Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Racconti e novelle
Author: Ghislanzoni, Antonio
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Racconti e novelle" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                        NOTE DEL TRASCRITTORE:

--Corretti gli ovvii errori di stampa e di punteggiatura.

--Il testo in grassetto è stato reso racchiudendolo tra due segni
  "uguale": =testo grassetto=.

--Nel racconto "Se il marito sapesse" manca la numerazione del
  capitoletto VIII; tale anomalia è stata mantenuta.



                            A. GHISLANZONI



                          RACCONTI E NOVELLE



                    PROPRIETA' LETTERARIA RISERVATA



                          RACCONTI E NOVELLE

                                  DI

                          ANTONIO GHISLANZONI



                                MILANO

                       EDOARDO SONZOGNO, EDITORE

                        14. Via Pasquirolo. 14

                                 1874.



              Lodi, Società Cooperativo-Tipografica, 1874



DEDICA


_Poichè piace al mio ottimo amico Edoardo Sonzogno raccogliere in
un solo volume e pubblicare queste mie_ Novelle _da tanti anni
disperse e vaganti, io profitto della occasione per sciogliere un
debito di riconoscenza._

_Desidero che i miei contemporanei siano informati, come e qualmente
abbia esistito a Milano un esercente di_ Caffè-restaurant, _il
quale ad un giovane orribilmente compromesso nella opinione pubblica
dalla sua duplice professione di giornalista e di poeta, per oltre
un anno diede a credenza il pranzo e la cena, trattandolo con
quella lautezza e garbatezza, che ordinariamente vien riserbata ai
consumatori milionari. Questo esercente fenomenale si chiama Ferdinando
Fumagalli--un vero galantuomo e gentiluomo--già proprietario del Caffè
della Accademia, ed ora gerente cointeressato del Caffè Biffi nella
Galleria Vittorio Emanuele._

_A lui dunque io voglio dedicato il presente volume--a lui, che
ravvivando nel_ 1854 _con eccellenti costolette e squisitissimi
vini la mia fantasia estenuata da lunghe inedie, fu in certa guisa mio
collaboratore e ispiratore._

_Questo attestato di pubblica riconoscenza e di cordialissimo affetto,
ch'io porgo all'amico Fumagalli, animerà gli esercenti ad aprire, meno
ritrosi che nol furono in passato, i loro libri di credito alla classe
diseredata dei poeti._

_Tutto sta che questi ultimi non si illudano di soverchio, e tengano
ben in mente questa circostanza, per me favorevolissima, che il mio
sovventore e creditore cortesissimo non era uno svizzero._

  A. GHISLANZONI.



RACCONTI E NOVELLE



Dietro una Valanga


La neve cadeva a larghi fiocchi.

Franz e Joseph salivano il tortuoso sentiero della valle, conversando
lietamente come due villeggianti che muovano ad una escursione di
piacere in una giornata di bel tempo.

Franz diceva a Joseph:

Fra due ore avremo raggiunto il villaggio. Animo dunque! Siamo prossimi
alla meta. Proseguendo di questo passo, prima di mezzodì saremo fra le
braccia de' nostri cari. In casa nostra troveremo un buon fuoco, una
buona zuppa e una gran festa.

--Sul fuoco, sulla zuppa quasi ci conto anch'io--rispondeva Joseph
tristamente--ma un uomo che torna dall'America senza un quattrino nelle
tasche, è assai difficile che trovi in famiglia una festosa accoglienza.

--Tu fosti sempre un benedetto figliuolo! Se avessi dato retta
a' miei consigli, nei cinque anni che abbiamo passati laggiù, ti
saresti indubbiamente arricchito. Non si può dire che la fortuna ti
sia stata nemica. Hai guadagnato più di me; e, se oggi, tornando
al paese, non hai la consolazione di portare alla tua famiglia un
buon portafogli ricolmo di banconote, tu solo ne hai colpa. Per far
denaro, ci vuole della economia, ci vogliono delle annegazioni e dei
sacrifizi.--Quand'io, or fanno cinque anni, lasciava il villaggio,
aveva detto a mio padre: tu presto sarai vecchio, tu hai sposo una
parte del tuo patrimonio per darmi una educazione; il paesello non
offre risorse--io andrò in America ad esercitarvi la mia professione
di medico-chirurgo, e il giorno in cui vi annunzierò per lettera
il mio ritorno, voi potrete contare sovra un portafogli ricco di
cinquanta mila lire che io stesso verrò a deporre nelle vostre mani,
se il buon Dio mi farà la grazia di tornare sano e salvo al paese.--Il
portafogli, come tu sai, lo tengo rinchiuso nella mia valigia, e
alla somma promessa non manca un quattrino. Per non guastare il mio
piccolo patrimonio, io ho perfino ricusato di mangiare una zuppa
all'ultimo albergo dove abbiamo passata la notte, mentre tu--sempre
uguale a te stesso--hai speso gli ultimi tuoi spiccioli per quattro
belle grives che sentivano il ginepro a distanza di tre camere. Ah! il
profumo di quei volatili mi tentava atrocemente! Eppure--fedele a miei
principî--ho saputo anche stavolta resistere e il mio peculio rimase
intatto. In America, segnatamente nei primi anni, io ne ho sofferti dei
digiuni! Mentre tu banchettavi spensieratamente colle belle figliuole
di Buenos-Ayres, io me ne stava rinchiuso nella mia cameruccia
disadorna, a rosicchiarmi, pel mio pranzo, una mezza dozzina di datteri
ammuffiti! Ed ecco di qual maniera è avvenuto, che, mentre io riporto
al paese un capitale più che sufficiente per assicurarmi una esistenza
agiata e tranquilla.... tu invece...

--Tu invece! tu invece!.... Queste prediche, mio caro Franz, cominciano
a seccarmi... Eppoi--permetti che io te lo dica--non è ancor giunto
il momento in cui ti sia lecito menar vanto del tuo sistema. Fatto è
che, fino a ieri sera, io ho passato la mia vita più lietamente di
te.... Tu non hai fatto che soffrire e tiranneggiare i tuoi istinti
pel corso di cinque anni--io all'incontro, non ho a dolermi di essermi
rifiutato verun comodo o diletto della vita. Se infino ad oggi io fui
l'uomo più beato della terra, e tu fosti, per tuo proprio volere,
il più travagliato e miserabile, non veggo ragione perchè io debba
invidiarti, o perchè tu abbia a menar vanto di esser stato più saggio
di me. Quanto all'avvenire.... vedremo! In ogni modo, nessuno potrà
distruggere questo fatto, che io ho passato assai bene i miei cinque
anni di America.

I due amici camminarono alcun tempo in silenzio. Franz con voce pacata
riaperse il colloquio.

--È vero... perdona se ti ho fatto de' rimproveri... Alla fine, non
è detto che tu sia un uomo rovinato, perchè non hai saputo metter da
parte un capitaletto per l'età dei reumatismi e della gotta. Tu sei
ancora nel fiore dell'età--hai talento--hai pratica degli affari--e con
queste belle doti si può far bene nel paese nostro come altrove.

--E ci conto seriamente.

--Tu hai dunque intenzione di riprendere fra noi il tuo commercio?

--Senza dubbio. Dopo cinque anni di esperienze fatte laggiù, fra quei
bravi Americani, io spero bene di saperne tanto da menar a bevere
questi piccoli negozianti del cantone che passano per onniveggenti,
come i guerci nel paese degli orbi.

--Vuoi permettermi di darti un consiglio?

--Dì, pure.

--Per riuscire perfetto commerciante è necessario che tu badi a
correggerti di un grave difetto....

--Sentiamo!

--Tu sei troppo tenero di cuore...

--Come a dire?

--Tu ti lasci, qualche volta, troppo spesso, dominare dal sentimento.
Non vi è cosa più rovinosa per un uomo di affari. In presenza della
speculazione il fratello, il collega, l'amico debbono sparire...
Quando uno agisce nella sfera delle sue attribuzioni commerciali, deve
quasi dimenticare di esser uomo. Da questo lato tu hai sempre dato
prova di una debolezza imperdonabile. Ti ricorderò un fatto su mille.
Allorquando, all'epoca della febbre gialla, per essere fuggiti dalla
città quasi tutti i medici; io mi faceva pagare dieci ed anche venti
dollari per ogni visita, sicchè in poche settimane io arrotondava
la bella somma che oggi riporto al paese; che facevi tu, mio povero
Joseph, per usufruttare i benefizi della situazione? A quell'epoca,
c'era grande ricerca di Melange e di Fernet--tu ne avevi colmi i
magazzini.... Animo, dunque! Profitta del buon vento! Rincarisci
sul prezzo! In luogo di dieci, domanda cento, duecento franchi per
ogni bottiglia.... Ed ecco, in meno di un mese, tu hai realizzato un
benefizio di centomila franchi.--Ma no! Il mio buon Joseph si lascia
vincere dal sentimento.... Egli regala agli ospedali qualche migliaio
di bottiglie, riduce i prezzi in favore delle classi meno agiate, dona
_gratis_ la merce a quanti gliela domandano nella lingua del paese...
Infine....

--Infine.... doveva io, in mezzo a tanto disastro?...

--E qual'è di grazia la buona operazione commerciale che non abbia per
base qualche disastro pubblico o qualche sventura privata?...

--Io doveva dunque, secondo il tuo avviso, lasciar perire tanti
disgraziati?....

--Dal punto di vista commerciale, tu dovevi appunto....

--Lasciarli morire!!!... esclamò Joseph, arrestandosi e guardando
l'amico con espressione di meraviglia.

--Lasciarli morire--rispose Franz pacatamente. Non ispetta il diritto
di chiamarsi commerciante a chi, in presenza della speculazione, non sa
dimenticare di esser uomo.

A questo punto, un sinistro rumore come di vento e di tuono fece
ammutire i due viaggiatori.

Dopo un istante, Franz mandò un grido:

--La valanga! la valanga!

--Gettiamoci a sinistra! gridò Joseph a sua volta.

E tutti e due si diedero a correre verso un gruppo di roccie che,
elevandosi a poca distanza dalla strada maestra, parevano offrire
un baluardo contro l'impeto della massa ghiacciata. Poco dopo,
all'immenso fragore successe un cupo silenzio--alla luce sottentrarono
le tenebre--e i nostri viaggiatori si trovarono come sprofondati in
una voragine.--Da una parte la roccia impraticabile, dall'altra una
montagna di neve, e al disopra uno scarso lembo di cielo che invano
tentava proiettare, sui due sepolti, un riflesso de' suoi pallidi raggi.

Franz e Joseph rimasero per un istante come stupiditi dallo spavento.

--Non v'ha dubbio... siamo vivi! esclamò Joseph, rompendo per il primo
il silenzio.

--Meglio esser morti,--rispose Franz cupamente. Se la valanga ci avesse
schiacciati, tutto sarebbe finito... In quella vece avremo una lunga e
dolorosa agonia di tre o quattro giorni.

--Non credi tu che i cantonieri si affretteranno a sgombrare la neve
dalla via, ed a rimuovere l'intera valanga per iscoprire se vi siano
delle vittime?

--Certamente; ma perchè coloro arrivino a diseppellirci, occorreranno
non meno di sei o sette giorni,--e noi fra sei o sette giorni,
saremo qui congelati dal freddo o stecchiti dalla fame. Ah! tu avevi
ben ragione, mio ottimo Joseph...! A che mi valgono ora i miei
cinquantamila franchi, radunati in America con tanto sudore.... con
tanti sacrifizi? Tu almeno non avrai il rimorso di esserti privato di
ogni cosa, quando eravamo in tempo di godercela... Ah! sono stato un
grand'asino...!

--Via! non disperarti... esploriamo piuttosto, se ci vien fatto di
scoprire qualche via di salvezza.... Chi sa? Forse, arrampicandoci su
quegli scogli...

Joseph si avvide che al di là di un macigno si apriva una grotta.

Si inoltrò a tastoni. Avanzandosi, riconobbe che l'antro era spazioso e
profondo... e poteva fornire un eccellente riparo contro i rigori del
freddo.

Tornò sui propri passi--chiamò l'amico, e, ripreso da terra il suo
sacco da viaggio--vieni! disse a Franz--dal gelo non si muore più....
Ho trovato una buona cameretta, dove tutti e due potremo alloggiare
gratuitamente.... Le mobilie non si raccomandano per la loro eleganza,
ma in compenso sono di una solidità a tutta prova.

I due amici si internarono nella grotta tenendosi per mano... Franz
depose tristamente la sua valigia sopra un macigno, e vi si assise
nell'attitudine disperata di un delinquente che rientri nel carcere,
dopo aver udita alle Assisie la sua sentenza di morte.

Se qualcuno in quelle tenebre fitte avesse potuto scorgere il volto di
Joseph, certamente si sarebbe meravigliato della singolare espressione
di gioia e di trionfo che brillava ne' suoi sguardi.

--Franz! mio buon Franz! sei tu già morto dalla paura?... Oh! voglio un
po' vedere cos'è avvenuto di lui!

E così parlando, Joseph diè fuoco ad uno zolfanello, e, accesa una
candela che aveva levata dal suo sacco, la piantò sovra un bel
candelabro formato dalle stalagmiti nel fondo della grotta.

Nè le parole dell'amico, nè l'improvviso bagliore della luce valsero a
riscuotere Franz dal suo letargico abbattimento.

--Povero amico! esclamò Joseph-senza quel cumulo di banconote che tieni
rinchiuso nel portafogli, la disgrazia ti parrebbe forse men dura....
Eppure--chi lo sa?--a questo mondo è sempre bene l'esser provvisti di
denaro.....

--Joseph! ruggì l'altro sordamente; risparmiami i tuoi motteggi... Noi
siamo inesorabilmente condannati a morire... Domani... non più tardi
di domani... la fame comincierà a travagliarci le viscere...

--Te fortunato! interuppe Joseph--tu non comincerai che domani a
soffrire.... Io--vedi!--in forza della maledetta abitudine contratta
fino dalla più tenera età, di cedere ad ogni menomo appetito di stomaco
... io... già cominciò a sentire qua dentro un certo stiramento... un
certo pizzicore...

Franz non dava più segno di vita. Il terrore aveva prodotto in
quell'infelice una specie di letargo morboso... Egli giaceva
rattrappito sulla sua valigia, colle braccia conserte alle gambe, col
mento appoggiato alle ginocchia.... La sua fronte era livida, la bocca
spalancata.

Joseph gli pose la mano sul cuore, e, sentendo che la pulsazione non
era cessata, uscì dalla grotta, e si diede a passeggiare di gran lena
nel breve spazio che gli era concesso.

Si vedeva, dalla contrazione della sua fronte, che egli stava
dibattendo fra sè stesso qualche strano progetto.

Dopo un'ora, rientrò nella grotta. L'amico giaceva immobile nella
posizione di prima. La candela era consunta per metà.

Si adagiò pacatamente presso un macigno che sporgeva dal
terreno--distese sovr'esso a guisa di tovaglia un bianco fazzoletto,
e, sciolto il nodo al suo sacco, ne trasse fuori un grosso involto di
carta, e lo depose su quella mensa improvvisata.

Trascorsi due minuti, Franz cominciò ad agitarsi e a mormorare qualche
parola appena intelligibile.--Poscia apri gli occhi.

--Santi del paradiso! non è dunque una visione? non è uno di quei sogni
beffardi che si producono da un bisogno insoddisfatto....? Joseph! Mio
buono.... mio ottimo amico... Tu stai mangiando, non è vero? Quello
che tu hai d'innanzi...?

--Un bello... un grosso... un eccellente cappone che peserà quattro
chili.... un cappone arrostito allo spiedo, che racchiude nel suo
grembo un assortimento svariatissimo di castagne, di prugne, di pezzi
di salsiccia e d'ogni ben di Dio...

--Un cappone di quattro chili....! un cappone ripieno!--gridò Franz
alzandosi in piedi, e battendo le mani dall'allegrezza--ma noi siamo
salvi!... Adagio, Joseph! Tu mangi con troppa furia.... Tu divori!....
Pensa che prima di cinque o sei giorni..... Ma, che vedo? Anche una
_ruota_ di pane comasco!

--Una _ruota_ di pane comasco. Sicuro! disse Joseph, portando alla
bocca una fetta che in quel punto aveva spiccata dal disco; tutta roba
di cui mi ero provvisto per ammansare, rientrando al villaggio, le ire
della moglie e dei parenti... Questo pollo, questo bel pane bianco,
largo come una pietra da molino, erano destinati a mettere un argine
alle maledizioni dei miei cari congiunti, al momento in cui avrebbero
scoperto che io tornava ad essi dall'America senza la croce di un
quattrino...!

--Ah! gridò Franz, levando gli occhi alla vôlta della grotta--e poi
vi hanno degli empi che osano negare la Provvidenza! L'inspirazione di
comperare questa roba ti è venuta da Dio.

--Che Iddio sia mille volte benedetto! esclamò Joseph, biascicando una
polpa di cappone. Con questo volatile, con questa ruota di pane, per
sei o sette giorni la mia esistenza è assicurata!

Queste ultime parole colpirono profondamente l'animo di Franz. E,
riflettendo che il compagno avea tardato fin là ad offrirgli di prender
parte alla refezione, mille sospetti e terrori, di bel nuovo, lo
investirono.

Joseph, senza badare all'amico, fece atto di ravvolgere nella carta
i resti del cappone, e di volerli riporre nella valigia col pane
sopravanzato.

Franz lo guardò fare per un istante--poi con voce commossa e
coll'accento più amorevole e insinuante che per lui si potesse, gli
parlò di tal guisa:

--Mio buono.... mio ottimo Joseph! No! io non sono tanto esigente
da pretendere che tu mi offra di partecipare _gratis_ alla piccola
refezione, che potrebbe nelle attuali circostanze camparmi da una morte
crudele. Io sono ricco... tu non possiedi che il tuo bel cappone
arrostito e quest'ampia ruota di pane comasco a cui giustamente tu
attribuisci un valore eccezionale.--Orbene: sentiamo! Io mi affido
alla tua discrezione.--Quanto domandi per una coscia di pollo? quanto
per una fetta di pane? Fammi un prezzo da amico... io sono disposto a
comperare ed a pagare sul momento.

--Questo pollo, questo pane, rispose Joseph colla massima pacatezza,
sono fuori di commercio. Calcolando a 7 giorni la nostra reclusione
forzata, tu vedi, caro Franz, che qualora ti cedessi una parte di
queste provvigioni, non farei che rischiare la mia vita, senza speranza
di salvare la tua. Permetti dunque che io riponga questa roba.--Essa
è destinata all'uso e consumo del mio individuo, nè io consentirei
a privarmene, quand'anche tu mi offrissi tutto l'oro delle Indie.
Ma via! sta di buon animo, caro Franz. Nel mio sacco c'è un'altro
cappone, non meno bello non meno grasso di quello che io riserbo alla
mia mensa; c'è un'altra pagnotta comasca ancora intatta. Era appunto
mia intenzione, tornando al paese, di aprire negozio di commestibili
... Tanto fa che io cominci il mio traffico da questo momento... La
bottega non è di lusso, ma in compenso l'affitto non costa nulla. Se
gli affari andranno a seconda, ci metteremo più in grande. Questo
macigno sarà il mio banco, questo sacco il ripostiglio delle merci,
la mia cassa forte, il mio tutto. Non ti pare, caro Franz, che questa
volta la mia impresa sia basata su quei principî di economia, che tu mi
andavi predicando durante il viaggio?

Sul volto di Franz si disegnavano delle grinze spaventose. Quell'uomo
tremava di indovinare... tremava di comprendere.

Frattanto, Joseph avea estratto dal sacco il cappone e la pagnotta,
e dopo averli collocati in bella mostra sovra un sasso sporgente dal
terreno, s'era messo a gridare allegramente: _Avanti, signori! entrate
nel restaurant americano! chi ha tempo non aspetti tempo! dejeuners...
e pranzi alla forchetta al massimo buon mercato!_

Franz fissava i commestibili con occhi da basilisco... Per qualche
tempo egli non osò aprir bocca.

Alla fine, come uomo che si decide ad interrogare i misteri di un
destino terribile, con voce concitata e cavernosa il povero affamato
proruppe in queste parole:

--Eccole, signor trattore americano, un avventore che appetirebbe una
coscia di pollo e una fetta di pane... Mi dica i suoi prezzi!

Joseph stette un istante sopra pensiero prima di rispondere. Indi,
crollando la testa--mi spiace, disse a Franz, di non poter servire
una persona così distinta e garbata. Nel nostro negozio non si usa
vendere le merci in dettaglio.... Ella sa bene: _pollo tagliato--pollo
guastato_, e così dica del pane. I compratori sono molto esigenti....
non vogliono saperne di avanzi... Il pane poi!... Si provi un poco
ad esporre in mostra una pagnotta a cui manchi un morsello! Tanto
basterebbe per togliere ogni credito al negozio.... Insomma...

--Insomma, interruppe Franz, ansioso di udire una volta la sentenza
fatale; insomma, ella ha tutte le ragioni del mondo, signor trattore.
Io dunque sono disposto, purchè nel prezzo si vada d'accordo....

--Oh quanto ai prezzi non la si dubiti... le faremo la maggior
cortesia...

--Come dicevo, sarei disposto a comperare tutta intera la pagnotta,
cedendo ad altri, più ghiotti o più ricchi di me, quel bellissimo pollo
che davvero farebbe onore alla mensa di un principe.

--La signoria vostra non mi ha compreso, od io non mi sono spiegato
bene, disse Joseph dopo un breve intervallo. Ella converrà meco,
che, qualora io le cedessi il solo pane, il mio piccolo commercio ne
sarebbe irreparabilmente pregiudicato. Una pagnotta può fare da sè,
ciò è chiaro come il sole; ma il mio bel pollo arrostito perderebbe
infinitamente del suo valore, se non mi fosse dato accompagnarlo con
una razione competente di pane. Si presenta al mio banco un signore, un
signore animato come lei dalle migliori disposizioni di stomaco... Il
mio pollo gli fa gola... è disposto a pagarlo per quello che vale...
Ma appena viene a sapere che nella mia bottega non c'è un tozzo di pane
vendibile...

--Basta! basta!--replicò Franz colle sue note più rauche--quanto chiedi
... per tutta la tua merce? Pondera bene la tua domanda, e bada che
io sono uomo da lasciarmi morire di fame piuttosto che cedere a delle
esorbitanze inumane e irragionevoli. Se è vero che in questa grotta
non esiste altra bottega di commestibili fuori della tua, rifletti
che difficilmente, quando io ti volgessi le spalle, tu troveresti qua
dentro degli altri avventori.

--Non ti farò torto... sarai contento di me--riprese Joseph colla sua
pacatezza sarcastica.--Alla fine dei conti, io vo debitore a te solo di
quel poco di scienza economica, colla quale, aiutandomi Iddio, spero
rifarmi in pochi mesi dei danni sofferti...

--Dunque! gridò Franz impazientito, questo prezzo...

--No! non intendo rovinarti...--Io mi limito a chiederti diecimila
lire... per la pagnotta, e sono abbastanza discreto per cederti il
pollo al prezzo di lire quarantamila--somma totale: cinquantamila lire.

--Era quello che mi attendeva! brontolò Franz, voltando le spalle al
banco dei commestibili--ecco il frutto delle mie lezioni!

--Via! non vada in collera! si mostri ragionevole--insisteva Joseph
colla sua flemma inesorabile.--Si provi a fare un giro sulla piazza.
S'ella trova qualcuno che le offra i miei generi a prezzo più discreto,
io sono pronto a regalarglieli senza esigere un quattrino.

--Fine alla commedia! gridò Franz al colmo dell'ira--se io ti ho
insegnato che il profittare delle occasioni è sapienza da commerciante,
saprò anche mostrarti che l'abuso conduce a rovina.

Joseph si levò dai taschini un piccolo oriuolo d'argento,
e, dopo averlo consultato--è ora di chiuder bottega, disse
sbadatamente--riponiamo le nostre merci... e vediamo di prender
sonno.--Quanto a te, mio ottimo amico, profitta del lume per sceglierti
il tuo letto--fra poco la candela sarà consunta, e fino a domani io non
farò altre spese di illuminazione.

--Joseph!... mio amico.. mio compagno di infanzia...--esclamò Franz,
raddolcendo la voce--dovrò io credere che il tuo cuore sia tanto
indurito!

--Un mio ottimo amico e maestro mi ha insegnato, che in presenza della
speculazione debbono sparire tutti i sentimenti e gli affetti... Buon
riposo, Franz!.. La notte porta consiglio, e forse domattina sul fresco
apprezzerai meglio la mia discrezione e i tuoi interessi.

Ciò detto, Joseph si fece guanciale del sacco dove eran chiuse le sue
provvigioni, e, ravvoltosi nell'ampio cappotto, soffiò sulla candela.

Franz si gettò boccone per terra. Di là a pochi istanti sì l'uno che
l'altro presero sonno.

Ma quello di Franz era piuttosto un letargo febbrile, anzichè un sonno
benefico e riparatore. La respirazione affannosa, i gemiti, i grugniti,
e più che altro le tronche parole lanciate nel buio, rivelavano le
crudeli visioni di quello spirito travagliato.

Un poeta, non so quale, chiamò i sogni

  _Immagini del dì guaste e corrotte..._

ma i sogni del povero Franz, piuttosto che immagini guaste,
rappresentavano degli appetiti insoddisfatti.

Le parole che più spesso gli uscivano dalla gola erano; _maccheroni!
polpette! frittura mista! stufato! fesa di vitello!_ A giudicarne da
quei spasmodici accenti, avresti detto che il povero dormiente stesse
sfogliando, sotto l'incubo della fame divoratrice, una edizione del
_Cuoco piemontese_ o della _Serva cuciniera_.

_Come un poco di raggio si fu messo_ nella grotta, Joseph si levò sui
gomiti--accese spietatamente una candela, e, strappata un'ala dal
suo pollo, si fece a mangiare del miglior appetito. Franz aperse gli
occhi--vide--si fece livido...

Suo primo istinto fu quello di avventarsi al cappone che stava in
mostra sul banco... Ma oltrechè Joseph era dotato di atletiche forze,
e vi era pericolo a lottare con lui, Franz, dal suo lato, non era uomo
da sorpassare a quei principii di giustizia e di onestà che formavano,
malgrado la inflessibilità del suo genio commerciale, le basi del suo
carattere.

I suoi occhi dilatati divoravano il cappone. Poi si chiusero--poi di
nuovo si apersero... Alla fine, il povero affamato balzò in piedi, e
gridò con eroica disperazione:

--Venticinque mila lire--la metà del mio avere per quella roba!

--No! rispose Joseph, addentando la polpa del volatile--nessuna
transazione è possibile--i miei generi hanno subìto un non lieve rialzo
durante la notte, e tu stesso me ne dai prova--in verità, sarebbe
strano che consentissi ad un ribasso... Il mio ottimo maestro ed amico
Franz avrebbe ragione di ripetermi, più tardi, che io sono un cattivo
commerciante, il quale non sa approfittare delle occasioni... Il mio
prezzo rimarrà stazionario--Cinquanta mila lire, nè più nè meno.

Franz uscì dalla grotta per sottrarsi alla vista ed alle esalazioni del
cappone tentatore.

Joseph gli tenne dietro.

--Tu mi vedrai morire! gli disse l'altro con voce già fioca e
rantolosa.--E forse egli contava sui buoni istinti del suo compagno di
emigrazione, e sperava intenerirlo.

--Morire! esclamò Joseph--ma sai tu che faresti un cattivo affare!
No... un negoziante par tuo non sarà mai per commettere un tale
sproposito! Non vedi tu, che morire significa perdere i cinquantamila
franchi e con essi la vita?

Franz si avviò barcollando alla grotta, si raccolse nel cappotto, e si
sdraiò sul terreno-Joseph gli tenne dietro per sorvegliare le sue merci.

Per tutta la giornata Franz non si mosse--tratto tratto egli esalava
qualche gemito affannoso che voleva imitare il rantolo della morte.

Pur troppo, il cuore d'Joseph era pietrificato dal calcolo. In sul
far della sera, dopo essersi divorata con infernale compiacenza una
bella coscia di cappone, egli fece l'atto di riporre nel sacco le sue
mercanzie...

--Ferma! gridò Franz, balzando in piedi e stendendo le braccia, che in
quel momento somigliavano alle zampe della pantera affamata.. Sei tu
ancora disposto a vendermi quella roba per cinquantamila franchi?

--Mercato concluso! rispose Joseph.

--Eccoti il portafogli--a me il cappone e la pagnotta....!

--Un momento!...

Joseph si fece a numerare lentamente i biglietti di banco, e trovata le
somma completa, dopo aver consegnata la merce, intascò il portafogli in
aria di trionfo.

Ma la gioia di Joseph non durò a lungo.

Perchè mai, dopo due giorni di digiuno, l'amico indugia tanto a
spezzare il suo pane, ed a mettersi in bocca qualche frammento del
grosso volatile?

A tale pensiero, abbassando istintivamente lo sguardo sulle proprie
imbandigioni, Joseph con sorpresa e terrore si avvide che del suo bel
pollo quasi più non gli rimaneva che il carcame... La pagnotta aveva
presa la forma di un quarto di luna.

Frattanto l'amico aveva spiccata la testa al cappone, e dopo aver
rinchiuso il restante nella valigia, andava suggendo le cervella e
rosicchiando lentamente le ossa del cranio, come un epulone già sazio
che si diverta coi residui obliati.

La situazione dei due reclusi era molto cangiata, e Joseph non tardò
molto a comprenderlo.

--Se vuoi spegnere il lume... disse Franz.

--Ma ti pare?--rispose Joseph col labbro serrato. Fino a quando tu non
abbia finito il tuo pranzo...

--Il mio pranzo è finito, disse l'altro, tritolando fra i denti il
becco del pollastro--ora si può dormire.

Joseph soffiò sulla candela, e si rannicchiò nel suo covo in preda
ai più foschi pensieri.--In verità la sua situazione, malgrado i
cinquantamila franchi intascati, era divenuta assai buia.

All'indomani, verso l'alba, i due colleghi facevano colazione. Franz
macinava flemmaticamente coi denti il collo del volatile.--Joseph,
abbandonandosi al suo fiero appetito, consumava gli ultimi avanzi della
pagnotta... Non gli restavano, pel pranzo, che le ossa spolpate del
carcame.

Trascorsero parecchie ore... Franz non abbandonava il suo posto,
non profferiva parola, non si permetteva il più leggero movimento.
Obbedendo ai dettati della scienza, egli si guardava da qualunque atto
potesse alterare l'economia della sua vitalità. Egli sapeva troppo bene
che l'inerzia e il silenzio ammortiscono l'appetito.

Sul far della sera, il suo orecchio fu colpito da uno strano rumore.
Rabbrividì--sorse in piedi...

--Oh! sta a vedere, che gli zappatori arrivano in mal punto a guastare
i miei calcoli!

--Così parlando uscì dalla grotta per esplorare...

Era il povero Joseph che si apprestava l'ultimo pranzo, macinando fra
due pietre il carcame del pollastro...

A quella vista gli occhi di Franz sfavillarono.

Poco dopo, Joseph rientrò nella grotta, e avvolgendosi nel cappotto,
non potè reprimere un accento di desolazione:

--Tutto è finito!

--Ed io ne ho per dieci giorni! rispose dall'antro opposto una voce
lugubre.

Joseph portò la mano al portafogli, e lo serrò presso al cuore, come
una madre stringerebbe un figliuolo minacciato.

Quella notte fu lunga e travagliata per entrambi.

--Se domani è abbattuta la valanga, il mio tesoro è salvato!--pensava
Joseph tra i fremiti del terrore.

--Se gli zappatori, calcolava l'altro fra gli spasimi, tardano due
giorni a liberarci, le mie cinquantamila lire sono redente!

La notte trascorse--venne il mattino--una eterna giornata di digiuno
torturò le viscere del povero Joseph--e la grotta non si aperse.
Nessuna oscillazione della neve, nessun rumore lontano che annunziasse
l'approssimarsi dei liberatori.

Joseph rientrò disperato nella grotta, e, prima di coricarsi, si lasciò
sfuggire la parola fatale:--ho fame!

--Ed io n'ho d'avanzo!--rispose dall'antro opposto la solita
voce--posso servirti?

--Mi rimetto... alla tua discrezione.

--Diecimila lire per un quarto di pagnotta e quaranta mila lire per una
coscia di pollo-totale: lire cinquantamila.

--No... usuraio!... no, assassino! gridò Joseph dal suo covo.

--Joseph! in commercio si fanno dei prezzi e delle transazioni
... ma io ti ho insegnato, col mio esempio, a risparmiare le
ingiurie.--Calmati--rifletti--io ti do tempo fino a domani.

Joseph non disse più parola, e si accovacciò come un leone in febbre.

Verso mezzanotte, Franz uscì dalla grotta per le sue esplorazioni. Tese
l'orecchio.... Gli parve udire fra le tenebre dei suoni indistinti...
La massa della neve tratto tratto oscillava...

--Ohimè! gli zappatori si avvicinano.... Io sono perduto!...

Rientrò affannato nella grotta... Poche ore gli rimanevano per
ricuperare il suo capitale...

Accese un moccolo--trasse dalla valigia i commestibili, e, schieratili
in bella mostra sovra un macigno, si pose a mangiare...

Joseph si levò... I suoi occhi, tutti i suoi sensi parvero affascinati
... Egli afferrò con una mano la coscia del cappone, coll'altra mano
gettò il portafogli ai piedi di Franz. Fu una scena muta--un vero
quadro coreografico della grande epoca _Catte-Ghedini_.

E Joseph non aveva ancora terminato il suo pasto--e Franz finiva appena
di numerare i suoi biglietti di banco, che un suono di voci e di ferrei
stromenti riscosse gli echi della grotta.

--Ah! gridò Franz accorrendo.--ecco i nostri liberatori!.... vieni,
Joseph! La valanga è spezzata.... che Iddio sia benedetto!

Joseph, con un tozzo di pane nella destra e un osso di cappone nella
sinistra, si affacciò alla imboccatura dello speco. A vederlo, pareva
inebetito.

I due colleghi riprendevano poco dopo il sentiero della montagna.

All'ingresso del villaggio, sul punto di separarsi:

--Spero bene che tu non mi serberai rancore per ciò che è passato,
disse Franz al compagno.

--No... abbiamo agito tutti e due da perfetti commercianti... La
sorte ha voluto favorirti...

--Permetti che io te lo dica francamente, soggiunse Franz: tu hai
commesso anche questa volta degli sbagli finanziari... Per essere
perfetto commerciante. non basta profittare delle occasioni e saper
rincarire a tempo le proprie merci: bisogna anche avere dell'ordine e
dell'economia. Se tu non avessi divorato in due giorni il tuo cappone e
la tua pagnotta, oggi saresti padrone delle cinquantamila lire.

--Che Dio te le converta in reumatismi! soggiunse Joseph a bassa voce.

E su questo si salutarono.



Una partita in quattro


Ho passato otto giorni a Tartavalle. (Nessuno dei miei duemila lettori
ignora, che a Tartavalle v'è una fonte di acque ferruginose, intorno
alla quale si adunano nel luglio e nell'agosto i sedicenti malati e gli
ipocondriaci delle nostre provincie).

Non temete. Io non intendo descrivervi il luogo, nè magnificarvi la
bontà delle acque, nè darvi l'elenco di tutte le donne isteriche, di
tutti gli originali che quest'anno ho veduto agglomerarsi nella piccola
valle. Ad altri cedo pure l'incarico di riprodurre i pettegolezzi e
gli aneddoti più o meno esilaranti della stagione. A' miei lettori,
poco amanti di ciò che è comune, io riserbo la primizia di una novella,
che ebbi la fortuna di raccogliere io stesso ad un banchetto di amici,
venuti sul luogo per cercarvi l'oblio di non so quali noie della loro
esistenza domestica.

Tre amici dell'epoca più avventurosa--un poeta. un ingegnere ed un
medico--amici già quasi dimenticati, sebbene a Milano, dal 1846 al
1854, avessero diviso le vivaci peripezie della mia matta giovinezza.

Da quindici anni non ci eravamo più veduti--e quando il caso mi
condusse presso il tavolino, ov'essi stavano pranzando, avvenne una di
quelle esplosioni di meraviglia e di gioia che d'un tratto sembrano
ringiovanirci.

Quella esplosione cominciò naturalmente con una scarica di nomi e
cognomi.

--Antonio!.... Eugenio!.... Lamberti!.... Rambaldi!....

E tutti, per alcun tempo, ristemmo sulla punta dei piedi, e le nostre
braccia si incrociarono in una stretta amichevole al di sopra di un
cappone fumante, il quale pareva attonito di vedersi così presto
negletto, dopo l'accoglimento festoso che gli amici gli avevano fatto
al suo primo apparire.

Per ammorzare questi subitanei entusiasmi dell'amicizia non ci vuole
gran che. Basta talvolta una parola, un monosillabo inaspettato,
qualche cosa che riveli un tratto ignorato e poco piacevole delle
rispettive biografie.

Il primo a lasciarsi sfuggire una di queste esclamazioni deprimenti fu
l'amico Lamberti.

Quand'egli, con un accento che nessuna musica potrebbe tradurre,
ebbe profferita questa parola così semplice e complicata ad un
tempo: «ammogliato!» tutti i volti parvero allungarsi, tutte le mani
intrecciate dall'entusiasmo si allentarono. Ciascuno ricadde Sulla
propria seggiola, e gli sguardi si ritorsero mestamente al cappone
obliato.

In quella comitiva, che altre volte aveva rappresentato a Milano la
schiuma degli scapigliati, non v'era alcuno che potesse vantarsi di
aver resistito al contagio. Tutti eravamo ammogliati.

       *       *       *       *       *

Io sedetti alla piccola mensa; e poichè le vivande e un eccellente vino
di Valtellina ci ebbero alquanto rianimati, l'amico Lamberti si levò in
piedi nuovamente, e, alzando il bicchiere al di sopra delle teste, si
fece a gridare: Evviva le nostre mogli! evviva il matrimonio!--Fu un
lampo. Subito dopo, il povero Lamberti ripiombava sulla seggiola come
affranto da uno sforzo sovrumano.

       *       *       *       *       *

Era omai tempo di abbordare francamente la quistione. Ciascuno sentiva
il bisogno di spiegarsi, o piuttosto di giustificarsi dinanzi a quel
piccolo tribunale di amici.

       *       *       *       *       *

Per comprendere il nostro imbarazzo, è d'uopo sapere che, tanto io come
quei tre amici della sventata giovinezza, avevamo professato, in altri
tempi, delle teorie così avverse al matrimonio, da ritenerlo un delitto
contro natura. A quell'epoca, un marito rappresentava per noi l'animale
più ridicolo della creazione. L'amico Eugenio, il poeta, aveva scritto
in odio del matrimonio una dozzina di satire e un volume di epigrammi.
Molte volte, nei nostri spensierati ritrovi, era stato proclamato
che il primo di noi il quale avesse ceduto al volgare appetito di
ammogliarsi, verrebbe ritenuto un apostata, e come tale, messo al
bando dalla società. Avverandosi l'incredibile fatto, gli amici si
riterrebbero sciolti da ogni riguardo verso il povero delinquente.
Ciascuno si sarebbe adoperato ad infliggergli quel castigo, che suol
essere, quando le mogli si prestino all'uopo, la punizione ordinaria di
tali delitti.

       *       *       *       *       *

Meno male che il delitto era stato commesso da tutti. Noi ci trovavamo
nell'identica situazione di quelle brave _pétroleuses_ della Galilea a
cui Cristo avrebbe permesso di lanciare la prima pietra. Riconoscendoci
tutti colpevoli, era dunque naturale che, superata quella prima fase
di turbamento e di vergogna, alla fine, noi prendessimo il partito di
ridere.

       *       *       *       *       *

Eugenio fu il primo a dare l'esempio: «Degeneri colleghi della mia
giovinezza, riprese l'amico coll'enfasi de' suoi begli anni; a che
serve guardarci l'un l'altro con questa ebete espressione di stupore
e di vergogna? Anni sono, noi eravamo sommersi nelle utopie. Noi
ci illudevamo di essere più forti e più scaltri che la comune degli
uomini. Oggi dobbiamo confessare che tutti gli individui della specie
umana sono uguali in faccia... alla donna. Perchè le nostre utopie
avessero a realizzarsi, conveniva seguire un altro cammino. Il nostro
massimo torto fu quello di illuderci che avremmo potuto sottrarci alla
moglie, seguendo, come sempre abbiamo fatto, le orme della donna. Ora,
chi segue la donna, o tosto o tardi deve inevitabilmente cadere nella
moglie.--Evidentemente, fra le nostre teorie anticoniugali e le nostre
aspirazioni di istinto, c'era una contraddizione ed una lotta. Noi
ci eravamo collocati in una situazione assurda, dalla quale non era
possibile uscire, se non a patto di rinunziare alle più dolci emozioni
della vita. Rileviamo le nostre fronti avvilite! Guardiamoci in faccia
l'un l'altro colla franchezza dell'uomo intemerato. Nessuno di noi ha
da vergognarsi di aver tradito un principio. Noi abbiamo costantemente
protestato e reagito. La nostra sconfitta non provenne da debolezza e
da viltà, ma soltanto da un errore strategico. Che ve ne pare? non ho
ragione?...

--Se ci fossimo attenuti, riprese cupamente il Rambaldi, alla savia
massima di non fare la corte che alle donne maritate, a me sembra che,
senza rinunziare alle più dolci emozioni della vita, non ci troveremmo
oggi tutti quanti al duro passo di dover giustificare le nostre
transazioni... Grazie alle provvide leggi dei nostri padri, una donna
non può avere due mariti--chi dunque ama le donne degli altri, segue la
strada più sicura e più comoda per iscansare il precipizio.

--E se io vi dicessi, interruppe Eugenio vivamente, se io vi dicessi
che fu appunto questa falsa massima che mi ha trascinato alla
perdizione, e che io non sarei forse mai precipitato negli abissi del
matrimonio, se non avessi ceduto al peccaminoso desiderio di assaggiare
la donna d'un altro!

--In verità, la dev'essere una istoria curiosa e bizzarra, dissi
all'amico.

Nè più nè meno della vostra; e se tutti ci facessimo a riannodare le
fila di questa trama capricciosa dove nostro malgrado ci troviamo
impigliati, ne uscirebbero indubbiamente delle assai bizzarre novelle.

--Vogliamo provarci?...

--Agli ordini vostri, rispose Eugenio--e purchè tutti promettiate
l'uguale sincerità, io sarò il primo a darvi l'esempio.

--Sta bene.

E l'amico Eugenio si fece senz'altro a raccontarci la sua istoria.

       *       *       *       *       *

«--Or fanno quindici anni, allorquando il mio cattivo genio mi diè la
prima spinta su questa maledetta carriera delle lettere, dove non ho
raccolto che malanni, io versava nelle più gravi strettezze. I primi
prodotti del mio genio mi venivano pagati a cinque lire per ogni foglio
di stampa--i miei guadagni non sorpassavano le ottanta lire al mese.

Io abitava una stanzetta più vicina al cielo che alla terra.

Un bel mattino, sento bussare alla porta. Nessun altro fuorchè un
creditore avrebbe osato salire a tanta altezza.--Avanti!--A quell'epoca
i creditori non mi facevano paura; mi rendeva forte, al loro cospetto,
la certezza di non avere con che pagarli.

Sventuratamente, quella mattina non si trattava d'un creditore. Era il
primo anello della grande catena conjugale che veniva ad introdursi nel
mio libero domicilio, sotto le sembianze di un idiota.

Appena io mi ricordava d'aver veduto una o due volte quel fatale
personaggio. Bel giovine, del resto, tutto profumato e azzimato--uno
di quei figuri a cui il mal di fegato o qualche altro vizio degli
intestini suol dipingere il volto di quel pallore, che alcune donne
sogliono chiamare la vernice del sentimento. La sua bruna capigliatura
stillante di cosmetici, l'occhio grande ed incavato, il languore del
collo, il cascante abbandono della persona, davano a lui una cert'aria
di genio sventurato che, a vederlo da lunge, lo rendeva interessante.
Vi ho già detto alla prima presentazione che egli era un idiota, ed ora
credo bene ripetervelo, perchè non vi facciate sul di lui conto alcuna
illusione.

--A che debbo il piacere... l'onore.

Il mio visitatore stralunò gli occhi, e sorrise, stendendomi la mano in
atto di cordiale benevolenza.

Poi, innanzi di profferire parola, si tolse dalle tasche un portafogli,
ne levò fuori un pajo di lettere profumate, e, dopo averle guardate
senza aprirle con una espressione di compiacenza misteriosa che
attirava alla superficie del suo volto tutto l'ebetismo del suo
cervello, finalmente sciolse la favella:

--Ella deve sapere.... cioè a dire.... che essendo noi tutti
giovani..... cioè a dire..... che siccome vi hanno delle donne... e
siccome tutte le relazioni cominciano per via della via....»

E, proseguendo su questo tono per un buon quarto d'ora, egli riuscì a
farmi capire come ei fosse innamorato d'una bella ed elegante signora,
la quale dopo molte dimostrazioni di indifferenza e di ritrosia, si era
alla fine lasciata sedurre a rispondere alle sue lettere. E parendogli
che quelle lettere fossero scritte con una eleganza di stile ed una
elevatezza di idee non comune, aveva pensato di rivolgersi a me,
perchè lo aiutassi nel suo epistolario, dettandogli delle risposte
_commoventi, infuocate, irresistibili_, mercè le quali egli si teneva
sicuro di vincere in breve tempo le esitanze dell'_angelo adorato_.
Nella mia qualità di segretario amoroso, io avrei percepito il vistoso
emolumento di lire quattro per ciascuna lettera. Il proprietario d'un
foglio teatrale, dove a quell'epoca io faceva le mie prime armi nella
critica, non mi dava tanto per una appendice di dieci colonne.

La strana proposta eccitava in sommo grado la mia curiosità.
Quell'epistolario aveva per me tutte le attrattive di un romanzo;
e, siccome le due lettere dell'incognita dama rivelavano propositi
di virtù e di resistenza ad ogni costo, io mi sentiva piccato da un
satanico desiderio di misurare con quella fiera ed appassionata
Penelope la forza del mio stile e la efficacia del mio lirismo amoroso.

Accettato l'incarico, mi diedi subito all'opera. Il mio cliente si
assise allo scrittoio; ed io gli dettai una lettera di quattro pagine,
così esuberante di passione, così gonfia di ampolle, che l'altro tratto
tratto balzava dalla seggiola come scosso dall'elettrico.

«Buona!.... sanguinosa!.... assassina!» esclamava il giovane ad ogni
frase che io andava dettando. E quando veniva in campo una parola poco
usitata e non compresa da lui, in luogo di chiedermi una spiegazione,
portava la mano al cuore, o sbuffava un grosso sospiro che assomigliava
a un grugnito.

La mia prima lettera era una confutazione di quelle venerande teorie
di fedeltà coniugale, che noi non cessiamo di chiamare assurde fino al
giorno in cui, impigliati dal matrimonio, comprendiamo il pericolo di
professarle e di propagarle--era una tremenda requisitoria contro i
mariti, la quale si chiudeva con un inno alla libertà ed alla assoluta
indipendenza della donna, degno d'un comunalista.

Non è a dire con quale compiacenza, dopo aver letto e riletto quel mio
squarcio di eloquenza, l'amico si fece a delinearvi la propria firma.
Per conquistare i favori del bel sesso, oltre alle attrattive di un
volto fiammingo, la fortuna aveva dato a colui un nome ed un cognome
de' più interessanti.

Egli si chiamava Arturo della Valle. Pensate se una donna di
immaginazione un po' viva avrebbe potuto resistergli!

       *       *       *       *       *

La risposta della signora non si fece attendere a lungo, Di là a due
giorni, il bell'Arturo tornò alla mia camera con un foglio color di
rosa nella mano e il volto irradiato dalla gioia.

Nello scorrere lo scritto provai un leggero fremito d'orgoglio. La mia
eloquenza aveva prodotto il massimo effetto. La signora confessava che
le mie parole le avevano suscitata nel cuore una tempesta. La sua
fede era scossa; i suoi propositi di virtù e di resistenza più non
rappresentavano che una figura rettorica. Si dichiarava infelice come
la Teresa dell'Ortis, come tutte le Terese che amano debolmente il loro
consorte legittimo. Pregava l'amico di obbliarla, e dopo alcune linee
invocava la sua protezione, confidava di trovare in lui un alleato
nella lotta a cui andava incontro. A sua volta protestava contro la
tirannide delle leggi sociali, deplorava la schiavitù della donna, ma
al tempo stesso si riteneva colpevole per non aver opposta una più
energica resistenza al sentimento che l'aveva dominata. «Scriviamoci,
diceva essa, scriviamoci sovente: procuriamo di fortificarci e di
animarci l'un l'altro alla dura battaglia che siamo chiamati a
combattere... Io conto sulla tua alleanza come su quella di Dio...
Mostriamo di saper soffrire, e il nostro amore diverrà una religione,
nè potrà mai aver fine.»

       *       *       *       *       *

Il bell'Arturo, quantunque idiota, comprendeva che quella lettera era
promessa di un prossimo trionfo.

E frattanto il mio cuore era in preda alla più viva commozione.

Rare volte mi era accaduto di dover ammirare in uno scritto di donna
tanta vivezza di immagini, tanta castigatezza ed eleganza di stile.
Quella lettera avrebbe portato con onore la firma della _Donna
Gentile_, e figurato superbamente nell'epistolario di Foscolo.

Io mi sentiva piccato di emulazione; e, quantunque si trattasse di
causa non mia, e provassi una certa ripugnanza nel prestare il mio
ingegno alla perdizione d'una donna di spirito ed al trionfo d'un
imbecille, pure la novità del caso e quella certa compiacenza satanica
che tutti proviamo nel veder svilupparsi uno scandalo, mi ispirarono
una seconda lettera non meno eloquente della prima, e forse più calda e
appassionata.

       *       *       *       *       *

Non intendo descrivervi tutte le fasi di quell'epistolario. Vi basti
sapere che, fosse effetto della mia eloquenza, fosse prepotenza
naturale di simpatie, al quinto carteggio la signora promise un
abboccamento.

Il convegno della coppia avventurata doveva aver luogo sul bastione fra
porta Renza e porta Tosa, alle sei del mattino.

       *       *       *       *       *

Difficile mi sarebbe esprimere ciò che io provai, all'avvicinarsi della
catastrofe. Il mio turbamento era tale, che io non poteva a meno di
chiedere a me stesso, se qualche cosa di somigliante all'amore si fosse
impossessato di me. Nel mirare la gioia del bell'Arturo, nell'udire le
sue esclamazioni grottesche, io sentiva uno spasimo non mai provato.

Io non poteva darmi pace all'idea che quello stupido animale fosse
predestinato al possesso di una donna, ch'egli più volte mi aveva
dipinta quale un angelo di bellezza e che io, attraverso le grazie
seducenti del suo epistolario, aveva tanto ammirata. Io cominciai a
sentire il rimorso della mia complicità. Il desiderio di impedire quel
colloquio pareva a me suggerito dagli impulsi della gelosia.--Era io
dunque innamorato? Questa domanda mi affannava e mi irritava. E quando
io mi studiava di volgerla in celia, sentiva che i miei sforzi erano
vani. Che non avrei tentato per mandare a vuoto quell'abboccamento, per
rompere le fila di una trama da cui potevano derivare mille calamità ad
una donna tanto simpatica per elevatezza di spirito e squisitezza di
sentimento? Essendo in mio potere il salvarla, mi pareva di commettere
un delitto assistendo con tanta indifferenza al pericolo che io vedeva
sovrastarle, e cooperando io stesso alla sua perdizione.

       *       *       *       *       *

Tali presso a poco erano i miei pensieri nei due giorni che
precedettero l'abboccamento. E forse io avrei subito ceduto alla
tentazione di giuocare un mal tiro all'amico, se non mi fosse balenata
alla mente la speranza che quel colloquio potesse riuscirgli fatale.

--Come mai, pensava io, potrà ella, una donna di animo sì delicato
e sensibile, una donna sì colta e gentile, non avvedersi, al primo
ricambio di parole, d'aver a fare con un bruto? Ed io mi figurava lo
stupore di lei nello intendere le frasi sconnesse, le gagliofferie,
gli idiotismi di quel melenso adoratore, il quale nelle sue lettere si
era mostrato (perdonate la modestia) così poetico e commovente. Non
era a prevedersi che l'incanto sarebbe sparito? che l'ardore suscitato
dalla mia eloquenza si sarebbe spento alle prime parole profferite da
colui?... che colpita di sorpresa e di stupore, la signora avrebbe
scandagliato d'uno sguardo intelligente e profondo la fisonomia del
suo adoratore, e sotto la epidermide del gentiluomo discoperto il
cretino?...

       *       *       *       *       *

Le mie previsioni quasi in tutto si avverarono. Due giorni dopo
quell'abboccamento, il Della Valle ricevette della signora una lettera
dalla quale io potei scorgere un regresso di passione. Ella tornava da
capo a parlare di sacri doveri, di rimorsi, di pentimenti, di pericoli.
Si mostrava risoluta nel proposito di non accondiscendere più mai ad
un convegno che avrebbe potuto comprometterla in faccia al mondo ed al
marito, precipitarla in un abisso di sventure. Nuovamente implorava
le armi a combattere una passione che poteva trascinarla alla colpa.
«Vediamoci da lontano, diceva ella; parliamoci a mezzo dello scritto,
dove il sentimento suole purificarsi e poetizarsi in una forma di
linguaggio più castigata e più adorna. Vuoi che io ti dica tutto
l'animo mio? Stringendo la tua mano, respirando la tua parola, ho
sentito d'aver a fare con un uomo, leggendo le tue lettere io gustava
l'ineffabile illusione di essere amata da un angelo.»

--Che razza di discorsi hai tu rivolti a quella povera signora?
domandai al mio ebete cliente, con piglio fra il brusco ed il faceto.

--A dire la verità non saprei nemmen io.... siccome _per via della via_
... e siccome per venir presto al _comprendonio_... parendomi che
anche lei, ecc., ecc.

--Capisco, capisco... Se questo fu il tuo modo di esprimerti, immagino
che il colloquio non sarà andato per le lunghe...

E l'altro, vedendomi ridere, mi guardava e rideva a sua volta, colla
espressione più franca dell'imbecille.

       *       *       *       *       *

La lettera della signora, soprattutto quelle adorabili parole--_io
poteva illudermi di essere amata da un angelo_--mi infiammarono la
fantasia. Mi pareva che i raggi di quell'amore, deviando dal punto a
cui erano diretti, anelassero ad una meta ignorata; che mentre, per
effetto di una strana illusione ottica, quella donna credeva di amare
il signor Arturo Della-Valle, il di lei cuore fosse invece attratto
verso un altro ideale, verso colui che sapeva parlarle il linguaggio
del sentimento e della poesia.

--Bisogna che io conosca... che io veda questa donna! Tale fu il
pensiero che mi spinse a riprendere l'epistolario, e ad impetrare un
secondo abboccamento.

E questo pensiero mascherava una determinazione colpevole, indegna,
lo confesso, di un uomo leale, ma che allora, sotto gli impulsi della
passione, mi pareva onestissima. Io era determinato a presentarmi in
luogo di Arturo a quella donna, e rivelandole il vero autore delle
lettere che tanto l'avevano impressionata e ammaliata, domandarle....
Che cosa?.... Io stesso lo ignorava.... In quella crisi di eccitamento
appassionato, io non poteva prevedere lo scioglimento del dramma... Ma
quand'anche la catastrofe non mi avesse promesso altro risultato fuor
quello di troncare un equivoco mostruoso, di risparmiare ad una bella
e amabile donna la vergogna di soccombere ad un fatuo, io non avrei
indietreggiato nell'impresa.

La mia mente era in preda alla esaltazione; io non vedeva ciò che vi
era di indelicato e di sleale nel mio modo di agire. Mi posi dunque
all'opera con ardore--meditai per bene il mio piano strategico, e senza
preoccuparmi dell'avvenire, corsi direttamente alla mia meta.

       *       *       *       *       *

La corrispondenza epistolare fu ripresa alacremente, ed io perorai
tanto bene per ottenere un secondo abboccamento, che dopo lo scambio
di una decina di lettere, la signora accondiscese. Il luogo fissato
pel ritrovo fu una stradicciuola nelle vicinanze del Conservatorio di
musica, dove a certe ore del giorno non si incontra anima viva. La
situazione era stata scelta da me, ed era quella che meglio si addiceva
alla effettuazione del mio piano strategico. Io mi era prefisso di
collocarmi sovra un'altura del bastione, dalla quale avrei potuto
spiare le mosse dei due innamorati. Al momento della separazione, come
avviene sempre in tali casi, i due amanti si sarebbero allontanati
per opposto cammino.--Dalle alture, ove io contava stabilire il
mio quartiere di osservazione, nulla più facile che piombare
improvvisamente alle spalle della signora, seguirla, investirla,
agguantarla... e, profittando della sua sorpresa, del suo turbamento,
indurla, buono o malgrado, a porgermi orecchio. Voi sapete quanto io
fossi sventato a quell'epoca, e con quale spensieratezza io corressi
alle avventure di amore. Felici tempi della irriflessione e degli
improvvidi ardimenti! Non vi scandolezzate, o miei ottimi amici, se
mi permetto di rimpiangere quelle deliziose follie. Il matrimonio ci
ha tramutati--noi apparteniamo oggimai alla classe rispettabile degli
uomini morali, degli uomini _di polso_--noi occupiamo ciò che suol
chiamarsi _una posizione sociale_, e il mondo, che prima del nostro
matrimonio ci guardava con diffidenza e disprezzo, oggi comincia ad
accordarci la sua stima, ad accoglierci con rispetto e venerazione...
Ma pure, se in un lucido intervallo di antica gaiezza, noi gettiamo
uno sguardo al passato per raffrontarlo al presente, difficilmente
riusciamo a comprimere un sospiro all'indirizzo degli anni vissuti.
Chi ci ridona la sventatezza dei nostri anni giovanili? Il mondo ci
chiamava scapestrati, vagabondi, gente da nulla... E infatti, noi
commettevamo, ridendo, piangendo qualche volta, delle enormi follie,
riprovate dalle leggi e dalla _sana morale_... È vero--la nostra
condotta non era regolare; confessiamolo francamente, non era sempre
onestissima... Ma i nostri peccati erano frutto di quella santa
inscienza del bene e del male, che costituiva, nel paradiso terrestre,
la felicità dei nostri primi parenti--peccati che non lasciano rimorsi
nè dolori, e la cui ricordanza, anche al presente, non può destarci
nell'anima veruna amarezza, quando non la accompagni il rammarico di
qualche omissione...

Amici: perdonate questo sfogo--prima di riprendere la mia storia, vi
prometto che sarà l'ultimo.

Era un bel mattino... di primavera, già s'intende... Seduto sovra
una panchetta di granito, io dominava le viuzze sottoposte--una siepe
di robinie proteggeva il mio agguato.--Allo scoccare delle sei,
il mio Arturo, colle mani in saccoccia e la testa ondeggiante, si
introdusse nella piccola via, dove subito venne raggiunto da una donna
semplicemente vestita, col capo ravvolto in un velo.

Il Della Valle si arrestò, trasse la mano di tasca e fece l'atto di
stenderla alla donna; poi, arretrò di due passi come istupidito, e
poichè la signora ebbe scambiato quattro parole con lui, si allontanò a
passo lento, e disparve.

Il colloquio era stato tanto breve e la separazione così pronta ed
inaspettata, che per poco il mio piano rischiò di andare a vuoto.
Fortunatamente la signora prese la via del bastione: onde io, riavutomi
dalla sorpresa, le mossi incontro, e, sbarrandole audacemente il
cammino, la investii di tal guisa:

--Signora Amalia... perdonate...

--A chi ho l'onore di parlare? chiese la signora con voce pacata,
arrestandosi a me dinanzi, senza dar segno di turbamento o di dispetto.

Quel contegno nobilmente disinvolto impose per un istante alla mia
arditezza. Ma io mi accorgeva di trovarmi in una falsa posizione; se
la mia esitazione fosse durata più a lungo, avrei fatto una ridicola
figura, mi sarei irremissibilmente perduto.

--Ah! voi siete ben dessa!--esclamai dunque con voce commossa, ma
coll'accento del più sentito entusiasmo--l'ideale della donna di
spirito... l'incarnazione della poesia e dell'amore...

--Signore, mi interruppe ella con accento dignitoso ed amabile ad
un tempo--io vi ho pregato di dirmi a chi ho l'onore di trovarmi
dinanzi, e voi mi gettate in viso dei complimenti che appena sarebbero
tollerabili se partissero da un amico.

--Gli è che io, ripresi con enfasi, sono propriamente un vostro leale
amico. Noi ci conosciamo da un pezzo, signora Amalia... Noi ci siamo
parlati tante volte... La nostra corrispondenza epistolare è stata
così espansiva e sincera, che ben si può dire non esistere più segreti
fra noi. Tutte le lettere che indirizzaste al signor Arturo Della
Valle sono passate per le mie mani... In quelle lettere io ho veduto
disegnarsi i tratti gentili della vostra fisonomia, ho assaporate le
delicatezze del vostro cuore, ho respirato i profumi del vostro spirito
... Voi vedete dunque che noi ci conosciamo.... Se nelle lettere che
portavano la firma di Arturo Della Valle (e voi stessa lo avete più
volte confessato) vi erano espressioni ed accenti atti a commovervi
e ad esaltarvi; se avete pianto di gioia per una frase di pietà o di
amore; se avete gustato, nello scorrere quei fogli, delle estasi
ignote; no, o signora, voi non avete più diritto di affermare che io
vi sia sconosciuto. Noi ci siamo parlati... noi ci siamo compresi.
Questo povero Della Valle, a cui io dettava le mie speranze e le mie
angoscie, a cui voi, signora, indirizzavate le ideali aspirazioni
della vostra grande anima, non era che una statua di granito, dove noi
abbiamo deposto dei fiori, nella certezza che un'incognita divinità
sarebbe scesa a raccoglierli, a respirarne i profumi... Ebbene,
sappiatelo... quei vostri fiori... sono io che li ha raccolti...
sono io che voluttuosamente li ho posati sul mio cuore... io che ve
li ho rimandati coperti di lagrime e di baci... E, fatto audace dal
desiderio, inebbriato dall'amore, io fui spinto a seguire le orme della
diva misteriosa, ed ho osato sperare che ella un giorno, incontrandosi
meco, mi avrebbe tosto riconosciuto. Se voi, signora, potete perdonarmi
...

A questo punto, la giovine donna sollevò il velo che le scendeva sul
volto, e guardandomi con ineffabile espressione di tenerezza e di
affetto, mi disse «Non vi par tempo, o signore, di soddisfare alla mia
curiosità, declinandomi il vostro nome e cognome?...

--Io mi chiamo Eugenio Renzi...

--Ebbene: se il signor Eugenio Renzi domattina vorrà recarsi verso
dieci ore all'ufficio della posta, troverà una lettera al suo indirizzo.

E ciò detto, colei mi stese la mano in atto di accommiatarsi, e prima
che io avessi tempo di proferire altra parola, si dileguò rapidamente
sotto le ombre degli ipocastani.

Quel giorno non rientrai al mio domicilio. Io temeva una visita di
Arturo; io voleva ad ogni costo evitare un colloquio imbarazzante. Io
sentiva di avere abusato della mia posizione, e, quantunque fra me
e colui non esistessero vincoli di vera amicizia, pure il cuore mi
avvertiva di aver agito con poca delicatezza. Se in me ci fu colpa, il
Dio delle vendette mi ha severamente punito, condannandomi ai lavori
forzati.... del matrimonio.

All'indomani, verso le otto del mattino, sentii picchiare alla porta
della mia cameretta.

Era lui--voi tosto indovinate che io risposi... col più rigoroso
silenzio.

Il povero innamorato mi chiamò a nome più volte, ripicchiò con
crescente vigoria, e, disperando alla fine di vedersi aperta la porta,
si allontanò a passo lento per le scale. Quando io, balzato dal letto,
attraverso le griglie lo ebbi accompagnato collo sguardo fino allo
svolto della contrada, mi abbigliai prestamente, uscii dalla camera,
scesi dalle scale a precipizio, e corsi diffilato all'ufficio della
posta.

Il cuore mi batteva forte; la stranezza dell'avvenimento mi esaltava
la fantasia; io mi trovava in presenza di un enigma interessante, e la
mia curiosità ne era vivamente eccitata. Quella donna, che il giorno
innanzi io aveva veduta per la prima volta, che sì ingenuamente aveva
accolto le mie espansioni di amore, che aveva promesso di scrivermi,
non rappresentava forse una protagonista da romanzo dotata delle
attrattive più affascinanti? Permettete, miei ottimi amici, che io non
mi arresti a descrivervi le bellezze personali di una donna, che oggi
si chiama la mia consorte legittima, ed è la madre di quattro marmocchi
che portano il mio cognome.

Un marito che descrive le bellezze della propria moglie, commette,
al meno peggio, un peccato di imprudenza e, in ogni modo, si rende
ridicolo. D'altronde--è legge di natura--dopo dieci anni di matrimonio,
il mio pennello s'è alquanto sfibrato, e sulla mia tavolozza troverei
difficilmente, per ritrarre la mia cara metà, i colori vivaci e
brillanti che in altri tempi avrei prestati alla effigie dell'amante.

       *       *       *       *       *

Dopo aver girovagato alcun tempo nelle contrade adiacenti, verso le ore
dieci mi presentai al banco della posta.

Una lettera c'era... una lettera vellutata.... profumata.... Prima
ancora di averla nelle mani e di leggere la soprascritta, io aveva
indovinato che quella lettera era uscita dal _boudoir_ di una donna.

Appena fui nella contrada, mi affrettai ad aprirla Quei caratteri mi
erano già noti, e il nome di Amalia spiccava sotto le ultime righe.
Non c'era luogo a dubitare; la donna che da parecchi mesi intratteneva
corrispondenza d'amore con Arturo Della Valle, era la stessa che a me
indirizzava quella lettera. Ecco presso a poco ciò che diceva quello
scritto:

  _Pregiatissimo Signore_

«Prima di prendere una determinazione, ho voluto riflettere una intera
notte. Prego anche voi di fare altrettanto prima di decidervi ad un
passo, dal quale può dipendere il mio ed il vostro avvenire.

»Io vi parlerò colla massima franchezza, nella speranza che voi pure vi
comportiate meco colla lealtà che si addice ad un uomo di onore, ad un
uomo di spirito quale voi siete.

»Jeri mi avete detto che al leggere le lettere indirizzate al signor
Arturo Della-Valle, voi foste preso da invincibile simpatia per la
donna che le aveva vergate... Ebbene: a mia volta vi dico, che io pure
ho subìto il fascino dei vostri scritti, che vi ho amato per la viva,
appassionata eloquenza del vostro linguaggio, pei nobili ed elevati
affetti che voi esprimevate.

»Quel signor Della-Valle, voi stesso lo diceste, non era che una
_statua di granito_, dove noi abbiamo deposto dei fiori consacrati
ad una divinità misteriosa che tosto o tardi sarebbe venuta a
raccoglierli.--Noi ci siamo intravveduti presso il piedestallo della
statua.... noi ci siamo riconosciuti.... ed io tosto ho compreso che
voi eravate l'ideale delle mie aspirazioni... il solo... l'unico
oggetto del mio amore...

»L'uomo che io vagheggiava... l'uomo che mi aveva affascinato cogli
accenti melodiosi della passione non poteva essere quel povero Arturo,
così impacciato e melenso che non seppe connettere due monosillabi,
quando io gli indirizzai la parola sull'angolo di via Monforte....

»Voi seguiste i miei passi.... voi vi dichiaraste autore delle lettere
indirizzate alla signora Amalia, ed io non ho esitato un istante a
riconoscere che voi dicevate il vero.

»Quella rivelazione mi ha colmato di beatitudine. Il vostro aspetto,
il calore del vostro linguaggio non hanno fatto che ravvivare le
mie simpatie--il mio cuore da quell'istante si avvinse a voi, e una
indefinita speranza mi balenò al pensiero.

»Mi sarò io ingannata?

»Sarà questo un sogno passeggiero come tanti altri?....

»Ciò dipende da voi. Oramai, l'Arturo Della-Valle ha mutato di nome;
egli si chiama Eugenio Renzi. La mistificazione è svanita, l'equivoco è
dissipato. Noi ci troviamo di fronte a viso scoperto--voi avete detto
di amarmi--io vi amo.

»Riflettete bene, ve lo ripeto e ve ne supplico, prima di prendere
una risoluzione. Se vi pare che il vostro amore sia qualche cosa di
serio e di elevato, non una effimera ebbrezza; se credete che esso
possa resistere al tempo ed alle avversità, in tal caso--in tal caso
soltanto--dirigete i vostri passi verso il luogo dove ieri ci siamo per
la prima volta incontrati... Io sarò là ad aspettarvi, domattina, col
cuore ansante di desiderio e di terrore....

»Non è mestieri che voi mi preveniate con una lettera... La vostra
apparizione equivarrà ad una conferma d'amore... ad una promessa di
eterna felicità. Se non verrete, vorrà dire che anche questa volta io
dovrò rinunziare al paradiso sognato, e piangere nelle tenebre l'ultima
illusione della mia giovinezza.

  AMALIA».

       *       *       *       *       *

Sebbene a quell'epoca io fossi uno sventato di prima classe, pure
quella lettera gettò nel mio cuore un insolito turbamento. Voi
converrete, miei ottimi amici, che il caso era abbastanza singolare per
dar a riflettere, e suscitare qualche allarme nel più matto dei matti.

Ammirando la schiettezza di quella donna, io non poteva a meno
di essere sorpreso della sua disinvoltura nel mutare di amanti.
L'eccentricità di quel carattere mi allettava in sommo grado, ma io
temeva in pari tempi ch'essa coprisse una leggerezza di cattivo genere.

Malgrado queste considerazioni e in onta di un indefinibile
presentimento di sciagura, all'indomani mi recai sul luogo del convegno.

       *       *       *       *       *

Allo scoccare delle otto ore, la mia bella misteriosa spuntò dalla
stradicciuola che dà sul bastione, e mosse ad incontrarmi con passo
accelerato. Ella vestiva colla massima eleganza, e in luogo del velo,
questa volta portava in testa un bizzarro cappellino di paglia.

Nell'abbordarmi, mi porse il braccio senza esitazione, con adorabile
abbandono. Il di lei volto era sorridente, e gli occhi si fissavano in
me colla espressione della più cordiale benevolenza.

       *       *       *       *       *

--Sì, il cuore mi diceva che sareste venuto... Come sono felice!....
usciamo dalla porta.... allontaniamoci dalla città..... gettiamoci
all'aperta campagna... Andiamo a perderci in quel labirinto di
stradicciuole deserte, dove esultano i liberi uccelli fra il sorriso
delle acque e dei fiori....

E così parlando, mi traeva seco pel braccio, e noi uscivamo dalla città
come due amanti che si conoscano da mesi.

       *       *       *       *       *

Non riferirò il lungo ed animato dialogo che ebbe luogo fra noi, sotto
l'ombra di non so quanti faggi, al mormorio di non so quanti ruscelli.
Vi dirò solo che al contatto di quella donna tutte le mie apprensioni
svanirono. La nostra conversazione assomigliava ad un duetto
istromentale che esprime dei concetti indefiniti. Ci parlavamo come due
esseri che non hanno rapporti col mondo. Eseguivamo delle variazioni, a
volta patetiche, a volta brillanti, sovra una sola melodia--la melodia
dell'amore.

Così passarono parecchie ore.--Al momento di rientrare in città, noi
sostammo presso gli argini del ponte.

--Quando ci rivedremo?--mi chiese ella, coll'accento dell'insaziato
desiderio...

--Quando vorrai--le risposi--quando senza comprometterti....

--Ebbene: a che servono le dilazioni?... Poichè ti ho dato tutto il
mio amore io debbo anche accordarti la mia piena fiducia. No! le
convenienze, i pregiudizi del mondo non possono impormi--io abborro
le ipocrisie. Io mi abbandono a te... ti affido il mio onore la
mia riputazione... tutta me stessa. La mia casa ti è aperta--io ti
aspetterò tutti i giorni.... a tutte le ore.... Fra noi da questo
momento è tolta ogni barriera... io sfido tutte le dicerie... come
sono disposta ad ogni sacrifizio. Se questa sera.... se domattina
vorrai recarti alla mia casa, io ti correrò incontro a braccia aperte,
e noi vedremo rinnovarsi nella intimità del mio piccolo appartamento le
ore deliziose che abbiamo passate questa mane sotto la vôlta del cielo
sereno....

Tali presso a poco erano le sue parole: ma io non potrei descrivervi
l'enfasi della voce e degli accenti. La sua esaltazione pareva toccasse
il delirio.

--Amalia, le dissi stringendo colla più viva commozione la sua mano
nella mia; io ammiro il tuo entusiasmo e ti sono grato della fede che
in me riponi, ma non posso incoraggiarti al sacrifizio de' tuoi doveri
e della tua pace. Non accusarmi di freddezza se ti parlo il linguaggio
della ragione. Fino ad ora noi abbiamo conversato come due esseri che
appartengano ad un mondo ideale, dimenticando, nelle estasi del nostro
amore, il triste realismo della vita. Noi stiamo per rientrare nella
città, e per riprendere il posto che la società ci ha inesorabilmente
assegnato. Prima di separarci è necessario che noi avvisiamo ai mezzi
di rimuovere gli ostacoli che potrebbero opporsi alla nostra felicità.
Io sono libero come gli augelli dell'aria--ma tu... Amalia!... Puoi
tu dire altrettanto? Puoi tu obliare di avere un marito ed un figlio?
Dovrò io, perchè ti amo, fomentare la tua esaltazione fino al punto
di renderti ribelle alle convenienze che il tuo stato ti impone, e
trascinarti per una via piena di affanni e di umiliazioni? Meno male se
non si trattasse che di un marito, ma poichè un figlio ci sta di mezzo
...

       *       *       *       *       *

A questo punto della mia patetica allocuzione, una chiassosa risata mi
ruppe gli accenti sul labbro.

--Mio marito!... Mio figlio!--esclamò la giovane donna, abbandonandosi
senza ritegno alla ilarità che la invadeva.--Ma dunque tu credi... tu
puoi supporre?... Oh vedi un poco i bei pazzi che noi siamo!... Abbiamo
passate due ore a parlarci d'amore, a fabbricarci colla immaginazione
un avvenire di gaudio e di felicità, e non abbiamo pensato a liberarci
dalle chimere. Via! sta di buon animo, Eugenio mio--il marito, il
tremendo marito non esiste. Il marmocchio che rappresentava una parte
sì patetica nelle mie lettere, appartiene, per diritto naturale e
legittimo, ad un'Amalia che tu non conosci, all'amante del tuo amico
Della-Valle. È tempo davvero che noi discendiamo nella vita reale per
dissipare ogni equivoco. Noi eravamo in quattro a giuocare la partita.
Tu eri il segretario, il consigliere intimo di un Arturo imbecille; io
d'altra parte scriveva delle lettere d'amore per conto di una signora
Amalia, ammogliata con prole, ma poco ferma nella grammatica e nella
ortografia. Tu ti invaghisti di conoscere l'amante del tuo amico. Io,
nel leggere le tue risposte appassionate, sentii il bisogno di vederne
l'autore. Il caso non poteva meglio favorirci. Domenica scorsa, per
una indisposizione subitamente sopravvenuta, la signora Amalia doveva
mancare al convegno...... Io colsi l'occasione di volo... Spinta dalla
passione, venni sul luogo dell'abboccamento... Mi accostai ad Arturo
... Fingendomi messaggiera della amica indisposta, gli diressi la
parola... Quale disinganno!... Alle poche e tronche frasi proferite
da colui, io mi accorsi d'aver a fare col più volgare degli idioti.
Ma tu eri là... tu corresti sui miei passi... tu mi arrestasti...
mi stendesti la mano, e alle prime parole da te proferite io conobbi
l'autore delle lettere che tanto mi avevano impressionata. Quanto
gaudio in quella rivelazione! Io tornai alla mia casa coll'anima
inebbriata. Ogni scrupolo, ogni rimorso svanì dal mio cuore. Ti
scrissi, ti svelai candidamente la mia passione... ti pregai di usar
meco l'uguale franchezza; ed oggi, dopo le espansioni che avvennero fra
noi, io mi sento pienamente sicura del tuo amore e beata di affermarti
che niuna barriera, niun ostacolo si interpone ai nostri voti. Lascia
dunque ch'io mi appoggi al tuo braccio. Noi possiamo entrare in città
e attraversare la folla così allacciati, senza incontrare uno sguardo
geloso o suscitare un mormorio di riprovazione. Procediamo per la
nostra via colla fronte alta e serena; io ti condurrò alla mia casa,
dove un'ottima zia ci accoglierà entrambi come figliuoli. Più tardi ti
presenterò a' miei fratelli, ai parenti....

--Basta!... basta!... con comodo... uno alla volta!... troppa
felicità!...--interruppi io, accelerando il passo colla mia donna sul
braccio. A queste frasi concitate e convulse tenne dietro un mostruoso
silenzio. Da quel momento io mi sentii accalappiato. Io comprendeva che
quel mio adultero amore non poteva avere altra soluzione fuorchè...
il matrimonio. Infatti, noi attraversammo la città come due consorti
legittimi; io mi lasciai condurre alla casa della giovane donna,
strinsi conoscenza colla zia, dichiarai ad essa le mie buone intenzioni
... e di là a quattro mesi divenni il consorte legittimo della signora
Amalia Ferrarini maestra di prima classe alle scuole di Bassano
Porrone!



