Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: I mattoidi - al primo concorso pel monumento in Roma a Vittorio Emanuele
Author: Dossi, Carlo
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "I mattoidi - al primo concorso pel monumento in Roma a Vittorio Emanuele" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                               I MATTOIDI

                AL PRIMO CONCORSO PEL MONUMENTO IN ROMA
                                   A
                          VITTORIO EMANUELE II


                                  NOTE
                                   DI
                              CARLO DOSSI



                                  ROMA
                    CASA EDITRICE A. SOMMARUGA E C.
                    _Via Umiltà — Palazzo Sciarro_,
                                 1884.



_Non Voi — amico LOMBROSO — ma molti di quelli egregi signori che
scrìvon giornali, cioè libri che hanno la vita di un giorno, e parecchi
di quelli, non meno egregi, che scrìvono libri senza affatto vita
perchè senza lettori; soffermàndosi al tìtolo del presente studio, lo
incolperanno d'_inattualità_, e però, senza lèggerlo manco, lo porranno
tra i letti ossìa tra i dimenticati._

_Che dirò loro? Un anno e mezzo aspettài che qualcuno, per dir così,
del mestiere, compiesse il lavoro che io ho quì, solo da orecchiante,
adombrato. Ma inutilmente aspettài. Pochi avvertìrono, nessuno dei
crìtici nostri si occupò del contingente enorme che il cretinismo e la
pazzìa, hanno dato al primo concorso pel monumento al defunto Sovrano._

_Io non appresi mai scienze mèdiche, e nemmeno insegnài, in alcuna
Università, nè a disposizione de' mièi sperimenti psichiàtrici tengo
alcun manicomio, salvo quello dei libri. A rigore quindi di etichetta
professionale, non apparterrèbbesi a mè di parlare di cosa che
esce dalla giurisdizione della letteratura — ma che farò se tàciono
tutti? Nel silenzio de' dotti è permesso, presumo, ad un ignorante di
avventurar la sua voce, il suo _aqua alle corde_._

_In ogni modo, se questo sunto o commento foss'anche spoglio di
ogni valore scientìfico, avrà sempre quello di attirare lo sguardo
degli uòmini competenti sovra un soggetto, per loro e per lo studio
dell'umano cervello, interessantissimo. Non c'è libro, per quanto
imperfetto, dal quale non si possa cavar qualche bene. Perfino dalle
patate l'industria sa stillare lo spìrito._

_E quanto poi a quella attualità di cui si accusasse mancante il
presente lavoro, mi limiterò ad osservare che la follìa è il suo tema.
E dirò con Voi — insigne LOMBROSO — qual tema più eternamente attuale
della follìa?_

  _Roma, 1º agosto 1883._



I.


Èccomi a voi, pòveri bozzetti fuggiti od avviati al manicomio, dinanzi
ai quali chi prende la vita sul tràgico passa facendo atti di sdegno
e chi la prende, come si deve, a gioco, si abbandona a momenti di
clamorosa ilarità. Chiusa la gara, attribuiti gli onori, se non del
marmo, della carta bancaria a un progetto che all'arte contemporanea fà
ingiuria ed è dell'antica una parodìa, menzionate con lode ufficiale la
impotenza accadèmica e la mediocrità intrigante, raccomandato a qualche
linea di giornale il ricordo dei cattivi e de' buoni, di voi soli —
aborti forse di geni ammalati — traccia non rimarrebbe. Ma io vengo a
voi, mostriciàttoli della fantasìa, vengo a raccògliervi nei baràttoli
del mio spìrito, a collocarvi nel musèo patològico de' scritti mièi.

Anzitutto, voi lo meritate. Non siete affatto, come si dice, indegni di
considerazione. Per lo meno, i vostri babbi danno prova con voi di un
ingegno molto più grigio di fòsforo che non gli autori di que' progetti
che appartèngono alla burocrazìa dell'arte. Che sono infatti questi?
Sono progetti di cose che esìstono già, ardimenti che non oltrepàssano
«il lùcido» combinazioni da rimario e ricetta, furti coll'aggravante
di avere guastata la roba furata per dissimularne l'origine[1]. Voi,
invece, avete comuni cogli autori di genio la smania della ricerca e
l'ambizione del nuovo, qualità che spavèntan perfino dalla bellezza la
folla ignorante e l'accadèmica plebe. Cadeste, è vero, nel tentativo
— che non vi soccorse bastante ala di mente — ma, almeno, fu propòsito
vostro di volare alle stelle, non di saltare una staggionata.

Nè lo studio di voi è superfluo. A indovinare quella artistica
perfezione che da tutti si ciarla e pochi raggiùngono, perfezione
che sfugge a qualunque precetto assiomàtico, si arriva tanto per la
meditazione delle òpere belle quanto per l'esame di quelle che ne sono
il contrario. Dalla sola mediocrità nulla s'apprende. Conconi, Otto,
Amèndola, Ximènes e altri pochi, coi loro progetti magnificamente
pensati ed eseguiti, ci danno una idèa della sanità in arte. Quì si
analizza invece la malattìa, studio del pari importante.

Importante ho detto e avrèi dovuto dire indispensàbile. Non c'è atto di
questa vita, non avvenimento, in cui non oscìllino i sonagliuzzi della
follìa. Sembra anzi che l'umano cervello, sviluppàndosi, affinàndosi
a traverso le generazioni, si faccia vie più sensìbile alle turbatrici
metèore e che il quoziente mattòide entri in quantità sempre maggiori
nella cifra delle nostre azioni.



II.


La sacra pazzìa non poteva quindi mancare al concorso pel monumento
al Re Galantuomo e infatti vi è apparsa in tutta la pompa del suo
variopinto vestito. Ai sei bozzetti che raffigùrano, salvo errore, la
categorìa del genio ossìa l'esuberanza della salute intellettuale,
fanno riscontro ben 39 che pèndono decisamente alla follìa, ossia
all'eccesso del disòrdine. Quest'ùltima classe segna per conseguenza
sul nùmero di 296 progetti, chè tanti sono gli esposti, il 13,2
per cento, proporzione che salirebbe a quella del 25, qualora vi si
comprendèssero anche i progetti (circa 35) di menti semplicemente
cretine, progetti i quali, stretti di parentela con i pazzeschi, stanno
di fronte a questi, come, rispetto a quelli di genio, i duecento-sèdici
altri, rappresentanti l'ingegno mediocre.

Concentrando però il nostro dire sui bozzetti mattòidi, i caràtteri
coi quali essi distinguonsi a tutta prima, sono, in generale, il
subisso di sìmboli e di allegorìe che li sopracàrica, la spropositata
prolissità del commento che li accompagna — tantochè, in qualche caso,
il bozzetto si riduce unicamente alla sua descrizione — le confidenze
affatto personali e affatto estranee al soggetto che l'autore ci
favorisce; sovratutto, ove sia possìbile di accertàrsene, la condizione
o professione del medèsimo autore che è tutt'altra di quella che
occorrerebbe per un lavoro scultorio od architettònico.

Infatti, per quest'ùltimo capo, noi troviamo, tra i nostri progettisti,
de' maestri di grammàtica e di matemàtica, dei dottori di medicina e
di legge, dei militari, un impiegato telegràfico[2] un ragioniere,
nonchè altri parecchi che ci dichiàrano di non aver mai maneggiato
nè scalpello nè matita nè seste. Ringraziamo questi cortesi che si
son compiaciuti di farci conoscere la lor condizione professionale a
giudicare però dall'esecuzione dei bozzetti esposti anche dagli altri,
si dovrebbe inferire che non pìccola parte dei concorrenti ha studi, ha
inclinazioni, che non hanno nulla a che fare colle arti plàstiche.

Affrettiàmoci a soggiùngere che l'imperizia artistica, per sè sola,
non è sintomo di follia. Le maglie del programma per il gran monumento
èrano amplissime e perciò vi poteva passare qualunque sia idèa: si
èbbero quindi proposte di stabilimenti industriali (bozz. n. 22,
_Camillo Ferrara_)[3], od igiènici, come bagni (bozz. n. 24)[4], e
fùron proposte, se non accettàbili, ragionèvoli.

Senonchè, l'imperizia della mano, quando è accoppiata alle incongruenze
della mente o ad altri disòrdini cerebrali, concorre ad accentuare
le caratteristiche della pazzìa. Non è ammissibile infatti che una
persona, nel pieno possesso della sua coscienza, si ostini a far cosa
alla quale è assolutamente incapace, e ancor meno, ne faccia pùbblica
mostra e chieda un premio per essa. Pur consentendo che i bozzetti
segnati coi numeri 11, 19, 28, 16 _a_ e _b_, 66, 74, 112, 115, 134,
234, 242, 277, 290, 293, 241[5] e altri molti, non sìeno che infelici
conati di majùscoli bimbi completamente ignari dell'arte del disegno;
chi non porrebbe senza alcun scrùpolo nella razza mattòide quel prof.
E.P. Wanderburg (bozzetto n. 267) che invìa all'imponente concorso un
mezzo fogliuzzo di carta con su mal delineata una colonnetta ed in
cima, fatta ancor peggio, una croce? o quei progettisti (nella più
parte, come i sovraenumerati, inglesi e tedeschi[6]), fra i quali —
oltre i parecchi di cui diremo poi di propòsito — primeggia il signor
Delmar Philippis William Thomas Lambert H.A.D. (n. 59) (nota filza di
nomi!) che circonda il suo orrìbil progetto di tempio indiano-barocco
con una corona di sgorbi a matita, affatto incoerenti col tema, oppure
quel n. 181 (_Esperia, Ausonia, Italia civile e guerriera_) che ci
offre tre tàvole di sìmboli ridicolosi e di più còmiche spiegazioni, o
quel n. 65 (_Num et Sàul?_) che dal Würtemberg manda sette fogli mal
disegnati a làpis con una relazione spropositata in latino, ed anche
quel n. 158 (_Felix Hodorowitch_) che dal Càucaso ci fà il presente
di un cerotto di gesso e di colla rossa con quattro mostricini sui
lati, da lui creduti guerrieri etruschi — bozzetto che, per la forma,
il colore e la puzza, imprime allo stòmaco quel moto di ripugnanza
e di nausea che incoglie alla vista di roba in putrefazione. La qual
cosa osserviamo, poichè, tra i segni della mente non sana, è pure da
annoverarsi la deficenza, più o meno totale, di quel sentimento che
insegnò all'uomo il sapone e la scopa, la decenza nei modi, il pudore
nelle espressioni.


