Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Istoria civile del Regno di Napoli, v. 3/9
Author: Giannone, Pietro
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Istoria civile del Regno di Napoli, v. 3/9" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                             ISTORIA CIVILE
                                  DEL
                            REGNO DI NAPOLI


                                   DI
                            PIETRO GIANNONE


                              VOLUME TERZO



                                 MILANO
                           PER NICOLÒ BETTONI
                               M.DCCC.XXI



STORIA CIVILE DEL REGNO DI NAPOLI

LIBRO OTTAVO


Mentre l'Italia sotto la tirannide dell'ultimo Berengario e di
Adalberto suo figliuolo gemeva, gl'Italiani ridotti nell'ultime
miserie, pensarono di ricorrere ai soccorsi di Ottone figliuolo
d'Errico Re di Germania, il quale avendo domati i Sassoni ed i
Schiavoni, aveasi per le sue gloriose gesta acquistata fama non minore
di quella di Carlo M., e s'era renduto per tutta Europa celebre e
rinomato. Accelerò l'invito Adelaide vedova di Lotario, la quale
possedendo la città di Pavia assegnata a lei per dote dal marito
Lotario[1]; ed essendo ancor giovane e d'avvenenti maniere, fu fatta
dimandare da Berengario per isposa di suo figliuolo Adelberto: ma
ricusando ella lo sposo, sopra il suo rifiuto, Berengario la assediò
in Pavia, la prese e la mandò prigione nel castello di Garda: ella
ebbe talento di fuggirsene, ed implorò il soccorso del Re Ottone,
offerendogli di prenderselo in isposo e di cedergli le sue ragioni
sopra il Regno d'Italia. Adelaide, Porfirogenito[2], Luitprando[3] ed
altri comunemente la riputano figliuola di Berta e di Rodolfo Re della
Borgogna; ma Lione Ostiense[4] dice esser discesa da' Proceri della
Toscana, ed il nostro Anonimo Salernitano[5] la fa sorella di Gisulfo
Principe di Salerno: checchè ne sia, Ottone, a cui non erano ignote le
sue virtù ed avvenenza, tosto venne in suo soccorso, calò in Italia
con potente esercito, la liberò dall'oppressione di Berengario, ed
invaghitosi della di lei grazia e venustà, la sposò in moglie, e seco
in Alemagna la condusse, lasciando Corrado Duca di Lorena a perseguitar
Berengario e suo figliuolo, i quali furon costretti ad andare a
ritrovar Ottone in Alemagna e sottomettersi alla sua volontà[6]. Ottone
avendo ricevuto da essi il giuramento e l'omaggio, gli restituì ne'
loro Stati, eccettuato il Veronese e 'l Friuli, che furono da esso
dati a suo fratello Errico Duca di Baviera. Ma Berengario ed Adelberto
appena restituiti ne' loro Stati, cominciarono a cospirare contro
Ottone, e malmenare i suoi sudditi: affliggevano l'Italia con inudite
oppressioni, e maltrattavano il Papa, e tutti gli altri Vescovi e
Signori d'Italia. Portarono perciò eglino le loro querele e' lamenti
ad Ottone, e lo pregarono della sua protezione, invitandolo a calar di
nuovo in Italia per discacciarne questi tiranni. Il Papa ed i Romani
gli offerirono il Regno e la Corona imperiale: Valperto Arcivescovo
di Milano gli offerì parimente di volerlo incoronare ed ungerlo Re
d'Italia; e gli spedirono perciò una magnifica legazione.

Ottone assicurato del concorde animo di tutti gli Italiani, non volle
trascurare occasione così opportuna: ed avendo tenuta una Dieta in
Vormes, fece coronare in Aquisgrana Re di Germania Ottone II suo
figliuolo, che non avea più di sette anni; ed egli, stabilite le cose
d'Alemagna, avendo raunato un numeroso esercito, tosto traversando
la Baviera, per la via di Trento, insieme con Adelaide sua moglie, in
Italia portossi. Fu ricevuto dagl'Italiani con universale applauso, e
quantunque Adelberto avesse proccurato d'opporsegli con considerabili
forze, nulladimanco abbandonato da' suoi, abbandonò anch'egli
l'impresa, e fuggendo, non ebbe altro scampo, se non di ricovrarsi
nell'isola di Corsica[7]. Entrato per tanto Ottone senza contrasto
in Pavia, costrinse Berengario a fuggirsene con Villa sua moglie e
con tutta la sua famiglia: indi passando in Milano fu ricevuto con
incredibile giubilo da tutti i Milanesi. Allora l'Arcivescovo Valperto
memore della promessa fattagli, avendo convocato un Concilio di
Vescovi, al cospetto di tutta la città, ed in presenza di tutti, fu
Berengario con Adelberto privato del Regno, ed Ottone per Re d'Italia
proclamato: indi condotto nella chiesa di S. Ambrogio con grande
apparato e con solenne cerimonia, concorrendovi tutto il Popolo, lo
unse, e così consecrato sopra il suo capo pose la Corona del ferro:
così Ottone, che ora lo diremo Re di Germania insieme e d'Italia,
avendo in quest'anno 961 con tanta prosperità acquistato un tanto
Regno, con solenni giuramenti promise di voler difendere Italia con
tutti i suoi sforzi contro l'invasione di qualunque tiranno. Indi
tornato in Pavia si condusse nel seguente anno 962 coll'Arcivescovo
Valperto in Roma e con fioritissimo esercito, per ricevere dal Papa la
Corona imperiale: portò anche seco Adelaide, e fu da' Romani ricevuto
con non minore applauso ed allegrezza, che fu Carlo M. in quella città
introdotto. Pari fu il giubilo ed il concorso e l'ardente desiderio de'
Popoli di acclamarlo Imperadore d'Occidente: siccome eguali furono le
solenni cerimonie che Papa Giovanni XII volle usar con Ottone, niente
dissimili da quelle che praticò Lione con Carlo M. Egli incontrato
da Giovanni entrò nella chiesa del Vaticano, ove essendo pronto ed
apparecchiato tutto ciò che a sì augusta cerimonia richiedevasi, fu
dall'Arcivescovo Valperto presentato al Pontefice, il quale tosto lo
unse, e finalmente gli pose il diadema imperiale, gridando intanto
tutto il Popolo ivi accorso felicità e vittoria ad Ottone Augusto
Imperador Romano[8]: da poi avendo egli solennemente giurato difender
l'Italia contro i sforzi di Berengario, e di chi avesse tentato
perturbarla, in Pavia fece ritorno. Carlo Sigonio narra, che Ottone
fece ancora restituire al Papa alcune terre della Chiesa, che nelle
precedenti rivoluzioni d'Italia gli erano state occupate; rapportando
appresso, che Ottone III confermò le donazioni, che da Carlo M. e da
Lodovico Pio erano state fatte alla Chiesa di Roma; onde mal fa il
Chioccarelli[9], attribuendo questo privilegio di confermazione ad
Ottone I non al III, come fece il Sigonio.

Ecco ciò che si dice traslazione d'Imperio dagl'Italiani a' Germani,
della quale pure i romani Pontefici vogliono esserne riputati autori,
non altrimenti che lo pretesero di quella nella persona di Carlo
M.[10]. Così l'Imperio d'Occidente essendo prima passato da' Franzesi
negl'Italiani, fu poi trasportato negli Alemani in persona d'Ottone,
che l'ebbe per li diritti della sua conquista e per l'elezion libera
de' Popoli oppressi, i quali non potevano trovare allora altro
protettore, che lui per liberarsi dalla tirannia di Berengario.
Comunemente da' nostri Scrittori[11] Ottone vien chiamato il primo
Imperadore tedesco, ancorchè prima di lui fosse stato, come s'è detto,
Arnolfo; perchè dicono, che da Lione VIII, R. P. nell'anno 974, col
consenso di tutti i Romani fu l'Imperio aggiudicato ad Ottone ed
a tutti i suoi successori in perpetuo, e fu l'Imperio romano con
indissolubil nodo unito col Regno germanico[12], ciò che non può dirsi
d'Arnolfo, il quale in quella rivoluzione di cose in mezzo a tante
fazioni fu più per istudio delle parti, che per libera ed universale
acclamazione eletto Imperadore.



CAPITOLO I.

_OTTONE riordina il Regno d'Italia: sue spedizioni contra i Greci; ed
innalzamento del contado di Capua in Principato._


Stabilito Ottone nel regno d'Italia, furono rivolti tutti i suoi
pensieri a riordinarlo con migliori leggi ed istituti, non altrimente
che fece Carlo M. proccurò, calcando le sue pedate, ristabilirlo
dopo tante rivoluzioni in miglior forma: molte leggi di lui perciò
si leggono, e Goldasto[13] ne inserì molte ne' suoi volumi, per
le quali non meno il Regno germanico, che l'Italico fu riordinato.
Non è però, come per l'autorità del Sigonio credette l'Abate della
Noce[14], che Ottone avesse più distintamente di quello che fece Carlo
M. stabilite leggi sopra i Feudi; poichè il primo facitor di leggi
feudali fu Corrado il Salico, come diremo. Ma sopra queste nostre
province assai maggiore autorità acquistossi Ottone, che Carlo M.
istesso, e la sovranità, che vi esercitò fu di colui assai maggiore.
Non erano i nostri Principi longobardi, come il Principe di Benevento,
quello di Salerno ed il conte di Capua, in istato di opporsi alla sua
dominazione, siccome fecero Arechi e Grimoaldo Principi di Benevento
con Carlo M. e Pipino suo figliuolo; anzi dichiararonsi di lui ligi
e feudatarj, sottoponendo a lui i loro Stati, e riconoscendolo Re
d'Italia con quella medesima sovranità, che i loro maggiori riconobbero
gli antichi Re longobardi; e ciascuno di loro a gara mostravasi tutto a
lui ossequioso e riverente, per acquistarsi la sua grazia e protezione.

Reggeva in questi tempi, come s'è detto, il principato di Benevento
ed il Contado di Capua Pandulfo Capo di ferro insieme con Landulfo
III, suo fratello, il quale tosto, che seppe che Ottone s'incamminava
verso Capua per assicurarsi maggiormente della fedeltà di questi
Principi, e di Gisulfo precisamente (il quale se bene, al creder
dell'Anonimo, era suo cognato, dava però di se qualche sospetto di
dipendere da' Greci, da' quali avea ricevuto l'onore del Patriziato) e
che seco conduceva Adelaide sua moglie, uscì loro incontro con grande
apparecchio, ed in Capua ove avea sua residenza condottigli, furono
da questo Principe splendidamente e con sommo onore trattati[15].
Quivi, correndo l'anno 963, fermandosi, spedirono una Legazione in
Salerno al Principe Gisulfo, invitandolo con molti doni di venire in
Capua a riveder sua sorella. Gisulfo ancorchè dubbioso sospettasse
di qualche sinistro incontro, finalmente accompagnato da' suoi verso
quella città incamminossi, ed incontrato da Pandulfo e Landulfo lo
presentarono all'Imperador Ottone, il quale con molta allegrezza surto
dal Trono scese ad incontrarlo, ed abbracciatisi, si baciarono con
molti segni d'allegrezza. L'Imperadrice Adelaide (se dee prestarsi fede
all'Anonimo) veduto suo fratello corse ad abbracciarlo, e strettasi al
suo collo baciollo più volte, rimproverandogli come senza lor invito
non era venuto tosto a riveder sua sorella: Gisulfo dopo abbracciamenti
sì cari di sua sorella e di suo cognato con grande sua allegrezza e di
tutti i suoi ritornossene in Salerno.

Allora fu, che Pandulfo Capo di ferro entrato in somma grazia d'Ottone
ottenne per imperial autorità, che il Contado di Capua fosse innalzato
ad esser Principato, e ad esser egli nomato Principe di Capua, siccome
da poi furono gli altri, che a lui succedettero in Capua, e da questo
tempo, non da Atenulfo I, cominciarono i Principi di Capua, come
dimostra il nostro Pellegrino. Al quale onore successe da poi che Capua
nell'anno 988 fosse stata parimente innalzata ad esser metropoli, e
che Giovanni fratello di Landulfo da Vescovo ch'era di questa città,
fosse stato sublimato in Arcivescovo da Gio. XIII, come diremo più
diffusamente quando della politia ecclesiastica di questo secolo farem
parola.

Così i nostri Principi riconobbero per lor Sovrano Ottone Imperadore
come Re d'Italia, il quale per quest'istesse ragioni intraprese di
scacciare dalla Puglia e dalla Calabria i Greci, che possedevano
queste province, e di ridurre anche il Ducato napoletano sotto la sua
dominazione.

Era in quest'anno 964 succeduto nell'Imperio di Oriente Niceforo
Foca, il quale mal sofferendo che Ottone avesse in Italia acquistata
tanta autorità, e che pensasse discacciar i Greci dalla Puglia e
dalla Calabria, aveva munite queste province con forti presidj.
Erano governate le città delle medesime da Straticò, magistrato, che
lungamente durovvi sino a' Catapani; ed in Bari città metropoli della
Puglia avea unito il maggior nerbo delle sue forze; nè meno poteva
soffrire, che non si dasse a lui altro, che il titolo d'Imperador
de' Greci, e che all'incontro Ottone prendesse quello d'Imperador de'
Romani.

Ma Luitprando Vescovo di Cremona suo intimo familiare consigliò ad
Ottone, che prima di sperimentar le armi contro Niceforo, volesse
tentare, se per mezzo d'una stretta parentela potesse da lui ottener
ciò che sarebbe stato incerto di ottenere per mezzo d'una dubbia e
crudel guerra; a questo effetto riputò mezzo assai pronto ed efficace,
se Niceforo volesse dare in moglie la Principessa Anna, ovvero Teofania
ad Ottone suo figliuolo, e per titolo di dote gli concedesse le
due province Puglia e la Calabria. Era questa Principessa figliuola
dell'Imperador romano Argiro e dell'Imperadrice Teofania, la quale per
un esecrabile parricidio avea avvelenato Argiro, affinch'ella potesse
sposarsi Niceforo. Allora fu, che Ottone spedì in Costantinopoli una
magnifica Legazione a Niceforo, mandandovi per Ambasciadore il famoso
Luitprando Vescovo di Cremona a dimandarla: quegli che si rendè celebre
al mondo non meno per questa legazione, che per le molte sue opere, che
ci ha lasciate.

Riuscì però inutile l'ambasceria di Luitprando presso Niceforo, il
quale mal potendo ancora celare col medesimo l'astio, che covava
internamente contro Ottone, lo trattò indegnamente, e dopo averlo fatto
trattenere inutilmente quattro mesi in Costantinopoli, ne lo rimandò
senza conchiusione alcuna.

Intanto Ottone lusingato, che dovrebbero aver effetto i suoi disegni,
avea a se richiamato Ottone suo figliuolo, il quale fermatosi col padre
in Roma, fu associato in quest'anno 968 all'Imperio e dal Pontefice
era stato unto ed incoronato colla Corona imperiale. E Niceforo
in quest'istesso tempo, per ingannar maggiormente Ottone, e perchè
potesse riuscirgli il disegno, prima che ne rimandasse Luitprando,
gli mandò Ambasciadori offerendogli la sua parentela, che avrebbe
mandata la Principessa Teofania in Calabria; e che perciò mandasse egli
all'incontro gente quanto più tosto potesse in Calabria per riceverla.

Ottone, a cui non era nota a bastanza la fede greca, il credè, e ne
scrisse anche a' Duchi di Sassonia, dando loro speranza, che in breve
avrebbe ricuperata la Puglia e la Calabria, e riportato in Germania
Ottone suo figliuolo già casato, e mandò tosto gente in Calabria
per questo fine; ma giunti a pena, furono improvisamente colti per
un'imboscata, che Niceforo fece lor preparare, ove molti restarono
morti e gli altri presi, furono in Costantinopoli fatti portar
prigionieri.

Allora Ottone detestando i Greci, fieramente sdegnato invase i confini
della Calabria depredandola e ponendo sossopra tutta quella provincia.
In questa congiuntura s'unirono con lui i nostri Principi longobardi,
i quali come suoi Feudatarj erano obbligati seguirlo in Guerra; e
Pandulfo Capo di ferro si portò anche in Calabria contro i Greci
e contro i Saraceni, i quali erano stati da' Greci chiamati in lor
ajuto: e Gisulfo Principe di Salerno, ancorchè di sospetta fede per
l'aderenza, che teneva co' Greci, mostrò nondimeno in quest'occasione
(essendosi poco prima rimesso sotto la protezione e clientela d'Ottone)
di volerlo soccorrere in quest'impresa.

Fu pertanto ostinatamente combattuto co' Greci e Saraceni; e mentre
Pandulfo con Ottone era in Calabria, gli venne l'avviso, che il
Principe Landulfo suo germano era morto. Aveva costui tenuto il
principato di Benevento anni otto; e se bene di se avesse lasciato
Pandulfo suo figliuolo, nulladimanco Pandulfo tosto che seppe la di
lui morte, lasciando l'Imperadore in Calabria, si portò in Benevento ed
avendo escluso suo nipote, sublimò il Principe Landulfo suo figliuolo,
che perciò Landulfo IV fu detto[16].

Indi, essendosene Ottone ritornato in Ravenna, ottenne dal medesimo
nell'anno 969, molti ajuti per invadere la Puglia, siccome con gli
ajuti ricevuti da Ottone, e con alquanti giovani beneventani e capuani,
l'invase, e presso Bovino col suo esercito accampossi. Ma i Greci
usciti furiosamente dalla città, gli combatterono, e dopo una dubbia
pugna, finalmente restò Pandulfo vinto e fatto prigione da' Greci.
Erano questi sotto il comando d'Eugenio Patrizio, ch'era lo Straticò,
il quale tosto lo fece condurre prigioniero in Costantinopoli. Intanto
Gisulfo Principe di Salerno erasi avviato per soccorrere Pandulfo; ma
tardi giungendo o fosse stato per impedimenti avuti o pure artificiosa
malizia di moversi intempestivamente, tosto ritornossene in Salerno.

I Greci spinti dal furor della vittoria invasero i confini di
Benevento, prendono Avellino e verso Capua s'inoltrano: e depredando
tutto il paese, cingono la città istessa, e per quaranta giorni la
tennero strettamente assediata.