Autobiografia di un ex-cantante


Or fanno trentadue anni, io era il più bel ragazzo della Valassina. Al
paese mi chiamavano il _Pirletta_, perchè nei balli non v'era alcuno
che mi vincesse. Mio padre era fattore del conte Bavoso, e poteva,
nella sua condizione, chiamarsi un uomo agiato.

All'età di diciotto anni, l'organista del paese, sentendomi cantare le
litanie, scoperse che io aveva una bellissima voce di tenore--una di
quelle voci--diceva egli--che possono rendere in un anno da cento a
duecentomila franchi.

Una tale scoperta, riferita a mio padre, non destò in lui veruna
emozione; ma un giorno, mentre io stava nel giardino ripiantando dei
cavoli e cantando alla distesa un'aria paesana, la contessa Bavoso si
fermò estatica ad ascoltarmi.

La contessa era maniaca per la musica, e suonava il pianoforte come
sanno suonare le contesse. Quando ebbi finito di ripiantare i miei
cavoli, sentii chiamarmi a nome.

--Pirletta--mi disse la contessa--l'organista non mi ha ingannata--tu
possiedi realmente una voce delle più rare.... Tutto sta che alla
voce si accoppino le altre disposizioni indispensabili a ben riuscire
nell'arte: Quanto alla figura (e mi squadrava dal capo al piede
attraverso l'occhialino) non c'è malaccio; ma ho timore che tu manchi
di orecchio...

Portai ingenuamente le mani alle orecchie--la contessa sorrise,
e, avviandosi verso la villa, mi invitò gentilmente a seguirla,
chiamandomi non so ben quante volte imbecille.

Entrati nella gran sala, la contessa Bavoso andò a sedere al
pianoforte. «Vediamo, mi disse, fin dove sai montare....»

Io non osava avanzarmi. La contessa si diede a percuotere il cembalo,
e, dopo avermi raccomandato di spalancare per bene la bocca, mi invitò
a riprodurre colla voce i suoni dei tasti.

Il mio orecchio era perfetto, e la contessa fu talmente sorpresa
della mia intonazione, che volgendosi al conte, il quale era entrato
nel salotto in sul finire dell'esperimento: «Sarebbe un peccato, gli
disse, che tanto tesoro andasse perduto!» Bisogna assolutamente che
questo ragazzo si dedichi al canto--e noi penseremo a farlo entrare nel
Conservatorio.

Figuratevi la mia meraviglia, la mia gioia! Riferii a mio padre quanto
era accaduto--egli crollò la testa di mal garbo, esclamando: «Purchè ci
pensino loro!... purchè io non abbia a sborsare un quattrino!» E quando
seppe di là a pochi giorni, che il conte e la contessa si incaricavano
di farmi istruire a loro spese, il buon uomo lasciò fare. Dopo tutto,
egli avrebbe preferito che io fossi rimasto al paese a dirigere
l'allevamento dei bigatti e la fabbricazione dei formaggini.

Io era al colmo della felicità. L'idea di recarmi a Milano, rivestito
e ripulito, a fare la mia bella figura di zerbinotto elegante--la
speranza di potere, nello spazio di pochi anni, realizzare una bella
fortuna, e tornando al paese, acquistare delle possessioni, fabbricarmi
un palazzo e menare splendida vita; tutto ciò mi esaltava lo spirito
a tal segno, che io correva l'aperta campagna, misurava coll'occhio
le terre coltive, sceglieva le posizioni più acconcie per edificarvi
i miei castelli--cantava, gesticolava tutto il giorno, pregustando
colla mia imaginazione di diciotto anni tutte le voluttà di un avvenire
dorato.

E davvero c'era in me la vocazione, c'era la stoffa dell'artista. Vi
basti il sapere che già da due anni io era innamorato. Fra le cameriere
della contessa Bavoso c'era una brunetta chiamata la Savina, una
strega di bellezza e di furberia. Era nata al paese, e da fanciulli
avevamo giuocato insieme a _gatta cieca_, al _dammelo e prendilo_,
al _fuori e dentro_ e ad altri sollazzi innocenti. Ma dopo un anno
passato a Milano al servizio della contessa, aveste veduto che arie da
gran dama! Quand'ella tornava alla villa, nei due mesi dell'autunno,
ci guardava tutti con un fare da sultana come volesse dire: ve' là
questi zotici..... questi bifolchi!... Appena degnava rispondere al
mio saluto; ed essendomi una volta arrischiato ad offrirle un mazzetto
di garofani, mi volse la schiena esclamando: «Levati dalle mani quei
guanti di letame se vuoi che le signore accettino i tuoi fiori!»

Orbene: non appena si sparse la nuova che il conte e la contessa
Bavoso si erano incaricati di condurmi a Milano per farmi educare
nella musica, la Savina mutò improvvisamente di modi a mio riguardo.
Una mattina, mentre tutti dormivano ed io era disceso nell'orto a
fantasticare sul mio brillante avvenire, quella strega mi venne
incontro tutta bella e sorridente per congratularsi della mia buona
fortuna.--Spero che a Milano ci vedremo--diss'ella, frugandomi
nell'anima colle sue ladre pupille. Naturalmente, tu verrai a trovare
la contessa... e poi... Milano è grande. Tutto sta che una volta
divenuto gran signore, ti degni ancora di scambiare un saluto con noi
... gente bassa.... persone di servizio.....

Io mi sentiva una maledetta voglia di saltarle al collo e di
rassicurarla energicamente del mio amore e della mia eterna fedeltà.
Non osai tanto in quel primo abboccamento; ma le occhiate e le
assicurazioni di simpatia ch'io m'ebbi dalla scaltra figliuola posero
il colmo alla mia esaltazione.

Nel paese, già tutti mi trattavano con rispetto e devozione.
L'organista andava ripetendo che di là a dieci anni sarei tornato
milionario. Io gli prometteva che, qualora i suoi pronostici si
fossero realizzati, avrei fatto costruire un nuovo organo nella chiesa
parrocchiale a tutta mia spesa.

Da molti anni si agitava nel consiglio comunale e nella fabbriceria
il progetto di un nuovo e grandioso campanile; si aspettava, per
mandare ad effetto quel vasto disegno, che il comune e la fabbriceria
adunassero il denaro occorrente. Il Sindaco, uomo di larghe vedute,
dopo avermi interpellato sulle mie disposizioni, propose al consiglio
di differire l'impresa fino a che io fossi in grado di concorrervi
co' miei capitali. I consiglieri, non avendo di meglio a suggerire,
riconobbero che il sindaco aveva pienamente ragione, e votarono unanimi
il seguente ordine del giorno:

«Noi sottoscritti.

»Considerando che le casse del comune e della fabbriceria sono affatto
vuote pel momento; abbiamo deliberato di prorogare per dieci anni la
erezione del grandioso campanile già da sei lustri ideato e discusso,
nella fiducia che in questo lasso di tempo un nostro illustre e
benemerito concittadino, il quale fin d'ora si mostra animato dalle
migliori intenzioni a tale riguardo, possa adunare e fornire la somma
occorrente acciò il grandioso monumento riesca degno in tutto e per
tutto della nostra e della ammirazione dei posteri.»

La notizia di questa deliberazione suscitò delle polemiche tra i
villani. I più, affidandosi alle promesse dell'organista e d'altri
personaggi autorevoli, si tennero persuasi che di là a dieci anni i
loro voti sarebbero esauditi. Altri invece accolsero la notizia con
una significante crollatina di capo. «Oh! sta a vedere--dicevano--che
sarà lui.... proprio lui... a fornirci il denaro pel campanile--il
Pirletta!...»

Al primo di novembre, si doveva partire per Milano. Il mio equipaggio
era completo. Il conte Bavoso mi aveva ceduti i suoi abiti usati,
che ridotti pel mio dosso dal sartore del villaggio, mi andavano a
meraviglia Abbracciai mio padre colle lagrime agli occhi: mi congedai
pulitamente dal curato, dal sindaco, da tutte le autorità del luogo,
e salii fra le acclamazioni dei villani dietro la carrozza della
contessa. Imaginate il mio tripudio quando vidi la Savina collocarsi al
mio fianco, e pensai che durante un viaggio di otto ore avrei potuto
intrattenermi con lei nel più stretto dei colloqui possibili!

Non vi descrivo le emozioni di quel viaggio. La Savina mi diè tante
prove di amabilità, che io le promisi di sposarla non appena avessi
compiuta la mia educazione musicale.

All'indomani del nostro arrivo a Milano, la contessa iniziò le sue
pratiche per farmi entrare al Conservatorio. Quella donna otteneva
ciò che voleva, ed io venni ammesso senza difficoltà. Il mio primo
maestro era un uomo in sui cinquant'anni, e godeva fama di insuperabile
nell'arte di _formare le voci_.

--Vieni qua, il mio bravo giovinotto--diss'egli assidendosi al
pianoforte--la tua nobile protettrice mi vuol far credere che tu
possegga una bellissima voce. Probabilmente la signora contessa ha
voluto dire che i tuoi organi non hanno difetti cardinali. Belle
voci non si danno in natura; starei quasi per dire che in natura non
esistono voci. I suoni sono opera dell'arte; e l'arte, figliuol mio,
è frutto dello studio e di un ben regolato esercizio. In ogni modo,
vediamo la tua estensione.

Il maestro prese a toccare il pianoforte, ed io mi diedi a vociare di
tutta lena.

La mia voce timbrata e sonora saliva dal _do_ basso al _si bemolle_
acuto con ammirabile facilità. Terminato l'esperimento, il maestro mi
rivolse una strana domanda:

--Ebbene?... Che cosa intendiamo di fare? Vogliamo cantare il tenore,
il baritono o il basso profondo?

--A dir vero, signor maestro, l'organista del paese e la illustrissima
signora contessa Bavoso mi avevano fatto sperare che cantando da
tenore, in pochi anni mi sarei fatto milionario o qualche cosa di
simile. Ho promesso al signor sindaco di contribuire per diecimila
franchi all'erezione del nuovo campanile....

--Caspita! hai delle idee molto elevate, figliuol mio!... ma poichè
la signora contessa vuole un tenore; tanto fa, le daremo ciò che le
abbisogna.

Il maestro serbava nel parlarmi la maggior serietà, ma forse
nell'intimo del cuore si burlava de' fatti miei.

Cosa strana! questo professore autorevole e stimato, che aveva la
pretesa di _creare le voci_ a totale beneficio dei suoi allievi,
mancava affatto di voce.

--Un tenore, diceva egli, colle opere che si scrivono in giornata, non
può fare a meno del _si_ naturale, del _do_ ed anche del _do diesis_.
Convien dunque, figliuol mio, che ci mettiamo di proposito a procurarci
queste note essenziali. Per conquistare gli _acuti_ non vi è che un
solo mezzo: rinvigorire le note più basse, le quali rappresentano nella
scala armonica le fondamenta dell'edifizio. Credi tu che si possa
elevare una casa di cinque o sei piani quando non si pongano innanzi
tutto delle basi massiccie?

Con questa logica da capo mastro il professore mi impose di esercitare
quotidianamente le mie quattro note più basse.

_Do re mi fa, fa re mi do_--tale fu il vocalizzo obbligatorio de' miei
primi esercizi. Di là a tre mesi io perdetti il _si bemolle_; a metà
del semestre il _la_ acuto scomparve affatto; alla fine dell'anno, da
tenore divenni baritono.

Non debbo tacervi che il mio autorevole maestro si preoccupava
mediocremente di questi miei progressi. La sua lezione durava
ordinariamente dieci minuti e si chiudeva colla formola di congedo:
Bravo! molto bene! benissimo!

Le lezioni delle allieve duravano più a lungo.

Ho notato che tutti i professori del Conservatorio ponevano una cura
speciale nella educazione delle ragazze. Allorquando il mio maestro
inculcava il solfeggio alle future regine della scena, prendeva la posa
di un ispirato e mostrava il bianco degli occhi.--Quelle lezioni lo
affaticavano assai. Contuttociò la più parte delle allieve perdevano
anch'esse la voce, ed altre cose.

Alla fine dell'anno, il mio _sol_ acuto minacciava di ecclisarsi--il
maestro se ne avvide, fece un rapporto al direttore dogli studi, ed io
fui sottoposto ad un consiglio di professori, i quali fra gli sbadigli
firmarono il verdetto della mia assoluta impotenza a proseguire negli
studi.

Immaginate la mia sorpresa, il mio disappunto, la mia desolazione!

Mi recai dalla contessa Bavoso. Il sindaco del paese, venuto a Milano
per certi suoi affari, era in quel giorno dalla contessa. Mi presentai
trepidante come un reo che va incontro al suo giudice--la presenza del
sindaco raddoppiava le mie angoscie.

--Bravo! molto bene! benissimo!--cominciò la contessa.--Il bell'onore
che vi fate! Ecco la lettera del vostro professore--leggete se vi dà
l'animo... E poi... abbiate ancora il coraggio di comparirci davanti!

Io lessi, e rimasi oltremodo meravigliato in vedere le strane cose
che in quel foglio si dicevano sul conto mio. Mi si accusava di poca
assiduità alle lezioni; si attribuiva il progressivo e _non logico
deperimento_ della mia voce a qualche vizio secreto, a qualche
disordine organico prodotto dalla crapula o da altri abusi più gravi.

Fui preso da indignazione.--Signora contessa! esclamai coll'accento più
vivo--mi meraviglio che questi signori mettano in giro tali calunnie
... Io non ho mancato mai alle lezioni, e la mia condotta fu sempre
quella di un onesto figliuolo. Il maestro pretendeva fabbricarmi una
voce da tenore, rinforzandomi i bassi--io mi sono uniformato a' suoi
consigli, e mentre lavoravo a consolidare i fondamenti dell'edifizio,
il tetto è crollato. Quel signor fabbricatore di voci non ha fiato in
corpo per sè--ed io, quando entrai al Conservatorio, ne aveva tanto da
gonfiarli tutti quanti... Insomma...

--Insomma! Insomma! mi interruppe la contessa.--Voi siete un
disgraziato., voi tornerete al paese a zappare le rape... Non si
perdono il _si bemolle_ e il _la naturale_ senza qualche sconcerto
dell'organismo, prodotto dai disordini e dai vizi.--So quello che mi
dico... so quello che voi stesso ignorate... Il signor sindaco qui
presente porterà la notizia a vostro padre... e voi partirete quando
vi farà comodo.

Ciò detto, la contessa mi fece cenno d'uscire. Il sindaco, per
rinforzare l'apostrofe della contessa, mi annichilì con un motto
spietato:--Avremo un bel campanile... al paese!

Attraversando l'anticamera sentii afferrarmi pel soprabito da una mano
tenace.

Mi volsi--era la Savina.

--Ho inteso tutto... Cos'è questo _bemolle_ che hai perduto? Voglio
saperlo...

--Lasciami in pace... Savina...

--No!... voglio saperlo... Dio sa quante ne hai fatte!...

--Savina... ti dico!...

--Sento gente... va pure... Ci rivedremo domenica... all'ora della
dottrina.

Uscii dalla casa Bavoso coll'animo in tempesta.

Dopo essermi aggirato per le vie di Milano, dibattendo molti progetti,
entrai in una bottega da caffè dov'erano soliti a convenire alcuni
artisti e studiosi di canto a me noti. Vedendomi accorato, mi
interrogarono. Narrai ciò che mi era accaduto. Un signore di età matura
che aveva prestato orecchio al mio racconto: «un altro Maccabeo!»
esclamò con biblica amarezza--poi, voltosi a me direttamente: «Io
conosco la contessa Bavoso, mi disse-è una pianista di gran talento
e una dama di cuore--peccato ch'ella viva sotto la pressione del
Conservatorio!--in ogni modo io non ho ancora disperato di convertirla
... Chi sa! sareste voi disposto, figliuol caro, a fornirmi i mezzi per
un'ultima prova?»

La mia situazione era tale che le parole di quell'uomo, tuttochè
enigmatiche, mi apersero il cuore alla speranza.

--Se ti rimane un filo di voce, proseguì egli, a cui si possano
riannodare dieci o dodici note, io mi incarico di restituirti in sei
mesi ciò che i Bramini del Conservatorio ti hanno rubato nel corso di
un anno.

Ciò detto, mi porse il suo biglietto di visita, e mi fece promettere
che il dì seguente, verso le dieci ore del mattino, mi sarei recato
da lui. Immaginate la mia gioia, quando uno degli astanti, un certo
Zilgo, tenore in aspettativa, mi avvertì che quel mio nuovo protettore
era il più insigne maestro di canto dell'Italia e dell'Universo, il
solo che sapesse realmente _creare_ le voci o ridonarle al primiero
stato in caso di deperimento.

All'indomani fui esatto al convegno. Venni introdotto in una grande
sala debolmente rischiarata. Il maestro sedeva al pianoforte--una
dozzina di allievi d'ambo i sessi lo circondavano in vario
atteggiamento. Al mio entrare, il maestro si levò in piedi, e,
additandomi ai circostanti con un gesto da Geremia, si diè a cantarmi
l'antifona: _Venite ad me, vos qui egrotatis; hic salus! hic vita! hic
bonum_!

Gli allievi di canto replicarono in coro la salmodia--ed io ristetti
ombroso a guardarli, credendomi vittima di una crudele burletta.

Il maestro mi mosse incontro, mi prese per mano, e mi condusse al
pianoforte.

--Come vedi, figliuol caro, tutti si rallegrano con te... La
pecora smarrita si è rimessa sul buon cammino... Volgiti intorno
... Tutte queste signorine avvenenti e intelligenti, tutti questi
giovani bene organizzati e predestinati, non rappresentavano, pochi
mesi sono, che dei naufraghi, respinti, come tu lo fosti, dall'arca
fatale del Conservatorio, e abbandonati semivivi alle branche voraci
dell'oceano.--Io ho raccolti questi naufraghi nel mio battello da
salvataggio; ho riscaldati questi morenti colla fiamma dell'arte
unica e vera--dell'arte divina!... Quelli che ieri gemevano, oggi
cantano--quelli che starnutivano, oggi trillano--i ranocchi divennero
usignuoli--le cicale si mutarono in capinere.--Lasciamoli dunque in
pace.--Abbandoniamo questi avventurati che già toccano le porte del
cielo, per soccorrere all'ultimo arrivato, all'infelice che stava per
soccombere.--Vieni qui, figliuol caro--e voi altri, schieratevi in
giro--voglio che tutti assistiate alla diagnosi... Egli è sul cadavere
che si studiano i problemi dell'esistenza; gli è dai morenti che si
imparano i segreti della conservazione.

Gli allievi si scostarono dal pianoforte, e andarono a sedere in una
specie di anfiteatro all'estremità della sala.

Il maestro cominciò a palpeggiarmi la testa--quindi scese colle mani
alle altre parti del corpo parlando di tal guisa:

--Abbiamo un occipite pronunziatissimo... buon principio!... Sviluppo
massimo di sensualità... di forza procreatrice! l'arte non è che
amore--non si può essere artisti veri, artisti grandi, senza una
straordinaria suscettività, o dirò meglio, irritabilità dell'organo
simpatico. Gli è ciò che ho detto più volte a _mademoiselle_
Guardinaire:--tu diverrai la Cleopatra delle cantanti in grazia del tuo
occipite.--Sui _parietali_ non c'è che dire--il _frontale_ è in ottimo
stato! Questo solido ripercussore delle note acute presenta tutte
le condizioni desiderabili--abbiamo un _edmoide_ ed uno _sfenoide_
pienamente conformi a quelli di Rubini e di Zilgo--larghe narici,
canali ampi, torace adiposo, clavicola ferma, scapula rilevata, osso
sacro sporgente--in una parola lo scheletro di Lablache, di Filippo
Galli e di... Zilgo. Vediamo ora (ed è quello che più importa) come si
sta di visceri... Esaminiamo prima di tutto se i mantici funzionano, e
qual grado conservino ancora di forza coibente e deprimente.

Ciò detto, il professore tirò il cordone di un campanello e una grossa
domestica entrò nella sala con un soffietto nella mano, domandando:
«c'è forse qualcuno che ha bisogno di fiato?»

--No--rispose il maestro seriamente--apporta gli ordigni per la prova
dei mantici.

Non comprendo, ripensandoci adesso, come io fossi in allora tanto
ebete da prestarmi a quelle buffonesche esperienze.--Di lì a poco, la
grossa fantesca rientrò nella sala, recando sulle braccia una dozzina
di volumi. Il maestro mi ordinò di sdraiarmi supino sovra un canapè,
soprappose al mio stomaco quattro volumi, e in quella difficile
posizione mi fece ripetere più volte la scala ascendente e discendente.
_Mademoiselle_ Guardinaire, il tenore Zilgo, una giovane inglese assai
brutta, e da ultimo, tutti gli scolari mi si fecero d'attorno, per
istudiare, com'essi dicevano, il grande fenomeno della respirazione.
Tutti parevano sorpresi della potenza straordinaria de' miei polmoni;
la fantesca batteva le mani dalla meraviglia, esclamando: scommetto
che se io gli monto sopra, costui con un _do_ di petto mi slancia alla
soffitta!

Ciò che vi narro vi parrà inverosimile; eppure a quell'epoca c'erano in
Milano dei maestri di canto che spingevano più oltre la ciurmeria.--E
credete voi che oggigiorno le cose sieno mutate? Chiedetene notizia
a quelle tante infelici, che dopo avere dal rigido settentrione
trasmigrato in Italia per apprendervi la bell'arte del canto, ritornano
in patria senza voce, senza quattrini, senza professione, senza...
tutto quello che hanno dovuto immolare ai maestri, agli agenti teatrali
ed ai giornalisti.

In seguito alle esperienze ginnastiche che vi ho descritte, e ad
altre di cui vi taccio per brevità, il mio nuovo maestro espose
la sua ferma convinzione che in meno di sei mesi, seguendo il suo
regime, io avrei ricuperata la mia bella voce di tenore, e di là a
due anni, persistendo nello studio, sarei stato in grado di esordire
con lieto successo alle scene. Queste promesse suonavano abbastanza
lusinghiere; ma l'ispirato missionario dell'arte non pareva disposto
a darmi lezione gratuitamente. Fu convenuto che io avrei diretto una
supplica alla contessa Bavoso, onde ottenere qualche sussidio nei sei
mesi di esperimento; il maestro si sarebbe egli stesso incaricato di
presentare la mia lettera, perorando a voce la mia causa e magnificando
le mie ottime disposizioni musicali. Ogni cosa riescì per bene. Scorsa
una settimana, la contessa mi fece chiamare al palazzo, e dopo una
lunga ammonizione che io ascoltai col massimo raccoglimento, mi diede
il grato annunzio che ella medesima si assumeva di pagare le mie
lezioni, fissandomi altresì un piccolo assegno mensile ond'io vivessi
decorosamente a Milano. In seguito a questa nuova fortuna, io potei
riannodare le mie relazioni colla Savina, la quale in un precedente
colloquio mi aveva fatto capire che il cocchiere della contessa le
avea inoltrate _seriamente_ delle proposte di matrimonio.

Il signor Minassi[1] (tale era il nome del mio maestro) per circa
due mesi mi esercitò alla emissione delle note, obbligandomi sempre,
durante le lezioni, alla incomoda e ridicola giacitura di cui vi
ho parlato poco dianzi. Tanto egli, come i colleghi di scuola e la
grossa fantesca si mostravano stupiti dello straordinario sviluppo che
la mia voce andava acquistando di ora in ora, di minuto in minuto.
_Mademoiselle_ Guardinaire, che per ordine del maestro si era fatta
strappare due denti, i quali rendevano un po' ottuse le sue note di
mezzo, mi animava a subire la medesima operazione, assicurandomi che
ne avrei ottenuto un immenso benefizio. Il tenore Zilgo era d'avviso
che io mi facessi levare le tonsille--e il maestro aggrottava le ciglia
borbottando: «vedremo se sarà il caso--c'è sempre tempo a correggere
la natura--ed io non dubito che il nostro futuro Donzelli sacrificherà
all'arte, quando l'arte lo esiga, quelle superfluità dell'organismo che
possono compromettere la libera emissione della voce.»

Pur troppo l'ora del sacrificio non tardò a suonare. In seguito ai
violenti esercizi di respirazione, la mia voce si era ridotta a tale
che ogni nota si rompeva in uno _scrocco_. Tutta la scolaresca fu
chiamata a consiglio--il maestro produsse una chiara e minuziosa
diagnosi del fenomeno patologico, concludendo col dichiarare di urgenza
l'amputazione delle glandule tonsillari.

Sulle prime, mossi qualche difficoltà--ma avendo tutti in massa gli
scolari spalancate le bocche per mostrarmi che non uno era andato
esente dalla operazione, mi lasciai vincere dall'esempio.

Al taglio delle tonsille successe una allarmante infiammazione--per
circa una ventina di giorni non mi fu concesso di emettere una
nota--quando tornai dal maestro per riprendere il corso delle lezioni,
con somma sorpresa di tutti si notò che da baritono io era divenuto
basso profondo.

Quella scoperta produsse un cataclisma. Il Minassi improvvisò sulle
_rivoluzioni delle voci_ un erudito discorso che produsse la più
viva commozione nella scolaresca; ma la contessa Bavoso, informata
della metamorfosi che si era operata nel mio organo, mi avvertì per
lettera che non intendeva continuarmi il sussidio, consigliandomi
al tempo stesso di far ritorno al paese dove la mia voce da basso
profondo sarebbe riuscita opportunissima per richiamare dai pascoli
le giovenche. A quella lettera, dissuggellata dall'infida Savina, era
aggiunto un poscritto in pessima calligrafia, che diceva testualmente:
_Dopo quelo che tano talliato, non sperare mai più nel mio amore; io
sposerò quest'autunno il carozziere Pacicco._

Che fare? che tentare?--Dietro ordine della contessa, mio padre venne
a Milano, mi colmò di rimproveri e mi intimò di seguirlo al paese.
All'ora del mio arrivo, una ventina di villani stavano sulla piazza
attendendomi.--Immaginate la mia vergogna, allorquando una voce acuta,
emergendo dal crocchio, annunziò il mio ingresso colle parole: «_In pèe
tucc! à l'è scià el campanin!_»[2]

Ed ecco in qual modo compensavano quei bifolchi la buona disposizione
che io aveva manifestata di concorrere coi miei guadagni alla erezione
del campanile!--Le buone intenzioni non hanno sconto sul mercato della
vita.

Non volli più uscire di casa--mi resi invisibile. Io attendeva
ai lavori dell'orto ed al governo della stalla, mutolo sempre e
ingrugnato. Mio padre temendo che io cadessi ammalato, andò a
consultarsi col veterinario.

Un giorno l'organista del paese si recò a visitarmi--Pirletta, mi
disse--eppure io non so capacitarmi che la tua bella voce sia proprio
svanita! Se ci provassimo... così per spasso?.... Farò trasportare
nella tua camera da letto la mia spinetta... Ricomincieremo dalle
scale--e chi sa?--le scale conducono in alto...

Che volete? mi lasciai vincere dalla tentazione, e ripresi, colla
scorta del dabbene organista, gli esercizi del solfeggio. La mia voce
da basso non era delle più ingrate; io studiava con moderazione, senza
violentare la natura, e apprendeva, ciò che i professori di Milano
avevano sdegnato insegnarmi, i principii fondamentali della musica. Io
comprendeva i miei progressi, e il mio cuore si riapriva alla speranza,
la mia mente si irradiava di nuove illusioni.

Dopo due anni di studi regolari ed indefessi, l'organista mi avvertì
solennemente che a lui non restava più nulla da insegnarmi, a me più
nulla da apprendere.--Sei maturo, mi disse; non ti resta che salire il
bosco e fare la tua _galletta_.

Mio padre mi fornì cinquanta lire e la sua benedizione perchè
andassi a Milano in cerca di una scrittura. Il parroco, il sindaco,
il veterinario e l'ottimo organista ingrossarono il mio peculio di
qualche spicciolo e di molti consigli.--Uscii dal paese due ore prima
dell'alba, e volgendomi al famiglio che aveva attaccata la bestia
al biroccino: tornerò fra cinque o sei anni, gli dissi; e quando il
campanile sarà compiuto, andrò lassù a sputar sulla testa di quei
buffoni che si fecero giuoco di me.

Ma in cielo non era scritto che io donassi un campanile alla ingrata
mia patria. Prima di ottenere una scrittura, rimasi a Milano due
anni--e furono due anni di patimenti, di umiliazioni, di angoscie
indescrivibili. Io faceva regolarmente ogni giorno il giro di tutte le
agenzie teatrali; i corrispondenti mi davano delle promesse e sempre mi
congedavano col ritornello: _lasciatevi vedere_!--All'indomani, quando
io mi presentava, fingevano di non vedermi.

I miei abiti si aprivano sui gomiti e parevano ricambiare dei
sorrisi alle scarpe che mostravano i denti. Non vi parlo dei miei
lunghi digiuni, delle notti passate all'aria aperta o sulle panche
del caffè Martini. I miei amici erano una dozzina di cantanti in
perenne disponibilità--i quali mi confortavano affermando che gli
agenti teatrali erano una masnada di assassini, il pubblico una massa
di imbecilli, e gli artisti più lautamente pagati una camorra di
intriganti privi di voce e talento.

Finalmente (e in quell'istante vidi aprirsi il paradiso) un
agente teatrale mi invita per lettera a recarmi premurosamente da
lui.--Accorro ansante dalla gioia--precipito nella sala d'uffizio e
interrogo collo sguardo il mio destino.

L'agente era un certo Cinguetta, un uomo di sinistro aspetto e di fama
perduta; eppure, all'idea ch'egli intendesse offrirmi una scrittura, mi
parve un cherubino.

--Sei tu disposto--mi chiese con brusca amorevolezza--a _fare una
campagnata_ di venti giorni cantando nel _Nabucco_ la parte di Zaccaria?

--Se le pare... se lei crede...

--Si tratta, come dissi, di una _campagnata_--dunque molta allegria,
grandi applausi e pochi soldi... non è vero? Gli esordienti--regola
generale--non hanno diritto a compenso, e dovrebbero anzi, a rigore
di legge, sborsare all'impresario una somma, pel grave rischio a cui
questi va incontro esponendo sulle scene un artista sconosciuto e di
dubbio talento. Ma io ho fede in te; so che possiedi una bella voce e
conosco del pari le tue strettezze. Vedrai dal presente contratto che
ho cercato di aiutarti--apponi dunque la tua firma, e domani partirai
per Arona, ove, non dubito, farai onore alla mia agenzia.

Così parlando, il Cinguetta mi porse la scrittura che mi obbligava
a cantare per una ventina di rappresentazioni al teatro di Arona, a
recarmi alla piazza in tempo debito onde intervenire alle prove di
cembalo e di orchestra, nonchè a provvedermi a mie spese del _basso
vestiario in perfetto costume_. In compenso delle mie prestazioni,
l'impresario mi avrebbe pagata la somma di lire sessanta, suddivisa in
quattro rate, giusta le consuetudini teatrali, restando a mio carico
le spese di viaggio e la provvigione dei cinque per cento devoluta al
mediatore.

Naturalmente, apersi il labbro per muovere qualche obiezione; ma
il Cinguetta, strappandomi il foglio dalle mani e facendo atto di
lacerarlo:--tutti di uno stampo! esclamò con mal piglio--quando
_siete a spasso_, mille suppliche, mille transazioni;--vi si offre
una scrittura, eccovi tosto colle grandi pretese!--Figliuol mio....
non faremo nulla. Non ho che a battere il suolo coi tacchi per veder
sorgere una legione di bassi profondi, pronti e disposti a cantare per
l'amore dell'arte!

Non era il caso di discutere--io segnai la scrittura con mano tremante,
la piegai, la chiusi nei taschetti del soprabito e atterrito della mia
nuova situazione, presi commiato dall'agente teatrale ringraziandolo
colla voce ed imprecandogli col cuore. Il Cinguetta mi accompagnò fino
alla porta, e come uomo ispirato subitamente da una idea luminosa:

--A proposito, mi disse; non sarebbe bene che noi regolassimo tosto
i nostri conti? di tal guisa ti risparmieresti l'incomodo e la spesa
di spedirmi il danaro per la posta.... La somma che mi devi è tanto
meschina...

Io compresi che si trattava della provvigione. Non aveva indosso la
somma di dieci soldi, e la mia mente già cominciava ad affannarsi
nella ricerca di uno spediente qualunque, pel quale mi fosse dato di
trasferirmi alla piazza. Esposi francamente al Cinguetta la mia triste
posizione; gli feci capire che, aiutandomi la fortuna, lo avrei più
tardi compensato largamente. Le mie parole esprimevano la più viva
commozione.

--Non importa!--disse l'agente con un suo risolino di ipocrita
benevolenza--io amo gli artisti e so investirmi delle loro circostanze
... Se non puoi darmi danaro.... vedi.... sarei anche disposto ad
accettare qualche segno di riconoscenza.... per esempio... vediamo un
poco.... Così parlando, portò la mano alla catenella di argento che mi
scendeva nel taschino del _gilet_, e ne trasse fuori un gramo orologio
di argento, unico ricordo di mia madre che io aveva religiosamente
conservato fino a quel giorno in onta delle urgenze più calamitose.
Quel Cinguetta aveva la mano così disinvolta, e la mia resistenza
era così debole e impacciata, che l'orologio in un attimo divenne sua
preda. Io finii col ringraziarlo di avere _accettato_ in benemerenza
dei suoi grandi favori, un dono così meschino.

Il mio _debut_ al teatro di Arona fu abbastanza fortunato, ma avendo
dovuto respingere venticinque giornali che mi erano stati inviati da
varie città d'Italia con invito all'abbonamento, nessuno fece parola di
me, e se alcuno parlò, fu per dire che io era un _cane_ della peggiore
specie. In ogni modo la _campagnata_ si chiuse colla solita catastrofe.
A metà della stagione l'impresario si assentò dalla piazza e si rese
irreperibile--io perdetti l'ultimo quartale, e dovetti tornare a Milano
colle mie gambe, lasciando in ostaggio al padrone di casa la barba ed i
sandali del profeta Zaccaria.

Per una decina di anni venni sobbalzato da teatro a teatro. Le
estorsioni dei corrispondenti, i ricatti del giornalismo, le frodi
degli impresari cooperarono siffattamente al perfetto equilibrio delle
mie finanze, che al finire di ogni stagione non mai ebbi ad inquietarmi
per l'impiego de' miei sopravanzi. Le scritture del carnevale e
dell'autunno pagavano regolarmente gli arretrati della disponibilità
precedente--la perdita di uno più quartali, già preveduta nel bilancio,
frenava i miei appetiti, e mi imponeva la più rigida soppressione delle
superfluità. L'unico rimorso che ancora mi pesa sull'anima è quello di
aver sprecato una piccola parte del mio peculio nello sfamare quattro
o cinque giornalisti teatrali, non saprei dirvi se più scimuniti o
bricconi. Una tale debolezza era frutto di inesperienza; ma dacchè a
Firenze mi avvenne di applicare una dozzina di nerbate sul grugno di un
certo Montâsino fabbricatore di riviste, ebbi a convincermi non esservi
miglior espediente di questo per insegnare ai bèceri del giornalismo la
morbidezza dello stile.

Vi fu un'epoca nella quale, per un bagliore inusitato di promesse, io
credetti di aver finalmente afferrate le chiome della fortuna. Dopo
quattro lunghi mesi di disponibilità, mi venne offerta una scrittura
pel teatro di Lima. Il mandatario dell'impresa, un personaggio tutto
fulgido di diamanti e d'altre pietre inqualificabili, si faceva
chiamare Don Diego y Gonzalez y Caballero Radamonteros Pordodios
de las Quercás.--Il di lui nome non mancava di sonorità e le paghe
ch'egli offriva agli artisti non erano meno sonanti. Vi basti sapere
che l'emolumento a me fissato si traduceva nella somma di franchi
cinquantamila all'anno, più due serate di benefizio, assicurate in
diecimila franchi cadauna.

Innanzi di salpare pel nuovo mondo, scrissi una lettera al sindaco del
paese annunziandogli la mia buona fortuna e assicurandolo al tempo
stesso che le mie intenzioni a riguardo del campanile non erano punto
cangiate.

Ci imbarcammo a Genova in un pessimo legno da vela, e dopo tre mesi
ai navigazione disastrosa, toccammo la meta. Il rappresentante
dell'impresa ci aveva accompagnati fino a Lima, ma all'indomani dello
sbarco, non si ebbero più traccie di lui. Immaginate quale scompiglio,
quale sgomento nella compagnia lirica! Eravamo circa sessanta, fra
cantanti, suonatori e ballerine--e spremendo le nostre tasche non ne
sarebbero usciti tanti spiccioli da formare un marengo--

Dopo una settimana di ansie inenarrabili, un certo Arnaldo Sesini,
negoziante di gomma elastica, si presenta al nostro albergo, e dopo
aver biasimato col più energico accento la condotta di Don Diego y
Caballero Radamonteros Pordodios de las Quercás, si annunzia disposto
ad assumere l'impresa in sua vece ed a sborsare immediatamente il
primo mensile a tutti gli artisti, purchè rinnovino le scritture,
assentendo al ribasso del sessanta per cento sulle paghe stabilite.
Non era il caso di fare delle obiezioni. Il nome di Arnaldo Sesini
ispirava poca fiducia; ma a qual nome affidarci, dacchè un Don Diego
y Gonzalez y Caballero Radamonteros Pordodios de las Quercás ci aveva
così ignobilmente abbandonati? Noi piegammo la fronte alla necessità;
le transazioni vennero accetate, e di là a poche settimane il teatro
di Lima si aperse a spettacolo d'opera e ballo.

C'è a scommettere che di quella colonia di artisti italiani ben pochi
ebbero la fortuna di rivedere la patria. Molti morirono di febbre
gialla trasmigrando ad altre coste degli Stati Uniti--i suonatori
si sbandarono per suonare nei caffè e in altri luoghi di pubblica
ricreazione; le coriste e le ballerine sopravvissute alle febbri
e ad altre epidemie, non trovando più adoratori, si procacciarono
dei mariti. Io corsi l'America per dodici anni, sempre intento ad
economizzare su' miei scarsi stipendi onde mettermi in grado di far
ritorno in Italia. E Dio sa quanto avrei dovuto attendere prima di
adunare il capitale occorrente, se la prepotenza della nostalgia non mi
avesse spinto ad un partito.... americano.

Mi recai ad una grossa borgata del litorale in compagnia di una corista
e di un pessimo accompagnatore di pianoforte--feci affiggere dei
cartelloni dov'era annunciato che il celebre Mario e la insuperabile
Grisi avrebbero dato un concerto, cantando una quindicina di pezzi
a scelta del pubblico.--Quei buoni borghesi accorsero in massa,
applaudirono ai miei ruggiti, si estasiarono ad ogni strillo della mia
audace compagna, e raccolta una buona messe di dollari, io mi imbarcai
felicemente il giorno appresso sovra un legno mercantile genovese.

Dalle mie lunghe e disastrose pellegrinazioni io non riportavo
in Italia che un centinaio di lire, due papagalli ed una
scimia.--Rientrando al mio albergo a Genova per levare i bagagli onde
proseguire il viaggio, trovai la gabbia rovesciata.--I due papagalli si
erano svincolati, e, profittando della libertà, avevano preso il volo
per ignota direzione.

Giunto a Milano, mi recai al palazzo della contessa Bavoso per offrirle
la scimia, ma la contessa era morta da un pezzo. Tornato al paese,
venni a sapere che il sindaco, il veterinario, la Savina, l'organista,
tutte infine, o quasi tutte le persone di mia conoscenza, avevano
cessato di esistere. Mio padre istupidito dagli anni, appena mi
riconobbe--e quando gli mostrai la piccola scimia ch'io teneva fra le
braccia, mi chiese da quanto tempo ero ammogliato, e se quello fosse il
mio primogenito.

Sono scorsi dieci anni dacchè tornai al paese. Ho ereditato da mio
padre una casuccia ed un orto, e campo la vita in qualche modo,
accordando i pianoforti nelle ville dei signori e cantando qualche
mottetto nelle chiese. I miei compaesani mi vogliono bene e cercano di
aiutarmi; ma ogni qual volta nel Consiglio Comunale torna in campo il
progetto di erigere un nuovo campanile, la discussione viene troncata
con questo tratto di spirito: _Aspettiamo il denaro di Pirletta_.



Daniel Nabaäm De-Schudmoëken


A quei tempi, che sotto molti aspetti somigliavano ai presenti, io
sedeva una mattina con altri pochi visitatori nel salotto di una
amabile contessa, assai celebre in Milano pel suo talento di pianista
non meno che per la sua bellezza e le sue prodigalità di ogni genere.

Come al solito, si parlava di musica; ed era in campo una discussione
sulla supremazia dei maestri tedeschi, in fatto di composizioni
istrumentali. La contessa, tuttochè italianissima nel senso politico,
in arte si professava tedesca.

La conversazione venne interrotta dal servo di anticamera, il quale,
presentando alla contessa una carta di visita, annunciava l'arrivo di
un nuovo personaggio.

--Entri pure!--disse la contessa sfavillante di gioia.--E quella
espressione del volto pareva dinotasse l'intervento di un alleato
inatteso.

Il cameriere poco dopo ricomparve sulla porta, introducendo, con uno
sforzo di pronunzia visibile, il signor Daniel Nabaäm De-Schudmoëken.

Era un uomo dai trentacinque ai quarant'anni, abbigliato con quella
eleganza alquanto caricata, che contraddistingue gli artisti. Nel
suo modo di presentarsi c'era la disinvoltura e la franchezza di chi
ha fatto l'abitudine alla curiosità del pubblico ed all'applauso dei
teatri.

Si inchinò leggermente ai circostanti, baciò la mano alla contessa, e,
tratta dal portafogli una lettera, gliela porse col garbo più distinto.

--Ah! ah! il barone Teghetoff!--esclamò la dama, dopo aver letto--ecco
un signore che non ha mai disertato dal campo dell'arte. E di quanto
io gli vado debitrice! Egli non ha mai dimenticato di indirizzarmi i
più eletti e celebri talenti di Europa.... L'anno scorso era Talberg,
pochi giorni fa era Wanwondegger, ed oggi il signor Daniel Nabaäm
De-Schudmoëken pianista di S. M. il re del Belgio, che io mi chiamo
onoratissima di presentare sul momento ai miei migliori amici.

Quanti erano nel salotto salutarono amabilmente l'artista,
indirizzandogli quelle banalità lusinghiere che le persone bene educate
sanno prodigare anche agli sconosciuti, quando per essi interceda la
raccomandazione di una signora.

Frattanto io pensava: dove mai ho veduto costui?... la sua fisonomia
non mi è nuova.

E in luogo di interrogare o di adulare, io fissai uno sguardo così
scrutatore sull'artista, che questi a sua volta prese a guardarmi con
marcata attenzione.

Quella corrente di occhiate non isfuggì alla contessa. Ella credette
farsi interprete di un mio desiderio, presentandomi più direttamente al
suo raccomandato, e declinando a lui il mio nome e cognome, non senza
aggiungere qualche cenno biografico.

--È bene, signor Nabaäm De-Schudmoëken, poichè avete intenzione di
produrvi a Milano, che vi mettiate in rapporto con qualche giornalista,
e sono lietissima che qui, nel mio salotto, voi stringiate una alleanza
che potrà giovarvi.

L'artista, leggendo ne' miei sguardi una certa preoccupazione, arrossì
leggermente; ma dominando tosto il proprio imbarazzo, riaperse il
portafogli, e, trattane una lettera, me la porse con queste parole:

--Per comprendere, o signore, quanto io tenga alla vostra amicizia
ed alla vostra protezione, non avete che a leggere le poche righe di
questo scritto. Conoscendovi per fama, ho voluto premunirmi di una
commendatizia al vostro indirizzo.--La persona che vi scrive e che a
voi caldamente mi raccomanda, si dice uno dei vostri migliori amici.

Mi trassi in disparte, apersi la lettera, e, dissimulando a mala pena
la mia sorpresa e la mia commozione, lessi mentalmente quanto segue:

  «Ottimo signore,

 «Sono a Milano da due giorni, e intendo far sentire al ridotto della
 Scala alcune mie composizioni. Ha ella dimenticato la gioconda serata
 che noi passammo insieme la sera del ventiquattro marzo del mille
 ottocento quarantacinque all'albergo della _Bonne femme_ di Torino? Ella
 mi aveva furiosamente applaudito il giorno innanzi, in un concerto al
 quale assistevano venti persone. Oggi, dopo quindici anni, io la prego a
 volermi riudire. Colui che si fa annunziare in Milano coll'esotico nome
 di Daniel Nabaäm De-Schudmoëken pianista di S. M. il re del Belgio, si
 chiamava in altri tempi Bartolomeo Scannagatta di Biella. Per carità,
 non mi tradisca!... Venga piuttosto a trovarmi domani all'albergo del
 Marino, verso le cinque pomeridiane. Pranzeremo assieme, e dopo il
 caffè, s'ella avrà tempo e pazienza di ascoltarmi, le spiegherò il
 segreto del mio bizzarro pseudonimo, raccontandole una istoria piena di
 amarezze e di follie. Mi affido a lei e mi dico

  _suo dev. Servo_
  BARTOLOMEO SCANNAGATTA.»

Era proprio lui! Le mie reminiscenze non mi avevano ingannato--il tono
della lettera e la eloquenza delle occhiate che tratto tratto l'artista
mi indirizzava mentre io stava leggendo, mi imponevano di rivolgergli
tosto una parola rassicurante.

Mossi a lui, gli stesi la mano; egli mi porse la sua, e in quella
stretta leale, un tacito patto fu stipulato fra noi.

Poco dopo, quand'egli fu uscito dalla sala, la contessa si pose a
raccomandarmelo colla più viva espansione.

--Nessuno dimentichi ch'egli è un mio protetto, ripetè più volte
la contessa a quanti facevano parte del circolo; quando il barone
Teghetoff ci raccomanda un artista, è indubitabile che questi
dev'essere un talento superiore. E poi.... che ne dite di questo
nome?... Daniel..... Nabaäm De-Schudmoëken? Dio sa se lo pronunzio per
bene!

--Dev'essere un pianista insuperabile nei pezzi di difficoltà--disse
uno degli astanti--ciò si comprende dalle molte consonanti del nome.....

--Ed anche, soggiunse un altro, dalla k aspirata preceduta dal
dittongo.....

--Non c'è' dubbio--rispose la contessa--questi artisti superiori
che ci vengono dall'estero hanno dei nomi imponenti e, direi quasi,
rivelatori. Talberg? Che ve ne pare? Non sentite forse, nella posa
solenne e direi quasi patriarcale di questo nome, il pianista pacato,
maestoso, che procede sicuro sulle onde melodiche, come un poderoso
vascello già provato dalle tempeste e dai venti?.... Liszt!... Non
vedete, a questo nome, il lampo e la folgore guizzare sulla tastiera?
Non vi pare che una favilla elettrica, sprigionandosi dalle dita
nervose, si comunichi alle corde del gravicembalo e da quelle alle
fibre degli uditori?... Hans Von Bülow....

La contessa, nel proferire questo nome, spalancò le labbra
siffattamente, che la sua prima aspirazione somigliò ad uno sbadiglio.
I circostanti, sbadigliando per consenso, ripeterono non so quante
volte il nome di Häääns..... E siccome io penava a trattenere uno
scoppio di buon umore indiscreto, prima che il grottesco della
conversazione provocasse una crisi, profittai dell'incidente e presi
commiato.

All'indomani, verso le ore cinque pomeridiane, mi recai all'albergo del
Marino, dove il musicista mi attendeva pel pranzo.

Egli aveva fatto apparecchiare la tavola in un piccolo salotto attiguo
alla sua camera da letto.

Sulla tavola erano quattro coperti.

--Abbiamo dunque degli altri commensali?

--Gente di fiducia--rispose l'artista sorridendo--mio padre e mio
nipote.

E poco dopo, al momento in cui il cameriere serviva la zuppa, entrò nel
salotto un vecchio dal volto sano ed intelligente, in compagnia di un
grosso garzone senza barba che poteva avere diciotto anni.

La presentazione fu spiccia.

--Ecco un ottimo padre, venuto espressamente da Biella per assistere al
mio concerto e per protestare...

--Basta, basta! interruppe il vecchio--in presenza della minestra deve
tacere ogni questione--parleremo dopo.

Durante il pranzo, venni a sapere che il padre del nostro pianista era
stato per molti anni capo-musica della banda e organista della chiesa
di Biella; che aveva composto parecchie sinfonie e due messe, l'una
da morto, l'altra da _vivo_, e che il figlio doveva a lui solo la
molta erudizione musicale onde era fornito, nonchè la sua abilità di
suonatore.

Levata la mensa, ci assidemmo in faccia al caminetto. Il vecchio fece
recare due bottiglie di barbéra, ch'erano, com'egli diceva, la sua
tazza quotidiana di caffè. E quando ebbe vuotato il primo bicchiere:

--Ora, a noi altri! proruppe con una certa modulazione di voce che
sentiva la stizza e la benevolenza--sentiamo cosa sa dire per sua
discolpa il signor Daniel Rabadàn!

L'artista accese uno zigaro, e volgendosi ora a me, ora a suo padre,
cominciò di tal guisa:

--Come lei vede, questo mio ottimo padre non sa perdonarmi ch'io
abbia cangiato nome. Egli pretende che io abbia sottratto al nome già
illustre degli Scannagatta una parte di gloria che gli spettava per
diritto.....

--Sicuramente! interruppe il vecchio--e non contiamo il gran danno che
tu porti a tutti i Bartolomei (tuo nipote compreso), i quali attendono
da secoli che un uomo di genio rifletta sul loro nome vilipeso qualche
raggio di luce.

Il giovane Bartolomeo, che fino a quel momento non aveva aperto bocca,
si lasciò sfuggire dalle labbra un: _contagg_!

--Se mi interrompete ad ogni frase, io non verrò mai a capo di
giustificarmi..... Lasciatemi dire... Anche i preti, prima di
assolvere o di lanciare la scomunica, attendono che il reo abbia
finita la confessione. Ed è una confessione, o per lo meno un
resoconto sincero della mia vita d'artista che mi trovo in obbligo di
fare. Voi, mio padre, ne conoscete una parte, ma vedo che è mestieri
ricordarvela. Abbiate dunque la pazienza di ascoltarmi, e poi, quanto
al verdetto finale, ci rimetteremo all'arbitrio di una persona affatto
disinteressata, vale a dire al nostro amico giornalista.

Il vecchio vuotò un secondo bicchiere, e strinse le labbra in segno del
grande sforzo che gli costava il silenzio.

«Non ricordo quale filosofo, riprese il pianista, abbia dettato
un libro per dimostrare l'influenza che hanno i nomi sul destino
degli individui. Certo è che l'avere un bel nome, un nome geniale e
simpatico, ordinariamente porta fortuna. Non ho mai capito questa
predilizione dei nostri antenati nell'appropriarsi dei cognomi tolti
a prestito dalle bestie. I Gatti, gli Orsi, i Leoni, i Bove, i
Capponi, i Galli, perfino i Pulci, i Lumaga, i Sanguettola, i Mosca,
i Tenca, i Ghezzi, i Formica, i Volpi, i Merli, gli Allocchi, ecc.,
ecc., costituiscono la maggioranza delle famiglie italiane..... Poi
seguono, in gran numero, i cognomi composti, dove parimenti figurano le
bestie; tali i Pestagalli, i Mangiagalli, i Caccialupi, i Portalupi, i
Cacciamosche, i Pelegatti, ecc., ecc., e infine, per tacer d'altri, gli
Scannagatta. Ecco una statistica che potrebbe fornire ad uno storico,
ad un archeologo, fors'anche ad un filosofo moralista, argomento
di serie considerazioni. Quanto a me, per non istancare la vostra
pazienza, mi limiterò a dirvi che il cognome di Scannagatta fu in certo
qual modo la mia disgrazia originale. Non intendo darne colpa al mio
ottimo padre, qui presente; nè tampoco serbo rancore a quel dabben
cognato che tenendomi al fonte battesimale, si piacque aggravare la mia
disfortuna gratificandomi del nome di Bartolomeo.--Fatto è, che all'età
di sei anni, quando entrai nella scuola comunale per iniziarmi ai
primi esercizi dell'alfabeto, io cominciai ad esperimentare la funesta
influenza de' miei due nomi. Tutte le volte che il maestro mi chiamava
all'appello, dai banchi della scolaresca io udiva insorgere una specie
di miagolio che somigliava ad una protesta contro una scannatura
di gatti;--e quando, nel recitare le prime lezioni, mi avveniva di
rimanere a bocca chiusa, il maestro, gettandomi il libro alla faccia:
Va là, mi gridava, va pur là, che sarai sempre un bartolomeo!

»Queste prime umiliazioni prodotte dal nome mi irritarono, mi
contristarono siffattamente, che un bel giorno (voi, mio padre, non lo
avrete scordato) venni a casa tutto piangente a manifestarvi il mio
fermo proposito di non tornare mai più alla scuola. Il mio proposito fu
tanto pertinace che voi vi appigliaste al partito di provvedere da voi
medesimo alla mia educazione, e mi insegnaste con tanta amorevolezza e
pazienza la bell'arte della musica. Condussi, per una diecina d'anni,
una esistenza da romito, uscendo rare volte di casa e sempre solo,
studiando indefessamente. I primi successi musicali, ottenuti a Biella
nel circolo ristretto dei nostri parenti ed amici, mi avevano ridonato
il coraggio, riconciliandomi perfino coi due nomi fatali, che erano
stati l'origine delle mie disavventure infantili. Venne il tempo di
produrmi nel gran mondo. Tutti mi animavano ad uscire da Biella; e voi
stesso, ottimo padre, vi mostravate convinto che io era, per la mia
età, un piccolo portento.

»Nella primavera dell'anno..... mi recai dunque, pieno di illusioni
e di speranze, alla capitale del regno. Mi accompagnava il cognato
Bartolomeo. Ignari sì l'uno che l'altro degli usi del mondo, non ci
eravamo data veruna briga per premunirci di lettere commendatizie.
Noi giungevamo a Torino colla semplice scorta del mio talento
ignorato e colle cento lire messe assieme dalla famiglia per le
spese di quel primo cimento.--Ci recammo da un capocomico per
ottenere che mi lasciasse suonare qualche pezzo fra gli intermezzi
della rappresentazione.--A chi ho l'onore di parlare? chiese
il capocomico.--Io mi chiamo, rispose il cognato, Bartolomeo
Zuffolone di Biella, e questo giovane è il signor Bartolomeo
Scannagatta....--Quanti Bartolomei! interruppe l'artista--e tutti di
Biella?... Basta! penseremo..... rifletteremo.....--In quel punto
sopravvenne un signore, che era, per quanto sapemmo dippoi, il
proprietario del teatro. L'artista drammatico si tenne in obbligo
di presentarci a lui.--Zuffolone! Scannagatta! che razza di nomi!
esclamò il nuovo personaggio, squadrandomi dal capo al piede come
fossimo due mendicanti.--Ci mancherebbe altro! Con questi due nomi
sull'avviso, faremmo scappare la gente.--E ci piantò là, traendo seco
il capocomico.--Confusi, umiliati da questo primo accoglimento, uscimmo
dal teatro e ci demmo a passeggiare per più di un'ora sotto i portici
di Po, meditando e discutendo sul da farsi. Per caso, ci venne veduto
un magazzino, dove si davano cembali a nolo. Entrammo, sotto pretesto
di noleggiare uno strumento, e dopo alcune parole, parendo a noi che
il padrone della bottega fosse un uomo ammodo, chiedemmo a lui delle
informazioni sulle pratiche a farsi per dare un concerto.--Un concerto
di pianoforte!.... esclamò il dabben uomo inarcando le ciglia--ella non
farebbe un soldo in questo momento.... Abbiamo qui uno dei più celebri
pianisti d'Europa che _fa furore_ nelle sale e nei circoli--la società
torinese farnetica per questo straordinario talento--ella avrebbe
l'aria di voler sfidare un confronto impossibile.... insomma.... io
la sconsiglio dal tentare la prova.--E come si chiama questo portento
dell'arte? domandai io, con un leggiero accento di ironia che tradiva
le prime emozioni del mio orgoglio giovanile.--Si chiama... si chiama,
rispose il noleggiatore dei pianoforti ingrossando la voce, _monsieur_
Etzcy'.--Salute! Dio la prosperi! esclamammo ad una volta mio cognato
ed io, credendo che l'altro avesse sternutito--e vedendo che quegli non
parlava:--dunque si chiama? replicò mio cognato. Ma non glie l'ho già
detto? Etzcy'!...--Ti scoppi il naso!--brontolò mio cognato--e senza
altro dire, uscimmo dalla bottega.

»Com'io riuscissi, dopo molte noie e molti sacrifizi, a dare il mio
primo ed unico concerto a Torino, non val la pena ch'io lo narri. Voi
foste testimonio (e qui il narratore diresse a me la parola) dello
scarso concorso di spettatori, del loro contegno indifferente e quasi
nemico. Non ho mai dimenticato nè sarò mai per dimenticare che voi,
quasi solo, osaste interrompere con applausi e con voci di ammirazione
il mio ultimo pezzo. La stretta di mano amichevole e le incoraggianti
parole che mi volgeste dopo il concerto furono il solo compenso che io
mi ebbi in quella angosciosa serata; senza di voi, il mio giovane cuore
da artista si sarebbe lasciato vincere dalla disperazione.

»Tornammo a Biella di assai cattivo umore. Di quel mio _debut_ non
parlò alcun giornale tranne un ignobile fogliaccio umoristico, dove il
cronista teatrale si scusava coi suoi lettori di non aver assistito
al concerto per la diffidenza che gli avevano ispirato i due nomi di
Scannagatta e di Bartolomeo.

»Si tenne un consiglio di famiglia. Voi non oblierete, mio ottimo
padre, quanto io abbia combattuta la vostra idea fissa di farmi
ritentare la prova a Milano In me era già entrata la convinzione che
col mio nome di Bartolomeo Scannagatta non era possibile il successo
fuori dalla Biella nativa.

»Le vostre istanze mi vinsero.--Voi mi persuadeste che il nostro
maggior torto era quello di andare a Torino senza lettere
commendatizie, e questa volta me ne procacciaste una mezza dozzina.
Partii solo. Il nome di Bartolomeo Scannagatta mi pareva abbastanza
grottesco senza condur meco, per rinforzare il ridicolo, un Bartolomeo
Zuffolone. Io presagiva che qualora mio cognato mi avesse seguito a
Milano, qualcheduno ci avrebbe accolto colla solita esclamazione di
ironia: che posso io fare per due Bartolomei? E il mio presentimento
colpiva nel vero. Se a Torino il mio sciagurato nome aveva alienata da
me l'attenzione e la protezione dei dilettanti, a Milano mi accadde di
peggio.

»Quando io mi recai al Conservatorio per ottenere una audizione
privata, l'egregio direttore dello Stabilimento mi accolse con paterna
benevolenza. Adunò i professori e gli scolari nella sala dei concerti,
accompagnò la mia presentazione con parole incorraggianti; ma non
appena egli ebbe proferito il mio nome, io m'accorsi che i giovani
alunni ed anche qualcuno dei maestri si erano sbandati per nascondere
la loro ilarità.--Che volete? Mi appressai al pianoforte di mala
voglia--suonai quattro o cinque pezzi dinanzi ad un uditorio svogliato
e disattento, e all'atto di abbandonare il mio posto, mi accorsi che
nella sala non v'era più alcuno, tranne l'ottimo direttore.

»Questi mi mosse incontro, mi pose paternamente la mano in sulla
spalla, e dopo aver encomiato le mie composizioni: «Mio buon figliuolo,
soggiunse; è indubitabile che ella possiede un talento notevole, ma
pure mi trovo in obbligo di avvertirla che in Milano difficilmente
ella potrà farsi strada in questi tempi. Ella ha un torto grandissimo
in faccia a quella che ora si suol chiamare la _grand'arte_, e
questo torto consiste nella desinenza del suo nome...--Oh! che
dunque? esclamai vivamente--sarebbe ancora questo sciagurato nome di
Scannagatta!...

»Oramai a tale siamo giunti, proseguì il direttore-maestro, con un
accento che rivelava l'angoscia, che i nomi di desinenza italiana non
hanno più credito sulla piazza.--La straniomania è giunta a tale che
io mi meraviglio sieno ancora tollerati al nostro Conservatorio una
dozzina di maestri, nati e cresciuti nel nostro clima. La si figuri che
l'altra settimana in questa medesima sala dov'ella ha trovato degli
uditori così indifferenti od avversi, ha destato fanatismo un pianista
compositore piovuto dal nord, a lei incomparabilmente inferiore sotto
ogni aspetto. Ma egli aveva la fortuna di chiamarsi Sfrrrt...

»A quel punto, due gatti che stavano giocolando sul tappeto, fuggirono
a salti per la scaletta che conduce al palco scenico.--Vedete! proseguì
il Direttore--questi nomi che mettono in fuga i gatti fanno a Milano
ben altri miracoli--giornalisti, musicisti, dilettanti, professori,
alunni ne rimangono ammaliati... Se più dura la voga di questi nomi
senza vocali e gonfi di aspirazioni, non si potrà parlare di musica e
di concerti senza sputare ogni volta mezza dozzina di denti.

»L'egregio vecchio mi aveva dipinta al vero la situazione dell'arte e
dei musicisti. Io presentai le mie lettere a due o tre giornalisti, i
quali neppure si degnarono di annunziare il mio concerto--e dopo aver
suonato al teatro Santa Radegonda, dinanzi ad un pubblico composto per
la massima parte di droghieri e di ex-impiegati in pensione, i quali
ebbero la bontà di applaudirmi a _furore_ e chiedermi il _bis_ di due
pezzi, all'indomani ebbi la soddisfazione di leggere nell'appendice di
un grave giornale che un pianista di nome Scannagatta, dopo essersi
prodotto fra gli intermezzi della commedia, era partito alla mezzanotte
da Milano in un _omnibus_ carico di Biellesi venuti espressamente per
ricondurre in patria quel loro genio _incompreso_.

»Fu allora, che esacerbato, avvilito, ma pure fidente nel mio
ingegno e nel mio avvenire, io risolsi di abbandonare l'Italia per
cercare all'estero quella protezione che dai nostri mi era negata.
Mi scritturai in qualità di maestro concertatore, con un impresario
di Stoccolma. Mi tuffai anima e corpo nella musica per dodici
anni--ridussi, composi, trascrissi, diressi orchestre, diedi lezioni
di canto e di pianoforte, mi produssi in concerti, e rinunziando al
mio nome, come avevo rinunziato alla patria, mi creai e feci imprimere
sulle mie carte di visita quel Daniel Nabaäm De-Schudmoëken, che in
oggi fa tanto dispetto e tanta ira a mio padre.

»Chi esperimentò a vivere per molti anni lontano dal proprio paese,
non ignora che quel malessere chiamato nostalgia assale, più presto
o più tardi, anche coloro i quali non ebbero in patria che sconforti
ed amarezze.--Questa fase della nostalgia venne anche per me. Era un
bisogno, una sete di respirare l'aria nativa non solo, ma anche di
assaporare il successo in quel paese che a me, negletto e rejetto, non
cessava mai di presentarsi quale un giardino incantato delle arti.

»Doveva io, poteva io, dopo le traversie del passato, riprendere il
mio sciagurato nome di Bartolomeo Scannagatta, nel giorno appunto in
cui io veniva qui per chiedere ai miei connazionali il battesimo della
gloria? I fatti che io vi ho narrati vi suggeriranno la risposta.
Certo è che, appena fiutata l'aria di Milano, ho dovuto applaudirmi
della mia risoluzione. Qual differenza fra l'accoglimento che in oggi
viene fatto a Daniel Nabaäm De-Schudmoëken e quello già toccato al
povero Bartolomeo Scannagatta di Biella! L'altro ieri, recandomi a
visitare il più erudito dei vostri giornalisti, l'ho veduto estasiarsi
di ammirazione nell'affissare il mio biglietto di visita. Un altro,
nel proferire Nabaäm, rimase per due minuti a bocca spalancata,
cogli occhi smarriti nelle palpebre. Due o tre membri della _Società
del quartetto_, nell'udire un mio esecrabile waltzer tutto pieno di
dissonanze, parvero assaliti da catalessi--tutte le dame patronesse
vogliono vedermi, reclamano le primizie del mio talento--nelle aule del
Conservatorio da due giorni è una gara fra maestri, alunni ed alunne, a
chi meglio proferisca il mio nome--Stamattina ho ricevuta una lettera
di quattro pagine, colla quale un giornalista mi chiede scusa se il
mio nome venne stampato senza i due puntini sull'oë, e mi prega di
attribuire questa irriverenza alla ignoranza del proto. Insomma...»

--Insomma, interruppe il padre dell'artista, poichè il mondo è tanto
buffo, tanto gaglioffo, tanto infatuato di pregiudizi e di minchionerie
...

--Trattiamolo com'esso merita--non è vero? E così parlando, l'artista
prese amorevolmente fra l'una e l'altra mano la buona testa del
vecchio, e gli impresse un bacio sulla fronte.

--Via! via!--riprese quell'ottimo padre raddolcito--chiamati Rabadam,
chiamati Balaäm, chiamati come vuoi al concerto--ma quando il pubblico
ti avrà applaudito, quando le dame saranno in svenimento, quando
i giornalisti avranno sbuffato i loro oh! oh! di ammirazione--ti
prometto ch'io salterò in mezzo della sala per gridare a tutta voce:
«Sappiate, signori minchioni illustrissimi e colendissimi, che questo
bel mobile che ha suonato come nessuno sa suonare, si chiama il signor
Bartolomeo Scannagatta, figlio e scolaro di Girolamo Scannagatta qui
presente, _quondam_ organista della cattedrale di Biella...

--E musicista, perdio! e maestro come ce ne hanno pochi nel mondo...!

--E poi torneremo insieme a Biella...

--A far della buona e bella musica, in mezzo a gente che se ne intende
davvero, perchè ha cuore e buon gusto.



La Corte dei Nasi


I.

Piperio III, re dei Panami, era un principe saggio e di indole
assai mite. I suoi sudditi lo adoravano. Assunto al trono in età
giovanissima, egli aveva proclamato ai suoi popoli uno statuto dei più
liberali. Gli avventurosi abitatori della Panamia avevano veduto in
pochi anni, mercè l'iniziativa del loro principe ben amato, realizzarsi
tutte le riforme sociali e umanitarie reclamate dai tempi.... e dai
ladri.

Piperio III poteva chiamarsi un re felice. Nel territorio a lui
soggetto non esisteva che un solo giornale repubblicano il quale osasse
talvolta indirizzargli qualche frizzo mordace. Piperio leggeva quel
foglio tutte le mattine tra una fumata e una tazza di caffè. L'ottimo
principe sorrideva dei lazzi democratici che lo assalivano. Egli si
sentiva troppo _integer vitae scelerisque purus_, per irritarsi di ogni
baja giornalistica.

Nullameno, la esistenza serena di questo principe privilegiato tratto
tratto era annebbiata da una leggiera nubecola, da un'ombra nera,
che poteva essere gravida di procelle. Quest'ombra era projettata
da un naso, dal naso stesso del principe. La natura avea dato a
codesto accessorio del volto principesco dei contorni così spiccati,
e, diciamolo francamente, delle proporzioni così eccedenti, che a
vederlo di profilo, quel naso attirava l'attenzione, e poteva provocare
dei sorrisi irriverenti. Naso profilato, simmetrico, perfettamente
modellato, ma alquanto più lungo dei nasi ordinari. Il principe,
vedendolo riflesso dagli specchi, non osava arrestarvi lo sguardo, e
sempre in vederlo sentiva una stretta nel cuore, e la sua fronte si
increspava di una ruga sinistra.

Ma quelle impressioni di disgusto non erano che lampi fugaci. Piperio
era amato dalla generalità, nè giammai gli era accaduto di sorprendere
nel volto di alcun suddito il menomo accenno di ironia all'indirizzo
del suo naso. Quel principe osservatore, dopo dieci anni di regno, già
cominciava a persuadersi che il difetto da lui solo avvertito, non
fosse altra cosa che un'ottica menzogna degli specchi.

Ma la provvidenza non opera a caso

_Quando crea un grand'uomo od un gran naso_: e aggiungiamo pure
quest'altra sentenza infallibile: _Da grandi cause non possono prodursi
che grandi effetti_.

Strana potenza della parola stampata! A ridestare nella mente di re
Piperio tutti gli allarmi assopiti, bastarono tre parole del giornale
repubblicano stampate in corsivo.

Qual'è l'uomo, per poco sia assiduo lettore di giornali, che mai non
abbia impallidito e tremato dinanzi ad una frase in corsivo?

Era un bel mattino di maggio. Il re si svegliava da un olimpico sonno.
A destra del letto, da una guantiera sfavillante di oro e di gemme,
esalavano i profumi di un moca squisitissimo. Dall'altro lato, sovra un
bacile d'argento cesellato, stavano schierati dodici grossi zigari del
colore dell'ambra.

Il re accese uno zigaro, assorbì voluttuosamente un primo sorso di
caffè, poi, sciolta la fascia al giornaletto democratico, tuffò in esso
il suo sguardo penetrante e sereno.

Che è stato? Lo zigaro è caduto dalle auguste labbra. La mano
convulsiva del principe tenta invano di riprendere la tazza... Se
è vero che l'occhio del basilisco abbia potenza di istupidire i
riguardanti, direste che il principe abbia appunto, in quella fitta
compagine di parole stampate, incontrato lo sguardo del rettile
fascinatore. Il primo movimento del principe fu quello di portare la
mano al naso; dopo quell'atto, da pallido che era, l'augusto volto
divenne livido e deforme.

Eppure la frase terribile non era formata che da poche innocenti
parole allusive al ministro delle finanze: _Noi speriamo che la nuova
tassa votata dal Parlamento_ non avrà mai, sotto il regno dell'augusto
Piperio una seria applicazione; il nostro re ha troppo _buon naso_ per
non comprendere l'impopolarità a cui egli stesso andrebbe incontro
apponendovi la sua firma. Sì, noi lo ripetiamo, il nostro re _ha troppo
buon naso_ per commettere di tali errori!»

Sotto l'impressione di tale lettura, il re suonò il campanello con
impeto violento. Il maggiordomo accorse nella stanza, e, vedendo la
strana lividezza del volto regale, mandò un grido di all'armi. Il re
fece uno sforzo per dominarsi, e, dissimulando, come poteva, il proprio
turbamento, domandò al maggiordomo con voce abbastanza pacata: che
tempo abbiamo, Battista?

--Bellissimo, maestà.

--Pure non veggo sole... Il cielo mi sembra bujo!

--Al contrario, maestà!... il sole è limpidissimo! una vera giornata
di primavera... Se vostra maestà si degnasse di mettere il naso alla
finestra...

Quelle parole furono uno zolfanello gettato nella polveriera. Piperio
balzò dal letto, staccò dalla muraglia una lunga scimitarra, e la testa
del maggiordomo rotolò sul pavimento. Tuttociò era accaduto in un
lampo. Il re, dopo quell'impeto d'ira, ricadde sovra una seggiola come
istupidito.


II.

Quell'atroce avvenimento rimase per alcun tempo involto di mistero. La
giovane regina a cui l'augusto consorte era solito aprirsi interamente,
non ebbe la parola di quell'enigma sanguinoso. Il fatto fu in diverse
guise commentato alla corte; il popolo mormorò sommessamente, ma ben
presto cessò di occuparsene.

Ciò che più seriamente dava a pensare alla regina, ai ministri, alla
corte ed al popolo di Panamia, era lo strano cambiamento sopravvenuto
nel carattere e nelle abitudini del principe. Quell'uomo sì mite e
manieroso, sì affabile ed espansivo, di giorno in giorno diveniva più
tetro e irascibile. Usciva rare volte dal palazzo, e sempre in carrozza
coperta, a cortine abbassate. Passava molte ore rinchiuso nel suo
gabinetto. Rare volte assisteva al consiglio dei ministri. Ogni qual
volta gli accadesse di trovarsi in presenza di estranei, si notava
nello sventurato una singolare premura di portare la mano al naso e
di tenervela accavallata con una pertinacia inesplicabile. A quella
posa insolita della mano, il primo ministro e consigliere intimo di re
Piperio annodò, come vedremo, le fila che lo condussero alla scoperta
del segreto.

Questo primo ministro e consigliere si chiamava Canella, e dopo la
regina, era la persona più influente alla corte. Le sue osservazioni
erano quasi sempre infallibili. Egli possedeva il colpo d'occhio che
scruta i pensieri e approfondisce i più intimi arcani di un cuore.
Un giorno, mentre la regina si doleva fra lacrime e singulti degli
strani furori del principe, l'arguto ministro proferì a mezzo labbro
tre parole: _questione di naso_! La regina, come ognun può immaginare,
provò una scossa nervosa, e chinò il capo arrossendo.

Il gran Canella non s'ingannava. Per accertarsi, non gli rimaneva che
tentare una prova sull'animo del re. Egli non pose tempo di mezzo.
Un'ora dopo, il ministro ed il re si trovavano di fronte.

--Maestà! disse il ministro con accento risoluto; io son venuto a
rassegnarvi le mie dimissioni...

--Io spero, mio ottimo Canella, che tu vorrai palesarmi le ragioni che
ti spingono ad abbandonare il tuo sovrano in questo grave momento.

--Maestà! io vi ho sempre parlato colla massima franchezza, ed è quello
che farò anche nell'ora di separarmi per sempre da voi... Da qualche
tempo, vostra maestà è di un umore insopportabile. Per ogni nonnulla
(e qui il ministro fissò nel volto reale una occhiata incisiva come un
trapano), per ogni nonnulla vi sale la mosca al _naso_...

--Sciagurato! gridò il re balzando dalla seggiola e portando la mano al
pugnale...

Ma il ministro non gli diè tempo di tradurre in atto quell'impeto di
collera, e, facendosi barricata di una sedia a braccioli, gridò a sua
volta con voce di tuono: «O re, la tua ira mi ha tutto rivelato...
Il mio sospetto è omai certezza.. Poichè non si tratta che di una
questione di naso, io ritiro le mie dimissioni.»

Il re ed il ministro stettero alcun tempo immobili, guardandosi in
silenzio. Il principe si sentì soggiogato. I suoi occhi si gonfiarono.
Egli ricadde in sulla seggiola singhiozzando e ripetendo con accento
convulso: «è vero: questione di naso!... questione di naso!»

L'arguto Canella non proferì che queste parole: «due soluzioni
possibili: o tagliare... o incrociare!..»


III.

Le case dei regnanti hanno le muraglie di vetro.

Tutte le precauzioni imaginate dal gran ministro di re Piperio
perchè quel segreto di..... naso non uscisse dalla corte, tornarono
infruttuose. Di là a poche settimane, non vi era principe d'Asia il
quale non ne fosse informato.

--Voglio vedere questo naso!--esclamò il Re di Citrulia, appena letto
il dispaccio del suo ambasciatore. E così parlando trasmise il foglio
al suo primo ministro.

Il dispaccio era così concepito.

«Sire!

«Finalmente ci venne dato scoprire e siamo in grado di comunicare
alla maestà vostra l'origine e la causa persistente della grave
perturbazione di spirito avvenuta da pochi mesi nel re dei Panami.
Questa perturbazione, che potrebbe o tosto o tardi dar luogo a
serissime complicazioni politiche e produrre delle inaspettate
tensioni nei rapporti dei diversi stati dell'Asia e dell'universo,
ripete la sua ragione dal.... naso del re. Salvo dunque il rispetto
che io debbo ad una sacra e reale maestà, io mi tengo in obbligo di
informare il mio augusto sovrano e signore che il suddetto naso di re
Piperio, per quali cause si ignora, ha preso in sul cadere dello scorso
anno uno sviluppo così straordinario, da produrre il più vivo allarme
nell'intero corpo diplomatico qui residente. L'altra sera, alla festa
da ballo della baronessa Golasecca, ho inteso colle mie due orecchie
l'ambasciatore di Noce Moscata esternare a tale soggetto delle opinioni
molto avventate. Per mia parte non credo arrischiar troppo asserendo
che quel naso è gravido di avvenimenti. Non tacerò alla maestà vostra
che io non ho mancato, com'era debito mio, di ideare i più ingegnosi
stratagemmi per avere accesso al sovrano onde verificare co' miei
propri occhi il singolare fenomeno. Tutte le mie pratiche riuscirono
fino ad ora infruttuose. Il cameriere intimo del re, corrotto dal mio
oro, mi assicurava l'altro ieri che il naso del suo augusto signore già
sorpassa i due metri di lunghezza. Spero fra pochi giorni con nuovo
sacrifizio di denaro, aver in mano la misura precisa, e in tal caso
non mancherò di spedirla alla maestà vostra aggiungendo quelle altre
informazioni di dettaglio, che naturalmente debbono interessarla.
Profitto dell'incidente per insistere presso vostra maestà acciò
si degni accordarmi un piccolo aumento di fondi segreti--mi pare
che le circostanze lo esigano. Qualora tanto ottenessi dalla vostra
grazia sovrana, io confido di indurre al più presto il già menzionato
corruttibile cameriere a rilevare con cera o con gesso i contorni di
questo naso eccezionale, che forse è già prossimo a partorire....
qualche cosa di inaspettato.»

»Accolga la maestà vostra, ecc., ecc., ecc.,»

--Decisamente voglio veder questo naso! ripetè il re di Citrulia--fra
due giorni noi ci metteremo in viaggio. Tutta la corte mi seguirà....
Sarà la gita di piacere che tante volte ho promessa alla regina,
ai ministri, ai generali, ai miei più affezionati. Vi prometto che
rideremo! Voglio ben vedere le smorfie che vorrà fare il mio augusto
cugino allorquando sarà costretto a sfoderare la sua proboscide al
cospetto di tutta la mia corte!.... Presto! Gli si annunzi la nostra
prossima visita!... Ah! vorrei essere nel suo gabinetto quando riceverà
il telegramma!.... C'è a scommettere che il suo naso si allunga di due
spanne!....

