Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Linguaggio e proverbi marinareschi
Author: Celesia, Emanuele
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Linguaggio e proverbi marinareschi" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



produced from images generously made available by The
Internet Archive)



NOTA DEL TRASCRITTORE:

--Corretti gli ovvii errori di punteggiatura e di stampa.

--L’indice non è compreso nell’opera originale; ne è stato prodotto ed
  aggiunto uno a cura del trascrittore



                        INDICE

                                         PAGE

  _AL MARE! AL MARE!_                       5

  _PROEMIO_                                 7

  _DIALOGO I._                             41

  _DIALOGO II._                            85



                              LINGUAGGIO

                                   E

                         PROVERBI MARINARESCHI

                                  PER

                           EMANUELE CELESIA

[Illustrazione: LOGO]

                                GENOVA

                 TIPOGRAFIA DEL R. ISTITUTO SORDO-MUTI

                                 1884



                        _Proprietà letteraria_



_AL MARE! AL MARE!_


UN grido egli è questo che omai dovrebbe erompere dal cuore d’ogni
Italiano, a cui la dignità della patria non sia un _nome vano senza
soggetto_.

Cieco chi non ne vede le prepotenti ragioni; sciagurato chi, pur
veggendole, non s’adopera con ogni nerbo nell’onorato proposito.

Cui tolto è il fare, concorra almeno coll’opera della eccitatrice
parola.

Poco io t’offero, o leggitore, e per giunta, merce stantia; ma gli è
quanto io possa, non dirò già di meglio, ma di men reo.



_PROEMIO_


SULLA costa orientale a poche miglia da Genova, siede murata sul mare,
Camogli, terra operosa e ricca se altra fu mai. È munita di un porto
che guarda verso ponente, e d’un molo ove si ormeggiano le navi, e che
lo ripara alcun po’ dalle folate de’ venti. Quando soffiano impetuosi
i rifoli di tramontana e di greco, impedendo ai legni l’approdo di
Portofino e di Genova, e’ trovano in questa stazione un ben sicuro
ricetto.

Il nome de’ Camogliesi e il loro ardimento son noti e celebrati
per ogni dove. Niuna città meglio di questa Amalfi novella seppe
comprendere la forza che viene dall’aggregare i piccioli capitali a
compiere grandissime imprese. Su queste prode, ove sortiva la culla
l’eroico Nicoloso da Recco, vive il tipo dei più intrepidi marinari
ch’abbiano mai solcato l’oceano. E non gli uomini soltanto hanno i
flutti in conto di vera lor patria, ma le donne istesse fan talmente
a fidanza col mare, da crederle non degenere seme di quelle Liguri
antiche, di cui diceano i Romani--_aver esse l’ardimento degli uomini,
come gli uomini la vigoria delle fiere_.--

Udite memorabile caso. Correva il 24 aprile del 1855, e il _Cresus_,
vascello inglese portentoso per l’ampiezza delle sue forme, carico
d’armi e di salmerie destinate all’esercito che combatteva in Crimea,
riparava, balestrato dalla tempesta, nell’acque di San Fruttuoso.
Fischiava il maestrale, così fiero ne’ nostri rivaggi, il quale
sforzando le gabbie, i trevi, la randa e la trinchettina, rendeva
impossibile il governo della nave. Invano i marinai davano opera ad
arridare sartie e stragli, a ghindare alberetti di gabbia, a stendere
le velaccie, le velacine, i coltellacci e gli scopamari; ogni lor
prova era vana. Ben aveano cignato i palischermi, trincato l’albero
di rispetto, tesato le manovre correnti e mainato le grandi antenne
per issar le vele di fortuna; il mare infuriava più minaccioso, e
il povero legno, presi tutti i terzaruoli e archeggiando di bolina,
vedeasi quasi perduto. In così fiere distrette una voce tremenda fra
il sibilo degli aquiloni e lo scrosciar delle vele s’udì echeggiare
sulla tolda--_Il fuoco! Il fuoco!_--E una colonna di fumo tra i cui
vortici scoppiettavano innumerevoli scintille, dava indizio certissimo
che le fiamme eransi appiccate alla nave. Si ebbe sul primo speranza
che l’incendio potesse venir tosto domato dai potenti ingegni ond’era
fornito il naviglio; infatti si pose mano alle trombe, affaticandosi
in mille guise i marinai a soffocare le fiamme. Ogni sforzo dovea
cadere infruttuoso. Le vampe ringagliardite dalle rafiche di tramontana
guizzano su per le sartie sino al calcese, e fanno impeto in ogni parte
del ponte; cade incenerita l’attrezzatura degli alberi e delle vele, e
in più luoghi l’istesso cordame già sta per ardere; l’opera dell’uomo
omai torna impotente contro quella furia divoratrice, che con mille
lingue di fuoco slanciasi ovunque. Le strida, gli urli, i clamori vanno
alle stelle.

Cadeva la sera. Al tetro baglior delle fiamme riverberate sui
flutti, vedresti i marinai estereffatti gittarsi ne’ palischermi,
e allontanandosi a voga arrancata, far prova di superare le ondate
smaniose e afferrare le sponde; ma invano pur troppo; che grossi marosi
venendo lor sopra gli tranghiottian negli abissi.

Gli uomini di San Fruttuoso discesi sul lido contemplavano intanto
l’orrendo spettacolo e fremendo di rabbia stracciavansi i capelli,
per non veder modo a portar soccorso di sorte alcuna a quelle vittime
dell’acqua e del fuoco. I più animosi erano bensì corsi a sferrare
i loro burchielli, e gittatisi in essi aveano tentato, punzando sui
remi, di rompere l’impeto de’ cavalloni furenti; ma, eccoti, scostati
appena dal lido, onde gigantesche spinte da fiero rovaio, rovesciarsi
sui navicelli e affondarli. Taciti e con le pugne serrate i superstiti
guardavansi in volto, e talora una fiera bestemmia irrompeva dalle lor
labbra, per non poter dimostrarsi, quali erano veramente, gagliardi
di cuore; quand’ecco scivolar loro dinanzi, quasi aereo fantasma, un
leggiero schifetto, che ora elevandosi sulle creste de’ flutti, or
ruinando ne’ cavi gorghi, traeva alla volta di quel gigante dell’acque,
omai converso in un ardente vulcano. Al sinistro lume dell’incendio
vedeansi in questa saettia due giovani donne, che con robusta mano
battendo dei remi, parea comandassero ai flutti; correndo a golfo
lanciato s’appressarono al _Cresus_, e quasi prendessero a scherno i
vortici delle fiamme irrompenti e la furia dell’onde, agevolarono a
molti de’ naufraghi un modo di scampo. Maria e Caterina Avegno si è il
nome delle liguri eroine. L’infelice Maria, più l’altrui che la propria
salvazione curando, lasciava in quei pelaghi miseramente la vita[1].

Pochi istanti appresso, la nave più che a mezzo combusta, girando in
globo sopra se stessa, inabissavasi nelle profondità del mare.

Su queste rive, e proprio in Camogli, viveva nel 1859 Emilio
Schiaffino, che reduce da lontani viaggi, traeva in onesta agiatezza,
frutto di lunghi traffici marinareschi, i suoi giorni. Toccava allora
i cinquant’anni d’età, ma forte e spigliato di membra, abbronzato dal
sole de’ tropici e sciolto ne’ modi, era, sotto ruvida scorza, la
miglior pasta d’uomo che mai. I marinai di Camogli, di Recco, di Santa
Margherita e di Rapallo lo avevano in conto del più sperto capitano
di nave de’ tempi suoi; a lui facean capo ne’ casi di grave momento,
lui consultavano prima d’avventurarsi in qualche viaggio ed eleggeano
arbitro nelle quistioni delle stalie, delle carature, delle avarie e
de’ noleggi che talora sorgeano: e gli armatori non ponean mano alla
costruzione di un naviglio qualsiasi, se innanzi tutto e’ non ne avesse
giudicati per buoni i disegni, l’attrezzatura e perfino il legname.

Non eravi uomo da quanto lui per conoscere il mare. Lo si vedeva
quando il cielo buttavasi al tristo, incamminarsi lungo le prode e
fiutar la tempesta. Che è quel punto nero là in fondo? È una nave che
lotta disperatamente co’ flutti; è uno schifo peschereccio che non
può arrivare la spiaggia. E tolti senz’altro con se due compagni, e
talora anche solo, saltava sul primo guzzo che gli dava tra i piedi,
staccavane il canape, e abbrancati i remi, giù un’arrancata, e via di
lungo sugli irati frangenti. Lo vedeano dal lido questo lupo di mare
salire, discendere e salire di nuovo sulle onde arruffate, e in mezzo
al turbine, saldo sul suo palischermo, abbordare il legno in pericolo,
e aprirgli una qualche via di salvezza.

Egli aveva lunga pezza meditata e fatta sua la sentenza di Franklin,
il quale c’insegna esser debito nostro d’onorare il mare, non solo
come fonte inesausta di materiali vantaggi, ma eziandio come educatore
possente del sentimento morale. Quanto l’umano intelletto, ei pensava,
non si è affinato nel veleggiare l’oceano! Quanto le sue facoltà
non si rinfrancarono nel combattere contr’esso! Di quai severi ed
utili insegnamenti non ci fu dispensiero! Qual tesoro di cognizioni,
d’esperienza e di saggezza dovè l’uomo acquistare, anzi che egli
potesse spiegar le sue vele sulla distesa dell’acque, solcarle colle
sue navi per ogni verso, esplorare le coste irte di promontorî e
di bricche, misurarne le sterminate voragini, tramutare infine
l’Atlantico, sto per dire, in una strada ferrata! Eppure v’ha qualche
cosa di più sublime che il mare istesso, e questa eziandio è opera
sua: la potenza intellettiva che il mare ha svolto in coloro che a
lui s’affidarono, fino al giorno in cui lor fu dato di stendere la
vittrice mano sulla sua ondosa criniera, e calcolare, quasi problema
algebrico, il cerchio annuale de’ suoi turbini, sottoposti pur essi
ad un movimento di rotazione e a una legge indeclinabile, al pari di
quella che governa il corso delle comete e degli astri.

Assorto in questi pensieri, ei divisava continuo il modo di migliorare
le condizioni della gente di mare, e rigenerarla a nuova vita. E invero
i nostri marini, dal capitano fino all’ultimo mozzo, quanto erano
valenti di braccio e capaci di governare per sola pratica una nave fra
traversie d’ogni fatta, altrettanto andavano quasi digiuni di quelle
cognizioni scientifiche, che pur si richieggono a formare un intrepido
capitano, un destro pilota, un buon marinaio. Oggidì l’arte nautica
è una scienza, anzi un complesso di scienze difficilissime, le quali
hanno il lor fondamento non tanto sull’esercizio del navigare, quanto
eziandio sopra i libri. Ed ei, lo Schiaffino, che gran parte della sua
giovinezza avea speso sui legni americani ed inglesi, e conosciuto di
quanto sapere andassero forniti i loro equipaggi, non potea mandar giù
in santa pace la crassa ignoranza, che in Italia ancora offendea la
gente dedita al mare.

Inoltre; le povere condizioni del semplice marinaio lo affliggevano
d’assai; poichè se è a sperare, ei pensava, che le molte scuole
nautiche, ond’è ricca l’Italia, possano dare al paese una generazione
di naviganti che risponda alle necessità odierne, e tale da
rivaleggiare colle altre nazioni, il misero marinaio che non può
usare a tale scuole, e che va privo perfino dei primi elementi di
lettere, trarrà sempre povera e grama la vita. Così questa classe tanto
benemerita de’ nostri commerci, di costume integro ed onesto, fiera
come leone e in un mansueta al pari d’agnello, esempio d’ogni virtù
religiosa e domestica, questa classe che incallisce sul remo e il più
del tempo disgiunta da cari suoi, si mitre di un frusto muffito per
raggranellare di che sostentare la moglie diletta e i figliuoli, non
troverà mai chi la sollevi alla vera dignità di uomo.

I suoi disegni d’avvantaggiare le sorti dei marinai e di educarli
possibilmente alla scienza, erano in lui raffermati da quotidiani
avvenimenti che vieppiù lo accendeano nella sua fede.

Lungo la spiaggia di Sori sorge a uscio e tetto un abituro, che diresti
privo di ogni ben di Dio. È notte alta; sovra un nudo giaciglio dormono
tre fanciulletti, a cui sonni veglia una madre ancora giovane d’anni,
ma pallida e rifinita dalle protratte vigilie. Com’è stile delle
donne delle nostre costiere, essa è intenta a condurre innanzi alcuni
merletti; senonchè più che al lavoro, corrono i suoi sguardi a specie
lare il sinistro aspetto del cielo, che poteva affissare dall’aperta
finestra. E l’orizzonte mostravasi tetro e il mare a montoni, cagione
a quella misera d’infinita amarezza, certa qual era che in quelle
acque aveva l’istesso giorno dato fondo il naviglio, che dopo un anno
di lontananza recava alle sue braccia uno sposo adorato. Ella vedea
con terrore alla luce de’ lampi l’agitarsi d’una nave in contrasto co’
flutti; e quando il vento per brevi istanti taceva, pareale udire le
strida de’ marinai invocanti soccorso. E allora cacciato a terra il
suo tombolo, accendea prestamente una lampada ad un’immagine sacra che
pendea sopra il capezzale, e svegliati di botto i figliuoli traeali
innanzi a quella dicendo fra i singhiozzi--pregate, viscere mie,
pregate la Madonna di Monte Allegro che vi renda salvo il genitore--.

E pregavano quegli innocenti levando al cielo le loro manine, mentre
appunto il furore dell’onde e gli schianti del vento si faceano
maggiori. Ed ella guardava lontan lontano sul mare, quando un lampo
illuminando di tetro bagliore la solitudine dell’acque, le lasciò
scorgere un uomo che disperatamente lottando co’ flutti tentava
afferrare la sponda. Il cuore le balza nel petto: una voce interna le
grida--è quegli il tuo sposo--. E forsennata di gioia cade innanzi
all’immagine di Nostra Donna; indi strettosi al seno il minor de’
figliuoli e gli altri traendo per mano, scende deviata alla spiaggia
per raccogliere nelle sue braccia l’uom del suo cuore. Infelice! Un
immane maroso le sbatte a’ piedi un cadavere.

Traeano in quella da’ vicini casolari alla riva non pochi marinai,
desiosi di recare, se lor tornasse possibile, un qualche soccorrimento
alla nave, che dai fatti segnali argomentavano versasse in grave
pericolo. Ma intanto un nodo di vento la mandava ad infrangersi contro
gli scogli del litorale. Miserabile vista! Il corpo del naviglio
giaceva a metà sepolto ne’ flutti; il fianco di dritta sfondato, gli
alberi e i pennoni divelti, distrutto il traverso, i pavesi recisi,
infranta la ruota di poppa. Tutti i naviganti per altro, stante la
vicinanza del lido, ebbero salve le vite, da quello infuori, che
smanioso di scendere a terra, volle tentare a nuoto l’arduo tragitto.

Non è a dire se i marinai accorsi alla riva si adoperassero a pro’
di que’ sventurati. Senonchè vista la salma del loro compagno, e
accertatisi che ne’ suoi polsi non batteva più vita, lo tennero bello
e spacciato; pur alcuni per tentare un’ultima prova, lo sospesero in
guisa che dovesse dar fuori l’acqua ingollata. Altri s’adoperarono
attorno alla donna, che uscita de’ sensi per avere in quel naufrago
riconosciuto il proprio consorte, venia trasportata in un co’
figlioletti nella sua casicciuola.

Die’ la sorte che mentre appunto que’ marinai, tenendo bocconi il
sommerso, tentavano di fargli rigettar l’ acqua dal petto nella
speranza di rivocarlo alla vita, si recasse in quel luogo Emilio
Schiaffino, disceso anch’egli alla spiaggia per veder modo di
provvedere alla salvazione di coloro che avean fatto naufragio. E vista
quella buona ed ignara gente affaticarsi in così misera guisa intorno
all’annegato, battendosi fieramente la fronte--non vedete, gridava,
ch’egli è questo appunto il modo di soffocarlo?--E fattolo recar senza
indugio nel vicino tugurio--ciascuno attenda, diceva, al modo che àssi
a porre in opera nel soccorrere gli asfitici per sommersione. Ho fede
che in manco d’un’ora questo cadavere sarà reso alla vita--. I marinai
si ricambiavano dubitosi uno sguardo e taceano.

Ei cominciò a farlo spogliare tagliando le vesti madide e ricercando
se avesse lesioni in qualche parte del corpo. Indi fattolo collocare
orizzontalmente sur un letticiuolo, e avvoltolo in coperte di lana,
inclinavalo alcun poco dal lato destro, e trattane la lingua fuor
della bocca, la mantenne così sporgente per mezzo di un anello
elastico, di cui egli andava munito, e che affisse sulla lingua
medesima e sott’esso il mento, collo scopo evidente di riattivarne
la respirazione artificiale. Ciò fatto, postosi dietro il corpo del
naufrago, afferrò d’ambo i lati la parte superiore del braccio presso
la spalla, e così saldamente tenendolo, prese a tirare a se spalle e
braccia, sollevandole alquanto e riconducendole quindi nella prima
lor posizione. Questa operazione diretta ad effettuare energici
movimenti di _inspirazione_ e di _espirazione_ ripetè lungamente, ma
pur senza effetto di sorte alcuna. Senonchè egli aveva troppa fede nei
risultamenti della scienza per porne l’esito in forse, e ben sapea per
innumerevoli esempi, che spesso occorrono parecchie ore d’applicazione
ordinata e metodica dei mezzi di soccorrimento, quando in ispecie la
estrazione del naufrago è assai ritardata.

Comandò allora che un marinaio tenesse per i piè saldamente il
cadavere, a ragione avvisando, che agitandosi tutto il corpo, mal
si otterrebbe l’effetto di far dilatare il torace ed entrar l’aria
nelle vie respiratorie. Quindi appigliandosi ad un altro metodo usato
anch’esso con frutto in simili casi, prese ad elevare le braccia
dell’annegato, portandole sopra la testa e quindi riconducendole nello
stato lor naturale. Questa operazione interrompeva talora per applicare
le mani ai lati del petto, e imprimere brusche scosse al cadavere,
scosse che valgono il più delle volte a rianimarne la respirazione:
nè s’ingannava. Alcuni istanti appresso un lungo respiro accusava nel
povero sommerso il ritorno alla vita; i marinai guardansi trasognati;
il creduto estinto apre gli occhi.... La scienza aveva trionfato!

Ma l’ardente amore dello Schiaffino verso i suoi simili non appagavasi
a tanto, e pensando a ciò che già fecero Americani ed Inglesi a
tutela de’ naviganti, divisava il modo di stabilire in que’ paraggi
una _Stazione barometrica_ e una _Società di Salvamento pei naufragî_
sull’andare di quella che il Cogan e l’Haves fin dal 1774 fondavano in
Inghilterra. Quel negozio non era invero de’ più facili, porgendosi
avversi od incerti i maggiorenti di que’ luoghi e l’ignoranza de’
suoi stessi compagni. Se è destino, diceano, che il nostro fato si
compia, qual forza umana potrà lottare coll’oceano infuriato e contro
il demone della tempesta? La Madonna del Boschetto saprà alla peggio
camparci da ogni sinistro; più delle vostre stazioni o società di
Salvamento varrà a schermirci da ogni traversia l’accrescere le
_carature_ dovute alla Chiesa. Imperocchè àssi a sapere che da’ que’
lidi non salpa mai nave che non sia costituita in società commerciale,
ponendo ciascuno, secondo i proprî averi, quel tanto di danaro che si
richiede; queste parti son dette _carati_, e alcune di esse soglionsi
assegnare al Santuario del luogo, acciò la Madonna franchi il legno
da ogni fortuna, e faccia prosperare i suoi traffici. Di questa guisa
rendendo maggiormente partecipe ai lucri del bastimento la Chiesa, que’
semplici uomini sfatavano ogni altro mezzo che gli ponesse al coperto
dei pericoli della navigazione.

Non ostante questa ed altre contrarietà di tal fatta, venne il dì in
cui potè mandare ad effetto il suo onesto disegno.

Bella e lieta terra è Rapallo, culla di intrepidi navigatori e di quel
Biagio Assereto che nelle acque di Ponza ruppe l’armata di due monarchi
e gli ebbe captivi. Ivi sortiva del pari i natali quel Bartolomeo
Magiocco, che i nostri marinai hanno in conto di loro patrono. E chi
non ne conosce il più che umano ardimento? Era la notte del 6 di
luglio 1550, e i Saraceni guidati dal feroce corsaro Dragut mettevano
a ruba la terra, insozzandosi nel sangue de’ cittadini, e sfrenando
le proterve lor voglie nelle vergini che trascinavano sui lor negri
_Caramussali_ e sulle loro _Maone_. Il Magiocco, desto a quell’insolito
frastuono, balza dal letto, e udito che costoro traevano prigioniera
la sua fidanzata, armatosi di un coltello che primo gli venne alle
mani, si cacciò fra l’orde nemiche, e aggroppatosi intorno i più prodi
fra i suoi, fe’ tal macello de’ Mussulmani, che costrinse alla fuga i
superstiti, non senza prima aver tolto dalle lor mani la vergine del
suo cuore.