Allora i Napoletani vedendo la fortuna de' Greci andar molto prospera
s'unirono presso Capua con Eugenio Patrizio. Presedeva in questi tempi
per Duca in Napoli _Marino_, la notizia del quale noi la dobbiamo
all'Anonimo Salernitano, poichè presso gli altri Scrittori niuna
memoria abbiamo, dopo Giovanni, de' Duchi di Napoli, che fiorirono in
questi tempi; e quella carta rapportata dal Summonte e creduta per vera
dal novello Istorico Giannettasio traduttor del Summonte, dove si fa
menzione di Oligamo Stella Duca, che 'l Giannettasio lo fa successore
di Giovanni e di Ginello Capece, Baldassare Giovanne e Sarro Brancaccio
Consoli, fu grossamente supposta, così perchè in questi tempi l'uso
de' cognomi non erasi ancora ripigliato; come perchè il Capaccio[17] ed
altri testificano quella carta non essersi mai trovata fra le scritture
delle Monache di S. Sebastiano, ove fu finto conservarsi. Tanto che
il nostro Pellegrino[18] dice assai bene, che non è da sperare una
interrotta serie de' Duchi di Napoli, come d'Amalfi: nel che nè meno
ci possono giovare alcune antiche carte date in Napoli, non esprimendo
altro che i nomi ed i tempi de' greci Imperadori, alla dominazione de'
quali era questo Ducato sottoposto.

Marino co' suoi Napoletani presso Capua accampossi, nè si impiegò
ad altro, che a devastare il paese d'intorno con incendj e rapine;
Eugenio vedendo che inutilmente si raggiravano intorno Capua, e temendo
d'Ottone, di cui erasi sparsa voce, che con esercito numerosissimo
di Alemanni, Sassoni e Spoletini verso Capua s'incamminava per
soccorrerla, perchè non fossero colti in mezzo, pensò d'abbandonar
l'assedio ed in Salerno ritirossi, accolto da Gisulfo, che lo trattò,
sin che ivi si trattenne, con molta splendidezza, avverando per questo
fatto il concetto, che di lui aveasi di non essersi mai distaccato
da' Greci, e che simulatamente mostrasse aderire alle parti d'Ottone,
e che perciò così tardi mandasse il soccorso a Pandulfo. Eugenio
dopo essersi trattenuto in Salerno alquanti giorni fece ritorno
in Puglia[19]: nè passarono molti giorni che sopraggiunse in Capua
l'esercito numerosissimo d'Ottone, e non trovati ivi i Greci, si mise
a porre sossopra, ed a devastare tutto il territorio dei Napoletani,
ed unito co' Capuani cinse di stretto assedio la città di Napoli. Ma
non potendo espugnarla, ritornarono in dietro, e sopra Avellino, che
era in poter de' Greci, a' quali poco prima s'era reso, s'accamparono,
nè si travagliò molto, che tosto fu dai Beneventani ricuperata, indi
in Benevento se ne tornarono, con proposito di passar in Puglia per
discacciarne da questa provincia i Greci, ove tenevano raccolte tutte
le loro forze, e che in Bari s'erano con numerosi presidj fortificati.

Non è da tralasciarsi in questo luogo, ciò che trattando della
politia ecclesiastica in appresso più diffusamente diremo, che fermato
l'esercito d'Ottone in Benevento in quest'anno 969, prima d'accingersi
a sì dubbia impresa, e di muovere l'armi terrene, parve ad Ottone
cominciare di là onde conviensi, cioè di ricorrere agli ajuti del
Cielo. Era stato fin qui la Chiesa di Benevento governata da' Vescovi;
ma ora Giovanni XIII, ciò che aveva fatto un anno prima di Capua,
volle, a contemplazion d'Ottone e de' Principi Pandulfo e Landulfo,
far il medesimo di Benevento; l'innalzò perciò a metropoli, e per
suffraganee le assegnò molte Chiese, ed il primo Arcivescovo, che vi
constituì in quest'anno 969, fu Landulfo, a cui concedette l'uso del
Pallio, e confermogli le Chiese sipontina e garganica. Mentre adunque
l'esercito d'Ottone accingevasi a quest'impresa, Landulfo Arcivescovo
con sacra cerimonia celebrò solennemente la messa, che fu da tutti
intesa, e dopo questo furono dal medesimo Arcivescovo comunicati del
Corpo e del Sangue del Signor Nostro Gesù Cristo: indi ricevuta la
benedizione dallo stesso Prelato, s'avviarono con grande allegrezza
verso la Puglia[20]. Ove è da notare che in questi tempi era ancora
ritenuta in queste nostre parti ed in Italia la Comunione sotto l'una
e l'altra specie, ed ammettevansi tutti alla participazione così del
Corpo, come del Sangue, nè presso noi, se non in tempi più bassi, fu
quella tolta.

L'esercito d'Ottone, che si componeva di Beneventani, Alemanni, Sassoni
e Spoletini, giunto in Ascoli fu incontrato da Abdila Patrizio, che
con buon numero di Greci pretese attaccarlo, poichè Eugenio per la sua
estrema crudeltà era stato da' suoi preso e mandato in Costantinopoli
prigione. Fu combattuto ferocemente presso Ascoli, e finalmente furono
i Greci vinti e, fatto un gran bottino, se ne ritornarono i Beneventani
trionfanti in Avellino[21].

Intanto Ottone indrizzò le sue genti verso Napoli, le quali nel
contorno depredaron tutto il bestiame, e mentre Ottone se ne ritornava,
fu tutta dolente ad incontrarlo Aloara moglie del Principe Pandulfo,
con un suo figliuolo, pregandolo della liberazione di suo marito,
che in Costantinopoli era da Niceforo crudelmente trattato in oscura
prigione[22]. Ottone tosto ritornò in Puglia, nella quale diede
guasti grandissimi, cinse di stretto assedio Bovino, e molti luoghi
d'intorno fece brugiare; ma mentre queste cose succedevano in Puglia,
Niceforo in quest'anno 970, fu di morte violenta tolto al Mondo;
poichè Teofania sua moglie insieme con Giovanni Zimisce crudelmente
lo fecero ammazzare, ed in questo istesso anno Giovanni fu eletto
Imperadore d'Oriente. Giovanni rivocando ciò che il suo predecessore
aveva fatto, tosto sprigionò Pandulfo, l'assolvè e lo mandò in Puglia,
raccomandandolo anche ad Ottone, che nei suoi Stati lo riponesse.
Zimisce volle aver amicizia con Ottone, e (ciò che avevagli negato
Niceforo) gli mandò Teofania, perchè si sposasse con Ottone suo
figliuolo, la quale fu condotta in Roma, ove con molta splendidezza
fu da Ottone sposata, ed Augusta proclamata[23]. Giunto Pandulfo
in Bari, fu tosto chiamato da Ottone: Abdila glielo mandò assai
onorificamente, e ricevuto da Ottone fu restituito ne' suoi Stati e
nella pristina dignità: laonde Pandulfo per gratificare Giovanni della
libertà donatagli, tanto si adoperò con Ottone che gli fece abbandonar
l'impresa: onde fatta la pace, Ottone si ritenne d'invadere la Puglia
e la Calabria, e queste province perciò non furon mai da Ottone
conquistate, come si diedero a credere molti Scrittori contro ciò che
narra l'Anonimo, scrittore contemporaneo. Partì Ottone, ed in Francia
fece ritorno, nè più potè rivedere queste nostre regioni; poichè
sopraggiunto poco da poi dalla morte, nell'anno 973, finì i giorni
suoi, ed acquistatosi per le cose maravigliose adoperate il soprannome
di Magno, meritò esser comparato a Carlo il Grande.



CAPITOLO II.

_OTTONE II succede al padre; disordini nel Principato di Salerno, nel
quale finalmente vi succede PANDULFO._


Essendo morto in quest'anno Ottone il Grande, Ottone II suo figliuolo,
che vivente il padre era stato associato all'imperio, cominciò a
regger solo il Regno d'Italia, e ad esercitare quivi tutta quella
sovranità, che suo padre aveasi acquistata, la quale sopra queste
nostre province assai più accrebbesi per la discordia de' nostri
Principi longobardi; poichè mentre Pandulfo Capo di ferro restituito
in Capua sua sede, insieme con Landulfo IV suo figliuolo, che sedeva
in Benevento, reggevano questi due Principati, accaddero in Salerno sì
strane revoluzioni e sconvolgimenti, che posero sossopra tutto quel
Principato. Origine di tanti mali fu la soverchia fidanza, ch'ebbe
Gisulfo con suoi congiunti, i quali da esuli ch'erano, avendo voluto
richiamargli ed ingrandirgli, portarono con inaudita ingratitudine la
ruina del suo Stato.

Atenulfo II quegli, che, come si disse, discacciato da Capua erasi
ricovrato in Salerno sotto Guaimaro II suo genero, lasciò più
figliuoli, ch'esuli insieme col padre lungo tempo eran andati raminghi.
Uno d'essi Landulfo chiamato, si ricovrò prima col padre in Salerno,
da poi andossene ad abitare in Napoli; ma da poi ad intercessione
di Gaidelgrima sua sorella, moglie che fu di Guaimaro II, e madre di
Gisulfo I. fu da questo Principe ch'era suo nipote, per non disgustarsi
sua madre richiamato in Salerno; e Gisulfo oltre averlo affettuosamente
accolto diedegli anche il Contado di Consa; ma perch'era un uomo assai
crudele ed insoffribile, i Consani non potendolo più soffrire, lo
discacciarono da Consa, nè Gisulfo potè tollerarlo guari in Salerno,
onde discacciato bisognò che di nuovo in Napoli facesse ritorno con la
sua casa: avea procreati Landulfo quattro figliuoli, Guaimaro, Indolfo,
Landulfo e Landenulfo.

Accadde, che mentre Landulfo con questi suoi figliuoli erano in
Napoli, Gisulfo s'ammalasse, onde Gaidelgrima sua madre, toltolo a
tempo cominciò tutta dolente e lagrimosa a piangere, di che Gisulfo
accortosi, dimandò, che s'avesse: ella rispose immantinente; piango,
perchè avendo perduto mio marito, ora veggo te infermo: nè ho chi
in tanta amaritudine possa consolarmi, poichè anche il mio fratello
è da me lontano: che dunque, rispose Gisulfo, avrò da fare? che si
richiami, replicò ella, con tutta la sua famiglia. Gisulfo vinto dalle
lagrime di sua madre, che si richiami le rispose: e risanato da quella
infermità, fu Landulfo tosto richiamato in Salerno, e portò seco tre
suoi figliuoli, lasciando in Napoli Landulfo uomo d'ingegno astuto e
pieno d'inganni.

Fu accolto Landulfo dal Principe con molti segni di stima, di molti
poderi l'arricchì, e restituigli ancora il Contado di Consa; e
niente prevedendo di ciò che poteva accadergli, l'innalzò tanto, che
narra l'anonimo Salernitano[24] suo contemporaneo, che lo costituì
dopo lui nel primo grado in Salerno. Co' suoi figliuoli fu ancora
liberalissimo, a Guaimaro diede il Contado di Marsico nel Principato
di Salerno, concedendogli quasi tutte le ragioni ed emolumenti del suo
fisco. Ad Indolfo donò il Contado di Sarno. A Landenulfo il Contado
di Lauro, pure nel Principato di Salerno; ed essendosene costui poco
da poi morto nell'anno 971 fu richiamato da Napoli Landulfo, al quale
Gisulfo concedè il Contado stesso di Lauro, non senza indignazione
de' Salernitani e de' Nobili di quella città, che vedevano con tanta
imprudenza di Gisulfo sublimati questi Principi.

Landulfo padre, entrato in tanta grandezza, tosto cominciò a pensar
modi, come potesse invadere il Principato di Salerno: egli vedutosi
con tante forze si proccurò ancora il favore de' Duchi d'Amalfi e di
Napoli, perchè l'assistessero a quest'impresa ed ajutato da quelle
de' suoi figliuoli, e da Landulfo precisamente uomo accorto ed astuto,
avendo con alquanti congiurato il modo, una notte, avendo corrotti i
custodi, ebbe modo d'entrare nel Palazzo del Principe: ivi avendo preso
l'infelice Gisulfo insieme con l'infelice Principessa Gemma sua moglie,
figliuola d'Alfano ed agnata di Lamberto Duca di Spoleto, furono
imprigionati, e dando a sentire agli altri essere stati ammazzati,
fu la città posta sossopra. I Salernitani credutigli morti si posero
in somma costernazione, nè sapendo che si fare in tanta revoluzione,
furono costretti di giurare per Principe Landulfo lor tiranno, il quale
temendo non si scoprisse esser vivi Gisulfo e la Principessa Gemma,
tosto gli fece levare da Salerno ed in Amalfi gli fece condurre; indi,
discacciati che gli ebbe, assunse anche per collega al Principato
Landulfo suo figliuolo in quest'istesso anno 972 ovvero 973.

Presedeva in questi tempi per Duca in Amalfi Mansone Patrizio, ed in
Napoli, come si disse, Marino Patrizio. Questi intesi della congiura,
subito che udirono essere stato Gisulfo da Salerno scacciato, vennero
in Salerno con alquante truppe per soccorrere Landulfo, e stabilmente
fermarlo nel Principato[25]. Non si vide maggiore ingratitudine di
quella che usò Marino Duca di Napoli in quest'incontri, il quale
dimenticatosi tosto de' beneficj ricevuti da Gisulfo, dimenticatosi
ancora de' tanti giuramenti fatti di soccorrerlo, ora s'unisce col
tiranno per discacciarlo dalla sede.

Ma furono questi disegni ed iniqui consigli dissipati ben tosto; poichè
ricredutisi i Salernitani, che Gisulfo e la Principessa Gemma non
eran morti, ma vivi erano in Amalfi, tosto cominciarono a tumultuare
e a fremere contro essi medesimi di tanta credulità e de' passi che
avean dati. S'aggiunse ancora, che Indolfo, che aveva veduto assunto
per collega al Principato Landulfo suo fratello, e di lui niun conto
tenersi, contro ciò che il padre con più sacramenti gli avea promesso,
cominciò ad aspirare al Principato, sollecitando perciò Marino Duca
di Napoli, che l'ajutasse in quest'impresa: fu perciò, per sedare in
parte i tumulti, risoluto di prendere Indolfo e mandarlo in Amalfi,
siccome preso che fu, nascostamente fu mandato in quella città: e tolto
l'oppositore, i Salernitani furono costretti a giurare a Landulfo il
Giovane, Principe assai crudele e scaltro. Ma con pernizioso consiglio
richiamato non molto da poi Indolfo in Salerno, questi dissimulando
il torto, cominciò a rendersi i Salernitani benevoli, co' quali
profusamente trattava, e ridotti al suo partito i più principali
e' congiunti del Principe Gisulfo, cominciò ad insinuar loro, che
discacciati i tiranni si dessero a Pandulfo Capo di ferro, il quale
saprebbe colle sue forze restituirgli Gisulfo, ed intanto proccurassero
fortificarsi ne' Castelli, affinchè alla venuta di Pandulfo potessero
tosto portargli ajuto e soccorso. In fatti molti Proceri salernitani,
e fra gli altri gl'istessi Riso e Romoalt, due celebri personaggi,
pentitisi di quanto aveano cooperato nella congiura, si portarono in
Amalfi avanti i Principi discacciati, ed ivi con molti giuramenti e
pianti dolutisi del torto, che si era a loro fatto, promisero fare ogni
sforzo di ritornargli nella pristina dignità.

Il Principe Pandulfo invitato da' congiunti del Principe Gisulfo e da'
Salernitani, i quali in varj castelli s'erano fortificati per ricever
il suo ajuto, compassionando il caso di quell'infelice Principe, che
era suo consobrino, prese con incredibile allegrezza l'impegno di
restituire Gisulfo in Salerno; ed avendo unito alquante sue truppe
s'incamminò verso Salerno. Fu incontrato da Indolfo, che gli cercò
per se il Contado di Consa; ma Pandulfo dichiarandosi che non poteva
ciò fare; questi pien di mestizia pensò tornare in Salerno, ove fu
preso da' suoi stessi ed a Landulfo consignato. Intanto Capo di ferro
unitosi co' Salernitani, che stavano ne' castelli, espugnò tutti i
luoghi del Principato di Salerno, depredando il paese intorno, ei cinse
Salerno di stretto assedio. I Landulfi padre e figliuolo gli fecero
molta resistenza, e non fidandosi de' Salernitani valevansi di Mansone
Patrizio, che tenevan presso di loro nel Palazzo co' suoi Amalfitani,
ai quali diede la custodia delle torri che circondavano la città; ma
non poteron lungo tempo resistere alle forze di Pandulfo, il quale
finalmente nell'anno 974 l'espugnò, e discacciati i tiranni, non per se
occupolla, ma in quest'istesso anno la restituì al legittimo Principe.
Gisulfo e Gemma, o perchè così fra di loro fossero convenuti o pure
per gratitudine di tanti beneficj, non tenendo figliuoli, adottaronsi
per loro figliuolo Pandulfo figliuolo di Pandulfo, che vollero anche
istituirlo Principe di Salerno, e Gisulfo volle averlo per Compagno
nel Principato insin che visse, cioè sin all'an. 978[26]. Ed egli
morto in quest'anno, restando Pandulfo successore in Salerno, volle
anche Pandulfo suo padre assumere il titolo di Principe insieme col
figliuolo, onde si fece, che nella persona di Pandulfo _Capo di ferro_
s'unissero tre titoli, e fosse detto Principe insieme di Capua, di
Benevento, e di Salerno. Quindi l'Anonimo Salernitano, che in questi
tempi vivea, e che fin qui continuò la sua istoria, che a questo
Principe dedicolla, in un carme che compose in lode del medesimo, lo
chiamò Principe di queste tre città dicendogli:

    _Tempore praeterito Tellus divisa maligno_
    _Unitur tuo ecce, tuente Deo_[27].

Siccome il valore e prudenza di Atenulfo I potè far argine alla
ruina de' Longobardi, la quale per le tante rivoluzioni e disordini
di queste province, era imminente; così ora la potenza di Pandulfo
_Capo di ferro_ trattenne alquanto il corso della loro caduta; ma
s'avrebbe potuto sperare dal valore di questo Principe qualche buon
frutto, se non avesse già poste profonde radici quella pessima usanza
de' Longobardi di partir ugualmente i loro Stati tra' loro figliuoli,
i quali se bene presentemente si vedevano ne' titoli uniti in una
sola persona, non è però, che _Capo di ferro_ non avesse aggiudicato
il Principato di Benevento a Landulfo IV, suo figliuolo, e quello di
Salerno a Pandulfo altro suo figliuolo. Tutti i Principi longobardi
della razza di Landulfo I Conte di Capua, que' di Benevento ancora
e gli altri di Salerno, ebbero costume di provvedere tutti i loro
figliuoli di proprj Feudi; e se bene nel principio gli amministravano
indivisi, ancorchè ciascuno riconoscesse la sua parte, e sotto le
medesime leggi; nulladimanco la condizione umana dovea portare per
conseguenza la discordia fra di loro, onde poi divisi in fazioni
diedesi agli esterni pronta occasione d'occupargli. Le massime della
politica s'apprendevano allora dalla Scrittura Santa, non avendo per
la barbarie de' tempi altri libri donde fossero meglio istrutti: essi
leggendo quivi l'ammonizione di Davide, dicente, non esservi cosa più
gioconda, che _habitare fratres in unum_, si regolavano da questo
detto: ma non vedevano che ciò era ben da desiderare, e conseguito
da tenersi caro; ma per la condizione umana era difficile a porsi in
pratica; e potevano dalla medesima scrittura apprendere, che ogni regno
diviso, per se stesso sì dissolverebbe. Comunque siasi non gli dava il
cuore che al primogenito si dasse tutto, per ciò fattosi luogo alla
successione, la città principale era ritenuta dal primogenito, e gli
altri fratelli erano investiti di Contadi ed altri Feudi, de' quali
per essere i possessori della stessa razza, da dependenti Signori, che
ne erano, se ne rendevano assoluti. Così abbiam veduto di Radelchiso
Principe di Benevento, il quale avendo da Caretruda generati dodici
figliuoli, oltre Radalgario, che gli succedette, gli altri furono tutti
Conti. Lo stesso accadde del Principato di Salerno, il quale, come si
è detto, diviso da Gisulfo, con indignazione de' Salernitani, in tanti
Contadi tra i figliuoli di Landulfo, fu veduto possedersi da tanti,
oltre i Proceri salernitani, i quali ne' loro castelli viveano ben
fortificati con assoluto ed independente arbitrio.