Di tal guisa parlando, il re di Citrulia si era lasciato cadere sui
cuscini del trono, e rideva grossamente colle guancie e col ventre.

--Mi perdoni la maestà vostra--osservò timidamente il ministro--ma a
me corre obbligo di ricordare che un tale viaggio verrà a costare una
diecina di milioni, e mi pare che.... nelle attuali strettezze della
Citrulia...

--I Citrulli hanno sempre pagato e pagheranno! interruppe il principe
di mal garbo:--non annoiarmi colle tue economie, affrettati a dar gli
ordini pel viaggio, e guai se mi aggiungi parola!

Il ministro fece un inchino fino a terra e si allontanò mormorando:
«degno re dei Citrulli!»


IV.

Per poco che uno abbia delle nozioni mediocremente esatte in fatto di
geografia, non può ignorare quale immensa distanza di mare separi la
Citrulia dalla floride e popolose provincie della Panamia--I più celeri
battelli a vapore, sotto le più favorevoli condizioni atmosferiche,
non impiegano in quel lungo tragitto meno di quattro mesi. Il re
e la regina dei Citrulli si posero in viaggio col loro seguito al
principiare dell'aprile. Al momento del loro imbarco, il telegrafo
sottomarino trasmetteva a Piperio un dispaccio, che doveva produrre
sull'animo di quel nasutissimo fra i monarchi l'effetto di un colpo di
fulmine.

--Guardie! soldati! gridava a tutta voce il disperato principe,
percorrendo le sale del palazzo--non vi è dunque fra voi un uomo
di cuore che mi salvi da tanta vergogna?... Il re dei Citrulli si
avanza... non udite quelle voci di scherno? Che tardate? Sguainate le
spade! Eccovi il naso ignudo!... ferite!... tagliate questo oggetto di
scandalo e di abbominazione... Tagliate, vi dico, o che io...

E già quattro o cinque soldati avevano snudate le daghe, e stavano per
lanciarsi all'assalto dell'augusta proboscide, quando un personaggio
ben noto alla corte, voglio dire il ministro Canella intervenne in buon
punto ad impedire il nasicidio.

--Sire! gridò il ministro, interponendo la sua tunica fra le daghe dei
soldati e la punta del naso regale--io vi ho pur detto che nel caso
vostro non si presentavano che due soluzioni possibili: _o tagliare
... o incrociare_--La regina e tutte le persone a voi più affezionate
propendono all'_incrociamento_ piuttosto che al _taglio_--dunque....
_incrociamo_!

Chi vuol farsi ascoltare, procuri di non farsi capire--il sistema è
altrettanto facile che sicuro; e l'astuto Canella n'ebbe una prova
luminosa in quel solenne momento.

Il re, dopo breve silenzio e coll'aria di chi tutto comprende si
volse al Ministro--Ebbene? quali effetti speri tu ottenere da codesto
_incrociamento_?... Il re di Citrulia si avanza... Con quali
intenzioni egli muova a visitarmi tu lo sai... tutti lo sanno...

--Sire! interruppe il Ministro--prima che io vi riveli il mio
stratagemma, è necessario che voi rispondiate ad una mia domanda un po'
ardita....

--Parla!... ti autorizzo....

--Sapete voi dirmi esattamente quale risulti la lunghezza del vostro
augustissimo naso, misurandolo colla mano dalla radice alla punta?

--Mezzo palmo nè più nè meno--rispose l'infelice monarca abbassando gli
occhi e arrossendo come una fanciulla al confessionale.

--Ebbene, rispose il ministro con accento di trionfo--col mio sistema
di _incrociamento_ noi otterremo che, al solo vedervi, il re, la regina
di Citrulia e tutte le persone del loro seguito rimangano con un _palmo
di naso_.

--Un palmo!... Ah!... se ciò avvenisse... ti giuro, mio ottimo
Canella, che io creerò per te un nuovo ordine equestre...

Ma il re non ebbe tempo di compiere la frase, perocchè il ministro, che
aveva preparato il suo gran colpo di effetto, fece alzare le cortine di
seta che dividevano la sala dal vestibolo--e uno strano spettacolo si
presentò agli sguardi del principe.

Erano uomini? Erano rinoceronti? Erano elefanti? Ciò di cui nessuno
avrebbe potuto dubitare gli è che fossero nasi.--Quando il ministro
Canella gli ebbe fatti avanzare, allora soltanto il re Piperio fu in
grado di accertarsi ch'erano propriamente individui della specie umana.

--Sire! ripigliò il ministro colla serena pacatezza di chi pregusta il
trionfo di un'abile strategia--eccovi dinanzi i ventiquattro nasi più
badiali e meravigliosi che mai si vedessero al mondo. Sono un prodotto
delle nostre provincie, e c'è d'andarne orgogliosi. Innanzi l'arrivo
del re dei Citrulli, ne troveremo parecchie centinaja del medesimo
conio e forse anco più massicci--Vostra maestà comincia adesso a
comprendere qualche cosa del mio sistema di _incrociamento_?

Il re pareva assorto in un'estasi di contemplazione, e non dava
risposta.--Frattanto i ventiquattro nasi, sotto il comando del loro
capitano, eseguivano delle evoluzioni bizzarrissime per le quali tratto
tratto veniva intercettata la luce delle finestre.

La regina entrò nella sala inosservata.

La vista di quei nasi inverosimili parve affascinarla.--Stette.....
guardò..... ammirò.... fu sul punto di cadere in deliquio.--Poi,
volgendosi improvvisamente al marito tuttora assorto nello strano
spettacolo.--Piperino mio! gli disse con amabile civetteria--se
all'arrivo del re di Citrulia non trovi la maniera di allungarti
quattro dita quel tuo gramo nasicciuolo da micio, in verità vorrai
farmi una bella figura fra queste cappe da camino che manovrano nella
tua corte!

Il re comprese, o parve comprendere.--Si guardò il naso in uno
specchio, e il suo regale sorriso parve esprimere due sentimenti
controversi di soddisfazione e di vergogna.

--Ebbene?--domandò il Ministro alquanto umiliato e perplesso.

--_Incrociamo_! rispose il Re--ciò che più preme pel momento è che il
re dei Citrulli non rida al naso di re Piperio.


V.

La fregata a vapore che conduceva a Panamia gli augusti ed illustri
visitatori entrò il giorno due di agosto nel porto della capitale.--Al
seguito del re e della regina si contavano non meno di due mila
individui d'ambo i sessi.

Giusta gli usi del luogo e dell'epoca, sovra una piazza a poca distanza
dal molo stava eretto un grandioso padiglione, dove tutti i grandi
dello stato, ad eccezione del re e della regina, erano convenuti per
prender parte al cerimoniale del ricevimento.

Il ministro Canella in abito di parata andò ad incontrare i principi
stranieri, e, fatta secondo il costume una riverenza a schiena rivolta,
proferì la sacramentale parola del benvenuto:

--In nome di S. M. Piperio III, re dei Panami; in nome dell'augusta sua
consorte e degli augusti loro figli già nati e nascituri--a te Cucurbio
XIV, ed alla tua augusta consorte Sabetta, ai vostri augusti figli che
sono e che saranno, agli illustri del vostro seguito e seguito del loro
seguito, benedizione e salute nella vita e nelle borse!--Nella mia
qualità di ministro plenipotenziario del re e caudatario della regina,
ho l'onore di presentarvi i grandi del regno!

A tali parole, i grandi del regno si avanzarono come un sol... grande.

--I grandi del regno! mormorò la Regina all'orecchio dell'augusto
consorte--egli poteva ben dire: i grandi nasi!

Re Cucurbio, per dissimulare la sorpresa e la convulsione del ridere,
rispose al ministro ed alla moglie con due sternuti.

Le donne della regina parevano affascinate. Da quella folta di
gonnelle uscivano delle esclamazioni intermittenti: «che trombe!...
che pifferi!... che canne! come sono organizzati questi signori!...
Se tanto mi dà tanto, cosa sarà questo gran naso di re Piperio che fa
parlare l'universo!

Ma il re e la regina dei Citrulli sono saliti col loro primo ministro
nella carrozza di gala, e già procedono verso la città in mezzo alle
acclamazioni del popolo ed ai suoni delle fanfare.

--Mio Dio! esclama la regina, abbandonandosi ad uno scoppio di
infrenabile ilarità--abbassiamo i cristalli della carrozza--non vedi,
Cucurbio? Se questi popolani fanatici mettono il capo dentro gli
sportelli, noi moriremo sotto le puntate dei loro nasi. In verità,
s'io dovessi vivere in questo paese, farei mettere dei paranasi alle
carrozze!

Re Cucurbio non udiva più nulla. Egli era intento a studiare sopra
una cartolina appiccicata al fondo del cappello, un discorsetto
_umoristico_ da indirizzare al suo augusto ospite. Quel discorsetto,
_abilmente_ redatto dal suo ministro allo scopo di promuovere l'ilarità
degli uditori e la confusione di re Piperio, cominciava colle
parole: _Nas...cono_ e si _nas...condono_ talvolta, ecc., e finiva
coll'enfatica esclamazione: «mi par proprio in questa regia di trovarmi
ai piedi del _Parnaso_!»


VI.

Frattanto la carrozza procedeva, e già toccava le porte del palazzo
reale.

All'ingresso di quel palazzo stava schierato un distaccamento di
guardie, la cui vista suscitò un _hurrà_ di meraviglia.--I nasi di
quelle guardie superavano in lunghezza e grossezza tutti i nasi fino
allora veduti.

Se il naso di re Piperio è di una linea più lungo--mormorò Sabetta--in
verità non capisco come questa regina dei Panami....

Ma in quel punto la carrozza si arrestò--gli sportelli si apersero--e
due scudieri genuflessi invitarono la coppia reale a discendere
protendendo i loro nasi perchè servissero da predellino.

--Sabetta! esclamò a mezza voce il re dei Citrulli--io prevedo che
difficilmente saprò conservare infino all'ultimo la mia serietà
diplomatica--purtroppo questo naso di re Piperio produrrà delle
tensioni inaspettate, e come giustamente prevedeva il nostro
ambasciatore, partorirà una conflagrazione generale. Basta!.., Eccoci
nella sala delle Cariatidi... Piperio non tarderà a comparire... Non
ti scostare, Sabetta... Tu puoi aiutarmi a star serio... Poni il tuo
piede sul mio, e appena vedi spuntare dalle cortine il gran naso del
re, appoggiati con tutto il peso della persona su' miei ventiquattro
calli... Se è vero che il dolore paralizza la ilarità, noi riusciremo
forse con questo innocentissimo stratagemma ad evitare delle collisioni
molto più gravi.

Cucurbio ebbe appena il tempo di finire il discorso e Sabetta di
applicargli i tacchi alle estreme falangi del piede, quando una voce da
clarone annunziò l'entrata di re Piperio e della sua augusta consorte.

--Salute al re dei Citrulli!--salute alla degna sua sposa--salute alle
nobili dame ed agli illustri cavalieri che si piacquero visitare i miei
stati!

Tali parole profferì Piperio solennemente, avanzandosi di tre passi per
abbracciare il monarca straniero.

Cucurbio lanciò di sbieco una occhiata nelle profondità del cappello
per richiamarsi alla mente l'esordio del suo discorso.--Poi, nell'atto
di alzare lo sguardo al volto dell'augusto suo ospite, non mancò di
ripetere sottovoce alla moglie:--«premi i calli, Sabetta... o ch'io mi
perdo!»

Che è stato?... Perchè gli sguardi di Re Cucurbio errano smarriti in
quel folto laberinto di nasi che formano il cortegio di re Piperio?...

Ma ecco, le labbra di re Cucurbio si agitano per moto convulso, e
riescono finalmente a formulare una domanda:

--Qualcuno di loro signori... saprebbe di grazia indicarmi con
precisione quale sia l'augusto mortale a cui si competa il nome ed il
titolo di re Piperio?

--Io sono quel desso--risponde Piperio, avanzandosi d'altri tre passi.

--No! no! non è possibile! tradimento! tradimento! ruggisce il re
di Citrulia, arretrando fino al fondo della sala. Si chiami il mio
ambasciatore. Egli solo potrà smentire l'inganno, se è vero che qui
inganno ci sia. Che se poi la menzogna, il tradimento fosse opera di
lui, se egli avesse esagerato ne' suoi dispacci, se io dovessi nel più
mingherlino e spuntato dei nasi riconoscere il naso di re Piperio;
in tal caso... (io qui lo giuro per la mia e per la sacra barba di
mia moglie) la testa di quel fellone si vedrà rotolare all'istante su
questi tappeti.

Un cupo mormorio si sollevò dalla sala, non appena Cucurbio ebbe finito
di parlare. Pareva a tutti di trovarsi in presenza di uno di quei
prologhi misteriosi e fatali da cui si sviluppano le più sanguinose
tragedie.

I seguaci di re Cucurbio stringevano le else... La regina Sabetta, in
un crocchio di dame e di damigelle, esprimeva i più strani commenti:

--Che quel naso sia rientrato per effetto di una commozione troppo
viva?... Ho inteso dire che un tale fenomeno si è spesso avverato...!

--In verità, rispondevano le dame, dopo tanta aspettazione... e in
confronto degli altri... quel nasuccio fa proprio compassione a
guardarlo.

Frattanto, trascinato da due dragomani, lo sciagurato ambasciatore del
re di Citrulia, l'autore del fatale telegramma, col volto livido e
abbattuto giungeva nel mezzo della sala.

--A te!--grida Cucurbio con voce stonata; leva la fronte, gira gli
occhi d'intorno, e poi fa di additarmi quale sia fra tanti nasi il vero
re dei Panami.

L'ambasciatore si levò tutto tremante, e, accostandosi col debito
rispetto a re Piperio, gli toccò leggermente la pantofola coll'indice.

--Dragomani! urla Cucurbio--levate le daghe, e la testa di questo
fellone rotoli all'istante sul pavimento.

I dragomani si avanzano.... L'ambasciatore alza un grido--in tutta
la sala si manifesta la più viva agitazione--allorquando re Piperio,
avanzandosi nuovamente di tre passi, interpone il suo naso fra la
vittima e i carnefici.

--Mio regale cugino, augusta Sabetta, ministri, signori, dame e
damigelle dei due regni disuniti, ascoltate la voce della giustizia e
della verità! Quest'uomo è innocente...

--Innocente! brontola re Cucurbio.--Ma dunque... chi sarà dunque
colpevole?... Io non commetterò l'indelicatezza di credere che voi, mio
augusto cugino, abbiate voluto farvi gioco della mia e della generale
aspettazione, sottraendo con qualche prestigio o sortilegio per noi
inconcepibile, un naso che tutti i principi dell'Asia anelano di
ammirare e di inchinare.... Se ciò fosse, voi comprendereste, o regale
cugino, ch'io avrei mille piuttosto che una ragione per ritenermi
corbellato ed offeso--e ch'io dovrei da questo momento presentarvi un
_ultimatum_.

Re Piperio sorrise. Egli era troppo lieto e superbo del trionfo
ottenuto, per dissimulare o alterare menomamente la verità. La sua
risposta fu dunque schietta, calma e dignitosa.

Egli espose tutta la istoria delle sue apprensioni... Narrò della
fiera, insanabile melanconia ond'era stato assalito... Non dissimulò i
vivi risentimenti e i propositi disperati del giorno in cui gli venne
annunziato che il re di Citrulia muoveva alla volta dei suoi Stati per
farsi giuoco di quella eccedenza che a lui, re Piperio, cagionava le
più orribili angoscie.

--Fortunatamente, concluse l'oratore, Iddio mi ha messo al fianco
un uomo di genio, uno di quei ministri che sono la benedizione dei
principi e degli stati.--Il suo stratagemma era semplicissimo:
«Chiamate intorno a voi i più grandi nasi del regno, formatevi una
corte di nasi, che in lunghezza, grossezza e capacità vincano il
vostro.--Allorquando il re Cucurbio e le persone del suo seguito
avranno veduto le proboscidi dei vostri cortigiani e delle vostre
guardie di palazzo, il vostro naso, per una illusione ottica
naturalissima, farà l'effetto di un nano in una assemblea di giganti...

--Oh il bravo! oh! l'astuto! oh! il meraviglioso ministro!--gridarono
ad un tempo migliaia di voci, quando Piperio ebbe finito di parlare.

Canella, come un attore chiamato al proscenio, fece un profondo inchino
all'assemblea e poi, nel silenzio generale, proferì questi detti:

--Spero bene che la lezione potrà giovare in molti casi a tutti i
ministri che sono o che verranno.--Quando, per esempio, un ministro si
avveda che il suo re è un imbecille, ricordando la _Storia dei nasi_,
troverà subito il modo di farlo passare per un uomo di spirito...

--Come? sentiamo!--domandarono ad un tempo il re dei Citrulli e il suo
ministro.

--Circondandolo di cretini--rispose Canella.



Giuda Iscariota


I.

Mentre il signor Rénan sta elaborando le sue _Vite degli Apostoli_,
vale a dire un secondo _grand succès_ di gloria e di marenghi, già
preconizzato e strombettato da tutti gli organi della fama mondiale,
io mi permetto di pubblicare un modesto compendio della vita di Giuda
Iscariota, altro degli apostoli di Cristo, non il più esemplare in
quanto a condotta morale e politica, ma forse il più interessante per
la singolarità del suo carattere e per la bizzarra varietà delle sue
avventure.

Le biografie dei bricconi valgono quelle dei santi, anche in rapporto
alla educazione del popolo. La vita di Giuda fornirà agli intelligenti
e profondi speculatori delle umane vicende molti avvertimenti salutari.

La biografia di Giuda Iscariota si potrebbe anche intitolare: _Metodo
naturale e pratico per arricchirsi e camparsela felicemente in mezzo
alle crisi ed alle agitazioni politiche dei tempi più difficili_. Voi
vedete che l'argomento può essere fecondo di utili applicazioni ai
tempi che corrono.

Ciò premesso, entriamo in argomento.


II.

Giudaino, che più tardi assunse il nome di Iscariota, quindi si fe'
chiamare Bartolomeo Majocchi, nacque in un oscuro villaggio della
Galilea, da una buona donna che negoziava di coloniali al minuto sotto
l'antica Ditta Isacco Balaam e compagni. Quando il nostro Giudaino
venne alla luce, la buona mamma era già vedova da quattordici mesi;
e com'ella si era mostrata fino a quel giorno scrupolosamente fedele
alle ceneri del marito, il cappellano gridò al miracolo, i villani
credettero della miglior fede, e un triduo solenne fu celebrato a spese
del Comune.

La madre di Giuda chiamavasi Bersabea o Bersibea--nome di origine
caldaica, ma abbastanza espressivo anche nella lingua nostra. Era donna
di temperamento vivace, inclinata alle bibite forti, segnatamente
all'absenzio di Neufchatel, ch'ella fabbricava in segreto con una
mistura di alcool, dulcamara e verde di rame.


III.

Giudaino, nel primo mese di sua vita, non dava alcun segno d'indole
perversa. Qualche storico maligno pretende ch'egli poppasse il latte
della grossa sua balia con avidità quasi feroce; ma questa calunnia
è vittoriosamente combattuta da Giuseppe Ebreo e da altri scrittori
contemporanei. La balia non lasciò alcun documento che comprovasse
un'accusa tanto _puerile_. Commettete un assassinio a trent'anni, e
i biografi, per dimostrare il vostro istinto malvagio, verranno ad
asserire che avete ucciso e mangiato il vostro gemello nel grembo della
madre!

L'indole di Giudaino non ebbe a manifestarsi che alcuni mesi più tardi,
quando, ricondotto dalla nutrice al domicilio materno, egli diede prova
di singolare ghiottoneria, immergendo la testa in un gran secchio di
latte e miele, a rischio di morirvi soffocato. La buona Bersabea giunse
in tempo a salvarlo, estraendolo dal secchio con molta avvedutezza,
e facendogli sorbire un bicchierino di _melange_, che il bimbo trovò
detestabile.


IV.

All'età di cinque anni, Giudaino fu mandato alla scuola; ma egli vi
giungeva sempre in ritardo, quando il maestro aveva finita la lezione.
Abbiamo sott'occhio le lettere di un suo zio brumista, dalle quali
risulterebbe che lo sciagurato ragazzo perdesse il suo tempo nella
strada giuocando a _spannetta_.

Nullameno, agli esami semestrali Giudaino ottenne il primo premio, con
molto scandalo e molta indignazione per parte dei condiscepoli più
studiosi. Più tardi si venne a sapere che il maestro si era lasciato
sedurre da parecchi vasi di mostarda a lui regalati dall'allievo. È
inutile avvertire che Giudaino aveva rubati quei vasi nella bottega di
sua madre.

Ma il premio contestato da mille proteste e da mille recriminazioni,
mise il ragazzo a puntiglio. Giudaino, che non mancava di intelligenza,
in breve tempo superò tutti i condiscepoli nello studio del greco e del
latino. A sette anni egli traduceva Cicerone e commentava Virgilio. A
dodici anni sapeva fare dei versi; tanto che, venendo a passare nel
villaggio il sotto intendente di Gerusalemme e prefetto degli studi,
cavaliere Ponzio Pilato, Giudaino ebbe l'incarico di complimentarlo
con un'ode saffica latina all'ingresso di un grande arco trionfale
eretto per la _circostanza_. Ponzio Pilato, che non sapeva di latino,
fu oltremodo sorpreso e commosso--accordò al professore la croce di San
Maurizio, e volle che il giovane allievo lo seguisse a Gerusalemme,
dove gli avrebbe accordata una _piazza_ gratuita in un collegio di
_Ignorantelli_.


V.

Giudaino accolse con giubilo la profferta, sebbene dovesse abbandonare
nella solitudine e nel pianto la sua vecchia madre paralitica. Per
consolarsi del crudele destino, alla vigilia della partenza, il
fanciullo entrò nella bottega, aperse il cassetto molto gentilmente,
e si imbottì le saccoccie di _mutte_ piemontesi, moneta antichissima e
alquanto sbiadita.

Ma, al posto delle _mutte_, il buon figliuolo depose un biglietto
ripieno di parole affettuose per sua madre: «Consolati, madre mia
dolcissima,--diceva lo scritto,--per divenir uomo completo, bisogna
passare per le mani dei reverendi Ignorantelli; essi aprono la via alla
fortuna ed agli onori del mondo. Mandami la tua benedizione per la
posta con lettera franca, e col mezzo del cavallante qualche libbra di
cioccolatte per addolcire i professori.»


VI.

Giudaino entrò nel collegio, e in breve divenne il Beniamino dei padri.
Fece il corso di filosofia, applicandosi in specialità alla _logica_ ed
alla _dialettica_.

Imparò il giuoco della bazzica e del tresette, la dama, gli
scacchi e da ultimo il tarocco;--divenne prefettone del collegio e
segretario intimo del rettore, che aveva portati dal Belgio tutti i
perfezionamenti della scienza umana; ma, sentendosi chiamato alla vita
del secolo, un bel giorno si valse della protezione di Ponzio Pilato
per riferirgli in confidenza certi segreti dello stabilimento, ch'egli
conosceva meglio d'ogni altro convittore. Il collegio fu soppresso, e
Giudaino, in premio delle sue rivelazioni, fu elevato al grado di sotto
ispettore di polizia nell'undecimo circondario di Gerusalemme.


VII.

L'impiego fruttava poco e gli _incerti_ divenivano molto rari, malgrado
l'astuzia e la rapace antiveggenza del giovane sotto ispettore, il
quale, entrando in carriera, non avea tardato ad apprendere da' suoi
superiori e colleghi il metodo più sicuro di quadruplicare le entrate,
imponendo una contribuzione volontaria ai borsaiuoli ed alle donne di
mal affare, a patto di chiudere uno o due occhi all'occorrenza. Ma il
nostro Giudaino comprendeva i pericoli della sua falsa posizione.
A quell'epoca, nella Giudea, cominciavano a manifestarsi i primi
sintomi di ribellione al governo costituito. Giovanni Battista ed
altri riformatori si creavano degli adepti colle prediche e colla
moltiplicazione delle pagnotte. Gesù Cristo cospirava contro l'impero,
e minacciava una repubblica democratica e sociale!--Gli ufficiali di
polizia venivano dal popolo riottoso qualificati coll'ignobile titolo
di _due e cinquanta_!


VIII.

Gli uomini intelligenti prevengono i tempi, e Giuda era una mente
superiore. Piuttosto che lasciarsi destituire dall'imperiale regio
governo, egli pensò bene di offerire spontaneamente le sue dimissioni,
ritirandosi, com'egli diceva, dalla cosa pubblica. Questo nobile
sacrifizio della pagnotta gli guadagnò qualche simpatia nella classe
dei liberali--uomini di buona fede e di una ingenuità preadamitica fin
da quei tempi!


IX.

Libero di sè medesimo, riconciliato alla parte più colta e più
rivoluzionaria della popolazione, Giuda cominciò a meditare seriamente
sulla propria posizione e sul proprio avvenire.

Egli conosceva assai bene il suo tempo e l'indole immutabile del cuore
umano--la semente dei padri Ignorantelli era caduta in buon terreno.

--Vediamo che s'ha a fare per riuscire prontamente! Quattro idee
luminose balenarono nella mente dell'astuto pensatore:--Sposare una
vecchia con una dote di cinquecentomila franchi--concorrere al posto
di ragioniere, cassiere, od amministratore generale presso qualche
famiglia cospicua--farsi iniziatore e presidente di una o più società
filantropiche, riservandosi il diritto esclusivo di custodire e
sorvegliare la cassa--tentare le sorti della politica, lanciandosi
arditamente nel campo della opposizione.


X.

Pensato, fatto.--Un bel mattino l'audace avventuriere si recò dal
primo sarto di Gerusalemme, certo Prandonio detto lo Scortica, e,
spacciandosi barone russo e segretario intimo dello czarre, ordinò
quattro tuniche nuove di crine di cavallo, sei paja di calzoni
_collanti_, quattro _gilets_ all'ussera, e un magnifico turbante a coda
di pavone.--Il buon Prandonio, cui non pareva vero di poter servire un
barone russo segretario intimo dello czarre, in meno di una settimana
preparò il sontuoso vestiario, e volle portarlo di persona all'albergo
dei _Blagueurs_, dove Giuda aveva affittato un magnifico appartamento.


XI.

Poichè Giuda ebbe provati e riprovati gli sfarzosi abbigliamenti,
si mostrò molto soddisfatto del sartore colmandolo di elogi, e
promettendogli la sua alta protezione.--«Fra un anno tu servirai lo
czarre e tutta la corte di Russia, e presto sarai elevato alla dignità
di ciambellano, fors'anche di bascià a tre code secondo la piega della
questione d'Oriente. Frattanto dammi il conto, e ripassa fra.... un
secolo.»

Prandonio fece un inchino profondo, e, nell'estasi della sua gioia,
ricusò di consegnare la nota richiesta. Una tale formalità, con un
personaggio di rango sì elevato, gli pareva non solamente arrogante, ma
anche superflua.


XII.

Giuda si pose allo specchio, vestì gli abiti nuovi, e parve un
altro uomo. Quella mattina stessa il calzolaio Mosconio depose
nell'anticamera cinque paia di sandali di pelle di castoro fiammanti di
bottoni e di fibbie d'argento _cristofle_, poi ritirossi in punta di
piedi, per paura che il russo avesse ad umiliarlo col saldo del conto.

A mezzogiorno, Giuda usciva dall'albergo trasformato completamente,
sbuffando fumo d'avana negli occhi dell'albergatore e dei guatteri, che
rimasero sulla porta pietrificati.


XIII.

Fece il giro della piazza, il capo rivolto al quinto piano delle case,
una _Guida di Gerusalemme_ nella mano e una immensa borsa di pelle a
tracolla.

Vedendo che i borsaiuoli della città non riconoscevano in lui
l'ex-ispettore di polizia, con cui molte volte avevano spartiti gli
orologi ed i _foulards_, il nostro avventuriere prese coraggio--e,
lanciandosi in una vettura da nolo, ordinò al cocchiere di dirigersi
alla piazza Abimelecco, numero centoquarantatrè, alla porta della
marchesa Sisara de Japhet.


XIV.

La marchesa era donna di circa sessantacinque anni, ma l'opinione
pubblica si ostinava ad attribuirgliene una dozzina di più, tanto
nelle apparenze corporee ella arieggiava il decrepito. Portava una
immensa parrucca di peli rossicci, aveva le dentiere rimesse, e un
occhio di cristallo della fabbrica Vernet e Compagni. Ma Giuda non era
uomo da badare a cotesti accessori volgari della materia. La marchesa
era ricca, milionaria, a dir di taluni. Ella rappresentava per lui
l'incarnazione di un ideale vagheggiato.

Nelle inserzioni a pagamento dei giornali della sera, Giuda avea letto
che la vecchia marchesa aspirava di tutto cuore ad un giovane e robusto
marito. Quell'avviso, molte volte riprodotto a caratteri distinti, non
poteva dar luogo ad equivoci. La marchesa si qualificava: _madamigella
di illustre progenie, piuttosto attempata, ma sana di mente e di corpo
e dotata di cospicuo patrimonio, disposta a sposare un giovane di
ragguardevole famiglia e fornito di sufficienti fortune_.


XV.

Le attrattive di questo annunzio non erano abbastanza seducenti per
destare una viva concorrenza fra i nobili celibatari di Gerusalemme.

Il nostro avventuriere ebbe la fortuna di essere il primo a presentarsi.

Immaginate la sorpresa, la commozione della illustre damigella, quando
il maggiordomo venne ad annunziarle la visita del barone Iscariott
de Judoff, segretario intimo dello czarre di tutte le Russie,
ex-governatore di Malakoff, già ambasciatore presso la repubblica di
San Marino, inviato straordinario e plenipotenziario per _interim_
della Giudea e Provincie limitrofe, eccetera, eccetera!

Gli storici e i cronisti dell'epoca ignorano i particolari di
quell'abboccamento.--Giuseppe Ebreo si accontenta di accennare il
fatto con una certa affettazione di verecondia, la quale darebbe luogo
a molte supposizioni piuttosto canagliesche. Fatto è che le nozze si
conclusero per le spiccie. Ciascuno dei contraenti avea degli speciali
interessi per affrettare la cerimonia.


XVI

Appena il nostro Giuda si riconobbe proprietario di un mezzo milione
e di un logoro e vecchio carcame di marchesa, assunse immediatamente
l'amministrazione del ricco patrimonio, emancipando la _dolce metà_
da qualunque vincolo o livello coniugale. Egli mise innanzi certe sue
teorie di tolleranza e di annegazione, che alla marchesa parvero di
cattivo genere.


XVII.

_Les salons_ del principe Iscariott de Judoff si apersero a splendide
feste. Il cavaliere e commendatore Ponzio Pilato, allora governatore di
Gerusalemme, il vice intendente conte Caifasso, Don Anna il proposto
della cattedrale, e molti cavalieri di antica e recente fattura, in
una parola tutta l'aristocrazia della città e dei Corpi Santi affluiva
negli appartamenti del nuovo titolato.


XVIII.

Ricevimento magnifico, _buffet_ completo, musica eccellente, libertà
illimitata.--A che buono rimescolare le vecchie istorie?--Ponzio Pilato
nel presentarsi al barone russo, avea chiesto più volte a sè medesimo:
dove mai ho veduto altra volta quel ceffo da forca?--poi, dubitando
delle proprie reminiscenze, accolse il partito di _lasciar correre_.

--Non ti pare ch'egli somigli perfettamente ad un _questurino_
dell'undecimo circondario?--chiese una volta al conte marito la
contessa Caifasso. Ma il vice-intendente, che a due mascelle spolpava
un fagiano levato in quel punto dal _buffet_, lanciò alla moglie
un'occhiata fulminea, e Don Anna fece notare alla contessa come e
qualmente il loro ospite illustre avesse il profilo dei Romanoff.


XIX.

Ma i bei giorni passarono veloci.

Il nostro barone, amministrando il patrimonio della sua _dolce metà_,
fece le cose con tanto garbo, che al termine di sei mesi non gli restò
più nulla da amministrare. La vecchia Sisara morì di crepacuore. Giuda
che, fino a quel giorno aveva saputo dissimulare in faccia alla società
l'orribile dissesto delle sue finanze, dovette alla fine smascherarsi.
Gli anziani della parocchia domandarono un _anticipo_ sulle spese
delle esequie--e Giuda, per mancanza assoluta di quattrini, non potè
accordare alla lacrimata consorte che un funerale di terza classe, a
moccoli spenti e barella scoperta.


XX.

L'aristocrazia di Gerusalemme, scandalizzata dall'avvenimento, ripudiò
_ipso facto_ il barone. Ponzio Pilato, il vice-intendente Caifasso, il
proposto Anna, tutti quanti si sovvennero dell'antico _questurino_,
e chiamandosi mistificati da un _audacissimo furfante_, spedirono
quattro carabinieri per arrestarlo. Ma Giuda, che aveva degli amici
alla Polizia, fu avvertito in _tempo utile_, e mentre i carabinieri
perlustrarono le sale interminabili del palazzo, egli usciva dalla
città, e si avviava passo passo verso Cafarnao, come un borghese onesto
che vada a prender aria.


XXI.

Dopo tre ore di cammino, giunse ad una casa isolata.--Picchiò--gli
venne aperto. Intorno ad una lunga tavola sedevano cinque o sei
pescatori, mangiando degli agoni fritti alla graticola.--Se possiamo
servirla?.... disse il più anziano.--Con tutto il piacere! rispose
Giuda, prendendo posto alla tavola. E in meno di due minuti divorò
dieci dozzine di pesci, trangugiando le squame e le scaglie.


XXII.

--Se non m'inganno, disse Giuda, respirando dal pasto--se non m'inganno
questa è frutta del lago di Como!... Non ho gustato mai agoni più
squisiti!...

--Questi non sono pesci di lago nè d'acqua salsa, rispose gravemente il
più anziano dei pescatori--_Cantate Domino canticum novum_! perocchè
voi foste degno di mangiare gli agoni del miracolo!

--In verità..... miei buoni compagnoni..... io non giungo a comprendere
... Permettete che io ne assaggi un'altra dozzina... tanto da
capacitarmi...

--Prendete! prendete pure--_et manducate ad satietatem quia mirabilia
fecit Dominus_! I cinque divennero cinquemila--e possono diventare
cinquantamila--e forse domani saranno cinquemila milioni di milioni!


XXIII.

--Cospetto! incomincio a capire! pensò Giuda, cavando di tasca un
astuccio e offrendo degli zigari alla compagnia.--Quel linguaggio
misterioso..... quell'enfasi.... quelle citazioni latine.... Sta a
vedere che io sono piombato in una loggia massonica della nuova setta!
Ah!..... se fossi ancora _poliziotto_, che bella occasione per far
danaro!.... che magnifico arresto! Giuda stette alquanto silenzioso
meditando il partito da prendersi.--Poi, vedendo d'aver a fare con
gente di buona fede, e riflettendo agli imbarazzi della propria
posizione, risolvette di arrischiare tutto per tutto, e di tentare ogni
mezzo per aggregarsi alla setta.


XXIV.

Uno dei pescatori il quale nomavasi Pietro, ed era il più autorevole
personaggio della brigata, parve indovinare il pensiero di Giuda, e
senz'altri preamboli, lo interpellò della sua vocazione:

--Uomo di dura cervice: siete voi pronto a seguire il divin
maestro?--colui che è venuto ad esaltare il povero, e ad umiliare il
possidente?

--Io non domando di meglio!....

--Colui che quando vuole, moltiplica i pesci come le arene del mare,
tanto che i cinque diventano cinquemila?...

--Caspita!... affare eccellente!...

--Colui che cambia l'acqua in vino?...

--Colla crittogama che c'è in giro!... Amici miei... contatemi pure
fra i vostri!...

--Ebbene! _Benedictus qui venit in nomine Domini_!--concluse Pietro
imponendo le mani sul capo del nuovo apostolo. Giuda lasciò fare, e
picchiossi il petto come un fabbriciere alla messa, biascicando fra le
gengive una giaculatoria che aveva imparata da bambino.


XXV.

--Vediamo, ora, quale impiego si può darti nella comunità, riprese
Pietro dopo breve silenzio. Sai tu leggere e scrivere?

--Vi dirò.... la calligrafia l'ho piuttosto buona.... So copiare.... so
scrivere sotto dettatura.... Ma a dirvela in confidenza, io non oserei
arrischiarmi in uno di quegli impieghi che si chiamano di concetto....
Il mio forte è, come dissi, la calligrafia--nella aritmetica, non
faccio per vantarmi, credo che pochi mi stiano al pari--ho finito
il mio corso di _ragioneria_ a Gerusalemme, insomma ho tutte le
disposizioni e le doti necessarie per essere un buon impiegato d'ordine
... come a dire un amministratore, un cassiere, un sorvegliante dei
registri...

--Un cassiere!... esclamò Pietro con visibile commozione. Che vi pare,
apostoli colleghi?... non sarebbe omai tempo che la società avesse un
cassiere?...

Tutti assentirono per acclamazione.


XXVI.

Giuda fece un risolino impercettibile a fior di gengive--poi con voce
melata si arrischiò a domandare:

--Ma.... miei buoni signori.... cioè voleva dire.... miei buoni
colleghi..... siete voi ben certi.... innanzi tutto... di avere... o
di poter avere... una cassa?

Gli apostoli si guardarono in faccia, e parevano imbarazzati a
rispondere.

--Non importa! esclamò Giuda riprendendo il suo fare da principe
russo:--Createmi cassiere.... ed io... in mancanza d'altri... sì!
penserò io a formare la cassa.--L'argomentazione è molto semplice--ed
io, per adattarmi alla vostra capacità, qui, sui due piedi, voglio
ridurvela a sillogismo.--Un uomo non può chiamarsi cassiere quando non
abbia a sua disposizione una cassa--voi mi chiamate cassiere della
vostra società--_ergo_ io, conseguenza inevitabile, posseggo una cassa!

Gli apostoli, sbalorditi da questa logica altrettanto profonda che
ardita, accordarono a Giuda l'impiego di cassiere, colla riserva di
sottoporre la nomina all'_exequatur_ del loro divin maestro.

Di tal modo il nostro Giuda scroccò l'apostolato, ed egli riuscì per
qualche tempo a gabbare la buona fede dei santi colleghi, mostrandosi
entusiasta delle nuove dottrine, e propagatore zelante delle idee più
liberali e democratiche.


XXVII.

Nei caffè, nelle bettole, nelle piazze, egli predicava come un maniaco
contro il dispotismo di Ponzio Pilato, contro i vili infamissimi
arbitrii della imperiale regia Polizia. Commiserava il povero popolo,
annunziava un'êra di abbondanza e di ricchezza universale; e mentre
il Divino Maestro insegnava l'umiltà e la rassegnazione, la carità e
il disprezzo dei beni terreni, Giuda istigava il povero ad insorgere
contro il ricco, eccitava allo sciopero gli operai, declamava contro i
padroni di casa, in una parola secondava nel popolo tutti gli elementi
dell'ira e della discordia. Egli non aveva tralasciato di aprire delle
soscrizioni estorcendo dal povero popolo i sudati risparmi della
settimana. Di tal modo sarebbe riuscito a formarsi un buon fondo di
cassa, se il divino maestro, edotto dell'indegna simonia, con un giuoco
miracoloso della sua volontà onnipossente, non avesse restituito il
denaro alle milleducento saccocce defraudate. Giuda, nel constatare
il nuovo prodigio, fece una brutta smorfia del naso, anzi, a dire di
alcuni storici--rimase con un palmo di naso!


XXVIII.

L'orribile vuoto della cassa suggerì all'Iscariota le più desolanti
considerazioni.--Un codice, che, ammettendo l'uguaglianza sociale,
impone che ciascuno si spogli volontariamente del fatto suo per
donarlo ai bisognosi, non rispondeva alle naturali ed intime teorie del
nostro demagogo. Egli avrebbe preferito un sistema più radicale e più
spiccio: «Prendete ove c'è d'avanzo--fate vostro ciò che non serve agli
altri--profittate d'ogni ben di Dio che vi capita sotto l'ugna».

Queste considerazioni alienarono dal divin maestro le simpatie del
volubile apostolo. Onde avvenne, che non sapendo ritrarre verun
profitto da una cassa eternamente vuota, dopo otto mesi di bolletta
disperata, Giuda prese il partito poco onesto di denunziare tutta
la setta, e vendere il divin maestro per la somma di trenta denari,
equivalenti a due lire austriache e cinquanta centesimi.


XXIX.

La storia dell'infame tradimento è abbastanza nota ne' suoi particolari
più minuziosi, perchè altri si faccia a ripeterla. La notte del giovedì
santo, Giuda cenò lautamente in compagnia de' suoi colleghi apostoli;
poi, uscito dalla sala col puerile pretesto di fumare una pipa all'aria
aperta, prese tutto solo la via di Gerusalemme, e andò diffilato
all'undecimo circondario di polizia per fare la sua denunzia.


XXX.

Il passo era piuttosto temerario. I nostri lettori ricorderanno
senza dubbio come da parecchi mesi fosse spiccato dalle autorità di
Gerusalemme un mandato di cattura contro il sedicente barone Iscariott,
segretario intimo dello czarre delle Russie. Il processo dell'audace
truffatore era stato dibattuto alla corte delle assisie, e, dietro il
verdetto del giurì, il contumace condannato a dieci anni di reclusione
per falso, truffa, usurpazione di titoli non propri, e libidine contro
natura.--Il matrimonio con una vecchia settuagenaria a quei tempi era
considerato delitto contro natura.

XXXI.

Ma i governi dispotici sono troppo informati alla moralità, per non
far uso in certe occasioni delicate di eccezionali indulgenze. Giuda,
espertissimo dei misteri di polizia, conosceva la storia di molti altri
bricconi, i quali erano riusciti a farsi perdonare i più atroci delitti
coll'innocentissimo stratagemma di accusare un galantuomo e fornire
delle buone calunnie per farlo appiccare. Erode, Pilato, Caifasso,
il proposto Anna, il procuratore del Re, i giurati, i legulei, gli
scribi, i fabbricieri, i possidenti, gli usurai, in una parola la
grande maggioranza degli uomini d'ordine e della moderazione, l'avevano
a morte contro il capo della setta cristiana, e già da più giorni
correvano sulle traccie di lui per farlo fucilare o crocifiggere senza
processo.

Armato di tali considerazioni, Giuda si presentò arditamente al
commissario superiore dell'undecimo circondario, e, senza perdersi
in preamboli, si esibì di consegnare nelle mani dei carabinieri e
delle guardie di pubblica sicurezza il capo della terribile congiura
repubblicana.


XXXII.

Come si compiesse la nefanda perfidia, è noto a quanti hanno letto il
catechismo. Giuda intascò il denaro dell'orribile contratto, tradì il
divin maestro col perfido bacio, e poi, come se nulla fosse accaduto,
si recò all'uffizio delle messaggerie internazionali, e prese un posto
nel _coupè_ della diligenza che partiva per l'Italia.


XXXIII.

Il signor Rénan nella sua _Vita di Gesù_ ha dimostrato quanto vi sia
di erroneo nella opinione di coloro i quali pretendono che Giuda si
appiccasse ad una pianta di fico. Gli uomini che hanno tempra da
Iscariota non commettono simili corbellerie. Citatemi un solo esempio
di birbante, il quale siasi appiccato pel rimorso de' propri misfatti!

Giuda possedeva del denaro. Oltre le due svanziche e cinquanta
centesimi, guadagnate legalmente come prezzo del ragguardevole servizio
reso allo Stato, i nobili e possidenti della città avevano aperto una
soscrizione a di lui favore.--Nella notte dal giovedì al sabato di
Passione, fu raccolta per l'_obolo di Giuda_ la somma di tremila e
cinquecento franchi--dei quali ottocento ventitre vennero incassati
dall'apostolo, il resto andò perduto nei diversi uffizi dei giornali
promotori e patrocinatori della _colletta_.

Ma Giuda non era uomo da badare a codeste inezie. Gli stava troppo a
cuore di svignarsela presto da Gerusalemme e dai paesi limitrofi, dove
un giorno o l'altro qualcuno de' suoi antichi conoscenti avrebbe potuto
rimeritarlo del bel servizio reso a Gesù.


XXXIV.

Partì dunque, come abbiam detto, colla messaggeria internazionale
alla volta d'Italia. Visitò Napoli, la Sicilia, poi venne a Roma,
coll'intenzione di stabilirvi il proprio domicilio permanente. Quivi,
dopo il breve soggiorno d'una settimana, ricevette un bullettino
d'invito pel servizio di guardia nazionale. Protestò, mise innanzi
delle scuse, si dichiarò malato di itterizia midollare, ma il Consiglio
di Disciplina fu inesorabile. Giuda per evitare l'incomodo di andare
la notte in pattuglia, rinunziò alla splendida vita della capitale e
recossi a Bologna.


XXXV.

I nostri lettori avranno già notato non senza meraviglia, come Giuda,
fino a quell'epoca, fosse andato esente da quella fatale passione, cui
tutti gli uomini ben organizzati vanno soggetti una o più volte nel
corso della vita.--A Bologna, passeggiando sotto i portici, il nostro
eroe vide finalmente una donna.... una vergine.... un cherubino!...
Il cuore inveterato, quasi ossificato del traditore di Cristo, si
infiammò come un mazzo di zolfanelli al contatto di una stufa. La
giovinetta chiamavasi Camilla ed era figlia di un salsamentario, che
a Bologna passava pel più distinto fabbricatore di mortadelle. Giuda
passò venticinque volte dinanzi alla bottega lanciando, attraverso i
salami della vetrina, delle occhiate temerarie. La giovinetta ingenua
sbirciava, dietro un giambone, il galante forastiero. I due cuori
si intesero. Appena Giuda potè leggere nel volto della fanciulla il
sentimento di un affetto ricambiato, entrò nella bottega col pretesto
di comperare cinque once di salato misto.--La ragazza ebbe il gentile e
delicato pensiero di involgere la merce in una lettera tutta piena di
frasi appassionate e di errori di ortografia.


XXXVI.

Le nozze si fecero presto. Ma essendo giunta fino a Bologna la notizia
della orribile tragedia avvenuta a Gerusalemme, e il traditore
di Cristo venendo designato dai fogli liberali alla esecrazione
dell'universo, Giuda stimò bene di dissimulare la propria identità, e
di assumere un nome di capriccio. Nel contratto di nozze, che ciascuno
può esaminare quando gli piaccia nella grande biblioteca vescovile di
Bologna, il nostro eroe si firmò Bartolomeo Majocchi, negoziante di
baccalà all'ingrosso ed al minuto.


XXXVII.

Negli uomini di buona tempra l'amore non elide la speculazione. L'idea
di stabilire a Gerusalemme un negozio di salami era balenata alla mente
imaginosa dell'ex-apostolo, all'indomani delle sue nozze.

Camilla, in mezzo ai trasporti ed all'estasi dei primi amplessi
coniugali, aveva dichiarato allo sposo di conoscere perfettamente
l'arte di _insaccare_ ed assodare la carne di majale. Il salame,
questo genere di commestibile ignoto agli abitanti della Giudea e
vietato dalle leggi mosaiche a buona parte di quella colta popolazione,
poteva riescire un solletico anche ai palati più scrupolosi.--Affare
eccellente!... Si faccia presto, e non si badi a pericolo!


XXXVIII.

Si fissò il giorno della partenza. Il padre della sposa fu molto
contento di pagare in salami piuttosto che in danaro contante la
dote della figliuola--e i due conjugi presero la via di Gerusalemme,
trasferendo in quella città una dozzina di casse ripiene di prosciutti,
codegotti, mortadelle, bondiole, e parecchie forme di cacio parmigiano
... per assortimento dei generi.


XXXIX.

Prima di entrare in Gerusalemme, il sedicente Bartolomeo Majocchi entrò
nella bottega di un parrucchiere, si fece radere la barba, si pose in
capo una parrucca rossa, inforcò al naso un paio di occhiali verdi, si
applicò due cerotti, l'uno alla pozzetta del mento, l'altro nel mezzo
della guancia sinistra, e così trasformato salì di nuovo in carrozza
per proseguire il viaggio.

--«Ho dovuto mascherarmi perchè nessuno mi conosca a Gerusalemme,
disse Giuda alla moglie--tu sai il proverbio, _nemo propheta in
patria_--sarei anzi tentato di prendere un nome francese... Basta!...
a suo tempo vedremo..?»

La Camilla, che era furba come una bolognese, non volle saperne d'altra
spiegazione. I due conjugi, appena arrivati a Gerusalemme, presero in
affitto una magnifica bottega sul corso Mardocheo, la decorarono con
ottimo gusto, e in termine di una settimana, precisamente il giorno di
S. Michele, ne fecero la solenne apertura.


XL.

L'insegna del nuovo Stabilimento produsse grande effetto. In essa era
scritto a cifre dorate: ALLA BOLOGNESINA, _grande assortimento
di salati_--_specialità: mortadelle di Bologna e codegotti di
Morbegno_--_Dejeuners a la fourchette_, UN FRANC, _compresa
la tazza Chiavenna_--_fuoco, stuzzicadenti e seggiole_--_Cabinets
particuliers pour le deux gratis séxes_--_Sophàs et fauteuils à
discretion_.--

Tutta Gerusalemme si accalcava nei primi giorni dinanzi alle vetrine.
Il sedicente Majocchi ebbe la soddisfazione di vedere non pochi
borsajuoli, sue vecchie conoscenze, _far_ l'orologio e il _foulard_
agli ammiratori più fanatici del suo negozio.


XLI.

Camilla, abbigliata con molto sfarzo, sedeva al banco per iscambiare
le monete. I _lions_, gli uffiziali di cavalleria e gli studenti
dell'_Università_ la fulminavano di occhiate attraverso i cristalli. Il
marito non vedeva, e agitando una immensa sciabola, passava in rassegna
le mortadelle. La curiosità dei Gerosolimi fece il suo sfogo in una
settimana; ma il salsamentario non si chiamava molto soddisfatto del
proprio commercio.

Qualche neofito della nuova setta cristiana, il proposto don Anna,
cinque o sei canonici della cattedrale e la moglie del vice intendente
Caifasso, erano i soli avventori della bottega. La contessa di Caifasso
aveva altresì profittato dei _gabinetti particolari_ in compagnia di un
tenente degli usseri.

La grande maggioranza dei cittadini, costituita da Ebrei superstiziosi
e testardi, vedeva di mal occhio quella scandalosa mostra di salami
nel luogo più frequentato della città. Gli scribi e i farisei
mormoravano--e tutte le sere, nel momento in cui Giuda saliva sullo
sgabello per accendere il lampadario, qualche fanatico si arrischiava
di lanciare delle pietre contro le invetriate.


XLII.

L'Iscariota, filosofo profondo, incominciò a riflettere sui pericoli
della propria situazione, e a cercare qualche provvedimento.--Questi
ebrei, pensava egli, saranno la mia rovina. Ah! se avessi potuto
prevedere... Ma... basta!... ciò che è fatto è fatto! Quel Cristo era
un grand'uomo... un gran legislatore... Egli permetteva la carne di
majale... Decisamente ho avuto un gran torto a denunziarlo!...

L'Iscariota, dopo una lunga meditazione sulle diverse religioni
considerate nei loro rapporti colla carne di majale e più specialmente
col salame, finì per innamorarsi del Cristianesimo, come quello che
poteva immensamente favorirlo ne' suoi interessi commerciali.


XLIII.

Una mattina, essendo venuti a Gerusalemme gli Apostoli Pietro e
Giovanni a predicare la nuova legge, Giuda si presentò ad essi per
chiedere il battesimo, e fu battezzato in fatti sulla pubblica piazza
insieme con altri convertiti.

In quel giorno il nostro avventuriere fece il suo colpo di
stato. Compiuta la cerimonia, egli invitò gli apostoli e tutti i
nuovo-battezzati a far colazione nel suo negozio. Pietro e Giovanni
lodarono le mortadelle--trovarono eccellente la birra--e promisero di
far ricapito al negozio ogni qualvolta si recassero a Gerusalemme per
la predicazione.--D'allora in poi non fu celebrato un battesimo in
Gerusalemme senza che gli apostoli e i nuovi cristiani non chiudessero
la cerimonia con una colazione di salame ALLA BOLOGNESINA.


XLIV.

Il Cristianesimo fece progressi--la predicazione degli apostoli si
estese alla Grecia, alla Turchia, all'Italia, all'Inghilterra--i
missionari presero coraggio per tentare nuove spedizioni in lontani
paesi.--Bartolomeo Majocchi col suo zelo, col suo fervore religioso,
coll'esempio frequente delle pratiche devote, seppe acquistarsi
tanto credito presso gli apostoli, ch'essi lo crearono _Provveditore
Generale della Società de Propaganda Fide._ Da quel momento la fortuna
dell'Iscariota fu stabilita. Egli cominciò a negoziare all'ingrosso.
Aperse delle botteghe a Corinto, a Costantinopoli, a Parigi, a Londra,
a Pietroburgo. I principali banchieri di Europa si associarono come
azionisti nella impresa; e i titoli della _Rendita Salami_ furono per
qualche tempo i più ricercati alla Borsa.


XLV.

In tal modo l'allievo dei padri Ignorantelli, il Giuda ex-questurino,
il cavaliere di industria processato e condannato alle assisie, la spia
degli apostoli, il venditore di Cristo, ladro, falsario, paraninfo....
della propria moglie--non solo era divenuto milionario, ma godeva
nell'opinione pubblica il massimo credito, ed era citato come tipo di
onesto negoziante, di eccellente marito, di buon padre di famiglia.

Tutte le mattine si alzava di buon'ora per assistere alla prima messa;
frequentava i sacramenti--alla terza domenica di ogni mese intuonava
l'_alleluja_ in coro e portava il baldacchino--prestava tutte le
coperte e i lenzuoli della famiglia per pavesare le contrade il giorno
del _Corpus Domini_--alla domenica spiegava la dottrinetta ai ragazzi
...


XLVI.

Tale fu la condotta di Giuda Iscariota dopo il suo ritorno a
Gerusalemme--e così visse fino all'età di anni novantaquattro e
dieci mesi, ricco, beato, padre di bella e robusta prole, amato e
rispettato da ogni ceto di cittadini. Morì della gotta per abuso di
pollami--lasciando alla vedova ed ai figli un patrimonio di dieci
milioni in denaro suonante, venticinque milioni in cartelle dello
stato, ed altri ventidue milioni in lardo, baccalà, olio di Nizza,
caviale, _sardines di Nantes e salumerie_ di vario genere.

A nessuno, fra i tanti che avevano frequentata la sua bottega pel
corso di quarantacinque anni, venne mai in sospetto che il sedicente
Bartolomeo Majocchi, o De Majocchi, come si fece chiamare più tardi,
fosse il famigerato Iscariota, oggetto di esecrazione, di abbominio a
tutto il genere umano. Il solo _Don Anna_, che aveva naso da canonico,
nutriva qualche dubbio in proposito, ma non osò mai manifestarlo
neanche agl'intimi amici.

Il ghiotto prelato doveva al Majocchi più di duemila e seicento franchi
per vari generi di commestibili presi nella bottega.--Egli amava troppo
le lingue di Zurigo e i _mascarponi_ di Codogno, per disgustare un
creditore, il quale era pronto a _notare_ per tempo indeterminato.


XLVII.

I funerali di Bartolomeo De-Majocchi si celebrarono a Gerusalemme
con pompa non più veduta, e nella epigrafe piramidale esposta sulla
facciata del tempio, il di lui nome per la prima volta si vide
accompagnato col titolo di conte.

Fatto è, che dopo la morte dell'istitutore, il negozio detto della
_Bolognesina_ restò chiuso parecchi giorni per riaprirsi sotto la nuova
ditta Barabba e Compagni. La vedova De Majocchi si ritirò dal commercio
cedendo la bottega e l'avviamento al suo primo garzone di macelleria.
Maritò l'unica figliuola al figlio primogenito del governatore
cavaliere Ponzio Pilato, indi lasciò Gerusalemme per chiudersi in una
sua villa sul lago di Como, dove fino alla morte attese agli esercizi
spirituali in compagnia di un frate gesuita.

La De-Pilato, unica ereditiera dell'immensa fortuna, menò
brillantissima vita, continuando la tradizione paterna quanto a
condotta politica e religiosa. Le sue sale erano convegno della
più eletta aristocrazia e dei più alti dignitari ecclesiastici. E
quando ella, per capriccio o per spirito di opposizione, rifiutava di
concorrere a qualche opera pia, o negava il solito tributo alla _Cassa
di San Pietro_, i preti non mancavano di ripeterle: vostro padre...
quello sì ch'era un sant'uomo... e Dio gli ha dato del bene!...


XLVIII.

Qui la nostra istoria finisce--e noi ci ritiriamo senza aggiungere
commenti, lasciando che il lettore formoli spontaneamente il suo
concetto morale per applicarlo alle difficili emergenze della vita
pratica.

Abbiamo scritto con verità e con giustizia.--Se qualcuno credesse
scorgere in questa biografia qualche errore di nomi o di date, o
qualche madornale anacronismo, venga, per le spiegazioni e per
le rettifiche, a fare una visita al nostro domicilio. Ovvero,
senza prendersi questo incomodo, giri un'occhiata intorno a sè,
cerchi, fra i suoi conoscenti ed amici gli uomini che, sôrti dal
nulla si fecero potenti, che divenuti potenti ottennero fama di
galantuomini, ed ebbero maggior agio di fare il birbone... Lettori,
confessatelo--nella vita di Giuda che io vi ho narrata l'anacronismo
non può sussistere--perocchè i Giuda sieno le figure predominanti di
tutte le epoche--ed abbiano un tipo troppo marcato perchè la storia
possa sfigurarlo od esagerarlo.



Il Renitente


I.

Serafino Longhi, sensale di Borsa e sottotenente della Guardia
Nazionale, amava con tutto il trasporto dei suoi venticinque anni la
moglie di un onesto droghiere di Porta Nuova.


II.

Il qual droghiere da qualche tempo avea perduta la simpatia della
sua dolce metà per uno sviluppo straordinario di pancia ed altre
imperfezioni fisiche molto compromettenti.


III.

Nulla più facile che sedurre una moglie, quando essa detesti
cordialmente il marito. Angiolina, la moglie del droghiere, fu presa
dalle forme snelle ed aggraziate del giovane sottotenente, e un
bel giorno accordò a Serafino Longhi un colloquio... nel giardino
Balzaretti... I due innamorati furono visti passeggiare più di una
mezz'ora, e intrattenersi in discorsi animatissimi presso il bosco...
del ricino.


IV.

--E non ti basta, o adultera donna, non ti basta il sagrifizio della
tua onestà, l'oblio dei tuoi doveri più sacri, perchè tu voglia
immolare il buon uomo che forse sta frullando il cioccolatte, mentre
tu.... perfida!...


V.

Orrore!... oh!... l'infame, l'obbrobrioso complotto!

--Angiolina! mia bella Angiolina, aveva esclamato il sottotenente...
Dunque non potremo unirci mai in qualche andito... segreto? trovarci
assieme nel misterioso recesso di una camera più o meno mobigliata?...
Angiolina: havvi cosa più barbara... più irritante.. dell'amarsi...
in un giardino pubblico?


VI.

Angiolina chinò il capo con simulata verecondia, e lanciò con
un sospiro il veleno della fatale rivelazione.--Nasconditi, o
luna--fuggite o ranocchi dalle erbose rive... dileguatevi nel
pantano!--Vedeste mai il tradimento consumarsi con più miti
apparenze?--Angiolina ha finto di tremare--Angiolina ha finto
di asciugarsi una lacrima--e frattanto, all'orecchio del focoso
sottotenente giunsero le orribili parole: «se mio marito fosse almeno
guardia nazionale!»


VII.

--Che!... tuo marito...?!!

--Gran Dio...!!! Ma bada...!

--Tuo marito, dicesti, non monta... la guardia...?

--Pur troppo... egli non monta...! Che... dico? Finora egli non ha
pensato a farsi iscrivere.

--Angiolina!... bisogna che tuo marito... monti la guardia! la patria
reclama i suoi militi... E tuo marito non deve godere più a lungo di
un privilegio.

--Serafino...!

--Addio!

--Tu dunque....?

--Fra tre giorni... tuo marito sarà chiamato... al servizio.

--Crudele!... Ah! troppo io dissi... o tu intendesti troppo!


VIII.

Giacomo Pizzalunga, il droghiere, il marito dell'Angiolina, è un
buon cittadino, patriota fino alle midolle, vero tipo del popolano
ottimista la cui parola d'ordine è: «comunque la vadi, i Tedeschi non
tornano più!» Nel 1848 egli fu tra i primi a farsi la divisa del milite
cittadino--forse fu il primo a montare la guardia armato di tutto
punto. Egli avea conservato scrupolosamente le sue insegne militari
durante il triste decennio... Nel 1859, prima ancora della battaglia
di Magenta, egli aveva diseppellita l'antica tunica da una enorme cassa
di candele steariche... Spazzolò ben bene il drappo--diede il lucido
ai bottoni... ma nell'atto di riprovarsela indosso... conobbe tutta
la enormità del proprio addome.... Quella uniforme divenne per lui la
pietra del paragone--egli si accorse di esser ridicolo. Angiolina,
volgendo una occhiata alla pancia formidabile del marito.... sentì che
aveva cessato di amarlo!...


IX.

Giacomo Pizzalunga svestì con dolore la nobile divisa.... e
all'indomani consegnolla al sartore perchè ne facesse un paio di brache
al puttino... Da quel giorno il buon uomo parve mutato... Ogni
qualvolta, andando a spasso coll'Angiolina, gli occorreva di incontrare
un drappello di militi cittadini, egli volgeva il capo altrove...
abbassava gli occhi, e cantaticchiava mestamente:

  _Era anch'io di quella schiera!_

E allora Angiolina gli diceva: pretenderesti forse grosso _popottamo_,
di metterti anche tu nella guardia? Eh! sarebbe un bel ridere di tutti
i tuoi amici e conoscenti!--E il povero droghiere si toccava la pancia
e sospirava...


X

Ma quella sera Angiolina tornava più lieta dell'usato al domicilio
coniugale.--Guardati, Pizzalunga!... le insolite carezze di una moglie
fanno male al capo!...--È già un pezzo che Angiolina non ti fa tanta
festa!--Povero Pizzalunga! Il tuo gran giorno è venuto!


XI.

--Sai tu, marito mio, che cosa ho udito da uno de' tuoi amici...?

--Quale...?

--Da uno dei tuoi amici... e non serve nominarlo...

--Ebbene?

--Ho udito dire che nel quartiere tutti si meravigliano di non saperti
iscritto nella guardia nazionale... Dicono che nel 1848 eri un buono e
valoroso cittadino, e che ora hai messo tanto di coda....

--Posson dire piuttosto che ho messo tanto di pancia, quei gaglioffi!
non vedono a che mi hanno ridotto i Tedeschi con dieci anni di vita
sedentaria...? Sono qui tutto infermo... e acciaccoso!...

--Eh! via! Giacomino! Io credo che tu esageri un pochetto... con
questa tua pancia... e questi tuoi acciacchi! Ne ho veduti anche oggi
dei militi _della civica_, più formati e più complessi di te... E come
manovravano!... come marciavano...!

--Tu di' il vero.., Angiolina?

--S'io dico il vero!...


XII.

Il colloquio non ebbe conseguenze per quella notte. Ma dopo tre giorni,
un tamburino della guardia entrò nella bottega del droghiere per
consegnargli l'invito di recarsi _presso il Comando superiore della
guardia nazionale_. Il Pizzalunga lesse, e poi guardò il tamburino con
un certo fare di sorpresa, da cui traspariva un leggero sentimento di
orgoglio!


XIII.

Quattro settimane sono trascorse... Verso le otto del mattino, un
giovine dalle forme snelle, e una donna dalle prominenze un po' ardite,
l'una dalla porta d'Oriente, l'altra da porta Settentrione, precipitano
nel giardino Balzaretti. Le due innamorate creature percorrono i viali

 Come colombe dal disio chiamate

per coincidere in un punto stabilito--presso l'isola delle zucche.


XIV.

Voi conoscete senza dubbio l'_isola delle zucche_ del giardino
Balzaretti, così denominata per la copia e la buona qualità di questi
interessanti legumi che essa produce. A poca distanza dall'isola, si
incontrarono dunque il Serafino Longhi e l'Angiolina, moglie al più
onesto dei droghieri.


XV.

L'adultera coppia ristette senza proferire parola.--Anche l'adulterio
ha i suoi presentimenti, i suoi terrori istintivi... Quel giorno era
la vigilia di un domani desiderato e temuto, cui forse... doveva
succedere una notte piena d'ineffabili gioie e d'ansie crudeli!...


XVI.

--Ebbene?... osa chiedere Serafino con voce tremante!...

--Domani egli monta!...

--Dicesti...?

--Egli monta... ma io...

--Che?...


XVII.

--Angiolina! mia ottima Angiolina! Queste frasi tronche... il pallore
del tuo volto... la tua agitazione... Esiteresti forse?... Ora che la
fortuna ci è seconda... che ogni ostacolo è tolto; dimmi, uno scrupolo
puerile, una paura irragionevole ti arresterebbe...? Quali pericoli,
Dio buono?--Tuo marito dovrà stare in fazione per ventiquattro ore
... Tu vedi bene che non può esservi pericolo. La guardia cittadina è
considerata come la più liberale delle istituzioni, perciò appunto che
essa accorda ogni mese ventiquattro ore di libertà alle mogli ed ai
mariti...

--Oh! la libertà!...


XVIII.

Angiolina sospira l'ultima esclamazione coll'accento del più vivo
cordoglio; ma la virtù ha lottato già troppo contro la passione tiranna
...

Il giovine sottotenente volle stringere nella sua mano la mano di
Angiolina; ma in luogo delle dita morbide e voluttuose, strinse un
corpo solido e gelato--era la chiave del portello!


XIX.

Angiolina è rientrata nel domicilio coniugale.

Vi ricordate la scena fra Marc'Antonio e Cleopatra nel famoso ballo
di Rota?--L'iniqua donna vuol cingere le armi al consorte guerriero
... Ma la spada cade a terra, mandando un lugubre cigolio;... e Marco
Antonio, colpito da orribile presentimento, esita di cimentarsi alla
pugna.--Angiolina e il droghiere trovansi nell'identica situazione di
Cleopatra e di Marc'Antonio.--Volendo costringere la enorme pancia del
marito nei confini un po' angusti della tunica militare, Angiolina
ha fatto saltare in aria i cinque grossi bottoni... come altrettanti
turaccioli di sciampagna.

La fronte del droghiere si è rannuvolata... Angiolina ha tremato di
un orribile sospetto.--«Se questa notte egli perdesse i bottoni--se
tornasse...!» Angiolina prevenne il pericolo, assicurando i bottoni
all'orlo estremo della tunica con cento riprese di spago cerato.


XX.

Al campanile di S. Bartolomeo battono le quattro ore--_En
marche_!--Tutti i negozianti di Porta Nuova escono sulle porte delle
botteghe per vedere passare la più grossa pancia della Guardia
nazionale.


XXI.

Giacomo Pizzalunga, per dissimulare le difficoltà asmatiche della
sua posizione, camminava a passo di carica.--E nondimeno i maligni
sogghignavano--e il pover'uomo udiva suo malgrado certe esclamazioni
poco lusinghiere, le quali sconcertavano i suoi primi entusiasmi
bellicosi.

--Certe figure non si dovrebbero ammettere nella guardia nazionale....!

--Questo si chiama oltraggiare la divisa!

--A che serve il _Consiglio di ricognizione_, se quei signori non
riconoscono che quel volume di lardo è incompatibile col decoro della
istituzione?...

Giacomo Pizzalunga giunse al corpo di guardia ansante e sbuffante...

I militi della sua compagnia lo accolsero con un oh! di sorpresa. Poi,
guardandolo in isbieco, mormorarono sottovoce: fra noi non c'era alcuno
che _patisse eccezione_--questa pancia sarà il disonore della compagnia!

Pizzalunga fu posto in coda al battaglione, nell'ultima linea,
costituita da altri _scarti_, obbrobrio della milizia.


XXII.

Verso le ore cinque, il battaglione colla banda in testa sfilava
dinanzi al caffè dell'Accademia.

Il Pizzalunga che, come abbiam detto, marciava nell'ultima fila, udì
_fremere_ al proprio orecchio una crudele invettiva!--«Ecco i sicari
del popolo, i poliziotti, i croati...»

--Scellerati! pensò l'onesto droghiere, senza uscire di riga--non
osavano dir tanto al sor Giovanni, quando entrava in caffè tutto solo,
agitando il frustino sotto il loro naso!


XXIII.

Era quella una giornata di insolita agitazione per la guardia
cittadina--Si temeva una dimostrazione in senso repubblicano socialista
al grido: _abbasso Rattazzi_! Alcuni dilettanti di Viarenna avrebbero
iniziata la grande riforma della comunione dei beni, assaltando il
solito stabilimento del solito Binda, per dividersi fraternamente
i soliti bottoni.--Giacomo Pizzalunga, uomo d'ordine come tutti i
droghieri, avea giurato al capitano di essere pronto a prestare
la propria pancia per uso di barricata.--Questa generosa proferta
guadagnò al nuovo milite la simpatia del battaglione. Da quel momento
il Pizzalunga e la sua pancia furono considerati come una forza di
resistenza degna della più alta considerazione.


XXIV.

--Presto! quattro uomini e un caporale!...

--Cos'è avvenuto?... Che vuole la patria?... Pizzalunga, che dormiva da
quattro ore, balzò dal letto come... un sol uomo!--ricinse la daga,
e uscì nel cortile del palazzo fra i primi volonterosi. Battevano le
dieci della notte.


XXV.

--Siamo dunque alle solite?

--Sicuramente! una grande dimostrazione a Porta Nuova.

--Alla mia porta! esclama il Pizzalunga, infiammato di
entusiasmo.--Possibile che il quartiere più tranquillo della città
... che la mia buona e pacifica vicinanza prenda l'iniziativa della
ribellione?

--Pur troppo i partiti hanno seminato dappertutto...

--Oh! vi giuro che a Porta Nuova han seminato inutilmente... Parola da
Pizzalunga, io non ho che a presentarmi per rimettere l'ordine!

--Bravo! voi che avete tanta influenza nel quartiere, prima di
ricorrere ai mezzi estremi, potrete calmare il popolo con delle buone e
dignitose arringhe!

--Ne tengo due barili nella bottega, e piuttosto che sparger sangue
civile, io le metto a disposizione della patria.

--Dunque!

--Armi in spalla, e avanti!


XXVI.

La pattuglia giunse rapidamente all'estremo del corso di Porta Nuova,
dove infatti si udivano grida confuse...

I tumultuanti, con grande sorpresa dell'amico Pizzalunga, erano adunati
sotto le finestre della sua abitazione...!

Il buon marito sentì uno stringimento al cuore, pensando alla tenera e
sensibile Angiolina... rimasta sola e senza alcun difensore, in una
notte come quella!


XXVII.

Il caporale della guardia ordina ai militi di arrestarsi--poi,
avanzandosi di alcuni passi, prega gli assembrati a cessare dal baccano
ed a disperdersi.

--Noi non partiremo di qui, se prima non ci si rende giustizia!--grida
uno della folla.

--Sì! giustizia per tutti!--risponde il caporale--dunque: cominciate a
dar l'esempio voi col rispettar le leggi...

--È una vera infamia, una vera abbominazione, signor caporale!

--Queste parole sovversive non stanno bene sulla bocca di liberi
cittadini!... Signori: per la seconda volta io li prego di ritirarsi
... Loro sanno meglio di me che il ministero, fino a quando abbia il
suffragio della maggioranza della Camera...

--Eh! che del ministero a noi non importa un cavolo!... Noi vogliamo
una riparazione per la villania che ci venne fatta... Noi non
partiremo di qui, se prima non viene arrestato quel mascalzone che osò
gettare dalla finestra...

--Ma dunque, loro signori?...

--Ella non sa come sia cominciata questa faccenda... La sappia dunque,
signor caporale, che eravamo una compagnia di amici... Si veniva dal
Bettolino--si cantava la marsigliese...

--La marsigliese!... Loro signori vedono bene... che non si può
permettere...

--Si cantava dunque la nostra marsigliese italiana, che comincia
colle parole: _Daghela avanti un passo_!... Ci fermiamo alcuni
minuti sotto quelle finestre per intuonare le voci... Si prova--si
riprova il pezzo--e appena riusciamo a metterci d'accordo--patatach!
dalle finestre del terzo piano piomba in mezzo al nostro circolo una
catinella d'acqua, seguita dal fragile recipiente!

--È dunque vero quanto ascolto!--esclama il caporale, volgendo gli
occhi alle finestre del terzo piano.

E tutti gli astanti a ripetere l'istoria coll'accento di una
indegnazione sulfurea.


XXVIII.

--La guardia cittadina protegge sempre gli oppressi, esclama il
caporale--e in questo caso gli oppressi siete voi!

--Viva la Guardia nazionale!

--Presto!--avanzatevi, o militi--Io spero.... cioè credo che noi siamo
giunti in tempo per operare un arresto. Si batta a quella porta.

--È inutile risponde una voce dalle file dei militi. Io porto in tasca
la chiave...

--Chi ha parlato esca dai ranghi e si presenti... Giacomo Pizzalunga
esce barcollando dal drappello, e si fa innanzi mostrando la chiave al
caporale!


XXIX.

--Di qual modo siete voi in possessione di questa leva di primo genere?

Il Pizzalunga si asciuga il sudore che gli sgocciola dalla fronte a
grosse bolle--poi risponde con voce turbata: pur troppo la casa dove
fu consumato il delitto.... è la mia abitazione! Io _godo_ tutto
l'appartamento anteriore del terzo piano!

--Che! voi abitate al terzo piano! gridò la folla.--Voi dunque saprete
chi abbia lanciato l'acquoso proiettile.... Voi ci darete in mano
l'autore del tentato assassinio....

--Fosse anche mia moglie! replica il Pizzalunga con accento
spartano--io prometto e giuro che giustizia sarà fatta! Pur troppo
in questo momento non sono più marito, non sono più droghiere--io
rappresento un membro della forza pubblica, un difensore dell'ordine!
Però, signor caporale, oso chiedere una grazia.... Se tutto il corpo
d'armata entrasse nell'appartamento di Angiolina, ella forse ne
morirebbe di terrore.... Lasciate che lo perlustri da solo.... S'ella è
rea--ve l'ho promesso,--ve l'ho giurato--subirà la sua pena.--S'ella è
innocente; se altri....

Ma qui il Pizzalunga non potè proseguire...... Quell'_altri_ era troppo
inverosimile.--Angiolina, in assenza del marito, doveva necessariamente
trovarsi sola!... Ah!--non sapeva l'onesto droghiere quale orribile
trama fosse stata ordita contro di lui nel boschetto del ricino, e
nell'isola delle zucche.

XXX.

Il caporale cedette alla preghiera del milite--Pizzalunga dischiuse il
portello; entrò lentamente a schiena ricurva--e si perdette nell'ombra.


XXXI.

Gli altri militi si posero in agguato agli sbocchi delle vicine
contrade.....

Gli assembrati tacevano... aspettando la vittima...


XXXII.

--Dàlli!... fermalo!... arresta!... si sbarri il cammino!....

Un figuro dall'aspetto sinistro prorompe dal portello, e vuol darsela a
gambe per la contrada de' Fiori Oscuri... mentre il Pizzalunga grida
l'allarmi!

La fortuna non è propizia al fuggente. Inseguito dai militi e da
un'onda violenta di popolo, presso lo svolto della contrada, egli
scivola sovra una fetta di anguria, e cade in potere de' suoi
persecutori.


XXXIII.

Un romanziere meno pressato consacrerebbe una ventina di pagine a
descrivere il ridicolo abbigliamento e la strana giacitura del mal
capitato fuggitivo. La sua testa è chiusa ermeticamente in un cappello
a cilindro di smisurata grandezza, che gli scende fin sotto il mento,
toccandogli l'estremità delle spalle colle sue ali immense. Un
soprabito abbondantissimo, che somiglia ad una tenda di campo, avvolge
la snella persona in una spira di grandi pieghe... Quel cappello,
quel soprabito sono una accusa eloquente--fornirebbero argomento di
condanna, quando anche altri indizi non rivelassero la colpa....

--Quest'uomo è travestito!--esclama il caporale della guardia.--E
quando uno prende abiti che non furono tagliati al suo dosso, vuol
dire ch'egli ha delle intenzioni per lo meno.... scellerate!--Militi!
Aiutatemi a scoprire l'incognito! Provatevi a rimuovere da quella testa
criminale la visiera che ci nasconde l'identità dell'individuo.

L'immane coperchio fu levato non senza difficoltà, il naso del paziente
parve ribellarsi e protestare contro quell'abuso di potere.


XXXIV.

La testa del sottotenente Serafino Longhi uscì dal bossolo--una bella
testa, riccamente fornita di biondi capelli.


XXXV.

--Chi siete? come vi appellate? Donde venite?

--Io mi chiamo... Serafino Longhi, sensale di borsa, e sottotenente
della Guardia nazionale.

--Voi usciste poco dianzi da un portello sospetto, da una casa, ove
questa notte furono commessi degli atti illegittimi. Potete voi
giustificare la vostra entrata e la vostra uscita precipitosa da un
luogo, che viene designato come un centro di reazione e di attentati
abbominevoli?

--Signori: io non so di reazione e di attentati.... Sono andato in
quella casa per mie faccende private...

--Voi non dovete ignorare che le finestre di quella casa vomitarono sui
passanti dei liquidi poco omogenei ed altri proiettili offensivi....