Inauguravasi appunto a Rapallo alcuni anni addietro un cantiere, e i
reggitori di quel luogo per invogliare i capitani a far ivi costrurre i
lor bastimenti, avean promesso roma e toma agli armatori. Lo Schiaffino
allettato dai grossi premî e dallo sgravio di ogni balzello che faceasi
alle ferramenta e a’ legnami, avea posto ivi mano alla costruzione
d’un naviglio. Tirati dalla fede che riponevano intera nella valentia
e nella onestà sua, tutti correvano a gara per ottenere un qualche
carato, sia sul corpo come sul carico: e perfino i marinai non si
teneano dal profferirgli il loro peculio in tanti anni di fatiche
ammassato. Ei prescelse appunto le offerte di questi, promettendo loro
altresì di prenderli al servizio del legno nelle diverse lor qualità
di mozzi, velieri, gabbieri, contromastri, nostruomini, timonieri,
macchinisti e piloti, alla sola condizione ch’e’ sapessero leggere,
scrivere e far di conto.--Voi qui avete, ei dicea loro, una scuola
serale per chi ancora va ignaro de’ primi elementi di lettere: avete
una scuola nautica per chi già li possiede. Fino a primavera inoltrata
il legno non sarà in punto: mettete a profitto questa invernata, ed
io torrò meco i migliori tra voi.--Non è a dire se quei marinai mossi
dai larghi guadagni ch’ei facea balenare a’ loro occhi, dessero opera
assidua alla scuola, e ogni loro ingegno ponessero a riuscire valenti.

Imperciocchè e’ voleva altresì istrutti i suoi marinai per recare ad
effetto un suo vagheggiato disegno sul linguaggio navale. Non era
no lo Schiaffino un uomo di lettere; ma il divario che correa fra
questo linguaggio, qual si attinge dai libri più usati, con la parlata
comune de’ marinai, divario, fonte talora d’equivoci nel comando e
nel governo della nave, gli avea persuaso la necessità di attenersi
a quel di essi, che meglio rispondesse allo scopo. Ma con qual
criterio procedere in quella bisogna? La lingua de’ libri, scorretta,
imbastardita da voci straniere, non poteva andargli a versi a patto
veruno; quella de’ marinai concisa, colorita, vibrata, cadea per altro
sovente nel triviale e nel fango. Tale era il suo avviso: e perciò
volea culta la sua gente di bordo, poichè quasi per istinto sentiva,
che quel linguaggio deterso da alcune macchie di pronuncia, d’elisioni,
di eufonismi e di modi talora scurrili e proprî del dialetto soltanto,
avrebbe finito per trionfare.

Quanto egli assennatamente sentisse avremo campo a dimostrare nei
seguenti _Dialoghi_.

Intanto nel cantiere tutto era in moto: le maestranze affaticavansi
quali alla struttura del corpo della nave, quali ad assestare gli
attrezzi; argani volanti issavano enormi legni: fervea l’opera ne’
magazzini, ardean le fucine, da cui spricciavano le scorie infiammate
a guisa di fuochi artificiali; mastri d’ascia, legnaiuoli, calafati,
carradori, bozzellai, funaiuoli e trivieri senza confusione veruna
in piccolo spazio affrettavano i loro lavori. Vedevi là da un lato
ammonticchiarsi le contre e le scotte; più in là le boline separate
dalle drizze: cataste di bigote disposte a seconda de’ fori: ghiere,
cigale, radancie, penzoli, castagne, trozze, paterassi e bozze di più
ragioni. Lo Schiaffino avea cavato l’abete da Danzica: la quercia da
Brema: questa per le interne parti; quella per l’ossatura di fuori.
Volle d’olmo lo scafo, come quello che nutrendosi di acqua, fa ottima
prova nelle parti sommerse. E qui ti occorreano allo sguardo sparsi
sulla spiaggia i fasciami de’ tavoloni per l’interno rivestimento del
naviglio, non che le serrette per coprire internamente il fondo e il
fianco della carena: e traversi, puntelli, pilastri e lapazze. In
altre parti bolliva il catrame, e i pegolieri ne imbeveano i filacci
per poi torcerli in corde, mentre altri ne spalmavano le gomene ed i
legnami per meglio securarli dagli effetti dell’umidore e dai tarli.
Era ovunque una faccenda ed una pressa che mal potrebbe significarsi a
parole.

E già la nave faceva di sè bella mostra: tutti maravigliavano la
sveltezza delle sue forme, il garbo dell’ossatura, del fasciame, delle
paratie, la maestria delle sue proporzioni, la leggiadria della
chiglia, delle ruote, degli stamenali e d’ogni altro nautico arredo.
Era un legno veramente magnifico; staggiava mille ottocento tonnellate:
munianlo due alberi: un albero di trinchetto con trinchetto di goletta,
parocchetto e velaccio di trinchetto; e un albero di maestra con randa
e freccia, una trinchettina, il fiocco e vele di straglio. Aggiungi una
macchina di trecento cavalli ad alta pressione, che poneva in moto una
elice doppia, la quale assicurava alla nave una velocità tale da poter
filare sino a diciasette miglia all’ora.

Messo in assetto il naviglio, non altro restava che la cerimonia del
suo battesimo e la formazione del ruolo dell’equipaggio.

Era un bel mattino di giugno e tutto il paese di Rapallo e gli uomini
di Pagana, di Santa Margherita, di Portofino e delle terre contermini,
messi a festa, traevano ne’ pressi del cantiere per assistere al varo.
Il legno addobbato a gala con la pavesata adorna d’arazzi e bandiere
d’ogni taglio e colore, tirava a sè gli sguardi di tutti. Il vessillo
nazionale sbatteva al picco di mezzana; all’estremità dell’albero
di maestra, lo stendardo della Croce rossa in campo d’argento.
Brulicavano d’immensa moltitudine i lidi: il mare istesso formicolava
di trabaccoli, di burchielli, di guzzi, di tartanelle, di schelmi, di
fuste, di bilancelle e di zattere: tutto insomma il barchereccio del
golfo. Le campane scioglievansi a gioia: risonavano attorno allegre
canzoni. Bandiere, orifiamme e pennoncelli dovunque.

Un degno sacerdote salito sopra la tolda compie i prescritti riti, e
spargendo d’acque lustrali la nave, imponeale per ordine del capitano
il nome di _Biagio Assereto_, il valoroso domatore dei re d’Aragona e
Navarra. Ciò fatto, un fischio acutissimo s’ode echeggiare sul ponte:
gli occhi di ognuno si convertono al legno: cadono a un tratto i
ritegni che teneanlo fermo alla riva: vanno a terra i puntelli: una
specie di tremito agita la gran mole che comincia a barcollare: fra
tanto popolo accorso non udresti una voce, un sospiro; e soltanto dopo
che il naviglio strisciando sulle guide spalmate di grasso, prese,
fumigando, l’abbrivo al mare che tosto il cinse de’ suoi liquidi
amplessi, un clamore infinito di urli di gioia andò a ferire le stelle.

Il dì appresso i marinai che s’erano offerti allo Schiaffino,
raccoglievansi nella di lui casa per dare i lor nomi sul registro
dell’equipaggio, e fermare le condizioni della loro ascrizione. Trenta
egli ne elesse destri, intelligenti e animosi giovani, per mezzo de’
quali sperava poter rigenerare negli abiti della vita e nella lingua
navale le marinaresche popolazioni della costiera orientale; indi,
accomiattandoli--domani, ei disse loro, alla punta del giorno noi farem
vela.--

E alla punta del giorno il capitano saliva la nave, ma ombrato il
volto, qual chi teme una imminente sventura. Gli uomini dell’equipaggio
erano tutti al posto dai diversi uffici loro assegnato; i macchinisti,
il pilota attendeano i comandi: e i comandi mai non impartivansi.
Eppure l’aspetto del mare e del cielo annunciava che superato
agevolmente il capo di Portofino, in poche velate sarebbesi imboccato
il porto di Genova, ove la nave dovea completare il proprio armamento
e prendere il carico. Due altri bastimenti ch’erano in que’ paraggi
sull’àncore, aveano già preso del largo; i marinai non poteano insomma
comprendere l’esitazione dello Schiaffino nel dar gli ordini della
partenza. Peggio poi quando invece dell’ordine di salpare, s’udì
il capitano comandare di mettersi in panna, di gettar l’àncore,
d’ammainare i bastardi e le antenne, come se minacciasse un fortunale.
Una parte dell’equipaggio fu eziandio licenziata a scendere a terra.

E invero l’occhio espertissimo dello Schiaffino avvisava qualche cosa
di sinistro sulla faccia delle acque e del cielo; lontan lontano
s’udiva come un ronzio propagarsi sulle ancor quiete marine, foriero
certissimo di non remota procella; vedeansi le nubi sbandare per rombi
diversi; correan le onde non grandi, ma però spesse ed acute, e agitate
da un cotal moto che all’occhio indagatore nulla prometteva di bene.
L’aria impregnata d’elettrico: una lunga schiera di augelli rigava il
cielo, e volgeasi rapidamente alla terra. Egli aveva inoltre osservato
il barometro che improvviso scendeva: avea spiato la formazione dei
cirri e gli aloni: tutto indicavagli insomma lo appressarsi della
tempesta: ed ei volea cogliere il destro non solo di scampare la nave,
ma di porre ad esecuzione una sua antica proposta.

E la tempesta non si fe’ attendere a lungo, e furiosa per modo, che
i due legni che avevano prima sferrato, vedeansi da lungi lottare
penosamente contro l’urto dei venti che gli sbalestrava nelle
scogliere del Capo, e contro le infuriate onde che parean seppellirli
entro i lor vortici. E fu loro mestieri pel gran travaglio alleggerire
gli scafi, ciondolarli alle bande, usare ogni argomento dell’arte per
impedire che le àncore si rompessero sulle marre dei ronzoni. A mala
pena poggiando alla banda, e filando gli ormeggi per occhio, poteano
sostenersi sui flutti. Per contro il _Biagio Assereto_ non uscito da
quel securo seno, prendeva a scherno ogni ira di mare e di cielo.
S’addiedero allora i marinai ch’aveano collo Schiaffino posto il piè a
terra, da qual tremendo pericolo ei seppe francarli.

--Non avevi tu visto le procellarie e gli altri augelli marini aliare
sinistramente sui flutti?

--La luna è al secondo suo quarto; ieri il sole tramontò listato di
macchie ... cattivi pronostici per mettersi a vela.

--Ben l’indicava la salvastrella che incartocciavasi, e il trifoglio
che levava ritti ritti i suoi steli.

--Che la burrasca fosse imminente diceanlo le mosche che succhiellavano
più vivamente le carni; le passere che facevano uno strano cinguettare
sugli alberi; le api che non si discostavano dai loro alveari; i
lombrichi che usciano di terra; il suono delle campane che udiasi ben
di lontano ...--

E fedeli al proverbio che canta: _della sapienza di poi son piene
le fosse_, tutti allora erano certi, che sarebbe stata follia lo
sciogliere i canapi. Nondimeno compresi di viva riconoscenza traeano
presso il lor capitano.

Stava egli allora a colloquio col sindaco e i maggiorenti del luogo
in una sala della sua casa per avvisare sulla possibilità di recare
un qualche soccorso ai due legni in procinto di naufragare, e fremea
per l’impotenza di liberarli da un imminente disastro. La venuta de’
marinai e la presenza degli uomini più notevoli del paese parvegli
occasione propizia per incarnare un suo antico disegno; ond’è che
levatosi e raccoltigli intorno a sè, così prese a dire:

--Voi vedete, amici e compagni, l’impossibilità in cui per manco di
mezzi noi siamo di recare un qualche soccorrimento a quei miseri. Ma
s’e’ versano in gravi distrette, gli è perchè l’hanno eglino stessi
voluto; io per certissimi indizi gli avevo ammoniti a non fidarsi
oggi al femminile sorriso del mare; le sue carezze nascondevano il
tradimento. E se or non c’è dato volare in loro aiuto, tutta su voi
ne ricade la colpa, o signori; ed io terrei questo pel più bel giorno
della mia vita, se vi piacesse avvisar meco al modo di prevenire le
fortune di mare, e di rendere affatto innocui i naufragî.--

Queste parole pronunciate coll’accento di sicurezza propria dell’uomo
di mare, scossero profondamente gli astanti, i quali per bocca del
sindaco--parlate, gli dissero; che àssi a fare per scongiurare i danni
gravissimi che ad ogni istante gettano nella desolazione le nostre
famiglie? Noi siam tutti presti a mandare ad effetto quanto voi saprete
proporci. Parlate.--

In quello istante parve che l’uragano rimettesse alquanto della sua
furia; il capitano, appuntato il suo cannocchiale, vide un de’ legni
correre al largo, mure a sinistra, sotto le sue vele basse, le vele di
gabbia, i parrocchetti, la brigantina ed i fiocchi; stava anzi in quel
punto issando i coltellacci e i papaffichi. Anche l’altro naviglio,
vinta la traversia, spiegava al vento il trevo della maestra, e serrata
la mezzana, facea, correndo, la prua a Portofino. Ond’egli con animo
più rimesso, così parlò loro:

--Voi conoscete il noto adagio: _chi s’aiuta, Dio l’aiuta_: ma noi
siamo ancor lontani dal metterlo in pratica. Chiamare Dio e i Santi
in mezzo ai pericoli della sconvolta natura, gli è certo un ottimo
avviso; ma meglio ancor tornerebbe il prevenire questi pericoli, dacchè
la scienza ci ha porto il modo di prevederli e schermircene. Uditemi.
Non v’ha capitano il quale non sappia che le brusche oscillazioni
barometriche accusano quasi sempre lo scoppiare d’una tempesta.
Quindi è che le navi van provvedute di barometri, che il capitano ad
ogni tratto consulta, ma che troppo spesso non sa interpretare, nè
porre in relazione con le condizioni geografiche del luogo, con la
temperatura e co’ fenomeni elettrici dell’atmosfera. Ma se i lavori
dell’_Associazione Marittima_ fondata dallo illustre Maury andranno,
come ne ho fede, ogni dì più allargandosi, gli uomini di mare cresciuti
alla scienza sapranno antivedere non solo la procella e i perturbamenti
dell’aria, ma diminuirne eziandio la frequenza e cansarne i pericoli.--

--Senonchè i piccioli legni di cabotaggio e i navicelli de’ pescatori,
tanto esposti nei nostri rivaggi ai furori dei libecci, van privi di
questi notevoli ammonimenti, e quand’anche ne fossero in possessione,
non saprebbero oggidì per la loro ignoranza cavarne costrutto veruno.
Eppure in altre nazioni e specialmente in Inghilterra si venne in loro
aiuto. Il duca di Northumberland propose, non è molto, a Tomaso Sopwith
presidente della _Società meteorologica_ l’istituzione di _Osservatorî_
nei numerosi villaggi de’ pescatori disseminati su quelle costiere.
Era suo intento tutelare le vite e gli averi di tanti uomini laboriosi
mediante la previsione del tempo, qual ci viene indicata dalle
osservazioni barometriche e meteorologiche. Accolta con plauso una tale
proposta, Sopwith e Gleisher si diedero con ogni studio ad erigere
stazioni meteorologiche, e furono tenuti in conto di veri benefattori
dei marinai di quelle spiaggie, i quali appresero a breve andare l’uso
di quelli strumenti, di cui vollero farsi mallevadori e custodi. Ond’è
che tali stazioni moltiplicarono in pochi anni per modo, che quasi
tutta la costa n’è oggi fornita; i loro salutevoli effetti son senza
numero. Io vi propongo adunque anzitutto la fondazione di uno di questi
osservatorî, i cui risultamenti varranno a risparmiare alla nostra
riviera non poche vittime per ciascun anno.--

--Nè questo è tutto. Io leggeva poc’anzi ne’ vostri occhi e in ogni
vostro atto un desiderio ardentissimo di correre a salvezza di que’
due legni, che sordi ai responsi della scienza, osavano incauti
avventurarsi ad una calma infedele. Salvarli! È presto detto; voi mi
conoscete, e v’è noto se io mi sia tale da indietreggiare in faccia
al pericolo. Ma con questo furiare d’acqua e di venti, io non potea
trascinare i miei compagni a inevitabile perdizione. Rammentate ciò
ch’io testè vi diceva: che se, cioè, non mi venìa fatto di recare
soccorso ai pericolanti fratelli, dovete voi soli tenervene in colpa.
Ed eccomi pronto a chiarirvene. Avete voi mai pensato a fondare su
queste prode, così esposte ai turbini ed alle procelle, una _Società
di Salvamento_? Avete voi i così detti _canotti di salvataggio_, quali
si hanno dalle più colte nazioni? Voi per certo da me non pretendete
l’istoria di queste lancie di salvamento che devonsi a Enrico
Greatheard, ingegnere inglese, nè il modo della loro costruzione. Io
vi dirò solo esser tali, che il loro sommergimento riesce impossibile,
perchè formate in guisa, da far loro d’un tratto cambiare direzione
per evitare o superare i marosi irrompenti: e munite di aperture
nel fondo per lasciar colar l’acqua che talor le ricopre. Mediante
questi agili arnesi torna assai facile lanciarsi ne’ flutti agitati, e
volare in soccorso dei naufraghi. Nulla dirò di tanti altri mezzi, e
in ispecie dell’_artiglieria di salvamento_, che consta di un grosso
archibuso, con cui si scaglia un canapetto raccomandato a una freccia
di punta barbonata, che conficcandosi in qualche tavola del naviglio
sbattuto dall’onde, serve ai pericolanti per istabilire l’andrivello
o altra via di salvazione. Vi basti sapere che migliaia di naufragî
devono a questi congegni la vita.--

Il capitano taceva, e spiava negli occhi degli astanti l’effetto
delle sue proposte. E questo fu tale da doversene assai tenere. Primi
i marinai con quella eloquenza che appalesa l’interna agitazione
dell’animo, levando in alto i loro berretti, ruppero in un grido,
dicendo--vogliamo una stazione anche noi: vogliamo la lancia di
salvamento.--E poste le mani ai borselli, proffersero chi più chi meno
la loro moneta per la compra degli strumenti opportuni. Senonchè il
capo del comune e gli altri più cospicui signori, mal comportando che
venissero gravati que’ marinai per un’opera che tornava a beneficio di
tutta la terra, si tolsero essi stessi l’incarico di fondar la stazione
e provveder gli altri arnesi; talchè giova sperare che tra non molto
i paesi litorani della costiera orientale andran muniti di questi
possenti mezzi di preveder le tempeste e scongiurare i naufragî.

Poche ore appresso sul _Biagio Assereto_ tutto era in moto; il grido
che comanda la rotta risuonò per la tolda--Orza alla banda!--E tosto
vedevi il legno spiegar le sue vele, il trinchetto, la brigantina, la
gabbia, i coltellacci, le vele di freccia e di straglio, e cazzate le
scotte, pigliare i venti e l’abbrivo. Tirò subito al largo virando
a ponente: e lasciandosi addietro i curvi rivaggi e le insenate del
golfo, doppiò il capo di Portofino, le cui roccie cadenti quasi a fil
di sinopia sul mare, il sole volgente all’occaso colorava di caldissime
tinte. Allora apparvero a dritta in tutta la pompa della loro bellezza
i lieti prospetti e le ingiardinate prode della riviera, spiranti un
incognito indistinto di profumi e di odori. Rifletteva lo specchio
delle acque il verde delle soprastanti colline: ma tra quel tripudio
della terra, delle acque e del cielo i marinai cessavano a un tratto le
allegre canzoni, e quasi tirati da magica forza correan collo sguardo
alle piagge fuggenti. Era infatti quell’ora, che come divinamente canta
il poeta:

  ....volve ’l disio
  A’ naviganti, e intenerisce il core
  Lo dì ch’han detto a’ dolci amici addio:[2]

dileguavano da lungi i contorni de’ monti, e le ombre si distendeano
sui flutti. In quel religioso silenzio un’ardente preghiera alla Stella
del mare, a N. D. di Monte Allegro correa sulle labbra di tutti, dal
capitano al mozzetto di poppa.

Intanto la nave filando dieci nodi all’ora, col trinchetto e la borda
allargata di buon braccio, lasciandosi addietro una via schiumeggiante
che allungavasi fin oltre la vista, imboccava quasi a levata di sole
il porto di Genova. Meraviglioso prospetto! L’astro del giorno indora
cupole e torri, e accompagna, sto per dire, la città che scende
degradando dai monti, irti di baluardi e castella, per riposarsi nella
curva sua rada. Eccoti innanzi una selva di navi, su cui s’innalza
il Faro superbo, con sotto le batterie fioreggianti; e dovunque sui
sbarcatoi, moli e banchine una pressa, un agitarsi che accusa la
vivezza de’ traffici, onde si privilegia la metropoli della Liguria.

S’udì allora squittire acuto il fischietto del capitano, e i marinai
salirono di botto in coperta ad eseguirne i comandi. Ed egli fatte
imbrogliare le vele, ammainare antenne e pennoni, ordinò si desse fondo
ai ferri e si legassero a terra i provesi.

Nel tempo ch’ei spese a porre in pieno assetto la nave, in un porto
frequentato da legni di tutte le marine italiane, lo Schiaffino
ebbe campo vastissimo di studiarne la parlatura e raffrontarla con
la lingua de’ libri, ma pur senza cavarne un chiaro e determinato
costrutto; finchè sorse quel giorno in cui di proposito potè provocare
la trattazione di un argomento che tanto stavagli a cuore. Come ciò
avvenisse e qual ne fosse l’effetto, vedran que’ leggitori ai quali
possa dirsi con Dante:

    O voi che siete in piccioletta barca
  Desiderosi d’ascoltar, seguite
  Dietro al mio legno che cantando varca[3].



