Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Capitale e mano d'opera - Le Commedie, vol. 1
Author: Carrera, Valentino
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Capitale e mano d'opera - Le Commedie, vol. 1" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



CAPITALE E MANO D'OPERA



                               LE
                            COMMEDIE
                               DI

                        VALENTINO CARRERA


                                ..... Se voeren sti poetta
                            Ciappottan i passion, moeven el cœur,
                            Hann de toccann i tast che ne diletta,
                            Ciapann, come se dis, dove ne dœur;
                            Senza andà sui baltresch a tirà a man
                            I coregh e i scuffion gregh e roman!

                                                  CARLO PORTA.


                          VOLUME PRIMO



                             TORINO
                     TIPOGRAFIA L. ROUX E C.
                              1887



_L'editore e l'autore, osservati tutti gli obblighi, intendono di fruire
di tutti i diritti della proprietà sia per la riproduzione e la
traduzione, che per la rappresentazione._

                                                                (918)



CAPITALE E MANO D'OPERA

COMMEDIA IN QUATTRO ATTI.



NOTIZIA


Portare sul palco scenico la lotta così altamente drammatica e moderna
fra i capitali dell'ingegno e del danaro e la mano d'opera, e trarne per
conseguenza, senza danno dell'arte, non il troppo facile eccitamento
all'odio ed alle rappresaglie cieche e selvaggie, ma il convincimento
dell'inevitabile ed urgente necessità di armonizzare tutti gli interessi
senza ferirne alcuno, non era, or sono sedici anni, cosa tanto agevole
quanto possa ora supporre il lettore: la era anzi temeraria.

Tutti i comici hanno sempre avuto una dichiarata avversione per ogni
lavoro che inspirandosi alla vita contemporanea, metta in iscena
personaggi desunti dall'osservazione del popolo, per quanto questo sia
l'unica sorgente sempre viva e feconda dell'originalità; e così l'autore
della _Quaderna di Nanni_, fallitogli il tentativo di fondare con
Raffaello Landini, uno dei più potenti comici ed intemerati galantuomini
ch'egli abbia conosciuto nell'arte, un teatro popolare toscano, come
Giovanni Toselli aveva fatto nel dialetto piemontese ed Angelo Morolin
nel veneziano, s'era dovuto contentare, per farla battezzare dinanzi
alla severa autorità del pubblico fiorentino, d'una compagnia di
second'ordine. Buon per lui che la compagnia, per eccezione, era
composta di attori volonterosi ed ordinati, e questo per attori italiani
equivale sempre al dire capaci d'ogni più bello ed inatteso miracolo.

Per quest'altra, scritta allora appunto che ogni mente era
affannosamente rivolta verso la Francia agonizzante in preda al delirio
del vizio e della paura, aveva trovato di primo acchito il migliore di
quanti capicomici abbia avuto l'Italia dopo Gustavo Modena: Luigi
Bellotti-Bon, uomo di iniziativa se mai ce ne fu, sempre vago di novità
ardite, largo dispensatore di benefizi e di incoraggiamenti, e grande
raccoglitore, da ogni parte, di ingratitudini. Ma nè la sua autorità, nè
l'esempio di due valorosi attori, Luigi Biagi ed Enrico Belli-Blanes,
valsero a vincere nè la prima attrice ricusante la sua parte alla prima
prova, nè altri che aveva chiaramente dimostrato di voler fare
altrettanto quando non vi si fossero opposti i suoi obblighi più
espliciti..... Erano tutti da compatire; s'era in piena fioritura di
declamazioni sonanti e di cincischiature incipriate, e la stampa, meno
pochissime eccezioni, non aveva ancora cercato di persuadere attori e
pubblico che le scene popolari o rusticane possono senza sfregio di
chicchessia passare, quando le anima l'arte, dai teatri minori ai
maggiori: lo Zola aspetterà del resto altri dieci anni a muovere la sua
campagna contro quel pasticcio di istrionismi e di luoghi comuni che è
il teatro quando non rispecchia schiettamente la vita.

È bensì vero che l'Italia, avendo GOLDONI, non dovrebbe aver punto
bisogno di altri per richiamare la drammatica all'osservazione del vero,
che è quanto dire del nostrale; ma Dio buono, che sarebbe di noi se le
nostre Alpi — troppo più alte assai dell'orgoglio nazionale — ci
impedissero per ventiquattr'ore di scimmiottare i francesi in ogni cosa?
A farla corta, la commedia rappresentata (la sera del 3 aprile 1871)
colla mosca al naso dinnanzi al pubblico non ostile, ma non avvezzo e
non preparato del _Niccolini_ ad un tuffo così improvviso nella vita
reale fra il contrasto acerbo e stridente dei principali e degli
artefici, il martellare sulle incudini ed il vociare degli scioperanti,
cadde. Dopo la caduta il calcio dell'asino, va da sè; e gli asini, con
tanto dilettantume a tempo ed ingegno avanzato, molti.

Ma se il mestiere è tale che del teatro fa troppo spesso la casa di
Caino, l'arte, la Dio mercè, è tutt'altra cosa! Si capisce: il mestiere
campa di puerilità e di vanità e non può aspirare che al trionfo
esclusivo e brutale dell'io; mentre l'arte che vive di sentimenti
generosi e di pensieri nobili, che cerca la bellezza nella verità, che
anela ad alti ideali nel concetto come nella forma, sdegna di farsi
l'eco meschina di ogni ciancia vuota e maligna, ed invece di gongolare,
sotto la maschera posticcia della critica improvvisata, dell'insuccesso,
inspira quattro compagni in cui il cuore è all'altezza del valore. Paolo
Fambri, Luigi Suner, Angelo De Gubernatis e Paolo Giacometti di cercare
l'autore, e di dire e fare quanto occorre per persuaderlo a ripresentare
il lavoro in altre condizioni di ambiente e di interpretazione. Nè
basta: trova anche il capocomico per la ripresa, Alessandro Monti, un
capitano che dirige la sua compagnia con quella disciplina senza di cui
non c'è salvezza nemmeno in arte e che fa miracoli anche sulla porta
dell'inferno. E il miracolo succede a Ferrara, e che fior di miracolo!
Il rovescio della medaglia addirittura. La commedia comincia subito il
suo giro, e il miracolo, qui sta il buono, a provare che il successo di
Ferrara non è stato un ripicco, si ripete a Milano, a Torino, a Genova,
a Venezia, a Roma, a Bologna, nei teatri più riputati. A Firenze, qui
sta il bello, come e meglio che altrove. A Napoli, dove arriva dopo la
bellezza di dieci anni, e qui sta il meglio, la stampa la proclama una
buona azione. C'è dell'altro a Napoli: finita la stagione, la vogliono
ancora sentire, a scopo di beneficenza, in teatro più vasto che non sia
il _Sannazaro_, e per allestire l'atto dell'officina incaricano non il
trovarobe e l'attrezzista del _S. Carlo_, ma lo stabilimento di
Pietrarsa, il quale manderà macchine a vapore vere e quaranta operai
verissimi... Eh? quando sono d'accordo tutti a dire di sì! Eppure la
commedia è la stessa...

L'autore ha voluto che si ricordassero queste peripezie così diverse per
sciogliere il suo debito verso Paolo Fambri, Luigi Suner, Angelo De
Gubernatis e Paolo Giacometti, veri fratelli d'arte; verso i capicomici
Luigi Bellotti-Bon ed Alessandro Monti ed i migliori interpreti che
abbia avuto la sua commedia: Luigi Biagi, Enrico Belli-Blanes, Giovanni
Ceresa, Giovanni Emanuel, Francesco Ciotti, Gaspare Lavaggi, Salvatore
Rosa, Odoardo Sobrio, Cesira Monti, Amalia Casilini, Celestina
Jucchi-Bracci e Pia Marchi-Maggi.

Si deve ricordare anche una sconfitta, egli dice, quando è per trarne
argomento di lode ai compagni, e si può rammentare anche una vittoria
quando è per darne loro il merito principale.



INTERLOCUTORI


  CARLO VALORI.
  EGISTO VESPUCCI.
  AGNESE, moglie di Carlo, e figlia di
  ANNA.
  FRANCESCO SAVELLI, capo-fabbrica.
  MATILDE, sua moglie.
  FAUSTINI, industriale.
  BOBI     }
  MARTINO  }
  ORESTE   }
  CENCIO   } operai di varie provincie.
  GENNARO  }
  AMBROGIO }
  BARTOLO  }
  CARLOTTA, serva in casa Valori.
  CESARINO, fanciullino, figlio di Valori.
  ROSINA, bambina che non parla, figlia di Savelli.
  Operai di Valori e di altre officine.


Il primo atto a Firenze, gli altri a Belmonte.



ATTO PRIMO

   Salotto in casa Valori. — Tre porte: una nel mezzo in fondo,
   che è la comune; un'altra, a destra dello spettatore, che mette
   nel quartiere di Carlo; e l'ultima infine, a sinistra, che dà
   nelle stanze di Egisto. — Sulla scena: in fondo, a destra, uno
   stipo antico, sul quale sta un orologio a pendolo in mezzo a
   due candelabri di bronzo dorato a viticci; a sinistra,
   parimenti in fondo, un pianoforte. — A filo di sipario due
   tavolini; uno a destra che serve per la colezione, ed un altro
   a sinistra con libri, giornali ed oggetti da ricamo. — Una
   poltrona accanto al tavolino a destra. — Seggiole in fondo ed
   accosto al tavolino a sinistra. — Appesi alla parete in fondo i
   ritratti di Franklin e Ghiberti. — È giorno e di primavera.


SCENA I.

_All'alzarsi del sipario suona una mezz'ora all'orologio a pendolo, ed
entra dal fondo CARLOTTA con alcuni giornali che va a deporre sul
tavolino a sinistra. EGISTO fuori di scena._


CARL. — Già le dieci e mezzo! _(si leva in fretta lo scialle, lo butta
sopra una seggiola in fondo e si pone a spolverare)_ Con quel giovine,
non c'è che dire, il tempo passa presto! Sarà anche lui come gli altri;
ma alla peggio ritorno al paese e mi sposo Ciapetto: tanto di servire
sono ormai stucca!... Questa è tutt'altro che gente cattiva; ma bisogna
stare tutto il giorno in cucina e non si desina mai all'istess'ora! Se
non mi ricattassi sulla spesa, davvero li pianterei. Ne ho fatti sette
dei padroni in un anno; ne farei otto: alla fin fine ci sono più padroni
che servitori ora. Sarà già svegliato il cavaliere? _(forte verso la
sinistra)_ Signor cavaliere, sono le undici, sa?

EGISTO _(fuori di scena a sinistra)_. — Davvero? Vengo, vengo subito.

CARL. — Benedetto lui che almeno lascia tutti in pace!


SCENA II.

_AGNESE dal fondo. DETTA._


AGNESE. — Carlotta, dove sei stata finora?

CARL. — Gli è un bel pezzo che sono tornata. Non vede che ho già
spolverato?

AGNESE. — Dove spolverato? Guarda!...

CARL. — Spolverato, io ho spolverato; se poi suo marito, che è sempre
carico di polvere e di carbone...

AGNESE. — Almeno non cercar pretesti; tu sei giunta proprio ora.

CARL. — Dunque mi crede capace di dire una bugia?


SCENA III.

_ANNA dalla destra. DETTE._


AGNESE. — Una no, molte, e questo mi dispiace assai.

ANNA. — Che cosa c'è ora?

AGNESE. — C'è che Carlo ha raccomandato di tener pronta la colezione per
le dieci e mezzo, e lei arriva in questo momento.

ANNA. — Spicciati dunque. _(ad Agnese)_ Mezz'ora prima, mezz'ora dopo
per la colezione non monta... Carlo aspetterà; aspetto io!

CARL. — La sente che non c'è tanta furia?

AGNESE. — Carlotta! _(ad Anna)_ Vedi, mamma?...

ANNA. — (Ha ragione). _(a Carlotta)_ Ciò non toglie che tu pigli ogni
pretesto per star fuori di casa delle ore che non finiscono mai. Che
alla domenica tu voglia vedere il damo, poichè ormai il damo ci ha da
essere, passi...

CARL. — Ma io non ho punto dami...

ANNA. — E chi era quel soldato che ti accompagnava al mercato ieri?

CARL. — Ah! quello... è un cugino.

ANNA. — Cugino od altro che sia, non tollero che tu stia fuori di casa
più del necessario.

CARL. — Ma io non ci sto più del necessario... (Anzi!...)

ANNA. — Vuoi tacere una volta? Prima di te la Mea in mezz'ora andava e
tornava.

CARL. _(avviandosi)_. — (Bel merito, aveva settant'anni lei!...)

AGNESE. — Va, va a preparare la colezione.

CARL. — (Se non mi ricattassi sulla spesa, otto ne farei, otto!) _(via
dal fondo)_

AGNESE. — Anche la Giulietta non torna più con Cesarino...

ANNA. — È inutile far discorsi. Le serve oggi o non sanno far nulla, o
bisogna lasciarle fare a loro modo. _(siede)_

AGNESE. — Vuoi che ti suoni qualche cosa, mamma?

ANNA. — Per carità, lascia stare la musica; stamane ho i nervi in
convulsione... Dà piuttosto un'occhiata ai giornali.

AGNESE. — Guardiamo se c'è qualche novità _(siede e legge)_
«Dimostrazioni..... Risse..... Burrasca alla Camera..... Tumulti...
Bollettino meteorologico: calma nelle coste».

ANNA. — Meno male che le coste le abbiamo tranquille.

AGNESE. — Non c'è proprio nulla. Gli stessi dispacci di ieri sera. I
morti, e dopo i morti subito quelli che prendono moglie. _(legge)_
«Appendice: Ulisse Grant, il presidente degli Stati Uniti e la sua
famiglia». _(breve pausa)_ Oh senti che dice Grant di sua moglie.
_(legge)_ «Io le debbo gran parte della mia fortuna e tutta la mia
felicità, perchè essa mi ha recato in dote, oltre ad un raro buon senso,
una di quelle educazioni che rendono la donna quasi indipendente
dall'uomo, e fanno sì che la moglie possa fare per la famiglia quanto il
marito, senza rinunziare alle prerogative che fanno così cara ed amabile
la donna». Da noi una donna siffatta sarebbe quasi impossibile. Da noi
nella donna non si pretende nè educazione seria, nè carattere: un po' di
bellezza, un po' di dote, un po' di virtù... tanti pochi che non
riescono a fare un intiero.

ANNA. — Oh! avessero altrettanto i mariti!

AGNESE. — E quel che è peggio non ci offendiamo del poco o nulla che si
richiede da noi.

ANNA. — Quand'anche l'avessimo a male, dove sono da noi gli uomini come
Grant? Per poco che si valga noi donne, sempre più di loro!

AGNESE. — Perchè non si potrebbe anche noi meritare che un uomo onesto
ed attivo, ce ne sono anche da noi, dicesse: mia moglie vale quanto me?

ANNA. — Ma guarda che idee ti frullano in capo stamane! Una moglie
quando tiene una buona condotta, ed ha cura della casa e dei bambini, ha
fatto il suo dovere. E per tua regola quando un marito porta ai sette
cieli le donne che si occupano d'affari, sta pur sicura che lo fa per
questo solo scopo: risparmiare il segretario e bandire la modista.


SCENA IV.

_CARLO dal fondo col cappello in mano. DETTE._


CARLO. — Oh! Buon giorno a tutti. Non è ancora pronta la colezione?

AGNESE. — Corro a sollecitare...

ANNA. — Aspetta: non c'è ancor mio fratello; quando sarà pronta si
mangerà.

CARLO. — (Oggi mi vuol pigliare colla fame!) Egisto, sono le undici,
sai?

EGISTO _(fuori di scena a sinistra)_. — Ma se sono bell'e vestito... Se
vengo subito subito!

ANNA _(ad Agnese sottovoce)_. — Guarda come s'è ridotto: un orrore!

AGNESE. — È tanto occupato!

ANNA. — Di' piuttosto che tu non sai fare.

CARLO _(verso la sinistra)_. — È l'alba... dei tafani; ma con un po' di
coraggio! — Natura felice cui il tempo buttato non pesa! — Dov'è
Cesarino che non lo sento?

AGNESE. — È ancora al passeggio con Giulietta.

CARLO. — Non è mica venuto il signor Faustini?

AGNESE. — No, finora. Carlotta, quando sia in ordine...


SCENA V.

_CARLOTTA dal fondo con una carta. DETTI._


CARL. — Subito. La sarta ha recato il conto della signora, _(accenna ad
Anna, e poi ad Agnese)_ e domanda a lei se non vuol farsi un abito da
estate. Dice che ha ricevuto un bellissimo assortimento di stoffe.

ANNA. — Dille che passeremo da lei. _(Carlotta esce dal fondo)_

AGNESE. — Sei contento, Carlo, che mi faccia un abito? _(seggono al
tavolo a destra)_

CARLO. — Se ne hai necessità, contentissimo!

AGNESE. — Necessità veramente, no; anzi, se ti disturba fare ora questa
spesa, non ne parliamo altro.

CARLO. — Più tardi, se non ti rincresce.

ANNA. — (L'ho detto io: bandire la modista).

AGNESE. — Allora sai che cosa faccio per i bagni, mamma? Un paio di
vestiti di tela, eleganti e costano poco...

ANNA. — (Zuccona!)


SCENA VI.

_CARLOTTA con un grande vassoio su cui sta preparata la colezione, dal
fondo. Quindi EGISTO dalla sinistra in veste da camera. DETTI._


CARLO. — Agnese, tu mi metti senza volerlo nella condizione di parerti
scortese: non so se quest'estate potremo andare ai bagni; ma temo assai
di no.

AGNESE. — Per qual motivo, Carlo?

CARLO. — Per quel motivo _(fa il gesto di contar danaro)_ che non si
dice.

ANNA. — Siccome però io non sto senza andare ai bagni, e sopratutto poi
non sto senza mia figlia, essa verrà con me.

AGNESE. — Ne parleremo. Sicchè vieni, zio?

EGISTO _(dalla sinistra)_. — Ma se sono qui!... Buon giorno. sorella...
Un bacio, bella nipote... Me lo permetti sempre un bacio a tua moglie?

CARLO. — Si; ma siediti una volta, e bada che la bistecca si raffredda.

EGISTO. — Bistecca? Mi pare anche un po' abbrustolita. Carlotta, si vede
che tu ci hai il damo!

CARL. — Se lei avesse appetito!

EGISTO. — Da mangiare carne no. Ieri sera ho cenato al Club tardissimo.

ANNA. — Avrai fatto un'indigestione.

EGISTO. — Perchè ho cenato male. Una buona cena si digerisce sempre
bene. Più tardi andrò da Doney a prendere la mia granita al caffè colla
panna. Se vorrai tenermi compagnia, Carlo...

CARLO. — No, no; io tiro più al sodo. Vedi, mangio anche la tua... Già
sono così piccole...

CARL. — Sono come le dànno.

CARLO. — Le dànno come si pagano.

CARL. — Vorrebbe forse dire?

CARLO. — Dire no, vorrei mangiare, che oggi fino alle sei e mezzo non
posso venire a desinare.

ANNA. — Per me terrai pronto per le sei come al solito.

AGNESE. — Via, si vedrà!... Guarda di venire mezz'ora prima. _(Carlotta
esce dal fondo)_

EGISTO. — Tu sei sempre sicuro di avere appetito... Come t'invidio!

CARLO. — Senti. Alle sette io era già alla stazione; alle nove a cercare
del Faustini al palazzo Belmonte...

EGISTO. — In via Larga.

CARLO. — In via Cavour; alle dieci in dogana a porta al Prato, alle
dieci e tre quarti in casa.

EGISTO. — Se io mi fossi fatto scarrozzare tre ore sarei morto.

CARLO. — Che scarrozzare? A piedi. Ho fatto i miei affari, ho acquistato
quest'appetito che ti fa invidia, ed ho risparmiato sei lire, due
giornate di un lavorante.

ANNA. — (Ed è dei Valori!)


SCENA VII.

_CARLOTTA, quindi FAUSTINI dal fondo. DETTI._


CARL. — Il signor Faustini...

ANNA. — Aspetti, ci lasci far colezione, torni.

CARLO. — No, venga, venga subito, che lo aspetto per un affare di
premura. _(si alza e butta il tovagliolo sulla spalliera della sedia)_

AGNESE. — Finisci almeno di far colezione...

CARLO. — Non posso, mi rifarò a pranzo... _(a Faustini)_ Favorisca nel
mio studio.

FAUST. — Signori... _(esce dalla destra seguito da Carlo)_

ANNA _(alzandosi con istizza)_. — Non potere star tranquilli un momento,
non poter mangiare un boccone in pace, che è una vita questa?