--Io sono affatto innocente.... Chiedete delle informazioni sul
mio conto, e vi diranno se io sia capace di commettere simili
imprudenze.... Io andava in quella casa per cercare un onesto
droghiere, onde proporgli un vistoso contratto per una grossa partita
di fichi secchi....

--E questo droghiere si chiama?...

--Giacomo Pizzalunga!


XXXVI.

--Presente!--gridò una voce affannata dal centro della folla. E
apertosi un varco a colpi di pancia, il milite Pizzalunga si avvicinò
al sergente, levando la mano all'altezza dei kepì.

--Conoscete voi questo giovane individuo?

--S'io lo conosco? Un momento.... aspettate ch'io lo esamini... Eh!
certo... Quel soprabito mi sembra averlo veduto altre volte... Dove
mai ho veduto quel soprabito? To! Vedete s'io sono una bestia!... Non
ho io forse un soprabito perfettamente uguale?...

--Questo individuo è lo stesso che usciva precipitosamente dal portello
della casa incriminata, quando voi siete entrato per fare le debite
perlustrazioni...

--Può essere... Io non oserei garantire l'autenticità... Salendo
le scale al buio, ho sentito un oggetto mobile urtare contro la mia
persona... ed ho creduto bene di mandare un grido di allarme!...

--Ottimamente!... Ora l'individuo arrestato, di sua propria confessione
si chiama Serafino Longhi, e dice esser entrato in quella casa per
comperare una partita di fichi secchi...

--Onoratissimo della commissione!... Il sig. Longhi potrà trovare nel
mio negozio ciò che egli desidera...

--Milite Pizzalunga: si rammenti che in questo momento ella ha cessato
di esser droghiere; ella rappresenta una parte molto più nobile.
Con quella uniforme indosso non si contrattano fichi, ma si tutela
l'ordine pubblico e si impone il rispetto delle leggi.--Noi abbiamo non
pochi indizi per sospettare meno veritiere le asserzioni del signor
Longhi.--La sua fuga, il suo travestimento, e sopratutto questo enorme
cappello a cilindro....

--Signori! rendetemi il mio cappello! grida l'arrestato con qualche
vivacità...


XXXVII.

Ma il cappello è passato nelle mani del droghiere, il quale, dopo
averne considerata la forma, e misurata la capacità d'uno sguardo
profondo, se lo mette in capo, esclamando: corpo di mille diavoli! o
questo è il mio grande cilindro della domenica, o ch'io ho cessato di
essere Giacomo Pizzalunga del quondam Pasquale!


XXXVIII.

Il momento era terribile... decisivo!...--Serafino Longhi elevossi
all'altezza della propria posizione.

--Signor Pizzalunga, disse il giovane sensale con accento solenne--voi
non vi ingannate; quel cilindro vi appartiene; è roba vostra, come è
vostro il soprabito che io porto...

--Corpo d'un baccalà!--esclama il droghiere con voce da
rinoceronte.--Spero bene che voi mi spiegherete come mai, ad ora così
avanzata della notte, voi abbiate osato introdurvi furtivamente nel mio
cilindro e nel mio gran soprabito color nocciolo!

--È ciò che intendo fare sul momento--rispose Serafino--quando questi
signori mi permettano di dirvi due parole all'orecchio...

Il caporale della guardia, che era anche egli ammogliato, comprese per
istinto i pericoli di quella rivelazione!.... Pizzalunga e il sensale
uscirono dalla folla seguiti a poca distanza dalle guardie e dal popolo
...


XXXIX.

--Credo aver a fare con un uomo di cuore, disse il Longhi al droghiere
con voce sommessa...

--Bando ai complimenti, veniamo all'esposito...!

--Oh? sì!... voi dovete essere un uomo di cuore, poichè siete marito di
quella brava signorina del terzo piano....

--Signorina!... terzo piano!... mia moglie!...

--Non negatelo... signor Pizzalunga... Voi siete proprio il marito di
quella santa creatura che mi salvò la vita!...

--Che! mia moglie... vi ha salvato?... Ah! in nome di Dio! come
c'entra mia moglie in tutta questa faccenda?


XL.

--Brevemente... Quei giovinastri urlavano sotto le vostre finestre...
Canzoni oscene... sapete!--parole da far venir rosso un missionario
di Rho, che ne sentono tante!... In quel punto io vengo a passare
... Una voce femminile esce dalle griglie al terzo piano.--Finitela
una volta di far questo chiasso, grida la voce: nella casa c'è una
malata--Creppa! rispondono quei d'abbasso! e poi, una salva di
porcherie da muover lo stomaco.--Questa è una vera indegnità! grido io
appressandomi a quei dannati.... Dare dei titoli così infami ad una
donna, che potrebbe essere una vergine, o per lo meno una buona madre
di famiglia...

--Mia moglie Angiolina non è vergine, nè madre di famiglia... ma è
una donna che non patisce eccezioni!... Ciò non serve... Continuate!
Sentiamo come risposero gli infami.

--Cominciarono presso a poco come voi.--Eh! gridò uno! Lassù non ci
stanno vergini, nè sante!... L'Angiolina Pizzalunga è una...

--Una?...

--Una... Non serve ch'io ripeta quella brutta parola... Vi basti
sapere, che, senza conoscere la donna in questione, sentii il sangue
montarmi al cervello... Insultai, minacciai! dissi roba da chiodi...
Ma un dei ribaldi cavò fuori di tradimento uno stillaccio più lungo
della vostra daga--s'io non spiccava quattro salti per evitare il
colpo, a quest'ora sarei cadavere!

--Cadavere! esclamò il droghiere abbracciando l'augusta sua
pancia.--Voi sareste un cadavere per aver difesa la mia inerme
Angiolina!--Proseguite!


XLI.

--Fortunatamente il portello era aperto... Vedendo l'orribile
lama incalzarmi come un serpente--io profittai della buona
ventura--precipitai nella buca--e lanciai una irremovibile barriera
fra me e l'assassino.--Immaginate le grida, gli urli di quella plebe
dannata!... Tentavano di atterrare la porta--pestavano coi piedi, colle
pietre, coi bastoni... Volevano entrare ad ogni costo, impadronirsi di
me, condannarmi alla morte del Prina!

--Del Prina!... Il vostro racconto mi commuove! Proseguite!


XLII.

--Confuso, atterrito, incalzato dalle orribili minacce, salgo le
scale al buio... Cerco un nascondiglio... Al terzo piano odo una
voce di donna... Quella voce usciva dalla finestra che mette sul
terrazzo.... «Signore! tante grazie della vostra protezione!.... Se
mio marito droghiere fosse in casa, io sarei ben lieta di offrirvi
il contraccambio... Quanto mi spiace di non potervi dare asilo, di
non potervi salvare! Ma il pudore... il decoro... il buon costume
innanzi tutto!..... Quando si porta un nome onorato come quello di
Pizzalunga!...»

--Povera Angiolina!... Tuo marito sarà il primo e l'ultimo a dirlo: tu
non facesti mai torto alla mia stirpe!

--Frattanto la plebe muggiva.... La porta agitavasi sotto l'impeto
di molte braccia.... Finalmente, dopo breve silenzio, mi parve che
qualcuno aprisse il portello... colla chiave... Mandai un grido di
terrore... Ma in quel punto le griglie delle finestre si spalancarono
... vidi cadermi ai piedi un involto... e intesi una voce dirmi
rapidamente: travestitevi e fuggite!... Era dessa!.... era la donna
che io aveva difesa senza conoscerla. Per salvarmi dal pericolo, ella
gettava al piede di uno sconosciuto... il soprabito ed il cilindro
maritale!--Signor Pizzalunga! osereste voi condannarmi per aver
profittato di quella oblazione spontanea?....

--In caso consimile, anche un Pizzalunga avrebbe agito come voi!


XLIII.

Il droghiere si fermò--e appoggiossi al portello della propria
abitazione in attesa dei commiliti.--Quando le guardie ed il popolo
furono dinanzi a lui: signori, disse, questo bravo cittadino si è
abbastanza giustificato col semplice e naturale esposito dei fatti...
Rilasciatelo!... Io, Giacomo Pizzalunga del _quondam_ Pasquale sto
garante della sua innocenza.--Quanto a voi, temerario campione del bel
sesso, io vi prego, con permissione del signor caporale, di salire in
persona nel mio appartamento superiore, a ricevere i ringraziamenti di
Angiolina e a deporre il mio cappello e il mio soprabito color nocciolo
nelle mani della vostra protetta.


XLIV.

Il caporale fa un cenno affermativo--scambia col droghiere qualche
parola a voce bassa, e si allontana cogli altri militi. Pizzalunga e
Serafino entrano nella casa....

Non rimangono sulla piazza che pochi curiosi.


XLV.

L'Angiolina era in preda alla più viva agitazione... La voce del
marito e dell'amante giungevano al perfido orecchio... Ma erano suoni
indeterminati, parole tronche... e sconnesse. Frattanto il Pizzalunga
saliva le scale sbuffante ed ansante.... arrestandosi per prender fiato
ad ogni svolto di scala... Egli profittava di quelle soste per volgere
a Serafino delle domande che all'adultero ombroso parevano suggestive
... Finalmente i due galantuomini giunsero al terzo piano....
Pizzalunga mise la chiave nella toppa... La porta cigolò sui cardini
sinistramente.... Angiolina, accorgendosi in quel punto che il cappello
e il soprabito dell'amante erano rimasti sovra una sedia--con uno
slancio ispirato spalancò le imposte della finestra, per espellere quei
fatali accessorii.... Dalla piazza sorse un grido di terrore..... Il
soprabito e il cappello di Serafino caddero sul selciato, e ristettero
immobili come il corpo di un suicida avventuroso.


XLVI.

Lettore costituzionale, non ti adombrare. Noi non violeremo il
domicilio altrui... Nessuno saprà, nessuno potrà mai sapere ciò che
si passasse negli appartamenti coniugali del droghiere Pizzalunga in
quella notte di misteri e di colpe!...--Serafino, pochi minuti dopo, fu
veduto uscire dalla casa e palpare il terreno in cerca di un soprabito
e di un cappello... Il droghiere, che aveva promesso in parola d'onore
di tornarsene al Corpo di guardia prima di mezzanotte, si macchiò
del più orribile spergiuro... Giacomo Pizzalunga uscì di casa il
mattino, in abito borghese.... Gli abitanti di Porta Nuova lo trovarono
alterato nei lineamenti del volto... E nullameno egli ebbe il coraggio
di stendere una protesta contro i quattro giornali della sera, che
scambiando un paletot ed un cappello per una persona viva, aveano
annunziato nei rispettivi gazzettini il suicidio del droghiere G.
P.--Fu l'ultimo e il più importante atto politico di Giacomo Pizzalunga
... Da quel giorno il tamburino venne indarno a recargli l'invito pel
servizio della Guardia... Il biglietto bianco e il biglietto _bleu_
ebbero uguale accoglienza--un amaro e sinistro sogghigno. In men di tre
mesi, con grande stupore di tutti i conoscenti ed amici, la pancia di
Giacomo Pizzalunga si era completamente dileguata!


XLVII.

Il Consiglio di disciplina è convocato.--Fra i militi che debbono
render conto delle mancanze al servizio, domina il grosso testone di
Giacomo Pizzalunga.

--Milite Pizzalunga, domanda il segretario del Consiglio, come può
ella giustificare le sue replicate mancanze al servizio della Guardia
Nazionale?

Pizzalunga esita a rispondere... Si vede che egli medita un pretesto
... che egli cerca una scusa qualunque, tanto da evitare la condanna...


XLVIII.

--Signore, dice il droghiere balbettando. Tutto il quartiere di Porta
Nuova può testimoniare che un poderoso sviluppo della mia costituzione
... Insomma! parlando con poco rispetto di loro signori... altre volte
io fui esonerato dal servizio per un difetto.... che propriamente non
sarebbe difetto... vale a dire per la mia pancia... eccessivamente
ben nutrita.... Questa prominenza un po' marcata... e visibile ad
occhio nudo...

Gli occhi dei giudici si volgono alle regioni addominali di Giacomo
Pizzalunga, ma la pancia del droghiere non brilla che per la sua
assenza...

--Ci è noto, risponde il giudice con qualche serietà, com'ella in altri
tempi si facesse rimarcare per questa agglomerazione sottocutanea
di umori e di adipe ch'ella un po' volgarmente classifica col nome
di pancia--Ma al presente io non mi accorgo che il di lei individuo
presenti delle prominenze tanto salienti..,

Pizzalunga portò le mani al ventre, e parve sconcertato....

--Pur troppo! sospirò il droghiere--la pancia è sparita, in seguito ad
altre protuberanze... voleva dire... in seguito ad un forte mal di
testa...

--Ha ella il certificato del medico del battaglione?...

--Signori.... lor san meglio di me che certi mali di testa..... si
sentono..... ma non offrono all'esterno tali sintomi....

--Milite Pizzalunga; finchè ella non presenti i certificati richiesti
dalla legge, noi non possiamo esonerarla dal servizio.... Frattanto lo
condanniamo ad una multa...

--Ebbene! Sì!... Cento multe! mille multe! prorompe il droghiere
battendo la mano sul tavolo--ma l'Angiolina non rimarrà più sola di
notte!...

Questa ingenua sortita destò l'ilarità dei giudici--e per quel giorno
la condanna fu limitata a un franco di multa.


XLIX.

Quattro mesi dopo, l'Angiolina e Serafino si trovarono di bel nuovo a
colloquio nel giardino Balzaretti presso la grotta dei sorci.

--Ebbene, non è egli condannato?

--Sì, a ventiquattro ore di prigionia.

--Ventiquattro ore!... A meraviglia!...

--Ma egli ha presentato un ricorso al Comando Superiore... e può darsi
che gli commutino la pena...

--Gran Dio! Sarebbe fatale!...


L.

Il giorno seguente al Comando Superiore della Guardia nazionale
perveniva il seguente ricorso:

«Io Giacomo Pizzalunga del _quondam_ Pasquale, di professione
droghiere, non ho nulla da opporre alla sentenza che mi condanna,
per le mie ripetute mancanze, a ventiquattro ore di prigionia.....
Solo domando, in via di grazia, che questo Tribunale emani un secondo
decreto che obblighi mia moglie a condividere, come di dovere, la mia
sorte. In caso diverso io sono pronto a ribellarmi anche alla forza
pubblica!»

Il povero Pizzalunga non fu esaudito... e colla perfida Angiolina il
droghiere prendeva dopo alcune settimane il cammino dell'esilio.



Se il marito sapesse


I.

Era venuta a Trescorre nella stagione delle acque--venuta, come tante
altre, per obbedire alla moda, per emanciparsi dalla soggezione
maritale.--Ella avrebbe preferito i bagni di Genova o della Spezia,
sendo le donne istintivamente portate all'acqua salsa--forse in memoria
di Venere nata dalle spume oceaniche, fors'anco per quegli istinti
di seduzione e di perfidia che esse--certe donne--hanno comuni colle
Sirene.

La signora Amelia (si chiamava Amelia, come la prima donna del _Ballo
in maschera_) era una di quelle signore, che giuocano la parte di
vittima, esagerando la tirannide del marito, per farsi compiangere, per
farsi adorare, e sopratutto per iscusarsi dei loro peccati.

Una bella signora, che aveva passati i suoi venticinque anni, e
muoveva verso i trenta per un delizioso pendio tutto sparso di fiori
primaverili.

Per certe donne la primavera comincia, infatti, dopo i venticinque
anni. Prima di quell'età, la loro bellezza è un germe senza forma, un
bottone enigmatico, di cui nessuno può prevedere lo sviluppo.

Questo sviluppo--(ed ecco il segreto di mille sventure domestiche)
questo sviluppo dipende in gran parte dal marito--da quel laborioso
coltivatore, a cui il bottone-fanciulla, tolto appena dalla
serra-collegio, si affida per caso, per un'attrazione insensata, per
magnetismo di effluvii giovanili, e più spesso per una di quelle leggi
di convenienza, che sono il miasma corruttore della moderna società.

Povero marito!--Quante volte la sua coltivazione laboriosa e feconda
riesce tutta a vantaggio del prossimo!

La donna che, dopo essersi maritata a dieciotto anni, presenta a
venticinque e a trent'anni un tipo ideale di perfezione, difficilmente
si appaga di un logoro marito, di un marito che ha già fatto il suo
corso!

Ingrata!--Ella dimentica tutto--dimentica che Dio e il marito
concorsero del pari a crearla. Iddio mette al mondo delle femmine--ma i
mariti hanno la missione di creare le donne....

Tronchiamo queste considerazioni antisociali--noi potremmo riuscire ad
una conclusione immoralissima, che molti già ammettono tacitamente,
essere il matrimonio un peccato contro natura.


II.

Un po' di storia retrospettiva.

Edmondo Della-Rosa, il marito di Amelia, non si allarmava gran fatto
della floridezza crescente di sua moglie. Al contrario, si compiaceva
delle nuove attrattive ch'ella andava acquistando, senza preoccuparsi
dei pericoli. Egli l'amava di cuore, come l'aveva amata per cinque mesi
dalla strada alla finestra prima delle nozze, come non aveva cessato
mai di amarla in sei anni di vita condivisa, ch'egli chiamava un po'
enfaticamente sei anni di luna di miele.

Ma la signora, collo svilupparsi della bellezza, diveniva ogni
giorno più esigente. Ogni mattina, pettinandosi allo specchio, ella
imparava ad apprezzarsi davvantaggio. Le sue bianche mani diafane si
intrecciavano con voluttuosa compiacenza alle lunghe abbondanti chiome.
Ella vagheggiava in estasi deliziosa i bianchi contorni delle sue
spalle di velluto. Tutte le scabrezze erano sparite. La muscolatura
leggermente tracciata sotto un trapunto di bambagia palpitante, non
serbava reminiscenze di una età più gracile ed incompleta. Il giglio e
la rosa si fondevano con insensibili gradazioni. Quello specchio era un
terribile nemico di Edmondo. L'amore inalterabile e monotono di quello
sposo di dieci anni, era omaggio troppo insignificante per lei.... per
quella Danae convertita in Giunone.

--Quell'uomo non vede nulla!--esclamava ogni mattina la sposa di
Edmondo, ammirandosi allo specchio.--Quell'uomo è divenuto glaciale....
è istupidito!.... Scommetterei che, in luogo di compiacersi, egli si
irrita de' miei.... progressi!.... Non l'ho veduto imbestialire anche
l'altra sera, per aver letto nei giornali che alla festa di corte....
io era una delle _stelle_?.... Tant'è, signor marito!.... Io non
posso farmi brutta per vostro uso e consumo! Non posso eclissarmi
per darvi piacere!.... Ah! badate piuttosto, badate, Edmondo, di non
provocarmi!.... Certi mariti non sono contenti fino a quando....

E così, ogni mattina. Abbandonata la sua mobile testolina al pettine
del brillante parrucchiere, Amelia si cullava in una fantasia poco
sentimentale e non abbastanza legittima.


III.

Allorquando--nell'estate del 1860--Amelia annunziò la pretesa di
recarsi alle _acque_--ed era la prima volta che una tale pretesa si
introduceva nel bilancio dei coniugi Della-Rosa--Edmondo pose in campo
delle difficoltà di prosa economica, che fecero rabbrividire la bella.

Amelia, anche senza gli articoli dell'_Uomo di Pietra_ e del _Figaro_,
era convinta di essere una stella dell'olimpo milanese; e una stella
che, nel mese di giugno o di luglio, non si tuffi regolarmente
nell'Oceano, non ha più diritto di brillare in gennaio nei palchetti
della Scala o nelle sale della Prefettura.

Gli ignobili calcoli dell'economia privata messi in campo da Edmondo,
diedero luogo ad una scena--ad una di quelle scene che si chiamano
_domestiche_, e spesso rappresentano la cosa più selvaggia di questo
mondo. Il marito dovette transigere. Promettendo le acque salse per un
avvenire indeterminato, egli concesse alla moglie un mese di _acque
dolci_ o di acque _fetide_ a libera scelta fra S. Pellegrino, S.
Omobono, Barco o Trescorre.

Amelia, per discostarsi il meno che ella potesse dal _figurino_ della
moda, prescelse Trescorre.--Ma prima di lasciare Milano, ella protestò
rovinosamente contro la spilorceria del marito, saccheggiando senza
misericordia i magazzeni di Panseri e Garbagnati.

Quella protesta di stoffe e di cifre rappresentava un _totale_ di
quattromila e seicento franchi da pagarsi.... più tardi.


IV.

Io non conosceva la signora Amelia prima che la mia buona fortuna me
la facesse incontrare alle acque di Trescorre--ma il di lei nome più
volte mi era suonato all'orecchio. Qual'è il milanese che non sappia
a memoria i nomi delle _sue stelle_? Qual'è di noi, che a sua volta
non abbia subìto il disinganno di queste _etichette_ della bellezza,
applicate dalla moda ad una elegante fantasmagoria di merletti e di
colori, che vuol essere una donna avvenente?

Ma questa volta l'_etichetta_ non era menzogna--non era solamente una
vetrina mobile di Garbagnati e Panseri--era una donna reale, una forma
elegantissima di donna.

Quando io vidi la signora Amelia discendere dalla carrozza col suo
abito vaporoso, aereo, trasparente come una nuvola di perle; quando
ella attraversò il cortile dello Stabilimento, lanciando faville
voluttuose dai suoi begli occhi azzurrognoli; quando la sua voce
limpida e vibrata risuonò al mio orecchio, io non potei reprimere una
esclamazione di meraviglia.

L'esclamazione più comune, più banale: come è bella!--Amelia era
inebbriata di felicità. Lasciò cadere su me e sugli altri, che del
pari l'avevano ammirata, uno di quei lampi di sorriso dove si fondono
deliziosamente la vanità e l'ironia.--Un sorriso che voleva dire: gran
novità! lo sapevamo da un pezzo, che siamo.... quel che siamo!

Ma vi era in quell'orgoglio qualche cosa di amabile, di lusinghiero per
tutti.

Alla sera, nello Stabilimento, non si parlava che di lei. Una _stella_
a Trescorre!--una stella senza marito....! Figuratevi l'agitazione
degli eleganti....!

Dopo mezz'ora dal suo arrivo, tutti i _lions_ si erano cambiata la
cravatta.


V.

Buona parte di quei _lions_--perchè dovrò tacerlo?--non rappresentavano
il fiore della giovinezza, nè il fiore della eleganza, nè il fiore
dello spirito. Erano quasi tutti provinciali nel senso più traslato
della parola. Parecchi erano anche affetti di erpete, malattia poco
favorevole alle attrattive personali, e avversa più che altre al
romanticismo.--Un Narciso milanese--lo chiamo Narciso piuttosto che
Tulipano, per usargli cortesia--era, nella comitiva dei bagnanti, il
solo giovanotto che avesse le apparenze di un perfetto gentiluomo.
Vestiva col buon gusto di Prandoni--mutava rigorosamente di toeletta
tre volte al giorno--cavalcava come un palafreniere--sapeva a memoria
una diecina di _calembours_--e suonava con qualche garbo.... una polka.
Sulle sue guancie pallide e brune non spuntavano quelle efflorescenze
che esigono la cura delle acque sulfuree, od almeno ne accusano gli
effetti. Un bel giovanotto--il vero tipo di quei _lions_, che non hanno
altra ambizione fuor quella di sentirsi classificare _lions_, anzichè
bestie di un'altra specie qualunque dal titolo meno sonoro ma più
competente.

Secondo ogni apparenza, il nostro Narciso era venuto a Trescorre
per fare delle conquiste; fors'anche egli aveva già designata la
sua vittima.--Che serve?... Non facciamo misteri!--Egli sapeva che
la signora Amelia Della-Rosa doveva recarsi alle acque--e l'aveva
preceduta di alcuni giorni per studiare il terreno delle sue
evoluzioni, per prepararsi agli assalti.--Che le sue prime prove
fossero cominciate a Milano? Che egli avesse già tentato?... Avrei
mille ragioni per supporlo.

I miei lettori, dal seguito del racconto, vedranno che la mia
supposizione non era infondata.


VI.

Narciso, il mio vero _lion_, al pari di tutti gli altri che avevano la
pretesa ad un tal titolo, dopo aver proiettato sulla signora Amelia una
occhiata assassina, corse nelle sue stanze a cambiarsi la cravatta.
Anzi, egli si cambiò tutto, dalla cravatta agli stivaletti--e credo
anche--ma questa è un'ipotesi assurda--che egli introducesse qualche
leggiero cambiamento nel colorito della sua pelle.

Confesso la mia debolezza--quella sera io non ebbi il coraggio di
discendere nella sala comune senza prima farmi radere la barba e
ritoccare i capelli dal Figaro dello stabilimento.

La bellezza della signora Amelia mi aveva stranamente impressionato.
Era stata una commozione subitanea e violenta; un fascino, di cui, per
verità, non spettava a lei tutta la gloria--perocchè, a quell'epoca, io
avessi appena raggiunti i miei ventidue anni--quell'età solforosa, che
non ha bisogno di esca e di faville per infiammarsi ed erompere.

Che poteva io sperare?--Una _stella_!--Questa idea che ella si
chiamasse una _stella_ del mondo elegante, mi sgomentava, mi lasciava
impietrito.--Ma in nome di Dio, cosa sono queste _stelle_? In che
differiscono dalle altre signore, dalle altre.... donne?...--Donne!--è
il loro nome più vero--e quanto alla loro fibra, mi pare che non possa
altrimenti essere tessuta da quella di tutte le figlie di Eva.--Anche
una _stella_ è soggetta alle passioni e deve avere i suoi capricci!...

E la mia logica andava tanto oltre, che io finii col persuadere a me
stesso essere altrettanto facile conquistare una _stella_, quanto--mi
si perdoni la irriverenza--una ortolana di piazza San Stefano.

Tutto dipende dalle attrazioni o dalle ripulsioni--dalle correnti
magnetiche--dal caso--dal luogo e dalle circostanze.

La mia prima esclamazione: _com'è bella!_--quell'atto estemporaneo di
sorpresa e di ammirazione mi aveva già guadagnato la riconoscenza e la
stima della signora Amelia--mi aveva aperta la via, non dico del suo
cuore, ma della sua vanità.--Due mesi dopo, per aver osato rivolgere il
medesimo complimento ad una giovane cuciniera che tornava dal verzaro,
io mi ebbi, per tutto compenso, un fusto di sedano tra il naso e la
bocca!


VII.

Eravamo tutti nella sala comune..... ad aspettare--ed è superfluo
aggiungere che aspettavamo la signora.

L'amico Narciso si era impiombato dinanzi al pianoforte, e aveva
ripetuto la sua _polka_ una diecina di volte. I suoi occhi
dardeggiavano la porta di ingresso--la contrazione della sua
fronte rivelava un insolito laborìo di cervello, uno sforzo
violento dello spirito. Egli chiamava a raccolta i suoi quindici
_calembours_;--fors'anche--per una circostanza tanto solenne, stava
creandone dei nuovi.

La bella milanese non si fece molto attendere. Forse--le stelle mi
perdonino!--ella era più impaziente di brillare che nol fossimo noi di
bearci nei suoi raggi.

Il mio Narciso balzò dallo sgabello--spiccò un salto da levriero, e
stese la mano alla signora col fare spigliato di un amico di casa.

--Voi.... alle acque! disse Amelia sbadatamente--e i suoi grandi occhi
vellutati passarono in rassegna tutta la comitiva.

--Ah! non è più il caso di dire alle acque, dacchè il sole della vostra
bellezza....

--Così presto!.... Rimettetevi al pianoforte, signor Narciso--ai vostri
nuovi _calembours_ preferisco ancora la vostra vecchia _polka_!

Era una impertinenza proferita col miglior garbo--e il mio _lion_
rispose con un sorrisetto di beatitudine che rivelava tutta la sua
fatuità.

La signora Amelia, come la più parte dei bagnanti, era venuta
a Trescorre con una lettera commendatizia pel medico dello
stabilimento--una lettera, che accusava tutti quei sintomi di perfetta
salute i quali, sommati insieme, costituiscono la grave malattia del
regime alla moda, il pretesto per recarsi alle acque.

Ditemi che l'arte medica non serve a nulla!--Il dottore dello
stabilimento, appena entrato nella sala, si incaricò spontaneamente
delle presentazioni, mormorando all'orecchio della signora tutti quei
particolari della cronaca locale per cui ella potesse rendersi conto
della situazione, e prendere risolutamente la sua parte.--Di tal modo
si stringono le relazioni, si annodano le amicizie e gli amori--si
creano e si sviluppano quei giocondi pettegolezzi, quei deliziosi
scandoletti, che fanno tanto bene alla salute dei bagnanti, e mettono
in credito le.... acque!

Il dottore era uno de' miei mille e trecento amici, ed io dovetti
a questa circostanza che egli mi dipingesse alla signora con tinte
piuttosto favorevoli.

Fatto è che dopo averla intrattenuta pochi minuti sul conto mio, quel
buon dottore mi si fece incontro per annunziarmi che la signora gli
aveva espresso il desiderio che io le fossi presentato.

Mi lasciai condurre--ci ricambiammo le solite frasi, il formulario di
tutte le presentazioni--ma il fremito della mia voce, il fuoco che
traluceva dalla mia timidezza, dicevano più assai delle parole.

Frattanto il mio bel Narciso aveva ripetuto quattro volte la sua
vecchia _polka_, meditando un nuovo _calembour_.

Il caldo era opprimente.--Si deliberò di uscire tutti insieme per una
breve passeggiata all'aperto.

Come avviene in tali circostanze, la galanteria degli uomini prese
fermento.--Un signore dal naso bernoccoluto, dalle guancie di
mortadella, si gettò avidamente sopra una zitellona smilza, che era
già uscita due volte nell'anticamera a ballare con lui--un prete
rubicondo e tarchiato si impadronì di una sua nipotina tutta modestia
e tutta polpa--una vecchia contessa bergamasca sopraccarica di collane
e di merletti afferrò il braccio di un interminabile seminarista
che tre volte, nel far il giro della sala, avea dato del capo nel
lampadario--il medico si pose in mezzo a due bicocche in sottana che
esigevano, per tenersi in bilico, un punto di appoggio--e tutti quanti
avevano già scelta o subita la loro compagna di passeggio--mentre io....

Vedete un po' se io ragionava da cretino: «Offrirle il mio braccio....
questa sera... così presto!.... Ma con quale diritto?.... E se ella mi
facesse l'affronto di rifiutare? in tal caso tutto sarebbe finito....
non oserei più tentare.... che dico?.... sarei costretto a fuggire da
Trescorre... a non più rivederla!....»

Io non mi accorgeva che la mia perplessità, oltre ad esser ridicola, mi
esponeva a commettere una villania.--La signora si era levata in piedi,
e si incamminava per uscire dalla sala....

Crederesti, lettore?--Io fui sul punto di volgermi a Narciso per
supplicarlo a fare le mie veci, a togliermi da quell'imbarazzo....

Ma il signor Narciso non aveva bisogno dei miei eccitamenti--nella
sua qualità di _lion_, egli aveva già calcolato che il braccio di
Amelia gli apparteneva per diritto--che nessun altro avrebbe osato
usurparglielo. Egli aveva indugiato a levarsi dal pianoforte per un
sentimento di fierezza, o meglio di fatuità, che era propria del suo
carattere--l'unico _lion_ si sentiva indispensabile all'unica _stella_.

E poi, c'era un'altra ragione a quell'indugio--il _calembours_.--Non
appena questa enorme concezione del suo spirito creatore gli parve
degna della luce, Narciso si lanciò verso la signora.... Ma quella,
volgendosi a me subitamente, e ponendo la sua bella mano sul mio
avambraccio--signore, mi disse; vi prego!.... salvatemi voi da
quell'importuno!

Non c'erano più scuse--conveniva rassegnarsi a farle la corte--non
fosse altro per quella serata.


IX.

La luna, il canto degli usignoletti.... No--m'inganno--il cielo era
buio--coperto di nuvole opache.--C è proprio bisogno del chiaro di luna
per far all'amore?--Al contrario--io credo si possa anche intendersela
molto bene con una giovane e bella signora senza la musica degli
uccelli.--Preferisco i ranocchi ed i grilli--fanno più rumore.--Quando
si passeggia in numerosa brigata, come appunto ci avvenne in quella
sera, la sinfonia monotona e chiassosa che si eleva dai pantani e dalle
siepi giova assai meglio a coprire il bisbiglio di due innamorati che
non il gorgheggio intermittente degli usignoli.

E qual'era il nostro bisbiglio?--Un ritornello molto comune--voi lo
sapete a memoria--e potreste ricantarmelo.

Io non amo riprodurre le frasi banali, i dialoghi insensati, che
rappresentano la prefazione di tutti gli amori, di tutte le avventure
galanti.

La signora Amelia era una donna vanitosa, uno spirito limitato, un
carattere di queste.... che io chiamerei piuttosto femmine che donne.

Parlano di amore.... di passione....--e ne parlano qualche volta
seriamente, come se amassero davvero, come se davvero soffrissero.--E
forse credono di amare, credono di soffrire....! Creature linfatiche e
arrendevoli, che facilmente si conquistano, ma presto anche si perdono!

Io non tardai a comprendere quella donna--la sua volubilità, la sua
debolezza, i suoi impeti nervosi ch'ella scambiava per aspirazioni
sentimentali.

La signora Amelia non era il mio tipo ideale--ma era giovane, era
bella, era elegante--e all'età di ventidue anni si oblia facilmente
l'idealismo dinanzi a cotali realtà.

Perchè i lettori non rimangano completamente digiuni di quella nostra
conversazione, dirò che la signora Amelia, come la Teresa dell'Ortis,
nel ricordare il marito lontano, si fermò sospirosa esclamando: son
pure infelice!

Dio!--sono tutte infelici queste mogli!

Ad ogni modo la signora Amelia mi aveva fatto la sua professione di
infelicità--ed io era in obbligo di consolarla.

Lettori: non vi allarmate!--io era un consolatore novizzo.--Quella sera
tornai dalla passeggiata inebbriato di speranze e desideri!


X.

Come siete bella!--Tre parole, e un punto ammirativo.--Orbene:
modulate queste tre parole e questo punto ammirativo in tutti i
toni possibili--variateli, istromentateli colle perifrasi più o
meno ampollose--_la bemolle_, _re diesis_, non importa--alternate
il _cantabile_ all'_allegretto_, il _moderato_ al _vivace_, il
_pianissimo_ al _forte pichettato_--e tosto o tardi riuscirete
all'intento.--All'intento di farsi amare?--Via! non siamo troppo
esigenti. Per farsi amare da una donna che abbia cuore e intelletto,
ci vuol altro che dei punti ammirativi! Non dimenticate che i miei
precetti _de arte amatoria_ si riferiscono esclusivamente alla _stella_
del mio racconto, alla signora Amelia Della-Rosa--la quale, come i
miei lettori già sanno, non è altro che una femmina di poco spirito
e di molta vanità--oh la vanità! esclamerebbe l'amico Cicconi se mi
ascoltasse.

Io vi ho dato il talismano per affascinare le donne vanitose--sappiate
approfittarne!


XI.

La signora Amelia si annoiava di tutte le conversazioni che non fossero
un omaggio alla sua bellezza, un incenso alla sua presunzione di
semidea.

Io non amo le donne politiche--detesto le donne letterate--ho in orrore
le grandi sapute, che dettano di poesia, di critica musicale, di
estetica, d'arte. Ciò non toglie che io ami conversare di politica, di
letteratura, di musica e di arte colle donne di spirito e di cuore,
che il bello comprendono per istinto, che giudicano rettamente per
gusto, che fanno la critica e qualche volta la satira per sentimento o
capriccio.

Io adoro la donna che tutto comprende, che tutto sente.--Mio Dio!--La
passione domanda le sue tregue--Non si può, anche amandosi fino al
delirio, mordersi tutto il giorno e tutta la notte come i gatti
sull'abbaino!--Riepilogo il mio concetto per rivelarmi completamente;
io non posso amare una donna che non sappia intrattenermi
aggradevolmente anche quando le intimità più aggradevoli siano cessate.

Io non poteva dunque amare seriamente la signora Amelia--ella non
poteva amare seriamente altra persona fuori di sè stessa.

E nondimeno--ciò si spiega facilmente--la sua bellezza mi aveva
colpito, ed ella gustava con ebbrezza i miei enfatici omaggi.--Una
sera, fermandoci sotto un riflesso di luna, io le aveva detto: avete
il collo di un cigno!--Ella portava, quella sera, una guarnizione
piuttosto saliente--all'indomani la guarnizione era tolta, e le spalle
rotonde, candide, vellutate, esigevano a loro volta il medesimo
complimento.--Tutti i giorni si progrediva--ma quello non era progresso
di amore. Se io volessi parafrasare la storia di Otello, riassunta da
quei due ammirabili versi:

  Ella mi amò per le sventure mie,
  Ed io l'amai per la pietà che n'ebbe,

dovrei dire... Ma non voglio profanare l'endecasillabo con un concetto
sì volgare--dirò in semplice prosa: io non poteva staccarmi da lei
per la sua bellezza, ed ella era attratta a me per... i miei punti
ammirativi!


XII.

Vi ho risparmiato, con questi pochi tratti, una serie di episodi
troppo comuni per essere riferiti, per destare interesse. Questi
episodi, che erano la preparazione della grande catastrofe finale, si
successero incalzanti e vivaci per quindici giorni...

I bagnanti cominciavano a mormorare... Narciso, il mio elegante
rivale, ci importunava col suo spionaggio. Qualche volta egli si
prendeva il crudele diletto di intromettersi alle nostre passeggiate
solitarie.--Quando noi uscivamo a piedi, egli ci seguiva a
cavallo.--Dall'alto del suo bucefalo egli ci dominava superbamente--ci
salutava col fare grandioso di Ciniselli, e il suo sorriso cavalleresco
pareva dirci: miserabili... che fate all'amore nella platea!

Voi vi aspettate una scena violenta--un duello--disingannatevi!--La
fine di questa mia storia potrà sembrare ridicola a molti, ma essa non
avrà nulla di comune colle solite istorie di amore.


XIII.

Come ho detto--i preliminari durarono quindici giorni...

Una sera, la signora Amelia, tornando dal passeggio, era alquanto
spossata... Accusava una leggera indisposizione...

La accompagnai nella sua stanza da letto--ella si abbandonò
languidamente sopra un divano, e stendendomi il braccio tutto nudo, mi
pregò di sentire i battiti del suo polso.

La cameriera--un personaggio che finora abbiamo obliato in quanto nel
nostro romanzo intimo rappresentasse una parte affatto secondaria
sebbene favorevolissima--la cameriera, prevedendo il consulto e
l'ordinazione del medico, si offerse tosto di andare alla farmacia.

--Va pure, Angiolina!

La signora Amelia non aggiunse altro. Ma le cameriere indovinano
tutto--e Angiolina partì rapidamente senza attendere la ricetta.

Rimanemmo soli.--Buona Angiolina! che Iddio ti compensi delle tue
ottime intenzioni, e ti conceda di impiegare quest'ora, come tu meglio
desideri, col sottocuoco dello Stabilimento!

E qui--mi perdoni il lettore--è necessario che io riproduca una parte
del colloquio fra me e la signora Amelia--che io chiarisca questa scena
culminante del dramma, onde nessuno abbia la temerità di supporre oltre
il vero.

--Angiolina!... Mio Dio!... Come è imprudente quella ragazza!... Ella
se ne va... ci lascia qui soli!...

--Che serve, Amelia?--Non è la prima volta che noi ci troviamo così
deliziosamente accompagnati.... senza testimoni, senza...

--Ebbene: ti pare che io abbia la febbre?...

--Mi pare che tu sia più bella che mai... Non ho mai veduto i tuoi
begli occhi brillare di tanta luce!...

--Domani giungerà mio marito!--esclamò Amelia atteggiandosi a vittima.

--Egli!

--Rientrando allo Stabilimento, ho trovata una sua lettera che mi dà
questa consolante notizia.

--Domani!...

--Sicuro... domani.

Restammo alcun tempo senza parlare. La signora Amelia mi guardava
fissamente, con un'espressione ad un tempo desolata e provocante.

Io sentiva i doveri della mia situazione. Quando anche il fascino
voluttuoso di quella donna non mi avesse sollecitato, la paura di
rendermi ridicolo, di passare per un imbecille, doveva necessariamente
animarmi a tentare il più difficile assalto.

--Amelia--presi a dirle con trasporto--non puoi imaginare la terribile
scossa che ho provato! Eppure, tosto o tardi ciò doveva accadere...
Non era a sperarsi che questa esistenza potesse durare eternamente....

--Eravamo troppo felici!--rispose Amelia sospirando.

--Sì... abbastanza felici--proseguii con calore--per non avvederci
che tutto il nostro paradiso era costituito sull'orlo di un abisso!...
Quando tu mi parlavi di lui... di quell'uomo che non ha saputo
apprezzarti... che ti ha reso tanto infelice--che vuoi?--io prendeva
parte alle tue amarezze, io deploravo il tuo passato, senza riflettere
che queste amarezze e questo passato dovevano riprodursi in un prossimo
avvenire... La condotta di quell'uomo mi faceva raccapriccio; eppure,
io mi consolava con questo pensiero, che se egli fosse stato uno sposo
più tenero, più sensibile alle tue bellezze, più affettuoso--il tuo
cuore sarebbe rimasto a lui solo... Mi era fatto una singolare idea
della nostra situazione..... Appoggiandomi alle ragioni del cuore, mi
pareva che fra te e lui tutto fosse finito.--Per quindici giorni ho
potuto illudermi in questa chimera di felicità... Ed ora tu vieni
a dirmi; domani!... Ma dunque... fra ventiquattr'ore... i nostri
giocondi ritrovi, i nostri colloqui, tutti gli anelli di questa catena
deliziosa si scomporranno..... avrò cessato di stringere al labbro
questa tua mano così bianca... così morbida e soave!...

--Oh! spero bene--mi interruppe la signora col suo fare più
milanese--spero bene che la presenza di mio marito non ci impedirà
di passare insieme buona parte della giornata... spero bene che non
cesserai di accompagnarmi al passeggio--che, finita la stagione delle
acque, tornando a Milano, vorrai farmi qualche visita...

--Ma tu credi... Amelia.... tu credi proprio che non ci saranno
ostacoli per parte di lui?...

--Lui!... mio marito! Sta a vedere che Edmondo comincerà adesso a
farmi l'Otello!... Non te l'ho detto tante volte?... Io non sono una
donna per mio marito... Vedrai domani... Egli non crede che vi siano
al mondo degli uomini così privi di buon gusto da far la corte a sua
moglie!

--Si può esser più cieco?

--E più imprudente, dico io! All'ultima festa del Sindaco, lo scorso
carnevale, egli mi ha lasciata tutta la notte in balìa di un uffiziale
dei cavalleggeri, un bel giovinotto, che mi ha fatto ballare.... che mi
ha fatto ballare!... Crederesti? In tutta quella lunga serata, Edmondo
mi si è accostato una sola volta per ringraziare il mio cavaliere
della sua assiduità, per congratularsi con lui della sua instancabile
condiscendenza! Quasichè, a farmi ballare tutta la notte, quel povero
uffiziale avesse compiuto un eroico sacrifizio!...

--Amelia... Ciò che tu mi dici è incredibile!...

--E ti assicuro che quell'uffiziale non perdeva il suo tempo... e che
io più di una volta fui costretta di richiamarlo al dovere...

--Basta, Amelia! Mi vengono i brividi a pensarci! Io non potrei
tollerare che un altro uomo stringesse nella sua, questa tua mano
adorabile...

--Via, moderiamo questi trasporti! Il dovere... l'onore... la pace di
mio marito!...

--Questi capelli morbidi e profumati... queste labbra spiranti voluttà
... tutti questi tesori della bellezza....

--Calmati!... Dio!... Se qualcuno... se Angiolina.... rientrasse...

Ma in quel momento io era divenuto temerario come si può esserlo a
venticinque anni dinanzi ad una giovane avvenente donna, quando gli
scrupoli del rispetto e il ritegno di un vero e profondo amore non si
oppongano agli impeti violenti del sangue.

Amelia, inebbriata di vanità, opponeva alle mie sollecitudini una
resistenza che era tutta di parole.

--Badate! io vado in collera davvero! Io vi lascio... lasciatemi...
Io chiamo gente... Mio Dio! Se entrasse qualcuno.... Ma questi non
sono modi... Angiolina!.... Angiolina... dico!

Orribile contrattempo!

La signora aveva ripetuto non so bene quante volte il nome della fida
cameriera con voce bassa e interrotta dai sospiri.... E nondimeno un
rumore di passi, e due colpi bussati alla porta mi fecero trasalire....
mi obbligarono a riprendere una posa che in quel momento era per me la
meno naturale.

Angiolina entrò nella stanza con aria affannata....

--Presto, signora!... Una sorpresa... il padrone.... il signor Edmondo
è entrato nel cortile in un legno da posta..... Gli ho detto che
eravate un poco sofferente... Egli ascende le scale.... egli è là...

Mi alzai dal divano colla sollecitudine dell'uomo colpevole...e mossi
alcuni passi per uscire dalla camera....

--Restate! disse Amelia levandosi in piedi e afferrandomi la mano.

--Ma se egli!...

--Ma se egli sa tutto!--esclamò Amelia col suo fare più indifferente...

--Sa tutto!... Mio Dio!...

Il sangue mi si agghiacciò nelle vene. La voce del signor Edmondo Della
Rosa mi giunse all'orecchio... Egli si era fermato nell'anticamera
per dare alcuni ordini al cocchiere.... Amelia, senza abbandonare
la mia mano, mi precedette verso la porta per andare incontro ad
Edmondo.--Vi ripeto che egli sa tutto! mi ripetè con voce sommessa--e
poi, accennandomi di rimanere in disparte, diede una spinta all'uscio e
si trovò fra le braccia di suo marito.

Dopo quello slancio di tenerezza coniugale, compiutosi da ambe le parti
con sufficiente naturalezza, Amelia si volse a me per _presentarmi_ al
signor Edmondo Della Rosa suo marito.

Io mi feci innanzi timidamente.--Non osava levare la faccia.

--Io vi debbo molti ringraziamenti,--mi disse Edmondo coll'affabilità
più cordiale--io so tutto... so quanto avete fatto per mia moglie...
e spero che non cesserete di essere dei nostri in questi pochi giorni
che avrò il piacere di passare alle acque.

Così parlando, il marito di Amelia mi stese la mano ed io gliela
strinsi col fare più amichevole. Che non avrei dato per poter detestare
quell'uomo?....


XIV.

E rare volte mi era accaduto di trovarmi in presenza di un uomo, che a
primo aspetto sapesse conciliarsi tanta simpatia. Edmondo Della Rosa
era uno di quei signori che hanno l'aria di artisti, od anco--se meglio
vi piace--poteva passare per uno di quegli artisti che hanno l'aria da
gran signore. La sua statura nè alta nè bassa, i lineamenti delicati,
lo sguardo sicuro e vibrato, la fronte serena e spaziosa, il sorriso
benevolo e arguto. Vestiva con quella eleganza emancipata che è proprio
degli uomini di buon gusto, ritraendo dal figurino della moda solo quel
tanto che basta perchè un uomo della buona società non venga tacciato
di eccentrico. La sua voce, i suoi modi seducevano.

Dinanzi ad una figura così distinta, così nobile, tutte le mie
prevenzioni si dissiparono in un istante. Invano io studiava quella
superficie seducente per sorprendervi una ruga, una contraddizione
sinistra, la quale accennasse a qualche istinto meno eletto. Il
piacere che egli aveva espresso nel rivedere sua moglie era naturale,
spontaneo, animato. Le trasparenze del suo linguaggio lasciavano
indovinare un affetto profondamente sentito; l'affetto dell'amante
che vorrebbe un poco dissimularsi sotto la compostezza del marito.
Accoglieva i complimenti un po' comuni di sua moglie colla massima
buona fede. Quando ella si accusava indisposta, le accarezzava i
capelli, e sorrideva amorevolmente come uno di quegli innamorati
felici che sanno di possedere essi soli il segreto per guarire le
piccole infermità della donna adorata. Quelle carezze, quei sorrisi
mi turbavano il cuore; e il signor Edmondo mi guardava tratto tratto,
aspettando che io intramettessi una parola od almeno un leggero
cenno amoroso.--Io era là come istupidito. Io sentiva tutto il falso
della mia posizione; ma ciò che mi colpiva più dolorosamente, ciò
che più ripugnava alla mia schietta coscienza, era il contegno di
Amelia, erano gli artifizi delle sue occhiate, delle sue parole
a doppio intendimento, la imperturbabile franchezza della sua
dissimulazione.--Quel giovine marito e quella giovine donna, seduti
l'uno accanto dell'altra sul medesimo divano, rappresentavano un
contrasto di caratteri che era tutto in favore del marito. Fra la
schiettezza e la menzogna, il mio cuore non esitava. Io non poteva
a meno di sentire che in quel momento Edmondo rappresentava la
parte più nobile. Quella donna, così abile a fingere col marito e
così disinvolta ed ardita nell'ostentare la sua finzione dinanzi
all'amante--dinanzi a me, che ero a parte del suo segreto--provocava
nel mio animo una reazione di sentimenti che era tutta a vantaggio
di lui.--Io non avrei dovuto assistere a quel colloquio... avrei
dovuto uscire dalla stanza... Ma ero tanto istupidito dalla mia falsa
posizione!... E la signora, cogli occhi e colla mano, faceva tanti
accenni telegrafici!... Che serve? Io non ho la pretesa di essere uomo
di spirito, ma so che anche gli uomini di spirito facilmente diventano
cretini dinanzi a certe eventualità della vita galante create dalla
donna.--Io credo che le donne siano tutte _genii_ nell'arte di far
all'amore!


XV.

--Ebbene!--disse Edmondo, levandosi in piedi--facciamo a tuo modo!
Poichè ti senti spossata e malata, tu rimarrai nella tua stanza....
ti coricherai--- e frattanto io andrò a fare un giro sotto la luna.
Laggiù a Milano si moriva dal caldo, ed ho proprio bisogno di empirmi
il polmone di questa buon'aria campestre... Se il signore volesse
accompagnarmi...?

Amelia mi suggerì la risposta con un'occhiata fulminante... Ma io non
ebbi il coraggio di secondarla... e in luogo di improvvisare una scusa
qualunque, mi lasciai sfuggire un _volontieri_, che fece impallidire la
signora.

Il signor Edmondo strinse la mano di sua moglie, promettendo di tornare
bentosto; e mentr'egli cercava il cappello, la signora Amelia mi
diede la _buona notte_ con un accento _marcatissimo_--e dopo averci
accompagnati fino alla porta, si degnò di soggiungere un _a domani_,
che voleva accennare da una possibile amnistia.


XVI.

Il signor Edmondo Della Rosa non poteva farsi un altr'uomo da quello
che egli era per questa sola ragione, che io aveva bisogno di
giustificare i sentimenti e la condotta di sua moglie, come anche di
sorpassare ai miei scrupoli. In quella breve escursione notturna, in
quel primo colloquio espansivo io dovetti necessariamente convincermi
di aver a fare con un perfetto gentiluomo, con un carattere nobile ed
aperto, con un cuore da artista.

Edmondo sentiva il bello della natura e traduceva le proprie
impressioni con parole animate e faconde. Sapeva a memoria e citava
opportunamente i brani più sublimi dei nostri poeti. Questi versi, mi
diceva, attraversarono la prosa della società nella quale mi è toccato
di vivere, ed è miracolo che non siano naufragati con tante altre
illusioni!

Tutto ciò mi è stato rivelato da lui in un lungo monologo, interrotto
per mia parte da certe esclamazioni melense, da certe mezze frasi, che
mi davano l'aria di un _pertichino_ da cavatina--Ma poi, gradatamente,
la conversazione prese forma di dialogo. Alle sue espansioni risposero
le mie--i nostri cuori si misero all'unisono,--e in quella ineffabile
corrispondenza di principii, di idee, di sentimenti e di affetti, noi
ci riconoscemmo amici.

Amici!--sì, lo eravamo dopo poche ore--e forse lo siamo ancora al
momento in cui sto scrivendo queste linee, sebbene Edmondo da alcuni
mesi mi abbia levato il saluto. E se mai avessimo un giorno ad
incontrarci, od egli potesse penetrare le misteriose ragioni del nostro
distacco... Allora...! Ma pel bene di... tutti, è necessario che ciò
non avvenga.


XVII.

Un passo dopo l'altro, ci eravamo discostati circa tre miglia dello
_Stabilimento_, seguendo una stradicciuola abbastanza seducente per due
dilettanti di paesaggio quali noi eravamo--una stradicciuola piena di
sassi e di perfidie.

--È tempo di rientrare! esclamò Edmondo vivamente. Le donne hanno
ragione.... Qualche volta noi altri mariti commettiamo, senza
avvedercene, dei tratti così poco galanti, delle scortesie... La
mia povera Amelia sarà là ad aspettarmi... Ella avrà a dirmi cento
cose... delle corbellerie... vorrà narrarmi i piccoli scandali della
stagione.... vorrà sapere le cento bagatelle della nostra Milano...
Le avevo promesso di tornare così tosto!... Ed ecco... sentite?....
battono le ore... Undici ore! Affrettiamoci un poco... Quella povera
Amelia!.... Mi par di sentirla.... quando io sarò rientrato da lei...
E questa volta io sarò costretto a subire la mia lezione senza dir
verbo, come un discolo di fanciullo che ha mancato alla scuola!

Al nome di Amelia, io provai quel medesimo brivido che poche ore prima
mi avea sorpreso allorquando l'Angiolina era entrata nella stanza della
sua padrona per annunziare l'arrivo di Edmondo. La donna che io aveva
amata, od almeno desiderata e corteggiata per quindici giorni--la donna
che già tanto mi aveva concesso, e alla quale, senza scrupolo e senza
rimorso, io aveva predicata la infedeltà coniugale come un diritto
di rappresaglia--quell'Amelia che io aveva istigata alla colpa, che
all'indomani, data una occasione favorevole, perseguitata da nuove
insistenze, avrebbe forse ceduto... Or bene: da due ore essa era
la moglie di un uomo che io non poteva a meno di apprezzare, di un
uomo probo e leale, che mi aveva profferto la sua amicizia, a cui io
dall'interno del mio cuore avea risposto col nome di amico!

Rimasi paralizzato. Le parole mi vennero meno. Edmondo, senza avvedersi
del mio turbamento, proseguiva coll'usata spigliatezza:

--Presto! vediamo di accelerare il passo per quanto ce lo permettono i
ciottoli della via.... Non troppo! non c'è ragione che io vi esponga a
slogarvi una tibia... perchè io giunga più presto a far le mie scuse
a madama.... Per riparare ai miei torti... vediamo!... occupiamoci un
poco di lei... Non mi avete detto nulla delle vostre passeggiate...
delle vostre escursioni alla campagna.... Dite la verità: qualche volta
vi sarete annoiato.... Una donna, come la mia Amelia, non è sempre
una compagnia divertente..... Non tutti sono disposti a intrattenersi
di quei nonnulla che ronzano eternamente nella sua testolina....
Ella non manca di un certo spirito... di un certo talento.... ma
l'educazione che si dà alle nostre donne... Come si fa? Noi altri
giungiamo troppo tardi per dare alle nostre mogli un indirizzo più
ragionevole... E dall'altra parte, che volete?... nella donna io
amo tutto quello che caratterizza il sesso... Le frivolezze, le
bugiuzze, quei piccoli errori, quei capricci dello spirito hanno anche
essi il loro lato seducente. È poi tanto buona, tanto onesta, quella
mia creatura... Vuol essere corteggiata... vorrebbe avere intorno
una corona di adoratori--sapete perchè?--anche questo è un capriccio
abbastanza piccante. Perchè mia moglie non si tiene paga di sapersi
amata--ed io l'amo con tutto il mio cuore: ella pretenderebbe che io
fossi geloso.... che io dessi nelle smanie..... che io mi battessi
ogni giorno con alcuno di questi rivali imaginari.... Adorabile,
non è vero?--Ma qualche volta, ve lo confesso--ciò mi disturba e mi
impazienta.... Ella mi vuol troppo bene, la mia povera Amelia.--Vorrei
che mi amasse più ragionevolmente... Come l'amo io, per esempio. Io la
ritengo onesta a tutta prova, incapace di un pensiero riprovevole....
Ebbene: come si fa ad essere gelosi?... Pure, di tempo in tempo,
conviene giuocare qualche farsetta... tanto per secondarla. Oggi,
per esempio, arrivai inaspettatamente da Milano..... come un geloso
che sospetti, che voglia sorprendere.... Non potete figurarvi quanto
ella gusti tali scene..... Ella non crederebbe al mio amore, ella
forse cesserebbe di amarmi, se tratto tratto non le fornissi queste
prove di diffidenza, se non la sollecitassi con queste farse da
Otello!... Tutte le sue lettere sono piene di misteriosi adoratori,
di reticenze allarmanti.... Appena giunti a Trescorre, mi scrisse di
voi... volle farmi supporre che qualche altro la perseguitasse di
omaggi e di profferte amorose... Che volete? io rido... Qualche
volta fingo di adombrarmi.... più spesso mi sforzo di convincerla
che il vero affetto non può basarsi che sulla reciproca stima, sulla
fede più illuminata.... Che fare? Oggimai dispero di convertirla...
E d'altronde, poichè queste sue velleità non dipendono, in ultima
analisi, che da un falso concetto dei sentimenti umani.... lasciamo
correre e tolleriamo... Io so di essere amato e ciò mi basta.... E
guai per me se dovesse cessare una tale convinzione, che è la gioia
segreta, che è l'orgoglio della mia esistenza.... Amelia non comprende
i miei gusti per le lettere e per le arti--ma ella è artista sublime
nelle ricercatezze della sua toeletta, nelle cure che ella prende per
farsi bella ed amirabile. Questo talento delle mogli costa un po' caro
... Non importa... Io lo comprendo e lo apprezzo. Quando Amelia si
mette un abito nuovo, quando ella si abbellisce di nuovi adornamenti,
io sento che ella vuol dirmi:--Edmondo smetti i tuoi libri... la tua
tavolozza... e vedi un poco se non hai torto di perdere tante ore a
vagheggiare l'idealismo, mentre io ti offro una realtà le mille volte
più incantevole!.... Ma io mi trattengo in un argomento che per voi non
può avere interesse.... Perdonate ad un marito, che non ha cessato di
essere amante... Frattanto abbiamo rifatto il nostro cammino... Se la
mia compagnia non vi tedia, se amate passeggiare di buon mattino, io
verrò domani a svegliarvi... Faremo una gita lunga... sbozzeremo de'
paesaggi, e parleremo di tutto. Ebbene? convenuto?

--Convenuto!

--Badate che io mi sveglio di buon'ora... Verso le cinque io busserò
alla porta della vostra camera.

--Ed io vi prometto che alle cinque sarò in piedi... ad aspettarvi.

Entrati nello stabilimento, ci separammo con una stretta di mano, che
questa volta era cordiale da ambo le parti.

Al momento in cui io metteva la chiave nell'uscio, l'Angiolina mi si
fece incontro e con aria misteriosa mi porse una lettera.

La presi tremando--mi rifugiai come un colpevole nella mia stanza--e
lessi:

«Io non credo che mio marito vorrà sacrificarsi a passare con me
la giornata di domani.... Ho già l'anticamera ammorbata dalle sue
vernici. Ciò mi prova che egli è venuto a Trescorre per copiare dei
paesaggi.... Voglio sperare che non vi sarete offerto di andare con lui
a sostenergli la tavolozza... piuttostochè rimanere allo stabilimento
a curare una povera malata...»

È inutile avvertire che questa lettera senza firma era scritta da...
lei.


XVIII.

Per tutta quella notte non potrei chiuder occhio.--Due figure mi
stavano sempre dinanzi--un marito ed una moglie--un uomo ed una
donna, i quali parevano disputarsi le mie simpatie, provocare una mia
determinazione.

Dalla parte di Amelia stavano le seduzioni del sesso e della
voluttà--dalla parte di Edmondo le attrattive di un nobile cuore,
di uno spirito elevato, di un carattere omogeneo, tutte doti che
conciliano benevolenza e rispetto.

Edmondo adorava sua moglie--l'adorava colla fede più ingenua--e
quell'amore pieno di tenerezza, quell'amore indulgente e benefico
rifletteva una luce sfavorevole sulla frivolezza vanitosa, sulla
indifferenza della donna.... incapace di comprendere un affetto sì vero
e già pronta a tradirlo.

Il mio cuore propendeva per Edmondo--passando dall'una all'altra
figura, il mio pensiero si arrestava di preferenza innanzi a quella
che era la più degna di benevolenza e di stima. La bellezza di Amelia
scoloriva, perdeva il suo fascino seduttore. Quelle forme voluttuose di
femmina divenivano trasparenti, e sotto quelle io scorgeva un povero
cuore, sterile di affetti e viziato dalla educazione.

Ella!.... disconoscere il nobile carattere di quell'uomo!....
adorata.... atteggiarsi a vittima!.... tradirlo!.... Ciò era
indegno.... era infame....!

E fu proprio su questo atto di accusa che una ipotesi fatale mi balenò
nella mente.... Mentre io mi sdegnava con lei, mentre io lanciava
la tremenda condanna, improvvisamente fui assalito da questa grave
riflessione:

«Se il mio marito sapesse!»


XIX.

Ebbene: se il marito sapesse, qual sarebbe il più svergognato fra te e
quella donna?

Mettiti là, galantuomo--al posto di lui--vicino a questa Amelia,
che ora ti apparisce così frivola, così rea, così indegna della tua
stima!--Ed egli--il marito che sa--vi giudichi entrambi.

Ieri a sera tu gli stringevi la mano, a quell'uomo leale e
simpatico--tu accoglievi i suoi ringraziamenti, le sue profferte
amichevoli. Edmondo espandeva il suo cuore nel tuo; ti metteva a
parte de' suoi segreti. Ti diceva: io amo quella donna e ne sono
riamato--ti svelava il segreto della sua felicità, colla piena fiducia
di parteciparla a un cuore onesto e sincero al pari del suo. Meno male
s'egli avesse ostentato quell'indifferenza volgare, o meglio quel
brutale cinismo che è proprio dei mariti di buon genere--se egli ti
avesse ripetuto gli ignobili ritornelli; mia moglie io la considero un
arnese, un mobile di casa, nè più nè meno--è forse possibile amare la
propria moglie?....

Ma nulla di tutto questo.--Edmondo, il tipo più amabile di galantuomo,
era anche l'ideale più adorabile dei mariti. Non vi era pretesto per
lei, come per me non vi era scusa possibile. Se non che, da parte
mia c'era un altro ritegno alla colpa, c'era un nobile sentimento
che resisteva alle attrattive della voluttà--la stima e la simpatia
per Edmondo. La piccola mente, il piccolo cuore di Amelia poteva
disconoscere le doti eminenti del marito; ma io che a primo abbordo le
aveva comprese ed apprezzate, io non poteva senza rimorso e vergogna,
farmi complice di Amelia nell'oltraggiare quell'uomo.


XX.

Ho riprodotto incompletamente le agitazioni, le lotte, i tormenti di
quella mia lunga veglia.

Allo spuntare dell'alba, scesi dal letto, apersi le griglie e mi
appoggiai al davanzale della finestra. I colombi uscivano a coppia
dalla piccionaia, e svolazzavano nel cortile perseguitandosi,
beccandosi spietatamente per gara di amore--i passeri si gettavano
a stormi sul gelso, e le foglie agitate esprimevano un immenso
tripudio;--il garzone di stalla, uscito ad abbeverare le sue bestie,
salutava la giovane lattivendola con occhiate che erano baci e
carezze.--Tutti gli animali obbediscono alla legge dell'istinto...
Nessuno è tanto stolto.... tanto ribelle ai moti della natura che,
data una occasione favorevole, si arresti a riflettere i pericoli, a
tormentarsi con iscrupoli vani, a calcolare se sia bene o se sia male
ciò che alletta lo spirito e il senso. Corriamo all'amore, al piacere,
alla donna!.... Che importa, se questa donna così ben disposta a
secondarci....

In questo punto udii battere tre colpi alla porta. E provai ancora una
volta la scossa, il brivido dell'uomo sorpreso in delitto.

Apersi--Edmondo entrò nella stanza. La sua fronte, i suoi occhi erano
sereni come l'alba.

--Ah! non credeva trovarvi in piedi, mi disse--accostandomi all'uscio
della vostra camera, sono rimasto in forse per alcuni minuti fra il
bussare e l'andarmene tutto solo per la mia escursione campestre.

Io aveva dimenticata sul tavolino la lettera di Amelia--non potei
articolare parola prima di averla raccolta e posta nelle tasche del mio
soprabito.

--Amelia mi ha dato piena libertà per tutta la giornata, riprese
Edmondo--ed io sono molto ben disposto a profittare della sua
condiscendenza. Non vorrei obbligarvi ad un sacrifizio superiore alle
vostre forze.... Via! siamo sinceri!.... La campagna non può avere
per voi delle grandi attrattive, sopratutto con questi calori!....
Io non vi tengo obbligato dalla vostra parola, non voglio imporvi un
sacrifizio....

--Ma no.... vi assicuro al contrario....

--Che serve? Amelia mi ha messo in guardia contro le vostre proteste
... Diamine!.... Io posso andar in volta da solo a calunniar la natura
co' miei pennelli, ma questa non è ragione perchè un amico debba sudare
fra la polvere ed il sole tutta una giornata di luglio!.... Bando ai
complimenti! Rimanete!..... Io sarò di ritorno verso le quattro....
Pranzeremo insieme... e stassera.... nel caso vi sentiate in lena
di far qualche passo al chiaro di luna, io mi farò un piacere di
accompagnarvi.

--In verità non so comprendere....

E rimasi a mezzo della frase, comechè io riconoscessi di profferire una
menzogna.

--Volete che io mi spieghi più chiaro?--soggiunse Edmondo col suo
sorriso più amabile.--Non è vero che pochi giorni sono avete confessato
a mia moglie che non vi è cosa più detestabile per voi quanto il
battere la campagna pel solo gusto di fare dei passi e di ammirare ciò
che si vede a tutt'agio dalle vostre finestre? Ebbene: mettete che ella
si sia fatta un dovere di avvertirmene, mettete che poco fa, quando io
usciva dalla stanza, Amelia mi abbia detto: io ti prego di risparmiare
quel nostro povero amico che probabilmente non ha nessuna voglia di
seguirti...! E dopo ciò: a parte ogni scrupolo.... trattiamoci da veri
amici.... e a rivederci.... alle quattro.

La buona fede, la ingenuità, la schietta natura di Edmondo spiccavano
da queste parole siffattamente, che io sentii una vampa di rossore
espandersi sul mio volto. Quella donna che si faceva istromento del
marito a' suoi disegni colpevoli, che spingeva il più affettuoso, il
più tenero degli amanti a rappresentare la parte del mezzano e del
complice, mi apparve in quel momento un essere degradato e deforme.

Arrossii per me stesso, per lei, per tutti.--Volli parlare, ma il
coraggio mi venne meno. Non potendo smentire quella donna, avrei dovuto
sostenere a mia volta la parte dell'ipocrita; dinanzi a quel carattere
integro e leale rappresentare una menzogna abbominevole.

Edmondo, interpretando il mio turbamento nel senso che per lui era più
verisimile, mi battè amichevolmente sulla spalla--e acceso uno zigaro:
Così va bene!--mi disse--vedo che mia moglie ha detto il vero, e che
voi siete un amico quale io lo desiderava.--Tenete compagnia ad Amelia,
e preparatemi un lieto pranzo.

Dopo queste parole, Edmondo si allontanò. Io gli tenni dietro fino
alla scala, e a stento ebbi il coraggio di profferire una mezza frase:
«Poichè voi... lo credete....»

Rientrai nella mia stanza coll'animo agitato. Io sentiva che quell'uomo
aveva ottenuto una piena vittoria, che io non aveva più il diritto di
discutere la mia risoluzione.

In tutta fretta finii di abbigliarmi, discesi nel cortile, e con rapidi
passi, come un uomo inseguito, mi allontanai dallo stabilimento.

Qual'era la mia meta? io l'ignorava--il mio scopo era di allontanarmi
da una donna, di sottrarmi ad una tentazione. Io camminava per le
strade più ignorate e più deserte, mi soffermava sotto un albero, mi
sedeva sopra un macigno per asciugarmi il sudore e riprendere lena--poi
di nuovo mi gettava nella carriera.

Lettori del mondo elegante: io vi permetto di sorridere--E voi
annientatemi sotto il vostro sarcasmo, o tigri dalla pelle di
velluto!--Io ve l'ho detto alle prime pagine di questa istoria; non
potrò mai arrossire nè pentirmi di avere in quella occasione, ceduto
al sentimento dell'onore, anzichè agli stimoli più solleticanti della
bellezza.


XXI.

Non vi dirò come si passasse per me quella eterna giornata. Verso le
quattro ore, mentre io dirigeva i miei passi allo Stabilimento, dal
quale ero poco discosto, sentii chiamarmi per nome.

Mi volsi. Era Edmondo che tornava dalla sua escursione artistica.

--Voi vedete ch'io sono esatto, mi disse.

Io mi fermai per attenderlo.--Egli mi narrò brevemente i piccoli
episodii della sua giornata--mi mostrò dei graziosi paesaggi schizzati
sul suo _album_--e così, famigliarmente conversando, noi entrammo nel
cortile dello Stabilimento.

Vi confesso che il mio cuore tremava. Sì: io tremava come un fanciullo
al momento di dover ricomparire innanzi a lei..... di dover subire
uno sguardo schernitore, un complimento pieno di crudele ironia. Ma
il contegno della signora valse ben presto a rassicurarmi. Ella aveva
prediposto la scena per quell'incontro--ella aveva contato sovra un
artifizio che, in luogo di assicurarle il trionfo, doveva pregiudicarla
d'avvantaggio nella mia opinione, e rassodare i miei propositi.

La signora Amelia mosse ad incontrarci festevolmente, tutta vezzi,
tutta sorrisi. Non mai l'eleganza della sua _toelette_ mi era apparsa
più studiata, più artistica e, diciamolo pure, meglio riuscita. Le dame
milanesi, che pure hanno tanta prosa nel cervello e nel cuore, sono
tutte poetesse nell'arte di abbigliarsi.

Ella appoggiava il suo braccio (e questo era il gran colpo di effetto,
questa era la prima strategia delle sue vendette)--sì--ella appoggiava
il suo braccio a quello di.... Narciso, che voi, lettori, dovete
conoscere..... quel fatuo pretenzioso e ridicolo, che passava le
sue giornate a cambiarsi le cravatte, a ripetere una quindicina di
_calembours_.

Ed ella si abbandonava a quel Narciso colla famigliarità di un'amica,
di una sorella--lasciando penzolare la sua testa voluttuosa sulle
spalle di lui, e volgendogli degli sguardi che parevano accennare
ad una intimità di desiderii e di accordi segreti. Quel Narciso, o
tulipano, che aveva preso il mio posto così repentinamente, che in
balìa di una frivola donna era divenuto un istrumento di rappresaglie
dispettose, di meschine vendette--in luogo di irritarmi mi fece
sorridere, m'ispirò compassione. Quanto poi alla donna.... tutto
l'incanto della sua bellezza, tutto il fascino era sparito. Io mi
vedeva dinanzi una artefice scaltrita di menzogne e di intrighi, che
ingannava ad un tempo il più affettuoso dei mariti e il più imbecille
dei cortigiani, per punire la mia onesta resistenza, per combattere uno
scrupolo di lealtà, che in quel momento mi rendeva orgoglioso.


XXII.

La mia risoluzione era presa, e oramai nessun artifizio, nessuna
seduzione poteva cangiarmi.

Pranzammo tutti insieme nella gran sala. Io seppi dissimulare il mio
imbarazzo, portando la conversazione sul tema della letteratura e
delle arti, acciò il marito di Amelia avesse campo di sfoggiare tutta
la coltura del suo spirito. Narciso ci interrompeva tratto tratto co'
suoi vecchi _calembours_, e la signora mostrava apprezzarli e gustarli
enfaticamente con certe risatine prolungate, per le quali ella poteva
far brillare due file di denti splendidi e bianchi come perle.

Appena levati da mensa, io posi in campo un pretesto per ritirarmi
nella mia stanza. Salutai cortesemente gli amici, stesi la mano ad
Amelia, e quand'ella mi porse la sua, io la strinsi senza affettazione,
senza darle alcun indizio che potesse in qualche modo rivelare i miei
divisamenti. Appena fui solo, mi posi al tavolino, e scrissi queste
poche linee:

  «_Gentile Signora_,

»Quando riceverete questa mia, io sarò in viaggio per Milano. Vi prego
di perdonare e di obbliare. Il vostro Edmondo mi ha fatto l'onore di
chiamarmi amico; in poche ore egli ha saputo guadagnarsi la mia stima e
il mio affetto più vivo. Rimanendo, io correrei pericolo di demeritarmi
la sua amicizia, di tradire la nobile fiducia che egli ripone nel mio
carattere. È un uomo adorabile vostro marito, ed io per mia parte,
sento di aver già dei gravi torti verso di lui.--Io spero che a Milano
ci rivedremo tutti, e potremo stringere una intimità più degna di noi.
Scrivo due linee ad Edmondo per dirgli che una lettera giuntami da
Milano questa sera fu causa della mia repentina partenza. Nuovamente vi
chieggo perdono, e mi raccomando alla vostra buona amicizia.»

Suggellata la lettera, uscii nel corridoio per confidarla ad Angiolina,
ond'ella il mattino seguente la recasse alla signora.

Poi scrissi ad Edmondo--chiamai il cameriere per aggiustare i miei
conti ed ordinargli di svegliarmi di buon'ora.--Lo pregai di tenermi il
segreto per quella sera, e di attendere l'indomani per consegnare la
mia lettera ad Edmondo.

All'alba del giorno seguente, io saliva sulla vettura che doveva
condurmi a Milano.


XXIII.

Lettori: voi non vorrete astenervi dagli epigrammi--voi avete riso, e
forse ridete tuttora della mia dabbenaggine, ma pure dovete confessare
che il mio racconto fu pieno di moralità.... Ohimè!.... Vorrei pure
lasciarvi questa buona impressione--ma pur troppo quella ch'io vi ho
narrato è una istoria vera--e la verità non può sempre modificarsi a
benefizio della morale.

Io rividi il signor Edmondo a Milano--io rividi anche lei.... la
quattordicesima stella del nostro Olimpo celebrato.

Orbene: credete voi che la mia condotta onesta e leale mi abbia giovato
a qualche cosa?

Misteri del destino coniugale!--Edmondo ed io abbiamo cessato
di chiamarci amici.... Il nostro saluto, incontrandoci, è quasi
glaciale--è il saluto di due cilindri e non più di due cuori.

Alla Scala, nel palco di Amelia, veggo ogni sera il mio bel
Narciso, che ostenta la famigliarità pretenziosa del seduttore
soddisfatto.--Nell'alta società corrono.... delle dicerie un po'
equivoche. Per parte mia, ho motivi di credere che, nel caso di Amelia
e di Narciso, la malignità si mostri anche troppo discreta.

Cosa avrebbe perduto quell'ottimo Edmondo, se io avessi preoccupato la
piazza?....

Nulla....

Conclusione desolante!--Il solo che veramente abbia perduto sono io!

Ho perduto le buone grazie di una elegantissima donna--ho perduto
l'amicizia e fors'anche la stima di un uomo eccellente--ed ora ho
perduto il mio tempo a proporre un esempio di virtù e di abnegazione,
che non troverà imitatori.

La chiave di tutto l'enigma è codesta:--Io mi sono arrestato per paura
che il marito sapesse--ma appunto perchè mi sono arrestato innanzi
tempo, il marito ha saputo.--Ed ha saputo dalla moglie, che è quanto
dire a tutto mio danno e a maggior comodo altrui.



Un uomo colla coda



CAPITOLO I.

=Due dita di coda.=


Il contino crollò leggermente la testa, e proseguì di tal guisa:

--Non c'è che dire: Lodovico Albani è un perfetto gentiluomo. Avvenente
della persona, giovane, ricco, elegante... Peccato ch'egli abbia quel
difettuccio! Un difetto da nulla...--tanto è vero che infino ad ora
qui nella borgata nessuno si è accorto?...

--Che! il signor Lodovico Albani avrebbe dunque... un difetto?

--Mi sono espresso con poca esattezza... Non è propriamente un
difetto.... sibbene un accessorio... un ornamento, un vezzo, che la
prodiga natura ha voluto accordargli per una di quelle bizzarie che
essa talvolta si permette... onde variare la specie umana....

--Via signor contino.... voi ci fate morire d'impazienza...

Il parroco e il coadiutore ingrossavano gli occhi e allungavano il
collo come avrebbero fatto dinanzi ad un cappone arrostito con ripieno
di salsiccia.

È d'uopo sapere che don Cecilio Speranza e don Domenico Crescenzio,
parroco l'uno, e l'altro coadiutore nella borgata di L..., detestavano
con fervore cattolico il cavaliere Lodovico Albani.

Quali erano i torti del cavaliere Lodovico Albani rispetto ai due
uomini di Dio?--Molti e gravi.

Lodovico Albani era cavaliere dei SS. Maurizio e Lazzaro, e aveva
acquistato il titolo onorifico coi suoi talenti, colle sue opere
letterarie e scientifiche, con generosi sacrifizi di patriottismo.--I
preti hanno poca simpatia pei cavalieri dei SS. Maurizio e Lazzaro, per
gli uomini di spirito, e meno ancora pei patrioti.

Dippiù, il signor Lodovico, venuto di recente ad abitare la borgata, si
era introdotto nella casa di donna Fabia Santacroce, ed era riuscito
ad istillare nella antica bigotta qualche idea libertina. A dispetto
dei due reverendi, la marchesa aveva accordata al signor Lodovico la
mano dell'unica sua figliuola. Già s'erano fatte due pubblicazioni; il
fidanzato era ito a Milano per provvedere i regali da nozze--al di lui
ritorno la cerimonia dovea compiersi senza indugio.

