Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Orlando Furioso
Author: Ariosto, Lodovico
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Orlando Furioso" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



extensive corrections and HTML version by Barbara Magni.



                                 DI

                           LUDOVICO ARIOSTO



CANTO PRIMO


1

  Le donne, i cavallier, l'arme, gli amori,
  le cortesie, l'audaci imprese io canto,
  che furo al tempo che passaro i Mori
  d'Africa il mare, e in Francia nocquer tanto,
  seguendo l'ire e i giovenil furori
  d'Agramante lor re, che si diè vanto
  di vendicar la morte di Troiano
  sopra re Carlo imperator romano.

2

  Dirò d'Orlando in un medesmo tratto
  cosa non detta in prosa mai, né in rima:
  che per amor venne in furore e matto,
  d'uom che sì saggio era stimato prima;
  se da colei che tal quasi m'ha fatto,
  che 'l poco ingegno ad or ad or mi lima,
  me ne sarà però tanto concesso,
  che mi basti a finir quanto ho promesso.

3

  Piacciavi, generosa Erculea prole,
  ornamento e splendor del secol nostro,
  Ippolito, aggradir questo che vuole
  e darvi sol può l'umil servo vostro.
  Quel ch'io vi debbo, posso di parole
  pagare in parte e d'opera d'inchiostro;
  né che poco io vi dia da imputar sono,
  che quanto io posso dar, tutto vi dono.

4

  Voi sentirete fra i più degni eroi,
  che nominar con laude m'apparecchio,
  ricordar quel Ruggier, che fu di voi
  e de' vostri avi illustri il ceppo vecchio.
  L'alto valore e' chiari gesti suoi
  vi farò udir, se voi mi date orecchio,
  e vostri alti pensier cedino un poco,
  sì che tra lor miei versi abbiano loco.

5

  Orlando, che gran tempo innamorato
  fu de la bella Angelica, e per lei
  in India, in Media, in Tartaria lasciato
  avea infiniti ed immortal trofei,
  in Ponente con essa era tornato,
  dove sotto i gran monti Pirenei
  con la gente di Francia e de Lamagna
  re Carlo era attendato alla campagna,

6

  per far al re Marsilio e al re Agramante
  battersi ancor del folle ardir la guancia,
  d'aver condotto, l'un, d'Africa quante
  genti erano atte a portar spada e lancia;
  l'altro, d'aver spinta la Spagna inante
  a destruzion del bel regno di Francia.
  E così Orlando arrivò quivi a punto:
  ma tosto si pentì d'esservi giunto:

7

  che vi fu tolta la sua donna poi:
  ecco il giudicio uman come spesso erra!
  Quella che dagli esperi ai liti eoi
  avea difesa con sì lunga guerra,
  or tolta gli è fra tanti amici suoi,
  senza spada adoprar, ne la sua terra.
  Il savio imperator, ch'estinguer volse
  un grave incendio, fu che gli la tolse.

8

  Nata pochi dì inanzi era una gara
  tra il conte Orlando e il suo cugin Rinaldo,
  che entrambi avean per la bellezza rara
  d'amoroso disio l'animo caldo.
  Carlo, che non avea tal lite cara,
  che gli rendea l'aiuto lor men saldo,
  questa donzella, che la causa n'era,
  tolse, e diè in mano al duca di Bavera;

9

  in premio promettendola a quel d'essi,
  ch'in quel conflitto, in quella gran giornata,
  degl'infideli più copia uccidessi,
  e di sua man prestasse opra più grata.
  Contrari ai voti poi furo i successi;
  ch'in fuga andò la gente battezzata,
  e con molti altri fu 'l duca prigione,
  e restò abbandonato il padiglione.

10

  Dove, poi che rimase la donzella
  ch'esser dovea del vincitor mercede,
  inanzi al caso era salita in sella,
  e quando bisognò le spalle diede,
  presaga che quel giorno esser rubella
  dovea Fortuna alla cristiana fede:
  entrò in un bosco, e ne la stretta via
  rincontrò un cavallier ch'a piè venìa.

11

  Indosso la corazza, l'elmo in testa,
  la spada al fianco, e in braccio avea lo scudo;
  e più leggier correa per la foresta,
  ch'al pallio rosso il villan mezzo ignudo.
  Timida pastorella mai sì presta
  non volse piede inanzi a serpe crudo,
  come Angelica tosto il freno torse,
  che del guerrier, ch'a piè venìa, s'accorse.

12

  Era costui quel paladin gagliardo,
  figliuol d'Amon, signor di Montalbano,
  a cui pur dianzi il suo destrier Baiardo
  per strano caso uscito era di mano.
  Come alla donna egli drizzò lo sguardo,
  riconobbe, quantunque di lontano,
  l'angelico sembiante e quel bel volto
  ch'all'amorose reti il tenea involto.

13

  La donna il palafreno a dietro volta,
  e per la selva a tutta briglia il caccia;
  né per la rara più che per la folta,
  la più sicura e miglior via procaccia:
  ma pallida, tremando, e di sé tolta,
  lascia cura al destrier che la via faccia.
  Di sù di giù, ne l'alta selva fiera
  tanto girò, che venne a una riviera.

14

  Su la riviera Ferraù trovosse
  di sudor pieno e tutto polveroso.
  Da la battaglia dianzi lo rimosse
  un gran disio di bere e di riposo;
  e poi, mal grado suo, quivi fermosse,
  perché, de l'acqua ingordo e frettoloso,
  l'elmo nel fiume si lasciò cadere,
  né l'avea potuto anco riavere.

15

  Quanto potea più forte, ne veniva
  gridando la donzella ispaventata.
  A quella voce salta in su la riva
  il Saracino, e nel viso la guata;
  e la conosce subito ch'arriva,
  ben che di timor pallida e turbata,
  e sien più dì che non n'udì novella,
  che senza dubbio ell'è Angelica bella.

16

  E perché era cortese, e n'avea forse
  non men de' dui cugini il petto caldo,
  l'aiuto che potea tutto le porse,
  pur come avesse l'elmo, ardito e baldo:
  trasse la spada, e minacciando corse
  dove poco di lui temea Rinaldo.
  Più volte s'eran già non pur veduti,
  m'al paragon de l'arme conosciuti.

17

  Cominciar quivi una crudel battaglia,
  come a piè si trovar, coi brandi ignudi:
  non che le piastre e la minuta maglia,
  ma ai colpi lor non reggerian gl'incudi.
  Or, mentre l'un con l'altro si travaglia,
  bisogna al palafren che 'l passo studi;
  che quanto può menar de le calcagna,
  colei lo caccia al bosco e alla campagna.

18

  Poi che s'affaticar gran pezzo invano
  i dui guerrier per por l'un l'altro sotto,
  quando non meno era con l'arme in mano
  questo di quel, né quel di questo dotto;
  fu primiero il signor di Montalbano,
  ch'al cavallier di Spagna fece motto,
  sì come quel ch'ha nel cuor tanto fuoco,
  che tutto n'arde e non ritrova loco.

19

  Disse al pagan: — Me sol creduto avrai,
  e pur avrai te meco ancora offeso:
  se questo avvien perché i fulgenti rai
  del nuovo sol t'abbino il petto acceso,
  di farmi qui tardar che guadagno hai?
  che quando ancor tu m'abbi morto o preso,
  non però tua la bella donna fia;
  che, mentre noi tardiam, se ne va via.

20

  Quanto fia meglio, amandola tu ancora,
  che tu le venga a traversar la strada,
  a ritenerla e farle far dimora,
  prima che più lontana se ne vada!
  Come l'avremo in potestate, allora
  di chi esser de' si provi con la spada:
  non so altrimenti, dopo un lungo affanno,
  che possa riuscirci altro che danno. —

21

  Al pagan la proposta non dispiacque:
  così fu differita la tenzone;
  e tal tregua tra lor subito nacque,
  sì l'odio e l'ira va in oblivione,
  che 'l pagano al partir da le fresche acque
  non lasciò a piedi il buon figliuol d'Amone:
  con preghi invita, ed al fin toglie in groppa,
  e per l'orme d'Angelica galoppa.

22

  Oh gran bontà de' cavallieri antiqui!
  Eran rivali, eran di fé diversi,
  e si sentian degli aspri colpi iniqui
  per tutta la persona anco dolersi;
  e pur per selve oscure e calli obliqui
  insieme van senza sospetto aversi.
  Da quattro sproni il destrier punto arriva
  ove una strada in due si dipartiva.

23

  E come quei che non sapean se l'una
  o l'altra via facesse la donzella
  (però che senza differenza alcuna
  apparia in amendue l'orma novella),
  si messero ad arbitrio di fortuna,
  Rinaldo a questa, il Saracino a quella.
  Pel bosco Ferraù molto s'avvolse,
  e ritrovossi al fine onde si tolse.

24

  Pur si ritrova ancor su la rivera,
  là dove l'elmo gli cascò ne l'onde.
  Poi che la donna ritrovar non spera,
  per aver l'elmo che 'l fiume gli asconde,
  in quella parte onde caduto gli era
  discende ne l'estreme umide sponde:
  ma quello era sì fitto ne la sabbia,
  che molto avrà da far prima che l'abbia.

25

  Con un gran ramo d'albero rimondo,
  di ch'avea fatto una pertica lunga,
  tenta il fiume e ricerca sino al fondo,
  né loco lascia ove non batta e punga.
  Mentre con la maggior stizza del mondo
  tanto l'indugio suo quivi prolunga,
  vede di mezzo il fiume un cavalliero
  insino al petto uscir, d'aspetto fiero.

26

  Era, fuor che la testa, tutto armato,
  ed avea un elmo ne la destra mano:
  avea il medesimo elmo che cercato
  da Ferraù fu lungamente invano.
  A Ferraù parlò come adirato,
  e disse: — Ah mancator di fé, marano!
  perché di lasciar l'elmo anche t'aggrevi,
  che render già gran tempo mi dovevi?

27

  Ricordati, pagan, quando uccidesti
  d'Angelica il fratel (che son quell'io),
  dietro all'altr'arme tu mi promettesti
  gittar fra pochi dì l'elmo nel rio.
  Or se Fortuna (quel che non volesti
  far tu) pone ad effetto il voler mio,
  non ti turbare; e se turbar ti déi,
  turbati che di fé mancato sei.

28

  Ma se desir pur hai d'un elmo fino,
  trovane un altro, ed abbil con più onore;
  un tal ne porta Orlando paladino,
  un tal Rinaldo, e forse anco migliore:
  l'un fu d'Almonte, e l'altro di Mambrino:
  acquista un di quei dui col tuo valore;
  e questo, ch'hai già di lasciarmi detto,
  farai bene a lasciarmi con effetto. —

29

  All'apparir che fece all'improvviso
  de l'acqua l'ombra, ogni pelo arricciossi,
  e scolorossi al Saracino il viso;
  la voce, ch'era per uscir, fermossi.
  Udendo poi da l'Argalia, ch'ucciso
  quivi avea già (che l'Argalia nomossi)
  la rotta fede così improverarse,
  di scorno e d'ira dentro e di fuor arse.

30

  Né tempo avendo a pensar altra scusa,
  e conoscendo ben che 'l ver gli disse,
  restò senza risposta a bocca chiusa;
  ma la vergogna il cor sì gli trafisse,
  che giurò per la vita di Lanfusa
  non voler mai ch'altro elmo lo coprisse,
  se non quel buono che già in Aspramonte
  trasse dal capo Orlando al fiero Almonte.

31

  E servò meglio questo giuramento,
  che non avea quell'altro fatto prima.
  Quindi si parte tanto malcontento,
  che molti giorni poi si rode e lima.
  Sol di cercare è il paladino intento
  di qua di là, dove trovarlo stima.
  Altra ventura al buon Rinaldo accade,
  che da costui tenea diverse strade.

32

  Non molto va Rinaldo, che si vede
  saltare inanzi il suo destrier feroce:
  — Ferma, Baiardo mio, deh, ferma il piede!
  che l'esser senza te troppo mi nuoce. —
  Per questo il destrier sordo, a lui non riede
  anzi più se ne va sempre veloce.
  Segue Rinaldo, e d'ira si distrugge:
  ma seguitiamo Angelica che fugge.

33

  Fugge tra selve spaventose e scure,
  per lochi inabitati, ermi e selvaggi.
  Il mover de le frondi e di verzure,
  che di cerri sentia, d'olmi e di faggi,
  fatto le avea con subite paure
  trovar di qua di là strani viaggi;
  ch'ad ogni ombra veduta o in monte o in valle,
  temea Rinaldo aver sempre alle spalle.

34

  Qual pargoletta o damma o capriuola,
  che tra le fronde del natio boschetto
  alla madre veduta abbia la gola
  stringer dal pardo, o aprirle 'l fianco o 'l petto,
  di selva in selva dal crudel s'invola,
  e di paura trema e di sospetto:
  ad ogni sterpo che passando tocca,
  esser si crede all'empia fera in bocca.

35

  Quel dì e la notte a mezzo l'altro giorno
  s'andò aggirando, e non sapeva dove.
  Trovossi al fin in un boschetto adorno,
  che lievemente la fresca aura muove.
  Duo chiari rivi, mormorando intorno,
  sempre l'erbe vi fan tenere e nuove;
  e rendea ad ascoltar dolce concento,
  rotto tra picciol sassi, il correr lento.

36

  Quivi parendo a lei d'esser sicura
  e lontana a Rinaldo mille miglia,
  da la via stanca e da l'estiva arsura,
  di riposare alquanto si consiglia:
  tra' fiori smonta, e lascia alla pastura
  andare il palafren senza la briglia;
  e quel va errando intorno alle chiare onde,
  che di fresca erba avean piene le sponde.

37

  Ecco non lungi un bel cespuglio vede
  di prun fioriti e di vermiglie rose,
  che de le liquide onde al specchio siede,
  chiuso dal sol fra l'alte querce ombrose;
  così voto nel mezzo, che concede
  fresca stanza fra l'ombre più nascose:
  e la foglia coi rami in modo è mista,
  che 'l sol non v'entra, non che minor vista.

38

  Dentro letto vi fan tenere erbette,
  ch'invitano a posar chi s'appresenta.
  La bella donna in mezzo a quel si mette,
  ivi si corca ed ivi s'addormenta.
  Ma non per lungo spazio così stette,
  che un calpestio le par che venir senta:
  cheta si leva e appresso alla riviera
  vede ch'armato un cavallier giunt'era.

39

  Se gli è amico o nemico non comprende:
  tema e speranza il dubbio cor le scuote;
  e di quella aventura il fine attende,
  né pur d'un sol sospir l'aria percuote.
  Il cavalliero in riva al fiume scende
  sopra l'un braccio a riposar le gote;
  e in un suo gran pensier tanto penètra,
  che par cangiato in insensibil pietra.

40

  Pensoso più d'un'ora a capo basso
  stette, Signore, il cavallier dolente;
  poi cominciò con suono afflitto e lasso
  a lamentarsi sì soavemente,
  ch'avrebbe di pietà spezzato un sasso,
  una tigre crudel fatta clemente.
  Sospirante piangea, tal ch'un ruscello
  parean le guance, e 'l petto un Mongibello.

41

  — Pensier (dicea) che 'l cor m'agghiacci ed ardi,
  e causi il duol che sempre il rode e lima,
  che debbo far, poi ch'io son giunto tardi,
  e ch'altri a corre il frutto è andato prima?
  a pena avuto io n'ho parole e sguardi,
  ed altri n'ha tutta la spoglia opima.
  Se non ne tocca a me frutto né fiore,
  perché affligger per lei mi vuo' più il core?

42

  La verginella è simile alla rosa,
  ch'in bel giardin su la nativa spina
  mentre sola e sicura si riposa,
  né gregge né pastor se le avvicina;
  l'aura soave e l'alba rugiadosa,
  l'acqua, la terra al suo favor s'inchina:
  gioveni vaghi e donne inamorate
  amano averne e seni e tempie ornate.

43

  Ma non sì tosto dal materno stelo
  rimossa viene e dal suo ceppo verde,
  che quanto avea dagli uomini e dal cielo
  favor, grazia e bellezza, tutto perde.
  La vergine che 'l fior, di che più zelo
  che de' begli occhi e de la vita aver de',
  lascia altrui corre, il pregio ch'avea inanti
  perde nel cor di tutti gli altri amanti.

44

  Sia vile agli altri, e da quel solo amata
  a cui di sé fece sì larga copia.
  Ah, Fortuna crudel, Fortuna ingrata!
  trionfan gli altri, e ne moro io d'inopia.
  Dunque esser può che non mi sia più grata?
  dunque io posso lasciar mia vita propia?
  Ah più tosto oggi manchino i dì miei,
  ch'io viva più, s'amar non debbo lei! —

45

  Se mi domanda alcun chi costui sia,
  che versa sopra il rio lacrime tante,
  io dirò ch'egli è il re di Circassia,
  quel d'amor travagliato Sacripante;
  io dirò ancor, che di sua pena ria
  sia prima e sola causa essere amante,
  è pur un degli amanti di costei:
  e ben riconosciuto fu da lei.

46

  Appresso ove il sol cade, per suo amore
  venuto era dal capo d'Oriente;
  che seppe in India con suo gran dolore,
  come ella Orlando sequitò in Ponente:
  poi seppe in Francia che l'imperatore
  sequestrata l'avea da l'altra gente,
  per darla all'un de' duo che contra il Moro
  più quel giorno aiutasse i Gigli d'oro.

47

  Stato era in campo, e inteso avea di quella
  rotta crudel che dianzi ebbe re Carlo:
  cercò vestigio d'Angelica bella,
  né potuto avea ancora ritrovarlo.
  Questa è dunque la trista e ria novella
  che d'amorosa doglia fa penarlo,
  affligger, lamentare, e dir parole
  che di pietà potrian fermare il sole.

48

  Mentre costui così s'affligge e duole,
  e fa degli occhi suoi tepida fonte,
  e dice queste e molte altre parole,
  che non mi par bisogno esser racconte;
  l'aventurosa sua fortuna vuole
  ch'alle orecchie d'Angelica sian conte:
  e così quel ne viene a un'ora, a un punto,
  ch'in mille anni o mai più non è raggiunto.

49

  Con molta attenzion la bella donna
  al pianto, alle parole, al modo attende
  di colui ch'in amarla non assonna;
  né questo è il primo dì ch'ella l'intende:
  ma dura e fredda più d'una colonna,
  ad averne pietà non però scende,
  come colei c'ha tutto il mondo a sdegno,
  e non le par ch'alcun sia di lei degno.

50

  Pur tra quei boschi il ritrovarsi sola
  le fa pensar di tor costui per guida;
  che chi ne l'acqua sta fin alla gola
  ben è ostinato se mercé non grida.
  Se questa occasione or se l'invola,
  non troverà mai più scorta sì fida;
  ch'a lunga prova conosciuto inante
  s'avea quel re fedel sopra ogni amante.

51

  Ma non però disegna de l'affanno
  che lo distrugge alleggierir chi l'ama,
  e ristorar d'ogni passato danno
  con quel piacer ch'ogni amator più brama:
  ma alcuna finzione, alcuno inganno
  di tenerlo in speranza ordisce e trama;
  tanto ch'a quel bisogno se ne serva,
  poi torni all'uso suo dura e proterva.

52

  E fuor di quel cespuglio oscuro e cieco
  fa di sé bella ed improvvisa mostra,
  come di selva o fuor d'ombroso speco
  Diana in scena o Citerea si mostra;
  e dice all'apparir: — Pace sia teco;
  teco difenda Dio la fama nostra,
  e non comporti, contra ogni ragione,
  ch'abbi di me sì falsa opinione. —

53

  Non mai con tanto gaudio o stupor tanto
  levò gli occhi al figliuolo alcuna madre,
  ch'avea per morto sospirato e pianto,
  poi che senza esso udì tornar le squadre;
  con quanto gaudio il Saracin, con quanto
  stupor l'alta presenza e le leggiadre
  maniere, e il vero angelico sembiante,
  improviso apparir si vide inante.

54

  Pieno di dolce e d'amoroso affetto,
  alla sua donna, alla sua diva corse,
  che con le braccia al collo il tenne stretto,
  quel ch'al Catai non avria fatto forse.
  Al patrio regno, al suo natio ricetto,
  seco avendo costui, l'animo torse:
  subito in lei s'avviva la speranza
  di tosto riveder sua ricca stanza.

55

  Ella gli rende conto pienamente
  dal giorno che mandato fu da lei
  a domandar soccorso in Oriente
  al re de' Sericani e Nabatei;
  e come Orlando la guardò sovente
  da morte, da disnor, da casi rei:
  e che 'l fior virginal così avea salvo,
  come se lo portò del materno alvo.

56

  Forse era ver, ma non però credibile
  a chi del senso suo fosse signore;
  ma parve facilmente a lui possibile,
  ch'era perduto in via più grave errore.
  Quel che l'uom vede, Amor gli fa invisibile,
  e l'invisibil fa vedere Amore.
  Questo creduto fu; che 'l miser suole
  dar facile credenza a quel che vuole.

57

  — Se mal si seppe il cavallier d'Anglante
  pigliar per sua sciocchezza il tempo buono,
  il danno se ne avrà; che da qui inante
  nol chiamerà Fortuna a sì gran dono
  (tra sé tacito parla Sacripante):
  ma io per imitarlo già non sono,
  che lasci tanto ben che m'è concesso,
  e ch'a doler poi m'abbia di me stesso.

58

  Corrò la fresca e matutina rosa,
  che, tardando, stagion perder potria.
  So ben ch'a donna non si può far cosa
  che più soave e più piacevol sia,
  ancor che se ne mostri disdegnosa,
  e talor mesta e flebil se ne stia:
  non starò per repulsa o finto sdegno,
  ch'io non adombri e incarni il mio disegno. —

59

  Così dice egli; e mentre s'apparecchia
  al dolce assalto, un gran rumor che suona
  dal vicin bosco gl'intruona l'orecchia,
  sì che mal grado l'impresa abbandona:
  e si pon l'elmo (ch'avea usanza vecchia
  di portar sempre armata la persona),
  viene al destriero e gli ripon la briglia,
  rimonta in sella e la sua lancia piglia.

60

  Ecco pel bosco un cavallier venire,
  il cui sembiante è d'uom gagliardo e fiero:
  candido come nieve è il suo vestire,
  un bianco pennoncello ha per cimiero.
  Re Sacripante, che non può patire
  che quel con l'importuno suo sentiero
  gli abbia interrotto il gran piacer ch'avea,
  con vista il guarda disdegnosa e rea.

61

  Come è più appresso, lo sfida a battaglia;
  che crede ben fargli votar l'arcione.
  Quel che di lui non stimo già che vaglia
  un grano meno, e ne fa paragone,
  l'orgogliose minacce a mezzo taglia,
  sprona a un tempo, e la lancia in resta pone.
  Sacripante ritorna con tempesta,
  e corronsi a ferir testa per testa.

62

  Non si vanno i leoni o i tori in salto
  a dar di petto, ad accozzar sì crudi,
  sì come i duo guerrieri al fiero assalto,
  che parimente si passar li scudi.
  Fe' lo scontro tremar dal basso all'alto
  l'erbose valli insino ai poggi ignudi;
  e ben giovò che fur buoni e perfetti
  gli osberghi sì, che lor salvaro i petti.

63

  Già non fero i cavalli un correr torto,
  anzi cozzaro a guisa di montoni:
  quel del guerrier pagan morì di corto,
  ch'era vivendo in numero de' buoni:
  quell'altro cadde ancor, ma fu risorto
  tosto ch'al fianco si sentì gli sproni.
  Quel del re saracin restò disteso
  adosso al suo signor con tutto il peso.

64

  L'incognito campion che restò ritto,
  e vide l'altro col cavallo in terra,
  stimando avere assai di quel conflitto,
  non si curò di rinovar la guerra;
  ma dove per la selva è il camin dritto,
  correndo a tutta briglia si disserra;
  e prima che di briga esca il pagano,
  un miglio o poco meno è già lontano.

65

  Qual istordito e stupido aratore,
  poi ch'è passato il fulmine, si leva
  di là dove l'altissimo fragore
  appresso ai morti buoi steso l'aveva;
  che mira senza fronde e senza onore
  il pin che di lontan veder soleva:
  tal si levò il pagano a piè rimaso,
  Angelica presente al duro caso.

66

  Sospira e geme, non perché l'annoi
  che piede o braccio s'abbi rotto o mosso,
  ma per vergogna sola, onde a' dì suoi
  né pria né dopo il viso ebbe sì rosso:
  e più, ch'oltre il cader, sua donna poi
  fu che gli tolse il gran peso d'adosso.
  Muto restava, mi cred'io, se quella
  non gli rendea la voce e la favella.

67

  — Deh! (diss'ella) signor, non vi rincresca!
  che del cader non è la colpa vostra,
  ma del cavallo, a cui riposo ed esca
  meglio si convenia che nuova giostra.
  Né perciò quel guerrier sua gloria accresca
  che d'esser stato il perditor dimostra:
  così, per quel ch'io me ne sappia, stimo,
  quando a lasciare il campo è stato primo. —

68

  Mentre costei conforta il Saracino,
  ecco col corno e con la tasca al fianco,
  galoppando venir sopra un ronzino
  un messagger che parea afflitto e stanco;
  che come a Sacripante fu vicino,
  gli domandò se con un scudo bianco
  e con un bianco pennoncello in testa
  vide un guerrier passar per la foresta.

69

  Rispose Sacripante: — Come vedi,
  m'ha qui abbattuto, e se ne parte or ora;
  e perch'io sappia chi m'ha messo a piedi,
  fa che per nome io lo conosca ancora. —
  Ed egli a lui: — Di quel che tu mi chiedi
  io ti satisfarò senza dimora:
  tu dei saper che ti levò di sella
  l'alto valor d'una gentil donzella.

70

  Ella è gagliarda ed è più bella molto;
  né il suo famoso nome anco t'ascondo:
  fu Bradamante quella che t'ha tolto
  quanto onor mai tu guadagnasti al mondo. —
  Poi ch'ebbe così detto, a freno sciolto
  il Saracin lasciò poco giocondo,
  che non sa che si dica o che si faccia,
  tutto avvampato di vergogna in faccia.

71

  Poi che gran pezzo al caso intervenuto
  ebbe pensato invano, e finalmente
  si trovò da una femina abbattuto,
  che pensandovi più, più dolor sente;
  montò l'altro destrier, tacito e muto:
  e senza far parola, chetamente
  tolse Angelica in groppa, e differilla
  a più lieto uso, a stanza più tranquilla.

72

  Non furo iti due miglia, che sonare
  odon la selva che li cinge intorno,
  con tal rumore e strepito, che pare
  che triemi la foresta d'ogn'intorno;
  e poco dopo un gran destrier n'appare,
  d'oro guernito e riccamente adorno,
  che salta macchie e rivi, ed a fracasso
  arbori mena e ciò che vieta il passo.

73

  — Se l'intricati rami e l'aer fosco,
  (disse la donna) agli occhi non contende,
  Baiardo è quel destrier ch'in mezzo il bosco
  con tal rumor la chiusa via si fende.
  Questo è certo Baiardo, io 'l riconosco:
  deh, come ben nostro bisogno intende!
  ch'un sol ronzin per dui saria mal atto,
  e ne viene egli a satisfarci ratto. —

74

  Smonta il Circasso ed al destrier s'accosta,
  e si pensava dar di mano al freno.
  Colle groppe il destrier gli fa risposta,
  che fu presto al girar come un baleno;
  ma non arriva dove i calci apposta:
  misero il cavallier se giungea a pieno!
  che nei calci tal possa avea il cavallo,
  ch'avria spezzato un monte di metallo.

75

  Indi va mansueto alla donzella,
  con umile sembiante e gesto umano,
  come intorno al padrone il can saltella,
  che sia duo giorni o tre stato lontano.
  Baiardo ancora avea memoria d'ella,
  ch'in Albracca il servia già di sua mano
  nel tempo che da lei tanto era amato
  Rinaldo, allor crudele, allor ingrato.

76

  Con la sinistra man prende la briglia,
  con l'altra tocca e palpa il collo e 'l petto:
  quel destrier, ch'avea ingegno a maraviglia,
  a lei, come un agnel, si fa suggetto.
  Intanto Sacripante il tempo piglia:
  monta Baiardo e l'urta e lo tien stretto.
  Del ronzin disgravato la donzella
  lascia la groppa, e si ripone in sella.

77

  Poi rivolgendo a caso gli occhi, mira
  venir sonando d'arme un gran pedone.
  Tutta s'avvampa di dispetto e d'ira,
  che conosce il figliuol del duca Amone.
  Più che sua vita l'ama egli e desira;
  l'odia e fugge ella più che gru falcone.
  Già fu ch'esso odiò lei più che la morte;
  ella amò lui: or han cangiato sorte.

78

  E questo hanno causato due fontane
  che di diverso effetto hanno liquore,
  ambe in Ardenna, e non sono lontane:
  d'amoroso disio l'una empie il core;
  chi bee de l'altra, senza amor rimane,
  e volge tutto in ghiaccio il primo ardore.
  Rinaldo gustò d'una, e amor lo strugge;
  Angelica de l'altra, e l'odia e fugge.

79

  Quel liquor di secreto venen misto,
  che muta in odio l'amorosa cura,
  fa che la donna che Rinaldo ha visto,
  nei sereni occhi subito s'oscura;
  e con voce tremante e viso tristo
  supplica Sacripante e lo scongiura
  che quel guerrier più appresso non attenda,
  ma ch'insieme con lei la fuga prenda.

80

  — Son dunque (disse il Saracino), sono
  dunque in sì poco credito con vui,
  che mi stimiate inutile e non buono
  da potervi difender da costui?
  Le battaglie d'Albracca già vi sono
  di mente uscite, e la notte ch'io fui
  per la salute vostra, solo e nudo,
  contra Agricane e tutto il campo, scudo? —

81

  Non risponde ella, e non sa che si faccia,
  perché Rinaldo ormai l'è troppo appresso,
  che da lontan al Saracin minaccia,
  come vide il cavallo e conobbe esso,
  e riconobbe l'angelica faccia
  che l'amoroso incendio in cor gli ha messo.
  Quel che seguì tra questi duo superbi
  vo' che per l'altro canto si riserbi.



CANTO SECONDO


1

  Ingiustissimo Amor, perché sì raro
  corrispondenti fai nostri desiri?
  onde, perfido, avvien che t'è sì caro
  il discorde voler ch'in duo cor miri?
  Gir non mi lasci al facil guado e chiaro,
  e nel più cieco e maggior fondo tiri:
  da chi disia il mio amor tu mi richiami,
  e chi m'ha in odio vuoi ch'adori ed ami.

2

  Fai ch'a Rinaldo Angelica par bella,
  quando esso a lei brutto e spiacevol pare:
  quando le parea bello e l'amava ella,
  egli odiò lei quanto si può più odiare.
  Ora s'affligge indarno e si flagella;
  così renduto ben gli è pare a pare:
  ella l'ha in odio, e l'odio è di tal sorte,
  che più tosto che lui vorria la morte.

3

  Rinaldo al Saracin con molto orgoglio
  gridò: — Scendi, ladron, del mio cavallo!
  Che mi sia tolto il mio, patir non soglio,
  ma ben fo, a chi lo vuol, caro costallo:
  e levar questa donna anco ti voglio;
  che sarebbe a lasciartela gran fallo.
  Sì perfetto destrier, donna sì degna
  a un ladron non mi par che si convegna. —

4

  — Tu te ne menti che ladrone io sia
  (rispose il Saracin non meno altiero):
  chi dicesse a te ladro, lo diria
  (quanto io n'odo per fama) più con vero.
  La pruova or si vedrà, chi di noi sia
  più degno de la donna e del destriero;
  ben che, quanto a lei, teco io mi convegna
  che non è cosa al mondo altra sì degna. —

5

  Come soglion talor duo can mordenti,
  o per invidia o per altro odio mossi,
  avicinarsi digrignando i denti,
  con occhi bieci e più che bracia rossi;
  indi a' morsi venir, di rabbia ardenti,
  con aspri ringhi e ribuffati dossi:
  così alle spade e dai gridi e da l'onte
  venne il Circasso e quel di Chiaramonte.

6

  A piedi è l'un, l'altro a cavallo: or quale
  credete ch'abbia il Saracin vantaggio?
  Né ve n'ha però alcun; che così vale
  forse ancor men ch'uno inesperto paggio;
  che 'l destrier per istinto naturale
  non volea fare al suo signore oltraggio:
  né con man né con spron potea il Circasso
  farlo a voluntà sua muover mai passo.

7

  Quando crede cacciarlo, egli s'arresta;
  E se tener lo vuole, o corre o trotta:
  poi sotto il petto si caccia la testa,
  giuoca di schiene, e mena calci in frotta.
  Vedendo il Saracin ch'a domar questa
  bestia superba era mal tempo allotta,
  ferma le man sul primo arcione e s'alza,
  e dal sinistro fianco in piede sbalza.

8

  Sciolto che fu il pagan con leggier salto
  da l'ostinata furia di Baiardo,
  si vide cominciar ben degno assalto
  d'un par di cavallier tanto gagliardo.
  Suona l'un brando e l'altro, or basso or alto:
  il martel di Vulcano era più tardo
  ne la spelunca affumicata, dove
  battea all'incude i folgori di Giove.

9

  Fanno or con lunghi, ora con finti e scarsi
  colpi veder che mastri son del giuoco:
  or li vedi ire altieri, or rannicchiarsi,
  ora coprirsi, ora mostrarsi un poco,
  ora crescer inanzi, ora ritrarsi,
  ribatter colpi e spesso lor dar loco,
  girarsi intorno; e donde l'uno cede,
  l'altro aver posto immantinente il piede.

10

  Ecco Rinaldo con la spada adosso
  a Sacripante tutto s'abbandona;
  e quel porge lo scudo, ch'era d'osso,
  con la piastra d'acciar temprata e buona.
  Taglial Fusberta, ancor che molto grosso:
  ne geme la foresta e ne risuona.
  L'osso e l'acciar ne va che par di ghiaccio,
  e lascia al Saracin stordito il braccio.

11

  Quando vide la timida donzella
  dal fiero colpo uscir tanta ruina,
  per gran timor cangiò la faccia bella,
  qual il reo ch'al supplicio s'avvicina;
  né le par che vi sia da tardar, s'ella
  non vuol di quel Rinaldo esser rapina,
  di quel Rinaldo ch'ella tanto odiava,
  quanto esso lei miseramente amava.

12

  Volta il cavallo, e ne la selva folta
  lo caccia per un aspro e stretto calle:
  e spesso il viso smorto a dietro volta;
  che le par che Rinaldo abbia alle spalle.
  Fuggendo non avea fatto via molta,
  che scontrò un eremita in una valle,
  ch'avea lunga la barba a mezzo il petto,
  devoto e venerabile d'aspetto.

13

  Dagli anni e dal digiuno attenuato,
  sopra un lento asinel se ne veniva;
  e parea, più ch'alcun fosse mai stato,
  di coscienza scrupolosa e schiva.
  Come egli vide il viso delicato
  de la donzella che sopra gli arriva,
  debil quantunque e mal gagliarda fosse,
  tutta per carità se gli commosse.

14

  La donna al fraticel chiede la via
  che la conduca ad un porto di mare,
  perché levar di Francia si vorria,
  per non udir Rinaldo nominare.
  Il frate, che sapea negromanzia,
  non cessa la donzella confortare
  che presto la trarrà d'ogni periglio;
  ed ad una sua tasca diè di piglio.

15

  Trassene un libro, e mostrò grande effetto;
  che legger non finì la prima faccia,
  ch'uscir fa un spirto in forma di valletto,
  e gli commanda quanto vuol ch'el faccia.
  Quel se ne va, da la scrittura astretto,
  dove i dui cavallieri a faccia a faccia
  eran nel bosco, e non stavano al rezzo;
  fra' quali entrò con grande audacia in mezzo.

16

  — Per cortesia (disse), un di voi mi mostre,
  quando anco uccida l'altro, che gli vaglia:
  che merto avrete alle fatiche vostre,
  finita che tra voi sia la battaglia,
  se 'l conte Orlando, senza liti o giostre,
  e senza pur aver rotta una maglia,
  verso Parigi mena la donzella
  che v'ha condotti a questa pugna fella?

17

  Vicino un miglio ho ritrovato Orlando
  che ne va con Angelica a Parigi,
  di voi ridendo insieme, e motteggiando
  che senza frutto alcun siate in litigi.
  Il meglio forse vi sarebbe, or quando
  non son più lungi, a seguir lor vestigi;
  che s'in Parigi Orlando la può avere,
  non ve la lascia mai più rivedere. —

18

  Veduto avreste i cavallier turbarsi
  a quel annunzio, e mesti e sbigottiti,
  senza occhi e senza mente nominarsi,
  che gli avesse il rival così scherniti;
  ma il buon Rinaldo al suo cavallo trarsi
  con sospir che parean del fuoco usciti,
  e giurar per isdegno e per furore,
  se giungea Orlando, di cavargli il core.

19

  E dove aspetta il suo Baiardo, passa,
  e sopra vi si lancia, e via galoppa,
  né al cavallier, ch'a piè nel bosco lassa,
  pur dice a Dio, non che lo 'nviti in groppa.
  L'animoso cavallo urta e fracassa,
  punto dal suo signor, ciò ch'egli 'ntoppa:
  non ponno fosse o fiumi o sassi o spine
  far che dal corso il corridor decline.

20

  Signor, non voglio che vi paia strano
  se Rinaldo or sì tosto il destrier piglia,
  che già più giorni ha seguitato invano,
  né gli ha possuto mai toccar la briglia.
  Fece il destrier, ch'avea intelletto umano,
  non per vizio seguirsi tante miglia,
  ma per guidar dove la donna giva,
  il suo signor, da chi bramar l'udiva.

21

  Quando ella si fuggì dal padiglione,
  la vide ed appostolla il buon destriero,
  che si trovava aver voto l'arcione,
  però che n'era sceso il cavalliero
  per combatter di par con un barone,
  che men di lui non era in arme fiero;
  poi ne seguitò l'orme di lontano,
  bramoso porla al suo signore in mano.

22

  Bramoso di ritrarlo ove fosse ella,
  per la gran selva inanzi se gli messe;
  né lo volea lasciar montare in sella,
  perché ad altro camin non lo volgesse.
  Per lui trovò Rinaldo la donzella
  una e due volte, e mai non gli successe;
  che fu da Ferraù prima impedito,
  poi dal Circasso, come avete udito.

23

  Ora al demonio che mostrò a Rinaldo
  de la donzella li falsi vestigi,
  credette Baiardo anco, e stette saldo
  e mansueto ai soliti servigi.
  Rinaldo il caccia, d'ira e d'amor caldo,
  a tutta briglia, e sempre invêr Parigi;
  e vola tanto col disio, che lento,
  non ch'un destrier, ma gli parrebbe il vento.

24

  La notte a pena di seguir rimane,
  per affrontarsi col signor d'Anglante:
  tanto ha creduto alle parole vane
  del messagger del cauto negromante.
  Non cessa cavalcar sera e dimane,
  che si vede apparir la terra avante,
  dove re Carlo, rotto e mal condutto,
  con le reliquie sue s'era ridutto:

25

  e perché dal re d'Africa battaglia
  ed assedio s'aspetta, usa gran cura
  a raccor buona gente e vettovaglia,
  far cavamenti e riparar le mura.
  Ciò ch'a difesa spera che gli vaglia,
  senza gran diferir, tutto procura:
  pensa mandare in Inghilterra, e trarne
  gente onde possa un novo campo farne:

26

  che vuole uscir di nuovo alla campagna,
  e ritentar la sorte de la guerra.
  Spaccia Rinaldo subito in Bretagna,
  Bretagna che fu poi detta Inghilterra.
  Ben de l'andata il paladin si lagna:
  non ch'abbia così in odio quella terra;
  ma perché Carlo il manda allora allora,
  né pur lo lascia un giorno far dimora.

27

  Rinaldo mai di ciò non fece meno
  volentier cosa; poi che fu distolto
  di gir cercando il bel viso sereno
  che gli avea il cor di mezzo il petto tolto:
  ma, per ubidir Carlo, nondimeno
  a quella via si fu subito volto,
  ed a Calesse in poche ore trovossi;
  e giunto, il dì medesimo imbarcossi.

28

  Contra la voluntà d'ogni nocchiero,
  pel gran desir che di tornare avea,
  entrò nel mar ch'era turbato e fiero,
  e gran procella minacciar parea.
  Il Vento si sdegnò, che da l'altiero
  sprezzar si vide; e con tempesta rea
  sollevò il mar intorno, e con tal rabbia,
  che gli mandò a bagnar sino alla gabbia.

29

  Calano tosto i marinari accorti
  le maggior vele, e pensano dar volta,
  e ritornar ne li medesmi porti
  donde in mal punto avean la nave sciolta.
  — Non convien (dice il Vento) ch'io comporti
  tanta licenza che v'avete tolta; —
  e soffia e grida e naufragio minaccia,
  s'altrove van, che dove egli li caccia.

30

  Or a poppa, or all'orza hann'il crudele,
  che mai non cessa, e vien più ognor crescendo:
  essi di qua di là con umil vele
  vansi aggirando, e l'alto mar scorrendo.
  Ma perché varie fila a varie tele
  uopo mi son, che tutte ordire intendo,
  lascio Rinaldo e l'agitata prua,
  e torno a dir di Bradamante sua.

31

  Io parlo di quella inclita donzella,
  per cui re Sacripante in terra giacque,
  che di questo signor degna sorella,
  del duca Amone e di Beatrice nacque.
  La gran possanza e il molto ardir di quella
  non meno a Carlo e a tutta Francia piacque
  (che più d'un paragon ne vide saldo),
  che 'l lodato valor del buon Rinaldo.

32

  La donna amata fu da un cavalliero
  che d'Africa passò col re Agramante,
  che partorì del seme di Ruggiero
  la disperata figlia di Agolante:
  e costei, che né d'orso né di fiero
  leone uscì, non sdegnò tal amante;
  ben che concesso, fuor che vedersi una
  volta e parlarsi, non ha lor Fortuna.

33

  Quindi cercando Bradamante gìa
  l'amante suo, ch'avea nome dal padre,
  così sicura senza compagnia,
  come avesse in sua guardia mille squadre:
  e fatto ch'ebbe al re di Circassia
  battere il volto dell'antiqua madre,
  traversò un bosco, e dopo il bosco un monte,
  tanto che giunse ad una bella fonte.

34

  La fonte discorrea per mezzo un prato,
  d'arbori antiqui e di bell'ombre adorno,
  Ch'i viandanti col mormorio grato
  a ber invita e a far seco soggiorno:
  un culto monticel dal manco lato
  le difende il calor del mezzo giorno.
  Quivi, come i begli occhi prima torse,
  d'un cavallier la giovane s'accorse;

35

  d'un cavallier, ch'all'ombra d'un boschetto,
  nel margin verde e bianco e rosso e giallo
  sedea pensoso, tacito e soletto
  sopra quel chiaro e liquido cristallo.
  Lo scudo non lontan pende e l'elmetto
  dal faggio, ove legato era il cavallo;
  ed avea gli occhi molli e 'l viso basso,
  e si mostrava addolorato e lasso.

36

  Questo disir, ch'a tutti sta nel core,
  de' fatti altrui sempre cercar novella,
  fece a quel cavallier del suo dolore
  la cagion domandar da la donzella.
  Egli l'aperse e tutta mostrò fuore,
  dal cortese parlar mosso di quella,
  e dal sembiante altier, ch'al primo sguardo
  gli sembrò di guerrier molto gagliardo.

37

  E cominciò: — Signor, io conducea
  pedoni e cavallieri, e venìa in campo
  là dove Carlo Marsilio attendea,
  perch'al scender del monte avesse inciampo;
  e una giovane bella meco avea,
  del cui fervido amor nel petto avampo:
  e ritrovai presso a Rodonna armato
  un che frenava un gran destriero alato.

38

  Tosto che 'l ladro, o sia mortale, o sia
  una de l'infernali anime orrende,
  vede la bella e cara donna mia;
  come falcon che per ferir discende,
  cala e poggia in un atimo, e tra via
  getta le mani, e lei smarrita prende.
  Ancor non m'era accorto de l'assalto,
  che de la donna io senti' il grido in alto.

39

  Così il rapace nibio furar suole
  il misero pulcin presso alla chioccia,
  che di sua inavvertenza poi si duole,
  e invan gli grida, e invan dietro gli croccia.
  Io non posso seguir un uom che vole,
  chiuso tra' monti, a piè d'un'erta roccia:
  stanco ho il destrier, che muta a pena i passi
  ne l'aspre vie de' faticosi sassi.

40

  Ma, come quel che men curato avrei
  vedermi trar di mezzo il petto il core,
  lasciai lor via seguir quegli altri miei,
  senza mia guida e senza alcun rettore:
  per li scoscesi poggi e manco rei
  presi la via che mi mostrava Amore,
  e dove mi parea che quel rapace
  portassi il mio conforto e la mia pace.

41

  Sei giorni me n'andai matina e sera
  per balze e per pendici orride e strane,
  dove non via, dove sentier non era,
  dove né segno di vestigie umane;
  poi giunsi in una valle inculta e fiera,
  di ripe cinta e spaventose tane,
  che nel mezzo s'un sasso avea un castello
  forte e ben posto, a maraviglia bello.

42

  Da lungi par che come fiamma lustri,
  né sia di terra cotta, né di marmi.
  Come più m'avicino ai muri illustri,
  l'opra più bella e più mirabil parmi.
  E seppi poi, come i demoni industri,
  da suffumigi tratti e sacri carmi,
  tutto d'acciaio avean cinto il bel loco,
  temprato all'onda ed allo stigio foco.

43

  Di sì forbito acciar luce ogni torre,
  che non vi può né ruggine né macchia.
  Tutto il paese giorno e notte scorre,
  e poi là dentro il rio ladron s'immacchia.
  Cosa non ha ripar che voglia torre:
  sol dietro invan se li bestemia e gracchia.
  Quivi la donna, anzi il mio cor mi tiene,
  che di mai ricovrar lascio ogni spene.

44

  Ah lasso! che poss'io più che mirare
  la rocca lungi, ove il mio ben m'è chiuso?
  come la volpe, che 'l figlio gridare
  nel nido oda de l'aquila di giuso,
  s'aggira intorno, e non sa che si fare,
  poi che l'ali non ha da gir là suso.
  Erto è quel sasso sì, tale è il castello,
  che non vi può salir chi non è augello.

45

  Mentre io tardava quivi, ecco venire
  duo cavallier ch'avean per guida un nano,
  che la speranza aggiunsero al desire;
  ma ben fu la speranza e il desir vano.
  Ambi erano guerrier di sommo ardire:
  era Gradasso l'un, re sericano;
  era l'altro Ruggier, giovene forte,
  pregiato assai ne l'africana corte.

46

  — Vengon (mi disse il nano) per far pruova
  di lor virtù col sir di quel castello,
  che per via strana, inusitata e nuova
  cavalca armato il quadrupede augello. —
  — Deh, signor (diss'io lor), pietà vi muova
  del duro caso mio spietato e fello!
  Quando, come ho speranza, voi vinciate,
  vi prego la mia donna mi rendiate. —

47

  E come mi fu tolta lor narrai,
  con lacrime affermando il dolor mio.
  Quei, lor mercé, mi proferiro assai,
  e giù calaro il poggio alpestre e rio.
  Di lontan la battaglia io riguardai,
  pregando per la lor vittoria Dio.
  Era sotto il castel tanto di piano,
  quanto in due volte si può trar con mano.

48

  Poi che fur giunti a piè de l'alta rocca,
  l'uno e l'altro volea combatter prima;
  pur a Gradasso, o fosse sorte, tocca,
  o pur che non ne fe' Ruggier più stima.
  Quel Serican si pone il corno a bocca:
  rimbomba il sasso e la fortezza in cima.
  Ecco apparire il cavalliero armato
  fuor de la porta, e sul cavallo alato.

49

  Cominciò a poco a poco indi a levarse,
  come suol far la peregrina grue,
  che corre prima, e poi vediamo alzarse
  alla terra vicina un braccio o due;
  e quando tutte sono all'aria sparse,
  velocissime mostra l'ale sue.
  Sì ad alto il negromante batte l'ale,
  ch'a tanta altezza a pena aquila sale.

50

  Quando gli parve poi, volse il destriero,
  che chiuse i vanni e venne a terra a piombo,
  come casca dal ciel falcon maniero
  che levar veggia l'anitra o il colombo.
  Con la lancia arrestata il cavalliero
  l'aria fendendo vien d'orribil rombo.
  Gradasso a pena del calar s'avede,
  che se lo sente addosso e che lo fiede.

51

  Sopra Gradasso il mago l'asta roppe;
  ferì Gradasso il vento e l'aria vana:
  per questo il volator non interroppe
  il batter l'ale, e quindi s'allontana.
  Il grave scontro fa chinar le groppe
  sul verde prato alla gagliarda alfana.
  Gradasso avea una alfana, la più bella
  e la miglior che mai portasse sella.

52

  Sin alle stelle il volator trascorse;
  indi girossi e tornò in fretta al basso,
  e percosse Ruggier che non s'accorse,
  Ruggier che tutto intento era a Gradasso.
  Ruggier del grave colpo si distorse,
  e 'l suo destrier più rinculò d'un passo;
  e quando si voltò per lui ferire,
  da sé lontano il vide al ciel salire.

53

  Or su Gradasso, or su Ruggier percote
  ne la fronte, nel petto e ne la schiena,
  e le botte di quei lascia ognor vote,
  perché è sì presto, che si vede a pena.
  Girando va con spaziose rote,
  e quando all'uno accenna, all'altro mena:
  all'uno e all'altro sì gli occhi abbarbaglia,
  che non ponno veder donde gli assaglia.

54

  Fra duo guerrieri in terra ed uno in cielo
  la battaglia durò sino a quella ora,
  che spiegando pel mondo oscuro velo,
  tutte le belle cose discolora.
  Fu quel ch'io dico, e non v'aggiungo un pelo:
  io 'l vidi, i' 'l so: né m'assicuro ancora
  di dirlo altrui; che questa maraviglia
  al falso più ch'al ver si rassimiglia.

55

  D'un bel drappo di seta avea coperto
  lo scudo in braccio il cavallier celeste.
  Come avesse, non so, tanto sofferto
  di tenerlo nascosto in quella veste;
  ch'immantinente che lo mostra aperto,
  forza è, ch'il mira, abbarbagliato reste,
  e cada come corpo morto cade,
  e venga al negromante in potestade.

56

  Splende lo scudo a guisa di piropo,
  e luce altra non è tanto lucente.
  Cadere in terra allo splendor fu d'uopo
  con gli occhi abbacinati, e senza mente.
  Perdei da lungi anch'io li sensi, e dopo
  gran spazio mi riebbi finalmente;
  né più i guerrier né più vidi quel nano,
  ma vòto il campo, e scuro il monte e il piano.

57

  Pensai per questo che l'incantatore
  avesse amendui colti a un tratto insieme,
  e tolto per virtù de lo splendore
  la libertade a loro, e a me la speme.
  Così a quel loco, che chiudea il mio core,
  dissi, partendo, le parole estreme.
  Or giudicate s'altra pena ria,
  che causi Amor, può pareggiar la mia. —

58

  Ritornò il cavallier nel primo duolo,
  fatta che n'ebbe la cagion palese.
  Questo era il conte Pinabel, figliuolo
  d'Anselmo d'Altaripa, maganzese;
  che tra sua gente scelerata, solo
  leale esser non volse né cortese,
  ma ne li vizi abominandi e brutti
  non pur gli altri adeguò, ma passò tutti.

59

  La bella donna con diverso aspetto
  stette ascoltando il Maganzese cheta;
  che come prima di Ruggier fu detto,
  nel viso si mostrò più che mai lieta:
  ma quando sentì poi ch'era in distretto,
  turbossi tutta d'amorosa pieta;
  né per una o due volte contentosse
  che ritornato a replicar le fosse.

60

  E poi ch'al fin le parve esserne chiara,
  gli disse: — Cavallier, datti riposo,
  che ben può la mia giunta esserti cara,
  parerti questo giorno aventuroso.
  Andiam pur tosto a quella stanza avara,
  che sì ricco tesor ci tiene ascoso;
  né spesa sarà invan questa fatica,
  se fortuna non m'è troppo nemica. —

61

  Rispose il cavallier: — Tu vòi ch'io passi
  di nuovo i monti, e mostriti la via?
  A me molto non è perdere i passi,
  perduta avendo ogni altra cosa mia;
  ma tu per balze e ruinosi sassi
  cerchi entrar in pregione; e così sia.
  Non hai di che dolerti di me, poi
  ch'io tel predico, e tu pur gir vi vòi. —

62

  Così dice egli, e torna al suo destriero,
  e di quella animosa si fa guida,
  che si mette a periglio per Ruggiero,
  che la pigli quel mago o che la ancida.
  In questo, ecco alle spalle il messaggero,
  ch': — Aspetta, aspetta! — a tutta voce grida,
  il messagger da chi il Circasso intese
  che costei fu ch'all'erba lo distese.

63

  A Bradamante il messagger novella
  di Mompolier e di Narbona porta,
  ch'alzato gli stendardi di Castella
  avean, con tutto il lito d'Acquamorta;
  e che Marsilia, non v'essendo quella
  che la dovea guardar, mal si conforta,
  e consiglio e soccorso le domanda
  per questo messo, e se le raccomanda.

64

  Questa cittade, e intorno a molte miglia
  ciò che fra Varo e Rodano al mar siede,
  avea l'imperator dato alla figlia
  del duca Amon, in ch'avea speme e fede;
  però che 'l suo valor con maraviglia
  riguardar suol, quando armeggiar la vede.
  Or, com'io dico, a domandar aiuto
  quel messo da Marsilia era venuto.

65

  Tra sì e no la giovane suspesa,
  di voler ritornar dubita un poco:
  quinci l'onore e il debito le pesa,
  quindi l'incalza l'amoroso foco.
  Fermasi al fin di seguitar l'impresa,
  e trar Ruggier de l'incantato loco;
  e quando sua virtù non possa tanto,
  almen restargli prigioniera a canto.

66

  E fece iscusa tal, che quel messaggio
  parve contento rimanere e cheto.
  Indi girò la briglia al suo viaggio,
  con Pinabel che non ne parve lieto;
  che seppe esser costei di quel lignaggio
  che tanto ha in odio in publico e in secreto:
  e già s'avisa le future angosce,
  se lui per maganzese ella conosce.

67

  Tra casa di Maganza e di Chiarmonte
  era odio antico e inimicizia intensa;
  e più volte s'avean rotta la fronte,
  e sparso di lor sangue copia immensa:
  e però nel suo cor l'iniquo conte
  tradir l'incauta giovane si pensa;
  o, come prima commodo gli accada,
  lasciarla sola, e trovar altra strada.

68

  E tanto gli occupò la fantasia
  il nativo odio, il dubbio e la paura,
  ch'inavedutamente uscì di via:
  e ritrovossi in una selva oscura,
  che nel mezzo avea un monte che finia
  la nuda cima in una pietra dura;
  e la figlia del duca di Dordona
  gli è sempre dietro, e mai non l'abandona.

69

  Come si vide il Maganzese al bosco,
  pensò tôrsi la donna da le spalle.
  Disse: — Prima che 'l ciel torni più fosco,
  verso un albergo è meglio farsi il calle.
  Oltra quel monte, s'io lo riconosco,
  siede un ricco castel giù ne la valle.
  Tu qui m'aspetta; che dal nudo scoglio
  certificar con gli occhi me ne voglio. —

70

  Così dicendo, alla cima superna
  del solitario monte il destrier caccia,
  mirando pur s'alcuna via discerna,
  come lei possa tor da la sua traccia.
  Ecco nel sasso truova una caverna,
  che si profonda più di trenta braccia.
  Tagliato a picchi ed a scarpelli il sasso
  scende giù al dritto, ed ha una porta al basso.

71

  Nel fondo avea una porta ampla e capace,
  ch'in maggior stanza largo adito dava;
  e fuor n'uscìa splendor, come di face
  ch'ardesse in mezzo alla montana cava.
  Mentre quivi il fellon suspeso tace,
  la donna, che da lungi il seguitava
  (perché perderne l'orme si temea),
  alla spelonca gli sopragiungea.

72

  Poi che si vide il traditore uscire,
  quel ch'avea prima disegnato, invano,
  o da sé torla, o di farla morire,
  nuovo argumento imaginossi e strano.
  Le si fe' incontra, e su la fe' salire
  là dove il monte era forato e vano;
  e le disse ch'avea visto nel fondo
  una donzella di viso giocondo.

73

  Ch'a' bei sembianti ed alla ricca vesta
  esser parea di non ignobil grado;
  ma quanto più potea turbata e mesta,
  mostrava esservi chiusa suo mal grado:
  e per saper la condizion di questa,
  ch'avea già cominciato a entrar nel guado;
  e ch'era uscito de l'interna grotta
  un che dentro a furor l'avea ridotta.

74

  Bradamante, che come era animosa,
  così mal cauta, a Pinabel diè fede;
  e d'aiutar la donna, disiosa,
  si pensa come por colà giù il piede.
  Ecco d'un olmo alla cima frondosa
  volgendo gli occhi, un lungo ramo vede;
  e con la spada quel subito tronca,
  e lo declina giù ne la spelonca.

75

  Dove è tagliato, in man lo raccomanda
  a Pinabello, e poscia a quel s'apprende:
  prima giù i piedi ne la tana manda,
  e su le braccia tutta si suspende.
  Sorride Pinabello, e le domanda
  come ella salti; e le man apre e stende,
  dicendole: — Qui fosser teco insieme
  tutti li tuoi, ch'io ne spegnessi il seme! —

76

  Non come volse Pinabello avvenne
  de l'innocente giovane la sorte;
  perché, giù diroccando a ferir venne
  prima nel fondo il ramo saldo e forte.
  Ben si spezzò, ma tanto la sostenne,
  che 'l suo favor la liberò da morte.
  Giacque stordita la donzella alquanto,
  come io vi seguirò ne l'altro canto.



CANTO TERZO


1

  Chi mi darà la voce e le parole
  convenienti a sì nobil suggetto?
  chi l'ale al verso presterà, che vole
  tanto ch'arrivi all'alto mio concetto?
  Molto maggior di quel furor che suole,
  ben or convien che mi riscaldi il petto;
  che questa parte al mio signor si debbe,
  che canta gli avi onde l'origin ebbe:

2

  di cui fra tutti li signori illustri,
  dal ciel sortiti a governar la terra,
  non vedi, o Febo, che 'l gran mondo lustri,
  più gloriosa stirpe o in pace o in guerra;
  né che sua nobiltade abbia più lustri
  servata, e servarà (s'in me non erra
  quel profetico lume che m'ispiri)
  fin che d'intorno al polo il ciel s'aggiri.

3

  E volendone a pien dicer gli onori,
  bisogna non la mia, ma quella cetra
  con che tu dopo i gigantei furori
  rendesti grazia al regnator dell'etra.
  S'istrumenti avrò mai da te migliori,
  atti a sculpire in così degna pietra,
  in queste belle imagini disegno
  porre ogni mia fatica, ogni mio ingegno.

4

  Levando intanto queste prime rudi
  scaglie n'andrò con lo scarpello inetto:
  forse ch'ancor con più solerti studi
  poi ridurrò questo lavor perfetto.
  Ma ritorniano a quello, a cui né scudi
  potran né usberghi assicurare il petto:
  parlo di Pinabello di Maganza,
  che d'uccider la donna ebbe speranza.

5

  Il traditor pensò che la donzella
  fosse ne l'alto precipizio morta;
  e con pallida faccia lasciò quella
  trista e per lui contaminata porta,
  e tornò presto a rimontar in sella:
  e come quel ch'avea l'anima torta,
  per giunger colpa a colpa e fallo a fallo,
  di Bradamante ne menò il cavallo.

6

  Lasciàn costui, che mentre all'altrui vita
  ordisce inganno, il suo morir procura;
  e torniamo alla donna che, tradita,
  quasi ebbe a un tempo e morte e sepoltura.
  Poi ch'ella si levò tutta stordita,
  ch'avea percosso in su la pietra dura,
  dentro la porta andò, ch'adito dava
  ne la seconda assai più larga cava.

7

  La stanza, quadra e spaziosa, pare
  una devota e venerabil chiesa,
  che su colonne alabastrine e rare
  con bella architettura era suspesa.
  Surgea nel mezzo un ben locato altare,
  ch'avea dinanzi una lampada accesa;
  e quella di splendente e chiaro foco
  rendea gran lume all'uno e all'altro loco.

8

  Di devota umiltà la donna tocca,
  come si vide in loco sacro e pio,
  incominciò col core e con la bocca,
  inginocchiata, a mandar prieghi a Dio.
  Un picciol uscio intanto stride e crocca,
  ch'era all'incontro, onde una donna uscìo
  discinta e scalza, e sciolte avea le chiome,
  che la donzella salutò per nome.

9

  E disse: — O generosa Bradamante,
  non giunta qui senza voler divino,
  di te più giorni m'ha predetto inante
  il profetico spirto di Merlino,
  che visitar le sue reliquie sante
  dovevi per insolito camino:
  e qui son stata acciò ch'io ti riveli
  quel c'han di te già statuito i cieli.

10

  Questa è l'antiqua e memorabil grotta
  ch'edificò Merlino, il savio mago
  che forse ricordare odi talotta,
  dove ingannollo la Donna del Lago.
  Il sepolcro è qui giù, dove corrotta
  giace la carne sua; dove egli, vago
  di sodisfare a lei, che glil suase,
  vivo corcossi, e morto ci rimase.

11

  Col corpo morto il vivo spirto alberga,
  sin ch'oda il suon de l'angelica tromba
  che dal ciel lo bandisca o che ve l'erga,
  secondo che sarà corvo o colomba.
  Vive la voce; e come chiara emerga,
  udir potrai dalla marmorea tomba,
  che le passate e le future cose
  a chi gli domandò, sempre rispose.

12

  Più giorni son ch'in questo cimiterio
  venni di remotissimo paese,
  perché circa il mio studio alto misterio
  mi facesse Merlin meglio palese:
  e perché ebbi vederti desiderio,
  poi ci son stata oltre il disegno un mese;
  che Merlin, che 'l ver sempre mi predisse,
  termine al venir tuo questo dì fisse. —

13

  Stassi d'Amon la sbigottita figlia
  tacita e fissa al ragionar di questa;
  ed ha sì pieno il cor di maraviglia,
  che non sa s'ella dorme o s'ella è desta:
  e con rimesse e vergognose ciglia
  (come quella che tutta era modesta)
  rispose: — Di che merito son io,
  ch'antiveggian profeti il venir mio? —

14

  E lieta de l'insolita avventura,
  dietro alla Maga subito fu mossa,
  che la condusse a quella sepoltura
  che chiudea di Merlin l'anima e l'ossa.
  Era quell'arca d'una pietra dura,
  lucida e tersa, e come fiamma rossa;
  tal ch'alla stanza, ben che di sol priva,
  dava splendore il lume che n'usciva.

15

  O che natura sia d'alcuni marmi
  che muovin l'ombre a guisa di facelle,
  o forza pur di suffumigi e carmi
  e segni impressi all'osservate stelle
  (come più questo verisimil parmi),
  discopria lo splendor più cose belle
  e di scoltura e di color, ch'intorno
  il venerabil luogo aveano adorno.

16

  A pena ha Bradamante da la soglia
  levato il piè ne la secreta cella,
  che 'l vivo spirto da la morta spoglia
  con chiarissima voce le favella:
  — Favorisca Fortuna ogni tua voglia,
  o casta e nobilissima donzella,
  del cui ventre uscirà il seme fecondo
  che onorar deve Italia e tutto il mondo.

17

  L'antiquo sangue che venne da Troia,
  per li duo miglior rivi in te commisto,
  produrrà l'ornamento, il fior, la gioia
  d'ogni lignaggio ch'abbia il sol mai visto
  tra l'Indo e 'l Tago e 'l Nilo e la Danoia,
  tra quanto è 'n mezzo Antartico e Calisto.
  Ne la progenie tua con sommi onori
  saran marchesi, duci e imperatori.

18

  I capitani e i cavallier robusti
  quindi usciran, che col ferro e col senno
  ricuperar tutti gli onor vetusti
  de l'arme invitte alla sua Italia denno.
  Quindi terran lo scettro i signor giusti,
  che, come il savio Augusto e Numa fenno,
  sotto il benigno e buon governo loro
  ritorneran la prima età de l'oro.

19

  Acciò dunque il voler del ciel si metta
  in effetto per te, che di Ruggiero
  t'ha per moglier fin da principio eletta,
  segue animosamente il tuo sentiero;
  che cosa non sarà che s'intrometta
  da poterti turbar questo pensiero,
  sì che non mandi al primo assalto in terra
  quel rio ladron ch'ogni tuo ben ti serra. —

20

  Tacque Merlino avendo così detto,
  ed agio all'opre de la Maga diede,
  ch'a Bradamante dimostrar l'aspetto
  si preparava di ciascun suo erede.
  Avea di spirti un gran numero eletto,
  non so se da l'Inferno o da qual sede,
  e tutti quelli in un luogo raccolti
  sotto abiti diversi e vari volti.

21

  Poi la donzella a sé richiama in chiesa,
  là dove prima avea tirato un cerchio
  che la potea capir tutta distesa,
  ed avea un palmo ancora di superchio.
  E perché da li spirti non sia offesa,
  le fa d'un gran pentacolo coperchio;
  e le dice che taccia e stia a mirarla:
  poi scioglie il libro, e coi demoni parla.

22

  Eccovi fuor de la prima spelonca,
  che gente intorno al sacro cerchio ingrossa;
  ma, come vuole entrar, la via l'è tronca,
  come lo cinga intorno muro e fossa.
  In quella stanza, ove la bella conca
  in sé chiudea del gran profeta l'ossa,
  entravan l'ombre, poi ch'avean tre volte
  fatto d'intorno lor debite volte.

23

  — Se i nomi e i gesti di ciascun vo' dirti
  (dicea l'incantatrice a Bradamante),
  di questi ch'or per gl'incantati spirti,
  prima che nati sien, ci sono avante,
  non so veder quando abbia da espedirti;
  che non basta una notte a cose tante:
  sì ch'io te ne verrò scegliendo alcuno,
  secondo il tempo, e che sarà oportuno.

24

  Vedi quel primo che ti rassimiglia
  ne' bei sembianti e nel giocondo aspetto:
  capo in Italia fia di tua famiglia,
  del seme di Ruggiero in te concetto.
  Veder del sangue di Pontier vermiglia
  per mano di costui la terra aspetto,
  e vendicato il tradimento e il torto
  contra quei che gli avranno il padre morto.

25

  Per opra di costui sarà deserto
  il re de' Longobardi Desiderio:
  d'Este e di Calaon per questo merto
  il bel dominio avrà dal sommo Imperio.
  Quel che gli è dietro, è il tuo nipote Uberto,
  onor de l'arme e del paese esperio:
  per costui contra Barbari difesa
  più d'una volta fia la santa Chiesa.

26

  Vedi qui Alberto, invitto capitano
  ch'ornerà di trofei tanti delubri:
  Ugo il figlio è con lui, che di Milano
  farà l'acquisto, e spiegherà i colubri.
  Azzo è quell'altro, a cui resterà in mano
  dopo il fratello, il regno degli Insubri.
  Ecco Albertazzo, il cui savio consiglio
  torrà d'Italia Beringario e il figlio;

27

  e sarà degno a cui Cesare Otone
  Alda sua figlia, in matrimonio aggiunga.
  Vedi un altro Ugo: oh bella successione,
  che dal patrio valor non si dislunga!
  Costui sarà, che per giusta cagione
  ai superbi Roman l'orgoglio emunga,
  che 'l terzo Otone e il pontefice tolga
  de le man loro, e 'l grave assedio sciolga.

28

  Vedi Folco, che par ch'al suo germano,
  ciò che in Italia avea, tutto abbi dato,
  e vada a possedere indi lontano
  in mezzo agli Alamanni un gran ducato;
  e dia alla casa di Sansogna mano,
  che caduta sarà tutta da un lato;
  e per la linea de la madre, erede,
  con la progenie sua la terrà in piede.

29

  Questo ch'or a nui viene è il secondo Azzo,
  di cortesia più che di guerre amico,
  tra dui figli, Bertoldo ed Albertazzo.
  Vinto da l'un sarà il secondo Enrico,
  e del sangue tedesco orribil guazzo
  Parma vedrà per tutto il campo aprico:
  de l'altro la contessa gloriosa,
  saggia e casta Matilde, sarà sposa.

30

  Virtù il farà di tal connubio degno;
  ch'a quella età non poca laude estimo
  quasi di mezza Italia in dote il regno,
  e la nipote aver d'Enrico primo.
  Ecco di quel Bertoldo il caro pegno,
  Rinaldo tuo, ch'avrà l'onor opimo
  d'aver la Chiesa de le man riscossa
  de l'empio Federico Barbarossa.

31

  Ecco un altro Azzo, ed è quel che Verona
  avrà in poter col suo bel tenitorio;
  e sarà detto marchese d'Ancona
  dal quarto Otone e dal secondo Onorio.
  Lungo sarà s'io mostro ogni persona
  del sangue tuo, ch'avrà del consistorio
  il confalone, e s'io narro ogni impresa
  vinta da lor per la romana Chiesa.

32

  Obizzo vedi e Folco, altri Azzi, altri Ughi,
  ambi gli Enrichi, il figlio al padre a canto;
  duo Guelfi, di quai l'uno Umbria soggiughi,
  e vesta di Spoleti il ducal manto.
  Ecco che 'l sangue e le gran piaghe asciughi
  d'Italia afflitta, e volga in riso il pianto:
  di costui parlo (e mostrolle Azzo quinto)
  onde Ezellin fia rotto, preso, estinto.

33

  Ezellino, immanissimo tiranno,
  che fia creduto figlio del demonio,
  farà, troncando i sudditi, tal danno,
  e distruggendo il bel paese ausonio,
  che pietosi apo lui stati saranno
  Mario, Silla, Neron, Caio ed Antonio.
  E Federico imperator secondo
  fia per questo Azzo rotto e messo al fondo.

34

  Terrà costui con più felice scettro
  la bella terra che siede sul fiume,
  dove chiamò con lacrimoso plettro
  Febo il figliuol ch'avea mal retto il lume,
  quando fu pianto il fabuloso elettro,
  e Cigno si vestì di bianche piume;
  e questa di mille oblighi mercede
  gli donerà l'Apostolica sede.

35

  Dove lascio il fratel Aldrobandino?
  che per dar al pontefice soccorso
  contra Oton quarto e il campo ghibellino
  che sarà presso al Campidoglio corso,
  ed avrà preso ogni luogo vicino,
  e posto agli Umbri e alli Piceni il morso;
  né potendo prestargli aiuto senza
  molto tesor, ne chiederà a Fiorenza;

36

  e non avendo gioie o miglior pegni,
  per sicurtà daralle il frate in mano.
  Spiegherà i suoi vittoriosi segni,
  e romperà l'esercito germano;
  in seggio riporrà la Chiesa, e degni
  darà supplici ai conti di Celano;
  ed al servizio del sommo Pastore
  finirà gli anni suoi nel più bel fiore.

37

  Ed Azzo, il suo fratel, lascierà erede
  del dominio d'Ancona e di Pisauro,
  d'ogni città che da Troento siede
  tra il mare e l'Apennin fin all'Isauro,
  e di grandezza d'animo e di fede,
  e di virtù, miglior che gemme ed auro:
  che dona e tolle ogn'altro ben Fortuna;
  sol in virtù non ha possanza alcuna.

38

  Vedi Rinaldo, in cui non minor raggio
  splenderà di valor, pur che non sia
  a tanta esaltazion del bel lignaggio
  Morte o Fortuna invidiosa e ria.
  Udirne il duol fin qui da Napoli aggio,
  dove del padre allor statico fia.
  Or Obizzo ne vien, che giovinetto
  dopo l'avo sarà principe eletto.

39

  Al bel dominio accrescerà costui
  Reggio giocondo, e Modona feroce.
  Tal sarà il suo valor, che signor lui
  domanderanno i populi a una voce.
  Vedi Azzo sesto, un de' figliuoli sui,
  confalonier de la cristiana croce:
  avrà il ducato d'Andria con la figlia
  del secondo re Carlo di Siciglia.

40

  Vedi in un bello ed amichevol groppo
  de li principi illustri l'eccellenza:
  Obizzo, Aldrobandin, Nicolò zoppo,
  Alberto, d'amor pieno e di clemenza.
  Io tacerò, per non tenerti troppo,
  come al bel regno aggiungeran Favenza,
  e con maggior fermezza Adria, che valse
  da sé nomar l'indomite acque salse;

41

  come la terra, il cui produr di rose
  le diè piacevol nome in greche voci,
  e la città ch'in mezzo alle piscose
  paludi, del Po teme ambe le foci,
  dove abitan le genti disiose
  che 'l mar si turbi e sieno i venti atroci.
  Taccio d'Argenta, di Lugo e di mille
  altre castella e populose ville.

42

  Ve' Nicolò, che tenero fanciullo
  il popul crea signor de la sua terra,
  e di Tideo fa il pensier vano e nullo,
  che contra lui le civil arme afferra.
  Sarà di questo il pueril trastullo
  sudar nel ferro e travagliarsi in guerra;
  e da lo studio del tempo primiero
  il fior riuscirà d'ogni guerriero.

43

  Farà de' suoi ribelli uscire a voto
  ogni disegno, e lor tornare in danno;
  ed ogni stratagema avrà sì noto,
  che sarà duro il poter fargli inganno.
  Tardi di questo s'avedrà il terzo Oto,
  e di Reggio e di Parma aspro tiranno,
  che da costui spogliato a un tempo fia
  e del dominio e de la vita ria.

44

  Avrà il bel regno poi sempre augumento
  senza torcer mai piè dal camin dritto;
  né ad alcuno farà mai nocumento,
  da cui prima non sia d'ingiuria afflitto:
  ed è per questo il gran Motor contento
  che non gli sia alcun termine prescritto:
  ma duri prosperando in meglio sempre,
  fin che si volga il ciel ne le sue tempre.

45

  Vedi Leonello, e vedi il primo duce,
  fama de la sua età, l'inclito Borso,
  che siede in pace, e più trionfo adduce
  di quanti in altrui terre abbino corso.
  Chiuderà Marte ove non veggia luce,
  e stringerà al Furor le mani al dorso.
  Di questo signor splendido ogni intento
  sarà che 'l popul suo viva contento.

46

  Ercole or vien, ch'al suo vicin rinfaccia,
  col piè mezzo arso e con quei debol passi,
  come a Budrio col petto e con la faccia
  il campo volto in fuga gli fermassi;
  non perché in premio poi guerra gli faccia,
  né, per cacciarlo, fin nel Barco passi.
  Questo è il signor, di cui non so esplicarme
  se fia maggior la gloria o in pace o in arme.

47

  Terran Pugliesi, Calabri e Lucani
  de' gesti di costui lunga memoria,
  là dove avrà dal Re de' Catalani
  di pugna singular la prima gloria;
  e nome tra gl'invitti capitani
  s'acquisterà con più d'una vittoria:
  avrà per sua virtù la signoria,
  più di trenta anni a lui debita pria.

48

  E quanto più aver obligo si possa
  a principe, sua terra avrà a costui;
  non perché fia de le paludi mossa
  tra campi fertilissimi da lui;
  non perché la farà con muro e fossa
  meglio capace a' cittadini sui,
  e l'ornarà di templi e di palagi,
  di piazze, di teatri e di mille agi;

49

  non perché dagli artigli de l'audace
  aligero Leon terrà difesa;
  non perché, quando la gallica face
  per tutto avrà la bella Italia accesa,
  si starà sola col suo stato in pace,
  e dal timore e dai tributi illesa:
  non sì per questi ed altri benefici
  saran sue genti ad Ercol debitrici:

50

  quanto che darà lor l'inclita prole,
  il giusto Alfonso e Ippolito benigno,
  che saran quai l'antiqua fama suole
  narrar de' figli del Tindareo cigno,
  ch'alternamente si privan del sole
  per trar l'un l'altro de l'aer maligno.
  Sarà ciascuno d'essi e pronto e forte
  l'altro salvar con sua perpetua morte.

51

  Il grande amor di questa bella coppia
  renderà il popul suo via più sicuro,
  che se, per opra di Vulcan, di doppia
  cinta di ferro avesse intorno il muro.
  Alfonso è quel che col saper accoppia
  sì la bontà, ch'al secolo futuro
  la gente crederà che sia dal cielo
  tornata Astrea dove può il caldo e il gielo.

52

  A grande uopo gli fia l'esser prudente,
  e di valore assimigliarsi al padre;
  che si ritroverà, con poca gente,
  da un lato aver le veneziane squadre,
  colei dall'altro, che più giustamente
  non so se devrà dir matrigna o madre;
  ma se per madre, a lui poco più pia,
  che Medea ai figli o Progne stata sia.

53

  E quante volte uscirà giorno o notte
  col suo popul fedel fuor de la terra,
  tante sconfitte e memorabil rotte
  darà a' nimici o per acqua o per terra.
  Le genti di Romagna mal condotte,
  contra i vicini e lor già amici, in guerra,
  se n'avedranno, insanguinando il suolo
  che serra il Po, Santerno e Zanniolo.

54

  Nei medesmi confini anco saprallo
  del gran Pastore il mercenario Ispano,
  che gli avrà dopo con poco intervallo
  la Bastìa tolta, e morto il castellano,
  quando l'avrà già preso; e per tal fallo
  non fia, dal minor fante al capitano,
  che del racquisto e del presidio ucciso
  a Roma riportar possa l'aviso.

55

  Costui sarà, col senno e con la lancia,
  ch'avrà l'onor, nei campi di Romagna,
  d'aver dato all'esercito di Francia
  la gran vittoria contra Iulio e Spagna.
  Nuoteranno i destrier fin alla pancia
  nel sangue uman per tutta la campagna;
  ch'a sepelire il popul verrà manco
  tedesco, ispano, greco, italo, e franco.

56

  Quel ch'in pontificale abito imprime
  del purpureo capel la sacra chioma,
  è il liberal, magnanimo, sublime,
  gran cardinal de la Chiesa di Roma
  Ippolito, ch'a prose, a versi, a rime
  darà materia eterna in ogni idioma;
  la cui fiorita età vuole il ciel iusto
  ch'abbia un Maron, come un altro ebbe Augusto.

57

  Adornerà la sua progenie bella,
  come orna il sol la machina del mondo
  molto più de la luna e d'ogni stella;
  ch'ogn'altro lume a lui sempre è secondo.
  Costui con pochi a piedi e meno in sella
  veggio uscir mesto, e poi tornar iocondo;
  che quindici galee mena captive,
  oltra mill'altri legni alle sue rive.

58

  Vedi poi l'uno e l'altro Sigismondo.
  Vedi d'Alfonso i cinque figli cari,
  alla cui fama ostar, che di sé il mondo
  non empia, i monti non potran né i mari:
  gener del re di Francia, Ercol secondo
  è l'un; quest'altro (acciò tutti gl'impari)
  Ippolito è, che non con minor raggio
  che 'l zio, risplenderà nel suo lignaggio;

59

  Francesco, il terzo; Alfonsi gli altri dui
  ambi son detti. Or, come io dissi prima,
  s'ho da mostrarti ogni tuo ramo, il cui
  valor la stirpe sua tanto sublima,
  bisognerà che si rischiari e abbui
  più volte prima il ciel, ch'io te li esprima:
  e sarà tempo ormai, quando ti piaccia,
  ch'io dia licenza all'ombre e ch'io mi taccia. —

60

  Così con voluntà de la donzella
  la dotta incantatrice il libro chiuse.
  Tutti gli spirti allora ne la cella
  spariro in fretta, ove eran l'ossa chiuse.
  Qui Bradamante, poi che la favella
  le fu concessa usar, la bocca schiuse,
  e domandò: — Chi son li dua sì tristi,
  che tra Ippolito e Alfonso abbiamo visti?

61

  Veniano sospirando, e gli occhi bassi
  parean tener d'ogni baldanza privi;
  e gir lontan da loro io vedea i passi
  dei frati sì, che ne pareano schivi. —
  Parve ch'a tal domanda si cangiassi
  la maga in viso, e fe' degli occhi rivi,
  e gridò: — Ah sfortunati, a quanta pena
  lungo istigar d'uomini rei vi mena!

62

  O bona prole, o degna d'Ercol buono,
  non vinca il lor fallir vostra bontade:
  di vostro sangue i miseri pur sono;
  qui ceda la iustizia alla pietade. —
  Indi soggiunse con più basso suono:
  — Di ciò dirti più inanzi non accade.
  Statti col dolce in bocca; e non ti doglia
  ch'amareggiare al fin non te la voglia.

63

  Tosto che spunti in ciel la prima luce,
  piglierai meco la più dritta via
  ch'al lucente castel d'acciai' conduce,
  dove Ruggier vive in altrui balìa.
  Io tanto ti sarò compagna e duce,
  che tu sia fuor de l'aspra selva ria:
  t'insegnerò, poi che saren sul mare,
  sì ben la via, che non potresti errare. —

64

  Quivi l'audace giovane rimase
  tutta la notte, e gran pezzo ne spese
  a parlar con Merlin, che le suase
  rendersi tosto al suo Ruggier cortese.
  Lasciò di poi le sotterranee case,
  che di nuovo splendor l'aria s'accese,
  per un camin gran spazio oscuro e cieco,
  avendo la spirtal femmina seco.

65

  E riusciro in un burrone ascoso
  tra monti inaccessibili alle genti;
  e tutto 'l dì senza pigliar riposo
  saliron balze e traversar torrenti.
  E perché men l'andar fosse noioso,
  di piacevoli e bei ragionamenti,
  di quel che fu più conferir soave,
  l'aspro camin facean parer men grave:

66

  di quali era però la maggior parte,
  ch'a Bradamante vien la dotta maga
  mostrando con che astuzia e con qual arte
  proceder de', se di Ruggiero è vaga.
  — Se tu fossi (dicea) Pallade o Marte,
  e conducessi gente alla tua paga
  più che non ha il re Carlo e il re Agramante,
  non dureresti contra il negromante;

67

  che oltre che d'acciar murata sia
  la rocca inespugnabile, e tant'alta;
  oltre che 'l suo destrier si faccia via
  per mezzo l'aria, ove galoppa e salta;
  ha lo scudo mortal, che come pria
  si scopre, il suo splendor sì gli occhi assalta,
  la vista tolle, e tanto occupa i sensi,
  che come morto rimaner conviensi.

68

  E se forse ti pensi che ti vaglia
  combattendo tener serrati gli occhi,
  come potrai saper ne la battaglia
  quando ti schivi, o l'avversario tocchi?
  Ma per fuggire il lume ch'abbarbaglia,
  e gli altri incanti di colui far sciocchi,
  ti mostrerò un rimedio, una via presta;
  né altra in tutto 'l mondo è se non questa.

69

  Il re Agramante d'Africa uno annello,
  che fu rubato in India a una regina,
  ha dato a un suo baron detto Brunello,
  che poche miglia inanzi ne camina;
  di tal virtù, che chi nel dito ha quello,
  contra il mal degl'incanti ha medicina.
  Sa de furti e d'inganni Brunel, quanto
  colui, che tien Ruggier, sappia d'incanto.

70

  Questo Brunel sì pratico e sì astuto,
  come io ti dico, è dal suo re mandato
  acciò che col suo ingegno e con l'aiuto
  di questo annello, in tal cose provato,
  di quella rocca dove è ritenuto,
  traggia Ruggier, che così s'è vantato,
  ed ha così promesso al suo signore,
  a cui Ruggiero è più d'ogn'altro a core.

71

  Ma perché il tuo Ruggiero a te sol abbia,
  e non al re Agramante, ad obligarsi
  che tratto sia de l'incantata gabbia,
  t'insegnerò il rimedio che de' usarsi.
  Tu te n'andrai tre dì lungo la sabbia
  del mar, ch'è oramai presso a dimostrarsi;
  il terzo giorno in un albergo teco
  arriverà costui c'ha l'annel seco.

72

  La sua statura, acciò tu lo conosca,
  non è sei palmi, ed ha il capo ricciuto;
  le chiome ha nere, ed ha la pelle fosca;
  pallido il viso, oltre il dover barbuto;
  gli occhi gonfiati e guardatura losca;
  schiacciato il naso, e ne le ciglia irsuto:
  l'abito, acciò ch'io lo dipinga intero,
  è stretto e corto, e sembra di corriero.

73

  Con esso lui t'accaderà soggetto
  di ragionar di quell'incanti strani:
  mostra d'aver, come tu avra' in effetto,
  disio che 'l mago sia teco alle mani;
  ma non mostrar che ti sia stato detto
  di quel suo annel che fa gl'incanti vani.
  Egli t'offerirà mostrar la via
  fin alla rocca e farti compagnia.

74

  Tu gli va dietro: e come t'avicini
  a quella rocca sì ch'ella si scopra,
  dàgli la morte; né pietà t'inchini
  che tu non metta il mio consiglio in opra.
  Né far ch'egli il pensier tuo s'indovini,
  e ch'abbia tempo che l'annel lo copra;
  perché ti spariria dagli occhi, tosto
  ch'in bocca il sacro annel s'avesse posto. —

75

  Così parlando, giunsero sul mare,
  dove presso a Bordea mette Garonna.
  Quivi, non senza alquanto lagrimare,
  si dipartì l'una da l'altra donna.
  La figliuola d'Amon, che per slegare
  di prigione il suo amante non assonna,
  caminò tanto, che venne una sera
  ad uno albergo, ove Brunel prim'era.

76

  Conosce ella Brunel come lo vede,
  di cui la forma avea sculpita in mente:
  onde ne viene, ove ne va, gli chiede;
  quel le risponde, e d'ogni cosa mente.
  La donna, già prevista, non gli cede
  in dir menzogne, e simula ugualmente
  e patria e stirpe e setta e nome e sesso;
  e gli volta alle man pur gli occhi spesso.

77

  Gli va gli occhi alle man spesso voltando,
  in dubbio sempre esser da lui rubata;
  né lo lascia venir troppo accostando,
  di sua condizion bene informata.
  Stavano insieme in questa guisa, quando
  l'orecchia da un rumor lor fu intruonata.
  Poi vi dirò, Signor, che ne fu causa,
  ch'avrò fatto al cantar debita pausa.



CANTO QUARTO


1

  Quantunque il simular sia le più volte
  ripreso, e dia di mala mente indici,
  si trova pur in molte cose e molte
  aver fatti evidenti benefici,
  e danni e biasmi e morti aver già tolte;
  che non conversiam sempre con gli amici
  in questa assai più oscura che serena
  vita mortal, tutta d'invidia piena.

2

  Se, dopo lunga prova, a gran fatica
  trovar si può chi ti sia amico vero,
  ed a chi senza alcun sospetto dica
  e discoperto mostri il tuo pensiero;
  che de' far di Ruggier la bella amica
  con quel Brunel non puro e non sincero,
  ma tutto simulato e tutto finto,
  come la maga le l'avea dipinto?

3

  Simula anch'ella; e così far conviene
  con esso lui di finzioni padre;
  e, come io dissi, spesso ella gli tiene
  gli occhi alle man, ch'eran rapaci e ladre.
  Ecco all'orecchie un gran rumor lor viene.
  Disse la donna: — O gloriosa Madre,
  o Re del ciel, che cosa sarà questa? —
  E dove era il rumor si trovò presta.

4

  E vede l'oste e tutta la famiglia,
  e chi a finestre e chi fuor ne la via,
  tener levati al ciel gli occhi e le ciglia,
  come l'ecclisse o la cometa sia.
  Vede la donna un'alta maraviglia,
  che di leggier creduta non saria:
  vede passar un gran destriero alato,
  che porta in aria un cavalliero armato.

5

  Grandi eran l'ale e di color diverso,
  e vi sedea nel mezzo un cavalliero,
  di ferro armato luminoso e terso;
  e vêr ponente avea dritto il sentiero.
  Calossi, e fu tra le montagne immerso:
  e, come dicea l'oste (e dicea il vero),
  quel era un negromante, e facea spesso
  quel varco, or più da lungi, or più da presso.

6

  Volando, talor s'alza ne le stelle,
  e poi quasi talor la terra rade;
  e ne porta con lui tutte le belle
  donne che trova per quelle contrade:
  talmente che le misere donzelle
  ch'abbino o aver si credano beltade
  (come affatto costui tutte le invole)
  non escon fuor sì che le veggia il sole.

7

  — Egli sul Pireneo tiene un castello
  (narrava l'oste) fatto per incanto,
  tutto d'acciaio, e sì lucente e bello,
  ch'altro al mondo non è mirabil tanto.
  Già molti cavallier sono iti a quello,
  e nessun del ritorno si dà vanto:
  sì ch'io penso, signore, e temo forte,
  o che sian presi, o sian condotti a morte. —

8

  La donna il tutto ascolta, e le ne giova,
  credendo far, come farà per certo,
  con l'annello mirabile tal prova,
  che ne fia il mago e il suo castel deserto;
  e dice a l'oste: — Or un de' tuoi mi trova,
  che più di me sia del viaggio esperto;
  ch'io non posso durar: tanto ho il cor vago
  di far battaglia contro a questo mago. —

9

  — Non ti mancherà guida (le rispose
  Brunello allora), e ne verrò teco io:
  meco ho la strada in scritto, ed altre cose
  che ti faran piacere il venir mio. —
  Volse dir de l'annel; ma non l'espose,
  né chiarì più, per non pagarne il fio.
  — Grato mi fia (disse ella) il venir tuo; —
  volendo dir ch'indi l'annel fia suo.

10

  Quel ch'era utile a dir disse; e quel tacque,
  che nuocer le potea col Saracino.
  Avea l'oste un destrier ch'a costei piacque,
  ch'era buon da battaglia e da camino:
  comperollo e partissi come nacque
  del bel giorno seguente il matutino.
  Prese la via per una stretta valle,
  con Brunello ora inanzi, ora alle spalle.

11

  Di monte in monte e d'uno in altro bosco
  giunsero ove l'altezza di Pirene
  può dimostrar, se non è l'aer fosco,
  e Francia e Spagna e due diverse arene,
  come Apennin scopre il mar schiavo e il tosco
  del giogo onde a Camaldoli si viene.
  Quindi per aspro e faticoso calle
  si discendea ne la profonda valle.

12

  Vi sorge in mezzo un sasso che la cima
  d'un bel muro d'acciar tutta si fascia;
  e quella tanto inverso il ciel sublima,
  che quanto ha intorno, inferior si lascia.
  Non faccia, chi non vola, andarvi stima;
  che spesa indarno vi saria ogni ambascia.
  Brunel disse: — Ecco dove prigionieri
  il mago tien le donne e i cavallieri. —

13

  Da quattro canti era tagliato, e tale
  che parea dritto a fil de la sinopia.
  Da nessun lato né sentier né scale
  v'eran, che di salir facesser copia:
  e ben appar che d'animal ch'abbia ale
  sia quella stanza nido e tana propia.
  Quivi la donna esser conosce l'ora
  di tor l'annello, e far che Brunel mora.

14

  Ma le par atto vile a insaguinarsi
  d'un uom senza arme e di sì ignobil sorte;
  che ben potrà posseditrice farsi
  del ricco annello, e lui non porre a morte.
  Brunel non avea mente a riguardarsi;
  sì ch'ella il prese, e lo legò ben forte
  ad uno abete ch'alta avea la cima:
  ma di dito l'annel gli trasse prima.

15

  Né per lacrime, gemiti o lamenti
  che facesse Brunel, lo volse sciorre.
  Smontò de la montagna a passi lenti,
  tanto che fu nel pian sotto la torre.
  E perché alla battaglia s'appresenti
  il negromante, al corno suo ricorre:
  e dopo il suon, con minacciose grida
  lo chiama al campo, ed alla pugna 'l sfida.

16

  Non stette molto a uscir fuor de la porta
  l'incantator, ch'udì 'l suono e la voce.
  L'alato corridor per l'aria il porta
  contra costei, che sembra uomo feroce.
  La donna da principio si conforta;
  che vede che colui poco le nuoce:
  non porta lancia né spada né mazza,
  ch'a forar l'abbia o romper la corazza.

17

  Da la sinistra sol lo scudo avea,
  tutto coperto di seta vermiglia;
  ne la man destra un libro, onde facea
  nascer, leggendo, l'alta maraviglia:
  che la lancia talor correr parea,
  e fatto avea a più d'un batter le ciglia;
  talor parea ferir con mazza o stocco,
  e lontano era, e non avea alcun tocco.

18

  Non è finto il destrier, ma naturale,
  ch'una giumenta generò d'un Grifo:
  simile al padre avea la piuma e l'ale,
  li piedi anteriori, il capo e il grifo;
  in tutte l'altre membra parea quale
  era la madre, e chiamasi ippogrifo;
  che nei monti Rifei vengon, ma rari,
  molto di là dagli aghiacciati mari.

19

  Quivi per forza lo tirò d'incanto;
  e poi che l'ebbe, ad altro non attese,
  e con studio e fatica operò tanto,
  ch'a sella e briglia il cavalcò in un mese:
  così ch'in terra e in aria e in ogni canto
  lo facea volteggiar senza contese.
  Non finzion d'incanto, come il resto,
  ma vero e natural si vedea questo.

20

  Del mago ogn'altra cosa era figmento,
  che comparir facea pel rosso il giallo;
  ma con la donna non fu di momento,
  che per l'annel non può vedere in fallo.
  Più colpi tuttavia diserra al vento,
  e quinci e quindi spinge il suo cavallo;
  e si dibatte e si travaglia tutta,
  come era, inanzi che venisse, istrutta.

21

  E poi che esercitata si fu alquanto
  sopra il destrier, smontar volse anco a piede,
  per poter meglio al fin venir di quanto
  la cauta maga istruzion le diede.
  Il mago vien per far l'estremo incanto;
  che del fatto ripar né sa né crede:
  scuopre lo scudo, e certo si prosume
  farla cader con l'incantato lume.

22

  Potea così scoprirlo al primo tratto,
  senza tenere i cavallieri a bada;
  ma gli piacea veder qualche bel tratto
  di correr l'asta o di girar la spada:
  come si vede ch'all'astuto gatto
  scherzar col topo alcuna volta aggrada;
  e poi che quel piacer gli viene a noia,
  dargli di morso, e al fin voler che muoia.

23

  Dico che 'l mago al gatto, e gli altri al topo
  s'assimigliar ne le battaglie dianzi;
  ma non s'assimigliar già così, dopo
  che con l'annel si fe' la donna inanzi.
  Attenta e fissa stava a quel ch'era uopo,
  acciò che nulla seco il mago avanzi;
  e come vide che lo scudo aperse,
  chiuse gli occhi, e lasciò quivi caderse.

24

  Non che il fulgor del lucido metallo,
  come soleva agli altri, a lei nocesse;
  ma così fece acciò che dal cavallo
  contra sé il vano incantator scendesse:
  né parte andò del suo disegno in fallo;
  che tosto ch'ella il capo in terra messe,
  accelerando il volator le penne,
  con larghe ruote in terra a por si venne.

25

  Lascia all'arcion lo scudo, che già posto
  avea ne la coperta, e a piè discende
  verso la donna che, come reposto
  lupo alla macchia il capriolo, attende.
  Senza più indugio ella si leva tosto
  che l'ha vicino, e ben stretto lo prende.
  Avea lasciato quel misero in terra
  il libro che facea tutta la guerra:

26

  e con una catena ne correa,
  che solea portar cinta a simil uso;
  perché non men legar colei credea,
  che per adietro altri legare era uso.
  La donna in terra posto già l'avea:
  se quel non si difese, io ben l'escuso;
  che troppo era la cosa differente
  tra un debol vecchio e lei tanto possente.

27

  Disegnando levargli ella la testa,
  alza la man vittoriosa in fretta;
  ma poi che 'l viso mira, il colpo arresta,
  quasi sdegnando sì bassa vendetta:
  un venerabil vecchio in faccia mesta
  vede esser quel ch'ella ha giunto alla stretta,
  che mostra al viso crespo e al pelo bianco,
  età di settanta anni o poco manco.

28

  — Tommi la vita, giovene, per Dio, —
  dicea il vecchio pien d'ira e di dispetto;
  ma quella a torla avea sì il cor restio,
  come quel di lasciarla avria diletto.
  La donna di sapere ebbe disio
  chi fosse il negromante, ed a che effetto
  edificasse in quel luogo selvaggio
  la rocca, e faccia a tutto il mondo oltraggio.

29

  — Né per maligna intenzione, ahi lasso!
  (disse piangendo il vecchio incantatore)
  feci la bella rocca in cima al sasso,
  né per avidità son rubatore;
  ma per ritrar sol dall'estremo passo
  un cavallier gentil, mi mosse amore,
  che, come il ciel mi mostra, in tempo breve
  morir cristiano a tradimento deve.

30

  Non vede il sol tra questo e il polo austrino
  un giovene sì bello e sì prestante:
  Ruggiero ha nome, il qual da piccolino
  da me nutrito fu, ch'io sono Atlante.
  Disio d'onore e suo fiero destino
  l'han tratto in Francia dietro al re Agramante;
  ed io, che l'amai sempre più che figlio,
  lo cerco trar di Francia e di periglio.

31

  La bella rocca solo edificai
  per tenervi Ruggier sicuramente,
  che preso fu da me, come sperai
  che fossi oggi tu preso similmente;
  e donne e cavallier, che tu vedrai,
  poi ci ho ridotti, ed altra nobil gente,
  acciò che quando a voglia sua non esca,
  avendo compagnia, men gli rincresca.

32

  Pur ch'uscir di là su non si domande,
  d'ogn'altro gaudio lor cura mi tocca;
  che quanto averne da tutte le bande
  si può del mondo, è tutto in quella rocca:
  suoni, canti, vestir, giuochi, vivande,
  quanto può cor pensar, può chieder bocca.
  Ben seminato avea, ben cogliea il frutto;
  ma tu sei giunto a disturbarmi il tutto.

33

  Deh, se non hai del viso il cor men bello,
  non impedir il mio consiglio onesto!
  Piglia lo scudo (ch'io tel dono) e quello
  destrier che va per l'aria così presto;
  e non t'impacciar oltra nel castello,
  o tranne uno o duo amici, e lascia il resto;
  o tranne tutti gli altri, e più non chero,
  se non che tu mi lasci il mio Ruggiero.

34

  E se disposto sei volermel torre,
  deh, prima almen che tu 'l rimeni in Francia,
  piacciati questa afflitta anima sciorre
  de la sua scorza ormai putrida e rancia! —
  Rispose la donzella: — Lui vo' porre
  in libertà: tu, se sai, gracchia e ciancia;
  né mi offerir di dar lo scudo in dono,
  o quel destrier, che miei, non più tuoi sono:

35

  né s'anco stesse a te di torre e darli,
  mi parrebbe che 'l cambio convenisse.
  Tu di' che Ruggier tieni per vietarli
  il male influsso di sue stelle fisse.
  O che non puoi saperlo, o non schivarli,
  sappiendol, ciò che 'l ciel di lui prescrisse:
  ma se 'l mal tuo, c'hai sì vicin, non vedi,
  peggio l'altrui c'ha da venir prevedi.

36

  Non pregar ch'io t'uccida, ch'i tuoi preghi
  sariano indarno; e se pur vuoi la morte,
  ancor che tutto il mondo dar la nieghi,
  da sé la può aver sempre animo forte.
  Ma pria che l'alma da la carne sleghi,
  a tutti i tuoi prigioni apri le porte. —
  Così dice la donna, e tuttavia
  il mago preso incontra al sasso invia.

37

  Legato de la sua propria catena
  andava Atlante, e la donzella appresso,
  che così ancor se ne fidava a pena,
  ben che in vista parea tutto rimesso.
  Non molti passi dietro se la mena,
  ch'a piè del monte han ritrovato il fesso,
  e li scaglioni onde si monta in giro,
  fin ch'alla porta del castel saliro.

38

  Di su la soglia Atlante un sasso tolle,
  di caratteri e strani segni isculto.
  Sotto, vasi vi son, che chiamano olle,
  che fuman sempre, e dentro han foco occulto.
  L'incantator le spezza; e a un tratto il colle
  riman deserto, inospite ed inculto;
  né muro appar né torre in alcun lato,
  come se mai castel non vi sia stato.

39

  Sbrigossi de la donna il mago alora,
  come fa spesso il tordo da la ragna;
  e con lui sparve il suo castello a un'ora,
  e lasciò in libertà quella compagna.
  Le donne e i cavallier si trovar fuora
  de le superbe stanze alla campagna:
  e furon di lor molte a chi ne dolse;
  che tal franchezza un gran piacer lor tolse.

40

  Quivi è Gradasso, quivi è Sacripante,
  quivi è Prasildo, il nobil cavalliero
  che con Rinaldo venne di Levante,
  e seco Iroldo, il par d'amici vero.
  Al fin trovò la bella Bradamante
  quivi il desiderato suo Ruggiero,
  che, poi che n'ebbe certa conoscenza,
  le fe' buona e gratissima accoglienza;

41

  come a colei che più che gli occhi sui,
  più che 'l suo cor, più che la propria vita
  Ruggiero amò dal dì ch'essa per lui
  si trasse l'elmo, onde ne fu ferita.
  Lungo sarebbe a dir come, e da cui,
  e quanto ne la selva aspra e romita
  si cercar poi la notte e il giorno chiaro;
  né, se non qui, mai più si ritrovaro.

42

  Or che quivi la vede, e sa ben ch'ella
  è stata sola la sua redentrice,
  di tanto gaudio ha pieno il cor, che appella
  sé fortunato ed unico felice.
  Scesero il monte, e dismontaro in quella
  valle, ove fu la donna vincitrice,
  e dove l'ippogrifo trovaro anco,
  ch'avea lo scudo, ma coperto, al fianco.

43

  La donna va per prenderlo nel freno:
  e quel l'aspetta fin che se gli accosta;
  poi spiega l'ale per l'aer sereno,
  e si ripon non lungi a mezza costa.
  Ella lo segue: e quel né più né meno
  si leva in aria, e non troppo si scosta;
  come fa la cornacchia in secca arena,
  che dietro il cane or qua or là si mena.

44

  Ruggier, Gradasso, Sacripante, e tutti
  quei cavallier che scesi erano insieme,
  chi di sù, chi di giù, si son ridutti
  dove che torni il volatore han speme.
  Quel, poi che gli altri invano ebbe condutti
  più volte e sopra le cime supreme
  e negli umidi fondi tra quei sassi,
  presso a Ruggiero al fin ritenne i passi.

45

  E questa opera fu del vecchio Atlante,
  di cui non cessa la pietosa voglia
  di trar Rugier del gran periglio instante:
  di ciò sol pensa e di ciò solo ha doglia.
  Però gli manda or l'ippogrifo avante,
  perché d'Europa con questa arte il toglia.
  Ruggier lo piglia, e seco pensa trarlo;
  ma quel s'arretra, e non vuol seguitarlo.

46

  Or di Frontin quel animoso smonta
  (Frontino era nomato il suo destriero),
  e sopra quel che va per l'aria monta,
  e con li spron gli adizza il core altiero.
  Quel corre alquanto, ed indi i piedi ponta,
  e sale inverso il ciel, via più leggiero
  che 'l girifalco, a cui lieva il capello
  il mastro a tempo, e fa veder l'augello.

47

  La bella donna, che sì in alto vede
  e con tanto periglio il suo Ruggiero,
  resta attonita in modo, che non riede
  per lungo spazio al sentimento vero.
  Ciò che già inteso avea di Ganimede
  ch'al ciel fu assunto dal paterno impero,
  dubita assai che non accada a quello,
  non men gentil di Ganimede e bello.

48

  Con gli occhi fissi al ciel lo segue quanto
  basta il veder; ma poi che si dilegua
  sì, che la vista non può correr tanto,
  lascia che sempre l'animo lo segua.
  Tuttavia con sospir, gemito e pianto
  non ha, né vuol aver pace né triegua.
  Poi che Ruggier di vista se le tolse,
  al buon destrier Frontin gli occhi rivolse:

49

  e si deliberò di non lasciarlo,
  che fosse in preda a chi venisse prima;
  ma di condurlo seco e di poi darlo
  al suo signor, ch'anco veder pur stima.
  Poggia l'augel, né può Ruggier frenarlo:
  di sotto rimaner vede ogni cima
  ed abbassarsi in guisa, che non scorge
  dove è piano il terren né dove sorge.

50

  Poi che sì ad alto vien, ch'un picciol punto
  lo può stimar chi da la terra il mira,
  prende la via verso ove cade a punto
  il sol, quando col Granchio si raggira,
  e per l'aria ne va come legno unto
  a cui nel mar propizio vento spira.
  Lasciamlo andar, che farà buon camino,
  e torniamo a Rinaldo paladino.

51

  Rinaldo l'altro e l'altro giorno scorse,
  spinto dal vento, un gran spazio di mare,
  quando a ponente e quando contra l'Orse,
  che notte e dì non cessa mai soffiare.
  Sopra la Scozia ultimamente sorse,
  dove la selva Calidonia appare,
  che spesso fra gli antiqui ombrosi cerri
  s'ode sonar di bellicosi ferri.

52

  Vanno per quella i cavallieri erranti,
  incliti in arme, di tutta Bretagna,
  e de' prossimi luoghi e de' distanti,
  di Francia, di Norvegia e de Lamagna.
  Chi non ha gran valor, non vada inanti;
  che dove cerca onor, morte guadagna.
  Gran cose in essa già fece Tristano,
  Lancillotto, Galasso, Artù e Galvano,

53

  ed altri cavallieri e de la nuova
  e de la vecchia Tavola famosi:
  restano ancor di più d'una lor pruova
  li monumenti e li trofei pomposi.
  L'arme Rinaldo e il suo Baiardo truova,
  e tosto si fa por nei liti ombrosi,
  ed al nochier comanda che si spicche
  e lo vada aspettar a Beroicche.

54

  Senza scudiero e senza compagnia
  va il cavallier per quella selva immensa,
  facendo or una ed or un'altra via,
  dove più aver strane aventure pensa.
  Capitò il primo giorno a una badia,
  che buona parte del suo aver dispensa
  in onorar nel suo cenobio adorno
  le donne i cavallier che vanno attorno.

55

  Bella accoglienza i monachi e l'abbate
  fero a Rinaldo, il qual domandò loro
  (non prima già che con vivande grate
  avesse avuto il ventre amplo ristoro)
  come dai cavallier sien ritrovate
  spesso aventure per quel tenitoro,
  dove si possa in qualche fatto eggregio
  l'uom dimostrar, se merta biasmo o pregio.

56

  Risposongli ch'errando in quelli boschi,
  trovar potria strane aventure e molte:
  ma come i luoghi, i fatti ancor son foschi;
  che non se n'ha notizia le più volte.
  — Cerca (diceano) andar dove conoschi
  che l'opre tue non restino sepolte,
  acciò dietro al periglio e alla fatica
  segua la fama, e il debito ne dica.

57

  E se del tuo valor cerchi far prova,
  t'è preparata la più degna impresa
  che ne l'antiqua etade o ne la nova
  giamai da cavallier sia stata presa.
  La figlia del re nostro or si ritrova
  bisognosa d'aiuto e di difesa
  contra un baron che Lurcanio si chiama,
  che tor le cerca e la vita e la fama.

58

  Questo Lurcanio al padre l'ha accusata
  (forse per odio più che per ragione)
  averla a mezza notte ritrovata
  trarr'un suo amante a sé sopra un verrone.
  Per le leggi del regno condannata
  al foco fia, se non truova campione
  che fra un mese, oggimai presso a finire,
  l'iniquo accusator faccia mentire.

59

  L'aspra legge di Scozia, empia e severa,
  vuol ch'ogni donna, e di ciascuna sorte,
  ch'ad uomo si giunga, e non gli sia mogliera,
  s'accusata ne viene, abbia la morte.
  Né riparar si può ch'ella non pera,
  quando per lei non venga un guerrier forte
  che tolga la difesa, e che sostegna
  che sia innocente e di morire indegna.

60

  Il re, dolente per Ginevra bella
  (che così nominata è la sua figlia),
  ha publicato per città e castella,
  che s'alcun la difesa di lei piglia,
  e che l'estingua la calunnia fella
  (pur che sia nato di nobil famiglia),
  l'avrà per moglie, ed uno stato, quale
  fia convenevol dote a donna tale.

61

  Ma se fra un mese alcun per lei non viene,
  o venendo non vince, sarà uccisa.
  Simile impresa meglio ti conviene,
  ch'andar pei boschi errando a questa guisa:
  oltre ch'onor e fama te n'aviene
  ch'in eterno da te non fia divisa,
  guadagni il fior di quante belle donne
  da l'Indo sono all'Atlantee colonne;

62

  e una ricchezza appresso, ed uno stato
  che sempre far ti può viver contento;
  e la grazia del re, se suscitato
  per te gli fia il suo onor, che è quasi spento.
  Poi per cavalleria tu se' ubligato
  a vendicar di tanto tradimento
  costei, che per commune opinione,
  di vera pudicizia è un paragone. —

63

  Pensò Rinaldo alquanto, e poi rispose:
  — Una donzella dunque dè' morire
  perché lasciò sfogar ne l'amorose
  sue braccia al suo amator tanto desire?
  Sia maladetto chi tal legge pose,
  e maladetto chi la può patire!
  Debitamente muore una crudele,
  non chi dà vita al suo amator fedele.

64

  Sia vero o falso che Ginevra tolto
  s'abbia il suo amante, io non riguardo a questo:
  d'averlo fatto la loderei molto,
  quando non fosse stato manifesto.
  Ho in sua difesa ogni pensier rivolto:
  datemi pur un che mi guidi presto,
  e dove sia l'accusator mi mene;
  ch'io spero in Dio Ginevra trar di pene.

65

  Non vo' già dir ch'ella non l'abbia fatto;
  che nol sappiendo, il falso dir potrei:
  dirò ben che non de' per simil atto
  punizion cadere alcuna in lei;
  e dirò che fu ingiusto o che fu matto
  chi fece prima gli statuti rei;
  e come iniqui rivocar si denno,
  e nuova legge far con miglior senno.

66

  S'un medesimo ardor, s'un disir pare
  inchina e sforza l'uno e l'altro sesso
  a quel suave fin d'amor, che pare
  all'ignorante vulgo un grave eccesso;
  perché si de' punir donna o biasmare,
  che con uno o più d'uno abbia commesso
  quel che l'uom fa con quante n'ha appetito,
  e lodato ne va, non che impunito?

67

  Son fatti in questa legge disuguale
  veramente alle donne espressi torti;
  e spero in Dio mostrar che gli è gran male
  che tanto lungamente si comporti. —
  Rinaldo ebbe il consenso universale,
  che fur gli antiqui ingiusti e male accorti,
  che consentiro a così iniqua legge,
  e mal fa il re, che può, né la corregge.

68

  Poi che la luce candida e vermiglia
  de l'altro giorno aperse l'emispero,
  Rinaldo l'arme e il suo Baiardo piglia,
  e di quella badia tolle un scudiero,
  che con lui viene a molte leghe e miglia,
  sempre nel bosco orribilmente fiero,
  verso la terra ove la lite nuova
  de la donzella de' venir in pruova.

69

  Avean, cercando abbreviar camino,
  lasciato pel sentier la maggior via;
  quando un gran pianto udir sonar vicino,
  che la foresta d'ogn'intorno empìa.
  Baiardo spinse l'un, l'altro il ronzino
  verso una valle, onde quel grido uscìa:
  e fra dui mascalzoni una donzella
  vider, che di lontan parea assai bella;

70

  ma lacrimosa e addolorata quanto
  donna o donzella o mai persona fosse.
  Le sono dui col ferro nudo a canto,
  per farle far l'erbe di sangue rosse.
  Ella con preghi differendo alquanto
  giva il morir, sin che pietà si mosse.
  Venne Rinaldo; e come se n'accorse,
  con alti gridi e gran minacce accorse.

71

  Voltaro i malandrin tosto le spalle,
  che 'l soccorso lontan vider venire,
  e se appiattar ne la profonda valle.
  Il paladin non li curò seguire:
  venne a la donna, e qual gran colpa dàlle
  tanta punizion, cerca d'udire;
  e per tempo avanzar, fa allo scudiero
  levarla in groppa, e torna al suo sentiero.

72

  E cavalcando poi meglio la guata
  molto esser bella e di maniere accorte,
  ancor che fosse tutta spaventata
  per la paura ch'ebbe de la morte.
  Poi ch'ella fu di nuovo domandata
  chi l'avea tratta a sì infelice sorte,
  incominciò con umil voce a dire
  quel ch'io vo' all'altro canto differire.



CANTO QUINTO


1

  Tutti gli altri animai che sono in terra,
  o che vivon quieti e stanno in pace,
  o se vengono a rissa e si fan guerra,
  alla femina il maschio non la face:
  l'orsa con l'orso al bosco sicura erra,
  la leonessa appresso il leon giace;
  col lupo vive la lupa sicura,
  né la iuvenca ha del torel paura.

2

  Ch'abominevol peste, che Megera
  è venuta a turbar gli umani petti?
  che si sente il marito e la mogliera
  sempre garrir d'ingiuriosi detti,
  stracciar la faccia e far livida e nera,
  bagnar di pianto i geniali letti;
  e non di pianto sol, ma alcuna volta
  di sangue gli ha bagnati l'ira stolta.

3

  Parmi non sol gran mal, ma che l'uom faccia
  contra natura e sia di Dio ribello,
  che s'induce a percuotere la faccia
  di bella donna, o romperle un capello:
  ma chi le dà veneno, o chi le caccia
  l'alma del corpo con laccio o coltello,
  ch'uomo sia quel non crederò in eterno,
  ma in vista umana uno spirto de l'inferno.

4

  Cotali esser doveano i duo ladroni
  che Rinaldo cacciò da la donzella,
  da lor condotta in quei scuri valloni
  perché non se n'udisse più novella.
  Io lasciai ch'ella render le cagioni
  s'apparechiava di sua sorte fella
  al paladin, che le fu buono amico:
  or, seguendo l'istoria, così dico.

5

  La donna incominciò: — Tu intenderai
  la maggior crudeltade e la più espressa,
  ch'in Tebe e in Argo o ch'in Micene mai,
  o in loco più crudel fosse commessa.
  E se rotando il sole i chiari rai,
  qui men ch'all'altre region s'appressa,
  credo ch'a noi malvolentieri arrivi,
  perché veder sì crudel gente schivi.

6

  Ch'agli nemici gli uomini sien crudi,
  in ogni età se n'è veduto esempio;
  ma dar la morte a chi procuri e studi
  il tuo ben sempre, è troppo ingiusto ed empio.
  E acciò che meglio il vero io ti denudi,
  perché costor volessero far scempio
  degli anni verdi miei contra ragione,
  ti dirò da principio ogni cagione.

7

  Voglio che sappi, signor mio, ch'essendo
  tenera ancora, alli servigi venni
  de la figlia del re, con cui crescendo,
  buon luogo in corte ed onorato tenni.
  Crudele Amore, al mio stato invidendo,
  fe' che seguace, ahi lassa! gli divenni:
  fe' d'ogni cavallier, d'ogni donzello
  parermi il duca d'Albania più bello.

8

  Perché egli mostrò amarmi più che molto,
  io ad amar lui con tutto il cor mi mossi.
  Ben s'ode il ragionar, si vede il volto,
  ma dentro il petto mal giudicar possi.
  Credendo, amando, non cessai che tolto
  l'ebbi nel letto, e non guardai ch'io fossi
  di tutte le real camere in quella
  che più secreta avea Ginevra bella;

9

  dove tenea le sue cose più care,
  e dove le più volte ella dormia.
  Si può di quella in s'un verrone entrare,
  che fuor del muro al discoperto uscìa.
  Io facea il mio amator quivi montare;
  e la scala di corde onde salia
  io stessa dal verron giù gli mandai
  qual volta meco aver lo desiai:

10

  che tante volte ve lo fei venire,
  quante Ginevra me ne diede l'agio,
  che solea mutar letto, or per fuggire
  il tempo ardente, or il brumal malvagio.
  Non fu veduto d'alcun mai salire;
  però che quella parte del palagio
  risponde verso alcune case rotte,
  dove nessun mai passa o giorno o notte.

11

  Continuò per molti giorni e mesi
  tra noi secreto l'amoroso gioco:
  sempre crebbe l'amore; e sì m'accesi,
  che tutta dentro io mi sentia di foco:
  e cieca ne fui sì, ch'io non compresi
  ch'egli fingeva molto, e amava poco;
  ancor che li suo' inganni discoperti
  esser doveanmi a mille segni certi.

12

  Dopo alcun dì si mostrò nuovo amante
  de la bella Ginevra. Io non so appunto
  s'allora cominciasse, o pur inante
  de l'amor mio, n'avesse il cor già punto.
  Vedi s'in me venuto era arrogante,
  s'imperio nel mio cor s'aveva assunto;
  che mi scoperse, e non ebbe rossore
  chiedermi aiuto in questo nuovo amore.

13

  Ben mi dicea ch'uguale al mio non era,
  né vero amor quel ch'egli avea a costei;
  ma simulando esserne acceso, spera
  celebrarne i legitimi imenei.
  Dal re ottenerla fia cosa leggiera,
  qualor vi sia la volontà di lei;
  che di sangue e di stato in tutto il regno
  non era, dopo il re, di lu' il più degno.

14

  Mi persuade, se per opra mia
  potesse al suo signor genero farsi
  (che veder posso che se n'alzeria
  a quanto presso al re possa uomo alzarsi),
  che me n'avria buon merto, e non saria
  mai tanto beneficio per scordarsi;
  e ch'alla moglie e ch'ad ogni altro inante
  mi porrebbe egli in sempre essermi amante.

15

  Io, ch'era tutta a satisfargli intenta,
  né seppi o volsi contradirgli mai,
  e sol quei giorni io mi vidi contenta,
  ch'averlo compiaciuto mi trovai;
  piglio l'occasion che s'appresenta
  di parlar d'esso e di lodarlo assai;
  ed ogni industria adopro, ogni fatica,
  per far del mio amator Ginevra amica.

16

  Feci col core e con l'effetto tutto
  quel che far si poteva, e sallo Idio;
  né con Ginevra mai potei far frutto,
  ch'io le ponessi in grazia il duca mio:
  e questo, che ad amar ella avea indutto
  tutto il pensiero e tutto il suo disio
  un gentil cavallier, bello e cortese,
  venuto in Scozia di lontan paese;

17

  che con un suo fratel ben giovinetto
  venne d'Italia a stare in questa corte;
  si fe' ne l'arme poi tanto perfetto,
  che la Bretagna non avea il più forte.
  Il re l'amava, e ne mostrò l'effetto;
  che gli donò di non picciola sorte
  castella e ville e iurisdizioni,
  e lo fe' grande al par dei gran baroni.

18

  Grato era al re, più grato era alla figlia
  quel cavallier chiamato Ariodante,
  per esser valoroso a maraviglia;
  ma più, ch'ella sapea che l'era amante.
  Né Vesuvio, né il monte di Siciglia,
  né Troia avampò mai di fiamme tante,
  quanto ella conoscea che per suo amore
  Ariodante ardea per tutto il core.

19

  L'amar che dunque ella facea colui
  con cor sincero e con perfetta fede,
  fe' che pel duca male udita fui;
  né mai risposta da sperar mi diede:
  anzi quanto io pregava più per lui
  e gli studiava d'impetrar mercede,
  ella, biasmandol sempre e dispregiando,
  se gli venìa più sempre inimicando.

20

  Io confortai l'amator mio sovente,
  che volesse lasciar la vana impresa;
  né si sperasse mai volger la mente
  di costei, troppo ad altro amore intesa:
  e gli feci conoscer chiaramente,
  come era sì d'Ariodante accesa,
  che quanta acqua è nel mar, piccola dramma
  non spegneria de la sua immensa fiamma.

21

  Questo da me più volte Polinesso
  (che così nome ha il duca) avendo udito,
  e ben compreso e visto per se stesso
  che molto male era il suo amor gradito;
  non pur di tanto amor si fu rimesso,
  ma di vedersi un altro preferito,
  come superbo, così mal sofferse,
  che tutto in ira e in odio si converse.

22

  E tra Ginevra e l'amator suo pensa
  tanta discordia e tanta lite porre,
  e farvi inimicizia così intensa,
  che mai più non si possino comporre;
  e por Ginevra in ignominia immensa,
  donde non s'abbia o viva o morta a torre:
  né de l'iniquo suo disegno meco
  volse o con altri ragionar, che seco.

23

  Fatto il pensier: — Dalinda mia, — mi dice
  (che così son nomata) — saper dèi,
  che come suol tornar da la radice
  arbor che tronchi e quattro volte e sei;
  così la pertinacia mia infelice,
  ben che sia tronca dai successi rei,
  di germogliar non resta; che venire
  pur vorria a fin di questo suo desire.

24

  E non lo bramo tanto per diletto,
  quanto perché vorrei vincer la pruova;
  e non possendo farlo con effetto,
  s'io lo fo imaginando, anco mi giuova.
  Voglio, qual volta tu mi dài ricetto,
  quando allora Ginevra si ritruova
  nuda nel letto, che pigli ogni vesta
  ch'ella posta abbia, e tutta te ne vesta.

25

  Come ella s'orna e come il crin dispone
  studia imitarla, e cerca il più che sai
  di parer dessa, e poi sopra il verrone
  a mandar giù la scala ne verrai.
  Io verrò a te con imaginazione
  che quella sii, di cui tu i panni avrai:
  e così spero, me stesso ingannando,
  venir in breve il mio desir sciemando. —

26

  Così disse egli. Io che divisa e sevra
  e lungi era da me, non posi mente
  che questo in che pregando egli persevra,
  era una fraude pur troppo evidente;
  e dal verron, coi panni di Ginevra,
  mandai la scala onde salì sovente;
  e non m'accorsi prima de l'inganno,
  che n'era già tutto accaduto il danno.

27

  Fatto in quel tempo con Ariodante
  il duca avea queste parole o tali
  (che grandi amici erano stati inante
  che per Ginevra si fesson rivali):
  — Mi maraviglio (incominciò il mio amante)
  ch'avendoti io fra tutti li mie' uguali
  sempre avuto in rispetto e sempre amato,
  ch'io sia da te sì mal rimunerato.

28

  Io son ben certo che comprendi e sai
  di Ginevra e di me l'antiquo amore;
  e per sposa legittima oggimai
  per impetrarla son dal mio signore.
  Perché mi turbi tu? perché pur vai
  senza frutto in costei ponendo il core?
  Io ben a te rispetto avrei, per Dio,
  s'io nel tuo grado fossi, e tu nel mio. —

29

  — Ed io (rispose Ariodante a lui)
  di te mi maraviglio maggiormente;
  che di lei prima inamorato fui,
  che tu l'avessi vista solamente:
  e so che sai quanto è l'amor tra nui,
  ch'esser non può di quel che sia, più ardente;
  e sol d'essermi moglie intende e brama:
  e so che certo sai ch'ella non t'ama.

30

  Perché non hai tu dunque a me il rispetto
  per l'amicizia nostra, che domande
  ch'a te aver debba, e ch'io t'avre' in effetto,
  se tu fossi con lei di me più grande?
  Né men di te per moglie averla aspetto,
  se ben tu sei più ricco in queste bande:
  io non son meno al re, che tu sia, grato,
  ma più di te da la sua figlia amato. —

31

  — Oh (disse il duca a lui), grande è cotesto
  errore a che t'ha il folle amor condutto!
  Tu credi esser più amato; io credo questo
  medesmo: ma si può veder al frutto.
  Tu fammi ciò ch'hai seco, manifesto,
  ed io il secreto mio t'aprirò tutto;
  e quel di noi che manco aver si veggia,
  ceda a chi vince, e d'altro si provveggia.

32

  E sarò pronto, se tu vuoi ch'io giuri
  di non dir cosa mai che mi riveli:
  così voglio ch'ancor tu m'assicuri
  che quel ch'io ti dirò, sempre mi celi. —
  Venner dunque d'accordo alli scongiuri,
  e poser le man sugli Evangeli:
  e poi che di tacer fede si diero,
  Ariodante incominciò primiero.

33

  E disse per lo giusto e per lo dritto
  come tra sé e Ginevra era la cosa;
  ch'ella gli avea giurato e a bocca e in scritto,
  che mai non saria ad altri, ch'a lui, sposa;
  e se dal re le venìa contraditto,
  gli promettea di sempre esser ritrosa
  da tutti gli altri maritaggi poi,
  e viver sola in tutti i giorni suoi:

34

  e ch'esso era in speranza pel valore
  ch'avea mostrato in arme a più d'un segno,
  ed era per mostrare a laude, a onore,
  a beneficio del re e del suo regno,
  di crescer tanto in grazia al suo signore,
  che sarebbe da lui stimato degno
  che la figliuola sua per moglie avesse,
  poi che piacer a lei così intendesse.

35

  Poi disse: — A questo termine son io,
  né credo già ch'alcun mi venga appresso:
  né cerco più di questo, né desio
  de l'amor d'essa aver segno più espresso;
  né più vorrei, se non quanto da Dio
  per connubio legitimo è concesso:
  e saria invano il domandar più inanzi;
  che di bontà so come ogn'altra avanzi. —

36

  Poi ch'ebbe il vero Ariodante esposto
  de la mercé ch'aspetta a sua fatica,
  Polinesso, che già s'avea proposto
  di far Ginevra al suo amator nemica,
  cominciò: — Sei da me molto discosto,
  e vo' che di tua bocca anco tu 'l dica;
  e del mio ben veduta la radice,
  che confessi me solo esser felice.

37

  Finge ella teco, né t'ama né prezza;
  che ti pasce di speme e di parole:
  oltra questo, il tuo amor sempre a sciochezza,
  quando meco ragiona, imputar suole.
  Io ben d'esserle caro altra certezza
  veduta n'ho, che di promesse e fole;
  e tel dirò sotto la fé in secreto,
  ben che farei più il debito a star cheto.

38

  Non passa mese, che tre, quattro e sei
  e talor diece notti io non mi truovi
  nudo abbracciato in quel piacer con lei,
  ch'all'amoroso ardor par che sì giovi:
  sì che tu puoi veder s'a' piacer miei
  son d'aguagliar le ciance che tu pruovi.
  Cedimi dunque e d'altro ti provedi,
  poi che sì inferior di me ti vedi. —

39

  — Non ti vo' creder questo (gli rispose
  Ariodante), e certo so che menti;
  e composto fra te t'hai queste cose,
  acciò che da l'impresa io mi spaventi:
  ma perché a lei son troppo ingiuriose,
  questo c'hai detto sostener convienti;
  che non bugiardo sol, ma voglio ancora
  che tu sei traditor mostrarti or ora. —

40

  Soggiunse il duca: — Non sarebbe onesto
  che noi volessen la battaglia torre
  di quel che t'offerisco manifesto,
  quando ti piaccia, inanzi agli occhi porre. —
  Resta smarrito Ariodante a questo,
  e per l'ossa un tremor freddo gli scorre;
  e se creduto ben gli avesse a pieno,
  venìa sua vita allora allora meno.

41

  Con cor trafitto e con pallida faccia,
  e con voce tremante e bocca amara
  rispose: — Quando sia che tu mi faccia
  veder quest'aventura tua sì rara,
  prometto di costei lasciar la traccia,
  a te sì liberale, a me sì avara:
  ma ch'io tel voglia creder non far stima,
  s'io non lo veggio con questi occhi prima. —

42

  — Quando ne sarà il tempo, avisarotti, —
  soggiunse Polinesso, e dipartisse.
  Non credo che passar più di due notti,
  ch'ordine fu che 'l duca a me venisse.
  Per scoccar dunque i lacci che condotti
  avea sì cheti, andò al rivale, e disse
  che s'ascondesse la notte seguente
  tra quelle case ove non sta mai gente:

43

  e dimostrogli un luogo a dirimpetto
  di quel verrone ove solea salire.
  Ariodante avea preso sospetto
  che lo cercasse far quivi venire,
  come in un luogo dove avesse eletto
  di por gli aguati, e farvelo morire,
  sotto questa finzion, che vuol mostrargli
  quel di Ginevra, ch'impossibil pargli.

44

  Di volervi venir prese partito,
  ma in guisa che di lui non sia men forte;
  perché accadendo che fosse assalito,
  si truovi sì, che non tema di morte.
  Un suo fratello avea saggio ed ardito,
  il più famoso in arme de la corte,
  detto Lurcanio; e avea più cor con esso,
  che se dieci altri avesse avuto appresso.

45

  Seco chiamollo, e volse che prendesse
  l'arme; e la notte lo menò con lui:
  non che 'l secreto suo già gli dicesse;
  né l'avria detto ad esso, né ad altrui.
  Da sé lontano un trar di pietra il messe:
  — Se mi senti chiamar, vien (disse) a nui;
  ma se non senti, prima ch'io ti chiami,
  non ti partir di qui, frate, se m'ami. —

46

  — Va pur, non dubitar, — disse il fratello:
  e così venne Ariodante cheto,
  e si celò nel solitario ostello
  ch'era d'incontro al mio verron secreto.
  Vien d'altra parte il fraudolente e fello,
  che d'infamar Ginevra era sì lieto;
  e fa il segno, tra noi solito inante,
  a me che de l'inganno era ignorante.

47

  Ed io con veste candida, e fregiata
  per mezzo a liste d'oro e d'ogn'intorno,
  e con rete pur d'or, tutta adombrata
  di bei fiocchi vermigli al capo intorno
  (foggia che sol fu da Ginevra usata,
  non d'alcun'altra), udito il segno, torno
  sopra il verron, ch'in modo era locato,
  che mi scopria dinanzi e d'ogni lato.

48

  Lurcanio in questo mezzo dubitando
  che 'l fratello a pericolo non vada,
  o come è pur commun disio, cercando
  di spiar sempre ciò che ad altri accada;
  l'era pian pian venuto seguitando,
  tenendo l'ombre e la più oscura strada:
  e a men di dieci passi a lui discosto,
  nel medesimo ostel s'era riposto.

49

  Non sappiendo io di questo cosa alcuna,
  venni al verron ne l'abito c'ho detto,
  sì come già venuta era più d'una
  e più di due fiate a buono effetto.
  Le veste si vedean chiare alla luna;
  né dissimile essendo anch'io d'aspetto
  né di persona da Ginevra molto,
  fece parere un per un altro il volto:

50

  e tanto più, ch'era gran spazio in mezzo
  fra dove io venni a quelle inculte case
  ai dui fratelli, che stavano al rezzo,
  il duca agevolmente persuase
  quel ch'era falso. Or pensa in che ribrezzo
  Ariodante, in che dolor rimase.
  Vien Polinesso, e alla scala s'appoggia
  che giù manda'gli, e monta in su la loggia.

51

  A prima giunta io gli getto le braccia
  al collo, ch'io non penso esser veduta;
  lo bacio in bocca e per tutta la faccia,
  come far soglio ad ogni sua venuta.
  Egli più de l'usato si procaccia
  d'accarezzarmi, e la sua fraude aiuta.
  Quell'altro al rio spettacolo condutto,
  misero sta lontano, e vede il tutto.

52

  Cade in tanto dolor, che si dispone
  allora allora di voler morire:
  e il pome de la spada in terra pone,
  che su la punta si volea ferire.
  Lurcanio che con grande ammirazione
  avea veduto il duca a me salire,
  ma non già conosciuto chi si fosse,
  scorgendo l'atto del fratel, si mosse;

53

  e gli vietò che con la propria mano
  non si passasse in quel furore il petto.
  S'era più tardo o poco più lontano,
  non giugnea a tempo, e non faceva effetto.
  — Ah misero fratel, fratello insano
  (gridò), perc'hai perduto l'intelletto,
  ch'una femina a morte trar ti debbia?
  ch'ir possan tutte come al vento nebbia!

54

  Cerca far morir lei, che morir merta,
  e serva a più tuo onor tu la tua morte.
  Fu d'amar lei, quando non t'era aperta
  la fraude sua: or è da odiar ben forte,
  poi che con gli occhi tuoi tu vedi certa,
  quanto sia meretrice, e di che sorte.
  Serbi quest'arme che volti in te stesso,
  a far dinanzi al re tal fallo espresso. —

55

  Quando si vede Ariodante giunto
  sopra il fratel, la dura impresa lascia;
  ma la sua intenzion da quel ch'assunto
  avea già di morir, poco s'accascia.
  Quindi si leva, e porta non che punto,
  ma trapassato il cor d'estrema ambascia;
  pur finge col fratel, che quel furore
  non abbia più, che dianzi avea nel core.

56

  Il seguente matin, senza far motto
  al suo fratello o ad altri, in via si messe
  da la mortal disperazion condotto;
  né di lui per più dì fu chi sapesse.
  Fuor che 'l duca e il fratello, ogn'altro indotto
  era chi mosso al dipartir l'avesse.
  Ne la casa del re di lui diversi
  ragionamenti e in tutta Scozia fersi.

57

  In capo d'otto o di più giorni in corte
  venne inanzi a Ginevra un viandante,
  e novelle arrecò di mala sorte:
  che s'era in mar summerso Ariodante
  di volontaria sua libera morte,
  non per colpa di borea o di levante.
  D'un sasso che sul mar sporgea molt'alto
  avea col capo in giù preso un gran salto.

58

  Colui dicea: — Pria che venisse a questo,
  a me che a caso riscontrò per via,
  disse: — Vien meco, acciò che manifesto
  per te a Ginevra il mio successo sia;
  e dille poi, che la cagion del resto
  che tu vedrai di me, ch'or ora fia,
  è stato sol perc'ho troppo veduto:
  felice, se senza occhi io fussi suto! —

59

  Eramo a caso sopra Capobasso,
  che verso Irlanda alquanto sporge in mare.
  Così dicendo, di cima d'un sasso
  lo vidi a capo in giù sott'acqua andare.
  Io lo lasciai nel mare, ed a gran passo
  ti son venuto la nuova a portare. —
  Ginevra, sbigottita e in viso smorta,
  rimase a quello annunzio mezza morta.

60

  Oh Dio, che disse e fece, poi che sola
  si ritrovò nel suo fidato letto!
  percosse il seno, e si stracciò la stola,
  e fece all'aureo crin danno e dispetto;
  ripetendo sovente la parola
  ch'Ariodante avea in estremo detto:
  che la cagion del suo caso empio e tristo
  tutta venìa per aver troppo visto.

61

  Il rumor scorse di costui per tutto,
  che per dolor s'avea dato la morte.
  Di questo il re non tenne il viso asciutto,
  né cavallier né donna de la corte.
  Di tutti il suo fratel mostrò più lutto;
  e si sommerse nel dolor sì forte,
  ch'ad esempio di lui, contra se stesso
  voltò quasi la man per irgli appresso.

62

  E molte volte ripetendo seco,
  che fu Ginevra che 'l fratel gli estinse,
  e che non fu se non quell'atto bieco
  che di lei vide, ch'a morir lo spinse;
  di voler vendicarsene sì cieco
  venne, e sì l'ira e sì il dolor lo vinse,
  che di perder la grazia vilipese,
  ed aver l'odio del re e del paese.

63

  E inanzi al re, quando era più di gente
  la sala piena, se ne venne, e disse:
  — Sappi, signor, che di levar la mente
  al mio fratel, sì ch'a morir ne gisse,
  stata è la figlia tua sola nocente;
  ch'a lui tanto dolor l'alma trafisse
  d'aver veduta lei poco pudica,
  che più che vita ebbe la morte amica.

64

  Erane amante, e perché le sue voglie
  disoneste non fur, nol vo' coprire:
  per virtù meritarla aver per moglie
  da te sperava e per fedel servire;
  ma mentre il lasso ad odorar le foglie
  stava lontano, altrui vide salire,
  salir su l'arbor riserbato, e tutto
  essergli tolto il disiato frutto. —

65

  E seguitò, come egli avea veduto
  venir Ginevra sul verrone, e come
  mandò la scala, onde era a lei venuto
  un drudo suo, di chi egli non sa il nome,
  che s'avea, per non esser conosciuto,
  cambiati i panni e nascose le chiome.
  Soggiunse che con l'arme egli volea
  provar tutto esser ver ciò che dicea.

66

  Tu puoi pensar se 'l padre addolorato
  riman, quando accusar sente la figlia;
  sì perché ode di lei quel che pensato
  mai non avrebbe, e n'ha gran maraviglia;
  sì perché sa che fia necessitato
  (se la difesa alcun guerrier non piglia,
  il qual Lurcanio possa far mentire)
  di condannarla e di farla morire.

67

  Io non credo, signor, che ti sia nuova
  la legge nostra che condanna a morte
  ogni donna e donzella, che si pruova
  di sé far copia altrui ch'al suo consorte.
  Morta ne vien, s'in un mese non truova
  in sua difesa un cavallier sì forte,
  che contra il falso accusator sostegna
  che sia innocente e di morire indegna.

68

  Ha fatto il re bandir, per liberarla
  (che pur gli par ch'a torto sia accusata),
  che vuol per moglie e con gran dote darla
  a chi torrà l'infamia che l'è data.
  Chi per lei comparisca non si parla
  guerriero ancora, anzi l'un l'altro guata;
  che quel Lurcanio in arme è così fiero,
  che par che di lui tema ogni guerriero.

69

  Atteso ha l'empia sorte, che Zerbino,
  fratel di lei, nel regno non si truove;
  che va già molti mesi peregrino,
  mostrando di sé in arme inclite pruove:
  che quando si trovasse più vicino
  quel cavallier gagliardo, o in luogo dove
  potesse avere a tempo la novella,
  non mancheria d'aiuto alla sorella.

70

  Il re, ch'intanto cerca di sapere
  per altra pruova, che per arme, ancora,
  se sono queste accuse o false o vere,
  se dritto o torto è che sua figlia mora;
  ha fatto prender certe cameriere
  che lo dovrian saper, se vero fôra:
  ond'io previdi, che se presa era io,
  troppo periglio era del duca e mio.

71

  E la notte medesima mi trassi
  fuor de la corte, e al duca mi condussi;
  e gli feci veder quanto importassi
  al capo d'amendua, se presa io fussi.
  Lodommi, e disse ch'io non dubitassi:
  a' suoi conforti poi venir m'indussi
  ad una sua fortezza ch'è qui presso,
  in compagnia di dui che mi diede esso.

72

  Hai sentito, signor, con quanti effetti
  de l'amor mio fei Polinesso certo;
  e s'era debitor per tai rispetti
  d'avermi cara o no, tu 'l vedi aperto.
  Or senti il guidardon che io ricevetti,
  vedi la gran mercé del mio gran merto;
  vedi se deve, per amare assai,
  donna sperar d'essere amata mai:

73

  che questo ingrato, perfido e crudele,
  de la mia fede ha preso dubbio al fine:
  venuto è in sospizion ch'io non rivele
  a lungo andar le fraudi sue volpine.
  Ha finto, acciò che m'allontane e cele
  fin che l'ira e il furor del re decline,
  voler mandarmi ad un suo luogo forte;
  e mi volea mandar dritto alla morte:

74

  che di secreto ha commesso alla guida,
  che come m'abbia in queste selve tratta,
  per degno premio di mia fé m'uccida.
  Così l'intenzion gli venìa fatta,
  se tu non eri appresso alle mia grida.
  Ve' come Amor ben chi lui segue, tratta! —
  Così narrò Dalinda al paladino
  seguendo tuttavolta il lor camino.

75

  A cui fu sopra ogn'aventura, grata
  questa, d'aver trovata la donzella
  che gli avea tutta l'istoria narrata
  de l'innocenza di Ginevra bella.
  E se sperato avea, quando accusata
  ancor fosse a ragion, d'aiutar quella,
  via con maggior baldanza or viene in prova,
  poi che evidente la calunnia truova.

76

  E verso la città di Santo Andrea,
  dove era il re con tutta la famiglia,
  e la battaglia singular dovea
  esser de la querela de la figlia,
  andò Rinaldo quanto andar potea,
  fin che vicino giunse a poche miglia;
  alla città vicino giunse, dove
  trovò un scudier ch'avea più fresche nuove:

77

  ch'un cavallier istrano era venuto,
  ch'a difender Ginevra s'avea tolto,
  con non usate insegne, e sconosciuto,
  però che sempre ascoso andava molto;
  e che dopo che v'era, ancor veduto
  non gli avea alcuno al discoperto il volto;
  e che 'l proprio scudier che gli servia,
  dicea giurando: — Io non so dir chi sia. —

78

  Non cavalcaro molto, ch'alle mura
  si trovar de la terra e in su la porta.
  Dalinda andar più inanzi avea paura;
  pur va, poi che Rinaldo la conforta.
  La porta è chiusa, ed a chi n'avea cura
  Rinaldo domandò: — Questo ch'importa? —
  E fugli detto: perché 'l popol tutto
  a veder la battaglia era ridutto,

79

  che tra Lurcanio e un cavallier istrano
  si fa ne l'altro capo de la terra,
  ove era un prato spazioso e piano;
  e che già cominciata hanno la guerra.
  Aperto fu al signor di Montealbano,
  e tosto il portinar dietro gli serra.
  Per la vota città Rinaldo passa;
  ma la donzella al primo albergo lassa:

80

  e dice che sicura ivi si stia
  fin che ritorni a lei, che sarà tosto;
  e verso il campo poi ratto s'invia,
  dove li dui guerrier dato e risposto
  molto s'aveano, e davan tuttavia.
  Stava Lurcanio di mal cor disposto
  contra Ginevra; e l'altro in sua difesa
  ben sostenea la favorita impresa.

