosce se egli sia stato poco o molto diligente in conservare
la sua consegna che hebbe; et quanto ella hoggi che esso la rende sia
peggiorata et caduta dal prezzo suo.»

Ciò posto niuna maraviglia che le stesse galèe siano state prima pagate
dal Fiesco trentaquattro mila[215]; e dopo tre anni, tenute da quello
sciatto, e con una di meno, pagate dall'Orsino diciassettemila
cinquecento; e finalmente aggiuntovi il nuovo fusto pagate dallo Sforza
ventimila settecento.

Seguendo queste ragioni, secondo il costume romano, non abbiamo messo in
conto le artiglierie, perchè i ministri camerali le somministravano
senza prezzo ai capitani delle galèe; e insieme con esse gratuitamente
davano polvere, palle e miccio. Fia bene per compimento cavarne i prezzi
e la nomenclatura dal documento fiorentino, che dice così[216]:

  «COSTO DELL'ARTIGLIERIE E LORO APPARTENENZE.

  » Un cannone di metallo con suo scalone o cassa,
    et di cantara quarantacinque, et di palla libbre
    cinquanta, a fiorini dodici di Genova per cantaro,
    sono                                      Fior. di Pisa    617. —
  » Due sagri finiti, di cantara quindici l'uno, con
    palla di libbre dieci, in Genova al medesimo
    prezzo                                                     195. —
  » Due mezzi sagri, di cantara sei l'uno, con palla
    di libbre quattro al prezzo detto                          164. —
  » Otto moschetti di bronzo, detti smerigli, finiti,
    cioè con sui mascoli doppi, di cantara tre o
    quattro l'uno, con palla di libbre quattro o,
    quattro e mezzo al prezzo detto                            329. —
  » Due mortajetti o vero pietrei di bronzo, di cantara
    sei l'uno, con libbre dodici di palla di pietra al
    prezzo detto; che dove siano mezzi sagri non
    si usano                                                   164. —
  » Casse di sagri da per sè, et di mezzi sagri a fiorini
    tre di moneta l'una, o tre e mezzo: a tre                   18. —
  » Pasteca del cannone, et con essa va una taglia, la
    quale si dà nel numero delle altre; et là è
    scritta con esse (_altrove la valuta_)                       —  —
  » Cavo o barbetta per detto cannone, con che si tiri
    a prua (_scritta altrove_)                                   —  —
  » Lo scalone o cassa del cannone da per sè varrebbe
    fiorini otto, cioè lire cinquantasei[217]; nè se
    ne trae qui prezzo fuori perchè sendo, come è
    disopra col cannone, ci sarebbe due volte, et il
    suo carato sarà lire 2. 6. 8. e con li suoi ferramenti
    sino in fiorini 12                                           —  —
  » Palle da cannone di libbre 50, 55, 60 l'una, numero
    sessanta a soldi due la libbra de' nostri,
    lire sei ciascuna: in tutto                                 51. —
  » Palle di sagri di libbre 10 l'una in 12 numero 120,
    al prezzo medesimo                                          17. —
  » Palle di mezzi sagri di libbre 6 l'una numero 200
    a detto prezzo                                              17. —
  » Palle di piombo con dadi di ferro per moschetti
    (_o smerigli_) numero 400 a soldi 2.1.⅕ l'una                6. —
  » Palle di pietrei, numero 40, tutte di pietra di
    libbre dodici l'una a lire 1 l'una                           5. 5.
  » Polvere d'artiglieria a fiorini cinque il cantaro, la
    più fina libbre 2000, che a Genova varrà 5 ½
    o 6 di loro moneta                                         100. —
  » Polvere d'archibuso fine a fiorini dieci il cento,
    libbre seicento                                             60. —
  » Polverino per l'archibuso libbre trenta a soldi
    dieci la libbra                                              2. 1.
  » Corda o fune bollita per il fuoco de' li archibusi
    et artiglierie libbre cento a soldi cinque, sei, o
    sette la libbra; secondo sarà: a soldi sei                   4. 2.
                                                              ————————
                           »_Totale_              Fior. pis.  1750. 1.
        » Alle quali partite unite le precedenti di Sc. Rom.  9843.40.
                                                             —————————
          »Avremo in totale                         Sc. Rom. 11593.55.»

Conchiudo alla prova, compiuto il calcolo, e spillato ogni centellino,
dunque non arriviamo a dodicimila scudi per ciascuna galèa remeggiata da
condannati, ai quali tra noi non si dava prezzo. Dunque ogni due anni
calava la valuta di mille, prescindendo pur da ogni altro danno e
sciupìo.

NOTE:

[212] FABBRICA e costo delle galèe. Scrittura del signor Alfonso
d'Appiano principe di Piombino diretta al granduca Francesco di Toscana
con lettera del 2 di luglio 1574, data da Cavinana. Comincia: «_Havendo
io servito molti anni...._» termina: «_Sia detto per utile di coloro che
ne avranno mestiero._» Sono pagine in foglio 160. — ARCHIVIO DI STATO in
Firenze, Sezione Medicea, e copia presso di me autenticata dalla firma
del cav. Gaetano Milanesi direttore dell'Archivio.

[213] DOCUMENTO cit. nella nota preced. p. 128.

[214] DOCUM. cit., del principe di Piombino, p. 15.

[215] Lo scudo di oro in oro valeva sedici giuli e quindi in scudi
comuni di argento da giuli dieci il prezzo fu 54,400: cioè più che
giusto, e quindi esclusivo d'ogni patto di congiura.

[216] DOCUM. cit., del principe di Piombino, p. 97.

[217] Seguono altre partite già calcolate pur nel documento romano: poi
a p. 101 continua per la polvere, e a p. 102 pel miccio. Io sempre segno
la sola valuta a fiorini di Firenze e Pisa, da sette lire antiche, e la
lira da quindici soldi, come per tutto il contesto del documento, che
rende il detto fiorino uguale allo scudo romano. Lascio il ragguaglio di
Genova per non crescere difficoltà alla confusa materia delle monete de'
tempi passati.



V. — L'ultima partita del documento toscano conferma l'uso del secolo
decimosesto di allumare non solo le maggiori artiglierie, ma ancora le
manesche per mezzo della corda accesa, cui davano il nome di Miccio: e
dico forte e marziale, al mascolino, come usavano dire comunemente i
cinquecentisti. Nei primi tempi le artiglierie di ogni maniera, grosse,
minute e portatili si accendevano colla bacchetta di ferro arroventata
in un braciere; l'uncino della quale al bisogno si portava sul focone
dell'arma voluta sparare. Appresso veniva il miccio: corda sottile e
pastosa di infimo tiglio, poco torta, lissiviata nella cenere, e bollita
per quattr'ore nella soluzione di nitro, colla giunta successiva di poco
acetato di piombo. La qual corda, accesa che sia da una estremità,
continua sempre a bruciare lentamente con fumo azzurrognolo e senza
fiamma, fino a tanto che non sia tutta consumata. Nel maneggio delle
artigliere incavalcate s'incastrava il capo acceso di questa corda della
forcella d'un'asticciuola, chiamata Buttafuoco: il primo servente di
destra, al comando dell'ufficiale, brandivalo sul focone del pezzo, e
l'arma tonava. Per le armi manesche ciascuno archibugiere portava
parecchie braccia di questa corda in pezzi, appesi alla tracolla; e
nelle fazioni un capo sempre acceso nella mano sinistra: venuto il
momento spianava l'arma, scoprivane il bacinetto, pigliava il miccio
colla destra, scuotevane il ceneraccio, e finalmente il colpo partiva.
Poi vennero il draghetto e il serpentino: figurette contorte a imagine
dei detti animali, che stringevano la corda accesa tra le mascelle, e al
tocco del grilletto la portavano sul focone. Con questo il soldato aveva
le mani più spicce, e più sicura la punteria. Ma e' doveva star sempre
sopra di sè coll'occhio alla guardia del fuoco: e spesso spesso ridare
la corda, e più e più ricacciarne dalla bocca del fantoccino, secondo il
consumo. Lunga noja di più secoli: al cui compenso forse introdussero i
militari nelle capitolazioni la clausola del miccio acceso, come ultima
testimonianza di solerzia e disciplina anche nei vinti. I marinari
esposti più di ogni altro ai casi repentini di combattimento, e sempre
più che altri guardinghi del fuoco, usavano il micciere, per allumare a
un tratto due o tre cento micci. Era una specie di bacino metallico, che
si teneva sulla palmetta o sulle rembate; concavo a mo' di clibano, e
contornato da qualche centinajo di bischeri a forcella messi in più
ordini, donde le cime di altrettante corde facevano capo nella scodella
centrale. Bastava gittare nel mezzo un pugnetto di polvere e una
scintilla per avere a un tratto tutte le cime accese, tanto che ogni
soldato e marinaro potesse di presente pigliare in punto la sua. Ho
veduto io di questi arnesi vecchi e rugginosi nel Museo dell'arsenale di
Venezia. Ora indarno più cerchereste per le fortezze e per le caserme la
corda cotta: solamente potreste trovarne sui bastimenti militari, dove i
marinari continuano a tenersela sempre accesa, giorno e notte, dentro un
barlotto di metallo per comodo di chiunque voglia allumarvi il sigaro, o
la pipa.

Niuna cosa giugne improvvisamente alla perfezione. Dalla bacchetta
rovente e dalla corda cotta si venne al draghetto, al serpentino, e poi
al fucile a ruota: progresso reso necessario dagli inconvenienti dei
primi metodi, i quali nella pratica, come si è veduto in Algeri,
rendevano qualche volta difficilissimo il maneggio delle armi da fuoco.
Gli ingegni si scossero: e dall'attrito sprizzarono le prime scintille
sulle artiglierie di terra e di mare. Tutti sapevano cavar faville
percotendo insieme la selce e l'acciajo: non restava se non trovare il
modo di portare la percossa sicura e spedita vicino al focone dell'arma.
Indi l'acciarino a ruota: gentile macchinetta, composta di un cane che
stringe tra le mascelle la pietra focaja, e a volontà la porta di taglio
sul bacinetto dell'arma: sotto al taglio della pietra una rotella di
acciajo a tamburetto girante alquanto eccentrico tra due colonnini con
dentrovi una striscia di molla avvolta sull'asse; molla simile alle
consuete degli orologi. Caricata la detta molla con una chiavetta, e
frenata a segno con un dente, si faceva poscia scattare al tocco del
grilletto; e girando rapidissima la rotella sul taglio della pietra,
cacciava sprazzi di scintille sul bacinetto e colpi di fuoco dagli
archibusi. Le armi fornite di questo arnese chiamavansi a ruota.
Dicevansi pure a fuoco morto; perchè non ardeva sempre, nè si consumava
come il miccio: e nondimeno era fuoco sempre pronto al bisogno sotto al
braccio di chi voleva usarne. Gran passo di vantaggio: ma pur sempre
gran difetto il lungo frullio rotatorio, l'incertezza del momento
efficace, e quindi la perplessità nella mira. L'origine di questa
invenzione si ha a cercare tra la fine del quattrocento e il principio
del cinquecento, segnata dallo spavento dei principi e dei popoli per
l'abuso dei traditori nelle private vendette. Alfonso da Este, duca di
Ferrara con un bando del diciassette febbrajo 1522, richiamando più
altri bandi e gride anteriori, proibiva sotto pene gravissime l'avere e
il portare gli archibugetti a ruota[218]: ed io stesso nelle prime
pagine di questo libro ho accennata l'uccisione di un cavaliero
spagnolo, l'anno 1547, per mezzo dell'archibugio a ruota; donde il
tumulto, e la massima indignazione in Malta contro la terribilità
dell'arma usata dall'omicida[219].

L'invenzione in principio restava limitata agli usi e agli abusi delle
private persone, non essendo stata adottata nè dai soldati, ne da'
marinari. Ciò si fa manifesto della spedizione di Algeri del 1541: dove
essendo insieme il fiore delle milizie di Europa, specialmente Tedeschi,
Spagnuoli e Italiani, e tra loro l'istesso imperatore Carlo V, non si
potevano adoperare le armi da fuoco, perchè tutti i micci erano spenti
dalla pioggia[220]. Nondimeno due anni dopo, Piero Strozzi fiorentino,
che poi fu maresciallo di Francia, armava lo squadrone della sua
cavalleria italiana d'archibugetti a ruota[221]; coi quali ajutava la
vittoria di Ceresole addì 14 aprile 1544. Tre anni dopo nelle guerre
d'Ungheria contro Solimano, dove erano milizie di tutto l'Oriente, i
soli cavalieri tedeschi avevano cominciato a portare attaccato
all'arcione l'archibugetto a ruota. I Turchi, dice il Giovio[222]:
«Osservarono la capitolazione, e niuna cosa fu tolta ai cavalieri
tedeschi di loro privata proprietà, tranne gli archibugetti che in forma
nuova portavano appesi alla sella. Queste armi smaniosamente i Turchi
volevano per sè, maravigliandosi della novità e del sottile artifizio,
pel quale a talento, senza bisogno di miccio, per mezzo di piccola
rotella girante attorno alla pietra focaja, di presente si accendevano e
sparavano.»

Queste cose dovevo io dire con più ragione del Giovio, per chiarire la
mia storia tecnica rispetto all'armi ed alla amministrazione: massime in
quella parte che per la sua vetustà è oramai entrata nel dominio della
storia, e che intanto si svolge intorno alle persone, ai fatti e ai
tempi, dove col racconto ci troviamo. Altrove si avrà a parlare delle
invenzioni seguenti, specialmente del fucile a martellina, durato infino
alla nostra fanciullezza; e poi delle chimiche preparazioni fulminanti,
messe nei cappellozzi, nei cannellini, o nelle cartuccie, per accendersi
col percussore, colla stratta, o coll'ago.

NOTE:

[218] CAP. ANGELO ANGELUCCI, _Documenti inediti per la Storia delle armi
da fuoco italiane_, in-8. Torino, 1868. (Continuazione a fascicoli non
compiuta ancora in quest'anno 1875), p. 307, 308.

[219] BOSIO cit., 248, E: «_Nell'anno 1547, e mese di giugno.... in
Malta un gentiluomo del priore di Lombardia affrontò Francesco
Ribadenira, cavaliero castigliano.... et appuntato avendogli al petto un
archibusetto a ruota, se lo fece cadere morto ai piedi._» E p. 249, B:
«_Arma tanto insolita e proibita tra gli huomini d'onore, e forse per
l'addietro non mai più nella religione usata contro Cristiani._»

V. sopra, p. 149.

[220] VILLEGAGNON, e gli altri cit. lib. prec. nota 130, p. 101.

[221] CESARE CAMPANA, _Vita di Filippo II, e guerre de' suoi tempi_,
in-4. Vicenza, 1605. Parte 1ª, p. 94: «_Piero Strozzi con Lorenzo suo
fratello, Fabiano del Monte, Francesco de' Pazzi, ed altri nobili al
numero di dugento, et ben montati, et forniti di quanto faceva di
mestieri ad una riguardevole cavalleria, cogli archibugetti a ruota._»

ULLOA cit., 170, B.

MAMBRINO ROSEO, 329.

[222] JOVIUS. _Histor._ cit., in-fol. Basilea, 1578. Lib. XLIII, p. 552,
lin. 30: «_Anno MDXLVIIII.... nec quidquam nostris ademptum est præter
sclopettos parvos, quos novo more hastati æquites germani ab ephippiis,
uti mortiferum atque habile telum, suspendunt. Hos maxime concupiebant
Barbari, novitate capti, quod ita mirum esset artificium, ut sine
succenso funiculo, quum luberet, per machinæ rotulam, percusso pyrite
lapide, ignem repente conciperent, et celerrime disploderentur._»



[Aprile 1549.]

VI. — Intanto il capitan Carlo Sforza, che tra le nevi e i ghiacci ha
passato l'invernata al pari di noi, rivedendo armi e artiglierie, cifre,
carati e corredi delle nuove e delle vecchie galèe, ci richiama con un
tiro di cannone alla partenza sua e della squadra sui primi di aprile.
Egli non solo prode, ma savio e di bell'indole, piglia a sbrattare i
mari circostanti dalla schiuma dei ladroni, e a favorire i naviganti, il
commercio e l'abbondanza nella capitale e nelle province. Dove vedendo
che i pirati non si sarebbero ormai più arditi nella stagione corrente
rivolgere la prua, pensò di fare una corsa in Levante, come era già
solito; e così farsi rivedere in Malta, e riconciliarsi coi nemici, da
cavaliere cristiano. Di più voleva mostrare che nè esso nè altri in Roma
avevano prestato ascolto alle voci sparse contro del Grammaestro,
imputato da alcuni di occasione o consenso alle violenze commesse contro
di lui.

[21 maggio 1549.]

Se ne andò pertanto in Sicilia, e passando da Siracusa si congiunse
fortuitamente col balì Giorgio Adorno suo grande amico, e insieme la
mattina del ventuno di maggio entrarono nel porto maggiore di Malta,
salutando con tutta l'artiglieria la città, il castello Santangelo, e le
galèe gerosolimitane quivi presso ormeggiate. Poi recatosi in palagio,
baciò le mani al Grammaestro, e si rappaciò in convento con tutti i
religiosi, procurando altresì il perdono a quei cavalieri che per
cagione della rissa, erano tuttavia sostenuti nelle carceri. E tanto
graziosamente uscì d'impegno, che indi in poi coll'affetto e colla stima
de' virtuosi confratelli superò l'odio e l'invidia de' pentiti
avversarî.

[Giugno e ottobre 1549.]

Pochi giorni appresso prese a bordo alcuni piloti greci di pratica per
la navigazione dell'Arcipelago, e sciolse le vele verso Levante a danno
de' Turchi; durando in crociera per quei mari tutta l'estate e parte
dell'autunno. Se volete sapere di sue prodezze, di gente riscattata, di
pirati sottomessi, di combattimenti sostenuti, di vittorie conseguite,
di prede riportate, chiedetene agli scrittori domestici, ai municipali,
agli archivisti, agli enciclopedici, in somma a quelli che pretendono
saper tutto, aver detto tutto, ed essere i primi in tutto: interrogate
costoro. E dove essi non sappiano dirvi nulla, proprio nulla, permettete
a me, ultimo di tutti, il cavar fuori da estraneo scrittore, che per la
natura dell'argomento suo non doveva dir di più, le seguenti
parole[223]: «Carlo Sforza giunse in Malta il 21 di maggio 1549; quindi
colle galere del Papa navigò in Levante a danno degli infedeli,
riportandone poi a Civitavecchia assai ricca et honorata preda.»

Chiunque conosce lo stile cavalleresco del commendator Giacopo Bosio,
per la solennità delle brevi e concettose parole intorno a fatti alieni
dall'argomento suo, può di leggieri comprendere l'onoratezza delle
fazioni, combattute contro forze uguali o superiori; e comprendere la
ricchezza degli acquisti di navigli, artiglierie, prigionieri, riscatti,
e simili per numero e qualità di gran pregio. Però i Civitavecchiesi
dell'armamento, rimunerati largamente da Carlo, si affezionarono a lui e
alla sua casa, come non guari dopo a chiare prove gli dimostrarono; ed i
Romani altresì per lui ripresero il costume di farsi servire dagli
schiavi. Tanti ne condusse in Roma, che n'ebbe chi ne volle: essendosi
concessa piena licenza di poterli comprare, ritenere e vendere, non
ostante qualunque divieto precedente. Fin dal principio di quest'anno,
quando Carlo si apparecchiava a pigliarne, uscì il seguente[224]:

«Bando sopra al tenere de li schiavi et schiave in Roma. — » Avendo la
Santità di N. S., signor Paulo per la divina provvidenza papa terzo, per
sua benignità et clementia, per pubblico utile et bene de tutte et
singule persone habitante et esistente in quest'alma città di Roma,
concesso che si possano tenere schiavi et schiave che si comperaranno
per lo avenire, come per un motuproprio, diretto alli magnifici signori
Conservatori et Popolo romano, per Sua Santità fatto, appare.

»Per tanto per parte et commissione de prefati signori Conservatori se
notifica et fassi intendere a tutte et singole persone in detta città
habitante et esistente qualmente quelli che haveranno coprato o
compraranno schiavi et schiave, dopo la data del ditto motuproprio, dato
sotto il dì ottavo di novembre del xlviii prossimo passato, et sia
lecito tenere detti schiavi et schiave, senza essere impediti da persona
alcuna; non ostante qualunque concessione fosse fatta o da farsi, alla
quale espressamente per il ditto motuproprio se derogano, et per il
presente bandimento se intendano derogate et annullate.

»Dat. in palatio praefatorum Dominorum Conservatorum. Die XII januarii
MDXLIX.

»De Mandato. — Lucas Mutianus, C. Conservat. scriptor.

»Io Pietro Santo ha fatto lo soprascritto bando per Roma alli XIIII di
Gennaro.»

Più volte nei miei libri mi è venuto detto di questa materia[225]: ma un
discorso speciale intorno agli schiavi turchi, ed al loro trattamento
nello Stato romano, massime nel porto di Civitavecchia, dove sino alla
fine del secolo passato duravano numerosi nei pubblici e nei privati
servigi, devo rimettere a quel tempo, al quale si riferiscono i
documenti che ho raccolto in buon dato.

NOTE:

[223] BOSIO, cit., III, 262, C.

[224] COLLEZIONE di bolle, editti, bandi, notificazioni, decreti ec.
della romana Curia, stampati in fogli volanti, e riuniti insieme dal
principio della stampa infino al presente, nella Biblioteca Casanatense,
più che cento volumi in foglio nel camerino a sinistra. Al volume primo,
dove è questo Bando, segnato a penna col num. 65. Foglietto di stampa
volante, carta e caratteri romani, niuna nota di tipografo. In alto due
armette incise in legno: a destra la papale, triregno e chiavi
incrociate, sei gigli rossi in campo d'oro; a sinistra la municipale,
corona ducale, e la nota banda colla sigla notissima _S. P. Q. R._



[7 febbrajo 1550.]

VII. — La notte seguente al dì sette di febbrajo, compiuta l'elezione,
Giulio III successe a Paolo III già mancato ai vivi nel precedente anno
ai dieci di novembre: quindi molte novità di cariche e di ufficî nella
corte e nelle province. Soltanto alla marina ogni cosa restò nello stato
di prima, rifermata la condotta di Carlo Sforza; perchè egli, tanto
esperto e chiaro, continuasse a difendere la Spiaggia romana, e desse
sicurtà di navigazione ai pellegrini pel giubilèo intermedio del secolo,
che quanto prima il nuovo Pontefice voleva felicemente aprire.
Bisognavagli però guardare il mare; il cui dominio, almeno per metà, era
in mano ai pirati della terza quadriglia, allievi ed eredi della
seconda. A costoro ritorna sempre, anche a non volere, il discorso che
ora son costretto riassumere. Cadde il Moro nel trentaquattro sotto i
colpi dei Veneziani nelle acque di Candia[226]: Cacciadiavoli crepò nel
trentacinque alla cisterna di Tunisi[227]: il Giudèo sdilinquì a Suez
l'anno quarantaquattro tra le braccia del figlio[228]: Barbarossa il tre
di luglio del 1546 da Costantinopoli scese sotterra intorno al Bosforo
presso Terapia, dove tra le piante parasite ancora durano gli avanzi e
la cupola della sua tomba[229]. Appresso cresceranno appajati Scirocco
pascià di Egitto, e Luccialì re d'Algeri, ambedue pirati e comandanti
principali a Lepanto dell'ala destra e della sinistra nell'armata di
Selim[230]: ed ora s'imbrancano tra i novelli sovrani di Barberia gli
altri due famosi Morat e Dragut. Il primo per sua conquista e per
l'investitura di Solimano s'intitola re di Tagiora, l'antica Thagura di
Vittore Uticense e dell'Itinerario di Antonino[231], a mezza via tra
Tunisi e Tripoli; e di là corre schiumando il mare, specialmente ai
danni dei Cavalieri gerosolimitani[232]. L'altro, non contento al
principato delle Gerbe, volendo crescere nella stima dei Turchi e nella
grazia dell'Imperatore, con inganni e per sorpresa si è impadronito
della grande e forte città di Afrodisio, da qualche tempo governatasi a
popolo[233]. Venuto in tal guisa più vicino alla Sicilia e al Tirreno, e
posta in Afrodisio[234] la sua principale residenza, gli arsenali e i
magazzini, da quel covo scioglieva per dar la caccia alle galere di
Malta, e pigliavane una ricchissima con tutto il carico di danaro
raccolto dalle corrisposte del comun tesoro in Francia[235]. Un'altra ne
toglieva al visconte Giulio Cicala, sopra capo Passaro; sbarcava al
Gozo, ardeva Rapallo, disertava la Liguria, la Corsica, le Baleari, la
Catalogna, traendo roba e danari da ogni parte[236]. Più monta la
schiavitù d'infiniti Cristiani, ai quali talvolta per violenza faceva
pur rinnegare la fede[237].

Non parlo delle riviere di Calabria e di Sicilia, perchè Dragut non
aveva più nulla a fare in quei luoghi. Dalle piazze forti in fuori era
tutto un deserto. I popoli littorani fuggivano a turme. Quando le dolci
aure della primavera mettevano il mare a tranquillità, essi
abbandonavano le odorose convalli della marina, e riduceansi sui gioghi
delle aspre montagne; donde più non discendevano se non colle sonanti
tempeste dell'orrido verno, mescolando coi muggiti del mare i loro
lamenti, nella speranza che alcuno avesse finalmente a francarli dalla
obbrobriosa oppressione[238].

Carlo d'Austria aveva firmato da poco tempo con Solimano una tregua: non
voleva nè doveva romperla. Ma saviamente distinguendo le obbligazioni
sue verso un sovrano di fatto, non giudicò doverci comprendere i ladroni
ricalcitranti contro qualunque trattato; i quali rubando a tutti, sempre
a un modo, così dopo, come prima della tregua, da sè stessi poneansi
fuori della legge. Il perchè costretto di soddisfare al pubblico
desiderio, ordinò al principe Doria di mettersi sulle tracce del
ribaldo, e fare ogni prova per cacciarlo almeno dal covo appostato a
ruina della società.

NOTE:

[225] P. A. G. _Medio èvo_, I, 187; II, 379.

_Marcantonio_, 93, 105, 254, 260, 264, 310.

_Guerra de' Pirati_, V. all'Indice, voce _Schiavi_.

[226] Vedi sopra, I, 379.

[227] Vedi sopra, I, 428.

[228] Vedi sopra, II, 124.

[229] DE HAMMER cit., X, 625: «Nella relazione del bailo. I, R. arch.
dom. 4 luglio 1546, si legge — _Barbarossa è morto questa notte passata
alle ore.... fu sepolto al collegio da lui istituito a Beschiktasch alla
spiaggia del Bosforo_. — Colà anco oggi si erge in modo pittoresco da
muschio ed edera circondata la cupola della sua tomba.»

[230] P. A. G., _Marcantonio Colonna_, 212, e seg.

[231] BAUDRAND, _Lex. geogr._, voce _Thagura_.

BOSIO, III, 108, e segg.

[232] BOSIO, III; 216, 245, 263, 279, 314.

[233] LUIS MARMOL, _L'Afrique, traduite de l'Espagnol_ par Porrot
d'Ablancourt, in-4. Parigi, 1667, II, 499.

[234] WILLIAM H. PRESCOTT, _History of the reign of Philip the Second,
King of Spain_, in-8. Boston, 1856, II, 356 — Londra, 1855, I, 308.

[235] BOSIO cit., III, 244, D; 251, B; 258, D.

[236] ANTONIUS GEUFFRÆUS, _Aulæ turcicæ descriptio per Guillelmum
Godelevæum latine reddita_, in-4. Basilea, 1577, p. 533.

[237] SANDOVAL cit., _Vida de Carlos imp._ II, 122.

[238] DOCUMENTI sulla _Storia del regno di Napoli_, raccolti e ordinati
con illustrazioni da Francesco Palermo, nell'ARCH. STOR. IT., in-8.
Firenze, 1846, IX, 123: «_Omissis aliis.... Dragut rais, ancorchè il
signor vicerè dica non aver nuova certa, è stato veduto fuori verso
questi porti di Puglia con quaranta vele.... Tutta questa provincia da
Napoli al Faro di Messina è in grandissimo terrore; e tutti i populi
marittimi si reducono a' luoghi forti o alle montagne._»

(Sono lettere di messer Francesco Babbi, secretario del duca Cosimo,
residente in Napoli, del quale parla pur l'ADRIANI, 183, C; 186, H,
ecc.)

PRESCOTT cit., Boston, 1856, II, 353: «_The Mediterranean in that day
presented a very different spectacle.... long tract of desert territory
might then be seen on its borders, with the blackened ruins of many a
hamlet proclaming too plainly the recent presence of the corsair....
scarcely a day passed without some conflict between Christians and
Moslems._»



[Aprile 1550.]

VIII. — Per questo l'Imperatore richiese al duca di Firenze l'ajuto
delle sue galere, e con maggiore istanza ne scrisse al nuovo Pontefice,
sapendosi da tutti la perfezione, alla quale coi viaggi e colle
esperienze degli anni precedenti aveva condotto Carlo Sforza il suo
armamento[239]. Il nome dell'egregio cavaliero gerosolimitano, capitano
generale delle galèe romane, scusava ogni elogio[240]: e gli crescevano
riputazione attorno i suoi compagni d'arme, Filippo Orsini da Vicovaro,
Francesco de' Nobili da Lucca, e Antonio Fani da Bologna capitani delle
tre galèe; e i giovani ufficiali di Civitavecchia Francesco
Andreotti[241], Filippo Filippetti[242], e Trajano Biancardi[243]; che
poi divennero capitani di chiara fama, specialmente il secondo nominato
sovente nei documenti Colonnesi a Lepanto, e il terzo che nello scorcio
del secolo salì al grado di colonnello. A questi poscia si aggiunse
fiorita schiera di giovani perugini, tra i quali ricordo Ruggiero e
Grifone degli Oddi, Luca Signorelli, Lodovico Monaldi, il cavalier
Ranieri, Camillo Perinelli, Livio Parisani, ed altri molti, sotto la
condotta di quel prode rampollo di valorosa famiglia che era Astorre
Baglioni, eletto comandante delle fanterie da sbarco; il cui valore
aveva a sostenere degnamente in Africa la riputazione della scuola
braccesca, ed a crescere poscia sublime nella difesa di Famagosta in
Cipro[244].

Il principe Doria, partitosi dalla Spezia con venti galèe, passò di
Livorno per congiungersi colle tre dei Fiorentini, che erano a carico di
Giordano Orsini di Roma e di Chiappin Vitelli di Castello. Notissimo il
Vitelli nelle storie toscane per tutto il regno di Cosimo, e ne avremo a
parlare più volte pei tempi seguenti. L'Orsino del ramo di Monterotondo,
ancor giovane di venticinque anni, allievo di Gentil Virginio, e della
marineria romana, dopo il generalato della fiorentina, militò coi
Francesi alla Mirandola e a Siena, tenne per loro la Corsica, e
finalmente acconciatosi coi Veneziani, morissi governatore di Brescia,
lasciando ai posteri onorevoli memorie del suo valore e del suo
ingegno[245]. Con questi signori il Doria se ne venne nel porto di
Civitavecchia per unirsi allo Sforza. Felice presagio di lieti successi
contro Dragut, come già la venturosa riunione quivi medesimo contro
Barbarossa. Ma non avranno questa volta le fazioni dell'armata a
procedere tanto spedite e concordi, come quando presedeva in persona
l'Imperatore; anzi le vedremo arruffate pel capo di tre maestose figure,
non troppo simili tra loro, che sono don Giovanni di Vega, vicerè di
Sicilia, e generale dell'impresa; Andrea Doria, principe di Melfi, e
generale dell'armata; e don Garzia di Toledo, figlio del vicerè don
Pietro, cognato del duca Cosimo, e generale delle fanterie di sbarco.
Nojosissimo quest'ultimo a sè stesso ed agli altri: pensava in gran
sussiego tanto più rendersi orrevole, quanto meglio potesse senza suo
carico mortificare gli ausiliari. Però cattiva cera all'Orsino di
Firenze[246]: ed allo Sforza di Roma tale un tratto di perfidia, da
disgradare quasi direi il feroce tumulto degli arrabbiati nemici in
Malta contro di lui.

[6 maggio 1550.]

L'armata navale dei collegati, alli sei di maggio sull'ora di vespro,
entrata nel golfo di Napoli, metteasi a remo in bella ordinanza. Il
Doria nel mezzo, a destra lo Sforza coi Romani, a sinistra l'Orsino coi
Fiorentini, e di qua e di là gli altri legni. Ecco intanto don Garzia di
Toledo uscir fuori del porto tre miglia colle galèe del Regno incontro
ai vegnenti. I quali, avendolo oramai vicino, allargano le righe per
aprirgli il passo, e spalano i remi per fargli onore. Egli al contrario
colla sua capitana, preso l'abrivo, come se volesse girarsi alla destra
tra la reale del Principe e la capitana del Papa, svolge una gran curva,
e prolungandosi a un tratto addosso allo Sforza, gli fracassa tutti i
remi di banda sinistra[247]. Minor vituperio sarebbe se il Cane de'
Tartari in carrozza andasse a rompere le gambe d'uno squadrone di
cavalleria che stesse a salutarlo in parata. Atroce ingiuria! Ma non
chiedetene altra riparazione: anzi rendetevi persuasi che è stata una
piccola disgrazia. Così sono rimeritate dai superbi le cortesie e i
servigi!

Dunque pazienza, e non si faccia zitto, nè per parte del capitano di
Roma, nè dello storico. Il lettore sapiente pensi ad altro, e ciascuno
di noi ringrazi la sorte e l'educazione del nostro paese, che ci aprono
innocenti e nobili distrazioni coi classici. Qui si fa luogo a
postillare la celebre frase marinaresca di Livio e di Cesare: _Detergere
remos_[248]. Intorno al che non pochi si smarriscono per manco di
vigoria, non bastando loro la lena di levarsi dal senso proprio al
metaforico, quando il contesto lo richiede, secondo la speciale esigenza
del subbietto. La citata frase marinaresca, nel senso dei classici, non
indica, nè può esprimere l'atto proprio del forbire o dello asciugare i
remi: funzioni che non voglionsi attendere dai nemici nel combattimento.
Ma quel Tergere ironico ti mena a paragonare il palamento
dell'avversario all'imbratto, ed a conchiudere ricisamente di scoparlo
via; come di tante altre cose analoghe eziandio nel volgar nostro
diciamo. Pertanto Livio e Cesare scrivevano sulle carte il fraseggio
poetico dei marinari: i quali di vivace ironia condivano gli stenti
della caccia contro il remeggio dell'avversario. E se riuscivano a
levargli la forza motrice, a tarpargli le penne, ed a lasciarlo deriso e
immobile, diceanlo terso e ridotto al pulito. Bastava a ciò una passata
di contrabbordo rapida e vicina: perchè essendo la parte esterna o pala
dei remi tanto lunga e sottile, quanto altrove ho ragguagliato; e il
braccio interiore o girone più corto, grosso, fermo allo scalmo, e
tenuto dai rematori, con piccolo sforzo alla punta le pale andavano in
pezzi, come cadrebbe l'erba sotto al colpo della falce, o il pelo sotto
alla menata del rasojo: di che ben si direbbe altresì pulita la guancia,
e sbrattata l'ajuola.

Non sempre gli antichi bastimenti di guerra schermian di rostro: ma
talvolta correvano al palamento, come oggidì si accenna all'elica o alle
ruote del nemico per togliergli la forza motrice, per batterlo dalla
parte più debole, e per ghermirlo. Similmente i difensori, a divertire
il danno, faceano di tener sempre la prua sull'offensore, e coprivano i
fianchi, o almeno acconigliavano e nascondevano i remi; che altrimenti
non potevano per la loro fragilità non essere spezzati. Infino ai
modellini di questi legni (se attendete) quasi sempre fallirà qualche
remo scavezzo o franto. Nella cui previsione i maestri hanno usato
mettere in forma gentile i remetti di due pezzi, uniti al cartoccio di
sottil bandone, perchè all'occorrenza vi si possa alla pala magagnata
sostituire la sana, senza il fastidio del rifare tutto il remo di nuovo.
E per la stessa ragione amici e nemici, come ora portano fucine e
macchinisti per racconciare elici e ruote, tubi e caldaje; così al tempo
dei nostri maggiori portavano faggi di rispetto e maestranze speciali
per rimettere in buon assetto il palamento. Ogni galèa infino agli
ultimi tempi, oltre al calafato e al mastro d'ascia, imbarcava due
maestri per lavorare di nuovo o di vecchio sui remi; e si trovano
chiamati nei documenti (quantunque le voci manchino nei vocabolari) il
maestro Remolaro, e il fante Remolarotto[249].

NOTE:

[239] HORATIUS NUCULA, _Coment. de bello Aphrodisiensi_, in-12. Roma,
1552, p. 23: «_Auria sibi adjunxerat tres triremes Julii tertii pont.
max. apud Centumcellensem portum.... ad augendam classem, qua immanis
ille archipirata saltem coerceretur._

ADRIANI cit., 282: «_Il Doria passando da Livorno menò seco in compagnia
tre galere del duca di Firenze, delle quali Cesare per questa impresa lo
aveva ricercato.... tre ne menò anche del Papa, sotto il governo del
priore di Lombardia._»

[240] DOCUMENTI pel Palermo cit., 127: «_Le tre galere del Papa stanno
assai bene._»

[241] BONAVENTURA THEULI, _Apparato minoritico della provincia romana_,
in-4. Velletri, 1648, p. 84: «_Domino Francisco Andreotti, Civitatis
vetulæ viro, omni bonitate ornato, militiæque clarissimo, et re bellica
singularissimo._»

ANNOVAZZI, _Storia di Civitavecchia_, in-4. Roma, 1853, p. 286.

[242] P. A. G., _Marcantonio Colonna_, 158, 303, 314, 386, e i documenti
ivi citati.

ARCH. de' Domenicani in Civitavecchia, cod. _Ricordanze_, segnato B, p.
303, (V. sopra, I, 397).

[243] ARCHIVIO dei Domenicani in Civitavecchia, codice intitolato
_Campione_, p. 353, (Come sopra).

[244] ANONIMO, _Vita di Astor Baglioni_. Mss. alla Comunale di Perugia,
segnato D, 24. — Non impaginato, ma pel mio conto a p. 20, e 21, ricorda
la spedizione di Astorre in Africa, nomina i predetti perugini, e dice:
«_Astorre prese una fregata in Civitavecchia, con molti gentiluomini di
pezza che menava in sua compagnia.... e si pose su le galere di Carlo
Sforza, prior di Lombardia che in quella impresa militava sotto il nome
della Sede apostolica._» — (Vi sono in Perugia altre vite Mss. del
medesimo Astorre: tanto era pregiata dai contemporanei la sua virtù. Il
Vermiglioli, il Fabretti e l'Angelucci ne fanno autori Bernardino
Tomitano e Guido Sensi. Io cito l'Anonimo della Comunale, visibile a
tutti, che in sostanza dice le stesse cose degli altri, se pure non sono
un'opera sola con qualche variante, e sotto diversi nomi nelle copie.
Questo Mss. dell'Anonimo ho pur citato nel _M. A. C._, p. 196.)

SALAZAR cit., p. 61, A, I. Lo chiama più volte «_Astorvallon_.» (Avverto
lo Spagnolismo della lezione per togliere equivoci.)

[245] ADRIANI cit., 282.

ARCHIVIO ST. IT. cit., 1848, app. n. 22. — Nato in Roma nel 1525, morto
in Brescia 25 settembre 1564. Lasciò gli scritti seguenti:

«1. _Relazione alla repubblica di Venezia intorno al modo di stabilire
una buona milizia in tempo di pace. Data del 22 nov. 1563._ (Pubblicata
nell'ARCHIVIO cit. da p. 201 a 220.)

»2. _Modo di ben formare uno squadrone._» (Mss. all'Ambrosiana.)

[246] DOCUMENTI per F. Palermo, cit., 130: «_Virtù, valore, e consiglio
del signor Giordano Orsini.... e il signor don Garzia, al principio che
lui venne qui, non gli fece cera, nè in fatti nè in parole._»

[247] DOCUMENTI cit., pubblicati da F. PALERMO, p. 126: «_Il signor don
Garzia colle sue galere andò ad incontrare il Principe tre miglia.... la
sua capitana o per inadvertentia, o a posta, urtò la capitana del
Priore, e gli ruppe tutti i remi di una banda.... Il Priore sta in
cagnesco, non potendo aver lume donde sia proceduto questo disordine._»
(Lettera di messer Francesco Babbi al duca Cosimo di Firenze, data da
Napoli, addì 8 maggio 1550.)

[248] LIVIUS, XXXVII, 24: «_Si qua concurreret rostro cum hostium navi,
aut proram lacerabat, aut remos detergebat._»

CÆSAR, _De bell. civ._, I, 58: «_Pluribus navibus adoriri singulas
contendebant, aut remos transcurrentes detergere._»



[20 maggio 1550.]

IX. — Per opera delle maestranze Carlo Sforza prestamente si rifornì di
palamento: e deposto quel po' di broncio, che a un uomo d'onore era
impossibile celare nel primo giorno, fece legge a sè stesso di non
pensare ad altri nemici che a' Musulmani, e di non vendicare altre
offese che le patite dal cristianesimo. Però stette come prima al suo
posto, e seguì l'armata contro Dragut in Africa, dove si voleva
abbattere a un tratto la pirateria, se venisse mai fatto di cogliere
lui, e i suoi navigli, e i seguaci nella nuova residenza. Ma costoro,
ammaestrati per le lezioni di Barbarossa, eransi celatamente sottratti
con quaranta bastimenti; e già da lungi scorrevano le acque della
Sardegna e di Spagna, quando l'armata cristiana addì venti di maggio
presentavasi innanzi alla piazza di Afrodisio.

I maggiori capitani andarono a riconoscerla dalla parte del mare,
ronzando a piccola distanza dall'una e dall'altra parte intorno alla
penisola; e dopo alcuni colpi di cannone ricambiati, con qualche morto e
ferito di soldati e di ciurma, si allargarono per consultarsi tra loro.
Pareva difficile l'espugnazione, bisognandovi grosse artiglierie da
breccia, e fanterie numerose da campo, più che non erano sull'armata.
Perciò volendo anche lasciare aperta a Dragut la via del ritorno in
quelle parti, dove lo aspettavano; e insieme pensando di chiamare da
Napoli, da Palermo, e dalla Goletta maggior nervo d'armi e di armati,
deliberarono per suggerimento del Baglioni e dello Sforza di occupare un
castello tenuto dalle genti di Dragut poco più di venti miglia lontano
inverso maestro, e luogo opportuno a fermare l'uno dei capi della rete
che gli si voleva tendere[250]. Questo castello, chiamato Monastero,
comparisce da lungi ai naviganti proprio sulla punta sporgente che
chiude la baja di Susa dal lato meridionale: un isolotto gli sta presso
da tramontana, e le Conigliere per dodici miglia da levante. Alcuni
mettono in quel punto l'antica colonia romana di Adrumeto, i Turchi
infino al presente lo chiamano Monastir, e i nostri comunemente
suppongono essergli venuto tal nome da una badia di Agostiniani,
anteriore all'invasione degli Arabi[251].

Si principiò dall'acquata, sapendo essere presso al castello, dal lato
di tramontana, ricche sorgenti di acqua dolce, tanto necessaria al
sostentamento della gente[252]. Le galèe (come altrove in alcun luogo ho
detto, e qui devo ripetere per non rimandare il lettore di qua e di là;
oltre che non sarà male rimettere il discorso a nuovo, secondo il
bisogno) le galèe per la qualità della loro costruzione non potevano
imbarcare vasi di grande capacità; ma bisognava tenerle al barile. E
quantunque i piccoli recipienti industriosamente ripartiti a tre e
cinque per banco tra l'armatura del posticcio, senza ingombrare nè la
coverta nè le camere, sommassero a due o tre cento in ciascuna galèa;
nondimeno alla moltitudine della gente nell'arsura delle continue
fatiche non sopperivano di bevanda che per quindici o venti giorni. Dopo
i quali bisognava di necessità accostarsi a terra, e attignere a ogni
modo da qualche fontana o ruscello, e di più combattere nel paese
nemico, se venivano a impedire. Oltracciò più lungo tempo nei vasi di
legno l'acqua non si sarebbe conservata, sapendosi per esperienza il
pronto venirvi della medesima a nausea, a corruzione e a vermi: cause di
pericolose dissenterie. Singolarissimo beneficio ha recato ai marinari
colui che ha proposto le casse di ferro, dove l'acqua si mantiene
lungamente freschissima e sana. Oggi tutti i bastimenti, massime i
militari, usano vasi di bandone laminato; e mette letizia di refrigerio
il vedere sul ponte la tromba per attignere, e la chiavetta della
fontana sotto alla mano di tutti. In mezzo alle armate navali, nei
grandi porti e nelle rade, senza che niuno si affatichi per acqua, da sè
vengono le cisterne galleggianti condotte dalla macchina a vapore, e si
mettono sotto il bordo di chi ne vuole, e gittangli la manica
conduttrice. Il motore dimena le trombe, e ciascuno empie le sue casse a
talento.

NOTE:

[249] DOCUM. toscano cit., (alla nota 25) p. 96: «_Un mastro d'ascia con
suo garzone, un barbiere, un barbierotto.... Un remolaro, un barilaro._»
Item, p. 131, 132, ec.

DOCUM. roman. cit., (alla nota 11); in tutti gli inventarî, strumenti,
ruoli, e scritture, ripetesi sempre il ritornello: «_Il barbiere e il
barbierotto, remolaro e remolarotto, calafato e calafatino, mastro
d'ascia e suo dascino._»

CRESCENTIO, Nautica cit., 64: «_Maestranze.... che qua si dice
Mastrodascia, Calafatto, Remorario, et Barilaro, de' quali se ne dà uno
per galèa._»

PANTERA, _Armata_ cit., 129: «_Il Remolaro ha cura non solo di fare i
remi nuovi, et di racconciare i vecchi, ma di rivederli se sono ben
bilanciati, aggiugnere o levare del piombo, e accomodarli che si possano
maneggiarli facilmente._»

[250] ANONIMO cit., Mss. _Vita del Baglioni_, 22: «_Astorre consigliò
che almeno si prendesse Monasterio.... Questo consiglio portato al
Principe_ (Doria) _dal Priore_ (Carlo Sforza) _come cosa propria di
Astorre, fu trovato molto buono da tutti._»

[251] PLINIUS, _Hist. nat._, V, 4; et MORISOT, _Orbis marit._, 283:
«_Tapsus, Leptis parva, Rhuspina, Adrumentum, Aphrodisium, Siagul,
Neapolis._»

ATLANTE LUXORO del secolo XIII, pubblicato dal Desimoni e Belgrano in
Genova, 1868, III, 266: «_Souxa, Monester, Coniere, Affrica, Capullia._»

LUIS MARMOL, _L'Afrique, traduite de l'Espagnol_, par Perrot
d'Ablancourt, in-4. Parigi, 1667, II, 499.

DAPPER, _Description de l'Afrique_, in-fol. Amsterdam, 1686, p. 197.

M. BELLIN, _Atlas maritime, recueil de cartes et plans_, in-4. Parigi,
1764, III, 71.

W. SMITH, R. N., _Carte dell'ammiragliato britannico, colle correzioni
fino al_ 1852: «_The coasts of Tunis: Monastir._»

G. R. WILKINSON, R. N., _Carte dell'Ammiragliato, del_ 1864: «_From
Soussa to Mehediah: anchorage of Monastir._»

[252] NUCULA cit., 54: «_Universa classis aqua egere cæpit; cujus
petendæ causa, idoneus Monasterii ager visus est, in quo probatissimæ
aquæ magnam copiam esse constabat._»



[28 maggio 1550.]

X. — Tutti intesi all'acquata, si accostarono per ordine a terra presso
il Castello, fuori del tiro delle artiglierie: empirono il barchereccio
di ciurme e di barili: e prevedendo ostacoli dai nemici, distaccarono a
sostegno degli acquatori alcune compagnie di archibugeri. Presto si
scambiarono i primi colpi, crebbe la scaramuccia, venne in terra don
Garzia, concorsero in maggior numero i combattenti. In quella Astor
Baglioni alla testa dei Romani caricò gagliardamente le fanterie sortite
dalla piazza[253], i Musulmani volsero in fuga, i nostri in gran fretta
ad inseguirli: in somma vinti e vincitori entrarono mescolatamente nella
terra, e il Baglione la prese di soprassalto il ventotto di maggio[254]

[29 maggio 1550.]

Restava la rôcca, dove la maggior parte dei presidiarî eransi raccolti:
però fu presa subitamente a battere dalla parte esterna da don Alvaro de
Vega, e di dentro tra le case circostanti da don Fernando suo fratello,
figliuoli di don Giovanni de Vega vicerè di Sicilia, alla testa delle
milizie veterane che il padre loro aveva mandato in Africa: valorosi
giovani, osteggiati ambedue dalle crescenti pretensioni di don Garzia.
La stessa notte posero in terra alcuni pezzi da breccia: ai quali,
mancando il traino, provvidero don Alvaro de Vega e Giordano Orsino con
certi carrettoni di contadini, tanto che la mattina seguente messi al
posto meglio degli altri servirono. Al tempo stesso si batteva la rôcca
dalla parte del mare, giuocando a maraviglia i grossi corsieri delle
galèe sugli affusti a scalone, anche colla punteria di rialzo a gran
volata. Sotto le percosse delle galèe cadde in isfacelo il mastio: le
trombe chiamarono all'assalto, e la bandiera della Croce comparve sulla
rôcca. I pirati fatti a pezzi, gli abitatori prigionieri, le mura del
castello demolite. Dei nostri dieci morti, ducento feriti, e due galèe
perdute: chè l'una del principe di Monaco colò da sè in fondo, crepatone
con gran rovina il cannone, o per mancamento di getto o per acciarpìo di
carica: e l'altra del marchese di Terranova, malmenata da simile
fracasso, dètte in secco[255]. Intorno a questi fatti più importanti
della marineria oltre le testimonianze italiane aggiungo le spagnuole,
tuttochè le edizioni a quattro colonne di mastro Mattia, e di mastro
Bartolommeo per difetto di torcolieri e di legatori nell'ordinamento
delle pagine e dei numeri, pajano fatte a posta per istancare la
pazienza di chicchessia[256].

[Giugno 1550.]

Assicurata la comodità dell'acqua alle sorgenti ormai libere di
Monastero, l'armata andò a porsi presso le Conigliere, guardando quel
tratto di mare, e facendo qualche corsa infino alla Goletta, che dal
tempo della spedizione di Tunisi erasi sempre tenuta con grosso presidio
dagli Spagnoli. Risiedeva colà per governatore il mastro di campo don
Luigi Perez di Vargas, uomo di molto valore, di gran senno, e di lunga
pratica nelle guerre e nei costumi africani. Esso approvò l'impresa di
Afrodisio, posto che si facessero venire da Napoli artiglierie e
fornimenti da breccia, e maggior nervo di fanti: offerì per sua parte
tutti i rinforzi che si potevano cavare dalla Goletta, senza mettere a
pericolo la difesa della piazza; e assicurò che, per mezzo del re del
Caruano[257], suo amicissimo, non mancherebbe mai a giusto prezzo
l'abbondanza delle vittuaglie e dei rinfreschi nel campo. Di che
rallegrossi più d'ogni altro don Garzia, nella speranza di mettersi per
supremo generale alle imprese di terra: e subito propose di correre in
persona a Napoli, promettendo cavare dalla bontà di suo padre ogni fatta
rinforzi. Nel vero andò e tornò sollecitamente, menando grosse navi
piene di soldati, di artiglierie e di munizioni.

Se non che il Perez della Goletta, prima di separarsi, parlando
all'orecchio di Andrea Doria, avealo ammonito e pregatolo di chiamare
subito al campo il vicerè di Sicilia don Giovanni de Vega; e di affidare
a lui, come a gran mastro di guerra, e secondo le leggi della monarchia,
il supremo comando dell'assedio, prevedendo altrimenti non lieti
successi. Andrea eziandio di ciò persuaso, e pensando ancora che il
Vicerè da sua parte accrescerebbe forza alla spedizione colle armi della
Sicilia, gli scrisse, lo richiese, e promisegli di fare una corsa a
Trapani per imbarcarlo. In somma alla fine del mese tutti erano in
punto, secondo questi concerti, salvo il furore di don Garzia. Il quale,
trovato all'improvviso il Vicerè sull'armata, cioè un altro in procinto
di occupare quel primo posto di onore e di autorità che esso nell'animo
aveva fin allora tenuto per suo, tutto stizzito tirossi da parte,
dicendo volersene andare colle sole galèe di Napoli ad inseguire Dragut
pel Mediterraneo, senza mettersi in terra ad altri stenti[258].

Si ebbe a durare gran fatica per quietarlo alla meglio: e si potè
soltanto ritenerlo colla promessa di formare un triumvirato, dove
Andrea, Giovanni e Garzia starebbero alla pari; niente si farebbe senza
il beneplacito dei tre, e le leggi andrebbero col nome soltanto
dell'Imperatore[259].

[24 giugno 1550.]

Stabilite queste convenzioni, l'armata sciolse da Trapani alli
ventiquattro di giugno: cinquantadue galere, ventotto navi, quaranta
pezzi di batteria, e quattro mila uomini da sbarco; senza sfornire
menomamente le galere, che dovevano sempre tenersi in punto per
qualunque fazione, se mai comparisse squadra nemica sul mare o con
Dragut o con altri. Davano speranza gli Arabi divenuti nemici dei
Turchi, e la postura della piazza, che poteva essere con poca gente
assediata dalla parte di terra. Il mare istesso ed i venti secondavano
le aspirazioni dei marinari e dei soldati, i quali prestamente in due
soli giorni navigando si facevano la mattina delli ventisei innanzi alla
piazza voluta espugnare.

NOTE:

[253] ANONIMO, Mss. cit., _Nella vita_, p. 23: «_Astorre guidò le genti
italiane che erano sulle galere del Papa, ed in breve tempo prese
Monasterio._»

[254] JOANNES CHRISTOPHORUS CALVETUS STELLA, _De expugnato Aphrodisio_,
ext. inter opusc. _De Rebus Turcorum_ edita a CONRADO CLASERO, in-fol.
Basilea, 1556, p. 631.

FILIPPO CASONI, _Annali di Genova del secolo decimosesto_, in-fol.
Genova, 1708. — _Ann._, 1550.

[255] NUCULA cit., 63: «_Jactura duarum triremium, in quibus tormenta,
vitio fortasse conflata, vel incuria, magno impetu sonituque effracta._»

STELLA cit., 631: «_Triremes afflictæ.... primaria Caroli Aragonii,
Terrenovæ marchionis, depressa._»

BOSIO cit., III, 267, D: «_Crepato il cannon di corsia ad una galera del
signore di Monaco.... uccisi molti.... si aperse la galera...._»

[256] PEDRO DE SALAZAR, _Historia de la guerra y presa de Africa, con la
destruycion de la villa de Monaster, etc._ in-4. figur. Napoli, 1552, in
casa di Mastro Mattia, p. 22, A. I, med.: «_El cañon de cruxia de la
galera de sancto Angelo del Marques de Terranova se abriò y la galera
por medio._»

PRUDENCIO DE SANDOVAL, _Vida y echos del emperador Carlos quinto, rey
catholico de España, etc._ in-4. Pamplona. En casa de Bartolomeo Paris,
1586.

[257] CARUANO, altri scrivono _Karoano_, e l'Amari _Kairwan_, regno
nell'interno dell'Africa, alle spalle di Tripoli e di Tunisi.

DE HAMMER cit., XI, 219 (_Kairewan_).



[26 giugno 1550.]

XI. — Eccoci dunque un'altra volta dopo cinque secoli coll'armata
cristiana a fronte degli islamiti sotto le mura di Afrodisio: le stesse
ragioni ci guidano ora nel mezzo del cinquecento contro Dragut, che già
ci guidarono nello scorcio dell'undecimo secolo contro Timino[260].
Sovrani ambedue del medesimo stato, e simili tra loro nelle crudeltà,
nelle rapine, nell'infestamento dei mari e dei nostri paesi. Identica la
città antica e moderna nel medesimo sito: perciò le conservo l'istesso
classico nome, comunemente usato dai contemporanei. Nome più dolce, e
non soggetto ai sospirosi squarci gutturali nè agli equivoci grossieri,
come gli equivalenti arabi e medievali di Mêhdiah e di Africa[261].
Ricordate una rupe circondata dal pelago per ogni parte, meno che dove
una lingua di angusto passaggio sporge sull'altipiano dalla terraferma
alla città? Mettetela coll'asse maggiore di due chilometri dentro il
mare da Ponentelibeccio a Grecolevante, datele un mezzo chilometro di
larghezza, coronate il ciglione di torri, e avrete il prospetto della
capitale di Timino e di Dragutte, come tuttavia si mantiene colle
antiche sue cupole, co' suoi minaretti, e colle altre bizzarrie
dell'architettura moresca, conforme agli avanzi tuttavia conservati in
Sicilia, nelle Spagne, e più che altrove in Egitto.

Volendo ora rendere chiaro il racconto, mi bisogna dire con precisione
lo stato militare della piazza; perchè i fatti dell'attacco sono
intimamente connessi coi dati della difesa, ed ambedue colle opere della
fortificazione. Gran disdetta, per chi scrive dopo tre secoli, il
silenzio e talvolta la confusione dei primi scrittori, i quali o per
oscitanza, o per difetto di cognizioni tecniche, non si spiegano a
dovere intorno alle condizioni principali di questo genere. Essi mi
hanno tenuto più giorni perplesso, e quasi direi sfiduciato di poter
spiegare prima a me stesso e poscia agli altri l'andamento dell'assedio.
Se dovessi metterci io una cinta di mio genio, avrei pronto il disegno,
acconcio alla qualità del sito: chiudere l'istmo, dove è più angusto per
trecento metri; mettere due baluardi reali simmetrici e casamattati alle
estremità; cinquanta metri alle facce, venticinque ai fianchi, dugento
alla cortina; tre cavalieri a scoprire la campagna; fosso, opere
esteriori, e batterie per tutta la fronte e di rovescio sulle due ripe
del mare. In somma vorrei ripetere per Afrodisio il lavoro fatto per
Nepi dal Sangallo: il quale in questo modo ha fortificato l'angusta
fronte, donde soltanto si può avere l'accesso alla città, per essere
ogni altro lato sopra dorso di rupe isolata tra precipitosi
abbissi[262]. Ma nel fatto di Afrodisio non troviamci così: e checchè ne
dicano i cinquecentisti di baluardi, di bastioni, di rivellini e di
fianchi, non eravi nulla della nuova maniera. I fatti dell'assedio
escludono la stretta interpretazione delle parole: e certamente la
grandezza della spesa deve aver ritenuto Dragut a contentarsi delle
antiche mura in quel luogo, come ritenne i cavalieri di Malta in Tripoli
al vecchio sistema[263]. Dopo il conquisto soltanto vedremo i disegni
nuovi degli ingegneri per ridurla alla moderna.

Dunque non abbiamo ora a cercare novità di architettura militare, ma
soltanto la durata delle antiche difese. Sulla fronte di verso terra da
un mare all'altro per lo spazio di sopra a trecento metri una muraglia
alta grossa e soda, difesa da sette torri: quattro di pianta
rettangolare, due rotonde, ed una di mezzo chiamata il Rivellino. Vuolsi
intendere un torrione più grosso, più sporgente, coll'angolo rivolto
alla campagna, di faccie e fianchi ugualmente grandi, e di pianta
pentagonale[264]. Niuno pigli maraviglia di antica torre pentagona col
sagliente alla campagna: poco comune invero, ma non ignota del tutto.
Bastami citare in conferma la torre del mastio in Astura, più antica dei
Frangipani[265]; le cinque o sei torri egualmente pentagone del tempo di
Federigo II alle mura di Viterbo[266]; le due fiancheggianti la porta di
Silivria presso Costantinopoli, certamente anteriori a Maometto II; e le
tre di Lucera del tempo degli Svevi[267]; senza mettere a conto le molte
di Nola, perchè fabricate alla fine del quattrocento, che è epoca pel
nostro proposito troppo recente[268]. Continuandomi intorno ad
Afrodisio, trovo la grossezza dei muri infino a quindici piedi,
equivalenti nella sezione a cinque metri per tutto il ricinto
principale; e innanzi al medesimo trovo una seconda cinta di muro
esteriore in figura di barbacane, grosso per metà del primo; e tra i due
muri il fosso largo e profondo[269]. Sistema da essere ricordato, perchè
serve come di preludio ai pensamenti del Machiavello sull'arte della
guerra. Una sola porta verso terra, aggirata a più risvolte di androni
ciechi tra ponti e trabocchetti, da non potersi passare senza i
brividi[270]: e per tutte le altre parti la città difendevasi da sè,
stante la sua posizione inaccessibile di precipizî tra il mare e i
dirupi, aggiuntovi pure al sommo un giro di muraglione turrito. Restami
a dire del porto nascosto in una insenata tra due rupi pel rombo di
scirocco sulla linea centrale della città: porto capace di contenere i
suoi trenta o quaranta bastimenti da corso a stazione sicura, e ben
munita di torri e catene[271]. Arrogi il parco di numerosa e bellissima
artiglieria: cannoni di grosso calibro, e colubrine di lunga passata per
ogni parte.

Al governo della piazza presiedeva Assan-rays nipote di Dragut, giovane
di gran coraggio; e con lui milletrecento veterani tra soldati e
marinari, più altri quattrocento venuti di Alessandria in soccorso con
due navi, proprio di quei giorni che l'armata nostra (espugnato
Monasterio) erasi gittata a Trapani per levarne il Vicerè e le munizioni
già dette. Presidio sufficiente alle sortite, e sovrabbondante alle
difese: poteano metterne mille alla campagna, e sulla linea di attacco
otto per metro.

NOTE:

[258] BOSIO cit., 269, A: «_Tanto spiacque a don Garzia il vedersi dal
Vicerè.... occupare il luogo che nell'animo suo già presupposto si
haveva.... che stette per ritornarsene.... dal principe Doria
quietato.... Convitò a mangiar quei signori.... e trattò che da tutti
tre, come da buoni fratelli si ordinasse l'impresa._»

[259] SALAZAR cit., 33, A, 1: «_Et principe Doria.... tractò con el
Visorey consintïese en que don Garcia tuviese con el ygual imperio y
potestad.... todo eso fue acordado._»

[260] P. A. G., _Medio èvo_, I, 215.

[261] HORATIUS NUCULA, DE BELLO AFRODISIENSI, in-12. Roma, 1552, p. 10:
«_Nomina urbium Africæ. Aphrodisium, vulgarmente Africa, città
principale dell'Africa menore._»

STELLA cit., _De expugnato Aphrodisio_, p. 619: «_Aphrodisium vulgo
Africa, Mauri Mahadiam appellant._»

BIZARUS cit., 510: «_Excepta urbe Lepti quæ Mohomedia a Poenis, a
nostris vero Africa, ab antiquis autem Aphrodisium._»

AMMIRATO cit., II, 486, A: «_Africa, terra posta nei liti di Barberia,
la quale dagli antichi fu già detta, da un tempio di Venere,
Afrodisio._»

RAYNALDUS, Ann., 1550, n. 25: «_Urbs Leptis, alias dicta Aphrodisium,
sive Africa, quam Dragutus archipirata insederat._»

SIGONIO, _Vita di Andrea Doria_, trad. dall'Arnolfino, 287: «_La terra
di Afrodisio era chiamata Africa._»

BOSIO cit., III, 271, A: «_Fu questa città dai barbari chiamata Mehedia,
dai latini Aphrodisium, e dagli italiani Africa._»

[262] VASARI, ed. Le Monnier, X, 15: «_Seguitò poi Antonio da Sangallo
per lo detto duca di Castro la fortezza di Nepi, e la fortificazione di
tutta la città che è inespugnabile e bella._»

RANGHIASCI, _Storia di Nepi, e Pianta della città_, in-8. Roma, 1818.

[263] BOSIO cit., III, 188; 217, 230.

Vedi appresso, e all'Indice voce _Tripoli_.

[264] CAMPANA cit., II, 49, B: «_Le mura.... fortificate da cinque
torri.... e da un gran rivellino.... che sporgeva in punta molto infuori
ben fiancheggiato.... muro antico e sodissimo.... le difese dei
fianchi._»

BOSIO, III, 273, C: «_La fronte sulla lingua di terra passi trecento....
sette torri, e la torre di mezzo più grossa e forte sporgeva tanto in
fuori che a guisa d'un gran rivellino fiancheggiava tutta la fronte._»

STELLA cit., 628, B: «_Aditus ad ducentum passus.... duplici muro et
altissima fossa inter utrumque.... murus interior pedum quindecim, qui
vero pro fossa quinque patet._»

SANDOVAL cit., 123: «_Fortisimo sitio.... sobre roca dentro et mar....
doscientos pasos de mar a mar.... muro alto y grueso.... seis toreones
en el, quatro quadrados, i los dos redondos.... Barbacana y cava._»

SALAZAR cit., 14, 37, 74, _Piante della città_ e prospetti incisi
rozzamente in legno.

G. R. WILKINSON, R. N., _From Soussa to Mehediah._ — Carte
dell'Ammiragliato in gran foglio colla pianta particolare della città,
incisa geometricamente in Londra nel 1864.

E tutti gli altri citati alla nota 63.

[265] NIBBY, _Contorni di Roma_, 1838, II, 286: «_Astura._»

ALBUM, _Giornale Romano_, 3 agosto 1844, XI, 177: «_Prospetto di
Astura._»

PIANTA e rilievo del castello di Astura, disegnato dagli ufficiali
pontificî del genio, e copia presso di me.

[266] FELICIANO BUSSI, _Storia di Viterbo_, in-fol. Roma, 1742. (Una
alla porta della Verità, una alla Sallupara, una al bivio dello stradone
della Quercia, due alla porta Salsiccia; la minore delle quali da me
misurata ha per ciascuna faccia m. 6.75, e per ciascun fianco fino al
muro m. 3.40.)

[267] CAP. ANGELO ANGELUCCI, _Ricerche preistoriche, e scritti varî_,
in-8. figur. Torino, 1872, p. 43, tav. 3ª.

[268] AMBROSIUS LEONIS, _Antiquitates et historia urbis Nolæ_, lib. I,
cap. VIII. ap. BURMAN IN THESAURO colla pianta, IX, IV.

[269] STELLA cit., 628, B: «_Duplici muro, et altissima fossa inter
utrumque._»

SANDOVAL cit., 123: «_Tenia la cerca Barbacana y cava._»



[28 giugno 1550.]

XII. — Due giorni stette sulle àncore l'armata cristiana per dare ai
soldati il consueto riposo prima di esporli alle fazioni di terra, dopo
il travaglio della mareggiata: e intanto consigli di Triumviri, e
apparecchi di equipaggi. Tutti vedevano la facilità di bloccare la
piazza dalla parte del mare con sì gran numero di bastimenti che
stavanle intorno; ed anche capivano la facilità di bloccarla da terra,
tanto solo che chiudessero le angustie dell'istmo. Alle spalle gli
abitatori dei monti e delle campagne vicine, Arabi, Mori, Beduini, amici
del re di Tunisi, amici del Caruano, amici del Perez eransi apertamente
dichiarati contro Dragut, contro i Turchi, contro i Pirati. Dunque
sicurezza di stazione e di vittuaglia al campo, e bevanda vicina in gran
copia di acque dolci da molte fontane. Non restava altra difficoltà che
l'espugnazione di viva forza sopra una sola fronte di attacco, chiusa da
due fortissime muraglie col fosso in mezzo; e difesa da numeroso
presidio concentrato in un punto solo.

Ciò non pertanto, confidando più nei proprî che negli altrui vantaggi,
gittavansi risoluti a compiere prestamente il disegno. La mattina del
ventotto alla guardia della diana erano all'ordine cencinquanta
palischermi, e trenta barconi: questi carichi di ventiquattro pezzi da
batteria colle munizioni e coi carri necessarî, quelli abbarbati alle
scalette dei maggiori navigli pigliavano ciascuno venticinque soldati in
arme[272]. Le tende, le riserve, le provvigioni pronte in coverta per la
seconda passata. Si issano le bandiere, squillano le trombe, e il
barchereccio in due stuoli corre inverso il lido africano, dove senza
contrasto piglia terra sopra due senetti arenosi. Un'ora dopo potevi
vedere correre squadronati in ordinanza quattromila cinquecento soldati:
la vanguardia con don Garzia occupare la montagnetta rimpetto all'istmo,
e gli altri colle artiglierie nel centro, girando fuori del tiro attorno
alla piazza, seguirli e sostenerli nella medesima direzione. Potevi
vedere i palischermi tornarsene spediti ai navigli, e apparecchiarsi al
secondo e al terzo ritorno, perchè nulla avesse a mancare nel campo.

Intanto che ferveva l'opera dei marinari e dei soldati, un uomo di
genio, architetto e matematico, condotto di Sicilia dal vicerè Giovanni
de Vega, squadrava il terreno: metteva il quartier generale sopra
un'altura solitaria in fondo alla gola dell'istmo, cinquecento metri
dalla città; disegnava una grande traversa con fianchi e bastioni
regolari da contravvallare la piazza, e a tergo un argine ugualmente
bastionato per circonvallare il campo e assicurarne le spalle in ogni
evento. Tra le due linee i quartieri, le poste dell'artiglieria, i
magazzini delle munizioni e delle vettuaglie, e gli sbocchi disegnati
sul posto per andare avanti cogli approcci e colle batterie.

Questo egregio uomo, come tutti gli ingegneri militari del suo tempo
negli eserciti di ogni nazione, era italiano, nativo di Bergamo, allievo
del Martinengo, e di nome Lodovico Ferramolino[273]; quantunque alcuni
con isconcio di lingua e di giustizia lo chiamino Hernan Molin[274].
Parlerò appresso di altri due ingegneri fatti venir di Sicilia: e non
lascerò di rilevarne le opere principali nell'assedio, tanto per la loro
importanza, quanto per la finale risoluzione, che darà la vittoria ai
marinari ed alla loro macchina, degna di speciale ricordo. Intanto
ciascuno può ripensare da sè il lavoro delle trincere, l'intreccio dei
gabbioni, l'ammasso dei terrapieni, lo stabilimento delle piatteforme,
le risvolte degli approcci, e tutto quel resto di opere che si usano
comunemente in ogni assedio[275].

NOTE:

[270] STELLA, 628: «_Porta admirabilis.... tot anfractus inextricabiles,
tot gyri, tot arcuati flexus, suis quisque æratis portis muniti._»

NUCULA cit, 122: «_Transitus per septem portas æreas, non recte, sed
oblique positas, in Urbem._»

[271] SANDOVAL cit., 139, B: «_Puerto por arte con muelle y cadena, y
buen surgidor._»

STELLA, 628: «_Navale alios antecellit.... tutissimo loco.... aditum
perangustum._»

BOSIO, 271, C: «_Faceva anche cavare un piccolo porto, che dal mare
entrava nella città._»

[272] SANDOVAL cit., 126, B: «_Sabado a veinte y ocho de junio, vispera
de san Pedro y san Pablo, ya que queria abrir el alba, toda la gente de
la armada en barcos esquifez, bateles, y fragatas, fueron para ir a
tomar tierra._»

[273] NUCULA cit., 181: «_Celeberrimus ædificiorum et operum Cæsaris
architector et machinator optimus, Ferramolinus nomine, genere italus,
Bergomi natus._»

BOSIO cit., III, 273, B: «_Secondo il disegno dell'ingegnere
Ferramolino, condotto dal Vicerè a quell'impresa, si attese a far
ripari, trinchèe fiancheggiate, ec._»

[274] SANDOVAL cit., 134, B: «_Otro ingeniero que havia en el campo se
llamaba Hernan Molin._»

SALAZAR cit., 68, B: «_Tractando sobre los ingenios Andronico de
Espinosa y Hernan Molin se acordaron que.... se hiciesse una trinchea
desde el campo hasta el muro._»



[1 luglio 1550.]

XIII. — Ventisei bocche, tutte di grosso calibro, aprirono il fuoco la
mattina del primo giorno del mese di luglio, alla distanza media di
quattrocento passi, che a parer mio possono essere altrettanti metri,
valutandoli alla pari, secondo il discorso di quel tempo: e ciò senza
altre ripetizioni valga per ogni simile ragguaglio in questo libro. Tre
pezzi rinforzati alla montagnetta, dieci cannoni grossi e due colubrine
sulla fronte del campo, otto cannoni ordinarî alla destra, e tre mortaj
da bombe alla sinistra, tonavano insieme[276]. I capitani, intenti a
notare le percosse di ogni palla ed a cercarne gli effetti sui muri,
presto ebbero a persuadersi della difficoltà di abbatterli: antiche
costruzioni, massicce e durissime, che non volevano lasciarsi andar giù:
e dove pur qualcosa intronavasi era peggio; perchè i rovinacci e le
macerie della prima muraglia pigliando i colpi, riparavano la seconda.
Arrogi la diligenza e la prontezza dei difensori nel contrabbattere, nel
riparare, ed anche nell'assalire con gagliarde sortite le nostre
trincere, e potrai intendere con quanta fatica e mortalità passarono i
primi dieci giorni della batteria.

[11 luglio 1550.]

Dopo i quali parve al Ferramolino di poter arrischiare l'assalto: o per
impadronirsi del rivellino, o almeno per veder meglio da presso a qual
termine fosse ridotta la piazza, e come più giusto si avesse a
indirizzare il fuoco e l'attacco nel proseguimento. I capitani si
accordarono del modo e del tempo: e la notte seguente al dieci sopra
l'undici di luglio lanciarono tre compagnie scelte verso quella parte
della prima cinta che sembrava più praticabile, coll'ordine di
scavalcare il muro, e per la via di dentro occupare il rivellino, e
stabilirvisi. Salirono ardimentosi sulla contragguardia, vi piantarono
sette bandiere, trovarono innanzi profondissimo fosso, e di rimpetto la
seconda muraglia intatta. Però quando volevano irrompere nella punta del
gran rivellino, trovarono i Turchi svegliati e pronti a mietere le
teste. I sette alfieri delle bandiere, venti cavalieri di Malta, e
sessanta soldati a pezzi: gli altri quatti quatti si ritirarono,
portandosi appresso in gran numero i feriti[277].

L'infelice successo di quella notte crebbe le difficoltà e le discordie
nel campo: chi voleva levarsi di là, chi mettersi ad altra impresa, chi
compier l'opera incominciata continuando la batteria di fronte, e chi la
dava per finita battendo di fianco alla marina[278]. Tutti chiedevano
munizioni di guerra, polvere e palle: chè, dopo dieci giorni di continuo
trarre, cominciava a mancare ogni cosa. Passava il tempo, crescevano
attorno le dicerìe, e molti oppressi dallo stento e dal calore di clima
disusato languivano. Oltre ai feriti, che ogni giorno crescevano,
moltiplicavansi, come sempre in simili casi avviene, le comuni
infermità, le dissenterie, le congestioni e le febbri maligne. Vorrei io
qui far contenti i medici che leggono: e appresso ad Omero sarebbemi
ventura citare i nomi dei Podalirî e dei Macaoni del tempo seguente. Ma
le istorie tacciono, ed io non trovo altro nome più antico del dottor
Niccolò Ghiberti, medico delle galèe di Nostro Signore, cui sulla fine
del cinquecento il Crescentio con molte lodi deputava a lettore amico
della celebre sua Nautica[279]. In ogni tempo i medici e i chirurgi
hanno seguìto, o volontarî o condotti, gli eserciti di terra e le armate
di mare: le storie e i documenti ne parlano solo per le generali. Più
spesso in vece ritornano sopra quei praticanti la bassa chirurgia, cui
davano il nome di Barbieri e di Barbierotti; titoli che durano ancora
nei bagni penali dei paesi marittimi. Ciò non pertanto posso aggiugnere
pei tempi più recenti non esservi bastimento militare senza il medico o
chirurgo a bordo, i quali hanno grado di ufficiali, ed entrano nei ruoli
dello stato maggiore. L'esperienza e la storia dei viaggi negli ultimi
due secoli dimostrano la stranezza degli ufficiali sanitarî, e le
cattive conseguenze della loro caparbietà. Se chi legge appartiene alla
rispettabile classe dei Dottori, tolga l'avviso pel suo e pel comun
beneficio: faccia di uniformarsi alla disciplina degli altri ufficiali,
e di seguire i suggerimenti del comandante.

Tra i sacerdoti la nostra storia nomina il padre Laynez, celebre
Gesuita, cappellano maggiore e presidente dello spedale in Africa, il
quale aveva ducenquaranta infermi alla sua carità affidati; e nomina il
socio della stessa Compagnia padre Martino da Estella; il fra cappellano
di Malta don Matteo; fra Michele da Napoli, e fra Alonso Romero, dei
Minori: e quattro Cappuccini, due de' quali vi morirono insieme a tanti
altri, e due presso che morti furono rimenati in Sicilia[280]. Sugli
afflitti, lungi dalla patria e dai congiunti, scenda propizio il
sollievo della religione; e le parole di pace per la bocca de'
sacerdoti, partecipi delle stesse sofferenze, confortino l'animo
virtuoso di chi non si perita professare pubblicamente la sua fede. Ecco
come di questi soldati e marinari in procinto di partenza per la
spedizione africana scriveva un diplomatico ad un sovrano[281]: «Tutta
la fanteria, capitani, maestro di campo, ed ogni sorta di gente jeri
mattina si confessò e comunicò con molta devozione: e credo che avranno
fatto bene, per essere questa un'impresa da restarcene assai.... Ogni
uomo va risolutissimo di avere a combattere, e di avere a morire.»

NOTE:

[275] NUCULA cit., 177: «_Interim in aggeribus jacendis, tectisque
cuniculis agendis, et testitudinibus, nil a nostris remissum._»

[276] SALAZAR cit., p. 14, 37, 74. (Con rozze tavole incise in legno
rappresenta i pezzi e le batterie nella loro posizione.)

SANDOVAL cit., 128, A, med.

[277] NUCULA cit., 137.

SANDOVAL cit., 129, B.

[278] ANONIMO, _Vita di Astor Baglioni_ cit., 22: «_Li pareri erano
molto diversi: perchè altri voleva andare alla Goletta, altri in
Sicilia, et altri levarsi di questa et fare altre imprese._»

[279] BARTOLOMMEO CRESCENTIO, _La Nautica Mediterranea_, in-4. figur.
Roma, 1602, in princ.: «_Al signor dottore Niccolò Ghiberti di Lorena
già medico delle galèe di N. S., amico lettore, Bartolomeo Crescentio
ingegniero pontificio sanità perpetua. — Se mal non mi ricordo, unico
amico, tornato che io fui di Francia in Civitavecchia coll'armata
ecclesiastica d'accompagnare la Serenissima Granduchessa, mi fu riferito
esser Voi venuto ivi per medico delle galèe.... mi maravigliai che Uomo
tale, privandosi di Roma dove da giovane, ancorchè forastiero, due volte
del Collegio Protomedico si vide, veniste a navigare e scorrere o
inospiti paesi, o barbari lidi...._»

[280] NICOLAUS ORLANDINUS, _Historia Societatis Jesu_, in-fol. Anversa,
1620, p. 238: «_Cum classe, cui pontificiæ triremes, florentinæque, ac
melitenses adjunctæ erant.... Jacobus Laynius ad instruendum
nosocomium.... socius Martinus a Carnoxa.... levamen quatuor
Cappuccinorum.... ducenti sæepe et quadraginta jacebant._»

SALAZAR cit., 35, B, 2: «_En visorey.... hizo hospital.... y diò cargo
de la cura de ellos a un frayle teatino su confessor y predicador,
llamado Laynez, y a otro su cappillan don Matteo de la orden de san
Juan._»

BOSIO cit., 277, A: «_Frate Alonso Romero dell'ordine di san Francesco,
confessore e teologo di don Garzia di Toledo, il quale fu poi fatto dal
Papa primo vescovo di Africa._»

SANDOVAL cit., 126, B, 2; 137, A, I. (Con più altre notizie dei due
francescani)



[15 luglio 1550.]

XIV. — Crescendo il numero dei feriti e degli infermi, quelli di essi
che potevano alla meglio sostenere il travaglio della navigazione
andavano sui grippi trasferiti agli spedali di Sicilia, con ordine alle
galere della scorta di rimenare al ritorno il supplemento di gente e di
munizioni, quanto più se ne poteva. La buona stagione, il quieto mare,
ed i Ponenti freschi prestamente gli conducevano all'andata ed al
ritorno; sempre di buonbraccio sotto vela, senza altro fastidio che di
cambiare le mure, o di rovesciare il carro dall'una o dall'altra banda.
Coll'occasione dei ritorni, molti venturieri italiani continuamente
sopravvenivano in Africa; tra i quali devo ricordare più che trenta
gentiluomini romani, accordatisi tra loro di fare onore e spalla a Carlo
Sforza nelle dure fazioni dell'assedio[282]. I foglietti volanti
stampati in Roma di quel tempo manifestano la pubblica simpatia della
città a loro favore[283]. Primo tra questi signori nominerò Giambattista
del Monte, nipote del nuovo Pontefice, giovane desideroso di mostrare il
suo valore in tanto onorata guerra, offertosi colla scelta compagnia dei
suoi provvisionati[284]. Metterò appresso il signor Antimo Savelli[285],
alla testa di molti amici e seguaci della principesca sua casa, il quale
in questa e in tante altre imprese meritossi elogi universali, che fia
ben ripetere coll'enfasi di Benedetto Varchi[286]: «Chi non ha sentito,
non dico ricordare, ma portare insino alle stelle il signor Antimo
Savelli, il signor Luca, il signor Antonello, il signor Troilo, e mille
altri, tutti signori, tutti Savelli, tutti gran maestri di guerra?»

[18 luglio 1550.]

Il Ferramolino intanto, ricevuti i rinforzi dal Regno, e più dalla
Goletta due altri cannoni grossi, due lunghe colubrine, ed un serpentino
da breccia[287], aprì la seconda parallela, divisando portare le
trincera coi loro rami, risvolte, e bisce, e batterie cento metri più
avanti[288]. Per tutto questo cresceva la fatica ai soldati: guardia
alle armi, al campo, ai pezzi; lavori di terra e di trincera; e la
comandata in giornèa al bosco per la fascina. Ogni giorno una grossa
brigata in arme andava a legnare in certi oliveti lontano uno a due
miglia: la scorta coll'archibuso, i guastatori colla scure, i garzoni e
i giumenti colle ritortole. Rimenavano pali e stecconi da trincera,
ramaglie e schegge da salsiccioni, cepperelli e trucioli per le cucine,
tronconi e mozzi da carbonizzare per le fucine. Conciossiachè sempre
ardevano nel campo due grandi fucine, dove si faceva ogni lavorìo di
ferro, occorrente alla giornata, massime in servigio dell'artiglieria:
piastre, cerchioni, perni, chiavarde ed attrezzi[289]. Non erano
bambini, nè aspettavano i maestri di ogni cosa, come alcuni presumono
nel nostro secolo. Tutto è antico: la fucina di campo, lo stento
dell'assedio e la gelosia dei Triumviri.

[20 luglio 1550.]