EGISTO. — Hai mille ragioni: una casa come la nostra per ordine e
tranquillità non si trovava in tutta Toscana; e ora!... Ma perchè non ha
voluto proseguire la sua carriera di ufficiale di Stato maggiore? Perchè
non ha fatto come me, un bel nulla? Ci si abitua così presto!

AGNESE. — Carlo non è ricco come sei tu.

EGISTO. — O che pregiudizio! Si può far nulla con pochissimo; anzi, ci
sono tanti che riescono a far nulla con nulla!

ANNA. — Che nulla, che pochissimo! Carlo aveva le sue ottantamila lire;
e colla tua dote, vivendo tutti assieme, io col fatto mio, tu colla tua
rendita, si stava come tante pasque. Ma no, bisogna che egli sia tale
quale suo padre! Suo padre possedeva centomila scudi, nientemeno. Ebbe
la disgrazia di inventare una macchina a vapore, e quando tutti i
giornali parlarono di lui, quando fu proprio celebre, fece punto, e fu
bazza che si salvasse un sesto della sua ricchezza... e non dico il
peggio!

EGISTO. — Povero Pietro!

ANNA. — E il figlio, per profittare della bella lezione, appena tornato
dalla sua missione in Germania, mi tira subito fuori di cantina quelle
care macchine del babbo, e per non essergli da meno in nulla, m'inventa
anche lui non so che metodo di fusione, che semplificazione d'argani!

EGISTO. — No, no, se fosse dipeso da me non ci sarebbe la polvere, e me
ne tengo. Una sola volta, in un accesso di passione culinaria, ho
inventato un fritto di asparagi croccanti; ma mi sono fermato subito lì!

ANNA. — Lui invece, invasato come suo padre da una febbre infernale, va
ad impiantarmi officina non so dove, spendendovi tutto quanto il fatto
suo, tutto quanto trova in imprestito; e noi, questo non me lo perdonerò
mai, noi assistiamo stupefatti, intontiti, senza fiatare, allo
spettacolo di tanti bei quattrini che presto presto si mutano in cadute
d'acqua senza acqua, in macchine a vapore senza vapore, in ruote dentate
senza denti... Lui su e giù per la ferrovia carico di modelli e di
disegni, coperto di polvere e di carbone; in casa un via vai di faccie
proibite, col cappello inchiodato sulla memoria, che bestemmiano, che
puzzano di sego, di tabacco e di catrame, e sputano sui tappeti! Ma che
meraviglia? Egli è democratico; gli pesa di essere il cavalier Valori;
crede alla libertà e vorrebbe educare quella cara roba che è il nostro
popolino! Ma perchè, ma a quale scopo tutto quest'inferno? _(con
solennità ironica)_ Ve lo dico io: per fare l'Italia! — Va là babbuino,
che quando l'avrai fatta avrai fatto una gran bella cosa!

EGISTO. — Ma prima di fare l'Italia io al suo posto comincerei a far
colezione!

ANNA. — Ma ci sono ancora io, vecchia, ma sana, grazie a Dio, di corpo e
di mente...

EGISTO. — E di polmoni!

ANNA. — ... Che conosco tutto il pericolo di cui può esser vittima, e
che ad ogni costo lo voglio salvare, e lo salverò!

EGISTO. — E lo salveremo, per Bacco Baccone!

AGNESE. — Questo pericolo è tutto per il nostro avere?

ANNA. — Oh! se non fosse questione che di denari!

AGNESE. — E di che altro può essere?

_(Voce di Carlo a destra)_.

ANNA. — Zitta! Senti, senti!

CARLO _(fuori di scena a destra)_. — Dica piuttosto che vuole burlarsi
di me!

FAUST. _(come sopra)_. — La chiama una burla una tale proposta?

CARLO _(come sopra)_. — Sì, perchè non si può fare sul serio...


SCENA VIII.

_FAUSTINI e CARLO dalla destra. CARLOTTA dal fondo viene a prendere il
vassoio, ed esce. Gli altri si raccolgono presso il pianoforte in
contegno di gente occupata a guardare musica._


CARLO. — ... Perchè le cinquantamila lire che mi offre per essere mio
socio comproprietario, non sono neanche proporzionate al costo
dell'impianto della sola officina senza le macchine.

FAUST. — Oh bella; si sa bene che chi impianta non si arricchisce.

CARLO. — Grazie dell'augurio, e tronchiamola. Non glie l'ho offerta la
società alla fin fine!

FAUST. — No, ma io ho sentito che si trovava in bisogno di un
capitale...

CARLO. — Oh! se lei avesse ad offrire la sua società a tutti quelli che
hanno bisogno di un capitale!

FAUST. — Ebbene, senta: la scadenza delle sue cambiali non è lontana; io
le darò ventimila lire in contanti e straccio le cambiali... Pensi che
ella potrebbe anche non avere il capitale alla loro scadenza.

CARLO _(con uno sguardo ad Egisto)_. — È quasi trovato, spero, e ad
interesse onesto.

FAUST. — Come sarebbe a dire, onesto?

CARLO. — Onesto... come disse Dante, per dir cortese.

FAUST. — Sia come vuole... ma io credeva...

CARLO. — Di trovarmi senza credito, addirittura disperato, e mi offriva
questa sua bella società... Grazie tante! Ma il piano di sopra non l'ho
spigionato; distinguo ancora il cuore dal calcolo, per quanto sublime.

FAUST. _(avviandosi)_. — Bene! bene! Non le fa? Amici come prima.

CARLO. — Bravo, come prima. _(escono dal fondo parlando)_

EGISTO. — Io sudo freddo! Anche delle cambiali in giro? Come potrà
pagarle?

ANNA. — Pigliando ad imprestito, tal quale suo padre, di qua per pagar
là, e di là per pagar qua; finchè un bel giorno i nodi arrivano al
pettine: disperazione, fallimento! E per suo padre fu anche peggio!

AGNESE. — Madre mia, tu mi spaventi, e se non sapessi di essere amata,
molto amata da te...

ANNA. — Non mi crederesti? Ma io amo te e amo anche lui, e perciò voglio
che da noi tre si prenda un partito decisivo, immutabile.

EGISTO. — E prendiamolo, che si possa una volta stare in pace, dormire
fin che si vuole, e mangiare un po' per bene ad un'ora fissa!

ANNA. — Dunque attenti, e pensiamo che si tratta dello avvenire della
famiglia. Tu, fratello, non hai che a fare una cosa.

EGISTO. — Per carità che non sia troppo difficile. Mi chiamo Vespucci,
ma sento che l'America non l'avrei neanche saputa battezzare.

ANNA. — Carlo sa che tu tieni il patrimonio parte in cartelle dello
Stato, e parte disponibile nel tuo portafoglio...

EGISTO. — Vorresti forse che io mettessi quest'ultima a sua
disposizione?

ANNA. — Ma si tratta appunto di negargliela!

EGISTO. — Meno male, e questo è facile.

ANNA. — Non quanto credi. Tu non sai l'eloquenza che dà il bisogno e
l'illusione a quella sorta d'uomini.

EGISTO. — Ma se non me ne ha mai parlato!

ANNA. — Te ne parlerà. Non hai notato lo sguardo che ti diede parlando
col Faustini del capitale ad interesse onesto? Eccolo; entriamo nella
tua camera; là vi dirò quanto deve fare ciascuno di noi.

EGISTO. — Mi rincresce che troverete tutto in disordine.

ANNA. — Si tratta appunto di disordine. _(via dalla sinistra)_

EGISTO. — Coraggio, Agnese, siamo in tre! _(le porge il braccio e
s'avvia a sinistra)_

AGNESE. — Eppure, mentre obbedisco a mia madre senza fiatare, sento una
voce che mi suggerisce, non di osteggiare il mio povero Carlo, ma di
confortarlo.

EGISTO. — Ma che ti gira? Se, dopo la mia invenzione, avessi ascoltato
le voci, in casa non si mangerebbe altro che asparagi croccanti! Ma se
Carlo non può proprio stare senza inventare qualche cosa, m'inventi
degli altri figliuoli; saranno sempre più belli delle sue macchine.


SCENA IX.

_CARLO dal fondo. DETTI._


CARLO. — Egisto, avrei da dirti due parole; lasciaci un momento, Agnese,
se ti annoia sentir parlare di affari.

EGISTO _(sottovoce ad Agnese)_. — Che sia già il momento della stoccata?

AGNESE. — Lascia parlare il tuo cuore! _(via dalla sinistra)_

EGISTO. — (Lo credo io!... risponde picche!) Dunque c'hai proprio un
discorsino che non puoi tenere in corpo?

CARLO. — Egisto, tu mi hai mille volte protestato di essermi più che
parente, amico.

EGISTO. — Se non desideri altro, seguito a protestare io.

CARLO. — Senza scherzo, tu sai che la Casa Richard di Marsiglia mi deve
pagare fra tre mesi la somma di oltre sessantamila lire pattuita per gli
argani di cui ho incominciato a spedire una parte. Ora, sebbene io sia
sicuro di questo pagamento che mi porrà in grado di attendere ad ogni
impegno, vorrei tuttavia, per fare il lavoro con quella esattezza che è
impossibile col coltello alla gola delle cambiali, che tu m'imprestassi,
sopra ipoteca di privilegio, quarantamila lire.

EGISTO. — Quelle che tengo nel mio portafoglio... (Sorella profetessa!)

CARLO. — E ciò per quel termine ed a quell'interesse che a te piacerà
fissare, poichè fino dal primo del prossimo agosto io ti posso pagare
con gli argani.

EGISTO. — Abbi pazienza; ma nemmeno cogli argani me li pigli! (Questo è
stato facile).

CARLO. — E perchè? Là, francamente, senza riguardi.

EGISTO. — (Questo sarà più difficile!) Senti, mi fu detto, non lo dico
io, che la tua officina non può reggere un'ipoteca di quarantamila lire.

CARLO. — Tu scherzi: non hai inteso che Faustini finiva or ora per
offrirmi sessantamila lire della sola società?

EGISTO. — La cosa è ben diversa: Faustini è un industriale, può
arrischiare, mentre io... E poi ho quasi deciso di fare un imprestito ad
un'opera pia, e di comprare delle cartelle coi premi. Tu non puoi darmi
altre guarentigie, e premii poi... Parliamo dunque d'altro.

CARLO. — Senti, Egisto, dacchè sono tornato dall'estero, dacchè mi sono
gettato nell'industria, io non ti ho mai parlato dei miei progetti.

EGISTO. — Questa giustizia te la rendo volentieri: tu hai subito capito
che... io non avrei mai capito, e mi hai sempre risparmiato il
racconto... Dunque parliamo d'altro, bravo.

CARLO _(ridendo)_. — Ma oggi non la scappi più!

EGISTO. — Oh Dio! E non si può davvero risparmiare questa bella istoria?
No? Pazienza! Ma posso almeno sedere? _(Carlo gli porge una seggiola)_
(Sentiamo l'eloquenza del bisogno).

CARLO. — La mia officina mi costa centotrentamila lire; ma un altro non
la fabbrica con duecento mila, perchè quella la ho fatta io pietra su
pietra, coll'esperienza lasciatami da mio padre, col frutto dei miei
studi e dei miei viaggi, e colla sollecitudine di chi spende tutti i
suoi risparmi... ho fatto dei risparmi da ufficiale, non dico di più! Ma
perchè ho resistito alla indifferenza dei concittadini, alla tepidezza
degli amici, alla ostilità di qualche parente? Perchè non mi contento di
vegetare coi ferri di vergella, o, per dir meglio, perchè mi sono
gettato in questa impresa?

EGISTO. — Non l'ho mai capito, e non lo capirò mai, te l'ho detto.

CARLO. — Perchè ho fede nella mia invenzione, fede nell'industria
nazionale. Tu forse non hai mai pensato ciò che mi insegnano quei due
ritratti di Franklin e di Ghiberti?

EGISTO. — Non meravigliartene; penso così di rado io!

CARLO. — Il Franklin m'insegna il lavoro, il risparmio, ed il Ghiberti
che per fare le porte del Battistero dovette lavorare ventitrè anni.
Egli era un genio, e fece le porte del Paradiso. Se io non sono un
genio, la colpa non è mia; ma se dopo la mia morte si dirà che ho fatto
il mio dovere come uomo e come cittadino, a me pare che avrò spesa bene
tutta la vita.

EGISTO. — (Che brav'uomo!) Si può essere d'opinione diversa, ma non si
può negare la propria ammirazione per tanto coraggio e per tanta fede.
Ne hai per tutti e due tu.

CARLO. — Sì, fede, sopratutto fede, perchè io sono di quegli ottimisti a
tutta prova, che credono alla libertà ed al progresso. Dopo pochi anni
di lotta, molti si accasciano stanchi e sfiduciati. Lo credo io, non
hanno sognato e tentato che per distruggere! A noi invece è cresciuto
l'animo, e ci accingiamo, non più alla sterile lotta che demolisce e non
rifà, ma alla grande e feconda opera dell'edificare.

EGISTO. — Bravo e Dio t'aiuti. Vuoi intanto una presa?

CARLO. — Mi studierò di essere brevissimo.

EGISTO. — Benone.

CARLO. — O io non capisco nulla, o i mali più funesti alla nostra
industria sono indifferenza nelle classi elevate ed ozio ed ignoranza
con tutte le loro conseguenze nel popolo.

EGISTO. — Povera gente! Ma che conti adunque di fare?

CARLO. — Provare, io di famiglia patrizia, alla classe elevata che
invece di tenere il suo capitale sott'olio in cantina, lo può affidare
con vantaggio all'industria...

EGISTO. — Bravo!... parla del capitale.

CARLO. — Ma non possiamo avere industria col solo capitale, ci vuole la
mano d'opera.

EGISTO. — Peccato!

CARLO. — Non basta il principale; ci vuole l'operaio attivo,
intelligente, sicuro; e per averlo tale, bisogna sollevare il popolino
dalla miseria morale e materiale in cui giace, instillandogli il
sentimento della dignità e l'istruzione dei suoi doveri.

EGISTO. — Senti; il popolino, anche quello che lavora, è cascato nelle
grinfe dei sobbillatori della piazza: anzi, mi pare già di vedere in
aria i nuvoloni della tempesta... Scappa!!

CARLO. — Bravi! per vincere la tempesta non trovate nulla di meglio che
fuggire od evitare di parlarne! Andarle incontro bisogna, far dieci
passi quando lei non ne fa che cinque; guardarla bene in volto, e vedere
se l'ignoranza, l'ozio, l'invidia e la torbida ambizione che la guida
siano più potenti della scienza e della libertà!

EGISTO. — Sì; ma ne sento dir tante degli operai, delle loro pretese
senza fine e dei loro disordini!

CARLO. — Bisogna anzitutto separare i lavoratori dagli oziosi e dai loro
avvocati, e poi si vedrà che il vero operaio è assai migliore della sua
fama. Senti: io il nostro popolo non l'ho studiato nei libri; ma in lui
istesso, soldato, agricoltore od artigiano, e perciò posso parlarne con
amore come senza adulazione. Degli operai io ne ho di tutte le
provincie, e se tutti hanno difetti, hanno tutti belle virtù, e
anzitutto un gran buon senso. Il nostro toscano patisce un po' di
fiaccona, ma è quieto, sobrio ed accurato. Il veneziano è un po'
ciarliero, ma è svelto. I piemontesi ed i lombardi non sono sempre
sobrii e quieti, ma sono molto attivi. Il romagnolo è poco disciplinato,
ma è tutt'anima. Il napoletano...

EGISTO. — Indolente?

CARLO. — Non è vero; il napoletano, quando ha fiducia in chi lo dirige,
vale quanto gli altri. Vedi, il nostro paese è tutto migliore di quello
che si dice; cioè, intendiamoci, ci sono due Italie distintissime: una
piena di rancori, di gelosie, di calunnie, l'Italia dei _beceri_, dei
_barabba_, dei _lazzaroni_; la bella Italia in cui per tutto ideale
della vita si ha il dolce far niente, per sistema lasciar correre, per
patria il campanile; la patria mia e tua, se tralasciamo qualsiasi
occasione di dire e di fare che la plebe diventi popolo, e che anche per
noi questo sia il primo secolo del lavoro.

EGISTO. — È vero; ma ce n'hai forse un'altra Italia?

CARLO. — Per mille racchette se ce n'è un'altra! Bambina, veh! che ama
un pochino di chiaccherare; ma a scuola ci va tutti i giorni..... che
non è festa. Ma è bambina, e, se pensiamo un momento al suo passato,
possiamo ben dire che tutti i giorni la fa il suo miracoletto!... Diamo
tempo al tempo, e vedremo che l'avvenire darà ragione agli uomini che
credono alla libertà e si affaticano a colmare gli abissi che il passato
ci scavò d'intorno. Noi non saremo più; che monta? Ci saranno i nostri
figli!


SCENA X.

_ANNA ed AGNESE dalla sinistra. DETTI._


EGISTO. — Carlo, io ti confesso volentieri che non posso rimanere
insensibile ad un progetto così nobile e generoso...

ANNA. — Egisto, t'ho da parlare.

CARLO. — Un istante, un istante. Dunque mi hai compreso?

EGISTO. — Sì, le tue idee sono belle, sono veramente patriottiche, e tu
meriti di essere aiutato.

ANNA. — Non avete ancora finito? Egisto!

CARLO. — Un momento. Non ti ho detto che, grazie alla mia invenzione di
un nuovo metodo di fusione, io posso già lottare sui mercati coi
prodotti delle fabbriche estere. Pensa quale sarà il profitto quando
sarà avviata la mia officina! Ma ora ho urgente bisogno del tuo aiuto.

ANNA. — Egisto, insomma?

EGISTO. — Ne riparleremo...

CARLO. — Ma io non posso aspettare!...

EGISTO. — Ma, prima di disporre del mio capitale, bisogna che mi
consigli colla sorella.

CARLO. — Giustissimo; ma, se anche non ti decidessi ad affidarmelo
subito tutto, spero che, alle stesse condizioni, non mi negheresti
cinquemila lire che mi sono indispensabili per le paghe degli operai.

ANNA _(a Carlo)_. — Tu perdi il fiato: Egisto non può e non vuole
incoraggiare un gentiluomo pari tuo a derogare dalle belle e buone
usanze dei nostri avi.

CARLO _(ad Egisto)_. — È vero?

EGISTO _(imbarazzato)_. — Ecco... Come cittadino puoi aver ragione.....
Ma come gentiluomo, abbi pazienza, bisogna che io convenga colla sorella
che tu deroghi e di molto!

CARLO. — Ma fammi il piacere di non bestemmiare! Sì, perchè quei nostri
avi che ti proponi a modello soltanto nel non far nulla, sortirono tutti
dai banchi e dall'industria; e perchè loro non si vergognarono di fare
gli industriali, le sete e le lane fiorentine andavano famose e
ricercate sui migliori mercati del mondo, e noi s'aveva allora tanti
quattrini da imprestarne ai Re di Francia e d'Inghilterra, e ne avanzava
per giunta da piantare Santa Maria del Fiore!

EGISTO _(ad Anna sottovoce)_. — Hai inteso? Anche Santa Maria del Fiore
mi pianta, e io..... e io non so che rispondere! (Se ci metto ancora
bocca, che mi caschi la lingua!) _(va a sedere sulla poltrona a destra)_

AGNESE. — Carlo, non inquietarti...

CARLO. — Oh! non m'inquieto più con loro! Ma tu, Agnese, mi faresti uno
di quei favori che non si dimenticano mai più?

EGISTO. — (Già; da chi li fa!)

AGNESE _(con premura)_. — Ma pensa! Che cosa desideri?

ANNA _(intromettendosi)_. — Se si tratta di denari, come m'immagino, è
inutile far parole; la dote di Agnese, questo si sa, non si tocca; io
dei denari non ne ho, e se anche ne avessi, non farebbero certo la
strada degli altri.

CARLO _(reprimendo un moto di sdegno)_. — Basta, basta: non domanderò
altro a nessuno di voi. — Chi c'è di là?


SCENA XI.

_CARLOTTA, poi MARTINO dal fondo. DETTI._


CARL. — C'è un operaio della sua fabbrica di Belmonte.

CARLO. — Venga. _(moto di dispetto in Anna: Martino dal fondo)_ Voi qui,
Martino?

MART. _(guardando Carlotta, con accento ligure)_. — (Che bella
morettina!) Signor principale, sono venuto a dirle che il capo-fabbrica,
con licenza parlando, è malato.

CARLO. — Che sento! Ammalato gravemente?