Quanto diciamo dell'imperizia artìstica, può anche valere per la
sgrammaticatura letteraria, la quale pure, quando è isolata, non dà
altro indizio che della ignoranza di chi la commette. Ora, ignoranza
non è mai stata demenza: trovi anzi, non raramente, in iscritti
di quasi-analfabeti maggiore buon senso che nei volumi di parecchi
filòsofi, di un Quìrico Filopanti ad esempio. Un sorriso e non più,
mèritano quindi i farfalloni grammaticali di cui sono assiepate
moltissime relazioni annesse ai bozzetti e noi non c'inquieteremo
davvero per il _concorso imbandito al mondo_ del n. 214 (_Optimus ille
est qui minimis urguetur_), pei _leoni di marmo colchi_ del 253 (_al Re
ed alla patria_), tanto più che il loro descrittore vorrebbe posto il
monumento in piazza di Tèrmini _affine di non dar disturbo_; pel _gioco
d'aratro_ del n. 147 (_Fr. Romaniello_); per _l'òrdine romano_, scelto
dal n. 222 (_ars longa, vita brevis_) _come il più venusto ed eròe_;
nè ci formalizzeremo se gli autori del n. 40 (_Pinaroli I. ed Enrico_)
hanno mutato tutti i _q_ della lor relazione in altrettanti e. Quando
però alla scorrettezza puramente grammaticale si allea o si sostituisce
quella delle idèe, è un altro pajo di màniche, e l'ignorante lascia il
posto al cretino o al mattòide. Ecco quindi il sig. Paolo Torchiana
(bozz. n. 206) che, propòstosi di sistemare la piazza del Pòpolo (la
quale, tra parentesi, non ha alcun bisogno di sistemazione, comechè
perfetta), la ingombra di nuovi edifizi, che ròmpono la euritmìa dei
preesistenti; ecco l'autore del nùmero 36 (_Ezechiel CXLVII-v. 5_) un
inglese, il quale, dichiarato anzitutto che il monumento non deve avere
uno scopo utilitario — chè sarebbe ignòbile idèa — non deve èssere cioè
nè un ospedale nè una scuola ecc., conchiude proponendo la costruzione
di un ponte, costruzione che, in una città traversata da un fiume,
è tra tutte la più utilitaria. Così il n. 292 (_Fons vitae_), che ha
preso a modello una rapa per disegnare uno scoglio e un tacchino per
fingere un'àquila — ci avverte che lo scoglio sarà fatto di ghisa:
_ho scelto_ — nota egli — _tale metallo onde caratterizzare l'època
nostra_; mentre il n. 46 (_Concordia_), progettato un mucchietto di
rocce e fontane che renda imàgine de' sette colli, vi sovrappone il
tempio della Concordia con il colosso della Dea _possibilmente in
oro_, aggiungendo, che, _quanto alle altre statue, permettèndolo il
mite clima di Roma, si faranno di marmo_. Nè va taciuta la peregrina
trovata dal professore cav. Domènico Mollajuoli (n. 216) che, tracciato
confidenzialmente in matita su due branicelli di carta una colonna e
un archetto, ci spiega, che: _in cima all'arco si porranno le cèneri
di Vittorio Emanuele, cosicchè chi vi passa sotto, dirà: qui sopra
ripòsano le cèneri di colùi che mi ha dato l'indipendenza e la unità_,
e l'altra idèa, non meno preziosa, del n. 287 (_Dall'uno all'altro
polo_) il quale, dopo di èssersi con molte considerazioni persuaso che
la statua del Re _debba, èssere equestre ossìa posta su di un cavallo_,
esce a dire: _la mia architettura io la chiamerò romano-arcimperiale
in omaggio alla Nazione ed al Re_.... Finalmente — e si noti che
non spicchiamo per ora che qualche foglia da ogni manoscritto — c'è
il signor _A. B._ di Messina (n. 41) il quale _non spedisce alla
Commissione il suo monumento perchè è troppo grandioso_: quindi si
lìmita a mandarne la _fotografìa_ (che viceversa è uno sconcio disegno
a penna) e ci annuncia che il monumento dev'èssere _in marmo scolpito
e bronzo fuso_. È di stile che sfida ogni descrizione. Sullo schizzo
sta scritto: _Concetto a colpo d'occhio — Due granatieri di bronzo,
ai lati del monumento_ — così spiega l'autore — _stanno impiantiti,
in atteggiamento stanco, su due tamburi dello stesso metallo... col
kepì indietro, in modo da lasciar vedere ciocche di capelli bagnate di
sudore, ossìa in quel riposo-arm, comandato da Vittorio Emanuele._[7]


Ma procediamo un passo più addentro nell'ànimo di questi egregi
signori, e, giacchè vògliono ad ogni costo onorarci delle lor
confidenze, ascoltiàmole. Non prenderemo nota, però, della scusa di
non aver potuto, per mancanza di tempo, presentare completi lavori o di
non èsservisi dedicati che ad intervalli, nè dell'affermazione di non
aver fatto il progetto che dopo maturo esame, circostanza aggravante,
o che il progetto fu accolto con deferenza dalla Casa Reale e dal
giornalismo, tentativo di corruzione. Sono scuse troppo comuni, sono
affermazioni sbugiardate presto dal fatto. Piuttosto compiangeremo quel
pòvero n. 291 (_V_) al quale _una quantità d'inaspettate vessazioni
impedì d'inviare de' competenti disegni_, e quel n. 163 (_Hanc ratus
sum partem meam_) che, nel medèsimo caso del suo collega, si lìmita
ad incolparne _gli incòmodi che sono attinenti alla sua avanzata età_.
Non sappiamo, peraltro, che farci se il signor Cànfora (n. 294) non sia
_nè ingegnere, nè architetto_, ma solamente _inspirato da Dio_, e se il
signor Giacinto Carmelo di Francesco (n. 237) si affacci al concorso
_sfornito di severi studi essendo la sua professione di sèmplice
ebanista_. Resta a vedere se si dovrà chiùdere un occhio per quel n.
46 già citato, che _non intese presentare un saggio d'inappuntàbile
architettura e tanto meno una esatta prospettiva_: ma seguiremo invece,
attenti più che potremo, le elucubrazioni del n. 35 (_l'architettura
e la scultura sono arti inseparàbili_) il quale comincia scrivendo:
_diciàmolo sùbito; il progetto che io presento, meglio che una trovata
puramente artìstica, è il risultato, è la conclusione d'un breve
ragionamento, ed ecco, filo per filo, come ragionò la mia pòvera
testa..._; oltrepasseremo, ammirando, quel professore nelle scuole
tècniche di Arezzo, (n. 183, _Esperienza è madre di scienza_), che,
offerta la più visìbile prova di una assoluta incapacità, delineando
un arco che è il trionfo del cretinismo, modestamente c'informa che
_la sua applicazione fu immensa, essendo da solo riuscito a portare
a tèrmine il suo lavoro; e quell'altro_ (n. 191, _Secondo-Primo_)
che _ha fatto una colonna, quantunque piena d'immense difficoltà_; e
finiremo col fermarci dinanzi al signor Alessandro Mugnaini di Lucca
(n. 26) il quale, dopo di aver saputo felicemente comporre il dissidio
tra la Roma transtiberina e la Roma dei monti, che vorrèbbero ciascuna
esclusivamente per sè il gran monumento, collocando quest'ùltimo in
mezzo al Tèvere su un ponte piramidale, è tanto gentile da presentarci
il suo viso[8], incollàndone la fotografìa sullo stesso progetto
(viso somigliantìssimo a quello, sorridente a sè stesso, di Benedetto
Cairoli); è tanto ossequente ai regolamenti in vigore da non affìggersi
al pùbblico senza la dèbita marca da bollo.



III.


Senonchè, le frontiere tra la mediocrità e il cretinismo, come tra
questo e la follìa e tra la follìa e il genio, non sono così precise
e distinte da tògliere ogni perìcolo di sconfinamento a chi volesse
esclusivamente occuparsi dell'uno o dell'altro tema. È quindi
probàbile che, tra i bozzetti che abbiamo sommariamente citati,
qualcuno non appartenga veramente alla classe in cui lo si collocò;
come è possibile che al nostro occhio di dilettante ne sia taluno
sfuggito i cui pazzeschi caràtteri, quantunque meno appariscenti degli
altri, sarèbbero di non minore importanza e forse più degni di nota.
Disgraziatamente, il rimedio non è più in nostro potere; e però bisogna
che il caro lettore si accontenti con noi di fermare la sua attenzione
— màssime per quanto riguarda la forma, i sìmboli e il commento che
li costituìscono — sovra i progetti più spiccatamente mattòidi che or
passeremo in rassegna.


Il primo posto va serbato alla scienza. Essa è rappresentata dal n. 86
(_Ove speme di gloria agli animosi — intelletti rifulga ed all'Italia
— quinci trarrem gli auspici_) cioè da un professore di matemàtica nel
R. Licèo Virgilio di Màntova, certo dott. Giuseppe Tezza. _I monumenti
destinati a vivere i sècoli_ — scrive egli — _dèbbono essere robusti,
grandiosi per mole, sorprendenti per l'ordine_. Per conseguenza,
il suo monumento è _d'òrdine toscano benchè possa èssere effettuato
anche in qualsìasi altro òrdine_. Si compone di una colonna attorniata
da quattro obelischi, da quattro scalinate, e da quattro triàngoli
circondati, ciascuno, da dòdici agugliette; in complesso, quarant'otto
per qualità. Tutto spira matemàtica e simetrìa. Sulle agugliette
poggeranno i busti, sulle colonnine le statue dei grandi italiani.
Sei statue però saranno solamente precarie, con riserva di mutarle in
perpetue alla morte delle illustrazioni che rappresèntano, (come Sella,
Mamiani ed altri da destinarsi) qualora si troveranno degne di _salire
sul piedistallo_. Si vede che il _purus mathemàticus_ intèrpreta alla
lèttera i translati poètici. Per timore poi che qualche bell'umore
prenda quella sua gagliarda concezione per quel che sembra, ossia
per un giuoco di birilli, e vi faccia occasionalmente alle palle, il
prof. Tezza si dà premura di osservare che, _se il monumento non sarà
guardato da costanti sentinelle, dovrà èsser protetto da una grande
cancellata di ferro_.

   [Illustrazione: _Ove speme di gloria agli animosi — Intelletti
   rifulga ed all'Italia, — Quinci trarrem gli auspici._]

Anche il n. 88 predilige gli edifici sèmplici e sodi e prende esempio
_dalle rudi ma pur maestose costruzioni dei prischi quiriti che sfìdano
la eternità_. L'autore, _convinto_, perciò, _di avere trovata la
vera ed appropriata ìndole del monumento che deve concretinizzare la
gloriosa apoteosi del risorgimento italiano_, propone _di estòllere
in cima dei sette colli_ una gran cassa _quadrata di pietre_, senza
cornici nè altri risalti, una specie di bigattiera o di gabbia
per uccelli di sasso, ch'egli chiama _torre retto-quadrangolare_,
destinata _a trasportarvi e collocarvi le preziose spoglie del Re al
sicuro dai voraci flutti tiberini_. Tutto, in questa mole, è quadrato
e cùbico; ciò nonostante, l'autore confida che _le statue e i busti
innùmeri in marmo bianco e i dòdici candelabri per l'illuminazione e
i blasoni delle città d'Italia col rispettivi colori e le iscrizioni
in bronzo dorato, romperanno la moltèplice uniformità delle continue
rette, facendo risaltare il fondo roseo della nuova Tarpèa granìtica e
rilevare la voluta mesta impressione monumentale_.

Diamo quì sotto il profilo del robusto edificio:

   [Illustrazione: _Le rudi ma pur maestose costruzioni dei
   prischi quiriti insegnano che le opere semplici e sode sfidano
   l'eternità._]

Un'altra mole faragginosa è messa innanzi dal n. 82 (_Una idèa_ 1ª__),
il quale però ci avverte che _la sua idèa e forse troppa americana
per questa parte di mondo ma storicamente lògica_. E domanda: _chi
ha fatto l'Italia? Il progresso: di progresso deve dunque la nuova
Italia farsi banditrice al mondo_. L'autore si limiterebbe a pigliare,
_per base_ del suo monumento, Castel Sant'Angelo, e nel monumento, da
chiamarsi _Gloriaedum_, porrebbe le effigi degli uòmini illustri di
qualunque età e paese. Tra essi, la statua di Cristo, _colle spalle
vôlte al Vaticano_. A giustificare poi la statua equestre del Re sul
cùlmine della ex mole Adriana, l'autore, per mostrarsi anche in ciò
ragionèvole, propone di usufruire l'antica interna salita a spirale,
rendèndola non solo accessìbile ai cavalli, ma anche ad un pìccolo
tram.


Se il n. 82 ha progettato un _Gloriaedum_, il 38, ossìa il sig.
Francesco Vallònica, propone un _Meganthropon_. Consiste in una
fortezza con su un tempio toscano. Nella fortezza gira un androne
da ospedale coi busti di tutti gli uòmini celebri. L'artista non
si accontenta di esporre il suo progetto (che è, come altri non
pochi, roba vecchia riutilizzata per l'occasione) ma vi còlloca
tutt'intorno una serie di quadri, nei quali, sotto il vetro, si
lèggono i lusinghieri giudizi che di lui hanno dato parecchi riputati
giornali italiani, quali il _Diritto_, il _Bersagliere_ e la _Gazzetta
d'Italia_. Vero servizio da amico che egli rende a que' crìtici!