_DIALOGO I._


AL comando dell’_Assereto_ venia dallo Schiaffino, già troppo oltre
negli anni per commettersi ancora alle fortune di mare, preposto Nino
Bixio, già in fama d’intrepido marinaio, al pari di valoroso guerriero.
Nato sui flutti, avvezzo da primi anni suoi a lottare coll’impeto
degli uragani, ei v’attinse quella tempra di ferro e quell’ardimento
indomabile, di cui die’ sì nobili prove nella meravigliosa epopea del
risorgimento italiano. E lustro a’ più doppi maggiore sarebbe, siccome
io penso, a lui derivato, e avrebbe l’Italia aggiunto il di lui nome
a quello de’ più insigni ammiragli, se al povero mozzo del _Pilade_
e _Oreste_, avezzo a salire in coffa per il passo del gatto, (egli
ha comune con Garibaldi la gloria d’aver fatto le prime sue armi in
quell’umile uffizio) fosse arrisa sì amica la sorte, da conseguire,
anzichè d’un corpo d’esercito, il comando supremo di una armata navale.

Tale era infatti il desiderio più intenso della sua vita.

Volgeva il maggio del 1866, e la guerra contro l’Austria stava per
iscoppiare. Il naviglio italiano raccoglieasi in Ancona: e se l’intera
nazione ponea piena fede nelle sue schiere di terra, punto non dubitava
che i marinai liguri e veneziani avriano al primo urto conquassate
nell’Adriatico le forze nemiche. Con questa certezza nel cuore
null’altro attendeasi che la scelta d’un ammiraglio, il quale aprisse
a’ nostri prodi la via del trionfo.

Narrò allora la fama che Nino Bixio sollecitasse un’udienza a re
Vittorio Emanuele che l’ebbe sempre assai caro. Fattosi innanzi a
lui--Sire, ei diceva, manca un duce all’armata che voglia e sappia
vincere ad ogni costo; io ve ne chieggo il comando. Siavi mallevadore
della vittoria il mio capo e quello de’ figli miei. Io fo qui
sacramento di seppellirmi tra i flutti, o di tornar vincitore--.

Povero Nino! Parecchi dì appresso avvenne lo scontrazzo di Lissa, che
gli seppe più micidiale d’un coltello nel cuore.

Con la _passione_ del mare nell’anima, passione che più tardi lo
spinse ad abbandonare l’esercito e gli onori di generale per lanciarsi
un’altra volta in mezzo all’oceano, e aprir nuove vie nelle regioni
dell’Indo-Cina al commercio italiano, non è a dire se accettasse di
gran cuore il comando offertogli dallo Schiaffino. Perciò attese con
sollecita cura a completar l’armamento della nave e a rifornirla di
quanto i moderni trovati sapeano offrire di meglio.

Diè la sorte che nel gennaio del 1860 in una delle quotidiane sue
visite all’_Assereto_ io gli fossi compagno; e benchè quasi nuovo
alle cose marittime, ebbi campo non solo ad ammirare la sua pratica
marinaresca, ma e la sua profonda scienza nelle nautiche discipline.
Avresti detto non aver egli atteso ad altro in sua vita che agli studi
navali.

In quella occasione, stimolatovi dallo Schiaffino, che più volte
s’era aperto con me intorno la convenienza d’unificare il linguaggio
marinaresco, io mi proposi di fare appunto cadere il discorso su questo
argomento. Infatti dopo l’asciolvere passammo in una camera che era
insieme armeria, biblioteca e gabinetto di fisica e di metereologia,
tante armi, libri, macchine, areometri e strumenti d’ogni ragione
aveavi raccolto; ivi ebbe luogo fra noi il dialogo, che a un dipresso
qui intendo trascrivere.

_Autore._--Tu hai veramente tutte le parti che si convengono a valente
capitano navale, come mostrasti posseder quelle di prode soldato: e ben
a ragione la patria attende da te ancora gran cose.

_Nino Bixio._--Non amo gl’incensi, tu il sai; il poco che mi fu dato
operare era sacro debito di figlio verso la comun madre, l’Italia, il
cui nome, per Dio, sarà fatto ognor da me rispettare.

_A._--Cominciamo adunque a rispettarlo noi stessi. Se io testè ti lodai
(e ogni lode invero è scarso tributo a’ tuoi meriti), gli è per meglio
aprirmi la via, non dirò a un biasimo, bensì ad una esortazione, che
per tuo mezzo vorrei indirizzare agli uomini di mare, e della quale
per carità verso la patria vorrai tener conto.

_N. B._--Parla, parla; in te riconosco pur sempre il franco e leale
amico de’ nostri primi anni: e ben sai ch’amor di patria ha in me tal
potenza, da dar fuoco, ove occorra, a Santa Barbara e far saltare in
aria la nave. Altro che tener conto delle tue esortazioni!

_A._--Sollo; ma so del pari che non soltanto ne’ grandi cimenti si
serve la patria; e ch’è mestieri riconoscerla sempre, in tutte le
operazioni della vita, in tutte le ore, ne’ più minuti atti nostri. Da
qual nazione cavasti le macchine, gli arnesi, il fornimento insomma
della tua nave?

_Emilio Schiaffino._--Dall’Inghilterra, e ciò per espresso consiglio di
Nino.

_A._--Io non vo’ cercar le ragioni per certo valevoli che ti mossero
ad acquistare ogni arredo da costruttori stranieri, mentre si hanno in
casa officine e operai........

_N. B._--Oh questo poi gli è un voler spingere l’amor della patria
oltre i debiti confini del giusto.

_A._--Forse. Ma quando sento sulle tue labbra e su quelle di
tutti i capitani di mare suonar voci straniere scrie, scrie, e
assegnar barbari nomi ad arnesi e cose ch’han vocaboli italiani e
leggiadrissimi, non mi avrai per soverchiamente severo, se te ne fo’
riprensione in nome di quella patria, ch’ha dritto di sentire usata
da suoi figli e a bordo delle sue navi la propria favella, anzichè un
gergo non suo.

_N. B._--Converrei teco assai di buon grado, se l’Italia possedesse
al pari degli altri popoli una favella marittima comune a tutti
i suoi figli; ma niuno ignora che corre fra essi un divario così
spiccato e notevole, che il nome di ogni attrezzo cambia di punto in
bianco ne’ vari porti italiani. Ciò non comprendono i letterati di
professione, sprofondati ne’ lor libri e non usi all’aperto conversare
colla gente di mare; ma noi che co’ tuoi classici c’andiamo un po’
grossi, noi, dico, sappiamo che una _imbarcazione_, a mo’ di esempio,
si chiama _passerella_, _caicco_ a Venezia, _canotto_, _jola_ a
Genova, _pallone_, _serenì_ a Napoli, e va dicendo. Del resto, ciò
è naturale. I governi che si succedettero in Italia nei due ultimi
secoli, intesero a conciarla per modo, che i suoi figliuoli non si
credessero membri d’una sola famiglia; onde ne venne che non potè
costituirsi un linguaggio marinaresco, che fosse glorioso patrimonio
dell’intera nazione. Ne’ tempi a noi più vicini, dopo il misfatto del
1815, Napoli si sequestrò dalla Italia, l’Austria imbastardì la flotta
veneta, Toscana, smarrite le splendide tradizioni de’ cavalieri di
Santo Stefano, non ebbe, si può dire, più navi: e quanto a Genova, le
fu imposta dal Piemonte, ben sai, la camicia di Nesso, cioè la favella
francese, che soltanto nel 1836 potè tôrsi di dosso. Conseguenza di
questi fatti si è la mancanza di un unico linguaggio che sia vivo e si
mova e si parli sulla tolda delle navi italiane. Ond’è che ciascuno di
noi adopera i proprî vocaboli, o quelli che più gli tornano acconci,
senza che per questo l’Italia n’abbia a scapitare d’un pelo, come non
scapitò mai per l’uso inveterato e costante de’ suoi vari dialetti. Se
fosse altrimenti......

_A._--E altrimenti è la cosa, mel credi. A te uomo d’azione e capitano
fortissimo falli il tempo per dare opera a’ studi, che ti avrebbero
appreso esistere il linguaggio di cui accusi il difetto, per quanto
abbiano fatto i nostri oppressori, non nei libri soltanto, ma eziandio
nei trecento mila marinari italiani che l’usano, e che con esso
in modo uniforme, se ne togli le poche accidentalità dei dialetti,
ricambiano i loro pensieri. La favella ch’e’ parlano e che forse tu
tieni a vile, come patrimonio plebeo, è invece il più nobile, il più
poetico di tutti i tecnici idiomi; e mal s’avvisa colui che tenta
sfatarlo, e sostituire a’ que’ modi ingenui e nativi un lessico
di conio straniero, qual s’apprende nelle scuole e nelle scempie
traduzioni de’ libri francesi od inglesi che in esse corrono. Tale è
pur troppo il vezzo odierno: dispettare le patrie gemme, e in quella
vece far pompa di fronzoli e di forestiero ciarpame. Farfalloni e
scapucci da spiritare. Lascia, amico mio, le _imbarcazioni_ al loro
vero significato, cioè all’atto dell’imbarcare e non alla barca: lascia
le altre voci da te memorate, come quelle che non hanno aria e fattezze
nostrane, e vi sostituisci i vocaboli di _palischermo_, _burchio_,
_burchiello_, _sandalo_, _schifo_, _gondola_, _scafo_ e di altri
piccioli legni fatti per servizio di grandi navigli, e tali da non
dilungarsi troppo dal lido. Scendiamo al vero e originale linguaggio
de’ marinai non adulterato per anco da oltramontana barbarie; ivi ci
verrà fatto di rinvenire inesplorati tesori d’evidenza, di bellezza
e di forza. Esso è tuttavia quello, da pochi casi infuori, in cui
dettaronsi opere famose ed immortali; a questo è mestieri rivolgersi,
questo adoperare soltanto; poichè di tal guisa potrem dirsi veri
italiani, stretti almeno nella unità della lingua, ch’è tanta parte
della nazione. Nè tutto ciò tu ignori per fermo; ad ogni modo
pensandoci un po’ adentro, rileverai di leggieri la sovrana venustà
d’una lingua, alle cui fonti attinsero un giorno tutte le nazioni
civili.

_N. B._--Non posso negare che più volte mi passò, come in nube, alla
mente, che una unica lingua esistesse fra la gente di mare: ma i casi
della mia vita non mi consentirono di svolgere gli antichi scrittori
e raffrontarli colla parlata di bordo, talchè l’ebbi in conto di
sciatta e dammeno. Or son lieto che tu venga a scaltrirmi dell’error
mio; e perciò entrambi ti sarem tenutissimi ove ti piaccia per intero
accertarcene.

_E. S._--Sie, sie; mano dunque alle prove.

_A._--Non arduo l’assunto; anzi tu stesso, o Nino, verrai in mio
soccorso, tu che la storia d’Italia hai, si può dir, sulle dita.

_N. B._--Come c’entra la storia?

_A._--Assai più di quanto a primo aspetto non mostra. Non io posso
invero consentire col Graser[4] ed altri tedeschi, che il più del
nostro glossario marittimo fanno derivare dai Greci; questo ben so
che gli avi nostri non tolsero nè dalla Grecia, nè da Cartagine la
loro scienza navale, bensì da’ primitivi Pelasgi, dal cui _carabo_
ci vennero le voci _caracca_ e _caravella_, or ite in disuso, e da’
Tirreni od Etruschi, cioè da quelle stirpi italiche che prima d’ogni
altro popolo ebbero vivezza di traffici e potenza d’armi navali,
e rimontano tanto alto ne’ secoli, che la leggenda pone aver essi
assaliti gli stessi Argonauti e rotti in guisa, che il solo Glauco
giunse a scamparne.

N. B._--Pur la storia ci afferma, che non _il popolo etrusco, bensì una
quinquereme cartaginese, sbattuta dal fortunale sulle spiaggie latine,
insegnò a’ figli di Romolo il modo di costrurre i loro navigli.

_A._--Non àssi a dare soverchio peso ad un fatto, che forse contribuì
a migliorare, non a creare le loro triremi, le quali foggiavansi
sull’andare di quelle che usciano dai gloriosi porti di Gravisca, di
Vetulonia, Tarquinia, Alsio, Vulci, Luni ed Ardea. Se pertanto nell’età
più lontane eravi una marineria italica, egli è giocoforza ammettere
altresì l’esistenza di una lingua navale, che la triplice Etruria
propagò in quelle parti della penisola in cui allargò il suo dominio,
e di cui più tardi fu maestra, come avvenne di tante altre discipline,
ai Romani. Vero è che la lingua etrusca è per noi buio pesto, tanto
è ancora il mistero che sopra v’incombe; ma per quanto ragguarda la
lingua latina, i dotti ben sanno ch’essa ha di molti contatti col
volgare de’ marinai.

_N. B._--La mi sembra, a dir vero, alquanto marchiana.

_A._--I libri de’ classici ce ne offrono a macca le prove.
Infatti........

_E. S._--Cessa dall’anfanarti sopra un tale negozio. Io mi so di latino
quanto un pescecane......

_N. B._--E tu intanto con questi armeggî di parole, tu ci esci di
carreggiata.

_A._--Non parmi. Caduta la potenza latina e trasferitasi la sede
dell’impero a Bisanzio, la necessità di conservare in soggezione le
provincie che man mano staccavansi, indusse i successori di Costantino
a costrurre grandi armate navali, e le città italiche furono quelle che
somministrarono legni e marinai, essendo soltanto in esse ancor viva
l’arte del navigare, dacchè un editto d’Onorio e Teodosio[5] vietava,
sotto pena del capo, ammaestrar gli stranieri nelle nautiche industrie.
Una lingua marinaresca non potea dunque neppur allora far difetto fra
noi. Intanto dalle rovine d’Aquileja sorgeva Venezia; Genova, Pisa,
Ancona ed Amalfi assettavansi a libero reggimento, e le navi loro con
quelle di Civitavecchia, di Ravenna e di Rimini furono le sole, che
nella universale barbarie facessero sventolare i lor temuti vessilli
per ogni lido. A chi non son noti gli eroici ardimenti delle nostre
città marinare? Pochi per altro sospettano che il linguaggio parlato
allora ne’ nostri navigli fosse quello istesso che corre oggidì sulle
labbra della gente di mare.

_N. B._--Avrei a grado d’esserne per intero chiarito.

A.--Nulla di più agevole. In un rapido sguardo dato a’ tuoi libri,
m’occorse vedere i _Documenti riguardanti le due crociate di San
Luigi IX_ re di Francia, raccolti ed illustrati dal nostro Belgrano.
Eccoli appunto. Io trovo in essi nelle _Proposte dei R. Commissarî al
Comune di Genova e nella ratifica delle medesime nel marzo del 1246_,
adoperato ne’ termini tecnici quell’istesso volgare che abbiam tuttavia
sulle labbra, salvo, che come i tempi portavano, si dà a’ vocaboli una
terminazione latina.

_N. B._--L’istesso nostro volgare, dicesti?

A.--Cessa ogni dubbio allorchè l’evidenza sottentra. Io vi veggo usate
le voci: _patrone_, _carena_, _coperta_, _cantiere_, _palischermo_,
_gondola_, _sartie_, _timone_, _albero_, _penna_, _antenne_, _veloni_,
_vela di cotone_, _artimone_, _terzaruolo_, _àncora_, cantari,
_canape_, _veggia o botte_, _mezzaruola_, _barca_, sentina, _barrili_,
_castello di poppa_, _remi_, _marinai_, _fornitori_, _albero di prora_,
_nocchiero_, _saettie_, _panfili_. E nelle _Convenzioni_ stipulate
a Parigi nell’ottobre dello stesso anno fra gli ambasciatori del
re e Guglielmo di Varazze procuratore del nostro Comune, vi leggo:
_nolo_, _catena_, _grippia_, _gomena_, _amanti_, _giunco_, _candele_,
_stanghe_, _annelli_, _baliste_ ed altre.

Gl’istessi vocaboli adopera anche il notaio Leonino da Sesto[6],
stipulando il 26 novembre del 1268 i patti per l’apprestamento di due
navi fra la città nostra e gl’inviati di re Luigi: anzi vi ritrovo
eziandio le voci seguenti taciute nei documenti anteriori:--_nave_,
_candelizze_, _anchini_, _paranco_, _fionchi_, _fionchi a senale_,
_taglie pei fionchi_, _oste_, _orze_, _morganale_, _parome_,
_pantenna_, _trozza con mantelletti e bigotte_, _gabbia_, _sàgala_,
_arbore di mezzo_, _taglia_, _poggie_, _poggiastrelle_, _pezzi di_
abete, _antenna di proda di mezzo e del velone_, _imbrogli_, _gavitelli
di rame_, _provei_, _duglie di grippie_, _sparzina per rimburchio
della barca di cantiere_, _scandaglio_, _arganello_, _calderone_,
_palischermo_, _grappino_....--

_E. S._--Affè ch’io non voglio incaponirmi più oltre. E a dire che
siamo innanzi al trecento......

_A._--Date ora con la scorta dell’istesso notaio uno sguardo
a’ fornimenti, che su per giù son quei d’oggidì, coi loro nomi
moderni:--_maracci_, _magugli_, _ascie_, _ascioni_, _chiodaie_,
_verrocchi_, _verrine_, _lampioni_, _lampade di vetro_, _stadere_,
_piccozze_, _manichette_, _lucerne_, _scalpelli_, _armadio_, _catene
con grappino_, _pajuoli per la pece_, _cazzuole_, _martinetti_,
_leve_, _cassa_, _barrili_, _quartaruoli_, _lancie_, _gittarole_,
_taglie a tre occhi_, _puleggie di luccio_, _stazza per la stiva_,
_pennati o manganelli_.--E seguono altri nomi d’arredi, che ci vennero
pur essi dagli avi nostri, e ch’io mi passo dal leggere, perchè d’uso
non esclusivo dei naviganti.

_N. B._--Tu m’hai messo sopra una via in cui son nuovo affatto, e
troppe cose mi restano ancora a conoscere, per iscorgere nelle tue
proposizioni quella evidenza, a cui dianzi accennavi. Io punto non
disconosco che le testè lette voci sono ancor verdi tra noi, come lo
furono otto secoli addietro; ma un centinaio di vocaboli non basterebbe
ancora a provare che questo linguaggio risalga inalterato oltre il
mille.

_A._--A questo io m’attendeva e l’ho caro, per rafforzar di vantaggio
la mia qualsiasi dimostrazione. Sappi adunque che l’idioma navale seguì
le sorti istesse dell’idioma comune.

_N. B._--La parte dovea seguire il suo tutto: la cosa va di suo piede.

_A._--Appunto. La favella nazionale non nacque per fermo dal
corrompimento del latino o da loquele barbariche, come per alcuni si
tiene; essa costituiva la lingua volgare o pedestre di Roma, e salì
soltanto in onore al primo sorgere de’ nostri comuni. Tanto avvenne
del linguaggio marinaresco, di cui ci occorrono per altro non lievi
riscontri negli autori latini; esso balza dalle tenebre de’ bassi tempi
bello, intero e potente di vita, quando le città nostre cominciavano a
lanciare le loro formidabili armate nelle più lontane regioni. Senonchè
assai scarsi a noi ne giunsero i documenti, poichè allora più che a
scrivere intendevasi a fare; ma però di tal peso, da porre in sodo che
una tal lingua era in ogni sua parte completa, e che i modi adoperati
ne’ vari porti italiani punto non differiano tra loro. Vaglia a tal
uopo il raffronto tra i vocali usati nei documenti genovesi con quelli
di uno scrittore toscano, vissuto pochi anni appresso, cioè Francesco
da Barberino, che nel 1290 cantava:

  _Quinal_ porta e _ternale_,
  _Senale_ e _quadernale_,
  _Manti_, _prodani_ e _poggia_,
  _Poppesi_ et _orcipoggia_,
  _Scandagli_ et _orce_ e _funi_
  E _canapi comuni_.....

  Se vedessi avvenire
  Che vento ti rompesse
  L’_arbore grande_ tuo,
  Metti nel loco suo
  _L’arbore tuo minore_;
  S’abbatte quel, può torre
  L’_antenna_, e lei rizzare
  Finchè luce t’appare;
  In luogo di _timoni_
  Fa _spere_ e in acqua poni[7].
  ............
  ..........
  _Vele grandi_ e _veloni_,
  _Terzaruoli_ e _parpaglioni_ ...

Egli ci somministra eziandio i seguenti vocaboli: _calafati_,
_marangone_, _palombaro_, _timoniero_, _prodero_, _gabbiere_, _pennese
o ponnese_, _far getto_, _lupo_ per vela negra, _savornare_ per metter
zavorra, _velare_, _ventare_.

_N. B._--Scarsi davvero i nostri scrittori di cose nautiche, se c’è
mestieri far capo perfino a’ poeti.

_A._--Se per altro tutti si raccogliessero i passi di quegli autori
che ragguardano le materie navali e le opere di chi largamente ne
scrisse, come i libri del Crescenzio[8], del Pantera[9], del De
Rosa[10], e in ispecie l’_Arte del navigare_ di Bernardo Acciaiuolo
(1580), non che le relazioni de’ nostri viaggiatori da Marco Polo a
tutto il secolo XVII, si avrebbe un’ampia e preziosa raccolta, da far
testimonianza che l’antica nostra terminologia si travasò pressochè
intatta ne’ tempi presenti.

_N. B._--Da troppi anni ho appreso a sputar sottovento e a battere
l’acqua salata per poter avere dimestichezza con gli autori da te
allegati: ma se i documenti prodotti non mi consentono di porre in
forse un tal fatto per quanto s’attiene al sartiame e agli attrezzi
della nave, tu meco dei consentire che il linguaggio nautico non è
circoscritto, come già dissi, in così angusti confini.