Ma sopra tutto il Principato di Capua patì questa deformazione; poichè
dalla razza d'Atenulfo, come dal cavallo trojano ne uscirono tanti
Conti e Signori, che riempierono non meno Capua, che Benevento di
Contadi e Signorie. Del sangue di questo Principe uscirono i Conti
di Venafro, di Sessa, d'Isernia, di Marsico, di Sarno, di Aquino,
di Cajazza, di Teano e tanti altri. Li quali se bene, come si è
altre volte detto, nel principio fossero stati conceduti in Feudo,
nulladimanco poi ciò che era loro stato dato in amministrazione passò
in signoria; ed insino a questi tempi la cosa era comportabile, perchè
la concessione per la morte o fellonia del Conte, restava estinta, nè
il Contado passava all'erede; ma in questi tempi indifferentemente
praticavasi, per la ragione altrove rapportata, che passasse a'
figliuoli ed eredi, concedendosi l'investiture _pro se et haeredibus_,
siccome tra gli antichi monumenti si legge investitura fatta nell'anno
964 in Capua da Pandulfo Capo di ferro, e da Landulfo suo figliuolo
della città d'Isernia colle sue pertinenze a Landulfo e suoi eredi[28].

Così concedendosi tanti Contadi e Feudi, non solo vennero a
multiplicarsi e poi dividersi in tante parti, ma investendone quelli
del medesimo loro sangue, si invogliavano ad aspirare alla signoria
independente, e posero con ciò in iscompiglio e disordine gli Stati,
che per ultimo restarono preda d'altre nazioni.


§. I. _Cognomi di famiglie restituiti presso di noi, che per lungo
tempo erano andati in disuso._

Dal numero di tanti Feudi e Contadi posseduti da varie famiglie,
sursero i cognomi per disegnarle; poichè i Longobardi non avendo
cognomi per denotare le particolari famiglie, dalle città e terre
che possedevano ed ove aveano fermata residenza, presero i cognomi;
e cominciossi tratto tratto in queste nostre parti a restituire il
costume degli antichi Romani; i quali cognomi se bene in questi tempi
degli ultimi nostri Principi longobardi si cominciassero a restituire,
succeduti da poi i Normanni, questi furono che gli accrebbero in
immenso, onde si restituirono in tutti i cognomi, che diedero da poi
distinzione alle famiglie.

I Romani, che non conobbero Feudi trassero i cognomi altronde, non
da' luoghi che forse avessero i loro maggiori posseduti. Ma come che
presso i medesimi la pastorizia e l'agricoltura era avuta in molta
riputazione, moltissime famiglie trassero il cognome dalle cose
rusticane a queste appartenenti: quindi i Latuzj, i Melj, gli Frondisj,
i Fabj, i Pisoni, i Lentuli ed i Ciceroni; e dalla pastorizia, i
Bubulci, i Bupecj, Juvenci, i Porzj, Scrofe, Pilumni, Juni, Satirj,
Tauri, Vituli, Vitellj, Suilli, Capriani, Ovini, Caprillj, Equini ed
altri, de' quali fece lungo Catalogo il Tiraquello[29].

Anche presso i medesimi sortirono le famiglie il cognome dalla natura,
che ora propizia, ora inimica deformò loro il corpo o l'animo d'alcun
vizio, o l'arricchì di qualche speziale avvenenza, o di buon costume:
così dalla larghezza de' piedi, surse il cognome de' Planci; dalla
grassezza, quello de' Grassi; dagli capegli l'altro de' Cincinnati;
da' nasuti, i Nasoni e tanti altri. Sovente da' costumi, come Metello
Celere, dalla sua celerità; altronde dal caso, come Valerio Corvino;
altrove dal luogo conquistato, come Scipione Affricano, e così degli
altri[30].

Ma presso questi ultimi nostri Longobardi per la maggior parte
i cognomi sursero dalle città e castelli, che i loro antenati
possederono, e ne' quali essi trasferivano la loro abitazione, ed ivi
dimoravano in tutto il tempo della loro vita. Così dal castello di
Presensano surse il cognome di _Presensano_, la qual famiglia insieme
col castello mancò in Capua dopo il tempo del Re Roberto. Così ancora
presso Erchemperto[31], Marino in cognominato Amalfitano, perchè
presideva in Amalfi, della quale città fu Duca; e presso il medesimo
Autore[32], Landulfo fu appellato Suessulano, perchè presideva a
Suessula; e da Lione Ostiense[33] Gregorio fu cognominato Napoletano,
perchè fu Duca di Napoli; e il medesimo Autore[34] cognominò Landulfo
di Santa Agata (del quale più innanzi parleremo) non per altro, perchè
fu Conte di quella città. E poichè tutti questi Proceri da Capua,
dalla prosapia d'Atenulfo discesero, perciò presso gli Scrittori di
questi tempi furono anche detti Nobili capuani, onde surse il cognome
della illustre Famiglia capuana, e furon detti per lungo tempo Nobili
capuani tutti coloro che furono della razza de' Conti e Principi di
Capua, ancorchè fossero divisi in più famiglie, come il dimostra con
somma accuratezza il diligentissimo Pellegrino[35]: quindi si fece che
alcuni ritenessero anche da poi il cognome di _Capuani_ o di _Capua_;
ed altri dai luoghi che possedevano, ancorchè dell'istesso genere,
si cognominarono. Così la famiglia di Sesto surse dal castello di
questo nome nel Contado di Venafro, che da' Conti di questo luogo e da
Pandulfo, al quale fu dato il cognome di Sesto, uscì, della quale parla
Pietro Diacono[36]; la qual famiglia sotto il Re Guglielmo II ancor si
legge essersi mantenuta con sommo splendore, ed occupare i primi posti
della milizia, come potrà osservarsi presso Luigi Lello[37].

E quelle tre famiglie di _Franco_, di _Citello_ e di _Roselle_, siccome
furono della gente longobarda, così ancora devono reputarsi esser
surte dalla razza d'Atenulfo Principe, e da' luoghi posseduti da'
loro antenati esser derivate, ben lo dimostra il Pellegrino; e molte
altre famiglie longobarde, che trassero l'origine da questi Principi
di Capua e da Atenulfo, anche discacciati i Longobardi, si mantennero
in queste nostre parti sotto i Normanni, come più distintamente diremo
innanzi, quando de' Popoli di questa Nazione ci tornerà occasione di
trattare: tanto che ebbe a dire Lione Ostiense, che Atenulfo, ed i
suoi descendenti per molte loro generazioni, tennero il Principato per
cento settantasette anni in questi nostri contorni di Benevento e di
Capua; poichè per molto tempo ne' Principati di Capua e di Benevento
molti Baroni furono del sangue d'Atenulfo, che Signori di varj Feudi,
stabiliron le loro particolari famiglie, dandosi a' loro congiunti
l'investiture di molti Feudi, e sursero quindi in tutta l'Italia
Cistiberina molti Conti e Baroni, ed altri Nobili; e l'istesso si
fece nel Principato di Salerno. Parimente la famiglia _Colimenta_,
donde pruova il Pellegrino esser surta la famiglia _Barrile_, non
altronde, che dal castello Colimento, che ora diciamo Collemezzo,
deriva; siccome il cognome della nobil famiglia _Gaetana_, da Gaeta;
poichè da Lione[38] Ostiense Gaetani sono appellati coloro, che
come Duchi tennero la città di Gaeta. Così ancora il cognome della
illustre famiglia di Aquino, non altronde, che da' Conti di quella
città è surto; siccome quelle de' _Sangri_, de' _Sanseverini_, degli
_Acquavivi_ e tante altre, dalle città, e terre da' loro maggiori
possedute derivarono[39].

Anche presso questi ultimi nostri Longobardi sursero i cognomi, se bene
più di rado, da' nomi de' loro progenitori: così la famiglia _Atenulfo_
ebbe tal nome da Atenulfo, padre che fu di Pietro Cardinal di Santa
Chiesa; e moltissime altre. Trassero eziandio i cognomi origine da'
Magistrati ed Uffizj, così ecclesiastici, come secolari, e per qualche
mestiere da' loro antenati esercitato: la famiglia _Mastrogiudice_
quindi, al dir di Freccia[40], ebbe origine: siccome quella de' _Doci_,
degli _Alfieri_, de' _Conti_, de' _Ferrari_, _Cavalcanti_, _Filastoppa_
e tante altre. Da' costumi ancora e dalla propria indole; da' colori,
dagli abiti, dalle barbe, dal mento; dalle piante, fiori, animali, e da
tante altre occasioni ed avvenimenti che sono infiniti[41].

Ma egli è da avvertire, che questa usanza di tramandar i cognomi a'
posteri, perchè meglio si distinguessero le famiglie, cominciò sì
bene appo noi nel fine di questo X secolo, ma molto di rado; onde
nei diplomi ed altre carte di questi tempi, assai di rado si leggono
cognomi. Si frequentarono un poco più nel XI e XII secolo appo i
Normanni; ma nel XIII e XIV furono talmente disseminati e stabiliti,
che comunemente tutte le persone, ancorchè di basso lignaggio, si
videro avere proprj cognomi, con tramandargli a' loro posteri e
discendenti[42].


§. II. _Spedizione infelice d'OTTONE II contro a' Greci, e morte di
PANDULFO Capo di ferro._

Il costume de' nostri ultimi Longobardi, in tante parti di dividere i
loro Stati, cagionò finalmente la loro ruina, e diede pronta e spedita
occasione a' Normanni di discacciarli da queste nostre province;
perchè questi Baroni, ancor che riconoscessero le investiture dei loro
Contadi da' Principi di Capua e di Benevento e di Salerno, nulladimanco
essendo dell'istessa razza d'Atenulfo, e molti aspirando a' Principati
stessi di Capua, di Benevento e di Salerno, donde alcuni n'erano stati
discacciati; ancorchè, come si è detto, Pandulfo Capo di ferro col suo
valore e felicità reggesse insieme con Landulfo IV e l'altro Pandulfo
suoi figliuoli Capua, Benevento e Salerno; nulladimeno morto Capo
di ferro in Capua l'anno 981[43] cominciarono di bel nuovo in queste
province le rivoluzioni e' disordini. S'aggiunse ancora, che Pandulfo,
il quale avea proccurato, che fra gl'Imperadori d'Oriente con quelli
d'Occidente si mantenesse una stabile e ferma amicizia, appena mancato,
si videro rotte tutte le corrispondenze, e rinovate l'antiche gare;
poichè Ottone II che mal sofferiva la Puglia e la Calabria essere in
mano dei Greci sotto gl'Imperadori Basilio e Costantino, che erano al
Zimisce succeduti nel 977, disbrigatosi come potè meglio degli affari
di là de' monti, armato, coll'Imperadrice Teofania calò in Italia in
quest'anno 980[44].

Erasi, come si disse, già introdotto costume, che quando gl'Imperadori
d'Occidente venivano in Italia, presso Roncaglia fermati, luogo non
molto lontano da Piacenza, ivi solevano intimar le Diete, ove univansi
i Duchi, Marchesi e Conti di molti luoghi d'Italia, i Magistrati
delle città, ed anche l'Ordine ecclesiastico per trattar degli affari
d'Italia più rilevanti: si esaminavano le querele de' sudditi contro i
potenti: si davano l'investiture de' Feudi: si decoravano molti Baroni
di titoli: si stabilivano molte leggi attenenti ancora allo Stato
ecclesiastico, ed a' precedenti mali davasi qualche compenso. Ottone
in quest'anno giunto in Piacenza assemblò la Dieta in Roncaglia, ove
diede molti utili provvedimenti. Di questo Ottone sono quelle leggi,
che abbiamo nel libro secondo delle leggi longobarde; e molte sotto il
_tit. qualiter quisq. se defendebeat_[45], ove riprovandosi la prova
per li giuramenti, si ritenne quella del duello, e moltissime altre
sono state raccolte da Melchior Goldasto ne' suoi volumi[46].

Dato perciò qualche ristabilimento alle cose d'Italia, passossene
Ottone in Roma, ove in un pranzo fece inumanamente trucidare molti
Proceri a se sospetti d'infedeltà; indi col suo esercito nel seguente
anno 981 venne in Benevento, dove fermossi per qualche tempo: fu
anche in Napoli ricevuto da' Napoletani, i quali poco curandosi di
violar la fedeltà dovuta agli Imperadori d'Oriente loro Sovrani,
gli diedero anche soccorso; e mentre si tratteneva in queste nostre
regioni proccurò ingrossare le sue truppe con quelle, che gli eran
somministrate da Benevento, da Capua, da Salerno e da Napoli, per
invadere la Puglia. Trattenendosi quivi volle conoscere dello spoglio,
che Giovanni Abate di S. Vincenzo a Vulturno si doleva aver patito
da Landulfo Conte d'Isernia, che avea occupati tre castelli di quel
monastero: pronunziò a favor del monastero, e glie ne spedì diploma in
Benevento in quest'anno 981 a' 10 di ottobre[47].

In quest'istesso anno, come si è detto, accadde in Capua la morte
di Pandulfo Capo di ferro, ed avendo la casualità portato, che il
Vesuvio in quest'istessi tempi, siccome suole, eruttasse fuoco e
fiamme, nacque appresso il volgo quella credenza, che quando da quel
monte davansi cotali segni, o era preceduta o dovea seguire la morte
di qualche uom ricco e potente ed insieme scellerato, e che la di lui
anima era da' demonj per quella voragine portata all'inferno, la qual
credenza ebbe origine, siccome sempre accadde in questi casi, dalla
visione d'un Solitario, al quale, come narra Pier Damiano, parve aver
veduta l'anima di Pandulfo esser portata da' diavoli al fuoco pennace
dell'inferno[48]. Infatti Capo di ferro fu il più ricco e potente in
queste nostre province, di quell'età: egli non solo fu Principe di
Capua, di Benevento e di Salerno, ma era ancora Marchese di Spoleto e
di Camerino, possedendo perciò poco men, che la metà di Italia[49]; ed
ancorchè di lui si leggessero molte opere di pietà, d'aver in sommo
onore avuto il Pontefice Giovanni XIII, e d'aver di molti doni e
privilegi arricchito il monastero Cassinense in quel tempo che visse,
che al dir di Lione Ostiense[50] fu il più accettabile per li Monaci;
nulladimanco la visione di quel Solitario fece perdere tutta la stima a
quelli fatti, e fece credere di avergli operati non per animo sincero
di pietà e di religione, ma per mondani rispetti: al che s'aggiungeva
l'enorme discacciamento dal Principato di Benevento di Landulfo suo
nipote.

Così ancora, essendo negli anni seguenti accaduta la morte di
Giovanni Principe di Salerno, che fu avo dell'ultimo Guaimaro, il qual
nell'anno 1052 da' suoi fu ucciso; vomitando in quel tempo il monte
fiamme, Giovanni, che vivea in questa credenza, disse: _Procul dubio
sceleratus aliquis dives in proximo moriturus est, atque in infernum
descensurus_: il che fu poco da poi accomodato all'istesso Principe
Giovanni, il quale la vegnente notte si trovò inopinatamente morto in
braccio d'una sua putta[51]; onde maggiormente presso il volgo crebbe
quella credenza, che ha durato lungamente sino a' tempi de' nostri
avoli, e di credere ancora scioccamente, che il Vesuvio fosse una bocca
dell'inferno.

Ma ritornando in via, morto Pandulfo, lasciò come si disse in Benevento
Landulfo IV suo figliuolo, al quale in sua vita avea egli aggiudicato
quel Principato, ed anche per pochi mesi dopo la morte del padre resse
Capua. Lasciò Pandulfo un altro suo figliuolo, Principe in Salerno,
quegli, il quale era stato adottato da Gisulfo, e che dopo la morte
di suo padre per alcuni mesi resse questo Principato; ed insieme altri
suoi figliuoli Atenulfo Conte e Marchese, Landenulfo, Gisulfo, che fu
Conte di Tiano, e Laidolfo[52].

Ma la morte di questo Principe tosto dissipò quell'unione, che non
potea lungamente durare; poichè Pandulfo II che fu da lui discacciato
dal Principato di Benevento, subito che l'intese estinto, volle
vendicarsi del torto ricevuto, e discaccionne dal Principato Landulfo
IV, appropriandosi a se Benevento, che poi lo trasmise a' suoi posteri;
e Landulfo poco da poi finì ancora i giorni suoi; imperocchè Ottone
avendo indrizzato il suo esercito (ch'era composto oltre di molte
Nazioni, anche di Beneventani, fra' quali volle anche accompagnarsi
questo Landulfo con Atenulfo suo fratello) verso Taranto per debellare
i Greci ed i Saraceni ch'erano stati chiamati da' Greci in lor ajuto,
nella battaglia che nel seguente anno 982 si diede, fu l'esercito
d'Ottone disfatto, ed uccisi fra gli altri Principi Landulfo ed
Atenulfo, e l'istesso Ottone appena potè scampare[53].

Quindi accadde, che al Principato di Capua, morto Landulfo, fossero
succeduti Landenulfo suo fratello, ed Aloara sua madre, e che
Ottone, rifatto come potè meglio il suo esercito, ritornato in Capua,
confermasse questo Principato di Capua ad Aloara e a Landenulfo, che
lo ressero dal suddetto anno 982 insino all'anno 993, quando morta
quattro mesi prima Aloara, fu nel mese di aprile Landenulfo da' suoi
miseramente ucciso[54].