Una fiera di uòmini cèlebri è pure l'idèa che ha provocato il
bozzetto n. 168 (_Dante, Vittorio Emanuele e l'Unità italiana_). Quì
si tratta di un tavolone, càrico, come quelli che rècano in capo pel
mondo i figurinài di Lucca, di statuette di gesso, nane e sciancate,
equidistanti tra loro. Rappresèntano tutte, salvo rade eccezioni, un
personaggio medèsimo, non avendo l'artista _potuto per ragione di
tempo e di salute modellarle tutte. In questo archetipo_ — così si
esprime l'autore — _non vi si trova niente di tuttociò che chiàmasi
decorazione e che è la vernice con che si abbellisce una composizione:
la impressione che se ne ricava è quindi l'effetto di linee in cui
l'occhio si riposa saporitamente, essendo quelle linee la natura
stessa in tutta la sua nuditezza_ (sic). In ogni modo, il concorrente,
affinchè non si dùbiti che egli abbia trasandato quegli abbellimenti
per incapacità, crede suo òbbligo di dichiarare, 1º che, _vìttima
della più fiera prepotenza di gente ingorda e maligna oramài sotto
l'impero della giustizia, egli non ha potuto, suo malgrado, fare nella
esecuzione del progetto il voler suo, bensì quello del potere al quale
poco mancò a mètterlo nella dura necessità di rinunziare al concorso e
pèrdere così un pensiero cotanto carezzato e che può darsi sarà quello
che più splenderà nel concorso_ — 2º _che egli prega la Commissione di
crèdere la verità delle sue parole, le quali, del resto, pòssono èssere
autenticate da fatti legali e giurìdici indistruttìbili che hanno
avuto luogo_, ecc. — La figura principale del monumento è naturalmente
quella di Vittorio Emanuele. Il Re, in mezzo a un loggiato dal quale
si scende per due gradinate semicircolari, _è in atto di chiùdere la
Divina Commedia e di prendere una grande risoluzione_, proferendo una
lunga filastrocca che si trova consegnata nel manoscritto esplicativo
e che comincia: _Sì, pòvera patria mia, tuttora tu duri frantumata_...
ecc. — _Quanto non è grande il pensiero dell'artista!_ — soggiunge con
convinzione l'artista stesso.

Segue poi una minuta descrizione di tutte le statue e gruppi e
basso-rilievi che attòrniano il simulacro del Re, e fra i nomi degli
uòmini cèlebri che vi s'incòntrano, si lèggono quelli di Cavour,
Ricàsoli, Galilèo, Colombo, Crispi, Bertani, misti agli altri di
Montezèmolo, Pianciani, ecc. Ventidue basi sono poi destinate alle
statue di _altrettanti ufficiali di grado superiore_.

Nòtisi che il monumento offre qua e là degli spiazzi da coltivarsi
a giardino, nonchè _quattro cafeaus_, i quali, _per il concetto
polìtico-militare dell'autore, hanno all'esterno apparenza di
alloggiamenti militari, ed all'interno sèrvono per alloggiarvi la
guardia che deve montare al monumento o per altri usi_.

Ma il monumento è un nulla in confronto della soddisfazione che
sente per le sue belle pensate il coscienzioso autore. _Dal fin qui
detto_ — egli scrive — _si vede che, il concetto non solo corrisponde
perfettamente al programma di concorso da non lasciare niente da
desiderare, ma che quest'ùltimo vi è svolto in modo che tutto il
monumento è una composizione artìstica_..... Di più, siccome ci
voleva un edificio che _non avesse nulla di quelli fàttisi dai greci
fino ai giorni che còrrono_, il medèsimo autore osserva che, _tanto
la maestosa grandezza che la novità si tròvano nel progetto del
concorrente_, il quale _ha una specie di convinzione che nello stile,
il suo progetto sarà solo tra gli altri, mentre egli è sicuro delle
proprietà scientìfico-artìstiche dello stesso progetto_...... Parlando
poi di una vasca da collocarsi nel centro del piano sottostante al
loggiato, vasca coi sòliti cavalli marini: _È fàcile_ — egli esclama
— _vedere l'effetto màgico che deve fare questa parte del monumento
poichè la vasca così fatta gli dà una grazia veramente incantèvole;_ ed
altrove: _l'artista arricchì il monumento del giardino nella maniera
che si vede, non a casaccio, ma a ragione veduta, imperocchè tutto il
monumento, così com'è nel progetto del concorrente, òbbliga chiunque,
qualunque sia la sua condizione sociale e finanziaria, nonchè la
sua coltura, la sua nazionalità ed anche il sesso, di dovervi andare
tutti i giorni_..... Tale monumento, _che sarebbe la delizia nel dì,
diverrebbe un'incanto nella notte, illuminato dal gas e animato dai
concerti delle bande musicali, nonchè dal mòversi, per lungo e traverso
di quei viali, di tutto un mondo di bellezza e di eleganza_ — ciò tanto
più, perchè i due «_kaffeehäuser_» sovracitati, a tergo del monumento,
_essendo ben disposti ed elegantemente messi, pòssono servire per
còmodo di quelle persone d'ambo i sessi che si tròvano a passeggiare
per tutto il monumento e ciò onde evitare a quelle persone la pena di
dover allontanarsi, pel soddisfacimento di un bisogno, da quel luogo di
delizia, nonchè di soffrire sino a che arrìvino a trovare un locale che
faccia per il fatto loro_.


Questa lodèvole preoccupazione pei bisogni dei visitatori, appare
anche, benchè meno apertamente, nel bozzetto n. 157. (_La nostra
propizia cometa_). Anzitutto, il suo autore espone, in gesso, una
_torre pentagonale di stile senza esempio_ — così egli c'informa —
_come fu il modo della costituita nostra nazionalità_. E i dieci giri
di cui si compone la torre _rappresèntano gli anni impiegati per la
costituzione della nazione. Nelle fermate havvi per ogni piano due
finestre ed una porta che mette in comunicazione colla scala interna ed
una càmera per qualunque evento potesse giùngere ai visitatori_. — Alla
torre pentagonale, l'autore aggiunge un bozzetto, parimente di gesso,
raffigurante Vittorio Emanuele _che, giunto all'apice, si arresta dando
il segno dall'alto: sotto il cavallo, la Discordia si ròsiga il dito_.


Passiamo ora rapidamente dinanzi il n. 280 (_Fannomi onore e di ciò
fanno bene_) che propone una fontana con tritoni e nerèidi, _avvegnachè
le principali battaglie della indipendenza furono combattute sui
fiumi_; diamo un fuggèvole sguardo al n. 282 (_Tricolor_) che vorrebbe,
a materiali di un suo infelice tempietto, adoprare per lo zòccolo
il granito rosso di Baveno, per le colonne il marmo bianco e per
la copertura il bronzo leggermente ossidato, allo scopo, dice, di
raffigurare i gloriosi colori d'Italia; e, medesimamente, non più
di una occhiata al manoscritto del n. 251 (_Epopèa_) che gravemente
comincia: _L'opera sapiente del Fattore dell'Universo, incombendo
agli elementi tutti la loro divisione, volle che il nostro suolo
configurasse di sua natura l'unità..._; e soffermiamoci invece qualche
istante dinanzi al bozzetto n. 32 del professor Pietro Montani.

Questo signor Montani, membro della Società imperiale russa
d'archeologìa, membro del Sìllogo ellènico, architetto in capo
della Romelia Orientale, già architetto e decoratore dei palazzi dei
sultani, cavaliere e commendatore di più òrdini equestri ed allievo
dell'Accademia di Milano — com'egli si qualifica — ha disegnato
11 tavole, di cui le prime cinque riguàrdano il monumento da lui
progettato, che è in sostanza il Pandrosio sul quale s'impernia il
tempietto di Lisìcrate, guasto il tutto da aggiunte del concorrente,
e le altre sei si riferiscono alla _struttura geomètrica della
razza italiana appresso Raffaello_ — alla _struttura della razza
dominante in Italia ed a quella della sua minorità risultante
dalla legge di atavismo_ — alla _struttura geomètrica della razza
ellènica_ — finalmente, alla _colorazione dello spettro solare e
tuoni corrispondenti rilevati dalla colorazione di un tapetto_ (sic)
_persiano di magnìfico aspetto_.

Il professor Montani principia la sua relazione pienamente in possesso
della facoltà ragionatrice, osservando che per Vittorio Emanuele non
si può erìgere un monumento individuale, giacchè la sua personalità si
confonde con quella dell'Italia intera[9]; passa poi alla descrizione
particolareggiata delle pitture e delle statue allegòriche del
monumento, che sono le sòlite Prudenza, Concordia, Vittoria, Diritto,
Valore, Giustizia, ecc.; quindi, entrato in considerazioni sullo
stile da esso prescelto, il quale stile dovrebbe èssere esclusivamente
italiano (in che modo lo faccia italiano, il signor Montani, s'è visto)
si mette a commentare Vitruvio, diffòndesi negli argomenti delle
cùpole emisfèriche e parabòliche, degli archi di cerchio parabòlici
ed a ciclòide, delle volute a spirale geomètrica ed a curve generate
da una lama che si ripieghi, della risoluzione delle diagonali che
risùltano in pianta... e vie via, si estende a parlare della legge
del ritmo, alla quale dee sottostare l'opera d'arte destinata a far
parte integrante di un monumento. Come si vede, il signor Montani,
ha già fatto assài strada per dilungarsi dal tema del concorso. Ma
non par che gli basti. La camminata gli rende sempre più spedite
le gambe, ed èccolo ch'egli scantona a discùtere dell'òbbligo che
incombe all'artista _di rispettare la struttura angolare della razza
che imprende a rappresentare._ E qui l'egregio architetto della
Romelìa Orientale, agitando la sua «marotte»: _L'animale_ — scrive
— _trovàndosi nel suo stato di stazione naturale, la projezione
ortogonale del suo profilo, fatta su di un piano che dividerebbe il
corpo in due parti simètriche, rappresenta un polìgono i di cui lati
agiacente sono fra loro riaccordati parabolicamente_. Ora, egli è dalla
forma e dalla misura di questo polìgono che si riconosce, secondo il
professor Montani, la diversità delle razze. Naturale quindi che il
disserente venga a trattare delle caratterìstiche delle varie speci.
Raccogliendo qualche pensiero dal suo dotto fascìcolo, troviamo che
_le speci dei brutti_ (sic) _sono uniformi, mentre la specie umana è
polimorfa... La caratterìstica italiana e il triàngolo equilaterale...
Negli accoppiamenti eterogenei, la caratterìstica dei prodotti è
rappresentata da una caratterìstica risultante dal prodotto degli
ìndici delle caratterìstiche degli individui accoppiati. Così l'ìndice
della caratterìstica trìgona essendo 3 e quello della pentàgona
essendo 5, il loro prodotto sarà 15, indice di una caratterìstica
quinquepentagonale_......... Indicati poi diversi àngoli particolari
e generali delle razze e ricordato il dovere di ogni buon artista di
porvi mente: _i greci_ — soggiunge il signor Montani — _dàvano alle
loro òpere la caratterìstica decapentagonale, pur si trattasse di
effigi di cavalli. Gli egizi_, però, _riuscìvano meglio nei leoni che
non i greci, avendo con essi identità di caratterìstica... Così, la
caratterìstica encagonale_ (sic) _è fortemente accusata dai giapponesi,
l'eptagonale dagli atzechi_, ecc.

Tanto poi per camminare un altro tantino fuor di propòsito, il signor
Montani accenna _alle opere di pittura, le quali oltre alla servitù
del ritmo ed alla legge di struttura, sono anche astrette all'armonìa
del chiaroscuro ed a quella del colorito_. E però entra a parlarne,
dichiarando di non voler cangiare la sua memoria in un volume — e
va a finire _nello spettro solare che si divide in 12 intervalli, i
quali raffigùrano la colorazione che si trova in uno splèndido tapetto
persiano_; concludendo di aver scritto la sua diffusa e confusa
spiegazione _per obedire al dettame della legge di concorso, ove è
detto che i concorrenti dèbbono chiaramente spiegare quanto intèsero di
fare_.


Impigliàmoci ora nel mare algoso delle allegorie.