81

  Sei cavallier con lor ne lo steccato
  erano a piedi, armati di corazza,
  col duca d'Albania, ch'era montato
  s'un possente corsier di buona razza.
  Come a gran contestabile, a lui dato
  la guardia fu del campo e de la piazza:
  e di veder Ginevra in gran periglio
  avea il cor lieto, ed orgoglioso il ciglio.

82

  Rinaldo se ne va tra gente e gente;
  fassi far largo il buon destrier Baiardo:
  chi la tempesta del suo venir sente,
  a dargli via non par zoppo né tardo.
  Rinaldo vi compar sopra eminente,
  e ben rassembra il fior d'ogni gagliardo;
  poi si ferma all'incontro ove il re siede:
  ognun s'accosta per udir che chiede.

83

  Rinaldo disse al re: — Magno signore,
  non lasciar la battaglia più seguire;
  perché di questi dua qualunche more,
  sappi ch'a torto tu 'l lasci morire.
  L'un crede aver ragione, ed è in errore,
  e dice il falso, e non sa di mentire;
  ma quel medesmo error che 'l suo germano
  a morir trasse, a lui pon l'arme in mano.

84

  L'altro non sa se s'abbia dritto o torto;
  ma sol per gentilezza e per bontade
  in pericol si è posto d'esser morto,
  per non lasciar morir tanta beltade.
  Io la salute all'innocenza porto;
  porto il contrario a chi usa falsitade.
  Ma, per Dio, questa pugna prima parti,
  poi mi dà audienza a quel ch'io vo' narrarti. —

85

  Fu da l'autorità d'un uom sì degno,
  come Rinaldo gli parea al sembiante,
  sì mosso il re, che disse e fece segno
  che non andasse più la pugna inante;
  al quale insieme ed ai baron del regno
  e ai cavallieri e all'altre turbe tante
  Rinaldo fe' l'inganno tutto espresso,
  ch'avea ordito a Ginevra Polinesso.

86

  Indi s'offerse di voler provare
  coll'arme, ch'era ver quel ch'avea detto.
  Chiamasi Polinesso; ed ei compare,
  ma tutto conturbato ne l'aspetto:
  pur con audacia cominciò a negare.
  Disse Rinaldo: — Or noi vedrem l'effetto. —
  L'uno e l'altro era armato, il campo fatto,
  sì che senza indugiar vengono al fatto.

87

  Oh quanto ha il re, quanto ha il suo popul caro
  che Ginevra a provar s'abbi innocente!
  tutti han speranza che Dio mostri chiaro
  ch'impudica era detta ingiustamente.
  Crudel superbo e riputato avaro
  fu Polinesso, iniquo e fraudolente;
  sì che ad alcun miracolo non fia
  che l'inganno da lui tramato sia.

88

  Sta Polinesso con la faccia mesta,
  col cor tremante e con pallida guancia;
  e al terzo suon mette la lancia in resta.
  Così Rinaldo inverso lui si lancia,
  che disioso di finir la festa,
  mira a passargli il petto con la lancia:
  né discorde al disir seguì l'effetto;
  ché mezza l'asta gli cacciò nel petto.

89

  Fisso nel tronco lo trasporta in terra,
  lontan dal suo destrier più di sei braccia.
  Rinaldo smonta subito, e gli afferra
  l'elmo, pria che si levi, e gli lo slaccia:
  ma quel, che non può far più troppa guerra,
  gli domanda mercé con umil faccia,
  e gli confessa, udendo il re e la corte,
  la fraude sua che l'ha condutto a morte.

90

  Non finì il tutto, e in mezzo la parola
  e la voce e la vita l'abandona.
  Il re, che liberata la figliuola
  vede da morte e da fama non buona,
  più s'allegra, gioisce e raconsola,
  che, s'avendo perduta la corona,
  ripor se la vedesse allora allora;
  sì che Rinaldo unicamente onora.

91

  E poi ch'al trar dell'elmo conosciuto
  l'ebbe, perch'altre volte l'avea visto,
  levò le mani a Dio, che d'un aiuto
  come era quel, gli avea sì ben provisto.
  Quell'altro cavallier che, sconosciuto,
  soccorso avea Ginevra al caso tristo,
  ed armato per lei s'era condutto,
  stato da parte era a vedere il tutto.

92

  Dal re pregato fu di dire il nome,
  o di lasciarsi almen veder scoperto,
  acciò da lui fosse premiato, come
  di sua buona intenzion chiedeva il merto.
  Quel, dopo lunghi preghi, da le chiome
  si levò l'elmo, e fe' palese e certo
  quel che ne l'altro canto ho da seguire,
  se grata vi sarà l'istoria udire.



CANTO SESTO


1

  Miser chi mal oprando si confida
  ch'ognor star debbia il maleficio occulto;
  che quando ogn'altro taccia, intorno grida
  l'aria e la terra istessa in ch'è sepulto:
  e Dio fa spesso che 'l peccato guida
  il peccator, poi ch'alcun dì gli ha indulto,
  che sé medesmo, senza altrui richiesta,
  innavedutamente manifesta.

2

  Avea creduto il miser Polinesso
  totalmente il delitto suo coprire,
  Dalinda consapevole d'appresso
  levandosi, che sola il potea dire:
  e aggiungendo il secondo al primo eccesso,
  affrettò il mal che potea differire,
  e potea differire e schivar forse;
  ma se stesso spronando, a morir corse:

3

  e perdé amici a un tempo e vita e stato,
  e onor, che fu molto più grave danno.
  Dissi di sopra, che fu assai pregato
  il cavallier, ch'ancor chi sia non sanno.
  Al fin si trasse l'elmo, e 'l viso amato
  scoperse, che più volte veduto hanno:
  e dimostrò come era Ariodante,
  per tutta Scozia lacrimato inante;

4

  Ariodante, che Ginevra pianto
  avea per morto, e 'l fratel pianto avea,
  il re, la corte, il popul tutto quanto:
  di tal bontà, di tal valor splendea.
  Adunque il peregrin mentir di quanto
  dianzi di lui narrò, quivi apparea;
  e fu pur ver che dal sasso marino
  gittarsi in mar lo vide a capo chino.

5

  Ma (come aviene a un disperato spesso,
  che da lontan brama e disia la morte,
  e l'odia poi che se la vede appresso,
  tanto gli pare il passo acerbo e forte)
  Ariodante, poi ch'in mar fu messo,
  si pentì di morire: e come forte
  e come destro e più d'ogn'altro ardito,
  si messe a nuoto e ritornossi al lito;

6

  e dispregiando e nominando folle
  il desir ch'ebbe di lasciar la vita,
  si messe a caminar bagnato e molle,
  e capitò all'ostel d'un eremita.
  Quivi secretamente indugiar volle
  tanto, che la novella avesse udita,
  se del caso Ginevra s'allegrasse,
  o pur mesta e pietosa ne restasse.

7

  Intese prima, che per gran dolore
  ella era stata a rischio di morire
  (la fama andò di questo in modo fuore,
  che ne fu in tutta l'isola che dire):
  contrario effetto a quel che per errore
  credea aver visto con suo gran martire.
  Intese poi, come Lurcanio avea
  fatta Ginevra appresso il padre rea.

8

  Contra il fratel d'ira minor non arse,
  che per Ginevra già d'amor ardesse;
  che troppo empio e crudele atto gli parse,
  ancora che per lui fatto l'avesse.
  Sentendo poi, che per lei non comparse
  cavallier che difender la volesse
  (che Lurcanio sì forte era e gagliardo,
  ch'ognun d'andargli contra avea riguardo;

9

  e chi n'avea notizia, il riputava
  tanto discreto, e sì saggio ed accorto,
  che se non fosse ver quel che narrava,
  non si porrebbe a rischio d'esser morto;
  per questo la più parte dubitava
  di non pigliar questa difesa a torto);
  Ariodante, dopo gran discorsi,
  pensò all'accusa del fratello opporsi.

10

  — Ah lasso! io non potrei (seco dicea)
  sentir per mia cagion perir costei:
  troppo mia morte fôra acerba e rea,
  se inanzi a me morir vedessi lei.
  Ella è pur la mia donna e la mia dea,
  questa è la luce pur degli occhi miei:
  convien ch'a dritto e a torto, per suo scampo
  pigli l'impresa, e resti morto in campo.

11

  So ch'io m'appiglio al torto; e al torto sia:
  e ne morrò; né questo mi sconforta,
  se non ch'io so che per la morte mia
  sì bella donna ha da restar poi morta.
  Un sol conforto nel morir mi fia,
  che, se 'l suo Polinesso amor le porta,
  chiaramente veder avrà potuto,
  che non s'è mosso ancor per darle aiuto;

12

  e me, che tanto espressamente ha offeso,
  vedrà, per lei salvare, a morir giunto.
  Di mio fratello insieme, il quale acceso
  tanto fuoco ha, vendicherommi a un punto;
  ch'io lo farò doler, poi che compreso
  il fine avrà del suo crudele assunto:
  creduto vendicar avrà il germano,
  e gli avrà dato morte di sua mano. —

13

  Concluso ch'ebbe questo nel pensiero,
  nuove arme ritrovò, nuovo cavallo;
  e sopraveste nere, e scudo nero
  portò, fregiato a color verdegiallo.
  Per aventura si trovò un scudiero
  ignoto in quel paese, e menato hallo;
  e sconosciuto (come ho già narrato)
  s'appresentò contra il fratello armato.

14

  Narrato v'ho come il fatto successe,
  come fu conosciuto Ariodante.
  Non minor gaudio n'ebbe il re, ch'avesse
  de la figliuola liberata inante.
  Seco pensò che mai non si potesse
  trovar un più fedele e vero amante;
  che dopo tanta ingiuria, la difesa
  di lei, contra il fratel proprio, avea presa.

15

  E per sua inclinazion (ch'assai l'amava)
  e per li preghi di tutta la corte,
  e di Rinaldo, che più d'altri instava,
  de la bella figliuola il fa consorte.
  La duchea d'Albania ch'al re tornava
  dopo che Polinesso ebbe la morte,
  in miglior tempo discader non puote,
  poi che la dona alla sua figlia in dote.

16

  Rinaldo per Dalinda impetrò grazia,
  che se n'andò di tanto errore esente;
  la qual per voto, e perché molto sazia
  era del mondo, a Dio volse la mente:
  monaca s'andò a render fin in Dazia,
  e si levò di Scozia immantinente.
  Ma tempo è ormai di ritrovar Ruggiero,
  che scorre il ciel su l'animal leggiero.

17

  Ben che Ruggier sia d'animo costante,
  né cangiato abbia il solito colore,
  io non gli voglio creder che tremante
  non abbia dentro più che foglia il core.
  Lasciato avea di gran spazio distante
  tutta l'Europa, ed era uscito fuore
  per molto spazio il segno che prescritto
  avea già a' naviganti Ercole invitto.

18

  Quello ippogrifo, grande e strano augello,
  lo porta via con tal prestezza d'ale,
  che lasceria di lungo tratto quello
  celer ministro del fulmineo strale.
  Non va per l'aria altro animal sì snello,
  che di velocità gli fosse uguale:
  credo ch'a pena il tuono e la saetta
  venga in terra dal ciel con maggior fretta.

19

  Poi che l'augel trascorso ebbe gran spazio
  per linea dritta e senza mai piegarsi,
  con larghe ruote, omai de l'aria sazio,
  cominciò sopra una isola a calarsi;
  pari a quella ove, dopo lungo strazio
  far del suo amante e lungo a lui celarsi,
  la vergine Aretusa passò invano
  di sotto il mar per camin cieco e strano.

20

  Non vide né 'l più bel né 'l più giocondo
  da tutta l'aria ove le penne stese;
  né se tutto cercato avesse il mondo,
  vedria di questo il più gentil paese,
  ove, dopo un girarsi di gran tondo,
  con Ruggier seco il grande augel discese:
  culte pianure e delicati colli,
  chiare acque, ombrose ripe e prati molli.

21

  Vaghi boschetti di soavi allori,
  di palme e d'amenissime mortelle,
  cedri ed aranci ch'avean frutti e fiori
  contesti in varie forme e tutte belle,
  facean riparo ai fervidi calori
  de' giorni estivi con lor spesse ombrelle;
  e tra quei rami con sicuri voli
  cantando se ne gìano i rosignuoli.

22

  Tra le purpuree rose e i bianchi gigli,
  che tiepida aura freschi ognora serba,
  sicuri si vedean lepri e conigli,
  e cervi con la fronte alta e superba,
  senza temer ch'alcun gli uccida o pigli,
  pascano o stiansi rominando l'erba;
  saltano i daini e i capri isnelli e destri,
  che sono in copia in quei luoghi campestri.

23

  Come sì presso è l'ippogrifo a terra,
  ch'esser ne può men periglioso il salto,
  Ruggier con fretta de l'arcion si sferra,
  e si ritruova in su l'erboso smalto;
  tuttavia in man le redine si serra,
  che non vuol che 'l destrier più vada in alto:
  poi lo lega nel margine marino
  a un verde mirto in mezzo un lauro e un pino.

24

  E quivi appresso, ove surgea una fonte
  cinta di cedri e di feconde palme,
  pose lo scudo, e l'elmo da la fronte
  si trasse, e disarmossi ambe le palme;
  ed ora alla marina ed ora al monte
  volgea la faccia all'aure fresche ed alme,
  che l'alte cime con mormorii lieti
  fan tremolar dei faggi e degli abeti.

25

  Bagna talor ne la chiara onda e fresca
  l'asciutte labra, e con le man diguazza,
  acciò che de le vene il calor esca
  che gli ha acceso il portar de la corazza.
  Né maraviglia è già ch'ella gl'incresca;
  che non è stato un far vedersi in piazza:
  ma senza mai posar, d'arme guernito,
  tremila miglia ognor correndo era ito.

26

  Quivi stando, il destrier ch'avea lasciato
  tra le più dense frasche alla fresca ombra,
  per fuggir si rivolta, spaventato
  di non so che, che dentro al bosco adombra:
  e fa crollar sì il mirto ove è legato,
  che de le frondi intorno il piè gli ingombra:
  crollar fa il mirto, e fa cader la foglia;
  né succede però che se ne scioglia.

27

  Come ceppo talor, che le medolle
  rare e vote abbia, e posto al fuoco sia,
  poi che per gran calor quell'aria molle
  resta consunta ch'in mezzo l'empìa,
  dentro risuona e con strepito bolle
  tanto che quel furor truovi la via;
  così murmura e stride e si corruccia
  quel mirto offeso, e al fine apre la buccia.

28

  Onde con mesta e flebil voce uscìo
  espedita e chiarissima favella,
  e disse: — Se tu sei cortese e pio,
  come dimostri alla presenza bella,
  lieva questo animal da l'arbor mio:
  basti che 'l mio mal proprio mi flagella,
  senza altra pena, senza altro dolore
  ch'a tormentarmi ancor venga di fuore. —

29

  Al primo suon di quella voce torse
  Ruggiero il viso, e subito levosse;
  e poi ch'uscir da l'arbore s'accorse,
  stupefatto restò più che mai fosse.
  A levarne il destrier subito corse;
  e con le guance di vergogna rosse:
  — Qual che tu sii, perdonami (dicea),
  o spirto umano, o boschereccia dea.

30

  Il non aver saputo che s'asconda
  sotto ruvida scorza umano spirto,
  m'ha lasciato turbar la bella fronda
  e far ingiuria al tuo vivace mirto:
  ma non restar però, che non risponda
  chi tu ti sia, ch'in corpo orrido ed irto,
  con voce e razionale anima vivi;
  se da grandine il ciel sempre ti schivi.

31

  E s'ora o mai potrò questo dispetto
  con alcun beneficio compensarte,
  per quella bella donna ti prometto,
  quella che di me tien la miglior parte,
  ch'io farò con parole e con effetto,
  ch'avrai giusta cagion di me lodarte. —
  Come Ruggiero al suo parlar fin diede,
  tremò quel mirto da la cima al piede.

32

  Poi si vide sudar su per la scorza,
  come legno dal bosco allora tratto,
  che del fuoco venir sente la forza,
  poscia ch'invano ogni ripar gli ha fatto;
  e cominciò: — Tua cortesia mi sforza
  a discoprirti in un medesmo tratto
  ch'io fossi prima, e chi converso m'aggia
  in questo mirto in su l'amena spiaggia.

33

  Il nome mio fu Astolfo; e paladino
  era di Francia, assai temuto in guerra:
  d'Orlando e di Rinaldo era cugino,
  la cui fama alcun termine non serra;
  e si spettava a me tutto il domìno,
  dopo il mio padre Oton, de l'Inghilterra.
  Leggiadro e bel fui sì, che di me accesi
  più d'una donna: e al fin me solo offesi.

34

  Ritornando io da quelle isole estreme
  che da Levante il mar Indico lava,
  dopo Rinaldo ed alcun'altri insieme
  meco fur chiusi in parte oscura e cava,
  ed onde liberati le supreme
  forze n'avean del cavallier di Brava;
  vêr ponente io venìa lungo la sabbia
  che del settentrion sente la rabbia.

35

  E come la via nostra e il duro e fello
  destin ci trasse, uscimmo una matina
  sopra la bella spiaggia, ove un castello
  siede sul mar, de la possente Alcina.
  Trovammo lei ch'uscita era di quello,
  e stava sola in ripa alla marina;
  e senza rete e senza amo traea
  tutti li pesci al lito, che volea.

36

  Veloci vi correvano i delfini,
  vi venìa a bocca aperta il grosso tonno;
  i capidogli coi vecchi marini
  vengon turbati dal loro pigro sonno;
  muli, salpe, salmoni e coracini
  nuotano a schiere in più fretta che ponno;
  pistrici, fisiteri, orche e balene
  escon del mar con mostruose schiene.

37

  Veggiamo una balena, la maggiore
  che mai per tutto il mar veduta fosse:
  undeci passi e più dimostra fuore
  de l'onde salse le spallacce grosse.
  Caschiamo tutti insieme in uno errore,
  perch'era ferma e che mai non si scosse:
  ch'ella sia una isoletta ci credemo,
  così distante a l'un da l'altro estremo.

38

  Alcina i pesci uscir facea de l'acque
  con semplici parole e puri incanti.
  Con la fata Morgana Alcina nacque,
  io non so dir s'a un parto o dopo o inanti.
  Guardommi Alcina; e subito le piacque
  l'aspetto mio, come mostrò ai sembianti:
  e pensò con astuzia e con ingegno
  tormi ai compagni; e riuscì il disegno.

39

  Ci venne incontra con allegra faccia
  con modi graziosi e riverenti,
  e disse: — Cavallier, quando vi piaccia
  far oggi meco i vostri alloggiamenti,
  io vi farò veder, ne la mia caccia,
  di tutti i pesci sorti differenti:
  chi scaglioso, chi molle e chi col pelo;
  e saran più che non ha stelle il cielo.

40

  E volendo vedere una sirena
  che col suo dolce canto acheta il mare,
  passian di qui fin su quell'altra arena,
  dove a quest'ora suol sempre tornare. —
  E ci mostrò quella maggior balena,
  che, come io dissi, una isoletta pare.
  Io, che sempre fui troppo (e me n'incresce)
  volonteroso, andai sopra quel pesce.

41

  Rinaldo m'accennava, e similmente
  Dudon, ch'io non v'andassi: e poco valse.
  La fata Alcina con faccia ridente,
  lasciando gli altri dua, dietro mi salse.
  La balena, all'ufficio diligente,
  nuotando se n'andò per l'onde salse.
  Di mia sciocchezza tosto fui pentito;
  ma troppo mi trovai lungi dal lito.

42

  Rinaldo si cacciò ne l'acqua a nuoto
  per aiutarmi, e quasi si sommerse,
  perché levossi un furioso Noto
  che d'ombra il cielo e 'l pelago coperse.
  Quel che di lui seguì poi, non m'è noto.
  Alcina a confortarmi si converse;
  e quel dì tutto e la notte che venne,
  sopra quel mostro in mezzo il mar mi tenne.

43

  Fin che venimmo a questa isola bella,
  di cui gran parte Alcina ne possiede,
  e l'ha usurpata ad una sua sorella
  che 'l padre già lasciò del tutto erede,
  perché sola legitima avea quella;
  e (come alcun notizia me ne diede,
  che pienamente istrutto era di questo)
  sono quest'altre due nate d'incesto.

44

  E come sono inique e scelerate
  e piene d'ogni vizio infame e brutto
  così quella, vivendo in castitate,
  posto ha ne le virtuti il suo cor tutto.
  Contra lei queste due son congiurate;
  e già più d'uno esercito hanno istrutto
  per cacciarla de l'isola, e in più volte
  più di cento castella l'hanno tolte:

45

  né ci terrebbe ormai spanna di terra
  colei, che Logistilla è nominata,
  se non che quinci un golfo il passo serra,
  e quindi una montagna inabitata,
  sì come tien la Scozia e l'Inghilterra
  il monte e la riviera separata;
  né però Alcina né Morgana resta
  che non le voglia tor ciò che le resta.

46

  Perché di vizi è questa coppia rea,
  odia colei, perché è pudica e santa.
  Ma, per tornare a quel ch'io ti dicea,
  e seguir poi com'io divenni pianta,
  Alcina in gran delizie mi tenea,
  e del mio amore ardeva tutta quanta;
  né minor fiamma nel mio core accese
  il veder lei sì bella e sì cortese.

47

  Io mi godea le delicate membra;
  pareami aver qui tutto il ben raccolto
  che fra i mortali in più parti si smembra,
  a chi più ed a chi meno e a nessun molto;
  né di Francia né d'altro mi rimembra:
  stavami sempre a contemplar quel volto:
  ogni pensiero, ogni mio bel disegno
  in lei finia, né passava oltre il segno.

48

  Io da lei altretanto era o più amato:
  Alcina più non si curava d'altri;
  ella ogn'altro suo amante avea lasciato,
  ch'inanzi a me ben ce ne fur degli altri.
  Me consiglier, me avea dì e notte a lato,
  e me fe' quel che commandava agli altri:
  a me credeva, a me si riportava;
  né notte o dì con altri mai parlava.

49

  Deh! perché vo le mie piaghe toccando,
  senza speranza poi di medicina?
  perché l'avuto ben vo rimembrando,
  quando io patisco estrema disciplina?
  Quando credea d'esser felice, e quando
  credea ch'amar più mi dovesse Alcina,
  il cor che m'avea dato si ritolse,
  e ad altro nuovo amor tutta si volse.

50

  Conobbi tardi il suo mobil ingegno,
  usato amare e disamare a un punto.
  Non era stato oltre a duo mesi in regno,
  ch'un novo amante al loco mio fu assunto.
  Da sé cacciommi la fata con sdegno,
  e da la grazia sua m'ebbe disgiunto:
  e seppi poi, che tratti a simil porto
  avea mill'altri amanti, e tutti a torto.

51

  E perché essi non vadano pel mondo
  di lei narrando la vita lasciva,
  chi qua chi là, per lo terren fecondo
  li muta, altri in abete, altri in oliva,
  altri in palma, altri in cedro, altri secondo
  che vedi me su questa verde riva;
  altri in liquido fonte, alcuni in fiera,
  come più agrada a quella fata altiera.

52

  Or tu che sei per non usata via,
  signor, venuto all'isola fatale,
  acciò ch'alcuno amante per te sia
  converso in pietra o in onda, o fatto tale;
  avrai d'Alcina scettro e signoria,
  e sarai lieto sopra ogni mortale:
  ma certo sii di giunger tosto al passo
  d'entrar o in fiera o in fonte o in legno o in sasso.

53

  Io te n'ho dato volentieri aviso;
  non ch'io mi creda che debbia giovarte:
  pur meglio fia che non vadi improviso,
  e de' costumi suoi tu sappia parte;
  che forse, come è differente il viso,
  è differente ancor l'ingegno e l'arte.
  Tu saprai forse riparare al danno,
  quel che saputo mill'altri non hanno. —

54

  Ruggier, che conosciuto avea per fama
  ch'Astolfo alla sua donna cugin era,
  si dolse assai che in steril pianta e grama
  mutato avesse la sembianza vera;
  e per amor di quella che tanto ama
  (pur che saputo avesse in che maniera)
  gli avria fatto servizio: ma aiutarlo
  in altro non potea, ch'in confortarlo.

55

  Lo fe' al meglio che seppe; e domandolli
  poi se via c'era, ch'al regno guidassi
  di Logistilla, o per piano o per colli,
  sì che per quel d'Alcina non andassi.
  Che ben ve n'era un'altra, ritornolli
  l'arbore a dir, ma piena d'aspri sassi,
  s'andando un poco inanzi alla man destra
  salisse il poggio invêr la cima alpestra.

56

  Ma che non pensi già che seguir possa
  il suo camin per quella strada troppo:
  incontro avrà di gente ardita, grossa
  e fiera compagnia, con duro intoppo.
  Alcina ve li tien per muro e fossa
  a chi volesse uscir fuor del suo groppo.
  Ruggier quel mirto ringraziò del tutto,
  poi da lui si partì dotto ed istrutto.

57

  Venne al cavallo, e lo disciolse e prese
  per le redine, e dietro se lo trasse;
  né, come fece prima, più l'ascese,
  perché mal grado suo non lo portasse.
  Seco pensava come nel paese
  di Logistilla a salvamento andasse.
  Era disposto e fermo usar ogni opra,
  che non gli avesse imperio Alcina sopra.

58

  Pensò di rimontar sul suo cavallo,
  e per l'aria spronarlo a nuovo corso:
  ma dubitò di far poi maggior fallo;
  che troppo mal quel gli ubidiva al morso.
  — Io passerò per forza, s'io non fallo, —
  dicea tra sé, ma vano era il discorso.
  Non fu duo miglia lungi alla marina,
  che la bella città vide d'Alcina.

59

  Lontan si vide una muraglia lunga
  che gira intorno, e gran paese serra;
  e par che la sua altezza al ciel s'aggiunga,
  e d'oro sia da l'alta cima a terra.
  Alcun dal mio parer qui si dilunga,
  e dice ch'ell'è alchimia: e forse ch'erra;
  ed anco forse meglio di me intende:
  a me par oro, poi che sì risplende.

60

  Come fu presso alle sì ricche mura,
  che 'l mondo altre non ha de la lor sorte,
  lasciò la strada che per la pianura
  ampla e diritta andava alle gran porte;
  ed a man destra, a quella più sicura,
  ch'al monte già, piegossi il guerrier forte:
  ma tosto ritrovò l'iniqua frotta,
  dal cui furor gli fu turbata e rotta.

61

  Non fu veduta mai più strana torma,
  più monstruosi volti e peggio fatti:
  alcun' dal collo in giù d'uomini han forma,
  col viso altri di simie, altri di gatti;
  stampano alcun con piè caprigni l'orma;
  alcuni son centauri agili ed atti;
  son gioveni impudenti e vecchi stolti,
  chi nudi e chi di strane pelli involti.

62

  Chi senza freno in s'un destrier galoppa,
  chi lento va con l'asino o col bue,
  altri salisce ad un centauro in groppa,
  struzzoli molti han sotto, aquile e grue;
  ponsi altri a bocca il corno, altri la coppa;
  chi femina è, chi maschio, e chi amendue;
  chi porta uncino e chi scala di corda,
  chi pal di ferro e chi una lima sorda.

63

  Di questi il capitano si vedea
  aver gonfiato il ventre, e 'l viso grasso;
  il qual su una testuggine sedea,
  che con gran tardità mutava il passo.
  Avea di qua e di là chi lo reggea,
  perché egli era ebro, e tenea il ciglio basso:
  altri la fronte gli asciugava e il mento,
  altri i panni scuotea per fargli vento.

64

  Un ch'avea umana forma i piedi e 'l ventre,
  e collo avea di cane, orecchie e testa,
  contra Ruggiero abaia, acciò ch'egli entre
  ne la bella città ch'a dietro resta.
  Rispose il cavallier: — Nol farò, mentre
  avrà forza la man di regger questa! —
  e gli mostra la spada, di cui volta
  avea l'aguzza punta alla sua volta.

65

  Quel mostro lui ferir vuol d'una lancia,
  ma Ruggier presto se gli aventa addosso:
  una stoccata gli trasse alla pancia,
  e la fe' un palmo riuscir pel dosso.
  Lo scudo imbraccia, e qua e là si lancia,
  ma l'inimico stuolo è troppo grosso:
  l'un quinci il punge, e l'altro quindi afferra:
  egli s'arrosta, e fa lor aspra guerra.

66

  L'un sin a' denti, e l'altro sin al petto
  partendo va di quella iniqua razza;
  ch'alla sua spada non s'oppone elmetto,
  né scudo, né panziera, né corazza:
  ma da tutte le parti è così astretto,
  che bisogno saria, per trovar piazza
  e tener da sé largo il popul reo,
  d'aver più braccia e man che Briareo.

67

  Se di scoprire avesse avuto aviso
  lo scudo che già fu del negromante
  (io dico quel ch'abbarbagliava il viso,
  quel ch'all'arcione avea lasciato Atlante),
  subito avria quel brutto stuol conquiso
  e fattosel cader cieco davante;
  e forse ben, che disprezzò quel modo,
  perché virtude usar volse, e non frodo.

68

  Sia quel che può, più tosto vuol morire,
  che rendersi prigione a sì vil gente.
  Eccoti intanto da la porta uscire
  del muro, ch'io dicea d'oro lucente,
  due giovani ch'ai gesti ed al vestire
  non eran da stimar nate umilmente,
  né da pastor nutrite con disagi,
  ma fra delizie di real palagi.

69

  L'una e l'altra sedea s'un liocorno,
  candido più che candido armelino;
  l'una e l'altra era bella, e di sì adorno
  abito, e modo tanto pellegrino,
  che a l'uom, guardando e contemplando intorno,
  bisognerebbe aver occhio divino
  per far di lor giudizio: e tal saria
  Beltà, s'avesse corpo, e Leggiadria.

70

  L'una e l'altra n'andò dove nel prato
  Ruggiero è oppresso da lo stuol villano.
  Tutta la turba si levò da lato;
  e quelle al cavallier porser la mano,
  che tinto in viso di color rosato,
  le donne ringraziò de l'atto umano:
  e fu contento, compiacendo loro,
  di ritornarsi a quella porta d'oro.

71

  L'adornamento che s'aggira sopra
  la bella porta e sporge un poco avante,
  parte non ha che tutta non si cuopra
  de le più rare gemme di Levante.
  Da quattro parti si riposa sopra
  grosse colonne d'integro diamante.
  O ver o falso ch'all'occhio risponda,
  non è cosa più bella o più gioconda.

72

  Su per la soglia e fuor per le colonne
  corron scherzando lascive donzelle,
  che, se i rispetti debiti alle donne
  servasser più, sarian forse più belle.
  Tutte vestite eran di verdi gonne,
  e coronate di frondi novelle.
  Queste, con molte offerte e con buon viso,
  Ruggier fecero entrar nel paradiso:

73

  che si può ben così nomar quel loco,
  ove mi credo che nascesse Amore.
  Non vi si sta se non in danza e in giuoco,
  e tutte in festa vi si spendon l'ore:
  pensier canuto né molto né poco
  si può quivi albergare in alcun core:
  non entra quivi disagio né inopia,
  ma vi sta ognor col corno pien la Copia.

74

  Qui, dove con serena e lieta fronte
  par ch'ognor rida il grazioso aprile,
  gioveni e donne son: qual presso a fonte
  canta con dolce e dilettoso stile;
  qual d'un arbore all'ombra e qual d'un monte
  o giuoca o danza o fa cosa non vile;
  e qual, lungi dagli altri, a un suo fedele
  discuopre l'amorose sue querele.

75

  Per le cime dei pini e degli allori,
  degli alti faggi e degl'irsuti abeti,
  volan scherzando i pargoletti Amori:
  di lor vittorie altri godendo lieti,
  altri pigliando a saettare i cori,
  la mira quindi, altri tendendo reti;
  chi tempra dardi ad un ruscel più basso,
  e chi gli aguzza ad un volubil sasso.

76

  Quivi a Ruggier un gran corsier fu dato,
  forte, gagliardo, e tutto di pel sauro,
  ch'avea il bel guernimento ricamato
  di preziose gemme e di fin auro;
  e fu lasciato in guardia quello alato,
  quel che solea ubidire al vecchio Mauro,
  a un giovene che dietro lo menassi
  al buon Ruggier, con men frettosi passi.

77

  Quelle due belle giovani amorose
  ch'avean Ruggier da l'empio stuol difeso,
  da l'empio stuol che dianzi se gli oppose
  su quel camin ch'avea a man destra preso,
  gli dissero: — Signor, le virtuose
  opere vostre che già abbiamo inteso,
  ne fan sì ardite, che l'aiuto vostro
  vi chiederemo a beneficio nostro.

78

  Noi troverem tra via tosto una lama,
  che fa due parti di questa pianura.
  Una crudel, che Erifilla si chiama,
  difende il ponte, e sforza e inganna e fura
  chiunque andar ne l'altra ripa brama;
  ed ella è gigantessa di statura,
  li denti ha lunghi e velenoso il morso,
  acute l'ugne, e graffia come un orso.

79

  Oltre che sempre ci turbi il camino,
  che libero saria se non fosse ella,
  spesso, correndo per tutto il giardino,
  va disturbando or questa cosa or quella.
  Sappiate che del populo assassino
  che vi assalì fuor de la porta bella,
  molti suoi figli son, tutti seguaci,
  empi, come ella, inospiti e rapaci. —

80

  Ruggier rispose: — Non ch'una battaglia,
  ma per voi sarò pronto a farne cento:
  di mia persona, in tutto quel che vaglia,
  fatene voi secondo il vostro intento;
  che la cagion ch'io vesto piastra e maglia,
  non è per guadagnar terre né argento,
  ma sol per farne beneficio altrui,
  tanto più a belle donne come vui. —

81

  Le donne molte grazie riferiro
  degne d'un cavallier, come quell'era:
  e così ragionando ne veniro
  dove videro il ponte e la riviera;
  e di smeraldo ornata e di zaffiro
  su l'arme d'or, vider la donna altiera.
  Ma dir ne l'altro canto differisco,
  come Ruggier con lei si pose a risco.



CANTO SETTIMO


1

  Chi va lontan da la sua patria, vede
  cose, da quel che già credea, lontane;
  che narrandole poi, non se gli crede,
  e stimato bugiardo ne rimane:
  che 'l sciocco vulgo non gli vuol dar fede,
  se non le vede e tocca chiare e piane.
  Per questo io so che l'inesperienza
  farà al mio canto dar poca credenza.

2

  Poca o molta ch'io ci abbia, non bisogna
  ch'io ponga mente al vulgo sciocco e ignaro.
  A voi so ben che non parrà menzogna,
  che 'l lume del discorso avete chiaro;
  ed a voi soli ogni mio intento agogna
  che 'l frutto sia di mie fatiche caro.
  Io vi lasciai che 'l ponte e la riviera
  vider, che 'n guardia avea Erifilla altiera.

3

  Quell'era armata del più fin metallo,
  ch'avean di più color gemme distinto:
  rubin vermiglio, crisolito giallo,
  verde smeraldo, con flavo iacinto.
  Era montata, ma non a cavallo;
  invece avea di quello un lupo spinto:
  spinto avea un lupo ove si passa il fiume,
  con ricca sella fuor d'ogni costume.

4

  Non credo ch'un sì grande Apulia n'abbia:
  egli era grosso ed alto più d'un bue.
  Con fren spumar non gli facea le labbia,
  né so come lo regga a voglie sue.
  La sopravesta di color di sabbia
  su l'arme avea la maledetta lue:
  era, fuor che 'l color, di quella sorte
  ch'i vescovi e i prelati usano in corte.

5

  Ed avea ne lo scudo e sul cimiero
  una gonfiata e velenosa botta.
  Le donne la mostraro al cavalliero,
  di qua dal ponte per giostrar ridotta,
  e fargli scorno e rompergli il sentiero,
  come ad alcuni usata era talotta.
  Ella a Ruggier, che torni a dietro, grida:
  quel piglia un'asta, e la minaccia e sfida.

6

  Non men la gigantessa ardita e presta
  sprona il gran lupo e ne l'arcion si serra,
  e pon la lancia a mezzo il corso in resta,
  e fa tremar nel suo venir la terra.
  Ma pur sul prato al fiero incontro resta;
  che sotto l'elmo il buon Ruggier l'afferra,
  e de l'arcion con tal furor la caccia,
  che la riporta indietro oltra sei braccia.

7

  E già, tratta la spada ch'avea cinta,
  venìa a levarne la testa superba:
  e ben lo potea far, che come estinta
  Erifilla giacea tra' fiori e l'erba.
  Ma le donne gridar: — Basti sia vinta,
  senza pigliarne altra vendetta acerba.
  Ripon, cortese cavallier, la spada;
  passiamo il ponte e seguitian la strada. —

8

  Alquanto malagevole ed aspretta
  per mezzo un bosco presero la via,
  che oltra che sassosa fosse e stretta,
  quasi su dritta alla collina gìa.
  Ma poi che furo ascesi in su la vetta,
  usciro in spaziosa prateria,
  dove il più bel palazzo e 'l più giocondo
  vider, che mai fosse veduto al mondo.

9

  La bella Alcina venne un pezzo inante,
  verso Ruggier fuor de le prime porte,
  e lo raccolse in signoril sembiante,
  in mezzo bella ed onorata corte.
  Da tutti gli altri tanto onore e tante
  riverenze fur fatte al guerrier forte,
  che non potrian far più, se tra loro
  fosse Dio sceso dal superno coro.

10

  Non tanto il bel palazzo era eccellente,
  perché vincesse ogn'altro di ricchezza,
  quanto ch'avea la più piacevol gente
  che fosse al mondo e di più gentilezza.
  Poco era l'un da l'altro differente
  e di fiorita etade e di bellezza:
  sola di tutti Alcina era più bella,
  sì come è bello il sol più d'ogni stella.

11

  Di persona era tanto ben formata,
  quanto me' finger san pittori industri;
  con bionda chioma lunga ed annodata:
  oro non è che più risplenda e lustri.
  Spargeasi per la guancia delicata
  misto color di rose e di ligustri;
  di terso avorio era la fronte lieta,
  che lo spazio finia con giusta meta.

12

  Sotto duo negri e sottilissimi archi
  son duo negri occhi, anzi duo chiari soli,
  pietosi a riguardare, a mover parchi;
  intorno cui par ch'Amor scherzi e voli,
  e ch'indi tutta la faretra scarchi
  e che visibilmente i cori involi:
  quindi il naso per mezzo il viso scende,
  che non truova l'invidia ove l'emende.

13

  Sotto quel sta, quasi fra due vallette,
  la bocca sparsa di natio cinabro;
  quivi due filze son di perle elette,
  che chiude ed apre un bello e dolce labro:
  quindi escon le cortesi parolette
  da render molle ogni cor rozzo e scabro;
  quivi si forma quel suave riso,
  ch'apre a sua posta in terra il paradiso.

14

  Bianca nieve è il bel collo, e 'l petto latte;
  il collo è tondo, il petto colmo e largo:
  due pome acerbe, e pur d'avorio fatte,
  vengono e van come onda al primo margo,
  quando piacevole aura il mar combatte.
  Non potria l'altre parti veder Argo:
  ben si può giudicar che corrisponde
  a quel ch'appar di fuor quel che s'asconde.

15

  Mostran le braccia sua misura giusta;
  e la candida man spesso si vede
  lunghetta alquanto e di larghezza angusta,
  dove né nodo appar, né vena eccede.
  Si vede al fin de la persona augusta
  il breve, asciutto e ritondetto piede.
  Gli angelici sembianti nati in cielo
  non si ponno celar sotto alcun velo.

16

  Avea in ogni sua parte un laccio teso,
  o parli o rida o canti o passo muova:
  né maraviglia è se Ruggier n'è preso,
  poi che tanto benigna se la truova.
  Quel che di lei già avea dal mirto inteso,
  com'è perfida e ria, poco gli giova;
  ch'inganno o tradimento non gli è aviso
  che possa star con sì soave riso.

17

  Anzi pur creder vuol che da costei
  fosse converso Astolfo in su l'arena
  per li suoi portamenti ingrati e rei,
  e sia degno di questa e di più pena:
  e tutto quel ch'udito avea di lei,
  stima esser falso; e che vendetta mena,
  e mena astio ed invidia quel dolente
  a lei biasmare, e che del tutto mente.

18

  La bella donna che cotanto amava,
  novellamente gli è dal cor partita;
  che per incanto Alcina gli lo lava
  d'ogni antica amorosa sua ferita;
  e di sé sola e del suo amor lo grava,
  e in quello essa riman sola sculpita:
  sì che scusar il buon Ruggier si deve,
  se si mostrò quivi incostante e lieve.

19

  A quella mensa citare, arpe e lire,
  e diversi altri dilettevol suoni
  faceano intorno l'aria tintinire
  d'armonia dolce e di concenti buoni.
  Non vi mancava chie, cantando, dire
  d'amor sapesse gaudi e passioni,
  o con invenzioni e poesie
  rappresentasse grate fantasie.

20

  Qual mensa trionfante e suntuosa
  di qualsivoglia successor di Nino,
  o qual mai tanto celebre e famosa
  di Cleopatra al vincitor latino,
  potria a questa esser par, che l'amorosa
  fata avea posta inanzi al paladino?
  Tal non cred'io che s'apparecchi dove
  ministra Ganimede al sommo Giove.

21

  Tolte che fur le mense e le vivande,
  facean, sedendo in cerchio, un giuoco lieto:
  che ne l'orecchio l'un l'altro domande,
  come più piace lor, qualche secreto;
  il che agli amanti fu commodo grande
  di scoprir l'amor lor senza divieto:
  e furon lor conclusioni estreme
  di ritrovarsi quella notte insieme.

22

  Finir quel giuoco tosto, e molto inanzi
  che non solea là dentro esser costume:
  con torchi allora i paggi entrati inanzi,
  le tenebre cacciar con molto lume.
  Tra bella compagnia dietro e dinanzi
  andò Ruggiero a ritrovar le piume
  in una adorna e fresca cameretta,
  per la miglior di tutte l'altre eletta.

23

  E poi che di confetti e di buon vini
  di nuovo fatti fur debiti inviti,
  e partir gli altri riverenti e chini,
  ed alle stanze lor tutti sono iti;
  Ruggiero entrò ne' profumati lini
  che pareano di man d'Aracne usciti,
  tenendo tuttavia l'orecchie attente,
  s'ancora venir la bella donna sente.

24

  Ad ogni piccol moto ch'egli udiva,
  sperando che fosse ella, il capo alzava:
  sentir credeasi, e spesso non sentiva;
  poi del suo errore accorto sospirava.
  Talvolta uscia del letto e l'uscio apriva,
  guatava fuori, e nulla vi trovava:
  e maledì ben mille volte l'ora
  che facea al trapassar tanta dimora.

25

  Tra sé dicea sovente: — Or si parte ella; —
  e cominciava a noverare i passi
  ch'esser potean da la sua stanza a quella
  donde aspettando sta che Alcina passi;
  e questi ed altri, prima che la bella
  donna vi sia, vani disegni fassi.
  Teme di qualche impedimento spesso,
  che tra il frutto e la man non gli sia messo.

26

  Alcina, poi ch'a' preziosi odori
  dopo gran spazio pose alcuna meta,
  venuto il tempo che più non dimori,
  ormai ch'in casa era ogni cosa cheta,
  de la camera sua sola uscì fuori;
  e tacita n'andò per via secreta
  dove a Ruggiero avean timore e speme
  gran pezzo intorno al cor pugnato insieme.

27

  Come si vide il successor d'Astolfo
  sopra apparir quelle ridenti stelle,
  come abbia ne le vene acceso zolfo,
  non par che capir possa ne la pelle.
  Or sino agli occhi ben nuota nel golfo
  de le delizie e de le cose belle:
  salta del letto, e in braccio la raccoglie,
  né può tanto aspettar ch'ella si spoglie;

28

  ben che né gonna né faldiglia avesse;
  che venne avolta in un leggier zendado
  che sopra una camicia ella si messe,
  bianca e suttil nel più eccellente grado.
  Come Ruggiero abbracciò lei, gli cesse
  il manto: e restò il vel suttile e rado,
  che non copria dinanzi né di dietro,
  più che le rose o i gigli un chiaro vetro.

29

  Non così strettamente edera preme
  pianta ove intorno abbarbicata s'abbia,
  come si stringon li dui amanti insieme,
  cogliendo de lo spirto in su le labbia
  suave fior, qual non produce seme
  indo o sabeo ne l'odorata sabbia.
  Del gran piacer ch'avean, lor dicer tocca;
  che spesso avean più d'una lingua in bocca.

30

  Queste cose là dentro eran secrete,
  o se pur non secrete, almen taciute;
  che raro fu tener le labra chete
  biasmo ad alcun, ma ben spesso virtute.
  Tutte proferte ed accoglienze liete
  fanno a Ruggier quelle persone astute:
  ognun lo reverisce e se gli inchina;
  che così vuol l'innamorata Alcina.

31

  Non è diletto alcun che di fuor reste;
  che tutti son ne l'amorosa stanza.
  E due e tre volte il dì mutano veste,
  fatte or ad una ora ad un'altra usanza.
  Spesso in conviti, e sempre stanno in feste,
  in giostre, in lotte, in scene, in bagno, in danza:
  or presso ai fonti, all'ombre de' poggetti,
  leggon d'antiqui gli amorosi detti;

32

  or per l'ombrose valli e lieti colli
  vanno cacciando le paurose lepri;
  or con sagaci cani i fagian folli
  con strepito uscir fan di stoppie e vepri;
  or a' tordi lacciuoli, or veschi molli
  tendon tra gli odoriferi ginepri;
  or con ami inescati ed or con reti
  turban a' pesci i grati lor secreti.

33

  Stava Ruggiero in tanta gioia e festa,
  mentre Carlo in travaglio ed Agramante,
  di cui l'istoria io non vorrei per questa
  porre in oblio, né lasciar Bradamante,
  che con travaglio e con pena molesta
  pianse più giorni il disiato amante,
  ch'avea per strade disusate e nuove
  veduto portar via, né sapea dove.

34

  Di costei prima che degli altri dico,
  che molti giorni andò cercando invano
  pei boschi ombrosi e per lo campo aprico,
  per ville, per città, per monte e piano;
  né mai potè saper del caro amico,
  che di tanto intervallo era lontano.
  Ne l'oste saracin spesso venìa,
  né mai del suo Ruggier ritrovò spia.

35

  Ogni dì ne domanda a più di cento,
  né alcun le ne sa mai render ragioni.
  D'alloggiamento va in alloggiamento,
  cercandone e trabacche e padiglioni:
  e lo può far; che senza impedimento
  passa tra cavallieri e tra pedoni,
  mercè all'annel che fuor d'ogni uman uso
  la fa sparir quando l'è in bocca chiuso.

36

  Né può né creder vuol che morto sia;
  perché di sì grande uom l'alta ruina
  da l'onde idaspe udita si saria
  fin dove il sole a riposar declina.
  Non sa né dir né imaginar che via
  far possa o in cielo o in terra; e pur meschina
  lo va cercando, e per compagni mena
  sospiri e pianti ed ogni acerba pena.

37

  Pensò al fin di tornare alla spelonca
  dove eran l'ossa di Merlin profeta,
  e gridar tanto intorno a quella conca,
  che 'l freddo marmo si movesse a pieta;
  che se vivea Ruggiero, o gli avea tronca
  l'alta necessità la vita lieta,
  si sapria quindi: e poi s'appiglierebbe
  a quel miglior consiglio che n'avrebbe.

38

  Con questa intenzion prese il camino
  verso le selve prossime a Pontiero,
  dove la vocal tomba di Merlino
  era nascosa in loco alpestro e fiero.
  Ma quella maga che sempre vicino
  tenuto a Bradamante avea il pensiero,
  quella, dico io, che ne la bella grotta
  l'avea de la sua stirpe istrutta e dotta;

39

  quella benigna e saggia incantatrice,
  la quale ha sempre cura di costei,
  sappiendo ch'esser de' progenitrice
  d'uomini invitti, anzi di semidei;
  ciascun dì vuol sapere che fa, che dice,
  e getta ciascun dì sorte per lei.
  Di Ruggier liberato e poi perduto,
  e dove in India andò, tutto ha saputo.

40

  Ben veduto l'avea su quel cavallo
  che regger non potea, ch'era sfrenato,
  scostarsi di lunghissimo intervallo
  per sentier periglioso e non usato;
  e ben sapea che stava in giuoco e in ballo
  e in cibo e in ozio molle e delicato,
  né più memoria avea del suo signore,
  né de la donna sua, né del suo onore.

41

  E così il fior de li begli anni suoi
  in lunga inerzia aver potria consunto
  sì gentil cavallier, per dover poi
  perdere il corpo e l'anima in un punto;
  e quel odor che sol riman di noi,
  poscia che 'l resto fragile è defunto,
  che tra' l'uom del sepulcro e in vita il serba,
  gli saria stato o tronco o svelto in erba.

42

  Ma quella gentil maga, che più cura
  n'avea ch'egli medesmo di se stesso,
  pensò di trarlo per via alpestre e dura
  alla vera virtù, mal grado d'esso:
  come eccellente medico, che cura
  con ferro e fuoco e con veneno spesso,
  che se ben molto da principio offende,
  poi giova al fine, e grazia se gli rende.

43

  Ella non gli era facile, e talmente
  fattane cieca di superchio amore,
  che, come facea Atlante, solamente
  a darli vita avesse posto il core.
  Quel più tosto volea che lungamente
  vivesse e senza fama e senza onore,
  che, con tutta la laude che sia al mondo,
  mancasse un anno al suo viver giocondo.

44

  L'avea mandato all'isola d'Alcina,
  perché obliasse l'arme in quella corte;
  e come mago di somma dottrina,
  ch'usar sapea gl'incanti d'ogni sorte,
  avea il cor stretto di quella regina
  ne l'amor d'esso d'un laccio sì forte,
  che non se ne era mai per poter sciorre,
  s'invecchiasse Ruggier più di Nestorre.

45

  Or tornando a colei, ch'era presaga
  di quanto de' avvenir, dico che tenne
  la dritta via dove l'errante e vaga
  figlia d'Amon seco a incontrar si venne.
  Bradamante vedendo la sua maga,
  muta la pena che prima sostenne,
  tutta in speranza; e quella l'apre il vero:
  ch'ad Alcina è condotto il suo Ruggiero.

46

  La giovane riman presso che morta,
  quando ode che 'l suo amante è così lunge;
  e più, che nel suo amor periglio porta,
  se gran rimedio e subito non giunge:
  ma la benigna maga la conforta,
  e presta pon l'impiastro ove il duol punge,
  e le promette e giura, in pochi giorni
  far che Ruggiero a riveder lei torni.

47

  — Da che, donna (dicea), l'annello hai teco,
  che val contra ogni magica fattura,
  io non ho dubbio alcun, che s'io l'arreco
  là dove Alcina ogni tuo ben ti fura,
  ch'io non le rompa il suo disegno, e meco
  non ti rimeni la tua dolce cura.
  Me n'andrò questa sera alla prim'ora,
  e sarò in India al nascer de l'aurora. —

48

  E seguitando, del modo narrolle
  che disegnato avea d'adoperarlo,
  per trar del regno effeminato e molle
  il caro amante, e in Francia rimenarlo.
  Bradamante l'annel del dito tolle;
  né solamente avria voluto darlo,
  ma dato il core e dato avria la vita,
  pur che n'avesse il suo Ruggiero aita.

49

  Le dà l'annello e se le raccomanda;
  e più le raccomanda il suo Ruggiero,
  a cui per lei mille saluti manda:
  poi prese vêr Provenza altro sentiero.
  Andò l'incantatrice a un'altra banda;
  e per porre in effetto il suo pensiero,
  un palafren fece apparir la sera,
  ch'avea un piè rosso, e ogn'altra parte nera.

50

  Credo fosse un Alchino o un Farfarello,
  che da l'Inferno in quella forma trasse;
  e scinta e scalza montò sopra a quello,
  a chiome sciolte e orribilmente passe:
  ma ben di dito si levò l'annello,
  perché gl'incanti suoi non le vietasse.
  Poi con tal fretta andò, che la matina
  si ritrovò ne l'isola d'Alcina.

51

  Quivi mirabilmente transmutosse:
  s'accrebbe più d'un palmo di statura,
  e fe' le membra a proporzion più grosse;
  e restò a punto di quella misura
  che si pensò che 'l negromante fosse,
  quel che nutrì Ruggier con sì gran cura.
  Vestì di lunga barba le mascelle,
  e fe' crespa la fronte e l'altra pelle.

52

  Di faccia, di parole e di sembiante
  sì lo seppe imitar, che totalmente
  potea parer l'incantator Atlante.
  Poi si nascose, e tanto pose mente,
  che da Ruggiero allontanar l'amante
  Alcina vide un giorno finalmente:
  e fu gran sorte; che di stare o d'ire
  senza esso un'ora potea mal patire.

53

  Soletto lo trovò, come lo volle,
  che si godea il matin fresco e sereno
  lungo un bel rio che discorrea d'un colle
  verso un laghetto limpido ed ameno.
  Il suo vestir delizioso e molle
  tutto era d'ozio e di lascivia pieno,
  che de sua man gli avea di seta e d'oro
  tessuto Alcina con sottil lavoro.

54

  Di ricche gemme un splendido monile
  gli discendea dal collo in mezzo il petto;
  e ne l'uno e ne l'altro già virile
  braccio girava un lucido cerchietto.
  Gli avea forato un fil d'oro sottile
  ambe l'orecchie, in forma d'annelletto;
  e due gran perle pendevano quindi,
  qua' mai non ebbon gli Arabi né gl'Indi.

55

  Umide avea l'innanellate chiome
  de' più suavi odor che sieno in prezzo:
  tutto ne' gesti era amoroso, come
  fosse in Valenza a servir donne avezzo:
  non era in lui di sano altro che 'l nome;
  corrotto tutto il resto, e più che mézzo.
  Così Ruggier fu ritrovato, tanto
  da l'esser suo mutato per incanto.

56

  Ne la forma d'Atlante se gli affaccia
  colei, che la sembianza ne tenea,
  con quella grave e venerabil faccia
  che Ruggier sempre riverir solea,
  con quello occhio pien d'ira e di minaccia,
  che sì temuto già fanciullo avea;
  dicendo: — È questo dunque il frutto ch'io
  lungamente atteso ho del sudor mio?

57

  Di medolle già d'orsi e di leoni
  ti porsi io dunque li primi alimenti;
  t'ho per caverne ed orridi burroni
  fanciullo avezzo a strangolar serpenti,
  pantere e tigri disarmar d'ungioni
  ed a vivi cingial trar spesso i denti,
  acciò che, dopo tanta disciplina,
  tu sii l'Adone o l'Atide d'Alcina?

58

  È questo, quel che l'osservate stelle,
  le sacre fibre e gli accoppiati punti,
  responsi, auguri, sogni e tutte quelle
  sorti, ove ho troppo i miei studi consunti,
  di te promesso sin da le mammelle
  m'avean, come quest'anni fusser giunti:
  ch'in arme l'opre tue così preclare
  esser dovean, che sarian senza pare?

59

  Questo è ben veramente alto principio
  onde si può sperar che tu sia presto
  a farti un Alessandro, un Iulio, un Scipio!
  Chi potea, ohimè! di te mai creder questo,
  che ti facessi d'Alcina mancipio?
  E perché ognun lo veggia manifesto,
  al collo ed alle braccia hai la catena
  con che ella a voglia sua preso ti mena.

60

  Se non ti muovon le tue proprie laudi,
  e l'opre eccelse a chi t'ha il cielo eletto,
  la tua succession perché defraudi
  del ben che mille volte io t'ho predetto?
  deh, perché il ventre eternamente claudi,
  dove il ciel vuol che sia per te concetto
  la gloriosa e soprumana prole
  ch'esser de' al mondo più chiara che 'l sole?

61

  Deh non vietar che le più nobil alme,
  che sian formate ne l'eterne idee,
  di tempo in tempo abbian corporee salme
  dal ceppo che radice in te aver dee!
  Deh non vietar mille trionfi e palme,
  con che, dopo aspri danni e piaghe ree,
  tuoi figli, tuoi nipoti e successori
  Italia torneran nei primi onori!

62

  Non ch'a piegarti a questo tante e tante
  anime belle aver dovesson pondo,
  che chiare, illustri, inclite, invitte e sante
  son per fiorir da l'arbor tuo fecondo;
  ma ti dovria una coppia esser bastante:
  Ippolito e il fratel; che pochi il mondo
  ha tali avuti ancor fin al dì d'oggi,
  per tutti i gradi onde a virtù si poggi.

63

  Io solea più di questi dui narrarti,
  ch'io non facea di tutti gli altri insieme;
  sì perché essi terran le maggior parti,
  che gli altri tuoi, ne le virtù supreme;
  sì perché al dir di lor mi vedea darti
  più attenzion, che d'altri del tuo seme:
  vedea goderti che sì chiari eroi
  esser dovessen dei nipoti tuoi.

64

  Che ha costei che t'hai fatto regina,
  che non abbian mill'altre meretrici?
  costei che di tant'altri è concubina,
  ch'al fin sai ben s'ella suol far felici.
  Ma perché tu conosca chi sia Alcina,
  levatone le fraudi e gli artifici,
  tien questo annello in dito, e torna ad ella,
  ch'aveder ti potrai come sia bella. —

65

  Ruggier si stava vergognoso e muto
  mirando in terra, e mal sapea che dire;
  a cui la maga nel dito minuto
  pose l'annello, e lo fe' risentire.
  Come Ruggiero in sé fu rivenuto,
  di tanto scorno si vide assalire,
  ch'esser vorria sotterra mille braccia,
  ch'alcun veder non lo potesse in faccia.

66

  Ne la sua prima forma in uno istante,
  così parlando, la maga rivenne;
  né bisognava più quella d'Atlante,
  seguitone l'effetto per che venne.
  Per dirvi quel ch'io non vi dissi inante,
  costei Melissa nominata venne,
  ch'or diè a Ruggier di sé notizia vera,
  e dissegli a che effetto venuta era;

67

  mandata da colei, che d'amor piena
  sempre il disia, né più può starne senza,
  per liberarlo da quella catena
  di che lo cinse magica violenza:
  e preso avea d'Atlante di Carena
  la forma, per trovar meglio credenza.
  Ma poi ch'a sanità l'ha ormai ridutto,
  gli vuole aprire e far che veggia il tutto.

68

  — Quella donna gentil che t'ama tanto,
  quella che del tuo amor degna sarebbe,
  a cui, se non ti scorda, tu sai quanto
  tua libertà, da lei servata, debbe;
  questo annel che ripara ad ogni incanto,
  ti manda: e così il cor mandato avrebbe,
  s'avesse avuto il cor così virtute,
  come l'annello, atta alla tua salute. —

69

  E seguitò narrandogli l'amore
  che Bradamante gli ha portato e porta;
  di questa insieme comendò il valore,
  in quanto il vero e l'affezion comporta;
  ed usò modo e termine migliore
  che si convenga a messaggera accorta:
  ed in quel odio Alcina a Ruggier pose,
  in che soglionsi aver l'orribil cose.

70

  In odio gli la pose, ancor che tanto
  l'amasse dianzi: e non vi paia strano,
  quando il suo amor per forza era d'incanto,
  ch'essendovi l'annel, rimase vano.
  Fece l'annel palese ancor, che quanto
  di beltà Alcina avea, tutto era estrano:
  estrano avea, e non suo, dal piè alla treccia;
  il bel ne sparve, e le restò la feccia.

71

  Come fanciullo che maturo frutto
  ripone, e poi si scorda ove è riposto,
  e dopo molti giorni è ricondutto
  là dove truova a caso il suo deposto,
  si maraviglia di vederlo tutto
  putrido e guasto, e non come fu posto;
  e dove amarlo e caro aver solia,
  l'odia, sprezza, n'ha schivo, e getta via:

72

  così Ruggier, poi che Melissa fece
  ch'a riveder se ne tornò la fata
  con quell'annello inanzi a cui non lece,
  quando s'ha in dito, usare opra incantata,
  ritruova, contra ogni sua stima, invece
  de la bella, che dianzi avea lasciata,
  donna sì laida, che la terra tutta
  né la più vecchia avea né la più brutta.

73

  Pallido, crespo e macilente avea
  Alcina il viso, il crin raro e canuto,
  sua statura a sei palmi non giungea:
  ogni dente di bocca era caduto;
  che più d'Ecuba e più de la Cumea,
  ed avea più d'ogn'altra mai vivuto.
  Ma sì l'arti usa al nostro tempo ignote,
  che bella e giovanetta parer puote.

74

  Giovane e bella ella si fa con arte,
  sì che molti ingannò come Ruggiero;
  ma l'annel venne a interpretar le carte
  che già molti anni avean celato il vero.
  Miracol non è dunque, se si parte
  de l'animo a Ruggier ogni pensiero
  ch'avea d'amare Alcina, or che la truova
  in guisa, che sua fraude non le giova.

75

  Ma come l'avisò Melissa, stette
  senza mutare il solito sembiante,
  fin che l'arme sue, più dì neglette,
  si fu vestito dal capo alle piante;
  e per non farle ad Alcina suspette,
  finse provar s'in esse era aiutante,
  finse provar se gli era fatto grosso,
  dopo alcun dì che non l'ha avute indosso.

76

  E Balisarda poi si messe al fianco
  (che così nome la sua spada avea);
  e lo scudo mirabile tolse anco,
  che non pur gli occhi abbarbagliar solea,
  ma l'anima facea sì venir manco,
  che dal corpo esalata esser parea.
  Lo tolse, e col zendado in che trovollo,
  che tutto lo copria, sel messe al collo.

77

  Venne alla stalla, e fece briglia e sella
  porre a un destrier più che la pece nero:
  così Melissa l'avea istrutto; ch'ella
  sapea quanto nel corso era leggiero.
  Chi lo conosce, Rabican l'appella;
  ed è quel proprio che col cavalliero
  del quale i venti or presso al mar fan gioco,
  portò già la balena in questo loco.

78

  Potea aver l'ippogrifo similmente,
  che presso a Rabicano era legato;
  ma gli avea detto la maga: — Abbi mente,
  ch'egli è (come tu sai) troppo sfrenato. —
  E gli diede intenzion che 'l dì seguente
  gli lo trarrebbe fuor di quello stato,
  là dove ad agio poi sarebbe istrutto
  come frenarlo e farlo gir per tutto.

79

  Né sospetto darà, se non lo tolle,
  de la tacita fuga ch'apparecchia.
  Fece Ruggier come Melissa volle,
  ch'invisibile ognor gli era all'orecchia.
  Così fingendo, del lascivo e molle
  palazzo uscì de la puttana vecchia;
  e si venne accostando ad una porta,
  donde è la via ch'a Logistilla il porta.

80

  Assaltò li guardiani all'improviso,
  e si cacciò tra lor col ferro in mano,
  e qual lasciò ferito, e quale ucciso;
  e corse fuor del ponte a mano a mano:
  e prima che n'avesse Alcina aviso,
  di molto spazio fu Ruggier lontano.
  Dirò ne l'altro canto che via tenne;
  poi come a Logistilla se ne venne.



CANTO OTTAVO


1

  Oh quante sono incantatrici, oh quanti
  incantator tra noi, che non si sanno!
  che con lor arti uomini e donne amanti
  di sé, cangiando i visi lor, fatto hanno.
  Non con spirti costretti tali incanti,
  né con osservazion di stelle fanno;
  ma con simulazion, menzogne e frodi
  legano i cor d'indissolubil nodi.

2

  Chi l'annello d'Angelica, o più tosto
  chi avesse quel de la ragion, potria
  veder a tutti il viso, che nascosto
  da finzione e d'arte non saria.
  Tal ci par bello e buono, che, deposto
  il liscio, brutto e rio forse parria.
  Fu gran ventura quella di Ruggiero,
  ch'ebbe l'annel che gli scoperse il vero.

3

  Ruggier (come io dicea) dissimulando,
  su Rabican venne alla porta armato:
  trovò le guardie sprovedute, e quando
  giunse tra lor, non tenne il brando a lato.
  Chi morto e chi a mal termine lasciando,
  esce del ponte, e il rastrello ha spezzato:
  prende al bosco la via; ma poco corre,
  ch'ad un de' servi de la fata occorre.

4

  Il servo in pugno avea un augel grifagno
  che volar con piacer facea ogni giorno,
  ora a campagna, ora a un vicino stagno,
  dove era sempre da far preda intorno:
  avea da lato il can fido compagno:
  cavalcava un ronzin non troppo adorno.
  Ben pensò che Ruggier dovea fuggire,
  quando lo vide in tal fretta venire.

5

  Se gli fe' incontra, e con sembiante altiero
  gli domandò perché in tal fretta gisse.
  Risponder non gli volse il buon Ruggiero:
  perciò colui, più certo che fuggisse,
  di volerlo arrestar fece pensiero;
  e distendendo il braccio manco, disse:
  — Che dirai tu, se subito ti fermo?
  se contra questo augel non avrai schermo? —

6

  Spinge l'augello: e quel batte sì l'ale,
  che non l'avanza Rabican di corso.
  Del palafreno il cacciator giù sale,
  e tutto a un tempo gli ha levato il morso.
  Quel par da l'arco uno aventato strale,
  di calci formidabile e di morso;
  e 'l servo dietro sì veloce viene,
  che par ch'il vento, anzi che il fuoco il mene.

7

  Non vuol parere il can d'esser più tardo;
  ma segue Rabican con quella fretta
  con che le lepri suol seguire il pardo.
  Vergogna a Ruggier par, se non aspetta.
  Voltasi a quel che vien sì a piè gagliardo;
  né gli vede arme, fuor ch'una bacchetta,
  quella con che ubidire al cane insegna:
  Ruggier di trar la spada si disdegna.

8

  Quel se gli appressa, e forte lo percuote:
  lo morde a un tempo il can nel piede manco.
  Lo sfrenato destrier la groppa scuote
  tre volte e più, né falla il destro fianco.
  Gira l'augello e gli fa mille ruote,
  e con l'ugna sovente il ferisce anco:
  sì il destrier collo strido impaurisce,
  ch'alla mano e allo spron poco ubidisce.

9

  Ruggiero, al fin costretto, il ferro caccia:
  e perché tal molestia se ne vada,
  or gli animali, or quel villan minaccia
  col taglio e con la punta de la spada.
  Quella importuna turba più l'impaccia:
  presa ha chi qua chi là tutta la strada.
  Vede Ruggiero il disonore e il danno
  che gli avverrà, se più tardar lo fanno.

10

  Sa ch'ogni poco più ch'ivi rimane,
  Alcina avrà col populo alle spalle:
  di trombe, di tamburi e di campane
  già s'ode alto rumore in ogni valle.
  Contra un servo senza arme e contra un cane
  gli par ch'a usar la spada troppo falle:
  meglio e più breve è dunque che gli scopra
  lo scudo che d'Atlante era stato opra.

11

  Levò il drappo vermiglio in che coperto
  già molti giorni lo scudo si tenne.
  Fece l'effetto mille volte esperto
  il lume, ove a ferir negli occhi venne:
  resta dai sensi il cacciator deserto,
  cade il cane e il ronzin, cadon le penne,
  ch'in aria sostener l'augel non ponno.
  Lieto Ruggier li lascia in preda al sonno.

12

  Alcina, ch'avea intanto avuto aviso
  di Ruggier, che sforzato avea la porta,
  e de la guardia buon numero ucciso,
  fu, vinta dal dolor, per restar morta.
  Squarciossi i panni e si percosse il viso,
  e sciocca nominossi e malaccorta;
  e fece dar all'arme immantinente,
  e intorno a sé raccor tutta sua gente.

13

  E poi ne fa due parti, e manda l'una
  per quella strada ove Ruggier camina;
  al porto l'altra subito raguna,
  imbarca, ed uscir fa ne la marina:
  sotto le vele aperte il mar s'imbruna.
  Con questi va la disperata Alcina,
  che 'l desiderio di Ruggier sì rode,
  che lascia sua città senza custode.

14

  Non lascia alcuno a guardia del palagio:
  il che a Melissa che stava alla posta
  per liberar di quel regno malvagio
  la gente ch'in miseria v'era posta,
  diede commodità, diede grande agio
  di gir cercando ogni cosa a sua posta,
  imagini abbruciar, suggelli torre,
  e nodi e rombi e turbini disciorre.

15

  Indi pei campi accelerando i passi,
  gli antiqui amanti, ch'erano in gran torma
  conversi in fonti, in fere, in legni, in sassi,
  fe' ritornar ne la lor prima forma.
  E quei, poi ch'allargati furo i passi,
  tutti del buon Ruggier seguiron l'orma:
  a Logistilla si salvaro; ed indi
  tornaro a Sciti, a Persi, a Greci, ad Indi.

16

  Li rimandò Melissa in lor paesi,
  con obligo di mai non esser sciolto.
  Fu inanzi agli altri il duca degl'Inglesi
  ad esser ritornato in uman volto;
  che 'l parentado in questo e li cortesi
  prieghi del buon Ruggier gli giovar molto:
  oltre i prieghi, Ruggier le diè l'annello,
  acciò meglio potesse aiutar quello.

17

  A' prieghi dunque di Ruggier, rifatto
  fu 'l paladin ne la sua prima faccia.
  Nulla pare a Melissa d'aver fatto,
  quando ricovrar l'arme non gli faccia,
  e quella lancia d'or, ch'al primo tratto
  quanti ne tocca de la sella caccia:
  de l'Argalia, poi fu d'Astolfo lancia,
  e molto onor fe' all'uno e a l'altro in Francia.

18

  Trovò Melissa questa lancia d'oro,
  ch'Alcina avea reposta nel palagio,
  e tutte l'arme che del duca foro,
  e gli fur tolte ne l'ostel malvagio.
  Montò il destrier del negromante moro,
  e fe' montar Astolfo in groppa ad agio;
  e quindi a Logistilla si condusse
  d'un'ora prima che Ruggier vi fusse.

19

  Tra duri sassi e folte spine gìa
  Ruggiero intanto invêr la fata saggia,
  di balzo in balzo, e d'una in altra via
  aspra, solinga, inospita e selvaggia;
  tanto ch'a gran fatica riuscia
  su la fervida nona in una spiaggia
  tra 'l mare e 'l monte, al mezzodì scoperta,
  arsiccia, nuda, sterile e deserta.

20

  Percuote il sole ardente il vicin colle;
  e del calor che si riflette a dietro,
  in modo l'aria e l'arena ne bolle,
  che saria troppo a far liquido il vetro.
  Stassi cheto ogni augello all'ombra molle:
  sol la cicala col noioso metro
  fra i densi rami del fronzuto stelo
  le valli e i monti assorda, e il mare e il cielo.

21

  Quivi il caldo, la sete, e la fatica
  ch'era di gir per quella via arenosa,
  facean, lungo la spiaggia erma ed aprica,
  a Ruggier compagnia grave e noiosa.
  Ma perché non convien che sempre io dica,
  né ch'io vi occupi sempre in una cosa,
  io lascerò Ruggiero in questo caldo,
  e girò in Scozia a ritrovar Rinaldo.

22

  Era Rinaldo molto ben veduto
  dal re, da la figliuola e dal paese.
  Poi la cagion che quivi era venuto,
  più ad agio il paladin fece palese:
  ch'in nome del suo re chiedeva aiuto
  e dal regno di Scozia e da l'Inglese;
  ed ai preghi soggiunse anco di Carlo,
  giustissime cagion di dover farlo.

23

  Dal re, senza indugiar, gli fu risposto,
  che di quanto sua forza s'estendea,
  per utile ed onor sempre disposto
  di Carlo e de l'Imperio esser volea;
  e che fra pochi dì gli avrebbe posto
  più cavallieri in punto che potea;
  e se non ch'esso era oggimai pur vecchio,
  capitano verria del suo apparecchio.

24

  Né tal rispetto ancor gli parria degno
  di farlo rimaner, se non avesse
  il figlio, che di forza, e più d'ingegno,
  dignissimo era a chi'l governo desse,
  ben che non si trovasse allor nel regno;
  ma che sperava che venir dovesse
  mentre ch'insieme aduneria lo stuolo;
  e ch'adunato il troveria il figliuolo.

25

  Così mandò per tutta la sua terra
  suoi tesorieri a far cavalli e gente;
  navi apparecchia e munizion da guerra,
  vettovaglia e danar maturamente.
  Venne intanto Rinaldo in Inghilterra,
  e 'l re nel suo partir cortesemente
  insino a Beroicche accompagnollo;
  e visto pianger fu quando lasciollo.

26

  Spirando il vento prospero alla poppa,
  monta Rinaldo, ed a Dio dice a tutti:
  la fune indi al viaggio il nocchier sgroppa;
  tanto che giunge ove nei salsi flutti
  il bel Tamigi amareggiando intoppa.
  Col gran flusso del mar quindi condutti
  i naviganti per camin sicuro
  a vela e remi insino a Londra furo.

27

  Rinaldo avea da Carlo e dal re Otone,
  che con Carlo in Parigi era assediato,
  al principe di Vallia commissione
  per contrasegni e lettere portato,
  che ciò che potea far la regione
  di fanti e di cavalli in ogni lato,
  tutto debba a Calesio traghittarlo,
  sì che aiutar si possa Francia e Carlo.

28

  Il principe ch'io dico, ch'era, in vece
  d'Oton, rimaso nel seggio reale,
  a Rinaldo d'Amon tanto onor fece,
  che non l'avrebbe al suo re fatto uguale:
  indi alle sue domande satisfece;
  perché a tutta la gente marziale
  e di Bretagna e de l'isole intorno
  di ritrovarsi al mar prefisse il giorno.

29

  Signor, far mi convien come fa il buono
  sonator sopra il suo istrumento arguto,
  che spesso muta corda, e varia suono,
  ricercando ora il grave, ora l'acuto.
  Mentre a dir di Rinaldo attento sono,
  d'Angelica gentil m'è sovenuto,
  di che lasciai ch'era da lui fuggita,
  e ch'avea riscontrato uno eremita.

30

  Alquanto la sua istoria io vo' seguire.
  Dissi che domandava con gran cura,
  come potesse alla marina gire;
  che di Rinaldo avea tanta paura,
  che, non passando il mar, credea morire,
  né in tutta Europa si tenea sicura:
  ma l'eremita a bada la tenea,
  perché di star con lei piacere avea.

31

  Quella rara bellezza il cor gli accese,
  e gli scaldò le frigide medolle:
  ma poi che vide che poco gli attese,
  e ch'oltra soggiornar seco non volle,
  di cento punte l'asinello offese;
  né di sua tardità però lo tolle:
  e poco va di passo e men di trotto,
  né stender gli si vuol la bestia sotto.

32

  E perché molto dilungata s'era,
  e poco più, n'avria perduta l'orma,
  ricorse il frate alla spelonca nera,
  e di demoni uscir fece una torma:
  e ne sceglie uno di tutta la schiera,
  e del bisogno suo prima l'informa;
  poi lo fa entrare adosso al corridore,
  che via gli porta con la donna il core.

33

  E qual sagace can, nel monte usato
  a volpi o lepri dar spesso la caccia,
  che se la fera andar vede da un lato,
  ne va da un altro, e par sprezzi la traccia;
  al varco poi lo sentono arrivato,
  che l'ha già in bocca, e l'apre il fianco e straccia:
  tal l'eremita per diversa strada
  aggiugnerà la donna ovunque vada.

34

  Che sia il disegno suo, ben io comprendo:
  e dirollo anco a voi, ma in altro loco.
  Angelica di ciò nulla temendo,
  cavalcava a giornate, or molto or poco.
  Nel cavallo il demon si gìa coprendo,
  come si cuopre alcuna volta il fuoco,
  che con sì grave incendio poscia avampa,
  che non si estingue, e a pena se ne scampa.

35

  Poi che la donna preso ebbe il sentiero
  dietro il gran mar che li Guasconi lava,
  tenendo appresso all'onde il suo destriero,
  dove l'umor la via più ferma dava;
  quel le fu tratto dal demonio fiero
  ne l'acqua sì, che dentro vi nuotava.
  Non sa che far la timida donzella,
  se non tenersi ferma in su la sella.

36

  Per tirar briglia, non gli può dar volta:
  più e più sempre quel si caccia in alto.
  Ella tenea la vesta in su raccolta
  per non bagnarla, e traea i piedi in alto.
  Per le spalle la chioma iva disciolta,
  e l'aura le facea lascivo assalto.
  Stavano cheti tutti i maggior venti,
  forse a tanta beltà, col mare, attenti.

37

  Ella volgea i begli occhi a terra invano,
  che bagnavan di pianto il viso e 'l seno,
  e vedea il lito andar sempre lontano
  e decrescer più sempre e venir meno.
  Il destrier, che nuotava a destra mano,
  dopo un gran giro la portò al terreno
  tra scuri sassi e spaventose grotte,
  già cominciando ad oscurar la notte.

38

  Quando si vide sola in quel deserto,
  che a riguardarlo sol, mettea paura,
  ne l'ora che nel mar Febo coperto
  l'aria e la terra avea lasciata oscura,
  fermossi in atto ch'avria fatto incerto
  chiunque avesse vista sua figura,
  s'ella era donna sensitiva e vera,
  o sasso colorito in tal maniera.

39

  Stupida e fissa ne la incerta sabbia,
  coi capelli disciolti e rabuffati,
  con le man giunte e con l'immote labbia,
  i languidi occhi al ciel tenea levati,
  come accusando il gran Motor che l'abbia
  tutti inclinati nel suo danno i fati.
  Immota e come attonita stè alquanto;
  poi sciolse al duol la lingua, e gli occhi al pianto.

40

  Dicea: — Fortuna, che più a far ti resta
  acciò di me ti sazi e ti disfami?
  che dar ti posso omai più, se non questa
  misera vita? ma tu non la brami;
  ch'ora a trarla del mar sei stata presta,
  quando potea finir suoi giorni grami:
  perché ti parve di voler più ancora
  vedermi tormentar prima ch'io muora.

41

  Ma che mi possi nuocere non veggio,
  più di quel che sin qui nociuto m'hai.
  Per te cacciata son del real seggio,
  dove più ritornar non spero mai:
  ho perduto l'onor, ch'è stato peggio;
  che, se ben con effetto io non peccai,
  io do però materia ch'ognun dica,
  ch'essendo vagabonda, io sia impudica.

42

  Ch'aver può donna al mondo più di buono,
  a cui la castità levata sia?
  Mi nuoce, ahimè! ch'io son giovane, e sono
  tenuta bella, o sia vero o bugia.
  Già non ringrazio il ciel di questo dono;
  che di qui nasce ogni ruina mia:
  morto per questo fu Argalia mio frate,
  che poco gli giovar l'arme incantate:

43

  per questo il re di Tartaria Agricane
  disfece il genitor mio Galafrone,
  ch'in India, del Cataio era gran Cane;
  onde io son giunta a tal condizione,
  che muto albergo da sera a dimane.
  Se l'aver, se l'onor, se le persone
  m'hai tolto, e fatto il mal che far mi puoi,
  a che più doglia anco serbar mi vuoi?

44

  Se l'affogarmi in mar morte non era
  a tuo senno crudel, pur ch'io ti sazi,
  non recuso che mandi alcuna fera
  che mi divori, e non mi tenga in strazi.
  D'ogni martir che sia, pur ch'io ne pera,
  esser non può ch'assai non ti ringrazi. —
  Così dicea la donna con gran pianto,
  quando le apparve l'eremita accanto.

45

  Avea mirato da l'estrema cima
  d'un rilevato sasso l'eremita
  Angelica, che giunta alla parte ima
  è dello scoglio, afflitta e sbigottita.
  Era sei giorni egli venuto prima;
  ch'un demonio il portò per via non trita:
  e venne a lei fingendo divozione
  quanta avesse mai Paulo o Ilarione.

46

  Come la donna il cominciò a vedere,
  prese, non conoscendolo, conforto;
  e cessò a poco a poco il suo temere,
  ben che ella avesse ancora il viso smorto.
  Come fu presso, disse: — Miserere,
  padre, di me, ch'i' son giunta a mal porto. —
  E con voce interrotta dal singulto
  gli disse quel ch'a lui non era occulto.

47

  Comincia l'eremita a confortarla
  con alquante ragion belle e divote;
  e pon l'audaci man, mentre che parla,
  or per lo seno, or per l'umide gote:
  poi più sicuro va per abbracciarla;
  ed ella sdegnosetta lo percuote
  con una man nel petto, e lo rispinge,
  e d'onesto rossor tutta si tinge.

48

  Egli, ch'allato avea una tasca, aprilla,
  e trassene una ampolla di liquore;
  e negli occhi possenti, onde sfavilla
  la più cocente face ch'abbia Amore,
  spruzzò di quel leggiermente una stilla,
  che di farla dormire ebbe valore.
  Già resupina ne l'arena giace
  a tutte voglie del vecchio rapace.

49

  Egli l'abbraccia ed a piacer la tocca
  ed ella dorme e non può fare ischermo.
  Or le bacia il bel petto, ora la bocca;
  non è chi 'l veggia in quel loco aspro ed ermo.
  Ma ne l'incontro il suo destrier trabocca;
  ch'al disio non risponde il corpo infermo:
  era mal atto, perché avea troppi anni;
  e potrà peggio, quanto più l'affanni.

50

  Tutte le vie, tutti li modi tenta,
  ma quel pigro rozzon non però salta.
  Indarno il fren gli scuote, e lo tormenta;
  e non può far che tenga la testa alta.
  Al fin presso alla donna s'addormenta;
  e nuova altra sciagura anco l'assalta:
  non comincia Fortuna mai per poco,
  quando un mortal si piglia a scherno e a gioco.

51

  Bisogna, prima ch'io vi narri il caso,
  ch'un poco dal sentier dritto mi torca.
  Nel mar di tramontana invêr l'occaso,
  oltre l'Irlanda una isola si corca,
  Ebuda nominata; ove è rimaso
  il popul raro, poi che la brutta orca
  e l'altro marin gregge la distrusse,
  ch'in sua vendetta Proteo vi condusse.

52

  Narran l'antique istorie, o vere o false,
  che tenne già quel luogo un re possente,
  ch'ebbe una figlia, in cui bellezza valse
  e grazia sì, che poté facilmente,
  poi che mostrossi in su l'arene salse,
  Proteo lasciare in mezzo l'acque ardente;
  e quello, un dì che sola ritrovolla,
  compresse, e di sé gravida lasciolla.

53

  La cosa fu gravissima e molesta
  al padre, più d'ogn'altro empio e severo:
  né per iscusa o per pietà, la testa
  le perdonò: sì può lo sdegno fiero.
  Né per vederla gravida, si resta
  di subito esequire il crudo impero:
  e 'l nipotin che non avea peccato,
  prima fece morir che fosse nato.

54

  Proteo marin, che pasce il fiero armento
  di Nettunno che l'onda tutta regge,
  sente de la sua donna aspro tormento,
  e per grand'ira, rompe ordine e legge;
  sì che a mandare in terra non è lento
  l'orche e le foche, e tutto il marin gregge,
  che distruggon non sol pecore e buoi,
  ma ville e borghi e li cultori suoi:

55

  e spesso vanno alle città murate,
  e d'ogn'intorno lor mettono assedio.
  Notte e dì stanno le persone armate,
  con gran timore e dispiacevol tedio:
  tutte hanno le campagne abbandonate;
  e per trovarvi al fin qualche rimedio,
  andarsi a consigliar di queste cose
  all'oracol, che lor così rispose:

56

  che trovar bisognava una donzella
  che fosse all'altra di bellezza pare,
  ed a Proteo sdegnato offerir quella,
  in cambio de la morta, in lito al mare.
  S'a sua satisfazion gli parrà bella,
  se la terrà, né li verrà a sturbare:
  se per questo non sta, se gli appresenti
  una ed un'altra, fin che si contenti.

57

  E così cominciò la dura sorte
  tra quelle che più grate eran di faccia,
  ch'a Proteo ciascun giorno una si porte,
  fin che trovino donna che gli piaccia.
  La prima e tutte l'altre ebbero morte;
  che tutte giù pel ventre se le caccia
  un'orca, che restò presso alla foce,
  poi che 'l resto partì del gregge atroce.

58

  O vera o falsa che fosse la cosa
  di Proteo (ch'io non so che me ne dica),
  servosse in quella terra, con tal chiosa,
  contra le donne un'empia lege antica:
  che di lor carne l'orca mostruosa
  che viene ogni dì al lito, si notrica.
  Ben ch'esser donna sia in tutte le bande
  danno e sciagura, quivi era pur grande.

59

  Oh misere donzelle che trasporte
  fortuna ingiuriosa al lito infausto!
  dove le genti stan sul mare accorte
  per far de le straniere empio olocausto;
  che, come più di fuor ne sono morte,
  il numer de le loro è meno esausto:
  ma perché il vento ognor preda non mena,
  ricercando ne van per ogni arena.

60

  Van discorrendo tutta la marina
  con fuste e grippi ed altri legni loro,
  e da lontana parte e da vicina
  portan sollevamento al lor martoro.
  Molte donne han per forza e per rapina,
  alcune per lusinghe, altre per oro;
  e sempre da diverse regioni
  n'hanno piene le torri e le prigioni.

61

  Passando una lor fusta a terra a terra
  inanzi a quella solitaria riva
  dove fra sterpi in su l'erbosa terra
  la sfortunata Angelica dormiva,
  smontaro alquanti galeotti in terra
  per riportarne e legna ed acqua viva;
  e di quante mai fur belle e leggiadre
  trovaro il fiore in braccio al santo padre.

62

  Oh troppo cara, oh troppo eccelsa preda
  per sì barbare genti e sì villane!
  Oh Fortuna crudel, chi fia ch'il creda,
  che tanta forza hai ne le cose umane,
  che per cibo d'un mostro tu conceda
  la gran beltà, ch'in India il re Agricane
  fece venir da le caucasee porte
  con mezza Scizia a guadagnar la morte?

63

  La gran beltà, che fu da Sacripante
  posta inanzi al suo onore e al suo bel regno;
  la gran beltà, ch'al gran signor d'Anglante
  macchiò la chiara fama e l'alto ingegno;
  la gran beltà che fe' tutto Levante
  sottosopra voltarsi e stare al segno,
  ora non ha (così è rimasa sola)
  chi le dia aiuto pur d'una parola.

64

  La bella donna, di gran sonno oppressa,
  incatenata fu prima che desta.
  Portaro il frate incantator con essa
  nel legno pien di turba afflitta e mesta.
  La vela, in cima all'arbore rimessa,
  rendé la nave all'isola funesta,
  dove chiuser la donna in rocca forte,
  fin a quel dì ch'a lei toccò la sorte.

65

  Ma poté sì, per esser tanto bella,
  la fiera gente muovere a pietade,
  che molti dì le differiron quella
  morte, e serbarla a gran necessitade;
  e fin ch'ebber di fuore altra donzella,
  perdonaro all'angelica beltade.
  Al mostro fu condotta finalmente,
  piangendo dietro a lei tutta la gente.

66

  Chi narrerà l'angosce, i pianti, i gridi,
  l'alta querela che nel ciel penetra?
  maraviglia ho che non s'apriro i lidi,
  quando fu posta in su la fredda pietra,
  dove in catena, priva di sussidi,
  morte aspettava abominosa e tetra.
  Io nol dirò; che sì il dolor mi muove,
  che mi sforza voltar le rime altrove,

67

  e trovar versi non tanto lugubri,
  fin che 'l mio spirto stanco si riabbia;
  che non potrian li squalidi colubri,
  né l'orba tigre accesa in maggior rabbia,
  né ciò che da l'Atlante ai liti rubri
  venenoso erra per la calda sabbia,
  né veder né pensar senza cordoglio,
  Angelica legata al nudo scoglio.

68

  Oh se l'avesse il suo Orlando saputo,
  ch'era per ritrovarla ito a Parigi;
  o li dui ch'ingannò quel vecchio astuto
  col messo che venìa dai luoghi stigi!
  fra mille morti, per donarle aiuto,
  cercato avrian gli angelici vestigi:
  ma che fariano, avendone anco spia,
  poi che distanti son di tanta via?

69

  Parigi intanto avea l'assedio intorno
  dal famoso figliuol del re Troiano;
  e venne a tanta estremitade un giorno,
  che n'andò quasi al suo nimico in mano:
  e se non che li voti il ciel placorno,
  che dilagò di pioggia oscura il piano,
  cadea quel dì per l'africana lancia
  il santo Impero e 'l gran nome di Francia.

70

  Il sommo Creator gli occhi rivolse
  al giusto lamentar del vecchio Carlo;
  e con subita pioggia il fuoco tolse:
  né forse uman saper potea smorzarlo.
  Savio chiunque a Dio sempre si volse;
  ch'altri non poté mai meglio aiutarlo.
  Ben dal devoto re fu conosciuto,
  che si salvò per lo divino aiuto.

71

  La notte Orlando alle noiose piume
  del veloce pensier fa parte assai.
  Or quinci or quindi il volta, or lo rassume
  tutto in un loco, e non l'afferma mai:
  qual d'acqua chiara il tremolante lume,
  dal sol percossa o da' notturni rai,
  per gli ampli tetti va con lungo salto
  a destra ed a sinistra, e basso ed alto.

72

  La donna sua, che gli ritorna a mente,
  anzi che mai non era indi partita,
  gli raccende nel core e fa più ardente
  la fiamma che nel dì parea sopita.
  Costei venuta seco era in Ponente
  fin dal Cataio; e qui l'avea smarrita,
  né ritrovato poi vestigio d'ella
  che Carlo rotto fu presso a Bordella.

73

  Di questo Orlando avea gran doglia, e seco
  indarno a sua sciocchezza ripensava.
  — Cor mio (dicea), come vilmente teco
  mi son portato! ohimè, quanto mi grava
  che potendoti aver notte e dì meco,
  quando la tua bontà non mel negava,
  t'abbia lasciato in man di Namo porre,
  per non sapermi a tanta ingiuria opporre!

74

  Non aveva ragione io di scusarme?
  e Carlo non m'avria forse disdetto:
  se pur disdetto, e chi potea sforzarme?
  chi ti mi volea torre al mio dispetto?
  non poteva io venir più tosto all'arme?
  lasciar più tosto trarmi il cor del petto?
  Ma né Carlo né tutta la sua gente
  di tormiti per forza era possente.

75

  Almen l'avesse posta in guardia buona
  dentro a Parigi o in qualche rocca forte.
  Che l'abbia data a Namo mi consona,
  sol perché a perder l'abbia a questa sorte.
  Chi la dovea guardar meglio persona
  di me? ch'io dovea farlo fino a morte;
  guardarla più che 'l cor, che gli occhi miei:
  e dovea e potea farlo, e pur nol fei.

76

  Deh, dove senza me, dolce mia vita,
  rimasa sei sì giovane e sì bella?
  come, poi che la luce è dipartita,
  riman tra' boschi la smarrita agnella,
  che dal pastor sperando esser udita,
  si va lagnando in questa parte e in quella;
  tanto che 'l lupo l'ode da lontano,
  e 'l misero pastor ne piagne invano.

77

  Dove, speranza mia, dove ora sei?
  vai tu soletta forse ancor errando?
  o pur t'hanno trovata i lupi rei
  senza la guardia del tuo fido Orlando?
  e il fior ch'in ciel potea pormi fra i dei,
  il fior ch'intatto io mi venìa serbando
  per non turbarti, ohimè! l'animo casto,
  ohimè! per forza avranno colto e guasto.

78

  Oh infelice! oh misero! che voglio
  se non morir, se 'l mio bel fior colto hanno?
  O sommo Dio, fammi sentir cordoglio
  prima d'ogn'altro, che di questo danno.
  Se questo è ver, con le mie man mi toglio
  la vita, e l'alma disperata danno. —
  Così, piangendo forte e sospirando,
  seco dicea l'addolorato Orlando.

79

  Già in ogni parte gli animanti lassi
  davan riposo ai travagliati spirti,
  chi su le piume, e chi sui duri sassi,
  e chi su l'erbe, e chi su faggi o mirti:
  tu le palpebre, Orlando, a pena abbassi,
  punto da' tuoi pensieri acuti ed irti;
  né quel sì breve e fuggitivo sonno
  godere in pace anco lasciar ti ponno.

80

  Parea ad Orlando, s'una verde riva
  d'odoriferi fior tutta dipinta,
  mirare il bello avorio, e la nativa
  purpura ch'avea Amor di sua man tinta,
  e le due chiare stelle onde nutriva
  ne le reti d'Amor l'anima avinta:
  io parlo de' begli occhi e del bel volto,
  che gli hanno il cor di mezzo il petto tolto.

81

  Sentia il maggior piacer, la maggior festa
  che sentir possa alcun felice amante:
  ma ecco intanto uscire una tempesta
  che struggea i fior, ed abbattea le piante:
  non se ne suol veder simile a questa,
  quando giostra aquilone, austro e levante.
  Parea che per trovar qualche coperto,
  andasse errando invan per un deserto.

82

  Intanto l'infelice (e non sa come)
  perde la donna sua per l'aer fosco;
  onde di qua e di là del suo bel nome
  fa risonare ogni campagna e bosco.
  E mentre dice indarno: — Misero me!
  chi ha cangiata mia dolcezza in tosco? —
  ode la donna sua che gli domanda,
  piangendo, aiuto, e se gli raccomanda.

83

  Onde par ch'esca il grido, va veloce,
  e quinci e quindi s'affatica assai.
  Oh quanto è il suo dolore aspro ed atroce,
  che non può rivedere i dolci rai!
  Ecco ch'altronde ode da un'altra voce:
  — Non sperar più gioirne in terra mai. —
  A questo orribil grido risvegliossi,
  e tutto pien di lacrime trovossi.

84

  Senza pensar che sian l'immagin false
  quando per tema o per disio si sogna,
  de la donzella per modo gli calse,
  che stimò giunta a danno od a vergogna,
  che fulminando fuor del letto salse.
  Di piastra e maglia, quanto gli bisogna,
  tutto guarnissi, e Brigliadoro tolse;
  né di scudiero alcun servigio volse.

85

  E per poter entrare ogni sentiero,
  che la sua dignità macchia non pigli,
  non l'onorata insegna del quartiero,
  distinta di color bianchi e vermigli,
  ma portar volse un ornamento nero;
  e forse acciò ch'al suo dolor simigli:
  e quello avea già tolto a uno amostante,
  ch'uccise di sua man pochi anni inante.

86

  Da mezza notte tacito si parte,
  e non saluta e non fa motto al zio;
  né al fido suo compagno Brandimarte,
  che tanto amar solea, pur dice a Dio.
  Ma poi che 'l Sol con l'auree chiome sparte
  del ricco albergo di Titone uscìo
  e fe' l'ombra fugire umida e nera,
  s'avide il re che 'l paladin non v'era.

87

  Con suo gran dispiacer s'avede Carlo
  che partito la notte è 'l suo nipote,
  quando esser dovea seco e più aiutarlo;
  e ritener la colera non puote,
  ch'a lamentarsi d'esso, ed a gravarlo
  non incominci di biasmevol note:
  e minacciar, se non ritorna, e dire
  che lo faria di tanto error pentire.

88

  Brandimarte, ch'Orlando amava a pare
  di sé medesmo, non fece soggiorno;
  o che sperasse farlo ritornare,
  o sdegno avesse udirne biasmo e scorno;
  e volse a pena tanto dimorare,
  ch'uscisse fuor ne l'oscurar del giorno.
  A Fiordiligi sua nulla ne disse,
  perché 'l disegno suo non gl'impedisse.

89

  Era questa una donna che fu molto
  da lui diletta, e ne fu raro senza;
  di costumi, di grazia e di bel volto
  dotata e d'accortezza e di prudenza:
  e se licenza or non n'aveva tolto,
  fu che sperò tornarle alla presenza
  il dì medesmo; ma gli accadde poi,
  che lo tardò più dei disegni suoi.

90

  E poi ch'ella aspettato quasi un mese
  indarno l'ebbe, e che tornar nol vide,
  di desiderio sì di lui s'accese,
  che si partì senza compagni o guide;
  e cercandone andò molto paese,
  come l'istoria al luogo suo dicide.
  Di questi dua non vi dico or più inante;
  che più m'importa il cavallier d'Anglante.

91

  Il qual, poi che mutato ebbe d'Almonte
  le gloriose insegne, andò alla porta,
  e disse ne l'orecchio: — Io sono il conte —
  a un capitan che vi facea la scorta;
  e fattosi abassar subito il ponte,
  per quella strada che più breve porta
  agl'inimici, se n'andò diritto.
  Quel che seguì, ne l'altro canto è scritto.



CANTO NONO


1

  Che non può far d'un cor ch'abbia suggetto
  questo crudele e traditore Amore,
  poi ch'ad Orlando può levar del petto
  la tanta fe' che debbe al suo Signore?
  Già savio e pieno fu d'ogni rispetto,
  e de la santa Chiesa difensore;
  or per un vano amor, poco del zio,
  e di sé poco, e men cura di Dio.

2

  Ma l'escuso io pur troppo, e mi rallegro
  nel mio difetto aver compagno tale;
  ch'anch'io sono al mio ben languido ed egro,
  sano e gagliardo a seguitare il male.
  Quel se ne va tutto vestito a negro,
  né tanti amici abandonar gli cale;
  e passa dove d'Africa e di Spagna
  la gente era attendata alla campagna:

3

  anzi non attendata, perché sotto
  alberi e tetti l'ha sparsa la pioggia
  a dieci, a venti, a quattro, a sette, ad otto;
  chi più distante e chi più presso alloggia.
  Ognuno dorme travagliato e rotto:
  chi steso in terra, e chi alla man s'appoggia.
  Dormono; e il conte uccider ne può assai:
  né però stringe Durindana mai.

4

  Di tanto core è il generoso Orlando,
  che non degna ferir gente che dorma.
  Or questo, e quando quel luogo cercando
  va, per trovar de la sua donna l'orma.
  Se truova alcun che veggi, sospirando
  gli ne dipinge l'abito e la forma;
  e poi lo priega che per cortesia
  gl'insegni andar in parte ove ella sia.

5

  E poi che venne il dì chiaro e lucente,
  tutto cercò l'esercito moresco:
  e ben lo potea far sicuramente,
  avendo indosso l'abito arabesco;
  ed aiutollo in questo parimente,
  che sapeva altro idioma che francesco,
  e l'africano tanto avea espedito,
  che parea nato a Tripoli e nutrito.

6

  Quivi il tutto cercò, dove dimora
  fece tre giorni, e non per altro effetto;
  poi dentro alle cittadi e a' borghi fuora
  non spiò sol per Francia e suo distretto,
  ma per Uvernia e per Guascogna ancora
  rivide sin all'ultimo borghetto:
  e cercò da Provenza alla Bretagna,
  e dai Picardi ai termini di Spagna.

7

  Tra il fin d'ottobre e il capo di novembre,
  ne la stagion che la frondosa vesta
  vede levarsi e discoprir le membre
  trepida pianta, fin che nuda resta,
  e van gli augelli a strette schiere insembre,
  Orlando entrò ne l'amorosa inchiesta;
  né tutto il verno appresso lasciò quella,
  né la lasciò ne la stagion novella.

8

  Passando un giorno, come avea costume,
  d'un paese in un altro, arrivò dove
  parte i Normandi dai Bretoni un fiume,
  e verso il vicin mar cheto si muove;
  ch'allora gonfio e bianco già di spume
  per nieve sciolta e per montane piove:
  e l'impeto de l'acqua avea disciolto
  e tratto seco il ponte, e il passo tolto.

9

  Con gli occhi cerca or questo lato or quello,
  lungo le ripe il paladin, se vede
  (quando né pesce egli non è, né augello)
  come abbia a por ne l'altra ripa il piede:
  ed ecco a sé venir vede un battello,
  ne la cui poppa una donzella siede,
  che di volere a lui venir fa segno;
  né lascia poi ch'arrivi in terra il legno.

10

  Prora in terra non pon; ché d'esser carca
  contra sua volontà forse sospetta.
  Orlando priega lei che ne la barca
  seco lo tolga, ed oltre il fiume il metta.
  Ed ella lui: — Qui cavallier non varca,
  il qual su la sua fé non mi prometta
  di fare una battaglia a mia richiesta,
  la più giusta del mondo e la più onesta.

11

  Sì che s'avete, cavallier, desire
  di por per me ne l'altra ripa i passi,
  promettetemi, prima che finire
  quest'altro mese prossimo si lassi,
  ch'al re d'Ibernia v'anderete a unire,
  appresso al qual la bella armata fassi
  per distrugger quell'isola d'Ebuda,
  che, di quante il mar cinge, è la più cruda.

12

  Voi dovete saper ch'oltre l'Irlanda,
  fra molte che vi son, l'isola giace
  nomata Ebuda, che per legge manda
  rubando intorno il suo popul rapace;
  e quante donne può pigliar, vivanda
  tutte destina a un animal vorace,
  che viene ogni dì al lito, e sempre nuova
  donna o donzella, onde si pasca, truova;

13

  che mercanti e corsar che vanno attorno,
  ve ne fan copia, e più de le più belle.
  Ben potete contare, una per giorno,
  quante morte vi sian donne e donzelle.
  Ma se pietade in voi truova soggiorno,
  se non sete d'Amor tutto ribelle,
  siate contento esser tra questi eletto,
  che van per far sì fruttuoso effetto. —

14

  Orlando volse a pena udire il tutto,
  che giurò d'esser primo a quella impresa,
  come quel ch'alcun atto iniquo e brutto
  non può sentire, e d'ascoltar gli pesa:
  e fu a pensare, indi a temere indutto,
  che quella gente Angelica abbia presa;
  poi che cercata l'ha per tanta via,
  né potutone ancor ritrovar spia.

15

  Questa imaginazion sì gli confuse
  e sì gli tolse ogni primier disegno,
  che, quanto in fretta più potea, conchiuse
  di navigare a quello iniquo regno.
  Né prima l'altro sol nel mar si chiuse,
  che presso a San Malò ritrovò un legno,
  nel qual si pose; e fatto alzar le vele,
  passò la notte il monte San Michele.

16

  Breaco e Landriglier lascia a man manca,
  e va radendo il gran lito britone;
  e poi si drizza invêr l'arena bianca,
  onde Ingleterra si nomò Albione;
  ma il vento, ch'era da meriggie, manca,
  e soffia tra il ponente e l'aquilone
  con tanta forza, che fa al basso porre
  tutte le vele, e sé per poppa torre.

17

  Quanto il navilio inanzi era venuto
  in quattro giorni, in un ritornò indietro,
  ne l'alto mar dal buon nochier tenuto,
  che non dia in terra e sembri un fragil vetro.
  Il vento, poi che furioso suto
  fu quattro giorni, il quinto cangiò metro:
  lasciò senza contrasto il legno entrare
  dove il fiume d'Anversa ha foce in mare.

18

  Tosto che ne la foce entrò lo stanco
  nochier col legno afflitto, e il lito prese,
  fuor d'una terra che sul destro fianco
  di quel fiume sedeva, un vecchio scese,
  di molta età, per quanto il crine bianco
  ne dava indicio; il qual tutto cortese,
  dopo i saluti, al conte rivoltosse,
  che capo giudicò che di lor fosse.

19

  E da parte il pregò d'una donzella,
  ch'a lei venir non gli paresse grave,
  la qual ritroverebbe, oltre che bella,
  più ch'altra al mondo affabile e soave;
  over fosse contento aspettar ch'ella
  verrebbe a trovar lui fin alla nave:
  né più restio volesse esser di quanti
  quivi eran giunti cavallieri erranti;

20

  che nessun altro cavallier, ch'arriva
  o per terra o per mare a questa foce,
  di ragionar con la donzella schiva,
  per consigliarla in un suo caso atroce.
  Udito questo, Orlando in su la riva
  senza punto indugiarsi uscì veloce;
  e come umano e pien di cortesia,
  dove il vecchio il menò, prese la via.

21

  Fu ne la terra il paladin condutto
  dentro un palazzo, ove al salir le scale,
  una donna trovò piena di lutto,
  per quanto il viso ne facea segnale,
  e i negri panni che coprian per tutto
  e le logge e le camere e le sale;
  la qual, dopo accoglienza grata e onesta
  fattol seder, gli disse in voce mesta:

22

  — Io voglio che sappiate che figliuola
  fui del conte d'Olanda, a lui sì grata
  (quantunque prole io non gli fossi sola,
  ch'era da dui fratelli accompagnata),
  ch'a quanto io gli chiedea, da lui parola
  contraria non mi fu mai replicata.
  Standomi lieta in questo stato, avenne
  che ne la nostra terra un duca venne.

23

  Duca era di Selandia, e se ne giva
  verso Biscaglia a guerreggiar coi Mori.
  La bellezza e l'età ch'in lui fioriva,
  e li non più da me sentiti amori
  con poca guerra me gli fer captiva;
  tanto più che, per quel ch'apparea fuori,
  io credea e credo, e creder credo il vero,
  ch'amasse ed ami me con cor sincero.

24

  Quei giorni che con noi contrario vento,
  contrario agli altri, a me propizio, il tenne
  (ch'agli altri fur quaranta, a me un momento;
  così al fuggire ebbon veloci penne),
  fummo più volte insieme a parlamento,
  dove, che 'l matrimonio con solenne
  rito al ritorno suo saria tra nui
  mi promise egli, ed io 'l promisi a lui.

25

  Bireno a pena era da noi partito
  (che così ha nome il mio fedele amante),
  che 'l re di Frisa (la qual, quanto il lito
  del mar divide il fiume, è a noi distante),
  disegnando il figliuol farmi marito,
  ch'unico al mondo avea, nomato Arbante,
  per li più degni del suo stato manda
  a domandarmi al mio padre in Olanda.

26

  Io ch'all'amante mio di quella fede
  mancar non posso, che gli aveva data,
  e anco ch'io possa, Amor non mi conciede
  che poter voglia, e ch'io sia tanto ingrata;
  per ruinar la pratica ch'in piede
  era gagliarda, e presso al fin guidata,
  dico a mio padre, che prima ch'in Frisa
  mi dia marito, io voglio essere uccisa.

27

  Il mio buon padre, al qual sol piacea quanto
  a me piacea, né mai turbar mi volse,
  per consolarmi e far cessare il pianto
  ch'io ne facea, la pratica disciolse:
  di che il superbo re di Frisa tanto
  isdegno prese e a tanto odio si volse,
  ch'entrò in Olanda, e cominciò la guerra
  che tutto il sangue mio cacciò sotterra.

28

  Oltre che sia robusto, e sì possente,
  che pochi pari a nostra età ritruova,
  e sì astuto in mal far, ch'altrui niente
  la possanza, l'ardir, l'ingegno giova;
  porta alcun'arme che l'antica gente
  non vide mai, né fuor ch'a lui, la nuova:
  un ferro bugio, lungo da dua braccia,
  dentro a cui polve ed una palla caccia.

29

  Col fuoco dietro ove la canna è chiusa,
  tocca un spiraglio che si vede a pena;
  a guisa che toccare il medico usa
  dove è bisogno d'allacciar la vena:
  onde vien con tal suon la palla esclusa,
  che si può dir che tuona e che balena;
  né men che soglia il fulmine ove passa,
  ciò che tocca, arde, abatte, apre e fracassa.

30

  Pose due volte il nostro campo in rotta
  con questo inganno, e i miei fratelli uccise:
  nel primo assalto il primo; che la botta,
  rotto l'usbergo, in mezzo il cor gli mise;
  ne l'altra zuffa a l'altro, il quale in frotta
  fuggìa, dal corpo l'anima divise;
  e lo ferì lontan dietro la spalla,
  e fuor del petto uscir fece la palla.

31

  Difendendosi poi mio padre un giorno
  dentro un castel che sol gli era rimaso,
  che tutto il resto avea perduto intorno,
  lo fe' con simil colpo ire all'occaso;
  che mentre andava e che facea ritorno,
  provedendo or a questo or a quel caso,
  dal traditor fu in mezzo gli occhi colto,
  che l'avea di lontan di mira tolto.

32

  Morto i fratelli e il padre, e rimasa io
  de l'isola d'Olanda unica erede,
  il re di Frisa, perché avea disio
  di ben fermare in quello stato il piede,
  mi fa sapere, e così al popul mio,
  che pace e che riposo mi conciede,
  quando io vogli or, quel che non volsi inante,
  tor per marito il suo figliuolo Arbante.

33

  Io per l'odio non sì, che grave porto
  a lui e a tutta la sua iniqua schiatta,
  il qual m'ha dui fratelli e 'l padre morto,
  saccheggiata la patria, arsa e disfatta;
  come perché a colui non vo' far torto,
  a cui già la promessa aveva fatta,
  ch'altr'uomo non saria che mi sposasse,
  fin che di Spagna a me non ritornasse:

34

  — Per un mal ch'io patisco, ne vo' cento
  patir (rispondo), e far di tutto il resto;
  esser morta, arsa viva, e che sia al vento
  la cener sparsa, inanzi che far questo. —
  Studia la gente mia di questo intento
  tormi: chi priega, e chi mi fa protesto
  di dargli in mano me e la terra, prima
  che la mia ostinazion tutti ci opprima.

35

  Così, poi che i protesti e i prieghi invano
  vider gittarsi, e che pur stava dura,
  presero accordo col Frisone, e in mano,
  come avean detto, gli dier me e le mura.
  Quel, senza farmi alcuno atto villano,
  de la vita e del regno m'assicura,
  pur ch'io indolcisca l'indurate voglie,
  e che d'Arbante suo mi faccia moglie.

36

  Io che sforzar così mi veggio, voglio,
  per uscirgli di man, perder la vita;
  ma se pria non mi vendico, mi doglio
  più che di quanta ingiuria abbia patita.
  Fo pensier molti; e veggio al mio cordoglio
  che solo il simular può dare aita:
  fingo ch'io brami, non che non mi piaccia,
  che mi perdoni e sua nuora mi faccia.

37

  Fra molti ch'al servizio erano stati
  già di mio padre, io scelgo dui fratelli,
  di grande ingegno e di gran cor dotati,
  ma più di vera fede, come quelli
  che cresciutici in corte ed allevati
  si son con noi da teneri citelli;
  e tanto miei, che poco lor parria
  la vita por per la salute mia.

38

  Communico con loro il mio disegno:
  essi prometton d'essermi in aiuto.
  L'un viene in Fiandra, e v'apparecchia un legno;
  l'altro meco in Olanda ho ritenuto.
  Or mentre i forestieri e quei del regno
  s'invitano alle nozze, fu saputo
  che Bireno in Biscaglia avea una armata,
  per venire in Olanda, apparecchiata.

39

  Però che, fatta la prima battaglia
  dove fu rotto un mio fratello e ucciso,
  spacciar tosto un corrier feci in Biscaglia,
  che portassi a Bireno il tristo aviso;
  il qual mentre che s'arma e si travaglia,
  dal re di Frisa il resto fu conquiso.
  Bireno, che di ciò nulla sapea,
  per darci aiuto i legni sciolti avea.

40

  Di questo avuto aviso il re frisone,
  de le nozze al figliuol la cura lassa;
  e con l'armata sua nel mar si pone:
  truova il duca, lo rompe, arde e fracassa,
  e, come vuol Fortuna, il fa prigione;
  ma di ciò ancor la nuova a noi non passa.
  Mi sposa intanto il giovene, e si vuole
  meco corcar come si corchi il sole.

41

  Io dietro alle cortine avea nascoso
  quel mio fedele; il qual nulla si mosse
  prima che a me venir vide lo sposo;
  e non l'attese che corcato fosse,
  ch'alzò un'accetta, e con sì valoroso
  braccio dietro nel capo lo percosse,
  che gli levò la vita e la parola:
  io saltai presta, e gli segai la gola.

42

  Come cadere il bue suole al macello,
  cade il malnato giovene, in dispetto
  del re Cimosco, il più d'ogn'altro fello;
  che l'empio re di Frisa è così detto,
  che morto l'uno e l'altro mio fratello
  m'avea col padre, e per meglio suggetto
  farsi il mio stato, mi volea per nuora;
  e forse un giorno uccisa avria me ancora.

43

  Prima ch'altro disturbo vi si metta,
  tolto quel che più vale e meno pesa,
  il mio compagno al mar mi cala in fretta
  da la finestra a un canape sospesa,
  là dove attento il suo fratello aspetta
  sopra la barca ch'avea in Fiandra presa.
  Demmo le vele ai venti e i remi all'acque,
  e tutti ci salvian, come a Dio piacque.

44

  Non so se 'l re di Frisa più dolente
  del figliuol morto, o se più d'ira acceso
  fosse contra di me, che 'l dì seguente
  giunse là dove si trovò sì offeso.
  Superbo ritornava egli e sua gente
  de la vittoria e di Bireno preso;
  e credendo venire a nozze e a festa,
  ogni cosa trovò scura e funesta.

45

  La pietà del figliuol, l'odio ch'aveva
  a me, né dì né notte il lascia mai.
  Ma perché il pianger morti non rileva,
  e la vendetta sfoga l'odio assai,
  la parte del pensier, ch'esser doveva
  de la pietade in sospirare e in guai,
  vuol che con l'odio a investigar s'unisca,
  come egli m'abbia in mano e mi punisca.

46

  Quei tutti che sapeva e gli era detto
  che mi fossino amici, o di quei miei
  che m'aveano aiutata a far l'effetto,
  uccise, o lor beni arse, o li fe' rei.
  Volse uccider Bireno in mio dispetto;
  che d'altro sì doler non mi potrei:
  gli parve poi, se vivo lo tenesse,
  che per pigliarmi, in man la rete avesse.

47

  Ma gli propone una crudele e dura
  condizion: gli fa termine un anno,
  al fin del qual gli darà morte oscura,
  se prima egli per forza o per inganno,
  con amici e parenti non procura,
  con tutto ciò che ponno e ciò che sanno,
  di darmigli in prigion: sì che la via
  di lui salvare è sol la morte mia.

48

  Ciò che si possa far per sua salute,
  fuor che perder me stessa, il tutto ho fatto.
  Sei castella ebbi in Fiandra, e l'ho vendute:
  e 'l poco o 'l molto prezzo ch'io n'ho tratto,
  parte, tentando per persone astute
  i guardiani corrumpere, ho distratto;
  e parte, per far muovere alli danni
  di quell'empio or gl'Inglesi, or gli Alamanni.

49

  I mezzi, o che non abbiano potuto,
  o che non abbian fatto il dover loro,
  m'hanno dato parole e non aiuto;
  e sprezzano or che n'han cavato l'oro:
  e presso al fine il termine è venuto,
  dopo il qual né la forza né 'l tesoro
  potrà giunger più a tempo, sì che morte
  e strazio schivi al mio caro consorte.

50

  Mio padre e' miei fratelli mi son stati
  morti per lui; per lui toltomi il regno;
  per lui quei pochi beni che restati
  m'eran, del viver mio soli sostegno,
  per trarlo di prigione ho disipati:
  né mi resta ora in che più far disegno,
  se non d'andarmi io stessa in mano a porre
  di sì crudel nimico, e lui disciorre.

51

  Se dunque da far altro non mi resta,
  né si truova al suo scampo altro riparo
  che per lui por questa mia vita, questa
  mia vita per lui por mi sarà caro.
  Ma sola una paura mi molesta,
  che non saprò far patto così chiaro,
  che m'assicuri che non sia il tiranno,
  poi ch'avuta m'avrà, per fare inganno.

52

  Io dubito che poi che m'avrà in gabbia
  e fatto avrà di me tutti li strazi,
  né Bireno per questo a lasciare abbia,
  sì ch'esser per me sciolto mi ringrazi;
  come periuro, e pien di tanta rabbia,
  che di me sola uccider non si sazi:
  e quel ch'avrà di me, né più né meno
  faccia di poi del misero Bireno.

53

  Or la cagion che conferir con voi
  mi fa i miei casi, e ch'io li dico a quanti
  signori e cavallier vengono a noi,
  è solo acciò, parlandone con tanti,
  m'insegni alcun d'assicurar che, poi
  ch'a quel crudel mi sia condotta avanti,
  non abbia a ritener Bireno ancora,
  né voglia, morta me, ch'esso poi mora.

54

  Pregato ho alcun guerrier, che meco sia
  quando io mi darò in mano al re di Frisa;
  ma mi prometta e la sua fe' mi dia,
  che questo cambio sarà fatto in guisa,
  ch'a un tempo io data, e liberato fia
  Bireno: sì che quando io sarò uccisa,
  morrò contenta, poi che la mia morte
  avrà dato la vita al mio consorte.

55

  Né fino a questo dì truovo chi toglia
  sopra la fede sua d'assicurarmi,
  che quando io sia condotta, e che mi voglia
  aver quel re, senza Bireno darmi,
  egli non lascierà contra mia voglia
  che presa io sia: sì teme ognun quell'armi;
  teme quell'armi, a cui par che non possa
  star piastra incontra, e sia quanto vuol grossa.

56

  Or, s'in voi la virtù non è diforme
  dal fier sembiante e da l'erculeo aspetto,
  e credete poter darmegli, e torme
  anco da lui, quando non vada retto;
  siate contento d'esser meco a porme
  ne le man sue: ch'io non avrò sospetto,
  quando voi siate meco, se ben io
  poi ne morrò, che muora il signor mio. —

57

  Qui la donzella il suo parlar conchiuse,
  che con pianto e sospir spesso interroppe.
  Orlando, poi ch'ella la bocca chiuse,
  le cui voglie al ben far mai non fur zoppe,
  in parole con lei non si diffuse;
  che di natura non usava troppe:
  ma le promise, e la sua fé le diede,
  che farìa più di quel ch'ella gli chiede.

58

  Non è sua intenzion ch'ella in man vada
  del suo nimico per salvar Bireno:
  ben salverà amendui, se la sua spada
  e l'usato valor non gli vien meno.
  Il medesimo dì piglian la strada,
  poi c'hanno il vento prospero e sereno.
  Il paladin s'affretta; che di gire
  all'isola del mostro avea desire.

59

  Or volta all'una, or volta all'altra banda
  per gli alti stagni il buon nochier la vela:
  scuopre un'isola e un'altra di Zilanda;
  scuopre una inanzi, e un'altra a dietro cela.
  Orlando smonta il terzo dì in Olanda;
  ma non smonta colei che si querela
  del re di Frisa: Orlando vuol che intenda
  la morte di quel rio, prima che scenda.

60

  Nel lito armato il paladino varca
  sopra un corsier di pel tra bigio e nero,
  nutrito in Fiandra e nato in Danismarca,
  grande e possente assai più che leggiero;
  però ch'avea, quando si messe in barca,
  in Bretagna lasciato il suo destriero,
  quel Brigliador sì bello e sì gagliardo,
  che non ha paragon, fuor che Baiardo.

61

  Giunge Orlando a Dordreche, e quivi truova
  di molta gente armata in su la porta;
  sì perché sempre, ma più quando è nuova,
  seco ogni signoria sospetto porta;
  sì perché dianzi giunta era una nuova,
  che di Selandia con armata scorta
  di navili e di gente un cugin viene
  di quel signor che qui prigion si tiene.

62

  Orlando prega uno di lor, che vada
  e dica al re, ch'un cavalliero errante
  disia con lui provarsi a lancia e a spada;
  ma che vuol che tra lor sia patto inante:
  che se 'l re fa che, chi lo sfida, cada,
  la donna abbia d'aver, ch'uccise Arbante;
  che 'l cavallier l'ha in loco non lontano
  da poter sempremai darglila in mano;

63

  ed all'incontro vuol che 'l re prometta,
  ch'ove egli vinto ne la pugna sia,
  Bireno in libertà subito metta,
  e che lo lasci andare alla sua via.
  Il fante al re fa l'ambasciata in fretta:
  ma quel, che né virtù né cortesia
  conobbe mai, drizzò tutto il suo intento
  alla fraude, all'inganno, al tradimento.

64

  Gli par ch'avendo in mano il cavalliero,
  avrà la donna ancor, che sì l'ha offeso,
  s'in possanza di lui la donna è vero
  che si ritruovi, e il fante ha ben inteso.
  Trenta uomini pigliar fece sentiero
  diverso da la porta ov'era atteso,
  che dopo occulto ed assai lungo giro,
  dietro alle spalle al paladino usciro.

65

  Il traditore intanto dar parole
  fatto gli avea, sin che i cavalli e i fanti
  vede esser giunti al loco ove gli vuole;
  da la porta esce poi con altretanti.
  Come le fere e il bosco cinger suole
  perito cacciator da tutti i canti;
  come appresso a Volana i pesci e l'onda
  con lunga rete il pescator circonda:

66

  così per ogni via dal re di Frisa,
  che quel guerrier non fugga, si provede.
  Vivo lo vuole, e non in altra guisa:
  e questo far sì facilmente crede,
  che 'l fulmine terrestre, con che uccisa
  ha tanta e tanta gente, ora non chiede;
  che quivi non gli par che si convegna,
  dove pigliar, non far morir, disegna.

67

  Qual cauto ucellator che serba vivi,
  intento a maggior preda, i primi augelli,
  acciò in più quantitade altri captivi
  faccia col giuoco e col zimbel di quelli:
  tal esser volse il re Cimosco quivi:
  ma già non volse Orlando esser di quelli
  che si lascin pigliar al primo tratto;
  e tosto roppe il cerchio ch'avean fatto.

68

  Il cavallier d'Anglante, ove più spesse
  vide le genti e l'arme, abbassò l'asta;
  ed uno in quella e poscia un altro messe,
  e un altro e un altro, che sembrar di pasta;
  e fin a sei ve n'infilzò, e li resse
  tutti una lancia: e perch'ella non basta
  a più capir, lasciò il settimo fuore
  ferito sì, che di quel colpo muore.

69

  Non altrimente ne l'estrema arena
  veggiàn le rane de canali e fosse
  dal cauto arcier nei fianchi e ne la schiena,
  l'una vicina all'altra, esser percosse;
  né da la freccia, fin che tutta piena
  non sia da un capo all'altro, esser rimosse.
  La grave lancia Orlando da sé scaglia,
  e con la spada entrò ne la battaglia.

70

  Rotta la lancia, quella spada strinse,
  quella che mai non fu menata in fallo;
  e ad ogni colpo, o taglio o punta, estinse
  quando uomo a piedi, e quando uomo a cavallo:
  dove toccò, sempre in vermiglio tinse
  l'azzurro, il verde, il bianco, il nero, il giallo.
  Duolsi Cimosco che la canna e il fuoco
  seco or non ha, quando v'avrian più loco.

71

  E con gran voce e con minacce chiede
  che portati gli sian, ma poco è udito;
  che chi ha ritratto a salvamento il piede
  ne la città, non è d'uscir più ardito.
  Il re frison, che fuggir gli altri vede,
  d'esser salvo egli ancor piglia partito:
  corre alla porta, e vuole alzare il ponte,
  ma troppo è presto ad arrivare il conte.

72

  Il re volta le spalle, e signor lassa
  del ponte Orlando e d'amendue le porte;
  e fugge, e inanzi a tutti gli altri passa,
  mercé che 'l suo destrier corre più forte.
  Non mira Orlando a quella plebe bassa:
  vuole il fellon, non gli altri, porre a morte;
  ma il suo destrier sì al corso poco vale,
  che restio sembra, e chi fugge, abbia l'ale.

73

  D'una in un'altra via si leva ratto
  di vista al paladin; ma indugia poco,
  che torna con nuove armi; che s'ha fatto
  portare intanto il cavo ferro e il fuoco:
  e dietro un canto postosi di piatto,
  l'attende, come il cacciatore al loco,
  coi cani armati e con lo spiedo, attende
  il fier cingial che ruinoso scende;

74

  che spezza i rami e fa cadere i sassi,
  e ovunque drizzi l'orgogliosa fronte,
  sembra a tanto rumor che si fracassi
  la selva intorno, e che si svella il monte.
  Sta Cimosco alla posta, acciò non passi
  senza pagargli il fio l'audace conte:
  tosto ch'appare, allo spiraglio tocca
  col fuoco il ferro, e quel subito scocca.

75

  Dietro lampeggia a guisa di baleno,
  dinanzi scoppia, e manda in aria il tuono.
  Trieman le mura, e sotto i piè il terreno;
  il ciel ribomba al paventoso suono.
  L'ardente stral, che spezza e venir meno
  fa ciò ch'incontra, e dà a nessun perdono,
  sibila e stride; ma, come è il desire
  di quel brutto assassin, non va a ferire.

76

  O sia la fretta, o sia la troppa voglia
  d'uccider quel baron, ch'errar lo faccia;
  o sia che il cor, tremando come foglia,
  faccia insieme tremare e mani e braccia;
  o la bontà divina che non voglia
  che 'l suo fedel campion sì tosto giaccia:
  quel colpo al ventre del destrier si torse;
  lo cacciò in terra, onde mai più non sorse.

77

  Cade a terra il cavallo e il cavalliero:
  la preme l'un, la tocca l'altro a pena;
  che si leva sì destro e sì leggiero,
  come cresciuto gli sia possa e lena.
  Quale il libico Anteo sempre più fiero
  surger solea da la percossa arena,
  tal surger parve, e che la forza, quando
  toccò il terren, si radoppiasse a Orlando.

78

  Chi vide mai dal ciel cadere il foco
  che con sì orrendo suon Giove disserra,
  e penetrare ove un richiuso loco
  carbon con zolfo e con salnitro serra;
  ch'a pena arriva, a pena tocca un poco,
  che par ch'avampi il ciel, non che la terra;
  spezza le mura, e i gravi marmi svelle,
  e fa i sassi volar sin alle stelle;

79

  s'imagini che tal, poi che cadendo
  toccò la terra, il paladino fosse:
  con sì fiero sembiante aspro ed orrendo,
  da far tremar nel ciel Marte, si mosse.
  Di che smarrito il re frison, torcendo
  la briglia indietro, per fuggir voltosse;
  ma gli fu dietro Orlando con più fretta,
  che non esce da l'arco una saetta:

80

  e quel che non avea potuto prima
  fare a cavallo, or farà essendo a piede.
  Lo seguita sì ratto, ch'ogni stima
  di chi nol vide, ogni credenza eccede.
  Lo giunse in poca strada; ed alla cima
  de l'elmo alza la spada, e sì lo fiede,
  che gli parte la testa fin al collo,
  e in terra il manda a dar l'ultimo crollo.

81

  Ecco levar ne la città si sente
  nuovo rumor, nuovo menar di spade;
  che 'l cugin di Bireno con la gente
  ch'avea condutta da le sue contrade,
  poi che la porta ritrovò patente,
  era venuto dentro alla cittade,
  dal paladino in tal timor ridutta,
  che senza intoppo la può scorrer tutta.

82

  Fugge il populo in rotta, che non scorge
  chi questa gente sia, né che domandi;
  ma poi ch'uno ed un altro pur s'accorge
  all'abito e al parlar, che son Selandi,
  chiede lor pace, e il foglio bianco porge;
  e dice al capitan che gli comandi,
  e dar gli vuol contro i Frisoni aiuto,
  che 'l suo duca in prigion gli han ritenuto.

83

  Quel popul sempre stato era nimico
  del re di Frisa e d'ogni suo seguace,
  perché morto gli avea il signore antico,
  ma più perch'era ingiusto, empio e rapace.
  Orlando s'interpose come amico
  d'ambe le parti, e fece lor far pace;
  le quali unite, non lasciar Frisone
  che non morisse o non fosse prigione.

84

  Le porte de le carceri gittate
  a terra sono, e non si cerca chiave.
  Bireno al conte con parole grate
  mostra conoscer l'obligo che gli have.
  Indi insieme e con molte altre brigate
  se ne vanno ove attende Olimpia in nave:
  così la donna, a cui di ragion spetta
  il dominio de l'isola, era detta;

85

  quella che quivi Orlando avea condutto
  non con pensier che far dovesse tanto;
  che la parea bastar, che posta in lutto
  sol lei, lo sposo avesse a trar di pianto.
  Lei riverisce e onora il popul tutto.
  Lungo sarebbe a ricontarvi quanto
  lei Bireno accarezzi, ed ella lui;
  quai grazie al conte rendano ambidui.

86

  Il popul la donzella nel paterno
  seggio rimette, e fedeltà le giura.
  Ella a Bireno, a cui con nodo eterno
  la legò Amor d'una catena dura,
  de lo stato e di sé dona il governo.
  Ed egli tratto poi da un'altra cura,
  de le fortezze e di tutto il domìno
  de l'isola guardian lascia il cugino;

87

  che tornare in Selandia avea disegno,
  e menar seco la fedel consorte:
  e dicea voler fare indi nel regno
  di Frisa esperienza di sua sorte;
  perché di ciò l'assicurava un pegno
  ch'egli aveva in mano, e lo stimava forte:
  la figliuola del re, che fra i captivi,
  che vi fur molti, avea trovata quivi.

88

  E dice ch'egli vuol ch'un suo germano,
  ch'era minor d'età, l'abbia per moglie.
  Quindi si parte il senator romano
  il dì medesmo che Bireno scioglie.
  Non volse porre ad altra cosa mano,
  fra tante e tante guadagnate spoglie,
  se non a quel tormento ch'abbiàn detto
  ch'al fulmine assimiglia in ogni effetto.

89

  L'intenzion non già, perché lo tolle,
  fu per voglia d'usarlo in sua difesa;
  che sempre atto stimò d'animo molle
  gir con vantaggio in qualsivoglia impresa:
  ma per gittarlo in parte, onde non volle
  che mai potesse ad uomo più fare offesa:
  e la polve e le palle e tutto il resto
  seco portò, ch'apparteneva a questo.

90

  E così, poi che fuor de la marea
  nel più profondo mar si vide uscito,
  sì che segno lontan non si vedea
  del destro più né del sinistro lito;
  lo tolse, e disse: — Acciò più non istea
  mai cavallier per te d'esser ardito,
  né quanto il buono val, mai più si vanti
  il rio per te valer, qui giù rimanti.

91

  O maladetto, o abominoso ordigno,
  che fabricato nel tartareo fondo
  fosti per man di Belzebù maligno
  che ruinar per te disegnò il mondo,
  all'inferno, onde uscisti, ti rasigno. —
  Così dicendo, lo gittò in profondo.
  Il vento intanto le gonfiate vele
  spinge alla via de l'isola crudele.

92

  Tanto desire il paladino preme
  di saper se la donna ivi si truova,
  ch'ama assai più che tutto il mondo insieme,
  né un'ora senza lei viver gli giova;
  che s'in Ibernia mette il piede, teme
  di non dar tempo a qualche cosa nuova,
  sì ch'abbia poi da dir invano: — Ahi lasso!
  ch'al venir mio non affrettai più il passo. —

93

  Né scala in Inghelterra né in Irlanda
  mai lasciò far, né sul contrario lito.
  Ma lasciamolo andar dove lo manda
  il nudo arcier che l'ha nel cor ferito.
  Prima che più io ne parli, io vo' in Olanda
  tornare, e voi meco a tornarvi invito;
  che, come a me, so spiacerebbe a voi,
  che quelle nozze fosson senza noi.

94

  Le nozze belle e sontuose fanno;
  ma non sì sontuose né sì belle,
  come in Selandia dicon che faranno.
  Pur non disegno che vegnate a quelle;
  perché nuovi accidenti a nascere hanno
  per disturbarle, de' quai le novelle
  all'altro canto vi farò sentire,
  s'all'altro canto mi verrete a udire.



CANTO DECIMO


1

  Fra quanti amor, fra quante fede al mondo
  mai si trovar, fra quanti cor constanti,
  fra quante, o per dolente o per iocondo
  stato, fer prove mai famosi amanti;
  più tosto il primo loco ch'il secondo
  darò ad Olimpia: e se pur non va inanti,
  ben voglio dir che fra gli antiqui e nuovi
  maggior de l'amor suo non si ritruovi;

2

  e che con tante e con sì chiare note
  di questo ha fatto il suo Bireno certo,
  che donna più far certo uomo non puote,
  quando anco il petto e 'l cor mostrasse aperto.
  E s'anime sì fide e sì devote
  d'un reciproco amor denno aver merto,
  dico ch'Olimpia è degna che non meno,
  anzi più che sé ancor, l'ami Bireno:

3

  e che non pur l'abandoni mai
  per altra donna, se ben fosse quella
  ch'Europa ed Asia messe in tanti guai,
  o s'altra ha maggior titolo di bella;
  ma più tosto che lei, lasci coi rai
  del sol l'udita e il gusto e la favella
  e la vita e la fama, e s'altra cosa
  dire o pensar si può più preciosa.

4

  Se Bireno amò lei come ella amato
  Bireno avea, se fu sì a lei fedele
  come ella a lui, se mai non ha voltato
  ad altra via, che a seguir lei, le vele;
  o pur s'a tanta servitù fu ingrato,
  a tanta fede e a tanto amor crudele,
  io vi vo' dire, e far di maraviglia
  stringer le labra ed inarcar le ciglia.

5

  E poi che nota l'impietà vi fia,
  che di tanta bontà fu a lei mercede,
  donne, alcuna di voi mai più non sia,
  ch'a parole d'amante abbia a dar fede.
  L'amante, per aver quel che desia,
  senza guardar che Dio tutto ode e vede,
  aviluppa promesse e giuramenti,
  che tutti spargon poi per l'aria i venti.

6

  I giuramenti e le promesse vanno
  dai venti in aria disipate e sparse,
  tosto che tratta questi amanti s'hanno
  l'avida sete che gli accese ed arse.
  Siate a' prieghi ed a' pianti che vi fanno,
  per questo esempio, a credere più scarse.
  Bene è felice quel, donne mie care,
  ch'essere accorto all'altrui spese impare.

7

  Guardatevi da questi che sul fiore
  de' lor begli anni il viso han sì polito;
  che presto nasce in loro e presto muore,
  quasi un foco di paglia, ogni appetito.
  Come segue la lepre il cacciatore
  al freddo, al caldo, alla montagna, al lito,
  né più l'estima poi che presa vede;
  e sol dietro a chi fugge affretta il piede:

8

  così fan questi gioveni, che tanto
  che vi mostrate lor dure e proterve,
  v'amano e riveriscono con quanto
  studio de' far chi fedelmente serve;
  ma non sì tosto si potran dar vanto
  de la vittoria, che, di donne, serve
  vi dorrete esser fatte; e da voi tolto
  vedrete il falso amore, e altrove volto.

9

  Non vi vieto per questo (ch'avrei torto)
  che vi lasciate amar; che senza amante
  sareste come inculta vite in orto,
  che non ha palo ove s'appoggi o piante.
  Sol la prima lanugine vi esorto
  tutta a fuggir, volubile e incostante,
  e corre i frutti non acerbi e duri,
  ma che non sien però troppo maturi.

10

  Di sopra io vi dicea ch'una figliuola
  del re di Frisa quivi hanno trovata,
  che fia, per quanto n'han mosso parola,
  da Bireno al fratel per moglie data.
  Ma, a dire il vero, esso v'avea la gola;
  che vivanda era troppo delicata:
  e riputato avria cortesia sciocca,
  per darla altrui, levarsela di bocca.

11

  La damigella non passava ancora
  quattordici anni, ed era bella e fresca,
  come rosa che spunti alora alora
  fuor de la buccia e col sol nuovo cresca.
  Non pur di lei Bireno s'innamora,
  ma fuoco mai così non accese esca,
  né se lo pongan l'invide e nimiche
  mani talor ne le mature spiche;

12

  come egli se n'accese immantinente,
  come egli n'arse fin ne le medolle,
  che sopra il padre morto lei dolente
  vide di pianto il bel viso far molle.
  E come suol, se l'acqua fredda sente,
  quella restar che prima al fuoco bolle;
  così l'ardor ch'accese Olimpia, vinto
  dal nuovo successore, in lui fu estinto.

13

  Non pur sazio di lei, ma fastidito
  n'è già così, che può vederla a pena;
  e sì de l'altra acceso ha l'appetito,
  che ne morrà se troppo in lungo il mena:
  pur fin che giunga il dì c'ha statuito
  a dar fine al disio, tanto l'affrena,
  che par ch'adori Olimpia, non che l'ami,
  e quel che piace a lei, sol voglia e brami.

14

  E se accarezza l'altra (che non puote
  far che non l'accarezzi più del dritto),
  non è chi questo in mala parte note;
  anzi a pietade, anzi a bontà gli è ascritto:
  che rilevare un che Fortuna ruote
  talora al fondo, e consolar l'afflitto,
  mai non fu biasmo, ma gloria sovente;
  tanto più una fanciulla, una innocente.

15

  Oh sommo Dio, come i giudìci umani
  spesso offuscati son da un nembo oscuro!
  i modi di Bireno empi e profani,
  pietosi e santi riputati furo.
  I marinari, già messo le mani
  ai remi, e sciolti dal lito sicuro,
  portavan lieti pei salati stagni
  verso Selandia il duca e i suoi compagni.

16

  Già dietro rimasi erano e perduti
  tutti di vista i termini d'Olanda
  (che per non toccar Frisa, più tenuti
  s'eran vêr Scozia alla sinistra banda),
  quando da un vento fur sopravenuti,
  ch'errando in alto mar tre dì li manda.
  Sursero il terzo, già presso alla sera,
  dove inculta e deserta un'isola era.

17

  Tratti che si fur dentro un picciol seno,
  Olimpia venne in terra; e con diletto
  in compagnia de l'infedel Bireno
  cenò contenta e fuor d'ogni sospetto:
  indi con lui, là dove in loco ameno
  teso era un padiglione, entrò nel letto.
  Tutti gli altri compagni ritornaro,
  e sopra i legni lor si riposaro.

18

  Il travaglio del mare e la paura
  che tenuta alcun dì l'aveano desta,
  il ritrovarsi al lito ora sicura,
  lontana da rumor ne la foresta,
  e che nessun pensier, nessuna cura,
  poi che 'l suo amante ha seco, la molesta;
  fur cagion ch'ebbe Olimpia sì gran sonno,
  che gli orsi e i ghiri aver maggior nol ponno.

19

  Il falso amante che i pensati inganni
  veggiar facean, come dormir lei sente,
  pian piano esce del letto, e de' suoi panni
  fatto un fastel, non si veste altrimente;
  e lascia il padiglione; e come i vanni
  nati gli sian, rivola alla sua gente,
  e li risveglia; e senza udirsi un grido,
  fa entrar ne l'alto e abandonare il lido.

20

  Rimase a dietro il lido e la meschina
  Olimpia, che dormì senza destarse,
  fin che l'Aurora la gelata brina
  da le dorate ruote in terra sparse,
  e s'udir le Alcione alla marina
  de l'antico infortunio lamentarse.
  Né desta né dormendo, ella la mano
  per Bireno abbracciar stese, ma invano.

21

  Nessuno truova: a sé la man ritira:
  di nuovo tenta, e pur nessuno truova.
  Di qua l'un braccio, e di là l'altro gira,
  or l'una or l'altra gamba; e nulla giova.
  Caccia il sonno il timor: gli occhi apre, e mira:
  non vede alcuno. Or già non scalda e cova
  più le vedove piume, ma si getta
  del letto e fuor del padiglione in fretta:

22

  e corre al mar, graffiandosi le gote,
  presaga e certa ormai di sua fortuna.
  Si straccia i crini, e il petto si percuote,
  e va guardando (che splendea la luna)
  se veder cosa, fuor che 'l lito, puote;
  né fuor che 'l lito, vede cosa alcuna.
  Bireno chiama: e al nome di Bireno
  rispondean gli Antri che pietà n'avieno.

23

  Quivi surgea nel lito estremo un sasso,
  ch'aveano l'onde, col picchiar frequente,
  cavo e ridutto a guisa d'arco al basso;
  e stava sopra il mar curvo e pendente.
  Olimpia in cima vi salì a gran passo
  (così la facea l'animo possente),
  e di lontano le gonfiate vele
  vide fuggir del suo signor crudele:

24

  vide lontano, o le parve vedere;
  che l'aria chiara ancor non era molto.
  Tutta tremante si lasciò cadere,
  più bianca e più che nieve fredda in volto;
  ma poi che di levarsi ebbe potere,
  al camin de le navi il grido volto,
  chiamò, quanto potea chiamar più forte,
  più volte il nome del crudel consorte:

25

  e dove non potea la debil voce,
  supliva il pianto e 'l batter' palma a palma.
  — Dove fuggi, crudel, così veloce?
  Non ha il tuo legno la debita salma.
  Fa che lievi me ancor: poco gli nuoce
  che porti il corpo, poi che porta l'alma. —
  E con le braccia e con le vesti segno
  fa tuttavia, perché ritorni il legno.

26

  Ma i venti che portavano le vele
  per l'alto mar di quel giovene infido,
  portavano anco i prieghi e le querele
  de l'infelice Olimpia, e 'l pianto e 'l grido;
  la qual tre volte, a se stessa crudele,
  per affogarsi si spiccò dal lido:
  pur al fin si levò da mirar l'acque,
  e ritornò dove la notte giacque.