Fu così infelice questa spedizione d'Ottone contro i Greci, e così
grande la rotta data al suo esercito, che fu costante opinione, che
se i Greci avessero saputo servirsi della vittoria, avrebbero insino
a Roma portate le loro armi. Ma in questo conflitto, siccome i Greci
s'avvidero della poca fedeltà de' Napoletani e degli altri loro
sudditi, così, e molto più, Ottone imputava la perdita a' Beneventani
ed a' Romani[55], (appresso i quali era venuto in abbominazione per
l'enorme uccisione fatta di molti Proceri in quel convito, onde appo
d'essi acquistossi il cognome di _Sanguinario_) i quali nel meglio
della battaglia l'avean abbandonato. Quindi si narra, che nel seguente
anno 983 ritornato Ottone a Capua, e rifatto al meglio il suo esercito,
sopra Benevento improvvisamente lo drizzasse, e dato in questa città un
memorabil sacco, per recar a' Beneventani maggior dolore gl'involasse
l'ossa di S. Bartolomeo, di cui eran tanto divoti, ed in Roma le
facesse condurre per trasportarle da poi in Germania; ma prevenuto
dalla morte in quest'anno accadutagli in Roma, non potè condurre a
fine il suo disegno, onde rimase in quella città; oggi nella medesima
s'adorano in un tempio nell'isola Licaonia del Tevere, resa oggi assai
più celebre al Mondo per quest'ossa, che per ciò che del suo sorgimento
ne scrisse Livio nella sua incomparabile Istoria.

I Beneventani non possono soffrire ciò che di questa traslazione
narrano Ottone[56] Frisingense, Goffredo di Viterbo[57], Biondo[58] ed
il Sigonio[59], ed altri più moderni. Essi per l'autorità di Roberto
Tuitense[60] appresso il Baronio e dell'Ostiense[61], vogliono che
verso l'anno 1000, Ottone III non il II, essendo dal Monte Gargano
ritornato a Benevento, avesse cercato a' Beneventani il corpo del
S. Appostolo, i quali non avendo ardire di negarglielo, fossero
ricorsi alla fraude, e tenendo ancor essi con somma venerazione il
corpo di S. Paolino Vescovo di Nola, in vece di quello, gli avessero
dato questo di S. Paolino: di che poi accortosi Ottone, grandemente
offeso di tal frode, fosse di nuovo da poi ritornato in Benevento, ed
avendo tenuta assediata per ciò questa città più giorni, non avendo
potuto espugnarla, fu d'uopo che in Roma se ne tornasse. Ma Martino
Polono[62], secondando il genio de' Romani, che lo vogliono nel Tebro,
narra sì bene, che Ottone III dal Gargano ritornasse in Benevento; ma
che a' Beneventani non altro, che il corpo di S. Paolino cercasse,
i quali senza usar fraude alcuna glielo diedero. Così insorta fra'
Scrittori moderni acerba contesa sopra quest'ossa, tra' Romani e'
Beneventani, vengon due corpi in diversi luoghi adorati d'un medesimo
Santo; ed i Napoletani pure pretendono, che il capo di questo Appostolo
non sia nè a Roma, nè a Benevento, ma in Napoli nel monastero delle
Monache di Donna Regina per donazione fattagliene da Maria moglie di
Carlo II d'Angiò figliuolo di Carlo I, il quale dopo avere sconfitto
Manfredi, da' Beneventani l'ebbe; ed il nostro Istorico Giannettasio il
tiene per cosa certa, con tutto che accenni la fiera contesa, che sopra
ciò ancor arde fra' Romani e' Beneventani. Ed abbiamo veduto in questi
ultimi nostri tempi miseramente affannarsi sopra questo soggetto molti
Scrittori, a' quali, da poi che si saranno affaticati a dimostrare,
che sia stato questo corpo trasferito in Roma, ovvero esser rimaso in
Benevento, molto più loro resta da travagliare per render verisimile,
come fino dall'India, siccome narra Sigeberto, si fosse trasportato
in Lipari. Ma tutte queste dispute, non essendo del nostro istituto,
volentieri le lasciamo ad essi, a cui ben stanno.



CAPITOLO III.

_I Greci riacquistano maggior vigore nella Puglia e nella Calabria; ed
innalzamento del Ducato di Bari, sede ora de' Catapani._


I Greci, che sotto gl'Imperadori Basilio e Costantino aveano contro
Ottone II riportata così insigne vittoria, si ristabilirono più
fermamente nella Puglia e nella Calabria; e reggendo queste province
con molto vigore, distesero i confini di quelle sopra i Principati
di Benevento e di Salerno, pretendendo ancora sopra i Principi
longobardi esercitar sovranità. Ma avvertiti per le cose precedute
dell'infedeltà de' loro sudditi, per tenergli a freno, pensarono a ben
presidiarle. Temevano ancora, che i Germani sotto Ottone non tornassero
ad assalirle; e che i Saraceni, ancorchè confinati in alcune rocche,
non le turbassero colle solite loro scorrerie, giacchè fortificati nel
Monte Gargano non tralasciavano, quando lor veniva fatto, di scorrere
e scompigliar la Puglia. Edificarono perciò a questi tempi molti ben
forti castelli. Fondarono nella Puglia piana una città, che chiamarono,
per rinovare il glorioso nome d'Ilio, Troja: città che ancor dura,
poichè anche i Normanni, dopo Melfi, la distinsero sopra tutte le altre
città di quella provincia, che _Capitanata_ ora si appella. Fondarono
anche quivi Draconaria, Civitade, e Firenzuola, città ora distrutte, ed
altre terre[63]. Per mantenere più in freno i loro sudditi, istituirono
in Puglia un nuovo Magistrato chiamato in loro lingua _Catapano_,
il quale avesse pieno potere, non ristretto da alcun limite, ma per
se medesimo, senza chiederne permesso dalla Corte di Costantinopoli,
potesse governare queste province con assoluto imperio. Bari, ove prima
solevan risedere gli Straticò, fu assignata per sua sede, onde questa
città si vide estollere il suo capo sopra tutte l'altre città della
Puglia.

Donde questo nome di _Catapano_ derivasse, il nostro Guglielmo
Pugliese[64] ne fa derivar l'origine da questo stesso sterminato
potere, che fu dato a questo Ufficiale, e dice, che si chiamasse
Catapano,

    _Quod CATAPAN Graeci, nos JUXTA dicimus OMNE._
    _Quisquis apud Danaos vice fungitur hujus honoris,_
    _Dispositor populi parat omne quod expedit illi,_
    _Et JUXTA quod cuique dari decet, OMNE ministrat._

Ma Carlo Du-Fresne nelle note all'_Alessiade_ della Principessa Anna
Comnena deride questa etimologia di Guglielmo, e vuole che _Catapanus_
appresso i Greci, sia l'istesso che presso i Latini _Capitaneus_.
Quindi deride ancora Lione Ostiense, il quale nella sua Cronaca[65],
oltre di riputar questo nome proprio di uomo, quando si vede essere
di dignità, stimò che la provincia di _Capitanata_, che da questi
Ufficiali prese il nome corrottamente, dal volgo venga chiamata così,
dovendosi appellare _Catapanata_; sostenendo Du-Fresne, che essendo
l'istesso presso i Greci _Catapanus_, che fra i Latini _Capitaneus_,
non già _Catapanata_, ma _Capitanata_ giustamente si appelli; chiamando
ancora Niceta[66] _Capitanata_ quella Prefettura, la quale composta di
più città o terre, ad un Capitano è sottoposta.

Avendo i Catapani collocata la loro sede in Bari, Lupo Protospata, che
secondo dimostra il Pellegrino[67], non può dubitarsi, che fosse, se
non di Bari, almeno Pugliese di nazione, tessè di loro lungo catalogo;
ed il primo, che intorno a questi tempi nell'anno 999 presso il
medesimo leggiamo aver governata questa provincia, fu Tracomoto, ovvero
Gregorio, il quale assediò Gravina, e prese Teofilatto. Nell'anno 1006
fu mandato per Catapano in Puglia Xifea, che nel 1007 morì in Bari,
a cui succedè nell'anno seguente 1008 Curcua. Sotto il magistrato di
costui i Baresi ribellatisi, elessero per lor Principe Melo di sangue
longobardo, che dimorava in Bari, quegli, che sarà celebre nell'istoria
de' Normanni; ma repressi dai Greci, Melo fuggissene con Datto suo
cognato ed andarono raminghi. Prima se ne andò in Ascoli, ma dubitando
di tradimento, si trasferì in Benevento, di là in Salerno e poi a
Capua, sollecitando que' Principi longobardi perchè l'aiutassero a
liberar Bari dalla tirannia de' Greci. Morto Curcua nell'anno 1010,
gli succedette Basilio Catapano, nel tempo di cui dice Freccia[68], che
Bari _facta est sedes magnorum virorum Graecorum_. Indi nel 1017 venne
per Catapano Adronico che pugnò con Melo, e lo vinse[69].

Nell'anno seguente 1018 gli succedè Basilio Bugiano, che da Guglielmo
Pugliese[70] vien chiamato Bagiano e da Lione Ostiense[71] Bojano.
Questi fu che per lasciar di se memoria in Italia, tolta dal rimanente
della Puglia una parte verso il Principato di Benevento, e fattane una
nuova provincia col nome di Capitanata, vi fabbricò, come fu detto,
alcune terre e città, come Troja, Draconaria, Fiorentino ed altre. Nel
1028 Cristoforo fu fatto Catapano; indi Pato, che governò sino al 1031,
e nell'anno seguente fu Catapano Anatolico. Nel 1033 venne per Catapano
Costantino Protospata, che si chiamò Opo. Indi Maniaco, a cui succedè
nell'anno 1038 Niceforo, che nell'anno 1040 morì in Ascoli. A costui
succedè Michele, che fu anche detto Duchiano, e dopo costui finalmente
fu nel 1042 Catapano Exaugusto figliuolo di Bugiano, sotto il cui
governo, essendo stato costui vinto dai Normanni, furono scacciati da
queste province i Greci, e fu egli preso in battaglia in Benevento. Ed
ancorchè queste province passassero da poi sotto la dominazione de'
Normanni, come che non tutte in un tratto vi passarono, perciò anche
dopo Exaugusto, si leggono presso Lupo e l'Anonimo di Bari, altri
Catapani, de' quali, secondo l'opportunità, faremo memoria.

Il potere de' Greci adunque dopo questa rotta, che ebbe Ottone II,
insino che cominciasse in queste province la dominazione de' Normanni,
erasi reso molto più considerabile di quello, che fu negli anni
precedenti, così per ciò che riguarda l'ampiezza de' confini che
distesero, come per l'assoluto Imperio, che riacquistarono non meno
gl'Imperadori d'Oriente sopra il governo politico e temporale, che i
Patriarchi di Costantinopoli per lo governo ecclesiastico e spirituale
sopra i Metropolitani e' Vescovi della Puglia e della Calabria.

La Puglia, che ne' tempi d'Arechi e degli altri Principi di Benevento
suoi successori era al Principato beneventano attribuita, ora distratta
ed in poter dei Greci ricaduta, diminuì notabilmente quel Principato.
I Greci per questa parte si distendevano insino a Troja ed Ascoli, e
toltone Siponto ed il M. Gargano, che a quel Principato erano ancor
uniti verso Oriente, tutta quella estensione insino all'ultima punta
d'Italia era de' Greci. S'aggiungeva ancor la Calabria secondo la
moderna appellazione, che abbracciava non solo il Bruzio, Reggio,
Cotrone e l'altre città vicine, ma anche abbracciava gran parte
dell'antica Lucania, e per questa parte dal Principato di Salerno
era terminata, il quale perciò aveva ristretti i suoi confini; nè in
questi tempi abbracciava quell'estensione di paese, che a' tempi di
Siconolfo a questo Principe ubbidiva. Quest'istessa ampiezza restrinse
ancora per un altro lato i confini del Principato di Capua, tanto che
non mai in altri tempi si videro dilatati tanto i confini del dominio
de' Greci, che in questi, ne' quali tirandosi una linea dal Monte
Gargano insino al promontorio di Minerva, ch'è la maggior latitudine
del regno; tutto ciò che riguarda l'Oriente e Mezzogiorno, era al
dominio de' Greci sottoposto: siccome l'altra parte, che riguarda
Occidente e Settentrione, ai Principi longobardi: ma siccome il
Principato di Salerno si distendeva fuori di questa linea verso Oriente
e Mezzogiorno; così ancora i Greci non s'erano affatto spogliati della
loro dominazione verso l'altra parte, che non interamente era a' nostri
Principi longobardi sottoposta; imperocchè in questa ancora v'erano
i tre Ducati di Amalfi, di Napoli e di Gaeta, i quali ancorchè si
reggessero in forma di Repubblica, e sovente dal Corpo d'esse non solo
s'eleggessero i Magistrati, ma anche i Duchi; nulladimeno sempre gli
Imperadori greci in essi Ducati ivi mantennero non deboli vestigi della
loro autorità e supremo dominio; siccome del Ducato di Napoli, dalle
cose già altre volte dette si è veduto; e nel Ducato d'Amalfi ancora
solevano i Duchi confermarsi dagl'Imperadori d'Oriente, da' quali ne
ricevevano la dignità del Patriziato.

Di Gaeta nè meno di ciò può dubitarsi; poichè se bene Lione
Ostiense[72] rapporti, che Gaeta ubbidiva al Papa, e che perciò
Giovanni VIII, l'avesse conceduta a Pandulfo Conte di Capua;
nulladimanco fu quella ben tosto ricuperata da' Greci. I Papi
pretendevano questa città per quelle ragioni, che gli fornì Carlo
M. quando pretese toglierla a' Greci, e farne un dono alla Chiesa
romana, siccome avea fatto di Terracina e delle altre spoglie de'
Greci: ma Arechi immantenente s'oppose, e fece sì, che tosto questa
città ritornasse nel dominio greco, onde da' Patrizj prima e poi da'
Duchi fu governata. Ma perchè i Pontefici romani non si dimenticano
così di leggieri dei loro diritti una volta che credono avergli
acquistati, mantennero sempre vive le loro pretensioni, e quando le
congiunture ed i tempi gli favorivano, non potendo ritenerla per se, la
concedevano a qualche Principe potente, acciocchè potesse difendersela
da' Greci, siccome fece Giovanni VIII, concedendola a Pandulfo; ma
perchè da costui facevasi de' Gaetani aspro governo, Docibile, che si
trovava allora Duca di Gaeta, ricorse sino agli aiuti de' Saraceni
per discacciarlo; onde si vede, che ne gli stessi tempi che narra
Ostiense, Gaeta ubbidire al Papa, si fa menzione de' Duchi, che furono
in quella città, dependenti dagl'Imperadori greci, come fu Giovanni,
Gregorio, Docibile ed altri; ed in molte carte fatte in questi medesimi
tempi in Gaeta, alcune delle quali le dobbiamo all'Ughello, si vede
perciò notato il nome degl'Imperadori d'Oriente, che allora regnavano.
Così in una fatta nell'anno 812 si legge: _Imperantibus Domino nostro
piissimo Imperatore Augusto Michaelio et Theophilo magnis pacificis
Imperatoribus_. Ed in un'altra fatta dopo il tempo del quale parla
Ostiense, nel 884 si dice: _Imperantibus Domino nostro Leone et
Alexandro pacificis magnis Imperatoribus_[73]. Ciò che manifestamente
si conosce dal vedersi, che i Normanni dopo averne discacciati i Greci,
si vollero intitolare non meno Principi di Capua, che Duchi di Gaeta:
ancorchè lasciassero in quella città la medesima politia e forma di
governo, e che i suoi particolari Duchi e Consoli la governassero[74].

Per questa cagione avendo i Greci tanto dilatati i loro confini, e
non riconoscendo Feudi, non si leggono così nella Puglia come nella
Calabria in questi tempi nè Contadi, nè Ducati, nè altre Baronie; ma
ben se ne leggono moltissime nelle province a' Principi longobardi
sottoposte. Quivi, come si è veduto, si sono intese le Contee di
Marsico, di Molise, d'Isernia, d'Apruzzi, di Tiano e tante altre;
ma la Puglia e la Calabria non se non quando passarono sotto la
dominazione de' Normanni conobbero i Feudi; poichè i Normanni, traendo
la medesima origine de' Longobardi, gli riceverono insieme colle loro
leggi e costumi. Quindi in tutti que' luoghi, che tolsero a' Greci,
v'introdussero i Feudi: e sursero quindi (oltre i Conti di Puglia
e di Calabria) i Conti di Capitanata, di Principato, di Lavello,
di Loritello; i Conti di Conversano, la memoria de' quali spesso
s'incontra non meno nell'antiche carte, che nell'_Alessiade_ della
Principessa Anna Comnena, nella Cronaca di Lione presso Malaterra,
Oderico Vitale e di tanti altri Scrittori[75]; i Conti di Catanzaro,
di Sinopoli e di Cosenza; i Conti d'Aversa e quelli di Lecce; i Conti
d'Avellino, di Fondi, di Gravina, di Montecaveoso, di Tricarico e
tanti altri, de' quali ne' tempi de' Normanni ci tornerà occasione di
favellare. Prima, quando questi luoghi erano in potere de' Longobardi,
furono, come si disse, divisi in Castaldati, che non erano veri Feudi,
ma le loro città erano commesse in amministrazione ed in ufficio a
que' Proceri longobardi, nè poterono essere mutate in Feudi, come fu
fatto in quelle province, che lunga stagione si mantennero presso i
Longobardi; perchè i Greci, che le tolsero parte a' Saraceni, i quali
l'avean occupate a' Longobardi, e parte agl'istessi Longobardi, come
s'è detto, non conoscevano Feudi.

Questo maggior vigore de' Greci ed estensione del loro dominio, portò
ancora in conseguenza, che le Chiese di queste province, che secondo
la disposizione dell'Imperador Lione furono sottoposte al trono
di Costantinopoli, fossero con maggior vigore astrette ad ubbidire
a' Patriarchi di Costantinopoli. Quindi si resero più vigorose le
proibizioni di Niceforo Foca contro il rito latino, e che i Patriarchi
di Costantinopoli s'avanzassero tanto, sino a comandare a tutti i
Vescovi della Puglia e della Calabria, che per l'avvenire ne' sacrificj
non si servissero più del pane azimo secondo il rito latino, ma
del fermentato, conforme all'uso de' Greci; onde s'innasprirono le
contese coi Pontefici romani, i quali non vollero in conto alcuno
permetterlo, impegnando perciò l'Imperador Ottone a spedire, come
si disse, Luitprando Vescovo di Cremona in Costantinopoli: le quali
contese s'accrebbero assai più ne' tempi di Lione IX, quando il
Patriarca Michele Cerulario scomunicò tutti i Latini, comprendendovi
anche l'istesso Pontefice Lione, perchè, fra l'altre cagioni, non
osservavano il divieto loro imposto di non consecrare più in azimo,
ma che dovessero servirsi di pane fermentato. Donde è nato, che insino
a' nostri tempi siano rimasi in questi luoghi alcuni vestigi del rito
greco, e che molte Chiese insino al dì d'oggi il ritengano; ancorchè
i Pontefici romani per abolire affatto questi vestigi della potestà
esercitata quivi dal Patriarca d'Oriente, non abbiano trascurate le
occasioni col tempo d'abolirgli, il che se bene fosse loro riuscito in
moltissime città, non è però, che oggi siasi affatto estinto e non sia
ritenuto in alcune.