Il signor Romaniello, che è quell'impiegato telegràfico cui già abbiamo
accennato, _benchè dilettante, ardisce presentare una colonna ottàgona_
tutta sìmboli (bozz. 147). Su questa colonna — così ci spiega l'autore
— _il Genio della Indipendenza preme col piede un gioco d'aratro rotto
e quasi consumato dalla sua fiàccola; ha nella sinistra un globo; ai
polsi i ceppi spezzati; sulla fronte la stella intorno, l'alloro; e sul
cucùzzolo un'àquila.... Sotto, la Sfinge, che rappresenta la scienza
polìtica_.

Quanta roba!


La colonna è pure la forma preferita dal n. 7, che ha per motto del suo
lavoro queste vispe strofette:

    _Fisò in seno all'avvenire_
    _I suòi sguardi rilucenti,_
    _Pesò il carco degli eventi,_
    _Corse, infranse e trionfò;_

    _E l'Italia in suo desire_
    _Nella pompa riaquistata,_
    _Ossequente, lieta e grata_
    _Il suo serto a Lui donò._

Il n. 7 ci disegna dunque una colonna, che quì appresso riproduciamo.
Secondo il concetto dell'autore, rappresenta l'unità della patria[10].
Gli stemmi di tutte le città italiane ne rivèstono il càndido fusto
dorati e colorati e sono incatenati ciascuno con tre anelli (Concordia,
Amore e Prudenza). Lo zòccolo è di marmo rosso, come la balaustrata; il
capitello è verde. Su i quattro gradini del piedistallo, sei leoni di
marmo giallo _da 1400 libre l'uno_, non un'oncia di più nè di meno.

La macchinosa colonna è poi circondata da altre quattro minori,
dedicate _ai quattro genii degli ex regni d'Italia_. Nella decorazione
predòminano amorini, urne del plebiscito ed orologi. Questi ùltimi
_ìndicano l'ora del trionfo in ciascuna città che formava la capitale
di ogni ex Stato_.

   [Illustrazione: _Fisò in seno all'avvenire — I suoi sguardi
   rilucenti, — Pesò il carco degli eventi,_]

Per la forza delle allegorìe, il n. 7 è però vinto dal n. 142 —
ossìa dal sig. Luigi Gatteschi, il quale ha fatto un grosso arco di
cartapesta e di trionfo, guidato dai seguenti concetti:

_Nel piano della parte superiore s'innalza la grande massa di nùvole in
cristallo, opaco in buona parte, e naturale ove occorra lumeggiare le
nubi, e sopra, la statua equestre in bronzo del gran Re...._

_Il pensiero predominante in detta parte del monumento, che è la
principale, è stato quello di rappresentare il Re Vittorio Emanuele,
che, posato su di un focoso destriero, trasvola nelle regioni celesti,
avvolto in un manto di gloria._


Che l'abuso dei translati e dei sìmboli non sia — in ogni modo — un
privilegio del poètico pòpolo della penìsola itàlica, ce lo pròvano
molti bozzetti venuti dall'èstero, e, tra gli altri, questi:

Il n. 162 (_Per aspera ad astra_) che, a giudicare dal manoscritto,
è lavoro di un tedesco, dividerebbe il monumento in tre parti, da
costruirsi in tre differenti riprese. La prima ricorderebbe l'imàgine
di Vittorio Emanuele, nella sua migliore età (45 anni), abbigliato
da cacciatore, con cane e fucile, ed _in marmo nero, per raffigurare
il lutto degli italiani_. La seconda sarebbe costituita da un'altra
statua di pari grandezza e di pari colore, da porsi spalla a spalla
con quella di Vittorio: cioè la statua di Umberto I in uniforme di
generale, coll'elmo in pugno. La terza infine, da collocarsi tra i due
sovrani in modo da far con essi un triàngolo (comechè figura perfetta
e che ricorda la divinità) rappresenterebbe il principino di Napoli,
anch'esso della stessa grandezza e nel medèsimo marmo del padre e
dell'avo, vestito di frac e in cravatta bianca, e colle tàvole delle
leggi sulle braccia.


Molto più ardito del tedesco, è però l'inglese n. 296 (_U.S.A._), che
ci disegna un obelisco zeppo di simboli nella elegantìssima forma che
quì a lato riproduciamo.

   [Illustrazione: _U.S.A._]

Quadrata è l'ara che sopporta la guglia ottagonale e rappresenta, su di
una faccia, _la coltivazione della mùsica presso gli italiani_; nelle
altre tre, _la coltivazione della pittura, le bèlliche disposizioni
dell'època, e la luce dell'intelletto che fonde le catene delle
prigioni_. Il marmo è di un grigio chiaro, _emblema di giorni lieti_.

Sotto l'ara, giàciono quattro grossi calepini incatenati: Galilèo,
Boccaccio, Petrarca e Dante. Indicano _the chained conditions of
thought_ ai tempi di que' quattro scrittori. _Marble of the block to
be dark, heavenly clouded, with sudden streaking of white, running
thorough. Represents the dark days of thought lighted by irreprensible
intellect._

Sotto poi ai libroni, un gran tronco di albero con corteccia _growing
on Rome. Represents the growth of Italy on the fall of Rome_. Intorno
al tronco una viva vite forma la parola «Italia». La vite è un emblema
della prosperosa vita italiana. _The stump is Italy._

Nè basta; ma otto grandi radici si innàlzano dagli àngoli dello zòccolo
ottagonale inferiore; quattro di esse dispàjono subitamente: le altre
quattro si svilùppano fin quasi alla cima dell'obelisco, decorato da un
pupazzetto di stile cinese.

Intorno allo zòccolo, otto scene allegoriche ricòrdano, in marmo scuro,
i tristi giorni di Roma[11].


Torniamo ora tra i nostri concittadini. Vi ha chi ci chiama per
proporci un affare.

E questi è il n. 98, che, coerentemente, si fregia per epìgrafe
delle parole «_ad onore di S. E. il ministro Magliani_». Il suo
monumento è una delle sòlite colossali puddinghe, sovra la quale si
eleva un gruppo rappresentante _il buon senso di Vittorio Emanuele_.
Il monumento è denso di allegorìe e di strafalcioni. Vi si scorge,
ad es., _un ardito giòvane (il 1848) che strappa un velo con modo
sdegnoso dalle mani di una vecchia dal volto grinzoso ed ipòcrita (la
calunnia)_, vi si tròvano parecchi gradini che condùcono alla sommità
e sono posti di fianco _perchè la Rivoluzione dovette divèrgere ed
usare per raggiungere la meta, spesso, mezzi soltanto legittimati
dall'indiscutìbile necessità_. Quanto però dà maggiormente nell'occhio
è la proposizione con cui si chiude il manoscritto illustrativo.
«_Edificando il monumento_ — scrive l'artista, ammiratore di Magliani,
— _L'Italia darebbe una somma ad usura alla curiosità mondiale. Il
monumento entrerebbe cioè nel nòvero di quelli per visitare i quali
è stabilita una tassa d'ingresso. Da ciò conseguirebbe che in breve
corso di anni, lo Stato avrebbe dalla tassa ricavato, oltre le spese
di custodia e di manutenzione, la somma sborsata, rimanendo poi sempre
fonte di lucro_.»


Ma affrettiamoci alle gemme della collezione.

Sono tre.

La prima reca il n. 163 ed il motto: _hanc ratus sum partem meam_.
Il suo autore _non è nè ingegnere nè architetto ma ha sempre avuto
trasporto per l'architettura_. Scusatosi per _la temerità della sua
fatica_, propone l'erezione, in mezzo ad un lago, di un tempietto
di forma quadrata che figurerà un galleggiante. Nel tempietto, le
cèneri di Vittorio Emanuele. Il lago, tutt'intorno, sarà rotondo ed
_ottusangolato_. Il tempio poggierà su quattro piloni a ciascuno de'
quali sarà attaccata _una barchetta di pietra_, e, sovra il ponte di
ciascuna barchetta, un leone pure di pietra, _adagiato col corpo ma con
testa alta e maestosa_. Nel tempietto si leggeranno quotidianamente
messe. Non si aprirà al pubblico che qualche volta nell'anno, in
occasione di feste nazionali od altre solennità, e il pùbblico vi
accederà per mezzo di un ponte di ferro che rimarrà nascosto sotto il
lago, nell'acqua, durante il resto dell'anno e si alzerà mediante un
giro di manubrio. A capo del ponte, lungo la balaustrata che circonda
il lago, due pilastri con due statue, rappresenteranno l'una, l'Italia
che, _con una coppa in mano versa di continuo le sue làgrime nel lago_
(al quale scopo sarà praticato un opportuno canaletto nella schiena
della stessa Italia); l'altra, _suo_ figlio Umberto. I giardini che
fan corona al laghetto, verranno divisi tra le principali persone
domiciliate a Roma. Ciascuna avrà l'esclusivo uso del suo giardinetto.
_Naturalmente_ — soggiunge l'autore — _il monumento sarà collocato
dove ci sia dell'acqua_, non però troppo in vista, perchè il continuo
aspetto del medèsimo lo renderebbe _stucchèvole_. Non si dissìmula
che la sua idèa non possa venir presa in alcuna considerazione; spera
pur tuttavìa che la Casa Reale concorrerà nella spesa e conclude,
osservando che trova inùtile di presentare il modello del suo progetto
_essendochè, dalla lettura del manoscritto, ciascuno può dire di avere
dinanzi a sè il monumento_.

Ne offre, in ogni modo, la pianta che è questa:

   [Illustrazione: _Hanc ratus sum partem meam_]

  1. Casa per i custodi del monumento.
  2. Pianta della chiesa.
  3. Loggiato.
  4. Gradinata.
  5. Strada.
  6. Piazzale.
  7. Statua equestre.
  8. Statue minori.
  9. Giardini.
  10. Marciapiedi.
  11. Balaustrata.
  12. Lago.
  13. Barche.
  14. Tempietto.
  15. Ingresso.
  16. Piazzale.
  17. Strade.

_N. B._ — I punti isolati che sono in questa pianta, denòtano il luogo
ove si dèbbono piantare gli alberi.


L'altra preziosità del concorso è il sig. Arìstide Mariani (n. 197) il
quale ha rivestito di creta una faragginosa pignoccata, pinza di roba
allegòrica, che poi spiega partitamente in una voluminosa relazione.
Ringraziata la sorte per aver potuto _misurare le forze in così grande
arringo_, il sig. Arìstide comincia a distìnguere fra lavori obbiettivi
e subiettivi, disserta sui quattro sensi in cui si dèbbono intèndere
le scritture de' nostri antichi poeti, fà una passeggiatala tra i
Volsci, i Rùtuli, i Greci, i Latini, gli Etruschi, e, ripromettèndosi
compatimento _se le dèbol leve del suo ingegno non gli permìsero
di elevarsi quanto avrebbe meritato la natura dell'àrgomento_,
nonchè sperando che _gli sarà riconosciuta la schietta e calorosa
manifestazione dell'ànimo suo_, addita, come acconcio monumento, un
_tessuto ùnico e complesso, intricatìssimo, un vero intreccio dinàmico
di linee quale soltanto potrebbe riscontrarsi nella volta celeste, un
intreccio insomma da formare ciò che dìcesi una epopèa, il quale cùmolo
è il vero monumento da erìgersi al padre della patria_.

E, perchè maggiormente risalti la ragionevolezza della sua proposta,
egli osserva che _archi, templi, colonne_, tutto insomma si sfascia e
perisce: altro mezzo, quindi, non resta, per salvare nella perpetuità
il gran monumento, che di fabbricare addirittura una colossale rovina.