MART. — No; si è fatto male ad una mano, e non sarebbe stato nulla, se
non l'avesse avuta piena di _brignoni_... di _tignuole_, via!

CARLO. — Ma che tignuole, nelle mani?

EGISTO. — Nei panni, negli armadi stanno le tignuole.

MART. — Negli armadi? Sarà; ma al capo-fabbrica questo inverno sono
venute nelle mani.

CARLO. — Ah! i geloni! Vuol dire i geloni!

EGISTO. — (Che barbari!)

MART. — Geloni, _brignoni e tignuole_..... non è questione che di
pronunzia... Intanto ha la febbre, e il medico ha detto che per due o
tre settimane non potrà dirigere l'officina.

CARLO. — Andate in cucina: Carlotta, dagli da colezione, e poi subito a
farmi la valigia; partiamo col primo treno. Guarda se Cesarino è già
tornato. Finchè non abbia trovato un altro capo-fabbrica, mi converrà
stare a Belmonte. _(raccoglie delle carte sul tavolino a sinistra)_

MART. — (Che tocco!) _(salutando)_ Gli auguro! _(esce con Carlotta dal
fondo)_

EGISTO. — (Altrettanto!)

AGNESE. — Carlo, io vengo con quest'abito. Già lassù si starà in
libertà.

ANNA. — Adagio! Adagio! Spero che Carlo non avrà la pretesa di portarti
lassù in questa stagione.

CARLO. — Con vostra licenza, Agnese è mia moglie!

ANNA. — Certo; ma anzi tutto deve obbedire a sua madre. Si partirà
quando farà più caldo, quando lo dirò io.

EGISTO. — (Ecco che cominciano a bisticciarsi dal bel mattino!)

CARLO _(ad Agnese)_. — Vieni o no, Agnese?

AGNESE. — Io verrei subito, ma... Abbi pazienza per qualche giorno...
(Che stizza mi fa mia madre!)

CARLO. — Fa come ti pare; ma in questo momento io sperava che tu avessi
un pochino più di cuore per me. _(chiama)_ Carlotta! _(Carlotta dal
fondo)_ Vuoi venire con me a Belmonte? Qui resterà Giulietta.

CARL. — (E il damo? Oh! me ne farò uno lassù). Scusi, c'è mercato a
Belmonte?

ANNA _(seccamente)_. — È inutile il saperlo. Partirai quando te lo dirò
io che ti ho fissata.

CARLO _(contenendosi)_. — Guarda se è giunta Giulietta, che dia un bacio
a Cesarino... _(Carlotta esce dalla destra; ad Agnese)_ se questo almeno
mi è ancora permesso, bene inteso!

AGNESE. — Carlo!

CARLO. — Mi è permesso? Da tutti? Sia lodato il cielo! _(esce dalla
destra colle carte)_

AGNESE. — Senti, Carlo... Madre mia, fin qui non mi hai parlato che del
pericolo che corre il nostro avere, e sta bene; ma che per la sola
questione del denaro debba non solo ricusare di soccorrerlo colla mia
dote...

ANNA _(con vivacità)_. — Ma, quand'anche tu lo volessi, la dote non si
può toccare.

AGNESE. — E sia; ma che io mi separi da lui, che lo lasci mortificare
dinanzi ai servitori, e partire solo; che mi debba sentir dire che io,
la madre del suo Cesarino, la moglie che ha sempre rispettato ed amato,
non ho cuore, oh! chiedimi qualunque sacrifizio, ma questo no, perchè
sento che sarebbe al disopra delle mie forze!

EGISTO. — Quest'altra ci mancava ora!

ANNA. — Quando si ha fede nella sollecitudine della madre, signora
figliuola, non si cerca di più, si obbedisce...

EGISTO. — E si sta tranquilla!

AGNESE. — Ma io debbo pur sapere se faccio bene o male a trattarlo così;
e finora, malgrado la fiducia che ho in te, il cuore mi dice che faccio
male, e molto male!

ANNA. — Senti, fratello, senti come mantiene le sue promesse?

EGISTO. — Ma dille tutto una volta, che sia finita: era carità fiorita
il tacerlo; ma dal momento che lo vuole, vuota il sacco, sorella!

AGNESE. — Sono moglie e madre, e nessuna cosa che riguardi la famiglia
mi deve essere ignota.

ANNA. — Ebbene, poichè lo vuoi, sappi qual sorte attende gli uomini pari
al tuo Carlo; sappi come è finito suo padre, e poi lagnati che io faccia
il possibile per svegliare tuo marito da un sogno che finisce in modo
tanto crudele! Tu hai sentito dire che nostro cugino Pietro Valori è
morto vittima dello scoppio d'una caldaia a vapore della sua officina a
Piombino.

AGNESE. — So anche che tu lo assistesti pietosamente nei suoi ultimi
momenti.

ANNA. — Ora ti dirò ciò che non sai. Pietro era il babbo nato dei
credenzoni. Per lui tutti galantuomini; e i galantuomini gli vendevano
di nascosto il materiale, il carbone, gli utensili; lo screditavano sui
mercati, lo minacciavano pei pagamenti, sia che fossero debitori o
creditori. Volergli aprire gli occhi? Fiato sprecato. Ma un bel giorno,
alla presentazione di alcune cambiali, dopo di aver telegrafato invano
alle case di commercio con cui era in maggior relazione, si accorse di
aver perduto quasi tutto il suo avere, peggio, di non aver più credito.
Che cosa abbia allora sofferto, egli che non credeva al male, lo sa solo
Iddio! E suo figlio era all'estero e noi a Livorno! Il disgraziato si
senti perduto e solo; andò nell'officina mentre gli operai erano a
desinare, e un'ora dopo era raccolto spirante sotto un mucchio di
rovine!

AGNESE. — Dio! Ma chi può assicurare che egli si sia ucciso?

ANNA. — Raccolti i pezzi della caldaia scoppiata, si trovarono chiuse le
valvole di sicurezza!

AGNESE. — E se fosse stato per sbaglio, per dimenticanza?

ANNA. — Tutti lo credettero e lo crede ancora lo stesso tuo marito; ma
non io che ho assistito lo sventurato in quella sua eterna agonia!...
Che notte orribile! «Non dir nulla a Carlo,» mi susurrava, «forse egli
non mi perdonerebbe!» Dopo ventiquattr'ore di strazio, spirò, e tutti lo
dissero martire del lavoro, e lo era, ma in ben altro modo! _(facendosi
forza per non soffocare dal pianto)_ E tuo marito, che io combatto, ma
non disprezzo, anzi in fondo al cuore ammiro, è della stessa razza che
sa di monte e di macigno; è di quella stessa gente che muore e non si
arrende! Ora che sa tutto, mi dica la signora figliuola se c'è più cuore
ad incoraggiarlo nella sua illusione, come vorrebbe far lei, o ad
impedire in ogni modo, come faccio io, ch'egli precipiti, come suo
padre, nell'abisso del fallimento e della disperazione!

AGNESE. — (Carlo corre lo stesso pericolo, ed io l'abbandonerò solo?)

ANNA. — Ma non temere, figlia mia; io conosco il mio dovere e vi amo
troppo tutti e due per cedere, e non cederò!..

EGISTO. — Non cederemo, per Diana!

ANNA. — È lui. Silenzio!

EGISTO. — Io non parlo, vai sicura... Ma intanto che bella casa è
questa, che bella vita! Lui coll'Italia, tu col dovere, lei
coll'amore... una galera!


SCENA XII.

_CARLO, CESARINO, CARLOTTA e MARTINO con sacche da viaggio, dalla
destra. DETTI._


CESAR. — Perchè non viene anche la mamma?

CARLO. — Domandalo a lei; ma non so se te lo dirà.

CESAR. — Mamma, perchè non vieni col babbo?

AGNESE. — (Ma io qui non potrei vivere neanche un istante con questo
terribile pensiero). Sì; vengo anch'io con voi.

CARLO. — Grazie, mia cara Agnese!

ANNA _(contenuta dalla presenza di Martino)_. — Agnese!

EGISTO. — Auff!

AGNESE _(ad Anna con fermezza)_. — Tu mi hai sempre detto di non poterti
separare da me perchè mi ami: dunque seguitando a Belmonte mio marito e
mio figlio, io non faccio verso di loro che quello che tu fai con me.

EGISTO. — Non fa verso di loro... Sorella, non c'è mica nulla a ridire,
sai?

ANNA _(colta da pensiero improvviso)_. — (Sì, è a Belmonte che la deve
finire!) Ha ragione e vado anch'io con loro.

EGISTO. — Mi pianti solo?

CESAR. — Brava la mia nonnina bella! _(corre ad arrampicarsi sulle
ginocchia d'Egisto)_ Anche te, zio; anche te!

ANNA. — Sì, anche te: tutti a Belmonte!

EGISTO _(alzandosi con Cesarino in braccio)_. — L'ho bell'e capito; se
non ci metto mano io, questa benedetta Italia non si fa!


FINE DELL'ATTO PRIMO.



ATTO SECONDO

   Studio di Carlo presso l'officina. — In fondo la comune che dà
   nel giardino. — A destra le stanze della famiglia, a sinistra
   l'officina. — Nell'angolo di destra, in fondo, una cassa forte
   rivolta verso la sinistra. — Sulla scena, pure a destra, uno
   scrittoio posto di profilo ed isolato, con campanello, grossi
   registri, libri, disegni, e l'occorrente per iscrivere. — A
   sinistra in fondo, una libreria ed un tavolo per disegnare,
   discosto dalla parete quel tanto che è necessario per frapporvi
   una seggiola. — È giorno.


SCENA I.

_MARTINO e CARLOTTA che assettano i mobili._


MART. _(a Carlotta che vorrebbe provarsi con lui a mutare di posto lo
scrittoio)_. — No, no; potreste farvi male, bella figliuola...
Aspettiamo che arrivi qualcheduno dei miei compagni, e facciamo intanto
quattro chiacchiere fra di noi due...

CARL. — (Sta a vedere che mi faccio un damo anche quassù). Che cosa mi
volete dire?

MART. — Sentite, Carlotta; nè io, nè voi siamo di questo paese... Tutti
e due italiani, s'intende; ma nati in diverse nazioni... Ora ditemelo
francamente, non vi piglia mai, con licenza parlando, quel certo male
che si sente quando si è lontani di casa sua, la nostra... la strono...
una parola che finisce in ia... Il capo-fabbrica l'aveva sempre in
bocca!

CARL. — Ah! l'astronomia...

MART. — Giusto l'astronomia.

CARL. — Il padrone ne parlava ieri a Cesarino. Sì, mi piglia qualche
volta quando penso ai miei di casa.

MART. — Ma se qui aveste una persona che senz'essere dei miei, di casa
vostra, vi volesse bene...

CARL. — E se questa persona, con licenza parlando, foste voi, volete
dire?

MART. — Già; il male non vi sembrerebbe minore?

CARL. — Insomma, Martino, a farla corta, voi volete fare all'amore con
me.

MART. — Sì, se mi credete per la quale, eccomi qui tutto per voi: sono
il più bello dei figliuoli di mia madre.

CARL. — Quanti fratelli avete?

MART. — Nessuno, sono figlio unico di madre vedova... come lo scudo che
ho in tasca.

CARL. — C'è un guaio, Martino.

MART. — Vi paio troppo brutto forse?

CARL. — Oh ne ho visto dei peggio!

MART. — Grazie tante... Allora avete paura che la padrona...?

CARL. — Che! Me ne importa assai della padrona! Il guaio si è che
Carlotta non fa all'amore che con quello che la vuole sposare.

MART. — Ed io son bell'e pronto a sposarvi dinanzi a Santa Madre Chiesa
anche subito.

CARL. — Che, mi pigliate per una grulla voi? Prima si va al Municipio, e
poi in parrocchia.

MART. — Ma io vado anche dal campanaio se vi piace!

CARL. — Ma come si sta a quattrini? Che cosa avete voi di vostro?

MART. — Io di vostro... cioè di mio... che sarà anche vostro, ho tutto
questo; ma state bene attenta!

CARL. — Sentiamo che meraviglie.

MART. — Meraviglie? nessuna; ma cinque camicie quasi buone, quattro
lenzuola quasi nuove, tre belle lire e mezzo al giorno che piglio quasi
sempre, due buone braccia e un cuore pieno d'amore...

CARL. — Adagio col pieno; se foste un pollo ve lo potrei dire... C'è un
guaio, ora che ci penso; voi amate troppo il vino!

MART. — Se amo il vino è tutta colpa dell'astronomia. Ma per far piacere
a voi non berrò più!... mai più!... altro che la domenica.

CARL. — Vien gente; acqua in bocca, veh!

MART. — Oggi no, che è festa. Siamo intesi adunque?

CARL. — Ci penserò, e a rivederci poi. Addio, moro. _(via dalla destra)_

MART. — Pensateci subito, bella morettina, e rivediamoci senza il poi!
Cara e svelta!... Ma faccio poi bene a prender moglie con tre lire e
mezzo?


SCENA II.

_ORESTE dalla sinistra e poi voci diverse a sinistra fuori di scena.
DETTO._


ORESTE. — Evviva Martino!

MART. — Oreste! Dunque si passa presto lavorante, eh?

ORESTE. — Fosse pur oggi, che vorrei aver finito di pigliare
scappellotti.

MART. — Oh quanti ne pigli, _batoseto_?

ORESTE. — Cinque o sei al giorno, che moltiplicati per sei dànno dai
trenta ai trentasei scappellotti per settimana!

MART. — Bella paga! Io la metterei tutta alla cassa di risparmio. Ma
bisogna pur dire che cogli scappellotti le parole dei maestri restano
più impresse. Io ne ho presi di quelli da farmi vedere le stelle in
pieno mezzogiorno; ma sono anche capo massellatore.

ORESTE. — Quando io faceva il giornalista a Firenze non avrei mai
creduto che un mestiere s'imparasse a questo modo. E non c'è che dire,
la è dappertutto la stessa canzone. Sul Pistoiese ove mi era avviato a
fare l'ebanista, il principale invece di farmi entrare il mestiere nel
capo a furia di scappellotti, faceva diversamente lui: a pedate! _(va a
sedere al tavolo in fondo)_ Ma è finita!

VOCI _(a sinistra fuori di scena)_. — Ohe, si va?

CARLO _(come sopra)_. — Un momento; siamo in pochi.

MART. — Padrone, son qua io! _(corre via dalla sinistra rimboccandosi le
maniche)_

CARLO _(come sopra)_. — Sotto le spalle tutti, su!

VOCI _(come sopra)_. — Su!. Issa!... Issa!... Ah!


SCENA III.

_BOBI dal fondo senza vedere ORESTE che s'è messo a disegnare._


BOBI. — E pare che costì si lavori anche di festa, accidenti! e il
medesimo toccherà anche a me se vorrò levarmi la fame. Se penso che
potrei invece passarmela allegramente a Firenze col mio _pan di ramerino
bollente_! Maledetto quel cavaliere che per quel pomo di mazza che io
aveva trovato mi fece mangiare tanto riso e fagiuoli, come se trovare
volesse dire restituire!... E ora che mi hanno dato l'aire, mi trovo
senza il becco d'un quattrino. Il pomo è bell'e sfumato; già un pomo
d'oro si mangia presto; e se stendo la mano dicendo: _lo dà un soldino a
questo povero disgraziato che esce adesso dall'ospedale_? mi rispondono
tutti: _con quella faccia? va a lavorare, bighellone!_ Come se
all'ospedale vi cambiassero la faccia!

ORESTE _(che da un pezzo osserva Bobi e lo riconosce, scende inosservato
e gli chiude gli occhi con ambe le mani)_. — O Bobi!

BOBI _(spaventato)_. — (Gente che mi conosce!) Non mi spaventate; esco
ora dall'ospedale...

ORESTE _(lasciandolo)_. — Dall'ospedale?

BOBI. — Oreste? Ma non eri andato a Pistoia colla famiglia?

ORESTE. — Sì, per fare l'ebanista; ma ho visto che la mia vocazione era
per la meccanica, per il ferro. Lavorare il ferro è più bello; si sta al
fuoco come i soldati, e c'è anche il suo pericolo come alla guerra... E
poi che musica! _Tan, tan tantantan!_... Il maglio come un cannone: _pun
pun!_ Le macchine a vapore: _rrrrrrrrrr_... Invece uno stipettaio:
_pst_... _pst_... fa pietà!!... _(ritorna al suo posto)_ E ora s'impara
il disegno noi!

BOBI. — Ognuno ha i suoi gusti; ma non stare a dir nulla di me... come
se tu non m'avessi visto.

ORESTE. — Che ho a dir io? Il babbo, quando venne a stare a Pistoia
colla famiglia, non voleva neanche sentirvi nominare!


SCENA IV.

_Dalla sinistra CENCIO e MARTINO. DETTI._


MART. — Cencio, portiamo più in là quel cancello.

CENCIO. — Scrittoio, volete dire...

MART. — Affare di pronunzia; ma vada pure per scrittoio... Diamine, come
pesa! _(a Bobi)_ Una mano, brav'uomo.

BOBI. — Una mano?

MART. — Volete che vi chieda un piede? Facciamo da noi, Cencio.
_(portano lo scrittoio un po' più verso la ribalta)_

BOBI. — Se voi foste caduti da una montagna, e vi foste rotta la
gamba... _(si tocca la gamba destra)_ in due pezzi!

MART. — Poverino!

CENCIO. — La società operaia non vi soccorre?

MART. — Non ha neanche un bastone, una mazza...

BOBI. — Non voglio più mazze; voglio camminare da me... La società
operaia di laggiù, di...

CENCIO. — Follonica?

BOBI. — Bravo, di Follonica, ha fallito, e l'ospedale di...

CENCIO. — Grosseto?

BOBI. — Giusto, appena fui in grado di reggermi sulle gruccie, alla
porta; e sì che mi duole sempre... _(si tocca la gamba destra)_ ma
finchè le cose non cangiano, tiriamo di lungo!

CENCIO. — Sentite, qui guarirete presto, che l'aria è eccellente.

MART. — E il vino? Io lo preferisco sempre all'aria.

CENCIO. — La paga buona e puntuale, e alla domenica fatta la paga si è
in libertà tutto il giorno...

MART. — Già, per cantare gli stornelli e la tirolese... Sapete? Laralla
lallallera...

BOBI _(fa la corda)_. — Tin, tin, tun!

MART. — Bravo! Il nostro poeta stemperaneo gli è Cencio, che fa versi da
farci restare a bocca aperta!

CENCIO. — M'ingegno alla meglio.

BOBI. — Mi pare che siate tutti d'accordo...

MART. — Massime a bere, e sì che fra noi ce n'è d'ogni nazione...
Toscani di _Livolno_, Piemontesi di Biella, Genovesi di _Sanpedena_,
Meridionali di Napoli... Ma per parlare poi, si parla tutti toscano.

BOBI. — (Mamma mia!) E il principale, che omaccio?

MART. — Omaccio? Un uomo con un cuore così!

CENCIO. — E testa? Un principale che se fa bisogno sa come si tiene in
mano un martello!

MART. — Ma vi avverto, poche parole, e al comando: fissi, fissi!

BOBI. — Voi siete stato soldato?

MART. — No, perchè ho nell'esercito mio fratello più vecchio.

CENCIO. — Volete dire vostro fratello maggiore.

MART. — Che maggiore! è passato adesso caporale. Ohe, c'abbiamo dieci
minuti prima della paga: andiamo a berne un bicchiere tutti e tre,
Cencio; e voi appoggiatevi senza discrezione.

BOBI. — Ahi! che trafittura! _(si tocca la gamba sinistra)_

MART. — Ma non avete detto la gamba destra?

BOBI. — Sicuro, sicuro... ma anche quest'altra se ne risente.

CENCIO. — Ha ragione. Io conosceva un vecchio soldato rimasto senza
tutte due le gambe, che quando tirava vento si doleva de' calli.

BOBI. — È vero, è vero; lo provo anch'io!

MART. — Ma voi le avete ancora tutte due le gambe.

BOBI. — Oh gli è come se ne avessi punte punte!

MART. — Ah! Ah! Senti come le sballa!.. Via, a bere alla vostra salute!

          (Bobi, sostenuto da Cencio e da Martino, se ne va dal
            fondo cantarellando con essi)

ORESTE. — Se cominciano ora a cantare ed a bere, questa sera li voglio
vedere bellini tutti e tre!


SCENA V.

_CARLO e BARTOLO dalla sinistra. DETTO._


CARLO. — È inutile, Bartolo, non vi ripiglio. Vi siete fatto cacciare
tre volte per la vostra pessima condotta; se vi accettassi ancora, non
farei che incoraggiare i pari vostri a dare cattivo esempio. Buono
voglio essere, non debole.