Tutte le pratiche del parroco e del coadiutore onde impedire questo
pericoloso connubio, erano riuscite vane.

Lodovico Albani, colla sua condotta incensurabile, avea completamente
trionfato delle cabale e dei raggiri..... In paese egli era citato a
modello di onestà. Generoso coi poveri, affabile, modesto, anche in
casa della marchesa, egli sapeva uniformarsi alle pratiche devote,
alle abitudini alquanto rigide della vecchia bigotta, adoprandosi
però lentamente a combatterne i pregiudizi. Dietro consiglio del
futuro genero, la marchesa aveva già introdotte nella famiglia non
poche riforme. I due reverendi non eran più invitati a prendere la
cioccolatta ogni mattina... I pranzi divenivano meno frequenti... Don
Cecilio e don Domenico in casa della marchesa perdevano ogni giorno
qualche residuo del loro potere temporale.

Guardati, o lettore, dall'odio di un prete: dall'odio di due preti non
può guardarti che Dio!

Dopo tali premesse, è facile comprendere con quale ansia, con quale
impazienza febbrile, il parroco ed il coadiutore attendessero le
rivelazioni del contino Tiburzio.

Ed ora mi chiedete; chi è il contino Tiburzio?

In poche parole ve lo presento.

Il contino Tiburzio è un nobile della massa, mediocremente brutto,
mediocremente ignorante, mediocremente maligno. Un bel giorno egli
credette amare la marchesa Virginia, la chiese in moglie a donna Fabia,
ma in grazia del signor Lodovico, egli ebbe una chiara e formale ripulsa

La marchesina consultata del suo voto, avea recisamente ricusato colla
sentenza inappellabile: _è troppo brutto_.

Il contino Tiburzio si sentì trafitto nel profondo del cuore... e
giurò vendicarsi.

Bisognava perseguitare il rivale.... combatterlo.... schiacciarlo...
perderlo nella opinione del mondo...

Pensa, medita, studia. Che si fa? L'arte cattolica dei due reverendi
aveva abortito... Che poteva sperare un uomo del secolo?

Ma l'amore è più scaltro, più maligno dell'odio. Questa volta la
fantasia del contino ebbe un lampo di ispirazione. Scoperta la breccia,
e concepito il piano d'attacco... egli scelse i due preti per alleati.

Io credo che il lettore non abbia d'uopo d'altre spiegazioni...
Ripigliamo il dialogo interrotto.

--Dunque, signor contino; questo difetto?...

--Per carità, don Domenico, non mi fate parlare...! Temo aver già
detto di troppo... Non dimentichiamo che Lodovico è alla vigilia delle
nozze... Poichè finora il difetto è rimasto occulto... lasciamo
correre l'acqua al suo mulino.... ed usiamo prudenza... I maligni
credono che io mi abbia in uggia quel bravo giovine, perchè madamigella
Virginia ebbe il capriccio di accordargli una preferenza che io non ho
mai desiderata.... nè sollecitata.... Egli mi ha salvato da un abisso,
ed io gliene son grato di cuore. Che altro infatti è il matrimonio se
non un abisso coperto di fiori, ove l'uomo precipita inavvedutamente
... e per sempre?

--Signor contino... voi sapete con chi avete a fare... Noi siamo
avvezzi a serbare scrupolosamente il segreto in casi ben più gravi che
non quello di cui ora si tratti... Questo difetto del signor cavaliere
Lodovico non sarà di tal natura da portargli pregiudizio, ove fosse
divulgato. A quanto pare si tratta di una imperfezione fisica, che
certo non è molto rilevante, s'egli ha potuto nasconderla fino ad ora.

--Ah! gli abiti ne celano molte delle magagne!... e delle mostruosità.
Se le fanciulle, prima di scegliersi un marito, potessero penetrare
collo sguardo il fitto velame degli abiti, sono d'avviso che più tardi
non avrebbero luogo tante delusioni, tanti scandali coniugali, tanti
divorzi! Io vi giuro, signor don Domenico, che se alcuno susurrasse
all'orecchio della marchesina il segreto che io solo conosco, queste
nozze andrebbero in fumo, e il mio povero amico dovrebbe allontanarsi
da L... come ebbe già ad allontanarsi da Pavia...

--Il caso è molto più grave che io non avrei immaginato, disse don
Domenico fiutando una enorme presa di tabacco.

--Gli è un caso di coscienza! soggiunge gravemente don Cecilio
Speranza. Perdonate s'io mi permetto di farvi un po' di morale,
signor contino; ma io credo che nella vostra qualità di uomo d'onore,
nella vostra qualità di amico della marchesa, voi siate in obbligo
di impedire gli scandali, di salvare una povera innocente creatura
dall'abisso in cui sta per cadere, di impedire una unione fatale...

--Vi confesso che qualche volta mi è passato per la mente uno scrupolo
di tal genere.... disse il contino Tiburzio, coll'accento della più
viva compunzione.... Povera marchesina! sì ingenua! Sì bella....! Sì
buona! Vi giuro che io ne sento pietà.

--Signor conte!... disse don Domenico, levandosi in piedi...

--Signor don Tiburzio! soggiunse don Cecilio, andando a chiudere la
porta...

--Bisogna salvare questa povera fanciulla.

--Voi lo dovete.

--Voi non potete esimervi...

--La chiesa parla chiaro: _Chi sapesse esservi fra' contraenti,
impedimenti, ecc., ecc., è tenuto a notificarlo a noi_... _quanto
prima_...

--_In caso diverso, incorrerebbe la pena della scomunica._

--Fidatevi a noi, signor conte.

--Rimettetevi al nostro arbitrio...

Il contino esitava:

--Se, come dite voi, signori reverendi, io sono tenuto per dovere di
coscienza...

--E per dover di religione...

--E per ingiunzione dei sacri canoni...

I due preti si fecero a brontolare vari testi latini. Don Tiburzio ad
ogni parola, ad ogni frase, inarcava le ciglia, ed annuiva col capo in
segno della più profonda venerazione.

Le argomentazioni e le citazioni sacre e profane dei due reverendi
erano troppo incalzanti.... Il contino Tiburzio si lasciò strappare
dalle labbra il terribile segreto...

--Ebbene! la responsabilità della mia indiscrezione ricada su voi, che
mi avete istigato! sclamò il contino, atteggiandosi da vittima.... Il
nostro ottimo amico cavaliere Lodovico Albani, ha... nel... fondo....
della schiena...

--Nel fondo della schiena? ripetono i due preti spalancando le bocche
...

--Nel fondo della schiena il nostro amico ha una escrescenza anormale
...

--Una escrescenza anormale!... ripetè don Cecilio, enfiando le gote...

--Un'appendice osseo-muscolosa, ricoperta di pelo, e lunga circa due
dita...

--Una coda!!! sclamano ad una voce i due reverendi, rizzandosi sulla
punta dei piedi...

--Voi l'avete detto! conclude il contino ripiegando la testa
all'indietro. Il cavaliere Lodovico Albani.... il fidanzato della
marchesina Virginia Santacroce.... ha la coda lunga circa due dita!



CAPITOLO II

=La coda si prolunga.=


Sono le dieci del mattino.

La marchesa donna Fabia Santacroce è seduta nella gran sala di
ricevimento.

--C'è là fuori una visita, dice Clementina, posando sulla tavola una
guantiera d'argento...

--Una visita a quest'ora?

--È don Cecilio Speranza.

--Un'altra chicchera di cioccolatta... e il reverendo venga
introdotto!... Questi reverendi sanno cogliere il momento! Essi non
possono rinunziare alle buone abitudini!

Il reverendo parroco di L..., appena entrato nella sala, fece un
profondo inchino, e baciando la mano alla marchesa, lanciò una occhiata
furtiva al cioccolatte!

--Qual buon vento, signor don Cecilio?... Presto, Clementina! Una
chicchera per il nostro degno curato!... Spero che la reverenza vostra
vorrà accettare!...

--Tutto che viene dalla gentilissima... ed onorandissima signora
marchesa...

--Sempre disposta... ai vostri servigi...

--Obbligatissimo alle vostre grazie, colendissima signora marchesa...

Don Cecilio Speranza avea già fatto mezza dozzina di profondissimi
inchini. Appena la fanticella rientrò nella sala per versargli
la cioccolatta, il reverendo si assise, tolse dalla guantiera un
biscottino, e immergendolo devotamente nella bevanda profumata, prese a
parlare di tal guisa:

--Non è il caso, o il solo piacere di farvi una visita, che oggi mi ha
condotto da voi, colendissima signora marchesa.... Io debbo parlarvi di
un'affare assai grave, debbo svelarvi un segreto, dal quale dipende il
decoro della vostra casa, l'avvenire della vostra famiglia, l'onore,
la pace, la tranquillità della vostra amabilissima figliuola in questo
mondo, e la sua salute eterna nell'altro... Siete voi ben sicura che
nessuno possa spiare le nostre parole?...

La marchesa suonò il campanello.

Clementina ricomparve.

--Bada che nessuno deve entrare in questa sala, nè tampoco avvicinarsi
alle porte, disse la marchesa alla cameriera in tono solenne. Io debbo
conferire col signor don Cecilio di affari molto importanti...

La cameriera fece un inchino, girò intorno uno sguardo scrutatore, uscì
dalla sala, fece traballare l'anticamera con quattro salti rumorosi,
poi leggiera, leggiera, sulla punta de' piedi, tornò presso la porta, e
pose l'orecchio al buco della serratura.

Don Cecilio Speranza, con voce pecorina riprese a parlare:

--Voi non ignorate, signora marchesa, quanto amore io porti alla vostra
nobile e generosa famiglia, quanto mi stia a cuore il vostro decoro,
e qual sentimento di predilezione paterna mi leghi a quella cara e
buona fanciulla che è la marchesina Virginia. Io l'ho battezzata,
io l'ho iniziata alla prima comunione, l'ho diretta fino dai primi
anni co' miei consigli, colle mie esortazioni, sia in casa, sia nel
sacro tribunale di penitenza... La vostra Virginia mi ha sempre
ascoltato... mi ha sempre obbedito... Grazie agli aiuti della divina
provvidenza, ella è cresciuta nel santo timor di Dio... In una parola
ella è degna figlia di una madre, che noi abbiamo sempre citata come
modello di tutte le virtù.

La marchesa crollò leggiermente la testa, facendo un sorrisetto di
compiacenza.

--Era a desiderarsi, che a complemento di tante belle doti, quella
santa fanciulla prediletta da Dio vivesse mai sempre fra le dolcezze
della verginale innocenza... Ma questa vocazione delle anime elette
non è oggidì molto comune alle fanciulle... all'età di sedici anni
quasi tutte propendono verso il sesso più forte.... La vostra buona ed
amabile Virginia in ciò seguì l'esempio delle altre...

--E di sua madre... interruppe la marchesa sorridendo.

--Il che prova, soggiunse don Cecilio inchinandosi, che anche nello
stato coniugale si può vivere santamente... purchè la donna sia tanto
avventurata da trovare un degno marito...

--Io vedo a che tendono questi vostri preliminari, disse la marchesa
con qualche impazienza.... Trovereste forse a che dire sulla scelta da
noi approvata... Avreste mai qualche dubbio sul carattere e sulla
onestà del signor cavaliere Lodovico, il fidanzato di nostra figlia?...

--Iddio mi guardi dal nutrire il menomo sospetto sulle doti morali di
quell'ottimo giovine! rispose don Cecilio ponendo la mano al petto; ed
è appunto perchè io l'amo assai, e lo stimo, e vorrei dissipare ogni
ombra di dubbio...

--Vedete dunque ch'io ho colto nel segno, disse la marchesa alquanto
turbata... Qualcuno ha cercato insinuare nel vostro animo...

--Non nego... Il caso ha voluto che giungessero al mio orecchio certe
voci...

--Ebbene, che hanno trovato a dire i maligni sul conto di questo nobile
cavaliere? chiese la marchesa con vivacità. Badate, don Cecilio, che io
sono in questa casa la ammiratrice più entusiasta del signor Lodovico.
Se alcuno osasse dubitare della sua virtù...

--E chi mai l'oserebbe, signora marchesa? Io vi assicuro che, quanto
al morale, io vi starei garante pel vostro futuro genero. Ma vi hanno,
o signora marchesa (e don Cecilio immerse un altro biscottino nella
cioccolatta), vi hanno certi difetti organici.... leggeri... di nessun
conto, che facilmente si possono dissimulare... coprire....

--Oh! sta a vedere che qualcuno è venuto a dirvi che il signor Lodovico
Albani ha il gozzo o la gobba?... Egli! il più avvenente, il più
perfetto gentiluomo, che abbia posto piede nelle mie sale!

--Di tale avviso pochi mesi or sono erano tutti gli abitanti di
Pavia, dove quell'eccellente amico era stato inviato dal Governo come
segretario di Intendenza. Colà pure il signor Lodovico in breve tempo
era divenuto l'idolo delle società eleganti e sopratutto delle donne...

--Lo sappiamo...

--Colà pure.... egli aveva trovato una giovinetta di casato nobile e
ricco, alla quale stava per unirsi in matrimonio...

--Lo sappiamo...

--Ebbene, lo credereste, signora marchesa? Quando si venne a sapere che
il signor Lodovico Albani aveva una certa imperfezione fisica... un
certo prolungamento...

--Un prolungamento! ripetè la marchesa credendo comprendere. Ma siete
voi certo, che il signor Lodovico Albani abbia un prolungamento?

--Perdonate, signora marchesa, se io debbo scendere a certi particolari
che per avventura devono offendere il vostro orecchio delicato. La
coscienza e il dovere soltanto mi spingono a parlare... Quanto vi
narro mi fu riferito da persone degne di fede... da uomini onesti e
prudenti... Il signor Lodovico Albani, come poco dianzi io vi diceva,
avrebbe dunque un muscolo superfluo...

--Che orrore! Ma chi dunque ha potuto sapere...?

--_Relata refero_... Non appena in Pavia si ebbe sentore che il
signor Lodovico era in trattative di matrimonio colla figlia di un
ricco e nobile fabbricatore di formaggi, una rivale gelosa.... che
probabilmente era stata in intimi rapporti col nostro gentiluomo...
divulgò il fatale segreto... In meno di una giornata tutta la città
seppe che il segretario del regio Intendente... aveva una coda!

--Una coda!!!

--Sì, una coda lunga quattro dita; disse il reverendo, facendo il segno
della croce.

--Quattro dita di coda! ripetè la marchesa giungendo le mani.

La cameriera, che stava alla porta origliando, si alzò lestamente,
scese le scale, venne in cucina, adunò il cuoco, i camerieri, ed i
guatteri..... e fattasi in mezzo al circolo:

--Sapete che c'è di nuovo?...

--Che c'è Clementina?...

--Lo sposo della signora Virginia...

--Il signor Lodovico Albani!...

--Il signor Lodovico... Albani... Ma silenzio... che nessuno lo
sappia per carità!.... Io l'ho udito poco dianzi per caso da don
Cecilio Speranza.....

--Ebbene!

--Il signor Lodovico... Albani... ha una coda...

--Una coda!!! gridarono il cuoco, i camerieri ed i guatteri...

--L'ha detto don Cecilio Speranza alla marchesa: Il signor Lodovico
Albani, lo sposo di madamigella Virginia... ha una coda lunga un
braccio!



CAPITOLO III.

=Due braccia di coda.=


La marchesa donna Fabia e il molto reverendo parroco don Cecilio
Speranza si intrattennero un buon paio d'ore a discutere sulle code in
generale, e in particolare sulla coda del cavaliere dei SS. Maurizio e
Lazzaro.

Esaurita la questione, la marchesa fece un solenne giuramento che essa
non avrebbe consentito mai che un animale codato sposasse l'unica sua
figliuola. Potete imaginare come il reverendo parroco si partisse
edificato dalla sala della marchesa.

--Ma come trovare un pretesto per sciogliere questo matrimonio?... Come
avrò io il coraggio di dire al signor Lodovico Albani: voi non potete
divenire mio genero, voi non potete sposare la mia bella Virginia
... perchè in fondo della schiena... Quale orrore!!! E come si fa a
persuadere Virginia? Che dirle?.... Ella ama tanto il suo Lodovico!
Ella è sì contenta di queste nozze!....

Mentre donna Fabia passeggia per la sala in preda alla più viva
agitazione, Clementina viene ad annunziarle due visite.

Sono due amiche del cuore, donna Letizia Novena, ed una vedova bigotta
di circa sessant'anni, la contessa Marta Passeroni, donna attempata
e carnosa, ma fresca, gioviale, burlona, che non ha rinunziato alle
galanti avventure.

Le due visitatrici non hanno che a scambiare colla marchesa i primi
complimenti, per accorgersi ch'ella è preoccupata da grave turbamento.

--Che hai tu, mia buona amica? Che vuol dire quell'insolito pallore?...

Donna Fabia risponde con un sospiro.

--Quali novità?... Non tenerci in pena più a lungo; dice la contessa.
Saresti forse malata?

--No!... grazie al cielo... io sto bene di salute...

--Forse la tua cara Virginia...

--Povera Virginia! sospira la marchesa, crollando la testa
coll'espressione del più vivo dolore.

--Malata?...

--Peggio!

--Qualche ostacolo.... qualche impedimento alle nozze?...

--Hai proprio indovinato, mia buona amica. Queste nozze sono divenute
impossibili!...

Donna Letizia Novena torce gli occhi verso la soffitta, mormorando una
giaculatoria in latino.

--L'ho sempre detto io, prorompe la contessa; l'ho sempre detto che
quando nel mondo si incontrano due esseri come il cavaliere Albani e
la tua Virginia, fatti l'uno per l'altra, creati per intendersi, per
amarsi, per adorarsi, per esser felici.... sul più bello il diavolo ci
mette la coda!...

--Pur troppo, mia buona amica!... Il diavolo questa volta ci ha messo
proprio la coda.... Ma una coda vera... reale... una coda mostruosa
... spaventevole!

E qui donna Fabia si fa a ripetere parola per parola quanto le venne
rivelato dal reverendo parroco, non mancando per l'amore dell'effetto,
di allungare altre due dita alla coda dell'infelice fidanzato.

Chi potrebbe indovinare quali diaboliche fantasie si destassero nella
mente di donna Letizia Novena in udir proferire la parola: coda! Ella
fu sul punto di svenire...

--Oh! ma s'ha da sentirne ancora! sclama la vecchia bigotta coprendosi
il volto colle palme. I preti hanno ragione di predire che il finimondo
è vicino! Un uomo colla coda dev'essere indubitamente l'anticristo.

--Io non credo alle baje del finimondo e dell'anticristo, soggiunse
la contessa, ma credo che un uomo colla coda non abbia diritto di
chiamarsi uomo...

--E voi comprenderete, mie buone amiche, prosegue la marchesa
coll'accento della disperazione che io non potrò mai permettere a mia
figlia... di aver commercio con un animale privilegiato di un organo,
che suol essere il distintivo dei bruti...

--Capperi! hai ragione! La povera Virginia morrebbe di spavento!...

E le tre donne stettero parecchi minuti a guardarsi l'un l'altra in
silenzio...

La mente umana, e più spesso la mente femminina, si lascia talmente
soverchiare dalle inattese impressioni, che in luogo di esaminare
i fatti ed i principii, trascorre immediatamente alle conseguenze,
balzando così dall'abisso all'abisso. La contessa Passeroni, dopo breve
silenzio, riportò la questione sul vero terreno.--È egli possibile, che
un uomo abbia la coda? E quando ciò fosse possibile, avete voi qualche
prova che il signor Lodovico Albani goda veramente di questo privilegio?

Donna Letizia Novena avrebbe creduto peccare investigando tali misteri.
Ella si tacque, e cercò distrarre il pensiero dallo scandaloso
argomento, meditando una parabola del vangelo.

La marchesa cominciò a riflettere seriamente...

--Mia buona amica, prese a dire donna Marta.... A me pare che innanzi
di rompere le trattative di matrimonio, innanzi di contristare la buona
Virginia, e di suscitare uno scandalo in paese convenga accertarsi del
fatto, e averne qualche prova. Forse don Cecilio Speranza fu tratto
in inganno da qualche malevolo... Questa coda nessuno l'ha veduta
... nessuno la toccata... Hai detto che il signor Lodovico Albani ha
dovuto fuggire da Pavia in grazia della coda... Ebbene! si scriva
per telegrafo a Pavia! Io conosco il signor Frigerio, socio del club
repubblicano, un novelliere, un chiaccherone che non ha il suo pari....
Egli potrà informarci d'ogni cosa.... Fra pochi minuti avremo una
risposta... Se coda esiste... a monte il matrimonio!

--Questa è proprio una buona inspirazione, dice la
marchesa.--Presto!.... Si spedisca il dispaccio... Il cavaliere Albani
deve tornare domattina.... Prima ch'egli rimetta il piede nella mia
casa, avremo nelle mani le prove di fatto....

La marchesa suonò il campanello, ed ordinò a Clementina di chiamare il
maggiordomo.

Questi, che già sapeva l'istoria della coda, entrò nella sala con
quell'aria di falsa compunzione, che i domestici sanno fingere tanto
bene quando ai padroni tocca sciagura.

--Canella: va all'uffizio del telegrafo, disse la marchesa, e spedisci
questo dispaccio.... Trattasi d'uno scherzo, d'una burla che si vuol
fare al signor Albani.... Sopratutto il massimo silenzio....

Il maggiordomo, appena uscito dalla sala, si arrestò nella camera per
leggere lo scritto.

--Dunque Clementina non si è ingannata.... Dunque c'è proprio di mezzo
una coda! il dispaccio parla chiaro:

 _Signor Frigerio--Persone interessate chiedono se cavaliere Lodovico
 Albani abbia sei dita coda. Risposta subito._

  _Contessa_ MARTA PASSERONI.

E il maggiordomo corse all'ufficio del telegrafo come avesse le ali...

La risposta si fece attendere tre quarti d'ora... Donna Letizia
Novena, malgrado i suoi scrupoli, malgrado il profondo orrore ch'ella
avea manifestato per lo scandaloso avvenimento, offrendo al Signore un
sacrifizio di insolita pazienza, rimase immobile sul suo seggiolone...

La marchesa guardava ad ogni tratto il pendolo dorato che stava sul
camino... Contava i minuti... imprecava alle lentezze del telegrafo.

La Passeroni, meditando in segreto sulla natura del nuovo fenomeno,
avea insensibilmente concepito una specie di simpatia per la coda del
signor Albani. Ella avrebbe speso mille franchi per vedere co' propri
occhi qual sia l'effetto d'una coda applicata ad un essere ragionevole
...

Finalmente i tre quarti d'ora trascorsero.... Il maggiordomo rientrò
nella sala col dispaccio suggellato...

Donna Fabia lo aperse tremando....

Attratte al medesimo centro per impulso di curiosità magnetica, le
teste delle tre donne si urtarono...

Lorenzo Frigerio, il fiero repubblicano di Pavia, interpretando a suo
modo il dispaccio della contessa, avea succintamente risposto:

 _Albani Lodovico due braccia coda--perciò segretario Intendenza, presto
 deputato._

--Due braccia di coda! sclamò il maggiordomo!

La marchesa balzando impetuosamente dal seggiolone, sfogò i primi
impeti della sua collera contro il curioso subalterno, apostrofandolo
delle più violenti invettive.

--Povera marchesa! esclamò donna Marta, giungendo le mani.--Oramai non
vi è più dubbio... Conviene rassegnarsi, ed agire...

Donna Letizia Novena uscì dalla sala inorridita.

--Due braccia di coda!!! Ma costui non può essere che il diavolo!



CAPITOLO IV.

=L'arrivo di una coda.=


I mercanti chiudono le botteghe, gli impiegati desertano dagli uffizi,
gli operai cessano dal lavoro.

Già da un'ora la piazza è gremita di curiosi....

Suona il mezzogiorno... Fra pochi minuti la vettura del Ciccino deve
tornare da Milano; con quella vettura giungerà il cavaliere Lodovico
Albani e la sua.... coda.

--È dunque vero? chiede il calzolaio al suo compare falegname.

--Caspita, se è vero!... Il matrimonio è andato in fumo, e la marchesa
ha dato ordine al portinaio che il signor Lodovico non debba metter
piede in palazzo.

--Ma questa coda, chi l'ha veduta? chi l'ha toccata? domanda la moglie
del parrucchiere.

--C'è chi l'ha veduta, c'è chi l'ha toccata, c'è chi l'ha misurata,
risponde una vecchia. È una coda lunga tre braccia.... Bisogna
giuocare il tre di primo estratto.... ovvero il settantaquattro (coda)
e il ventisette (età del signor Lodovico).

Il medico del paese passeggia gravemente tra la folla in compagnia
del sindaco, arrestandosi di tratto in tratto per rispondere alle
interpellanze.

--Che ne dice lei di questa coda, signor dottore? S'è mai dato un
fenomeno più strano, più sorprendente?

--Io non trovo nulla di strano, nulla di sorprendente che un uomo
abbia la coda, risponde il medico. La natura è varia ed infinita
nelle sue produzioni. Chi conosce le cause, non può meravigliarsi
degli effetti. Io respingo l'opinione di quei dotti naturalisti, i
quali pretenderebbero che l'uomo _ad origine_ fosse animale codato, e
che, degenerando le razze, egli abbia insensibilmente perduto questo
accessorio parassita. Ma come in cielo fra milioni e milioni di astri
scodati, vediamo a certe epoche apparire delle comete con una coda
incommensurabile, così non trovo ragione a sorprendermi che il signor
Lodovico Albani riproduca nella specie umana questo grande fenomeno,
che più volte vedemmo ripetersi nelle regioni celesti.

Mentre il vecchio Galeno della borgata spaccia, a chi degnasi
interrogarlo, siffatte teorie, e spiega le misteriose influenze
degli _appetiti_ o _voglie_ femminine, le cause degli aborti e delle
mostruosità; il contino Tiburzio trapassa rapidamente dall'uno
all'altro gruppo, tutto lieto del proprio trionfo. Per istornare ogni
sospetto, egli interroga, sorride, crolla la testa, dà la baia a questo
e a quello, perfino a donna Marta Passeroni, che in tutta confidenza
gli ha mostrato il dispaccio del signor Frigerio.

Don Cecilio Speranza e Don Domenico Crescenzi hanno anch'essi le
loro buone ragioni per mostrarsi increduli. Il secondo è venuto
sulla piazza, ma si tiene in disparte, evitando d'immischiarsi alle
conversazioni. Il parroco è trattenuto in chiesa da donna Letizia
Novena, la quale ha voluto consultare il suo direttore spirituale per
un brutto sogno che ha fatto la notte a proposito della coda.

Ma un grido sorge dalla massa.... poi silenzio solenne.... Tutti
gli occhi si convertono verso il fondo della contrada, ove la
vettura del Ciccino entra rumorosamente. Perchè mai questa folla?
chiede a sè stesso Lodovico Albani, mettendo il capo agli sportelli
della carrozza.--Questa buona gente vuol forse darmi una prova di
simpatia.... Eh! non vi è dubbio!... Si grida: viva lo sposo!.....
Grazie..... bravi e buoni popolani... Io non credeva meritare sì
cortese dimostrazione....

La vettura entra nell'albergo del Pavone.... Tutti i viaggiatori
discendono.... Lodovico Albani, leggiero come un daino, balza di serpa
in un salto....

Sbalordito dalla stanchezza, del sonno, dall'appetito, il giovine
fidanzato non si accorge della ironica espressione dei volti.

Egli non può udire gli epigrammi sommessi dei circostanti....
Se qualche strana parola gli ferisce l'orecchio, è ben lungi
dell'immaginare che a lui sia diretta.

Nello scendere dalla vettura, la mente del giovane sposo fu però
contristata da una grave sorpresa. Perchè mai donna Fabia non è venuta
ad incontrarlo? Dov'è l'amabile Virginia? Ella sapeva del mio ritorno.
Come avviene che ella non si trovi qui a farmi festa, mentre tutto il
paese si è mosso? Ma ecco l'amico Tiburzio.... Egli forse potrà darmi
novelle.... Ben trovato, mio caro contino....

--Ben trovato cavaliere!

I due titolati si danno di braccio, e insieme attraversano la folla,
mentre da ogni parte crescono le risate e i motteggi.

--Vedete come egli cammina! dice il calzolajo..... Eh! non deve essere
molto comodo il portarsi attorno tre braccia di quella mercanzia!

--Ei deve trovarsi meglio di presente che non poco dianzi nella
vettura....! dice un altro.

--Io non so comprendere--osserva il barbiere--io non so comprendere
dov'egli possa collocare tutta quella roba.... Probabilmente è una coda
a criniera come l'hanno i cavalli.

--Scommetto che ei la striglia ogni mattina e la riduce a gomitolo....

--Eh! non v'ha dubbio, dice il sartore. Se ben gli guardate, vedrete,
che il paletot gli fa una piega molto pronunziata presso la spaccatura.

--Povero Lodovico! sospira la Passeroni. Quel giovine ora mi interessa
più che mai... Sì, elegante! sì bello!..... Io poi.... non avrei tanta
paura di una coda.... io!

Lodovico saluta colla mano e col sorriso quanti gli occorrono per via,
ma egli è troppo interessato a chiedere notizie della sua Virginia, per
comprendere il senso di quelle strane conversazioni.

--Tu dunque non sei più tornato in casa della marchesa? chiede Lodovico
al contino.

--Durante la tua assenza, ho creduto mio dovere l'astenermi....

--Ma in paese non sarebbe corsa qualche sinistra notizia?

--No.... ch'io mi sappia.... Ma ieri e ier l'altro io sono stato a
cacciare nelle paludi di Ticino in compagnia di alcuni amici.... A dir
vero, anch'io mi sono meravigliato di non vedere la tua Virginia presso
la vettura....

Usciti dalla folla, al primo svolto di contrada, il conte trovò un
pretesto per allontanarsi da Lodovico. Questi raddoppiò il passo,
e pieno il cuore di tristi presentimenti, si diresse alla propria
abitazione.

Sulla porta stava ad attenderlo una donna, Clementina, la cameriera
di donna Fabia, la confidente di Virginia, altre volte messaggiera
d'amore, ed ora di sventura.

Il volto di Clementina annunziava disastri.

--Mio Dio!.... che sarà mai?

--Entriamo! che niuno ci vegga parlare insieme, disse la fida
ancella.--Io sarei perduta.

--Vieni nella mia camera, Clementina....

--Non posso.... Non ho tempo.... Povera signora Virginia!

--Che è dunque avvenuto?.....

--È avvenuto, signore.... che qualche birbone.... qualche vostro
nemico ha scoperto ogni cosa.... Voi mi intendete.... signor
Lodovico!.... La marchesa sa tutto! La signora Virginia sa tutto! Il
signor curato sa tutto! In tutto il paese non si parla che di questo
brutto affare....

--Ma.... spiegati, mio Dio!.... Cosa si è saputo?....

--Eh! via! non stiamo a fare delle scene.... Io non ho tempo da
perdere.... La mia povera padroncina è là che piange, che si dispera,
che si strappa i capelli....

--Oh! presto! corriamo da lei....! esclama Lodovico, muovendo per
uscire.

--Ci mancherebbe altro, signor cavaliere, per accrescere lo
scandalo!.... Io sono espressamente qui venuta per avvertirvi di
non provocare altri guai.... Il portinaio ha avuto ordine di non
lasciarvi più entrare in casa della marchesa.... Se voi vi presentaste,
nascerebbe una scena.... e al punto in cui siamo bisogna evitare nuove
pubblicità!....

--Ma vorrai tu piegarmi una volta, che vogliano dire tutte queste
novità, tutti questi misteri?...

--Voi lo saprete questa notte.... signor Lodovico.--Virginia avrà forse
il coraggio di parlare... Io non ho potuto resistere alle lagrime,
alla disperazione di quella poverina. Ella dice che non è possibile....
Ella sostiene che qualche vostro, o suo nemico vi ha calunniato.... per
mandar a monte il matrimonio....

--Ah! trattasi dunque di una calunnia! sclama Lodovico.... Ma che
possono aver detto sul mio conto di tanto grave, che la marchesa mi
chiuda l'accesso alla sua casa.... mi tolga il mezzo di giustificarmi?
In questo paese io non ho nemici.... Io non ho mai fatto male ad
alcuno....

--Eh!... lo sappiamo che finora non avete fatto male ad alcuno.... Ma
potreste farne.... e molto.... del male.... alla signora Virginia!.....
signor Lodovico..... Le ho detto che non ho tempo da perdere...
Dunque, sbrighiamoci.... Punto primo: non uscire di casa durante la
giornata, e sopratutto guardarsi bene dal metter piede nel palazzo
della signora marchesa. Punto secondo: questa notte, alle ore undici
precise, trovarvi presso la porticiuola del giardino che mette al
sagrato... Virginia verrà ad aprirvi.... Io sorveglierò perchè
nessuno interrompa il vostro colloquio... Voi vedete ch'io rischio
di compromettermi pei voi....Non domando altro compenso che un po'
di sincerità da parte vostra.... Guardatevi dall'ingannarla, quella
povera figliuola!.... Franchezza! Schiettezza!.... Coraggio!.... Se
non l'avete, tanto meglio.... se l'avete, tanto vale una confessione
sincera.... Badate di non alterare la misura; poichè braccio più,
braccio meno, il matrimonio non avrebbe effetto....

Quella inesplicabile conclusione pose il colmo allo stupore di
Lodovico....

Clementina non attese risposta, e disparve.



CAPITOLO V.

=Non v'è più dubbio.=

Virginia Santacroce, la fidanzata di Lodovico Albani, ha di poco
oltrepassato il terzo lustro, ed è bella come un angioletto.

Non è sorprendente--a sedici anni poche ragazze son brutte. Ciò che
forse recherà meraviglia è il sapere che Virginia Santacroce ha
oltrepassato il terzo lustro nella ignoranza completa di certi misteri
naturali, che oggidì la più parte delle fanciulle all'età di dodici
anni hanno già indovinato per istinto.

È ben vero che Virginia non fu educata in collegio; che nei primi
anni ella non venne affidata alla tutela di una badessa pinzocchera;
che vivendo in una borgata, ove per caso non erano altre fanciulle di
nobile casato, potè scansare le pericolose amicizie e la comunanza non
meno pericolosa de' primi sollazzi infantili.

Nondimeno il fatto è meraviglioso, tanto più che alla tavola della
marchesa pranzavano sovente il reverendo parroco don Cecilio Speranza e
il di lui degno Coadjutore don Domenico Crescenzi, morigerati entrambi
e prudentissimi a tutte l'ore del giorno, fuor che nell'ora della
digestione.

La semplicità, l'innocenza della giovinetta avevano più che la bellezza
affascinato il cavaliere Albani. Ne' più intimi colloqui colla
fanciulla, Lodovico non si era permesso mai una di quelle parole,
uno di quei motti ambigui, di che sembrano compiacersi i giovani
fidanzati alla vigilia delle nozze. Quand'anche gli fosse sfuggita
inavvedutamente una allusione meno sentimentale, Virginia non l'avrebbe
compresa.

Senza tali premesse, il lettore si troverebbe molto imbarazzato a
indovinare per quale accidente il notturno colloquio di Virginia e
Lodovico riuscisse fatale ad entrambi.

Oh! perchè non ci è dato assistere a quella scena di sublime tenerezza,
a quell'ingenuo abbandono di due anime santamente innamorate! Perchè
non ci è dato riprodurre il dialogo vivo, animato, interrotto da
lagrime, da sorrisi e baci più eloquenti d'ogni parola?

Ma i due amanti erano celati dietro un cespuglio, e parlavano a voce sì
bassa, che la fedele Clementina, stando di sentinella a poca distanza,
non riusciva a comprendere un motto.

Il colloquio dei due amanti durò tre quarti d'ora... È verisimile
che l'ingenua e timida fanciulla provasse una istintiva ripugnanza a
profferire la parola in cui si racchiudeva la spiegazione del grande
mistero....

La situazione era molto difficile.... Una marchesa di sedici anni, una
creatura poetica, innamorata, inebbriata di sublimi e caste illusioni,
dover chiedere all'amante, all'essere adorato: è vero e non è vero che
tu possegga una.... coda?!

Io mi appello a voi, o giovanette dall'anima pura ed
ingenua--ditemi--non vi trovereste molto imbarazzate nel formulare una
domanda di tal genere?...

La sventurata Virginia, dopo aver lottato per tre quarti d'ora contro
sè stessa, finalmente ebbe il fatale coraggio....

Immaginate la sorpresa, lo stupore di Lodovico.

--Ella osa... chiedermi.... s'io mi abbia una coda?...

Tutta la poesia, tutte le illusioni, che da parecchi mesi alimentavano
nel giovane la fiamma dell'amore, svanirono al suono di quella orribile
parola.

Poco dianzi mi sono appellato alle fanciulle dall'anima pura ed
ingenua;--ora mi appello a voi, o giovani dall'anima ardente.--Che
avreste fatto, come avreste agito nel caso di Lodovico?

Una tale domanda mi dispensa da ogni spiegazione. Come si comportasse
il giovine fidanzato, nessuno potè mai indovinarlo. Fatto è che
Virginia, balzando poco dopo dal frondoso ricovero, qual se avesse
toccata una serpe, gettossi fra le braccia di Clementina mandando un
grido di dolore, mentre Lodovico si involava per la porticella segreta.

Il grido di Virginia fu udito.

La marchesa donna Fabia, che stava in quel punto alla finestra cogli
occhi fissi alla luna e la mente assorta nella coda, si riscosse,
abbassò lo sguardo, e vide fra i platani del giardino correre una
figura bianca... Il cuore materno indovinò che quella bianca figura
non poteva essere che Virginia.

Sciagurata ragazza...! Ella avrà voluto abboccarsi col signor
Lodovico..... sapere da lui se.... Ma quale imprudenza!.... Quel grido
mi ha commosso le viscere.... Oh! bisogna ch'io sappia sul momento....

E la marchesa uscì da' suoi appartamenti per correre alla stanza di
Virginia....

La povera fanciulla si era gettata sul letto come persona affranta....
E nondimeno, vedendo entrare la madre, ella ebbe forza di levarsi, di
correrle incontro e di gettarsele ai piedi per disarmarne la collera....

Oh! che hai tu fatto... figliuola mia!... A quest'ora!... in
giardino!.... con un uomo.... che forse non è uomo...!

--Per pietà... non rimproverarmi, non affliggermi d'avvantaggio, mia
buona madre!.... Confesso che io mi ebbi torto.... e te ne chieggo
perdono. Quando tu lo dicevi.... avrei dovuto credere.... senza bisogno
di altre conferme.... Mi era venuto un dubbio.... Mi pareva tanto
inverisimile che il mio Lodovico....

--Ed ora?....

--Ora non v'è più dubbio!

--Dunque egli stesso ha confermato?...

--Ma se ti dico, mamma... che non v'è più dubbio!

E all'indomani, per mezzo della solita messaggiera,

Virginia inviò a Lodovico una lettera di formale congedo. Quella
lettera non ammetteva repliche.

Due giorni dopo, il cavaliere Lodovico Albani lasciava la borgata di L.



CAPITOLO VI

=La calunnia.=

Scorsa una settimana, in sul sagrato della chiesa, il contino Tiburzio,
incontrando ii molto reverendo sacerdote don Cecilio Speranza, ebbe con
lui il seguente dialogo:

--Sapete voi, don Cecilio, che è proprio un caso da rimanerne
trasecolati?

--Io non ho la fortuna di comprendervi, signor conte!

--Voglio alludere alla istoria del povero Lodovico.... all'affare della
coda....

--Ebbene? vi par strano che la signora Virginia abbia ricusato di
sposare un mostro, un animale di genere neutro.... un essere intermedio
fra l'uomo e la bestia?

--Non è il rifiuto di Virginia che mi sorprende, colendissimo e
reverendissimo signor curato.... Ciò che mi reca meraviglia è il sapere
che Lodovico abbia realmente una coda...

--Che? non eravate voi sicuro prima d'ora?....

--Io vi giuro, signor don Cecilio, che quando vi ho narrato quella
sciagurata istoria della coda, io aveva intenzione di celiare.... di
fare una burla innocente.... Non ho dunque ragione di sorprendermi in
veder realizzato un fenomeno, che io non credeva esistesse fuorchè
nella mia imaginazione?

Il reverendo cavò di tasca la tabacchiera--fiutò un presa di rapè,
levando gli occhi al firmamento--poi, traendo il contino presso il
vestibolo della casa parrocchiale:

--Mio buon signore--gli disse con voce melata--se è vero quanto
asserite, che la coda del signor Lodovico fu da voi inventata per celia
innocente, conviene ammirare in questo fatto la mano sagace della
provvidenza, la quale talvolta si serve di un errore per condurre
i miseri mortali alla scoperta del vero... Il signor Lodovico era
un uomo pericoloso... Le sue massime, i suoi principî potevano
scandolezzare gli onesti abitanti della borgata.... È bene ch'egli
abbia dovuto ritirarsi.... Sarà prudente non riparlare dell'accaduto,
e lasciar correr l'acqua pel suo letto.... Ciò che è fatto è fatto....
Ricordatevi bene, signor contino--e don Cecilio fiutò una seconda presa
di tabacco--ricordatevi bene, che quando noi preti ci mettiamo la coda,
nè anche il diavolo può impedire che essa produca il suo effetto.

Il contino si inchinò profondamente, e, tornando alla propria
abitazione, gli ricorse alla mente un testo latino ch'egli aveva
appreso in collegio dai reverendi padri gesuiti: _calumniare! aliquid
semper manet_.--Il qual testo parafrasato verrebbe a dire: quando
volete rovinare un galantuomo, inventate pure le più incredibili
calunnie--e il mondo crederà sempre!



Cugino e Cugina.


I.


In una bella sera di settembre (non so bene se splendesse la luna)
partiva da Monza una carrozza diretta verso Milano.

Sedevano nell'interno quattro persone, tre maschi ed una femmina;
e siccome la femmina era più vecchia e più brutta dei maschi, così
per evitare la noia del corteggiarla, questi pensarono bene di
addormentarsi.

--Come russano questi animali! borbottò fra le gengive la vecchia
peccatrice. Poi, lanciando uno sguardo obbliquo al _cabriolet_, e
raccolto il magro ossame in un gran _scialle_ di _chachemire_, cominciò
a russare più sonoramente degli altri.

--La mamma dorme, mormorò Onorina.

--Mi pare che dormano tutti, rispose Federico. Onorina e Federico
erano due ragazzi, la prima di dodici anni, l'altro di dieci, ed
erano belli entrambi come due bellissime rose appena sbocciate. Il
volto di Onorina, sebbene conservasse le tinte ancora freschissime,
avea nondimeno perduta quella vernice infantile, che le donne bionde
conservano talvolta oltre i quattro lustri.

I capelli acconciati con qualche ricercatezza, scendevanle, come
due ale di corvo, dalla fronte fin sotto l'orecchio, dando alla sua
fisonomia una espressione piuttosto severa. Quando una fanciulletta di
dodici anni si pettina come una donna di venti, ed assume il contegno
d'una piccola matrona, è indubitabile che ella ha già perduta buona
dose d'innocenza battesimale. O la notte ne' sogni, o il giorno nei
fanciulleschi sollazzi, per qualche malcauta paroluzza sfuggita alla
governante in un momento di cattivo umore, ad Onorina si erano già
svelati certi misteri, la cui completa ignoranza mantiene sulle guancie
degli adolescenti il sorriso dei cherubini. Oh, come è funesta la
scienza del bene e del male ad un'Eva di dodici anni!

I garzonetti, meno precoci nello sviluppo delle facoltà organiche ed
intellettuali, si dedicano più tardi a certi studi fisiologici, cui il
nostro malvagio istinto ci trae naturalmente. Federico, sebbene educato
in collegio, non aveva fino a quel giorno sospettato che sulla terra
vi fossero altri sollazzi oltre il giocare alla palla e percuotere
un paleo. Egli amava Onorina come si ama una gentile cuginetta, la
sola che dividesse i suoi trastulli nei mesi delle vacanze. Talvolta,
senza malizia veruna, se la faceva montare a cavalcioni sulla groppa,
e, sotto una tempesta di frustate che la cattivella non lasciava
mai di somministrargli, correva.... correva anelante pe' viali del
giardino, finchè sfiniti di forze rotolavano entrambi sull'erbetta.
Quel giocherello pericoloso non esercitava sull'anima di Federico
veruna influenza morale. Troppo egli sapeva investirsi della parte che
rappresentava: per Onorina egli era un cavallo e nulla più; tantochè,
affaticato dalle corse, e dogliosetto per le frustate ricevute, ogni
sera egli si separava da lei per dormire saporitamente, e ricominciare
all'indomani gli interrotti sollazzi.


II.

La vacanza era finita; Onorina e Federico tornavano quella sera a
Milano in compagnia dei parenti, che come ho detto più sopra, si
divertivano russando nell'interno della carrozza. I due fanciulli
occupavano il _cabriolet_, e pareva non avessero alcuna voglia di
dormire e tanto meno di starsene zitti; perocchè l'aria della sera e il
moto della carrozza, che ai vecchi dà sonno, ravviva all'incontro lo
spirito degli adolescenti, che simili ai verginelli fiori si drizzano e
rinverdiscono alla frescura delle rugiade.

--Come le vacanze passano presto! sospirò Onorina, levando gli occhi al
firmamento.

--Fra pochi giorni torneremo al collegio...

--Dieci mesi di reclusione.... e di studio!

--E tu studii, Federico, quando sei in collegio?

--Oh bella! convien studiare per forza; in caso diverso il rettore mi
condanna alla dieta di pane ed acqua... e mi batte con uno staffile....

--Come io, quando si gioca al _cavallo_.

--Oh! le tue frustate hanno ben altro sapore.... Fra noi si fa per
divertirsi....

--Eppure.... mio bel Federico.... bisogna studiare... se vuoi farti
uomo. Fra pochi anni non giocheremo più al _cavallo_.... allora tu
sarai un giovane, ed io non sarò come adesso.... una bambina....
Bisognerà pensare a maritarsi.

--Maritarsi... e perchè dunque?

--Perchè le ragazze si maritano? Bella domanda.... Ma tu devi aver
freddo... mio bel Federico...--E in così dire Onorina gli gittò sulle
spalle un lembo del proprio mantelletto; e tutti e due si tacquero per
pochi minuti.

--Chi sa... Ho qui in mente un gran pensiero... Se noi... ci
sposassimo... Federico?

--Hai tu inteso dire che i ragazzi si sposino?...

--Non dico che ci sposiamo adesso.... ma in seguito... più tardi...
quando saremo grandi...

--Oh! sì.... sì... ci sposeremo... Una volta sposati, non ci
manderanno più al collegio...

--Quando un uomo e una donna si sposano, gli è per vivere sempre
insieme...

--Ed io starò sempre con te, Onorina?...

--Sempre... sempre... fino alla morte!...

--E giocheremo ancora al _cavallo_?

Onorina sorrise, e si tacque.

La carrozza fece il suo ingresso in Milano, arrestandosi poco dopo alla
porta di una modesta casa in contrada Sant'Andrea. I quattro dormienti
si riscossero.

--Presto, Federico, siam giunti, disse il papà diradando la nebbia
degli occhi. Gli sportelli della carrozza si aprirono. Federico strinse
la mano di Onorina, e baciolla in fronte; alla luce del gaz, avresti
veduta una lacrima brillargli nelle pupille. Onorina non piangeva; in
età sì giovanile ella conosceva già l'arte della dissimulazione.

--A rivederci.... l'anno venturo!

La carrozza da cui Federico e suo padre erano discesi, si allontanò
rapidamente; Onorina dall'alto del _cabriolet_ sventolava in segno di
addio il suo bianco fazzoletto.


III.

Sei anni dopo, nel villaggio di Lambrate, Onorina si univa in
matrimonio ad un ricchissimo ex-droghiere milanese, il quale a forza
di convertire il cacao in cioccolatte, s'era comperato non so quante
pertiche di terreno, e si godea tranquillamente in campagna una rendita
annuale di circa trentamila lire. È inutile dire che l'amore non si
era per nulla mescolato in quel faustissimo imeneo. Una fanciulla
appena uscita di collegio non può innamorarsi di un fabbricante di
cioccolatte, che non si distingue dagli altri uomini se non pel suo
prosaico nome di Pasquale, e per un ventre enorme, simile ad un otre
pieno di stoppa mal digerita. Onorina aveva letto dei romanzi; ella
vagheggiava un Arturo o per lo meno un Enrico; ma siccome gli Arturi
ch'ella aveva incontrati nel mondo non possedevano altra ricchezza
fuori di un bel nome e di una bella capigliatura inanellata, i parenti
le ingiunsero di sposare un Pasquale con trentamila lire di rendita.


IV.

Passarono tre anni ancora. I due sposi, se non felici, viveano per lo
meno tranquilli. Onorina si era abituata al soggiorno della campagna;
coltivava i fiori, educava le tortorelle, conversava colle galline
e coi gatti, rassegnata ad una vita di annegazione e di solitudine,
per la quale nei primi giorni di matrimonio sentiva della ripugnanza.
Pasquale, dal canto suo, cercava di soddisfarla in ogni desiderio;
egli avea introdotta qualche riforma nelle proprie abitudini; vestiva
con ricercatezza, si pettinava di tempo in tempo i favoriti, ed aveva
educati, a forza di lardo, un bel paio di mustacchi rosso-bigi,
ch'erano la delizia della moglie. S'egli non avea tutt'affatto
l'aspetto d'un Arturo o d'un Enrico, nessuno in vederlo avrebbe
supposto ch'egli fosse Pasquale Bertoni, il droghiere del vicolo delle
Galline.

Cionullameno i due conjugi pativano ancora un difetto; dopo tre anni di
matrimonio erano tuttavia senza prole. Onorina per distrarsi dalle noie
della campagna, oltre ai gatti ed alle galline, avrebbe amato assai di
educare un gentil bamboletto.


V.

Un bel mattino, ecco entrar nel cortile un _tilbury_ elegante. Onorina
si affaccia al balcone; un giovinotto di circa vent'anni, biondo di
capelli, e senza un pelo al mento, la saluta con dolce sorriso.

--Oh! io t'ho ben riconosciuta.... io... Come ti sei fatta bella!

--Che?.... voi.... siete dunque?

--Voi?.... voi?... Che significa questo voi?

--Federico!....

--Onorina!

I due cugini si riconoscono, e corrono per abbracciarsi. L'una
precipita dalle scale, l'altro ascende con molta fretta...
s'incontrano.... si urtano; e Pasquale, correndo dietro alla moglie,
grida a tutta gola:

--Che furia è codesta? Chi è entrato nel cortile? Chi si è degnato di
visitarci?

--Mio cugino Federico.

--Un cugino! ben giunto! Quale onore!.... Presto! Sgozzate due
capponi.... e intanto, se il signore vuol prendere un cioccolatte....

La parola cioccolatte fa arrossire Onorina. Federico stringe la mano
di Pasquale; questi con mille parole e mille gesti gli esprime la sua
cortesia, poi corre a dar gli ordini, perchè si allestisca un pranzo
sontuoso.

La giornata trascorre rapidamente; Federico intrattiene Pasquale con
mille piacevoli baje; parla di politica, di teatri, di scienza, di
musica, non lasciando di volgere qualche occhiata alla bella Onorina,
che lo contempla e lo ascolta meravigliata. Il pranzo fu servito
sontuosamente.

--Oh! qui in campagna si vive pur bene! esclamava il giovinotto con
certa affettazione sentimentale. Per un uomo, quale io mi sono, stanco
del mondo e delle sue pazze gioie, non vi è soggiorno preferibile a
questo.

--La mia casa è a vostra disposizione, s'affrettava a rispondere il
buon droghiere. Se vi degnate di rimanere qualche tempo fra noi, sarà
per me e per mia moglie un vero favore.

--Basta! Vedremo. E volse furtivamente alla cuginetta una
scelleratissima occhiata.


VI.

Finito il pranzo, Pasquale fu il primo a levarsi da mensa.

--Voi mi perdonerete, signor Federico, se vi lascio per poche ore. Mia
moglie vi terrà compagnia. Presto, Onorina! Perchè non accompagni il
cugino... a vedere la vigna?

Federico balzò in piedi, offerse il braccio alla bella cuginetta, e
tutti e due se n'andarono a passeggiare nella vigna.

Giunsero ad un magnifico pergolato, ov'erano due sedili di marmo
coronati di ellera e di muschio.--Sedettero.

--L'ultima volta che ci siamo veduti, disse Federico, eravamo
fanciulli. Dieci anni sono già trascorsi. Qual cambiamento in dieci
anni! Hai tu dimenticata quella notte... l'ultima che abbiamo passata
insieme? Ci recavamo a Milano... in compagnia dei nostri parenti...
i quali erano nell'interno della carrozza.

--Mia madre dormiva...

--Dormivano tutti..

--Noi eravamo nel _cabriolet_, l'uno accanto dell'altra. Io avevo
freddo... tu mi copristi con un lembo del tuo mantello.

--Che età felice era quella!...

--Tu mi dicevi: Federico, ho qui in mente un gran pensiero... Se noi
ci sposassimo!

--E rammento che tu mi rispondesti...

--Ebbene? qual fu la mia risposta?

Onorina sorrise, e tacque.

Un'ora dopo, i due cugini, l'uno al braccio dell'altro, rientravano
in casa lentamente. Pasquale finiva in quel momento di saldare non so
quali partite ai suoi affittaiuoli.

--Ebbene, diss'egli a Federico, che ne dite della nostra vigna?

--Superba... deliziosa, incantevole!

--Resterete voi qualche tempo presso di noi?

--Purchè mi promettiate di trattarmi senza cerimonie...

--Tutti i giorni come oggi, Federico. Io attenderò ai miei affari, voi
attenderete ai vostri... senza che l'uno dia impaccio all'altro. Sta
bene?

--A meraviglia!


VII.

Federico si trattenne circa un mese alla campagna, ed Onorina fu molto
lieta di visitare tutti i giorni la vigna col suo bel cuginetto.
Rammentando i bei giorni dell'infanzia, i primi innocenti sollazzi, le
illusioni, le speranze, le promesse, è probabile ch'essi provassero
infinito piacere, giacchè più volte rimasero nel favorito boschetto
fino a notte avanzata.

Nel momento in cui Federico montava nel _tilbury_ per tornare a Milano,
Pasquale, dandogli una buona manata sulla spalla: voglio sperare, gli
disse, che questa primavera sarete ancora dei nostri.

--Ve lo giuro!

--Buon viaggio!

--Buon viaggio! ripetè Onorina con voce fioca.

Questa volta Federico si congedava colle pupille asciutte, mentre
invece la cuginetta lasciava sfuggire dalle palpebre una lagrimuzza
mal frenata. A vent'anni gli uomini perdono affatto l'abitudine di
piangere; le donne sembra invece che l'acquistino.

Del resto, i due cugini si rividero la primavera seguente. Pasquale fu
sempre il buono, l'ingenuo, l'onesto Pasquale; Onorina e Federico si
recarono costantemente sotto il pergolato a pascersi di rimembranze
infantili.

Mi viene assicurato che Onorina è al giorno d'oggi la più felice, la
più invidiabile delle spose. Essa ha due figli, che pajono due bottoni
di rosa, e pone in educarli ogni sua compiacenza. Pasquale li ama
anch'egli coll'eguale tenerezza, e sovente, recandoseli in grembo, e
compartendo a quelle guancie rubiconde i più affettuosi baciozzi, dice
alla moglie:

--Si direbbe, che quel nostro cugino ci ha portato fortuna! Dal giorno
ch'egli è venuto a trovarci la vigna ha prosperato, la raccolta dei
bozzoli è andata bene, s'è fatta sempre buona quantità di frumento, e
poi abbiamo avuto anche due figli, che sono belli quanto lui. Dimmi
Onorina: non ti pare che gli somiglino?

--A lui?--risponde Onorina, sorridendo--guardali bene... e vedrai che
sono il tuo ritratto.

Pasquale, sentendosi dar sul muso le naticuzze rotonde de' suoi due
figliuoletti;--è vero, risponde--hanno proprio la mia faccia!



I primi passi alla scienza


Lo stradale che da Milano conduce a Pavia, al cominciare del novembre
1839, presentava l'aspetto di un corso. Era l'epoca nella quale gli
studenti si recano all'Università per corroborare l'intelletto colla
_scienza_, e lo stomaco col vino di Stradella e di Voghera.

L'avvocato Griffanti, il giorno cinque di novembre noleggiò dunque
una vettura per accompagnare il proprio figliuolo Annibale fino alle
porte dell'Ateneo. Il viaggio fu lungo, e le prediche dell'ottimo padre
più lunghe ancora e forse più noiose. Annibale ascoltava, fingeva di
ascoltare, interrompendo di tempo in tempo il buon vecchio con un: _sì,
papà_, accompagnato da un leggiero chinar del capo.

--Figliuol mio, tu mi costi _un occhio della testa_. Dal giorno che io
e tua madre ti abbiam dato alla luce, ho speso pel tuo mantenimento
fisico ed intellettuale diecimila cinquecento trenta lire e sessanta
centesimi. È inutile che io ti faccia notare che più cresci in età, e
più danaro mi consumi. Ad _opera finita_ mi verrai a costare ventimila
lire incirca; somma considerevole, che tu, quando avrai compiuto il
corso degli studi, non saprai riguadagnare in vent'anni d'avvocatura.
Comprendi tu l'importanza e la gravezza dei sacrifici paterni?

--Sì, papà.

--Io potevo destinarti ad un'arte volgare; e forse a quest'ora tu
saresti un eccellente falegname, o un sarto, un parrucchiere, e
guadagneresti di che vivere col frutto delle tue fatiche, ed io sarei
esonerato da ogni dispendio. Tu desiderasti addottorarti in ambo le
leggi: io non mi opposi alla tua _vocazione_. Bada però che siamo
ancora in tempo a far un passo addietro, e se quest'anno non metti
la _testa a partito_, se, trascinato dal tuo mal genio, o corrotto
dalle _cattive pratiche_, non corrispondi alle speranze ch'io ho di
te concepite, l'anno venturo ti mando senz'altro a bottega. Lo studio
dell'avvocatura non presenta grandi difficoltà; a' miei tempi ho veduto
addottorarsi certi pecoroni, che in zucca non aveano due grani di sale;
eppure oggigiorno essi occupano cariche distinte, e sanno farsi pagar
caro anche dai clienti che mandano in rovina. Ma io so che lo studiare
non ti incresce, e da questo lato me ne sto tranquillo...

--Sì, papà.

--Ciò che mi preoccupa maggiormente è il pensiero della tua condotta
_economico-morale_. Ah! quella benedetta economia! Essa è il fondamento
di tutto lo scibile umano. Io credo che, a' miei tempi, un giovane
regolato, in Pavia, poteva passarsela assai bene con venticinque soldi
il giorno, o poco più. È una città dove si vive anche oggigiorno a
buon patto; vi sono delle trattorie dove per quindici soldi si hanno
_due piccole, la minestra e il giardinetto_. Il vino (di cui però ti
consiglio ad astenerti), costa a un dipresso sei soldi al boccale;
come tu vedi, si può quindi con venti soldi circa fare un pranzo
lautissimo. Anche gli alloggi sono a buon prezzo; io spero trovarti una
camera decente per lire quindici al mese. Ecco dunque, pel prezzo di
quaranta lire al mese, proveduto di pranzo e d'alloggio. L'altre spese
di colazione, cena, lavatura di biancheria, libri, penne, ceralacca,
zolfanelli, ponno ammontare ad altre quindici lire; si aggiungano altre
due lire pei _minuti piaceri_, ed ecco con sessantadue lire te la passi
da principe. Non ti pare che io abbia ben calcolato?

--Si, papà.

--Cionondimeno io voglio essere largo. Io ti ho destinata una pensione
di lire ottanta, che riceverai regolarmente, di trenta in trenta
giorni, dal mio corrispondente. Sai tu che a Milano, con ottanta lire
al mese, vivono molti impiegati, i quali hanno moglie e figliuoli, e
fanno una bella figura nel mondo?...

--Si, papà... fanno delle belle figure!... borbotta Annibale fra i
denti.

--Nella valigia troverai una macchinetta per cuocere il caffè, la
stessa di cui mi sono servito io quando studiava all'Università. Il
caffè è una bevanda eccellente per isvegliare lo spirito dopo tre o
quattro ore di profondo studio; nondimeno ti consiglio ad usarne con
moderazione. Una tazza ogni mattina, due tre fette di pane, ed ecco
hai fatta una colazione più che sufficiente. Durante il giorno non ti
consiglio di farne uso, tranne in caso di indigestione; ma un giovane
costumato e dabbene non deve andar soggetto alle indigestioni. Con un
pranzo di venticinque soldi, si previene qualunque indisposizione di
tal genere; nella valigia troverai tanto caffè e tanto zuccaro quanto
ti potrà bastare per due mesi. Posso io sperare che non abuserai delle
larghezze paterne?

--Sì, papà.

--Avverti bene, figliuol mio, che noi non siamo ricchi. Tu hai quattro
fratelli e tre sorelle, alla cui educazione io debbo _pensare_. Alla
mia morte d'altro non vi lascio eredi che d'un nome onorato; in
altri tempi il nome era un _capitale_, al giorno d'oggi gli è quasi
una _passività_. Oh! potessi prima di chiuder gli occhi all'eterno
sonno, vedere i miei figli ben _avviati_! È l'unico compenso che io vi
domando, in mercede del tanto che ho già fatto, e che farò per l'utile
vostro. Annibale, tu devi precedere gli altri coll'esempio... tu
puoi colla tua condotta essere il decoro ed il sostegno della nostra
famiglia, o immergerla nella desolazione e nella miseria. Sovvengati
della tua povera madre... dei savi consigli ch'ella spesso ti ripeteva
... e dirigi ogni tua azione come s'ella ti fosse presente.

--Sì, papà.

Annibale era commosso. La memoria della madre perduta fece in quel
giovine cuore di diciannove anni maggior impressione che non i calcoli
e le esortazioni precedenti. Egli profferì mentalmente la promessa di
essere mai sempre costumato e studioso, e in pari tempo si asciugò
una lagrima dalle ciglia. L'avvocato Griffanti, attribuendo la
commozione del figlio all'effetto delle sue eloquenti parole, sorrise
di compiacenza e d'orgoglio. Il padre e l'avvocato non avevano ottenuto
mai un più grande trionfo.

Quando piacque al cielo, la vettura giunse alle porte di Pavia. Trovata
una camera decente, Annibale vi fece trasportare la propria valigia,
poscia in compagnia del padre si recò a pranzare in una modesta
trattoria, dove malgrado tutte le osservanze economiche, vennero a
spendere circa dieci lire.

Un'ora dopo, l'avvocato Griffanti ha risoluto di tornare a Milano.
Annibale riceve colla massima compunzione le ottanta lire della
pensione e un centinajo di consigli più meno seccanti; il padre ed il
figlio si abbracciano teneramente; questi si avvia passo passo alla sua
abitazione, e poco dopo s'affaccia alla finestra zufolando, unico mezzo
di distrazione per chi non è abituato a fumare dieci o dodici zigari al
giorno.

Ed ecco tre studenti vengono a passare sotto la finestra. L'un d'essi è
un intimo amico di Annibale, un capo sventato, già celebre al liceo di
Sant'Alessandro, per poca volontà di studiare e moltissima volontà di
divertirsi.

--Buon giorno, Annibale!

--Oh! tu pure all'Università?

--Mio padre ha secondata la mia vocazione. Intendo applicarmi alle
matematiche. E tu, da quando sei arrivato?

--Da sta mattina a mezzo giorno.

--Se permetti, vengo a farti una visita, in compagnia di questi buoni
amici.

--Prenderemo insieme una tazza di caffè.

I tre studenti salgono rapidamente le scale, entrano nella camera
d'Annibale, e sedendo chi sulle scranne, chi sul letto, cominciano a
conversare lietamente delle faccende loro. Annibale, per fare onore ai
suoi ospiti, dà fuoco alla macchinetta, e prepara il caffè.

--È permesso?

--Avanti.

--Si può far conoscenza coi nostri vicini?

--Con chi ho l'onore di parlare?

--Con un anziano, che da quattordici anni studia le scienze mediche.

--Ben giunto! Presto; un altro bicchier d'acqua e due cucchiai di caffè.

Il nuovo arrivato è un uomo di circa trentadue anni, di professione
studente, grasso, rotondo, barbuto, un naso fatto a guisa di peperone,
che a forza di immergersi nelle scodellette del vino piemontese, in
sulla punta è divenuto pavonazzo. Nell'entrare egli stringe la mano ai
quattro _matricolini_, ed assumendo un tuono autorevole e misurando a
gran passi la stanza, improvvisa una predica, i cui concetti morali
sono press'a poco del tenore seguente:

--Voi cominciate, ed io ho quasi finito. Gli anni più belli della
vita son quelli che si passano all'Università! guai a chi non sa
profittarne! Gli studi sono un pretesto, un eccellente pretesto per
emanciparsi dalla sorveglianza, dalla tirannia dei parenti. Allegri
dunque, figliuoli! A scuola meno che possibile; la vera scienza si
acquista nelle osterie, fra buoni compagnoni, con un fiasco di vino
sulla tavola. A Pavia, checchè ne dicano taluni, si può passarsela
allegramente; il vino è a buon patto, vi hanno osterie eccellenti,
trattorie e caffè dove si paga metà a chiacchiere, metà a pugni, e
le donne.... per chi sa snidarle... sono belle ed amabili anche qui
come negli altri paesi del globo. Penetrato da siffatte verità, io non
mi sono affrettato di troppo a domandare l'alloro dottorale. Ho già
veduto due generazioni di studenti passarmi dinanzi, ed ho sorriso di
compassione nell'osservare con qual ansia affannosa corrano taluni
verso una meta, che è il principio di tutte le calamità. La laurea
dottorale è la tomba della giovinezza. Figliuoli, io vi metterò
sulla buona strada. Le vostre menti ancora intorpidite hanno bisogno
di una scossa. Tutto dipende dai primi passi, dalle prime lezioni.
Slanciatevi senza paura, e sarete salvi. Io non dubito che voi abbiate
delle disposizioni eccellenti per fare una buona riuscita... Ercole
Roccadura, il decano degli studenti di medicina, vi stende la mano, e
promette scortarvi coi propri lumi, colla propria esperienza.

Annibale e i suoi compagni son commossi di entusiasmo, e, facendosi
intorno all'oratore, con un misto di confidenza e di venerazione, gli
dicono ad una voce:

--Qual fortuna d'aver fatta la vostra conoscenza!

--A scuola meno che è possibile!

--Viva l'allegria! viva le donne... ed il vino!

--Viva gli studenti! Viva il decano Ercole Roccadura!

In meno di un quarto d'ora, nella stanza del giovane studente è un vero
baccanale. Roccadura invita a salire tutti gli amici che passano nella
via; Annibale gli accoglie colla cordialità del perfetto gentiluomo;
la macchinetta suda perennemente a preparare il caffè per ogni nuovo
arrivato, e dopo aver preparato il caffè, suda di bel nuovo per
l'ebollizione dei punchs.

--Che bella compagnia! grida Roccadura, dominando colla sua gran voce
e colla sua gran barba l'intera assemblea. Questo si chiama inaugurar
bene l'anno scolastico! Veggo che il nostro _matricolino_ ha belle
disposizioni... Questi _punchs_ sono eccellenti! Viva gli amici degli
amici!

--Viva! urlano ad una voce gli altri studenti.

--Poichè s'è cominciato, tant'è che si finisca allegramente! Se
invitassimo a prendere il _punch_....... Ah!.... vediamo se le due
Caruccelli stanno ancora qui dirimpetto...?

--Chi sono le Caruccelli?

--Due ragazze... due modiste... di buona volontà... vere figlie
dell'amore... amiche degli studenti... matte per il _punch_ e pel
vino d'Asti.... due ballerine _numero uno_! Ah! vi giuro, se io posso
indurle a passare la serata con noi, me ne avrete all'indomani infinite
obbligazioni.

--Presto, si chiamino le Caruccelli...

--Io mi incarico di snidarle dal loro coviglio e condurvele innanzi
belle e spiumate.

Roccadura esce per pochi istanti, quindi rientra accompagnando le
modiste, che non sono nè giovani, nè belle, nè amabili, e nullameno
vengono accolte dagli studenti con una esplosione di applausi fragorosi.

--Presto! una tazza di _punch_... alle donne... Bella Marietta...
adorabile Carolina...

  Libare a nappo amico
  Spero che a voi non gravi!

--Il _punch_ mi fa male, risponde Carolina.

--Preferirei un bicchiere di vino d'Asti... soggiunge l'altra strega.

--Vino d'Asti! Annibale, presto! si mandi a prendere del buon vino
d'Asti... Al caffè qui sull'angolo... ve n'ha di squisito... Onore,
gloria e servitù al bel sesso!

Le due donne si accovacciano in un angolo della camera. L'una si
diverte a masticar caffè tostato, l'altra, per preparare lo stomaco al
vino d'Asti, trangugia d'un fiato un bicchiere di rhum, che Annibale le
offre recitando una stroffetta di Metastasio.

Poco dopo, Roccadura entra colle bottiglie. La vista del liquore
spumante rianima la festa, cui, per dir vero, la presenza delle
Caruccelli non aveva aggiunto alcun brio. Carolina e Marietta
s'affrettano a vuotare parecchi bicchierini; le loro guancie si
colorano di porpora, gli occhi sfavillano cisposi, le lingue si
snodano, e ai tanti complimenti, alle tante dichiarazioni e proteste da
cui sono assediate, rispondono anch'esse colle espressioni più amabili
e più sentimentali, ingemmando i loro discorsi di tutte le eleganze e
le grazie del dialetto pavese.

--Ora vediamo di utilizzare queste donne a beneficio di tutti, esclama
Roccadura. Io direi che si rinculassero i tavolini e gli altri mobili
inutili, e qui senz'altri apparecchi, si improvvisasse una festa da
ballo. All'orchestra ci penso io. L'amico Bogni suonerà l'ottavino, io
corro a prendere il mio bombardone, e vi giuro che noi due soli faremo
tanto fracasso da far ballare anche le pareti della casa. Annibale, tu
bada a tener accesa la macchina.

--Dopo il vino d'Asti, queste signore non rifiuteranno di prendere
anche il punch..... Io conosco il mal delle bestie... Su! snodate le
gambe! e viva l'allegria!

In meno di due minuti la sala è preparata per la festa. Bogni e
Roccadura ritornano co' loro strumenti, montano sul letto, mettono la
piva in becco, e i ballerini si slanciano, mandando urli frenetici, e
facendo traballare il pavimento.

Annibale è pazzo dalla gioia. Il _punch_, il vino d'Asti, il caffè,
il contatto di quelle donne, che sebbene non abbiano le forme ed i
vezzi di Venere, hanno però quanto basta ad esaltare l'immaginazione
d'un giovinotto di sedici anni, cioè una gonnella e quattro sottane
inamidate; la gioia di trovarsi libero da ogni sorveglianza; il
frastuono, il ballo, le grida, il polverìo che si solleva dai mattoni,
tutto concorre ad infiammargli il cervello. Le due Caruccelli lo
esortano a bere, ballano sovente con lui, e nel fervore della danza
gli stringono di tempo in tempo la mano in segno di predilezione. Egli
ad ogni _valzer_, ad ogni _galoppe_, diventa più ardito; fa mille
dichiarazioni d'amore in tono patetico e sentimentale, e dopo aver
giurato eterna fede ad ambedue le sorelle, promette sposarle appena
compiuto il corso degli studi.

L'intemperante allegria degli studenti ha già portato qualche guasto
nei mobili. Lo specchio è caduto dalla tavola da notte, ed ha mandato
in frantumi una diecina di bottiglie vuote, la catinella ed il vaso
dell'acqua. Marietta colla coda delle sue sottane s'è tirata dietro
la guantiera con dieci o dodici fra chicchere e bicchieri colmi di
_punch_. Roccadura, battendo la misura col piede, ha spezzato le assi
del letto, che dividendosi in quattro parti, sprofonda i due suonatori
fra i guanciali ed il pagliericcio, rinversando in pari tempo il vaso
da notte.

Due studenti liberatisi dal paletot, si involgono nello scialle delle
modiste; queste indossano il paletot degli studenti, e appena Annibale
ha finito di aggiustarsi sul capo la cuffia di Marietta e farsi col
sughero due enormi mustacchi, la porta si apre inaspettatamente, e
l'avvocato Griffanti comparisce in sul limitare.

Annibale rimane interdetto, immobile, pietrificato. Le donne vanno
a nascondersi dietro le cortine; malauguratamente, in quella rapida
evoluzione, una d'esse spinge col gomito la bottiglia dell'alcool,
che, versandosi in sulla macchinetta, prende subito fuoco e cola sul
pavimento come una lava.

L'avvocato Griffanti contempla per qualche minuto senza dir parola
quello spettacolo di disordine e di devastazione; poi con voce
tranquilla, senza avanzarsi d'un passo dice al figliuolo:

--La vettura, con che io doveva recarmi a Milano, è ribaltata in un
fosso a due miglia dalle porte; come tu vedi, ho dovuto retrocedere, e
questa notte resterò ancora in Pavia. Quando hai sbrigate queste tue
faccende, vieni a trovarmi all'osteria della Croce bianca, dove vado ad
attenderti.

--Si, papà... risponde Annibale fregandosi colle dita i mustacchi e
levandosi coll'altra mano la cuffia di Marietta.

E mentre l'avvocato Griffanti si allontana a lenti passi va
mormorando:--Alla sua età ho fatto anch'io lo stesso e forse peggio..
e con tutto ciò sono dottore. Ah! siamo pur ridicoli, noi altri
papà!.....



Ciò che si vuole


I.


Chi ha moglie, non legga. Le scene che qui trascrivo non possono
interessare che gli innamorati e i fidanzati, quei felici che sono
ancora in tempo a sfuggire il fatal laccio. I mariti non hanno che a
rassegnarsi e a pregar Dio che ammollisca o sdruscisca le loro catene.
Che potrebbero essi apprendere di nuovo, qual frutto ricavare dal
riflesso di questi bozzetti?

Ecco in qual modo Valentina Cornalbo, alla vigilia delle sue nozze,
scriveva a Clotilde Bellocchio:

 «_Mia tenera amica_,

«Domani nella chiesa di San Bartolomeo, in presenza degli uomini e
del cielo, io diverrò sposa di Cristoforo Montorio, agente comunale
della nostra borgata, ricco possidente, segretario della fabbriceria,
capo della confraternita, direttore della banda civica, membro
onorifico della _Società d'incoraggiamento per l'ingrasso dei campi_,
ecc. Questo matrimonio, come ti dissi altre volte, fu progettato e
condotto a compimento dalla mia buona zia Carmelinda, la quale mi ha
sempre raccomandato di preferire uno sposo costumato e dovizioso ad
uno di questi azzimati bellimbusti, che hanno molta apparenza e poca
sostanza. Cristoforo non è bello, pure ha molte qualità interessanti,
e sebbene il suo aspetto non risponda all'ideale delle mie fantasie
giovanili, spero col volger del tempo corrispondergli quella tenerezza
e quell'amore, che fino ad oggi non seppe ispirarmi. Se tu vedessi i
bei regali da nozze! Quando io penso che domani tutte queste perle
brilleranno sui miei capelli....! Oh, il mio Cristoforo è un uomo
... adorabile. Il vestito da nozze è di una magnificenza..... di una
eleganza... E i braccialetti! Figurati... quattro braccialetti....
l'uno di forma di serpente, colle spire screziate a mille colori e
gli occhi di diamante; l'altro... una ghirlanda di viole colorita
da mille pietruzze; il terzo... un gran medaglione su cui spicca il
ritratto di Montorio... in abito di presidente della confraternita
... Oh il mio Cristoforo! Io sento che un giorno o l'altro sarò
costretta a volergli bene... anche a lui. E i libri di preghiera,
legati in velluto, con mille rabeschi d'argento! E il ventaglio!
E questo magnifico orologio d'oro..... con una catena lunga dieci
braccia! Che posso desiderare di più? Domani mi metterò addosso tutte
queste belle _forniture_. Domani!.. Ah Clotilde!.... come io bramerei
che tu mi vedessi così _bardata_! Mio marito, dopo la cerimonia, vuol
condurmi a fare un viaggio... fino a Milano; al mio ritorno verrò a
farti una visita. Io non intendo di rimanere a lungo imprigionata in
codesto villaggio... Ho bisogno di muovermi... di prender aria...
di correre un poco anch'io questo bel mondo, di cui finora non conobbi
che l'oscuro angoluccio dove son nata. Sì.... Clotilde... noi verremo
a trovarti.... e allora ti dirò il resto... Frattanto, mentre auguro
anche a te un buon marito, aggradisci un bacio della tua compagna di
collegio, ed amica

 VALENTINA CORNALBO, _domani_ MONTORIO.»

_Seregno_, 18 _Ottobre_ 1837.»


II.