Riconoscendo però di _aver detto nebulosamente quanto nebulosamente
gli fermentava nella mente e dubitando di aver sognato come sognava
l'antica fàvola; — Omero — _egli scrive — _dice che dalla mente di
Giove procede il sogno_. Cita quindi i versi di Virgilio: _At Venus
aetheros inter Dea candida nimbos_, e quelli di Dante: _Dentro del
monte sta dritto un gran veglio_, con quel che segue; rimembra, sempre
a propòsito, l'avventura di Enèa e Didone, parla dell'odio che _è
antico quanto l'amore_, della caduta dell'impero romano, _causata
dalla Grecia_, fà una giaculatoria di una paginetta a Vènere (_E ora,
tu, o celeste idàlica Dea ecc._) e se la piglia colla _fiera_ Giunone
non sazia della distruzione di Troja, vede ad un tratto un _vecchio
antico_ nel mezzo di un arco trionfale e, domandato chi è, si sente
a rispòndere _dalla falce_ che è il Tempo, vede _ali d'àngelo e ali
di pipistrello, l'Italia del nord e l'Italia del sud_, la notte con
_veste coperta di stelle che regge due putti ossìa il giorno clic
nasce e il giorno che muore_, incontra il _radiante cocchio del sole,
il carro della libertà, e la quadriga del Cristianèsimo che esce dalle
catacombe_, si ferma a due acquedotti, con cascatelle di vetro, _ermi e
diruti, siccome le due arterie maggiori delle passioni umane_, scorge
pure _l'albero de' sogni, il serpe dell'Eternità_, poi Vestali che
consèrvano il fuoco sacro e _Clio che presiede alla storia_, e i nemici
della patria che precìpitano a capofitto nel _bujo di una spelonca,
l'Averno dei Greci, nato dal Càos e dalla Notte_. — _Il solo gruppo
dell'Italia risorta_ — soggiunge il sig. Mariani — _che pareggiasse
per la fattura il Laocoonte, basterebbe a tramandare epicamente alla
posterità l'autore del nostro risorgimento_. Fatta quindi un'altra
orazione _a Giove Statore_, si riassume dicendo: _nebulosamente ho
appena intuito il concetto complessivo del mio lavoro e con màssima
fretta impressi nella creta quel lampo di un'idèa forse grande che il
mio sogno dettava... Il tempo non mi ha consentito, per ora, di fare di
più, e, nel bisogno di calma e di riposo, torno a riveder le stelle_.

Intanto, acciochè il pubblico possa interamente comprènderlo, il
sig. Mariani, ha appiccicato al suo quintale d'incòndita creta alcuni
tabelloni dimostrativi, i quali ci danno il seguente inventario dei
sìmboli ch'egli sognò di abbozzare.

                              TABELLONE I.

   [Illustrazione: =NB.= Questo e i seguenti tabelloni (pag. 75,
   76, 77, 78) sono letteralmente copiati dall'opera del signor
   Mariani.]

                             TABELLONE II.

  Quadro dimostrativo dell'òpera
  nelle sìngole parti.

  [I nùmeri di questa tàvola corrispòndono a quelli segnati
  nel profilo della tàvola I. (Vedi pagina precedente).]

  PARTE I. — Religione.

   1. La stella del nostro Destino, Vènere la madre di Enèa,
        Era novella.
   2. Nube.
   3. Roma.
   4. Italia del Nord.
   5. Italia del Sud.
   6. Serpi.
   7. V.E.
   8. Pensiero che tenta aprire l'anello dell'Infinito, un Serpe
        rientrante in sè stesso mentre alla sua destra ha l'Àquila
        ed il Remo. Storia della Filosofìa e della Politica italiana.
   9. Un putto che registra ciò che l'altro ascolta.
  10. Azione in lotta con una piovra. Storia della Rivoluzione
        Italiana.
  11. Un putto che benda l'altro mentre lancia una pietra.

  PARTE II. — Umanità.

  12. Tempo.
  13. Ali di Angelo.
  14. Ali di pipistrello.
  15. Notte stellata.
  16. Incanto — Orìgine della Gloria.
  17. Trofèo d'armi.
  18. Libertà.
  19. Fraternità.
  20. Eguaglianza.
  21. Onore — Origine dei fiumi d'Averno.
  22. Trofèo di maschere.
  23. Falsità con oro e pugnale.
  24. Complicità.
  25. Cecità.
  26. Putto con face — Lucìfero, il Progresso.

  PARTE III. — Natura.

  27. Autore e libri bruciati da fàuni.
  28. Croce cristiana sulla catacomba.
  29. Quadriga della Libertà.
  30. Vestali con trepiede.
  31. Amore fra Guelfi e Ghibellini — Capuleti e Montecchi.
  32. Odio fra Guelfi — Ugolino e Ruggieri.
  33. Nemici della Patria figli della Tenebra.
  33. _bis_ Discordia.
  34. Sonno e morte.
  35. Tema.
  36. Furore folle.
  37. Furie.
  38. Fame.
  39. Affanno.
  40. Chimera e Cèrbero.
  41. Àlbero dei sogni.
  42. Màrtiri.
  43. Patria Carità con ora.
  44. Àlbero della Pace.
  45. Storia
  46. Putto, il Dovere.
  47. Putto, il Diritto.
  48. Vittoria che appoggia sul Globo, il Mondo.
  49. Storia.
  50. Gloria.
  51. Fama.
  52. Fama.
  53. Lupa.   | sul foro che raccoglie le acque del
  54. Tèvere. | fossato o pomerio.
  55. Galilèo scopritore delle vie del cielo.
  56. Colombo scopritore delle vie del mare.
  57. Uòmini illustri per amore patrio sulla facciata laterale
        destra: sotto la figura del Pensiero, quelli del
        pensiero; sull'altra quelli dell'azione.

                             TABELLONE III.

                         Esposizione de' Nessi.

_Nesso poètico e mitòlogico_.

Una stella, la notte, altra stella foriera d'un nuovo giorno,
l'alba, il sole, le tenebre, Iliade, Enèide, Divina Comedia, Giudizio
universale.

_Nesso artistico_.

Il gruppo dell'Italia — inquantochè, accennando alla maggiore delle
òpere clàssiche, il Laocoonte, che narra la distruzione di Troja, da
cui ebbe vita, grandezza e Dei la nostra Italia, fa ravvisare non più
il più profondo dei dolori per la distruzione della cara patria, ma
la più grande delle gioje nello scòrgere la madre Roma e sue figlie
disciolte finalmente dai fieri draghi del loro fatale destino. Per
conseguenza l'Iliade in alto, l'Enèide alla destra del Tempio, la
Divina Comedia alla sinistra, il Giudizio universale in basso.

_Nesso stòrico_.

Origine della Storia coll'Iliade — Epoca romana coll'Enèide — MedioEvo
colla Divina Commedia — Era nuova con V.E. — Cùmolo di ruine — Roma
quadrata — Pomerio — La Vittoria che poggia sul Globo — La Libertà — Il
Tempo — Vestali — Màrtiri — Catacomba.

_Nesso filosòfico e politico_.

Religione, Umanità, Natura, le tre parti monumentali della Piràmide —
Il Pàntheon, tempio pagano — Il Pensiero come l'Azione.

_Nesso dei Nessi_.

Tanto la forma dell'antica òpera scultorea, quanto i ricordi del
maggiore poema pittòrico, così il gruppo dei poemi eròici dei sommi
cantori, come le vestigia delle monumentali òpere architettòniche,
compòngono quel tessuto intricatissimo di linee, quell'intreccio
di fuochi celesti, che permette all'osservatore sia poeta, sia
artista, stòrico, polìtico, o filòsofo, ad intèndere anagogicamente,
cioè elevando il pensiero alle cose superne, l'italiana Epopèa
coll'incominciamento della terza Era cioè quella del nostro
risorgimento, dimostrando così l'opera che si propone, che il
liberatore della patria e il fondatore della sua unità fu ed è V. E.


Ma il concorrente che a tutti sovrasta per la misteriosa profondità del
pensiero è il signor Giovanni Cànfora da Barletta (n. 294) cabalista
infallìbile di metafisica e _rompitore degli ovi_ della Divina
Sapienza. Ei non ci ha dato che un manoscritto, ma, in esso, giace
tutto un sistema di filosofìa, di profezìa, e di vìncite al lotto.
Nè la poteva andare diversamente da che il signor Cànfora — com'egli
medèsimo ci dichiara — _non essendo nè uno scenziato, nè un architetto,
ma un sèmplice meccànico, solo per intùito di un Ente Supremo potè
venire che trattasse una idèa e concretasse un tanto edificio_.

Il monumento s'intitola: _Manus Dòmini_. _Invano_ — osserva l'autore
— _si cercheranno in esso règole architettòniche e proporzioni e
règole di meccànica, imperocchè desso non fu costruito per modello
da fabbricarsi, sì bene al fine di rimanerlo nella capitale dello
Stato e presso la Casa Savoja... Però le règole di equilibrio sònosi
osservate_.

Il monumento non si divide che in _sei òrdini_.

_Il primo òrdine_ rappresenta il trionfo delle cento città d'Italia,
_con quattro distinte fortezze agli àngoli, che spiègano non solo il
quadrilàtero lògico, ma anche il fìsico che il Regno possiede_. La
prima entrata è di stile gòtico, _per dimostrare che fino dagli antichi
tempi si desiderava un monumento italiano posto nella capitale del
Regno.... Nel cerchio del secondo lato si vede un arco e su di esso
un cappello cinese_, per significare, come dice poi, che quella certa
aqua, _prodotta da otto leoni_ (gli otto Stati d'Italia) che scende per
due altri archi laterali (_Culto e Civiltà) correrà veloce per tutte le
direzioni del globo per sventolare il gran vessillo anche in Cina_.

_Il secondo òrdine costa_ (sic) _di un cubo ottagonale_, ed è chiamato:
_Comunità perfetta_. Ha quattro ingressi, nel primo de' quali si scorge
Vittorio Emanuele, nel secondo Carlo Alberto, nel terzo Pio IX e nel
quarto _un naviglio con Re Umberto al timone, la Regina Margherita
all'àncora ed il prìncipe ereditario all'àlbero_, per dimostrare che
_la Reale Famiglia, imbarcàtasi su questo fiume, viene a visitare il
monumento del compianto padre Vittorio Emanuele nel giorno della sua
grande inaugurazione_.

In giro al medèsimo òrdine, sono _otto leggende dalle quali si legge
chiaro il dèbole pensiero dell'autore_. Scegliamone alcune.

                                   *

    _Adamo e Noè — Aronne e Mosé_
    _Cristo e Cristòforo — Ferretti e Vittorio_
    _Formàron del Dio il naviglio_
    _E l'ultimo affondò l'àncora nel seno di suo figlio._

                                   *

    _Di Vittorio Emanuele eterna è la memoria_
    _Per questo monumento si mostra la sua storia._

                                   *

    _Dall'Alpi all'Appennino, incerto, duro il passo,_
    _Per dire all'Io supremo: ecco di due monti un sasso._

e così, appressapoco, le altre cinque.

Passando poi a commentare l'epìgrafe del suo lavoro _Manus Dòmini_,
l'autore ci rivela che le dita di questa allegòrica mano sono così
formate:

Pio IX il pòllice, Carlo Alberto l'indice, medio Vittorio Emanuele II,
anulare Umberto e mìgnolo _il principe reale Vittorino coronati tutti
dalle somme virtù delle due regine Marìa Cristina e Margherita_. In
tali _dita concezionali_ l'autore osserva di aver messo anche Pio IX,
_comechè contribuisse alla unificazione italiana, perchè solo colla
fòrmula «nè elettori nè eletti» fu possìbile di riunire un parlamento
ed un corpo elettorale liberale_. Osservazione questa, che è forse la
meno profonda, ma la più sensata di tutto il manoscritto.