BART. — Eh! lo vedo; altro è predicare che si ha diritto a lavorare,
altro poi...

CARLO. — È pigliarsi in casa gente indegna di portare il nome di
operaio... Andate in vostra pace... In paese ci sono altre officine...

BART. — Oggi è festa; non ho un soldo ed ho fame.

CARLO. — Se la vostra è fame e non sete, sete di liquori, andate anche
voi a ripulire la caldaia della macchina a vapore, e poi vi farò dar io
da mangiare. _(va presso Oreste, che si alza subito in piedi)_

BART. — (Lo fa per umiliarmi). _(esce dalla sinistra)_

CARLO. — Bravo; vedo con piacere che hai buona voglia d'imparare. Appena
avrò fatto la spedizione delle macchine a Marsiglia, guarderò se ci sarà
per te un posto di limatore.

ORESTE. — O maestro, io non so come provarle la mia riconoscenza...

CARLO. — Facendoti onore: ora aria, bambino. _(va allo scrittoio)_

ORESTE. — (Ho finito di pigliare scappellotti!) _(via correndo dalla
sinistra)_


SCENA VI.

_MARTINO, FRANCESCO e MATILDE che porta in braccio ROSINA addormentata,
dal fondo; quindi BOBI, pure dal fondo, che si pone ad osservare
attentamente Francesco, restando in disparte._


MART. — Signor padrone, è giunto il materiale dalla ferrovia, e qui c'è
gente che gli vuol parlare.

CARLO. — Do un'occhiata al materiale e ritorno subito; fateli sedere,
Martino. _(esce dal fondo)_

FRANC. _(guardando verso la sinistra)_. — Che bella officina! (E pensare
che con tutto il mio studio e il mio ingegno, io non sarò mai altro che
un miserabile condannato a stentare la vita!) Vuoi darmi la bambina,
Matilde?

MAT. — No, lasciamela; è meglio non svegliarla, _(a Martino)_ È
ammalata. Se voleste favorirmi un bicchier d'acqua?...

MART. — Venite con me in giardino... Ci abbiamo una fontana che non ha
altro difetto che di buttar acqua, ma è limpida, fresca e leggera che è
proprio un gusto, dicono quelli che ne bevono. _(via con Matilde dal
fondo)_

FRANC. — (Povera Tilde! t'ho ridotta a un bel punto!... Un bel premio
t'ho dato del tuo amore, dell'avermi voluto sposare a dispetto de'
tuoi!)

BOBI. — (Gli è lui!) Compare, _(tocca Francesco sopra una spalla)_ siete
venuto anche voi colla carrozza del Gambini?

FRANC. — (Maledetto!) Sono venuto come ho voluto. Fate la vostra strada;
io non vi conosco, nè ho volontà di conoscervi.

BOBI. — Come, non siamo forse stati tre mesi assieme?

FRANC. — Voi sognate... e basta per ora e per sempre.

BOBI. — Sarà. Voi non sarete voi; ma io ho una gran volontà di domandare
a vostra moglie dove siete stato quei tre mesi!

FRANC. _(volgendosi minaccioso)_. — Una parola a mia moglie,
un'allusione, uno sguardo, e vi strappo la lingua, come è vero che mi
chiamo Savelli!

BOBI. — Oh! oh! cheto! cheto! Il padrone... Non v'ho visto mai.


SCENA VII.

_CARLO dal fondo. DETTI._


CARLO. — A noi. Chi è venuto il primo?

BOBI. — Lui, lui.

FRANC. — Sono venuto ora io; è stato lui il primo.

CARLO. Dunque a voi: spicciatevi. _(apre la cassa)_

BOBI. — (Mondo bello, che mucchio di fogli! E c'è anche degli occhi di
civetta). Sor cavaliere... (se non lo è, lo faranno!) vorrei che mi
desse un impiego nella sua officina.

CARLO. — Sapete massellare, stare al fucinale, alle forbici, limare?

BOBI. — (Se sapessi limare!) Siccome esco ora dall'ospedale di
Follonica... cioè di Grosseto...

CARLO. — Avreste bisogno di un lavoro non tanto grave per qualche tempo.

BOBI. — Bravo; che poi io sono di quelli che in un'ora di estro fanno il
doppio di un altro.

CARLO. — L'estro, mio caro, si deve avere dieci ore per giornata.
_(suona)_

BOBI. — (Dieci ore! e c'è lo Statuto!)


SCENA VIII.

_CENCIO dalla sinistra. DETTI._


CARLO. — Appunto voi, Cencio: che lavoro si potrebbe dare ad un
convalescente?

CENCIO. — Lo metta al mantice, al posto di Bernardo che sta meglio alla
trafila.

CARLO. — Sta bene. Paga per ora due lire. Datemi il vostro libretto.

BOBI. — (Non ho che quello dei sogni io!) L'ho dimenticato all'ospedale.

CARLO. — Il vostro nome?

BOBI. — Zanobi Lascifare... Lascifare. _(Carlo scrive e poi lo congeda)_

CENCIO. — Venite. Martino è il capo massellatore, io il capo limatore.

BOBI. — Ed io sarò il capo mantice. _(escono dalla sinistra)_

CARLO. — (Tutti capi... ameni.) A voi.

FRANC. — Ho sentito che ha bisogno di un capo-fabbrica.

CARLO. — Sicuro; ma voi vi sentite?...

FRANC. — Perchè non sono bene in arnese non posso essere capace?

CARLO. — Oh giusto io che guardo all'abito! Sarei contentissimo che mi
poteste servire, se possiamo intenderci.

FRANC. — (Non è antipatico, ma sarà qualche asino arricchito dal caso.)
M'interroghi.

CARLO _(preso un disegno di macchina dal tavolo di Oreste)_. — A voi:
che cosa è questa macchina?

FRANC. _(dopo un istante)_. — Deve essere un argano; anzi è una
taglia... da otto a dieci cavalli di forza... e con una semplificazione
di congegno che non ho mai veduto.

CARLO. — Ma bene, a meraviglia! È di mia invenzione, sì; e grazie ad un
processo di fusione, scoperto anche da me e che mi dà una rilevante
economia di carbone, può lottare sui mercati stranieri coi prodotti
francesi ed inglesi. Ho una importante commissione di queste macchine
per il primo di agosto; eppure, sul meglio del lavoro, ho dovuto
licenziare il capo-fabbrica, il quale dimenticava troppo spesso che se
l'inventore ed il capitale hanno bisogno della mano d'opera, la mano
d'opera non può sussistere senza l'inventore ed il capitale.

FRANC. — Il capitale lo ha lei e mi pare inutile parlarne altro.

CARLO. — Pur troppo che non l'ho; ma che l'abbia io o che l'abbiate voi,
non muterebbe punto la cosa. Senza capitale non c'è industria, come non
c'è industria senza mano d'opera.

FRANC. — Dica piuttosto che finchè la società è costituita così, lei
comanda ed io sono condannato a lavorare.

CARLO. — Condannato, come se parlaste d'una galera? Ma non sapete che
mentre io potrei vivere con una certa agiatezza senza far nulla, mi alzo
col sole per lavorare, e quando tramonta vorrei poterlo fermare come
Giosuè per fare almeno un terzo di quello che mi sta qui?

FRANC. — Padronissimo lei di fermare il sole, io di maledire il lavoro,
spero!

CARLO. — Maledire il lavoro, l'unica cosa che faccia lieta la vita, che
ripari la fatalità del nascer poveri, l'unica cosa che facendoci
superiori alla materia ed al tempo, ci renda quasi eguali a Dio?! Oh no!
È impossibile che egli cacciando il primo uomo dai paradiso terrestre,
gli abbia detto: va, ti condanno a lavorare!... _(mutando tuono, quasi
commosso)_ No, no; ma va, disgraziato, e lavora, perchè col lavoro solo
ti potrai consolare; col lavoro solo ti potrai rifare un paradiso!

FRANC. — Senta; io sono venuto qui per offrirle il mio lavoro, ma glielo
dico subito, non per discutere intorno a cose che non ci possono trovare
d'accordo, e tanto meno poi per sentire delle prediche!

CARLO. — Io non predico, ma quando sento certe ragioni...

FRANC. — Buone o cattive, non sono qui per venderle.

CARLO. — E chi vi dice che io voglia comprarle?

FRANC. — Ma allora lei non capisce...

CARLO. — Non alzate la voce, che capisco, e capisco più di quello che
vorrei.

FRANC. — Si spieghi, si spieghi.

CARLO. — Sicuro che mi spiego, e dico che voi sapete senza dubbio il
vostro mestiere; ma diportandovi in questo modo date luogo a sospettare
che il vizio o l'orgoglio abbiano fatto di voi uno di quegli artigiani
che invece di cercare il motivo della loro miseria nella propria
condotta, trovano più comodo di accusarne l'ordinamento della società.

FRANC. — E sia pur così di me; ma lei non sarebbe per caso uno di quei
padroni per cui l'operaio dev'essere uno schiavo senza pensiero e senza
diritto, uno strumento che frutta tanto al giorno, e che appena non è
più capace si butta fuori?


SCENA IX.

_MATILDE dal fondo con premura. DETTI._


MAT. — Francesco, che avvenne?

FRANC. — (Mia moglie!...) Nulla! Si discuteva.

CARLO _(allo scrittoio)_. — (Lo chiama discutere lui!)

MAT. — Sulla meccanica?

CARLO. — Sulla meccanica, proprio sulla meccanica!

MAT. — Ah, se è sulla meccanica!.... Scusi, signore. — Senti, Francesco,
anche sulla meccanica non lasciarti trasportare, te ne prego; e quanto
alla paga accetta pur che sia, almeno per ora...

FRANC. _(secco)_. — Non posso.

MAT. — Non puoi? Ma tu non pensi in quale stato si trova la nostra
bambina! Non ti parlo di me. Siamo senza tetto, senza robe, senza
denari... E poi dove andremo? Io non posso più camminare.

FRANC. — Ma alle sue condizioni è impossibile, ti dico.

MAT. — Ah se tu vedessi che brava gente c'è in questa casa! Hanno dato
una buona tazza di brodo a me ed a Rosina, e poi hanno voluto ad ogni
modo che io la coricassi in un bel lettino, mentre noi si va a cercare
alloggio, e la Rosina si è subito addormentata sorridendo, come se fosse
in casa sua!

FRANC. — Sorridendo?

MAT. — Come se fosse guarita!

FRANC. — Guarita!... Se non fosse del mio amor proprio!...

MAT. — Quando si tratta della tua creatura? Ah! lascia fare a me... _(si
avvicina a Carlo)_

FRANC. — Che fai?

MAT. — Mi perdoni, signore, se la disturbo e mi faccio troppo ardita; ma
io ringrazio Iddio di avermi fatto trovare una famiglia così generosa
come la sua.

FRANC. — Matilde?

MAT. — E sopratutto sua moglie... _(a Francesco)_ buona e bella, sai.
_(a Carlo)_ E lei finisca l'opera; s'accomodi col mio Francesco... _(più
sottovoce)_ lo lasci dire; tutto fuoco; ma un cuore così; lo lasci dire,
ha tanto sofferto!

CARLO. — (Poveretta!) Siamo così lontani dall'accordarci...

MAT. — Un passo lo fa mio marito, un altro lo faccia lei... e poi lo
provi... lo provi, provare non costa nulla; ma se lo prova non lo manda
più via. Ho bene il diritto di dirlo io che so quanto ha studiato,
quanto è stimato da chi lo conosce... lo hanno fino mandato all'estero!

FRANC. — Matilde!

MAT. — Oh bella! Se parlassi di me... ma vuoi ch'io non dica quello che
penso di te a colui che deve essere sicuro della tua abilità come della
tua onestà? Dagli il tuo libretto. Ah! sicuro che ci hai anche tu i tuoi
difetti come le tue sventure, ma sono più le sventure. Non una gliene è
andata bene! Fino nella bambina siamo disgraziati! Per debolezza non può
camminare... Si vorrebbe tentare la cura del mare vicino... Dàgli il
libretto... Ma se non si combina con lei, mai più avremo questa
occasione con poca spesa; e allora, lo dica lei che è padre fortunato,
quanto si soffrirà a veder sempre sempre la sua creatura così diversa da
tutte le altre! _(si asciuga gli occhi)_ Dàgli il libretto!

CARLO _(con un movimento di pensata deliberazione, stende la mano)_. —
Qua il libretto.

FRANC. — Mi accetta? Sarò degno della sua fiducia; ne sia pur certo!

CARLO. — Nel mio reggimento vi era un soldato che si era fitto in capo
di disertare: lo presi con me. A Custoza per salvarmi si è fatto
ammazzare... Voi siete forse di quella razza. _(dato uno sguardo nel
libretto)_ Francesco Savelli, per ora avrete centocinquanta lire al mese
e il dieci per cento sull'economia del carbone. Queste sono cinquanta
lire in acconto, che rifonderete in due mesi. Zitti, e presto da Gigi
sulla piazza per il quartiere, e poi qui subito che vi presenti ai
lavoranti.


SCENA X.

_Dal fondo EGISTO vestito di bianco con ombrellino. DETTI._


FRANC. — Ma lasci che la ringrazi!

MAT. — Con tutta l'anima!

CARLO. — No, mi ringrazierete col fatto. Andate, figliuoli, andate.

MAT. — Sì, subito, subito. _(a Francesco)_ Il cuore mi dice che qui
cominceremo ad essere felici.

FRANC. — E anche questo lo dovrò a te! _(corrono via dal fondo, urtando
leggermente Egisto)_

EGISTO _(guardandosi una manica)_. — Non sarà fatto a posta, ma se mi
passa accanto un magnano, bisogna che senta il bisogno di fregarsi a me!

CARLO. — Egisto, ho da parlarti.

EGISTO. — Se è per suggerirmi il mezzo di annoiarmi un po' meno, parla,
davvero non ne posso più... E la noia comincia ad influire sul fisico:
stamani a colezione non ho potuto finire un quarto di tacchinotto.

CARLO. — Due cose, mio caro, fanno parere il tempo più breve: avere
sottoscritto delle cambiali, e lavorare. Non spaventarti, ti propongo il
lavoro; ma un lavoro che non ti stancherà, e che forse ti divertirà.
Senti. Tu sai che io ho per massima che l'operaio tanto vale quanto sa e
mangia.

EGISTO. — Oh! per questo anche chi non è operaio. Quando non posso
mangiare o mangio male, sento che non valgo un fico secco.

CARLO. — Or bene, m'è venuta un'idea.

EGISTO. — Se fosse venuta a me, non lo crederei; ma a te!... Insomma tu
vuoi dar da mangiare ai tuoi operai, impiantare una cucina economica e
dare a me l'onorevole incarico di assaggiare il brodo, di tastare il
lesso, e di metterci l'odore. _(con serietà comica)_ Carlo, questa
missione mi onora; sono profondamente commosso, e accetto... Ma, un
momento! Se l'ombra veneranda di Amerigo Vespucci alzasse il capo dalla
sua tomba per vedere che fa il suo ultimo rampollo, che cosa direbbe, se
potesse parlare, trovandolo in cucina con una cazzeruola di stracotto al
pomo d'oro?

CARLO _(solennemente)_. — Io credo che l'ombra veneranda, se potesse
parlare, ne mangerebbe! Dunque la tua opinione?

EGISTO. — Che opinione? Se non ne ho opinioni io! Se me la compro bell'e
fatta e stampata tutte le mattine con un par di soldi!

CARLO. — Insomma contento?

EGISTO. — Contentone d'ammazzare qualche ora di noia!

CARLO. — Mi basta. Se viene Faustini, fallo attendere; vado un momento
nell'officina, faccio le paghe, e poi consacro alla famiglia tutto il
giorno. _(via dalla sinistra)_

EGISTO. — Non è questo di fare il cuoco agli operai l'ideale della mia
vita; ma dei no gliene ho detti tanti... E poi sarà sempre meglio far
saltare dei fritti in padella che il mio capitale nell'industria!


SCENA XI.

_ANNA, AGNESE, e FAUSTINI dal fondo. DETTO._


AGNESE. — Mi perdoni; ma negare a Carlo l'intelligenza!...

FAUST. — Non nego l'intelligenza; ma dico che non è tagliato a fare
l'industriale. Ci vuole altro stomaco! Le sue saranno delle belle
teorie; ma senza la pratica, senza vedere le cose quali sono davvero, sa
che si fa? Si mangia il patrimonio e poi la dote alla moglie.

AGNESE. — La dote?

ANNA. — Vuol dire che se la mangerebbe se lo potesse.

FAUST. — E tutto questo perchè? Perchè lui è uno di quelli che si
affibbiano una missione e trovano della poesia in una macchina a vapore!

EGISTO. — Io non ci trovo che un puzzo maledetto.

FAUST. — Oh! signor cavaliere, scusi, non l'avevo veduto.

EGISTO. — E sì che non mi pare d'essere molto trasparente!

FAUST. — Beato lei che si gode tranquillamente la sua rendita, senza
rompersi il capo e fare il guastamestieri!

EGISTO. — Per questo stia sicuro; ma non ci ho merito, sa! A che mi
farei un nome io che son nato con quello immortale di Vespucci? Dei
quattrini? Mi contento. Guardi, la Provvidenza, che non fa mai nulla
senza il suo perchè, ha fatto sì che, nascendo, io fossi già cavaliere,
affinchè non avessi da desiderare proprio nulla!

ANNA. — Pensi che Carlo voleva ad ogni costo ch'egli spendesse
nell'officina il capitale che ha disponibile.

FAUST. — Misericordia!

AGNESE. — Scusi: tutta quest'officina non regge un'ipoteca da quaranta a
sessantamila lire?

FAUST. — Io non dico nè si, nè no. Sono anch'io un industriale. Ma, se
vuole essere sicuro del fatto suo, se vuole prestarlo ad un buon
interesse, con ipoteca di privilegio sopra una fattoria di dodici
poderi, venga da me e presto.

EGISTO. — L'offerta è rispettabile.

ANNA. — Rispettabilissima... _(suono di campana)_ Carlo viene a pagare i
suoi operai; venga in sala, potrete parlare ed intendervi anche subito.

EGISTO. — Veda, il mio capitale lo darei a Carlo; ma io ho paura di
questi uomini irrequieti, ho paura di tutto quello che non è pace e
tranquillità.

AGNESE. — E ti chiami Egisto!

EGISTO. — Ah! se Egisto mi fosse somigliato, lasciava in pace
Agamennone, contento di fargli le fusa torte; o alla peggio, se Oreste
non stava quieto, lo faceva pigliare dai reali carabinieri. _(Anna,
Faustini ed Egisto escono dalla destra)_

AGNESE. — Se Faustini ha detto il vero, mia madre m'inganna.


SCENA XII.

_CARLO, CENCIO, MARTINO, GENNARO, BOBI, ORESTE, AMBROGIO e BARTOLO
seguiti da molti altri operai, dalla sinistra. Quindi FRANCESCO dal
fondo. DETTA._


CARLO _(ad Agnese)_. — Appena finito, sono tuo per tutto il giorno.

AGNESE. — Ti aspetto; ma intanto non ti affaticare troppo: pensa anche
alla tua salute. Buon giorno, buon giorno. _(esce dalla destra salutata
dagli operai)_

CARLO _(aperta la cassa)_. — Ambrogio Carnevali. _(Ambrogio va allo
scrittoio, Carlo lo paga)_ Vi siete rimesso?

AMBR. — _Olter che rimesso! L'è stato un ciccino d'indigestione, perchè
a tucc i solennità me mandeno de cà quai coss de bon da pacciare, e mi,
quando me vedi dinanz quela roba, me par d'essere nel mio paeso, e come
se dice in buon tuscano, ghe dò dentro!_

MART. — (Anche lui patisce l'astronomia!)

CARLO. — Restate, ho da parlarvi. Cencio Bandettini, eccovi la vostra
paga e quella dei vostri limatori. Sapete che l'osservazione fatta da
voi sulla bollitura dei fusti è giustissima?

CENCIO. — Sono tanti anni che c'ho la mano!

CARLO. — No, Cencio: siete troppo modesto; voi mi provate di quanto
soccorso può essere l'esperienza dell'operaio all'inventore, quando
l'operaio è, come voi, attento ed intelligente, ed io ve ne ringrazio. —
Gennaro Majella. Voi siete un buon operaio, ma prima delle quattro
ricordatevi che non si può cantare.

GENN. — _Eccellenza, io non canto, sulfeggio._

CARLO. — Canto o solfeggio, aspettate dopo le quattro.