_A._--Tu mi stringi i panni addosso di guisa, che se avessi men
buona causa alle mani, mi terrei affatto perduto. Ma, per santa
Firmina, ho scudo sì saldo da mandare a vuoto i tuoi colpi. Parte
assai rilevante di questo linguaggio è l’armamento de’ legni, di cui
tacciono il documento genovese e il poeta fiorentino; ma al loro
diffetto largamente soccorre lo _Statuto marittimo_ d’Ancona, anteriore
al secolo XIV, nel suo cap. LXXIX in cui tratta _De le arme che se
de’ portare in nave per li marinari_. Non sono un Pico mirandolano
io da tenerlo chiovato nella memoria; ma mi fo mallevadore ch’ivi
potrai riscontrare le voci--_bombarde_, _schioppi_, _palle di ferro_,
_balestre di staffa_, _verettoni_, _lancie_, _corazze_, _pavesi_,
_gorzali_, _barbute o cervelliere_, _spade e coltello_--voci ancora
comuni tra noi e costituenti l’intero arsenale di guerra a que’ giorni.

_N. B._--E sia pure che arredi, attrezzature e armamento non abbiano
mutato il primitivo lor nome; ma per altro la fraseologia de’ nostri
cantieri, dappoichè tanto alto salì la meccanica, dee aver subìto
cangiamenti notevoli. A cose nuove, parole nuove.

_A._--Per me ti rispondano questi versi dell’Alighieri:

    Quale nell’Arzanà de’ Viniziani
  Bolle l’inverno la tenace pece
  A rimpalmare i legni lor non sani,
    Che navigar non ponno, e in quella vece
  Chi fa suo legno nuovo, e chi ristoppa
  Le coste a quel che più viaggi fece;
    Chi ribatte da proda e chi da poppa:
  Altri fa remi ed altri volge sarte:
  Chi terzaruolo ed artimon rintoppa.

_N. B._--Sublime, anzi divino poeta! Con che magiche tinte non ti pinge
le cose! Ma se gli antichi vocaboli non subirono alterazione veruna, i
progressi delle arti industriali han di necessità dovuto recar nuove
voci, significanti nuovi arnesi ignoti agli antichi, come _bolina_,
_fiocco_, _bompresso_ e altri tali. È saria di mestieri esser cieco,
per non addarsi, che dalla galea che pugnava alla battaglia di Meloria
o di Curzola, ai _Monitor_ americani ed al nostro _Affondatore_, ci
corre.

_A._--Ci corre, ch’il nega? La scienza ha disteso le sue grandi ali:
abbiamo ingrandite le navi omai tramutate in città galleggianti, ed i
lor movimenti si resero di tanto più agevoli e in un più sicuri; ma nè
le navi, nè il loro governo cangiarono natura per modo da dovere crear
nuove parole. Nè scalza il mio ragionamento il vedere alcune poche
voci estere, quali son quelle da te allegate, radicarsi fra noi in un
cogli oggetti che esprimono. Necessità lo esigeva, non avendo essi il
loro riscontro nella lingua italiana. In simil guisa abbiam comuni
con gli Arabi le parole: _barca_, _feluca_, _fregata_, _galeotta_,
_schifo_, _caravella_, _saettia_, _gomena_, _calafatare_, _cala_,
_cavo_, _caravana_, _almirante_ e forse altre: ma chi fossero i primi
ad usarle, se essi o i padri nostri ignoriamo: niuno per altro vorrà
omai ritenerle quai voci straniere. Comunque sia, di fronte a un numero
assai scarso di vocaboli a noi derivati da altre nazioni, io veggo
tutti i popoli del mediterraneo arricchire le lor parlature marittime
di modi italiani. E noi da esse ben soventi accettiam queste voci,
quasi merce venuta di fuori e nuove di zecca, dove, studiate un po’
addentro ci sveleranno l’origine loro casalinga e domestica.

_N. B._--Non posso mandarla giù così di leggieri.

_A._--Non intendo per certo far forza alle tue convinzioni: pur
abbondano siffattamente le prove, vuoi storiche, vuoi filologiche, che
forse avranno una qualche efficacia sull’animo tuo. Ditemi, amici: vi
venne innanzi giammai il nome di qualche ammiraglio straniero, che dal
X fino a tutto il secolo XVI abbia governato armate italiane?

_N. B._--Non valgo a rammentarlo.

_E. S._--Ned io.

_A._--Sapreste all’incontro farmi il nome dei nostri, che per conto
d’estere nazioni costrussero o comandarono navi o veleggiarono in
traccia d’ignote regioni?

_N. B._--E a chi non son noti? Essi sono d’altronde in tal numero, che
non è lieve assunto il passarli a rassegna. Toccherò de’ principali
soltanto. Fino dal 1317 Dionigi il Liberale re di Portogallo tirava
a’ suoi stipendi col titolo d’ammiraglio Emanuele Pessagno di Genova,
coll’obbligo di condur seco venti altri capitani di navi genovesi i
quali dovessero costrurre, comandare e governare le armate di quella
corona. Dal Pessagno ad Amerigo Vespucci, che fu pure a’ servigi del re
Don Emanuele, il Portogallo per ben due secoli vide salir le sue navi
da comandanti ed equipaggi italiani. Nulla dirò della Spagna, sapendo
ognuno ch’ebbe nel 1492 a suo ammiraglio Colombo, e affidò l’alto
ufficio di piloto maggiore a Sebastiano Caboto, e fu quindi illustrata
da quel Pigafetta, che fu il narratore del primo viaggio fattosi
intorno al globo. Venendo alla Francia, trovo che le sue armate, da
Carlo Magno ad Enrico II, furono comandate da duci italiani, e ne fan
testimonio i nomi di Bonifacio, Adimaro, Ruffin Volta, Ranier Grimaldi,
i Doria, il Verazzani e lo Strozzi. Chi manco ebbe d’uopo di noi fu
l’Inghilterra; ma non così che Enrico VII non chiamasse a se Giovanni e
Sebastiano Caboto, che scoprì Terra Nuova, e descrisse gran parte delle
coste americane, da cui tentò primamente un passaggio nell’Indie.

_E. S_.--Aggiungo che non solo Enrico VII, ma eziandio Enrico VIII
s’ebbe dalla Signoria veneta artefici di navi e marinai di cui
difettava allor l’Inghilterra; che altri pur n’ebbe nel 1540 Gustavo di
Svezia; che i nostri Pietro Veglia e Nicolò Sagri crearono le armate di
Carlo V; che Sigismondo re di Polonia popolò de’ nostri costruttori e
capitani gli arsenali di Danzica, donde uscì il naviglio ch’egli oppose
al re di Danimarca. Nè la Russia fu estranea alla luce che allora
Italia raggiava sulle industrie navali, poichè gli uomini di mare che
Pietro il Grande chiese a Venezia, addottrinarono quei barbari popoli
a domesticarsi co’ flutti, e Doroteo Alimari insegnò loro il metodo per
calcolare le longitudini. Di simili fatti riboccano, ben il sapete, le
storie[11].

_A._--E da questi fatti appunto raccolgo, che se i nostri furon
quelli che precedettero a gran pezza le altre nazioni nelle nautiche
imprese, se loro appresero a costrurre le navi e a governarle; se
fino dal secolo XII non conosciamo altri viaggiatori, scopritori e
descrittori di terre, da italiani infuori, noi dobbiamo a buon diritto
inferirne, che il nostro linguaggio marino era già intero e venia
recato dovunque dai ducento mila marinai che salivano le seimila navi
delle repubbliche veneta e genovese. Che se una qualche affinità di
vocaboli si riscontra, a mo’ d’esempio, nella lingua navale francese
con l’italiana, non furono i nostri per fermo che tolsero a imprestito
una fraseologia di cui non avean di mestieri: sì bene i francesi, cui
apprendemmo a designare con italici nomi navi, attrezzi ed arredi, che
i nostri, unici allora, sapeano costrurre, maneggiare e descrivere.

_N. B._--Non so che opporre; ma certo i nostri superbi vicini non si
adagieranno così di leggieri in questa sentenza.

_A._--Che monta? Gl’insegnamenti della storia non van soggetti al
mareggio delle passioni, e la Francia è ricca di troppe altre glorie
per usurparci anche il lembo di un manto che le direbbe assai male.
Infatti per bocca de’ suoi scrittori essa appunto rafferma la verità di
quanto andai finora toccando.

_N. B._--E come?

_A._--Parecchi di loro posero mano a raccogliere i lor modi
marinareschi, ciò che non abbiamo ancor saputo far noi. Rammento fra
questi il Clairac, il Fournier e l’Ozanam, che scrissero nel secolo
XVII, facendo ampia testimonianza dell’italianità di una gran parte
del loro glossario nautico, come potrai sincerarti, facendo ricerca
delle loro opere, senza ch’io più avanti ne dica; tanto più che mi
resta a rincalzare il mio primo assunto col presidio di quelle prove
filologiche, di cui pur ora fei cenno.

_E. S_.--Nè tanto si vuole da te, sprovveduti quai siamo di simili
studi per poterti seguire nelle tue argomentazioni.

_N. B._--Nelle quali starebbe ad ogni modo per te la vittoria e a noi
lo smacco della sconfitta per non avere armi da opporti. E invero
già fin d’ora ogni arme ci hai cavato di mano. Ma pria di rendermi
a discrezione, avrei caro che tu mi assennassi intorno a certe voci
di bordo, alcune delle quali, come troppo rozze e plebee, dovrebbero
omai sostituirsi con nomi più ragionevoli, ed altre che puzzano di
francese lontano un miglio. E trattando delle prime, ti par egli
lecito convertire la nave in un serraglio d’animali? Imperocchè io vi
trovo: _grue_, _cicogna_, _camello_, _biscia_, _cavallo_, _cavalloni_,
_pecorelle_, _aspe_, _serpe_, _cani_, _cicale_, _colombe_, _montoni_,
_gazze_, _chiocciole_, _gabbiani_, _capone_, _delfini_, _code di topo_,
_barbe di gatto_ e chi più n’ha, più ne metta; tutti nomi bestiali,
i più d’attrezzi marinareschi, nomi che accusano la rozzezza di un
linguaggio costretto dalla sua povertà a far sue queste voci, affatto
aliene alle cose del mare. _ A._--Ciò che tu chiami rozzezza, io
chiamo, e sia con tua pace, una fioritura poetica oltre ogni dire,
poichè per mezzo di leggiadri traslati vengono a significarsi cose ed
arnesi, ch’hanno una stretta relazione cogli oggetti da cui derivarono
il nome. E vaglia il vero; quelle robuste travi che sporgono dal
bordo, ai fianchi ed a poppa del bastimento e sulle quali si alzano
pesi, non rassembrano esse il lunghissimo collo della _grue_, che loro
die’ il nome? Ciò dirai pure della _cicogna_, giacchè _far cicogna_
null’altro, s’io non erro, significa fuorchè mantigliare un pennone
sotto un angolo acuto, per farlo servire esso pure all’ufficio di
grue, cioè d’innalzar gravi pesi. E che troverai di più appropriato
del nome di _camelli_ assegnato a quella specie di puntoni pieni
d’acqua, posti uno per parte, sotto ai fianchi della nave e resi
tali, che vuotati del loro contenuto, lasciano ch’essa emerga e che
superi più facilmente un qualche basso fondo che fosse di ostacolo al
suo passaggio? Nè ti movano a schifo le _biscie_, il cui nome parmi
convenientissimo a quegli intagli fatti sulle piane o matere, a destra
e a sinistra del paramezzale, per lo scolo dell’acqua lungo i canali
della sentina, acciò fluisca verso le trombe. Che dirò del _cavallo_,
ossia di quel risalto di sabbia che le correnti van talora ammassando
nel fondo del mare o alla foce de’ fiumi? Questo parlar per immagini
non è vera poesia? E tale ti parrà eziandio la dizione: il mar _fa
cavalloni_: il mar _fa pecorelle_, quando come ben sai, sotto l’azione
del vento irrompono le ondate impetuose, o veggonsi i flutti increspati
biancheggiar di lontano e coprirsi di spuma; onde a ragion il poeta
cantava:

  ........in sembianza
  Di bioccoli saltavano le spume,
  Che fanno spesso negli equorei paschi
  Di lanigere torme errar la gente[12].

Senonchè io mal potrei qui su due piedi e nuovo in siffatte materie,
mostrarti la dicevolezza e la leggiadria delle altre voci, che dal
regno animale passarono a specificare oggetti marinareschi; assai
meglio a te verrà fatto d’apprezzare queste metafore e rilevarne le
convenienze, ove tu voglia ad una ad una raffrontarle fra loro.

_N. B._--Non potrai per altro negarmi che un torrente di voci bastarde
non sia pervenuto d’oltre alpe a laidire il nostro linguaggio. E queste
voci son tante ch’io mal saprei dove annaspare. Ecco: _babordo_,
_tribordo_, _amaca_, _ammarra_, _dematare_, _combatto_, _ghinderessa_,
_trelingaggio_, _canotto_, _salvataggio_, _doblaggio_, _boa_,
_plancia_, _gambeduna, arpanta_, _culare_, _madune_, _buteverso_, e
perfino, Dio cel perdoni, il nome de’ venti, forestiero pur esso, e
universalmente accettato._

A._--Vero pur troppo; ma dimmi: non senti salirti le vampe del rossore
sul viso, quando per significar cosa ch’ha il suo proprio vocabolo
nella patria favella, scendiamo a mendicare una locuzione straniera?
Sostituisci al babordo e al tribordo, _destra_ e _sinistra_: ad
amaca, _branda_, _ormeggio_ ad ammarra: _disalberare_ ad amatare:
_combattimento_ a combatto, e via di questo tenore: giacchè io non vo’
atteggiarmi a dottore in una materia, in cui tu hai il vantaggio su me
del cento per uno.

_N. B._--Infatti questo bastardume di voci va sempre più scomparendo.
Pure, dacchè m’hai tirato in ballo, lascia ch’io danzi e ch’io vuoti il
mio sacco. Vedi tu quel bastimento là presso il _mandraccio_ in punto
di salpare? Esso è un _brigantino_ presto a _far rotta_; _mandraccio_,
_brigantino_ e _far rotta_, tre voci in fede mia, che nulla han
d’italiano. Quella catena lassù che tien dritto l’albero e immoto al
suo posto, è una _landra_, che vale _puttana_. Ti par da tenersene?
Vero è che accanto alle _landre_ troviamo eziandio le _bigotte_, e non
so come se la dicono insieme. Le parole _stazzo_, _calumare_, _randa_,
_straglio_, _ralinga_ non son da strapazzo, e lana da pettinarsi col
fuoco? Da che cavammo le _tonnellate_? Non è egli ridicolo chiamar
_pappafico_ una vela? Ove andremo a pescare il decoro e l’italianità di
tai voci?

_A._--Nel domestico patrimonio, se mal non mi appongo. E innanzi a
tutto antichissima voce è _mandraccio_, con il qual nome in più luoghi
della penisola veggo significata quella parte più secura ed interna
delle stagioni navali, che i latini diceano _angiporto_. È voce
semitica, che vale appunto _ricetto_, _stazione_. Un porto di Rodi avea
questo nome, che troviamo anche in Cartagine. Dalla quale non sarebbe
vana congettura il supporlo a noi derivato, sapendo che i suoi navili
solean frequentare le prode della Liguria, e cavarne i più destri suoi
frombolieri. Non gli si potrebbe a buon dritto negare cittadinanza
italiana. Erri a partito se tieni che il nome di _brigantino_
risalga allo inglese _brig_ o al gallico _brich_; altri ebbe già a
dimostrare doversi la sua radicale ricercare in _briga_, _brigare_,
nel significato di _procaccio_, _procacciare_, essendo noto che
siffatti legni nelle origini loro adoperavansi a servigi d’un naviglio
maggiore. E anche colla voce _rotta_ dovrai riconcigliarti se osservi
che altro è la _route_ de’ francesi, altro la _rotta_ o _rompimento_
degli italiani, i quali per rotta intendono il solco che fa la nave
_rompendo_ i flutti marini, ossia spostando le acque colla carena, e
perciò modo significativo e bellissimo[13]. Nè _landra_ mi par tal
voce da menar grave scandalo, per quanto abbia smesso dell’onestà sua
primitiva, trapassando, come alcune altre, nelle lingue furfantine e
ne’ lupanari. _Bigotta_, cioè carrucola senza puleggia vale, nè sono
io già il primo a chiarirlo, _doppia gocciola_, poichè questi bozzelli
van sempre appaiati, e arieggiano que’ membretti d’architettura che
diceansi _gocciole_ o _guttae_; e perciò voce pur essa italiana e
laziare, dacchè questo attrezzo era anch’esso noto agli antichi[14].
Ne la parola _stazzo_, per capacità della nave, merita che tu gli
faccia il viso dell’armi, poichè fu accolta e carezzata dal Caro[15].
Dovrai amicarti egualmente con la voce _calumare_, per non tirarti
addosso gli sdegni di messer Ludovico[16]. D’eguale legittimità va
improntato il vocabolo _randa_, a cui farai di cappello, non fosse che
per riverenza a Dante Alighieri[17]; essa ci viene da _randellare_ o
_distendere_, per l’ufficio che fa appunto la vela di randa. _Straglio_
ci richiama al verbo straggere, che vale tirare in altra parte, come fa
il cavo che tira l’albero di fronte, dove le sartie e le parasartie gli
fan di sostegno dai lati e sull’asse maggiore[18]. Quanto a _ralinga_,
col qual vocabolo, parmi, designate la corda cucita intorno le vele
per rinforzarne le bardature, noi ne troverem la ragione nel latino
_riligare_, come a _tonnellata_ darem padre il tonnello, che successe
alla veggia o botte, ch’era intorno il secolo XIV l’unità per valutare
la capacità delle navi.

_N. B._--Il tuo ragionamento quadra a capello; sarebbe ostinazione
il negarlo: tutto ciò corre evidente e piano com’olio. Ma tu devi
avere omai secco il gorzuzzolo; Schiaffino, fa di dare aria a qualche
bottiglia delle tue _Cinque Terre_.

_A._--Non prima che io abbia detto del _pappafico_, che tanto ti sa di
ridicolo.

_N. B._--Questo poi è un voler stravincere ad ogni costo, e ben sai
ch’ogni soverchio rompe il coperchio.

A.--Bene sta, ma pur odi. Pappafico nomavasi nel secolo XIII e forse
anche più innanzi quel capuccio a becchetto, ossia quell’arnese di
panno, che assestavasi in capo per ischermo della pioggia e de’ venti:
dal quale uso, per un vago traslato, passò a significare il velaccio
o la vela di punta de’ bastimenti. E questo aggiungo colla scorta del
Guglielmotti[19], intendentissimo delle materie navali, che una tal
vela per lo innanzi diceasi _suppara_ o _suppa_, con vocabolo or ito in
disuso, ma vivo in quel verso di Dante:

  La vendetta di Dio non teme suppe:

verso inintelligibile al volgo de’ chiosatori, ma facile e piano a chi
non ignora che davasi tal nome a una vela, poichè si vedrà allora
tralucere in esso un sublime concetto: essere, cioè, inutile far forza
di remi o di vele per isfuggire le vendette celesti.

_N. B._--Un nuovo orizzonte, tua mercè, mi si è aperto allo sguardo. Io
sentia bensì dentro una voce che mi rendea ripugnante ad avere in conto
di barbaro il nostro lessico marinaresco, e quasi per istinto diceami,
che opere proprie di nautica in cui questo linguaggio si contenesse,
dovea possedere l’Italia, e leggi, statuti, regolamenti, elenchi,
contratti, proverbi, relazioni di viaggi, di scoperte e di guerre: ma
il manco di forti studi non mi consentia di dare un passo più innanzi.

_A._--E drittamente sentivi, sovvenuto, com’eri, dal tuo potentissimo
ingegno; e se da te stesso non giungesti a scorgere il vero, ne dêi
accagionare la tempestosa tua giovinezza e gl’istessi tuoi studi
indirizzati più a moderni che non agli antichi scrittori; ma più di
tutto a quella pressochè universale opinione che sfata il linguaggio
marino, come dammeno; opinione che venne in noi ribadita da Bernardino
Balbi, da Simon Stratico ed altri, i quali pretesero recar giudizio
di cose che punto non conoscevano. Oh! escano fuori una volta dai
lor gabinetti i saccenti della giornata, che van sbraitando contro la
parlatura de’ marinai, viva fin dall’origini del nostro linguaggio, e
si convincano alfine che essa deve rifarsi alle antiche sue fonti. E
già tutto nelle materie navali si volge all’antico. Io veggo rinnovarsi
le navi corazzate e rostrate: rifarsi rembate e castelli; la forza del
naviglio concentrarsi nella testa anzichè ne’ fianchi, la forma dello
scafo allungarsi, la spinta delle palette dell’elice tener luogo de’
remi.. .. ..

_N. B._--Io qua’ ti volea per conoscere se cotesta schietta lingua
italiana sarebbe da tanto da porgerci la descrizione della macchina a
vapore de’ nostri navigli. Essendo essa un trovato affatto recente,
sarei di credere.. .. ..

_A._--Io ti offrirò tal descrizione di questa macchina, non che de’
suoi più minuti congegni e delle lor varie funzioni, che tu stesso
dovrai confessare che mai t’avvenne di leggerne la più esatta e
completa.

_N. B._--Tu vai troppo innanzi, tu vai.. ..