_Dunque_ — prosegue il signor Cànfora — _Pio IX nacque nel 92 del
sècolo passato, Carlo Alberto nel 98 dello stesso sècolo, Leone XIII è
nato nel 10 del sècolo in corso, Vittorio Emanuele II nel 20, Umberto
I nel 44 ed il prìncipe Vittorino nel 69._

_Sicchè, sommando le citate èpoche, si ha la somma di 333. Questa somma
è il gran soggetto appartenente alla natura divina ed umana, per il che
forma il vero triàngolo della divina sapienza, donata dal Creatore alle
sue creature nella ragione di tutti i sècoli._

_E questo soggetto è di proprietà di quel libro chiamato «Perchè...»,
che difficilmente può studiarsi da tutte le creature, perchè vèngono
disperse e confuse nelle tènebre della Eternità. Ma l'uomo che si
rassegna alla sua orìgine e quindi poggia il suo corpo sulla materia,
ne forma delle immàgini da cui si scorge l'ideale del Sommo Fattore
concretato presso la sua creatura; e questa di effetto si concretizza
nell'unità dell'increata natura. Sicchè, da questa unione e dissunione,
ne sorge appunto quella coll'uttazione_ (sic) _misteriosa che vizio
e virtù si appèllano, da cui ne galleggia la gloria del Iº. — Per
questi motivi appunto ho dato fuori due òpere per lo corso di anni 32.
La 1ª si appartiene al Culto Cattòlico Apostòlico Romano, la quale
mette al posto il _Sacrosanto mistero_, che oggi è nell'ideale! per
effetto della sua nullità — come verrà dimostrato. La 2ª òpera lo è un
monumento, che ho inalzato per dimostrare alla 1ª: che essa non può
avere il suo movimento senza rapportarsi all'altra. Come la 2ª, non
può avere il suo progresso Civile senza rapportarsi alla 1ª. Le due
dottrine verranno sviluppate....._

_Dunque dal Triangolo 333 passiamo a prèndere la distanza in òrdine
alle sopracitate nàscite, che è 6-12-10-24 e 25 che sommate si ha 77.
Fine dei due troni! — ed aggiunto al 77 il 3 Divino si ha 80. Il futuro
non si vede dall'uomo sibbene si càlcola_.

È qui il profondo sig. Cànfora, fatta l'osservazione che _tra un dito
e l'altro_ di quella sua _Manus-Dòmini_, vi è certamente affinità di
natura con gli oggetti esterni e col proprio èssere, prega il lettore
_di vòlgere la sua mente a quell'uovo di Cristòforo Colombo che tutti
i dotti ci pòsero a quell'atto la sòlita carta senapata. Ma quello
che segue, o signori, non è l'uovo di quel tempo, sibene l'ovaja
dell'inconprensìbile dalla quale sorge la natura del tutto e l'òrdine
dello stesso_.

Continua quindi per una mezza dozzina di pàgine i suoi còmputi (egli
li chiama _còmpiti_) cogli anni e colle date che si riferiscono
ai cinque personaggi della _Manus Dòmini_, cui unisce per maggior
còmodo la leggendaria età della morte di Cristo e gli anni di Leone
XIII e ne trae inaspettati raffronti e profezìe miracolose... per
il passato. Felice poi delle sue scoperte, ad ogni tratto esclama:
_Sicchè dall'uovo di gallina non sorge il gallo!... Ecco un altro
uovo di Cristo e non di Cristòforo!.. Ecco come questo uovo ha
generato l'ancùdine e il martello dell'archetipo — mente del Redentore
— Iddìo...... La parola di Dio è nei suòi càlcoli i quali non si
ammàssano negli Empìrici, Tereostàtici e curiosi fanàtici di punti
e vìrgole. Da questo càlcolo si osserva chiaro il gran mistero per
i pòpoli avvenire: se il lettore non crede, ne faccia una girata ai
pòsteri_... e fà notare come un certo suo càlcolo cabalìstico sia stato
_originato_ fino dall'anno 1868 e pubblicato in parte sul giornale «Il
progresso Livornese». _Sicchè quel 28 era l'uovo della divina sapienza
che si doveva rompere nel 1878. Infatti si ruppe, e l'autore di
questo càlcolo restò sempre più sorpreso, unito ai suòi amici, i quali
conoscèvano una tale misura_.

La sublimità dei concepimenti non impedisce però al sig. Cànfora
di trastullarsi con qualche bisticcio gramaticale: si direbbe anzi
che nella essenza della parola egli cerchi nuovi argomenti alle sue
enigmàtiche affermazioni. _L'agricoltore_ — così egli scrive — _pianta,
spianta, taglia ed innesta non a capriccio; come l'astrònomo, non
può servirsi della fatalità per annunciare un uragano o della Cumana
per dire «domani piov-era». Ed infine un filòsofo Trippucco non può
dimostrare l'òrdine sociale_... Ed altrove: _signor lettore, se ha
sano cervello e fegato ben formato saprà, da una parte, compatirmi
o pur saprà scovare l'incògnito del mio debolìssimo ver-detto e del
mio mitìssimo ben-fatto non solo; sibbene saprà vedere che tra tanti
gabalisti imbecilli che ammòrbono il nostro meridionale, vi sono ancora
una infinità di preti, i quali si danno molta importanza, dirèi quasi
tutti, di andare contro il progresso della ragione divina._

Nè il signor Cànfora, ha torto, pare, di aver rancore coi preti, poichè
_nessuno di essi si è mai benignato di visitare la sua òpera, temendo
di andare all'inferno_ — anzi, _sol leggendo i suoi còmpiti spediti
pel canale dell'arcivescovo de Bianchi Dòttola di Trani al Santo Padre
Leone XIII, gli ha preso il male epilèttico;_ mentre invece _essi_ (i
preti) _dovrebbero sapere che il 33 è il pesatore del vero e come tale
saprà con la sua frusta umanata mèttere all'ìndice delle anime dannate
la càusa di tanto scisma._

Tornando quindi ai suòi terni e quaderni, alle sue quintine e tòmbole
metafìsiche, il sig. Cànfora, che probabilmente è una vìttima del
giuoco del lotto, _Leone XIII_ — scrive — _è nato nel 1810, esaltato
al trono del culto il giorno 20 febbrajo 1878, incoronato il giorno 3
marzo. Sicchè, unendosi i detti tre tempi 10, 20 e 3 si ha 33 — secco
secco. E questo lo sapeva Leone XIII? Ecco dunque un altro uovo della
divina sapienza che viene rotto da Giovanni Cànfora da Barletta!_

Ed è in base ai suddetti càlcoli e ad altri moltissimi che non abbiamo
creduto indispensàbile di trascrivere, che il sig. Cànfora _s'è posto
all'òpera fin dal 15 gennajo 1878 onde concretare il suo concetto,
che, per la verità, gli è testimone l'intero paese nonchè il rispettivo
Comando militare dove ha lavorato per lo scorso di tre anni circa..._

E il gran segreto, lo scopo, il risultato di tutta quanta la miràbile
òpera, è, salvo errore, il seguente

                                PROBLEMA

                  _E più V eguale a quattro G meno G._

Questo _nuovo problema_ — così spiega l'autore, il quale, come notammo,
sembra voler rubare il mestiere alle chioccie — _racchiude cinque uovi
i quali daranno alla luce cinque pulcini. Questi pulcini poi sapranno
risòlverci il citato problema a gloria del Signore per il bene di tutti
i popoli della terra._ Conclusione, dunque:

  10 + 44 = a 54 _Centro_.
  11 + 33 = a 44 come 44 + 33 = a 77.
  77 + 3 = a 80 come 68 + 10 = a 78.
  10 + 34 = a 44 come 34 + 34 = a 68.
  80 + 33 = al 1913 come 1913 + 33 al 1946.

_Manus Dòmini_. — Nè si chieda di più. — _Tutte le iscrizioni parlan
da sè per il loro significato riguardo alla Comunità Perfetta, cui si
riferìscono e non hanno bisogno di maggiore dilucidazione, se non _per
qualche cosa che è serbata al solo Re_._

Ma il signor Cànfora non ha ancora finito. Gli rimàngono a descrìvere
del suo monumento altri quattro òrdini ed ecco come ci si mette:

L'_ordine terzo_ rappresenta l'Italia oppressa e divisa. È _circondato
da rinchiere di ferro su cui vèdonsi le insegne dell'antico telègrafo
per dinotare lo stato della civiltà di quèi tempi... tutto l'ordine
appoggia sovra una ruota ad ingranaggio ottagonale, su ciascun dente
della quale vèggonsi otto statue egiziane coronate coll'insegna del
regno che rappresenta_, il che significa che _quèi tirannelli monarchi
si èrano ingranati fra loro e in quello statu-quo in cui vivèvano essi
medèsima_.

Anche in quest'ordine si ammirano otto leoni, _per dimostrare la
fierezza de' governanti_ ed otto colonne decorate tutte identicamente
_per dinotare che eguale era l'ambiezione civile in tutti gli Stati
d'allora_. Tale idèntica decorazione è, pure, semplicissima. _Sul
capitello un braccialetto con sotto un anello: in quell'anello otto
stelle, ciascuna ad otto punte per la medesima ragione. (?) Tra gli
otto anelli, pende una catena ben tesa, legata allo Stato Romano dove
sorge il vessillo dei Crociati, la mercè di 15 croci di diverso colore
per denotare lo scisma esistente nella chiesa e nei suoi ministri.
In giro alla base ossèrvansi poi i Ministeri di ciascuno Stato e
tutti della medèsima forma e colore, cosicchè la figura di un Sàtiro
rappresenta il Ministro della Pùbblica Istruzione, una Sirena quello
della Marina, uno Scorpione quello delle Finanze, ed un Ragno di mare
quello dei Culti_.

Nè ciò sembra bastare all'abbondante fantasia del signor Cànfora,
poichè, nel piano superiore di questo òrdine terzo egli vuol collocate
anche _otto àquile con in testa la corona di ferro_, àquile le quali
raffigurano _i comitati promotori della unificazione italiana_, e
tengono, coi varii Stati, rappresentati dalle 8 colonne, una fila di
discorsetti che lèggonsi incisi su alcuni scudi.

Or ecco qualche campione di tali discorsi: _L'aquila dice allo Stato
Romano: dal cielo sul tuo capo questa corona pende. Ed il papa: non
pòssumus. L'aquila va, allora a Modena e dice: ti voglio regalare
questa corona. E Modena: la mia è più dura della tua. Va a Parma
e: darài — gli dice — l'occhio diritto per questo emblema — e Parma
risponde: anche il secondo, ecc._

Detto ciò, _l'aquila vien trasformata in Àngiolo fulminatore portante
ciascuno_ (sic) _un vessillo di guerra, il quale in modi imperiativi
conferisce così col Ragno di mare: a Roma terrìbilis est locus istae; e
l'Àngiolo risponde: e la morale? A Milano: non cederò un memetro_ (sic)
_e l'Àngiolo risponde: cederài lo Stato... A Torino in ùltimo: io chi
sono? e l'Angiolo: molto bene!..._ ecc.

Per completar _l'òrdine_, o per meglio dire, il disòrdine, vèggonsi
infine _attaccate alle colonne otto farfalle che rappresèntano le
diramazioni dei comitati segreti._

Ascendiamo all'_ordine quarto_. Quest'ordine simboleggia l'unione
italiana. _Sicchè è foggiato come il terzo_ (che rappresenta la
disunione) salvochè le catene che legàvano le colonne sono spezzate.
Anche quì vediamo le statue egiziane del piano inferiore, decorata
però della Corona d'Italia, e le àquile, gli àngioli e le farfalle,
cui si aggiùngono _viti ed ananassi per significare l'abbondanza e la
squisitezza del giòvine Regno._

E così, arrivati al quinto òrdine, troviamo _l'espressione della
civiltà italiana_, dinotata dalle sòlite otto colonne, le quali
però, questa volta, _pòrtano ciascuna una frasca d'alloro e la stella
d'Italia coll'Àngiolo fulminatore_ che _prenta_ (forse _presenta_)
alla stella un trofèo di guerra e lo scudo di Savoja. Tutto il quale
_apparato di gloria_ sostiene il _sesto òrdine_ (che, grazie a Dio, è
l'ultimo) e _dimostra il supremo Potere._

Ed ecco come questo Potere è filosoficamente inteso dal sig. Cànfora.
Innalzata _una colonna a quattro faccie, su ciascuna delle quali un
orologio segna le ore fisse dell'entrata di Vittorio Emanuele nei
quattro stati principali_[12], egli impone su di essa _un tamburo di
guerra che sostiene_, a sua volta, _il globo da cui si eleva la figura
geometrica (?) e la stella d'Italia._

_E che cosa vuol dire questo specioso apparato?_ — si domanda il sig.
Cànfora. — _Vuol dire_ — risponde trionfalmente a sè stesso — che,
_col globo sostenuto dal tamburo, la società tutta per rispettare la
legge, ha bisogno della forza, ma non già della forza brutale del
fucile, sì bene di quella di apparato del tamburo_. — Dopo il qual
sforzo d'immaginativa, l'autore, a buon diritto, può dire di _èssere
soddisfatto di aver dato alla luce un'òpera che non sarà l'ùltima tra
i tanti segnàcoli di gloria della casa Savoja._

A noi che poco c'intendiamo di architettura e meno di stregoneria,
parrebbe che tutta questa montagna di fortezze, di archi, di òrdini,
di colonne, di allegorìe, sopracavallate una sull'altra, dovesse, una
volta costrutta, raggiùngere una altezza vertiginosa. Pure, non è così.
Il sig. Cànfora ci assicura che _la cennata òpera porta l'altezza di
metri quattro circa, compresa la base di sostegno, e questa di metri
circa tre quadrati_.