GENN. — _Va buono, aspetterò, eccellenza; ma per me sulfeggià è come
respirà. Nui se nasce e se more cantanno, cioè sulfeggianno. State
buono, eccellenza... vi bacio le mani._

CARLO. — Martino Tavella. Queste sono le paghe dei massellatori: questa
la vostra.

MART. — Scusi... ma, con licenza parlando, mi pare che manchino tre lire
e mezzo.

CARLO. — Già: per la giornata di lunedì che avete passato a smaltire la
sbornia di domenica; e badate che sia l'ultima.

MART. — Sissignore; ma che vuole, coi fiaschi non si sa mai quello che
si è bevuto finchè non sono finiti!

CARLO. — E lui li finisce! — Oreste, perchè piangevi ieri sera?

ORESTE. — Non era nulla. (Se parlo ripicchiano!)

CARLO. — Sarà; ma si ricordi cui tocca che se mettere le mani addosso è
sempre brutto, battere chi non può difendersi è da vile. Ora un'ultima
parola e vi lascio in libertà. Questo è il nuovo capo-fabbrica, signor
Francesco Savelli; ubbiditelo, che lo merita, come ubbidite a me stesso.


SCENA XIII.

_EGISTO dalla destra. DETTI._


CARLO. — Arrivi a proposito. — Non avete mai inteso parlare di certe
cucine economiche per cui in alcune grandi officine l'artigiano è
sottratto all'avidità degli speculatori? Ebbene, il mio cugino qui
presente ha pensato...

EGISTO. — Non ho mai pensato a nulla, non penso mai io.

CARLO. — Insomma, non sareste contenti di avere per lo stesso prezzo di
poca frutta cattiva un pezzo di buona carne od una scodella di buon
brodo?

GENN. — _Eccellenza, se fosse un piatto de' maccheroni a' sughillo,
passi; ma a' carne!_

MART. — _Per mi se fosse un pittin de fainà..._

AMBR. — _Ah! s'el fudess l'oss büs!..._

CENCIO. — O un po' di baccalaretto fritto...

CARLO. — Basta, basta; non se ne parli più. Buona festa a tutti; ma mi
raccomando, figliuoli, non dimenticate che la peggiore delle ignoranze è
l'imprevidenza... m'avete capito. Savelli, io vi lascio in libertà; a
domattina. _(chiude cassa e registri)_

FRANC. — Signori, buon giorno. _(esce dal fondo seguito da tutti gli
operai)_

EGISTO. — Buon giorno. — Ricusano la mia cucina, gli ingrati!

CARLO. — Il signor Faustini ha fatto la stessa cosa nella sua officina;
ma siccome ciò che vende è caro e cattivo, e se non si va da lui,
diventa un'ira di Dio, così i miei operai sospettano forse che colla
cucina economica mi voglia anch'io ripigliare le paghe. Vedi che cosa
vuol dire un cattivo padrone?

EGISTO. — Di' piuttosto che il mio istinto non s'inganna mai. Tu vuoi
procacciar loro delle buone digestioni, grullo! Quella gente lì bisogna
lasciarla com'è!

CARLO. — Abbi pazienza, Egisto; ma sono uomini tutti come te.

EGISTO. — Sarà; ma fatti ad immagine di Dio o io solo o loro soli, che
proprio tutti è impossibile!


SCENA XIV.

_FAUSTINI dalla destra. DETTI._


FAUST. — Signor cavaliere, eccomi ai suoi ordini.

CARLO. — (In questo momento! Eppure bisogna aver pazienza!) Rimani,
Egisto, rimani; con due parole mi sbrigo. Ella mi perdonerà se l'ho
fatto venire da me; ma sono stato due volte alla sua officina...

FAUST. — Non dica di più; fra di noi non si fanno complimenti.

CARLO. — Io vorrei pregarla di accordarmi la dilazione di un mese alla
scadenza delle cambiali.

EGISTO. — (Ora capisco perchè mi ha fatto restare).

FAUST. — Se ella non può assolutamente pagarmi all'epoca fissata...

CARLO. — No, la posso pagare; ma con troppo disturbo. Io sono
occupatissimo nel mandare a termine la commissione della casa Richard;
ma debbo pure prevedere un motivo per cui le macchine non fossero finite
o spedite. Mentre il tempo stringe, il caldo soffocante può rallentare
il lavoro o togliermi il tempo necessario alla spedizione... Insomma, se
mi accorda questa dilazione, mi obbliga assai.

FAUST. — (Non sa dove dare il capo!) Io gliela accordo volentieri...

CARLO. — Alle stesse condizioni d'interesse?

FAUST. — Alle stesse. Carta, penna e calamaio.

CARLO. — Ecco; s'accomodi. (Respiro!)

EGISTO. — (Che l'impresa di Carlo sia migliore di quanto credo?)

FAUST. _(colla penna in mano)_. — Ora che ci penso, è curiosa davvero:
anch'io voleva chiedere a lei un favore; ma non vorrei la credesse che
io voglia dettare delle condizioni.

CARLO. — Sarò anzi lieto di dimostrarle la mia riconoscenza.

FAUST. — Allora mi senta. Mi è venuta un'idea.

EGISTO. — (A tutti vengono delle idee; a me nessuna).

FAUST. — Gli operai, si vede a chiare note, fanno lega contro i
principali. Ora io dico: perchè anche noi non la facciamo contro di
loro, noi tre, cioè lei, io e Ramaccini?...

CARLO. — Una lega contro gli operai?

FAUST. — Accresciamo un pochino l'orario e scemiamo un altro pochino le
paghe: due pochini che in fin d'anno voglion fare un bel guadagno.
Qualche operaio strillerà, qualche altro se ne andrà; ma quelli che
hanno i mezzi di portare via la famiglia sono pochi, e così finiremo per
averli tutti quanti a nostra discrezione.

CARLO. — In qualunque altra cosa, ma in questa non posso compiacerla.

EGISTO. — (Me lo aspettava, coi suoi principii!)

FAUST. — Ma ha compreso bene che non usiamo che d'un diritto di
rappresaglia?

CARLO. — Può essere; ma è impossibile che io la approvi.

FAUST. — Ah! ricusa e disapprova per giunta? Allora non ne facciamo
nulla neanche delle cambiali.

CARLO. — Come?

FAUST. — Spero non pretenderà ch'io faccia un favore così grande a chi
mi ricusa un favore così da poco!

CARLO. — Ma lei mi ha promesso!...

FAUST. — Promesso, promesso, e sia pure, promesso; ebbene? Ora non
voglio più. Io me ne rido dei suoi principii e delle sue teorie! Non
sono mica un milionario io per avere tante fisime!

CARLO. — Dica piuttosto che lei ha promesso di accordarmi una dilazione
dopo di aver indagato in quali ristrettezze io mi trovassi; e quando si
è pensato di avermi legato mani e piedi alla sua discrezione, ha creduto
di potermi far speculare sulla carne umana, sulla miseria! Ma che cosa
ha trovato nella mia vita o sulla mia faccia che possa averlo
incoraggiato a farmi una tale proposta?

FAUST. — Se poi la piglia su questo tuono, caro lei...

CARLO. — Oh basta con questo caro! Faccio di cappello a tutti, ma non
accordo la mia amicizia che alle persone provate che mi stanno pari nei
sentimenti.

FAUST. — Ed io non sono suo pari? Chi è lei alla fin fine? Oh mi faccia
il piacere, il signor cavaliere della democrazia!

CARLO. — Si, democratico con tutti quelli che valgono quanto me, a
qualunque classe appartengano; ma con lei che mi propone un atto
vergognoso, rammento, non che ci separa la nascita e lo studio, ma
quell'abisso che separa gli uomini pari suoi dall'uomo onesto!

EGISTO. — Carlo...

FAUST. — Così tratta il suo creditore?

CARLO. — Ringrazi che questa è casa mia e se ne vada prima che dica
peggio.

FAUST. — Casa sua? Ah! ah!

CARLO. — Che cosa vuol dire?


SCENA XV.

_AGNESE ed ANNA dalla destra. DETTI._


FAUST. _(sulla soglia della porta in fondo)_. — Che finchè non mi ha
pagato, questa è più casa mia che sua!

CARLO. — Questo è troppo!

FAUST. — La rivedrò, signor cavaliere, ma meno orgoglioso!... _(esce dal
fondo)_

CARLO. — Vigliacco! — Ieri operaio, oggi si vale della fortuna per
schiacciare i suoi compagni di lavoro!

ANNA. — Basta, basta! Se rimanessi ancora un minuto, sarei troppo
colpevole. Agnese, preparati subito a partire con me.

CARLO. — Mia moglie? Ah questo poi no!

ANNA. — Dopo di averla condannata a fare una vita indegna, la vuoi anche
uccidere con cotesto scenate?

CARLO. — Egisto, portala via, portala via!

EGISTO. — Ma se ha ragione! Che è una vita questa?

CARLO. — Perchè non vai anche tu? Perchè ci sei venuto?

EGISTO. — Perchè speravo che le prime lezioni ti giovassero.

CARLO. — No, che non è così. Tu sei venuto qui con lei per farmi quella
guerra muta, continua, implacabile, che è l'ostacolo più doloroso che io
abbia incontrato nella mia vita; perchè la vostra cortesia viene dalle
labbra e non dal cuore; perchè voi non sentite entusiasmo per nessuna
cosa, per quanto possa esser bella e generosa; perchè in te, come in
lei, tutto si riassume in una parola: egoismo; ma il peggio degli
egoismi, l'egoismo gretto, beffardo, pedante!

EGISTO. — Pedante? Andiamo via subito, o mi coglie un accidente!

ANNA. — Sicuro che andiamo... Su, Agnese.

AGNESE. — Carlo, per nostro figlio, se non per me, cedi!

CARLO. — No, no e no; non cederò che morto!

ANNA. — Cederà quando non sarà più in tempo, come suo padre!

CARLO. — E sarò anch'io vittima del lavoro, ma non avrò ceduto!

ANNA. — Ma che vittima del lavoro, vittima del fallimento, della
disperazione...

AGNESE. — Non è vero! non è vero!

ANNA _(seguitando)_. — Me lo disse lui spirando!

CARLO. — Mio padre! _(cade sopra una sedia singhiozzando)_

AGNESE. — Crudeli!

EGISTO. — Sì, ma lo ha voluto.

Anna _(ad Agnese, mentre trae con sè Egisto, sottovoce)_. — O in questo
istante, o mai più.

EGISTO. — (Un'altra di queste scene, e altro che pedante... sono
addirittura morto!) _(esce con Anna dalla destra)_

CARLO. — Mio padre! Mio padre!

AGNESE. — Non fare così, Carlo, te ne scongiuro!

CARLO. — No, non resisterò a questo colpo! Il modello della mia vita, la
memoria più soave ed illibata, ad una sola parola spariscono nell'orrore
di un delitto!

AGNESE. — Carlo, calmati... Vedi, io temo che il tuo carattere istesso
ti faccia ingiusto... Tu non sai per quali strette passò il suo, prima
di cedere...

CARLO. — Suicida mio padre!

AGNESE. — Perdonami; ma tu non lo devi giudicare, povero vecchio! Non
sai se gli ostacoli con cui ha dovuto lottare non erano anche più grandi
di quelli che tu combatti!

CARLO. — Ma suicida, lui! Tutto il mio coraggio si sente disarmato:
sparito il faro, a che lottare colla tempesta!

AGNESE. — Come? Tu che sai dov'è il male, tu che puoi rimediarvi, ti
avvilisci e stai per cedere atterrito? Ma ciò sarebbe dar ragione ai
pusillanimi ed a quelli che odiano, e torto a quelli che amano! Sarebbe
la condanna spietata di tuo padre che amò forse morire, non per viltà di
chi fugge, oh no! egli non sarebbe stato tuo padre! ma per lasciare a
te, giovine, coraggioso, intelligente, quel còmpito che era divenuto
troppo superiore alle forze di un povero vecchio spossato e senza
conforti di famiglia... Sai che cosa diceva a mia madre nella sua ora
suprema? Non dirlo a Carlo; egli forse non mi comprenderebbe e non
avrebbe più fede! E tu saresti ingiusto colla sua memoria?... No, Carlo,
non sia mai così! Coraggio! Avanti sempre!

CARLO. — Agnese, tu non mi hai mai parlato in questo modo...

AGNESE. — È vero; ma io ti ho visto soffrire ed ho sentito che per me
era un dovere ed una consolazione lasciar parlare il cuore, e l'ho
lasciato parlare...

CARLO. — Dunque, se io non mi dessi per vinto, tu non mi abbandoneresti?

AGNESE. — Abbandonarti? Ma se non mi sono mai sentita tanto felice
d'esserti moglie come in questo momento!

CARLO. — Ah! grazie, Agnese, grazie di queste tue parole che ridestano
tutto il mio valore! Se Faustini vuole opprimermi, se i parenti mi
negano soccorso, ebbene, mi salveranno i miei lavoranti!


SCENA XVI.

_EGISTO, da viaggio, con due sacche, e poi subito ANNA, col cappello,
dalla destra. DETTI._


EGISTO. — Pst.. Lo hai deciso?

AGNESE. — Sì, è deciso!

CARLO. — Più che mai!

EGISTO _(ad Anna che entra)_. — È deciso, sai; partiamo tutti...

ANNA. — Finalmente!

AGNESE. — Noi due restiamo.

ANNA. — Ah!

EGISTO _(lasciando cadere le sacche)_. — Domicilio coatto a perpetuità!!


FINE DELL'ATTO SECONDO.



ATTO TERZO

   L'interno dell'officina meccanica del Valori, illuminato
   dall'ampio lucernario a cristalli praticato nel soffitto,
   sorretto da travatura di ferro. Due porte laterali: una a
   destra, che scorge al quartiere di Valori, e l'altra a
   sinistra, che dà sulla via. Più in là, a destra, una grande
   macchina a vapore verticale con fornello, manovelle per le
   valvole e congegno di trasmissione di movimento, addossata ad
   un pilastro con camino in cotto e sostenuta da una base di due
   scalini di pietra. Di faccia, a sinistra, un trapano ed una
   grue; dietro il trapano un vasto fucinale rivolto verso il
   fondo. Fra il fucinale e la grue l'asta col pallino dei
   mantici. In alto, carrucole, ganci e catene infissi in una
   trave armata. Lungo la parete, in fondo, i banchi dei limatori
   colle morse, i limatoi, delle caldaie in rassetto, trafile,
   argani ed altri congegni meccanici; nel mezzo, un'ampia
   finestra con inferriata ed invetriata fissa, la quale scorge
   sopra la piazza.

   Sulla scena: pezzi di ferro da rifondere e tre incudini coi
   loro martelli. — Presso il fornello una pala da carbone, ed una
   stanga da attizzare; presso il fucinale forbici e tanaglie di
   diversa misura e forma. — Presso la macchina, appesi al
   pilastro, un termometro ed una lavagna; sopra un palchettino
   infisso nel pilastro istesso, un bricco di latta a lungo
   beccuccio per ungere i congegni, del cotone in fiocco, della
   stoppa e dei cenci.

   La porta a sinistra si chiude a chiave, e la chiave si appende
   presso la macchina ad un chiodo piantato nel pilastro, fra il
   termometro e la lavagna. — È giorno.


SCENA I.

_Tutti gli operai di Valori, sotto la direzione di FRANCESCO. —
All'alzarsi del sipario il lavoro ferve vigorosamente. — MARTINO,
AMBROGIO, GENNARO ed altri sei lavoranti massellano sulle tre incudini
le estremità di stanghe di ferro sostenute da apprendisti. — BOBI al
mantice, CENCIO al trapano; ORESTE butta del carbone nel fornello della
macchina e vi attizza il fuoco; i limatori attendono alla loro opera
presso i banchi in fondo, mentre altri operai, scaglionati in catena dal
proscenio a sinistra alla seconda quinta a destra, fanno passare
rapidamente dall'uno all'altro i pezzi di materiale che scompaiono così
dietro la macchina._


GENN. _(terminando di cantare una canzone in dialetto napoletano)_. —
_Trallalla lallà... la lallera lallà!_

FRANC. _(ai massellatori)_. — Basta! — Al fucinale per la tempra,
Martino. — Oreste, ad attizzare. — E voi, Bobi, soffiate. — Gennaro,
quante volte vi ha detto il principale di non cantare prima delle
quattro?

GENN. — Caro _Franceschiello_, ma io non canto.

FRANC. — Fatemi il piacere, Gennaro, che v'abbiamo inteso tutti:
_trallalla lallera lallà_!

GENN. — No! Scusate, padrone mio, non va cantata così; ma a questo modo:
_trallallà_, _lallà_... _lallera lallà_, e così la canto io che
l'_aggio_ imparata all'officina di Pietrarsa.

FRANC. — E allora perchè dite che non è vero che cantate?

GENN. — Perchè io non canto, _sulfeggio_!

FRANC. — E non potreste stare senza _sulfeggià_, benedetto voi?!

GENN. — Sì, ma sarei come un uomo acciso, e lavorerei anche meno;
_cantanno, cioè sulfeggianno_, noi non si sente neanche la fame.
Proibire a noi di cantare? Allora bisogna dire che si vuole _a'
rivoluzione_!

FRANC. — Basta. _(agli operai che hanno trasportato il materiale)_ Al
magazzino... Cencio, date voi una guardata. _(scompare dietro la
macchina seguito dagli operai già in catena)_

CENCIO. — Oreste, occhio alla macchina, che ha sete, e bada alle
valvole, veh, che con quell'arnese non si scherza: ne va della pelle. —
Bobi, animo; altrimenti quella tempra non si fa prima del mezzogiorno.
_(scompare un momento dietro al fucinale)_

BOBI. — Tanto meglio se non si fa!

ORESTE. — E il carbone chi lo paga?

BOBI. — Me ne importa assai. Domando io se un uomo veramente libero
dovrebbe passare la sua vita a soffiare!

MART. — Lui l'ha sempre colla politica.

BOBI. — Senti, se tutti i disperati pari miei si mettessero d'accordo
una volta, mondo birbone!

ORESTE. — Vorresti che non ce ne fossero più dei padroni, eh? _(ritorna
Cencio)_

BOBI. — Già, per farmi servire un pochino anch'io!

CENCIO. — Sentite, Bobi, io lavorerei sempre; che se non lavoro m'annoio
un buscherìo!

ORESTE. — E così Cencio fra quattr'o cinqu'anni sarebbe daccapo più
ricco di voi... Fatemi il piacere! Se nessuno potesse lavorare, non vi
domando come ci si potrebbe campare, ma chi ci terrebbe aperte le
osterie?

BOBI. — Oh bella! Il Municipio.

MART. — Il torto di Bobi ve lo dico io subito; è quello di non aver
girato l'Italia, con licenza parlando. Sapete quello che diceva sempre
Cavour? Gira l'Italia.

GENN. — Aveva ragione: vedendo s'impara.

CENCIO. — Sicuro, perchè ogni diritto ha il suo rovescio, come ogni
paese ha pure il suo bene.

MART. — Io, con licenza parlando, qui non ho imparato a parlare toscano?

CENCIO. — Ah! ah!

BOBI. — Carino quel toscano!

ORESTE. — _Tittirrittì, tittirrittimì, tittirrittilè!_ _(ridono tutti)_

MART. _(un po' piccato, ad Ambrogio)_. — Pazienza che ridano loro che
sono toscani perchè ci sono nati; ma tu?

AMBR. _(scherzando)_. — _Cos'iin sti ciaccere? Se mi voglio, parli count
ün accento pü se tüscanno de tucc' voi alter!_

GENN. _(come sopra)_. — _Come sarebbe a dicere di tucci voi alteri? Se
io volesse parlà tuscane, sanghe dello ciuccio, saprìa parlà meglio di
molti professori, e anche di chilli addottorati... perchè quanno era
piccirillo e ghievo a scola, a mamma me diceva sempre: va, figlio mio, e
sturea; ca tu tiene una capa, anzi uno capone, da addiventà certo
n'alletterate. E però s'io non sono n'alletterate, è sulamente perchè
non aggio sturiato!_

GLI ALTRI. — Ah! ah! Bravo Gennaro!


SCENA II.

_CARLO dalla destra, poi subito FRANCESCO dal fondo a destra. DETTI._


CARLO. — Bravissimi! Tutti a fare la burletta, ed il primo di agosto è
imminente! Dov'è il capo-fabbrica?

FRANC. — Eccomi... eccomi...

CARLO. — È vicino il mezzogiorno e quella tempera non è ancora
all'ordine. Questo fusto non è mica stato massellato a dovere, sapete.
Siete tutti addormentati? Carbone al fucinale, attizzate; e voi, Bobi,
di grazia, un po' meno flemma! Alla fiaccona di questo messere non ci
badate mai?