Per quest'istessa ragione non è fuor di proposito il credere, che a
tali tempi in questi luoghi le Novelle degl'Imperadori d'Oriente, e
le Compilazioni dei Basilici, l'Ecloghe, e gli altri libri, de' quali
abbiam fatta memoria nel precedente libro, avessero quivi avuto qualche
uso ed autorità; e forte conghiettura ce ne diede l'essersi, come
si disse, in Taranto ritrovata l'Ecloga de' Basilici, e l'essersi,
mantenuta in Otranto lungo tempo quella famosa libreria d'Autori greci,
della quale favella Antonio Galateo. Egli è però vero, che se pure
di questi libri s'ebbe qualche uso, non potè durare se non per poco,
poichè tosto questi luoghi, essendo caduti sotto la dominazione de'
Normanni, i quali abbracciarono le leggi longobarde non riconobbero da
poi altre leggi, che quelle di questi Principi e le longobarde: ciò che
dimostrano chiaramente le consuetudini stesse della città di Bari, le
quali quasi che tutte derivano dalle leggi longobarde, onde i Cittadini
di quella città l'appresero, quando la medesima fu lungo tempo sotto
la loro dominazione, e quando da' loro Castaldi era governata: di che
altrove ci tornerà occasione di favellare.

Ecco dunque lo stato, nel quale erano queste province, che oggi
compongono il nostro Regno nel declinar del decimo secolo dopo la morte
d'Ottone II, mentre in Oriente imperavano Basilio e Costantino germani.
La Puglia e la Calabria (province che dilatando molto i loro confini,
abbracciavano tutta la Puglia, la Japigia, la Mesapia, l'una e l'altra
Calabria, con quella parte della Lucania, che si distende verso il
Mare Jonio, e che perciò avean ristretti i tre Principati di Capua,
Benevento e Salerno) erano sotto la dominazione de' Greci. Il Ducato
d'Amalfi, l'altro di Napoli e quello di Gaeta, ancorchè ritenessero
aspetto di Repubblica, erano però per antichissime ragioni dipendenti
dagl'Imperadori d'Oriente. In Capua reggeva Aloara con Landenulfo suo
figliuolo. In Salerno Pandulfo suo fratello. In Benevento, Pandulfo II,
il quale, avendo discacciato Landulfo IV figliuolo di Capo di ferro,
aveva anche non molto da poi associato al Principato Landulfo suo
figliuolo, che perciò Landulfo V lo diremo.

Ma sarebbe stato meno disordine, se questi tre Principati, ancorchè in
gran parte estenuati da' Greci almeno avessero riconosciuti tre soli
Signori: essi non solo riconoscevano per loro Sovrani gl'Imperadori
di Occidente come Re d'Italia, i quali in quest'ultimi tempi
v'esercitavano vigoroso potere ed autorità; ma, divisi ancora infra se
stessi in più Contadi, diedero più pronta occasione alla lor ruina.
Il Principato di Capua era diviso nel Contado di Fondi e di Sessa,
ne' Contadi di Aquino, di Teano, d'Alife, di Caserta ed altri; quello
di Benevento, ne' Contadi di Marsi, d'Isernia, di Chieti ed in alcuni
altri; l'altro di Salerno nel Contado di Consa, di Capaccio, di Corneto
e del Cilento; e molti Proceri de' Castelli di quel Principato eransi
renduti già Signori; tanto che molti di questi Conti reputandosi, come
lo erano, dell'istessa razza d'Atenulfo, altri come nati da' Principi
di Salerno, da dependenti, ch'erano, si fecero assoluti Signori de'
Contadi, come lo pretesero i Conti d'Aquino, di Marsi, d'Isernia, di
S. Agata ed altri. Insino i Monaci Cassinesi, tutti quelli castelli,
che per munificenza di varj Principi longobardi avean tratto tratto
acquistato, pretesero come liberi dominargli; e l'Abate della Noce[76]
ha voluto sostenere, che gli possederono in allodio non già in Feudo, e
che non riconoscevan diretto Signore non pagando perciò adoa; e perciò
il munirono di baluardi, ed assoldavan gente per difendergli, e si
videro mantener truppe di soldati, non altrimenti che gli Abati di S.
Gallo, ed altri Prelati si facciano in Germania.

Sarebbe dunque stata maraviglia se più lungamente fosse durata la
dominazione de' Longobardi in questi Principati, già che tal politia
v'introdussero, che diede perciò opportuna e ben aperta via a'
Normanni d'occupargli. Nè tampoco de' Greci potea sperarsi in quelle
province lunga dominazione; poichè rendutisi insolenti a' sudditi e non
essendosi molto curati di scacciar da quelle i Saraceni, cagionaronsi
perciò essi medesimi la loro ruina; onde, e per l'una e per l'altra
cagione, riuscì a' Normanni occupare tutte queste nostre province, e
di ridurle in decorso di tempo sotto un solo Principe, e stabilirvi una
ben ampia e regolata Monarchia, come ne' seguenti libri vederemo.



CAPITOLO IV.

_OTTONE III succede nel Regno, e nell'Imperio: nuove rivoluzioni
accadute per ciò in Italia, ed in queste nostre province; e sua morte._


Morto Ottone II in Roma nell'anno 883[77], e giunta quando men si
pensava in Germania questa novella, empiè di confusione que' Principi;
poichè ancorchè Ottone II lasciasse un altro Ottone suo figliuolo,
non essendo questi che di anni diciassette[78] diedesi occasione
all'ambizione d'Errico Duca di Baviera, patruele del morto Ottone, di
aspirare al Regno di Germania. I Romani dimandavano per Imperadore
un Italiano nomato Crescenzio; ma gli Alemanni tosto ruppero questi
disegni, che non potevano loro recare se non rivoluzioni e disordini;
onde unitisi elessero per loro Re Ottone III col consenso anche del
Pontefice Benedetto.

Ma l'esser questo Principe di età così tenera e mal adattata a
reggere un tanto Regno, cagionò non meno in Alemagna, che in Italia
disordini gravissimi; poichè mentre Ottone era tutto inteso a sedar i
tumulti di Germania nati per questa sua elezione, in Italia accaddero
sedizioni e gravi turbolenze. In Roma morto Benedetto romano Pontefice,
fu eletto in suo luogo Pietro Vescovo di Pavia, che Giovanni XIV
nomossi[79]; ed è verisimile, ch'essendo egli Cancelliere d'Ottone
per la raccomandazione di questo Principe e' fosse stato innalzato
a quella dignità. Ma Bonifacio Cardinal Diacono, il quale avendo
prima occupata questa sede, ne era stato poi discacciato, e rifuggito
in Costantinopoli fremendo del torto che riputava essergli stato
fatto, tornato da Costantinopoli venne in Roma l'anno 985, ed avendo
risvegliati quelli del suo partito e guadagnato il Popolo, si rese il
più forte di Roma: carcerò il Papa Giovanni, e lo rinchiuse nel castel
di S. Angelo, dove lo fece morire di fame in capo a quattro mesi;
ma Bonifacio non sopravvisse, che solo quattro altri mesi; onde da
repentina morte tolto al Mondo, fu in suo luogo assunto al Pontificato
Giovanni XV quegli che confermò la Metropoli di Salerno ad Amato
Vescovo ch'era di quella città, innalzato Arcivescovo poco prima da
Benedetto.

Ma Crescenzio, il quale avea preso contro Ottone il titolo di Console,
e s'era impadronito del castello di S. Angelo, lo costrinse per timore
a ritirarsi in Toscana, ed a pregare Ottone di venire in Italia a
ristabilirlo nella sua sede. I Romani, che sapevano per esperienza
quanto lor costassero le visite degl'Imperadori richiamarono Giovanni:
ma Crescenzio contuttociò conservava la sua autorità in Roma. Ottone
venuto in Italia nell'anno 996 stette per qualche tempo in Ravenna,
e nel tempo di questo suo soggiorno in quella città, Papa Giovanni
morì. I Romani furono costretti per comandamento dell'Imperadore ad
elegger Papa in suo luogo Brunone suo fratel cugino, che prese il nome
di _Gregorio V_, ma Crescenzio ben presto lo cacciò, e pose sulla sede
Giovanni Vescovo di Piacenza. Questa azione non istette gran tempo
senza gastigo, perchè Ottone venne subito coll'esercito, e con picciolo
contrasto ristabilì _Gregorio_. Giovanni si salvò con Crescenzio nel
castel di S. Angelo; ma l'Imperadore assediò la Fortezza, e vi sarebbe
stata gran difficoltà a prenderla, se Crescenzio, che vigorosamente la
difendeva, non fosse stato ucciso a tradimento. Il nuovo Papa Giovanni
fu preso, gli furono cavati gli occhi, troncati il naso e l'orecchie, e
condotto in quello stato per le strade della città sopra un asino col
capo rivolto verso la coda dell'animale. Tali furono i disordini e le
rivoluzioni di Roma; nè minori furono per simili cagioni le sedizioni
in Milano.

Ma in queste nostre province i disordini furono maggiori, ed in Capua
più d'ogni altra parte. Reggeva, come si è detto, in questi tempi il
Principato di Capua Landenulfo con Aloara sua madre, ma essendo questa
Principessa morta dopo undici anni che resse col suo figliuolo, non
passarono quattro mesi, che alcuni malvagi suoi sudditi in quest'anno
993 congiurati empiamente lo ammazzarono fuori della chiesa di S.
Marcello, donde allora era uscito; e fu eletto in suo luogo per
Principe di Capua Laidolfo suo fratello; ma non restò invendicata la
morte di quest'infelice Principe, poichè Trasmondo Conte di Chieti
suo congionto, avendo chiamato in suo aiuto Rinaldo ed Oderisio Conti
di Marsi, indi a due mesi sopra Capua n'andò, e tennela assediata
quindici giorni, dando il guasto a' luoghi d'intorno[80]; ed indi a
poco pervenuto alla notizia d'Ottone III l'infame assassinamento di
Landenulfo, vi mandò di nuovo i medesimi col Marchese Ugo, i quali non
mai dall'assedio si levarono, finchè non furono dati loro i malfattori,
sei de' quali furono fatti impiccare, e gli altri con diversi tormenti
furono fatti penosamente morire. Ed essendo da poi venuto a notizia
d'Ottone, che Laidolfo, il quale al Principato era succeduto, aveva
tenuta mano nella morte del fratello, parendogli cosa molto scellerata
che un empio avesse in quel luogo a regnare, privollo del Principato
nell'anno 999 mandandolo in esilio di là de' monti, e vi costituì
Principe Ademario Capuano, figliuolo di Balsamo suo famigliare, che da
fanciullo aveasi egli educato, ed a cui poco prima avea dato il titolo
di Marchese[81]. Onde Laidolfo, secondo il vaticinio del B. Nilo, fu
l'ultimo, che imperò in Capua _ex semine Aloarae_. Ma Ademario godè
poco di tal fortuna, perchè fattosene indegno, fu tosto da' Capuani
scacciato, e fu sublimato al Principato Landulfo di S. Agata, figliuolo
di Landulfo Principe di Benevento, e fratello di Pandulfo II che
reggeva Benevento dopo averne scacciato Landulfo IV. Non mancarono
ancora le calamità in quest'istessi tempi, che apportarono i Saraceni
in questo Principato; poichè scorsa, e devastata la campagna da questi
fieri nemici, nel millesimo anno invasero Capua e la presero. Di che
avvisato Ottone, tosto calò in Italia, disfece i Saraceni, e gli cacciò
da Capua e da' suoi confini.

Nel Principato di Salerno accaddero non minori disordini: poichè
morto Capo di ferro, rimase Principe, come si disse, Pandulfo suo
figliuolo, per essere stato questi adottato dal Principe Gisulfo I,
ma non potè Pandulfo se non per pochi mesi dopo la morte di suo padre
ritenerlo, perchè privo di tal aiuto in quel medesimo anno 981 che
morì il padre, perdè tosto il Principato, e s'intruse nel medesimo
Mansone Duca d'Amalfi, il quale insieme con Giovanni I suo figliuolo
lo tenne due anni[82]: Ottone II subito in quest'istesso anno 981 nel
mese di decembre non potendo soffrire l'intrusione di Mansone, assediò
Salerno per discacciarnelo come illegittimo Principe: ma da poi avendo
proccurato Mansone placare l'Imperadore, tanto operò finchè ottenne dal
medesimo, che potesse ritenere il Principato.

Nè Ottone ebbe pensiero che fosse restituito a Pandulfo, forse perchè
da lui era parimente riputato Principe illegittimo, essendo succeduto
in quel Principato per l'adozione fatta da Gisulfo, e le consuetudini
feudali[83], che tratto tratto eransi introdotte in questi luoghi,
vietavano a' figliuoli adottati poter succedere ne' Feudi del padre
adottivo. Comunque siasi, Mansone ritenne il Principato di Salerno
per due anni, come rapporta la Cronaca salernitana, associando ancora
a quello Giovanni I suo figliuolo, come fu detto. Ma morto da poi
Ottone II nell'anno 983 i Salernitani mal sofferendo il dominio
di Mansone Duca di Amalfi, per le continue inimicizie e gare, che
tra Amalfitani e Salernitani furono sempre, tosto ne discacciarono
Mansone, il quale già era stato anche discacciato dal Ducato d'Amalfi
(se bene da poi lo ricuperasse, e lo reggesse per altri sedici anni)
ed in suo luogo rifecero Giovanni di Lamberto, che fu detto II per
distinguerlo da Giovanni I figliuolo di Mansone, chiamato di Lamberto
dal nome di suo padre, forse consanguineo de' Duchi di Spoleto, i
quali sovente valevansi de' nomi di Lamberto e di Guido; siccome questo
Giovanni, Guido nomò un suo figliuolo che associò al Principato. Regnò
Giovanni II con Guido dall'anno 983 infino al 988[84], ma essendo
morto Guido in quest'anno, associò al soglio l'altro suo figliuolo,
Guaimaro appellato, col quale regnò fino all'anno 994. In quest'anno
nell'istesso tempo che il Vesuvio cominciò a vomitar fiamme, mentre
giaceva con una meretrice, si trovò una notte morto Giovanni[85],
tanto che si confermò vie più ciò che il volgo credea, che quando
il Vesuvio vomitava fiamme, l'anima di qualche ricco scellerato era
portata nell'inferno. Rimanendo nel Principato Guaimaro, che III fu
detto, per esservene stati altri due prima in Salerno, e maggiore
ancora appellato da Ostiense[86], per distinguerlo dal minore, che fu
Guaimaro suo figliuolo, il quale al Principato gli succedette, resse
solo Salerno dopo la morte di suo padre insino all'anno 1018. Da poi
avendo associato al soglio il suddetto suo figliuolo Guaimaro IV, lo
tenne in compagnia del medesimo insino al 1031, nel qual anno morì. Sua
moglie fu Gaidelgrima figliuola di Pandulfo II Principe di Benevento,
e sorella di Pandulfo IV Principe di Capua, che perciò Ostiense[87] lo
chiama suo cognato.

In Benevento non si ravvisava più quella maestà e floridezza di prima,
e per gli sconcerti e tumulti poco prima accaduti per lo discacciamento
di Landulfo IV reggeva il Principato Pandulfo II con continui sospetti
e gare co' Principi di Capua. Egli però per mantenere il Principato
nella sua posterità avea nell'anno 987 associato al soglio Landulfo
suo figliuolo che V fu detto. E da poi avendo Landulfo procreato un
figliuolo chiamato Pandulfo, associò ancora al Principato questo suo
nipote nell'anno 1014 che Pandulfo III fu detto, e regnò insieme col
figliuolo e col nipote insino all'anno 1024, nel qual tempo morì[88].
Rimase nel Principato Landulfo V insieme con Pandulfo III insino che
morì nell'anno 1033; questi associò ancora un suo figliuolo nell'anno
1038, che tenendo anche il nome di Landulfo, VI perciò fu detto. Alle
calamità di Benevento s'aggiunse, che Ottone III, mal soddisfatto
de' Beneventani, perciò che veniva loro imputato di aver abbandonato
insieme co' Romani Ottone suo padre nella battaglia co' Greci, non
poteva sofferirgli: quindi si narra che ritornato dal santuario
di Gargano in Benevento tutto cruccioso per l'odio che portava a'
Beneventani, avesse loro tolto il corpo di S. Paolino, e portatolo in
Roma[89].

Ottone intanto per quietare in Roma i molti disordini che per la
fellonia di Crescenzio eran rimasi, non essendogli bastato di aver
fatto uccidere questo Tiranno, per dubbio che i Romani non tentassero
nuove cose, portossi a questa città in quest'anno 1001, ma non potendo
reprimere una nuova congiura tramatagli, non tenendo allora forze
bastanti, riputò meglio uscir di Roma, e verso Lombardia incamminossi.
Narrasi, che nel partire la moglie di Crescenzio, la quale l'Imperadore
colla speranza del Regno aveala allettata al suo amore, vedutasi ora
fuor di speranza avessegli tutta dolente, ma simulando il dolore,
dato in dono un paio di guanti avvelenati[90], dal qual veleno Ottone
insensibilmente essendone contaminato, se ne morì. Lione Ostiense[91],
e l'Arcivescovo di Firenze Antonino[92] narrano, che morisse di veleno
apprestatogli in una bevanda, non già ne' guanti: ciò che sembra più
credibile, ripugnando in fisica, secondo le osservazioni del Redi,
che il veleno in cotal guisa dato, possa aver tanta forza e vigore
di coagulare, o sciogliere il sangue sì che l'uom ne muoia. In fatti
Ottone appena giunto presso Paterno non molto distante dalla città
di Castellina ammalossi, e quivi prima di render lo spirito confessò
morire di veleno: alcuni vogliono che morisse in Sutri in quest'istesso
anno 1001 come l'Anonimo Cassinense; altri, come il Sigonio seguitato
dal Baronio, nell'anno seguente 1002. Ci sono ancor rimase di questo
Imperadore molte leggi, raccolte pure dal Goldasto[93]; ma non
avendo di se lasciata prole maschile, e restando estinta in lui la
progenie degli Ottoni, si videro i Germani in confusione grandissima
per la nuova elezione, la quale doveva per necessità cadere in altro
Principe fuori di quella Casa. Si diede perciò occasione a' nostri
Italiani di nuovamente aspirare all'Imperio ed al Regno d'Italia,
come lo pretesero, ponendo in su Ardoino figliuolo di Dodone Marchese
Eporediense; onde tornossi agli antichi disordini.