_A._--E per giunta te l’offrirò in isplendidi versi, quali appunto
sapea tornire Lorenzo Costa, dal cui poema il _Colombo_, troppo a
torto negletto, io la tolgo. Prestatemi orecchio:

    Luogo è sovr’esso la naval sentina
  Non lunge all’arco della proda interna
  Ove dedala man ponea capace
  Clibano ardente; dall’infusa copia
  De’ fossili carboni alimentato
  Saetta un caldo, che simil nè bronzo
  Cosse, nè ferro alla fucina, quando
  Il mantaco più forte aura vi soffia.
  A lui fe’ quindi sovrastar col peso
  Di tutta l’acqua che nel centro aduna
  Fermo lebete: rinterzate piastre
  Condusse intorno a’ suoi fianchi, e la bocca
  Ne suggellò d’impenetrabil chiuso.
  Poichè sforzando ogni sottil meato
  Nel cavo rame il sottoposto incendio
  Si traforò non rattenuto e mosse
  Vicino assalto alla nimica sua,
  Quella agitarsi, gorgogliar bollente,
  Urtar e riurtar dentro i pareti
  La stanza che l’infesto ardor disagia:
  Poscia dall’imo al circolar coperchio
  Su per lo collo d’una canna bugia,
  In vaporoso nembo attenuata,
  Salir veloce. Ma perchè non mai
  Dall’ignea sferza dileguata o scema
  Sia la cagion della fumante uscita,
  Altra pur v’inserì girevol doccia
  Come a rincalzo, e l’ordinò siffatta
  Che l’un de’ capi suoi nel bulicame
  Tien sempre immerso, e l’opposito insala
  Fuor del naviglio, e con perpetua vece
  Infonde il mar dove la fiamma asciuga.
  La qual se molto divampando il fiero
  Turbine ingrossi de’ volanti effluvii,
  Pur lì s’interza di minor sifone
  Tondo spiraglio, in cui sovente isfoga
  Quel gran soperchio, e via per l’animella
  Che nel transito suo scatta leggera
  Va sciolto all’aer vivo e si disperde. . . .
  Segue il vapor con misurato ascenso
  La prima entrata, e dolcemente infuso
  Nell’alvo d’una tromba, ivi sue forze
  Tutte sprigiona e a bene oprar comincia.

_N. B._--Potente di bellezza e di vero, è questa pittura, e se il resto
consuona ... Ma qui forse viene il difficile.

_A._--Viene infatti il difficile, e lo sente il poeta che pur non si
perita a sgroppare magistralmente quel nodo. Udite:

  .....La mirabil tromba
  Co’ piè l’interior dificio abbranca,
  E aderge il fusto che d’un largo istesso
  La cavità che non ha sghembo aggira:
  Lo stremo è chiuso, e s’incappella il sommo
  Di lamina tegnente, e giù vi casca
  Da vertical sospeso asta di ferro
  Cilindrico volume, e per lo vano
  A scender sempre ed a salir disposto,
  Mobile è sì che non accerta il dove.
  Sopra la base e sotto inver la cima
  Son due forami, e da quel fianco aperti
  Che un quarto parallelo organo affronta
  Di stupendo artificio. Entra le vuote
  Latebre o vena che dal mar vi bagna,
  O lo spiro dell’aria, e il loco verna
  Continuamente. L’una mole e l’altra
  Benchè distinte di potenza e d’atto
  Si dan mutuo soccorso, e par che nuovo
  Sentimento d’amor scuota le fibre
  Dell’inerte metallo e n’avvalori
  Il congiurato sforzo ad un intento;
  Chè dentro la maggior mole compagna
  Dal fomite vicino in nugol fitto
  Penetra il guazzo ribollente e occupa
  L’intima chiostra. Allor ne va sospinto
  Il pendulo serrame, e si raccoglie
  Verso l’altezza ove dall’orlo estremo
  Fa il denso fumigar subito salto
  Per la cruna di sopra, e al ferreo dosso
  Puntando gravemente lo rincaccia.
  Ma dello scender giù nulla sarebbe,
  Chè la piena costipa a randa a randa
  La via dal mezzo e vi frappone intoppo;
  Senonchè fuor della gelata gola
  Sbuca un alito vivo, e mesce addentro
  L’accidioso fummo e lo rappiglia,
  Sì che di lui riman solo parvente
  Quasi un rorido velo, e cade a piombo
  L’imminente cilindro. In questa forma
  Il freddo vuota ed il bollore intasa
  E la suprema e la sottana bolgia
  Del terzo ricettacolo, e solleva
  Sempre ed atterra quell’assiduo moto
  Il volubile ordigno. . . . . . .
  . . . . . . Il moto si dirama
  Pel diritto manubrio ad uno stelo
  Il cui centro su lunga asse librato
  Contrappesa amendue le braccia opposte
  Come in bilico lance. Ivi una verga
  Il punto aggrappa che più dista eguale
  Dal principio motore, e poi dà leva
  Torcendo alquanto sua rattezza, e gira
  Le ruote magne che son pinne al ventre
  Della nuova e diversa orca natante.

_E. S._--Mirabile invero!

_N. B._--Sublime!

_A._--Lasciate che io m’affretti alla fine:

  È strepito ne’ lati, è turbinio. . . . . . . .
  . . . . . . . Abbriva il legno e guizza
  Rapidissimamente, e qual se tratto
  Fosse per l’ampio mar da cento coppie
  Di volanti corsieri, il mar guizzando
  Sega l’ardito legno, e fuor l’immane
  Troncon che sopra vi torreggia e fuma,
  Di caligine ondante in ciel fa zona.

_N. B._--Io non credo che la musa italiana abbia osato affrontare
giammai così temerarî argomenti e trattarli con tanta chiarezza. Io
mi ti do piè e mani legato. Tu hai dissipato nella mia mente e soluto
que’ dubbi in cui stavasi avvolta; sicchè molto in breve stringendo,
parmi aver raccolto, che Italia nostra possedeva ab antico una lingua
marinaresca completa e che intatta fu a noi tramandata, poichè l’arte
del navigare mai non venne qui meno. Che se nei due ultimi secoli
d’oppressione e di schiavitù, non sferrarono da porti italiani armate
di guerra eguali a quelle d’altre nazioni che di tanto avanzavanci,
s’ebbero però qui sempre arsenali, cantieri e marinai che bastarono a
conservarci il patrimonio della favella navale: patrimonio ricchissimo,
e pur troppo quasi ignoto a noi stessi.

_E. S._--Aggiungi che molte voci già avute in conto di rozze o
accettate dagli stranieri, son per contro di puro conio italiano,
passate in un co’ nostri capitani ed artefici ad arricchire le
marinerie d’altre nazioni. Son queste le tue conclusioni?

_A._--Sono: e resta a dire soltanto che se corre un qualche divario fra
le parlature della nostra gente di mare, non certo eguali ma simili
in tutti i porti italiani, queste dissomiglianze, invero assai lievi,
ànnonsi a riferire alla diversità della pronuncia, alle desinenze, alle
elisioni proprie dei diversi dialetti: ma l’essenza della locuzione è
invariabilmente la stessa. Quando io sento l’agile e schietto idioma
de’ nostri marinai, mi par di vivere ancora ne’ secoli delle nostre
glorie navali; che poco o nulla è mutato il lor linguaggio da quello
de’ nostri grandi ammiragli: i Pessagno, i Colombo, i Vespucci, i
Dandolo, i Grimaldi, gli Spinola, i Morosini, i Doria, i Colonna ed
i Cossa. Con questo idioma tra i denti Biagio Assereto sgominava, il
sapete, le armate di due potenti corone: e Leone Strozzi vincea la
giornata di Wight, rompendo Inglesi e Spagnoli. E fo voti che usando
questo linguaggio possa in breve un qualche prode italiano seppellire
nel fondo dell’Adriatico il naviglio tedesco, sostituendo all’odierno
grido di guerra--_abbasso le brande_--che troppo mi sa di bastardo, il
solenne e italico grido--_armi in coverta_[20].--

A queste parole un fremito convulso, come di furore e di rabbia,
invase la persona di Bixio: i suoi occhi brillavano di luce sanguigna,
e strette le pugna, giacque immerso in tempestosi pensieri. Taciti
lasciammo la nave, andando ciascun di noi per i suoi venti, non senza
averci ricambiata una stretta di mano e fatta promessa di ripigliare di
curto la nostra discussione. Ma del mandarla ad effetto per allora fu
nulla. Correano que’ giorni in cui Giuseppe Garibaldi raccoglieva tra
noi il fiore della gioventù italiana per lanciarla al riscatto delle
provincie meridionali: e Nino Bixio, che fu l’Aiace della gran gesta,
impadronitosi di viva forza, siccome è noto, del vapore il _Lombardo_,
facea vela per la Sicilia. Ma il desiderio di ritornare nel debito
onore il linguaggio marinaresco, e avanzare sotto ogni aspetto le
nautiche discipline, da quel giorno in lui non ebbe più tregua. Ognun
sa quanto egli si travagliasse perchè fosse creata una Giunta, o,
come dicesi, una _Commissione d’inchiesta_, la quale dovesse indagare
le nostre condizioni marittime, per accertare quai nuove proposte e
migliorie fossero tuttavia bisognevoli, e fondare scuole e istituti
atti a formar valenti capitani, esperti piloti, abili maestranze e
marinai. Di qui gli accurati suoi studi sull’Arsenale di Venezia, le
sue ricerche sulla industria del ferro, sì strettamente connessa alla
questione della costruzione e corazzatura de’ legni; di qui l’alto
ossequio al P. Alberto Guglielmotti, di cui predicò le lodi in Senato,
e volle in Roma nel 1870 complire in un col suo stato maggiore.

Lo Schiaffino, commesso a un altro capitano il suo legno, si ridusse
in Camogli, ove spese la vita a beneficare la gente di mare e a
volgerne in meglio le sorti; vero tipo del marinaio italiano, che ha
per divisa: _petto di bronzo e cuor d’oro_. Noi lo rivedrem già canuto
a bordo del _Maddaloni_, per ripigliarvi con Nino Bixio la trattazione
dell’interotto argomento.



_DIALOGO II._


DA Nino Bixio convitato ad un desinare di bordo sul _Maddaloni_,
ebbi la lieta ventura di abbattermi con Francesco Buzzoni che ne fu
il capitano, col dott. Mariano Saluzzo, con Emilio Schiaffino, il
vecchio lupo di mare, e con Agostino Tortello, colui, cioè, che in
quattro anni e mezzo di navigazione percorse 87,370 miglia marittime,
e perciò 29,530 più di Magellano; tagliò ben otto volte l’equatore
con una goletta, la _Sofia_, di non più che centoventi tonnellate e
coll’equipaggio di soli cinque uomini; degno di andar di conserva
coi più ardimentosi nocchieri. Evidentemente volle il Bixio raccolti
al suo desco quegli uomini espertissimi nelle cose marinaresche per
sentirne i consigli, specie per quanto riguarda il linguaggio navale,
ch’egli in un collo Schiaffino avea preso a caldeggiare con quella
tenacità di propositi, ch’era propria della sua indole. Però durante la
mensa non si fe’ cenno di ciò; i ragionari furono di molti e diversi:
squisita l’imbandigione in ispecie per vini di varie ragioni; la gioia
e l’ilarità regnava in noi tutti. Il convito già volgeva al suo fine,
quando levatosi in piè Agostino Tortello:

--Io v’invito, disse, o Signori, ad un brindisi al Maddaloni ed al suo
valente armatore, augurando possa egli trovare nelle Indie orientali
ben più oneste accoglienze di quelle che v’ebbe altra volta.--

Un solo e prolungato evviva scoppiò dal labbro de’ commensali. Senonchè
le ultime parole del Tortello aveano desta in noi tutti la curiosità
di conoscere quai venture incolsero al Bixio nel suo primo viaggio in
quelle remote contrade. Ond’è che pressato da tutti noi, cominciò il
suo racconto in tal guisa.

_Nino Bixio._--Nel 1846 io lasciai il naviglio di guerra, e insieme
con due miei fidatissimi amici, il Tini e il Parodi, feci disegno di
imbarcarmi con essi loro per il Rio della Plata. Sorgeva allora a ruote
nel porto sur un’àncora di leva un legno americano diretto a caricar
pepe in Sumatra, e in difetto di meglio salpammo su quello in qualità
di marinai. Non l’avessi mai fatto! Il capitano, per quanto onesto
e abilissimo, apparteneva alla setta dei _quaqueri_; quindi a bordo
letture di Bibbia, sermoni, preghiere, digiuni e una austerità di
contegno e di modi, qual maggiore non avremmo trovata in un chiostro
di certosini. A noi baldi di giovinezza e di brio, ed anche un po’
scappati, se vuolsi, quella vita di santimonie e di ferrea disciplina
piacea come il fumo negli occhi; io m’ero sciolto dalla milizia per
desiderio di più libera vita, ed eccomi dalla padella cascar nella
brace. Voi conoscete l’adagio de’ marinai genovesi:

  Senza vino si naviga,
  Senza mugugni, no;[21]

e a noi perfino il _mugugno_, era severamente interdetto. Si convenne
perciò tra noi, appena ce ne venisse il destro, di disertare. Infatti,
giunti dopo prospera navigazione rimpetto a Sumatra, divisammo
d’attendere la notte, lanciarsi ne’ flutti e afferrare a nuoto la
riva. Calate le tenebre, il Parodi assai meno avventato di Tini e di
me, ci pose innanzi il pericolo de’ pescicani e de’ squali, ond’erano
infestati que’ mari, e che da più giorni vedevansi saltellare, come
monelli, attorno alla nave; e noi per tutta risposta--_non te ne
incaricare_--e giù a capo fitto nelle onde. Ed egli di botto con noi.

Nuotammo facilmente per alcune ore: ma la terra che di notte c’era
sembrata sì presso, parea fuggire da noi e farsi più ognora lontana.
Cominciava a fallirci la lena: pur si filava alla meglio, or _facendo
il morto_, or nuotando di fianco: ma s’era spossati e quasi esausti di
forze. Diedi attorno uno sguardo, e veggendo il Parodi assai discosto
da noi, come men destro nuotatore che egli era, mi volsi per trarre in
suo aiuto, quando a un tratto, ch’è, che non è, mi scomparve dinanzi.
Pur troppo un di que’ voraci predatori del mare, de’ quali egli
presentiva il pericolo, l’aveva azzannato e travolto nel fondo; io
n’ebbi certezza dall’agitazione dell’onda e dalla nera pinna del mostro
a fior d’acqua, che intravidi nel punto in cui ci fu tolto per sempre.
Povero amico mio! Non posso pensare a lui senza sentirmi stringere il
cuore!

Cominciava ad albeggiare. Il rischio d’essere noi pur divorati da
quegli enormi cetacei, ci aggiunse vigore; e buon per noi che scorgemmo
non discosto un banco di corallo, ove dopo sforzi inauditi ci fu dato
sostare. S’era omai rifiniti di stento e di fame. La fresca aura
del mattino ed alcuni frutti di mare che agevolmente cogliemmo, ci
ristorarono alquanto. La terra ci stava dinnanzi, ma occorrevano a
raggiungerla non manco di tre ore di nuoto. Non c’era via di mezzo:
o morir di fame in quello arido scoglio, o tentare quel guado. Ci
buttammo adunque un’altra volta tra i flutti, e tanto sbracciammo
di nuoto, che si giunse alla riva, ma come e in qual modo, vattelo
a pesca: poichè fummo raccolti privi di sensi sul lido. Io rammento
soltanto, che aprendo gli occhi, mi vidi disteso accanto il Tini, che
già cominciava a riaversi, e una moltitudine di Malesi, intesa a
sovvenirci di bevande e di cibo. Forse que’ selvaggi ci tennero per
esseri privilegiati, non potendo comprendere come ci venisse fatto
di sfuggire ai capidogli onde ribocca quel golfo. Certo è che fummo
trattati con la più squisita amorevolezza, fino a vestirci con calzoni
rossi di seta e con tutti quegli altri fronzoli che colà si costumano.
Queste cortesie durarono per alcuni giorni, e del vedermi addobbato in
quel modo, io facea le grasse risa col Tini.

Ma ci cadde in breve la benda, poichè ci avvedemmo essere tenuti quai
prigionieri. Non basta: un più serio pericolo ci minacciava; quello
cioè, di dover sottostare alla formalità rituale e religiosa, che
l’Islamismo impone ai credenti. Noi fieramente ci rifiutammo a subire
la barbara operazione. Ma un ordine espresso del re imponeva a’ nostri
custodi di eseguire colla forza quell’infame cerimonia sopra di noi.
Non c’era più scampo; la nostra circoncisione dovea quanto prima
eseguirsi. Ma v’ebbe chi vegliava su noi. Il buon quaquero, preso
terra, seppe della nostra prigionia, e ammirato della fermezza con
cui ci opponemmo a mutar religione e a subir la legge de’ Mussulmani,
propose a’ selvaggi il riscatto dei due fuggitivi. Qual moneta
sborsasse a ricomprarci, non mi fu dato sapere; cert’è ch’egli ci
accolse qual padre amoroso, e seco ci tradusse in America, da dove poi
trassi in Anversa e a Parigi.

Ed ora che m’avete costretto a snocciolarvi queste mie buacciolate,
io penso rifarmene a misura di carbone su tutti voi, invitandovi a
trattare, come in famiglia, di cosa che altamente interessa noi tutti:
il linguaggio di mare. È un vecchio tema, e parecchi di voi lo sapete,
che giova omai ripigliare. Il nostro amico sostiene, ed io consento
con lui, che l’Italia ha una lingua navale antichissima, originale, a
cui attinsero tutte le nazioni civili, e che noi dobbiam tener monda
da forestiere sozzure, se, quali di nome, vogliamo essere italiani
anche nelle opere. Ed io fo qui giuramento che a bordo del Maddaloni
non comporterò mai, che s’usino parole e modi diversi da quelli che a
noi somministra la patria favella. Mi parrebbe delitto di lesa nazione.
Posso io fare assegnamento su voi?

_Agostino Tortello._--Rispondo per tutti: tu il puoi. Più volte mi
frullò pel capo il pensiero del debito che lega noi tutti, quello,
cioè, d’affermare l’unità della patria anche nel linguaggio navale
che va a poco a poco sconciandosi per l’assidua intromissione di voci
barbare, mentre si hanno in casa locuzioni a dovizia atte a significare
quanto ragguarda la nostra professione: velatura, manovra, nave,
attrezzi di bordo, fenomeni atmosferici e simili cose. Se le altre
nazioni, io dicea fra me stesso, pongono tanto studio a non usare che
modi dedotti dal corpo della lor lingua, oh perchè gli uomini di mare
italiani non faranno altrettanto? Perchè sopporteranno che una strana
mistura di voci rinnovi a bordo delle lor navi l’esempio della torre di
Babele?

_N.B._--Quà la tua mano. Per tutti i fuochi di Sant’Elmo, tu m’hai
compreso d’un fiato.

_A.T._--Senonchè mi sviò dal tentare qualche cosa in proposito l’idea
del ridicolo che gli uomini di picciola levatura, i quali mal sanno che
lingua vale nazione, avrebbero potuto gittare sovra una proposta, che
vuole essere messa fuori da uomini da ciò, e patrocinata da chi abbia
il mestolo in mano e voce in capitolo.

_Francesco Buzzoni._--Parmi or giunto veramente il tempo accettevole
per tradurre la proposta ad effetto. La parola del general Bixio,
rincalzata dall’autorità de’ patrî scrittori, suona autorevole in alto,
non che presso gli uomini di mare, i quali educati come omai sono alle
scienze e agli studi, agevolmente comprenderanno, che l’unità della
lingua nelle cose marinaresche, è anch’essa una suprema necessità de’
tempi che corrono.

_Emilio Schiaffino._--Altro adunque non resta, che a stringere una lega
fra noi. Nino Bixio se ne ponga a capo; una breve ma efficace scrittura
dimostri alla gente di mare che tanto sente l’amor della patria, ciò
ch’essa attende da loro: si sparga largamente un tale scritto in tutti
i porti della penisola: e al vostro ritorno dalle Indie olandesi vi
sarà dato veder già qualche frutto dell’opera nostra.

_N. B._--Certamente una lega fra gli uomini di mare condurrebbe
spacciatamente allo scopo: ma l’esperienza pur troppo m’ha appreso,
che tornerà malagevole il rannodarla. Non siamo più ai tempi in cui i
Milanesi aveano stretto il patto di non più fumare. Si tenti ad ogni
modo la lega, ma non sia questa la sola via per arrivare la meta.

_E. S._--Che altro dunque proponi?

_N. B._--Se io fossi il ministro sulle cose marittime, saprei ben io
che mi fare. Anzitutto vorrei che i decreti, le leggi, le istruzioni
che escono dal suo dicastero, fossero dettate in istile italiano,
dove ora sono, a quanto mi si dice, una illuvie di voci bastarde; in
secondo luogo vorrei compilare un vocabolario navale, in cui fosse come
stillato il tesoro della lingua di mare, a cui tutti fossero obbligati
attenersi. Sarebbe pane casalingo e fior di farina. Così da parti
diverse si punterebbe per conseguire l’intento.