BOBI. — Se non è contento, me ne vado anche adesso io...

CARLO. — Nossignore, adesso; mi siete in debito di cinque giornate. Dopo
se ve ne andate, mi fate un piacere.

BOBI. — Mondo ladro, perchè sono stato disgraziato!

CARLO. — Tacete, se non volete che dica io chi siete. Ora, attenti,
fabbricatori, al modo di arroventare un fusto per la tempra.

BOBI. — (Me l'hai da pagare!)

CARLO. — Rivoltate il pezzo. — Due spruzzi d'acqua, Oreste, e sollevate
un pochino... Spingete un po' più nel fucinale... Una mano, Oreste...
sotto!

ORESTE. — Non si resiste più...

CARLO. — Resisto io! _(butta via l'abito, stando primo alla vampa del
fucinale)_

FRANC. — Che fa, cavaliere?

CARLO. — Ma che cavaliere! Non sono mai stato tanto cavaliere come in
questo momento... Attenti! Vedete il colore giusto? Alla pila subito!

          (scompare dietro il fucinale coi massellatori. — Tocchi
            di campana: Carlo, Francesco ed i massellatori
            ritornano in iscena senza il fusto. — I lavoranti
            pigliano chi il cappello e chi la giacca riposti in
            qualche angolo, e si dispongono ad uscire)

CARLO _(a Francesco)_. — Abbiate pazienza, Savelli; ma qui non c'è
quella disciplina senza di cui non si fa mai nulla di serio nè fra
soldati, nè fra operai.

FRANC. — Ne convengo; ma alla fin fine un artigiano non è un soldato.

CARLO. — Chi ve lo dice? Soldato della pace, ma non senza pericolo,
combatte anche esso per la grandezza della patria, poichè a farla
gloriosa e potente non vogliono essere soltanto spade, ma spade e
martelli, ed è coi buoni martelli che si fanno le buone spade.

FRANC. — Lei ha ragione... Già, ha sempre ragione!

CARLO _(avviandosi alla destra)_. — Perchè in fondo io amo e stimo il
lavoro e il lavorante forse più di voi altri tutti... Buon appetito,
figliuoli. _(esce dalla destra, mentre gli operai escono dalla
sinistra)_

FRANC. — Sì, tu hai ragione; ma c'è qualche cosa nella tua onestà, nel
tuo ingegno che io non posso subire, perchè mi pare che voglia farmi
sentire la mia inferiorità... Mi hai confidato ogni tuo segreto...
perchè sai che non ti potrei tradire... o meglio perchè non potevi farne
a meno... ma sei sempre il principale, ed io il povero capo-fabbrica
inchiodato qui dal bisogno! Ecco Matilde... Non vado a fare colezione a
casa per guadagnar tempo, e lui... Oh! non sarebbe Faustini che agirebbe
così con me!


SCENA III.

_MATILDE dalla sinistra con un panierino coperto da un tovagliolo di
bucato, coll'occorrente per fare colezione. DETTO._


MAT. — Eccomi a te, Francesco. C'è del nuovo, sai, oggi... Hai appetito?

FRANC. — Poco; il caldo mi opprime... e poi con quell'uomo
incontentabile!... Che non abbia a finire un giorno questo pane così
salato?

MAT. — Abbi pazienza, Francesco; tu sai quali impegni abbia il Valori
sulle braccia...

FRANC. — Io so e non so... Se non faccio per lui, parli chiaro: c'è chi
mi cresce la paga e mi dà il titolo di direttore.

MAT. — Vuoi dire il Faustini?

FRANC. — Sì... Dammi da bere... Non sono padrone di servire chi mi pare?

MAT. — Certamente. Ma bevi adagio... Francesco, tu sai in quali rapporti
si trova il cavaliere Valori col Faustini?

FRANC. — Cani e gatti, ma ciò non mi riguarda: la mia opera è per colui
che la ricompensa meglio. Metti via che non voglio altro.

MAT. — Tu non ignori però che il Valori deve aver terminato e consegnato
le sue macchine per un'epoca fissata, e sai quello che mi ha detto sua
moglie.... Quella non si vergogna mica di parlare con me dei suoi guai!

FRANC. — Già lo so che ti lasci subito commuovere da quattro
chiacchiere; ma son queste le belle novità che mi vuoi dire?

MAT. _(con serietà)_. — Senti, Francesco; tu sai se io ami la mia
bambina e ti ricordi che i medici sono tutti d'accordo nel dire che il
rimedio veramente sicuro sarebbe per lei quello dei bagni di mare.

FRANC. — Sì, e anche per questo sento che mi costerebbe meno piantare il
Valori.

MAT. — Ed io credi che non sarei felice di vederla una volta alzarsi da
quella seggiola ove sta tutto il giorno senza mai rallegrarmi di un
sorriso? Oh se bastasse camminare un giorno intiero coi piedi nudi sulle
spine per ottenere la sua guarigione, io affronterei sorridendo il
martirio, perchè il giorno in cui potrà correrti incontro quando ritorni
dal lavoro, il giorno in cui la sentirò ridere e finirò d'invidiare
tutte le altre madri, quel giorno sarà bello, molto più bello di quello
in cui ti ho sposato!

FRANC. — E tu non vorresti che io mi accordassi col Faustini, il quale
ci porge il mezzo di vedere la nostra bambina risanata più presto?

MAT. — Ora guarda... _(trae dal seno due biglietti da cento lire)_ Sono
duecento lire...

FRANC. — Da tuo padre? No; t'ha dimenticata lui! Dal Faustini adunque?

MAT. — Sì. Quando li ho avuti nelle mani, il primo mio pensiero fu alla
bambina, e ho detto: con centocinquanta lire sto a Viareggio un buon
mese pei bagni, e le altre cinquanta me le spendo in tanta biancheria.

FRANC. — Brava; così saranno spesi bene.

MAT. — No, Francesco, questo denaro io corro a riportarlo a chi me lo ha
mandato a titolo di regalo, ma colla condizione sottintesa che io ti
consigli ad abbandonare il Valori in questo momento.

FRANC. — Matilde, mi viene un'idea. Se io rimanessi col Valori fino alla
consegna delle macchine, e poi andassi dal Faustini, che male ci
sarebbe?

MAT. — Senti; non ti pare che il Faustini tutto quello che fa per trarti
a sè, non sia anche un po' per far dispetto e danno al Valori? E
Faustini lo sa che il Valori ti ha rivelato il segreto della sua
invenzione?

FRANC. — Lo sa; ma ciò non vuol mica dire che io possa tradire il
Valori!

MAT. — Lo credo io; ma non ti pare che ne avrebbe un po' l'apparenza?

FRANC. — Ma tu spingi troppo la delicatezza!...

MAT. — E sia; ma se tu sacrificassi a questo sentimento il tuo amor
proprio, non ti sentiresti contento di poter dire: io avrei potuto
guadagnare qualche cosa di più, avrei potuto fare qualche cosa di più
per la mia creatura, e invece ho soffocato in me le voci di un giusto
orgoglio, il grido del bisogno e della natura, per non disertare nel
momento del pericolo la mia bandiera, per non unirmi a gente cattiva che
vuole schiacciare l'uomo che ha avuto fede nella mia onestà e mi ha
confidato il frutto più prezioso della sua intelligenza?

FRANC. — Oh sì, Matilde, sì che ne sarei contento; ma cara te, la
povertà mi fa paura!

MAT. — O bella la povertà, quando ci lascia il diritto di stimarci
superiori alla nostra sorte! Cara e santa, quando non è l'effetto del
vizio e del disonore!! Mio caro Francesco, io ti voglio dire una cosa
che non ti ho detto mai. Anch'io ho avuto i miei momenti di sconforto;
anch'io ho pensato talvolta alle mie amiche più agiate, più ben vestite
di me; ma non ho cessato d'amarti, non ho cessato di essere contenta di
te, perchè io sono convinta che sotto il tuo saio c'è un cuore che mi
ama, e me lo prova col sentimento dell'onore più geloso, della
delicatezza più profonda!

FRANC. — Non posso fare che questo per te, e anche questo sei tu che me
lo hai insegnato!

MAT. — E a me, Francesco, il pensare che se tu senti e agisci a questo
modo, è anche un po' perchè tua moglie non è la donna triviale che si
contenta d'esser portata al caffè e all'osteria, mi fa bene, mi fa più
contenta che se tu mi potessi regalare vezzi di gioie, ed abiti
sgargianti... Or dunque, poichè non ti chiedo nessun'altra cosa per la
mia felicità, lasciami questa santa consolazione di saperti generoso e
leale che mi compensa ad usura della povertà!

FRANC. — Oh sì, Matilde! E per dartene una prova andiamo subito da
Faustini a restituirgli i suoi denari.

MAT. — Ah! _(con slancio, baciandolo)_ A te con tutta l'anima! _(escono
dalla sinistra correndo e tenendosi per mano)_


SCENA IV.

_MARTINO dalla sinistra, poi CARLOTTA._


MART. _(accennando a Francesco e a Matilde già usciti)_. — Il matrimonio
deve avere qualche cosa di buono... _(dà un fischio: entra Carlotta)_
V'ho da dire una cosa, la mia Carlotta...

CARL. — Che cosa è questa mia?

MART. — Non lo credete che avete ad esser mia?

CARL. — Non credo neanche all'aceto io; e se non vi si cresce la paga,
ve lo dico tondo, potete starmi parecchio lontano dai contorni delle
scarpe.


SCENA V.

_Dalla destra CARLO inosservato. DETTI._


MART. — Sentite, il signor Faustini ha fatto offrire dieci soldi di più
per giornata a me, Cencio, Gennaro ed Ambrogio, e sta attorno al
capo-fabbrica per guadagnarselo anche lui. Or bene, se per questi altri
dieci soldi, che fanno la bellezza di quattro lirette, vi decidete a
sposarmi, io, con gran dispiacere.... per lui... pianto qui su due piedi
il cavaliere!

CARLO. — Bravo!

CARL. — (Tonfa!)

MART. — (Ahi! Ahi!) Ho detto con gran dispiacere.

CARLO. — Già, per me. _(a Carlotta)_ Che fai tu qui?

CARL. — Io cercava... della limatura per far pulito il rame...

CARLO. — Va in casa subito. _(Carlotta esce dalla destra. — Suono di
campana)_

MART. — (Pagherei dieci soldi per trovarmi lontano un miglio).

CARLO. — Martino, Faustini tenta adunque di prendermi tutti i migliori
operai, e voi altri che sapete in quali impegni mi trovo, mi piantereste
senza dirmi un'acca!

MART. — (Ne pagherei venti per trovarmi in cantina).

CARLO. — Questo prova che avete forse una ragione di farmi del male...

MART. — No, _per Diesana_!

CARLO. — E allora?

MART. — E allora, si capisce... l'amore! Ecco la ragionaccia! Ma la
ringrazio d'avermi avvisato, e stia sicuro che finchè non abbia
terminato i suoi impegni, non mi muovo, neanche se Carlotta, non so se
mi spiego, diventasse più bella della Madonna della Guardia!

CARLO. — Basta, Martino... Lo sapevo io: uno per uno di voi se ne fa
quello che si vuole. Vi ringrazio e saprò ricompensarvi.


SCENA VI.

_FRANCESCO, GENNARO, CENCIO, AMBROGIO, ORESTE, e tutti gli altri
lavoranti, dalla sinistra. DETTI._


CARLO. — Figliuoli, vi ho a pregare tutti di un favore: perchè le
macchine possano esser mandate in tempo al Richard, ci vorrebbe una
giornata di più di lavoro, quella giornata appunto che si è perduto per
solennizzare non so che festa. Per ricuperare questa giornata
bisognerebbe che mi deste un'ora di più al giorno per questa sola
settimana.

TUTTI. — Sì, sì, volentieri.

CARLO. — Oh bravi! bravi davvero e grazie!... È inutile che vi dica che
da lunedì venturo l'orario sarà nuovamente ridotto di quest'ora, per cui
riceverete un proporzionato aumento di paga. Ora al lavoro. _(a
Francesco)_ Avete sentito, Savelli, che razza di guerra mi fa il
Faustini? E temo anche peggio da certe voci!

FRANC. — Non abbia timore; i suoi operai gli sono fedeli.

CARLO. — Guai a me se dovessi dubitarne! Ora vediamo il materiale ed il
carbone per non esser colti alla sprovvista.

FRANC. _(agli operai che s'apprestano a lavorare)_. — Date mano ad
imperniare le ruote dentate, limatori; e voi altri massellatori alla
tornitura dei fusti. _(a Carlo)_ In queste ore più calde un lavoro meno
faticoso profitta di più...

CARLO. — Approvo il vostro consiglio. _(escono entrambi dalla destra)_


SCENA VII.

_BOBI dalla sinistra guardingo. DETTI. Quindi BARTOLO pure dalla
sinistra._


BOBI. — Amici, gran nuovità; il signor Faustini ha accresciuto l'orario
senza crescere la paga, e perciò tutti i suoi operai sono in isciopero.

CENCIO. — Che n'importa? Noi abbiamo promesso di lavorare, e lavoriamo
anzi un'ora di più, colla differenza però che il nostro principale ce la
paga. _(a Bartolo)_ Che vieni a fare tu qui?

BART. — Sentite, anche la fabbrica Ramaccini fa sciopero, e mi hanno
mandato a dirvi che vogliono facciate il medesimo.

MART. — Vogliono?

BART. — Sono più di duecento con quelli del Faustini.

MART. — Duecento, o mille, che importa? Se esco io col martello scappano
tutti.

ORESTE. — Se mi volete, mi incarico io degli apprendisti.

CENCIO. — Insomma abbiamo promesso e lavoriamo.

BOBI. — Io non ho mai promesso di lavorare: e poi gli è tanto di riposo
perduto!

BART. — Badate che potrebbe finir male, ma molto male!

BOBI. — Sicuro; perchè vi volete far rompere la testa, e perdere
quest'occasione di far la legge anche un pochino voi altri?

MART. — Sentite; la testa io l'ho dura, e se si deve far la frittata ci
voglio essere anch'io. Dunque pochi discorsi, perchè sappiamo che voi
altri avete del rancore contro il Valori. _(a Bartolo)_ E tu cosa fai
qui? Gira l'Italia!


SCENA VIII.

_FRANCESCO dalla destra. Voci dalla piazza in fondo. DETTI._


BART. — Sia pure; ma avete da cedere tutti quanti.

FRANC. — No, che non si cederà! Aria, galantuomo. _(Bartolo esce dalla
sinistra. — Francesco chiude col catenaccio e colla mandata la porta a
sinistra e va ad appendere la chiave presso la macchina a vapore)_ La
porta è solida e si chiude per bene; dall'inferriata della finestra non
passano. Lavoriamo tutti come se nulla fosse. _(si rompe un vetro della
finestra in fondo)_ Che fate?

UNA VOCE _(chiara e vibrata dalla piazza)_. — Il lavoro deve cessare in
tutte le officine finchè non sia diminuito l'orario.

FRANC. — E se noi si volesse lavorare?

LA VOCE. — È inutile resistere. Siamo più di duecento noi.

FRANC. — Sentite, vi do un consiglio; fate la vostra strada.

CENCIO. — E andate a farvi friggere!

LA VOCE. — Poche parole: per l'ultima volta, sì o no?

TUTTI. — No! no!

LA VOCE. — Vigliacchi!

FRANC. — Ah! venite dentro, se l'osate; venite alla porta!

TUTTI. — Venite!

          (si armano di martelli e d'aste, meno Bobi che è disceso
            a destra; intanto una scarica di sassate dalla piazza
            frantuma quasi tutti i vetri e ferisce Martino)

MART. — Tirano delle _pere_ loro!

FRANC. — Ah! volete proprio far davvero? Ebbene il padrone ha delle armi
per difenderci, e noi ci difenderemo. _(corre per uscire dalla destra)_

BOBI _(arrestandolo)_. — Fermo. _(gli operai, senza badare a Bobi,
parlano concitati fra di loro)_

FRANC. — Levati dai piedi, poltrone!

BOBI. — Meno superbia, sor Cecchino, se non vuole che ricordi a sua
moglie dove ci siamo conosciuti!

FRANC. — A mia moglie! Ebbene, sia; sarà meno peggio che subire le tue
minaccie!

BOBI. — Ma non basta, signorino, perchè lei e la sua famiglia sarà fatta
segno alla vendetta di tutti i miei compagni, se fa bisogno.

FRANC. — La mia famiglia?

BOBI. — La vada a dare un'occhiata là fuori, e poi mi dica se quei musi
la risparmierebbero!

FRANC. — E io dovrò cedere come un vile?

BOBI. — Che cedere? Non hai che da tacere. _(agli altri)_ Anche il
capo-fabbrica è convinto che non si può resistere.

CENCIO. — Non è possibile!

FRANC. _(dominato da Bobi)_. — Eppure è vero; riconosco, malgrado mio,
che bisogna cedere al numero.

CENCIO. — E allora è inutile rompersi la testa, compagni.

GLI ALTRI _(deponendo gli strumenti)_. — Quando lo dice il
capo-fabbrica!

FRANC. _(isolato ed assorto nei suoi pensieri)_. — (O che infamia! che
viltà vergognosa! Ma posso io esporre il mio onore ai sospetti di
Matilde, e Matilde istessa e la nostra creatura alla vendetta dei
ribaldi di cui costui è strumento?)

BOBI _(al fondo)_. — Pace! Pace! Neanche noi non si lavora più: evviva
la vera eguaglianza!

_Molte voci_ _(di fuori con applausi)_. — Bravi! Bravi! Evviva!

UNA VOCE. — Prendete e suggelliamo la pace...

          (dalla piazza si sporgono agli operai vari fiaschi di
            vino e qualche bicchiere; comincia a bere qualche
            lavorante in fondo, e poi poco a poco finiscono per
            fare lo stesso anche gli altri)


SCENA IX.

_AGNESE dalla destra, ed EGISTO in abito di tela bianca. DETTI._


EGISTO. — Vedrai che tutto è inutile... _(rimane sulla soglia a destra)_

AGNESE. — Dov'è Carlo?... Che fate? Non avete udito la campana del
lavoro?

BOBI. — Quella non è la campana del lavoro; è la squilla della
li-ber-tà!

AGNESE. — Sentite: se non è questione che di denaro, l'accomoderemo
meglio fra noi, che Carlo non ne sappia nulla... Egli non spera più che
in voi, lo sapete... Via! se egli ha qualche titolo alla vostra
benevolenza, se io stessa ho potuto fare qualche cosa per le vostre
famiglie, voi ci avrete ricompensati ad usura sdegnando di imitare i
lavoranti delle altre officine... Oreste, dà tu il buon esempio: il
fornello della macchina è ormai spento; buttaci del carbone.

ORESTE. — Subito, signora... _(azione)_

BOBI. — Fa scoppiare la caldaia, imbecille! E lei, mi faccia la grazia
di non seccarci altro.

FRANC. — Una parola di più alla signora e ti strappo la lingua!

AGNESE. — Signor Savelli, lei aspetta che mi si perda il rispetto per
usare la sua autorità? Lei se ne sta colle mani in mano in questo
momento?

FRANC. — Non posso far nulla!

AGNESE. — Dunque il mio Carlo avrà avuto invano fede ed affetto per voi
tutti? povero sognatore! _(ad Egisto)_ Aspettami, corro a cercare mio
marito che saprà ricondurli al dovere.

EGISTO. — Mi lasci solo?

AGNESE. — Avresti paura? _(via dalla destra)_

EGISTO. — (Paura io? ho spavento!)

BOBI. — Venga, venga, sor cavaliere! Eh che caldo?

EGISTO. — (Sarà bene fare un po' il democratico). Un caldo... un caldo
che fa sudare anche i sordi!

BOBI. — To', ha dello spirito lui! Levatevi pure la giacchetta senza
complimenti...

EGISTO. — Grazie... (Mi dà del voi). Guardate come mi avete conciato!

BOBI. — Ma io vi pulisco subito...

EGISTO. — (Con quelle zampe! E Carlo non arriva!) Non v'incomodate,
brav'uomo...

BOBI. — Che bella facciona simpatica!.... Voi dovete bere un bicchiere
con noi!...

EGISTO. — Grazie tante!... Troppo buono! Ma non bevo mai fuori pasto!

BOBI. — Con questo caldo? Ma io i signori li capisco a volo: ricusa
perchè non abbiamo un bicchiere pulito; ma ci penso io... _(soffia
dentro al bicchiere, lo asciuga colla camicia, e vi mesce)_ Alla nostra
salute, se non siete un codino!

EGISTO. — No; non son neanche un codino.... non son nulla io!