Risposta di Clotilde alla lettera precedente:

 «_Mia buona Valentina_,

«Quando riceverai questa lettera tu sarai già sposa. Mentre ti ricambio
mille auguri di felicità, mi affretto ad annunziarti che fra quindici
giorni anch'io sarò unita all'uomo che adoro..... unita per sempre.
Il mio fidanzato non è ricco, nè insignito di cariche illustri....
Egli è un giovine poeta, che da sei settimane venne, per ragioni di
salute, ad abitare nei dintorni di Varese. Questo nome di _poeta_ ti
farà sorridere, mia Valentina; forse tu ti sovverrai del Cambiaggio
nell'opera i _Falsi monetari_, a cui assistemmo insieme. Pure il
mio poeta non ha nulla di comune con don Euticchio. Figurati un bel
giovine di venticinque anni, pallido in volto, due occhi neri pieni di
tristezza, un labbro vellutato da un bel pajo di mustacchi nascenti,
un portamento nobile ed elegante, l'insieme della persona aggraziato
e gentile. Quando verrai a trovarmi, io ti narrerò tutta la storia
di questo amore, che fu il primo e sarà anche l'ultimo della mia
vita.--Quanti ostacoli prima di ottenere da' miei parenti il bramato
consenso! Mia madre ha perorato in nostro favore, ed ha vinto. Il
giorno stesso ch'io ricevetti l'ultima tua lettera, fu anche deciso il
mio matrimonio con Alfredo Leoni--Alfredo Leoni! Che ti pare di questo
nome? Non somiglia a quei nomi, che sovente abbiamo letto nei romanzi o
nei drammi francesi? Ma il mio fidanzato (perdona se io ti parlo sempre
di lui) è veramente un personaggio da romanzo, uno di quegli esseri che
io credeva non esistessero se non nella immaginazione degli scrittori.

»Il nostro matrimonio verrà celebrato senza pompa. Il povero Alfredo
non può fare di grandi spese per me; nè io lo pretendo. Egli ha
ottenuto un impiego, a Milano, dove ora si è recato per farvi
ammobiliare un modesto appartamento. Subito dopo il matrimonio, ci
recheremo colaggiù a vivere dei prodotti del suo impiego e della
piccola rendita che mio padre mi ha stabilita per dote, felici del
nostro amore, che durerà quanto la vita. Verrai tu ad assistere alle
mie nozze? Oh! come te ne sarei grata! Saremo in piccolo comitato di
parenti e di amici; alla mattina ci recheremo alla chiesa; poi, si
farà un pranzerello in casa di mio padre; Alfredo reciterà dei versi,
tu suonerai una dozzina di _polke_; balleremo, canteremo, si farà
un po' di baldoria e poi ci separeremo.... per rivederci..... Dio
sa quando.... A proposito di versi, sai tu che la è una gran bella
cosa.... l'esser amata da un poeta! Se tu lo sentissi, quand'è in vena,
od è, come si suol dire, infiammato dall'estro! Io mi starei tutta
la giornata ad ascoltarlo. Per verità in quelle sue lunghe tirate io
non ci comprendo gran cosa; ma l'espressione del suo volto, l'accento
della sua voce, quei gesti, quel fuoco, quell'enfasi.... tutto in lui
mi rapisce e mi esalta. Egli paragona i miei occhi a due stelle; dice
che il mio _sorriso_ è un'aura di _paradiso_, e che non sarà mai più da
me _diviso_; che quando io _canto_, lo sforzo al _pianto_, che quando
_io rido_, il cor _gli uccido_.... e tant'altre cose tutte belle....
tutte piacevoli ad udirsi. Oh! io voglio che tu lo veda.... che tu lo
senta.... Verrai, non è vero? verrai a trovarmi il giorno delle mie
nozze. Pensa che senza di te la festa non sarebbe compiuta.

Addio, o piuttosto a rivederci presto, mia buona Valentina. Mille
saluti al tuo sposo che desidera vivamente di conoscere.

 La tua CLOTILDE»

«_Varese_, 18 _ottobre_ 1837.


III.

La sera del 15 ottobre dell'anno 1837 prendevano alloggio all'albergo
d'_Europa_, allora locanda di _San Paolo_, in Milano, il signor
Cristoforo Montorio e sua moglie Valentina, in compagnia di alcuni
parenti ed amici che avevano seguiti i due coniugi in quella
_spedizione di piacere_. La numerosa e lieta brigata cenò di buon
appetito, poi tutti se ne andarono al teatro della _Scala_, con sommo
dispiacere del signor Montorio, il quale, per sue particolari ragioni,
avrebbe preferito d'andarsene a letto. A un'ora dopo mezzanotte la
comitiva tornò alla locanda. Montorio si fece recare un brodo all'uovo,
quindi accomiatandosi dai compagni, che non cessavano dal perseguitarlo
con mille celie e mille equivoci motti, si chiuse in camera colla sposa.

All'indomani, verso le sette del mattino, Valentina era già desta ed
abbigliata per uscire. Ella volle salire sulla cupola del duomo, con
nuovo rammarico del signor Montorio, che avrebbe preferito di fare una
gita in carrozza. Valentina, leggiera e volubile come una capriola,
saliva gli scalini a quattro a quattro, visitava ogni angolo, ogni
nicchia, correva dall'una all'altra estremità del grandioso edificio.
Montorio la seguiva ansante, cogli occhi fuori dell'orbita, la lingua
gonfia e schiumosa; ad ogni tratto egli si fermava per riposare su
qualche scalino e si asciugava il sudore, mentre Valentina gli gridava
dall'alto: Che fai Montorio? Presto! Io son già quasi alla sommità
della cupola maggiore! Che? Dove è andato il tuo coraggio? Hai tu già
perduta la lena?--E il poveretto si alzava da sedere, e s'arrampicava
per quelle scale tortuose, come un giustiziato salirebbe i gradini del
patibolo.

I due coniugi soggiornarono a Milano una settimana. Il povero Montorio
era visibilmente dimagrato. L'ultimo giorno, quando Valentina gli
propose di salire sull'arco del Sempione, egli senti davvero mancare il
coraggio. Confidò la infaticabile compagna al servitore di piazza, e,
sdraiandosi sulle erbette, rimase per ben due ore immobile come corpo
morto.»

La sposa dall'alto del monumento lo chiamava a gran voce:

--Montorio! Montorio! Io ti credeva men pigro e più robusto....

Il ritorno al villaggio fu men gaio che la partenza. Valentina parve
noiata, e, durante il tragitto, per dispensarsi da ogni conversazione,
pretestò una forte emicrania. Montorio, al primo muoversi della
vettura, si addormentò profondamente; i parenti e gli amici che lo
accompagnavano, non lasciarono di notare che, durante il sonno, la sua
testa pendeva dal lato opposto a quello della moglie.

Quando i due sposi furono soli nel loro appartamento, Montorio disse a
Valentina:

--Sono stanco dal viaggio; io vado a dormire nel mio gabinetto. A
Milano abbiamo fatto tante salite!

Rispose la moglie:

--Sta bene. Buona notte!

Verso mezzanotte, una voce di tenore, accompagnata da una chitarra,
cantava melanconicamente in lontananza:

  Fin dall'età più tenera
  Tu fosti mia, lo sai;
  Tu mi lasciasti, ahi misero!
  Anche infedel.... t'amai....

Valentina era ancor desta; Montorio, russando sonoramente, pareva che
dal suo gabinetto secondasse quella canzone con un accompagnamento di
contrabasso.


IV.

Pochi giorni dopo, Valentina riceveva da Clotilde la lettera seguente:

 «_Mia buona amica_,

«Io ti aspettava il giorno delle mie nozze; invece mi pervenne un
laconico biglietto, pieno di frasi tronche e sconnesse. Debbo credere
che dopo quindici giorni di matrimonio.... tu sii già la più sventurata
fra le donne? Via! Fu un quarto d'ora di cattivo umore....! Spero
ricever presto un'altra lettera tutta ingemmata di gioconde ed amabile
cose. Frattanto, se il sapermi felice può recarti qualche dolcezza,
sappi che dal giorno delle mie nozze infino ad oggi, per me la vita fu
un seguito di piaceri. Oh, come a torto il matrimonio fu chiamato da
alcuni la tomba dell'amore! Se in Alfredo pochi giorni sono io amava il
fidanzato, oggi in lui adoro il marito, e col succedersi dei giorni,
delle ore, dei minuti, scopro in lui pregi, che vieppiù me lo rendono
caro.

«Compiuta la cerimonia nuziale, noi ci recammo alla casa di mio padre,
e dopo un lieto convito, a cui intervenne una scelta brigata di parenti
e di amici, partimmo alla volta di Milano. Alfredo non volle che alcuno
ci accompagnasse. Nulla infatti è più incomodo e più imbarazzante per
due innamorati quanto la presenza di persone estranee. No, diceva
Alfredo, noi non consentiremo all'avida curiosità dei profani lo
spettacolo di queste prime, ineffabili gioie! Noi partiremo soli
pel nuovo pellegrinaggio d'amore a cui Dio ci ha chiamati; l'oscena
celia, l'equivoco motteggiare degli stolti contaminerebbe la purissima
atmosfera che ne circonda, o sfoglierebbe le rose della ghirlanda che
io ti posi sul capo.

«Mio padre, mia madre, tutti i nostri parenti ed amici si levarono
dal banchetto, e ci accompagnarono alla vettura. Mia madre versò
un torrente di lagrime; ella non si restava dal baciarmi e dallo
stringermi fra le braccia; poi, volle abbracciare anche Alfredo, e,
quando la vettura si mosse per partire, ella levò le sue scarne braccia
in atto di benedirci.

»--Amatevi, amatevi sempre, figliuoli miei: tali furono le ultime
parole della buona vecchia; Alfredo, fate felice la mia figliuola.

»Allora lo sposo mi avvinse fra le sue braccia, e così abbracciati
sparimmo allo sguardo dei circostanti.

»Tu pure, o Valentina, avrai provate le celesti emozioni di quel primo
abbandono, di quei primi trasporti d'amore. V'ha egli nella vita nostra
un istante di maggior felicità? Amarsi, e trovarsi isolati dal mondo
intero, liberi, senza paure, fidenti nell'avvenire! Sapere che l'uomo
a cui consacrasti il tuo cuore, l'uomo, che stringi fra le tue braccia,
sarà per te un compagno inseparabile, l'amico della tua giovinezza, il
sostegno de' tuoi vecchi giorni; e intanto, respirare l'alito della sua
bocca, fremere con lui di una ebbrezza voluttuosa, e levando gli occhi
al firmamento senza trepidanza e senza rossore, poter dire coll'intima
convinzione dell'animo: Queste nostre gioie fanno sorridere gli
angioli, e lo spettacolo dei nostri amori rallegra gli abitatori del
cielo!

»Giungemmo a Milano a due ore di notte. Quando la vettura si fermò
presso la nostra abitazione, il portinaio e sua moglie, con un seguito
di vispi fanciulletti, mossero ad incontrarci. Viva gli sposi! battendo
palma a palma, gridavano i fanciulli. La portinaia ci accompagnò al
nostro appartamento. Entrammo in una sala decorata modestamente, ma con
molto buon gusto; di là passammo nella camera da letto.

»--Avete voi quanto vi fa di bisogno? chiese la portinaia in atto di
congedarsi.

»--Si, rispondemmo ad un tempo Alfredo ed io.

»La buona donna se ne andò; Alfredo chiuse la camera, e noi restammo
soli.

»Allora mi inginocchiai dinnanzi ad un'imagine, e proruppi in lacrime
dirotte. Erano lacrime di gioia.

»--Vieni, disse Alfredo (e mi condusse nel gabinetto vicino), vieni a
salutare mia madre....

»Levando gli occhi, vidi dinanzi a me il ritratto di una donna di circa
trentacinque anni; una fisonomia dolce, melanconica--uno sguardo pieno
di tenerezza e di bontà.

»--Eccoti, Clotilde, la sola persona che io abbia finora amato in sulla
terra. La poveretta è morta da quattro anni. Ora, dinanzi a questa
imagine adorata, rinnoviamo i nostri giuramenti.

»Noi ci inginocchiammo insieme, e proferimmo il giuramento, tenendoci
stretti per mano, e terminando la frase con un lungo bacio.

»--Vedi, disse Alfredo rialzandomi; non ti pare che sulle labbra di mia
madre spuntasse un sorriso?

»E tornammo alla camera da letto.

»O Valentina: la vita che noi conduciamo da otto giorni potrebbesi
paragonare ad un giardino incantato, dove, appena colta una rosa, un
altra ne sbuccia più fresca ed olezzante. Ho paura d'essere troppo
felice!....

»Non ho veduto ancora un teatro, nè ho visitato alcun monumento
di questa bella città. Usciamo rare volte al passeggio, evitando
le vie frequentate ed i corsi; Alfredo è occupato a scrivere sei
ore al giorno; io gli sto d'accanto lavorando; di tratto in tratto
interrompiamo le nostre occupazioni per iscambiarci quattro parole e
quattro baci, poi ciascuno ritorna al suo posto. È la vita dei canarini!

»E sai cosa mi ripete Alfredo quasi ogni giorno!--Clotilde: nello stato
coniugale, perchè si conservi l'amore, convien conservare innanzi tutto
la poesia. La poesia è santa luce del cielo senza di cui ogni cosa
scolorisce.

»Ho voluto ripeterti queste parole di Alfredo, perchè tu pure ne tragga
profitto.

»Frattanto, abbi un po' di di indulgenza per questa mia lettera,
forse troppo lunga e piena di dettagli troppo minuziosi. Ho sfogato
il mio cuore, versando in quello di una tenera amica una felicità
sovrabbondante.

»Attendo pel ritorno del corriere una tua lettera, che più sarà lunga,
più mi riuscirà gradita. Caccia dall'animo i tristi pensieri, ed ama
sempre

 _La tua amica_ CLOTILDE LEONI».

Milano, 10 novembre.


V.

Ora mi si permetta una breve digressione.

La barchetta errava in balìa delle onde....

In qual anno? in qual mese? in qual'ora? Era di notte, o di
giorno?--Si accomodi il lettore come gli aggrada meglio.

La barchetta errava in balìa delle onde, e il pallido raggio della
luna, o se più vi piace il limpido chiarore dell'alba, rischiarava la
fronte di Luigia.

Chi era Luigia? Una giovinetta di quattro lustri.--Troppo acerba, dirà
taluno.--Aggiunga altri sei anni.--Troppo matura, dirà un altro.--Ne
levi cinque.--V'è modo di appagare tutti i gusti.

E mentre in estasi d'amore io mi stringeva al cuore la sua mano, ella
introdusse dolcemente l'indice e il pollice nella taschetta del mio
_gilet_ (altri direbbe _panciotto_), e dopo averne frugate le più
intime nicchie, ne trasse fuori una dozzina di monetuzze di vario
conio; poi, liberandosi dal mio fervido amplesso, si diede a contarle
sul palmo della mano.

--Dodici lire!

Erano proprio dodici lire.

--Gli è quanto basta per tornare a Milano.

--E noi torneremo a Milano?

--Si, mia Luigia; convien cedere alla necessità. Vedi; se una di queste
monetuzze ci mancasse, noi saremmo nella imbarazzante posizione di
dover o l'uno l'altra far tutto il cammino a piedi, ovvero restar qui
in ostaggio fino a quando la fortuna non ci inviasse altro denaro: e
tranne il caso poco probabile d'una vincita al lotto...

--Una vincita al lotto!.... Sono già due anni che il venerdì d'ogni
settimana io palpito di questa dolce speranza. Un terno!... oh! un buon
terno secco!...

--Cinquemila lire.... guadagnate senza fatica....

--Sai tu che la è una bella somma: cinque mila lire!... Se mai
giungessi a possederle!...

--Via; sentiamo qual impiego ne faresti...

--Io amo tanto di fabbricare dei castelli in aria... In primo luogo,
mi affretterei a prendere in affitto quattro stanzette al secondo od
al terzo piano. La mia povera madre è sempre malata; mio padre fuma
le otto ore al giorno, io stiro continuamente; è ben trista cosa lo
starcene così appollaiati in una soffitta priva d'aria e di luce,
corrotta dalle esalazioni del tabacco e del carbone! Vorrei che il mio
piccolo appartamento sorgesse nelle vicinanze dei bastioni; che dalle
mie finestre si vedessero gli alberi, la campagna e largo spazio di
cielo; sicchè alla mattina, aprendo le imposte, i primi raggi del sole
venissero a corteggiarmi; poi, alla notte, attraverso le invetriate, la
luna... mi servisse di lampada quando vado a coricarmi.

--La luna, il sole, le stelle si ponno godere a buon mercato, Luigia
mia; eppure anche queste bellissime cose in città non sono tanto belle
come qui all'aperta campagna. Se io fossi ricco, mi guarderei bene dal
circoscrivere la mia esistenza entro il limite impuro di una capitale.

--Oh certo, se fossimo ricchi.... io... lo saprei ben io... come si
fa per vivere felici.

--Supponiamo che il signor lotto ti favorisca un centinaio di mila
lire; vediamo qual uso ne faresti.

--Cento mila lire! tu vedi bene, amico mio, che questi sono sogni; la
piccola somma ch'io rischio ogni settimana non potrà mai rapportarmi
tanto. Contiamo sul positivo....

--Di positivo in questo momento non havvi per noi che una dozzina di
lire, e domani, giungendo alle porte di Milano saremo tutti e due senza
un obolo. Poichè siamo in sul fantasticare, tanto è che disponiamo di
larghi capitali. Metti dunque ch'io sia un tuo banchiere; per ora ti
concedo centomila lire: quando altra somma ti abbisogni, ricorri alla
cassa.

--Tu vedrai come io sia buona massaia. La nostra abitazione, per
esempio, vorrei fosse posta al piede di quella collinetta là in fondo.
Due piani di due camere ciascuno; abbasso la cucina ed una piccola
sala; di sopra il tuo gabinetto da studio e la camera da letto. Dal
lato destro una gradinata di marmo pulito, che scendesse fino al lago,
e al fianco di quella gradinata una folta siepe di rose e gelsomini. A
sinistra, un giardino, protetto da alte muraglie e da alberi frondosi;
quindi una fertile ortaglia irrigata da un ruscello, che scendendo
dalla collina, carezzasse in passando le erbette ed i fiori, e noi
rallegrasse col suo mormorio.

--Non dimenticare che l'anno si divide in due stagioni (altre volte in
quattro), e convien pensare seriamente a procurarci qualche comodità
anche nel rigido inverno. Questo paese è dominato dai venti.

--Da una parte ci protegge la collina, dall'altra faremo alzare un gran
muraglione alto dieci metri più della casa..

--E per tal modo non godremo più la vista del lago e delle campagne...

--Non ci pensava. Dunque, abbasso il muraglione!... quando il vento
soffierà gagliardo, chiuderemo le imposte delle finestre, e staremo
nelle nostre stanze accanto al camino. Le nostre camere saranno
mobigliate con molta semplicità; un letto, un piccolo divano, una
dozzina di scranne, gli attrezzi per la cucina, e basta. Nel vestire
eviteremo ogni superfluità di lusso; per me, quattro gonnelline di lana
e due di seta pei giorni festivi; per te...

--Un cappotto e un pajo di brache di panno bigio l'inverno e la state;
con questa sola differenza, che in estate il cappotto e le brache
rimarranno tutto il giorno nella guardaroba...

--Quanto al vitto...

--Perdono, Luigia, ma è tempo di ricorrere alla cassa; le centomila
lire sono già esaurite nelle prime spese d'impianto. Il proprietario
del fondo, l'architetto, i muratori, il mercante di mobili, il
tappezziere, il sarto e la modista si sono portati via ogni cosa; anzi,
quando avrai ben calcolato, vedrai che ti rimane qualche debituzzo.
Se tosto non ti procuri nuove somme, io temo che noi saremo ridotti a
morire di fame nel nostro delizioso casino. Via! Eccoti altre centomila
lire; usane moderatamente e con profitto.

--Che? Non ricaveremo noi alcun frutto dal denaro che abbiamo impiegato
nella compera dell'ortaglia e nella costruzione della casa? Più volte
ho inteso ripetere che centomila lire danno una rendita annua di
cinquemila.

--Ciò potrebbe realizzarsi quando tu ti risolvessi ad affittare
camere mobigliate, od a portare ogni mattina al mercato l'insalata ed
i ravanelli della nostra ortaglia. Ma siccome questo casino dev'essere
abitato da noi, e tu non aspiri a cangiare la tua professione di
modista in quella di erbivendola, converrà pure che tu accetti le
centomila lire che io ti offersi, e le impieghi o in compere di
terreni, o in qualche speculazione commerciale, perchè ci rendano tanto
da provvedere agli altri nostri bisogni. Non farmi la ritrosa; prendi
quanto ti occorre, e tiriamo avanti!

--Quand'è così... disporrò anche di queste cinque mila lire di
rendita. Sai tu che cinque mila lire, quando si ha una casa ed una
ortaglia del proprio, sono perfino di superfluo?--Ecco adunque come
io intenderei di regolare i nostri pasti. Alla mattina (ci leveremo
allo spuntar dell'alba), alla mattina, caffè, burro e qualche frutto
dell'orto; a mezzo giorno un pranzo frugale di tre piatti e la zuppa:
alla sera una cenetta di uova e legami secondo la stagione. Faremo la
colazione e la cena, sempre a l'aria aperta, sotto l'ombra dei castani,
al chiaro della luna, fra il gorgheggio degli uccelli e il mormorio
delle onde...

--Il chiaro di luna, il canto degli uccelli, il mormorio dell'onda,
torno a ripeterlo, son tutte cose che si hanno a buon mercato, quindi
non devono entrare nei nostri calcoli. Frattanto, Luigia mia, sappi che
io non ti permetterò mai di passare l'intera giornata presso i fornelli
a invigilare le pentole e i tegami, nè vorrei che tu ti occupassi di
spiumacciare i letti e scopare le camere. Io voglio che le tue mani
conservino la freschezza della neve, la candidezza dell'alabastro, la
voluttuosa morbidezza del velluto.

--Una cameriera è dunque indispensabile. Troveremo una contadinella che
sia giovane, bella e di mite carattere; con cinque mila lire di rendita
possiamo mantenerci noi ed anche una donna di servizio....

--E di soprappiù un cane, un gatto, e se vuoi, anche un papagallo.

--Eccoci adunque installati nel nostro piccolo Eden....

--Togli quella parola _installati_; mi suona male all'orecchio.

--Eccoci adunque ricoverati nel nostro delizioso romitaggio, in mezzo
al silenzio ed alla pace dei campi; liberi, indipendenti, felici, come
due tortorelle innamorate.

--Quale esistenza deliziosa!... Peccato che dugento mila lire di
capitale non bastino ancora... Sai tu che accade alle tortorelle
innamorate, quando hanno vissuto insieme parecchi giorni?

--Volano pei campi, salgono sui rami degli alberi, scherzano,
folleggiano, cantano, si beccano, e poi...

--Poi, viene il giorno in cui una delle tortorelle depone le uova.

--Vedo a che mira il tuo discorso... Tu pensi dunque che noi avremo
dei figli...

--Non solo ci penso, ma li desidero con tutto il cuore. I figli sono il
vincolo sacro che annoda eternamente due anime innamorate. Talvolta,
col lungo convivere insieme, due persone, marito e moglie, per esempio,
inaridite le rose della giovinezza o intiepiditi gli istinti del
piacere, si addormentano nella indifferenza e nella noia; quindi a poco
a poco si scostano, si fuggono, si disgiungono, e l'amore più fervido
ed appassionato degenera in reciproca antipatia, sovente anche in
odio. Un figlio soltanto può impedire questo doloroso divorzio dei due
cuori. Sì, o Luigia; se tu vuoi che il nostro amore duri tutta la vita,
implora dal cielo il favore di divenir madre. Forse un giorno, vicini
a separarci per sempre, il nostro figliuolo si lancierà in mezzo a noi
lacrimoso; ricongiungerà la tua mano alla mia, e mi trasmetterà, come
pegno di pace e di conciliazione, il bacio che tu avrai deposto sulle
sue labbra innocenti.

--Oh si!... voglio avere un figliuolo!

--Uno?... e se ne avessimo dodici, Luigia mia?

--Dodici figli! Misericordia!... Ciò non è possibile...--È tanto
possibile l'averne dodici come l'averne uno. Prendiamo la cifra media;
supponiamo che essi non oltrepassino la mezza dozzina. Ad ogni modo, il
nostro casino non sarebbe abbastanza capace....

--No, certo. Io non vorrei che i miei figliuoli stessero ammucchiati
l'uno sull'altro, come i passerotti nel loro nido.... Ciascuno dovrebbe
avere la propria cameretta o il proprio letticciuolo.

--Io veggo che ci converrà fabbricare di bel nuovo... e la sarà una
fabbrica un po' dispendiosa. Dimmi: ti bastano altre duecento mila lire?

--Via! si faccian le cose senza risparmio; queste nostre creature
non devono soffrire alcun disagio; non basta metterli al mondo, i
figliuoli, bisogna anche pensare a renderli felici.

--La loro educazione mi preoccupa seriamente. L'educazione è la prima
base d'ogni felicità umana.

--E come si fa in questo romitaggio ad avere dei buoni maestri? Io
vorrei che le ragazze fossero istruite di buon'ora in ogni donnesco
lavoro, che apprendessero l'italiano, il francese, la musica, il ballo,
il disegno; e tutto ciò sotto la sorveglianza della madre. Ai maestri
confiderei l'incarico della loro coltura intellettuale, ma il cuore di
quelle mie creature vorrei educarlo io.

--E i figli maschi?... onde crescano sani, robusti, degni della stima
universale, decoro ed ornamento della famiglia, e quanto si possa
desiderare virtuosi e felici, molte cose devono apprendere. Cominciamo
dagli esercizi ginnastici: il ballo, la scherma, l'equitazione, sono
arti che esigono un istitutore speciale per ciascheduna, e, ben
calcolati i vari rami dello scibile umano in che i nostri figliuoli
dovrebbero essere versati, la loro educazione verrebbe a costare circa
ventimila lire all'anno.

--Questi tuoi calcoli mi spaventano. Basta per oggi; abbandoniamo
le regioni immaginarie; rinunziamo al nostro bel casino, ai piaceri
della vita campestre... e torniamo alla realtà. Io credo che la vera
beatitudine sia riposta nell'amore. Per amarsi non è necessario di
possedere un casino in riva al lago, nè una rendita di cinque mila
lire. La vera felicità, anzichè un riverbero degli oggetti che ne
circondano, è una emanazione di noi stessi, che ha la sua sorgente
nell'intimo dei nostri cuori. Amiamoci; e una povera soffitta nuda
d'ogni ornamento, esposta alle intemperie delle stagioni, fredda,
oscura, tappezzata di ragnateli, sarà per noi un paradiso di delizie!

Luigia mi gettò al collo le braccia, poi, dopo breve silenzio....
Amico, mi disse... quand'è che ci sposeremo?....

--Quando sarò padrone di quattrocentonovantanove mila novecento
ottantotto lire, che aggiunte alla somma che oggi possediamo, faranno
appunto un capitale di L. 500.000.--Concedo che due amanti possano
vivere beati anche in una soffitta; ma un marito ed una moglie...

--Alfredo Leoni non ha forse detto a sua moglie che la sola poesia,
nello stato coniugale, mantiene sempre vivo l'amore?

--È vero; ma per mantenere questa poesia, ci vogliono per lo meno
ventimila lire di rendita all'anno. Vuoi tu sapere come sia finita la
istoria di Alfredo e di Clotilde? Io ti servo sul momento; leggiamo
quest'altra lettera:


VI.

_Clotilde Leoni a Valentina Montorio._

«La mia salute non è gran fatto migliorata. Il medico cerca
rassicurarmi con buone parole; ma il suono della sua voce,
l'espressione del suo volto, ed il regime che ieri mi ha prescritto,
tutto mi fa credere che pochi giorni mi rimangono di vita.

»Non accorarti, mia buona Valentina; io ho già provato quanto vi ha di
bene e di male in sulla terra; ho vissuto abbastanza.

»Rammenti la prima lettera che ti scrissi dopo il mio matrimonio con
Alfredo?--Allora io ti diceva: «La vita che noi conduciamo potrebbesi
paragonare ad un giardino incantato, ove, appena colta una rosa, tosto
un'altra ne sbuccia più fresca ed olezzante. Ho paura di esser troppo
felice.»--Qual vi è mai creatura umana, che cercando nelle memorie del
passato, vi trovi otto giorni di felicità completa e non interrotta?
Credilo, Valentina; il sovvenire di quegli otto giorni ha sparso un
profumo di felicità sul resto della mia esistenza, e le sciagure che
in appresso intorbidarono il sereno della mia anima furono mai sempre
consolate da un raggio di felicità: la certezza che Alfredo mi ha amata
e mi ama tuttavia.

»Eppure (io n'ho il triste presentimento) quando sarò partita dalla
terra, i maligni non lascieranno di scagliare sul mio povero amico i
più orrendi anatemi. Taluni spingeranno la calunnia fino ad incolparlo
della mia morte precoce.--Povero Alfredo! Sull'orlo della tomba io
leverò la mia debole voce in sua difesa; perocchè il suo cuore è onesto
e sensibile, e tutti i mali che ci colpirono, furono conseguenza
necessaria dell'avermi egli troppo amata--d'un amore, che la corrotta
società in mezzo a cui viviamo dovea necessariamente combattere.

»Da quanto ho potuto rilevare dall'ultima tua lettera, la storia de'
miei dolori ti è in parte nota. Nulladimeno, perchè non sia indotta
in qualche erroneo giudizio sul carattere di Alfredo e sui nostri
reciproci rapporti, staccherò una pagina dal libro del mio cuore e te
la porrò dinanzi, quasi ultimo ricordo di una amica, che fra poco sarà
per sempre divisa da te.

»Alfredo non ha altro torto in faccia alla società se non d'aver
sortita dalla natura un'anima eminentemente poetica. La poesia, nel
secolo in cui viviamo, è lo stigmate precursore del martirio. Quando
ci unimmo in matrimonio, noi non consultammo che il cuore, beati
nell'ebrezza di un amore corrisposto, fidammo nelle nostre forze, nella
nostra fede, nella santità delle nostre aspirazioni. Elevandoci col
pensiero al di sopra delle nubi, abbiamo dimenticato che i nostri piedi
erano incatenati alla terra.

»Vivemmo otto giorni felici, nella solitudine del nostro piccolo
appartamento. Fin quando l'occhio dei profani non giunse a penetrare
nel santuario dei nostri amori, credemmo si potesse per noi realizzare
sulla terra la felicità del paradiso.

»Un giorno, Alfredo uscì solo al passeggio. Al suo ritorno lui parve
che una leggiera nube gli oscurasse la fronte.--Clotilde, egli mi
disse, questo metodo di vita non si può continuare senza esporci al
ridicolo del mondo. I maligni interpretano sinistramente il nostro
volontario isolamento: dicono che io sono un pazzo geloso, un despota,
un tiranno. Vivendo nel mondo, convien concedere qualche cosa ai
suoi capricci ed alle sue esigenze. Ho affittato un palco al teatro
Re pella stagione corrente, associandomi ad un mio giovane amico, il
quale da pochi giorni si è ammogliato. Oggi ha luogo la prima recita;
tu mi vi accompagnerai, e d'ora innanzi assisteremo ogni sera allo
spettacolo.--Come ti piace, mio buon amico.--E poco dopo, uscimmo per
andare al teatro.

»Il dramma era buono, gli attori eccellenti, il nostro palco onorato di
parecchi visitatori; la serata fu abbastanza piacevole. Pure... nella
mia cameretta, fra i miei ricami, sola con Alfredo, conversando con lui
senza testimonii, libera d'ogni atto, d'ogni parola... io mi sarei
trovata assai meglio.

»All'indomani, Alfredo era pensieroso e preoccupato.--Clotilde, mi
disse, la _toilette_ della signora M..., che era con noi nello
stesso palco, brillava più splendida ed elegante della tua. Io non
posso permettere che tu rimanga eclissata dalla tua compagna: tu devi
brillare come le altre donne.--Io volli opporre qualche osservazione
economica, ma Alfredo con un bacio mi chiuse le parole sul labbro. Da
quel giorno io dovetti rivaleggiare in lusso colle dame più eleganti di
Milano.

»Venne il carnevale; cominciarono i balli, le feste, i giocondi
ritrovi. Io ripeteva ad Alfredo: «Il tempo che noi sacrifichiamo al
mondo, è sottratto alle gioie più intense del nostro amore; torniamo
alla nostra solitudine: i piaceri, che la società ci ha offerti, son
forse paragonabili a quelli che l'amore creava per noi ne' primi giorni
del nostro matrimonio? Poi... ricordati, Alfredo, che non siamo ricchi
... e procedendo di tal passo saremo condotti a brutti guai.

»I miei pronostici si avverarono, ahi! troppo presto....

»Quando il primo frutto delle nostre nozze, la mia dolce Carolina,
venne alla luce, Alfredo ed io versavamo nelle più allarmanti
strettezze. Povera innocente creatura! unica figlia dell'amor mio!
nello stringerti per la prima volta al seno, alla mia mente si
affacciò nel suo più orribile aspetto il pensiero della nostra miseria
imminente. Il primo battesimo che tu ricevesti furono le lacrime dei
tuoi genitori desolati.

»D'allora in poi fu per me e per Alfredo una serie non interrotta di
sciagure.

»La miseria!--Un giovine scapolo può ben sopportarla con rassegnazione,
e riderne talvolta in compagnia di sollazzevoli amici, ma un marito....
ed un padre! Appena questa lurida nemica penetra nel vostro tetto,
colla sua gelida mano ella sfronda ad una ad una le rose della vostra
corona nuziale. Svegliandovi ad un tratto dal sogno ridente delle
vostre illusioni, voi vi trovate in un abisso di calamità.

»Era il primo anniversario del nostro matrimonio, quando io, Alfredo e
la piccola Carolina, abbandonando il nostro elegante appartamento in
contrada dei Bigli, ci ritirammo in una oscura stanzuccia al quarto
piano nei sobborghi di Porta Vercellina. Oh qual'orribile esistenza da
quel giorno in appresso! Alfredo, per non angosciarsi alla vista della
nostra miseria, si assentava parecchie ore del giorno, e spesse volte
usciva al mattino per non tornare che alla sera a dividere colla sua
piccola famiglia una cena frugale. Dal nostro desco era sbandito il
sorriso della gioia; dolci colloqui d'amore non rallegravano più le
lunghe serate; l'orrore della nostra situazione presente, le incertezze
dell'avvenire spandevano intorno al nostro talamo una nuvola tenebrosa,
che soffocava ogni piacere.

»Alfredo cercava distrarsi in mezzo alle gioconde brigate de' suoi
amici; le ore ch'egli passava al mio fianco erano per lui le più
tristi, le più noiose. Gli mossi qualche rimprovero; mi sorsero
nell'animo tremendi dubbi sulla sua fedeltà; non potendo spiare i suoi
passi, nè osando manifestargli apertamente i miei sospetti per tema di
accrescergli noia, io divorava in segreto i miei patimenti. Oh quanti
giorni passati nel pianto!

»Quante volte rientrando a tarda ora di notte nel suo tetto coniugale,
egli mi trovò sola, intirizzita dal freddo, ad attenderlo sulla soglia
dell'oscura cameretta, colla mia figliuola fra le braccia, solo
testimonio delle mie lacrime disperate!

»Io caddi malata. Da sei mesi non posso abbandonare il letto. Alfredo
passa i giorni e le notti al mio fianco, ed egli pure ha molto sofferto
nella salute L'occhio ardente del giovane poeta si è spento nelle
lagrime; il riflesso della miseria ha scolorita la sua nobile fronte;
si direbbe ch'egli vegeta accanto al mio letto, come un pallido fiore
presso una croce del Campo Santo.

»Frattanto, che si dice nella società? Questa perfida cortigiana, al
cui capriccio noi abbiamo immolata la nostra felicità, ora per cento
bocche versa il vitupero sul nostro capo.--Alfredo è un dappoco, un
mentecatto, che secondando i capricci della propria moglie, ha attirato
su lei l'infortunio.--Coloro che per pietà gli risparmiano il titolo
di mentecatto, lo trattano da libertino, da uomo debole o nullo; nè
mancherà, come io più sopra ti ho detto, chi fra pochi giorni andrà
ripetendo sommessamente: egli ha ucciso la propria moglie.

»Iniqua, mostruosa calunnia! Sai tu, Valentina, qual fu la vera,
la sola cagione dei nostri mali?--Abbiamo creduto che nello stato
coniugale bastasse, per essere felici, il colorire la nostra esistenza
di una luce di poesia. Ma questa poesia, allorquando non si hanno
sufficienti ricchezze per alimentarla, a poco a poco svanisce, e
ci abbandona nella tristezza. Forse, in mezzo ai campi, in qualche
romitaggio lontano dalla società, la poesia potrebbe supplire alle
ricchezze, e l'amore ritrarre da lei un perenne alimento. Ma Alfredo
non poteva vivere in un oscuro villaggio. Volendo mettere a frutto il
proprio ingegno, onde provvedere ai bisogni della vita, gli fu forza
di rintanarsi in queste bolgie cittadine. Egli venne... venne colla
fede viva dell'avvenire..... sulle ali delle sue poetiche speranze. Ma
il poeta è simile ad una farfalla, che dai fiori soltanto può attingere
alimento. Guai se questa farfalla, sdegnando le libere aure dei campi
e i fulgidi raggi del sole, si lascia sedurre dalla luce artifiziale
delle lampade e delle faci! La povera illusa vi perde le ali screziate
di mille colori, e perisce miseramente.

»Se la condotta di Alfredo non fu sempre irriprovevole, io sua moglie,
sua amante ed amica, sento obbligo di assolverlo da ogni colpa. Egli mi
ha amato, e le sventure a cui entrambi soggiacemmo non furono che la
conseguenza necessaria di tanto amore.

»Quando io lo vidi per la prima volta, quando le nostre anime sorelle
si ricambiarono il primo saluto, rammento che inginocchiata nella
mia cameretta ho innalzato al cielo questo fervido voto: «Un bacio
solo d'Alfredo e poi che il resto de' miei giorni si consumi pure
nel pianto!» Quel voto fu esaudito. Io porto meco nella tomba il suo
amore.--L'amore, o Valentina, è una ghirlanda di rose che abbellisce
anche i sepolcri.

»Le mie ultime parole saranno parole di benedizione per lui. Chiuderò
gli occhi nella certezza, che dopo di me, egli non amerà altra donna.
Egli verrà a trovarmi nel Campo santo in compagnia della mia piccola
Carolina; verrà parlarmi quel linguaggio divino, che i poeti soltanto
sanno rivolgere alle donne...

»E quando alcuno al tuo cospetto oserà calunniare colui ch'io scelsi
a mio sposo, digli pure che Alfredo fu il migliore dei mariti e che
un solo bacio, un solo amplesso di un uomo come Alfredo, è bastato a
riempiere il cuore di una donna di tanta felicità, da sopravanzargliene
anche nei giorni più amari della vita, e perfino nel sepolcro.

Addio per sempre, e vivi felice!

 La tua affez. CLOTILDE.»

_Milano_, 16 _settembre_ 1860.



VII.


_Lettera di Cristoforo Montorio a suo cugino Emanuele Montorio, medico
di Saronno._

«_Carissimo cugino_,

»Domani ti attendo senza verun fallo. La tua visita mi è doppiamente
necessaria, prima di tutto perchè sono ammalato d'un reuma alla schiena
e di un forte raffreddore di testa; poi, perchè questa diavolessa di
mia moglie ha bisogno di una tua severa predica, che la riduca al
dovere. Altre volte ti ho parlato delle sue stravaganze, de' suoi
capricci, delle sue esigenze. L'altra sera ella m'avea preceduto al
talamo maritale, ed io poco dopo stava per coricarmi al di lei fianco,
allorchè, rizzandosi come una furia e gridando con quanto fiato avea
nella gola, mi respinse dal letto. Già da qualche tempo ella muove una
guerra accanita al berretto di cotone ed alla flanella di lana che
di notte soglio portare indosso fino dalla più tenera età. L'altra
sera, essendomi dunque presentato a lei in quell'arnese, mi assalì
con tanto impeto e tanta furia, ch'io ne rimasi spaventato;--Oramai
non c'è più via di scampo, diss'ella per ultima conclusione; o tu
rinunzii alla flanella ed al berretto di cotone, o non accostarti
più a tua moglie.--Ma io sono abituato sino da ragazzo a coricarmi
colla flanella!--Ora non sei più un ragazzo, rispose più inferocita
la megera; scegli: o tua moglie o la flanella.--Anche questa volta ho
dovuto cedere; e all'indomani, essendomi svegliato con un reuma alla
schiena ed un forte raffreddore di cervello, fui confinato nel mio
letto, d'onde non spero di rialzarmi tanto presto! Per pietà, attacca
immediatamente la tua rozza al biroccino, e fa d'esser qui domattina.
Debbo comunicarti altri segreti coniugali, che da qualche tempo mi
tengono in apprensione.

»PS. Figurati che mentre io sono qui inchiodato nel letto con due
cataplasmi sulla schiena e una benda sugli occhi, nel salotto
inferiore si balla furiosamente! Mia moglie aveva invitati già da tre
giorni ad una piccola festa di famiglia non so quanti parenti ed amici,
ed oggi, benchè io sia gravemente malato, ella vuol ballare ad ogni
costo. L'orchestra si compone di due violini, un trombone e due corni,
con che ho l'onore di dichiararmi

 Tuo affezionatissimo cugino CRISTOFORO MONTORIO.»

_Seregno_ 18 _settembre_ 1860.»



VIII.


_Alfredo Leoni a Valentina Montorio._

«Vi annunzio con sommo rammarico la dolorosa perdita, che oggi abbiamo
fatta della nostra povera Clotilde. Sono troppo oppresso dal dolore
per aggiungere altre parole. Questo angelo di bellezza e di bontà si è
diviso per sempre da noi. Io non seppi renderla felice; pure io l'ho
sempre desiderato ardentemente, e per lei avrei sacrificata la mia
vita. Lasciommi un'unica figliuola, un fiore gentile che noi generammo
nei primi trasporti del nostro amore, e che, per esser cresciuta fra
le lagrime, non è però men bella nè men cara al mio cuore. Qualche
giorno, se mi permetterete di farvi una visita, io voglio che voi pure
la vediate.... la mia Carolina. Ella somiglia a sua madre nel volto;
spero educarla in modo che divenga simile a lei anche per le qualità
del cuore. Vivrà oscura ed ignorata fin quando ella non sia in età da
prendere marito; poi l'unirò a qualche onesto artigiano od a qualche
campagnuolo laborioso e dabbene. Una trista esperienza mi ha convinto
che il matrimonio è fatto o per gli uomini che posseggono grandi
ricchezze, o pei semplici operai e coltivatori dei campi. Chi alla
propria sposa altra ricchezza non può offrire se non un cuore pieno di
poesia e di amore, diviene necessariamente il peggiore dei mariti.

  Vostro devot. amico
  ALFREDO LEONI.»

_Milano_, 30 _ottobre_ 1860.»


IX.

_L'autore a Luigia B...._

«Mi congratulo teco di vero cuore pel tuo prossimo matrimonio. Tu non
hai voluto aspettare che io venissi al possesso di cinquecento mila
lire, e non so darti torto; giacchè dopo quella conversazione poco
sentimentale a bordo della nostra favorita barchetta i miei capitali
son rimasti stazionari. Dieci lire più dieci lire meno, come tu vedi,
si guazza sempre nelle medesime acque.

»Mi dici che il tuo fidanzato, fra l'altre belle qualità che lo
distinguono, è anche un po' sordo, un poco miope, e mediocremente
imbecille. Di nuovo mi congratulo, figliuola mia; quel tuo uomo ha
tutte le disposizioni per formare un eccellente marito. Pochi giorni
sono ho visitato in Seregno il signor Cristoforo Montorio, che, prima
di ammogliarsi, avea presso a poco le stesse qualità. Sua moglie da
circa venti anni si è adoperata a perfezionarlo; tanto che a quest'ora
egli è cieco, sordo, e completamente imbecille. E sai tu quanti figli
ebbe il signor Cristoforo? Sedici; tutti belli, tutti sani e robusti.
Gli uomini di tal fatta sono creati per ristorare le perdite della
società; e siccome sta scritto che il numero degli imbecilli vada di
generazione in generazione ingrossando, così madre natura ha in grado
eminente dotati costoro della facoltà procreatrice. Fanne tuo pro,
Luigia mia, e vivi lieta.

Il tuo sempre fedele amico!

  _Milano_, 31 _luglio_ 1866.
  A. GHISLANZONI.»



Il Reddivivo


I.


Enrico Lanfranchi dormiva già da sei mesi nel cataletto, quando, una
bella sera d'estate si riscosse, all'improvviso, rimosse il coperchio
della cassa, si levò in piedi, e gittato dalle spalle il logoro
lenzuolo onde era involto, uscì passo passo dal Campo santo.

Era proprio una bella sera d'estate. Una pioggia abbondante aveva
rinfrescato l'atmosfera; i passerotti correvano pipilando dal giardino
alle tettoie, e dagli alberi scossi leggermente da un fresco venticello
cadevano i goccioloni come un nembo di perle. Chi non è pago di questo
schizzo, vi aggiunga una fetta di luna, una dozzina di stelle, tre o
quattro rossignoli che gemano d'amore, un ruscelletto che mormori fra
l'erbe--ed avrà il quadro compiuto.

Cionullameno, per un reddivivo, quella non era una serata troppo
propizia. Grazie alla cortesia degli eredi (che sogliono seppellirci
pressochè ignudi sia la state come il verno), il povero Lanfranchi,
attraversando le vie del nativo villaggio senz'altro indumento che
quello del proprio epidermide, dibatteva le gengive, come un ragazzetto
di cinque anni che s'avvia alla scuola sotto la fiocca del mese di
gennaio.

Gli antichi (confessiamolo a nostra vergogna) trattavano i loro morti
più generosamente di noi. Nella cassa del morto essi collocavano
eccellenti pasticci freddi, bottiglie di vecchio falerno, pietre
preziose e monete di vario conio, onde se mai quei tapinelli si
fossero desti alla vita, avrebbero trovato di che confortarsi lo
stomaco, e provvedersi una tunica per far buona comparsa nel mondo.
Dal modo che noi usiamo trattare coi nostri morti si direbbe che
abbiamo una paura terribile di vederli un giorno o l'altro ricomparirci
dinanzi. Diffatti, appena uno de' nostri congiunti ha esalato l'ultimo
soffio, noi ci diamo premura di involgerlo in un lenzuolo, di legargli
i piedi e le mani: quindi, dopo poche ore, di inchiodarlo ben bene in
una solida cassa, e gittarlo in una fossa profonda, dalla quale, s'egli
avesse la vitalità, la forza e l'energia d'un Ercole, non potrebbe
evadere per verun modo. Per buona sorte, le leggi hanno prescritto
l'indugio delle ventiquattr'ore; senza di che, io credo sarebbe
maggiore il numero de' sepolti vivi che non quello dei morti.

--Quand'uno è morto non è possibile ch'ei torni al mondo, dirà taluno
crollando il capo.

Dite piuttosto quand'uno è sepolto: ed anche su tale proposito potrei
farvi qualche eccezione... Ma, via! non perdiamoci in digressioni, e
narriamo la nostra istoriella.


II.

Chi era Eugenio Lanfranchi? Un uomo di trentacinque anni, bello della
persona, onesto, cortese, vero modello d'ogni virtù. Morendo, egli
aveva lasciato sulla terra una sposa ancor giovane ed avvenente, un
fratello ed una sorella che molto lo avevano amato e che già da sei
mesi si struggevano in lacrime e vestivano a lutto.

--Qual dolce sorpresa pe' miei cari parenti, qual gioia nel rivedermi!
Mia moglie! Mio fratello, mia sorella... essi che mi amano tanto...
essi che al letto di morte mi prodigavano tante cure, e piangevano
inconsolabili nel darmi l'ultimo addio! Sarà una festa di famiglia
... Mi correranno incontro, mi opprimeranno di baci e di carezze...
Ah! non vorrei che la consolazione soverchia fosse causa di qualche
malanno! Bisognerà ch'io mi presenti colle cautele dovute... Mia
moglie sopratutto...! La mia tenera Carlotta... Da dieci giorni ella
ha cessato di visitare la mia tomba... Forse il soverchio dolore ha
consunto le sue forze... e, sola, estenuata dalla malattia, implora
dal cielo il favore di scendere con me nella tomba, per starmi a lato
eternamente... Ma io giungo in tempo... Solleva, il capo illanguidito
o troppo sensibile creatura; ravvisa il tuo sposo... il tuo amante...
l'oggetto de' tuoi desideri...

Con tali pensieri, il nostro reddivivo s'è avvicinato alla porticella
del giardino, di quel giardino, ove, nelle ore melanconiche del
tramonto, egli veniva a sedere ogni giorno presso la sposa adorata,
inebriandosi delle sue carezze e de' suoi baci.

Una voce soave e melanconica ferisce il suo orecchio. Quella voce ha
proferito il nome di Enrico.

--Il mio nome! Ella pensa dunque al suo sposo! Ella confida al salice
piangente ed al ruscello i dolorosi segreti dell'anima... Ella invoca
la mia ombra, e cerca un sollievo ai mali presenti nelle dolci memorie
del passato! Enrico incurva la persona, mette l'occhio al buco della
serratura, e vede infatti sua moglie seduta sur un banco di pietra,
presso un salice piangente.

Ma non è già al salice piangente ed al ruscello che Carlotta confida
i propri dolori. Un raggio di luna che in quel momento rischiara la
scena, mostra al curvato esploratore un pajo di pantaloni di tela
russa, entro cui si agitano due nerborute gambe da acrobatico, e più in
alto un _gilet_ di seta disteso sovra un torace atletico, quindi una
ciarpa di raso azzurro, e una barba di becco che serve di appendice ad
una bellissima testa di venticinque anni.

--Enrico! torna a ripetere la donna con voce più fioca.

--Lunge una volta queste lugubri memorie! A che giova il piangere
eternamente i trappassati? Dimenticate, e pensate all'avvenire di
felicità che ci attende.

--Ah! già troppo io l'ho dimenticato quel povero Enrico! E dire
che non per anco sei mesi son trascorsi... Ed io aveva giurato di
conservargli il mio amore... la mia fede!..

--Siate ragionevole, via! Carlotta... Se vostro marito tornasse al
mondo, egli non potrebbe rimproverarvi d'aver ceduto alle attrattive
di un amore fondato sulla onestà e mosso da rette intenzioni. Voi
siete giovane, voi avete un'anima sensibile, appassionata... Perchè
seppellire in eterna vedovanza tanti tesori di bellezza e di virtù?
Trovaste un uomo che seppe apprezzarvi ed amarvi... un uomo che giura
di rendervi felice. Egli sarà il padre dei vostri figli... egli
ravviverà la vostra esistenza, vi darà il coraggio e la forza per
adempiere ai santi doveri di donna e di madre...

--Voi mi parlate un linguaggio sì vero, sì insinuante... Lasciatemi!
basta... Ogni vostra parola è nuova esca all'incendio che mi arde nel
cuore. Lasciatemi... ve lo ripeto.

--Non vi lascio, se prima non mi promettete...

--Quale promessa?... mio Dio! Ma non vedete?.... io sono più morta che
viva... Voi abusate della mia debolezza... Sì... sarò vostra...
malgrado i giuramenti fatti. Sarò vostra malgrado i rimorsi che mi
straziano l'anima, malgrado la certezza che questa nostra unione debba
essermi sorgente di gravi sciagure...

--Carlotta!

--Giacomo!...

--Questa tua promessa mi dischiude il paradiso... Dimmi ancora che mi
ami...

--Ma non te l'ho ripetuto mille volte, che dal giorno che ti vidi,
conobbi che prima d'allora io non aveva mai amato...?

--Ho inteso quanto basta--mormora Enrico allontanandosi dalla
porticella. Da uomo prudente è meglio ch'io mi ritiri... Se indugiassi
ancora un minuto, potrei udire o vedere qualche cosa di peggio.

E il poveretto se ne va a capo chino, riflettendo alla propria
posizione, e studiando a qual miglior partito gli convenga appigliarsi.


III.

Passato il muricciuolo del giardino e giunto al lato destro della
propria abitazione, gli par d'intendere una voce sconosciuta. Che fare?
Se alcuno lo vede in quello stato di nudità, può nascere uno scandalo,
ed egli corre pericolo d'essere accolto a bastonate. Fatti bene i suoi
calcoli, e meditati i consigli della prudenza, s'appiatta sotto ad un
mucchio di fieno, e si pone in agguato, finchè cessi il pericolo.

A un tratto, ecco spalancarsi le imposte d'una finestra, ed
affacciarvisi una donna, che fa cenno della mano ad un giovinotto.

--Pst! Pst!

--Mariuccia!

--Lodovico!

--Buone nuove!

--Tuo padre?

--Ha dato il suo assenso.

--Dunque?

--Fra quindici giorni saremo uniti.

--Lodovico, tu mi fai morire dalla consolazione.

La giovinetta che sta per morire di consolazione è la sorella di
Enrico. Ella amava da due anni il signor Lodovico Remoli, e n'aveva
ricambio di tenero affetto; ma il padre del giovane, desiderando che
suo figlio aspirasse ad un _partito vantaggioso_, e sapendo che la dote
di Mariuccia non ammontava che a venti mila lire, si era costantemente
opposto a quelle nozze. La morte di Enrico Lanfranchi tornò propizia ai
due innamorati. Mariuccia vide aumentare la propria dote d'altre venti
mila lire; e il padre di Lodovico, dopo aver verificata e ponderata la
quantità e qualità dei solidi, diede alfine l'assenso desiderato.

Il colloquio di quei due giovani amanti fu in quella sera più lungo e
più animato del solito. Era tolto ogni ostacolo alla loro felicità;
l'avvenire sorrideva ad essi splendido, bello e senza alcuna nube.

Enrico Lanfranchi porgeva orecchio a quel dialogo, e di tratto in
tratto si asciugava una lagrima.

--Povero Enrico! esclamava Mariuccia; ho sofferto tanto quand'egli
è morto... ed ora... Lungi questo pensiero abbominevole!....
Benediciamo alla memoria di quel poveretto... Egli contempla dal
cielo la mia felicità, e ne gioisce... Mi amava tanto... Pure quando
io penso... che s'egli vivesse ancora... il nostro matrimonio non
potrebbe aver luogo... Ah! come l'amore ci rende egoisti! Enrico...
fratello mio... perdonami questo orribile pensiero.

--Io ti perdono, onesta fanciulla, disse Enrico soffocando le lagrime
a stento; e per verun conto non vorrei turbare la tua gioia innocente.
Sposati all'uomo che adori e vivi felice; la mia morte ti ha recato
qualche vantaggio; se io fossi vissuto più a lungo, ora entrambi
saremmo forse infelici.

Tutto commosso di tenerezza e di affetto, Enrico stava sul punto di
uscire dal nascondiglio e presentarsi ai due fidanzati; ma temendo che
la sua improvvisa apparizione non disturbasse la gioia di quel dolce
colloquio, si trattenne; e prorompendo in lacrime dirotte, si lasciò
sfuggire per la prima volta dal labbro queste parole:

--Quale stolido capriccio fu il mio di abbandonare il cimitero, ove
dormiva sì tranquilli i miei sonni, per venir qui.... a disturbare il
sonno e la felicità dei viventi?


IV.

Verso mezzanotte, i due fidanzati si separarono ricambiandosi mille
teneri baci; Mariuccia chiude le imposte, e Lodovico si allontana
zuffolando lietamente come un passero testè sfuggito alla gabbia.

--Non monta, dice Enrico sbucando dal nascondiglio: farò una visita a
mio fratello, ed a norma del suo contegno, prenderò la risoluzione che
più mi parrà conveniente.

Fatta una breve conversione a sinistra, il dabben uomo tocca il
limitare della propria casa. Batte tre colpi; il cane gli risponde
dagli atrii con urli di allegrezza; poco dopo la porta si spalanca, e
il vecchio portinaio in mutande e berretto da notte comparisce sulla
soglia.

--Misericordia! un uomo nudo... a quest'ora...!

--Sì, Bernardo; il tuo padrone...che viene dal Campo santo... ed ha
bisogno di ristorarsi con una buona cena ed un buon letto.

Il vecchio domestico lascia cadere la lanterna, e, fatto tre volte
il segno della croce, balbetta con voce tremante una dozzina di
_deprofundis_. Frattanto il fido barbone dimena la coda, spicca salti
di allegrezza, e lambisce amorosamente le polpe dell'antico padrone.

--Non temere, Bernardo; io non venni qui per farti alcun male, tu mi
fosti sempre il più fedele e il più amorevole dei servitori, nè potrò
mai scordare le tue cure e la tua assistenza durante la lunga malattia
che mi condusse al sepolcro. Io so ancora che non dimenticasti di
recitare ogni sera qualche prece pel mio eterno riposo, e te ne sono
riconoscente. A Dio è piaciuto ch'io tornassi al mondo, nè saprei dirti
come ciò avvenisse. Sentendo in me rinascere la vita ed il vigore, e
trovata la cassa aperta, volai senza indugio all'amplesso dei miei più
cari. Via! un abbraccio, mio buono, mio fedele e diletto Bernardo!

Il portinaio non può riaversi dalla sorpresa e dal terrore.

--Dunque... siete proprio voi... il mio antico padrone... il signor
Enrico... che or fanno sei mesi... abbiamo seppellito con tanti
onori?....

--Io son quel desso in anima e in corpo...

--E siete vivo... propriamente vivo.... quale eravate prima di....
morire?

--Se più indugi a darmi una veste e a prepararmi da cena, tu mi farai
morire un'altra volta. Presto! vanne alla guardaroba, e cavami fuori
qualcuno dei miei abiti, sicchè io mi riscaldi la pelle.

--I vostri abiti... signor padrone...

--Ebbene?

--I vostri abiti furono in parte venduti, in parte donati. Supponendo
che voi foste morto davvero, io mi sono appropriato il vostro
tabarro, e n'ho fatto dei pantaloni pe' miei piccoli bimbi. La vostra
veste da camera fa convertita in due sottane per mia moglie, e quel
bellissimo paletot che voi indossavate ai giorni di festa, l'ho fatto
raccorciare alle falde ed ai manicotti, e v'assicuro che mi si attaglia
mirabilmente.

--Tanto meglio. Vedi se nel forziere si trovasse una coperta di lana,
tanto ch'io non m'agghiacci stanotte. Domani ricorreremo al sartore, e
provvederemo nuovi abiti. Frattanto dammi notizie di mio fratello. Come
se la passa quel caro Aurelio? L'udisti mai lamentare la mia perdita
immatura? Pensi tu ch'egli sarà lieto nel rivedermi?

--Vi amava tanto! non passa giorno che egli non versi qualche
lagrimuzza proferendo il vostro nome; l'altro ieri lo vidi in istretto
colloquio con un valente scultore, al quale diede incarico di farvi un
monumento che verrà a costare più di mille lire.

--Giungo in tempo per risparmiargli una tal spesa.

--Oh! il nostro padrone non è uomo che badi a spese!

--Cuore generoso! Io lo conosco troppo per dubitare di lui.

--Dopo la vostra morte si può dire ch'egli abbia ricostrutta la casa.
Vedrete che lusso di pitture, di decorazioni, di mobili! Vostro padre,
morto due mesi dopo di voi....

--So tutto. Il buon uomo è venuto a trovarmi laggiù nell'altro mondo,
e mi ha mostrato il suo testamento che io trovai ragionevole e degno
d'approvazione. Aurelio ereditò circa ottantamila lire, Mariuccia
quarantamila, ed a mia moglie fu fissata un'annua pensione di ottocento
lire.

--Vedo che siete informato di tutto. Ottantamila lire! Sapete voi che
la è una fortuna colossale! Il signor Aurelio è al giorno d'oggi il
_primo estimato_ del paese. Quanto alla padroncina, vi dirò che, mercè
l'aumento della dote, ella sposerà fra pochi giorni il signor Lodovico
Remoli, figlio dello spedizioniere.

--Povera figliuola! sono contento di saperla felice!

--Il signor padrone... (scusate s'io parlo sempre di lui) il signor
padrone Aurelio sta anch'egli per ammogliarsi, e la sua fidanzata gli
recherà in dote, per quanto ne fu detto, cento e più mille lire in
denaro sonante. È un partito eccellente che, come vedete, raddoppierà
la sua fortuna. Ma... ora che ci penso... converrà bene che il signor
padrone Aurelio... e la padroncina... vi ritornino la porzione dei
beni che vi spetta di diritto, giacchè in fin dei conti... se siete
propriamente vivo... come io non oserei più dubitare all'appetito che
dimostrate, la roba vostra, è roba vostra, ed è giusto vi sia resa
integralmente. La giustizia avanti tutto. Io vi prego di perdonarmi se
ho ardito indossare il vostro paletot e convertire la vostra veste da
camera in un paio di gonnelle per mia moglie. Chi mai avrebbe creduto
che voi sareste tornato ancora al mondo? Tant'è; abbiamo veduta anche
questa! Oh, il signor Aurelio deve rimanere ben sorpreso!

Mentre il vecchio portinaio si stempera in questa lunga cicalata,
Enrico, ravvolto in una coperta di lana, smaltisce di tutta fretta un
pasticcio freddo, e vuota un fiaschetto di barolo. Ma nè il cibo nè la
bevanda giovano a rasserenargli lo spirito; che anzi, abbandonandosi a
sconfortanti riflessioni sull'egoismo degli uomini, egli piega il capo
sul petto e non risponde parola.

--Ebbene? prosegue il vecchio portinaio; debbo io risvegliare il signor
Aurelio e la padroncina?

--No, mio buon amico; questa sera non conviene ch'io mi presenti ad
alcuno. La mia apparizione inaspettata produrrebbe cattivo effetto.
Converrà attendere il domani, e quando tu li avrai prevenuti del mio
arrivo, allora...

--Come vi aggrada, signore.

--Frattanto spegni il lume, e buona notte per ora. Il giorno seguente,
verso il mezzogiorno, Aurelio Lanfranchi, Mariuccia e Carlotta erano
adunati in una magnifica sala a pian terreno, e ragionavano lietamente
vicino al caminetto, quando il portinaio comparve dinanzi ad essi,
e, fatto un rispettoso inchino, aperse quattro volte la bocca senza
proferire parola.


--Che c'è di nuovo, Bernardo?

--Oh!

--Stamattina m'hai l'aria d'uno spiritato: si direbbe che in sogno ti è
apparso il diavolo.

--Non il diavolo precisamente, ma qualche cosa di simile... cioè....
voleva dire... una persona dell'altro mondo...

--Spiegati! via! tu ci fai rizzare i capelli.

--Prima di tutto... conviene ch'io vi faccia una interrogazione....
tali sono gli ordini ch'io ho ricevuti....

--Da chi?

--Da lui stesso.... dalla persona che viene dall'altro mondo.

--Costui per certo è impazzato.

--No, signor padrone, io non sono impazzato; l'ho veduto, gli
ho parlato, abbiam passata la notte insieme ed ora è là fuori
nell'anticamera...

--Chi dunque? vuoi tu spiegarti una volta?

--Chi? vostro fratello Enrico.

--Decisamente quest'uomo ha perduto il cervello. Carlotta è presa da
terrore; Mariuccia volge al portinaio uno sguardo inquieto, mentre
Aurelio, assumendo un tono scherzevole, prosegue di tal guisa:

--Il mio povero fratello (che Iddio gli conceda eterna requie) avea
troppo buon senso quando era al mondo, per permettersi, ora che è
morto, una burla da sì cattivo genere. Sai tu, Mariuccia, che se ai
morti venisse il capriccio di risorgere, la sarebbe pei vivi e massime
pei parenti una vera desolazione! Supponiamo che il sogno di Bernardo
si avverasse; che il nostro Enrico ricomparisse un bel giorno in mezzo
a noi; credi tu che la nostra reciproca posizione non sarebbe oltremodo
imbarazzante? Converrebbe in primo luogo cedergli una parte dei nostri
beni; tu, Mariuccia, dovresti rinunziare a metà della tua dote, e
quindi alle speranze d'un felice matrimonio!....

--Basta, fratello, non ragioniamo di cose impossibili...

--Eppure il nostro Bernardo ci assicurava poco dianzi...

--E ancora vi torno a ripetere...

--Che nostro fratello Enrico...

--È la fuori, e domanda il favore d'essere ammesso alla vostra presenza.

L'accento calmo e sicuro del buon vecchio; la voce, il volto, il gesto,
da cui traspare l'intima convinzione dell'animo, raddoppia il terrore
delle due donne, che, stringendosi l'una presso all'altra, non osano
trarre un sospiro, nonchè proferire una parola. Aurelio comincia a
crollare il capo in segno d'impazienza; poi, volgendosi al servo con
piglio severo:

--Basta per oggi, gli dice: se altro non hai ad annunziarci, vattene
per le faccende tue.

--E qual risposta debbo io recargli?

--A chi dunque? risponde Aurelio stizzito.

--A lui... all'altro mio padrone... al signor Enrico insomma...

--Al diavolo entrambi! ch'io sono oggimai ristucco di queste tue baje!
prorompe Aurelio balzando in piedi.

Il servo s'inchina, ed esce dalla sala per pochi minuti; quindi,
rientrando poco dopo, pallido in volto, i capelli irti in sulla fronte,
s'inchina di bel nuovo innanzi ad Aurelio, e gli porge una lettera.

Perchè mai la mano di Aurelio trema convulsa nell'aprire quel foglio?

Sulla soprascritta egli ha riconosciuti i caratteri di suo fratello; le
cifre sono recenti ed umide tuttavia; non più dubbio... la mano del
morto... ha vergate quelle cifre.

  «Dilettissimi!

«Ieri sera ho lasciato il Campo santo colla dolce speranza di rivivere
per qualche tempo in mezzo a voi. Le lacrime che voi spargeste intorno
al capezzale del mio letto, quando io vi dava l'ultimo addio, e quelle
che versaste dappoi sulla mia tomba, m'erano pegno del vostro affetto
e guarentigia d'amorevole e festosa accoglienza. Mi sono ingannato.
Non temete però ch'io vi muova alcun rimprovero: il torto è mio e
son pronto ad espiarlo. Veggendo la vostra esitazione e il vostro
imbarazzo, per non accrescerli davantaggio colla mia presenza, io
riprenderò fra poco la via del cimitero, e mi adagierò nuovamente nella
cassa col fermo proposito di non uscirne più mai. Questa seconda morte
mi accora assai meno della prima, essendo io convinto oggimai di questa
grande verità: che cioè i parenti morti giovano assai meglio dei vivi.



Il violino a corde umane


Correva l'anno 1831.

Paganini, il diabolico Paganini, si era prodotto al teatro dell'_Opera_
in sei concerti, suscitando entusiasmi anche maggiori di quelli lo
aveano accompagnato nelle sue trionfali escursioni in Italia e in
Germania.--In presenza dell'artista fenomenale, alcuni professori
d'orchestra del grande teatro aveano spezzato i loro strumenti.

Alla medesima epoca, era in Parigi un altro violinista dotato di una
abilità straordinaria, ma tuttora ignorato nel gran mondo dell'arte. Si
chiamava Franz Sthoeny;--era nato a Stocarda, e in quella città avea
trascorso la gioventù nella pace della famiglia, alternando alle severe
meditazioni della filosofia, gli esercizi dell'istrumento a quattro
corde.

All'età di trentacinque anni, Franz era rimasto orfano e solo. Al
morire della madre che lo avea adorato, che aveva esaurite per l'unico
figlio tutte le economie di un patrimonio assai tenue, Franz si era
accorto di esser povero.

La prospettiva dell'avvenire gli si era affacciata alla mente coi più
lugubri colori.

Che fare?--Il suo vecchio maestro di musica Samuele Klauss si era
incaricato di rispondere alla terribile domanda. E la risposta, muta di
parole, era stata eloquente.

Klauss avea preso per mano il suo allievo diletto, e, condottolo nella
piccola sala dove tante volte avevano diviso insieme i fantastici
diletti della musica, gli aveva additato la piccola cassetta dove il
violino stava rinchiuso come un essere vivente in una tomba obbliata.

Quel cenno apriva a Franz Sthoeny una nuova carriera. Vendute le
mobilie e le suppellettili della casa, l'artista era partito per Parigi
in compagnia del suo maestro ed amico.

Prima che Paganini avesse dato al teatro dell'_Opera_ i suoi
meravigliosi concerti, Franz si era fatta, per una serie di
esperienze e di raffronti, una convinzione superba ed un proposito
irremovibile.--La convinzione era questa: di ritenersi superiore a
tutti i più rinomati violinisti ch'egli aveva uditi nella capitale
della Francia--il proposito era di spezzare il proprio istrumento, e
con esso la sua esistenza, qualora non fosse riuscito a tenere il primo
posto fra i suonatori dell'epoca. Il vecchio Klauss si compiaceva di
quel nobile orgoglio, e credeva, lusingandolo, di compiere in buona
fede una sant'opera.

Ma prima di prodursi al cospetto del pubblico, Franz aveva aspettato
con trepida impazienza che il tanto decantato italiano facesse le sue
prove a Parigi. Il nome di Paganini era stato, per alcuni mesi, una
spina rovente al cuore di Franz--un incubo, un fantasma minaccioso allo
spirito del vecchio Samuele.

Sì l'uno che l'altro aveano più volte tremato per quel nome di
artista--sì l'uno che l'altro avevano presagito sinistramente della sua
venuta a Parigi.

Chi può descrivere le ansie, gli spasimi, gli atroci entusiasmi di
quella nefasta serata?--Franz e Samuele, alle prime arcate di Paganini,
avevano rabbrividito. Il maestro e l'allievo, compresi da un entusiasmo
che era per entrambi angoscia tremenda, non osarono guardarsi in
faccia, non che ricambiarsi un accento.

A mezzanotte, dopo il concerto, rientrarono muti e lugubri nel loro
appartamento.

--Samuele!--disse Franz gettandosi sovra una seggiola con portamento
disperato--va!... noi altri non siamo buoni a nulla--hai capito?--a
nulla!... proprio a nulla!...

Le rughe del vecchio maestro divennero livide.--Dopo breve silenzio,
Samuele riprese con voce cupa:

--Eppure tu hai torto, Franz--io ti ho insegnato quanto si può
insegnare da un maestro, e tu hai tutto imparato ciò che l'uomo può
imparare dall'uomo. Qual colpa ci ho io, se questi dannati italiani,
per primeggiare nel regno dell'arte, hanno ricorso alle ispirazioni del
diavolo ed agli obbrobri della magia?...

Franz fissò gli occhi nel vecchio maestro con espressione
sinistra:--quello sguardo parea dire: «ebbene! a che mai tanti
scrupoli?... pur di elevarmi a tanta potenza nell'arte, ed io pure mi
darei al diavolo, anima e corpo!»

Samuele indovinò quell'atroce pensiero, e riprese la parola con calma
simulata:

--Tu conosci la storia miseranda del celebre Tartini. Egli morì in una
notte di sabbato, strangolato dal suo demonio familiare che gli aveva
insegnato la maniera di dare anima al violino, incorporando in esso
lo spirito di una vergine. Paganini ha fatto di più. Paganini, per
comunicare al proprio istromento i gemiti, i gridi desolati, le note
più strazianti della voce umana, si è fatto assassino dell'uomo che
più gli era affezionato sulla terra, e coi visceri della sua vittima
ha composto le quattro corde del suo violino fatato. Eccoti il segreto
di quel fascino, di quella potenza irresistibile di suoni, che tu, mio
povero Franz, non potresti mai uguagliare, se prima...

E il vecchio troncò a mezzo la frase.

La sua voce era paralizzata da uno sgomento misterioso.

Franz, abbassando gli occhi, uscì dopo alcuni minuti in questa domanda:

--E tu credi, Samuele, che arriverei anch'io ad ottenere gli effetti
inauditi, a suscitare gli entusiasmi di Paganini, qualora le corde del
mio istromento fossero composte di fibra umana?

--Pur troppo!--esclamò il maestro con singolare espressione--ma per
ottenere l'intento, non basta che le corde sieno composte di fibra
umana; è necessario che questa fibra abbia fatto parte di un corpo
simpatico. Tartini comunicò la vita al proprio violino, introducendo
in esso l'anima di una vergine--ma quella vergine era morta di amore
per lui; e il satanico artista, assistendola nelle ultime agonie,
a mezzo di una cannuccia, avea fatto passare nello istromento lo
spirito della moribonda. Quanto a Paganini, t'ho già detto che egli
assassinò il migliore dei suoi amici, la persona che più gli era
legata di benevolenza--e la assassinò per strappargli le viscere e per
convertirle in altrettante corde da suono.

--Oh! la voce umana!--il miracolo della voce umana, proseguì Samuele
dopo breve silenzio.--Credi tu dunque, mio povero Franz, che io non ti
avrei insegnato a produrla, se questa si potesse ottenere coi mezzi
dell'arte, di quell'arte nobile e santa che vuol vivere di sè stessa,
che vuol risplendere della sua propria luce, che disdegna le bassezze e
le ciurmerie, che ha in orrore i delitti?

Franz non ebbe forza di proferire un accento. Si levò in piedi con
una pacatezza sinistra che rivelava la più profonda agitazione--prese
in mano il violino--fissò nelle corde un'occhiata sprezzante e
minacciosa--e poi, afferratele con impeto convulso, le strappò dallo
istrumento.

Il vecchio Samuele mandò un grido. Le corde ridotte a gomitolo erano
state lanciate nelle brage del caminetto, e quivi si contorcevano
stridendo, come al contatto del fuoco un gruppo di serpenti assiderati.

Samuele tolse dalla tavola un candeliere, e si avviò alla sua camera da
letto senza salutare l'allievo.

Passarono settimane--passarono mesi. Una cupa malinconia si era
impossessata di Franz. Il violino, vedovo delle corde, pendeva dalla
parete, polveroso e negletto. Samuele e Franz pranzavano insieme
ogni giorno e ogni sera stavano assisi l'uno di fronte all'altro,
nel medesimo salottino--ma l'uno non osava rivolgere all'altro la
parola--si guardavano in silenzio come due muti. Dal momento che il
violino non ebbe più corde, anche quei due esseri animati parvero
smarrire l'uso della favella.

--È tempo che ciò finisca!--esclamò finalmente il vecchio Samuele.
E quella sera, prima di ritirarsi nella camera da letto, si accostò
all'amico per imprimergli un bacio sulla fronte. Franz si riscosse dal
suo triste letargo, e ripetè meccanicamente le parole del maestro--«È
tempo che ciò finisca!»

Si separarono--e ciascuno andò a coricarsi.

All'indomani, quando Franz aperse gli occhi alla luce del giorno, si
meravigliò di non trovare vicino al suo letto il vecchio maestro che
era solito levarsi prima di lui.

--Samuele! mio buono... mio ottimo Samuele!--gridò Franz balzando
dalle coltri per slanciarsi nella camera del maestro.

Franz fu atterrito dalla propria voce, ma più ancora dal silenzio
lugubre che a quella rispose.

Vi sono dei silenzi profondi che annunziano la morte.

Presso al letto dei cadaveri e nel vano delle tombe, il silenzio
acquista una intensità misteriosa che colpisce l'anima di terrore.

La severa testa di Samuele giaceva irrigidita sul capezzale--i contorni
salienti di quella testa erano una fronte calva sfolgorante di luce e
una barba grigia accuminata che pareva erigersi al cielo.

Alla vista di quel cadavere Franz provò una scossa terribile--ma la
natura dell'uomo e la natura dell'artista si risentirono in lui ad un
medesimo tempo, e in quella lotta di sentimenti, il dolore rimase ben
tosto paralizzato. Le passioni dell'artista prevalsero sui più teneri
istinti dell'uomo, e li soffocarono.

Una lettera all'indirizzo di Franz giaceva sulla tavola da notte.--Il
violinista l'aperse tremando:

  «_Mio caro Franz_,

«Al momento in cui leggerai questo scritto, avrò compiuto il più grande
e l'ultimo sacrifizio che io, tuo maestro e tuo unico amico, poteva
fare per la tua gloria.--La persona, che al mondo ti amava sopra ogni
altro, non è più che un corpo insensibile: del tuo vecchio maestro non
rimane oggimai a te dinanzi che la materia organica impassibile. Io non
ti suggerirò ciò che ti resta a fare.

»Non lasciarti atterrire da scrupoli vani o da stolte
superstizioni.--Io ti immolo il mio cadavere perchè tu abbia ad usarne
per la tua gloria--ti macchieresti della più nera ingratitudine
rendendo vano il mio sacrificio.--Quando tu avrai ridonate le corde
al tuo violino--quando queste corde si comporranno della mia fibra, e
avranno la voce, il gemito, il pianto del mio fervido amore--allora, o
Franz, non temere di nessuno,--allora prendi il tuo istrumento, mettiti
sulle orme dell'uomo che ci ha fatto tanto male--presentati nel campo
dov'egli superbamente ha potuto imperare fino a questo giorno--gettagli
in volto il tuo guanto di sfida! Oh! sentirai come la nota di amore
uscirà potente dal tuo violino, quando tu, accarezzando le corde, ti
sovverrai che desse furono parte del tuo vecchio maestro, che ora ti
bacia per l'ultima volta e ti benedice.

  _Samuele_.»

Due lacrime sgorgarono dagli occhi di Franz, ma tosto parvero
essiccarsi per effetto di una vampa latente. Le pupille del fantastico
suonatore, fisse nel morto, lampeggiavano come quelle della strige.

La nostra penna rifugge dal descrivere ciò che accadde in quella stanza
di morte, dacchè i medici ebbero praticata l'autopsia del cadavere.--A
noi basti accennare che le ultime volontà dell'eroico Samuele vennero
compiute, che Franz non esitò punto a procacciarsi le corde fatali onde
egli sperava dar anima al suo violino.

Quelle corde, di là a quindici giorni, erano distese sullo stromento.
Franz non osava guardarle. Una sera volle provarsi a suonare, ma l'arco
gli tremava nella mano come lama di stocco nel pugno di un assassino
esordiente.

--Non importa! esclamò Franz, rinserrando il violino nella
cassetta--questi sciocchi terrori spariranno quando io mi troverò in
presenza del mio potente rivale. La volontà del mio povero Samuele
vuol essere compita... sarà un grande trionfo per me e per lui... se
riescirò ad uguagliare... a superare Paganini!

Ma il celebre violinista non era più a Parigi. A quell'epoca Paganini
dava al teatro di Gand una serie di concerti.