CAPITOLO V.

_Instituzione degli Elettori dell'Imperio; ed elezione d'ERRICO Duca di
Baviera._


Comunemente a questi tempi si crede, che avesse avuto principio
l'istituzione degli Elettori dell'Imperio; poichè si narra, che Ottone
III, disperato di prole, prevedendo i gravi disordini, che dovean
sorgere in Germania per l'elezione del suo successore, pensasse in
vita, col consiglio ed autorità di Gregorio V, stabilire il modo di
questa elezione, e che per levare i torbidi, restringesse ciò ch'era di
tutti i Principi della Germania, a' soli sette Elettori, e quindi aver
origine gli Elettori, che oggi diciamo dell'Imperio.

Ma siccome il modo e l'autore, da chi fosse stato questo Collegio
istituto, è incerto, così ancora è più incerto il tempo, nel quale
fu tal costume introdotto, variando i Scrittori, e portando fra di
loro sentimenti pur troppo diversi. Alcuni[94] la riportano a' tempi
più remoti, volendo che da Carlo M. cominciasse; ma questa opinione
vien condannata da tutti gli Scrittori, per falsa e ripugnante a
tutta l'istoria, essendo manifesto che molto tempo da poi fu tal
Collegio istituito, e da ciò che s'è narrato ne' libri precedenti di
quest'Istoria, è molto chiaro, che i successori di Carlo M. non da
certi Principi della Germania, ma da tutti i Principi della Francia,
e molto più dall'elezione del predecessore, in vita o ne' testamenti,
eran eletti Imperadori, o come se fosse ereditario non uscì l'Imperio
dalla stirpe di Carlo M., e Lodovico III figliuolo d'Atenulfo, ultimo
che fu del sangue di Carlo, non lasciando di se prole, vinto da
Berengario di Verona perdè insieme la vita e l'Imperio. Quindi, come si
è veduto ne' precedenti libri, cominciò l'Imperio a scadere, poichè i
nostri Italiani ed i Romani non riconoscevano altri per Re d Italia ed
Imperadori, se non quelli, che per via delle armi restavano superiori
a' lor nemici; così Berengario, Lodovico Boson, Ugone Arelatense,
Lotario suo figliuolo, Rodolfo di Borgogna, ed altri occupando
l'Italia, affrettarono ancora esser riputati Imperadori. Dall'altra
parte i Principi della Francia e della Germania riconoscevano per
Imperadore Corrado Re di Germania della stirpe di Carlo, il quale
essendo prossimo alla morte, come narra Nauclero[95], persuase que'
Principi, che per suo successore eleggessero Errico Duca di Sassonia.
Ma così Corrado, come Errico non ebbero mai il titolo d'Imperadore,
insino che dopo questi avvenimenti non fu eletto _ab omni populo
Francorum, et Saxonum_ (come dice Nauclero) Ottone il Grande, il quale
avendo conquistata l'Italia, acquistò ancora col consenso del Popolo
romano il nome, e la dignità d'Imperadore, e dal Papa in Roma fu unto
e incoronato. E coloro, che ad Ottone successero, come il III Ottone,
quasi come se ad essi per ragion ereditaria appartenesse, furono
parimente da tutti i Principi della Germania eletti Imperadori, come si
è veduto: tanto che il voler riportare questo costume fin a' tempi di
Carlo M. è un solenne errore a crederlo.

Per la falsità di questa credenza, surse l'altra che teneva, che il
principio di questo Collegio dovesse porsi ne' tempi d'Ottone III, il
quale disperato di prole, prevenendo gli sconvolgimenti che doveano
accadere nell'elezione del suo successore, col consiglio ed autorità di
Gregorio V, avesse ristretta questa facoltà, ch'era di tutti i Principi
della Germania, per toglier le divisioni, a soli sette.

Ma Onofrio Panvinio[96] riprova ancora quest'opinione, e vuole che
non prima della morte di Federico fosse stato questo Collegio di sette
Elettori istituito da Gregorio X, romano Pontefice; poichè e' dice per
molto tempo dopo la morte d'Ottone III tutti i Principi della Germania,
come prima, così Vescovi, che laici eleggevano gl'Imperadori, ed in
questo modo essere stato eletto Errico II, Corrado I e II, Errico IV e
V, Lotario II, Federico I e Filippo I. Ma quest'opinione non contiene
minor errore della prima, poichè molto tempo innanzi di Gregorio X
hassi presso agli Scrittori antichi memoria di questi sette Elettori:
di essi parlano Martino Polono, che scrisse sotto Innocenzio IV, Lione
Ostiense, che fiorì sotto Urbano II ed il Concilio di Lione celebrato
sotto l'istesso Innocenzio IV. Quindi il Baronio per isfuggire l'errore
di Onofrio ne cade in un altro, credendo perciò che non da Gregorio
X, ma da Innocenzio IV, nel Concilio di Lione fosse la prima volta
stabilito il Collegio de' sette Elettori: ma si vede anche esser
erronea tal opinione per quell'istesso, che si dice di Gregorio X,
poichè gli Scrittori, che fiorirono avanti il Concilio di Lione, o
in quel torno, parlano di questo Collegio come di cosa molto antica.
L'Autore del libro _de Regimine Principum_ (malamente attribuito a
S. Tomaso, onde a gran torto il nostro Cuiacio[97] caricò d'ingiurie
questo Santo su la credenza, ch'egli ne fosse Autore, dicendogli,
che delirasse per tutto il libro) fiorì prima del Concilio di Lione.
Ostiense, che avanti questo Concilio scrisse la sua Cronaca ed Agostino
Triunfo, che poco da poi scrisse dell'istituzione de' sette Elettori,
a' tempi di Gregorio V la riportano, e ne parlano come di cosa molto
antica: ond'è molto verisimile, che avesse avuto il suo principio ne'
tempi del Concilio di Lione. Di vantaggio i sette Elettori, che si
noverano in questo Concilio, sono diversi da coloro che sono ora, e
che furono anticamente. Martino Polono fin ne' suoi tempi narra essere
stati i tre Cancellieri, cioè l'Arcivescovo di Magonza Cancelliere
della Germania, quello di Treveri Cancelliere della Francia, e
l'altro di Colonia Cancelliere d'Italia; e quattro altri Principi pure
Ufficiali dell'Imperio, il Marchese di Brandeburgo gran Camerario,
l'Elettor Palatino Dapifero, il Duca di Sassonia Portaspada, ed il Re
di Boemia Pincerna. Quelli però, che si contano nel Concilio di Lione
sono altri, i Duchi d'Austria, di Baviera, di Sassonia e di Brabanzia,
ed i Vescovi sono quelli di Colonia, di Magonza e di Salsburgo.

In tanta varietà di pareri, sembra più verisimile, che a questi tempi
d'Ottone III fossesi istituito il Collegio degli Elettori; ma che ne'
susseguenti poi si ponesse in uso, e fosse praticato, che nell'elezione
intervenissero solamente sette Elettori[98]; poichè gravissimi Autori
narrano, che Ottone disperato di prole, perchè non accadessero
sedizioni nell'elezione del suo successore, avesse consultato
con Gregorio V il modo da tenersi nell'avvenire per l'elezione
degl'Imperadori, nel che bisognò anche, che v'intervenisse il consenso
de' Principi della Germania, a' quali s'apparteneva tal elezione: ed
egli è credibile, che per lo bene della pace alcuni credessero questa
loro ragione, con restringere, per evitar le confusioni ed i partiti,
il numero degli Elettori a sette: se bene l'Istoria ne accerta che non
così tosto si ponesse in pratica tal istituto, poichè molti Principi
non volendo cedere questa loro prerogativa, vollero anche intervenire
nell'elezioni. Così leggiamo, ch'Errico successore d'Ottone, non da
sette Elettori, ma da' Principi della Germania, dice Nauclero, essere
stato eletto, e restano ancora altri esempi consimili di essere
intervenuti più Principi e Prelati della Germania, tanto che tra le
Epistole di Gregorio VII n'abbiamo una di questo Pontefice drizzata
a tutti i Vescovi, a' Duchi, e Conti della Germania per l'elezione
d'un nuovo Re nel caso, che Errico non s'emendasse. Così facilmente
s'accorderanno fra loro quelli, che dicono il Collegio de' sette
Elettori sotto Ottone III essere istituito, e quelli che non prima di
Gregorio X o d'Innocenzio IV vogliono avesse avuto principio, poichè
questi parlano dell'uso e della pratica, quelli del solo istituto.

Dal che si conosce ancora, la vanità del Bellarmino in questo
proposito, e de' suoi seguaci non esser inferiore a quell'altra della
translazione dell'Imperio ai Franzesi nella persona di Carlo M. o
ne' Germani in quella d'Ottone, in volendo all'autorità del Papa
attribuire questa istituzione; poichè nè il Papa, nè l'Imperadore
istesso, senza il consenso de' Principi della Germania, del cui
pregiudizio trattavasi, potevano restringere a' soli sette Principi
questa facoltà, con spogliarne gli altri; nè potevan farlo, siccome in
fatti non lo fecero; e gli Scrittori testimoniano, che col consenso
degli altri Principi si restringesse a sette questa prerogativa.
La Cronaca antica, della quale alcuni vogliono, che ne fosse Autore
Alberto Stadense nell'anno 1240 porta, che per consenso de' Principi
i Vescovi di Treveri e di Magonza eleggono l'Imperadore; ed Agostino
Triunfo[99] narra, che nel tempo di Ottone, Gregorio V, avendo
convocati e richiesti i Principi d'Alemagna, avesse istituiti i
sette Elettori. Leopoldo[100] rapporta ancora, che in tempo d'Ottone
III, che non ebbe figliuoli, fu istituito, che per certi Principi
della Germania Ufficiali dell'Imperio, ovvero della Corte imperiale
s'elegesse l'Imperadore; ma sopra tutti niuno più diligentemente ci
descrisse questa istituzione di Nauclero[101], il quale dice, che
Ottone III non avendo prole maschile, per consiglio de' Principi
della Germania, stabilì, che morto l'Imperadore, in Francofort
dovesse farsi l'elezione, costituendo per Elettori tre Arcivescovi,
e quattro altri Ufficiali dell'Imperio di sopra rapportati; onde poi
fu introdotto, che a soli questi Elettori s'appartenesse eleggere
l'Imperadore, il quale non era così chiamato ma solamente Cesare, e
Re de' Romani, se non dapoichè in Roma dal Pontefice non fosse stato
incoronato. Così l'Imperadore Ottone trascelse tra tanti Principi sette
Ufficiali dell'Imperio per Elettori, forse per consiglio del Papa,
ma principalmente per consenso dei Principi, che cederono alla lor
ragione; ed il Pontefice Gregorio V approvò lo stabilimento fatto per
consenso de' Principi. Tanto che tal istituzione non al Papa, ma più
tosto all'Imperadore, e sopra tutto ai Principi stessi della Germania
deve attribuirsi, siccome osservò ancora il Cardinal Cusano[102]. E se
bene, come si è veduto, non così tosto che fu ciò stabilito, si fosse
posto in pratica; nulladimeno da poi col correr degli anni, i Principi
della Germania anteponendo il ben pubblico a' privati interessi,
cedendo a' loro diritti a sette solamente restrinsero gli Elettori;
i quali riconoscono tal autorità non dal Papa, nè dall'Imperadore, ma
dal consenso comune di tutti coloro, a' quali prima appartenevasi tal
elezione; e l'autorità Imperiale tutta dalla loro elezione dipende,
non da altri; e se il costume fu di prender la corona d'oro in Roma
dal Papa, ciò non fu riputato, che per una solennità e cerimonia,
siccome degli altri Principi, che sogliono farsi ungere ed incoronare
dai proprj Vescovi, come abbiam veduto de' Re d'Italia, di Francia,
di Spagna, ed altri: tanto che Massimiliano Imperadore presso al
Guicciardino[103], in una concione, che fece agli Elettori prima di
passar in Italia, si protesta, e lor disse, ch'egli avea deliberato di
passare in Italia per ricevere la corona dell'Imperio con solennità
(come è noto più di cerimonia, che di sostanza) perchè la dignità e
l'autorità imperiale dipende in tutto dalla vostra elezione.

L'istituzione adunque di questo Collegio Elettorale, se bene avesse
avuto il suo principio sin da' tempi d'Ottone III non fu però messa in
esecuzione nell'elezione d'Errico Duca di Baviera, che gli succedè;
poichè questo Principe, secondo il solito modo, fu fatto Re di
Germania da' Principi e Prelati di essa. Intanto i nostri Italiani,
scorgendo che Ottone non avea di se lasciati figliuoli, aspirarono
di nuovo a ridurre l'Imperio ed il Regno d'Italia nelle loro mani.
Infatti Ardoino in Pavia fu Re d'Italia proclamato, e tenne il Regno,
ancorchè combattuto da Errico, poco men di due anni. L'Arcivescovo
di Milano reputando a suo disprezzo ciò che s'era fatto in Pavia
intorno all'esaltazione d'Ardoino senza sua autorità, mosse Errico
a discacciarlo dal Trono. Non solo i Pontefici romani, ma sino gli
Arcivescovi di Milano pretendevano, che l'elezione de' Re d'Italia
appartenesse a loro; e ciò che prima fu istituito per sola solennità,
e cerimonia di farsi i Re da loro ungere ed incoronare, da poi la
pretesero di necessità, e che assolutamente ad essi s'appartenesse
l'elezione. Documento (siccome infiniti altri se ne scorgeranno nel
corso di quest'Istoria) che devono i Popoli ed i Principi guardarsi
molto bene ne' proprj affari, in tutto ciò che appartiene ad essi, di
non farvi ingerire i Preti, poichè costoro ciò che prima ricevono per
cortesia, o riverenza dovuta alla loro dignità, da poi lo pretendono
di necessità, anzi con somma ingratitudine niegano poi riconoscerlo
da essi, ed alla loro autorità e carattere l'attribuiscono. Così
Arnulfo Arcivescovo di Milano (se dee prestarsi fede al Sigonio) tenne
un Concilio di suoi Vescovi, e depose Ardoino, conferendo il Regno
d'Italia ad Errico. Tanto che per questo fatto ne restarono gravemente
offesi i Pontefici romani per le deposizioni, che vantano di poter essi
soli fare di Regni ed Imperj, giacchè allora fin gli Arcivescovi di
Milano tentarono di farlo per li Re d'Italia. Mandò per tanto Errico,
invitato da Arnulfo, in Italia il Duca Ottone per discacciarne Ardoino,
e fu guerreggiato con dubbia sorte: ma Arnulfo scorgendo, che non
poteva così facilmente discacciar d'Italia Ardoino, il quale devastava
tutto il Milanese, s'adoperò in maniera per Legati, che Errico in
persona calasse in Italia: vennevi questo Principe con potente armata,
prende Verona, ove Ardoino erasi presidiato, e lo confina in Pavia,
e cintala di stretto assedio tosto la riduce in sua potestà, e con
incendj e saccheggiamenti, la riduce in cenere[104]: da poi portatosi
a Milano fu in questa città immantenente incoronato Re d'Italia
dall'Arcivescovo; onde molti dei nostri Italiani, abbandonato Ardoino,
s'unirono al partito dell'Arcivescovo e d'Errico.

Fu allora, che avendo Errico debellato e distrutto li suo emolo,
portossi in questo anno 1013 presso Roncaglia, dove seguitando i
vestigi, de' suoi maggiori, tenne una Dieta, e molte leggi da lui
furono stabilite, le quali come Re d'Italia le stabilì, non avendo
ancora assunto il nome d'Imperadore. Convennero nella Dieta, secondo
il solito, molti Principi, Marchesi, Conti, Giudici, ed anche molti
dell'Ordine ecclesiastico, come Arcivescovi, e Vescovi. Fu allora, che
stabilì questo Principe quelle leggi, che abbiamo nel libro primo e
secondo delle leggi longobarde[105], le quali dall'antico Compilatore
di que' libri furono all'altre aggiunte, come stabilite da Errico, che
se non ancora Imperadore, era stato però Re d'Italia acclamato, dopo
fugato Ardoino. Altre leggi accenna il Sigonio[106], e moltissime altre
furono raccolte da Goldasto[107].

Portossi indi a poco Errico in Ravenna, donde spedì Legati in Roma al
Pontefice Benedetto VIII per li quali gli espose esser apparecchiato
venir in Roma a prender l'insegne e la Corona imperiale[108]; tosto
si incamminò per quella città, ove accolto benignamente dal Papa e
da' Romani, secondo il costume fugli con solita cerimonia e celebrità
da quel Pontefice posta la Corona imperiale, ed Augusto dal Popolo
fu proclamato: indi avendo confermati i privilegi alla Chiesa romana
conceduti da' suoi predecessori non molto da poi tornossene in
Germania, ove era richiamato. Così l'Imperio ed il Regno d'Italia
dalla stirpe degli Ottoni passò nella Casa de' Duchi di Baviera nella
persona d'Errico II ed Ardoino che poco men di due anni tenne il Regno
d'Italia, perduta ogni speranza di riacquistarlo, si vestì Monaco in un
monastero presso Turino.

Ma mentre Errico imperava nell'Occidente, e Basilio nell'Oriente,
accaddero in queste nostre regioni avvenimenti così portentosi e
grandi, che finalmente tutti terminarono nella dominazione d'una nuova
gente la quale da tenuissimi principj, per mezzo delle loro valorose
azioni potè unire queste nostre Province, già in tante parti divise, e
a tanti Principi sottoposte, sotto un solo Moderatore, e che finalmente
in forma d'un ben fondato e stabil Regno le riducesse. Furono questi i
prodi e valorosi Normanni, l'origine de' quali, e le loro famose gesta
saranno ben ampio e luminoso soggetto de' seguenti libri di questa
Istoria.



CAPITOLO VI.