_Il Governo tutto può fare_ — soggiunge con fiducia l'ardito
progettista — e, _precisamente in forza di un nòbile consorzio
nazionale, si potrebbe nella capitale del Regno inalzare il sopracitato
progetto nel centro di uno spazio edilizio di circa mezzo chilòmetro.
_Due ponti immetterèbbero al_ terzo piano terreno, il quale per
conseguenza dovrà esser più alto del secondo, ed entrambi si renderanno
affacciàbili per godere il fiume, le fontane, i pesci, le anitre e
le gòndole e quant'altro si crederà di bello a norma del formato. Nel
giorno poi della festa nazionale si potranno situare le bande musicali
comodamente nei diversi ordini superiori, e quindi il tutto bandierato
ed illuminato da un appòsito gazòmetro, i già fissati candelabri, i
fanali[13], si leggerebbe nel corpo d'Italia, _Manus Dòmini_, e quella
stella che ossèrvasi all'estremo dell'ìndice di Dio sarebbe di guida,
non ai tre Re di Betlemme, ma a tutti i Re del Mondo e di tutti i
secoli, non per visitare un meschino bambinello in quella grotta, ma
per visitare le sue esterminate grandezze, sin dove giunsero, e sin
dove giungeranno nella ragione dei secoli, a scorno dei vili ed a
scorno dell'ambizione del Farisèo._

_Ora, se realmente le cento città d'Italia sono vere italiane, sentono
l'òbbligo di formare nella capitale del Regno il loro trionfo, e questo
non può risultare da altri concetti esposti, perchè signoreggia l'idea
materiale e precisamente presso d'un qualche Amerigo esploratore che
da mè si sospetta! E questo mi farebbe grande onore! E questo trionfo
adunque che le cento città italiane inalzerèbbero senza curarsi dei
milioni, altro non sarebbe che lo specchio del sommo Fattore esposto
per la riforma di tutti i pòpoli del mondo._ Amen.



IV.


I ràpidi ma fedelìssimi cenni che abbiamo fatto precèdere, basteranno a
mostrare quanta e quale parte di follìa si presentasse al concorso pel
monumento al Re Galantuomo.

Dicendo questo, non intendiamo affatto di dire che gli autori dei
progetti da noi esaminati sieno interamente pazzi. Quì non si parla
che di mattòidi. Nessuno tra essi noi conosciamo neppure di vista, e
ben volentieri ammettiamo, siamo anzi di ciò convintìssimi, che la più
parte (salvo in questo «tic» dei progetti sconclusionati) possegga,
in tutto il restante, il migliore suo senno, di cui può dar prove
quotidiane e nel maneggio delle cose domèstiche e nei consigli agli
amici e nelle consulte perfino del proprio paese. La intelligenza
dell'uomo è infatti da paragonarsi — generalmente parlando — ad un
appartamento composto di molte stanze, non ad un ùnico camerone. Pare
anzi che più aumenti il patrimonio delle idèe, più si moltìplichino
le diverse cellette destinate ad accòglierle: nulla quindi di strano
se la mobiglia di qualche nostro locale si trovi tutta sossopra, pur
mantenendosi il resto dell'appartamento in perfetto òrdine.

  Aprile, 1882.



POSTILLE


[1] È notèvole infatti come la più parte de' concorrenti abbia
saccheggiato senza pietà i monumenti più cèlebri del mondo,
traducèndone, deturpate, ne' suòi bozzetti le idèe e le forme.
Incontriamo quindi ad ogni passo la Mole Adriana e il sepolcro di
Cecilia Metella ridotti a stufa, il Pàntheon schiacciato a panettone,
il tempio tiburtino della Sibilla con su una calotta cattòlica, ed
archi di Tito, di Costantino, e dell'_Étoile_, e colonne trajane ed
antonine senza nùmero. Nè manca il Pandrosio nè il tempio di Arminio
nella Selva Nera nè il monumento di Pietro il Grande a Pietroburgo.
Alcuni poi, che, dall'accoppiare due furti, crèdono forse di non
passare per ladri, han sovrapposto all'arco di Settimio Severo la
colonna Trajana, che viene quindi col pieno della sua mole a poggiare
sul vuoto della porta di mezzo, con quale spàsimo del buon senso
è fàcile di capire (V. bozz. n. 51, _Iddio lo volle e la stella
d'Italia si fermò su Roma_, — n. 218. _L'Aurora_, — n. 271 _Estremo
Oriente_ e n. 28 _Rega Gherardo_); oppure, capovolgendo quel pensiero
rettòrico assài ma non illògico dal punto di vista della allegorìa,
della statuaria antica, che pone in mano alle immàgini dei suòi
gloriosi guerrieri la figuretta della Vittoria, fanno Vittorie di
bronzo che règgono in palma statue del defunto sovrano grandi e grosse
appressapoco come la sostenitrice. (V. ad. es. il bozz. n. 29 _Vincenzo
Falcioni_).

Notèvole è pure come talune pensate — nuove se vuolsi, ma che non
sèmbrano le più sensate — sieno, se non furate da concorrente a
concorrente, sorte contemporaneamente in diversi cervelli. Di archi
trionfali sorreggenti colonne, ne abbiamo, salvo errore, contati
quattro: così, l'idèa di adoprare il mappamondo a foggia di cùpola
con tracciata nel mezzo la penisola itàlica e nella penìsola Roma e
sovra Roma, a guisa di perno, l'effige del Re, la troviamo nei bozzetti
153 (_Giordano Edoardo_) 218 (_L'Italia è pace e civiltà_) 219 (_Vis
unita fortior 1º_) e 254 (_Tutto è poco per tanta memoria_); così, i
gironi del purgatorio dantesco si riscòntrano in Amèndola (n. 130) e in
Ximènes-Gallori (n. 209) due bozzetti però che appartèngono all'arte;
mentre la piràmide a scalinate colle statuette che vi si arràmpicano
— imitazione, pare, di un grosso pangiallo coperto di mosche bianche —
si ripete al n. 188 (_Macdonald Alessandro_) e 229 (_Landi Guido_) e la
colonna di mandorlato da cui spùntano, a guisa di furòncoli, innùmeri
testoline, appare ai bozzetti 119 (_Ignazio Perricci_) e 221 (_Di Pinto
Domenico_).

[2] Questo telegrafista di Avigliana Basilicata ha progettato
una colonna di stile, dirèbbesi, burocràtico, da illuminarsi
elettricamente. L'ingrediente della luce elèttrica fà parte anche di
altri progetti, come ad esempio di quello del dottore Depraz (n. 24)
che cangerebbe la mole Adriana in un gran faro, di quello del S.r
Falcioni (n. 30), e di quello del S.r Auteri Pomar (n. 195) consistente
in un mucchio di cùpole e pòrtici con un reggimento di bronzea
cavalleria sul tetto ed un angelone. «_Cento saranno le colonne_ —
dice l'autore con drammàtica foga — _e ogni città scolpirà la sua.
Al sòrgere della notte, sulla fronte dell'Angelo splenderà la stella
d'Italia_...»

[3] Il Sig. Camillo Ferrara, ex-ufficiale in ritiro (bozz. n. 22)
vorrebbe, non un monumento di bronzo o di marmo, ma un opificio
dove poter impiegare moltissimi lavoranti. Nell'opificio sarebbe poi
collocata una fontana coll'erma del Re. L'autore chiama sè stesso (a
torto) _un matto che non sragiona_.

[4] Dal canto suo, il francese dott. Depraz si propone principalmente
di lavare gli italiani, e i romani in ispecie. Suggerisce quindi
di fabbricare le Terme Vittorio Emanuele intorno alla mole Adriana,
cangiando questa in un gran faro elèttrico. Il Depraz osserva, con
francese modestia, che tale idèa è superiore a tutti i progetti di
marmo che pittori, scultori ed architetti potrebbero presentare. Egli
desidera anzitutto «_la rigenerazione igiènica del pòpolo_.»

Al signor Depraz e all'altro citato nella precedente nota nùmero 3,
sarebbe anche da aggiùngersi il signor Elia Rapetti (bozz. 34) che,
in una relazione non scritta male, osserva che il Mausolèo di Adriano
o altro consìmile dell'antichità non potrebbe servir di modello pel
monumento a Vittorio Emanuele, rappresentando esso la morte scèttica.
Il primo Re d'Italia avendo invece fatto una fine cristiana, è
necessario, secondo il Rapetti, che il monumento raffiguri una morte
munita dai conforti religiosi. Propone quindi l'erezione d'una chiesa,
una specie di chiuso cassone lombardesco.

[5] Questi bozzetti rècano rispettivamente i seguenti motti e si
presèntano come qui appresso: — (_Quella parte di noi che intende e
vuole_) Arco di trionfo — (_Una casa bianca_) Tempietto bianco con
cùpola di stile àrabo-burlesco — (_Artibus ingenuis quaesita est gloria
multis_). Chiosco da giardino con una stella a vari colori pendente
nel mezzo — (_Virtus_) Pàntheon con tre sediette fuori di prospettiva
sul dinanzi — (_Rijssens de Lauw_) Torre monumentale barocca in mezzo
ad un parco aquàtico — (_Wheeller Richard_) Tempietto gòtico-còmico —
(_Savoja_) Tela cerata con su dipinto un monumento a gruppi e statue
equestri, e molti visitatori — (_Baldassare Peruzzi_) Monumento con
statue equestri e pòrtici. Vi dòmina il colore spinaci — (B) Ricalco
del tempio d'Arminio — (_L'attuàbile_) Sovrapposizione di monumenti. La
relazione comincia: _Vittorio Emanuele superati vari ostàcoli polìtici
e militari_... — (_Italiae cassis_) Lùcido del monumento a Pietro il
Grande in Pietroburgo — (_Asch Harry_) Tempietto indiano — (_Vis_)
Fontana con figurine di terra cotta e cascate di striscie di vesciche —
(_Persevere_) Tempietto — (ALMENO _un omaggio alla dinastia di Savoja_)
Tempio greco con su un castello medioevale e sopra un palazzo del
rinascimento che termina con un pinàcolo barocco.

[6] Come delle condizioni e professioni dei singoli esponenti, così
riesce difficilissimo di accertarsi della patria dei medèsimi a
chi, come noi, non fu presente al ricevimento dei loro bozzetti e
deve accontentarsi di prènder norma dai motti genèrici e dai nùmeri
progressivi, che, in generale, ne sono l'ùnico contrassegno.

Limitando però le nostre osservazioni ai soli mattòidi e cretini,
e tentando d'indovinarne l'origine, sia dalla desinenza dei nomi,
nei pochi casi in cui lèggesi nome, sia dalla lingua nella quale il
manoscritto è redatto o dal luogo donde è datato, troviamo che, fra
totalmente e parzialmente alienati:

  l'Inghilterra e l'Amèrica settentrionale
    avrebbero mandato al concorso                 n. 11 individui
  la Germania                                     »   8    id.
  la Francia                                      »   4    id.
  la Russia                                       »   1    id.
  il Belgio                                       »   1    id.