_A. T._--E questo non fallirà al certo. Sta in nostra balìa l’organare
quanto prima la lega e raccogliere le adesioni de’ capitani; ma quanto
al ministro, gli è un altro par di maniche..... Que’ signori ch’han
mano in pasta, e che d’un cenno potrebbero sgroppare un tal nodo,
sono per lo più tanti _Stiliti_, che non dànno mai volta sulla loro
colonna.... _ N. B._--E noi minerem la colonna, se farà di mestieri,
pur di costringerli a secondarci. Sebbene io non credo ch’e’ faranno
orecchio da mercante, se veramente ci caglia di riporre nel debito
onore la lingua marinaresca. Agitiamo intanto da un capo all’altro
il paese: la lega darà per fermo i suoi risultati, e la volontà
universale farà forza a chi siede al potere. Ma io veggo là il nostro
amico che non aperse ancor becco..... Saresti per avventura discorde da
queste proposte?

_Autore._--Anzi v’applaudo di cuore, e tutto m’offero a voi nella
pochezza delle mie forze. Ambo le vie che disegnate calcare, la lega
e il concorso del ministro sulla marina, paionmi invero opportune; ma
non sieno le sole: altre ben altre ve n’ha, che non devonsi per noi
trascurare.

_N. B._--Carte in tavola adunque; ch’io per me non so dove tu peschi.

_A._--La lingua marinaresca, come v’è noto, non fa difetto in Italia:
si tratta soltanto di darle nuovo vigore; anzichè adulterarla col fango
di parlature straniere. Eccovi perciò due questioni che noi dobbiamo
partitamente trattare. Sapete voi chi va spegnendo in Italia la lingua
navale, anzichè darle nuova giovinezza e incremento? Le scuole. Noi
vantiamo oltre un centinaio di _Istituti Nautici_, ne’ quali, da poche
eccezioni in fuori, si insegna ogni cosa, tranne questa favella. Io
so di Istituti, in cui di lingua marinaresca non si fa neppur caso,
per la sola ragione che il docente non può insegnare quello di cui
egli stesso è digiuno; ne conosco per l’opposto altri, in cui il
maestro restringe l’insegnamento di lettere italiane ai soli autori del
Trecento e al P. Cesari Potenzinterra! Come i poveri alunni trabalzati
dal S. Concordio al Cavalca, dal _Novellino_ allo Ugurgeri, vengan su
grulli, sciatti e bighelloni, circoscritti in un mondo che più non è il
nostro, usanti una lingua che sarà stata oro di copello in altri tempi,
ma ch’è cacio bacato a questi lumi di luna, e per la gente di mare,
lascio che per voi stessi il pensiate. E questi docenti che tradiscono
in tal guisa la gioventù, continuano a spadroneggiare nelle scuole,
anzichè esserne cacciati mille miglia lontano. Non basta. Seguite un
po’ questi giovani nelle altre scuole. Eccovi una mano di professori
che tratta di cose scientifiche: nautica, fisica, attrezzatura, disegno
navale, velatura, astronomia, meteorologia e altre tali. Professori
invero dottissimi; ma pure in tema di lingua sì addietro, che v’hanno
ben pochi, i quali sappiano dare alle disquisizioni scientifiche,
fattezze veramente italiane. Tutti i libri di testo, niuno escluso, o
non sono che sconciature o versioni di libri stranieri fatte in modo
scempio e scapigliato; ovvero trattati originali, ma scritti del paro
nel modo più scriato ed indegno. E intanto i poveri alunni che nulla
san d’italiano, o che soltanto hanno appreso a balbettare le leggiadre
vanità del Trecento, sprofondati per più anni nel pantano de’ libri
di testo, v’attingono una lingua che non è nè carne, nè pesce, nè
italiana, nè francese, nè inglese, ma infarcita di tutte: il caos,
il pandemonio della favella di Nembrot. La verità di quanto affermo
vedetela ne’ risultamenti dei loro esami finali ... Oh! so ben io con
che pettine invece dovrebbe cardarsi la lana ai loro docenti!

_N. B._--La pittura che tu fai delle scuole nautiche è fosca pur
troppo, ma vera. La loro riformazione sarà adunque il terzo espediente
cui dovremo appigliarci per mandare ad effetto il nostro disegno. Ma tu
accennavi anche ad un’altra questione ...

_A._--Io dissi eziandio che urge porre una diga alla infestazione
straniera, che minaccia offuscare la purità del linguaggio navale. A
tal uopo tornerebbe assai profittevole una serie di trattatelli e di
letture, che pel loro tenuissimo prezzo potessero correre per le mani
della gente di mare.

_N. B._--Vi fu, se non erro, chi parecchi anni addietro pose a
concorso un’opera di tal fatta, col titolo--_Il Libro del Marinaio
italiano_--Quel concetto s’ebbe lodi e plausi non pochi: ma i
casi della mia vita non mi concessero di conoscere qual ne fosse
l’effetto[22].

_A._--Quello che poteva allora aspettarsi da una nazione, in cui per
lunga consuetudine le scienze marittime erano assai trascurate e la
lingua marinaresca avuta in dileggio. Del resto la lega fra la gente
di mare, l’azione governativa, la riformazione delle scuole nautiche,
la diffusione di libri popolari: ecco i mezzi efficaci per riporre in
trono una lingua, che fra tutte le lingue tecniche tiene a ragione
il primato, come ricchissima ch’ella è e poetica al sommo. Rozzi se
vuolsi, talora i marinai, non rozza la lingua loro, ma splendida
di bellezze, di immagini figurate, di mille partiti insomma, come
quella ch’è il complesso delle diverse scienze costituenti l’arte del
navigare. I nostri classici riboccano d’allusioni marinaresche, le
arti, le industrie e tutte le discipline s’avvantaggiano di questa
lingua, che meravigliosamente si presta ad arricchire la lingua comune
d’una folla di metafore, di proverbi e di modi smaglianti di vita e di
brio. Essa infatti comprende tutti i vocaboli che si riferiscono ai
fenomeni del mare, dei venti, ai materiali di bordo, alla navigazione,
alle manovre, alla nave, in cui dall’albero in giù tutto è tropi e
traslati....

_N. B._--Piglia un po’ fiato, piglia: o per dirla alla marinaresca,
gitta omai l’àncora, che altrimenti ci farai perdere la tramontana.
Nel tuo inno alla parlata di bordo, toccasti eziandio de’ proverbi....

_A._--N’è infatti ricchissima, come eziandio di sentenze e modi
proverbiali, i più leggiadri ch’io mi conosca.

_N. B._--Ecco, amici, un tema bellissimo e nuovo per chiudere questa
lieta giornata. Marinai, quali siamo, non ci fallirà la materia, e poi
l’un proverbio tirerà l’altro, come le ciliegie.

_A._--Accetto la tua proposta; io m’atterrò alla parte che ragguarda i
modi proverbiali, poichè quanto ai veri proverbi di mare....

_E. S._--Oh! questo poi è affar mio. Non sia mai detto che io abbia per
quaranta anni scopato l’oceano, senza avermene fatto una buona satolla.

_A. T._--Anch’io ne ho in serbo parecchi, che raccolsi nel mio assiduo
contatto co’ vecchi marinai, e che a mia volta potrò scodellarvi.

_N. B._--Or bene: dacchè noi rappresentiamo, può dirsi, le varie
parti d’Italia, avrem per risultato che i nostri proverbi non saranno
esclusivamente municipali. Tu, Mariano, benchè medico, non sei così
nuovo alle cose di bordo, da non sapere gettar lo scandaglio e
orientarti.

_Mariano Saluzzo_.--Farò anch’io le mie prove per prender terra; ad
ogni modo mi trarrete al rimorchio.

_N. B._--Chi spiegherà primo le vele?

_A. T._--Parmi, che ciò s’addica a Schiaffino, il più attempato di
tutti.

_E. S._--Dacchè a me tocca prendere il largo, comincierò con alcuni
proverbi che riferisconsi ai vantaggi del _navigare_.

  _Tre cose fan l’uomo accorto:
  Lite, donna e porto._

                                   *
                                  * *

  _Scienza, casa, virtù e mare
  Molto fan l’uomo avanzare._

                                   *
                                  * *

  _Un uccello di mare ne val due di bosco._

                                   *
                                  * *

  _Chi va e torna, fa buon viaggio._

                                   *
                                  * *

  _Popolo marinaro, popolo libero._

                                   *
                                  * *

  _Chi vuol della roba esca di casa._

                                   *
                                  * *

  _Chi va pel mondo impara a vivere._

                                   *
                                  * *

  _Il sapere ha un piede in terra e l’altro in mare._

                                   *
                                  * *

  _Chi non s’arrischia, non rosica._

                                   *
                                  * *

  _Chi ha passato il guado sa quant’acqua tiene._

                                   *
                                  * *

  _Piè di montagna, porto di mare
  Fanno l’uomo profittare._

                                   *
                                  * *

  _Chi non s’avventura, non ha ventura._

                                   *
                                  * *

  _Chi non sa orare
  Vada in mare a navigare._

E i Veneti:

  _Chi non va per mar
  Dio non sa pregar._

                                   *
                                  * *

  _Chi scappa d’una[23] scappa di cento._

                                   *
                                  * *

  _Il mare fa la fortuna e non le fonti._

                                   *
                                  * *

  _Giornata di mare
  Non si può tassare._

                                   *
                                  * *

  _Abbi fortuna e gettati in mare:_

che se non è compagno compagno, arieggia il noto--_fortuna e dormi_.--

_N. B._--Belli e calzanti davvero! Senonchè manca il loro riscontro.
Il popolo che conservò tanto tesoro di sapienza sui vantaggi della
navigazione, non può avere dimenticato i _pericoli_ che talor ne
derivano.

_E. S._--Farò di rammentarmeli.

  _Loda il mare, ma tienti alla terra._

                                   *
                                  * *

  _Preparati al mare prima d’entrarvi._

                                   *
                                  * *

  _Chi disse navigar disse disagio._

                                   *
                                  * *

  _Mare, fuoco e femmina, tre male cose._

                                   *
                                  * *

  _Meglio chiamar gli osti in terra, che i Santi in mare._

                                   *
                                  * *

  _Chi fa due volte naufragio, a torto accusa il mare._

                                   *
                                  * *

  _Meglio starsi al palo ch’annegare._

                                   *
                                  * *

  _Acqua di mare non porta mai quiete._

                                   *
                                  * *

  _Chi non ha navigato non sa che sia male._

                                   *
                                  * *

  _La fine del corsale è annegare._

                                   *
                                  * *

  _La bellezza, il fuoco e il mare
  Fanno l’uom pericolare._

                                   *
                                  * *

  _Chi vuol viaggiare a stento,
  Metta la prora al vento._

                                   *
                                  * *

 _Chi s’impaccia col vento, si trova colle mani piene d’aria._

                                   *
                                  * *

  _Chi semina vento raccoglie tempesta._

                                   *
                                  * *

  _Acqua e pane, vita da cane:
  Pane ed acqua, vita da gatta._

                                   *
                                  * *

  _Uom di mare oggi ricco e doman povero._

                                   *
                                  * *

  _Nuotare e nuotare e alla spiaggia affogare[24]._

                                   *
                                  * *

  _Ogni cosa si sopporta, eccetto il buon tempo._

Risponde al toscano--_Il troppo dolce stomaca_:--e al veneziano--_ogni
bel balo stufa_.

  _Dal mare, sale: e dalla donna, male._

                                   *
                                  * *

  _Se ho da annegare, vo annegarmi in mar grande._

                                   *
                                  * *

  _Chi entra nel fiume, o lo passa, o la croce:_

cioè v’annega.

  _In tempo di tempesta ogni scoglio è porto._

                                   *
                                  * *

  _Chi sa navigare va al fondo, chi non sa, anche._

                                   *
                                  * *

  _Chi sputa contro il vento, si sputa nel viso._

                                   *
                                  * *

  _Chi ha beuto al mare, può bere alla pozza._

                                   *
                                  * *

  _Chi è portato giù dall’acqua
  S’abbranca ad ogni spino._

E in qualche luogo:

  _Chi s’affoga si attaccherebbe a’ rasoi._

A Costantinopoli:

 _Chi casca nell’acqua s’abbraccia anche al serpente._

                                   *
                                  * *

  _Chi discioglie le vele a più d’un vento
  Arriva spesso a porto di tormento._

Terminerò con alcuni che corrono sui litorali dell’Adriatico:

  _Vento potente, fote la corrente:_

e vale: col vento gagliardo le barche a vela giungono a superar la
corrente contraria.

  _I temporai più grossi vien a l’improvviso._

                                   *
                                  * *

  _Co sbala la tempesta, se desmentega il temporal._

                                   *
                                  * *

  _Chi xe in mar, naviga: chi sta in tera, radega[25]._

_N. B._--I tuoi motti m’hanno aperto la vena, sì che mi par mille anni
di sfringuellarvene alcuni che han tratto alla _nave_.

_A. T._--Siam tutti orecchi a sentirli.

  N. B. _Ben diremo, ben faremo:
  Mal va la barca senza remo[26]._

                                   *
                                  * *

  _Fama vola e nave cammina._

                                   *
                                  * *

  _Due capitani: nave ne’ scogli._

                                   *
                                  * *

  _Vascello torto, purchè cammini dritto._

                                   *
                                  * *

  _Casa senza amministrazione, nave senza timone._

                                   *
                                  * *

  _Chi ha danari fa navi._

                                   *
                                  * *

  _Gran nave vuol grand’acqua._

                                   *
                                  * *

  _Gran nave, gran pensiero:_

Consuona col noto:

  _Chi ha terra, ha guerra._

                                   *
                                  * *

  _Nave senza timon va presto al fondo._

                                   *
                                  * *

  _A nave rotta ogni vento è contrario._

                                   *
                                  * *

  _Vecchia nave, ricchezza del padrone._

                                   *
                                  * *

  _Non giudicar la nave stando a terra._

                                   *
                                  * *

  _In nave persa tutti son piloti._

                                   *
                                  * *

 _Tre cose son facili a credere: uomo morto, donna gravida e nave
 rotta._

                                   *
                                  * *

  _Donna, cavallo e barca
  Son di chi le cavalca._

                                   *
                                  * *

  _Dove va la nave, può ire il brigantino[27]._

                                   *
                                  * *

  _Un po’ di bene e un po’ di male tien la barca dritta._

                                   *
                                  * *

  _Quando il ciel bello varia
  Convien darle dell’aria._

                                   *
                                  * *

  _Dove può andare barca, non vada carro._

                                   *
                                  * *

  _Nave genovese, mercante fiorentino._

                                   *
                                  * *

  _Chi in mar la barca abbriva,
  Sta con un piè alla riva._

                                   *
                                  * *

  _Senza barca non si naviga._

                                   *
                                  * *

  _A tal nave, tal battello._

                                   *
                                  * *

  _Per un peccatore perisce una nave._

                                   *
                                  * *

  _Naviglio ed acqua, febbre bella e fatta._

                                   *
                                  * *

  _Chi non unge non vara._

                                   *
                                  * *

  _La bandiera cuopre la mercanzia._

                                   *
                                  * *

  _Ogni nave fa acqua._

                                   *
                                  * *

  _Chi non rassetta il buchino, rassetta il bucone._

                                   *
                                  * *

 _Chi s’è imbarcato col diavolo, ha da stare in sua compagnia._

                                   *
                                  * *

  _Tira più un pel di femmina,
  Che gomena di nave._

Nè i Veneti ne van privi. Uditene alcuni:

 _Chi mete pègola nella barca de altri, perde pègola e barca._

                                   *
                                  * *

  _Barca neta non guadagna._

                                   *
                                  * *

  _A barca sfondada ne ghe vol sèssola[28]._

                                   *
                                  * *

  _Quando la barca va, ogni cojon la para._

                                   *
                                  * *

  _Barca ligada, no fa strada._

                                   *
                                  * *

  _El vento no è bon se no da menar navi e galie._

                                   *
                                  * *

  _A barca rota, ogni vento xe fortuna._

                                   *
                                  * *

  _A barca desperà Dio trova il porto._

                                   *
                                  * *

  _Barca rota, conti fatti._

                                   *
                                  * *

  _Dai e dai, la barca arriva ai pai:_

E vale: chi la dura, la vince.

  _Bastimento non sta senza saorda[29]._

_A. T._--Degni invero di porsi in brigata co’ primi. Eccone alcuni
altri, men belli forse, ma pratici assai. Riguardano _nocchieri e
piloti_.

  _Argomento al nocchier son le procelle._

                                   *
                                  * *

  _Il buon nocchiero muta vela, ma non tramontana._

                                   *
                                  * *

  _Accerta il corso e poi spiega le vele._

Ovvero:

  _Ognun sa navigar quando è buon vento._

                                   *
                                  * *

  _Chi ha buon tempo navighi:
  E chi ha denari fabbrichi._

                                   *
                                  * *

  _Vento in poppa, mezzo porto._

                                   *
                                  * *

  _Vento in poppa, vele al largo._

                                   *
                                  * *

  _Secondo il vento, la vela._

                                   *
                                  * *

  _Chi non teme, pericola._

                                   *
                                  * *

  _Chi non s’aiuta, s’annega._

                                   *
                                  * *

  _Di molti piloti: barca a traverso:_

Ovvero:

  _Due piloti affondan la barca._

                                   *
                                  * *

  _Chi mal naviga, mal arriva._

                                   *
                                  * *

  _Bisogna navigar secondo il vento[30]._

                                   *
                                  * *

  _Chi naviga controvento, convien stia sulle volte._

                                   *
                                  * *

  _Chi guarda le nuvole, non fa viaggio._

                                   *
                                  * *

  _Tutti vogano alla galeotta[31]._

                                   *
                                  * *

  _Altro è vogare: altro arrivare._

                                   *
                                  * *

  _Il mondo è fatto a tondo:
  Chi non sa navigare va in fondo._

                                   *
                                  * *

  _È un cattivo andare contro la corrente._

                                   *
                                  * *

  _Gran laguna fa buon porto._

                                   *
                                  * *

  _Chi ha da navigare guardi il tempo[32]._

                                   *
                                  * *

 _Più vale un sol remo che sia indietro, che dieci che vanno
 avanti[33]._

                                   *
                                  * *

 _Tra corsale e corsale non si perde che i barili vuoti._

                                   *
                                  * *

  _In tempo di burrasca ogni tavola basta._

                                   *
                                  * *

  _Isola fa porto[34]._

                                   *
                                  * *

  _Buono studio rompe ria fortuna:_

Motto che i nostri storici riferiscono a quella birba di Carlo d’Angiò:
e risponde al--_cor forte, rompe cattiva sorte_.--

Or viene la tua volta, Buzzoni.

_F. B._--Dacchè non poss’io sgabellarmene, dirò de’ _marinai_.

 _L’arte del marinaio, morire in mare: l’arte del mercante, fallire._

                                   *
                                  * *

  _Il buon marinaio si conosce al mal tempo._

                                   *
                                  * *

  _O polli o grilli: o principe o marinaio._

                                   *
                                  * *

  _Barca rotta: marinaio scapolo[35]._

                                   *
                                  * *

  _Chi è oste o fornaio e fa il barcarolo,
  Dato gli sia d’un mazzuolo._

                                   *
                                  * *

  _Promesse di barcaroli e incontro d’assassini,
  Costano sempre quattrini._

                                   *
                                  * *

  _Montagnini e gente acquatica,
  Amicizia e poca pratica._

                                   *
                                  * *

  _Giuramenti d’amore, giuramenti da marinaio._

                                   *
                                  * *

  _I marinai son come la luna:
  In tutti i paesi ce n’han una._

E ricordo d’aver udito in Venezia:

  _Un bravo trabaccolante xe un bravo vassellante._

                                   *
                                  * *

  _Chi vol sentire el tibidoi,[36]
  Vaga dove che ghe xe done e barcarioi._

E per la laguna si canta:

  _L’amor del mariner no dura un’ora:
  Per tutto do’ ch’el va, lu s’inamora;
  E se l’amor del mariner durasse
  No ghe sarave amor che ghe impatasse._

_N. B._--Bravo, il mio Buzzoni. Ma chi tratta del _mare_? Se il nostro
Tortello che lo misurò in ogni più remota sua parte. ..

_A. T._--Pronto a’ tuoi cenni.

  _Chi è padrone del mare è padrone della terra._

_N. B._--Anche questo, per Dio, avrebbero i nostri reggitori dovuto
imparare dal popolo.

_A. T._--Oh, non sai tu a che lumi si vive? Ma lasciami, via,
continuare.

  _Chi scapita in mare, scapita in terra._

_N. B._--Vero pur troppo. L’infamia di Lissa costò ben cara all’Italia.
Ma tira via, tira via, ch’a questo pensiero sento abbruciarmi il
cervello.

  _A. T. Il mondo è come il mare:
  E’ vi s’affoga chi non sa nuotare._

                                   *
                                  * *

  _Chi teme acqua e vento, non si metta in mare._

                                   *
                                  * *

  _Il mare è fatto a viottoli._

                                   *
                                  * *

  _Chi in terra giudica, in mare naviga._

                                   *
                                  * *

  _El mar xe ’l facchin de la tera._

                                   *
                                  * *

  _Chi sa nuotar non se lo scorda mai._

                                   *
                                  * *

  _Come ogni acqua vien dal mare,
  Così ogni acqua torna al mare._

                                   *
                                  * *

  _Non mettere e cavare,
  Si seccherebbe il mare._

Risponde al

  _Leva e non metti, ogni gran monte scema._

                                   *
                                  * *

  _Che il tristo manda al mare
  Non aspetti il suo tornare._

                                   *
                                  * *

  _Chi vuol tôrre a mattonare il mare
  Perde il tempo ed i sassi._

                                   *
                                  * *

  _Chi casca in mare e non si bagna,
  Paga la pena[37]._

                                   *
                                  * *

  _Per mare non ci stanno le taverne._

                                   *
                                  * *

_Quei che con l’acqua mischia e guasta il vino, Merta di bere il mare a
capo chino._

_A._--Forse anche l’_acqua_ offrirebbe alcune leggiadre sentenze.