BOBI. — Giù tutto alla nostra salute!

EGISTO. — Alla vostra salute! (Alla mia no certo) _(beve)_ (Che veleno!)
Ora che ho fatto a vostro modo, vorreste farmi una grazia?

BOBI. — Parla, anima mia! Vuole offrirci dei sigari di sicuro...

EGISTO. — Eccone... ecco tutti quelli che ho in tasca; ma ora, da bravi,
al lavoro...

BOBI. — Come? Tu che fai il cavaliere tutto l'anno, ora hai lo stomaco
di venirci a predicare il lavoro?

EGISTO _(intimorito)_. — No, no, vi faceva la commissione; ma poi per me
lavorate, cantate, ballate, torna lo stesso... (Mi dà del tu; come
finirà?)

BOBI. — Oh così sta bene! Ma già basta guardarti: con quella bella cera
da frate priore, con quella pancia che pare un armadio da osteria, si
capisce subito che non puoi aver simpatia per il lavoro! To',
simpaticone, non so resistere al desiderio di abbracciarti!

EGISTO. — Resistete, ve ne prego, resistete!

BOBI. — Nossignore, voglio levarmi il gusto di ballare una volta con un
cavaliere... Musica!

          (abbraccia Egisto per costringerlo a ballare: risate e
            chiasso in piazza, ma è l'affare di un istante)


SCENA X.

_CARLO dalla destra. DETTI._


CARLO. — Silenzio! _(ad Egisto)_ Vattene. _(Egisto esce dalla destra con
premura)_ La campana è suonata da un pezzo, la macchina è accesa: a
lavorare.

BOBI _(s'avanza sfacciatamente verso Carlo, tenendo a sè dinanzi, come a
difesa, or l'uno or l'altro dei compagni)_. — S'è finito di lavorare!

CARLO. — Voi comandate in casa mia?

BOBI. — Un po' per uno; oggi tocca a me.

CARLO. — Ed io vi caccio all'istante, perchè dei mascalzoni pari vostri
non ho che a guardare nelle bettole lungo la strada per trovarne a
centinaia.

BOBI. — Dei pari miei a centinaia? La gli gira!

CARLO. — Ma Cencio, Gennaro, Martino, ditemi voi se io sogno, se è vero
che voi lasciate bestemmiare così questo avanzo di prigione.

BOBI _(respingendo gli altri)_. — Con me deve aggiustare i conti, con me
solo!

CARLO. — Io parlerò a voi lavoratori, perchè, a farlo con lui, lo schifo
che ne sento potrebbe rendermi ingiusto. Non vi parlo da padrone, vi
parlo da amico. In poche officine si paga il lavoro come da me; in
nessuna come da me vi si dà un tanto per cento sugli utili. Quale
pretesa potete avere?

BOBI. — Quando ce la saremo intesa coi compagni delle fabbriche Faustini
e Ramaccini, la saprà; intanto bisogna crescere la paga e scemare di
molto l'orario.

CARLO. — Siete pazzi? Se vi cresco la paga non posso più lottare cogli
stranieri che hanno in casa metallo e combustibile! Quanto a scemare
l'orario vi ricordo che non è mezz'ora che m'avete promesso di crescere
il lavoro!

BOBI. — E ora non si vuole più, oh! Che cosa è alla fin fine il vostro
capitale senza di noi?

CARLO. — Nulla.

VOCI _(ed applausi di fuori)_. — Bravo!

CARLO. — L'ho detto io e lo ripeto: non è nulla! Ma voi, mano d'opera,
ditemi un po', che cosa diverreste se il capitale facesse contro di voi
lo sciopero che credete profittevole e giusto per voi soli? E dal
momento che non deve essere stimato altro che l'operaio, perchè dovrà
solamente contare quello che lavora colla mano e non anche quello che
lavora coll'ingegno e lo studio? Forse per creare un nuovo tiranno più
cieco e brutale di quelli che ci hanno oppresso?

BOBI. — Tutte parole buttate: a noi la sua aria di professore non può
farci nè caldo nè freddo, perchè alla fin fine lavoranti e principali,
tutti eguali ora!

MOLTE VOCI _(dalla piazza con applausi)_. — Bene! Bravo! Bis!

CARLO. — Poveri figliuoli; vi hanno gonfiato il capo di parolone che non
capite, e me le lanciate come una minaccia e una condanna! Siamo tutti
eguali dinanzi al diritto di vivere ed alla legge: così è, e così deve
essere. Ma dinanzi alla scienza, ma dinanzi al lavoro, quello che tira
il mantice sarà eguale a me che so, e invento? Se è così, su, mastro
Bobi, venite a mettervi al mio posto nell'officina e allo scrittoio; e
se i vostri calcoli e i vostri disegni saranno migliori dei miei, voi
sarete il principale ed io l'artigiano. Ah! cieco, che mi vuoi essere
uguale in tutto fuorchè nella fatica, te lo mostro io il modo di essermi
eguale, il segreto per diventar principale: lavoro, temperanza,
risparmio! E tu disgraziato, invece di cercare nella temperanza la
forza, nel risparmio l'indipendenza, nel lavoro la vera nobiltà, non
desideri che di far nulla, affidando il tuo avvenire agli avvocati del
disordine, od al Monte di pietà, al lotto ed all'ospedale! Ma guarda che
miseria è la tua: sei miserabile fino nel desiderare!

BOBI. — Tu l'ha a vedere!

CARLO. — Allora fuori dei piedi te ed i poltroni che ti vorranno
seguire! _(movimento degli operai per uscire)_

GENN. — Eccellenza, se non ci date la chiave!...

CARLO _(atterrito)_. — Tutti uscite?... Tutti, quando la vostra
diserzione può costarmi l'avvenire? Cencio, Martino, Gennaro, Ambrogio,
fuori dalla cerchia dannata! Accusatemi, parlate, dite che cosa vi ho
fatto io per essere tradito in questo momento?

CENCIO. — Sono più di duecento fuori, ed hanno già ferito Martino.

MART. — Io sono bell'e guarito, padrone; ma sono più del doppio di noi.

AMBR. — Sor Carlo, non si comprometta... Anche lei è padre di famiglia.

CARLO. — Ah se non è che questo! Savelli? Dov'è Savelli? _(scoprendolo)_
Francesco, se ci attaccano... _(fischi ed urli al di fuori)_ Fischiate;
a Custoza ne ho sentiti dei più terribili senza impallidire... _(si
rompono altri vetri)_ Buon augurio: è un vetraio che cerca lavoro...
Animo, Savelli, venite con me...

BOBI. — Savelli non si muove.

CARLO. — Savelli?

FRANC. — Sull'onor mio non si può!

CARLO _(smarrito)_. — Savelli, voi sapete che cosa sarebbe di me se non
potessi terminare a tempo il lavoro e pagare le cambiali!

FRANC. — Ma non capisce che io non posso far nulla?

CARLO. — (O Dio! Dio!) Ma figliuoli, v'ho da scongiurare in ginocchio?

OPERAI _(che bevono in fondo)_. — Alla sua salute!

CARLO _(indignato)_. — Ah! Li ha ubbriacati l'infame, e poi li ha
comprati! Ebbene io vi discaccio tutti, sì, tutti; e te per il primo,
serpente che ho raccolto nel fango e che ora ti schieri coi miei nemici!

FRANC. — Ah! non una parola di più!...

CARLO. — Sì, ti ho confidato il mio segreto, la mia invenzione, e tu mi
vendi ad un Faustini! Vile traditore, più vile di Giuda!


SCENA XI.

_AGNESE, dalla destra, inosservata. DETTI._


FRANC. _(slanciandosi fuori di sè ad armarsi di un martello)_.

VOCI _(di fuori)_. — Dàgli!... ammazzalo!

CARLO. — Ah sì?... _(cava di tasca una rivoltella e l'appunta contro
Francesco)_

FRANC. — Ebbene mi ucciderai; ma resteranno cento per strapparti il
cuore!

AGNESE _(che colpita dall'idea di poter salvare Carlo si è intanto
slanciata alla macchina ed ha chiuso le valvole di sicurezza, grida con
forza:)_ — Non resterà nessuno perchè scoppierà prima la macchina!

FRANC. E TUTTI GLI OPERAI _(si buttano smarriti verso la porta a
sinistra con un grido di terrore)_.

CARLO. — Ah! Vedete quando combattete per l'ozio e per l'invidia come la
mano di una donna basta per schiacciarvi! Io potrei seppellirvi tutti
con me sotto le rovine dell'officina; ma preferisco di lasciare a voi
soli il vanto di avermi assassinato!

          (getta loro la chiave della porta e riapre le valvole.
            Mentre un operaio si precipita per pigliare la chiave,
            e Carlo, sostenendo Agnese che si è abbandonata fra le
            sue braccia, intima a loro tutti di uscire, cala
            rapidamente il sipario).


FINE DELL'ATTO TERZO.



ATTO QUARTO

   La scena dell'Atto secondo. — È giorno.


SCENA I.

_CARLOTTA dal fondo e CARLO dalla destra con premura._


CARLO. — Ebbene? Nulla?

CARL. — L'impiegato telegrafico l'assicura che appena giungerà qualche
dispaccio per lei, glielo farà subito recapitare.

CARLO. — Ogni minuto di ritardo è per me un secolo di penosa
ansietà..... Manda all'ufficio Menico, qualche contadino.....

CARL. — Oh caro lei! Per paura degli operai, nessuno vuol più metter
piede in questa casa... Ma, non dubiti, starò attenta io.

CARLO. — Mi raccomando, Carlotta. _(Carlotta esce dal fondo)_ Paura,
paura; ecco il gran segreto della possibilità di tutte le prepotenze! I
mille che hanno paura dei cento... dei cento condotti da dieci, se sono
tanti! È doloroso a dirsi, ma se a me resta la mia invenzione, se non ho
tutto perduto, ho forse da ringraziare questi cittadini? No, perchè essi
vogliono la libertà, e poi, quando si tratta di difenderla, o si
nascondono, o veggono con gusto chi si ribella alla legge! _(va allo
scrittoio)_ E quel dispaccio da Marsiglia non giunge!


SCENA II.

_EGISTO dalla destra con ombrello. DETTO._


EGISTO. — Buon giorno. Vorrei, se me lo permette il popolo sovrano,
pigliare un po' d'aria in giardino..... Non hai scritto perchè
l'autorità metta ordine e castighi? Tu speri che la dieta guarisca la
febbre; ma persuaditi che alle persone per bene sarebbe una gran
consolazione vedere nel paese un po' di quei pennacchi..... Di' ciò che
ti pare; ma, quando ne vedo, a me pare che il cielo sia più sereno e gli
uomini più onesti... _(annasa tabacco; Carlo, che non gli dà retta, si
mostra agitato e va a guardare verso il giardino)_ E vedi, per sentirmi
rinascere l'appetito, io l'ho bell'e capita, bisognerebbe che ce ne
fossero..... non dico molti, no..... ma, almeno, almeno, un paio.....
per operaio! _(Carlo torna allo scrittoio, Egisto guarda in giardino)_
Ah! c'è ancora la famiglia? Perchè non me l'hai detto? Se ci sono anche
loro, io..... li posso proteggere!

CARLO. — Vuoi la mia rivoltella?

EGISTO. — Una pistola nelle mie tasche? Farei portar l'abito da un
altro. (È capace d'averla carica lui!) _(affettando disinvoltura)_ E poi
un uomo ne vale un altro alla fin fine. _(s'incontra in Francesco
apparso sulla soglia, ed indietreggia impaurito; quindi, per colorire
l'atto poco coraggioso, va a salutare Carlo)_ (Lui ha la pistola).
_(esce dal fondo con affettata disinvoltura)_


SCENA III.

_FRANCESCO dal fondo. DETTO._


CARLO. — Voi qui? Questo è troppo!.. Io posso perdonare tutto
all'ignoranza, ma a voi... Uscite subito!

FRANC. — È da otto giorni che aspetto questo momento, e lei mi
ascolterà!

CARLO. — Vedremo se in questa casa non sono più io il padrone!

FRANC. — Può anche battermi, ma deve finire per ascoltarmi. Sì; l'ultima
parola che lei mi disse fu un atroce insulto, e tanto più atroce, quanto
non meritato... Mi lasci dire! Uscii dalla fabbrica cogli altri, cercai
di stordirmi, di ubriacarmi — bisogna che le dica tutto — e respinsi per
la prima volta dalle mie braccia la mia creatura e maltrattai Matilde!
Da quel giorno non so che mi faccia; ma so che nulla può farmi
dimenticare quelle sue parole che non lasciano nè pensare ad altro, nè
dormire.... Io so bene chi mi sia a petto di lei; so anche meglio che se
io le domandassi una soddisfazione, lei si metterebbe a ridere. Eppure
io ne avrò una...

CARLO. — Vendicandovi.

FRANC. — Già, vendicandomi; ma lo indovina lei come?

CARLO. — Col vendermi, se ancora non mi avete venduto, al Faustini.

FRANC. — L'ho sempre detto che lei non mi conosceva e perciò non mi
poteva stimare! No, signor cavaliere, benchè io sia senza pane, e lei
non me ne possa dare, io non intendo la mia vendetta a questo modo;
anzi, le giuro sul mio onore che ad ogni costo la sua invenzione non
uscirà di qui.

CARLO. — Possibile?

FRANC. — Aspetti, aspetti! Si ricorda che, nel mio libro di benservito,
c'è una lacuna di tre mesi che gli dissi di aver passato all'estero? Era
una menzogna; li passai in prigione.

CARLO. — Voi?

FRANC. — Già... Ero stato insultato e percosso da un compagno che
rifiutava di riconoscermi quale capo-fabbrica, e nella rissa ebbi la
disgrazia di ferirlo gravemente.... Ma lei vorrebbe dire: una bella
guarentigia di onoratezza l'essere stato in prigione! Eppure in fondo la
c'è. Matilde non lo sa. Crede ciò che per compassione le ha dato ad
intendere il mio principale d'allora, che m'aveva spedito in Francia
lui. Lei sa che donna è mia moglie. Per amor mio ha abbandonato la sua
famiglia agiata e signorile; per amor mio ha camminato delle giornate
intere colla bambina al collo, soffrendo il sole, la sete, la fame; ma
senza lagnarsi mai, senza cessare mai d'amarmi e di stimarmi come un
uomo superiore alla sua sorte.... Ora mi dica un po' lei se io posso
permettere che anima viva dica alla donna che forma l'unica felicità
della mia vita: _tu t'inganni; quest'uomo a cui hai tutto sacrificato,
non è che un miserabile uscito dal carcere dei malfattori e degli
assassini_!...

CARLO. — Ella ne morrebbe di vergogna e di dolore!

FRANC. — Comprenderà dunque come Bobi, mio compagno di prigione,
minacciando me di una siffatta rivelazione e la mia famiglia della
vendetta dei provocatori dello sciopero, abbia potuto obbligarmi a far
causa comune cogli altri; comprenderà come la parola traditore dovesse
farmi perdere la testa, come ora io sia ben contento di poterle provare
che se nella ricchezza e nel sapere lei mi può essere superiore, nel
sentimento dell'onore e della delicatezza, io operaio, posso ben farmi
eguale a lei gentiluomo!

CARLO _(pigliandolo per le mani)_. — Francesco! Cattiva testa, qualche
volta, ma cuore sempre leale e generoso, che cosa vuoi? Vuoi essere mio
amico, o vuoi che non ci ricordiamo che di essere stati entrambi
soldati?

FRANC. _(abbracciandolo)_. — Ah! ora sì che posso essere suo amico, ora
che mi ha fatto suo pari!


SCENA IV.

_CARLOTTA dalla destra, quindi FAUSTINI dal fondo. DETTI._


CARL. — Signor padrone, c'è il fattorino dell'uffizio telegrafico con un
dispaccio.

CARLO. — Ah sono salvo!... Addio per poco, Francesco. _(Carlotta esce
dalla destra)_

FRANC. — Coraggio, maestro, e mi aspetti fra poco con tutti gli altri.
_(Carlo esce dalla destra. Francesco, per uscire dal fondo s'imbatte in
Faustini)_

FAUST. — Lei qui, caro direttore?

FRANC. — Perchè no? Io la ringrazio delle offerte che mi ha fatto; ma le
ripeto che non abbandono quest'officina.

FAUST. — Non l'abbandoni, tanto meglio. Sua moglie deve intanto
accettare il regalo che mi ha voluto restituire, poichè d'or innanzi...
Ecco il Valori; mi lasci con lui, direttore, ma non s'allontani, le dirò
il resto.

FRANC. — Ma io non sono punto ai suoi ordini!

FAUST. — Via, via, aspetti; quando avrà compreso, sarà contento.

FRANC. — Temo di aver già capito troppo! _(esce dal fondo)_

FAUST. — Quanto fumo! E non capisce d'essere nelle mie mani come gli
altri tutti! Ma se quel dispaccio annunzia il pagamento delle macchine,
il mio progetto è bell'e ito! _(si ritira in disparte verso il fondo)_


SCENA V.

_CARLO dalla destra, pallidissimo, e poi EGISTO dal fondo. DETTO._


CARLO _(corre sulla soglia del giardino senza vedere Faustini, e ne
ritorna subito con Egisto)_. — Vedi ciò che mi rispondono i Richard!

EGISTO _(leggendo il dispaccio)_. — «_Il non aver ricevuto vostre
macchine ci pone in dolorosa, ma assoluta impossibilità ordinare
pagamento, malgrado nostra buona volontà; ad ogni evento, ricordate che
vi offriamo posto Direttore nostro grande stabilimento_». Vedi se noi
avevamo ragione?

CARLO _(supplichevole)_. — Egisto, te ne prego, non abbandonarmi in
questo momento in cui tutto fallisce alle mie previsioni!

EGISTO. — Mio caro, a chi lo devi, se non a quegli operai che non
rifinivi di portare in palma di mano? E poichè gli operai sono così
fatti anche con chi li ama, io sarei un matto se affidassi ai loro
capricci una somma tanto ragguardevole.

CARLO. — Ma io ti darei tutte le guarentigie che puoi desiderare, pur di
non rimanere vinto per difetto di armi in una battaglia che deve
terminare colla mia vittoria!

EGISTO. — Già: la solita illusione di tutti gli inventori! Ma che cosa
ci posso fare io? Dopo quei disordini, ho quasi disposto del mio
capitale, con ipoteca su poderi ed officine...

CARLO. — Al Faustini adunque?

EGISTO. — Oh insomma, non voglio e non debbo darti quel denaro... Tutti
i giorni la stessa canzone!

CARLO. — Egisto, tu non sai quanto possa costarmi il tuo rifiuto.

EGISTO. — Potrebbe anche essere per il tuo meglio.

CARLO. — Ma sai tu di che si tratta?

EGISTO. — Sì, sì; del popolo, dell'industria, dell'Italia..... Lo so a
memoria: _far l'Italia_; come se prima di voi altri l'Italia non ci
fosse!

CARLO. — Non se ne parli più. Ritorna in giardino...

EGISTO. — Che abbia ballato io, passi; ma il capitale? La sorella mi
strapperebbe gli occhi! _(via dal fondo)_

CARLO _(smarrito, scendendo lentamente dal fondo)_. — Ed ora?

FAUST. _(presentandogli le cambiali)_. — Domani.

CARLO _(una breve pausa)_. — Voleva essere mio socio..... lo sia.

FAUST. — Troppo tardi.

CARLO. — (La vendetta!)

FAUST. — Non voglio fare scandali. Mi piglio l'officina, straccio le
cambiali e le rifaccio venti mila lire.

CARLO. — Ventimila!

FAUST. — È vero che le ho offerto altrettanto per la sola società; ma
ora non ho più bisogno della sua invenzione; ne ho una quasi uguale, che
dà gli stessi risultati.

CARLO. — Anche la casa si pigli, anche la casa!

FAUST. — Tanto meglio; per la casa le do altre venti mila lire,
semprechè, s'intende, domani non mi paghi. Posso vedere intanto
l'officina?

CARLO. _(gli accenna la porta a sinistra)_.

FAUST. — (Eppure non ho osato dirgli quello che voleva) _(esce dalla
sinistra)_

CARLO _(porta le mani al collo come un uomo che si senta strangolare;
vacilla e finisce per cadere sopra una seggiola)_. — Come mio padre! Ora
comprendo la tua morte! Noi, o si vince, o si muore. La vita ci assolve,
la morte ci vendica. Vivere deriso dai maligni o alle spalle della
moglie, giammai! _(guardando verso la sinistra)_ Vieni, vieni, mercante
di carne umana, a godere il tuo trionfo su queste rovine..... E voi pure
che io ho voluto strappare alla miseria, all'ignoranza, che ho amato
come figliuoli, venite a leggere scritta col mio sangue su queste rovine
la vittoria dell'ozio e della invidia! _(trae di tasca la rivoltella, ma
ve la ripone subito sentendo venire Cesarino)_


SCENA VI.