La mattina del venti di luglio cinque galèe piene di infermi e feriti, e
alcuni grippi coi lettucci per gli aggravati sotto il comando e la
scorta di Carlo Sforza salpavano verso gli spedali di Trapani: e di là
le galèe corsero a Napoli per levarne gente e munizioni[290]. Vi
giunsero la sera del ventidue a due ore di notte: e vedendo Carlo che
qualche giorno sarebbe passato a caricare le polveri, i projetti, le
provvisioni e i soldati, prese le poste e se ne venne a Roma, volendo
dare direttamente al Papa informazione esatta di ciò che passava in
Africa, perchè ne avesse a ricevere sicuro ragguaglio l'Imperatore, ed
indi venirne il rimedio. Il parere dello Sforza intorno a questo assedio
ci è stato conservato da uno di quei tanti diplomatici che il duca
Cosimo teneva in ogni parte di Italia; il quale, dando conto allo stesso
Duca del lungo discorso fatto col Capitano di Roma, ne ripete le parole
in questa forma[291]: «Nell'esercito vi è tanto poco ordine, che non si
può veder peggio.... perchè il governo è in mano di giovani e di persone
senza nessuna esperienza; e quelli che alla ventura potrebbero sapere,
non sono chiamati alli consigli, e se ne stanno da banda, senza
ingerirsi in cosa alcuna, lasciando abusarsi a quei giovani intorno alla
muraglia. Alla quale circa cinquecento Spagnuoli dettero un assalto da
una parte che era andata a terra; e si portarono con tanta viltà, che
ducento Turchi che escirono dalla terra gli seguitorono fino alle loro
trincere, ammazzandone e ferendone quanti volseno[292]... Il signor
Principe non esce di galera, e tutto giorno giuoca a tarocchi, e non
manca andar qualche volta in villa con la brigata a piacere... Al priore
Sforza ed al signor Giordano Orsino non è stata observata cosa che fussi
lor promessa... Ed ogni minimo spagnolo ha avuto ardire di comandare
alli Italiani ogni vile azione: i quali non hanno servito ad altro che
per guastatori, tirar l'artiglieria, far gabbioni, e simili altre
mercenarie opere: et al primo, quando si dette la batteria, andò un
bando che i soldati italiani non ce intervenissino... In somma, s'el si
tira questa posta, sarà grande: ma pare disperata, considerato il valore
di dentro, e il poco ordine e manco experienza di fuori.»

Dunque dissensioni tra i comandanti: lo Sforza, l'Orsino, e anche il
Doria in disparte per l'arroganza di don Garzia[293]. Disperato in quel
modo l'attacco dalla parte di terra; e la vittoria riservata ad altro
metodo di batteria per la parte del mare, con quelli ordini e ingegni
che vedremo al ritorno in Africa del nostro Capitano.

NOTE:

[281] DOCUMENTI pubblicati dal PALERMO cit., p. 131. — Lettera di messer
Francesco Babbi al duca di Fiorenza, data da Napoli, addì 16 giugno
1550.

[282] SALAZAR cit., 72, B, I: «_Elegidos en la orden hasta treynta
gentiles hombres romanos._» — Item, 8, B, I.

[283] FOGLIO VOLANTE di quattro pagine in-4. stampato in Roma colla data
del 24 settembre 1550, e intitolato: «_La presa d'Africa con il nome de
li colonnelli et capitani, et persone di conditione, con el numero delle
persone morti et feriti de l'una parte e l'altra, et tutte le cose
successe di mano in mano._» — BIBL. CASANAT., _Miscell._ in-4. vol. 9,
n. 14.

[284] DOCUMENTO pubb. dal PALERMO cit., 127. — Lettera del Babbi al duca
Cosimo, data da Napoli, 7 maggio 1550: «_Il signor Gio. Battista Del
Monte ha mandato qui un suo uomo.... al principe Doria, perchè gli vuol
far compagnia in questo viaggio con due dozzine di gentiluomini._»

ADRIANI cit., 284, G: «_Il signor Giovanbattista Del Monte desiderava
nel mestiero delle armi divenir grande et honorato, et havea a
provvisione molto buoni et arditi soldati._»

[285] JACOBUS AUGUSTINUS THUANUS, _Historiar. sui temporis_, in-fol.
Londra, 1733, I, 264: «_Aderant et Carolus Sfortia, et Jordanus Ursinus,
Astor item Balleonus, et Antimus Sabellus.... qui se ad id bellum
contulerant._»

FOGLIO VOLANTE cit., 3: «_Il signor Antimo Savello.... si difese
bravamente._»

[286] BENEDETTO VARCHI, _Orazione funebre detta in morte del signor
Giambattista Savelli, luogotenente generale di tutte le genti di
Toscana_, detta in san Lorenzo di Firenze l'anno 1551. — Ext. tra le
_Orazioni di Uomini illustri pel Sansovino_, in-4. Lione, 1741, I, 278.

[287] SALAZAR cit., 43, B, I: «_Luis Perez escribiò a la Goleta a su
lugarteniente, y al contador Cervantes, entregassen dos culebrinas, i
dos cañones gruesos, y el reforzado serpentino, y doscientos quintales
de polvora, i dos mil pelotas._»

[288] NUCULA cit., 204: «_Aggeribus ad passus ducentos proprius urbem
jactis._»

SALAZAR, 46, B, 2: «_Mandaron hacer otra trinchea, cien passos mas
adelante._»

SANDOVAL, 130, A, I.

[289] SANDOVAL cit., 128, B, I, med.: «_Traxessen leña para que dos
herrerias ardiessen siempre; y se hiziessen en ellas clavos, plancas, y
hierros para la artilleria, y otras cosas necessarias en el campo._»

[290] NUCULA cit., 138: «_Saucios milites et male affectos Drepanum ut
ibi commodius curarentur misit._»

SALAZAR cit., 43, B, 2: «_Mandaron allà salir al Prior de Lombardia y la
capitana del Papa.... todas eran cinco galeras._»

SANDOVAL cit., 130. A, I: «_En Napoles fueron el Prior de Lombardia, y
Filipin Doria.... et Visorey les dio une compañia de infanteria....
pelotas, quintales, etc._»

[291] DOCUMENTI etc. pub. dal PALERMO cit., nell'ARCHIV. STOR. IT., IX,
133.

THEINER, _Ann. Eccl._, I, 481.

[292] Parla dell'assalto dato la notte seguente all'undici di luglio.

[293] SIGONIO, _Vita di Andrea Doria_ cit.,289: «_Il Vicerè mal
soddisfatto che il Doria gli avesse anteposto don Garzia suo emulo, si
alienò da lui._»

BOSIO cit., III, 275, D: «_I tre capi dell'armata cristiana erano tra
loro discordi._»

NUCULA cit., 208, 210, 216, 269.



[21 luglio 1550.]

XV. — Intrattanto cannonate continue alle mura, scaramucce perpetue col
presidio, e giornèa quotidiana per la fascina. Nel tempo di quest'ultima
più umile fazione si aveva spesso spesso a menar le mani, o all'andata o
al ritorno, contro certe imboscate di Mori e di Beduini attizzati da
Dragut con lettere, promesse e minacce. Fra gli altri erasi reso celebre
un Cavaliero africano, che non fu mai veduto uscir fuori di caverna o di
bosco o di altro riposto nascondiglio, che non ottenesse alcun segnalato
vantaggio. Costui compariva solo or qua or là improvvisamente; e
talvolta alla testa di otto cavalli e di circa trenta pedoni, tutto
ammantato di bianco, e cavalcando nobile corsiero di bianco mantello,
chiazzato di bajo alla criniera e alla coda. Il giorno seguente alla
partenza dello Sforza toccò a Giordano Orsino farne la conoscenza, e
portarne i ricordi. Imperciocchè Giordano proprio in quel primo giorno,
privo della consueta compagnia, pensò distrarsi con Astorre Baglioni e
alcuni altri gentiluomini fiorentini e romani, seguendo la carovana dei
taglialegna: desideroso pur di osservare meglio la campagna, e di vedere
da presso la qualità e i prodotti delle terre africane. Se non che la
cavalcata andò più lontano che non si conveniva; tanto che volendo
ritornare tutti insieme a cavallo di piccoli, ma briosi barberi, si
avvidero essere l'ora già tarda, e i guastatori colla scorta partiti
dall'oliveto. Per maggior disdetta vennero veduti all'Orsino certi
volatili pellegrini di bei colori tra quelle solitudini posarsi sulla
cima degli alberi non molto lontano dalla via: ed egli, che aveva seco
sospeso all'arcione l'archibusetto a ruota, col quale era uso fare
bellissimi colpi, s'appartò con quello in mano alquanto dai compagni,
seguendo copertamente tra le macerie la direzione della preda. Quando
ecco uscir fuori improvvisamente il Moro dal bianco mantello, e con tal
prestezza investire di zagaglia l'Orsino, che in un subito gli trapassò
il braccio sinistro e lo gittò da cavallo, senza dargli tempo di voltare
nè faccia nè arme[294]. E già messo piede a terra e sguainata la
scimitarra gli avrebbe troncata la testa, se Astorre ratto come suona il
suo nome, a briglia sciolta e chiamando ad alta voce i compagni, non si
fosse gittato pel primo e risolutamente contro l'offensore,
costringendolo a risaltare in sella, e a fuggir via: non tanto però
confusamente, che colui non si portasse al guinzaglio il cavallin di
Giordano, e non gridasse a più riprese: Cristiani, un'altra volta più
attenti! Il Baglione tuttavia e gli altri, desiderosi di dargli la
risposta più che di parola, galoppavangli appresso a spron battuto; sì
che il Moro per salvarsi fu costretto di rilasciare all'istesso
Baglioni, che eragli quasi ai garetti, il cavallino predato; e senza
altra novità si sottrasse. La brigata di ritorno pensava alla necessità
della vigilanza e circospezione, quando si è in guerra pel paese nemico;
e come ogni diletto, ancorchè onesto, può divenir fatale, se distoglie
l'uomo dall'attendere alle cose di maggior momento ed alla guardia di sè
stesso.

Or noi leviam di terra il mal ferito Orsino, e rimeniamlo a bordo per
curarlo: che avrà a fare tra breve più degna prova[295]. E perchè tutti
sogliono volgersi alla storia, e da lei aspettare giudizî, e lode, e
biasimo, secondo le opere, mi sia concesso di soddisfare al debito mio e
al desiderio delle onorate persone, rendendo a nome dell'Orsino e
dell'inclita sua casa pubbliche grazie, non vendute nè compre, ad
Astorre Baglioni. Le povere parole di romito scrittore faccian ghirlanda
al caro capo del gentil Cavaliero perugino; e restino scolpite attorno
al suo nome in vece della corona di quercia che da altri avrebbe dovuto
ricevere per avere salvato sul campo la vita di un cittadino
romano[296].

NOTE:

[294] NUCULA cit., 201: «_Afer clarus.... albo equo sed versicolore juba
caudaque.... tanta Ursinum celeritate invadit ut prius lancea brachium
illi transverberet, præcipitemque ex equo trahat, quam tormentum
deflectere possit.... Ursinus graviter vulneratus et equo privatus in
castra relatus est._»

SALAZAR cit., 60, B, 2: «_Jordan Ursin deseaba ver bien los campos de
Barberia.... anduvo con la escolta, mirando, holgando mucho, ec._»



[22 luglio 1550.]

XVI. — Volgiamci adesso al principale avversario contro chi si fa la
guerra. Dragut già da tre mesi batte il mare da lontano, facendo il più
che può insulto, danno e vergogna ai naviganti ed ai paesi littorani
della cristianità, coll'intendimento di strapparne l'armata dall'Africa.
Ma non per questo i soldati e marinari nostri rallentavano l'assedio,
sapendo che il tristo non potrebbe arrischiarsi sulle coste d'Italia,
senza correre pericolo di restarvi avviluppato da forze maggiori; e che
sulle coste di Spagna troverebbe in guardia con dodici buone galere don
Bernardino di Mendoza a tenerlo in rispetto. Perciò lo strattagemma non
produsse effetto favorevole ai disegni suoi: anzi l'espose a parecchi
rovesci, tra i quali gravissimo lo scacco toccatogli sulle coste
occidentali della Sardegna; dove essendosi arrischiato a sbarcare per
far preda e per espugnare una terra, quei terribili isolani si levarono
a stormo, e non solo ricacciaronlo alle navi, ma gli ammazzarono circa
quattrocento scherani[297].

Dopo cotal fazione più che mai avvilito, e abbandonato dagli Algerini
stanchi di lui, si trovò molto basso con soli quindici o venti piccoli
bastimenti. Nondimeno rilevando quanto degli antichi spiriti gli
restava, e risoluto di spendere per sua salvezza i tesori corseggiando
in tanti anni accumulati, tornò celatamente in Barberia, e si diè a
correre le maggiori città, picchiando alle porte degli amici suoi:
rappresentava a tutti il pericolo, che egli diceva comune; prometteva e
donava largamente, intendeva scioglier l'assedio e far gente. Scrisse al
re di Tunisi e a quello del Caruano, fu a Sfax, a Tagiora, alle
Cherchere, e specialmente alle Gerbe, tanto che raccolse da ogni parte
un tremila settecento Mori, ottocento Turchi, e sessanta cavalli. Indi
scrisse al Nipote in Afrodisio di tenersi pronto pel venticinque del
mese, che egli verrebbe dalla parte di terra a soccorrerlo, ed a
congiungersi con lui.

Le lettere di Dragut entrarono nella piazza, come poi si seppe, portate
di notte da esperto marangone; il quale durante il giorno, tenutosi
nascosto nell'oliveto, e poi tra le tenebre messosi a nuoto, prese la
direzione del porto facendosi riconoscere alle guardie per quello che
era. L'esercito dei Mori similmente, marciando a gran giornate, giunse
al sito convenuto, cinque miglia lungi dalla piazza assediata, e Dragut
la stessa notte del ventidue, venuto per mare con alcune sue galeotte,
gittossi in terra con ottocento Turchi, per mettersi alla testa della
sua gente. In somma grossa tempesta si addensava sul capo degli
assedianti, senza che niuno ne avesse sentore: salvo che si udivano
aggressioni più del solito frequenti contro i soldati o contro cavalieri
sbandati intorno all'oliveto[298].

NOTE:

[295] LITTA, _Famiglie celebri_. — Orsini di Roma, ramo di Monterotondo,
tav. VIII.

[296] ANONIMO cit., Mss. nella _Vita del Baglioni_, p. 27: «_Astorre
salvò Giordano Orsino, generale del duca di Fiorenza, caduto in mano
agli Arabi._»

[297] NUCULA cit., 132: «_Dragutes.... in Sardinia strenuos viros, dum
pagum ibi capere tentaret, circiter quadringentos amisit._»

IDEM, 171; «_Strenuos autem, quos habuerat Dragutes, amiserat in
Sardinia._»



[25 luglio 1550.]

XVII. — La mattina del venticinque tre compagnie di dugencinquanta
uomini l'una, spalleggiando ducento guastatori siciliani, condotti in
Africa dal Vega, eran sull'incamminarsi agli oliveti per legnare,
secondo il consueto, quando il Vicerè informato allora allora di certe
dicerie correnti tra i Mori alleati faceva uscire con loro altre tre
compagnie, e tutti sotto due sole bandiere, per coprire il numero, e
metteavi per mastro di campo don Luigi Perez di Vargas, governatore
della Goletta: uomo che, per essere più di ogni altro pratico delle
insidie e delle scaramucce moresche, era stato fatto venire a posta, e
trattenuto al campo[299]. La colonna marciava in bell'ordine: ottanta
file per diciassette righe. I picchieri armati di corsaletti alla
vanguardia e alla retroguardia, nella battaglia gli archibugeri, alla
coda i guastatori, a destra e a sinistra due catene di moschettieri.
Queste genti, appressandosi all'oliveto, vedevano qua e là Mori e Turchi
in piccoli drappelli, massime intorno a certe muraglie diroccate pei
campi: ed essendosi avvicinate al bosco consueto, scoprirono finalmente
il grosso dei nemici, che a primo aspetto fu stimato di quasi tremila
fanti. Dragut, la cui presenza era ignota ai nostri, e ignota restò fino
al termine della giornata[300], erasi tenuto nascosto perchè la colonna
si allontanasse più e più dalle trincere: ma avendola oramai vicina con
suo gran vantaggio di numero e di posizione studiosamente scelta, faceva
dar nelle trombe, e assaltava il fronte dello squadrone. A quello
scontro don Luigi Perez da bravo spagnuolo correndo avanti a cavallo
gridava: «Animo, amici, avanti, e dagli alla trista canaglia: Santiago,
e dagli!»[301].

Si attacca la scaramuccia alla destra e alla sinistra, cresce la mischia
sul fronte, e al rumore tutti si riscuotono dal campo, dalla piazza e
dal mare. Tutti vorrebbero esser là: e non potendo altrimenti, ciascuno
manda l'ajuto ai suoi e lo sgomento ai nemici con altissime voci e col
rombo del cannone. Le galere specialmente, accostatesi di fianco,
tengono coi loro corsieri in rispetto i barbari: e non ostante la grande
distanza al secondo o al terzo rimbalzo squartano o maciullano fanti e
cavalli[302]. Il Vega, veduta l'azione impegnata, lascia don Garzia alla
guardia delle trincere, e si avanza colle riserve, opportunamente
giugnendo a sostenere la colonna sul terreno, dove non cede un palmo. In
quella le maniche dei moschettieri si spiegano con soverchia larghezza,
intesi a coprire le spalle dell'ordinanza, sì come i nemici minacciano
girarla; e il Vicerè manda Luigi Perez a raccoglierli a segno. Già don
Luigi ha rannodato il cordone di sinistra, e già galoppando trapassa
alla destra, dove trova maggior difficoltà, e più fiero riscontro:
mentre chiede soccorsi per ricongiungere allo squadrone l'altra manica,
una palla di schioppo di un beduino appostato sugli alberi lo coglie nel
petto, e gli esce dagli arnioni[303]. Sentendosi ferito a morte, volge
le briglie per mettersi tra suoi: ma prima di potervi arrivare, cade
morto in terra, e il cavallo gli si ferma allato. I Musulmani in furia
per avere il cadavere, gli Spagnuoli in furore per ricuperarlo. Si viene
alle strette: scimitarre contro spade, lancie contro picche, schioppi
contro archibusi, saette contro pugnali. Contuttociò gli Spagnoli
raccolgono la salma, rimettonla di traverso sul cavallo, e si rannodano
allo squadrone.

Intanto i guastatori, come se nulla fosse intorno, avevano compito il
lavoro della fascina, e preso il carico delle legne e delle ramaglie:
però il Vega ordina che dalla stessa parte, cioè dalla sinistra, si
ritiri al campo la colonna, ed esso stesso mettesi alla coda per
sostenere i suoi, e per tirarsi appresso i nemici sotto al fuoco delle
trincere[304]. Marciano in ritirata: sempre colla faccia volta al
nemico, sempre combattendo, e sempre incontrati da gente fresca di
soccorso. Notevole in questa ritirata il ricordo dell'artiglieria di
campagna maneggiata sui carretti, per tenere addietro la piena dei
barbari[305].

In quel momento Assan-rais che dalle sue torri vede lo squadrone in
ritirata, Dragut sulla pesta, e le trincere più che mai sguernite,
caccia fuori della piazza il presidio, risoluto a fare l'estrema prova
di spianare i lavori, di chiodare le artiglierie, e di dar mano agli
amici, secondo le istruzioni da tre giorni ricevute. Se costui fosse
riescito nell'intento, la campagna di Afrodisio sarebbe a ricordare
funesta quanto quella d'Algeri. Ma don Garzia è sul posto, e quivi di
piè fermo sostiene l'assalto di Assano: il Ferramolino dirige i fuochi
sulla fronte delle trincere, fiancheggiate per filo radente, e munite di
molte artiglierie e di archibusoni da posta. Ambedue scopano d'infilata
a metraglia; e il Vicerè, trovandosi oramai vicino, rimanda dentro mano
mano maggior rinforzo. Fatte inutili e disperate prove con molta strage
de' suoi, Assano si ritira in fretta, e tanto prestamente fa chiudere le
porte innanzi al rincalzo dei nostri, che molti dei suoi, per rientrare
nella piazza, sono costretti gittarsi a nuoto nel mare[306].

Dragut collo sguardo di pirata aveva seguite tutte le fasi del
combattimento. Vedeva intatto lo squadrone, rimessa la fascina,
ricacciata la sortita, assicurate le trincere. Tutto al rovescio dei
suoi disegni. Nè in principio per sorpresa, nè appresso per forza, nè in
fine pel concorso del nipote, non aveva mai potuto venire a capo di
nulla. Molto meno confidava di vincere l'accampamento, munito di argini,
di fossi e di numerose artiglierie. Pressato dalla volubile accozzaglia
della gente raccogliticcia, tirossi indietro. Spese la notte in consulte
inutili, e il giorno seguente sciolse le bande dei Mori, e se ne tornò
coi Turchi verso le Gerbe. Di là tanto meglio, quanto da luogo più
vicino e sicuro, attese a considerare il procedimento dell'assedio:
sempre pronto ad ogni occasione che mai potesse la fortuna mettergli
avanti.

Così passò la grande giornata del venticinque, nella quale si parve in
tutto il suo splendore la bravura e la fermezza delle fanterie
spagnuole, che non avevano pari in quel tempo per stabilità sul terreno,
secondo gli ordini con che le aveva disciplinate Gonsalvo. Si parve
eziandio l'antico metodo delle milizie deputate a combattere alla
spicciolata, in branchetti o in cordoni distesi oltre alla fronte di
battaglia, come fanno oggidì i bersaglieri. Di più ci ritornano le
artiglierie minute da campagna coi loro carretti; e notiamo i bei tiri
di rimbalzo delle galere a distanza di più che due miglia. Nè vuolsi
tacere la savia direzione di tutti i capitani dal mare, sul campo, alle
trincere; e l'intrepidezza dei guastatori nel compiere il loro servigio
sotto il fuoco del nemico.

NOTE:

[298] NUCULA cit., 151, 152: «_Superioribus diebus nonnullos Afros
partem nostrorum palantium aggressos esse, alios vulnerasse, alios morte
affecisse, et Alvarum ducem.... pene circumventum fuisse constabat._»

[299] SANDOVAL cit., 131, A, 2: «_El Virrey por algunos Alarabes tenia
aviso que soccorro venia.... no que Dragut lo traxesse._»

NUCULA, 164, 165.

[300] SANDOVAL cit., 131, A, 2: «_El Virrey tenia avviso por algunos
Alaraves que venia soccorro.... no sabia que Dragut lo traxesse._»

NUCULA, 164, 165: «_Vega nondum compertum habebat se eo die cum Dragute
ad manus venisse._»

[301] SALAZAR cit., 54, B, I: «_Perez andava sin parar da un cabo a otro
esforzando los soldados, diziendoles: Ea, amigos, muera esta mala
canalla enemiga nuestra, Santiago, y à ellos._»

SANDOVAL cit., 129, A, I: «_Diziendo, Santiago, y à ellos._»

NUCULA cit., 245, fin.: «_Divi Jacobi nomine invocato, ut Hispani
milites prœlium ineuntes semper facere consueverunt._»

[302] SALAZAR cit., 54, B, 2: «_Otra pieça de una galera, dando primero
dos saltos en tierra, al terçero diò a un hombre de cavallo por el
cuerpo; y lo hizo pedaços._»

[303] SALAZAR, 55, A, I: «_Dieron a Luis Perez un escopetaço por los
pechos, que la pelota de et le saliò por los riñones.... bolviò las
riendas.... cayò muerto en el llano, y et cavallo se parò._»

[304] SALAZAR, 55, A, 2: «_Sabiendo el Visorey que la faxina y rama era
echa.... la mandò llevar al campo.... y mandò retirar el esquadron....
retirandose el rostro a los enemigos y peleando._»

[305] BOSIO cit., III, 274, D: «_Conducendo massimamente il Vicerè
alcuni pezzetti d'artiglieria da campagna._»

[306] THUANUS cit., lib. VII, n. 6.

NUCULA cit., 165.



[30 luglio 1550 ]

XVIII. — Dato il primo governo a circa dugento feriti, e resi gli ultimi
onori a un'ottantina di morti, specialmente al prode don Luigi Perez,
tornò nell'esercito e nell'armata la consueta giovialità, cresciuta
dalla speranza di successi migliori. E perchè gl'infermi in cura
avessero a essere meglio provveduti, senza crescere fastidio ai
combattenti, ordinarono a Marco Centurioni, luogotenente del Doria, di
portarli con dieci galere agli spedali di Trapani; e poi esso scorresse
infino a Napoli, a Livorno, alla Spezia e a Genova, per raccogliere da
quei centri gente e munizioni, secondo l'ordine dell'Imperatore a tutti
i suoi ministri in Italia, tanto che l'impresa d'Africa giugnesse a buon
termine[307]. Quando salparono le dieci galèe del Centurioni, si
aspettavano di ritorno le cinque dello Sforza; e al tempo stesso Dragut
sguinzagliava alcune delle sue fuste per codiarne i movimenti, e per non
lasciarsi cogliere, come il vecchio maestro, con tutti i legni in un
punto solo.

Qui mi vien bene aggiugnere alcuni fatti minuti di costoro presso la
spiaggia romana, durante l'anno del giubilèo: fatti narrati da scrittore
contemporaneo[308]. Tre ladroni, sciolti dalla brigata di Dragut, eransi
messi in società tra loro, e in busca pel Tirreno: chiamavasi l'uno
Cametto, l'altro il Bagascia, e l'ultimo il Bollato. Ladri nomi, come
ognun sente, e certamente imposti dai nostri e loro amici, conforme ai
meriti. Essi venivano con tre legni, due fuste e un brigantino: e
insieme di notte al primo abbordo presso Napoli cattivarono una grossa
nave carica di vini, che il vicerè don Pietro mandava in Africa a don
Garzia suo figlio. Fecero schiavi il capitano e i marinari, e mandarono
alla Gerbe marinato il bastimento e il carico. Poi volsero all'isola di
Ventotiene per racconciarsi e dividere i guadagni minuti. Dopo cinque
giorni alzarono la vela alla volta del Circèo: ma sorpresi da grosso
fortunale rifugiaronsi a Ponza, dove stettero dieci giorni a ridosso.
Indi ripigliata la via per maestro, presto ebbero l'incontro di una
tartana con venti passeggeri, usciti anche essi al buon tempo da Gaeta,
e vôlti cheti cheti alla Fiumara di Roma ed alle indulgenze del
giubilèo. Pensate rubalderia di Turchi! presero a un tratto pellegrini,
marinari e tartana; e consegnarono ogni cosa al Bollato, perchè col suo
brigantino di scorta menasse gli schiavi e il naviglio al mercato della
Maometta. Le due fuste vennero avanti alla foce del Tevere, cercando se
altri volesse entrare od uscire senza spese di rimburchio: ma scoperti
dalla torre Bovacciana, allora più propinqua al lido, e salutati di
alcune cannonate, tirarono oltre. Non furono guari lontano, che si parò
un bastimento di Civitavecchia diretto al Tevere: ed i pirati addosso.
Allora il padrone non potendo tornare addietro pel vento di
Ponentemaestro, nè volendo allargarsi a mare, animò la sua gente,
distese tutto il cotone, aggiunse sei remi, e prese a correre verso la
Fiumara, sempre tenendosi dalla parte di terra il più che poteva. Le
fuste più leggiere, e fornite di maggior remeggio, dopo strettissima
caccia già già erano per investirlo; e allora il padrone, che aveva
anche a questo provveduto, mollava la scotte, dava fondo a due ferri, e
abbandonava il bastimento, fuggendo collo schifo e con tutti i suoi
marinari a salvamento in Ostia. I pirati nondimeno salparono le áncore,
menaronsi il bastimento, rubarono ogni cosa, e poi l'abbandonarono
quaranta miglia al largo.

Questo fatto pose di mal umore Cametto contro il Bagascia, perchè costui
sconsigliato nella caccia aveva troppo stretto il nemico alla spiaggia,
in vece di sforzarlo ad allargarsi; e con ciò cresciuto favore alla fuga
delle persone. Ebbero tra loro di male parole, e si separarono, dicendo
il Bagascia volersene tornare in Barberia per bisogno di panatica. Al
contrario se ne andò solo all'Elba, dove scoperto dalle guardie, e
assalito da due barconi dell'isola col rinforzo di molti soldati,
combattè lunga pezza, dette e toccò le busse: ma in fine gli riusci di
smucciar via, tuttochè mal concio; e corse a ripararsi prima in Bona,
poi in Algeri, dove fece mercato del bottino e dei prigioni.

Cametto altresì solo restò sulla Spiaggia romana per due giorni, e poi
navigò a Talamone. Colà ebbe incontro quattro galeotte di Dragut,
appartenenti alla schiuma di un altro stuolo: e tutti insieme quei
furfanti fecero gran baldoria per l'allegrezza di essersi incontrati;
dandosi a vicenda l'uno l'altro le notizie di quanto avevano lasciato in
Africa, e trovato in Italia. Andarono quattro giorni insieme, fino a
capo Côrso; poi si divisero, continuando le galeotte a ponente verso la
Spagna; e tirandosi Cametto a ostro per la Corsica e per la Sardegna.
Nella prima isola prese un povero prete di campagna nella stessa sua
pieve, fuggitone a precipizio il vicario più destro e più giovane. In
Sardegna ghermì due fanciulli che nuotavano per sollazzo alla riva. E
prolungandosi per quelle costiere, ogni notte gittava in terra dieci o
dodici uomini a far preda per le campagne, attaccandosi a tutto, posto
che si potesse trasportare. Ma essendosi i Sardi riscossi chi a piè chi
a cavallo per ricuperare le persone e le cose perdute, indarno Cametto
spese altri otto giorni a ronzare intorno a quelle rive: tutto era
guardato e difeso. Però volse la vela verso Biserta, rendendo suo
malgrado onorata testimonianza alla virtù dei Sardi[309]. Trista
condizione della dimora, dei viaggi e dei commerci per le nostre marine.

NOTE:

[307] NUCULA, 175: «_Marco Centurioni negotium datur ut cum decem
triremibus Genuam... inde Liburnum... impositisque militibus,
reverteretur._»

SALAZAR, 57, 59, 67.

[308] SALAZAR cit., 46, A, I; 63, A, B; 64

[309] SALAZAR cit., 63, 64.

P. A. G., _Medio èvo_, I, 206, 208, 210.



[31 luglio 1550.]

XIX. — In quella Carlo Sforza, speditosi da Roma, e ripresa a Napoli la
capitana e le munizioni che ho detto, veniva a golfo lanciato verso
l'Africa, non senza cacciarsi dattorno lo sciame dei pirati, dalle cui
mani alle Eolie pur riscuoteva una fregata napolitana con tutta la
gente[310]. Il suo ritorno all'armata ed al campo, che fu il trentuno
dello stesso mese di luglio, ravvivò la speranza di sollecita
espugnazione, e più che mai rivolse i pensieri altrui alle batterie di
costa verso la marina, sul debole della piazza, secondo che egli aveva
sempre proposto. Di questo suo pensamento, con lunghi e stringenti
discorsi, durante la traversata, erasi studiato di far capaci i due
ingegneri che aveva preso seco a Palermo: coi quali per maggior
convincimento, e prima di mettere piede in terra, scórse a bello studio
tutta intorno la penisola fortificata, segnando col dito a quei signori
i punti che meglio degli altri potevano essere con buon successo
battuti; e pigliandone i rilievi dalla poppa del suo schelmo[311]. Seguo
in questa parte la perizia di Carlo Botta, che usa la voce Schelmo per
sincope di palischermo, quasi a ogni pagina del Viaggio intorno al
globo: e per questa stessa ragione mi sembra termine molto acconcio ad
esprimere per eccellenza la barca assegnata all'uso personale del
comandante: perchè come si distingue per la ricchezza e nobiltà delle
forme, così anche vada per la concisione e forza del nome meglio in
armonia colla dignità della persona[312].

I due ingegneri, chiamati con gran pressa dalla Sicilia dopo la
battaglia dell'Oliveto, e indi menati al campo dalla prima galèa di
passaggio per quelle parti, che fu proprio la capitana di Roma[313],
passano ambedue presso che ignoti nella storia dell'arte; e però più
meritevoli di special ricordo, come abbiam detto del Ferramolino. Il
primo, chiamato Andronico Arduini, oriundo di nobile famiglia
messinese[314], nato in Rodi, bombardiere di vaglia in quell'assedio,
fattosi poscia seguace del Martinengo, divenne eccellente nel maneggio
delle artiglierie, negli ingegni delle macchine, e nelle dottrine della
nuova fortificazione militare[315]. Dunque di origine e di scuola
italiana, quantunque per andare meglio a' versi dei padroni di Spagna si
facesse chiamare col nome di capitano Spinosa, sì come ripetono sempre
gli scrittori di quella nazione[316].

Dell'altro parlano quasi tutti implicitamente; ma il solo Orazio Nocella
da Terni, attore e testimonio dei fatti, nei commentarî stampati in
Roma, esplicitamente ricorda il nome, dicendo[317]: «Presa la città di
Afrodisio, tra le molte provvisioni del Vicerè vuolsi ricordare la
proposta di renderla più forte, e più difendevole, anche con poca gente.
Laonde al signor Prato, nobile architetto, di cui si serve continuamente
per le sue fabbriche, e per le fortificazioni delle città e d'altri
luoghi, die' commissione di farne il disegno, e di mandarne la figura
all'Imperatore, lavorata e finita come si costuma per mostrarne
l'artificio.... Il modello, prestamente composto, fu presentato a Cesare
da Giovanni Ossorio di Quignones, insieme colle notizie della felice
espugnazione e conquista.» Dunque anche il Prato era presente al campo,
e pigliava parte all'espugnazione, e aveva il carico dei lavori,
quantunque non sia espressamente scritto dal Salazar e dagli altri[318].
Il nome del Prato è certamente italiano, come ognun vede, e forse di
quella stessa famiglia da Lecce, donde un secolo prima si era generato
Leonardo Prato, cavaliere gerosolimitano, cui i sovrani aragonesi avean
dato il carico di riparare le fortificazioni di Otranto, dopo la celebre
cacciata dei Turchi[319]. Ora che abbiamo fra noi il Ferramolino,
l'Arduino, ed il Prato, passiamo a considerarne le opere magistrali.

NOTE:

[310] SALAZAR, 46, A, I: «_El Prior con la capitana del Papa.... fue en
busca de la fusta.... y topò la fragata que a salvamiento venia._»

[311] SANDOVAL cit., 134, B, 2, med.: «_Dixo Espinosa que, quando venia
de Sicilia, avia reconocido per el mar ser aquella parte lo mas flaco de
la plaza, y que de là seria bien dar le batteria._»

[312] CARLO BOTTA, _Viaggio attorno al globo, di Duhaut de Cilly,_ 1, 7,
39, 129, 130, 136, 216, etc.

ARIOSTO, _Orlando Fur._, XXXVI, 7.

[313] SALAZAR cit., 60, A, I: «_Despues el dia de Santiago....
escribieron.... a Andronico de Espinosa ingeniero del reino de Sicilia,
que fuesse a servir al campo imperial sobre Africa.... de mas de Hernan
Molin._»

IDEM, 68, A, 2: «_Andronico de Spinosa ingeniero, que el Visorrey a
Cecilia embiò a llamar con diligencia, se embarcò y fue al campo._»

[314] EMMANUELE E GAETANI (marchese di Villabianca), _La Sicilia
nobile_, in-4. Palermo, 1757, II, 387: «_Arduini famiglia antichissima
messinese dei tempi dei Normanni._»

[315] BOSIO cit., III, 286, A, B: «_Merito di Arduino rodiotto, già
bombardiere e vassallo della Religione, il quale dopo aver servito il
prior Gabrielle Tadino di Martinengo, fattosi molto perito et experto in
fabbricar macchine, stava al soldo del Vicerè di Sicilia, e nella
milizia spagnola si faceva chiamare il capitan Spinosa._»

[316] SALAZAR cit., 72, B, 1, 2. — SANDOVAL cit., 134, B, I.

[317] NUCULA cit., 265, 266: «_Quamobrem Prato nobili architecto, cujus
opera in ædificiis construendis, urbibusque ac locis muniendis pro rex
assidue utitur, negotium dedit.... ut munitior Urbs fieret, et custodiri
posset.... et formam exprimeret ad architecturæ leges.... ad Cæsarem
mittendam._»

[318] SALAZAR cit., 85, A, I, med.: «_El Visorey en Africa.... dexo un
ingeniero, para que haziesse reparar._» Questi è il Prato.

[319] ANTONIO DE' FERRARI, detto IL GALATÈO, _Successi dell'armata
turchesca in Otranto_, tradotti dal Marziano, in-4. Napoli, 1612, p. 85.



[4 agosto 1550.]

XX. — Dei lavori precedenti sul campo non fa bisogno altro commento:
gabbioni, fascine, terrapieni, fossi, trincere, e due parallele, secondo
il metodo ordinario. Dalla parte della piazza due muraglie, l'una a
riparo dell'altra, il fosso in mezzo, la breccia difficile, l'assalto
impossibile. Il Ferramolino si volge alle mine: ma non può camminare di
lungo sotterra, dove a ogni passo incontra due ostacoli insuperabili;
pietra viva, ed acqua morta[320]. Condizioni geologiche necessarie del
sito, quando si dice rupe presso al mare sottoposta a monti più alti e
vicini. Venuti gli altri ingegneri, deliberano insieme di accostarsi
alla piazza e di attaccarle il minatore per mezzo di una galleria di
nuova forma, e acconcia quanto più si può alla qualità del terreno.
Cavamento fino a trovare il macigno, ripari laterali di terra e fascina,
e copertura superiore di travate e panconi da nascondere e difendere i
lavoranti e i minatori.

[18 agosto 1550.]

La galleria divisata venne presso che compiuta, non ostante il fuoco
continuo della piazza, e l'opposizione dei nemici vigilantissimi ai
nostri danni. Se non che la notte seguente, che la travata s'appressava
alla scarpa del muraglione, quei Turchi terribili dalle loro feritoje
annaffiarono i palchi di catrame, e vi gittarono sopra giunco, ginestra,
stipa e fuoco; a spegnere il quale perchè niuno venisse appostarono
tutta la loro archibuseria. Pensate il Ferramolino là sotto colle
trombe, coll'acqua e colla terra ad affogare ed a vincere l'incendio:
pensate quegli altri a replicare catrame, tizzoni e archibugiate. In
somma tre volte domate, tre volte riaccese le fiamme: morendovi molti
soldati e guastatori chi cotto, chi trafitto: e urlando i Turchi ad ogni
bel colpo dalle feritoje basse del torrione. Finalmente toccò una palla
in fronte al Ferramolino, che vi restò gelato sul colpo[321]. Prode ed
infelice ingegnero! troppo raffidato nell'arte tua, lasciasti le ossa
ascose nella terra dei barbari, e il nome presso che obliato nel tuo
stesso paese! L'estremo vale dello storico scusi il monumento della tua
tomba, e tenga viva la memoria delle tue benemerenze nell'affetto dei
posteri, dovunque alligna cortesia.

[28 agosto 1550.]

Sottentrò l'Arduino alla testa degli ingegneri, prese la direzione
dell'assedio, e depose il pensiero delle mine. Uomo nuovo, doveva far
novità: venuto dal mare collo Sforza, doveva sforzare dal mare. Mutò
subito la postura delle batterie. Salvo alcuni pezzi di fronte, presso
al centro del campo e del quartier generale, trasportò il resto di
grosso calibro all'estrema destra per battere l'ultimo angolo della
fronte verso levante; dove il muro, per essere sul pendio della rupe,
non montava più grosso di sette palmi, e pareva privo di contrafforti
anteriori e di fosso. All'alba del giovedì ventotto di agosto, essendo
ogni cosa in punto, l'Arduino aprì il fuoco della nuova batteria, e se
ne videro subito effetti stupendi[322]. La debolezza del muro, la
grossezza dei calibri, la vicinanza di dugencinquanta metri, e più di
tutto la direzione normale dei colpi facevano a pezzo a pezzo cascar giù
la muraglia, e con tale prestezza, che quei di dentro non erano in tempo
nè a sgombrar le macerie, nè a riparar la rottura. Indarno i Turchi
abbarcavano tavole, terra e fardelli di cotone e di lana; indarno Assano
in persona conduceva al lavoro gli operaj; indarno tagliate e traverse.
La nostra artiglieria scopava ogni cosa da quella parte: e non restava
che un po' di torrione a demolire, perchè senza molestia dei fianchi si
potesse ordinare a sicurtà l'assalto. Ma quel torrione stava duro, come
gli altri della fronte: strigneva il tempo, bisognava far presto, non
dare agli assediati la comodità di riparare. In somma era necessario
ajutarsi con tiri perpendicolari dalla parte del mare.

E perchè il luogo ristretto, le acque poco fonde, e la suggezione alla
numerosa e terribile artiglieria della piazza, non permettevano senza
gravissimo pericolo il ronzare delle galere, come si era fatto a Corone,
alla Goletta e a Castelnovo, si pensò adoperarvi una macchina navale,
cui era riserbato finalmente il vanto principale della vittoria.

NOTE:

[320] SANDOVAL cit., 134, B, I, mod.: «_Començose la trinchea: mas
hallaron tanta agua.... juntando con el muro para que pudiesen picarle y
minarle._»

ADRIANI cit., 289, B: «_Havendo prima tentato cave sotterra.... per
andare coperti alle mura per iscalzarle et abbatterle: ma nulla era
giovato, chè le mine intoppavano in pietra dura._»

[321] STELLA cit., 640: «_Ferramolinus, architector et machinator
excellens, cum cuniculos jam prope pomerium egisset, glande tormentaria
secundum frontem ictus est._»

NUCULA cit., 182: «_Ferramolinus, optimus architector et machinator
Cæsaris.... cum tectum cuniculum agi curaret, glandis ictu in caput
secundum frontem interiit._»

SALAZAR cit., 68, B, 2, fin.: «_A Hernan Molin dieron un escopetazo por
los pechos, de que muriò._»

SANDOVAL cit., 134, B, 2.

[322] SALAZAR cit., 69, A, 2 princ: «_Jueves a la noche veynte y siete
de agosto, hizieron plantar pieças gruesas, y al romper del alva de otro
dia començaron a jugar.... estaban a doscientos y treynta passos....
cogian mas en lleno.... hizo grande operacion._»

SANDOVAL, 135, A, I. — Nota che nel 1550 e mese d'agosto il ventisette
era mercoledì, dunque il giorno seguente è giovedì ventotto. La notte
deve intendersi precedente.



[31 agosto 1550.]

XXI. — Questa macchina doveva essere in sostanza una grossa batteria
galleggiante da accostarsi facilmente per mare al punto voluto
sbrecciare: macchina di gran piazza, formata con due navigli incatenati
in un sol corpo, fornita da molte e grosse artiglierie, e ben riparata
dalle offese nemiche per sicurezza di sè stessa, dei pezzi e dei
serventi. Fu pronta in pochi giorni: e tra poco ne vedremo meglio la
costruzione e il servigio.

Intanto se alcuno domanderà il nome dell'egregio inventore, deve
mettersi meco tra le varietà dei libri e delle sentenze. Chi dice il
Ferramolino, per averne lasciato il disegno prima di morire: chi ne dà
il merito al Doria, al Vega, o a don Garzia; chi propriamente
all'Arduino; chi dice esserselo preso da sè Giulio Cesare Brancaccio; e
chi doversi cercare più abbasso un siciliano, un galeotto, uno schiavo,
un rinnegato[323]. Dunque possiamo conchiudere che gl'inventori furono
tutti: e tanto meglio la diversità delle altrui opinioni confermerà la
nostra, quanto è pur vero che gli uomini, stretti dalle medesime
necessità, tornano sempre agli stessi ripieghi. Fin dai tempi di
Mitridate e di Scipione si sono viste macchine composte con due o più
bastimenti incatenati tra loro: ne parla Tito Livio, Appiano
Alessandrino, Festo, Vegezio, Vitruvio[324]. E senza andar tanto
lontano, per ogni altro tempo si è veduto nei nostri porti spianare in
lungo e in largo gran piazza sopra alcuni bastimenti legati insieme,
volendosi riunire in mezzo al mare per maggior sollazzo molta gente a
danze, a conviti, e simili[325]. Dunque senza pretendere vanto di
bell'ingegno poteva facilmente chiunque al modo istesso proporre di
piantarvi il giuoco di una batteria di grossi cannoni; come gli antichi
sopra due o più bastimenti collegati piantato avevano gli arieti
cozzanti, le torri mobili, le scale volanti, e i ponti di assalto e di
traghetto. Io stesso nella storia marinaresca del Medio èvo ne ho
parlato diverse volte; e più vi ho messo la speciale descrizione di una
di queste macchine, vittoriosamente spinta l'anno 1218 ad espugnare la
torre del Nilo innanzi a Damiata[326]. Si faceva doppia, o scempia, o
tripla, secondo il numero dei bastimenti componenti; e fin dalla rimota
antichità pelasga con voce comune ai Latini ed ai Greci si chiamava la
Sambuca, per la ragione dei canapi obbliquamente distesi tra la torre,
l'ariete e la scala, alla similitudine delle corde tra il corpo e l'arco
nello strumento musicale dello stesso nome.

Venuta poscia l'invenzione della polvere di guerra, e smessi gli arieti
con tutto il resto, nondimeno la macchina conservò l'istesso nome di
Sambuca, perchè ordinata allo stesso fine. Però invece dei vecchi arnesi
si fornì dei nuovi cannoni: di che ho pur detto qualcosa nel mio
Marcantonio Colonna per l'anno 1572, quando una macchina di questo
genere per espugnare Modone fu costruita con pessimo effetto
dall'architetto Giuseppe Buono[327]. E qui calco a bello studio il
cognome dell'architetto, e dico Buono, perchè così leggo nei Documenti
colonnesi e vaticani, così nelle storie dell'Adriani fiorentino e del
Sereno romano, e così nelle scritture dei contemporanei[328]; non
trovandosi altrove Bonello, che nel Paruta veneziano e posteriore,
certamente per errore di stampa o simile. Accade a chicchessia, anche ai
più diligenti ed assennati scrittori. Valga per tutti l'esempio del
chiarissimo Carlo Promis, altrettanto dotto che accurato, il quale
nondimeno, preso in un punto da certa vertigine tra il testo e le note,
confonde in poche righe luoghi, tempi, e persone: Buono con Bonello,
Afrodisio con Tripoli, e l'ultima campagna della Goletta mette nel 1572,
che fu recisamente due anni dopo, ai ventitrè di agosto 1574[329]. Non
fo io professione di censore: ma ho l'obbligo di difendere la verità
storica, e di mantenere gli assunti miei.

Dunque i nostri capitani volendo battere la piazza dalla parte del mare,
facilmente convennero di mettere allo sbaraglio due sole galere: una
genovese, chiamata la Brava; ed una siciliana, detta la Califfa. Alle
quali, avendo prestamente levato alberi, antenne e ogni altro attrezzo,
attraversarono gli alberi stessi e le antenne loro da poppa e da prua,
incatenandole insieme tanto strettamente, da formare un ponte solo, non
soggetto a barcollare perchè equilibrato sopra due punti stabili, cioè
sulle due chiglie. Poi le maestranze spianarono la coverta; e avanti a
chiodar panconi, a livellare piatteforme, a condurre parapetti, ad
aprire troniere, e a mettervi per riparo gabbioni terrapienati, alti di
palmi dodici, profondi di quindici; e ben ristretti con traversoni,
puntelli, bracciuoli, legami, chiovagione: fortissimo e portentoso
lavoro. Indi il capitan Arduini incavalcò alla banda destra della
macchina nove pezzi di artiglieria grossa sui carri da esser maneggiati
tanto comodamente quanto sopra qualunque piattaforma murata: e perchè la
macchina meglio avesse a sostenere il gran peso, ed a resistere ad ogni
percossa dei nemici, la circondò con una ghirlanda di botti vuote, ben
chiuse e stagne, ed imbracate a corto per disotto alla carena[330]:
Lavoro eseguito presto e bene dalle navali maestranze; e copertamente
dietro alle galèe ed alle navi dell'armata, perchè i nemici non ne
avessero sentore[331].

NOTE:

[323] BOSIO cit., III, 276, B: «_Dànno alcuni la intiera lode al
bell'ingegno di don Garzia.... altri affermano che fu invenzione di un
rinnegato di nazione napoletano.... altri di un forzato, altri di uno
schiavo africano.... ma siasi di chiunque.... non devesi defraudare don
Garzia e Arduino._»

[324] FESTUS, _De verbor. signific._, in-4. Amsterdam, 1700:
«_Sambuca.... Organi genus; et per similitudinem etiam machinam
appellant qua urbes expugnant: nam sicut in organo chordæ, sic in
machina funes intenduntur._»

LIVIUS, _Rom. hist._, XXX, 10.

APPIANUS, _De bell. Mitridat._

VEGETIUS, _De re milit._, IV, 21.

VITRUVIUS, _De archit._, X, ult.

LIPSIUS, _Poliorcet._, I, 16.

[325] _Nucula_ cit., 135: «_Machina in pulcherrimo Messanæ portu,
ludicræ navalis pugnæ spectandæ causa, constructa fuerat; atque in ea
convivium principibus viris primarisque fœminis celebratum._»

[326] P. A. G., _Medio èvo_, I, 362.

[327] P. A. G., _M. A. Colonna_, 410.

[328] ARCHIVI Colonnese e Vaticano prodotti e citati continuamente nella
mia _Storia_: e nei Documenti del THEINER, _Ann. Eccl._, t. I, p. 484,
_Lettera di Paolo Giordano Orsini al card. di Como_, 28 settembre 1572,
dall'armata: «_Si è atteso a fabbricare una macchina per consulta di
Giuseppe Bono architetto._»

ADRIANI cit., 922, ult.: «_Giuseppe Bono._»

SERENO cit., 308, fin.: «_Giuseppe Bono._»

THEINER, _Ann. Eccl._, app. t. I, p. 484: «_Giuseppe Bono._»

[329] CARLO PROMIS, _Gli ingegneri militari che operarono o scrissero in
Piemonte dal_ MCCC _al_ MDCL, in-8. Torino, 1871, p. 28.

[330] SALAZAR cit., 70, A, 1, 2: «_El Principe mandò la galera llamada
la Brava, el Visorey la Califa, quales Espinosa hizo juntar, ligandolas
con clavazon y madera.... hizo sus troneras.... cercolas de botas
betunadas, puso por costado nueves piezas gruesas de artilleria._»

SANDOVAL cit., 135, B.

NUCULA cit., 186.

[331] NUCULA cit., 207: «_In statione, ubi tota classis erat, fabricata
est machina, ut hostes fallerentur._»

CAPPELLONI cit., 129.



[6 settembre 1550.]

XXII. — Mentre queste cose si facevano, le batterie di terra non
cessavano di trarre ogni giorno: e la notte tre o quattro galere per
turno, cominciando dalle romane, spiccavansi dall'armata e andavano di
ronda intorno alla piazza, tessendo e raddoppiando da un seno all'altro
le acque della penisola; dando e ricevendo alla cieca, come sempre
succede, colpi di cannone o d'archibugio, dovunque appariva segno di
persona o di cosa in moto. Chiusa agli assediati ogni via di
comunicazione.

Finalmente addì sei di settembre tornò in Africa Marco Centurioni, e con
lui il Montani e il Rinuccini commissarî, che avevano raccolto da
Genova, dalla Spezia, da Viareggio e da Livorno gran quantità di
munizioni da guerra, polvere e palle ammassate in quegli scali dai
ministri e amici di Cesare e dai Signori lucchesi, per sopperire al
consumo; potendosi calcolare a più di trentamila le palle di ferro
colato da cinquanta libbre in su, scaraventate sui muri della piazza dal
principio dell'assedio. Le due Sicilie in fatto di munizioni da guerra
avevano già mandato il più che potevano; ed erano restate in grado di
riceverne, anzi che di esitarne. Supplivano tuttavia colle vittuaglie e
coi rinfreschi, specialmente coi vini: che le carni e le farine
abondantemente si traevano, ed a prezzo discreto, dal paese e dagli
alleati africani, i quali ognor più manifestavano il desiderio di
scuotersi dalla servitù dei pirati e dei turchi. Oltracciò il Centurioni
aveva condotto al campo quattro bandiere di fanteria spagnuola, un
migliajo di uomini. Rinforzo sommamente desiderato[332].

[7 settembre 1550.]

Crebbe pertanto nei capitani non pur la speranza, ma la prontezza. Le
munizioni, i soldati, la macchina, tutto in punto; altro non restando
che scegliere il sito migliore dove affondare le áncore della sambuca,
perchè da sè vi si potesse tirare coll'argano e coi tonneggi. Però la
notte appresso al sette furono mandate, sotto il colore della ronda
consueta, le galere a scandagliare i fondali, ed a stabilire le
boghe[333] sulle áncore, a stendere andrivelli e gherlini, e a lasciarvi
i segnali coi gavitelli. Eseguirono gli ordini a puntino, sempre
rispondendo col cannone al cannon dei nemici: e, per meglio coprire il
lavoro presso alla piazza, avevano istruzione di cogliere l'opportunità,
e di levar via dal porto quella misera nave alessandrina e quelle due
galeotte sdrucite che vi stavano abbandonate da tanto tempo, non forse
avessero poscia da servire ai pirati per molestare la sambuca. Così
adunque quella notte in una delle tante girate si accostarono
destramente alla bocca del porto, e vi spinsero dentro sei palischermi
armati. I marinari da diverse parti saltarono a bordo delle tre
carcasse, tagliarono gli ormeggi, stabilirono i rimburchi; e arrancando
a un fischio tra palischermi e galere tiraronsi appresso i tre legnacci,
senza curare nè gli spari della piazza, nè le percosse delle carcasse
per le sponde[334]. Abilissima manovra che onorerebbe la tattica d'ogni
altro tempo, come onora quella del secolo decimosesto. Perfetto
svolgimento di curva difficile in un tratto solo, sopra quattro
coordinate all'asse maggiore: la scoperta, lo scandaglio, l'apparecchio,
e la preda: e tutto ciò per espugnare una piazza senza dare niun indizio
del finale intendimento al nemico.

NOTE:

[332] SANDOVAL, 134, A, 2: _Marco Centurion.... con los Capitanes Solis,
Moreno, Manrique, y otro.... llegaron sobre Africa a seys de setiembre,
muy bien recibidos._»

NUCULA cit., 202: «_Postero die (6 sett.) sub prandii tempus Marcus
Centurio rediit.... pulveris, pilarum, commeatus vim, et mille
quinquaginta advexit milites._»

SANDOVAL, 67, B; 68, A.

[333] BOGA (dal lat. _Bojæ, arum._ f.) Term. marin. da preferirsi a ogni
altro per quel gavitellone ancorato, che serve ai bastimenti di facile
ormeggio nelle rade. Esprime il ceppo e il ritegno, non è voce
arbitraria, nè straniera, anzi dei Classici nel senso comune. E nel
traslato marinaresco non porta equivoci col quadrupede Bove nè col
serpente Boa, nè col carnefice Boja, come taluno vorrebbe scrivere,
senza ragione.



[8 settembre 1550.]

XXIII. — All'alba del giorno ormai vicino la sambuca, condotta quanto
più si poteva presso alla piazza, annaspava i suoi tonneggi all'argano,
e lenta lenta se ne veniva al punto stabilito nella insenata di levante,
a dugencinquanta metri dal muro: fondo di sabbia e di alga. Nove pezzi
in batteria sul fianco destro della macchina: due capi bombardieri,
undici serventi a ogni pezzo; due mozzi colla lanata a bagnar sempre le
trombe delle troniere per difenderle dalla vampa; dieci calafati ed
altrettanti mastri d'ascia, coi loro calafatini e dascini, pronti a
riparare ogni avarìa. I capitani ordinarî de' due legni alla spalliera,
e con essi i marinari consueti, oltre ai soldati di guardia. Dabbasso
sotto coperta chirurghi, barbieri, e cappellani. Quattro catene di prua
sulle àncore per tenere, e quattro gomenette di poppa sui ronzoni per
abbozzare e addestrare la macchina secondo il bisogno. Sopra tutti
l'ingegnere Arduini alla punteria dei pezzi, alla direzione del fuoco,
ed al riconoscimento della breccia[335].

Dato il segno dal campo, sfolgorò l'artiglieria da ogni parte contro la
piazza, traendo ciascuno a gara dell'altro, dalle trincere, dall'armata
e dalla sambuca. I nemici peggio che peggio infuriati rispondevano a
tutti, principalmente mirando a subbissare la macchina, che prevedevano
più dannosa per loro. I colpi maggiori pareano diretti a quel solo
bersaglio: e le palle come gragnuola frullavangli intorno, toccandola a
quando a quando nei terrapieni, nelle opere morte, e talvolta anche nel
vivo. Si sentivano già cigolare le botti, e vedevasi crescere acqua
nella sentina: e la macchina, sparando a furia, e coperta di fumo,
oscillava a ritroso sulle anche. In quella una palla di colubrina
nemica, entratavi d'infilata, prima rompeva una bozza sulla bitta,
appresso portava via ambedue le mani ad un servente, e la testa a
quattro soldati[336]. Momento spaventoso pei macchinisti: corse il
brivido per le ossa di tutti, si diffuse il panico, e tutti in massa a
fuggire dabbasso. Di più spacciarono un palischermo al Doria,
supplicandolo che li facesse incontanente levar di là, se non voleva
vederli tutti perduti insieme colla sambuca[337]. Il Doria, mosso a
compassione pel pauroso rapporto che a nome degli altri doveva aver
fatto il più eloquente e il più costernato di tutti, mandò per loro. Ma
che? Fosse arte, fosse fortuna, la sambuca stava immobile sull'orma, e
non dava indietro un pelo, per quanto vi si adoperassero i marinari.
Naturalmente a parer mio, (senza ricorrere ai prodigi del Nocella) aveva
a star lì: perchè già menata quanto più si poteva vicino a terra, col
sopraccarico di sì gran peso, dopo tante scosse e colpi, doveva essersi
accasciata sul fondo, e tenacemente appiastrata tra la sabbia e l'alga:
qualità tuttavia propria di quel rivaggio fino ad oggi, come segnano le
carte marine dell'ammiragliato britannico[338].

Di che facendo ragione l'Arduini, e vedendo la sua macchina più stabile
di prima, l'acqua allo istesso segno e non crescente nel pozzo delle
trombe, l'artiglieria senza danno, e il fuoco dei nemici all'incontro
rallentato, pensò che la gente di bordo farebbe di necessità virtù. Si
pose tra loro con animose parole, fece sgombrare i cadaveri, mandò
altrove il moncherino, e chiese un rinforzo di soldati per isgombrare
ogni rimasuglio di pànico coll'esempio, e bisognando anche colla forza.
Ebbe subito il sergente Pallares con sessanta fanti spagnoli; appresso
il capitan Orihuela, che fu costretto a ritirarsi ferito di scheggia
alla prima comparsa; e finalmente il capitan Solis colla sua compagnia.
La gente tantosto riprese animo, tornò al dovere come prima: tutti a
gara intorno ai pezzi per far bei tiri; e così andò il resto della
giornata crescendo il fuoco della sambuca sempre con maggior vantaggio,
a emulazione delle altre batterie di terra e di mare, che non avevano
mai lasciato di trarre.

[9 settembre 1550.]

Nella notte lavorarono le maestranze a risarcire qualche danno della
macchina, ed a crescervi quei ripari che l'esperienza e il raziocinio
avevano mostrato convenienti. L'equipaggio prese ristoro, dimenticò lo
spavento, e la mattina seguente più baldo e sicuro calcava i cartocci, e
appuntava i pezzi sui tagli verticali e orizzontali che far si volevano
a compiuta apertura del muro. Il dì nove si parve a tutti evidentissima
la eccellente posizione di quella macchina, e il maneggio della sua
artiglieria, che non solamente smantellava le muraglie della marina, ma
i fianchi del così detto rivellino, e la spalla dell'ultimo torrione tra
mare e terra sull'istmo; e di più scortinava per di dentro e di rovescio
quasi tutta la difesa della fronte. Ondechè al furioso trarre della
sambuca ruinò gran parte della cinta: e l'istesso gran rivellino
maestro, che percosso in faccia non aveva mai dato un crollo, ora
squassato da tergo, cadeva a pezzi. E quantunque i nemici infuriati per
tanti danni, che principalmente provenir vedevano dalla terribile
macchina, avessero volto tutto l'animo e lo studio a bruciarla,
bolzonando colle balestre e col cannone saette ardenti di fuoco
artificiato, non per tutto questo smettevano i nostri diligenza: anzi
più prontamente giuocavano di cannonate, plaudendo l'uno all'altro ad
ogni bel colpo; e spegnendo sempre che bisognasse l'incendio colle
copiose acque del mare; eziandio che ciò costasse a parecchi la
vita[339].

In somma la sera del martedì, nove di settembre, la piazza era aperta: e
tutti avrebber voluto alla fine entrarci dentro. Solo il vicerè di
Sicilia don Giovanni de Vega si oppose, e sostenne doversi l'assalto
rimettere al giorno seguente, dicendo che per la notte ormai vicina si
andrebbe male dentro una piazza sconosciuta, tra nemici disperati, a
rischio di esser fatti a pezzi negli interni traghetti, e forse anche
costretti a uscirne fuori con molta vergogna. L'esperienza successiva
comprovò la saviezza del consiglio antecedente.

NOTE:

[334] SALAZAR cit., 70, A, 2: «_Domingo en la noche de siete de
setiembre.... las galeras sacaron del puerto la nao y galeota....
estando ya reconocido donde se avian de plantar las galeras de la
maquina de batir._»

SANDOVAL cit., 135, B, I: «_Domingo en la noche despues.... cogieron los
navios y la galeota y los llevaron.... reconocido donde plantar para
hazer batteria._»

[335] NUCULA, 229: «_Præerat tormentis machinæ optimus machinator
Andronicus Spinosa nomine, cui magna ad rem peragendam._»

[336] SANDOVAL, 135, B, 2, fin.: «_Una pelota llevò la maroma, y las
manos a uno, y las cabezas a quatro.... huvieron timor._»

[337] NUCULA, 233: «_Miserunt qui suo nomine rogarent Auriam, ut si
machinam et qui erant in ea salvos vellet, inde illam amoveri juberet._»

[338] WILKINSON, _R. N._ cit., _Anchorages of Mehediah, ancient Africa._
1864. «_S. Wd. sand and weed._» (Rena ed Alga.)

[339] SANDOVAL cit., 136.

NUCULA cit., 235.



[10 settembre 1550].

XXIV. — Nella stessa notte capitani, soldati e marinari approntarono le
armi per la imminente giornata: chi assegnato di guardia alle trincere,
chi di riserva ai soccorsi, chi ad una delle tre colonne di assalto.
Nella prima, s'intende, don Garzia di Toledo contro il rivellino
diroccato[340]; nella seconda don Giovanni di Vega contro la muraglia
della primitiva prova[341]; nella terza dalla parte della marina mille
italiani. Contate trecento romani del naviglio di Sforza, condotti da
Astorre Baglioni[342]; altrettanti fiorentini, delle galèe dell'Orsino,
sotto Chiappin Vitelli[343]; e quattrocento tra soldati e cavalieri di
Malta, col commendatore Claudio della Sengle[344]. Claudio volle unirsi
alla colonna italica, sebbene avesse a suo talento la scelta di quella
che più gli fosse gradita. Sapeva bene il savio commendatore, e futuro
Grammaestro, doversi unire i marini ai marini: massime a quelli, la cui
tempra e valore negli ardui cimenti eragli di lunga mano già conta.
Imperciocchè quanto allora stava in alto la fama delle fanterie
spagnuole per la fermezza dell'ordinanza, altrettanto per gli assalti
pregiavansi le milizie italiane: e veramente quel giorno a gara romani,
fiorentini, genovesi e napolitani confermarono onorevolmente la comune
riputazione[345].

Come fu giorno, tutte le galèe in battaglia si accostarono alla piazza,
e la posero come bersaglio centrale a un semicerchio di cannoni. Il
Doria al primo posto collo stendardo del Crocifisso all'albero maestro,
secondo la consuetudine delle grandi giornate, spiegava da poppa gli
aquiloni imperiali in ruote sopra le lunghe filiere dei gagliardetti e
delle banderuole[346]: alla destra le galere sue, di Napoli e di
Sicilia, che non avevano fanteria da sbarcare; a sinistra le galèe di
Roma, di Firenze e di Malta, tutte imbandierate a festa come in giorno
solenne; e i mille in arme allestiti per discendere in terra.

Se non che prima di venire all'ultima prova parve conveniente ai
Triumviri di stancare nella mattinata i difensori, ripigliando a
batterli con tutte le artiglierie dal mare, dalle trincere e dalla
sambuca: volevano spianare vie meglio le brecce, e radere ogni riparo
che vi potessero avere i nemici imbastito nella notte. Nella qual
fazione di soverchio ardore, di prestezza e di fuoco incalzante, ebbe a
crepare qualche pezzo; e tra gli altri uno delle galèe romane, senza
altro danno, nè delle persone ne del legno[347].

Sul mezzodì le genti deputate all'assalto presero ristoro di cibo e
bevanda, in piè colle armi allato, e tutti a un desco capitani, soldati
e venturieri. Indi cessarono i fuochi. Quaranta palischermi portarono i
soldati al lido sotto l'ultima breccia, dove prestamente guazzando
presero terra, e formarono lo squadrone[348]. Al tocco delle tre
pomeridiane, alto silenzio: poi di mezzo ai mille squillò la nota
carica, sonata dalla tromba della Reale, e rispose dal campo un colpo
solitario. Gli occhi di tutti al cielo, il ginocchio a terra, la mano al
petto; i sacerdoti compartirono l'assoluzione in compendio: e i
guerrieri, gridando: Avanti, Avanti, corsero ai varchi.

Or non mi è possibile narrare insieme l'andamento delle tre colonne: e
come ognuno intende, sono costretto dir le cose ad una ad una,
quantunque avvenute nello stesso tempo. Comincio dal punto ove siamo, e
dove tutti mi vedono, cioè dalla marina: seguirò brevemente le mosse
sempre rapidissime degli assalti, e sarò presto al sommo colle altre due
valorose colonne di Spagna. Ecco Claudio, il Vitello, il Baglione, il
Savello, la nobile compagnia dei venturieri romani e fiorentini, insieme
col fior dei prodi nelle assise di Malta, salgono arditamente verso la
breccia. La colonna, stretta in massa, assorbe la scarica dei difensori
appostati dietro le rovine: cadono tra ufficiali e cavalieri più che
venti persone, tutte principali. Ma al tempo stesso gli assalitori si
gittano nella piazza, e pigliano a corpo a corpo colle spade e coi
pugnali a sgombrare l'interno delle mura di verso l'istmo, per dare la
mano ai compagni. Contrasto fiero, disperato, pertinacissimo, fuori e
dentro ad ogni passo: difficile tanto il salire, quanto lo scendere
dall'uno all'altro muro, anche per didentro; e sempre ostinatamente
conteso dai nemici appostati sulle torri, alle finestre, pei tetti. Ciò
non pertanto alcuni di salto, ed altri coll'ajuto di palanche trovate a
caso trapassano, ed altri ancora più agiatamente dalla estrema destra
entrano e si stabiliscono nell'interno della città, e poi mano mano si
prolungano verso la sinistra accostandosi alle altre due colonne di
verso terra[349].

Più duro intoppo incontrò lo squadrone del centro, dove caddero o morti
o malamente feriti i capitani Zumarraga e Belcazar, e i due Ferranti di
Toledo e Lupo, l'alfier Sedegno, il cavalier di Ulloa, cinque alfieri,
sedici sergenti, e i tre generosi fratelli Moreróla, l'uno dopo l'altro
colla bandiera in mano. Ma infine anche i prodi dello squadrone centrale
scavalcarono dal primo al secondo recinto, discesero nella città, e si
congiunsero agli altri. Tutte queste difficoltà potrebbonsi quasi
stimare per nulla in confronto al contrasto incontrato dall'ultima
colonna intorno alle ruine del torrione maestro, chiamato il rivellino:
quasi tutti i capitani ed ufficiali restarono sulla breccia, e la
maggiore mortalità diè prova di più alto valore. Là, al dir dei
contemporanei, finalmente cadde Assan-rais governatore della piazza,
nipote di Dragut (da non confondere con altri nipoti nello scambio dei
prigionieri); e là si potè in conclusione gridar vittoria, che, vivente
Assano, non si sarebbe gridata mai, come egli aveva sempre
asserito[350]. Allora si congiunsero le tre colonne, corsero la città,
disarmarono il presidio, restrinsero diecimila prigionieri, e aprirono
le carceri, dove un centinajo di Cristiani, e tra essi cavalieri,
sacerdoti, fanciulli e femmine, lasciavano giubilanti le catene[351].

Or quivi con maggiore esultanza capitani e soldati convenivano,
rallegrandosi della fortuna dei liberati fratelli: e chi lodava il
valore di questo o di quello, chi il senno degli architetti e degli
ingegneri; e chi per isgombrare dalla mente quell'aria di tristezza che
sempre gravita sur una città presa d'assalto (anche al pensiero dei
vittoriosi soldati e degli umani lettori) ricercava la cervia del
Vicerè.

Sia concesso anche a me per le stesse ragioni aver modo di dire come don
Giovanni di Vega, vicerè di Sicilia, aveva al campo una giovane e
bellissima cervia, mandatagli in dono da donna Isabella sua figlia, da
lei stessa ridotta mansueta e domestica. Don Giovanni menavasela sovente
appresso, la nutriva alla sua mensa, e ritenevala nella scuderia coi
cavalli di battaglia. Tutti i soldati del campo la conoscevano e
l'accarezzavano. Quando le colonne si aringarono per lanciarsi alla
ultima prova, il mansueto animale venne in mezzo a vedere la mostra: e
nel momento solenne del primo distacco, come ebbe riconosciuta la voce
del padrone, e la sua mano distesa verso la breccia, e i soldati correre
a quella volta, e squillare concitate le trombe di mezzo ai tamburi,
essa al modo dei generosi destrieri fiutò la guerra, spiccò un salto, e
via innanzi a tutti dentro nella città pei rottami. Dove non avendo
poscia trovato nè padroni nè servi, ebbe ribrezzo, come possiamo
pensare, della strage; e saltando oltre pei dirupi esterni della piazza
ripigliò il genio degli aperti campi, perchè non fu potuta più, nè viva
nè morta, ritrovare[352].

NOTE:

[340] SALAZAR, 71, B. 2.

[341] SANDOVAL, 136, B, I.

[342] ANONIMO PERUGINO cit., Ms. 23: «_Astorre Baglioni guidò
all'assalto le genti italiane, che erano nelle galere del Papa.... i due
generali del Papa e di Firenze restarono sulle galere a travagliare la
piazza colle artiglierie.... le loro genti andarono all'assalto condotte
da Astorre Baglioni._»

[343] NUCULA, 224: «_Victoriam adjuvit Carolus Sfortia, summi pontificis
Julii III militibus, hoc idem Jordanus Ursinus cum suis._»

[344] BOSIO cit., III, 277, A.

[345] SALAZAR cit., 72, B, 1, med.: «_Romanos Florentines, y Ginoveses
que havian salido de las galeras del Papa y del duque de Florencia,
todos muy bien aderezados de guerra._»

NUCULA cit., 224: «_Astor Ballionius et Antimus Sabellus cæterique Itali
nobilitate præstantes.... qui se itala virtute splendoreque dignos
prœtiterunt._»

[346] SALAZAR cit., 74, A, 2: «_Llevando el Principe en su galera un
estendarte tendido con un Crucifixo, y otro con el aguila imperial, con
otras muchos banderas y gellardetes por popa y proa: y de la mesma
manera todas las otras galeras del Papa y del armada._»

[347] SANDOVAL 136, A, 1, fin: «_Baterias muy vivas, y espesas, sin
cessar, tanto que se quebrò una pieza de artilleria de las galeras del
Papa._»

SALAZAR, 70, B, 2.

[348] NUCULA, 249: «_Acies aquam audacter ingressa per medios fluctus ad
oppidum._»

SANDOVAL, 136, B, 2: «_A las tres de la tarde señal de arrometer._»

SALAZAR, 74, A B, 2: «_Sonò luego la trompeta del Principe en tierra,
como estava acordado._»

[349] MAMBRINO ROSEO, _Storie del mondo_, in cont. del Tarcagnota, in-4.
Venezia, 1598, III, 405: «_Fatta una batteria per mare sopra due galere,
e dato l'assalto per quella batteria dai cavalieri di Rodi e dagli
Italiani, la città fu presa._»

TOMMASO COSTO, _Storia di Napoli_, in-4. Venezia, 1613, II, 265: «_Dato
l'assalto dagli Italiani e dai Cavalieri, fu presa la città d'Africa._»

NUCULA, 249. — SALAZAR, 72, B. — BOSIO, 277.

[350] Nucula, 247: «_In ea Præfectus mortem occubuit: et quod ipse
eventurum prædixerat, urbem scilicet dum ipse viveret non capiendam,
evenit._»

SALAZAR, 79, A, 1.

CIPRIAN MANENTE, _Historie_, in-4. Venezia, 1566, II, 296.

[351] SIGONIO cit., 289.

CAPPELLONI cit., 150.

STELLA cit., 644.

CAMPANA cit., II, 50.

NATAL CONTI, 92.

ADRIANI, 289.



[11 settembre 1550.]

XXV. — Il giorno seguente, volendo celebrare con più solennità la
vittoria e rendere all'Altissimo le dovute grazie, ordinarono l'ingresso
trionfale dal campo alla città per la porta maestra. Mettiamci sul
ponte, e potremo a bell'agio vedere la sfilata: avanti a tutti i
picconieri e la musica, appresso un drappello di archibugeri ed uno di
picchieri, indi il vecchio Doria col notissimo berrettone di generale
del mare; e in ricchi elmetti con lui don Giovanni e don Garzia: dopo in
morione e corsaletto i generali delle galere Sforza, Orsini, e Claudio;
e tutti arnesati di piastra e maglia i generali delle fanterie Baglioni,
Savelli, Vitelli e gli altri. Ecco in gran frotta tra i capitani Filippo
Orsini da Vicovaro, Francesco de Nobili da Lucca, Antonio Fani da
Bologna, e tra i gentiluomini ed ufficiali l'Andreotti, il Filippetti, e
il Biancardi, gli Oddi, il Ranieri, il Parisani, e tanti altri cavalieri
e signori spagnuoli, romani, napoletani, genovesi e fiorentini[353].
Pensiamo splendore e bellezza di gente esultante, soldati e marinari
delle varie bandiere, ed entriamo con loro per la sospirata porta nella
città, infino alla novella chiesa di san Giovanni, ove si canta laude a
Dio, per riconoscimento della compiuta vittoria.

[12-30 settembre 1550.]

Tanto bastò a don Giovanni di Vega per disciogliere a un tratto il
triumvirato, quantunque grande prevedesse l'alterazione di don
Garzia[354]. Terminata la guerra, solennemente fece pubblica la
giurisdizione sua per ragione dell'ufficio, come vicerè della Sicilia:
si dichiarò unico capitan generale in Africa, scrisse col suo nome i
bandi, prese possesso della città, e la pose sotto il civil dominio di
Mùlei Achmet re di Tunisi, amico e tributario del re di Spagna, a patto
che non mai più quivi sostenesse nè tollerasse pirati; e di più facesse
le spese alla guarnigione di mille fanti, che per malleveria dei patti
intendeva lasciar nella piazza al modo stesso che si tenevano alla
Goletta[355].

[30 settembre 1550.]

Alcuni già parlavano di voler fortificare Afrodisio alla moderna: e il
Vicerè più d'ogni altro desiderava assicurare con grandiose opere
difensive il possesso di piazza tanto importante, conquistata a gran
fatica sotto il suo governo. Però a quel Prato architetto e ingegnere
militare di sua fiducia, che abbiamo addietro nominato, diè il carico di
studiare sul terreno le linee che meglio potessero convenire a rendere
vie più sicuro quel luogo, già per sua natura fortissimo. L'architetto
eseguì le commissioni, e non istette contento ai disegni di pianta sulla
carta, ma volle farne il modello in rilievo di legname, così perfetto e
bello, che il Vicerè si tenne onorato di farlo presentare all'Imperatore
per le mani di un gentiluomo, spedito per questo rispetto alla
Corte[356]. Intanto l'istesso Prato dava mano ai risarcimenti necessarî
intorno alle brecce, ed a spianare le trincere dell'assedio, e ad
imbastire qualche principio di nuovi rinforzi[357]. Sarà inutile entrare
in altri particolari: come ciascuno facilmente prevede, non se ne fece
più nulla, per la consueta difficoltà della spesa. Anzi l'istesso
Imperatore dopo tre o quattro anni, pensandosi troppo aggravato di
qualche soldo che gli andava per quelle genti, mandò colà don Fernando
d'Acugna con buona provvisione di piccozze e di fornelli a smantellare
tutte le fortificazioni nuove e vecchie, e a ritirarne il presidio[358].

Nondimeno dalle lettere dei contemporanei possiam noi raccogliere quanto
fosse pregiata la vittoria e la conquista d'Afrodisio; e come ci metta
bene ripetere la scrittura fattane da Annibal Caro per ordine del
cardinale Alessandro Farnese[359]: «Al signor Giovan di Vega. — La
vittoria, che Vostra Eccellenza ha riportata dall'impresa d'Africa, è
tale che io me ne debbo rallegrar seco; non solamente come amico
affezionato suo e desideroso della propagazione dell'imperio di sua
Maestà Cesarea, ma come cristiano; poichè ne risulta beneficio
universale a tutto il Cristianesimo, così per l'esaltazione della fede,
come per la sicurezza delle provincie. Il qual frutto solo è tanto
grande, che mi pare superfluo di magnificarla con altre circostanze per
molte e grandi che sieno quelle che la possono mostrare grandissima,
come la è con effetto; massimamente per essere notissime e considerate
da tutto il mondo. Me ne rallegro adunque, come ho detto, desiderando
che le sia d'altrettanto merito appresso a Dio, di quanta riputazione
l'è stata e sarà sempre appresso degli uomini. Di Roma, il primo di
novembre 1550.»

[Ottobre 1550.]

Con questo i nostri appresso al principe Doria venivano di ritorno verso
la Sicilia e verso Napoli, e ricevevano in ogni parte dalle città e
dalle fortezze ogni maniera di onoranza e di saluti; ed ogni dì meglio
sentivano quanto da presso e da lungi le corti e i popoli si
rallegrassero delle loro vittorie[360]. Il Papa aveva ordinato
solennissimi ringraziamenti a Dio nella chiesa di san Pietro, luminarie
per tre notti consecutive, fiaccole al Campidoglio, falò e musica per le
piazze principali[361]. Le quali pubbliche dimostrazioni di esultanza,
come erano state grandi nel Regno, nello Stato e in Roma, così crebbero
maggiori in Toscana, nella Liguria e a doppio nelle Spagne; avendo più
d'ogni altro quei popoli goduti i frutti della vittoria. Le ricchezze,
le artiglierie, gli schiavi andarono ai padroni: ed in Roma Orazio
Nocella da Terni, inviato straordinario del Vicerè, portò una lettera
diplomatica per dire che, dopo Dio, il gran beneficio della vittoria
doveasi a papa Giulio ed alle sue genti, capitani e marinari[362].
Stessero contenti con Dio: chè dagli uomini altro non toccherebbero se
non un chiavistello, alcuni cani, tre cavalli, due leoni e qualche
arredo barbarico da far paghi i curiosi per le vie a vederli passare. In
corte sbraitava il Nocella, dicendo[363]: «Ecco il chiavistello della
orribil carcere, dove stavano rinchiusi gli schiavi cristiani. Ecco la
bandiera di Dragut tolta dalla torre maggiore di Afrodisio. Questi sono
i cani della Libia, questi i cavalli messi alla maniera dei beduini;
questi i leoni domati e questi gli archi di corno. Vedete la grandezza
dell'animo devotissimo e non pensate alla povertà del dono.»

Così vociava Nocella in palazzo. Ma in piazza si diceva diversamente: e
ce ne resta memoria in un foglietto volante di quattro pagine, stampato
nella stessa città di Roma con tutte le consuete approvazioni, e proprio
di quei giorni, per dare notizia al pubblico dei fatti correnti[364].
Questo non sia per rimprovero ad alcuno, ma valga soltanto a ribadire il
chiovo più volte battuto sull'impronta caratteristica della nostra
marineria: sempre pronta ad ogni servizio pel pubblico bene, senza altra
speranza di privato vantaggio. Ai nostri marini dovete meritamente
apporre l'antica formola del dritto romano, ricordata per final
conclusione da Tullio, che dice[365]: «Se ne tornino con lode alle case
loro.»

NOTE:

[352] NUCULA cit., 270.

[353] SALAZAR, 80, B, 1, med.: «_Otro dia el principe Doria saltò en
tierra con los capitanes de las galeras y gentilhombres romanos,
ginovesses y florentines, y otros italianos, y entrò en la ciudad._»

[354] BOSIO, 278, A: «_Volle don Giovanni di Vega essere riconosciuto
come solo capitan generale, di che si tenne don Garzia molto offeso....
e mandò fuori alcuni manifesti contro il Vicerè, dai quali mortal odio e
perpetua nimistà poi tra loro ne nacque._»

[355] SANDOVAL cit., 139, B, 1.

[356] NUCULA cit., 266: «_Prato nobili architecto, cujus opera in
edificiis construendis, ac locis urbibusque muniendis assidue utitur,
negotium dedit ut ejus formam exprimeret ad architecturæ leges....
Formam igitur futuræ munitionis ad Cæsarem in Germaniam per Joannem
Osorium Quinnonium perferendam curavit._»

[357] SALAZAR, 85, A, 1, med.: «_Dexo el Visorey un ingeniero para que
hiziesse reparar lo que pareciesse necessario._»

[358] ANTONIO DORIA, _Compendio_ cit., 111: «_Non volendo l'imperatore
mantenere tanta spesa nella costa di Barberia, ordinò che si mancasse
d'Africa.... facendo riempire la darsena, e ruinate tutte le mura, fu
levato il presidio._»

[359] ANNIBAL CARO, _Lettere scritte a nome del cardinale Alessandro
Farnese_, in-8. Milano, tip. de' Classici, 1807, I, 401. La nota
dell'editore a p. 208, richiamata da lui medesimo a p. 401, confonde la
spedizione di Afrodisio del 1550, con quella di Tripoli del 1559; forse
indotto in errore dal nome equivoco di _Africa_, che mi sono io per
questo ben guardato dal ripetere.

[360] SALAZAR, 85, A, 2: «_Al puerto de Napoles salva de la capitana del
Principe, y de don Garzia, y de los otros capitanos del Papa y de
Florencia.... respondidas de Castilnovo, de Santelmo, y Castildelobo._»

[361] RAYNALDUS, _Ann._, 1550, n. 25, 26.

THUANUS cit., 266.

[362] JOANNIS DE VEGA, _Siciliæ proregis, epistola ad Julium III, pont.
max._ — Dat. Drepani IX Kal. novemb. MDL. — Ext. ap. NUCULAM cit., 333:
«_Deo primum honorum omnium opifici, deinde tibi, qui nos summopere et
classe et exercitu et pontificiæ facultatis donis adjuvisti, victoriam
acceptam referri volumus._»

ITEM, ibid. p. 336, 348.

[363] NUCULA, 360: «_En claustram vectemque tetri carceris quo
Christiani claudebantur.... Adsunt cornei turcarum arcus.... hi sunt
falcati enses.... Adsunt canes libyci.... et feroces leones feritatis
obliti.... Adducimus equos afro more stratos.... Haec qualiacumque,
Sanctissime Pater, mittit Prorex.... boni consulas, neve rerum
tenuitatem, sed animum tibi deditissimum metiare._»



[Dicembre 1550.]

XXVI. — Onoratamente pertanto quei signori che abbiamo scorto in Africa
se ne tornarono chi a Roma, chi a Perugia, chi a Bologna; e in
Civitavecchia non restò altri che il capitano Carlo Sforza senza
condotta. Conciossiachè parendo ai Camerali spenta al tutto la potenza
di Dragut e degli altri pirati, pensarono togliersi il peso di mantenere
le galèe e facilmente di mutuo consenso sciolsero il contratto,
lasciando allo Sforza piena libertà di condurre la squadra ovunque
meglio gli fosse tornato[366]. Ed egli consapevole di essere odiato
dagli Spagnuoli, e per questo non fidandosi di toccare nè i porti del
Regno, nè di Toscana, nè della Liguria, dove i suoi nemici comandavano,
se ne restò più di prima attaccato al porto di Civitavecchia,
corseggiando contro i pirati per conto suo, e facendo buona guardia
intorno alla spiaggia romana: di che i Civitavecchiesi, che erano la
parte maggiore del suo armamento, gli restarono grandemente obbligati, e
divennero sempre più amorevoli a lui ed alla sua casa[367].

[Marzo 1551.]