  _Nè moglie, nè acqua, nè sale,
  A chi non te ne chiede non gliene dare._

                                   *
                                  * *

  _Ogni piè d’acqua immolla._

                                   *
                                  * *

  _Onda che si piega, si riversa._

                                   *
                                  * *

  _Ogni trista acqua cava la sete._

Ovvero:

  _Ad ogni gran sete ogni acqua è buona._

E Dante:

  _È nettare per sete ogni ruscello[38]._

                                   *
                                  * *

  _Acqua che non si move, marcisce._

Ed anche:

  _Acqua cheta, vermi mena._

                                   *
                                  * *

  _Si passa l’acqua dove è più sottile._

                                   *
                                  * *

 _Se ho da affogare, vorrei affogare nell’acqua chiara._

                                   *
                                  * *

  _Acqua cheta rovina i ponti._

                                   *
                                  * *

  _Dove non si crede, l’acqua rompe._

                                   *
                                  * *

  _Acqua passata, non macina più._

                                   *
                                  * *

  _Acqua torba non fa specchio._

                                   *
                                  * *

  _Acqua chiara non fa colmata._

                                   *
                                  * *

  _Ogni secchio non attinge acqua._

                                   *
                                  * *

  _Guardati dalle acque chete[39]._

                                   *
                                  * *

  _In cento anni e in cento mesi
  L’acqua torna a’ suoi paesi._

                                   *
                                  * *

  _Acqua che corre non porta veleno._

                                   *
                                  * *

  _Piccola spugna ritiene molta acqua._

                                   *
                                  * *

  _Abbila per certa e tientela per cara,
  Che il fiume non s’ingrossa d’acqua chiara._

_N. B._--Non so invero saziarmi d’udir tante e sì nervose sentenze, che
mostrano aperto essere il popolo il più savio di tutti i filosofi. Ma
molto più resta a dirsi, e la _pescagione_ darà campo a Schiaffino a
gittar le sue reti.

_E. S._--Per me non rimanga, dacchè lo volete, purchè alcuno di voi
venga quindi a darmi una mano.

  _Chi dorme non piglia pesci._

                                   *
                                  * *

  _Invan si pesca, se l’amo non ha l’esca._

                                   *
                                  * *

  _Chi non ha sorte non vada a pescare._

                                   *
                                  * *

  _Non è l’amo nè la canna,
  Ma gli è il cibo che l’inganna._

                                   *
                                  * *

  _Chi tende a la pesca, poco tresca._

                                   *
                                  * *

  _Chi pesca a canna,
  Perde più che non guadagna._

                                   *
                                  * *

  _Chi pesca a togna,[40]
  Perde più che non bisogna._

                                   *
                                  * *

  _Chi va dietro a pesce e a penne
  In questo mondo mal ci venne._

Risponde a quei de’ Veneziani:

  _Pesca e oselin fa l’omo meschin._

                                   *
                                  * *

  _Nè oselador, nè pescador porta tabaro._

                                   *
                                  * *

  _Per la gola si pigliano i pesci._

                                   *
                                  * *

  _Pesce che va all’amo,
  Cerca d’esser gramo._

                                   *
                                  * *

  _A fiume torbido, guadagno di pescatore._

                                   *
                                  * *

  _Al levar delle nasse si vedrà la pesca._

                                   *
                                  * *

  _Il beccaio non ama il pescatore._

                                   *
                                  * *

  _Chi vuol pesce, uopo è s’immolli._

Ovvero:

  _Chi pesce vuol mangiare
  Le brache s’ha a bagnare._

                                   *
                                  * *

  _Non si vende il pesce ch’è ancor in mare[41]._

                                   *
                                  * *

  _Quando il pesce viene a riva,
  Chi nol prende e’ torna via._

                                   *
                                  * *

  _Tal tende la rete che pesci non piglia._

                                   *
                                  * *

  _È un di più tender bene
  Se la rete non tiene._

                                   *
                                  * *

  _In acque senza pesci non gettar rete._

                                   *
                                  * *

  _Nelle grandi acque si pigliano i pesci._

                                   *
                                  * *

  _Chi non ha saputo tirar la rete, suo danno._

                                   *
                                  * *

  _Chi pesca in fretta, spesso piglia de’ granchi._

                                   *
                                  * *

  _Senza l’esca l’amo non piglia._

                                   *
                                  * *

  _Cento cale e cento pesci;
  Una le paga tutte[42]._

                                   *
                                  * *

  _I pesci grossi stanno al fondo._

                                   *
                                  * *

  _A pescespada non far bere il caffè[43]._

                                   *
                                  * *

  _Come l’anguilla ha preso l’amo,
  Convien che vada dov’ell’è tirata._

                                   *
                                  * *

  _Anche al buon pescator scappa l’anguilla[44]._

                                   *
                                  * *

  _Tener l’anguilla per la coda,_

cioè, aver per le mani cosa che non può condursi a buon termine; onde
l’adagio:

 _Chi piglia l’anguilla per la coda e la donna per la parola, può dire
 di non tener nulla._

                                   *
                                  * *

 _Fa il bene e buttalo in mare; se non te lo riporta la gente, te lo
 riporta il pesce._

Se ad alcuno di voi piacesse darci il resto del carlino....

_F. B._--Volentieri.

  _Sul tardi i muggini toccano[45]._

                                   *
                                  * *

  _Non v’è lin senza resca,
  Nè acqua senza pesca._

                                   *
                                  * *

  _I pesci grossi mangiano i piccoli._

                                   *
                                  * *

  _Dal mar salato nasce il pesce fresco._

                                   *
                                  * *

  _Quando il grano abbonda, il pesce affonda:
  Quando il grano affonda, il pesce abbonda[46]._

                                   *
                                  * *

  _Non v’ha pesce senza lisca._

                                   *
                                  * *

  _Pesce che scappa par più grande._

                                   *
                                  * *

  _Un pesce in mano val meglio che un pesce in mare._

                                   *
                                  * *

  _Chiaro di luna guasta il pesce[47]._

                                   *
                                  * *

  _Un occhio al pesce e un altro alla gatta._

                                   *
                                  * *

  _L’ospite e il pesce in tre giorni puzza[48]._

                                   *
                                  * *

  _Meglio esser capo di luccio che coda di storione._

Ovvero:

  _Meglio esser testa d’anguilla che coda di storione._

Consuonano coll’Istriano:

  _Megio paron de caìcio, che mozzo di vassel[49]._

E col genovese:

  _Megio padron di gotazza che garzon di nave._

                                   *
                                  * *

  _Val più un’oblata che cento paraghi[50]._

                                   *
                                  * *

  _Chi lavora mangia un’acciuga, chi non lavora, due._

                                   *
                                  * *

  _Il pesce guasta l’acqua, ma la carne la concia._

                                   *
                                  * *

  _Meglio porco che pesce._

                                   *
                                  * *

  _Il pesce comincia a putir dal capo[51]._

                                   *
                                  * *

  _Carne al sole e pesce all’ombra._

                                   *
                                  * *

  _La carne fa carne e il pesce fa vesce._

                                   *
                                  * *

  _Pesce cotto e carne cruda:
  Carne giovane e pesce vecchio:
  Pesce in mare e carne in terra._

                                   *
                                  * *

  _Nè carpione, nè cappone
  Non perde mai stagione._

                                   *
                                  * *

  _Coda di pesce, testa di sermone._

                                   *
                                  * *

 _Quanto è pesce in mare, non farebbe una candela di sego[52]._

E nel Veneto:

  _Chi magna schile, ghe vien le gambe sutile._

E cesso per

  _Non saper più che pesci pigliare._

_N. B._--Volerne!

  _Il pesce va mangiato quando è fresco[53]._

                                   *
                                  * *

  _Chi ha pesce, cammini[54]._

                                   *
                                  * *

  _A buon’ora in pescheria
  E assai tardi in beccheria._

                                   *
                                  * *

  _Dove è acqua, ivi è anche pesce._

                                   *
                                  * *

  _Chi non sa cuocere il pesce, l’arrostisca._

                                   *
                                  * *

  _Fra i pesci, il rombo: fra i quadrupedi, il lepre[55]._

                                   *
                                  * *

  _Chi mangia il pesce, rende le lische._

                                   *
                                  * *

  _Chi mangia cacio e pesce,
  La vita gli rincresce._

                                   *
                                  * *

  _Quattro cose vuole il pesce:
  Fresco, fritto, fermo e freddo._

E in alcuni luoghi:

  _Tre f. vuole il pesce: fresco, fritto e freddo._

                                   *
                                  * *

 _Tre cose son buone al mezzo: il vino, il formaggio e il pesce._

                                   *
                                  * *

  _Sui pesci, mesci._

E il mio tinello non sa spillarvi altro vino.

_E. S._--Saporito davvero. Io m’avvisava di avervi dato i più leggiadri
proverbi sui pesci, ma la giunta supera d’assai la derrata. È proprio
il caso di dire:

  _Quand’io credea d’avere il vento in poppa,
  Mi trovai fatta la barba di stoppa._

_A. T._--Un ne udii in più luoghi dell’alta Italia in forma di dialogo
fra la tinca ed il luccio:

  _Taci, taci, tenca rugginente:
  Chè chi mangia di te tutto il dì febbre sente._

A cui la tinca risponde:

  _È meglio la mia testa che il tuo busto._

E presso a poco nel Veneto:

  _--Tenca, tenca de pantan,
  Chi te magna no xe san._

  _--Luz, luz, val pù la mia testa che il to bust._

E poichè siamo tra i Veneti, non vi gravi udire questi altri:

  _Rede sbusada, picola pescada._

                                   *
                                  * *

  _Co ’l pesce fa bianco l’ocio,
  Xe segno che l’è coto._

                                   *
                                  * *

  _Chi magna carpion, no xe babion._

                                   *
                                  * *

  _Sfogio e barbon, no perde mai stagion._

                                   *
                                  * *

  _Del barbon la testa x’l megio bocon._

                                   *
                                  * *

  _Tenca in camisa, luzzo in pelizza[56]._

                                   *
                                  * *

  _Quando la segala fiorisse, i gamberi olisse._

                                   *
                                  * *

  _I gamberi xe boni nei mesi dell’erre._

                                   *
                                  * *

  _In mancanza de’ gamberi xe boni anco le zate[57]._

                                   *
                                  * *

  _Magnà i gamberi se ciuca le zate._

                                   *
                                  * *

  _Le done, i cani e ’l bacalà,
  Perchè i sia boni i ghe vol ben pestà._

                                   *
                                  * *

 _Pescar a bacheta, oselar a çiveta e camminar sul sabion, xe tre gusti
 da cogion._

                                   *
                                  * *

  _Pescador e sonador de violin,
  A la fin de l’an no i ghe n’ha più un quatrin._

_A._--Consentitemi prima di chiudere la rubrica del gregge,

  . . . che il fresco erboso fondo
  Del liquido cristallo alberga e pasce[58]

ch’io aggiunga, a mo’ di coda, due proverbi antichissimi, l’un cavato
da Francesco da Barberino che suona:

  _A pelago lodato non pescare;_

e vale, che le cose da tutti stimate buone, sono da molti occupate; e
un secondo che trovo nelle poesie di Bindo Bonichi, rimatore pur esso
del secolo XIII, cioè:

  _Piace alla gatta il pesce, ma nol pesca[59]._

Nello stesso autore leggo pure quest’altro, sebbene nulla abbia a che
fare co’ pesci:

  _Folle è chi sa nuotar se cerca fondo._

_N. B._--E’ parmi che poco altro v’abbia ad aggiungersi in questa
materia. Senonchè fu da noi lasciato da banda un tema bellissimo, che
io ritengo fecondo d’argute sentenze. Su via, dottor Mariano, sciogli
la tua parlantina, e dinne dei _pronostici e segni del tempo_.

_M. S._--Tanto m’è bel quanto a te piace:

tanto più che da qualche tempo vo’ raccogliendo siffatte sentenze,
nell’intento di porre a riscontro la scienza del volgo coi risultati
della metereologia. E, a parlar tondo, entrai nella convinzione, che il
popolo in questo tema avanza i dotti di assai.

  _Tramontana torba e scirocco chiaro,
  Tienti all’erta, o marinaro._

                                   *
                                  * *

  _Vento a libeccio: nè pane, nè neccio._

                                   *
                                  * *

  _Quando il tempo è reale,
  Tramontana il mattino, la sera maestrale._

                                   *
                                  * *

  _Tramontana non buzzica
  Se il marin non la stuzzica._

                                   *
                                  * *

  _Levante chiaro e tramontana scura,
  Buttati in mare e non aver paura._

                                   *
                                  * *

  _Nuvole grosse, vento a mucchi._

                                   *
                                  * *

  _Piove e fa sole: nozze del diavolo._

                                   *
                                  * *

  _Piccola pioggia fa cessar gran vento[60]._

                                   *
                                  * *

  _Nuvolette al mare, acqua alla montagna._

                                   *
                                  * *

 _Quando le nubi ascendono dal mare, non uscir di porto._

                                   *
                                  * *

  _Quando il tempo è in vela,
  Ogni nuvol porta sereno._

                                   *
                                  * *

  _Nuvola vagante acqua non porta._

                                   *
                                  * *

 _Quando le nuvole vanno per su, l’acqua viene per giù._

                                   *
                                  * *

  _Chi guarda ad ogni nuvola, non fa viaggio._

                                   *
                                  * *

  _Del mar le pecorelle
  Annunzian le procelle._

Ovvero:

  _Cielo a pecorelle,
  Acqua a catinelle._

                                   *
                                  * *

  _Quando il cielo è fatto a pani,
  Se non piove oggi, piove domani._

                                   *
                                  * *

  _Aria rossa, o che piove, o che buffa._

                                   *
                                  * *

  _Arco di sera, buon tempo spera._

                                   *
                                  * *

  _Arco in mare, buon tempo vuol fare._

                                   *
                                  * *

  _Arco in terra, il cielo in guerra._

                                   *
                                  * *

  _La bonaccia, tempesta minaccia._

                                   *
                                  * *

  _Seren fatto di notte
  Non val tre pere cotte._

                                   *
                                  * *

  _Pallidezza nel nocchiero
  Di burrasca segno vero._

                                   *
                                  * *

 _Se l’iride si vede la mattina Badate che il mal tempo s’avvicina._

                                   *
                                  * *

 _Il pesce guizza a fior d’acqua: pioggia imminente._

                                   *
                                  * *

  _Quando nel fosso salta la scardova, pioggia._

                                   *
                                  * *

  _Montagna chiara e marina scura,
  Sciogli le vele e non aver paura._

                                   *
                                  * *

  _Greco in mare, greco in tavola, greco,[61]
  Non avere a far seco._

E in qualche porto:

  _Chi si fida di greco
  Non ha il cervello seco._

                                   *
                                  * *

  _Greco, nè buon uomo, nè buon vento._

                                   *
                                  * *

  _Apparso è il delfino; acqua fia._

Al qual pronostico accennava anche Dante, cantando:

  Come i delfini quando fanno segno
  Ai marinar con l’arco della schiena,
  Che s’argomentin di campar lor legno[62].

                                   *
                                  * *

  _Nessun si fidi del tempo sereno._

Ovvero:

  _Chi suol far del seren troppo gran festa
  Avrà doglia maggior nella tempesta._

A questi proverbi che son proprî di tutti i volghi italiani, ne
aggiungo alcuni altri sol proprî dell’Adriatico.

  _Da Santa Caterina varda la marina._

                                   *
                                  * *

  _Nuvole verdoline e negrete, tempesta e saete._

                                   *
                                  * *

  _De istà, varda il fonte; de inverno, il monte[63]._

                                   *
                                  * *

 _Quando se vede ’l mazoran, se la piova no vien ancò, la vien
 doman[64]._

                                   *
                                  * *

  _Sete, oto e nove,
  L’aqua non se move:
  Venti, ventiun e ventidò,
  L’aqua no va nè in su, nè in zò[65]._

_N. B._--E della _luna_, cui tanto attende la gente di mare, neppure un
zinzino?

_M. S._--Io ci veniva pur ora.

  _Luna in piedi, marinai coricati:
  Luna coricata, marinai in piedi._

                                   *
                                  * *

  _Cerchio lontano, acqua vicina:
  Cerchio vicino, acqua lontana._

                                   *
                                  * *

  _Ponente, tramontana si risente._

                                   *
                                  * *

  _A luna scema non salare
  Se tu vuoi risparmiare._

                                   *
                                  * *

  _Ogni granchio ha la sua luna._

                                   *
                                  * *

  _Quando la luna è tonda, i granchi son pieni._

                                   *
                                  * *

  _Luna mercurina,
  Tutto il ciel ruina[66]._

                                   *
                                  * *

  _Al fare, in mare: al tondo, in terra[67]._

E i Veneti:

  _Al far, in mar; al tondo, in porto,
  Açiò che la quintadecima no te fazza torto[68]._

_A._--Or che di proverbi n’avete una buona stampita, vi darò un
saggio di modi proverbiali, ch’andai registrando nel mio taccuino, i
quali dimostrano quanto la lingua comune s’avvantaggi della lingua
marinaresca. E’ son di uso giornaliero fra noi, e vigorosi di nerbo e
di brio.

_N. B._--Slazzera dunque i tuoi modi.

_A._--A un patto, che quando v’avrò stracchi abbastanza, m’accenniate
d’_ammainare le vele_. Aggiungerò qualche breve mia notarella per
ischiarire le dizioni men note.

  _Mettersi in panna;_ vale esitare.

                                   *
                                  * *

  _Pigliare il vento colle reti._

                                   *
                                  * *

  _Nave senza biscotto._ Uom senza denari.

                                   *
                                  * *

  _Insegnare a nuotare a’ pesci[69]._

                                   *
                                  * *

  _Lasciarsi levare in barca._ Ingannare.

                                   *
                                  * *

  _Pescar nel torbido._

                                   *
                                  * *

  _Nuotar fra due acque._

Ovvero:

  _Appoggiarsi a due àncore[70]._

                                   *
                                  * *

  _Fare un buco nell’acqua._

                                   *
                                  * *

  _Menar la barca secondo il meridiano d’alcuno._

                                   *
                                  * *

  _Ire a bastonare i pesci[71]._

                                   *
                                  * *

  _Lavorar nell’acqua._

                                   *
                                  * *

  _Annegare in secco._

                                   *
                                  * *

  _Pagar di scotta._ Fuggire lasciando dei debiti.

                                   *
                                  * *

  _Menar la barca a riva._

                                   *
                                  * *

  _Pesce d’aprile._

                                   *
                                  * *

 _Pescare per il proconsole._ Fare opera non retribuita d’alcuna
 mercede.

                                   *
                                  * *

  _E’ darebbe fondo a una nave di sughero._

                                   *
                                  * *

 _Tempesta senz’acqua._ Si dice di coloro che mangiano senza bere.

                                   *
                                  * *

  _Il vino non ha timone._

                                   *
                                  * *

 _Mettere la prua addosso a qualch’uno._ Perseguitarlo.

                                   *
                                  * *

  _Filar per occhio._ Scomparire.

                                   *
                                  * *

  _Vedere i tonni._ Avere buone carte in mano.

                                   *
                                  * *

  _Trar acqua dalle spugne._

E Dante:

  _Trassi dall’acqua non sazia la spugna[72]._

                                   *
                                  * *

  _Non è poi un mare a bere._

                                   *
                                  * *

  _Affogare in un bicchier d’acqua._

                                   *
                                  * *

  _Non troverebbe acqua nel mare._

E in qualche luogo:

  _Se andasse al mare, il troveria secco._

                                   *
                                  * *

  _Portar acqua al mare e legna al bosco._

                                   *
                                  * *

 _Marinaio d’acqua dolce._ Dicesi di un soldato che mai non fu esposto
 a’ pericoli.

                                   *
                                  * *

  _E’ darebbe in un occhio di pesce._

                                   *
                                  * *

  _Star con gli occhi al pennello._ Star all’erta.

                                   *
                                  * *

 _Lasciar correre il pesce._ Lasciar ch’altri si metta a qualche
 repentaglio, senza aiutarlo a cavarsene.

                                   *
                                  * *

 _Andar coll’insegna sulla gaggia._ Si dice di chi vuol fare il grande
 e filar del signore.

                                   *
                                  * *

 _Andare colla vela a mezz’arbore._ Si dice di chi s’appaga del
 mediocre.

                                   *
                                  * *

  _Andar colle vele basse._ Atteggiarsi a umiltà.

                                   *
                                  * *

  _La vela è piena._ Prosperità al colmo.

                                   *
                                  * *

  _Andare a veder pescare la gatta._

_N. B._--Bellissimi tutti; ma quest’ultimo non mi entra affatto. Che
vale?

_A._--Si dice di chi lascia d’attendere a’ suoi negozi per gire a
qualche sollazzo.

  _Uno a levante e l’altro a ponente._

Od anche:

  _Ostro e tramontana._

                                   *
                                  * *

  _Son calate le acque._ È cessata la furia.

                                   *
                                  * *

  _Nol troveria la carta da navigare._

                                   *
                                  * *

  _Egli ha un buon friggere i pesci._

                                   *
                                  * *

  _Tenere i panni a chi nuota._

_M. S._--E questo che indica?

_A._--Chiedilo al latino: _e terra spectare naufragium_.