27

  E con la faccia in giù stesa sul letto,
  bagnandolo di pianto, dicea lui:
  — Iersera desti insieme a dui ricetto;
  perché insieme al levar non siamo dui?
  O perfido Bireno, o maladetto
  giorno ch'al mondo generata fui!
  Che debbo far? che poss'io far qui sola?
  chi mi dà aiuto? ohimè, chi mi consola?

28

  Uomo non veggio qui, non ci veggio opra
  donde io possa stimar ch'uomo qui sia;
  nave non veggio, a cui salendo sopra,
  speri allo scampo mio ritrovar via.
  Di disagio morrò; né chi mi cuopra
  gli occhi sarà, né chi sepolcro dia,
  se forse in ventre lor non me lo dànno
  i lupi, ohimè, ch'in queste selve stanno.

29

  Io sto in sospetto, e già di veder parmi
  di questi boschi orsi o leoni uscire,
  o tigri o fiere tal, che natura armi
  d'aguzzi denti e d'ugne da ferire.
  Ma quai fere crudel potriano farmi,
  fera crudel, peggio di te morire?
  darmi una morte, so, lor parrà assai;
  e tu di mille, ohimè, morir mi fai.

30

  Ma presupongo ancor ch'or ora arrivi
  nochier che per pietà di qui mi porti;
  e così lupi, orsi, leoni schivi,
  strazi, disagi ed altre orribil morti:
  mi porterà forse in Olanda, s'ivi
  per te si guardan le fortezze e i porti?
  mi porterà alla terra ove son nata,
  se tu con fraude già me l'hai levata?

31

  Tu m'hai lo stato mio, sotto pretesto
  di parentado e d'amicizia, tolto.
  Ben fosti a porvi le tue genti presto,
  per avere il dominio a te rivolto.
  Tornerò in Fiandra? ove ho venduto il resto
  di che io vivea, ben che non fossi molto,
  per sovenirti e di prigione trarte.
  Mischina! dove andrò? non so in qual parte.

32

  Debbo forse ire in Frisa, ove io potei,
  e per te non vi volsi esser regina?
  il che del padre e dei fratelli miei
  e d'ogn'altro mio ben fu la ruina.
  Quel c'ho fatto per te, non ti vorrei,
  ingrato, improverar, né disciplina
  dartene; che non men di me lo sai:
  or ecco il guiderdon che me ne dai.

33

  Deh, pur che da color che vanno in corso
  io non sia presa, e poi venduta schiava!
  Prima che questo, il lupo, il leon, l'orso
  venga, e la tigre e ogn'altra fera brava,
  di cui l'ugna mi stracci, e franga il morso;
  e morta mi strascini alla sua cava. —
  Così dicendo, le mani si caccia
  ne' capei d'oro, e a chiocca a chiocca straccia.

34

  Corre di nuovo in su l'estrema sabbia,
  e ruota il capo e sparge all'aria il crine;
  e sembra forsennata, e ch'adosso abbia
  non un demonio sol, ma le decine;
  o, qual Ecuba, sia conversa in rabbia,
  vistosi morto Polidoro al fine.
  Or si ferma s'un sasso, e guarda il mare;
  né men d'un vero sasso, un sasso pare.

35

  Ma lasciànla doler fin ch'io ritorno,
  per voler di Ruggier dirvi pur anco,
  che nel più intenso ardor del mezzo giorno
  cavalca il lito, affaticato e stanco.
  Percuote il sol nel colle e fa ritorno:
  di sotto bolle il sabbion trito e bianco.
  Mancava all'arme ch'avea indosso, poco
  ad esser, come già, tutte di fuoco.

36

  Mentre la sete, e de l'andar fatica
  per l'alta sabbia e la solinga via
  gli facean, lungo quella spiaggia aprica,
  noiosa e dispiacevol compagnia;
  trovò ch'all'ombra d'una torre antica
  che fuor de l'onde appresso il lito uscia,
  de la corte d'Alcina eran tre donne,
  che le conobbe ai gesti ed alle gonne.

37

  Corcate su tapeti allessandrini
  godeansi il fresco rezzo in gran diletto,
  fra molti vasi di diversi vini
  e d'ogni buona sorte di confetto.
  Presso alla spiaggia, coi flutti marini
  scherzando, le aspettava un lor legnetto
  fin che la vela empiesse agevol òra;
  ch'un fiato pur non ne spirava allora.

38

  Queste, ch'andar per la non ferma sabbia
  vider Ruggier al suo viaggio dritto,
  che sculta avea la sete in su le labbia,
  tutto pien di sudore il viso afflitto,
  gli cominciaro a dir che sì non abbia
  il cor voluntaroso al camin fitto,
  ch'alla fresca e dolce ombra non si pieghi,
  e ristorar lo stanco corpo nieghi.

39

  E di lor una s'accostò al cavallo
  per la staffa tener, che ne scendesse;
  l'altra con una coppa di cristallo
  di vin spumante, più sete gli messe:
  ma Ruggiero a quel suon non entrò in ballo;
  perché d'ogni tardar che fatto avesse,
  tempo di giunger dato avria ad Alcina,
  che venìa dietro ed era omai vicina.

40

  Non così fin salnitro e zolfo puro,
  tocco dal fuoco, subito s'avampa;
  né così freme il mar quando l'oscuro
  turbo discende e in mezzo se gli accampa:
  come, vedendo che Ruggier sicuro
  al suo dritto camin l'arena stampa,
  e che le sprezza (e pur si tenean belle),
  d'ira arse e di furor la terza d'elle.

41

  — Tu non sei né gentil né cavalliero
  (dice gridando quanto può più forte),
  ed hai rubate l'arme; e quel destriero
  non saria tuo per veruna altra sorte:
  e così, come ben m'appongo al vero,
  ti vedessi punir di degna morte;
  che fossi fatto in quarti, arso o impiccato,
  brutto ladron, villan, superbo, ingrato. —

42

  Oltr'a queste e molt'altre ingiuriose
  parole che gli usò la donna altiera,
  ancor che mai Ruggier non le rispose,
  che di sì vil tenzon poco onor spera;
  con le sorelle tosto ella si pose
  sul legno in mar, che al lor servigio v'era:
  ed affrettando i remi, lo seguiva,
  vedendol tuttavia dietro alla riva.

43

  Minaccia sempre, maledice e incarca;
  che l'onte sa trovar per ogni punto.
  Intanto a quello stretto, onde si varca
  alla fata più bella, è Ruggier giunto;
  dove un vecchio nochiero una sua barca
  scioglier da l'altra ripa vede, a punto
  come, avisato e già provisto, quivi
  si stia aspettando che Ruggiero arrivi.

44

  Scioglie il nochier, come venir lo vede,
  di trasportarlo a miglior ripa lieto;
  che, se la faccia può del cor dar fede,
  tutto benigno e tutto era discreto.
  Pose Ruggier sopra il navilio il piede,
  Dio ringraziando; e per lo mar quieto
  ragionando venìa col galeotto,
  saggio e di lunga esperienza dotto.

45

  Quel lodava Ruggier, che sì se avesse
  saputo a tempo tor da Alcina, e inanti
  che 'l calice incantato ella gli desse,
  ch'avea al fin dato a tutti gli altri amanti;
  e poi, che a Logistilla si traesse,
  dove veder potria costumi santi,
  bellezza eterna ed infinita grazia
  che 'l cor notrisce e pasce, e mai non sazia.

46

  — Costei (dicea) stupore e riverenza
  induce all'alma, ove si scuopre prima.
  Contempla meglio poi l'alta presenza:
  ogn'altro ben ti par di poca stima.
  Il suo amore ha dagli altri differenza:
  speme o timor negli altri il cor ti lima;
  in questo il desiderio più non chiede,
  e contento riman come la vede.

47

  Ella t'insegnerà studi più grati,
  che suoni, danze, odori, bagni e cibi:
  ma come i pensier tuoi meglio formati
  poggin più ad alto, che per l'aria i nibi,
  e come de la gloria de' beati
  nel mortal corpo parte si delibi. —
  Così parlando il marinar veniva,
  lontano ancora alla sicura riva;

48

  quando vide scoprire alla marina
  molti navili, e tutti alla sua volta.
  Con quei ne vien l'ingiuriata Alcina;
  e molta di sua gente have raccolta
  per por lo stato a se stessa in ruina,
  o racquistar la cara cosa tolta.
  E bene è amor di ciò cagion non lieve,
  ma l'ingiuria non men che ne riceve.

49

  Ella non ebbe sdegno, da che nacque,
  di questo il maggior mai, ch'ora la rode;
  onde fa i remi sì affrettar per l'acque,
  che la spuma ne sparge ambe le prode.
  Al gran rumor né mar né ripa tacque,
  ed Ecco risonar per tutto s'ode.
  — Scuopre, Ruggier, lo scudo, che bisogna;
  se non, sei morto, o preso con vergogna. —

50

  Così disse il nocchier di Logistilla:
  ed oltre il detto, egli medesmo prese
  la tasca e da lo scudo dipartilla,
  e fe' il lume di quel chiaro e palese.
  L'incantato splendor che ne sfavilla,
  gli occhi degli aversari così offese,
  che li fe' restar ciechi allora allora,
  e cader chi da poppa e chi da prora.

51

  Un ch'era alla veletta in su la rocca,
  de l'armata d'Alcina si fu accorto;
  e la campana martellando tocca,
  onde il soccorso vien subito al porto.
  L'artegliaria, come tempesta, fiocca
  contra chi vuole al buon Ruggier far torto:
  sì che gli venne d'ogni parte aita,
  tal che salvò la libertà e la vita.

52

  Giunte son quattro donne in su la spiaggia,
  che subito ha mandate Logistilla:
  la valorosa Andronica e la saggia
  Fronesia e l'onestissima Dicilla
  e Sofrosina casta, che, come aggia
  quivi a far più che l'altre, arde e sfavilla.
  L'esercito ch'al mondo è senza pare,
  del castello esce, e si distende al mare.

53

  Sotto il castel ne la tranquilla foce
  di molti e grossi legni era una armata,
  ad un botto di squilla, ad una voce
  giorno e notte a battaglia apparecchiata.
  E così fu la pugna aspra ed atroce,
  e per acqua e per terra, incominciata;
  per cui fu il regno sottosopra volto,
  ch'avea già Alcina alla sorella tolto.

54

  Oh di quante battaglie il fin successe
  diverso a quel che si credette inante!
  Non sol ch'Alcina alor non riavesse,
  come stimossi, il fugitivo amante;
  ma dele navi che pur dianzi spesse
  fur sì, ch'a pena il mar ne capia tante,
  fuor de la fiamma che tutt'altre avampa,
  con un legnetto sol misera scampa.

55

  Fuggesi Alcina, e sua misera gente
  arsa e presa riman, rotta e sommersa.
  D'aver Ruggier perduto, ella si sente
  via più doler che d'altra cosa aversa:
  notte e dì per lui geme amaramente,
  e lacrime per lui dagli occhi versa;
  e per dar fine a tanto aspro martire,
  spesso si duol di non poter morire.

56

  Morir non puote alcuna fata mai,
  fin che 'l sol gira, o il ciel non muta stilo.
  Se ciò non fosse, era il dolore assai
  per muover Cloto ad inasparle il filo;
  o, qual Didon, finia col ferro i guai;
  o la regina splendida del Nilo
  avria imitata con mortifer sonno:
  ma le fate morir sempre non ponno.

57

  Torniamo a quel di eterna gloria degno
  Ruggiero; e Alcina stia ne la sua pena.
  Dico di lui, che poi che fuor del legno
  si fu condutto in più sicura arena,
  Dio ringraziando che tutto il disegno
  gli era successo, al mar voltò la schiena;
  ed affrettando per l'asciutto il piede,
  alla rocca ne va che quivi siede.

58

  Né la più forte ancor né la più bella
  mai vide occhio mortal prima né dopo.
  Son di più prezzo le mura di quella,
  che se diamante fossino o piropo.
  Di tai gemme qua giù non si favella:
  ed a chi vuol notizia averne, è d'uopo
  che vada quivi; che non credo altrove,
  se non forse su in ciel, se ne ritruove.

59

  Quel che più fa che lor si inchina e cede
  ogn'altra gemma, è che, mirando in esse,
  l'uom sin in mezzo all'anima si vede;
  vede suoi vizi e sue virtudi espresse,
  sì che a lusinghe poi di sé non crede,
  né a chi dar biasmo a torto gli volesse:
  fassi, mirando allo specchio lucente
  se stesso, conoscendosi, prudente.

60

  Il chiaro lume lor, ch'imita il sole,
  manda splendore in tanta copia intorno,
  che chi l'ha, ovunque sia, sempre che vuole,
  Febo, mal grado tuo, si può far giorno.
  Né mirabil vi son le pietre sole;
  ma la materia e l'artificio adorno
  contendon sì, che mal giudicar puossi
  qual de le due eccellenze maggior fossi.

61

  Sopra gli altissimi archi, che puntelli
  parean che del ciel fossino a vederli,
  eran giardin sì spaziosi e belli,
  che saria al piano anco fatica averli.
  Verdeggiar gli odoriferi arbuscelli
  si puon veder fra i luminosi merli,
  ch'adorni son l'estate e il verno tutti
  di vaghi fiori e di maturi frutti.

62

  Di così nobili arbori non suole
  prodursi fuor di questi bei giardini,
  né di tai rose o di simil viole,
  di gigli, di amaranti o di gesmini.
  Altrove appar come a un medesmo sole
  e nasca e viva, e morto il capo inchini,
  e come lasci vedovo il suo stelo
  il fior suggetto al variar del cielo:

63

  ma quivi era perpetua la verdura,
  perpetua la beltà de' fiori eterni:
  non che benignità de la Natura
  sì temperatamente li governi;
  ma Logistilla con suo studio e cura,
  senza bisogno de' moti superni
  (quel che agli altri impossibile parea),
  sua primavera ognor ferma tenea.

64

  Logistilla mostrò molto aver grato
  ch'a lei venisse un sì gentil signore;
  e comandò che fosse accarezzato,
  e che studiasse ognun di fargli onore.
  Gran pezzo inanzi Astolfo era arrivato,
  che visto da Ruggier fu di buon core.
  Fra pochi giorni venner gli altri tutti,
  ch'a l'esser lor Melissa avea ridutti.

65

  Poi che si fur posati un giorno e dui,
  venne Ruggiero alla fata prudente
  col duca Astolfo, che non men di lui
  avea desir di riveder Ponente.
  Melissa le parlò per amendui;
  e supplica la fata umilemente,
  che li consigli, favorisca e aiuti,
  sì che ritornin donde eran venuti.

66

  Disse la fata: — Io ci porrò il pensiero,
  e fra dui dì te li darò espediti. —
  Discorre poi tra sé, come Ruggiero,
  e dopo lui, come quel duca aiti:
  conchiude infin che 'l volator destriero
  ritorni il primo agli aquitani liti;
  ma prima vuol che se gli faccia un morso,
  con che lo volga, e gli raffreni il corso.

67

  Gli mostra come egli abbia a far, se vuole
  che poggi in alto, e come a far che cali;
  e come, se vorrà che in giro vole,
  o vada ratto, o che si stia su l'ali:
  e quali effetti il cavallier far suole
  di buon destriero in piana terra, tali
  facea Ruggier che mastro ne divenne,
  per l'aria, del destrier ch'avea le penne.

68

  Poi che Ruggier fu d'ogni cosa in punto,
  da la fata gentil comiato prese,
  alla qual restò poi sempre congiunto
  di grande amore; e uscì di quel paese.
  Prima di lui che se n'andò in buon punto,
  e poi dirò come il guerriero inglese
  tornasse con più tempo e più fatica
  al magno Carlo ed alla corte amica.

69

  Quindi partì Ruggier, ma non rivenne
  per quella via che fe' già suo mal grado,
  allor che sempre l'ippogrifo il tenne
  sopra il mare, e terren vide di rado:
  ma potendogli or far batter le penne
  di qua di là, dove più gli era a grado,
  volse al ritorno far nuovo sentiero,
  come, schivando Erode, i Magi fero.

70

  Al venir quivi, era, lasciando Spagna,
  venuto India a trovar per dritta riga,
  là dove il mare oriental la bagna;
  dove una fata avea con l'altra briga.
  Or veder si dispose altra campagna,
  che quella dove i venti Eolo istiga,
  e finir tutto il cominciato tondo,
  per aver, come il sol, girato il mondo.

71

  Quinci il Cataio, e quindi Mangiana
  sopra il gran Quinsaì vide passando:
  volò sopra l'Imavo, e Sericana
  lasciò a man destra; e sempre declinando
  da l'iperborei Sciti a l'onda ircana,
  giunse alle parti di Sarmazia: e quando
  fu dove Asia da Europa si divide,
  Russi e Pruteni e la Pomeria vide.

72

  Ben che di Ruggier fosse ogni desire
  di ritornare a Bradamante presto;
  pur, gustato il piacer ch'avea di gire
  cercando il mondo, non restò per questo,
  ch'alli Pollacchi, agli Ungari venire
  non volesse anco, alli Germani, e al resto
  di quella boreale orrida terra:
  e venne al fin ne l'ultima Inghilterra.

73

  Non crediate, Signor, che però stia
  per sì lungo camin sempre su l'ale:
  ogni sera all'albergo se ne gìa,
  schivando a suo poter d'alloggiar male.
  E spese giorni e mesi in questa via,
  sì di veder la terra e il mar gli cale.
  Or presso a Londra giunto una matina,
  sopra Tamigi il volator declina.

74

  Dove ne' prati alla città vicini
  vide adunati uomini d'arme e fanti,
  ch'a suon di trombe e a suon di tamburini
  venian, partiti a belle schiere, avanti
  il buon Rinaldo, onor de' paladini;
  del qual, se vi ricorda, io dissi inanti,
  che mandato da Carlo, era venuto
  in queste parti a ricercar aiuto.

75

  Giunse a punto Ruggier, che si facea
  la bella mostra fuor di quella terra;
  e per sapere il tutto, ne chiedea
  un cavallier, ma scese prima in terra:
  e quel, ch'affabil era, gli dicea
  che di Scozia e d'Irlanda e d'Inghilterra
  e de l'isole intorno eran le schiere
  che quivi alzate avean tante bandiere:

76

  e finita la mostra che faceano,
  alla marina se distenderanno,
  dove aspettati per solcar l'Oceano
  son dai navili che nel porto stanno.
  I Franceschi assediati si ricreano,
  sperando in questi che a salvar li vanno.
  — Ma acciò tu te n'informi pienamente,
  io ti distinguerò tutta la gente.

77

  Tu vedi ben quella bandiera grande,
  ch'insieme pon la fiordaligi e i pardi:
  quella il gran capitano all'aria spande,
  e quella han da seguir gli altri stendardi.
  Il suo nome, famoso in queste bande,
  è Leonetto, il fior de li gagliardi,
  di consiglio e d'ardire in guerra mastro,
  del re nipote, e duca di Lincastro.

78

  La prima, appresso il gonfalon reale,
  che 'l vento tremolar fa verso il monte,
  e tien nel campo verde tre bianche ale,
  porta Ricardo, di Varvecia conte.
  Del duca di Glocestra è quel segnale,
  c'ha duo corna di cervio e mezza fronte.
  Del duca di Chiarenza è quella face;
  quel arbore è del duca d'Eborace.

79

  Vedi in tre pezzi una spezzata lancia:
  gli è 'l gonfalon del duca di Nortfozia.
  La fulgure è del buon conte di Cancia;
  il grifone è del conte di Pembrozia.
  Il duca di Sufolcia ha la bilancia.
  Vedi quel giogo che due serpi assozia:
  è del conte d'Esenia, e la ghirlanda
  in campo azzurro ha quel di Norbelanda.

80

  Il conte d'Arindelia è quel c'ha messo
  in mar quella barchetta che s'affonda.
  Vedi il marchese di Barclei; e appresso
  di Marchia il conte e il conte di Ritmonda:
  il primo porta in bianco un monte fesso,
  l'altro la palma, il terzo un pin ne l'onda.
  Quel di Dorsezia è conte, e quel d'Antona,
  che l'uno ha il carro, e l'altro la corona.

81

  Il falcon che sul nido i vanni inchina,
  porta Raimondo, il conte di Devonia.
  Il giallo e negro ha quel di Vigorina;
  il can quel d'Erbia un orso quel d'Osonia.
  La croce che là vedi cristallina,
  è del ricco prelato di Battonia.
  Vedi nel bigio una spezzata sedia:
  è del duca Ariman di Sormosedia.

82

  Gli uomini d'arme e gli arcieri a cavallo
  di quarantaduomila numer fanno.
  Sono duo tanti, o di cento non fallo,
  quelli ch'a piè ne la battaglia vanno.
  Mira quei segni, un bigio, un verde, un giallo,
  e di nero e d'azzur listato un panno:
  Gofredo, Enrigo, Ermante ed Odoardo
  guidan pedoni, ognun col suo stendardo.

83

  Duca di Bocchingamia è quel dinante;
  Enrigo ha la contea di Sarisberia;
  signoreggia Burgenia il vecchio Ermante;
  quello Odoardo è conte di Croisberia.
  Questi alloggiati più verso levante
  sono gl'Inglesi. Or volgeti all'Esperia,
  dove si veggion trentamila Scotti,
  da Zerbin, figlio del lor re, condotti.

84

  Vedi tra duo unicorni il gran leone,
  che la spada d'argento ha ne la zampa:
  quell'è del re di Scozia il gonfalone;
  il suo figliol Zerbino ivi s'accampa.
  Non è un sì bello in tante altre persone:
  natura il fece, e poi roppe la stampa.
  Non è in cui tal virtù, tal grazia luca,
  o tal possanza: ed è di Roscia duca.

85

  Porta in azzurro una dorata sbarra
  il conte d'Ottonlei ne lo stendardo.
  L'altra bandiera è del duca di Marra,
  che nel travaglio porta il leopardo.
  Di più colori e di più augei bizzarra
  mira l'insegna d'Alcabrun gagliardo,
  che non è duca, conte, né marchese,
  ma primo nel salvatico paese.

86

  Del duca di Trasfordia è quella insegna,
  dove è l'augel ch'al sol tien gli occhi franchi.
  Lurcanio conte, ch'in Angoscia regna,
  porta quel tauro, c'ha duo veltri ai fianchi.
  Vedi là il duca d'Albania, che segna
  il campo di colori azzurri e bianchi.
  Quel avoltor, ch'un drago verde lania,
  è l'insegna del conte di Boccania.

87

  Signoreggia Forbesse il forte Armano,
  che di bianco e di nero ha la bandiera;
  ed ha il conte d'Erelia a destra mano,
  che porta in campo verde una lumiera.
  Or guarda gl'Ibernesi appresso il piano:
  sono duo squadre; e il conte di Childera
  mena la prima, e il conte di Desmonda
  da fieri monti ha tratta la seconda.

88

  Ne lo stendardo il primo ha un pino ardente;
  l'altro nel bianco una vermiglia banda.
  Non dà soccorso a Carlo solamente
  la terra inglese, e la Scozia e l'Irlanda;
  ma vien di Svezia e di Norvegia gente,
  da Tile, e fin da la remota Islanda:
  da ogni terra, insomma, che là giace,
  nimica naturalmente di pace.

89

  Sedicimila sono, o poco manco,
  de le spelonche usciti e de le selve;
  hanno piloso il viso, il petto, il fianco,
  e dossi e braccia e gambe, come belve.
  Intorno allo stendardo tutto bianco
  par che quel pian di lor lance s'inselve:
  così Moratto il porta, il capo loro,
  per dipingerlo poi di sangue Moro. —

90

  Mentre Ruggier di quella gente bella,
  che per soccorrer Francia si prepara,
  mira le varie insegne e ne favella,
  e dei signor britanni i nomi impara;
  uno ed un altro a lui, per mirar quella
  bestia sopra cui siede, unica o rara,
  maraviglioso corre e stupefatto;
  e tosto il cerchio intorno gli fu fatto.

91

  Sì che per dare ancor più maraviglia,
  e per pigliarne il buon Ruggier più gioco,
  al volante corsier scuote la briglia,
  e con gli sproni ai fianchi il tocca un poco:
  quel verso il ciel per l'aria il camin piglia,
  e lascia ognuno attonito in quel loco.
  Quindi Ruggier, poi che di banda in banda
  vide gl'Inglesi, andò verso l'Irlanda.

92

  E vide Ibernia fabulosa, dove
  il santo vecchiarel fece la cava,
  in che tanta mercé par che si truove,
  che l'uom vi purga ogni sua colpa prava.
  Quindi poi sopra il mare il destrier muove
  là dove la minor Bretagna lava:
  e nel passar vide, mirando a basso,
  Angelica legata al nudo sasso.

93

  Al nudo sasso, all'Isola del pianto;
  che l'Isola del pianto era nomata
  quella che da crudele e fiera tanto
  ed inumana gente era abitata,
  che (come io vi dicea sopra nel canto)
  per vari liti sparsa iva in armata
  tutte le belle donne depredando,
  per farne a un mostro poi cibo nefando.

94

  Vi fu legata pur quella matina,
  dove venìa per trangugiarla viva
  quel smisurato mostro, orca marina,
  che di aborrevole esca si nutriva.
  Dissi di sopra, come fu rapina
  di quei che la trovaro in su la riva
  dormire al vecchio incantatore a canto,
  ch'ivi l'avea tirata per incanto.

95

  La fiera gente inospitale e cruda
  alla bestia crudel nel lito espose
  la bellissima donna, così ignuda
  come Natura prima la compose.
  Un velo non ha pure, in che richiuda
  i bianchi gigli e le vermiglie rose,
  da non cader per luglio o per dicembre,
  di che son sparse le polite membre.

96

  Creduto avria che fosse statua finta
  o d'alabastro o d'altri marmi illustri
  Ruggiero, e su lo scoglio così avinta
  per artificio di scultori industri;
  se non vedea la lacrima distinta
  tra fresche rose e candidi ligustri
  far rugiadose le crudette pome,
  e l'aura sventolar l'aurate chiome.

97

  E come ne' begli occhi gli occhi affisse,
  de la sua Bradamante gli sovvenne.
  Pietade e amore a un tempo lo trafisse,
  e di piangere a pena si ritenne;
  e dolcemente alla donzella disse,
  poi che del suo destrier frenò le penne:
  — O donna, degna sol de la catena
  con chi i suoi servi Amor legati mena,

98

  e ben di questo e d'ogni male indegna,
  chi è quel crudel che con voler perverso
  d'importuno livor stringendo segna
  di queste belle man l'avorio terso? —
  Forza è ch'a quel parlare ella divegna
  quale è di grana un bianco avorio asperso,
  di sé vedendo quelle parti ignude,
  ch'ancor che belle sian, vergogna chiude.

99

  E coperto con man s'avrebbe il volto,
  se non eran legate al duro sasso;
  ma del pianto, ch'almen non l'era tolto,
  lo sparse, e si sforzò di tener basso.
  E dopo alcun' signozzi il parlar sciolto,
  incominciò con fioco suono e lasso:
  ma non seguì; che dentro il fe' restare
  il gran rumor che si sentì nel mare.

100

  Ecco apparir lo smisurato mostro
  mezzo ascoso ne l'onda e mezzo sorto.
  Come sospinto suol da borea o d'ostro
  venir lungo navilio a pigliar porto,
  così ne viene al cibo che l'è mostro
  la bestia orrenda; e l'intervallo è corto.
  La donna è mezza morta di paura;
  né per conforto altrui si rassicura.

101

  Tenea Ruggier la lancia non in resta,
  ma sopra mano, e percoteva l'orca.
  Altro non so che s'assimigli a questa,
  ch'una gran massa che s'aggiri e torca;
  né forma ha d'animal, se non la testa,
  c'ha gli occhi e i denti fuor, come di porca.
  Ruggier in fronte la ferìa tra gli occhi;
  ma par che un ferro o un duro sasso tocchi.

102

  Poi che la prima botta poco vale,
  ritorna per far meglio la seconda.
  L'orca, che vede sotto le grandi ale
  l'ombra di qua e di là correr su l'onda,
  lascia la preda certa litorale,
  e quella vana segue furibonda:
  dietro quella si volve e si raggira.
  Ruggier giù cala, e spessi colpi tira.

103

  Come d'alto venendo aquila suole,
  ch'errar fra l'erbe visto abbia la biscia,
  o che stia sopra un nudo sasso al sole,
  dove le spoglie d'oro abbella e liscia;
  non assalir da quel lato la vuole
  onde la velenosa e soffia e striscia,
  ma da tergo la adugna, e batte i vanni,
  acciò non se le volga e non la azzanni:

104

  così Ruggier con l'asta e con la spada,
  non dove era de' denti armato il muso,
  ma vuol che 'l colpo tra l'orecchie cada,
  or su le schene, or ne la coda giuso.
  Se la fera si volta, ei muta strada,
  ed a tempo giù cala, e poggia in suso:
  ma come sempre giunga in un diaspro,
  non può tagliar lo scoglio duro ed aspro.

105

  Simil battaglia fa la mosca audace
  contra il mastin nel polveroso agosto,
  o nel mese dinanzi o nel seguace,
  l'uno di spiche e l'altro pien di mosto:
  negli occhi il punge e nel grifo mordace,
  volagli intorno e gli sta sempre accosto;
  e quel suonar fa spesso il dente asciutto:
  ma un tratto che gli arrivi, appaga il tutto.

106

  Sì forte ella nel mar batte la coda,
  che fa vicino al ciel l'acqua inalzare;
  tal che non sa se l'ale in aria snoda,
  o pur se 'l suo destrier nuota nel mare.
  Gli è spesso che disia trovarsi a proda;
  che se lo sprazzo in tal modo ha a durare,
  teme sì l'ale inaffi all'ippogrifo,
  che brami invano avere o zucca o schifo.

107

  Prese nuovo consiglio, e fu il migliore,
  di vincer con altre arme il mostro crudo:
  abbarbagliar lo vuol con lo splendore
  ch'era incantato nel coperto scudo.
  Vola nel lito; e per non fare errore,
  alla donna legata al sasso nudo
  lascia nel minor dito de la mano
  l'annel, che potea far l'incanto vano:

108

  dico l'annel che Bradamante avea,
  per liberar Ruggier, tolto a Brunello,
  poi per trarlo di man d'Alcina rea,
  mandato in India per Melissa a quello.
  Melissa (come dianzi io vi dicea)
  in ben di molti adoperò l'annello;
  indi l'avea a Ruggier restituito,
  dal qual poi sempre fu portato in dito.

109

  Lo dà ad Angelica ora, perché teme
  che del suo scudo il fulgurar non viete,
  e perché a lei ne sien difesi insieme
  gli occhi che già l'avean preso alla rete.
  Or viene al lito e sotto il ventre preme
  ben mezzo il mar la smisurata cete.
  Sta Ruggiero alla posta, e lieva il velo;
  e par ch'aggiunga un altro sole al cielo.

110

  Ferì negli occhi l'incantato lume
  di quella fera, e fece al modo usato.
  Quale o trota o scaglion va giù pel fiume
  c'ha con calcina il montanar turbato,
  tal si vedea ne le marine schiume
  il mostro orribilmente riversciato.
  Di qua di là Ruggier percuote assai,
  ma di ferirlo via non truova mai.

111

  La bella donna tuttavolta priega
  ch'invan la dura squama oltre non pesti.
  — Torna, per Dio, signor: prima mi slega
  (dicea piangendo), che l'orca si desti:
  portami teco e in mezzo il mar mi anniega:
  non far ch'in ventre al brutto pesce io resti. —
  Ruggier, commosso dunque al giusto grido,
  slegò la donna, e la levò dal lido.

112

  Il destrier punto, ponta i piè all'arena
  e sbalza in aria, e per lo ciel galoppa;
  e porta il cavalliero in su la schena,
  e la donzella dietro in su la groppa.
  Così privò la fera de la cena
  per lei soave e delicata troppa.
  Ruggier si va volgendo, e mille baci
  figge nel petto e negli occhi vivaci.

113

  Non più tenne la via, come propose
  prima, di circundar tutta la Spagna;
  ma nel propinquo lito il destrier pose,
  dove entra in mar più la minor Bretagna.
  Sul lito un bosco era di querce ombrose,
  dove ognor par che Filomena piagna;
  ch'in mezzo avea un pratel con una fonte,
  e quinci e quindi un solitario monte.

114

  Quivi il bramoso cavallier ritenne
  l'audace corso, e nel pratel discese;
  e fe' raccorre al suo destrier le penne,
  ma non a tal che più le avea distese.
  Del destrier sceso, a pena si ritenne
  di salir altri; ma tennel l'arnese:
  l'arnese il tenne, che bisognò trarre,
  e contra il suo disir messe le sbarre.

115

  Frettoloso, or da questo or da quel canto
  confusamente l'arme si levava.
  Non gli parve altra volta mai star tanto;
  che s'un laccio sciogliea, dui n'annodava.
  Ma troppo è lungo ormai, Signor, il canto,
  e forse ch'anco l'ascoltar vi grava:
  sì ch'io differirò l'istoria mia
  in altro tempo che più grata sia.



CANTO UNDICESIMO


1

  Quantunque debil freno a mezzo il corso
  animoso destrier spesso raccolga,
  raro è però che di ragione il morso
  libidinosa furia a dietro volga,
  quando il piacere ha in pronto; a guisa d'orso
  che dal mel non sì tosto si distolga,
  poi che gli n'è venuto odore al naso,
  o qualche stilla ne gustò sul vaso.

2

  Qual ragion fia che 'l buon Ruggier raffrene,
  sì che non voglia ora pigliar diletto
  d'Angelica gentil che nuda tiene
  nel solitario e commodo boschetto?
  Di Bradamante più non gli soviene,
  che tanto aver solea fissa nel petto:
  e se gli ne sovien pur come prima,
  pazzo è se questa ancor non prezza e stima;

3

  con la qual non saria stato quel crudo
  Zenocrate di lui più continente.
  Gittato avea Ruggier l'asta e lo scudo,
  e si traea l'altre arme impaziente;
  quando abbassando pel bel corpo ignudo
  la donna gli occhi vergognosamente,
  si vide in dito il prezioso annello
  che già le tolse ad Albracca Brunello.

4

  Questo è l'annel ch'ella portò già in Francia
  la prima volta che fe' quel camino
  col fratel suo, che v'arrecò la lancia,
  la qual fu poi d'Astolfo paladino.
  Con questo fe' gl'incanti uscire in ciancia
  di Malagigi al petron di Merlino;
  con questo Orlando ed altri una matina
  tolse di servitù di Dragontina;

5

  con questo uscì invisibil de la torre
  dove l'avea richiusa un vecchio rio.
  A che voglio io tutte sue prove accorre,
  se le sapete voi così come io?
  Brunel sin nel giron lel venne a torre;
  ch'Agramante d'averlo ebbe disio.
  Da indi in qua sempre Fortuna a sdegno
  ebbe costei, fin che le tolse il regno.

6

  Or che sel vede, come ho detto, in mano,
  sì di stupore e d'allegrezza è piena,
  che quasi dubbia di sognarsi invano,
  agli occhi, alla man sua dà fede a pena.
  Del dito se lo leva, e a mano a mano
  sel chiude in bocca: e in men che non balena,
  così dagli occhi di Ruggier si cela,
  come fa il sol quando la nube il vela.

7

  Ruggier pur d'ogn'intorno riguardava,
  e s'aggirava a cerco come un matto;
  ma poi che de l'annel si ricordava,
  scornato vi rimase e stupefatto:
  e la sua inavvertenza bestemiava,
  e la donna accusava di quello atto
  ingrato e discortese, che renduto
  in ricompensa gli era del suo aiuto.

8

  — Ingrata damigella, è questo quello
  guiderdone (dicea), che tu mi rendi?
  che più tosto involar vogli l'annello,
  ch'averlo in don? Perché da me nol prendi?
  Non pur quel, ma lo scudo e il destrier snello
  e me ti dono, e come vuoi mi spendi;
  sol che 'l bel viso tuo non mi nascondi.
  Io so, crudel, che m'odi, e non rispondi. —

9

  Così dicendo, intorno alla fontana
  brancolando n'andava come cieco.
  Oh quante volte abbracciò l'aria vana,
  sperando la donzella abbracciar seco!
  Quella, che s'era già fatta lontana,
  mai non cessò d'andar, che giunse a un speco
  che sotto un monte era capace e grande,
  dove al bisogno suo trovò vivande.

10

  Quivi un vecchio pastor, che di cavalle
  un grande armento avea, facea soggiorno.
  Le iumente pascean giù per la valle
  le tenere erbe ai freschi rivi intorno.
  Di qua di là da l'antro erano stalle,
  dove fuggìano il sol del mezzo giorno.
  Angelica quel dì lunga dimora
  là dentro fece, e non fu vista ancora.

11

  E circa il vespro, poi che rifrescossi,
  e le fu aviso esser posata assai,
  in certi drappi rozzi aviluppossi,
  dissimil troppo ai portamenti gai,
  che verdi, gialli, persi, azzurri e rossi
  ebbe, e di quante fogge furon mai.
  Non le può tor però tanto umil gonna,
  che bella non rassembri e nobil donna.

12

  Taccia chi loda Fillide, o Neera,
  o Amarilli, o Galatea fugace;
  che d'esse alcuna sì bella non era,
  Titiro e Melibeo, con vostra pace.
  La bella donna tra' fuor de la schiera
  de le iumente una che più le piace.
  Allora allora se le fece inante
  un pensier di tornarsene in Levante.

13

  Ruggiero intanto, poi ch'ebbe gran pezzo
  indarno atteso s'ella si scopriva,
  e che s'avide del suo error da sezzo,
  che non era vicina e non l'udiva;
  dove lasciato avea il cavallo, avezzo
  in cielo e in terra, a rimontar veniva:
  e ritrovò che s'avea tratto il morso,
  e salia in aria a più libero corso.

14

  Fu grave e mala aggiunta all'altro danno
  vedersi anco restar senza l'augello.
  Questo, non men che 'l feminile inganno,
  gli preme al cor; ma più che questo e quello,
  gli preme e fa sentir noioso affanno
  l'aver perduto il prezioso annello;
  per le virtù non tanto ch'in lui sono,
  quanto che fu de la sua donna dono.

15

  Oltremodo dolente si ripose
  indosso l'arme, e lo scudo alle spalle;
  dal mar slungossi, e per le piaggie erbose
  prese il camin verso una larga valle,
  dove per mezzo all'alte selve ombrose
  vide il più largo e 'l più segnato calle.
  Non molto va, ch'a destra, ove più folta
  è quella selva, un gran strepito ascolta.

16

  Strepito ascolta e spaventevol suono
  d'arme percosse insieme; onde s'affretta
  tra pianta e pianta, e trova dui, che sono
  a gran battaglia in poca piazza e stretta.
  Non s'hanno alcun riguardo né perdono,
  per far, non so di che, dura vendetta.
  L'uno è gigante, alla sembianza fiero;
  ardito l'altro e franco cavalliero.

17

  E questo con lo scudo e con la spada,
  di qua di là saltando, si difende,
  perché la mazza sopra non gli cada,
  con che il gigante a due man sempre offende.
  Giace morto il cavallo in su la strada.
  Ruggier si ferma, e alla battaglia attende;
  e tosto inchina l'animo, e disia
  che vincitore il cavallier ne sia.

18

  Non che per questo gli dia alcun aiuto;
  ma si tira da parte, e sta a vedere.
  Ecco col baston grave il più membruto
  sopra l'elmo a due man del minor fere.
  De la percossa è il cavallier caduto:
  l'altro, che 'l vide attonito giacere,
  per dargli morte l'elmo gli dislaccia;
  e fa sì che Ruggier lo vede in faccia.

19

  Vede Ruggier de la sua dolce e bella
  e carissima donna Bradamante
  scoperto il viso; e lei vede esser quella
  a cui dar morte vuol l'empio gigante:
  sì che a battaglia subito l'appella,
  e con la spada nuda si fa inante:
  ma quel, che nuova pugna non attende,
  la donna tramortita in braccio prende;

20

  e se l'arreca in spalla, e via la porta,
  come lupo talor piccolo agnello,
  o l'aquila portar ne l'ugna torta
  suole o colombo o simile altro augello.
  Vede Ruggier quanto il suo aiuto importa,
  e vien correndo a più poter; ma quello
  con tanta fretta i lunghi passi mena,
  che con gli occhi Ruggier lo segue a pena.

21

  Così correndo l'uno, e seguitando
  l'altro, per un sentiero ombroso e fosco,
  che sempre si venìa più dilatando,
  in un gran prato uscir fuor di quel bosco.
  Non più di questo; ch'io ritorno a Orlando,
  che 'l fulgur che portò già il re Cimosco,
  avea gittato in mar nel maggior fondo,
  acciò mai più non si trovasse al mondo.

22

  Ma poco ci giovò: che 'l nimico empio
  de l'umana natura, il qual del telo
  fu l'inventor, ch'ebbe da quel l'esempio,
  ch'apre le nubi e in terra vien dal cielo;
  con quasi non minor di quello scempio
  che ci diè quando Eva ingannò col melo,
  lo fece ritrovar da un negromante,
  al tempo de' nostri avi, o poco inante.

23

  La machina infernal, di più di cento
  passi d'acqua ove stè ascosa molt'anni,
  al sommo tratta per incantamento,
  prima portata fu tra gli Alamanni;
  li quali uno ed un altro esperimento
  facendone, e il demonio a' nostri danni
  assuttigliando lor via più la mente,
  ne ritrovaro l'uso finalmente.

24

  Italia e Francia e tutte l'altre bande
  del mondo han poi la crudele arte appresa.
  Alcuno il bronzo in cave forme spande,
  che liquefatto ha la fornace accesa;
  bùgia altri il ferro; e chi picciol, chi grande
  il vaso forma, che più e meno pesa:
  e qual bombarda e qual nomina scoppio,
  qual semplice cannon, qual cannon doppio;

25

  qual sagra, qual falcon, qual colubrina
  sento nomar, come al suo autor più agrada;
  che 'l ferro spezza, e i marmi apre e ruina,
  e ovunque passa si fa dar la strada.
  Rendi, miser soldato, alla fucina
  per tutte l'arme c'hai, fin alla spada;
  e in spalla un scoppio o un arcobugio prendi;
  che senza, io so, non toccherai stipendi.

26

  Come trovasti, o scelerata e brutta
  invenzion, mai loco in uman core?
  Per te la militar gloria è distrutta,
  per te il mestier de l'arme è senza onore;
  per te è il valore e la virtù ridutta,
  che spesso par del buono il rio migliore:
  non più la gagliardia, non più l'ardire
  per te può in campo al paragon venire.

27

  Per te son giti ed anderan sotterra
  tanti signori e cavallieri tanti,
  prima che sia finita questa guerra,
  che 'l mondo, ma più Italia ha messo in pianti;
  che s'io v'ho detto, il detto mio non erra,
  che ben fu il più crudele e il più di quanti
  mai furo al mondo ingegni empi e maligni,
  ch'imaginò sì abominosi ordigni.

28

  E crederò che Dio, perché vendetta
  ne sia in eterno, nel profondo chiuda
  del cieco abisso quella maladetta
  anima, appresso al maladetto Giuda.
  Ma seguitiamo il cavallier ch'in fretta
  brama trovarsi all'isola d'Ebuda,
  dove le belle donne e delicate
  son per vivanda a un marin mostro date.

29

  Ma quanto avea più fretta il paladino,
  tanto parea che men l'avesse il vento.
  Spiri o dal lato destro o dal mancino,
  o ne le poppe, sempre è così lento,
  che si può far con lui poco camino;
  e rimanea talvolta in tutto spento:
  soffia talor sì averso, che gli è forza
  o di tornare, o d'ir girando all'orza.

30

  Fu volontà di Dio che non venisse
  prima che 'l re d'Ibernia in quella parte,
  acciò con più facilità seguisse
  quel ch'udir vi farò fra poche carte.
  Sopra l'isola sorti, Orlando disse
  al suo nochiero: — Or qui potrai fermarte,
  e 'l battel darmi; che portar mi voglio
  senz'altra compagnia sopra lo scoglio.

31

  E voglio la maggior gomona meco,
  e l'ancora maggior ch'abbi sul legno:
  io ti farò veder perché l'arreco,
  se con quel mostro ad affrontar mi vegno. —
  Gittar fe' in mare il palischermo seco,
  con tutto quel ch'era atto al suo disegno.
  Tutte l'arme lasciò, fuor che la spada;
  e vêr lo scoglio, sol, prese la strada.

32

  Si tira i remi al petto, e tien le spalle
  volte alla parte ove discender vuole;
  a guisa che del mare o de la valle
  uscendo al lito, il salso granchio suole.
  Era ne l'ora che le chiome gialle
  la bella Aurora avea spiegate al Sole,
  mezzo scoperto ancora e mezzo ascoso,
  non senza sdegno di Titon geloso.

33

  Fattosi appresso al nudo scoglio, quanto
  potria gagliarda man gittare un sasso,
  gli pare udire e non udire un pianto;
  sì all'orecchie gli vien debole e lasso.
  Tutto si volta sul sinistro canto;
  e posto gli occhi appresso all'onde al basso,
  vede una donna, nuda come nacque,
  legata a un tronco; e i piè le bagnan l'acque.

34

  Perché gli è ancor lontana, e perché china
  la faccia tien, non ben chi sia discerne.
  Tira in fretta ambi i remi, e s'avicina
  con gran disio di più notizia averne.
  Ma muggiar sente in questo la marina,
  e rimbombar le selve e le caverne:
  gonfiansi l'onde; ed ecco il mostro appare,
  che sotto il petto ha quasi ascoso il mare.

35

  Come d'oscura valle umida ascende
  nube di pioggia e di tempesta pregna,
  che più che cieca notte si distende
  per tutto 'l mondo, e par che 'l giorno spegna;
  così nuota la fera, e del mar prende
  tanto, che si può dir che tutto il tegna:
  fremono l'onde. Orlando in sé raccolto,
  la mira altier, né cangia cor né volto.

36

  E come quel ch'avea il pensier ben fermo
  di quanto volea far, si mosse ratto;
  e perché alla donzella essere schermo,
  e la fera assalir potesse a un tratto,
  entrò fra l'orca e lei col palischermo,
  nel fodero lasciando il brando piatto:
  l'ancora con la gomona in man prese;
  poi con gran cor l'orribil mostro attese.

37

  Tosto che l'orca s'accostò, e scoperse
  nel schifo Orlando con poco intervallo,
  per ingiottirlo tanta bocca aperse,
  ch'entrato un uomo vi saria a cavallo.
  Si spinse Orlando inanzi, e se gl'immerse
  con quella ancora in gola, e s'io non fallo,
  col battello anco; e l'ancora attaccolle
  e nel palato e ne la lingua molle:

38

  sì che né più si puon calar di sopra,
  né alzar di sotto le mascelle orrende.
  Così chi ne le mine il ferro adopra,
  la terra, ovunque si fa via, suspende,
  che subita ruina non lo cuopra,
  mentre malcauto al suo lavoro intende.
  Da un amo all'altro l'ancora è tanto alta,
  che non v'arriva Orlando, se non salta.

39

  Messo il puntello, e fattosi sicuro
  che 'l mostro più serrar non può la bocca,
  stringe la spada, e per quel antro oscuro
  di qua e di là con tagli e punte tocca.
  Come si può, poi che son dentro al muro
  giunti i nimici, ben difender rocca;
  così difender l'orca si potea
  dal paladin che ne la gola avea.

40

  Dal dolor vinta, or sopra il mar si lancia,
  e mostra i fianchi e le scagliose schene;
  or dentro vi s'attuffa, e con la pancia
  muove dal fondo e fa salir l'arene.
  Sentendo l'acqua il cavallier di Francia,
  che troppo abonda, a nuoto fuor ne viene:
  lascia l'ancora fitta, e in mano prende
  la fune che da l'ancora depende.

41

  E con quella ne vien nuotando in fretta
  verso lo scoglio; ove fermato il piede,
  tira l'ancora a sé, ch'in bocca stretta
  con le due punte il brutto mostro fiede.
  L'orca a seguire il canape è costretta
  da quella forza ch'ogni forza eccede,
  da quella forza che più in una scossa
  tira, ch'in dieci un argano far possa.

42

  Come toro selvatico ch'al corno
  gittar si senta un improvviso laccio,
  salta di qua di là, s'aggira intorno,
  si colca e lieva, e non può uscir d'impaccio;
  così fuor del suo antico almo soggiorno
  l'orca tratta per forza di quel braccio,
  con mille guizzi e mille strane ruote
  segue la fune, e scior non se ne puote.

43

  Di bocca il sangue in tanta copia fonde,
  che questo oggi il mar Rosso si può dire,
  dove in tal guisa ella percuote l'onde,
  ch'insino al fondo le vedreste aprire;
  ed or ne bagna il cielo, e il lume asconde
  del chiaro sol: tanto le fa salire.
  Rimbombano al rumor ch'intorno s'ode,
  le selve, i monti e le lontane prode.

44

  Fuor de la grotta il vecchio Proteo, quando
  ode tanto rumor, sopra il mare esce;
  e visto entrare e uscir de l'orca Orlando,
  e al lito trar sì smisurato pesce,
  fugge per l'alto oceano, obliando
  lo sparso gregge: e sì il tumulto cresce,
  che fatto al carro i suoi delfini porre,
  quel dì Nettuno in Etiopia corre.

45

  Con Melicerta in collo Ino piangendo,
  e le Nereide coi capelli sparsi,
  Glauci e Tritoni, e gli altri, non sappiendo
  dove, chi qua chi là van per salvarsi.
  Orlando al lito trasse il pesce orrendo,
  col qual non bisognò più affaticarsi;
  che pel travaglio e per l'avuta pena,
  prima morì, che fosse in su l'arena.

46

  De l'isola non pochi erano corsi
  a riguardar quella battaglia strana;
  i quai da vana religion rimorsi,
  così sant'opra riputar profana:
  e dicean che sarebbe un nuovo torsi
  Proteo nimico, e attizzar l'ira insana,
  da farli porre il marin gregge in terra,
  e tutta rinovar l'antica guerra;

47

  e che meglio sarà di chieder pace
  prima all'offeso dio, che peggio accada;
  e questo si farà, quando l'audace
  gittato in mare a placar Proteo vada.
  Come dà fuoco l'una a l'altra face,
  e tosto alluma tutta una contrada,
  così d'un cor ne l'altro si difonde
  l'ira ch'Orlando vuol gittar ne l'onde.

48

  Chi d'una fromba e chi d'un arco armato,
  chi d'asta, chi di spada, al lito scende;
  e dinanzi e di dietro e d'ogni lato,
  lontano e appresso, a più poter l'offende.
  Di sì bestiale insulto e troppo ingrato
  gran meraviglia il paladin si prende:
  pel mostro ucciso ingiuria far si vede,
  dove aver ne sperò gloria e mercede.

49

  Ma come l'orso suol, che per le fiere
  menato sia da Rusci o da Lituani,
  passando per la via, poco temere
  l'importuno abbaiar di picciol cani,
  che pur non se li degna di vedere;
  così poco temea di quei villani
  il paladin, che con un soffio solo
  ne potrà fracassar tutto lo stuolo.

50

  E ben si fece far subito piazza
  che lor si volse, e Durindana prese.
  S'avea creduto quella gente pazza
  che le dovesse far poche contese,
  quando né indosso gli vedea corazza,
  né scudo in braccio, né alcun altro arnese;
  ma non sapea che dal capo alle piante
  dura la pelle avea più che diamante.

51

  Quel che d'Orlando agli altri far non lece,
  di far degli altri a lui già non è tolto.
  Trenta n'uccise, e furo in tutto diece
  botte, o se più, non le passò di molto.
  Tosto intorno sgombrar l'arena fece;
  e per slegar la donna era già volto,
  quando nuovo tumulto e nuovo grido
  fe' risuonar da un'altra parte il lido.

52

  Mentre avea il paladin da questa banda
  così tenuto i barbari impediti,
  eran senza contrasto quei d'Irlanda
  da più parte ne l'isola saliti;
  e spenta ogni pietà, strage nefanda
  di quel popul facean per tutti i liti:
  fosse iustizia, o fosse crudeltade,
  né sesso riguardavano né etade.

53

  Nessun ripar fan gl'isolani, o poco;
  parte, ch'accolti son troppo improviso,
  parte, che poca gente ha il picciol loco,
  e quella poca è di nessun aviso.
  L'aver fu messo a sacco; messo fuoco
  fu ne le case: il populo fu ucciso:
  le mura fur tutte adeguate al suolo:
  non fu lasciato vivo un capo solo.

54

  Orlando, come gli appertenga nulla
  l'alto rumor, le strida e la ruina,
  viene a colei che su la pietra brulla
  avea da divorar l'orca marina.
  Guarda, e gli par conoscer la fanciulla;
  e più gli pare, e più che s'avicina:
  gli pare Olimpia: ed era Olimpia certo,
  che di sua fede ebbe sì iniquo merto.

55

  Misera Olimpia! a cui dopo lo scorno
  che gli fe' Amore, anco Fortuna cruda
  mandò i corsari (e fu il medesmo giorno),
  che la portaro all'isola d'Ebuda.
  Riconosce ella Orlando nel ritorno
  che fa allo scoglio: ma perch'ella è nuda,
  tien basso il capo; e non che non gli parli,
  ma gli occhi non ardisce al viso alzarli.

56

  Orlando domandò ch'iniqua sorte
  l'avesse fatta all'isola venire
  di là dove lasciata col consorte
  lieta l'avea, quanto si può più dire.
  — Non so (disse ella) s'io v'ho, che la morte
  voi mi schivaste, grazie a riferire,
  o da dolermi che per voi non sia
  oggi finita la miseria mia.

57

  Io v'ho da ringraziar ch'una maniera
  di morir mi schivaste troppo enorme;
  che troppo saria enorme, se la fera
  nel brutto ventre avesse avuto a porme.
  Ma già non vi ringrazio ch'io non pera;
  che morte sol può di miseria torme:
  ben vi ringrazierò, se da voi darmi
  quella vedrò, che d'ogni duol può trarmi. —

58

  Poi con gran pianto seguitò, dicendo
  come lo sposo suo l'avea tradita;
  che la lasciò su l'isola dormendo,
  donde ella poi fu dai corsar rapita.
  E mentre ella parlava, rivolgendo
  s'andava in quella guisa che scolpita
  o dipinta è Diana ne la fonte,
  che getta l'acqua ad Ateone in fronte;

59

  che, quanto può, nasconde il petto e 'l ventre,
  più liberal dei fianchi e de le rene.
  Brama Orlando ch'in porto il suo legno entre;
  che lei, che sciolta avea da le catene,
  vorria coprir d'alcuna veste. Or mentre
  ch'a questo è intento, Oberto sopraviene,
  Oberto il re d'Ibernia, ch'avea inteso
  che 'l marin mostro era sul lito steso;

60

  e che nuotando un cavallier era ito
  a porgli in gola un'ancora assai grave;
  e che l'avea così tirato al lito,
  come si suol tirar contr'acqua nave.
  Oberto, per veder se riferito
  colui da chi l'ha inteso, il vero gli have,
  se ne vien quivi; e la sua gente intanto
  arde e distrugge Ebuda in ogni canto.

61

  Il re d'Ibernia, ancor che fosse Orlando,
  di sangue tinto, e d'acqua molle e brutto,
  brutto del sangue che si trasse quando
  uscì de l'orca in ch'era entrato tutto,
  pel conte l'andò pur raffigurando;
  tanto più che ne l'animo avea indutto,
  tosto che del valor sentì la nuova,
  ch'altri ch'Orlando non faria tal pruova.

62

  Lo conoscea, perch'era stato infante
  d'onore in Francia, e se n'era partito
  per pigliar la corona, l'anno inante,
  del padre suo ch'era di vita uscito.
  Tante volte veduto, e tante e tante
  gli avea parlato, ch'era in infinito.
  Lo corse ad abbracciare e a fargli festa,
  trattasi la celata ch'avea in testa.

63

  Non meno Orlando di veder contento
  si mostrò il re, che 'l re di veder lui.
  Poi che furo a iterar l'abbracciamento
  una o due volte tornati amendui,
  narrò ad Oberto Orlando il tradimento
  che fu fatto alla giovane, e da cui
  fatto le fu; dal perfido Bireno,
  che via d'ogn'altro lo dovea far meno.

64

  Le prove gli narrò, che tante volte
  ella d'amarlo dimostrato avea:
  come i parenti e le sustanze tolte
  le furo, e al fin per lui morir volea;
  e ch'esso testimonio era di molte,
  e renderne buon conto ne potea.
  Mentre parlava, i begli occhi sereni
  de la donna di lagrime eran pieni.

65

  Era il bel viso suo, quale esser suole
  da primavera alcuna volta il cielo,
  quando la pioggia cade, e a un tempo il sole
  si sgombra intorno il nubiloso velo.
  E come il rosignuol dolci carole
  mena nei rami alor del verde stelo,
  così alle belle lagrime le piume
  si bagna Amore, e gode al chiaro lume.

66

  E ne la face de' begli occhi accende
  l'aurato strale, e nel ruscello amorza,
  che tra vermigli e bianchi fiori scende:
  e temprato che l'ha, tira di forza
  contra il garzon, che né scudo difende,
  né maglia doppia, né ferrigna scorza;
  che mentre sta a mirar gli occhi e le chiome,
  si sente il cor ferito, e non sa come.

67

  Le bellezze d'Olimpia eran di quelle
  che son più rare: e non la fronte sola,
  gli occhi e le guance e le chiome avea belle,
  la bocca, il naso, gli omeri e la gola;
  ma discendendo giù da le mammelle,
  le parti che solea coprir la stola,
  fur di tanta eccellenza, ch'anteporse
  a quante n'avea il mondo potean forse.

68

  Vinceano di candor le nievi intatte,
  ed eran più ch'avorio a toccar molli:
  le poppe ritondette parean latte
  che fuor dei giunchi allora allora tolli.
  Spazio fra lor tal discendea, qual fatte
  esser veggiàn fra picciolini colli
  l'ombrose valli, in sua stagione amene,
  che 'l verno abbia di nieve allora piene.

69

  I rilevati fianchi e le belle anche,
  e netto più che specchio il ventre piano,
  pareano fatti, e quelle coscie bianche,
  da Fidia a torno, o da più dotta mano.
  Di quelle parti debbovi dir anche,
  che pur celare ella bramava invano?
  Dirò insomma, ch'in lei dal capo al piede,
  quant'esser può beltà, tutta si vede.

70

  Se fosse stata ne le valli Idee
  vista dal Pastor frigio, io non so quanto
  Vener, sebben vincea quell'altre dee,
  portato avesse di bellezza il vanto:
  né forse ito saria ne le Amiclee
  contrade esso a violar l'ospizio santo;
  ma detto avria: — Con Menelao ti resta,
  Elena pur; ch'altra io non vo' che questa. —

71

  E se fosse costei stata a Crotone,
  quando Zeusi l'imagine far volse,
  che por dovea nel tempio di Iunone,
  e tante belle nude insieme accolse;
  e che, per una farne in perfezione,
  da chi una parte e da chi un'altra tolse:
  non avea da torre altra che costei;
  che tutte le bellezze erano in lei.

72

  Io non credo che mai Bireno, nudo
  vedesse quel bel corpo; ch'io son certo
  che stato non saria mai così crudo,
  che l'avesse lasciata in quel deserto.
  Ch'Oberto se n'accende, io vi concludo,
  tanto che 'l fuoco non può star coperto.
  Si studia consolarla, e darle speme
  ch'uscirà in bene il mal ch'ora la preme:

73

  e le promette andar seco in Olanda;
  né fin che ne lo stato la rimetta,
  e ch'abbia fatto iusta e memoranda
  di quel periuro e traditor vendetta,
  non cesserà con ciò che possa Irlanda,
  e lo farà quanto potrà più in fretta.
  Cercare intanto in quelle case e in queste
  facea di gonne e di feminee veste.

74

  Bisogno non sarà, per trovar gonne,
  ch'a cercar fuor de l'isola si mande;
  ch'ogni dì se n'avea da quelle donne
  che de l'avido mostro eran vivande.
  Non fe' molto cercar, che ritrovonne
  di varie fogge Oberto copia grande;
  e fe' vestir Olimpia, e ben gl'increbbe
  non la poter vestir come vorrebbe.

75

  Ma né sì bella seta o sì fin'oro
  mai Fiorentini industri tesser fenno;
  né chi ricama fece mai lavoro,
  postovi tempo, diligenza e senno,
  che potesse a costui parer decoro,
  se lo fêsse Minerva o il dio di Lenno,
  e degno di coprir sì belle membre,
  che forza è ad or ad or se ne rimembre.

76

  Per più rispetti il paladino molto
  si dimostrò di questo amor contento:
  ch'oltre che 'l re non lascerebbe asciolto
  Bireno andar di tanto tradimento,
  sarebbe anch'esso per tal mezzo tolto
  di grave e di noioso impedimento,
  quivi non per Olimpia, ma venuto
  per dar, se v'era, alla sua donna aiuto.

77

  Ch'ella non v'era si chiarì di corto,
  ma già non si chiarì se v'era stata;
  perché ogn'uomo ne l'isola era morto,
  né un sol rimaso di sì gran brigata.
  Il dì seguente si partir del porto,
  e tutti insieme andaro in una armata.
  Con loro andò in Irlanda il paladino;
  che fu per gire in Francia il suo camino.

78

  A pena un giorno si fermò in Irlanda;
  non valser preghi a far che più vi stesse:
  Amor, che dietro alla sua donna il manda,
  di fermarvisi più non gli concesse.
  Quindi si parte; e prima raccomanda
  Olimpia al re, che servi le promesse:
  ben che non bisognasse; che gli attenne
  molto più, che di far non si convenne.

79

  Così fra pochi dì gente raccolse;
  e fatto lega col re d'Inghilterra
  e con l'altro di Scozia, gli ritolse
  Olanda, e in Frisa non gli lasciò terra;
  ed a ribellione anco gli volse
  la sua Selandia: e non finì la guerra,
  che gli diè morte; né però fu tale
  la pena, ch'al delitto andasse eguale.

80

  Olimpia Oberto si pigliò per moglie,
  e di contessa la fe' gran regina.
  Ma ritorniamo al paladin che scioglie
  nel mar le vele, e notte e dì camina;
  poi nel medesmo porto le raccoglie,
  donde pria le spiegò ne la marina:
  e sul suo Brigliadoro armato salse,
  e lasciò dietro i venti e l'onde salse.

81

  Credo che 'l resto di quel verno cose
  facesse degne di tenerne conto;
  ma fur sin a quel tempo sì nascose,
  che non è colpa mia s'or non le conto;
  perché Orlando a far l'opre virtuose,
  più che a narrarle poi, sempre era pronto:
  né mai fu alcun de li suoi fatti espresso,
  se non quando ebbe i testimoni appresso.

82

  Passò il resto del verno così cheto,
  che di lui non si seppe cosa vera:
  ma poi che 'l sol ne l'animal discreto
  che portò Friso, illuminò la sfera,
  e Zefiro tornò soave e lieto
  a rimenar la dolce primavera;
  d'Orlando usciron le mirabil pruove
  coi vaghi fiori e con l'erbette nuove.

83

  Di piano in monte, e di campagna in lido,
  pien di travaglio e di dolor ne gìa;
  quando all'entrar d'un bosco, un lungo grido,
  un alto duol l'orecchie gli ferìa.
  Spinge il cavallo, e piglia il brando fido,
  e donde viene il suon, ratto s'invia:
  ma diferisco un'altra volta a dire
  quel che seguì, se mi vorrete udire.



CANTO DODICESIMO


1

  Cerere, poi che da la madre Idea
  tornando in fretta alla solinga valle,
  là dove calca la montagna Etnea
  al fulminato Encelado le spalle,
  la figlia non trovò dove l'avea
  lasciata fuor d'ogni segnato calle;
  fatto ch'ebbe alle guance, al petto, ai crini
  e agli occhi danno, al fin svelse duo pini;

2

  e nel fuoco gli accese di Vulcano,
  e diè lor non potere esser mai spenti:
  e portandosi questi uno per mano
  sul carro che tiravan dui serpenti,
  cercò le selve, i campi, il monte, il piano,
  le valli, i fiumi, li stagni, i torrenti,
  la terra e 'l mare; e poi che tutto il mondo
  cercò di sopra, andò al tartareo fondo.

3

  S'in poter fosse stato Orlando pare
  all'Eleusina dea, come in disio,
  non avria, per Angelica cercare,
  lasciato o selva o campo o stagno o rio
  o valle o monte o piano o terra o mare,
  il cielo e 'l fondo de l'eterno oblio;
  ma poi che 'l carro e i draghi non avea,
  la gìa cercando al meglio che potea.

4

  L'ha cercata per Francia: or s'apparecchia
  per Italia cercarla e per Lamagna,
  per la nuova Castiglia e per la vecchia,
  e poi passare in Libia il mar di Spagna.
  Mentre pensa così, sente all'orecchia
  una voce venir, che par che piagna:
  si spinge inanzi; e sopra un gran destriero
  trottar si vede innanzi un cavalliero,

5

  che porta in braccio e su l'arcion davante
  per forza una mestissima donzella.
  Piange ella, e si dibatte, e fa sembiante
  di gran dolore; ed in soccorso appella
  il valoroso principe d'Anglante;
  che come mira alla giovane bella,
  gli par colei, per cui la notte e il giorno
  cercato Francia avea dentro e d'intorno.

6

  Non dico ch'ella fosse, ma parea
  Angelica gentil ch'egli tant'ama.
  Egli, che la sua donna e la sua dea
  vede portar sì addolorata e grama,
  spinto da l'ira e da la furia rea,
  con voce orrenda il cavallier richiama;
  richiama il cavalliero e gli minaccia,
  e Brigliadoro a tutta briglia caccia.

7

  Non resta quel fellon, né gli risponde,
  all'alta preda, al gran guadagno intento,
  e sì ratto ne va per quelle fronde,
  che saria tardo a seguitarlo il vento.
  L'un fugge, e l'altro caccia; e le profonde
  selve s'odon sonar d'alto lamento.
  Correndo usciro in un gran prato; e quello
  avea nel mezzo un grande e ricco ostello.

8

  Di vari marmi con suttil lavoro
  edificato era il palazzo altiero.
  Corse dentro alla porta messa d'oro
  con la donzella in braccio il cavalliero.
  Dopo non molto giunse Brigliadoro,
  che porta Orlando disdegnoso e fiero.
  Orlando, come è dentro, gli occhi gira;
  né più il guerrier, né la donzella mira.

9

  Subito smonta, e fulminando passa
  dove più dentro il bel tetto s'alloggia:
  corre di qua, corre di là, né lassa
  che non vegga ogni camera, ogni loggia.
  Poi che i segreti d'ogni stanza bassa
  ha cerco invan, su per le scale poggia;
  e non men perde anco a cercar di sopra,
  che perdessi di sotto, il tempo e l'opra.

10

  D'oro e di seta i letti ornati vede:
  nulla de muri appar né de pareti;
  che quelle, e il suolo ove si mette il piede,
  son da cortine ascose e da tapeti.
  Di su di giù va il conte Orlando e riede;
  né per questo può far gli occhi mai lieti
  che riveggiano Angelica, o quel ladro
  che n'ha portato il bel viso leggiadro.

11

  E mentre or quinci or quindi invano il passo
  movea, pien di travaglio e di pensieri,
  Ferraù, Brandimarte e il re Gradasso,
  re Sacripante ed altri cavallieri
  vi ritrovò, ch'andavano alto e basso,
  né men facean di lui vani sentieri;
  e si ramaricavan del malvagio
  invisibil signor di quel palagio.

12

  Tutti cercando il van, tutti gli dànno
  colpa di furto alcun che lor fatt'abbia:
  del destrier che gli ha tolto, altri è in affanno;
  ch'abbia perduta altri la donna, arrabbia;
  altri d'altro l'accusa: e così stanno,
  che non si san partir di quella gabbia;
  e vi son molti, a questo inganno presi,
  stati le settimane intiere e i mesi.

13

  Orlando, poi che quattro volte e sei
  tutto cercato ebbe il palazzo strano,
  disse fra sé: — Qui dimorar potrei,
  gittare il tempo e la fatica invano:
  e potria il ladro aver tratta costei
  da un'altra uscita, e molto esser lontano. —
  Con tal pensiero uscì nel verde prato,
  dal qual tutto il palazzo era aggirato.

14

  Mentre circonda la casa silvestra,
  tenendo pur a terra il viso chino,
  per veder s'orma appare, o da man destra
  o da sinistra, di nuovo camino;
  si sente richiamar da una finestra:
  e leva gli occhi; e quel parlar divino
  gli pare udire, e par che miri il viso,
  che l'ha da quel che fu, tanto diviso.

15

  Pargli Angelica udir, che supplicando
  e piangendo gli dica: — Aita, aita!
  la mia virginità ti raccomando
  più che l'anima mia, più che la vita.
  Dunque in presenza del mio caro Orlando
  da questo ladro mi sarà rapita?
  più tosto di tua man dammi la morte,
  che venir lasci a sì infelice sorte. —

16

  Queste parole una ed un'altra volta
  fanno Orlando tornar per ogni stanza,
  con passione e con fatica molta,
  ma temperata pur d'alta speranza.
  Talor si ferma, ed una voce ascolta,
  che di quella d'Angelica ha sembianza
  (e s'egli è da una parte, suona altronde),
  che chieggia aiuto; e non sa trovar donde.

17

  Ma tornando a Ruggier, ch'io lasciai quando
  dissi che per sentiero ombroso e fosco
  il gigante e la donna seguitando,
  in un gran prato uscito era del bosco;
  io dico ch'arrivò qui dove Orlando
  dianzi arrivò, se 'l loco riconosco.
  Dentro la porta il gran gigante passa:
  Ruggier gli è appresso, e di seguir non lassa.

18

  Tosto che pon dentro alla soglia il piede,
  per la gran corte e per le logge mira;
  né più il gigante né la donna vede,
  e gli occhi indarno or quinci or quindi aggira.
  Di su di giù va molte volte e riede;
  né gli succede mai quel che desira:
  né si sa imaginar dove sì tosto
  con la donna il fellon si sia nascosto.

19

  Poi che revisto ha quattro volte e cinque
  di su di giù camere e logge e sale,
  pur di nuovo ritorna, e non relinque
  che non ne cerchi fin sotto le scale.
  Con speme al fin che sian ne le propinque
  selve, si parte: ma una voce, quale
  richiamò Orlando, lui chiamò non manco;
  e nel palazzo il fe' ritornar anco.

20

  Una voce medesma, una persona
  che paruta era Angelica ad Orlando,
  parve a Ruggier la donna di Dordona,
  che lo tenea di sé medesmo in bando.
  Se con Gradasso o con alcun ragiona
  di quei ch'andavan nel palazzo errando,
  a tutti par che quella cosa sia,
  che più ciascun per sé brama e desia.

21

  Questo era un nuovo e disusato incanto
  ch'avea composto Atlante di Carena,
  perché Ruggier fosse occupato tanto
  in quel travaglio, in quella dolce pena,
  che 'l mal'influsso n'andasse da canto,
  l'influsso ch'a morir giovene il mena.
  Dopo il castel d'acciar, che nulla giova,
  e dopo Alcina, Atlante ancor fa pruova.

22

  Non pur costui, ma tutti gli altri ancora,
  che di valore in Francia han maggior fama,
  acciò che di lor man Ruggier non mora,
  condurre Atlante in questo incanto trama.
  E mentre fa lor far quivi dimora,
  perché di cibo non patischin brama,
  sì ben fornito avea tutto il palagio,
  che donne e cavallier vi stanno ad agio.

23

  Ma torniamo ad Angelica, che seco
  avendo quell'annel mirabil tanto,
  ch'in bocca a veder lei fa l'occhio cieco,
  nel dito, l'assicura da l'incanto;
  e ritrovato nel montano speco
  cibo avendo e cavalla e veste e quanto
  le fu bisogno, avea fatto disegno
  di ritornare in India al suo bel regno.

24

  Orlando volentieri o Sacripante
  voluto avrebbe in compania: non ch'ella
  più caro avesse l'un che l'altro amante;
  anzi di par fu a' lor disii ribella:
  ma dovendo, per girsene in Levante,
  passar tante città, tante castella,
  di compagnia bisogno avea e di guida,
  né potea aver con altri la più fida.

25

  Or l'uno or l'altro andò molto cercando,
  prima ch'indizio ne trovasse o spia,
  quando in cittade, e quando in ville, e quando
  in alti boschi, e quando in altra via.
  Fortuna al fin là dove il conte Orlando,
  Ferraù e Sacripante era, la invia,
  con Ruggier, con Gradasso ed altri molti
  che v'avea Atlante in strano intrico avolti.

26

  Quivi entra, che veder non la può il mago,
  e cerca il tutto, ascosa dal suo annello;
  e trova Orlando e Sacripante vago
  di lei cercare invan per quello ostello.
  Vede come, fingendo la sua immago,
  Atlante usa gran fraude a questo e a quello.
  Chi tor debba di lor, molto rivolve
  nel suo pensier, né ben se ne risolve.

27

  Non sa stimar chi sia per lei migliore,
  il conte Orlando o il re dei fier Circassi.
  Orlando la potrà con più valore
  meglio salvar nei perigliosi passi:
  ma se sua guida il fa, sel fa signore;
  ch'ella non vede come poi l'abbassi,
  qualunque volta, di lui sazia, farlo
  voglia minore, o in Francia rimandarlo.

28

  Ma il Circasso depor, quando le piaccia,
  potrà, se ben l'avesse posto in cielo.
  Questa sola cagion vuol ch'ella il faccia
  sua scorta, e mostri avergli fede e zelo.
  L'annel trasse di bocca, e di sua faccia
  levò dagli occhi a Sacripante il velo.
  Credette a lui sol dimostrarsi, e avenne
  ch'Orlando e Ferraù le sopravenne.

29

  Le sopravenne Ferraù ed Orlando;
  che l'uno e l'altro parimente giva
  di su di giù, dentro e di fuor cercando
  del gran palazzo lei, ch'era lor diva.
  Corser di par tutti alla donna, quando
  nessuno incantamento gli impediva:
  perché l'annel ch'ella si pose in mano,
  fece d'Atlante ogni disegno vano.

30

  L'usbergo indosso aveano e l'elmo in testa
  dui di questi guerrier, dei quali io canto;
  né notte o dì, dopo ch'entraro in questa
  stanza, l'aveano mai messi da canto;
  che facile a portar, come la vesta,
  era lor, perché in uso l'avean tanto.
  Ferraù il terzo era anco armato, eccetto
  che non avea né volea avere elmetto,

31

  fin che quel non avea, che 'l paladino
  tolse Orlando al fratel del re Troiano;
  ch'allora lo giurò, che l'elmo fino
  cercò de l'Argalia nel fiume invano:
  e se ben quivi Orlando ebbe vicino,
  né però Ferraù pose in lui mano;
  avenne, che conoscersi tra loro
  non si poter, mentre là dentro foro.

32

  Era così incantato quello albergo,
  ch'insieme riconoscer non poteansi.
  Né notte mai né dì, spada né usbergo
  né scudo pur dal braccio rimoveansi.
  I lor cavalli con la sella al tergo,
  pendendo i morsi da l'arcion, pasceansi
  in una stanza, che presso all'uscita,
  d'orzo e di paglia sempre era fornita.

33

  Atlante riparar non sa né puote,
  ch'in sella non rimontino i guerrieri
  per correr dietro alle vermiglie gote,
  all'auree chiome ed a' begli occhi neri
  de la donzella, ch'in fuga percuote
  la sua iumenta, perché volentieri
  non vede li tre amanti in compagnia,
  che forse tolti un dopo l'altro avria.

34

  E poi che dilungati dal palagio
  gli ebbe sì, che temer più non dovea
  che contra lor l'incantator malvagio
  potesse oprar la sua fallacia rea;
  l'annel che le schivò più d'un disagio,
  tra le rosate labra si chiudea:
  donde lor sparve subito dagli occhi,
  e gli lasciò come insensati e sciocchi.

35

  Come che fosse il suo primier disegno
  di voler seco Orlando o Sacripante,
  ch'a ritornar l'avessero nel regno
  di Galafron ne l'ultimo Levante;
  le vennero amendua subito a sdegno,
  e si mutò di voglia in uno istante:
  e senza più obligarsi o a questo o a quello,
  pensò bastar per amendua il suo annello.

36

  Volgon pel bosco or quinci or quindi in fretta
  quelli scherniti la stupida faccia;
  come il cane talor, se gli è intercetta
  o lepre o volpe, a cui dava la caccia,
  che d'improviso in qualche tana stretta
  o in folta macchia o in un fosso si caccia.
  Di lor si ride Angelica proterva,
  che non è vista, e i lor progressi osserva.

37

  Per mezzo il bosco appar sol una strada:
  credono i cavallier che la donzella
  inanzi a lor per quella se ne vada;
  che non se ne può andar, se non per quella.
  Orlando corre, e Ferraù non bada,
  né Sacripante men sprona e puntella.
  Angelica la briglia più ritiene,
  e dietro lor con minor fretta viene.

38

  Giunti che fur, correndo, ove i sentieri
  a perder si venian ne la foresta,
  e cominciar per l'erba i cavallieri
  a riguardar se vi trovavan pesta;
  Ferraù, che potea fra quanti altieri
  mai fosser, gir con la corona in testa,
  si volse con mal viso agli altri dui,
  e gridò lor: — Dove venite vui?

39

  Tornate a dietro, o pigliate altra via,
  se non volete rimaner qui morti:
  né in amar né in seguir la donna mia
  si creda alcun, che compagnia comporti. —
  Disse Orlando al Circasso: — Che potria
  più dir costui, s'ambi ci avesse scorti
  per le più vili e timide puttane
  che da conocchie mai traesser lane? —

40

  Poi volto a Ferraù, disse: — Uom bestiale,
  s'io non guardassi che senza elmo sei,
  di quel c'hai detto, s'hai ben detto o male,
  senz'altra indugia accorger ti farei. —
  Disse il Spagnuol: — Di quel ch'a me non cale,
  perché pigliarne tu cura ti dei?
  Io sol contra ambidui per far son buono
  quel che detto ho, senza elmo come sono. —

41

  — Deh (disse Orlando al re di Circassia),
  in mio servigio a costui l'elmo presta,
  tanto ch'io gli abbia tratta la pazzia;
  ch'altra non vidi mai simile a questa. —
  Rispose il re: — Chi più pazzo saria?
  Ma se ti par pur la domanda onesta,
  prestagli il tuo; ch'io non sarò men atto,
  che tu sia forse, a castigare un matto. —

42

  Soggiunse Ferraù: — Sciocchi voi, quasi
  che, se mi fosse il portar elmo a grado,
  voi senza non ne fosse già rimasi;
  che tolti i vostri avrei, vostro mal grado.
  Ma per narrarvi in parte li miei casi,
  per voto così senza me ne vado,
  ed anderò, fin ch'io non ho quel fino
  che porta in capo Orlando paladino. —

43

  — Dunque (rispose sorridente il conte)
  ti pensi a capo nudo esser bastante
  far ad Orlando quel che in Aspramonte
  egli già fece al figlio d'Agolante?
  Anzi credo io, se tel vedessi a fronte,
  ne tremeresti dal capo alle piante;
  non che volessi l'elmo, ma daresti
  l'altre arme a lui di patto, che tu vesti. —

44

  Il vantator Spagnuol disse: — Già molte
  fiate e molte ho così Orlando astretto,
  che facilmente l'arme gli avrei tolte,
  quante indosso n'avea, non che l'elmetto;
  e s'io nol feci, occorrono alle volte
  pensier che prima non s'aveano in petto:
  non n'ebbi, già fu, voglia; or l'aggio, e spero
  che mi potrà succeder di leggiero. —

45

  Non potè aver più pazienza Orlando
  e gridò: — Mentitor, brutto marrano,
  in che paese ti trovasti, e quando,
  a poter più di me con l'arme in mano?
  Quel paladin, di che ti vai vantando,
  son io, che ti pensavi esser lontano.
  Or vedi se tu puoi l'elmo levarme,
  o s'io son buon per torre a te l'altre arme.

46

  Né da te voglio un minimo vantaggio. —
  Così dicendo, l'elmo si disciolse,
  e lo suspese a un ramuscel di faggio;
  e quasi a un tempo Durindana tolse.
  Ferraù non perdè di ciò il coraggio:
  trasse la spada, e in atto si raccolse,
  onde con essa e col levato scudo
  potesse ricoprirsi il capo nudo.

47

  Così li duo guerrieri incominciaro,
  lor cavalli aggirando, a volteggiarsi;
  e dove l'arme si giungeano, e raro
  era più il ferro, col ferro a tentarsi.
  Non era in tutto 'l mondo un altro paro
  che più di questo avessi ad accoppiarsi:
  pari eran di vigor, pari d'ardire;
  né l'un né l'altro si potea ferire.

48

  Ch'abbiate, Signor mio, già inteso estimo,
  che Ferraù per tutto era fatato,
  fuor che là dove l'alimento primo
  piglia il bambin nel ventre ancor serrato:
  e fin che del sepolcro il tetro limo
  la faccia gli coperse, il luogo armato
  usò portar, dove era il dubbio, sempre
  di sette piastre fatte a buone tempre.

49

  Era ugualmente il principe d'Anglante
  tutto fatato, fuor che in una parte:
  ferito esser potea sotto le piante;
  ma le guardò con ogni studio ed arte.
  Duro era il resto lor più che diamante
  (se la fama dal ver non si diparte);
  e l'uno e l'altro andò, più per ornato
  che per bisogno, alle sue imprese armato.

50

  S'incrudelisce e inaspra la battaglia,
  d'orrore in vista e di spavento piena.
  Ferraù, quando punge e quando taglia,
  né mena botta che non vada piena:
  ogni colpo d'Orlando o piastra o maglia
  e schioda e rompe ed apre e a straccio mena.
  Angelica invisibile lor pon mente,
  sola a tanto spettacolo presente.

51

  Intanto il re di Circassia, stimando
  che poco inanzi Angelica corresse,
  poi ch'attaccati Ferraù ed Orlando
  vide restar, per quella via si messe,
  che si credea che la donzella, quando
  da lor disparve, seguitata avesse:
  sì che a quella battaglia la figliuola
  di Galafron fu testimonia sola.

52

  Poi che, orribil come era e spaventosa,
  l'ebbe da parte ella mirata alquanto,
  e che le parve assai pericolosa
  così da l'un come da l'altro canto;
  di veder novità voluntarosa,
  disegnò l'elmo tor, per mirar quanto
  fariano i duo guerrier, vistosel tolto;
  ben con pensier di non tenerlo molto.

53

  Ha ben di darlo al conte intenzione;
  ma se ne vuole in prima pigliar gioco.
  L'elmo dispicca, e in grembio se lo pone,
  e sta a mirare i cavallieri un poco.
  Di poi si parte, e non fa lor sermone;
  e lontana era un pezzo da quel loco,
  prima ch'alcun di lor v'avesse mente:
  sì l'uno e l'altro era ne l'ira ardente.

54

  Ma Ferraù, che prima v'ebbe gli occhi,
  si dispiccò da Orlando, e disse a lui:
  — Deh come n'ha da male accorti e sciocchi
  trattati il cavallier ch'era con nui!
  Che premio fia ch'al vincitor più tocchi,
  se 'l bel elmo involato n'ha costui? —
  Ritrassi Orlando, e gli occhi al ramo gira:
  non vede l'elmo, e tutto avampa d'ira.

55

  E nel parer di Ferraù concorse,
  che 'l cavallier che dianzi era con loro
  se lo portasse; onde la briglia torse,
  e fe' sentir gli sproni a Brigliadoro.
  Ferraù che del campo il vide torse,
  gli venne dietro; e poi che giunti foro
  dove ne l'erba appar l'orma novella
  ch'avea fatto il Circasso e la donzella,

56

  prese la strada alla sinistra il conte
  verso una valle, ove il Circasso era ito:
  si tenne Ferraù più presso al monte,
  dove il sentiero Angelica avea trito.
  Angelica in quel mezzo ad una fonte
  giunta era, ombrosa e di giocondo sito,
  ch'ognun che passa, alle fresche ombre invita,
  né, senza ber, mai lascia far partita.

57

  Angelica si ferma alle chiare onde,
  non pensando ch'alcun le sopravegna;
  e per lo sacro annel che la nasconde,
  non può temer che caso rio le avegna.
  A prima giunta in su l'erbose sponde
  del rivo l'elmo a un ramuscel consegna;
  poi cerca, ove nel bosco è miglior frasca,
  la iumenta legar, perché si pasca.

58

  Il cavallier di Spagna, che venuto
  era per l'orme, alla fontana giunge.
  Non l'ha sì tosto Angelica veduto,
  che gli dispare, e la cavalla punge.
  L'elmo, che sopra l'erba era caduto,
  ritor non può, che troppo resta lunge.
  Come il pagan d'Angelica s'accorse,
  tosto vêr lei pien di letizia corse.

59

  Gli sparve, come io dico, ella davante,
  come fantasma al dipartir del sonno.
  Cercando egli la va per quelle piante
  né i miseri occhi più veder la ponno.
  Bestemiando Macone e Trivigante,
  e di sua legge ogni maestro e donno,
  ritornò Ferraù verso la fonte,
  u' ne l'erba giacea l'elmo del conte.

60

  Lo riconobbe, tosto che mirollo,
  per lettere ch'avea scritte ne l'orlo;
  che dicean dove Orlando guadagnollo,
  e come e quando, ed a chi fe' deporlo.
  Armossene il pagano il capo e il collo,
  che non lasciò, pel duol ch'avea, di torlo;
  pel duol ch'avea di quella che gli sparve,
  come sparir soglion notturne larve.

61

  Poi ch'allacciato s'ha il buon elmo in testa,
  aviso gli è, che a contentarsi a pieno,
  sol ritrovare Angelica gli resta,
  che gli appar e dispar come baleno.
  Per lei tutta cercò l'alta foresta:
  e poi ch'ogni speranza venne meno
  di più poterne ritrovar vestigi,
  tornò al campo spagnuol verso Parigi;

62

  temperando il dolor che gli ardea il petto,
  di non aver sì gran disir sfogato,
  col refrigerio di portar l'elmetto
  che fu d'Orlando, come avea giurato.
  Dal conte, poi che 'l certo gli fu detto,
  fu lungamente Ferraù cercato;
  né fin quel dì dal capo gli lo sciolse,
  che fra duo ponti la vita gli tolse.

63

  Angelica invisibile e soletta
  via se ne va, ma con turbata fronte;
  che de l'elmo le duol, che troppa fretta
  le avea fatto lasciar presso alla fonte.
  — Per voler far quel ch'a me far non spetta
  (tra sé dicea), levato ho l'elmo al conte:
  questo, pel primo merito, è assai buono
  di quanto a lui pur ubligata sono.

64

  Con buona intenzione (e sallo Idio),
  ben che diverso e tristo effetto segua,
  io levai l'elmo: e solo il pensier mio
  fu di ridur quella battaglia a triegua;
  e non che per mio mezzo il suo disio
  questo brutto Spagnuol oggi consegua. —
  Così di sé s'andava lamentando
  d'aver de l'elmo suo privato Orlando.

65

  Sdegnata e malcontenta la via prese,
  che le parea miglior, verso Oriente.
  Più volte ascosa andò, talor palese,
  secondo era oportuno, infra la gente.
  Dopo molto veder molto paese,
  giunse in un bosco, dove iniquamente
  fra duo compagni morti un giovinetto
  trovò, ch'era ferito in mezzo il petto.

66

  Ma non dirò d'Angelica or più inante;
  che molte cose ho da narrarvi prima:
  né sono a Ferraù né a Sacripante,
  sin a gran pezzo per donar più rima.
  Da lor mi leva il principe d'Anglante,
  che di sé vuol che inanzi agli altri esprima
  le fatiche e gli affanni che sostenne
  nel gran disio, di che a fin mai non venne.

67

  Alla prima città ch'egli ritruova
  (perché d'andare occulto avea gran cura)
  si pone in capo una barbuta nuova,
  senza mirar s'ha debil tempra o dura:
  sia qual si vuol, poco gli nuoce o giova;
  sì ne la fatagion si rassicura.
  Così coperto seguita l'inchiesta;
  né notte, o giorno, o pioggia, o sol l'arresta.

68

  Era ne l'ora, che trae i cavalli
  Febo del mar con rugiadoso pelo,
  e l'Aurora di fior vermigli e gialli
  venìa spargendo d'ogn'intorno il cielo;
  e lasciato le stelle aveano i balli,
  e per partirsi postosi già il velo:
  quando appresso a Parigi un dì passando,
  mostrò di sua virtù gran segno Orlando.

69

  In dua squadre incontrossi: e Manilardo
  ne reggea l'una, il Saracin canuto,
  re di Norizia, già fiero e gagliardo,
  or miglior di consiglio che d'aiuto;
  guidava l'altra sotto il suo stendardo
  il re di Tremisen, ch'era tenuto
  tra gli Africani cavallier perfetto:
  Alzirdo fu, da chi 'l conobbe, detto.

70

  Questi con l'altro esercito pagano
  quella invernata avean fatto soggiorno,
  chi presso alla città, chi più lontano,
  tutti alle ville o alle castella intorno:
  ch'avendo speso il re Agramante invano,
  per espugnar Parigi, più d'un giorno,
  volse tentar l'assedio finalmente,
  poi che pigliar non lo potea altrimente.

71

  E per far questo avea gente infinita;
  che oltre a quella che con lui giunt'era,
  e quella che di Spagna avea seguita
  del re Marsilio la real bandiera
  molta di Francia n'avea al soldo unita;
  che da Parigi insino alla riviera
  d'Arli, con parte di Guascogna (eccetto
  alcune rocche) avea tutto suggetto.

72

  Or cominciando i trepidi ruscelli
  a sciorre il freddo giaccio in tiepide onde,
  e i prati di nuove erbe, e gli arbuscelli
  a rivestirsi di tenera fronde;
  ragunò il re Agramante tutti quelli
  che seguian le fortune sue seconde,
  per farsi rassegnar l'armata torma;
  indi alle cose sue dar miglior forma.

73

  A questo effetto il re di Tremisenne
  con quel de la Norizia ne venìa,
  per là giungere a tempo, ove si tenne
  poi conto d'ogni squadra o buona o ria.
  Orlando a caso ad incontrar si venne
  (come io v'ho detto) in questa compagnia,
  cercando pur colei, come egli era uso,
  che nel carcer d'Amor lo tenea chiuso.

74

  Come Alzirdo appressar vide quel conte
  che di valor non avea pari al mondo,
  in tal sembiante, in sì superba fronte,
  che 'l dio de l'arme a lui parea secondo;
  restò stupito alle fattezze conte,
  al fiero sguardo, al viso furibondo:
  e lo stimò guerrier d'alta prodezza;
  ma ebbe del provar troppa vaghezza.

75

  Era giovane Alzirdo, ed arrogante
  per molta forza, e per gran cor pregiato.
  Per giostrar spinse il suo cavallo inante:
  meglio per lui, se fosse in schiera stato;
  che ne lo scontro il principe d'Anglante
  lo fe' cader per mezzo il cor passato.
  Giva in fuga il destrier di timor pieno,
  che su non v'era chi reggesse il freno.

76

  Levasi un grido subito ed orrendo,
  che d'ogn'intorno n'ha l'aria ripiena,
  come si vede il giovene, cadendo,
  spicciar il sangue di sì larga vena.
  La turba verso il conte vien fremendo
  disordinata, e tagli e punte mena;
  ma quella è più, che con pennuti dardi
  tempesta il fior dei cavallier gagliardi.

77

  Con qual rumor la setolosa frotta
  correr da monti suole o da campagne,
  se 'l lupo uscito di nascosa grotta,
  o l'orso sceso alle minor montagne,
  un tener porco preso abbia talotta,
  che con grugnito e gran stridor si lagne;
  con tal lo stuol barbarico era mosso
  verso il conte, gridando: — Addosso, addosso! —

78

  Lance, saette e spade ebbe l'usbergo
  a un tempo mille, e lo scudo altretante:
  chi gli percuote con la mazza il tergo,
  chi minaccia da lato, e chi davante.
  Ma quel, ch'al timor mai non diede albergo,
  estima la vil turba e l'arme tante,
  quel che dentro alla mandra, all'aer cupo,
  il numer de l'agnelle estimi il lupo.

79

  Nuda avea in man quella fulminea spada
  che posti ha tanti Saracini a morte:
  dunque chi vuol di quanta turba cada
  tenere il conto, ha impresa dura e forte.
  Rossa di sangue già correa la strada,
  capace a pena a tante genti morte;
  perché né targa né capel difende
  la fatal Durindana, ove discende,

80

  né vesta piena di cotone, o tele
  che circondino il capo in mille vòlti.
  Non pur per l'aria gemiti e querele,
  ma volan braccia e spalle e capi sciolti.
  Pel campo errando va Morte crudele
  in molti, vari, e tutti orribil volti;
  e tra sé dice: — In man d'Orlando valci
  Durindana per cento de mie falci. —

81

  Una percossa a pena l'altra aspetta.
  Ben tosto cominciar tutti a fuggire;
  e quando prima ne veniano in fretta
  (perch'era sol, credeanselo inghiottire),
  non è chi per levarsi de la stretta
  l'amico aspetti, e cerchi insieme gire:
  chi fugge a piedi in qua, chi colà sprona;
  nessun domanda se la strada è buona.

82

  Virtude andava intorno con lo speglio
  che fa veder ne l'anima ogni ruga:
  nessun vi si mirò, se non un veglio
  a cui il sangue l'età, non l'ardir, sciuga.
  Vide costui quanto il morir sia meglio,
  che con suo disonor mettersi in fuga:
  dico il re di Norizia; onde la lancia
  arrestò contra il paladin di Francia.

83

  E la roppe alla penna de lo scudo
  del fiero conte, che nulla si mosse.
  Egli ch'avea alla posta il brando nudo,
  re Manilardo al trapassar percosse.
  Fortuna l'aiutò; che 'l ferro crudo
  in man d'Orlando al venir giù voltosse:
  tirare i colpi a filo ognor non lece;
  ma pur di sella stramazzar lo fece.

84

  Stordito de l'arcion quel re stramazza:
  non si rivolge Orlando a rivederlo;
  che gli altri taglia, tronca, fende, amazza;
  a tutti pare in su le spalle averlo.
  Come per l'aria, ove han sì larga piazza,
  fuggon li storni da l'audace smerlo,
  così di quella squadra ormai disfatta
  altri cade, altri fugge, altri s'appiatta.

85

  Non cessò pria la sanguinosa spada,
  che fu di viva gente il campo voto.
  Orlando è in dubbio a ripigliar la strada,
  ben che gli sia tutto il paese noto.
  O da man destra o da sinistra vada,
  il pensier da l'andar sempre è remoto:
  d'Angelica cercar, fuor ch'ove sia,
  teme, e di far sempre contraria via.

86

  Il suo camin (di lei chiedendo spesso)
  or per li campi or per le selve tenne:
  e sì come era uscito di se stesso,
  uscì di strada; e a piè d'un monte venne,
  dove la notte fuor d'un sasso fesso
  lontan vide un splendor batter le penne.
  Orlando al sasso per veder s'accosta,
  se quivi fosse Angelica reposta.

87

  Come nel bosco de l'umil ginepre,
  o ne la stoppia alla campagna aperta,
  quando si cerca la paurosa lepre
  per traversati solchi e per via incerta,
  si va ad ogni cespuglio, ad ogni vepre,
  se per ventura vi fosse coperta;
  così cercava Orlando con gran pena
  la donna sua, dove speranza il mena.

88

  Verso quel raggio andando in fretta il conte,
  giunse ove ne la selva si diffonde
  da l'angusto spiraglio di quel monte,
  ch'una capace grotta in sé nasconde;
  e trova inanzi ne la prima fronte
  spine e virgulti, come mura e sponde,
  per celar quei che ne la grotta stanno,
  da chi far lor cercasse oltraggio e danno.

89

  Di giorno ritrovata non sarebbe,
  ma la facea di notte il lume aperta.
  Orlando pensa ben quel ch'esser debbe;
  pur vuol saper la cosa anco più certa.
  Poi che legato fuor Brigliadoro ebbe,
  tacito viene alla grotta coperta:
  e fra li spessi rami ne la buca
  entra, senza chiamar chi l'introduca.

90

  Scende la tomba molti gradi al basso,
  dove la viva gente sta sepolta.
  Era non poco spazioso il sasso
  tagliato a punte di scarpelli in volta;
  né di luce diurna in tutto casso,
  ben che l'entrata non ne dava molta;
  ma ve ne venìa assai da una finestra
  che sporgea in un pertugio da man destra.

91

  In mezzo la spelonca, appresso a un fuoco,
  era una donna di giocondo viso;
  quindici anni passar dovea di poco,
  quanto fu al conte, al primo sguardo, aviso:
  ed era bella sì, che facea il loco
  salvatico parere un paradiso;
  ben ch'avea gli occhi di lacrime pregni,
  del cor dolente manifesti segni.

92

  V'era una vecchia; e facean gran contese
  (come uso feminil spesso esser suole),
  ma come il conte ne la grotta scese,
  finiron le dispùte e le parole.
  Orlando a salutarle fu cortese
  (come con donne sempre esser si vuole),
  ed elle si levaro immantinente,
  e lui risalutar benignamente.

93

  Gli è ver che si smarriro in faccia alquanto,
  come improviso udiron quella voce,
  e insieme entrare armato tutto quanto
  vider là dentro un uom tanto feroce.
  Orlando domandò qual fosse tanto
  scortese, ingiusto, barbaro ed atroce,
  che ne la grotta tenesse sepolto
  un sì gentile ed amoroso volto.

94

  La vergine a fatica gli rispose,
  interrotta da fervidi signiozzi,
  che dai coralli e da le preziose
  perle uscir fanno i dolci accenti mozzi.
  Le lacrime scendean tra gigli e rose,
  là dove avien ch'alcuna se n'inghiozzi.
  Piacciavi udir ne l'altro canto il resto,
  Signor, che tempo è ormai di finir questo.



CANTO TREDICESIMO


1

  Ben furo aventurosi i cavallieri
  ch'erano a quella età, che nei valloni,
  ne le scure spelonche e boschi fieri,
  tane di serpi, d'orsi e di leoni,
  trovavan quel che nei palazzi altieri
  a pena or trovar puon giudici buoni:
  donne, che ne la lor più fresca etade
  sien degne d'aver titol di beltade.

2

  Di sopra vi narrai che ne la grotta
  avea trovato Orlando una donzella,
  e che la dimandò ch'ivi condotta
  l'avesse: or seguitando, dico ch'ella,
  poi che più d'un signiozzo l'ha interrotta,
  con dolce e suavissima favella
  al conte fa le sue sciagure note,
  con quella brevità che meglio puote.

3

  — Ben che io sia certa (dice), o cavalliero,
  ch'io porterò del mio parlar supplizio,
  perché a colui che qui m'ha chiusa, spero
  che costei ne darà subito indizio;
  pur son disposta non celarti il vero,
  e vada la mia vita in precipizio.
  E ch'aspettar poss'io da lui più gioia,
  che 'l si disponga un dì voler ch'io muoia?

4

  Isabella sono io, che figlia fui
  del re mal fortunato di Gallizia.
  Ben dissi fui; ch'or non son più di lui,
  ma di dolor, d'affanno e di mestizia.
  Colpa d'Amor; ch'io non saprei di cui
  dolermi più che de la sua nequizia,
  che dolcemente nei principi applaude,
  e tesse di nascosto inganno e fraude.

5

  Già mi vivea di mia sorte felice,
  gentil, giovane, ricca, onesta e bella:
  vile e povera or sono, or infelice;
  e s'altra è peggior sorte, io sono in quella.
  Ma voglio sappi la prima radice
  che produsse quel mal che mi flagella;
  e ben ch'aiuto poi da te non esca,
  poco non mi parrà, che te n'incresca.

6

  Mio patre fe' in Baiona alcune giostre,
  esser denno oggimai dodici mesi.
  Trasse la fama ne le terre nostre
  cavallieri a giostrar di più paesi.
  Fra gli altri (o sia ch'Amor così mi mostre,
  o che virtù pur se stessa palesi)
  mi parve da lodar Zerbino solo,
  che del gran re di Scozia era figliuolo.

7

  Il qual poi che far pruove in campo vidi
  miracolose di cavalleria,
  fui presa del suo amore; e non m'avidi,
  ch'io mi conobbi più non esser mia.
  E pur, ben che 'l suo amor così mi guidi,
  mi giova sempre avere in fantasia
  ch'io non misi il mio core in luogo immondo,
  ma nel più degno e bel ch'oggi sia al mondo.

8

  Zerbino di bellezza e di valore
  sopra tutti i signori era eminente.
  Mostrammi, e credo mi portasse amore,
  e che di me non fosse meno ardente.
  Non ci mancò chi del commune ardore
  interprete fra noi fosse sovente,
  poi che di vista ancor fummo disgiunti;
  che gli animi restar sempre congiunti.

9

  Però che dato fine alla gran festa,
  il mio Zerbino in Scozia fe' ritorno.
  Se sai che cosa è amor, ben sai che mesta
  restai, di lui pensando notte e giorno;
  ed era certa che non men molesta
  fiamma intorno al suo cor facea soggiorno.
  Egli non fece al suo disio più schermi,
  se non che cercò via di seco avermi.

10

  E perché vieta la diversa fede
  (essendo egli cristiano, io saracina)
  ch'al mio padre per moglie non mi chiede,
  per furto indi levarmi si destina.
  Fuor de la ricca mia patria, che siede
  tra verdi campi allato alla marina,
  aveva un bel giardin sopra una riva,
  che colli intorno e tutto il mar scopriva.

11

  Gli parve il luogo a fornir ciò disposto,
  che la diversa religion ci vieta;
  e mi fa saper l'ordine che posto
  avea di far la nostra vita lieta.
  Appresso a Santa Marta avea nascosto
  con gente armata una galea secreta,
  in guardia d'Odorico di Biscaglia,
  in mare e in terra mastro di battaglia.

12

  Né potendo in persona far l'effetto,
  perch'egli allora era dal padre antico
  a dar soccorso al re di Francia astretto,
  manderia in vece sua questo Odorico,
  che fra tutti i fedeli amici eletto
  s'avea pel più fedele e pel più amico:
  e bene esser dovea, se i benefici
  sempre hanno forza d'acquistar gli amici.

13

  Verria costui sopra un navilio armato,
  al terminato tempo indi a levarmi.
  E così venne il giorno disiato,
  che dentro il mio giardin lasciai trovarmi.
  Odorico la notte, accompagnato
  di gente valorosa all'acqua e all'armi,
  smontò ad un fiume alla città vicino,
  e venne chetamente al mio giardino.

14

  Quindi fui tratta alla galea spalmata,
  prima che la città n'avesse avisi.
  De la famiglia ignuda e disarmata
  altri fuggiro, altri restaro uccisi,
  parte captiva meco fu menata.
  Così da la mia terra io mi divisi,
  con quanto gaudio non ti potrei dire,
  sperando in breve il mio Zerbin fruire.

15

  Voltati sopra Mongia eramo a pena,
  quando ci assalse alla sinistra sponda
  un vento che turbò l'aria serena,
  e turbò il mare, e al ciel gli levò l'onda.
  Salta un maestro ch'a traverso mena,
  e cresce ad ora ad ora, e soprabonda;
  e cresce e soprabonda con tal forza,
  che val poco alternar poggia con orza.

16

  Non giova calar vele, e l'arbor sopra
  corsia legar, né ruinar castella;
  che ci veggian mal grado portar sopra
  acuti scogli, appresso alla Rocella.
  Se non ci aiuta quel che sta di sopra,
  ci spinge in terra la crudel procella.
  Il vento rio ne caccia in maggior fretta,
  che d'arco mai non si aventò saetta.

17

  Vide il periglio il Biscaglino, e a quello
  usò un rimedio che fallir suol spesso:
  ebbe ricorso subito al battello;
  calossi, e me calar fece con esso.
  Sceser dui altri, e ne scendea un drappello,
  se i primi scesi l'avesser concesso;
  ma con le spade li tenner discosto,
  tagliar la fune, e ci allargammo tosto.

18

  Fummo gittati a salvamento al lito
  noi che nel palischermo eramo scesi;
  periron gli altri col legno sdrucito;
  in preda al mare andar tutti gli arnesi.
  All'eterna Bontade, all'infinito
  Amor, rendendo grazie, le man stesi,
  che non m'avessi dal furor marino
  lasciato tor di riveder Zerbino.

19

  Come ch'io avessi sopra il legno e vesti
  lasciato e gioie e l'altre cose care,
  pur che la speme di Zerbin mi resti,
  contenta son che s'abbi il resto il mare.
  Non sono, ove scendemo, i liti pesti
  d'alcun sentier, né intorno albergo appare;
  ma solo il monte, al qual mai sempre fiede
  l'ombroso capo il vento, e 'l mare il piede.

20

  Quivi il crudo tiranno Amor, che sempre
  d'ogni promessa sua fu disleale,
  e sempre guarda come involva e stempre
  ogni nostro disegno razionale,
  mutò con triste e disoneste tempre
  mio conforto in dolor, mio bene in male;
  che quell'amico, in chi Zerbin si crede,
  di desire arse, ed agghiacciò di fede.

21

  O che m'avesse in mar bramata ancora,
  né fosse stato a dimostrarlo ardito,
  o cominciassi il desiderio allora
  che l'agio v'ebbe dal solingo lito;
  disegnò quivi senza più dimora
  condurre a fin l'ingordo suo appetito;
  ma prima da sé torre un de li dui
  che nel battel campati eran con nui.

22

  Quell'era omo di Scozia, Almonio detto,
  che mostrava a Zerbin portar gran fede;
  e commendato per guerrier perfetto
  da lui fu, quando ad Odorico il diede.
  Disse a costui, che biasmo era e difetto,
  se mi traeano alla Rocella a piede;
  e lo pregò ch'inanti volesse ire
  a farmi incontra alcun ronzin venire.

23

  Almonio, che di ciò nulla temea,
  immantinente inanzi il camin piglia
  alla città che 'l bosco ci ascondea,
  e non era lontana oltra sei miglia.
  Odorico scoprir sua voglia rea
  all'altro finalmente si consiglia;
  sì perché tor non se lo sa d'appresso,
  sì perché avea gran confidenza in esso.

24

  Era Corebo di Bilbao nomato
  quel di ch'io parlo, che con noi rimase;
  che da fanciullo picciolo allevato
  s'era con lui ne le medesme case.
  Poter con lui communicar l'ingrato
  pensiero il traditor si persuase,
  sperando ch'ad amar saria più presto
  il piacer de l'amico, che l'onesto.

25

  Corebo, che gentile era e cortese,
  non lo potè ascoltar senza gran sdegno:
  lo chiamò traditore, e gli contese
  con parole e con fatti il rio disegno.
  Grande ira all'uno e all'altro il core accese,
  e con le spade nude ne fer segno.
  Al trar de' ferri, io fui da la paura
  volta a fuggir per l'alta selva oscura.

26

  Odorico, che maestro era di guerra,
  in pochi colpi a tal vantaggio venne,
  che per morto lasciò Corebo in terra,
  e per le mie vestigie il camin tenne.
  Prestògli Amor (se 'l mio creder non erra),
  acciò potesse giungermi, le penne;
  e gl'insegnò molte lusinghe e prieghi,
  con che ad amarlo e compiacer mi pieghi.

27

  Ma tutto è indarno; che fermata e certa
  più tosto era a morir, ch'a satisfarli.
  Poi ch'ogni priego, ogni lusinga esperta
  ebbe e minacce, e non potean giovarli,
  si ridusse alla forza a faccia aperta.
  Nulla mi val che supplicando parli
  de la fé ch'avea in lui Zerbino avuta,
  e ch'io ne le sue man m'era creduta.

28

  Poi che gittar mi vidi i prieghi invano,
  né mi sperare altronde altro soccorso,
  e che più sempre cupido e villano
  a me venìa, come famelico orso;
  io mi difesi con piedi e con mano,
  ed adopra'vi sin a l'ugne e il morso:
  pela'gli il mento, e gli graffiai la pelle,
  con stridi che n'andavano alle stelle.

29

  Non so se fosse caso, o li miei gridi
  che si doveano udir lungi una lega,
  o pur ch'usati sian correre ai lidi
  quando navilio alcun si rompe o anniega;
  sopra il monte una turba apparir vidi,
  e questa al mare e verso noi si piega.
  Come la vede il Biscaglin venire,
  lascia l'impresa, e voltasi a fuggire.

30

  Contra quel disleal mi fu adiutrice
  questa turba, signor; ma a quella image
  che sovente in proverbio il vulgo dice:
  cader de la padella ne le brage.
  Gli è ver ch'io non son stata sì infelice,
  né le lor menti ancor tanto malvage,
  ch'abbino violata mia persona:
  non che sia in lor virtù, né cosa buona.

31

  Ma perché se mi serban, come io sono,
  vergine, speran vendermi più molto.
  Finito è il mese ottavo e viene il nono,
  che fu il mio vivo corpo qui sepolto.
  Del mio Zerbino ogni speme abbandono;
  che già, per quanto ho da lor detti accolto,
  m'han promessa e venduta a un mercadante,
  che portare al soldan mi de' in Levante. —

32

  Così parlava la gentil donzella;
  e spesso con signiozzi e con sospiri
  interrompea l'angelica favella,
  da muovere a pietade aspidi e tiri.
  Mentre sua doglia così rinovella,
  o forse disacerba i suoi martiri,
  da venti uomini entrar ne la spelonca,
  armati chi di spiedo e chi di ronca.

33

  Il primo d'essi, uom di spietato viso,
  ha solo un occhio, e sguardo scuro e bieco;
  l'altro, d'un colpo che gli avea reciso
  il naso e la mascella, è fatto cieco.
  Costui vedendo il cavalliero assiso
  con la vergine bella entro allo speco,
  volto a' compagni, disse: — Ecco augel nuovo,
  a cui non tesi, e ne la rete il truovo. —

34

  Poi disse al conte: — Uomo non vidi mai
  più commodo di te, né più opportuno.
  Non so se ti se' apposto, o se lo sai
  perché te l'abbia forse detto alcuno,
  che sì bell'arme io desiava assai,
  e questo tuo leggiadro abito bruno.
  Venuto a tempo veramente sei,
  per riparare agli bisogni miei. —

35

  Sorrise amaramente, in piè salito,
  Orlando, e fe' risposta al mascalzone:
  — Io ti venderò l'arme ad un partito
  che non ha mercadante in sua ragione. —
  Del fuoco, ch'avea appresso, indi rapito
  pien di fuoco e di fumo uno stizzone,
  trasse, e percosse il malandrino a caso,
  dove confina con le ciglia il naso.

36

  Lo stizzone ambe le palpebre colse,
  ma maggior danno fe' ne la sinistra;
  che quella parte misera gli tolse,
  che de la luce sola, era ministra.
  Né d'acciecarlo contentar si volse
  il colpo fier, s'ancor non lo registra
  tra quelli spirti che con suoi compagni
  fa star Chiron dentro ai bollenti stagni.

37

  Ne la spelonca una gran mensa siede
  grossa duo palmi, e spaziosa in quadro,
  che sopra un mal pulito e grosso piede,
  cape con tutta la famiglia il ladro.
  Con quell'agevolezza che si vede
  gittar la canna lo Spagnuol leggiadro,
  Orlando il grave desco da sé scaglia
  dove ristretta insieme è la canaglia.

38

  A chi'l petto, a chi'l ventre, a chi la testa,
  a chi rompe le gambe, a chi le braccia;
  di ch'altri muore, altri storpiato resta:
  chi meno è offeso, di fuggir procaccia.
  Così talvolta un grave sasso pesta
  e fianchi e lombi, e spezza capi e schiaccia,
  gittato sopra un gran drapel di biscie,
  che dopo il verno al sol si goda e liscie.

39

  Nascono casi, e non saprei dir quanti:
  una muore, una parte senza coda,
  un'altra non si può muover davanti,
  e 'l deretano indarno aggira e snoda;
  un'altra, ch'ebbe più propizi i santi,
  striscia fra l'erbe, e va serpendo a proda.
  Il colpo orribil fu, ma non mirando,
  poi che lo fece il valoroso Orlando.

40

  Quei che la mensa o nulla o poco offese
  (e Turpin scrive a punto che fur sette),
  ai piedi raccomandan sue difese:
  ma ne l'uscita il paladin si mette;
  e poi che presi gli ha senza contese,
  le man lor lega con la fune istrette,
  con una fune al suo bisogno destra,
  che ritrovò ne la casa silvestra.

41

  Poi li trascina fuor de la spelonca,
  dove facea grande ombra un vecchio sorbo.
  Orlando con la spada i rami tronca,
  e quelli attacca per vivanda al corbo.
  Non bisognò catena in capo adonca;
  che per purgare il mondo di quel morbo,
  l'arbor medesmo gli uncini prestolli,
  con che pel mento Orlando ivi attaccolli.

42

  La donna vecchia, amica a' malandrini,
  poi che restar tutti li vide estinti,
  fuggì piangendo e con le mani ai crini,
  per selve e boscherecci labirinti.
  Dopo aspri e malagevoli camini,
  a gravi passi e dal timor sospinti,
  in ripa un fiume in un guerrier scontrosse;
  ma diferisco a ricontar chi fosse:

43

  e torno all'altra, che si raccomanda
  al paladin che non la lasci sola;
  e dice di seguirlo in ogni banda.
  Cortesemente Orlando la consola;
  e quindi, poi ch'uscì con la ghirlanda
  di rose adorna e di purpurea stola
  la bianca Aurora al solito camino,
  partì con Isabella il paladino.

44

  Senza trovar cosa che degna sia
  d'istoria, molti giorni insieme andaro;
  e finalmente un cavallier per via,
  che prigione era tratto, riscontraro.
  Chi fosse, dirò poi; ch'or me ne svia
  tal, di chi udir non vi sarà men caro:
  la figliuola d'Amon, la qual lasciai
  languida dianzi in amorosi guai.

45

  La bella donna, disiando invano
  ch'a lei facesse il suo Ruggier ritorno,
  stava a Marsilia, ove allo stuol pagano
  dava da travagliar quasi ogni giorno;
  il qual scorrea, rubando in monte e in piano,
  per Linguadoca e per Provenza intorno:
  ed ella ben facea l'ufficio vero
  di savio duca e d'ottimo guerriero.

46

  Standosi quivi, e di gran spazio essendo
  passato il tempo che tornare a lei
  il suo Ruggier dovea, né lo vedendo,
  vivea in timor di mille casi rei.
  Un dì fra gli altri, che di ciò piangendo
  stava solinga, le arrivò colei
  che portò ne l'annel la medicina
  che sanò il cor ch'avea ferito Alcina.

47

  Come a sé ritornar senza il suo amante,
  dopo sì lungo termine, la vede,
  resta pallida e smorta, e sì tremante,
  che non ha forza di tenersi in piede:
  ma la maga gentil le va davante
  ridendo, poi che del timor s'avede;
  e con viso giocondo la conforta,
  qual aver suol chi buone nuove apporta.

48

  — Non temer (disse) di Ruggier, donzella,
  ch'è vivo e sano, e come suol, t'adora;
  ma non è già in sua libertà; che quella
  pur gli ha levata il tuo nemico ancora:
  ed è bisogno che tu monti in sella,
  se brami averlo, e che mi segui or ora;
  che se mi segui, io t'aprirò la via
  donde per te Ruggier libero fia. —

49

  E seguitò, narrandole di quello
  magico error che gli avea ordito Atlante:
  che simulando d'essa il viso bello,
  che captiva parea del rio gigante,
  tratto l'avea ne l'incantato ostello,
  dove sparito poi gli era davante;
  e come tarda con simile inganno
  le donne e i cavallier che di là vanno.

50

  A tutti par, l'incantator mirando,
  mirar quel che per sé brama ciascuno,
  donna, scudier, compagno, amico; quando
  il desiderio uman non è tutto uno.
  Quindi il palagio van tutti cercando
  con lungo affanno, senza frutto alcuno;
  e tanta è la speranza e il gran disire
  del ritrovar, che non ne san partire.

51

  Come tu giungi (disse) in quella parte
  che giace presso all'incantata stanza,
  verrà l'incantatore a ritrovarte,
  che terrà di Ruggiero ogni sembianza;
  e ti farà parer con sua mal'arte,
  ch'ivi lo vinca alcun di più possanza,
  acciò che tu per aiutarlo vada
  dove con gli altri poi ti tenga a bada.

52

  Acciò l'inganni, in che son tanti e tanti
  caduti, non ti colgan, sie avertita,
  che se ben di Ruggier viso e sembianti
  ti parrà di veder, che chieggia aita,
  non gli dar fede tu; ma, come avanti
  ti vien, fagli lasciar l'indegna vita:
  né dubitar perciò che Ruggier muoia,
  ma ben colui che ti dà tanta noia.

53

  Ti parrà duro assai, ben lo conosco,
  uccidere un che sembri il tuo Ruggiero:
  pur non dar fede all'occhio tuo, che losco
  farà l'incanto, e celeragli il vero.
  Fermati, pria ch'io ti conduca al bosco,
  sì che poi non si cangi il tuo pensiero;
  che sempre di Ruggier rimarrai priva,
  se lasci per viltà che 'l mago viva. —

54

  La valorosa giovane, con questa
  intenzion che 'l fraudolente uccida,
  a pigliar l'arme ed a seguire è presta
  Melissa; che sa ben quanto l'è fida.
  Quella, or per terren culto, or per foresta,
  a gran giornate e in gran fretta la guida,
  cercando alleviarle tuttavia
  con parlar grato la noiosa via.

55

  E più di tutti i bei ragionamenti,
  spesso le ripetea ch'uscir di lei
  e di Ruggier doveano gli eccellenti
  principi e gloriosi semidei.
  Come a Melissa fossino presenti
  tutti i secreti degli eterni dei,
  tutte le cose ella sapea predire,
  ch'avean per molti seculi a venire.

56

  — Deh, come, o prudentissima mia scorta
  (dicea a la maga l'inclita donzella),
  molti anni prima tu m'hai fatta accorta
  di tanta mia viril progenie bella;
  così d'alcuna donna mi conforta,
  che di mia stirpe sia, s'alcuna in quella
  metter si può tra belle e virtuose. —
  E la cortese maga le rispose:

57

  — Da te uscir veggio le pudiche donne,
  madri d'imperatori e di gran regi,
  reparatrici e solide colonne
  di case illustri e di domìni egregi;
  che men degne non son ne le lor gonne,
  ch'in arme i cavallier, di sommi pregi,
  di pietà, di gran cor, di gran prudenza,
  di somma e incomparabil continenza.

58

  E s'io avrò da narrarti di ciascuna
  che ne la stirpe tua sia d'onor degna,
  troppo sarà; ch'io non ne veggio alcuna
  che passar con silenzio mi convegna.
  Ma ti farò, tra mille, scelta d'una
  o di due coppie, acciò ch'a fin ne vegna.
  Ne la spelonca perché nol dicesti?
  che l'imagini ancor vedute avresti.

59

  De la tua chiara stirpe uscirà quella
  d'opere illustri e di bei studi amica,
  ch'io non so ben se più leggiadra e bella
  mi debba dire, o più saggia e pudica,
  liberale e magnanima Isabella,
  che del bel lume suo dì e notte aprica
  farà la terra che sul Menzo siede,
  a cui la madre d'Ocno il nome diede:

60

  dove onorato e splendido certame
  avrà col suo dignissimo consorte,
  chi di lor più le virtù prezzi ed ame,
  e chi meglio apra a cortesia le porte.
  S'un narrerà ch'al Taro e nel Reame
  fu a liberar da' Galli Italia forte;
  l'altra dirà: — Sol perché casta visse
  Penelope, non fu minor d'Ulisse. —

61

  Gran cose e molte in brevi detti accolgo
  di questa donna e più dietro ne lasso,
  che in quelli dì ch'io mi levai dal volgo,
  mi fe' chiare Merlin dal cavo sasso.
  E s'in questo gran mar la vela sciolgo,
  di lunga Tifi in navigar trapasso.
  Conchiudo in somma, ch'ella avrà, per dono,
  de la virtù e del ciel, ciò ch'è di buono.

62

  Seco avrà la sorella Beatrice,
  a cui si converrà tal nome a punto:
  ch'essa non sol del ben che qua giù lice,
  per quel che viverà, toccherà il punto;
  ma avrà forza di far seco felice,
  fra tutti i ricchi duci, il suo congiunto,
  il qual, come ella poi lascerà il mondo,
  così de l'infelici andrà nel fondo.

63

  E Moro e Sforza e Viscontei colubri,
  lei viva, formidabili saranno
  da l'iperboree nievi ai lidi rubri,
  da l'Indo ai monti ch'al tuo mar via danno:
  lei morta, andran col regno degl'Insubri,
  e con grave di tutta Italia danno,
  in servitute; e fia stimata, senza
  costei, ventura la somma prudenza.

64

  Vi saranno altre ancor, ch'avranno il nome
  medesmo, e nasceran molt'anni prima:
  di ch'una s'ornerà le sacre chiome
  de la corona di Pannonia opima;
  un'altra, poi che le terrene some
  lasciate avrà, fia ne l'ausonio clima
  collocata nel numer de le dive,
  ed avrà incensi e imagini votive.

65

  De l'altre tacerò; che, come ho detto,
  lungo sarebbe a ragionar di tante;
  ben che per sé ciascuna abbia suggetto
  degno, ch'eroica e chiara tuba cante.
  Le Bianche, le Lucrezie io terrò in petto,
  e le Costanze e l'altre, che di quante
  splendide case Italia reggeranno,
  reparatrici e madri ad esser hanno.

66

  Più ch'altre fosser mai, le tue famiglie
  saran ne le lor donne aventurose;
  non dico in quella più de le lor figlie,
  che ne l'alta onestà de le lor spose.
  E acciò da te notizia anco si piglie
  di questa parte che Merlin mi espose,
  forse perch'io 'l dovessi a te ridire,
  ho di parlarne non poco desire.

67

  E dirò prima di Ricciarda, degno
  esempio di fortezza e d'onestade:
  vedova rimarrà, giovane, a sdegno
  di Fortuna; il che spesso ai buoni accade.
  I figli, privi del paterno regno,
  esuli andar vedrà in strane contrade,
  fanciulli in man degli aversari loro;
  ma infine avrà il suo male amplo ristoro.

68

  De l'alta stirpe d'Aragone antica
  non tacerò la splendida regina,
  di cui né saggia sì, né sì pudica
  veggio istoria lodar greca o latina,
  né a cui Fortuna più si mostri amica:
  poi che sarà da la Bontà divina
  elletta madre a parturir la bella
  progenie, Alfonso, Ippolito e Isabella.

69

  Costei sarà la saggia Leonora,
  che nel tuo felice arbore s'inesta.
  Che ti dirò de la seconda nuora,
  succeditrice prossima di questa?
  Lucrezia Borgia, di cui d'ora in ora
  le beltà, la virtù, la fama onesta
  e la fortuna crescerà, non meno
  che giovin pianta in morbido terreno.

70

  Qual lo stagno all'argento, il rame all'oro,
  il campestre papavero alla rosa,
  pallido salce al sempre verde alloro,
  dipinto vetro a gemma preziosa;
  tal a costei, ch'ancor non nata onoro,
  sarà ciascuna insino a qui famosa
  di singular beltà, di gran prudenza,
  e d'ogni altra lodevole eccellenza.

71

  E sopra tutti gli altri incliti pregi
  che le saranno e a viva e a morta dati,
  si loderà che di costumi regi
  Ercole e gli altri figli avrà dotati,
  e dato gran principio ai ricchi fregi
  di che poi s'orneranno in toga e armati;
  perché l'odor non se ne va sì in fretta,
  ch'in nuovo vaso, o buono o rio, si metta.

72

  Non voglio ch'in silenzio anco Renata
  di Francia, nuora di costei, rimagna,
  di Luigi il duodecimo re nata,
  e de l'eterna gloria di Bretagna.
  Ogni virtù ch'in donna mai sia stata,
  di poi che 'l fuoco scalda e l'acqua bagna,
  e gira intorno il cielo, insieme tutta
  per Renata adornar veggio ridutta.

73

  Lungo sarà che d'Alda di Sansogna
  narri, o de la contessa di Celano,
  o di Bianca Maria di Catalogna,
  o de la figlia del re sicigliano,
  o de la bella Lippa da Bologna,
  e d'altre; che s'io vo' di mano in mano
  venirtene dicendo le gran lode,
  entro in un alto mar che non ha prode. —

74

  Poi che le raccontò la maggior parte
  de la futura stirpe a suo grand'agio,
  più volte e più le replicò de l'arte
  ch'avea tratto Ruggier dentro al palagio.
  Melissa si fermò, poi che fu in parte
  vicina al luogo del vecchio malvagio;
  e non le parve di venir più inante,
  acciò veduta non fosse da Atlante.

75

  E la donzella di nuovo consiglia
  di quel che mille volte ormai l'ha detto.
  La lascia sola; e quella oltre a dua miglia
  non cavalcò per un sentiero istretto,
  che vide quel ch'al suo Ruggier simiglia;
  e dui giganti di crudele aspetto
  intorno avea, che lo stringean sì forte,
  ch'era vicino esser condotto a morte.

76

  Come la donna in tal periglio vede
  colui che di Ruggiero ha tutti i segni,
  subito cangia in sospizion la fede,
  subito oblia tutti i suoi bei disegni.
  Che sia in odio a Melissa Ruggier crede,
  per nuova ingiuria e non intesi sdegni,
  e cerchi far con disusata trama
  che sia morto da lei che così l'ama.

77

  Seco dicea: — Non è Ruggier costui,
  che col cor sempre, ed or con gli occhi veggio?
  e s'or non veggio e non conosco lui,
  che mai veder o mai conoscer deggio?
  perché voglio io de la credenza altrui
  che la veduta mia giudichi peggio?
  Che senza gli occhi ancor, sol per se stesso
  può il cor sentir se gli è lontano o appresso. —

78

  Mentre che così pensa, ode la voce
  che le par di Ruggier, chieder soccorso;
  e vede quello a un tempo, che veloce
  sprona il cavallo e gli ralenta il morso,
  e l'un nemico e l'altro suo feroce,
  che lo segue e lo caccia a tutto corso.
  Di lor seguir la donna non rimase,
  che si condusse all'incantate case.

79

  De le quai non più tosto entrò le porte,
  che fu sommersa nel commune errore.
  Lo cercò tutto per vie dritte e torte
  invan di su e di giù, dentro e di fuore;
  né cessa notte o dì, tanto era forte
  l'incanto: e fatto avea l'incantatore,
  che Ruggier vede sempre e gli favella,
  né Ruggier lei, né lui riconosce ella.

80

  Ma lasciàn Bradamante, e non v'incresca
  udir che così resti in quello incanto;
  che quando sarà il tempo ch'ella n'esca,
  la farò uscire, e Ruggiero altretanto.
  Come raccende il gusto il mutar esca,
  così mi par che la mia istoria, quanto
  or qua or là più variata sia,
  meno a chi l'udirà noiosa fia.

81

  Di molte fila esser bisogno parme
  a condur la gran tela ch'io lavoro.
  E però non vi spiaccia d'ascoltarme,
  come fuor de le stanze il popul Moro
  davanti al re Agramante ha preso l'arme,
  che, molto minacciando ai Gigli d'oro,
  lo fa assembrare ad una mostra nuova,
  per saper quanta gente si ritruova.

82

  Perch'oltre i cavallieri, oltre i pedoni
  ch'al numero sottratti erano in copia,
  mancavan capitani, e pur de' buoni,
  e di Spagna e di Libia e d'Etiopia,
  e le diverse squadre e le nazioni
  givano errando senza guida propia;
  per dare e capo ed ordine a ciascuna,
  tutto il campo alla mostra si raguna.

83

  In supplimento de le turbe uccise
  ne le battaglie e ne' fieri conflitti,
  l'un signore in Ispagna, e l'altro mise
  in Africa, ove molti n'eran scritti;
  e tutti alli lor ordini divise,
  e sotto i duci lor gli ebbe diritti.
  Differirò, Signor, con grazia vostra,
  ne l'altro canto l'ordine e la mostra.



CANTO QUATTORDICESIMO


1

  Nei molti assalti e nei crudel conflitti,
  ch'avuti avea con Francia, Africa e Spagna,
  morti erano infiniti, e derelitti
  al lupo, al corvo, all'aquila griffagna;
  e ben che i Franchi fossero più afflitti,
  che tutta avean perduta la campagna;
  più si doleano i Saracin, per molti
  principi e gran baron ch'eran lor tolti.

2

  Ebbon vittorie così sanguinose,
  che lor poco avanzò di che allegrarsi.
  E se alle antique le moderne cose,
  invitto Alfonso, denno assimigliarsi;
  la gran vittoria, onde alle virtuose
  opere vostre può la gloria darsi,
  di ch'aver sempre lacrimose ciglia
  Ravenna debbe, a queste s'assimiglia:

3

  quando cedendo Morini e Picardi,
  l'esercito normando e l'aquitano,
  voi nel mezzo assaliste gli stendardi
  del quasi vincitor nimico ispano,
  seguendo voi quei gioveni gagliardi,
  che meritar con valorosa mano
  quel dì da voi, per onorati doni,
  l'else indorate e gl'indorati sproni.

4

  Con sì animosi petti che vi foro
  vicini o poco lungi al gran periglio,
  crollaste sì le ricche Giande d'oro,
  sì rompeste il baston giallo e vermiglio,
  ch'a voi si deve il trionfale alloro,
  che non fu guasto né sfiorato il Giglio.
  D'un'altra fronde v'orna anco la chioma
  l'aver serbato il suo Fabrizio a Roma.

5

  La gran Colonna del nome romano,
  che voi prendeste, e che servaste intera,
  vi dà più onor che se di vostra mano
  fosse caduta la milizia fiera,
  quanta n'ingrassa il campo ravegnano,
  e quanta se n'andò senza bandiera
  d'Aragon, di Castiglia e di Navarra,
  veduto non giovar spiedi né carra.

6

  Quella vittoria fu più di conforto,
  che d'allegrezza; perché troppo pesa
  contra la gioia nostra il veder morto
  il capitan di Francia e de l'impresa;
  e seco avere una procella absorto
  tanti principi illustri, ch'a difesa
  dei regni lor, dei lor confederati,
  di qua da le fredd'Alpi eran passati.

7

  Nostra salute, nostra vita in questa
  vittoria suscitata si conosce,
  che difende che 'l verno e la tempesta
  di Giove irato sopra noi non crosce:
  ma né goder potiam, né farne festa,
  sentendo i gran ramarichi e l'angosce,
  ch'in veste bruna e lacrimosa guancia
  le vedovelle fan per tutta Francia.

8

  Bisogna che proveggia il re Luigi
  di nuovi capitani alle sue squadre,
  che per onor de l'aurea Fiordaligi
  castighino le man rapaci e ladre,
  che suore, e frati e bianchi e neri e bigi
  violato hanno, e sposa e figlia e madre;
  gittato in terra Cristo in sacramento,
  per torgli un tabernaculo d'argento.

9

  O misera Ravenna, t'era meglio
  ch'al vincitor non fêssi resistenza;
  far ch'a te fosse inanzi Brescia speglio,
  che tu lo fossi a Arimino e a Faenza.
  Manda, Luigi, il buon Traulcio veglio,
  ch'insegni a questi tuoi più continenza,
  e conti lor quanti per simil torti
  stati ne sian per tutta Italia morti.

10

  Come di capitani bisogna ora
  che 'l re di Francia al campo suo proveggia,
  così Marsilio ed Agramante allora,
  per dar buon reggimento alla sua greggia,
  dai lochi dove il verno fe' dimora,
  vuol ch'in campagna all'ordine si veggia;
  perché vedendo ove bisogno sia,
  guida e governo ad ogni schiera dia.

11

  Marsilio prima, e poi fece Agramante
  passar la gente sua schiera per schiera.
  I Catalani a tutti gli altri inante
  di Dorifebo van con la bandiera.
  Dopo vien, senza il suo re Folvirante,
  che per man di Rinaldo già morto era,
  la gente di Navarra; e lo re ispano
  halle dato Isolier per capitano.

12

  Balugante del popul di Leone,
  Grandonio cura degli Algarbi piglia;
  il fratel di Marsilio, Falsirone,
  ha seco armata la minor Castiglia.
  Seguon di Madarasso il gonfalone
  quei che lasciato han Malaga e Siviglia,
  dal mar di Gade a Cordova feconda
  le verdi ripe ovunque il Beti inonda.

13

  Stordilano e Tesira e Baricondo,
  l'un dopo l'altro, mostra la sua gente:
  Granata al primo, Ulisbona al secondo,
  e Maiorica al terzo è ubidiente.
  Fu d'Ulisbona re (tolto dal mondo
  Larbin) Tesira, di Larbin parente.
  Poi vien Galizia, che sua guida, in vece
  di Maricoldo, Serpentino fece.

14

  Quei di Tolledo e quei di Calatrava,
  di ch'ebbe Sinagon già la bandiera,
  con tutta quella gente che si lava
  in Guadiana e bee de la riviera,
  l'audace Matalista governava;
  Bianzardin quei d'Asturga in una schiera
  con quei di Salamanca e di Piagenza,
  d'Avila, di Zamora e di Palenza.

15

  Di quei di Saragosa e de la corte
  del re Marsilio ha Ferraù il governo:
  tutta la gente è ben armata e forte.
  In questi è Malgarino, Balinverno,
  Malzarise e Morgante, ch'una sorte
  avea fatto abitar paese esterno;
  che, poi che i regni lor lor furon tolti,
  gli avea Marsilio in corte sua raccolti.

16

  In questa è di Marsilio il gran bastardo,
  Follicon d'Almeria, con Doriconte,
  Bavarte e Largalifa ed Analardo,
  ed Archidante il sagontino conte,
  e Lamirante e Langhiran gagliardo,
  e Malagur ch'avea l'astuzie pronte,
  ed altri ed altri, di quai penso, dove
  tempo sarà, di far veder le pruove.

17

  Poi che passò l'esercito di Spagna
  con bella mostra inanzi al re Agramante,
  con la sua squadra apparve alla campagna
  il re d'Oran, che quasi era gigante.
  L'altra che vien, per Martasin si lagna,
  il qual morto le fu da Bradamante;
  e si duol ch'una femina si vanti
  d'aver ucciso il re de' Garamanti.

18

  Segue la terza schiera di Marmonda,
  ch'Argosto morto abbandonò in Guascogna:
  a questa un capo, come alla seconda
  e come anco alla quarta, dar bisogna.
  Quantunque il re Agramante non abonda
  di capitani, pur ne finge e sogna:
  dunque Buraldo, Ormida, Arganio elesse,
  e dove uopo ne fu, guida li messe.

19

  Diede ad Arganio quei di Libicana,
  che piangean morto il negro Dudrinasso.
  Guida Brunello i suoi di Tingitana,
  con viso nubiloso e ciglio basso;
  che, poi che ne la selva non lontana
  dal castel ch'ebbe Atlante in cima al sasso,
  gli fu tolto l'annel da Bradamante,
  caduto era in disgrazia al re Agramante:

20

  e se 'l fratel di Ferraù, Isoliero,
  ch'a l'arbore legato ritrovollo,
  non facea fede inanzi al re del vero,
  avrebbe dato in su le forche un crollo.
  Mutò, a' prieghi di molti, il re pensiero,
  già avendo fatto porgli il laccio al collo:
  gli lo fece levar, ma riserbarlo
  pel primo error; che poi giurò impiccarlo:

21

  sì ch'avea causa di venir Brunello
  col viso mesto e con la testa china.
  Seguia poi Farurante, e dietro a quello
  eran cavalli e fanti di Maurina.
  Venìa Libanio appresso, il re novello:
  la gente era con lui di Constantina;
  però che la corona e il baston d'oro
  gli ha dato il re, che fu di Pinadoro.

22

  Con la gente d'Esperia Soridano,
  e Dorilon ne vien con quei di Setta;
  ne vien coi Nasamoni Puliano.
  Quelli d'Amonia il re Agricalte affretta;
  Malabuferso quelli di Fizano.
  Da Finadurro è l'altra squadra retta,
  che di Canaria viene e di Marocco;
  Balastro ha quei che fur del re Tardocco.

23

  Due squadre, una di Mulga, una d'Arzilla,
  seguono: e questa ha 'l suo signore antico;
  quella n'è priva; e però il re sortilla,
  e diella a Corineo suo fido amico.
  E così de la gente d'Almansilla,
  ch'ebbe Tanfirion, fe' re Caico;
  diè quella di Getulia a Rimedonte.
  Poi vien con quei di Cosca Balinfronte.

24

  Quell'altra schiera è la gente di Bolga:
  suo re è Clarindo, e già fu Mirabaldo.
  Vien Baliverzo, il qual vuò che tu tolga
  di tutto il gregge pel maggior ribaldo.
  Non credo in tutto il campo si disciolga
  bandiera ch'abbia esercito più saldo
  de l'altra, con che segue il re Sobrino,
  né più di lui prudente Saracino.

25

  Quei di Bellamarina, che Gualciotto
  solea guidare, or guida il re d'Algieri
  Rodomonte, e di Sarza, che condotto
  di nuovo avea pedoni e cavallieri;
  che mentre il sol fu nubiloso sotto
  il gran centauro e i corni orridi e fieri,
  fu in Africa mandato da Agramante,
  onde venuto era tre giorni inante.

26

  Non avea il campo d'Africa più forte,
  né Saracin più audace di costui:
  e più temean le parigine porte,
  ed avean più cagion di temer lui,
  che Marsilio, Agramante e la gran corte
  ch'avea seguito in Francia questi dui:
  e più d'ogni altro che facesse mostra,
  era nimico de la fede nostra.

27

  Vien Prusione, il re de l'Alvaracchie;
  poi quel de la Zumara, Dardinello.
  Non so s'abbiano o nottole o cornacchie,
  o altro manco ed importuno augello,
  il qual dai tetti e da le fronde gracchie
  futuro mal, predetto a questo e a quello,
  che fissa in ciel nel dì seguente è l'ora
  che l'uno e l'altro in quella pugna muora.

28

  In campo non aveano altri a venire,
  che quei di Tremisenne e di Norizia;
  né si vedea alla mostra comparire
  il segno lor, né dar di sé notizia.
  Non sapendo Agramante che si dire,
  né che pensar di questa lor pigrizia,
  uno scudiero al fin gli fu condutto
  del re di Tremisen, che narrò il tutto.

29

  E gli narrò ch'Alzirdo e Manilardo
  con molti altri de' suoi giaceano al campo.
  — Signor (diss'egli), il cavallier gagliardo
  ch'ucciso ha i nostri, ucciso avria il tuo campo,
  se fosse stato a torsi via più tardo
  di me, ch'a pena ancor così ne scampo.
  Fa quel de' cavallieri e de' pedoni,
  che 'l lupo fa di capre e di montoni. —

30

  Era venuto pochi giorni avante
  nel campo del re d'Africa un signore;
  né in Ponente era, né in tutto Levante,
  di più forza di lui, né di più core.
  Gli facea grande onore il re Agramante,
  per esser costui figlio e successore
  in Tartaria del re Agrican gagliardo:
  suo nome era il feroce Mandricardo.

31

  Per molti chiari gesti era famoso,
  e di sua fama tutto il mondo empìa;
  ma lo facea più d'altro glorioso,
  ch'al castel de la fata di Soria
  l'usbergo avea acquistato luminoso
  ch'Ettor troian portò mille anni pria,
  per strana e formidabile aventura,
  che 'l ragionarne pur mette paura.

32

  Trovandosi costui dunque presente
  a quel parlar, alzò l'ardita faccia;
  e si dispose andare immantinente,
  per trovar quel guerrier, dietro alla traccia.
  Ritenne occulto il suo pensiero in mente,
  o sia perché d'alcun stima non faccia,
  o perché tema, se 'l pensier palesa,
  ch'un altro inanzi a lui pigli l'impresa.

33

  Allo scudier fe' dimandar come era
  la sopravesta di quel cavalliero.
  Colui rispose: — Quella è tutta nera,
  lo scudo nero, e non ha alcun cimiero. —
  E fu, Signor, la sua risposta vera,
  perché lasciato Orlando avea il quartiero;
  che come dentro l'animo era in doglia,
  così imbrunir di fuor volse la spoglia.

34

  Marsilio a Mandricardo avea donato
  un destrier baio a scorza di castagna,
  con gambe e chiome nere; ed era nato
  di frisa madre e d'un villan di Spagna.
  Sopra vi salta Mandricardo armato,
  e galoppando va per la campagna;
  e giura non tornare a quelle schiere
  se non truova il campion da l'arme nere.

35

  Molta incontrò de la paurosa gente
  che da le man d'Orlando era fuggita,
  chi del figliuol, chi del fratel dolente,
  ch'inanzi agli occhi suoi perdè la vita.
  Ancora la codarda e trista mente
  ne la pallida faccia era sculpita;
  ancor, per la paura che avuta hanno,
  pallidi, muti ed insensati vanno.