Se non che verso la primavera seguente fu costretto partirsi anche di
qua per la guerra vicina tra Francia e Spagna, poscia allargata in
Italia ed in Europa. La prima scintilla scoccò da Parma, dove quel duca
Ottavio, genero dell'Imperatore, per non essere cacciato di casa sua, e
per non perdere Parma tra gli artigli del suocero, come aveva perduta
Piacenza, erasi gettato in braccio ai Francesi: indi altra guerra tra le
nazioni rivali. Carlo unito coi Papalini, Arrigo coi Turchi. Tornò
l'armata ottomana sui lidi d'Italia, tornò Dragut più terribile di
prima. Bruciata Agosta in Sicilia, arsa la rôcca, offesa Malta, preso il
castello del Gozzo e quattromila isolani fatti schiavi, perdute sei
galere dal Doria, cacciati i Gerosolimitani dalla città e fortezza di
Tripoli. Travolto dal turbine Carlo Sforza si ritirò colle sue galèe a
Marsiglia[368]. Seguì la stessa strada che prima di lui avean battuta
altri quattro dei nostri capitani; il Doria, il Vettori, il Salviati, e
l'Orsino. Tutti a un modo e di primo slancio da Civitavecchia a
Marsiglia, ma niuno di loro per lungo tempo contento.

[Maggio 1551.]

Meno di ogni altro ebbe a restarne soddisfatto lo Sforza, i cui strani
ed infelici casi devono essere da noi ricordati. Infin dal primo viaggio
di Marsiglia, menando seco Orazio Farnese duca di Castro, con Francesco
de Nobili, Antonio da Gubbio, Aurelio Fregosi, e altrettali partigiani,
naufragarono presso a Viareggio, perdendovi due galere, e mettendo in
sospetto i Signori lucchesi, i quali subito ne scrissero a don Ferrante
Gonzaga così[369]: «Illustrissimo et Eccellentissimo signore[370].
Havendo questa mattina hauto aviso dal Commissario nostro di Viareggio,
che per fortuna erano date a traverso dui galere nella nostra spiaggia,
in un luogo vicino alle confini con l'Illustrissimo duca di Fiorenza,
inviammo subito a quella volta un nostro Commissario particolare, per
intendere il successo, et di chi fussero le galere, inventariare le
robe, et farle guardare, il quale all'arrivo suo ritrovò che le galere
erano del priore di Lombardia, et che havevano portato il signore
Horatio Farnese[371], il signor Aurelio Fregoso[372], il capitano
Antonio di Augubio, con tre o quattro altri servitori del signor
Horatio[373], li quali tutti insieme con le robbe di già era stati
condutti a Pietrasanta, castello ivi vicino, dai sudditi del prefato
signor Duca, et lassati alcuni altri, pure da Pietrasanta, alla guardia
delle galere, nelle quali non era restato altro che artiglierie, vele,
et remi, et parendoci pur caso di consideratione et importanza, c'è
parso debito nostro farlo intendere con diligenza a Vostra
Eccellenza[374], sì come faremo sempre che occorrerà cosa degna di
aviso, et alla buona gratia sua ci offeriamo et raccomandiamo con tutto
il cuore, pregandole felicità. — Il dì xv di maggio MDLI».

Al tempo stesso i Signori lucchesi, tenendosi in equilibrio, scrivevano
condoglianze e facevano offerte ad Orazio duca di Castro, come risulta
dalla risposta di lui nel giorno seguente e in questi termini: «Molto
Magnifici Signori. Io desiderava grandemente fare il camino di Lucca per
poterle ringratiare a bocca delle cortesie et offerte che gli è piaciuto
farmi, ma per essere stato intertenuto qua in Pietrasanta più che non
pensava, mi è parso per spedirmi più tosto del viaggio, pigliare il
camino più breve, così hoggi, piagendo a Dio, piglierò il camino per
Parma, come da M. Francesco Nobili intenderanno appieno, al quale ho
commesso in nome, che li visiti, mi l'offerisca, et le dia conto di
quanto occorre, le piacerà dargli tutta quella fede che farieno a me
proprio, che sarà il fine della presente con raccomandarmegli, et
offerirmegli quanto maggiormente posso, che nostro signore Iddio le
concedi ogni felicità. — Di Pietrasanta, alli xvj di maggio MDLI».

Replicavano nell'istesso tuono quei Signori rispondendogli così:
«Illustrissimo et Eccellentissimo Signore. Con la lettera di Vostra
Eccellenza da Pietrasanta, et per relatione di M. Francesco Nobili
habbiamo inteso il buon animo suo verso di Noi, et la cortezia che s'è
degnata di usare in farci partecipi de' suoi felici successi[375]. De'
quali sentiamo quel piacere che si possa maggiore, et ne le rendiamo
infinite gratie di così corteze offitio, rendendola certa, che c'è
dispiaciuto grandemente in questa sua aversità di mare non haverle
potuto mostrare quanto siamo obligati alla sua casa Illustrissima, et
perchè più appieno potrà essere informata dal detto M. Francesco,
rimettendoci a lui non le diremo altro, se non che alla buona gratia di
Vostra Eccellenza ci offeriamo et raccomandiamo con tutto il cuore
pregandole ogni felicità. — Il dì xix maggio MDLI».

[1552-53.]

In somma col naufragio di Carlo Sforza e di Orazio Farnese cominciò la
guerra di Parma, e l'anno seguente ebbe termine per la mediazione dei
Veneziani[376]. Ma fu tregua di breve durata, chè si accese subito la
guerra di Siena. Da capo, per terra e per mare, Turchi, Protestanti,
Francesi e Spagnuoli in arme: guerra in Toscana, in Piemonte, in
Francia, in Germania; desolazioni di Dragut in Sicilia, all'Elba, in
Corsica. In mezzo a queste furie brancolava lo Sforza[377]; e finalmente
gli succedeva quell'intricato caso, di che, avendosi ora piena contezza
per le recenti pubblicazioni dell'Archivio storico, non devo io
passarmi. Qui si parranno le costumanze marinaresche del secolo
decimosesto, qui le notizie delle città littorane, e gli intrighi delle
fazioni, e le astuzie dei partigiani, e qui la causa prossima della
famosa guerra di Campagna tra gli Spagnuoli e Paolo IV. Prendo a dirne
dal principio.

NOTE:

[364] LA PRESA DI AFRICA (cit. sopra alla nota 63): «_Gli Italiani,
perchè erano pochi, hanno avuto manco preda per la superchiaria che era
fatta loro da Spagnoli._»

TOMMASO COSTO, _Storia di Napoli_, in-4. Venezia, 1613, II, 265:
«_Morirono di quei di dentro nel furore dell'assalto a sangue caldo
presso a ottocento tra Turchi e Mori, e fu tutto il resto fatto prigione
con diecimila anime, i quali tutti quasi furono portati in Sicilia,
molti a Napoli, et pochissimi a Roma._»

[365] CICERO, _De legibus_, III, 8: «_Domum cum laude redeunto._»

[366] ADRIANI cit., 298, G: «_Il priore di Lombardia aveva tenuto
quattro galere al soldo della Chiesa nell'impresa d'Africa.... e quella
spedita, rincrescendone al Papa la spesa, si era con esse gittato in
Francia, avendo nimistà mortale con gli Spagnuoli._»

[367] RELAZIONE _Mss. Capponiano_, (di che vedi appresso nota 192), p.
374: «_A. Sforza trovò da cinquanta in sessanta uomini di Civitavecchia,
i quali come affezionati di casa Sforza erano iti a visitarlo._»

[368] RATTI cit., _Casa Sforza_, I, 281.

[369] ARCHIVIO di Stato in Lucca, tre lettere sul proposito del
naufragio di due galere del priore di Lombardia alla Spiaggia di
Viareggio nel maggio 1551. — Serie degli Anziani al tempo della Libertà
Nº 550. — Per cortesia del chiaro archivista Salvator Bongi.

Il RATTI cit., I, 279, ne parla al solito per le generali.

[370] _D. Ferrante Gonzaga:_ famoso governatore di Milano per Carlo V,
che aveva già occupato Piacenza, e minacciava Parma.

[371] _Horatio Farnese:_ fratello minore del duca Ottavio, che veniva
per generale della cavalleria francese mandata da Enrico II in
Lombardia.

[372] _Aurelio Fregosi:_ colonnello al servizio di Francia, spedito nel
1551 in Italia per la guerra di Parma, come ben scrive il LITTA _dei
Fregosi_, tav. VI, ed ultima.

[373] _Servitori:_ non ardiscono nominare Francesco de Nobili perchè
concittadino: ma eravi cogli altri, come appresso essi medesimi
scrivono.

[374] _Caso d'importanza:_ e per quanto si vede studiosamente procurato
da quei Signori per gettarsi in fretta sul Parmigiano.

[375] _Felici successi:_ non certo del naufragio; ma deve alludere alla
partecipazione delle nozze stabilite colla Diana di Francia, o vero alle
speranze di Parma e del re Arrigo II.



[1554.]

XXVII. — Si noveravano per questi tempi cinque personaggi, tutti di alto
affare, nella casa Sforzesca: ciò è a dire, il conte di Santafiora, capo
della famiglia; il cardinal Guidascanio, camerlengo di santa Chiesa;
Alessandro, chierico di Camera; e i due minori fratelli, che seguivano
la professione delle armi, Mario e Carlo. Stando l'Italia divisa dalle
fazioni francese e spagnuola; e non potendo i baroni sperar nulla, e
presso che non dissi vivere, senza accostarsi o a questa o a quella,
dove con grande insistenza e con ogni maniera di artifizî erano
chiamati, anche a costo di rompere la fede ai proprî sovrani e la pace
nelle istesse loro famiglie, v'ebbe pur screzio nella casa Sforzesca; i
primi tre, Conte, Cardinale e Prelato tenean fermo a parte spagnuola; e
gli altri due, Soldato e Marinaro, a parte francese. Ma perchè la
maggiore autorità stava coi primi, non rimaneva ai secondi nè gran forza
nè gran credito: e per quanto si studiassero di parere franceschi, non
potevano mai togliere dal capo a costoro che, essendo eglino fratelli
dei nemici loro, non dovessero essere guardati e avuti a sospetto.

Con questi auspicî non lieti Carlo portò le sue galere a Marsiglia; e
subito corse per le poste alla corte in Parigi per baciar le mani al re
Arrigo II, il quale in quei primi fervori lo accolse con molte
dimostrazioni di gradimento. E Carlo prese servigio, unì le sue galèe a
quelle del Re, militò in tutte le fazioni combattute per quei tempi
nelle acque della Liguria e della Corsica, ebbe sventure, perse quattro
galèe, due per combattimenti e due per naufragio; ne costruì due di
nuovo a sue spese, sempre in ossequio e servigio di Francia. Ma non
avendo per tutto ciò potuto cessare i sospetti che della sua fede
avevano preso gl'invidiosi, e accortosi che qualche brutto tiro
mulinavasi contro la persona sua, smucciò via secretamente, lasciando le
sue galèe nel porto di Marsiglia. Però il Re le fece sequestrare: ne
tolse il governo al capitan Filippo Orsini da Vicovaro, uomo del
cardinal Guidascanio, e ne dette il carico al capitan Niccolò Alamanni,
fuoruscito fiorentino e francese smaccato, per l'avversione sua contro
al duca Cosimo amico degli Spagnuoli[378].

Ciò non pertanto Carlo, venuto in Italia, continuò a militare pei
Francesi medesimi nella guerra di Siena, entrando da venturiero nelle
fazioni che furono combattute qua e là per quello stato, con molto
vantaggio dei padroni, per essere nelle parti medesime le castella della
sua casa. E tanto animosamente si era cacciato nella infelice campagna,
che in uno scontro di cavalli tra il marchese di Marignano e Piero
Strozzi, Carlo per liberare Mario suo fratello fatto prigione da
Alessandro Palogi gentiluomo romano, troppo arditamente e senza riguardo
alcuno cacciatosi innanzi, incontrò la medesima sorte, ed ambedue furono
menati prigioni a Firenze[379]. Per questi fatti Carlo rientrò nella
grazia del Re, tanto che si ardì scrivergli come e' desiderava
rimettersi sulle stesse galèe al modo di prima per servirlo sul mare,
dove meglio poteva: e il Re comandò al capitan Niccolò Alamanni, il
quale allora si trovava in Corsica colle galere medesime, che dovesse
venire in Civitavecchia a levarlo, subito che, pagata la taglia, si
fosse riscosso dalla prigionia.

NOTE:

[376] ANNIBAL CARO, _Apologia seconda in favore del Re di Francia, nella
quale brevemente e con verità si tratta delle cagioni della guerra che
nuovamente è nata fra l'Imperatore e S. M. Cristianissima per Parma e la
Mirandola._ Pubblicata ed annotata dal chiar. prof. GIUSEPPE CUGNONI tra
le prose inedite del CARO, in-18. Imola, Galeati, 1872. — Molte le
scritture, i manifesti e le apologie dalle due parti messe al pubblico
piuttosto ad esasperare che a giustificare la loro causa, come ne dice
il Pallavicino. Ricordo soltanto questa (che abbiamo volgarizzata dal
Caro ad istanza del Cardinale di Tornone) per rispetto al grande
scrittore, ed all'egregio annotatore.

[377] ADRIANI cit., 340, H; 436, E.

[378] RELAZIONE del Mss. Capponi cit., 373: «_Il Re dubitò che quelle
galere si conducessero altrove, per essere elle in potere del capitan
Filippo, dipendente dal Camerlengo fautore delle cose dell'Imperatore in
Roma; per ciò gli levò per propria autorità quel carico, e lo diede al
capitano Niccolò Alamanni_.»

ADRIANI cit., 509, A: «_Del priore militavano a soldo del Re di Francia
tre galere e stavano a Marsiglia con le altre.... sovra esse al governo
il capitan Niccolò Alamanni, al quale il Re le aveva raccomandate._»

Il nome di Niccolò Alamanni si legge sovente nelle lettere del Caro da
Roma al Varchi in Padova, come in quella del 22 novembre 1539.

[379] ADRIANI, 436, E.



[23 maggio 1555.]

XXVIII. — Per la morte accaduta in quest'anno di Giulio III e di
Marcello II, era addì ventitrè di maggio divenuto papa il cardinal
Giampietro Caraffa col nome di Paolo IV; uomo, per quel che ne dice il
Pallavicino e con lui ne dicono tanti altri dotti e virtuosi scrittori,
di gran zelo per la religione, ma impetuoso verso ciò che sembravagli
giusto ed onesto. Certo della rettitudine delle sue intenzioni, non era
ugualmente destro nell'ordinare i mezzi al fine: e non cogliendo nelle
opere il punto giusto tra gli estremi, dava nel difetto o nell'eccesso,
e più in questo che in quello. A tale disposizione dell'animo aggiugneva
molta avversione contro la Spagna signoreggiante in Napoli sua patria, e
specialmente contro la corte e i ministri di Carlo e di Filippo per ciò
che toccava il loro governo civile e religioso[380]. Queste avvertenze
sono necessarie: esse sole bastano a spiegare tutti i fatti della sua
vita e della sua morte. Perciò fin dal principio della esaltazione i
partigiani si empirono di sospetti, e dovunque inciprignirono le
nimicizie, i timori e le trame delle grandi fazioni che tenean divisi i
popoli.

Non ignoravano gli umori del tempo e le inclinazioni del nuovo Pontefice
i maggiorenti di casa Sforza: prevedevano la tempesta, e desideravano
trovarsi uniti e forti per dare e per ricevere maggiori vantaggi.
Avvisatisi adunque dei successi di Carlo in Francia, e delle sue
disgrazie e ritorni, pensarono volgere ogni cosa a seconda dei loro
desiderî, tirando anche lui a parte spagnuola. Di che lo confortarono
assai, e lo indussero a dissimulare co' suoi Francesi, finchè non avesse
ricuperato le proprie galèe: colle quali, essi dicevano, tornerebbe come
capitano di potenza e di seguito più e più accetto a Cesare[381]. Con
questi concerti aspettarono che l'Alamanni, secondo gli avvisi di
Francia, menasse dalla Corsica in Civitavecchia le galèe per imbarcarvi
il Priore; il quale, uscito di prigione, alloggiava in Roma coi
fratelli.

[9 agosto 1555.]

Giunto finalmente il capitan Alamanni nel porto di Civitavecchia, Carlo
non si fece trovare colà: ma restossi in Roma colla solita scusa d'un
piede azzoppato dal calcio di un cavallo. In sua vece mandò monsignor
Alessandro suo fratello a trattenere le galèe fino alla venuta sua,
dandogli scrittura di piena autorità sulle medesime[382]. Alessandro
giovine, ardito e prosuntuoso per la parentela farnesiana, per la
grandezza di casa sua, e per la protezione imperiale, arrivato con
secrete intelligenze in Civitavecchia, salì a bordo della capitana,
ricevuto con tutti gli onori e con molta amorevolezza dall'Alamanni.
Dopo desinare, come stanco del viaggio per aver cavalcato di notte,
scese a riposo nella camera d'abbasso: ove indi a poco lo segui il
capitan Niccolò, volendo domandargli più specialmente le nuove del
Priore, e la cagione del non esser venuto egli stesso in persona,
secondo il concerto. Alessandro ripetè l'impedimento del piede; e in
conferma mostrò all'Alamanni l'ordine in scritto. Leggendo quella carta,
Niccolò fece tali e tanti atti di maraviglia che mostrò chiara la poca
volontà di contentarsene: il perchè Alessandro, il quale era sul letto,
rizzatosi in piè, gli domandò risolutamente, essendo due soli in camera,
se intendeva di ubbidire o no. Sopra tale domanda fece l'Alamanni
qualche osservazione, allegando varie difficoltà, e specialmente gli
ordini del re di Francia. Allora Alessandro, preso con una mano il
pugnale, che a similitudine degli ufficiali di marina aveasi allacciato
alla cintura[383]; e coll'altra mano stretto messer Niccolò nel petto,
gli disse: Vuoi tu dunque tenere per forza la roba di casa mia? e lo
minacciò di presente se non prometteva ubbidienza. Sgomentossi
l'Alamanni, e rispose saper lui bene, cui le galere di buon diritto
appartenessero; e perciò esso e gli ufficiali starebbero contenti agli
ordini scritti dal Priore. Subito Alessandro lo rinserrò nella camera di
sotto, e salito in poppa alla spalliera trovò da cinquanta a sessanta
giovani civitavecchiesi, i quali, perchè affezionati alla casa sua, ed
avvisati a tempo, erano venuti a bordo come per visitarlo[384].

Possiamo pensare tra questi il capitan Francesco Andreotti, già seguace
di Carlo Sforza in Africa[385], il prode giovane Filippo Filippetti,
venturiero alla stessa impresa, e poscia capitano a Lepanto e alle altre
fazioni di quella lega[386]; l'alfier Trajano Biancardi, che poi vedremo
colonnello[387]; e così il capitan Vincenzo Stella, gli Anselmi, i
Rossi, i Rocchi, gli Egidî, i Bonifaci, i Fiori, i Tomaini, i Martinelli
ed altrettali, i cui nomi si leggono per quel secolo nei primi onori e
documenti della loro patria[388]. Rinfrancato da tanti amici, Alessandro
prese animo maggiore, licenziò alcuni fedeli dell'Alamanni, e chiamati a
sè gli ufficiali e i marinari, parte ne ritenne, e parte ne prosciolse,
dando a ciascuno i suoi stipendî. Nell'altra galèa, governata dal
capitan Francesco de Nobili, uomo parziale di casa Sforza, non occorse
altra novità, limitandosi Alessandro a fargli intendere che vedesse modo
di prevenire ogni inconveniente. Finalmente per queste prontissime
disposizioni trovandosi da ogni parte assicurato, cavò dal govone dove
era racchiuso l'Alamanni, e con bel garbo gli diè licenza di andarsene a
suo talento. Così Alessandro si fece padrone dei due bastimenti col
disegno di condurli tra le braccia degli Spagnuoli di Napoli, avendoli
oramai cavati dalle branche dei Francesi di Marsiglia.

NOTE:

[380] CARD. SFORZA PALLAVICINO, _Storia del Concilio di Trento_, ediz.
Romana, in-fol. 1666, II, 52, 128.... «_Possiamo affermare che il
Caraffa generalmente riuscì tal pontefice quale fu conosciuto cardinale;
cioè di sommo zelo, ma non di perfetta prudenza. Solo ingannò col
lasciarsi affascinare dal troppo amore de' suoi; e incontrogli tali che
fomentarono i suoi difetti, snervarono le sue virtù, e rendettero
infausto e inglorioso il suo pontificato.... Ebbe eminenza nelle
lettere, e dalla natura eloquenza mirabile; ma con soverchio appetito di
vederla ammirata: appetito che non satollo col pasto gli cagionò grande
adulazione in presenza, ma non minore irrisione in assenza. Largo
estimatore di sè stesso, e stretto degli altri. Segnatamente abborriva
la nazione Spagnuola e la casa di Austria, nè si teneva in pubblico di
parlarne con titoli sconci et indegni; parendogli che la libertà fosse
stata da loro tolta ai popoli in Italia colle armi, alla Chiesa in
Spagna colle ordinazioni, e data all'eresia in Germania con le diete._»

PIETRO NORES, _Guerra degli Spagnuoli contro papa Paolo IV_, pubbl.
dall'ARC. STOR. IT., in-8. Firenze, 1847, XII, p. 9. — Il Nores, allora
inedito, lodato e citato dal Pallavicino come _caro e virtuoso amico_, e
non meno apprezzato dal Tiraboschi, dal Fontanini, e da tutti i
migliori, scrisse in Roma, servì nella segreteria di Stato a Clemente
VIII, e poscia ai cardinali suoi nipoti.

BERNARDO NAVAGERO, _Relazione della corte di Roma al tempo di Paolo IV_.
— Citata e lodata dal Pallavicino, come sopra, p. 52; e pubblicata
dall'Aubery, _Preminences de nos Roys_. Parigi 1749; e da altri
appresso.

RAYNALDUS, _Ann. Eccl._, 1555.

[381] RATTI cit., I, 240, nota 19.

[382] RELAZIONE _della ritenzione delle galere di Carlo Sforza, priore
di Lombardia, fatta da monsignore Alessandro Sforza chierico di Camera;
e della prigionia e liberazione del cardinale di Santa Fiora l'anno
1555._ (Mss. Capponi, cod. 287, p. 413) pubblicata nell'ARCH. ST. IT.,
in-8. Firenze 1847, vol. XII, p. 372.

[383] PUGNALE, arma corta da ferire di punta, e facile a essere
impugnata. Si usava nei bassi tempi, cinto accanto alla spada; ed usasi
tuttavia nei combattimenti da presso, nelle mine, nelle casematte, e più
nei ponti coperti dei bastimenti militari, dove torna inutile il
maneggio delle armi lunghe. Non v'ha ufficiale di marina senza il
pugnale nel suo camerino. Anzi questo, in vece dello spadone, portavano
al fianco nelle maggiori comparse, infine al terzo decennale del nostro
secolo.

[384] RELAZIONE dal Mss. cit., nella nota 192, p. 374: «_Alessandro
salito in poppa trovò da cinquanta in sessanta uomini di Civitavecchia,
i quali, come affezionati di casa Sforza, erano iti a visitarlo._»

[385] THEULI, _Appar. Prov. Rom._ in-4. Velletri, 1648, p. 84. (V. a p.
180, nota 54; e la seguente qui nota 198.)

[386] DOCUMENTI cit., nel M. A. COLONNA, 303, 158, 314, 386. (V. a p.
180, nota 55; e la seguente qui 198.)

[387] ARCHIVIO MUNICIP., v. a p. 180, nota 56. (E la seguente qui 198.)



[10 agosto 1555.]

XXIX. — Restava però la difficoltà di tirarli fuori del porto di
Civitavecchia, luogo neutrale alle due fazioni, dove pur si faceva
diligentissima guardia dopo il successo di Giannettino nel
quarantaquattro[389]. Il castellano Pietro di Capua, senza il cui
permesso non si poteva uscire, conoscendo le inclinazioni del Papa, e
udite le querele del capitan Niccolò, non volendo offendere nè la
Spagna, ne la Francia, andò a pregare monsignore Alessandro che non si
partisse, infino a che non si fosse dato conto a Roma delle cose
successe. Alessandro, non potendo di meno, consentì: ma al tempo stesso,
per la importanza del caso, spacciò subito una fregata con avviso al
cardinal Guidascanio di ciò che si era fatto, perchè prontamente
mandasse la licenza di uscita libera. La fregata con buon vento di
Ponente nella stessa notte imboccò la Fiumara, e la mattina seguente
avacciando a remi e all'alzaja fu in Roma: dove il Cardinale, udita e
pesata ogni cosa, facilmente ottenne da don Giovanni Caraffa, conte di
Montorio, nipote del Papa, e novello capitan generale di tutte le
milizie nello Stato, una lettera coll'ordine al castellano di
Civitavecchia di non impacciarsi in questo negozio, e di lasciar
liberamente partire Alessandro colle galèe quando e come a lui piacesse.
Perciò, avvisato Alessandro che poteva andar liberamente pe' fatti suoi,
questi senza mettere tempo di mezzo, uscì subito colle galèe dal porto,
e andò a sorgere sei miglia lontano a ridosso di capo Linaro per
aspettarvi il fratello.

[11 agosto 1555.]

Se non che due giorni dopo lentamente, viaggiando a piedi, arrivò in
Roma l'uomo del Castellano; e appresso comparve pure il capitano
Niccolò, menando scalpore, e facendo altissime querimonie specialmente
presso i partigiani, tanto che l'Ambasciatore francese corse
dirittamente a palazzo, e rappresentò al Papa il fatto come frodolento
ed oltraggioso al re Arrigo, in un porto libero, e con discapito
dell'autorità pontificia. Paolo prese fuoco: e subito senza cercar quali
ordini su quell'affare avesse dati il Conte suo nipote, fece rispondere
al Castellano che si guardasse bene attorno, e non lasciasse fuggire i
temerarî.

Costui ricevuta da Roma la seconda risposta contraria alla prima, e
ridotto a non potersi più ajutare colla forza, scese alle preghiere.
Andò amichevolmente ad Alessandro, narrandogli il suo impaccio, e
scongiurandolo insieme per l'amor di Dio e dei Santi a ritornare. Ma
l'altro, più che mai risoluto, stette fermo sul niego: congedò Pietro,
chiamò gli amici, e dicendo di essere ormai troppo innanzi per tornare
indietro, fece volgere le prore verso Napoli: dove a gran festa fu
ricevuto dal vicerè don Bernardino di Mendozza, e dal principe Doria
capitano generale del mare[390].

Il Papa all'incontro per la sinistra relazione avuta di questo successo,
e per le feste fatte in Napoli a suo disdoro, sdegnossi anche di più: e
correndo ai risentimenti, fece citare sotto gravissime pene monsignor
Alessandro, e intimar al cardinal Guidascanio che dentro tre giorni
facesse tornare le galèe, non ammettendo nè scusa nè ragione che egli
potesse allegare in sua discolpa.

[24 agosto 1555.]

Questo accidente riscaldò in Roma le passioni ed i partiti. Spagnuoli e
Francesi guardavansi in cagnesco, nulla più desideravano quanto venir
presto alle mani[391]. I partigiani del Cristianissimo correvano a
palazzo, e mantacavano sul fuoco; quelli del Cattolico si riunivano di
notte presso l'istesso Camerlengo, e facean catasta. Discorsi e progetti
sediziosi bollivano. Intanto, spirato il termine del monitorio, Paolo
faceva condurre in Castello il Lottino segretario del Camerlengo[392],
poi l'istesso celebre Cardinale, appresso Camillo Colonna[393]. E
minacciava di non si fermare; quando il marchese di Sarrìa ambasciatore
di Spagna, vedendo il Papa risolutissimo, la fazione francese potente,
il palazzo e la città ben guardati, si rivolse a mitigare lo sdegno di
Paolo, offerendosi mediatore per rendergli le galèe; sicuro che ad un
suo cenno sarebbero state da Napoli rimandate a Civitavecchia. Sperava
in questo modo estinguere l'incendio.

Le private corrispondenze dei contemporanei, che in gran copia ancora ci
restano edite ed inedite, sono piene dei rumori crescenti intorno al
successo ora narrato; e tutte prevedono gli eccessi della guerra. A me
basterà un brano scritto dalla penna del Caro da parte del cardinal
Farnese al cavalier Tiburzio, agente farnesiano nella corte di Francia;
lettera citata pur dal Pallavicino colla data del 24 agosto 1555 di
Roma[394]: «Delli tredici di questo scrissi una lettera al Re (_Arrigo
II_) dell'accidente seguìto delle sue due galere, che il signor
Alessandro Sforza ha levate del porto di Civitavecchia, e condotte agli
Imperiali; e del risentimento che Nostro Signore n'ha fatto, e della
mala satisfazione, che per questo era cominciata tra Sua Santità e
gl'Imperiali. Io non ne scrissi a Voi non avendo tempo, per la fretta
che l'Imbasciatore fece di spedire il corriero: ma penso che arete
inteso tutto come è passato. Questa sarà per dirvi come le cose sono
andate di poi pigliando augmento, ed inasprendo sempre: perchè questi
Imperiali, avvezzi con papa Giulio, tengono lor modi soliti; e Sua
Santità è molto generosa e di saldissimo proposito, massimamente dove si
tratta dell'onore e della dignità sua. Fin ad ora gli hanno dato parole
ed intenzione di far ritornare le galere, ed offertele anche sicurtà; ma
con effetto non hanno fatto cosa che Sua Santità voglia. E mi pare di
vedere che le cose mirino più a rottura, che altrimente: non ci essendo
più l'onore di Sua Beatitudine a cedere; tanto si è messo innanzi e con
le parole e con le provvisioni: avendo fatto venire i cavalli del Duca
d'Urbino, e fatte alcune compagnie per Roma persino a due mille fanti,
con altri provvedimenti che tendono tutti a questo fine, o di avere
l'obbedienza di questi signori Santafiora, o di farne dimostrazione.
Pare però a molti che il partito sia molto pericoloso per il Papa,
essendo circondato dalle forze dell'Imperatore, e non avendo noi più
forze in Toscana che tante. Per questo non si manca di contentare il
Papa nel medesimo proposito; ed i Ministri di Sua Maestà potranno far
fede dell'opera mia, senza che io entri in altro. Ma io veggo che la
cosa corre da sè stessa al palio.»

NOTE:

[388] ARCHIVIO CONVENTUALE dei Domenicani in Civitavecchia, Codici
intitolati _Ricordanze_, vol. tre, segnati A, B, C, un volume intitolato
_Memorie_, e un altro intitolato _Campione_, tutti in foglio ove sono
registrati contratti, testamenti, legati, piante, atti giudiziarî, e
simili, cominciando dal 1422; e quivi le notizie incidenti delle persone
di detti tempi.

ARCHIVIO MUNICIPALE di Civitavecchia, codici intitolati _Registro delle
patenti_, e similmente _Atti delle Estrazioni dei magistrati dal
bossolo_, ove sono ricordate le famiglie dei Visconti e dei Camerlenghi
secondo l'ordine, pel secolo decimosesto; ed alcuni estratti, per favore
di amici, presso di me.

[389] LETTERE, pubb. nell'_Arch. St. It._ (v. qui sopra, p. 129.)

[390] SANDOVAL cit., II, 202, A, 2.

MAMBRINO ROSEO cit., III, 512.

NATAL CONTI cit., 241.

CESARE CAMPANA cit., II, 133.

[391] RAYNALDUS, _Ann._, 1555, n. 72: «_Accensæ sunt hoc anno faces
infelicis belli quod inter Paulum IV, pont. et Philippum II regem
exarsit ex audaci et iniquo facinore Marii et Alexandri Sfortiarum, qui
duas triremes gallicas in portu Centumcellarum adducere Neapolim
pertentarunt._»

ALEXANDRO DE ANDREA, DE LA GUERRA DE CAMPAGNA DE ROMA. in-4. Madrid,
1589, p, 105: «_La huyda de las dos galeras del prior de Lombardia,
puesque de aqui tomò occasion el Papa.... à la guerra._»

PIETRO NORES cit., 12.

[392] GIROLAMO MAGGI, _Della fortificazione delle città_, in-fol. figur.
Venezia, 1564, p. 16: «_Messer Gianfrancesco Lottino volterrano, uomo di
molto giuditio, nel discorso che egli contra il Secretario fiorentino fa
in certe sue lettere che mi riferì il virtuosissimo messer Dionigi
Atanagi che le lesse, nelle quali mi affermava che si contenevano
gagliardissime ragioni._»

[393] RAYNALDUS, _Annales Eccles._, 1555.

BIAGIO ALDIMARI, _Historia genealogica della famiglia Carraffa_, in-fol.
Napoli, 1691, II, 113, 116.

[394] ANNIBAL CARO, _Lettere scritte a nome del cardinal Farnese_, in-8.
Milano, tip. de' Classici, 1807, III, 50. — Lettera al cav. Tiburzio
agente del cardinale alla corte di Francia, data di Roma, 24 agosto
1555.



[15 Settembre 1555.]

XXX. — Per questo non era lontano il vicerè di Napoli dal consentire
coll'ambasciator di Roma alla restituzione delle galere: temperamento
divenuto ormai necessario pel proposito irremovibile del Papa, e per
togliere ai nipoti il pretesto di giustificare col rifiuto la guerra che
macchinavano. E quantunque agli Sforzeschi non piacesse il perdere
quelle galere, e mal volentieri soffrissero di restarsi sgarati; pure
considerando il disordine della famiglia nel tempo presente, e il
maggior pericolo che le sovrastava pel futuro, dibattuto il pro e il
contra di questa bisogna in Napoli tra il vicerè Mendozza, il principe
Doria, il conte di Castro, e quel di Santafiora, conclusero la
restituzione e il modo del ritorno. Alessandro rimenò le galere innanzi
al porto di Civitavecchia: ed essendone esso solo quivi presso smontato,
si rivolse con una fregata verso la Toscana, lasciando ordine al
capitano Antonio Fani ed a Francesco de Nobili, che ambedue far
dovessero quanto sarebbe loro commesso da parte del Papa[395]. Poco dopo
il capitan Alamanni rimettevasi al governo di quelle galere in servigio
del re di Francia, che non le rese mai più agli antichi padroni,
risoluto di tenere per sè quegli eccellenti bastimenti di guerra, anco a
costo di pagarne ad alto prezzo la valuta[396]. Del Fani non mi torna
più notizia veruna: del Nobili una sola lettera, scritta dal cardinal
Farnese dopo questi successi, parla molto onorevolmente; e ce lo mostra
disposto a ritirarsi col titolo di Protonotario in Lucca sua
patria[397].

Così ebbe fine il capitanato di Carlo Sforza: il quale in grandi
intricamenti per tanto tempo vissuto, senza mai potere nè sè, nè le sue
cose avere in assetto, nè in Malta, nè in Africa, nè in Roma, nè in
mezzo agli Spagnuoli, nè appresso ai Francesi, finalmente deliberò di
non più intromettersi nelle altrui brighe; e quietamente si ridusse a
vivere in Parma nella priorale sua casa di Lombardia. Là menò il resto
di sua vita tranquilla, servendo al religioso suo Ordine infino alla
morte, che fu dopo l'anno settantuno[398]. Gravissimo danno la ritirata
degli uomini di senno e di valore dal maneggio dei pubblici affari. Ma
vi sono certi tempi che rendono non solo onesta, anzi necessaria la
solitudine. Quando nella civil società pel mal governo delle fazioni si
ottenebra il criterio illativo e pratico intorno ai dritti e intorno ai
fatti; quando gli inganni ed i soprusi aduggiano ogni semenza di virtù,
e troncano ogni slancio di generoso operare pel comun servigio; insomma
quando l'interesse e lo spirito di parte mena tutto agli eccessi, allora
agli onesti, consapevoli del proprio dovere e della propria dignità, non
resta altra scelta che tenersi in disparte, come fece il capitano Carlo
Sforza.

NOTE:

[395] M. GIO. DELLA CASA, _Lettere scritte a nome del card. Caraffa_,
tra le opere del medesimo, in-4. Napoli, 1733. V, 63: «_Al Contestabile
di Francia.... Essendo tornate le galere, è parso a N. S. di concedere
al sacro Collegio la liberazione di sua Signoria Illma il cardinal
camerlengo Guidascanio Sforza. Di Roma 20 settembre, 1555._»

NORES, ediz. cit., 26: «_Partì il Rucellai il quartodecimo giorno di
settembre.... Appena partito lui, seguì la restituzione delle galere,
che furono da quelli medesimi che le sforzarono, come desiderava il
Papa, ricondotte a Civitavecchia, e consegnate all'Alamanni. Il che
eseguito il cardinale Camerlengo, ai prieghi del Sacro Collegio, fu
rilasciato il giorno diciannovesimo di settembre, e vigesimo appunto
dopo la sua carcerazione._»

RELAZIONE _delle galere di Carlo Sforza_. Mss. Capponi cit., ARCH. ST.
IT., XII, 374: «_Alessandro rimenò le galere a Civitavecchia, essendo
lui però prima smontato e incamminatosi alla volta di Santa Fiora; con
aver lasciato su una galera il capitano Antonio Fani bolognese, e
sull'altra il capitano Francesco_ (de Nobili) _da Lucca, con ordine che
facessero di tuttedue quanto fosse loro stato commesso da parte del
Papa._»

[396] ARCHIVIO SFORZA, _Conferma della donazione fatta dal Cardinale
Guidascanio al fratello nell'anno 1564, per procura di monsignor
Alessandro Sforza_. Citata dal Ratti, I, 282, nota 12: «_Idem rev.
dnus Procurator ulterius exequendo dictum suum procurationis
mandatum, sciens triremes in dicta donatione expressas, et ipsi illmo
dno Priori reservatas, fuisse venditas et alienatas, et prætium
earumdem solutum et respective solvi promissum, ec._»

[397] ANNIBAL CARO, _Lettere scritte a nome del Cardinal Farnese_, in-8.
Milano, 1807, III, 56: «_Al vescovo di Lucca data di Roma alli 29 agosto
1555._»

[398] RATTI cit., 281. — LITTA, _Famiglie_ cit., tav. 2.

DAL POZZO, _Ruolo_ cit., p. 28.



LIBRO OTTAVO.

Capitano Flaminio Orsini, signore di Stabia. [1555-1560.]


SOMMARIO DEI CAPITOLI.

I. — Convenienza del considerare i particolari dei nostri capitani. —
Pel successo delle galèe levansi in arme i Colonnesi. — Trattati della
Francia contro la Spagna. — Paolo IV, Carlo V, e Filippo II nell'ottobre
1555.

II. — Armamenti in Roma. — Altre pratiche (novembre e dicembre 1555). —
I Caraffi a Paliano. — Tregua di Vauxelles (5 febbrajo 1556). — Il
cardinal Caraffa in Francia. — Atti fiscali in Roma contro la Spagna.

III. — Notizie di Flaminio Orsini, sconosciuto ai genealogisti. —
Capitano e castellano in Civitavecchia. — Quindici galèe, e capitani
diversi. — Apparecchio di difesa e di fortificazioni in Civitavecchia (6
febbrajo 1556).

IV. — Milizia cittadina in Roma. — Capitani e fuorusciti di Napoli e di
Toscana. — Soldati alle poste, alle mura e alle quattro riserve
(marzo-agosto 1556). — La guardia nobile di primo impianto.

V. — Il duca d'Alba a Napoli vicario di re Filippo. — Suoi disegni
strategici. — Occupa la Campagna di Roma (1 settembre). — Flaminio
Orsini sventa la trama di Fernando e di Cosimo, e mantiene Civitavecchia
(14 settembre 1556).

VI. — Nettuno e sua importanza. — Riscontro tra Nettuno e Palo dei
Colonnesi e degli Orsini. — Le galere private dei Romani. — Orsini,
Farnese, Sforza, Colonna e Vaccari.

VII. — Nettuno occupato e perduto. — Munito dal Duca, e tentato
inutilmente dai Francesi (ottobre 1556).

VIII. — Ostia, rocca e città, i due rami del Tevere, e l'isola. —
Provvisioni fallaci. — Orazio dello Sbirro colla sua compagnia alla
difesa (23 ottobre). — Il Duca mette in Ardea e in Porcigliano le farine
e i forni (28 ottobre).

IX. — Ponte di barche. — Assalto ad Ostia. — Difesa della città per
quattro giorni. — Ritirata nella rôcca (4 novembre 1556). — Accampamento
e batterie del Duca. — La cavalleria (8 novembre 1556).

X. — Sbigottimento della plebe romana. — Sortita di Piero Strozzi lungo
la riva destra del Tevere. — Scorridori nemici alle porte di Roma. — Il
conte Berardi e il cardinal Caraffa per la via di sant'Agnese (12
novembre). — La batteria ad Ostia (16 novembre).

XI. — Assalto inutile di due compagnie d'Italiani (17 novembre). —
Condizione della rôcca e della breccia.

XII. — Jattanza d'un soldato. — Necessità del secondo assalto. — Gli
Spagnuoli cacciati indietro come gli altri. — Grande mortalità, e difesa
valorosa. — Reminiscenze locali.

XIII. — Prostrazione e tristezza del Duca. — Angustia simile di Orazio,
che non sapendo dell'altro gli si arrende (18 novembre). — Blocco e
sgomenti di Roma. — La tregua dal 19 novembre alla fine del 1556.

XIV. — Levata del re di Francia contro quel di Spagna. — Il Guisa in
Italia. — Pietro Strozzi ricupera Ostia, torre Bovacciana, e il forte di
terra alla foce (8 gennajo 1557). — Trattato di Cosimo contro Ancona
reso vano. — Vicende generali della guerra (gennajo e luglio 1557).

XV. — Perdite dei Francesi in Fiandra (10 agosto) — Richiamo del Guisa e
abbandono di Paolo. — Pace di Cave (14 settembre 1557).

XVI. — Inondazione del Tevere, e nuovo letto più lungi da Ostia. —
Dimostrazione del tempo, non conosciuto dal Canina. — Ultima comparsa
della baronia in arme, da niuno avvertita.

XVII. — Fazioni delle galèe e del capitano Flaminio, durante la guerra.
— Il Moretto, ultimo venturiero, simile al Morosino dei primi. —
Precedenti del Moretto, bravura, guadagni, e sequestri. — Muta bandiera
e partito. Si acconcia cogli Strozzi (1556-57).

XVIII. — Moretto disgustato fugge da Civitavecchia portandosi via una
galèa. — Trova protezione in Nizza. — Lettera del Duca in suo favore. —
Piglia la bandiera di Savoja (23 dicembre 1556).

XIX. — Trama di Piero Strozzi per ripigliare la galèa e il Moretto. — Il
capitano Fouroux a Malta e in Levante. — Artificiosa conserva. — Il
Moretto cade nell'inganno, ed è fatto prigione (gennajo 1557).

XX. — Primo litigio tra i Cavalieri e il Fouroux. — Poscia in Malta tra
i partigiani. — Attizzamento del Moretto. — Ricorsi di mercadanti contro
di lui e contro il Fouroux. — Imprigionato anche l'altro (marzo 1557). —
Necessità di dirne. — La filosofia della storia.

XXI. — Savoja e Spagna in favore. — Francia e Roma contro il Moretto. —
Confusione dei Maltesi (16 maggio 1557). — Mezza misura pel Fouroux. —
Lo stesso pel Moretto (17 settembre 1557). — Fuga di quest'ultimo,
litigi, sequestri e transazione cogli eredi.

XXII. — Il capitano Flaminio alla fine della guerra intestina si rimette
contro Dragut. — Origine di costui, suoi fatti e detti. — Stratagemmi,
fisonomia e medaglia (giugno 1558).

XXIII. — I Turchi richiamati dai Francesi in ajuto. — Rovine in Reggio,
Massa e Sorrento. — Ricatti nella Liguria (giugno). — Desolazione di
Spagna (settembre 1558). — Morte di Carlo V, e pace di castel Cambrese
(aprile 1559). — Apparecchi contro Dragut (agosto 1559).

XXIV. — Flaminio confermato in sede vacante, e con lui Galeazzo Farnese
e Filippo Orsini per Tripoli. — Ritorno ai Farnesi e alle loro galèe:
documenti.

XXV. — Novero dell'armata in Messina. — La lista. — Le galèe, legni di
linea, per tutta l'antichità. — Anche sull'Oceano, e documenti. — Le
navi da carico, e pei cavalli: documenti (settembre 1559). — Difficoltà
di menare insieme galere e navi.

XXVI. — La città di Tripoli, presa e perduta. — Disegni per ricuperarla,
cacciandone i pirati e Dragut. — Strategia difensiva di costui. — Indugi
del Medinaceli (novembre 1559).

XXVII. — Flaminio a Malta (decembre 1559). — Descrizione dell'isola per
quel tempo. — La città e le fortezze. — Cenni dell'assedio, e Titta
Scarpetta.

XXVIII. — Prima comparsa di Giannandrea Doria. — Confuso da alcuni collo
Zio. — Niuna biografia di lui meno quella del Brantôme. — Sua
autobiografia perduta.

XXIX. — Partenza e viaggio dell'armata, fino alle Gerbe (14 febbrajo
1500). — Le due galeotte di Luccialì. — L'acquata dei nostri e dei
Fiorentini. — Il Medina senza notizie e senza partiti (16 febbrajo
1560).

XXX. — Errori continui del Medina. — Fermata alla secca del Palo (17
febbrajo). — Bonaccia perpetua di quel luogo. — Indugi e mortalità. —
Gli spedali sui grippi (28 febbrajo 1560). — Conforti religiosi.

XXXI. — Notizie di Dragut venute al Medina. — Consiglio sulla capitana
di Roma. — Pareri di Flaminio e degli altri. — Niuna conclusione (1
marzo). — Secondo consiglio sulla reale di Spagna. — Partenza per le
Gerbe (2 marzo).

XXXII. — L'isola delle Gerbe. — Il meridiano di Roma e i termini
geografici (3 marzo). — Metodo per lo sbarco. — Artiglieria di campagna
(7 marzo). — L'esercito all'addiaccio.

XXXIII. — Consulta e pareri diversi dei Gerbini. — Lo Sceicco tenta
indurre i nostri alla ritirata. — Marcia in avanti, e insidie dei
Gerbini. — Battaglia delle Cisterne. — Sommissione dei Gerbini (8
marzo). — Gli storici musulmani.

XXXIV. — Acciecamento d'un soldato, e pronostico di rovine. — Stranezze
del Medina. — E degli altri che danno il nome ai baluardi (15 marzo). —
La nuova fortezza descritta secondo la forma e i difetti. — Plinio
Tomacelli escluso. — Disegno di Antonio Conti. — L'esecuzione dell'opera
e i quattro ajutanti (25 aprile).

XXXV. — Luccialì a Costantinopoli. — Solimano ordina l'armata prima del
consueto. — Notizie e avvisi al Medina (1 maggio 1560). — Giannandrea
ricade. — Pratiche per la ritirata. — Premure e condiscendenze del
Tomacelli (5 maggio 1560).

XXXVI. — Dispacci di Malta, e avvisi certi dell'armata nemica (10 maggio
sera). — Consiglio di guerra e parere di Scipione escluso. — Opinione
comune aspettare alcuni giorni. — L'Orsino e il Doria chiedono la
partenza immediata. — Il secondo si acconcia ad attendere per un altro
giorno le promesse del vicerè. — Ciarle e disordini. — Muta il vento (10
maggio notte).

XXXVII. — Comparsa dell'armata nemica (11 maggio all'alba). — Confusione
dell'armata cristiana. — Fugge in terra Giannandrea. — Rompono appresso
quasi tutte la galere. — Lucciali piglia trentotto navigli. — Pialì e
gli altri a menar la falce (11 maggio mattina). — Aspetto del mare dopo
lo scontro.

XXXVIII. — Arte di pochi per iscampare. — La nostra Capitana tra le
prime. — Rottura dell'antenna. — Risoluzione dell'Orsino alla difesa
degli altri. — Sua morte gloriosa. — Il Paggio lo segue (11 maggio,
mezzodì). — Giannandrea e la morte dello Zio. — Medina e la morte del
Figlio. — Perdita della fortezza e dell'isola. — Distruzione della
nostra marineria. — Ultimo trionfo dei pirati e dei turchi.



LIBRO OTTAVO.

CAPITANO FLAMINIO ORSINI,

SIGNORE DI STABIA.

[1555-1560.]



[26 ottobre 1555.]

I. — E' parrà forse a taluno, per gli ultimi capitoli del libro
precedente, che io mi sia troppo disteso nei particolari del capitano
Carlo Sforza e della squadretta venturiera, messa al puntiglio tra i
competitori francesi e spagnuoli. Ma checchè possa altri pensarne, si mi
è avviso di non rimanermi nè anche da queste digressioni, quando si
connettono coi maggiori successi, e ne disvelano le prime cause, o mi
dànno campo a chiarire nel miglior modo la storia della marina e dei
capitani. E quantunque non sia mio intendimento nè debito il tener
dietro a tutti gli avvenimenti del tempo, nondimeno mi parrebbe mancare
all'ufficio mio se non ricordassi i fatti più rilevanti delle persone di
mare e delle città littorane: senza che la mia storia sarebbe meno
grata, dove pel discorso dei successi medesimi deriva diletto colla
varietà, e lume colle considerazioni, che non lascio di fare quando il
destro me ne viene, condottovi dalla induzione dei casi particolari. Per
esempio, dal precedente racconto ciascuno (riducendosi col pensiero a
quei tempi) può ora facilmente vedere l'attitudine dei baroni romani al
mestiero del mare, la simpatia dei nostri popoli littorani per chi lo
esercitava, l'interesse che ne prendevano le altre nazioni, le
strettezze dei camerali coi loro congedi, e il turbamento degli
stranieri colle loro fazioni. Ondechè niuno voglia darmi biasimo se io
sono sceso, e se scendo anche in questo libro, ai particolari di simile
natura; e se per meglio acquistar fede produco talvolta a verbo le
testimonianze dei contemporanei, o il sunto dei documenti che li
riguardano.

E per tornare al proposito, le galèe furono rimenate in Civitavecchia,
ma non per questo finì il rumore dentro Roma. I Colonnesi minacciati ed
offesi aveano prese le armi coi loro partigiani, ed i protettori di
Napoli ingrossavano ai confini. In Roma congiure, sospetti, prigionie.
Ondechè il Cardinal nipote, già certo della rottura, e spinto alla
guerra dai ministri francesi, non più per le vie secrete, o per le
generali, come prima, ma apertamente e sotto determinate promesse;
pressato di più in quei giorni quando si diceva scoperta la trama di
certi Calabresi per ammazzare lui stesso e il Papa[399]; e quando
insieme venivano di Madrid lettere agre e minacciose, fece entrare lo
Zio nell'abortivo disegno di cacciare gli Spagnuoli da tutta l'Italia
coll'ajuto volubile dei Francesi. In somma vane speranze in Roma,
vanissime in Francia: e nel mese di ottobre di questo anno tre fenomeni
di gran rilievo. I Caraffi in Roma sottoscrivono i capitoli contro la
Spagna per uscirne colla peggio[400]; Carlo V comincia in Fiandra la
rinuncia dei suoi stati per ritirarsi in un chiostro[401]; e Filippo II
in Madrid inaugura i principî del suo regno colla guerra contro il Papa
per beccarsi la riputazione di santimonia[402].

NOTE:

[399] PIETRO NORES, _Guerra degli Spagnoli contro Paolo IV_, pubblicata
nell'ARCH. ST. IT., in-8. Firenze, 1847, XII, 34: «_Essendosi scoperto
che un certo abate Nani tenesse mano d'ordine dell'Imperatore di
avvelenare il cardinal Caraffa, e che Cesare Spinna calabrese fosse
stato mandato a Roma per ammazzarlo_.»

NATAL CONTI, _Storie_, in-4. Venezia, 1589, p. 244.

PALLAVICINO, _Stor. del Conc._, lib. XIII, cap. 15.



[Nov. e dic. 1555.]

II. — Dunque grandi maneggi in Francia, in Spagna, in Italia. Annibale
Rucellai, nipote del celebre monsignor della Casa, viaggia verso Parigi
col carico di esporre al Re le offese pubbliche e le private della corte
e dei ministri di Spagna contro il Papa; vengono di Francia confortatori
e fiduciarî i due cardinali di Lorena e di Tornone, i Veneziani
sconsigliano, il duca d'Urbino marcia, quel di Ferrara nicchia.
Armamenti, sospetti, speranze, e fine dell'anno cinquantacinque. Entra
di verno il seguente con più lunghe flussioni e freddure: confisca ai
Colonnesi del ducato di Paliano, investitura a favore della persona e
discendenza di Giovanni Caraffa, conte di Montorio e nipote del Papa, e
principio degli atti fiscali in Roma contro la casa di Spagna per
dichiararla decaduta dal feudo delle due Sicilie[403].

[5 febbrajo 1556.]

Tra tante stizze all'improvviso si pubblica il trattato di tregua
sottoscritto in Vauxelles il cinque febbrajo tra la Spagna e la
Francia[404]. Sembra la prima esser giunta a distogliere la seconda
dalla lega col Papa; pare debba cadere lo strepito delle armi. Se non
che il cardinal Carlo Caraffa, proprio sopra quelle due galèe restate in
Civitavecchia dopo il tafferuglio di casa Sforza, piglia il passaggio, e
corre in Francia a dimostrare la tregua essere già rotta per colpa degli
Spagnuoli, i quali, proteggendo i ribelli di Roma, ne insultano il
sovrano[405]. Ai Francesi la vendetta, ad essi la difesa dell'onore e
della sicurezza di Paolo IV e della sua casa. In mezzo alle scabrose
questioni, che tocco di volo, farò presto a mettere un po' di ordine e
di chiarezza, volgendomi alla marina, dove mi tarda ogni momento che non
incontro quel prode capitano, il cui nome sta in fronte di questo libro.

NOTE:

[400] RAYNALDUS, _Annales Eccles._, anno 1555, n. 73: «_Confectæ hoc
anno fœderis leges._»

NORES cit., 35: «_I capitoli.... sottoscritti dal Papa e da monsignor
d'Alanzone ai tredici di ottobre 1555, nel palazzo di s. Marco._»

[401] PRUDENCIO SANDOVAL, _Vida y echos del imperador Carlos quinto, rey
catholico de España_, in-4. Pamplona, 1586, p. 205, B, 2: «_A veynte y
ocho de octubre 1555 Carlos V renunciò a su hijo el rey don Felipe._»
217, A, 2: «_A veynte y seis de octubre en 1555 renunciò a los estados
de Flandes Naples, Milan y Borgogna.... a diez y seis de henero 1556
renunciò a los reynos de España.... y el diez y siete mismo mes y año
renunciò el imperio._»

[402] LUIS CABRERA DE CORDOVA, _La historia de Felipe segundo rey de
España. Madrid_, in-fol. 1649: _Prefacion_: «_Celebren un Principe con
el nombre de Perfeto, como Josias, como David, Ezequias, Assuero,
Trayano, Fabio Maximo, Julio Cesar, Costantino, Salomon, y Moysè._»



[6 febbrajo 1556.]

III. — Flaminio Orsini, signore di Stabia in quel di Nepi, non so per
qual destino, sfugge del tutto sconosciuto nella genealogia della sua
principesca famiglia romana. Il Sansovino, il Gamurrini, l'Ughelli,
l'Albasio, il Ratti, il Bicci, l'Amideno, e tanti altri stampati e
manoscritti, che direttamente hanno trattato della casa Orsini, non
fanno motto di lui: e il tanto diligentissimo e recente genealogista
conte Pompeo Litta o lo ignora, o lo confonde con altri o Fabî o Flamini
della stessa casata, ma di rami e di tempi diversi[406]. Per questo,
quando me n'è venuto il destro, ho calcato a bello studio il nome di
Flaminio; e specialmente nella mia storia di Lepanto, ne ho messa di
rilievo l'importanza, per dare addentellato alle ricerche dei nostri
archivisti e degli studiosi di storia patria, se per avventura qualche
più larga contezza da loro me ne fosse potuta venire: metodo più volte
tornatomi utile intorno ad altre ricerche. Rispetto a Flaminio un solo,
per quanto mi sappia, si è mostrato inteso della domanda; e dopo due
anni a me frate Alberto esso, non monaco nè terziario, ha risposto
pubblicamente da Livorno, toccandone alcuni particolari, di che io
volentieri me gli professo obbligato come meglio e a suo luogo dirò.

Ciò nonpertanto sopra fondamenti sicuri, secondo il mio costume, mi
confido di mettere insieme la storia di questo prode romano, e di
rivendicare dall'oblio uno dei più bei nomi del nostro paese.
Cominciando dai precedenti, lo trovo del ramo di Bracciano e
dell'Anguillara, nato intorno al 1512, e signore di Stabia, antico feudo
e notissimo della casa Orsina presso a Civita Castellana[407]. Appresso
l'incontro allievo nella scuola di Gentil Virginio suo congiunto, del
quale altrove si è detto. Cognato del maresciallo Piero Strozzi, e
seguace delle sue imprese; collega sul mare del celebre Lione Strozzi, e
successore nel comando di quelle galèe. Lo trovo soldato di Francia, dei
Farnesi e degli Estensi, condottiero nella guerra di Siena, governatore
di Chiusi, generale delle fanterie romane, e finalmente castellano di
Civitavecchia, e capitan generale dell'armata marittima di due
Pontefici, oltre al resto che ne vedremo appresso[408]. Ecco gli uomini
messi in non cale dai genealogisti ed archivisti nostri.

Sotto gli ordini del nuovo capitano si raccolsero quindici galere, altre
prima, altre dopo; e vi stettero quanto durò la guerra, sempre intente a
impedire il troppo libero scorrazzamento delle squadre spagnuole, ed a
sostener Roma dalla parte del mare in quelle fazioni che or ora si
vedranno[409]. Eccone qui sotto la lista[410].

Abbiamo dunque le due già tolte agli Sforzeschi con Niccolò Alamanni,
più volte nominato, e Pandolfo Strozzi, che poi si troverà tra i romani
alla battaglia di Lepanto. Quattro galèe del maresciallo Piero Strozzi,
che non avevano pari sul mare per armamento, disciplina e grandi fatti
nel Mediterraneo e nell'Oceano, dove erano state condotte in servizio
della Francia contro gl'Inglesi dal celebre Lione fratello del
maresciallo, e con esse il capitan Melchiorre di Belmonte, e il capitan
Giovanni Moretti da Villafranca, del quale avrò a dire specialmente in
alcun capitolo seguente. Scipione Fieschi, fiero nemico del Doria e
della Spagna, militava al soldo di Roma sotto l'Orsino con due
galere[411]. Due altre seguivano Baccio Martelli, fuoruscito fiorentino.
Finalmente cinque eran venute di Francia col barone della Garde, e i
capitani Sciarluz, Daramon, Cabazolles, De Carses, e Fouroux; i cui nomi
e navigli così per punto sono segnati nelle note del cardinal Caraffa
scritte di Roma addì sei del mese di febbrajo al duca di Mommoransì e al
cardinale di Lorena; meno il Fouroux, del quale però avremo appresso
certissime prove.

A similitudine dei primi capitani della guardia nel cinquecento,
Flaminio riteneva colle galere anche il carico di castellano, o com'oggi
direbbesi, di comandante della piazza in Civitavecchia: punto molto
geloso per la vicinanza del duca Cosimo, e per la strategia del duca
d'Alba. Aveva per difesa dalla parte del mare i due torrioni rotondi di
opera reticolata, che ancora esistono alla punta dei due moli, uno a
destra, uno a sinistra del porto, come furono edificati dallo imperator
Trajano; e si chiamano i fortini del Bicchiere e del Lazzeretto: i quali
signoreggiano le bocche tanto da non potervisi accostare legno niuno,
senza esporsi a essere dal primo o dal secondo, o da tutti due insieme,
fatto in pezzi, per le batterie alte e basse messevi a giuoco. Sulla
base del porto aveva a destra la rôcca vecchia, ridotta a palazzo
sovrano, ma non tanto che, per la sua posizione a cavaliere, e per la
piazza interna aperta verso il mare, non potesse allogare una buona
batteria, e chiudere il passo della darsena: e aveva sulla sinistra la
rôcca nuova di Bramante e di Michelangelo, ammirato modello di
architettura militare, secondo lo stile dei grandi maestri che mai non
disgiungevano la leggiadria dell'arte dalla fortezza dell'opera[412].
Verso terra in giro dall'una all'altra rôcca aveva una cinta bastionata
con sette baluardi reali, disegnati per Leon X dal giovane Antonio da
Sangallo, e da lui stesso cominciati a imbastire di terra con qualche
principio di muratura, continuata poscia da Giulio III, e ridotta a
compimento dal quarto e dal quinto Pio[413]. Attorno a cotesto perimetro
erasi adoperato Flaminio con felice successo, mettendo all'opera le
ciurme, sui terrapieni e intorno ai carri delle artiglierie per ogni
sbocco, e sui fianchi, e sul fronte: così che mandatovi da Roma Piero
Strozzi a rivedere il progresso dei lavori ebbe a restarne pienamente
soddisfatto[414]. Prospero Boccapaduli, commissario delle armi, comparve
nel fornimento della piazza, delle fortezze e delle galere, quale tutti
lo riputavano, diligentissimo[415].

NOTE:

[403] CESARE CAMPANA, _la Vita del catholico ed invittissimo don Filippo
II d'Austria, re di Spagna, con le guerre de' suoi tempi_, divisa in
sette deche, in-4. Vicenza, 1605.

FRANCESCO MUSCETTOLA, Mss. _La guerra di Campagna tra gli Spagnoli e
Paolo IV_. (Ne parla il RUSCELLI nella lettera a Filippo II: ma non fu
mai stampato e il manoscritto resta ignoto.)

CARD. SANTORO, _Mss. della stessa guerra_. (Ne parlano il VOLPICELLA e
il D'AYALA, come di scrittura non mai pubblicata.)

[404] DU MONT, _Corps diplomatique_, à la date du 5 février 1556.

[405] NORES cit., 67: «_Il cardinale Caraffa partì per Francia intorno
al fine di maggio, imbarcandosi in Civitavecchia sulle galere del Re,
che lo aspettavano._»

[406] LITTA, _Famiglie Celebri: gli Orsini di Roma_, tav. XXVII, in
fin.: «_Fabio nel 1559 impiegato da Paolo IV sulle galere pontificie,
morto nel 1600._» Non è il nostro. Tav. XXIV, lin. 3: «_Flaminio Orsini
figlio di Roberto, conte di Pacentro._» Molto meno. Tav. XXVIII, lin. 4:
«_Flaminio Orsini._» Di gran lunga posteriore.

[407] ATTILIO ZUCCAGNI-ORLANDINI, _Corografia di tutta l'Italia_, in-8.
con tavole figur. Firenze, 1843 e segg., tom. X, suppl. 111: «_Stabbia,
nel governo di Civitacastellana, delegazione di Viterbo._»

_Atlante_, tav. 15: Da Borea ad Ostro, sulla stessa linea,
«_Civitacastellana, Santelia, Stabbia e Calcata._»

[408] ADRIANI, _Storie de' suoi tempi_ cit., 295, C: «_Il re di Francia
per Flaminio da Stabia Orsino aveva mandato a Ottavio duca di Parma
sicurtà e difesa._»

IDEM, 365, A: «_Il card. di Ferrara mandò in Francia Flaminio da Stabia
Orsino a far sicuro il Re, e confortarlo a mantener la guerra._»

IDEM, 405, D: «_Nella guerra di Siena si adoperarono questi signori
Aurelio Fregosi.... Flaminio da Stabia Orsino._»

IDEM, 425, C: «_Flaminio da Stabia Orsino haveva il Governo di Chiusi._»

IDEM, 527, A: «_Flaminio da Stabbia Orsino cognato dello Strozzi._»

SOZZINI, _Guerra di Siena_, nell'ARCH. ST. IT., 1812, II, 94, 126, 592:
Sempre: «_Flaminio della Stabbia._»

ANTONIO DI MONTALVO, _Relazione della guerra di Siena, tradotta dallo
spagnolo da don Garzia suo figlio, e pubblicata dal_ RICCOMANNI
GROTTANELLI, etc. in-8. _con documenti e prefazioni_ del BANCHI, in-8.
Torino, 1863, p. 24: «_Inviò il capitano Flaminio dell'Anguillara,
soldato vecchio, coll'ordine e modo che doveva tenere Santaccio._»

Così il Bosio, il Cirni, il Nores, il Campana, il Roseo, il Tuano, e più
altri che citerò appresso.

[409] NORES cit., 70: «_Si diede la cura di Civitavecchia e delle galere
a Flaminio Orsino da Stabbia, stretto parente di Pietro Strozzi._»
Invece di Civitavecchia si legge Città di Castello per errore di
copisti, chè non potevano trovarsi galèe sui monti Tifernati.

BOSIO cit., 376, E: «_Paolo IV guerreggiando col duca d'Alba, aveva
dodici galere.... quattro delle quali erano di Pietro Strozzi._»

IDEM, 411, C: «_Galere della Chiesa a carico del signor Flaminio
Orsini._»

ADRIANI, 534, E: «_A Flaminio da Stabbia Orsino il governo di
Civitavecchia, et delle galere che avevano._»

[410] DOCUMENTI raccolti da Scipione Volpicella e pubblicati
nell'_Appendice_ alla Storia del Nores, ARCH. STOR. IT. cit., XII, 385:
«_Le quali galere si fermino qui nel porto di Civitavecchia.... quelle
del maresciallo Strozzi col capitan Moretto, e le altre notate qui
appresso.... Monsignor di Sciarluz con due galere, Baccio Martelli con
due galere, capitan Cabazolles con una galera, le due di monsignor
Daramon, il conte da Fiesco con due galere._» Del FOUROUX si vedrà
avanti.

M. GIO. DELLA CASA, _Lettere a nome del card. Caraffa_, tra le Opere del
medesimo, in-4. Napoli, 1733, V, 98: «_Al cardinal di Lorena: di Roma, 6
febbraio 1556. — Sarebbe bene che S. M. Cristianissima mandasse almeno
dodici galere delle sue a Civitavecchia, la qual cosa ci pare molto
necessaria; e supplico Vostra Signoria Illma. e Rma. che
vengano le galere del maresciallo Strozzi, e del capitano Moretto, e le
altre che sono scritte nella lista._» Segue la lista come sopra, che può
ridursi così:

  Galere del capitano Alamanni     2
     »   del maresciallo Strozzi   4
     »   dello Sciarluz            2
     »   di Baccio Martelli        2
     »   del capitano Cabazolles   1
     »   del Daramon               2
     »   del conte da Fiesco       2
                                  ——
                                  15

[411] DOCUMENTI _nuovi e illustrazioni sulla Congiura dei Fieschi_,
pubblicati da L. T. BELGRANO, nel volume VIII, fascicolo II, _Atti della
Società Ligure di storia patria_: «_La causa di Scipione Fieschi pei
feudi paterni._» Molte notizie di esso Scipione per questi tempi.

[412] DOCUM., cit. qui sopra, I, 130, e più 64, 132.

[413] VASARI e DOCUM., cit. qui sopra, I, 136.

[414] ADRIANI cit., 548 A: «_Havendo nel lungo spazio Flaminio Orsino
molto bene guernita Civitavecchia._»

IDEM, 546, F: «_Piero Strozzi andò a visitare Civitavecchia, e le
fortificazioni che a sicurtà vi aveva fatte Flaminio Orsino._»

AVVISI di Roma. Cod. Urbinate alla Vaticana, 1039, fol. 160: «_Di Roma
ha mandato N. 5 guastadori a Civitavecchia, a riparare le fortificazioni
che già fece Paolo IV._»



[Marzo-agosto 1556.]

IV. — Maggiori apparecchi faceansi in Roma, dove si erano raccolti tutti
gli esuli di Napoli e tutti i fuorusciti di Toscana. Primo di autorità
nei consigli Silvestro Aldobrandini, padre di quell'Ippolito che poi fu
papa Clemente VIII: primo di comando nelle esecuzioni Piero Strozzi,
figlio di quel Filippo, cui toccò l'eccesso di lasciarsi morire anzi che
essere straziato dal carnefice di Cosimo. Con questi consentivano tutti
i nemici dell'Austria, dei Medici e dei Colonnesi; come dire gli Orsini,
Torquato Conti, Ascanio della Cornia prima che mutasse bandiera, Adriano
Baglioni, Matteo Stendardo, Baldassarre Rangoni, il conte Brunoro
Campeschi da Forlimpopoli, Giulio Vitelli, Giovanni Guasgoni, Tommaso da
Camerino, Lorenzo da Perugia, Giulio Cesare Brancaccio da Napoli, il
duca di Somma, Alessandro Colonna, il capitan Mario Particappa, Prospero
Boccapaduli, il Rucellai, il celebre della Casa, e tanti altri[416].

Fin dal principio il cardinal Caraffa aveva comandato che si
descrivessero nei ruoli tutti i Romani atti alle armi, e si ordinassero
in compagnie e legioni, assegnata a ciascuno la posta di convegno. Si
trovarono alla mostra, sotto gli occhi di Paolo IV, ottomila uomini ben
armati: e prima quei del rione di Ponte, più numerosi di ogni altro, in
una legione alla guardia del Campidoglio, ed alla riscossa dovunque
sarebbe maggiore il bisogno. Degli altri rioni a quattro a quattro si
formarono tre legioni: la prima in battaglia sulla piazza di Termini, la
seconda sulla piazza del Laterano, la terza al Circo Massimo: tre punti
spaziosi e strategici per soccorrere prestamente tutto il perimetro
delle mura cistiberine, quando si tentasse invasione da quelle parti, o
balenassero i difensori della prima linea. Alle porte e alle muraglie i
soldati e i capitani distribuiti così: dal Popolo alle alture del
Pincio, monsù di Lanzac con mille Guasgoni; dalla porta Salaria alla
Nomentana (non ancora Pia), il duca di Paliano con mille Tedeschi; dalla
Tiburtina alla Maggiore ed oltre, Paologiordano Orsini con sei compagnie
di Italiani, in tutto millecinquecento uomini; dalla Latina all'Appia il
cardinal Carlo Caraffa con mille parimente Italiani; e finalmente
all'Ostiense il Montluc con cinquecento Francesi. In tutto per le mura
cinquemila soldati, ed ottomila per la città.

Di più distaccati per diverse guarnigioni, altri dumila in Paliano,
millecinquecento in Velletri, quattrocento in Tivoli, e un altro
migliajo in piccole bande pei luoghi prossimi al confine[417]. Arrogi un
corpo di settecento cavalleggeri, divisi in quattro compagnie a carico
dei capitani che aveanle formate, così per ordine di nomi, Giulio
Vitelli, Baldassarre Rangoni, il conte Brunoro e Matteo Stendardo.

In questa occasione comparve per la prima volta in Roma quella milizia
speciale che ha poscia continuato fino ai nostri tempi col nome di
Guardia nobile: conciossiachè agli otto di dicembre del cinquantacinque,
nella cappella, Paolo IV creò cavalieri cento gentiluomini romani, e a
loro commise la guardia della persona sua. Assegnò loro le stanze in
palazzo; e stabilì che, ripartiti in dieci decurie sotto altrettanti
ufficiali, non si allontanassero mai dall'anticamera, secondo il turno
della guardia; e tutti insieme a cavallo dovessero accompagnarlo quando
gli convenisse uscire solennemente in pubblico[418].

Le compagnie assoldate e le milizie cittadine che rondavano notte e
giorno per le mura vedeansi queste innanzi presso a poco come adesso le
vediam noi: cioè alla sinistra del Tevere la cinta Aureliana, più i due
famosi baluardi del Sangallo sulla via Appia e sull'Aventino; ed alla
destra la cinta bastionata di Borgo imbastita dal Castriotto, e i
baluardi di santo Spirito murati dal Sangallo. Al castello Santangelo
finalmente la necessità di questi giorni aggiunse il terzo recinto in
forma di pentagono bastionato, secondo certi disegni anteriori di mezzo
secolo, messi su alla meglio in quindici giorni da Camillo Orsini. Esso
col figlio, alla testa degli ingegneri, dirigeva il compimento dei
lavori di terra, e dava mano alle tagliate in città, e alla difesa dei
ponti sul Tevere per assicurare il possesso di Borgo, dove grossa mano
di soldati e di trasteverini stavano di presidio.

NOTE:

[415] MARCUBALDO BICCI, _Notizie della famiglia Boccapaduli_, in-4.
Roma, 1762, p. 112: «_Prospero Boccapaduli, commissario di Castel
Santangelo, doveva fornire le galere e fortezze di Civitavecchia._»

[416] NORES cit., 43, e 137.

ADRIANI cit., 545, B.

MARCUBALDO BICCI cit., p. 107, not. in fin.: «_Mario Particappa._»
Famiglia ricordata altresì nel _M. A. C._

ARISTIDE SALA, _Le lettere di san Carlo Borromeo_, in-8. Milano, III,
1861, e ARCH. ST. IT., 1863, p. 108: «_Guasgoni._»

[417] NORES cit., 137.



[1 settembre 1556.]

V. — Mentre in tanto gran fare erano i Romani occupati, don Fernando
Alvarez di Toledo, duca d'Alba, famosissimo nelle storie di questi
tempi, era giunto in Napoli mandatovi dal re Filippo col titolo di suo
Vicario generale, e con autorità sopra tutti gli altri ministri,
capitani e soldati di Spagna in Italia. Figurate nella mente un uomo
adusto, duro, lungo, allampanato, tutto d'un pezzo; lunga e stretta la
fronte, e più lungo il ciuffotto rittovi in mezzo, lungo il sopracciglio
e lontano dall'occhio grifagno e fiero, lungo il naso, strette le
labbra, contorti i mustacchi, e un lungo pizzo di barba disteso pel
lunghissimo collo infino al petto: vestitene le ossa e i muscoli
induriti con maglia e piastra di ferro, e avrete il ritratto del duca
d'Alba come fu scolpito dal Lioni, e come fu dipinto da Tiziano[419].

Vuolsi chiamare eccellente (sotto l'aspetto militare) il piano di guerra
di cotesto Duca: prevenire, anzi che esser prevenuto; guerreggiare
sull'altrui, anzi che sul proprio; attaccare all'improvviso, senza
chiedere licenza; dar dentro, prima che giugnessero di maggiori
rinforzi; circuir Roma, affamare la plebe, suscitare tumulti nella
città, ridurre Paolo in Castello, e quivi alle strette costringerlo a
capitolare. Con questo divisamento il primo giorno di settembre passò il
confine, guidando dodicimila fanti e quasi dumila cavalli. Occupò di
slancio Pontecorvo, Terracina, Frosinone, Anagni; e sottomise la
provincia di Campagna, donde prese nome la guerra. Tutto a seconda da
quella parte. Non così dalla parte del mare, dove io principalmente
riguardo.

[14 settembre 1556.]

Considerata l'importanza del porto di Civitavecchia a volere isolar
Roma; e non potendovi il Duca mettere assedio, tanto lontano dalla sua
base d'operazione, pensò occuparla per sorpresa. A tal fine s'intese con
Cosimo di Toscana: il quale, perchè sudava freddo al nome di Piero
Strozzi, di Silvestro Aldobrandini, e di quegli altri che facevano
quartier generale in Roma, udì volentieri la richiesta dello Spagnuolo,
e mandò tremila fanti toscani a Portercole, apparentemente per guardare
il confine, in realtà per dargli mano[420]. Al tempo stesso don Fernando
chiamava di Lombardia e di Piemonte altri seimila tra Spagnuoli e
Alemanni, ordinando loro di imbarcarsi alla Spezia, di venire a
Portercole, e concorrendo insieme da mare e da terra Spagnuoli, Tedeschi
e Toscani, dar sopra Civitavecchia e impadronirsene. Se non che la
tardanza dei primi, la mala paga dei secondi, la perplessità degli
ultimi, e più di tutto la diligenza del capitan Flaminio, fecero cadere
la trama. Flaminio in pochi giorni avea già compiuti due viaggi da
Marsiglia a Civitavecchia, portando gente in ajuto di Paolo; e si
trovava con molti rinforzi di soldati, di marinari, e di provvisioni in
punto di combattere, non solo per la difesa della piazza, ma anche per
l'offesa de' nemici, se mai si fossero arditi venire da ponente. La sua
diligenza tolse loro ogni speranza: e per quanto durò la guerra, tenne
sicura da questa parte la capitale[421]. Non fa bisogno ripetere come in
tutte le fazioni della guerra a favore degli Spagnuoli gagliardamente si
adoperassero colle armi i signori Colonnesi, massime quel giovane
Marcantonio, il cui nome doveva poscia divenire celeberrimo. Io non ho
mai preso a scrivere per intiero la sua vita, ma solo gli egregi fatti
suoi contro i Turchi alla guerra di Cipro e alla battaglia di Lepanto.
Quanto ai privati dissidî di famiglia e quanto alle guerre intestine,
compiango lui ed ogni altro nei tristi tempi costretti da misero e
funesto fato; e lascio che ne dicano con documenti di gran rilievo i
moderni guardiani dell'archivio, senza entrare io in questo campo, che
del resto non tocca la marina. Bastami ora Flaminio Orsini a sfatare da
questa parte le molestie dei nemici.

NOTE:

[418] NORES cit., 43. Quasi colle stesse parole.

[419] VASARI, ediz. Le Monnier, XIII, 113: «_Ha fatto Lione al duca
d'Alva la testa di lui, quella di Carlo V, e quella del re Filippo._»
Nota, ivi: «_Questi tre busti si vedono tuttavia nel palazzo del duca
d'Alba posti sopra piedistalli colle loro iscrizioni._»

IDEM, Vita di Tiziano, p. 38.

WILLIAM H. PRESCOTT, _History of the reign of Philip the second, King of
Spain_, in-8. Boston, 1856, II, 277: «_Engraving of the duke of Alva,
from the original by Titian in the possession of his excellency the duke
of Alva in Madrid._»

[420] ADRIANI, 539, C: «_Il duca d'Alva.... mille cinquecento Spagnoli,
quattromila Alemanni, e tremila fanti toscani.... chiamava, stimando
poter correre alle porte di Roma, e forse da Portercole a
Civitavecchia._»

IDEM, 544, F: «_Le genti di Lombardia, Spagnoli e Tedeschi, imbarcandosi
alla Spezia e ponendosi a Portercole pigliassero Corneto e
Civitavecchia._»

IDEM, 546: «_Conoscevano i capi della guerra in Roma il disegno del duca
d'Alba.... Tevere, Ostia, e forse combattere Civitavecchia._»



[2 ottobre 1556.]

VI. — Non successe lo stesso a Nettuno, donde i Romani ebbero a patire
gran travaglio. Nettuno, patria del Segneri, è una grossa terra sulla
riva del mare a quaranta miglia da Roma, abitata da bella e brava gente,
tenace degli antichi costumi; e tanto nel tratto, nelle vesti, nella
figura, e in ogni altra cosa singolare, che alcuni le vorrebbero
attribuire l'origine araba[422]. Posta di mezzo tra la punta di Astura e
il capo d'Anzio, nel fondo di un golfo arenoso, tornava di grande
comodità al rifugio ed al riposo delle piccole barche da traffico e da
presa, nell'andare e venire a Roma da Napoli e da Gaeta: tanto più che
la città di Anzio da più secoli distrutta, e il porto Neroniano anche
prima interrito, non potevano nè render servizio, nè richiamare
l'attenzione di nemici o di amici. I Colonnesi possedevano Nettuno in
feudo, ma non lo avevano ancora fortificato alla moderna: soltanto il
duca Valentino al principio del secolo decimosesto, impadronitosi della
terra, erasi pur dato gran cura di aggiungere alla antica cinta di
cortine e di torri quella bellissima fortezzina, che, per essere uno dei
più insigni monumenti dell'arte primitiva, sarà da me a suo tempo
largamente descritta[423]. Insomma tanto amore i Colonnesi portavano a
Nettuno, quanto gli Orsini a Palo. Le due grandi casate romane, di qua e
di là dalla capitale, quasi ad uguale distanza, si appoggiavano sul
mare; dove le due famiglie per diverse strade riducevansi a diporto, e
dove i giovani dell'una e dell'altra si addestravano nei rudimenti
dell'arte marinaresca. Da quelle rive scoccarono le prime scintille che
dovevano accendere il genio di Marcantonio e di Fabrizio Colonna, di
Virginio e di Flaminio Orsini, celebri tra i capitani del mare nel
secolo decimosesto.

E perchè ho chiamati a rassegna questi signori mi è necessaria una breve
fermata con loro per istabilire insieme con certezza alcuni fatti del
nostro proposito, che non potrebbero trovare altrove luogo conveniente;
e pur vogliono essere presentati ai lettori prima che ci avanziamo per
le acque di Lepanto. Nel mezzo al secolo decimosesto cinque famiglie
delle romane possedevano e navigavano bastimenti militari di loro
privata proprietà: gli Orsini, i Farnesi, gli Sforza, i Colonna e i
Vaccari. Dei tre primi ho largamente trattato nei libri precedenti, e mi
continuerò infine alla fine di questo volume[424]. Degli altri due vuo'
dire adesso come seguirono il costume dei grandi in Italia di correre il
mare per conto proprio contro i pirati e contro i turchi; e di mettersi
alla condotta dei principi maggiori alle occorrenze delle spedizioni
generali. Per questo crebbero di potenza e di ricchezza in Genova i
Doria, i Grimaldi, gl'Imperiali, i Centurioni: per questo gli Strozzi e
i Martelli in Toscana, i Cicala e i Terranova in Sicilia, gli Spinelli,
i Brancacci e gli Staiti in Napoli, ed altri in più parti.

Trovandosi in Roma ai sommi onori il conte Federigo Borromèo, nipote di
Pio IV, e volendo il duca Cosimo di Toscana ingraziarsi con lui e cogli
altri della famiglia, pensò nell'anno sessantuno donare al Conte due
corpi di galere ignudi, come dire due scafi nuovi senza corredo e senza
armamento. Di che sapendo il Pontefice quanto bene metterebbegli
l'apparecchiarli alla difesa della spiaggia, alla sicurezza di Roma ed
ai servigi della curia, con suo chirografo diretto al tesoriere generale
Mr. Matteo Minali ordinò le provvisioni di compiuto fornimento pei
medesimi nel porto di Civitavecchia; e di più la costruzione o la compra
di altri otto, da formarne giusta squadra per ogni occorrenza[425].
L'anno appresso con lettera di motoproprio, ricordato pur lodevolmente
il dono di Cosimo al conte Federigo, gliene aggiunse altri tre del suo
per donazione spontanea, da valere in perpetuo a favore del medesimo e
degli eredi. Pel qual titolo (essendo morto proprio nel novembre
dell'anno medesimo il giovane Conte) le cinque galere passarono in
proprietà del fratello, cioè del venerato cardinal Carlo; cui il
Pontefice, con altre lettere specialissime, ne confermò il possesso.
Qualche tempo le tenne il Cardinale sotto il governo di Niccolò
Lomellino in continui viaggi a Napoli, a Genova, a Barcellona, dovunque
meglio tornasse nei servigî di Roma e di Madrid: ma presto tediato dei
fastidî che gli davano coteste faccende, prese il partito di venderle a
Marcantonio Colonna, rientrato in grazia, rimesso nei feudi, e divenuto
alleato della papale famiglia per gli sponsali di don Fabrizio suo
primogenito colla contessina donn'Anna Borromèa, sorella del
Cardinale[426]. Il trattato di compra e vendita tra le due famiglie,
proposto e discusso nel sessantatrè, ebbe compimento il primo di gennajo
dell'anno seguente per gli atti di Alessandro Pellegrini secretario e
cancelliero della Camera, sì come altrove ne ho detto in compendio[427].

L'istrumento esprime tre galere, nominate la Capitana, la Padrona e la
Borromèa, pel prezzo di trentasei mila scudi d'oro, e aggiugne in lingua
volgare gli inventarî e le perizie[428]. Appresso l'archivio Colonna in
più volumi ricorda le spese, i soldi, i viaggi delle galere medesime e
del signor Marcantonio con esse[429]. Il quale al terzo dei suoi
bastimenti mutò il nome, disselo la Fenice, posevi per luogotenente
Giorgio Grimaldi, e raccolse una squadra di sette galere, aggiugnendo
alle tre predette le altre quattro che governava in società coi
Lomellini il capitano Vincenzo Vaccari di Roma. Il nome dei Vaccari, le
case, l'arco, le lapidi e le parentele coi grandi della città, sono
notissime[430].