_Politia ecclesiastica di queste nostre province per tutto il decimo
secolo insin alla venuta de' Normanni._


La politia ecclesiastica, che si vide a questi tempi introdotta presso
di noi, comincia ad avere qualche rapporto alla presente, per quanto
s'attiene all'innalzamento de' Vescovi in Metropolitani. I Papi,
per la concessione del Pallio, trassero a se per nuovo diritto la
ragione sopra i Vescovi, obbligandogli ad andare in Roma a riceverlo,
innalzandogli a Metropolitani. Trasse quindi origine la pretensione,
che le cause delle loro diocesi per appellazione, o per negligenza in
trattarle dovessero portarsi a Roma: ed infine di voler soprantendere
a tutti i loro affari; ed eressero perciò molti nuovi Metropolitani
e Vescovi. Ebbero in ciò tutto il favore degli Ottoni Imperadori
d'Occidente, e d'Ottone I sopra ogni altro, li quali contro l'ambizione
de' Patriarchi di Costantinopoli gli difesero, facendo valere la
loro autorità anche sopra alcuni di quegli Stati, che s'appartenevano
all'Imperio greco. Aveva Ottone I forte cagione di sostenergli, poichè
niuno Imperadore fu cotanto da' romani Pontefici favorito, quanto lui.
Se tra' Scrittori ancor si disputa del Sinodo tenuto da Adriano in
Roma, dove narrasi essere stata data a Carlo M. la potestà di eleggere
il Papa; non si dubita però che Lione VIII in un general Concilio
tenuto nell'anno 964 in Laterano avesse ad Ottone M. ed a tutti
gl'Imperadori germani suoi successori conceduto in perpetuo, non pure
il Regno d'Italia ed il Patriziato romano, ed avesse con indissolubil
nodo unito l'Imperio d'Occidente col Regno germanico, ond'è che
Ottone, ed i suoi successori furono poi Sovrani di Roma; ma ancora
d'ordinare la Santa Sede, ed eleggere il Papa a suo arbitrio e piacere.
Confermogli ancora, ciò che Adriano avea conceduto a Carlo M. il
diritto dell'_investiture_, dandogli potestà coll'anello e col bastone
investire gli Arcivescovi ed i Vescovi delle loro Chiese. Di questo
Concilio tenuto in Roma ne rendono testimonianza Luitprando[109],
Ivone Carnotense[110], donde il prese Graziano[111], che volle pure
inserirlo nel suo decreto; e Teodorico di Niem da un antico Codice
fiorentino lo inserì anche nel suo Trattato delle Ragioni, e Privilegj
dell'Imperio[112].

Così vicendevolmente favorendo l'un l'altro, vennesi molto più a
corrompersi l'antica disciplina, ed il mutarsi l'antica disposizione
delle Chiese. I Papi perciò più Vescovi ordinarono, e più metropoli
cressero; ma l'innalzamento di queste si vide che facevasi, secondando
la disposizione delle città dell'Imperio, con adattarsi sempre la
politia ecclesiastica alla temporale; siccome appunto accadde in queste
nostre province.


_Principato di CAPUA._

Tra le città più cospicue ch'erano in quelle province sottoposte a'
Longobardi, si è veduto essere state Benevento e Salerno; ma ora Capua
sopra ogni altra estolse il capo. Quindi (non volendosi tener conto
di ciò che si facessero i Patriarchi di Costantinopoli nelle città al
greco Imperio sottoposte) la prima città del nostro Regno, che fosse
stata da' romani Pontefici innalzata ad esser metropoli, fu Capua. A
Lodovico Imperadore era venuto in pensiero nell'anno 873 di render
Capua metropoli; ma, come narra Erchemperto[113], frastornato per
altre cure, non ebbe questo suo pensiero effetto. Ma nel Pontificato
di Giovanni XIII, patendo costui fiere persecuzioni da' principali
Signori romani, che lo discacciarono da Roma, venendo a Capua, fu
cortesemente accolto dal Principe Pandulfo; il Papa riconoscente
di questo beneficio, nell'anno 968 in grazia sua innalzò Capua ad
esser metropoli, e consecrò Arcivescovo di quella Giovanni fratello
del Principe[114]. Ebbe per suffraganei i Vescovi d'Atina, il qual
Vescovado a' tempi di Papa Eugenio III fu soppresso, quello d'Isernia,
che prima andava unito colle Chiese di Venafro e di Bojano, l'altro
di Sessa, che poi si sottrasse da questa metropoli, e fu posto sotto
l'immediata soggezione del Pontefice romano; ed in decorso di tempo
multiplicandosi tuttavia in questo Principato più Vescovi, ebbe
ancora per suffraganei, siccome oggi ritiene, i Vescovi di Cajazza,
di Carinola, di Calvi, di Caserta, di Teano e di Venafro. Furon anche
suoi suffraganei i Vescovi d'Aquino, di Fondi, di Gaeta e di Sora,
ma sottratti da poi dalla Chiesa di Capua, furono immediatamente
sottoposti alla Sede Appostolica.


_Principato di BENEVENTO._

Il Principato di Benevento, non meno che quello di Capua, meritava
ancora quest'onore; la sua estensione sopra tutti gli altri Principati
e Ducati maggiormente lo richiedeva. Quindi si vede sopra tutti
i Metropolitani del nostro regno, l'Arcivescovo di Benevento aver
ritenuti ancora più Vescovi suffraganei. Fu pure un'anno appresso nel
969, innalzato Benevento dallo stesso Pontefice Giovanni XIII, ad esser
metropoli: e siccome era quella riputata capo d'un sì ampio Principato,
così secondando la politia della Chiesa quella dell'Imperio, si vide
il Vescovo di Benevento Capo di tutte le Chiese del suo Principato.
Fu in grazia dell'Imperador Ottone e del Principe Pandulfo costituito
Arcivescovo di Benevento Landolfo, a cui Papa Giovanni concedè il
Pallio, ed il titolo di Metropolitano[115]. Ciò che di particolare
si osserva in questa Chiesa si è, che il Vescovo beneventano prima
d'essere innalzato al grado di Metropolitano, ebbe Siponto, e molte
altre Chiese cattedrali a se soggette. Egli fu il più favorito non
men da' Pontefici romani, che dagli Imperadori, e da' suoi Principi di
innumerabili prerogative e privilegi. Costui un tempo videsi fregiato
di quelle due insigni prerogative, le quali oggi al solo Pontefice
romano sono riserbate, cioè di portar la mitra rotonda a guisa
dell'antica Tiara pontificia con una sola corona fregiata d'oro; e di
portare, mentre andava visitando la provincia, il Venerando Sacramento
dell'Altare; ed ora pur ritiene a guisa de' romani Pontefici l'uso di
segnare col sigillo di piombo le sue Bolle. Un tempo l'Arcivescovo di
Benevento ebbe la temporal Signoria della città di Varano con molte
altre terre e castelli, ed esercitava giurisdizione in molti luoghi, ed
ora i suoi Vicarj sono Giudici ordinarj in grado d'appellazione delle
cause civili tra' laici: e sopra le ville di S. Angelo, e della Motta,
secondo che rapporta Ughello[116], ritengono ancora il mero e misto
imperio.

L'estensione del suo Principato portò ancora in conseguenza, che
il numero de' Vescovi suffraganei fosse maggiore di quanti mai
Metropolitani fossero in queste province. Ne riconobbe un tempo
fino a trentadue, insino che alcuni di essi non fossero innalzati
o a Metropolitani, come fu quello di Siponto, che poi distaccatosi
da questa Chiesa, resse per se medesimo la sua Cattedra: ovvero
non fossero stati sottratti, e sottoposti immediatamente alla Sede
Appostolica, o altri, per la distruzione delle loro città, non
fossero stati soppressi. Ebbe sin da questi tempi per suffraganei i
Vescovi di S. Agata de' Goti, di Avellino, di Arriano, d'Ascoli, di
Bovino, di Volturara, di Larino, di Telese, di Alife e di Siponto.
Essendosi poi nel Regno da' romani Pontefici fatti più Vescovi, e
molte Chiese rendute cattedrali, che prima non erano, fu veduto,
come si è detto, il numero dei suffraganei molto maggiore. Quindi
ora si vede, essendosi per nuova distribuzione diviso il Regno in
più province, che questo Metropolitano abbia Vescovi suffraganei, non
pure nel _Principato Ultra_, ma in altre province fuori di quello. Nel
_Contado di Molise_ vi ha il Vescovo di Bojano, e l'altro di Guardia
Alfiera. Nel _Principato Citra_ ve ne ha cinque, quello di Avellino,
e gli altri d'Arriano, di Trivico, di Volturara, e di Monte Marano. In
_Terra di lavoro_ ne ritiene tre, quel di S. Agata de' Goti, d'Alife,
e di Telese. In _Capitanata_ sei, cioè Ascoli, Bovino, Larino, S.
Severo, Termoli e Lucera. Li Vescovadi di Draconaria, di Civitade, di
Firenzuola, di Frigento, di Lesina, di Montecorvino e di Turtiboli,
che tutti furono suffraganei all'Arcivescovo di Benevento, per la
desolazione delle loro città restano oggi estinti, ed unite le loro
rendite ad altre Chiese cattedrali; e quelle di Lesina distrutta da'
Saraceni, al magnifico ospedale della Nunziata di Napoli.

Teneva ancora in questa provincia, quando Siponto e 'l Monte Gargano
erano compresi nel Principato di Benevento, la Chiesa sipontina e
la garganica attribuite al Vescovo di Benevento sin da tempi di S.
Barbato dal Duca Romualdo, acconsentendovi anche Vitagliano R. P. il
quale nell'anno 668, a Barbato, e suoi successori confermò la Chiesa
sipontina; e poco men di quattrocento anni i Vescovi beneventani si
intitolavano anche Sipontini, ond'è che Landulfo, che fu il primo
Arcivescovo di Benevento, si nominava anche di Siponto; ma tolta
da poi questa provincia da' Greci a' Longobardi, e passata quindi
sotto la dominazione de' Normanni, furono da Benevento separate, e
Siponto antica sede de' Vescovi fu innalzata a metropoli. La Chiesa
sipontina sin da' primi tempi ebbe i suoi Vescovi; e negli atti del
Concilio romano celebrato nell'anno 465, sotto Ilario R. P. si legge la
soscrizione di Felice Vescovo di Siponto. Un altro Felice pur Vescovo
di questa città troviamo ne' tempi di S. Gregorio M. a cui da questo
Pontefice si veggono dirizzate molte sue epistole, e nel decreto di
Graziano[117] fassi memoria di Vitagliano Vescovo di Siponto, a cui
S. Gregorio drizzò parimente sue lettere. Caduta poi per le fiere
guerre tra' Longobardi beneventani, e' Greci napoletani in istato
lagrimevole, fu, come si disse, duopo unirla a quella di Benevento;
donde non si staccò se non in questi tempi, quando sedendo in Roma
Benedetto IX, nell'anno 1034, la divise da Benevento, e la decorò della
dignità Arcivescovile, e quindi ne' decretali[118] s'incontra spesso
il nome degli Arcivescovi sipontini. Pascale II, da poi le diede per
suffraganeo il Vescovo di Vesti, che ancor oggi ritiene.

Ritengono questi Arcivescovi il nome di Sipontini, ancorchè Siponto sia
ora distrutta, ed in suo luogo sopra le ruine di quella dal Re Manfredi
fossesi edificata un'altra città chiamata dal suo nome Manfredonia.
I Pontefici romani, e per serbarle il pregio dell'antichità, e per
l'odio che tengono al nome di Manfredi, le han fatto conservare
l'antico nome. I Canonici e' cittadini garganici pure pretesero, che
avendo gli Arcivescovi sipontini, o per l'amenità del luogo, ovvero
per occasion di guerre, sovente trasferita la loro residenza nel
Gargano, che dovessero chiamarsi non meno Sipontini, che Garganici, e
che la loro chiesa non meno che Siponto dovesse godere degli stessi
onori e prerogative; n'allegavan anche una bolla di Papa Eugenio
III, e ne mossero perciò lite in Roma, che ha durato più secoli. Ma
Alessandro III, profferì contro di essi la sentenza, poichè essendosi
riconosciuta la bolla d'Eugenio, videsi rasa e viziata in quella parte,
ove riponevan tutta la loro difesa. I successori d'Alessandro, Lucio,
Celestino, Innocenzio III, e tutti gli altri Papi confermarono la
sentenza d'Alessandro; onde ora la Chiesa sipontina solamente ritiene
l'onore di metropoli, a cui i Garganici sono sottoposti.

Non mancò chi credette, che al Metropolitano di Siponto, quando
Benedetto IX, l'innalzò a tal dignità, le avesse ancor dati quattro
Vescovi per suffraganei, cioè quello di Troja, l'altro di Melfi, e
quelli di Monopoli e di Rapolla; ma come ben pruova l'Ughello, questi
o non mai, o per poco tempo salutarono l'Arcivescovo di Siponto come
lor Metropolitano; poichè nel Concilio lateranense celebrato nell'anno
1179, sotto Alessandro III, i Vescovi di Melfi, e di Monopoli si
sottoscrissero con gli altri Vescovi immediatamente sottoposti alla
Sede Appostolica; e que' di Troja, e di Rapolla non v'intervennero;
e nel vecchio Provincial romano scritto da più di cinquecento anni
addietro, questi due si dicono appartenere alla Provincia romana, e
negli ultimi tempi quello di Rapolla fu estinto, ed unito al Vescovo di
Melfi.

Non si vede ora l'Arcivescovo di Benevento avere suffraganei ne' due
_Apruzzi_, che prima eran compresi nel Principato di Benevento; poichè
i Vescovadi di queste due province, quasi tutti, come a Roma vicini,
furono immediatamente sottoposti alla Sede Appostolica. L'Aquila
edificata dall'Imperador Federico II, sopra le ruine d'Amiterno,
del cui Vescovo fassi spessa memoria nell'Epistole di S. Gregorio
M. fu fatta sede Vescovile da Alessandro IV, il quale da Forcone
col consentimento di Bernardo, che n'era Vescovo, intorno l'anno
1257, traslatò quivi la sede, ed avendola collocata nella chiesa
de' SS. Massimo e Giorgio, ordinò, che non si nomasse più Vescovo
di Forcone, ma dell'Aquila, secondo che appare per la Bolla sopra di
ciò spedita, riferita dal Bzovio negli Annali ecclesiastici, e se ne
conserva copia autentica in pergameno nell'Archivio del convento di S.
Domenico di Napoli, fatta estrarre ad istanza del Vicario di Paolo suo
Vescovo nell'anno 1363. E questa Chiesa non è ad alcun Metropolitano
suffraganea; ma immediatamente sottoposta a quella di Roma. Chieti
parimente ebbe il suo Vescovo sotto l'immediata subordinazione del
Papa, e non fu, se non negli ultimi tempi da Clemente VII, nell'anno
1527, renduta metropoli, a cui per suffraganei furono dati i Vescovi di
Penna, d'Adria, e di Lanciano; ma questi pure da poi se ne sottrassero,
e ritornarono sotto l'immediata soggezione di Roma; e Lanciano fu poi
in metropoli innalzato, ma senza darsegli suffraganeo alcuno, ritenendo
solamente le preminenze ed il titolo di Arcivescovo; e solo il Vescovo
di Ortona rimane ora suffraganeo al Metropolitano di Chieti.


_Principato di SALERNO._

Il Principato salernitano meritava pure, che in questo decimo secolo,
siccome quello di Capua e di Benevento, avesse il suo Metropolitano;
onde è che Giovanni Principe di Salerno ne richiese il Pontefice
Benedetto VII, il quale nell'anno 974, innalzò questa città in
metropoli, ed istituì Arcivescovo di quella Amato[119]; gli fu poi
confermata questa prerogativa dal Pontefice Giovanni XV, onde l'Indice
aggiunto all'Istoria del Regno d'Italia del Sigonio, che rapporta
l'istituzione di questo Arcivescovado a Sergio IV nel 1009 contiene
manifesto errore. Ebbe prima per suffraganei molti Vescovi, fra' quali
furono quelli di Cosenza, di Bisignano, e di Acerenza. Questi, secondo
la disposizione delle sedi sottoposte al Trono costantinopolitano,
rapportata nel libro sesto di quest'istoria, furono attribuiti
dall'Imperador Lione, cioè i Vescovi di Cosenza e di Bisignano al
Metropolitano di Reggio, di cui erano suffraganei, e il Vescovo
d'Acerenza al Metropolitano di S. Severina; ma da poi furono restituiti
al Trono romano, e al Metropolitano di Salerno aggiudicati. Il Vescovo
di Consa parimente era suo suffraganeo, siccome quello di Pesto, di
Melfi, de la Calva, di Lavello, e di Nola; ma da poi quel di Pesto
fu unito a quello di Capaccio, gli altri di Melfi, di Lavello e di
Bisignano, se ne sottrassero, e si sottoposero immediatamente alla Sede
Appostolica, e quello di Nola fu fatto suffraganeo all'Arcivescovo di
Napoli. Il monastero della Cava, essendo surto in questi tempi, di cui
Alferio ne fu il primo Abate, innalzato poi in amplissima dignità, e da
Urbano II nel 1091 decorato il suo Abate Pietro dell'uso della Mitra,
fu da Bonifacio IX eretto in Cattedrale[120]. Ma Lione X diede poi alla
Cava particolar Vescovo, e fu quello sottoposto immediatamente alla
Sede Appostolica. Tre altri di questi Vescovadi furono da poi ancor
innalzati a metropoli, e furon que' di Consa, di Acerenza e di Cosenza.

Il Vescovo di Consa da chi, ed in quali tempi fosse stato innalzato
a Metropolitano, è molto incerto: forte conghiettura è quella
dell'Ughello[121], che crede da Alessandro II, ovvero da Gregorio
VII suo successore, essersi Consa resa metropoli; poichè si vede, che
nell'anno 1051 sotto il Ponteficato di Lione IX il Vescovo di Consa
era ancor suffraganeo all'Arcivescovo di Salerno; ed il primo, che
s'incontra nominarsi Arcivescovo di Consa, fu Lione, che visse sotto
il Ponteficato di Gregorio VII, e da questo Lione poi successivamente
senz'interruzione si veggono tutti gli altri nominati Arcivescovi. Gli
furon dati per suffraganei i Vescovi, che di tempo in tempo s'andavan
ergendo ne' luoghi vicini; onde se gli diede il Vescovo di S. Angelo
de' Longobardi, quello di Bisaccia, di Lacedogna, di Montemurro, di
Muro, e di Satriano; ma quest'ultimo passò poi sotto il Metropolitano
di Salerno. Dell'altro di Belfiense, di cui nel Provinciale Romano
fassi memoria, come sottoposto al Metropolitano di Consa, non ve n'è
ora presso di noi alcun vestigio.