36

  Non fe' lungo camin, che venne dove
  crudel spettaculo ebbe ed inumano,
  ma testimonio alle mirabil pruove
  che fur raconte inanzi al re africano.
  Or mira questi, or quelli morti, e muove,
  e vuol le piaghe misurar con mano,
  mosso da strana invidia ch'egli porta
  al cavallier ch'avea la gente morta.

37

  Come lupo o mastin ch'ultimo giugne
  al bue lasciato morto da' villani,
  che truova sol le corna, l'ossa e l'ugne,
  del resto son sfamati augelli e cani;
  riguarda invano il teschio che non ugne:
  così fa il crudel barbaro in que' piani.
  Per duol bestemmia, e mostra invidia immensa,
  che venne tardi a così ricca mensa.

38

  Quel giorno e mezzo l'altro segue incerto
  il cavallier dal negro, e ne domanda.
  Ecco vede un pratel d'ombre coperto,
  che sì d'un alto fiume si ghirlanda,
  che lascia a pena un breve spazio aperto,
  dove l'acqua si torce ad altra banda.
  Un simil luogo con girevol onda
  sotto Ocricoli il Tevere circonda.

39

  Dove entrar si potea, con l'arme indosso
  stavano molti cavallieri armati.
  Chiede il pagan, chi gli avea in stuol sì grosso,
  ed a che effetto insieme ivi adunati.
  Gli fe' risposta il capitano, mosso
  dal signoril sembiante e da' fregiati
  d'oro e di gemme arnesi di gran pregio,
  che lo mostravan cavalliero egregio.

40

  — Dal nostro re siàn (disse) di Granata
  chiamati in compagnia de la figliuola,
  la quale al re di Sarza ha maritata,
  ben che di ciò la fama ancor non vola.
  Come appresso la sera racchetata
  la cicaletta sia, ch'or s'ode sola,
  avanti al padre fra l'ispane torme
  la condurremo: intanto ella si dorme. —

41

  Colui, che tutto il mondo vilipende,
  disegna di veder tosto la pruova,
  se quella gente o bene o mal difende
  la donna, alla cui guardia si ritruova.
  Disse: — Costei, per quanto se n'intende,
  è bella; e di saperlo ora mi giova.
  A lei mi mena, o falla qui venire;
  ch'altrove mi convien subito gire. —

42

  — Esser per certo dei pazzo solenne, —
  rispose il Granatin, né più gli disse.
  Ma il Tartaro a ferir tosto lo venne
  con l'asta bassa, e il petto gli trafisse;
  che la corazza il colpo non sostenne,
  e forza fu che morto in terra gisse.
  L'asta ricovra il figlio d'Agricane,
  perché altro da ferir non gli rimane.

43

  Non porta spada né baston; che quando
  l'arme acquistò, che fu d'Ettor troiano,
  perché trovò che lor mancava il brando,
  gli convenne giurar (né giurò invano)
  che fin che non togliea quella d'Orlando,
  mai non porrebbe ad altra spada mano:
  Durindana ch'Almonte ebbe in gran stima,
  e Orlando or porta, Ettor portava prima.

44

  Grande è l'ardir del Tartaro, che vada
  con disvantaggio tal contra coloro,
  gridando: — Chi mi vuol vietar la strada? —
  E con la lancia si cacciò tra loro.
  Chi l'asta abbassa, e chi tra' fuor la spada;
  e d'ogn'intorno subito gli foro.
  Egli ne fece morir una frotta,
  prima che quella lancia fosse rotta.

45

  Rotta che se la vede, il gran troncone
  che resta intero, ad ambe mani afferra;
  e fa morir con quel tante persone,
  che non fu vista mai più crudel guerra.
  Come tra' Filistei l'ebreo Sansone
  con la mascella che levò di terra,
  scudi spezza, elmi schiaccia, e un colpo spesso
  spenge i cavalli ai cavallieri appresso.

46

  Correno a morte que' miseri a gara,
  né perché cada l'un, l'altro andar cessa;
  che la maniera del morire, amara
  lor par più assai che non è morte istessa.
  Patir non ponno che la vita cara
  tolta lor sia da un pezzo d'asta fessa,
  e sieno sotto alle picchiate strane
  a morir giunti, come biscie o rane.

47

  Ma poi ch'a spese lor si furo accorti
  che male in ogni guisa era morire,
  sendo già presso alli duo terzi morti,
  tutto l'avanzo cominciò a fuggire.
  Come del proprio aver via se gli porti,
  il Saracin crudel non può patire
  ch'alcun di quella turba sbigottita
  da lui partir si debba con la vita.

48

  Come in palude asciutta dura poco
  stridula canna, o in campo àrrida stoppia
  contra il soffio di borea e contra il fuoco
  che 'l cauto agricultore insieme accoppia,
  quando la vaga fiamma occupa il loco,
  e scorre per li solchi, e stride e scoppia;
  così costor contra la furia accesa
  di Mandricardo fan poca difesa.

49

  Poscia ch'egli restar vede l'entrata,
  che mal guardata fu, senza custode;
  per la via che di nuovo era segnata
  ne l'erba, e al suono dei ramarchi ch'ode,
  viene a veder la donna di Granata,
  se di bellezze è pari alle sue lode:
  passa tra i corpi de la gente morta,
  dove gli dà, torcendo, il fiume porta.

50

  E Doralice in mezzo il prato vede
  (che così nome la donzella avea),
  la qual, suffolta da l'antico piede
  d'un frassino silvestre, si dolea.
  Il pianto, come un rivo che succede
  di viva vena, nel bel sen cadea;
  e nel bel viso si vedea che insieme
  de l'altrui mal si duole, e del suo teme.

51

  Crebbe il timor, come venir lo vide
  di sangue brutto e con faccia empia e oscura,
  e 'l grido sin al ciel l'aria divide,
  di sé e de la sua gente per paura;
  che, oltre i cavallier, v'erano guide,
  che de la bella infante aveano cura,
  maturi vecchi, e assai donne e donzelle
  del regno di Granata, e le più belle.

52

  Come il Tartaro vede quel bel viso
  che non ha paragone in tutta Spagna,
  e c'ha nel pianto (or ch'esser de' nel riso?)
  tesa d'Amor l'inestricabil ragna;
  non sa se vive in terra o in paradiso:
  né de la sua vittoria altro guadagna,
  se non che in man de la sua prigioniera
  si dà prigione, e non sa in qual maniera.

53

  A lei però non si concede tanto,
  che del travaglio suo le doni il frutto;
  ben che piangendo ella dimostri, quanto
  possa donna mostrar, dolore e lutto.
  Egli, sperando volgerle quel pianto
  in sommo gaudio, era disposto al tutto
  menarla seco; e sopra un bianco ubino
  montar la fece, e tornò al suo camino.

54

  Donne e donzelle e vecchi ed altra gente,
  ch'eran con lei venuti di Granata,
  tutti licenziò benignamente,
  dicendo: — Assai da me fia accompagnata;
  io mastro, io balia, io le sarò sergente
  in tutti i suoi bisogni: a Dio brigata. —
  Così, non gli possendo far riparo,
  piangendo e sospirando se n'andaro;

55

  tra lor dicendo: — Quanto doloroso
  ne sarà il padre, come il caso intenda!
  quanta ira, quanto duol ne avrà il suo sposo!
  oh come ne farà vendetta orrenda!
  Deh, perché a tempo tanto bisognoso
  non è qui presso a far che costui renda
  il sangue illustre del re Stordilano,
  prima che se lo porti più lontano? —

56

  De la gran preda il Tartaro contento,
  che fortuna e valor gli ha posta inanzi,
  di trovar quel dal negro vestimento
  non par ch'abbia la fretta ch'avea dianzi.
  Correva dianzi: or viene adagio e lento;
  e pensa tuttavia dove si stanzi,
  dove ritruovi alcun commodo loco,
  per esalar tanto amoroso foco.

57

  Tuttavolta conforta Doralice,
  ch'avea di pianto e gli occhi e 'l viso molle:
  compone e finge molte cose, e dice
  che per fama gran tempo ben le volle;
  e che la patria, e il suo regno felice
  che 'l nome di grandezza agli altri tolle,
  lasciò, non per vedere o Spagna o Francia,
  ma sol per contemplar sua bella guancia.

58

  — Se per amar, l'uom debbe essere amato,
  merito il vostro amor; che v'ho amat'io:
  se per stirpe, di me chi è meglio nato?
  che 'l possente Agrican fu il padre mio:
  se per ricchezza, chi ha di me più stato?
  che di dominio io cedo solo a Dio:
  se per valor, credo oggi aver esperto
  ch'esser amato per valore io merto. —

59

  Queste parole ed altre assai, ch'Amore
  a Mandricardo di sua bocca ditta,
  van dolcemente a consolar il core
  de la donzella di paura afflitta.
  Il timor cessa, e poi cessa il dolore
  che le avea quasi l'anima trafitta.
  Ella comincia con più pazienza
  a dar più grata al nuovo amante udienza;

60

  poi con risposte più benigne molto
  a mostrarsegli affabile e cortese,
  e non negargli di fermar nel volto
  talor le luci di pietade accese:
  onde il pagan, che da lo stral fu colto
  altre volte d'Amor, certezza prese,
  non che speranza, che la donna bella
  non saria a' suo' desir sempre ribella.

61

  Con questa compagnia lieto e gioioso,
  che sì gli satisfà, sì gli diletta,
  essendo presso all'ora ch'a riposo
  la fredda notte ogni animale alletta,
  vedendo il sol già basso e mezzo ascoso,
  comminciò a cavalcar con maggior fretta;
  tanto ch'udì sonar zuffoli e canne,
  e vide poi fumar ville e capanne.

62

  Erano pastorali alloggiamenti,
  miglior stanza e più commoda, che bella.
  Quivi il guardian cortese degli armenti
  onorò il cavalliero e la donzella,
  tanto che si chiamar da lui contenti;
  che non pur per cittadi e per castella,
  ma per tuguri ancora e per fenili
  spesso si trovan gli uomini gentili.

63

  Quel che fosse dipoi fatto all'oscuro
  tra Doralice e il figlio d'Agricane,
  a punto racontar non m'assicuro;
  sì ch'al giudicio di ciascun rimane.
  Creder si può che ben d'accordo furo;
  che si levar più allegri la dimane,
  e Doralice ringraziò il pastore,
  che nel suo albergo le avea fatto onore.

64

  Indi d'uno in un altro luogo errando,
  si ritrovaro al fin sopra un bel fiume
  che con silenzio al mar va declinando,
  e se vada o se stia, mal si prosume;
  limpido e chiaro sì, ch'in lui mirando,
  senza contesa al fondo porta il lume.
  In ripa a quello, a una fresca ombra e bella,
  trovar dui cavallieri e una donzella.

65

  Or l'alta fantasia, ch'un sentier solo
  non vuol ch'i'segua ognor, quindi mi guida,
  e mi ritorna ove il moresco stuolo
  assorda di rumor Francia e di grida,
  d'intorno il padiglione ove il figliuolo
  del re Troiano il santo Impero sfida,
  e Rodomonte audace se gli vanta
  arder Parigi e spianar Roma santa.

66

  Venuto ad Agramante era all'orecchio,
  che già l'Inglesi avean passato il mare:
  però Marsilio e il re del Garbo vecchio
  e gli altri capitan fece chiamare.
  Consiglian tutti a far grande apparecchio,
  sì che Parigi possino espugnare.
  Ponno esser certi che più non s'espugna,
  se nol fan prima che l'aiuto giugna.

67

  Già scale innumerabili per questo
  da' luoghi intorno avea fatto raccorre,
  ed asse e travi, e vimine contesto,
  che lo poteano a diversi usi porre;
  e navi e ponti: e più facea che 'l resto,
  il primo e il secondo ordine disporre
  a dar l'assalto; ed egli vuol venire
  tra quei che la città denno assalire.

68

  L'imperatore il dì che 'l dì precesse
  de la battaglia, fe' dentro a Parigi
  per tutto celebrare uffici e messe
  a preti, a frati bianchi, neri e bigi;
  e le gente che dianzi eran confesse,
  e di man tolte agl'inimici stigi,
  tutti communicar, non altramente
  ch'avessino a morir il dì seguente.

69

  Ed egli tra baroni e paladini,
  principi ed oratori, al maggior tempio
  con molta religione a quei divini
  atti intervenne, e ne diè agli altri esempio.
  Con le man giunte e gli occhi al ciel supini,
  disse: — Signor, ben ch'io sia iniquo ed empio,
  non voglia tua bontà, pel mio fallire,
  che 'l tuo popul fedele abbia a patire.

70

  E se gli è tuo voler ch'egli patisca,
  e ch'abbia il nostro error degni supplici,
  almeno la punizion si differisca
  sì, che per man non sia de' tuoi nemici;
  che quando lor d'uccider noi sortisca,
  che nome avemo pur d'esser tuo' amici,
  i pagani diran che nulla puoi,
  che perir lasci i partigiani tuoi.

71

  E per un che ti sia fatto ribelle,
  cento ti si faran per tutto il mondo;
  tal che la legge falsa di Babelle
  caccerà la tua fede e porrà al fondo.
  Difendi queste genti, che son quelle
  che 'l tuo sepulcro hanno purgato e mondo
  da' brutti cani, e la tua santa Chiesa
  con li vicari suoi spesso difesa.

72

  So che i meriti nostri atti non sono
  a satisfare al debito d'un'oncia;
  né devemo sperar da te perdono,
  se riguardiamo a nostra vita sconcia:
  ma se vi aggiugni di tua grazia il dono,
  nostra ragion fia ragguagliata e concia;
  né del tuo aiuto disperar possiamo,
  qualor di tua pietà ci ricordiamo. —

73

  Così dicea l'imperator devoto,
  con umiltade e contrizion di core.
  Giunse altri prieghi e convenevol voto
  al gran bisogno e all'alto suo splendore.
  Non fu il caldo pregar d'effetto voto;
  però che 'l genio suo, l'angel migliore,
  i prieghi tolse e spiegò al ciel le penne,
  ed a narrare al Salvator li venne.

74

  E furo altri infiniti in quello instante
  da tali messagger portati a Dio;
  che come gli ascoltar l'anime sante,
  dipinte di pietade il viso pio,
  tutte miraro il sempiterno Amante,
  e gli mostraro il commun lor disio,
  che la giusta orazion fosse esaudita
  del populo cristian che chiede aita.

75

  E la Bontà ineffabile, ch'invano
  non fu pregata mai da cor fedele,
  leva gli occhi pietosi, e fa con mano
  cenno che venga a sé l'angel Michele.
  — Va (gli disse) all'esercito cristiano
  che dianzi in Picardia calò le vele,
  e al muro di Parigi l'appresenta
  sì, che 'l campo nimico non lo senta.

76

  Truova prima il Silenzio, e da mia parte
  gli di' che teco a questa impresa venga;
  ch'egli ben proveder con ottima arte
  saprà di quanto proveder convenga.
  Fornito questo, subito va in parte
  dove il suo seggio la Discordia tenga:
  dille che l'esca e il fucil seco prenda,
  e nel campo de' Mori il fuoco accenda;

77

  e tra quei che vi son detti più forti
  sparga tante zizzanie e tante liti,
  che combattano insieme; ed altri morti,
  altri ne sieno presi, altri feriti,
  e fuor del campo altri lo sdegno porti
  sì che il lor re poco di lor s'aiti. —
  Non replica a tal detto altra parola
  il benedetto augel, ma dal ciel vola.

78

  Dovunque drizza Michel angel l'ale,
  fuggon le nubi, e torna il ciel sereno.
  Gli gira intorno un aureo cerchio, quale
  veggiàn di notte lampeggiar baleno.
  Seco pensa tra via, dove si cale
  il celeste corrier per fallir meno
  a trovar quel nimico di parole,
  a cui la prima commission far vuole.

79

  Vien scorrendo ov'egli abiti, ov'egli usi;
  e se accordaro infin tutti i pensieri,
  che de frati e de monachi rinchiusi
  lo può trovare in chiese e in monasteri,
  dove sono i parlari in modo esclusi,
  che 'l Silenzio, ove cantano i salteri,
  ove dormeno, ove hanno la piatanza,
  e finalmente è scritto in ogni stanza.

80

  Credendo quivi ritrovarlo, mosse
  con maggior fretta le dorate penne;
  e di veder ch'ancor Pace vi fosse,
  Quiete e Carità, sicuro tenne.
  Ma da la opinion sua ritrovosse
  tosto ingannato, che nel chiostro venne:
  non è Silenzio quivi; e gli fu ditto
  che non v'abita più, fuor che in iscritto.

81

  Né Pietà, né Quiete, né Umiltade,
  né quivi Amor, né quivi Pace mira.
  Ben vi fur già, ma ne l'antiqua etade;
  che le cacciar Gola, Avarizia ed Ira,
  Superbia, Invidia, Inerzia e Crudeltade.
  Di tanta novità l'angel si ammira:
  andò guardando quella brutta schiera,
  e vide ch'anco la Discordia v'era.

82

  Quella che gli avea detto il Padre eterno,
  dopo il Silenzio, che trovar dovesse.
  Pensato avea di far la via d'Averno,
  che si credea che tra' dannati stesse;
  e ritrovolla in questo nuovo inferno
  (ch'il crederia?) tra santi uffici e messe.
  Par di strano a Michel ch'ella vi sia,
  che per trovar credea di far gran via.

83

  La conobbe al vestir di color cento,
  fatto a liste inequali ed infinite,
  ch'or la cuoprono or no; che i passi e 'l vento
  le giano aprendo, ch'erano sdrucite.
  I crini avea qual d'oro e qual d'argento,
  e neri e bigi, e aver pareano lite;
  altri in treccia, altri in nastro eran raccolti,
  molti alle spalle, alcuni al petto sciolti.

84

  Di citatorie piene e di libelli,
  d'esamine e di carte di procure
  avea le mani e il seno, e gran fastelli
  di chiose, di consigli e di letture;
  per cui le facultà de' poverelli
  non sono mai ne le città sicure.
  Aveva dietro e dinanzi e d'ambi i lati,
  notai, procuratori ed avocati.

85

  La chiama a sé Michele, e le commanda
  che tra i più forti Saracini scenda,
  e cagion truovi, che con memoranda
  ruina insieme a guerreggiar gli accenda.
  Poi del Silenzio nuova le domanda:
  facilmente esser può ch'essa n'intenda,
  sì come quella ch'accendendo fochi
  di qua e di là, va per diversi lochi.

86

  Rispose la Discordia: — Io non ho a mente
  in alcun loco averlo mai veduto:
  udito l'ho ben nominar sovente,
  e molto commendarlo per astuto.
  Ma la Fraude, una qui di nostra gente,
  che compagnia talvolta gli ha tenuto,
  penso che dir te ne saprà novella; —
  e verso una alzò il dito, e disse: — È quella. —

87

  Avea piacevol viso, abito onesto,
  un umil volger d'occhi, un andar grave,
  un parlar sì benigno e sì modesto,
  che parea Gabriel che dicesse: Ave.
  Era brutta e deforme in tutto il resto:
  ma nascondea queste fattezze prave
  con lungo abito e largo; e sotto quello,
  attosicato avea sempre il coltello.

88

  Domanda a costei l'angelo, che via
  debba tener, sì che 'l Silenzio truove.
  Disse la Fraude: — Già costui solia
  fra virtudi abitare, e non altrove,
  con Benedetto e con quelli d'Elia
  ne le badie, quando erano ancor nuove:
  fe' ne le scuole assai de la sua vita
  al tempo di Pitagora e d'Archita.

89

  Mancati quei filosofi e quei santi
  che lo solean tener pel camin ritto,
  dagli onesti costumi ch'avea inanti,
  fece alle sceleraggini tragitto.
  Cominciò andar la notte con gli amanti,
  indi coi ladri, e fare ogni delitto.
  Molto col Tradimento egli dimora:
  veduto l'ho con l'Omicidio ancora.

90

  Con quei che falsan le monete ha usanza
  di ripararsi in qualche buca scura.
  Così spesso compagni muta e stanza,
  che 'l ritrovarlo ti saria ventura;
  ma pur ho d'insegnartelo speranza:
  se d'arrivare a mezza notte hai cura
  alla casa del Sonno, senza fallo
  potrai (che quivi dorme) ritrovallo. —

91

  Ben che soglia la Fraude esser bugiarda,
  pur è tanto il suo dir simile al vero,
  che l'angelo le crede; indi non tarda
  a volarsene fuor del monastero.
  Tempra il batter de l'ale, e studia e guarda
  giungere in tempo al fin del suo sentiero,
  ch'alla casa del Sonno, che ben dove
  era sapea, questo Silenzio truove.

92

  Giace in Arabia una valletta amena,
  lontana da cittadi e da villaggi,
  ch'all'ombra di duo monti è tutta piena
  d'antiqui abeti e di robusti faggi.
  Il sole indarno il chiaro dì vi mena;
  che non vi può mai penetrar coi raggi,
  sì gli è la via da folti rami tronca:
  e quivi entra sotterra una spelonca.

93

  Sotto la negra selva una capace
  e spaziosa grotta entra nel sasso,
  di cui la fronte l'edera seguace
  tutta aggirando va con storto passo.
  In questo albergo il grave Sonno giace;
  l'Ozio da un canto corpulento e grasso,
  da l'altro la Pigrizia in terra siede,
  che non può andare, e mal reggersi in piede.

94

  Lo smemorato Oblio sta su la porta:
  non lascia entrar, né riconosce alcuno;
  non ascolta imbasciata, né riporta;
  e parimente tien cacciato ognuno.
  Il Silenzio va intorno, e fa la scorta:
  ha le scarpe di feltro, e 'l mantel bruno;
  ed a quanti n'incontra, di lontano,
  che non debban venir, cenna con mano.

95

  Se gli accosta all'orecchio e pianamente
  l'angel gli dice: — Dio vuol che tu guidi
  a Parigi Rinaldo con la gente
  che per dar, mena, al suo signor sussidi:
  ma che lo facci tanto chetamente,
  ch'alcun de' Saracin non oda i gridi;
  sì che più tosto che ritruovi il calle
  la Fama d'avisar, gli abbia alle spalle. —

96

  Altrimente il Silenzio non rispose,
  che col capo accennando che faria;
  e dietro ubidiente se gli pose;
  e furo al primo volo in Picardia.
  Michel mosse le squadre coraggiose,
  e fe' lor breve un gran tratto di via;
  sì che in un dì a Parigi le condusse,
  né alcun s'avide che miracol fusse.

97

  Discorreva il Silenzio, e tuttavolta,
  e dinanzi alle squadre e d'ogn'intorno
  facea girare un'alta nebbia in volta,
  ed avea chiaro ogn'altra parte il giorno;
  e non lasciava questa nebbia folta,
  che s'udisse di fuor tromba né corno:
  poi n'andò tra' pagani, e menò seco
  un non so che, ch'ognun fe' sordo e cieco.

98

  Mentre Rinaldo in tal fretta venìa,
  che ben parea da l'angelo condotto,
  e con silenzio tal, che non s'udia
  nel campo saracin farsene motto;
  il re Agramante avea la fanteria
  messo ne' borghi di Parigi, e sotto
  le minacciate mura in su la fossa,
  per far quel dì l'estremo di sua possa.

99

  Chi può contar l'esercito che mosso
  questo dì contro Carlo ha 'l re Agramante,
  conterà ancora in su l'ombroso dosso
  del silvoso Apennin tutte le piante;
  dirà quante onde, quando è il mar più grosso,
  bagnano i piedi al mauritano Atlante;
  e per quanti occhi il ciel le furtive opre
  degli amatori a mezza notte scuopre.

100

  Le campane si sentono a martello
  di spessi colpi e spaventosi tocche;
  si vede molto, in questo tempio e in quello,
  alzar di mano e dimenar di bocche.
  Se 'l tesoro paresse a Dio sì bello,
  come alle nostre openioni sciocche,
  questo era il dì che 'l santo consistoro
  fatto avria in terra ogni sua statua d'oro.

101

  S'odon ramaricare i vecchi giusti,
  che s'erano serbati in quelli affanni,
  e nominar felici i sacri busti
  composti in terra già molti e molt'anni.
  Ma gli animosi gioveni robusti
  che miran poco i lor propinqui danni,
  sprezzando le ragion de' più maturi,
  di qua di là vanno correndo a' muri.

102

  Quivi erano baroni e paladini,
  re, duci, cavallier, marchesi e conti,
  soldati forestieri e cittadini,
  per Cristo e pel suo onore a morir pronti;
  che per uscire adosso ai Saracini,
  pregan l'imperator ch'abbassi i ponti.
  Gode egli di veder l'animo audace,
  ma di lasciarli uscir non li compiace.

103

  E li dispone in oportuni lochi,
  per impedire ai barbari la via:
  là si contenta che ne vadan pochi,
  qua non basta una grossa compagnia;
  alcuni han cura maneggiare i fuochi,
  le machine altri, ove bisogno sia.
  Carlo di qua di là non sta mai fermo:
  va soccorrendo, e fa per tutto schermo.

104

  Siede Parigi in una gran pianura,
  ne l'ombilico a Francia, anzi nel core;
  gli passa la riviera entro le mura,
  e corre, ed esce in altra parte fuore.
  Ma fa un'isola prima, e v'assicura
  de la città una parte, e la migliore;
  l'altre due (ch'in tre parti è la gran terra)
  di fuor la fossa, e dentro il fiume serra.

105

  Alla città, che molte miglia gira,
  da molte parti si può dar battaglia:
  ma perché sol da un canto assalir mira,
  né volentier l'esercito sbarraglia,
  oltre il fiume Agramante si ritira
  verso ponente, acciò che quindi assaglia;
  però che né cittade né campagna
  ha dietro, se non sua, fin alla Spagna.

106

  Dovunque intorno il gran muro circonda,
  gran munizioni avea già Carlo fatte,
  fortificando d'argine ogni sponda
  con scannafossi dentro e case matte;
  onde entra ne la terra, onde esce l'onda,
  grossissime catene aveva tratte;
  ma fece, più ch'altrove, provedere
  là dove avea più causa di temere.

107

  Con occhi d'Argo il figlio di Pipino
  previde ove assalir dovea Agramante;
  e non fece disegno il Saracino,
  a cui non fosse riparato inante.
  Con Ferraù, Isoliero, Serpentino,
  Grandonio, Falsirone e Balugante,
  e con ciò che di Spagna avea menato,
  restò Marsilio alla campagna armato.

108

  Sobrin gli era a man manca in ripa a Senna,
  con Pulian, con Dardinel d'Almonte,
  col re d'Oran, ch'esser gigante accenna,
  lungo sei braccia dai piedi alla fronte.
  Deh perché a muover men son io la penna,
  che quelle genti a muover l'arme pronte?
  che 'l re di Sarza, pien d'ira e di sdegno,
  grida e bestemmia e non può star più a segno.

109

  Come assalire o vasi pastorali,
  o le dolci reliquie de' convivi
  soglion con rauco suon di stridule ali
  le impronte mosche a' caldi giorni estivi;
  come li storni a rosseggianti pali
  vanno de mature uve: così quivi,
  empiendo il ciel di grida e di rumori,
  veniano a dare il fiero assalto i Mori.

110

  L'esercito cristian sopra le mura
  con lance, spade e scure e pietre e fuoco
  difende la città senza paura,
  e il barbarico orgoglio estima poco;
  e dove Morte uno ed un altro fura,
  non è chi per viltà ricusi il loco.
  Tornano i Saracin giù ne le fosse
  a furia di ferite e di percosse.

111

  Non ferro solamente vi s'adopra,
  ma grossi massi, e merli integri e saldi,
  e muri dispiccati con molt'opra,
  tetti di torri, e gran pezzi di spaldi.
  L'acque bollenti che vengon di sopra,
  portano a' Mori insupportabil caldi;
  e male a questa pioggia si resiste,
  ch'entra per gli elmi, e fa acciecar le viste.

112

  E questa più nocea che 'l ferro quasi:
  or che de' far la nebbia di calcine?
  or che doveano far li ardenti vasi
  con olio e zolfo e peci e trementine?
  I cerchi in munizion non son rimasi,
  che d'ogn'intorno hanno di fiamma il crine:
  questi, scagliati per diverse bande,
  mettono a' Saracini aspre ghirlande.

113

  Intanto il re di Sarza avea cacciato
  sotto le mura la schiera seconda,
  da Buraldo, da Ormida accompagnato,
  quel Garamante, e questo di Marmonda.
  Clarindo e Soridan gli sono allato,
  né par che 'l re di Setta si nasconda;
  segue il re di Marocco e quel di Cosca,
  ciascun perché il valor suo si conosca.

114

  Ne la bandiera, ch'è tutta vermiglia,
  Rodomonte di Sarza il leon spiega,
  che la feroce bocca ad una briglia
  che gli pon la sua donna, aprir non niega.
  Al leon sé medesimo assimiglia;
  e per la donna che lo frena e lega,
  la bella Doralice ha figurata,
  figlia di Stordilan re di Granata:

115

  quella che tolto avea, come io narrava,
  re Mandricardo, e dissi dove e a cui.
  Era costei che Rodomonte amava
  più che 'l suo regno e più che gli occhi sui;
  e cortesia e valor per lei mostrava,
  non già sapendo ch'era in forza altrui:
  se saputo l'avesse, allora allora
  fatto avria quel che fe' quel giorno ancora.

116

  Sono appoggiate a un tempo mille scale,
  che non han men di dua per ogni grado.
  Spinge il secondo quel ch'inanzi sale;
  che 'l terzo lui montar fa suo mal grado.
  Chi per virtù, chi per paura vale:
  convien ch'ognun per forza entri nel guado;
  che qualunche s'adagia, il re d'Algiere,
  Rodomonte crudele, uccide o fere.

117

  Ognun dunque si sforza di salire
  tra il fuoco e le ruine in su le mura.
  Ma tutti gli altri guardano, se aprire
  veggiano passo ove sia poca cura:
  sol Rodomonte sprezza di venire,
  se non dove la via meno è sicura.
  Dove nel caso disperato e rio
  gli altri fan voti, egli bestemmia Dio.

118

  Armato era d'un forte duro usbergo,
  che fu di drago una scagliosa pelle.
  Di questo già si cinse il petto e 'l tergo
  quello avol suo ch'edificò Babelle,
  e si pensò cacciar de l'aureo albergo,
  e torre a Dio il governo de le stelle:
  l'elmo e lo scudo fece far perfetto,
  e il brando insieme; e solo a questo effetto.

119

  Rodomonte non già men di Nembrotte
  indomito, superbo e furibondo,
  che d'ire al ciel non tarderebbe a notte,
  quando la strada si trovasse al mondo,
  quivi non sta a mirar s'intere o rotte
  sieno le mura, o s'abbia l'acqua fondo:
  passa la fossa, anzi la corre e vola,
  ne l'acqua e nel pantan fin alla gola.

120

  Di fango brutto, e molle d'acqua vanne
  tra il foco e i sassi e gli archi e le balestre,
  come andar suol tra le palustri canne
  de la nostra Mallea porco silvestre,
  che col petto, col grifo e con le zanne
  fa, dovunque si volge, ample finestre.
  Con lo scudo alto il Saracin sicuro
  ne vien sprezzando il ciel, non che quel muro.

121

  Non sì tosto all'asciutto è Rodomonte,
  che giunto si sentì su le bertresche,
  che dentro alla muraglia facean ponte
  capace e largo alle squadre francesche.
  Or si vede spezzar più d'una fronte,
  far chieriche maggior de le fratesche,
  braccia e capi volare; e ne la fossa
  cader da' muri una fiumana rossa.

122

  Getta il pagan lo scudo, e a duo man prende
  la crudel spada, e giunge il duca Arnolfo.
  Costui venìa di là dove discende
  l'acqua del Reno nel salato golfo.
  Quel miser contra lui non si difende
  meglio che faccia contra il fuoco il zolfo;
  e cade in terra, e dà l'ultimo crollo,
  dal capo fesso un palmo sotto il collo.

123

  Uccide di rovescio in una volta
  Anselmo, Oldrado, Spineloccio e Prando:
  il luogo stretto e la gran turba folta
  fece girar sì pienamente il brando.
  Fu la prima metade a Fiandra tolta,
  l'altra scemata al populo normando.
  Divise appresso da la fronte al petto,
  ed indi al ventre, il maganzese Orghetto.

124

  Getta da' merli Andropono e Moschino
  giù ne la fossa: il primo è sacerdote;
  non adora il secondo altro che 'l vino,
  e le bigonce a un sorso n'ha già vuote.
  Come veneno e sangue viperino
  l'acque fuggia quanto fuggir si puote:
  or quivi muore; e quel che più l'annoia,
  è 'l sentir che nell'acqua se ne muoia.

125

  Tagliò in due parti il provenzal Luigi,
  e passò il petto al tolosano Arnaldo.
  Di Torse Oberto, Claudio, Ugo e Dionigi
  mandar lo spirto fuor col sangue caldo;
  e presso a questi, quattro da Parigi,
  Gualtiero, Satallone, Odo ed Ambaldo,
  ed altri molti: ed io non saprei come
  di tutti nominar la patria e il nome.

126

  La turba dietro a Rodomonte presta
  le scale appoggia, e monta in più d'un loco.
  Quivi non fanno i Parigin più testa;
  che la prima difesa lor val poco.
  San ben ch'agli nemici assai più resta
  dentro da fare, e non l'avran da gioco;
  perché tra il muro e l'argine secondo
  discende il fosso orribile e profondo.

127

  Oltra che i nostri facciano difesa
  dal basso all'alto, e mostrino valore;
  nuova gente succede alla contesa
  sopra l'erta pendice interiore,
  che fa con lance e con saette offesa
  alla gran moltitudine di fuore,
  che credo ben, che saria stata meno,
  se non v'era il figliuol del re Ulieno.

128

  Egli questi conforta, e quei riprende,
  e lor mal grado inanzi se gli caccia:
  ad altri il petto, ad altri il capo fende,
  che per fuggir veggia voltar la faccia.
  Molti ne spinge ed urta; alcuni prende
  pei capelli, pel collo e per le braccia:
  e sozzopra là giù tanti ne getta,
  che quella fossa a capir tutti è stretta.

129

  Mentre lo stuol de' barbari si cala,
  anzi trabocca al periglioso fondo,
  ed indi cerca per diversa scala
  di salir sopra l'argine secondo;
  il re di Sarza (come avesse un'ala
  per ciascun de' suoi membri) levò il pondo
  di sì gran corpo e con tant'arme indosso,
  e netto si lanciò di là dal fosso.

130

  Poco era men di trenta piedi, o tanto,
  ed egli il passò destro come un veltro,
  e fece nel cader strepito, quanto
  avesse avuto sotto i piedi il feltro:
  ed a questo ed a quello affrappa il manto,
  come sien l'arme di tenero peltro,
  e non di ferro, anzi pur sien di scorza:
  tal la sua spada, e tanta è la sua forza!

131

  In questo tempo i nostri, da chi tese
  l'insidie son ne la cava profonda,
  che v'han scope e fascine in copia stese,
  intorno a quai di molta pece abonda
  (né però alcuna si vede palese,
  ben che n'è piena l'una e l'altra sponda
  dal fondo cupo insino all'orlo quasi),
  e senza fin v'hanno appiattati vasi,

132

  qual con salnitro, qual con oglio, quale
  con zolfo, qual con altra simil esca;
  i nostri in questo tempo, perché male
  ai Saracini il folle ardir riesca,
  ch'eran nel fosso, e per diverse scale
  credean montar su l'ultima bertresca;
  udito il segno da oportuni lochi,
  di qua e di là fenno avampare i fochi.

133

  Tornò la fiamma sparsa tutta in una,
  che tra una ripa e l'altra ha 'l tutto pieno;
  e tanto ascende in alto, ch'alla luna
  può d'appresso asciugar l'umido seno.
  Sopra si volve oscura nebbia e bruna,
  che 'l sole adombra, e spegne ogni sereno.
  Sentesi un scoppio in un perpetuo suono,
  simile a un grande e spaventoso tuono.

134

  Aspro concento, orribile armonia
  d'alte querele, d'ululi e di strida
  de la misera gente che peria
  nel fondo per cagion de la sua guida,
  istranamente concordar s'udia
  col fiero suon de la fiamma omicida.
  Non più, Signor, non più di questo canto;
  ch'io son già rauco e vo' posarmi alquanto.



CANTO QUINDICESIMO


1

  Fu il vincer sempremai laudabil cosa,
  vincasi o per fortuna o per ingegno:
  gli è ver che la vittoria sanguinosa
  spesso far suole il capitan men degno;
  e quella eternamente è gloriosa,
  e dei divini onori arriva al segno,
  quando servando i suoi senza alcun danno,
  si fa che gl'inimici in rotta vanno.

2

  La vostra, Signor mio, fu degna loda,
  quando al Leone, in mar tanto feroce,
  ch'avea occupata l'una e l'altra proda
  del Po, da Francolin sin alla foce,
  faceste sì, ch'ancor che ruggir l'oda,
  s'io vedrò voi, non tremerò alla voce.
  Come vincer si de', ne dimostraste;
  ch'uccideste i nemici, e noi salvaste.

3

  Questo il pagan, troppo in suo danno audace,
  non seppe far; che i suoi nel fosso spinse,
  dove la fiamma subita e vorace
  non perdonò ad alcun, ma tutti estinse.
  A tanti non saria stato capace
  tutto il gran fosso, ma il fuoco restrinse,
  restrinse i corpi e in polve li ridusse,
  acciò ch'abile a tutti il luogo fusse.

4

  Undicimila ed otto sopra venti
  si ritrovar ne l'affocata buca,
  che v'erano discesi malcontenti;
  ma così volle il poco saggio duca.
  Quivi fra tanto lume or sono spenti,
  e la vorace fiamma li manuca:
  e Rodomonte, causa del mal loro,
  se ne va esente da tanto martoro:

5

  che tra' nemici alla ripa più interna
  era passato d'un mirabil salto.
  Se con gli altri scendea ne la caverna,
  questo era ben il fin d'ogni suo assalto.
  Rivolge gli occhi a quella valle inferna;
  e quando vede il fuoco andar tant'alto,
  e di sua gente il pianto ode e lo strido,
  bestemmia il ciel con spaventoso grido.

6

  Intanto il re Agramante mosso avea
  impetuoso assalto ad una porta;
  che, mentre la crudel battaglia ardea
  quivi ove è tanta gente afflitta e morta,
  quella sprovista forse esser credea
  di guardia, che bastasse alla sua scorta.
  Seco era il re d'Arzilla Bambirago,
  e Baliverzo, d'ogni vizio vago;

7

  e Corineo di Mulga, e Prusione,
  il ricco re dell'Isole beate;
  Malabuferso che la regione
  tien di Fizan, sotto continua estate;
  altri signori, ed altre assai persone
  esperte ne la guerra e bene armate;
  e molti ancor senza valore e nudi,
  che 'l cor non s'armerian con mille scudi.

8

  Trovò tutto il contrario al suo pensiero
  in questa parte il re de' Saracini:
  perché in persona il capo de l'Impero
  v'era, re Carlo, e de' suoi paladini,
  re Salamone ed il danese Ugiero,
  ed ambo i Guidi ed ambo gli Angelini,
  e 'l duca di Bavera e Ganelone,
  e Berlengier e Avolio e Avino e Otone;

9

  gente infinita poi di minor conto,
  de' Franchi, de' Tedeschi e de' Lombardi,
  presente il suo signor, ciascuno pronto
  a farsi riputar fra i più gagliardi.
  Di questo altrove io vo' rendervi conto;
  ch'ad un gran duca è forza ch'io riguardi,
  il qual mi grida, e di lontano accenna,
  e priega ch'io nol lasci ne la penna.

10

  Gli è tempo ch'io ritorni ove lasciai
  l'aventuroso Astolfo d'Inghilterra,
  che 'l lungo esilio avendo in odio ormai,
  di desiderio ardea de la sua terra;
  come gli n'avea data pur assai
  speme colei ch'Alcina vinse in guerra.
  Ella di rimandarvilo avea cura
  per la via più espedita e più sicura.

11

  E così una galea fu apparechiata,
  di che miglior mai non solcò marina;
  e perché ha dubbio per tutta fiata,
  che non gli turbi il suo viaggio Alcina,
  vuol Logistilla che con forte armata
  Andronica ne vada e Sofrosina,
  tanto che nel mar d'Arabi, o nel golfo
  de' Persi, giunga a salvamento Astolfo.

12

  Più tosto vuol che volteggiando rada
  gli Sciti e gl'Indi e i regni nabatei,
  e torni poi per così lunga strada
  a ritrovar i Persi e gli Eritrei;
  che per quel boreal pelago vada,
  che turban sempre iniqui venti e rei,
  e sì, qualche stagion, pover di sole,
  che starne senza alcuni mesi suole.

13

  La fata, poi che vide acconcio il tutto,
  diede licenza al duca di partire,
  avendol prima ammaestrato e istrutto
  di cose assai, che fôra lungo a dire;
  e per schivar che non sia più ridutto
  per arte maga, onde non possa uscire,
  un bello ed util libro gli avea dato,
  che per suo amore avesse ognora allato.

14

  Come l'uom riparar debba agl'incanti
  mostra il libretto che costei gli diede:
  dove ne tratta o più dietro o più inanti,
  per rubrica e per indice si vede.
  Un altro don gli fece ancor, che quanti
  doni fur mai, di gran vantaggio eccede:
  e questo fu d'orribil suono un corno,
  che fa fugire ognun che l'ode intorno.

15

  Dico che 'l corno è di sì orribil suono,
  ch'ovunque s'oda, fa fuggir la gente:
  non può trovarsi al mondo un cor sì buono,
  che possa non fuggir come lo sente:
  rumor di vento e di termuoto, e 'l tuono,
  a par del suon di questo, era niente.
  Con molto riferir di grazie, prese
  da la fata licenza il buono Inglese.

16

  Lasciando il porto e l'onde più tranquille,
  con felice aura ch'alla poppa spira,
  sopra le ricche e populose ville
  de l'odorifera India il duca gira,
  scoprendo a destra ed a sinistra mille
  isole sparse; e tanto va, che mira
  la terra di Tomaso, onde il nocchiero
  più a tramontana poi volge il sentiero.

17

  Quasi radendo l'aurea Chersonesso,
  la bella armata il gran pelago frange:
  e costeggiando i ricchi liti, spesso
  vede come nel mar biancheggi il Gange;
  e Traprobane vede e Cori appresso;
  e vede il mar che fra i duo liti s'ange.
  Dopo gran via furo a Cochino, e quindi
  usciro fuor dei termini degl'Indi.

18

  Scorrendo il duca il mar con sì fedele
  e sì sicura scorta, intender vuole,
  e ne domanda Andronica, se de le
  parti c'han nome dal cader del sole,
  mai legno alcun che vada a remi e a vele,
  nel mare orientale apparir suole;
  e s'andar può senza toccar mai terra,
  chi d'India scioglia, in Francia o in Inghilterra.

19

  — Tu déi sapere (Andronica risponde)
  che d'ogn'intorno il mar la terra abbraccia;
  e van l'una ne l'altra tutte l'onde,
  sia dove bolle o dove il mar s'aggiaccia;
  ma perché qui davante si difonde,
  e sotto il mezzodì molto si caccia
  la terra d'Etiopia, alcuno ha detto
  ch'a Nettuno ir più inanzi ivi è interdetto.

20

  Per questo del nostro indico levante
  nave non è che per Europa scioglia;
  né si muove d'Europa navigante
  ch'in queste nostre parti arrivar voglia.
  Il ritrovarsi questa terra avante,
  e questi e quelli al ritornare invoglia;
  che credono, veggendola sì lunga,
  che con l'altro emisperio si congiunga.

21

  Ma volgendosi gli anni, io veggio uscire
  da l'estreme contrade di ponente
  nuovi Argonauti e nuovi Tifi, e aprire
  la strada ignota infin al dì presente:
  altri volteggiar l'Africa, e seguire
  tanto la costa de la negra gente,
  che passino quel segno onde ritorno
  fa il sole a noi, lasciando il Capricorno;

22

  e ritrovar del lungo tratto il fine,
  che questo fa parer dui mar diversi;
  e scorrer tutti i liti e le vicine
  isole d'Indi, d'Arabi e di Persi:
  altri lasciar le destre e le mancine
  rive che due per opra Erculea fersi;
  e del sole imitando il camin tondo,
  ritrovar nuove terre e nuovo mondo.

23

  Veggio la santa croce, e veggio i segni
  imperial nel verde lito eretti:
  veggio altri a guardia dei battuti legni,
  altri all'acquisto del paese eletti:
  veggio da dieci cacciar mille, e i regni
  di là da l'India ad Aragon suggetti;
  e veggio i capitan di Carlo quinto,
  dovunque vanno, aver per tutto vinto.

24

  Dio vuol ch'ascosa antiquamente questa
  strada sia stata, e ancor gran tempo stia;
  né che prima si sappia, che la sesta
  e la settima età passata sia:
  e serba a farla al tempo manifesta,
  che vorrà porre il mondo a monarchia,
  sotto il più saggio imperatore e giusto,
  che sia stato o sarà mai dopo Augusto.

25

  Del sangue d'Austria e d'Aragon io veggio
  nascer sul Reno alla sinistra riva
  un principe, al valor del qual pareggio
  nessun valor, di cui si parli o scriva.
  Astrea veggio per lui riposta in seggio,
  anzi di morta ritornata viva;
  e le virtù che cacciò il mondo, quando
  lei cacciò ancora, uscir per lui di bando.

26

  Per questi merti la Bontà suprema
  non solamente di quel grande impero
  ha disegnato ch'abbia diadema
  ch'ebbe Augusto, Traian, Marco e Severo;
  ma d'ogni terra e quinci e quindi estrema,
  che mai né al sol né all'anno apre il sentiero:
  e vuol che sotto a questo imperatore
  solo un ovile sia, solo un pastore.

27

  E perch'abbian più facile successo
  gli ordini in cielo eternamente scritti,
  gli pon la somma Providenza appresso
  in mare e in terra capitani invitti.
  Veggio Hernando Cortese, il qualo ha messo
  nuove città sotto i cesarei editti,
  e regni in Oriente sì remoti,
  ch'a noi, che siamo in India, non son noti.

28

  Veggio Prosper Colonna, e di Pescara
  veggio un marchese, e veggio dopo loro
  un giovene del Vasto, che fan cara
  parer la bella Italia ai Gigli d'oro:
  veggio ch'entrare inanzi si prepara
  quel terzo agli altri a guadagnar l'alloro:
  come buon corridor ch'ultimo lassa
  le mosse, e giunge, e inanzi a tutti passa.

29

  Veggio tanto il valor, veggio la fede
  tanta d'Alfonso (che 'l suo nome è questo),
  ch'in così acerba età, che non eccede
  dopo il vigesimo anno ancora il sesto,
  l'imperator l'esercito gli crede,
  il qual salvando, salvar non che 'l resto,
  ma farsi tutto il mondo ubidiente
  con questo capitan sarà possente.

30

  Come con questi, ovunque andar per terra
  si possa, accrescerà l'imperio antico;
  così per tutto il mar, ch'in mezzo serra
  di là l'Europa e di qua l'Afro aprico,
  sarà vittorioso in ogni guerra,
  poi ch'Andrea Doria s'avrà fatto amico.
  Questo è quel Doria che fa dai pirati
  sicuro il vostro mar per tutti i lati.

31

  Non fu Pompeio a par di costui degno,
  se ben vinse e cacciò tutti i corsari;
  però che quelli al più possente regno
  che fosse mai, non poteano esser pari:
  ma questo Doria, sol col proprio ingegno
  e proprie forze purgherà quei mari;
  sì che da Calpe al Nilo, ovunque s'oda
  il nome suo, tremar veggio ogni proda.

32

  Sotto la fede entrar, sotto la scorta
  di questo capitan di ch'io ti parlo,
  veggio in Italia, ove da lui la porta
  gli sarà aperta, alla corona Carlo.
  Veggio che 'l premio che di ciò riporta,
  non tien per sé, ma fa alla patria darlo:
  con prieghi ottien ch'in libertà la metta,
  dove altri a sé l'avria forse suggetta.

33

  Questa pietà, ch'egli alla patria mostra,
  è degna di più onor d'ogni battaglia
  ch'in Francia o in Spagna o ne la terra vostra
  vincesse Iulio, o in Africa o in Tessaglia.
  Né il grande Ottavio, né chi seco giostra
  di par, Antonio, in più onoranza saglia
  pei gesti suoi; ch'ogni lor laude amorza
  l'avere usato alla lor patria forza.

34

  Questi ed ogn'altro che la patria tenta
  di libera far serva, si arrosisca;
  né dove il nome d'Andrea Doria senta,
  di levar gli occhi in viso d'uomo ardisca.
  Veggio Carlo che 'l premio gli augumenta;
  ch'oltre quel ch'in commun vuol che fruisca,
  gli dà la ricca terra ch'ai Normandi
  sarà principio a farli in Puglia grandi.

35

  A questo capitan non pur cortese
  il magnanimo Carlo ha da mostrarsi,
  ma a quanti avrà ne le cesaree imprese
  del sangue lor non ritrovati scarsi.
  D'aver città, d'aver tutto un paese
  donato a un suo fedel, più ralegrarsi
  lo veggio, e a tutti quei che ne son degni,
  che d'acquistar nuov'altri imperi e regni. —

36

  Così de le vittorie, le qual, poi
  ch'un gran numero d'anni sarà corso,
  daranno a Carlo i capitani suoi,
  facea col duca Andronica discorso:
  e la compagna intanto ai venti eoi
  viene allentando e raccogliendo il morso;
  e fa ch'or questo or quel propizio l'esce,
  e come vuol li minuisce e cresce.

37

  Veduto aveano intanto il mar de' Persi
  come in sì largo spazio si dilaghi;
  onde vicini in pochi giorni fersi
  al golfo che nomar gli antiqui Maghi.
  Quivi pigliaro il porto, e fur conversi
  con la poppa alla ripa i legni vaghi;
  quindi sicur d'Alcina e di sua guerra,
  Astolfo il suo camin prese per terra.

38

  Passò per più d'un campo e più d'un bosco,
  per più d'un monte e per più d'una valle;
  ove ebbe spesso, all'aer chiaro e al fosco,
  i ladroni or inanzi or alle spalle.
  Vide leoni, e draghi pien di tosco,
  ed altre fere attraversarsi il calle;
  ma non sì tosto avea la bocca al corno,
  che spaventati gli fuggian d'intorno.

39

  Vien per l'Arabia ch'è detta Felice,
  ricca di mirra e d'odorato incenso,
  che per suo albergo l'unica fenice
  eletto s'ha di tutto il mondo immenso;
  fin che l'onda trovò vendicatrice
  già d'Israel, che per divin consenso
  Faraone sommerse e tutti i suoi:
  e poi venne alla terra degli Eroi.

40

  Lungo il fiume Traiano egli cavalca
  su quel destrier ch'al mondo è senza pare,
  che tanto leggiermente e corre e valca,
  che ne l'arena l'orma non n'appare:
  l'erba non pur, non pur la nieve calca;
  coi piedi asciutti andar potria sul mare;
  e sì si stende al corso, e sì s'affretta,
  che passa e vento e folgore e saetta.

41

  Questo è il destrier che fu de l'Argalia,
  che di fiamma e di vento era concetto;
  e senza fieno e biada, si nutria
  de l'aria pura, e Rabican fu detto.
  Venne, seguendo il Duca la sua via,
  dove dà il Nilo a quel fiume ricetto;
  e prima che giugnesse in su la foce,
  vide un legno venire a sé veloce.

42

  Naviga in su la poppa uno eremita
  con bianca barba, a mezzo il petto lunga,
  che sopra il legno il paladino invita,
  e: — Figliuol mio (gli grida da la lunga),
  se non t'è in odio la tua propria vita,
  se non brami che morte oggi ti giunga,
  venir ti piaccia su quest'altra arena;
  ch'a morir quella via dritto ti mena.

43

  Tu non andrai più che sei miglia inante,
  che troverai la saguinosa stanza
  dove s'alberga un orribil gigante
  che d'otto piedi ogni statura avanza.
  Non abbia cavallier né viandante
  di partirsi da lui, vivo, speranza:
  ch'altri il crudel ne scanna, altri ne scuoia,
  molti ne squarta, e vivo alcun ne 'ngoia.

44

  Piacer, fra tanta crudeltà, si prende
  d'una rete ch'egli ha, molto ben fatta:
  poco lontana al tetto suo la tende,
  e ne la trita polve in modo appiatta,
  che chi prima nol sa, non la comprende,
  tanto è sottil, tanto egli ben l'adatta:
  e con tai gridi i peregrin minaccia,
  che spaventati dentro ve li caccia.

45

  E con gran risa, aviluppati in quella
  se li strascina sotto il suo coperto;
  né cavallier riguarda né donzella,
  o sia di grande o sia di picciol merto:
  e mangiata la carne, e la cervella
  succhiate e 'l sangue, dà l'ossa al deserto;
  e de l'umane pelli intorno intorno
  fa il suo palazzo orribilmente adorno.

46

  Prendi quest'altra via, prendila, figlio,
  che fin al mar ti fia tutta sicura. —
  — Io ti ringrazio, padre, del consiglio
  (rispose il cavallier senza paura),
  ma non istimo per l'onor periglio,
  di ch'assai più che de la vita ho cura.
  Per far ch'io passi, invan tu parli meco;
  anzi vo al dritto a ritrovar lo speco.

47

  Fuggendo, posso con disnor salvarmi;
  ma tal salute ho più che morte a schivo.
  S'io vi vo, al peggio che potrà incontrarmi,
  fra molti resterò di vita privo;
  ma quando Dio così mi drizzi l'armi,
  che colui morto, ed io rimanga vivo,
  sicura a mille renderò la via:
  sì che l'util maggior che 'l danno fia.

48

  Metto all'incontro la morte d'un solo
  alla salute di gente infinita. —
  — Vattene in pace (rispose), figliuolo;
  Dio mandi in difension de la tua vita
  l'arcangelo Michel dal sommo polo: —
  e benedillo il semplice eremita.
  Astolfo lungo il Nil tenne la strada,
  sperando più nel suon che ne la spada.

49

  Giace tra l'alto fiume e la palude
  picciol sentier nell'arenosa riva:
  la solitaria casa lo richiude,
  d'umanitade e di commercio priva.
  Son fisse intorno teste e membra nude
  de l'infelice gente che v'arriva.
  Non v'è finestra, non v'è merlo alcuno,
  onde penderne almen non si veggia uno.

50

  Qual ne le alpine ville o ne' castelli
  suol cacciator che gran perigli ha scorsi,
  su le porte attaccar l'irsute pelli,
  l'orride zampe e i grossi capi d'orsi;
  tal dimostrava il fier gigante quelli
  che di maggior virtù gli erano occorsi.
  D'altri infiniti sparse appaion l'ossa;
  ed è di sangue uman piena ogni fossa.

51

  Stassi Caligorante in su la porta;
  che così ha nome il dispietato mostro
  ch'orna la sua magion di gente morta,
  come alcun suol di panni d'oro o d'ostro.
  Costui per gaudio a pena si comporta,
  come il duca lontan se gli è dimostro;
  ch'eran duo mesi, e il terzo ne venìa,
  che non fu cavallier per quella via.

52

  Vêr la palude, ch'era scura e folta
  di verdi canne, in gran fretta ne viene;
  che disegnato avea correre in volta,
  e uscir al paladin dietro alle schene;
  che ne la rete, che tenea sepolta
  sotto la polve, di cacciarlo ha spene,
  come avea fatto gli altri peregrini
  che quivi tratto avean lor rei destini.

53

  Come venire il paladin lo vede,
  ferma il destrier, non senza gran sospetto
  che vada in quelli lacci a dar del piede,
  di che il buon vecchiarel gli avea predetto.
  Quivi il soccorso del suo corno chiede,
  e quel sonando fa l'usato effetto:
  nel cor fere il gigante che l'ascolta,
  di tal timor, ch'a dietro i passi volta.

54

  Astolfo suona, e tuttavolta bada;
  che gli par sempre che la rete scocchi.
  Fugge il fellon, né vede ove si vada;
  che, come il core, avea perduti gli occhi.
  Tanta è la tema, che non sa far strada,
  che ne li propri aguati non trabocchi:
  va ne la rete; e quella si disserra,
  tutto l'annoda, e lo distende in terra.

55

  Astolfo, ch'andar giù vede il gran peso,
  già sicuro per sé, v'accorre in fretta;
  e con la spada in man, d'arcion disceso,
  va per far di mill'anime vendetta.
  Poi gli par che s'uccide un che sia preso,
  viltà, più che virtù, ne sarà detta;
  che legate le braccia, i piedi e il collo
  gli vede sì, che non può dare un crollo.

56

  Avea la rete già fatta Vulcano
  di sottil fil d'acciar, ma con tal arte,
  che saria stata ogni fatica invano
  per ismagliarne la più debol parte;
  ed era quella che già piedi e mano
  avea legate a Venere ed a Marte.
  La fe' il geloso, e non ad altro effetto,
  che per pigliarli insieme ambi nel letto.

57

  Mercurio al fabbro poi la rete invola;
  che Cloride pigliar con essa vuole,
  Cloride bella che per l'aria vola
  dietro all'Aurora, all'apparir del sole,
  e dal raccolto lembo de la stola
  gigli spargendo va, rose e viole.
  Mercurio tanto questa ninfa attese,
  che con la rete in aria un dì la prese.

58

  Dove entra in mare il gran fiume etiopo,
  par che la dea presa volando fosse.
  Poi nei tempio d'Anubide a Canopo
  la rete molti seculi serbosse.
  Caligorante tremila anni dopo,
  di là, dove era sacra, la rimosse:
  se ne portò la rete il ladrone empio,
  ed arse la cittade, e rubò il tempio.

59

  Quivi adattolla in modo in su l'arena,
  che tutti quei ch'avean da lui la caccia
  vi davan dentro; ed era tocca a pena,
  che lor legava e collo e piedi e braccia.
  Di questa levò Astolfo una catena,
  e le man dietro a quel fellon n'allaccia;
  le braccia e 'l petto in guisa gli ne fascia,
  che non può sciorsi: indi levar lo lascia,

60

  dagli altri nodi avendol sciolto prima,
  ch'era tornato uman più che donzella.
  Di trarlo seco e di mostrarlo stima
  per ville, per cittadi e per castella.
  Vuol la rete anco aver, di che né lima
  né martel fece mai cosa più bella:
  ne fa somier colui ch'alla catena
  con pompa trionfal dietro si mena.

61

  L'elmo e lo scudo anche a portar gli diede,
  come a valletto, e seguitò il camino,
  di gaudio empiendo, ovunque metta il piede,
  ch'ir possa ormai sicuro il peregrino.
  Astolfo se ne va tanto, che vede
  ch'ai sepolcri di Memfi è già vicino,
  Memfi per le piramidi famoso:
  vede all'incontro il Cairo populoso.

62

  Tutto il popul correndo si traea
  per vedere il gigante smisurato.
  — Come è possibil (l'un l'altro dicea)
  che quel piccolo il grande abbia legato? —
  Astolfo a pena inanzi andar potea,
  tanto la calca il preme da ogni lato:
  e come cavallier d'alto valore
  ognun l'ammira, e gli fa grande onore.

63

  Non era grande il Cairo così allora,
  come se ne ragiona a nostra etade:
  che 'l populo capir, che vi dimora,
  non puon diciottomila gran contrade;
  e che le case hanno tre palchi, e ancora
  ne dormono infiniti in su le strade;
  e che 'l soldano v'abita un castello
  mirabil di grandezza, e ricco e bello;

64

  e che quindicimila suoi vasalli,
  che son cristiani rinegati tutti,
  con mogli, con famiglie e con cavalli
  ha sotto un tetto sol quivi ridutti.
  Astolfo veder vuole ove s'avalli,
  e quanto il Nilo entri nei salsi flutti
  a Damiata; ch'avea quivi inteso,
  qualunque passa restar morto o preso.

65

  Però ch'in ripa al Nilo in su la foce
  si ripara un ladron dentro una torre,
  ch'a paesani e a peregrini nuoce,
  e fin al Cairo, ognun rubando scorre.
  Non gli può alcun resistere; ed ha voce
  che l'uom gli cerca invan la vita torre:
  centomila ferite egli ha già avuto,
  né ucciderlo però mai s'è potuto.

66

  Per veder se può far rompere il filo
  alla Parca di lui, sì che non viva,
  Astolfo viene a ritrovare Orrilo
  (così avea nome), e a Damiata arriva;
  ed indi passa ove entra in mare il Nilo,
  e vede la gran torre in su la riva,
  dove s'alberga l'anima incantata
  che d'un folletto nacque e d'una fata.

67

  Quivi ritruova che crudel battaglia
  era tra Orrilo e dui guerrieri accesa.
  Orrilo è solo; e sì que' dui travaglia,
  ch'a gran fatica gli puon far difesa:
  e quando in arme l'uno e l'altro vaglia,
  a tutto il mondo la fama palesa.
  Questi erano i dui figli d'Oliviero,
  Grifone il bianco ed Aquilante il nero.

68

  Gli è ver che 'l negromante venuto era
  alla battaglia con vantaggio grande;
  che seco tratto in campo avea una fera,
  la qual si truova solo in quelle bande:
  vive sul lito e dentro alla rivera;
  e i corpi umani son le sue vivande,
  de le persone misere ed incaute
  de viandanti e d'infelici naute.

69

  La bestia ne l'arena appresso al porto
  per man dei duo fratei morta giacea;
  e per questo ad Orril non si fa torto,
  s'a un tempo l'uno e l'altro gli nocea.
  Più volte l'han smembrato e non mai morto,
  né, per smembrarlo, uccider si potea;
  che se tagliato o mano o gamba gli era,
  la rapiccava, che parea di cera.

70

  Or fin a' denti il capo gli divide
  Grifone, or Aquilante fin al petto.
  Egli dei colpi lor sempre si ride:
  s'adiran essi, che non hanno effetto.
  Chi mai d'alto cader l'argento vide,
  che gli alchimisti hanno mercurio detto,
  e sparger e raccor tutti i suo' membri,
  sentendo di costui, se ne rimembri.

71

  Se gli spiccano il capo, Orrilo scende,
  né cessa brancolar fin che lo truovi;
  ed or pel crine ed or pel naso il prende,
  lo salda al collo, e non so con che chiovi.
  Piglial talor Grifone, e 'l braccio stende,
  nel fiume il getta, e non par ch'anco giovi;
  che nuota Orrilo al fondo come un pesce,
  e col suo capo salvo alla ripa esce.

72

  Due belle donne onestamente ornate,
  l'una vestita a bianco e l'altra a nero,
  che de la pugna causa erano state,
  stavano a riguardar l'assalto fiero.
  Queste eran quelle due benigne fate
  ch'avean notriti i figli d'Oliviero,
  poi che li trasson teneri citelli
  dai curvi artigli di duo grandi augelli,

73

  che rapiti gli avevano a Gismonda,
  e portati lontan dal suo paese.
  Ma non bisogna in ciò ch'io mi diffonda,
  ch'a tutto il mondo è l'istoria palese;
  ben che l'autor nel padre si confonda,
  ch'un per un altro (io non so come) prese.
  Or la battaglia i duo gioveni fanno,
  che le due donne ambi pregati n'hanno.

74

  Era in quel clima già sparito il giorno,
  all'isole ancor alto di Fortuna;
  l'ombre avean tolto ogni vedere a torno
  sotto l'incerta e mal compresa luna;
  quando alla rocca Orril fece ritorno,
  poi ch'alla bianca e alla sorella bruna
  piacque di differir l'aspra battaglia
  fin che 'l sol nuovo all'orizzonte saglia.

75

  Astolfo, che Grifone ed Aquilante,
  ed all'insegne e più al ferir gagliardo,
  riconosciuto avea gran pezzo inante,
  lor non fu altiero a salutar né tardo.
  Essi vedendo che quel che 'l gigante
  traea legato, era il baron dal pardo
  (che così in corte era quel duca detto),
  raccolser lui con non minore affetto.

76

  Le donne a riposare i cavallieri
  menaro a un lor palagio indi vicino.
  Donzelle incontra vennero e scudieri
  con torchi accesi, a mezzo del camino.
  Diero a chi n'ebbe cura i lor destrieri,
  trassonsi l'arme; e dentro un bel giardino
  trovar ch'apparechiata era la cena
  ad una fonte limpida ed amena.

77

  Fan legare il gigante alla verdura
  Con un'altra catena molto grossa
  ad una quercia di molt'anni dura,
  che non si romperà per una scossa;
  e da dieci sergenti averne cura,
  che la notte discior non se ne possa,
  ed assalirli, e forse far lor danno,
  mentre sicuri e senza guardia stanno.

78

  All'abondante e sontuosa mensa,
  dove il manco piacer fur le vivande,
  del ragionar gran parte si dispensa
  sopra d'Orrilo e del miracol grande,
  che quasi par un sogno a chi vi pensa,
  ch'or capo or braccio a terra se gli mande,
  ed egli lo raccolga e lo raggiugna,
  e più feroce ognor torni alla pugna.

79

  Astolfo nel suo libro avea già letto
  (quel ch'agl'incanti riparare insegna)
  ch'ad Orril non trarrà l'alma del petto
  fin ch'un crine fatal nel capo tegna;
  ma, se lo svelle o tronca, fia costretto
  che suo mal grado fuor l'alma ne vegna.
  Questo ne dice il libro; ma non come
  conosca il crine in così folte chiome.

80

  Non men de la vittoria si godea,
  che se n'avesse Astolfo già la palma;
  come chi speme in pochi colpi avea
  svellere il crine al negromante e l'alma.
  Però di quella impresa promettea
  tor su gli omeri suoi tutta la salma:
  Orril farà morir, quando non spiaccia
  ai duo fratei, ch'egli la pugna faccia.

81

  Ma quei gli danno volentier l'impresa,
  certi che debbia affaticarsi invano.
  Era già l'altra aurora in cielo ascesa,
  quando calò dai muri Orrilo al piano.
  Tra il duca e lui fu la battaglia accesa:
  la mazza l'un, l'altro ha la spada in mano.
  Di mille attende Astolfo un colpo trarne,
  che lo spirto gli sciolga da la carne.

82

  Or cader gli fa il pugno con la mazza,
  or l'uno or l'altro braccio con la mano;
  quando taglia a traverso la corazza,
  e quando il va troncando a brano a brano:
  ma ricogliendo sempre de la piazza
  va le sue membra Orrilo, e si fa sano.
  S'in cento pezzi ben l'avesse fatto,
  redintegrarsi il vedea Astolfo a un tratto.

83

  Al fin di mille colpi un gli ne colse
  sopra le spalle ai termini del mento:
  la testa e l'elmo dal capo gli tolse,
  né fu d'Orrilo a dismontar più lento.
  La sanguinosa chioma in man s'avolse,
  e risalse a cavallo in un momento;
  e la portò correndo incontra 'l Nilo,
  che riaver non la potesse Orrilo.

84

  Quel sciocco, che del fatto non s'accorse,
  per la polve cercando iva la testa:
  ma come intese il corridor via torse,
  portare il capo suo per la foresta;
  immantinente al suo destrier ricorse,
  sopra vi sale, e di seguir non resta.
  Volea gridare: — Aspetta, volta, volta! —
  ma gli avea il duca già la bocca tolta.

85

  Pur, che non gli ha tolto anco le calcagna
  si riconforta, e segue a tutta briglia.
  Dietro il lascia gran spazio di campagna
  quel Rabican che corre a maraviglia.
  Astolfo intanto per la cuticagna
  va da la nuca fin sopra le ciglia
  cercando in fretta, se 'l crine fatale
  conoscer può, ch'Orril tiene immortale.

86

  Fra tanti e innumerabili capelli,
  un più de l'altro non si stende o torce:
  qual dunque Astolfo sceglierà di quelli,
  che per dar morte al rio ladron raccorce?
  — Meglio è (disse) che tutti io tagli o svelli: —
  né si trovando aver rasoi né force,
  ricorse immantinente alla sua spada,
  che taglia sì, che si può dir che rada.

87

  E tenendo quel capo per lo naso,
  dietro e dinanzi lo dischioma tutto.
  Trovò fra gli altri quel fatale a caso:
  si fece il viso allor pallido e brutto,
  travolse gli occhi, e dimostrò all'occaso,
  per manifesti segni, esser condutto;
  e 'l busto che seguia troncato al collo,
  di sella cadde, e diè l'ultimo crollo.

88

  Astolfo, ove le donne e i cavallieri
  lasciato avea, tornò col capo in mano,
  che tutti avea di morte i segni veri,
  e mostrò il tronco ove giacea lontano.
  Non so ben se lo vider volentieri,
  ancor che gli mostrasser viso umano;
  che la intercetta lor vittoria forse
  d'invidia ai duo germani il petto morse.

89

  Né che tal fin quella battuglia avesse,
  credo più fosse alle due donne grato.
  Queste, perché più in lungo si traesse
  de' duo fratelli il doloroso fato
  ch'in Francia par ch'in breve esser dovesse,
  con loro Orrilo avean quivi azzuffato,
  con speme di tenerli tanto a bada,
  che la trista influenza se ne vada.

90

  Tosto che 'l castellan di Damiata
  certificossi ch'era morto Orrilo,
  la columba lasciò, ch'avea legata
  sotto l'ala la lettera col filo.
  Quella andò al Cairo; ed indi fu lasciata
  un'altra altrove, come quivi è stilo:
  sì che in pochissime ore andò l'aviso
  per tutto Egitto, ch'era Orrilo ucciso.

91

  Il duca, come al fin trasse l'impresa,
  confortò molto i nobili garzoni,
  ben che da sé v'avean la voglia intesa,
  né bisognavan stimuli né sproni,
  che per difender de la santa Chiesa
  e del romano Imperio le ragioni,
  lasciasser le battaglie d'Oriente,
  e cercassino onor ne la lor gente.

92

  Così Grifone ed Aquilante tolse
  ciascuno da la sua donna licenza;
  le quali, ancor che lor ne 'ncrebbe e dolse,
  non vi seppon però far resistenza.
  Con essi Astolfo a man destra si volse;
  che si deliberar far riverenza
  ai santi luoghi ove Dio in carne visse,
  prima che verso Francia si venisse.

93

  Potuto avrian pigliar la via mancina,
  ch'era più dilettevole e più piana,
  e mai non si scostar da la marina;
  ma per la destra andaro orrida e strana,
  perché l'alta città di Palestina
  per questa sei giornate è men lontana.
  Acqua si truova ed erba in questa via:
  di tutti gli altri ben v'è carestia.

94

  Sì che prima ch'entrassero in viaggio,
  ciò che lor bisognò, fecion raccorre,
  e carcar sul gigante il carriaggio,
  ch'avria portato in collo anco una torre.
  Al finir del camino aspro e selvaggio,
  da l'alto monte alla lor vista occorre
  la santa terra, ove il superno Amore
  lavò col proprio sangue il nostro errore.

95

  Trovano in su l'entrar de la cittade
  un giovene gentil, lor conoscente,
  Sansonetto da Meca, oltre l'etade,
  ch'era nel primo fior, molto prudente;
  d'alta cavalleria, d'alta bontade
  famoso, e riverito fra la gente.
  Orlando lo converse a nostra fede,
  e di sua man battesmo anco gli diede.

96

  Quivi lo trovan che disegna a fronte
  del calife d'Egitto una fortezza;
  e circondar vuole il Calvario monte
  di muro di duo miglia di lunghezza.
  Da lui raccolti fur con quella fronte
  che può d'interno amor dar più chiarezza,
  e dentro accompagnati, e con grande agio
  fatti alloggiar nel suo real palagio.

97

  Avea in governo egli la terra, e in vece
  di Carlo vi reggea l'imperio giusto.
  Il duca Astolfo a costui dono fece
  di quel sì grande e smisurato busto,
  ch'a portar pesi gli varrà per diece
  bestie da soma, tanto era robusto.
  Diegli Astolfo il gigante, e diegli appresso
  la rete ch'in sua forza l'avea messo.

98

  Sansonetto all'incontro al duca diede
  per la spada una cinta ricca e bella;
  e diede spron per l'uno e l'altro piede,
  che d'oro avean la fibbia e la girella;
  ch'esser del cavallier stati si crede,
  che liberò dal drago la donzella:
  al Zaffo avuti con molt'altro arnese
  Sansonetto gli avea, quando lo prese.

99

  Purgati de lor colpe a un monasterio
  che dava di sé odor di buoni esempi,
  de la passion di Cristo ogni misterio
  contemplando n'andar per tutti i tempi
  ch'or con eterno obbrobrio e vituperio
  agli cristiani usurpano i Mori empi.
  L'Europa è in arme, e di far guerra agogna
  in ogni parte, fuor ch'ove bisogna.

100

  Mentre avean quivi l'animo divoto,
  a perdonanze e a cerimonie intenti,
  un peregrin di Grecia, a Grifon noto,
  novelle gli arrecò gravi e pungenti,
  dal suo primo disegno e lungo voto
  troppo diverse e troppo differenti;
  e quelle il petto gl'infiammaron tanto,
  che gli scacciar l'orazion da canto.

101

  Amava il cavallier, per sua sciagura,
  una donna ch'avea nome Orrigille:
  di più bel volto e di miglior statura
  non se ne sceglierebbe una fra mille;
  ma disleale e di sì rea natura,
  che potresti cercar cittadi e ville,
  la terra ferma e l'isole del mare,
  né credo ch'una le trovassi pare.

102

  Ne la città di Costantin lasciata
  grave l'avea di febbre acuta e fiera.
  Or quando rivederla alla tornata
  più che mai bella, e di goderla spera,
  ode il meschin, ch'in Antiochia andata
  dietro un suo nuovo amante ella se n'era,
  non le parendo ormai di più patire
  ch'abbia in sì fresca età sola a dormire.

103

  Da indi in qua ch'ebbe la trista nuova,
  sospirava Grifon notte e dì sempre.
  Ogni piacer ch'agli altri aggrada e giova,
  par ch'a costui più l'animo distempre:
  pensilo ognun, ne li cui danni pruova
  Amor, se li suoi strali han buone tempre.
  Ed era grave sopra ogni martire,
  che 'l mal ch'avea si vergognava a dire.

104

  Questo, perché mille fiate inante
  già ripreso l'avea di quello amore,
  di lui più saggio, il fratello Aquilante,
  e cercato colei trargli del core,
  colei ch'al suo giudicio era di quante
  femine rie si trovin la peggiore.
  Grifon l'escusa, se 'l fratel la danna;
  e le più volte il parer proprio inganna.

105

  Però fece pensier, senza parlarne
  con Aquilante, girsene soletto
  sin dentro d'Antiochia, e quindi trarne
  colei che tratto il cor gli avea del petto;
  trovar colui che gli l'ha tolta, e farne
  vendetta tal, che ne sia sempre detto.
  Dirò, come ad effetto il pensier messe,
  nell'altro canto, e ciò che ne successe.



CANTO SEDICESIMO


1

  Gravi pene in amor si provan molte,
  di che patito io n'ho la maggior parte,
  e quelle in danno mio sì ben raccolte,
  ch'io ne posso parlar come per arte.
  Però s'io dico e s'ho detto altre volte,
  e quando in voce e quando in vive carte,
  ch'un mal sia lieve, un altro acerbo e fiero,
  date credenza al mio giudicio vero.

2

  Io dico e dissi, e dirò fin ch'io viva,
  che chi si truova in degno laccio preso,
  se ben di sé vede sua donna schiva,
  se in tutto aversa al suo desire acceso;
  se bene Amor d'ogni mercede il priva,
  poscia che 'l tempo e la fatica ha speso;
  pur ch'altamente abbia locato il core,
  pianger non de', se ben languisce e muore.

3

  Pianger de' quel che già sia fatto servo
  di duo vaghi occhi e d'una bella treccia,
  sotto cui si nasconda un cor protervo,
  che poco puro abbia con molta feccia.
  Vorria il miser fuggire; e come cervo
  ferito, ovunque va, porta la freccia:
  ha di se stesso e del suo amor vergogna,
  né l'osa dire, e invan sanarsi agogna.

4

  In questo caso è il giovene Grifone,
  che non si può emendare, e il suo error vede,
  vede quanto vilmente il suo cor pone
  in Orrigille iniqua e senza fede;
  pur dal mal uso è vinta la ragione,
  e pur l'arbitrio all'appetito cede:
  perfida sia quantunque, ingrata e ria,
  sforzato è di cercar dove ella sia.

5

  Dico, la bella istoria ripigliando,
  ch'uscì de la città secretamente,
  né parlarne s'ardì col fratel, quando
  ripreso invan da lui ne fu sovente.
  Verso Rama, a sinistra declinando,
  prese la via più piana e più corrente.
  Fu in sei giorni a Damasco di Soria;
  indi verso Antiochia se ne gìa.

6

  Scontrò presso a Damasco il cavalliero
  a cui donato aveva Orrigille il core:
  e convenian di rei costumi in vero,
  come ben si convien l'erba col fiore;
  che l'uno e l'altro era di cor leggiero,
  perfido l'uno e l'altro e traditore;
  e copria l'uno e l'altro il suo difetto,
  con danno altrui, sotto cortese aspetto.

7

  Come io vi dico, il cavallier venìa
  s'un gran destrier con molta pompa armato:
  la perfida Orrigille in compagnia,
  in un vestire azzur d'oro fregiato,
  e duo valletti, donde si servia
  a portar elmo e scudo, aveva allato;
  come quel che volea con bella mostra
  comparire in Damasco ad una giostra.

8

  Una splendida festa che bandire
  fece il re di Damasco in quelli giorni,
  era cagion di far quivi venire
  i cavallier quanto potean più adorni.
  Tosto che la puttana comparire
  vede Grifon, ne teme oltraggi e scorni:
  sa che l'amante suo non è sì forte,
  che contra lui l'abbia a campar da morte.

9

  Ma sì come audacissima e scaltrita,
  ancor che tutta di paura trema,
  s'acconcia il viso, e sì la voce aita,
  che non appar in lei segno di tema.
  Col drudo avendo già l'astuzia ordita,
  corre, e fingendo una letizia estrema,
  verso Grifon l'aperte braccia tende,
  lo stringe al collo, e gran pezzo ne pende.

10

  Dopo, accordando affettuosi gesti
  alla suavità de le parole,
  dicea piangendo: — Signor mio, son questi
  debiti premi a chi t'adora e cole?
  che sola senza te già un anno resti,
  e va per l'altro, e ancor non te ne duole?
  E s'io stava aspettare il suo ritorno,
  non so se mai veduto avrei quel giorno!

11

  Quando aspettava che di Nicosia,
  dove tu te n'andasti alla gran corte,
  tornassi a me che con la febbre ria
  lasciata avevi in dubbio de la morte,
  intesi che passato eri in Soria:
  il che a patir mi fu sì duro e forte,
  che non sapendo come io ti seguissi,
  quasi il cor di man propria mi traffissi.

12

  Ma Fortuna di me con doppio dono
  mostra d'aver, quel che non hai tu, cura:
  mandommi il fratel mio, col quale io sono
  sin qui venuta del mio onor sicura;
  ed or mi manda questo incontro buono
  di te, ch'io stimo sopra ogni aventura:
  e bene a tempo il fa; che più tardando,
  morta sarei, te, signor mio, bramando. —

13

  E seguitò la donna fraudolente,
  di cui l'opere fur più che di volpe,
  la sua querela così astutamente,
  che riversò in Grifon tutte le colpe.
  Gli fa stimar colui, non che parente,
  ma che d'un padre seco abbia ossa e polpe:
  e con tal modo sa tesser gl'inganni,
  che men verace par Luca e Giovanni.

14

  Non pur di sua perfidia non riprende
  Grifon la donna iniqua più che bella;
  non pur vendetta di colui non prende,
  che fatto s'era adultero di quella:
  ma gli par far assai, se si difende
  che tutto il biasmo in lui non riversi ella;
  e come fosse suo cognato vero,
  d'accarezzar non cessa il cavalliero.

15

  E con lui se ne vien verso le porte
  di Damasco, e da lui sente tra via,
  che là dentro dovea splendida corte
  tenere il ricco re de la Soria;
  e ch'ognun quivi, di qualunque sorte,
  o sia cristiano, o d'altra legge sia,
  dentro e di fuori ha la città sicura
  per tutto il tempo che la festa dura.

16

  Non però son di seguitar sì intento
  l'istoria de la perfida Orrigille,
  ch'a' giorni suoi non pur un tradimento
  fatto agli amanti avea, ma mille e mille;
  ch'io non ritorni a riveder dugento
  mila persone, o più de le scintille
  del fuoco stuzzicato, ove alle mura
  di Parigi facean danno e paura.

17

  Io vi lasciai, come assaltato avea
  Agramante una porta de la terra,
  che trovar senza guardia si credea:
  né più riparo altrove il passo serra;
  perché in persona Carlo la tenea,
  ed avea seco i mastri de la guerra,
  duo Guidi, duo Angelini; uno Angeliero,
  Avino, Avolio, Otone e Berlingiero.

18

  Inanzi a Carlo, inanzi al re Agramante
  l'un stuolo e l'altro si vuol far vedere,
  ove gran loda, ove mercé abondante
  si può acquistar, facendo il suo dovere.
  I Mori non però fer pruove tante,
  che par ristoro al danno abbiano avere;
  perché ve ne restar morti parecchi,
  ch'agli altri fur di folle audacia specchi.

19

  Grandine sembran le spesse saette
  dal muro sopra gli nimici sparte.
  Il grido insin al ciel paura mette,
  che fa la nostra e la contraria parte.
  Ma Carlo un poco ed Agramante aspette;
  ch'io vo' cantar de l'africano Marte,
  Rodomonte terribile ed orrendo,
  che va per mezzo la città correndo.

20

  Non so, Signor, se più vi ricordiate,
  di questo Saracin tanto sicuro,
  che morte le sue genti avea lasciate
  tra il secondo riparo e 'l primo muro,
  da la rapace fiamma devorate,
  che non fu mai spettacolo più oscuro.
  Dissi ch'entrò d'un salto ne la terra
  sopra la fossa che la cinge e serra.

21

  Quando fu noto il Saracino atroce
  all'arme istrane, alla scagliosa pelle,
  là dove i vecchi e 'l popul men feroce
  tendean l'orecchie a tutte le novelle,
  levossi un pianto, un grido, un'alta voce,
  con un batter di man ch'andò alle stelle;
  e chi poté fuggir non vi rimase,
  per serrarsi ne' templi e ne le case.

22

  Ma questo a pochi il brando rio conciede,
  ch'intorno ruota il Saracin robusto.
  Qui fa restar con mezza gamba un piede,
  là fa un capo sbalzar lungi dal busto;
  l'un tagliare a traverso se gli vede,
  dal capo all'anche un altro fender giusto:
  e di tanti ch'uccide, fere e caccia,
  non se gli vede alcun segnare in faccia.

23

  Quel che la tigre de l'armento imbelle
  ne' campi ircani o là vicino al Gange,
  o 'l lupo de le capre e de l'agnelle
  nel monte che Tifeo sotto si frange;
  quivi il crudel pagan facea di quelle
  non dirò squadre, non dirò falange,
  ma vulgo e populazzo voglio dire,
  degno, prima che nasca, di morire.

24

  Non ne trova un che veder possa in fronte,
  fra tanti che ne taglia, fora e svena.
  Per quella strada che vien dritto al ponte
  di san Michel, sì popolata e piena,
  corre il fiero e terribil Rodomonte,
  e la sanguigna spada a cerco mena:
  non riguarda né al servo né al signore,
  né al giusto ha più pietà ch'al peccatore.

25

  Religion non giova al sacerdote,
  né la innocenza al pargoletto giova:
  per sereni occhi o per vermiglie gote
  mercé né donna né donzella truova:
  la vecchiezza si caccia e si percuote;
  né quivi il Saracin fa maggior pruova
  di gran valor, che di gran crudeltade;
  che non discerne sesso, ordine, etade.

26

  Non pur nel sangue uman l'ira si stende
  de l'empio re, capo e signor degli empi,
  ma contra i tetti ancor, sì che n'incende
  le belle case e i profanati tempi.
  Le case eran, per quel che se n'intende,
  quasi tutte di legno in quelli tempi:
  e ben creder si può; ch'in Parigi ora
  de le diece le sei son così ancora.

27

  Non par, quantunque il fuoco ogni cosa arda,
  che sì grande odio ancor saziar si possa.
  Dove s'aggrappi con le mani, guarda,
  sì che ruini un tetto ad ogni scossa.
  Signor, avete a creder che bombarda
  mai non vedeste a Padova sì grossa,
  che tanto muro possa far cadere,
  quanto fa in una scossa il re d'Algiere.

28

  Mentre quivi col ferro il maledetto
  e con le fiamme facea tanta guerra,
  se di fuor Agramante avesse astretto,
  perduta era quel dì tutta la terra:
  ma non v'ebbe agio; che gli fu interdetto
  dal paladin che venìa d'Inghilterra
  col populo alle spalle inglese e scotto,
  dal Silenzio e da l'angelo condotto.

29

  Dio volse che all'entrar che Rodomonte
  fe' ne la terra, e tanto fuoco accese,
  che presso ai muri il fior di Chiaramonte,
  Rinaldo, giunse, e seco il campo inglese.
  Tre leghe sopra avea gittato il ponte,
  e torte vie da man sinistra prese;
  che disegnando i barbari assalire,
  il fiume non l'avesse ad impedire.

30

  Mandato avea seimila fanti arcieri
  sotto l'altiera insegna d'Odoardo,
  e duomila cavalli, e più, leggieri
  dietro alla guida d'Ariman gagliardo;
  e mandati gli avea per li sentieri
  che vanno e vengon dritto al mar picardo,
  ch'a porta San Martino e San Dionigi
  entrassero a soccorso di Parigi.

31

  I cariaggi e gli altri impedimenti
  con lor fece drizzar per questa strada.
  Egli con tutto il resto de le genti
  più sopra andò girando la contrada.
  Seco avean navi e ponti ed argumenti
  da passar Senna che non ben si guada.
  Passato ognuno, e dietro i ponti rotti,
  ne le lor schiere ordinò Inglesi e Scotti.

32

  Ma prima quei baroni e capitani
  Rinaldo intorno avendosi ridutti,
  sopra la riva ch'alta era dai piani
  sì, che poteano udirlo e veder tutti,
  disse: — Signor, ben a levar le mani
  avete a Dio, che qui v'abbia condutti,
  acciò, dopo un brevissimo sudore,
  sopra ogni nazion vi doni onore.

33

  Per voi saran dui principi salvati,
  se levate l'assedio a quelle porte:
  il vostro re, che voi sete ubligati
  da servitù difendere e da morte;
  ed uno imperator de' più lodati
  che mai tenuto al mondo abbiano corte;
  e con loro altri re, duci e marchesi,
  signori e cavallier di più paesi.

34

  Sì che, salvando una città, non soli
  Parigini ubligati vi saranno,
  che molto più che per li propri duoli,
  timidi, afflitti e sbigottiti stanno
  per le lor mogli e per li lor figliuoli
  ch'a un medesmo pericolo seco hanno,
  e per le sante vergini richiuse,
  ch'oggi non sien dei voti lor deluse:

35

  dico, salvando voi questa cittade,
  v'ubligate non solo i Parigini,
  ma d'ogn'intorno tutte le contrade.
  Non parlo sol dei populi vicini;
  ma non è terra per Cristianitade,
  che non abbia qua dentro cittadini:
  sì che, vincendo, avete da tenere
  che più che Francia v'abbia obligo avere.

36

  Se donavan gli antiqui una corona
  a chi salvasse a un cittadin la vita,
  or che degna mercede a voi si dona,
  salvando multitudine infinita?
  Ma se da invidia o da viltà sì buona
  e sì santa opra rimarrà impedita,
  credetemi che prese quelle mura,
  né Italia né Lamagna anco è sicura;

37

  né qualunque altra parte ove s'adori
  quel che volse per noi pender sul legno.
  Né voi crediate aver lontani i Mori,
  né che pel mar sia forte il vostro regno:
  che s'altre volte quelli, uscendo fuori
  di Zibeltaro e de l'Erculeo segno,
  riportar prede da l'isole vostre,
  che faranno or, s'avran le terre nostre?

38

  Ma quando ancor nessuno onor, nessuno
  util v'inanimasse a questa impresa,
  commun debito è ben soccorrer l'uno
  l'altro, che militiàn sotto una Chiesa.
  Ch'io non vi dia rotti i nemici, alcuno
  non sia chi tema, e con poca contesa;
  che gente male esperta tutta parmi,
  senza possanza, senza cor, senz'armi. —

39

  Poté con queste e con miglior ragioni,
  con parlare espedito e chiara voce
  eccitar quei magnanimi baroni
  Rinaldo, e quello esercito feroce:
  e fu, com'è in proverbio, aggiunger sproni
  al buon corsier che già ne va veloce.
  Finito il ragionar, fece le schiere
  muover pian pian sotto le lor bandiere.

40

  Senza strepito alcun, senza rumore
  fa il tripartito esercito venire:
  lungo il fiume a Zerbin dona l'onore
  di dover prima i barbari assalire;
  e fa quelli d'Irlanda con maggiore
  volger di via più tra campagna gire;
  e i cavallieri e i fanti d'Inghilterra
  col duca di Lincastro in mezzo serra.

41

  Drizzati che gli ha tutti al lor camino,
  cavalca il paladin lungo la riva,
  e passa inanzi al buon duca Zerbino
  e a tutto il campo che con lui veniva;
  tanto ch'al re d'Orano e al re Sobrino
  e agli altri lor compagni soprarriva,
  che mezzo miglio appresso a quei di Spagna
  guardavan da quel canto la campagna.

42

  L'esercito cristian che con sì fida
  e sì sicura scorta era venuto,
  ch'ebbe il Silenzio e l'angelo per guida,
  non poté ormai patir più di star muto.
  Sentiti gli nimici, alzò le grida,
  e de le trombe udir fe' il suono arguto:
  e con l'alto rumor ch'arrivò al cielo,
  mandò ne l'ossa a' Saracini il gelo.

43

  Rinaldo inanzi agli altri il destrier punge;
  e con la lancia per cacciarla in resta
  lascia gli Scotti un tratto d'arco lunge,
  ch'ogni indugio a ferir sì lo molesta.
  Come groppo di vento talor giunge,
  che si tra' dietro un'orrida tempesta,
  tal fuor di squadra il cavallier gagliardo
  venìa spronando il corridor Baiardo.

44

  Al comparir del paladin di Francia,
  dan segno i Mori alle future angosce:
  tremare a tutti in man vedi la lancia,
  i piedi in staffa, e ne l'arcion le cosce.
  Re Puliano sol non muta guancia,
  che questo esser Rinaldo non conosce;
  né pensando trovar sì duro intoppo,
  gli muove il destrier contra di galoppo:

45

  e su la lancia nel partir si stringe,
  e tutta in sé raccoglie la persona;
  poi con ambo gli sproni il destrier spinge,
  e le redine inanzi gli abandona.
  Da l'altra parte il suo valor non finge,
  e mostra in fatti quel ch'in nome suona,
  quanto abbia nel giostrare e grazia ed arte,
  il figliuolo d'Amone, anzi di Marte.

46

  Furo al segnar degli aspri colpi, pari,
  che si posero i ferri ambi alla testa:
  ma furo in arme ed in virtù dispari,
  che l'un via passa, e l'altro morto resta.
  Bisognan di valor segni più chiari,
  che por con leggiadria la lancia in resta:
  ma fortuna anco più bisogna assai;
  che senza, val virtù raro o non mai.

47

  La buona lancia il paladin racquista,
  e verso il re d'Oran ratto si spicca,
  che la persona avea povera e trista
  di cor, ma d'ossa e di gran polpe ricca.
  Questo por tra bei colpi si può in lista,
  ben ch'in fondo allo scudo gli l'appicca:
  e chi non vuol lodarlo, abbialo escuso,
  perché non si potea giunger più in suso.

48

  Non lo ritien lo scudo, che non entre,
  ben che fuor sia d'acciar, dentro di palma;
  e che da quel gran corpo uscir pel ventre
  non faccia l'inequale e piccola alma.
  Il destrier che portar si credea, mentre
  durasse il lungo dì, sì grave salma,
  riferì in mente sua grazie a Rinaldo,
  ch'a quello incontro gli schivò un gran caldo.

49

  Rotta l'asta, Rinaldo il destrier volta
  tanto legger, che fa sembrar ch'abbia ale;
  e dove la più stretta e maggior folta
  stiparsi vede, impetuoso assale.
  Mena Fusberta sanguinosa in volta
  che fa l'arme parer di vetro frale:
  tempra di ferro il suo tagliar non schiva,
  che non vada a trovar la carne viva.

50

  Ritrovar poche tempre e pochi ferri
  può la tagliente spada, ove s'incappi,
  ma targhe, altre di cuoio, altre di cerri,
  giupe trapunte e attorcigliati drappi.
  Giusto è ben dunque che Rinaldo atterri
  qualunque assale, e fori e squarci e affrappi;
  che non più si difende da sua spada,
  ch'erba da falce, o da tempesta biada.

51

  La prima schiera era già messa in rotta,
  quando Zerbin con l'antiguardia arriva.
  Il cavallier inanzi alla gran frotta
  con la lancia arrestata ne veniva.
  La gente sotto il suo pennon condotta,
  con non minor fierezza lo seguiva:
  tanti lupi parean, tanti leoni
  ch'andassero assalir capre o montoni.

52

  Spinse a un tempo ciascuno il suo cavallo,
  poi che fur presso; e sparì immantinente
  quel breve spazio, quel poco intervallo
  che si vedea fra l'una e l'altra gente.
  Non fu sentito mai più strano ballo;
  che ferian gli Scozzesi solamente:
  solamente i pagani eran distrutti,
  come sol per morir fosser condutti.

53

  Parve più freddo ogni pagan che ghiaccio;
  parve ogni Scotto più che fiamma caldo.
  I Mori si credean ch'avere il braccio
  dovesse ogni cristian, ch'ebbe Rinaldo.
  Mosse Sobrino i suoi schierati avaccio,
  senza aspettar che lo 'nvitasse araldo:
  de l'altra squadra questa era migliore
  di capitano, d'arme e di valore.

54

  D'Africa v'era la men trista gente;
  ben che né questa ancor gran prezzo vaglia.
  Dardinel la sua mosse incontinente,
  e male armata, e peggio usa in battaglia;
  ben ch'egli in capo avea l'elmo lucente,
  e tutto era coperto a piastra e a maglia.
  Io credo che la quarta miglior sia,
  con la qual Isolier dietro venìa.

55

  Trasone intanto, il buon duca di Marra,
  che ritrovarsi all'alta impresa gode,
  ai cavallieri suoi leva la sbarra,
  e seco invita alle famose lode,
  poi ch'Isolier con quelli di Navarra
  entrar ne la battaglia vede ed ode.
  Poi mosse Ariodante la sua schiera,
  che nuovo duca d'Albania fatt'era.

56

  L'alto rumor de le sonore trombe,
  de' timpani e de' barbari stromenti,
  giunti al continuo suon d'archi, di frombe,
  di machine, di ruote e di tormenti;
  e quel di che più par che 'l ciel ribombe,
  gridi, tumulti, gemiti e lamenti;
  rendeno un alto suon ch'a quel s'accorda,
  con che i vicin, cadendo, il Nilo assorda.

57

  Grande ombra d'ogn'intorno il cielo involve,
  nata dal saettar de li duo campi;
  l'alito, il fumo del sudor, la polve
  par che ne l'aria oscura nebbia stampi.
  Or qua l'un campo, or l'altro là si volve:
  vedresti or come un segua, or come scampi;
  ed ivi alcuno, o non troppo diviso,
  rimaner morto ove ha il nimico ucciso.

58

  Dove una squadra per stanchezza è mossa,
  un'altra si fa tosto andare inanti.
  Di qua di là la gente d'arme ingrossa:
  là cavallieri, e qua si metton fanti.
  La terra che sostien l'assalto, è rossa:
  mutato ha il verde ne' sanguigni manti;
  e dov'erano i fiori azzurri e gialli,
  giaceno uccisi or gli uomini e i cavalli.

59

  Zerbin facea le più mirabil pruove
  che mai facesse di sua età garzone:
  l'esercito pagan che 'ntorno piove,
  taglia ed uccide e mena a destruzione.
  Ariodante alle sue genti nuove
  mostra di sua virtù gran paragone;
  e dà di sé timore e meraviglia
  a quelli di Navarra e di Castiglia.

60

  Chelindo e Mosco, i duo figli bastardi
  del morto Calabrun re d'Aragona,
  ed un che reputato fra' gagliardi
  era, Calamidor da Barcelona,
  s'avean lasciato a dietro gli stendardi;
  e credendo acquistar gloria e corona
  per uccider Zerbin, gli furo adosso;
  e ne' fianchi il destrier gli hanno percosso.

61

  Passato da tre lance il destrier morto
  cade; ma il buon Zerbin subito è in piede;
  ch'a quei ch'al suo cavallo han fatto torto,
  per vendicarlo va dove gli vede:
  e prima a Mosco, al giovene inaccorto,
  che gli sta sopra, e di pigliar sel crede,
  mena di punta, e lo passa nel fianco,
  e fuor di sella il caccia freddo e bianco.

62

  Poi che si vide tor, come di furto,
  Chelindo il fratel suo, di furor pieno
  venne a Zerbino, e pensò dargli d'urto;
  ma gli prese egli il corridor pel freno:
  trasselo in terra, onde non è mai surto,
  e non mangiò mai più biada né fieno;
  che Zerbin sì gran forza a un colpo mise,
  che lui col suo signor d'un taglio uccise.

63

  Come Calamidor quel colpo mira,
  volta la briglia per levarsi in fretta;
  ma Zerbin dietro un gran fendente tira,
  dicendo: — Traditore, aspetta, aspetta! —
  Non va la botta ove n'andò la mira,
  non che però lontana vi si metta;
  lui non poté arrivar, ma il destrier prese
  sopra la groppa, e in terra lo distese.

64

  Colui lascia il cavallo, e via carpone
  va per campar, ma poco gli successe;
  che venne caso che 'l duca Trasone
  gli passò sopra, e col peso l'oppresse.
  Ariodante e Lurcanio si pone
  dove Zerbino è fra le genti spesse;
  e seco hanno altri e cavallieri e conti,
  che fanno ogn'opra che Zerbin rimonti.

65

  Menava Ariodante il brando in giro,
  e ben lo seppe Artalico e Margano;
  ma molto più Etearco e Casimiro
  la possanza sentir di quella mano:
  i primi duo feriti se ne giro,
  rimaser gli altri duo morti sul piano.
  Lurcanio fa veder quanto sia forte;
  che fere, urta, riversa e mette a morte.

66

  Non crediate, Signor, che fra campagna
  pugna minor che presso al fiume sia,
  né ch'a dietro l'esercito rimagna,
  che di Lincastro il buon duca seguia.
  Le bandiere assalì questo di Spagna,
  e molto ben di par la cosa gìa;
  che fanti, cavallieri e capitani
  di qua e di là sapean menar le mani.

67

  Dinanzi vien Oldrado e Fieramonte,
  un duca di Glocestra, un d'Eborace;
  con lor Ricardo, di Varvecia conte,
  e di Chiarenza il duca, Enrigo audace.
  Han Matalista e Follicone a fronte,
  e Baricondo ed ogni lor seguace.
  Tiene il primo Almeria, tiene il secondo
  Granata, tien Maiorca Baricondo.

68

  La fiera pugna un pezzo andò di pare,
  che vi si discernea poco vantaggio.
  Vedeasi or l'uno or l'altro ire e tornare,
  come le biade al ventolin di maggio,
  o come sopra 'l lito un mobil mare
  or viene or va, né mai tiene un viaggio.
  Poi che fortuna ebbe scherzato un pezzo,
  dannosa ai Mori ritornò da sezzo.

69

  Tutto in un tempo il duca di Glocestra
  a Matalista fa votar l'arcione;
  ferito a un tempo ne la spalla destra
  Fieramonte riversa Follicone:
  e l'un pagano e l'altro si sequestra,
  e tra gl'Inglesi se ne va prigione.
  E Baricondo a un tempo riman senza
  vita per man del duca di Chiarenza.

70

  Indi i pagani tanto a spaventarsi,
  indi i fedeli a pigliar tanto ardire,
  che quei non facean altro che ritrarsi
  e partirsi da l'ordine e fuggire,
  e questi andar inanzi ed avanzarsi
  sempre terreno, e spingere e seguire:
  e se non vi giungea chi lor dié aiuto,
  il campo da quel lato era perduto.

71

  Ma Ferraù, che sin qui mai non s'era
  dal re Marsilio suo troppo disgiunto,
  quando vide fuggir quella bandiera,
  e l'esercito suo mezzo consunto,
  spronò il cavallo, e dove ardea più fiera
  la battaglia, lo spinse; e arrivò a punto
  che vide dal destrier cadere in terra
  col capo fesso Olimpio da la Serra;

72

  un giovinetto che col dolce canto,
  concorde al suon de la cornuta cetra,
  d'intenerire un cor si dava vanto,
  ancor che fosse più duro che pietra.
  Felice lui, se contentar di tanto
  onor sapeasi, e scudo, arco e faretra
  aver in odio, e scimitarra e lancia,
  che lo fecer morir giovine in Francia!

73

  Quando lo vide Ferraù cadere,
  che solea amarlo e avere in molta estima,
  si sente di lui sol via più dolere,
  che di mill'altri che periron prima:
  e sopra chi l'uccise in modo fere,
  che gli divide l'elmo da la cima
  per la fronte, per gli occhi e per la faccia,
  per mezzo il petto, e morto a terra il caccia.

74

  Né qui s'indugia; e il brando intorno ruota,
  ch'ogni elmo rompe, ogni lorica smaglia;
  a chi segna la fronte, a chi la gota,
  ad altri il capo, ad altri il braccio taglia;
  or questo or quel di sangue e d'alma vota:
  e ferma da quel canto la battaglia,
  onde la spaventata ignobil frotta
  senza ordine fuggia spezzata e rotta.

75

  Entrò ne la battaglia il re Agramante,
  d'uccider gente e di far pruove vago;
  e seco ha Baliverzo, Farurante,
  Prusion, Soridano e Bambirago.
  Poi son le genti senza nome tante,
  che del lor sangue oggi faranno un lago,
  che meglio conterei ciascuna foglia,
  quando l'autunno gli arbori ne spoglia.

76

  Agramante dal muro una gran banda
  di fanti avendo e di cavalli tolta,
  col re di Feza subito li manda,
  che dietro ai padiglion piglin la volta,
  e vadano ad opporsi a quei d'Irlanda,
  le cui squadre vedea con fretta molta,
  dopo gran giri e larghi avolgimenti,
  venir per occupar gli alloggiamenti.

77

  Fu 'l re di Feza ad esequir ben presto;
  ch'ogni tardar troppo nociuto avria.
  Raguna intanto il re Agramante il resto;
  parte le squadre, e alla battaglia invia.
  Egli va al fiume; che gli par ch'in questo
  luogo del suo venir bisogno sia:
  e da quel canto un messo era venuto
  del re Sobrino a domandare aiuto.

78

  Menava in una squadra più di mezzo
  il campo dietro; e sol del gran rumore
  tremar gli Scotti, e tanto fu il ribrezzo,
  ch'abbandonavan l'ordine e l'onore.
  Zerbin, Lurcanio e Ariodante in mezzo
  vi restar soli incontra a quel furore;
  e Zerbin, ch'era a pié, vi peria forse,
  ma 'l buon Rinaldo a tempo se n'accorse.

79

  Altrove intanto il paladin s'avea
  fatto inanzi fuggir cento bandiere.
  Or che l'orecchie la novella rea
  del gran periglio di Zerbin gli fere,
  ch'a piedi fra la gente cirenea
  lasciato solo aveano le sue schiere,
  volta il cavallo, e dove il campo scotto
  vede fuggir, prende la via di botto.

80

  Dove gli Scotti ritornar fuggendo
  vede, s'appara, e grida: — Or dove andate?
  perché tanta viltade in voi comprendo,
  che a sì vil gente il campo abbandonate?
  Ecco le spoglie, de le quali intendo
  ch'esser dovean le vostre chiese ornate.
  Oh che laude, oh che gloria, che 'l figliuolo
  del vostro re si lasci a piedi e solo! —

81

  D'un suo scudier una grossa asta afferra,
  e vede Prusion poco lontano,
  re d'Alvaracchie, e adosso se gli serra,
  e de l'arcion lo porta morto al piano.
  Morto Agricalte e Bambirago atterra:
  dopo fere aspramante Soridano;
  e come gli altri l'avria messo a morte,
  se nel ferir la lancia era più forte.

82

  Stringe Fusberta, poi che l'asta è rotta,
  e tocca Serpentin, quel da la Stella.
  Fatate l'arme avea, ma quella botta
  pur tramortito il manda fuor di sella.
  E così al duca de la gente scotta
  fa piazza intorno spaziosa e bella;
  sì che senza contesa un destrier puote
  salir di quei che vanno a selle vote.

83

  E ben si ritrovò salito a tempo,
  che forse nol facea, se più tardava:
  perché Agramante e Dardinello a un tempo,
  Sobrin col re Balastro v'arrivava.
  Ma egli, che montato era per tempo,
  di qua e di là col brando s'aggirava,
  mandando or questo or quel giù ne l'inferno
  a dar notizia del viver moderno.

84

  Il buon Rinaldo, il quale a porre in terra
  i più dannosi avea sempre riguardo,
  la spada contra il re Agramante afferra,
  che troppo gli parea fiero e gagliardo
  (facea egli sol più che mille altri guerra);
  e se gli spinse adosso con Baiardo:
  lo fere a un tempo ed urta di traverso,
  sì che lui col destrier manda riverso.

85

  Mentre di fuor con sì crudel battaglia,
  odio, rabbia, furor l'un l'altro offende,
  Rodomonte in Parigi il popul taglia,
  le belle case e i sacri templi accende.
  Carlo, ch'in altra parte si travaglia,
  questo non vede, e nulla ancor ne 'ntende:
  Odoardo raccoglie ed Arimanno
  ne la città, col lor popul britanno.

86

  A lui venne un scudier pallido in volto,
  che potea a pena trar del petto il fiato.
  — Ahimè! signor, ahimè — replica molto,
  prima ch'abbia a dir altro incominciato:
  — Oggi il romano Imperio, oggi è sepolto;
  oggi ha il suo popul Cristo abandonato:
  il demonio dal cielo è piovuto oggi,
  perché in questa città più non s'alloggi.

87

  Satanasso (perch'altri esser non puote)
  strugge e ruina la città infelice.
  Volgiti e mira le fumose ruote
  de la rovente fiamma predatrice;
  ascolta il pianto che nel ciel percuote;
  e faccian fede a quel che 'l servo dice.
  Un solo è quel ch'a ferro e a fuoco strugge
  la bella terra, e inanzi ognun gli fugge. —

88

  Quale è colui che prima oda il tumulto,
  e de le sacre squille il batter spesso,
  che vegga il fuoco a nessun altro occulto,
  ch'a sé, che più gli tocca, e gli è più presso;
  tal è il re Carlo, udendo il nuovo insulto,
  e conoscendol poi con l'occhio istesso:
  onde lo sforzo di sua miglior gente
  al grido drizza e al gran rumor che sente.

89

  Dei paladini e dei guerrier più degni
  Carlo si chiama dietro una gran parte,
  e vêr la piazza fa drizzare i segni;
  che 'l pagan s'era tratto in quella parte.
  Ode il rumor, vede gli orribil segni
  di crudeltà, l'umane membra sparte.
  Ora non più: ritorni un'altra volta
  chi voluntier la bella istoria ascolta.



CANTO DICIASSETTESIMO


1

  Il giusto Dio, quando i peccati nostri
  hanno di remission passato il segno,
  acciò che la giustizia sua dimostri
  uguale alla pietà, spesso dà regno
  a tiranni atrocissimi ed a mostri,
  e dà lor forza e di mal fare ingegno.
  Per questo Mario e Silla pose al mondo,
  e duo Neroni e Caio furibondo,

2

  Domiziano e l'ultimo Antonino;
  e tolse da la immonda e bassa plebe,
  ed esaltò all'imperio Massimino;
  e nascer prima fe' Creonte a Tebe;
  e dié Mezenzio al populo Agilino,
  che fe' di sangue uman grasse le glebe;
  e diede Italia a tempi men remoti
  in preda agli Unni, ai Longobardi, ai Goti.

3

  Che d'Atila dirò? che de l'iniquo
  Ezzellin da Roman? che d'altri cento?
  che dopo un lungo andar sempre in obliquo,
  ne manda Dio per pena e per tormento.
  Di questo abbiàn non pur al tempo antiquo,
  ma ancora al nostro, chiaro esperimento,
  quando a noi, greggi inutili e malnati,
  ha dato per guardian lupi arrabbiati:

4

  a cui non par ch'abbi a bastar lor fame,
  ch'abbi il lor ventre a capir tanta carne;
  e chiaman lupi di più ingorde brame
  da boschi oltramontani a divorarne.
  Di Trasimeno l'insepulto ossame
  e di Canne e di Trebia poco parne
  verso quel che le ripe e i campi ingrassa,
  dov'Ada e Mella e Ronco e Tarro passa.

5

  Or Dio consente che noi siàn puniti
  da populi di noi forse peggiori,
  per li multiplicati ed infiniti
  nostri nefandi, obbrobriosi errori.
  Tempo verrà ch'a depredar lor liti
  andremo noi, se mai saren migliori,
  e che i peccati lor giungano al segno,
  che l'eterna Bontà muovano a sdegno.

6

  Doveano allora aver gli eccessi loro
  di Dio turbata la serena fronte,
  che scórse ogni lor luogo il Turco e 'l Moro
  con stupri, uccision, rapine ed onte:
  ma più di tutti gli altri danni, foro
  gravati dal furor di Rodomonte.
  Dissi ch'ebbe di lui la nuova Carlo,
  e che 'n piazza venia per ritrovarlo.

7

  Vede tra via la gente sua troncata,
  arsi i palazzi, e ruinati i templi,
  gran parte de la terra desolata;
  mai non si vider sì crudeli esempli.
  — Dove fuggite, turba spaventata?
  Non è tra voi chi 'l danno suo contempli?
  Che città, che refugio più vi resta,
  quando si perda sì vilmente questa?

8

  Dunque un uom solo in vostra terra preso,
  cinto di mura onde non può fuggire,
  si partirà che non l'avrete offeso,
  quando tutti v'avrà fatto morire? —
  Così Carlo dicea, che d'ira acceso
  tanta vergogna non potea patire.
  E giunse dove inanti alla gran corte
  vide il pagan por la sua gente a morte.

9

  Quivi gran parte era del populazzo,
  sperandovi trovare aiuto, ascesa;
  perché forte di mura era il palazzo,
  con munizion da far lunga difesa.
  Rodomonte, d'orgoglio e d'ira pazzo,
  solo s'avea tutta la piazza presa:
  e l'una man, che prezza il mondo poco,
  ruota la spada, e l'altra getta il fuoco.

10

  E de la regal casa, alta e sublime,
  percuote e risuonar fa le gran porte.
  Gettan le turbe da le eccelse cime
  e merli e torri, e si metton per morte.
  Guastare i tetti non è alcun che stime;
  e legne e pietre vanno ad una sorte,
  lastre e colonne, e le dorate travi
  che furo in prezzo agli lor padri e agli avi.

11

  Sta su la porta il re d'Algier, lucente
  di chiaro acciar che 'l capo gli arma e 'l busto,
  come uscito di tenebre serpente,
  poi c'ha lasciato ogni squalor vetusto,
  del nuovo scoglio altiero, e che si sente
  ringiovenito e più che mai robusto:
  tre lingue vibra, ed ha negli occhi foco;
  dovunque passa, ogn'animal dà loco.

12

  Non sasso, merlo, trave, arco o balestra,
  né ciò che sopra il Saracin percuote,
  ponno allentar la sanguinosa destra
  che la gran porta taglia, spezza e scuote:
  e dentro fatto v'ha tanta finestra,
  che ben vedere e veduto esser puote
  dai visi impressi di color di morte,
  che tutta piena quivi hanno la corte.

13

  Suonar per gli alti e spaziosi tetti
  s'odono gridi e feminil lamenti:
  l'afflitte donne, percotendo i petti,
  corron per casa pallide e dolenti;
  e abbraccian gli usci e i geniali letti
  che tosto hanno a lasciare a strane genti.
  Tratta la cosa era in periglio tanto,
  quando 'l re giunse, e suoi baroni accanto.

14

  Carlo si volse a quelle man robuste
  ch'ebbe altre volte a gran bisogni pronte.
  — Non sète quelli voi, che meco fuste
  contra Agolante (disse) in Aspramonte?
  Sono le forze vostre ora sì fruste,
  che, s'uccideste lui, Troiano e Almonte
  con centomila, or ne temete un solo
  pur di quel sangue e pur di quello stuolo?

15

  Perché debbo vedere in voi fortezza
  ora minor ch'io la vedessi allora?
  Mostrate a questo can vostra prodezza,
  a questo can che gli uomini devora.
  Un magnanimo cor morte non prezza,
  presta o tarda che sia, pur che ben muora.
  Ma dubitar non posso ove voi sète,
  che fatto sempre vincitor m'avete. —

16

  Al fin de le parole urta il destriero,
  con l'asta bassa, al Saracino adosso.
  Mossesi a un tratto il paladino Ugiero,
  a un tempo Namo ed Ulivier si è mosso,
  Avino, Avolio, Otone e Berlingiero,
  ch'un senza l'altro mai veder non posso:
  e ferir tutti sopra a Rodomonte
  e nel petto e nei fianchi e ne la fronte.

17

  Ma lasciamo, per Dio, Signore, ormai
  di parlar d'ira e di cantar di morte;
  e sia per questa volta detto assai
  del Saracin non men crudel che forte:
  che tempo è ritornar dov'io lasciai
  Grifon, giunto a Damasco in su le porte
  con Orrigille perfida, e con quello
  ch'adulter era, e non di lei fratello.

18

  De le più ricche terre di Levante,
  de le più populose e meglio ornate
  si dice esser Damasco, che distante
  siede a Ierusalem sette giornate,
  in un piano fruttifero e abondante,
  non men giocondo il verno, che l'estate.
  A questa terra il primo raggio tolle
  de la nascente aurora un vicin colle.

19

  Per la città duo fiumi cristallini
  vanno inaffiando per diversi rivi
  un numero infinito di giardini,
  non mai di fior, non mai di fronde privi.
  Dicesi ancor, che macinar molini
  potrian far l'acque lanfe che son quivi;
  e chi va per le vie vi sente, fuore
  di tutte quelle case, uscire odore.

20

  Tutta coperta è la strada maestra
  di panni di diversi color lieti;
  e d'odorifera erba, e di silvestra
  fronda la terra e tutte le pareti.
  Adorna era ogni porta, ogni finestra
  di finissimi drappi e di tapeti,
  ma più di belle e ben ornate donne
  di ricche gemme e di superbe gonne.

21

  Vedeasi celebrar dentr'alle porte,
  in molti lochi, solazzevol balli;
  il popul, per le vie, di miglior sorte
  maneggiar ben guarniti e bei cavalli:
  facea più bel veder la ricca corte
  de' signor, de' baroni e de' vasalli,
  con ciò che d'India e d'eritree maremme
  di perle aver si può, d'oro e di gemme.

22

  Venia Grifone e la sua compagnia
  mirando e quinci e quindi il tutto ad agio,
  quando fermolli un cavalliero in via,
  e gli fece smontare a un suo palagio;
  e per l'usanza e per sua cortesia
  di nulla lasciò lor patir disagio.
  Li fe' nel bagno entrar, poi con serena
  fronte gli accolse a sontuosa cena.

23

  E narrò lor come il re Norandino,
  re di Damasco e di tutta Soria,
  fatto avea il paesano e 'l peregrino
  ch'ordine avesse di cavalleria,
  alla giostra invitar, ch'al matutino
  del dì sequente in piazza si faria;
  e che s'avean valor pari al sembiante,
  potrian mostrarlo senza andar più inante.

24

  Ancor che quivi non venne Grifone
  a questo effetto, pur lo 'nvito tenne;
  che qual volta se n'abbia occasione,
  mostrar virtude mai non disconvenne.
  Interrogollo poi de la cagione
  di quella festa, e s'ella era solenne
  usata ogn'anno, o pure impresa nuova
  del re ch'i suoi veder volesse in pruova.

25

  Rispose il cavallier: — La bella festa
  s'ha da far sempre ad ogni quarta luna:
  de l'altre che verran, la prima è questa:
  ancora non se n'è fatta più alcuna.
  Sarà in memoria che salvò la testa
  il re in tal giorno da una gran fortuna,
  dopo che quattro mesi in doglie e 'n pianti
  sempre era stato, e con la morte inanti.

26

  Ma per dirvi la cosa pienamente,
  il nostro re, che Norandin s'appella,
  molti e molt'anni ha avuto il core ardente
  de la leggiadra e sopra ogn'altra bella
  figlia del re di Cipro: e finalmente
  avutala per moglie, iva con quella,
  con cavallieri e donne in compagnia;
  e dritto avea il camin verso Soria.

27

  Ma poi che fummo tratti a piene vele
  lungi dal porto nel Carpazio iniquo,
  la tempesta saltò tanto crudele,
  che sbigottì sin al padrone antiquo.
  Tre dì e tre notti andammo errando ne le
  minacciose onde per camino obliquo.
  Uscimo al fin nel lito stanchi e molli,
  tra freschi rivi, ombrosi e verdi colli.

28

  Piantare i padiglioni, e le cortine
  fra gli arbori tirar facemo lieti.
  S'apparechiano i fuochi e le cucine;
  le mense d'altra parte in su tapeti.
  Intanto il re cercando alle vicine
  valli era andato e a' boschi più secreti,
  se ritrovasse capre o daini o cervi;
  e l'arco gli portar dietro duo servi.

29

  Mentre aspettamo, in gran piacer sedendo,
  che da cacciar ritorni il signor nostro,
  vedemo l'Orco a noi venir correndo
  lungo il lito del mar, terribil mostro.
  Dio vi guardi, signor, che 'l viso orrendo
  de l'Orco agli occhi mai vi sia dimostro:
  meglio è per fama aver notizia d'esso,
  ch'andargli, si che lo veggiate, appresso.

30

  Non gli può comparir quanto sia lungo,
  sì smisuratamente è tutto grosso.
  In luogo d'occhi, di color di fungo
  sotto la fronte ha duo coccole d'osso.
  Verso noi vien (come vi dico) lungo
  il lito, e par ch'un monticel sia mosso.
  Mostra le zanne fuor, come fa il porco;
  ha lungo il naso, il sen bavoso e sporco.

31

  Correndo viene, e 'l muso a guisa porta
  che 'l bracco suol, quando entra in su la traccia.
  Tutti che lo veggiam, con faccia smorta
  in fuga andamo ove il timor ne caccia.
  Poco il veder lui cieco ne conforta,
  quando, fiutando sol, par che più faccia,
  ch'altri non fa, ch'abbia odorato e lume:
  e bisogno al fuggire eran le piume.

32

  Corron chi qua chi là; ma poco lece
  da lui fuggir, veloce più che 'l Noto.
  Di quaranta persone, a pena diece
  sopra il navilio si salvaro a nuoto.
  Sotto il braccio un fastel d'alcuni fece,
  né il grembio si lasciò né il seno voto;
  un suo capace zaino empissene anco,
  che gli pendea, come a pastor, dal fianco.

33

  Portòci alla sua tana il mostro cieco,
  cavata in lito al mar dentr'uno scoglio.
  Di marmo così bianco è quello speco,
  come esser soglia ancor non scritto foglio.
  Quivi abitava una matrona seco,
  di dolor piena in vista e di cordoglio;
  ed avea in compagnia donne e donzelle
  d'ogni età, d'ogni sorte, e brutte e belle.

34

  Era presso alla grotta in ch'egli stava,
  quasi alla cima del giogo superno,
  un'altra non minor di quella cava,
  dove del gregge suo facea governo.
  Tanto n'avea, che non si numerava;
  e n'era egli il pastor l'estate e 'l verno.
  Ai tempi suoi gli apriva e tenea chiuso,
  per spasso che n'avea, più che per uso.

35

  L'umana carne meglio gli sapeva:
  e prima il fa veder ch'all'antro arrivi;
  che tre de' nostri giovini ch'aveva,
  tutti li mangia, anzi trangugia vivi.
  Viene alla stalla, e un gran sasso ne leva:
  ne caccia il gregge, e noi riserra quivi.
  Con quel sen va dove il suol far satollo,
  sonando una zampogna ch'avea in collo.

36

  Il signor nostro intanto ritornato
  alla marina, il suo danno comprende;
  che truova gran silenzio in ogni lato,
  voti frascati, padiglioni e tende.
  Né sa pensar chi sì l'abbia rubato;
  e pien di gran timore al lito scende,
  onde i nocchieri suoi vede in disparte
  sarpar lor ferri e in opra por le sarte.

37

  Tosto ch'essi lui veggiono sul lito,
  il palischermo mandano a levarlo:
  ma non sì tosto ha Norandino udito
  de l'Orco che venuto era a rubarlo,
  che, senza più pensar, piglia partito,
  dovunque andato sia, di seguitarlo.
  Vedersi tor Lucina sì gli duole,
  ch'o racquistarla, o non più viver vuole.

38

  Dove vede apparir lungo la sabbia
  la fresca orma, ne va con quella fretta
  con che lo spinge l'amorosa rabbia,
  fin che giunge alla tana ch'io v'ho detta;
  ove con tema la maggior che s'abbia
  a patir mai, l'Orco da noi s'aspetta:
  ad ogni suono di sentirlo parci,
  ch'affamato ritorni a divorarci.

39

  Quivi Fortuna il re da tempo guida,
  che senza l'Orco in casa era la moglie.
  Come ella 'l vede: — Fuggine! (gli grida)
  misero te, se l'Orco ti ci coglie! —
  — Coglia (disse) o non coglia, o salvi o uccida,
  che miserrimo i' sia non mi si toglie.
  Disir mi mena, e non error di via,
  c'ho di morir presso alla moglie mia. —

40

  Poi seguì, dimandandole novella
  di quei che prese l'Orco in su la riva;
  prima degli altri, di Lucina bella,
  se l'avea morta, o la tenea captiva.
  La donna umanamente gli favella,
  e lo conforta, che Lucina è viva,
  e che non è alcun dubbio ch'ella muora;
  che mai femina l'Orco non divora.

41

  — Esser di ciò argumento ti poss'io,
  e tutte queste donne che son meco:
  né a me né a lor mai l'Orco è stato rio,
  pur che non ci scostian da questo speco.
  A chi cerca fuggir, pon grave fio;
  né pace mai puon ritrovar più seco:
  o le sotterra vive, o l'incatena,
  o fa star nude al sol sopra l'arena.

42

  Quando oggi egli portò qui la tua gente,
  le femine dai maschi non divise;
  ma, sì come gli avea, confusamente
  dentro a quella spelonca tutti mise.
  Sentirà a naso il sesso differente.
  Le donne non temer che sieno uccise:
  gli uomini, siene certo; ed empieranne
  di quattro, il giorno, o sei, l'avide canne.

43

  Di levar lei di qui non ho consiglio
  che dar ti possa; e contentar ti puoi
  che ne la vita sua non è periglio:
  starà qui al ben e al mal ch'avremo noi.
  Ma vattene, per Dio, vattene, figlio,
  che l'Orco non ti senta e non t'ingoi.
  Tosto che giunge, d'ogn'intorno annasa,
  e sente sin a un topo che sia in casa. —

44

  Rispose il re, non si voler partire,
  se non vedea la sua Lucina prima;
  e che più tosto appresso a lei morire,
  che viverne lontan, faceva stima.
  Quando vede ella non potergli dire
  cosa che 'l muova da la voglia prima,
  per aiutarlo fa nuovo disegno,
  e ponvi ogni sua industria, ogni suo ingegno.

45

  Morte avea in casa, e d'ogni tempo appese,
  con lor mariti, assai capre ed agnelle,
  onde a sé ed alle sue facea le spese;
  e dal tetto pendea più d'una pelle.
  La donna fe' che 'l re del grasso prese,
  ch'avea un gran becco intorno alle budelle,
  e che se n'unse dal capo alle piante,
  fin che l'odor cacciò ch'egli ebbe inante.

46

  E poi che 'l tristo puzzo aver le parve,
  di che il fetido becco ognora sape,
  piglia l'irsuta pelle, e tutto entrarve
  lo fe'; ch'ella è sì grande che lo cape.
  Coperto sotto a così strane larve,
  facendol gir carpon, seco lo rape
  là dove chiuso era d'un sasso grave
  de la sua donna il bel viso soave.

47

  Norandino ubidisce; ed alla buca
  de la spelonca ad aspettar si mette,
  acciò col gregge dentro si conduca;
  e fin a sera disiando stette.
  Ode la sera il suon de la sambuca,
  con che 'nvita a lassar l'umide erbette,
  e ritornar le pecore all'albergo
  il fier pastor che lor venìa da tergo.

48

  Pensate voi se gli tremava il core,
  quando l'Orco sentì che ritornava,
  e che 'l viso crudel pieno d'orrore
  vide appressare all'uscio de la cava;
  ma poté la pietà più che 'l timore:
  s'ardea, vedete, o se fingendo amava.
  Vien l'Orco inanzi, e leva il sasso, ed apre:
  Norandino entra fra pecore e capre.

49

  Entrato il gregge, l'Orco a noi descende;
  ma prima sopra sé l'uscio si chiude.
  Tutti ne va fiutando: al fin duo prende;
  che vuol cenar de le lor carni crude.
  Al rimembrar di quelle zanne orrende,
  non posso far ch'ancor non trieme e sude.
  Partito l'Orco, il re getta la gonna
  ch'avea di becco, e abbraccia la sua donna.

50

  Dove averne piacer deve e conforto,
  vedendol quivi, ella n'ha affanno e noia:
  lo vede giunto ov'ha da restar morto;
  e non può far però ch'essa non muoia.
  — Con tutto 'l mal (diceagli) ch'io supporto,
  signor, sentia non mediocre gioia,
  che ritrovato non t'eri con nui
  quando da l'Orco oggi qui tratta fui.

51

  Che se ben il trovarmi ora in procinto
  d'uscir di vita m'era acerbo e forte;
  pur mi sarei, come è commune istinto,
  dogliuta sol de la mia trista sorte:
  ma ora, o prima o poi che tu sia estinto,
  più mi dorrà la tua che la mia morte. —
  E seguitò, mostrando assai più affanno
  di quel di Norandin, che del suo danno.

52

  — La speme (disse il re) mi fa venire,
  c'ho di salvarti, e tutti questi teco:
  e s'io nol posso far, meglio è morire,
  che senza te, mio sol, viver poi cieco.
  Come io ci venni, mi potrò partire;
  e voi tutt'altri ne verrete meco,
  se non avrete, come io non ho avuto,
  schivo a pigliare odor d'animal bruto. —

53

  La fraude insegnò a noi, che contra il naso
  de l'Orco insegnò a lui la moglie d'esso;
  di vestirci le pelli, in ogni caso
  ch'egli ne palpi ne l'uscir del fesso.
  Poi che di questo ognun fu persuaso;
  quanti de l'un, quanti de l'altro sesso
  ci ritroviamo, uccidian tanti becchi,
  quelli che più fetean, ch'eran più vecchi.

54

  Ci ungemo i corpi di quel grasso opimo
  che ritroviamo all'intestina intorno,
  e de l'orride pelli ci vestimo.
  Intanto uscì da l'aureo albergo il giorno.
  Alla spelonca, come apparve il primo
  raggio del sol, fece il pastor ritorno;
  e dando spirto alle sonore canne,
  chiamò il suo gregge fuor de le capanne.

55

  Tenea la mano al buco de la tana,
  acciò col gregge non uscissin noi:
  ci prendea al varco; e quando pelo o lana
  sentia sul dosso, ne lasciava poi.
  Uomini e donne uscimmo per sì strana
  strada, coperti dagl'irsuti cuoi:
  e l'Orco alcun di noi mai non ritenne,
  fin che con gran timor Lucina venne.

56

  Lucina, o fosse perch'ella non volle
  ungersi come noi, che schivo n'ebbe;
  o ch'avesse l'andar più lento e molle,
  che l'imitata bestia non avrebbe;
  o quando l'Orco la groppa toccolle,
  gridasse per la tema che le accrebbe;
  o che se le sciogliessero le chiome;
  sentita fu, né ben so dirvi come.

57

  Tutti eravam sì intenti al caso nostro,
  che non avemmo gli occhi agli altrui fatti.
  Io mi rivolsi al grido; e vidi il mostro
  che già gl'irsuti spogli le avea tratti,
  e fattola tornar nel cavo chiostro.
  Noi altri dentro a nostre gonne piatti
  col gregge andamo ove 'l pastor ci mena,
  tra verdi colli in una piaggia amena.

58

  Quivi attendiamo infin che steso all'ombra
  d'un bosco opaco il nasuto Orco dorma.
  Chi lungo il mar, chi verso 'l monte sgombra:
  sol Norandin non vuol seguir nostr'orma.
  L'amor de la sua donna sì lo 'ngombra,
  ch'alla grotta tornar vuol fra la torma,
  né partirsene mai sin alla morte,
  se non racquista la fedel consorte:

59

  che quando dianzi avea all'uscir del chiuso
  vedutala restar captiva sola,
  fu per gittarsi, dal dolor confuso,
  spontaneamente al vorace Orco in gola;
  e si mosse, e gli corse infino al muso,
  né fu lontano a gir sotto la mola:
  ma pur lo tenne in mandra la speranza
  ch'avea di trarla ancor di quella stanza.

60

  La sera, quando alla spelonca mena
  il gregge l'Orco, e noi fuggiti sente,
  e c'ha da rimaner privo di cena,
  chiama Lucina d'ogni mal nocente,
  e la condanna a star sempre in catena
  allo scoperto in sul sasso eminente.
  Vedela il re per sua cagion patire,
  e si distrugge, e sol non può morire.

61

  Matina e sera l'infelice amante
  la può veder come s'affliga e piagna;
  che le va misto fra le capre avante,
  torni alla stalla o torni alla campagna.
  Ella con viso mesto e supplicante
  gli accenna che per Dio non vi rimagna,
  perché vi sta a gran rischio de la vita,
  né però a lei può dare alcuna aita.

62

  Così la moglie ancor de l'Orco priega
  il re che se ne vada, ma non giova;
  che d'andar mai senza Lucina niega,
  e sempre più costante si ritruova.
  In questa servitude, in che lo lega
  Pietate e Amor, stette con lunga pruova
  tanto, ch'a capitar venne a quel sasso
  il figlio d'Agricane e 'l re Gradasso.

63

  Dove con loro audacia tanto fenno,
  che liberaron la bella Lucina;
  ben che vi fu aventura più che senno:
  e la portar correndo alla marina;
  e al padre suo, che quivi era, la denno:
  e questo fu ne l'ora matutina,
  che Norandin con l'altro gregge stava
  a ruminar ne la montana cava.

64

  Ma poi che 'l giorno aperta fu la sbarra,
  e seppe il re la donna esser partita
  (che la moglie de l'Orco gli lo narra),
  e come a punto era la cosa gita;
  grazie a Dio rende, e con voto n'inarra,
  ch'essendo fuor di tal miseria uscita,
  faccia che giunga onde per arme possa,
  per prieghi o per tesoro, esser riscossa.

65

  Pien di letizia va con l'altra schiera
  del simo gregge, e viene ai verdi paschi;
  e quivi aspetta fin ch'all'ombra nera
  il mostro per dormir ne l'erba caschi.
  Poi ne vien tutto il giorno e tutta sera;
  e al fin sicur che l'Orco non lo 'ntaschi,
  sopra un navilio monta in Satalia;
  e son tre mesi ch'arrivò in Soria.

66

  In Rodi, in Cipro, e per città e castella
  e d'Africa e d'Egitto e di Turchia,
  il re cercar fe' di Lucina bella;
  né fin l'altr'ieri aver ne poté spia.
  L'altr'ier n'ebbe dal suocero novella,
  che seco l'avea salva in Nicosia,
  dopo che molti dì vento crudele
  era stato contrario alle sue vele.

67

  Per allegrezza de la buona nuova
  prepara il nostro re la ricca festa;
  e vuol ch'ad ogni quarta luna nuova,
  una se n'abbia a far simile a questa:
  che la memoria rifrescar gli giova
  dei quattro mesi che 'n irsuta vesta
  fu tra il gregge de l'Orco; e un giorno, quale
  sarà dimane, uscì di tanto male.

68

  Questo ch'io v'ho narrato, in parte vidi,
  in parte udi' da chi trovossi al tutto;
  dal re, vi dico, che calende ed idi
  vi stette, fin che volse in riso il lutto:
  e se n'udite mai far altri gridi,
  direte a chi gli fa, che mal n'è istrutto. —
  Il gentiluomo in tal modo a Grifone
  de la festa narrò l'alta cagione.

69

  Un gran pezzo di notte si dispensa
  dai cavallieri in tal ragionamento;
  e conchiudon ch'amore e pietà immensa
  mostrò quel re con grande esperimento.
  Andaron, poi che si levar da mensa,
  ove ebbon grato e buono alloggiamento.
  Nel seguente matin sereno e chiaro,
  al suon de l'allegrezze si destaro.

70

  Vanno scorrendo timpani e trombette,
  e ragunando in piazza la cittade.
  Or, poi che de cavalli e de carrette
  e ribombar de gridi odon le strade,
  Grifon le lucide arme si rimette,
  che son di quelle che si trovan rade;
  che l'avea impenetrabili e incantate
  la Fata bianca di sua man temprate.

71

  Quel d'Antiochia, più d'ogn'altro vile,
  armossi seco, e compagnia gli tenne.
  Preparate avea lor l'oste gentile
  nerbose lance, e salde e grosse antenne,
  e del suo parentado non umìle
  compagnia tolta; e seco in piazza venne;
  e scudieri a cavallo, e alcuni a piede,
  a tal servigi attissimi, lor diede.

72

  Giunsero in piazza, e trassonsi in disparte,
  né pel campo curar far di sé mostra,
  per veder meglio il bel popul di Marte,
  ch'ad uno, o a dua, o a tre, veniano in giostra.
  Chi con colori accompagnati ad arte
  letizia o doglia alla sua donna mostra;
  chi nel cimier, chi nel dipinto scudo
  disegna Amor, se l'ha benigno o crudo.

73

  Soriani in quel tempo aveano usanza
  d'armarsi a questa guisa di Ponente.
  Forse ve gli inducea la vicinanza
  che de' Franceschi avean continuamente,
  che quivi allor reggean la sacra stanza
  dove in carne abitò Dio onnipotente;
  ch'ora i superbi e miseri cristiani,
  con biasmi lor, lasciano in man de' cani.

74

  Dove abbassar dovrebbono la lancia
  in augumento de la santa fede,
  tra lor si dan nel petto e ne la pancia
  a destruzion del poco che si crede.
  Voi, gente ispana, e voi, gente di Francia,
  volgete altrove, e voi, Svizzeri, il piede,
  e voi, Tedeschi, a far più degno acquisto;
  che quanto qui cercate è già di Cristo.

75

  Se Cristianissimi esser voi volete,
  e voi altri Catolici nomati,
  perché di Cristo gli uomini uccidete?
  perché de' beni lor son dispogliati?
  Perché Ierusalem non riavete,
  che tolto è stato a voi da' rinegati?
  Perché Costantinopoli e del mondo
  la miglior parte occupa il Turco immondo?

76

  Non hai tu, Spagna, l'Africa vicina,
  che t'ha via più di questa Italia offesa?
  E pur, per dar travaglio alla meschina,
  lasci la prima tua sì bella impresa.
  O d'ogni vizio fetida sentina,
  dormi, Italia imbriaca, e non ti pesa
  ch'ora di questa gente, ora di quella
  che già serva ti fu, sei fatta ancella?

77

  Se 'l dubbio di morir ne le tue tane,
  Svizzer, di fame, in Lombardia ti guida,
  e tra noi cerchi o chi ti dia del pane,
  o, per uscir d'inopia, chi t'uccida;
  le richezze del Turco hai non lontane:
  caccial d'Europa, o almen di Grecia snida;
  così potrai o del digiuno trarti,
  o cader con più merto in quelle parti.

78

  Quel ch'a te dico, io dico al tuo vicino
  tedesco ancor; là le richezze sono,
  che vi portò da Roma Costantino:
  portonne il meglio, e fe' del resto dono.
  Pattolo ed Ermo onde si tra' l'or fino,
  Migdonia e Lidia, e quel paese buono
  per tante laudi in tante istorie noto,
  non è, s'andar vi vuoi, troppo remoto.

79

  Tu, gran Leone, a cui premon le terga
  de le chiavi del ciel le gravi some,
  non lasciar che nel sonno si sommerga
  Italia, se la man l'hai ne le chiome.
  Tu sei Pastore; e Dio t'ha quella verga
  data a portare, e scelto il fiero nome,
  perché tu ruggi, e che le braccia stenda,
  sì che dai lupi il grege tuo difenda.

80

  Ma d'un parlar ne l'altro, ove sono ito
  sì lungi, dal camin ch'io faceva ora?
  Non lo credo però sì aver smarrito,
  ch'io non lo sappia ritrovare ancora.
  Io dicea ch'in Soria si tenea il rito
  d'armarsi, che i Franceschi aveano allora:
  sì che bella in Damasco era la piazza
  di gente armata d'elmo e di corazza.

81

  Le vaghe donne gettano dai palchi
  sopra i giostranti fior vermigli e gialli,
  mentre essi fanno a suon degli oricalchi
  levare a salti ed aggirar cavalli.
  Ciascuno, o bene o mal ch'egli cavalchi,
  vuol far quivi vedersi, e sprona e dàlli:
  di ch'altri ne riporta pregio e lode;
  mentre altri a riso, e gridar dietro s'ode.

82

  De la giostra era il prezzo un'armatura
  che fu donata al re pochi dì inante,
  che su la strada ritrovò a ventura,
  ritornando d'Armenia, un mercatante.
  Il re di nobilissima testura
  le sopraveste all'arme aggiunse, e tante
  perle vi pose intorno e gemme ed oro,
  che la fece valer molto tesoro.

83

  Se conosciute il re quell'arme avesse,
  care avute l'avria sopra ogni arnese;
  né in premio de la giostra l'avria messe,
  come che liberal fosse e cortese.
  Lungo saria chi raccontar volesse
  chi l'avea sì sprezzate e vilipese,
  che 'n mezzo de la strada le lasciasse,
  preda chiunque o inanzi o indietro andasse.

84

  Di questo ho da contarvi più di sotto:
  or dirò di Grifon, ch'alla sua giunta
  un paio e più di lance trovò rotto,
  menato più d'un taglio e d'una punta.
  Dei più cari e più fidi al re fur otto
  che quivi insieme avean lega congiunta;
  gioveni; in arme pratichi ed industri,
  tutti o signori o di famiglie illustri.

85

  Quei rispondean ne la sbarrata piazza
  per un dì, ad uno ad uno, a tutto 'l mondo,
  prima con lancia, e poi con spada o mazza,
  fin ch'al re di guardarli era giocondo;
  e si foravan spesso la corazza:
  per giuoco in somma qui facean, secondo
  fan gli nimici capitali, eccetto
  che potea il re partirli a suo diletto.

86

  Quel d'Antiochia, un uom senza ragione,
  che Martano il codardo nominosse,
  come se de la forza di Grifone,
  poi ch'era seco, participe fosse,
  audace entrò nel marziale agone;
  e poi da canto ad aspettar fermosse,
  sin che finisce una battaglia fiera
  che tra duo cavallier cominciata era.

87

  Il signor di Seleucia, di quell'uno,
  ch'a sostener l'impresa aveano tolto,
  combattendo in quel tempo con Ombruno,
  lo ferì d'una punta in mezzo 'l volto,
  sì che l'uccise: e pietà n'ebbe ognuno,
  perché buon cavallier lo tenean molto;
  ed oltra la bontade, il più cortese
  non era stato in tutto quel paese.

88

  Veduto ciò, Martano ebbe paura
  che parimente a sé non avvenisse;
  e ritornando ne la sua natura,
  a pensar cominciò come fugisse.
  Grifon, che gli era appresso e n'avea cura,
  lo spinse pur, poi ch'assai fece e disse,
  contra un gentil guerrier che s'era mosso,
  come si spinge il cane al lupo adosso;

89

  che dieci passi gli va dietro o venti,
  e poi si ferma, ed abbaiando guarda
  come digrigni i minacciosi denti,
  come negli occhi orribil fuoco gli arda.
  Quivi ov'erano e principi presenti
  e tanta gente nobile e gagliarda,
  fuggì lo 'ncontro il timido Martano,
  e torse 'l freno e 'l capo a destra mano.

90

  Pur la colpa potea dar al cavallo,
  chi di scusarlo avesse tolto il peso;
  ma con la spada poi fe' sì gran fallo,
  che non l'avria Demostene difeso.
  Di carta armato par, non di metallo;
  sì teme da ogni colpo essere offeso.
  Fuggesi al fine, e gli ordini disturba,
  ridendo intorno a lui tutta la turba.