Quando dalla necessità mi trovo costretto alle digressioni, sempre temo
che possano parere inutili o tornare nojose a coloro, cui piace
trascorrere avanti senza mai restare: per ciò me ne guardo il più che
posso. Ma la speciale condizione dell'argomento mio, non mai trattato da
altri, e il gran difetto di storia nel nostro paese, di che tanto pur si
doleva il Tiraboschi[431], mi fanno violenza talvolta, e mi conducono ad
allargarmi: perchè non avendo nè che supporre già noto, nè a chi
rimettere il lettore, mi è pur mestieri far tutto da me; trovare le
notizie, dimostrarne la verità, raccogliere gli accessorî, incarnare il
racconto e colorirlo. Per esempio, e tutto del caso nostro, a proposito
di Marcantonio Colonna, un cotale, che avrebbe pur dovuto per la sua
professione insegnarne a me ed agli altri, pieno di dubbî, proponea
l'ombroso quesito, chiedendomi come e dove mai avesse potuto quel romano
campione tanto apprendere di marineria da vincere gl'invincibili Turchi
a Lepanto. La quale paurosa domanda, avvegnachè di ordine secondario, se
io lasciassi correre senza risposta, mi troverei nel subbietto
principale della mia storia così menomato da non poter sostenere la più
bella e gloriosa giornata della nostra marina. Perciò ora a lui ed ai
suoi pari, ricordando le costumanze del secolo decimosesto, posso dire
presto e bene che Marcantonio Colonna col suo gran senno infin da
fanciullo in Nettuno e negli altri feudi marittimi di casa sua apprese
il mestiero, e da giovane colle galere sue proprie per l'ampiezza dei
mari lo esercitò.

In fatti trattandosi l'anno medesimo dal re di Spagna di ricuperare la
importantissima fortezza del Pegnone in Africa, perduta da don Narciso,
quando si fece ammazzare dai ciurmadori arabi sui fornelli
dell'alchimia, corrispose tra i primi il signor Marcantonio con le sette
galere. Esso di persona le condusse a Malaga, dove era intimata la
raunanza di tutte le forze marittime: e sarebbe passato al Pegnone, se
le altrui gelosie non avessero impedito il carico proporzionato alla sua
grandezza[432]. Andarono nondimeno in Africa le sette galere della sua
squadra col Grimaldi e col Vaccari[433]: ed ebbero il merito di
ricuperare quel baluardo avanzato della cristianità, pel quale tanto
salirono le lodi del vincitore, quanto era stato grande il merito dei
concorrenti[434]. Grato il re Filippo, ne scrisse la sua soddisfazione
al Colonna; e in premio gli concesse la tratta libera dei frumenti dal
Regno, pel sostentamento della sua squadra[435]. Ma crescendogli gravose
attorno le altrui gelosie, ed alcune differenze pur col Grimaldi,
Marcantonio piegossi alle istanze del duca di Firenze che desiderava
comprare quegli eccellenti bastimenti per l'Ordine di santo Stefano da
lui istituito. Caratate adunque e rivedute dai periti le due che
restavano di libera proprietà alla casa Colonna per cura e diligenza del
possessore salirono di prezzo infino a venticinque mila fiorini d'oro, e
il dì tredici di marzo del 1565 furono consegnate nel porto di
Civitavecchia ai ministri del duca di Toscana[436]. Del giovane Federigo
Colonna, del cavalier Papirio Bussi, del nobile Lorenzo Castellani, e di
altrettali romani, che nei tempi successivi la patria e sè stessi
onorarono di belle imprese coi loro navigli, avrò luogo opportuno a
discorrere altrove. Ora fermiamci pel mese d'ottobre del cinquantasei a
Nettuno.

NOTE:

[421] NORES, 124: «_Nel fervore dei moti.... fu molto opportuno l'arrivo
del card. Caraffa, che giunse, in quei giorni con millecinquecento
Guasconi, che vi condusse sopra le galere._»

ADRIANI, 539, B: «_Et a Civitavecchia erano un'altra volta tornate le
galere con nuova gente._»

[422] ALEXANDRO DE ANDREA (napolitano), _De la guerra de Campana en el
ponteficado de Paulo IV, tres libros_ in-4. Madrid, 1589, p. 67:
«_Neptuno poco años antes poblado de Moros, y oy dia (si no es en la
religion) se les parescen hombres y mugeres en el trage, en los adereços
de las casas, y en el vivir familiar._»

TASSONI, _La secchia rapita_, X, 24:

    «_Le donne di Nettun vedo sul lido_
    _In gonna rossa e col turbante in testa._»

[423] JOANNES BLAEVIUS, _Theatrum civitatum et admirandorum Italiae, ad
ævi veteris et præsentis faciem expressum_, gr. in-fol. figur.
Amsterdam, 1662 (Bibl. Casanat. K., I, 14, in CC), 149: «_Neptunum._»
Gran tavola.

PIANTE di Nettuno e del fortino, rilevate dagli ufficiali del genio, e
copie presso di me.

[424] DOCUMENTI intorno alle galèe comprate e vendute dagli Orsini, dai
Farnesi e dagli Sforza, qui prodotti, vol. II, pagine 122, 132, 139,
151, 350.

[425] TOMMASO COSTO, _Storie napolitane_, in-4. Venezia, 1613, II, 401:
«_Fu questo conte Federigo eletto dal Papa generale delle galere di
Santa Chiesa; e volendo giugnere maggior numero a quelle che aveva,
diede ordine con volontà del Re che in Napoli per ora se ne facessero
quattro._»

[426] ARCH. della famiglia, e notizie ulteriori per unica cortesia
dell'ab. Pressutti archivista moderno.

[427] P. A. G., _Marcantonio Colonna alla battaglia di Lepanto_, 1862,
p. 12.

[428] INSTRUMENTUM _quo illmus et rmus dmus Carolus, tituli
Sancti Martini in Montibus, cardinalis Borromæus nuncupatus vendidit
dno Marco Antonio Columnæ, baroni romano, Toleacotii duci, etc, etc,
tres triremes cum omnibus armis, armamentis, sclavis, etc, etc. — Actum
Romæ die primo januarii mdlxiv. — Rog. Alexander Pellegrini_, not. A.C.»

[429] ARCHIVIO COLONNA, _Armata navale_, III, 176, 269, 270, 273.

ITEM, IV, per tutto.

ITEM, Codice segnato 150, col titolo: «_Libro pertinente al negozio
delle galere comprate dal signor don Marcantonio l'anno 1564 del
cardinal Borromeo._»

[430] FRANCESCO M. TORRIGIO, _La chiesa di Santa Caterina in Borgo_,
in-4. Roma, 1645, p. 30: «_Casa Vaccari romana del rione di Sant'Angelo,
ed Arco dei Vaccari alla catena di Piscinula._»

ALOYSIUS GALLETTI, _Inscriptiones romanæ_, in-4. Roma, 1769, class.
VIII, n. 60: «_Duos de domo Vaccaria Urbis Romæ, ubi extat etiam nunc
arcus nomine_ dei Vaccari _prope sanctum Angelum in foro piscium._» et
alibi: «_Domina Matthea Vaccaria, uxor Colutii de Capizucchis._»

[431] GIROLAMO TIRABOSCHI, _Storia della letteratura italiana_, in-4.
Roma, 1784, VII, ii, 356: «_Le vicende di Roma debbonsi ricercare o
nelle storie dei Papi o nelle storie generali d'Italia, poichè quanto è
grande il numero degli scrittori che presero a farci la descrizione dei
monumenti e delle cose più memorabili che ivi si conservano, altrettanto
è scarso il numero degli storici; anzi io non so di alcuno che abbia
preso a formare una storia moderna particolare di questa alma città._»
Così infino a oggi stiamo di originale storia di Roma nella letteratura
italiana.

[432] ARCHIVIO COLONNA, Codice 150 cit.: «_Spese e viaggi del signor
Marcantonio colle sue galere nel_ 1564:

  »16 _luglio a Genova_.
  »22 _luglio a Villafranca_.
  »27 _agosto, domenica, a Malaga_.»

[433] BOSIO cit., III, 482, fine: «_Si trovarono all'armata sette galere
di Marcantonio Colonna, comandate da Giorgio Grimaldi, comprese le
quattro che stavano a carico di Giorgio_ (Cencio: che tutti Giorgi?)
_Vaccari._»

THUANUS, Histor., in-fol. Londra, 1733, lib. 36, n. 32, vol. II, p. 411:
«_Erant in classe centum quinquaginta naves.... tres Marci Antonii
Colomnæ duce Georgio Grimaldio, et quatuor Nicolai et Augustini
Lomellinorum, quas ducebat Vincentius Vaccarius._»

ANTON FRANCESCO CIRNI, _Commentarî, nei quali si descrive la guerra
ultima e l'impresa del Pignone_, in-4. Roma, 1567, p. 15 e 19: «_Eravi
Pietrantonio Lonato luogotenente delle galere del card. Borromèo_ (già
comprate da M. A. C.) _con le quattro dei Lomellini a carico di Vincenzo
Vaccari sotto a quello stendardo.... con tre di Marcantonio Colonna,
duca di Tagliacozzo et quattro di Niccolò e Agostino Lomellini governate
da Vincenzo Vaccari._»

[434] MARIANA, _Historia de Espanna_, in-fol. Madrid, 1678, II, 361.

CAMPANA, _Vita di Filippo II_, all'anno 1564.

[435] ARCHIVIO COLONN., _Armata navale_, Lettera del re Filippo, III,
269.



[12 ottobre 1556.]

VII. — Quando la casa Colonna fin dai primi rumori di questa guerra si
fu dichiarata in favore della Spagna, papa Paolo le tolse il ducato di
Paliano, la privò di ogni altro feudo, e fece occupare Nettuno dalle sue
genti. Ma non avendo i Caraffeschi messo nel castello più di una ventina
di soldati, atti bensì a difenderlo dalle soppiatte insidie di qualche
fusta barbaresca, ma non a sostenerlo dagli assalimenti di grosso
esercito condotto scopertamente dal duca d'Alba, all'avvicinarsi degli
Spagnuoli, i Nettunesi per vedersi poco sicuri con quel misero presidio,
ed anche per l'affezione che nudrivano vivissima all'antico Signore,
cacciarono via quei pochi soldati, e chiamarono casa Colonna. Di che
lietissimo il duca d'Alba si congratulò con quei cittadini, e mandò loro
in ajuto di grandissima prestezza con cencinquanta fanti il Moretto
Calabrese, capitano sovente ricordato pel suo valore in questi tempi, e
diverso dal Moretto Nizzardo che stava al comando di una galèa in
Civitavecchia. Il Calabrese per via mise in rotta alcuni soldati di
Velletri che marciavano per ricuperare Nettuno, e senza altro contrasto
entrò nella terra, e vi si stabilì con tanta fermezza, che il Duca
trasportovvi la base secondaria delle operazioni sue, finchè si
trattenne campeggiando per quelle spiagge. Là raccolse le barche del
contorno, e là fece venire da Gaeta quelle che si erano costruite a
disegno per gittare i ponti sul Tevere: barche di solida ossatura
aggarbate a un modo simile di poppa e di prua, lunghe di nove metri e
larghe di tre[437]. Oltracciò pose in Nettuno il deposito delle
provvigioni per sostentamento dell'esercito; e lasciò il Moretto colla
sua compagnia a custodire la piazza, i magazzini, i ponti e il castello.

[20 ottobre 1556.]

Per queste stesse ragioni i Caraffeschi vollero provarsi alla riscossa.
E senza tener conto dei proprî capitani e navigli, ne dettero il carico
al baron della Garde, che era in Civitavecchia con cinque galere di
Francia. Costui prosuntuoso al solito, e poco pratico della spiaggia
romana, si presentò a Nettuno, fece baldorie, trasse cannonate. Ma il
Moretto, i Calabresi e i terrazzani tennero duro, e risposero fieri;
tanto che fin dal principio gli tolsero la speranza di pigliare la
terra[438]. Provossi appresso di bruciare le barche, e fu lo stesso. I
Nettunesi eransele tirale sotto al castello: e avendole rinchiuse dentro
uno steccato con certa catena di botti piene di acqua, teneanle sicure
dalle galèe nemiche per mancamento di fondo, e dagli schifi per
abbondanza di archibugiate. Niuno dice che il Barone abbia messo
artiglieria sulla prua de' palischermi suoi, niuno che abbia lanciato
nel mandracchio barche di fuoco, niuno che siasi gittato all'assalto per
terra o per mare: tutti al contrario ripetono la scusa del tempo
cattivo, pel quale non potendosi sostenere alla spiaggia, pensò di
ritirarsene, senza aver fatto nulla. Anzi dette occasione al Duca di
mandarci artiglierie grosse, che prima non v'erano; e di fortificarsi
maggiormente, e di assicurarsene meglio per ogni evento futuro[439].

NOTE:

[436] ARCHIVIO cit.

[437] DE ANDREA cit., 64: «_A Neptuno enviò a traer la puente de barcos
para echar sobre el rio Tybre. Componese esta puente de muchos barcos,
que no tienen diferencia de popa o de proa. Cada barco de largo
treintaseis palmos, y de ancho doze._»

[438] BLAISE DE MONTLUC, maréchal de France, _Commentaires, où sont
decrits les combats, rencontres, batailles, sièges, et autres faits de
guerre signales, où il s'est trouvez, depuis l'an. 1521, jusque au
1572_, in-fol. Bordò, 1592, p. 122.



[23 ottobre 1556.]

VIII. — Dopo questi primi procedimenti il Duca, seguendo il filo dei
suoi disegni, ordinò la mossa del campo verso Ostia, desideroso di
chiudere con quell'acquisto la navigazione del Tevere, e di stringere
sempre più da vicino la città di Roma.

Il Tevere tre miglia sopra la foce si divide in due rami: l'uno
artificiale alla destra, oggidì navigabile, stava allora inutil corso
d'acqua magra, e tutto ingombro di canne palustri e di rottami; l'altro
naturale alla sinistra, oggidì abbandonato a sè stesso, serviva allora
per la navigazione delle barche dal mare a Roma; e tra i due rami del
fiume e la spiaggia marina quella sabbiosa isola nel mezzo, che formata
dai continui interrimenti, e ricoperta di cardoni, di porracci e di
ginepri, dal tempo di Claudio infino al presente sempre crescendo,
mantiene tuttavia l'antico nome di isola Sacra. La città di Ostia
(reale, repubblicana, imperiale e papale) sempre avete a cercare fuori
dell'isola, ed alla sinistra del maggior tronco del Tevere; il quale
seguendo l'antico letto e il primitivo cubito le bagnava le mura dal
lato occidentale, ed entrava nei fossi delle sue fortificazioni: luogo
scaduto dal pristino splendore, ridotto ad alquante case di povera
gente, e chiuso da debole muraglia quadrata dei bassi tempi. Ma quanto
fiacca la città, tanto troverete forte la rôcca, edificata da Giuliano
di Sangallo nel 1483, come più volte ho detto[440]. Ora basterà
ricordarne le principali condizioni. Mettetevi innanzi la figura di
triangolo scaleno, la base verso il mare munita di due torrioni rotondi,
e il vertice a borea verso terra difeso da un baluardo, che è il primo
tra tutti i modelli dell'arte nuova, con due fianchi rettilinei a
guardia delle due cortine di ponente e di levante. Muraglia soda di
mattoni e calcina, grossa di cinque metri; ampio fossato pieno di acqua,
e in comunicazione immediata col Tevere; batterie medie, alte e basse; e
un compiuto sistema di casematte, legate da corridoj per tutto il giro
del perimetro. Cosa in vero bellissima e degna dei grandi artisti del
Risorgimento.

Già prima il cardinal Caraffa aveva mandato lo stesso baron della Garde
a rivedere le fortificazioni della spiaggia: e confidando in lui,
credeva che Ostia fosse ben provvista di quanto potesse bisognare in
ogni evento. Ma si trovò deluso[441]. Imperciocchè quantunque di viveri
non difettasse, di corredo al contrario era sfornita tanto da non poter
andare oltre alle prime difese: molti pezzi di artiglieria le erano
stati tolti per adoperarli altrove, il deposito della polvere quasi
vuoto. In somma ogni cosa in confusione, nè il tempo bastò a ripararvi.
Soltanto si potè, volgendosi il Duca a quella parte, mettervi dentro
centoquattordici fanti romani, sotto il comando di Orazio dello Sbirro,
giovane trasteverino di gran cuore, e da voler fare belle prove.[442]
Non trovo altri riscontri di questo capitano, il cui cognome (quantunque
poco armonico) resta tuttavia impresso in una torre sdrucita dell'isola
Sacra, e nella lista dei cavalieri di soccorso all'assedio di
Malta[443]. Quanto al numero dei soldati, tra le solite varianti, seguo
la cifra del Ruscelli, del Campana, e principalmente del De Andrea, che
gli ebbe in fine a contare a uno per uno.

[28 ottobre 1556.]

Il Duca intanto aveva stabilito il modo di farsi avanti con sicurezza,
eliminando le due difficoltà che potevano in qualche modo impedirlo:
l'una che i Caraffeschi preoccupassero l'Isola rimpetto ad Ostia; e di
quivi, quantunque inferiori di numero, trincerati pur dalle ripe e
protetti dalla profondità del fiume, stornassero l'assedio, e forse
anche il costringessero a ritirarsi: l'altra che gli mancassero le
vittuaglie, potendone patire difetto per essere la terra intorno
deserta, e il mare per la qualità della stagione e della spiaggia poco
praticabile. Per rimediare a questo ultimo inconveniente mandò innanzi
Ascanio della Cornia con un corpo di cavalleggeri ad occupare Ardea e
Porcigliano, luoghi ambedue vicini, e sulla linea da Nettuno ad Ostia:
nel primo dei quali fece il deposito delle farine, che traeva da Gaeta e
da Marino; e nell'altro i forni: così che l'esercito, tutto il tempo che
là presso si trattenne, trovossi convenientemente provvisto.

NOTE:

[439] THUANUS, 592.

DE ANDREA, 68.

ADRIANI, 516.

NORES, 142.

PALLAVICINO, II, 86.

CAMPANA, II, 146.

MAMBRINO, III, 529.

[440] P. A. G., _La marina del Medio èvo_, in-8. Firenze, 1871, II, 414,
476.

IDEM, _La Rocca d'Ostia_, dissertaz. letta all'Accademia Arch. in Roma
addì 20 giugno 1860, come agli _Atti della_ med., t. XV, p. CXLI, e 43.

[441] NORES cit., 146: «_Si era il cardinal Caraffa confidato assai
nelle relazioni del baron della Garda.... il quale l'aveva assicurato
che Ostia e Civitavecchia erano fornite.... per far resistenza in ogni
accidente._»

[442] DE ANDREA cit., 73: «_Dentro estava Oracio de lo Sbirro con ciento
y quatorce soldados._»

CAMPANA cit., II, 146, A, fin: «_Era stato inviato con centoventi fanti
forbiti un valoroso giovane Romano chiamato Horatio dello Sbirro._»

NATAL CONTI, 257: «_Caraffa vi mandò Oratio dello Sbirro con cento e
venti soldati sceltissimi._»

MAMBRINO ROSEO, 530: «_Oratio dello Sbirro, valoroso giovane romano con
ottanta soldati._»

NORES, 146: «_Servì mandarvi cencinquanta fanti scelti sotto Orazio
dello Sbirro, romano, giovane ardito, e desideroso di segnalarsi._»

GIROLAMO RUSCELLI, _Precetti della milizia moderna tanto per mare quanto
per terra_, in-4. Venezia, 1568: «_Fanti centoquattordici._»



[4 novembre 1556.]

IX. — Acquistati e fermi questi luoghi, e avendo già di sopra in poter
suo Tivoli, Palombara e Monterotondo, mosse il Duca al primo di novembre
da Grottaferrata; e in due alloggiamenti venne presso il Tevere non
lungi da Ostia. Subito fatto gittare un ponte di barche per mezzo di
Bernardo Buontalenti, ingegnere fiorentino di chiara fama che lo serviva
di macchine e di fortificazioni, occupò di sotto l'Isola: e di sopra per
mezzo di Vespasiano Gonzaga investì la città con un semicerchio di
soldati in catena dall'una all'altra ripa per la sinistra del fiume.
Orazio da sua parte si contrappose a Vespasiano: e volendo animosamente
difendere anche la debole muraglia della città, lo costrinse ad
allargarsi, gli uccise molta gente, e più ne ferì, anche dei principali
condottieri, tra i quali il colonnello d'Abenante e don Mario suo
figliuolo. Il dì seguente sottentrarono con impeto maggiore contro di
lui a rinfrescar la battaglia Francesco della Tolfa e Gianfrancesco
Caraffa: i quali, spintisi infino alla porta Romana, vi appiccarono il
fuoco. Ma trovatala di dentro terrapienata, già erano in procinto di far
venire le artiglierie, quando Orazio, che non doveva inutilmente perdere
quivi la poca sua gente, dopo quattro giorni di bella difesa,
abbandonava la città, e passava con tutti i suoi nella rôcca, alzava i
ponti, e chiudeva il piccolo rivellino. L'assedio di questa rôcca presso
il mare può dirsi il fatto di maggiore importanza nella guerra del primo
anno; però merita essere ricordato coi suoi particolari, come abbiam
sempre fatto in ogni altro caso simile per le nostre piazze marittime.

[8 novembre 1556.]

Il grosso dell'esercito ducale dalla sua parte attendeva ai lavori del
ponte, del campo e delle batterie. Abbasso per trecento metri dalla
rôcca, e nella risvolta del fiume, mettevano il ponte con buoni ormeggi
in acqua e in terra, e forti ridotti alle teste da tenere aperte e
sicure le comunicazioni tra l'isola e il campo. I fanti spagnoli
guernivano le trincere dalla testa del ponte fino alle prime case della
città dalla parte di levante; e da quelle case fino alla riva del Tevere
sopra corrente gli italiani. Le maggiori artiglierie giocavano
dall'isola, rimpetto alla fronte occidentale; e battevano cortina,
faccia, fianchetto e torre corrispondente: sette cannoni rinforzati da
cinquanta, coperti da buoni gabbioni terrapienati, colle bocche sul
ciglio dell'argine, e discosti dalla muraglia per la sola larghezza del
fiume, che non era in quel luogo più di venticinque canne romane, come
dire all'incirca cinquantasei metri[444]. Finalmente la cavalleria in
tre divisioni correva battendo le strade d'ogni intorno, fino alle porte
di Roma.

NOTE:

[443] BOSIO cit., III, 663, col 2ª: «_Venturieri del marchese Rangoni:_

  _»Il capitano Marcello dello Sbirro,_
  _Il capitano Lodovico Santelli romano._»

CINGOLANI, _Topogr.: «L'isola Sacra la Torraccia dello Sbirro._»



[12 novembre 1556.]

X. — Le notizie di queste novità, l'una dopo l'altra rapidamente
succedenti, riportate in città, davano da pensare alla corte ed al
popolo; massime per la memoria ancor fresca in molti dell'altra guerra
cogli Spagnuoli, col Borbone, col sacco, e colle conseguenze: parendo a
molti essersi tirata addosso una simile e forse più pericolosa sciagura.
Però Piero Strozzi, volendo rinfrancare gli animi sbigottiti, uscì fuori
con tremila fanti e trecento cavalli, costeggiando la destra del Tevere
e dell'isola, fino alla foce di Fiumicino. Non già che sperasse con
quelle deboli forze discacciare il Duca o soccorrere Orazio; ma voleva
dare animo a questo e travaglio a quello, mostrandosi vicino e pronto ad
abbracciare ogni partito che se gli potesse presentare.

Roma per questo restò quasi senza presidio di milizie regolari, senza
nervo di cavalleria, e soltanto guardata dalle milizie cittadine. Indi
presero viepiù di baldanza gli stracorridori del Duca, i quali, guidati
da uomini arditi e praticissimi di ogni strada e traghetto intorno alla
capitale, faceansi vedere per le vigne suburbane, e talvolta anche
innanzi ed oltre alle mura infino alla valle dell'Aniene. Di che corse
rischio nella persona l'istesso cardinal Caraffa; il quale pur
dall'altra parte essendo uscito con alcuni gentiluomini e cortigiani a
cavallo, più per ostentazione che per altro, ebbe incontro lungo lo
stradone di sant'Agnese il conte Francescantonio Berardi, capo di ronda
con una squadra di cavalleggieri. Dove correndogli appresso il Berardi a
lancia bassa, e fuggendogli innanzi a tutta briglia il Cardinale,
dierono insieme spettacolo insolito agli occhi dei Romani, spettatori
ansiosi di quella caccia dalle ville, dai terrazzi e dalle mura. Tra le
grida e le esclamazioni di questi e di quelli i due antagonisti, l'uno
dopo l'altro, imboccarono il vicolo della Fontanella (notissimo ai
cavalieri della città), e sempre galoppando per quelle tortuose viuzze,
ebbe fortuna il Cardinale con più freschi e migliori cavalli di
guadagnare la porla Salara, tuttochè incalzato quasi alle groppe
dall'avversario; il quale non dubitò in quell'estremo di poterlo
cogliere sparandogli contro una pistola, presa in fretta dalla fonda
dell'arcione[445].

In somma la guerra era ridotta a corpo a corpo intorno a Roma e sulle
due ripe del Tevere, dove si aveva a decidere la sorte dello Stato, del
Regno e di tutta l'Italia. Sulla destra, da Roma in giù, Piero Strozzi
alla guardia; sulla sinistra, dalla foce in su, il duca d'Alba
all'attacco; e in mezzo a loro la rôcca d'Ostia presa singolarmente di
mira, e Orazio alla difesa.

[16 novembre.]

Dopo quattro giorni di batteria continua con sette pezzi di grosso
calibro, e più di mille tiri, il torrione occidentale cominciava ad
aprirsi, benchè la breccia fosse erta assai e difficile a superare,
essendosi nel battere quasi sempre mirato ad alto, dove aveavi muraglia
men grossa. Nondimeno trovandosi il Duca già presso al finire delle
munizioni dell'artiglieria, e vedendo che Orazio non si lasciava
persuadere nè per le percosse continue dei cannoni, nè per le
suggestioni incessanti di Ascanio della Corgnia, pensò che gli
bisognasse a ogni modo e subito tentare l'assalto. Ondechè mandato don
Alvaro da Costa a riconoscere il passo, e trovata l'acqua del fosso poco
profonda e in gran parte ripiena dai rottami della caduta muraglia; e
questa con più squarci, tra i quali uno largo a sufficienza da salirvi
quattro uomini di fronte, deliberò la fazione per la mattina
seguente[446].

NOTE:

[444] ADRIANI, 547, C: «_Presentò il Duca l'artiglieria alla rôcca....
sei cannoni.... in mezzo il ramo del Tevere.... sessanta passi lontano.
Battè quattro giorni, et li mancarono le palle.... vi fece alquanto di
apertura.... Comandò vi dessero l'assalto._»

NORES, 147: «_Fatta condurre l'artigliarla nell'isola._»

DE ANDREA cit., 73: «_Ripete le misure del fiume e la posizione della
batteria sull'Isola._» — THETI cit., la pianta a p. 132.

[445] NORES, 149: «_Scorrendo il conte Francescantonio Berardi verso
Sant'Agnese, avvertito del cardinal Caraffa da un villano, comandò a'
suoi che il seguitassero, e voltato il vicolo della Fontanella corse
tanto con la lancia bassa che riuscì alla strada di porta Salara, e
trovandosi una pistola alla mano la sparò contro il cardinale._»

DE ANDREA, 74.



[17 nov. 1556. matt.]

XI. — All'alba del diciassette del mese di novembre, giorno di martedì,
Vespasiano Gonzaga con due compagnie di fanti italiani sotto Francesco
Frangipani della Tolfa e Domenico de Massimi di Roma, sostenuti ambedue
da altre cinque compagnie della stessa nazione, si aringarono in colonna
presso la barriera del campo. Avuto il segno dal Duca, si gittarono
precipitosamente all'assalto; intanto che le artiglierie dell'isola
davano un'ultima rifrustata alla rôcca per cacciarne indietro i
difensori. Le due compagnie divorarono la distanza, e i soldati a gara
gli uni degli altri furono nel fosso, tra l'acqua, sui rottami, dentro
l'apertura. Ed ancorchè non ci arrivasse Vespasiano, essendo stato
colpito nel breve tragitto da un'archibugiata che gli rasò le narici e
il labbro superiore, ciò non pertanto quella gente fece ogni possibil
prova per avere l'impresa finita. Ma trovato più dentro che fuori
durissimo il riscontro, bisognò loro tornarsene indietro senza altro
effetto[447]. Essi videro e capirono bene da vicino come e dove stesse
la difficoltà.

Le casematte dabbasso duravano salde, e integra altresì la troniera
inferiore del fianchetto e le risvolte basse dei torrioni, donde i
difensori potevano liberamente giuocare colle artiglierie minute e cogli
archibusoni da posta; oltre alle pietre ed alle pignatte di fuochi
lavorati, che all'occasione sapevano scaraventare dall'alto. Per
converso agli assalitori bisognava camminare ad uno ad uno sopra
l'angusta cresta della controscarpa, posta tra due acque: di qua il
fosso, di là il fiume. Laddove chiunque non era morto dalle archibugiate
o tuffato a trabocco, doveva guadare, ed abbriccarsi colle mani e coi
piedi sulla breccia troppo più alta che non avrebber voluto. Tutto ciò
potrebbesi dir nonnulla in confronto al resto che trovavano a riscontro
di dentro. Perocchè la rottura della muraglia rispondeva all'interno in
una camera a vôlta di mediocre capacità, in fondo alla quale aveva
Orazio con prestezza incredibile fabbricato un altro muro, opposto a
quello che si batteva; e lasciatevi molte feritoje cieche, per le quali
poteva, senza essere offeso, e nè pure veduto, percuotere a man salva
chiunque fossevi entrato. Poteva eziandio dalle basse casematte frustare
e rifrustare ogni altro che entrava, o usciva, o attendeva di fuori.
Tieni a mente, lettore, queste condizioni della difesa. Esse svelano le
ragioni architettoniche della rôcca, ed esse sole possono spiegare
perchè tanta gente, e quasi tutti i capitani vi restarono mal conci,
come vedremo. Vadano le avvertenze sugli errori di Carlo Theti, nella
cui opera si vede incisa a rovescio la pianta della rôcca d'Ostia, ed a
rovescio ugualmente depressa la difesa del Romano[448].

Gl'Italiani adunque, accortisi dell'insidia, si ritirarono, dicendo
inutile superare di fuori il varco e la difficile salita, quando poi
dentro trovavano chiuso il passo dai muri, e aperto tanto fuoco, che
l'entrare in quella camera era come mettersi bestialmente in sepoltura.
Veduto il signor Vespasiano, loro colonnello, sfigurato nel mustaccio;
il capitan Francesco Frangipani sur una gamba sola, uccisi Leone
Mazzacane e Marcello Mormile, più altri ufficiali feriti, e gran numero
di compagni morti, si rimasero. Non fu possibile in quel giorno che
alcuno più gli rimenasse alla prova; se prima, come ragionevolmente
chiedevano, non si ripigliava la batteria contro quei muri opposti di
dentro[449].

NOTE:

[446] PIERO STROZZI, _Lettera al re di Francia data da Camposalino addì
19 novembre 1556_, pubblicata nell'ARCHIV. STOR. IT. cit., XII, 409:
«_Ostia è stata combattuta quattro giorni intieri.... con sette pezzi,
et ci hanno tirato intorno a mille tiri. Il luogo è bello et di
importanza, et si potrebbe fortificare facilmente: ma come era, a fatica
si giudicava potesse resistere a tanto._»

[447] DE ANDREA, 77: «_Los soldados que ivan con Vespasiano mostraron
grande animo.... contra ellos lloviendo come granizo piedras y ollas de
fuego._»

NORES, 150: «_Essendo toccato agli Italiani di Vespasiano di essere i
primi, si spinsero intrepidamente._»

[448] CARLO THETI, _Discorsi delle fortificationi, ove diffusamente si
dimostra quali debbano essere i siti delle fortezze, le forme, i
recinti, fossi, baloardi, castelli, et altre cose a loro appartenenti,
con le figure di esse_, ec. La prima edizione in-4. Roma, 1569, io cito
la Vicentina, in-fol. figurato, 1617, p. 132.

[449] DE ANDREA, 83. — ADRIANI, 547. — NORES, 150.



[17 nov. 1556 mezzodì.]

XII. — In quella eccoti nel mezzo un corpacciuto soldato del Duca andare
attorno pel campo, gridando altamente e ripetendo baldanzoso queste
parole[450]: Avanti, agli Spagnuoli, corpo di Tale! altrimenti la rôcca
non si piglia. Piacendo a don Fernando la jattanza di costui, fece
venire don Alvaro da Costa, colonnello di quella nazione, e gli ordinò
di cavar fuori trecento veterani della sua gente, e di prepararli al
secondo assalto, intanto che si batterebbero alquanto meglio le brecce e
le difese. Facile assunto cimare più e più i merloni della rôcca, ed
anche allargare i labbri della maggiore apertura: ma dal cordone in giù
non si vedeva fessura di un pelo; e la camera interna restava tale e
quale, perchè non rivolta verso la batteria, ma ritirata in fondo alla
gola del baluardo.

Dunque mossero i trecento all'altra prova, giudicata necessaria dal Duca
per la mancanza delle munizioni. Superarono costoro, benchè con morte di
molti, la difficoltà del passo e della salita, e cacciaronsi pur nella
camera: la quale ad arte, non facendosi di dentro alcun movimento, fu
tenuta buja e silenziosa, tanto sol che fosse piena. Allora insieme
all'improvviso bagliore dei lampi una grandine di archibugiate sprizzò
dai pertugî, senza cadere colpo in fallo per la vicinanza e il pieno di
tanta gente; sì che cominciarono quei cotali a pentirsi di essere venuti
tanto oltre, ove non potevano nè difendersi nè ritirarsi. Avanti un muro
massiccio, in faccia archibugiate sonore, e appresso tanti compagni
incalzanti nelle angustie della mortifera caverna, che era impossibile
oramai vederne uscire uno vivo. Laonde il Duca, mosso a compassione, e
cedendo all'arte ed al valore di Orazio, fece sonare a raccolta, e volle
che la seconda colonna si ritirasse, come la prima. Lasciarono
centocinquanta cadaveri addietro, tra i quali l'alfiere di Mardonès, con
diversi ufficiali; e quel che più dolse a tutti l'istesso colonnello don
Alvaro, ferito in una coscia, passò di vita il giorno seguente. Dal
principio alla fine di questo assedio, di ferro, di fuoco, di stento, vi
ebbero fuori di combattimento in Ostia millecinquecento soldati[451].
Dunque alla prova in quella rôcca aveva disegnato e lavorato a dovere,
secondo arte militare, Giuliano da Sangallo.

Le vestigia dell'assedio, impresse tuttavia sul terreno circostante, e
più sulle muraglie medesime per tutto il fronte occidentale, io
scrittore di questa storia ho vedute e rivedute più volte, prima che
andassero in gran parte cancellate dai recentissimi ristauri. Ho
riconosciuto i pezzi della cortina rifatti da Pio IV, ho visto il
fianchetto cimato, e i crepacci della breccia alla torre angolare in
ampio cerchio fin presso alla linea del primo cordone, mal celati dai
risarcimenti dello stesso Pio[452]. Ho palpato i forami delle cannonate,
e riconosciuto i rovinacci intorno di grandi massi e di primitiva
costruzione; sono entrato nella camera fatale, che risponde alla gola
del torrione di ponente. Intatta ho veduto la parte bassa dal cordone in
giù; intatte le troniere e le batterie casamattate, le porte, gli
stipiti e gli spiragli delle strombature basse, che tuttavia conservano
i marmi, e le iscrizioni originali scolpitevi dal cardinale Giuliano
vescovo d'Ostia, nel tempo di papa Sisto[453].

Ora i maggiori segni dell'assedio sono stati quasi tutti cancellati pei
grandiosi ristauri eseguiti a spese dell'erario negli anni cinquantanove
e sessanta del presente secolo, quantunque pensati qualche anno prima;
ed anche anticipati, secondo il detto pensiero, nella lapide moderna con
data anteriore sopra la faccia non battuta nè ristaurata del baluardo
verso la città[454]. Al nuovo muro della breccia maggiore sulla torre
occidentale hanno similmente affissa una lapidetta con miglior consiglio
senza data[455]. Pei riscontri ora non resta che qualche antica
incisione, la stampa dell'Orlandini[456], la memoria di chi l'ha
visitata nel tempo anteriore ai restauri, come io ne ho scritto[457]; e
sopra tutto la bella fotografia rilevata dal notissimo artista
bergamasco Giacomo Càneva, nel 1855, prima dei ristauri, di che conservo
un esemplare presso di me, e l'ho dinanzi mentre scrivo[458].

NOTE:

[450] DE ANDREA, 79: «_Un soldado español de gran cuerpo y de grandes
voces dixo estas palabras: Españoles, cuerpo de Tal, pourque de otra
manera la tierra no se tomarà._»

BELCAIRE, _Commentaria rerum Gallicarum_, lib. XXVII, in-fol. Lione,
1625, p. 890.

ADRIANI cit., 547.

CIPRIAN MANENTE cit., anno detto.

[451] THETI cit., 132: «_Il secondo assalto ebbe peggior fine del primo:
et in tutti i doi fra morti et feriti furono alla summa di mille et
cinquecento._»

[452] LAPIDI due agli estremi della cortina di ponente, sotto lo stemma
di Pio IV, con queste parole:

                        PARTEM . HANC . MURI
                         SUB . PAULO . IIII
                  TORMENTIS . BELLICIS . DISJECTAM
               INSTAURAVIT . PIUS . IIII . PONT . MAX.
                          AN . SAL . MDLXI.

[453] LAPIDI continuamente ripetute sopra marmi antichi, e di caratteri
primitivi attorno alle troniere delle casematte basse, così:

                    JUL . SAON . CARD . OSTIEN.
                          SIX . PP . IIII.

[454] LAPIDE sulla faccia orientale del baluardo a cantoni, fuor di
posto, e anticipata di tempo, che ho veduto io già murata, quando i
lavori di risarcimento cominciavano:

                       PIUS . IX . PONT . MAX.
                             ARCEM . HANC.
                  TEMPORUM . HOMINUMQUE . INJURIIS
                        UNDIQUE . FATISCENTEM
                          MURIS . RENOVATIS
               TECTORUM . CONTIGNATIONIBUS . REFECTIS
                   MUNIFICENTIA . SUA . RESTITUIT
                   ANNO . SACRI . PONTIFICATUS. IX.

[455] LAPIDA sul torrione della breccia, sotto lo stemma pontificio:

                       PIUS . IX . PONT . MAX.



[18 novembre 1556.]

XIII. — Riuscito il secondo assalto a peggior termine del primo,
restarono le genti del Duca insieme spossate e sbalordite: l'istessa
cavalleria, tanto valente, sentì l'abbattimento. Consumate le munizioni
di guerra, l'inverno vicino, la rôcca in piè, e il maresciallo Strozzi
ai fianchi: il quale aveva pur esso gittato sopra due barconi un
ponticello sul canale più angusto di Fiumicino, e accennava con
frequenti scaramucce di voler molestare sull'isola il campo di Spagna.
Se Orazio avesse potuto penetrare col pensiero nelle strettezze
dell'avversario, sarebbe stato il signore della prima campagna, e
avrebbe ridotto lo Spagnuolo a pessimo partito: ma, chiuso da ogni parte
dentro alla piccola cerchia della rôcca, non poteva vedere nè sapere
altro più che le private condizioni di sè stesso e de' suoi. Il presidio
pieno di coraggio, un solo morto, pochissimi feriti, le vittuaglie a
sufficienza: solamente aveva a dolersi della penuria della polvere. Nei
quattordici giorni dell'assedio aveane tenuto stretto conto, erasi
guardato dal contrabbattere sull'isola, dismessa quasi ogni difesa
lontana, e riservate le munizioni al bisogno estremo dell'assalto. In
quest'ultimo caso doveva esser largo, e tale si era mostrato,
ributtandone vittoriosamente due ferocissimi, e consumando le ultime
provviste, che non erano state messe per durar tanto.

Pensando dunque che il nemico non farebbe fine, nè lascerebbe di
rimettersi alle batterie ed agli assalti, e non avendo egli con che
rispondere, chiamò il dì seguente quell'anfibio di Ascanio della
Corgnia; e sperando buon trattamento per aver fatto alla presenza
dell'uno e dell'altro esercito onorata difesa, gli si arrese a
discrezione[459]. Io l'assolvo: fin dal principio ho detto che egli era
giovane.

Così fu perduta la rôcca d'Ostia per solo mancamento di munizioni e per
trascuranza di chi amministrava la guerra. Il duca d'Alba, sommamente
lieto dell'acquisto non più sperato, uscì d'impacci: piantò la sua
bandiera sul mastio, e fece chiudere Orazio con tutti i suoi in fondo di
torre, donde non li lasciò uscire altrimenti che consunti dalle
infermità e dal digiuno. Agli stessi estremi disegnava colui ridurre la
città di Roma, impedita ormai la navigazione del Tevere sopra e sotto
corrente; occupato Monterotondo ed Ostia, e stretto il cerchione da ogni
altra parte, salvo che da Civitavecchia, dove brillò dal principio alla
fine incontaminata la diligenza e la fede del capitan Flaminio Orsino.

[19 novembre 1556.]

Il blocco crebbe lo sgomento nella città. Di che prevalendosi quanti
erano imparziali nella corte, signori, prelati e cardinali, presero a
suggerire più miti consigli. I Caraffeschi avevano bisogno di riposo, e
più di loro il duca d'Alba; il quale, quantunque vincitore, si trovava
sparpagliato con poca gente in un semicerchio di sessanta miglia, da
Ostia a Marino, ed oltre a Zagarolo, a Tivoli e a Monterotondo. Egli
aspettava rinforzi, e voleva stabilirsi meglio nei luoghi occupati: però
dètte ascolto volentieri alle proposizioni di tregua, che fu
sottoscritta addì diciannove di novembre per dieci giorni, e poscia
prorogata sino all'ultimo dell'anno[460].

NOTE:

[456] ATTILIO ZUCCAGNI-ORLANDINI, _Corografia di tutta l'Italia_, in-8.
Firenze, 1843, t. X, Suppl. p. 172; e nel grande _Atlante_, in-fol.
Firenze, 1845, vol. II, Stato pontificio, monumenti del Medio èvo,
tavola 3.

[457] P. A. G., _La Rôcca di Ostia e le condizioni dell'architettura
militare in Italia prima di Carlo VIII_. — Dissert. letta addì 20 giugno
1860, inserta negli _Atti dell'Accad. archeologica_, t. XV, p. 43, con
tre tavole in rame. — _Bibliot. Casanat._

[458] GIACOMO CANEVA, _Le vedute di Roma e dei suoi contorni_, in
fotografia, pubblicazione fatta l'anno 1855. — Si vendeva pubblicamente
in Roma, via del Babbuino, rimpetto alla chiesa dei Greci.

[459] BELCAIRUS, _Comment. rer. gallicar._, lib. XXVII, in-fol. Lione,
1625, p. 890.

CIPRIAN MANENTE, _Storie del mondo dal 1400 al 1563_, in-4. Giolito,
Venezia, 1566.

MONTLUC, _Comment._, lib. IV.

ADRIANI, 547, C.

NORES, 150.

DE ANDREA, 85.

CAMPANA, 148.

MAMBRINO, 532.

NATAL CONTI, 258, B.



[8 gennaio 1557.]

XIV. — In questo mezzo il re Arrigo di Francia, mosso da grandi
speranze, e stretto dai Caraffeschi, aveva dichiarato la guerra al re
Filippo di Spagna. Apriva col Duca di Mommoransì le ostilità nella
Fiandra; e in Italia col duca di Guisa, futuro re di Napoli, se le armi
gli dicessero bene. Spirata dunque la tregua, e giunti alcuni rinforzi
di Francia, Piero Strozzi e Giovanni Caraffa uscirono con seimila fanti,
ottocento cavalli, e una batteria di campagna verso Ostia, per togliere
Roma dalla presente strettezza[461]. Gli Spagnuoli di presidio
capitolarono lo stesso giorno, salva la vita, senza nè anche sparare un
moschetto[462].

Indi lo Strozzi si volse a scopar via i presidî che il nemico aveva
lasciato nel basso Tevere. Imperciocchè il Duca aveva fortificato quel
castelluccio, le cui rovine si vedono ancora intorno alla torre
Bovacciana, che è un miglio più abbasso della rôcca, tra questa e il
mare[463]. E ciò non bastandogli per guardare il passo e la foce del
Tevere (tanto fin d'allora erano cresciuti gli interrimenti, e tanto
erasi allontanato il mare), aveva fatto di nuovo con lavori di terra in
dieci giorni un buon ridotto quadrato all'estremo lembo della sinistra
tra il fiume e il mare, disegnato dall'istesso ingegnere ducale Bernardo
Buontalenti. Ogni lato di cento metri, gli omologhi paralleli alle due
acque: gli angoli muniti di quattro bastioncini, colle loro piattaforme
e artiglierie, e difese necessarie. Altezza dell'argine una picca e
mezzo, quasi quattro metri, la sezione di sedici palmi, cioè di
altrettanti metri. La porta opposta al fiume, e dentro baracche e
magazzini di tavole per alloggiamenti e depositi[464]. Quattrocento
fanti spagnuoli che vi stavano di presidio nè anche aspettarono
l'intimazione: uscirono fuori incontro ai vegnenti, salutarono colle
armi, abbassarono le bandiere, e si resero a patti[465].

[Gennajo e luglio 1557.]

Lo Strozzi in due giorni spianò il ridotto, poi trassene le artiglierie
a Roma; e ripigliando l'offensiva dall'altra parte contro il Duca, gli
tolse in poco tempo Gennazzano, Valmontone, Tivoli, Grottaferrata,
Marino e Palestrina. Al tempo stesso Francesco di Guisa faceva acquisti
nell'Abbruzzo, dove era penetrato per la via del Tronto; e contro a lui
per opposto Cosimo di Toscana manipolava a favore degli Spagnuoli,
perchè lo pigliassero alle spalle, e gli troncassero le comunicazioni
col Piemonte e colla Francia. Cosimo dei Medici stava ritto in Italia
come primo pilastro, e Andrea Doria come secondo, a sostenere di qua e
di là il grande arco trionfale del re Filippo, anche a dispetto di papa
Paolo[466]. Andrea da Gaeta e dalla Spezia insidiava il porto di
Civitavecchia, e Cosimo da Portercole e da Firenze ordiva le fila del
tradimento contro il porto d'Ancona. Messer Bartolommeo Concini,
segretario particolare dei Medici, e conduttore del maneggio, correndo
sopra piccola barca da Pontercole a Gaeta per dare i ragguagli e
pigliare i concerti incontrato il vento contrario, e sbattuto dal mare
avanti e indietro, venne finalmente a rompere sulla spiaggia di
Santasevera; e appresso a lui i guardiani della spiaggia trovarono in
secco la bolgetta delle lettere, donde si ebbe in Roma pienissima
notizia dell'intrigo, che restò sul nascere scoperto e sventato[467].

Ora io lascio ad altri le variate vicende della guerra combattuta pei
monti di qua e di là dai gioghi dell'Appennino: da parte la battaglia di
Paliano, l'assedio di Civitella, ed i convivali oltraggi tra il Guisa e
il Caraffa. Non v'ebbe cosa in tutto ciò che sentisse di sal marino,
tanto da entrare nella mia storia. Vengo alla fine.

NOTE:

[460] CAPITOLI _della tregua tra N. S., e il re Filippo_. Lettere Princ.
1581, III, 183.

RIBIER, _Lettres et memoires d'Estat_, in-fol. Parigi, 1662.

NORES, 152. — ADRIANI, 548.

[461] ULLOA, 332.

[462] NATAL CONTI, 262, B.

CAMPANA, lib. IX, p. 8.

ROSEO, 535.

[463] AVVISI di Roma, _Cod. Urbin._ alla Vaticana, n. 1038, fol. 174,
data del 10 dicembre 1556: «_Il duca d'Alba fa fortificare il forte tra
Ostia e il mare; et ve ne fa un altro alla bocca della Fiumara._»

[464] ADRIANI cit., 556, H: «_Il Duca aveva fatto un ricetto di terra
vicino alla bocca del Tevere, e vi aveva lasciato quattro cento fanti, e
munizioni da vivere e da difendersi per molti mesi.... quei del forte o
ricetto non aspettarono nè invito nè forza, uscirono.... e in breve
disfatto quel forte, dalla parte del mare e del fiume fu liberata
Roma._»

DE ANDREA cit., alla p. 88, ne dà le misure.

[465] NATAL CONTI, 262, B.

NORES, 169: «_Il presidio lasciato alla difesa d'Ostia e del forte
fabbricatovi accanto, al primo apparire degli ecclesiastici, si rese
vilmente._»

[466] ANTONIUS CARACCIOLUS, _Vita Pauli IV, rom. pont._ in-4. Colonia,
1612.

PADRE BARTOLOMMEO CARRARA (sotto il pseudonimo di Carlo Bromato da
Erano), _Storia di Paolo IV_, in-4. Ravenna, 1753, II, 359.

FRANCESCO VELLI, _Difesa di Paolo IV, contro il Pallavicino_. Mss. alla
Corsiniana in Roma, cod. 697, — e stampato a Torino, in-4. 1658.

BIBL. CASANAT., _Miscell._, in-4, vol. 976.



[10 agosto 1557.]

XV. — Quando la fortuna delle armi cominciava a mostrarsi benigna ai
voti dei Caraffeschi in Italia, cadeva totalmente prostrata nelle
Fiandre, per la gran battaglia di Sanquintino, perduta dal contestabile
di Francia Anna di Mommoransì, e vinta dagli Spagnuoli sotto il comando
di Emmanuele Filiberto duca di Savoja. Il re Arrigo allibbito, e quasi
disperato, trovossi costretto a togliere le sue genti dal Piemonte, a
richiamare indietro il duca di Guisa, ed a lasciare Paolo e i nipoti
alla mercè degli Spagnuoli.

[8 settembre 1557.]

Non per questo il duca d'Alba abusò della vittoria: anzi accolse e
corrispose alle proposizioni di pace che prestamente furono trattate e
sottoscritte dal cardinal Caraffa e da lui stesso nella terra delle Cave
in Campagna di Roma, addì quattordici del mese di settembre di
quest'anno cinquantasette. Può ciascuno leggere la restituzione delle
fortezze, delle terre e delle provincie, come sono scritte; la
sommissione promessa dal re Filippo, l'imparzialità da papa Paolo, e
tutto il resto, per esteso nei codici manoscritti e nei libri stampati
che cito[468].

NOTE:

[467] ADRIANI, 561, C: «_Messer Bartolommeo Concini nella tempesta gettò
la valigia a mare, e diede in terra a Santa Severa.... La valigia,
spinta dal mare, venne in terra.... portata a Roma.... chiaramente
poterono vedere il trattato di Ancona._»



[14 settembre 1557.]

XVI. — In vece mi accade ora fermarmi sopra due grandi fatti,
strettamente connessi coll'argomento mio e colla memoria del trattato di
Cave: l'uno notissimo a tutti, l'altro non avvertito da niuno, per
quanto io ne sappia. Come prima nell'istesso giorno di martedì
quattordici settembre alle ore quattro pomeridiane tornò in Roma il
cardinal Caraffa plenipotenziario papale coi capitoli della pace,
sottoscritti alla presenza dei reverendissimi cardinali Santafiora e
Vitelli (ambedue testimonî), facendosi intorno ai tre gran festa dalla
corte e dal popolo, e mentre volevano la notte i Romani fare le solenni
dimostrazioni consuete, con musiche e fuochi per le piazze, non ostante
che da due giorni piovesse dirottamente con venti caldi e sciroccali;
eccoti il Tevere proprio in quell'ora mettersi per la città; e crescere
tanto nella notte, e nel giorno seguente, che fino a oggi restano i
segni della terribile alluvione, per la quale andarono in pezzi tre
archi del ponte Senatorio, distrutte le nuove fortificazioni di terra
intorno al castello Santangelo, rovinate case, campi, fondachi, molini,
gualchiere, e le acque dentro la città infino a trenta palmi sopra il
livello ordinario. Cosa non mai più veduta dai Romani[469]. Udiamone la
relazione a stampa, proprio di quei giorni, scritta da testimonio di
veduta, e messa al pubblico in Roma[470]: «Il martedì alli quattordici
di settembre 1557 circa le ventidue hore ritornarono a Roma i nostri
Reverendissimi[471], ma non con molto fausto, imperò che quasi in quello
stesso tempo il Tevere haveva fatto una grossissima piena, ingrossando
la notte seguente e il mercoledì circa le hore dodici[472] era l'acqua
più alta di un uomo in Agone[473].... E questo crescere di acqua durò
tutto quel giorno infino alle quattro o cinque hore di notte, che
cominciò a mancare. Ha portato via la metà del ponte di Santa
Maria[474], insieme con quella bella cappelletta di Giulio III, che
v'era nel mezzo con tanta arte e spesa fabbricata. Ha levato dal suo
luogo alcuni pietroni di marmo grossissimi che facevano sponda a
castello Santangelo. Ha buttato giù un pezzo di Corridore che va da
castello a Palazzo, ec.»

Delle tante ruine la più importante pel regime del Tevere resterebbe ora
incerta ed oscura, tra il silenzio dei contemporanei e gli errori dei
moderni, se io non venissi apertamente a stabilire come in questi
precisi giorni il fiume mutò di letto nell'infimo tronco e sfilò lontano
mille metri dalla città di Ostia. Non prima, perchè durante l'assedio
l'abbiamo certamente veduto lambirle il piede; non dopo, perchè subito
all'entrar di Pio IV la rotta era già fatta. Soltanto adunque nel tempo
intermedio per una piena straordinaria come quella del cinquantasette,
poteva naturalmente avvenire che la gran massa dell'acqua corrente,
movendo impetuosa verso il mare, e cercando la linea più bassa e più
breve, scavalcasse e rompesse gli argini a capo Duerami; ed anzi che
incanalarsi per l'obliqua giravolta del cubito primitivo infino ad
Ostia, si precipitasse per la corda, scavandosi il nuovo letto
direttamente dal detto Capo alla torre Bovacciana. Da quel giorno
l'alveo antico restossi a secco con pochi acquitrini tra gli argini
vuoti, che hanno durato oltre alla metà di questo secolo col nome di
Fiumemorto, ed io stesso finalmente l'ho veduto colmare e livellare per
opera di quella moderna Società che dal suo intendimento ha preso il
titolo delle saline e dei bonificamenti di Ostia. Le belle tavole del
Canina mostrano a dito le linee di queste mutazioni[475]; ma le sue
parole ci manifestano che egli ed ogni altro con lui comunemente ne
ignoravano il tempo e la causa, scrivendo così[476]: «Questa rottura del
Fiume si dice essere accaduta verso la metà del secolo passato: ma non
si può precisare nè l'epoca, nè il modo come avvenne.»

Se non che prima di lui Giambattista Rasi, unico in questo tra tanti
scrittori delle cose tiberine, aveva ben avvertito doversi cercare la
risoluzione del problema nelle leggi ripuali, e specialmente nella
costituzione di Pio IV, dove se ne contengono gli indizî[477]. Nel vero
il tiro delle barche, le tariffe doganali, l'appostamento delle guardie,
e tutta la polizia della navigazione doveva essersi risentita del
cambiamento successo nel letto tiberino per un tratto notabile, e lungi
dalla principale fortezza del passo. Infatti Pio IV, poco stante dopo
l'inondazione, premesse le consulte dei mercadanti, dei castellani e dei
doganieri, coll'intervento del notissimo Martino d'Ayala console dei
marinari, e sotto la presidenza di monsignor Luigi Torres chierico di
Camera, e prefetto delle Ripe, finalmente pubblicò alcune leggi colla
data del sedici di maggio 1562, dalle quali tiro fuori al nostro
proposito gli articoli come sono nello stesso originale espressi in
lingua volgare[478]: «Capitolo primo. La barca che arriverà prima al
luogo detto Boacciano, dove al presente si è messa la guardia di Ostia,
rispetto alla nuova rottura e via che ha fatto il Tevere di qua da
Ostia.... sarà tirata prima delle altre, venute dopo.» Continua:
«Capitolo quarto. Che li doganieri di Ripa, o vero per loro il
castellano d'Ostia, debbano tenere in detto luogo del Boacciano,
rincontro alla nuova rottura del Tevere, l'uomo deputato che faccia le
bullette.... senza che li marinari sieno tenuti andare a Ostia, e per
conto della rottura e della nuova strada non si paghi ad Ostia.» —
Capitolo ottavo. «Che li bufali devano tirare le barche fino a Ripa,
massime che la nuova rottura del Fiume ha abbreviato la tratta di quello
che era prima.»

Dunque non verso la metà del secolo passato, ma nel mezzo al cinquecento
la rotta del Tevere già era successa tra il capo Duerami, la rôcca
d'Ostia e la torre Bovacciana, come dura infino al presente. Di più il
fatto dicevasi nuovo, la strada abbreviata, trasferita la guardia; e
così per altri dieci anni, finchè (fabbricato più giù nel basso Tevere
il fortino di san Michele) Pio V con un'altra costituzione, ricordando
questi fatti medesimi, non ebbevi trasferito la guardia, il tiro e i
proventi[479]. Laonde avendo piena certezza degli estremi, perchè nel
cinquantasei il Tevere lambiva le mura ed entrava nei fossi della rôcca
d'Ostia, come risulta dalla pienezza dei fatti e delle testimonianze
dell'assedio; e trovandosi con altrettanta dimostrazione di certezza
subito dopo allontanato con tutto il letto per mille metri; sarebbe
impossibile supporre nel breve intervallo tanta grande novità nella
enorme massa di real fiume altrimenti che per la forza della
straordinaria alluvione nell'anno intermedio, e nel giorno preciso che
veniva in Roma la certezza della pace conclusa a Cave.

La seconda memoria, e più strettamente connessa col trattato medesimo,
da niuno avvertita, è il finale tracollo in Italia della baronia armata.
I feudatari corsero l'ultima lancia nella guerra di Campagna, e non
risalirono mai più a cavallo, fiaccati e sbalorditi a un tempo, e con un
sol colpo, dagli amici e dai nemici. Imperciocchè ai sovrani, desiderosi
di concentrare il comando nelle loro mani, secondo l'opinione prevalente
appo tutti nel secolo decimosesto, sapendo male della potenza feudale,
venne finalmente il destro di opprimerla, e non vollero mancare alla
buona ventura. La prima questione, dopo quella del Regno, era stata
nella guerra il feudo di Paliano, e le convenienze del duca precedente
Marcantonio Colonna, e del duca novello Giovanni Caraffa: questi barone
napolitano in guerra contro il Re, quegli barone romano in guerra contro
il Papa. Ora dai capitoli di Cave resta esplicitamente escluso proprio
questo feudo principale, ed ambedue i pretendenti con pochi riguardi
messi da parte; dove in tutti gli altri simili trattati pei tempi
anteriori erano stati sempre compresi. Si sa che alcun temperamento
doveva essere nelle convenzioni secrete: ma queste non troppo limpide, e
lasciate nel profondo del petto ai contraenti. In somma Paolo voleva le
mani spiccie per punire quando che fosse i Colonnesi, e per abbattere
con loro gli altri baroni: ma decrepito non ebbe il tempo, prevenuto
dalla morte nel biennio[480]. Filippo al contrario giovane nel lungo
regno, cupamente dissimulando, aspettò il tempo delle sue vendette: e
spense nelle grandi casate napolitane ogni vanto di passati armamenti ed
ogni ticchio di futuri[481]. Egli con doppio trattato e per ordini
secreti ed opposti tra l'ordinario e lo straordinario suo ambasciatore,
tuffò tutto insieme il sistema feudale nel sangue di casa Caraffa, del
Duca e del Cardinale, che per compenso di questa guerra volle non guari
dopo versato sotto la stretta del carnefice[482].

Dunque l'ultima comparsa della baronia in gran frotta di regnicoli, di
statisti, e di altre province in più centinaja fra maggiori e minori,
armati alla testa dei proprî vassalli, viene nella guerra di Campagna; e
il primo trattato di pace che non comprende la grazia dei baroni, sta in
quello di Cave. Indi in poi non vedremo più nelle storie nè i grandi
difetti, nè le magnanime prodezze dei feudatari. Essi perderanno a poco
a poco le fortezze e i cannoni, resteranno contenti di nomi e di titoli,
andranno pei giardini e pei teatri, patiranno di splene e di vertigini.
Dagli alti spiriti di generoso sangue se ne togli la forza e la
sapienza, tu vi metti la follìa. Non tanto le singole parti di una sola
giornata, quanto due lunghi secoli in un giorno solo tratteggiò e
corresse pel suo tempo il Parini.

NOTE:

[468] CAPITOLI _della pace di Cave_. Mss. Casanat. _Codice cartac._
segnato X, VI, 23, p. 145.

NORES cit., 215. — Capitoli a stampa per esteso.

PALLAVICINO cit., II, 103.

CAMPANA cit., lib. IX, p. 22, 23.

MAMBRINO ROSEO, 565.

[469] DIONIGI ATANASI, _Lettera al vescovo d'Urbino data da Roma addì 18
sett. 1557_. — Ex. tra _le lettere de' Principi_, in-4. Venezia, 1562,
p. 182. — BIBL. CASAN., K, III, 27: «_Il Tevere crebbe mercoledì fino
alle hore sette di notte, si fermò intorno a due hore, poi cominciò a
calare. Stette nondimeno tutto il giovedì per Roma, e il venerdì mattina
tornò nel suo letto. Il danno è inestimabile._»

GOMEZ, _De prodigiosis Tiberis inundationibus_, in-4. Roma, 1599. (In
lati, _Comesius_ stampa egli stesso.)

BONINI FILIPPO M., _Il Tevere incatenato_, in-4. figur. Roma, 1663, p.
62.

ANDREA BACCI.

LEONE PASCOLI.

CARLO FONTANA.

CORNELIO MEYER.

[470] OLDRADI, _Avviso della pace tra la Santità di N. S. papa Paolo IV,
e la maestà del re Filippo; e del diluvio che è stato in Roma con altri
successi e particolarità_, in-4. Roma, tip. di Antonio Blado stampatore
camerale, XXIV settembre 1557. (Non impaginato, ma torna alla pag. 5.)
BIBL. CASANAT. _Miscell._, in-4. vol. 665, n. 18.

[471] _Reverendissimi_: cioè i cardinali Caraffa, Santafiora e Vitelli,
reduci da Cave col trattato conchiuso. Non ancora si dava il titolo di
Eminentissimi.

[472] _Hore dodici_: nel mese di settembre rispondono alle sei del
mattino.

[473] _Agone_: la piazza agonale, oggi detta Navona.

[474] _Ponte di Santa Maria_: cioè della Egiziaca, la cui chiesa è sulla
testa del ponte Emilio, Palatino, Senatorio, oggi Rotto, e compiuto a
sospensione di ferro.

[475] LUIGI CANINA, _Del Tevere, Ostia e Porto_, negli _Atti
dell'Accademia archeologica_ con cinque tavole e quivi la tavola 1ª, ove
è geometricamente descritto il corso del Tevere, e le tracce del letto
verso Ostia, prima della rotta, scrittovi sopra: «_Antico corso del
Tevere, Fiumemorto._» Atti cit., VIII, 259, tav. 1ª.

AMETI E CINGOLANI, _Carte topografiche del Tevere_.

[476] CANINA cit., p. 63, lin. 2.

[477] GIO. BATTISTA RASI, _Del Porto romano_, in-8. Roma, 1826, p. 39.

ITEM, _I due rami Tiberini_, in-8. Roma, 1830, p. 69.

[478] CAPITULA edita a R. C. A. _Sub die decima sesta maji mdlxii, et a
Pio papa IV confirmato pro felici et celeri mercium per Tyberim
subvectione: denuo edita et confirmata ab Urbano papa VIII_. — BULLAR.
_Rom. edit. a Mainardo_, in-fol. _Urbani VIII pars secunda_, t. VI, p.
179.

[479] CONSTITUTIO _Pii Pp. V. de edificandis turribus in oris maritimis
Urbis pro securitate navigantium, et de ædificanda Turre in ore Tyberis,
ac emolumentis eidem Turri ejusque fabricæ applicatis_. 3 maggio 1567:
«_Stante ruptura dicti fluminis._» ap. DE VECHI, _De Bono Regimine_,
in-fol. Roma, 1732, I, 286.

[480] NORES cit., 215: «_La principale difficoltà che s'incontrava nel
trattato era intorno la persona del signor Marc'Antonio, il quale per
modo alcuno il Papa non voleva che si comprendesse nelle capitolazioni;
nè condiscendere a restituirgli Paliano: laonde stabilite le altre
condizioni, restarono il Cardinale e il Duca di questo punto di trattare
a parte: e benchè ancor di questo il Papa fosse consapevole, nondimeno
non volle mai che apparisse nè si sapesse essersi stabilito di saputa e
consenso suo._»

[481] CAMPANA, lib. XI, p. 70, B, med.: «_Nella pace del 3 aprile 1559
in Cambrais.... il re Catolico escluse tutti i ribelli del regno di
Napoli, di Sicilia, e del ducato di Milano...._»

[482] PALLAVICINO, _Storia del concilio di Trento_, in-fol. Roma, 1657,
lib. I, IN ROMA XIV, cap. 15, vol. II, p. 160: «_E ben sui primi giorni
che arrivò in Roma il nuovo Ambasciatore spagnuolo, i più sagaci
odorarono qualche pratica infausta contro i Caraffi.... Il progresso
della causa fu che il Duca, condotto alle carceri di Tordinona, quivi fu
decapitato insieme col cognato conte d'Aliffe, e con Leonardo di
Cardine.... il Cardinale fu strangolato in Castello.... Nel seguente
pontificato di Pio quinto, introdotta l'appellazione, il Pontefice nel
concistoro pronunciò la sentenza, e decise che il Cardinale
ingiustamente ed iniquamente fu condannato, e parimente il Governatore
di Roma dichiarò mal condannato il Duca._»

LETTERE, _scritture, processi, e documenti intorno alla tragedia dei
Caraffi_. Mss. Casanat., X, V, 41.

ITEM alla Vaticana, _Cod. Urbin._, 1666.



[1556-57.]

XVII. — Mi sono ben guardato in questo scabroso intervallo della mia
storia dal crescere fastidio a me stesso ed ai lettori col seguire passo
passo le continue navigazioni del capitan Flaminio e delle sue galèe da
Civitavecchia a Marsiglia, e viceversa, menando e rimenando soldati,
capitani, ambasciatori, convogli per tutte quelle seguenze di alterne
fazioni che vanno sempre simili in questa fatta guerre[483]. Talvolta
ancora gli bisognò mostrare i denti, senza però venire alle strette,
contro le galere di Napoli, che ad ogni occasione propizia uscivano di
Gaeta, e venivano a minacciare sulla nostra spiaggia, ed anche alla
vista dei porti[484]. Ora però liberato da ogni altro pensiero, e
desideroso di far vie meglio conoscere l'accorgimento di Flaminio e le
vicende dei marinari nel secolo decimosesto, devo dire di uno importante
avvenimento successo qui tra noi ad una delle nostre galere, durante la
guerra. Potremo adesso intendere altresì come nel medesimo tempo e per
le stesse ragioni finiscono i baroni in terra ed i venturieri in mare.

Avevamo fin dal principio, come ho detto, una quindicina di galere; e
tra esse quattro di Piero Strozzi, già tenute dal celebre Lione Strozzi,
suo fratello, con un certo capitan Giovanni Moretti, nativo di
Villafranca nel contado di Nizza. Ho pur detto che non si vuol
confondere questo nizzardo coll'altro Moretto calabrese, capitano
altrettanto noto di cavalleggieri al soldo di Spagna. Ora aggiungo che,
a volergli trovare un termine di paragone, più simile nei fatti
personali che nei nomi appellativi, bisogna ricordare col presente
Moretto il trapassato Morosini, che ebbe la mala paga dai Genovesi in
Famagosta, come altrove ho narrato[485]. Pari nell'uno e nell'altro
l'ardimento, pari l'arte marinaresca, pari l'avversione ai pirati, e
insieme pari in ambedue la cupidigia, e lo stesso desiderio di coprirsi
sotto la bandiera papale. Il Morosini entrò nella prima categoria dei
capitani di ventura, il Moretto ne chiude l'ultimo periodo. La ruota
della fortuna volge nell'istesso verso per mare e per terra; e quando è
finito il loro tempo arrovescia insieme i baroni e i venturieri per le
campagne e per le marine.

La prima comparsa del capitan Moretto nell'anno del giubileo passa col
titolo di corsaro, sotto bandiera di Savoja, accreditato dalle patenti
del duca Carlo a correre il mare per suo conto contro Turchi e contro
Francesi[486]. Sciolse da Nizza in compagnia di suo fratello, chiamato
Melchiorre di Belmonte, e di un prode gentiluomo per nome Pierone
Foresta, con una sola galèa di sua proprietà, nuova, forte e bella;
fornita di eccellenti artiglierie da ponte e da sbarco, remigata a
scaloccio dalla numerosa ciurma di trecento schiavi turchi e prigionieri
francesi, e armata con centosessanta uomini da combattere[487]. Costui
si pose al gran corso sul mare, e in pochi mesi girò quasi tutte le
riviere dei Turchi in Europa e in Africa, traendo da ogni parte prede a
suo modo. Eccone un saggio. Va a Bona, spiega bandiera e lingua
francese, entra nel porto, invita a desinare una dozzina di Turchi dei
principali, e se li porta via col boccone in bocca. A Bugia sottomette
una galeotta piratica, e ne libera una quindicina di Cristiani. Alle
Seccagne piglia prigioni diversi pescatori di corallo. Presso Tagiora dà
la caccia ad alcuni piccoli bastimenti, e si accosta tanto vicino al
lido, che a colpi d'archibuso ammazza cavalli e cavalieri concorsi sulla
riva contro di lui. Al Cembalo si attacca con una nave di
millecinquecento salme[488], armata di dieci cannoni, e difesa da
sessanta Turchi: la combatte sempre da lato per tutta la notte, e
finalmente se la piglia la mattina, non restatevi più che tre persone
vive, due Turchi e un Ebrèo. A capo Matapan piglia all'arrembaggio due
vascelli carichi di grano: passa a fil di spada chi resiste, e manda
tutto il carico e i legni marinati a Palermo. Indi sottomette uno
schirazzo ottomano di ottocento salme.

Andiamo innanzi, chè Moretto non si ferma sempre coi Turchi: ma per
certi puntigli di parlamento e di obbedienza attacca pur briga co'
Cristiani. Prima nelle acque di Candia sequestra una nave veneziana del
capitan Bernardi; e non la rilascia se non dopo aver costretto il
medesimo Bernardi a chiedergli scusa, e a dargli notizie precise intorno
alle galèe turchesche della guardia di Rodi. Indi vira a ponente verso
la Morèa, e sotto la fortezza di Modone blocca una galera algerina
diretta a Costantinopoli con un messaggero di quel Re; e intanto si
piglia uno schirazzo di gran valuta col carico di panni scarlatti. Alla
Cefalonia investe sull'áncora due galeoni che il governatore Mustaffaràn
teneva in punto per mandare alle Gerbe carichi di grano in dono a
Dragut; ed egli ne fa ricatto verso Nizza. A largo mare per tre giorni e
tre notti continue combatte altri due bastimenti, e li fa suoi.

Non lascia a quando a quando di pigliar terra, di fare e ricevere
saluti, e di rinnovare le provvigioni, sempre che incontra porti e
amici. Nella città di Bugia, tenuta in Africa dagli Spagnuoli, siede
invitato a desco dal governatore don Luigi di Peralta: a Tripoli di
Barberia, presidiata allora dai Cavalieri gerosolimitani, cena col balì
Pietro Nugnez di Herrera: in Malta bacia le mani al Grammaestro: e
finalmente di ritorno a Nizza, entra nel porto con pubblica festa,
acclamato dal popolo, per avere guadagnato nel corso di un anno, e di
parte sua, trentamila ducati tra legni, prigioni, merci e danaro;
liberati ottanta Cristiani dalla schiavitù, e portato in trionfo armi,
cannoni e bandiere nemiche[489]. Una sola eccezione trovo a tanti favori
di grandi personaggi e di cospicue città: il modesto magistrato del
porto di Cotrone in Calabria mette in sequestro le prede del capitan
Moretto, accusandolo di correre il mare in busca di ogni roba, tanto di
amici che di nemici[490]. Della sua bravura mi sento sicuro: non così
della delicatezza. Parmi avere innanzi risuscitato il capitan Angelo
Morosini da Scio, da Siena, da Venezia, da Roma, e dal ceppo di
Famagosta.

Negli anni seguenti deve aver fatto, poco più poco meno, l'istessa vita;
ma non trovo io un altro Salazar che me la conti: però mi taccio.
Solamente posso asserire che, per la sua bravura entrato in grazia di
Leone Strozzi, mutò partito e bandiera[491]: divenne nemico degli
Spagnuoli, combattè in favore dei Francesi, e finalmente restò con Piero
Strozzi capitano di una delle quattro galèe dal detto Piero portate seco
in Civitavecchia, dove lo trovo al soldo di Paolo IV per la guerra di
Campagna[492].

NOTE:

[483] AVVISI _di Roma_. Cod. Urbin. alla Vaticana, anno 1556, cod. 1038,
fol. 154, data del 15 agosto: «_Sono arrivati a Civitavecchia novecento
Guasgoni.... et le galere sono partite subito per traghettarne
altri...._» fol. 167: «_Sono andate dieci galere da Civitavecchia per
voler abbruciare quei ponti,.... Le galere sono ritornate._»

[484] MAMBRINO ROSEO cit., 562, prop. fin.: «_Le galere di Napoli
travagliavano anche elle in questa guerra che, spesso scorrendo da Gaeta
a Civitavecchia, facevano stare in arme quei luoghi marittimi._»

[485] P. A. G., _La marina nel Medio èvo_, II, 231, 234.

[486] PEDRO SALAZAR, _Historia de la guerra y presa de Africa_, in-4.
Napoli, 1552, p. 64, B, 1, fin.: «_Juan Moreto con su hermano llamado
Melchior de Belmont...._» et p. 67, A, 1, fin.: «_Moreto mandò a un
gentilhombre Saboyano, mancebo esforzado y animoso llamado Piron
Fioresta._»

[487] SALAZAR cit., 64, B, 1: «_Galera bien armada de franceses i turcos
forzados, y de artilleria, y con ciento y sessenta hombres de pelèa._»

[488] LA SALMA, che in genere vale Soma o Peso, nel linguaggio di mare
del tempo passato valeva tecnicamente (come registra il Casaregio nel
Consolato) Misura di capacità per gli aridi, applicata a determinare la
portata dei bastimenti. Questa unità di misura variava in diversi modi,
e dicevasi grossa o sottile, ordinaria o vantaggiata: variava pure in
diversi paesi, e negli stessi paesi per diversi tempi. Confusione comune
a tutte le antiche misure, pesi e valute. Si può pareggiare adesso ad un
sesto della moderna tonnellata metrica: e così la nave di
millecinquecento salme sarebbe di dugencinquanta tonnellate.

[489] SALAZAR cit., 67, A, 2, med.: «_Ganancia de treynta mil
ducados.... y cien turchos esclavos, y otros tantos que matò, y ochenta
Christianos que puso en libertad. Y con esta riqueza volviò a Niza su
tierra natal, llevando banderas y gallardetes turquescos, rastrando la
mar y fue de todos muy bien recibido._»

[490] SALAZAR cit., 67, A, 2, princ.: «_Moreto llegado al puerto de
Cotron la justicia le embargò el navio, diziendo andava a toda ropa assi
contra Christianos, como contro Turchos i Moros._»

[491] LEONE STROZZI, priore di Capua, _Lettera ai suoi fratelli_, data
dalle Sanguinare (Corsica) 18 settembre 1551 tra le _Lettere dei
Principi_, in-4. Venezia, 1562, I, 64, B; «_Io meno meco il capitano
Moretto: et l'animo mio è di far guerra contro infedeli in servigio
della mia religione._»

[492] MONSIGNOR GIO. DELLA CASA, _Lettere a nome del card. Caraffa al
card. di Lorena, di Roma, 6 febrajo 1556_. Tra le opere del medesimo,
in-4. Napoli, 1733. V, 98: «_Sarebbe bene che Sua Maestà Cristianissima
mandasse almeno dodici galere delle sue a Civitavecchia, la qual cosa ci
pare molto necessaria; e supplico vostra Signoria Illustrissima che
vengano le galere del maresciallo Strozzi, e del capitan Moretto, e le
altre che sono scritte nella lista._»

VEDI sopra la nota 11 e il novero delle galere nel documento citato.



[Ottobre 1556.]

XVIII. — Se non che nel mese d'ottobre del cinquantasei il capitan
Moretto si trovava affatto malcontento degli Strozzi, e disgustato della
sua ventura. Tutti sanno le strettezze dell'erario camerale nel periodo
della guerra di Campagna, e ne fa ricordo l'istesso cardinal
Pallavicino, citando le parole di quello che chiama suo caro e virtuoso
amico, Pietro Nores: parole allora manoscritte negli archivî, ed ora
pubblicate per le stampe, e continuamente da me ancora allegate[493].
Però non è da meravigliare nè sul sottile del ritardo alle paghe dei
capitani della marina, nè sul grosso del corruccio nel Moretto: uomo da
non vivere contento a tasche vuote. Di più egli si diceva creditore di
altre somme verso gli Strozzi per ragione dei suoi stipendî decorsi. E
mettendo tutto insieme nella disperazione di essere altrimenti pagato,
stabilì di impadronirsi della galèa, e di fuggirsene per compenso con
quella.

Facilissima l'esecuzione del disegno, come sarebbe gittarsi a precipizio
quinci in giù. Egli aveva il comando nelle mani, e quasi tutti gli
ufficiali, marinari e soldati di sua scelta, concittadini ed amici. Alla
prima occasione di uscir dal porto, prese il vento, e via a golfo
lanciato infino al golfo di Villafranca[494]. Là, uomo astutissimo,
presentò al conte di Fruzasco, novello governatore di Nizza, le ragioni
della sua innocenza e dei suoi diritti. Pentito, diceva, di aver
lasciato la bandiera del proprio principe, offeso a bastanza da quel
taccagno dello Strozzi, facesse per gran mercè il Fruzasco di rimetterlo
nella grazia del Duca suo natural signore, e vedrebbe portenti di
fedeltà, vedrebbe fioritura di provincie, scuole di nautica, ricchezza
di corso, gloria di nizzardi, e marineria militare: proprio ciò che
unicamente mancava alla prosperità del paese, ed all'altezza del Duca.

Il Governatore nuovo di cotesti maneggi, e i terrazzani vecchi amici del
Moretto, menarono buone le sue parole, accettarono i servigî, presero le
sue parti, e gli resero le patenti e le bandiera. Il duca istesso
Emmanuele Filiberto da Brusselle, dove era capitan generale delle armi
per Filippo II, scriveva al Fruzasco, sotto la data del ventitrè di
dicembre del cinquantasei, in questa sentenza[495]: «Del capitan
Moretto, per le persuasioni ed esortazioni vostre, ci contentiamo di
perdonargli e di riceverlo in nostra gratia, e di ritirarlo in servitio
nostro con quelle conditioni, soldo e stipendio, che Voi e Leyny
concerterete seco, a più nostro beneficio, tirandolo a quello manco si
potrà[496]. Con questo però che egli si obblighi di stare a ragione pel
conto della galera, quando fosse ricercato dal maresciallo Strozzi[497].
E perchè scrivete che è uomo da fare servitii assai, et che ha il modo
di farlo, in caso che Leyny non abbia bisogno dell'opera sua nella
fabbrica della darsena di Villafranca, lo manderete insin qua da Noi per
intendere più cose, massime del modo di armare altre galere: e potrà
lasciare il governo di sua galera al prefato Leyny, sotto descritione di
inventario. Et per sicurezza sua havemo ottenuto da Sua Maestà che egli
possa andare, stare e ritornare con detta galera et genti in tutti i
porti, mari e stati di Sua Maestà, la quale per questo effetto manda e
scrive al principe Doria, generale del mare[498], che debba fargli il
salvacondotto per essere di carico suo; et scrive eziandio
all'ambasciator Figueroa di favorirlo ed ajutarlo; sicchè bisognerà per
questo indirizzarsi a loro.» Dunque alla fine del cinquantasei il
Moretto aveva assettato bene le sue faccende dalla parte di là: rimesso
in grazia, preso al soldo, fornito di patente, acconcio di bandiera, e
ammesso col salvacondotto in tutti i porti del Re, per la Spagna,
l'Italia e l'Africa.

Prevalendosi tantosto di queste concessioni, e prima di gittarsi
randagio appresso al Duca per le Fiandre, o di mettersi marangone per le
acque a cavargli le darsene, pensò a rimpinzare la borsa: e per questo
subito entrato il cinquantasette si volse colla galera e con tutti i
suoi alla buona ventura contro i Turchi, secondo il solito pei mari di
Levante, facendo in Malta la prima scala, accoltovi con gran
dimostrazione di favore e di grazia dai Cavalieri, dal Grammaestro e da
tutto il Convento.

NOTE:

[493] PIETRO NORES cit., 124: «_Mancando a tante spese il danaro,
imposero per Roma e per lo Stato estraordinarie gravezze._»

PALLAVICINO, _Stor. Concil_. cit., II, 52 (lib. XIII, cap, xi, n. 12):
«_Abbiamo preso da due scritture.... la prima di Bernardo Navagero
ambasciatore veneziano e di poi cardinale.... L'altra è una
accuratissima storia a penna.... scritta da un nostro caro e virtuoso
amico, figliuolo del celebre Giasone Nores, per nome Pietro._»

[494] BOSIO cit., III, 377, A.

[495] EMMANUELE FILIBERTO, duca di Savoja, al conte di Fruzasco
governatore di Nizza. Di Brusselles, 23 dicembre 1556, pubblicata da
PIETRO GIOFFREDO, _Storia delle alpi marittime_, Inter. _Script. et
Monument. histor. patriæ_, in-fol. Torino, 1839, vol. IV, collect.
Script. II, p. 1478, col. 2ª.

[496] _Tirandolo!_ Vedi smania di averlo, e timore di perderlo!

[497] _Pel conto della galera_: dunque non era assolutamente sua, ma
doveva stare in qualche modo a ragione collo Strozzi.

[498] _Generale del mare_: si noti bene il titolo ufficiale di Andrea
Doria. Adesso dicono Ammiraglio, ma allora soltanto Generale del mare; e
così in tutti i documenti contemporanei.



[Gennajo 1557.]

XIX. — Per questo Piero Strozzi, offeso nell'interesse, nell'autorità e
nell'onore, dette nelle furie. E fittosi in capo di voler ricuperare la
galèa, ed appiccare il Moretto alla lanterna di Civitavecchia, persuase
il Papa, che di questo insulto, se si lasciasse impunito, scapiterebbe
nell'onor suo, nella dignità della Sede apostolica, nella sicurezza dei
suoi porti: citò gli esempî precedenti contro la temerità dei Doria e
degli Sforza, e strinse tutti gli argomenti, secondo l'indole delle
persone e dei tempi. In somma ottenne ciò che volle, quanto al fine; e
riservossi la scelta dei mezzi per condurre una trama da soddisfare fino
all'eccesso ad una incerta giustizia.

Sapeva il maresciallo del viaggio impreso dal Moretto, della sua passata
per Malta, e de' suoi disegni in Levante. Perciò fece venire a Roma il
capitano Pietro Fouroux provenzale, che comandava un'altra di quelle
galere: e dategli a voce le istruzioni occorrenti intorno alla cattura
del Moretto e del naviglio, con lettere pressantissime firmate dal Papa,
lo mandò a Malta sotto bandiera pontificia, come se dovesse andare al
corso contro gl'infedeli. Ed ecco entrare in lizza il Fouroux annoverato
ugualmente tra i nostri venturieri. Ma ponete mente ai fatti del capitan
Flaminio Orsini, che non si impaccia di cotesti intrighi, e riserba il
senno e la spada a più degne imprese. Alla quale saviezza il cardinal
Farnese per la penna di Annibal Caro rende onorevole testimonianza,
mostrandocelo destro, come era, nello schermirsi dalle confuse
brighe[499].