Una sera, mentre il diabolico artista sedeva a mensa circondato da una
eletta compagnia di musicisti, Franz entrò nella sala dell'albergo, e
muovendo all'indirizzo di Paganini, senza dir motto, gli consegnò un
biglietto di visita.

Paganini lesse--lanciò sullo sconosciuto una di quelle occhiate
fulminee cui l'occhio più temerario non può sostenere--ma vedendo che
l'altro teneva fermo e pareva a sua volta sfidarlo colla impassibilità
dello sguardo: Signore, gli disse con voce secca, i vostri desiderii
saranno esauditi!--E Franz, salutando cortesemente i convitati, uscì
dalla sala.

Due giorni dopo, nella città di Gand era esposto un avviso che
annunziava l'ultimo concerto di Paganini. Nelle ultime linee del
programma, stampato a lettere cubitali, spiccava una nota singolare che
eccitava in sommo grado la pubblica curiosità, ed era oggetto di mille
commenti!

_In detta sera, diceva la nota, si produrrà per la prima volta
l'egregio violinista alemanno signor Franz Sthoeny, il quale si è
recato espressamente a Gand per gettare il guanto di sfida all'illustre
Paganini, dichiarandosi pronto a competere con lui nella esecuzione dei
pezzi più difficili. Avendo l'illustre Paganini accettata la sfida,
il signor Franz Sthoeny dovrà eseguire, in confronto dell'insuperato
violinista, la famosa_ FANTASIA-CAPRICCIO _che si intitola_
LE STREGHE.

L'effetto di quell'annunzio fu magnetico. Paganini, che in mezzo alle
agitazioni ed ai trionfi, non perdeva mai d'occhio il punto luminoso
della speculazione, credette bene, per quella occasione, di rincarire
del doppio il prezzo dei biglietti.--È inutile dire ch'egli aveva
calcolato perfettamente. Tutta la città di Gand, quella sera, parve
riversarsi in teatro.

All'ora terribile del cimento, Franz si recò nella sala del ridotto,
dove Paganini lo aveva preceduto.

--Bravo figliuolo! avete fatto bene ad anticipare la vostra
venuta--disse Paganini--sarà bene che noi invertiamo l'ordine del
programma. Mi preme di sbrigare questa faccenda, per non essere
disturbato nella esecuzione degli altri miei pezzi.--Siete voi pronto?

--Io sono ai vostri ordini, rispose Franz pacatamente.

Paganini fece alzare il sipario e tosto si presentò al proscenio fra un
uragano di applausi e di grida frenetiche.

Non mai l'artista italiano, nell'eseguire quella diabolica composizione
che si intitola le _Streghe_, aveva rivelato una potenza così
diabolica. Le corde del violino, sotto la pressione delle falangi
scarnate, si contorcevano come viscere palpitanti--l'occhio satanico
del violinista evocava l'inferno dalle cavità misteriose del suo
istromento.--I suoni prendevano forma, e, intorno a quel mago
dell'arte, parevano danzare oscenamente delle figure fantastiche. Nel
vuoto del palco scenico una inesplicabile fantasmagoria formata dalle
vibrazioni sonore rappresentava le orgie invereconde e gli osceni
connubi del Sabba.

Quando Paganini potè finalmente ritirarsi dalla scena, ove ad ogni
tratto lo richiamavano le strepitose acclamazioni del pubblico, nella
sala del ridotto incontrò Franz che aveva finito di accordare il
violino, e già muoveva per slanciarsi nell'arringo.

Paganini rimase stupito nel mirare l'impassibilità del suo competitore,
e l'aria di sicurezza che gli brillava nel volto.

Franz si avanzò verso il proscenio, accolto da un silenzio glaciale.
Soggiogati dal fascino di Paganini, gli spettatori guardavano il nuovo
arrivato come si guarda un povero ebete, che affronta un assurdo
cimento.

Nullameno, alle prime arcate di Franz, l'attenzione degli spettatori si
fece vivissima.

Franz era un esecutore abilissimo, uno di quegli esecutori pei quali
la difficoltà non esiste. Il vecchio Samuele non aveva mentito il
giorno in cui gli aveva detto: io ti ho insegnato tutto ciò che si può
insegnare, e tu hai imparato tutto quello che si può apprendere.

Ma ciò che Franz aveva sognato di ottenere per effetto delle corde
simpatiche; il gemito della passione, il grido straziante dell'agonia,
il ruggito della foresta e l'ululo dei dannati--ciò che il vecchio
Samuele avrebbe voluto comunicare al suo allievo ed amico, immolandogli
se stesso e dotando di corde umane lo strumento di lui--tutto questo
edifizio di illusioni, di speranze, che nell'anima dell'artista
alemanno si erano tramutate in fede sicura--tutto svanì in un istante..

Sotto il colpo di un terribile disinganno, Franz smarrì il coraggio
e le forze.... Invocò sommessamente il nome del defunto maestro--lo
pregò... lo maledì nel segreto dell'anima sua--lo gridò traditore,
scellerato. Poi, stanco della prova, disperato dell'esito, strappò dal
violino le corde fatali, le gettò al suolo, e si fece a calpestarle con
rabbia feroce.

--È pazzo! è pazzo!--fermatelo... soccorretelo! gridarono cento voci
dalla platea.

Franz si allontanò dal proscenio, ed entrato precipitosamente nelle
quinte, andò a prostrarsi ai piedi di Paganini.

--Perdono! mille volte perdono!--gridò Franz con accento disperato--io
aveva creduto... io aveva sperato...

Paganini stese le braccia a quel povero sconfitto; lo sollevò da terra,
e, abbracciandolo come un fratello, gli disse:

--Tu hai suonato divinamente... tu sei un grande artista... ciò che
ti manca...

--Oh! so ben io ciò che mi manca--esclamò Franz singhiozzando; ma il
vecchio Samuele mi ha tradito!....

E Franz narrò a Paganini l'istoria delle corde umane, esponendogli
ingenuamente le illusioni a cui si era affidato.

--Povero Franz!--esclamò il violinista italiano con sarcastica
pietà--tu hai dimenticato una circostanza per la quale le corde del tuo
violino non potevano competere colle mie nella vivacità, nel calore,
nell'impeto della passione... Non hai tu detto che il tuo vecchio
maestro era tedesco?

--Senza dubbio--egli era tedesco come io lo sono....

--Ebbene: ecco appunto la circostanza sfavorevole--proseguì Paganini
battendo sulla spalla del povero Franz.--Un'altra volta, quando vorrai
comunicare al tuo violino l'anima, il fuoco, la passione, la vivacità
che io possiedo, fa che le tue corde sieno composte di fibra italiana.

E aggiunse sottovoce: «E fa anche di procacciarti, se lo puoi, un'anima
da italiano».



La Tromba di Rubly


Ogni giorno la cronaca dei giornali registra un suicidio per amore.

Eppure: sentiteli un po', questi imberbi filosofi dello scetticismo!
Interrogatele, queste larve nuotanti nella seta e nei pizzi, queste
mummie intonacate di cosmetico che si chiamano le donne del gran mondo!

Vi diranno che l'amore è una metafora da poeti, un mito ingegnoso e
gentile, con che si piacquero gli idealisti raffigurare l'attrazione
fisica dei due sessi.

E frattanto, i figli della ignobile plebe amano e si uccidono--e mentre
una bella fanciulla del popolo, irradiata di innocenza e di giovinezza
tacitamente e coll'estasi in volto, dà il fuoco ai carboni che devono
addormentarla per sempre; un colpo di pistola annunzia la fine di un
appassionato artista, di un povero operaio, di un bersagliere animoso,
i quali lasciarono scritto col loro sangue queste due sante parole: ho
amato!

Il suicidio è una grande follia, forse... un delitto; ma le follie e
i delitti qualche volta rappresentano l'unico sintomo vitale di una
generazione. Le anime candide e serene, che respirano l'amore, hanno
bisogno, per rattemprare la loro fede, che qualcuno sparisca dal mondo
per aver troppo amato. L'amore è la religione del cuore; è necessario
che essa abbia i suoi martiri.

Era un giovane suonatore di tromba, nato--se non m'inganno--sulle coste
della Dalmazia, e venuto adolescente a domiciliarsi in Venezia, dove
all'età di venti anni aveva preso posto nell'orchestra del teatro la
_Fenice_.

Paolo Rubly aveva sortito dalla natura una di quelle fisonomie
caratteristiche, le quali, in chi le abbia vedute una volta, lasciano
una impressione indelebile.

Mi ricordo di esser partito con lui da Venezia, nell'estate del 1857.
Egli recavasi a Padova per suonare alla fiera del Santo; io doveva
proseguire sino a Milano.

Appena lo vidi entrare nella sala d'aspetto, i miei occhi, il mio
cuore, tutta l'anima mia furono assorti in lui e nella giovine donna
che si appoggiava al di lui braccio.

La più parte dei viaggiatori, vedendolo entrare nella sala, rimasero
ugualmente impressionati. Nel volto di tutti io lessi una commozione di
vivissima simpatia.

--Chi sono?--domandai ad un signore veneziano che li aveva salutati.

--È il Rubly... un professore della Fenice.... un bravo professore di
tromba; e la poveretta che gli sta al fianco è sua moglie--una sposina
da tre mesi che forse non ne vivrà altrettanti.

--Voi credete, signore?

--Guardatela bene, e vedrete che non c'è luogo ad illudersi.... Là
dentro ci lavora il _mal sottile_ da un pezzo.

Mentre noi parlavamo, il giovine, colla sua pallida compagna, si era
posto a sedere in un angolo della sala.

Si tenevano allacciati per le mani con ingenua famigliarità, come due
fanciulli--si parlavano cogli sguardi.... coi sorrisi.... come non è
dato parlarsi colla voce--Ma i sorrisi erano brevi, e spegnendosi, non
lasciavano traccia, o solo una traccia di dolore.

La campanella invitava i viaggiatori a salire nel convoglio; tutti si
precipitarono verso la porta. Io feci come gli altri--e, lasciando
dietro me quei due simpatici personaggi che tanto mi avevano
interessato, andai in cerca del mio vagone di seconda classe.

Sbadatamente entrai in uno di quei compartimenti dove non è permesso
fumare, e già io muoveva per uscirne, quando mi si affacciarono i due
giovani sposi che accennavano di voler salire.

--Qui dentro non si fuma? domandò languidamente la donna.

--No, Maria! E poi.... non c'è che un solo viaggiatore... e tu potrai
adagiarti comodamente.

In luogo di discendere, io mi ritirai verso l'estremità della
carrozza--i due sposi vennero a collocarsi sulla panchetta che stava di
fronte alla mia, e, come se nessuno fosse là ad osservarli, la giovane
donna abbandonò la sua pallida testa sulla spalla del marito, e questi
la attirò a sè dolcemente, accarezzando i bruni capelli e baciando la
pallida fronte.

--Ciò le farà bene--mi disse--vedrete ch'ella dormirà tosto.

E mi parlava come se io lo conoscessi da un pezzo, come se io,
consapevole d'ogni sua disavventura e partecipe de' suoi dolori, avessi
a ritrarre qualche conforto dalle sue parole.

Poco dopo (il convoglio era già uscito dalla stazione, e quell'uomo
singolare non aveva mai levati gli occhi dalla sua donna) egli portò
l'indice al labbro, e volgendosi a me colla espressione della più
viva compiacenza «ella dorme!--mi disse--così giungerà a Padova senza
avvedersene--non soffrirà! Osservate! Quando ella dorme, la sue guancie
prendono un bel colore di rosa... Credete voi che la sua malattia sia
grave?»

Io rimasi colpito da quella inattesa interpellanza, ma più ancora
dall'ansia affannosa ond'egli attendeva la mia risposta.

Tentai di rassicurarlo. Gli feci osservare che il respiro della
dormente era dolce e regolarissimo.

Per tutta risposta, egli mi strinse la mano--e stette parecchi minuti
senza profferire parola.

Poi, contemplando con espressione ineffabile la povera malata--no!
non è possibile!....--parlava fra sè--una donna non può morire quando
è amata come tu la sei, o mia buona Maria!--E voltosi di nuovo a me
«Io credo, mi disse, che se questa poveretta avesse a morire, ella
mi trarrebbe seco inesorabilmente dopo pochi giorni, o io avrei tale
potenza da farla rivivere!»

Queste parole mi afflissero come un lugubre vaticinio.--Ed ora, nel
ricordarle, mi sento commuovere da superstizioso terrore, poichè la
fine del povero suonatore di tromba fu quale egli stesso la aveva
preconizzata in quel giorno.

Quel signore, che alla stazione della ferrovia aveva presagita la
prossima fine dell'ammalata, non si era punto ingannato.

Quella debole fiammella, che era l'anima della povera Maria, a Padova
si andava spegnendo di ora in ora. Finita la fiera del Santo, la malata
espresse il desiderio di trasferirsi ad un paesetto in vicinanza dei
colli Euganei,--dove--sperava ella--avrebbe respirato la salute e la
vita. Una mattina fu veduta uscire dalla città una grande carrozza
tirata da un solo cavallo che andava al passo. Dentro la carrozza,
adagiata tra quattro guanciali, stava la pallida Maria sorridendo
mestamente al marito che, seduto di faccia, la accarezzava con sguardi
di madre.

Giunsero al paesello in sull'ora del tramonto. Dalle colline
verdeggianti spirava il tiepido soffio della vita--da ogni parte un
cinguettio, un tripudio, una festa. Le contadine uscivano dalle case, e
vedendo passare quel lento convoglio, cessavano dal canto e guardavano
attonite.

La carrozza si fermò presso una casetta di fresco costruita, bianca
come una sposa.

Il Rubly scese a terra.

--Ah! siamo dunque arrivati! Grazie... Paolo!...come si sta bene qui
... Oh... qui... non si può morire.

--Vedrai... vedrai la bella stanzetta che ti ho preparata! No... non
muoverti, Maria!... Lascia aprire la porta... e poi... Ecco... hanno
aperto!... Ora vieni!...

Così parlando, il Rubly si prese fra le braccia la donna, e questa
si abbandonò a lui come una bimba dormente--e così entrarono nella
casetta, e salirono al piano superiore.

«Che Iddio le renda la salute»--esclamò una giovane donna, facendo
il segno della croce.--I fanciulli, che erano accorsi festosamente
all'arrivo della carrozza, d'un tratto ammutirono. Un vecchio prete
crollò la testa mormorando: «Sarà bene che io non mi allontani!»

Il Rubly frattanto entrava in una cameretta al primo piano, e,
deponendo sovra un candido letticciuolo la gracile creatura che non
aveva parlato sin là--qui starai bene--diceva--qui vivrai felice,
Maria! Domattina verranno gli uccelletti a svegliarti come il giorno
... ti ricordi?--Fu appunto in una stanzetta come questa che noi ci
siamo destati all'indomani del nostro matrimonio... Tu hai schiuse
le finestre allo spuntare dell'alba ed hai esclamato: come il mondo è
felice!

Maria aperse gli occhi--portò la mano alla fronte di Paolo, e,
accarezzandogli i capelli--è tempo che tu ti riposi, gli disse, son due
notti che non dormi--va!--domattina sarai tu che aprirai le finestre;
sarai tu che farai entrare nella stanza la bella luce dell'alba. Se
dormo, svegliami... Vedrai come sarò bella... come sarò allegra
domani!

La tisi ha un presagio infallibile di morte, la gioia. Quando il povero
Rubly si destò all'indomani, quando ebbe schiuse le finestre per dar
adito alla luce, chiamò dolcemente per nome la sua Maria, ma questa non
rispose. La chiamò una seconda volta baciandola in fronte, ma le sue
labbra sentirono in quel bacio i geli della morte. Dalle finestre si
versava nella stanzetta il tripudio mattutino della natura; ai riflessi
di quell'alba, il mondo pareva ancora felice, ma nell'anima del Rubly
entrava la notte e la disperazione. A Padova, a Venezia, si disse per
alcun tempo che il professore di tromba del teatro la _Fenice_ aveva
smarrita la ragione. Era altresì corsa voce ch'egli si fosse suicidato
sulla tomba della sua donna. Fatto è che dopo la morte di Maria, il
Rubly divenne invisibile nel paesello dov'era accaduta la dolorosa
catastrofe; nessuno ebbe più nuove di lui; non vi era quindi chi fosse
in grado di darne agli altri.

All'approssimarsi del carnevale, l'impresario della Fenice stava in
forse di scritturare un altro professore di tromba per sostituirlo a
questo assente misterioso, che non dava più segno di esistere; ma ecco
sopraggiunge una inattesa lettera diretta al presidente del teatro--è
il Rubly che annunzia il suo prossimo ritorno a Venezia, che promette
di trovarsi al suo posto la sera della prima prova d'orchestra.

Il Rubly, all'ora fissata, entrò nel teatro e si assise dinanzi al
leggio senza far motto ai colleghi. La sua nobile fisonomia, improntata
di mestizia serena, attraeva irresistibilmente gli sguardi. Nessuno
osava interrompere quel misterioso silenzio, nel quale si rivelava un
profondo cordoglio e una speranza sublime.

Ma ciò che sorprese, ciò che scosse di ineffabile meraviglia i
professori dell'orchestra, fu il primo squillo che il Rubly evocò dalla
tromba--un squillo potente, febbrile, convulso, ma pieno di dolcezza.

La prova fu sospesa per un istante. Tutti i professori si alzarono come
un sol uomo per fissare in volto l'artista.

Il Rubly comprese il suo trionfo, e senza levarsi dallo sgabello salutò
i colleghi con uno sguardo irradiato di gioia.--Poi, come uno che parli
a sè stesso: non basta ancora, mormorò sommessamente--ma quattro o
cinque mesi di esercizio costante mi renderanno onnipotente.

In quel carnevale, la tromba del Rubly divenne famosa a
Venezia, e i frequentatori del teatro la Fenice, ad ogni nuova
rappresentazione, notavano nell'artista un sensibile progresso. Le
signore di temperamento delicato, al prorompere di quegli squilli,
impallidivano--gli uomini di carattere appassionato si sentivano
compresi da una tristezza inesplicabile, e qualche volta erano
costretti a fuggire dal teatro, come si fugge, per istinto, da ciò che
affascina e soggioga.

Il Rubly era additato nelle vie come una eccentricità della specie
umana. Egli passeggiava sempre solo: suoi occhi si affissavano, con
rapida vicenda ora al cielo ed ora alla terra, mutando ad ogni tratto
espressione. I più lo dicevano pazzo.

In quell'anno, uno spettacolo insolitamente grandioso si allestiva al
teatro di Padova per la fiera del Santo. La stagione doveva aprirsi
coll'opera _Roberto il diavolo_, concertata e diretta da Angelo Mariani.

Il Rubly fu chiamato a far parte dell'orchestra.

Tutti ricordano la fantastica evocazione di Beltrame nel convento
di Santa Rosalia: tutti sanno come in quella stupenda ispirazione
fantastica predomini lo squillo della tromba. Il Rubly, nell'accentare
le potenti frasi del sublime maestro, divenne a sua volta
sublime.--Quanti assistevano alla prova si sentirono, a quegli accenti,
correre per le vene un brivido di terrore.

Il direttore dell'orchestra impallidì--egli non ricordava di aver udito
mai tanta potenza di suoni; gli pareva che quello squillo di tromba
rappresentasse qualche cosa di sopranaturale, di divino.--E poichè
nessuno alla fine di quel pezzo si levò per applaudire, tanto era lo
stupore e lo sgomento di tutti, il Mariani, nel cupo silenzio della
sala, si volse al Rubly:--«Quando Iddio avrà bisogno di una tromba
per evocare dagli avelli i trapassati e chiamarli al finale giudizio,
non potrà affidare meglio che a voi la solenne missione--voi siete
predestinato ad essere l'arcangelo del giudizio universale.»

A tali parole, insorse dall'orchestra e dal palco scenico un grido di
approvazione.--Il Rubly non si mosse dal suo posto. Solamente affissò
il direttore dell'orchestra colla espressione del dubbio e della
speranza.--Poi abbassò il capo, e, stringendosi al petto lo strumento
col trasporto d'un amico che abbraccia l'amico--ora, a noi due, esclamò
sospirando--il momento è venuto!

All'indomani, gli artisti del teatro erano convocati alla seconda
prova--il Rubly non comparve. Al direttore dell'orchestra fu presentata
una lettera nella quale era detto: «perdonate se oggi manco ai miei
impegni--io sono chiamato altrove da una necessità prepotente--se
non torno fra ventiquattro ore, non contate di rivedermi più mai.» È
egli necessario di aggiungere che quella lettera portava la firma del
Rubly?...

E voi avete già indovinato, o lettori, quale via abbia preso il
povero suonatore di tromba.--Non chiamatelo pazzo--questa parola
rappresenta la nefanda calunnia con che lo scettico mondo pretenderebbe
demolire tutte le grandi e generose passioni. Il Rubly era dominato
dall'esaltazione dell'amore.

Arrivò nel paesello a un'ora di notte--visitò divotamente la camera
dove era morta la sua Maria; poi andò tutto solo a vagare nei campi
infino a quando dalle ville, dalle colline non si intese più suono
di voce umana.--Il di lui volto, come il modo di camminare, nulla
presentava di strano. Era calmo, sereno. Portava sotto le ascelle la
sua tromba involta in una tela verde.

Innanzi che battesse la mezzanotte, per una stradicciola obliqua, egli
si diresse verso il piccolo Campo Santo che sottostava alla collina.

Il paesello bianco, illuminato dalla luna, era muto. I viventi
dormivano come i morti--le case non erano più animate delle tombe.

Si accostò al muricciuolo--si guardò intorno--poi in un lampo lo
sorpassò--Le croci erano scarse in quell'ultimo asilo dei poveri--ma
una ve n'era, più bianca delle altre e costeggiata da un'ajuola di
fiori.--Il Rubly si diresse a quella. Là, da circa un anno, giaceva la
sua Maria.

Si inginocchiò dinanzi alla croce, e curvata la testa, parlò
sommessamente, come un giovane parla all'orecchio della sua innamorata.
Dei suoni indistinti, dei susurri quasi impercettibili si alzavano
dalle zolle.--Forse quella ardente fantasia di innamorato credette
udire degli accenti conosciuti.

«Io sono venuto, Maria!... Perdonami se mi sono fatto aspettare...
Io ho sofferto al pari di te. Ma oramai non è più possibile che noi
viviamo disgiunti--o tu verrai meco o io non partirò più da questo
luogo.»

Batteva la mezzanotte.--Il Rubly si alzò in piedi, e levato l'involto
alla sua tromba, la portò alle labbra, e cominciò ad emettere degli
squilli pieni di un fascino sovrumano. Non si può descrivere l'effetto
di quei suoni, lanciati così improvvisamente a traverso i silenzi della
notte, e ripercossi con varie gradazioni dagli echi delle case e delle
colline.

Quegli echi parevano la risposta dei sepolti, il gemito della umanità
tutta intera che da un sonno profondo e misterioso si riscuote ai
terrori della vita.

Il villaggio sovrastante al cimitero si destò ai primi squilli--le
finestre si illuminarono--si vedevano, attraverso la luce, agitarsi
delle creature umane che avevano l'aspetto di ombre.

Il Rubly, già stranamente impressionato dagli effetti sonori della
propria tromba, parve ravvisare in quella reale agitazione di viventi
il miracolo della risurrezione. Le upupe e le strigi, che spaventate
battevano le ali mandando strida sinistre, crescevano le illusioni di
quella scena fantastica...

Vi fu un momento in cui gli squilli della tromba divennero
spaventevoli. Le case dei viventi risposero con un grido di terrore.

La era l'ultima crisi di un sublime delirio. A poco a poco, i
suoni rallentarono; la disperazione parve placarsi, gli accenti
illanguidirono e l'ultima voce limpida e amorosa, come la nota di un
flauto, fu simile all'ultima favilla di una face che si spegne.

Gli abitatori del villaggio chiusero le finestre, e si ritrassero nelle
loro stanze.

All'indomani, verso l'alba, il curato ed il sacrista entrarono nel
Campo Santo, e quivi trovarono il povero Rubly abbracciato ad una croce
di marmo. Lo chiamarono a nome, lo scossero leggermente. Quella nobile
fronte era piena di sorriso e di luce, ma irrigidita dalla morte.

La promessa di due anime innamorate si era compiuta.--Maria non era
tornata al suo Paolo, ma questi era andato a lei.



Le vergini di Nyon


I.

--Una lettera da Nyon--disse il cameriere, bussando sommessamente
all'uscio della mia camera.

--Chi scrive?... Quel matto di Francesco. Leggiamo:

  «_Amico carissimo_,

»Se mai nel corso della vita ebbi ragione di maledire la precoce
canizie e le rughe che mi hanno difformato il volto, fu appunto nel
giungere in questo romantico paesello della Svizzera. Spiega sul
tavolo la carta geografica; cerca coll'occhio e colla mano quel punto
quasi impercettibile ove trovi scritto _Nyon_, e figurati di vedere un
gruppo di case pittoresche, sorgenti dal lago, circondate da colline e
poggetti ameni a vedersi, un cielo sempre sereno ed azzurro--un angolo
insomma del paradiso terrestre.

»Ma quello che non puoi avere inteso, e che neppure sapresti imaginare,
si è, che le più belle ragazze create da Dio a consolazione dei
mortali, albergano in quelle case, passeggiano sulla riva di quel lago,
e vengono ogni sera a respirare quell'aria balsamica.

»Sette sono le cospicue famiglie di Nyon; voglio dire le
ricche--perocchè, anche qui come in tutti i paesi del mondo, la
ricchezza costituisce il primato.--E in quelle famiglie vivono,
crescono e sospirano d'amore dodici ragazze, ciascuna delle quali
presenta un tipo distinto di quella celeste bellezza, che i poeti
descrivono negli erotici delirii della fantasia; che i pittori
impastano con tanto gusto sulle tele--che noi tutti abbiamo tante volte
sognata nel nostro letto di collegio, all'età di quindici anni. Or
bene, lo crederesti? In un paese tanto fecondo di bellezze femminili,
tu non trovi un solo giovinotto il quale possa destare in cuore di
fanciulla il più lieve sussulto d'amore. Coll'animo lacerato io ti
dico adunque: le dodici ragazze di Nyon hanno perduto ogni speranza di
trovarsi un marito nel proprio paese. Imagina la disperazione delle
madri, dei padri, dei tutori e più ancora delle povere figliuole, che
non trovano, per quanto girino gli occhi d'attorno, un viso d'uomo che
ispiri fiducia.

»Appena qui giunsi un vecchio dabbene mi narrò con le lagrime agli
occhi questa grande calamità del paese; perchè anch'egli è padre di due
ragazze bellissime, alle quali (riporto testualmente le sue parole)
spuntano già evidentissimi gli istinti del matrimonio E cercando io
qualche provvedimento a tanto infortunio, risolvetti di volgermi a
te, onde, a mezzo dei giornali, tu faccia appello al pubblico cortese
perchè coloro che desiderano una bella e ricca moglie si rechino in
questo paese tanto favorito, dalla natura.

»Le dodici ragazze di Nyon sono tutte infra i sedici e i venti
anni. Educate nei primarii collegi di Francia, parlano il francese,
l'italiano, il tedesco, e un po' l'inglese--suonano il pianoforte a
due mani, ed anche a una sola, secondo il bisogno--disegnano paesaggi,
farfalle, mosche ed altri animali, compresa la figura umana--sono
espertissime nei ricami, e scrivono con buona calligrafia, ed hanno poi
un'ultima dote--una dote, che io reputo la più interessante, la più
magnetica--una dote di circa cinquecentomila franchi per ciascuna.

»Amico.--Spero vorrai compiacermi di questo lieve favore... Non si
tratta che d'un semplice annunzio nei giornali più accreditati di
costì.--Nè credo necessario spiegarti per quali ragioni io prenda un
interesse sì vivo a queste povere figliuole... A suo tempo saprai
tutto, e vedrai che, come sempre, ho agito per scopo umanitario.

  _Tuo devotissimo_
  FRANCESCO R.»

--Ed io rimango in questa maledetta pozzanghera, a godermi un
vento sì nemico alla salute degli uomini ed alla pudicizia delle
donzelle!--A Nyon! A Nyon! Corriamo a respirare quell'aria imbalsamata
d'amore....--Pretenderebbe egli, quel matto di Francesco, che io
additassi agli altri la strada del paradiso, per rimanermene a cento
leghe di distanza? Sarei pure il dabben uomo s'io seguissi un tale
consiglio.

È inutile dire che il giorno istesso partii da Marsiglia alla volta di
Nyon.


II.

Le ragazze di Nyon non rappresentano alla mia fantasia i tipi più
omogenei.... per una moglie.... E quand'io mi decidessi a un tal
passo--il passo più buffo e più serio della vita umana, che si chiama
il matrimonio--forse vorrei rifletterci due volte prima di accordare
la mia mano e l'altre estremità del mio individuo a fanciulle che
troppo a lungo desiderarono.--Io vorrei una moglie alla buona, nè tanto
dotta da addormentarmi colle sue dissertazioni, nè tanto sciocca da
costringermi a farle da pedagogo. Non esigerei che mia moglie parlasse
quattro lingue, ma vorrei conoscesse l'italiano a perfezione, e che,
poco curando la calligrafia, nello scrivere non dimenticasse i punti e
le virgole, nè trascurasse gli accenti e le consonanti doppie ove si
richieggono.--Pretesa ben minima in apparenza, quantunque alcuni amici
miei, esperti in tali materie, mi assicurino che una donna la quale
parli bene la propria lingua e scriva colle regole della ortografia,
sia fenomeno raro a trovarsi. Nè mi andrebbe a sangue veder la mia
donna occupata tutto il giorno in disegni, ricami, intrecci di lane e
simili frascherie; ma vorrei all'incontro che ella fosse esperta nel
far calze e camicie, nel friggere una cotoletta, nell'improvvisare un
buon intingolo. Da ultimo, vorrei bandito dalla mia casa il pianoforte;
perchè una moglie che suona il pianoforte è la più pericolosa delle
mogli, che sono pur tutte pericolose assai.--La musica tira in casa
molta gente; vengono i dilettanti, si combinano i sestetti, poi i
terzetti, e si finisce coi duetti, composizione terribile inventata a
danno dei mariti.--Da quanto ho esposto, ciascun vede che le ragazze di
Nyon non fanno per me, e che io mi reco in quel paese coll'unico scopo
di verificare le strane asserzioni del mio Francesco, non essendomi
discaro poter ammirare il bel volto di quelle dodici figliuole;
perocchè ho ferma opinione che il contemplare anche da lontano una
bellissima donna valga meglio che l'abbracciarne una brutta.


III.

Il sole stava per nascondersi dietro le montagne, quando dall'alto
della diligenza vidi fumare le tettoie di Nyon. Domandai al conduttore
di por piede a terra, onde fare modestamente il mio ingresso.

L'aria spirava dolcissima--sereno il cielo, le collinette d'un bel
verde azzurro; gli augelletti svolazzavano fra gli alberi cinguettando;
ond'io fui tosto commosso da voluttuosa melanconia. E tutti sanno come
la melanconia disponga soavemente all'amore.

Eccomi alle porte di Nyon--ho attraversato la contrada principale--le
case sono belle e paiono appartenere a persone agiate; ma dove sono
le dodici ragazze? Non un bel visetto che sporga dalle finestre, non
una voce flautata che si parta dalle abitazioni. L'amico mi avrebbe
ingannato?--Ma ecco che egli mi viene incontro e con poche parole mi
leva ogni dubbio.

--Io era ben certo di vederti a Nyon!

--Ti giuro che l'intenzione di prender moglie...

--Fermo là coi giuramenti! tu ignori la gravezza del pericolo...

Nel mentre abbracciavo l'amico e mi intratteneva con lui, mi accorsi
che, dalla casa vicina, due grandi occhioni, stupidi e gonfi
d'acquavite, due occhi da servitore mi stavano squadrando dal capo al
piede.

Quell'uomo, appena fummo entrati nella locanda, venne nel mezzo della
piazza, e facendo i più strani gesti, si chiamò intorno gli abitatori
del paese.--Che è? che non è? La folla circonda il banditore con
rispettoso silenzio, finchè questi con grande solennità annunzia ai
circostanti che:

_Un giovane civilmente vestito è entrato in Nyon!!!_

La novella percorre in breve ora tutte le case, e dalle cantine ai
granai passa rapida come baleno.--Tutti parlano _del giovine civilmente
vestito_--Chi è? Donde viene? _Cur? quomodo? quando?_

Ciascuno fa i suoi commenti; vengono in campo le induzioni più strane,
il rumore cresce a dismisura.

Io ceno di buon appetito; do un colpo di spazzetta al mio soprabito,
quindi a braccio dell'amico scendo a passeggiare sulla spianata
che costeggia il lago. La luna splende bellissima in un cielo di
zaffiro. Appena mossi alcuni passi, noi ci troviamo al cospetto di
due bellissime fanciulle, vestite in bianco. Esse procedono l'una al
braccio dell'altra; il papà e la mamma le seguono a poca distanza,
siccome vuole la prudente costumatezza dei tempi nostri.

_Ecco il giovine civilmente vestito_!--Queste parole furono scambiate
sommessamente fra quella piccola comitiva, e le ragazze abbassarono
modestamente gli occhi, dopo avermi ben ben squadrato dalla testa
ai piedi.--È inutile aggiungere che il papà e la mamma con moto
simultaneo appuntarono contro di me il naso e gli occhiali.--Nello
stesso modo io dovetti subire l'esame di altre dieci ragazze, e di
non so quanti padri, zii e tutori; perocchè, lode alla sincerità del
mio Francesco, le belle ragazze di Nyon erano dodici appunto. E debbo
ancora aggiungere per debito di verità, che ciascheduna di esse porgeva
un tipo di sì perfetta bellezza, che nè io, nè Francesco, nè Paride
redivivo, avremmo saputo a cui dare il pomo di preferenza.

Stature alte e mezzane; capelli biondi, neri, castani; occhi _neri,
azzurri, bigi_; fisonomie melanconiche e gioconde, modeste e procaci,
ingenue e voluttuose.--Io credo che mai in un serraglio dell'Oriente si
adunassero ad un tempo tante beltà femminine.

La _toilette_ era però uniforme; il vestito bianco parve fosse adottato
quella sera ad unanime voto; forse perchè il candore più si convenga
ad oneste fanciulle, o forse ancora perchè nel fondo bruno della
sera facesse meglio spiccare le forme bellissime di quei bellissimi
corpicciuoli.

Io passeggiava come assorto in estasi divina; parevami essere nel
giardino delle fate, e confesso di aver provato in quel punto un vago
desiderio di prender moglie... Le avrei sposate tutte dodici, senza
scrupolo di sorta.

Verso le 9 ore, l'aria che dapprima era fresca, divenne a poco a
poco freschissima, quindi fredda; e come per segreta convenzione, le
bellissime fanciulle si allontanarono silenziosamente, ed entrarono
ciascuna nella propria casa.--Ed ecco, non appena trascorsi due minuti,
rischiararsi d'improvviso le finestre, ed uscirne i più deliziosi suoni
che io mai avessi udito. Di là una fantasia di Thalberg, di qua una
melodia Belliniana, più avanti una grande sinfonia a quattro mani,
insomma una vera inondazione di musica in tutti i toni e in tutte le
misure.

--Che significano questi suoni? Che vogliono esprimere queste melodie
ora languide, ora concitate, che dal villaggio di Nyon si inalzano al
cielo?

--Te lo dirò io, rispose il grande filosofo che mi dava di braccio.--Le
dodici ragazze di Nyon, in tutti i toni, in tutti metri, in tutte
le misure, non esprimono che un solo pensiero: Abbiamo _bisogno di
marito!!!_


IV.

La notte del 24 maggio fu una terribile notte pegli abitanti di
Nyon.--Mi coricai con triste presentimento.--Le varie emozioni del
viaggio, le scosse e i trabalzi della vettura, e sopratutto la vista
delle bellissime fanciulle mi avevano acceso un vulcano nella testa;
i nervi ed i muscoli mi oscillavano, e una mano di piombo, pesandomi
sul petto, pareva contrastarmi il respiro. Volgiti a destra, volgiti
a sinistra, mettiti boccone o supino, tieni gli occhi chiusi o
spalancati, quando il sonno non viene spontaneo a coronarti de' suoi
papaveri, le invocazioni e le evoluzioni non giovano: ti convien
vegliare a dispetto.

Fu una notte di spasimi--una notte di delirio.... per me, e per tutti
gli abitanti di Nyon.

Le sentinelle e le guardie di finanza, che vegliavano le contrade,
affermarono aver uditi nell'aere certi gemiti affannosi, certi sospiri
e singulti d'equivoca espressione. Parve ancora a taluni aver vedute
delle figure bianche e trasparenti disegnarsi nell'ombra, affacciarsi
alle finestre, correre su pei tetti leggiere, leggiere...--poi
disparire come nebbia.

Alle undici del mattino io dormiva finalmente il sonno dal giusto,
sovra un letto che assomigliava ad un mare in tempesta, avviluppato,
o per meglio dire intricato dalle coltrici che aveano preso forma
di corde da bastimento. Francesco entrò nella mia camera, spalancò
le imposte ed uno sfacciato raggio di sole mi percosse le palpebre
d'improvviso.

--Presto! fuori dal letto! gridò l'amico--Tutte le ragazze di Nyon sono
in volta coi più begli abiti da festa!

Io balzo dal letto; mi vesto, do di braccio all'amico, e scendo con lui
sulla piazza--La vista del sole mi ha rallegrato il cuore.... e l'aria
che spira dal lago ha ravvivati i miei sensi.

Eccoci di nuovo sulla spianata. Quanta gente! Aspettano l'ultimo
richiamo delle campane per entrare nella chiesa.

La domenica ne' piccoli paesi è il più lieto giorno della settimana, ed
anche il più propizio agli innamorati. Le crestaie e le lavandaie vanno
in giro coi loro cartoni, coi loro panierini ed altri passaporti della
professione, ed ho inteso dire da un grande filosofo che col

  ...Scendere e salir per l'altrui scale

le buone fanciulle lasciano su tutti i gradini una piccola porzione
del loro cuore. Ma io non bado alle crestaie.... e molto meno alle
lavandaie; in campagna ho bisogno di poesia... e di amore, e tuttociò
che mi richiama al pensiero le mie fralezze cittadine, mi fa montare il
rossore sul volto. Io cerco avidamente le dodici fanciulle dalla veste
bianca e dal nastro azzurro.--Più si avvicina il momento desiderato,
più aumentano le mie ansietà.

Ma le campane suonano l'ultimo richiamo, e la turba dei divoti entra
confusamente nella chiesa, mentre io e Francesco restiamo nell'atrio
ad attendere.--Esse debbono passare per di là, ed io potrò meglio
contemplarne la bellezza. L'incerto lume della notte sovente inganna
anche i più esperti osservatori; le nostri grandi dame di città, le
quali appaiono sì belle al riflesso d'una lampada o d'un becco di gaz,
perdono ogni attrattiva quando si mostrano alla schietta luce del
giorno!

Io spero aver prodotto in quelle anime sensibili una dolce impressione.
Non abituate alla vista di un _giovine civilmente vestito_, quelle
fanciulle non potranno resistere alla seduzione del mio gilet di
velluto e della mia cravatta di seta. Ma non ho io giurato di rimaner
celibe? È vero; ma ho anch'io la mia piccola dose di vanità, e non ho
a male se una donna mi riguardi con compiacenza. V'è tanta eloquenza
negli sguardi d'una giovinetta che sente alle estremità dei nervi la
prima prurigine dell'amore! Con un solo muover di ciglia essa dice ben
più che non il Petrarca col suo grosso volume di sonetti.

Grazie al cielo ho finito di attendere--Le fanciulle di Nyon muovono
verso la chiesa, e se ieri sera mi parvero belle, oggi discopro in
esse novelli pregi, novelle perfezioni. Decisamente lo apparir belle
soltanto di notte è privilegio delle lucciole e delle grandi dame.

Per Dio! che significano questi dispetti? Sono esse timide tanto che
non osino levare lo sguardo? Perchè nel passarmi d'accanto le fanciulle
di Nyon fanno quelle smorfie disdegnose; mentre i padri, i tutori, gli
zii mi fulminano del loro austero cipiglio!


V.

A questa domanda seguì immediatamente nell'interno della mia coscienza
una risposta crudele... Ciò che altre volte mi era accaduto nel mio
pellegrinaggio sentimentale, ciò che inesorabilmente mandò a vuoto
tutte le mie intraprese più serie in fatto di amore; il grande,
l'insormontabile ostacolo mi si parava dinanzi all'indomani del mio
arrivo--prima ancora che io avessi concepita nonchè espressa una
speranza legittima sul conto delle avvenenti figliuole...

Ed esse sfilavano dinanzi a me cogli occhi bassi, e torcevano il collo
sdegnosamente, e si affrettavano ad intingere la bella manina nel
vasello dell'acqua santa per cacciare la tentazione col segno di croce.

In verità, che a vedere quel gesto di religioso dispetto, mi parve
anche intendere parecchie voci pronunciare il _vade retro Satana_ degli
esorcisti.

--Francesco! diss'io, stringendo convulsivamente il braccio
dell'amico....

«Francesco!!!»

Quegli mi guardò in faccia, e l'impressione del mio aspetto non fu
certo promettente per lui, poichè egli mi allontanò a forza dalla
chiesa e mi condusse di nuovo sulla spianata.

--Francesco! ripresi meno bruscamente, poichè entrambi ci fummo assisi
a poca distanza dal lago; io vorrei un po' sapere chi abbia già detto a
quelle... e ai padri, ai tutori, agli zii di quelle... sì, di quelle
pettegole... io vorrei un po' sapere chi abbia palesato il segreto
della mia professione...

--La tua professione non poteva rimanere un segreto, rispose
pacatamente l'amico; poichè ier sera non appena tu consegnasti il
passaporto all'albergatore, il _piccolo_ dell'osteria si affrettò a
copiare esattamente il tuo nome e i tuoi connotati, onde appagare
le numerose richieste.... degli abitanti di Nyon, i quali da circa
un'ora assediavano le porte dello stabilimento. Il tuo nome e i tuoi
connotati, prima di mezzanotte, furono riprodotti in circa duecento
esemplari, e ti giuro che il _piccolo_ ci ha guadagnato delle buone
monete pel suo incomodo.

--Dunque... oramai tutti sanno...?

--Tutti sanno che tu sei nato a Macerata, che tuo padre era segretario
di un vescovo, che il vescovo per amor di tua madre, ti ha fatto
educare in seminario, dove imparasti a cantare da soprano, e che
infine, avendo tu cogli anni acquistata una bella voce da tenore,
lasciasti la sacristia per tentare la sorte avventurosa del teatro,
ove a quest'ora hai già guadagnata una fama ed una pancia molto
rispettabile.

--Tutte queste cose si sanno a Nyon... sul conto mio? Ed anche qui....
in un oscuro paesello della Svizzera... in un paese che vanta libere
istituzioni, che si crede molto avanzato nelle idee democratiche...
anche qui dovrò temere i pregiudizii delle nostre città imbastardite
dal clericume! Anche qui... le ragazze faranno le smorfiose dinanzi
ad un leale ed onesto cittadino, il quale non ha altro torto in faccia
al mondo fuori quello di essersi consacrato ad un'arte.... che egli
credette e crede tuttavia la più nobile, la più lucrosa, poetica delle
arti...! Sì, la più poetica.... giuraddio!... sono pronto a sostenerlo
in barba a tutti gli imbecilli dell'universo.

--Amico!--disse Francesco colla usata sua flemma; tu corri troppo alle
ipotesi..!. Tu ti lasci trascinare da un impeto di passione, che finora
non trovo per verun conto giustificabile. Aspettiamo... vediamo....
interroghiamo.... giudichiamo.... Finora non si è fatto alcun passo
per conoscere i sentimenti di quelle caste e sensibili figliuole....
Se veramente tu avessi in animo di sposarne una... si potrebbe, con
buona grazia, colla debita circospezione, farsi innanzi.... persuadere
i parenti...

--Sposarne una!... Ascoltami, Francesco.... Tu sai che io non sono
l'uomo delle mezze misure.... quando mi sento offeso nell'amor proprio
... Ah! Francesco!--E questa volta l'offesa fu tremenda!--perocchè è
partita simultaneamente da dodici punti diversi....

--E da altrettante virgole.... Perdono! le donne io le chiamo virgole e
non punti; perocchè esse appartengono al genere femminino.... ed anche
per altre ragioni che il pudore mi vieta di ripetere...

Questa osservazione dell'amico interruppe il corso della mia collera,
ed io dovetti sorridere. Dopo quel sorriso mi sentii l'anima raddolcita.

--Or bene!.... So io come s'ha a finire questa faccenda, dissi
all'amico dopo breve silenzio... Credi tu, che se io invitassi gli
abitanti di Nyon ad una accademia di declamazione e di canto nella gran
sala dell'albergo maggiore, questi si rifiuterebbero di intervenire al
trattenimento?....

--Ci avrei qualche dubbio... Tutto sta che il prezzo del biglietto sia
piuttosto moderato...

--Quanto, per esempio?...

--_Gratis_!

--E sia pure _gratis_!... a patto che il pubblico non manchi. Ciò che
mi importa è di avere presenti allo spettacolo tutte le dodici vergini
di Nyon, coi loro rispettivi padri, tutori e zii.

--Te ne rispondo sulla mia onoratezza...

--Ed io ti prometto, che se le dodici ragazze verranno al concerto,
all'indomani avremo libera scelta tra esse...

--Ho io ben compreso?... Hai tu detto: _avremo_?...

--_Avremo_! Io ti farò sposare una dote di cinquecentomila franchi, e
la più bella delle belle... Vuoi tu?...

--Se io voglio?!!!

L'amico Francesco pareva ammaliato.


VI.

Ci separammo--poichè la gente usciva in quel punto dalla chiesa, ed
io non voleva espormi una seconda volta al ludibrio della mia falsa
posizione.

Francesco andò a predisporre la sala pel trattenimento. Io noleggiai un
battello e feci un giro sul lago--meditando la mia vendetta.

Francesco condusse le cose per bene. Quand'io tornai all'albergo sul
far della sera, vidi l'amico ritto in sentinella sulla porta, e tutto
rifatto dal capo al piede coll'abito di rigore.

--Le ragazze verranno tutte--mi disse all'orecchio; e la gran sala è
disposta perfettamente come tu mi hai indicato.

--Ottimamente!...

Entrai nella mia camera e pranzai coll'amico. E, dopo il pasto, levai
dai bauli i miei ridicoli abiti da concertista, e indossai alla mia
volta quell'aristocratica uniforme che uguagliando il gentiluomo al
parrucchiere ed al garzone di trattoria, ottiene i primi onori nella
società moderna, e viene considerata come una bardatura indispensabile
a chi frequenta le grandi sale.

Alle ore otto e mezzo della sera la sala dell'albergo era colma--tutte
le ragazze di Nyon--tutte!--e lo ripeto ad onore dell'amico--sedevano
nella sala, intorno al pulpito predominante.

Io entrai senza farmi annunziare.

Strisciai tra la folla degli abiti neri, colla schiena ricurva e gli
occhi dimessi... Salii i quattro gradini dei pulpito; e fatto un
leggiero inchino del capo, poichè tutti gli occhi furono a me volti,
e il silenzio degli spettatori parve chiedermi la parola, spiegai sul
tavolo una cartolina, nella quale erano riepilogati i miei pensieri, e
con voce sonora proferii il seguente discorso:


VII.

«Se innanzi a voi, gentilissime donzelle e nobili signore di Nyon, io
mi presento a difendere l'onore e la fama di quella grande famiglia
artistica a cui mi glorio d'appartenere: la carità dello scopo varrà a
giustificare l'audacia dell'assunto, e voi di leggieri mi perdonerete
se, togliendovi agli ozii delle pacifiche dimore, v'ho qui stassera
chiamati a consiglio. Malagevole cosa è per me il combattere un
pregiudizio oramai incallito nei vostri cervelli; nè io presumo tanto
dalla eloquenza mia, da tenermi sicura la vittoria. Ad operare sì
grande rivolta d'idee, non che le mie deboli parole, insufficienti
tornerebbero le miracolose gesta degli antichi profeti: tanto l'uomo
è ritroso a salire anche d'un solo gradino la scala del progresso
e della civiltà. Ma s'egli è pur necessario che alcuno vi dia la
prima spinta, a ciò mi adoprerò col seguente discorso, nel quale,
dopo avervi dimostrato che l'arte del canto è le più antica e la più
nobile delle arti, e in qual pregio fosse tenuta e tengasi tuttora
dalle nazioni più incivilite; vi proverò con argomenti incontrastabili
come un cantante, pelle sue doti fisiche e morali, non possa a meno
di riuscire un valoroso e comodo marito. (_Tumulto nelle ultime
file_). Vi conforti però il pensiero, che, quando anche io riuscissi a
modificare le vostre opinioni e a conciliarmi d'un tratto l'universale
simpatia, mi asterrò dallo importunarvi con proposte di matrimonio;
io soffocherò nel petto quelle dodici fiamme d'amore, che pur troppo
vi divamparono dal giorno in cui il tacco del mio stivale si è posato
per la prima volta su questo vulcanico suolo. (_Movimento nelle prime
file_). Scoraggiato da molte ripulse, io feci voto di eterno celibato.
(_Sensazione_). Domani lascierò per sempre queste ridenti spiaggie
del Lemano, e simile ai nostri primi padri esulanti dall'Eden, io
porterò meco l'amarezza nel cuore e le lagrime sulle ciglia. Ma se la
giustizia della causa darà qualche efficacia alle mie parole, forse in
luogo dello sprezzo e dell'odio, mi seguiranno i voti e il compianto
di qualche anima convertita. (_Tosse e starnuti_). Un giorno...
qualche mio confratello... peregrinando a queste terre, troverà presso
di voi quell'accoglienza cortese che a me... fu negata. Allora non
più le grazie si involeranno sdegnose ai baci ed agli amplessi d'un
figlio d'Apollo, ma gli moveranno incontro con festevole gara, per
aprirgli cortesemente i nascosti tesori della bellezza. (_Agitazioni
e contorsioni nelle prime file_). Oh, in quel giorno... vi sovvenga
per me una parola di benedizione... La vostra pietà, benchè tarda,
sarà balsamo alle crudeli ferite che oggi mi avete aperte nel cuore.
(_Breve pausa_).

»Il canto è il linguaggio più naturale dell'uomo.

»Non mi sarebbe difficile il convincervi come i nostri primi padri si
intendessero fra loro a forza di scale e di solfeggi, non altrimenti
che le allodole ed i fringuelli. Ma quando, insieme cogli altri
peccati, nacquero gli odii e le guerre fra gli uomini, la musica
divenne impotente ad esprimere i nuovi bisogni e le nuove turpitudini:
le note si urtarono disaccordi, e cessata ogni armonia dei cuori
cessò di conseguenza anche la dolce armonia del linguaggio. Allora fu
inventato l'alfabeto; allora convenne torcere le labbra e contrarre la
bocca all'accozzo delle aspre consonanti, ed a forza di complicazioni
e di bisticci gli uomini giunsero al punto di più non comprendersi
fra loro. La molteplice varietà delle lingue dimostra evidentemente
come esse nascessero dalla discordia e dal capriccio, piuttosto che da
un naturale istinto dell'uomo, mentre alla musica è concesso tuttora
il privilegio di essere compresa ugualmente da tutta la famiglia
umana. L'Etiope, l'Ottentotto, il Mamalucco commovonsi al suono d'una
melanconica canzone, non meno dell'elegante e colto Europeo. I più
nobili e puri sentimenti dell'anima, le grandi gioie siccome i grandi
dolori, meglio che con altro linguaggio si rivelano colle varie
modulazioni delle note.--Col canto, le madri parlano ai loro bambini
lattanti, col canto, il garzone innamorato sfoga le pene segrete sotto
il balcone della sua ganza; e col canto voi pure, o nobili svizzeri,
riusciste a stabilire una perfetta intelligenza fra voi e le vostre
mandrie. (_Applausi_).

»Io non mi farò qui ad investigare chi abbia dettate le prime leggi
musicali e ridotto a regola d'arte questo nobile istinto della creatura
umana. Io so che presso tutti i popoli e in tutti i tempi, i cultori
dell'armonia furono oggetto di venerazione e di culto. Gli Egizii
eressero statue al celebre Eocri, il quale nelle feste di Osiride
dominava colla sua voce baritonale un coro di ben settemila cantori.
Io non vi parlerò di quel favoloso Orfeo, nè di quell'Anfione, che
colla soavità del canto ridussero a civiltà gli uomini e le pietre. E
tacerò di Talete che colla musica guariva i Cretesi dalla peste, e di
Peone che col canto è fama risanasse gl'infermi e i morti risuscitasse.
I Greci e gli Spartani avevano in tanta stima i cultori di quest'arte
divina, che Temistocle, forse per ciò solo che non sapeva cantare, fu
assai meno stimato di Epaminonda.--La popolazione romana provò tanto
dolore alla morte del cantante Tigellio, che i cittadini vestirono a
lutto e si cosparsero di cenere come all'annunzio di pubblica calamità;
il divino Alighieri non isdegnò celebrare nel suo poema il tenore
Casella, della cui amicizia si tenne, mentre che visse, onorato.

»Ma che vado io rammentandovi queste viete istorie dei tempi andati?
Volgete piuttosto gli sguardi alle regioni più incivilite della
moderna Europa, e mirate a quale sublime altezza noi privilegiati
figliuoli dell'armonia fummo dal pubblico buon senso e dalla pubblica
riconoscenza elevati. A noi per unanime voto tributato il titolo
di virtuosi; in noi concentrate le speranze ed i voti dei popoli;
noi scopo di ogni conversazione ne' privati circoli, nei caffè,
nelle piazze e nei corsi; noi arricchiti ed ingrassati dal plauso
universale. Duemila e cento ventitre giornali si contendono il vanto
di registrare i nostri trionfi ed i nostri raffreddori, e noi diamo di
rimando l'alimento e la vita a tanti giornalisti, che ben si può dire
la letteratura moderna vegeti e cresca irrigata dai nostri gorgheggi
e dai nostri marenghi. Che più? A noi si dedicano biografie, a noi
si innalzano busti e monumenti, a noi si gettano corone, a noi si
decretano gli onori del trionfo. (_Oh! Oh!_). Dubitereste?--Si vede
o Svizzeri innocenti, che voi siete rimasti ben addietro nel cammino
della civiltà.--Io era presente... vidi io stesso lo spettacolo
commovente: una carrozza tirata dai più reputati gentiluomini della
città, i quali non isdegnarono logorare il molle guanto e curvare la
schiena alla generosa fatica del cavallo... E sapete voi chi sedesse
trionfalmente in quel cocchio? Poveri Svizzeri, voi noi crederete--un
tenore! (_Fischi, urli ed altre manifestazioni_)... Egli sedeva
radiante di gloria, come Febo nel suo carro luminoso, e mentre i
bipedi corsieri lo traevano nelle più popolate vie, e le dame dai
balconi sventolavano i fazzoletti e gittavano fiori e ghirlande sul suo
passaggio. A completare l'augusta cerimonia altro non mancò in quel
giorno se non che il festeggiato cantante, afferrato uno scudiscio,
lo esercitasse sulla groppa de' suoi fanatici ammiratori. (_Applausi
universali_).

»Ma io sto per porgervi l'ultima e la più manifesta prova dell'alta
considerazione in che noi siamo tenuti. Vi piaccia seguirmi col
pensiero in uno dei principali caffè di Milano, voglio dire nel caffè
Martini, sulla piazza del grande teatro della Scala.

»Tutto che vi ha nella Capitale Lombarda di gioventù nobile ed
elegante, le individualità più notevoli.

  Sia per titoli e blasoni
  Sia per cedole e dobloni:

i _lions_ più famigerati per imprese d'amore o per lusso, per
splendidezza di vita, hanno quivi ritrovo.

«In quelle sale privilegiate non osi l'umile proletario introdurre
il lezzo del suo vecchio paletot, nè l'equivoco colore de' suoi
collaretti; e si astengono parimenti dal porre là dentro il piede
gli stremati seguaci di Temi, gli avvocatuzzi senza clientela, gli
impiegati alle strade di ferro, i ragionieri del Censo, i segretari
delle case fallite, gli squattrinati studentelli di Brera, e simile
genìa. Costoro vi si troverebbero a disagio, umiliati, annichiliti
come irsuto cagnuzzo da vetturale che osasse accovacciarsi sui
tappeti d'un aristocratico gabinetto fra due lindi cagnolini inglesi,
puro sangue.--Noi soli, noi, augusti sacerdoti delle Muse; abbiamo
il diritto di portare in quelle sale le nostre barbe di becco e le
foggie cosmopolite della nostra _toilette_; noi sediamo su quelle
scranne al volgo contese ed abbiamo l'onore di sorbire il caffè da
quelle medesime tazze ove l'alta società milanese tuffa ogni giorno i
profumati mustacchi. (_Sensazione_). E si noti, a maggior orgoglio
dei cultori dell'arte, che mentre questa eletta società dal blasone
dai censi occupa il lato sinistro della sala, a noi venne riservata
esclusivamente la parte destra--ben inteso, che la destra e la sinistra
voglionsi determinare dalla posizione del proprietario, il quale tiene
anche due libri maestri per registrare i debiti degli avventori--due
libri, che messi a confronto, farebbero ragione dell'onestà e della
buona fede prevalente negli artisti.

»Ma io credo aver accumulate sufficienti prove, onde trarre al mio
partito anche le anime le più ritrose. Se il colèra, le guerre, le
pesti e il mal delle viti non pongono ostacolo al rapido incivilimento
del mondo, io prevedo che fra venti anni si rinnoveranno gli aurei
tempi di cui più sopra vi ho parlato, e la musica sarà di bel nuovo
il solo linguaggio degli uomini. Nelle nostre città d'Italia un tale
miracolo si va di giorno in giorno operando. I fanciulli appena
spoppati imparano le _messe di voce ed i gruppetti_; trillano nella
culla, solfeggiano sui ginocchi della madre; e più tardi, nelle scuole
cantano alla distesa l'abbecedario e la grammatica; e avventurati si
dicono i parenti quando il loro figlio all'età di cinque anni sappia
cantare tutta di seguito una cavatina. Nè i fanciulli soltanto, ma gli
adulti di tutte le condizioni, di tutte le classi, trovano più comodo
oggimai esercitare la laringe, piuttosto che le braccia e il cervello.
Io non vi parlo de' calzolai, de' falegnami e dei sartori, che, gittata
la lesina, la sega e l'ago, si dedicarono e riuscirono eccellenti
nell'arte del canto. Persone di rango distinto, e che già occuparono
luminose cariche, riconosciuta l'importanza dell'arte nostra, sfidando
ogni difficoltà, ogni pericolo, a quella si dedicarono a corpo perduto.
Gli avvocati disertarono il foro, i medici ripudiarono Esculapio, i
poeti spezzarono la lira, e purchè riuscissero a trarre dalla gola un
suono che assomigliasse alla voce umana, cercarono pei teatri applausi
e denari, e giunsero a tanto colla magia delle note e più colle
sterline guadagnate, da essere finalmente tenuti in conto d'uomini
dabbene. (_Tumulto e segni d'impazienza_).

»Ma nei vostri volti, o gentili uditori, io veggo i segni manifesti
della compunzione e del ravvedimento. Epperò con animo alquanto
rassicurato io passerò ora a dimostrarvi come un cantante, pelle sue
doti fisiche e morali, debba necessariamente riuscire ottimo marito;
scabro e difficile assunto, dovendo io parlare ad un'assemblea di
innocenti fanciulle, a cui non vogliono essere svelate certe misteriose
leggi della natura (_attenzione nelle prime file_), sulle quali baserà
l'intero edifizio delle mie argomentazioni.

»Pertanto, piuttosto che offendere, o donzelle, il vostro delicato
pudore, io vi consiglio ad uscire dalla sala per pochi minuti, e
allora, procedendo io con maggior libertà di parole, il trionfo della
mia causa riuscirà più pronto e più completo. (_Bisbiglio--Ciascuno
rimane al proprio posto--Le donne raddoppiano d'attenzione_).

»Quando l'abate Parini, in odio dei _canori elefanti_, dettava quella
sua bellissima ode _la musica_, una legge stolta ed iniqua imponeva
ai cantanti tali sacrifizi, che io mi meraviglio si trovassero uomini
tanto virtuosi da assoggettarvisi. Certo, se io fossi vissuto in
quell'epoca, nè l'amore dell'arte, nè le illusioni della gloria, nè la
sacra fame dell'oro mi avrebbero indotto a seguire una carriera per la
quale era forza immolare le due appendici più caratteristiche della
virilità. (_Applausi_). Nè, se durassero quelle barbare costumanze,
io vi consiglierei, o gentili donzelle, a prendervi per marito un
cantante; troppo disaggradevole sorpresa vi attenderebbe sul talamo
nuziale.

»Ma grazie alle invettive del Parini ed al ravvedimento dei popoli, i
cantanti si trovano oggi in migliori condizioni; essi possono senza
vergogna presentarsi nei campi di Imeneo, ed in quello hanno già date
sì luminose prove di valore, che nelle città, nelle borgate, nei
villaggi, dovunque infine passarono, lasciarono traccie gloriose, e
riportarono onorevoli diplomi dalle dame, damine e damaccie che vollero
assecondarne gli sforzi generosi. Oh, quante istorielle leggiadre,
quanti bizzarri aneddoti mi si affollano alla mente che volentieri vi
narrerei se non mi frenasse il soverchio pudore! (_segni di impazienza
e di mal umore_). Il mondo si prostri con venerazione a voi dinanzi, ed
i secoli avvenire registrino a cifre d'oro i vostri nomi, o magnanime
donne, che, dopo aver resistito alla magnetica attrazione dei marenghi,
al fascino dei nomi gloriosi, alle eloquenti proteste di spasimanti
adoratori, vi lasciaste finalmente sedurre da un gruppetto, da un
trillo, da una ben vibrata appoggiatura! Voi non ignoravate come il
canto e l'amore sulla terra nascessero gemelli, e come la sonorità
della voce e il grande sviluppo della laringe sieno eccellente indizio
di altre qualità organiche troppo desiderabili, troppo preziose in
giovine marito. (_Sensazione_).

»Mi giovi, o Svizzeri, la vostra istessa esperienza. Avete mai
osservato come, nel regno degli animali, quelli sieno più inclinati
all'amore che più veemente sortirono lo istinto del canto?--L'usignuolo
è il più fedele e il più romantico degli innamorati. Il merlo ed
il passero solitario sono dai naturalisti citati come modelli di
fedeltà coniugale; il gallo, che nè la notte nè il giorno si ristà dal
cantare, è un tipo di galanteria e di operosità e d'altre virtù che
ogni moglie desidererebbe nel proprio marito. E tu, sventuratissimo
tra i quadrupedi, a cui la malvagità ha tolto insieme la libertà e
l'onore, tu sì crudelmente compensato de' tuoi generosi sacrifizi,
orecchiuto abitatore dei presepi: con quale potenza di note non assordi
le campagne e le valli, allorquando il sole di maggio, scaldandoti
le reni, ti sprona alle dolcezze dell'imeneo! (_Interruzioni_).
Perdonatemi se io m'appello ad un animale.... tanto scaduto nella
opinione pubblica; l'esempio non può venirmi più acconcio, perocchè
nessun quadrupede spieghi una voce più sonora e più bella, ed al tempo
istesso dimostri maggior vigoria nei trasporti della passione.

»Queste osservazioni che a prima giunta possono sembrare puerili non
cessano di rappresentare altrettante verità indiscutibili. Epperò io
leggo nelle istorie, i cantanti aver sempre ottenuto di preferenza i
favori del bel sesso; nè Elena avrebbe sì di leggieri abbandonata
la casa di Menelao per seguire il mal capitato Trojano, se questi
col suono della chitarra e con una canzonetta in _re minore_ non
l'avesse affascinata. E, senza ricorrere ai tempi favolosi, vi ricordi
quel Davide Rizio, che venuto alla corte della sventurata Stuarda, a
forza di cavatine giunse ad ottenerne i favori più intimi. Il troppo
avventuroso cantore..... moriva assassinato; ma non mancarono nei
secoli successivi, e forse anche ai tempi nostri non mancano altri
Rizii, che incontrarono uguali fortune e men tragico fine.

»Le quali cose considerando da una parte, e vedendo dall'altra
l'orrore, che molte fanciulle manifestano, alla idea di sposare un
cantante; e ricordandomi che io mi trovo in un oscuro villaggio della
Svizzera, sono costretto a sclamare: dove diavolo è venuta a cacciarsi
l'aristocrazia! Io riderei, o fanciulle, della vostra vanità, se non
mi assalisse in pari tempo la compassione del triste avvenire, che vi
è riserbato. Se con tanto disprezzo rifiutate la mano di chi potrebbe
farvi felici; quale sarà di grazia il mortale privilegiato a cui
accorderete un tanto favore?

»Un banchiere?--Che nei momenti consacrati alle estasi voluttuose
vi sussurrerà all'orecchio la regola del tre, e mentre crederete
deliziarlo coi trasporti del vostro amore, penserà al rialzo o al
ribasso dei fondi pubblici? (_Indignazione_).

»Un medico?--Che divenuto materialista a forza di studii anatomici e
fisiologici, porterà sul talamo nuziale la gravità e la circospezione
di chi si accinge ad una operazione chirurgica? (_Ribrezzo_).

»Un avvocato?--Che vi assorderà di prediche, di chiacchiere, di
citazioni, di frammenti d'eloquenza nel momento in cui voi vi
attenderete il linguaggio poetico dell'amore?

»Un poeta?--(_Rumori diversi, ilarità_). Dio ve ne guardi! I poeti
sfogano il loro sentimento nelle elegie e nei sonetti: snervati dai
lunghi delirii della imaginazione, non serbano alla moglie che tosse e
sbadigli.

»A meno che non vogliate discendere nella classe dei pizzicagnoli, dei
droghieri, dei fornai, dei parrucchieri.....

»Ma i vostri desiderii non si curvano a sì bassa genìa. Il cuore di
una fanciulla, che di poco abbia varcato i cinque lustri, è caldo di
sentimento e di poesia. Esso rifugge dal lardo e dalle spezierie;
ma gli è tutto olezzante di profumi, colorito di rose, vaporoso e
splendente; tende a sollevarsi fra le nubi ed il sole.

»Oh! chi potrà realizzare i sogni dorati della vostra fantasia? Chi
seconderà i desiderii prepotenti di un'anima, che dall'amore si
ripromette sì forti gioie, sì inebbrianti voluttà?

»Il cantante..... il solo cantante può giungere a tanto. Egli, che
essendo per legge fisica meglio di ogni altro disposto all'amore, è
altresì pella sua posizione sociale in grado di assecondare tutte le
esigenze, tutti i desiderii della più capricciosa fra le mogli.

»Amate i viaggi?--Un marito ordinario, per uno sforzo di compiacenza,
vi conduce a Parigi od a Londra, accompagnandovi colla gravità d'un
pedagogo, che il giovedì e la domenica meni a spasso l'allievo. Dopo
quel viaggio, tornando al vostro paese, udrete la terribile condanna
«di qui più non usciremo.» Un cantante all'incontro, al volger d'ogni
anno, d'ogni stagione, mutando paese e clima, seco vi trae di mare in
mare, di terra in terra, e vi gioconda di sempre variate sorprese. I
vostri amori, languenti oggi sotto i geli del nord, si ravvivano domani
e ritrovano l'antica energia riscaldati dal sole del tropico. Più
animati si rinnovano gli amplessi ed i baci, oggi sotto un boschetto
d'aranci, domani sotto i mirteti; oggi all'ombra dei tigli, domani fra
le palme e l'olezzo degli aromi; oggi al canto degli usignuoli, domani
fra l'urlo delle jene e le strida dei pappagalli; oggi sui muschiosi
tappeti dell'Apennino, domani sulle ardenti sabbie del deserto.

»L'amore vive di illusioni. Perchè queste durino perenni anco nello
stato coniugale, si richiede un tatto squisito, una raffinata perizia,
di che pochi sono dotati. Misero quel marito, che strappando le rose
onde il talamo si adorna, squarciando con improvvide mani i veli,
che ne adombrano i misteriosi recessi, prepara a sè medesimo ed alla
propria compagna il disinganno e la sazietà! Fui per molti anni amico
d'un egregio basso cantante, il quale ora nelle vicinanze di Ancona
vive agiatissimo, godendo il frutto di onorate fatiche. Era non troppo
bello della persona, ma elegante nei modi, d'indole modestissima;
e, benchè uscito di bassa famiglia, modellandosi al contatto della
buona società, e coltivando lo spirito con meditate letture, oltre al
rendersi ammirato sulle scene come cantante, godeva in società tutte le
simpatie che il mondo accorda agli uomini distinti. Ora avvenne, che
cantando egli al teatro di Sinigaglia, la figliuola di un ricchissimo
signore perdutamente se ne innamorò, e benchè non lo avesse mai veduto
che in sulle scene sotto le spoglie del duca Alfonso di Ferrara, tanto
si riscaldò in quell'amore, che giurò di ottenere il ricambio o morire
disperata. Le occhiate, i sospiri, i sorrisi furono molti.--I due
amanti si intesero a meraviglia.--Si cominciò col solito carteggio, co'
soliti regalucci, colle solite promesse di fede inviolabile; finchè il
padre della fanciulla, che era un fior di onest'uomo, accortosi della
tresca, non si fece molto pregare a secondarla con valido matrimonio.
Le nozze furono con insolita pompa celebrate.

»La città fu quella sera magnificamente illuminata, e l'orchestra del
gran teatro sotto le finestre degli sposi novelli eseguì dodici pezzi
di _scelta musica_.

»Frattanto che avviene negli intimi recessi delle stanze nuziali?

»Adagiata sulle coltrici profumate, leggiadra pegli adornamenti
dell'arte e pei vezzi della natura, la giovinetta con impaziente
desiderio attende l'ora della felicità suprema.....

»Ed ecco, le porte si spalancano; ed un uomo dal volto severo ad un
tempo ed amoroso, dalle vesti splendide d'oro e di gemme, dall'incesso
grave e dignitoso, si accosta alla giovinetta che trasalisce di
sorpresa e di voluttà. Non è più lo stesso marito che poche ore dianzi
coll'obbligatorio soprabituzzo a coda di rondine e coll'indispensabile
cappello a cilindro, la accompagnava alla chiesa: è il duca Alfonso di
Ferrara, quale nella scena terza dell'atto primo apparisce a Lucrezia
Borgia, meno la feroce ironia del sorriso e gli inumani desiderii di
vendetta.

«Lo stratagemma riescì mirabilmente; quel travestimento bizzarro
ridestò nella giovine sposa le ricordanze più care; ella balzò
dalle piume, e gettossi con trasporto nelle braccia del duca. Le
gioie dell'imeneo si alternarono per entrambi saporitissime, e sul
talamo nuziale, che generalmente suol chiamarsi la tomba dell'amore,
rinverdirono per essi le speranze e le illusioni di un avvenire
felice. Nè quello fu l'ultimo travestimento onde il sagacissimo marito
scosse le volubili fibre della sua donna; che anzi per molti anni
continuando la lodevole costumanza, ogni sera, tornando dal teatro, a
lei si presentava sotto nuovo costume. Enrico VIII, Carlo V, Filippo
Visconti ed altri illustri fecero alla lor volta onorevole comparsa, ed
ottennero le stesse carezze, l'istessa cortesia che al duca di Ferrara
erano state prodigate. E quando la fortunatissima donna, desiderando
più lieti amori, si mostrò noiata di quei severi personaggi, il
brillantissimo Figaro colla chitarra al collo e il dottor Dulcamara
colla sua boccetta di elisir la solleticarono di novelle sorprese.
(_Risa ironiche nei banchi dei mariti_). Io era preparato a quelle
vostre risa di scherno, o grossolani e volgari mariti. Voi non potete
apprezzare al giusto valore gli ingegnosi ritrovati del cantante
anconetano; voi, che forse nel giorno delle nozze osaste comparire
innanzi alla sposa con un paio di mutande scucite, e una grossa
flanella di cotone sulla zucca. (_Indignazione_). Oh! il berretto
di cotone! Conosco molte dame rispettabili, che sdegnate e prese
da ribrezzo in mirare questo accessorio della _toilette_ maritale,
all'indomani delle nozze furono spinte a chiedere il divorzio.
(_Applausi nelle prime file_).

«Restami ora a dire--e sarà l'ultima parte, forse la più efficace di
questo mio lungo sermone--restami a dire, amabilissime figliuole, di
quelle avvantaggiose combinazioni, per cui la moglie di un cantante
può meglio di altra donna qualsiasi... _coronare_ la felicità del suo
compagno indivisibile.

»Ispiratemi, o caste suore dell'Elicona! Fate che io ritrovi una
perifrasi pudica, onde esprimere il peccaminoso concetto!--Eppure
avvi fanciulla ben educata--parlo di quelle, che ebbero la fortuna di
entrare in collegio fino dalla più tenera età, e di collaborare con
un centinaio di amiche innocenti alla risoluzione dei più simpatici
problemi della natura--avvi fanciulla, che, qualche volta, non abbia
vagheggiato l'imeneo siccome una condizione d'indipendenza sociale, e
sospirato un marito, siccome una _etichetta_ legittima per far passare
la merce di contrabbando? Certo è che al vostro orecchio infantile,
prima della parola _matrimonio_, suonò l'adulterio nei santi precetti
del decalogo, e all'età di sette anni quella oscena parola fu proferita
da voi senza rossore, fino al giorno in cui la direttrice, o la
maestra, o il catichista del collegio, o qualcuna delle vostre amiche
più intime, vi fecero comprendere con pietose reticenze il segreto di
quel precetto divino. Le oneste fanciulle cominciano ordinariamente
la loro educazione sentimentale su qualche pagina del _Manuale di
Filotea_, ovvero del catechismo. Gran ventura pei mariti, che in grazia
del decalogo, voi apprendiate a conoscere le illegalità prima degli
obblighi conjugali! Io vi assolvo col labbro e col cuore, amabilissime
figliuole! La colpa non è vostra, se nell'età delle illusioni e dei
desiderii, prima dei vincoli, voi vagheggiaste le risorse illegittime
del matrimonio! Un marito è per voi il _primo uomo_, che deve
emanciparvi dalla soggezione dei parenti, e presentarvi a tutto il
genere umano, guarentite da ogni pericolo.--(_Sensazione nelle prime
file_). Io comprendo dalla vostra irrequietezza e dal vostro rossore,
o intelligenti, non meno che avvenenti figliuole, che voi mi avete
compreso perfettamente. Vi parlo da scapolo, da giovine spensierato;
vi parlo come colui, che nell'ultimo disinganno delle vostre repulse,
fino da oggi a mezzogiorno rinunziava a qualunque aspirazione di vita
coniugale. Certo, s'io serbassi ancora qualche speranza o desiderio
legittimo--non sarei tanto stolto da prevenire le vostre anime, forse
innocentissime, cogli adescamenti della colpa.... Conosco dei poeti....
dei romanzieri, degli autori di commedie, i quali, per avere nei loro
scritti giovanili insegnata alle donne la strategia dei capricci
amorosi, e raccomandata la infedeltà coniugale quasi un obbligo di
galanteria, più tardi, per opera di una moglie intelligente, sentirono
spuntare sulla testa il mal albero seminato.

»Posto dunque che l'istinto e l'educazione vi portino, o sensibili
fanciulle, a diffidare della vostra fermezza, antiveggendo le
difficoltà di una fede quasi ripugnante alle leggi stesse della
natura--non vi pare egli ottimo consiglio, dovendo legarvi ad un
uomo per tutta la vita, badare che esso non sia in tal posizione da
esercitare su voi una sorveglianza perenne, e da chiudervi ogni adito
a quelle divagazioni o variazioni, che tanto desideraste nei sogni
dell'età prima?

»Accorte, direte voi, e previdenti sono le fanciulle, che volonterose
si legano ad uomo un po' sordo, un po' miope, e mediocremente
imbecille.--Badate: la sordità, e la miopia sono indizio di
debilitazione generale nel sistema nervoso--e un marito, debilitato
in anticipazione, non conviene per verun titolo a giovine donna. E
sono altresì i sordi ed i miopi per loro natura ombrosi, diffidenti e
tenaci; però non cessano dal sorvegliare, e irrequieti brontolano, e
tormentano la loro compagna, prima ancora che essa abbia dato motivo
a sospetto legittimo. D'altronde non è molto aggradevole il convivere
con persone tanto compromesse nei sensi--e poichè il marito bisogna ad
ogni costo subirlo per tutta la vita, sta bene che egli sia in grado di
intrattenere la sua compagna aggradevolmente, quando altri non occupi
il suo posto.--No: un miope ed un sordo non farebbero al caso vostro,
mie belle figliuole--nè io voglio farvi il torto di credere che a voi
manchi quello spirito tanto comune alle mogli, di farla sugli occhi al
più chiaroveggente dei mariti (_applausi nelle prime file_). E tanto
meno vorrei affidarvi ad un imbecille--essendo oggimai riconosciuto
che gli uomini più eminenti per ingegno, più versati nella diplomazia,
nelle scienze, nelle lettere, nelle arti, prima che dalla patria
renitente, ebbero dalla moglie una corona non richiesta, e per essa una
celebrità non invidiata. È ben vero che alla moglie di un imbecille
il mondo perdona facilmente qualche distrazione illegittima, quasi
sempre involontaria... Si ride, e si compatisce.... «È tanto stupido
quel marito!.... È tanto brillante quella donna!... Ella avrebbe torto
di esser onesta!» Così parla il mondo, ed assolve. Ma più spesso nei
circoli galanti ho udito dire a cert'uni: «Quella povera signora.... è
ben infelice di aver un marito scienziato!... Tutto assorto ne' suoi
studii, preoccupato de' suoi piani politici, delle sue scoperte, de'
suoi lavori letterarii, colla soverchia attività della mente, egli
si è inaridito il cuore. Una donna sana e robusta può ben rispettare
un marito sfibrato dalla meditazione; ma è però necessità che ella
cerchi d'altra parte qualche scossa più energica!.. Ella ha ragione di
dire che nel marito adora lo spirito, ma nei cinque o sei dragoni che
la corteggiano, rende omaggio alle forme più elette della materia.»
(_Entusiasmo nelle prime file--sospiri per parte delle donne vecchie_).
Credetelo, figliuole mie, una donna intelligente trova sempre un
mezzo termine per coonestare in faccia alla società _elevata_ tutti i
capricci dello istinto.