91

  Il batter de le mani, il grido intorno
  se gli levò del populazzo tutto.
  Come lupo cacciato, fe' ritorno
  Martano in molta fretta al suo ridutto.
  Resta Grifone; e gli par de lo scorno
  del suo compagno esser macchiato e brutto:
  esser vorrebbe stato in mezzo il foco,
  più tosto che trovarsi in questo loco.

92

  Arde nel core, e fuor nel viso avampa,
  come sia tutta sua quella vergogna;
  perché l'opere sue di quella stampa
  vedere aspetta il populo ed agogna:
  sì che rifulga chiara più che lampa
  sua virtù, questa volta gli bisogna;
  ch'un'oncia, un dito sol d'error che faccia,
  per la mala impression parrà sei braccia.

93

  Già la lancia avea tolta su la coscia
  Grifon, ch'errare in arme era poco uso:
  spinse il cavallo a tutta briglia, e poscia
  ch'alquanto andato fu, la messe suso,
  e portò nel ferire estrema angoscia
  al baron di Sidonia, ch'andò giuso.
  Ognun maravigliando in pié si leva;
  che 'l contrario di ciò tutto attendeva.

94

  Tornò Grifon con la medesma antenna,
  che 'ntiera e ferma ricovrata avea,
  ed in tre pezzi la roppe alla penna
  de lo scudo al signor di Lodicea.
  Quel per cader tre volte e quattro accenna,
  che tutto steso alla groppa giacea:
  pur rilevato al fin la spada strinse,
  voltò il cavallo, e vêr Grifon si spinse.

95

  Grifon, che 'l vede in sella, e che non basta
  sì fiero incontro perché a terra vada,
  dice fra sé: — Quel che non poté l'asta,
  in cinque colpi o 'n sei farà la spada. —
  E su la tempia subito l'attasta
  d'un dritto tal, che par che dal ciel cada;
  e un altro gli accompagna e un altro appresso,
  tanto che l'ha stordito e in terra messo.

96

  Quivi erano d'Apamia duo germani,
  soliti in giostra rimaner di sopra,
  Tirse e Corimbo; ed ambo per le mani
  del figlio d'Uliver cader sozzopra.
  L'uno gli arcion lascia allo scontro vani;
  con l'altro messa fu la spada in opra.
  Già per commun giudicio si tien certo
  che di costui fia de la giostra il merto.

97

  Ne la lizza era entrato Salinterno,
  gran diodarro e maliscalco regio,
  e che di tutto 'l regno avea il governo,
  e di sua mano era guerriero egregio.
  Costui, sdegnoso ch'un guerriero esterno
  debba portar di quella giostra il pregio,
  piglia una lancia, e verso Grifon grida,
  e molto minacciandolo lo sfida.

98

  Ma quel con un lancion gli fa risposta,
  ch'avea per lo miglior fra dieci eletto,
  e per non far error, lo scudo apposta,
  e via lo passa e la corazza e 'l petto:
  passa il ferro crudel tra costa e costa,
  e fuor pel tergo un palmo esce di netto.
  Il colpo, eccetto al re, fu a tutti caro;
  ch'ognuno odiava Salinterno avaro.

99

  Grifone, appresso a questi, in terra getta
  duo di Damasco, Ermofilo e Carmondo.
  La milizia del re dal primo è retta;
  del mar grande almiraglio è quel secondo.
  Lascia allo scontro l'un la sella in fretta:
  adosso all'altro si riversa il pondo
  del rio destrier, che sostener non puote
  l'alto valor con che Grifon percuote.

100

  Il signor di Seleucia ancor restava,
  miglior guerrier di tutti gli altri sette;
  e ben la sua possanza accompagnava
  con destrier buono e con arme perfette.
  Dove de l'elmo la vista si chiava,
  l'asta allo scontro l'uno e l'altro mette;
  pur Grifon maggior colpo al pagan diede,
  che lo fe' staffeggiar dal manco piede.

101

  Gittaro i tronchi, e si tornaro adosso
  pieni di molto ardir coi brandi nudi.
  Fu il pagan prima da Grifon percosso
  d'un colpo che spezzato avria gl'incudi.
  Con quel fender si vide e ferro ed osso
  d'un ch'eletto s'avea tra mille scudi;
  e se non era doppio e fin l'arnese,
  ferìa la coscia ove cadendo scese.

102

  Ferì quel di Seleucia alla visera
  Grifone a un tempo; e fu quel colpo tanto,
  che l'avria aperta e rotta, se non era
  fatta, come l'altr'arme, per incanto.
  Gli è un perder tempo che 'l pagan più fera:
  così son l'arme dure in ogni canto:
  e 'n più parti Grifon già fessa e rotta
  ha l'armatura a lui, né perde botta.

103

  Ognun potea veder quanto di sotto
  il signor di Seleucia era a Grifone;
  e se partir non li fa il re di botto,
  quel che sta peggio, la vita vi pone.
  Fe' Norandino alla sua guardia motto
  ch'entrasse a distaccar l'aspra tenzone.
  Quindi fu l'uno, e quindi l'altro tratto;
  e fu lodato il re di sì buon atto.

104

  Gli otto che dianzi avean col mondo impresa,
  e non potuto durar poi contra uno,
  avendo mal la parte lor difesa,
  usciti eran dal campo ad uno ad uno.
  Gli altri ch'eran venuti a lor contesa,
  quivi restar senza contrasto alcuno,
  avendo lor Grifon, solo, interrotto
  quel che tutti essi avean da far contra otto.

105

  E durò quella festa così poco,
  ch'in men d'un'ora il tutto fatto s'era:
  ma Norandin, per far più lungo il giuoco
  e per continuarlo infino a sera,
  dal palco scese, e fe' sgombrare il loco;
  e poi divise in due la grossa schiera,
  indi, secondo il sangue e la lor prova,
  gli andò accoppiando, e fe' una giostra nova.

106

  Grifone intanto avea fatto ritorno
  alla sua stanza pien d'ira e di rabbia
  e più gli preme di Martan lo scorno
  che non giova l'onor ch'esso vinto abbia.
  Quivi, per tor l'obbrobrio ch'avea intorno,
  Martano adopra le mendaci labbia:
  e l'astuta e bugiarda meretrice,
  come meglio sapea, gli era adiutrice.

107

  O sì o no che 'l giovin gli credesse,
  pur la scusa accettò, come discreto:
  e pel suo meglio allora allora elesse
  quindi levarsi tacito e secreto,
  per tema che, se 'l populo vedesse
  Martano comparir, non stesse cheto.
  Così per una via nascosa e corta
  usciro al camin lor fuor de la porta.

108

  Grifone, o ch'egli o che 'l cavallo fosse
  stanco, o gravasse il sonno pur le ciglia,
  al primo albergo che trovar, fermosse,
  che non erano andati oltre a dua miglia.
  Si trasse l'elmo, e tutto disarmosse,
  e trar fece a' cavalli e sella e briglia;
  e poi serrossi in camera soletto,
  e nudo per dormire entrò nel letto.

109

  Non ebbe così tosto il capo basso,
  che chiuse gli occhi, e fu dal sonno oppresso
  così profundamente, che mai tasso
  né ghiro mai s'addormentò quanto esso.
  Martano in tanto ed Orrigille a spasso
  entraro in un giardin ch'era lì appresso;
  ed un inganno ordir, che fu il più strano
  che mai cadesse in sentimento umano.

110

  Martano disegnò torre il destriero,
  i panni e l'arme che Grifon s'ha tratte;
  e andare inanzi al re pel cavalliero
  che tante pruove avea giostrando fatte.
  L'effetto ne seguì, fatto il pensiero:
  tolle il destrier più candido che latte,
  scudo e cimiero ed arme e sopraveste,
  e tutte di Grifon l'insegne veste.

111

  Con gli scudieri e con la donna, dove
  era il popolo ancora, in piazza venne;
  e giunse a tempo che finian le pruove
  di girar spade e d'arrestare antenne.
  Commanda il re che 'l cavallier si truove,
  che per cimier avea le bianche penne,
  bianche le vesti e bianco il corridore;
  che 'l nome non sapea del vincitore.

112

  Colui ch'indosso il non suo cuoio aveva,
  come l'asino già quel del leone,
  chiamato, se n'andò, come attendeva,
  a Norandino, in loco di Grifone.
  Quel re cortese incontro se gli leva,
  l'abbraccia e bacia, e allato se lo pone:
  né gli basta onorarlo e dargli loda,
  che vuol che 'l suo valor per tutto s'oda.

113

  E fa gridarlo al suon degli oricalchi
  vincitor de la giostra di quel giorno.
  L'alta voce ne va per tutti i palchi,
  che 'l nome indegno udir fa d'ogn'intorno.
  Seco il re vuol ch'a par a par cavalchi,
  quando al palazzo suo poi fa ritorno;
  e di sua grazia tanto gli comparte,
  che basteria, se fosse Ercole o Marte.

114

  Bello ed ornato alloggiamento dielli
  in corte, ed onorar fece con lui
  Orrigille anco; e nobili donzelli
  mandò con essa, e cavallieri sui.
  Ma tempo è ch'anco di Grifon favelli,
  il qual né dal compagno né d'altrui
  temendo inganno, addormentato s'era,
  né mai si risvegliò fin alla sera.

115

  Poi che fu desto, e che de l'ora tarda
  s'accorse, uscì di camera con fretta,
  dove il falso cognato e la bugiarda
  Orrigille lasciò con l'altra setta;
  e quando non gli truova, e che riguarda
  non v'esser l'arme né i panni, sospetta;
  ma il veder poi più sospettoso il fece
  l'insegne del compagno in quella vece.

116

  Sopravien l'oste, e di colui l'informa
  che già gran pezzo, di bianch'arme adorno,
  con la donna e col resto de la torma
  avea ne la città fatto ritorno.
  Truova Grifone a poco a poco l'orma
  ch'ascosa gli avea Amor fin a quel giorno;
  e con suo gran dolor vede esser quello
  adulter d'Orrigille, e non fratello.

117

  Di sua sciocchezza indarno ora si duole,
  ch'avendo il ver dal peregrino udito,
  lasciato mutar s'abbia alle parole
  di chi l'avea più volte già tradito.
  Vendicar si potea, né seppe; or vuole
  l'inimico punir, che gli è fuggito;
  ed è costretto con troppo gran fallo
  a tor di quel vil uom l'arme e 'l cavallo.

118

  Eragli meglio andar senz'arme e nudo,
  che porsi indosso la corazza indegna,
  o ch'imbracciar l'abominato scudo,
  o por su l'elmo la beffata insegna;
  ma per seguir la meretrice e 'l drudo,
  ragione in lui pari al disio non regna.
  A tempo venne alla città, ch'ancora
  il giorno avea quasi di vivo un'ora.

119

  Presso alla porta ove Grifon venìa,
  siede a sinistra un splendido castello,
  che, più che forte e ch'a guerre atto sia,
  di ricche stanze è accommodato e bello.
  I re, i signori, i primi di Soria
  con alte donne in un gentil drappello
  celebravano quivi in loggia amena
  la real sontuosa e lieta cena.

120

  La bella loggia sopra 'l muro usciva
  con l'alta rocca fuor de la cittade;
  e lungo tratto di lontan scopriva
  i larghi campi e le diverse strade.
  Or che Grifon verso la porta arriva
  con quell'arme d'obbrobrio e di viltade,
  fu con non troppa aventurosa sorte
  dal re veduto e da tutta la corte:

121

  e riputato quel di ch'avea insegna,
  mosse le donne e i cavallieri a riso.
  Il vil Martano, come quel che regna
  in gran favor, dopo 'l re è 'l primo assiso,
  e presso a lui la donna di sé degna;
  dai quali Norandin con lieto viso
  volse saper chi fosse quel codardo
  che così avea al suo onor poco riguardo;

122

  che dopo una sì trista e brutta pruova,
  con tanta fronte or gli tornava inante.
  Dicea: — Questa mi par cosa assai nuova,
  ch'essendo voi guerrier degno e prestante,
  costui compagno abbiate, che non truova,
  di viltà, pari in terra di Levante.
  Il fate forse per mostrar maggiore,
  per tal contrario, il vostro alto valore.

123

  Ma ben vi giuro per gli eterni dei,
  che se non fosse ch'io riguardo a vui,
  la publica ignominia gli farei,
  ch'io soglio fare agli altri pari a lui.
  Perpetua ricordanza gli darei,
  come ognor di viltà nimico fui.
  Ma sappia, s'impunito se ne parte,
  grado a voi che 'l menaste in questa parte. —

124

  Colui che fu de tutti i vizi il vaso,
  rispose: — Alto signor, dir non sapria
  chi sia costui; ch'io l'ho trovato a caso,
  venendo d'Antiochia, in su la via.
  Il suo sembiante m'avea persuaso
  che fosse degno di mia compagnia;
  ch'intesa non n'avea pruova né vista,
  se non quella che fece oggi assai trista.

125

  La qual mi spiacque sì, che restò poco,
  che per punir l'estrema sua viltade,
  non gli facessi allora allora un gioco,
  che non toccasse più lance né spade:
  ma ebbi, più ch'a lui, rispetto al loco,
  e riverenza a vostra maestade.
  Né per me voglio che gli sia guadagno
  l'essermi stato un giorno o dua compagno:

126

  di che contaminato anco esser parme;
  e sopra il cor mi sarà eterno peso,
  se, con vergogna del mestier de l'arme,
  io lo vedrò da noi partire illeso:
  e meglio che lasciarlo, satisfarme
  potrete, se sarà d'un merlo impeso;
  e fia lodevol opra e signorile,
  perch'el sia esempio e specchio ad ogni vile. —

127

  Al detto suo Martano Orrigille have,
  senza accennar, confermatrice presta.
  — Non son (rispose il re) l'opre sì prave,
  ch'al mio parer v'abbia d'andar la testa.
  Voglio per pena del peccato grave,
  che sol rinuovi al populo la festa. —
  E tosto a un suo baron, che fe' venire,
  impose quanto avesse ad esequire.

128

  Quel baron molti armati seco tolse,
  ed alla porta de la terra scese;
  e quivi con silenzio li raccolse,
  e la venuta di Grifone attese:
  e ne l'entrar sì d'improviso il colse,
  che fra i duo ponti a salvamento il prese;
  e lo ritenne con beffe e con scorno
  in una oscura stanza insin al giorno.

129

  Il Sole a pena avea il dorato crine
  tolto di grembio alla nutrice antica,
  e cominciava da le piagge alpine
  a cacciar l'ombre e far la cima aprica;
  quando temendo il vil Martan ch'al fine
  Grifone ardito la sua causa dica,
  e ritorni la colpa ond'era uscita,
  tolse licenza, e fece indi partita,

130

  trovando idonia scusa al priego regio,
  che non stia allo spettacolo ordinato.
  Altri doni gli avea fatto, col pregio
  de la non sua vittoria, il signor grato;
  e sopra tutto un amplo privilegio,
  dov'era d'altri onori al sommo ornato.
  Lasciànlo andar; ch'io vi prometto certo,
  che la mercede avrà secondo il merto.

131

  Fu Grifon tratto a gran vergogna in piazza,
  quando più si trovò piena di gente.
  Gli avean levato l'elmo e la corazza,
  e lasciato in farsetto assai vilmente;
  e come il conducessero alla mazza,
  posto l'avean sopra un carro eminente,
  che lento lento tiravan due vacche
  da lunga fame attenuate e fiacche.

132

  Venian d'intorno alla ignobil quadriga
  vecchie sfacciate e disoneste putte,
  di che n'era una ed or un'altra auriga,
  e con gran biasmo lo mordeano tutte.
  Lo poneano i fanciulli in maggior briga,
  che, oltre le parole infami e brutte,
  l'avrian coi sassi insino a morte offeso,
  se dai più saggi non era difeso.

133

  L'arme che del suo male erano state
  cagion, che di lui fer non vero indicio,
  da la coda del carro strascinate
  patian nel fango debito supplicio.
  Le ruote inanzi a un tribunal fermate
  gli fero udir de l'altrui maleficio
  la sua ignominia, che 'n sugli occhi detta
  gli fu, gridando un publico trombetta.

134

  Lo levar quindi, e lo mostrar per tutto
  dinanzi a templi, ad officine e a case,
  dove alcun nome scelerato e brutto,
  che non gli fosse detto, non rimase.
  Fuor de la terra all'ultimo cundutto
  fu da la turba, che si persuase
  bandirlo e cacciare indi a suon di busse,
  non conoscendo ben ch'egli si fusse.

135

  Sì tosto a pena gli sferraro i piedi
  e liberargli l'una e l'altra mano,
  che tor lo scudo ed impugnar gli vedi
  la spada, che rigò gran pezzo il piano.
  Non ebbe contra sé lance né spiedi;
  che senz'arme venìa il populo insano.
  Ne l'altro canto diferisco il resto;
  che tempo è omai, Signor, di finir questo.



CANTO DICIOTTESIMO


1

  Magnanimo Signore, ogni vostro atto
  ho sempre con ragion laudato e laudo:
  ben che col rozzo stil duro e mal atto
  gran parte de la gloria vi defraudo.
  Ma più de l'altre una virtù m'ha tratto,
  a cui col core e con la lingua applaudo;
  che s'ognun truova in voi ben grata udienza,
  non vi truova però facil credenza.

2

  Spesso in difesa del biasmato assente
  indur vi sento una ed un'altra scusa,
  o riserbargli almen, fin che presente
  sua causa dica, l'altra orecchia chiusa;
  e sempre, prima che dannar la gente,
  vederla in faccia, e udir la ragion ch'usa;
  differir anco e giorni e mesi ed anni,
  prima che giudicar negli altrui danni.

3

  Se Norandino il simil fatto avesse,
  fatto a Grifon non avria quel che fece.
  A voi utile e onor sempre successe:
  denigrò sua fama egli più che pece.
  Per lui sue genti a morte furon messe;
  che fe' Grifone in dieci tagli, e in diece
  punte che trasse pien d'ira e bizzarro,
  che trenta ne cascaro appresso al carro.

4

  Van gli altri in rotta ove il timor li caccia,
  chi qua chi là, pei campi e per le strade;
  e chi d'entrar ne la città procaccia,
  e l'un su l'altro ne la porta cade.
  Grifon non fa parole e non minaccia;
  ma lasciando lontana ogni pietade,
  mena tra il vulgo inerte il ferro intorno,
  e gran vendetta fa d'ogni suo scorno.

5

  Di quei che primi giunsero alla porta,
  che le piante a levarsi ebbeno pronte,
  parte, al bisogno suo molto più accorta
  che degli amici, alzò subito il ponte;
  piangendo parte, o con la faccia smorta
  fuggendo andò senza mai volger fronte,
  e ne la terra per tutte le bande
  levò grido e tumulto e rumor grande.

6

  Grifon gagliardo duo ne piglia in quella
  che 'l ponte si levò per lor sciagura.
  Sparge de l'uno al campo le cervella;
  che lo percuote ad una cote dura:
  prende l'altro nel petto, e l'arrandella
  in mezzo alla città sopra le mura.
  Scorse per l'ossa ai terrazzani il gelo,
  quando vider colui venir dal cielo.

7

  Fur molti che temer che 'l fier Grifone
  sopra le mura avesse preso un salto.
  Non vi sarebbe più confusione,
  s'a Damasco il soldan desse l'assalto.
  Un muover d'arme, un correr di persone,
  e di talacimanni un gridar d'alto,
  e di tamburi un suon misto e di trombe
  il mondo assorda, e 'l ciel par ne rimbombe.

8

  Ma voglio a un'altra volta differire
  a ricontar ciò che di questo avenne.
  Del buon re Carlo mi convien seguire,
  che contra Rodomonte in fretta venne,
  il qual le genti gli facea morire.
  Io vi dissi ch'al re compagnia tenne
  il gran Danese e Namo ed Oliviero
  e Avino e Avolio e Otone e Berlingiero.

9

  Otto scontri di lance, che da forza
  di tali otto guerrier cacciati foro,
  sostenne a un tempo la scagliosa scorza
  di ch'avea armato il petto il crudo Moro.
  Come legno si drizza, poi che l'orza
  lenta il nochier che crescer sente il Coro,
  così presto rizzossi Rodomonte
  dai colpi che gittar doveano un monte.

10

  Guido, Ranier, Ricardo, Salamone,
  Ganelon traditor, Turpin fedele,
  Angioliero, Angiolino, Ughetto, Ivone,
  Marco e Matteo dal pian di san Michele,
  e gli otto di che dianzi fei menzione,
  son tutti intorno al Saracin crudele,
  Arimanno e Odoardo d'Inghilterra,
  ch'entrati eran pur dianzi ne la terra.

11

  Non così freme in su lo scoglio alpino
  di ben fondata rocca alta parete,
  quando il furor di borea o di garbino
  svelle dai monti il frassino e l'abete;
  come freme d'orgoglio il Saracino,
  di sdegno acceso e di sanguigna sete:
  e com'a un tempo è il tuono e la saetta,
  così l'ira de l'empio e la vendetta.

12

  Mena alla testa a quel che gli è più presso,
  che gli è il misero Ughetto di Dordona:
  lo pone in terra insino ai denti fesso,
  come che l'elmo era di tempra buona.
  Percosso fu tutto in un tempo anch'esso
  da molti colpi in tutta la persona;
  ma non gli fan più ch'all'incude l'ago:
  sì duro intorno ha lo scaglioso drago.

13

  Furo tutti i ripar, fu la cittade
  d'intorno intorno abandonata tutta;
  che la gente alla piazza, dove accade
  maggior bisogno, Carlo avea ridutta.
  Corre alla piazza da tutte le strade
  la turba, a chi il fuggir sì poco frutta.
  La persona del re sì i cori accende,
  ch'ognun prend'arme, ognuno animo prende.

14

  Come se dentro a ben rinchiusa gabbia
  d'antiqua leonessa usata in guerra,
  perch'averne piacere il popul abbia,
  talvolta il tauro indomito si serra;
  i leoncin che veggion per la sabbia
  come altiero e mugliando animoso erra,
  e veder sì gran corna non son usi,
  stanno da parte timidi e confusi:

15

  ma se la fiera madre a quel si lancia,
  e ne l'orecchio attacca il crudel dente,
  vogliono anch'essi insanguinar la guancia,
  e vengono in soccorso arditamente;
  chi morde al tauro il dosso e chi la pancia:
  così contra il pagan fa quella gente.
  Da tetti e da finestre e più d'appresso
  sopra gli piove un nembo d'arme e spesso.

16

  Dei cavallieri e de la fanteria
  tanta è la calca, ch'a pena vi cape.
  La turba che vi vien per ogni via,
  v'abbonda ad or ad or spessa come ape;
  che quando, disarmata e nuda, sia
  più facile a tagliar che torsi o rape,
  non la potria, legata a monte a monte,
  in venti giorni spenger Rodomonte.

17

  Al pagan, che non sa come ne possa
  venir a capo, omai quel gioco incresce.
  Poco, per far di mille, o di più, rossa
  la terra intorno, il populo discresce.
  Il fiato tuttavia più se gl'ingrossa,
  sì che comprende al fin che, se non esce
  or c'ha vigore e in tutto il corpo è sano,
  vorrà da tempo uscir, che sarà invano.

18

  Rivolge gli occhi orribili, e pon mente
  che d'ogn'intorno sta chiusa l'uscita;
  ma con ruina d'infinita gente
  l'aprirà tosto, e la farà espedita.
  Ecco, vibrando la spada tagliente,
  che vien quel empio, ove il furor lo 'nvita,
  ad assalire il nuovo stuol britanno,
  che vi trasse Odoardo ed Arimanno.

19

  Chi ha visto in piazza rompere steccato,
  a cui la folta turba ondeggi intorno,
  immansueto tauro accaneggiato,
  stimulato e percosso tutto 'l giorno;
  che 'l popul se ne fugge ispaventato,
  ed egli or questo or quel leva sul corno:
  pensi che tale o più terribil fosse
  il crudele African quando si mosse.

20

  Quindici o venti ne tagliò a traverso,
  altritanti lasciò del capo tronchi,
  ciascun d'un colpo sol dritto o riverso;
  che viti o salci par che poti e tronchi.
  Tutto di sangue il fier pagano asperso,
  lasciando capi fessi e bracci monchi,
  e spalle e gambe ed altre membra sparte,
  ovunque il passo volga, al fin si parte.

21

  De la piazza si vede in guisa torre,
  che non si può notar ch'abbia paura;
  ma tuttavolta col pensier discorre,
  dove sia per uscir via più sicura.
  Capita al fin dove la Senna corre
  sotto all'isola, e va fuor de le mura.
  La gente d'arme e il popul fatto audace
  lo stringe e incalza, e gir nol lascia in pace.

22

  Qual per le selve nomade o massile
  cacciata va la generosa belva,
  ch'ancor fuggendo mostra il cor gentile,
  e minacciosa e lenta si rinselva;
  tal Rodomonte, in nessun atto vile,
  da strana circondato e fiera selva
  d'aste e di spade e di volanti dardi,
  si tira al fiume a passi lunghi e tardi.

23

  E sì tre volte e più l'ira il sospinse,
  ch'essendone già fuor, vi tornò in mezzo,
  ove di sangue la spada ritinse,
  e più di cento ne levò di mezzo.
  Ma la ragione al fin la rabbia vinse
  di non far sì, ch'a Dio n'andasse il lezzo;
  e da la ripa, per miglior consiglio,
  si gittò all'acqua, e uscì di gran periglio.

24

  Con tutte l'arme andò per mezzo l'acque,
  come s'intorno avesse tante galle.
  Africa, in te pare a costui non nacque,
  ben che d'Anteo ti vanti e d'Anniballe.
  Poi che fu giunto a proda, gli dispiacque,
  che si vide restar dopo le spalle
  quella città ch'avea trascorsa tutta,
  e non l'avea tutta arsa né distrutta.

25

  E sì lo rode la superbia e l'ira,
  che, per tornarvi un'altra volta, guarda,
  e di profondo cor geme e sospira,
  né vuolne uscir, che non la spiani ed arda.
  Ma lungo il fiume, in questa furia, mira
  venir chi l'odio estingue e l'ira tarda.
  Chi fosse io vi farò ben tosto udire;
  ma prima un'altra cosa v'ho da dire.

26

  Io v'ho da dir de la Discordia altiera,
  a cui l'angel Michele avea commesso
  ch'a battaglia accendesse e a lite fiera
  quei che più forti avea Agramante appresso.
  Uscì de' frati la medesma sera,
  avendo altrui l'ufficio suo commesso:
  lasciò la Fraude a guerreggiare il loco,
  fin che tornasse, e a mantenervi il fuoco.

27

  E le parve ch'andria con più possanza,
  se la Superbia ancor seco menasse;
  e perché stavan tutte in una stanza,
  non fu bisogno ch'a cercar l'andasse.
  La Superbia v'andò, ma non che sanza
  la sua vicaria il monaster lasciasse:
  per pochi dì che credea starne assente,
  lasciò l'Ipocrisia locotenente.

28

  L'implacabil Discordia in compagnia
  de la Superbia si messe in camino,
  e ritrovò che la medesma via
  facea, per gire al campo saracino,
  l'afflitta e sconsolata Gelosia;
  e venìa seco un nano piccolino,
  il qual mandava Doralice bella
  al re di Sarza a dar di sé novella.

29

  Quando ella venne a Mandricardo in mano
  (ch'io v'ho già raccontato e come e dove),
  tacitamente avea commesso al nano,
  che ne portasse a questo re le nuove.
  Ella sperò che nol saprebbe invano,
  ma che far si vedria mirabil pruove,
  per riaverla con crudel vendetta
  da quel ladron che gli l'avea intercetta.

30

  La Gelosia quel nano avea trovato;
  e la cagion del suo venir compresa,
  a caminar se gli era messa allato,
  parendo d'aver luogo a questa impresa.
  Alla Discordia ritrovar fu grato
  la Gelosia; ma più quando ebbe intesa
  la cagion del venir, che le potea
  molto valere in quel che far volea.

31

  D'inimicar con Rodomonte il figlio
  del re Agrican le pare aver suggetto:
  troverà a sdegnar gli altri altro consiglio;
  a sdegnar questi duo questo è perfetto.
  Col nano se ne vien dove l'artiglio
  del fier pagano avea Parigi astretto;
  e capitaro a punto in su la riva,
  quando il crudel del fiume a nuoto usciva.

32

  Tosto che riconobbe Rodomonte
  costui de la sua donna esser messaggio,
  estinse ogn'ira, e serenò la fronte,
  e si sentì brillar dentro il coraggio.
  Ogn'altra cosa aspetta che gli conte,
  prima ch'alcuno abbia a lei fatto oltraggio.
  Va contra il nano, e lieto gli domanda:
  — Ch'è de la donna nostra? ove ti manda? —

33

  Rispose il nano: — Né più tua né mia
  donna dirò quella ch'è serva altrui.
  Ieri scontrammo un cavallier per via,
  che ne la tolse, e la menò con lui. —
  A quello annunzio entrò la Gelosia,
  fredda come aspe, ed abbracciò costui.
  Seguita il nano, e narragli in che guisa
  un sol l'ha presa, e la sua gente uccisa.

34

  L'acciaio allora la Discordia prese,
  e la pietra focaia, e picchiò un poco,
  e l'esca sotto la Superbia stese,
  e fu attaccato in un momento il fuoco;
  e sì di questo l'anima s'accese
  del Saracin, che non trovava loco:
  sospira e freme con sì orribil faccia,
  che gli elementi e tutto il ciel minaccia.

35

  Come la tigre, poi ch'invan discende
  nel voto albergo, e per tutto s'aggira,
  e i cari figli all'ultimo comprende
  essergli tolti, avampa di tant'ira,
  a tanta rabbia, a tal furor s'estende,
  che né a monte né a rio né a notte mira;
  né lunga via, né grandine raffrena
  l'odio che dietro al predator la mena:

36

  così furendo il Saracin bizzarro
  si volge al nano, e dice: — Or là t'invia; —
  e non aspetta né destrier né carro,
  e non fa motto alla sua compagnia.
  Va con più fretta che non va il ramarro,
  quando il ciel arde, a traversar la via.
  Destrier non ha, ma il primo tor disegna,
  sia di chi vuol, ch'ad incontrar lo vegna.

37

  La Discordia ch'udì questo pensiero,
  guardò, ridendo, la Superbia, e disse
  che volea gire a trovare un destriero
  che gli apportasse altre contese e risse;
  e far volea sgombrar tutto il sentiero,
  ch'altro che quello in man non gli venisse:
  e già pensato avea dove trovarlo.
  Ma costei lascio, e torno a dir di Carlo.

38

  Poi ch'al partir del Saracin si estinse
  Carlo d'intorno il periglioso fuoco,
  tutte le genti all'ordine ristrinse.
  Lascionne parte in qualche debol loco:
  adosso il resto ai Saracini spinse,
  per dar lor scacco, e guadagnarsi il giuoco;
  e gli mandò per ogni porta fuore,
  da San Germano infin a San Vittore.

39

  E commandò ch'a porta San Marcello,
  dov'era gran spianata di campagna,
  aspettasse l'un l'altro, e in un drappello
  si ragunasse tutta la compagna.
  Quindi animando ognuno a far macello
  tal, che sempre ricordo ne rimagna,
  ai lor ordini andar fe' le bandiere,
  e di battaglia dar segno alle schiere.

40

  Il re Agramante in questo mezzo in sella,
  mal grado dei cristian, rimesso s'era;
  e con l'inamorato d'Isabella
  facea battaglia perigliosa e fiera:
  col re Sobrin Lurcanio si martella:
  Rinaldo incontra avea tutta una schiera;
  e con virtude e con fortuna molta
  l'urta, l'apre, ruina e mette in volta.

41

  Essendo la battaglia in questo stato,
  l'imperatore assalse il retroguardo
  dal canto ove Marsilio avea fermato
  il fior di Spagna intorno al suo stendardo.
  Con fanti in mezzo e cavallieri allato,
  re Carlo spinse il suo popul gagliardo
  con tal rumor di timpani e di trombe,
  che tutto 'l mondo par che ne rimbombe.

42

  Cominciavan le schiere a ritirarse
  de' Saracini, e si sarebbon volte
  tutte a fuggir, spezzate, rotte e sparse,
  per mai più non potere esser raccolte;
  ma 'l re Grandonio e Falsiron comparse,
  che stati in maggior briga eran più volte,
  e Balugante e Serpentin feroce,
  e Ferraù che lor dicea a gran voce:

43

  — Ah (dicea) valentuomini, ah compagni,
  ah fratelli, tenete il luogo vostro.
  I nimici faranno opra di ragni,
  se non manchiamo noi del dover nostro.
  Guardate l'alto onor, gli ampli guadagni
  che Fortuna, vincendo, oggi ci ha mostro:
  guardate la vergogna e il danno estremo,
  ch'essendo vinti, a patir sempre avremo. —

44

  Tolto in quel tempo una gran lancia avea,
  e contra Berlingier venne di botto,
  che sopra Largaliffa combattea,
  e l'elmo ne la fronte gli avea rotto:
  gittollo in terra, e con la spada rea
  appresso a lui ne fe' cader forse otto.
  Per ogni botta almanco, che disserra,
  cader fa sempre un cavalliero in terra.

45

  In altra parte ucciso avea Rinaldo
  tanti pagan, ch'io non potrei contarli.
  Dinanzi a lui non stava ordine saldo:
  vedreste piazza in tutto 'l campo darli.
  Non men Zerbin, non men Lurcanio è caldo:
  per modo fan, ch'ognun sempre ne parli:
  questo di punta avea Balastro ucciso,
  e quello a Finadur l'elmo diviso.

46

  L'esercito d'Alzerbe avea il primiero,
  che poco inanzi aver solea Tardocco;
  l'altro tenea sopra le squadre impero
  di Zamor e di Saffi e di Marocco.
  — Non è tra gli Africani un cavalliero
  che di lancia ferir sappia o di stocco? —
  mi si potrebbe dir: ma passo passo
  nessun di gloria degno a dietro lasso.

47

  Del re de la Zumara non si scorda
  il nobil Dardinel figlio d'Almonte,
  che con la lancia Uberto da Mirforda,
  Claudio dal Bosco, Elio e Dulfin dal Monte,
  e con la spada Anselmo da Stanforda,
  e da Londra Raimondo e Pinamonte
  getta per terra (ed erano pur forti),
  dui storditi, un piagato, e quattro morti.

48

  Ma con tutto 'l valor che di sé mostra,
  non può tener sì ferma la sua gente,
  sì ferma, ch'aspettar voglia la nostra
  di numero minor, ma più valente.
  Ha più ragion di spada e più di giostra
  e d'ogni cosa a guerra appertinente.
  Fugge la gente maura, di Zumara,
  di Setta, di Marocco e di Canara.

49

  Ma più degli altri fuggon quei d'Alzerbe,
  a cui s'oppose il nobil giovinetto;
  ed or con prieghi, or con parole acerbe
  ripor lor cerca l'animo nel petto.
  — S'Almonte meritò ch'in voi si serbe
  di lui memoria, or ne vedrò l'effetto:
  io vedrò (dicea lor) se me, suo figlio,
  lasciar vorrete in così gran periglio.

50

  State, vi priego per mia verde etade,
  in cui solete aver sì larga speme:
  deh non vogliate andar per fil di spade,
  ch'in Africa non torni di noi seme.
  Per tutto ne saran chiuse le strade,
  se non andiam raccolti e stretti insieme:
  troppo alto muro e troppo larga fossa
  è il monte e il mar, pria che tornar si possa.

51

  Molto è meglio morir qui, ch'ai supplici
  darsi e alla discrezion di questi cani.
  State saldi, per Dio, fedeli amici;
  che tutti son gli altri rimedi vani.
  Non han di noi più vita gli nimici;
  più d'un'alma non han, più di due mani. —
  Così dicendo, il giovinetto forte
  al conte d'Otonlei diede la morte.

52

  Il rimembrare Almonte così accese
  l'esercito african che fuggia prima,
  che le braccia e le mani in sue difese
  meglio, che rivoltar le spalle, estima.
  Guglielmo da Burnich era uno Inglese
  maggior di tutti, e Dardinello il cima,
  e lo pareggia agli altri; e apresso taglia
  il capo ad Aramon di Cornovaglia.

53

  Morto cadea questo Aramone a valle;
  e v'accorse il fratel per dargli aiuto:
  ma Dardinel l'aperse per le spalle
  fin giù dove lo stomaco è forcuto.
  Poi forò il ventre a Bogio da Vergalle,
  e lo mandò del debito assoluto:
  avea promesso alla moglier fra sei
  mesi, vivendo, di tornare a lei.

54

  Vide non lungi Dardinel gagliardo
  venir Lurcanio, ch'avea in terra messo
  Dorchin, passato ne la gola, e Gardo
  per mezzo il capo e insin ai denti fesso;
  e ch'Alteo fuggir volse, ma fu tardo,
  Alteo ch'amò quanto il suo core istesso;
  che dietro alla collottola gli mise
  il fier Lurcanio un colpo che l'uccise.

55

  Piglia una lancia, e va per far vendetta,
  dicendo al suo Macon (s'udir lo puote),
  che se morto Lurcanio in terra getta,
  ne la moschea ne porrà l'arme vote.
  Poi traversando la campagna in fretta,
  con tanta forza il fianco gli percuote,
  che tutto il passa sin all'altra banda;
  ed ai suoi, che lo spoglino, commanda.

56

  Non è da domandarmi, se dolere
  se ne dovesse Ariodante il frate;
  se desiasse di sua man potere
  por Dardinel fra l'anime dannate:
  ma nol lascian le genti adito avere,
  non men de le 'nfedel le battezzate.
  Vorria pur vendicarsi, e con la spada
  di qua di là spianando va la strada.

57

  Urta, apre, caccia, atterra, taglia e fende
  qualunque lo 'mpedisce o gli contrasta.
  E Dardinel che quel disire intende,
  a volerlo saziar già non sovrasta:
  ma la gran moltitudine contende
  con questa ancora, e i suoi disegni guasta.
  Se' Mori uccide l'un, l'altro non manco
  gli Scotti uccide e il campo inglese e 'l franco.

58

  Fortuna sempremai la via lor tolse,
  che per tutto quel dì non s'accozzaro.
  A più famosa man serbar l'un volse;
  che l'uomo il suo destin fugge di raro.
  Ecco Rinaldo a questa strada volse,
  perch'alla vita d'un non sia riparo:
  ecco Rinaldo vien: Fortuna il guida
  per dargli onor che Dardinello uccida.

59

  Ma sia per questa volta detto assai
  dei gloriosi fatti di Ponente.
  Tempo è ch'io torni ove Grifon lasciai,
  che tutto d'ira e di disdegno ardente
  facea, con più timor ch'avesse mai,
  tumultuar la sbigottita gente.
  Re Norandino a quel rumor corso era
  con più di mille armati in una schiera.

60

  Re Norandin con la sua corte armata,
  vedendo tutto 'l populo fuggire,
  venne alla porta in battaglia ordinata,
  e quella fece alla sua giunta aprire.
  Grifone intanto avendo già cacciata
  da sé la turba sciocca e senza ardire,
  la sprezzata armatura in sua difesa
  (qual la si fosse) avea di nuovo presa;

61

  e presso a un tempio ben murato e forte,
  che circondato era d'un'alta fossa,
  in capo un ponticel si fece forte,
  perché chiuderlo in mezzo alcun non possa.
  Ecco, gridando e minacciando forte,
  fuor de la porta esce una squadra grossa.
  L'animoso Grifon non muta loco,
  e fa sembiante che ne tema poco.

62

  E poi ch'avicinar questo drappello
  si vide, andò a trovarlo in su la strada;
  e molta strage fattane e macello
  (che menava a due man sempre la spada),
  ricorso avea allo stretto ponticello,
  e quindi li tenea non troppo a bada:
  di nuovo usciva e di nuovo tornava;
  e sempre orribil segno vi lasciava.

63

  Quando di dritto e quando di riverso
  getta or pedoni or cavallieri in terra.
  Il popul contra lui tutto converso
  più e più sempre inaspera la guerra.
  Teme Grifone al fin restar sommerso:
  sì cresce il mar che d'ogn'intorno il serra;
  e ne la spalla e ne la coscia manca
  è già ferito, e pur la lena manca.

64

  Ma la virtù, ch'ai suoi spesso soccorre,
  gli fa appo Norandin trovar perdono.
  Il re, mentre al tumulto in dubbio corre,
  vede che morti già tanti ne sono:
  vede le piaghe che di man d'Ettorre
  pareano uscite: un testimonio buono,
  che dianzi esso avea fatto indegnamente
  vergogna a un cavallier molto eccellente.

65

  Poi, come gli è più presso, e vede in fronte
  quel che la gente a morte gli ha condutta,
  e fattosene avanti orribil monte,
  e di quel sangue il fosso e l'acqua brutta;
  gli è aviso di veder proprio sul ponte
  Orazio sol contra Toscana tutta:
  e per suo onore, e perché gli ne 'ncrebbe,
  ritrasse i suoi, né gran fatica v'ebbe.

66

  Ed alzando la man nuda e senz'arme,
  antico segno di tregua o di pace,
  disse a Grifon: — Non so, se non chiamarme
  d'avere il torto, e dir che mi dispiace:
  ma il mio poco giudicio, e lo istigarme
  altrui, cadere in tanto error mi face.
  Quel che di fare io mi credea al più vile
  guerrier del mondo, ho fatto al più gentile.

67

  E se bene alla ingiuria ed a quell'onta
  ch'oggi fatta ti fu per ignoranza,
  l'onor che ti fai qui s'adegua e sconta,
  o (per più vero dir) supera e avanza;
  la satisfazion ci serà pronta
  a tutto mio sapere e mia possanza,
  quando io conosca di poter far quella
  per oro o per cittadi o per castella.

68

  Chiedimi la metà di questo regno,
  ch'io son per fartene oggi possessore;
  che l'alta tua virtù non ti fa degno
  di questo sol, ma ch'io ti doni il core:
  e la tua mano in questo mezzo, pegno
  di fé mi dona e di perpetuo amore. —
  Così dicendo, da cavallo scese,
  e vêr Grifon la destra mano stese.

69

  Grifon, vedendo il re fatto benigno
  venirgli per gittar le braccia al collo,
  lasciò la spada e l'animo maligno,
  e sotto l'anche ed umile abbracciollo.
  Lo vide il re di due piaghe sanguigno,
  e tosto fe' venir chi medicollo;
  indi portar ne la cittade adagio,
  e riposar nel suo real palagio.

70

  Dove, ferito, alquanti giorni, inante
  che si potesse armar, fece soggiorno.
  Ma lascio lui, ch'al suo frate Aquilante
  ed ad Astolfo in Palestina torno,
  che di Grifon, poi che lasciò le sante
  mura, cercare han fatto più d'un giorno
  in tutti i lochi in Solima devoti,
  e in molti ancor da la città remoti.

71

  Or né l'uno né l'altro è sì indovino,
  che di Grifon possa saper che sia:
  ma venne lor quel Greco peregrino,
  nel ragionare, a caso a darne spia,
  dicendo ch'Orrigille avea il camino
  verso Antiochia preso di Soria,
  d'un nuovo drudo, ch'era di quel loco,
  di subito arsa e d'improviso fuoco.

72

  Dimandògli Aquilante, se di questo
  così notizia avea data a Grifone:
  e come l'affermò, s'avisò il resto,
  perché fosse partito, e la cagione.
  Ch'Orrigille ha seguito è manifesto
  in Antiochia con intenzione
  di levarla di man del suo rivale
  con gran vendetta e memorabil male.

73

  Non tolerò Aquilante che 'l fratello
  solo e senz'esso a quell'impresa andasse;
  e prese l'arme, e venne dietro a quello:
  ma prima pregò il duca che tardasse
  l'andata in Francia ed al paterno ostello,
  fin ch'esso d'Antiochia ritornasse.
  Scende al Zaffo e s'imbarca, che gli pare
  e più breve e miglior la via del mare.

74

  Ebbe un ostro—silocco allor possente
  tanto nel mare, e sì per lui disposto,
  che la terra del Surro il dì seguente
  vide e Saffetto, un dopo l'altro tosto.
  Passa Barutti e il Zibeletto, e sente
  che da man manca gli è Cipro discosto.
  A Tortosa da Tripoli, e alla Lizza
  e al golfo di Laiazzo il camin drizza.

75

  Quindi a levante fe' il nocchier la fronte
  del navilio voltar snello e veloce;
  ed a sorger n'andò sopra l'Oronte,
  e colse il tempo, e ne pigliò la foce.
  Gittar fece Aquilante in terra il ponte,
  e n'uscì armato sul destrier feroce;
  e contra il fiume il camin dritto tenne,
  tanto ch'in Antiochia se ne venne.

76

  Di quel Martano ivi ebbe ad informarse;
  ed udì ch'a Damasco se n'era ito
  con Orrigille, ove una giostra farse
  dovea solenne per reale invito.
  Tanto d'andargli dietro il desir l'arse,
  certo che 'l suo german l'abbia seguito,
  che d'Antiochia anco quel dì si tolle;
  ma già per mar più ritornar non volle.

77

  Verso Lidia e Larissa il camin piega:
  resta più sopra Aleppe ricca e piena.
  Dio, per mostrar ch'ancor di qua non niega
  mercede al bene, ed al contrario pena,
  Martano appresso a Mamuga una lega
  ad incontrarsi in Aquilante mena.
  Martano si facea con bella mostra
  portare inanzi il pregio de la giostra.

78

  Pensò Aquilante al primo comparire,
  che 'l vil Martano il suo fratello fosse;
  che l'ingannaron l'arme, e quel vestire
  candido più che nievi ancor non mosse:
  e con quell'oh! che d'allegrezza dire
  si suole, incominciò; ma poi cangiosse
  tosto di faccia e di parlar, ch'appresso
  s'avide meglio, che non era desso.

79

  Dubitò che per fraude di colei
  ch'era con lui, Grifon gli avesse ucciso;
  e: — Dimmi (gli gridò) tu ch'esser déi
  un ladro e un traditor, come n'hai viso,
  onde hai quest'arme avute? onde ti sei
  sul buon destrier del mio fratello assiso?
  Dimmi se 'l mio fratello è morto o vivo;
  come de l'arme e del destrier l'hai privo. —

80

  Quando Orrigille udì l'irata voce,
  a dietro il palafren per fuggir volse;
  ma di lei fu Aquilante più veloce,
  e fecela fermar, volse o non volse.
  Martano al minacciar tanto feroce
  del cavallier, che sì improviso il colse,
  pallido triema, come al vento fronda,
  né sa quel che si faccia o che risponda.

81

  Grida Aquilante, e fulminar non resta,
  e la spada gli pon dritto alla strozza;
  e giurando minaccia che la testa
  ad Orrigille e a lui rimarrà mozza,
  se tutto il fatto non gli manifesta.
  Il mal giunto Martano alquanto ingozza,
  e tra sé volve se può sminuire
  sua grave colpa, e poi comincia a dire:

82

  — Sappi, signor, che mia sorella è questa,
  nata di buona e virtuosa gente,
  ben che tenuta in vita disonesta
  l'abbia Grifone obbrobriosamente:
  e tale infamia essendomi molesta,
  né per forza sentendomi possente
  di torla a sì grande uom, feci disegno
  d'averla per astuzia e per ingegno.

83

  Tenni modo con lei, ch'avea desire
  di ritornare a più lodata vita,
  ch'essendosi Grifon messo a dormire,
  chetamente da lui fêsse partita.
  Così fece ella; e perché egli a seguire
  non n'abbia, ed a turbar la tela ordita,
  noi lo lasciammo disarmato e a piedi;
  e qua venuti siàn, come tu vedi. —

84

  Poteasi dar di somma astuzia vanto,
  che colui facilmente gli credea;
  e, fuor che 'n torgli arme e destrier e quanto
  tenesse di Grifon, non gli nocea;
  se non volea pulir sua scusa tanto,
  che la facesse di menzogna rea:
  buona era ogn'altra parte, se non quella
  che la femina a lui fosse sorella.

85

  Avea Aquilante in Antiochia inteso
  essergli concubina, da più genti;
  onde gridando, di furore acceso:
  — Falsissimo ladron, tu te ne menti! —
  un pugno gli tirò di tanto peso,
  che ne la gola gli cacciò duo denti:
  e senza più contesa, ambe le braccia
  gli volge dietro, e d'una fune allaccia;

86

  e parimente fece ad Orrigille,
  ben che in sua scusa ella dicesse assai.
  Quindi li trasse per casali e ville,
  né li lasciò fin a Damasco mai;
  e de le miglia mille volte mille
  tratti gli avrebbe con pene e con guai,
  fin ch'avesse trovato il suo fratello,
  per farne poi come piacesse a quello.

87

  Fece Aquilante lor scudieri e some
  seco tornare, ed in Damasco venne,
  e trovò di Grifon celebre il nome
  per tutta la città batter le penne:
  piccoli e grandi, ognun sapea già come
  egli era, che sì ben corse l'antenne,
  ed a cui tolto fu con falsa mostra
  dal compagno la gloria de la giostra.

88

  Il popul tutto al vil Martano infesto,
  l'uno all'altro additandolo, lo scuopre.
  — Non è (dicean), non è il ribaldo questo,
  che si fa laude con l'altrui buone opre?
  e la virtù di chi non è ben desto,
  con la sua infamia e col suo obbrobrio copre?
  Non è l'ingrata femina costei,
  la qual tradisce i buoni e aiuta i rei? —

89

  Altri dicean: — Come stan bene insieme
  segnati ambi d'un marchio e d'una razza! —
  Chi li bestemmia, chi lor dietro freme,
  chi grida: — Impicca, abrucia, squarta, amazza! —
  La turba per veder s'urta, si preme,
  e corre inanzi alle strade, alla piazza.
  Venne la nuova al re, che mostrò segno
  d'averla cara più ch'un altro regno.

90

  Senza molti scudier dietro o davante,
  come si ritrovò, si mosse in fretta,
  e venne ad incontrarsi in Aquilante,
  ch'avea del suo Grifon fatto vendetta;
  e quello onora con gentil sembiante,
  seco lo 'nvita, e seco lo ricetta;
  di suo consenso avendo fatto porre
  i duo prigioni in fondo d'una torre.

91

  Andaro insieme ove del letto mosso
  Grifon non s'era, poi che fu ferito,
  che vedendo il fratel, divenne rosso;
  che ben stimò ch'avea il suo caso udito.
  E poi che motteggiando un poco adosso
  gli andò Aquilante, messero a partito
  di dare a quelli duo iusto martoro,
  venuti in man degli avversari loro.

92

  Vuole Aquilante, vuole il re che mille
  strazi ne sieno fatti; ma Grifone
  (perché non osa dir sol d'Orrigille)
  all'uno e all'altro vuol che si perdone.
  Disse assai cose, e molto ben ordille;
  fugli risposto; or per conclusione
  Martano è disegnato in mano al boia,
  ch'abbia a scoparlo, e non però che moia.

93

  Legar lo fanno, e non tra' fiori e l'erba,
  e per tutto scopar l'altra matina.
  Orrigille captiva si riserba
  fin che ritorni la bella Lucina,
  al cui saggio parere, o lieve o acerba,
  rimetton quei signor la disciplina.
  Quivi stette Aquilante a ricrearsi
  fin che 'l fratel fu sano e poté armarsi.

94

  Re Norandin, che temperato e saggio
  divenuto era dopo un tanto errore,
  non potea non aver sempre il coraggio
  di penitenza pieno e di dolore,
  d'aver fatto a colui danno ed oltraggio,
  che degno di mercede era e d'onore:
  sì che dì e notte avea il pensiero intento
  par farlo rimaner di sé contento.

95

  E statuì nel publico cospetto
  de la città, di tanta ingiuria rea,
  con quella maggior gloria ch'a perfetto
  cavallier per un re dar si potea,
  di rendergli quel premio ch'intercetto
  con tanto inganno il traditor gli avea:
  e perciò fe' bandir per quel paese,
  che faria un'altra giostra indi ad un mese.

96

  Di ch'apparecchio fa tanto solenne,
  quanto a pompa real possibil sia:
  onde la Fama con veloci penne
  portò la nuova per tutta Soria;
  ed in Fenicia e in Palestina venne,
  e tanto, ch'ad Astolfo ne diè spia,
  il qual col viceré deliberosse
  che quella giostra senza lor non fosse.

97

  Per guerrier valoroso e di gran nome
  la vera istoria Sansonetto vanta.
  Gli diè battesmo Orlando, e Carlo (come
  v'ho detto) a governar la Terra Santa.
  Astolfo con costui levò le some,
  per ritrovarsi ove la Fama canta,
  sì che d'intorno n'ha piena ogni orecchia,
  ch'in Damasco la giostra s'apparecchia.

98

  Or cavalcando per quelle contrade
  con non lunghi viaggi, agiati e lenti,
  per ritrovarsi freschi alla cittade
  poi di Damasco il dì de' torniamenti,
  scontraro in una croce di due strade
  persona ch'al vestire e a' movimenti
  avea sembianza d'uomo, e femin' era,
  ne le battaglie a maraviglia fiera.

99

  La vergine Marfisa si nomava,
  di tal valor, che con la spada in mano
  fece più volte al gran signor di Brava
  sudar la fronte e a quel di Montalbano;
  e 'l dì e la notte armata sempre andava
  di qua di là cercando in monte e in piano
  con cavallieri erranti riscontrarsi,
  ed immortale e gloriosa farsi.

100

  Com'ella vide Astolfo e Sansonetto,
  ch'appresso le venian con l'arme indosso,
  prodi guerrier le parvero all'aspetto;
  ch'erano ambeduo grandi e di buono osso:
  e perché di provarsi avria diletto,
  per isfidarli avea il destrier già mosso;
  quando, affissando l'occhio più vicino,
  conosciuto ebbe il duca paladino.

101

  De la piacevolezza le sovenne
  del cavallier, quando al Catai seco era:
  e lo chiamò per nome, e non si tenne
  la man nel guanto, e alzossi la visiera;
  e con gran festa ad abbracciarlo venne,
  come che sopra ogn'altra fosse altiera.
  Non men da l'altra parte riverente
  fu il paladino alla donna eccellente.

102

  Tra lor si domandaron di lor via:
  e poi ch'Astolfo, che prima rispose,
  narrò come a Damasco se ne gìa,
  dove le genti in arme valorose
  avea invitato il re de la Soria
  a dimostrar lor opre virtuose;
  Marfisa, sempre a far gran pruove accesa,
  — Voglio esser con voi (disse) a questa impresa. —

103

  Sommamente ebbe Astolfo grata questa
  compagna d'arme, e così Sansonetto.
  Furo a Damasco il dì inanzi la festa,
  e di fuora nel borgo ebbon ricetto:
  e sin all'ora che dal sonno desta
  l'Aurora il vecchiarel già suo diletto,
  quivi si riposar con maggior agio,
  che se smontati fossero al palagio.

104

  E poi che 'l nuovo sol lucido e chiaro
  per tutto sparsi ebbe i fulgenti raggi,
  la bella donna e i duo guerrier s'armaro,
  mandato avendo alla città messaggi;
  che, come tempo fu, lor rapportaro
  che per veder spezzar frassini e faggi
  re Norandino era venuto al loco
  ch'avea costituito al fiero gioco.

105

  Senza più indugio alla città ne vanno,
  e per la via maestra alla gran piazza,
  dove aspettando il real segno stanno
  quinci e quindi i guerrier di buona razza.
  I premi che quel giorno si daranno
  a chi vince, è uno stocco ed una mazza
  guerniti riccamente, e un destrier, quale
  sia convenevol dono a un signor tale.

106

  Avendo Norandin fermo nel core
  che, come il primo pregio, il secondo anco,
  e d'ambedue le giostre il sommo onore
  si debba guadagnar Grifone il bianco;
  per dargli tutto quel ch'uom di valore
  dovrebbe aver, né debbe far con manco,
  posto con l'arme in questo ultimo pregio
  ha stocco e mazza e destrier molto egregio.

107

  L'arme che ne la giostra fatta dianzi
  si doveano a Grifon che 'l tutto vinse,
  e che usurpate avea con tristi avanzi
  Martano che Grifone esser si finse,
  quivi si fece il re pendere inanzi,
  e il ben guernito stocco a quelle cinse,
  e la mazza all'arcion del destrier messe,
  perché Grifon l'un pregio e l'altro avesse.

108

  Ma che sua intenzione avesse effetto
  vietò quella magnanima guerriera,
  che con Astolfo e col buon Sansonetto
  in piazza nuovamente venuta era.
  Costei, vedendo l'arme ch'io v'ho detto,
  subito n'ebbe conoscenza vera:
  però che già sue furo, e l'ebbe care
  quanto si suol le cose ottime e rare;

109

  ben che l'avea lasciate in su la strada
  a quella volta che le fur d'impaccio,
  quando per riaver sua buona spada
  correa dietro a Brunel degno di laccio.
  Questa istoria non credo che m'accada
  altrimenti narrar; però la taccio.
  Da me vi basti intendere a che guisa
  quivi trovasse l'arme sue Marfisa.

110

  Intenderete ancor, che come l'ebbe
  riconosciute a manifeste note,
  per altro che sia al mondo, non le avrebbe
  lasciate un dì di sua persona vote.
  Se più tenere un modo o un altro debbe
  per racquistarle, ella pensar non puote:
  ma se gli accosta a un tratto, e la man stende,
  e senz'altro rispetto se le prende;

111

  e per la fretta ch'ella n'ebbe, avenne
  ch'altre ne prese, altre mandonne in terra.
  Il re, che troppo offeso se ne tenne,
  con uno sguardo sol le mosse guerra;
  che 'l popul, che l'ingiuria non sostenne,
  per vendicarlo e lance e spade afferra,
  non rammentando ciò ch'i giorni inanti
  nocque il dar noia ai cavallieri erranti.

112

  Né fra vermigli fiori, azzurri e gialli
  vago fanciullo alla stagion novella,
  né mai si ritrovò fra suoni e balli
  più volentieri ornata donna e bella;
  che fra strepito d'arme e di cavalli,
  e fra punte di lance e di quadrella,
  dove si sparga sangue e si dia morte,
  costei si truovi, oltre ogni creder forte.

113

  Spinge il cavallo, e ne la turba sciocca
  con l'asta bassa impetuosa fere;
  e chi nel collo e chi nel petto imbrocca,
  e fa con l'urto or questo or quel cadere:
  poi con la spada uno ed un altro tocca,
  e fa qual senza capo rimanere,
  e qual rotto, e qual passato al fianco,
  e qual del braccio privo o destro o manco.

114

  L'ardito Astolfo e il forte Sansonetto,
  ch'avean con lei vestita e piastra e maglia,
  ben che non venner già per tal effetto,
  pur, vedendo attaccata la battaglia,
  abbassan la visiera de l'elmetto,
  e poi la lancia per quella canaglia;
  ed indi van con la tagliente spada
  di qua di là facendosi far strada.

115

  I cavallieri di nazion diverse,
  ch'erano per giostrar quivi ridutti,
  vedendo l'arme in tal furor converse,
  e gli aspettati giuochi in gravi lutti
  (che la cagion ch'avesse di dolerse
  la plebe irata non sapeano tutti,
  né ch'al re tanta ingiuria fosse fatta),
  stavan con dubbia mente e stupefatta.

116

  Di ch'altri a favorir la turba venne,
  che tardi poi non se ne fu a pentire;
  altri, a cui la città più non attenne
  che gli stranieri, accorse a dipartire;
  altri, più saggio, in man la briglia tenne,
  mirando dove questo avesse a uscire.
  Di quelli fu Grifone ed Aquilante,
  che per vendicar l'arme andaro inante.

117

  Essi vedendo il re che di veneno
  avea le luci inebriate e rosse,
  ed essendo da molti istrutti a pieno
  de la cagion che la discordia mosse,
  e parendo a Grifon che sua, non meno
  che del re Norandin, l'ingiuria fosse;
  s'avean le lance fatte dar con fretta,
  e venian fulminando alla vendetta.

118

  Astolfo d'altra parte Rabicano
  venìa spronando a tutti gli altri inante,
  con l'incantata lancia d'oro in mano,
  ch'al fiero scontro abbatte ogni giostrante.
  Ferì con essa e lasciò steso al piano
  prima Grifone, e poi trovò Aquilante;
  e de lo scudo toccò l'orlo a pena,
  che lo gittò riverso in su l'arena.

119

  I cavallier di pregio e di gran pruova
  votan le selle inanzi a Sansonetto.
  L'uscita de la piazza il popul truova:
  il re n'arrabbia d'ira e di dispetto.
  Con la prima corazza e con la nuova
  Marfisa intanto, e l'uno e l'altro elmetto,
  poi che si vide a tutti dare il tergo,
  vincitrice venìa verso l'albergo.

120

  Astolfo e Sansonetto non fur lenti
  a seguitarla, e seco a ritornarsi
  verso la porta (che tutte le genti
  gli davan loco), ed al rastrel fermarsi.
  Aquilante e Grifon, troppo dolenti
  di vedersi a uno incontro riversarsi,
  tenean per gran vergogna il capo chino,
  né ardian venire inanzi a Norandino.

121

  Presi e montati c'hanno i lor cavalli,
  spronano dietro agli nimici in fretta.
  Li segue il re con molti suoi vasalli,
  tutti pronti o alla morte o alla vendetta.
  La sciocca turba grida: — Dàlli dàlli —;
  e sta lontana, e le novelle aspetta.
  Grifone arriva ove volgean la fronte
  i tre compagni, ed avean preso il ponte.

122

  A prima giunta Astolfo raffigura,
  ch'avea quelle medesime divise,
  avea il cavallo, avea quella armatura
  ch'ebbe dal dì ch'Orril fatale uccise.
  Né miratol, né posto gli avea cura,
  quando in piazza a giostrar seco si mise:
  quivi il conobbe e salutollo; e poi
  gli domandò de li compagni suoi;

123

  e perché tratto avean quell'arme a terra,
  portando al re sì poca riverenza.
  Di suoi compagni il duca d'Inghilterra
  diede a Grifon non falsa conoscenza:
  de l'arme ch'attaccate avean la guerra,
  disse che non n'avea troppa scienza;
  ma perché con Marfisa era venuto,
  dar le volea con Sansonetto aiuto.

124

  Quivi con Grifon stando il paladino,
  viene Aquilante, e lo conosce tosto
  che parlar col fratel l'ode vicino,
  e il voler cangia, ch'era mal disposto.
  Giungean molti di quei di Norandino,
  ma troppo non ardian venire accosto;
  e tanto più, vedendo i parlamenti,
  stavano cheti, e per udire intenti.

125

  Alcun ch'intende quivi esser Marfisa,
  che tiene al mondo il vanto in esser forte,
  volta il cavallo, e Norandino avisa
  che s'oggi non vuol perder la sua corte,
  proveggia, prima che sia tutta uccisa,
  di man trarla a Tesifone e alla Morte;
  perché Marfisa veramente è stata,
  che l'armatura in piazza gli ha levata.

126

  Come re Norandino ode quel nome
  così temuto per tutto Levante,
  che facea a molti anco arricciar le chiome,
  ben che spesso da lor fosse distante,
  è certo che ne debbia venir come
  dice quel suo, se non provede inante;
  però gli suoi, che già mutata l'ira
  hanno in timore, a sé richiama e tira.

127

  Da l'altra parte i figli d'Oliviero
  con Sansonetto e col figliuol d'Otone,
  supplicando a Marfisa, tanto fero,
  che si diè fine alla crudel tenzone.
  Marfisa, giunta al re, con viso altiero
  disse: — Io non so, signor, con che ragione
  vogli quest'arme dar, che tue non sono,
  al vincitor de le tue giostre in dono.

128

  Mie sono l'arme, e 'n mezzo de la via
  che vien d'Armenia, un giorno le lasciai,
  perché seguire a piè mi convenia
  un rubator che m'avea offesa assai:
  e la mia insegna testimon ne fia,
  che qui si vede, se notizia n'hai. —
  E la mostrò ne la corazza impressa,
  ch'era in tre parti una corona fessa.

129

  — Gli è ver (rispose il re) che mi fur date,
  son pochi dì, da un mercatante armeno;
  e se voi me l'avesse domandate,
  l'avreste avute, o vostre o no che sièno;
  ch'avenga ch'a Grifon già l'ho donate,
  ho tanta fede in lui, che nondimeno,
  acciò a voi darle avessi anche potuto,
  volentieri il mio don m'avria renduto.

130

  Non bisogna allegar, per farmi fede
  che vostre sien, che tengan vostra insegna:
  basti il dirmelo voi; che vi si crede
  più ch'a qual altro testimonio vegna.
  Che vostre sian vostr'arme si concede
  alla virtù di maggior premio degna.
  Or ve l'abbiate, e più non si contenda;
  e Grifon maggior premio da me prenda. —

131

  Grifon che poco a cor avea quell'arme,
  ma gran disio che 'l re si satisfaccia,
  gli disse: — Assai potete compensarme,
  se mi fate saper ch'io vi compiaccia. —
  Tra sé disse Marfisa: — Esser qui parme
  l'onor mio in tutto: — e con benigna faccia
  volle a Grifon de l'arme esser cortese;
  e finalmente in don da lui le prese.

132

  Ne la città con pace e con amore
  tornaro, ove le feste raddoppiarsi.
  Poi la giostra si fe', di che l'onore
  e 'l pregio Sansonetto fece darsi;
  ch'Astolfo e i duo fratelli e la migliore
  di lor, Marfisa, non volson provarsi,
  cercando, com'amici e buon compagni,
  che Sansonetto il pregio ne guadagni.

133

  Stati che sono in gran piacere e in festa
  con Norandino otto giornate o diece,
  perché l'amor di Francia gli molesta,
  che lasciar senza lor tanto non lece,
  tolgon licenza; e Marfisa, che questa
  via disiava, compagnia lor fece.
  Marfisa avuto avea lungo disire
  al paragon dei paladin venire;

134

  e far esperienza se l'effetto
  si pareggiava a tanta nominanza.
  Lascia un altro in suo loco Sansonetto,
  che di Ierusalem regga la stanza.
  Or questi cinque in un drappello eletto,
  che pochi pari al mondo han di possanza,
  licenziati dal re Norandino,
  vanno a Tripoli e al mar che v'è vicino.

135

  E quivi una caracca ritrovaro,
  che per Ponente mercanzie raguna.
  Per loro e pei cavalli s'accordaro
  con un vecchio patron ch'era da Luna.
  Mostrava d'ogn'intorno il tempo chiaro,
  ch'avrian per molti dì buona fortuna.
  Sciolser dal lito, avendo aria serena,
  e di buon vento ogni lor vela piena.

136

  L'isola sacra all'amorosa dea
  diede lor sotto un'aria il primo porto,
  che non ch'a offender gli uomini sia rea,
  ma stempra il ferro, e quivi è 'l viver corto.
  Cagion n'è un stagno: e certo non dovea
  Natura a Famagosta far quel torto
  d'appressarvi Costanza acre e maligna,
  quando al resto di Cipro è sì benigna.

137

  Il grave odor che la palude esala
  non lascia al legno far troppo soggiorno.
  Quindi a un greco—levante spiegò ogni ala,
  volando da man destra a Cipro intorno,
  e surse a Pafo, e pose in terra scala;
  e i naviganti uscir nel lito adorno,
  chi per merce levar, chi per vedere
  la terra d'amor piena e di piacere.

138

  Dal mar sei miglia o sette, a poco a poco
  si va salendo inverso il colle ameno.
  Mirti e cedri e naranci e lauri il loco,
  e mille altri soavi arbori han pieno.
  Serpillo e persa e rose e gigli e croco
  spargon da l'odorifero terreno
  tanta suavità, ch'in mar sentire
  la fa ogni vento che da terra spire.

139

  Da limpida fontana tutta quella
  piaggia rigando va un ruscel fecondo.
  Ben si può dir che sia di Vener bella
  il luogo dilettevole e giocondo;
  che v'è ogni donna affatto, ogni donzella
  piacevol più ch'altrove sia nel mondo:
  e fa la dea che tutte ardon d'amore,
  giovani e vecchie, infino all'ultime ore.

140

  Quivi odono il medesimo ch'udito
  di Lucina e de l'Orco hanno in Soria,
  e come di tornare ella a marito
  facea nuovo apparecchio in Nicosia.
  Quindi il padrone (essendosi espedito,
  e spirando buon vento alla sua via)
  l'ancore sarpa, e fa girar la proda
  verso ponente, ed ogni vela snoda.

141

  Al vento di maestro alzò la nave
  le vele all'orza, ed allargossi in alto.
  Un ponente—libecchio, che soave
  parve a principio e fin che 'l sol stette alto,
  e poi si fe' verso la sera grave,
  le leva incontra il mar con fiero assalto,
  con tanti tuoni e tanto ardor di lampi,
  che par che 'l ciel si spezzi e tutto avampi.

142

  Stendon le nubi un tenebroso velo
  che né sole apparir lascia né stella.
  Di sotto il mar, di sopra mugge il cielo,
  il vento d'ogn'intorno, e la procella
  che di pioggia oscurissima e di gelo
  i naviganti miseri flagella:
  e la notte più sempre si diffonde
  sopra l'irate e formidabil onde.

143

  I naviganti a dimostrare effetto
  vanno de l'arte in che lodati sono:
  chi discorre fischiando col fraschetto,
  e quanto han gli altri a far, mostra col suono;
  chi l'ancore apparechia da rispetto,
  e chi al mainare e chi alla scotta è buono;
  chi 'l timone, chi l'arbore assicura,
  chi la coperta di sgombrare ha cura.

144

  Crebbe il tempo crudel tutta la notte,
  caliginosa e più scura ch'inferno.
  Tien per l'alto il padrone, ove men rotte
  crede l'onde trovar, dritto il governo;
  e volta ad or ad or contra le botte
  del mar la proda, e de l'orribil verno,
  non senza speme mai che, come aggiorni,
  cessi fortuna, o più placabil torni.

145

  Non cessa e non si placa, e più furore
  mostra nel giorno, se pur giorno è questo,
  che si conosce al numerar de l'ore,
  non che per lume già sia manifesto.
  Or con minor speranza e più timore
  si dà in poter del vento il padron mesto:
  volta la poppa all'onde, e il mar crudele
  scorrendo se ne va con umil vele.

146

  Mentre Fortuna in mar questi travaglia,
  non lascia anco posar quegli altri in terra,
  che sono in Francia, ove s'uccide e taglia
  coi Saracini il popul d'Inghilterra.
  Quivi Rinaldo assale, apre e sbaraglia
  le schiere avverse, e le bandiere atterra.
  Dissi di lui, che 'l suo destrier Baiardo
  mosso avea contra a Dardinel gagliardo.

147

  Vide Rinaldo il segno del quartiero,
  di che superbo era il figliuol d'Almonte;
  e lo stimò gagliardo e buon guerriero,
  che concorrer d'insegna ardia col conte.
  Venne più appresso, e gli parea più vero;
  ch'avea d'intorno uomini uccisi a monte.
  — Meglio è (gridò) che prima io svella e spenga
  questo mal germe, che maggior divenga. —

148

  Dovunque il viso drizza il paladino,
  levasi ognuno, e gli dà larga strada;
  né men sgombra il fedel, che 'l Saracino,
  sì reverita è la famosa spada.
  Rinaldo, fuor che Dardinel meschino,
  non vede alcuno, e lui seguir non bada.
  Grida: — Fanciullo, gran briga ti diede
  chi ti lasciò di questo scudo erede.

149

  Vengo a te per provar, se tu m'attendi,
  come ben guardi il quartier rosso e bianco;
  che s'ora contra me non lo difendi,
  difender contra Orlando il potrai manco. —
  Rispose Dardinello: — Or chiaro apprendi
  che s'io lo porto, il so difender anco;
  e guadagnar più onor, che briga, posso
  del paterno quartier candido e rosso.

150

  Perché fanciullo io sia, non creder farme
  però fuggire, o che 'l quartier ti dia:
  la vita mi torrai, se mi toi l'arme;
  ma spero in Dio ch'anzi il contrario fia.
  Sia quel che vuol, non potrà alcun biasmarme
  che mai traligni alla progenie mia. —
  Così dicendo, con la spada in mano
  assalse il cavallier da Montalbano.

151

  Un timor freddo tutto 'l sangue oppresse,
  che gli Africani aveano intorno al core,
  come vider Rinaldo che si messe
  con tanta rabbia incontra a quel signore,
  con quanta andria un leon ch'al prato avesse
  visto un torel ch'ancor non senta amore.
  Il primo che ferì, fu 'l Saracino;
  ma picchiò invan su l'elmo di Mambrino.

152

  Rise Rinaldo, e disse: — Io vo' tu senta,
  s'io so meglio di te trovar la vena. —
  Sprona, e a un tempo al destrier la briglia allenta,
  e d'una punta con tal forza mena,
  d'una punta ch'al petto gli appresenta,
  che gli la fa apparir dietro alla schena.
  Quella trasse, al tornar, l'alma col sangue:
  di sella il corpo uscì freddo ed esangue.

153

  Come purpureo fior languendo muore,
  che 'l vomere al passar tagliato lassa;
  o come carco di superchio umore
  il papaver ne l'orto il capo abbassa:
  così, giù de la faccia ogni colore
  cadendo, Dardinel di vita passa;
  passa di vita, e fa passar con lui
  l'ardire e la virtù de tutti i sui.

154

  Qual soglion l'acque per umano ingegno
  stare ingorgate alcuna volta e chiuse,
  che quando lor vien poi rotto il sostegno,
  cascano, e van con gran rumor difuse;
  tal gli African, ch'avean qualche ritegno
  mentre virtù lor Dardinello infuse,
  ne vanno or sparti in questa parte e in quella,
  che l'han veduto uscir morto di sella.

155

  Chi vuol fuggir, Rinaldo fuggir lassa,
  ed attende a cacciar chi vuol star saldo.
  Si cade ovunque Ariodante passa,
  che molto va quel dì presso a Rinaldo.
  Altri Lionetto, altri Zerbin fracassa,
  a gara ognuno a far gran prove caldo.
  Carlo fa il suo dover, lo fa Oliviero,
  Turpino e Guido e Salamone e Ugiero.

156

  I Mori fur quel giorno in gran periglio
  che 'n Pagania non ne tornasse testa;
  ma 'l saggio re di Spagna dà di piglio,
  e se ne va con quel che in man gli resta.
  Restar in danno tien miglior consiglio,
  che tutti i denar perdere e la vesta:
  meglio è ritrarsi e salvar qualche schiera,
  che, stando, esser cagion che 'l tutto pèra.

157

  Verso gli alloggiamenti i segni invia,
  ch'eron serrati d'argine e di fossa,
  con Stordilan, col re d'Andologia,
  col Portughese in una squadra grossa.
  Manda a pregar il re di Barbaria,
  che si cerchi ritrar meglio che possa;
  e se quel giorno la persona e 'l loco
  potrà salvar, non avrà fatto poco.

158

  Quel re che si tenea spacciato al tutto,
  né mai credea più riveder Biserta,
  che con viso sì orribile e sì brutto
  unquanco non avea Fortuna esperta,
  s'allegrò che Marsilio avea ridutto
  parte del campo in sicurezza certa:
  ed a ritrarsi cominciò, e a dar volta
  alle bandiere, e fe' sonar raccolta.

159

  Ma la più parte de la gente rotta
  né tromba né tambur né segno ascolta:
  tanta fu la viltà, tanta la dotta,
  ch'in Senna se ne vide affogar molta.
  Il re Agramante vuol ridur la frotta:
  seco ha Sobrino, e van scorrendo in volta;
  e con lor s'affatica ogni buon duca,
  che nei ripari il campo si riduca.

160

  Ma né il re, né Sobrin, né duca alcuno
  con prieghi, con minacce, con affanno
  ritrar può il terzo, non ch'io dica ognuno,
  dove l'insegne mal seguite vanno.
  Morti o fuggiti ne son dua, per uno
  che ne rimane, e quel non senza danno:
  ferito è chi di dietro e chi davanti;
  ma travagliati e lassi tutti quanti.

161

  E con gran tema fin dentro alle porte
  dei forti alloggiamenti ebbon la caccia:
  ed era lor quel luogo anco mal forte,
  con ogni proveder che vi si faccia
  (che ben pigliar nel crin la buona sorte
  Carlo sapea, quando volgea la faccia),
  se non venia la notte tenebrosa,
  che staccò il fatto, ed acquetò ogni cosa;

162

  dal Creator accelerata forse,
  che de la sua fattura ebbe pietade.
  Ondeggiò il sangue per campagna, e corse
  come un gran fiume, e dilagò le strade.
  Ottantamila corpi numerorse,
  che fur quel dì messi per fil di spade.
  Villani e lupi uscir poi de le grotte
  a dispogliargli e a devorar la notte.

163

  Carlo non torna più dentro alla terra,
  ma contra gli nimici fuor s'accampa,
  ed in assedio le lor tende serra,
  ed alti e spessi fuochi intorno avampa.
  Il pagan si provede, e cava terra,
  fossi e ripari e bastioni stampa;
  va rivedendo, e tien le guardie deste,
  né tutta notte mai l'arme si sveste.

164

  Tutta la notte per gli alloggiamenti
  dei malsicuri Saracini oppressi
  si versan pianti, gemiti e lamenti,
  ma quanto più si può, cheti e soppressi.
  Altri, perché gli amici hanno e i parenti
  lasciati morti, ed altri per se stessi,
  che son feriti, e con disagio stanno:
  ma più è la tema del futuro danno.

165

  Duo Mori ivi fra gli altri si trovaro,
  d'oscura stirpe nati in Tolomitta;
  de' quai l'istoria, per esempio raro
  di vero amore, è degna esser descritta.
  Cloridano e Medor si nominaro,
  ch'alla fortuna prospera e alla afflitta
  aveano sempre amato Dardinello,
  ed or passato in Francia il mar con quello.

166

  Cloridan, cacciator tutta sua vita,
  di robusta persona era ed isnella:
  Medoro avea la guancia colorita
  e bianca e grata ne la età novella;
  e fra la gente a quella impresa uscita
  non era faccia più gioconda e bella:
  occhi avea neri, e chioma crespa d'oro:
  angel parea di quei del sommo coro.

167

  Erano questi duo sopra i ripari
  con molti altri a guardar gli alloggiamenti,
  quando la Notte fra distanze pari
  mirava il ciel con gli occhi sonnolenti.
  Medoro quivi in tutti i suoi parlari
  non può far che 'l signor suo non rammenti,
  Dardinello d'Almonte, e che non piagna
  che resti senza onor ne la campagna.

168

  Volto al compagno, disse: — O Cloridano,
  io non ti posso dir quanto m'incresca
  del mio signor, che sia rimaso al piano,
  per lupi e corbi, ohimé! troppo degna esca.
  Pensando come sempre mi fu umano,
  mi par che quando ancor questa anima esca
  in onor di sua fama, io non compensi
  né sciolga verso lui gli oblighi immensi.

169

  Io voglio andar, perché non stia insepulto
  in mezzo alla campagna, a ritrovarlo:
  e forse Dio vorrà ch'io vada occulto
  là dove tace il campo del re Carlo.
  Tu rimarrai; che quando in ciel sia sculto
  ch'io vi debba morir, potrai narrarlo:
  che se Fortuna vieta sì bell'opra,
  per fama almeno il mio buon cor si scuopra. —

170

  Stupisce Cloridan, che tanto core,
  tanto amor, tanta fede abbia un fanciullo:
  e cerca assai, perché gli porta amore,
  di fargli quel pensiero irrito e nullo;
  ma non gli val, perch'un sì gran dolore
  non riceve conforto né trastullo.
  Medoro era disposto o di morire,
  o ne la tomba il suo signor coprire.

171

  Veduto che nol piega e che nol muove,
  Cloridan gli risponde: — E verrò anch'io,
  anch'io vuo' pormi a sì lodevol pruove,
  anch'io famosa morte amo e disio.
  Qual cosa sarà mai che più mi giove,
  s'io resto senza te, Medoro mio?
  Morir teco con l'arme è meglio molto,
  che poi di duol, s'avvien che mi sii tolto. —

172

  Così disposti, messero in quel loco
  le successive guardie, e se ne vanno.
  Lascian fosse e steccati, e dopo poco
  tra' nostri son, che senza cura stanno.
  Il campo dorme, e tutto è spento il fuoco,
  perché dei Saracin poca tema hanno.
  Tra l'arme e' carriaggi stan roversi,
  nel vin, nel sonno insino agli occhi immersi.

173

  Fermossi alquanto Cloridano, e disse:
  — Non son mai da lasciar l'occasioni.
  Di questo stuol che 'l mio signor trafisse,
  non debbo far, Medoro, occisioni?
  Tu, perché sopra alcun non ci venisse,
  gli occhi e l'orecchi in ogni parte poni;
  ch'io m'offerisco farti con la spada
  tra gli nimici spaziosa strada. —

174

  Così disse egli, e tosto il parlar tenne,
  ed entrò dove il dotto Alfeo dormia,
  che l'anno inanzi in corte a Carlo venne,
  medico e mago e pien d'astrologia:
  ma poco a questa volta gli sovenne;
  anzi gli disse in tutto la bugia.
  Predetto egli s'avea, che d'anni pieno
  dovea morire alla sua moglie in seno:

175

  ed or gli ha messo il cauto Saracino
  la punta de la spada ne la gola.
  Quattro altri uccide appresso all'indovino,
  che non han tempo a dire una parola:
  menzion dei nomi lor non fa Turpino,
  e 'l lungo andar le lor notizie invola:
  dopo essi Palidon da Moncalieri,
  che sicuro dormia fra duo destrieri.

176

  Poi se ne vien dove col capo giace
  appoggiato al barile il miser Grillo:
  avealo voto, e avea creduto in pace
  godersi un sonno placido e tranquillo.
  Troncògli il capo il Saracino audace:
  esce col sangue il vin per uno spillo,
  di che n'ha in corpo più d'una bigoncia;
  e di ber sogna, e Cloridan lo sconcia.

177

  E presso a Grillo, un Greco ed un Tedesco
  spenge in dui colpi, Andropono e Conrado,
  che de la notte avean goduto al fresco
  gran parte, or con la tazza, ora col dado:
  felici, se vegghiar sapeano a desco
  fin che de l'Indo il sol passassi il guado.
  Ma non potria negli uomini il destino,
  se del futuro ognun fosse indovino.

178

  Come impasto leone in stalla piena,
  che lunga fame abbia smacrato e asciutto,
  uccide, scanna, mangia, a strazio mena
  l'infermo gregge in sua balìa condutto;
  così il crudel pagan nel sonno svena
  la nostra gente, e fa macel per tutto.
  La spada di Medoro anco non ebe;
  ma si sdegna ferir l'ignobil plebe.

179

  Venuto era ove il duca di Labretto
  con una dama sua dormia abbracciato;
  e l'un con l'altro si tenea sì stretto,
  che non saria tra lor l'aere entrato.
  Medoro ad ambi taglia il capo netto.
  Oh felice morire! oh dolce fato!
  che come erano i corpi, ho così fede
  ch'andar l'alme abbracciate alla lor sede.

180

  Malindo uccise e Ardalico il fratello,
  che del conte di Fiandra erano figli;
  e l'uno e l'altro cavallier novello
  fatto avea Carlo, e aggiunto all'arme i gigli,
  perché il giorno amendui d'ostil macello
  con gli stocchi tornar vide vermigli:
  e terre in Frisa avea promesso loro,
  e date avria; ma lo vietò Medoro.

181

  Gl'insidiosi ferri eran vicini
  ai padiglioni che tiraro in volta
  al padiglion di Carlo i paladini,
  facendo ognun la guardia la sua volta;
  quando da l'empia strage i Saracini
  trasson le spade, e diero a tempo volta;
  ch'impossibil lor par, tra sì gran torma,
  che non s'abbia a trovar un che non dorma.

182

  E ben che possan gir di preda carchi,
  salvin pur sé, che fanno assai guadagno.
  Ove più creda aver sicuri i varchi
  va Cloridano, e dietro ha il suo compagno.
  Vengon nel campo, ove fra spade ed archi
  e scudi e lance in un vermiglio stagno
  giaccion poveri e ricchi, e re e vassalli,
  e sozzopra con gli uomini i cavalli.

183

  Quivi dei corpi l'orrida mistura,
  che piena avea la gran campagna intorno,
  potea far vaneggiar la fedel cura
  dei duo compagni insino al far del giorno,
  se non traea fuor d'una nube oscura,
  a' prieghi di Medor, la Luna il corno.
  Medoro in ciel divotamente fisse
  verso la Luna gli occhi, e così disse:

184

  — O santa dea, che dagli antiqui nostri
  debitamente sei detta triforme;
  ch'in cielo, in terra e ne l'inferno mostri
  l'alta bellezza tua sotto più forme,
  e ne le selve, di fere e di mostri
  vai cacciatrice seguitando l'orme;
  mostrami ove 'l mio re giaccia fra tanti,
  che vivendo imitò tuoi studi santi. —

185

  La luna a quel pregar la nube aperse
  (o fosse caso o pur la tanta fede),
  bella come fu allor ch'ella s'offerse,
  e nuda in braccio a Endimion si diede.
  Con Parigi a quel lume si scoperse
  l'un campo e l'altro; e 'l monte e 'l pian si vede:
  si videro i duo colli di lontano,
  Martire a destra, e Lerì all'altra mano,

186

  Rifulse lo splendor molto più chiaro
  ove d'Almonte giacea morto il figlio.
  Medoro andò, piangendo, al signor caro;
  che conobbe il quartier bianco e vermiglio:
  e tutto 'l viso gli bagnò d'amaro
  pianto, che n'avea un rio sotto ogni ciglio,
  in sì dolci atti, in sì dolci lamenti,
  che potea ad ascoltar fermare i venti.

187

  Ma con sommessa voce e a pena udita;
  non che riguardi a non si far sentire,
  perch'abbia alcun pensier de la sua vita,
  più tosto l'odia, e ne vorrebbe uscire:
  ma per timor che non gli sia impedita
  l'opera pia che quivi il fe' venire.
  Fu il morto re sugli omeri sospeso
  di tramendui, tra lor partendo il peso.

188

  Vanno affrettando i passi quanto ponno,
  sotto l'amata soma che gl'ingombra.
  E già venìa chi de la luce è donno
  le stelle a tor del ciel, di terra l'ombra;
  quando Zerbino, a cui del petto il sonno
  l'alta virtude, ove è bisogno, sgombra,
  cacciato avendo tutta notte i Mori,
  al campo si traea nei primi albori.

189

  E seco alquanti cavallieri avea,
  che videro da lunge i dui compagni.
  Ciascuno a quella parte si traea,
  sperandovi trovar prede e guadagni.
  — Frate, bisogna (Cloridan dicea)
  gittar la soma, e dare opra ai calcagni;
  che sarebbe pensier non troppo accorto,
  perder duo vivi per salvar un morto. —

190

  E gittò il carco, perché si pensava
  che 'l suo Medoro il simil far dovesse:
  ma quel meschin, che 'l suo signor più amava,
  sopra le spalle sue tutto lo resse.
  L'altro con molta fretta se n'andava,
  come l'amico a paro o dietro avesse:
  se sapea di lasciarlo a quella sorte,
  mille aspettate avria, non ch'una morte.

191

  Quei cavallier, con animo disposto
  che questi a render s'abbino o a morire,
  chi qua chi là si spargono, ed han tosto
  preso ogni passo onde si possa uscire.
  Da loro il capitan poco discosto,
  più degli altri è sollicito a seguire;
  ch'in tal guisa vedendoli temere,
  certo è che sian de le nimiche schiere.

192

  Era a quel tempo ivi una selva antica,
  d'ombrose piante spessa e di virgulti,
  che, come labirinto, entro s'intrica
  di stretti calli e sol da bestie culti.
  Speran d'averla i duo pagan sì amica,
  ch'abbi a tenerli entro a' suoi rami occulti.
  Ma chi del canto mio piglia diletto,
  un'altra volta ad ascoltarlo aspetto.



CANTO DICIANNOVESIMO


1

  Alcun non può saper da chi sia amato,
  quando felice in su la ruota siede:
  però c'ha i veri e i finti amici a lato,
  che mostran tutti una medesma fede.
  Se poi si cangia in tristo il lieto stato,
  volta la turba adulatrice il piede;
  e quel che di cor ama riman forte,
  ed ama il suo signor dopo la morte.

2

  Se, come il viso, si mostrasse il core,
  tal ne la corte è grande e gli altri preme,
  e tal è in poca grazia al suo signore,
  che la lor sorte muteriano insieme.
  Questo umil diverria tosto il maggiore:
  staria quel grande infra le turbe estreme.
  Ma torniamo a Medor fedele e grato,
  che 'n vita e in morte ha il suo signore amato.

3

  Cercando già nel più intricato calle
  il giovine infelice di salvarsi;
  ma il grave peso ch'avea su le spalle,
  gli facea uscir tutti i partiti scarsi.
  Non conosce il paese, e la via falle,
  e torna fra le spine a invilupparsi.
  Lungi da lui tratto al sicuro s'era
  l'altro, ch'avea la spalla più leggiera.

4

  Cloridan s'è ridutto ove non sente
  di chi segue lo strepito e il rumore:
  ma quando da Medor si vede assente,
  gli pare aver lasciato a dietro il core.
  — Deh, come fui (dicea) sì negligente,
  deh, come fui sì di me stesso fuore,
  che senza te, Medor, qui mi ritrassi,
  né sappia quando o dove io ti lasciassi! —

5

  Così dicendo, ne la torta via
  de l'intricata selva si ricaccia;
  ed onde era venuto si ravvia,
  e torna di sua morte in su la traccia.
  Ode i cavalli e i gridi tuttavia,
  e la nimica voce che minaccia:
  all'ultimo ode il suo Medoro, e vede
  che tra molti a cavallo è solo a piede.

6

  Cento a cavallo, e gli son tutti intorno:
  Zerbin commanda e grida che sia preso.
  L'infelice s'aggira com'un torno,
  e quanto può si tien da lor difeso,
  or dietro quercia, or olmo, or faggio, or orno,
  né si discosta mai dal caro peso.
  L'ha riposato al fin su l'erba, quando
  regger nol puote, e gli va intorno errando:

7

  come orsa, che l'alpestre cacciatore
  ne la pietrosa tana assalita abbia,
  sta sopra i figli con incerto core,
  e freme in suono di pietà e di rabbia:
  ira la 'nvita e natural furore
  a spiegar l'ugne e a insanguinar le labbia;
  amor la 'ntenerisce, e la ritira
  a riguardare ai figli in mezzo l'ira.

8

  Cloridan, che non sa come l'aiuti,
  e ch'esser vuole a morir seco ancora,
  ma non ch'in morte prima il viver muti,
  che via non truovi ove più d'un ne mora;
  mette su l'arco un de' suoi strali acuti,
  e nascoso con quel sì ben lavora,
  che fora ad uno Scotto le cervella,
  e senza vita il fa cader di sella.

9

  Volgonsi tutti gli altri a quella banda
  ond'era uscito il calamo omicida.
  Intanto un altro il Saracin ne manda,
  perché 'l secondo a lato al primo uccida;
  che mentre in fretta a questo e a quel domanda
  chi tirato abbia l'arco, e forte grida,
  lo strale arriva e gli passa la gola,
  e gli taglia pel mezzo la parola.

10

  Or Zerbin, ch'era il capitano loro,
  non poté a questo aver più pazienza.
  Con ira e con furor venne a Medoro,
  dicendo: — Ne farai tu penitenza. —
  Stese la mano in quella chioma d'oro,
  e strascinollo a sé con violenza:
  ma come gli occhi a quel bel volto mise,
  gli ne venne pietade, e non l'uccise.

11

  Il giovinetto si rivolse a' prieghi,
  e disse: — Cavallier, per lo tuo Dio,
  non esser sì crudel, che tu mi nieghi
  ch'io sepelisca il corpo del re mio.
  Non vo' ch'altra pietà per me ti pieghi,
  né pensi che di vita abbi disio:
  ho tanta di mia vita, e non più, cura,
  quanta ch'al mio signor dia sepultura.

12

  E se pur pascer vòi fiere ed augelli,
  che 'n te il furor sia del teban Creonte,
  fa lor convito di miei membri, e quelli
  sepelir lascia del figliuol d'Almonte. —
  Così dicea Medor con modi belli,
  e con parole atte a voltare un monte;
  e sì commosso già Zerbino avea,
  che d'amor tutto e di pietade ardea.

13

  In questo mezzo un cavallier villano,
  avendo al suo signor poco rispetto,
  ferì con una lancia sopra mano
  al supplicante il delicato petto.
  Spiacque a Zerbin l'atto crudele e strano;
  tanto più, che del colpo il giovinetto
  vide cader sì sbigottito e smorto,
  che 'n tutto giudicò che fosse morto.

14

  E se ne sdegnò in guisa e se ne dolse,
  che disse: — Invendicato già non fia! —
  e pien di mal talento si rivolse
  al cavallier che fe' l'impresa ria:
  ma quel prese vantaggio, e se gli tolse
  dinanzi in un momento, e fuggì via.
  Cloridan, che Medor vede per terra,
  salta del bosco a discoperta guerra.

15

  E getta l'arco, e tutto pien di rabbia
  tra gli nimici il ferro intorno gira,
  più per morir, che per pensier ch'egli abbia
  di far vendetta che pareggi l'ira.
  Del proprio sangue rosseggiar la sabbia
  fra tante spade, e al fin venir si mira;
  e tolto che si sente ogni potere,
  si lascia a canto al suo Medor cadere.

16

  Seguon gli Scotti ove la guida loro
  per l'alta selva alto disdegno mena,
  poi che lasciato ha l'uno e l'altro Moro,
  l'un morto in tutto, e l'altro vivo a pena.
  Giacque gran pezzo il giovine Medoro,
  spicciando il sangue da sì larga vena,
  che di sua vita al fin saria venuto,
  se non sopravenia chi gli diè aiuto.

17

  Gli sopravenne a caso una donzella,
  avolta in pastorale ed umil veste,
  ma di real presenza e in viso bella,
  d'alte maniere e accortamente oneste.
  Tanto è ch'io non ne dissi più novella,
  ch'a pena riconoscer la dovreste:
  questa, se non sapete, Angelica era,
  del gran Can del Catai la figlia altiera.

18

  Poi che 'l suo annello Angelica riebbe,
  di che Brunel l'avea tenuta priva,
  in tanto fasto, in tanto orgoglio crebbe,
  ch'esser parea di tutto 'l mondo schiva.
  Se ne va sola, e non si degnerebbe
  compagno aver qual più famoso viva:
  si sdegna a rimembrar che già suo amante
  abbia Orlando nomato, o Sacripante.

19

  E sopra ogn'altro error via più pentita
  era del ben che già a Rinaldo volse,
  troppo parendole essersi avilita,
  ch'a riguardar sì basso gli occhi volse.
  Tant'arroganza avendo Amor sentita,
  più lungamente comportar non volse:
  dove giacea Medor, si pose al varco,
  e l'aspettò, posto lo strale all'arco.

20

  Quando Angelica vide il giovinetto
  languir ferito, assai vicino a morte,
  che del suo re che giacea senza tetto,
  più che del proprio mal si dolea forte;
  insolita pietade in mezzo al petto
  si sentì entrar per disusate porte,
  che le fe' il duro cor tenero e molle,
  e più, quando il suo caso egli narrolle.

21

  E rivocando alla memoria l'arte
  ch'in India imparò già di chirugia
  (che par che questo studio in quella parte
  nobile e degno e di gran laude sia;
  e senza molto rivoltar di carte,
  che 'l patre ai figli ereditario il dia),
  si dispose operar con succo d'erbe,
  ch'a più matura vita lo riserbe.

22

  E ricordossi che passando avea
  veduta un'erba in una piaggia amena;
  fosse dittamo, o fosse panacea,
  o non so qual, di tal effetto piena,
  che stagna il sangue, e de la piaga rea
  leva ogni spasmo e perigliosa pena.
  La trovò non lontana, e quella colta,
  dove lasciato avea Medor, diè volta.

23

  Nel ritornar s'incontra in un pastore
  ch'a cavallo pel bosco ne veniva,
  cercando una iuvenca, che già fuore
  duo dì di mandra e senza guardia giva.
  Seco lo trasse ove perdea il vigore
  Medor col sangue che del petto usciva;
  e già n'avea di tanto il terren tinto,
  ch'era omai presso a rimanere estinto.

24

  Del palafreno Angelica giù scese,
  e scendere il pastor seco fece anche.
  Pestò con sassi l'erba, indi la prese,
  e succo ne cavò fra le man bianche;
  ne la piaga n'infuse, e ne distese
  e pel petto e pel ventre e fin a l'anche:
  e fu di tal virtù questo liquore,
  che stagnò il sangue, e gli tornò il vigore;

25

  e gli diè forza, che poté salire
  sopra il cavallo che 'l pastor condusse.
  Non però volse indi Medor partire
  prima ch'in terra il suo signor non fusse.
  E Cloridan col re fe' sepelire;
  e poi dove a lei piacque si ridusse.
  Ed ella per pietà ne l'umil case
  del cortese pastor seco rimase.

26

  Né fin che nol tornasse in sanitade,
  volea partir: così di lui fe' stima,
  tanto se intenerì de la pietade
  che n'ebbe, come in terra il vide prima.
  Poi vistone i costumi e la beltade,
  roder si sentì il cor d'ascosa lima;
  roder si sentì il core, e a poco a poco
  tutto infiammato d'amoroso fuoco.

27

  Stava il pastore in assai buona e bella
  stanza, nel bosco infra duo monti piatta,
  con la moglie e coi figli; ed avea quella
  tutta di nuovo e poco inanzi fatta.
  Quivi a Medoro fu per la donzella
  la piaga in breve a sanità ritratta:
  ma in minor tempo si sentì maggiore
  piaga di questa avere ella nel core.

28

  Assai più larga piaga e più profonda
  nel cor sentì da non veduto strale,
  che da' begli occhi e da la testa bionda
  di Medoro aventò l'Arcier c'ha l'ale.
  Arder si sente, e sempre il fuoco abonda;
  e più cura l'altrui che 'l proprio male:
  di sé non cura, e non è ad altro intenta,
  ch'a risanar chi lei fere e tormenta.

29

  La sua piaga più s'apre e più incrudisce,
  quanto più l'altra si ristringe e salda.
  Il giovine si sana: ella languisce
  di nuova febbre, or agghiacciata, or calda.
  Di giorno in giorno in lui beltà fiorisce:
  la misera si strugge, come falda
  strugger di nieve intempestiva suole,
  ch'in loco aprico abbia scoperta il sole.

30

  Se di disio non vuol morir, bisogna
  che senza indugio ella se stessa aiti:
  e ben le par che di quel ch'essa agogna,
  non sia tempo aspettar ch'altri la 'nviti.
  Dunque, rotto ogni freno di vergogna,
  la lingua ebbe non men che gli occhi arditi:
  e di quel colpo domandò mercede,
  che, forse non sapendo, esso le diede.

31

  O conte Orlando, o re di Circassia,
  vostra inclita virtù, dite, che giova?
  Vostro alto onor dite in che prezzo sia,
  o che mercé vostro servir ritruova.
  Mostratemi una sola cortesia
  che mai costei v'usasse, o vecchia o nuova,
  per ricompensa e guidardone e merto
  di quanto avete già per lei sofferto.

32

  Oh se potessi ritornar mai vivo,
  quanto ti parria duro, o re Agricane!
  che già mostrò costei sì averti a schivo
  con repulse crudeli ed inumane.
  O Ferraù, o mille altri ch'io non scrivo,
  ch'avete fatto mille pruove vane
  per questa ingrata, quanto aspro vi fôra,
  s'a costu' in braccio voi la vedesse ora!

33

  Angelica a Medor la prima rosa
  coglier lasciò, non ancor tocca inante:
  né persona fu mai sì aventurosa,
  ch'in quel giardin potesse por le piante.
  Per adombrar, per onestar la cosa,
  si celebrò con cerimonie sante
  il matrimonio, ch'auspice ebbe Amore,
  e pronuba la moglie del pastore.

34

  Fersi le nozze sotto all'umil tetto
  le più solenni che vi potean farsi;
  e più d'un mese poi stero a diletto
  i duo tranquilli amanti a ricrearsi.
  Più lunge non vedea del giovinetto
  la donna, né di lui potea saziarsi;
  né, per mai sempre pendergli dal collo,
  il suo disir sentia di lui satollo.

35

  Se stava all'ombra o se del tetto usciva,
  avea dì e notte il bel giovine a lato:
  matino e sera or questa or quella riva
  cercando andava, o qualche verde prato:
  nel mezzo giorno un antro li copriva,
  forse non men di quel commodo e grato,
  ch'ebber, fuggendo l'acque, Enea e Dido,
  de' lor secreti testimonio fido.

36

  Fra piacer tanti, ovunque un arbor dritto
  vedesse ombrare o fonte o rivo puro,
  v'avea spillo o coltel subito fitto;
  così, se v'era alcun sasso men duro:
  ed era fuori in mille luoghi scritto,
  e così in casa in altritanti il muro,
  Angelica e Medoro, in vari modi
  legati insieme di diversi nodi.

37

  Poi che le parve aver fatto soggiorno
  quivi più ch'a bastanza, fe' disegno
  di fare in India del Catai ritorno,
  e Medor coronar del suo bel regno.
  Portava al braccio un cerchio d'oro, adorno
  di ricche gemme, in testimonio e segno
  del ben che 'l conte Orlando le volea;
  e portato gran tempo ve l'avea.

38

  Quel donò già Morgana a Ziliante,
  nel tempo che nel lago ascoso il tenne;
  ed esso, poi ch'al padre Monodante,
  per opra e per virtù d'Orlando venne,
  lo diede a Orlando: Orlando ch'era amante,
  di porsi al braccio il cerchio d'or sostenne,
  avendo disegnato di donarlo
  alla regina sua di ch'io vi parlo.

39

  Non per amor del paladino, quanto
  perch'era ricco e d'artificio egregio,
  caro avuto l'avea la donna tanto,
  che più non si può aver cosa di pregio.
  Se lo serbò ne l'Isola del pianto,
  non so già dirvi con che privilegio,
  là dove esposta al marin mostro nuda
  fu da la gente inospitale e cruda.

40

  Quivi non si trovando altra mercede
  ch'al buon pastor ed alla moglie dessi,
  che serviti gli avea con sì gran fede
  dal dì che nel suo albergo si fur messi,
  levò dal braccio il cerchio e gli lo diede,
  e volse per suo amor che lo tenessi.
  Indi saliron verso la montagna
  che divide la Francia da la Spagna.

41

  Dentro a Valenza o dentro a Barcellona
  per qualche giorno avea pensato porsi,
  fin che accadesse alcuna nave buona
  che per Levante apparecchiasse a sciorsi.
  Videro il mar scoprir sotto a Girona
  ne lo smontar giù dei montani dorsi;
  e costeggiando a man sinistra il lito,
  a Barcellona andar pel camin trito.

42

  Ma non vi giunser prima, ch'un uom pazzo
  giacer trovato in su l'estreme arene,
  che, come porco, di loto e di guazzo
  tutto era brutto e volto e petto e schene.
  Costui si scagliò lor come cagnazzo
  ch'assalir forestier subito viene;
  e diè lor noia, e fu per far lor scorno.
  Ma di Marfisa a ricontarvi torno.

43

  Di Marfisa, d'Astolfo, d'Aquilante,
  di Grifone e degli altri io vi vuo' dire,
  che travagliati, e con la morte inante,
  mal si poteano incontra il mar schermire:
  che sempre più superba e più arrogante
  crescea fortuna le minacce e l'ire;
  e già durato era tre dì lo sdegno,
  né di placarsi ancor mostrava segno.

44

  Castello e ballador spezza e fracassa
  l'onda nimica e 'l vento ognor più fiero:
  se parte ritta il verno pur ne lassa,
  la taglia e dona al mar tutta il nocchiero.
  Chi sta col capo chino in una cassa
  su la carta appuntando il suo sentiero
  a lume di lanterna piccolina,
  e chi col torchio giù ne la sentina.

45

  Un sotto poppe, un altro sotto prora
  si tiene inanzi l'oriuol da polve:
  e torna a rivedere ogni mezz'ora
  quanto è già corso, ed a che via si volve:
  indi ciascun con la sua carta fuora
  a mezza nave il suo parer risolve,
  là dove a un tempo i marinari tutti
  sono a consiglio dal padron ridutti.

46

  Chi dice: — Sopra Linmissò venuti
  siamo, per quel ch'io trovo, alle seccagne; —
  chi: — Di Tripoli appresso i sassi acuti,
  dove il mar le più volte i legni fragne; —
  chi dice: — Siamo in Satalia perduti,
  per cui più d'un nocchier sospira e piagne. —
  Ciascun secondo il parer suo argomenta,
  ma tutti ugual timor preme e sgomenta.

47

  Il terzo giorno con maggior dispetto
  gli assale il vento, e il mar più irato freme;
  e l'un ne spezza e portane il trinchetto,
  e 'l timon l'altro, e chi lo volge insieme.
  Ben è di forte e di marmoreo petto
  e più duro ch'acciar, ch'ora non teme.
  Marfisa, che già fu tanto sicura,
  non negò che quel giorno ebbe paura.

48

  Al monte Sinaì fu peregrino,
  a Gallizia promesso, a Cipro, a Roma,
  al Sepolcro, alla Vergine d'Ettino,
  e se celebre luogo altro si noma.
  Sul mare intanto, e spesso al ciel vicino
  l'afflitto e conquassato legno toma,
  di cui per men travaglio avea il padrone
  fatto l'arbor tagliar de l'artimone.

49

  E colli e casse e ciò che v'è di grave
  gitta da prora e da poppe e da sponde;
  e fa tutte sgombrar camere e giave,
  e dar le ricche merci all'avide onde.
  Altri attende alle trombe, e a tor di nave
  l'acque importune, e il mar nel mar rifonde;
  soccorre altri in sentina, ovunque appare
  legno da legno aver sdrucito il mare.

50

  Stero in questo travaglio, in questa pena
  ben quattro giorni, e non avean più schermo;
  e n'avria avuto il mar vittoria piena,
  poco più che 'l furor tenesse fermo:
  ma diede speme lor d'aria serena
  la disiata luce di santo Ermo,
  ch'in prua s'una cocchina a por si venne;
  che più non v'erano arbori né antenne.

51

  Veduto fiammeggiar la bella face,
  s'inginocchiaro tutti i naviganti,
  e domandaro il mar tranquillo e pace
  con umidi occhi e con voci tremanti.
  La tempesta crudel, che pertinace
  fu sin allora, non andò più inanti:
  Maestro e Traversia più non molesta,
  e sol del mar tiràn Libecchio resta.

52

  Questo resta sul mar tanto possente,
  e da la negra bocca in modo esala,
  ed è con lui sì il rapido corrente
  de l'agitato mar ch'in fretta cala,
  che porta il legno più velocemente,
  che pelegrin falcon mai facesse ala,
  con timor del nocchier ch'al fin del mondo
  non lo trasporti, o rompa, o cacci al fondo.

53

  Rimedio a questo il buon nocchier ritruova,
  che commanda gittar per poppa spere,
  e caluma la gomona, e fa pruova
  di duo terzi del corso ritenere.
  Questo consiglio, e più l'augurio giova
  di chi avea acceso in proda le lumiere:
  questo il legno salvò che peria forse,
  e fe' ch'in alto mar sicuro corse.

54

  Nel golfo di Laiazzo invêr Soria
  sopra una gran città si trovò sorto,
  e sì vicino al lito, che scopria
  l'uno e l'altro castel che serra il porto.
  Come il padron s'accorse de la via
  che fatto avea, ritornò in viso smorto;
  che né porto pigliar quivi volea,
  né stare in alto, né fuggir potea.

55

  Né potea stare in alto, né fuggire,
  che gli arbori e l'antenne avea perdute:
  eran tavole e travi pel ferire
  del mar, sdrucite, macere e sbattute.
  E 'l pigliar porto era un voler morire,
  o perpetuo legarsi in servitute;
  che riman serva ogni persona, o morta,
  che quivi errore o ria fortuna porta.

56

  E 'l stare in dubbio era con gran periglio
  che non salisser genti de la terra
  con legni armati, e al suo desson di piglio,
  mal atto a star sul mar, non ch'a far guerra.
  Mentre il padron non sa pigliar consiglio,
  fu domandato da quel d'Inghilterra,
  chi gli tenea sì l'animo suspeso,
  e perché già non avea il porto preso.

57

  Il padron narrò lui che quella riva
  tutta tenean le femine omicide,
  di quai l'antiqua legge ognun ch'arriva
  in perpetuo tien servo, o che l'uccide;
  e questa sorte solamente schiva
  chi nel campo dieci uomini conquide,
  e poi la notte può assaggiar nel letto
  diece donzelle con carnal diletto.

58

  E se la prima pruova gli vien fatta,
  e non fornisca la seconda poi,
  egli vien morto, e chi è con lui si tratta
  da zappatore o da guardian di buoi.
  Se di far l'uno e l'altro è persona atta,
  impetra libertade a tutti i suoi;
  a sé non già, c'ha da restar marito
  di diece donne, elette a suo appetito.

59

  Non poté udire Astolfo senza risa
  de la vicina terra il rito strano.
  Sopravien Sansonetto, e poi Marfisa,
  indi Aquilante, e seco il suo germano.
  Il padron parimente lor divisa
  la causa che dal porto il tien lontano:
  — Voglio (dicea) che inanzi il mar m'affoghi,
  ch'io senta mai di servitude i gioghi. —

60

  Del parer del padrone i marinari
  e tutti gli altri naviganti furo;
  ma Marfisa e' compagni eran contrari,
  che, più che l'acque, il lito avean sicuro.
  Via più il vedersi intorno irati i mari,
  che centomila spade, era lor duro.
  Parea lor questo e ciascun altro loco
  dov'arme usar potean, da temer poco.

61

  Bramavano i guerrier venire a proda,
  ma con maggior baldanza il duca inglese;
  che sa, come del corno il rumor s'oda,
  sgombrar d'intorno si farà il paese.
  Pigliare il porto l'una parte loda,
  e l'altra il biasma, e sono alle contese;
  ma la più forte in guisa il padron stringe,
  ch'al porto, suo malgrado, il legno spinge.

62

  Già, quando prima s'erano alla vista
  de la città crudel sul mar scoperti,
  veduto aveano una galea provista
  di molta ciurma e di nochieri esperti
  venire al dritto a ritrovar la trista
  nave, confusa di consigli incerti;
  che, l'alta prora alle sua poppe basse
  legando, fuor de l'empio mar la trasse.

63

  Entrar nel porto remorchiando, e a forza
  di remi più che per favor di vele;
  però che l'alternar di poggia e d'orza
  avea levato il vento lor crudele.
  Intanto ripigliar la dura scorza
  i cavallieri e il brando lor fedele;
  ed al padrone ed a ciascun che teme
  non cessan dar con lor conforti speme.

64

  Fatto è 'l porto a sembianza d'una luna,
  e gira più di quattro miglia intorno:
  seicento passi è in bocca, ed in ciascuna
  parte una rocca ha nel finir del corno.
  Non teme alcuno assalto di fortuna,
  se non quando gli vien dal mezzogiorno.
  A guisa di teatro se gli stende
  la città a cerco, e verso il poggio ascende.

65

  Non fu quivi sì tosto il legno sorto
  (già l'aviso era per tutta la terra),
  che fur seimila femine sul porto,
  con gli archi in mano, in abito di guerra;
  e per tor de la fuga ogni conforto,
  tra l'una rocca e l'altra il mar si serra:
  da navi e da catene fu rinchiuso,
  che tenean sempre istrutte a cotal uso.

66

  Una che d'anni alla Cumea d'Apollo
  poté uguagliarsi e alla madre d'Ettorre,
  fe' chiamare il padrone, e domandollo
  se si volean lasciar la vita torre,
  o se voleano pur al giogo il collo,
  secondo la costuma, sottoporre.
  Degli dua l'uno aveano a torre: o quivi
  tutti morire, o rimaner captivi.

67

  — Gli è ver (dicea) che s'uom si ritrovasse
  tra voi così animoso e così forte,
  che contra dieci nostri uomini osasse
  prender battaglia, e desse lor la morte,
  e far con diece femine bastasse
  per una notte ufficio di consorte;
  egli si rimarria principe nostro,
  e gir voi ne potreste al camin vostro.

68

  E sarà in vostro arbitrio il restar anco,
  vogliate o tutti o parte; ma con patto,
  che chi vorrà restare, e restar franco,
  marito sia per diece femine atto.
  Ma quando il guerrier vostro possa manco
  dei dieci che gli fian nimici a un tratto,
  o la seconda pruova non fornisca,
  vogliàn voi siate schiavi, egli perisca. —

69

  Dove la vecchia ritrovar timore
  credea nei cavallier, trovò baldanza;
  che ciascun si tenea tal feritore,
  che fornir l'uno e l'altro avea speranza:
  ed a Marfisa non mancava il core,
  ben che mal atta alla seconda danza;
  ma dove non l'aitasse la natura,
  con la spada supplir stava sicura.

70

  Al padron fu commessa la risposta,
  prima conchiusa per commun consiglio:
  ch'avean chi lor potria di sé a lor posta
  ne la piazza e nel letto far periglio.
  Levan l'offese, ed il nocchier s'accosta,
  getta la fune e le fa dar di piglio;
  e fa acconciare il ponte, onde i guerrieri
  escono armati, e tranno i lor destrieri.

71

  E quindi van per mezzo la cittade,
  e vi ritruovan le donzelle altiere,
  succinte cavalcar per le contrade,
  ed in piazza armeggiar come guerriere.
  Né calciar quivi spron, né cinger spade,
  né cosa d'arme puoi gli uomini avere,
  se non dieci alla volta, per rispetto
  de l'antiqua costuma ch'io v'ho detto.

72

  Tutti gli altri alla spola, all'aco, al fuso,
  al pettine ed all'aspo sono intenti,
  con vesti feminil che vanno giuso
  insin al piè, che gli fa molli e lenti.
  Si tengono in catena alcuni ad uso
  d'arar la terra o di guardar gli armenti.
  Son pochi i maschi, e non son ben, per mille
  femine, cento, fra cittadi e ville.

73

  Volendo tôrre i cavallieri a sorte
  chi di lor debba, per commune scampo
  l'una decina in piazza porre a morte,
  e poi l'altra ferir ne l'altro campo;
  non disegnavan di Marfisa forte,
  stimando che trovar dovesse inciampo
  ne la seconda giostra de la sera,
  ch'ad averne vittoria abil non era.

74

  Ma con gli altri esser volse ella sortita:
  or sopra lei la sorte in somma cade.
  Ella dicea: — Prima v'ho a por la vita,
  che v'abbiate a por voi la libertade;
  ma questa spada (e lor la spada addita,
  che cinta avea) vi do per securtade
  ch'io vi sciorrò tutti gl'intrichi al modo
  che fe' Alessandro il gordiano nodo.

75

  Non vuo' mai più che forestier si lagni
  di questa terra, fin che 'l mondo dura. —
  Così disse; e non potero i compagni
  torle quel che le dava sua aventura.
  Dunque, o ch'in tutto perda, o lor guadagni
  la libertà, le lasciano la cura.
  Ella di piastre già guernita e maglia,
  s'appresentò nel campo alla battaglia.

76

  Gira una piazza al sommo de la terra,
  di gradi a seder atti intorno chiusa;
  che solamente a giostre, a simil guerra,
  a cacce, a lotte, e non ad altro s'usa:
  quattro porte ha di bronzo, onde si serra.
  Quivi la moltitudine confusa
  de l'armigere femine si trasse;
  e poi fu detto a Marfisa ch'entrasse.

77

  Entrò Marfisa s'un destrier leardo,
  tutto sparso di macchie e di rotelle,
  di piccol capo e d'animoso sguardo,
  d'andar superbo e di fattezze belle.
  Pel maggiore e più vago e più gagliardo,
  di mille che n'avea con briglie e selle,
  scelse in Damasco, e realmente ornollo,
  ed a Marfisa Norandin donollo.

78

  Da mezzogiorno e da la porta d'austro
  entrò Marfisa; e non vi stette guari,
  ch'appropinquare e risonar pel claustro
  udì di trombe acuti suoni e chiari:
  e vide poi di verso il freddo plaustro
  entrar nel campo i dieci suoi contrari.
  Il primo cavallier ch'apparve inante,
  di valer tutto il resto avea sembiante.

79

  Quel venne in piazza sopra un gran destriero,
  che, fuor ch'in fronte e nel piè dietro manco,
  era, più che mai corbo, oscuro e nero:
  nel piè e nel capo avea alcun pelo bianco.
  Del color del cavallo il cavalliero
  vestito, volea dir che, come manco
  del chiaro era l'oscuro, era altretanto
  il riso in lui verso l'oscuro pianto.

80

  Dato che fu de la battaglia il segno,
  nove guerrier l'aste chinaro a un tratto:
  ma quel dal nero ebbe il vantaggio a sdegno;
  si ritirò, né di giostrar fece atto.
  Vuol ch'alle leggi inanzi di quel regno,
  ch'alla sua cortesia, sia contrafatto.
  Si tra' da parte e sta a veder le pruove
  ch'una sola asta farà contra a nove.

81

  Il destrier, ch'avea andar trito e soave,
  portò all'incontro la donzella in fretta,
  che nel corso arrestò lancia sì grave,
  che quattro uomini avriano a pena retta.
  L'avea pur dianzi al dismontar di nave
  per la più salda in molte antenne eletta.
  Il fier sembiante con ch'ella si mosse,
  mille facce imbiancò, mille cor scosse.

82

  Aperse al primo che trovò sì il petto,
  che fôra assai che fosse stato nudo:
  gli passò la corazza e il soprapetto,
  ma prima un ben ferrato e grosso scudo.
  Dietro le spalle un braccio il ferro netto
  si vide uscir: tanto fu il colpo crudo.
  Quel fitto ne la lancia a dietro lassa,
  e sopra gli altri a tutta briglia passa.

83

  E diede d'urto a chi venìa secondo,
  ed a chi terzo sì terribil botta,
  che rotto ne la schiena uscir del mondo
  fe' l'uno e l'altro, e de la sella a un'otta;
  sì duro fu l'incontro e di tal pondo,
  sì stretta insieme ne venìa la frotta.
  Ho veduto bombarde a quella guisa
  le squadre aprir, che fe' lo stuol Marfisa.

84

  Sopra di lei più lance rotte furo;
  ma tanto a quelli colpi ella si mosse,
  quanto nel giuoco de le cacce un muro
  si muova a' colpi de le palle grosse.
  L'usbergo suo di tempra era sì duro,
  che non gli potean contra le percosse;
  e per incanto al fuoco de l'Inferno
  cotto, e temprato all'acque fu d'Averno.

85

  Al fin del campo il destrier tenne e volse,
  e fermò alquanto: e in fretta poi lo spinse
  incontra gli altri, e sbarragliolli e sciolse,
  e di lor sangue insin all'elsa tinse.
  All'uno il capo, all'altro il braccio tolse;
  e un altro in guisa con la spada cinse,
  che 'l petto in terra andò col capo ed ambe
  le braccia, e in sella il ventre era e le gambe.

86

  Lo partì, dico, per dritta misura,
  de le coste e de l'anche alle confine,
  e lo fe' rimaner mezza figura,
  qual dinanzi all'imagini divine,
  poste d'argento, e più di cera pura
  son da genti lontane e da vicine,
  ch'a ringraziarle e sciorre il voto vanno
  de le domande pie ch'ottenute hanno.

87

  Ad uno che fuggia, dietro si mise,
  né fu a mezzo la piazza, che lo giunse;
  e 'l capo e 'l collo in modo gli divise,
  che medico mai più non lo raggiunse.
  In somma tutti un dopo l'altro uccise,
  o ferì sì ch'ogni vigor n'emunse;
  e fu sicura che levar di terra
  mai più non si potrian per farle guerra.

88

  Stato era il cavallier sempre in un canto,
  che la decina in piazza avea condutta;
  però che contra un solo andar con tanto
  vantaggio opra gli parve iniqua e brutta.
  Or che per una man torsi da canto
  vide sì tosto la compagna tutta,
  per dimostrar che la tardanza fosse
  cortesia stata e non timor, si mosse.

89

  Con man fe' cenno di volere, inanti
  che facesse altro, alcuna cosa dire;
  e non pensando in sì viril sembianti
  che s'avesse una vergine a coprire,
  le disse; — Cavalliero, omai di tanti
  esser déi stanco, c'hai fatto morire;
  e s'io volessi, più di quel che sei,
  stancarti ancor, discortesia farei.

90

  Che ti risposi in sino al giorno nuovo,
  e doman torni in campo, ti concedo.
  Non mi fia onor se teco oggi mi pruovo,
  che travagliato e lasso esser ti credo. —
  — Il travagliare in arme non m'è nuovo,
  né per sì poco alla fatica cedo
  (disse Marfisa); e spero ch'a tuo costo
  io ti farò di questo aveder tosto.

91

  De la cortese offerta ti ringrazio,
  ma riposare ancor non mi bisogna;
  e ci avanza del giorno tanto spazio,
  ch'a porlo tutto in ozio è pur vergogna. —
  Rispose il cavallier: — Fuss'io sì sazio
  d'ogn'altra cosa che 'l mio core agogna,
  come t'ho in questo da saziar; ma vedi
  che non ti manchi il dì più che non credi. —

92

  Così disse egli, e fe' portare in fretta
  due grosse lance, anzi due gravi antenne;
  ed a Marfisa dar ne fe' l'eletta:
  tolse l'altra per sé, ch'indietro venne.
  Già sono in punto, ed altro non s'aspetta
  ch'un alto suon che lor la giostra accenne.
  Ecco la terra e l'aria e il mar rimbomba
  nel mover loro al primo suon di tromba.

93

  Trar fiato, bocca aprir, o battere occhi
  non si vedea de' riguardanti alcuno:
  tanto a mirare a chi la palma tocchi
  dei duo campioni, intento era ciascuno.
  Marfisa, acciò che de l'arcion trabocchi,
  sì che mai non si levi, il guerrier bruno,
  drizza la lancia; e il guerrier bruno forte
  studia non men di por Marfisa a morte.

94

  Le lance ambe di secco e suttil salce,
  non di cerro sembrar grosso ed acerbo,
  così n'andaro in tronchi fin al calce;
  e l'incontro ai destrier fu sì superbo,
  che parimente parve da una falce
  de le gambe esser lor tronco ogni nerbo.
  Cadero ambi ugualmente; ma i campioni
  fur presti a disbrigarsi dagli arcioni.

95

  A mille cavallieri alla sua vita
  al primo incontro avea la sella tolta
  Marfisa, ed ella mai non n'era uscita;
  e n'uscì, come udite, a questa volta.
  Del caso strano non pur sbigottita,
  ma quasi fu per rimanerne stolta.
  Parve anco strano al cavallier dal nero,
  che non solea cader già di leggiero.

96

  Tocca avean nel cader la terra a pena,
  che furo in piedi e rinovar l'assalto.
  Tagli e punte a furor quivi si mena,
  quivi ripara or scudo, or lama, or salto.
  Vada la botta vota o vada piena,
  l'aria ne stride e ne risuona in alto.
  Quelli elmi, quelli usberghi, quelli scudi
  mostrar ch'erano saldi più ch'incudi.

97

  Se de l'aspra donzella il braccio è grave,
  né quel del cavallier nimico è lieve.
  Ben la misura ugual l'un da l'altro have:
  quanto a punto l'un dà, tanto riceve.
  Chi vol due fiere audaci anime brave,
  cercar più là di queste due non deve,
  né cercar più destrezza né più possa;
  che n'han tra lor quanto più aver si possa.

98

  Le donne, che gran pezzo mirato hanno
  continuar tante percosse orrende,
  e che nei cavallier segno d'affanno
  e di stanchezza ancor non si comprende;
  dei duo miglior guerrier lode lor danno,
  che sien tra quanto il mar sua braccia estende.
  Par lor che, se non fosser più che forti,
  esser dovrian sol del travaglio morti.

99

  Ragionando tra sé, dicea Marfisa:
  — Buon fu per me, che costui non si mosse;
  ch'andava a risco di restarne uccisa,
  se dianzi stato coi compagni fosse,
  quando io mi truovo a pena a questa guisa
  di potergli star contra alle percosse. —
  Così dice Marfisa; e tuttavolta
  non resta di menar la spada in volta.

100

  — Buon fu per me (dicea quell'altro ancora),
  che riposar costui non ho lasciato.
  Difender me ne posso a fatica ora
  che de la prima pugna è travagliato.
  Se fin al nuovo dì facea dimora
  a ripigliar vigor, che saria stato?
  Ventura ebbi io, quanto più possa aversi,
  che non volesse tor quel ch'io gli offersi. —

101

  La battaglia durò fin alla sera,
  né chi avesse anco il meglio era palese;
  né l'un né l'altro più senza lumiera
  saputo avria come schivar l'offese.
  Giunta la notte, all'inclita guerriera
  fu primo a dir il cavallier cortese:
  — Che faren, poi che con ugual fortuna
  n'ha sopragiunti la notte importuna?

102

  Meglio mi par che 'l viver tuo prolunghi
  almeno insino a tanto che s'aggiorni.
  Io non posso concederti che aggiunghi
  fuor ch'una notte picciola ai tua giorni.
  E di ciò che non gli abbi aver più lunghi,
  la colpa sopra me non vuo' che torni:
  torni pur sopra alla spietata legge
  del sesso feminil che 'l loco regge.

103

  Se di te duolmi e di quest'altri tuoi,
  lo sa colui che nulla cosa ha oscura.
  Con tuoi compagni star meco tu puoi:
  con altri non avrai stanza sicura;
  perché la turba, a cu' i mariti suoi
  oggi uccisi hai, già contra te congiura.
  Ciascun di questi a cui dato hai la morte,
  era di diece femine consorte.

104

  Del danno c'han da te ricevut'oggi,
  disian novanta femine vendetta:
  sì che se meco ad albergar non poggi,
  questa notte assalito esser t'aspetta. —
  Disse Marfisa: — Accetto che m'alloggi,
  con sicurtà che non sia men perfetta
  in te la fede e la bontà del core,
  che sia l'ardire e il corporal valore.

105

  Ma che t'incresca che m'abbi ad uccidere,
  ben ti può increscere anco del contrario.
  Fin qui non credo che l'abbi da ridere,
  perch'io sia men di te duro avversario.
  O la pugna seguir vogli o dividere,
  o farla all'uno o all'altro luminario,
  ad ogni cenno pronta tu m'avrai,
  e come ed ogni volta che vorrai. —

106

  Così fu differita la tenzone
  fin che di Gange uscisse il nuovo albore,
  e si restò senza conclusione
  chi d'essi duo guerrier fosse il migliore.
  Ad Aquilante venne ed a Grifone
  e così agli altri il liberal signore,
  e li pregò che fin al nuovo giorno
  piacesse lor di far seco soggiorno.

107

  Tenner lo 'nvito senza alcun sospetto:
  indi, a splendor de bianchi torchi ardenti,
  tutti saliro ov'era un real tetto,
  distinto in molti adorni alloggiamenti.
  Stupefatti al levarsi de l'elmetto,
  mirandosi, restaro i combattenti;
  che 'l cavallier, per quanto apparea fuora,
  non eccedeva i diciotto anni ancora.

108

  Si maraviglia la donzella, come
  in arme tanto un giovinetto vaglia;
  si maraviglia l'altro, ch'alle chiome
  s'avede con chi avea fatto battaglia:
  e si domandan l'un con l'altro il nome,
  e tal debito tosto si ragguaglia.
  Ma come si nomasse il giovinetto,
  ne l'altro canto ad ascoltar v'aspetto.



CANTO VENTESIMO


1

  Le donne antique hanno mirabil cose
  fatto ne l'arme e ne le sacre muse;
  e di lor opre belle e gloriose
  gran lume in tutto il mondo si diffuse.
  Arpalice e Camilla son famose,
  perché in battaglia erano esperte ed use;
  Safo e Corinna, perché furon dotte,
  splendono illustri, e mai non veggon notte.

2

  Le donne son venute in eccellenza
  Di ciascun'arte ove hanno posto cura;
  e qualunque all'istorie abbia avvertenza,
  ne sente ancor la fama non oscura.
  Se 'l mondo n'è gran tempo stato senza,
  non però sempre il mal influsso dura;
  e forse ascosi han lor debiti onori
  l'invidia o il non saper degli scrittori.

3

  Ben mi par di veder ch'al secol nostro
  tanta virtù fra belle donne emerga,
  che può dare opra a carte ed ad inchiostro,
  perché nei futuri anni si disperga,
  e perché, odiose lingue, il mal dir vostro
  con vostra eterna infamia si sommerga:
  e le lor lode appariranno in guisa,
  che di gran lunga avanzeran Marfisa.

4

  Or pur tornando a lei, questa donzella
  al cavallier che l'usò cortesia,
  de l'esser suo non niega dar novella,
  quando esso a lei voglia contar chi sia.
  Sbrigossi tosto del suo debito ella:
  tanto il nome di lui saper disia.
  — Io son (disse) Marfisa: — e fu assai questo;
  che si sapea per tutto 'l mondo il resto.

5

  L'altro comincia, poi che tocca a lui,
  con più proemio a darle di sé conto,
  dicendo: — Io credo che ciascun di vui
  abbia de la mia stirpe il nome in pronto;
  che non pur Francia e Spagna e i vicin sui,
  ma l'India, l'Etiopia e il freddo Ponto
  han chiara cognizion di Chiaramonte,
  onde uscì il cavallier ch'uccise Almonte,

6

  quel ch'a Chiariello e al re Mambrino
  diede la morte, e il regno lor disfece.
  Di questo sangue, dove ne l'Eusino
  l'Istro ne vien con otto corna o diece,
  al duca Amone, il qual già peregrino
  vi capitò, la madre mia mi fece:
  e l'anno è ormai ch'io la lasciai dolente,
  per gire in Francia a ritrovar mia gente.

7

  Ma non potei finire il mio viaggio,
  che qua mi spinse un tempestoso Noto.
  Son dieci mesi o più che stanza v'aggio,
  che tutti i giorni e tutte l'ore noto.
  Nominato son io Guidon Selvaggio,
  di poca pruova ancora e poco noto.
  Uccisi qui Argilon da Melibea
  con dieci cavallier che seco avea.

8

  Feci la pruova ancor de le donzelle:
  così n'ho diece a' miei piaceri allato;
  ed alla scelta mia son le più belle,
  e son le più gentil di questo stato.
  E queste reggo e tutte l'altre; ch'elle
  di sé m'hanno governo e scettro dato:
  così daranno a qualunque altro arrida
  Fortuna sì, che la decina ancida. —

9

  I cavallier domandano a Guidone,
  com'ha sì pochi maschi il tenitoro;
  e s'alle moglie hanno suggezione,
  come esse l'han negli altri lochi a loro.
  Disse Guidon: — Più volte la cagione
  udita n'ho da poi che qui dimoro;
  e vi sarà, secondo ch'io l'ho udita,
  da me, poi che v'aggrada, riferita.

10

  Al tempo che tornar dopo anni venti
  da Troia i Greci (che durò l'assedio
  dieci, e dieci altri da contrari venti
  furo agitati in mar con troppo tedio),
  trovar che le lor donne agli tormenti
  di tanta assenza avean preso rimedio:
  tutte s'avean gioveni amanti eletti,
  per non si raffreddar sole nei letti.

11

  Le case lor trovaro i Greci piene
  de l'altrui figli; e per parer commune
  perdonano alle mogli, che san bene
  che tanto non potean viver digiune:
  ma ai figli degli adulteri conviene
  altrove procacciarsi altre fortune;
  che tolerar non vogliono i mariti
  che più alle spese lor sieno notriti.

12

  Sono altri esposti, altri tenuti occulti
  da le lor madri e sostenuti in vita.
  In vane squadre quei ch'erano adulti
  feron, chi qua chi là, tutti partita.
  Per altri l'arme son, per altri culti
  gli studi e l'arti; altri la terra trita;
  serve altri in corte; altri è guardian di gregge,
  come piace a colei che qua giù regge.

13

  Partì fra gli altri un giovinetto, figlio
  di Clitemnestra, la crudel regina,
  di diciotto anni, fresco come un giglio,
  o rosa colta allor di su la spina.
  Questi, armato un suo legno, a dar di piglio
  si pose e a depredar per la marina
  in compagnia di cento giovinetti
  del tempo suo, per tutta Grecia eletti.

14

  I Cretesi, in quel tempo che cacciato
  il crudo Idomeneo del regno aveano,
  e per assicurarsi il nuovo stato,
  d'uomini e d'arme adunazion faceano;
  fero con bon stipendio lor soldato
  Falanto (così al giovine diceano),
  e lui con tutti quei che seco avea,
  poser per guardia alla città Dictea.

15

  Fra cento alme città ch'erano in Creta,
  Dictea più ricca e più piacevol era,
  di belle donne ed amorose lieta,
  lieta di giochi da matino a sera:
  e com'era ogni tempo consueta
  d'accarezzar la gente forestiera,
  fe' a costor sì, che molto non rimase
  a fargli anco signor de le lor case.

16

  Eran gioveni tutti e belli affatto
  (che 'l fior di Grecia avea Falanto eletto):
  sì ch'alle belle donne, al primo tratto
  che v'apparir, trassero i cor del petto.
  Poi che non men che belli, ancora in fatto
  si dimostrar buoni e gagliardi al letto,
  si fero ad esse in pochi dì sì grati,
  che sopra ogn'altro ben n'erano amati.

17

  Finita che d'accordo è poi la guerra
  per cui stato Falanto era condutto,
  e lo stipendio militar si serra,
  sì che non v'hanno i gioveni più frutto,
  e per questo lasciar voglion la terra;
  fan le donne di Creta maggior lutto,
  e per ciò versan più dirotti pianti,
  che se i lor padri avesson morti avanti.

18

  Da le lor donne i gioveni assai foro,
  ciascun per sé, di rimaner pregati:
  né volendo restare, esse con loro
  n'andar, lasciando e padri e figli e frati,
  di ricche gemme e di gran summa d'oro
  avendo i lor dimestici spogliati;
  che la pratica fu tanto secreta,
  che non sentì la fuga uomo di Creta.

19

  Sì fu propizio il vento, sì fu l'ora
  commoda, che Falanto a fuggir colse,
  che molte miglia erano usciti fuora,
  quando del danno suo Creta si dolse.
  Poi questa spiaggia, inabitata allora,
  trascorsi per fortuna li raccolse.
  Qui si posaro, e qui sicuri tutti
  meglio del furto lor videro i frutti.

20

  Questa lor fu per dieci giorni stanza
  di piaceri amorosi tutta piena.
  Ma come spesso avvien, che l'abondanza
  seco in cor giovenil fastidio mena,
  tutti d'accordo fur di restar sanza
  femine, e liberarsi di tal pena;
  che non è soma da portar sì grave,
  come aver donna, quando a noia s'have.

21

  Essi che di guadagno e di rapine
  eran bramosi, e di dispendio parchi,
  vider ch'a pascer tante concubine,
  d'altro che d'aste avean bisogno e d'archi:
  sì che sole lasciar qui le meschine,
  e se n'andar di lor ricchezze carchi
  là dove in Puglia in ripa al mar poi sento
  ch'edificar la terra di Tarento.

22

  Le donne, che si videro tradite
  dai loro amanti in che più fede aveano,
  restar per alcun dì sì sbigottite,
  che statue immote in lito al mar pareano.
  Visto poi che da gridi e da infinite
  lacrime alcun profitto non traeano,
  a pensar cominciaro e ad aver cura
  come aiutarsi in tanta lor sciagura.

23

  E proponendo in mezzo i lor pareri,
  altre diceano: in Creta è da tornarsi;
  e più tosto all'arbitrio de' severi
  padri e d'offesi lor mariti darsi,
  che nei deserti liti e boschi fieri,
  di disagio e di fame consumarsi.
  Altre dicean che lor saria più onesto
  affogarsi nel mar, che mai far questo;

24

  e che manco mal era meretrici
  andar pel mondo, andar mendiche o schiave,
  che se stesse offerire agli supplici
  di ch'eran degne l'opere lor prave.
  Questi e simil partiti le infelici
  si proponean, ciascun più duro e grave.
  Tra loro al fine una Orontea levosse,
  ch'origine traea dal re Minosse;

25

  la più gioven de l'artre e la più bella
  e la più accorta, e ch'avea meno errato:
  amato avea Falanto, e a lui pulzella
  datasi, e per lui il padre avea lasciato.
  Costei mostrando in viso ed in favella
  il magnanimo cor d'ira infiammato,
  redarguendo di tutte altre il detto,
  suo parer disse, e fe' seguirne effetto.

26

  Di questa terra a lei non parve torsi,
  che conobbe feconda e d'aria sana,
  e di limpidi fiumi aver discorsi,
  di selve opaca, e la più parte piana;
  con porti e foci, ove dal mar ricorsi
  per ria fortuna avea la gente estrana,
  ch'or d'Africa portava, ora d'Egitto
  cose diverse e necessarie al vitto.

27

  Qui parve a lei fermarsi, e far vendetta
  del viril sesso che le avea sì offese:
  vuol ch'ogni nave, che da venti astretta
  a pigliar venga porto in suo paese,
  a sacco, a sangue, a fuoco al fin si metta;
  né de la vita a un sol si sia cortese.
  Così fu detto e così fu concluso,
  e fu fatta la legge e messa in uso.

28

  Come turbar l'aria sentiano, armate
  le femine correan su la marina,
  da l'implacabile Orontea guidate,
  che diè lor legge e si fe' lor regina:
  e de le navi ai liti lor cacciate
  faceano incendi orribili e rapina,
  uom non lasciando vivo, che novella
  dar ne potesse o in questa parte o in quella.

29

  Così solinghe vissero qualch'anno
  aspre nimiche del sesso virile:
  ma conobbero poi, che 'l proprio danno
  procaccierian, se non mutavan stile;
  che se di lor propagine non fanno,
  sarà lor legge in breve irrita e vile,
  e mancherà con l'infecondo regno,
  dove di farla eterna era il disegno.

30

  Sì che, temprando il suo rigore un poco
  scelsero, in spazio di quattro anni interi,
  di quanti capitaro in questo loco
  dieci belli e gagliardi cavallieri,
  che per durar ne l'amoroso gioco
  contr'esse cento fosser buon guerrieri.
  Esse in tutto eran cento; e statuito
  ad ogni lor decina fu un marito.

31

  Prima ne fur decapitati molti
  che riusciro al paragon mal forti.
  Or questi dieci a buona pruova tolti,
  del letto e del governo ebbon consorti;
  facendo lor giurar che, se più colti
  altri uomini verriano in questi porti,
  essi sarian che, spenta ogni pietade,
  li porriano ugualmente a fil di spade.

32

  Ad ingrossare, ed a figliar appresso
  le donne, indi a temere incominciaro
  che tanti nascerian del viril sesso,
  che contra lor non avrian poi riparo;
  e al fine in man degli uomini rimesso
  saria il governo ch'elle avean sì caro:
  sì ch'ordinar, mentre eran gli anni imbelli,
  far sì, che mai non fosson lor ribelli.

33

  Acciò il sesso viril non le soggioghi,
  uno ogni madre vuol la legge orrenda,
  che tenga seco; gli altri, o li suffoghi,
  o fuor del regno li permuti o venda.
  Ne mandano per questo in vari luoghi:
  e a chi gli porta dicono che prenda
  femine, se a baratto aver ne puote;
  se non, non torni almen con le man vote.

34

  Né uno ancora alleverian, se senza
  potesson fare, e mantenere il gregge.
  Questa è quanta pietà, quanta clemenza
  più ai suoi ch'agli altri usa l'iniqua legge:
  gli altri condannan con ugual sentenza;
  e solamente in questo si corregge,
  che non vuol che, secondo il primiero uso,
  le femine gli uccidano in confuso.

35

  Se dieci o venti o più persone a un tratto
  vi fosser giunte, in carcere eran messe:
  e d'una al giorno, e non di più, era tratto
  il capo a sorte, che perir dovesse
  nel tempio orrendo ch'Orontea avea fatto,
  dove un altare alla Vendetta eresse;
  e dato all'un de' dieci il crudo ufficio
  per sorte era di farne sacrificio.

36

  Dopo molt'anni alle ripe omicide
  a dar venne di capo un giovinetto,
  la cui stirpe scendea dal buono Alcide,
  di gran valor ne l'arme, Elbanio detto.
  Qui preso fu, ch'a pena se n'avide,
  come quel che venìa senza sospetto;
  e con gran guardia in stretta parte chiuso,
  con gli altri era serbato al crudel uso.

37

  Di viso era costui bello e giocondo,
  e di maniere e di costumi ornato,
  e di parlar sì dolce e sì facondo,
  ch'un aspe volentier l'avria ascoltato:
  sì che, come di cosa rara al mondo,
  de l'esser suo fu tosto rapportato
  ad Alessandra figlia d'Orontea,
  che di molt'anni grave anco vivea.