Il Fouroux, ben accolto in Malta da quei Signori, facilmente trovò la
compagnia di un'altra galèa appartenente al giovane cavaliere fra
Francesco di Lorena, fratello minore del duca di Guisa e gran priore di
Francia, comandata da fra Antonio d'Aumale, soprannomato Nancei. Con
essi s'intese per andare al corso di conserva. Ma il secreto disegno del
Fouroux non era di cercare i Turchi per quei mari, sì bene seguire
soltanto le tracce del Moretto; del quale continuamente pei porti e dai
naviganti pigliava lingua; e trovava pur sempre sue buone ragioni per
condurre i Lorenesi più tosto a questa che ad ogni altra parte che
fosse. Tanto meglio che Francesco, per rispetto alla bandiera del Papa,
gli si era gentilmente sottoposto, e gli dava la destra, e nel navigare
gli si teneva sottovento; quantunque il Fouroux nascondesse ad arte più
che poteva lo stendardo delle Chiavi, e in quella vece sfoggiasse di
croci bianche e di stendardi rossi, insegne notissime dei
Gerosolimitani, dicendo volersi uniformare con quelle, e rendersi più
formidabile ai pirati[500]. Lusingava l'amor proprio del compagno; e ne
tirava l'effetto consueto degli elogi creduti sinceri.

In somma non andò molto per le riviere levantine in questo modo
cercando, ed incontrossi col Moretto. E questi che già prima aveva
riconosciuto da lungi agli stendardi e all'andamento i supposti amici,
non che mettersi in fuga, si fece volenteroso incontro a loro,
desiderando cavarne notizie di ponente, ed anche all'occorrenza buona
compagnia. Venuto da presso, strinse le vele, sparò la salva; ed
essendogli stato corrisposto, mise in mare lo schifo, e mosse subito
verso quella galèa dove era il Fouroux, parendogli al certissimo
superiore pel posto di sopravvento che teneva, e pel contegno del
saluto. Il Moretto veniva lieto con bel garbo e brioso a cattivarsi la
benevolenza del comandante: e il Fouroux stava co' suoi di guardia per
pigliarlo al primo abbordo[501]. Detto e fatto: a pena ebbe sgambettata
la scala, e come si fu tirato giù il cappello alla spalliera, una
diecina di marinari gli saltavano addosso, e Fouroux lo faceva condurre
dabbasso in catena. Al tempo stesso (tutto concertato) prolungandosi a
contrabbordo sulla galèa Moretta, se ne impadroniva con tanta
franchezza, che i Maltesi, i Lorenesi, e quasi gli stessi Nizzardi non
se ne erano accorti. Tanto vale la sorpresa sottilmente condotta, quando
altri non l'aspetta!

NOTE:

[499] ANNIBAL CARO, _Lettere scritte a nome del cardinal Farnese_, in-8.
Milano, 1807, III, 166: «_All'Ardinghello. — Per questo effetto medesimo
disegnano di mandare un Prelato alla corte di Francia; ed è stato
proposto il Bozzulo o Pola, quando non li mandi uno dei Nipoti, a che il
Papa non inclina: e voleva che venisse il signor Flaminio, il quale se
n'è scusato garbatamente._»

[500] BOSIO, 377, C: «_Arborati i gagliardetti e le bandiere di san
Giovanni per farsi con esse (come il Fouroux astutamente diceva) agli
infedeli più formidabili._»



[2 febbrajo 1557.]

XX. — L'arduo punto adunque è superato, la galèa fuggitiva ripresa, e il
rapitore in prigione. Ma non istà tutto qui. La cattura del Moretto ha
ad essere tra i principi cristiani quel che si dice nelle favole
dell'aureo pomo tra i numi. E la prima questione deve cominciare qui
subito in mezzo al mare tra il cavalier Francesco e il capitan Pietro,
chiedendo quegli ragione all'altro della fede violata con tanto spregio,
senza metterlo a parte de' suoi disegni; anzi servendosi di lui come di
zimbello nella caccia, al fine di allettare l'avversario. E già
Francesco di Lorena metteasi in punto d'investire Pietro di Provenza per
ricattare a libertà il Moretto ben conosciuto da lui e da tutti i
Maltesi, e munito di amplissime commendatizie dal Grammaestro. Certo
così avrebbe fatto, anche a costo di un combattimento, se il Fouroux non
gli si fosse raccomandato, mostrandogli l'ordine esplicito che di ciò
aveva dal Papa. Nondimeno Francesco e i suoi vollero solenne promessa
dal medesimo Fouroux di tornare incontanente colle tre galèe a Malta; e
di rimettersi colà, senza altre frodolenze, alla decisione del
Grammaestro e del suo Consiglio.

Con questo le tre galèe volsero a Malta: e alli due di febbrajo del
cinquantasette, per volontà del Principe entrarono nel porto grande
della città, dove subito subito tutto il Convento fu sossopra. Il priore
di Francia e il cavalier d'Aumale non volevano scrupoli sulla coscienza,
nè onta all'onore, nè taccia di traditori, nè macchie di sangue pel
supplizio d'un uomo preso con inganno all'ombra del loro stendardo al
fine di condurlo altrove a morte ignominiosa. Gli altri Cavalieri,
secondo i diversi partiti, propugnavano diverse sentenze: chi voleva
impiccato il ladro per vendetta dell'oltraggio fatto al Papa, al re
Enrico e a Piero Strozzi; chi domandava la libertà di un capitano
valoroso, e munito di patenti e commendatizie dal re di Spagna, dal duca
di Savoja e dal principe Doria; patenti riconosciute già e accettate per
valide in Malta. Il vecchio Grammaestro tentennava: consapevole degli
umori boglienti dei suoi Cavalieri, temeva di offendere, e non sapeva
chi scegliere tra Francia e Spagna, tra Roma e Savoja: pigliava tempo. E
intanto il Moretto, che capiva il grandissimo suo pericolo, e che era
stato un po' francese e un po' spagnuolo, parlava le due lingue secondo
il genio di ciascuno. Appellava all'onore, chiedeva protezione, scriveva
memoriali, non rifiniva di toccare i tasti più delicati, se pur gli
venisse fatto di uscirne vivo.

[Marzo 1557.]

Divulgatasi poi la cattura del Moretto e la questione del Fouroux, come
se tutto il precedente fosse nulla, crebbero a doppio i fastidî, e
sbucarono da ogni parte i creditori contro l'uno e contro l'altro. I
Signori veneziani, per conto del capitan Bernardi e di altrettali,
chiedevano il compenso dei danni patiti dal Moretto, ed a sicurezza dei
crediti il sequestro della galèa, dei beni e della persona. Molti altri
al modo stesso ricorrevano contro il Fouroux, protestando angherie, e
chiedendo danari, Marin de Luca ragusèo, Niccolò Piccaluga sciotto,
Antonio Cassigero siciliano, Pietro e Giovanni Lomellini del Campo,
Antonio Giustiniani, ed altri mercadanti genovesi e levantini da lui
medesimo danneggiati nelle precedenti scorrerie; tanto che bisognò
imprigionare anche il Fouroux, e mettere eziandio il sequestro
sull'altra galèa[502]. Cose di piccolo momento sembran queste, ma ove
andassero neglette ne patirebbe discapito la storia, la cui integrità
deriva dai fatti di ogni maniera, tanto grandiosi, che minuti. In questo
modo l'hanno intesa i classici latini e greci e di tutte le nazioni,
infino al Bartoli e al Colletta, per non dir più. Senza fatti non v'ha
certezza nè ragionamento di cause e di effetti, di conseguenze e di
principî: in somma sui fatti e non sulle nuvole poggia la filosofia
della storia. Io non mi appello a situazioni, come dicono, fatali; nè
seguo la forza ignota del destino, nè mi lascio menare da arcane
necessità preesistenti. Vado coll'italica scuola sperimentale, e soffio
sulle nebbie del settentrione. Sembrano alte le nubi, pajon sublimi; ma
tornano vuote, come ognun sa pel fatto d'Issione. Senza confonderci nei
vani amplessi, tutto si spiega lucidamente quando si intende con
chiarezza. Mettete insieme la verità dei fatti, la giustizia de'
diritti, la legge di natura, il giuoco delle passioni e l'ordine dei
tempi, e voi avrete senza tanti stenti i principî e le conseguenze, i
motivi e gli ostacoli, le cause e gli effetti: in somma avrete tutto il
raziocinio, e compiuta la filosofia della storia. Ora ci vediamo
crescere innanzi il potere e l'accentramento dei principî, e cadere
tutto in un fascio il sistema dei baroni, dei comuni e dei venturieri
per terra e per mare. Sappiamo che la fine deve rispondere
all'alterazione del principio: quindi dobbiamo vedere la caduta dei
baroni per la grandezza delle soperchierie, la fine dei comuni per la
universale corruzione, e similmente la fine dei venturieri per la
stranezza delle avventure. Dunque volendo chiarire a me stesso e ai
lettori il principio e la fine di costoro, raccolgo gli strani successi
dell'ultimo capitano di ventura, come ho fatto pei primi: e scendo a
tutti quei particolari che ne hanno a decidere la sorte, e che a
niun'altra storia forse meglio che alla mia possono convenire. Qualche
schifiltoso parla di fatterelli. Io dico tanto necessaria allo storico
la cura dei particolari, quanto al pittore la sottile macinatura dei
colori; e quanto al naturalista il minuto conto dei micrometri. Trovo
nel Pallavicino l'istesso concetto, quando scrive[503]: «Essere in ciò
simigliante la fisica in formare le sue posizioni, e l'istoria le sue
narrazioni: che l'una il fa col riscontro di molti effetti, e l'altra di
molti detti.» Il Cardinale, come savio, non intende di detti vuoti e
vani, ma rispondenti a fatti positivi ed importanti, così grandi come
piccoli nella loro specie. Tutto il criterio di chi studia sta nel
coglierne il valore, non ostante la piccolezza; e nel trovare il legame
dei principî e delle conseguenze. Così pure colle parole e coi fatti ne
insegnò quel grande filosofo italiano, cui la caduta d'un sassolino
dalla torre, e l'oscillazione d'una lampada nella chiesa (minutissime
osservazioni, da niun altro prima curate), dettero argomento per
determinare le leggi della gravitazione, e per condurre nuove teorie
dalle pietruzze e dalle lampade infino agli astri.

NOTE:

[501] PANTERO PANTERA, _Armata navale_, in-4. Roma, 1614, e _Vocabolario
nautico_ in fine: «_Abbordare è quando due vascelli si accostano tanto
l'uno all'altro, che si può passare dall'uno nell'altro senza ponte o
altro mezzo._» Dunque non si vuol confondere l'abbordo coll'arrembo, nè
l'abbordare coll'investire.

[502] BOSIO cit., 378, A, 379, B (con questi precisi nomi e
circostanze).

[503] CARD. SFORZA PALLAVICINI, _Stor. del Conc._, in-4. Roma, tip. di
Propaganda, 1833, III, 80, lib. XIII, cap. XI, in fine.



[Aprile 1557.]

XXI. — Ora al minuto del caso nostro cresceranno gravità le richieste e
le minacce contradittorie dei principi maggiori e minori. Il duca di
Savoja scrive al Grammaestro che liberi incontanente il Moretto,
rispetti la sua bandiera e le proprietà de' sudditi suoi: altrimenti il
sequestro sopra tutti i beni dell'Ordine gerosolimitano negli stati
ducali. Il re Filippo di Spagna aggiugne che l'isola di Malta non è
stata infeudata ai Cavalieri per favorire i nemici della corona, o per
opprimere gli amici: mettano subito in libertà il Moretto, o si
aspettino quel che si deve ai ribelli; e intanto abbiano la disdetta
sulle tratte dei grani della Sicilia. Il principe Doria rappresenta che
la patente del Moretto, spedita dal conte di Fruzasco, porta la conferma
e sottoscrizione sua: dunque si rispetti. Altrimenti sequestri,
confische e rappresaglie. Son forse tritumi cotesti?

Dall'altra parte il re di Francia ordina e comanda severissima punizione
contro il fellone, notoriamente reo di oltraggi e di rapine ai danni
della regia armata, del maresciallo Strozzi e della santa Sede: guai se
lo lasciano fuggire, guai se non sia restituita la galèa con tutto il
corredo! Il Papa più d'ogni altro insiste con messaggi e brevi, dicendo,
dovergli essere il reggimento di Malta, come di Ordine religioso, più di
ogni altro soggetto: quindi senza replica e senza dilazione il
Grammaestro e il consiglio obbediscano. Mandino a Civitavecchia sotto
buona scorta il Moretto, il Fouroux, le due galere, e tutte le
attenenze, carte e processi. Altrimenti ostilità e censure.

[16 maggio 1557.]

I tribunali lavoravano, i secretarî componevano, gli ambasciatori
andavano e venivano, e finalmente ai sedici di maggio Pandolfo Strozzi,
monsù de Carses, e Maffeo Boniperto secretario intimo del cardinal
Caraffa, partivano con due galere da Civitavecchia per Malta a pigliar
la consegna delle persone e delle cose richieste dal Papa[504]. I
Cavalieri, posti, come è chiaro e come tutti diciamo, tra l'uscio e il
muro, presero la via di mezzo: cioè consegnarono il Fouroux, la sua
galera, e tutti gli atti dei tribunali maltesi contro di lui; di che non
trovo più traccia. Quanto all'altro, implorarono una breve dilazione a
fine di dar parte del successo al re di Spagna. Con questa intelligenza
gli inviati del cardinal Caraffa se ne tornarono verso Roma alli
quattordici di giugno; e ai diciotto di agosto dell'anno stesso
l'infelice Claudio della Sengle, grammaestro di Malta, afflitto al sommo
da tante contradizioni, improvvisamente se ne moriva.

[17 settembre 1557.]

Succedutogli il celebre cavalier Giovanni della Valletta, e venendogli
di Roma richieste sempre più insistenti, e di Spagna minacce sempre più
pressanti, pro e contra, se ne uscì con un'altra misura di mezzo.
Scrisse al cardinal Caraffa di non potersi assumere la malleveria del
ritorno nel viaggio marittimo del Moretto: però mandasse gente di sua
fiducia a pigliare e a scortare quel che voleva. Dall'altra parte fece
sapere al prigioniero che si terrebbero chiusi gli occhi sopra i fatti
suoi. Costui che non aveva mai lasciato di fare sottilissime pratiche,
trovò finalmente una porta aperta alla prigione, e una fregata
forestiera alla riva. Fuggì a salvamento in Sicilia[505].

[Maggio 1558.]

Per conclusione veniamo agli ultimi due successi dell'intricatissimo
negozio. Nel maggio del cinquantotto il capitan Filippo Orsini da
Vicovaro con una galèa di Civitavecchia ritornò a Malta, grandemente
onorato da quei signori. Fece un processo informativo intorno alla fuga
del Moretto, prese la consegna della galèa controversa, e di tutte le
attenenze, prede e scritture, da essere presentate ai tribunali di Roma.
La destrezza, la grazia e le concilianti maniere di Filippo, il quale
seppe rendersi accetto a tutti i contendenti, calmarono gli sdegni già
stanchi[506]. E il Moretto, tornato in Nizza ai servigi del Duca, non
lasciò mai più di rimestare nel senato della contèa la lite contro i
Cavalieri pel rifacimento dei danni; ascendenti, secondo suoi calcoli, a
un tesoro: tanto che per sentenza di quei giudici cadde il sequestro
reale sui beni dell'Ordine gerosolimitano negli stati di Emmanuele
Filiberto. Così durarono per sette anni, cioè infino alla morte del
Moretto, avvenuta nel 1564. Allora soltanto finirono i litigi con uno
strumento di transazione, e duemila ducati d'oro pagati in saldo di ogni
pretensione dai Cavalieri agli eredi suoi[507]. Chi potrà mai più
volersi mettere per allievo in quella scuola, sulle orme del Moretto e
del Fouroux? Ecco la conseguenza che io posso trarre, senza punto
dilungarmi dalla mia marina. Finisce con loro l'ardito e sciolto
mestiero: e chiunque dappoi vorrà tenere galèe armate di sua proprietà,
e' sarà più tosto legato al soldo, che non libero alla ventura.

NOTE:

[504] BOSIO cit., III, 381, B; 382, A.

[505] BOSIO, 394, A.

[506] BOSIO, 396, D: «_Fu il capitano Filippo da Vicovaro.... strumento
e mezzo.... che l'ira e lo sdegno si quietassero,... Partì da Malta a'
ventitrè di maggio 1558, incamminandosi colla galera sopradetta alla
volta di Civitavecchia._»



[1 giugno 1558.]

XXII. — Felice presagio il non aver trovato di mezzo a queste vicende il
rispettabil nome di Flaminio Orsini, protagonista del libro presente:
nome giustamente tenuto in serbo per tornare da quinci innanzi onorato
nella maggiore e finale impresa contro i pirati.

Durante l'infausta guerra di Campagna, Flaminio erasi limitato
strettamente al dover suo: difendere la città marittima, e governar le
galèe camerali. Commissioni ambedue fedelmente eseguite. Ora egli co'
suoi ufficiali si dispone alle ultime prove in campo più degno contro
Dragut, che ci ritorna dinanzi.

Il terribile pirata, del quale più volte abbiamo favellato, ed altresì
promesso in alcun luogo di dirne l'origine, ebbe i natali da povero
pastore in un paesello della Caria rimpetto a Rodi, chiamato Montisceli:
nome di patria, col quale più spesso lo incontriamo nella sua prima ed
oscura gioventù. Preso per fante e allevato da un bombardiere ottomano,
che di là passava per andare in Egitto, crebbe eccellente nel maneggio
delle artiglierie; e come tale entrò nella società dei pirati egiziani
raccolti alle Gerbe, luogo molto acconcio ai loro disegni, per la
sicurezza della stallia, e per l'abbondanza della panatica. Fece parte
col Giudèo per una quarta di un piccolo brigantino, che in pochi viaggi
fu tutto suo. Indi armò una galeotta maggiore, divenne amico di
Barbarossa, ottenne carichi principali nella armata di Solimano,
comparve di vanguardia alla Prèvesa, e levossi tanto alto da mettere
insieme venticinque e trenta bastimenti da remo, coi quali scorreva da
padrone pel Mediterraneo[508]. La sua storia sarebbe finita alla
Girolata, dove fu preso da Giannettino e dall'Orsino, se il principe
Doria non lo avesse liberato[509]. Dopo quel tempo divenne più fiero e
potente: ed essendo morti il Giudèo e Barbarossa e gli altri della
seconda quadriglia, toccò a lui il principato della terza con Morat,
Scirocco e Luccialì. Occupò per tradimento la città di Afrodisio, e se
ne fece tiranno: venne, per mantenerla, a quelle prove che abbiamo
vedute nel settimo libro; e per vendetta delle perdite cacciò da Tripoli
i Cavalieri di Malta, padroni già da vent'anni della piazza, ove pose la
sua residenza principale. Là per concessione di Solimano alla morte
repentina in que' giorni di Morat-Agà, prese il titolo di Sangiacco,
come dire in nostra favella gonfaloniere, governatore e principe. Tutti
i suoi passaggi suonano spaventosi per fatti crudeli a rovina di
Cristiani per terra e per mare. Ai Veneziani, oltre infiniti danni di
navigli da carico, predò cinque galere armate, non ostante la tregua
solennemente pattuita con Solimano[510]. In Malta sbarcò più volte, e
dal Gozzo in una notte prese e menò via quasi tutto il popolo. Non parlo
di insulti sulle riviere di Italia, perchè non vi è luogo aperto da
Reggio a Sorrento, ed oltre infino a Rapallo, che non sia stato messo da
lui a ruba e a fiamme. Prese al vecchio Doria sette galere nelle acque
di Ponza; altrettante ne acquistò di Sicilia, uccidendovi il generale;
una di Malta predò a Pozzuolo, carica di danari: leggiamo lo stesso e
peggio pei lidi di Spagna, e talvolta anche di Francia.

Uomo cupo e di poche parole, non ha lasciato ricordo de' suoi detti, se
non pel brevissimo dialogo col cavaliere della Valletta, altrove
riferito; e pel colloquio con monsignor Caracciolo vescovo di Catania,
cui concesse il riscatto per tremila ducati, sotto giuramento di pagare
il doppio se mai gli avvenisse di esser fatto papa.

Dei suoi pensieri e del suo ingegno nelle strategie pronte ed astute, e
nei calcoli degli effetti lontani, fanno fede tutte le opere della sua
vita. Ma tra i suoi ripieghi sublimissimo e da essere sempre ricordato
quello che con piena riuscita eseguì alle Gerbe sul lido della Cantèra,
quando nell'estate del cinquantuno, bloccato con forze maggiori dal
vecchio Doria, lo lasciò da lungi confuso e beffato alla guardia di una
ventina di vecchie tende tanè, incavalcate all'uso marinaresco sulle
grabbie, che parevano bastimenti a scioverno; mentre esso carrucolando
le sue galeotte usciva libero di là sotto per un canale che aveva con
pertinace lavoro cavato di notte tra le sabbie, infino a sboccare in
mare dall'altra parte dell'isola, due chilometri lontano[511].

I tratti della sua fisonomia ci restano scolpiti al vivo sul metallo di
una medaglia, nella quale Andrea Doria per la mano maestra di
Giovannangelo Montorsoli fece ritrarre sè stesso nel diritto, e nel
rovescio il suo prigioniero[512]. Andrea comparisce a capo nudo, col
nome in giro, il tosone al collo, il serpentello abbasso, e il tridente
marino a tergo, senza dimenticare il titolo di Padre della patria.
L'aspetto di lui torna simile a quanto ne abbiamo di bellissimo ricordo
in bronzo, in marmo e in tela[513]. L'immagine scolpita sul rovescio non
porta nè scrittura nè nome: ma l'Olivieri, l'Avignone, e tutti ormai
convengono nel riconoscervi il busto di Dragut[514]. Egli ha intorno al
campo quattro catene, allacciate da altrettante maniglie, a tergo la
galeotta piratica, e sulla spalla la mazzetta ed i ceppi: simboli
certamente allusivi a famoso prigioniero barbaresco, che non può essere
altri da Dragut infuori. Ed io tanto più me ne persuado, che, avuti in
mano i bellissimi esemplari della medaglia, custoditi in Roma negli
stipetti di casa Doria; e riguardata attentamente quella bella testa
d'uomo in sui trent'anni, non ho visto il rigonfio del tipo africano, nè
lo smilzo dell'arabo, nè il paffuto del turco; sì bene le forme gentili
del greco asiatico, donde era Dragut: forme che ancor durano nei nativi
del paese. Cranio rotondo, chioma folta a crespe naturali, collo
carnoso, poca barba, labbra strette, naso perfettissimo, pomelli
rilevati, liscia la pelle, e l'occhio fisso; indicio dell'animo
facilmente volto dalle cose sensibili ai pensieri trascendenti
nell'ordine del suo mestiere.

NOTE:

[507] GIOFFREDO cit., 1481, D; 1533, C.

[508] BRANTÔME (Pierre de Bourdeille), _Memoires concernans les vies des
hommes illustres et grands capitaines estrangers de son temps_, in-16.
Leyde, chez Jean Sambrix à la Sphère, 1666, II, 58: «_Dragut corsaire._»

WILLIAM H. PRESCOTT, _History of the reign of Philip the second_, in-8.
Boston, 1856, II, 356: «_Among the african corsairs was one by the name
of Dragut, distinguished for his daring spirits and pestilent
activity._»

DE HAMMER cit., XI, 214: «_Thorghûd._»

[509] MARCO GUAZZO, MAMBRINO ROSEO, GIACOPO BOSIO, e gli altri qui sopra
cit., II, 91.

[510] Bosio, 185, A: «_Dragut incontratosi in cinque galere veneziane,
condotte da Luigi Gritti, non ostante la tregua e i trattati di pace,
lasciar non volle di investirle e di combatterle e dopo averne messe in
fondo due, prese le altre a salva mano._»

[511] DE HAMMER cit., XI, 221: «_Torghûd imitò l'esempio antico.... cioè
il trasporto delle navi per terra._»

ANTONIO DORIA, _Compendio_ cit., 110: «_Andrea Doria alli Gierbi trovò
Dragut in quel canale con diciassette tra galee e fuste che spalmava,
dalla parte di Greco dove era l'intrata.... Dragut fece cavare dai suoi
schiavi in quel canale, e alleggerì i vasselli, tanto che potè
traghettarli dall'altra parte dell'isola; e se ne uscì prima che Andrea
se ne fosse avveduto._»

CALVETUS STELLA, _De Aphrod._ Basilea, 1556, p. 644.

MARMOL, _L'Africa_, in-fol. Granata, 1573, II, 295.

[512] MEDAGLIA onoraria di Andrea Doria, conservata nel Museo privato
del Principe in Roma, e in altre raccolte coll'iscrizione seguente, da
un lato solo:

                      ANDREAS . DORIA . P . P.

[513] V. sopra I, 275.

[514] AGOSTINO OLIVIERI, _Monete_, _Medaglie e Sigilli dei principi
Doria_, in-8. figur. Genova, 1859, tav. II, fig. 1, et al testo, p. 29:
«_L'imagine di uno schiavo, allusiva al celebre Dragut, fatto prigione
dalle galere del Doria._»

GAETANO AVIGNONE, _Medaglie dei Liguri e della Liguria descritte_, in-8.
Genova, 1872, p. 85: «_Nel rovescio il ritratto di Dragut contorniato di
catene.... Medaglia di bronzo. Dritto testa di Dragut contorniata dalle
catene, come al numero precedente. Rovescio la galera, come ad altri
numeri.... Medaglia formata di due rovesci._»



[13 giugno 1558.]

XXIII. — Quell'occhio per questi tempi tutto affissavasi verso la
Francia. Dopo il rovescio del Sanquintino, e per conseguenza della
guerra infelice contro la Spagna, di là vagheggiava il richiamo e
l'occasione di acquistarsi in Italia altre ricchezze e meriti
maggiori[515]. E così fu: chè re Enrico, trovandosi al disotto, non
volle mancare di equilibrarsi col consueto contrappeso dei Turchi; ed
ebbe in suo ajuto l'armata di Costantinopoli e le squadre di Barberia,
agli ordini dal pascià Pialì e dal sangiacco Dragut. Costoro con
centoventi galèe, e molti altri legni da carico, pigliarono un'altra
volta e bruciarono Reggio. Indi dalle Eolie gittatisi nel golfo di
Salerno, ebbero Sorrento e Massa, e disertarono il paese infine alla
torre del Greco, menandone maschi e femmine, contadini e signori, a
migliaja. Dragut gli spartiva, o donava a questi e a quelli, o li
mandava a vendere in Africa[516]. Da Piombino scrissero a Genova,
mettendo alla scelta di quei Signori la pace o la guerra. Ciò s'intende
alla maniera dei Turchi: come dire pace a prezzo vergognoso, guerra a
oltranza barbarica. I Genovesi mandarono danari e vittuaglie; e gli
Ottomani passarono oltre in Provenza[517].

[21 settembre 1558.]

Là successe, e al fermo non poteva mancare, lo screzio tra le albagìe
francesi e le avarizie musulmane. I barbari disgustati del re Enrico, se
ne andarono a menare il randello sui paesi del re Filippo. Gran rovina
per le marine di Spagna, e principalmente nell'isola di Minorica, dove
stettero a ricovero: e finalmente carichi di preda e di schiavi
cristiani se ne tornarono ai loro paesi.

Dragut principalissimo conduttore della tregenda, più che mai tronfio,
raccolse in Tripoli lo squadrone de' satelliti; e con essi celebrò feste
strepitose in dispregio del nome cristiano. Le quali ingiurie, per le
lettere dei prigionieri ripetute e diffuse in Europa, non è a dire
quanto incitassero gli animi dei popoli a chiederne giusta vendetta per
riscattare i perduti, e per affrancare tutti gli altri dalle minacce e
dagli insulti dei ribaldi. Nè andò guari che si cominciò a trattare da
senno la pace tra Francia e Spagna. Primo già tra i rivali in pace
perpetua si pose quel Carlo, di cui abbiamo tante volte favellato, e
dobbiamo ora ricordarne (per accomiatarci da lui) il giorno della morte,
avvenuta nel suo ritiro addì ventuno di settembre[518]. Poi Filippo ed
Arrigo, tediati e stanchi dei marziali travagli, e più quest'ultimo più
volte rotto infino a Gravelinga, si accordarono per una tregua, che alla
fine si ridusse a solenne trattato di pace, col nome del castello
Cambrese, dove addì tre aprile del cinquantanove fu sottoscritta[519].

[18 agosto 1559.]

Sciolto adunque il re Filippo da ogni altro impaccio, e sollecitato dai
clamori dei sudditi, deliberò l'impresa di Tripoli contro Dragut; ed
ebbe da papa Paolo conforti e promesse di ajuti per la spedizione
ardentemente dall'uno e dall'altro e da tutti desiderata[520]. Ma poi
quasi improvvisamente venuto Paolo a morte il diciotto di agosto, pei
tumulti susseguenti ogni cosa restò sospesa; ed i più si condolevano pur
di questo, temendo non forse lo stendardo papale avesse a restar fuori
della grande raunanza che si apparecchiava.

NOTE:

[515] BOSIO, 396, E: «_Dopo la partenza del capitan Filippo da Vicovaro,
crescendo in Malta gli avvisi dell'armata turchesca... si fecero diversi
preparamenti._»

[516] CAMPANA cit., 46, B.

ADRIANI cit., 599, D.

[517] COPIA _delle lettere di Pialì bascià capitan generale dell'armata
turchesca, mandate al principe Doria ed alla magnifica Signoria di
Genova con volontà del gran Turco. Et li ragguagli dell'accordi fatti
tra loro, et il successo di tutto quello, il quale è occorso dopo
l'uscita da Costantinopoli. Con tutte le fationi fatte da essa armata
nel regno di Napoli, et ne le riviere di Spagna con la presa di Minorica
et altri luoghi, et la cagione della sua partita d'Italia, con il numero
delle galèe et altri legni, con molti altri bei particulari. — Con
licentia et grazia._

Senza nota di luogo, ma certamente di Roma e di quest'anno 1558, quattro
pagine di corsivo minutissimo in foglietto volante. BIBL. CASANAT.,
_Miscell._, in-4, vol. 665, n. 21.

[518] ULLOA cit., 335, B: «_Piacque a Dio chiamare a se il
cristianissimo imperatore Carlo quinto, mettendo fine alla sua vita a
xxi di settembre, giorno di san Matteo, di questo presente anno
MDLVIII._»

[519] DUMONT, _Corps diplomatique_, in-fol. Amsterdam, 1728, V, 31.

[520] BOSIO, 411, B: «_Papa Paolo quarto.... haveva promesso ajutare a
tutto poter suo l'impresa di Tripoli._»



[Settembre 1559.]

XXIV. — Se non che il collegio dei Cardinali nella sede vacante, non
volendo mancare agl'impegni del Pontefice defunto, ed alle pressanti
richieste del re Filippo, confermò al capitan Flaminio Orsini il governo
della squadra; e gli commise di mettersi in punto per essere a Tripoli
cogli altri[521]. Flaminio, come tutti i capitani solerti e prodi, aveva
bene in assetto i suoi legni; e specialmente leggiadra sopra qualunque
altra galèa, di scolture, d'intagli e di dorature adorna e bellissima la
Capitana, dove esso risiedeva[522]. Nè meno corredate e forti le due
conserve; l'una a carico del prode giovane Galeazzo Farnese, e l'altra
del veterano Filippo Orsini da Vicovaro. Di Filippo si è fatta menzione
più volte al tempo della guerra di Afrodisio, e nei diversi successi
delle galere di Carlo Sforza e di Orazio Farnese[523], insino all'ultimo
e recente periodo del capitan Moretto in Malta, dove esso colla grazia e
saviezza sua stralciò gli estremi viluppi nell'intrigato affare del
Venturiero[524]. I genealogisti per loro solito non dicono sillaba di
lui[525]. E ne perderebbe ogni traccia chi non sapesse il costume di
quel tempo di chiamare anche i grandi signori col nome del feudo, anzi
che con quello della famiglia: dicevano, per esempio, di Vicovaro a
Filippo; come di Cere, di Pitigliano, di Nola, e simili, dicevano agli
altri Signori della istessa e numerosa famiglia.

Presso a poco mi accade altrettanto parlando dell'altro romano Galeazzo
Farnese, quarto discendente in linea retta dal fratello maggiore di
Paolo III. Mettete in men d'un secolo quattro generazioni, e presto
intenderete che Galeazzo, di Pierbertoldo, di Galeazzo primo, di
Pierbertoldo primo, e di Bartolommeo (stipite dei signori di Latera),
doveva essere ben giovane di circa vent'anni: e ciò per evidente ragione
naturale, corroborata dalla testimonianza concorde degli scrittori
contemporanei, a dispetto dei genealogisti seguenti[526]. Ai quali ora
per l'appunto mi conviene opporre un'altra recente e non sospetta
eccezione, venutami da Livorno per la stampa di Milano, quasi in
risposta alle mie ricerche intorno ai più negletti dei nostri capitani,
come in alcun luogo qui addietro ho promesso di ricordare colla dovuta
gratitudine[527]. Ecco le parole del Guerrazzi per quanto basta al
presente proposito, senza precipitare le notizie dei successi
futuri[528]. «Sopra la galèa capitana del Papa, governata da Flaminio
dell'Anguillara, capitano eccellente e di molto giudizio nelle faccende
navali.... si rammenta Galeazzo Farnese, nobile giovanetto, che prode
fu, ma non operò atti eroici, mentre la storia, più che altri non crede,
e a lei stessa non paia, piaggiatrice, lascia innominato un paggio
dell'Anguillara, il cui caso pieno di pietà come mi riusci grato
raccogliere, così non mi sarà grave raccontare.» Vedremo il resto, e
adesso attendiamo all'Odorici, il quale nei supplementi al Litta,
facendo i conti sulle spalle del nonno, ci darebbe il nipote per
decrepito nella presente spedizione delle Gerbe[529]. Non così il
Salazar che, distinguendo meglio le quattro generazioni, e i due
Galeazzi, avo e nipote, parla di quest'ultimo nella forma che
segue[530]: «Galeazzo, secondo di questo nome, e diciannovesimo signore
di Farnese, nipote del primo Galeazzo, segnalossi grandemente nella
milizia; e dopo impiegato alcun tempo nei primi studî dell'arte, servì
Filippo secondo[531], l'anno 1560, alla giornata delle Gerbe, nella
quale cadde prigioniero, essendo ancora tanto giovane che Mambrino Roseo
lo chiama Nobile giovanetto. Ricuperata la libertà continuossi nella
gloriosa professione delle armi, donde col suo ingegno e studio cavò tal
frutto, che nell'anno 1571 ottenne dai Veneziani il generalato delle
loro milizie in Dalmazia. Colà fu maestro a Mario suo minor fratello, e
poi in Napoli tolse per moglie la nobilissima Lucrezia Tomacelli, zia di
quella principessa che con lo stesso nome portò l'eredità dei Tomacelli
in casa Colonna, maritandosi a don Filippo duca di Tagliacozzo.» In
somma la prima spedizione del giovane Galeazzo viene segnata alle Gerbe;
ed il primo tirocinio della marineria infin dai teneri anni vuolsi
ricercare sulle galèe della sua famiglia, e sotto la direzione de' suoi
cugini Orazio Farnese e Carlo Sforza, ricordati nei libri precedenti
come capitani marittimi, e come possessori di bastimenti militari di
loro proprietà.

Di che avendo detto altrove a sufficenza per gli Sforzeschi, ma non
egualmente pei Farnesiani, quando mi stringeva il bisogno di avacciare
in mezzo alle furie delle congiure e delle vendette, ora qui sembrami
migliore partito il compiere con qualche documento che torni al
proposito, e comprovi il magisterio domestico del giovane e valoroso
Farnese. Ecco in lingua volgare l'atto di vendita delle quattro galere
della famiglia: originale documento e raro, che ora mi dice bene a
ripieno, intanto che lenta lenta si apparecchia nel Regno la spedizione
per l'Africa[532]:

  «MDXLV adj XXIII di ottobre.

»Per il magnifico signor Paulo Pietro Guidi, presidente della camera
ducale di Piacenza et Parma, et Jo. Batista Liberati thexoriero et
maestro dellentrate ducali predette si vendino quattro galere del signor
duca di Piacenza et Parma allo illustrissimo signor Gio. Luigi del
Fièsco con li capitoli, patti, et conventioni infracripte. Et primo.

»Per sua Eccellenza diano et vendino le dette quattro galere, cioè la
Capitana, la Victoria, Santa Catherina[533], et la Padrona, di quella
qualità et sorte che sono, et con robbe, fornimenti, schiavi et forzati
justa lo inventario, fatto per messer Pietro Ceuli agente di sua
Eccellenza e per messer Anton Maria Marano agente del predetto signor
Conte, quale inventario sarà inserto qui di questo tenore, cioè[534]:

»Intendendo però che li forzati condemnati a tempo li si danno co la
conditione che l'ha sua Eccellenza; et de detto inventario se habbino da
diminuire forzati venticinque in circa liberati da Sua Santità dopo
fatto detto inventario, et forzati venticinque in circa quali sono delli
heredi del quondam capitanio Bartolomeo Pereto da Talamone[535]; et
mancando il numero di essi forzati et schiavi, supplirà sua Eccellenza
oltre il sopraddetto numero di cinquanta in circa.

»Et più sua Eccellenza farà che Sua Santità condurrà tre de dette galere
al stipendio della Camera apostolica per dui anni, et al predetto signor
Conte darà il luogho che tenea l'illustrissimo signor Horatio suo
figliuolo in dette galere, intendendo che il soldo[536] de dette tre
galere incominci in persona del sopraddetto signor Conte dal dì della
consegna de dette galere, ancora che non fosse fatto il contratto colla
Camera apostolica, et non prima.

»Et il soprascritto signor Conte promette per la compera et prezzo di
dette quattro galere pagare a sua Eccellenza, o a chi Lei ordinerà,
scudi trentaquattromilia d'oro in oro d'Italia daccordo, da pagarli
nelli infrascritti modi et termini, cioè il terzo alla consegnia di esse
galere, l'altro terzo alla festa della Natività di Nostro Signor de
lanno 1546, et l'altro terzo et ultimo alla 'ltra Natività di Nostro
Signor de lanno 1547. Prometendo essi S. al p.º S.[537] de evictione in
forma per detta vendita in nome di sua Eccellenza.

»Et il predetto signor Conte in observatione delle predette cose sè et
suoi beni presenti et futuri et in particolare per detti due terzi che
resterà esso signor Conte, cioè di scudi ventiduemillia seicento
sessantasei et dui terzi di scudo, dico scudi 22666-2/3, obbliga et
ypoteca in spetie et particolarmente il luogho o vero castello di
Calestano di parmegiana con sue jurisditioni, et pertinentie, intrate,
et tutte et singole raggioni et actioni, et farà che l'illustrissimo
signor Hieronimo suo fratello secondo et padrono desso Castello et
luogho ratificarà la presente obbligagione per istrumento in forma
amplissima, fra detto termine della consegna da farsi di dette galere,
et di più darà idonea cautione oltra detto castello et come di sopra ad
ogni simplice requisitione di sua Eccellenza per quella somma et
quantità che a sua Eccellenza parerà, dando ex nunc. us.[538] licentia
passato detto primo termine e non pagando la detta summa a sú
Eccellenza, di pigliarsi la possessione di esso castello et uts. di sua
propria autorità, et in quello stare, vendere, alienare, contrahere, et
distrahere, come meglio parerà a sua Eccellenza, et innanzi qualunque
extimatione et liquidatione da esser fatta. Intendendo che in caso che
sua Eccellenza pigliassi detto possesso di detto luogho, et sua
Eccellenza ni cavassi li proventi et frutti, che non si possono
compensare ni la sorte principale.

»Costituendosi fra tanto detto signor Conte per sè et per suo fratello
tenere et possedere detto luogho a nome di sua Eccellenza, et il
medesimo s'intenda per gli altri termini, obbligando sè et soi beni in
amplissima forma della Camera apostolica, et così giurano le parti le
predette cose vere et attenderle et observarle volendo che sestenda al
cossiglio di sup. forma amplissima.

      »Io Paolo Pietro Guidi, presidente della Camera di sua
        Eccellentia, affermo quanto è detto di sopra.

      »Io Gio. Bap.ta Liberati, thesoriero et mº d'entrata de sua
        Eccellenza, affermo quanto di sopra se contiene et per
        fede me so sotto scritto de man propria.

      »Io Gioan Luise Fiesco affermo quanto di sopra di man
        propria. Visa. C. Campellus[539].»

Dunque Flaminio, Filippo, Galeazzo, e gli allievi migliori della scuola
romana, preso in Civitavecchia il rinforzo di eccellenti marinari, e
avuti da Roma quattrocento fanti sperimentati nelle guerre precedenti,
sciolsero agli ultimi di agosto, e furono in Messina ai primi del mese
seguente.

NOTE:

[521] ANTONFRANCESCO CIRNI, _I successi dell'armata di sua Maestà
cattolica, destinata all'impresa di Tripoli di Barberia_, in-16.
Firenze, 1560, p. 34: «_I cardinali mandarono colle tre galere della
Chiesa Flaminio Orsini, cavaliere molto pratico e discreto._»

NATAL CONTI, _Historie de' suoi tempi, tradotte dal Saraceni_, in-4.
Venezia, 1589, I, 336, B: «_I cardinali di Roma innanzi la creazione di
Pio IV.... aggiunsero tre galere sotto il governo del capitan Flaminio
Anguillara._» (Parente ed allievo del conte dell'Anguillara, e signore
di Stabia.)

CAMPANA CESARE, _Vita di Filippo II_, in-4. Venezia, 1608, II, 83, B:
«_Tre galere della Chiesa, delle quali fu dato il governo a Flaminio
dell'Anguillara._» (Come sopra alla nota 9 di questo libro, e pag. 278.)

[522] BOSIO cit., III, 432, B: «_La capitana del Papa.... bella
capitana, tutta dorata._» Docum. cit., _Medio èvo_, II, 472.

[523] RELATIONE _della ritentione delle galere di Carlo Sforza, priore
di Lombardia, fatta da Alessandro Sforza chierico di Camera, e della
prigionia e liberazione del cardinale di Santa Fiora, l'anno_ 1555. —
Mss. Capponi, cod. 287, p. 413, pubblicato nell'ARCH. ST. IT. in-8.
Firenze, 1847, vol. XII, p. 372: «_Il re di Francia tolse il governo al
capitan Filippo da Vicovaro, e lo dette a Niccolò Alemanni._»

DOCUM. e citazioni qui sopra, II, 180, 243, 253, e segg.

[524] BOSIO cit., III, 396, B: «_Giunse in Malta il capitano Filippo da
Vicovaro, mandato dal Papa per condurre in Civitavecchia la galera e il
Moretto.... Fu il cap. Filippo da Vicovaro ricevuto con molto onore, et
accarezzato dal Gran Maestro.... Prese le informazioni, fu poi grande
istrumento et mezzo perchè il Papa e il card. Caraffa si quietassero._»

[525] LITTA, _Famiglia Orsini_. — Non vi ho trovato nulla di Filippo da
Vicovaro, nè pur il nome.

FRANCESCO SANSOVINO, _Casa Orsina_, in-fol. Venezia, 1565. — In tutto
l'Indice, che sono trentasei colonne di infiniti nomi, non vi è scritto
niun Filippo.

[526] ADRIANI cit., 651, A: «_Galeazzo Farnese, figliuolo di Bertoldo,
combattè alle Gerbe.... portato stiavo a Costantinopoli._»

MAMBRINO ROSEO, _Storie del Mondo_, in-4. Venezia, 1598, parte III, vol.
II, p. 16: «_I Turchi ferirono Flaminio Orsino, generale delle galere
del Papa, con due colpi mortali nella testa e nel collo.... quasi tutti
morti, alcuni presi con Galeazzo Farnese, nobile giovanetto._»

FRANCESCO ZAZZERA, _Nobiltà d'Italia_, in-fol. Napoli, 1615, I, 162:
«_Della famiglia Tomacella, Lucrezia fu prima moglie di Galeazzo
Farnese, col quale fece molti figliuoli._»

SERENO PARUTA, e gli altri delle guerre veneziane ne parlano pel tempo
seguente, che Galeazzo servì la Repubblica in Cipro e in Dalmazia nel
1571.

[527] Vedi sopra, lib. VIII, cap. II, p. 277.

[528] F. D. GUERRAZZI, _Vita di Andrea Doria_, in-16. Milano, 1864, II,
354.

[529] LITTA, _Famiglie celebri d'Italia_, con la continuazione di
FEDERIGO ODORICI e di altri. Casa Farnese, tav. VIII: «_Il Salazar fa
supporre che Galeazzo Farnese fosse allora adolescente: osserverò che
del 1560, a conti fatti, non avrebbe potuto quel ragazzo aver meno di
cinquant'anni._»

[530] DON LUIS DE SALAZAR Y CASTRO, _Glorias de la casa Farnese_ in-fol.
Madrid, 1716, p. 31. E nella tavola genealogica, p. 395. — E nel
catalogo dei maritaggi, p. 344: «_Galeazo II del nombre,_ XIX _Señor de
Farnese, y nieto de Galeazo I, fuè muy señalado en la milicia; y despues
de aver gastado en ella algun tiempo, sirviò a Felipe II en la jornada
de los Gelves año 1560. Donde quedò cautivo, siendo tan mozo....
Recuperada la libertad continuò aquella profession gloriosa en varias
guerras.... el año 1571 le diò la repubblica de Venecia al generalato de
sus armas en Alvania.... casò con Lucrezia Tomacelli, tia de la
princesa, que con el mismo nombre llevò los bienes de la casa Tomacelli
a la Colonna, casando con don Felipe Colona, duque de Tallacoz._»

[531] _Servì Filippo_: Cioè militò sulle galere romane, mandate
ausiliarie all'armata del re Filippo. Come lo Spagnuolo pensa alla
Spagna, così deve ogni altro pensare al suo paese, secondo giustizia.

[532] ATTO originale della vendita delle galere dei Farnesi ai Fieschi.
— Pubblicato da LUCIANO SCARABELLI, _Guida di Piacenza_, in-32, 1841, p.
89. — Io ne distendo le abbreviature evidenti.

[533] _La Santa Catherina_: Nome impostole sul cantiere da Gentil
Virginio Orsini, secondo l'onomastico della Caterina, ultima delle sue
figlie. Detta nel vezzeggiativo la Caterinetta, sostenne poi la parte
principale sul mare nell'esecuzione della congiura.

[534] _L'Inventario_: È scritto a parte, e trovasi depositato dallo
Scarabelli nell'Archivio di Piacenza. Nell'originale non si vede altro
che il vuoto di una riga, come egli nota.

[535] _Cap. Pereto da Talamone_: Chiaro è che le stesse galere erano
state prima degli Orsini e dei Peretti, passate poscia ai Farnesi,
vendute ai Fieschi e tenute al soldo della Camera.

[536] _Il soldo_: Non entra (come alcuni aggravano) per dispendio oltre
il prezzo, anzi aggiugne maggior vantaggio all'acquirente.

[537] _Essi S. al p.º S._: Esso Signore al predetto Signore, cioè l'uno
all'altro di essi.

[538] _Et uts_. Come sopra. _Ut supra_.



[4 settembre 1559.]

XXV. — Assembravasi lentamente in quel porto la spedizione generale agli
ordini del vicerè di Sicilia don Giovanni della Cerda, duca di
Medinaceli: uomo non privo di alcune belle qualità, gentil cavaliero,
buon padre, leale mallevadore: ma trontìo nel vuoto, ed altrettanto
sostenuto dai favori della corte, quanto sfornito delle doti necessarie
a condurre imprese di rilievo, sia per mare, sia per terra; quantunque e
per terra e per mare dovesse misurarsi con Dragut[540]. A tal fine aveva
ordine di mettere insieme armata ed esercito, navigli di linea e di
trasporto, e cavare ogni cosa dalle provincie d'Italia, stimate
sufficienti al bisogno, senza sguarnire le difese dei porti di
Spagna[541]. Si noveravano in prima le tre galèe di Roma, comandate da
Flaminio Orsini; quattro di Firenze sotto Niccolò Gentili, cinque di
Malta sotto il cavalier de Tessieres, tredici del Doria condotte per la
prima volta dal giovinetto Giannandrea, cinque di Napoli sotto don
Sancio di Leyva, otto di Sicilia sotto don Berengario Requesens, cinque
di Scipione Doria, due del principe di Monaco, due di Stefano de' Mari,
due del marchese di Terranova, due del visconte Cicala, due di
Bendinello Sauli; in tutto cinquantatrè galèe grosse: più due galeotte
del Medinaceli, una di Federigo Staiti, una di Luigi Ossorio, due
galeoni, ventotto navi di alto bordo, dodici navette, e più altri legni
da trasporto per munizioni da guerra e da bocca, e insieme per
quattordicimila fanti da sbarco, tra spagnuoli, italiani e tedeschi:
fior di gente, condotta da Quirico Spinola, da Scipione Frangipani della
Tolfa, da Ippolito Malaspina, e da Andrea Gonzaga, quattro colonnelli
italiani; più Stefano Leopart coi Tedeschi, e don Luigi Ossorio cogli
Spagnuoli.

E poichè siamo a navale armamento di spedizione generale cavata
solamente dalle provincie italiane, qui mi talenta inserire la lista dei
bastimenti di linea, e i loro nomi ad uno ad uno, sì come gli ho
raccolti dalle memorie edite ed inedite dei contemporanei; senza tener
conto dei legni minori, o di quei bastimenti a vela che allora diceansi
Navi, ed oggi si chiamano vascelli: dei quali niuno allora curava i nomi
o i padroni, se non per dire che tutti in un fascio obedivano al
colonnello Andrea Gonzaga, messo sur una di esse navi chiamata
l'Imperiale, come comandante del convoglio[542].

                                  NOTA

          DELLE GALÈE ASSEMBRATE IN BATTAGLIA L'ANNO 1559-60,
            PER L'IMPRESA DI TRIPOLI E DELLE GERBE CONTRO
                                 DRAGUT.

   1. La Reale, a nome di Andrea Doria, condotta da Giannandrea,
      luogotenente dello Zio, col consenso del Re.
   2. la Capitana di Roma, Flaminio Orsini da Stabia.
   3. la Padrona id. Filippo Orsini da Vicovaro.
   4. il San Pietro id. Galeazzo Farnese da Latera.
   5. la Capitana di Malta, cav. de' Tessieres.
   6. la Padrona id. Antonio Maldonato.
   7. il San Filippo id. Antonio Bremond.
   8. la Santa Fede id. Gil d'Andrada.
   9. il San Michele id. Raffaele Salvago.
  10. la Capitana di Firenze, cav. Niccolò Gentili.
  11. la Padrona id. Piero Machiavelli.
  12. l'Elbigina id. Alfonso del Palla.
  13. la Toscana id. N. N.
  14. la Padrona del Doria.
  15. la Nunciata id.
  16. la Signora id.
  17. l'Aquila di Doria.
  18. la Vittoria id.
  19. la Presa id.
  20. la Divizia id.
  21. la Centuriona id.
  22. la Fortezza id.
  23. la Temperanza id.
  24. la Marchesa id.
  25. la Contessa id.
  26. la Capitana di Napoli, don Sancio di Leyva.
  27. la Padrona id.
  28. il San Giacomo id.
  29. la Leva id.
  30. la Mendozza id.
  31. la Capitana di Sicilia, don Berlinghiero Requesens.
  32. la Padrona id.
  33. la Califfa id.
  34. la Ventura id.
  35. l'Aquila di Sicilia id.
  36. la Fortuna id.
  37. la Costanza id.
  38. la Donzella id.
  39. la Capitana di Antonio Doria, Scipione suo figlio.
  40. la Padrona id.
  41. la Pellegrina id.
  42. la Fede id.
  43. l'Amicizia id.
  44. la Capitana di Monaco.
  45. la Padrona id.
  46. la Capitana de' Mari, capo Stefano de' Mari.
  47. la Padrona id.
  48. la Capitana di Terranova, cap. il marchese Ottavio?
  49. la Padrona id.
  50. la Capitana del Cicala, cap. Visconte Cicala.
  51. la Padrona id.
  52. la Capitana del Sauli, cap. Bendinello Sauli.
  53. la Padrona id.

                   _Delle quattro galeotte._

  1. La capitana del Medinaceli.
  2. Della Cerda.
  3. di Federigo Staiti.
  4. di Luigi Ossorio.

Abbiamo già valica la mela del secolo decimosesto, e ci troviamo oramai
vicini al termine dell'ultimo libro, e la marineria militare in niuna
parte del mondo ancor non ha fatto il gran salto eccezionale dal remo
alla vela. Nessuno fin qui conosce i vascelli di linea, come poscia
furono chiamati, quando Francesco Drake nello scorcio del medesimo
secolo per la prima volta li condusse in battaglia sull'Oceano,
aringando l'armata navale coi soli bastimenti di alto bordo ed a vela.
Prima di lui, e nel tempo ove ora ci troviamo col discorso, parlando di
battaglie, di spedizioni e di viaggi, coi grandi ammiragli e coi
maggiori sovrani, non troviamo altri legni di linea che i bastimenti da
remo, secondo la perpetua costumanza di tutti i tempi e di tutti i
popoli, stante la necessità tattica del movimento libero, tornataci ora
gigantesca col vapore. Gli è questo un pensiero in più occasioni
espresso e svolto: ma non tanto che basti per la sua importanza, e per
l'ostinazione al contrario di molti a rimpiangere e a richiamare
dannosamente la tattica militare della vela. Nacque per cause
eccezionali, durò poco, e finì per sempre. Anche sull'Oceano, la
marineria armata faceva supremo assegnamento sui bastimenti da remo: i
Normanni, i Teutoni, i Britanni e gli Scandinavi combattevano a remo coi
loro dracarri[543]. Così i Romani, i Bizantini, gli Spagnoli, i Genovesi
e i Veneziani colle galèe di Londra e di Fiandra[544]. Al quale
proposito altresì merita essere ricordato il capitano Benedetto Zaccaria
di Genova, il quale sulla fine del secolo decimoterzo proponeva a
Filippo il Bello il modo di costruire e di equipaggiare un'armata per
combattere sull'Oceano contro gli Inglesi e per invaderne il regno:
armata di galere in battaglia, e di uscieri al trasporto[545]. E
similmente sarà bene toccare qui dei fatti più moderni di Leone Strozzi,
al cui ardimento sembrò piccolo vanto il passare colle sue galèe oltre
allo stretto di Gibilterra, anzi pur volle a remo spingersi avanti, e
battersi contro gli Inglesi nel mare di Piccardia per difendere il porto
e la piazza di Boulogne da loro assediata; o poi nei mari di Inghilterra
e di Scozia, dove colle galèe medesime fece cose mirabili di
combattimenti e di espugnazioni[546].

Non mica tanto vanto allora delle galèe, perchè i navigli a vela
fossero, come alcuni pensano, piccini piccini; ma per la ragione
fondamentale del motore libero, sempre cercato, come sa il lettore, a
preferenza della incerta e mutevole forza del vento. Si costruivano
cocche, caracche, e navi grandissime, di tre e di cinque coperte, capaci
di portare infino a mille cinquecento viaggiatori, agiatamente collocati
nei corridoj in più ordini, per i lunghi passaggi di oltremare, colle
loro bagaglie e provvigioni; navi di quattromila tonnellate; navi colle
scuderie e fornimenti per cento cavalli, da metterli a bordo ad uno
squillo di tromba, e da cavarli fuori sellati ed armati per gli usci di
poppa sopra ponti volanti che avevano da ciò[547]. Insomma tutti
vedevano sul mare navi a vela di sovrana grandezza, secondo il bisogno;
non mai per questo come legni di prima linea in battaglia, ma solo come
bastimenti di convoglio e di carico, massime pel trasporto dei cavalli
nei tempi cavallereschi: materia più studiata dai nostri maggiori,
perchè più necessaria ai loro costumi. Fabbricavano uscieri grandissimi
con tre ruote e due porte di poppa, capaci di uno squadrone compiuto di
cavalleria; e talvolta per non arrischiarlo tutto insieme, anzi per
ottenere il medesimo intento con dispendio minore, più presto, e in più
parti, usavano costruire molte tartane, capaci ciascuna di trenta
cavalli in due file di quindici a destra e di altrettanti a sinistra,
sotto coperta: di che abbiamo documenti importantissimi del secolo
decimoterzo nel grande archivio di Napoli, pubblicati almeno in parte da
quegli Ufficiali a conforto di chiunque desidera conoscere il linguaggio
della marineria antica e moderna, che dura sempre lo stesso[548].

Noi abbiamo veduto sul principio del cinquecento al blocco di Genova
caracche armate di lunghe colubrine da cento libbre di palla, e
palischermi che giocavan di prua con pezzi da trenta; abbiamo veduto
navi strepitose, come la caracca corazzata di Malta, navi pei cavalli
alla impresa di Algeri, navi per convoglio a Corone, per munizioni alla
Prèvesa, ed ora ne troviamo per la impresa di Tripoli; sempre messe alla
coda, non mai in prima linea: e abbiam veduto e vedremo la difficoltà di
tenerle insieme colle galèe. Valga per tutti la sentenza di
Antonfrancesco Cirni, testimonio di veduta, che pei fatti di questa
medesima spedizione di Tripoli scriveva così[549]: «Hanno da sapere che
il condurre armata di navi, massime di verno, non solo è cosa difficile,
ma difficilissima. Il che si è visto sempre in tante imprese che per
mare si sono fatte: chè prima bisogna fornirle d'acqua, poi rimorchiarle
fuori dei porti, soccorrerle nei tempi fortunevoli, ed ajutarle quando
non possono afferrare; di modo che il travaglio dietro a loro non ha mai
fine: e con tutto questo arrivano poi dove bisogna, quando piace al
vento.»

NOTE:

[539] La consegna compiuta in Civitavecchia dal Ceuli al Marano nel
maggio 1546.

[540] ADRIANI cit., 643, A: «_L'impresa sopra Tripoli di Barberia mal
consigliata, e peggio condotta._»

PRESCOTT cit., II, 357: «_Medinaceli seems to have possessed none of the
qualities requisite in a commander, whether by land or sea.... A worse
choise could not have been made._»

[541] CIRNI cit., 29: «_Secondo il volere di sua Maestà l'impresa si
poteva fare con le galèe d'Italia.... così il Mendoza con le galèe di
Spagna se ne andò._» IDEM, 23, fin.

SIGONIO, 325: «_Non si potè ottenere dal Mendoza la squadra delle galèe
di Spagna._»

TOMACELLI, _Lettera_ cit., 234: «_Stimava il Re che per questa impresa
basteriano le sue galere d'Italia, con quelle de' suoi confederati._»

[542] AVVISI di Roma, Cod. Urbin. alla Bibl. Vatic. 1039, fol. 161:
«_Lista delle galere_»

BOSIO cit., 409, D.

CAMPANA, 83, B.

CIRNI, 32, e liste in fine.

[543] A. JAL, _Archéologie navale_, in-8 figur. Parigi, 1841, I, 130.

IDEM, _Glossaire_, 601: «_Drake, Drakar._»

[544] CÆSAR, _De bell. Gall._, lib. IV.

LEONE _imperatore_, detto il _Tattico_, tradotto dal greco per Filippo
Pigafetta. Venezia, 1605.

ALFONSO, detto _il Savio_, e le sue tavole nautiche, chiamate
_Alfonsine: Cælestium motuum tabulæ, necnon fixarum longitudines et
latitudines_, in-4. Venezia, 1483.

ANNALES GAUDENSES, ap. PERTZ, _R. G. S._, XVI, 581.

GIO. VILLANI, VIII, 77; IX, 224.

[545] BENOÎT ZACHARIE, amiral, _Memoire à Philippe le Bel sur le moyen
d'equiper galées et ussiers, et de se procurer une armée navale pour
faire une descente en Angleterre pour l'an_ 1295. Pubblicata nell'opera
intitolata: _Notices et extraits des Mss. de la Bibliothèque Imp. de
Paris_, t. XX, part. II, p. 112 a 118, e copia presso di me per favore
del ch. L. T. Belgrano.

[546] CESARE CAMPANA, _Vita di Filippo II_, in-4. Vicenza, 1808, part.
II, p. 42, A.

Adriani, _Storia de' suoi tempi_, in-fol. Firenze, 1583, 234, D.

[547] GUILLELMUS TYRIEN, _Hist. ad ann._ 1182, lib. XXII, cap. 14, ap.
BONGERS, II, 1025: «_Navis quædam mille quingentos peregrinos deferens
apud Damiatam.... fluctibus confracta._»

OLIVIERUS SCHOLASTICUS, _Hist._, ap. ECCHARDUM, II, 1384: «_Navis quæ
mille quingentos peregrinos deferebat a Saladino confiscata._»

STATUTA GEN.: «_In qualibet navi seu cocha portatæ canthariorum viginti
millium._»

STATUTA VEN.: «_Navi di quattro mila botti._»

MALIPIERO, ARCH. ST. IT., VII, 622: «_È stà conduta in porto una nave de
portada de quatromila bote._»

DOCUMENTI _delle Crociate_, ap. BELGRANO, 235: «_Quælibet navis debet
esse parata et furnita de stabulariis ad sufficientiam pro portandis
centum equis._»

[548] ARCHIVIO GRANDE DI NAPOLI, _Docum. Angioini, Carlo I_, colla data
di Roma, 27 marzo 1276, indizione quarta. Ordine per la costruzione
delle Taride da portar cavalli. Pubbl. dagli Ufficiali dell'Archivio
medesimo in un opuscolo col titolo di _Analisi e giudizi delle cose
pubblicate da Giuseppe del Giudice_, in-8. Napoli, tip. del Genio
artistico, 1871, p. 56: «_Quælibet tarida erit longitudinis cannarum
decem et octo.... altitudinis a paliolo ubi equi debent tenere pedes
palmorum septem et medii.... de cinta in cintam palmorum quindecim et
medio.... alta in prora palmorum tredecim.... porta una in puppi pro
introitu et exitu hominum et equorum, quæ porta palmorum octo et medii
altitudinis, quinque et medii amplitudinis.... ad hoc ut equus possit
intrare et exire insellatus et armatus.... porta debet claudi duabus
januis fortissimis, et habeat bonam et fortem battiportam._»



[7 settembre 1559.]

XXVI. — Dato uno sguardo all'assembraglia delle navi di alto bordo,
messe in un canto nel porto di Messina, e fatti i saluti militari alle
galèe capitane ed ai loro comandanti, fior di cavalieri delle prime
famiglie d'Europa, Flaminio si accostò al Medinaceli per intendere le
disposizioni della prossima campagna. Conobbe per le generali il
proposito di partirsi quanto prima coll'armata, e di riscuotere Tripoli,
come già si era riscossa Afrodisio, volendosi conquidere Dragut nella
nuova sede, ed estirpare anche di là le radici della pirateria. Tenesse,
dicevagli, la squadra in punto: chè nel settembre sarebbe l'attacco, ed
all'entrante di ottobre il ritorno, prima che la stagione rompesse al
sinistro.

La città di Tripoli era stimata delle principali sulla costa di
Barberia, e di molta importanza nelle cose del mare: grande, ricca,
popolosa, buon porto, ampia rada, un castello quadrato alla riva
meridionale, e una cinta intorno di muraglie all'antica[550]. Sul
principio del secolo decimosesto Ferdinando di Aragona l'aveva fatta
occupare dal conte Pietro Navarro per mantenersi tranquillo nei nuovi
possedimenti delle Sicilie; e nel terzo decennale Carlo d'Austria erasi
liberato dal peso di mantenerla imponendone la difesa ai Cavalieri
gerosolimitani in quella che loro concedeva l'isola di Malta. I
Cavalieri vi stettero di guardia per anni ventuno, finchè Dragut non li
cacciò coll'armata di Solimano nel 1551 per vendetta della perdita di
Afrodisio, e restovvi insediato col titolo di Sangiacco, come è detto
addietro.

Costui ben provvisto ed avvisato da' suoi spioni conosceva tutti i
disegni del Medinaceli, le forze, le condizioni, gli umori. Bisognava
aspettarsi da lui nuovi e maravigliosi tratti di guerra difensiva.
Taluno sarebbe corso in Tripoli per difendere ostinatamente la piazza,
non Dragut, che ne conosceva la debolezza. Altri sarebbesi vòlto a
invadere il paese dell'invasore, non Dragut, consapevole di non avere
tanta forza. Dunque egli prese diverso partito a suo gran vantaggio:
volle impedire la partenza degli avversarî, tirarli a dilungo, ridurli
all'inverno, annojarli, ammorbarli, indispettirli, confonderli. A tal
fine raunò tutti i suoi legni, e lo sciame dei seguaci, e ottenne da
Solimano qualche numero di galèe, tanto che alla testa di una
cinquantina di bastimenti da remo spigliati e risoluti si pose nel golfo
sotto le fortezze della Vallona, luogo sicurissimo per lui, a cavaliere
dell'Adriatico, dello Jonio e del Tirreno; donde ogni tanto minacciava
attacchi, e non feriva mai in parte niuna, tenendo tutte le riviere
della Puglia, della Calabria e della Sicilia in lunga perplessità. I
governatori e i popoli di queste provincie, in vece di dare, chiedevano
soccorso; e niuno voleva più rimettere soldati, provvisioni, o danaro in
Messina. Il Medinaceli restavasi impotente a sciogliere, gli ausiliarî
perduti ad aspettare, i soldati delle diverse nazioni rotti a
contendere: disordine, carestia, mortalità. E durando per tutto
l'autunno lo stratagemma, tanto andò negli indugi e nelle riprese, che
passò l'anno, finì il conclave, venne eletto la vigilia di Natale a
nuovo pontefice Pio IV, e la spedizione non era ancor mossa di un
punto[551].

NOTE:

[549] CIRNI cit., 77.

[550] TOMACELLI cit., 234: «_Dragut trovavasi molti luoghi deboli da
guardare, tra i quali era Tripoli, che fino allora non aveva avuto tempo
di fortificare, del qual luogo con ogni poco d'armata se ne poteva
sperare facile et sicura vittoria._»

CAPTAIN W. H. SMITH, _R. N._, february 1861: «_Tripoli._»

CAPTAIN I. SPRATT, 1863: «_Harbour of Tripoli._»

«_Latitud._ N. 32°, 54′, 22″.

«_Longit._ E. 13°, 11′, 15″, _from. Greenwich._»

Dal meridiano di Roma alla Colonna del Lazzaretto di Tripoli:
Longitudine Orientale, 0°, 44′, 3″.



[Dicembre 1559.]

XXVII. — Flaminio, che grandemente pativa del ritardo, prevedendone
tristissime conseguenze, e non voleva nell'ozio illanguidire, o nelle
risse corrompere il valore della sua gente, fece vela, e andò oltre ad
aspettare nel porto di Malta; dove il Medinaceli aveva a tutti assegnato
il convegno, prima di lanciarsi quando che fosse in Barberia. L'isola di
Malta in poche parole vuolsi dire uno scoglio calcare di figura bassa ed
ellittica col diametro maggiore di trenta chilometri disteso per lo
stesso verso della costa d'Italia, da maestro a scirocco; come pur
corrono il Gozzo, il Comino e le minori isolette che l'avvicinano alla
Sicilia. La capitale, o Città Vecchia, detta dagli isolani Medina, ed
oggidì la Notabile, sorge sul colle più elevato e centrale dell'isola
lungi dal mare; e perciò tenuta in minor conto dai Cavalieri, tutti
intesi com'erano alla navigazione ed al corso. Da ogni parte avete colà
porti naturali, ampî, sicuri, e profondi; specialmente due bellissimi
dalla banda di grecale, quasi nel mezzo della sua lunghezza: porti
capaci di qualunque armata, e così vicini tra loro che non altro li
divide se non il monte Sceberràs, sul quale edificossi dappoi la città
Valletta, moderna capitale della colonia. Ma all'arrivo del nostro
Flaminio, nel dicembre del cinquantanove, lo Sceberràs era aperto ai
pascoli e alla minuta coltura, non essendovi altro edifizio che un
castelletto, chiamato Santelmo, alla estrema punta sulla riva del mare;
messovi a guardare le bocche vicine dell'uno e dell'altro porto. Ad
ostro il Grande, a borea il Marsamuscetto, e di mezzo Santelmo: piccolo
fortino a stella di quattro punte, un mastio quadrato nel centro, e un
rivellino a puntone innanzi alla porta. Così trovò Flaminio, prima che
le ali del rivellino, allungate infino al corpo della piazza,
pigliassero sulla fronte del mare la figura del tridente; e prima che,
convertite le altre due punte in mezzi bastioni, dessero alla faccia
opposta la forma di tanaglia. Sul lato sinistro il porto Grande, formato
dalla natura, entra come canale tra le terre, e incontra di traverso
cinque penisole, quasi direi simili alle dita della mano aperta verso di
lui. Fra le cinque sporgenze trovate altri quattro porti meno estesi, ma
più sicuri. Sul colmo del pollice non ancora dominavano i baluardi del
forte Ricasoli, nè alla radice dell'indice le grandiose fortificazioni
del Maculano; ma per tutta la lunghezza del dito medio stendevasi la
città, che ora dicesi Vittoriosa, e allora chiamavasi il Borgo. Quivi la
residenza magistrale, il convento dei cavalieri, gli alberghi delle
nazioni, le case dei popolani, gli arsenali e i magazzini della marina:
quivi il centro del governo, e le maggiori difese alla testa ed alla
coda della penisola. Sul mare il medievale forte Santangelo, ancora
conservato nelle antiche forme bizzarre, a scaglioni più e più
rientranti, come si solleva sul dorso della rupe; e verso la campagna il
Sammichele, costruito dai Cavalieri al principio del loro dominio, e
protratto infino alla penisola seguente, dove il grammaestro della
Sengle aveva cominciato poc'anzi la città del suo nome, ora appellata
Cospicua. Tutta la difesa poggiava allora sopra tre punti: sul Santelmo
per guardare i porti, e sui due cardini della piazza il Santangelo e il
Sammichele[552].

Con questi tre soli sostegni i Cavalieri di san Giovanni stancarono la
potenza ottomana, e finalmente soccorsi cacciarono i Turchi
dall'isola[553]. Nella quale insigne vittoria, celebrata pur dai trionfi
delle belle arti col pennello e col bulino[554], avvegnachè non abbia
preso parte la nostra marineria, non per questo di minor merito si hanno
a credere quei prodi romani che vi si adoperarono volontarî, cominciando
da Pompèo Colonna e venendo giù infino a Titta Scarpetta, soldato nella
compagnia del capitano Pompilio Savelli. Il fatto sublime di questo
valoroso trasteverino, il cui nome sta ancora segnato sul chiassetto di
Piscinula, può senza fallo essere comparato al tanto notissimo del
minatore Pietro Micca[555]. Pari in ambedue l'eroismo, e maggiore negli
effetti il merito del romano: chè non tra le intestine discordie una
sola città, ma dalla barbarica invasione dei Turchi Malta, Roma,
l'Italia, e con esse le arti, le scienze, la religione ebbe difeso al
prezzo della sua vita, come più d'ogni altro con somme lodi celebra il
Bosio[556]. Dopo quel tempo, edificata la nuova capitale, messe le terre
a coltura, cresciuto il popolo da dieci a cencinquanta mila, come adesso
sono, con tutti i conforti della vita, cresconle delizia il luogo ameno,
i bellissimi prospetti del mare, e le ammirabili opere concatenate a
difesa dal Laparelli, dal Floriani, dal Maculano e dal Valperga.

NOTE:

[551] CIRNI cit., 37: «_Mentre stemmo in Messina successero di molte
questioni.... tra particolari di una natione e l'altra. La città per
abbondante che fosse, divenne in qualche carestia._»

[552] CORONELLI, _Piante di città e fortezze_, in-fol. Venezia, 1688,
tav. 173: «_Città e fortezza di Malta colle nuove e proposte
fortificazioni, dedicate al nobile Francesco Corner._»

GERARD VAN KEULEN, _Afteekening van de eylanden van Gozo en Melite of
Malta_, in-fol. Amsterdam, 1645.

BROKTORFF, _Malta and its dependencies improved. Plan of Valletta and
its harbours_, in-fol. 1840.

WHITHWORTH PORTER, _History of the fortress of Malta_, in-8. Malta,
1858.

ANSELMO PAJOLI, _Descrizione dell'isola di Malta nel 1654._ Mss. ined.
alla Bibl. com. di Palermo. — Effemeridi siciliane, ottob. 1875. Vol.
II, fasc. 5.

[553] PIER GENTILE DI VANDOME, _Successi dell'assedio di Malta_, in-8.
Roma, 1565.

VINCENTIUS CASTELLANUS, _Historia de bello Melitensi_, in-8. Pesaro,
1566.

ANTONFRANCESCO CIRNI, _Commentarî dell'assedio di Malta_, in-4. Roma,
1567.

JO. ANT. VISPERANUS, _De bello melitensi_, in-4. Perugia, 1567.

FRANCISCO BALBI, _Verdadera relacion del sitio de Malta_, in-4.
Barcellona, 1568.

COELIUS CALCAGNINUS, _De bello melitensi_, ap. BURMAN, XV, 10.

[554] DISEGNI _della guerra, assedio, e assalti dell'armata turchesca
all'isola di Malta, l'anno 1565_, dipinti nella gran sala del palazzo di
Malta da Matteo Perez d'Aleccio, intagliati da Antonfrancesco Lucini,
in-fol. Bologna, 1631. — Ne ho veduto un bellissimo esemplare alla
Civica Bibl. di Malta, e qui in Roma alla Chigiana, segnato L, b, I, 10.

CAP. FRANCESCO DE MARCHI, _Architettura militare_, in-fol. Brescia,
1599: «_Pianta e prospetto dell'assedio di Malta._» Tav. 78, p. 127,
129.

BAUDOUIN, ET NABERAT, _Histoire du cheval._, in-fol. Parigi, 1659. —
_Piante e disegni annessi ai ritratti dei Grammaestri di Malta._ Bibl.
Casanat, Z, IV, 31.

[555] CARLO BOTTA, _Storia d'Italia in continuazione del Guicciardini_,
in-8. Capolago, 1833, lib. 35, vol. IX, p. 80.

[556] BOSIO cit., III, 618, E; 620, A: «_Piacque a Dio che le barbare
insidie si scoprissero.... Un soldato romano, chiamato Titta Scarpetta,
quivi in sentinella, veduto dell'istesso luogo uscire la punta di un
baston rosso, fu tanto animoso che dalla sommità del Cavaliero saltò
abbasso nel piano del rivellino. Però nello scoprirsi fu incontanente
dall'archibusaria turchesca ucciso, stando i nemici alla mira
attentissimi.... Manifesto e più che evidente miracolo della divina
provvidenza di liberare Malta dalle occulte e sottilissime insidie e
strattagemmi di Mustafà.... chiara cosa è che se tardato si fosse
mezz'ora a scoprirsi il disegno degli infedeli, l'isola di Malta sarebbe
caduta in poter loro._»



[Gennajo 1560.]

XXVIII. — Intanto tragittavasi tra Malta e Messina andando e venendo un
nuovo personaggio, che dovrà spesso comparire nelle marittime faccende
del tempo seguente, come erede e successore delle arti e delle grandezze
di Andrea Doria. Andrea, oramai decrepito, erasi tenuto nelle sue case
di Fassuolo in Genova, ed aveva mandato le galèe consuete al soldo di
Spagna sotto il comando di Giovanni Andrea, che noi speditamente diciamo
Giannandrea. Il nipote simile allo zio per tradizione di famiglia, e per
arte di marineria; ma tanto diverso di persona, quanto un giovane di
vent'anni può essere da un vecchio di novantaquattro. Ripeto un'altra
volta quanto ho detto altrove[557]; e confermo che nè vita particolare è
stata mai pubblicata di lui, nè in alcun dizionario biografico
s'incontra articolo intestato al suo nome, salvo la breve memoria del
Brantôme[558]. Potrei quasi dire che abbia egli stesso preveduto la sua
disdetta; e che non isperando dall'altrui penna la narrazione della sua
vita siasi messo a scriverne da sè in un libretto, che fino a trenta
anni fa custodivasi a Genova nel palazzo de' suoi discendenti, dove lo
vide il dotto archeologo della marina francese, e rispettabile mio amico
e collega A. Jal[559]. Ma ora dopo il trasporto dell'archivio da Genova
a Roma, non si sa più dove sia ricaduto, come mi ha avvisato di là il
cavaliere L. T. Belgrano, secretario di quella società di Storia patria;
e più volte mi ha detto di qua il degnissimo archivista Giambattista
Carinci, troppo presto rapito agli affetti ed alla stima de' suoi amici.
Inutili le pratiche di rispettabili personaggi presso l'egregio Principe
possessore: la cui saviezza, nella nobile risposta per altrui intramessa
inviatami, così altrove ho registrata, che ora mi scusa l'obbligo di
tanto ripeterla, quanto sempre la commendo e rammento[560].

Nondimeno cercando per entro alle storie di questi tempi, e tra le
biografie dello zio, e per le memorie della famiglia, possiamo accertare
la nascita di Giannandrea, figlio di Giannettino, nel 1539; l'adozione
nel 1547, quando restò orfano per la congiura del Fiesco; il primo
tirocinio nel 1548, quando navigò da paggio col principe don Filippo di
Spagna infino a Genova; e il primo comando in quest'anno per la impresa
di Tripoli, sotto la direzione e il consiglio di Plinio Tomacelli
bolognese, che era stato maestro e istitutore della sua
fanciullezza[561]. Giannandrea adunque sollecitava con tutto il suo
potere alla partenza il Medinaceli, ma inutilmente. Lo stratagemma di
Dragut produceva effetti inesorabili: confusione, tardanza, carestia.
Mancava il danaro, i soldati nuovi fuggivano, i vecchi ricalcitravano,
gli ufficiali perdevansi in chiamate e in congedi, secondo che appariva
più vicina o più lontana la partenza o la fermata. Tra questi stenti,
epidemia e mortalità, come sempre in casi simili. Se erano pronte le
galèe, mancavano le navi; se in ordine le fanterie, non correvano i
soldi; se imbarcate le artiglierie, non bastavano le munizioni; se
ordinavasi la partenza, saltava il vento al contrario[562]. Cinque volte
partiti e ritornati, tra Messina, Siracusa, capo Pàssero, il Gozzo e
Malta. Finalmente alli dieci di febbrajo l'armata fece rotta per
l'Africa: e cogli altri Flaminio al primo posto d'onore sulla destra
della Reale; mancando dalla sinistra i Fiorentini, che erano restati
indietro per competenza coi Maltesi, e sotto pretesto di fornirsi meglio
di ciò che loro bisognava. Stranezza d'impresa, preparata d'agosto,
sospesa per tutto l'anno, e mossa l'inverno seguente di febbrajo!

NOTE:

[557] P. A. G., _Lepanto_, p. 46, 47.

Vedi sopra, I, 272 e segg.

CAPPELLONI, prop. fin.

SIGONIO, in fin.

[558] PIERRE DE BOURDEILLE, seigneur de BRANTÔME, _Mémoires contenans
les vies des hommes illustres et grands capitains estrangers de son
temps_, in-16. Leyda, 1666, II, 54: «_Il est très brave, très vaillant,
et brusque._»

[559] A. JAL, _Archéologie navale_, in-8. Parigi, 1840, Arthus Bertrand,
I, 13: «_Dans cet admirable palais du grand André Doria.... je fouillai
dans les archives, restées malheureusement sans ordre.... Je trouvai un
cahier de 161 pages, grand in-4, d'une écriture fine, jolie et
très-facile à lire, caractères de la main de Jean-André Doria.... C'est
le commencement d'une biographie pleine d'intérêt, que Jean-André
n'acheva pas, et qui est restée tout-à-fait inconnue jusqu'à ce jour._»

IDEM, _Abraham du Quesne, et la marine de son temps_, in-8. Plon a
Parigi, 1873, p. IX, nota 1.

[560] P. A. G., _Lepanto_, p. 233, nota 117, fine.

[561] PLINIO TOMACELLI, _Lettera_ cit., 234, B. med: «_L'armata sotto il
governo del signor Gio. Andrea, luogotenente generale del Principe
Doria, col consenso del re Filippo._»

CAPPELLONI, _Vita di Andrea_ cit., p. 153.

SIGONIO, _Vita di Andrea_ cit., p. 284.

SANSOVINO, LITTA, BATTILANA, _Famiglia Doria_.

ADRIANNI, TUANO, CAMPANA e tanti altri, che cito, istorici di questi
tempi.

[562] CIRNI cit., 43: «_Ammalaronsi più di mille soldati, quasi tutti
italiani.... molti se ne fuggirono.... le navi ci restavano addietro....
il tempo s'era volto contrario._»

TOMACELLI cit., 236, princ.: «_Trattenuti dai tempi cattivi in Siracusa
un mese, e in Malta molto più: la gente cominciò ammalare, e il male si
fece contagioso. I due terzi della gente era inferma._»



[14 febbraio 1560.]

XXIX. — Toccarono alla Lampedusa e alle Cherchene, e la mattina del
quattordici di febbrajo dieron fondo nelle acque delle Gerbe, rimpetto
alla cala della Cantèra, a levante dell'isola, cento e trenta miglia
lungi da Tripoli pel rombo di scirocco. Durante il viaggio dei cinque
giorni, cadde infermo di flusso Giannandrea, e maggiormente di animo il
Medinaceli, che soleva con lui solo assettar ogni cosa, non lasciando
agli altri niuna autorità. Dunque poco consiglio proprio di quel giorno,
dal quale aveva a dipendere la sorte della campagna.

Erano alla vista nel canale della Cantèra, tra la terraferma e l'isola,
poche germe di mercadanti, e quel che più monta due galeotte di pirati.
Sarebbe stato dovere preciso del Medinaceli subito subito chiudere il
passo, pigliarle, cavarne notizie, impedire che non ne portassero
altrove. Così per fermo avrebbe saputo che Dragut in persona stava quivi
nell'isola, tanto vicino e disperato, che non poteva fuggirgli di mano;
perchè chiuso dal mare, sostenuto da pochi Turchi, e odiato da tutti i
Mori. Ma colui poco curando lo stare sulle intese, lasciò correre alla
ventura, e dètte tempo al padrone delle galeotte di rinforzarsi sulla
migliore, e di fuggirsene di volo a Costantinopoli, portandovi il primo
grido dell'arme, e la piena notizia di ciò che aveva veduto cogli occhi
proprî: il numero e la qualità dei legni, il disordine del governo, la
facilità di conquidere a un tratto tutta l'armata cristiana[563].
Crescono i nostri pericoli: alla strategia di Dragut arrogi la solerzia
di Luccialì.

Questo Luccialì, che ora per la prima volta ci viene innanzi alle Gerbe,
meschino pirata, con due piccole galeotte, al soldo di Dragut, gli è un
rinnegato calabrese, scalzo e tignoso, il quale dovrà in breve divenire
possente re d'Algeri, e famoso ammiraglio ottomano a Lepanto. Costui
nato a Cutro nel golfo di Squillace, col nome di Luca Galeni, frate
domenicano e diacono, nel passare agli studî di Napoli preso dai pirati,
dopo un poco di pazienza, rinnegò ogni cosa e divenne terribile nella
terza quadriglia. Ho letto io le lettere e le promesse con che si
argomentava un altro dello stesso ordine, che oggi diciamo san Pio, per
ritrarlo dal tristo mestiero. Noti il lettore, e tenga a mente la
comparsa di Luccialì nel dì quattordici di febbrajo del sessanta: segni
il giorno che e' stette in ponte tra due fortune; o l'infame capestro
sulle stanghe del carnefice, come traditore della cristianità; o la real
corona per le mani dei Turchi, come benemerito della congrega piratica e
della casa ottomana[564].

Maggior disordine occorse tra i soldati nell'abbottinare le germe dei
mercadanti, cariche di lino d'indaco, d'olio e di baracani, e vuote di
gente fuggitasi in terra al primo rumore. Nè minor contrasto successe ai
marinari nel far l'acquata quivi presso alla cala della Rocchetta.
Bisognò sbarcare tremila uomini in battaglia contro la furia dei Gerbini
levatisi in massa; e dopo lunga scaramuccia di sei ore continue levar
l'acqua a costo di sangue, perdendoci la vita quattordici persone, e
toccando più del doppio acerbe ferite[565].

[16 febbrajo 1560.]