[7] Se si volessero riportare tutte le incongruenze, le divagazioni,
gli spropòsiti di ogni dimensione che invàdono i disegni e i
manoscritti di tre quarti buoni dei concorrenti, non finirèbbesi più.
Per esempio, il n. 47 (_Benincasa_) — fabbricato a ricetta un monumento
di stile opprimente — lo chiama _di stile di buon effetto_; mentre
il n. 116 (_Artibus ingenuis quaesita est gloria multis_, 2º) messo
insieme una contraffazione di tempio e piràmide, ci avverte che _ha
creduto di riuscir molto piacèvole nell'imitare la bellezza dello stile
greco, la grandiosità del romano e il gòtico nella sveltezza_. Nè manca
chi ci disegna un Vittorio Emanuele in àbito borghese e cappello basso
(n. 91, S.P.Q.R.) o, peggio ancora, un Re vestito da guerriero romano
con elmo e pennacchio (n. 139, _In hoc signo vinces_) nè manca chi ad
un tempio sovrappone un pàntheon e per aggiuntino una colonna (n. 68,
_L'unione fà la forza_) o ricama una cùpola come un pangiallo di lusso
(n. 67. _Labor improbus omnia vincit_). Così, benchè sia contrario
all'òrdine composito, il n. 289 (_Buonini_) assicura di aver preso a
modello l'Arco di Tito e la Colonna Trajana, e il bello si è che non
ha imitato nè l'uno nè l'altra; così il n. 259 (_Alleanza_) che fu
premiato con 20,000 lire (bene spese davvero!) raddoppia il Palazzo di
Venezia per farne una specie di tetro cassone intorno ad un cadàvere di
monumento, ecc. ecc.

Tutti questi, però — mediocrissimi — nonchè altrettali, quantunque
àbbiano scivolato nella stoltezza, non prèsentano segni abbastanza
certi per poter dire che vi stanno di casa.

[8] Sarebbe interessantissimo di poter anche dare una descrizione
psichica di questo battaglione di mattòidi, ma a far ciò occorrerebbe
anzitutto di conòscerli personalmente. Quanto alle loro fisionomìe, si
può essere certi che nulla li distingue dall'uomo medio. La signora
Tarnowsky, dottrice di grido che voltò in lingua russa il «Genio e
follìa» di Cèsare Lombroso, opinerebbe che i mattòidi debbono avere
una faccia diversa delle sòlite: gli studi, però, fatti dallo stesso
Lombroso e da altri, pròvano invece che le fisionomìe pazzesche
s'incòntrano più per eccezione che per regola, il che si comprende per
due ragioni: la prima, perchè i mattòidi non sono mai pazzi negli atti
e sono tutti compresi della propria importanza, la qual cosa, se mai
influisce sulle loro fisionomìe, dà loro un'aria grave, serena, come
di chi è pieno e persuaso di sè; l'altra, che, nella più parte, non
sono tali per eredità, per malattie cerebrali ecc. ma solo perchè sulla
piazza del mondo, con una forza come di 3 vògliono figurare per 300,
quindi deviano dal sentiero battuto ed anche dal giusto, non avendo,
in ogni caso, di morboso che una vanità sconfinata, unita ad un ìnfimo
ingegno.

[9] Notiamo con soddisfazione come questo concetto ragionevolissimo di
quanto il monumento sarebbe tenuto ad esprìmere, dòmini nella quasi
totalità dei bozzetti presentati al concorso. Alla grandissima parte
dei concorrenti la formazione dell'Italia parve òpera, non di un uomo
solo, ma di una schiera d'incliti patrioti, appartenenti a tutte le
classi ed a più generazioni. Tre o quattro progettisti soltanto non
videro che l'isolata personalità di Vittorio; come, ad esempio, il
n. 207 (_Raffaele d'Alpino_) che, erigendo graficamente una brutta
torre sul Monte Pincio con un colossale stemma nel mezzo sullo stile
di quello de' tabaccài, la intitola _Torre Sabàuda_, e scrive: _ai
precursori, ai collaboratori di Vittorio Emanuele le colonne, gli
stilòbati, le statue equestri; ma il monumento a lui solo!_

[10] Questa idèa di ricordare l'_unità italiana_ con qualche segno
materiale è comunissima nei concorrenti. I più si vàlgono della
colonna, fregiata degli stemmi delle provincie d'Italia o delle
principali città. Distìnguesi però fra tutti il n. 62 (_Infin che il
veltro verrà che la farà morir di doglia_) il quale, erigendo un arco
greco-romano in mezzo ad una pozzànghera d'aqua, _le fontane_ — egli
dice — _alimenteranno l'allegòrica unità del laghetto_.

[11] Tra i mattòidi stranieri sarebbe pure da annoverarsi il francese
autore dei progetti n. 37 A e B (_L'art gothique_). È un concorrente
la cui fantasia è tutta occupata da un intrico di ogive ed aguglie, le
più esagerate. Ci rincresce di non poterne qui riprodurre uno schizzo.
La sola proposta di erìgere — oggi ed in Roma — un monumento di stile
gòtico, dà già indizio di mente non completamente ordinata. Come poi
sia possibile di fare, in questo stile, òpera originale, lo domanderemo
anche a quel n. 108 (_J'attends mon astre_) che sceglie appunto lo
stile gòtico dopo di aver dichiarato _che il monumento non deve èssere
copia di altro_. Questo n. 108 è inoltre quel desso che fà riposare il
suo edificio su parecchi scaglioni, i più elevati de' quali sono lisci
e gli inferiori rozzi, _a dinotare_ — così egli scrive — _le prime
difficoltà che incontrò la formazione dell'unità nazionale_.

[12] Cf. bozz. n. 7 (_Fisò in seno all'avvenire_), ecc., a pag. 56-57.

[13] Cf. a pag. 44, bozz. n. 168 (_Dante, Vittorio Emanuele e l'Unità
Italiana_) il cui autore è amante anch'esso dei monumenti con luminarie
e bandiere e, come le scàtole germaniche a cariglione, con mùsica.



NOMI DI PERSONE CITATI NEL PRESENTE OPUSCOLO


  _Allighieri Dante_, 63, 70
  _Amèndola_ (n. 130), 17, 102
  _Aronne_, 80
  _Asch Harry_ (n. 277), 104
  _Auteri-Pomar_ (n. 195), 102
  _Benincasa_ (n. 47), 104
  _Bertani Agostino_, 46
  _Boccaccio Giovanni_, 63
  _Buonini_ (n. 289), 105
  _Cànfora_ (n. 294), 29, 78
  _Carlo Alberto di Savoja Carignano_, 80, 81
  _Carmelo_ (n. 237), 29
  _Cavour Camillo_, 46
  _Colombo Cristòforo_, 46, 83
  _Conconi_ (n. 269-270), 17
  _Crispi Francesco_, 46
  _Cristo Gesù_, 80, 83
  _D'Alpino_ (n. 207), 106
  _De Bianchi Dòttola_, 85
  _Delmar_ (n. 59), 24
  _Depraz_ (n. 24), 23, 102, 103
  _Di Pinto_ (n. 221), 102
  _Falcioni_ (n. 29), 102
  _Ferrara C._ (n. 22), 23, 103
  _Filopanti Quìrico_, 25
  _Galilèi Galilèo_, 63
  _Gallori-Ximènes_ (n. 209), 17, 102
  _Gatteschi_ (n. 142), 59
  _Giordano_ (n. 153), 102
  _Hodorowitch_ (n. 158), 24
  _Landi_ (n. 299), 102
  _Leone XIII_, 81, 83, 85, 86
  _Lombroso Cèsare_, 5, 11, 105
  _Macdonald_ (n. 188), 102
  _Magliani Agostino_, 64
  _Mamiani Terenzio_, 35
  _Margherita di Savoja_, 80, 81
  _Maria Cristina di Savoja_, 80, 81
  _Mariani_ (n. 197), 69
  _Mollajoli_ (n. 216), 27
  _Montani_ (n. 32), 49
  _Montezèmolo_, 46
  _Mosè_, 80
  _Mugnaini_ (n. 26), 30
  _Otto_ (n. 260), 17
  _Perrici_ (n. 119), 102
  _Petrarca Francesco_, 63
  _Pianciani_, 46
  _Pinaroli_ (n. 40), 26
  _Pio IX_, 79, 80, 81
  _Rapetti_ (n. 34), 103
  _Rega_ (n. 284), 102
  _Ricàsoli Bettino_, 46
  _Rijssens de Lauw_ (n. 66), 103
  _Romaniello_ (n. 147), 26, 53
  _Sella Quintino_, 35
  _Tarnowsky_, 105
  _Tezza_ (n. 86), 34, 35
  _Torchiana_ (n. 206), 26
  _Umberto I_, 66, 79, 80, 81
  _Vallònica_ (n. 38), 43
  _Virgilio_, 70
  _Vitruvio_, 51
  _Vittorio Emanuele (Prìncipe ereditario)_, 81
  _Wanderburg E. P._ (n. 267), 24
  _Wheeller_ (n. 74), 103
  _Ximènes-Gallori_ (n. 209), 17, 102



MOTTI DI LAVORI CITATI NELL'OPUSCOLO


  _A. B. di Messina_ (n. 41), 28
  _Ad onore di S.E. il ministro Magliani_ (n. 98), 64
  _Alleanza_ (n. 259), 103
  _Almeno un omaggio alla dinastìa_ (n. 241), 104
  _Al Re e alla Patria_ (n. 253), 25
  _Ars longa, vita brevis_ (n. 222), 26
  _Artibus ingenuis quaesita est gloria multis._ I (n. 28), 103
  _Id. id. id._ II (n. 145), 104
  _Baldassarre Peruzzi_ (n. 115), 103
  _Concordia_ (n. 46), 27, 29
  _Dante, Vittorio Emanuele, e l'unità
    italiana_ (n. 168), 44, 107
  _Dall'uno all'altro polo_ (n. 287), 27
  _Epopèa_ (n. 251), 49
  _Estremo Oriente_ (n. 271), 101
  _Esperia, Ausonia, Italia civile e
    guerriera_ (n. 181), 24
  _Esperienza è madre di scienza_ (n. 183), 30
  _Ezekiel_ (n. 36), 26
  _Fànnomi onore e di ciò fanno bene_ (n. 280), 49
  _Fisò in seno all'avvenire — i suòi sguardi
    rilucenti_ (n. 7), 54, 107
  _Fons vitae_ (n. 292), 26
  _Hanc ratus sum partem meam_ (n. 163), 29, 65
  _Iddio lo volle e la stella d'Italia si fermò su
    Roma_ (n. 54), 101
  _Imeiyôr_ (B) (n. 134), 103
  _Infin che il veltro verrà che la farà morir di
    doglia_ (n. 62), 106
  _In hoc signo vinces_ (n. 139), 105
  _Italiae cassis_ (n. 242), 104
  _J'attends mon astre_ (n. 108), 106
  _Labor improbus omnia vincit_ (n. 67), 105
  _La nostra propizia cometa_ (n. 157), 48
  _L'architettura e la scultura sono arti
    inseparàbili_ (n. 35), 29
  _L'Art gothique_ (n. 37 A e B), 106
  _L'attuàbile_ (n. 234), 104
  _L'Aurora_ (n. 248), 101
  _Le rudi ma pur maestose costruzioni de' prischi
    quiriti..._ (n. 88), 39
  _L'Italia è pace e civiltà_ (n. 218), 102
  _L'unione fà la forza_ (n. 68), 105
  _Num et Saul?_ (n. 65), 24
  _Optimus ille est qui minimis urguetur_ (n. 214), 25
  _Ora speme agli animosi rifulga..._ (n. 86), 34
  _Per àspera ad astra_ (n. 162), 59
  _Persevere_ (n. 293), 104
  _Quella parte di noi che intende e vuole_ (n. 11), 103
  _Savoja_ (n. 112), 103
  _Secondo-Primo_ (n. 191), 30
  _S.P.Q.R._ (n. 91), 105
  _Tricolor_ (n. 282), 49
  _Tutto è poco per tanta memoria_ (n. 254), 102
  _Una casa bianca_ (n. 19), 103
  _Una idèa_ (1º) (n. 82), 43
  _U.S.A._ (n. 296), 60
  _V._ (n. 291), 29
  _Vis_ (n. 290), 104
  _Vis unita fortior_ (n. 219), 102
  _Virtus_ (n. 16 A), 103



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, così come
le grafie alternative (in particolare l'uso degli accenti è molto
variabile), correggendo senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "I mattoidi - al primo concorso pel monumento in Roma a Vittorio Emanuele" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home