38

  Orontea vivea ancora; e già mancate
  tutt'eran l'altre ch'abitar qui prima:
  e diece tante e più n'erano nate,
  e in forza eran cresciute e in maggior stima;
  né tra diece fucine che serrate
  stavan pur spesso, avean più d'una lima;
  e dieci cavallieri anco avean cura
  di dare a chi venìa fiera aventura.

39

  Alessandra, bramosa di vedere
  il giovinetto ch'avea tante lode,
  da la sua matre in singular piacere
  impetra sì, ch'Elbanio vede ed ode;
  e quando vuol partirne, rimanere
  si sente il core ove è chi 'l punge e rode:
  legar si sente e non sa far contesa,
  e al fin dal suo prigion si trova presa.

40

  Elbanio disse a lei: — Se di pietade
  s'avesse, donna, qui notizia ancora,
  come se n'ha per tutt'altre contrade,
  dovunque il vago sol luce e colora;
  io vi osarei, per vostr'alma beltade
  ch'ogn'animo gentil di sé inamora,
  chiedervi in don la vita mia, che poi
  saria ognor presto a spenderla per voi.

41

  Or quando fuor d'ogni ragion qui sono
  privi d'umanitade i cori umani,
  non vi domanderò la vita in dono,
  che i prieghi miei so ben che sarian vani;
  ma che da cavalliero, o tristo o buono
  ch'io sia, possi morir con l'arme in mani,
  e non come dannato per giudicio,
  o come animal bruto in sacrificio. —

42

  Alessandra gentil, ch'umidi avea,
  per la pietà del giovinetto, i rai,
  rispose: — Ancor che più crudele e rea
  sia questa terra, ch'altra fosse mai;
  non concedo però che qui Medea
  ogni femina sia, come tu fai:
  e quando ogn'altra così fosse ancora,
  me sola di tant'altre io vo' trar fuora.

43

  E se ben per adietro io fossi stata
  empia e crudel, come qui sono tante,
  dir posso che suggetto ove mostrata
  per me fosse pietà, non ebbi avante.
  Ma ben sarei di tigre più arrabbiata,
  e più duro avre' il cor che di diamante,
  se non m'avesse tolto ogni durezza
  tua beltà, tuo valor, tua gentilezza.

44

  Così non fosse la legge più forte,
  che contra i peregrini è statuita,
  come io non schiverei con la mia morte
  di ricomprar la tua più degna vita.
  Ma non è grado qui di sì gran sorte,
  che ti potesse dar libera aita;
  e quel che chiedi ancor, ben che sia poco,
  difficile ottener fia in questo loco.

45

  Pur io vedrò di far che tu l'ottenga,
  ch'abbi inanzi al morir questo contento;
  ma mi dubito ben che te n'avenga,
  tenendo il morir lungo, più tormento. —
  Suggiunse Elbanio: — Quando incontra io venga
  a dieci armato, di tal cor mi sento,
  che la vita ho speranza di salvarme,
  e uccider lor, se tutti fosser arme. —

46

  Alessandra a quel detto non rispose
  se non un gran sospiro, e dipartisse,
  e portò nel partir mille amorose
  punte nel cor, mai non sanabil, fisse.
  Venne alla madre, e voluntà le pose
  di non lasciar che 'l cavallier morisse,
  quando si dimostrasse così forte,
  che, solo, avesse posto i dieci a morte.

47

  La regina Orontea fece raccorre
  il suo consiglio, e disse: — A noi conviene
  sempre il miglior che ritroviamo, porre
  a guardar nostri porti e nostre arene;
  e per saper chi ben lasciar, chi torre,
  prova è sempre da far quando gli avviene;
  per non patir con nostro danno a torto,
  che regni il vile, e chi ha valor sia morto.

48

  A me par, se a voi par, che statuito
  sia, ch'ogni cavallier per lo avvenire,
  che fortuna abbia tratto al nostro lito,
  prima ch'al tempio si faccia morire,
  possa egli sol, se gli piace il partito,
  incontra i dieci alla battaglia uscire;
  e se di tutti vincerli è possente,
  guardi egli il porto, e seco abbia altra gente.

49

  Parlo così, perché abbian qui un prigione
  che par che vincer dieci s'offerisca.
  Quando, sol, vaglia tante altre persone,
  dignissimo è, per Dio, che s'esaudisca.
  Così in contrario avrà punizione,
  quando vaneggi e temerario ardisca. —
  Orontea fine al suo parlar qui pose,
  a cui de le più antique una rispose:

50

  — La principal cagion ch'a far disegno
  sul comercio degli uomini ci mosse,
  non fu perch'a difender questo regno
  del loro aiuto alcun bisogno fosse;
  che per far questo abbiamo ardire e ingegno
  da noi medesme, e a sufficienza posse:
  così senza sapessimo far anco,
  che non venisse il propagarci a manco!

51

  Ma poi che senza lor questo non lece,
  tolti abbiàn, ma non tanti, in compagnia,
  che mai ne sia più d'uno incontra diece,
  sì ch'aver di noi possa signoria.
  Per conciper di lor questo si fece,
  non che di lor difesa uopo ci sia.
  La lor prodezza sol ne vaglia in questo,
  e sieno ignavi e inutili nel resto.

52

  Tra noi tenere un uom che sia sì forte,
  contrario è in tutto al principal disegno.
  Se può un solo a dieci uomini dar morte,
  quante donne farà stare egli al segno?
  Se i dieci nostri fosser di tal sorte,
  il primo dì n'avrebbon tolto il regno.
  Non è la via di dominar, se vuoi
  por l'arme in mano a chi può più di noi.

53

  Pon mente ancor, che quando così aiti
  Fortuna questo tuo, che i dieci uccida,
  di cento donne che de' lor mariti
  rimarran prive, sentirai le grida.
  Se vuol campar, proponga altri partiti,
  ch'esser di dieci gioveni omicida.
  Pur, se per far con cento donne è buono
  quel che dieci fariano, abbi perdono. —

54

  Fu d'Artemia crudel questo il parere
  (così avea nome), e non mancò per lei
  di far nel tempio Elbanio rimanere
  scannato inanzi agli spietati dèi.
  Ma la madre Orontea che compiacere
  volse alla figlia, replicò a colei
  altre ed altre ragioni, e modo tenne
  che nel senato il suo parer s'ottenne.

55

  L'aver Elbanio di bellezza il vanto
  sopra ogni cavallier che fosse al mondo,
  fu nei cor de le giovani di tanto,
  ch'erano in quel consiglio, e di tal pondo,
  che 'l parer de le vecchie andò da canto,
  che con Artemia volean far secondo
  l'ordine antiquo; né lontan fu molto
  ad esser per favore Elbanio assolto.

56

  Di perdonargli in somma fu concluso,
  ma poi che la decina avesse spento,
  e che ne l'altro assalto fosse ad uso
  di diece donne buono, e non di cento.
  Di carcer l'altro giorno fu dischiuso;
  e avuto arme e cavallo a suo talento,
  contra dieci guerrier, solo, si mise,
  e l'uno appresso all'altro in piazza uccise.

57

  Fu la notte seguente a prova messo
  contra diece donzelle ignudo e solo,
  dove ebbe all'ardir suo sì buon successo,
  che fece il saggio di tutto lo stuolo.
  E questo gli acquistò tal grazia appresso
  ad Orontea, che l'ebbe per figliuolo;
  e gli diede Alessandra e l'altre nove
  con ch'avea fatto le notturne prove.

58

  E lo lasciò con Alessandra bella,
  che poi diè nome a questa terra, erede,
  con patto, ch'a servare egli abbia quella
  legge, ed ogn'altro che da lui succede:
  che ciascun che già mai sua fiera stella
  farà qui por lo sventurato piede,
  elegger possa, o in sacrificio darsi,
  o con dieci guerrier, solo, provarsi.

59

  E se gli avvien che 'l dì gli uomini uccida,
  la notte con le femine si provi;
  e quando in questo ancor tanto gli arrida
  la sorte sua, che vincitor si trovi,
  sia del femineo stuol principe e guida,
  e la decina a scelta sua rinovi,
  con la qual regni, fin ch'un altro arrivi,
  che sia più forte, e lui di vita privi.

60

  Appresso a duamila anni il costume empio
  si è mantenuto, e si mantiene ancora;
  e sono pochi giorni che nel tempio
  uno infelice peregrin non mora.
  Se contra dieci alcun chiede, ad esempio
  d'Elbanio, armarsi (che ve n'è talora),
  spesso la vita al primo assalto lassa;
  né di mille uno all'altra prova passa.

61

  Pur ci passano alcuni, ma sì rari,
  che su le dita annoverar si ponno.
  Uno di questi fu Argilon: ma guari
  con la decina sua non fu qui donno;
  che cacciandomi qui venti contrari,
  gli occhi gli chiusi in sempiterno sonno.
  Così fossi io con lui morto quel giorno,
  prima che viver servo in tanto scorno.

62

  Che piaceri amorosi e riso e gioco,
  che suole amar ciascun de la mia etade,
  le purpure e le gemme e l'aver loco
  inanzi agli altri ne la sua cittade,
  potuto hanno, per Dio, mai giovar poco
  all'uom che privo sia di libertade:
  e 'l non poter mai più di qui levarmi,
  servitù grave e intolerabil parmi.

63

  Il vedermi lograr dei miglior anni
  il più bel fiore in sì vile opra e molle,
  tiemmi il cor sempre in stimulo e in affanni,
  ed ogni gusto di piacer mi tolle.
  La fama del mio sangue spiega i vanni
  per tutto 'l mondo, e fin al ciel s'estolle;
  che forse buona parte anch'io n'avrei,
  s'esser potessi coi fratelli miei.

64

  Parmi ch'ingiuria il mio destin mi faccia,
  avendomi a sì vil servigio eletto;
  come chi ne l'armento il destrier caccia,
  il qual d'occhi o di piedi abbia difetto,
  o per altro accidente che dispiaccia,
  sia fatto all'arme e a miglior uso inetto:
  né sperando io, se non per morte, uscire
  di sì vil servitù, bramo morire. —

65

  Guidon qui fine alle parole pose,
  e maledì quel giorno per isdegno,
  il qual dei cavallieri e de le spose
  gli diè vittoria in acquistar quel regno.
  Astolfo stette a udire, e si nascose
  tanto, che si fe' certo a più d'un segno,
  che, come detto avea, questo Guidone
  era figliol del suo parente Amone.

66

  Poi gli rispose: — Io sono il duca inglese,
  il tuo cugino Astolfo; — ed abbracciollo,
  e con atto amorevole e cortese,
  non senza sparger lagrime, baciollo.
  — Caro parente mio, non più palese
  tua madre ti potea por segno al collo;
  ch'a farne fede che tu sei de' nostri,
  basta il valor che con la spada mostri. —

67

  Guidon, ch'altrove avria fatto gran festa
  d'aver trovato un sì stretto parente,
  quivi l'accolse con la faccia mesta,
  perché fu di vedervilo dolente.
  Se vive, sa ch'Astolfo schiavo resta,
  né il termine è più là che 'l dì seguente;
  se fia libero Astolfo, ne more esso:
  sì che 'l ben d'uno è il mal de l'altro espresso.

68

  Gli duol che gli altri cavallieri ancora
  abbia, vincendo, a far sempre captivi;
  né più, quando esso in quel contrasto mora,
  potrà giovar che servitù lor schivi:
  che se d'un fango ben gli porta fuora,
  e poi s'inciampi come all'altro arrivi,
  avrà lui senza pro vinto Marfisa;
  ch'essi pur ne fien schiavi, ed ella uccisa.

69

  Da l'altro canto avea l'acerba etade,
  la cortesia e il valor del giovinetto
  d'amore intenerito e di pietade
  tanto a Marfisa ed ai compagni il petto,
  che, con morte di lui lor libertade
  esser dovendo, avean quasi a dispetto:
  e se Marfisa non può far con manco
  ch'uccider lui, vuol essa morir anco.

70

  Ella disse a Guidon: — Vientene insieme
  con noi, ch'a viva forza usciren quinci. —
  — Deh (rispose Guidon) lascia ogni speme
  di mai più uscirne, o perdi meco o vinci. —
  Ella suggiunse: — Il mio cor mai non teme
  di non dar fine a cosa che cominci;
  né trovar so la più sicura strada
  di quella ove mi sia guida la spada.

71

  Tal ne la piazza ho il tuo valor provato,
  che, s'io son teco, ardisco ad ogn'impresa.
  Quando la turba intorno allo steccato
  sarà domani in sul teatro ascesa,
  io vo' che l'uccidian per ogni lato,
  o vada in fuga o cerchi far difesa,
  e ch'agli lupi e agli avoltoi del loco
  lasciamo i corpi, e la cittade al fuoco. —

72

  Suggiunse a lei Guidon: — Tu m'avrai pronto
  a seguitarti ed a morirti a canto,
  ma vivi rimaner non facciàn conto;
  bastar ne può di vendicarci alquanto:
  che spesso diecimila in piazza conto
  del popul feminile, ed altretanto
  resta a guardare e porto e rocca e mura,
  né alcuna via d'uscir trovo sicura. —

73

  Disse Marfisa: — E molto più sieno elle
  degli uomini che Serse ebbe già intorno,
  e sieno più de l'anime ribelle
  ch'uscir del ciel con lor perpetuo scorno;
  se tu sei meco, o almen non sie con quelle,
  tutte le voglio uccidere in un giorno. —
  Guidon suggiunse: — Io non ci so via alcuna
  ch'a valer n'abbia, se non val quest'una.

74

  Ne può sola salvar, se ne succede,
  quest'una ch'io dirò, ch'or mi soviene.
  Fuor ch'alle donne, uscir non si concede,
  né metter piede in su le salse arene:
  e per questo commettermi alla fede
  d'una de le mie donne mi conviene,
  del cui perfetto amor fatta ho sovente
  più pruova ancor, ch'io non farò al presente.

75

  Non men di me tormi costei disia
  di servitù, pur che ne venga meco,
  che così spera, senza compagnia
  de le rivali sue, ch'io viva seco.
  Ella nel porto o fuste o saettia
  farà ordinar, mentre è ancor l'aer cieco,
  che i marinai vostri troveranno
  acconcia a navigar, come vi vanno.

76

  Dietro a me tutti in un drappel ristretti,
  cavallieri, mercanti e galeotti,
  ch'ad albergarvi sotto a questi tetti
  meco, vostra merce, sète ridotti,
  avrete a farvi amplo sentier coi petti,
  se del nostro camin siamo interrotti:
  così spero, aiutandoci le spade,
  ch'io vi trarrò de la crudel cittade. —

77

  — Tu fa come ti par (disse Marfisa),
  ch'io son per me d'uscir di qui sicura.
  Più facil fia che di mia mano uccisa
  la gente sia, che è dentro a queste mura,
  che mi veggi fuggire, o in altra guisa
  alcun possa notar ch'abbi paura.
  Vo' uscir di giorno, e sol per forza d'arme;
  che per ogn'altro modo obbrobrio parme.

78

  S'io ci fossi per donna conosciuta,
  so ch'avrei da le donne onore e pregio;
  e volentieri io ci sarei tenuta
  e tra le prime forse del collegio:
  ma con costoro essendoci venuta,
  non ci vo' d'essi aver più privilegio.
  Troppo error fôra ch'io mi stessi o andassi
  libera, e gli altri in servitù lasciassi. —

79

  Queste parole ed altre seguitando,
  mostrò Marfisa che 'l rispetto solo
  ch'avea al periglio de' compagni (quando
  potria loro il suo ardir tornare in duolo),
  la tenea che con alto e memorando
  segno d'ardir non assalia lo stuolo:
  e per questo a Guidon lascia la cura
  d'usar la via che più gli par sicura.

80

  Guidon la notte con Aleria parla
  (così avea nome la più fida moglie),
  né bisogno gli fu molto pregarla,
  che la trovò disposta alle sue voglie.
  Ella tolse una nave e fece armarla,
  e v'arrecò le sue più ricche spoglie,
  fingendo di volere al nuovo albore
  con le compagne uscire in corso fuore.

81

  Ella avea fatto nel palazzo inanti
  spade e lance arrecar, corazze e scudi,
  onde armar si potessero i mercanti
  e i galeotti ch'eran mezzo nudi.
  Altri dormiro, ed altri ster vegghianti,
  compartendo tra lor gli ozi e gli studi;
  spesso guardando, e pur con l' arme indosso,
  se l'oriente ancor si facea rosso.

82

  Dal duro volto de la terra il sole
  non tollea ancora il velo oscuro ed atro;
  a pena avea la licaonia prole
  per li solchi del ciel volto l'aratro:
  quando il femineo stuol, che veder vuole
  il fin de la battaglia, empì il teatro,
  come ape del suo claustro empie la soglia,
  che mutar regno al nuovo tempo voglia.

83

  Di trombe, di tambur, di suon de corni
  il popul risonar fa cielo e terra,
  così citando il suo signor, che torni
  a terminar la cominciata guerra.
  Aquilante e Grifon stavano adorni
  de le lor arme, e il duca d'Inghilterra,
  Guidon, Marfisa, Sansonetto e tutti
  gli altri, chi a piedi e chi a cavallo istrutti.

84

  Per scender dal palazzo al mare e al porto,
  la piazza traversar si convenia,
  né v'era altro camin lungo né corto:
  così Guidon disse alla compagnia.
  E poi che di ben far molto conforto
  lor diede, entrò senza rumore in via;
  e ne la piazza, dove il popul era,
  s'appresentò con più di cento in schiera.

85

  Molto affrettando i suoi compagni, andava
  Guidone all'altra porta per uscire:
  ma la gran moltitudine che stava
  intorno armata, e sempre atta a ferire,
  pensò, come lo vide che menava
  seco quegli altri, che volea fuggire;
  e tutta a un tratto agli archi suoi ricorse,
  e parte, onde s'uscia, venne ad opporse.

86

  Guidone e gli altri cavallier gagliardi,
  e sopra tutti lor Marfisa forte,
  al menar de le man non furon tardi,
  e molto fer per isforzar le porte:
  ma tanta e tanta copia era dei dardi
  che, con ferite dei compagni e morte,
  pioveano lor di sopra e d'ogn'intorno,
  ch'al fin temean d'averne danno e scorno.

87

  D'ogni guerrier l'usbergo era perfetto;
  che se non era, avean più da temere.
  Fu morto il destrier sotto a Sansonetto;
  quel di Marfisa v'ebbe a rimanere.
  Astolfo tra sé disse: — Ora, ch'aspetto
  che mai mi possa il corno più valere?
  Io vo' veder, poi che non giova spada,
  s'io so col corno assicurar la strada. —

88

  Come aiutar ne le fortune estreme
  sempre si suol, si pone il corno a bocca.
  Par che la terra e tutto 'l mondo trieme,
  quando l'orribil suon ne l'aria scocca.
  Sì nel cor de la gente il timor preme,
  che per disio di fuga si trabocca
  giù del teatro sbigottita e smorta,
  non che lasci la guardia de la porta.

89

  Come talor si getta e si periglia
  e da finestra e da sublime loco
  l'esterrefatta subito famiglia,
  che vede appresso e d'ogn'intorno il fuoco,
  che mentre le tenea gravi le ciglia
  il pigro sonno, crebbe a poco a poco:
  così messa la vita in abandono,
  ognun fuggia lo spaventoso suono.

90

  Di qua di là, di su di giù smarrita
  surge la turba, e di fuggir procaccia.
  Son più di mille a un tempo ad ogni uscita:
  cascano a monti, e l'una l'altra impaccia.
  In tanta calca perde altra la vita;
  da palchi e da finestre altra si schiaccia:
  più d'un braccio si rompe e d'una testa,
  di ch'altra morta, altra storpiata resta.

91

  Il pianto e 'l grido insino al ciel saliva,
  d'alta ruina misto e di fraccasso.
  Affretta, ovunque il suon del corno arriva,
  la turba spaventata in fuga il passo.
  Se udite dir che d'ardimento priva
  la vil plebe si mostri e di cor basso,
  non vi maravigliate, che natura
  è de la lepre aver sempre paura.

92

  Ma che direte del già tanto fiero
  cor di Marfisa e di Guidon Selvaggio?
  dei dua giovini figli d'Oliviero,
  che già tanto onoraro il lor lignaggio?
  Già centomila avean stimato un zero;
  e in fuga or se ne van senza coraggio,
  come conigli, o timidi colombi
  a cui vicino alto rumor rimbombi.

93

  Così noceva ai suoi come agli strani
  la forza che nel corno era incantata.
  Sansonetto, Guidone e i duo germani
  fuggon dietro a Marfisa spaventata;
  né fuggendo ponno ir tanto lontani,
  che lor non sia l'orecchia anco intronata.
  Scorre Astolfo la terra in ogni lato,
  dando via sempre al corno maggior fiato.

94

  Chi scese al mare, e chi poggiò su al monte,
  e chi tra i boschi ad occultar si venne:
  alcuna, senza mai volger la fronte,
  fuggir per dieci dì non si ritenne:
  uscì in tal punto alcuna fuor del ponte,
  ch'in vita sua mai più non vi rivenne.
  Sgombraro in modo e piazze e templi e case,
  che quasi vota la città rimase.

95

  Marfisa e 'l bon Guidone e i duo fratelli
  e Sansonetto, pallidi e tremanti,
  fuggiano inverso il mare, e dietro a quelli
  fuggian i marinari e i mercatanti;
  ove Aleria trovar, che, fra i castelli,
  loro avea un legno apparecchiato inanti.
  Quindi, poi ch'in gran fretta li raccolse,
  diè i remi all'acqua ed ogni vela sciolse.

96

  Dentro e d'intorno il duca la cittade
  avea scorsa dai colli insino all'onde;
  fatto avea vote rimaner le strade:
  ognun lo fugge, ognun se gli nasconde.
  Molte trovate fur, che per viltade
  s'eran gittate in parti oscure e immonde;
  e molte, non sappiendo ove s'andare,
  messesi a nuoto ed affogate in mare.

97

  Per trovare i compagni il duca viene,
  che si credea di riveder sul molo.
  Si volge intorno, e le deserte arene
  guarda per tutto, e non v'appare un solo.
  Leva più gli occhi, e in alto a vele piene
  da sé lontani andar li vede a volo:
  sì che gli convien fare altro disegno
  al suo camin, poi che partito è il legno.

98

  Lasciamolo andar pur — né vi rincresca
  che tanta strada far debba soletto
  per terra d'infedeli e barbaresca,
  dove mai non si va senza sospetto:
  non è periglio alcuno, onde non esca
  con quel suo corno, e n'ha mostrato effetto; —
  e dei compagni suoi pigliamo cura,
  ch'al mar fuggian tremando di paura.

99

  A piena vela si cacciaron lunge
  da la crudele e sanguinosa spiaggia:
  e poi che di gran lunga non li giunge
  l'orribil suon ch'a spaventar più gli aggia,
  insolita vergogna sì gli punge,
  che, com'un fuoco, a tutti il viso raggia.
  L'un non ardisce a mirar l'altro, e stassi
  tristo, senza parlar, con gli occhi bassi.

100

  Passa il nocchiero, al suo viaggio intento,
  e Cipro e Rodi, e giù per l'onda egea
  da sé vede fuggire isole cento
  col periglioso capo di Malea;
  e con propizio ed immutabil vento
  asconder vede la greca Morea;
  volta Sicilia, e per lo mar Tirreno
  costeggia de l'Italia il lito ameno:

101

  e sopra Luna ultimamente sorse,
  dove lasciato avea la sua famiglia.
  Dio ringraziando che 'l pelago corse
  senza più danno, il noto lito piglia.
  Quindi un nochier trovar per Francia sciorse,
  il qual di venir seco li consiglia:
  e nel suo legno ancor quel dì montaro,
  ed a Marsilia in breve si trovaro.

102

  Quivi non era Bradamante allora,
  ch'aver solea governo del paese;
  che se vi fosse, a far seco dimora
  gli avria sforzati con parlar cortese.
  Sceser nel lito, e la medesima ora
  dai quattro cavallier congedo prese
  Marfisa, e da la donna del Selvaggio;
  e pigliò alla ventura il suo viaggio,

103

  dicendo che lodevole non era
  ch'andasser tanti cavallieri insieme:
  che gli storni e i colombi vanno in schiera,
  i daini e i cervi e ogn'animal che teme;
  ma l'audace falcon, l'aquila altiera,
  che ne l'aiuto altrui non metton speme
  orsi, tigri, leon, soli ne vanno;
  che di più forza alcun timor non hanno.

104

  Nessun degli altri fu di quel pensiero;
  sì ch'a lei sola toccò a far partita.
  Per mezzo i boschi e per strano sentiero
  dunque ella se n'andò sola e romita.
  Grifone il bianco ed Aquilante il nero
  pigliar con gli altri duo la via più trita,
  e giunsero a un castello il dì seguente,
  dove albergati fur cortesemente.

105

  Cortesemente dico in apparenza,
  ma tosto vi sentir contrario effetto;
  che 'l signor del castel, benivolenza
  fingendo e cortesia, lor dè ricetto:
  e poi la notte, che sicuri senza
  timor dormian, gli fe' pigliar nel letto;
  né prima li lasciò, che d'osservare
  una costuma ria li fe' giurare.

106

  Ma vo' seguir la bellicosa donna,
  prima, Signor, che di costor più dica.
  Passò Druenza, il Rodano e la Sonna,
  e venne a piè d'una montagna aprica.
  Quivi lungo un torrente, in negra gonna
  vide venire una femina antica,
  che stanca e lassa era di lunga via,
  ma via più afflitta di malenconia.

107

  Questa è la vecchia che solea servire
  ai malandrin nel cavernoso monte,
  là dove alta giustizia fe' venire
  e dar lor morte il paladino conte.
  La vecchia, che timore ha di morire
  per le cagion che poi vi saran conte,
  già molti dì va per via oscura e fosca,
  fuggendo ritrovar chi la conosca.

108

  Quivi d'estrano cavallier sembianza
  l'ebbe Marfisa all'abito e all'arnese;
  e perciò non fuggì, com'avea usanza
  fuggir dagli altri ch'eran del paese;
  anzi con sicurezza e con baldanza
  si fermò al guado, e di lontan l'attese:
  al guado del torrente, ove trovolla,
  la vecchia le uscì incontra e salutolla.

109

  Poi la pregò che seco oltr'a quell'acque
  ne l'altra ripa in groppa la portasse.
  Marfisa che gentil fu da che nacque,
  di là dal fiumicel seco la trasse;
  e portarla anch'un pezzo non le spiacque,
  fin ch'a miglior camin la ritornasse,
  fuor d'un gran fango; e al fin di quel sentiero
  si videro all'incontro un cavalliero.

110

  Il cavallier su ben guernita sella,
  di lucide arme e di bei panni ornato,
  verso il fiume venìa da una donzella
  e da un solo scudiero accompagnato.
  La donna ch'avea seco era assai bella,
  ma d'altiero sembiante e poco grato,
  tutta d'orgoglio e di fastidio piena,
  del cavallier ben degna che la mena.

111

  Pinabello, un de' conti maganzesi,
  era quel cavallier ch'ella avea seco;
  quel medesmo che dianzi a pochi mesi
  Bradamante gittò nel cavo speco.
  Quei sospir, quei singulti così accesi,
  quel pianto che lo fe' già quasi cieco,
  tutto fu per costei ch'or seco avea,
  che 'l negromante allor gli ritenea.

112

  Ma poi che fu levato di sul colle
  l'incantato castel del vecchio Atlante,
  e che poté ciascuno ire ove volle,
  per opra e per virtù di Bradamante;
  costei, ch'agli disii facile e molle
  di Pinabel sempre era stata inante,
  si tornò a lui, ed in sua compagnia
  da un castello ad un altro or se ne gìa.

113

  E sì come vezzosa era e mal usa,
  quando vide la vecchia di Marfisa,
  non si poté tenere a bocca chiusa
  di non la motteggiar con beffe e risa.
  Marfisa altiera, appresso a cui non s'usa
  sentirsi oltraggio in qualsivoglia guisa,
  rispose d'ira accesa alla donzella,
  che di lei quella vecchia era più bella;

114

  e ch'al suo cavallier volea provallo,
  con patto di poi torre a lei la gonna
  e il palafren ch'avea, se da cavallo
  gittava il cavallier di ch'era donna.
  Pinabel che faria, tacendo, fallo,
  di risponder con l'arme non assonna:
  piglia lo scudo e l'asta, e il destrier gira,
  poi vien Marfisa a ritrovar con ira.

115

  Marfisa incontra una gran lancia afferra,
  e ne la vista a Pinabel l'arresta,
  e sì stordito lo riversa in terra,
  che tarda un'ora a rilevar la testa.
  Marfisa vincitrice de la guerra,
  fe' trarre a quella giovane la vesta,
  ed ogn'altro ornamento le fe' porre,
  e ne fe' il tutto alla sua vecchia torre:

116

  e di quel giovenile abito volse
  che si vestisse e se n'ornasse tutta;
  e fe' che 'l palafreno anco si tolse,
  che la giovane avea quivi condutta.
  Indi al preso camin con lei si volse,
  che quant'era più ornata, era più brutta.
  Tre giorni se n'andar per lunga strada,
  senza far cosa onde a parlar m'accada.

117

  Il quarto giorno un cavallier trovaro,
  che venìa in fretta galoppando solo.
  Se di saper chi sia forse v'è caro,
  dicovi ch'è Zerbin, di re figliuolo,
  di virtù esempio e di bellezza raro,
  che se stesso rodea d'ira e di duolo
  di non aver potuto far vendetta
  d'un che gli avea gran cortesia interdetta.

118

  Zerbino indarno per la selva corse
  dietro a quel suo che gli avea fatto oltraggio;
  ma sì a tempo colui seppe via torse,
  sì seppe nel fuggir prender vantaggio,
  sì il bosco e sì una nebbia lo soccorse,
  ch'avea offuscato il matutino raggio,
  che di man di Zerbin si levò netto,
  fin che l'ira e il furor gli uscì del petto.

119

  Non poté, ancor che Zerbin fosse irato,
  tener, vedendo quella vecchia, il riso;
  che gli parea dal giovenile ornato
  troppo diverso il brutto antiquo viso;
  ed a Marfisa, che le venìa a lato,
  disse: — Guerrier, tu sei pien d'ogni aviso,
  che damigella di tal sorte guidi,
  che non temi trovar chi te la invidi.

120

  Avea la donna (se la crespa buccia
  può darne indicio) più de la Sibilla,
  e parea, così ornata, una bertuccia,
  quando per muover riso alcun vestilla;
  ed or più brutta par, che si coruccia,
  e che dagli occhi l'ira le sfavilla:
  ch'a donna non si fa maggior dispetto,
  che quando o vecchia o brutta le vien detto.

121

  Mostrò turbarse l'inclita donzella,
  per prenderne piacer, come si prese;
  e rispose a Zerbin: — Mia donna è bella,
  per Dio, via più che tu non sei cortese;
  come ch'io creda che la tua favella
  da quel che sente l'animo non scese:
  tu fingi non conoscer sua beltade,
  per escusar la tua somma viltade.

122

  E chi saria quel cavallier, che questa
  sì giovane e sì bella ritrovasse
  senza più compagnia ne la foresta,
  e che di farla sua non si provasse? —
  — Sì ben (disse Zerbin) teco s'assesta,
  che saria mal ch'alcun te la levasse;
  ed io per me non son così indiscreto,
  che te ne privi mai; stanne pur lieto.

123

  S'in altro conto aver vuoi a far meco,
  di quel ch'io vaglio son per farti mostra;
  ma per costei non mi tener sì cieco,
  che solamente far voglia una giostra.
  O brutta o bella sia, restisi teco:
  non vo' partir tanta amicizia vostra.
  Ben vi sète accoppiati: io giurerei,
  com'ella è bella, tu gagliardo sei. —

124

  Suggiunse a lui Marfisa: — Al tuo dispetto
  di levarmi costei provar convienti.
  Non vo' patir ch'un sì leggiadro aspetto
  abbi veduto, e guadagnar nol tenti. —
  Rispose a lei Zerbin — Non so a ch'effetto
  l'uom si metta a periglio e si tormenti,
  per riportarne una vittoria, poi,
  che giovi al vinto, e al vincitore annoi. —

125

  — Se non ti par questo partito buono,
  te ne do un altro, e ricusar nol dei
  (disse a Zerbin Marfisa): che s'io sono
  vinto da te, m'abbia a restar costei;
  ma s'io te vinco, a forza te la dono.
  Dunque provian chi de' star senza lei:
  se perdi, converrà che tu le faccia
  compagnia sempre, ovunque andar le piaccia. —

126

  — E così sia, — Zerbin rispose; e volse
  a pigliar campo subito il cavallo.
  Si levò su le staffe e si raccolse
  fermo in arcione, e per non dare in fallo,
  lo scudo in mezzo alla donzella colse;
  ma parve urtasse un monte di metallo:
  ed ella in guisa a lui toccò l'elmetto,
  che stordito il mandò di sella netto.

127

  Troppo spiacque a Zerbin l'esser caduto,
  ch'in altro scontro mai più non gli avvenne,
  e n'avea mille e mille egli abbattuto;
  ed a perpetuo scorno se lo tenne.
  Stette per lungo spazio in terra muto;
  e più gli dolse poi che gli sovenne
  ch'avea promesso e che gli convenia
  aver la brutta vecchia in compagnia.

128

  Tornando a lui la vincitrice in sella,
  disse ridendo: — Questa t'appresento;
  e quanto più la veggio e grata e bella,
  tanto, ch'ella sia tua, più mi contento.
  Or tu in mio loco sei campion di quella;
  ma la tua fé non se ne porti il vento,
  che per sua guida e scorta tu non vada
  (come hai promesso) ovunque andar l'aggrada. —

129

  Senza aspettar risposta urta il destriero
  per la foresta, e subito s'imbosca.
  Zerbin, che la stimava un cavalliero,
  dice alla vecchia: — Fa ch'io lo conosca. —
  Ed ella non gli tiene ascoso il vero,
  onde sa che lo 'ncende e che l'attosca:
  — Il colpo fu di man d'una donzella,
  che t'ha fatto votar (disse) la sella.

130

  Per suo valor costei debitamente
  usurpa a' cavallieri e scudo e lancia;
  e venuta è pur dianzi d'Oriente
  per assaggiare i paladin di Francia. —
  Zerbin di questo tal vergogna sente,
  che non pur tinge di rossor la guancia,
  ma restò poco di non farsi rosso
  seco ogni pezzo d'arme ch'avea indosso.

131

  Monta a cavallo, e se stesso rampogna
  che non seppe tener strette le cosce.
  Tra sé la vecchia ne sorride, e agogna
  di stimularlo e di più dargli angosce.
  Gli ricorda ch'andar seco bisogna:
  e Zerbin, ch'ubligato si conosce,
  l'orecchie abbassa, come vinto e stanco
  destrier c'ha in bocca il fren, gli sproni al fianco.

132

  E sospirando: — Ohimè, Fortuna fella
  (dicea), che cambio è questo che tu fai?
  Colei che fu sopra le belle bella,
  ch'esser meco dovea, levata m'hai.
  Ti par ch'in luogo ed in ristor di quella
  si debba por costei ch'ora mi dai?
  Stare in danno del tutto era men male,
  che fare un cambio tanto diseguale.

133

  Colei che di bellezze e di virtuti
  unqua non ebbe e non avrà mai pare,
  sommersa e rotta tra gli scogli acuti
  hai data ai pesci ed agli augei del mare;
  e costei che dovria già aver pasciuti
  sotterra i vermi, hai tolta a perservare
  dieci o venti anni più che non devevi,
  per dar più peso agli mie' affanni grevi. —

134

  Zerbin così parlava; né men tristo
  in parole e in sembianti esser parea
  di questo nuovo suo sì odioso acquisto,
  che de la donna che perduta avea.
  La vecchia, ancor che non avesse visto
  mai più Zerbin, per quel ch'ora dicea,
  s'avvide esser colui di che notizia
  le diede già Issabella di Galizia.

135

  Se 'l vi ricorda quel ch'avete udito,
  costei da la spelonca ne veniva,
  dove Issabella, che d'amor ferito
  Zerbino avea, fu molti dì captiva.
  Più volte ella le avea già riferito
  come lasciasse la paterna riva,
  e come rotta in mar da la procella,
  si salvasse alla spiaggia di Rocella.

136

  E sì spesso dipinto di Zerbino
  le avea il bel viso e le fattezze conte,
  ch'ora udendol parlare, e più vicino
  gli occhi alzandogli meglio ne la fronte,
  vide esser quel per cui sempre meschino
  fu d'Issabella il cor nel cavo monte;
  che di non veder lui più si lagnava,
  che d'esser fatta ai malandrini schiava.

137

  La vecchia, dando alle parole udienza,
  che con sdegno e con duol Zerbino versa,
  s'avede ben ch'egli ha falsa credenza
  che sia Issabella in mar rotta e sommersa:
  e ben ch'ella del certo abbia scienza,
  per non lo rallegrar, pur la perversa
  quel che far lieto lo potria, gli tace,
  e sol gli dice quel che gli dispiace.

138

  — Odi tu (gli disse ella), tu che sei
  cotanto altier, che sì mi scherni e sprezzi,
  se sapessi che nuova ho di costei
  che morta piangi, mi faresti vezzi:
  ma più tosto che dirtelo, torrei
  che mi strozzassi o fêssi in mille pezzi;
  dove, s'eri vêr me più mansueto,
  forse aperto t'avrei questo secreto. —

139

  Come il mastin che con furor s'aventa
  adosso al ladro, ad achetarsi è presto,
  che quello o pane o cacio gli appresenta,
  o che fa incanto appropriato a questo;
  così tosto Zerbino umil diventa,
  e vien bramoso di sapere il resto,
  che la vecchia gli accenna che di quella,
  che morta piange, gli sa dir novella.

140

  E volto a lei con più piacevol faccia,
  la supplica, la prega, la scongiura
  per gli uomini, per Dio, che non gli taccia
  quanto ne sappia, o buona o ria ventura.
  — Cosa non udirai che pro ti faccia
  (disse la vecchia pertinace e dura):
  non è Issabella, come credi, morta;
  ma viva sì, ch'a' morti invidia porta.

141

  È capitata in questi pochi giorni
  che non n'udisti, in man di più di venti;
  sì che, qualora anco in man tua ritorni,
  ve' se sperar di corre il fior convienti. —
  Ah vecchia maladetta, come adorni
  la tua menzogna! e tu sai pur se menti.
  Se ben in man de venti ell'era stata,
  non l'avea alcun però mai violata.

142

  Dove l'avea veduta domandolle
  Zerbino, e quando, ma nulla n'invola;
  che la vecchia ostinata più non volle
  a quel c'ha detto aggiungere parola.
  Prima Zerbin le fece un parlar molle,
  poi minacciolle di tagliar la gola:
  ma tutto è invan ciò che minaccia e prega;
  che non può far parlar la brutta strega.

143

  Lasciò la lingua all'ultimo in riposo
  Zerbin, poi che 'l parlar gli giovò poco;
  per quel ch'udito avea, tanto geloso,
  che non trovava il cor nel petto loco;
  d'Issabella trovar sì disioso,
  che saria per vederla ito nel fuoco:
  ma non poteva andar più che volesse
  colei, poi ch'a Marfisa lo promesse.

144

  E quindi per solingo e strano calle,
  dove a lei piacque, fu Zerbin condotto;
  né per o poggiar monte o scender valle,
  mai si guardaro in faccia o si fer motto.
  Ma poi ch'al mezzodì volse le spalle
  il vago sol, fu il lor silenzio rotto
  da un cavallier che nel cammin scontraro.
  Quel che seguì, ne l'altro canto è chiaro.



CANTO VENTUNESIMO


1

  Né fune intorto crederò che stringa
  soma così, né così legno chiodo,
  come la fé ch'una bella alma cinga
  del suo tenace indissolubil nodo.
  Né dagli antiqui par che si dipinga
  la santa Fé vestita in altro modo,
  che d'un vel bianco che la cuopra tutta:
  ch'un sol punto, un sol neo la può far brutta.

2

  La fede unqua non debbe esser corrotta,
  o data a un solo, o data insieme a mille;
  e così in una selva, in una grotta,
  lontan da le cittadi e da le ville,
  come dinanzi a tribunali, in frotta
  di testimon, di scritti e di postille,
  senza giurare o segno altro più espresso,
  basti una volta che s'abbia promesso.

3

  Quella servò, come servar si debbe
  in ogni impresa, il cavallier Zerbino:
  e quivi dimostrò che conto n'ebbe,
  quando si tolse dal proprio camino
  per andar con costei, la qual gl'increbbe,
  come s'avesse il morbo sì vicino,
  o pur la morte istessa; ma potea,
  più che 'l disio, quel che promesso avea.

4

  Dissi di lui, che di vederla sotto
  la sua condotta tanto al cor gli preme,
  che n'arrabbia di duol, né le fa motto,
  e vanno muti e taciturni insieme:
  dissi che poi fu quel silenzio rotto,
  ch'al mondo il sol mostrò le ruote estreme,
  da un cavalliero aventuroso errante,
  ch'in mezzo del camin lor si fe' inante.

5

  La vecchia che conobbe il cavalliero,
  ch'era nomato Ermonide d'Olanda,
  che per insegna ha ne lo scudo nero
  attraversata una vermiglia banda,
  posto l'orgoglio e quel sembiante altiero,
  umilmente a Zerbin si raccomanda,
  e gli ricorda quel ch'esso promise
  alla guerriera ch'in sua man la mise.

6

  Perché di lei nimico e di sua gente
  era il guerrier che contra lor venìa:
  ucciso ad essa avea il padre innocente,
  e un fratello che solo al mondo avia;
  e tuttavolta far del rimanente,
  come degli altri, il traditor disia.
  — Fin ch'alla guardia tua, donna, mi senti
  (dicea Zerbin), non vo' che tu paventi. —

7

  Come più presso il cavallier si specchia
  in quella faccia che sì in odio gli era:
  — O di combatter meco t'apparecchia
  (gridò con voce minacciosa e fiera),
  o lascia la difesa de la vecchia,
  che di mia man secondo il merto pera.
  Se combatti per lei, rimarrai morto;
  che così avviene a chi s'appiglia al torto. —

8

  Zerbin cortesemente a lui risponde
  che gli è desir di bassa e mala sorte,
  ed a cavalleria non corrisponde
  che cerchi dare ad una donna morte:
  se pur combatter vuol, non si nasconde;
  ma che prima consideri ch'importe
  ch'un cavallier, com'era egli, gentile,
  voglia por man nel sangue feminile,

9

  Queste gli disse e più parole invano;
  e fu bisogno al fin venire a' fatti.
  Poi che preso a bastanza ebbon del piano,
  tornarsi incontra a tutta briglia ratti.
  Non van sì presti i razzi fuor di mano,
  ch'al tempo son de le allegrezze tratti,
  come andaron veloci i duo destrieri
  ad incontrare insieme i cavallieri.

10

  Ermonide d'Olanda segnò basso,
  che per passare il destro fianco attese:
  ma la sua debol lancia andò in fracasso,
  e poco il cavallier di Scozia offese.
  Non fu già l'altro colpo vano e casso:
  roppe lo scudo, e sì la spalla prese,
  che la forò da l'uno all'altro lato,
  e riversar fe' Ermonide sul prato.

11

  Zerbin che si pensò d'averlo ucciso,
  di pietà vinto, scese in terra presto,
  e levò l'elmo da lo smorto viso;
  e quel guerrier, come dal sonno desto,
  senza parlar guardò Zerbino fiso;
  e poi gli disse: — Non m'è già molesto
  ch'io sia da te abbattuto, ch'ai sembianti
  mostri esser fior de' cavallier erranti;

12

  ma ben mi duol che questo per cagione
  d'una femina perfida m'avviene,
  a cui non so come tu sia campione,
  che troppo al tuo valor si disconviene.
  E quando tu sapessi la cagione
  ch'a vendicarmi di costei mi mene,
  avresti, ognor che rimembrassi, affanno
  d'aver, per campar lei, fatto a me danno.

13

  E se spirto a bastanza avrò nel petto
  ch'io il possa dir (ma del contrario temo),
  io ti farò veder ch'in ogni effetto
  scelerata è costei più ch'in estremo.
  Io ebbi già un fratel che giovinetto
  d'Olanda si partì, donde noi semo,
  e si fece d'Eraclio cavalliero,
  ch'allor tenea de' Greci il sommo impero.

14

  Quivi divenne intrinseco e fratello
  d'un cortese baron di quella corte,
  che nei confin di Servia avea un castello
  di sito ameno e di muraglia forte.
  Nomossi Argeo colui di ch'io favello,
  di questa iniqua femina consorte,
  la quale egli amò sì, che passò il segno
  ch'a un uom si convenia, come lui, degno.

15

  Ma costei, più volubile che foglia
  quando l'autunno è più priva d'umore,
  che l' freddo vento gli arbori ne spoglia
  e le soffia dinanzi al suo furore;
  verso il marito cangiò tosto voglia,
  che fisso qualche tempo ebbe nel core;
  e volse ogni pensiero, ogni disio
  d'acquistar per amante il fratel mio.

16

  Ma né sì saldo all'impeto marino
  l'Acrocerauno d'infamato nome,
  né sta sì duro incontra borea il pino
  che rinovato ha più di cento chiome,
  che quanto appar fuor de lo scoglio alpino,
  tanto sotterra ha le radici; come
  il mio fratello a' prieghi di costei,
  nido de tutti i vizi infandi e rei.

17

  Or, come avviene a un cavallier ardito,
  che cerca briga e la ritrova spesso,
  fu in una impresa il mio fratel ferito,
  molto al castel del suo compagno appresso,
  dove venir senza aspettare invito
  solea, fosse o non fosse Argeo con esso;
  e dentro a quel per riposar fermosse
  tanto che del suo mal libero fosse.

18

  Mentre egli quivi si giacea, convenne
  ch'in certa sua bisogna andasse Argeo.
  Tosto questa sfacciata a tentar venne
  il mio fratello, ed a sua usanza feo;
  ma quel fedel non oltre più sostenne
  avere ai fianchi un stimulo sì reo:
  elesse, per servar sua fede a pieno,
  di molti mal quel che gli parve meno.

19

  Tra molti mal gli parve elegger questo:
  lasciar d'Argeo l'intrinsichezza antiqua;
  lungi andar sì, che non sia manifesto
  mai più il suo nome alla femina iniqua.
  Ben che duro gli fosse, era più onesto
  che satisfare a quella voglia obliqua,
  o ch'accusar la moglie al suo signore,
  da cui fu amata a par del proprio core.

20

  E de le sue ferite ancora infermo
  l'arme si veste, e del castel si parte;
  e con animo va costante e fermo
  di non mai più tornare in quella parte.
  Ma che gli val? ch'ogni difesa e schermo
  gli disipa Fortuna con nuova arte;
  ecco il marito che ritorna intanto,
  e trova la moglier che fa gran pianto,

21

  e scapigliata e con la faccia rossa;
  e le domanda di che sia turbata.
  Prima ch'ella a rispondere sia mossa,
  pregar si lascia più d'una fiata,
  pensando tuttavia come si possa
  vendicar di colui che l'ha lasciata:
  e ben convenne al suo mobile ingegno
  cangiar l'amore in subitano sdegno.

22

  — Deh (disse al fine), a che l'error nascondo
  c'ho commesso, signor, ne la tua assenza?
  che quando ancora io 'l celi a tutto 'l mondo,
  celar nol posso alla mia coscienza.
  L'alma che sente il suo peccato immondo,
  pate dentro da sé tal penitenza,
  ch'avanza ogn'altro corporal martire
  che dar mi possa alcun del mio fallire;

23

  quando fallir sia quel che si fa a forza:
  ma sia quel che si vuol, tu sappil'anco;
  poi con la spada da la immonda scorza
  scioglie lo spirto imaculato e bianco,
  e le mie luci eternamente ammorza;
  che dopo tanto vituperio, almanco
  tenerle basse ognor non mi bisogni,
  e di ciascun ch'io vegga, io mi vergogni.

24

  Il tuo compagno ha l'onor mio distrutto:
  questo corpo per forza ha violato;
  e perché teme ch'io ti narri il tutto,
  or si parte il villan senza commiato. —
  In odio con quel dir gli ebbe ridutto
  colui che più d'ogn'altro gli fu grato.
  Argeo lo crede, ed altro non aspetta;
  ma piglia l'arme e corre a far vendetta.

25

  E come quel ch'avea il paese noto,
  lo giunse che non fu troppo lontano;
  che 'l mio fratello, debole ed egroto,
  senza sospetto se ne gìa pian piano:
  e brevemente, in un loco remoto
  pose, per vendicarsene, in lui mano.
  Non trova il fratel mio scusa che vaglia;
  ch'in somma Argeo con lui vuol la battaglia.

26

  Era l'un sano e pien di nuovo sdegno,
  infermo l'altro, ed all'usanza amico:
  sì ch'ebbe il fratel mio poco ritegno
  contra il compagno fattogli nimico.
  Dunque Filandro di tal sorte indegno
  (de l'infelice giovene ti dico:
  così avea nome), non sofrendo il peso
  di sì fiera battaglia, restò preso.

27

  — Non piaccia a Dio che mi conduca a tale
  il mio giusto furore e il tuo demerto
  (gli disse Argeo), che mai sia omicidiale
  di te ch'amava; e me tu amavi certo,
  ben che nel fin me l'hai mostrato male;
  pur voglio a tutto il mondo fare aperto
  che, come fui nel tempo de l'amore,
  così ne l'odio son di te migliore.

28

  Per altro modo punirò il tuo fallo,
  che le mie man più nel tuo sangue porre. —
  Così dicendo, fece sul cavallo
  di verdi rami una bara comporre,
  e quasi morto in quella riportallo
  dentro al castello in una chiusa torre,
  dove in perpetuo per punizione
  candannò l'innocente a star prigione.

29

  Non però ch'altra cosa avesse manco,
  che la libertà prima del partire;
  perché nel resto, come sciolto e franco
  vi comandava e si facea ubidire.
  Ma non essendo ancor l'animo stanco
  di questa ria del suo pensier fornire,
  quasi ogni giorno alla prigion veniva;
  ch'avea le chiavi, e a suo piacer l'apriva:

30

  e movea sempre al mio fratello assalti,
  e con maggiore audacia che di prima.
  — Questa tua fedeltà (dicea) che valti,
  poi che perfidia per tutto si stima?
  Oh che trionfi gloriosi ed alti!
  oh che superbe spoglie e preda opima!
  oh che merito al fin te ne risulta,
  se, come a traditore, ognun t'insulta!

31

  Quanto utilmente, quanto con tuo onore
  m'avresti dato quel che da te volli!
  Di questo sì ostinato tuo rigore
  la gran mercé che tu guadagni, or tolli:
  in prigion sei, né crederne uscir fuore,
  se la durezza tua prima non molli.
  Ma quando mi compiacci, io farò trama
  di racquistarti e libertade e fama. —

32

  — No, no (disse Filandro) aver mai spene
  che non sia, come suol, mia vera fede,
  se ben contra ogni debito mi avviene
  ch'io ne riporti sì dura mercede,
  e di me creda il mondo men che bene:
  basta che inanti a quel che 'l tutto vede
  e mi può ristorar di grazia eterna,
  chiara la mia innocenza si discerna.

33

  Se non basta ch'Argeo mi tenga preso,
  tolgami ancor questa noiosa vita.
  Forse non mi fia il premio in ciel conteso
  de la buona opra, qui poco gradita.
  Forse egli, che da me si chiama offeso,
  quando sarà quest'anima partita,
  s'avedrà poi d'avermi fatto torto,
  e piangerà il fedel compagno morto. —

34

  Così più volte la sfacciata donna
  tenta Filandro, e torna senza frutto.
  Ma il cieco suo desir, che non assonna
  del scelerato amor traer costrutto,
  cercando va più dentro ch'alla gonna
  suoi vizi antiqui, e ne discorre il tutto.
  Mille pensier fa d'uno in altro modo,
  prima che fermi in alcun d'essi il chiodo.

35

  Stette sei mesi che non messe piede,
  come prima facea, ne la prigione;
  di che il miser Filandro e spera e crede
  che costei più non gli abbia affezione.
  Ecco Fortuna, al mal propizia, diede
  a questa scelerata occasione
  di metter fin con memorabil male
  al suo cieco appetito irrazionale.

36

  Antiqua nimicizia avea il marito
  con un baron detto Morando il bello,
  che, non v'essendo Argeo, spesso era ardito
  di correr solo, e sin dentro al castello;
  ma s'Argeo v'era, non tenea lo 'nvito,
  né s'accostava a dieci miglia a quello.
  Or, per poterlo indur che ci venisse,
  d'ire in Ierusalem per voto disse.

37

  Disse d'andare; e partesi ch'ognuno
  lo vede, e fa di ciò sparger le grida:
  né il suo pensier, fuor che la moglie, alcuno
  puote saper; che sol di lei si fida.
  Torna poi nel castello all'aer bruno,
  né mai, se non la notte, ivi s'annida;
  e con mutate insegne al nuovo albore,
  senza vederlo alcun, sempre esce fuore.

38

  Se ne va in questa e in quella parte errando,
  e volteggiando al suo castello intorno,
  pur per veder se credulo Morando
  volesse far, come solea, ritorno.
  Stava il dì tutto alla foresta; e quando
  ne la marina vedea ascoso il giorno,
  venìa al castello, e per nascose porte
  lo togliea dentro l'infedel consorte.

39

  Crede ciascun, fuor che l'iniqua moglie,
  che molte miglia Argeo lontan si trove.
  Dunque il tempo oportuno ella si toglie:
  al fratel mio va con malizie nuove.
  Ha di lagrime a tutte le sue voglie
  un nembo che dagli occhi al sen le piove.
  — Dove potrò (dicea) trovare aiuto,
  che in tutto l'onor mio non sia perduto?

40

  E col mio quel del mio marito insieme,
  il qual se fosse qui, non temerei.
  Tu conosci Morando, e sai se teme,
  quando Argeo non ci sente, omini e dei.
  Questi or pregando, or minacciando, estreme
  prove fa tuttavia, né alcun de' miei
  lascia che non contamini, per trarmi
  a' suoi desii, né so s'io potrò aitarmi.

41

  Or c'ha inteso il partir del mio consorte,
  e ch'al ritorno non sarà sì presto,
  ha avuto ardir d'entrar ne la mia corte
  senza altra scusa e senz'altro pretesto;
  che se ci fosse il mio signor per sorte,
  non sol non avria audacia di far questo,
  ma non si terria ancor, per Dio, sicuro
  d'appressarsi a tre miglia a questo muro.

42

  E quel che già per messi ha ricercato,
  oggi me l'ha richiesto a fronte a fronte,
  e con tai modi, che gran dubbio è stato
  de lo avvenirmi disonore ed onte,
  e se non che parlar dolce gli ho usato,
  e finto le mie voglie alle sue pronte,
  saria a forza, di quel suto rapace,
  che spera aver per mie parole in pace.

43

  Promesso gli ho, non già per osservargli
  (che fatto per timor, nullo è il contratto);
  ma la mia intenzion fu per vietargli
  quel che per forza avrebbe allora fatto.
  Il caso è qui: tu sol pòi rimediargli;
  del mio onor altrimenti sarà tratto,
  e di quel del mio Argeo, che già m'hai detto
  aver o tanto, o più che 'l proprio, a petto.

44

  E se questo mi nieghi, io dirò dunque
  ch'in te non sia la fé di che ti vanti;
  ma che fu sol per crudeltà, qualunque
  volta hai sprezzati i miei supplici pianti;
  non per rispetto alcun d'Argeo, quantunque
  m'hai questo scudo ognora opposto inanti.
  Saria stato tra noi la cosa occulta;
  ma di qui aperta infamia mi risulta. —

45

  — Non si convien (disse Filandro) tale
  prologo a me, per Argeo mio disposto.
  Narrami pur quel che tu vuoi, che quale
  sempre fui, di sempre essere ho proposto;
  e ben ch'a torto io ne riporti male,
  a lui non ho questo peccato imposto.
  Per lui son pronto andare anco alla morte,
  e siami contra il mondo e la mia sorte. —

46

  Rispose l'empia: — Io voglio che tu spenga
  colui che 'l nostro disonor procura.
  Non temer ch'alcun mal di ciò t'avenga;
  ch'io te ne mostrerò la via sicura.
  Debbe egli a me tornar come rivenga
  su l'ora terza la notte più scura;
  e fatto un segno de ch'io l'ho avvertito,
  io l'ho a tor dentro, che non sia sentito.

47

  A te non graverà prima aspettarme
  ne la camera mia dove non luca,
  tanto che dispogliar gli faccia l'arme,
  e quasi nudo in man te lo conduca. —
  Così la moglie conducesse parme
  il suo marito alla tremenda buca;
  se per dritto costei moglie s'appella,
  più che furia infernal crudele e fella.

48

  Poi che la notte scelerata venne,
  fuor trasse il mio fratel con l'arme in mano;
  e ne l'oscura camera lo tenne,
  fin che tornasse il miser castellano.
  Come ordine era dato, il tutto avvenne;
  che 'l consiglio del mal va raro invano.
  Così Filandro il buon Argeo percosse,
  che si pensò che quel Morando fosse.

49

  Con esso un colpo il capo fesse e il collo;
  ch'elmo non v'era, e non vi fu riparo.
  Pervenne Argeo, senza pur dare un crollo,
  de la misera vita al fine amaro:
  e tal l'uccise, che mai non pensollo,
  né mai l'avria creduto: oh caso raro!
  che cercando giovar, fece all'amico
  quel di che peggio non si fa al nimico.

50

  Poscia ch'Argeo non conosciuto giacque,
  rende a Gabrina il mio fratel la spada.
  Gabrina è il nome di costei, che nacque
  sol per tradire ognun che in man le cada.
  Ella, che 'l ver fin a quell'ora tacque,
  vuol che Filandro a riveder ne vada
  col lume in mano il morto ond'egli è reo:
  e gli dimostra il suo compagno Argeo.

51

  E gli minaccia poi, se non consente
  all'amoroso suo lungo desire,
  di palesare a tutta quella gente
  quel ch'egli ha fatto, e nol può contradire;
  e lo farà vituperosamente
  come assassino e traditor morire:
  e gli ricorda che sprezzar la fama
  non de', se ben la vita sì poco ama.

52

  Pien di paura e di dolor rimase
  Filandro, poi che del suo error s'accorse.
  Quasi il primo furor gli persuase
  d'uccider questa, e stette un pezzo in forse:
  e se non che ne le nimiche case
  si ritrovò (che la ragion soccorse),
  non si trovando avere altr'arme in mano,
  coi denti la stracciava a brano a brano.

53

  Come ne l'alto mar legno talora,
  che da duo venti sia percosso e vinto,
  ch'ora uno inanzi l'ha mandato, ed ora
  un altro al primo termine respinto,
  e l'han girato da poppa e da prora,
  dal più possente al fin resta sospinto;
  così Filandro, tra molte contese
  de' duo pensieri, al manco rio s'apprese.

54

  Ragion gli dimostrò il pericol grande,
  oltre al morir, del fine infame e sozzo,
  se l'omicidio nel castel si spande;
  e del pensare il termine gli è mozzo.
  Voglia o non voglia, al fin convien che mande
  l'amarissimo calice nel gozzo.
  Pur finalmente ne l'afflitto core
  più de l'ostinazion poté il timore.

55

  Il timor del supplicio infame e brutto
  prometter fece con mille scongiuri,
  che faria di Gabrina il voler tutto,
  se di quel luogo se partian sicuri.
  Così per forza colse l'empia il frutto
  del suo desire, e poi lasciar quei muri.
  Così Filandro a noi fece ritorno,
  di sé lasciando in Grecia infamia e scorno.

56

  E portò nel cor fisso il suo compagno
  che così scioccamente ucciso avea,
  per far con sua gran noia empio guadagno
  d'una Progne crudel, d'una Medea.
  E se la fede e il giuramento, magno
  e duro freno, non lo ritenea,
  come al sicuro fu, morta l'avrebbe;
  ma, quanto più si puote, in odio l'ebbe.

57

  Non fu da indi in qua rider mai visto:
  tutte le sue parole erano meste,
  sempre sospir gli uscian dal petto tristo,
  ed era divenuto un nuovo Oreste,
  poi che la madre uccise e il sacro Egisto,
  e che l'ultrice Furie ebbe moleste.
  E senza mai cessar, tanto l'afflisse
  questo dolor, ch'infermo al letto il fisse.

58

  Or questa meretrice, che si pensa
  quanto a quest'altro suo poco sia grata,
  muta la fiamma già d'amore intensa
  in odio, in ira ardente ed arrabbiata;
  né meno è contra al mio fratello accensa,
  che fosse contra Argeo la scelerata:
  e dispone tra sé levar dal mondo,
  come il primo marito, anco il secondo.

59

  Un medico trovò d'inganni pieno,
  sufficiente ed atto a simil uopo,
  che sapea meglio uccider di veneno,
  che risanar gl'infermi di silopo;
  e gli promesse, inanzi più che meno
  di quel che domandò, donargli, dopo
  ch'avesse con mortifero liquore
  levatole dagli occhi il suo signore.

60

  Già in mia presenza e d'altre più persone
  venìa col tosco in mano il vecchio ingiusto,
  dicendo ch'era buona pozione
  da ritornare il mio fratel robusto.
  Ma Gabrina con nuova intenzione,
  pria che l'infermo ne turbasse il gusto,
  per torsi il consapevole d'appresso,
  o per non dargli quel ch'avea promesso,

61

  la man gli prese, quando a punto dava
  la tazza dove il tosco era celato,
  dicendo: — Ingiustamente è se 'l ti grava
  ch'io tema per costui c'ho tanto amato.
  Voglio esser certa che bevanda prava
  tu non gli dia, né succo avelenato;
  e per questo mi par che 'l beveraggio
  non gli abbi a dar, se non ne fai tu il saggio. —

62

  Come pensi, signor, che rimanesse
  il miser vecchio conturbato allora?
  La brevità del tempo sì l'oppresse,
  che pensar non poté che meglio fôra;
  pur, per non dar maggior sospetto, elesse
  il calice gustar senza dimora:
  e l'infermo, seguendo una tal fede,
  tutto il resto pigliò, che si gli diede.

63

  Come sparvier che nel piede grifagno
  tenga la starna e sia per trarne pasto,
  dal can che si tenea fido compagno,
  ingordamente è sopragiunto e guasto;
  così il medico intento al rio guadagno,
  donde sperava aiuto ebbe contrasto.
  Odi di summa audacia esempio raro!
  e così avvenga a ciascun altro avaro.

64

  Fornito questo, il vecchio s'era messo,
  per ritornare alla sua stanza, in via,
  ed usar qualche medicina appresso,
  che lo salvasse da la peste ria;
  ma da Gabrina non gli fu concesso,
  dicendo non voler ch'andasse pria
  che 'l succo ne lo stomaco digesto
  il suo valor facesse manifesto.

65

  Pregar non val, né far di premio offerta,
  che lo voglia lasciar quindi partire.
  Il disperato, poi che vede certa
  la morte sua, né la poter fuggire,
  ai circostanti fa la cosa aperta;
  né la seppe costei troppo coprire.
  E così quel che fece agli altri spesso,
  quel buon medico al fin fece a se stesso:

66

  e sequitò con l'alma quella ch'era
  già de mio frate caminata inanzi.
  Noi circostanti, che la cosa vera
  del vecchio udimmo, che fe' pochi avanzi,
  pigliammo questa abominevol fera,
  più crudel di qualunque in selva stanzi;
  e la serrammo in tenebroso loco,
  per condannarla al meritato foco. —

67

  Questo Ermonide disse, e più voleva
  seguir, com'ella di prigion levossi;
  ma il dolor de la piaga sì l'aggreva,
  che pallido ne l'erba riversossi.
  Intanto duo scudier, che seco aveva,
  fatto una bara avean di rami grossi:
  Ermonide si fece in quella porre;
  ch'indi altrimente non si potea torre.

68

  Zerbin col cavallier fece sua scusa,
  che gl'increscea d'averli fatto offesa;
  ma, come pur tra cavallieri s'usa,
  colei che venìa seco avea difesa:
  ch'altrimente sua fé saria confusa;
  perché, quando in sua guardia l'avea presa,
  promesse a sua possanza di salvarla
  contra ognun che venisse a disturbarla.

69

  E s'in altro potea gratificargli,
  prontissimo offeriase alla sua voglia.
  Rispose il cavallier, che ricordargli
  sol vuol, che da Gabrina si discioglia
  prima ch'ella abbia cosa a machinargli,
  di ch'esso indarno poi si penta e doglia.
  Gabrina tenne sempre gli occhi bassi,
  perché non ben risposta al vero dassi.

70

  Con la vecchia Zerbin quindi partisse
  al già promesso debito viaggio;
  e tra sé tutto il dì la maledisse,
  che far gli fece a quel barone oltraggio.
  Ed or che pel gran mal che gli ne disse
  chi lo sapea, di lei fu istrutto e saggio,
  se prima l'avea a noia e a dispiacere,
  or l'odia sì che non la può vedere.

71

  Ella che di Zerbin sa l'odio a pieno,
  né in mala voluntà vuole esser vinta,
  un'oncia a lui non ne riporta meno:
  la tien di quarta, e la rifà di quinta.
  Nel cor era gonfiata di veneno,
  e nel viso altrimente era dipinta.
  Dunque ne la concordia ch'io vi dico,
  tenean lor via per mezzo il bosco antico.

72

  Ecco, volgendo il sol verso la sera,
  udiron gridi e strepiti e percosse,
  che facean segno di battaglia fiera
  che, quanto era il rumor, vicina fosse.
  Zerbino, per veder la cosa ch'era,
  verso il rumore in gran fretta si mosse:
  non fu Gabrina lenta a seguitarlo.
  Di quel ch'avvenne, all'altro canto io parlo.



CANTO VENTIDUESIMO


1

  Cortesi donne e grate al vostro amante,
  voi che d'un solo amor sète contente,
  come che certo sia, fra tante e tante,
  che rarissime siate in questa mente;
  non vi dispiaccia quel ch'io dissi inante,
  quando contra Gabrina fui sì ardente,
  e s'ancor son per spendervi alcun verso,
  di lei biasmando l'animo perverso.

2

  Ella era tale; e come imposto fummi
  da chi può in me, non preterisco il vero.
  Per questo io non oscuro gli onor summi
  d'una e d'un'altra ch'abbia il cor sincero.
  Quel che 'l Maestro suo per trenta nummi
  diede a' Iudei, non nocque a Ianni o a Piero;
  né d'Ipermestra è la fama men bella,
  se ben di tante inique era sorella.

3

  Per una che biasmar cantando ardisco
  (che l'ordinata istoria così vuole),
  lodarne cento incontra m'offerisco,
  e far lor virtù chiara più che 'l sole.
  Ma tornando al lavor che vario ordisco,
  ch'a molti, lor mercé, grato esser suole,
  del cavallier di Scozia io vi dicea,
  ch'un alto grido appresso udito avea.

4

  Fra due montagne entrò in un stretto calle
  onde uscia il grido, e non fu molto inante,
  che giunse dove in una chiusa valle
  si vide un cavallier morto davante.
  Chi sia dirò; ma prima dar le spalle
  a Francia voglio, e girmene in Levante,
  tanto ch'io trovi Astolfo paladino,
  che per Ponente avea preso il camino.

5

  Io lo lasciai ne la città crudele,
  onde col suon del formidabil corno
  avea cacciato il populo infedele,
  e gran periglio toltosi d'intorno,
  ed a' compagni fatto alzar le vele,
  e dal lito fuggir con grave scorno.
  Or seguendo di lui, dico che prese
  la via d'Armenia, e uscì di quel paese.

6

  E dopo alquanti giorni in Natalia
  trovossi, e inverso Bursia il camin tenne;
  onde, continuando la sua via
  di qua dal mare, in Tracia se ne venne.
  Lungo il Danubio andò per l'Ungaria;
  e come avesse il suo destrier le penne,
  i Moravi e i Boemi passò in meno
  di venti giorni e la Franconia e il Reno.

7

  Per la selva d'Ardenna in Aquisgrana
  giunse e in Barbante, e in Fiandra al fin s'imbarca.
  L'aura che soffia verso tramontana,
  la vela in guisa in su la prora carca,
  ch'a mezzo giorno Astolfo non lontana
  vede Inghilterra, ove nel lito varca.
  Salta a cavallo, e in tal modo lo punge,
  ch'a Londra quella sera ancora giunge.

8

  Quivi sentendo poi che 'l vecchio Otone
  già molti mesi inanzi era in Parigi,
  e che di nuovo quasi ogni barone
  avea imitato i suoi degni vestigi;
  d'andar subito in Francia si dispone:
  e così torna al porto di Tamigi,
  onde con le vele alte uscendo fuora,
  verso Calessio fe' drizzar la prora.

9

  Un ventolin che leggiermente all'orza
  ferendo, avea adescato il legno all'onda,
  a poco a poco cresce e si rinforza;
  poi vien sì, ch'al nocchier ne soprabonda.
  Che li volti la poppa al fine è forza;
  se non, gli caccerà sotto la sponda.
  Per la schena del mar tien dritto il legno,
  e fa camin diverso al suo disegno.

10

  Or corre a destra, or a sinistra mano,
  di qua di là, dove fortuna spinge,
  e piglia terra al fin presso a Roano;
  e come prima il dolce lito attinge,
  fa rimetter la sella a Rabicano,
  e tutto s'arma e la spada si cinge.
  Prende il camino, ed ha seco quel corno
  che gli val più che mille uomini intorno.

11

  E giunse, traversando una foresta,
  a piè d'un colle ad una chiara fonte,
  ne l'ora che 'l monton di pascer resta,
  chiuso in capanna, o sotto un cavo monte.
  E dal gran caldo e da la sete infesta
  vinto, si trasse l'elmo da la fronte;
  legò il destrier tra le più spesse fronde,
  e poi venne per bere alle fresche onde.

12

  Non avea messo ancor le labra in molle,
  ch'un villanel che v'era ascoso appresso,
  sbuca fuor d'una macchia, e il destrier tolle,
  sopra vi sale, e se ne va con esso.
  Astolfo il rumor sente, e'l capo estolle;
  e poi che 'l danno suo vede sì espresso,
  lascia la fonte, e sazio senza bere,
  gli va dietro correndo a più potere.

13

  Quel ladro non si stende a tutto corso,
  che dileguato si saria di botto;
  ma or lentando or raccogliendo il morso,
  se ne va di galoppo e di buon trotto.
  Escon del bosco dopo un gran discorso;
  e l'uno e l'altro al fin si fu ridotto
  là dove tanti nobili baroni
  eran senza prigion più che prigioni.

14

  Dentro il palagio il villanel si caccia
  con quel destrier che i venti al corso adegua.
  Forza è ch'Astolfo, il qual lo scudo impaccia,
  l'elmo e l'altr'arme, di lontan lo segua.
  Pur giunge anch'egli, e tutta quella traccia
  che fin qui avea seguita, si dilegua;
  che più né Rabican né 'l ladro vede,
  e gira gli occhi, e indarno affretta il piede;

15

  affretta il piede e va cercando invano
  e le logge e le camere e le sale;
  ma per trovare il perfido villano,
  di sua fatica nulla si prevale.
  Non sa dove abbia ascoso Rabicano,
  quel suo veloce sopra ogni animale;
  e senza frutto alcun tutto quel giorno
  cercò di su di giù, dentro e d'intorno.

16

  Confuso e lasso d'aggirarsi tanto,
  s'avvide che quel loco era incantato;
  e del libretto ch'avea sempre a canto,
  che Logistilla in India gli avea dato,
  acciò che, ricadendo in nuovo incanto,
  potessi aitarsi, si fu ricordato:
  all'indice ricorse, e vide tosto
  a quante carte era il rimedio posto.

17

  Del palazzo incantato era difuso
  scritto nel libro; e v'eran scritti i modi
  di fare il mago rimaner confuso,
  e a tutti quei prigion di sciorre i nodi.
  Sotto la soglia era uno spirto chiuso,
  che facea questi inganni e queste frodi:
  e levata la pietra ov'è sepolto,
  per lui sarà il palazzo in fumo sciolto.

18

  Desideroso di condurre a fine
  il paladin sì gloriosa impresa,
  non tarda più che 'l braccio non inchine
  a provar quanto il grave marmo pesa.
  Come Atlante le man vede vicine
  per far che l'arte sua sia vilipesa,
  sospettoso di quel che può avvenire,
  lo va con nuovi incanti ad assalire.

19

  Lo fa con diaboliche sue larve
  parer da quel diverso, che solea:
  gigante ad altri, ad altri un villan parve,
  ad altri un cavallier di faccia rea.
  Ognuno in quella forma in che gli apparve
  nel bosco il mago, il paladin vedea;
  sì che per riaver quel che gli tolse
  il mago, ognuno al paladin si volse.

20

  Ruggier, Gradasso, Iroldo, Bradamante,
  Brandimarte, Prasildo, altri guerrieri
  in questo nuovo error si fero inante,
  per distruggere il duca accesi e fieri.
  Ma ricordossi il corno in quello istante,
  che fe' loro abbassar gli animi altieri.
  Se non si soccorrea col grave suono,
  morto era il paladin senza perdono.

21

  Ma tosto che si pon quel corno a bocca
  e fa sentire intorno il suono orrendo,
  a guisa dei colombi, quando scocca
  lo scoppio, vanno i cavallier fuggendo.
  Non meno al negromante fuggir tocca,
  non men fuor de la tana esce temendo
  pallido e sbigottito, e se ne slunga
  tanto, che 'l suono orribil non lo giunga.

22

  Fuggì il guardian coi suo' prigioni; e dopo
  de le stalle fuggir molti cavalli,
  ch'altro che fune a ritenerli era uopo,
  e seguiro i patron per vari calli.
  In casa non restò gatta né topo
  al suon che par che dica: Dàlli, dàlli.
  Sarebbe ito con gli altri Rabicano,
  se non ch'all'uscir venne al duca in mano.

23

  Astolfo, poi ch'ebbe cacciato il mago,
  levò di su la soglia il grave sasso,
  e vi ritrovò sotto alcuna imago,
  ed altre cose che di scriver lasso:
  e di distrugger quello incanto vago,
  di ciò che vi trovò, fece fraccasso,
  come gli mostra il libro che far debbia;
  e si sciolse il palazzo in fumo e in nebbia.

24

  Quivi trovò che di catena d'oro
  di Ruggiero il cavallo era legato,
  parlo di quel che 'l negromante moro
  per mandarlo ad Alcina gli avea dato;
  a cui poi Logistilla fe' il lavoro
  del freno, ond'era in Francia ritornato,
  e girato da l'India all'Inghilterra
  tutto avea il lato destro de la terra.

25

  Non so se vi ricorda che la briglia
  lasciò attaccata all'arbore quel giorno
  che nuda da Ruggier sparì la figlia
  di Galafrone, e gli fe' l'alto scorno.
  Fe' il volante destrier, con maraviglia
  di chi lo vide, al mastro suo ritorno;
  e con lui stette infin al giorno sempre,
  che de l'incanto fur rotte le tempre.

26

  Non potrebbe esser stato più giocondo
  d'altra aventura Astolfo, che di questa;
  che per cercar la terra e il mar, secondo
  ch'avea desir, quel ch'a cercar gli resta,
  e girar tutto in pochi giorni il mondo,
  troppo venìa questo ippogrifo a sesta.
  Sapea egli ben quanto a portarlo era atto,
  che l'avea altrove assai provato in fatto.

27

  Quel giorno in India lo provò, che tolto
  da la savia Melissa fu di mano
  a quella scelerata che travolto
  gli avea in mirto silvestre il viso umano:
  e ben vide e notò come raccolto
  gli fu sotto la briglia il capo vano
  da Logistilla, e vide come istrutto
  fosse Ruggier di farlo andar per tutto.

28

  Fatto disegno l'ippogrifo torsi,
  la sella sua, ch'appresso avea, gli messe;
  e gli fece, levando da più morsi
  una cosa ed un'altra, un che lo resse;
  che dei destrier ch'in fuga erano corsi,
  quivi attaccate eran le briglie spesse.
  Ora un pensier di Rabicano solo
  lo fa tardar che non si leva a volo.

29

  D'amar quel Rabicano avea ragione;
  che non v'era un miglior per correr lancia,
  e l'avea da l'estrema regione
  de l'India cavalcato insin in Francia.
  Pensa egli molto; e in somma si dispone
  darne più tosto ad un suo amico mancia,
  che, lasciandolo quivi in su la strada,
  se l'abbia il primo ch'a passarvi accada.

30

  Stava mirando se vedea venire
  pel bosco o cacciatore o alcun villano,
  da cui far si potesse indi seguire
  a qualche terra, e trarvi Rabicano.
  Tutto quel giorno e sin all'apparire
  de l'altro stette riguardando invano.
  L'altro matin, ch'era ancor l'aer fosco,
  veder gli parve un cavallier pel bosco.

31

  Ma mi bisogna, s'io vo' dirvi il resto,
  ch'io trovi Ruggier prima e Bradamante.
  Poi che si tacque il corno, e che da questo
  loco la bella coppia fu distante,
  guardò Ruggiero, e fu a conoscer presto
  quel che fin qui gli avea nascoso Atlante:
  fatto avea Atlante che fin a quell'ora
  tra lor non s'eran conosciuti ancora.

32

  Ruggier riguarda Bradamante, ed ella
  riguarda lui con alta maraviglia,
  che tanti dì l'abbia offuscato quella
  illusion sì l'animo e le ciglia.
  Ruggiero abbraccia la sua donna bella,
  che più che rosa ne divien vermiglia;
  e poi di su la bocca i primi fiori
  cogliendo vien dei suoi beati amori.

33

  Tornaro ad iterar gli abbracciamenti
  mille fiate, ed a tenersi stretti
  i duo felici amanti, e sì contenti,
  ch'a pena i gaudi lor capiano i petti.
  Molto lor duol che per incantamenti,
  mentre che fur negli errabondi tetti,
  tra lor non s'eran mai riconosciuti,
  e tanti lieti giorni eran perduti.

34

  Bradamante, disposta di far tutti
  i piaceri che far vergine saggia
  debbia ad un suo amator, sì che di lutti,
  senza il suo onore offendere, il sottraggia;
  dice a Ruggier, se a dar gli ultimi frutti
  lei non vuol sempre aver dura e selvaggia,
  la faccia domandar per buoni mezzi
  al padre Amon: ma prima si battezzi.

35

  Ruggier, che tolto avria non solamente
  viver cristiano per amor di questa,
  com'era stato il padre, e antiquamente
  l'avolo e tutta la sua stirpe onesta;
  ma, per farle piacere, immantinente
  data le avria la vita che gli resta:
  — Non che ne l'acqua (disse), ma nel fuoco
  per tuo amor porre il capo mi fia poco. —

36

  Per battezzarsi dunque, indi per sposa
  la donna aver, Ruggier si messe in via,
  guidando Bradamante a Vallombrosa
  (così fu nominata una badia
  ricca e bella, né men religiosa,
  e cortese a chiunque vi venìa);
  e trovaro all'uscir de la foresta
  donna che molto era nel viso mesta.

37

  Ruggier, che sempre uman, sempre cortese
  era a ciascun, ma più alle donne molto,
  come le belle lacrime comprese
  cader rigando il delicato volto,
  n'ebbe pietade, e di disir s'accese
  di saper il suo affanno; ed a lei volto,
  dopo onesto saluto, domandolle
  perch'avea sì di pianto il viso molle.

38

  Ed ella, alzando i begli umidi rai,
  umanissimamente gli rispose,
  e la cagion de' suoi penosi guai,
  poi che le domandò, tutta gli espose.
  — Gentil signor (disse ella), intenderai
  che queste guance son sì lacrimose
  per la pietà ch'a un giovinetto porto,
  ch'in un castel qui presso oggi fia morto.

39

  Amando una gentil giovane e bella,
  che di Marsilio re di Spagna è figlia,
  sotto un vel bianco e in feminil gonella,
  finta la voce e il volger de le ciglia,
  egli ogni notte si giacea con quella,
  senza darne sospetto alla famiglia:
  ma sì secreto alcuno esser non puote,
  ch'al lungo andar non sia chi 'l vegga e note.

40

  Se n'accorse uno, e ne parlò con dui;
  gli dui con altri, insin ch'al re fu detto.
  Venne un fedel del re l'altr'ieri a nui,
  che questi amanti fe' pigliar nel letto;
  e ne la rocca gli ha fatto ambedui
  divisamente chiudere in distretto:
  né credo per tutto oggi ch'abbia spazio
  il gioven, che non mora in pena e in strazio.

41

  Fuggita me ne son per non vedere
  tal crudeltà; che vivo l'arderanno:
  né cosa mi potrebbe più dolere,
  che faccia di sì bel giovine il danno;
  né potrò aver giamai tanto piacere,
  che non si volga subito in affanno,
  che de la crudel fiamma mi rimembri,
  ch'abbia arsi i belli e delicati membri. —

42

  Bradamante ode, e par ch'assai le prema
  questa novella, e molto il cor l'annoi;
  né par che men per quel dannato tema,
  che se fosse uno dei fratelli suoi.
  Né certo la paura in tutto scema
  era di causa, come io dirò poi.
  Si volse ella a Ruggiero, e disse: — Parme
  ch'in favor di costui sien le nostr'arme. —

43

  E disse a quella mesta: — Io ti conforto
  che tu vegga di porci entro alle mura,
  che se 'l giovine ancor non avran morto,
  più non l'uccideran, stanne sicura. —
  Ruggiero, avendo il cor benigno scorto
  de la sua donna e la pietosa cura,
  sentì tutto infiammarsi di desire
  di non lasciare il giovine morire.

44

  Ed alla donna, a cui dagli occhi cade
  un rio di pianto, dice: — Or che s'aspetta?
  Soccorrer qui, non lacrimare accade:
  fa ch'ove è questo tuo, pur tu ci metta.
  Di mille lance trar, di mille spade
  tel promettian, pur che ci meni in fretta:
  ma studia il passo più che puoi, che tarda
  non sia l'aita, e intanto il fuoco l'arda. —

45

  L'alto parlare e la fiera sembianza
  di quella coppia a maraviglia ardita,
  ebbon di tornar forza la speranza
  colà dond'era già tutta fuggita;
  ma perch'ancor, più che la lontananza,
  temeva il ritrovar la via impedita,
  e che saria per questo indarno presa,
  stava la donna in sé tutta sospesa.

46

  Poi disse lor: — Facendo noi la via
  che dritta e piana va fin a quel loco,
  credo ch'a tempo vi si giungeria,
  che non sarebbe ancora acceso il fuoco:
  ma gir convien per così torta e ria,
  che 'l termine d'un giorno saria poco
  a riuscirne; e quando vi saremo,
  che troviam morto il giovine mi temo. —

47

  — E perché non andian (disse Ruggiero)
  per la più corta? — E la donna rispose:
  — Perché un castel de' conti da Pontiero
  tra via si trova, ove un costume pose,
  non son tre giorni ancora, iniquo e fiero
  a cavallieri e a donne aventurose,
  Pinabello, il peggior uomo che viva,
  figliuol del conte Anselmo d'Altariva.

48

  Quindi né cavallier né donna passa,
  che se ne vada senza ingiuria e danni:
  l'uno e l'altro a piè resta; ma vi lassa
  il guerrier l'arme, e la donzella i panni.
  Miglior cavallier lancia non abbassa,
  e non abbassò in Francia già molt'anni,
  di quattro che giurato hanno al castello
  la legge mantener di Pinabello.

49

  Come l'usanza (che non è più antiqua
  di tre dì) cominciò, vi vo' narrare;
  e sentirete se fu dritta o obliqua
  cagion che i cavallier fece giurare.
  Pinabello ha una donna così iniqua,
  così bestial, ch'al mondo è senza pare;
  che con lui, non so dove, andando un giorno,
  ritrovò un cavallier che le fe' scorno.

50

  Il cavallier, perché da lei beffato
  fu d'una vecchia che portava in groppa,
  giostrò con Pinabel ch'era dotato
  di poca forza e di superbia troppa;
  ed abbattello, e lei smontar nel prato
  fece, e provò s'andava dritta o zoppa:
  lasciolla a piede, e fe' de la gonella
  di lei vestir l'antiqua damigella.

51

  Quella ch'a piè rimase, dispettosa,
  e di vendetta ingorda e sitibonda,
  congiunta a Pinabel che d'ogni cosa
  dove sia da mal far, ben la seconda,
  né giorno mai, né notte mai riposa,
  e dice che non fia mai più gioconda,
  se mille cavallieri e mille donne
  non mette a piedi, e lor tolle arme e gonne.

52

  Giunsero il dì medesmo, come accade,
  quattro gran cavallieri ad un suo loco,
  li quai di rimotissime contrade
  venuti a queste parti eran di poco;
  di tal valor, che non ha nostra etade
  tant'altri buoni al bellicoso gioco:
  Aquilante, Grifone e Sansonetto,
  ed un Guidon Selvaggio giovinetto.

53

  Pinabel con sembiante assai cortese
  al castel ch'io v'ho detto gli raccolse.
  La notte poi tutti nel letto prese,
  e presi tenne; e prima non li sciolse,
  che li fece giurar ch'un anno e un mese
  (questo fu a punto il termine che tolse)
  stariano quivi, e spogliarebbon quanti
  vi capitasson cavallieri erranti;

54

  e le donzelle ch'avesson con loro
  porriano a piedi, e torrian lor le vesti.
  Così giurar, così costretti foro
  ad osservar, ben che turbati e mesti.
  Non par che fin a qui contra costoro
  alcun possa giostrar, ch'a piè non resti:
  e capitati vi sono infiniti,
  ch'a piè e senz'arme se ne son partiti.

55

  È ordine tra lor, che chi per sorte
  esce fuor prima, vada a correr solo:
  ma se trova il nimico così forte,
  che resti in sella, e getti lui nel suolo,
  sono ubligati gli altri infin a morte
  pigliar l'impresa tutti in uno stuolo.
  Vedi or, se ciascun d'essi è così buono,
  quel ch'esser de', se tutti insieme sono.

56

  Poi non conviene all'importanza nostra
  che ne vieta ogni indugio, ogni dimora,
  che punto vi fermiate a quella giostra;
  e presuppongo che vinciate ancora,
  che vostra alta presenza lo dimostra,
  ma non è cosa da fare in un'ora;
  ed è gran dubbio che 'l giovine s'arda,
  se tutto oggi a soccorrerlo si tarda. —

57

  Disse Ruggier: — Non riguardiamo a questo:
  facciàn nui quel che si può far per nui;
  abbia chi regge il ciel cura del resto,
  o la Fortuna, se non tocca a lui.
  Ti fia per questa giostra manifesto,
  se buoni siamo d'aiutar colui
  che per cagion sì debole e sì lieve,
  come n'hai detto, oggi bruciar si deve. —

58

  Senza risponder altro, la donzella
  si messe per la via ch'era più corta.
  Più di tre miglia non andar per quella,
  che si trovaro al ponte ed alla porta
  dove si perdon l'arme e la gonnella,
  e de la vita gran dubbio si porta.
  Al primo apparir lor, di su la rocca
  è chi duo botti la campana tocca.

59

  Ed ecco de la porta con gran fretta,
  trottando s'un ronzino, un vecchio uscìo;
  e quel venìa gridando: — Aspetta aspetta:
  restate olà, che qui si paga il fio:
  e se l'usanza non v'è stata detta,
  che qui si tiene, or ve la vo' dir io. —
  E contar loro incominciò di quello
  costume, che servar fa Pinabello.

60

  Poi seguitò, volendo dar consigli,
  com'era usato agli altri cavallieri:
  — Fate spogliar la donna (dicea), figli,
  e voi l'arme lasciateci e i destrieri;
  e non vogliate mettervi a perigli
  d'andare incontra a tai quattro guerrieri.
  Per tutto vesti, arme e cavalli s'hanno:
  la vita sol mai non ripara il danno. —

61

  — Non più (disse Ruggier), non più; ch'io sono
  del tutto informatissimo, e qui venni
  per far prova di me, se così buono
  in fatti son, come nel cor mi tenni.
  Arme, vesti e cavallo altrui non dono,
  s'altro non sento che minacce e cenni;
  e son ben certo ancor, che per parole
  il mio compagno le sue dar non vuole.

62

  Ma, per Dio, fa ch'io vegga tosto in fronte
  quei che ne voglion torre arme e cavallo;
  ch'abbiamo da passar anco quel monte,
  e qui non si può far troppo intervallo. —
  Rispose il vecchio: — Eccoti fuor del ponte
  chi vien per farlo: — e non lo disse in fallo;
  ch'un cavallier n'uscì, che sopraveste
  vermiglie avea, di bianchi fior conteste.

63

  Bradamante pregò molto Ruggiero
  che le lasciasse in cortesia l'assunto
  di gittar de la sella il cavalliero,
  ch'avea di fiori il bel vestir trapunto;
  ma non poté impetrarlo, e fu mestiero
  a lei far ciò che Ruggier volse a punto.
  Egli volse l'impresa tutta avere,
  e Bradamante si stesse a vedere.

64

  Ruggiero al vecchio domandò chi fosse
  questo primo ch'uscia fuor de la porta.
  — È Sansonetto (disse); che le rosse
  veste conosco e i bianchi fior che porta. —
  L'uno di qua, l'altro di là si mosse
  senza parlarsi, e fu l'indugia corta;
  che s'andaro a trovar coi ferri bassi,
  molto affrettando i lor destrieri i passi.

65

  In questo mezzo de la rocca usciti
  eran con Pinabel molti pedoni,
  presti per levar l'arme ed espediti
  ai cavallier ch'uscian fuor degli arcioni.
  Veniansi incontra i cavallieri arditi,
  fermando in su le reste i gran lancioni,
  grossi duo palmi, di nativo cerro,
  che quasi erano uguali insino al ferro.

66

  Di tali n'avea più d'una decina
  fatto tagliar di su lor ceppi vivi
  Sansonetto a una selva indi vicina,
  e portatone duo per giostrar quivi.
  Aver scudo e corazza adamantina
  bisogna ben, che le percosse schivi.
  Aveane fatto dar, tosto che venne,
  l'uno a Ruggier, l'altro per sé ritenne.

67

  Con questi, che passar dovean gl'incudi
  (sì ben ferrate avean le punte estreme),
  di qua e di là fermandoli agli scudi,
  a mezzo il corso si scontraro insieme.
  Quel di Ruggiero, che i demòni ignudi
  fece sudar, poco del colpo teme:
  de lo scudo vo' dir che fece Atlante,
  de le cui forze io v'ho già detto inante.

68

  Io v'ho già detto che con tanta forza
  l'incantato splendor negli occhi fere,
  ch'al discoprirsi ogni veduta ammorza,
  e tramortito l'uom fa rimanere:
  perciò, s'un gran bisogno non lo sforza,
  d'un vel coperto lo solea tenere.
  Si crede ch'anco impenetrabil fosse,
  poi ch'a questo incontrar nulla si mosse.

69

  L'altro, ch'ebbe l'artefice men dotto,
  il gravissimo colpo non sofferse.
  Come tocco da fulmine, di botto
  diè loco al ferro, e pel mezzo s'aperse;
  diè loco al ferro, e quel trovò di sotto
  il braccio ch'assai mal si ricoperse;
  sì che ne fu ferito Sansonetto,
  e de la sella tratto al suo dispetto.

70

  E questo il primo fu di quei compagni
  che quivi mantenean l'usanza fella,
  che de le spoglie altrui non fe' guadagni,
  e ch'alla giostra uscì fuor de la sella.
  Convien chi ride, anco talor si lagni,
  e Fortuna talor trovi ribella.
  Quel da la rocca, replicando il botto,
  ne fece agli altri cavallieri motto.

71

  S'era accostato Pinabello intanto
  a Bradamante, per saper chi fusse
  colui che con prodezza e valor tanto
  il cavallier del suo castel percusse.
  La giustizia di Dio, per dargli quanto
  era il merito suo, vi lo condusse
  su quel destrier medesimo ch'inante
  tolto avea per inganno a Bradamante.

72

  Fornito a punto era l'ottavo mese
  che, con lei ritrovandosi a camino,
  (se 'l vi raccorda) questo Maganzese
  la gittò ne la tomba di Merlino,
  quando da morte un ramo la difese,
  che seco cadde, anzi il suo buon destino;
  e trassene, credendo ne lo speco
  ch'ella fosse sepolta, il destrier seco.

73

  Bradamante conosce il suo cavallo,
  e conosce per lui l'iniquo conte;
  e poi ch'ode la voce, e vicino hallo
  con maggiore attenzion mirato in fronte:
  — Questo è il traditor (disse), senza fallo,
  che procacciò di farmi oltraggio ed onte:
  ecco il peccato suo, che l'ha condutto
  ove avrà de' suoi merti il premio tutto. —

74

  Il minacciare e il por mano alla spada
  fu tutto a un tempo, e lo aventarsi a quello;
  ma inanzi tratto gli levò la strada,
  che non poté fuggir verso il castello.
  Tolta è la speme ch'a salvar si vada,
  come volpe alla tana, Pinabello.
  Egli gridando e senza mai far testa,
  fuggendo si cacciò ne la foresta.

75

  Pallido e sbigottito il miser sprona,
  che posto ha nel fuggir l'ultima speme.
  L'animosa donzella di Dordona
  gli ha il ferro ai fianchi, e lo percuote e preme:
  vien con lui sempre, e mai non l'abbandona.
  Grande è il rumore, e il bosco intorno geme.
  Nulla al castel di questo ancor s'intende,
  però ch'ognuno a Ruggier solo attende.

76

  Gli altri tre cavallier de la fortezza
  intanto erano usciti in su la via;
  ed avean seco quella male avezza
  che v'avea posta la costuma ria.
  A ciascun di lor tre, che 'l morir prezza
  più ch'aver vita che con biasmo sia,
  di vergogna arde il viso, e il cor di duolo,
  che tanti ad assalir vadano un solo.

77

  La crudel meretrice ch'avea fatto
  por quella iniqua usanza ed osservarla,
  il giuramento lor ricorda e il patto
  ch'essi fatti l'avean, di vendicarla.
  — Se sol con questa lancia te gli abbatto,
  perché mi vòi con altre accompagnarla?
  (dicea Guidon Selvaggio): e s'io ne mento,
  levami il capo poi, ch'io son contento. —

78

  Così dicea Grifon, così Aquilante.
  Giostrar da sol a sol volea ciascuno,
  e preso e morto rimanere inante
  ch'incontra un sol volere andar più d'uno.
  La donna dicea loro: — A che far tante
  parole qui senza profitto alcuno?
  Per torre a colui l'arme io v'ho qui tratti,
  non per far nuove leggi e nuovi patti.

79

  Quando io v'avea in prigione, era da farme
  queste escuse, e non ora, che son tarde.
  Voi dovete il preso ordine servarme,
  non vostre lingue far vane e bugiarde. —
  Ruggier gridava lor: — Eccovi l'arme,
  ecco il destrier c'ha nuovo e sella e barde;
  i panni de la donna eccovi ancora:
  se li volete, a che più far dimora? —

80

  La donna del castel da un lato preme,
  Ruggier da l'altro li chiama e rampogna,
  tanto ch'a forza si spiccaro insieme,
  ma nel viso infiammati di vergogna.
  Dinanzi apparve l'uno e l'altro seme
  del marchese onorato di Borgogna;
  ma Guidon, che più grave ebbe il cavallo,
  venìa lor dietro con poco intervallo.

81

  Con la medesima asta con che avea
  Sansonetto abbattuto, Ruggier viene,
  coperto da lo scudo che solea
  Atlante aver sui monti di Pirene:
  dico quello incantato, che splendea
  tanto, ch'umana vista nol sostiene;
  a cui Ruggier per l'ultimo soccorso
  nei più gravi perigli avea ricorso.

82

  Ben che sol tre fiate bisognolli,
  e certo in gran perigli, usarne il lume:
  le prime due, quando dai regni molli
  si trasse a più lodevole costume;
  la terza, quando i denti mal satolli
  lasciò de l'orca alle marine spume,
  che dovean devorar la bella nuda
  che fu a chi la campò poi così cruda.

83

  Fuor che queste tre volte, tutto 'l resto
  lo tenea sotto un velo in modo ascoso,
  ch'a discoprirlo esser potea ben presto,
  che del suo aiuto fosse bisognoso.
  Quivi alla giostra ne venìa con questo,
  come io v'ho detto ancora, sì animoso,
  che quei tre cavallier che vedea inanti,
  manco temea che pargoletti infanti.

84

  Ruggier scontra Grifone, ove la penna
  de lo scudo alla vista si congiunge.
  Quel di cader da ciascun lato accenna,
  ed al fin cade, e resta al destrier lunge.
  Mette allo scudo a lui Grifon l'antenna;
  ma pel traverso e non pel dritto giunge:
  e perché lo trovò forbito e netto,
  l'andò strisciando, e fe' contrario effetto.

85

  Roppe il velo e squarciò, che gli copria
  lo spaventoso ed incantato lampo,
  al cui splendor cader si convenia
  con gli occhi ciechi, e non vi s'ha alcun scampo.
  Aquilante, ch'a par seco venìa,
  stracciò l'avanzo, e fe' lo scudo vampo.
  Lo splendor ferì gli occhi ai duo fratelli
  ed a Guidon, che correa dopo quelli.

86

  Chi di qua, chi di là cade per terra:
  lo scudo non pur lor gli occhi abbarbaglia,
  ma fa che ogn'altro senso attonito erra.
  Ruggier, che non sa il fin de la battaglia,
  volta il cavallo; e nel voltare afferra
  la spada sua che sì ben punge e taglia:
  e nessun vede che gli sia all'incontro,
  che tutti eran caduti a quello scontro.

87

  I cavallieri e insieme quei ch'a piede
  erano usciti, e così le donne anco,
  e non meno i destrieri in guisa vede,
  che par che per morir battano il fianco.
  Prima si maraviglia, e poi s'avvede
  che 'l velo ne pendea dal lato manco:
  dico il velo di seta, in che solea
  chiuder la luce di quel caso rea.

88

  Presto si volge, e nel voltar, cercando
  con gli occhi va l'amata sua guerriera;
  e vien là dove era rimasa, quando
  la prima giostra cominciata s'era.
  Pensa ch'andata sia (non la trovando)
  a vietar che quel giovine non pera,
  per dubbio ch'ella ha forse che non s'arda
  in questo mezzo ch'a giostrar si tarda.

89

  Fra gli altri che giacean vede la donna,
  la donna che l'avea quivi guidato.
  Dinanzi se la pon, sì come assonna,
  e via cavalca tutto conturbato.
  D'un manto ch'essa avea sopra la gonna,
  poi ricoperse lo scudo incantato;
  e i sensi riaver le fece, tosto
  che 'l nocivo splendore ebbe nascosto.

90

  Via se ne va Ruggier con faccia rossa
  che, per vergogna, di levar non osa:
  gli par ch'ognuno improverar gli possa
  quella vittoria poco gloriosa.
  — Ch'emenda poss'io fare, onde rimossa
  mi sia una colpa tanto obbrobriosa?
  che ciò ch'io vinsi mai, fu per favore,
  diran, d'incanti, e non per mio valore. —

91

  Mentre così pensando seco giva,
  venne in quel che cercava a dar di cozzo;
  che 'n mezzo de la strada soprarriva
  dove profondo era cavato un pozzo.
  Quivi l'armento alla calda ora estiva
  si ritraea, poi ch'avea pieno il gozzo.
  Disse Ruggiero: — Or proveder bisogna,
  che non mi facci, o scudo, più vergogna.

92

  Più non starai tu meco; e questo sia
  l'ultimo biasmo c'ho d'averne al mondo. —
  Così dicendo, smonta ne la via:
  piglia una grossa pietra e di gran pondo,
  e la lega allo scudo, ed ambi invia
  per l'alto pozzo a ritrovarne il fondo;
  e dice: — Costà giù statti sepulto,
  e teco stia sempre il mio obbrobrio occulto. —

93

  Il pozzo è cavo, e pieno al sommo d'acque:
  grieve è lo scudo, e quella pietra grieve.
  Non si fermò fin che nel fondo giacque:
  sopra si chiuse il liquor molle e lieve.
  Il nobil atto e di splendor non tacque
  la vaga Fama, e divulgollo in breve;
  e di rumor n'empì, suonando il corno,
  e Francia e Spagna e le province intorno.

94

  Poi che di voce in voce si fe' questa
  strana aventura in tutto il mondo nota,
  molti guerrier si missero all'inchiesta
  e di parte vicina e di remota:
  ma non sapean qual fosse la foresta
  dove nel pozzo il sacro scudo nuota;
  che la donna che fe' l'atto palese,
  dir mai non volse il pozzo né il paese.

95

  Al partir che Ruggier fe' dal castello,
  dove avea vinto con poca battaglia;
  che i quattro gran campion di Pinabello
  fece restar come uomini di paglia;
  tolto lo scudo, avea levato quello
  lume che gli occhi e gli animi abbarbaglia:
  e quei che giaciuti eran come morti,
  pieni di meraviglia eran risorti.

96

  Né per tutto quel giorno si favella
  altro fra lor, che de lo strano caso,
  e come fu che ciascun d'essi a quella
  orribil luce vinto era rimaso.
  Mentre parlan di questo, la novella
  vien lor di Pinabel giunto all'occaso:
  che Pinabello è morto hanno l'aviso,
  ma non sanno però chi l'abbia ucciso.

97

  L'ardita Bradamante in questo mezzo
  giunto avea Pinabello a un passo stretto;
  e cento volte gli avea fin a mezzo
  messo il brando pei fianchi e per lo petto.
  Tolto ch'ebbe dal mondo il puzzo e 'l lezzo
  che tutto intorno avea il paese infetto,
  le spalle al bosco testimonio volse
  con quel destrier che già il fellon le tolse.

98

  Volse tornar dove lasciato avea
  Ruggier; né seppe mai trovar la strada.
  Or per valle or per monte s'avvolgea:
  tutta quasi cercò quella contrada.
  Non volse mai la sua fortuna rea,
  che via trovasse onde a Ruggier si vada.
  Questo altro canto ad ascoltare aspetto
  chi de l'istoria mia prende diletto.



CANTO VENTITREESIMO


1

  Studisi ognun giovare altrui; che rade
  volte il ben far senza il suo premio fia:
  e se pur senza, almen non te ne accade
  morte né danno né ignominia ria.
  Chi nuoce altrui, tardi o per tempo cade
  il debito a scontar, che non s'oblia.
  Dice il proverbio, ch'a trovar si vanno
  gli uomini spesso, e i monti fermi stanno.

2

  Or vedi quel ch'a Pinabello avviene
  per essersi portato iniquamente:
  è giunto in somma alle dovute pene,
  dovute e giuste alla sua ingiusta mente.
  E Dio, che le più volte non sostiene
  veder patire a torto uno innocente,
  salvò la donna; e salverà ciascuno
  che d'ogni fellonia viva digiuno.

3

  Credette Pinabel questa donzella
  già d'aver morta, e colà giù sepulta;
  né la pensava mai veder, non ch'ella
  gli avesse a tor degli error suoi la multa.
  Né il ritrovarsi in mezzo le castella
  del padre, in alcun util gli risulta.
  Quivi Altaripa era tra monti fieri
  vicina al tenitorio di Pontieri.

4

  Tenea quell'Altaripa il vecchio conte
  Anselmo, di ch'uscì questo malvagio,
  che, per fuggir la man di Chiaramonte,
  d'amici e di soccorso ebbe disagio.
  La donna al traditore a piè d'un monte
  tolse l'indegna vita a suo grande agio;
  che d'altro aiuto quel non si provede,
  che d'alti gridi e di chiamar mercede.

5

  Morto ch'ella ebbe il falso cavalliero
  che lei voluto avea già porre a morte,
  volse tornare ove lasciò Ruggiero;
  ma non lo consentì sua dura sorte,
  che la fe' traviar per un sentiero
  che la portò dov'era spesso e forte,
  dove più strano e più solingo il bosco,
  lasciando il sol già il mondo all'aer fosco.

6

  Né sappiendo ella ove potersi altrove
  la notte riparar, si fermò quivi
  sotto le frasche in su l'erbette nuove,
  parte dormendo, fin che 'l giorno arrivi,
  parte mirando ora Saturno or Giove,
  Venere e Marte e gli altri erranti divi;
  ma sempre, o vegli o dorma, con la mente
  contemplando Ruggier come presente.

7

  Spesso di cor profondo ella sospira,
  di pentimento e di dolor compunta,
  ch'abbia in lei, più ch'amor, potuto l'ira.
  — L'ira (dicea) m'ha dal mio amor disgiunta:
  almen ci avessi io posta alcuna mira,
  poi ch'avea pur la mala impresa assunta,
  di saper ritornar donde io veniva;
  che ben fui d'occhi e di memoria priva. —

8

  Queste ed altre parole ella non tacque,
  e molto più ne ragionò col core.
  Il vento intanto di sospiri, e l'acque
  di pianto facean pioggia di dolore.
  Dopo una lunga aspettazion pur nacque
  in oriente il disiato albore:
  ed ella prese il suo destrier ch'intorno
  giva pascendo, ed andò contra il giorno.

9

  Né molto andò, che si trovò all'uscita
  del bosco, ove pur dianzi era il palagio,
  là dove molti dì l'avea schernita
  con tanto error l'incantator malvagio.
  Ritrovò quivi Astolfo, che fornita
  la briglia all'ippogrifo avea a grande agio,
  e stava in gran pensier di Rabicano,
  per non sapere a chi lasciarlo in mano.

10

  A caso si trovò che fuor di testa
  l'elmo allor s'avea tratto il paladino;
  sì che tosto ch'uscì de la foresta,
  Bradamante conobbe il suo cugino.
  Di lontan salutollo, e con gran festa
  gli corse, e l'abbracciò poi più vicino;
  e nominossi, ed alzò la visiera,
  e chiaramente fe' veder ch'ell'era.

11

  Non potea Astolfo ritrovar persona
  a chi il suo Rabican meglio lasciasse,
  perché dovesse averne guardia buona
  e renderglielo poi come tornasse,
  de la figlia del duca di Dordona;
  e parvegli che Dio gli la mandasse.
  Vederla volentier sempre solea,
  ma pel bisogno or più ch'egli n'avea.

12

  Da poi che due o tre volte ritornati
  fraternamente ad abbracciar si foro,
  e si for l'uno a l'altro domandati
  con molta affezion de l'esser loro,
  Astolfo disse: — Ormai, se dei pennati
  vo' 'l paese cercar, troppo dimoro: —
  ed aprendo alla donna il suo pensiero,
  veder le fece il volator destriero.

13

  A lei non fu di molta maraviglia
  veder spiegare a quel destrier le penne;
  ch'altra volta, reggendogli la briglia
  Atlante incantator, contra le venne;
  e le fece doler gli occhi e le ciglia:
  sì fisse dietro a quel volar le tenne
  quel giorno, che da lei Ruggier lontano
  portato fu per camin lungo e strano.

14

  Astolfo disse a lei, che le volea
  dar Rabican, che sì nel corso affretta,
  che, se scoccando l'arco si movea,
  si solea lasciar dietro la saetta;
  e tutte l'arme ancor, quante n'avea,
  che vuol che a Montalban gli le rimetta,
  e gli le serbi fin al suo ritorno;
  che non gli fanno or di bisogno intorno.

15

  Volendosene andar per l'aria a volo,
  aveasi a far quanto potea più lieve.
  Tiensi la spada e 'l corno, ancor che solo
  bastargli il corno ad ogni risco deve.
  Bradamante la lancia che 'l figliuolo
  portò di Galafrone, anco riceve;
  la lancia che di quanti ne percuote
  fa le selle restar subito vote.

16

  Salito Astolfo sul destrier volante,
  lo fa mover per l'aria lento lento;
  indi lo caccia sì, che Bradamante
  ogni vista ne perde in un momento.
  Così si parte col pilota inante
  il nochier che gli scogli teme e 'l vento;
  e poi che 'l porto e i liti a dietro lassa,
  spiega ogni vela e inanzi ai venti passa.

17

  La donna, poi che fu partito il duca,
  rimase in gran travaglio de la mente;
  che non sa come a Montalban conduca
  l'armatura e il destrier del suo parente;
  però che 'l cuor le cuoce e le manuca
  l'ingorda voglia e il desiderio ardente
  di riveder Ruggier, che, se non prima,
  a Vallombrosa ritrovar lo stima.

18

  Stando quivi suspesa, per ventura
  si vede inanzi giungere un villano,
  dal qual fa rassettar quella armatura,
  come si puote, e por su Rabicano;
  poi di menarsi dietro gli diè cura
  i duo cavalli, un carco e l'altro a mano:
  ella n'avea duo prima; ch'avea quello
  sopra il qual levò l'altro a Pinabello.

19

  Di Vallombrosa pensò far la strada,
  che trovar quivi il suo Ruggier ha speme;
  ma qual più breve o qual miglior vi vada,
  poco discerne, e d'ire errando teme.
  Il villan non avea de la contrada
  pratica molta; ed erreranno insieme.
  Pur andare a ventura ella si messe,
  dove pensò che 'l loco esser dovesse.

20

  Di qua di là si volse, né persona
  incontrò mai da domandar la via.
  Si trovò uscir del bosco in su la nona
  dove un castel poco lontan scoprìa,
  il qual la cima a un monticel corona.
  Lo mira, e Montalban le par che sia:
  ed era certo Montalbano; e in quello
  avea la matre ed alcun suo fratello.

21

  Come la donna conosciuto ha il loco,
  nel cor s'attrista, e più ch'i' non so dire:
  sarà scoperta, se si ferma un poco,
  né più le sarà lecito a partire;
  se non si parte, l'amoroso foco
  l'arderà sì, che la farà morire:
  non vedrà più Ruggier, né farà cosa
  di quel ch'era ordinato a Vallombrosa.

22

  Stette alquanto a pensar; poi si risolse
  di voler dar a Montalban le spalle:
  e verso la badia pur si rivolse,
  che quindi ben sapea qual era il calle.
  Ma sua fortuna, o buona o trista, volse
  che prima ch'ella uscisse de la valle,
  scontrasse Alardo, un de' fratelli sui;
  né tempo di celarsi ebbe da lui.

23

  Veniva da partir gli alloggiamenti
  per quel contado a cavallieri e a fanti;
  ch'ad istanza di Carlo nuove genti
  fatto avea de le terre circostanti.
  I saluti e i fraterni abbracciamenti
  con le grate accoglienze andaro inanti;
  e poi, di molte cose a paro a paro
  tra lor parlando, in Montalban tornaro.

24

  Entrò la bella donna in Montalbano,
  dove l'avea con lacrimosa guancia
  Beatrice molto desiata invano,
  e fattone cercar per tutta Francia.
  Or quivi i baci e il giunger mano a mano
  di matre e di fratelli estimò ciancia
  verso gli avuti con Ruggier complessi,
  ch'avrà ne l'alma eternamente impressi.

25

  Non potendo ella andar, fece pensiero
  ch'a Vallombrosa altri in suo nome andasse
  immantinente ad avisar Ruggiero
  de la cagion ch'andar lei non lasciasse;
  e lui pregar (s'era pregar mestiero)
  che quivi per suo amor si battezzasse,
  e poi venisse a far quanto era detto,
  sì che si desse al matrimonio effetto.

26

  Pel medesimo messo fe' disegno
  di mandar a Ruggiero il suo cavallo,
  che gli solea tanto esser caro: e degno
  d'essergli caro era ben senza fallo;
  che non s'avria trovato in tutto 'l regno
  dei Saracin, né sotto il signor Gallo,
  più bel destrier di questo o più gagliardo,
  eccetti Brigliador, soli, e Baiardo.

27

  Ruggier, quel dì che troppo audace ascese
  su l'ippogrifo, e verso il ciel levosse,
  lasciò Frontino, e Bradamante il prese
  (Frontino, che 'l destrier così nomosse);
  mandollo a Montalbano, e a buone spese
  tener lo fece, e mai non cavalcosse,
  se non per breve spazio e a picciol passo;
  sì ch'era più che mai lucido e grasso.

28

  Ogni sua donna tosto, ogni donzella
  pon seco in opra, e con suttil lavoro
  fa sopra seta candida e morella
  tesser ricamo di finissimo oro;
  e di quel cuopre ed orna briglia e sella
  del buon destrier: poi sceglie una di loro
  figlia di Callitrefia sua nutrice,
  d'ogni secreto suo fida uditrice.

29

  Quanto Ruggier l'era nel core impresso,
  mille volte narrato avea a costei;
  la beltà, la virtude, i modi d'esso
  esaltato l'avea fin sopra i dei.
  A sé chiamolla, e disse: — Miglior messo
  a tal bisogno elegger non potrei;
  che di te né più fido né più saggio
  imbasciator, Ippalca mia, non aggio. —

30

  Ippalca la donzella era nomata.
  — Va, — le dice, e l'insegna ove de' gire;
  e pienamente poi l'ebbe informata
  di quanto avesse al suo signore a dire;
  e far la scusa se non era andata
  al monaster: che non fu per mentire;
  ma che Fortuna, che di noi potea
  più che noi stessi, da imputar s'avea.

31

  Montar la fece s'un ronzino, e in mano
  la ricca briglia di Frontin le messe:
  e se sì pazzo alcuno o sì villano
  trovasse, che levar le lo volesse;
  per fargli a una parola il cervel sano,
  di chi fosse il destrier sol gli dicesse;
  che non sapea sì ardito cavalliero,
  che non tremasse al nome di Ruggiero.

32

  Di molte cose l'ammonisce e molte,
  che trattar con Ruggier abbia in sua vece;
  le qual poi ch'ebbe Ippalca ben raccolte,
  si pose in via, né più dimora fece.
  Per strade e campi e selve oscure e folte
  cavalcò de le miglia più di diece;
  che non fu a darle noia chi venisse,
  né a domandarla pur dove ne gisse.

33

  A mezzo il giorno, nel calar d'un monte,
  in una stretta e malagevol via
  si venne ad incontrar con Rodomonte,
  ch'armato un piccol nano e a piè seguia.
  Il Moro alzò vêr lei l'altiera fronte,
  e bestemmiò l'eterna Ierarchia,
  poi che sì bel destrier, sì bene ornato,
  non avea in man d'un cavallier trovato.

34

  Avea giurato che 'l primo cavallo
  torria per forza, che tra via incontrasse.
  Or questo è stato il primo; e trovato hallo
  più bello e più per lui, che mai trovasse:
  ma torlo a una donzella gli par fallo;
  e pur agogna averlo, e in dubbio stasse.
  Lo mira, lo contempla, e dice spesso:
  — Deh perché il suo signor non è con esso! —

35

  — Deh ci fosse egli! (gli rispose Ippalca)
  che ti faria cangiar forse pensiero.
  Assai più di te val chi lo cavalca,
  né lo pareggia al mondo altro guerriero. —
  — Chi è (le disse il Moro) che sì calca
  l'onore altrui? — Rispose ella: — Ruggiero. —
  E quel suggiunse: — Adunque il destrier voglio,
  poi ch'a Ruggier, sì gran campion, lo toglio.

36

  Il qual, se sarà ver, come tu parli,
  che sia sì forte, e più d'ogn'altro vaglia,
  non che il destrier, ma la vettura darli
  converrammi, e in suo albitrio fia la taglia.
  Che Rodomonte io sono, hai da narrarli,
  e che, se pur vorrà meco battaglia,
  mi troverà; ch'ovunque io vada o stia,
  mi fa sempre apparir la luce mia.

37

  Dovunque io vo, sì gran vestigio resta,
  che non lo lascia il fulmine maggiore. —
  Così dicendo, avea tornate in testa
  le redine dorate al corridore:
  sopra gli salta; e lacrimosa e mesta
  rimane Ippalca, e spinta dal dolore
  minaccia Rodomonte e gli dice onta:
  non l'ascolta egli, e su pel poggio monta.

38

  Per quella via dove lo guida il nano
  per trovar Mandricardo e Doralice,
  gli viene Ippalca dietro di lontano,
  e lo bestemmia sempre e maledice.
  Ciò che di questo avvenne, altrove è piano.
  Turpin, che tutta questa istoria dice,
  fa qui digresso, e torna in quel paese
  dove fu dianzi morto il Maganzese.

39

  Dato avea a pena a quel loco le spalle
  la figliuola d'Amon, ch'in fretta gìa,
  che v'arrivò Zerbin per altro calle
  con la fallace vecchia in compagnia:
  e giacer vide il corpo ne la valle
  del cavallier, che non sa già chi sia;
  ma, come quel ch'era cortese e pio,
  ebbe pietà del caso acerbo e rio.

40

  Giaceva Pinabello in terra spento,
  versando il sangue per tante ferite,
  ch'esser doveano assai, se più di cento
  spade in sua morte si fossero unite.
  Il cavallier di Scozia non fu lento
  per l'orme che di fresco eran scolpite
  a porsi in avventura, se potea
  saper chi l'omicidio fatto avea.

41

  Ed a Gabrina dice che l'aspette;
  che senza indugio a lei farà ritorno.
  Ella presso al cadavero si mette,
  e fissamente vi pon gli occhi intorno;
  perché, se cosa v'ha che le dilette,
  non vuol ch'un morto invan più ne sia adorno,
  come colei che fu, tra l'altre note,
  quanto avara esser più femina puote.

42

  Se di portarne il furto ascosamente
  avesse avuto modo o alcuna speme,
  la sopravesta fatta riccamente
  gli avrebbe tolta, e le bell'arme insieme.
  Ma quel che può celarsi agevolmente,
  si piglia, e 'l resto fin al cor le preme.
  Fra l'altre spoglie un bel cinto levonne,
  e se ne legò i fianchi infra due gonne.

43

  Poco dopo arrivò Zerbin, ch'avea
  seguito invan di Bradamante i passi,
  perché trovò il sentier che si torcea
  in molti rami ch'ivano alti e bassi:
  e poco ormai del giorno rimanea,
  né volea al buio star fra quelli sassi;
  e per trovare albergo diè le spalle
  con l'empia vecchia alla funesta valle.

44

  Quindi presso a dua miglia ritrovaro
  un gran castel che fu detto Altariva,
  dove per star la notte si fermaro,
  che già a gran volo inverso il ciel saliva.
  Non vi ster molto, ch'un lamento amaro
  l'orecchie d'ogni parte lor feriva;
  e veggon lacrimar da tutti gli occhi,
  come la cosa a tutto il popul tocchi.

45

  Zerbino dimandonne, e gli fu detto
  che venut'era al cont'Anselmo aviso,
  che fra duo monti in un sentiero istretto
  giacea il suo figlio Pinabello ucciso.
  Zerbin, per non ne dar di sé sospetto,
  di ciò si finge nuovo, e abbassa il viso;
  ma pensa ben, che senza dubbio sia
  quel ch'egli trovò morto in su la via.

46

  Dopo non molto la bara funèbre
  giunse, a splendor di torchi e di facelle,
  là dove fece le strida più crebre
  con un batter di man gire alle stelle,
  e con più vena fuor de le palpèbre
  le lacrime inundar per le mascelle:
  ma più de l'altre nubilose ed atre
  era la faccia del misero patre.

47

  Mentre apparecchio si facea solenne
  di grandi esequie e di funèbri pompe,
  secondo il modo ed ordine che tenne
  l'usanza antiqua e ch'ogni età corrompe;
  da parte del signore un bando venne,
  che tosto il popular strepito rompe,
  e promette gran premio a chi dia aviso
  chi stato sia che gli abbia il figlio ucciso.

48

  Di voce in voce e d'una in altra orecchia
  il grido e 'l bando per la terra scorse,
  fin che l'udì la scelerata vecchia
  che di rabbia avanzò le tigri e l'orse;
  e quindi alla ruina s'apparecchia
  di Zerbino, o per l'odio che gli ha forse,
  o per vantarsi pur, che sola priva
  d'umanitade in uman corpo viva;

49

  o fosse pur per guadagnarsi il premio:
  a ritrovar n'andò quel signor mesto;
  e dopo un verisimil suo proemio,
  gli disse che Zerbin fatto avea questo:
  e quel bel cinto si levò di gremio,
  che 'l miser padre a riconoscer presto,
  appresso il testimonio e tristo uffizio
  de l'empia vecchia, ebbe per chiaro indizio.

50

  E lacrimando al ciel leva le mani,
  che 'l figliuol non sarà senza vendetta.
  Fa circundar l'albergo ai terrazzani;
  che tutto 'l popul s'è levato in fretta.
  Zerbin che gli nimici aver lontani
  si crede, e questa ingiuria non aspetta,
  dal conte Anselmo, che si chiama offeso
  tanto da lui, nel primo sonno è preso;

51

  e quella notte in tenebrosa parte
  incatenato, e in gravi ceppi messo.
  Il sole ancor non ha le luci sparte,
  che l'ingiusto supplicio è già commesso;
  che nel loco medesimo si squarte,
  dove fu il mal c'hanno imputato ad esso.
  Altra esamina in ciò non si facea:
  bastava che 'l signor così credea.

52

  Poi che l'altro matin la bella Aurora
  l'aer seren fe' bianco e rosso e giallo,
  tutto 'l popul gridando: — Mora, mora, —
  vien per punir Zerbin del non suo fallo.
  Lo sciocco vulgo l'accompagna fuora,
  senz'ordine, chi a piede e chi a cavallo,
  e 'l cavallier di Scozia a capo chino
  ne vien legato in s'un piccol ronzino.

53

  Ma Dio, che spesso gl'innocenti aiuta,
  né lascia mai ch'in sua bontà si fida,
  tal difesa gli avea già proveduta,
  che non v'è dubbio più ch'oggi s'uccida.
  Quivi Orlando arrivò, la cui venuta
  alla via del suo scampo gli fu guida.
  Orlando giù nel pian vide la gente
  che trae a morte il cavallier dolente.

54

  Era con lui quella fanciulla, quella
  che ritrovò ne la selvaggia grotta,
  del re galego la figlia Issabella,
  in poter già de' malandrin condotta,
  poi che lasciato avea ne la procella
  del truculento mar la nave rotta:
  quella che più vicino al core avea
  questo Zerbin, che l'alma onde vivea.

55

  Orlando se l'avea fatta compagna,
  poi che de la caverna la riscosse.
  Quando costei li vide alla campagna,
  domandò Orlando, chi la turba fosse.
  — Non so, — diss'egli; e poi su la montagna
  lasciolla, e verso il pian ratto si mosse.
  Guardò Zerbino, ed alla vista prima
  lo giudicò baron di molta stima.

56

  E fattosegli appresso, domandollo
  per che cagione e dove il menin preso.
  Levò il dolente cavalliero il collo,
  e meglio avendo il paladino inteso,
  rispose il vero; e così ben narrollo,
  che meritò dal conte esser difeso.
  Bene avea il conte alle parole scorto
  ch'era innocente, e che moriva a torto.

57

  E poi che 'ntese che commesso questo
  era dal conte Anselmo d'Altariva,
  fu certo ch'era torto manifesto;
  ch'altro da quel fellon mai non deriva.
  Ed oltre a ciò, l'uno era all'altro infesto
  per l'antiquissimo odio che bolliva
  tra il sangue di Maganza e di Chiarmonte;
  e tra lor eran morti e danni ed onte.

58

  — Slegate il cavallier (gridò), canaglia,
  (il conte a' masnadieri), o ch'io v'uccido. —
  — Chi è costui che sì gran colpi taglia?
  (rispose un che parer volle il più fido).
  Se di cera noi fussimo o di paglia,
  e di fuoco egli, assai fôra quel grido. —
  E venne contra il paladin di Francia:
  Orlando contra lui chinò la lancia.

59

  La lucente armatura il Maganzese,
  che levata la notte avea a Zerbino,
  e postasela indosso, non difese
  contro l'aspro incontrar del paladino.
  Sopra la destra guancia il ferro prese:
  l'elmo non passò già, perch'era fino;
  ma tanto fu de la percossa il crollo,
  che la vita gli tolse e roppe il collo.

60

  Tutto in un corso, senza tor di resta
  la lancia, passò un altro in mezzo 'l petto:
  quivi lasciolla, e la mano ebbe presta
  a Durindana; e nel drappel più stretto
  a chi fece due parti de la testa,
  a chi levò dal busto il capo netto;
  forò la gola a molti; e in un momento
  n'uccise e messe in rotta più di cento.

61

  Più del terzo n'ha morto, e 'l resto caccia
  e taglia e fende e fiere e fora e tronca.
  Chi lo scudo, e chi l'elmo che lo 'mpaccia,
  e chi lascia lo spiedo e chi la ronca;
  chi al lungo, chi al traverso il camin spaccia;
  altri s'appiatta in bosco, altri in spelonca.
  Orlando, di pietà questo dì privo,
  a suo poter non vuol lasciarne un vivo.

62

  Di cento venti (che Turpin sottrasse
  il conto), ottanta ne periro almeno.
  Orlando finalmente si ritrasse
  dove a Zerbin tremava il cor nel seno.
  S'al ritornar d'Orlando s'allegrasse,
  non si potria contare in versi a pieno.
  Se gli saria per onorar prostrato;
  ma si trovò sopra il ronzin legato.

63

  Mentre ch'Orlando, poi che lo disciolse,
  l'aiutava a ripor l'arme sue intorno,
  ch'al capitan de la sbirraglia tolse,
  che per suo mal se n'era fatto adorno;
  Zerbino gli occhi ad Issabella volse,
  che sopra il colle avea fatto soggiorno,
  e poi che de la pugna vide il fine,
  portò le sue bellezze più vicine.

64

  Quando apparir Zerbin si vide appresso
  la donna che da lui fu amata tanto,
  la bella donna che per falso messo
  credea sommersa, e n'ha più volte pianto;
  com'un ghiaccio nel petto gli sia messo,
  sente dentro aggelarsi, e triema alquanto:
  ma tosto il freddo manca, ed in quel loco
  tutto s'avampa d'amoroso fuoco.

65

  Di non tosto abbracciarla lo ritiene
  la riverenza del signor d'Anglante;
  perché si pensa, e senza dubbio tiene
  ch'Orlando sia de la donzella amante.
  Così cadendo va di pene in pene,
  e poco dura il gaudio ch'ebbe inante:
  il vederla d'altrui peggio sopporta,
  che non fe' quando udì ch'ella era morta.

66

  E molto più gli duol che sia in podesta
  del cavalliero a cui cotanto debbe;
  perché volerla a lui levar né onesta
  né forse impresa facile sarebbe.
  Nessuno altro da sé lassar con questa
  preda partir senza romor vorrebbe:
  ma verso il conte il suo debito chiede
  che se lo lasci por sul collo il piede.

67

  Giunsero taciturni ad una fonte,
  dove smontaro e fer qualche dimora.
  Trassesi l'elmo il travagliato conte,
  ed a Zerbin lo fece trarre ancora.
  Vede la donna il suo amatore in fronte,
  e di subito gaudio si scolora;
  poi torna come fiore umido suole
  dopo gran pioggia all'apparir del sole.

68

  E senza indugio e senza altro rispetto
  corre al suo caro amante, e il collo abbraccia;
  e non può trar parola fuor del petto,
  ma di lacrime il sen bagna e la faccia.
  Orlando attento all'amoroso affetto,
  senza che più chiarezza se gli faccia,
  vide a tutti gl'indizi manifesto
  ch'altri esser, che Zerbin, non potea questo.

69

  Come la voce aver poté Issabella,
  non bene asciutta ancor l'umida guancia,
  sol de la molta cortesia favella,
  che l'avea usata il paladin di Francia.
  Zerbino, che tenea questa donzella
  con la sua vita pare a una bilancia,
  si getta a' piè del conte, e quello adora
  come a chi gli ha due vite date a un'ora.

70

  Molti ringraziamenti e molte offerte
  erano per seguir tra i cavallieri,
  se non udian sonar le vie coperte
  dagli arbori di frondi oscuri e neri.
  Presti alle teste lor, ch'eran scoperte,
  posero gli elmi, e presero i destrieri:
  ed ecco un cavalliero e una donzella
  lor sopravien, ch'a pena erano in sella.

71

  Era questo guerrier quel Mandricardo
  che dietro Orlando in fretta si condusse
  per vendicar Alzirdo e Manilardo,
  che 'l paladin con gran valor percusse:
  quantunque poi lo seguitò più tardo;
  che Doralice in suo poter ridusse,
  la quale avea con un troncon di cerro
  tolta a cento guerrier carchi di ferro.

72

  Non sapea il Saracin però, che questo,
  ch'egli seguia, fosse il signor d'Anglante:
  ben n'avea indizio e segno manifesto
  ch'esser dovea gran cavalliero errante.
  A lui mirò più ch'a Zerbino, e presto
  gli andò con gli occhi dal capo alle piante;
  e i dati contrasegni ritrovando,
  disse: — Tu se' colui ch'io vo cercando.

73

  Sono omai dieci giorni (gli soggiunse)
  che di cercar non lascio i tuo' vestigi:
  tanto la fama stimolommi e punse,
  che di te venne al campo di Parigi,
  quando a fatica un vivo sol vi giunse
  di mille che mandasti ai regni stigi;
  e la strage contò, che da te venne
  sopra i Norizi e quei di Tremisenne.

74

  Non fui, come lo seppi, a seguir lento,
  e per vederti e per provarti appresso:
  e perché m'informai del guernimento
  c'hai sopra l'arme, io so che tu sei desso;
  e se non l'avessi anco, e che fra cento
  per celarti da me ti fossi messo,
  il tuo fiero sembiante mi faria
  chiaramente veder che tu quel sia. —

75

  — Non si può (gli rispose Orlando) dire
  che cavallier non sii d'alto valore;
  però che sì magnanimo desire
  non mi credo albergasse in umil core.
  Se 'l volermi veder ti fa venire,
  vo' che mi veggi dentro, come fuore:
  mi leverò questo elmo da le tempie,
  acciò ch'a punto il tuo desire adempie.

76

  Ma poi che ben m'avrai veduto in faccia,
  all'altro desiderio ancora attendi:
  resta ch'alla cagion tu satisfaccia,
  che fa che dietro questa via mi prendi;
  che veggi se 'l valor mio si confaccia
  a quel sembiante fier che sì commendi. —
  — Orsù (disse il pagano), al rimanente;
  ch'al primo ho satisfatto interamente. —

77

  Il conte tuttavia dal capo al piede
  va cercando il pagan tutto con gli occhi:
  mira ambi i fianchi, indi l'arcion; né vede
  pender né qua né là mazze né stocchi.
  Gli domanda di ch'arme si provede,
  s'avvien che con la lancia in fallo tocchi.
  Rispose quel: — Non ne pigliar tu cura:
  così a molt'altri ho ancor fatto paura.

78

  Ho sacramento di non cinger spada,
  fin ch'io non tolgo Durindana al conte;
  e cercando lo vo per ogni strada,
  acciò più d'una posta meco sconte.
  Lo giurai (se d'intenderlo t'aggrada)
  quando mi posi quest'elmo alla fronte,
  il qual con tutte l'altr'arme ch'io porto,
  era d'Ettòr, che già mill'anni è morto.

79

  La spada sola manca alle buone arme:
  come rubata fu, non ti so dire.
  Or che la porti il paladino, parme;
  e di qui vien ch'egli ha sì grande ardire.
  Ben penso, se con lui posso accozzarme,
  fargli il mal tolto ormai ristituire.
  Cercolo ancor, che vendicar disio
  il famoso Agrican genitor mio.

80

  Orlando a tradimento gli diè morte:
  ben so che non potea farlo altrimente. —
  Il conte più non tacque, e gridò forte:
  — E tu e qualunque il dice, se ne mente.
  Ma quel che cerchi t'è venuto in sorte:
  io sono Orlando, e uccisil giustamente;
  e questa è quella spada che tu cerchi,
  che tua sarà, se con virtù la merchi.

81

  Quantunque sia debitamente mia,
  tra noi per gentilezza si contenda:
  né voglio in questa pugna ch'ella sia
  più tua che mia; ma a un arbore s'appenda.
  Levala tu liberamente via,
  s'avvien che tu m'uccida o che mi prenda. —
  Così dicendo, Durindana prese,
  e 'n mezzo il campo a un arbuscel l'appese.

82

  Già l'un da l'altro è dipartito lunge,
  quanto sarebbe un mezzo tratto d'arco:
  già l'uno contra l'altro il destrier punge,
  né de le lente redine gli è parco:
  già l'uno e l'altro di gran colpo aggiunge
  dove per l'elmo la veduta ha varco.
  Parveno l'aste, al rompersi, di gielo;
  e in mille schegge andar volando al cielo.

83

  L'una e l'altra asta è forza che si spezzi;
  che non voglion piegarsi i cavallieri,
  i cavallier che tornano coi pezzi
  che son restati appresso i calci interi.
  Quelli, che sempre fur nel ferro avezzi,
  or, come duo villan per sdegno fieri
  nel partir acque o termini de prati,
  fan crudel zuffa di duo pali armati.

84

  Non stanno l'aste a quattro colpi salde,
  e mancan nel furor di quella pugna.
  Di qua e di là si fan l'ire più calde;
  né da ferir lor resta altro che pugna.
  Schiodano piastre, e straccian maglie e falde,
  pur che la man, dove s'aggraffi, giugna.
  Non desideri alcun, perché più vaglia,
  martel più grave o più dura tanaglia.

85

  Come può il Saracin ritrovar sesto
  di finir con suo onore il fiero invito?
  Pazzia sarebbe il perder tempo in questo,
  che nuoce al feritor più ch'al ferito.
  Andò alle strette l'uno e l'altro, e presto
  il re pagano Orlando ebbe ghermito:
  lo strigne al petto; e crede far le prove
  che sopra Anteo fe' già il figliol di Giove.

86

  Lo piglia con molto impeto a traverso:
  quando lo spinge, e quando a sé lo tira;
  ed è ne la gran colera sì immerso,
  ch'ove resti la briglia poco mira.
  Sta in sé raccolto Orlando, e ne va verso
  il suo vantaggio, e alla vittoria aspira:
  gli pon la cauta man sopra le ciglia
  del cavallo, e cader ne fa la briglia.

87

  Il Saracino ogni poter vi mette,
  che lo soffoghi, o de l'arcion lo svella:
  negli urti il conte ha le ginocchia strette;
  né in questa parte vuol piegar né in quella.
  Per quel tirar che fa il pagan, costrette
  le cingie son d'abandonar la sella.
  Orlando è in terra, e a pena sel conosce:
  ch'i piedi ha in staffa, e stringe ancor le cosce.

88

  Con quel rumor ch'un sacco d'arme cade,
  risuona il conte, come il campo tocca.
  Il destrier c'ha la testa in libertade,
  quello a chi tolto il freno era di bocca,
  non più mirando i boschi che le strade,
  con ruinoso corso si trabocca,
  spinto di qua e di là dal timor cieco;
  e Mandricardo se ne porta seco.

89

  Doralice che vede la sua guida
  uscir dal campo e torlesi d'appresso,
  e mal restarne senza si confida,
  dietro, correndo, il suo ronzin gli ha messo.
  Il pagan per orgoglio al destrier grida,
  e con mani e con piedi il batte spesso;
  e, come non sia bestia, lo minaccia
  perché si fermi, e tuttavia più il caccia.

90

  La bestia, ch'era spaventosa e poltra,
  sanza guardarsi ai piè, corre a traverso.
  Già corso avea tre miglia, e seguiva oltra,
  s'un fosso a quel desir non era avverso;
  che, sanza aver nel fondo o letto o coltra,
  riceve l'uno e l'altro in sé riverso.
  Diè Mandricardo in terra aspra percossa;
  né però si fiaccò né si roppe ossa.

91

  Quivi si ferma il corridore al fine,
  ma non si può guidar, che non ha freno.
  Il Tartaro lo tien preso nel crine,
  e tutto è di furore e d'ira pieno.
  Pensa, e non sa quel che di far destine.
  — Pongli la briglia del mio palafreno
  (la donna gli dicea); che non è molto
  il mio feroce, o sia col freno o sciolto. —

92

  Al Saracin parea discortesia
  la proferta accettar di Doralice;
  ma fren gli farà aver per altra via
  Fortuna a' suoi disii molto fautrice.
  Quivi Gabrina scelerata invia,
  che, poi che di Zerbin fu traditrice,
  fuggia, come la lupa che lontani
  oda venire i cacciatori e i cani.

93

  Ella avea ancora indosso la gonnella,
  e quei medesimi giovenili ornati
  che furo alla vezzosa damigella
  di Pinabel, per lei vestir, levati;
  ed avea il palafreno anco di quella,
  dei buon del mondo e degli avantaggiati.
  La vecchia sopra il Tartaro trovosse,
  ch'ancor non s'era accorta che vi fosse.

94

  L'abito giovenil mosse la figlia
  di Stordilano, e Mandricardo a riso,
  vedendolo a colei che rassimiglia
  a un babuino, a un bertuccione in viso.
  Disegna il Saracin torle la briglia
  pel suo destriero, e riuscì l'aviso.
  Toltogli il morso, il palafren minaccia,
  gli grida, lo spaventa, e in fuga il caccia.

95

  Quel fugge per la selva, e seco porta
  la quasi morta vecchia di paura
  per valli e monti e per via dritta e torta,
  per fossi e per pendici alla ventura.
  Ma il parlar di costei sì non m'importa,
  ch'io non debba d'Orlando aver più cura,
  ch'alla sua sella ciò ch'era di guasto,
  tutto ben racconciò sanza contrasto.

96

  Rimontò sul destriero, e ste' gran pezzo
  a riguardar che 'l Saracin tornasse.
  Nol vedendo apparir, volse da sezzo
  egli esser quel ch'a ritrovarlo andasse;
  ma, come costumato e bene avezzo,
  non prima il paladin quindi si trasse,
  che con dolce parlar grato e cortese
  buona licenza dagli amanti prese.

97

  Zerbin di quel partir molto si dolse;
  di tenerezza ne piangea Issabella:
  voleano ir seco, ma il conte non volse
  lor compagnia, ben ch'era e buona e bella;
  e con questa ragion se ne disciolse,
  ch'a guerrier non è infamia sopra quella
  che, quando cerchi un suo nimico, prenda
  compagno che l'aiuti e che 'l difenda.

98

  Li pregò poi, che quando il Saracino,
  prima ch'in lui, si riscontrasse in loro,
  gli dicesser ch'Orlando avria vicino
  ancor tre giorni per quel tenitoro;
  ma dopo, che sarebbe il suo camino
  verso le 'nsegne dei bei gigli d'oro,
  per esser con l'esercito di Carlo,
  acciò, volendol, sappia onde chiamarlo.

99

  Quelli promiser farlo volentieri,
  e questa e ogn'altra cosa al suo comando.
  Feron camin diverso i cavallieri,
  di qua Zerbino, e di là il conte Orlando.
  Prima che pigli il conte altri sentieri,
  all'arbor tolse, e a sé ripose il brando;
  e dove meglio col pagan pensosse
  di potersi incontrare, il destrier mosse.

100

  Lo strano corso che tenne il cavallo
  del Saracin pel bosco senza via,
  fece ch'Orlando andò duo giorni in fallo,
  né lo trovò, né poté averne spia.
  Giunse ad un rivo che parea cristallo,
  ne le cui sponde un bel pratel fioria,
  di nativo color vago e dipinto,
  e di molti e belli arbori distinto.

101

  Il merigge facea grato l'orezzo
  al duro armento ed al pastore ignudo;
  sì che né Orlando sentia alcun ribrezzo,
  che la corazza avea, l'elmo e lo scudo.
  Quivi egli entrò per riposarvi in mezzo;
  e v'ebbe travaglioso albergo e crudo,
  e più che dir si possa empio soggiorno,
  quell'infelice e sfortunato giorno.

102

  Volgendosi ivi intorno, vide scritti
  molti arbuscelli in su l'ombrosa riva.
  Tosto che fermi v'ebbe gli occhi e fitti,
  fu certo esser di man de la sua diva.
  Questo era un di quei lochi già descritti,
  ove sovente con Medor veniva
  da casa del pastore indi vicina
  la bella donna del Catai regina.

103

  Angelica e Medor con cento nodi
  legati insieme, e in cento lochi vede.
  Quante lettere son, tanti son chiodi
  coi quali Amore il cor gli punge e fiede.
  Va col pensier cercando in mille modi
  non creder quel ch'al suo dispetto crede:
  ch'altra Angelica sia, creder si sforza,
  ch'abbia scritto il suo nome in quella scorza.

104

  Poi dice: — Conosco io pur queste note:
  di tal'io n'ho tante vedute e lette.
  Finger questo Medoro ella si puote:
  forse ch'a me questo cognome mette. —
  Con tali opinion dal ver remote
  usando fraude a sé medesmo, stette
  ne la speranza il malcontento Orlando,
  che si seppe a se stesso ir procacciando.

105

  Ma sempre più raccende e più rinuova,
  quanto spenger più cerca, il rio sospetto:
  come l'incauto augel che si ritrova
  in ragna o in visco aver dato di petto,
  quanto più batte l'ale e più si prova
  di disbrigar, più vi si lega stretto.
  Orlando viene ove s'incurva il monte
  a guisa d'arco in su la chiara fonte.