                                   *
                                  * *

  _Vo’ sapere in quanti piè d’acqua sono._

                                   *
                                  * *

  _Promettere mari e monti._

                                   *
                                  * *

  _Lasciar andar l’acqua alla china._

                                   *
                                  * *

  _S’intende acqua e non tempesta._

                                   *
                                  * *

 _Tener l’amo pendente._ Vale tener l’arco teso: cogliere il destro;
 forse tratto da Ovidio: _semper tibi pendeat hamus_[73].

                                   *
                                  * *

 _Qui bisogna bere o affogare._ Accettare un mal minore per cansarne un
 più grave.

                                   *
                                  * *

  _Perdere la tramontana, la bussola..._

                                   *
                                  * *

 _Tu hai trovato la stiva._ Cioè, m’hai dato nell’umore.

                                   *
                                  * *

  _I granchi soglion mordere le balene._

                                   *
                                  * *

 _Pescar ne’ rigagnoli:_ per significar la sciocchezza di chi pon mano
 a cosa, da cui non può cavar cica di bene.

                                   *
                                  * *

  _Egli è arenato._

                                   *
                                  * *

  _Nol laveria quant’acqua corre al mare._

                                   *
                                  * *

  _Gettare il giacchio tondo._ Pigliar tutto.

                                   *
                                  * *

 _Caricar l’orza, o il burchio._ Mangiar molto, empier l’epa.

                                   *
                                  * *

  _Al tempo che le scardove eran pesce._

                                   *
                                  * *

  _Fuor, fagiuoli; chè vi ha a venir lamprede._

                                   *
                                  * *

  _Pestar l’acqua nel mortaio._

                                   *
                                  * *

_M’apparve il fuoco di Sant’Ermo,_ ch’esprime lo scorgere tra un grave
pericolo un pronto soccorso. Ond’è che Ariosto cantava:

    Stero in questo travaglio, in questa pena
  Ben quattro giorni e non avean più schermo:
  E n’avria avuto il mar vittoria piena,
  Poco più che il furor tenesse fermo;
  Ma diede speme lor d’aria serena
  La desiata luce di Sant’Ermo,
  Che in prua d’una cocchina a por si venne,
  Chè più non v’eran arbori, nè antenne[74].

_E. S._--Affè ch’io non potea credere che la lingua comune traesse sì
acconci partiti e sì vaghi traslati dalle cose di mare.

_A._--E’ ce ne ho ancora una serqua, ma se devo sciare.....

_N. B._--Che dici? Ancora un’arrancata.

_A._--Sie, sie.

  _La va da galeotto a marinaro._

                                   *
                                  * *

  _Navigar contr’acqua._

                                   *
                                  * *

  _Montar la corrente[75]._

                                   *
                                  * *

  _Dar negli scogli._

                                   *
                                  * *

  _Dar l’ultimo tuffo._

                                   *
                                  * *

  _Andar colla corrente._

                                   *
                                  * *

_Far forza di remi e di vele._ Cioè con ogni possa. E Dante nel senso
istesso:

  Chè qui è buon con le vele e co’ remi,
  Quantunque può ciascun, pinger sua barca[76].

  _Uom di facile abbordo._

                                   *
                                  * *

  _E’ lo sanno persino i pesciolini._

                                   *
                                  * *

  _E’ non pesca troppo a fondo._

                                   *
                                  * *

 _Cavar l’acqua dalla pietra pomice._ Risponde al noto:--_cavar sangue
 da una rapa_.--

                                   *
                                  * *

  _Andar per acqua col crivello._

                                   *
                                  * *

  _E’ naviga per perduto._

                                   *
                                  * *

 _Non dar nè in tinche, nè in ceci_: si dice di tale che nulla valga a
 conchiudere; cioè sei grullo al par d’una tinca, e vali meno d’un cece.

                                   *
                                  * *

  _È uomo che sa uscir da ogni mare._

                                   *
                                  * *

  _Vuotare il mare con un cucchiaio._

                                   *
                                  * *

  _Non so in quali acque mi peschi._

                                   *
                                  * *

_Trovare alcun di vela._ Disposto a far servizio. E la vela porge altri
infiniti traslati, come _vela dell’orazione_ che leggesi in Tullio[77];
_vela del desiderio_ in Ovidio[78]; e Dante più arditamente:

    Per correr miglior acqua alza le vele
  Omai la navicella del mio ingegno,
  Che lascia dietro a sè mar sì crudele[79].

Proseguo:

  _Ministrar vino a’ pesci._

                                   *
                                  * *

  _E’ par sempre il mal tempo._

                                   *
                                  * *

  _Non giova il dire: di tal’acqua non bevo._

                                   *
                                  * *

  _Zappare in rena o in acqua._

                                   *
                                  * *

  _Voltarsi ad ogni vento._

                                   *
                                  * *

  _Non istare a ripescar queste cose._

                                   *
                                  * *

  _Voler sempre stare a galla._

                                   *
                                  * *

  _Lasciarsi sfuggire i pesci cotti di mano._

                                   *
                                  * *

 _Li piglia i pesci._ Dicesi di chi gabba i sempliciotti.

                                   *
                                  * *

  _Ha pescato assai e preso poco._

                                   *
                                  * *

  _Gli porterei l’acqua con le orecchie._

                                   *
                                  * *

  _Tu non sai di barca menata._

                                   *
                                  * *

  _Lascia che il pesce si frigga nel suo olio._

                                   *
                                  * *

 _Cavare il granchio dalla buca con le mani di un altro._

                                   *
                                  * *

  _Esser dolce di sale._

                                   *
                                  * *

  _Non è nuoto dalle mie braccia._

E Dante:

    Non è pileggio di piccola barca
  Quel che fendendo va l’ardita prora,
  Nè da nocchier, ch’a sè medesmo parca[80].

_Nuotar senza sugheri._ Sapersi governare da sè[81].

                                   *
                                  * *

 _Al levar delle stuore, si vedrà quel che butta il sale._

                                   *
                                  * *

  _Dare una scardova per avere un luccio._

_M. S._--Di questi ultimi due modi parmi conoscere il riscontro latino.
Forse il primo risponde al noto--_eventu facta probanda_--e il secondo
al--_pileum donat ut pallium recipiat_.

_E. S._--Smetti da cotesti tuoi latinucci che ti puoi friggere. Eccovi
piuttosto alcune dizioni che si riferiscono a luoghi speciali, e di cui
dobbiamo tener conto:

  _Cercar pesci sul monte Argentaro._

                                   *
                                  * *

  _In piaggia romana cercar libeccio._

                                   *
                                  * *

  _Essere tra Scilla e Cariddi._

                                   *
                                  * *

  _È rimasto nelle secche di Barberia[82]._

                                   *
                                  * *

  _Mar di Genova, mar senza pesci._

                                   *
                                  * *

  _Portofino scuro: piove sicuro._

                                   *
                                  * *

  _Andare a Patrasso, o a Scio[83]._

                                   *
                                  * *

  _So quanto si vende il sale a Chioggia._

                                   *
                                  * *

  _Arno non cresce, se Sieve non mesce._

                                   *
                                  * *

  _Passo di Malamocco[84]._

                                   *
                                  * *

  _Son di Peschiera e so pescare:
  Ma se vo’ pesce, mel convien comprare._

E tu, Dottor Mariano, ci spiegherai mo’, perchè gli abitanti di Bova,
risciacquando gli occhi malati ne’ flutti, usino, quasi fossero
magiche, le parole:

  E mare e mare:
  Se è dolce, inghiottilo:
  Se è amaro, recilo.

_N. B._--Non saltiamo di palo in frasca. Dopo sì efficaci modi e
locuzioni che attestano la ricchezza d’una lingua troppo ancora mal
nota, e i molteplici aspetti in che può essere riguardato il proverbio,
sarei vago di conoscere alcune similitudini, che non possono al certo
mancare, dedotte dalle cose marinaresche, e di cui faccia suo pro la
parlata comune.

_A._--Tu m’inviti ad un tema che per l’ampiezza sua mal può svolgersi
a braccia e senza le debite preparazioni. Nondimeno se t’appaghi di un
semplice saggio, io farò di secondarti. Ma bada: gli è come mettere una
goccia d’acqua nel mare.

_N. B._--Bene: bene; tira oltre.

  _A.--Donna iraconda,
  Mar senza sponda._

                                   *
                                  * *

  _Donna in collera,
  Mare in burrasca._

                                   *
                                  * *

  _Beltà senza grazia
  È un amo senz’esca._

                                   *
                                  * *

  _E’ sa nuotare come il vomero._

                                   *
                                  * *

  _Tu pungi come le resche da tutti i lati._

                                   *
                                  * *

  _Son come il mare che nulla ha di brutto._

                                   *
                                  * *

  _Andare innanzi come i gamberi._

                                   *
                                  * *

  _Andare innanzi a spina di pesce._

                                   *
                                  * *

  _Come la triglia:
  Non la mangia chi la piglia._

                                   *
                                  * *

  _Parla meglio d’un granchio ch’ha due bocche._

                                   *
                                  * *

  _È come l’àncora che sta sempre in mare
  E non impara mai a nuotare._

                                   *
                                  * *

  _Il cuor de’ bricconi
  È un mare in burrasca._

                                   *
                                  * *

 _Sta come pesce nell’acqua._ Cioè, a tutto suo agio.

                                   *
                                  * *

 _Come pesce fuor d’acqua._ Si dice d’un soro che non sappia che far di
 sè.

                                   *
                                  * *

  _Egli è un mar di ricchezza._

                                   *
                                  * *

  _Mare a montoni._

                                   *
                                  * *

  _È più sano d’un pesce._

                                   *
                                  * *

  _Far l’occhio di triglia._

                                   *
                                  * *

  _Pesante come il sale._

                                   *
                                  * *

  _Rosso come un gambero cotto._

                                   *
                                  * *

  _Stivati a mo’ di sardelle._

                                   *
                                  * *

  _Arrivar l’ultimo come la mazza del bome[85]._

                                   *
                                  * *

 _Far come i delfini._ E vale ingannare, dalla credenza che i delfini
 conducano i tonni nella tonnara.

                                   *
                                  * *

  _Come il pesce pastinaca
  Senza capo e senza coda;_

dicesi di cosa che non ha principio, nè fine, ovvero di cui non si
trova via, nè verso. La ragione di un tal modo sta in ciò, che questo
pesce, come sapete, non ha capo che sporti in fuori, e la coda, per
essere di puntura malefica, gli vien mozzata innanzi di tradurlo al
mercato.

  _Muto come un pesce._

M. S.--Converrai per altro che questo adagio non sempre tiene. _Carus
Sterne_ lo mostra ad evidenza. Voi conoscete senza fallo quella specie
di grugnito ch’emette la rondine di mare: _trigla hirundo_; e chi è
nato in Sicilia non ignora il suono della _trigla volitans_, di cui si
fa così largo spaccio in Messina. Anche la _sciaena aquila_, che vive
pur essa nei nostri mari, nella stagione della fregola manda un cotal
suono, che potrebbe aver dato origine al mito delle Sirene.

_A._--Tu m’esci del manico, e forse a ragione per ammonirmi, che troppo
più che non era espediente, io m’indugiai sul preso argomento. Smetto
adunque non senza dirvi che troppi altri di questi modi scintillanti,
concisi, vibrati, io potrei raspollare ne’ nostri scrittori, modi che
tornano di grande efficacia a colorire lo stile; ma ch’è mestieri
lasciare usare a chi sa, poichè come canta il poeta:

  .....indarno da riva si parte
  ................
  Chi pesca per lo vero e non ha l’arte.[86].

Intanto l’ora assai tarda consigliava i convitati a troncare i lor
ragionari e tornarsi in città. Nino Bixio fe’ recar nuove bottiglie,
di cui si vide il fondo di schianto; il vino, la lingua marinaresca,
l’avventura narrata dal generale e l’imminente partenza del Maddaloni
porsero tema d’altri e omai confusi colloqui. In tanta gaiezza niun
potea sospettare che ne’ mari istessi, ove molti anni innanzi avea
Bixio corso rischi si gravi, troverebbe a breve andare la morte e una
profanata sepoltura.



                                 NOTE:

[1] Nell’atrio del palazzo municipale di Genova si legge la seguente
iscrizione:

                     AFFINCHÈ NON MUOIA L’ESEMPIO
                  DI MARIA E CATERINA SORELLE AVEGNO
                       CHE ALL’ITALICHE SCHIERE
                       VELEGGIANTI ALLA TAURIDE
                               E SOSPESE
           TRA LE VAMPE DEL _Cresus_ E GLI ABISSI DEL PELAGO
                       REMIGARONO SOCCORRITRICI
                TRA QUELLE DIVERSE GENERAZIONI DI MORTE
                      IL TERZO CONGRESSO OPERAIO
                                 1855.


[2] _Purgatorio_, c. VIII.

[3] _Paradiso_, c. II

[4] B. GRASER, _De Re Navali veterum_, Berlino 1864.

[5] C. DE PAENIS.

[6] GUGLIELMOTTI, _Storia della marina pontificia_, V. 1, pag. 350.

[7] E l’Ariosto:

  Rimedio a questo il buon nocchiero trova
  Che comanda _gittar per poppa spere_.


[8] _Nautica mediterranea_, Roma 1607.

[9] _L’Armata navale_, Roma 1607.

[10] _Nautica rilucente_, Venezia 1700.

[11] FINCATI, _Dizionario di marina_, pag. 25-26.

[12] Costa. _Colombo_, Lib. VI.

[13] Guglielmotti. _La guerra dei Pirati_, vol. I, pag. 169-80.

[14] Sulle voci _landra_ e _bigotta_, v. Guglielmotti--_Delle due navi
romane_ ecc. pag. 52.

[15]
    ...e sì pigiati ai legni
    Che si faccian da lor canale e stazzo.
             _Eneid._ lib. X.

[16]
    E caluma le gomene e fa prova
    Di due terzi nel corso ritenere.
             ARIOSTO,_Orlan. Fur._


[17] _Infer_. c. XIV.--Guglielmotti, _Storia della Marina Pontificia_,
v. 2, pag. 303-1.

[18] Guglielmotti, _Delle due navi romane ecc._ pag. 55.

[19] Id. _Delle due navi romane ecc._, pag. 96, in nota.

[20] Guglielmotti, _Storia della Marina Pontificia_, vol. 1, pag. 223.

[21] Voce dialettale che suona: _lamento_, _protesta a bassa voce_:
_borbottare_.

[22] Stimo prezzo dell’opera il qui riferire il programma di Concorso
al _Libro del Marinaio italiano_.

Il Comitato Ligure per l’educazione del popolo, che già fondava a
beneficio della gente di mare una _Biblioteca Circolante marittima_,
nel raccogliere d’ogni parte le opere che avvisava più acconcie alla
coltura di questa numerosa classe di cittadini, ha dovuto convincersi,
che non pur l’italiana, ma non una delle moderne letterature europee
possiede un manuale, che sia come il compendio delle glorie e dei
costumi degli uomini di mare, non che delle cognizioni che tornano lor
necessarie. A riempiere questa lacuna intende il libro di cui si apre
ora il concorso. L’opera sarà divisa in tre parti, cioè la _Storia_,
_la Vita e la Scienza_ del marinaio, che costituiscono tre diversi
concorsi, con l’assegnazione di tre premî speciali.

Parte I. _La Storia_.--Conterrà una serie di biografie de’ nostri più
illustri navigatori, ordinate allo scopo di far conoscere ad un tempo
la gloriosa partecipazione degli Italiani nelle più insigni scoperte
e ne’ più memorandi fatti marittimi, e le virtù per cui salirono in
onoranza e meritarono che la storia conservasse i nomi loro.

Parte II. _La Vita_.--Questa seconda parte dell’opera ha per iscopo
non solo la narrazione delle multiformi peregrinazioni e vicende del
marinaio: ma intende anzitutto a dipingerlo quando reduce al natio
focolare, stringe intorno a sè la sua famigliuola, e con le virtù
proprie della sua professione ne cura l’educazione e il felice avvenire.

Parte III. _La Scienza_.--Per questa terza parte la Società nostra fa
speciale appello agli uomini tecnici, dovendosi in essa per sommi capi,
con istile facile e piano e nelle forme le più popolari, accennare ai
principali elementi di quelle cognizioni che son proprie delle classi
marinaresche, e che riguardano nelle loro pratiche applicazioni la
nautica, la meteorologia, la geografia, la costruzione, l’attrezzatura,
le macchine a vapore, il linguaggio nautico, l’igiene navale e infine
tutto ciò che s’attiene alle cose di mare.

Genova 1 marzo 1870.

  Il Presidente
  E. CELESIA.

Parecchi anni appresso, cioè nel 1879, il mio illustre amico comm.
Daniele Morchio dava fuori _Il Marinaio Italiano_, in cui mise in
chiaro le glorie più belle della nostra marina.

[23] Tempesta.

[24] _In portu naufragium facere_.

[25] Cioè: erra nel giudicare del fatto altrui, trovandovisi fuori. Il
_radica_ della Raccolta toscana è un errore massiccio. Vedi Pasqualigo:
_Proverbi veneti_, pag. 141.

[26] Senza senno e prudenza, le belle parole son fiato
sprecato.--_Auxilio, non verbis opus._

[27] Dove va il più, può andare anche il meno.

[28] Cioè; i mezzi ordinarî non giovano a un affare o ad uom rovinato.

[29] Zavorra.

[30] E Ovidio:

_Dum licet et spirant flamina, navis eat_. Fast. IV.

[31] Cioè, tirando a se. _Tirar l’acqua al suo molino._

[32] Trovo in Pier delle Vigne:

  _Com’uom ch’è in mare ed ha speme di gire
  Quando vede lo tempo, ed ello spanna;_

cioè, spiega le vele.

[33] Più vale un solo ad impedire un negozio, che molti a condurlo a
buon fine.

[34] Forse dal virgiliano--_insula portum Efficit_.

[35] Cioè disoccupato.

[36] Chiasso.

[37] Chi scampa nel comun danno, si trova infine aver di peggio.

[38] _Purg._ C. XXII.

[39] _Cave tibi ab aquis silentibus._

[40] Togna: matassa di fili cui s’appendono gli ami.

[41] Dicesi di cosa prematura.

[42] Non lasciarsi scoraggiare dalla mala riuscita delle prime calate
della rete.

[43] Far del bene a un ingrato.

[44] Non v’ha chi non erri, nè salvano dagli errori la destrezza o la
forza.

[45] Incappano nell’esca; per indicare chi giunge tardi, ma pure in
tempo.

[46] Quando abbonda il grano il pesce è caro: e viceversa.

[47] Vale anche, per metafora, disturbare gli intrighi amorosi notturni.

[48] _Post tres sape dies piscis vilescit et hospes._

[49] _Malo in oppidulo esse primus, quam in civitale secundus_; Giulio
Cesare.

[50] _Oblata_: nel dialetto genovese _êuggiâ_: proverbio che s’usa per
motteggiare alcuno che dia occhiate amorose e vivaci.

[51] Spesso il male vien dall’alto.

[52] In confronto della carne il pesce nutre assai poco.

[53] _Piscis nequam est nisi recens._

[54] S’affretti a portarlo a casa, se no, comincia a puzzare.

[55] E Marziale:

  Inter pisces rumbus, si quis me judice certet:
  Inter quadrupedes gloria prima lepus.


[56] Vale: la tinca in estate: il luccio d’inverno.

[57] Zampe.

[58] Petrarca, Son. 35.

[59] _Felis amat pisces, sed aquas intrare recusat._

[60] Vale anche: poche lagrime placano l’ira.

[61] _Græca fides._

[62] _Inferno_, c. XXII.

[63] _Fonte_, cioè il mare, serbatoio universale.

[64] _Mazoran_, uccello acquatico.

[65] Trovasi registrato con alcuni altri, di cui mi sono giovato, nella
lodata opera del Pasqualigo _I proverbi veneti_, a pag. 231; e vale
che i flussi e riflussi son massimi nei plenilunî e novilunî, e minimi
invece nelle quadrature, ossia nella maggior distanza della luna dal
sole, come appunto avviene nei memorati sei giorni lunari.

[66] Luna nata di mercoledì porta pioggia e tempesta.

[67] Luna piena ha più rischi della nuova.

[68] Per tema che il plenilunio, al 15.º giorno, non rechi burrasca.

[69] _Delphinum natare doces._

[70] _Duabus sedere sellis._ Servire a due padroni.

[71] _Adigi ad triremes._ Andare in galera.

[72] _Purg._ XX.

[73] _De art. am._ III.

[74] Canto 19.

[75] _Contra torrentem niti._

[76] _Purg._ XII.

[77] _Utrum panderem vela orationis._ Tusc. IV, 5.

[78] _Voti contrahe vela tui._ Ex Pont. Lib. I. ep. 8.

[79] _Purg._ c. I.

[80] Parad. c. XXIII. E Fazio degli Uberti nel _Dittamondo_. Lib. I, c.
6:

  ...pregiato è il nocchier che i suoi pileggi
  Conosce, e i tempi, e sa fuggir l’inganno.


[81] _Nare sine cortice._

[82] Cioè ridotto al verde.

[83] Perdersi, morire; cavato dal fatto di qualche flotta perduta in
quelle acque.

[84] Vale passo cattivo, difficile.

[85] Il bome, come lo definisce il Fincati pag. 90 del suo _Vocabolario
Nautico_, è una grossa asta orizzontale e girante intorno ad una delle
sue estremità ch’è fissata alla faccia poppiera dell’albero di poppa,
la quale serve a tener bordata la randa. Il bome è sostenuto dal basso
all’alto da due mantigli.

[86] Dante, _Parad._ c. XIII.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Linguaggio e proverbi marinareschi" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home