»Importa innanzi tutto--ed è appunto di ciò che io voglio a preferenza
intrattenervi, per l'utile vostro--che il marito non sappia mai, e che
la società sappia il meno possibile, in modo che voi abbiate sempre dei
validi argomenti a protestare contro l'evidenza dei fatti.

»Ed eccoci al passo dove io voleva condurvi. Quando io vi abbia
dimostrato che il solo cantante, per la sua posizione sociale, per
gli obblighi inerenti alla sua professione, e per le condiscendenze
obbligatorie imposte dall'arte, in date circostanze, non può nè
_vedere_, nè _udire_, nè vietare, nè sorprendere, nè adirarsi, nè fare
scandali, nè promuovere inchieste... allora voi dovrete convenire--e
sarà l'ultimo e il più solenne trionfo della mia eloquenza--che il
cantante, sia desso baritono o tenore, buffo o basso profondo, è senza
alcun dubbio, il più comodo dei mariti. (_Attenzione_).

»Io voglio concedere--nè potrei oppormi alla evidenza dei fatti--io
voglio concedere, che il progresso della civiltà abbia di molto
avvantaggiata, a' giorni nostri, la condizione di quelle povere vittime
del dispotismo mascolino, che si chiamano le mogli--perocchè alla
grande categoria de' mariti _comodi_, quella pure si annette dei mariti
_tolleranti, compiacenti_, o _consenzienti_, o _contenti_--le quali
categorie potrebbonsi ancora suddividere in gradazioni variantissime ed
infinite.

»Io non voglio farvi il torto, amabilissime figliuole, di calunniare
la vostra ingenuità fino a sospettare che, nei vostri sogni di
indipendenza conjugale, abbiate mai vagheggiato uno sposo _tollerante_
o _consenziente_. Il desiderio istintivo del piacere non può escludere
ogni senso di amor proprio in cuore di fanciulla ben conformata ed
onestamente educata.

»Voi aspirate alla _libertà_, ma questa parrebbe a voi frutto insipido
ed acre, qualora il Dio tiranno del vostro paradiso domestico non ve ne
imponesse il divieto. Se una mela vi cascasse nel grembo, se una rosa
si sfogliasse sul vostro capo, quel frutto, quel fiore non avrebbero
pregio per voi.

»L'ostacolo di una siepe, il terrore del guardaboschi, la puntura d'uno
spino--ecco gli allettamenti, gli stimoli, che abbelliscono il peccato.
Voi altre donne somigliate a quegli inveterati cospiratori, i quali non
possono vivere in libero paese, dove appunto la libertà toglie loro
ogni pretesto di cospirazione. E d'altronde non bisogna dimenticare,
come, nello stato, conjugale, una donna non debba mai rinunziare alla
più nobile e dilettevole delle sue prerogative, quella di tormentare il
marito e tiranneggiarlo a sua volta colle smanie vere o simulate dalla
gelosia.--Le quali smanie, oltre ad essere un mezzo efficacissimo per
rompere la monotonia di una esistenza uniforme, possono anche divenire
eccellente stratagemma a conquistare un braccialetto, una mantiglia,
un abbonamento ed un palco in teatro, un nuovo equipaggio, un congedo
illimitato pei bagni di acqua salsa, (_Sensazione_). Escludiamo dunque
i mariti _tolleranti_ e _consenzienti_ e _contenti_--perocchè a ben
esaminarli, essi non sono tanto _comodi_, quali vorrebbero apparire--e
vediamo all'incontro di fare una buona scelta fra questi ultimi.

»Un impiegato! direte voi--un impiegato a stipendio fisso!.... Io
rendo omaggio alla vostra perspicacia, al vostro istintivo buon
senso, perocchè avete colto fra i migliori. Un impiegato, che tutti
i giorni, tranne la domenica, esce di casa alle nove del mattino
per non tornare che alle quattro od alle cinque pomeridiane, può
fornire delle occasioni molto propizie ad una moglie intelligente
ed attiva. Otto ore di libertà sulle ventiquattro della giornata!
La prospettiva è abbastanza seducente, per una giovane donna, che
desideri e sappia, alla sua volta, impiegarsi. Però non ho mai
fatto le meraviglie in vedere molte fanciulle di condizione civile
ed onestamente allevate, rifiutare le profferte di un commerciante
abbastanza avventuroso, ovvero di un'artista che _lavori in casa_,
per unirsi ad un modesto impiegato da tre o quattro lire al giorno,
i cui probabili _avanzamenti_ promettono ad epoca incerta un reddito
di lire cinquemila. Ed è assai significante nella sua ingenuità, la
frase ripetuta in tali casi dalle giovani fanciulle: «Mio marito
colle funzioni pubbliche, ed io, in casa, co' miei lavori privati,
guadagneremo di che vivere con decoro.» Infatti, veggonsi parecchie
mogli di impiegati a tre lire, trascinare maestosamente il velluto e
la seta sui baluardi, e competere colle grandi dame nel lusso e nella
manìa dei divertimenti. Ciò prova, che i lavori _privati_ di una saggia
moglie, possono costituire una rendita non dispregevole ad un marito,
che sia puntuale all'impiego, e non esca mai dall'uffizio ad ora
indebita.--Ma qui sta il guaio, figliuole mie amatissime.--Io non vi
farò notare, come il mondo facilmente inchini a mormorare del lusso
e della vita comoda di un funzionario ammogliato.--Nè accennerò alle
esigenze dei _capi di uffizio_, tiranni della peggior specie, i quali
vorrebbero far scontare alle moglie, tutti i riguardi di indulgenza,
usati verso i loro _subalterni_, ponendo le misere donne fra le
alternative della destituzione o della denunzia!.... No, sulla terra
non avvi animale più lubrico e più schifoso di un capo di uffizio, e
le grandi, improvvise calamità, che ogni giorno sopravvengono nelle
famiglie degli impiegati, sono ad essi specialmente devolute.--Una
donna, una moglie perspicace e prudente, sa che il marito deve rimanere
all'uffizio fino alle quattro pomeridiane.--Ella prende le sue
misure--regola il pendolo a tempo medio--manda a spasso la serva col
piccino--predispone la scena onde tutto si passi col massimo ordine....
Queste precauzioni, rigorosamente osservate nei primi mesi, a poco
a poco si allentano.... La buona riuscita genera la sicurezza, e da
questa una improvvida negligenza.--Si cessa dal montare il pendolo,
le sfere si arrestano ed il tempo corre veloce.--E dopo tutto, il
marito impiegato, che non è un pendolo, un bel giorno infrange la
disciplina.... e viene difilato alla propria abitazione, trova la porta
chiusa.... scuote il campanello.... batte.... riesce ad aprire.... e
non trova.... Meno male quando non trova la moglie!.... Ma tali casi
sono i meno frequenti, avvenendo più spesso che la moglie si trovi in
casa.... e troppo bene accompagnata!..... (_Applausi_).

»Tale è la catastrofe ordinaria di due conjugi pubblicamente e
privatamente impiegati--ma questa catastrofe è piuttosto una necessità,
che un pericolo della situazione.--Perocchè, quando una volta abbiate
ammesso che l'impiegato il più rigido, il più zelante degli impiegati,
l'impiegato modello, e l'impiegato bue, l'impiegato macchina, possano
avere un lucido intervallo di insubordinazione, e sentire, qualche rara
volta, nel corso della vita, i bisogni e gli stimoli animali--ecco una
povera moglie eternamente minacciata dal pericolo, ed anzi, più che
le altre donne, esposta a quei disastri della vita conjugale, tanto
più crudeli alla sensibile natura della donna, quanto meno calcolati e
temuti.

»Oh! che dunque? Sclamate voi--in qual classe andremo a trovare il
marito che ci guarentisca da ogni sorpresa disaggradevole? Se un
impiegato può lasciare quando che sia l'uffizio, contro la volontà
od anche per comando del suo capo, ognun vede che anche lo speziale,
il medico, l'avvocato, l'ingegnere, il pittore, il commerciante, più
indipendenti e più liberi nell'esercizio delle loro professioni, non
forniscono alla donna veruna guarentigia di sicurezza domestica.

»La vostra osservazione non potrebb'essere più logica, o argute
figliuole dei monti--ed io mi compiaccio di vedermi prevenuto, perocchè
la vostra perspicacia mi dispensa da una lunga rassegna di arti e
mestieri. E non vorrei che un maligno genio vi suggerisse il ripiego
di appigliarvi ad un guerriero, ad un marinaio, o ad altri, che, per
necessità di professione, sia costretto a lunghe assenze dal tetto
coniugale; perocchè la lunga assenza del marito costituisce un pericolo
assai grave, per le mogli che si rispettano, ed io non vorrei che la
vostra onoratezza e la tranquillità vostra menomamente soffrissero. Non
chiedetemi spiegazioni in argomento sì delicato.--Scrutate le ragioni
più intime che vi muovono a desiderare lo stato coniugale; ripensate i
vostri bei sogni del collegio, le speranze, i desiderii, i trasporti
delle ardenti vigilie. Nelle preghiere del mattino e del vespero
voi chiedeste un marito, come l'iniziatore di un'êra novella, nella
quale si concretassero per voi tutte le astrazioni di mille esseri
idoleggiati. Un esercito di Arturi, di Adolfi, di Ernesti--e ponete
pure i nomi più sonanti del repertorio romantico--passava in rassegna
nella vostra fantasia giovanile; ma sempre all'avanguardia marciava un
Bartolomeo od un Pasquale in abito da nozze. Figliuole mie: il marito
Bartolomeo non rappresenta l'ostacolo, sibbene la salvaguardia. Guai
tre volte s'egli prolungasse di oltre un mese la sua assenza dal tetto
coniugale!

»Il marinaio che ha veleggiato in lontane regioni--il guerriero, che
torna da lunga guerra--prima di riabbracciare le mogli, fanno i loro
conti sull'almanacco... e qualche volta, per un calcolo puerile di
date, sì feroci divengono, da ripudiare ciò che l'uomo ha di più caro,
di più sacro in sulla terra--una prole, che aspira a legittimarsi.
(_Sensazione_).

»Voi mi avete compreso, ed io comprendo alla mia volta in quale caos
di perplessità e di timori si smarrisca la vostra coscienza. Voi
nuotate fra le tenebre--è tempo che io vi indichi la luce, e vi sollevi
nella barca di salvezza!.... Oh sì! venite fra le mie braccia....
(_Movimento nelle prime file_). Che dico?... No! non è a me, che voi
dovete rivolgervi, o amabilissime e sensibilissime figliuole! La causa
che io difendo non è la mia, ma quella di tutta una casta indegnamente
oltraggiata dal pregiudizio! Però, se quanto vi ho esposto nella prima
e seconda parte del mio sermone, sulla nobiltà dell'artista di canto, e
sulle sue speciali attitudini alla vita coniugale, non basta ancora per
vincere le vostre ritrosie; voi non potrete resistere alle seduzioni
della mia eloquenza, quando io vi abbia rappresentata la moglie del
cantante nel libero esercizio della sua indipendenza morale.... e
positiva. (_Attenzione_).

»È tenore? è baritono?--Non importa il registro della voce.--Ciò che
vi ha di interessante per voi gli è che vostro marito questa sera deve
cantare in teatro.--I cartelli furono affissi--nulla è sopravvenuto
nel corso della giornata, perchè l'impresario abbia a mutare lo
spettacolo--la rappresentazione è accertata... immancabile.--Per
maggior sicurezza, voi date di braccio al consorte per accompagnarlo
sul campo de' suoi trionfi... Non vi basta?... Entrate con lui nel
camerino, la aiutate a spogliarsi dell'abito borghese, gli aggiustate
le maglie alla gamba, lo serrate ben bene nella armatura di ferro.....
Non basta ancora?.... gli date la patina al viso, il sughero alle
ciglia: gli accollate alle guancie una lanugine da caprone, lo
deformate di una orribile parrucca.--Frattanto, nell'orchestra gli
istrumenti cominciano ad accordarsi..... i lumi spuntano alla ribalta,
il direttore di scena dà il segnale dell'attacco..... Vostro marito
cessa, per quattro ore, quanto dura la rappresentazione, di essere
vostro marito..... Inesorabilmente, inappellabilmente egli appartiene
alla massa del pubblico.... Comprendete voi, o fanciulle, ciò che
vi ha di assoluto, di fatale, in cotesta condanna: _appartenere al
pubblico?_.... (_Sensazione_). Il fuoco dei vostri sguardi, il vostro
furbesco sorriso mi dispensano, o simpatiche ascoltatrici, dallo
indicarvi come voi, divenute spose all'ideale più perfetto dei mariti,
abbiate a profittare di queste quattro o cinque ore che incatenano al
teatro l'eletto del vostro cuore.--Io conobbi a Milano una gentile ed
avvenente signorina, la quale, essendo moglie ad un egregio tenore
scritturato alla Scala, soleva uscire dal teatro, ove questi prendesse
parte ad una rappresentazione; e affermando non poter assistere,
per eccessiva irritabilità dei nervi e per soverchianza di affetto
coniugale, ai pubblici cimenti dell'artista marito, trascorreva buona
metà della notte nel proprio appartamento, in compagnia di uno o più
dilettanti che meglio le gradivano. (_Mormorio di approvazione_).

»Ma oramai, troppo io credo aver detto su tale argomento--e voi troppo
intendeste.

»Se più oltre procedessi, sarebbe a temersi che la mia perorazione
venisse accolta da un mormorio sinistro.

»Io vi ho presentato un vero ideale; vi ho fornito, in certa guisa,
il ritratto fisico e morale di un marito modello: ve ne ho delineati
i contorni e sviscerate le parti più riposte e imperscrutabili; non
sarebbe stoltezza la mia se insistessi nell'apprendervi le arti e
gli stratagemmi per trarre da un tal marito il maggior profitto
possibile?--Afferratelo! ecco ciò che preme.--Una volta che egli sia
agguantato da voi, ne farete ciò che tutte le donne sanno fare tanto
pulitamente e con tanta sapienza dei loro mariti.

»Ed ora, già presso a dipartirmi da voi, in questo grave e difficile
momento della separazione--un fiero dubbio, che somiglia ad un
presentimento, mi assalisce, e mi turba fino a strozzarmi la voce...

»Avete voi un teatro, a Nyon? Ecco la domanda... (_Mormorio lugubre e
prolungato_). Avete voi un teatro?... una sala qualunque dove si possa
erigere un palco scenico e far rappresentare un'operetta qualunque?
(_Voci: No! no!_)

»La è appunto la risposta che io mi aspettava. Voi non avete un
teatro--da voi non si può in veruna maniera far rappresentare un
opera in musica--la è dunque difficile cosa, quasi impossibile, che a
Nyon approdino mai dei cantanti... (_Sensazione, tumulto nella prima
fila.--La voce dell'oratore è interrotta_).

»Quale sarà dunque, o fanciulle sventurate, quale il vostro
avvenire?... Faccia il Dio Amore che il mio vaticinio vada perduto--Il
vostro avvenire....

»Così belle!... così giovani!... così fresche!... così bianche!... così
morbide!... Divenir mogli di qualche capraro o fabbricatore di formaggi
... di qualche ricco e brutale rivenditore di bottoni e di fibbie....
di qualche ripulitore di fucili o di orologi a cilindro--ovvero--ciò
che sarebbe ancora più orribile--chiamarvi eternamente le vergini di
Nyon!... (_Oh! oh! grida, singulti_).

»Signore, signorine: io ho lanciato il gran verbo dell'avvenire; ed ora
non mi resta che ritirarmi, augurandovi tutto quel bene, che meritate e
che io vi ho coi più vivaci colori rappresentato e dipinto.» (_Applausi
prolungati--l'oratore scende dalla tribuna, ed esce rapidamente dalla
sala per sottrarsi ad ogni dimostrazione_).


VIII.

All'indomani, prima ancora che l'alba spuntasse, io partiva infatti da
Nyon, scortato fino all'uffizio delle Messaggerie dall'amico Francesco,
il quale mi supplicava di rimanere, giurandomi che il mio discorso mi
avrebbe procurato tante amanti quante erano le fanciulle del paese. Io
stetti fermo nel mio proposito--e presi posto nel coupè fra un vecchio
_fumista_ ed una Suora della Carità che dovevano recarsi a Lione.

Ma al momento in cui la Diligenza stava per partire, io accennai
all'amico di avvicinarsi, e ponendogli in mano una lettera suggellata:
qui dentro c'è il segreto della tua fortuna, gli dissi. Mi prometti che
non aprirai questa lettera prima che un mese sia passato?...

--Te lo prometto... sebbene... a dir vero... trattandosi del mio
avvenire... della mia fortuna...

Il postiglione sferzò i cavalli e la Diligenza si mosse.

Mi alzai da sedere e volsi indietro lo sguardo. Il povero Francesco
era ancora là, impietrito, sulla porta delle Messaggerie e mi salutava
colla mano, mentre coll'occhio guardava fissamente la lettera
misteriosa.

Fu egli fedele alla promessa? Debbo io credere che egli abbia lasciato
passare tutta una lunga mesata (e dico lunga, perchè la curiosità e
l'impazienza correggono prodigiosamente la velocità delle ore) senza
disuggellare il mio piego?...

Fatto è che un mese dopo, proprio un mese dopo, io riceveva da Nyon la
lettera seguente:

  «_Mio nume e profeta_,

»Ho finalmente aperto--oggi soltanto, te lo giuro--il plico fatale, che
mi gettasti nella mano il giorno della tua partenza da Nyon.

»Ho letto la tua profezia--l'ho letta nel momento istesso in cui essa
riceveva dai fatti la più completa, la più solenne, la più luminosa
conferma.

»Questa mattina, il Consiglio comunale di Nyon ha votato una prima
somma di L. 400,000 per la erezione di un teatro, ed io venni eletto e
nominato, per acclamazione, direttore _intellettuale_ e impresario per
dieci anni degli spettacoli che qui si daranno.

»Tutto ciò è dovuto alla tua eloquenza;... alla profonda sensazione
che qui ha lasciato il tuo discorso....

»All'indomani della tua partenza da Nyon, una delle dodici vergini fu
estratta cadavere dalle onde... Nelle tasche di quel cadavere, come
diceva il _decroteur_ della piazza, fu rinvenuto un foglio sul quale
era scritto: _muoio perchè dispero di poter mai sposarmi ad un uomo di
mio genio...._

»Un'altra delle vergini tentò, pochi giorni dopo, strangolarsi con una
corda da contrabasso, dopo aver scritto sul muro della sua camera da
letto: _vittima di un ideale impossibile...._

»Sopprimo altri episodii lugubri, per non recarti troppo grave dolore.

»La tristezza, la desolazione regnò nel paese per due settimane. Le
fanciulle non uscivano di casa.... I padri ed i tutori apparivano
costernati, e si guatavano torvamente, come a rimproverarsi che l'uno
non indovinasse l'idea dell'altro, e non prendesse l'iniziativa di
esprimerla.

»Ma l'idea, la grande idea, seminata e maturata da tanti sospiri e
lacrime di fanciulle--si è tradotta, come già ti dissi, in fatto
compiuto--la città di Nyon avrà ben tosto un teatro.

»Questa notizia ha ravvivato la città.--Le ragazze sono ricomparse in
sulla spianata presso il lago, coi loro abiti bianchi... E non puoi
credere la festa che si danno al solo pensiero che fra dieci o dodici
mesi, io condurrò a Nyon una compagnia di cantanti per inaugurare il
nuovo teatro.

»Altro non ti dico per oggi, e mi riservo, a giovarmi de' tuoi consigli
allorquando si tratterà di formare la compagnia.

  _Il tuo_
  FRANCESCO. »


IX.


E a me non resta che far notare a miei lettori una cosa già da altri
avvertita più volte--ed è: che dietro tutti gli avvenimenti grandi e
minimi, che occorrono sotto la cappa del mondo, sieno lotte di imperii
o risse di monelli, sieno trafori di montagne o erezioni di campanili,
sieno decreti di parlamenti o leggi di municipii, dietro tutti gli
avvenimenti umani, ripeto, sta quella leva potentissima e iniziatrice
del moto universale, alla quale i poeti danno il nome di amore--e che
è, per noi altri materialisti, l'attrazione irresistibile dei sessi.

E siccome la donna fu ognora, ed è, e sarà in ogni tempo sovrana,
maestra e direttrice dei godimenti sensuali che avvivano e spingono ad
agire la razza umana; così in ogni operazione di individui o di masse
congregate si scorgerà sempre, a chi ben consideri, la mano nervosa,
elettrica, agitatrice della donna.

Dopo una considerazione così profonda, che alla più parte dei miei
lettori non parrà nuova, chiuderò, col porgere ad essi la notizia
che la piccola città di Nyon possiede al giorno d'oggi un bello ed
elegantissimo teatro--dove ogni anno, nel mese di settembre, si dà
un corso di rappresentazioni di opere in musica.--I cantanti, cui
toccò la fortuna divenire scritturati per quella città, hanno quivi
sposato--posso giurarvelo--delle belle e ricche figliuole. E non vi
parlo del tenore Tartini, che a Nyon s'è preso in moglie una giovine
ereditiera, la quale gli portò in dote un milione.



Il flauto di mio marito



CAPITOLO I.


La marchesa non parve adontarsi del mio epigramma--crollò leggermente
la testa, e volgendomi un sorriso di compassione:

»Ragazzo!--mi disse--tu non comprendi per nulla il cuore della
donna!... Iddio ti guardi dal prender moglie! diverresti troppo
infelice o troppo ridicolo!»

Io mi accorsi che quella risposta era l'esordio di una confessione
generale.

Discostai la lucerna, eclissandola dietro l'enorme mazzo di camelie
che stava sulla tavola--e la voce della attempata peccatrice parve
sciogliersi più liberamente:

»Sarò sincera con te--ti dirò tutto, onde non abbi più nulla a
domandarmi od a rimproverarmi in avvenire.... Il Signore ha perdonato
alla donna per aver molto amato; e i preti spingono la loro indulgenza
fino ad assolvere i peccati di poco amore, purchè il colpevole si
confessi con sincerità.

»Le mie debolezze--o colpe, che ti piaccia chiamarle--furono molte. Io
non accuso i miei conoscenti ed amici di averle esagerate. Perocchè se
io non ebbi mai l'accortezza di nasconderle quando l'occhio maligno
dalla società spiava tutti i passi, per non dire tutti i pensieri della
mia giovinezza--a che varrebbe ora lo smentirle o l'attenuarle?....

»Il mondo però mi ha calunniata iniquamente, attribuendo a volgare
istinto di sensualità certe abberrazioni istantanee, le quali, per
quanto variate e molteplici fossero, ebbero nondimeno una origine
comune: il più puro, il più nobile, il più costante degli affetti!

»Tutta la mia storia potrebbe riepilogarsi in questo solo motto: ho
peccato con molti per aver troppo amato un solo uomo.

»Ho impiegato la mia vita, come una antica sacerdotessa di Vesta, a
custodire la sacra fiamma del primo amore. E ci sono riuscita!...
Quand'anche la mia giovinezza, oramai spenta, avesse per incanto a
rianimarsi e a prolungarsi rigogliosa fino alla consumazione dei
secoli, io non amerei che lui.... non potrei amare che lui.... lui
solo....

--Il fu marchese vostro marito?... domandai sorridendo.

--Oltraggerei la memoria di quel degno e rispettabile compagno della
mia giovinezza--rispose gravemente la marchesa--se affermassi di averlo
amato... d'amore. Mio marito fu il primo prodotto di quella sublime
passione, che non avendo potuto esaurirsi nell'essere adorato, corse
dietro per tanti anni ai fantasmi di una dolce reminiscenza....

»Perchè tu mi possa comprendere, è d'uopo che risalga al principio...

»Evochiamo l'angelo della rivelazione, il Prometeo della luce, il Dio
agitatore di tutta la mia vita!...

»Crederesti?... nel profferire il nome di Adolfo, io risento una
commozione sì viva, che mi sembra, come l'antica fata Morgana, uscire
ringiovanita dalla vasca miracolosa.

»Egli dunque si chiamava Adolfo....

»Io lo vidi per la prima volta nel giardino della nostra villeggiatura
di Medolago. Figurati una sera di maggio, fresca, olezzante e
tranquilla come il mio cuore di sedici anni... Sì! compievo appunto i
sedici anni la sera in cui mio cugino Adolfo mi fu presentato.

»Un bel giovane, di media statura, bruno di capelli--presso a poco
i tuoi capelli, Eugenio; più crespi più vigorosi, direi quasi
fiammeggianti di giovinezza....

»Ma che giovano le descrizioni? La bellezza giovanile ha dei segreti
che la parola non può rilevare, nè la tela riprodurre...

»Fra Adolfo e me corse un'occhiata fuggitiva--due correnti elettriche
si stabilirono fra i nostri giovani cuori.--Adolfo arrossì--io
tremai--ci ricambiammo i complimenti della presentazione con voce fioca
e convulsa....

»Mia madre disse:--Eccoti, Ortensia, un egregio dilettante di flauto,
che verrà, noi vogliamo sperarlo, a deliziare qualche volta il nostro
soggiorno campestre!

»Sarò ben felice, rispose Adolfo senza guardarmi in volto, di fare
un poco di musica con voi, amabile cugina... Tutti vi dichiarano
prodigiosa al pianoforte... Suoneremo dei duetti!...

»Io risposi con un'occhiata affermativa e un inchino da collegiale...
Poi, per nascondere la mia viva agitazione, mi allontanai da Adolfo e
da mia madre, facendomi a percorrere tutta sola i viali del parco...

»Quella notte non potei prender sonno... La bruna capigliatura di
Adolfo, il suo sguardo di fuoco, il bianco e profumato sorriso, la voce
insinuante, magnetica--tutto si rifletteva, come una iride voluttuosa,
nel vivo cristallo della mia vergine fantasia...

»Io lo vedeva... io gli parlava come ad un amico lungamente aspettato
...

»Al biancheggiare del mattino, dopo i lunghi affannosi vaneggiamenti,
le mie ciglia si chiusero al sonno--ma l'anima vegliava tuttavia, nelle
dolci illusioni di una musica celeste.

»Erano le note di un flauto lontano--era il canto misterioso
dell'amore--era la risposta di un'anima sorella, che poche ore innanzi
si era identificata colla mia... Nel sonno le mie membra si cullavano
dolcemente, secondando le voluttuose cadenze... Ebbrezza salutare dei
sogni! Qualche volta non sei che un riflesso, una larva sbiadita dei
gaudi trascorsi.... Per me, giovinetta inesperta della vita, fosti una
rivelazione di ignote delizie!...

»Eugenio, cominci tu a comprendere per quale associazione di idee
voluttuose e sublimi, il flauto abbia potuto esercitare tanto fascino
su tutta la mia vita?...

»I miei rapporti con Adolfo--rapporti brevi pur troppo, ma esuberanti
di ogni dolcezza--non furono che un duetto di flauto e pianoforte,
deliziosamente prolungato nella vicenda di interruzioni e riprese
gradevolissime.

»Quel duetto cominciò all'indomani della presentazione. Adolfo, come
aveva promesso, mi portò una raccolta di composizioni musicali per
flauto e pianoforte, che noi prendemmo a studiare in presenza di mia
madre...

»I concerti divennero quotidiani; l'arte e la passione progredirono del
pari--mia madre si compiaceva, e batteva le mani, e si entusiasmava del
nostro accordo perfetto...

»Così trascorrevano i giorni, le settimane, i mesi. Nè mai fra Adolfo e
me ci eravamo scambiati una parola, una lettera, una stretta di mano,
che equivalesse ad una franca dichiarazione. Noi ci intendavamo colla
scelta dei pezzi, cogli accenti della esecuzione, col capriccio delle
varianti, coll'arbitrio dei _crescendo_ e dei rallentando, colla foga e
la significante rilassatezza dei tempi...

»Qualche rara volta--per accidente--la estremità del flauto aveva
sfiorato leggermente la mia spalla--il mio gomito, nelle volate
ascendenti sulla tastiera, toccava... e trasaliva al contatto
dell'istromento... Queste eventualità del concerto erano un
eccitamento fortunato, e da esse la musica ritraeva maggior nerbo. Le
fibre irritate galvanizzavano il cembalo--la voce del flauto pareva
gonfiarsi... E allora nasceva quella fusione di armonie, che provocava
gli applausi di mia madre...

»Mia madre era sempre là, in mancanza di altri ammiratori. La sua
presenza incoraggiava l'arte e sorvegliava il buon costume.... Sia
pace all'anima di quella santa donna! Ma vi è un destino, un angelo,
un demonio, un Dio--chiamalo come ti piace...:--io preferisco di
crederlo un Dio, perocchè ebbi molte prove di sua onnipotenza...
orbene, questo Dio non permette che le anime fortemente innamorate
si consumino nello sterile desiderio.--Il nostro duetto a flauto
e pianoforte si era prolungato tre mesi... e la vicenda delle
interruzioni e delle riprese aveva affrante le nostre forze. Adolfo
dimagrava... Al finire dei concerti due solchi profondi gli scendevano
dal cavo dell'occhio fino all'estremo delle guancie... Scomponendo lo
strumento per rimetterlo nell'astuccio, mi guardava, e pareva dirmi:
fino a quando?

»Era tempo che il Dio degli innamorati venisse in nostro soccorso...

»Il duetto ebbe finalmente una soluzione, rapida... concitata...
intensa... E la scossa fu tale che io ne rimasi impressionata per
tutta la vita...

»Quel giorno ripassavamo una fantasia di Rabboni sulla _Straniera_...
Il flauto di Adolfo era più inquieto che mai... Più volte io aveva
sentito la canna di ebano scivolare sotto le mie treccie--l'alito di
Adolfo mi infuocava le guancie...

»Cominciava il cantabile: _Meco tu vieni_!.... Mia madre stava ad
udirci appoggiata alla finestra che guardava il giardino...

»A un tratto ella si alza--passa dinanzi al cembalo in punta di piedi,
e, accennando a noi di continuare la nostra musica, esce pian piano
dalla sala.

»Mia madre--lo seppi più tardi--scendeva in giardino per sorprendere la
cameriera, la quale era entrata col guattero nella serra dei limoni...

»Per la prima volta, dopo tre mesi di febbre amorosa, Adolfo ed io ci
trovammo soli.... I preliminari erano già esauriti.... La musica aveva
supplito eloquentemente alla parola... Fra noi erano stabiliti da un
pezzo tutti gli accordi della passione, ripetuti e confermati in tutti
i toni musicali...

»Non appena la porta si chiuse dietro i passi di mia madre, la sala fu
sconvolta da improvviso cataclisma--Adolfo, il flauto, il pianoforte,
il _meco tu vieni_... tutto fu travolto in un caos delizioso e
terribile...

»Oh! se qualcuno fosse entrato in quel momento!... Fortunatamente il
pianoforte si smosse, percorse la sala come una locomotiva a vapore...
e andò a piantare la coda nel vano del caminetto.

»All'urto del mobile io mi riscossi... compresi il pericolo della
situazione... mi svincolai dalle braccia di Adolfo--e balzai dalla
tastiera, sulla quale inavvertentemente mi era seduta!... Noi fummo in
tempo prima che mia madre rientrasse, di riparare all'immenso disordine
...

»Quando la buona donna si affacciò alla porta della sala, Adolfo
ripigliava il meco tu vieni!»



CAPITOLO II


La marchesa chinò il volto mestamente, e si tacque. Poi, rialzando
la fronte con un movimento un po' vivo, quasi volesse cacciare una
dolorosa ricordanza:--Ebbene? riprese--cominci tu a comprendere qualche
cosa?...

--Oh!... senza dubbio!... Io comprendo che, all'età di sedici anni e
pochi mesi, voi eravate già iniziata ai più intimi misteri dell'amore
... E non posso a meno di congratularmi con voi! Nessuno vorrà
rimproverarvi di aver sprecato il vostro tempo!...

--A sedici anni la donna soccombe per inesperienza--la sua stessa
onestà, il pudore, la timidezza tutte le doti più sante dell'anima
concorrono a tradirla... Quando una fanciulla di sedici anni può
resistere alle violenze di una prima passione, vuol dire ch'ella è già
pervertita....

»In un delirio sublime ho sacrificato ad Adolfo la mia innocenza...
Abbandonandomi all'amplesso fatale io diedi a quel primo, a quell'unico
amante la maggior prova della mia virtù...

»Non descriverò le terribili angoscie che seguirono la breve estasi di
paradiso.--Non voglio far pompa di sentimento. Io ti svolgo i segreti
dell'anima mia, per ajutarti a comprendere un paradosso oltremodo
dilicato--altro scopo non hanno le mie confessioni.

»Quindici giorni dopo la scena che ti ho narrato--il mio povero Adolfo
moriva di terribile malattia...

La marchesa fece una breve pausa--e portò la mano agli occhi, per
spremere una lacrima che tardava a spuntare.

»All'annunzio di quell'immensa sventura, corsi nella mia camera--mi
gettai sul letto, piansi disperatamente, e giurai, che tutta la mia
vita sarebbe un olocausto d'amore alla memoria di quell'uomo adorato
...!

»Due anni passarono--anni di lutto, di vaneggiamenti segreti, di
sconsolati desiderii... L'immagine di Adolfo non si partiva dal mio
cuore... Nelle veglie e nei sogni egli mi era sempre presente... Io
lo vedeva, lo sentiva rivivere, ascoltava la sua voce nei miei esercizi
musicali, riproducendo le divine melodie, che un tempo erano il nostro
colloquio d'amore... Tutta l'anima mia era piena di lui!

»Puoi immaginare, Eugenio, di qual'occhio io mirassi gli eleganti
giovanotti che frequentavano le nostre sale; come io accogliessi le
banali galanterie e i facili omaggi!

»In quel tempo il marchese D... mi fu presentato.

--Povero marchese! Nobile, eccellente creatura!--Vera pasta da
marito.--Egli prese a corteggiarmi con assiduità;--vedendosi il meglio
accolto di quanti mi ronzavano intorno con pretesa di conquista, egli
fu primo ad illudersi.--Più tardi ebbi anch'io la sventura di dividere
quella fatale illusione! In un momento di esaltazione magnetica, il mio
labbro promise... E il marchese divenne il primo anello di una lunga
catena di mistificazioni, delle quali entrambi fummo vittime.

»Egli suonava il flauto... come Adolfo.--In udire quei suoni, credetti
che un nuovo amore si rivelasse all'anima mia--invece era un flauto che
rinfocava un amore antico!

A questo punto la marchesa mi vibrò di sbieco una occhiata diffidente,
come temesse di sorprendere un sorriso di ironia. L'espressione del mio
volto parve rassicurarla, ond'ella ripigliò con coraggio:

»Qual disinganno per l'orgoglio e la fatuità degli uomini, se la
donna fosse meno abile nel dissimulare le ragioni dei suoi trasporti!
Fortunatamente gli uomini non possono leggerci nel cuore! e noi
medesime prendiamo talvolta degli equivoci molto strani sul nostro
proprio conto!

»Il marchese era un distinto dilettante di flauto... Ecco il segreto
della effimera simpatia!

»Io lo accompagnava col pianoforte.... senza volgere il capo... I
suoni mi beavano l'orecchio--lo strumento qualche volta mi sfiorava la
pelle--un tremito mi scuoteva le fibre--tutti i miei sensi aspiravano
la voluttà di un amplesso desiderato.

»Una sera, mentre il marchese preludiava sul flauto diversi temi di
Bellini, mia madre mi condusse in un gabinetto attiguo alla sala--mi
fece sedere sovra un divano, e accarezzandomi con insolita tenerezza,
mi annunziò, che il marchese le aveva chiesto formalmente la mia mano.
Dal volto, dalle parole di mia madre, dalla eloquenza ch'ella impiegava
per prevenirmi favorevolmente, compresi che un mio rifiuto l'avrebbe
grandemente rattristata.--Il marchese era un eccellente partito!

»Io non osava rispondere--la mia agitazione e le mie lagrime rivelavano
abbastanza chiaro la mia avversione al matrimonio. Le esortazioni, i
consigli, le preghiere di quell'ottima donna non avevano forza sul mio
cuore.... L'anima mia era tutta assorta in Adolfo, nell'uomo, cui la
mia fede era vincolata in un segreto patto d'amore. E mentre mia madre
tentava sedurmi colle promesse di un avvenire beato, io vaneggiava
colle illusioni, io colmava quell'eliso di delizie, collocando il mio
Adolfo al posto del marchese--mi perdeva voluttuosamente in quella vita
ideale, che egli solo--il mio Adolfo--avrebbe potuto realizzare.

»Io era assorta in quell'estasi divina, allorquando dalla prossima
sala si partirono le note di una melodia inebbriante, che da gran
tempo io non aveva più udita!--Quel suono diede l'ultima scossa alla
mia sensibilità, mia madre e il marchese trionfarono della povera
affascinata--ed io dentro una nebbia profumata, deviai dal sentiero
prefisso.

»Il marchese suonava l'aria del _meco tu vieni_--quell'aria, che
era stata l'ultima espressione di amore e di piacere nelle braccia
di Adolfo. Mia madre, interpretando a suo modo la mia commozione,
insisteva per ottenere da me una formale risposta.... Il _sì_ tremendo
mi uscì dal labbro... Ella uscì precipitosa per recarlo al marchese
... Fatalità della vita!... Io aveva promesso ad Adolfo: e il marchese
raccolse la fatale promessa...

»Due mesi dopo io mi chiamava la marchesa D....

La vecchia dama fece una pausa, aspettando una obbjezione. Io volli
compiacerla:

--Perdonate, marchesa: io trovo un punto di inverisomiglianza nel
vostro racconto... Se il consenso non era, come voi dite, che una
espansione involontaria dell'anima in delirio, come avvenne che non
abbiate più tardi rivocata la vostra parola, anzichè sacrificare i
_vostri nobili e santissimi affetti_, ingannando un dabben'uomo, che
pure aveva tutto il diritto alla vostra schiettezza?

La marchesa parve alquanto sconcertata, ma riprese bentosto:

--Era tanto felice mia madre!... Era tanto innamorato quel povero
marchese!.... Ed io era... timida tanto a quei tempi, e tanto devota a
mia madre!... La tua frase non poteva essere più esatta quando dicesti,
che io ho sacrificato i miei nobili affetti!... Non lo doveva io forse,
trattandosi della sola creatura che io amava al mondo, della ottima
madre mia?--In chiesa, dinanzi all'altare... quando il sacerdote mi
volse la terribile domanda, alla quale io non poteva rispondere senza
mentire, ti confesso che fui sul punto di levarmi, strappare dal capo
il velo e la corona, e proclamare alla presenza di Dio e degli uomini
che io non dovea.. non poteva amare che... Adolfo!--La presenza di
mia madre, la paura dello scandalo, ed anche..--vedi se il mio cuore
era buono!--il pensiero di addolorare e coprir di ridicolo un uomo che
sinceramente mi amava, paralizzò quell'impeto di passione, e il sì
irrevocabile fu proferito!.... Eugenio, tu non puoi ideare quanto costi
ad una misera donna il doversi prestare ai trasporti di uno sposo...
giovane... ardente... impetuoso!... La mia virtù mi sostenne... Il
matrimonio dava al marchese dei diritti, e mi imponeva dei doveri...
io ebbi l'eroismo del sacrifizio--mi sottomisi!

»Che ti pare, Eugenio, della mia annegazione, del mio coraggio?...

--Vi trovo sublime!... continuate!...

E presi l'atteggiamento del credenzone stupefatto.



CAPITOLO III.


»Il mio amore per Adolfo era un segreto fra me e Dio... proseguì la
imperturbabile donna--ma desso non mi fece dimenticare che fra me ed
il marchese era seguito un atto pubblico e solenne--ed io promisi
rispettarlo, e corrispondere all'affetto di mio marito con una fedeltà
irriprovevole!...

»Sa Iddio se quel voto era sincero!... Giuro per quanto vi ha di più
sacro sulla terra, per la memoria di Adolfo, per le ceneri della mia
dilettissima madre, che, per circa due mesi, nessun uomo, fuori di mio
marito, potò vantarsi di avermi toccata una mano...

--Caspita!.... due mesi di fedeltà!... Permettete, marchesa, che io vi
esprima la mia ammirazione!...

--L'ironia è fuori di proposito, Eugenio! Noi ci avviciniamo
all'episodio culminante, nel quale si racchiude la spiegazione di tutta
la mia vita...

»Il marchese non ebbe che un solo rivale--il fantasma di Adolfo.--Qual
colpa ebbi io mai, fragile creatura, se il destino mi pose al fianco
un marito, il quale non cessò mai, finchè visse, di evocare in proprio
danno una larva irresistibile? Io non ho mai ceduto alle insistenze
dei miei adoratori, se non quando essi vennero a me colle sembianze
di Adolfo--presentati, condotti, introdotti dal.... flauto di mio
marito!--E dire che quel povero dabben uomo sceglieva sempre, per
soffiare nel flauto, i momenti più pericolosi... alla sua sicurezza
coniugale!

»Due mesi erano trascorsi dalle nostre nozze. Eravamo alla campagna, in
un magnifico casino a poca distanza da Varese. Un amico di mio marito,
il conte Smilza, venne a trovarci--mio marito lo pregò di rimanere
con noi qualche giorno. A quell'epoca tutto il mondo fu scandolezzato
della avventura.--La mia _relazione_ col giovane conte fu, pei due mesi
di autunno, il pascolo più ghiotto della malignità villeggiante...
Tutte le apparenze m'accusavano. Qual altri fuori di me, avrebbe potuto
sapere, che il solo, il vero colpevole di quella sciagurata avventura,
era.... il flauto di mio marito?

»Il conte Smilza era ciò che nel mondo elegante suol chiamarsi un bel
giovane--vale a dire: una figura simetrica e suscettibile di quella
distinzione artifiziale, che i ricchi possono procacciarsi a buon
prezzo dal sartore e dal parrucchiere!

»Io non comprendo come alcune donne possano innamorarsi per la semplice
attrazione della bellezza fisica. Le doti personali del conte non
avrebbero prodotto nell'animo mio veruna impressione, se non avessi
riscontrato nel di lui volto qualche rapporto di somiglianza con un
tipo adorato... Il conte Smilza aveva le sopraciglia, il naso, e
i mostacchi di Adolfo!... Tanto bastò, perchè in vederlo la prima
volta, io provassi una viva commozione. I miei occhi si fermarono a
contemplarlo con simpatia... Sentii una leggiera vampa di rossore
salirmi alle guancie--e il contino, illudendosi sulle cause del mio
turbamento, si credette in obbligo di farmi la corte...

»Ferma ne' miei propositi di onestà, io mi studiava di evitarlo, di
imporgli soggezione col mio freddo contegno--sopratutto io sfuggiva
tutte le occasioni di trovarmi sola con lui. Lo scellerato poneva
altrettanta costanza nel perseguitarmi! Per lui il progetto di
conquista, in pochi giorni, era divenuto passione, amore irresistibile
... Mio marito, il buon uomo!... favoriva tutti i piani strategici
dell'ospite amico...

»Due settimane trascorsero senza gravi conseguenze... Qualche
volta, per simpatia di ricordanze, i miei sguardi indugiavano troppo
espressivi sulle sembianze del conte. Egli ringalluzziva... prendeva
coraggio--ma tosto la mia indifferenza e la mia austerità gli
imponevano nuovo freno. Non aveva egli ragione di trovare inesplicabile
la mia condotta?

»Le apparenze erano tali, ch'egli poteva credermi una civettuola
capricciosa ed altera, il tipo di quelle _donne di marmo_, che si
piacciono di veder liquefare gli amanti!

»Io aveva già provata la mia virtù negli intimi e solitari colloqui,
ed ero uscita vittoriosa. Mi tenevo sicura di me stessa, forte a
qualunque attacco. Da ultimo mi abbandonai improvvidamente al pericolo,
non sospettando, che il poco formidabile adoratore dovesse avere
quandochessia un alleato irresistibile... onnipotente--il flauto di
mio marito...

»Sull'imbrunire di una tepida giornata, il conte mi offerse il
suo braccio per accompagnarmi ad una passeggiata in giardino. Mi
opposi dapprima, quasi presaga del pericolo--poi cedetti alle
insistenze di mio marito, che promise raggiungerci.--Il marchese era
predestinato!--Obbedii... Scendemmo in giardino... percorremmo un
lungo viale... ci internammo in una specie di labirinto... alla fine,
ci trovammo assisi sovra un banco di pietra circondato di mirti.--Sul
nostro capo un padiglione di fiori--sotto il piede un tappeto di
muschio e di timo selvaggio....

»Il conte non aveva proferito parola durante la passeggiata--e
frattanto la mia mente fantastica si era smarrita nel prediletto
sentiero delle rimembranze... Io dimenticava di aver al fianco un
nemico, un cospiratore, il quale spiava il buon momento per aprirsi una
breccia nella mia virtù!... Troppo tardi me ne sovvenni, quando, seduti
nel misterioso boschetto, il conte prese la mia mano, la portò con
violenza alle labbra, e gettandosi alle mie ginocchia...

»Egli tentò un assalto da vero maestro--senza proferire parola--con
quella audacia, che è propria delle grandi passioni.

»Feci uno sforzo per respingerlo... per levarmi in piedi--ma in quel
punto un suono fatale.... giunse al mio orecchio... mi turbò i sensi
... mi paralizzò le forze... ed io rimasi soggiogata dal fascino
melodioso... Mio marito, da una finestra del casino, salutava il
sorgere dalla luna cornuta, intuonando sul flauto l'aria del _meco tu
vieni!_»

La marchesa interruppe il racconto con un sorriso un po' equivoco,
quasi a lasciarmi dubitare ch'ella parlasse per celia. La ipocrisia
ebbe un lampo di pudore, ed io seppi frenarmi, e contrapporle la
dissimulazione più perfetta.



CAPITOLO IV.


»Questa prima infedeltà coniugale--proseguì la marchesa--e colla
parola riprese tutta la serietà di chi confida nella altrui
dabbenaggine--questa prima infedeltà spiega tutte le altre, anzi le
giustifica tutte.--Io non intendo narrarti i cento episodii di questo
dramma, che durò ventidue anni, fino alla morte del marchese. Le
sembianze di Adolfo e il flauto di mio marito non cessarono mai dal
perseguitarmi. Gli uomini, sempre ingrati e crudeli colla donna che
si abbandona, anche involontariamente, alle loro seduzioni, dopo aver
profittato dei miei deliqui, mi carpirono nuovi favori colla minaccia
dello scandalo. Quante volte io dovetti sacrificarmi alla pace di mio
marito, al decoro della famiglia, ai pregiudizii del mondo!... Quante
volte, rialzandomi da una fatale caduta, io mi trovai in potere di un
despota appassionato, il quale usufruttando i miei terrori, non si
vergognò di impormi il sacrifizio della mia virtù, a patto di mantenere
il segreto! E credi tu, Eugenio, che io sia riuscita a salvarmi dalla
pubblica maldicenza? La più parte de' miei fatui adoratori violò
ignobilmente la promessa; io fui disonorata, infamata dalla calunnia,
quale una Messalina! Manco male che le accuse vigliacche non giunsero
all'orecchio di mio marito... Il buon uomo portò nella tomba la
miglior opinione della mia onestà, come avviene ordinariamente a tutti
i buoni mariti!

»Ed ora--esclamò sospirando la marchesa--la mia confessione è finita
... Tu sai come io abbia molto amato... e amato un sol uomo!...
Vediamo se il tuo giudizio vuol essere inesorabile come quello del
mondo!...»

--No! la vostra confessione non è finita, risposi dopo breve
silenzio. Voi mi parlaste della vostra vita coniugale--e quand'anche
io fossi tanto buono da ammettere il _flauto di vostro marito_ come
circostanza mitigante, vi resterebbero ancora non poche debolezze
da giustificare--quelle che appartengono alla vedovanza. Il flauto
magnetico avea già cessato di suonare, allorquando, or fanno pochi
anni, in una sola giornata...

--Vedo.... vedo.... a che si riferiscono le nuove accuse, interruppe
la marchesa con qualche imbarazzo.--Tu alludi alla battaglia di
Magenta.... all'ingresso delle truppe alleate!... Io aveva dimenticato
che quella istoria si è fatta di ragione pubblica, per l'indiscrezione
di uno sciaguratissimo _turcos_, il quale osò pretendere...
l'impossibile!

»Poichè mi ricordi quell'episodio, ti dirò che esso non ha nulla a fare
colla mia vita, co' miei sentimenti, colle mie passioni di donna. A
quell'epoca io aveva già cessato di appartenere ad un sesso...

»Dopo la morte di mio marito--cessati gli eccitamenti quotidiani del
flauto--disingannata dalla società--insterilita da una sequela di
sfortunate emergenze--nel mio cuore si spensero le ultime faville della
sensibilità.--Perfino la imagine di Adolfo cominciò a presentarsi
sbiadita nelle mie ricordanze!

»Una crisi terribile è questa nella esistenza della donna, quando in
lei inaridiscono i più nobili affetti!... Molte sconsigliate, a questa
epoca della vita, trabordano in ridicole civetterie; talune si danno al
giuoco altre a tiranneggiare la gioventù, a tormentare la famiglia col
pretesto di educare; moltissime si consacrano alla devozione, offrendo
ai preti un logoro avanzo, e a Dio il rifiuto dei preti!

»Meglio ispirata, io mi infervorai di patriottismo, e presi parte alle
agitazioni politiche del momento!

»Era giorno di festa per Milano!... I Tedeschi scappavano a rompicollo
... entravano i Francesi, i Piemontesi, i nostri!... Inebbriata di
entusiasmo, apersi la mia casa ai liberatori, e il primo dei miei
ospiti--uno zuavo, tutto ancor polveroso e schiumoso per le fatiche
della marcia--non mi lasciò tempo da esprimergli la mia riconoscenza,
e fece un assalto di sorpresa, che... per mia sbadataggine...
gli riusciva a meraviglia. Che poteva io, debole donna, contro un
espugnatore di Malakoff? Da qualche tempo non ero più abituata a simili
assalti.... nè avrei osato sperare... cioè... temere, che per me
sussistessero ancora di tali pericoli!

»Or vedi fatalità!--Un bersagliere piemontese... si accorse, od
ebbe sospetto, della buona fortuna toccata allo zuavo, e il giorno
istesso mi fece delle proposte, che la mia virtù non poteva a meno di
respingere fieramente.--«Oh!... sta bene!... esclamò il bersagliere con
accento desolato: tutto pei Francesi... e niente per noi... Quale
disgrazia chiamarsi soldati italiani!...

»Quelle parole mi trafissero l'anima;--io compresi che il povero
figliuolo si teneva umiliato dalle mie ripulse... Era offeso dalla
preferenza accordata allo zuavo... Mi credette avversa al Piemonte...
Era mio dovere disingannarlo--e lo feci con tutto il cuore.

»Una scena poco dissimile mi accadde più tardi con un povero soldato
di linea, il quale parimenti si lagnava che i bersaglieri, in grazia
della uniforme più elegante e bizzarra, venivano di preferenza
festeggiati. Quel ragazzo mi fece pietà; volli consolarlo... E se io
non mi fossi ribellata al quarto pretendente--un turcos dall'aspetto
terribile--avrei forse evitato una rissa fra soldati, nella quale il
mio patriottismo fu rivelato ed esposto agli ignobili commenti de' miei
concittadini!... Non importa! Io perdono ai giornalisti la indegna
interpretazione di quel fatto! Ho agito per patriottismo, e col massimo
disinteresse... La mia coscienza è tranquilla!

»Or bene, Eugenio; posso io sperare che tu mi abbia compresa?...



CAPITOLO V.


--Sì: vi ho compresa perfettamente, risposi con qualche vivacità--forse
meglio che voi non comprendiate voi stessa.

»Io non vi accuserò di ipocrisia... Qual'è la donna tanto abbrutita
nel vizio, che, alla sua volta, non sappia creare un sublime sofisma,
per coonestare la propria condotta?--Ciò è nella stessa natura del
sesso--e voi, marchesa, oltre all'esser donna, appartenete ad una
classe sociale, dove suol farsi uno inverecondo abuso di cotali sofismi!

»Io mi guarderò bene dal turbare la vostra coscienza con degli scrupoli
inopportuni. Solo mi permetterò di farvi notare, come vi siate
stranamente ingannata sulla origine dei vostri traviamenti...

»All'età di sedici anni, la prima volta che vi trovaste da sola a solo
con un suonatore di flauto, voi soccombeste senza il menomo sforzo
di resistenza... Credeste in quel giorno innamorarvi di un uomo, ed
oggi ancora vi sembra di aver amato un uomo per tutta la vita. Ecco
l'errore!... Voi vi innamoraste di un flauto, e non siete vissuta che
per il flauto...

--Di mio marito?

--Perdonate, marchesa--io parlo del flauto in genere... E credo che la
più parte delle donne prendano lo stesso errore...

La marchesa ascoltava senza dar segno di irritazione--da ultimo sorrise
maliziosamente, e pareva sul punto di dichiararsi convinta... quando
un suonatore girovago passò sotto le finestre, e si fece a soffiare nel
flauto quattro note stonate.

La marchesa ritorse gli occhi, e lasciò cadere le braccia con
significante abbandono--onde io, vedendo a che mirasse lo stratagemma,
anzichè espormi a qualche imbarazzo, prevenni lo svenimento e uscii
dalla sala.



Le sedici battute dell'Africana


I.

--Come si amano quei due sposi!--mi diceva un giorno l'amico
Maccabruni, additandomi una giovane coppia che transitava il ponte di
congiunzione fra i bastioni e il giardino pubblico.

--Pare impossibile!--esclamai sbadatamente.

--Il marito è un bel giovane...

--Non lo nego--ma è tanto imbecille...

--Ragione di più perchè egli sia adorato da sua moglie...

--Via, Maccabruni! non far questa ingiuria al bel sesso.--Per la luna
di miele--voglio concederlo--può bastare un marito giovane e robusto;
ma più tardi--passate le effervescenze--esaurito il miele--se il
neo-consorte non ci mette un poco di spirito e di poesia; la luna, nel
decrescere, diviene cornuta.

I due sposini entrarono nel caffè, e noi, senz'altro parlarne,
scendemmo a braccio fino al parco dei cervi ad ammirare e meditare il
bellissimo effetto degli animali forniti di corna.

II.

Cinque mesi dopo, si dava alla Scala la prima rappresentazione
dell'_Africana_ di Mayerbeer--e i nostri due sposini brillavano da un
palchetto di prima fila, mentre io, coll'amico Maccabruni, mi trovava
in platea, serrato nelle costole da due individui, i quali, pel loro
biglietto gratuito, fors'anche per qualche spicciolo intascato il
mattino, battevano le mani a far sangue.

Malgrado i pregi della musica e il dimenarsi dei miei vicini, che
parevano invasati, al terzo atto io cominciava a noiarmi, e il mio
amico Maccabruni più di me.

Buon per noi che il fragore della istrumentazione e degli applausi ci
permetteva di conversare a mezza voce, senza dar nell'orecchio a nostri
prossimi.

Maccabruni mi invitò a girare lo sguardo verso il palco dei due
sposi.--La donna era seduta, colla testa leggermente inclinata, e la
sua mano, posta a visiera della bocca, lasciava indovinare un enorme
sbadiglio.

--Ecco là qualcuno che si diverte come noi! dissi all'amico--la signora
non sembra molto commossa dall'inno a San Domenico...

--Ma il marito, come tu vedi, fa le vendette di quello sbadiglio...
Oh! Oh... si leva in piedi... si getta colla persona fuori del palco
...

--Guarda... guarda lassù! quel signore diventa pazzo... Vedi come
straluna gli occhi!...

--Presso a poco come sua moglie... con questa sola differenza che la
moglie straluna anche la bocca...

Parlando, appena ci eravamo accorti che l'atto era finito, che i nostri
vicini aveano cessato di battere le mani, epperò potevano udirci.

Ci udirono infatti--e l'un dessi, a voce alta e vibrata, ci rivolse la
parola:

--Quel signore lassù non batte le mani a caso... Quel lassù se ne
intende un pochetto... Non fa meraviglia ch'egli comprenda... che
egli vada in estasi in udire il sublime spartito... Un professore come
lui!...

--Ah! gli è dunque un professore di musica quel signore...? domanda un
tale che siede nella panca dietro la nostra.

--Professore! Sicuramente! È ben vero che egli non ha bisogno di dar
delle lezioni per vivere... o di suonare a pagamento nelle orchestre
...

--Ah! un dilettante.... suonatore.... Sapreste dirmi, di grazia di
quale istromento....?

--Istrumento...! Istrumento!... Se suona, gli è certo che deve suonare
un istrumento...

--Di violino forse?...

--Ve lo dirò io, cosa suona quel signore--sorge a dire un giovanotto
che non ha mai cessato di sorridere sotto i baffi durante quella
conversazione--quel signore è un grande intelligente di musica, un
grande contrappuntista, un vero genio dell'avvenire... ma quanto
a suonare, egli non è riuscito a perfezionarsi che sovra un solo
istromento... Un istromento non molto difficile, ma in compenso il più
completo e forse anche il più esatto...

Ma il giovanotto non può compiere la frase... Il direttore
dell'orchestra ha percosso la _tolla_, e guai a chi fiata al cominciare
dei suoni!

Nel quarto atto, durante la marcia indiana ed il brindisi parimenti
indiano, e al cospetto di tutta quella India, per la quale Selika, che
è nata nel paese, ha mille ragioni di chiamarsi Africana; il fanatismo
de' miei vicini, del signore di prima fila... e del pubblico che
comincia ad andarsene... tocca il suo colmo...

Al duetto fra Vasco e Selika, la signora sembra riscuotersi--quella
scena voluttuosa, dove la energia e la potenza di un vecchio genio
sembra ravvivarsi per effetto di cantaridi, produce una viva sensazione
nella giovane sposa... Ma io mi accorgo che gli occhi languidi della
bella prendono una direzione affatto opposta al palco scenico, e le sue
pupille sembrano addentrarsi in un palchetto, che le sta di fronte.

In verità non so darle torto. Il marito, sempre assorto nella musica
dell'_Africana_, nel corso dei quattro atti non si è mai degnato di
rivolgerle la parola.--Queste dimenticanze dei mariti rappresentano
quasi sempre il bivio fatale, dove i cuori di due sposi prendono a
divagare in un cammino affatto opposto.

Nell'intermezzo, che succede al quarto atto, io mi levo in piedi per
riprendere la conversazione interrotta; ma lo sconosciuto non aveva
atteso la calata del sipario, per abbandonare il suo posto ed uscire
dal teatro.

La platea si è molto diradata; gli spettatori possono allargarsi a loro
agio sulle panche.

Frattanto, la mia bella signora non cessa di volgere tratto tratto
delle occhiate significanti al palchetto di faccia; mentre il marito,
agitando il suo binoccolo bianco, esprime il suo entusiasmo a due
giornalisti sprofondati nelle sedie fisse.

Gli è quasi sempre nei teatri e nelle feste da ballo che hanno
principio i romanzi appassionati, qualche volta un po' scandalosi,
della società moderna. In altri tempi le grandi passioni si
sviluppavano nei boschi (come i funghi), all'ombra dei castani, al
margine del ruscello, ai miti raggi della luna--Erano imbecilli i
nostri nonni!--Un poeta, amico mio, che ha voluto provarsi l' autunno
scorso alle emozioni degli amori boscherecci, è tornato a Milano con
una pezzuolina di cerotto sul naso, per la maledetta puntura di un
calabrone.--Pel comodo degli innamorati, viva la città! grido io.--Qui
non vi sono calabroni--e i mariti, per giunta, nelle città sono più
paperi che altrove!


III.

Ma io m'accorgo di aver già troppo irritata la curiosità de' miei
lettori--e non dico delle mie lettrici, perchè non desidero che questo
racconto venga letto dal così detto bel sesso.

Oggimai sono trascorsi dieci mesi da quella prima rappresentazione
dell'_Africana_ che mi ha posto sulle traccie di un geniale
mistero--che mi ha invogliato a tener d'occhio i due giovani sposi, per
iscoprire le loro prime divagazioni.

Da questo momento io sparisco dalla scena e rinunzio alla mia parte di
attore, per limitarmi a quella di un semplice espositore di fatti.


IV.

Il marito si chiama Teobaldo.... La signora porta il nome abbastanza
poetico di Clarina.--Dicono che il marito si invaghisse di lei e la
pigliasse in moglie per simpatia di quel nome, che gli ricordava il suo
istromento favorito, il clarinetto.

Teobaldo è maniaco per la musica, e ha potuto, nella sua condizione
di milionario, consacrarsi perdutamente allo studio ed ai diletti di
quest'arte, malgrado l'avverso organismo sortito dalla natura.

Ho detto _perdutamente_, e l'avverbio non può essere più acconcio.
Studiando il pianoforte, il violino, il contrabasso, il bombardone,
i timpani, e in generale tutti gli istromenti di indole gagliarda,
il Teobaldo ha perduto il suo tempo. Basti sapere che egli non è mai
riuscito ad apprendere per orecchio una sola cantilena delle tante
opere da lui udite. L'aria della _pira_--incredibile a dirsi!--non è
ancora entrata esattamente nel dominio delle sue reminiscenze, sebbene
ei l'abbia eseguita più di mille volte... sull'organetto.

--Ma dunque--codesto Teobaldo--un istromento è pur riuscito a suonarlo!

--Vero! verissimo!... convien rendere questa giustizia al di lui
talento. A forza di prove, di studi e di esercizii pazientissimi,
Teobaldo oggigiorno è tale suonatore di organetto da poter competere
cogli orbi più famosi.

Ma non a tutti è dato conoscere questi particolari;--l'organetto non fu
visto da alcuno--i più intimi del signor Teobaldo, quelli stessi che
più volte l'udirono suonare (ed è gente versata nell'arte), non hanno
mai sospettato che il meraviglioso _harmonium_ del nostro dilettante
non sia altro che uno di quegli strumenti a manubrio, fabbricati a
benefizio degli inabili ed a strazio del pubblico.

Teobaldo ha speso una somma ingente per far costruire il suo organetto.
L'artefice, lautamente pagato, produsse un capolavoro ammirabile; tale,
che a udirlo in distanza, di leggieri lo si scambia per una eccellente
fisarmonica della officina Tubi.

Nel palazzo di Teobaldo, quell'organetto occupa un salottino attiguo
alla grande sala di ricevimento. Nelle serate di riunione, ogni
qualvolta si fa musica al palazzo, alla fine dei concerti, gli amici, i
professori, i dilettanti, le signore, tutti gli invitati fanno istanza
a Teobaldo, perchè si compiaccia di coronare il trattenimento eseguendo
un pezzo sull'_harmonium_.

Teobaldo sulle prime fa il ritroso... Ma gli invitati insistono con
bel garbo--le signore si mettono in ginocchio--e alla fine Teobaldo
acconsente a suonare, col patto di rendersi invisibile.--Poco dopo, dal
gabinetto vicino escono gli accenti melodiosi, e, finito il suo pezzo,
Teobaldo rientra nella grande sala a ricevere le congratulazioni e gli
evviva.

Con questo abile stratagemma, Teobaldo è riuscito a passare per un
distinto musicista, e ad ottenere il diploma di membro onorario di
diverse società filarmoniche.--A Milano si voleva affidargli la
presidenza della _Società del Quartetto_.


V.

Non erano passati venti giorni dalla prima rappresentazione della
_Africana_, quando la moglie di Teobaldo, la bella Clarina, profittando
della assenza del marito, si chiuse nel suo gabinetto da toletta per
scrivere una lettera.

Poniamoci dietro le spalle della signora (è una posizione che offre
quasi sempre delle viste aggradevoli), e leggiamo ciò che ella scrive:

  «Mio dolce amico!

«Tu hai commesso uno di quegli errori a cui difficilmente si può
rimediare. Qualcuno aveva già parlato a Teobaldo in tuo favore, e mio
marito si mostrava assai ben disposto a riceverti in casa; ma tu,
colle tue imprudenze, hai guastato i miei piani. Come mai ti è venuto
in mente di dire tanto male della _Africana_ al _club_ degli artisti?
Teobaldo era presente, Teobaldo ha udito ogni cosa, e ti giuro che,
dopo un tal fatto, è assai difficile che egli si riconcili con te.
Teobaldo è furioso... Figurati che egli non dorme più... che egli non
mangia più... che egli mi ha completamente obliata per l'_Africana_.
Ogni giorno mi viene a casa con dei nuovi signori, maestri, dilettanti,
giornalisti... che so io?... il pianoforte è in ballo... Io non so
più dove ricoverarmi per fuggire l'_Africana_.--Quando penso che tu
solo, tu che avresti potuto tener luogo di tutti, per una imprudente
chiacchierata... ti sei chiuso per sempre la strada che io ti aveva
aperta!... Carlo!... Se è vero che tu mi ami... se è vero che
brameresti rinnovare ogni giorno le gioie... ahi! troppe fugaci e
incomplete... della nostra prima giovinezza... Carlo: io te ne
supplico--desisti dal far guerra... all'_Africana_--riconciliati con
lei--confessa pubblicamente i tuoi torti--non ti resta altro modo per
tornare nelle buone grazie di mio marito... e per avvicinarti a colei,
che ti ama e ti aspetta coll'anima ansante.

  «C. B. T.»


VI.

Due giorni sono trascorsi.--A un ora dopo mezzanotte, presso un
tavolino del caffè Merlo siede una comitiva di giovani eleganti, i
quali stanno discutendo calorosamente sui maggiori o minori pregi
dell'opera di Mayerbeer. Teobaldo, che non fa parte del circolo, udendo
parlare del suo tema favorito, vorrebbe intromettersi alla discussione,
ma in quel punto tutte le voci acclamano a un nuovo personaggio che
entra nella sala, e a quello si dirigono tutti gli sguardi.

--Eccolo!... ben giunto!... non ci mancava che lui! gridano i
contendenti.

Il nuovo personaggio è un bel giovane biondo che all'aspetto dimostra
venticinque anni. Teobaldo, in vederlo, dà indietro alcuni passi.

--Miei buoni amici, comincia il giovane prendendo la posa di una
vittima--percuotetemi, schiaffeggiatemi, ammazzatemi chè io l'ho
ben meritato! Datemi della bestia... del cretino... dite pure che
Carlo Restani è la negazione dell'istinto musicale, la più svergognata
creatura del secolo!

Tutti i volti esprimono la meraviglia, e attendono la conclusione di
quell'enfatico esordio.

--Io ho bestemmiato--prosegue il giovane a voce alta--la più sublime
emanazione del genio onnipotente di Dio. Io non ho compreso ciò che
è comprensibile all'infimo idiota della terra--ho negato il sole, il
gigante degli astri, cui salutano tripudianti tutti gli esseri animati
e inanimati!--non ho gustato, alla prima rappresentazione, la musica
dell'_Africana_!

Teobaldo che già si era mosso per uscire dal caffè, si avvicina di
nuovo alla comitiva.

--Perchè mai, questa sera, io mi sono lasciato trascinare dal mio mal
genio a rientrare alla Scala?... Ho dovuto arrossire, inorridire di me
stesso... Ho provato una di quelle umiliazioni che atterrano un uomo,
che obbligano ad eclissarsi per sempre da ogni consorzio... Ma no! io
non voglio eclissarmi... preferisco, colla sincerità, colla franchezza
del mio ravvedimento, espiare di qualche modo il mio peccato... Per
mia penitenza, ho stabilito di intraprendere un viaggio artistico in
tutte le città, in tutti borghi e i villaggi d'Italia, a proclamare,
collo spartito alla mano, che giammai, dacchè si fa musica al mondo,
non è stato scritto un capolavoro più sublime della _Africana_ di
Mayerbeer!

--Ah! meno male!... ecco un uomo che ha il coraggio di
ritrattarsi!--esclamano alcune voci.

Teobaldo si avvicina al Restani, e, toccandosi con una mano l'ala del
cilindro, gli dice col più amabile accento:

--Mi permetta, signore, di presentarle le mie più sincere
congratulazioni!... Sere sono al _club_ degli artisti, io mi era
non poco scandolezzato in vedere che un giovinotto di talento un
distinto musicista come lei, non partecipasse all'entusiasmo di quanti
comprendono e sentono la grande arte!... Ella non può figurarsi
l'immenso piacere che io provo nel poterla contare fra i nostri.

Carlo Restani s'inchina leggermente a Teobaldo, e gli chiede:

--Vuol ella dirmi, signore, a chi ho la fortuna di parlare?

--Teobaldo Biettola, possidente... e maestro... cioè...
professore.... o per meglio dire dilettante di _harmonium_, e membro
onorario di diverse accademie filarmoniche...

--Chi non conosce di nome il signor Teobaldo Biettola? dice il Restani
inchinandosi--professore d'_harmonium_... e meglio ancora mecenate
splendidissimo degli artisti e promotore benemerito dei buoni studii
musicali... Io mi tengo fortunato di poter distruggere, in uomo
sì universalmente stimato pei suoi talenti musicali, la cattiva
impressione...

--Basta!.... non serve.... Io già sapeva che anche lei si sarebbe
convertito... Tutti gli uomini, come ella dice, universalmente
stimati, debbono tosto o tardi convenire con noi.--Guardiamoci attorno:
vede lei un maestro, un suonatore, un dotto qualunque che abbia
composto una _polka_... un solo giornalista (non parlo dei giornalisti
da dieci franchi, ma di quelli... come sarebbe a dire... da cento, da
duecento)... insomma conosce lei qualcuno della grande sfera artistica
e sociale, che non divida il nostro entusiasmo?

--La prego--signore--non mi umilii davantaggio--sono già troppo
mortificato di dover confessare la mia sconfitta! La si figuri, signor
Biettola, che domani io dovrò arrossire dinanzi ad una ragazzetta di
otto anni, la quale non è ancora arrivata al suo quarto esercizio
sul pianoforte! Una ragazzetta che alle prime rappresentazioni
dell'_Africana_, è andata in estasi alla scena del vascello!

--Dunque!... Sentiamo un poco... (riprende Teobaldo accalorandosi)....
io so tutta l'_Africana_ a memoria... ma pure... amo sentire dagli
altri... Quali sono i pezzi che più le sono piaciuti?

--Prima di tutto... la prima battuta del preludio...

--La prima? non ci ho badato... Domani a sera voglio farci attenzione
...

--Poi, le cinque battute che seguono...

--Cinque battute!... ma dunque ella crede proprio che quelle cinque
battute?...

--Io non le darei per le sedici...

--Diamine!... converrà che io le ascolti meglio.... Quanto a me, vado
pazzo per la cavatina di Ines.... lalalà.... lilili... bibibì... zon!
zon!.....

--E il coro dei vescovi... toutoù.... lalarà.... lorolò....
titatà..... lo so tutto a memoria... Che ne dice del settimino!....
oh il settimino!... fron... fronfron!... tititi... tititì...
tilorouc!.... tititì... tilorouc... tilorouc....

--Lorouctì... lorouctì...

--Bravo... lei può darmi dei punti... Lei suona... voglio dire...
lei canta... o piuttosto solfeggia come un angelo!

--Ha lei notato l'effetto di quel _bemol_, che viene a formare un
accordo parziale di settima diminuente sulla tonalità generale di _do
diesis_, sviluppando negli ultimi accordi le producenti di _sol ce fa
ut_?...

--Fromfrom lalalà--fromfrom lalà!... Ma le sedici battute... Che ne
dice delle sedici battute?... Pensare che vi sono degli imbecilli, i
quali sostengono che tutto l'effetto consiste negli unissoni della
quarta corda?... Avete provato a riportare quel pezzo sul pianoforte o
sull'_harmonium_?

--Io ritengo che sull'_harmonium_ le sedici battute hanno da risaltar
meglio che sui violini... Peccato che io non sappia suonare
l'_harmonium_! Quel pezzo, sull'_harmonium_, deve riuscire divino!

--Qualche giorno... ve lo farò sentire--disse Teobaldo prendendo la
posa solenne di un musicista, che si ricorda esser membro onorario
delle più illustri accademie d'Italia.

Carlo e Teobaldo quella sera divennero i migliori amici del mondo.

--Se non fosse l'ora già tarda, io vi inviterei a salire nel mio
palazzo per udire come sappia accentare sul mio istromento quelle
ammirabili battute.--Ma mia moglie dorme a poca distanza della sala...
e mi dorrebbe ch'ella si svegliasse...

--Ciò sarebbe imprudente...

--Voi dite bene... sarebbe imprudente!

E i due giovani si separarono con una stretta di mano.


VII.

Una mattina, la bella moglie di Teobaldo stava seduta languidamente
sovra un divano della gran sala, e i suoi sguardi correvano spesso al
pendolo dorato della caminiera.

La porta si apre; Carlo Restani viene introdotto da Teobaldo, che si
affretta a presentarlo alla moglie.

Costei china la testa con aria indifferente, e accenna al giovane di
sedere sovra un _fauteuil_.

--È un nuovo convertito!... esclama Teobaldo con enfasi... Tu sai
bene, Clarina... gli è quello istesso che al _club_ degli artisti
... Basta, il signor Carlo vuole che si dimentichi quella scena...
e noi vi poniamo sopra un sasso... D'ora innanzi egli ha il diritto
di mettersi a pari cogli uomini universalmente stimati... Con
quell'orecchio!... Con quella memoria! Figurati, Clarina, ch'egli mi ha
fatto capire certe cose... certi bemolli... certe chiavi... Una gran
scienza la musica!... e quando la si è studiata per dieci anni... si
capisce che bisogna tornare da capo!

Il Restani risponde a monosillabi--la signora affetta un'aria di
noncuranza, che fa indispettire il marito.

--Mia moglie si intende poco di musica...--prosegue Teobaldo--di
bemolli e di cose simili non vuol saperne... e quando io le suono le
sedici battute, qualche volta si addormenta... Ma io credo che a lungo
andare... la convertiremo... non è vero, signor Restani?

--Mi spiace, gentilissima signora, che la mia venuta in questa
casa debba procacciarvi una molestia... io desiderava sentire
sull'_harmonium_ l'effetto delle sedici battute... ma se ciò ha da
tornarvi sgradevole... noi rimetteremo ad altra occasione il diletto
...

--No!... fate pure! fate pure!--risponde la signora--sono più che mai
disposta alle vostre battute... Alla fine, sedici battute passano in
un momento... Animo, Teobaldo!... Vediamo se gli è propriamente oggi
che tu riesci a convertirmi!

Teobaldo non si fa molto pregare, e dopo la solita premessa che la
sua timidità nervosa non gli permette di suonare in presenza di
chicchessia, va a chiudersi nel gabinetto.

--Adorabile Clarina! esclama il Restani, gettandosi ai piedi della
signora.

--Carlo!... Imprudente!.... aspetta almeno che egli muova il manubrio
...!--dice la donna con voce sommessa.

--Non abbiamo che sedici battute...--e come tu ben dicevi
poc'anzi--sedici battute.... passano presto!

--All'età di Mayerbeer sedici battute sono anche troppo... ma noi si
può chiedere il _bis_!

A queste parole della signora l'organetto risponde coi primi accordi.

Tram tram tratamla--tram tram trattamla...

--Questa.. è musica vera... musica buona!...--sospira il giovane.

--Musica dei tempi nostri!

--Ti ricordi Clarina!

--Se mi ricordo!!!

--Qui c'è di tutto.... passato.... presente.... avvenire!...

--Mio paradiso!

--Angelo mio... _bis! bis! bis!_--grida la signora con
enfasi--bravissimo... bravo!... Da capo Teobaldo!... Da capo tutto!

Ma Teobaldo non ha udito le acclamazioni entusiastiche di sua moglie,
perchè profferite con voce troppo languida, e uscendo improvvisamente
dal gabinetto, rimane quasi pietrificato in vedere che la sua Clarina
ed il giovane dilettante dell'_Africana_ seggono abbracciati sul
medesimo divano.

--Poter del mondo!--prorompe Teobaldo--ho da vederne ancora.... degli
effetti!

--Ne vedrai ben altri in avvenire!--risponde la signora Clarina,
ricomponendosi colla massima disinvoltura--e quando non si vuol vederne
... non si trascura la moglie per suonare altre musiche... e si fa il
_bis_ a suo tempo.



FINE.



INDICE


  Dietro una Valanga                         _Pag._   7

  Una partita in quattro                        »    23

  Autobiografia di un ex-cantante               »    45

  Daniel Nabaäm De-Schudmoëken                  »    65

  La Corte dei Nasi                             »    79

  Giuda Iscariota                               »    95

  Il Renitente                                  »   119

  Se il marito sapesse                          »   141

  Un uomo colla coda                            »   173

  Cugino e Cugina                               »   197

  I primi passi alla scienza                    »   205

  Ciò che si vuole                              »   215

  Il Reddivivo                                  »   239

  Il violino a corde umane                      »   251

  La Tromba di Rubly                            »   261

  Le vergini di Nyon                            »   271

  Il flauto di mio marito                       »   307

  Le sedici battute dell'Africana               »   323



                                 NOTE:

[1] Anagramma di un maestro notissimo a Milano, il quale anni sono
insegnava il canto col metodo qui descritto.

[2] Alzatevi tutti; è arrivato il campanile!





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Racconti e novelle" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home