106

  Aveano in su l'entrata il luogo adorno
  coi piedi storti edere e viti erranti.
  Quivi soleano al più cocente giorno
  stare abbracciati i duo felici amanti.
  V'aveano i nomi lor dentro e d'intorno,
  più che in altro dei luoghi circostanti,
  scritti, qual con carbone e qual con gesso,
  e qual con punte di coltelli impresso.

107

  Il mesto conte a piè quivi discese;
  e vide in su l'entrata de la grotta
  parole assai, che di sua man distese
  Medoro avea, che parean scritte allotta.
  Del gran piacer che ne la grotta prese,
  questa sentenza in versi avea ridotta.
  Che fosse culta in suo linguaggio io penso;
  ed era ne la nostra tale il senso:

108

  — Liete piante, verdi erbe, limpide acque,
  spelunca opaca e di fredde ombre grata,
  dove la bella Angelica che nacque
  di Galafron, da molti invano amata,
  spesso ne le mie braccia nuda giacque;
  de la commodità che qui m'è data,
  io povero Medor ricompensarvi
  d'altro non posso, che d'ognor lodarvi:

109

  e di pregare ogni signore amante,
  e cavallieri e damigelle, e ognuna
  persona, o paesana o viandante,
  che qui sua volontà meni o Fortuna;
  ch'all'erbe, all'ombre, all'antro, al rio, alle piante
  dica: benigno abbiate e sole e luna,
  e de le ninfe il coro, che proveggia
  che non conduca a voi pastor mai greggia. —

110

  Era scritto in arabico, che 'l conte
  intendea così ben come latino:
  fra molte lingue e molte ch'avea pronte,
  prontissima avea quella il paladino;
  e gli schivò più volte e danni ed onte,
  che si trovò tra il popul saracino:
  ma non si vanti, se già n'ebbe frutto;
  ch'un danno or n'ha, che può scontargli il tutto.

111

  Tre volte e quattro e sei lesse lo scritto
  quello infelice, e pur cercando invano
  che non vi fosse quel che v'era scritto;
  e sempre lo vedea più chiaro e piano:
  ed ogni volta in mezzo il petto afflitto
  stringersi il cor sentia con fredda mano.
  Rimase al fin con gli occhi e con la mente
  fissi nel sasso, al sasso indifferente.

112

  Fu allora per uscir del sentimento
  sì tutto in preda del dolor si lassa.
  Credete a chi n'ha fatto esperimento,
  che questo è 'l duol che tutti gli altri passa.
  Caduto gli era sopra il petto il mento,
  la fronte priva di baldanza e bassa;
  né poté aver (che 'l duol l'occupò tanto)
  alle querele voce, o umore al pianto.

113

  L'impetuosa doglia entro rimase,
  che volea tutta uscir con troppa fretta.
  Così veggiàn restar l'acqua nel vase,
  che largo il ventre e la bocca abbia stretta;
  che nel voltar che si fa in su la base,
  l'umor che vorria uscir, tanto s'affretta,
  e ne l'angusta via tanto s'intrica,
  ch'a goccia a goccia fuore esce a fatica.

114

  Poi ritorna in sé alquanto, e pensa come
  possa esser che non sia la cosa vera:
  che voglia alcun così infamare il nome
  de la sua donna e crede e brama e spera,
  o gravar lui d'insopportabil some
  tanto di gelosia, che se ne pera;
  ed abbia quel, sia chi si voglia stato,
  molto la man di lei bene imitato.

115

  In così poca, in così debol speme
  sveglia gli spiriti e gli rifranca un poco;
  indi al suo Brigliadoro il dosso preme,
  dando già il sole alla sorella loco.
  Non molto va, che da le vie supreme
  dei tetti uscir vede il vapor del fuoco,
  sente cani abbaiar, muggiare armento:
  viene alla villa, e piglia alloggiamento.

116

  Languido smonta, e lascia Brigliadoro
  a un discreto garzon che n'abbia cura;
  altri il disarma, altri gli sproni d'oro
  gli leva, altri a forbir va l'armatura.
  Era questa la casa ove Medoro
  giacque ferito, e v'ebbe alta avventura.
  Corcarsi Orlando e non cenar domanda,
  di dolor sazio e non d'altra vivanda.

117

  Quanto più cerca ritrovar quiete,
  tanto ritrova più travaglio e pena;
  che de l'odiato scritto ogni parete,
  ogni uscio, ogni finestra vede piena.
  Chieder ne vuol: poi tien le labra chete;
  che teme non si far troppo serena,
  troppo chiara la cosa che di nebbia
  cerca offuscar, perché men nuocer debbia.

118

  Poco gli giova usar fraude a se stesso;
  che senza domandarne, è chi ne parla.
  Il pastor che lo vede così oppresso
  da sua tristizia, e che voria levarla,
  l'istoria nota a sé, che dicea spesso
  di quei duo amanti a chi volea ascoltarla,
  ch'a molti dilettevole fu a udire,
  gl'incominciò senza rispetto a dire:

119

  come esso a prieghi d'Angelica bella
  portato avea Medoro alla sua villa,
  ch'era ferito gravemente; e ch'ella
  curò la piaga, e in pochi dì guarilla:
  ma che nel cor d'una maggior di quella
  lei ferì Amor; e di poca scintilla
  l'accese tanto e sì cocente fuoco,
  che n'ardea tutta, e non trovava loco:

120

  e sanza aver rispetto ch'ella fusse
  figlia del maggior re ch'abbia il Levante,
  da troppo amor costretta si condusse
  a farsi moglie d'un povero fante.
  All'ultimo l'istoria si ridusse,
  che 'l pastor fe' portar la gemma inante,
  ch'alla sua dipartenza, per mercede
  del buono albergo, Angelica gli diede.

121

  Questa conclusion fu la secure
  che 'l capo a un colpo gli levò dal collo,
  poi che d'innumerabil battiture
  si vide il manigoldo Amor satollo.
  Celar si studia Orlando il duolo; e pure
  quel gli fa forza, e male asconder pòllo:
  per lacrime e suspir da bocca e d'occhi
  convien, voglia o non voglia, al fin che scocchi.

122

  Poi ch'allargare il freno al dolor puote
  (che resta solo e senza altrui rispetto),
  giù dagli occhi rigando per le gote
  sparge un fiume di lacrime sul petto:
  sospira e geme, e va con spesse ruote
  di qua di là tutto cercando il letto;
  e più duro ch'un sasso, e più pungente
  che se fosse d'urtica, se lo sente.

123

  In tanto aspro travaglio gli soccorre
  che nel medesmo letto in che giaceva,
  l'ingrata donna venutasi a porre
  col suo drudo più volte esser doveva.
  Non altrimenti or quella piuma abborre,
  né con minor prestezza se ne leva,
  che de l'erba il villan che s'era messo
  per chiuder gli occhi, e vegga il serpe appresso.

124

  Quel letto, quella casa, quel pastore
  immantinente in tant'odio gli casca,
  che senza aspettar luna, o che l'albore
  che va dinanzi al nuovo giorno nasca,
  piglia l'arme e il destriero, ed esce fuore
  per mezzo il bosco alla più oscura frasca;
  e quando poi gli è aviso d'esser solo,
  con gridi ed urli apre le porte al duolo.

125

  Di pianger mai, mai di gridar non resta;
  né la notte né 'l dì si dà mai pace.
  Fugge cittadi e borghi, e alla foresta
  sul terren duro al discoperto giace.
  Di sé si meraviglia ch'abbia in testa
  una fontana d'acqua sì vivace,
  e come sospirar possa mai tanto;
  e spesso dice a sé così nel pianto:

126

  — Queste non son più lacrime, che fuore
  stillo dagli occhi con sì larga vena.
  Non suppliron le lacrime al dolore:
  finir, ch'a mezzo era il dolore a pena.
  Dal fuoco spinto ora il vitale umore
  fugge per quella via ch'agli occhi mena;
  ed è quel che si versa, e trarrà insieme
  e 'l dolore e la vita all'ore estreme.

127

  Questi ch'indizio fan del mio tormento,
  sospir non sono, né i sospir sono tali.
  Quelli han triegua talora; io mai non sento
  che 'l petto mio men la sua pena esali.
  Amor che m'arde il cor, fa questo vento,
  mentre dibatte intorno al fuoco l'ali.
  Amor, con che miracolo lo fai,
  che 'n fuoco il tenghi, e nol consumi mai?

128

  Non son, non sono io quel che paio in viso:
  quel ch'era Orlando è morto ed è sotterra;
  la sua donna ingratissima l'ha ucciso:
  sì, mancando di fé, gli ha fatto guerra.
  Io son lo spirto suo da lui diviso,
  ch'in questo inferno tormentandosi erra,
  acciò con l'ombra sia, che sola avanza,
  esempio a chi in Amor pone speranza. —

129

  Pel bosco errò tutta la notte il conte;
  e allo spuntar de la diurna fiamma
  lo tornò il suo destin sopra la fonte
  dove Medoro isculse l'epigramma.
  Veder l'ingiuria sua scritta nel monte
  l'accese sì, ch'in lui non restò dramma
  che non fosse odio, rabbia, ira e furore;
  né più indugiò, che trasse il brando fuore.

130

  Tagliò lo scritto e 'l sasso, e sin al cielo
  a volo alzar fe' le minute schegge.
  Infelice quell'antro, ed ogni stelo
  in cui Medoro e Angelica si legge!
  Così restar quel dì, ch'ombra né gielo
  a pastor mai non daran più, né a gregge:
  e quella fonte, già si chiara e pura,
  da cotanta ira fu poco sicura;

131

  che rami e ceppi e tronchi e sassi e zolle
  non cessò di gittar ne le bell'onde,
  fin che da sommo ad imo sì turbolle
  che non furo mai più chiare né monde.
  E stanco al fin, e al fin di sudor molle,
  poi che la lena vinta non risponde
  allo sdegno, al grave odio, all'ardente ira,
  cade sul prato, e verso il ciel sospira.

132

  Afflitto e stanco al fin cade ne l'erba,
  e ficca gli occhi al cielo, e non fa motto.
  Senza cibo e dormir così si serba,
  che 'l sole esce tre volte e torna sotto.
  Di crescer non cessò la pena acerba,
  che fuor del senno al fin l'ebbe condotto.
  Il quarto dì, da gran furor commosso,
  e maglie e piastre si stracciò di dosso.

133

  Qui riman l'elmo, e là riman lo scudo,
  lontan gli arnesi, e più lontan l'usbergo:
  l'arme sue tutte, in somma vi concludo,
  avean pel bosco differente albergo.
  E poi si squarciò i panni, e mostrò ignudo
  l'ispido ventre e tutto 'l petto e 'l tergo;
  e cominciò la gran follia, sì orrenda,
  che de la più non sarà mai ch'intenda.

134

  In tanta rabbia, in tanto furor venne,
  che rimase offuscato in ogni senso.
  Di tor la spada in man non gli sovenne;
  che fatte avria mirabil cose, penso.
  Ma né quella, né scure, né bipenne
  era bisogno al suo vigore immenso.
  Quivi fe' ben de le sue prove eccelse,
  ch'un alto pino al primo crollo svelse:

135

  e svelse dopo il primo altri parecchi,
  come fosser finocchi, ebuli o aneti;
  e fe' il simil di querce e d'olmi vecchi,
  di faggi e d'orni e d'illici e d'abeti.
  Quel ch'un ucellator che s'apparecchi
  il campo mondo, fa, per por le reti,
  dei giunchi e de le stoppie e de l'urtiche,
  facea de cerri e d'altre piante antiche.

136

  I pastor che sentito hanno il fracasso,
  lasciando il gregge sparso alla foresta,
  chi di qua, chi di là, tutti a gran passo
  vi vengono a veder che cosa è questa.
  Ma son giunto a quel segno il qual s'io passo
  vi potria la mia istoria esser molesta;
  ed io la vo' più tosto diferire,
  che v'abbia per lunghezza a fastidire.



CANTO VENTIQUATTRESIMO


1

  Chi mette il piè su l'amorosa pania,
  cerchi ritrarlo, e non v'inveschi l'ale;
  che non è in somma amor, se non insania,
  a giudizio de' savi universale:
  e se ben come Orlando ognun non smania,
  suo furor mostra a qualch'altro segnale.
  E quale è di pazzia segno più espresso
  che, per altri voler, perder se stesso?

2

  Vari gli effetti son, ma la pazzia
  è tutt'una però, che li fa uscire.
  Gli è come una gran selva, ove la via
  conviene a forza, a chi vi va, fallire:
  chi su, chi giù, chi qua, chi là travia.
  Per concludere in somma, io vi vo' dire:
  a chi in amor s'invecchia, oltr'ogni pena,
  si convengono i ceppi e la catena.

3

  Ben mi si potria dir: — Frate, tu vai
  l'altrui mostrando, e non vedi il tuo fallo. —
  Io vi rispondo che comprendo assai,
  or che di mente ho lucido intervallo;
  ed ho gran cura (e spero farlo ormai)
  di riposarmi e d'uscir fuor di ballo:
  ma tosto far, come vorrei, nol posso;
  che 'l male è penetrato infin all'osso.

4

  Signor, ne l'altro canto io vi dicea
  che 'l forsennato e furioso Orlando
  trattesi l'arme e sparse al campo avea,
  squarciati i panni, via gittato il brando,
  svelte le piante, e risonar facea
  i cavi sassi e l'alte selve; quando
  alcun' pastori al suon trasse in quel lato
  lor stella, o qualche lor grave peccato.

5

  Viste del pazzo l'incredibil prove
  poi più d'appresso e la possanza estrema,
  si voltan per fuggir, ma non sanno ove,
  sì come avviene in subitana tema.
  Il pazzo dietro lor ratto si muove:
  uno ne piglia, e del capo lo scema
  con la facilità che torria alcuno
  da l'arbor pome, o vago fior dal pruno.

6

  Per una gamba il grave tronco prese,
  e quello usò per mazza adosso al resto:
  in terra un paio addormentato stese,
  ch'al novissimo dì forse fia desto.
  Gli altri sgombraro subito il paese,
  ch'ebbono il piede e il buono aviso presto.
  Non saria stato il pazzo al seguir lento,
  se non ch'era già volto al loro armento.

7

  Gli agricultori, accorti agli altru'esempli,
  lascian nei campi aratri e marre e falci:
  chi monta su le case e chi sui templi
  (poi che non son sicuri olmi né salci),
  onde l'orrenda furia si contempli,
  ch'a pugni, ad urti, a morsi, a graffi, a calci,
  cavalli e buoi rompe, fraccassa e strugge;
  e ben è corridor chi da lui fugge.

8

  Già potreste sentir come ribombe
  l'alto rumor ne le propinque ville
  d'urli e di corni, rusticane trombe,
  e più spesso che d'altro, il suon di squille;
  e con spuntoni ed archi e spiedi e frombe
  veder dai monti sdrucciolarne mille,
  ed altritanti andar da basso ad alto,
  per fare al pazzo un villanesco assalto.

9

  Qual venir suol nel salso lito l'onda
  mossa da l'austro ch'a principio scherza,
  che maggior de la prima è la seconda,
  e con più forza poi segue la terza;
  ed ogni volta più l'umore abonda,
  e ne l'arena più stende la sferza:
  tal contra Orlando l'empia turba cresce,
  che giù da balze scende e di valli esce.

10

  Fece morir diece persone e diece,
  che senza ordine alcun gli andaro in mano:
  e questo chiaro esperimento fece,
  ch'era assai più sicur starne lontano.
  Trar sangue da quel corpo a nessun lece,
  che lo fere e percuote il ferro invano.
  Al conte il re del ciel tal grazia diede,
  per porlo a guardia di sua santa fede.

11

  Era a periglio di morire Orlando,
  se fosse di morir stato capace.
  Potea imparar ch'era a gittare il brando,
  e poi voler senz'arme essere audace.
  La turba già s'andava ritirando,
  vedendo ogni suo colpo uscir fallace.
  Orlando, poi che più nessun l'attende,
  verso un borgo di case il camin prende.

12

  Dentro non vi trovò piccol né grande,
  che 'l borgo ognun per tema avea lasciato.
  V'erano in copia povere vivande,
  convenienti a un pastorale stato.
  Senza pane discerner da le giande,
  dal digiuno e da l'impeto cacciato,
  le mani e il dente lasciò andar di botto
  in quel che trovò prima, o crudo o cotto.

13

  E quindi errando per tutto il paese,
  dava la caccia e agli uomini e alle fere;
  e scorrendo pei boschi, talor prese
  i capri isnelli e le damme leggiere.
  Spesso con orsi e con cingiai contese,
  e con man nude li pose a giacere:
  e di lor carne con tutta la spoglia
  più volte il ventre empì con fiera voglia.

14

  Di qua, di là, di su, di giù discorre
  per tutta Francia; e un giorno a un ponte arriva,
  sotto cui largo e pieno d'acqua corre
  un fiume d'alta e di scoscesa riva.
  Edificato accanto avea una torre
  che d'ogn'intorno e di lontan scopriva.
  Quel che fe' quivi, avete altrove a udire;
  che di Zerbin mi convien prima dire.

15

  Zerbin, da poi ch'Orlando fu partito,
  dimorò alquanto, e poi prese il sentiero
  che 'l paladino inanzi gli avea trito,
  e mosse a passo lento il suo destriero.
  Non credo che duo miglia anco fosse ito,
  che trar vide legato un cavalliero
  sopra un picciol ronzino, e d'ogni lato
  la guardia aver d'un cavalliero armato.

16

  Zerbin questo prigion conobbe tosto
  che gli fu appresso, e così fe' Issabella:
  era Odorico il Biscaglin, che posto
  fu come lupo a guardia de l'agnella.
  L'avea a tutti gli amici suoi preposto
  Zerbino in confidargli la donzella,
  sperando che la fede che nel resto
  sempre avea avuta, avesse ancora in questo.

17

  Come era a punto quella cosa stata,
  venìa Issabella raccontando allotta:
  come nel palischermo fu salvata,
  prima ch'avesse il mar la nave rotta;
  la forza che l'avea Odorico usata;
  e come tratta poi fosse alla grotta.
  Né giunt'era anco al fin di quel sermone,
  che trarre il malfattor vider prigione.

18

  I duo ch'in mezzo avean preso Odorico,
  d'Issabella notizia ebbeno vera;
  e s'avisaro esser di lei l'amico,
  e 'l signor lor, colui ch'appresso l'era;
  ma più, che ne lo scudo il segno antico
  vider dipinto di sua stirpe altiera:
  e trovar poi, che guardar meglio al viso,
  che s'era al vero apposto il loro aviso.

19

  Saltaro a piedi, e con aperte braccia
  correndo se n'andar verso Zerbino,
  e l'abbracciaro ove il maggior s'abbraccia,
  col capo nudo e col ginocchio chino.
  Zerbin, guardando l'uno e l'altro in faccia,
  vide esser l'un Corebo il Biscaglino,
  Almonio l'altro, ch'egli avea mandati
  con Odorico in sul navilio armati.

20

  Almonio disse: — Poi che piace a Dio
  (la sua mercé) che sia Issabella teco,
  io posso ben comprender, signor mio,
  che nulla cosa nuova ora t'arreco,
  s'io vo' dir la cagion che questo rio
  fa che così legato vedi meco;
  che da costei, che più sentì l'offesa,
  a punto avrai tutta l'istoria intesa.

21

  Come dal traditore io fui schernito
  quando da sé levommi, saper déi;
  e come poi Corebo fu ferito,
  ch'a difender s'avea tolto costei.
  Ma quanto al mio ritorno sia seguito,
  né veduto né inteso fu da lei,
  che te l'abbia potuto riferire:
  di questa parte dunque io ti vo' dire.

22

  Da la cittade al mar ratto io veniva
  con cavalli ch'in fretta avea trovati,
  sempre con gli occhi intenti s'io scopriva
  costor che molto a dietro eran restati.
  Io vengo inanzi, io vengo in su la riva
  del mare, al luogo ove io gli avea lasciati;
  io guardo, né di loro altro ritrovo,
  che ne l'arena alcun vestigio nuovo.

23

  La pesta seguitai, che mi condusse
  nel bosco fier; né molto adentro fui,
  che, dove il suon l'orecchie mi percusse,
  giacere in terra ritrovai costui.
  Gli domandai che de la donna fusse,
  che d'Odorico, e chi aveva offeso lui.
  Io me n'andai, poi che la cosa seppi,
  il traditor cercando per quei greppi.

24

  Molto aggirando vommi, e per quel giorno
  altro vestigio ritrovar non posso.
  Dove giacea Corebo al fin ritorno,
  che fatto appresso avea il terren sì rosso,
  che poco più che vi facea soggiorno,
  gli saria stato di bisogno il fosso
  e i preti e i frati più per sotterrarlo,
  ch'i medici e che 'l letto per sanarlo.

25

  Dal bosco alla città feci portallo,
  e posi in casa d'uno ostier mio amico,
  che fatto sano in poco termine hallo
  per cura ed arte d'un chirurgo antico.
  Poi d'arme proveduti e di cavallo
  Corebo ed io cercammo d'Odorico,
  ch'in corte del re Alfonso di Biscaglia
  trovammo; e quivi fui seco a battaglia.

26

  La giustizia del re, che il loco franco
  de la pugna mi diede, e la ragione,
  ed oltre alla ragion la Fortuna anco,
  che spesso la vittoria, ove vuol, pone,
  mi giovar sì, che di me poté manco
  il traditore; onde fu mio prigione.
  Il re, udito il gran fallo, mi concesse
  di poter farne quanto mi piacesse.

27

  Non l'ho voluto uccider né lasciarlo,
  ma, come vedi, trarloti in catena;
  perché vo' ch'a te stia di giudicarlo,
  se morire o tener si deve in pena.
  L'avere inteso ch'eri appresso a Carlo,
  e 'l desir di trovarti qui mi mena.
  Ringrazio Dio che mi fa in questa parte,
  dove lo sperai meno, ora trovarte.

28

  Ringraziolo anco, che la tua Issabella
  io veggo (e non so come) che teco hai;
  di cui, per opera del fellon, novella
  pensai che non avessi ad udir mai. —
  Zerbino ascolta Almonio e non favella,
  fermando gli occhi in Odorico assai;
  non sì per odio, come che gl'incresce
  ch'a sì mal fin tanta amicizia gli esce.

29

  Finito ch'ebbe Almonio il suo sermone,
  Zerbin riman gran pezzo sbigottito,
  che chi d'ogn'altro men n'avea cagione,
  sì espressamente il possa aver tradito.
  Ma poi che d'una lunga ammirazione
  fu, sospirando, finalmente uscito,
  al prigion domandò se fosse vero
  quel ch'avea di lui detto il cavalliero.

30

  Il disleal con le ginocchia in terra
  lasciò cadersi, e disse: — Signor mio,
  ognun che vive al mondo pecca ed erra:
  né differisce in altro il buon dal rio,
  se non che l'uno è vinto ad ogni guerra
  che gli vien mossa da un piccol disio;
  l'altro ricorre all'arme e si difende,
  ma se 'l nimico è forte, anco ei si rende.

31

  Se tu m'avessi posto alla difesa
  d'una tua rocca, e ch'al primiero assalto
  alzate avessi, senza far contesa,
  degl'inimici le bandiere in alto;
  di viltà, o tradimento, che più pesa,
  sugli occhi por mi si potria uno smalto:
  ma s'io cedessi a forza, son ben certo
  che biasmo non avrei, ma gloria e merto.

32

  Sempre che l'inimico è più possente,
  più chi perde accettabile ha la scusa.
  Mia fé guardar dovea non altrimente
  ch'una fortezza d'ogn'intorno chiusa:
  così, con quanto senno e quanta mente
  da la somma Prudenza m'era infusa,
  io mi sforzai guardarla; ma al fin vinto
  da intolerando assalto, ne fui spinto. —

33

  Così disse Odorico, e poi soggiunse
  (che saria lungo a ricontarvi il tutto)
  mostrando che gran stimolo lo punse,
  e non per lieve sferza s'era indutto.
  Se mai per prieghi ira di cor si emunse,
  s'umiltà di parlar fece mai frutto,
  quivi far lo dovea; che ciò che muova
  di cor durezza, ora Odorico trova.

34

  Pigliar di tanta ingiuria alta vendetta,
  tra il sì Zerbino e il no resta confuso:
  il vedere il demerito lo alletta
  a far che sia il fellon di vita escluso;
  il ricordarsi l'amicizia stretta
  ch'era stata tra lor per sì lungo uso,
  con l'acqua di pietà l'accesa rabbia
  nel cor gli spegne, e vuol che mercé n'abbia.

35

  Mentre stava così Zerbino in forse
  di liberare, o di menar captivo,
  o pur il disleal dagli occhi torse
  per morte, o pur tenerlo in pena vivo;
  quivi rignando il palafreno corse,
  che Mandricardo avea di briglia privo;
  e vi portò la vecchia che vicino
  a morte dianzi avea tratto Zerbino.

36

  Il palafren, ch'udito di lontano
  avea quest'altri, era tra lor venuto,
  e la vecchia portatavi, ch'invano
  venìa piangendo e domandando aiuto.
  Come Zerbin lei vide, alzò la mano
  al ciel che sì benigno gli era suto,
  che datogli in arbitrio avea que' dui
  che soli odiati esser dovean da lui.

37

  Zerbin fa ritener la mala vecchia,
  tanto che pensi quel che debba farne:
  tagliarle il naso e l'una e l'altra orecchia
  pensa, ed esempio a' malfattori darne;
  poi gli par assai meglio, s'apparecchia
  un pasto agli avoltoi di quella carne.
  Punizion diversa tra sé volve;
  e così finalmente si risolve.

38

  Si rivolta ai compagni, e dice: — Io sono
  di lasciar vivo il disleal contento;
  che s'in tutto non merita perdono,
  non merita anco sì crudel tormento.
  Che viva e che slegato sia gli dono,
  però ch'esser d'Amor la colpa sento;
  e facilmente ogni scusa s'ammette,
  quando in Amor la colpa si reflette.

39

  Amore ha volto sottosopra spesso
  senno più saldo che non ha costui,
  ed ha condotto a via maggiore eccesso
  di questo, ch'oltraggiato ha tutti nui.
  Ad Odorico debbe esser rimesso:
  punito esser debbo io, che cieco fui,
  cieco a dargline impresa, e non por mente
  che 'l fuoco arde la paglia facilmente. —

40

  Poi mirando Odorico: — Io vo' che sia
  (gli disse) del tuo error la penitenza,
  che la vecchia abbi un anno in compagnia,
  né di lasciarla mai ti sia licenza;
  ma notte e giorno, ove tu vada o stia,
  un'ora mai non te ne trovi senza;
  e fin a morte sia da te difesa
  contra ciascun che voglia farle offesa.

41

  Vo', se da lei ti sarà commandato,
  che pigli contra ognun contesa e guerra:
  vo' in questo tempo, che tu sia ubligato
  tutta Francia cercar di terra in terra. —
  Così dicea Zerbin; che pel peccato
  meritando Odorico andar sotterra,
  questo era porgli inanzi un'alta fossa,
  che fia gran sorte che schivar la possa.

42

  Tante donne, tanti uomini traditi
  avea la vecchia, e tanti offesi e tanti,
  che chi sarà con lei, non senza liti
  potrà passar de' cavallieri erranti.
  Così di par saranno ambi puniti:
  ella de' suoi commessi errori inanti,
  egli di torne la difesa a torto;
  né molto potrà andar che non sia morto.

43

  Di dover servar questo, Zerbin diede
  ad Odorico un giuramento forte,
  con patto che se mai rompe la fede,
  e ch'inanzi gli capiti per sorte,
  senza udir prieghi e averne più mercede,
  lo debba far morir di cruda morte.
  Ad Almonio e a Corebo poi rivolto,
  fece Zerbin che fu Odorico sciolto.

44

  Corebo, consentendo Almonio, sciolse
  il traditore al fin, ma non in fretta;
  ch'all'uno e all'altro esser turbato dolse
  da sì desiderata sua vendetta.
  Quindi partissi il disleale, e tolse
  in compagnia la vecchia maledetta.
  Non si legge in Turpin che n'avvenisse;
  ma vidi già un autor che più ne scrisse.

45

  Scrive l'autore, il cui nome mi taccio,
  che non furo lontani una giornata,
  che per torsi Odorico quello impaccio,
  contra ogni patto ed ogni fede data,
  al collo di Gabrina gittò un laccio,
  e che ad un olmo la lasciò impiccata;
  e ch'indi a un anno (ma non dice il loco)
  Almonio a lui fece il medesmo giuoco.

46

  Zerbin che dietro era venuto all'orma
  del paladin, né perder la vorrebbe,
  manda a dar di sé nuove alla sua torma,
  che star senza gran dubbio non ne debbe:
  Almonio manda, e di più cose informa,
  che lungo il tutto a ricontar sarebbe;
  Almonio manda, e a lui Corebo appresso;
  né tien, fuor ch'Issabella, altri con esso.

47

  Tant'era l'amor grande che Zerbino,
  e non minor del suo quel che Issabella
  portava al virtuoso paladino;
  tanto il desir d'intender la novella
  ch'egli avesse trovato il Saracino
  che del destrier lo trasse con la sella;
  che non farà all'esercito ritorno,
  se non finito che sia il terzo giorno;

48

  il termine ch'Orlando aspettar disse
  il cavallier ch'ancor non porta spada.
  Non è alcun luogo dove il conte gisse,
  che Zerbin pel medesimo non vada.
  Giunse al fin tra quegli arbori che scrisse
  l'ingrata donna, un poco fuor di strada;
  e con la fonte e col vicino sasso
  tutti li ritruovò messi in fracasso.

49

  Vede lontan non sa che luminoso,
  e trova la corazza esser del conte;
  e trova l'elmo poi, non quel famoso
  ch'armò già il capo all'africano Almonte.
  Il destrier ne la selva più nascoso
  sente anitrire, e leva al suon la fronte;
  e vede Brigliador pascer per l'erba,
  che dall'arcion pendente il freno serba.

50

  Durindana cercò per la foresta,
  e fuor la vide del fodero starse.
  Trovò, ma in pezzi, ancor la sopravesta
  ch'in cento lochi il miser conte sparse.
  Issabella e Zerbin con faccia mesta
  stanno mirando, e non san che pensarse:
  pensar potrian tutte le cose, eccetto
  che fosse Orlando fuor dell'intelletto.

51

  Se di sangue vedessino una goccia,
  creder potrian che fosse stato morto.
  Intanto lungo la corrente doccia
  vider venire un pastorello smorto.
  Costui pur dianzi avea di su la roccia
  l'alto furor de l'infelice scorto,
  come l'arme gittò, squarciossi i panni,
  pastori uccise, e fe' mill'altri danni.

52

  Costui, richiesto da Zerbin, gli diede
  vera informazion di tutto questo.
  Zerbin si maraviglia, e a pena il crede;
  e tuttavia n'ha indizio manifesto.
  Sia come vuole, egli discende a piede,
  pien di pietade, lacrimoso e mesto;
  e ricogliendo da diversa parte
  le reliquie ne va ch'erano sparte.

53

  Del palafren discende anco Issabella,
  e va quell'arme riducendo insieme.
  Ecco lor sopraviene una donzella
  dolente in vista, e di cor spesso geme.
  Se mi domanda alcun chi sia, perch'ella
  così s'affligge, e che dolor la preme,
  io gli risponderò che è Fiordiligi
  che de l'amante suo cerca i vestigi.

54

  Da Brandimarte senza farle motto
  lasciata fu ne la città di Carlo,
  dov'ella l'aspettò sei mesi od otto;
  e quando al fin non vide ritornarlo,
  da un mare all'altro si mise, fin sotto
  Pirene e l'Alpe, e per tutto a cercarlo:
  l'andò cercando in ogni parte, fuore
  ch'al palazzo d'Atlante incantatore.

55

  Se fosse stata a quell'ostel d'Atlante,
  veduto con Gradasso andare errando
  l'avrebbe, con Ruggier, con Bradamante,
  e con Ferraù prima e con Orlando;
  ma poi che cacciò Astolfo il negromante
  col suono del corno orribile e mirando,
  Brandimarte tornò verso Parigi:
  ma non sapea già questo Fiordiligi.

56

  Come io vi dico, sopraggiunta a caso
  a quei duo amanti Fiordiligi bella,
  conobbe l'arme, e Brigliador rimaso
  senza il patrone e col freno alla sella.
  Vide con gli occhi il miserabil caso,
  e n'ebbe per udita anco novella;
  che similmente il pastorel narrolle
  aver veduto Orlando correr folle.

57

  Quivi Zerbin tutte raguna l'arme,
  e ne fa come un bel trofeo su 'n pino;
  e volendo vietar che non se n'arme
  cavallier paesan né peregrino,
  scrive nel verde ceppo in breve carme:
  — Armatura d'Orlando paladino; —
  come volesse dir: nessun la muova,
  che star non possa con Orlando a prova.

58

  Finito ch'ebbe la lodevol opra,
  tornava a rimontar sul suo destriero;
  ed ecco Mandricardo arrivar sopra,
  che visto il pin di quelle spoglie altiero,
  lo priega che la cosa gli discuopra:
  e quel gli narra, come ha inteso, il vero.
  Allora il re pagan lieto non bada,
  che viene al pino, e ne leva la spada,

59

  dicendo: — Alcun non me ne può riprendere;
  non è pur oggi ch'io l'ho fatta mia,
  ed il possesso giustamente prendere
  ne posso in ogni parte, ovunque sia.
  Orlando che temea quella difendere,
  s'ha finto pazzo, e l'ha gittata via;
  ma quando sua viltà pur così scusi,
  non debbe far ch'io mia ragion non usi. —

60

  Zerbino a lui gridava: — Non la torre,
  o pensa non l'aver senza questione.
  Se togliesti così l'arme d'Ettorre,
  tu l'hai di furto, più che di ragione. —
  Senz'altro dir l'un sopra l'altro corre,
  d'animo e di virtù gran paragone.
  Di cento colpi già rimbomba il suono,
  né bene ancor ne la battaglia sono.

61

  Di prestezza Zerbin pare una fiamma
  a torsi ovunque Durindana cada:
  di qua di là saltar come una damma
  fa 'l suo destrier dove è miglior la strada.
  E ben convien che non ne perda dramma;
  ch'andrà, s'un tratto il coglie quella spada,
  a ritrovar gl'innamorati spirti
  ch'empion la selva degli ombrosi mirti.

62

  Come il veloce can che 'l porco assalta
  che fuor del gregge errar vegga nei campi,
  lo va aggirando, e quinci e quindi salta;
  ma quello attende ch'una volta inciampi:
  così, se vien la spada o bassa od alta,
  sta mirando Zerbin come ne scampi;
  come la vita e l'onor salvi a un tempo,
  tien sempre l'occhio, e fiere e fugge a tempo.

63

  Da l'altra parte, ovunque il Saracino
  la fiera spada vibra o piena o vota,
  sembra fra due montagne un vento alpino
  ch'una frondosa selva il marzo scuota;
  ch'ora la caccia a terra a capo chino,
  or gli spezzati rami in aria ruota.
  Ben che Zerbin più colpi e fùggia e schivi,
  non può schivare al fin, ch'un non gli arrivi.

64

  Non può schivare al fine un gran fendente
  che tra 'l brando e lo scudo entra sul petto.
  Grosso l'usbergo, e grossa parimente
  era la piastra, e 'l panziron perfetto:
  pur non gli steron contra, ed ugualmente
  alla spada crudel dieron ricetto.
  Quella calò tagliando ciò che prese,
  la corazza e l'arcion fin su l'arnese.

65

  E se non che fu scarso il colpo alquanto,
  permezzo lo fendea come una canna;
  ma penetra nel vivo a pena tanto,
  che poco più che la pelle gli danna:
  la non profunda piaga è lunga quanto
  non si misureria con una spanna.
  Le lucid'arme il caldo sangue irriga
  per sino al piè di rubiconda riga.

66

  Così talora un bel purpureo nastro
  ho veduto partir tela d'argento
  da quella bianca man più ch'alabastro,
  da cui partire il cor spesso mi sento.
  Quivi poco a Zerbin vale esser mastro
  di guerra, ed aver forza e più ardimento;
  che di finezza d'arme e di possanza
  il re di Tartaria troppo l'avanza.

67

  Fu questo colpo del pagan maggiore
  in apparenza, che fosse in effetto;
  tal ch'Issabella se ne sente il core
  fendere in mezzo all'agghiacciato petto.
  Zerbin pien d'ardimento e di valore
  tutto s'infiamma d'ira e di dispetto;
  e quanto più ferire a due man puote,
  in mezzo l'elmo il Tartaro percuote.

68

  Quasi sul collo del destrier piegosse
  per l'aspra botta il Saracin superbo;
  e quando l'elmo senza incanto fosse,
  partito il capo gli avria il colpo acerbo.
  Con poco differir ben vendicosse,
  né disse: A un'altra volta io te la serbo:
  e la spada gli alzò verso l'elmetto,
  sperandosi tagliarlo infin al petto.

69

  Zerbin che tenea l'occhio ove la mente,
  presto il cavallo alla man destra volse;
  non sì presto però, che la tagliente
  spada fuggisse, che lo scudo colse.
  Da sommo ad imo ella il partì ugualmente,
  e di sotto il braccial roppe e disciolse
  e lui ferì nel braccio, e poi l'arnese
  spezzògli, e ne la coscia anco gli scese.

70

  Zerbin di qua di là cerca ogni via,
  né mai di quel che vuol, cosa gli avviene;
  che l'armatura sopra cui feria,
  un piccol segno pur non ne ritiene.
  Da l'altra parte il re di Tartaria
  sopra Zerbino a tal vantaggio viene,
  che l'ha ferito in sette parti o in otto,
  tolto lo scudo, e mezzo l'elmo rotto.

71

  Quel tuttavia più va perdendo il sangue;
  manca la forza, e ancor par che nol senta:
  il vigoroso cor che nulla langue,
  val sì, che 'l debol corpo ne sostenta.
  La donna sua, per timor fatta esangue,
  intanto a Doralice s'appresenta,
  e la priega e la supplica per Dio,
  che partir voglia il fiero assalto e rio.

72

  Cortese come bella, Doralice,
  né ben sicura come il fatto segua,
  fa volentier quel ch'Issabella dice,
  e dispone il suo amante a pace e a triegua.
  Così a' prieghi de l'altra l'ira ultrice
  di cor fugge a Zerbino e si dilegua:
  ed egli, ove a lei par, piglia la strada,
  senza finir l'impresa de la spada.

73

  Fiordiligi, che mal vede difesa
  la buona spada del misero conte,
  tacita duolsi, e tanto le ne pesa,
  che d'ira piange e battesi la fronte.
  Vorria aver Brandimarte a quella impresa;
  e se mai lo ritrova e gli lo conte,
  non crede poi che Mandricardo vada
  lunga stagione altier di quella spada.

74

  Fiordiligi cercando pure invano
  va Brandimarte suo matina e sera;
  e fa camin da lui molto lontano,
  da lui che già tornato a Parigi era.
  Tanto ella se n'andò per monte e piano,
  che giunse ove, al passar d'una riviera,
  vide e conobbe il miser paladino;
  ma diciàn quel ch'avvenne di Zerbino:

75

  che 'l lasciar Durindana sì gran fallo
  gli par, che più d'ogn'altro mal gl'incresce;
  quantunque a pena star possa a cavallo
  pel molto sangue che gli è uscito ed esce.
  Or poi che dopo non troppo intervallo
  cessa con l'ira il caldo, il dolor cresce:
  cresce il dolor sì impetuosamente,
  che mancarsi la vita se ne sente.

76

  Per debolezza più non potea gire;
  sì che fermossi appresso una fontana.
  Non sa che far né che si debba dire
  per aiutarlo la donzella umana.
  Sol di disagio lo vede morire;
  che quindi è troppo ogni città lontana,
  dove in quel punto al medico ricorra,
  che per pietade o premio gli soccorra.

77

  Ella non sa se non invan dolersi,
  chiamar fortuna e il cielo empio e crudele.
  — Perché, ahi lassa! (dicea) non mi sommersi
  quando levai ne l'Oceàn le vele? —
  Zerbin che i languidi occhi ha in lei conversi,
  sente più doglia ch'ella si querele,
  che de la passion tenace e forte
  che l'ha condutto omai vicino a morte.

78

  — Così, cor mio, vogliate (le diceva),
  dopo ch'io sarò morto, amarmi ancora,
  come solo il lasciarvi è che m'aggreva
  qui senza guida, e non già perch'io mora:
  che se in sicura parte m'accadeva
  finir de la mia vita l'ultima ora,
  lieto e contento e fortunato a pieno
  morto sarei, poi ch'io vi moro in seno.

79

  Ma poi che 'l mio destino iniquo e duro
  vol ch'io vi lasci, e non so in man di cui;
  per questa bocca e per questi occhi giuro,
  per queste chiome onde allacciato fui,
  che disperato nel profondo oscuro
  vo de lo 'nferno, ove il pensar di vui
  ch'abbia così lasciata, assai più ria
  sarà d'ogn'altra pena che vi sia. —

80

  A questo la mestissima Issabella,
  declinando la faccia lacrimosa
  e congiungendo la sua bocca a quella
  di Zerbin, languidetta come rosa,
  rosa non colta in sua stagion, sì ch'ella
  impallidisca in su la siepe ombrosa,
  disse: — Non vi pensate già, mia vita,
  far senza me quest'ultima partita.

81

  Di ciò, cor mio, nessun timor vi tocchi;
  ch'io vo' seguirvi o in cielo o ne lo 'nferno.
  Convien che l'uno e l'altro spirto scocchi,
  insieme vada, insieme stia in eterno.
  Non sì tosto vedrò chiudervi gli occhi,
  o che m'ucciderà il dolore interno,
  o se quel non può tanto, io vi prometto
  con questa spada oggi passarmi il petto.

82

  De' corpi nostri ho ancor non poca speme,
  che me' morti che vivi abbian ventura.
  Qui forse alcun capiterà, ch'insieme,
  mosso a pietà, darà lor sepoltura. —
  Così dicendo, le reliquie estreme
  de lo spirto vital che morte fura,
  va ricogliendo con le labra meste,
  fin ch'una minima aura ve ne reste.

83

  Zerbin la debol voce riforzando,
  disse: — Io vi priego e supplico, mia diva,
  per quello amor che mi mostraste, quando
  per me lasciaste la paterna riva;
  e se commandar posso, io vel commando,
  che fin che piaccia a Dio, restiate viva;
  né mai per caso pogniate in oblio
  che quanto amar si può, v'abbia amato io.

84

  Dio vi provederà d'aiuto forse,
  per liberarvi d'ogni atto villano,
  come fe' quando alla spelonca torse,
  per indi trarvi, il senator romano.
  Così (la sua mercé) già vi soccorse
  nel mare e contra il Biscaglin profano:
  e se pure avverrà che poi si deggia
  morire, allora il minor mal s'elleggia. —

85

  Non credo che quest'ultime parole
  potesse esprimer sì, che fosse inteso;
  e finì come il debol lume suole,
  cui cera manchi od altro in che sia acceso.
  Chi potrà dire a pien come si duole,
  poi che si vede pallido e disteso,
  la giovanetta, e freddo come ghiaccio
  il suo caro Zerbin restare in braccio?

86

  Sopra il sanguigno corpo s'abbandona,
  e di copiose lacrime lo bagna,
  e stride sì, ch'intorno ne risuona
  a molte miglia il bosco e la campagna.
  Né alle guance né al petto si perdona,
  che l'uno e l'altro non percuota e fragna;
  e straccia a torto l'auree crespe chiome,
  chiamando sempre invan l'amato nome.

87

  In tanta rabbia, in tal furor sommersa
  l'avea la doglia sua, che facilmente
  avria la spada in se stessa conversa,
  poco al suo amante in questo ubidiente;
  s'uno eremita ch'alla fresca e tersa
  fonte avea usanza di tornar sovente
  da la sua quindi non lontana cella,
  non s'opponea, venendo, al voler d'ella.

88

  Il venerabile uom, ch'alta bontade
  avea congiunta a natural prudenza,
  ed era tutto pien di caritade,
  di buoni esempi ornato e d'eloquenza,
  alla giovan dolente persuade
  con ragioni efficaci pazienza;
  e inanzi le puon, come uno specchio,
  donne del Testamento e nuovo e vecchio.

89

  Poi le fece veder, come non fusse
  alcun, se non in Dio, vero contento,
  e ch'eran l'altre transitorie e flusse
  speranze umane, e di poco momento;
  e tanto seppe dir, che la ridusse
  da quel crudele ed ostinato intento,
  che la vita sequente ebbe disio
  tutta al servigio dedicar di Dio.

90

  Non che lasciar del suo signor voglia unque
  né 'l grand'amor, né le reliquie morte:
  convien che l'abbia ovunque stia ed ovunque
  vada, e che seco e notte e dì le porte.
  Quindi aiutando l'eremita dunque,
  ch'era de la sua età valido e forte,
  sul mesto suo destrier Zerbin posaro,
  e molti dì per quelle selve andaro.

91

  Non volse il cauto vecchio ridur seco,
  sola con solo, la giovane bella
  là dove ascosa in un selvaggio speco
  non lungi avea la solitaria cella;
  fra sé dicendo: — Con periglio arreco
  in una man la paglia e la facella. —
  Né si fida in sua età né in sua prudenza,
  che di sé faccia tanta esperienza.

92

  Di condurla in Provenza ebbe pensiero
  non lontano a Marsilia in un castello,
  dove di sante donne un monastero
  ricchissimo era, e di edificio bello:
  e per portarne il morto cavalliero,
  composto in una cassa aveano quello,
  che 'n un castel ch'era tra via, si fece
  lunga e capace, e ben chiusa di pece.

93

  Più e più giorni gran spazio di terra
  cercaro, e sempre per lochi più inculti;
  che pieno essendo ogni cosa di guerra,
  voleano gir più che poteano occulti.
  Al fine un cavallier la via lor serra,
  che lor fe' oltraggi e disonesti insulti;
  di cui dirò quando il suo loco fia;
  ma ritorno ora al re di Tartaria.

94

  Avuto ch'ebbe la battaglia il fine
  che già v'ho detto, il giovin si raccolse
  alle fresche ombre e all'onde cristalline;
  ed al destrier la sella e 'l freno tolse,
  e lo lasciò per l'erbe tenerine
  del prato andar pascendo ove egli volse:
  ma non ste' molto, che vide lontano
  calar dal monte un cavalliero al piano.

95

  Conobbel, come prima alzò la fronte,
  Doralice, e mostrollo a Mandricardo,
  dicendo: — Ecco il superbo Rodomonte,
  se non m'inganna di lontan lo sguardo.
  Per far teco battaglia cala il monte:
  or ti potrà giovar l'esser gagliardo.
  Perduta avermi a grande ingiuria tiene,
  ch'era sua sposa, e a vendicar si viene. —

96

  Qual buono astor che l'anitra o l'acceggia,
  starna o colombo o simil altro augello
  venirsi incontra di lontano veggia,
  leva la testa e si fa lieto e bello;
  tal Mandricardo, come certo deggia
  di Rodomonte far strage e macello,
  con letizia e baldanza il destrier piglia,
  le staffe ai piedi, e dà alla man la briglia.

97

  Quando vicini fur sì, ch'udir chiare
  tra lor poteansi le parole altiere,
  con le mani e col capo a minacciare
  incominciò gridando il re d'Algiere,
  ch'a penitenza gli faria tornare
  che per un temerario suo piacere
  non avesse rispetto a provocarsi
  lui ch'altamente era per vendicarsi.

98

  Rispose Mandricardo: — Indarno tenta
  chi mi vuol impaurir per minacciarme:
  così fanciulli o femine spaventa,
  o altri che non sappia che sieno arme;
  me non, cui la battaglia più talenta
  d'ogni riposo; e son per adoprarme
  a piè, a cavallo, armato e disarmato,
  sia alla campagna, o sia ne lo steccato. —

99

  Ecco sono agli oltraggi, al grido, all'ire,
  al trar de' brandi, al crudel suon de' ferri;
  come vento che prima a pena spire,
  poi cominci a crollar frassini e cerri,
  ed indi oscura polve in cielo aggire,
  indi gli arbori svella e case atterri,
  sommerga in mare, e porti ria tempesta
  che 'l gregge sparso uccida alla foresta.

100

  De' duo pagani, senza pari in terra,
  gli audacissimi cor, le forze estreme
  parturiscono colpi, ed una guerra
  conveniente a sì feroce seme.
  Del grande e orribil suon triema la terra,
  quando le spade son percosse insieme:
  gettano l'arme insin al ciel scintille,
  anzi lampadi accese a mille a mille.

101

  Senza mai riposarsi o pigliar fiato
  dura fra quei duo re l'aspra battaglia,
  tentando ora da questo, or da quel lato
  aprir le piastre e penetrar la maglia.
  Né perde l'un, né l'altro acquista il prato,
  ma come intorno sian fosse o muraglia,
  o troppo costi ogn'oncia di quel loco,
  non si parton d'un cerchio angusto e poco.

102

  Fra mille colpi il Tartaro una volta
  colse a duo mani in fronte il re d'Algiere;
  che gli fece veder girare in volta
  quante mai furon fiacole e lumiere.
  Come ogni forza all'African sia tolta,
  le groppe del destrier col capo fere:
  perde la staffa, ed è, presente quella
  che cotant'ama, per uscir di sella.

103

  Ma come ben composto e valido arco
  di fino acciaio in buona somma greve,
  quanto si china più, quanto è più carco,
  e più lo sforzan martinelli e lieve;
  con tanto più furor, quanto è poi scarco,
  ritorna, e fa più mal che non riceve:
  così quello African tosto risorge,
  e doppio il colpo all'inimico porge.

104

  Rodomonte a quel segno ove fu colto,
  colse a punto il figliol del re Agricane.
  Per questo non poté nuocergli al volto,
  ch'in difesa trovò l'arme troiane;
  ma stordì in modo il Tartaro, che molto
  non sapea s'era vespero o dimane.
  L'irato Rodomonte non s'arresta,
  che mena l'altro, e pur segna alla testa.

105

  Il cavallo del Tartaro, ch'aborre
  la spada che fischiando cala d'alto,
  al suo signor con suo gran mal soccorre,
  perché s'arretra, per fuggir, d'un salto:
  il brando in mezzo il capo gli trascorre,
  ch'al signor, non a lui, movea l'assalto.
  Il miser non avea l'elmo di Troia,
  come il patrone; onde convien che muoia.

106

  Quel cade, e Mandricardo in piedi guizza,
  non più stordito, e Durindana aggira.
  Veder morto il cavallo entro gli adizza,
  e fuor divampa un grave incendio d'ira.
  L'African, per urtarlo, il destrier drizza;
  ma non più Mandricardo si ritira,
  che scoglio far soglia da l'onde: e avvenne
  che 'l destrier cadde, ed egli in piè si tenne.

107

  L'African che mancarsi il destrier sente,
  lascia le staffe e sugli arcion si ponta,
  e resta in piedi e sciolto agevolmente:
  così l'un l'altro poi di pari affronta.
  La pugna più che mai ribolle ardente,
  e l'odio e l'ira e la superbia monta:
  ed era per seguir; ma quivi giunse
  in fretta un messagger che gli disgiunse.

108

  Vi giunse un messagger del popul Moro,
  di molti che per Francia eran mandati
  a richiamare agli stendardi loro
  i capitani e i cavallier privati;
  perché l'imperator dai gigli d'oro
  gli avea gli alloggiamenti già assediati;
  e se non è il soccorso a venir presto,
  l'eccidio suo conosce manifesto.

109

  Riconobbe il messaggio i cavallieri,
  oltre all'insegne, oltre alle sopraveste,
  al girar de le spade, e ai colpi fieri
  ch'altre man non farebbeno che queste.
  Tra lor però non osa entrar, che speri
  che fra tant'ira sicurtà gli preste
  l'esser messo del re; né si conforta
  per dir ch'imbasciator pena non porta.

110

  Ma viene a Doralice, ed a lei narra
  ch'Agramante, Marsilio e Stordilano,
  con pochi dentro a mal sicura sbarra
  sono assediati dal popul cristiano.
  Narrato il caso, con prieghi ne inarra
  che faccia il tutto ai duo guerrieri piano,
  e che gli accordi insieme, e per lo scampo
  del popul saracin li meni in campo.

111

  Tra i cavallier la donna di gran core
  si mette, e dice loro: — Io vi comando,
  per quanto so che mi portate amore,
  che riserbiate a miglior uso il brando,
  e ne vegnate subito in favore
  del nostro campo saracino, quando
  si trova ora assediato ne le tende,
  e presto aiuto, o gran ruina attende. —

112

  Indi il messo soggiunse il gran periglio
  dei Saracini, e narrò il fatto a pieno;
  e diede insieme lettere del figlio
  del re Troiano al figlio d'Ulieno.
  Si piglia finalmente per consiglio
  che i duo guerrier, deposto ogni veneno,
  facciano insieme triegua fin al giorno
  che sia tolto l'assedio ai Mori intorno;

113

  e senza più dimora, come pria
  liberato d'assedio abbian lor gente,
  non s'intendano aver più compagnia,
  ma crudel guerra e inimicizia ardente,
  fin che con l'arme diffinito sia
  chi la donna aver de' meritamente.
  Quella, ne le cui man giurato fue,
  fece la sicurtà per amendue.

114

  Quivi era la Discordia impaziente,
  inimica di pace e d'ogni triegua;
  e la Superbia v'è, che non consente
  né vuol patir che tale accordo segua.
  Ma più di lor può Amor quivi presente,
  di cui l'alto valor nessuno adegua;
  e fe' ch'indietro, a colpi di saette,
  e la Discordia e la Superbia stette.

115

  Fu conclusa la triegua fra costoro
  sì come piacque a chi di lor potea.
  Vi mancava uno dei cavalli loro,
  che morto quel del Tartaro giacea:
  però vi venne a tempo Brigliadoro,
  che le fresche erbe lungo il rio pascea.
  Ma al fin del canto io mi trovo esser giunto;
  sì ch'io farò, con vostra grazia, punto.



CANTO VENTICINQUESIMO


1

  Oh gran contrasto in giovenil pensiero,
  desir di laude ed impeto d'amore!
  né chi più vaglia, ancor si trova il vero;
  che resta or questo or quel superiore.
  Ne l'uno ebbe e ne l'altro cavalliero
  quivi gran forza il debito e l'onore;
  che l'amorosa lite s'intermesse,
  fin che soccorso il campo lor s'avesse.

2

  Ma più ve l'ebbe Amor: che se non era
  che così commandò la donna loro,
  non si sciogliea quella battaglia fiera,
  che l'un n'avrebbe il triunfale alloro;
  ed Agramante invan con la sua schiera
  l'aiuto avria aspettato di costoro.
  Dunque Amor sempre rio non si ritrova:
  se spesso nuoce, anco talvolta giova.

3

  Or l'uno e l'altro cavallier pagano,
  che tutti ha differiti i suoi litigi,
  va, per salvar l'esercito africano,
  con la donna gentil verso Parigi;
  e va con essi ancora il piccol nano
  che seguitò del Tartaro i vestigi,
  fin che con lui condotto a fronte a fronte
  avea quivi il geloso Rodomonte.

4

  Capitaro in un prato ove a diletto
  erano cavallier sopra un ruscello,
  duo disarmati e duo ch'avean l'elmetto,
  e una donna con lor di viso bello.
  Chi fosser quelli, altrove vi fia detto;
  or no, che di Ruggier prima favello,
  del buon Ruggier di cui vi fu narrato
  che lo scudo nel pozzo avea gittato.

5

  Non è dal pozzo ancor lontano un miglio,
  che venire un corrier vede in gran fretta,
  di quei che manda di Troiano il figlio
  ai cavallieri onde soccorso aspetta;
  dal qual ode che Carlo in tal periglio
  la gente saracina tien ristretta,
  che, se non è chi tosto le dia aita,
  tosto l'onor vi lascerà o la vita.

6

  Fu da molti pensier ridutto in forse
  Ruggier, che tutti l'assaliro a un tratto;
  ma qual per lo miglior dovesse torse,
  né luogo avea né tempo a pensar atto.
  Lasciò andare il messaggio, e 'l freno torse
  là dove fu da quella donna tratto,
  ch'ad or ad or in modo egli affrettava,
  che nessun tempo d'indugiar le dava.

7

  Quindi seguendo il camin preso, venne
  (già declinando il sole) ad una terra
  che 'l re Marsilio in mezzo Francia tenne,
  tolta di man di Carlo in quella guerra.
  Né al ponte né alla porta si ritenne,
  che non gli niega alcuno il passo o serra,
  ben ch'intorno al rastrello e in su le fosse
  gran quantità d'uomini e d'arme fosse.

8

  Perch'era conosciuta da la gente
  quella donzella ch'avea in compagnia,
  fu lasciato passar liberamente,
  né domandato pure onde venìa.
  Giunse alla piazza, e di fuoco lucente,
  e piena la trovò di gente ria;
  e vide in mezzo star con viso smorto
  il giovine dannato ad esser morto.

9

  Ruggier come gli alzò gli occhi nel viso,
  che chino a terra e lacrimoso stava,
  di veder Bradamante gli fu aviso,
  tanto il giovine a lei rassimigliava.
  Più dessa gli parea, quanto più fiso
  al volto e alla persona il riguardava;
  e fra sé disse: — O questa è Bradamante,
  o ch'io non son Ruggier com'era inante.

10

  Per troppo ardir si sarà forse messa
  del garzon condennato alla difesa;
  e poi che mal la cosa l'è successa,
  ne sarà stata, come io veggo, presa.
  Deh perché tanta fretta, che con essa
  io non potei trovarmi a questa impresa?
  Ma Dio ringrazio che ci son venuto,
  ch'a tempo ancora io potrò darle aiuto. —

11

  E sanza più indugiar la spada stringe
  (ch'avea all'altro castel rotta la lancia),
  e adosso il vulgo inerme il destrier spinge
  per lo petto, pei fianchi e per la pancia.
  Mena la spada a cerco, ed a chi cinge
  la fronte, a chi la gola, a chi la guancia.
  Fugge il popul gridando; e la gran frotta
  resta o sciancata o con la testa rotta.

12

  Come stormo d'augei ch'in ripa a un stagno
  vola sicuro e a sua pastura attende,
  s'improviso dal ciel falcon grifagno
  gli dà nel mezzo ed un ne batte o prende,
  si sparge in fuga, ognun lascia il compagno,
  e de lo scampo suo cura si prende;
  così veduto avreste far costoro,
  tosto che 'l buon Ruggier diede fra loro.

13

  A quattro o sei dai colli i capi netti
  levò Ruggier, ch'indi a fuggir fur lenti;
  ne divise altretanti infin ai petti,
  fin agli occhi infiniti e fin ai denti.
  Concederò che non trovasse elmetti,
  ma ben di ferro assai cuffie lucenti:
  e s'elmi fini anco vi fosser stati,
  così gli avrebbe, o poco men, tagliati.

14

  La forza di Ruggier non era quale
  or si ritrovi in cavallier moderno,
  né in orso né in leon né in animale
  altro più fiero, o nostrale od esterno.
  Forse il tremuoto le sarebbe uguale,
  forse il Gran Diavol: non quel de lo 'nferno,
  ma quel del mio signor, che va col fuoco
  ch'a cielo e a terra e a mar si fa dar loco.

15

  D'ogni suo colpo mai non cadea manco
  d'un uomo in terra, e le più volte un paio;
  e quattro a un colpo e cinque n'uccise anco,
  sì che si venne tosto al centinaio.
  Tagliava il brando che trasse dal fianco,
  come un tenero latte, il duro acciaio.
  Falerina, per dar morte ad Orlando,
  fe' nel giardin d'Orgagna il crudel brando.

16

  Averlo fatto poi ben le rincrebbe,
  che 'l suo giardin disfar vide con esso.
  Che strazio dunque, che ruina debbe
  far or ch'in man di tal guerriero è messo?
  Se mai Ruggier furor, se mai forza ebbe,
  se mai fu l'alto suo valore espresso,
  qui l'ebbe, il pose qui, qui fu veduto,
  sperando dare alla sua donna aiuto.

17

  Qual fa la lepre contra i cani sciolti,
  facea la turba contra lui riparo.
  Quei che restaro uccisi, furo molti;
  furo infiniti quei ch'in fuga andaro.
  Avea la donna intanto i lacci tolti,
  ch'ambe le mani al giovine legaro;
  e come poté meglio, presto armollo,
  gli diè una spada in mano e un scudo al collo.

18

  Egli che molto è offeso, più che puote
  si cerca vendicar di quella gente:
  e quivi son sì le sue forze note,
  che riputar si fa prode e valente.
  Già avea attuffato le dorate ruote
  il Sol ne la marina d'occidente,
  quando Ruggier vittorioso e quello
  giovine seco uscir fuor del castello.

19

  Quando il garzon sicuro de la vita
  con Ruggier si trovò fuor de le porte,
  gli rendé molta grazia ed infinita
  con gentil modi e con parole accorte,
  che non lo conoscendo, a dargli aita
  si fosse messo a rischio de la morte;
  e pregò che 'l suo nome gli dicesse,
  per sapere a chi tanto obligo avesse.

20

  — Veggo (dicea Ruggier) la faccia bella
  e le belle fattezze e 'l bel sembiante,
  ma la suavità de la favella
  non odo già de la mia Bradamante;
  né la relazion di grazie è quella
  ch'ella usar debba al suo fedele amante.
  Ma se pur questa è Bradamante, or come
  ha sì tosto in oblio messo il mio nome? —

21

  Per ben saperne il certo, accortamente
  Ruggier le disse: — Io v'ho veduto altrove;
  ed ho pensato e penso, e finalmente
  non so né posso ricordarmi dove.
  Ditemel voi, se vi ritorna a mente,
  e fate che 'l nome anco udir mi giove,
  acciò che saper possa a cui mia aita
  dal fuoco abbia salvata oggi la vita. —

22

  — Che voi m'abbiate visto esser potria
  (rispose quel), che non so dove o quando:
  ben vo pel mondo anch'io la parte mia,
  strane aventure or qua or là cercando.
  Forse una mia sorella stata fia,
  che veste l'arme e porta al lato il brando;
  che nacque meco, e tanto mi somiglia,
  che non ne può discerner la famiglia.

23

  Né primo né secondo né ben quarto
  sète di quei ch'errore in ciò preso hanno:
  né 'l padre né i fratelli né chi a un parto
  ci produsse ambi, scernere ci sanno.
  Gli è ver che questo crin raccorcio e sparto
  ch'io porto, come gli altri uomini fanno,
  ed il suo lungo e in treccia al capo avvolta,
  ci solea far già differenza molta:

24

  ma poi ch'un giorno ella ferita fu
  nel capo (lungo saria a dirvi come),
  e per sanarla un servo di Iesù
  a mezza orecchia le tagliò le chiome,
  alcun segno tra noi non restò più
  di differenza, fuor che 'l sesso e 'l nome.
  Ricciardetto son io, Bradamante ella;
  io fratel di Rinaldo, essa sorella.

25

  E se non v'increscesse l'ascoltarmi,
  cosa direi che vi faria stupire,
  la qual m'occorse per assimigliarmi
  a lei: gioia al principio e al fin martìre. —
  Ruggiero il qual più graziosi carmi,
  più dolce istoria non potrebbe udire,
  che dove alcun ricordo intervenisse
  de la sua donna, il pregò sì, che disse.

26

  — Accadde a questi dì, che pei vicini
  boschi passando la sorella mia,
  ferita da uno stuol de Saracini
  che senza l'elmo la trovar per via,
  fu di scorciarsi astretta i lunghi crini,
  se sanar volse d'una piaga ria
  ch'avea con gran periglio ne la testa;
  e così scorcia errò per la foresta.

27

  Errando giunse ad una ombrosa fonte;
  e perché afflitta e stanca ritrovosse,
  dal destrier scese e disarmò la fronte,
  e su le tenere erbe addormentosse.
  Io non credo che fabula si conte,
  che più di questa istoria bella fosse.
  Fiordispina di Spagna soprarriva,
  che per cacciar nel bosco ne veniva.

28

  E quando ritrovò la mia sirocchia
  tutta coperta d'arme, eccetto il viso,
  ch'avea la spada in luogo di conocchia,
  le fu vedere un cavalliero aviso.
  La faccia e le viril fattezze adocchia
  tanto, che se ne sente il cor conquiso;
  la invita a caccia, e tra l'ombrose fronde
  lunge dagli altri al fin seco s'asconde.

29

  Poi che l'ha seco in solitario loco
  dove non teme d'esser sopraggiunta,
  con atti e con parole a poco a poco
  le scopre il fisso cuor di grave punta.
  Con gli occhi ardenti e coi sospir di fuoco
  le mostra l'alma di disio consunta.
  Or si scolora in viso, or si raccende;
  tanto s'arrischia, ch'un bacio ne prende.

30

  La mia sorella avea ben conosciuto
  che questa donna in cambio l'avea tolta:
  né dar poteale a quel bisogno aiuto,
  e si trovava in grande impaccio avvolta.
  — Gli è meglio (dicea seco) s'io rifiuto
  questa avuta di me credenza stolta
  e s'io mi mostro femina gentile,
  che lasciar riputarmi un uomo vile. —

31

  E dicea il ver; ch'era viltade espressa,
  conveniente a un uom fatto di stucco,
  con cui sì bella donna fosse messa,
  piena di dolce e di nettareo succo,
  e tuttavia stesse a parlar con essa,
  tenendo basse l'ale come il cucco.
  Con modo accorto ella il parlar ridusse,
  che venne a dir come donzella fusse;

32

  che gloria, qual già Ippolita e Camilla,
  cerca ne l'arme; e in Africa era nata
  in lito al mar ne la città d'Arzilla,
  a scudo e a lancia da fanciulla usata.
  Per questo non si smorza una scintilla
  del fuoco de la donna inamorata.
  Questo rimedio all'alta piaga è tardo:
  tant'avea Amor cacciato inanzi il dardo.

33

  Per questo non le par men bello il viso,
  men bel lo sguardo e men belli i costumi;
  per ciò non torna il cor, che già diviso
  da lei, godea dentro gli amati lumi.
  Vedendola in quell'abito, l'è aviso
  che può far che 'l desir non la consumi;
  e quando, ch'ella è pur femina, pensa,
  sospira e piange e mostra doglia immensa.

34

  Chi avesse il suo ramarico e 'l suo pianto
  quel giorno udito, avria pianto con lei.
  — Quai tormenti (dicea) furon mai tanto
  crudel, che più non sian crudeli i miei?
  D'ogn'altro amore, o scelerato o santo,
  il desiato fin sperar potrei;
  saprei partir la rosa da le spine:
  solo il mio desiderio è senza fine!

35

  Se pur volevi, Amor, darmi tormento
  che t'increscesse il mio felice stato,
  d'alcun martìr dovevi star contento,
  che fosse ancor negli altri amanti usato.
  Né tra gli uomini mai né tra l'armento,
  che femina ami femina ho trovato:
  non par la donna all'altre donne bella,
  né a cervie cervia, né all'agnelle agnella.

36

  In terra, in aria, in mar, sola son io
  che patisco da te sì duro scempio;
  e questo hai fatto acciò che l'error mio
  sia ne l'imperio tuo l'ultimo esempio.
  La moglie del re Nino ebbe disio,
  il figlio amando, scelerato ed empio,
  e Mirra il padre, e la Cretense il toro:
  ma gli è più folle il mio, ch'alcun dei loro.

37

  La femina nel maschio fe' disegno,
  speronne il fine, ed ebbelo, come odo:
  Pasife ne la vacca entrò del legno,
  altre per altri mezzi e vario modo.
  Ma se volasse a me con ogni ingegno
  Dedalo, non potria scioglier quel nodo
  che fece il mastro troppo diligente,
  Natura d'ogni cosa più possente. —

38

  Così si duole e si consuma ed ange
  la bella donna, e non s'accheta in fretta.
  Talor si batte il viso e il capel frange,
  e di sé contra sé cerca vendetta.
  La mia sorella per pietà ne piange,
  ed è a sentir di quel dolor costretta.
  Del folle e van disio si studia trarla,
  ma non fa alcun profitto, e invano parla.

39

  Ella ch'aiuto cerca e non conforto,
  sempre più si lamenta e più si duole.
  Era del giorno il termine ormai corto,
  che rosseggiava in occidente il sole,
  ora oportuna da ritrarsi in porto
  a chi la notte al bosco star non vuole;
  quando la donna invitò Bradamante
  a questa terra sua poco distante.

40

  Non le seppe negar la mia sorella:
  e così insieme ne vennero al loco,
  dove la turba scelerata e fella
  posto m'avria, se tu non v'eri, al fuoco.
  Fece là dentro Fiordispina bella
  la mia sirocchia accarezzar non poco:
  e rivestita di feminil gonna,
  conoscer fe' a ciascun ch'ella era donna.

41

  Però che conoscendo che nessuno
  util traea da quel virile aspetto,
  non le parve anco di voler ch'alcuno
  biasmo di sé per questo fosse detto:
  féllo anco, acciò che 'l mal ch'avea da l'uno
  virile abito, errando, già concetto,
  ora con l'altro, discoprendo il vero,
  provassi di cacciar fuor del pensiero.

42

  Commune il letto ebbon la notte insieme,
  ma molto differente ebbon riposo;
  che l'una dorme, e l'altra piange e geme
  che sempre il suo desir sia più focoso.
  E se 'l sonno talor gli occhi le preme,
  quel breve sonno è tutto imaginoso:
  le par veder che 'l ciel l'abbia concesso
  Bradamante cangiata in miglior sesso.

43

  Come l'infermo acceso di gran sete,
  s'in quella ingorda voglia s'addormenta,
  nell'interrotta e turbida quiete,
  d'ogn'acqua che mai vide si ramenta;
  così a costei di far sue voglie liete
  l'imagine del sonno rappresenta.
  Si desta; e nel destar mette la mano,
  e ritrova pur sempre il sogno vano.

44

  Quanti prieghi la notte, quanti voti,
  offerse al suo Macone e a tutti i dei,
  che con miracoli apparenti e noti
  mutassero in miglior sesso costei!
  ma tutti vede andar d'effetto voti,
  e forse ancora il ciel ridea di lei.
  Passa la notte; e Febo il capo biondo
  traea del mare, e dava luce al mondo.

45

  Poi che 'l dì venne e che lasciaro il letto,
  a Fiordispina s'augumenta doglia;
  che Bradamante ha del partir già detto,
  ch'uscir di questo impaccio avea gran voglia.
  La gentil donna un ottimo ginetto
  in don da lei vuol che partendo toglia,
  guernito d'oro, ed una sopravesta
  che riccamente ha di sua man contesta.

46

  Accompagnolla un pezzo Fiordispina,
  poi fe' piangendo al suo castel ritorno.
  La mia sorella sì ratto camina,
  che venne a Montalbano anco quel giorno.
  Noi suoi fratelli e la madre meschina
  tutti le siamo festeggiando intorno;
  che di lei non sentendo, avuto forte
  dubbio e tema avevàn de la sua morte.

47

  Mirammo (al trar de l'elmo) al mozzo crine,
  ch'intorno al capo prima s'avolgea;
  così le sopraveste peregrine
  ne fer meravigliar, ch'indosso avea.
  Ed ella il tutto dal principio al fine
  narronne, come dianzi io vi dicea:
  come ferita fosse al bosco, e come
  lasciasse, per guarir, le belle chiome;

48

  e come poi dormendo in ripa all'acque,
  la bella cacciatrice sopragiunse,
  a cui la falsa sua sembianza piacque;
  e come da la schiera la disgiunse.
  Del lamento di lei poi nulla tacque,
  che di pietade l'anima ci punse;
  e come alloggiò seco, e tutto quello
  che fece fin che ritornò al castello.

49

  Di Fiordispina gran notizia ebb'io,
  ch'in Siragozza e già la vidi in Francia,
  e piacquer molto all'appetito mio
  i suoi begli occhi e la polita guancia:
  ma non lasciai fermarvisi il disio,
  che l'amar senza speme è sogno e ciancia.
  Or, quando in tal ampiezza mi si porge,
  l'antiqua fiamma subito risorge.

50

  Di queste speme Amor ordisce i nodi,
  che d'altre fila ordir non li potea,
  onde mi piglia: e mostra insieme i modi
  che da la donna avrei quel ch'io chiedea.
  A succeder saran facil le frodi;
  che come spesso altri ingannato avea
  la simiglianza c'ho di mia sorella,
  forse anco ingannerà questa donzella.

51

  Faccio o nol faccio? Al fin mi par che buono
  sempre cercar quel che diletti sia.
  Del mio pensier con altri non ragiono,
  né vo' ch'in ciò consiglio altri mi dia.
  Io vo la notte ove quell'arme sono
  che s'avea tratte la sorella mia:
  tolgole, e col destrier suo via camino,
  né sto aspettar che luca il matutino.

52

  Io me ne vo la notte (Amore è duce)
  a ritrovar la bella Fiordispina;
  e v'arrivai che non era la luce
  del sole ascosa ancor ne la marina.
  Beato è chi correndo si conduce
  prima degli altri a dirlo alla regina,
  da lei sperando per l'annunzio buono
  acquistar grazia e riportarne dono.

53

  Tutti m'aveano tolto così in fallo,
  com'hai tu fatto ancor, per Bradamante;
  tanto più che le vesti ebbi e 'l cavallo
  con che partita era ella il giorno inante.
  Vien Fiordispina di poco intervallo
  con feste incontra e con carezze tante,
  e con sì allegro viso e sì giocondo,
  che più gioia mostrar non potria al mondo.

54

  Le belle braccia al collo indi mi getta,
  e dolcemente stringe, e bacia in bocca.
  Tu puoi pensar s'allora la saetta
  dirizzi Amor, s'in mezzo il cor mi tocca.
  Per man mi piglia, e in camera con fretta
  mi mena; e non ad altri, ch'a lei, tocca
  che da l'elmo allo spron l'arme mi slacci
  e nessun altro vuol che se n'impacci.

55

  Poi fattasi arrecare una sua veste
  adorna e ricca, di sua man la spiega,
  e come io fossi femina, mi veste,
  e in reticella d'oro il crin mi lega.
  Io muovo gli occhi con maniere oneste,
  né ch'io sia donna alcun mio gesto niega.
  La voce ch'accusar mi potea forse,
  sì ben usai, ch'alcun non se n'accorse.

56

  Uscimmo poi là dove erano molte
  persone in sala, e cavallieri e donne,
  dai quali fummo con l'onor raccolte,
  ch'alle regine fassi e gran madonne.
  Quivi d'alcuni mi risi io più volte,
  che non sappiendo ciò che sotto gonne
  si nascondesse valido e gagliardo,
  mi vagheggiavan con lascivo sguardo.

57

  Poi che si fece la notte più grande,
  e già un pezzo la mensa era levata,
  la mensa, che fu d'ottime vivande,
  secondo la stagione, apparecchiata;
  non aspetta la donna ch'io domande
  quel che m'era cagion del venir stata:
  ella m'invita per sua cortesia,
  che quella notte a giacer seco io stia.

58

  Poi che donne e donzelle ormai levate
  si furo, e paggi e camerieri intorno,
  essendo ambe nel letto dispogliate,
  coi torchi accesi che parea di giorno,
  io cominciai: — Non vi maravigliate,
  madonna, se sì tosto a voi ritorno;
  che forse v'andavate imaginando
  di non mi riveder fin Dio sa quando.

59

  Dirò prima la causa del partire,
  poi del ritorno l'udirete ancora.
  Se 'l vostro ardor, madonna, intiepidire
  potuto avessi col mio far dimora,
  vivere in vostro servizio e morire
  voluto avrei, né starne senza un'ora;
  ma visto quanto il mio star vi nocessi,
  per non poter far meglio, andare elessi.

60

  Fortuna mi tirò fuor del camino
  in mezzo un bosco d'intricati rami,
  dove odo un grido risonar vicino,
  come di donna che soccorso chiami.
  V'accorro, e sopra un lago cristallino
  ritrovo un fauno ch'avea preso agli ami
  in mezzo l'acqua una donzella nuda,
  e mangiarsi, il crudel, la volea cruda.

61

  Colà mi trassi, e con la spada in mano
  (perch'aiutar non la potea altrimente)
  tolsi di vita il pescator villano:
  ella saltò ne l'acqua immantinente.
  — Non m'avrai (disse) dato aiuto invano:
  ben ne sarai premiato e riccamente
  quanto chieder saprai, perché son ninfa
  che vivo dentro a questa chiara linfa;

62

  ed ho possanza far cose stupende,
  e sforzar gli elementi e la natura.
  Chiedi tu, quanto il mio valor s'estende,
  poi lascia a me di satisfarti cura.
  Dal ciel la luna al mio cantar discende,
  s'agghiaccia il fuoco, e l'aria si fa dura;
  ed ho talor con semplici parole
  mossa la terra, ed ho fermato il sole. —

63

  Non le domando a questa offerta unire
  tesor, né dominar populi e terre,
  né in più virtù né in più vigor salire,
  né vincer con onor tutte le guerre;
  ma sol che qualche via donde il desire
  vostro s'adempia, mi schiuda e disserre:
  né più le domando un ch'un altro effetto,
  ma tutta al suo giudicio mi rimetto.

64

  Ebbile a pena mia domanda esposta,
  ch'un'altra volta la vidi attuffata;
  né fece al mio parlare altra risposta,
  che di spruzzar vêr me l'acqua incantata:
  la qual non prima al viso mi s'accosta,
  ch'io (non so come) son tutta mutata.
  Io 'l veggo, io 'l sento, e a pena vero parmi:
  sento in maschio, di femina, mutarmi.

65

  E se non fosse che senza dimora
  vi potete chiarir, nol credereste:
  e qual nell'altro sesso, in questo ancora
  ho le mie voglie ad ubbidirvi preste.
  Commandate lor pur, che fieno or ora
  e sempremai per voi vigile e deste. —
  Così le dissi; e feci ch'ella istessa
  trovò con man la veritade espressa.

66

  Come interviene a chi già fuor di speme
  di cosa sia che nel pensier molt'abbia,
  che mentre più d'esserne privo geme,
  più se n'afflige e se ne strugge e arrabbia;
  se ben la trova poi, tanto gli preme
  l'aver gran tempo seminato in sabbia,
  e la disperazion l'ha sì male uso,
  che non crede a se stesso, e sta confuso:

67

  così la donna, poi che tocca e vede
  quel di ch'avuto avea tanto desire,
  agli occhi, al tatto, a se stessa non crede,
  e sta dubbiosa ancor di non dormire;
  e buona prova bisognò a far fede,
  che sentia quel che le parea sentire.
  — Fa, Dio (disse ella), se son sogni questi,
  ch'io dorma sempre, e mai più non mi desti. —

68

  Non rumor di tamburi o suon di trombe
  furon principio all'amoroso assalto,
  ma baci ch'imitavan le colombe,
  davan segno or di gire, or di fare alto.
  Usammo altr'arme che saette o frombe.
  Io senza scale in su la rocca salto
  e lo stendardo piantovi di botto,
  e la nimica mia mi caccio sotto.

69

  Se fu quel letto la notte dinanti
  pien di sospiri e di querele gravi,
  non stette l'altra poi senza altretanti
  risi, feste, gioir, giochi soavi.
  Non con più nodi i flessuosi acanti
  le colonne circondano e le travi,
  di quelli con che noi legammo stretti
  e colli e fianchi e braccia e gambe e petti.

70

  La cosa stava tacita fra noi,
  sì che durò il piacer per alcun mese:
  pur si trovò chi se n'accorse poi,
  tanto che con mio danno il re lo 'ntese.
  Voi che mi liberaste da quei suoi
  che ne la piazza avean le fiamme accese,
  comprendere oggimai potete il resto;
  ma Dio sa ben con che dolor ne resto. —

71

  Così a Ruggier narrava Ricciardetto,
  e la notturna via facea men grave,
  salendo tuttavia verso un poggetto
  cinto di ripe e di pendici cave.
  Un erto calle e pien di sassi e stretto
  apria il camin con faticosa chiave.
  Sedea al sommo un castel detto Agrismonte,
  ch'ave' in guardia Aldigier di Chiaramonte.

72

  Di Buovo era costui figliuol bastardo,
  fratel di Malagigi e di Viviano;
  chi legitimo dice di Gherardo,
  è testimonio temerario e vano.
  Fosse come si voglia, era gagliardo,
  prudente, liberal, cortese, umano;
  e facea quivi le fraterne mura
  la notte e il dì guardar con buona cura.

73

  Raccolse il cavallier cortesemente,
  come dovea, il cugin suo Ricciardetto,
  ch'amò come fratello; e parimente
  fu ben visto Ruggier per suo rispetto.
  Ma non gli uscì già incontra allegramente,
  come era usato, anzi con tristo aspetto,
  perch'uno aviso il giorno avuto avea,
  che nel viso e nel cor mesto il facea.

74

  A Ricciardetto in cambio di saluto
  disse: — Fratello, abbiàn nuova non buona.
  Per certissimo messo oggi ho saputo
  che Bertolagi iniquo di Baiona
  con Lanfusa crudel s'è convenuto,
  che preziose spoglie esso a lei dona,
  ed essa a lui pon nostri frati in mano,
  il tuo bon Malagigi e il tuo Viviano.

75

  Ella dal dì che Ferraù li prese,
  gli ha ognor tenuti in loco oscuro e fello,
  fin che 'l brutto contratto e discortese
  n'ha fatto con costui di ch'io favello.
  Gli de' mandar domane al Maganzese
  nei confin tra Baiona e un suo castello.
  Verrà in persona egli a pagar la mancia
  che compra il miglior sangue che sia in Francia.

76

  Rinaldo nostro n'ho avisato or ora,
  ed ho cacciato il messo di galoppo;
  ma non mi par ch'arrivar possa ad ora
  che non sia tarda, che 'l camino è troppo.
  Io non ho meco gente da uscir fuora:
  l'animo è pronto, ma il potere è zoppo.
  Se gli ha quel traditor, li fa morire:
  sì che non so che far, non so che dire. —

77

  La dura nuova a Ricciardetto spiace,
  e perché spiace a lui, spiace a Ruggiero;
  che poi che questo e quel vede che tace,
  né tra' profitto alcun del suo pensiero,
  disse con grande ardir: — Datevi pace:
  sopra me quest'impresa tutta chero;
  e questa mia varrà per mille spade
  a riporvi i fratelli in libertade.

78

  Io non voglio altra gente, altri sussidi,
  ch'io credo bastar solo a questo fatto;
  io vi domando solo un che mi guidi
  al luogo ove si dee fare il baratto.
  Io vi farò sin qui sentire i gridi
  di chi sarà presente al rio contratto. —
  Così dicea; né dicea cosa nuova
  all'un de' dui, che n'avea visto pruova.

79

  L'altro non l'ascoltava, se non quanto
  s'ascolti un ch'assai parli e sappia poco:
  ma Ricciardetto gli narrò da canto
  come fu per costui tratto del fuoco;
  e ch'era certo che maggior del vanto
  faria veder l'effetto a tempo e a loco.
  Gli diede allor udienza più che prima,
  e riverillo, e fe' di lui gran stima.

80

  Ed alla mensa, ove la Copia fuse
  il corno, l'onorò come suo donno.
  Quivi senz'altro aiuto si concluse
  che liberare i duo fratelli ponno.
  Intanto sopravenne e gli occhi chiuse
  ai signori e ai sergenti il pigro Sonno,
  fuor ch'a Ruggier; che, per tenerlo desto,
  gli punge il cor sempre un pensier molesto.

81

  L'assedio d'Agramante ch'avea il giorno
  udito dal corrier, gli sta nel core.
  Ben vede ch'ogni minimo soggiorno
  che faccia d'aiutarlo, è suo disnore.
  Quanta gli sarà infamia, quanto scorno,
  se coi nemici va del suo signore!
  Oh come a gran viltade, a gran delitto,
  battezzandosi alor, gli sarà ascritto!

82

  Potria in ogn'altro tempo esser creduto
  che vera religion l'avesse mosso;
  ma ora che bisogna col suo aiuto
  Agramante d'assedio esser riscosso,
  più tosto da ciascun sarà tenuto
  che timore e viltà l'abbia percosso,
  ch'alcuna opinion di miglior fede:
  questo il cor di Ruggier stimula e fiede.

83

  Che s'abbia da partire anco lo punge
  senza licenza de la sua regina.
  Quando questo pensier, quando quel giunge,
  che 'l dubio cor diversamente inchina.
  Gli era l'aviso riuscito lunge
  di trovarla al castel di Fiordispina,
  dove insieme dovean, come ho già detto,
  in soccorso venir di Ricciardetto.

84

  Poi gli sovien ch'egli le avea promesso
  di seco a Vallombrosa ritrovarsi.
  Pensa ch'andar v'abbi ella, e quivi d'esso
  che non vi trovi poi, maravigliarsi.
  Potesse almen mandar lettera o messo,
  sì ch'ella non avesse a lamentarsi
  che, oltre ch'egli mal le avea ubbidito,
  senza far motto ancor fosse partito.

85

  Poi che più cose imaginate s'ebbe,
  pensa scriverle al fin quanto gli accada;
  e ben ch'egli non sappia come debbe
  la lettera inviar, sì che ben vada,
  non però vuol restar; che ben potrebbe
  alcun messo fedel trovar per strada.
  Più non s'indugia, e salta de le piume;
  si fa dar carta, inchiostro, penna e lume.

86

  I camarier discreti ed aveduti
  arrecano a Ruggier ciò che commanda.
  Egli comincia a scrivere, e i saluti
  (come si suol) nei primi versi manda:
  poi narra degli avisi che venuti
  son dal suo re, ch'aiuto gli domanda;
  e se l'andata sua non è ben presta,
  o morto o in man degli nimici resta.

87

  Poi seguita, ch'essendo a tal partito,
  e ch'a lui per aiuto si volgea,
  vedesse ella che 'l biasmo era infinito
  s'a quel punto negar gli lo volea;
  e ch'esso, a lei dovendo esser marito,
  guardarsi da ogni macchia si dovea;
  che non si convenia con lei, che tutta
  era sincera, alcuna cosa brutta.

88

  E se mai per adietro un nome chiaro,
  ben oprando, cercò di guadagnarsi,
  e guadagnato poi, se avuto caro,
  se cercato l'avea di conservarsi;
  or lo cercava, e n'era fatto avaro,
  poi che dovea con lei participarsi,
  la qual sua moglie, e totalmente in dui
  corpi esser dovea un'anima con lui.

89

  E sì come già a bocca le avea detto,
  le ridicea per questa carta ancora:
  finito il tempo in che per fede astretto
  era al suo re, quando non prima muora,
  che si farà cristian così d'effetto,
  come di buon voler stato era ogni ora;
  e ch'al padre e a Rinaldo e agli altri suoi
  per moglie domandar la farà poi.

90

  — Voglio (le soggiungea), quando vi piaccia,
  l'assedio al mio signor levar d'intorno,
  acciò che l'ignorante vulgo taccia,
  il qual direbbe, a mia vergogna e scorno:
  Ruggier, mentre Agramante ebbe bonaccia,
  mai non l'abandonò notte né giorno;
  or che Fortuna per Carlo si piega,
  egli col vincitor l'insegna spiega.

91

  Voglio quindici dì termine o venti,
  tanto che comparir possa una volta,
  sì che degli africani alloggiamenti
  la grave ossedion per me sia tolta.
  Intanto cercherò convenienti
  cagioni, e che sian giuste, di dar volta.
  Io vi domando per mio onor sol questo:
  tutto poi vostro è di mia vita il resto. —

92

  In simili parole si diffuse
  Ruggier, che tutte non so dirvi a pieno;
  e seguì con molt'altre, e non concluse
  fin che non vide tutto il foglio pieno;
  e poi piegò la lettera e la chiuse,
  e suggellata se la pose in seno,
  con speme che gli occorra il dì seguente
  chi alla donna la dia secretamente.

93

  Chiusa ch'ebbe la lettera, chiuse anco
  gli occhi sul letto, e ritrovò quiete;
  che 'l Sonno venne, e sparse il corpo stanco
  col ramo intinto nel liquor di Lete:
  e posò fin ch'un nembo rosso e bianco
  di fiori sparse le contrade liete
  del lucido oriente d'ogn'intorno,
  ed indi uscì de l'aureo albergo il giorno.

94

  E poi ch'a salutar la nuova luce
  pei verdi rami incominciar gli augelli,
  Aldigier che voleva essere il duce
  di Ruggiero e de l'altro, e guidar quelli
  ove faccin che dati in mano al truce
  Bertolagi non siano i duo fratelli,
  fu 'l primo in piede; e quando sentir lui,
  del letto usciro anco quegli altri dui.

95

  Poi che vestiti furo e bene armati,
  coi duo cugin Ruggier si mette in via,
  già molto indarno avendoli pregati
  che questa impresa a lui tutta si dia;
  ma essi, pel desir c'han de' lor frati,
  e perché lor parea discortesia,
  steron negando più duri che sassi,
  né consentiron mai che solo andassi.

96

  Giunsero al loco il dì che si dovea
  Malagigi mutar nei carriaggi.
  Era un'ampla campagna che giacea
  tutta scoperta agli apollinei raggi.
  Quivi né allor né mirto si vedea,
  né cipressi né frassini né faggi,
  ma nuda ghiara, e qualche umil virgulto
  non mai da marra o mai da vomer culto.

97

  I tre guerrieri arditi si fermaro
  dove un sentier fendea quella pianura;
  e giunger quivi un cavallier miraro,
  ch'avea d'oro fregiata l'armatura,
  e per insegna in campo verde il raro
  e bello augel che più d'un secol dura.
  Signor, non più, che giunto al fin mi veggio
  di questo canto, e riposarmi chieggio.



CANTO VENTISEIESIMO


1

  Cortesi donne ebbe l'antiqua etade,
  che le virtù, non le ricchezze, amaro:
  al tempo nostro si ritrovan rade
  a cui, più del guadagno, altro sia caro.
  Ma quelle che per lor vera bontade
  non seguon de le più lo stile avaro,
  vivendo, degne son d'esser contente;
  gloriose e immortal poi che fian spente.

2

  Degna d'eterna laude è Bradamante,
  che non amò tesor, non amò impero,
  ma la virtù, ma l'animo prestante,
  ma l'alta gentilezza di Ruggiero;
  e meritò che ben le fosse amante
  un così valoroso cavalliero,
  e per piacere a lei facesse cose
  nei secoli avenir miracolose.

3

  Ruggier, come di sopra vi fu detto,
  coi duo di Chiaramonte era venuto,
  dico con Aldigier, con Ricciardetto,
  per dare ai duo fratei prigioni aiuto.
  Vi dissi ancor che di superbo aspetto
  venire un cavalliero avean veduto,
  che portava l'augel che si rinuova,
  e sempre unico al mondo si ritrova.

4

  Come di questi il cavallier s'accorse,
  che stavan per ferir quivi su l'ale,
  in prova disegnò di voler porse,
  s'alla sembianza avean virtude uguale.
  — È di voi (disse loro) alcuno forse
  che provar voglia chi di noi più vale
  a' colpi o de la lancia o de la spada,
  fin che l'un resti in sella e l'altro cada? —

5

  — Farei (disse Aldigier) teco, o volessi
  menar la spada a cerco, o correr l'asta;
  ma un'altra impresa che, se qui tu stessi,
  veder potresti, questa in modo guasta,
  ch'a parlar teco, non che ci traessi
  a correr giostra, a pena tempo basta:
  seicento uomini al varco, o più, attendiamo,
  coi qua' d'oggi provarci obligo abbiamo.

6

  Per tor lor duo de' nostri che prigioni
  quinci trarran, pietade e amor n'ha mosso. —
  E seguitò narrando le cagioni
  che li fece venir con l'arme indosso.
  — Sì giusta è questa escusa che m'opponi
  (disse il guerrier), che contradir non posso;
  e fo certo giudicio che voi siate
  tre cavallier che pochi pari abbiate.

7

  Io chiedea un colpo o dui con voi scontrarme,
  per veder quanto fosse il valor vostro;
  ma quando all'altrui spese dimostrarme
  lo vogliate, mi basta, e più non giostro.
  Vi priego ben, che por con le vostr'arme
  quest'elmo io possa e questo scudo nostro;
  e spero dimostrar, se con voi vegno,
  che di tal compagnia non sono indegno. —

8

  Parmi veder ch'alcun saper desia
  il nome di costui, che quivi giunto
  a Ruggiero e a' compagni si offeria
  compagno d'arme al periglioso punto.
  Costei (non più costui detto vi sia)
  era Marfisa che diede l'assunto
  al misero Zerbin de la ribalda
  vecchia Gabrina ad ogni mal sì calda.

9

  I duo di Chiaramonte e il buon Ruggiero
  l'accettar volentier ne la lor schiera,
  ch'esser credeano certo un cavalliero,
  e non donzella, e non quella ch'ella era.
  Non molto dopo scoperse Aldigiero
  e veder fe' ai compagni una bandiera
  che facea l'aura tremolare in volta,
  e molta gente intorno avea raccolta.

10

  E poi che più lor fur fatti vicini,
  e che meglio notar l'abito moro,
  conobbero che gli eran Saracini,
  e videro i prigioni in mezzo a loro
  legati e tratti su piccol ronzini
  a' Maganzesi, per cambiarli in oro.
  Disse Marfisa agli altri: — Ora che resta,
  poi che son qui, di cominciar la festa? —

11

  Ruggier rispose: — Gl'invitati ancora
  non ci son tutti, e manca una gran parte.
  Gran ballo s'apparecchia di fare ora;
  e perché sia solenne, usiamo ogn'arte:
  ma far non ponno omai lunga dimora. —
  Così dicendo, veggono in disparte
  venire i traditori di Maganza:
  sì ch'eran presso a cominciar la danza.

12

  Giungean da l'una parte i Maganzesi,
  e conducean con loro i muli carchi
  d'oro e di vesti e d'altri ricchi arnesi;
  da l'altra in mezzo a lance, spade ed archi,
  venian dolenti i duo germani presi,
  che si vedeano essere attesi ai varchi:
  e Bertolagi, empio inimico loro,
  udian parlar col capitano Moro.

13

  Né di Buovo il figliuol né quel d'Amone,
  veduto il Maganzese, indugiar puote:
  la lancia in resta l'uno e l'altro pone,
  e l'uno e l'altro il traditor percuote.
  L'un gli passa la pancia e 'l primo arcione,
  e l'altro il viso per mezzo le gote.
  Così n'andasser pur tutti i malvagi,
  come a quei colpi n'andò Bertolagi.

14

  Marfisa con Ruggiero a questo segno
  si muove, e non aspetta altra trombetta;
  né prima rompe l'arrestato legno,
  che tre, l'un dopo l'altro, in terra getta.
  De l'asta di Ruggier fu il pagan degno,
  che guidò gli altri, e uscì di vita in fretta;
  e per quella medesima con lui
  uno ed un altro andò nei regni bui.

15

  Di qui nacque un error tra gli assaliti,
  che lor causò lor ultima ruina.
  Da un lato i Maganzesi esser traditi
  credeansi da la squadra saracina;
  da l'altro i Mori in tal modo feriti,
  l'altra schiera chiamavano assassina:
  e tra lor cominciar con fiera clade
  a tirare archi e a menar lance e spade.

16

  Salta ora in questa squadra ed ora in quella
  Ruggiero, e via ne toglie or dieci or venti:
  altritanti per man de la donzella
  di qua e di là ne son scemati e spenti.
  Tanti si veggon gir morti di sella,
  quanti ne toccan le spade taglienti,
  a cui dan gli elmi e le corazze loco,
  come nel bosco i secchi legni al fuoco.

17

  Se mai d'aver veduto vi raccorda,
  o rapportato v'ha fama all'orecchie,
  come, allor che 'l collegio si discorda,
  e vansi in aria a far guerra le pecchie,
  entri fra lor la rondinella ingorda,
  e mangi e uccida e guastine parecchie;
  dovete imaginar che similmente
  Ruggier fosse e Marfisa in quella gente.

18

  Non così Ricciardetto e il suo cugino
  tra le due genti variavan danza,
  perché, lasciando il campo saracino,
  sol tenean l'occhio all'altro di Maganza.
  Il fratel di Rinaldo paladino
  con molto animo avea molta possanza,
  e quivi raddoppiar glie la facea
  l'odio che contra ai Maganzesi avea.

19

  Facea parer questa medesma causa
  un leon fiero il bastardo di Buovo,
  che con la spada senza indugio e pausa
  fende ogn'elmo, o lo schiaccia come un ovo.
  E qual persona non saria stata ausa,
  non saria comparita un Ettor nuovo,
  Marfisa avendo in compagnia e Ruggiero,
  ch'eran la scelta e 'l fior d'ogni guerriero?

20

  Marfisa tuttavolta combattendo,
  spesso ai compagni gli occhi rivoltava;
  e di lor forza paragon vedendo,
  con maraviglia tutti li lodava:
  ma di Ruggier pur il valor stupendo
  e senza pari al mondo le sembrava;
  e talor si credea che fosse Marte
  sceso dal quinto cielo in quella parte.

21

  Mirava quelle orribili percosse,
  miravale non mai calare in fallo:
  parea che contra Balisarda fosse
  il ferro carta e non duro metallo.
  Gli elmi tagliava e le corazze grosse,
  e gli uomini fendea fin sul cavallo,
  e li mandava in parte uguali al prato,
  tanto da l'un quanto da l'altro lato.

22

  Continuando la medesma botta,
  uccidea col signore il cavallo anche.
  I capi dalle spalle alzava in frotta,
  e spesso i busti dipartia da l'anche.
  Cinque e più a un colpo ne tagliò talotta:
  e se non che pur dubito che manche
  credenza al ver c'ha faccia di menzogna,
  di più direi; ma di men dir bisogna.

23

  Il buon Turpin, che sa che dice il vero,
  e lascia creder poi quel ch'a l'uom piace,
  narra mirabil cose di Ruggiero,
  ch'udendolo, il direste voi mendace.
  Così parea di ghiaccio ogni guerriero
  contra Marfisa, ed ella ardente face;
  e non men di Ruggier gli occhi a sé trasse,
  ch'ella di lui l'alto valor mirasse.

24

  E s'ella lui Marte stimato avea,
  stimato egli avria lei forse Bellona,
  se per donna così la conoscea,
  come parea il contrario alla persona.
  E forse emulazion tra lor nascea
  per quella gente misera, non buona,
  ne la cui carne e sangue e nervi ed ossa
  fan prova chi di loro abbia più possa.

25

  Bastò di quattro l'animo e il valore
  a far ch'un campo e l'altro andasse rotto.
  Non restava arme, a chi fuggia, migliore
  che quella che si porta più di sotto.
  Beato chi il cavallo ha corridore,
  ch'in prezzo non è quivi ambio né trotto;
  e chi non ha destrier, quivi s'avede,
  quanto il mestier de l'arme è tristo a piede.

26

  Riman la preda e 'l campo ai vincitori
  che non è fante o mulatier che resti.
  Là Maganzesi, e qua fuggono i Mori:
  quei lasciano i prigion, le some questi.
  Furon, con lieti visi e più coi cori,
  Malagigi e Viviano a scioglier presti;
  non fur men diligenti a sciorre i paggi,
  e por le some in terra e i carriaggi.

27

  Oltre una buona quantità d'argento
  ch'in diverse vasella era formato,
  ed alcun muliebre vestimento
  di lavoro bellissimo fregiato,
  e per stanze reali un paramento
  d'oro e di seta in Fiandra lavorato,
  ed altre cose ricche in copia grande;
  fiaschi di vin trovar, pane e vivande.

28

  Al trar degli elmi, tutti vider come
  avea lor dato aiuto una donzella:
  fu conosciuta all'auree crespe chiome
  ed alla faccia delicata e bella.
  L'onoran molto, e pregano che 'l nome
  di gloria degno non asconda; ed ella,
  che sempre tra gli amici era cortese,
  a dar di sé notizia non contese.

29

  Non si ponno saziar di riguardarla;
  che tal vista l'avean ne la battaglia.
  Sol mira ella Ruggier, sol con lui parla:
  altri non prezza, altri non par che vaglia.
  Vengono i servi intanto ad invitarla
  coi compagni a goder la vettovaglia,
  ch'apparecchiata avean sopra una fonte
  che difendea dal raggio estivo un monte.

30

  Era una de le fonti di Merlino,
  de le quattro di Francia da lui fatte,
  d'intorno cinta di bel marmo fino,
  lucido e terso, e bianco più che latte.
  Quivi d'intaglio con lavor divino
  avea Merlino imagini ritratte:
  direste che spiravano, e, se prive
  non fossero di voce, ch'eran vive.

31

  Quivi una bestia uscir de la foresta
  parea, di crudel vista, odiosa e brutta,
  ch'avea l'orecchie d'asino, e la testa
  di lupo e i denti, e per gran fame asciutta;
  branche avea di leon; l'altro che resta,
  tutto era volpe: e parea scorrer tutta
  e Francia e Italia e Spagna ed Inghelterra,
  l'Europa e l'Asia, e al fin tutta la terra.

32

  Per tutto avea genti ferite e morte,
  la bassa plebe e i più superbi capi:
  anzi nuocer parea molto più forte
  a re, a signori, a principi, a satrapi.
  Peggio facea ne la romana corte,
  che v'avea uccisi cardinali e papi:
  contaminato avea la bella sede
  di Pietro e messo scandol ne la fede.

33

  Par che dinanzi a questa bestia orrenda
  cada ogni muro, ogni ripar che tocca.
  Non si vede città che si difenda:
  se l'apre incontra ogni castello e rocca.
  Par che agli onor divini anco s'estenda,
  e sia adorata da la gente sciocca,
  e che le chiavi s'arroghi d'avere
  del cielo e de l'abisso in suo potere.

34

  Poi si vedea d'imperiale alloro
  cinto le chiome un cavallier venire
  con tre giovini a par, che i gigli d'oro
  tessuti avean nel lor real vestire;
  e, con insegna simile, con loro
  parea un leon contra quel mostro uscire:
  avean lor nomi chi sopra la testa,
  e chi nel lembo scritto de la vesta.

35

  L'un ch'avea fin a l'elsa ne la pancia
  la spada immersa alla maligna fera,
  Francesco primo, avea scritto, di Francia;
  Massimigliano d'Austria a par seco era;
  e Carlo quinto imperator, di lancia
  avea passato il mostro alla gorgiera;
  e l'altro, che di stral gli fige il petto,
  l'ottavo Enrigo d'Inghilterra è detto.

36

  Decimo ha quel Leon scritto sul dosso,
  ch'al brutto mostro i denti ha ne l'orecchi;
  e tanto l'ha già travagliato e scosso,
  che vi sono arrivati altri parecchi.
  Parea del mondo ogni timor rimosso;
  ed in emenda degli errori vecchi
  nobil gente accorrea, non però molta,
  onde alla belva era la vita tolta.

37

  I cavallieri stavano e Marfisa
  con desiderio di conoscer questi
  per le cui mani era la bestia uccisa,
  che fatti avea tanti luoghi atri e mesti.
  Avenga che la pietra fosse incisa
  dei nomi lor, non eran manifesti.
  Si pregavan tra lor, che se sapesse
  l'istoria alcuno, agli altri la dicesse.

38

  Voltò Viviano a Malagigi gli occhi,
  che stava a udire, e non facea lor motto:
  — A te (disse) narrar l'istoria tocchi,
  ch'esser ne déi, per quel ch'io vegga, dotto.
  Chi son costor che con saette e stocchi
  e lance a morte han l'animal condotto? —
  Rispose Malagigi: — Non è istoria
  di ch'abbia autor fin qui fatto memoria.

39

  Sappiate che costor che qui scritto hanno
  nel marmo i nomi, al mondo mai non furo;
  ma fra settecento anni vi saranno,
  con grande onor del secolo futuro.
  Merlino, il savio incantator britanno,
  fe' far la fonte al tempo del re Arturo;
  e di cose ch'al mondo hanno a venire,
  la fe' da buoni artefici scolpire.

40

  Questa bestia crudele uscì del fondo
  de lo 'nferno a quel tempo che fur fatti
  alle campagne i termini, e fu il pondo
  trovato e la misura, e scritti i patti.
  Ma non andò a principio in tutto 'l mondo:
  di sé lasciò molti paesi intatti.
  Al tempo nostro in molti lochi sturba;
  ma i populari offende e la vil turba.

41

  Dal suo principio infin al secol nostro
  sempre è cresciuto, e sempre andrà crescendo:
  sempre crescendo, al lungo andar fia il mostro
  il maggior che mai fosse e lo più orrendo.
  Quel Fiton che per carte e per inchiostro
  s'ode che fu sì orribile e stupendo,
  alla metà di questo non fu tutto,
  né tanto abominevol né sì brutto.

42

  Farà strage crudel, né sarà loco
  che non guasti, contamini ed infetti:
  e quanto mostra la scultura, è poco
  de' suoi nefandi e abominosi effetti.
  Al mondo, di gridar mercé già roco,
  questi, dei quali i nomi abbiamo letti,
  che chiari splenderan più che piropo,
  verranno a dare aiuto al maggior uopo.

43

  Alla fera crudele il più molesto
  non sarà di Francesco il re de' Franchi:
  e ben convien che molti ecceda in questo,
  e nessun prima e pochi n'abbia a' fianchi;
  quando in splendor real, quando nel resto
  di virtù farà molti parer manchi,
  che già parver compiuti; come cede
  tosto ogn'altro splendor, che 'l sol si vede.

44

  L'anno primier del fortunato regno,
  non ferma ancor ben la corona in fronte,
  passerà l'Alpe, e romperà il disegno
  di chi all'incontro avrà occupato il monte,
  da giusto spinto e generoso sdegno,
  che vendicate ancor non sieno l'onte
  che dal furor da paschi e mandre uscito
  l'esercito di Francia avrà patito.

45

  E quindi scenderà nel ricco piano
  di Lombardia, col fior di Francia intorno,
  e sì l'Elvezio spezzerà, ch'invano
  farà mai più pensier d'alzare il corno.
  Con grande e de la Chiesa e de l'ispano
  campo e del fiorentin vergogna e scorno
  espugnerà il castel che prima stato
  sarà non espugnabile stimato.

46

  Sopra ogn'altr'arme, ad espugnarlo, molto
  più gli varrà quella onorata spada
  con la qual prima avrà di vita tolto
  il mostro corruttor d'ogni contrada.
  Convien ch'inanzi a quella sia rivolto
  in fuga ogni stendardo, o a terra vada;
  né fossa, né ripar, né grosse mura
  possan da lei tener città sicura.

47

  Questo principe avrà quanta eccellenza
  aver felice imperator mai debbia:
  l'animo del gran Cesar, la prudenza
  di chi mostrolla a Transimeno e a Trebbia,
  con la fortuna d'Alessandro, senza
  cui saria fumo ogni disegno, e nebbia.
  Sarà sì liberal, ch'io lo contemplo
  qui non aver né paragon né esemplo. —

48

  Così diceva Malagigi, e messe
  desire a' cavallier d'aver contezza
  del nome d'alcun altro ch'uccidesse
  l'infernal bestia, uccider gli altri avezza.
  Quivi un Bernardo tra' primi si lesse,
  che Merlin molto nel suo scritto apprezza.
  — Fia nota per costui (dicea) Bibiena,
  quanto Fiorenza sua vicina e Siena. —

49

  Non mette piede inanzi ivi persona
  a Sismondo, a Giovanni, a Ludovico:
  un Gonzaga, un Salviati, un d'Aragona,
  ciascuno al brutto mostro aspro nimico.
  V'è Francesco Gonzaga, né abandona
  le sue vestigie il figlio Federico;
  ed ha il cognato e il genero vicino,
  quel di Ferrara, e quel duca d'Urbino.

50

  De l'un di questi il figlio Guidobaldo
  non vuol che 'l padre o ch'altri a dietro il metta.
  Con Otobon dal Flisco, Sinibaldo
  caccia la fera, e van di pari in fretta.
  Luigi da Gazolo il ferro caldo
  fatto nel collo le ha d'una saetta,
  che con l'arco gli diè Febo, quando anco
  Marte la spada sua gli messe al fianco.

51

  Duo Erculi, duo Ippoliti da Este,
  un altro Ercule, un altro Ippolito anco,
  da Gonzaga, de' Medici, le peste
  seguon del mostro, e l'han, cacciando, stanco.
  Né Giuliano al figliuol, né par che reste
  Ferrante al fratel dietro; né che manco
  Andrea Doria sia pronto; né che lassi
  Francesco Sforza, ch'ivi uomo lo passi.

52

  Del generoso, illustre e chiaro sangue
  d'Avalo vi son dui ch'han per insegna
  lo scoglio, che dal capo ai piedi d'angue
  par che l'empio Tifeo sotto si tegna.
  Non è di questi duo, per fare esangue
  l'orribil mostro, che più inanzi vegna:
  l'uno Francesco di Pescara invitto,
  l'altro Alfonso del Vasto ai piedi ha scritto.

53

  Ma Consalvo Ferrante ove ho lasciato,
  l'ispano onor, ch'in tanto pregio v'era,
  che fu da Malagigi sì lodato,
  che pochi il pareggiar di quella schiera?
  Guglielmo si vedea di Monferrato
  fra quei che morto avean la brutta fera;
  ed eran pochi verso gl'infiniti
  ch'ella v'avea chi morti e chi feriti.

54

  In giuochi onesti e parlamenti lieti,
  dopo mangiar, spesero il caldo giorno,
  corcati su finissimi tapeti
  tra gli arbuscelli ond'era il rivo adorno.
  Malagigi e Vivian, perché quieti
  più fosser gli altri, tenean l'arme intorno;
  quando una donna senza compagnia
  vider, che verso lor ratto venìa.

55

  Questa era quella Ippalca a cui fu tolto
  Frontino, il bon destrier, da Rodomonte.
  L'avea il dì inanzi ella seguito molto,
  pregandolo ora, ora dicendogli onte;
  ma non giovando, avea il camin rivolto
  per ritrovar Ruggiero in Agrismonte.
  Tra via le fu (non so già come) detto
  che quivi il troveria con Ricciardetto.

56

  E perché il luogo ben sapea (che v'era
  stata altre volte), se ne venne al dritto
  alla fontana; ed in quella maniera
  ve lo trovò, ch'io v'ho di sopra scritto.
  Ma come buona e cauta messaggera
  che sa meglio esequir che non l'è ditto,
  quando vide il fratel di Bradamante,
  non conoscer Ruggier fece sembiante.

57

  A Ricciardetto tutta rivoltosse,
  sì come drittamente a lui venisse;
  e quel che la conobbe, se le mosse
  incontra, e domandò dove ne gisse.
  Ella ch'ancora avea le luci rosse
  del pianger lungo, sospirando disse;
  ma disse forte, acciò che fosse espresso
  a Ruggiero il suo dir, che gli era presso.

58

  — Mi traea dietro (disse) per la briglia,
  come imposto m'avea la tua sorella,
  un bel cavallo e buono a maraviglia,
  ch'ella molto ama e che Frontino appella;
  e l'avea tratto più di trenta miglia
  verso Marsilia, ove venir debbe ella
  fra pochi giorni, e dove ella mi disse
  ch'io l'aspettassi fin che vi venisse.

59

  Era sì baldanzoso il creder mio,
  ch'io non stimava alcun di cor sì saldo,
  che me l'avesse a tor, dicendogli io
  ch'era de la sorella di Rinaldo.
  Ma vano il mio disegno ieri m'uscìo,
  che me lo tolse un Saracin ribaldo;
  né per udir di chi Frontino fusse,
  a volermelo rendere s'indusse.

60

  Tutto ieri ed oggi l'ho pregato; e quando
  ho visto uscir prieghi e minacce invano,
  maledicendol molto e bestemmiando,
  l'ho lasciato di qui poco lontano,
  dove il cavallo e sé molto affannando,
  s'aiuta, quanto può, con l'arme in mano
  contra un guerrier ch'in tal travaglio il mette,
  che spero ch'abbia a far le mie vendette. —

61

  Ruggiero a quel parlar salito in piede,
  ch'avea potuto a pena il tutto udire,
  si volta a Ricciardetto, e per mercede
  e premio e guidardon del ben servire
  (prieghi aggiungendo senza fin) gli chiede
  che con la donna solo il lasci gire
  tanto che 'l Saracin gli sia mostrato,
  ch'a lei di mano ha il buon destrier levato.

62

  A Ricciardetto, ancor che discortese
  il concedere altrui troppo paresse
  di terminar le a sé debite imprese,
  al voler di Ruggier pur si rimesse:
  e quel licenza dai compagni prese,
  e con Ippalca a ritornar si messe,
  lasciando a quei che rimanean, stupore,
  con maraviglia pur del suo valore.

63

  Poi che dagli altri allontanato alquanto
  Ippalca l'ebbe, gli narrò ch'ad esso
  era mandata da colei che tanto
  avea nel core il suo valore impresso;
  e senza finger più, seguitò quanto
  la sua donna al partir le avea commesso,
  e che se dianzi avea altrimente detto,
  per la presenza fu di Ricciardetto.

64

  Disse, che chi le avea tolto il destriero,
  ancor detto l'avea con molto orgoglio:
  — Perché so che 'l cavallo è di Ruggiero,
  più volontier per questo te lo toglio.
  S'egli di racquistarlo avrà pensiero,
  fagli saper (ch'asconder non gli voglio)
  ch'io son quel Rodomonte il cui valore
  mostra per tutto 'l mondo il suo splendore. —

65

  Ascoltando, Ruggier mostra nel volto,
  di quanto sdegno acceso il cor gli sia,
  sì perché caro avria Frontino molto,
  sì perché venìa il dono onde venìa
  sì perché in suo dispregio gli par tolto;
  vede che biasmo e disonor gli fia,
  se torlo a Rodomonte non s'affretta,
  e sopra lui non fa degna vendetta.

66

  La donna Ruggier guida, e non soggiorna,
  che por lo brama col Pagano a fronte;
  e giunge ove la strada fa dua corna:
  l'un va giù al piano, e l'altro va su al monte;
  e questo e quel ne la vallea ritorna,
  dov'ella avea lasciato Rodomonte.
  Aspra, ma breve era la via del colle;
  l'altra più lunga assai, ma piana e molle.

67

  Il desiderio che conduce Ippalca
  d'aver Frontino e vendicar l'oltraggio,
  fa che 'l sentier de la montagna calca,
  onde molto più corto era il viaggio.
  Per l'altra intanto il re d'Algier cavalca
  col Tartaro e cogli altri che detto aggio;
  e giù nel pian la via più facil tiene,
  né con Ruggier ad incontrar si viene.

68

  Già son le lor querele differite
  fin che soccorso ad Agramante sia
  (questo sapete); ed han d'ogni lor lite
  la cagion, Doralice, in compagnia.
  Ora il successo de l'istoria udite.
  Alla fontana è la lor dritta via,
  ove Aldigier, Marfisa, Ricciardetto,
  Malagigi e Vivian stanno a diletto.

69

  Marfisa a' prieghi de' compagni avea
  veste da donna ed ornamenti presi,
  di quelli ch'a Lanfusa si credea
  mandare il traditor de' Maganzesi;
  e ben che veder raro si solea
  senza l'osbergo e gli altri buoni arnesi,
  pur quel dì se li trasse; e come donna,
  a' prieghi lor lasciò vedersi in gonna.

70

  Tosto che vede il Tartaro Marfisa,
  per la credenza c'ha di guadagnarla,
  in ricompensa e in cambio ugual s'avisa
  di Doralice, a Rodomonte darla;
  sì come Amor si regga a questa guisa,
  che vender la sua donna o permutarla
  possa l'amante, né a ragion s'attrista,
  se quando una ne perde, una n'acquista.

71

  Per dunque provedergli di donzella,
  acciò per sé quest'altra si ritegna,
  Marfisa, che gli par leggiadra e bella,
  e d'ogni cavallier femina degna,
  come abbia ad aver questa, come quella,
  subito cara, a lui donar disegna;
  e tutti i cavallier che con lei vede,
  a giostra seco ed a battaglia chiede.

72

  Malagigi e Vivian, che l'arme aveano
  come per guardia e sicurtà del resto,
  si mossero dal luogo ove sedeano,
  l'un come l'altro alla battaglia presto,
  perché giostrar con amenduo credeano;
  ma l'African che non venìa per questo,
  non ne fe' segno o movimento alcuno:
  sì che la giostra restò lor contra uno.

73

  Viviano è il primo, e con gran cor si muove,
  e nel venire abbassa un'asta grossa:
  e 'l re pagan da le famose pruove
  da l'altra parte vien con maggior possa.
  Dirizza l'uno e l'altro, e segna dove
  crede meglio fermar l'aspra percossa.
  Viviano indarno a l'elmo il pagan fere;
  che non lo fa piegar, non che cadere.

74

  Il re pagan, ch'avea più l'asta dura,
  fe' lo scudo a Vivian parer di ghiaccio;
  e fuor di sella in mezzo alla verdura,
  all'erbe e ai fiori il fe' cadere in braccio.
  Vien Malagigi, e ponsi in aventura
  di vendicare il suo fratello avaccio;
  ma poi d'andargli appresso ebbe tal fretta,
  che gli fe' compagnia più che vendetta.

75

  L'altro fratel fu prima del cugino
  coll'arme indosso, e sul destrier salito;
  e disfidato contra il Saracino
  venne a scontrarlo a tutta briglia ardito.
  Risonò il colpo in mezzo a l'elmo fino
  di quel pagan sotto la vista un dito:
  volò al ciel l'asta in quattro tronchi rotta;
  ma non mosse il pagan per quella botta.

76

  Il pagan ferì lui dal lato manco;
  e perché il colpo fu con troppa forza,
  poco lo scudo, e la corazza manco
  gli valse, che s'aprir come una scorza.
  Passò il ferro crudel l'omero bianco:
  piegò Aldigier ferito a poggia e ad orza;
  tra fiori ed erbe al fin si vide avolto,
  rosso su l'arme, e pallido nel volto.

77

  Con molto ardir vien Ricciardetto appresso;
  e nel venire arresta sì gran lancia,
  che mostra ben, come ha mostrato spesso,
  che degnamente è paladin di Francia:
  ed al pagan ne facea segno espresso,
  se fosse stato pari alla bilancia;
  ma sozzopra n'andò, perché il cavallo
  gli cadde adosso, e non già per suo fallo.

78

  Poi ch'altro cavallier non si dimostra,
  ch'al pagan per giostrar volti la fronte,
  pensa aver guadagnato de la giostra
  la donna, e venne a lei presso alla fonte;
  e disse: — Damigella, sète nostra,
  s'altri non è per voi ch'in sella monte.
  Nol potete negar, né farne iscusa;
  che di ragion di guerra così s'usa. —

79

  Marfisa, alzando con un viso altiero
  la faccia, disse: — Il tuo parer molto erra.
  Io ti concedo che diresti il vero,
  ch'io sarei tua per la ragion di guerra,
  quando mio signor fosse o cavalliero
  alcun di questi ch'hai gittato in terra.
  Io sua non son, né d'altri son che mia:
  dunque me tolga a me chi mi desia.

80

  So scudo e lancia adoperare anch'io,
  e più d'un cavalliero in terra ho posto. —
  — Datemi l'arme, disse, e il destrier mio, —
  agli scudier che l'ubbidiron tosto.
  Trasse la gonna, ed in farsetto uscìo;
  e le belle fattezze e il ben disposto
  corpo mostrò, ch'in ciascuna sua parte,
  fuor che nel viso, assimigliava a Marte.

81

  Poi che fu armata, la spada si cinse
  e sul destrier montò d'un leggier salto;
  e qua e là tre volte e più lo spinse,
  e quinci e quindi fe' girare in alto;
  e poi, sfidando il Saracino, strinse
  la grossa lancia e cominciò l'assalto.
  Tal nel campo troian Pentesilea
  contra il tessalo Achille esser dovea.

82

  Le lance infin al calce si fiaccaro
  a quel superbo scontro, come vetro;
  né pero chi le corsero, piegaro,
  che si notasse, un dito solo a dietro.
  Marfisa che volea conoscer chiaro
  s'a più stretta battaglia simil metro
  le serverebbe contra il fier pagano,
  se gli rivolse con la spada in mano.

83

  Bestemmiò il cielo e gli elementi il crudo
  pagan, poi che restar la vide in sella:
  ella, che gli pensò romper lo scudo,
  non men sdegnosa contra il ciel favella.
  Già l'uno e l'altro ha in mano il ferro nudo
  e su le fatal arme si martella:
  l'arme fatali han parimente intorno,
  che mai non bisognar più di quel giorno.

84

  Sì buona è quella piastra e quella maglia,
  che spada o lancia non le taglia o fora;
  sì che potea seguir l'aspra battaglia
  tutto quel giorno e l'altro appresso ancora.
  Ma Rodomonte in mezzo lor si scaglia,
  e riprende il rival de la dimora,
  dicendo: — Se battaglia pur far vuoi,
  finiàn la cominciata oggi fra noi.

85

  Facemmo, come sai, triegua con patto
  di dar soccorso alla milizia nostra.
  Non debbiàn, prima che sia questo fatto,
  incominciare altra battaglia o giostra. —
  Indi a Marfisa, riverente in atto
  si volta, e quel messaggio le dimostra;
  e le racconta come era venuto
  a chieder lor per Agramante aiuto.

86

  La priega poi che le piaccia non solo
  lasciar quella battaglia o differire,
  ma che voglia in aiuto del figliuolo
  del re Troian con essi lor venire;
  onde la fama sua con maggior volo
  potrà far meglio infin al ciel salire,
  che, per querela di poco momento,
  dando a tanto disegno impedimento.

87

  Marfisa, che fu sempre disiosa
  di provar quei di Carlo a spada e a lancia,
  né l'avea indotta a venire altra cosa
  di sì lontana regione in Francia,
  se non per esser certa se famosa
  lor nominanza era per vero o ciancia,
  tosto d'andar con lor partito prese,
  che d'Agramante il gran bisogno intese.

88

  Ruggiero in questo mezzo avea seguito
  indarno Ippalca per la via del monte;
  e trovò, giunto al loco, che partito
  per altra via se n'era Rodomonte:
  e pensando che lungi non era ito,
  e che 'l sentier tenea dritto alla fonte,
  trottando in fretta dietro gli venìa
  per l'orme ch'eran fresche in su la via.

89

  Volse che Ippalca a Montalban pigliasse
  la via, ch'una giornata era vicino;
  perché s'alla fontana ritornasse,
  si torria troppo dal dritto camino.
  E disse a lei, che già non dubitasse
  che non s'avesse a ricovrar Frontino:
  ben le farebbe a Montalbano, o dove
  ella si trovi, udir tosto le nuove.

90

  E le diede la lettera che scrisse
  in Agrismonte, e che si portò in seno;
  e molte cose a bocca anco le disse,
  e la pregò che l'escusasse a pieno.
  Ne la memoria Ippalca il tutto fisse,
  prese licenza e voltò il palafreno;
  e non cessò la buona messaggera,
  ch'in Montalban si ritrovò la sera.

91

  Seguia Ruggiero in fretta il Saracino
  per l'orme ch'apparian ne la via piana,
  ma non lo giunse prima che vicino
  con Mandricardo il vide alla fontana.
  Già promesso s'avean che per camino
  l'un non farebbe all'altro cosa strana,
  né fin ch'al campo si fosse soccorso,
  a cui Carlo era appresso a porre il morso.

92

  Quivi giunto Ruggier, Frontin conobbe,
  e conobbe per lui chi adosso gli era;
  e su la lancia fe' le spalle gobbe,
  e sfidò l'African con voce altiera.
  Rodomonte quel dì fe' più che Iobbe,
  poi che domò la sua superbia fiera;
  e ricusò la pugna ch'avea usanza
  di sempre egli cercar con ogni istanza.

93

  Il primo giorno e l'ultimo, che pugna
  mai ricusasse il re d'Algier, fu questo;
  ma tanto il desiderio che si giugna,
  in soccorso al suo re gli pare onesto,
  che se credesse aver Ruggier ne l'ugna
  più che mai lepre il pardo isnello e presto,
  non se vorria fermar tanto con lui,
  che fêsse un colpo de la spada o dui.

94

  Aggiungi che sapea ch'era Ruggiero
  che seco per Frontin facea battaglia,
  tanto famoso, ch'altro cavalliero
  non è ch'a par di lui di gloria saglia,
  l'uom che bramato ha di saper per vero
  esperimento quanto in arme vaglia;
  e pur non vuol seco accettar l'impresa:
  tanto l'assedio del suo re gli pesa.

95

  Trecento miglia sarebbe ito e mille,
  se ciò non fosse, a comperar tal lite;
  ma se l'avesse oggi sfidato Achille,
  più fatto non avria di quel ch'udite:
  tanto a quel punto sotto le faville
  le fiamme avea del suo furor sopite.
  Narra a Ruggier perché pugna rifiuti;
  ed anco il priega che l'impresa aiuti:

96

  che facendol, farà quel che far deve
  al suo signore un cavallier fedele.
  Sempre che questo assedio poi si leve,
  avran ben tempo da finir querele.
  Ruggier rispose a lui: — Mi sarà lieve
  differir questa pugna, fin che de le
  forze di Carlo si traggia Agramante,
  pur che mi rendi il mio Frontino inante.

97

  Se di provarti c'hai fatto gran fallo,
  e fatto hai cosa indegna ad un uom forte,
  d'aver tolto a una donna il mio cavallo,
  vuoi ch'io prolunghi fin che siamo in corte,
  lascia Frontino, e nel mio arbitrio dàllo.
  Non pensare altrimente ch'io sopporte
  che la battaglia qui tra noi non segua,
  o ch'io ti faccia sol d'un'ora triegua. —

98

  Mentre Ruggiero all'African domanda
  o Frontino o battaglia allora allora,
  e quello in lungo e l'uno e l'altro manda,
  né vuol dare il destrier, né far dimora;
  Mandricardo ne vien da un'altra banda,
  e mette in campo un'altra lite ancora,
  poi che vede Ruggier che per insegna
  porta l'augel che sopra gli altri regna.

99

  Nel campo azzur l'aquila bianca avea,
  che de' Troiani fu l'insegna bella:
  perché Ruggier l'origine traea
  dal fortissimo Ettòr, portava quella.
  Ma questo Mandricardo non sapea;
  né vuol patire, e grande ingiuria appella,
  che ne lo scudo un altro debba porre
  l'aquila bianca del famoso Ettorre.

100

  Portava Mandricardo similmente
  l'augel che rapì in Ida Ganimede.
  Come l'ebbe quel dì che fu vincente
  al castel periglioso, per mercede,
  credo vi sia con l'altre istorie a mente,
  e come quella fata gli lo diede
  con tutte le bell'arme che Vulcano
  avea già date al cavallier troiano.

101

  Altra volta a battaglia erano stati
  Mandricardo e Ruggier solo per questo;
  e per che caso fosser distornati,
  io nol dirò, che già v'è manifesto.
  Dopo non s'eran mai più raccozzati,
  se non quivi ora; e Mandricardo presto,
  visto lo scudo alzò il superbo grido
  minacciando, e a Ruggier disse: — Io ti sfido.

102

  Tu la mia insegna, temerario, porti;
  né questo è il primo dì ch'io te l'ho detto.
  E credi, pazzo, ancor ch'io tel comporti,
  per una volta ch'io t'ebbi rispetto?
  Ma poi che né minacce né conforti
  ti pôn questa follia levar del petto,
  ti mostrerò quanto miglior partito
  t'era d'avermi subito ubbidito. —

103

  Come ben riscaldato arrido legno
  a piccol soffio subito s'accende,
  così s'avampa di Ruggier lo sdegno
  al primo motto che di questo intende.
  — Ti pensi (disse) farmi stare al segno,
  perché quest'altro ancor meco contende?
  Ma mostrerotti ch'io son buon per torre
  Frontino a lui, lo scudo a te d'Ettorre.

104

  Un'altra volta pur per questo venni
  teco a battaglia, e non è gran tempo anco;
  ma d'ucciderti allora mi contenni,
  perché tu non avevi spada al fianco.
  Questi fatti saran, quelli fur cenni;
  e mal sarà per te quell'augel bianco,
  ch'antiqua insegna è stata di mia gente:
  tu te l'usurpi, io 'l porto giustamente. —

105

  — Anzi t'usurpi tu l'insegna mia! —
  rispose Mandricardo; e trasse il brando,
  quello che poco inanzi per follia
  avea gittato alla foresta Orlando.
  Il buon Ruggier, che di sua cortesia
  non può non sempre ricordarsi, quando
  vide il Pagan ch'avea tratta la spada,
  lasciò cader la lancia ne la strada.

106

  E tutto a un tempo Balisarda stringe,
  la buona spada, e me' lo scudo imbraccia:
  ma l'Africano in mezzo il destrier spinge,
  e Marfisa con lui presta si caccia;
  e l'uno questo, e l'altro quel respinge,
  e priegano amendui che non si faccia.
  Rodomonte si duol che rotto il patto
  due volte ha Mandricardo, che fu fatto.

107

  Prima, credendo d'acquistar Marfisa,
  fermato s'era a far più d'una giostra;
  or per privar Ruggier d'una divisa,
  di curar poco il re Agramante mostra.
  — Se pur (dicea) déi fare a questa guisa,
  finiàn prima tra noi la lite nostra,
  conveniente e più debita assai,
  ch'alcuna di quest'altre che prese hai.

108

  Con tal condizion fu stabilita
  la triegua e questo accordo ch'è fra nui.
  Come la pugna teco avrò finita,
  poi del destrier risponderò a costui.
  Tu del tuo scudo, rimanendo in vita,
  la lite avrai da terminar con lui;
  ma ti darò da far tanto, mi spero,
  che non n'avanzarà troppo a Ruggiero. —

109

  — La parte che ti pensi, non n'avrai
  (rispose Mandricardo a Rodomonte):
  io te ne darò più che non vorrai,
  e ti farò sudar dal piè alla fronte:
  e me ne rimarrà per darne assai
  (come non manca mai l'acqua del fonte)
  ed a Ruggiero ed a mill'altri seco,
  e a tutto il mondo che la voglia meco. —

110

  Moltiplicavan l'ire e le parole
  quando da questo e quando da quel lato:
  con Rodomonte e con Ruggier la vuole
  tutto in un tempo Mandricardo irato;
  Ruggier, ch'oltraggio sopportar non suole,
  non vuol più accordo, anzi litigio e piato.
  Marfisa or va da questo or da quel canto
  per riparar, ma non può sola tanto.

111

  Come il villan, se fuor per l'alte sponde
  trapela il fiume e cerca nuova strada,
  frettoloso a vietar che non affonde
  i verdi paschi e la sperata biada,
  chiude una via ed un'altra, e si confonde;
  che se ripara quinci che non cada,
  quindi vede lassar gli argini molli,
  e fuor l'acqua spicciar con più rampolli:

112

  così, mentre Ruggiero e Mandricardo
  e Rodomonte son tutti sozzopra,
  ch'ognun vuol dimostrarsi più gagliardo,
  ed ai compagni rimaner di sopra,
  Marfisa ad acchetarli have riguardo,
  e s'affatica, e perde il tempo e l'opra;
  che, come ne spicca uno e lo ritira,
  gli altri duo risalir vede con ira.

113

  Marfisa, che volea porgli d'accordo,
  dicea: — Signori, udite il mio consiglio:
  differire ogni lite è buon ricordo
  fin ch'Agramante sia fuor di periglio.
  S'ognun vuole al suo fatto essere ingordo,
  anch'io con Mandricardo mi ripiglio;
  e vo' vedere al fin se guadagnarme,
  come egli ha detto, è buon per forza d'arme.

114

  Ma se si de' soccorrere Agramante,
  soccorrasi, e tra noi non si contenda. —
  — Per me non si starà d'andare inante
  (disse Ruggier), pur che 'l destrier si renda.
  O che mi dia il cavallo, a far di tante
  una parola, o che da me il difenda:
  o che qui morto ho da restare, o ch'io
  in campo ho da tornar sul destrier mio. —

115

  Rispose Rodomonte: — Ottener questo
  non fia così, come quell'altro, lieve. —
  E seguitò dicendo: — Io ti protesto
  che, s'alcun danno il nostro re riceve,
  fia per tua colpa; ch'io per me non resto
  di fare a tempo quel che far si deve. —
  Ruggiero a quel protesto poco bada;
  ma stretto dal furor stringe la spada.

116

  Al re d'Algier come cingial si scaglia,
  e l'urta con lo scudo e con la spalla;
  e in modo lo disordina e sbarraglia,
  che fa che d'una staffa il piè gli falla.
  Mandricardo gli grida: — O la battaglia
  differisci, Ruggiero, o meco falla; —
  e crudele e fellon più che mai fosse,
  Ruggier su l'elmo in questo dir percosse.

117

  Fin sul collo al destrier Ruggier s'inchina,
  né, quando vuolsi rilevar, si puote;
  perché gli sopragiunge la ruina
  del figlio d'Ulien che lo percuote.
  Se non era di tempra adamantina,
  fesso l'elmo gli avria fin tra le gote.
  Apre Ruggier le mani per l'ambascia,
  e l'una il fren, l'altra la spada lascia.

118

  Se lo porta il destrier per la campagna:
  dietro gli resta in terra Balisarda.
  Marfisa che quel dì fatta compagna
  se gli era d'arme, par ch'avampi ed arda,
  che solo fra que' duo così rimagna:
  e come era magnanima e gagliarda,
  si drizza a Mandricardo, e col potere
  ch'avea maggior, sopra la testa il fiere.

119

  Rodomonte a Ruggier dietro si spinge:
  vinto è Frontin, s'un'altra gli n'appicca;
  ma Ricciardetto con Vivian si stringe,
  e tra Ruggiero e 'l Saracin si ficca.
  L'uno urta Rodomonte e lo rispinge,
  e da Ruggier per forza lo dispicca;
  l'altro la spada sua, che fu Viviano,
  pone a Ruggier, già risentito, in mano.

120

  Tosto che 'l buon Ruggiero in sé ritorna,
  e che Vivian la spada gli appresenta,
  a vendicar l'ingiuria non soggiorna,
  e verso il re d'Algier ratto s'aventa,
  come il leon che tolto su le corna
  dal bue sia stato, e che 'l dolor non senta:
  sì sdegno ed ira ed impeto l'affretta,
  stimula e sferza a far la sua vendetta.

121

  Ruggier sul capo al Saracin tempesta:
  e se la spada sua si ritrovasse,
  che, come ho detto, al comminciar di questa
  pugna, di man gran fellonia gli trasse,
  mi credo ch'a difendere la testa
  di Rodomonte l'elmo non bastasse,
  l'elmo che fece il re far di Babelle
  quando muover pensò guerra alle stelle.

122

  La Discordia, credendo non potere
  altro esser quivi che contese e risse,
  né vi dovesse mai più luogo avere
  o pace o triegua, alla sorella disse
  ch'omai sicuramente a rivedere
  i monachetti suoi seco venisse.
  Lasciànle andare, e stiàn noi dove in fronte
  Ruggiero avea ferito Rodomonte.

123

  Fu il colpo di Ruggier di sì gran forza,
  che fece in su la groppa di Frontino
  percuoter l'elmo e quella dura scorza
  di ch'avea armato il dosso il Saracino,
  e lui tre volte e quattro a poggia e ad orza
  piegar per gire in terra a capo chino;
  e la spada egli ancora avria perduta,
  se legata alla man non fosse suta.

124

  Avea Marfisa a Mandricardo intanto
  fatto sudar la fronte, il viso e il petto,
  ed egli aveva a lei fatto altretanto;
  ma sì l'osbergo d'ambi era perfetto,
  che mai poter falsarlo in nessun canto,
  e stati eran sin qui pari in effetto:
  ma in un voltar che fece il suo destriero,
  bisogno ebbe Marfisa di Ruggiero.

125

  Il destrier di Marfisa in un voltarsi
  che fece stretto, ov'era molle il prato,
  sdrucciolò in guisa, che non poté aitarsi
  di non tutto cader sul destro lato;
  e nel volere in fretta rilevarsi,
  da Brigliador fu pel traverso urtato,
  con che il pagan poco cortese venne;
  sì che cader di nuovo gli convenne.

126

  Ruggier che la donzella a mal partito
  vide giacer, non differì il soccorso,
  or che l'agio n'avea, poi che stordito
  da sé lontan quell'altro era trascorso:
  ferì su l'elmo il Tartaro; e partito
  quel colpo gli avria il capo, come un torso,
  se Ruggier Balisarda avesse avuta,
  o Mandricardo in capo altra barbuta.

127

  Il re d'Algier che si risente in questo,
  si volge intorno, e Ricciardetto vede;
  e si ricorda che gli fu molesto
  dianzi, quando soccorso a Ruggier diede.
  A lui si drizza, e saria stato presto
  a darli del ben fare aspra mercede,
  se con grande arte e nuovo incanto tosto
  non se gli fosse Malagigi opposto.

128

  Malagigi, che sa d'ogni malia
  quel che ne sappia alcun mago eccellente,
  ancor che 'l libro suo seco non sia,
  con che fermare il sole era possente,
  pur la scongiurazione onde solia
  commandare ai demoni aveva a mente:
  tosto in corpo al ronzino un ne costringe
  di Doralice, ed in furor lo spinge.

129

  Nel mansueto ubino che sul dosso
  avea la figlia del re Stordilano,
  fece entrar un degli angel di Minosso
  sol con parole il frate di Viviano:
  e quel che dianzi mai non s'era mosso,
  se non quanto ubidito avea alla mano,
  or d'improviso spiccò in aria un salto,
  che trenta piè fu lungo e sedeci alto.

130

  Fu grande il salto, non però di sorte
  che ne dovesse alcun perder la sella.
  Quando si vide in alto, gridò forte
  (che si tenne per morta) la donzella.
  Quel ronzin, come il diavol se lo porte,
  dopo un gran salto se ne va con quella,
  che pur grida soccorso, in tanta fretta,
  che non l'avrebbe giunto una saetta.

131

  Da la battaglia il figlio d'Ulieno
  si levò al primo suon di quella voce;
  e dove furiava il palafreno,
  per la donna aiutar n'andò veloce.
  Mandricardo di lui non fece meno,
  né più a Ruggier, né più a Marfisa nòce;
  ma, senza chieder loro o paci o tregue,
  e Rodomonte e Doralice segue.

132

  Marfisa intanto si levò di terra,
  e tutta ardendo di disdegno e d'ira,
  credesi far la sua vendetta, ed erra;
  che troppo lungi il suo nimico mira.
  Ruggier, ch'aver tal fin vede la guerra,
  rugge come un leon, non che sospira.
  Ben sanno che Frontino e Brigliadoro
  giunger non ponno coi cavalli loro.

133

  Ruggier non vuol cessar fin che decisa
  col re d'Algier non l'abbia del cavallo:
  non vuol quietar il Tartaro Marfisa,
  che provato a suo senno anco non hallo.
  Lasciar la sua querela a questa guisa
  parrebbe all'uno e all'altro troppo fallo.
  Di commune parer disegno fassi
  di chi offesi gli avea seguire i passi.

134

  Nel campo saracin li troveranno,
  quando non possan ritrovarli prima;
  che per levar l'assedio iti seranno,
  prima che 'l re di Francia il tutto opprima.
  Così dirittamente se ne vanno
  dove averli a man salva fanno stima.
  Già non andò Ruggier così di botto,
  che non facesse ai suoi compagni motto.

135

  Ruggier se ne ritorna ove in disparte
  era il fratel de la sua donna bella,
  e se gli proferisce in ogni parte
  amico, per fortuna e buona e fella:
  indi lo priega (e lo fa con bella arte)
  che saluti in suo nome la sorella;
  e questo così ben gli venne detto,
  che né a lui diè né agli altri alcun sospetto.

136

  E da lui, da Vivian, da Malagigi,
  dal ferito Aldigier tolse commiato.
  Si proferiro anch'essi alli servigi
  di lui, debitor sempre in ogni lato.
  Marfisa avea sì il cor d'ire a Parigi,
  che 'l salutar gli amici avea scordato;
  ma Malagigi andò tanto e Viviano,
  che pur la salutaron di lontano;

137

  e così Ricciardetto; ma Aldigiero
  giace, e convien che suo malgrado resti.
  Verso Parigi avean preso il sentiero
  quelli duo prima, ed or lo piglian questi.
  Dirvi, Signor, ne l'altro canto spero
  miracolosi e sopraumani gesti,
  che con danno degli uomini di Carlo
  ambe le coppie fer, di ch'io vi parlo.



CANTO VENTISETTESIMO


1

  Molti consigli de le donne sono
  meglio improviso, ch'a pensarvi, usciti;
  che questo è speziale e proprio dono
  fra tanti e tanti lor dal ciel largiti.
  Ma può mal quel degli uomini esser buono,
  che maturo discorso non aiti,
  ove non s'abbia a ruminarvi sopra
  speso alcun tempo e molto studio ed opra.

2

  Parve, e non fu però buono il consiglio
  di Malagigi, ancor che (come ho detto)
  per questo di grandissimo periglio
  liberassi il cugin suo Ricciardetto.
  A levare indi Rodomonte e il figlio
  del re Agrican, lo spirto avea costretto,
  non avvertendo che sarebbon tratti
  dove i cristian ne rimarrian disfatti.