Due giorni appresso in quello stesso luogo, che, per esser deserto e
lontano, a tutti gli assetati pareva il più acconcio, e dove niuno mai
per solito aveva trovato resistenza, capitarono per attignere le galèe
fiorentine, venute da sezzo. Ma nel ritirarsi degli acquatori,
sopravvennero di nuovo i Gerbini, e sbaragliarono le guardie con tanto
successo, che, senza contare i feriti e i prigionieri, stesero
sull'arena cinque capitani, molti ufficiali e cencinquanta soldati[566].
Chicchefosse, dal Medinaceli in fuori, per l'insolita resistenza di
coloro avrebbe almeno sospettato nell'isola la presenza d'un qualche
impigliatore della tempra di Dragut. E di fatto desso era lì, e dirigeva
in persona la gioventù alle fazioni colle sue ciurmerie, quasi a
dispetto dei Mori veterani che l'odiavano[567]. E pensare che il
Medinaceli l'aveva dinanzi, racchiuso in piccola isola, privo di scampo;
e in vece risolveva di andare a Tripoli per cercarlo[568]. Il primo
segno di ruinosa impresa vedrai sempre nella mancanza delle notizie sul
conto dei nemici: perchè se tu non sai procacciartene, o se altri ricusa
fornirtene, arriverai certamente senza rimedio allo stesso punto; cioè a
perdere ogni buona occasione, e ad incontrarne ogni trista.

NOTE:

[563] CIRNI, 68, 69: «_Erano nel canale presso alla Cantèra due
galeotte. Il generale era di animo che si facessero abbruciare.... Non
se ne fece altro. Queste diedero la nuova al Gran Turco dell'armata
nostra.... e però fu tanto presto a mandar la sua._»

NATAL CONTI, 342, A, med.: «_Ma gli Spagnoli, troppo solleciti a trar
fuori l'artiglieria dalle navi, si scordarono di quei due maledetti
vascelli conquistare._»

BOSIO, III, 418, A: «_Dieron comodità ad Uccialì di rinforzare la
migliore delle due galeotte.... e di portare avviso volando a
Costantinopoli.... Dal che i mali successi che appresso derivarono._»

[564] BRANTÔME cit, 76: «_Ucchialy corsaire calabrois.... il estoit
moine, ce dit on; et s'en allant à Naples pour estoudier, il fut pris,
et depuis se renia: et de peu à peu se faisant corsaire, il s'advança,
comme on l'a veu. Je croy qu'il prit le turban pour plus cacher sa
tigne, qu'on dit l'avoir gardee toute sa vie, sans s'en defaire, que
pour autre chose._»

MARIANO D'AYALA, _Dell'arte militare in Italia dopo il risorgimento_,
in-8. Firenze, 1851, p. 63: «_Quel famoso calabrese Galeni, nativo di
Cutro nel golfo di Squillace, il quale fattosi frate, e preso da' Turchi
nell'andare a studio in Napoli, rinnegò; e sotto il nome di Occhialì
diventò terribile._»

DE HAMMER cit., XI, 215: «_Uluge-Aly._»

P. A. G., _Lepanto_, da p. 334 e da 228 alla fine, per tutto.

[565] MAMBRINO ROSEO cit., III, ii, 5: «_La scaramuccia durò presso
cinque ore, tanto durando il far dell'acqua._»

CIRNI, 68: «_Ne restarono morti da XIIII, e feriti da XXV_.»

[566] BOSIO, 418, E: «_Dei Toscani intorno a cento cinquanta ne
uccisero, e tra essi cinque capitani, due alfieri, tre sergenti e
parecchi gentiluomini._»

CIRNI, 70, 71: «_Quei di Firenze a discendere in terra senza capo, senza
guida, senza ordine nessuno, come il fine che fecero lo dimostra._»



[17 febbrajo 1560.]

XXX. — Costretti a seguire la direzione e gli ordini del Medina, e già
costernati dalle continue disdette, non vedendo mai tra tante riprove
venirne una a' versi, tutti i capitani presero alli diciassette di
febbrajo la rotta per Tripoli, punto obbiettivo della spedizione,
secondo il disegno dell'anno passato, come se nulla di nuovo intanto non
fosse avvenuto. E sarebbero pur giunti a cavarne qualche effetto, dove
il Medina fosse stato più risoluto e più accorto. Andare avanti per la
piazza di Tripoli; posto che l'altra, cioè la persona di Dragut, si
mettevano dietro alle spalle.

Tripoli non era fortificata altrimenti che con una vecchia cinta, non
aveva presidio sufficiente, e poteva esser presa con presta battaglia di
mano, e un po' di scale: lasciando pur al Castello qualche altro giorno
per rimetterlo colle batterie o colle mine. Così promettevano i
cavalieri di Malta, cui era noto a palmo a palmo il forte e il debole di
quel luogo, dove per tanti anni avevano tenuto presidio. Al contrario il
Medina voleva trattenersi a mezza strada quindici giorni per vedere alla
rassegna chi era vivo, chi morto, e chi perduto, con altre miserie sue e
contrarietà altrui. Non temeva costui dare il tempo a Dragut di
provvedersi meglio in Tripoli: non pensava dare agio a Luccialì di
ritornarsene in gran brigata da Costantinopoli.

Ma temperando le nostre considerazioni, stiamo ai fatti suoi, e vedremo
che giunto a mezza strada poggia sulla destra, ed ordina a tutta
l'armata di dar fondo in un luogo chiamato il Secco del Palo, dove non è
porto alcuno, ma bonaccia perpetua per ogni stagione, anche nelle grandi
tempeste. Questa seccagna corre quaranta miglia da levante a ponente, e
si avanza venti miglia dentro il mare, composta da ampia platèa arenosa,
sollevata dal fondo circostante, e circoscritta da alto scaglione quasi
verticale. Al difuori della spianata il pelago s'innabissa, e al di
dentro l'acqua si assottiglia sopra venti e dieci metri di fondo,
digradando di un metro per ogni miglio fino al lido. I marinari
riconoscono agevolmente questo luogo alle schiume bianchissime intorno
ai lembi, alla chiarezza azzurrina dell'acqua interna, ed alla
incomparabil quiete distesavi sopra. La quale perpetua tranquillità è
conseguenza necessaria delle leggi naturali con che si propaga
l'ondeggiamento del mare; non potendo mai, in quella condizione di
fondale, svolgersi altrimenti le grandi onde tempestose, ma soltanto le
ondicelle di minima dimensione, e però innocue. Non marosi coi venti di
terra, perchè questi gonfiano al di fuori, e mettono quiete o un po' di
maricino presso al lido; non coi venti del largo, quantunque si voglia
rabbiosi, perchè le onde da essi sollevate non possono propagarsi sul
secco, ma devono rompersi le gambe e il corpo, urtando nello scaglione,
abbattervi la testa, e lasciar tranquille nell'interno le acque
seguenti. All'estremo limite, tra scanno e pelago, l'acqua si rimescola
e frange: ma il flutto istesso colla sua correntìa ti porta in salvo
sulla dolce spianata, dove trovi acqua sufficiente per ogni bastimento,
e fondo incontri buon tenitore di rena grossa. Da lungi verso ostro vedi
e non vedi le basse terre dell'Africa, rilevate da qualche capanna e dai
gruppi delle palme; ed in ultimo quel monte traverso, che per esser
simile nel colmo alla schiena del giumento è chiamato dai marinari
Groppa d'Alys, ed anche Groppa dell'Asino. Le notizie speciali di questo
mare bonaccioso, e le ragioni del fenomeno non ignote ai nostri antichi
marini, anzi esposte almeno in compendio dal Machiavelli, dal Bosio e
dal Crescentio[569], vadano per appendice ai lavori del chiaro
commendatore Alessandro Cialdi, mio nobile concittadino, da tutti
riconosciuto maestro di questi studî[570].

[28 febbrajo 1560.]

Dunque al Secco del Palo, durando le rassegne, gl'indugi, le minuzie e i
tempi contrarî (molestie oramai consuete), passarono quindici giorni; e
crebbero le malattie, le febbri e la mortalità della gente. Si
noverarono in così breve intervallo duemila morti; non solo di marinari,
di soldati e di uomini volgari, ma di principalissimi signori e
capitani; tra i quali fu sul punto di morire l'istesso Giannandrea, e di
fatto in pochi giorni pur di flusso venne a morte il colonnello Quirico
Spinola, cui il Doria nel mettersi a letto aveva lasciato il comando
delle sue galèe. Cresceva col mal governo la confusione dei governati: e
nella medesima tranquillità dell'ancoraggio per forza di venti mai più
veduti, e per negligenza di ormeggi non proporzionati al bisogno, alcuni
navigli sferrarono a rischio di perdersi. Ripeto sferrare nel senso
intransitivo, e talvolta prenominale, qui dove mi vien bene allegarne
gli esempî dei marinari, i quali nelle faccende proprie del loro
mestiere devono godere autorità altrettale che classica. Ne cito
parecchi, il primo del Bosio navigatore e storico, che al nostro
proposito ne scrive con queste parole[571]: «I tempi così furiosi si
messero che per memoria di alcun marinaro tali in quel Secco mai veduti
non si erano. Posciachè se bene ordinariamente è stimato quel Secco come
sicuro porto, stante la poca forza che le onde del mare possono avere in
quei bassi fondi, alcuni vascelli nondimeno furono costretti a sferrare.
E tale fu l'impeto del mare che trovandosi la nave Imperiale, capitana
delle altre navi, sorta vicino al galeone della Religione, sforzata dal
furore delle onde, con qualche mal governo dei marinari suoi, urtando
nel detto galeone, si ruppe e si fracassò; non ricevendo però il galeone
quasi danno alcuno, per essere di fabbrica saldissima. Onde parve
miracolo che egli non si perdesse, come la detta nave Imperiale si
perdette; la quale sì fattamente sdrucita e rotta ne rimase che si
affondò. Avvegnachè essendosi poi quietati alquanto i tempi, prima che
ella finisse di andare in fondo, fosse dalle galere rimorchiata più
verso terra ad incangliarla: dove le genti, le armi e le artiglierie si
salvarono; rimanendo però quasi tutte le munizioni e le vettovaglie in
preda del mare.» E non fu sola nelle gravezze la nave Imperiale, chè
altri ed altri grossi bastimenti patirono avarie, e fecero gettito e
sperpero, massime dei corredi di ricambio e degli abeti di
rispetto[572]. Sbigottimento di animo, rilassatezza nella disciplina,
litigi per frivolezze, investimenti e perdite per negligenza: attorno i
rottami, e a quando a quando il tonfo dei cadaveri che si gittavano
insaccati nel mare[573].

Supremo rifugio gli afflitti all'estremo di tanta distretta trovarono
nel conforto dei sacerdoti, sotto la guida del vescovo Arnedo, eletto di
Majorica, e cappellano maggiore dell'armata. Essi agli spedali comuni
sui grippi, essi nelle corsìe del galeone di Malta, essi nelle
infermerie particolari di ciascun naviglio, al pubblico servigio degli
infermi, come già prima in Afrodisio. Da Roma erano venute amplissime
facoltà e grazie spirituali per chiunque appartenesse all'armata, e i
cappellani ne erano i distributori[574]. Così passarono i quindici
giorni dell'indugio, consumandosi l'armata nell'aspettare dalla parte di
Sicilia il supplimento della gente e delle provvigioni, e il soffio del
vento favorevole per andare a Tripoli.

NOTE:

[567] CIRNI, 67: «_Alle Gerbe coi Mori si trovava Dragut con più di
ottocento Turchi._»

NATAL CONTI, 342: «_Dragut non campava di certo dalle mani dei nostri,
se havesse il Duca di Medina saputo trovarsi presente nell'isola._»

BOSIO, 419, A: «_Dubitando Dragut di essere dall'armata cristiana
rinchiuso nell'isola delle Gerbe era andato molto ritenuto.... perchè
non potessero i Cristiani avere avviso che quivi personalmente si
trovasse.... Dragut non dètte avviso di sè.... Dispiacque al Vicerè non
haverlo saputo, perchè dalle mani o vivo o morto scappare non gli
poteva._»

[568] NATAL CONTI, 312: B, princ.: «_Troppo segnalato errore commise il
duca di Medina.... che non si curò punto... di conoscere i consigli e le
forze dei nemici._»

[569] CAPITAN PIERO MACHIAVELLI, _Lettera al signor Duca di Fiorenze, di
galèa alla vela tra Palermo e Trapani addì XV di maggio 1560_ (tra le
lettere dei Principi, in-4. Venezia, 1562, t. I, p. 199, B, med.).
(Bibl. Casanat. K, III, 27): «_Andare a salvarsi ai seccagni del
Palo.... che sono nel mezzo del viaggio che è da Tripoli alle Gerbe. Al
qual secco.... si va sicuri di poterlo trovare, et si conosce al fondo
et alla bonaccia, senza che l'uomo abbia vista del terreno, con ogni
fortuna di mare a salvarsi._»

BOSIO cit., III, 419, D: «_È stimato quel secco come sicuro porto,
stante la poca forza che l'onde del mare possono avere in quei bassi
fondi._»

CRESCENTIO, _Portolano_, aggiunto in fine alla _Nautica_, in-4. Roma,
1602, p. 21, lin. 1: «_Dalla Rocchetta delle Gerbe tirando per Scirocco
miglia venti, s'entra nelle secche del Palo, dove è bonissima stanza per
navi e galèe per ogni tempo. Trovasi a Maestro Tramontana, qual non è da
temere, trovandoci bene ormeggiati._»

[570] COMM. ALESSANDRO CIALDI, _Del moto ondoso del mare, e delle
correnti di esso_, in-8. Roma, 1866, p. 170 e segg., dove parla di casi
simili; e specialmente del Secco del Beito per un altro fatto narrato
pur dal Bosio, III, 218, D.

[571] GIACOPO BOSIO (cav. di Malta), _Storia del suo Ordine_, III, 419,
E.

CIRNI cit., 80: «_Cose stranissime, contrarî venti, continue malattie, e
disferramenti di vascelli._»

GIANNANDREA DORIA, _Manifesto secondo_, dato da Candia il dì cinque di
ottobre 1570, pubblicato nel _Saggiatore_, in-8. Roma, 1845, II, 362:
«_Per la furia della tempesta nel tragitto mi sferrarono tre galere di
Napoli, ed una dei Negroni._»

PANTERA, _Armata navale_, in-4. Roma, 1614, Vocab. in fin.: «_Sferrarsi
significa che l'àncora non è bene attaccata al fondo, onde il vascello
va dove è portato dal vento.... ed anche quando dal vento è sforzato a
separarsi dalle conserve dove è spinto dalla fortuna._»

STRATICO, _Vocab. in tre lingue di Marina_, in-4. Milano, 1813;
«_Sferrarsi un vascello si dice quando l'àncora non è bene attaccata al
fondo, ed il vascello va dove è portato dalla corrente, o dal vento, o a
separarsi dalle conserve._»

PARRILLI, _Vocabolario di Marineria_, in-4. Napoli: «_Sferrarsi vale
perdere la tenuta dei ferri per impeto di vento.... Sferratore dicesi il
vento impetuosissimo, capace di fare arare._»

FINCATI, cap. di Vascello, _Dizionario di Marina_, in-16. Genova, 1870:
«_Sferrare è venir meno delle àncore, quando cessano di far presa nel
fondo per impeto di vento._»

[572] CRESCENTIO, _Nautica_ cit., 7: «_Materia di legname, abeto._» I
marinari col nome di Abete intendono fusti lunghi, grossi, rimondi e
levigati, da farne alberi, antenne, verghe, pennoni, picchi, rande,
spigoni, aste, buttavanti e simili, perchè ordinariamente sogliono
essere di tal qualità di legname; e ne portano di riserva e di ricambio
per ogni rispetto. L'Abete riunito in fascio piglia il nome di Dromo e
di Dara.

[573] CIRNI, 73: «_Compassione grande.... tanta gente che moriva vederla
buttare in mare._»

IDEM, 81: «_Infino al primo di marzo, che ci eravamo fermati quivi, poco
meno di duemila uomini furono pasto dei pesci._»



[1 marzo 1560.]

XXXI. — Finalmente all'entrante di marzo il Medina potè raccattare
qualche notizia di Dragut da certi Arabi venutigli intorno con piccole
barche a vendere montoni, vegetabili, ed altri rinfreschi utili agli
infermi ed ai sani: allora soltanto, e ben tardi, per maggiore sua e
nostra confusione, venne a cavarne di più. Seppe adunque come Dragut si
era trovato alle Gerbe, quando esso vi approdò la prima volta per
l'acquata; e come da lui erano stati sollevati a battaglia i Gerbini:
seppe che Dragut medesimo, prevedendo l'attacco di Tripoli, era passato
per terra a quella volta, ed aveane rinforzato il presidio con duemila
soldati veterani, oltre al fornimento di molte artiglierie, munizioni e
vittuaglie per sostenersi alla lunga: seppe per fama pubblica in Africa
doversi aspettare tra poco da Costantinopoli la comparsa dell'armata
ottomana. Turbato vie peggio dagli avvisi, e sempre più scarso di
partiti, volle sentire il parere degli altri. E perchè Giannandrea non
erasi ancora levato di letto, intimò la consulta sulla capitana di
Roma[575].

Flaminio da gran cavaliero accolse quei signori nella splendida sala di
poppa, dove per la magnificenza e leggiadria degli ornati dava nobil
saggio delle arti belle sempre fiorenti in Roma; e per la ricchezza
delle armi e la tenuta delle genti faceva testimonianza onorevole al
marzial genio di casa Orsina. Colà il Vicerè espose le notizie
compendiose dei nemici e la condizione presente dell'armata propria:
mortalità continua, venti contrarî, Dragut vicino, Tripoli rifornita.
Esso in cuor suo disperava di vincere, e voleva non più mettersi a
quella prova. Ma per uscir d'impegno senza vergogna, leggeva le note
della gente morta, delle navi perdute, delle munizioni scemate; e veniva
all'opportunità di occupare le Gerbe per agevolare l'acquisto di
Tripoli. Lo secondavano alla scoperta don Alvaro de Sande, parecchi
soldati del Re, e più di tutti in questo senso Giannandrea, che aveva
mandato il parer suo per mezzo di Plinio Tomacelli gentiluomo
bolognese[576]. Plinio in questa occasione parlò di tornare alle Gerbe,
e un altro giorno di andarsene via, e poi un'altra volta consentì a
fermarsi per ventiquattr'ore[577]. Cose diverse, che non si vogliono
confondere insieme, nè legare dal primo di marzo al dieci di maggio
tutte in un fascio con una sola ritortola[578].

Contro questo parere modestamente si contrapposero i due capitani di
Roma e di Malta, ambedue sostenuti dal pieno dei cavalieri, che avevano
per venti anni fatto parte della guarnigione di Tripoli, e ne
conoscevano minutamente i muri, le porte, le strade e tutto il debole.
Essi dicevano esser venuti là per ricuperare quella piazza, e per
togliere baldanza e ricetto a Dragut, secondo le commissioni dei
principi e il desiderio dei popoli. Il possesso di Tripoli, città
grande, bella, popolosa, di buon porto e di ogni comodità, crescerebbe
riputazione e forza alle potenze cristiane, e ne toglierebbe altrettanta
ai pirati. Le Gerbe cadrebbero da sè appresso a Tripoli, non
all'opposto. Facile l'espugnazione con sì bella armata e con diecimila
valorosi che pur restavano in essere. In somma volevano far presto,
pigliar Tripoli, guernirla, e via[579]. La giornata passò in
ragionamenti e repliche, pro e contra, senza niuna deliberazione. Tanto
eransi oramai confuse le menti!

[2 marzo 1560.]

Ma la seguente mattina raunatisi un'altra volta sulla reale di
Giannandrea, presente lui stesso sur una seggiola alla meglio involto
nel capperone, e riprese le dispute con quelle nuove ragioni che
ciascuno aveva meglio ripensate nella notte, tutti deliberarono di
levarsi subito da quello stento, e di navigare contro Tripoli. Si era
sull'ordinare il viaggio e si allestivano già i segnali e le manovre per
quella rotta, quando saltando freschissimo il vento da Levante, si
rivolsero ancora gli animi del Medina e del Doria. I quali, sostenuti da
don Alvaro de Sande, e da pochi altri, fermatisi sulla prima parte della
deliberazione intorno alla partenza immediata, e veduto il vento opposto
alla gita di Tripoli, e favorevole al ritorno verso le Gerbe, vinsero
violentemente il partito per quest'ultima direzione[580]. Poco dopo
tutta l'armata, condotta quasi da occulta forza di fortuna avversa,
navigava col vento in poppa, filando dieci nodi per ora, tanto che la
sera medesima prima del tramonto dava fondo sulla testa boreale
dell'isola rimpetto alla capitale chiamata il Bazar[581]. Non parleremo
più di Tripoli: la principale impresa è finita. Veniamo a quest'altra.

NOTE:

[574] CAMPANA, 83, B, med.: «_L'eletto di Majorica ebbe in governo
l'hospedale, che fu provveduto abbondantemente di tutte le cose
necessarie._»

NATAL CONTI, 136, B, med.

BOSIO, 420, B: «_Presero.... di far servire il galeone come di
spedale.... il Vicerè al primo di marzo si fece portare il numero dei
morti.... passarono duemila._»

IDEM, 426, A: «_Piantando l'ospedale dell'eletto di Majorica e della
Religione._»

CIRNI, 98: «_Il giubileo di Sua Santità assolveva benignamente
ognuno.... però coi debiti mezzi.... e la maggior parte si confessarono
e comunicarono con gran devozione._»

[575] BOSIO, 420, C, B: «_Il primo di marzo.... il Vicerè raunò il
Consiglio suo nella poppa della galera capitana del Papa._»

[576] CIRNI, 81, 83: «_Il Vicerè propose di andare alle Gerbe.... Al
parere del Vicerè fu conforme il signor Gio. Andrea, don Alvaro, et
alcuni altri cavalieri._»

ALFONSO ULLOA, _La istoria della impresa di Tripoli di Barberia_,
tradotta da G. D. TEBALDI. Venezia, Rampazzetto, 1566, fol. 10:
«_Giovanni Andrea nondimeno mandò a dire il suo parere un Plinio
Tomacello bolognese, persona di molto valore et giudizio, e di chi si
faceva grande stima._»

[577] PLINIO TOMACELLI, _Lettera a don Diego Ortiz sopra il vero
successo delle Gerbe_. Di Bologna, 20 maggio, 1564, tra le Lettere dei
Principi, in-4. Venezia, 1581, III, 236: «_Non fu mai possibile di
andare a Tripoli.... si risolse di andare alle Gerbe._»

[578] CARLO PROMIS, _Ingegneri milit. bolognesi_, 95, 97.

[579] BOSIO cit., III, 420, D: «_Dopo il generale delle galere del
Papa.... toccò parlare al commendator de Tessieres, generale della
Religione.... di marciare alla volta di Tripoli._»



[3 marzo 1560.]

XXXII. — I navigatori italiani dal medio èvo infino al presente hanno
sempre chiamato delle Gerbe quella isola che gli antichi dicevano
Meninge, Lolofagite e Glauconia[582]; sì come gli arabi dicono Girbach;
e gli spagnuoli, i francesi e gl'inglesi, secondo l'indole del loro
linguaggio, dicono Gelves, Zerbi e Jerbah. Tra tante varietà, dove
taluno miseramente si perde[583], in questo solo vengono tutti concordi,
che la dimora siane infausta agli stranieri; come apparisce per molti
esempî, cominciando dal greco Ulisse, e venendo all'iberico Medinaceli.
La sua posizione, presa dalla Torre del Bazar, è sull'altura
settentrionale di 33°, 53′, 30″; e la longitudine occidentale dal
meridiano di Roma, di 1°, 29′, 2″; quasi nel mezzo del cammino tra
Tunisi e Tripoli. Isola bassa, senza montagne, senza fiumi, in gran
parte arenosa, lunga da ponente a levante ventidue miglia marine, e
quasi lo stesso larga; di figura irregolare, e sottosopra alquanto
simile al pesce che noi diciamo Razza Torpedine. E quantunque ella sia
tutta dal mare per ogni banda circondata, pur dal lato australe la
estremità dell'isola, e specialmente la coda, tanto si avvicina al
continente da non lasciarvi interposto più di un sottil braccio di mare,
pel cui mezzo con lungo ponte volante talvolta si unisce alla
terraferma. La bocca del canale vòlta a greco si chiama Alcàntara, o la
Cantèra; e segue dilatandosi più e più nell'interno, infino a formarvi
ampio bacino che pel secondo canale giugne a sboccare dall'altra parte
verso ponente: canale, non ostante il ponte, navigabile coi bastimenti
da remo, ed anche colle galere, essendovi fondali per tutto di due,
cinque e otto metri. Aveva in quel tempo una mediocre città, detta il
Bazar, quasi nel mezzo del lato boreale, residenza ordinaria del
principe, cui davano gli Arabi il titolo di Sceicco[584]. Mettete
quattro terre popolose, intorno villaggi e casali: presso al Bazar il
maggior castello, la cui torre maestra ancora sgomenta da lungi oscura e
tetra i naviganti: ad oriente la torre della Rocchetta, a ponente della
Valguarniera, di rincontro le Peschiere, e ad ostro un castelluccio alla
guardia del passo e del ponte[585]. Per la campagna viti, ulivi, aranci
e granati, selve di palme specialmente a levante, da ogni parte il loto,
cui gli Arabi dicono Ghadàr, e noi diciamo Bàgola. La popolazione di
contadini e pescatori quasi tutti bèrberi, e nemici dei Turchi[586].

Io mi riporto al meridiano del mio paese, e lo tengo per primo con lo
stesso diritto con che altri tiene il suo[587]. Per necessità evidente
chiamo i luoghi come li chiamavano i nostri maggiori cartografi, storici
e marini, in vece di accattare nomenclatura esotica, arbitraria e
moderna, di che largamente ho detto altrove[588]. Dalle bellissime Carte
degli idrografi inglesi, delineate con sottilissima diligenza a punti
grandi, e per questo ben distinti, raccolgo sulla estensione del mare la
posizione dei porti, i rombi dei venti, i gradi dei meridiani, l'altura
dei paralleli, le scale delle distanze, le anomalie della bussola, gli
scogli, i banchi, gli scandagli, i fanali, e ogni altro soccorso della
navigazione[589]: ma non posso punto seguirne la nomenclatura locale,
senza mettere sossopra tutte le nostre ragioni. Bastino a piè di pagina,
come saggio, alcuni dei nomi stampati nella recentissima Carta
dell'Ammiragliato britannico[590].

Rifacendoci ai nostri, troviamo l'armata in semicerchio alla vista del
Bazar, e dalla parte opposta già in marcia una grossa brigata di arabi
Maamidi, assegnati a guardare la riviera e il castelluccio del ponte,
perchè niun soccorso dal continente possa penetrare nell'isola. Intanto
la nuova luna di marzo ci rimena i consueti tempi variabili, e per
quattro giorni Scirocchi tanto procellosi, che non possiamo a niun altra
cosa intendere se non a sostenerci sulle àncore al ridosso della
Valguarniera.

[7 marzo 1560.]

Abbonacciatosi il mare, e calmato il vento, si ordina lo sbarco quivi
stesso alla cala del medesimo nome, così: ogni nave e galèa metta fuori
lo schifo col suo cannone, ogni schifo alla prima passata imbarchi un
capitano e venticinque archibugeri, nella corsa vadano del pari sotto lo
stendardo dello schifo reale, allo squillo della tromba tutti in un
tempo colle prue investano nella spiaggia, le fanterie guazzino alla
riva, formino di presente il primo squadronetto, e stiano in buona
ordinanza per mantenere il terreno e per ispalleggiare lo sbarco dei
seguenti[591]. Con questo la mattina del giovedì sette di marzo alla
prima passata di centoventi palischermi vengono in terra quasi tremila
uomini: i quali ordinati in battaglia sul lido con due lunghe maniche di
stracorridori, come farebbero i bersaglieri del tempo presente, coprono
le alture a mezzo miglio dalla marina, e stanno in sugli avvisi per
tenere discosto il nemico[592]. Poi di mano in mano gli stessi schifi
ritornando levano le altre genti, gli alfieri, le bandiere e quattro
pezzetti da campagna[593]. In bell'ordine e in poco tempo eccovi sul
lido con tutto il loro fornimento e corredo diecimila uomini: i quali,
per esser l'ora già tarda, e per non avere riconosciuto ancora il paese,
passano quivi la notte all'addiaccio.

NOTE:

[580] CIRNI, 83: «_La mattina seguente, a due del detto marzo, perchè il
vento era favorevole per le Gerbe ci mettemmo alla vela.... e il
medesimo giorno arrivammo là a ventidue ore._»

[581] CAMPANA, 99, B., prin.: «_L'armata tornò alle Gerbe, ove diede
fondo ai due di marzo._»

[582] G. PLINII SECUNDI, _Historia naturalis_, lib. V, cap. vii, in-fol.
Lione, 1587, p. 93, lin. 21: «_Insulas non ita multas hæc maria
complectuntur. Clarissima est Meninx, longitudine XXXV m. passuum,
latitudine XXV; ab Eratosthene Lotophagitis appellata._»

SEX. AUREL. VICTOR., _De Vita et moribus imp. roman. a Cesare Aug. ad
Theodosium imp._, cap. XXIX. Script. rom. coll. I, 631, 2, E: «_Gallus
et Volusianus creati in insula Meninge, quæ nunc Girba dicitur._»

[583] GAZZETTA _ufficiale del Regno d'Italia_, giovedì 12 agosto 1875,
p. 5608, col. prima, lin. 22 e segg.: «_Gerba._»

[584] PROF. MICHELE AMARI, _Nuovi studî arabici sulla storia di Genova_,
in-8, 1872, p. 77, scrive: «_Sceikh._»

[585] CRESCENTIO, _Portolano_ cit., 20: «_Dalla testa del Bieto, volendo
andare all'isola de' Gerbi alla Rocchetta, tira alla quarta di
mezzogiorno verso Libeccio, et vi troverete sopra detta Rocchetta._»

LUIS MARMOL, _Description general de Affrica_, in-fol. figur. Granata,
1573, II, 289 e segg.: «_Gelves, la Roqueta a levante, la boca del canal
de Alcantara.... la torre del canal de Alcantara, boca del canal hazia
levante.... a poniente del Castillo dos leguas una torre que se dice
Valguarnera, y en Arabico Gigri, el Bazar al Norte._» 295, B, I, med.:
«_Boca del canal de Alcantara entre isla y tierra firma, hazia
levante._»

DAPPER, _Africa_, in-fol. Amsterdam, 1676, p. 201.

DE LA CROIX, _Relation universelle de l'Afrique ancienne et moderne_,
in-12. figur. Lione, 1688, II, 244.

BELLIN, _Altas maritime_, in-fol. Parigi, 1764, III, tav. 71: «_Zerbi,
Malguarnero, la Forteresse, Bourg el Bazar, Zaduca, El Kantar._»

[586] P. MICHELE AMARI, _Storia dei Musulmani di Sicilia_, in-8.
Firenze, Le Monnier, 1854-72, III, 400: «_Le Gerbe fertilissima isola
del Golfo di Kâbes.... coltivata in ogni tempo.... ricca d'industrie....
abitatori Bèrberi, seguaci di due sette musulmane, molto invise
all'universale._» E più altre notizie dell'isola medesima, in diverse
parti dell'opera, come dall'indice copioso ed accurato. Ne tocca altresì
nel _Vespro Siciliano_ a proposito dell'impresa del Loria nel 1284; e
nella pubblicazione della _Corrispondenza di Ferrante Gonzaga_ con
_Mulèy-Hassen_, fatta insieme coll'ODORICI, _Atti di Storia patria per
le Provincie modenesi e parmensi_, anno 1865, vol. III, p. 141.

[587] ANDREA CONTI, e GIACOMO RICCHEBACH, professori di astronomia nel
Collegio romano. _Posizione geografica dei principali luoghi di Roma, e
de' suoi contorni_, in-4. Roma, tip. de Romanis, 1821, p. 4: «_I
risultati potranno essere de' buoni materiali per la costruzione di una
carta di questa gran città, e per verificare quelle che esistono._»

EFFEMERIDI _astronomiche e Nautiche: Connaissance des temps._ Per la
riduzione delle carte idrografiche inglesi e francesi al meridiano di
Roma valga il seguente rapporto:

  Greenwich. occ. in arco     12°, 27′, 12″. = in tempo   0h, 49', 49"
  Parigi osser. occ. in arco  40°,  7′,  3″. = in tempo   0h, 40', 28"

[588] V. SOPRA, I, 207 e segg.

[589] W. H. SMITH, _Chart of the gulph of Khabs_, Londra, 1861, tra le
carte dell'Ammiragliato britannico.

IDEM, _The Mediterraneaen_, etc., p. 90.

[590] WILKINSON, _Chart from Mehediah to ras Makhabez_, gran folio,
1865, carte dell'Ammiragliato: «_Jerbah, Boukal castle, Boukal channel,
Fort Ajir_ (la Rocchetta), _Zoug_ (il Bazar), _Fishery_ (le Peschiere),
_Castle, Fort Jelis_ (la Valguarniera), _Melitah, Sidi Smour, Schour,
Sasouk, Agim, Kalela, Potteries, Tabilla, Ackrab castle_ (il
Castelluccio del ponte, ec.)»

[591] CIRNI, 65: «_In che modo aveva da dismontar la gente.... nelle
prime schifate andassero i capitani con venticinque archibugeri...._
(85) _Dunque ai sette di giovedì mattina si dismontò._»

BOSIO, 422, A: «_Giovedì settimo di marzo l'esercito fu posto in
terra...._ (418, B) _Schifi, capitani, sergenti, ventiquattro soldati._»



[8 marzo 1560.]

XXXIII. — Intanto lo Sceicco dell'isola, ed i suoi consiglieri,
diversamente tra loro disputando di questo successo, non si accordavano
insieme a far nulla. Quanti vi avea pirati di mestiero, giovani d'età, e
turchi di origine, volevano battersi ad ogni costo: al contrario i
nativi bèrberi e mori, e tutti quelli che odiavano le insolenze e il
dispotismo turchesco e piratico, chiedevano gli accordi. Con questi
consentiva il popolo minuto, gli agricoltori, e più di ogni altro gli
anziani: i quali dimostravano con molte ragioni, e coll'esempio dei
tempi passati, l'impotenza di resistere e la necessità di patteggiare.
Lo Sceicco, ancorachè ondeggiasse tra le due sentenze, perchè in suo
cuore odiava Dragut ed altrettanto la temeva, pure eccitato dai giovani
e dagli amici del pirata, e avendo udito che le nostre fanterie erano
state vedute infermicce, o come dicevano mezzo morte, volle provarsi a
combattere. Avrebbe costui dovuto anche sapere come le genti istupidite
e affrante dal mal di mare prestamente ripigliano lena e vigore, subito
che possono mettere piede sul fermo, e respirare in terra.

Molto meglio dopo buon pasto e quieto riposo (senza lasciare per turno
le guardie e le consuete diligenze) si levarono i nostri la mattina
gagliardi e ardimentosi, come se non avessero patito mai lo strazio
della mareggiata. Prese le armi, duemila corsero a guardare di rinforzo
il passo della Cantèra; e gli altri ottomila marciarono verso la
capitale dell'isola al castello dello Sceicco[594]. Silenzio intorno,
niuno all'incontro, marcia guardinga, file serrate, tutti intesi
nell'ordinanza, quantunque stimolati dalla sete.

La sera innanzi lo Sceicco aveva mandato alcuni uomini a riconoscere il
campo, ed a parlamentare col Medina, offerendogli rinfreschi ed
amicizia, a patto che se ne andasse subito subito: ma essendogli stato
risposto che si voleva prima fargli una visita al Castello per
ringraziarlo in persona dei favori, e per trovare la comodità
dell'acqua, esso capì che gli bisognava venire alle mani, come volevano
gli arrabbiati de' suoi consiglieri. Messosi dunque pienamente nelle
mani di costoro, raunò gran gente, e andò a far testa tra i palmeti sul
passo di certe cisterne, dove sperava facilmente opprimere i nostri,
assetati e riarsi dal sole africano e dalla marcia pe' sabbioni, quando
si sarebbero disordinati per bere, come più volte in quel luogo
medesimo, e per simile maniera era successo.

Ma agli otto di marzo, dove noi ci troviamo col discorso, le cose
andarono tutte a rovescio: niuno sbandossi alle cisterne, le occulte
insidie restarono deluse, e la forza aperta superata. Non mica, come
dice taluno, che i Gerbini fuggissero via alla prima comparsa delle
schiere cristiane, o alla prima prova della loro temperanza: chè anzi
stettero intrepidi, e dieron dimostrazione di valore disperato. Non
essendo più di ventimila con pochi archibugi e pochissimi cavalli,
nondimeno si gittarono sopra ai nostri squadroni, menando scigrignate,
punte e rovesci di scimitarre, di zagaglie e di falcini, a corpo a
corpo, senza curare ferite o morte, tanto sol che potessero rompere i
quadrati. Ma tornata loro vana ogni prova, e cominciando già per fianco
a frustargli l'artiglieria di campagna, balenarono a un tratto; e poi
via tutti di gran corsa, lasciando sul terreno circa dugento morti, e
più del triplo feriti. Fra i nostri caddero venticinque dei primi, e una
trentina degli altri; noverandoci un capitano, che morissi il giorno
appresso per grande squarcio di zagagliata.

[9 marzo 1560.]

I vincitori trincerati sul campo mandarono intimando la resa al
castello, dove le cose dei Gerbini e dello Sceicco pigliavano già
tutt'altra piega. Il partito degli anziani pacifici ed esperti rimontava
sopra quello dei giovani fuggiaschi e avviliti. Subito essi stessi
spedivano oratori, chiedevano parlamento, davano ostaggi, e
conchiudevano la pace, sottomettendosi lo Sceicco e tutto il popolo
dell'isola al dominio del Medina in nome del re di Spagna, colla
promessa del tributo medesimo che prima pagavano a Dragut per conto di
Solimano.

Gli storici orientali poco o nulla aggiungono ai nostri intorno a questi
successi; chè l'epoca presente scorre tra le più oscure nella storia
loro. Il cavaliere Giuseppe de Hammer nel nostro tempo, tanto
conoscitore della lingua e letteratura edita ed inedita dei Turchi, come
tutti sanno, non aggiugne particolari di rilievo alle notizie degli
storici occidentali, che compongono anche per me la base della
narrazione; e continuamente sono richiamati con lui e senza di lui nelle
note[595]. Dagli Arabi odierni non possiamo sperare nulla di meglio: e
dai trapassati abbiamo due soli brandelli, che qui inserisco alla
lettera come mi sono stati gentilmente favoriti dal preclarissimo
professore Michele Amari, nel quale la ingenita cortesia cresce lustro
al sapere. Il primo brano è dello storico Dinar, ben noto agli
orientalisti, il quale nell'anno 1681 scrisse molto confusamente dei
fatti anteriori; sì come nel caso presente a proposito dell'ultimo
principe Hafsita di Tunisi dice così[596]: «Stretta amistà correa tra
questi e Dragût pascià. Quando Dragût mosse contro l'isola delle Gerbe,
il sultano Ahmed lo fornì di vettovaglia. (_L'isola_) si era ribellata
da esso (_Dragût_) per torti ricevuti; onde la occuparono i Cristiani
per sei mesi; e fu liberata per mano del pascià Ali, mandatovi da
Dragût.» Appresso viene il Bagi non meno conciso nei fatti, e più
confuso nelle date, con queste parole[597]. «L'anno 957 (_20 genn. 1550
all'8 genn. 1551_) i Napolitani, i Genovesi ed altri irruppero in
Mehdiah: presero quanto e quanti erano in essa, la distrussero, e
andarono via. Indi alcuni abitanti a poco a poco vi ritornarono, e in
certo modo la ripopolarono. Essi (_Napolitani, ec._) si insignorirono
anco delle Gerbe, si empirono le mani del bottino fatto (_in questa
isola_), e dimoraronvi sei mesi; a capo dei quali Dragût pascià
liberolla, e di lì passò a Tripoli, e presela il 958.» Apparisce
evidente la grossezza di costoro, che in quattro righe male arruffano i
fatti di molti anni, nè mette conto il cercarne di più.

NOTE:

[592] CIRNI, 88: «_Squadroni per antiguardia e retroguardia.... con due
gran maniche di archibugeri, a guisa di un corpo umano disteso con le
braccia innanzi._»

[593] CIRNI, 35: «_Pezzi di artiglieria grossi, et altri da campagna._»
(86). «_Aveva il Generale fatto disimbarcare quattro pezzi d'artiglieria
da campagna._» (94): «_Salutarono i Mori con quei pezzi di campagna che
facevano bei colpi._»

CAMPANA, 83, B: «_Artiglieria così da campagna come da batteria._» (99,
B, princ.): «_Don Alvaro guidò le genti in terra con qualche pezzo da
campagna._»

[594] CIRNI, 86: «_La mattina che fu venerdì agli otto.... fece mettere
la gente in battaglia per marciare.... ottomila fanti, la più bella
gente.... poco se le conosceva il patire che aveva fatto._»

[595] GIUSEPPE DE HAMMER, _Storia dell'imperio osmano, estratta la
maggior parte da manoscritti ed archivi da nessuno per lo innanzi usati,
opera originale tedesca, recata la prima volta in italiano._ in-16.
Antonelli, Venezia, 1830, vol. XI, p. 236, e segg.

[596] IBN-ABI-DINAR, sopracchiamato EL-KAIREWANI, _Libro dilettevole
sugli avvenimenti dell'Africa e di Tunisi_. Alla pagina 161 del testo
arabico, capitolo del regno di Abu-el-'Abbas-Ahmed. Volto in francese
dai PELLISIER ET RÈMUSAT, _Exploration scientifique de l'Algérie,
sciences historiques et géographiques_, in-4. Parigi, 1845. — Il testo
arabico dura inedito.

[597] BAGI, _Compendio della Storia tunisina infino all'anno comune
1837_. Stampato a Tunisi, 1283 (1866), p. 87, e seguente del testo
arabo.



[13 marzo 1560.]

XXXIV. — Mercoledì tredici di marzo entrava l'esercito cristiano nel
Bazar, la guarnigione europea rilevava la moresca dal castello, le
galere facevano salva, e gli stendardi della Spagna salivano sulla gran
torre. Riaperti i mercati, tutti contenti; meno alcuni pirati turchi
costretti a smucciare, e meno parecchi soldati cristiani impediti dal
rapire. Tra questi vuolsi ripetere il fatto di uno spagnuolo, chiamato
Ordugnèz; il quale, deluso nella speranza del bottino, giunse a tanto
bestiale accecamento (come esso stesso confessò pentito prima di
spirare), che, dicendo non essergli possibile sopportare in pace
l'amicizia coi Cani, mise mano a un coltellaccio, e dandosi nel petto
s'ammazzò[598]. Di tali stranezze, richiamandone ora le impressioni
ricevute nel mio animo per molti esempî antichi e per certe osservazioni
moderne, dico adesso che quando occorrono in alcun luogo, non restano
solitarie; ma naturalmente pronosticano e sono seguìte da altri
disordini e da maggiori sventure. A certi estremi non si trapassa, nè
anche da un solo, nell'umana società, se non quando gli animi delle
masse, riputate degne di tali spettacoli, siano pubblicamente al sommo
della perturbazione; e per ciò stesso disposti a fare o a patire
appresso di peggio. Vedremo tra poco quanti altri saranno ciechi e
violenti contro alla propria e contro alla pubblica salute, al pari e
forse più dello sciagurato Ordugnèz.

[15 marzo 1560.]

Cominciamo dal duca di Medina, il quale, invanito degli ultimi vantaggi,
alla prima aura di fortuna si perde. Avrebbe facilmente potuto pigliare
ostaggi e guide, rifornirsi di vittuaglie, demolire il vecchio cassero,
togliere ai Gerbini ogni baldanza in due giorni; e dentro un mese
pigliar Tripoli, e tornarsene vittorioso in Sicilia. L'armata ottomana,
di che egli sapeva gli apprestamenti, non sarebbesi mossa così presto
per impedirgli la conquista; nè poi si sarebbe ardita di riscuoterla,
stando di fronte ai Turchi il presidio, e alle spalle l'armata nostra
tutta intiera. Costui all'incontro delibera di fermarsi due mesi alle
Gerbe per piantarvi nuova di fondo una bella fortezza. La stessa cecità
dimostrano gli altri tre, che insieme con lui danno il nome ai quattro
baluardi, e ne sostengono i lavori. I quali signori de' nuovi bastioni
si chiamano Medina, Doria, Gonzaga e Tessieri[599].

Il nome riverito degli Orsini avrebbe dovuto trovarsi di mezzo agli
altri, secondo il suo grado e bandiera, certamente innanzi al Tessieri e
innanzi al Gonzaga, se egli avesse voluto attivamente spingere la
stranezza dell'opera. Ma col fatto contrario esso stesso ha chiarito la
posterità di non averci consentito, pensando per fermo tra sè onori
cotali non essere da lui. La quale dilicata temperanza come non reca
meraviglia a chi ricorda la sua condotta durante la guerra di Campagna e
le brighe del Moretto, così meglio ne conferma la nobiltà del carattere.
Vedetelo inteso al dovere, senza offendere le opinioni; soggetto
all'autorità, senza eccitarla agli eccessi; e ciò pure a costo del suo
privato discapito, e di esser tenuto zotico e strano da quelli che
allora riputavan sè stessi avveduti e saggi. La corrente in piena voga
seguiva le visioni del Medina: ma a chi penetrava nel secreto dei
pensieri era evidente che la fabbrica della fortezza non poteva servire
ad altro se non a discolpare gli errori precedenti ed i futuri. Così
l'intendeva l'Orsino: e così in quei giorni medesimi, quasi
profetizzando, scriveva da Malta il celebre la Valletta; e registrava un
bell'ingegno spagnuolo nel sonetto che il Bosio ci ha conservato[600].

[17 marzo 1560.]

La fortezza presa a fabbricare presso alla capitale dell'isola era stata
disegnata sopra la peggiore di tutte le figure che si possono descrivere
intorno al cerchio, perchè meno di ogni altra adatta al fiancheggiamento
ed alla difesa radente. Un recinto di mille metri in giro col vecchio
castello nel mezzo per mastio: quattro cortine di dugencinquanta metri
per ciascuna; e quattro bastioni coi loro cavalieri negli angoli. Al
mastio per onore supremo diedero il real nome di forte Filippo; ed ai
quattro baluardi i nomi dei quattro Signori che ne presero il carico.
Dunque una fortezza quadrata, sul lido del mare, senza porto, senza
acqua, senza terra, senza muri: essendovi le cortine e i bastioni
rilevati di rena, pali e fascine; e il fosso cavato pur nella arena
cedevole, e tutto l'edificio sulla rena. Nell'interno baracche di tavole
per alloggiamenti e magazzini, e specialmente le cisterne vuote, nelle
quali bisognava portare acqua da lontane sorgenti. Misera condizione di
tanta gente per due mesi nella strana opera.

Qualcuno oggidì leggendo il nome di Plinio Tomacelli, incastrato dal
Promis nel novero degli ingegneri militari di Bologna, potrebbe
sospettare che egli stesso sia stato l'autore del rovinoso disegno e
della nuova fortezza alle Gerbe[601]. Ma ad onor suo possiamo dimostrare
non doverglisi colà attribuire altro carico se non di sorvegliare i
lavoranti di quel bastione che portava il nome del suo principale, e
chiamavasi il Doria. Plinio, gentiluomo bolognese della discendenza
collaterale di papa Bonifacio IX, era presente all'armata, godeva di
molta riputazione, aveva fatto da maestro a Giannandrea, e continuava
per volontà del vecchio zio a dirigerlo come consigliere e moderatore
delle sue prime spedizioni[602]. Non per questo fece professione di
ingegneria nè di architettura: e quel suo Discorso contro le
fortificazioni di Bologna, rimasto inedito nella sua patria, dimostra lo
studio da lui posto intorno alla popolare economia politica, non sopra
le tecniche dottrine militari.

[19 marzo 1560.]

Tutti i contemporanei attribuiscono il disegno e la suprema direzione
della nuova fortezza all'ingegnere Antonio Conti, uno di quei tanti
Italiani che allora seguivano gli eserciti di ogni nazione[603].
Udiamone i particolari dal Cirni, che eravi presente[603a]: «Per questo
dunque il Generale fece fare il disegno da Antonio Conte ingegneri, e
subito fece metter mano a lavorare. Fece trattare collo Scecche se
poteva avere una gran quantità di Mori per potergli far travagliare col
pagamento; ma non essendoci ordine, si risolse alla fine di farlo fare
a' soldati. Fece venire una quantità di cameli, acciocchè portassero la
terra rossa per impastare, chè intorno al Castello non vi era se non
rena, e bisognava condurla più di due miglia discosto. Eravi assaissima
comodità di palme e di olivi: e con quei tronchi delle palme, interi e
spaccati, faceva fare le incavicchiature per ogni banda. Eccetto un
braccio incirca, sotto terra per tutto è pietra; ma tenera, e sottoposta
al piccone. La gente tedesca, per essere più industriosa e travagliante,
la misse a fare il fosso a forza di picconi. Il signor Gio. Andrea come
quel cavaliere che haveva honoratissimamente risposto in tutte le
occorrenze dell'impresa per complire e col valore e colla prudenza in
ogni opera possibile per servitio di Sua Maestà, si prese assunto di
fare un cavaliere. L'altro il Generale diede a fare al generale della
Religione con la sua gente. L'altro a gli Spagnuoli, e l'altro al signor
Andrea Gonzaga. Di maniera che venivano a esser quattro, con intenzione
di farvene poi col tempo un altro in mare col suo molo verso tramontana.
E per ora da quella parte del mare il Castello si accingeva quasi a
stella, e volgeva in tutto da mille passi, o braccia ordinarie, come
vogliam dire. Così con grandissima sollecitudine e cura si attese al
lavoro.»

Alli diciannove di marzo, secondo il modello del Conti, in due giorni
preparato alla grossa di cretoni e di legno, il Medina con solennissima
pompa gettava al posto la pietra angolare; e appresso metteva alla
direzione della gran fabbrica quattro ajutanti, nominati dal Campana e
dal Bosio, Bernardo di Aldana, Sancio di Leva, Cesare Visconti e Carlo
di Amanze[604]. Lavoro fastidioso di soldati in giornèa; non avendo a
niun conto voluto prestare l'opera loro i Gerbini: i quali soltanto per
somma grazia permettevano la vettura delle loro bestie. Bisognava
rimenare tutto da lungi, pali, fascina, infino a un po' di terra per
impastarla colla rena del luogo. Ciò non pertanto ai venticinque di
aprile il forte era ridotto in condizione di potersi difendere, e vi
entravano di presidio duemila fanti tra spagnuoli, italiani e tedeschi,
sotto il mastro di campo don Alvaro de Sande, eletto governatore della
piazza e dell'isola. Tutto questo sarebbe la metà del nonnulla rispetto
al resto: dobbiamo inoltre disperdere ogni bene, vittuaglie, munizioni,
armi, artiglierie, corredi, infino all'acqua; e dobbiamo sguarnire di
tutto i navigli, se vogliamo, secondo la ragione di tanta lontananza e
il pericolo di lungo assedio, provvedere ai magazzini ed alle cisterne
del gran forte, per continuata stranezza piantato di pali sulla rena.

NOTE:

[598] CIRNI, 98: «_Subito si sparse la voce tra soldati che si era
concluso l'accordo, il che diede non poco dispiacere alla maggior parte,
et alquanti per dispetto buttavano le celate per terra. Ma uno, che si
chiama Ordugnes spagniuolo, dicendo che non era possibile che potesse
sopportare pace con cani, mise mano a un coltello e dandosi nel petto
s'ammazzò: benchè innanzi che spirasse si convertì, dicendo che il
diavolo l'haveva accecato._»

BOSIO, 425, D: «_Dispiacque l'accordo. Si era pubblicato per l'esercito
che il Vicerè voleva spianare il castello, e saccheggiare, e dare il
guasto all'isola. E fu tale il dispiacere che se ne prese un soldato
spagnuolo chiamato Ordognez, che sè stesso uccise._»

NATAL CONTI, 346: «_Veggendosi tolta di bocca la preda, uno Spagnuolo
per soverchio dolore con un pugnale da un canto all'altro si trafisse.
Morte a sì infame avarizia e disperata pazzia conveniente._»

[599] DON LUYS DEL MARMOL CARAVAJAL, _L'Africa_, in-fol. Granata, 1573,
II, 298, A, 2, fin.: «_Juan Andrea con la gente de sus galeras tomo a
cargo de hazer un cavallero: et Duque con los españoles otro: Andrea de
Gonzaga con les italianes otro: y los cavalleros de san Juan otro._»

BOSIO cit., 425, E: «_Fu posto mano a fabbricare il forte con quattro
baluardi reali, il primo chiamato della Cerda.... il secondo fu nominato
Doria.... il terzo ebbe nome san Giovanni perchè toccò farlo al gran
commendatore (de Tessiers) con le genti della Religione.... il quarto
detto Gonzaga. Il vecchio castello fu chiamato Filippalcazar._»

CIRNI, 101: «_Venivano a essere quattro cavalieri.... dalla parte del
mare si accingeva quasi a stella, e volgeva in tutto da mille passi._»

[600] BOSIO cit., III, 426, C: «_Profetia del gran maestro Valletta, il
quale predisse che l'armata cattolica sarebbe sopraggiunta e rotta dalla
turchesca.... e sonetto, nel quale si scuopre l'intenzione, per la quale
fu fabbricato il forte, e fu chiarissima et infallibile preditione del
fine che poi ebbe:_

    »_Qual fue el intento para tal hazerte?_
    _Disculpar otros yerros començados._
    _Quederà alguno en ti? Los desdichados._
    _A que fin? A esperar prision o muerte._»

[601] CARLO PROMIS, _Gli ingegneri e gli scrittori militari bolognesi
del secolo XV e XVI_, in-8. Torino, 1863, p. 95, 97.

[602] PLINIO TOMACELLI, _Lettera al signor Diego Ortiz_. Tra quelle dei
Principi, in-8. Venezia, appresso Francesco Ziletti, 1581, III, 237,
princ.: «_Il Vicerè attendeva però sempre a provvedere il suo forte di
vettovaglia, munitioni ed acqua.... le galere empivano le cisterne con
cento barili d'acqua ogni giorno.... Ella ben sa che per consiglio mio
non si potesse reggere l'armata, non servendo io in cose di mare._»

IDEM, _Discorso sopra la fortificazione di Bologna, fatto l'anno 1865_.
Mss. alla bibl. dell'Istituto bologn., _Miscell. di storia patria_.

[603] CAMPANA, 100, B, med.: «_Formava il disegno del forte Antonio
Conti ingegnero.... due giorni dipoi fu cominciato a lavorarsi
coll'assistenza di Bernardo Aldana e Sancio di Leiva._»

NATAL CONTI, 346, B, princ: «_Il Duca assegnò lo spazio ad Antonio Conti
valente ingegnero, ordinandogli che ne facesse un disegno: e vedutone il
modello, lo prepose alla cura del lavoro._»

[603a] CIRNI, 100.

[604] BOSIO, 424, C: «_La cura degli alloggiamenti campali fu data ai
cav. Cesare Visconti e Carlo d'Amanze, e con essi all'ingegnero Antonio
Conti...._» (425, D): «_Il nuovo forte fu disegnato dagli ingegneri di
sopra nominati._» 426, B: «_Et a diecinove del medesimo mese fu con
solennità dato principio alla fabbrica dal nuovo forte sopradetto._» —
CAMPANA, nota preced.



[8 aprile 1560.]

XXXV. — Intrattanto Luccialì colla sua galeotta a golfo lanciato per
l'alto mare navigando, e sempre fuggendo dalle Gerbe, era giunto in
Costantinopoli: dove consegnate che ebbe le lettere pressanti e i ricchi
doni, da parte di Dragut, al Granvisir e agli altri principali ministri
della Porta, facilmente otteneva l'udienza dell'Imperatore, e gli
dimostrava la bella opportunità di conquidere sulle spiagge di Barberia
tutta l'armata dei Maledetti. Egli, testimonio di veduta e sagace,
dicevagli il numero e la qualità dei nostri navigli, la stranezza del
governo, la stultizia dei procedimenti: dimostravagli la facilità di
armare un'ottantina di galere negli arsenali dell'imperio, e di ottenere
solenne vittoria da assicurargli per sempre la padronanza del mare. A
Solimano non facevano di mestieri nè troppi stimoli, nè tanti argomenti:
egli sentiva da sè l'importanza del caso, e nella certezza di cavarne a
suo vantaggio stupendi effetti, ordinava con gran secretezza e prima del
tempo consueto l'armamento del suo navilio, pur di averlo pronto alla
vela sulla fine di aprile. Ma quantunque egli si studiasse di nascondere
gli apparecchi, e di coprire i suoi disegni, non potè fare che qualche
indizio non ne trapelasse fuori per una città così popolosa e così piena
di gente d'ogni paese, come era la sua capitale. Da più parti gli
esploratori, i diplomatici e le spie ne mandavano avvisi a Madrid, a
Venezia, a Roma, a Malta, e di rimbalzo anche alle Gerbe.

Il grammaestro la Valletta pel primo, sapendo degli armamenti
turcheschi, già dagli otto di aprile aveva insieme avvertito il Medina e
richiamate le sue galèe per servirsene nelle necessarie provvisioni
dell'isola, volendo metterla in punto di fare buona difesa, se mai la
sua disgrazia menassegli l'armata ottomana ad attaccarlo[605]. Rispedì
in Africa dopo tre settimane soltanto tre galèe a carico del cavalier
Maldonado, disarmate le altre due per la grande mortalità di ciurme, e
di gente, e di cavalieri, compresovi l'istesso generale de Tessieri, che
pochi giorni dopo arrivato in Malta morissi.

Il marchese della Favara, luogotenente di Sicilia, ripeteva gli avvisi,
ed alla vista del pericolo mandava alle Gerbe quattro navi e un migliajo
di soldati per rinforzo. Il vicerè di Napoli, ripicchiando sulle notizie
ormai certe dell'armata nemica, esortava il Medina a star cauto, a
ritirarsi, ed a pensare che in vece di conquistare in Africa alla fine
era mestieri attendere ad altro, cioè a sostenersi e a difendersi in
Italia. In questo modo scrivevano pur da Genova, da Roma, da
Venezia[606].

[25 aprile 1560.]

Ciò non pertanto il Medina e i suoi colleghi tiravano innanzi senza
nuovi espedienti. Gli animi sentivano dello strano, alcuni non
prestavano fede agli avvisi, e molti dicevano impossibile all'armata
ottomana uscire dai Dardanelli prima di mezzo maggio. Giannandrea era
ricaduto di flusso; le infermità avanzavano più di prima, si empivano
gli spedali e le fosse[607]. I savi, costretti alla tolleranza per non
crescere confusione, facevano capo al Doria stesso col pretesto di
visitarlo: dicevangli non esser più tempo di indugi. Ed esso dal letto
mandava e rimandava Plinio Tomacelli non solo sollecitando, ma
importunando il Medina alla risoluzione della partenza[608]. Il medesimo
Plinio nella sua lettera giustificativa conferma gli altrui fatti e le
sue premure[609]. Ma non per questo lo assolveremo noi dell'essersi
dappoi piegato lui proprio a restare colà coll'armata ancora per
quell'ultimo giorno fatale, che non doveva aver più nè consiglio nè
riparo. Vedremo le opere, e leggeremo le attestazioni del capitano Piero
Machiavelli, commissario delle galèe fiorentine, nella lettera scritta
giusto di quei giorni al duca Cosimo per ragguagliarlo dei successi
precisi del venerdì dieci di Maggio alla sera.

[5 maggio 1560.]

Come fu imbastita alla meglio la sciagurata fortezza, il Medina strinse
lo Sceicco al giuramento di fedeltà: e costui, per non poterne di meno,
finalmente venne al campo cogli anziani dell'isola, e una squadra de'
suoi cavalieri. Gittò per terra lo stendardo di Dragut, un vecchio
drappo di seta verde, prese dal Medina la bandiera di Spagna, la brandì
tre volte, la mostrò ai circostanti, e sottoscrisse l'istrumento di
vassallaggio giurandone sul Corano la lealtà. Al quale atto crebbe
valore la presenza del re di Caruano, venuto poc'anzi in gran festa a
salutare il Medina, per l'odio mortalissimo che nudriva contro Dragut,
dal quale con pessima frode eragli stata rapita buona parte del
dominio[610]. Intervenne altresì per ragioni equivalenti colui che
chiamavano l'Infante di Tunisi, nipote del Muleasse già rimesso sul
trono nella spedizione del trentacinque contro Barbarossa. Costoro, e
ogni altro nemico dei turchi e dei pirati, mantenevano continue
corrispondenze con la corte di Spagna, coi vicerè di Napoli e di
Sicilia, col Grammaestro di Malta, e coi supremi comandanti delle armate
cristiane[611]. Essi ora corteggiavano il Medinaceli, quantunque ne
vedessero già vicina al tramonto la fortuna.

NOTE:

[605] CIRNI cit., 103: «_Già si havevano havuti avvisi che l'armata
turchesca era per venire, et in grosso numero. Per il che il Gran
Maestro della Religione mandò a domandare le sue galere, perchè essendo
restata l'isola di Malta sprovvista voleva anticipare il tempo a
provedersi. Così il Generale_ (Medina) _ce le mandò con tutta la sua
gente, e partirono agli otto di aprile._»

TOMACELLI cit., 236: «_Il Gran Maestro scrisse a Gio. Andrea che si
apparecchiava l'armata del Turco.... Voleva il sig. Gio. Andrea andarle
incontro nell'Arcipelago.... Ma il Vicerè non si rimosse dal
proponimento, e sempre attese alla cominciata fortificazione._»

[606] COSTO, _Storia di Napoli_ cit., 391, princ.

MAMBRINO ROSEO cit., III, II, 13, med.

RAYNALDUS, _Ann. Eccl._, 1560.

[607] CIRNI, 107: «_Il signor Gio. Andrea guarì, e poi ben tosto
ricadde._» (111): «_Il signor Gio. Andrea combatteva colla morte,
essendo ricaduto quattro volte._»

[608] CIRNI, 109: «_Plinio Tomacelli, persona di molta scientia, pratica
e intelligentia, amato al sommo dal signor Gio. Andrea.... Sollecitava
la partenza.... eravamo già ai cinque di maggio...._» (111): «_Ogni
giorno Plinio innanzi e indietro per dare effetto alla partita._»

BOSIO, 428, C: «_Giovanni Andrea.... per mezzo di Plinio Tomacelli
faceva sollecitare l'imbarcamento._»

[609] PLINIO TOMACELLI, _Lettera_ cit., 236, B, med.: «_Il signor
Giovanni Andrea mi mandò a fare istanza al Vicerè che dovesse
partire.... mi rimandò di nuovo a fare istanza del partire._»

ULLOA cit., _Impresa di Tripoli_, p. 10: «_Plinio Tomacelli bolognese,
persona di molto valore et judicio, di chi si faceva grande stima._»



[10 maggio 1560, ore 5 s.]

XXXVI. — Nel vero il tempo stringe, gli avvenimenti precipitano, e
dentro le ventiquattro ore tutte le stranezze saranno al termine. Stava
intento il Duca co' suoi più intimi a mettere terra e piote sui
parapetti della nuova fortezza, quando la sera istessa del ripetuto
giorno dieci di maggio, alle cinque vespertine, giugneva colà tutto
trafelato il cavaliere don Ugo Coppons, spedito in gran diligenza sur
una fregata da Malta con lettere del Grammaestro allo stesso duca di
Medina ed al Doria, per avvisarli ambedue che la sera del sette era
stata veduta dall'isola del Gozzo tutta l'armata ottomana, forte di
ottanta galèe e di più altri legni, navigare di lungo per Ostrolibeccio
verso di loro, dopo aver fatto nella isola medesima acqua e carne.

[10 maggio 1560, al tramonto.]

Avute le lettere e sentite le relazioni dei testimonî di fatto e di
vista, avrebbe dovuto il Medina, come dopo segnalato beneficio della
provvidenza, ringraziare Iddio, e subito a un fiato imbarcar la gente,
lasciare presidio nella fortezza, e ridurre l'armata a salvamento in
Sicilia. Sarebbesi levato a cavaliere e avrebbe gittato il nemico tra
due fuochi a consumarsi, intra la fortezza delle Gerbe di fronte e
l'armata cristiana alle spalle. Ma le stranezze che avevano sempre
preceduto e seguìto il corso di questa spedizione, non potevano cessare
nel momento supremo: anzi dovevano crescere per la novità ed urgenza del
caso. Tutti volevano dirne, tutti diversamente: dunque per la maggior
parte a sproposito. E il Medina, come se da vero ci fossero delle
dubbiezze a risolvere, faceva raccogliere i capitani maggiori in
consiglio presso Giannandrea, surto sopra le Peschiere, davanti al
Forte, a due miglia da terra. Perdita di tempo, diversità di sentenze,
accrescimento di disordine. Scipione Doria proponeva di abbozzarsi sulle
gomene con tutta l'armata, navi e galere ben ristrette, sotto al
castello: e voleva quivi aspettando il nemico, riceverlo a
cannonate[612]. Ma gli altri di comun consentimento escludevano la vana
proposta: e ciò non tanto per la inferiorità del numero e per
l'abbattimento della gente, quanto per la penuria dell'acqua e dei
viveri; avendo già tolto di bordo quasi ogni cosa, e messo tutto nei
magazzini e nelle cisterne della nuova fortezza. In quel modo i Turchi,
temporeggiando per poco, avrebber potuto vincere senza combattere; e
stringere il progresso della fame coi giannizzeri alla guardia del mare,
e coi Gerbini sguinzagliati dalla parte di terra.

Quantunque però quasi tutti, come ho detto, rifiutassero la battaglia
per giustissime ragioni; pochi tuttavia sollecitavano l'immediata
partenza da quell'infausto arenale, dove non si poteva restare un'ora
senza pericolo, nè combattere un minuto senza rovina. La maggior parte
pensavano di aver sempre tempo a ritirarsi, perchè l'armata nemica
doveva (a parer loro) andare prima a Tripoli, chiamarne Dragut, e
intendersi con lui sul piano di battaglia[613]. Laonde concludevano che
tra due o tre giorni potrebbero levar la gente a bell'agio, e far
l'acquata, e mettersi in salvo.

A questa tristissima opinione, che fu poi causa di infiniti disastri,
tuttochè sostenuta dalla maggioranza, due soli voti trovo contrarî: e
sono del generale genovese e del romano. Giannandrea minacciava
apertamente volersi partire nella notte con tutta l'armata, e
pronosticava la comparsa dei Turchi per la mattina seguente[614].
Flaminio senza pretensioni, senza profezie, senza minacce, sostenuto
soltanto dalla ragione e dalla esperienza, faceva di convincere
l'intelletto dei compagni, persuadendoli della necessità di mettersi al
largo allora allora; unico partito per salvare l'armata navale e quanto
più di gente si poteva, posciachè il forte era al caso di sostenersi da
sè, e di ricevere a un bisogno anche gli ajuti. Egli fece vincere il
partito[615]. Quale nel discorso, tale mostrossi Flaminio nelle opere:
maestro di guerra, eccellente marino, schivo di lusinghe, inteso al
comun bene, fermo al suo posto. E la tempra dell'animo suo meglio pei
fatti proprî tra poco rifermerà, che non per gli elogi altrui, sempre
scarsi infino al presente intorno ai nostri campioni.

Se non che sopravvenuto in consiglio il duca di Medina non voleva a niun
patto consentire alla deliberazione già presa; e chiedeva almeno un
giorno di tempo per dare ricapito a quei soldati che (non essendo del
presidio) si trovavano in terra pei lavori del forte: innanzi ai quali,
prima di allontanarsi, aveva impegnato la sua fede di tornare, di
levarli, e di non partirsi senza di loro. Vedi Capitano sapiente a
patteggiare sulla disciplina de' suoi soldati, ed a preferire le sue
parole alla pubblica salute! Per questi rispetti, credendosi colui a suo
senno nell'obbligo della stolta promessa, tanto scongiurò, e disse, e
fece, che finalmente Plinio Tomacelli, non volendo disgustarlo in
quell'estremo, prese le sue parti, e strinse Giannandrea ad aspettare
anche un poco. Col consenso del Doria, il Medina conchiuse di rimettere
la partenza al giorno seguente[616]. Non v'ha dubbio. La lettera del
commissario Machiavelli al suo Sovrano parla troppo esplicitamente
dell'accusa; la risposta del Tomacelli fugge troppo evasiva per
abbatterla; e l'analisi del contradittorio resta comprovata e ribadita
dal fatto. Differita la partenza.

Sia pur dunque concesso al Medina il trattenersi per la promessa, ed a
Giannandrea il consentirgli per la violenza: questo però non toglie nè
all'uno nè all'altro in caso simile l'obbligo di provvedere alle
emergenze possibili, secondo gli avvisi. Essi avevano la suprema
autorità anche sopra i confederati, costretti alla obbedienza
dall'ordine dei rispettivi sovrani: essi dovevano almeno aringare
l'armata in battaglia con istruzioni concordi e determinate a tutti i
capitani per governarsi da savî, per resistere da prodi, per ritirarsi
compatti. Ma in vece indugiarono per indugiare, negletto ogni
apparecchio: come se il nemico non potesse venire, perchè la maggioranza
del consiglio così pensava; o come se avendo escluso il combattimento di
elezione, non dovessero tenersi pronti alla difesa di necessità[617].
Anzi con questo il Medina maggiormente confuse gli altrui pensamenti,
annunciando al pubblico un pericolo urgente, e senza riparo.

[10 maggio 1560, la notte.]

Esso, uscito di consiglio a notte inoltrata, fece pubblicare ai soldati
la decisione della partenza per la giornata del sabato successivo, e
però si allestissero. Scoppiò di presente la confusione: questi lodava,
quegli biasimava, altri non voleva restare addietro, chi chiamava lo
schifo, e chi Michele e chi Martino, e chi a guazzo per imbarcarsi sui
palischermi chi a gambe per mettersi al sicuro nella fortezza[618]. Il
Duca, desideroso di contentar tutti, confuse pur tutti colle speranze e
colle promesse al di sopra del suo potere. Il pánico e il disordine
crebbero al sommo durante la notte. Ognuno per sè, infino ai barbari,
capirono la folle disperazione: tanto che lo Sceicco dell'isola e il re
del Caruano montati a cavallo, fuggirono via, senza pigliar commiato da
persona[619]. E come se ciò non bastasse, ecco dopo la seconda guardia
turbarsi il mare; e il vento infino a lì disteso da Ostroscirocco e
favorevole alla partenza, saltare e fermarsi a Grecotramontana, quasi
per prua; cosa invero sinistra, che pronosticava la rovina imminente
dell'armata, cui nè anche volendo era più concesso di potersi facilmente
allontanare[620].

NOTE:

[610] CIRNI cit., 105, 106, 109.

TOMACELLI cit., 234, med.

[611] _LETTERE di Muley-Hassen re di Tunisi a don Ferrante Gonzaga
vicerè di Sicilia_: pubblicate da FEDERIGO ODORICI con una lettera del
prof. MICHELE AMARI negli _Atti della Deputazione di Storia patria per
le Provincie modenesi e parmensi_, in-4, 1865, III, da p. 115 a 192. —
L'unico esemplare disponibile comprato in Modena per mio conto. Ricordo
le dette lettere, quantunque non vi sia cosa di rilievo storico al mio
proposito.

[612] BOSIO, 429, E: «_Scipion Doria consigliava combattere serrandosi
insieme le galèe coi galeoni e colle navi._»

[613] NATAL CONTI, 349, A, fin.: «_Ma i Cristiani si trattennero,
stimando l'armata turchesca non così tosto dovere in quei mari
presentarsi._»

BOSIO, 430, A: «_La maggior parte dei capitani erano di opinione che
l'armata turchesca quivi la mattina arrivar non potesse._»

CIRNI, 113: «_La maggior parte erano di oppenione che l'armata turchesca
non potesse esser quivi la mattina: chè prima aveva da andare a Tripoli,
e sapere da Dragutte quel che bisognava fare._»

[614] CIRNI, 114: «_Gio. Andrea disse che in ogni modo era da partire;
chè la mattina si troverebbero sopra l'armata nemica._»

[615] CIRNI, 114: «_Flaminio dell'Anguillara parimente persuase la
partita. Doveva essere allora poco più di due hore, e così si risolse
che si havesse a partir la notte in ogni modo._»

[616] PIETRO MACHIAVELLI, _Lettera al duca di Fiorenza_, 15 maggio 1560,
_sotto vela da Trapani a Palermo_. Tra le lettere dei Principi, in-8.
Venezia, Ziletti, 1562, vol. I, p. 199, B, med.: «_Negando
Giovann'Andrea di voler restare, Plinio, stato suo maestro di
grammatica, col consiglio del quale si reggeva quest'armata.... lo
cominciò a pregare che havendo fatto fino a quel dì tanto in servitio di
sua Maestà non volesse per un sol giorno guastarsi. Onde Giovann'Andrea
per compiacere al Vicerè si contentò di restare ancora quivi per un
giorno coll'armata.... I nemici c'erano vicini a settanta miglia._»

TOMACELLI cit., 240, fin.: «_Io non fui mai maestro di Grammatica come
dice l'autore della Lettera.... e come poteva egli sapere ch'io avessi
pregato il signor Giovanni Andrea che non volesse per un sol giorno
guastarsi?_» — Non dice di che altro mai fosse maestro: e in vece di
negare il fallo proprio, nega la scienza dell'avversario.

[617] TOMACELLI cit., 238, princ.: «_Non parlò il signor Giovanni Andrea
di combattere, nè altri vi fu in consiglio che ne parlasse, perchè
l'opinione universale fu che si havesse tempo._» — Equivoca e magra
scusa!

[618] MODESTO LAFUENTE, _Historia general de España_, in-8. Madrid,
1854, XIII, 88: «_Engañose en esto don Alvaro de Sande, como el de
Medinaceli; y ambos se llenaron de costernacion, cuando supieron que
l'armada del Sultan se approximaba a los Gelbes. Todo fue entonces
confusion y desorden._»

FERRERAS, _Hist. d'España_, vol. IX, 415.

HERRERA, _Hist. Gen._, lib. VI, cap. XVIII.

CABRERA, _Felipe II_, lib. V, cap. VIII.



[11 maggio 1560, all'alba.]

XXXVII. — Le stranezze, quantunque grandissime nella notte, crebbero a
doppio la mattina dell'infelicissimo giorno di sabato undici di maggio.
Il Medinaceli aveva gran che a fare su e giù tra la campagna e la marina
per condurre seco i soldati, secondo la promessa; Giannandrea rodevasi
sulla Reale, aspettando il Vicerè e gli affidati; e gli altri capitani
di mare, mandati in terra gli schifi a levare le fanterie e a compiere
l'acquata, apparecchiavansi a una corsa intorno per un po' di scoperta,
senza niuna prescrizione determinata nè per combattere nè per
fuggire[621].

Intanto Pialì, pascià del mare, informato pienamente dagli stessi
Gerbini dello stato e confusione dei Cristiani, non volendo dividere la
facil gloria nè con Dragut nè con altri, senza volgersi a Tripoli,
erasene venuto verso le Peschiere, dove sapea essere l'ancoraggio
dell'armata nostra. Tenendosi in giolito e sopravvento, aspettava il
giorno chiaro per investire.

Tra quelle nebbie, che quasi sempre nel mattino velano le basse spiagge
delle regioni africane, qualcuno cominciò a vedere certi bastimenti: e
appresso dando la voce e cominciando a fare strepito e rumore, tutti
riconobbero l'armata nemica, e tutti crebbero intricamento e confusione.
Scipione Doria, quel desso che voleva abbozzar le gomene, ed era stato
messo capofila del largo per la scoperta, fu il primo a fuggir via verso
Malta[622]. Giannandrea dall'altra parte fece vela, corse due bordate,
volse in senso contrario, poggiò al vento, investì in terra sotto la
fortezza, e andò a chiudercisi dentro, abbandonata in secco la
Reale[623]. La maggior parte dell'armata, seguendone l'esempio e lo
stendardo, chi prima, chi dopo, rovesciarono il bordo per arrenarsi
meglio in diverse direzioni, tanto pur di mettersi in terra, e di mandar
la gente correndo a rifugio nel forte.

[11 maggio 1560, la mattina.]

Luccialì, capo di vanguardia, veduti tali strani e inconsiderati
movimenti, dette dentro con tanta sicurezza, che al primo colpo pigliò e
rimise venti galere: quattro del Doria, compresa la Reale, due di Roma,
due di Sicilia, due di Firenze, una di Monaco, quattro di diversi, tutte
di Napoli, e insieme quattordici navi di alto bordo, e più di cinquemila
cristiani tra soldati e marinari[624]. Appresso Pialì e i Barbareschi
gittaronsi a falciare di seconda mano qualunque legno là intorno non era
stato ancor concio. Dove tutta la bravura in continuati scontri, e per
ogni maniera di caccie e di sutterfugi, finiva o colla resa in mare, o
coll'arrenamento alla spiaggia[625]. Giannandrea e il Medina dal
ballatojo supremo del forte, dove eransi rifugiati, volgendo attorno lo
sguardo, potevano vedere nel giro la propria e l'altrui rovina: navi e
galere in mano ai Turchi, soldati e capitani cinti di catene, bastimenti
grossi e sottili infranti alla riva, tutt'altrove rottami, e del
continuo uscir gente dal pelago, a nuoto o sopra tavole, chi avvolto di
miseri cenci, chi tutto nudo, e lunghe file di fuggitivi correre a
ripararsi nel forte. La guarnigione, fattasi sugli spalti e sui ponti,
accoglieva gl'infelici: ma impietriti nel dolore guardavansi in faccia
l'un l'altro senza mutarsi nè anche una parola; dimostrando però
nell'aspetto somma pietà verso i compagni, e profonda indignazione
contro chi era in colpa d'aver condotto le armi cristiane a tanta
vergogna e a tanto strazio.

NOTE:

[619] CIRNI, 135: «_Il Scecche promise assai e non attese niente, che
insieme col re del Caruano e l'infante di Tunisi per paura dei Turchi se
ne fuggì in terraferma._»

[620] CIRNI, 120: «_Il tempo fino allora era stato buono, ma subito di
Scilocchi e Mezzigiorni si cambiò in Tramontane e Grechi, a punto per
prua, cosa in vero crudelissima._»

BOSIO, 430, B: «_Però i venti, che fino allora erano stati favorevoli,
si volsero contrari._»

[621] BOSIO cit., 430: «_L'armata cattolica alle Gerbe non seppe nè
combattere nè fuggire._»

[622] BOSIO, 430, E: «_Scipione Doria con quella guardia sua non fece
altro servigio, che di salvare sè stesso, dopo che veduto ebbe il
pericolo, colla sola galera sua, portando avviso a Malta che tutta
l'armata cattolica era perduta e disfatta._»

[623] SAGREDO, _Monarchi Ottomani_, in-4. Venezia, 1673, p. 466:
«_Giannandrea si accostò a terra e arrenò; sbarcato sopra un
palischermo, salvossi nel forte._»

CAP. MACHIAVELLI cit., 200, B, lin. 7: «_In un tratto la Reale, con
pessimo e doloroso consiglio, poggiò per andare a investire in terra._»

TOMACELLI, 239, B, med.: «_La Reale teneva la prua per Ponente, e andava
ad investire nel golfo del Capsi.... vedendosi adunque il vento
contrario il signor Giannandrea, conoscendo il pericolo certo, havendo
già voltato più di dodici galèe verso il Forte, si risolse egli ancora
di pigliare la medesima volta._»

[624] BOSIO 431, G: «_Prese dai Turchi quattro galèe di Giovann'Andrea,
compresa la Reale, due del Papa, cinque di Napoli.... venti galere in
tutto, e quattordici navi._»

[625] ADRIANI, 645, A, B: «_Al ritorno venticinque navi furono
combattute e vinte dai Turchi... e con tutti i soldati rimasero
prigione.... Delle quaranta galèe e quattro galeotte, salve solamente
diciassette._»

CIRNI, pag. ult.: «_Perdita totale diciotto mila anime, venti otto
galere, una galeotta, e quattordici navi_.»



[11 maggio 1560, mezzodì.]

XXXVIII. — In mezzo al generale scompiglio, mentre l'armata cristiana
per infiniti modi disbarattavasi, vi furono alcuni capitani che, senza
smarrire, cercarono nell'arte nautica lo scampo alle poche galèe non
ancora assalite dal nemico. Essi non avevano che una sola via di salute,
ma pericolosa e difficile. Occorreva spelagare, spuntando apertamente
l'estrema destra del nemico, coi bastardi all'orza, fatto il carro al
più presso del vento; e poi a remi crescere l'abbrivo, correggere lo
scarroccio, sforzare il capo di Sfax, e mettersi pel canale delle
Cherchene. Questa precisa manovra, piena di fortuna e di ardimento, che
poteva esser tentata soltanto colla vela latina, orzeggiando a poco più
di quattro quarte di vento, e facendo forza sui grandi bastardi anche a
rischio di scavezzare le antenne; questa manovra, dico, che metteva
altresì il nemico nella stessa necessità di prueggiare e nel medesimo
rischio di rompere, come ebbe il principio da una galèa di Malta, così
la pronta imitazione di una genovese, delle capitane di Roma, e di
Firenze, e di parecchie sensili, l'una appresso all'altra, infino al
cavaliere Gil d'Andrada che veniva alla coda di tutti. Degna mostra
dell'arte sul mare nell'arduo maneggio dei legni! Ecco ritte le antenne
maggiori, eccovi distesi cinquecento metri di cotone in un solo
triangolo, ecco ciascuna galèa parallela alla conserva, e ciascuna a
gara nella corsa. La prua a Maestro quarta di Bora, la spinta da
Grecotramontana, il carro al vento, l'orza (per dispetto in questo caso
dei pedanti) alla destra, lasca l'osta di sottovento, tesata l'opposta,
cazzata la scotta, la barra a richiamo; e il naviglio nel contrasto di
tante forze alla banda, sollevandosi e ricadendo, come il cavallo nei
salti delle barriere. Ti sembra arrestarsi nella levata, ma di
altrettanto lo vedi trascorrere nella ricaduta, e fendere l'acqua a
tagliuzzi continuati e progressivi. Il piloto tien l'occhio alla rotta
ed al pennello, desideroso che il vento gli ridondi: e il nocchiero
affidato alla rigida verga dell'antennale, che gli scusa bolina, stringe
il vento; e col fischio e colla voce ripete: Carica! all'orza, alla
scotta, all'osta, alla drizza!

Se non che l'arte degli eccellenti marini maggiormente accendeva le
voglie e l'emulazione degli imbaldanziti nemici, i quali, trovandosi più
vicini, di presente pigliavano la caccia contro i fuggenti, con impeto
così grande, e con tanta furia di cannonate, che venuti da presso alla
galèa dell'Andrada, già colle nude scimitarre alla mano stavano per
investirla ed arrembarla, quando nel medesimo punto il Capitano romano
porgeva inaspettato soccorso al Cavaliero spagnuolo.

La capitana di Roma, bellissima di forme e ricchissima di ornati, andava
all'orza a raso sotto vela meglio di ogni altra galèa[626]. Condotta da
intrepido capitano, e difesa da egregi soldati coi prodi gentiluomini
della casa Orsina, sarebbe stata delle prime a salvamento in Sicilia, se
all'improvviso non se le fosse rotta in tronco l'antenna maestra alla
trinche dell'osta[627]. Caduta a precipizio la penna, squarciata la
vela, rotti quasi tutti i remi di sottovento, e impigliatosi lo
strascico nel timone, restò immobile di mezzo al pelago. Non si avvilì
per questo Flaminio, non mainò la bandiera, non dette la spada, non si
fece conoscere personaggio di alto affare e di gran riscatto, non si
arrese. Pensò ai compagni. E dappoichè non poteva più sperare di mettere
in salvo il suo legno, la sua gente e sè stesso, prese il nobile partito
di coprire le reliquie dell'armata cristiana, e di proteggere a suo
potere la ritirata degli altri. Aprì il fuoco contro i Turchi: e questi
da lui provocati, e mossi pur dalla cupidigia di saccheggiare la bella
capitana che dava di sè ricchissima mostra, lasciarono l'Andrada, e
l'impeto loro rivolsero tutti contro Flaminio solo[628]. Terribile
momento di lotta suprema, di fuoco, di ferro e di sangue: momento degno
di memoria, ed unico fatto onorevole della giornata. L'Orsino ed i
Romani combattono infino all'estremo, restandovi quasi tutti tagliati a
pezzi[629]. Possiamo pensare da ogni parte cresciuti i nemici, oppressi
i difensori, ferito, morto, calpestato l'Orsino: e finalmente dai grembi
della scomposta vela, tra le scimitarre dei Turchi alla loro usanza,
uscir fuori menata pe' capelli la bella e nobil testa di Flaminio, cui
pur nell'ultimo palpito battendo le ciglia fia dato minacciare i
nemici[630].