_CESARINO dal giardino che giuoca al volante colla racchetta, ed AGNESE
che ricama. Agnese rimane in fondo intenta al suo lavoro._


CESAR. — Babbo! babbo! vieni anche tu a giuocare.

AGNESE. — Ancora qui, Carlo?

CARLO _(senza guardarli)_. — Andate in casa, lasciatemi...

CESAR. — Vieni a giuocare un pochino, babbo...

AGNESE. — Andiamo via, Cesarino, o ti farai sgridare...

CESAR. — È vero che tu mi sgridi, babbo?

CARLO. — (Che strazio!) No... ma va.

AGNESE. — Via, dàgli un bacio, e poi si va via subito.

CARLO. — Ma andate, vi ripeto! (No, che l'ultima parola non sia un
comando...) Ve ne prego, lasciatemi solo...

AGNESE _(scesa presso il marito)_. — Tu respingi tuo figlio e non mi
guardi?

CARLO. — Io... ti guardo...

AGNESE _(atterrita dall'aspetto di lui e buttando il ricamo sullo
scrittoio)_. — Carlo! Ma che cosa avvenne? Che si fa nell'officina?
Faustini? Ah! io lo leggo sul tuo volto; tutto è perduto!

CARLO. — No... faccio anzi un affare eccellente...

AGNESE. — E la tua invenzione?

CARLO. — Non ne ha bisogno; ne hanno inventata un'altra quasi eguale...
Oggi s'inventa tutti!... Ma l'affare è buono: egli corbella un pochino
me ed io moltissimo lui... Che scrupoli! Chi non inganna non guadagna.

AGNESE. — Tu mi fai paura: perchè tu possa parlare così dinanzi a tuo
figlio, bisogna che una grande sventura ti abbia colpito. Ma se l'hai
già venduta, qui non resta a far nulla. Se puoi ancora salvarti, se la
mia dote può esserti utile, so che ne posso disporre, ritorniamo subito
in città, vieni...

CARLO. — A che?

AGNESE. — A che? Ed è un uomo del tuo carattere che me lo chiede?

CARLO. — Non lo sono più... Tutto è finito per me!

AGNESE. — Ma questo pensiero è un delitto!

CARLO. — E sarà minor delitto che questa vita!

AGNESE _(preso Cesarino, glielo butta disperata fra le braccia)_. — E
sei padre?

CESAR. _(abbracciandolo)_. — Babbo! babbo!

CARLO _(con uno scoppio di pianto)_. — Basta, Agnese, basta!


SCENA VII.

_EGISTO ed ANNA dal fondo. DETTI._


CESAR. _(ad Egisto)_. — Il babbo, che non piange mai, piange!

AGNESE. — Sì, il suo cuore scoppia di dolore, non per quello che ha
perduto, ma per la malvagità altrui. Ma andiamo, Carlo... _(porge il
braccio al marito: questi, vacillante, sta per cadere; Agnese lo
sostiene, dicendo agli altri accorsi:)_ Basto io: sono sua moglie. Con
me, Cesarino... _(esce con Carlo e Cesarino dalla destra, per ritornare
a suo tempo)_

ANNA. — Carlo piange ed Agnese mi dà uno sguardo che mi fa rabbrividire?

EGISTO. — Oh Dio buono, sta a vedere che ora ci sono degli altri guai
più gravi! _(Agnese dalla destra, mettendo in tasca la rivoltella di
Carlo. Va subito ad aprire la cassa e ne trae un portafoglio in cui
racchiude carte e lettere)_ Ma che è stato dunque?

ANNA. — Si può sapere una volta perchè Carlo piange?

EGISTO. — Si può di grazia sapere che cosa abbia perduto?

AGNESE. — Che importa a te di Carlo!

EGISTO. — Se non per Carlo, per te...

AGNESE _(reprimendo un movimento)_. — Ah per me!..... Ma c'è mia madre,
e non dirò una parola che possa parerle meno rispettosa.

ANNA. — Ed io ti comando anzi di parlare. Sta a me il giudicare se hai
ragione di trattarci a questo modo.

AGNESE. — Dio sa se io ti rispetti; ma l'essermi madre, ma l'amarmi fino
all'idolatria... Ma no; non debbo e non voglio dir altro.

ANNA. — Vieni qui per l'appunto, che io voglio saper tutto e subito.

EGISTO. — Sicuro, a meno che il nostro affetto ti pesi!

AGNESE. — Ebbene, sì, mi pesa perchè si concentra tutto su di me,
dimenticando che anch'io ho doveri e diritti verso quelli che mi
appartengono.

ANNA. — Non è mia figlia che parla così!

EGISTO. — A tua madre? A tuo zio?

AGNESE. — A te, non parlo che a te, che non staresti un'ora lontano da
me senza sentirti strappare le viscere; a te che mi ami tanto, che
vorresti che non amassi che te, e per questo ti auguri giorno e notte
che Carlo veda cadere in rovina tutto l'edificio dei suoi studii e delle
sue imprese, e vorresti per giunta che io assistessi col sorriso sulle
labbra al martirio dell'uomo che amo, per l'eccellente ragione che egli
non pensa come te! Ma se mio marito fosse un uomo da nulla od un uomo
cattivo, io non l'abbandonerei; mi farei anzi più sua per difenderlo o
ricondurlo all'amore del bene; pensa adunque se moglie di un uomo
intelligente ed onesto come lui, io possa associarmi a te in questa tua
guerra non so se più stupida o feroce!

ANNA. — Ma sogno o questa è la mia Agnese?

EGISTO. — Qui c'è un equivoco evidente, un grosso sbaglio!

AGNESE. — Sì, il tuo: sbaglio di date. Tu credi ch'io sia sempre
l'Agnese uscita dalla scuola; io invece da anni sono moglie e madre e
sviscerata quanto ogni altra; eppure del cuore me ne resta sempre tanto
da essere figlia e nipote riconoscente e rispettosa; ma quando mi
accorgo che colla riuscita delle tue macchinazioni fai strazio di mio
marito, io non maledico il tuo trionfo perchè già nè so, nè posso
maledire; ma, per non correre un dì il pericolo di dimenticarmi che sei
mio zio, piglio l'unica via che mi resta, e me ne vado.

EGISTO. — Se ne va? E dove se ne va? A Firenze?

ANNA. — Senza di noi a Firenze?

AGNESE. — Non a Firenze; con mio marito a Marsiglia.

ANNA. — Dio!

EGISTO. — A Marsiglia? Fino a Marsiglia?

AGNESE. — Sì, perchè i Richard, che credono all'intelligenza di Carlo,
gli offrono una onorevole e lucrosa posizione. Voi non ci credete?
Rimanete! Io che ci credo, l'accompagno. _(va a ripigliare il
portafoglio che lasciò sullo scrittoio, per andarsene)_

ANNA. — Agnese, questo è troppo!

EGISTO. — Mi vuoi vedere a piangere? Dillo che mi vuoi vedere a
piangere!

AGNESE. — Tu piangi? Ma che cos'è il tuo dolore a petto del suo? Ha
perduto l'officina, gli hanno rubato la sua invenzione, e a capo di
questa infernale congiura sta quel Faustini cui tu impresti il capitale
che avrebbe potuto salvarlo! E lui parla di piangere perchè la sua
Agnese, la sua bambola, se ne va, perchè le sue abitudini di ozioso e di
egoista stanno per essere troncate, mica per altro!

EGISTO. — Agnese! tu bestemmi: vada per ozioso; ma io non ho amore per
te? Io sono un egoista?

AGNESE. — Se il tuo fosse vero amore, avrebbe sentito la necessità del
sacrifizio, e non si contenterebbe di questo tuo pianto puerile e
sterile. _(via dalla destra)_

EGISTO. — Puerile a me! E anche sterile!

ANNA _(piangendo)_. — Ma è possibile che mia figlia ci calunnii tutti e
due a questo modo?

EGISTO. — No, sorella, che non ci calunnia!... Ha ragione, sterili tutti
e due! E ha ragione anche Carlo, perchè, se lo vogliono gli stranieri,
bisogna confessare che noi soli non lo abbiamo saputo stimare, poichè,
da buoni italiani, invece di aiutarlo, gli abbiamo fatto la guerra!.....
Ma ora come se n'esce?

ANNA _(fuori di sè dal dolore)_. — Dividermi da mia figlia, non vederla
mai più? Piuttosto mille volte la morte!

EGISTO. — Ma neanche una, sorella! Sono più vecchio di te; ma di morire,
per quanto ce ne sia l'uso, non ne ho punto voglia..... piuttosto faccio
anch'io l'Italia! Andiamo ad impedire che quei matti partano. Finchè si
trattava di Belmonte, si era sempre in Toscana..... ma Marsiglia? No;
sono dei Vespucci, ma non per scoprire altro... Oh! gli operai adesso!
Non ci mancherebbe altro che volessero far ballare anche te... Andiamo
subito... ma con dignità... senza dar a vedere che si ha paura... _(esce
rapidamente dalla destra con Anna al braccio)_


SCENA VIII.

_MARTINO, ORESTE, CENCIO, GENNARO, AMBROGIO e gli altri operai di
Valori, dal fondo._


ORESTE. — Nessuna vergogna: siamo qui per ripigliare il lavoro.

CENCIO. — E poi mi pare ci sia poco da ragionare: la cassa della società
non ha più un cavurrino, il magazzino cooperativo non ha più una libbra
di riso a darci, le famiglie quel po' di sparagno, se l'han fatto, se lo
sono mangiato, dunque!...

AMBR. — Dunque, maledetto lo sciopero!

GENN. — La colpa è tutta di Bobi..... _che possa essere acciso!_


SCENA IX.

_BOBI dal fondo. DETTI._


BOBI. — Se lo diceva io ch'eravate qui tutti. _(starnuta)_ Accidenti!

MART. — A te!

BOBI. — Ora che non faccio più nulla, sono raffreddato, mondo ladro!

AMBR. — Provati a sudare.

BOBI. — Se non posso!

ORESTE. — Se vuoi sudare di sicuro, il modo te lo mostro subito: provati
a fare il galantuomo.

GLI ALTRI. — Bravo!

BOBI. — Bada veh! che te ne suono tante!

MART. — Che tu possa _esse massò_... Non è buono che a minacciare i
ragazzi lui! Provati con me, su!

BOBI. — Zitto là che ho fatto per celia. Dunque ci aggiustiamo una volta
col Faustini?

MART. — Si vede che non hai letto il suo regolamento. Orario di dodici
ore e tutti pagati a cottimo!

BOBI. — Questa veramente mi pare una porcheria poco pulita: se non si
lavora, non si mangia, perdinderindella!

GENN. — E _sulfeggià_? _Chi sulfeggia_, cacciato su due piedi! _(a
Bobi)_ _Ah managgia a te che c'hai fatto fa a' rivoluzione contro
maestro Valori!_

MART. — Sì; abbiamo fatto un bel guadagno a darti retta; miseria in casa
e mortificazioni in piazza!

BOBI. — Che mortificazioni! È tutto per noi questo popolo!

MART. — Già, gli è tanto per noi che dal dì dello sciopero non ha più
aperto una bottega.


SCENA X.

_FRANCESCO e MATILDE dal fondo. DETTI._


FRANC. — Oh bravi! Eccoli qui tutti per il cavaliere Valori.

ORESTE. — Venga, sor Savelli: tutti quanti per il Valori!

MART. — Meno Bobi, con licenza parlando!

BOBI. — Sì, perchè non valeva la pena di far lo sciopero se ora si
rinunzia a raccogliere dal Faustini quel che si è fatto perdere al
Valori.

MAT. — Scusate se ci metto bocca io; ma voi, operaio del Valori,
sapevate che lo sciopero poteva rovinarlo?

BOBI. — Valori mi aveva licenziato, e un operaio come me.....

MART. — Ma che operaio! Tu parli sempre a nome degli operai, ma soltanto
per far nulla.

CENCIO. — Peggio che nulla: non lascia lavorare!

ORESTE. — E neanche imparare.....

AMBR. — Fuori dei piedi ch'egli è meglio per tutti!

TUTTI. — Sì, fuori!

BOBI. — Nossignori: da quest'officina non sarete voi che mi caccerete.

MART. — Ti caccerà il principale, se non ti cacceremo noi.....

BOBI. — Il principale cacciar me? Badate piuttosto voi altri che d'or
innanzi non dipendiate da me più di quel che credete tutti quanti; sì,
limatori, massellatori e capi-fabbrica... aristocratici!

GLI ALTRI. — Noi? Da te?

FRANC. — Zitti! (Ah! se non ci fosse mia moglie!)

BOBI. — Ecco il principale che vi metterà la testa a segno. Venga, sor
Faustini, lo aspettiamo!


SCENA XI.

_FAUSTINI dalla sinistra. — EGISTO, ANNA, AGNESE e CESARINO in abito da
viaggio dalla destra, seguiti da CARLOTTA con due sacche da viaggio.
DETTI._


AGNESE. — Mio zio, giacchè si trova qui anche il tuo socio, eccoti le
chiavi...

EGISTO. — Ma che socio! Signor Faustini, godo di trovarla qui anche
lei... Mi dica un po', quando le ho promesso il capitale, sapeva io che
ella volesse acquistare quest'officina e l'invenzione di Carlo?

AGNESE. — Ma che acquistare l'invenzione... rubare!

EGISTO. — Agnese, calmati e lasciami parlare...

FAUST. — Ma la lasci sbraitare, le dirò poi io tutto!

EGISTO. — Sbraitare? Badi che lei parla di mia nipote...

FAUST. — Ebbene, l'invenzione che userò..... mi è stata venduta da chi
l'ha fatta.

AGNESE. — Da mio marito dunque?

FAUST. — No, dal direttore, dal capo-fabbrica.

EGISTO. — Da lui? _(a Francesco)_ Ah lei inventa delle cose grandi,
portentose... là... come io un fritto di asparagi croccanti?

FRANC. — Ma lei si burla di me: guastato qualche cosa ho guastato, ma
inventato poi...

EGISTO. — Un corno come me, bravo! _(a Faustini)_ Ora sbraiti lei,
sbraiti.

FAUST. — Oh! Il signorino è troppo modesto. Non si ricorda di quei tre
mesi di viaggio?...

FRANC. — (Anche lui!)

AGNESE. — Insomma quel segreto o l'ha inventato lui, o lo ha rubato, di
qui non se ne esce...

MAT. — Francesco, parla!

FAUST. — Non parlerà!


SCENA XII.

_CARLO dalla destra, in abito di viaggio, inosservato. DETTI._


FRANC. — Sì che parlerò, perchè il segreto di Carlo Valori è qui
suggellato dalla riconoscenza, e neanche colla paura riuscirete altro a
far tacere in me il sentimento dell'onore! _(a Matilde)_ Matilde,
guardami in volto; se io arrossisco, è di non avertelo confessato prima,
a te che prima di ogni altro mi avresti saputo compatire. Quei tre mesi
che tu credi ch'io abbia passato all'estero, per espiare una colpa
involontaria li ho invece passati in carcere...

EGISTO. — Bravissimo! (Ma che dico ora?)

FRANC. — Ora dimmi tu se per nasconderti questa macchia, era meglio
vendere a Bobi o al signor Faustini il nostro benefattore!

MATILDE. — No, Francesco; te lo dica questo abbraccio!

EGISTO. — Benone, e stringa forte..... Ora, signor Faustini, lei capirà
che fra me e lei, che ha trovato buono ogni mezzo per rovinare la
miglior parte della mia famiglia, non ci può più essere nulla di comune.

FAUST. — Ma se io doveva aspettarmelo da lei; un uomo che non capisce un
acca d'affari, che non è mai stato buono a nulla!

EGISTO. — Io?... Io? (Ma se ha ragione!)

FRANC. — Ecco il cavaliere! Evviva il nostro principale!

TUTTI GLI OPERAI _meno_ BOBI. — Evviva!

CARLO. — Il vostro principale eccolo là: io non ho più nulla.

FRANC. — Come? L'officina?...

CARLO. — Perduta!

FRANC. — Perduta! La sua invenzione?

CARLO. — Te la dono, Francesco; quel che non ho potuto fare io, lo farai
tu. Addio, io vado a dirigere l'officina dei Richard a Marsiglia.

EGISTO. — (E a noi ci tocca trottargli dietro, senza andare a diriger
nulla!)

FRANC. — Un istante, maestro.. Prima di partire, perdoni a me, perdoni a
tutti quelli che gli hanno fatto del male senza saperlo, senza volerlo.

GLI OPERAI _(commossi)_. — Sì! Sì!

CARLO _(bacia Oreste in fronte). — A te per tutti; a te sulla cui fronte
splende l'avvenire._

EGISTO _(prorompendo, con voce rotta dalla commozione)_. — Ora si
piange! Invece di pensare al modo di riparare al male, si piange! Costa
meno, coccodrilli; sì, coccodrilli tutti, per Bacco Baccone... (ed io
coccodrillo numero uno!)

FRANC. — Sì, ha ragione lui; ma se l'ozio e l'invidia lo hanno rovinato,
lo deve salvare il lavoro. Compagni, si lavora tutti per lui a due terzi
di paga finchè non abbia adempiuto i suoi impegni?

TUTTI GLI OPERAI. — Sì! sì!

CARLO. — Ma chi potrà pagarmi le quarantamila lire delle cambiali?!

EGISTO _(con un grido)_. — Si possono ancora pagare?

CARLO. — Fino al mezzogiorno di domani.

EGISTO _(prorompendo in un lungo scroscio di risa dinanzi a Faustini)_.
— Ah! ah! ah! Non sono buono a nulla io? _(dinanzi a Carlo)_ Io sono
pedante? _(ad Agnese)_ Io sono sterile?

ANNA. — Fratello, sarebbe possibile?

AGNESE. — Lascialo dire, lascialo fare!

EGISTO _(ad Anna)_. — Hai inteso? Fare, fare, fare! _(ad Agnese)_
Strega, tu hai compreso che farò, che faccio subito, che è l'unica
maniera di fare; e così, tanto per cominciare gli affari col mio socio
Carlo, io che non ci capisco nulla, le sacche tutte in casa, meno la
mia, anzi anche la mia; per fare una corsa a Firenze noi industriali non
s'ha bisogno di nulla!

FAUST. — Badi che domani l'aspetto a mezzogiorno. _(s'avvia al fondo)_

EGISTO. — Ci conti; ma non mi lasci nulla di suo.

FAUST. _(a Bobi che vorrebbe seguirlo)_. — All'inferno! _(via dal
fondo)_

BOBI. — Dove ho d'andare io? Che ho da fare?

EGISTO. — Il primo ballerino alla Pergola; ma fuori dei piedi!

MART. — No; egli che approfittò di tutto per far del male a lei ed a
noi, non se ne anderà così; e se non vorrà chiedere scusa qui, gliela
faremo chiedere noi fuori, in altro modo...

TUTTI GLI OPERAI. — Fuori!

BOBI. — No, no, è meglio qui... Avrò torto... ho torto... e sono
opinioni politiche!

MART. — Zitto e non ridere, sai, o ti cambio il muso! Chiedi perdono al
padrone; ad Oreste del cattivo esempio; a Cencio per il poco rispetto ai
suoi capelli bianchi... Ora guarda quella porta, ringrazia che ci sono
le signore, e... gira l'Italia! _(Bobi fugge dal fondo impaurito; gli
operai vorrebbero seguirlo minacciosi)_

FRANC. — No, no; portiamo piuttosto il cavaliere Egisto in trionfo!

EGISTO _(che in questo frattempo è stato abbracciato con effusione di
affetto da Agnese e da Carlo)_. — Siete matti?... Voi mi prendete per un
Mecenate, per un uomo che butta i suoi quattrini in un momento di
espansione; e io vi dico che vi sbagliate. Io non ho fatto altro che
questo: ho capito che se affido il capitale a Carlo che ha
l'intelligenza, e voi che siete il lavoro ci date la mano, la nostra
industria risorge sicura... Rompete quest'armonia: il capitale scappa,
la miseria arriva, e l'intelligenza italiana va ad arricchire lo
straniero. La capite la morale?

FRANC. _(alzando in aria il cappello, con forza agli operai)_. — Al
lavoro!

EGISTO, CARLO E TUTTI GLI OPERAI _(ad una voce solenne)_. — Al lavoro!


FINE DELLA COMMEDIA.



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Capitale e mano d'opera - Le Commedie, vol. 1" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home