3

  Ma se spazio a pensarvi avesse avuto,
  creder si può che dato similmente
  al suo cugino avria debito aiuto,
  né fatto danno alla cristiana gente.
  Commandare allo spirto avria potuto,
  ch'alla via di levante o di ponente
  sì dilungata avesse la donzella,
  che non n'udisse Francia più novella.

4

  Così gli amanti suoi l'avrian seguìta,
  come a Parigi, anco in ogn'altro loco;
  ma fu questa avvertenza inavvertita
  da Malagigi, per pensarvi poco:
  e la Malignità dal ciel bandita,
  che sempre vorria sangue e strage e fuoco,
  prese la via donde più Carlo afflisse,
  poi che nessuna il mastro gli prescrisse.

5

  Il palafren ch'avea il demonio al fianco,
  portò la spaventata Doralice,
  che non poté arrestarla fiume, e manco
  fossa, bosco, palude, erta o pendice;
  fin che per mezzo il campo inglese e franco,
  e l'altra moltitudine fautrice
  de l'insegne di Cristo, rassegnata
  non l'ebbe al padre suo re di Granata.

6

  Rodomonte col figlio d'Agricane
  la seguitaro il primo giorno un pezzo,
  che le vedean le spalle, ma lontane:
  di vista poi perderonla da sezzo,
  e venner per la traccia, come il cane
  la lepre o il capriol trovare avezzo;
  né si fermar, che furo in parte, dove
  di lei ch'era col padre ebbono nuove.

7

  Guardati, Carlo, che 'l ti viene addosso
  tanto furor, ch'io non ti veggo scampo:
  né questi pur, ma 'l re Gradasso è mosso
  con Sacripante a danno del tuo campo.
  Fortuna, per toccarti fin all'osso,
  ti tolle a un tempo l'uno e l'altro lampo
  di forza e di saper, che vivea teco;
  e tu rimaso in tenebre sei cieco.

8

  Io ti dico d'Orlando e di Rinaldo;
  che l'uno al tutto furioso e folle,
  al sereno, alla pioggia, al freddo, al caldo,
  nudo va discorrendo il piano e 'l colle:
  l'altro, con senno non troppo più saldo,
  d'appresso al gran bisogno ti si tolle;
  che non trovando Angelica in Parigi,
  si parte, e va cercandone vestigi.

9

  Un fraudolente vecchio incantatore
  gli fe' (come a principio vi si disse)
  creder per un fantastico suo errore,
  che con Orlando Angelica venisse:
  ondè di gelosia tocco nel core,
  de la maggior ch'amante mai sentisse,
  venne a Parigi, e come apparve in corte,
  d'ire in Bretagna gli toccò per sorte.

10

  Or fatta la battaglia onde portonne
  egli l'onor d'aver chiuso Agramante,
  tornò a Parigi, e monister di donne
  e case e rocche cercò tutte quante.
  Se murata non è tra le colonne,
  l'avria trovata il curioso amante.
  Vedendo al fin ch'ella non v'è né Orlando,
  amenduo va con gran disio cercando.

11

  Pensò che dentro Anglante o dentro a Brava
  se la godesse Orlando in festa e in giuoco;
  e qua e là per ritrovarla andava,
  né in quel la ritrovò né in questo loco.
  A Parigi di nuovo ritornava,
  pensando che tardar dovesse poco
  di capitare il paladino al varco;
  che 'l suo star fuor non era senza incarco.

12

  Un giorno o duo ne la città soggiorna
  Rinaldo; e poi ch'Orlando non arriva,
  or verso Anglante, or verso Brava torna,
  cercando se di lui novella udiva.
  Cavalca e quando annotta e quando aggiorna,
  alla fresca alba e all'ardente ora estiva;
  e fa al lume del sole e de la luna
  dugento volte questa via, non ch'una.

13

  Ma l'antiquo aversario, il qual fece Eva
  all'interdetto pome alzar la mano,
  a Carlo un giorno i lividi occhi leva,
  che 'l buon Rinaldo era da lui lontano;
  e vedendo la rotta che poteva
  darsi in quel punto al populo cristiano,
  quanta eccellenza d'arme al mondo fusse
  fra tutti i Saracini, ivi condusse.

14

  Al re Gradasso e al buon re Sacripante,
  ch'eran fatti compagni all'uscir fuore
  de la piena d'error casa d'Atlante,
  di venire in soccorso messe in core
  alle genti assediate d'Agramante,
  e a distruzion di Carlo imperatore:
  ed egli per l'incognite contrade
  fe' lor la scorta e agevolò le strade.

15

  Ed ad un altro suo diede negozio
  d'affrettar Rodomonte e Mandricardo
  per le vestigie donde l'altro sozio
  a condur Doralice non è tardo.
  Ne manda ancora un altro, perché in ozio
  non stia Marfisa né Ruggier gagliardo;
  ma chi guidò l'ultima coppia tenne
  la briglia più, né quando gli altri venne.

16

  La coppia di Marfisa e di Ruggiero
  di mezza ora più tarda si condusse;
  però ch'astutamente l'angel nero,
  volendo agli cristian dar de le busse,
  provide che la lite del destriero
  per impedire il suo desir non fusse,
  che rinovata si saria, se giunto
  fosse Ruggiero e Rodomonte a un punto.

17

  I quattro primi si trovaro insieme
  onde potean veder gli alloggiamenti
  de l'esercito oppresso e di chi 'l preme,
  e le bandiere in che feriano i venti.
  Si consigliaro alquanto; e fur l'estreme
  conclusion dei lor ragionamenti
  di dare aiuto, mal grado di Carlo,
  al re Agramante, e de l'assedio trarlo.

18

  Stringonsi insieme, e prendono la via
  per mezzo ove s'alloggiano i cristiani,
  gridando Africa e Spagna tuttavia;
  e si scopriro in tutto esser pagani.
  Pel campo, arme, arme risonar s'udia;
  ma menar si sentir prima le mani:
  e de la retroguardia una gran frotta,
  non ch'assalita sia, ma fugge in rotta.

19

  L'esercito cristian mosso a tumulto
  sozzopra va senza sapere il fatto.
  Estima alcun che sia un usato insulto
  che Svizzari o Guasconi abbino fatto.
  Ma perch'alla più parte è il caso occulto,
  s'aduna insieme ogni nazion di fatto,
  altri a suon di tamburo, altri di tromba:
  grande è 'l rumore, e fin al ciel rimbomba.

20

  Il magno imperator, fuor che la testa,
  è tutto armato, e i paladini ha presso;
  e domandando vien che cosa è questa
  che le squadre in disordine gli ha messo;
  e minacciando, or questi or quelli arresta;
  e vede a molti il viso o il petto fesso,
  ad altri insanguinare o il capo o il gozzo,
  alcun tornar con mano o braccio mozzo.

21

  Giunge più inanzi, e ne ritrova molti
  giacere in terra, anzi in vermiglio lago
  nel proprio sangue orribilmente involti,
  né giovar lor può medico né mago;
  e vede dagli busti i capi sciolti
  e braccia e gambe con crudele imago;
  e ritrova dai primi alloggiamenti
  agli ultimi per tutto uomini spenti.

22

  Dove passato era il piccol drappello,
  di chiara fama eternamente degno,
  per lunga riga era rimaso quello
  al mondo sempre memorabil segno.
  Carlo mirando va il crudel macello,
  maraviglioso, e pien d'ira e di sdegno,
  come alcun, in cui danno il fulgur venne,
  cerca per casa ogni sentier che tenne.

23

  Non era agli ripari anco arrivato
  del re african questo primiero aiuto,
  che con Marfisa fu da un altro lato
  l'animoso Ruggier sopravenuto.
  Poi ch'una volta o due l'occhio aggirato
  ebbe la degna coppia, e ben veduto
  qual via più breve per soccorrer fosse
  l'assediato signor, ratto si mosse.

24

  Come quando si dà fuoco alla mina,
  pel lungo solco de la negra polve
  licenziosa fiamma arde e camina
  sì ch'occhio a dietro a pena se le volve;
  e qual si sente poi l'alta ruina
  che 'l duro sasso o il grosso muro solve:
  così Ruggiero e Marfisa veniro,
  e tai ne la battaglia si sentiro.

25

  Per lungo e per traverso a fender teste
  incominciaro, e tagliar braccia e spalle
  de le turbe che male erano preste
  ad espedire e sgombrar loro il calle.
  C'ha notato il passar de le tempeste,
  ch'una parte d'un monte o d'una valle
  offende, e l'altra lascia, s'appresenti
  la via di questi duo fra quelle genti.

26

  Molti che dal furor di Rodomonte
  e di quegli altri primi eran fuggiti,
  Dio ringraziavan ch'avea lor sì pronte
  gambe concesse, e piedi sì spediti;
  e poi, dando del petto e de la fronte
  in Marfisa e in Ruggier, vedean scherniti,
  come l'uom né per star né per fuggire,
  al suo fisso destin può contradire.

27

  Chi fugge l'un pericolo, rimane
  ne l'altro, e paga il fio d'ossa e di polpe.
  Così cader coi figli in bocca al cane
  suol, sperando fuggir, timida volpe,
  poi che la caccia de l'antique tane
  il suo vicin che le dà mille colpe,
  e cautamente con fumo e con fuoco
  turbata l'ha da non temuto loco.

28

  Negli ripari entrò de' Saracini
  Marfisa con Ruggiero a salvamento.
  Quivi tutti con gli occhi al ciel supini
  Dio ringraziar del buono avvenimento.
  Or non v'è più timor de' paladini:
  il più tristo pagan ne sfida cento;
  ed è concluso che senza riposo
  si torni a fare il campo sanguinoso.

29

  Corni, bussoni, timpani moreschi
  empieno il ciel di formidabil suoni:
  ne l'aria tremolare ai venti freschi
  si veggon le bandiere e i gonfaloni.
  Da l'altra parte i capitan carleschi
  stringon con Alamanni e con Britoni
  quei di Francia, d'Italia e d'Inghilterra;
  e si mesce aspra e sanguinosa guerra.

30

  La forza del terribil Rodomonte,
  quella di Mandricardo furibondo,
  quella del buon Ruggier, di virtù fonte,
  del re Gradasso, sì famoso al mondo,
  e di Marfisa l'intrepida fronte,
  col re circasso a nessun mai secondo,
  feron chiamar san Gianni e san Dionigi
  al re di Francia, e ritrovar Parigi.

31

  Di questi cavallieri e di Marfisa
  l'ardire invitto e la mirabil possa
  non fu, Signor, di sorte, non fu in guisa
  ch'imaginar, non che descriver possa.
  Quindi si può stimar che gente uccisa
  fosse quel giorno, e che crudel percossa
  avesse Carlo. Arroge poi con loro,
  con Ferraù più d'un famoso Moro.

32

  Molti per fretta s'affogaro in Senna
  (che 'l ponte non potea supplire a tanti),
  e desiar, come Icaro, la penna,
  perché la morte avean dietro e davanti.
  Eccetto Uggieri e il marchese di Vienna,
  i paladin fur presi tutti quanti.
  Olivier ritornò ferito sotto
  la spalla destra, Uggier col capo rotto.

33

  E se, come Rinaldo e come Orlando,
  lasciato Brandimarte avesse il giuoco,
  Carlo n'andava di Parigi in bando,
  se potea vivo uscir di sì gran fuoco.
  Ciò che poté, fe' Brandimarte, e quando
  non poté più, diede alla furia loco.
  Così Fortuna ad Agramante arrise,
  ch'un'altra volta a Carlo assedio mise.

34

  Di vedovelle i gridi e le querele,
  e d'orfani fanciulli e di vecchi orbi,
  ne l'eterno seren dove Michele
  sedea, salir fuor di questi aer torbi;
  e gli fecion veder come il fedele
  popul preda de' lupi era e de' corbi,
  di Francia, d'Inghilterra e di Lamagna,
  che tutta avea coperta la campagna.

35

  Nel viso s'arrossì l'angel beato,
  parendogli che mal fosse ubidito
  al Creatore, e si chiamò ingannato
  da la Discordia perfida e tradito.
  D'accender liti tra i pagani dato
  le avea l'assunto, e mal era esequito;
  anzi tutto il contrario al suo disegno
  parea aver fatto, a chi guardava al segno.

36

  Come servo fedel, che più d'amore
  che di memoria abondi, e che s'aveggia
  aver messo in oblio cosa ch'a core
  quanto la vita e l'anima aver deggia,
  studia con fretta d'emendar l'errore,
  né vuol che prima il suo signor lo veggia:
  così l'angelo a Dio salir non volse,
  se de l'obligo prima non si sciolse.

37

  Al monister, dove altre volte avea
  la Discordia veduta, drizzò l'ali.
  Trovolla ch'in capitulo sedea
  a nuova elezion degli ufficiali;
  e di veder diletto si prendea,
  volar pel capo a' frati i breviali.
  Le man le pose l'angelo nel crine,
  e pugna e calci le diè senza fine.

38

  Indi le roppe un manico di croce
  per la testa, pel dosso e per le braccia.
  Mercé grida la misera a gran voce,
  e le genocchia al divin nunzio abbraccia.
  Michel non l'abandona, che veloce
  nel campo del re d'Africa la caccia;
  e poi le dice: — Aspettati aver peggio,
  se fuor di questo campo più ti veggio. —

39

  Come che la Discordia avesse rotto
  tutto il dosso e le braccia, pur temendo
  un'altra volta ritrovarsi sotto
  a quei gran colpi, a quel furor tremendo,
  corre a pigliare i mantici di botto,
  ed agli accesi fuochi esca aggiungendo,
  ed accendendone altri, fa salire
  da molti cori un alto incendio d'ire.

40

  E Rodomonte e Mandricardo e insieme
  Ruggier n'infiamma sì, che inanzi al Moro
  li fa tutti venire, or che non preme
  Carlo i pagani, anzi il vantaggio è loro.
  Le differenze narrano, ed il seme
  fanno saper, da cui produtte foro;
  poi del re si rimettono al parere,
  chi di lor prima il campo debba avere.

41

  Marfisa del suo caso anco favella,
  e dice che la pugna vuol finire,
  che cominciò col Tartaro; perch'ella
  provocata da lui vi fu a venire:
  né, per dar loco all'altre, volea quella
  un'ora, non che un giorno, differire;
  ma d'esser prima fa l'instanza grande,
  ch'alla battaglia il Tartaro domande.

42

  Non men vuol Rodomonte il primo campo
  da terminar col suo rival l'impresa,
  che per soccorrer l'africano campo
  ha già interrotta, e fin a qui sospesa.
  Mette Ruggier le sue parole a campo,
  e dice che patir troppo gli pesa
  che Rodomonte il suo destrier gli tenga,
  e ch'a pugna con lui prima non venga.

43

  Per più intricarla il Tartaro viene anche,
  e niega che Ruggiero ad alcun patto
  debba l'aquila aver da l'ale bianche;
  e d'ira e di furore è così matto,
  che vuol, quando dagli altri tre non manche,
  combatter tutte le querele a un tratto.
  Né più dagli altri ancor saria mancato,
  se 'l consenso del re vi fosse stato.

44

  Con prieghi il re Agramante e buon ricordi
  fa quanto può, perché la pace segua;
  e quando al fin tutti li vede sordi
  non volere assentire a pace o a triegua,
  va discorrendo come almen gli accordi
  sì, che l'un dopo l'altro il campo assegua:
  e pel miglior partito al fin gli occorre
  ch'ognuno a sorte il campo s'abbia a torre.

45

  Fe' quattro brevi porre: un Mandricardo
  e Rodomonte insieme scritto avea;
  ne l'altro era Ruggiero e Mandricardo.
  Rodomonte e Ruggier l'altro dicea;
  dicea l'altro Marfisa e Mandricardo.
  Indi all'arbitrio de l'instabil dea
  li fece trarre: e 'l primo fu il signore
  di Sarza a uscir con Mandricardo fuore.

46

  Mandricardo e Ruggier fu nel secondo;
  nel terzo fu Ruggiero e Rodomonte;
  restò Marfisa e Mandricardo in fondo,
  di che la donna ebbe turbata fronte.
  Né Ruggier più di lei parve giocondo:
  sa che le forze dei duo primi pronte
  han tra lor da finir le liti in guisa,
  che non ne fia per sé né per Marfisa.

47

  Giacea non lungi da Parigi un loco,
  che volgea un miglio o poco meno intorno:
  lo cingea tutto un argine non poco
  sublime, a guisa d'un teatro adorno.
  Un castel già vi fu, ma a ferro e a fuoco
  le mura e i tetti ed a ruina andorno.
  Un simil può vederne in su la strada,
  qual volta a Borgo il Parmigiano vada.

48

  In questo loco fu la lizza fatta,
  di brevi legni d'ogn'intorno chiusa,
  per giusto spazio quadra, al bisogno atta,
  con due capaci porte, come s'usa.
  Giunto il dì ch'al re par che si combatta
  tra i cavallier che non ricercan scusa,
  furo appresso alle sbarre in ambi i lati
  contra i rastrelli i padiglion tirati.

49

  Nel padiglion ch'è più verso ponente
  sta il re d'Algier, c'ha membra di gigante.
  Gli pon lo scoglio indosso del serpente
  l'ardito Ferraù con Sacripante.
  Il re Gradasso e Falsiron possente
  sono in quell'altro al lato di levante,
  e metton di sua man l'arme troiane
  indosso al successor del re Agricane.

50

  Sedeva in tribunale amplo e sublime
  il re d'Africa, e seco era l'Ispano;
  poi Stordilano, e l'altre genti prime
  che riveria l'esercito pagano.
  Beato a chi pôn dare argini e cime
  d'arbori stanza che gli alzi dal piano!
  Grande è la calca, e grande in ogni lato
  populo ondeggia intorno al gran steccato.

51

  Eran con la regina di Castiglia
  regine e principesse e nobil donne
  d'Aragon, di Granata e di Siviglia,
  e fin di presso all'atlantee colonne:
  tra quai di Stordilan sedea la figlia,
  che di duo drappi avea le ricche gonne,
  l'un d'un rosso mal tinto, e l'altro verde;
  ma 'l primo quasi imbianca e il color perde.

52

  In abito succinta era Marfisa,
  qual si convenne a donna ed a guerriera.
  Termoodonte forse a quella guisa
  vide Ippolita ornarsi e la sua schiera.
  Già, con la cotta d'arme alla divisa
  del re Agramante, in campo venut'era
  l'araldo a far divieto e metter leggi,
  che né in fatto né in detto alcun parteggi.

53

  La spessa turba aspetta disiando
  la pugna, e spesso incolpa il venir tardo
  dei duo famosi cavallieri; quando
  s'ode dal padiglion di Mandricardo
  alto rumor che vien moltiplicando.
  Or sappiate, Signor, che 'l re gagliardo
  di Sericana e 'l Tartaro possente
  fanno il tumulto e 'l grido che si sente.

54

  Avendo armato il re di Sericana
  di sua man tutto il re di Tartaria,
  per porgli al fianco la spada soprana
  che già d'Orlando fu, se ne venìa;
  quando nel pome scritto Durindana
  vide, e 'l quartier ch'Almonte aver solia,
  ch'a quel meschin fu tolto ad una fonte
  dal giovenetto Orlando in Aspramonte.

55

  Vedendola, fu certo ch'era quella
  tanto famosa del signor d'Anglante,
  per cui con grande armata, e la più bella
  che giamai si partisse di Levante,
  soggiogato avea il regno di Castella,
  e Francia vinta esso pochi anni inante:
  ma non può imaginarsi come avenga
  ch'or Mandricardo in suo poter la tenga.

56

  E dimandògli se per forza o patto
  l'avesse tolta al conte, e dove e quando.
  E Mandricardo disse ch'avea fatto
  gran battaglia per essa con Orlando;
  e come finto quel s'era poi matto,
  così coprire il suo timor sperando,
  ch'era d'aver continua guerra meco,
  fin che la buona spada avesse seco.

57

  E dicea ch'imitato avea il castore,
  il qual si strappa i genitali sui,
  vedendosi alle spalle il cacciatore,
  che sa che non ricerca altro da lui.
  Gradasso non udì tutto il tenore,
  che disse: — Non vo' darla a te né altrui:
  tanto oro, tanto affanno e tanta gente
  ci ho speso, che è ben mia debitamente.

58

  Cercati pur fornir d'un'altra spada,
  ch'io voglio questa, e non ti paia nuovo.
  Pazzo o saggio ch'Orlando se ne vada,
  averla intendo, ovunque io la ritrovo.
  Tu senza testimoni in su la strada
  te l'usurpasti: io qui lite ne muovo.
  La mia ragion dirà mia scimitarra,
  e faremo il giudicio ne la sbarra.

59

  Prima, di guadagnarla t'apparecchia,
  che tu l'adopri contra a Rodomonte.
  Di comprar prima l'arme è usanza vecchia,
  ch'alla battaglia il cavallier s'affronte. —
  — Più dolce suon non mi viene all'orecchia
  (rispose alzando il Tartaro la fronte),
  che quando di battaglia alcun mi tenta;
  ma fa che Rodomonte lo consenta.

60

  Fa che sia tua la prima, e che si tolga
  il re di Sarza la tenzon seconda:
  e non ti dubitar ch'io non mi volga,
  e ch'a te ed ad ogni altro io non risponda. —
  Ruggier gridò: — Non vo' che si disciolga
  il patto, o più la sorte si confonda:
  o Rodomonte in campo prima saglia,
  o sia la sua dopo la mia battaglia.

61

  Se di Gradasso la ragion prevale,
  prima acquistar che porre in opra l'arme;
  né tu l'aquila mia da le bianche ale
  prima usar déi, che non me ne disarme:
  ma poi ch'è stato il mio voler già tale,
  di mia sentenza non voglio appellarme,
  che sia seconda la battaglia mia,
  quando del re d'Algier la prima sia.

62

  Se turbarete voi l'ordine in parte,
  io totalmente turbarollo ancora.
  Io non intendo il mio scudo lasciarte,
  se contra me non lo combatti or ora. —
  — Se l'uno e l'altro di voi fosse Marte
  (rispose Mandricardo irato allora),
  non saria l'un né l'altro atto a vietarme
  la buona spada o quelle nobili arme. —

63

  E tratto da la colera, aventosse
  col pugno chiuso al re di Sericana;
  e la man destra in modo gli percosse,
  ch'abandonar gli fece Durindana.
  Gradasso, non credendo ch'egli fosse
  di così folle audacia e così insana,
  colto improviso fu, che stava a bada,
  e tolta si trovò la buona spada.

64

  Così scornato, di vergogna e d'ira
  nel viso avampa, e par che getti fuoco;
  e più l'affligge il caso e lo martira,
  poi che gli accade in sì palese loco.
  Bramoso di vendetta si ritira,
  a trar la scimitarra, a dietro un poco.
  Mandricardo in sé tanto si confida,
  che Ruggiero anco alla battaglia sfida.

65

  — Venite pure inanzi amenduo insieme,
  e vengane pel terzo Rodomonte,
  Africa e Spagna e tutto l'uman seme;
  ch'io son per sempremai volger la fronte. —
  Così dicendo, quel che nulla teme,
  mena d'intorno la spada d'Almonte;
  lo scudo imbraccia, disdegnoso e fiero,
  contra Gradasso e contra il buon Ruggiero.

66

  — Lascia la cura a me (dicea Gradasso),
  ch'io guarisca costui de la pazzia. —
  — Per Dio (dicea Ruggier), non te la lasso,
  ch'esser convien questa battaglia mia. —
  — Va indietro tu! — Vavvi pur tu! — né passo
  però tornando, gridan tuttavia;
  ed attaccossi la battaglia in terzo,
  ed era per uscirne un strano scherzo,

67

  se molti non si fossero interposti
  a quel furor, non con troppo consiglio;
  ch'a spese lor quasi imparar che costi
  voler altri salvar con suo periglio.
  Né tutto 'l mondo mai gli avria composti,
  se non venia col re d'Ispagna il figlio
  del famoso Troiano, al cui cospetto
  tutti ebbon riverenza e gran rispetto.

68

  Si fe' Agramante la cagione esporre
  di questa nuova lite così ardente:
  poi molto affaticossi per disporre
  che per quella giornata solamente
  a Mandricardo la spada d'Ettorre
  concedesse Gradasso umanamente,
  tanto ch'avesse fin l'aspra contesa
  ch'avea già incontra a Rodomonte presa.

69

  Mentre studia placarli il re Agramante,
  ed or con questo ed or con quel ragiona;
  da l'altro padiglion tra Sacripante
  e Rodomonte un'altra lite suona.
  Il re circasso (come è detto inante)
  stava di Rodomonte alla persona,
  ed egli e Ferraù gli aveano indotte
  l'arme del suo progenitor Nembrotte.

70

  Ed eran poi venuti ove il destriero
  facea, mordendo, il ricco fren spumoso;
  io dico il buon Frontin, per cui Ruggiero
  stava iracondo e più che mai sdegnoso.
  Sacripante ch'a por tal cavalliero
  in campo avea, mirava curioso
  se ben ferrato e ben guernito e in punto
  era il destrier, come doveasi a punto.

71

  E venendo a guardargli più a minuto
  i segni, le fattezze isnelle ed atte,
  ebbe, fuor d'ogni dubbio, conosciuto
  che questo era il destrier suo Frontalatte,
  che tanto caro già s'avea tenuto,
  per cui già avea mille querele fatte;
  e poi che gli fu tolto, un tempo volse
  sempre ire a piedi: in modo gliene dolse.

72

  Inanzi Albracca glie l'avea Brunello
  tolto di sotto quel medesmo giorno
  ch'ad Angelica ancor tolse l'annello,
  al conte Orlando Balisarda e 'l corno,
  e la spada a Marfisa: ed avea quello,
  dopo che fece in Africa ritorno,
  con Balisarda insieme a Ruggier dato,
  il qual l'avea Frontin poi nominato.

73

  Quando conobbe non si apporre in fallo,
  disse il Circasso, al re d'Algier rivolto:
  — Sappi, signor, che questo è mio cavallo,
  ch'ad Albracca di furto mi fu tolto.
  Bene avrei testimoni da provallo;
  ma perché son da noi lontani molto,
  s'alcun lo niega, io gli vo' sostenere
  con l'arme in man le mie parole vere.

74

  Ben son contento, per la compagnia
  in questi pochi dì stata fra noi,
  che prestato il cavallo oggi ti sia,
  ch'io veggo ben che senza far non puoi;
  però con patto, se per cosa mia
  e prestata da me conoscer vuoi:
  altrimente d'averlo non far stima,
  o se non lo combatti meco prima. —

75

  Rodomonte, del quale un più orgoglioso
  non ebbe mai tutto il mestier de l'arme;
  al quale in esser forte e coraggioso
  alcuno antico d'uguagliar non parme;
  rispose: — Sacripante, ogn'altro ch'oso,
  fuor che tu, fosse in tal modo a parlarme,
  con suo mal si saria tosto avveduto
  che meglio era per lui di nascer muto.

76

  Ma per la compagnia che, come hai detto,
  novellamente insieme abbiamo presa,
  ti son contento aver tanto rispetto,
  ch'io t'ammonisca a tardar questa impresa,
  fin che de la battaglia veggi effetto,
  che fra il Tartaro e me tosto fia accesa:
  dove porti uno esempio inanzi spero,
  ch'avrai di grazia a dirmi: Abbi il destriero. —

77

  — Gli è teco cortesia l'esser villano
  (disse il Circasso pien d'ira e di isdegno);
  ma più chiaro ti dico ora e più piano,
  che tu non faccia in quel destrier disegno:
  che te lo defendo io, tanto ch'in mano
  questa vindice mia spada sostegno;
  e metteròvi insino l'ugna e il dente,
  se non potrò difenderlo altrimente. —

78

  Venner da le parole alle contese,
  ai gridi, alle minacce, alla battaglia,
  che per molt'ira in più fretta s'accese,
  che s'accendesse mai per fuoco paglia.
  Rodomonte ha l'osbergo ed ogni arnese,
  Sacripante non ha piastra né maglia;
  ma par (sì ben con lo schermir s'adopra)
  che tutto con la spada si ricuopra.

79

  Non era la possanza e la fierezza
  di Rodomonte, ancor ch'era infinita,
  più che la providenza e la destrezza
  con che sue forze Sacripante aita.
  Non voltò ruota mai con più prestezza
  il macigno sovran che 'l grano trita,
  che faccia Sacripante or mano or piede
  di qua di là, dove il bisogno vede.

80

  Ma Ferraù, ma Serpentino arditi
  trasson le spade, e si cacciar tra loro,
  dal re Grandonio, da Isolier seguiti,
  da molt'altri signor del popul Moro.
  Questi erano i romori, i quali uditi
  ne l'altro padiglion fur da costoro,
  quivi per accordar venuti invano
  col Tartaro, Ruggiero e 'l Sericano.

81

  Venne chi la novella al re Agramante
  riportò certa, come pel destriero
  avea con Rodomonte Sacripante
  incominciato un aspro assalto e fiero.
  Il re, confuso di discordie tante,
  disse a Marsilio: — Abbi tu qui pensiero
  che fra questi guerrier non segua peggio,
  mentre all'altro disordine io proveggio. —

82

  Rodomonte, che 'l re, suo signor, mira,
  frena l'orgoglio, e torna indietro il passo;
  né con minor rispetto si ritira
  al venir d'Agramante il re circasso.
  Quel domanda la causa di tant'ira
  con real viso e parlar grave e basso:
  e cerca, poi che n'ha compreso il tutto,
  porli d'accordo; e non vi fa alcun frutto.

83

  Il re circasso il suo destrier non vuole
  ch'al re d'Algier più lungamente resti,
  se non s'umilia tanto di parole,
  che lo venga a pregar che glie lo presti.
  Rodomonte, superbo come suole,
  gli risponde: — Né 'l ciel, né tu faresti
  che cosa che per forza aver potessi,
  da altri, che da me, mai conoscessi. —

84

  Il re chiede al Circasso, che ragione
  ha nel cavallo, e come gli fu tolto:
  e quel di parte in parte il tutto espone,
  ed esponendo s'arrossisce in volto,
  quando gli narra che 'l sottil ladrone,
  ch'in un alto pensier l'aveva colto,
  la sella su quattro aste gli suffolse,
  e di sotto il destrier nudo gli tolse.

85

  Marfisa che tra gli altri al grido venne,
  tosto che 'l furto del cavallo udì,
  in viso si turbò, che le sovenne
  che perdé la sua spada ella quel dì:
  e quel destrier che parve aver le penne
  da lei fuggendo, riconobbe qui:
  riconobbe anco il buon re Sacripante,
  che non avea riconosciuto inante.

86

  Gli altri ch'erano intorno, e che vantarsi
  Brunel di questo aveano udito spesso,
  verso lui cominciaro a rivoltarsi,
  e far palesi cenni ch'era desso;
  Marfisa sospettando, ad informarsi
  da questo e da quell'altro ch'avea appresso,
  tanto che venne a ritrovar che quello
  che le tolse la spada era Brunello:

87

  e seppe che pel furto onde era degno
  che gli annodasse il collo un capestro unto,
  dal re Agramante al tingitano regno
  fu, con esempio inusitato, assunto.
  Marfisa, rinfrescando il vecchio sdegno,
  disegnò vendicarsene a quel punto,
  e punir scherni e scorni che per strada
  fatti l'avea sopra la tolta spada.

88

  Dal suo scudier l'elmo allacciar si fece;
  che del resto de l'arme era guernita.
  Senza osbergo io non trovo che mai diece
  volte fosse veduta alla sua vita,
  dal giorno ch'a portarlo assuefece
  la sua persona, oltre ogni fede ardita.
  Con l'elmo in capo andò dove fra i primi
  Brunel sedea negli argini sublimi.

89

  Gli diede a prima giunta ella di piglio
  in mezzo il petto, e da terra levollo,
  come levar suol col falcato artiglio
  talvolta la rapace aquila il pollo;
  e là dove la lite inanzi al figlio
  era del re Troian, così portollo.
  Brunel, che giunto in male man si vede,
  pianger non cessa e domandar mercede.

90

  Sopra tutti i rumor, strepiti e gridi,
  di che 'l campo era pien quasi ugualmente,
  Brunel, ch'ora pietade ora sussidi
  domandando venìa, così si sente,
  ch'al suono de' ramarichi e de' stridi
  si fa d'intorno accor tutta la gente.
  Giunta inanzi al re d'Africa, Marfisa
  con viso altier gli dice in questa guisa:

91

  — Io voglio questo ladro tuo vasallo
  con le mie mani impender per la gola,
  perché il giorno medesmo che 'l cavallo
  a costui tolle, a me la spada invola.
  Ma se gli è alcun che voglia dir ch'io fallo,
  facciasi inanzi e dica una parola;
  ch'in tua presenza gli vo' sostenere
  che se ne mente, e ch'io fo il mio dovere.

92

  Ma perché si potria forse imputarme
  c'ho atteso a farlo in mezzo a tante liti,
  mentre che questi più famosi in arme
  d'altre querele son tutti impediti;
  tre giorni ad impiccarlo io vo' indugiarme:
  intanto o vieni, o manda chi l'aiti;
  che dopo, se non fia chi me lo vieti,
  farò di lui mille uccellacci lieti.

93

  Di qui presso a tre leghe a quella torre
  che siede inanzi ad un piccol boschetto,
  senza più compagnia mi vado a porre,
  che d'una mia donzella e d'un valletto.
  S'alcuno ardisce di venirmi a torre
  questo ladron, là venga, ch'io l'aspetto. —
  Così disse ella; e dove disse, prese
  tosto la via, né più risposta attese.

94

  Sul collo inanzi del destrier si pone
  Brunel, che tuttavia tien per le chiome.
  Piange il misero e grida, e le persone,
  in che sperar solìa, chiama per nome.
  Resta Agramante in tal confusione
  di questi intrichi, che non vede come
  poterli sciorre; e gli par via più greve
  che Marfisa Brunel così gli leve.

95

  Non che l'apprezzi o che gli porti amore,
  anzi più giorni son che l'odia molto;
  e spesso ha d'impiccarlo avuto in core,
  dopo che gli era stato l'annel tolto.
  Ma questo atto gli par contra il suo onore,
  sì che n'avampa di vergogna in volto.
  Vuole in persona egli seguirla in fretta,
  e a tutto suo poter farne vendetta.

96

  Ma il re Sobrino, il quale era presente,
  da questa impresa molto il dissuade,
  dicendogli che mal conveniente
  era all'altezza di sua maestade,
  se ben avesse d'esserne vincente
  ferma speranza e certa sicurtade:
  più ch'onor, gli fia biasmo, che si dica
  ch'abbia vinta una femina a fatica.

97

  Poco l'onore, e molto era il periglio
  d'ogni battaglia che con lei pigliasse;
  e che gli dava per miglior consiglio,
  che Brunello alle forche aver lasciasse;
  e se credesse ch'uno alzar di ciglio
  a torlo dal capestro gli bastasse,
  non dovea alzarlo, per non contradire
  che s'abbia la giustizia ad esequire.

98

  — Potrai mandare un che Marfisa prieghi
  (dicea) ch'in questo giudice ti faccia,
  con promission ch'al ladroncel si leghi
  il laccio al collo, e a lei si sodisfaccia;
  e quando anco ostinata te lo nieghi,
  se l'abbia, e il suo desir tutto compiaccia:
  pur che da tua amicizia non si spicchi,
  Brunello e gli altri ladri tutti impicchi. —

99

  Il re Agramante volentier s'attenne
  al parer di Sobrin discreto e saggio;
  e Marfisa lasciò, che non le venne,
  né patì ch'altri andasse a farle oltraggio,
  né di farla pregare anco sostenne:
  e tolerò, Dio sa con che coraggio,
  per poter acchetar liti maggiori,
  e del suo campo tor tanti romori.

100

  Di ciò si ride la Discordia pazza,
  che pace o triegua ormai più teme poco.
  Scorre di qua e di là tutta la piazza,
  né può trovar per allegrezza loco.
  La Superbia con lei salta e gavazza,
  e legne ed esca va aggiungendo al fuoco:
  e grida sì, che fin ne l'alto regno
  manda a Michel de la vittoria segno.

101

  Tremò Parigi e turbidossi Senna
  all'alta voce, a quello orribil grido;
  rimbombò il suon fin alla selva Ardenna
  sì che lasciar tutte le fiere il nido.
  Udiron l'Alpi e il monte di Gebenna,
  di Blaia e d'Arli e di Roano il lido;
  Rodano e Sonna udì, Garonna e il Reno:
  si strinsero le madri i figli al seno.

102

  Son cinque cavallier c'han fisso il chiodo
  d'essere i primi a terminar sua lite,
  l'una ne l'altra aviluppata in modo,
  che non l'avrebbe Apolline espedite.
  Commincia il re Agramante a sciorre il nodo
  de le prime tenzon ch'aveva udite,
  che per la figlia del re Stordilano
  eran tra il re di Scizia e il suo Africano.

103

  Il re Agramante andò per porre accordo
  di qua e di là più volte a questo e a quello,
  e a questo e a quel più volte diè ricordo
  da signor giusto e da fedel fratello:
  e quando parimente trova sordo
  l'un come l'altro, indomito e rubello
  di volere esser quel che resti senza
  la donna da cui vien lor differenza;

104

  s'appiglia al fin, come a miglior partito,
  di che amendui si contentar gli amanti,
  che de la bella donna sia marito
  l'uno de' duo, quel che vuole essa inanti;
  e da quanto per lei sia stabilito,
  più non si possa andar dietro né avanti.
  All'uno e all'altro piace il compromesso,
  sperando ch'esser debbia a favor d'esso.

105

  Il re di Sarza, che gran tempo prima
  di Mandricardo amava Doralice,
  ed ella l'avea posto in su la cima
  d'ogni favor ch'a donna casta lice;
  che debba in util suo venire estima
  la gran sentenza che 'l può far felice:
  né egli avea questa credenza solo,
  ma con lui tutto il barbaresco stuolo.

106

  Ognun sapea ciò ch'egli avea già fatto
  per essa in giostre, in torniamenti, in guerra;
  e che stia Mandricardo a questo patto,
  dicono tutti che vaneggia ed erra.
  Ma quel che più fiate e più di piatto
  con lei fu mentre il sol stava sotterra,
  e sapea quanto avea di certo in mano,
  ridea del popular giudicio vano.

107

  Poi lor convenzion ratificaro
  in man del re quei duo prochi famosi,
  ed indi alla donzella se n'andaro.
  Ed ella abbassò gli occhi vergognosi,
  e disse che più il Tartaro avea caro:
  di che tutti restar maravigliosi;
  Rodomonte sì attonito e smarrito,
  che di levar non era il viso ardito.

108

  Ma poi che l'usata ira cacciò quella
  vergogna che gli avea la faccia tinta,
  ingiusta e falsa la sentenza appella;
  e la spada impugnando, ch'egli ha cinta,
  dice, udendo il re e gli altri, che vuol ch'ella
  gli dia perduta questa causa o vinta,
  e non l'arbitrio di femina lieve
  che sempre inchina a quel che men far deve.

109

  Di nuovo Mandricardo era risorto,
  dicendo: — Vada pur come ti pare: —
  sì che prima che 'l legno entrasse in porto,
  v'era a solcare un gran spazio di mare:
  se non che 'l re Agramante diede torto
  a Rodomonte, che non può chiamare
  più Mandricardo per quella querela;
  e fe' cadere a quel furor la vela.

110

  Or Rodomonte che notar si vede
  dinanzi a quei signor di doppio scorno,
  dal suo re, a cui per riverenza cede,
  e da la donna sua, tutto in un giorno,
  quivi non volse più fermare il piede;
  e de la molta turba ch'avea intorno
  seco non tolse più che duo sergenti,
  ed uscì dei moreschi alloggiamenti.

111

  Come, partendo, afflitto tauro suole,
  che la giuvenca al vincitor cesso abbia,
  cercar le selve e le rive più sole
  lungi dai paschi, o qualche arrida sabbia;
  dove muggir non cessa all'ombra e al sole,
  né però scema l'amorosa rabbia:
  così sen va di gran dolor confuso
  il re d'Algier da la sua donna escluso.

112

  Per riavere il buon destrier si mosse
  Ruggier, che già per questo s'era armato;
  ma poi di Mandricardo ricordasse,
  a cui de la battaglia era ubligato:
  non seguì Rodomonte, e ritornosse
  per entrar col re tartaro in steccato
  prima che 'ntrasse il re di Sericana,
  che l'altra lite avea di Durindana.

113

  Veder torsi Frontin troppo gli pesa
  dinanzi agli occhi, e non poter vietarlo;
  ma dato ch'abbia fine a questa impresa,
  ha ferma intenzion di ricovrarlo.
  Ma Sacripante, che non ha contesa,
  come Ruggier, che possa distornarlo,
  e che non ha da far altro che questo,
  per l'orme vien di Rodomonte presto.

114

  E tosto l'avria giunto, se non era
  un caso strano che trovò tra via,
  che lo fe' dimorar fin alla sera,
  e perder le vestigie che seguia.
  Trovò una donna che ne la riviera
  di Senna era caduta, e vi peria,
  s'a darle tosto aiuto non veniva:
  saltò ne l'acqua e la ritrasse a riva.

115

  Poi quando in sella volse risalire,
  aspettato non fu dal suo destriero,
  che fin a sera si fece seguire,
  e non si lasciò prender di leggiero:
  preselo al fin, ma non seppe venire
  più, donde s'era tolto dal sentiero:
  ducento miglia errò tra piano e monte,
  prima che ritrovasse Rodomonte.

116

  Dove trovollo, e come fu conteso
  con disvantaggio assai di Sacripante,
  come perdé il cavallo e restò preso,
  or non dirò; c'ho da narrarvi inante
  di quanto sdegno e di quanta ira acceso
  contra la donna e contra il re Agramante
  del campo Rodomonte si partisse,
  e ciò che contra all'uno e all'altro disse.

117

  Di cocenti sospir l'aria accendea
  dovunque andava il Saracin dolente:
  Ecco per la pietà che gli n'avea,
  da' cavi sassi rispondea sovente.
  — Oh feminile ingegno (egli dicea),
  come ti volgi e muti facilmente,
  contrario oggetto proprio de la fede!
  Oh infelice, oh miser chi ti crede!

118

  Né lunga servitù, né grand'amore
  che ti fu a mille prove manifesto,
  ebbono forza di tenerti il core,
  che non fossi a cangiarsi almen sì presto.
  Non perch'a Mandricardo inferiore
  io ti paressi, di te privo resto;
  né so trovar cagione ai casi miei,
  se non quest'una, che femina sei.

119

  Credo che t'abbia la Natura e Dio
  produtto, o scelerato sesso, al mondo
  per una soma, per un grave fio
  de l'uom, che senza te saria giocondo:
  come ha produtto anco il serpente rio
  e il lupo e l'orso, e fa l'aer fecondo
  e di mosche e di vespe e di tafani,
  e loglio e avena fa nascer tra i grani.

120

  Perché fatto non ha l'alma Natura,
  che senza te potesse nascer l'uomo,
  come s'inesta per umana cura
  l'un sopra l'altro il pero, il corbo e 'l pomo?
  Ma quella non può far sempre a misura:
  anzi, s'io vo' guardar come io la nomo,
  veggo che non può far cosa perfetta,
  poi che Natura femina vien detta.

121

  Non siate però tumide e fastose,
  donne, per dir che l'uom sia vostro figlio;
  che de le spine ancor nascon le rose,
  e d'una fetida erba nasce il giglio:
  importune, superbe, dispettose,
  prive d'amor, di fede e di consiglio,
  temerarie, crudeli, inique, ingrate,
  per pestilenza eterna al mondo nate. —

122

  Con queste ed altre ed infinite appresso
  querele il re di Sarza se ne giva,
  or ragionando in un parlar sommesso,
  quando in un suon che di lontan s'udiva,
  in onta e in biasmo del femineo sesso:
  e certo da ragion si dipartiva;
  che per una o per due che trovi ree,
  che cento buone sien creder si dee.

123

  Se ben di quante io n'abbia fin qui amate,
  non n'abbia mai trovata una fedele,
  perfide tutte io non vo' dir né ingrate,
  ma darne colpa al mio destin crudele.
  Molte or ne sono, e più già ne son state,
  che non dan causa ad uom che si querele;
  ma mia fortuna vuol che s'una ria
  ne sia tra cento, io di lei preda sia.

124

  Pur vo' tanto cercar prima ch'io mora,
  anzi prima che 'l crin più mi s'imbianchi,
  che forse dirò un dì, che per me ancora
  alcuna sia che di sua fé non manchi.
  Se questo avvien (che di speranza fuora
  io non ne son), non fia mai ch'io mi stanchi
  di farla, a mia possanza, gloriosa
  con lingua e con inchiostro, e in verso e in prosa.

125

  Il Saracin non avea manco sdegno
  contra il suo re, che contra la donzella;
  e così di ragion passava il segno,
  biasmando lui, come biasmando quella.
  Ha disio di veder che sopra il regno
  gli cada tanto mal, tanta procella,
  ch'in Africa ogni casa si funesti,
  né pietra salda sopra pietra resti;

126

  e che spinto del regno, in duolo e in lutto
  viva Agramante misero e mendico:
  e ch'esso sia che poi gli renda il tutto,
  e lo riponga nel suo seggio antico,
  e de la fede sua produca il frutto;
  e gli faccia veder ch'un vero amico
  a dritto e a torto esser dovea preposto,
  se tutto 'l mondo se gli fosse opposto.

127

  E così quando al re, quando alla donna
  volgendo il cor turbato, il Saracino
  cavalca a gran giornate, e non assonna,
  e poco riposar lascia Frontino.
  Il dì seguente o l'altro in su la Sonna
  si ritrovò, ch'avea dritto il camino
  verso il mar di Provenza, con disegno
  di navigare in Africa al suo regno.

128

  Di barche e di sottil legni era tutto
  fra l'una ripa e l'altra il fiume pieno,
  ch'ad uso de l'esercito condutto
  da molti lochi vettovaglie avieno;
  perché in poter de' Mori era ridutto,
  venendo da Parigi al lito ameno
  d'Acquamorta, e voltando invêr la Spagna,
  ciò che v'è da man destra di campagna.

129

  Le vettovaglie in carra ed in iumenti,
  tolte fuor de le navi, erano carche,
  e tratte con la scorta de le genti,
  ove venir non si potea con barche.
  Avean piene le ripe i grassi armenti
  quivi condotti da diverse marche;
  e i conduttori intorno alla riviera
  per vari tetti albergo avean la sera.

130

  Il re d'Algier, perché gli sopravenne
  quivi la notte e l'aer nero e cieco,
  d'un ostier paesan lo 'nvito tenne,
  che lo pregò che rimanesse seco.
  Adagiato il destrier, la mensa venne
  di vari cibi e di vin corso e greco;
  che 'l Saracin nel resto alla moresca
  ma volse far nel bere alla francesca.

131

  L'oste con buona mensa e miglior viso
  studiò di fare a Rodomonte onore;
  che la presenza gli diè certo aviso
  ch'era uomo illustre e pien d'alto valore:
  ma quel che da se stesso era diviso,
  né quella sera avea ben seco il core
  (che mal suo grado s'era ricondotto
  alla donna già sua), non facea motto.

132

  Il buon ostier, che fu dei diligenti
  che mai si sien per Francia ricordati,
  quando tra le nimiche e strane genti
  l'albergo e' beni suoi s'avea salvati,
  per servir, quivi, alcuni suoi parenti,
  a tal servigio pronti, avea chiamati;
  de' quai non era alcun di parlar oso,
  vedendo il Saracin muto e pensoso.

133

  Di pensiero in pensiero andò vagando
  da se stesso lontano il pagan molto,
  col viso a terra chino, né levando
  sì gli occhi mai, ch'alcun guardasse in volto.
  Dopo un lungo star cheto, suspirando,
  sì come d'un gran sonno allora sciolto,
  tutto si scosse, e insieme alzò le ciglia,
  e voltò gli occhi all'oste e alla famiglia.

134

  Indi roppe il silenzio, e con sembianti
  più dolci un poco e viso men turbato,
  domandò all'oste e agli altri circostanti
  se d'essi alcuno avea mogliere a lato.
  Che l'oste e che quegli altri tutti quanti
  l'aveano, per risposta gli fu dato.
  Domanda lor quel che ciascun si crede
  de la sua donna nel servargli fede.

135

  Eccetto l'oste, fer tutti risposta,
  che si credeano averle e caste e buone.
  Disse l'oste: — Ognun pur creda a sua posta;
  ch'io so ch'avete falsa opinione.
  Il vostro sciocco credere vi costa
  ch'io stimi ognun di voi senza ragione;
  e così far questo signor deve anco,
  se non vi vuol mostrar nero per bianco.

136

  Perché, sì come è sola la fenice,
  né mai più d'una in tutto il mondo vive,
  così né mai più d'uno esser si dice,
  che de la moglie i tradimenti schive.
  Ognun si crede d'esser quel felice,
  d'esser quel sol ch'a questa palma arrive.
  Come è possibil che v'arrivi ognuno,
  se non ne può nel mondo esser più d'uno?

137

  Io fui già ne l'error che siete voi,
  che donna casta anco più d'una fusse.
  Un gentilomo di Vinegia poi,
  che qui mia buona sorte già condusse,
  seppe far sì con veri esempi suoi,
  che fuor de l'ignoranza mi ridusse.
  Gian Francesco Valerio era nomato;
  che 'l nome suo non mi s'è mai scordato.

138

  Le fraudi che le mogli e che l'amiche
  sogliano usar, sapea tutte per conto:
  e sopra ciò moderne istorie e antiche,
  e proprie esperienze avea sì in pronto,
  che mi mostrò che mai donne pudiche
  non si trovaro, o povere o di conto;
  e s'una casta più de l'altra parse,
  venìa, perché più accorta era a celarse.

139

  E fra l'altre (che tante me ne disse,
  che non ne posso il terzo ricordarmi),
  sì nel capo una istoria mi si scrisse,
  che non si scrisse mai più saldo in marmi:
  e ben parria a ciascuno che l'udisse,
  di queste rie quel ch'a me parve e parmi.
  E se, signor, a voi non spiace udire,
  a lor confusion ve la vo' dire. —

140

  Rispose il Saracin: — Che puoi tu farmi,
  che più al presente mi diletti e piaccia,
  che dirmi istoria e qualche esempio darmi
  che con l'opinion mia si confaccia?
  Perch'io possa udir meglio, e tu narrarmi,
  siedemi incontra, ch'io ti vegga in faccia. —
  Ma nel canto che segue io v'ho da dire
  quel che fe' l'oste a Rodomonte udire.



CANTO VENTOTTESIMO


1

  Donne, e voi che le donne avete in pregio,
  per Dio, non date a questa istoria orecchia,
  a questa che l'ostier dire in dispregio
  e in vostra infamia e biasmo s'apparecchia;
  ben che né macchia vi può dar né fregio
  lingua sì vile, e sia l'usanza vecchia
  che 'l volgare ignorante ognun riprenda,
  e parli più di quel che meno intenda.

2

  Lasciate questo canto, che senza esso
  può star l'istoria, e non sarà men chiara.
  Mettendolo Turpino, anch'io l'ho messo,
  non per malivolenza né per gara.
  Ch'io v'ami, oltre mia lingua che l'ha espresso,
  che mai non fu di celebrarvi avara,
  n'ho fatto mille prove; e v'ho dimostro
  ch'io son, né potrei esser se non vostro.

3

  Passi, chi vuol, tre carte o quattro, senza
  leggerne verso, e chi pur legger vuole,
  gli dia quella medesima credenza
  che si suol dare a finzioni e a fole.
  Ma tornando al dir nostro, poi ch'udienza
  apparecchiata vide a sue parole,
  e darsi luogo incontra al cavalliero,
  così l'istoria incominciò l'ostiero.

4

  — Astolfo, re de' Longobardi, quello
  a cui lasciò il fratel monaco il regno,
  fu ne la giovinezza sua sì bello,
  che mai poch'altri giunsero a quel segno.
  N'avria a fatica un tal fatto a penello
  Apelle, o Zeusi, o se v'è alcun più degno.
  Bello era, ed a ciascun così parea:
  ma di molto egli ancor più si tenea.

5

  Non stimava egli tanto per l'altezza
  del grado suo, d'avere ognun minore;
  né tanto, che di genti e di ricchezza,
  di tutti i re vicini era il maggiore;
  quanto che di presenza e di bellezza
  avea per tutto 'l mondo il primo onore.
  Godea di questo, udendosi dar loda,
  quanto di cosa volentier più s'oda.

6

  Tra gli altri di sua corte avea assai grato
  Fausto Latini, un cavallier romano:
  con cui sovente essendosi lodato
  or del bel viso or de la bella mano,
  ed avendolo un giorno domandato
  se mai veduto avea, presso o lontano,
  altro uom di forma così ben composto;
  contra quel che credea, gli fu risposto.

7

  — Dico (rispose Fausto) che secondo
  ch'io veggo e che parlarne odo a ciascuno,
  ne la bellezza hai pochi pari al mondo;
  e questi pochi io li restringo in uno.
  Quest'uno è un fratel mio, detto Iocondo.
  Eccetto lui, ben crederò ch'ognuno
  di beltà molto a dietro tu ti lassi;
  ma questo sol credo t'adegui e passi. —

8

  Al re parve impossibil cosa udire,
  che sua la palma infin allora tenne;
  e d'aver conoscenza alto desire
  di sì lodato giovene gli venne.
  Fe' sì con Fausto, che di far venire
  quivi il fratel prometter gli convenne;
  ben ch'a poterlo indur che ci venisse,
  saria fatica, e la cagion gli disse:

9

  che 'l suo fratello era uom che mosso il piede
  mai non avea di Roma alla sua vita,
  che del ben che Fortuna gli concede,
  tranquilla e senza affanni avea notrita:
  la roba di che 'l padre il lasciò erede,
  né mai cresciuta avea né minuita;
  e che parrebbe a lui Pavia lontana
  più che non parria a un altro ire alla Tana.

10

  E la difficultà saria maggiore
  a poterlo spiccar da la mogliere,
  con cui legato era di tanto amore,
  che non volendo lei, non può volere.
  Pur per ubbidir lui che gli è signore,
  disse d'andare e fare oltre il potere.
  Giunse il re a' prieghi tali offerte e doni,
  che di negar non gli lasciò ragioni.

11

  Partisse, e in pochi giorni ritrovosse
  dentro di Roma alle paterne case.
  Quivi tanto pregò, che 'l fratel mosse
  sì ch'a venire al re gli persuase;
  e fece ancor (ben che difficil fosse)
  che la cognata tacita rimase,
  proponendole il ben che n'usciria,
  oltre ch'obligo sempre egli l'avria.

12

  Fisse Iocondo alla partita il giorno:
  trovò cavalli e servitori intanto;
  vesti fe' far per comparire adorno,
  che talor cresce una beltà un bel manto.
  La notte a lato, e 'l dì la moglie intorno,
  con gli occhi ad or ad or pregni di pianto,
  gli dice che non sa come patire
  potrà tal lontananza e non morire;

13

  che pensandovi sol, da la radice
  sveller si sente il cor nel lato manco.
  — Deh, vita mia, non piagnere (le dice
  Iocondo, e seco piagne egli non manco);
  così mi sia questo camin felice,
  come tornar vo' fra duo mesi almanco:
  né mi faria passar d'un giorno il segno,
  se mi donasse il re mezzo il suo regno. —

14

  Né la donna perciò si riconforta:
  dice che troppo termine si piglia;
  e s'al ritorno non la trova morta,
  esser non può se non gran maraviglia.
  Non lascia il duol che giorni e notte porta,
  che gustar cibo, e chiuder possa ciglia;
  tal che per la pietà Iocondo spesso
  si pente ch'al fratello abbia promesso.

15

  Dal collo un suo monile ella si sciolse,
  ch'una crocetta avea ricca di gemme,
  e di sante reliquie che raccolse
  in molti luoghi un peregrin boemme;
  ed il padre di lei, ch'in casa il tolse
  tornando infermo, di Ierusalemme,
  venendo a morte poi ne lasciò erede:
  questa levossi ed al marito diede.

16

  E che la porti per suo amore al collo
  lo prega, sì che ognor gli ne sovenga.
  Piacque il dono al marito, ed accettollo;
  non perché dar ricordo gli convenga:
  che né tempo né assenza mai dar crollo,
  né buona o ria fortuna che gli avenga,
  potrà a quella memoria salda e forte
  c'ha di lei sempre, e avrà dopo la morte.

17

  La notte ch'andò inanzi a quella aurora
  che fu il termine estremo alla partenza,
  al suo Iocondo par ch'in braccio muora
  la moglie, che n'ha tosto da star senza.
  Mai non si dorme; e inanzi al giorno un'ora
  viene il marito all'ultima licenza.
  Montò a cavallo e si partì in effetto;
  e la moglier si ricorcò nel letto.

18

  Iocondo ancor duo miglia ito non era,
  che gli venne la croce raccordata,
  ch'avea sotto il guancial messo la sera,
  poi per oblivion l'avea lasciata.
  — Lasso! (dicea tra sé) di che maniera
  troverò scusa che mi sia accettata,
  che mia moglie non creda che gradito
  poco da me sia l'amor suo infinito? —

19

  Pensa la scusa, e poi gli cade in mente
  che non sarà accettabile né buona,
  mandi famigli, mandivi altra gente,
  s'egli medesmo non vi va in persona.
  Si ferma, e al fratel dice: — Or pianamente
  fin a Baccano al primo albergo sprona;
  che dentro a Roma è forza ch'io rivada:
  e credo anco di giugnerti per strada.

20

  Non potria fare altri il bisogno mio:
  né dubitar, ch'io sarò tosto teco. —
  voltò il ronzin di trotto, e disse a Dio;
  né de' famigli suoi volse alcun seco.
  Già cominciava, quando passò il rio,
  dinanzi al sole a fuggir l'aer cieco.
  Smonta in casa, va al letto, e la consorte
  quivi ritrova addormentata forte.

21

  La cortina levò senza far motto,
  e vide quel che men veder credea:
  che la sua casta e fedel moglie, sotto
  la coltre, in braccio a un giovene giacea.
  Riconobbe l'adultero di botto,
  per la pratica lunga che n'avea;
  ch'era de la famiglia sua un garzone,
  allevato da lui, d'umil nazione.

22

  S'attonito restasse e malcontento,
  meglio è pensarlo e farne fede altrui,
  ch'esserne mai per far l'esperimento
  che con suo gran dolor ne fe' costui.
  Da lo sdegno assalito, ebbe talento
  di trar la spada e uccidergli ambedui:
  ma da l'amor che porta, al suo dispetto,
  all'ingrata moglier, gli fu interdetto.

23

  Né lo lasciò questo ribaldo Amore
  (vedi se sì l'avea fatto vasallo)
  destarla pur, per non le dar dolore
  che fosse da lui colta in sì gran fallo.
  Quanto poté più tacito uscì fuore,
  scese le scale, e rimontò a cavallo;
  e punto egli d'amor, così lo punse,
  ch'all'albergo non fu, che 'l fratel giunse.

24

  Cambiato a tutti parve esser nel volto;
  vider tutti che 'l cor non avea lieto:
  ma non v'è chi s'apponga già di molto,
  e possa penetrar nel suo secreto.
  Credeano che da lor si fosse tolto
  per gire a Roma, e gito era a Corneto.
  Ch'amor sia del mal causa ognun s'avisa;
  ma non è già chi dir sappia in che guisa.

25

  Estimasi il fratel, che dolor abbia
  d'aver la moglie sua sola lasciata;
  e pel contrario duolsi egli ed arrabbia
  che rimasa era troppo accompagnata.
  Con fronte crespa e con gonfiate labbia
  sta l'infelice, e sol la terra guata.
  Fausto ch'a confortarlo usa ogni prova,
  perché non sa la causa, poco giova.

26

  Di contrario liquor la piaga gli unge,
  e dove tor dovria, gli accresce doglie;
  dove dovria saldar, più l'apre e punge:
  questo gli fa col ricordar la moglie.
  Né posa dì né notte: il sonno lunge
  fugge col gusto, e mai non si raccoglie:
  e la faccia, che dianzi era sì bella,
  si cangia sì, che più non sembra quella.

27

  Par che gli occhi se ascondin ne la testa;
  cresciuto il naso par nel viso scarno:
  de la beltà sì poca gli ne resta,
  che ne potrà far paragone indarno.
  Col duol venne una febbre sì molesta,
  che lo fe' soggiornar all'Arbia e all'Arno:
  e se di bello avea serbata cosa,
  tosto restò come al sol colta rosa.

28

  Oltre ch'a Fausto incresca del fratello
  che veggia a simil termine condutto,
  via più gl'incresce che bugiardo a quello
  principe, a chi lodollo, parrà in tutto:
  mostrar di tutti gli uomini il più bello
  gli avea promesso, e mostrerà il più brutto.
  Ma pur continuando la sua via,
  seco lo trasse al fin dentro a Pavia.

29

  Già non vuol che lo vegga il re improviso,
  per non mostrarsi di giudicio privo:
  ma per lettere inanzi gli dà aviso
  che 'l suo fratel ne viene a pena vivo;
  e ch'era stato all'aria del bel viso
  un affanno di cor tanto nocivo,
  accompagnato da una febbre ria,
  che più non parea quel ch'esser solia.

30

  Grata ebbe la venuta di Iocondo
  quanto potesse il re d'amico avere;
  che non avea desiderato al mondo
  cosa altretanto, che di lui vedere.
  Né gli spiace vederselo secondo,
  e di bellezza dietro rimanere;
  ben che conosca, se non fosse il male,
  che gli saria superiore o uguale.

31

  Giunto, lo fa alloggiar nel suo palagio,
  lo visita ogni giorno, ogni ora n'ode;
  fa gran provision che stia con agio,
  e d'onorarlo assai si studia e gode.
  Langue Iocondo, che 'l pensier malvagio
  c'ha de la ria moglier, sempre lo rode:
  né 'l veder giochi, né musici udire,
  dramma del suo dolor può minuire.

32

  Le stanze sue, che sono appresso al tetto
  l'ultime, inanzi hanno una sala antica.
  Quivi solingo (perché ogni diletto,
  perch'ogni compagnia prova nimica)
  si ritraea, sempre aggiungendo al petto
  di più gravi pensier nuova fatica:
  e trovò quivi (or chi lo crederia?)
  chi lo sanò de la sua piaga ria.

33

  In capo de la sala, ove è più scuro
  (che non vi s'usa le finestre aprire,)
  vede che 'l palco mal si giunge al muro,
  e fa d'aria più chiara un raggio uscire.
  Pon l'occhio quindi, e vede quel che duro
  a creder fôra a chi l'udisse dire:
  non l'ode egli d'altrui, ma se lo vede;
  ed anco agli occhi suoi propri non crede.

34

  Quindi scopria de la regina tutta
  la più secreta stanza e la più bella,
  ove persona non verria introdutta,
  se per molto fedel non l'avesse ella.
  Quindi mirando vide in strana lutta
  ch'un nano aviticchiato era con quella:
  ed era quel piccin stato sì dotto,
  che la regina avea messa di sotto.

35

  Attonito Iocondo e stupefatto,
  e credendo sognarsi, un pezzo stette;
  e quando vide pur che gli era in fatto
  e non in sogno, a se stesso credette.
  — A uno sgrignuto mostro e contrafatto
  dunque (disse) costei si sottomette,
  che 'l maggior re del mondo ha per marito,
  più bello e più cortese? oh che appetito! —

36

  E de la moglie sua, che così spesso
  più d'ogn'altra biasmava, ricordosse,
  perché 'l ragazzo s'avea tolto appresso:
  ed or gli parve che escusabil fosse.
  Non era colpa sua più che del sesso,
  che d'un solo uomo mai non contentosse:
  e s'han tutte una macchia d'uno inchiostro,
  almen la sua non s'avea tolto un mostro.

37

  Il dì seguente, alla medesima ora,
  al medesimo loco fa ritorno;
  e la regina e il nano vede ancora,
  che fanno al re pur il medesmo scorno.
  Trova l'altro dì ancor che si lavora,
  e l'altro; e al fin non si fa festa giorno:
  e la regina (che gli par più strano)
  sempre si duol che poco l'ami il nano.

38

  Stette fra gli altri un giorno a veder, ch'ella
  era turbata e in gran malenconia,
  che due volte chiamar per la donzella
  il nano fatto avea, n'ancor venìa.
  Mandò la terza volta, ed udì quella,
  che: — Madonna, egli giuoca (riferia);
  e per non stare in perdita d'un soldo,
  a voi niega venire il manigoldo. —

39

  A sì strano spettacolo Iocondo
  raserena la fronte e gli occhi e il viso;
  e quale in nome, diventò giocondo
  d'effetto ancora, e tornò il pianto in riso.
  Allegro torna e grasso e rubicondo,
  che sembra un cherubin del paradiso;
  che 'l re, il fratello e tutta la famiglia
  di tal mutazion si maraviglia.

40

  Se da Iocondo il re bramava udire
  onde venisse il subito conforto,
  non men Iocondo lo bramava dire,
  e fare il re di tanta ingiuria accorto;
  ma non vorria che, più di sé, punire
  volesse il re la moglie di quel torto;
  sì che per dirlo e non far danno a lei,
  il re fece giurar su l'agnusdei.

41

  Giurar lo fe' che né per cosa detta,
  né che gli sia mostrata che gli spiaccia,
  ancor ch'egli conosca che diretta—
  mente a sua Maestà danno si faccia,
  tardi o per tempo mai farà vendetta;
  e di più vuole ancor che se ne taccia,
  sì che né il malfattor giamai comprenda
  in fatto o in detto, che 'l re il caso intenda.

42

  Il re, ch'ogn'altra cosa, se non questa,
  creder potria, gli giurò largamente.
  Iocondo la cagion gli manifesta,
  ond'era molti dì stato dolente:
  perché trovata avea la disonesta
  sua moglie in braccio d'un suo vil sergente;
  e che tal pena al fin l'avrebbe morto,
  se tardato a venir fosse il conforto.

43

  Ma in casa di sua Altezza avea veduto
  cosa che molto gli scemava il duolo;
  che se bene in obbrobrio era caduto,
  era almen certo di non v'esser solo.
  Così dicendo, e al bucolin venuto,
  gli dimostrò il bruttissimo omiciuolo
  che la giumenta altrui sotto si tiene,
  tocca di sproni e fa giuocar di schene.

44

  Se parve al re vituperoso l'atto,
  lo crederete ben, senza ch'io 'l giuri.
  Ne fu per arrabbiar, per venir matto;
  ne fu per dar del capo in tutti i muri;
  fu per gridar, fu per non stare al patto:
  ma forza è che la bocca al fin si turi,
  e che l'ira trangugi amara ed acra,
  poi che giurato avea su l'ostia sacra.

45

  — Che debbo far, che mi consigli, frate,
  (disse a Iocondo), poi che tu mi tolli
  che con degna vendetta e crudeltate
  questa giustissima ira io non satolli? —
  — Lasciàn (disse Iocondo) queste ingrate,
  e proviam se son l'altre così molli:
  facciàn de le lor femine ad altrui
  quel ch'altri de le nostre han fatto a nui.

46

  Ambi gioveni siamo, e di bellezza,
  che facilmente non troviamo pari.
  Qual femina sarà che n'usi asprezza,
  se contra i brutti ancor non han ripari?
  Se beltà non varrà né giovinezza,
  varranne almen l'aver con noi danari.
  Non vo' che torni, che non abbi prima
  di mille moglie altrui la spoglia opima.

47

  La lunga assenza, il veder vari luoghi,
  praticare altre femine di fuore,
  par che sovente disacerbi e sfoghi
  de l'amorose passioni il core. —
  Lauda il parer, né vuol che si proròghi
  il re l'andata; e fra pochissime ore,
  con due scudieri, oltre alla compagnia
  del cavallier roman, si mette in via.

48

  Travestiti cercaro Italia, Francia,
  le terre de' Fiaminghi e de l'Inglesi;
  e quante ne vedean di bella guancia,
  trovavan tutte ai prieghi lor cortesi.
  Davano, e dato loro era la mancia;
  e spesso rimetteano i danar spesi.
  Da loro pregate foro molte, e foro
  anch'altretante che pregaron loro.

49

  In questa terra un mese, in quella dui
  soggiornando, accertarsi a vera prova
  che non men ne le lor, che ne l'altrui
  femine, fede e castità si trova.
  Dopo alcun tempo increbbe ad ambedui
  di sempre procacciar di cosa nuova;
  che mal poteano entrar ne l'altrui porte,
  senza mettersi a rischio de la morte.

50

  Gli è meglio una trovarne che di faccia
  e di costumi ad ambi grata sia;
  che lor communemente sodisfaccia,
  e non n'abbin d'aver mai gelosia.
  — E perché (dicea il re) vo' che mi spiaccia
  aver più te ch'un altro in compagnia?
  So ben ch'in tutto il gran femineo stuolo
  una non è che stia contenta a un solo.

51

  Una, senza sforzar nostro potere,
  ma quando il natural bisogno inviti,
  in festa goderemoci e in piacere,
  che mai contese non avren né liti.
  Né credo che si debba ella dolere:
  che s'anco ogn'altra avesse duo mariti,
  più ch'ad un solo, a duo saria fedele;
  né forse s'udirian tante querele. —

52

  Di quel che disse il re, molto contento
  rimaner parve il giovine romano.
  Dunque fermati in tal proponimento,
  cercar molte montagne e molto piano:
  trovaro al fin, secondo il loro intento,
  una figliuola d'uno ostiero ispano,
  che tenea albergo al porto di Valenza,
  bella di modi e bella di presenza.

53

  Era ancor sul fiorir di primavera
  sua tenerella e quasi acerba etade.
  Di molti figli il padre aggravat'era,
  e nimico mortal di povertade;
  sì ch'a disporlo fu cosa leggiera,
  che desse lor la figlia in potestade;
  ch'ove piacesse lor potesson trarla,
  poi che promesso avean di ben trattarla.

54

  Pigliano la fanciulla, e piacer n'hanno
  or l'un or l'altro in caritade e in pace,
  come a vicenda i mantici che danno,
  or l'uno or l'altro, fiato alla fornace.
  Per veder tutta Spagna indi ne vanno,
  e passar poi nel regno di Siface;
  e 'l dì che da Valenza si partiro,
  ad albergare a Zattiva veniro.

55

  I patroni a veder strade e palazzi
  ne vanno, e lochi publici e divini;
  ch'usanza han di pigliar simil solazzi
  in ogni terra ove entran peregrini;
  e la fanciulla resta coi ragazzi.
  Altri i letti, altri acconciano i ronzini,
  altri hanno cura che sia alla tornata
  dei signor lor la cena apparecchiata.

56

  Ne l'albergo un garzon stava per fante,
  ch'in casa de la giovene già stette
  a' servigi del padre, e d'essa amante
  fu da' primi anni, e del suo amor godette.
  Ben s'adocchiar, ma non ne fer sembiante,
  ch'esser notato ognun di lor temette:
  ma tosto ch'i patroni e la famiglia
  lor dieron luogo, alzar tra lor le ciglia.

57

  Il fante domandò dove ella gisse,
  e qual dei duo signor l'avesse seco.
  A punto la Fiammetta il fatto disse
  (così avea nome, e quel garzone il Greco).
  — Quando sperai che 'l tempo ohimè! venisse
  (il Greco le dicea) di viver teco,
  Fiammetta, anima mia, tu te ne vai,
  e non so più di rivederti mai.

58

  Fannosi i dolci miei disegni amari,
  poi che sei d'altri, e tanto mi ti scosti.
  Io disegnava, avendo alcun' danari
  con gran fatica e gran sudor riposti,
  ch'avanzato m'avea de' miei salari
  e de le bene andate di molti osti,
  di tornare a Valenza, e domandarti
  al padre tuo per moglie, e di sposarti. —

59

  La fanciulla negli omeri si stringe,
  e risponde che fu tardo a venire.
  Piange il Greco e sospira, e parte finge:
  — Vuommi (dice) lasciar così morire?
  Con le tuo braccia i fianchi almen mi cinge,
  lasciami disfogar tanto desire:
  ch'inanzi che tu parta, ogni momento
  che teco io stia mi fa morir contento. —

60

  La pietosa fanciulla rispondendo:
  — Credi (dicea) che men di te nol bramo;
  ma né luogo né tempo ci comprendo
  qui, dove in mezzo di tanti occhi siamo. —
  Il Greco soggiungea: — Certo mi rendo,
  che s'un terzo ami me di quel ch'io t'amo,
  in questa notte almen troverai loco
  che ci potren godere insieme un poco. —

61

  — Come potrò (diceagli la fanciulla),
  che sempre in mezzo a duo la notte giaccio?
  e meco or l'uno or l'altro si trastulla,
  e sempre a l'un di lor mi trovo in braccio? —
  — Questo ti fia (suggiunse il Greco) nulla;
  che ben ti saprai tor di questo impaccio,
  e uscir di mezzo lor, pur che tu voglia:
  e déi voler, quando di me ti doglia. —

62

  Pensa ella alquanto, e poi dice che vegna
  quando creder potrà ch'ognuno dorma;
  e pianamente come far convegna,
  e de l'andare e del tornar l'informa.
  Il Greco, sì come ella gli disegna,
  quando sente dormir tutta la torma,
  viene all'uscio e lo spinge, e quel gli cede:
  entra pian piano, e va a tenton col piede.

63

  Fa lunghi i passi, e sempre in quel di dietro
  tutto si ferma, e l'altro par che muova
  a guisa che di dar tema nel vetro,
  non che 'l terreno abbia a calcar, ma l'uova;
  e tien la mano inanzi simil metro,
  va brancolando infin che 'l letto trova:
  e di là dove gli altri avean le piante,
  tacito si cacciò col capo inante.

64

  Fra l'una e l'altra gamba di Fiammetta,
  che supina giacea, diritto venne;
  e quando le fu a par, l'abbracciò stretta,
  e sopra lei sin presso al dì si tenne.
  Cavalcò forte, e non andò a staffetta;
  che mai bestia mutar non gli convenne:
  che questa pare a lui che sì ben trotte,
  che scender non ne vuol per tutta notte.

65

  Avea Iocondo ed avea il re sentito
  il calpestio che sempre il letto scosse;
  e l'uno e l'altro, d'uno error schernito,
  s'avea creduto che 'l compagno fosse.
  Poi ch'ebbe il Greco il suo camin fornito,
  sì come era venuto, anco tornosse.
  Saettò il sol da l'orizzonte i raggi;
  sorse Fiammetta, e fece entrare i paggi.

66

  Il re disse al compagno motteggiando:
  — Frate, molto camin fatto aver déi;
  e tempo è ben che ti riposi, quando
  stato a cavallo tutta notte sei. —
  Iocondo a lui rispose di rimando,
  e disse: — Tu di' quel ch'io a dire avrei.
  A te tocca posare, e pro ti faccia,
  che tutta notte hai cavalcato a caccia. —

67

  — Anch'io (suggiunse il re) senza alcun fallo
  lasciato avria il mio can correre un tratto,
  se m'avessi prestato un po' il cavallo,
  tanto che 'l mio bisogno avessi fatto. —
  Iocondo replicò: — Son tuo vasallo,
  e puoi far meco e rompere ogni patto:
  sì che non convenia tal cenni usare;
  ben mi potevi dir: lasciala stare. —

68

  Tanto replica l'un, tanto soggiunge
  l'altro, che sono a grave lite insieme.
  Vengon da' motti ad un parlar che punge,
  ch'ad amenduo l'esser beffato preme.
  Chiaman Fiammetta (che non era lunge,
  e de la fraude esser scoperta teme)
  per fare in viso l'uno all'altro dire
  quel che negando ambi parean mentire.

69

  — Dimmi (le disse il re con fiero sguardo),
  e non temer di me né di costui;
  chi tutta notte fu quel sì gagliardo,
  che ti godé senza far parte altrui? —
  Credendo l'un provar l'altro bugiardo,
  la risposta aspettavano ambedui.
  Fiammetta a' piedi lor si gittò, incerta
  di viver più, vedendosi scoperta.

70

  Domandò lor perdono, che d'amore
  ch'a un giovinetto avea portato, spinta,
  e da pietà d'un tormentato core
  che molto avea per lei patito, vinta,
  caduta era la notte in quello errore;
  e seguitò, senza dir cosa finta,
  come tra lor con speme si condusse,
  ch'ambi credesson che 'l compagno fusse.

71

  Il re e Iocondo si guardaro in viso,
  di maraviglia e di stupor confusi;
  né d'aver anco udito lor fu aviso,
  ch'altri duo fusson mai così delusi.
  Poi scoppiaro ugualmente in tanto riso,
  che con la bocca aperta e gli occhi chiusi,
  potendo a pena il fiato aver del petto,
  a dietro si lasciar cader sul letto.

72

  Poi ch'ebbon tanto riso, che dolere
  se ne sentiano il petto, e pianger gli occhi,
  disson tra lor: — Come potremo avere
  guardia, che la moglier non ne l'accocchi,
  se non giova tra duo questa tenere,
  e stretta sì, che l'uno e l'altro tocchi?
  Se più che crini avesse occhi il marito,
  non potria far che non fosse tradito.

73

  Provate mille abbiamo, e tutte belle;
  né di tante una è ancor che ne contraste.
  Se provian l'altre, fian simili anch'elle;
  ma per ultima prova costei baste.
  Dunque possiamo creder che più felle
  non sien le nostre, o men de l'altre caste:
  e se son come tutte l'altre sono,
  che torniamo a godercile fia buono. —

74

  Conchiuso ch'ebbon questo, chiamar fero
  per Fiammetta medesima il suo amante;
  e in presenza di molti gli la diero
  per moglie, e dote gli fu bastante.
  Poi montaro a cavallo, e il lor sentiero
  ch'era a ponente, volsero a levante;
  ed alle mogli lor se ne tornaro,
  di ch'affanno mai più non si pigliaro. —

75

  L'ostier qui fine alla sua istoria pose,
  che fu con molta attenzione udita.
  Udilla il Saracin, né gli rispose
  parola mai, fin che non fu finita.
  Poi disse: — Io credo ben che de l'ascose
  feminil frode sia copia infinita;
  né si potria de la millesma parte
  tener memoria con tutte le carte. —

76

  Quivi era un uom d'età, ch'avea più retta
  opinion degli altri, e ingegno e ardire;
  e non potendo ormai, che sì negletta
  ogni femina fosse, più patire,
  si volse a quel ch'avea l'istoria detta,
  e gli disse: — Assai cose udimo dire,
  che veritade in sé non hanno alcuna:
  e ben di queste è la tua favola una.

77

  A chi te la narrò non do credenza,
  s'evangelista ben fosse nel resto;
  ch'opinione, più ch'esperienza
  ch'abbia di donne, lo facea dir questo.
  L'avere ad una o due malivolenza,
  fa ch'odia e biasma l'altre oltre all'onesto;
  ma se gli passa l'ira, io vo' tu l'oda,
  più ch'ora biasmo, anco dar lor gran loda.

78

  E se vorrà lodarne, avrà maggiore
  il campo assai, ch'a dirne mal non ebbe:
  di cento potrà dir degne d'onore
  verso una trista che biasmar si debbe.
  Non biasmar tutte, ma serbarne fuore
  la bontà d'infinite si dovrebbe;
  e se 'l Valerio tuo disse altrimente,
  disse per ira, e non per quel che sente.

79

  Ditemi un poco: è di voi forse alcuno
  ch'abbia servato alla sua moglie fede?
  che nieghi andar, quando gli sia oportuno,
  all'altrui donna, e darle ancor mercede?
  credete in tutto 'l mondo trovarne uno?
  chi 'l dice, mente; e folle è ben chi 'l crede.
  Trovatene vo' alcuna che vi chiami?
  (non parlo de le publiche ed infami).

80

  Conoscete alcun voi, che non lasciasse
  la moglie sola, ancor che fosse bella,
  per seguire altra donna, se sperasse
  in breve e facilmente ottener quella?
  Che farebbe egli, quando lo pregasse
  o desse premio a lui donna o donzella?
  Credo, per compiacere or queste or quelle,
  che tutti lasciaremmovi la pelle.

81

  Quelle che i lor mariti hanno lasciati,
  le più volte cagione avuta n'hanno.
  Del suo di casa, li veggon svogliati,
  e che fuor, de l'altrui bramosi, vanno.
  Dovriano amar, volendo essere amati,
  e tor con la misura ch'a lor danno.
  Io farei (se a me stesse il darla e torre)
  tal legge, ch'uom non vi potrebbe opporre.

82

  Saria la legge, ch'ogni donna colta
  in adulterio, fosse messa a morte,
  se provar non potesse ch'una volta
  avesse adulterato il suo consorte:
  se provar lo potesse, andrebbe asciolta,
  né temeria il marito né la corte.
  Cristo ha lasciato nei precetti suoi:
  non far altrui quel che patir non vuoi.

83

  La incontinenza è quanto mal si puote
  imputar lor, non già a tutto lo stuolo.
  Ma in questo chi ha di noi più brutte note?
  che continente non si trova un solo.
  E molto più n'ha ad arrossir le gote,
  quando bestemmia, ladroneccio, dolo,
  usura ed omicidio, e se v'è peggio,
  raro, se non dagli uomini, far veggio. —

84

  Appresso alle ragioni avea il sincero
  e giusto vecchio in pronto alcuno esempio
  di donne, che né in fatto né in pensiero
  mai di lor castità patiron scempio.
  Ma il Saracin, che fuggia udire il vero,
  lo minacciò con viso crudo ed empio,
  sì che lo fece per timor tacere;
  ma già non lo mutò di suo parere.

85

  Posto ch'ebbe alle liti e alle contese
  termine il re pagan, lasciò la mensa;
  indi nel letto per dormir si stese
  fin al partir de l'aria scura e densa:
  ma de la notte, a sospirar l'offese
  più de la donna ch'a dormir, dispensa.
  Quindi parte all'uscir del nuovo raggio,
  e far disegna in nave il suo viaggio.

86

  Però ch'avendo tutto quel rispetto
  ch'a buon cavallo dee buon cavalliero,
  a quel suo bello e buono, ch'a dispetto
  tenea di Sacripante e di Ruggiero;
  vedendo per duo giorni averlo stretto
  più che non si dovria sì buon destriero,
  lo pon, per riposarlo, e lo rassetta
  in una barca, e per andar più in fretta.

87

  Senza indugio al nocchier varar la barca,
  e dar fa i remi all'acqua da la sponda.
  Quella, non molto grande e poco carca,
  se ne va per la Sonna giù a seconda.
  Non fugge il suo pensier né se ne scarca
  Rodomonte per terra né per onda:
  lo trova in su la proda e in su la poppa;
  e se cavalca, il porta dietro in groppa.

88

  Anzi nel capo, o sia nel cor gli siede,
  e di fuor caccia ogni conforto e serra.
  Di ripararsi il misero non vede,
  da poi che gli nimici ha ne la terra.
  Non sa da chi sperar possa mercede,
  se gli fanno i domestici suoi guerra:
  la notte e 'l giorno e sempre è combattuto
  da quel crudel che dovria dargli aiuto.

89

  Naviga il giorno e la notte seguente
  Rodomonte col cor d'affanni grave;
  e non si può l'ingiuria tor di mente,
  che da la donna e dal suo re avuto have;
  e la pena e il dolor medesmo sente,
  che sentiva a cavallo, ancora in nave:
  né spegner può, per star ne l'acqua, il fuoco,
  né può stato mutar, per mutar loco.

90

  Come l'infermo, che dirotto e stanco
  di febbre ardente, va cangiando lato;
  o sia su l'uno o sia su l'altro fianco
  spera aver, se si volge, miglior stato;
  né sul destro riposa né sul manco,
  e per tutto ugualmente è travagliato:
  così il pagano al male ond'era infermo
  mal trova in terra e male in acqua schermo.

91

  Non puote in nave aver più pazienza,
  e si fa porre in terra Rodomonte.
  Lion passa e Vienna, indi Valenza
  e vede in Avignone il ricco ponte;
  che queste terre ed altre ubidienza,
  che son tra il fiume e 'l celtibero monte,
  rendean al re Agramante e al re di Spagna
  dal dì che fur signor de la campagna.

92

  Verso Acquamorta a man dritta si tenne
  con animo in Algier passare in fretta;
  e sopra un fiume ad una villa venne
  e da Bacco e da Cerere diletta,
  che per le spesse ingiurie, che sostenne
  dai soldati, a votarsi fu costretta.
  Quinci il gran mare, e quindi ne l'apriche
  valli vede ondeggiar le bionde spiche.

93

  Quivi ritrova una piccola chiesa
  di nuovo sopra un monticel murata,
  che poi ch'intorno era la guerra accesa,
  i sacerdoti vota avean lasciata.
  Per stanza fu da Rodomonte presa;
  che pel sito, e perch'era sequestrata
  dai campi, onde avea in odio udir novella,
  gli piacque sì, che mutò Algieri in quella.

94

  Mutò d'andare in Africa pensiero,
  sì commodo gli parve il luogo e bello.
  Famigli e carriaggi e il suo destriero
  seco alloggiar fe' nel medesmo ostello.
  Vicino a poche leghe a Mompoliero
  e ad alcun altro ricco e buon castello
  siede il villaggio allato alla riviera;
  sì che d'avervi ogn'agio il modo v'era.

95

  Standovi un giorno il Saracin pensoso
  (come pur era il più del tempo usato),
  vide venir per mezzo un prato erboso,
  che d'un piccol sentiero era segnato,
  una donzella di viso amoroso
  in compagnia d'un monaco barbato;
  e si traeano dietro un gran destriero
  sotto una soma coperta di nero.

96

  Chi la donzella, chi 'l monaco sia,
  chi portin seco, vi debbe esser chiaro.
  Conoscere Issabella si dovria,
  che 'l corpo avea del suo Zerbino caro.
  Lasciai che vêr Provenza ne venìa
  sotto la scorta del vecchio preclaro,
  che le avea persuaso tutto il resto
  dicare a Dio del suo vivere onesto.

97

  Come ch'in viso pallida e smarrita
  sia la donzella ed abbia i crini inconti;
  e facciano i sospir continua uscita
  del petto acceso, e gli occhi sien duo fonti;
  ed altri testimoni d'una vita
  misera e grave in lei si veggan pronti;
  tanto però di bello anco le avanza,
  che con le Grazie Amor vi può aver stanza.

98

  Tosto che 'l Saracin vide la bella
  donna apparir, messe il pensiero al fondo,
  ch'avea di biasmar sempre e d'odiar quella
  schiera gentil che pur adorna il mondo.
  E ben gli par dignissima Issabella,
  in cui locar debba il suo amor secondo,
  e spenger totalmente il primo, a modo
  che da l'asse si trae chiodo con chiodo.

99

  Incontra se le fece, e col più molle
  parlar che seppe, e col miglior sembiante,
  di sua condizione domandolle;
  ed ella ogni pensier gli spiegò inante;
  come era per lasciare il mondo folle,
  e farsi amica a Dio con opre sante.
  Ride il pagano altier ch'in Dio non crede,
  d'ogni legge nimico e d'ogni fede.

100

  E chiama intenzione erronea e lieve,
  e dice che per certo ella troppo erra;
  né men biasmar che l'avaro si deve,
  che 'l suo ricco tesor metta sotterra:
  alcuno util per sé non ne riceve,
  e da l'uso degli altri uomini il serra.
  Chiuder leon si denno, orsi e serpenti,
  e non le cose belle ed innocenti.

101

  Il monaco, ch'a questo avea l'orecchia,
  e per soccorrer la giovane incauta,
  che ritratta non sia per la via vecchia,
  sedea al governo qual pratico nauta,
  quivi di spiritual cibo apparecchia
  tosto una mensa sontuosa e lauta.
  Ma il Saracin, che con mal gusto nacque,
  non pur la saporò, che gli dispiacque:

102

  e poi ch'invano il monaco interroppe,
  e non poté mai far sì che tacesse,
  e che di pazienza il freno roppe,
  le mani adosso con furor gli messe.
  Ma le parole mie parervi troppe
  potriano omai, se più se ne dicesse:
  sì che finirò il canto; e mi fia specchio
  quel che per troppo dire accade al vecchio.



CANTO VENTINOVESIMO


1

  O degli uomini inferma e instabil mente!
  come siàn presti a variar disegno!
  Tutti i pensier mutamo facilmente,
  più quei che nascon d'amoroso sdegno.
  Io vidi dianzi il Saracin sì ardente
  contra le donne, e passar tanto il segno,
  che non che spegner l'odio, ma pensai
  che non dovesse intiepidirlo mai.

2

  Donne gentil, per quel ch'a biasmo vostro
  parlò contra il dover, sì offeso sono,
  che sin che col suo mal non gli dimostro
  quanto abbia fatto error, non gli perdono.
  Io farò sì con penna e con inchiostro,
  ch'ognun vedrà che gli era utile e buono
  aver taciuto, e mordersi anco poi
  prima la lingua, che dir mal di voi.

3

  Ma che parlò come ignorante e sciocco,
  ve lo dimostra chiara esperienza.
  Incontra tutte trasse fuor lo stocco
  de l'ira, senza farvi differenza:
  poi d'Issabella un sguardo sì l'ha tocco,
  che subito gli fa mutar sentenza.
  Già in cambio di quell'altra la disia,
  l'ha vista a pena, e non sa ancor chi sia.

4

  E come il nuovo amor lo punge e scalda,
  muove alcune ragion di poco frutto,
  per romper quella mente intera e salda
  ch'ella avea fissa al Creator del tutto.
  Ma l'eremita che l'è scudo e falda,
  perché il casto pensier non sia distrutto,
  con argumenti più validi e fermi,
  quanto più può, le fa ripari e schermi.

5

  Poi che l'empio pagan molto ha sofferto
  con lunga noia quel monaco audace,
  e che gli ha detto invan ch'al suo deserto
  senza lei può tornar quando gli piace;
  e che nuocer si vede a viso aperto,
  e che seco non vuol triegua né pace:
  la mano al mento con furor gli stese,
  e tanto ne pelò, quanto ne prese.

6

  E sì crebbe la furia, che nel collo
  con man lo stringe a guisa di tanaglia;
  e poi ch'una e due volte raggirollo,
  da sé per l'aria e verso il mar lo scaglia.
  Che n'avenisse, né dico né sollo:
  varia fama è di lui, né si raguaglia.
  Dice alcun che sì rotto a un sasso resta,
  che 'l piè non si discerne da la testa;

7

  ed altri, ch'a cadere andò nel mare,
  ch'era più di tre miglia indi lontano,
  e che morì per non saper notare,
  fatti assai prieghi e orazioni invano;
  altri, ch'un santo lo venne aiutare,
  lo trasse al lito con visibil mano.
  Di queste, qual si vuol, la vera sia:
  di lui non parla più l'istoria mia.

8

  Rodomonte crudel, poi che levato
  s'ebbe da canto il garrulo eremita,
  si ritornò con viso men turbato
  verso la donna mesta e sbigottita;
  e col parlar ch'è fra gli amanti usato,
  dicea ch'era il suo core e la sua vita
  e 'l suo conforto e la sua cara speme,
  ed altri nomi tai che vanno insieme.

9

  E si mostrò sì costumato allora,
  che non le fece alcun segno di forza.
  Il sembiante gentil che l'innamora,
  l'usato orgoglio in lui spegne ed ammorza:
  e ben che 'l frutto trar ne possa fuora,
  passar non però vuole oltre a la scorza;
  che non gli par che potesse esser buono,
  quando da lei non lo accettasse in dono.

10

  E così di disporre a poco a poco
  a' suoi piaceri Issabella credea.
  Ella, che in sì solingo e strano loco,
  qual topo in piede al gatto si vedea,
  vorria trovarsi inanzi in mezzo il fuoco;
  e seco tuttavolta rivolgea
  s'alcun partito, alcuna via fosse atta
  a trarla quindi immaculata e intatta.

11

  Fa ne l'animo suo proponimento
  di darsi con sua man prima la morte,
  che 'l barbaro crudel n'abbia il suo intento,
  e che le sia cagion d'errar sì forte
  contra quel cavallier ch'in braccio spento
  l'avea crudele e dispietata sorte;
  a cui fatto have col pensier devoto
  de la sua castità perpetuo voto.

12

  Crescer più sempre l'appetito cieco
  vede del re pagan, né sa che farsi.
  Ben sa che vuol venire all'atto bieco,
  ove i contrasti suoi tutti fien scarsi.
  Pur discorrendo molte cose seco,
  il modo trovò al fin di ripararsi,
  e di salvar la castità sua, come
  io vi dirò, con lungo e chiaro nome.

13

  Al brutto Saracin, che le venìa
  già contra con parole e con effetti
  privi di tutta quella cortesia
  che mostrata le avea ne' primi detti:
  — Se fate che con voi sicura io sia
  del mio onor (disse) e ch'io non ne sospetti,
  cosa all'incontro vi darò, che molto
  più vi varrà, ch'avermi l'onor tolto.

14

  Per un piacer di sì poco momento,
  di che n'ha sì abondanza tutto 'l mondo,
  non disprezzate un perpetuo contento,
  un vero gaudio a nullo altro secondo.
  Potrete tuttavia ritrovar cento
  e mille donne di viso giocondo;
  ma chi vi possa dar questo mio dono,
  nessuno al mondo, o pochi altri ci sono.

15

  Ho notizia d'un'erba, e l'ho veduta
  venendo, e so dove trovarne appresso,
  che bollita con elera e con ruta
  ad un fuoco di legna di cipresso,
  e fra mano innocenti indi premuta,
  manda un liquor, che, chi si bagna d'esso
  tre volte il corpo, in tal modo l'indura,
  che dal ferro e dal fuoco l'assicura.

16

  Io dico, se tre volte se n'immolla,
  un mese invulnerabile si trova.
  Oprar conviensi ogni mese l'ampolla;
  che sua virtù più termine non giova.
  Io so far l'acqua, ed oggi ancor farolla,
  ed oggi ancor voi ne vedrete prova:
  e vi può, s'io non fallo, esser più grata,
  che d'aver tutta Europa oggi acquistata.

17

  Da voi domando in guiderdon di questo,
  che su la fede vostra mi giuriate
  che né in detto né in opera molesto
  mai più sarete alla mia castitate. —
  Così dicendo, Rodomonte onesto
  fe' ritornar; ch'in tanta voluntate
  venne ch'inviolabil si facesse,
  che più ch'ella non disse, le promesse:

18

  e servaralle fin che vegga fatto
  de la mirabil acqua esperienza;
  e sforzerasse intanto a non fare atto,
  a non far segno alcun di violenza.
  Ma pensa poi di non tenere il patto,
  perché non ha timor né riverenza
  di Dio o di santi; e nel mancar di fede
  tutta a lui la bugiarda Africa cede.

19

  Ad Issabella il re d'Algier scongiuri
  di non la molestar fe' più di mille,
  pur ch'essa lavorar l'acqua procuri,
  che far lo può qual fu già Cigno e Achille.
  Ella per balze e per valloni oscuri
  da le città lontana e da le ville
  ricoglie di molte erbe; e il Saracino
  non l'abandona, e l'è sempre vicino.

20

  Poi ch'in più parti quant'era a bastanza
  colson de l'erbe e con radici e senza,
  tardi si ritornaro alla lor stanza;
  dove quel paragon di continenza
  tutta la notte spende, che l'avanza,
  a bollir erbe con molta avertenza:
  e a tutta l'opra e a tutti quei misteri
  si trova ognor presente il re d'Algieri.

21

  Che producendo quella notte in giuoco
  con quelli pochi servi ch'eran seco,
  sentia, per lo calor del vicin fuoco
  ch'era rinchiuso in quello angusto speco,
  tal sete, che bevendo or molto or poco,
  duo baril votar pieni di greco,
  ch'aveano tolto uno o duo giorni inanti
  i suoi scudieri a certi viandanti.

22

  Non era Rodomonte usato al vino,
  perché la legge sua lo vieta e danna:
  e poi che lo gustò, liquor divino
  gli par, miglior che 'l nettare o la manna;
  e riprendendo il rito saracino,
  gran tazze e pieni fiaschi ne tracanna.
  Fece il buon vino, ch'andò spesso intorno,
  girare il capo a tutti come un torno.

23

  La donna in questo mezzo la caldaia
  dal fuoco tolse, ove quell'erbe cosse;
  e disse a Rodomonte: — Acciò che paia
  che mie parole al vento non ho mosse,
  quella che 'l ver da la bugia dispaia,
  e che può dotte far le genti grosse,
  te ne farò l'esperienza ancora,
  non ne l'altrui, ma nel mio corpo or ora.

24

  Io voglio a far il saggio esser la prima
  del felice liquor di virtù pieno,
  acciò tu forse non facessi stima
  che ci fosse mortifero veneno.
  Di questo bagnerommi da la cima
  del capo giù pel collo e per lo seno:
  tu poi tua forza in me prova e tua spada,
  se questo abbia vigor, se quella rada. —

25

  Bagnossi, come disse, e lieta porse
  all'incauto pagano il collo ignudo,
  incauto, e vinto anco dal vino forse,
  incontra a cui non vale elmo né scudo.
  Quel uom bestial le prestò fede, e scorse
  sì con la mano e sì col ferro crudo,
  che del bel capo, già d'Amore albergo,
  fe' tronco rimanere il petto e il tergo.

26

  Quel fe' tre balzi; e funne udita chiara
  voce, ch'uscendo nominò Zerbino,
  per cui seguire ella trovò sì rara
  via di fuggir di man del Saracino.
  Alma, ch'avesti più la fede cara,
  e 'l nome quasi ignoto e peregrino
  al tempo nostro, de la castitade,
  che la tua vita e la tua verde etade,

27

  vattene in pace, alma beata e bella!
  Così i miei versi avesson forza, come
  ben m'affaticherei con tutta quella
  arte che tanto il parlar orna e come,
  perché mille e mill'anni e più, novella
  sentisse il mondo del tuo chiaro nome.
  Vattene in pace alla superna sede,
  e lascia all'altre esempio di tua fede.

28

  All'atto incomparabile e stupendo,
  dal cielo il Creator giù gli occhi volse,
  e disse: — Più di quella ti commendo,
  la cui morte a Tarquinio il regno tolse;
  e per questo una legge fare intendo
  tra quelle mie, che mai tempo non sciolse,
  la qual per le inviolabil'acque giuro
  che non muterà seculo futuro.

29

  Per l'avvenir vo' che ciascuna ch'aggia
  il nome tuo, sia di sublime ingegno,
  e sia bella, gentil, cortese e saggia,
  e di vera onestade arrivi al segno:
  onde materia agli scrittori caggia
  di celebrare il nome inclito e degno;
  tal che Parnasso, Pindo ed Elicone
  sempre Issabella, Issabella risuone. —

30

  Dio così disse, e fe' serena intorno
  l'aria, e tranquillo il mar più che mai fusse.
  Fe' l'alma casta al terzo ciel ritorno,
  e in braccio al suo Zerbin si ricondusse.
  Rimase in terra con vergogna e scorno
  quel fier senza pietà nuovo Breusse;
  che poi che 'l troppo vino ebbe digesto,
  biasmò il suo errore, e ne restò funesto.

31

  Placare o in parte satisfar pensosse
  a l'anima beata d'Issabella,
  se, poi ch'a morte il corpo le percosse,
  desse almen vita alla memoria d'ella.
  Trovò per mezzo, acciò che così fosse,
  di convertirle quella chiesa, quella
  dove abitava e dove ella fu uccisa,
  in un sepolcro; e vi dirò in che guisa.

32

  Di tutti i lochi intorno fa venire
  mastri, chi per amore e chi per tema;
  e fatto ben seimila uomini unire,
  de' gravi sassi i vicin monti scema,
  e ne fa una gran massa stabilire,
  che da la cima era alla parte estrema
  novanta braccia; e vi rinchiude dentro
  la chiesa, che i duo amanti have nel centro.

33

  Imita quasi la superba mole
  che fe' Adriano all'onda tiberina.
  Presso al sepolcro una torre alta vuole;
  ch'abitarvi alcun tempo si destina.
  Un ponte stretto e di due braccia sole
  fece su l'acqua che correa vicina.
  Lungo il ponte, ma largo era sì poco,
  che dava a pena a duo cavalli loco;

34

  a duo cavalli che venuti a paro,
  o ch'insieme si fossero scontrati:
  e non avea né sponda né riparo,
  e si potea cader da tutti i lati.
  Il passar quindi vuol che costi caro
  a guerrieri o pagani o battezzati;
  che de le spoglie lor mille trofei
  promette al cimiterio di costei.

35

  In dieci giorni e in manco fu perfetta
  l'opra del ponticel che passa il fiume;
  ma non fu già il sepolcro così in fretta,
  né la torre condutta al suo cacume:
  pur fu levata sì, ch'alla veletta
  starvi in cima una guardia avea costume,
  che d'ogni cavallier che venìa al ponte,
  col corno facea segno a Rodomonte.

36

  E quel s'armava, e se gli venìa a opporre
  ora su l'una, ora su l'altra riva;
  che se 'l guerrier venìa di vêr la torre,
  su l'altra proda il re d'Algier veniva.
  Il ponticello è il campo ove si corre;
  e se 'l destrier poco del segno usciva,
  cadea nel fiume, ch'alto era e profondo:
  ugual periglio a quel non avea il mondo.

37

  Aveasi imaginato il Saracino,
  che, per gir spesso a rischio di cadere
  dal ponticel nel fiume a capo chino,
  dove gli converria molt'acqua bere,
  del fallo a che l'indusse il troppo vino,
  dovesse netto e mondo rimanere;
  come l'acqua, non men che 'l vino, estingua
  l'error che fa pel vino o mano o lingua.

38

  Molti fra pochi dì vi capitaro:
  alcuni la via dritta vi condusse,
  ch'a quei che verso Italia o Spagna andaro
  altra non era che più trita fusse;
  altri l'ardire, e, più che vita caro,
  l'onore, a farvi di sé prova indusse.
  E tutti, ove acquistar credean la palma,
  lasciavan l'arme, e molti insieme l'alma.

39

  Di quelli ch'abbattea, s'eran pagani,
  si contentava d'aver spoglie ed armi;
  e di chi prima furo, i nomi piani
  vi facea sopra, e sospendeale ai marmi:
  ma ritenea in prigion tutti i cristiani;
  e che in Algier poi li mandasse parmi.
  Finita ancor non era l'opra, quando
  vi venne a capitare il pazzo Orlando.

40

  A caso venne il furioso conte
  a capitar su questa gran riviera,
  dove, come io vi dico, Rodomonte
  fare in fretta facea, né finito era
  la torre né il sepolcro, e a pena il ponte:
  e di tutte arme, fuor che di visiera,
  a quell'ora il pagan si trovò in punto,
  ch'Orlando al fiume e al ponte è sopragiunto.

41

  Orlando (come il suo furor lo caccia)
  salta la sbarra e sopra il ponte corre.
  Ma Rodomonte con turbata faccia,
  a piè, com'era inanzi a la gran torre,
  gli grida di lontano e gli minaccia,
  né se gli degna con la spada opporre:
  — Indiscreto villan, ferma le piante,
  temerario, importuno ed arrogante!

42

  Sol per signori e cavallieri è fatto
  il ponte, non per te, bestia balorda. —
  Orlando, ch'era in gran pensier distratto,
  vien pur inanzi e fa l'orecchia sorda.
  — Bisogna ch'io castighi questo matto —
  disse il pagano; e con la voglia ingorda
  venìa per traboccarlo giù ne l'onda,
  non pensando trovar chi gli risponda.

43

  In questo tempo una gentil donzella,
  per passar sovra il ponte, al fiume arriva,
  leggiadramente ornata e in viso bella,
  e nei sembianti accortamente schiva.
  Era (se vi ricorda, Signor) quella
  che per ogni altra via cercando giva
  di Brandimarte, il suo amator, vestigi,
  fuor che, dove era, dentro da Parigi.

44

  Ne l'arrivar di Fiordiligi al ponte
  (che così la donzella nomata era),
  Orlando s'attaccò con Rodomonte
  che lo volea gittar ne la riviera.
  La donna, ch'avea pratica del conte,
  subito n'ebbe conoscenza vera:
  e restò d'alta maraviglia piena,
  de la follia che così nudo il mena.

45

  Fermasi a riguardar che fine avere
  debba il furor dei duo tanti possenti.
  Per far del ponte l'un l'altro cadere
  a por tutta lor forza sono intenti.
  — Come è ch'un pazzo debba sì valere? —
  seco il fiero pagan dice tra' denti;
  e qua e là si volge e si raggira,
  pieno di sdegno e di superbia e d'ira.

46

  Con l'una e l'altra man va ricercando
  far nuova presa, ove il suo meglio vede;
  or tra le gambe, or fuor gli pone, quando
  con arte il destro, e quando il manco piede.
  Simiglia Rodomonte intorno a Orlando
  lo stolido orso che sveller si crede
  l'arbor onde è caduto; e come n'abbia
  quello ogni colpa, odio gli porta e rabbia.

47

  Orlando, che l'ingegno avea sommerso,
  io non so dove, e sol la forza usava,
  l'estrema forza a cui per l'universo
  nessuno o raro paragon si dava,
  cader del ponte si lasciò riverso
  col pagano abbracciato come stava.
  Cadon nel fiume e vanno al fondo insieme:
  ne salta in aria l'onda, e il lito geme.

48

  L'acqua gli fece distaccare in fretta.
  Orlando è nudo, e nuota com'un pesce:
  di qua le braccia, e di là i piedi getta,
  e viene a proda; e come di fuor esce,
  correndo va, né per mirare aspetta,
  se in biasmo o in loda questo gli riesce.
  Ma il pagan, che da l'arme era impedito,
  tornò più tardo e con più affanno al lito.

49

  Sicuramente Fiordiligi intanto
  avea passato il ponte e la riviera;
  e guardato il sepolcro in ogni canto,
  se del suo Brandimarte insegna v'era,
  poi che né l'arme sue vede né il manto,
  di ritrovarlo in altra parte spera.
  Ma ritorniamo a ragionar del conte,
  che lascia a dietro e torre e fiume e ponte.

50

  Pazzia sarà, se le pazzie d'Orlando
  prometto raccontarvi ad una ad una;
  che tante e tante fur, ch'io non so quando
  finir: ma ve n'andrò scegliendo alcuna
  solenne ed atta da narrar cantando,
  e ch'all'istoria mi parrà oportuna;
  né quella tacerò miraculosa,
  che fu nei Pirenei sopra Tolosa.

51

  Trascorso avea molto paese il conte,
  come dal grave suo furor fu spinto;
  ed al fin capitò sopra quel monte
  per cui dal Franco è il Tarracon distinto;
  tenendo tuttavia volta la fronte
  verso là dove il sol ne viene estinto:
  e quivi giunse in uno angusto calle,
  che pendea sopra una profonda valle.

52

  Si vennero a incontrar con esso al varco
  duo boscherecci gioveni, ch'inante
  avean di legna un loro asino carco;
  e perché ben s'accorsero al sembiante,
  ch'avea di cervel sano il capo scarco,
  gli gridano con voce minacciante,
  o ch'a dietro o da parte se ne vada,
  e che si levi di mezzo la strada.

53

  Orlando non risponde altro a quel detto,
  se non che con furor tira d'un piede,
  e giunge a punto l'asino nel petto
  con quella forza che tutte altre eccede;
  ed alto il leva, sì, ch'uno augelletto
  che voli in aria, sembra a chi lo vede.
  Quel va a cadere alla cima d'un colle,
  ch'un miglio oltre la valle il giogo estolle.

54

  Indi verso i duo gioveni s'aventa,
  dei quali un, più che senno, ebbe aventura,
  che da la balza, che due volte trenta
  braccia cadea, si gittò per paura.
  A mezzo il tratto trovò molle e lenta
  una macchia di rubi e di verzura,
  a cui bastò graffiargli un poco il volto:
  del resto lo mandò libero e sciolto.

55

  L'altro s'attacca ad un scheggion ch'usciva
  fuor de la roccia, per salirvi sopra;
  perché si spera, s'alla cima arriva,
  di trovar via che dal pazzo lo cuopra.
  Ma quel nei piedi (che non vuol che viva)
  lo piglia, mentre di salir s'adopra:
  e quanto più sbarrar puote le braccia,
  le sbarra sì, ch'in duo pezzi lo straccia;

56

  a quella guisa che veggiàn talora
  farsi d'uno aeron, farsi d'un pollo,
  quando si vuol de le calde interiora
  che falcone o ch'astor resti satollo.
  Quanto è bene accaduto che non muora
  quel che fu a risco di fiaccarsi il collo!
  ch'ad altri poi questo miracol disse,
  sì che l'udì Turpino, e a noi lo scrisse.

57

  E queste ed altre assai cose stupende
  fece nel traversar de la montagna.
  Dopo molto cercare, al fin discende
  verso meriggie alla terra di Spagna;
  e lungo la marina il camin prende,
  ch'intorno a Taracona il lito bagna:
  e come vuol la furia che lo mena,
  pensa farsi uno albergo in quella arena,

58

  dove dal sole alquanto si ricuopra;
  e nel sabbion si caccia arrido e trito.
  Stando così, gli venne a caso sopra
  Angelica la bella e il suo marito,
  ch'eran (sì come io vi narrai di sopra)
  scesi dai monti in su l'ispano lito.
  A men d'un braccio ella gli giunse appresso,
  perché non s'era accorta ancora d'esso.

59

  Che fosse Orlando, nulla le soviene:
  troppo è diverso da quel ch'esser suole.
  Da indi in qua che quel furor lo tiene,
  è sempre andato nudo all'ombra e al sole:
  se fosse nato all'aprica Siene,
  o dove Ammone il Garamante cole,
  o presso ai monti onde il gran Nilo spiccia,
  non dovrebbe la carne aver più arsiccia.

60

  Quasi ascosi avea gli occhi ne la testa,
  la faccia macra, e come un osso asciutta,
  la chioma rabuffata, orrida e mesta,
  la barba folta, spaventosa e brutta.
  Non più a vederlo Angelica fu presta,
  che fosse a ritornar, tremando tutta:
  tutta tremando, e empiendo il ciel di grida,
  si volse per aiuto alla sua guida.

61

  Come di lei s'accorse Orlando stolto,
  per ritenerla si levò di botto:
  così gli piacque il delicato volto,
  così ne venne immantinente giotto.
  D'averla amata e riverita molto
  ogni ricordo era in lui guasto e rotto.
  Gli corre dietro, e tien quella maniera
  che terria il cane a seguitar la fera.

62

  Il giovine che 'l pazzo seguir vede
  la donna sua, gli urta il cavallo adosso,
  e tutto a un tempo lo percuote e fiede,
  come lo trova che gli volta il dosso.
  Spiccar dal busto il capo se gli crede:
  ma la pelle trovò dura come osso,
  anzi via più ch'acciar; ch'Orlando nato
  impenetrabile era ed affatato.

63

  Come Orlando sentì battersi dietro,
  girossi, e nel girare il pugno strinse,
  e con la forza che passa ogni metro,
  ferì il destrier che 'l Saracino spinse.
  Feril sul capo, e come fosse vetro,
  lo spezzò sì, che quel cavallo estinse:
  e rivoltosse in un medesmo istante
  dietro a colei che gli fuggiva inante.

64

  Caccia Angelica in fretta la giumenta,
  e con sferza e con spron tocca e ritocca;
  che le parrebbe a quel bisogno lenta,
  se ben volasse più che stral da cocca.
  De l'annel c'ha nel dito si ramenta,
  che può salvarla, e se lo getta in bocca:
  e l'annel, che non perde il suo costume,
  la fa sparir come ad un soffio il lume.

65

  O fosse la paura, o che pigliasse
  tanto disconcio nel mutar l'annello,
  o pur, che la giumenta traboccasse,
  che non posso affermar questo né quello;
  nel medesmo momento che si trasse
  l'annello in bocca e celò il viso bello,
  levò le gambe ed uscì de l'arcione,
  e si trovò riversa in sul sabbione.

66

  Più corto che quel salto era dua dita,
  aviluppata rimanea col matto,
  che con l'urto le avria tolta la vita;
  ma gran ventura l'aiutò a quel tratto.
  Cerchi pur, ch'altro furto le dia aita
  d'un'altra bestia, come prima ha fatto;
  che più non è per riaver mai questa
  ch'inanzi al paladin l'arena pesta.

67

  Non dubitate già ch'ella non s'abbia
  a provedere; e seguitiamo Orlando,
  in cui non cessa l'impeto e la rabbia
  perché si vada Angelica celando.
  Segue la bestia per la nuda sabbia,
  e se le vien più sempre approssimando:
  già già la tocca, ed ecco l'ha nel crine,
  indi nel freno, e la ritiene al fine.

68

  Con quella festa il paladin la piglia,
  ch'un altro avrebbe fatto una donzella:
  le rassetta le redine e la briglia,
  e spicca un salto ed entra ne la sella;
  e correndo la caccia molte miglia,
  senza riposo, in questa parte e in quella:
  mai non le leva né sella né freno,
  né le lascia gustare erba né fieno.

69

  Volendosi cacciare oltre una fossa,
  sozzopra se ne va con la cavalla.
  Non nocque a lui, né sentì la percossa;
  ma nel fondo la misera si spalla.
  Non vede Orlando come trar la possa;
  e finalmente se l'arreca in spalla,
  e su ritorna, e va con tutto il carco,
  quanto in tre volte non trarrebbe un arco.

70

  Sentendo poi che gli gravava troppo,
  la pose in terra, e volea trarla a mano.
  Ella il seguia con passo lento e zoppo;
  dicea Orlando: — Camina! — e dicea invano.
  Se l'avesse seguito di galoppo,
  assai non era al desiderio insano.
  Al fin dal capo le levò il capestro,
  e dietro la legò sopra il piè destro;

71

  e così la strascina, e la conforta
  che lo potrà seguir con maggior agio.
  Qual leva il pelo, e quale il cuoio porta,
  dei sassi ch'eran nel camin malvagio.
  La mal condotta bestia restò morta
  finalmente di strazio e di disagio.
  Orlando non le pensa e non la guarda,
  e via correndo il suo camin non tarda.

72

  Di trarla, anco che morta, non rimase,
  continoando il corso ad occidente;
  e tuttavia saccheggia ville e case,
  se bisogno di cibo aver si sente;
  e frutte e carne e pan, pur ch'egli invase,
  rapisce; ed usa forza ad ogni gente:
  qual lascia morto e qual storpiato lassa;
  poco si ferma, e sempre inanzi passa.

73

  Avrebbe così fatto, o poco manco,
  alla sua donna, se non s'ascondea;
  perché non discernea il nero dal bianco,
  e di giovar, nocendo si credea.
  Deh maledetto sia l'annello ed anco
  il cavallier che dato le l'avea!
  che se non era, avrebbe Orlando fatto
  di sé vendetta e di mill'altri a un tratto.

74

  Né questa sola, ma fosser pur state
  in man d'Orlando quante oggi ne sono;
  ch'ad ogni modo tutte sono ingrate,
  né si trova tra loro oncia di buono.
  Ma prima che le corde rallentate
  al canto disugual rendano il suono,
  fia meglio differirlo a un'altra volta,
  acciò men sia noioso a chi l'ascolta.



CANTO TRENTESIMO


1

  Quando vincer da l'impeto e da l'ira
  si lascia la ragion, né si difende,
  e che 'l cieco furor sì inanzi tira
  o mano o lingua, che gli amici offende;
  se ben dipoi si piange e si sospira,
  non è per questo che l'error s'emende.
  Lasso! io mi doglio e affliggo invan di quanto
  dissi per ira al fin de l'altro canto.

2

  Ma simile son fatto ad uno infermo,
  che dopo molta pazienza e molta,
  quando contra il dolor non ha più schermo,
  cede alla rabbia e a bestemmiar si volta.
  Manca il dolor, né l'impeto sta fermo,
  che la lingua al dir mal facea sì sciolta;
  e si ravvede e pente e n'ha dispetto:
  ma quel c'ha detto, non può far non detto.

3

  Ben spero, donne, in vostra cortesia
  aver da voi perdon, poi ch'io vel chieggio.
  Voi scusarete, che per frenesia,
  vinto da l'aspra passion, vaneggio.
  Date la colpa alla nimica mia,
  che mi fa star, ch'io non potrei star peggio,
  e mi fa dir quel di ch'io son poi gramo:
  sallo Idio, s'ella ha il torto; essa, s'io l'amo.

4

  Non men son fuor di me, che fosse Orlando;
  e non son men di lui di scusa degno,
  ch'or per li monti, or per le piagge errando,
  scorse in gran parte di Marsilio il regno,
  molti dì la cavalla strascinando
  morta, come era, senza alcun ritegno;
  ma giunto ove un gran fiume entra nel mare,
  gli fu forza il cadavero lasciare.

5

  E perché sa nuotar come una lontra,
  entra nel fiume, e surge all'altra riva.
  Ecco un pastor sopra un cavallo incontra,
  che per abeverarlo al fiume arriva.
  Colui, ben che gli vada Orlando incontra,
  perché egli è solo e nudo, non lo schiva.
  — Vorrei del tuo ronzin (gli disse il matto)
  con la giumenta mia far un baratto.

6

  Io te la mostrerò di qui, se vuoi;
  che morta là su l'altra ripa giace:
  la potrai far tu medicar dipoi;
  altro diffetto in lei non mi dispiace.
  Con qualche aggiunta il ronzin dar mi puoi:
  smontane in cortesia, perché mi piace. —
  Il pastor ride, e senz'altra risposta
  va verso il guado, e dal pazzo si scosta.

7

  — Io voglio il tuo cavallo: olà non odi? —
  suggiunse Orlando, e con furor si mosse.
  Avea un baston con nodi spessi e sodi
  quel pastor seco, e il paladin percosse.
  La rabbia e l'ira passò tutti i modi
  del conte; e parve fier più che mai fosse.
  Sul capo del pastore un pugno serra,
  che spezza l'osso, e morto il caccia in terra.

8

  Salta a cavallo, e per diversa strada
  va discorrendo, e molti pone a sacco.
  Non gusta il ronzin mai fieno né biada,
  tanto ch'in pochi dì ne riman fiacco:
  ma non però ch'Orlando a piedi vada,
  che di vetture vuol vivere a macco;
  e quante ne trovò, tante ne mise
  in uso, poi che i lor patroni uccise.

9

  Capitò al fin a Malega, e più danno
  vi fece, ch'egli avesse altrove fatto:
  che oltre che ponesse a saccomanno
  il popul sì, che ne restò disfatto,
  né si poté rifar quel né l'altr'anno;
  tanti n'uccise il periglioso matto,
  vi spianò tante case e tante accese,
  che disfe' più che 'l terzo del paese.

10

  Quindi partito, venne ad una terra,
  Zizera detta, che siede allo stretto
  di Zibeltarro, o vuoi di Zibelterra,
  che l'uno e l'altro nome le vien detto;
  ove una barca che sciogliea da terra
  vide piena di gente da diletto,
  che solazzando all'aura matutina,
  gìa per la tranquillissima marina.

11

  Cominciò il pazzo a gridar forte: — Aspetta! —
  che gli venne disio d'andare in barca.
  Ma bene invano e i gridi e gli urli getta;
  che volentier tal merce non si carca.
  Per l'acqua il legno va con quella fretta
  che va per l'aria irondine che varca.
  Orlando urta il cavallo e batte e stringe,
  e con un mazzafrusto all'acqua spinge.

12

  Forza è ch'al fin nell'acqua il cavallo entre,
  ch'invan contrasta, e spende invano ogni opra:
  bagna i genocchi, e poi la groppa e 'l ventre,
  indi la testa, e a pena appar di sopra.
  Tornare a dietro non si speri, mentre
  la verga tra l'orecchie se gli adopra.
  Misero! o si convien tra via affogare,
  o nel lito african passare il mare.

13

  Non vede Orlando più poppe né sponde
  che tratto in mar l'avean dal lito asciutto;
  che son troppo lontane, e le nasconde
  agli occhi bassi l'alto e mobil flutto:
  e tuttavia il destrier caccia tra l'onde,
  ch'andar di là dal mar dispone in tutto.
  Il destrier, d'acqua pieno e d'alma voto,
  finalmente finì la vita e il nuoto.

14

  Andò nel fondo, e vi traea la salma,
  se non si tenea Orlando in su le braccia.
  Mena le gambe e l'una e l'altra palma,
  e soffia, e l'onda spinge da la faccia.
  Era l'aria soave e il mare in calma:
  e ben vi bisognò più che bonaccia;
  ch'ogni poco che 'l mar fosse più sorto,
  restava il paladin ne l'acqua morto.

15

  Ma la Fortuna, che dei pazzi ha cura,
  del mar lo trasse nel lito di Setta,
  in una spiaggia, lungi da le mura
  quanto sarian duo tratti di saetta.
  Lungo il mar molti giorni alla ventura
  verso levante andò correndo in fretta;
  fin che trovò, dove tendea sul lito
  di nera gente esercito infinito.

16

  Lasciamo il paladin ch'errando vada:
  ben di parlar di lui tornerà tempo.
  Quanto, Signore, ad Angelica accada
  dopo ch'uscì di man del pazzo a tempo;
  e come a ritornare in sua contrada
  trovasse e buon navilio e miglior tempo,
  e de l'India a Medor desse lo scettro,
  forse altri canterà con miglior plettro.

17

  Io sono a dir tante altre cose intento,
  che di seguir più questa non mi cale.
  Volger conviemmi il bel ragionamento
  al Tartaro, che spinto il suo rivale,
  quella bellezza si godea contento,
  a cui non resta in tutta Europa uguale,
  poscia che se n'è Angelica partita,
  e la casta Issabella al ciel salita.

18

  De la sentenza Mandricardo altiero,
  ch'in suo favor la bella donna diede,
  non può fruir tutto il diletto intero;
  che contra lui son altre liti in piede.
  L'una gli muove il giovene Ruggiero,
  perché l'aquila bianca non gli cede;
  l'altra il famoso re di Sericana,
  che da lui vuol la spada Durindana.

19

  S'affatica Agramante, né disciorre,
  né Marsilio con lui, sa questo intrico:
  né solamente non li può disporre
  che voglia l'un de l'altro essere amico;
  ma che Ruggiero a Mandricardo torre
  lasci lo scudo del Troiano antico,
  o Gradasso la spada non gli vieti,
  tanto che questa o quella lite accheti.

20

  Ruggier non vuol ch'in altra pugna vada
  con lo suo scudo; né Gradasso vuole
  che, fuor che contra sé porti la spada
  che 'l glorioso Orlando portar suole.
  — Al fin veggiamo in cui la sorte cada
  (disse Agramante), e non sian più parole;
  veggiàn quel che Fortuna ne disponga,
  e sia preposto quel ch'ella preponga.

21

  E se compiacer meglio mi volete,
  onde d'aver ve n'abbia obligo ognora,
  chi de' di voi combatter, sortirete;
  ma con patto, ch'al primo ch'esca fuora,
  amendue le querele in man porrete:
  sì che, per sé vincendo, vinca ancora
  pel compagno; e perdendo l'un di vui,
  così perduto abbia per ambidui.

22

  Tra Gradasso e Ruggier credo che sia
  di valor nulla o poca differenza;
  e di lor qual si vuol venga fuor pria,
  so ch'in arme farà per eccellenza.
  Poi la vittoria da quel canto stia,
  che vorrà la divina providenza.
  Il cavallier non avrà colpa alcuna,
  ma il tutto imputerassi alla Fortuna. —

23

  Steron taciti al detto d'Agramante
  e Ruggiero e Gradasso; ed accordarsi
  che qualunque di loro uscirà inante,
  e l'una briga e l'altra abbia a pigliarsi.
  Così in duo brevi, ch'avean simigliante
  ed ugual forma, i nomi lor notarsi;
  e dentro un'urna quelli hanno rinchiusi,
  versati molto, e sozzopra confusi.

24

  Un semplice fanciul nell'urna messe
  la mano, e prese un breve; e venne a caso
  ch'in questo il nome di Ruggier si lesse,
  essendo quel del Serican rimaso.
  Non si può dir quanta allegrezza avesse,
  quando Ruggier si sentì trar del vaso,
  e d'altra parte il Sericano doglia;
  ma quel che manda il ciel, forza è che toglia.

25

  Ogni suo studio il Sericano, ogni opra
  a favorire, ad aiutar converte
  perché Ruggiero abbia a restar di sopra:
  e le cose in suo pro, ch'avea già esperte,
  come or di spada, or di scudo si cuopra,
  qual sien botte fallaci e qual sien certe,
  quando tentar, quando schivar fortuna
  si dee, gli torna a mente ad una ad una.

26

  Il resto di quel dì, che da l'accordo
  e dal trar de le sorti sopravanza,
  è speso dagli amici in dar ricordo,
  chi a l'un guerrier chi all'altro, come è usanza.
  Il popul, di veder la pugna ingordo,
  s'affretta a gara d'occupar la stanza:
  né basta a molti inanzi giorno andarvi,
  che voglion tutta notte anco veggiarvi.

27

  La sciocca turba disiosa attende
  ch'i duo buon cavallier vengano in prova;
  che non mira più lungi né comprende
  di quel ch'inanzi agli occhi si ritrova.
  Ma Sobrino e Marsilio, e chi più intende
  e vede ciò che nuoce e ciò che giova,
  biasma questa battaglia, ed Agramante,
  che voglia comportar che vada inante.

28

  Né cessan raccordargli il grave danno
  che n'ha d'avere il popul saracino,
  muora Ruggiero o il tartaro tiranno,
  quel che prefisso è dal suo fier destino:
  d'un sol di lor via più bisogno avranno
  per contrastare al figlio di Pipino,
  che di dieci altri mila che ci sono,
  tra' quai fatica è ritrovare un buono.

29

  Conosce il re Agramante che gli è vero,
  ma non può più negar ciò c'ha promesso.
  Ben prega Mandricardo e il buon Ruggiero,
  che gli ridonin quel c'ha lor concesso;
  e tanto più che 'l lor litigio è un zero,
  né degno in prova d'arme esser rimesso:
  e s'in ciò pur nol vogliono ubbidire,
  voglino almen la pugna differire.

30

  Cinque o sei mesi il singular certame,
  o meno o più, si differisca, tanto
  che cacciato abbin Carlo del reame,
  tolto lo scettro, la corona e il manto.
  Ma l'un e l'altro, ancor che voglia e brame
  il re ubbidir, pur sta duro da canto;
  che tale accordo obbrobrioso stima
  a chi 'l consenso suo vi darà prima.

31

  Ma più del re, ma più d'ognun ch'invano
  spenda a placare il Tartaro parole,
  la bella figlia del re Stordilano
  supplice il priega, e si lamenta e duole:
  lo prega che consenta al re africano
  e voglia quel che tutto il campo vuole;
  si lamenta e si duol che per lui sia
  timida sempre e piena d'angonia.

32

  — Lassa! (dicea) che ritrovar poss'io
  rimedio mai ch'a riposar mi vaglia,
  s'or contra questo, or quel, nuovo disio
  vi trarrà sempre a vestir piastra e maglia?
  C'ha potuto giovare al petto mio
  il gaudio che sia spenta la battaglia
  per me da voi contra quell'altro presa,
  se un'altra non minor se n'è già accesa?

33

  Ohimè! ch'invano i' me n'andava altiera
  ch'un re sì degno, un cavallier sì forte
  per me volesse in perigliosa e fiera
  battaglia porsi al risco de la morte;
  ch'or veggo per cagion tanto leggiera
  non meno esporvi alla medesma sorte.
  Fu natural ferocità di core
  ch'a quella v'istigò, più che 'l mio amore.

34

  Ma se gli è ver che 'l vostro amor sia quello
  che vi sforzate di mostrarmi ognora,
  per lui vi prego, e per quel gran flagello
  che mi percuote l'alma e che m'accora,
  che non vi caglia se 'l candido augello
  ha ne lo scudo quel Ruggiero ancora.
  Utile o danno a voi non so ch'importi,
  che lasci quella insegna o che la porti.

35

  Poco guadagno, e perdita uscir molta
  de la battaglia può, che per far sète:
  quando abbiate a Ruggier l'aquila tolta,
  poca mercé d'un gran travaglio avrete;
  ma se Fortuna le spalle vi volta
  (che non però nel crin presa tenete),
  causate un danno, ch'a pensarvi solo
  mi sento il petto già sparrar di duolo.

36

  Quando la vita a voi per voi non sia
  cara, e più amate un'aquila dipinta,
  vi sia almen cara per la vita mia:
  non sarà l'una senza l'altra estinta.
  Non già morir con voi grave mi fia:
  son di seguirvi in vita e in morte accinta;
  ma non vorrei morir sì malcontenta
  come io morrò, se dopo voi son spenta. —

37

  Con tai parole e simili altre assai,
  che le lacrime accompagnano e sospiri,
  pregar non cessa tutta notte mai
  perch'alla pace il suo amator ritiri;
  e quel, suggendo dagli umidi rai
  quel dolce pianto, e quei dolci martiri
  da le vermiglie labra più che rose,
  lacrimando egli ancor, così rispose:

38

  — Deh, vita mia, non vi mettete affanno,
  deh non, per Dio, di così lieve cosa;
  che se Carlo e 'l re d'Africa, e ciò c'hanno
  qui di gente moresca e di franciosa,
  spiegasson le bandiere in mio sol danno,
  voi pur non ne dovreste esser pensosa.
  Ben mi mostrate in poco conto avere,
  se per me un Ruggier sol vi fa temere.

39

  E vi dovria pur ramentar che, solo
  (e spada io non avea né scimitarra),
  con un troncon di lancia a un grosso stuolo
  d'armati cavallier tolsi la sbarra.
  Gradasso, ancor che con vergogna e duolo
  lo dica, pure, a chi 'l domanda, narra
  che fu in Soria a un castel mio prigioniero;
  ed è pur d'altra fama che Ruggiero.

40

  Non niega similmente il re Gradasso,
  e sallo Isolier vostro e Sacripante,
  io dico Sacripante, il re circasso,
  e 'l famoso Grifone ed Aquilante,
  cent'altri e più, che pure a questo passo
  stati eran presi alcuni giorni inante,
  macometani e gente di battesmo,
  che tutti liberai quel dì medesmo.

41

  Non cessa ancor la maraviglia loro
  de la gran prova ch'io feci quel giorno,
  maggior, che se l'esercito del Moro
  e del Franco inimici avessi intorno.
  Ed or potrà Ruggier, giovine soro,
  farmi da solo a solo o danno o scorno?
  Ed or c'ho Durindana e l'armatura
  d'Ettòr, vi de' Ruggier metter paura?

42

  Deh, perché dianzi in prova non venni io,
  se far di voi con l'arme io potea acquisto?
  So che v'avrei sì aperto il valor mio,
  ch'avresti il fin già di Ruggier previsto.
  Asciugate le lacrime, e, per Dio,
  non mi fate uno augurio così tristo;
  e siate certa che 'l mio onor m'ha spinto,
  non ne lo scudo il bianco augel dipinto. —

43

  Così disse egli; e molto ben risposto
  gli fu da la mestissima sua donna,
  che non pur lui mutato di proposto,
  ma di luogo avria mossa una colonna.
  Ella era per dover vincer lui tosto,
  ancor ch'armato, e ch'ella fosse in gonna;
  e l'avea indutto a dir, se 'l re gli parla
  d'accordo più, che volea contentarla.

44

  E lo facea; se non, tosto ch'al Sole
  la vaga Aurora fe' l'usata scorta,
  l'animoso Ruggier, che mostrar vuole
  che con ragion la bella aquila porta,
  per non udir più d'atti e di parole
  dilazion, ma far la lite corta,
  dove circonda il popul lo steccato,
  sonando il corno s'appresenta armato.

45

  Tosto che sente il Tartaro superbo,
  ch'alla battaglia il suono altier lo sfida,
  non vuol più de l'accordo intender verbo,
  ma si lancia del letto, ed arme grida;
  e si dimostra sì nel viso acerbo,
  che Doralice istessa non si fida
  di dirgli più di pace né di triegua:
  e forza è infin che la battaglia segua.

46

  Subito s'arma, ed a fatica aspetta
  da' suoi scudieri i debiti servigi;
  poi monta sopra il buon cavallo in fretta,
  che del gran difensor fu di Parigi;
  e vien correndo invêr la piazza eletta
  a terminar con l'arme i gran litigi.
  Vi giunse il re e la corte allora allora;
  sì ch'all'assalto fu poca dimora.

47

  Posti lor furo ed allacciati in testa
  i lucidi elmi, e date lor le lance.
  Siegue la tromba a dare il segno presta,
  che fece a mille impallidir le guance.
  Posero l'aste i cavallieri in resta,
  e i corridori punsero alle pance;
  e venner con tale impeto a ferirsi,
  che parve il ciel cader, la terra aprirsi.

48

  Quinci e quindi venir si vede il bianco
  augel che Giove per l'aria sostenne;
  come ne la Tessalia si vide anco
  venir più volte, ma con altre penne.
  Quanto sia l'uno e l'altro ardito e franco,
  mostra il portar de le massicce antenne;
  e molto più, ch'a quello incontro duro,
  quai torri ai venti, o scogli all'onde furo.

49

  I tronchi fin al ciel ne sono ascesi:
  scrive Turpin, verace in questo loco,
  che dui o tre giù ne tornaro accesi,
  ch'eran saliti alla sfera del fuoco.
  I cavallieri i brandi aveano presi:
  e come quei che si temeano poco,
  si ritornaro incontra; e a prima giunta
  ambi alla vista si ferir di punta.

50

  Ferirsi alla visiera al primo tratto;
  e non miraron, per mettersi in terra,
  dare ai cavalli morte, ch'è mal atto,
  perch'essi non han colpa de la guerra.
  Chi pensa che tra lor fosse tal patto,
  non sa l'usanza antiqua, e di molto erra:
  senz'altro patto, era vergogna e fallo
  e biasmo eterno a chi feria il cavallo.

51

  Ferirsi alla visiera, ch'era doppia,
  ed a pena anco a tanta furia resse.
  L'un colpo appresso all'altro si raddoppia:
  le botte più che grandine son spesse,
  che spezza fronde e rami e grano e stoppia,
  e uscir invan fa la sperata messe.
  Se Durindana e Balisarda taglia,
  sapete, e quanto in queste mani vaglia.

52

  Ma degno di sé colpo ancor non fanno,
  sì l'uno e l'altro ben sta su l'aviso.
  Uscì da Mandricardo il primo danno,
  per cui fu quasi il buon Ruggiero ucciso:
  d'uno di quei gran colpi che far sanno,
  gli fu lo scudo pel mezzo diviso,
  e la corazza apertagli di sotto;
  e fin sul vivo il crudel brando ha rotto.

53

  L'aspra percossa agghiacciò il cor nel petto,
  per dubbio di Ruggiero, ai circostanti,
  nel cui favor si conoscea lo affetto
  dei più inchinar, se non di tutti quanti.
  E se Fortuna ponesse ad effetto
  quel che la maggior parte vorria inanti,
  già Mandricardo saria morto o preso:
  sì che 'l suo colpo ha tutto il campo offeso.

54

  Io credo che qualche agnol s'interpose
  per salvar da quel colpo il cavalliero.
  Ma ben senza più indugio gli rispose,
  terribil più che mai fosse, Ruggiero.
  La spada in capo a Mandricardo pose;
  ma sì lo sdegno fu subito e fiero,
  e tal fretta gli fe', ch'io men l'incolpo
  se non mandò a ferir di taglio il colpo.

55

  Se Balisarda lo giungea pel dritto,
  l'elmo d'Ettorre era incantato invano.
  Fu sì del colpo Mandricardo afflitto,
  che si lasciò la briglia uscir di mano.
  D'andar tre volte accenna a capo fitto,
  mentre scorrendo va d'intorno il piano
  quel Brigliador che conoscete al nome,
  dolente ancor de le mutate some.

56

  Calcata serpe mai tanto non ebbe,
  né ferito leon, sdegno e furore,
  quanto il Tartaro, poi che si riebbe
  dal colpo che di sé lo trasse fuore.
  E quanto l'ira e la superbia crebbe,
  tanto e più crebbe in lui forza e valore:
  fece spiccare a Brigliadoro un salto
  verso Ruggiero, e alzò la spada in alto.

57

  Levossi in su le staffe, ed all'elmetto
  segnolli; e si credette veramente
  partirlo a quella volta fin al petto:
  ma fu di lui Ruggier più diligente;
  che, pria che 'l braccio scenda al duro effetto,
  gli caccia sotto la spada pungente,
  e gli fa ne la maglia ampla finestra,
  che sotto difendea l'ascella destra.

58

  E Balisarda al suo ritorno trasse
  di fuori il sangue tiepido e vermiglio,
  e vietò a Durindana che calasse
  impetuosa con tanto periglio;
  ben che fin su la groppa si piegasse
  Ruggiero, e per dolor strignesse il ciglio:
  e s'elmo in capo avea di peggior tempre,
  gli era quel colpo memorabil sempre.

59

  Ruggier non cessa, e spinge il suo cavallo,
  e Mandricardo al destro fianco trova.
  Quivi scelta finezza di metallo
  e ben condutta tempra poco giova
  contra la spada che non scende in fallo,
  che fu incantata non per altra prova,
  che per far ch'a' suoi colpi nulla vaglia
  piastra incantata ed incantata maglia.

60

  Taglionne quanto ella ne prese, e insieme
  lasciò ferito il Tartaro nel fianco,
  che 'l ciel bestemmia, e di tant'ira freme,
  che 'l tempestoso mare è orribil manco.
  Or s'apparecchia a por le forze estreme:
  lo scudo ove in azzurro è l'augel bianco,
  vinto da sdegno, si gittò lontano,
  e messe al brando e l'una e l'altra mano.

61

  — Ah (disse a lui Ruggier), senza più basti
  a mostrar che non merti quella insegna,
  ch'or tu la getti, e dianzi la tagliasti;
  né potrai dir mai più che ti convegna. —
  Così dicendo, forza è che egli attasti
  con quanta furia Durindana vegna;
  che sì gli grava e sì gli pesa in fronte,
  che più leggier potea cadervi un monte.

62

  E per mezzo gli fende la visiera;
  buon per lui che dal viso si discosta:
  poi calò su l'arcion che ferrato era,
  né lo difese averne doppia crosta:
  giunse al fin su l'arnese, e come cera
  l'aperse con la falda sopraposta;
  e ferì gravemente ne la coscia
  Ruggier, sì ch'assai stette a guarir poscia.

63

  De l'un, come de l'altro, fatte rosse
  il sangue l'arme avea con doppia riga;
  tal che diverso era il parer, chi fosse
  di lor, ch'avesse il meglio in quella briga.
  Ma quel dubbio Ruggier tosto rimosse
  con la spada che tanti ne castiga:
  mena di punta, e drizza il colpo crudo
  onde gittato avea colui lo scudo.

64

  Fora de la corazza il lato manco,
  e di venire al cor trova la strada,
  che gli entra più d'un palmo sopra il fianco:
  sì che convien che Mandricardo cada
  d'ogni ragion che può ne l'augel bianco,
  o che può aver ne la famosa spada;
  e da la cara vita cada insieme,
  che, più che spada e scudo, assai gli preme.

65

  Non morì quel meschin senza vendetta;
  ch'a quel medesmo tempo che fu colto,
  la spada, poco sua, menò di fretta;
  ed a Ruggier avria partito il volto,
  se già Ruggier non gli avesse intercetta
  prima la forza, e assai del vigor tolto:
  di forza e di vigor troppo gli tolse
  dianzi, che sotto il destro braccio il colse.

66

  Da Mandricardo fu Ruggier percosso
  nel punto ch'egli a lui tolse la vita;
  tal ch'un cerchio di ferro, anco che grosso,
  e una cuffia d'acciar ne fu partita.
  Durindana tagliò cotenna ed osso,
  e nel capo a Ruggiero entrò due dita.
  Ruggier stordito in terra si riversa,
  e di sangue un ruscel dal capo versa.

67

  Il primo fu Ruggier, ch'andò per terra;
  e dipoi stette l'altro a cader tanto,
  che quasi crede ognun che de la guerra
  riporti Mandricardo il pregio e il vanto:
  e Doralice sua, che con gli altri erra,
  e che quel dì più volte ha riso e pianto,
  Dio ringraziò con mani al ciel supine,
  ch'avesse avuta la pugna tal fine.

68

  Ma poi ch'appare a manifesti segni
  vivo chi vive, e senza vita il morto,
  nei petti dei fautor mutano regni:
  di là mestizia, e di qua vien conforto.
  I re, i signori, i cavallier più degni,
  con Ruggier ch'a fatica era risorto,
  a rallegrarsi ed abbracciarsi vanno,
  e gloria senza fine e onor gli danno.

69

  Ognun s'allegra con Ruggiero, e sente
  il medesmo nel cor, c'ha ne la bocca.
  Sol Gradasso il pensiero ha differente
  tutto da quel che fuor la lingua scocca:
  mostra gaudio nel viso; e occultamente
  del glorioso acquisto invidia il tocca;
  e maledice o sia destino o caso,
  il qual trasse Ruggier prima del vaso.

70

  Che dirò del favor, che de le tante
  carezze e tante, affettuose e vere,
  che fece a quel Ruggiero il re Agramante,
  senza il qual dare al vento le bandiere,
  né volse muover d'Africa le piante,
  né senza lui si fidò in tante schiere?
  Or che del re Agricane ha spento il seme,
  prezza più lui, che tutto