L'egregio fatto del prode capitano di grande famiglia, e di più grande
città, mi sono studiato tanto meglio rilevare da quel che brevemente ne
dicono le storie comuni, quanto manco se n'è tenuto conto nelle memorie
domestiche. Il glorioso nome del moderno Curzio, pronto a dar la vita
pel pubblico bene, e a suggellare col senno e col valore, vivendo e
morendo, le glorie di Roma; il nome, ripeto, non si trova scritto nel
catalogo de' suoi, manca ai genealogisti della famiglia, disparve nel
pelago insieme colle ossa tra i gorghi africani, senza cippo, senza
lapida, senza ricordo[631]. Squilli adunque più alta la tromba della
storia, perchè non si abbia a dire anche di lui, come di tanti altri si
è detto, che alla fortuna chi ben fa dispiace.

Intanto vada pur lieto il venturoso cavaliero Gil d'Andrada: egli è
salvo. E la memoria dell'Orsino romano, suo protettore alle Gerbe, lo
renderà amico del romano Colonnese negli intricati successi di Lepanto.
Piglino i pirati la capitana di Flaminio, e la serbino dieci anni; chè
penserà a tempo Ruggero degli Oddi a riscattarla da prode per forza
d'armi nella grande battaglia. Ma senza scorrere da lungi ricercando
altre conseguenze che fruttino onore all'estinto campione, basterà
guardarci qui intorno nella stessa mattina e pochi minuti dopo la sua
morte per abbatterci nel pietoso tratto di quel suo Paggio, donde
possiam raccogliere quanto ricco tesoro di onore e di magnanimità aveva
saputo Flaminio colle parole e coll'esempio anche nei pargoli della sua
casa trasfondere.

Piangeva dirotto il giovanetto afflitto di vedersi schiavo: e sbigottito
dalla morte crudele del suo Signore, guardava fisso dai bandini sul
mare, dove ne era stata gittata la salma, quando fu scosso dalla nota
voce di un malvagio di catena, che a lui rivolto dicevagli esser pur
giunto il tempo tanto desiderato di averlo in potere e di farne strazio.
Ciò non fia mai, gridò il Paggio, ch'abbia io a cadere nelle mani di sì
vile uomo. Il mio Signore mi ha difeso e mi difende, vivo o morto,
all'ombra della sua grandezza sarò sicuro. Il fanciullo girò lo sguardo,
e non vide dinanzi altro che schiavi o nemici. Non seppe, non pensò
nella sua semplicità se non al Signore nel mare. Gittossi capovolto tra
i gorghi, e non fu riveduto mai più[632].

[Maggio-luglio 1560.]

Io non dissimulo, pur dinanzi a voi che leggete, la compassione ed il
pianto: però datemi tregua, e vi basti nel resto il compendio delle
nostre sciagure[633]. Giannandrea di notte sopra piccola barca dal forte
fuggì in Sicilia, dando al vecchio Zio l'estrema consolazione di saperlo
salvo, e di morire in pace, come dobbiamo ricordare, addì venticinque di
novembre, nella sua età di anni novantaquattro[634]. Il Medina
similmente di nascosto con un navicello riparossi in Sicilia, procurando
celare alla vista del popolo la sua vergogna, e l'immenso cordoglio onde
era straziato per le pubbliche e private disgrazie, e per la perdita di
un figlio giovanetto, teneramente amato, che gli fu poscia dai Turchi
fatto morire[635]. Don Alvaro de Sande si difese per due mesi nella
nuova fortezza, quantunque sfiduciato di soccorso: mancatigli tutti gli
elementi della vita, vuote di acqua le cisterne alla sete ardente,
l'aria corrotta intorno dai cadaveri insepolti, il fuoco spento sul
focolare per difetto di combustibile, e la terra soperchiata dalla rena,
fuggì, fu preso, e andò schiavo coi compagni per la via di
Costantinopoli, dopo aver veduto all'ultimo di luglio dello stesso anno
cadere il forte, e sul loro giaciglio gli infermi e i feriti per mano
dei Turchi messi al filo della spada[636]. Dura tuttavia, orrendo
spettacolo, su quella riva la funerea piramide, murata coi teschi dei
nostri soldati e marinari[637]. Il vento aquilonare percuote ancora dopo
tre secoli le aride ossa degl'infelici, e fischia tra le vuote occhiaje,
a testimonianza perenne della moslemica barbarie nel cospetto dei
navigatori di ogni nazione, che quivi ricordano la perdita di
diciottomila uomini, di ventisette galere, di trenta bastimenti da
carico, e di quattordici vascelli di alto bordo.

Della squadra romana nulla più tornò indietro, essendosi perdute al
primo scontro le sensili, e poscia in battaglia la Capitana. Galeazzo
Farnese menato a Costantinopoli e poi riscosso, prese servigio coi
Veneziani, governò e difese Zara in Dalmazia. Del capitan Filippo e
degli altri non più memoria. Ucciso dai nemici il Generale, dispersi gli
ufficiali, imprigionate le genti di capo, perdute le ciurme, rotto il
magistero e la tradizione, termino doloroso questo periodo della mia
storia, lasciando le patrie sponde alla mercè dei pirati, tra i gemiti e
le lacrime che le vedovate spose, gli orfani figli e i vecchi derelitti
traggono dolorando sulla perdita dei loro congiunti.

Niuno dall'altra parte potrebbe adesso esprimere a parole la baldanza
dei pirati e l'orgoglio degli ottomani, divenuti padroni, e riputati
ormai invincibili per mare. In questi giorni Solimano e Selim, Luccialì
e Dragut aprono il petto a più larghe speranze, disegnano novelle
conquiste, e deliberano cominciare da Malta e da Cipro. A noi non resta
che preparare gli animi e forbire le armi per le future riscosse,
rimettere in sesto le fortificazioni littorane, e difenderci almeno in
casa nostra dagli insulti dei barbari. Tempo verrà che la giornata delle
Gerbe, vinta dalle orde turchesche e piratiche, e principalissimo
fondamento della loro superbia, sarà scritta nei fasti della marina come
ultimo termine dei loro trionfi.

NOTE:

[626] CIRNI, 128: «_Massime la Capitana di Flaminio dell'Anguillara
scampava senza fallo, perchè quella galera andava alla vela quasi più di
nessun'altra._»

[627] BOSIO, 432, B: «_Si ruppe l'antenna alla capitana del Papa._»

CIRNI, 128: «_Alla capitana di Flaminio si ruppe l'antenna per bel
mezzo, che parse tagliata con una accetta, la quale cascando gli ruppe
tutti i remi._»

[628] BOSIO, 432, B: «_I Turchi, mentre attesero a pigliare e
saccheggiare quella bella Capitana del Papa, lasciarono andare a suo
cammino la galera del capitan fra Gil d'Andrada._»

[629] MAMBRINO ROSEO cit., p. 16, lin. 6: «_Volendo troppo tirare le
antenne se gli ruppero in quella fuga, onde sopraggiunte, furono le
genti in gran parte tagliate a pezzi._»

F. D. GUERRAZZI, _Vita di Andrea Doria_, in-16. Milano, 1864, II, 354:
«_Sulla capitana del Papa governata da Flaminio dell'Anguillara,
capitano eccellente e di molto giudizio nelle faccende navali, mentre la
ciurma invasa dal fernetico tira con supremo sforzo il sartiame, rompe
l'albero e l'antenna.... Sopraggiunta dai nemici, i quali saltativi su
colle coltella in mano, la più parte misero in pezzi, e fra i primi il
misero Flaminio.... pochi serbarono in vita._»

[630] MAMBRINO ROSEO, part. III, voi. II, p. 16: «_Flaminio
dell'Anguillara, capitano valoroso e di gran giudizio nelle guerre
navali.... se gli ruppe l'antenna, spezzò i remi.... i nemici ferironlo
di due colpi mortali in testa e nel collo.... senza conoscerlo, fu
calpestato e morto._»

BOSIO, 432, B: «_Rimanendovi il capitan Flaminio preso et ucciso._»

THUANUS cit., II, 64: «_Flaminius Anguillarius, pontificiarum triremium
præfectus, rupta antenna, sclopeti ictu inter pugnandum accepto, mortuus
est._»

CAMPANA cit., 102, A, fin.: «_Danno gravissimo di uomini principali
uccisi.... e tra quelli Flaminio dell'Anguillara, generale delle galere
del Papa._»

ADRIANI, 645, A: «_La medesima fortuna fu di Flaminio da Stabbia
Orsino.... che caduta l'antenna fu soprappreso e morto._»

COSTO, _Stor. di Nap._, 391: «_Vi morì di una archibugiata Flaminio
dell'Anguillara, capitano famoso, mandato a questa impresa dai Cardinali
dopo la morte di Paolo quarto._»

CIRNI, fin.: «_Morto di ferro Flaminio dell'Anguillara._»

[631] LITTA, SANSOVINO, e gli altri non ne parlano, come è detto sopra
alla nota 7.

[632] MAMBRINO ROSEO cit., _Storie del Mondo_, vol. II della terza
parte, in-4. Venezia, Giunti, 1598, p. 16: «_Si racconta un atto da
esser notato di un Paggio dell'Anguillara che minacciato da un forzato
che l'odiava.... lanciandosi in mare, vi restò in un istante affogato._»

F. D. GUERRAZZI, _Vita di Andrea Doria_, II, 354.

[633] _AVVISI di Roma_. Codice Urbinate 1039, fol. 160, e di seguito. —
La prima notizia del disastro giunse in Roma lunedì, venti di maggio; ed
alli venticinque del mese già il semipubblico Giornale ne dava
ragguaglio agli associati con molta precisione rispetto ai fatti dei
primi fuggiti; e con sufficienti congetture rispetto agli altri lasciati
addietro.

[634] CAPPELLONI cit., 185. — SIGONIO cit., 335.

[635] AUGERII GISLENII BUSBEQUII, _Legationis turcicæ epistolae
quatuor_, in-18. Parigi, 1595, p. 120: «_Sublato e vivorum numero
Gastone, an peste, ut quidam credunt, an quod verisimilius est, ipsius
Phialii opera, qui eum occultaverat, ut proprie saluti consuleret._»

[636] CIRNI, 157: «_Così all'ultimo di luglio 1560 i soldati che erano
restati nel forte restarono tutti prigioni. Gli ammalati e i feriti
furono tagliati a pezzi._»

M. AMARI, Lettere cit., p. 144, lin. 6, leggi 1560.

[637] W. H. SMITH, _The Mediterranean, a memoir physical, historical,
and nautical_, in-8. Londra, 1854, p. 187: «_Passing Jerbah.... the
Burj-er-Rus, a pyramid of human skulls, just outside the castle of
Jerbah.... dreadfull disaster, which befell under Lacerda and Doria._»


FINE.



INDICE ALFABETICO

DELLE PERSONE, DEI LUOGHI E DELLE COSE.

NB. Il numero romano indica il volume, e l'arabico indica la pagina,
così per il testo, come per le note.


  Abbaco (dall') Antonio, arch. a Piacenza, I, 278. — Lavora di
    modelli in legname, I, 203.

  Abbordo dice accòsto, non urto, II, 332.

  Abbozzare, _v._ Gomena.

  Abdallà, di Tunisi, I, 149, 152, segg.

  Abete di rispetto, II, 378.

  Acciarino, _v._ Archibuso.

  Achmet, ing. a Rodi, I, 216.

  Accoglienza, _v._ Saluto.

  Acquata, I, 189; II, 187, 372. — Casse di ferro, trombe, e
    cisterne, II, 188.

  Acquieri, fam. ancon., cap. Melchiorre, I, 59, 66.

  Adorni, fam. gen., uniti coi Francesi e cacciati dai Fregosi e
    dai Rovereschi, I, 83, 91, 94. — Uniti coi Medicei cacciano
    Francesi e Fregosi, I, 173. — Adorni e Fregosi cacciati dal
    Doria e dagli Austriaci, I, 280, 290.
      Giorgio ricordato, II, 149, 173.

  Addiaccio e Addiacciare (non _Bivacco_ o _Bivaccare_),
    II, 100, 387.

  Adriano VI, elezione, I, 177. — Fisonomia, I, 195. — Navigazione,
    I, 179, 197. — Tutto di casa d'Austria, I, 185. — Stenta per
    Rodi, I, 198. — Accoglie i Cavalieri, I, 238. — Muore, I, 240.

  Adriatico e sua libertà, I, 80.

  Adunanza, _v._ Raunanza.

  Affusto marino a scalone, riprodotto dal Moncrieff, I, 442; II,
    159. — Valuta, II, 167.

  Africa (terza parte del Mondo), _v._ Barberia.

  Africa (città speciale), _v._ Afrodisio.

  Afrodisio, postura e fortificazione, II, 195. — Assedio, II,
    197. — Primo assalto, II, 201. — La Sambuca, II, 227. — Ultimo
    assalto, II, 239. — Conquista, II, 243. — Abbandono, II, 244.

  Agghiaccio, Ghiaccio, Agghiacciare, e deriv. Gelo e Gelare, II, 173.

  Agghiado e Agghiadare, uccidere di gladio, II, 412.

  Aggiaccio e Giaccio, la barra del timone, I, 365.

  Aggiacchio e Giacchio, sorta di rete, (Med. evo, I, 205).

  Agli (degli), fam. ancon., cap. Giovacchino, II, 22.

  Agostino da Terni, cap., II, 23.

  Agugliotti del Timone. I, 365.

  Aguzzino, guardiano di ciurma, soldo e razione, I, 112.

  Aichio, _v._ Camalì.

  Aidino, _v._ Cacciadiavoli.

  Alabarde, I, 366.

  Alamanni, fam. fior., cap. Niccolò, II, 253. — Congedato, II,
    257. — Rimesso, II, 265. — Col card. Caraffa in Francia, II,
    276. — Nella guerra di Campagna, II, 279.

  Alba (il duca di), fisonomia, II, 284. — Volontario in Africa,
    I, 424. — Vicario in Italia per la guerra, II, 285, segg. — Alla
    pace di Cave, II, 314.

  Albàgio, drappo da tende, di colore tanè, II, 159, 341.

  Alberatura ed alberi di galèa, I, 365, 366. — Valuta, II, 155. — Di
    galeone, I, 168. — Di nave, I, 308. — Di brigantino, I,
    368. — Grossi imbottati, I, 308.

  Alberetto genealogico dei Doria, I, 273.

  Alberghetti, fonditori di artiglieria, I, 75.

  Albero, _v._ Alberatura.

  Alessandro VI, pel giubileo, I, 7. — Trattati contro Turchi, I,
    8. — Viaggio all'Elba, I, 21. — Costruzione di galere e compra
    di artiglieria, I, 10, 11. — Spedizione a Santamaura, I,
    31. — Muore, I, 54.

  Algeri, raccoglie i pirati, I, 382. — Sottoposta ai Turchi, I,
    377. — Spedizione e attacco, II, 98. — Tempesta e rovine, II,
    102. — Fermezza dei Romani, II, 107.

  Aly-Zelif, sua difesa, I, 440.

  Almadia, _v._ Afrodisio.

  Almerighi, fam. bol., cap. Almerigo, II, 22.

  Amante, la drizza dell'antenna, I, 367. — Peso e prezzo, II, 161.

  Amari prof. Michele per gli storici arabi, II, 390. — Pei docum.,
    I, 153; II, 401.

  Amelia, _v._ Cansacchi.

  Amici e nemici nei capitoli, I, 116.

  Ammarinare e Marinare, I, 374.

  Amministrazione, secondo i capitoli, I, 95, 242. — Soldo e razione,
    I, 112. — Vitto e spesa, I, 299. — Vestito di ciurma, I,
    300. — Valuta delle ciurme, I, 163, 260; II, 156. — Valuta di
    una galèa, II, 155, 164, 168. — Valuta dell'artiglieria, II, 167.
      Per le altre attenenze, _v._ Commissario, Noli, Prede,
        e simili.

  Ammiraglio, titolo non usato nel cinquecento, I, 43, 58. — Dato
    abusivamente al Vettori, I, 127. — E al Doria, I, 290; II,
    329. — In Venezia, valeva primo Nostromo, I, 43. — Il supremo
    comandante dicevasi Capitan generale, _v._

  Ammorzamento di terra, sughero, piombo contro l'artiglieria, I,
    231, 308.

  Ammutinamento di Turchi in Rodi, I, 222. — Di Spagnuoli a
    Patrasso, I, 327. — E in Aversa, I, 339, 344. — E in Milano,
    II, 81.

  Amoroso Pietro, arch. in Ancona, I, 50, 205, 214.

  Ampollette per la guardia, II, 163. — Misura di tempo, I,
    367. — Scusavano i cronometri, I, 187.

  Anchini, i cavi della trozza, peso e prezzo, II, 157, 161.

  Ancona e Anconitani: due galèe per Santamaura, I, 31. — Sei
    costruite, I, 66. — Tre per la guardia, I, 134. — Otto per la
    lega, II, 18, 20. — Trentasei alla mostra, II, 22. — I
    Cartografi anconitani, I, 35. — Le fortificazioni, I, 50, 205,
    214. — Maneggio di Cosimo contro Ancona, II, 313.
      _v._ Acquieri, Agli, Amoroso, Benincasa, Bonaldi,
        Bonarelli, Fanelli, Marchesini, Uffreducci.

  Ancora a quattro marre, ronzoni, I, 365. — Prezzo e peso, II,
    156. — Abbozzarsi per combattimento, II, 234, 402. — Per tempesta,
    II, 103. — Sferrare all'àncora, II, 104, 377.

  Andrada (cav. Gil di), cap. de' Maltesi, II, 356. — Salvato
    dall'Orsino, II, 411, 413.

  Andreotti, fam. civit., cap. Francesco, II, 180, 243, 258. — Cap.
    Aless. a Malta (BOSIO, III, 661, lin. 58). — A Lepanto,
    _v._

  Andrivello, II, 232.

  Andronico, _v._ Arduini.

  Anguillara (il conte dell'), _v._ Orsini.

  Anselmi, fam. civit., II, 258.

  Antenna e fornimento, I, 365. — Valuta, II, 155. — Scusa i ponti
    di assalto, I, 315, 318. — Scusa bolina, II, 411. — All'orza coi
    grandi bastardi fragile, II, 410, 412.

  Antichi, e loro magisterio nautico, I, 87, 187, 441.

  Antirio, I, 325, 329.

  Antivari (da) Luca, II, 23.

  Antonio da Gubbio, cap., II, 249.

  Anzio abbandonato, II, 288.

  Appiani, signori di Piombino, cacciati dal Borgia, I, 17,
    19. — Rendono il figlio del Giudèo, II, 123.
      Il principe Alfonso e il suo docum., II, 164.

  Arabi, beduini e Berberi, nostri nemici, I, 424; II, 99,
    105. — Talvolta alleati, I, 429; II, 198, 231, 401. — Cavaliero
    celebre, II, 209.

  Archibugeri turchi quindicimila in Rodi, I, 222. — Uccellano agli
    occhi, I, 229. — E alla vita, II, 366. — Nella milizia europea
    misti coi picchieri, I, 297; II, 101. — Sciolti
    a maniche, alla maniera dei bersaglieri, I, 328; II, 215, 386.

  Archibugio, detto _Chirioboarda_ I, 229. — Lungo di marina,
    I, 366. — Corto o tromboncino, I, 12. — Archibugetti di
    cavalleria, II, 171. — A miccio nella pioggia, II, 101. — A
    ruota, II, 170. — Sulle galere numero e valuta, II, 159.

  Architetti e ingegneri militari: le tre scuole italiane e
    primitive, I, 205. — Mio parere, I, 138.
      A Piombino: Leonardo, e il Sangallo vecchio.
      Nello Stato: Giuliano, Bramante, Michelangelo, Castriotto.
      A Rodi: Basilio, Gioeni, Bartolucci, Martinengo, e gli
        ajutanti.
      Ad Afrodisio: Ferramolino, Arduini, Prato, e il Buono ricordato.
      Alle Gerbe: Antonio Conti.
      Negli eserciti di tutte le nazioni, II, 199.

  Archivio secreto Vaticano, I, 10, 58, 95, 242, ec.
      Dei Notaj, I, 363, 395; II, 6, 139, 150, ec.
      Camerale di Roma, I, 371.
      Dei Colonna, I, 36, 110; II, 291.
      Di Stato a Fir., I, 147; II, 164.
      Notarili a Gen., I, 153; II, 356.
      Di Simancas, II, 134.
      Di Viterbo, I, 22.
      Di Perugia, com., II, 181.
      Dei Doria, II, 27, 343, 368.
      Dei Ricci, II, 19 e segg.
      Degli Orsini, disor., II, 7, 140.
      Dei Vettori, perduto, I, 127.
      Di Ancona, I, 35, 66, 69.
      Grande di Napoli, II, 360.
      De' Frari a Venezia, I, 203.
      Capitolare di Rieti, II, 113.
      Di Stato a Lucca, II, 249.
      Di Stato a Siena, II, 121, 122.
      Di Civitavecchia, I, 362, 392, 397; II, 180, 256.

  Arda, desinenza sonante e focosa delle prime armi da fuoco, I, 229.

  Arduini Andronico, ing. in Africa, II, 222. — Mutazione di
    batterie, II, 225. — La Sambuca, II, 234.

  Arganello, II, 158.

  Argano, II, 232.

  Argenti Filippo, arch., I, 140.

  Ariadeno, _v._ Barbarossa.

  Armamento, materiale e personale diverso, secondo le nazioni,
    II, 46.
      Delle galere, I, 112, 258, 297; II, 40.
      Delle navi, I, 307; II, 41.

  Armi speciali di marina, Spuntoni, I, 297. — Archibusi lunghi, I,
    366. — Tromboncini, I, 12. — Pugnaletti, I, 219; II,
    257. — Piccozze, II, 160.

  Arma di famiglia, _v._ Stemma.

  Armata navale, e cifre sempre varianti, II, 21, 38, 40.
      Alla guardia pel giubileo, I, 7; II, 176. — Soccorso a Rodi,
        I, 169.
      Guerre intestine: a Piombino, I, 19. — A Genova, I, 83, 91,
        173, 280. — Toscana e Napoli, I, 279, 284. — Guerra di
        Campagna, II, 279 e segg.
      Contro Turchi: a Santamau., I, 31.
      A Biserta, I, 46.
      A Corone e Patras. I, 306.
      A Tunisi, I, 399.
      Nella Puglia, I, 435.
      Alla Prèvesa, II, 20, 81.
      Contro Dragut, II, 87.
      Ad Algeri, II, 98.
      Ad Afrodisio, II, 179.
      A Tripoli e alle Gerbe, II, 355.
      Distruzione, II, 416.

  Arta, il golfo, _v._ Prèvesa.

  Artiglieria al principio del cinquecento, I, 11. — Bizzarria di
    nomi, I, 89. — Calibri enormi, I, 230. — Ordinamento per multipli,
    in tre generi, I, 90. — La valuta, II, 167. — Sulle navi, I, 89,
    169, 308; II, 70. — Sulle gabbie, I, 169, 308, 317. — Sulle galere
    in prua e sui fianchi, I, 166, 368, 441. — Sui galeoni, I,
    169. — Sulle caracche, I, 84, 92, 308. — Sui palischermi, I, 86,
    420. — Sessanta cariche a pezzo, II, 167, 35.
      Metodo per isbarcarla, I, 328. — Di Campagna, I, 425; II, 100,
        216, 389.
      Carri al triplo de' pezzi, I, 12.
      Fucine da campo, II, 206.
      Colpi per giorno, II, 230.
      Rimbalzi, II, 214.
      Ammorzamento, I, 231, 308.
      In mano ai Turchi, I, 215.
      A retrocarica ed a più colpi, I, 90.
      _v._ Nomi particolari, Basilisco, Colubrina, Mortajo, ec.

  Artiglieri tutti i primi architetti, I, 201.

  Artimone, vela di galèa, I, 366.

  Ascanio da Civit., _v._ Fiori.

  Ascia, _v._ Mastro d'ascia, e Dascino.

  Assalto, v. Santamaura, I, 42. — A Corone, I, 318. — A Patrasso, I,
    324. — Ai Castelli di Lepanto, I, 329. — Alla Goletta, I, 421. — A
    Castelnovo, II, 79. — A Monastero, II, 186. — Due in Afrodisio,
    II, 201, 239.
      Dei Turchi a Rodi, I, 224, 233.
      Degli Spagnuoli ad Ostia, II, 303, 305.

  Assan-agà in Tunisi, I, 418. — Difende Algeri, II, 99.

  Assan-rais in Afrodisio, II, 197. — Ucciso, II, 241.

  Assedio portato al suo termine, _v._ Assalto.
      Sostenuto, _v._ Difesa.

  Assembramento di armate, _v._ Tattica.

  Astronomia nautica, strumenti e metodi degli antichi, I, 187.

  Astura e suo mastio pentagono, I, 196.

  Atlante nautico, _v._ Portolano.

  Attacco, _v._ Assalto, Difesa, Battaglia.

  Aubusson (di) Pietro, card. Legato, I, 8, 37, 51.

  Aurelio, da Sutri, cap. Flacchi, II, 96.

  Avvisi necessari sul conto dei nemici, I, 311, 323, 340; II, 373.

  Avvisi di Roma, gazzette ms., I, 304.

  Azzagaglia, lancia lunga e leggiera degli Arabi, I, 418; II, 389.

  Ayala (di) Martino, console dei marinari in Roma, II, 318.


  Bacchetta rovente delle artiglierie, II, 168.

  Baglioni, fam. perug., Giampaolo col Borgia, I, 19. — Cacciata
    di Perugia, I, 61. — Co' Medici, I, 136.
      Orazio piglia il comando delle bande nere, I, 284.
      Sforza in Germania contro i Turchi, I, 295.
      Adriano nella guerra di Campagna, II, 282.
      Astorre in Africa, II, 180. — Piglia Monastero, II,
        189. — Salva Giordano Orsini, II, 210. — Tra i vincitori,
        II, 239, 242.

  Bagno (di) conte Francesco in Algeri, II, 96.

  Bajazet, assalito dalla lega, I, 7, 31. — Pace coi Veneziani, I, 54.

  Baleniera, ripetuta, I, 8.

  Balestriera della galèa, I, 364.

  Balestrina nautica, I, 187.

  Baliani Giov. Batta e il suo sistema di remeggio, I, 364.

  Baluardo, nome ed origine, I, 211. — Primo elemento la torre
    pentagona, II, 196. — I primi modelli, I, 205, 137. — Descritti
    a Rodi, I, 214.

  Banco di remeggio, I, 364.

  Bandiere e fiamme, II, 156, 163. — Di gran giornata col Crocifisso,
    I, 405; II, 238. — Le quattro maggiori a Cagliari, I, 413. — Gala
    di bandiere, I, 309; II, 238.
      Di tutti i principi in Barberia, I, 72.
      Dei Musulmani nelle nostre chiese si perdono, I, 241, 260, 375.

  Bandoliere di marina, II, 159.

  Barba e barbette di manovra, I, 367. — Valuta e peso, II, 161, 167.

  Barbareschi, e Barberia, sotto le dinastie bèrbere, I,
    149. — Sommissione ai Turchi per mezzo dei pirati, I, 149,
    377. — _v._ Afrodisio, Algeri, Biserta, la Goletta, Tripoli,
    Tunisi, ec.

  Barbarossa (Keir-ed-Din), pirata e re d'Algeri, nominato, I,
    5. — Notizie, I, 380. — Vinto dai nostri, I, 277. — Ammiraglio
    ottomano, I, 388. — In Algeri, I, 382. — In Tunisi, I,
    386. — Diserta l'Italia, I, 384. — Strage de' diecimila, I,
    426. — Perde Tunisi, I, 428. — Si fortifica nella Puglia, I,
    434. — Cacciato, I, 439. — Scosso dalla Canèa, II,
    34. — Traccheggia all'Arta, II, 47. — Bella ordinanza, II,
    49. — Insolentisce alla Prèvesa, II, 59. — Ripiglia Castelnovo
    agli Spagnuoli, II, 85. — Perde Cattaro coi Veneziani, II,
    86. — Unito ai Francesi, II, 117. — Contrappelo in Italia, II,
    123. — All'Elba e a Talamone, II, 123, 124. — Nel Regno, II,
    126. — Muore, II, 177.

  Barberotto, fante di Barbiere, II, 202, 185. — Soldo e razione,
    I, 112.

  Barbetta, _v._ Barba.

  Barbiere, il cerusico, II, 185, 202. — Soldo e razione, I, 112.

  Barbotta, barca imbarbottata o blindata, I, 318.

  Barca, il maggior palischermo della nave, armata con pezzi da
    trenta, I, 86, 420. — Blindata per assalto, I, 318. — Da ponti,
    II, 294.
      Di fuoco per incendio, II, 296.

  Barcellona, e papa Adriano, I, 183.

  Bargio sovrano, I, 352.

  Barilaro, soldo e razione, I, 112.

  Barilarotto, fante del barilaro, II, 185.

  Barili d'acqua imbarcati, e numero, I, 365. — Valuta, II, 156.

  Baronia armata, cadente nel cinquecento, I, 60. — Ultimo tracollo,
    II, 320.

  Bartolommeo da Gallipoli, padrone, II, 10.

  Bartolommeo da Talamone, _v._ Peretti.

  Bartolucci Girolamo, ing. a Rodi, I, 199, 217.

  Basilio della Scola, _v._ Scola.

  Basilisco, cannon doppio da cento, I, 89, 230.

  Bastardo, la vela maggiore di galera, I, 366. — Misure di
    cinquemila palmi, maggiore della borda, II, 160. — All'orza
    fiacca l'antenna, II, 408, 410.

  Bastimento, naviglio d'ogni genere e di ogni specie, I, 217.

  Bastione prop. di terra, I, 212. — I quattro alle Gerbe, II, 393.

  Battaglia navale: all'àncora presso Genova, I, 86. — Sotto vela a
    Portovenere, I, 93. — Di fronte a Codimonte, I, 282. — Di trapasso
    a Corone, I, 342. — Di scontrazzo alla Prèvesa, II, 49. — In
    caccia alle Gerbe, II, 406.
      Sul fiume alla Polesella, I, 75.
      Campale alle buche di Corone, I, 321. — Alle colline di Tunisi,
        I, 425. — All'oliveto di Afrodisio, II, 213. — Alle cisterne
        delle Gerbe, II, 388.
      Pei fatti minori, _v._ Combattimento.

  Battagliola, colonnino navale, I, 364.

  Battaglioletta, _dim._

  Batteria sulla prua delle galere, I, 368. — E sui fianchi, I, 368,
    441. — Sui fianchi delle navi, I, 88, 307; II, 41. — E sulle
    gabbie, I, 308, 317. — Batterie dei galeoni, I, 169.
      Batteria di breccia dal mare, e metodi di ricordo, I, 314,
        419; II, 79. — Colla Sambuca, II, 235.
      Batteria dal mare per difesa dei passi, I, 48, 321. — E per
        difesa di sbarco e di imbarco, II, 33, 214.
      Batteria coperta sui fiumi, I, 75.
      Batteria di assedio sul campo, I, 313, 418; II, 200, 225.
      Piccole da campagna, I, 425; II, 100, 216, 389.

  Beduini, _v._ Arabi.

  Bella (della) Andrea, 23.

  Belmonte cap. Melchiorre, II, 280, 324.

  Benedetti cap. Gianfrancesco, II, 22.

  Benedizione di bandiere e navigli, I, 401.

  Benincasa, fam. ancon., cap. Cintio, I, 31, 35. — I Cartografi,
    I, 35.

  Bentivoglio, fam. bolog., cacciati, I, 61.

  Berardi conte Francescantonio, e il card. Caraffa, II, 302.

  Bergamo, _v._ Ferramolino e Martinengo.

  Berretti della ciurma, I, 300; II, 163.

  Bersaglieri in branchetti, I, 328; II, 215, 386.

  Biancardi, fam. civit., col. Trajano, II, 180, 243, 258.

  Bianchi, fam. civit, Bernardino, II, 23.
      Ricordati, II, 258.

  Biassa (da), fam. genov., Baldassarre, I, 57, 108. — (Maritato
    alla marchesa Francesca Malaspina, FALCONI, _Iscrizioni
    della Spezia_, p. 30). — Cap. della squadra, I, 57. — Perde
    una galèa, I, 72. — All'attacco di Genova, I, 91, 93, 94. — Ritiro,
    I, 119.
      Giovanni, I, 58, 120. — Suoi capitoli per la guardia permanente,
        I, 95. — Continua col Vettori, I, 133, 134.
      Antonio, I, 58, 120, 147.

  Bibbiena, _v._ Divizi.

  Bigotta, II, 158.

  Biserta assalita, I, 150.

  Bitta, colonna di ormeggio, I, 368; II, 104, 234.

  _Bivacco_, _v._ Addiaccio.

  Blocco di Genova, I, 83, 91, 94, 280. — Di Afrodisio, II,
    198. — Di Dragut alla Cantera, II, 341.

  Boarda e chirioboarda, I, 229.

  Boato introdotto nei primi nomi delle artiglierie da fuoco, I, 229.

  Boccanera cap. Cesare, da Fermo, II, 23.

  Boccapaduli, fam. rom., Prospero com., II, 282.

  Boga (Lat. _Bojæ, arum_.), II, 232.

  Bologna, tolta ai Bentivogli, I, 61, _v._ Almerighi, Fani,
    Malvezzi, Sampieri, Tomacelli, Zane.

  Bomba carica, e mortaj a Rodi, I, 232. {424}

  Bombarde da fuoco, ultima comparsa, calibri enormi, I, 10, 12, 230.

  Bombardelle di marina, I, 11.

  Bombardieri, tutti i primi architetti, I, 201.

  Bompresso, I, 168.

  Bonaldi, fam. ancon., cap. Bastiano, II, 22.

  Bonaldi, fam. venez., cap. Giov. Ant. a Rodi, I, 219.

  Bonarelli, fam. ancon., cap. Gabriele, I, 59, 66, 134.

  Bonarroti, _v._ Buonarroti.

  Bonavoglia, e notizie, I, 298, segg. — Rifiutano gli Statisti,
    I, 303.

  Bonifazi, fam. civit., II, 258.

  Bono, _v._ Buono.

  Bontalenti, _v._ Buontalenti.

  Borda, vela di galea, I, 365. — Misura e prezzo, II, 155, 160

  Borgia, fam, papale, _v._ Alessandro VI. Cesare, I,
    16. — All'Elba, I, 18. — Precipita, I, 54.

  Borgia, fam. velletr., card. Stefano, sue schede in Propaganda,
    ripetute dal Galletti alla Vaticana, I, 10, 66, 69, 95, 129,
    242, 362, 392; II, 109.

  Borromei, fam. papale, e loro galere, II, 289. — _v._ Pio IV.

  Botti a bordo, numero e valuta, I, 365; II, 156, 162.
      Botte per tonnellata, II, 359.

  Bovacciana, la Torre, caccia i pirati, II, 219. — Fortificata
    dal duca di Alba e riscossa dallo Strozzi, II, 312. — Centro
    dopo la rotta del Tevere, II, 318.

  Bozza di manovra, peso e valuta, II, 161. — Ricordo, II, 234.

  Bracotto di antenna, peso e valuta, II, 161.

  Bramante, arch. a Bologna, I, 61. — A Civitavecchia, I, 64,
    132. — Alla Mirandola, I, 82. — Ricordato, I, 63.

  Brancacci, fam. napol., Giulio Cesare, II, 227, 282.

  Branche di catene per ciurma, prezzo e numero, II, 160.

  Brigantino (Medio èvo, _v._) per la guardia, I, 8, 18, 97,
    224, 276; II, 23. — Equipaggio, I, 109. — Fornimento, I, 368.

  Bronzo per le pulegge e pel calcese, II, 157.

  Brusca di spalmo, II, 157.

  Buca di lupo, trabocchetto militare, I, 320.

  Bucintoro e sua etimologia confermata, I, 369. — Papale, I, 59, 63,
    64, 66, 92.

  Bucio per scafo con altri documenti, I, 369, 384.

  Buffetto del credenziere, II, 163.

  Buonarroti Michelangelo, arch., chiude la scuola mista, I,
    206. — Lavori in Civitavecchia, I, 408, 433.

  Buono e Bono Giuseppe arch., confuso dal Promis, II, 229.

  Buontalenti Bernardo, arch., II, 300, 312.

  Buriana, I, 184.

  Bussi, fam. viterb., Papirio ricordato, II, 294.

  Bussola degli antichi il Pinace (Medio èvo, _v._). — Ripetuta
    dal cap. Grubissich, senza saperlo, I, 188, 187. — Declinazione
    segnata nelle carte anconitane, I, 36. — Nei docum., I, 367;
    II, 163.

  Buttafuoco di artiglieria, II, 169.

  Buttafuori di manovra, e valuta, II, 160.


  Cabazolles, cap. ricordato, II, 279.

  Caccia e pezzi di caccia, I, 370. — I pirati pigliavano caccia
    contro vento, I, 166, 277.

  Cacciata dell'armata nemica dal campo d'operazione, I, 46, 311,
    324; II, 44.

  Cacciadiavoli, e il suo nome, I, 380. — Ricordato, I, 6. — Ammazza
    Portondo, I, 162. — Difende la Goletta, I, 418. — Crepa alla
    cisterna, I, 428.

  Cadaveri in mare, II, 126, 378, 412, 414.

  Cagliari, centro dell'armata per Tunisi, I, 400, 409, 413.

  Calabria e calabresi, disertati dai pirati, I, 384; II, 117,
    125. — Fuggono ai monti, II, 178.
      Il cap. Moretto calabrese, II, 295.
      Luccialì calabrese, II, 371.

  Calafatino, il fante del Calafato, II, 185, 233. — Soldo e razione,
    I, 112.

  Calafato, II, 185, 233. — Soldo e razione, I, 112.

  Calcese nei docum., II, 157.

  Calzette di ferro per la ciurma, II, 160.

  Camalì, pirata a Santamaura, I, 37. — Sopracchiamato Aichio, I,
    42. — Impiccato al posto, I, 378.

  Camerino (da) cap. Tommaso, Varano, II, 282.

  Camicie e Camiciuole di ciurma, misure e prezzi, I, 300; II, 162.

  Camilli Giorgetto, comito, II, 9.

  Camillo da Fabbriano (Gabrielli), II, 23. — Ucciso alla Prèvesa,
    II, 33.

  Campagna di Roma, e guerra combattutavi, II, 274, 285 e seg.

  Campagna, navigazione a mare aperto, e tempo che essa dura,
    _v._ Armata.

  Campagna (da), _v._ Artiglieria.

  Campeschi, fam. forlimp., conte Brunoro, II, 282, 283.

  Canali, fam. tern., cap. Cristoforo, II, 22.

  Canina Luigi, arch. corretto, II, 318.

  Cannone, pezzo della bombarda, cui succede, I, 10, 89. — Nomi
    bizzarri, i tre generi, e i multipli, I, 90. — Mezzi, quarti,
    e ottavi, I, 368. — Serpentini e colubrinati, I, 368. — A
    retrocarica e dodici colpi, I, 90. — Valuta dei cannoni, II,
    166. — Cariche sessanta a pezzo, II, 167. — Crepano, II, 189,
    239, _v._ Artiglieria.

  Cansacchi, fam. amerin., cap. Stefano, I, 399. — Cap. Tito, II, 96.

  Cantàro unità di peso in digrosso, sua valuta, II, 156, 161.

  Capitana di Roma, I, 358; II, 380, 411. — Di Francia, I, 351. — Di
    Spagna, I, 409; II, 97. — Del Fausto, I, 411. — Il fanale, I, 368.
      Capitana del Biassa perduta, I, 72. — Del Vettori perduta e
        riscossa, I, 162, 167. — Del Divizi, item, II, 58, 91. — Di
        Flaminio, item, II, 412, 414. — Considerazione generale,
        I, 73.
      Capitana di Roma, e suo primo posto, I, 39, 179, 309, 413; II,
        41, 97, 183, 355, 369.

  Capitano del mare, sua autorità, I, 42, 58, 127, 335.
      Cap. (non ammiraglio) il titolo del Doria, I, 290; II,
      329. — E del Vettori, I, 127.
      Casa militare dei nostri capitani, I, 335; II, 148.
      Invidiati ed offesi da Francesi, I, 337. — E da Spagnoli,
        II, 149.
      L'aggiunto di Generale al Salviati, I, 370.
      I nostri sempre al primo posto dopo la Reale, I, 39, 179,
        309, 413; II, 41, 97, 183, 355, 369.
      Capitoli della condotta, _v._ Documenti.
      Capitani di squadra: Lodovico del Mosca, Lorenzo e Girolamo
        Mutini, Baldassarre, Giovanni e Antonio da Biassa, Paolo
        Vettori, Andrea e Antonio Doria, Bernardo Salviati, Gentil
        Virginio Orsini, Marco Grimani, Paolo Giustiniani, Giacopo
        Ermolai, Bart. Peretti, Orazio Farnese e Francesco de' Nobili,
        Gianluigi e Girolamo Fieschi, Carlo Sforza, Filippo Orsini,
        Niccolò Alamanni, Giovanni Moretti, Pandolfo Strozzi,
        Flaminio Orsini.
      Capitani di navigli di linea: Cintio Benincasa, Lorenzo degli
        Egidi, Gabriele Bonarelli, Galeazzo Fanelli, Melchior
        Acquieri, Gianbattista Nibbia, Mario Pontani, Francesco
        Quintili, Marco Feletti, Francesco Bonaldi, Bellisario
        Ralli, Bastiano Bonaldi, Giovacchino degli Agli, Alessandro
        Sampieri, Gianbattista Divizi, Almerigo Almerighi, Giovanni
        Straticopulo, Gianfrancesco Benedetti, Bernardino Londano,
        Pietro Daltelli, Cristoforo Canali, Luigi Rosa, Antonio Fani,
        Melchiorre di Belmonte, Pietro Fouroux, Giulio Podiani,
        Marcantonio Zane, Giannantonio Gigli, Filippo Orsini,
        Galeazzo Farnese.
      Capitani di fanterie imbarcati: Renzo da Cere, Orazio Baglioni,
        Camillo Gabrielli, Alessandro Tomassoni, Cesare Giosia,
        Orlando da Salò, Cesare Boccanera, Giangiulio da Terni,
        Giambattista da Tolentino, Pierfrancesco Corboli, Silvio
        da Parma, Luigi Raimondi, Miniato Ricci, Girolamo Ludovisi,
        Giacopo da Nocera, N. Lucidi, Tito Cansacchi, Niccolò da
        Santogemini, Francesco di Bagno, Marcantonio della Porretta,
        Aurelio Flacchi, Arrigo Orsini, Astorre Baglioni,
        Giambattista del Monte, Antimo Savelli, Francesco Andreotti,
        Ascanio Fiori, Filippo Filippetti, Trajano Biancardi, Luca
        Signorelli, Ruggero e Grifone degli Oddi, Lodovico Monaldi,
        N. Ranieri, Camillo Perinelli, Livio Parisani.

  Capitolazione di Santamaura, I, 41. — Di Rodi, I, 236. — Di Corone,
    I, 321. — Di Antirio, I, 327. — Di Tunisi, {426} I, 429. — Di
    Ostia, II, 310. — Delle Gerbe, II, 401.

  Capitoli di condotta, _v._ Documenti.

  Capo di posta, peso e valuta, II, 161.

  Cappellani, soldo e razione, I, 142. — Sull'armata e agli Spedali,
    II, 203, 243, 378.

  Cappello Vinc., gen. ven., II, 24. — Chiede batt. alla Prèvesa,
    II, 51, 55.

  Cappelloni pei critici, I, 274.

  Cappotto di ciurma, misura, prezzo, I, 300; II, 162.

  Cappuccini all'armata, II, 203.

  Càrabo dei Pelasghi, I, 84.

  Caracca: etimologia, I, 84. — Cinque di papa Giulio, I, 92. — La
    corazzata di Malta, I, 308.

  Caraffa, fam. papale, _v._ Paolo IV.
      Giovanni, duca gen., II, 260, 275.
      Carlo, card. per la guerra, II, 275. — Assalito alla
        Nomentana, II, 302. — Pace di Cave, II, 314. — La tragedia,
        II, 321.

  Carati per la stima dei navigli, II, 165.

  Caravella, dim. di Caracca, I, 84.

  Carcatura dell'artiglieria, I, 368.

  Carica di artiglieria per sessanta tiri a pezzo, II, 167.

  Carica, cavo di manovra, e voce di comando, II, 411.

  Carichetta, cavetto di manovra, II, 161.

  Carlo d'Austria, re di Spagna, eletto imp., I, 167. — Contro
    Francesi, I, 264. — Contro il Papa e sacco di Roma, I,
    287. — Contro i Turchi, per Corone, I, 309. — Per Tunisi,
    409. — Per Algeri, II, 97. — Per Afrodisio, II, 179. — Equivoco
    coi Veneziani alla Prèvesa, II, 17, 68. — Parole e fatti, II,
    83. — Rinuncia, II, 275. — Muore, II, 345.

  Carrà Maometto, I, 5. — Ucciso a Rodi, I, 378.

  Carretto (del), gran maestro a Rodi, fortifica, I, 171.
      Marcantonio e suo breve, I, 360.
      Federigo col., I, 398. — Muore a Tunisi, I, 418.

  Carri di artig., al triplo dei pezzi, I, 12.

  Carro dell'antenna, I, 355; II, 155.

  Carses (de), cap. a Civ., II, 279. — A Nettuno, II, 295. — A Malta,
    II, 337.

  Carte marine, _v._ Portolano.

  Caruano e suo re, II, 191, 403.

  Cassa di artiglieria, _v._ Affusto e Carro.

  Castellammare occupato, I, 285.

  Castellani, fam. rom., cap. Lor., II, 294.

  Castello Santangelo, rifugio di papa Clemente, I, 288. — Il
    pentagono disegnato dal Sangallo, ed eseguito da altri, II, 284.
      Sannicolò in Rodi, I, 210.
      Santelmo, Santangelo, e Sammichele in Malta, II, 364.

  Castelnuovo in Dalmazia, preso, II, 78. — Perduto, II, 85.

  Castriotto, Giacopo Fusti, arch. ultimo della scuola Urbinate, I, 206.

  Castro, di Puglia, preso dai Turchi, I, 434. — Ricuperato, I, 439.

  Catena di landre, I, 364.
      Di ciurma, I, 365. — Prezzo, II, 160. — D'argento per lusso
        ai vogavanti, I, 352, 410.

  Caterinetta, galèa rom. venduta al Fiesco, II, 132, 134. — Ragione
    del nome, II, 351. — Scuote tutte le galèe del Doria, II, 138.

  Cattaro difeso da' Veneziani, II, 85.

  Cavalieri gerosolim., _v._ Rodi e Malta.

  Cavalli imbarcati sulle navi, II, 359. — Sulle tartane, II,
    360. — Sbarco e imbarco, I, 403. — Per la lettiga papale, I, 349.

  Cavaniglia, fam. napol., Trajano col., I, 328. — cap. Giovanni, 324.

  Cave, terra del Lazio, Trattato e conseguenze, II, 314.

  Cavetto di posta pel brigantino, I, 368.

  Cefalonia, e non mine, I, 14. — Cambiata con Santamaura, I, 54.

  Celata, e Morione, I, 110, 297. — Nei docum., I, 366. — Nei ricordi
    dei contemp., II, 391.

  Celle navali, ricordo, I, 196.

  Cercamare, uffic., I, 348.

  Cerda (della), _v._ Medinaceli.

  Cere (da) Renzo, _v._ Orsini Lorenzo.

  Cerigo, raunanza, I, 35.

  Cervantes, com. alla Goletta, II, 206.

  Cervia mansueta in Africa, II, 241.

  Cesare da Fermo, _v._ Boccanera e Giosia.

  Ceuli Pietro, com., II, 251, 353.

  Chiávari occupata, I, 83, 175.

  Chiavistello di Tunisi in Roma, I, 430. — E di Afrodisio, II, 246.

  Chiesuola per le bussole, II, 163.

  Chirioboarda per archibuso, I, 229.

  Chirurgo di marina, II, 202.

  Cialdi comm. Alessandro, ricordato, I, 27; II, 376.

  Cicala, fam. genov. e sicil. Tiene galere del proprio, II,
    289. — Cap. Visconte per Tripoli, II, 357.

  Ciefut, _v._ Giudèo.

  Cimmeriotti, gente bestiale, I, 438, 444.

  Cinquereme nel senso proprio, _v._ Poliera, I,
    410. — Abusivamente per Capitana, I, 409, 412.
      Cinquereme del Fausto, I, 411.

  Cipro (da) cap Niccolò, II, 23.

  Circèo, incontro dei Gerosolim., I, 238. — Pericolo di papa Leone,
    I, 158.

  Ciri Ciro, arch. urbin. detto Scirro, I, 50, 205.

  Ciurma da remo: Difficoltà di statisti, I, 24, 303; II, 19.
      Forzati, I, 116. — Bonavoglia, I, 298. — Prigionieri, II, 37,
        131, 324.
      Loro valuta, I, 163, 260; II, 156.
      Vitto e vestito, I, 300, 117.
      Manette e catene, I, 365; II, 160, 342. — Di argento, I, 352,
        410.
      A terzarolo, I, 117, 365. — A scaloccio, II, 156.

  Civada, vela dismessa, I, 168.

  Civitacastellana nel 1496, e sua Rôcca pentagona, I, 51, 62, 205.

  Civitavecchia: Suo porto, I, 403. — Costruzione di sei galere, I,
    10. — Spedizione all'Elba, I, 16. — Passaggio di papa Alessandro,
    I, 21. — Spedizione di Levante, I, 42. — Giulio II, la fortezza, I,
    63, 408. — Spedizioni contro Francesi in Genova, I, 83, 91,
    94. — La darsena, I, 129. — I baluardi, stemmi, e mascheroni, I,
    137, 138. — Il tesoro, I, 157. — L'epidemia, I, 159, 261. — Contro
    Genova, I, 173. — Adriano papa, e le celle, I, 196, 197. — I
    Gerosolim., I, 239. — Lo Spedale, I, 240, — Di nuovo per Genova,
    I, 280, 281. — Per Napoli, I, 284. — Resistenza al Borbone, I,
    288. — Costruzione di galere, I, 291. — Spedizione di Levante, I,
    307. — Soccorso a Corone, I, 339. — Pompe a Marsiglia, I,
    347. — Dimora di papa Clemente, I, 359. — Spedizione di Tunisi, I,
    402. — Paolo III, I, 433. — Contro Barbarossa, II, 20. — Contro
    Dragut, II, 87. — Spedizione di Algeri, II, 97. — Cacciata di
    Barbarossa, II, 117, 125. — Rapina di Giannettino, II,
    129. — Vendetta della Caterinetta, II, 135, 137, 351. — Prede in
    Barberia, II, 173. — Affezione agli Sforzeschi, II, 174,
    258. — Spedizione di Afrodisio, II, 186. — Successo delle galere
    nel porto, II, 258. — Difesa contro Spagnoli, II, 280, 286,
    311. — Spedizione di Tripoli, II, 346. — Distruzione alle Gerbe,
    II, 416.
      Feste del ritorno, I, 374.
      Le bandiere dei Turchi, I, 375,
      I Visconti, I, 157, 159, 407.
      Le fortificazioni, I, 64, 138; II, 125, 280.
      Le famiglie, _v._ Andreotti, Anselmi, Biancardi, Bianchi,
        Bonifazi, Egidi, Filippetti, Fiori, Martinelli, Rocchi,
        Rossi, Stella, Tomaini, Valtraversa.

  Clemente VII, e capitoli col Vettori, I, 242. — Favore al
    re Francesco, I, 265. — Opposizione all'imperatore Carlo, I,
    267. — Soldo al Doria, I, 271. — Guerra a Carlo, I, 279. — Borbone,
    e sacco di Roma, I, 287. — Difesa dal Doria, I, 288. — Soccorso
    in Germania, I, 294, 330. — Viaggio a Marsiglia, I, 348,
    359. — Comparsa di Barbarossa, I, 385. — Muore, I, 386.

  Cleves da Ravestein, I, 14.

  Coccinello di manovra, docum., II, 158.

  Codimonte, battaglia navale, I, 282.

  Coffe da savorra, II, 162.

  Collatori delle sartie, II, 157. — Peso e valuta, II, 161.

  Colleoni di calcese (traversini), II, 157.

  Colonna, fam. rom., suoi feudi alla marina e galere del proprio,
    II, 288. — Comprate, e vendute, II, 294.
      Marcantonio seniore, contro i Francesi, I, 63, 83, 91, 94.
      Prospero, Genova, I, 175, 176.
      Pirro e Marzio in Germ., I, 296.
      Stefano a Portercole, II, 125.
      Alessandro con Paolo IV, II, 282.
      Pompèo a Malta, II, 366.
      M. Antonio il trionfatore, mia riserva, II, 287. — Sue carte
        marine, I, 36. — Sue galere, II, 288, 294.
      Fabrizio, ricordato, II, 294.

  Colubrine doppie sulle navi, I, 86.

  Comacchio, _v._ Feletti.

  Combattimenti vittoriosi, _v._ Presa.
      Senza costrutto, _v._ Scaramuccia.
      A discapito: di una galea presso Ostia, I, 72. — Della capitana
        a
        Piombino, I, 161. — Della capitana alle Gerbe, II,
        412. — Della Divizia alla Prèvesa, II, 58.

  Comito, primo sottufficiale, soldo e razione, I, 112,
    _v._ Camilli.

  Commissario, ufficiale di amministrazione, doc., I, 33. — _v._
    Pesaro, Leonini, Ghiberti, Grossi, Ermolai, Vigerio, Ricci,
    Ceuli e Marano.

  Compagna, la Camera del companatico, docum., II, 162.

  Compagni, dicevansi i marinari di prima classe, I, 112.

  Compagnie, sotto una bandiera di dugentocinquanta teste,
    II, 213, 231.

  Condotta e capitoli dei Capitani, _v._ Documenti.

  Condulmiero cap. Alessandro, sue prodezze col galeone, II,
    54. — Lo salva, II, 59.

  Congiura del Fiesco, II, 133.

  Conserva, e sicurezza, I, 47, 162.

  Consigliere, lo stesso che Pilotino, I, 159. — Soldo e razione,
    I, 112.

  Consiglio di guerra a Santamaura, I, 39. — A Codimonte, I,
    282. — A Corone, I, 312. — A Tunisi, I, 423. — Il gran consiglio
    a Corfù, II, 42. — Altri da capo, II, 50, 77. — Alle Secche
    sulla cap. di Roma, II, 379. — Quivi stesso sulla reale, II,
    381. — Ultimo alle Gerbe, II, 405.

  Contarini Girolamo (_il Grillo_) al blocco di Genova, I, 83.

  Conti, fam. rom., Torquato, II, 282.

  Conti Antonio, ing. alle Gerbe, II, 395.

  Conti Giacopo, padrone, II, 134, 135.

  Contraccivada, I, 168.

  Contrammina e teoremi, I, 226. — Pratica in Rodi, I, 226. — Metodi,
    I, 228.

  Contucci Andrea (_il Sansovino_) per papa Giulio, I, 63.

  Contumacia, separazione in caso di pèste, I, 375.

  Convergenza delle forze, I, 39, 47. — Delle batterie, I, 222.

  Conversano Giorgio, ing. col Martinengo, I, 221, 226. — Alla
    Goletta, I, 420.

  Corazzate antiche: le Caracche, I, 308. — Palischermi blindati,
    I, 314, 318.

  Corazzina, I, 110, 297.

  Corboli, fam. urbin., cap. Pier Francesco, II, 23.

  Corda cotta, _v._ Miccio.

  Cordiniera, I, 366.

  Cordino, I, 366.

  Corfù, assalita da Solimano, I, 439. — Tutta l'armata in Corfù,
    II, 41.

  Corgnia (della) Ascanio, anfibio, II, 282. — In Ostia, II, 310.

  Corneto, e palazzo Vitelleschi, I, 22. — Passata di papa Aless.,
    I, 23, 28.

  Corone descritta, I, 312. — Batteria ed assalto, I, 314,
    318. — Soccorsa, I, 342. — Perduta, I, 346.

  Corrente di deflusso, I, 26. — Correnti ordinarie e straord.
    portano in deriva, I, 27. — Il flutto sempre corrente, e sempre
    in deriva, II, 375.

  Corsale o Corsaro, non è Pirata, I, 48.

  Corsica e Côrsi molestati dai pirati, II, 220. — Prigionia di
    Dragut, II, 91, _v._ Latese.

  Cortogoli, _v._ Curtògoli.

  _Corvèa_, _v._ Giornèa.

  Cosimo, duca di Firenze, _v._ Medici.

  Costantinopoli, e la lega, I, 51.

  Costiera, per sartia di costa, II, 161.

  Costo (di) Niccolò, ing., I, 221.

  Costruzione di galèe, esempi di prestezza, I, 68, _v._ Galèa.

  Crespy (di), Pace, II, 126.

  Crispi Giovanni, duca dell'Arcipelago, sua lettera, I, 447.

  Critiche, _v._ Storia.

  Cuore (del) cap. Stefano, II, 22.

  Curtògoli pirata, I, 5. — In Biserta, I, 140. — Assalito, I,
    147. — Trama contro papa Leone, I, 158. — E contro il Grammaestro,
    I, 216. — A Rodi, I, 216. — Fatto principe, I, 237. — Nella prima
    quadriglia, I, 378.

  Curzolari, le isole e il campo della battaglia descritto, I, 325.


  Daltelli cap. Pietro, II, 22.

  Danaro, _v._ Amministrazione.

  Daramon capitano, II, 279.

  Dardanelli di Lepanto, I, 326.

  Darsena in Civitavecchia, I, 128. — Documento e scandagli, I,
    133. — Epidemia pei fanghi, I, 159.

  Dascino, fante del mastro d'Ascia, II, 185, 233. — Soldo e
    razione, I, 112.

  Decadenza, dicevano per Deriva, I, 27.

  Declinazione della bussola, e primo segno, I, 36.

  Decurioni, _v._ Visconti.

  Deflusso, I, 26.

  Deriva, I, 27. — Dicevano Decadenza, Diffalco e Discato. — Diversa
    da Scarroccio, I, 355.

  Deriva, II, 273, lin. 16, leggi: _le deriva._

  Destre di ormeggio, II, 233.

  Detergere _remos_. Spiegazione, II, 183.

  Diario di Roma, I, 305.

  Difese in genere, _v._ Fortificazione.
      In specie, di Rodi, I, 217, 258. — Di Corone, I, 310,
        346. — Della Canèa, II, 37. — Di Castelnovo, II, 85. — Di
        Cattaro, II, 86. — Di Civitavecchia dal Borbone, I, 288;
        e da Barbarossa, II, 117, 123. — E dal duca d'Alba, II,
        281, 285. — Di Ostia, II, 300.

  Digressioni, _v._ Storia.

  Diritto del due per cento, I, 113, 258.

  Dirotta e Dirottare, in disordine e fuori dell'assegno, I, 180.

  Disalberare, I, 315, 419; II, 79.

  Disciplina: Proibito il traffico, I, 115, 259. — Frenate le
    rappresaglie, I, 114, 260. — Dogana e polizia, I, 113,
    259. — Fede nei patti, I, 324. — Punizione dei caparbi, I,
    327, 329, 344; II, 81. — Del resto, _v._ Religione.

  Discordia di collegati, _v._ Lega.

  Diversione, e utilità, I, 330; II, 211, 362.

  Divizi cap. Giambattista (ab. di Bibbiena), II, 22. — Cade
    alla Prèvesa, II, 58. — Ricuperata la galèa, II, 91. — Ma
    resta in mano al Doria, II, 356, n. 20.

  Documenti in genere, _v._ Archivio.
      Ordine di papa Alessandro per costruire sei galere, I,
        10. — Dello stesso per vittuaglie, 22. — Lapida del cap.
        Mosca, 30. — Patente al commiss. Pesaro, 33. — Lapida
        del medesimo, 33. — Lettera del Pesaro a Rodi, 43. — Pp. Giu.
        agli Anc. per le galere, 66. — Lo stesso ai med. pel porto,
        69. — Capitoli per libertà di mare, 80. — Capitoli del cap.
        da Biassa, 95. — Specchio dei soldi e razioni,
        112. — L'arcivescovo di Spalatro, 118. — Patti per la
        darsena, 129. — Documenti di lavori, 139. — Papa Leone
        per la guardia, 141. — Lo stesso per le galere, 144. — Lo
        stesso pei pirati, 146. — Il car. de' Medici pei pirati,
        147. — Lo stesso degli Spagnuoli, 148. — Papa Leone al
        Fregosi, 152. — Abdallà di Tunisi ai Genov., 153. — Papa
        Leone al Gallo, 157. — Lapida del Vettori giovane, 159. — Leon
        decimo al doge ven., 164. — Il Gram. al car. de' Medici,
        171. — Medaglie di porto cellulare, 197. — Il Sanudo per
        Basilio, 202. — Al duca di Ferrara pel med., 202. — Capitoli
        del cap. Vettori, 242. — Medaglia di Andrea Doria,
        265. — Alberetto del med., 273. — Sigillo dello stesso,
        289. — Note di vitto e vestito, 299, 300. — Nota dell'armata
        per Corone, 307. — Brevetto del cap. Salviati, 362. — Inventario
        delle galere, 363. — Brevetto al cap. Orsini, 393. — Capitoli
        della condotta, 395. — Lettera di Paolo Giustiniani,
        399. — Lapida per l'armata, 406. — Medaglia per la medesima,
        406. — Lapida pel chiavistello, 430. — Medaglia per le vittorie,
        445. — Breve confid. al cap. Orsini, II, 6. — Perizia delle
        galere, 7. — Patente al cap. Ermolai, 12. — Capitoli della lega,
        15. — Patente al commiss. Grossi, 18. — Patente al com. Vigerio,
        19. — Nota dell'armata di Roma, 22. — Lettera ined. dell'Ortiz,
        27. — Lettera del Legato al Ricci, 34. — Nota degli alleati a
        Corfù, 41. — Lettera di Miniato al tes., 69. — Costit. del Pp.
        per le galere, 110. — Lett. in morte del cap. Peretti,
        120. — Lapida del cap. Peretti, 121. — Biglietto di Giannettino,
        130. — Somm. tra Farnesi e Fieschi, 132. — Simile tra Farnesi
        e Orsini, 139. — Altri capitoli coll'Orsini, 140. — Capitoli
        col cap. Sforza, 150. — Vendita tra Sforza ed Orsini,
        151. — Nota sul valore delle galere, 155. — E delle artiglierie,
        166. — Bando sopra gli schiavi, 175. — Relaz. del campo di
        Africa, 207. — Il card. Farnese al Vr. di Sic., 245. — I
        Lucchesi al Gonzaga, 249. — Orazio Farnese ai Lucchesi,
        250. — I Lucchesi ad Orazio, 251. — Il car. Farnese al Tiburzio,
        263. — Lapidi Ostien. dell'ass., 307, 308. — Il duca al
        Fruzasco, 328. — Medaglia di Dragut, 342. — Vendita delle galere
        farnes., 350. — Nota
        per Tripoli, 355. — Brani di Stor. arab., 390. — Lett. di Plinio
        Tomac., 395. — Lett. di Piero Macch., 405.

  Domenico da Genova, padrone, II, 10.

  Donativo di papa Giulio agli equipaggi, I, 92.
      E di papa Clemente, I, 360.
      Del Gram. al Benincasa, I, 37.
      Ed al Vettori, I, 172.

  Doratura, _v._ Ornati.

  Doria, S. E. il Principe ricor., II, 368.
      Andrea diverso da Giannandrea, I, 92; II, 366. — Ricupera una
        galèa romana, I, 165. — Aneddoto con papa Adriano, I,
        190. — Chiamato a Roma da papa Clemente, I, 274. — Piglia il
        comando e vince Barbarossa, I, 277. — Spedito contro Siena, I,
        279. — E contro Genova, I, 280. — Alla battaglia di Codimonte, I,
        282. — Invasione del Regno, I, 284. — Salva Civitavecchia dal
        Borbone, I, 288. — Lascia il governo ad Antonio, I, 290. — Si
        acconcia in Spagna, I, 290. — Spedizione in Grecia, I,
        390. — Batte Corone e sua manovra, I, 313. — Ritorna, I,
        341. — Perde Corone, I, 346. — E tre galere, I, 347. — A Tunisi,
        e suo motto, I, 414. — Batte la Goletta colla stessa manovra, I,
        419. — Prodezze nell'Adriatico, I, 436. — Lega coi Veneziani, e
        sua tardanza, II, 25, 39. — Consigli ambigui, II,
        42. — Venticinque di rinforzo, II, 44. — Scaramucce inutili, II,
        47. — Fuga vergognosa, II, 56. — Accuse, difese e sentenza, II,
        62, 67. — Attacco di Castelnovo, e rottura della lega, II,
        81. — Liberazione di Dragut, II, 93. — Rovina di Algeri, II,
        102. — Ratto delle galere farnesiane, II, 128. — Perdita delle
        sue, II, 137. — Fatti di Afrodisio, II, 193, 239. — Puntella la
        Spagna, II, 313. — Beffato da Dragut, II, 341. — Manda il nipote
        a Tripoli, II, 367. — Muore, 412.
      Antonio, cap. pel cugino, I, 276, 296. — Suoi scritti, I,
        296. — Comparsa a Genova, I, 292. — Impresa di Grecia, I,
        318. — Lascia Roma e volge a Madrid, I, 331.
      Giannettino, confuso col figlio, II, 45. — Prima scaramuccia
        alla Prèvesa, II, 47. — Piglia Dragut, II, 90. — Sferra in
        Algeri, II, 105. — Ruba le galere farnesiane, II, 129. — Perde
        le galere e la vita, II, 137.
      Giannandrea, confuso col padre e collo zio, I, 272; II,
        45. — Prima mostra a Messina, II, 367. — Autobiografia, II,
        368. — Infermo, II, 370, 379, 402. — Dà il nome al baluardo, II,
        393. — Chiede la partenza, II, 402. — Consente all'ultima
        fermata, II, 407. — Fugge, e si salva in Sicilia, II,
        416. — Suoi disordini di Cipro approvati a Madrid, II. 27.
      Cristoforo a Corone, I, 310.
      Filippino alla Pianosa, I, 160.
      Franco alla Prèvesa, II, 54.
      Imperiale, ricordato, I, 289; II, 128.
      Lamba a Corone, I, 319.
      Marcantonio a Civit., I, 360.

  Dovunque, II, 148, lin. 19; leggi: _dovunque andasse._

  Draghetto dell'archibugio, II, 169.

  Dragut, pirata, I, 5, 378. — Caposquadra alla Prèvesa, II,
    49. — Diserta l'Italia, II, 87. — Preso alla Girolata, II,
    91. — Liberato dal Doria, II, 93. — Fa beffe d'Andrea, II,
    341. — Diventa peggiore, II, 94, 178. — Cacciato dai Sardi, II,
    210. — Cacciato da Afrodisio, II, 177. — Suoi stratagemmi alla
    Vallona e alle Gerbe, II, 362, 370. — Suoi dialoghi, II, 92,
    341. — Sua fisonomia, II, 342.


  Echinadi, _v._ Curzolari.

  Egidi (degli), fam. civit., cap. Lorenzo, I, 58. — Ricordi, II, 258.

  Elba, isola, presa dal Mosca, I, 18. — Visitata da papa Alessandro,
    I, 24. — Le due armate, I, 87. — Minacciata da Barbarossa, II, 123.

  Enrico II di Francia chiama i Turchi, II, 249. — Fa lega con Pp.
    Paolo contro la Spagna, II, 275, 311. — Richiama i Turchi, II, 343.

  Epidemia pei fanghi della darsena, I, 159. — Contemplata nei
    Capitoli, I, 261, _v._ Mortalità.

  Equilibrio, teoria, II, 14. — Applicazione, II, 343.

  Equipaggio, _v._ Armamento.

  Ermolai cap. Giacopo, II, 7. — Patente, II, 12.

  Esclamazione delle diverse nazioni nell'attaccare, I, 421; II,
    214, 239.
      Del cap. Salviati, I, 355. — Dello Spagnuolo in Ostia, II, 306.

  Espinosa, _v._ Arduini.

  Este (da), il duca Alfonso, e il card. Ippolito alla Polesella,
    I, 75.

  Eucaristia a bordo, I, 348.


  Fabriano, _v._ Gabrielli.

  Fame al campo d'Algeri, macellano i cavalli, II, 107.

  Fanale, o fanò, segno di comando, I, 368; II, 22.

  Fanelli, fam. ancon., cap. Galeazzo, I, 59, 66.

  Fani, fam. bolog., cap. Antonio, II, 180, 243, 264.

  Fano pei forni delle armate, II, 18, 20.

  Fanò, _v._ Fanale.

  Fanteria di marina, _v._ Milizia.

  Farnesi, fam. papale, _v._ Paolo III.
      Pierluigi compra le galere, II, 122. — Gli sono rapite dal
        Doria, II, 129. — Le vende al Fiesco, II, 132. — Docum., II,
        350. — Ucciso, II, 138.
      Ottavio co' Rom. in Algeri, II, 95.
      Orazio, capitano della squadra col Nobili, II, 128. — Vende
        le galere, all'Orsino, II, 138. — Naufragio collo Sforza, II,
        249. — Sue lettere, e guerra di Parma, II, 250. — Muore in
        Francia, II, 139.
      Galeazzo e sue notizie, II, 348. — Prigione alle Gerbe, II,
        410. — Si riscatta coi Veneziani, II, 416.

  Fascina pei lavori di campo, I, 324; II, 206, 397.

  Fatto elemento primo della storia, II, 335. — Parole e fatti di
    certuni, II, 83 (_Natura pronta a dir bene e far male._
    GIUSTINIAN., Disp., II, 139).

  Fausto Vittorio, e cinquereme, I, 411.

  Feletti, fam. comac., cap. Marco, II, 22.

  Femminella del timone, I, 365.

  Fenomeni del mare, _v._ Mare.

  Ferdinando d'Aragona finge crociata, assalta il nipote, e piglia
    il Regno, I, 14. — Politica tradiz., II, 68.

  Ferdinando d'Austria, imp., II, 275.

  Fermo, _v._ Boccanera e Giosia.

  Ferramolino Lodovico da Bergamo, arch. in Africa, II, 199, 206,
    224. — Ucciso alle trincere, II, 225. — Per la Sambuca, II, 227.

  Ferrara e battaglia fluviale alla Polesella, I, 75, _v._
    Alberghetti, Este.

  Ferro dicono i marinari per àncora, I, 369; II, 156.

  Festa, _v._ Saluto.

  Fiamma, specie di bandiera lunga e sottile, II, 156, 163.

  Fieschi, fam. gen., entrano contro i Fregosi, I, 173.
      Gianluigi compra le galere dei Farnesi, II, 132, 350. — Congiura
        e morte, II, 133.
      Girolamo gov. le galere, II, 134.
      Scipione con due galere, II, 280.

  Filippetti, fam. civit., cap. Filippo, II, 180, 243, 258. — A
    Lepanto, _v._

  Filippo II di Spagna comincia contro il Papa, II, 275. — Abbatte
    la baronia, II, 321. — La tragedia dei Caraffi, II, 321. — Manda
    in Africa il Medina, II, 354. — Simile al padre rispetto ai
    Ven., II, 17, 68, 83.

  Filosofia della storia, _v._ Storia.

  Fionco, drizza leggiera, II, 157. — Peso e valuta, II, 161.

  Fiori, fam. civitav., II, 258. — Marino, II, 23. — Cap. Ascanio a
    Malta (Bosio, III, 664, lin. 18). — A Lepanto, _v._

  Fiorino di Firenze, e sua valuta, II, 167.

  Firenze, e il duca Alessandro, I, 292. — Il duca Cosimo contro
    Civitavecchia, II, 286. — E contro Ancona, II, 313. — All'impresa
    di Afrodisio con Giordano Orsini, II, 179, ec. — Alle Gerbe con
    Niccolò Gentili, II, 354, _v._ Appiani, Medici, Strozzi,
    Vettori.

  Fiacchi, fam. sutr., cap. Aurelio, in Algeri, II, 96. — Alla guerra
    di Parma, II, 249.

  Flutto, onda fluente, II, 375.

  Focaja, la pietra dell'acciarino, _v._ Archibuso.

  Foligno, _v._ Gigli.

  Forcina da moschetto, prezzo, II, 159.

  Foresta cap. Pierone, II, 324.

  Fornari, fam. genov., cap. Domenico a Rodi, I, 219.

  Fortezze e fortificazioni, novità nel mio trattato, I, 138.
      Le tre scuole, I, 205. — Le torri pentagone, II, 196.
      Descritta la fortezza di Santamaura, I, 38, 48, 51. — Di
        Civitavecchia, I, 64, 408; II, 281. — Di Rodi, I, 200. — Di
        Corone, I, 312. — Dei
        Dardanelli di Morèa, I, 326. — Della Goletta e Tunisi, I, 416,
        429. — Della Prèvesa, II, 30. — Di Afrodisio, II, 195. — Di
        Ostia, II, 297. — Di Malta, II, 364. — Delle Gerbe, II, 394. — Di
        Roma, I, 434; II, 284.
      Luoghi forti occupati nelle guerre intestine ed esterne, come
        alle _voci_ seguenti: Afrodisio, Antirio, Biserta,
        Castellammare, Castelnovo, Chiavari, Corone, l'Elba, Genova,
        le Gerbe, la Goletta, Lerici, Mola di Gaeta, Monastero,
        Orbetello, Patrasso, Piombino, Ponza, Portercole, Portofino,
        Rapallo, Salerno, Sestri, Sorrento, Spezia, Talamone, Tunisi.

  Forzati al remo, I, 21, 116, 256. — Vitto e alloggio, I,
    117. — Vestito, I, 300.

  Fosso interno tra due muri, utilità e sistema, II, 196.

  Fouroux cap. Pietro, II, 280. — Vicende e fine del ventur., II,
    330, 337.

  Francescani, capp. all'armata, II, 203.

  Francesco di Giorgio, _v._ Martini.

  Francesco primo re di Francia, emulo di Carlo d'Austria, e sue prime
    guerre in Italia, I, 167. — Prigione a Pavia, I, 261. — Ripiglia
    la guerra, I, 266. — Le nozze di Marsiglia, I, 353. — A diletto
    sulle galere romane, I, 354. — Congresso di Nizza, II, 25. — In
    lega coi Turchi, I, 432; II, 114. — Muore il 31 marzo 1547.

  Francia e Francesi, v. Luigi XII, Francesco I, Enrico II.
      Coi Papi, I, 70, 146, 278; II, 280.
      Contro i Papi, I, 81, 173.
      Contro i Turchi, I, 146.
      Coi Turchi, I, 432, 445; II, 114, 126, 178, 248, 251, 343.
      Coi Sanesi per la Repub., II, 251.
      Coi Farnesi contro Austr., II, 248.

  Frangente, il basso dove l'onda si rompe, e l'onda stessa rotta,
    II, 375.

  Frangipani, fam. rom. e bar., della Tolfa.
      Francesco perde una gamba ad Ostia, II, 300, 303, 305.
      Pietro conte di S. Valentino a Corone, I, 321.
      Scipone colon. in Africa, II, 355.

  Freducci, _v._ Uffreducci.

  Fregata, piccolo bastim. da remo, I, 293. — Le quattro dell'Armata,
    II, 23. — Una riscossa dallo Sforza, II, 221.

  Fregosi, fam. genov., insieme coi Rovereschi cacciano gli Adorni
    e i Francesi, I, 83, 91, 94.
      Uniti coi Francesi, cacciati dagli Adorni e dai Medici, I, 173.
      Fregosi ed Adorni cacciati dai Doria e dagli Austr., I, 280,
        290.
      Aurelio coi Farnesi contro Spagna, II, 249.
      Federigo in Africa, I, 145.

  Frodatori a metà, I, 98. — A un quarto, I, 245.

  Fumo nelle battaglie di mare e di terra, I, 283, 421.

  Fuoco di artiglieria, incrociato e convergente, I, 222. — Lavorato,
    I, 224. — Fuoco morto, II, 170.

  Fusta, piccolo bastim. da remo, I, 293. — Tre per la guardia, I,
    8. — Tre di Dragut prese alla Girolata, II, 90. — Altrettante prese
    a Scirocco, II, 113.

  Fusti, _v._ Castriotto.

  Fusto (per scafo di galèa nuovo e disarmato), II, 151, 289.


  Gabbia, vela, I, 168, 308. — Alberi e Pennoni, II, 102.
      Gabbia (piattaforma, oggidì Coffa). — Artiglierie minute, I, 169,
        308, 317.

  Gabrielli, fam. fabrian., cap. Camillo, II, 23. — Ucciso alla
    Prèvesa, II, 33.

  Gaddalì, pirata, I, 5, 378. — Piglia il Vettori, I, 161. — Preso dal
    Doria, I, 167.

  Galèa (etimol. e descr, _v._ Medio èvo). — Diversa dalle antiche
    poliremi, I, 412; II, 97. Costruzione celere, I, 68.
      Valuta, II, 155, 164, 168.
      Artiglierie di prua e sui fianchi, I, 166, 368, 441.
      Equipaggio, I, 112, 258, 297; II, 40, 46.
      Remeggio a scaloccio, II, 156. — E a terzarolo, I, 117, 365.
      Ciurma di sforzati o di bonavoglia, I, 165, _v._ le due voci.
      Spesa mensuale, I, 112, 298.
      Private di famig. rom., II, 289.
      Comprate e vendute, II, 122, 132, 139, 151, 291, 294, 338.
      Lodate da stranieri, I, 354 e segg.

  Galèe, bastim. di linea, I, 297, 410; II, 357. — Anche sull'Oceano,
    II, 358.
      Sei costruite in Civit., I, 9, 10.
      Due in Ancona, I, 31.
      Dodici per Santamaura, I, 31.
      Sei in Ancona, I, 66.
      Una presa dai pirati, I, 72.
      Sei perdute, e tre ricuperate, I, 73.
      Diciotto prese sul Po, I, 76.
      Sei contro i Francesi, I, 83.
      Altre nove, I, 91, 94, 173.
      Diciannove a Biserta, I, 147.
      Una genovese ricuperata, I, 151.
      Una presa da Gaddalì, I, 161.
      La stessa ricuperata, I, 167.
      Quattro per papa Adriano, I, 179.
      Dieci in crociera, I, 276.
      Alla battag. di Codimonte, I, 283.
      Tre costruite in Civitav., I, 291.
      Dodici armate per Corone, I, 306.
      Sedici pel soccorso, I, 339.
      Sedici a Marsiglia, I, 348.
      Dodici armate per Tunisi, I, 399.
      Tre nuove in Calabria, I, 384.
      Sei a battere la Goletta, I, 419.
      Sei nella Puglia, I, 435.
      Trentasei per la lega, II, 22.
      Una presa da Dragut, II, 58.
      E ricuperata, II, 91, 356.
      Sette contro Dragut, II, 91.
      Sei ad Algeri, II, 98, 102.
      Tre a Metellino, II, 117, 119.
      Quattro dei Farnesi, II, 122.
      Quattro rapite da Giann., II, 129.
      Tre in Africa, II, 131.
      Quattro al Fieschi, II, 132, 350.
      Una sopra ventidue, 135, 137.
      Tre comprate dall'Orsino, 139.
      Una messa sul cantiere, 141.
      Quattro dello Sforza, 151.
      Tre al gran corso, 173.
      Tre al Monastero, 179.
      E ad Afrodisio, 192.
      Una di scorta ai malati, 207, 221.
      Due in Civit. tolte ai Franc., 258.
      Due naufragate a Viareggio, 249.
      Due in Francia col Caraffa, 270.
      Quindici in Civitavecchia, 279.
      Cinque dei Borromei, 289.
      Sette dei Colonna, 291.
      Quattro dei Vaccari, 293.
      Una rapita dal Moretto, 327.
      Una contro al rapitore, 330.
      Due a Malta pei prig., 337, 338.
      Tre per Tripoli, 346.
      Due perdute alle Gerbe, 410.
      L'ultima in combattimento, 412.

  Galeazza, accr. di galèa: una armata da papa Giulio, I, 92.

  Galeone, legno misto: descrizione, I, 168. — Due di papa Alessandro,
    I, 8, 18. — Tre di papa Leone, I, 168. — Due a Corone, I, 341. — Uno
    del Condulmiero alla Prèvesa, II, 54, 70. — Uno di Franco Doria,
    II, 54. — Uno per ospedale, II, 378.

  Galeotta, dim.: Dodici prese a Santamaura, I, 40. — Due a Gianutri,
    I, 263. — Una al pirata Scirocco, II, 113.
      Due di Luccialì alle Gerbe, II, 370.

  Gallerie sotterranee per mine e contrammine, I, 226.
      Sopra terra per ponti di assalto, II, 224.

  Galletti Pierluigi, sue schede alla Vaticana, ripetute dal Borgia
    in Propaganda, I, 10, 66, 69, 96, 129, 242, 362, 392; II, 109.

  Galli Matteo, bombardiere, I, 134.

  Garde (de la) attacca Nettuno, II, 295. — Rivede la spiaggia, II,
    298.

  Gavitello di ormeggio, _v._ Boga.

  Gazzette antiche, _v._ Avvisi.

  Genealogisti, II, 277, 347, 349, _v._ Storia.

  Generale del mare, titolo supremo nel cinquecento, e più che
    ammiraglio, I, 42, 58, 127, 335. — Così al Doria per la Spagna, al
    Salviati per Roma, e allo Strozzi per Malta, I, 370; II, 329. — Al
    Cappello per Venezia, II, 24.

  Genga Girolamo, ing. scuola urb., I, 60. — Termina il periodo, I,
    206.

  Genova e Genovesi. La bandiera, I, 413. — Tenuta degli Adorni,
    impugnata dai Fregosi e dai Rovereschi, I, 83, 91, 94, 280. — Tenuta
    dai Fregosi e impugnata dagli Adorni e dai Medicei, I, 173. — Tenuta
    dal Doria contro ambedue coll'ajuto austriaco, I, 290. — Impugnata
    dal Fiesco contro tutti e tre, II, 133.
      Spedizione di Biserta coi Romani, I, 145. — Accoglienza a papa
        Adriano, I, 193. — E a Carlo di Austria, I, 293. — Raunanza
        per Tunisi, I, 400. — Finisce la forza militare della Repubb.,
        _v._ Doria.

  Gentili Niccolò coi Fiorentini in Africa, II, 354.

  Gentiluomini al seguito del cap. Salviati, I, 335. — E dello Sforza,
    II, 148.
      Gentiluomini di poppa, _v._ Nobili.

  Geogr. e nomi dei luoghi, _v._ Portolano.

  Gerbe (delle), isola descritta, II, 382. — L'acquata,
    II, 372. — Battaglia delle Cisterne, II, 388. — La nuova fortezza,
    II, 394. — Distruzione dell'armata, II, 409. — Piramide di teschi,
    II, 416.

  Germa, navetta da carico tra i Levantini, II, 370.

  Germania e Tedeschi, _v._ Massimiliano, Carlo, e
    Ferdinando. — Contro Veneziani, I, 70. — Contro papa Giulio, I,
    81. — Al sacco di Roma, I, 286. — Soccorso diretto contro i Turchi,
    I, 295. — E per diversione dal mare, I, 330. — Fanterie in Africa,
    I, 409; II, 98, 397.

  Gerosolimitani, _v._ Rodi e Malta.

  Gesuiti cappellani, all'armata, II, 203.

  Gherlino, cánapo di posta e di rimburchio, I, 86; II, 232.

  Ghiaccio e Ghiacciare, acqua gelata, II, 173. — Non si confonda
    (Medio èvo, I, 205), _v._

  Ghiberti Francesco, commissario, I, 92.

  Ghindare, I, 367; II, 157.

  Giaccio, lo stesso che Aggiaccio, _v._

  Giambattista da Tolentino, II, 23.

  Gigli Giannantonio da Foligno, II, 148.

  Gioeni siciliano, ing. a Rodi, I, 199. — Suo modello, I, 214.

  Gionus-bey cacciato in terra di Cimmeriotti, I, 438.

  Giornali e giornalisti, _v._ Avvisi.

  Giornèa, sopravveste militare di fatica e la comandata istessa,
    per fascina, I, 324; II, 209 e segg. — Per fortificazione, II, 397.

  Giosia, fam. ferm., cap. Cesare, II, 23. — Ucciso a Castelnuovo,
    II, 80.

  Giovanni da Milano padrone, II, 9.

  Girolata in Corsica e prigionia di Dragut, II, 91.

  Giubilèo, e guardia del mare ai pellegrini, I, 7; II, 176. — Esteso
    al campo di Afrodisio, II, 203. — E delle Gerbe, II, 378. — Opere
    dei pirati durante il giubilèo, II, 218.

  Giudèo (Sinàm, Ciefùt pascià), sue notizie, I, 5, 263,
    379. — Toltegli due galeotte a Gianutri, I, 263. — Piglia tre galere
    al Doria, I, 347. — Difende la Goletta, I, 418. — Impedisce la
    strage in Tunisi, I, 426. — Principe delle Gerbe, I,
    428. — Ammiraglio del mar Rosso, muore di gioja, II, 124.

  Giulio II, e suo carattere marino, I, 59. — Fortezze a Perugia, a
    Bologna, e a Civit., I, 61, 63. — Contro la baronìa, I, 60. — Lega
    di Cambrè, I, 70. — Pace coi Veneziani e libertà del mare, I,
    80. — Contro i Francesi di Genova, I, 83, 91, 94. — Capitoli col
    Biassa, I, 95. — Concilio di Laterano, e discorso dei Turchi, I,
    117. — Muore, I, 119.

  Giulio III apre il giubilèo, II, 176. — Confer. lo Sforza, II,
    177. — Spediz. di Africa, II, 179. — Muore, II, 255.

  Giunchi per garzette alle vele, II, 61.

  Giuochi d'azzardo nel cinquec., I, 303.

  Giustiniani, fam. ven., cap. Paolo, I, 397. — Arma nove galere, I,
    399. — Sua lettera, I, 399. — Sua perizia, II, 9. — Alla Prèvesa,
    II, 22. — Cap. Luigi, II, 22.

  Goletta (la), sforzata per ricuperare una galera, I,
    151. — Descritta, I, 415. — Assedio e assalto, I, 418,
    421. — La nuova fortezza degli Spagnoli, biasimata dal de
    Marchi, I, 429.

  Gòmena negl'inventarî, I, 367. — Peso e prezzo, II,
    161. — Abbozzarla per tempesta, II, 103. — E per battaglia,
    II, 234, 402.

  Gomenetta, dim., I, 367; II, 161.

  Gonsalvo di Cordova, sua finzione di crociata, I, 14. — Finge,
    non mina, alla Cefalonia, I, 15. — Piglia il Regno, I,
    16. — Disciplina le fanterie spagnuole, II, 217, 238.

  Gonzaga, fam. mant., Francesco, I, 63.
      La Giulia, I, 4, 385.
      Ferrante a Corfù, II, 28. — Corrispond. con Muleasse, II, 403.
      Vespasiano ad Ostia, II, 304.
      Andrea, col. e comand. il convoglio alle Gerbe, II, 355, 393.

  Governativa, _v._ Marina.

  Govone, camera di sotto, II, 259.

  Grabbie, i pali a capriolo per distendere la tenda, II, 341.

  Granuela serve all'istessa stregua Carlo e Filippo, II, 17.

  Gravina o Pie' di porco, II, 160.

  Greci, sempre contro Turchi, e favorevoli alle nostre spedizioni,
    I, 317, 327, 439.

  Grido di guerra, _v._ Esclamazione.

  Grillo, _v._ Contarini.

  Grimani patriarca, Legato all'armata, II, 19. — Tenta la Prèvesa,
    II, 30. — Libera la Canèa, II, 34. — Chiede battaglia, II,
    55. — Sua lettera inedita, II, 34. — Si ritira, II, 81.

  Grippia semplice e da collo, I, 367.

  Grippo, specie di bastim. usato per spedale, II, 204, 207, 378.

  Gritti cap. Giovanni, II, 22.

  Grossi Girolamo, collaterale, II, 18.

  Grubissich cap. A., senza saperlo, ripete la bussola pelasga, I, 188.

  Guardia alla Spiaggia per mare, I, 7, 95, 242, ec. — Per terra, I,
    141, ec. — Guardia ai passi dal mare, I, 41, 46, 48, 321; II, 33.
      Guardia del corpo dei generali, del mare, I, 335; II, 148.
      Guardia nobile del Papa, primo impianto, II, 285.
      Guardia civica in Roma, II, 283.

  Guasgoni, soldati ausiliari venuti di Francia, II, 283, 322.

  Guasgoni cap. Giovan Vincenzo, II, 282.

  Gubbio (da) cap. Antonio, II, 249.

  Guerra di campagna, II, 274, 258, ec.
      Guerre di mare, _v._ Armata.
      Grido di guerra, _v._ Esclamazione.


  Haidino Caramano, _v._ Cacciadiavoli.

  Hassan-agà, _v._ Assano.

  Hermosilla, cap. spagnuolo, I, 343.

  Homer-Aly, _v._ Omèr.

  Hyères, isole di Provenza, I, 186, 188.


  Ial, _v._ Jal.

  Idrografia, _v._ Portolano.

  _Imbarcazione_, _v._ Palischermo.

  Imbarco sotto il fuoco del nem., II, 33.

  Imbronzare, fornir di bronzi il calcese e le taglie, doc., I, 365.

  Imparzialità di storico, I, 319.

  Incaglio di Carlo, imp. a Portofarina, I, 414.

  Incerata, doc., II, 159.

  Incontro, _v._ Saluto.

  Ingegnere militare, _v._ Architetto.

  Ingresso violento nei porti nemici, I, 94, 151, 341; II, 232.

  Inondazione, _v._ Tevere.

  Interzare, parlando di remeggio, II, 37.

  Intugliare, parlando di rimburchi, I, 86.

  Inventario di navigli, I, 364; II, 7, 155.
      Di artiglierie, I, 11, 368; II, 166.

  Ionus bey, _v._ Gionus.

  Isle (L') Adam, _v._ Lilladamo.

  Isola Sacra, _v._ Tevere.

  Isole minori deserte pei pirati, I, 186; II, 88. — In esse costoro
    dividevano le prede, II, 89.

  Italia e Italiani, Mar. pregiati e ricerchi in ogni parte, I, 355;
    II, 289, 358.
      Ingegneri negli eserciti di tutte le nazioni, I, 205; II, 396.
      Soldati valenti negli assalti, II, 238, 303.
      Per le fazioni di mare, _v._ Armata.
      Pe' nomi de' luoghi, _v._ Portolano.
      Per l'interno, _v._ le div. città.
      Per tutto il resto, _v._ Francesi, Spagnuoli, Turchi, e
        Pirati.


  Jal Augusto, corretto per la manovra nautica a Corone, I,
    313. — Ripetuta alla Goletta, I, 419. — Ed a Castelnovo, II, 79.
      Ricordato per l'autobiografia di Giannandrea Doria, II, 368.

  Jonus-bey, _v._ Gionus.


  Kaireddin, _v._ Barbarossa.

  Kairewan, _v._ Caruano.

  Kamal-rais, _v._ Camalì.

  Karà-Mahmud, _v._ Carrà.

  Kurdogli, _v._ Curtògoli.


  Labbacco, _v._ L'Abaco.

  Lampionetti di corsia e di cerca, II, 162.

  Lampioni di burrasca, II, 162.

  Lapida, _v._ Documenti.

  Latese Francesco di Corsica, ajutante del Martinengo, I, 221.

  Latina o la Trina, _v._ Vela.

  Laynez p. Giacomo, gesuita, cappellano maggiore in Africa, II, 203.

  Lazzaretto, spedale di appestati, I, 376.

  Lega contro Turchi e pirati, I, 7, 118. — Solenne di Roma, Venezia,
    e Madrid, II, 15. — Difficoltà sempre simili, e sempre
    dall'istessa parte, I, 148, 345; II, 17, 68, 83. — Prova e
    controprova, II, 17.

  Lega di Cambrè, I, 70. — Lega imp., I, 173. — Lega di Cognac, I, 266.

  Legato, dignitario ecclesiastico sull'armata, uso comune, I, 32.
      Il car. d'Aubusson, I, 8, 33, 37, 51.
      Il vescovo Fregosi, I, 145, 152.
      Il patriarca Grimani, II, 19, 81.

  Leno Giuliano, arch. rom., I, 62, 278.

  Leonardo da Firenze, bombard., I, 134.

  Leone X, e gli uomini del suo secolo, I, 125. — La darsena, I,
    129. — Le fortificazioni, I, 136. — Spedizione di Biserta, I,
    144. — Suo rischio alla marina, I, 158. — Riscatta il Vettori,
    163. — Tre galeoni a Rodi, I, 168. — Caccia i Francesi dall'Italia,
    173. — Muore, I, 176.

  Leonini ves. Angelo, commissario, I, 31.

  Lepanto, golfo e castelli, I, 326. — Il sito della grande battaglia,
    I, 325. — Storia dimostrata a prova e controprova, II, 17, 68, 84,
    86. — Per le citazioni, _v._ Indice di quel vol.

  Lepre, e fare orecchie di Lepre, dicono per fuggire in poppa colle
    penne a rovescio, II, 65.

  Lerici occupata, I, 175.

  Leucade, _v._ Santamaura.

  Libertà del mare pattuita dai Ven., I, 80.

  Lilladamo Filippo, gram. a Rodi, I, 216. — Insidiato da Curtògoli,
    I, 216. — Difende la piazza, I, 219. — Capitola, I, 236. — La
    partenza, I, 237. — Incontrato al Ciricco, I, 238. — A Malta,
    I, 293.

  Lira e fiorino, valore, II, 167.

  Livorno e papa Clem., I, 348. — Per le galere, _v._ Firenze.

  Londano cap. Bernardino, II, 22. — Ucciso alla Prèvesa, II, 32, 80.

  Lorenzo da Perugia, II, 282.

  Lucca, abboccamento dell'Imp. e del Papa, II, 97. — Somministra
    munizioni di guerra, II, 231. — Ombre pel naufr. dello Sforza,
    II, 249.

  Luccialì, pirata e rinnegato, I, 5, 378; II, 177, 371. — Prima
    comparsa alle Gerbe, II, 370. — Maneggi a Costantinopoli, II,
    400. — Distrugge l'armata cristiana, II, 408.

  Lucidi, fam. rom., cap. N., II, 96. — Bravura, II, 101.

  Ludovisi, fam. rom., cap. Girol., II, 23.

  Lufty-bey a Corone, I, 340. — In disgrazia, I, 376.

  Luigi XII di Francia, sotto colore di Crociata, assalta il Regno,
    I, 14. — Cacciato dagli Spagnoli, I, 15. — Contro i Veneziani, I,
    70. — Contro papa Giulio, I, 83, 91, 94.

  Luoghi, e nomi locali, _v._ Portolano. — Luoghi e piazze
    attaccate, _v._ Assedio, Assalto, e Fortezze.

  Lupo, e Buche di lupo, I, 320.

  Lutto navale pel Mosca, I, 29. — Pel Vettori, I, 267.


  Macchina, _v._ Barca, Sambuca, Scala, Scalone.

  Machiavelli, fam fior., cap. Piero, in Africa, II, 356. — Lettera,
    II, 405.

  Maestra, vela, antenna, albero, e pennone, I, 365. — Misura e
    valuta, II, 155, 160.

  Magalotti Cesare, e suo Mss., I, 186.

  Magliana, castello di Roma, I, 156, 176.

  Mahadia, _v._ Afrodisio.

  Malaspina cav. Ippolito, col. all'impresa di Tripoli, II, 355.

  Malta, in feudo ai Cavalieri, I, 293. — Le proposte diverse, I,
    241. — Descrizione dell'isola, II, 364. — Ricordi dell'assedio,
    II, 366.
      Risse dei cavalieri: pel Salviati, I, 336; per lo Sforza,
        II, 149; pel Moretto, II, 333.
      Concorso in tutte le fazioni maggiori, _v._ Armata.

  Malvezzi, fam. bol., cap. Lucio, I, 63.

  Mamì-rais, ajutante di Barbarossa, I, 382. — Prig. dell'Orsino,
    II, 91.

  Mandracchio, il porto dei piccoli legni, II, 296.

  Manette per la ciurma, II, 160. — Disegnate nella Medaglia, II, 342.

  Mángano (del) cap. Battista, II, 23.

  Maniche (dicevano) per catena di archibugeri a branchetti fuori
    delia linea come bersag.; I, 328; II, 215, 386.

  Maniglia, II, 343, _v._ Catene e Manette.

  Manovra nautica per discagliare un naviglio, I, 414. — Per tempesta
    sull'áncora, II, 102. — Far vela a un tratto di scotta, II,
    61 — Fuggire in poppa a orecchie di lepre, II, 65. — Orzeggiare
    in caccia, II, 410. — Stringere il vento colla marèa, I, 357.
      Per le manovre militari, _v._ Tattica, e Strategia.

  Mantelletti per le vele, doc., II, 160.

  Marabuttino, dimin., Misura e valuta, II, 160.

  Marabutto, vela, II, 155. — Misura e valuta, II, 160.

  Marangone, II, 108, 329.

  Marano Anton Maria, com., II, 351, 353.

  Marcantonio della Porretta, II, 96,

  Marchesini Alessandro, scrivano, II, 23.

  Marchi (de) cap. Francesco, biasima l'esagono della Goletta,
    I, 429. — Disegna l'assedio di Malta, II, 366.

  Marchisio Antonio, arch. in Civ., I, 136.

  Marco, vesc. di Sinigaglia, _v._ Vigerio.

  Mare e sua libertà, vendicata da papa Giulio, I, 80.
      Dominio usurpato dai Turchi alla Prèvesa, II, 60. — E alle Gerbe,
        II, 417.
      Mare e fenomeni studiati dal vero, I, 183; II, 104. — Il deflusso,
        I, 26. — La deriva, I, 27. — Lo scarroccio, I, 355. — La risacca,
        I, 26. — La scia, I, 181. — La prora fluida, I, 183. — La
        tempesta all'ancora, II, 102. — La buriana, I, 184. — La
        bonaccia, I, 179. — Flutto e frangente, II, 373. — Quiete alle
        seccagne, II, 374. — Profondità proporz. al terr., I, 313.

  Marèa nel Tirreno misurata nel cinquecento, I, 132. — Stringere il
    vento colla marèa, I, 357.

  Maricino, ondeggiamento al lido coi venti di terra, II, 375.

  Marina (_add. sostantivato_), il mare e le sue attenenze:
    _v._ Armata, Battaglia, Capitani, Costruzione, Fortificazione,
    Porto, Tattica, ed ogni altra attenenza.
      Marina e magisterio degl'Italiani, I, 355; II, 289, 358. — La
        marina per diversione salva dai Turchi la Germania e
        l'Ungheria, I, 330. — Salva la Puglia, I, 439.
      Marina militare, oltre la vela, vuole il motore libero, I, 297,
        410; II, 361.
      Marina governativa, I, 16, 60, e per tutto. — Fine della
        venturiera, II, 323, 335, 339.
      Marina romana, per tutto, specialmente il generoso carattere,
        I, 430; II, 91, 247. — Lodata in Francia, I, 353,
        358. — Richiesta in Spagna, I, 295, 330, 398; II, 13, 95, 179,
        346. — Bravura suprema in Algeri, II, 106. — Sola in un anno
        contro i Turchi, II, 119. — Sola in batt. alle Gerbe, II, 412.

  Marinare, e Ammarinare, I, 374; II, 325.

  Marinari delle varie classi, parte scempia e doppia, I,
    111. — Vestito, I, 110. — Soldo e razioni, I, 112, 299. — Numero per
    ogni naviglio, sulle galèe, I, 112, 258, 297; II, 40, 46. — Sulle
    navi, I, 307, 308; II, 41, 359. — Primi di ogni milizia, I, 219,
    318, 421; II, 80.

  Marineria, soltanto l'arte e le persone di mare, _v._ Capitani,
    Marinari, e Nautica.

  Maroso, Onda massima e propria solo del mare, II, 103.

  Marsiglia, feste a papa Clemente, I, 351. — E al pirata Barbarossa,
    II, 118.

  Martelli cap. Baccio, II, 280.

  Martinelli, fam. civ., Antonio, II, 238.

  Martinengo (da) Gabriele Tadini, ing. a Rodi, I, 221. — Suoi fatti,
    I, 227. — Colpito in un occhio, I, 229.

  Martini Francesco di Giorgio, arch., capo della scuola urbinate, I,
    50, 205. — La prima mina, I, 52, _v._ Promis.

  Mascellare, sorta di taglia, II, 158.

  Mascheroni di bronzo per ormeggio in Civitavecchia, I, 139.

  Maschio da schifo per salpare, II, 158.

  Massimi, fam. rom., Giulio, impresario della darsena, I, 129.
      Domenico capitano, II, 303, 305.

  Massimiliano imp. contro Veneziani, I, 70. — Contro papa Giulio,
    I, 81.

  Mastio della fortezza di Civitav. ottagono fin dal principio,
    I, 64, 408.

  Mastro d'ascia, II, 185. — Soldo e razione, I, 112.

  Mattaffioni, doc., I, 366. — Talvolta col giunco, II, 61.

  Maura (santa) per isola e fortezza, _v._ Santamaura.

  Maury, ricordato, I, 27.

  Mazzacane cap. Leone, ucciso ad Ostia, II, 305.

  Mazzaprete, spezie di taglia, II, 158.

  Mazzetta, II, 160.

  Medaglie, descritte, del Porto cellulare, I, 197. — Di Andrea Doria,
    I, 275. — Di Paolo III per l'armata, I, 406. — Dello stesso per le
    vittorie, I, 445. — Il busto di Dragut, II, 342.

  Medici, fam. pap., _v._ Clemente VII, Leone X, e Pio IV.
      Gio. delle Bande, ucciso, I, 284.
      Aless. a trionfo in Genova, I, 292.
      Caterina a nozze in Francia, I, 347.
      Cosimo, primo duca, trama contro Civitav., II, 286. — E contro
        Ancona, II, 313. — Gran partigiano di Spagna, II, 313. — Manda
        le sue galere in Afrodisio, II, 181. — E alle Gerbe, II,
        354. — Dona e compra galere, II, 294.

  Medico, dottore di medicina, all'armata, II, 202.

  Medinaceli (di) il duca Gio. della Cerda, suo carattere, II,
    353. — Stenti alla partenza, II, 363, 369. — Negligenza intorno
    alle galeotte di Luccialì, II, 370. — Ed agli avvisi di Dragut,
    II, 379. — Abbandona il disegno di Tripoli, II, 380. — Si perde
    alle Gerbe, II, 392, 416.

  Meridiano di Roma, II, 383.

  Merloni in triangolo a Rodi, I, 203, 213. — Merloni di terra,
    primamente da Michelangelo, I, 206.

  Messa al molo di Barcellona, I, 184.

  Messina, centro perpetuo di raunanza alle armate, I, 307, 436;
    II, 87, 361. — Feste dei Messinesi sul mare, II, 227. — E ai reduci
    vittoriosi, I, 443.

  Metellino, assalito in vano dai Francesi, I, 14. — Preso e
    saccheggiato dai Romani, II, 119. — Rabbia di Barbarossa, II, 124.

  Metraglia, etimologia e notizie, I, 13.

  Mezzapicca, arma navale e suo prezzo, II, 159.

  Micciere descritto, II, 169.

  Miccio d'innesco, II, 168. — Quantità e valuta, II, 168. — Uso dei
    moderni marinari, II, 170.

  Milano liberato dai Francesi, I, 173. — Alla morte dell'ultimo Duca,
    preso dagli Spagnoli, I, 431.

  Milizia e fanteria di marina: numero per galèa da cinquanta a
    dugento, I, 31, 112, 297. — Vestito, I, 110. — Vitto, I,
    299. — Soldo, I, 112, 297. — Delle bande borgiane, I, 18, 31,
    42. — Delle bande nere, I, 284. — Di Renzo da Cere, I, 178,
    397. — Di Prospero Colonna, I, 475. — Dei veterani della guerra
    di Campagna, II, 353.
      Facilità di cavar milizie dallo Stato, I, 303, 444; II, 18, 24.
      Corpo scelto attorno ai comandanti, I, 335; II, 148.
      Guardia nobile dei Papi, II, 283.
      Guardia citt. in Roma, II, 282.
      Guardiani della spiaggia contro pirati, I, 141.
      Compagnie di dugencinquanta teste, II, 213, 231.
      Armeggiamento a mo' di bersaglieri, I, 328; II, 215, 386.
      Milizie di sbarco, I, 317; II, 192.
      Numeri secondo nazioni, II, 46.

  Mille (i) di assalto in Afrodisio, II, 237.

  Mine: la prima del Martini a Castelnuovo, I, 52. — Non alla
    Cefalonia, I, 15; nè all'Uovo, 52. — Le mine di Rodi, I,
    232. — E di Afrodisio, II, 224. — E di Antirio, I, 329.

  Modello di fortificazioni: Vicenza, I, 202. — Rodi, I,
    214. — Afrodisio, II, 244. — Le Gerbe, II, 397.

  Molino, _v._ Mutini.

  Monaco (principato), Squadra, II, 131, 190, 357. — Approdo di
    papa Adriano, e Andrea Doria, I, 190.

  Monaldi, fam. per., Lodovico, II, 180.

  Monastero, castello in Africa, II, 186.

  Moncrièff e il suo affusto, _v._ Scalone.

  Monte (del), fam. papale, _v._ Giulio III.
      Giambatista in Africa, II, 205.

  Montenero (di), arch. vicentino, I, 221.

  Montevecchio, fam. fan., Giulio, I, 444.

  Montisceli, _v._ Dragut.

  Moràt-agà, pirata e re di Tagiora, II, 177. — Notizie, I, 5,
    378. — Muore, II, 340.

  Moretti Giovanni di Nizza, II, 280. — Suoi fatti, II, 323. — Fuga
    da Civ. e successi, II, 327, 339.

  Moretto Calabrese, _v._ Trombetti.

  Morione usato dai soldati e dai marinai, I, 110, 297.

  Mormile cap. Marcello, ucciso, II, 305.

  Moro (il) d'Alessandria, pirata, I, 5. — A Corone, I, 340, 343. — Rotto
    a Candia, I, 379.

  Moro (il) d'Afrodisio scavalca l'Orsino, II, 209.

  Morosini cap. Angelo, ricordato tra i venturieri, II, 326.

  Mortajetto per petriero, II, 166.

  Mortajo e bombe car. in Rodi, I, 232.

  Mortalità di armate oziose, II, 19, 363, 378. — Di eserciti
    affaticati, II, 203. — Pei fanghi in Civit., I, 159. — Espressa
    nei cap., I, 261.

  Morte onorata dell'ing. Ferramolino, II, 225. — Del conte di Sarno,
    I, 418. — Del cap. Mosca, I, 29. — Del cap. Vettori, I, 267. — Di
    Titta Scarpetta, II, 366. — Di Flaminio Orsini, II, 412.

  Mosca (del) cap. Lodovico, cav. rom. Crociera alla Spiaggia, I,
    8. — Piglia l'Elba, I, 18. — Vi conduce papa Aless., I,
    21. — Costruisce sei galere, I, 9, 10. — Muore, I, 28.

  Moschettieri, _v._ Archibugeri.

  Moschetto, per artiglieria minuta da quattro, II, 166. — Per
    archibuso a forcina, II, 159.

  Mostra ord. dei Cap., I, 105, 249.

  Motore libero alla marina militare, e non solo il vento, I, 297,
    410; II, 358.

  Mozzo, giovanetto marinaro, soldo e razione, I, 112. — Il primo
    all'assalto di Corone, I, 318.

  Municipale istoria, v. Storia.

  Muleasse, re di Tunisi, cacciato da Barbarossa, I, 386. — Rimesso
    sul trono, I, 429. — Sue corrispondenze pubblicate, II, 401.

  Muley-Achmet, successore, II, 243.

  Mura e muraglie, _v._ Fortezze.

  Mustacchi, distintivo di Bonavoglia, I, 299.

  Mutini, fam. gen. e rom., cap. Lorenzo, I, 9. — A Santamaura, I,
    31. — Continua con papa Giulio, I, 59. (Nominato nei Dispacci del
    GIUSTINIAN, pubbl. dal Villari, alla veneziana,
    _Molino_, II, 302, segg.; III, 197.)


  Napoli e Napolitani, sottomessi da Francesi e Spagnuoli, I, 14,
    15. — Restano alla Spagna, I, 16. — Voluti liberare da papa
    Clemente, I, 278. — E da papa Paolo, II, 276, a 314. — Infestati
    dai Pirati e dai Turchi, _v._ dette voci.
      Porto di adunanza, I, 400.
      Galere romane rapite innanzi al porto da Giannettino, II, 129.
      Capitana di Roma offesa nel golfo da don Garzia, II, 183.
      Galere e navi di Napoli in tutte le spedizioni, _v._ Armata.

  Naufragio in Algeri, II, 105. — Di due galere a Viareggio, II, 249.

  Nautica, scienza di navigazione presso gli antichi, I, 187.

  Navarro conte Pietro, falsità della prima mina, I, 52. — In Civit.
    per le fortificazioni, I, 136. — Alla battaglia di Codimonte, I, 282.

  Nave, in quanto voce generica, _v._ Bastimento. — Come voce
    specifica tra i marinari vale legno a vela di alto bordo. Loro
    grandezza, I, 87, 168; II, 369. — Numeroso equipaggio, I, 307;
    II, 41, 359. — Grosse artiglierie, anche sulle gabbie, I, 87, 169,
    308, 317; II, 70, 88. — Non messe mai in linea, ma per convoglio,
    I, 297, 410; II, 357. — Difficoltà di menarla colle galere, I, 297;
    II, 361. — Indi i moderni vascelli, I, 169; II, 357.
      Sei navi di Civit. a Gen., I, 9.
      Una gen. liber. dai pirati, I, 192.
      Una turchesca predata, I, 321.
      Settanta di Spagna in Gen., I, 293.
      Trentacinque a Corone, I, 309.
      Trenta al soccorso, I, 341.
      Due impigliate tra loro, I, 342.
      Quattro rom. pei cavalli, I, 349.
      Quaranta per Tunisi, I, 400.
      Cinquantuna della lega, II, 41.
      Trecento in Algeri, II, 98.
      Cencinquanta naufrag., II, 102.
      Ventotto per Afrodisio, II, 192.
      Quaranta per Tripoli, II, 354.
      Navi di spedale, II, 204,378.

  Navetta, dim., II, 98, 354.

  Navigazioni militari, _v._ Armata.
      Papa Alessandro all'Elba, I, 21.
      Papa Giulio da Ostia, I, 92.
      Papa Adriano di Spagna, I, 179.
      Papa Clemente in Francia, I, 348.
      Il Re in Provenza, I, 354.
      Papa Paolo a Nizza, II, 25.

  Nemici ed amici, nei cap., I, 116.

  Nepi e sue fortificazioni, II, 194.

  Nettuno, castello dei Colonnesi alla marina, e bastimenti della
    famiglia, II, 288. — Fortino del Sangallo, I, 205. — Descritto
    il luogo, II, 287. — Preso dal Duca d'Alba, II, 294.

  Nibbia cav. Battista, I, 169.

  Nicolò da Santogemini, capit., II, 23.

  Nizza, abboccamento di sovrani, II, 25. — Insulti di Barbarossa, II,
    118. — Le galèe messe a Villafranca, _v._ Savoja. — Il successo
    del Venturiero, _v._ Moretti.

  Nobile di poppa, ufficiale, I, 112, 159.

  Nobili, fam lucc., cap. Francesco, II, 22. — Caposquadra pei Farnesi,
    II, 122. — Offeso da Giannettino, II, 129. — A Malta, II,
    131. — Procuratore nella vendita agli Orsini, II, 139. — In Africa
    con Sforza, II, 180. — Naufragio, 259. — Ritorna, 257, 264. — Si
    ritira, 265.

  Nocchiero, nell'armata, dicevano Comito, _v._ — Comando, II, 411.

  Nocera (da) cap. Giacopo, II, 45.

  Nolo e traffico vietato ai capitani, I, 115, 259.

  Nome, _v._ Vocabolo.

  Nores Pietro, storico lodato dal Pallavicino, II, 255, 327.

  Nuotatore eccellente, II, 108.


  Occhi accecati a Rodi, I, 229.

  Oddi, fam. per., Ruggero in Africa, II, 180. — Ricupera la capitana,
    II, 414. — Grifone in Africa, II, 180.

  Omèr-Aly, amm. ott., I, 309. — In disgrazia, I, 376.

  Onde e fenomeni attenenti, _v._ Mare.

  Onori navali, _v._ Saluto.

  Opera (dell') Giacopo e suoi lavori, I, 139.

  Orbetello occupato, I, 279.

  Orecchie di lepre col vento in poppa e le vele latine, II, 65.

  Ordinanza navale di fronte, I, 47. — In linea, II, 52. — A disegno
    figurato, II, 49. — Lunata, II, 53. — Sui ferri, II, 402.
      Ordinanza campale in quadrato, I, 329; II, 389. — In colonna,
        II, 213. — A catena, I, 328; II, 215, 387.

  Ormeggi, numero, peso e valuta, I, 367; II, 161.
      Ormeggi e destre, II, 234.

  Orlando da Salò, cap., II, 23.

  Ornati di scoltura e doratura, I, 351, 357, 409; II, 346,
    411. — Per gala di bandiere, _v._ Saluto.

  Oròscopo, I, 62.

  Orsini, fam. rom., suoi feudi alla marina e bastimenti propri, I,
    392, 435; II, 12, 139, 151, 288, 289.
      Gentil Virginio, conte dell'Anguillara, I, 391. — Piglia lo
        stendardo, I, 405. — Coll'Imperatore, I, 413. — Alla Goletta,
        I, 409. — A Tunisi, 423. — La lapida e il catenaccio,
        430. — Combattimenti e prede, 439, 441. — Libera la Puglia,
        439. — Cede al Legato, II, 6. — Segue l'armata alla Prèvesa,
        II, 40, 82. — Ripiglia il comando, II, 86. — Vince Dragut e
        Mamì, e ricupera due galere, II, 91. — Bravura in Algeri, 95,
        106. — Sottomette Scirocco, 113. — Ritiro in Francia,
        115. — Richiamato a Roma, 138. — Muore, 141.
      Flaminio da Stabia, II, 277. — Difende Civitav., II, 281, 286,
        322. — Non si impaccia di Nettuno, II, 295. — Nè del Moretto,
        II, 330, 339. — Nè dei nuovi bastioni alle Gerbe, II,
        393. — Consiglio sulla Capitana, II, 380. — Consiglio per
        Tripoli, 382. — E per la partenza, 404. — A difesa dei comp.
        muore combattendo, 412.
      Filippo da Vicovaro, II, 180, 243. — Congedato dai Francesi,
        253. — Torna a Malta, 338. — In Africa, 346, 416.
      Giordano da Bracciano in Africa, II, 181. — Scavalcato dal Moro,
        e difeso dal Baglioni, 209. — Piglia Afrodisio, 242.
      Arrigo in Algeri, II, 96.
      Battista a Rodi, I, 234.
      Lorenzo da Cere, I, 285, 397.
      Cammillo in Dalmazia, I, 444; e in Roma, II, 284.

  Ortiz don Diego, agente dei Doria in corte di Spagna, sua lettera
    a Giannandrea, II, 27. — Del Tomacelli a lui, II, 381, 405.

  Oruccio, re d'Algeri, I, 380.

  Orza, cavo di manovra, I, 367. — Diverse specie, peso, e valuta, II,
    157, 161.
      Orza lato del naviglio rivolto al vento, II, 410.

  Orzeggiare in caccia, descrizione di manovra, II, 410.

  Ospedale, _v._ Spedale.

  Osservazione, _v._ Astronomia.

  Osta, cavo di manovra, I, 367. — Peso e valuta, II, 161.

  Ostacoli opposti all'uscita del nemico, II, 362.

  Ostia, descritta, II, 297. — Papa Giulio alla mostra, I,
    92. — Molestie dei pirati, I, 72; II, 219. — Approdo di papa
    Adriano, I, 197. — Barbarossa all'acquata, I, 388. — La Rôcca
    richiesta contro papa Leone, I, 135. — Battuta dagli Spagnuoli,
    II, 303. — Ricuperata, II, 313. — Rotta del Tevere, II, 318.

  Ottomani, _v._ Turchi.


  Padrona, la seconda galèa della squadra, I, 24; II, 22,
    355. — Doc., II, 351.

  Padrone, primo ufficiale di amministrazione, II, 9, 10. — Soldo
    e razione, I, 112.
      Padroni, Giovanni da Milano, Bartolommeo da Gallipoli,
        Domenico da Genova, e Giacopo Conti.
      Padroni di piccoli legni, II, 23.

  Paggio e suo successo alle Gerbe, II, 414. — Ricordo, II, 368.

  Pagliuolo (_da Paglia di stuoje_), deposito del biscotto e
    delle farine, II, 162. — Per estensione il Palco sopra al
    paramezzale, II, 360.

  Pajuolo (_da Pajo_). La secchia, o caldaja, a doppio manico,
    II, 162.

  Palamento, e Remeggio, _v._ Remo.

  Palazzo del Vitelleschi a Corneto, I, 22. — Del Salviati in Roma,
    I, 387.

  Palermo, II, 325, _v._ Sicilia.

  Palischermo, nome generico, I, 77, _v._ Barca, Bargio, Schelmo,
    Schifo, ec.

  Palla d'artiglieria in pietre enormi, I, 230. — Di ferro da cento
    libbre, I, 88. — Ordinamento secondo i calibri, I, 90.
      Per ciascuna galèa, numero, peso e prezzo, II, 167.

  Pallavicino card. Sforza, d. C. d. G. tratteggia papa Paolo, II,
    255. — Loda la storia del Nores, II, 255, 327. — Paragona la storia
    alla fisica, II, 335.

  Pallavicino cap. Cristoforo, adottato in casa Doria, _v._

  Palmara, cánapo manesco di ormeggio, I, 367.

  Palo, castello degli Orsini alla marina, e bastimenti della
    famiglia, I, 392; II, 12, 139, 151, 288.

  Palo, il Secco del Palo in Africa, fenomeno e quiete, II, 374.

  Paolo III, elezione, I, 391. — Fortifica contro i Turchi, 408, 433,
    438. — Provvede all'armata navale, I, 405; II, 22, 95. — Al
    congresso di Nizza, II, 25. — E di Lucca, II, 97. — Legge per
    l'armamento, II, 110. — Per gli schiavi, II, 175. — Soccorso
    in Ungheria, II, 113. — Muore, II, 176.

  Paolo IV, carattere, II, 255. — Guerra degli Spagnuoli, II, 261, 295,
    ec. — La guardia nobile, II, 284. — La urbana, II, 283. — Ordini e
    contrordini, II, 260. — Armamento della squadra, II, 279. — Brighe
    pel Moretto, II, 330. — Muore, II, 346.

  Papi del tempo, _v._ Alessandro VI, Giulio II, Leone X,
    Adriano VI, Clemente VII, Paolo III, Giulio III, Paolo IV, Pio IV.
      Tutti contro i pirati, e contro i turchi, _v._ — Da tutti
        richiesti di ajuto, I, 143, 295, 398, 435; II, 13, 95, 179,
        346.

  Paraggio e Rivaggio, voci diverse e ambedue necessarie, I, 151.

  Paranchinetto, docum. da due occhi, II, 157, 161.

  Paranchino, dim. di Paranco, _v._

  Paranco, I, 328.

  Parapetto di fortificazione coi merloni triangolari e curvi, I,
    203, 213.
      Parapetto di terra per la prima volta da Michelangelo, I, 206.

  Parasole, doc., II, 168.

  Parata, sorta di tela, II, 159.

  Parisani, fam. per., cap. Livio in Africa, II, 180.
      M. tesoriere Parisani, II, 69.

  Parma, e la guerra dei Farnesi, II, 248. — Le galere di Sforza
    danno il segno, 250.
      Da Parma cap. Silvio, II, 23.

  Parole buone e fatti tristi, _v._ Fatto, II, 83.

  Parrocchetto, I, 308.

  Parte scempia, doppia e mezza, nella razione, I, 111.

  Partenza da Rodi, I, 237.

  Particappa, fam. rom., cap. Mario, II, 282.

  Partigianone, doc., I, 366.

  Pasio, fam. bol., col. Pasotto, II, 45.

  Pasteca, sorte di taglia, I, 365; II, 158, 167.

  Patrasso occup., città e fortez., I, 323.

  Pavese, scudo quadrilungo da riparo, I, 366.

  Pavesata, il riparo di detti scudi, I, 441; e la gala di bandiere
    pinte a quella simil., I, 309.

  Pedagna di remeggio, I, 364.

  Penna dell'antenna, I, 355; II, 155. — Rottura, II, 410, 411.

  Pentagonali, alcune torri antiche, II, 196.

  Peretti, fam. papale. — Il cap. Bartolomeo da Talamone, II,
    116. — Alla Prèvesa, II, 22. — Al corso, saccheggia Metellino,
    II, 119. — Notizie della morte, II, 120. — Insulto di Barbarossa,
    II, 124. — Ricordato, II, 351.
      Cap. Mario a Malta (Bosio, III, 662, lin. 57).

  Perez de Vergas cap. Luigi, II, 191. — Sua morte onorata, II, 215.

  Perinelli, fam. per., cap. Camil., II, 180.

  Perugia occupata da papa Giulio, I, 61. — Fortezza, I, 62.
      Famiglie, _v._ Baglioni, Corgnia, Monaldi, Oddi, Parisani,
        Perinelli, Ranieri, Signorelli.

  Peruzzi Baldass., arch. in Roma, I, 63.

  Pesaro il vesc. Giacopo, com. a Santamaura, I, 31. — Sua lettera,
    I, 43.

  Peste, _v._ Epidemia e Mortalità. — Contumacia la separazione,
    Lazzaretto il luogo, Quarantina il tempo.

  Peterlin cap. Vittorio, II, 22.

  Petriero, cannone di terzo genere: calibro e valuta, II, 166.

  Piacenza: rivista delle fortezze, I, 278. — Vendita delle galèe
    farnesiane, II, 132, 350. — Tragedia di Pierluigi, II, 138.

  Pialy pascià del mare, rovina l'Italia, II, 344. — Distrugge l'armata
    cristiana, II, 409.

  Pianosa, l'isola, presa dal Mosca, I, 18. — Combattimento in quelle
    acque, I, 165.

  Piazza, _v._ Fortezza.

  Picca, arma in asta di marinari, I, 219, 297. — Prezzo, II, 159.

  Picchieri e archibugeri, a vicenda, I, 297. — Anche in terra, II, 101.

  Picconi Antonio, arch., _v._ Sangallo.

  Piccozza di marina, e valuta, II, 160.

  Pico Ludovico, I, 63.

  Pie' di porco, la Gravina, II, 160.

  Piergianni di Bidù (_Pregèant de Bidoux_), difendesi in Genova,
    I, 84. — Combatte a Villamarina, I, 86. — Resiste, e si ritira, I,
    94. — Scrive d'impiccare i _corsari_, e intende i pirati, I,
    146. — A Biserta, I, 147. — A Rodi, I, 226.

  Pietra focaja, _v._ Archibuso.

  Pietreo, idiot. fiorent., _v._ Petriero.

  Pilotino o Consigliere, I, 159. — Soldo e razione, I, 112.

  Piloto, ufficiale marino, ordine, soldo, e razione, I, 112. — Il
    vento, la rotta, e il punto di bordo, II, 411. — I nomi dei
    luoghi, secondo le carte italiane, I, 207; II, 193, 385.

  Pinace, bussola Pelasga, I, 187. — Rinnovata ai nostri giorni dal
    Grubissich senza saperlo, I, 188.

  Pio IV, e la tragedia dei Caraffi, II, 321. — Le galere dei Borromei,
    II, 290. — La rotta del Tevere, II, 316. — Spedizione delle Gerbe,
    II, 363. — Ruina dell'armata, II, 416.

  Pio V, ricordato per la cassazione del processo Caraffesco, II,
    321. — E per la lega dei Veneziani, II, 17. — E per le ammonizioni
    a Luccialì, II, 371.

  Piombatore o frate del piombo, I, 132.

  Piombinatore, marinaro che scandaglia, I, 86; II, 232.

  Piombino, _v._ Scandaglio.

  Piombino, città di Toscana, assediata per mare e per terra, I,
    19. — Viaggio di papa Alessandro, I, 21, 24.

  Principe di Piombino, _v._ Appiani.

  Piombo per impiombare il palamento, I, 365.

  Palle di piombo con dadi di ferro, II, 167.

  Pirata, diverso dal Corsaro, I, 48. — Anche pei Veneti, I, 45, 49;
    e pei Francesi, I, 146.
      Della grande Pirateria, I, 5. — Sovrani e Ammiragli, I, 378; II,
        177. — Cacciano le vecchie dinastie africane, I, 149,
        386. — Pigliano delle nostre galere, I, 72. — Ne perdono a
        dieci doppi, _v._ Presa. — Al partire i bottini, II, 89,
        218. — Nella caccia, I, 148, 373. — Contro vento, I, 166,
        277. — Le tre quadriglie, I, 378; II, 177, 340, _v._
        Camalì, Gaddalì, Carrà e Curtògoli. — Il Moro, il Giudeo,
        Cacciadiavoli e Barbarossa. — Morat, Dragut, Scirocco e
        Luccialì.
      Della piccola Pirateria, I, 191; II, 218; e molestie per tutto;
        di che, _v._ Cametto, il Bollato, il Bagascia, e simili.

  Pistola nel 1556, ricordata, II, 302.

  Pitta (del) Francesco, viceleg., I, 141.

  Podiani, e ant. Pojani, fam. reat., cap. Giulio coll'Orsino, II,
    112. — Col Fiesco, 134.

  Polesella, e la battaglia, I, 75.

  Poliremi antiche, e mio parere, I, 412.

  Polvere di artiglieria, quantità e prezzo per ogni galèa, II, 167.

  Polverificio in Rodi, I, 225.

  Polverino per archibusi, II, 168.

  Pontani, fam. rom., cap. Mario, II, 22.

  Ponte navale d'assalto, I, 315, 318. — Di gallerie coperte, II,
    224. — Di barche sul Tevere, II, 295, 300. — Sul Po, I, 74.

  Ponza, isola occupata, I, 285.

  Porretta (della) cap. Marcantonio in Algeri, II, 96.

  Porta riversa in Afrodisio, II, 197.

  Porte di albaggio alle galere, II, 156, 159.

  Portelli a ribalta, I, 231.

  Portercole, occupata, I, 279.

  Porto di adunanza per le imprese navali, _v._ Cagliari, Genova,
    Messina, Napoli: e specialmente, I, 307, 339, 400; II, 39, 87, 98,
    181, 279, 361.
      Entrata violenta nei porti, I, 94, 151, 341; II, 232.
      Uscita violenta per arte, II, 341.

  Portofarina e Carlo imp., I, 414.

  Portofino occupato pel blocco di Genova, I, 280, 281.

  Portolano, e Carte marine degli Anconitani, I, 35, 36. — Vogliono
    tavole e figure, I, 35. — Nomenclatura italiana, I, 207; II, 193,
    385.

  Portondo don Rodrigo, I, 162, 380.

  Portovenere e la battaglia, I, 93.

  Posta e cavi di posta; numero, peso e valuta, II, 161. — Ricordi,
    I, 367.

  Prato arch. Giambattista, II, 223, 244.

  Preda, _v._ Presa.

  Pregèant, _v._ Piergianni.

  Premio, _v._ Donativo.

  Presa di legni nemici, talvolta senza particolari notizie, I, 170,
    260; II, 119, 174.
      Generosità dei Romani, I, 430; II, 91, 247.
      Stabilita nei capitoli, tutta a vantaggio dei capitani, I, 99,
        246.
      Presa di frodatori a metà, I, 98; e poi a un quarto, I, 245.
      Presa di bastimenti: n. 176.
      Dodici galeotte a Santam., I, 40.
      Quindici galere ven. sul Po, I, 75.
      Tre bastimenti in Africa, I, 151.
      Una galera ric. alla Goletta, I, 151.
      Una nave ric. in Provenza, I, 192.
      Due galeotte a Gianutri, I, 263.
      Quindici a Piombino, I, 277.
      Una nave nell'Arcipel., I, 324.
      Tre a Montecristo, I, 373.
      Ottanta legni a Tunisi, I, 422.
      Quattordici nell'Adriatico, I, 436.
      Tre cacciati in terra, I, 438.
      Dodici galèe alle Merliere, I, 440.
      Una germa ed altri legni, I, 446.
      Undici alla Girolata, II, 90.
      Tre galeotte nel Tirreno, II, 113.
      Parecchi del Peretti, II, 119.
      Altri dello Sforza, II, 174.
      Due germe alle Gerbe, II, 372.

  Prèvesa, città e fortezza nell'Epiro, tentata dai Romani, II, 30.

  Prèvesa il golfo, detto dell'Arta, scaramucce, II, 47.

  Prèvesa, i paraggi, e lo scontrazzo delle due armate, II, 56.

  Priuli cap. Giacopo, II, 22.

  Prodáno, cavo di manovra a proda, I, 367. — Peso e valuta, II, 161.

  Promis Carlo, corretto per una mina del Martini, I, 52. — Per il
    cognome di Basilio, I, 200. — Pel Buono col Bonello, II, 229. — E
    pei fatti del Tomacelli, II, 380, 395.

  Prora fluida, I, 182.

  Provese, cavo di orm. a prua, I, 368.

  Proviere, giovane marinaro di prua, soldo e razione, I, 112.

  Puglia e Pugliesi, oppressi dai Turchi, I, 434. — Liberati, I,
    439. — Minacciati da Dragut, II, 363.

  Pugnale e pugnaletto di marina, I, 219; II, 257.

  Puntoni, baluardi senza fianchi, in Rodi, I, 214.


  Quadra la vela delle navi di alto bordo, I, 168, 308.

  Quadrireme, _v._ Polireme.

  Quarantina, il tempo consueto per purgare il sospetto di peste,
    I, 375.

  Quarnale, cavo a quattro cordoni, o paranco a quattro occhi, I,
    168. — Con la pasteca di richiamo, II, 158. — Peso e valuta, II,
    161.

  Quarnaletta di trinchetto, peso e valuta, II, 161.

  Quinquereme, _v._ Polireme.

  Quintili, fam. rom., cap. Franc., II, 22.


  Raimondi, fam. rom., cap. Luigi, II, 23. — Ferito alla Prèvesa, II,
    33. — Morto poco dopo, II, 80.

  Rallì, fam. ort., cap. Bellisario, II, 22.

  Rangoni, fam. moden., cap. Baldassarre, II, 282, 283.

  Ranieri, fam. per., cap. N. detto il Cavaliere, II, 180.

  Rapallo, occupata, I, 83.

  Rappresaglie mitigate, I, 114, 264.

  Rasoj per rapare la ciurma, II, 160.

  Rassegna di navigli, ordinata nei capitoli, I, 105, 249. — Fatta
    da papa Giulio ad Ostia, I, 92. — Del Medina al Palo, II, 376.

  Raunanza dell'armata, _v._ Porto.

  Ravestein Filippo di Clèves, I, 14.

  Razione, quantità proporzionale di vittuaglia ragionevolmente
    assegnata ai diversi, I, 110.

  Reale, assol. La prima galèa di un'armata regia, I, 351, 449, ec.

  Religione e pratiche di culto osservate in Rodi, I, 233. — Alla
    Prèvesa II, 24. — In Afrodisio, II, 203. — Alle Gerbe, II, 378.
      La Messa al padiglione, I, 184.
      La preghiera della sera, I, 186.
      L'Eucaristia a bordo, I, 348.
      La benedizione papale, I, 401.
      Il saluto ai Santi, I, 375.
      La visita ai Santuarî, II, 24.
      Il giub. all'armata, II, 204, 378.
      I cappellani, I, 242; II, 202, 378.
      L'assoluz., I, 421; II, 203, 378.
      Le invocazioni, I, 421.

  Religiosi, _v._ Cappellani.

  Rematori, _v._ Ciurma.

  Remeggio e Palamento, _v._ Remo.

  Remo alla sensile, di tre per banco, I, 365. — A scaloccio, con tre
    uomini per remo, I, 117; II, 37. — Numero e valore dei remi a
    scaloccio, II, 156. — Impiombatura, I, 365. — _Detergere remos_,
    II, 183. — Maestranze, _v._ Remolaro.

  Remolaro il maestro, nei doc., II, 185. — Soldo e razione, I, 112.

  Remolarotto, il fante, II, 185. — Soldo e razione, I, 112.

  Renzo da Cere, _v._ Orsini Lorenzo.

  Ricci, fam. rom., S. E. il march. don Giovanni, suoi favori, e il
    suo Archivio, II, 19.
      M. Giovanni Com., II, 19. — Lettere, 32, 34.
      Cap. Miniato, II, 23, 38. — Sua lettera al Parisani, II, 69.

  Rifolatore per calcatojo, doc., II, 159.

  Rimbalzo, e sua efficacia, I, 231.
      Portelli di rimbalzo, 231.
      Tiri di rimbalzo, II, 214.

  Rio, castello di Morea, occupato, I, 327.

  Ripetizioni mie, II, 187. (Medio èvo, II, 219.) _v._ Storia.

  Riscatto del cap. Vettori, per seimila, I, 163. — Del vesc. di
    Catania, per tremila, II, 341. — Di Dragut, per tremila, II,
    93. — In genere da cento a trecento ducati, I, 163.

  Rissa di cavalieri, I, 336; II, 149, 333.

  Ritirata, II, 404, 410.

  Ritiro del Sadoleto, I, 284. — Di Gent. Virginio, II, 115. — Dello
    Sforza, II, 266. — Di Flaminio, II, 330.

  Ritorno dei vincitori al porto, I, 375, 443.

  Ritratto di Paolo Vettori, I, 127. — Di Adriano papa, I, 195. — Di
    Andrea Doria, I, 275; II, 342. — Di Barbarossa, I, 382. — Di Carlo
    Sforza, II, 147. — Del Duca d'Alba, II, 284. — Di Dragut pirata,
    II, 343.

  Rivaggio, I, 151.

  Rivellino a puntone, I, 214. — Per torre pentagona, II, 195.

  Rocchi, fam. civit., II, 258.

  Rodi, descritta, I, 200 e seg. — Soccorso di Roma, I, 168. — Assedio
    dei Turchi, I, 217 e seg. — Difese, I, 222. — Offese, I,
    230. — Capitolazione, I, 236. — Partenza, I, 237. — Trattati di
    riscossa, I, 291.

  Romantici e Rètori, I, 183; II, 104.

  Roma e Romani. Il Tiraboschi ne cerca la Storia, II, 292. — Altresì,
    I, 431; II, 119. — Le galere private dei grandi, II, 289. — Il
    naviglio governativo, _v._ Marina, Armata, Navigazione e
    Capitani. — Carattere generoso, I, 430; II, 91, 247.
      La guerra del Borbone e il sacco, I, 286. — La guerra di Campagna
        e l'inondazione, II, 284 e seg.
      Le mura, I, 434; II, 284.
      Le famiglie: Di Bagno, Borgia, Colonna, Conti, Doria, Farnese,
        Frangipani, Leno, Lucidi, Ludovisi, Medici, Monte, Mosca,
        Mutini, Orsini, Particappa, Pontani, Quintili, Raimondi,
        Ricci, Rovere, Salviati, Savelli, Sforza, Strozzi, Vaccari,
        Vettori.

  Ronda di galere per mare, II, 232.
      Di cavalleggieri per la campagna, II, 302.

  Ronzone, áncora a quattro marre, I, 365. — Peso e valuta, II, 156.

  Rosa cap. Luigi, II, 23.

  Rostro o Sperone, I, 283; II, 184.

  Rossetto, fratello di Muleasse (_Roscît_), I, 383.

  Rossi, fam. civit., II, 258.

  Rotella, specie di scudo navale, I, 366; II, 159.

  Rotta, viaggio dei bastimenti rompendo l'acqua, I, 179, 180.

  Rovere (della), fam. papale, _v._ Giulio II.
      Francesco Maria, cap. e scrittore, I, 63. — Suoi ricordi, I,
        85. — Apre il passo al Borbone, I, 286. — Generale della lega,
        II, 16. — Muore di veleno, II, 28.

  Rovigo (da) cap. Tommaso, II, 22.

  Ruota dell'acciarino, _v._ Archibuso a ruota.


  Sacco di Roma, I, 287. — Proibito a Corone, I, 322; e alle Gerbe,
    II, 391. — Concesso a Tunisi, I, 428.

  Sacerdoti, _v._ Cappellani.

  Sacra (isola), _v._ Tevere.

  Sadoleto, vescovo e card., si ritira dalla Corte, I, 284.

  Saettia romana sforza l'entrata nel porto di Genova, I, 94.
      Saettia genovese sfugge alla caccia dei Romani, I, 175.

  Sagro, pezzo da dieci, peso e valuta, II, 166. — Sui fianchi delle
    galèe, I, 370.
      Mezzo sagro, II, 166.

  Sala, _v._ Salone.

  Salèc-rais, ajutante di Barbarossa, I, 382. — All'ala destra nello
    scontrazzo della Prèvesa, II, 49.

  Salerno occupata, I, 285.

  Salma, unità di misura, II, 324.

  Salone negli antichi palazzi, II, 148.

  Salò (da) cap. Orlando, II, 23.

  Salto di Saffo a Leucade, I, 38. — Salto di Sforza a Malta, II, 149.

  Saluto navale: puntigli del tempo passato, I, 349. — Saluti delle
    armate al Zante, I, 309. — Ai reduci colle prede, I, 374. — Ai
    vincitori in Messina, I, 443. — E in Napoli, II, 245.
      Ai Papi, I, 179, 348, 351, 405.
      Ai capitani delle galèe, II, 361.
      Alle fortezze, II, 391.
      Ai santuari, I, 375.
      A lutto, I, 29, 267.

  Salva, _v._ Saluto.

  Salveregina sul mare, I, 186; II, 163.

  Salviati, fam. fior. e rom., cap. Bernardo, ricordi, I, 309,
    323. — Rissa dei Cavalieri, I, 336. — Capitano a Roma, 338. — A
    Corone, 339. — Suo ardimento, 343. — A Marsiglia col Papa, 347;
    e col Re, 354. — Suoi inventarî, 368. — Piglia tre galeotte,
    373. — Sua esclamazione, 355. — Suo palazzo, 387.

  Sambuca, macchina navale descritta, II, 227, 233 e seg.

  Sammicheli Michele, arch., I, 137, 278.

  Sampieri, fam. bol., cap. Alessandro (non _Vincenzo_), II, 23.

  Sangallo (da) Giuliano, arch., caposcuola, I, 137, 205; II, 297,
    307.
      Antonio il vecchio, I, 20, 50, 62, 205; II, 284.
      Antonio il giovane, I, 136, 205, 278; II, 194. — Scandagli,
        I, 133.
      Battista il gobbo col frat., I, 278.

  Sangiacco, la bandiera ottomana, I, 209; ed altresì titolo tra loro,
    come dire Gonfaloniere, II, 340.

  Sansovino, e da San Savino, _v._ Contucci.

  Santamaura, isola e fortezza descritta, I, 37. — Occupata,
    42. — Fortificata, 49. — Ceduta, 54. (Poco ne dicono i Dispacci del
    GIUSTINIAN pubbl. dal Villari in questo anno 1876,
    quantunque siavi spesso nominata, I, 119, 135, 227, 322.)

  Santangelo, _v._ Castello.

  Santasevera, e naufragio del Concini, II, 314.

  Santiago e dagli! grido di Spagnuoli, I, 421; II, 214.

  Santogemini cap. Niccolò, II, 23.

  Sardegna e Sardi terribili coi pirati, II, 211, 212, 220.
      Adunanza dell'armata nel golfo di Cagliari, I, 413.

  Sarno (il conte di), _v._ Tuttavilla.

  Sartia e Sartiame, nomi e numeri nell'inventario, I, 367. — Peso e
    valuta di ciascun cavo, II, 161.

  Sassatelli, fam. imol., cap. Giov., I, 63.

  Sassetta (della), fam. romag., cap. Raniero, I, 63.

  Savelli, fam. rom., Battista nel Regno, I, 285.
      Antimo in Africa, II, 205, 239. (Lodato dal Varchi, II, 205.)
      Pompilio a Malta, II, 366.

  Savoja (di) il duca Carlo dà patenti ai corsari contro Francesi, II,
    323.
      Emanuele Filiberto cava la darsena di Villafranca, II,
        328. — Protegge il Moretto, II, 336. — Arma galere col conte
        di Leyny, II, 329. — A un pelo di cadere prigione di Luccialì,
        I, 4.

  Savorgnani, fam. friul., arch., I, 50. — Giulio ricordato, I, 206.

  Sbarco in paese nemico: a Santamaura, I, 40. — A Biserta, I, 150. — A
    Corone, I, 313. — A Portofarina, I, 413. — Alla Prèvesa, II, 31. — Ad
    Algeri, II, 99. — Ad Afrodisio, II, 198. — Alle Gerbe, II, 386.
      Sbarco di artiglieria, I, 328.

  Sbirro (dello), fam. rom., il cap. Orazio difende Ostia, II,
    298 e seg.
      Cap. Marcello, a Malta, II, 299.

  Sbrattamento, _v._ Cacciata.

  Scafo, che dicevano pur Bucio, Guscio, Fusto, II, 155.

  Scala di assalto alla marinaresca, I, 315, 318; II, 79.

  Scala Giantommaso, diverso da Basilio della Scola, I, 201.

  Scaloccio, remo lungo, maneggiato da più persone, I, 364; II, 156.

  Scalone, sorta di affusto marino, e tipo del moderno Moncrieff, I,
    442. — Prezzo e fornimenti, nei doc. rom. e fior., II, 159, 166,
    167.

  Scandaglio, numero, peso e valuta, II, 161. Scandagli autografi del
    Sangallo, I, 133.

  Scaramuccia Benedetto, ajutante in Rodi, I, 221, 226.

  Scaramucce alla bocca dell'Arta, II, 47.

  Scarpetta Titta, trasteverino, suo fatto a salvezza di Malta,
    II, 366.

  Scarroccio, diverso dalla Deriva, I, 27. — Necess. e valore della
    voce, I, 355.

  Sceicco, titolo tra gli Arabi, II, 384.

  Schelmo, e valore del vocabolo, II, 221.

  Schiavina o cappotto di ciurma, I, 300. — Valuta, II, 163.

  Schiavo e schiavitù: di cristiani in Barberia, I, 4, 150, 425,
    ec. — Sofferenze, II, 126. — Minacciati di strage, I, 426. — Riscatto
    coll'armi, I, 42, 150, 428; II, 241, ec. — Riscatto a danaro, I,
    163.
      Schiavi musulmani al remo, I, 437; II, 37, 131. — Si valutavano
        a cento ducati per testa, I, 163; II, 156. — Riscatto di Dragut,
        I, 93. — Del figlio del Giudeo, II, 123. — Bando per comprarli
        e venderli in Roma, II, 175, _v._ Presa.

  Schifo e fornimento, I, 365. — Valuta, II, 156.

  Schioppetto di marina, _v._ Tromboncino.

  Schioppo, _v._ Archibuso.

  Schirazzo, bastimento levantino da carico, doc., I, 217; II, 34, 325.
      Quattordici presi in Alban., I, 437.

  Scia, Sciare, Scionata, Scione, I, 181.

  Sciarluz, cap. di due galere in Civitavecchia, II, 279.

  Sciopero dei beccaj in Roma per la tassa marittima, I, 276.

  Scioverno, e Sciovernare, I, 111.

  Scirocco pirata, I, 5, 378; II, 177. — Preso prigione, II, 113.

  Scola, fam. vicent., il baron Giovanni, e i suoi favori, I, 201.
      Basilio, arch. milit., nominato, I, 50. — Notizie e lavori, I,
        200 e seg. — Fortifica Rodi, I, 209. — Modelli, I, 203, 214.

  Scoltura, _v._ Ornati.

  Scommessa e giuochi d'azzardo nel Cinquecento, I, 303.

  Scontrazzo, combattimento confuso, I, 342; II, 57, 408.

  Scoperta, I, 311, 323, 348; II, 232.

  Scorta di onore, _v._ Navigazione.
      Di carico, _v._ Nave di convoglio.

  Scotta della vela, I, 367. — Peso e valuta, II, 161.

  Scrittori, _v._ Storia.

  Scrivano di bordo, soldo e razione, I, 112, _v._ Marchesini.

  Scudo d'oro, e sua valuta, II, 166.

  Scuola triplice di arch. milit., _v._ Architetti.

  Scuola (della) Basilio, _v._ Scola.

  Scutari (da) Domenico, II, 23.

  Seccagna, e secco del Palo, fenomeno locale, II, 374.

  Sedizione, _v._ Ammutinamento.

  _Sehai_, I, 238, lin. 6, leggi: se hai.

  Selim I, ott., spinge in Africa i pirati, a suo pro, I, 140,
    149, 150, 199.

  Sensile, lo stesso che semplice, senza grado, II, 22, ec.

  Sepoltura, _v._ Cadaveri.

  Serpentino, sust., sorta di macchinetta per l'archibuso, II, 169.

  Serpentino, aggiunto di cannone, di lunga volata, I, 89, 368.

  Sèssola da aggottare, numero e valuta, II, 162.

  Sèssola, isoletta alle coste di Santamaura, II, 49.

  Sestri di levante, occupato, I, 83.

  Sferrare, _v._ intr. ass., T. mar., II, 104 — Esempi, II, 377.
      (Altrimenti i marinari dicono Salpare.)

  Sforza, fam. rom., suoi personaggi, II, 252. — Galere della fam.,
    II, 151.
      Carlo in Malta, II, 147. — Il salto, II, 149. — Cap. in Roma,
        150. — Ricca crociera nell'Arcipelago, 174. — Suoi seguaci,
        180. — Offeso nel palamento, 183. — A Monastero, 186. — Discorsi
        e viaggi, 220. — Conduce l'Arduino a diverso attacco,
        221. — Batte Afrodisio, 239. — Entra nella piazza, 243. — A
        Marsiglia, 248. — Naufragio, 249. — Caso delle sue galere,
        258. — Si ritira a vita privata, 266.
      Alessandro toglie di Civitavecchia
        le galere del fratello, II, 257. — Le rimena, 264.

  Sicilia e Siciliani in potere di Spagna, I, 148. — Stretti dai
    pirati, I, 140, 384; II, 178. — Il porto di Messina centro delle
    armate, _v._ Messina. — Le galere dell'isola in tutte le
    fazioni, I, 307, 409; II, 41, 87, 98, 191. — Nominate ad una ad
    una, II, 386.

  Signorelli, fam. perug., cap. Luca, II, 180.

  Silvio da Parma, cap., II, 73.

  Sinam pascià, _v._ Giudèo.

  Sirocco pirata, _v._ Scirocco.

  Smerigli, cannoncini, I, 89. — Sei sui fianchi delle galere, I, 368,
    370, 441; II, 166, 167.

  Soccorso alle piazze, I, 341; II, 213. — Impedimento, I, 342.

  Soldati, _v._ Milizia.

  Soldo di ufficiali, marin., soldati, I, 112.

  Solimano, imp. de' Turchi, I, 167. — Occupa l'Africa, I,
    377. — Attacca Rodi, I, 222. — Caccia i Cavalieri, I, 237. — In
    Ungheria e sotto Vienna, I, 294. — Staccato di là per diversione
    dell'armata navale, I, 330. — Piglia Castro nella Puglia, I,
    434. — Dichiara la guerra ai Veneziani, I, 439. — Alleato dei
    Francesi, I, 432, 445; II, 114, 126, 178, 248, 251, 343. — Protegge
    i Pirati, _v._ questa voce.

  Sopraccòmito, il comand. di galèa, I, 43.

  Soranzo cap. Vittorio, II, 22.

  Sorpresa nell'attacco, I, 174.

  Sorrento, occupata, I, 285.

  Sortita in battaglia, I, 88; II, 77. — Sortita dal blocco, II, 341.

  Sottocòmito, soldo e razione, I, 112.

  Spade quaranta, doc., I, 366.

  Spagna e Spagnuoli, _v._ Ferdinando I, Carlo V, Filippo II, coi
    loro consiglieri, sempre nella medesima tradizione, I, 148, 345;
    II, 17, 68, 83, 149, 183, 247. — Sotto colore di crociata pigliano
    Napoli, I, 14. — Saccheggiano Roma, I, 286. — Assediano Firenze, I,
    288. — Allacciano Genova, I, 293. — Occupano Milano, I,
    431. — Sottomettono Piacenza, II, 138, 248. — Aggiogano Siena, II,
    251. — Guerreggiano contro il Papa, II, 285. — Rodono i Veneziani,
    II, 17, 65, 83. — Contano sui Turchi, I, 148, 345; II, 13, 14, 64;
    e chiamanli invincibili, I, 344; II, 60.
      Marinari in tutte le fazioni, _v._ Armata e Doria. — Bravura
        di Hermosilla, II, 59. — Di Perez, II, 190, 215, 217. — Di Gil
        d'Andrada, II, 410, 413. — Temerità del Portondo, I, 162,
        380. — Stizza di don Garzia, II, 183, 191, 243. — Stranezze del
        Medina, II, 370, 380, 392, 404. — Follia dell'Ordugnèz, II, 391.
      Soldati prodi, I, 343; II, 240. — Fermezza, II, 217, 238. — Onore,
        II, 59, 85. — I venticinque, II, 44, 77. — Ammutinamenti, I, 327,
        339, 344; II, 81. — Jattanza, II, 306.
      Cappellani e pietà, II, 126, 203.

  Spalmare, sevo, brusca e spesa, II, 157.

  Specchio sinottico, cifre varianti, e cause, II, 21, 38, 40.
      Soldi e razioni, I, 112.
      Valute del vestito, I, 300.
      Valuta del vitto, I, 299.
      Armata a Corone, 1532, I, 307.
      Di papa Paolo, II, 22.
      L'armata della lega, II, 41.
      L'armata per Tripoli, II, 355.

  Spedale in Civitavecchia pei marinari, I, 242. — Sulle navi e sui
    grippi in Africa, II, 204, 207, 378.

  Spedizioni di guerra, _v._ Armata. Di pace, _v._ Navigazione.

  Sperone o Rostro, I, 283; II, 184.

  Spezia, occupata, I, 175.

  Spigone, asta, allungatrice, e valuta, II, 155.

  Spinola, fam. gen., Teodoro, I, 321.
      Agostino, I, 398.
      Girolamo alla Goletta, I, 418.
      Quirico, alle Gerbe, II, 355, 376.

  Spinosa, _v._ Arduini.

  Spuntone di marina, I, 219, 297, 441.

  Squadra romana per operazioni straordinarie, _v._ Armata e
    Navigazione.
      Squadra perm., I, 95, 257; II, 111.

  Squarciafichi Domenico, II, 23.

  Stabia, cast. dell'Orsini, _v._ Flaminio.

  Stato pontificio, dal Tronto al Po, fatto storico, I, 61.

  Stella di san Simone, ricordata, II, 102. — Stelle, _v._
    Astronomia naut.

  Stella, fam. civ., cap. Vincenzo, II, 258.
      Pietro, e suoi stemmi, I, 139.

  Stendardo, _v._ Bandiera.

  Stendardo, fam. nap., cap. Matteo, II, 282, 283.

  Stipa del calafato, e del pagliuolo, I, 366. — Materia d'incendio,
    I, 437.

  Stivatore, per calcatojo d'artig., II, 159.

  Storia, pel colorito, diversa dalla cronaca, I, 170. — Diversa dal
    romanzo per la verità, I, 183; II, 104. — Lo stile conforme alla
    materia, I, 7. — Le digressioni al bisogno, II, 273, 291; e le
    ripetizioni, II, 187. — I fatti grandiosi e i minuti, I, 7; II,
    334. — Gli esempi dei classici, II, 334. — La filosofia della
    storia, II, 335.
      Storia della marina negletta tra noi, I, 431; II, 119,
        292. — Storia tecnica, I, 183; II, 104. — Novità, I, 138. — Potrà
        essere cresciuta, non distrutta, II, 119. — Nè commentata, I,
        91.
      Storia municipale meschina, I, 263, 289; II, 125,
        292. — Genealogica, II, 277, 347, 349. — Orientale, II, 390.

  Stranezze e pronostici, II, 392.

  Strategia, scienza direttrice delle operazioni militari,
    _v._ Tattica.

  Straticopulo cav. Giammaria, II, 22, 75.

  Stroppo del remo, I, 368. — Numero, peso e valore, II, 161.

  Strozzi, fam. fior., Piero, maresciallo in Roma, II, 280, 301. — Nelle
    brighe del Moretto, II, 327, 339.
      Leone, gran marino, primo generale in Malta, I, 376. — Suoi fatti,
        II, 278, 358.
      Pandolfo, ricord., II, 280, 337.

  Stuoje di pagliuolo, II, 162.

  Sughero dei marangoni, II, 108.

  Sutri, _v._ Flacchi.


  Tabàc-rais, ajutante di Barbarossa, I, 382. — Alla Prèvesa, II, 49.

  Tadini, _v._ Martinengo.

  Taglia da paranco, I, 365. — Numero e valore, II, 157.

  Tagliaferro, II, 160.

  Tagliame, quantità di taglie, doc., II, 155, 157.

  Talamone, bruciato da Barbarossa, II, 124. — Occupato, I, 279,
    _v._ Peretti.

  Tappeto da poppa e schifo, II, 164.

  Tartana pei cavalli, II, 360.

  Tasso (dal), intagliatori. (Medio èvo, II, 472.)

  Tattica operativa, secondo i principî strategici nei fatti delle
    armate navali: Motore libero, oltre la vela, I, 297, 410; II,
    357. — Anche sull'Ocèano, II, 358. — Difficoltà dei legni a vela,
    II, 53, 71, 361.
      Armamento, I, 296, 397; II, 13, 346. — Secondo costume delle
        nazioni, II, 46.
      Raunanza, I, 307, 339, 400, 409; II, 39, 87, 98, 181, 279, 361.
      Conserva, I, 47, 162.
      Avvisi, I, 311, 323, 340; II, 373.
      Sortita in battaglia, I, 88; II, 77.
      Ostacolo al nemico, II, 362.
      Cacciata dal campo di operazione, I, 46, 311, 324; II, 44.
      Ordinanze diverse, I, 47; II, 49, 52, 53, 402.
      Convoglio, I, 309, 341; II, 98.
      Scorta, I, 21, 92, 179, 348; II, 25.
      Sorpresa, I, 174.
      Diversione, I, 330; II, 211, 362.
      Scaramuccia, II, 47.
      Combattimento, I, 165, 440; II, 89, 412.
      Scontrazzo, I, 342; II, 57, 408.
      Battaglia, I, 86, 93, 282.
      Ritirata, II, 406, 410.
      Ingresso violento, I, 94, 151, 341; II, 232.
      Uscita artificiosa, II, 341.
      Blocco, I, 84, 94, 280; II, 198.
      Ronda e scoperta, II, 231, 233.
      Guardia a' passi, I, 41, 48, 321; II, 33.
      Sbarco, I, 40, 150, 313, 413; II, 31, 99, 198, 386.
      Imbarco, II, 33.
      Attacco di fortezze, I, 315, 419; II, 79.
      Scale, I, 315, 318; II, 79.
      Macchine, II, 227, 233.
      Socc. alla piazza, I, 341; II, 213.
      Proibizione di soccorso, I, 342.
      Vittoria, I, 51, 77, 283, 330, 430; II, 91, 243.
      Ritorno, I, 77, 373, 431, 443; II, 243.

  Tedeschi, _v._ Germania.

  Telamone, _v._ Talamone.

  Tempesta all'Argentaro, I, 25. — Buriana in Catalogna, I,
    184. — Rabbiosa procella in Algeri, II, 102.

  Tenda, I, 366. — Misura e valore, II, 156, 159.
      Il Doria gabbato dalle tende di Dragut, II, 341.

  Tendale e tendaletto, I, 366; II, 156, 159.

  Termine, _v._ Vocabolo.

  Terni (da) cap. Gian Giulio, II, 23. _v._ Tommasoni.

  Terranina, cavetto di stoppa, II, 159.

  Terrapieno, sistema del Buonarroti ai parapetti, I, 206. — Alle
    basse muraglie, I, 225, 417; II, 396.

  Terzeruolo e Terzarolo, il remo sensile a tre per banco, I, 366. — A
    scaloccio di tre persone per remo, I, 117; II, 37, 156.

  Tesoro ricerco, I, 157.

  Teste di bronzo, anelli di orm., I, 139.

  Tevere: i due tronchi e l'isola sacra, II, 296. — Inondazione, rotta
    e nuovo letto, II, 316. — Ostia, II, 301, 304. — La Bovacciana, II,
    312, 319. — Ridotto alla foce, II, 312. — Navigazione e commercio
    di Roma, II, 296, 311. — Interrimenti alla foce, I, 197; II, 312.

  Timone e fornimento, I, 365. — Paranchinetti pel timone, peso e
    valuta, II, 161.

  Timonieri otto, soldo e razione, I, 112.

  Tolda, coverta suprema, I, 169.

  Toledo, fam. spag., don Garzia, II, 182. — Offende l'Orsino e lo
    Sforza, II, 183. — Triumviro in Africa, II, 192. — Nemico del Vega,
    II, 243.
      Don Fernando Alvarez di Toledo, _v._ Duca d'Alba.

  Tolentino (da) cap. Battista, II, 23.

  Tolfa, _v._ Frangipani.

  Tolone, stallìa di Barbarossa, II, 118.

  Tomacelli, fam. bol., Plinio, tutore di Giannandrea, II, 369,
    405. — Incastrato tra gli architetti, II, 395. — Suoi consigli
    diversi: andare alle Gerbe, II, 380. — Partirne, II,
    400. — Fermarcisi l'ultimo giorno, II, 405.

  Tomaini, fam. civit., ricor., II, 258.

  Tomassoni, fam. tern., col. Alessandro, II, 23. — Fer. alla Prèvesa,
    II, 33.

  Tonnellata e ragguaglio alla salma e alla botte, II, 324, 359.

  Tonneggio all'árgano, II, 233.

  Torre del Greco, occupata, I, 285.

  Torre Bovacciana, _v._

  Torri di Rodi, I, 210. — Di Afrodisio, II, 194.

  Torri pentagonali antiche, II, 196.

  Toscani, _v._ Fiorentini.

  Trafurella, I, 293.

  Trapani e l'armata di Tunisi, I, 430; e d'Afrodisio, II,
    191. — Spedali, II, 207.

  Trattato per la libertà del mare, I, 80. — Per Santamaura, I,
    54. — Per Tunisi, I, 429. — Per Afrodisio, II, 243. — Di Cave,
    II, 314. _v._ Lega.

  Tregua di Nizza, II, 26. — Di Cattaro, II, 82. — Di Ostia, II, 311.

  Trento e Concilio, II, 126.

  Trevisani cap. Ang., rotto sul Po, I, 73.

  Trevo, vela bassa e quadra, I, 366.

  Trinchetto, vela, albero, pennone ed antenna, I, 366. — Misure e
    valore, II, 155, 160.

  Trionfo, I, 77, 374, 431, 443; II, 243.

  Tripoli di Barberia, II, 361. — Feudo dei Maltesi, I, 293. — Perduto,
    II, 340. — Voluto ricuperare, II, 361. — Fortificato all'antica, II,
    374, 381. — Spedizione rivolta alle Gerbe, II, 382.

  Triremi antiche, _v._ Poliremi.

  Triumvirato in Africa, II, 192. — Disciolto, II, 243.

  Tromba e partenza da Rodi, I, 237.

  Trombe, conc., e valuta, II, 157.

  Trombetti, cap. calabrese, detto il Moretto, II, 294.

  Tromboncini di marina, I, 12.

  Tunisi, e antica dinastia Hafsita, I, 149, 152. — Ricetto ai pirati
    turchi, I, 141. — Occupata da Barbarossa, I, 386. — Descritta, I,
    415. — Spedizione contro Biserta, I, 145. — Tunisi sottomessa, I,
    425.

  Turchi sotto Bajazet, Selim, Solimano, _v._ detti nomi.
      Occupano l'Africa, I, 149, 377. — Assediano Rodi, I, 215,
        238. — Vagheggiano l'Italia, I, 4, 143; II, 110. — Mettonsi
        nella Puglia, I, 434. — Disertano le riviere, I, 140; II,
        178. — Passata di Barbarossa, I, 384. — La seconda, II, 117. — La
        terza, II, 124. — Dragut, II, 178. — La seconda coi Francesi,
        II, 248. — La terza item, II, 252. — La quarta, II, 343.
      Marinari vilissimi, I, 311, 342, 344. — Diventano arrogantissimi,
        II, 60, 417.
      _v._ Afrodisio, Algeri, Corone, le
        Gerbe, la Prèvesa, Santamaura, Tripoli, Tunisi.

  Tuttavilla Girolamo, conte di Sarno, sue prodezze, I, 320. — Ucciso
    in Africa, I, 418.


  Ufficiale, in genere, _v._ Capitano, Nobile, Padrone,
    Sopraccomito, Comito, Piloto, Commissario, Cercamare, Scrivano:
    in part., I, 112.

  Uffreducci, fam. ancon., Ottaviano, e sue Carte idrogr., I, 36.

  Ungheria salvata dal mare per div., I, 330.

  Urbino, e sua scuola di arch. milit., _v._ Architetto.
      Fam., _v._ Còrboli.

  Usciere, trasporto pei cavalli, II, 360.

  Uscita in battaglia, I, 88; II, 77. — Dall'angustie del blocco,
    II, 341.

  Usodimare, fam. gen., cap. Marco, I, 372.

  Utica, oggi Portofarina, approdo e incaglio, I, 413.


  Vaccari, fam. rom., cap. Vincenzo, e sue galere, II, 291.

  Valletta cav. Gio. rimbeccato da Dragut, II, 92. — Suo magistero,
    e termine del Moretto, II, 337. — La capitale del suo nome,
    II, 364.

  Valtraversa, fam. civit., II, 258.

  Varano, fam. camer., cap. Tommaso, II, 282.

  Vassello e Vascello, dim. di vaso; e nel senso di grosso naviglio
    di linea, non si usava nel tempo, però non ne parliamo,
    _v._ Nave.

  Vega don Gio., triumviro in Africa, II, 192. — Piglia il com.,
    II, 243.

  Vela quadra di nave, I, 168, 308. — Vela latina di galèa, novero e
    nomi, grandi, piccole, e di fortuna, I, 366. — Misure e prezzo,
    II, 160.
      La vela latina porta meglio all'orza, II, 410.
      Col vento in poppa fa orecchie di lepre, II, 65.
      Vela, motore economico pei mercadanti, accessorio pei militari
        in tutti i tempi, I, 297, 410; II, 357.

  Velame, quantità delle vele, II, 156.

  Velatura, effetto e giuoco, _v._ Vela.

  Vendita e compra, _v._ Galere.

  Venezia e Veneziani, possenti sul mare, I, 309; II, 41. — In lega a
    Santamaura, I, 37. — In guerra per Cambrè, I, 70. — Battuti alla
    Polesella, I, 75. — Libertà del mare, I, 80. — Contro i Francesi
    di Genova, I, 83, 91, 94. — E contro gli Spagnuoli, I,
    280. — Assaliti da Solimano lo ributtano da Corfù, I, 439; e da
    Cattaro, II, 85. — In lega con Carlo di Spagna, II, 15. — Così
    trattati da Carlo come da Filippo, II, 17. — Doppiezze, tardanze,
    abbandono, minacce, rapina, servitù, II, 83.
      Offesi dai pirati, I, 379; II, 341. — Mollano nel titolo; e
        stringono nel capestro, I, 4, 48.

  Vento, motore economico, _v._ Vela.

  Venturieri, e cap. di ventura, ultima fine, II, 323, 335, 339.

  Vernicale per Gavetta, doc., I, 366.

  Verrucchio da calafato, II, 160.

  Verruglio, variante di Verruchio, _v._

  Vertecchio tra i bozzelli, doc., II, 158.

  Vestimento di marinari e soldati, I, 110. — Di ciurma, pezzi, misure
    e valuta, I, 370; II, 156.

  Vetta, cánapo di manovra, I, 367. — Peso e valore, II, 161.

  Vettori, fam. fior., cap. Paolo, I, 125. — A Biserta, I,
    146. — Prigione, 161. — Riscosso, 163. — A Rodi, 169, 172. — Contro
    Francesi, 174. — Con papa Adriano in Spagna, 178. — Capitoli della
    condotta, 245. — Prede, 263. — Muore, 267.
      Piero, nobile di poppa, muore, I, 160. — Ricordo, I, 261.
      L'archivio perduto, I, 127.

  Viaggi marittimi, _v._ Navigazione.

  Viareggio e Carlo imp., II, 97. — Munizioni, II, 231. — Naufr.,
    II, 249.

  Vicenza, _v._ Scola, e Montenero.

  Vicovaro, castello degli Orsini, _v._ Filippo Orsini.

  Vigerio Marco giuniore, vescovo di Sinigaglia, com., II, 19.

  Villafranca, galere e darsene, _v._ Savoja.

  Villamarina, presso Genova, I, 85. (GIUSTINIAN, Dispacci,
    II, 116, dal nome dell'Ammiraglio.)

  Vinci (da) Leonardo col Borgia, I, 20, 51. — Fond. della scuola
    mista, I, 206.

  Viola Carlo di Civitav., marinaro bombardiere, I, 374.

  Visconti, _v._ Civitavecchia.

  Vitelleschi e palazzo in Corneto, I, 22.

  Vitelli, fam. tifern., cap. Alessandro, in Civit., I, 136. — Nel
    Regno, I, 285. — In Germania, II, 113.
      Chiappino in Africa, II, 181, 239.
      Giulio in Campag., II, 282, 283.
      Vitellozzo a Piombino, I, 19.

  Viterbo e i cav. di Rodi, I, 211. — Torri pentagone, II, 496.
      Fam., _v._ Bussi.

  Vitto giorn. di marinari, parti e valuta, I, 110, 299. — Di ciurma,
    I, 117.

  Vittoria a Santamaura, I, 51. — Alla Polesella, 77. — A Codimonte,
    283. — A Corone, 322. — A Patrasso, 324. — Alla Goletta, 421. — A
    Tunisi, 428. — Alla Girolata, II, 91. — Ad Afrodisio, 243. — Alle
    Cisterne delle Gerbe, 389.
      Vittoria dei Turchi alla Prèvesa, II, 57. — Ad Algeri, II,
        104. — Alle Gerbe, II, 409.

  Vocaboli marinareschi, antichi e comuni in tutta l'Italia insino al
    presente, II, 360.
      Vocaboli idrografici, nostrani ed antichi, voglionsi preferire
        agli stranieri e moderni, I, 207; II, 193, 385.


  Zaccaria, fam. gen., cap. Benedetto, e suo doc., II, 358.

  Zagaglia, _v._ Azzagaglia.

  Zambara Giovanni, ajutante del Martinengo, I, 221.

  Zane, fam. bol., cap. Marcantonio, ricordato, II, 148.

  Zara (da) cap. Marco, II, 22.

  Zara cap. Andrea, ricordato, I, 374.

  Zelo disordinato, II, 83.


NB. _Qualche errore caduto nella stampa è stato corretto nell'Indice._



INDICE DEL VOLUME SECONDO.


  LIBRO SESTO. — Capitano Gentil Virginio Orsini,
    conte dell'Anguillara. Parte seconda (1537-1548)    Pag.    5

  LIBRO SETTIMO. — Capitano Carlo Sforza, dei conti
    di Santafiora (1548-1555)                                 147

  LIBRO OTTAVO. — Capitano Flaminio Orsini, signore
    di Stabia (1555-1560)                                     273

  Indice alfabetico delle persone, dei luoghi e delle cose    419



                                                  N. O.

                                             F. G. PELLEGRINETTI.
                                             F. G. MARCHI.

                                                  Imp.

                                             F. G. M. SANVITO.



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, così come le
grafie alternative (Castelnuovo/Castelnovo, àncora/áncora,
archivi/archivî, dicerie/dicerìe e simili), correggendo senza
annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "La guerra dei pirati e la marina pontificia dal 1500 al 1560, vol. 2" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home