Il Vescovo d'Acerenza, che prima, secondo la Novella di Lione, era
suffraganeo al Metropolitano di S. Severina, sottoposto al Patriarca
di Costantinopoli, restituito al Romano, riconobbe per Metropolitano
l'Arcivescovo di Salerno, e si legge dall'anno 993 insino al 1051
essere stato a costui suffraganeo. Fu poi da Niccolò II innalzato,
e renduto Metropolitano; poichè ciò che alcuni scrissero questa
dignità essergli stata conferita da Benedetto V, s'asserisce senza
verun legittimo documento. Alessandro II, che a Niccolò succedè,
nell'anno 1067 confermò all'Arcivescovo Arnolfo questa prerogativa
di Metropolitano, e l'uso del Pallio; e gli diede per suffraganee
le Chiese di Venosa, di Montemilone, di Potenza, Tulba, Tricarico,
Montepeloso, Gravina, Oblano, Turri, Tursi, Latiniano, S. Quirico,
e Virolo co' suoi castelli, ville, monasteri, e plebe; onde il nome
degli Arcivescovi d'Acerenza cominciò a sentirsi, di cui anche nelle
nostre decretali[122] sovente accade farsene ricordanza. Ma in decorso
di tempo, desolata Acerenza, per le continue guerre, d'abitatori,
bisognò che a lei per sostenerla s'unisse la Chiesa di Matera, la quale
da Innocenzio II, essendo stata renduta cattedrale, fu con perpetua
unione congiunta a quella d'Acerenza con legge, che l'Arcivescovo
d'Acerenza per accrescer dignità alla Chiesa di Matera, si chiamasse
ancora Arcivescovo di Matera, e che quando dimorava in Acerenza, nelle
scritture il nome di Acerenza fosse posto innanzi a quello di Matera;
e tutto al rovescio poi si praticasse quando l'Arcivescovo trasferiva
sua residenza in Matera. Questa alleanza non durò guari, poichè sotto
Eugenio IV per togliere le discordie fra i Capitoli, e' cittadini
dell'una e dell'altra città, furono divise, ed assegnato a Matera il
proprio Vescovo. Tornaronsi poi ad unire; ma sotto Lione X insorte
nuove contese, finalmente nel Ponteficato di Clemente VII fu dalla
Ruota romana deciso il litigio a favor d'Acerenza, conservandole le
antiche sue ragioni e preminenze. Ma questa città ridotta nell'ultimo
scadimento, avendo perduto l'antico suo splendore; ed all'incontro,
siccome portano le vicende delle mondane cose, Matera essendo divenuta
più ampia, e d'abitatori più numerosa, bisognò trasferire la sede degli
Arcivescovi di Acerenza in Matera, ove ora tengono la loro residenza;
e le restano ancora cinque Vescovi suffraganei, quello d'Anglona
trasferito nell'anno 1546 da Paolo III per la sua desolazione in Tursi,
quello di Gravina, e gli altri di Potenza, di Tricarico e di Venosa.

Il Vescovo di Cosenza prima suffraganeo al Metropolitano di Reggio,
e sottoposto al Trono costantinopolitano, tolto da poi a' Greci, e
restituito da' Normanni al Romano, fu suffraganeo dell'Arcivescovo
di Salerno; ma in qual anno, e da qual Pontefice ne fosse stato
sottratto, ed innalzata Cosenza ad esser metropoli, non se ne sa niente
di certo[123]. Comunemente si crede, che nel principio dell'undecimo
secolo fosse stata decorata di questa dignità; poichè nell'anno
1056, nella Cronaca di Lupo Protospata si fa memoria di un tal Pietro
Arcivescovo di Cosenza; ed altri reputano che questo trasmutamento
fossesi fatto sotto il Ponteficato di Gregorio IX o poco prima.
Ancorchè le rendite, che gode, siano grandi, non ha che uno solo
suffraganeo, e questi è il Vescovo di Martorano, essendo tutti gli
altri Vescovi vicini esenti, e sottoposti immediatamente alla sede di
Roma.

Ma sopra tutti gli altri Metropolitani di queste nostre province
niuno come l'Arcivescovo di Salerno, può pregiarsi della prerogativa
di Primate, della quale fu egli decorato da Urbano II, dichiarandolo
Primate di tutta la Lucania; onde ancorchè i Vescovi di Consa, di
Acerenza e di Cosenza, ch'erano suoi suffraganei, fossero stati poi
innalzati a Metropolitani, Urbano II per una sua Bolla istromentata in
Salerno nell'anno 1099, sopra questi, e sopra tutti i loro suffraganei
lo costituì Primate. Ferdinando Ughello trascrive la Bolla, parte della
quale vien anche rapportata dal Baronio, dove ad Alfano Arcivescovo di
Salerno, ed a' suoi successori si concedono le preminenze di Primate
sopra gli Arcivescovi di Acerenza e di Consa, e sopra tutti i loro
suffraganei, i quali dovessero promettere prestargli ogni ubbidienza;
prescrisse eziandio il modo della loro elezione: che presente il Legato
della Sede Appostolica, e l'Arcivescovo Primate nelle loro metropoli,
col consiglio ed autorità de' medesimi si dovessero eleggere, e, dopo
eletti, colle loro patenti mandarsi in Roma a consecrarsi, e a ricevere
il Pallio, ed a giurar da poi ubbidienza all'Arcivescovo di Salerno,
come lor Primate. Ma queste prerogative col correr degli anni andarono
in disuso, ed ora l'Arcivescovo di Salerno solamente sopra i Vescovi
suffraganei, che gli sono rimasi, esercita le ragioni di Metropolitano.
Gli restano oggi i Vescovi d'Acerno, di Campagna, di Capaccio, di
Marsico nuovo, di Nocera de' Pagani, di Nusco, di Policastro, di
Satriano e di Sarno.


I. _Disposizione delle Chiese sottoposte al greco Imperio, restituite
poi da' Normanni al Trono romano._ PUGLIA.

La principal sede del Magistrato greco, donde era amministrata non men
la Puglia che la Calabria, la veggiamo ora collocata in Bari; quindi
dagli Scrittori fu chiamata Capo di tutte le città della Puglia,
e che ella teneva il primato in questa provincia. Il suo Vescovo
perciò estolse il capo sopra tutti gli altri Vescovi della Puglia;
s'aggiunsero i favori de' Patriarchi di Costantinopoli, i quali
avendoselo appropriato, e sottoposto al Trono costantinopolitano, di
molti privilegi, e prerogative lo ricolmarono. Ma sopra ogni altro si
estolse per lo trasferimento quivi fatto delle miracolose ossa del
santo Vescovo di Mira Niccolò; le quali fin dalla Licia, navigando
alcuni Baresi per Levante, e ritornando da Antiochia per mare, dando
a terra nelle maremme di Licia, venne lor fatto di involar di colà
il sacro deposito, e nell'anno 1087, trasportarlo in Bari. Così Bari
gareggiando ora con Benevento e con Salerno, se costoro pregiavansi dei
corpi di due santi Appostoli, ella si vanta di quello di S. Niccolò; e
con tanta maggior ragione, quanto che coloro ne conservano l'ossa aride
ed asciutte, ma Bari le ha tutte grondanti di prezioso liquore; di che
ne abbiamo un'illustre testimonianza, quanto è quella dell'Imperador
Emanuel Comneno, il quale in una sua Novella[124] lo testifica. Ebbe
la Chiesa di Bari suoi Vescovi antichi; hassi memoria di Gervasio, che
nell'anno 347, intervenne nel Concilio di Sardica: di Concordio, che si
sottoscrisse nel Concilio romano, sotto il Pontefice Ilario nell'anno
465, e di altri, che non erano, che semplici Vescovi. Antonio Beatillo
nella sua Istoria di Bari vuole, che sin dall'anno 530, nel Ponteficato
di Felice IV, da Eugenio Patriarca di Costantinopoli fosse stato
Pietro Vescovo di Bari innalzato al titolo ed autorità di Arcivescovo
e di Metropolitano, essendo manifesto dalle greche Bolle, che si
conservano ancora nel Duomo di Bari, che i Patriarchi di Costantinopoli
confermavano gli Eletti, e ne spedivano le Bolle; ma siccome è vero,
che Bari quando era sottoposta al greco Imperio, fu ancora attribuita
al Trono costantinopolitano, leggendosi in Balsamone nell'esposizione,
ch'egli fa de' Vescovadi a quel Patriarcato soggetti, fra gli altri,
quello di Bari al numero XXXI, quello di Trani al numero XLIV, l'altro
d'Otranto al LXVI e gli altri di Calabria al XXXVIII, nulladimanco ciò
non deve riportarsi a tempi cotanto in dietro e remoti infino all'anno
530, quando queste province con vigore erano governate da' Goti, e
nelle quali non avean che impacciarsi così nel politico e temporale,
come nell'ecclesiastico e spirituale i Greci; essendo allora tutte
le nostre Chiese amministrate dal Pontefice romano, nè l'ambizione
de' Patriarchi di Costantinopoli s'era in que' tempi distesa tanto,
sicchè avesse potuto invadere anche queste nostre province, siccome si
vide da poi ne' tempi di Lione Isaurico, e più, sotto gl'Imperadori
Lione Armeno e Lione il Filosofo, che si portano per autori della
disposizione delle Chiese sottoposte al Trono di Costantinopoli; ond'è
da credere, che i Vescovi di Bari decorati prima secondo il solito
fasto de' Greci col titolo di Arcivescovi, si fossero da poi renduti
Metropolitani da' Patriarchi di Costantinopoli, con attribuir loro
dodici Vescovi suffraganei, molto da poi, che Reggio, S. Severina
ed Otranto furono sottoposti al Trono costantinopolitano, quando,
vindicata Bari da' Longobardi e da' Saraceni, pervenne finalmente sotto
la dominazione de' Greci.

La città di Canosa in tempo della sua floridezza gareggiò con Bari
in quanto a' Vescovi: ebbe ancor ella suoi Vescovi antichi, e lungo
di lor catalogo ne tessè Beatillo, incominciando dall'anno 347 fino
all'anno 800, nel quale egli dice che Pietro Longobardo affine di
Grimoaldo Principe di Benevento fu eletto Vescovo di Canosa, il qual
egli crede che fosse l'ultimo, poichè ei soggiunge, che fu poi la
sua sede innalzata in metropoli nell'anno 818, ond'egli fu l'ultimo
Vescovo, e 'l primo Arcivescovo di Canosa; e non potendo dirsi, che a
questo grado l'avesse innalzato il Pontefice romano, poichè verrebbe
ad esser più antico di quello di Capua, quando tutti i nostri più
appurati Scrittori questo pregio d'antichità lo attribuiscono a Capua,
è da credere che dal Patriarca di Costantinopoli, non già dal Romano
fosse stato a questi tempi il Vescovo di Canosa renduto Arcivescovo.
Che che ne sia, distrutta da poi Canosa da' Saraceni, si videro uniti
questi due Arcivescovadi nella persona di un solo, e la Chiesa di
Canosa fu unita a quella di Bari; ed Angelario, che a Pietro succedè,
fu il primo, che nell'anno 845, si chiamasse Arcivescovo insieme di
Bari e di Canosa, siccome da poi usarono tutti i suoi successori.
Tolte da poi queste Chiese al Trono costantinopolitano, e restituite
da' Normanni al Romano, i Pontefici romani lasciandole colla medesima
dignità, cominciarono a disporne come a se appartenenti, concedendo
all'Arcivescovo di Bari l'uso del Pallio, che prima non avea; e
Gregorio VII, a richiesta del Duca Roberto, nell'anno 1078 creò
Arcivescovo di Bari Urso, cotanto famigliare di quel Principe, e da
poi nell'anno 1089 Urbano II da Melfi, ove tenne un Concilio, gito
a Bari, a preghiere del Duca Roggiero e di Boemondo suo fratello,
concedette, e confermò ad Elia allora Arcivescovo di Bari suo grande
amico, per essere dimorati insieme Monaci nel monastero della Trinità
della Cova, ed a' suoi successori per suffraganee le diocesi di Canosa,
di Trani, di Bitetto, di Bitonto, di Giovenazzo, di Molfetta, di Ruvo,
d'Andria, di Canne, di Minervino, di Lavello, di Rapolla, di Melfi, di
Salpi, di Conversano, di Polignano, ed oltramare, anche di Cattaro,
e le Chiese di Modugno, d'Acquatetta, di Montemiloro, di Biselpi, di
Cisterna con tutte le altre Chiese delle città e terre a queste diocesi
appartenenti, con spedirnele Bolla, che si legge presso Ughello, e vien
anche rapportata dal Beatillo.

Ma di tanti suffraganei al Metropolitano di Bari assegnati, molti in
decorso di tempo ne furono sottratti, passando chi sotto l'immediata
soggezione della Sede Appostolica, altri soppressi, altri dati a Trani,
la quale da poi fu innalzata anch'ella in metropoli. L'Arcivescovo
di Trani è fra' moderni il più antico, leggendosi molte epistole
d'Innocenzio III dirizzate al medesimo; ma la sua istituzione non deve
riportarsi a' tempi di Urbano II, ne' quali non era ancora che semplice
Vescovo. Quindi erra il Beatillo[125], che da questa Bolla di Urbano
vuol ricavare che noverandosi anche Trani fra l'altre Chiese attribuite
per suffraganee all'Arcivescovo di Bari, avesselo creato per ciò anche
Primate della Puglia, non altramente che l'istesso Urbano creò quello
di Salerno Primate della Lucania, e siccome l'istesso Pontefice sublimò
al grado e dignità di Primate in Ispagna l'Arcivescovo di Toledo, e
l'altro di Tarracona; poichè nel Pontificato d'Urbano II Trani non
era stata ancora innalzata a metropoli: ebbe quest'onore intorno a'
tempi d'Innocenzio III, o poco prima, e poscia gli furono attribuite la
città di Barletta, la quale all'Arcivescovo di Trani, non al Nazareno è
sottoposta, Corato, ed il Castello della Trinità. Fu poi unita a questa
Metropoli la Chiesa di Salpi, che per lungo tempo tenne i suoi Vescovi,
ma da poi nell'anno 1547, si riunì a quella di Trani, siccome dura
ancora. Tiene ora per suffraganei i Vescovi d'Andria e di Bisceglia,
poichè in quanto al Vescovo di Monopoli sta immediatamente sottoposto
alla sede di Roma.

Si sottrassero ancora dal Metropolitano di Bari il Vescovo di Melfi,
passando sotto l'immediata soggezione del Papa, e l'altro di Canne,
il quale sottratto da questa sede, fu attribuito all'Arcivescovo di
Nazaret. Gli restano adunque ora per suffraganei li Vescovi di Bitetto,
di Bitonto, di Conversano, di Giovenazzo, di Lavello, di Minervino,
di Polignano, e di Ruvo; e ciò che parrà strano, ritiene ancora per
suffraganeo il Vescovo di Cattaro, città della Dalmazia sottoposta a'
Veneziani, la qual prima era suffraganea all'Arcivescovo di Ragusi,
poi a quello d'Antivari, e finalmente a quello di Bari[126]. Ma non è
però, che insieme col Vescovo fosse a lui suffraganea la sua diocesi:
ella ora in buona parte viene occupata dal Turco, il rimanente ritiene
ancora il rito greco scismatico, e con esso molti errori: niegano il
Primato al Pontefice romano; niegano il Purgatorio, e la processione
dello Spirito Santo dal Padre, e dal Figliuolo; e gli ordini sacri dal
Vescovo di Rascia comprano. Ritiene ancora l'Arcivescovo di Bari la
giurisdizione di conoscere in grado d'appellazione le cause delle Corti
di Molfetta, di Canosa, di Terlizzo, e di Rutigliano.

Risplende eziandio la Puglia per un altro Arcivescovo, che collocato
nella città di Barletta, conserva ancora le memorie antiche della sua
prima Sede: egli è l'Arcivescovo di Nazaret. Fu Nazaret città della
Galilea al Mondo cotanto rinomata per li natali del suo Redentore, che
da lei volle cognominarsi Nazareno. Liberata che fu Gerusalemme dal
glorioso Goffredo, fortunato ancora che dopo il corso di tanti secoli
trovò chi di lui si altamente cantasse; i Latini costituirono Nazaret
metropoli; ma ritolta a costoro nell'anno 1190 la Palestina, ed in
poter de' Saraceni ricaduta, si vide quest'inclita città in servitù
de' medesimi, ed il suo Arcivescovo ramingo e fuggitivo, non trovò
altro scampo, che in Puglia; e quivi accolto dal romano Pontefice,
affinchè si ritenesse la memoria ed il nome d'un così venerando
Sacerdote, gli piacque costituirgli in Italia una sede onoraria, ed
in Barletta, città della diocesi di Trani, stabilì la sua residenza.
Fugli non lungi dalle mura di questa città assegnata una Chiesa con
tutte le ragioni e dignità di Metropolitano; ed indi a poco molte
Chiese parrocchiali furon a lui sottoposte. Non passò guari, che due
Chiese cattedrali al suo Trono furono attribuite: quella di Monteverde
nell'anno 1434 avendola Clemente VII unita alla Chiesa di Nazaret; e
l'altra di Canne, che nell'anno 1455 Calisto III parimente a quella
l'unì. Ruinata da poi per le guerre la prima Chiesa assegnatagli,
fu trasferita nell'anno 1566 per autorità di Pio V la sede dentro la
città, nella Badial Chiesa di S. Bartolomeo. L'Arcivescovo Bernardo da'
fondamenti la rifece, e con molta magnificenza l'ampliò e l'adornò.
Tiene quest'Arcivescovo la sua diocesi distratta in varie parti: ha
chiese a lui sottoposte in Bari, in Acerenza, in Potenza, nella Terra
di Vadula della diocesi di Capaccio, nella Saponara della diocesi di
Marsico, ed altrove, e gode di molti benefizj chiamati semplici. Egli
s'intitola Arcivescovo Nazareno, e Vescovo di Canne e di Monteverde per
ispezial privilegio concedutogli da Clemente IV, confermatogli da poi
da Innocenzio VIII, da Clemente VII e da Pio V, romani Pontefici. Tiene
una singolar prerogativa di portar la Croce, il Pallio, e la Mozzetta,
non solo in Barletta, e nelle altre Chiese della sua diocesi, ma per
tutto il Mondo cattolico, nè sotto qualunque pretesto di concessione
appostolica possono gli altri Arcivescovi contrastargliela. Egli non
è sottoposto ad altri, che al romano Pontefice, ed esercita nella sua
Chiesa e diocesi tutta quella giurisdizione, che gli altri Arcivescovi
esercitano nelle Chiese loro.


CALABRIA.

La metropoli più cospicua della Calabria sotto i Greci fu la Chiesa
di Reggio. I Patriarchi di Costantinopoli al Trono loro l'avean
sottoposta, e come si vide nel sesto libro di quest'Istoria, le aveano
assegnati tredici Vescovi suffraganei, i Vescovi di Bova, di Tauriana,
di Locri, di Rossano, di Squillace, di Tropeja, di Amantea, di Cotrone,
di Cosenza, di Nicotera, di Bisignano, di Nicastro e di Cassano.
Restituita poi da' Normanni questa metropoli al Trono romano, ritenne
la medesima dignità, onde nelle antiche carte istromentate a' tempi
di questi Normanni, e spezialmente del Duca Roggiero intorno l'anno
1086 si chiamano sempre Arcivescovi; e Gregorio VII intorno l'anno
1081 consecrò Arcivescovo Arnulfo, a cui il Duca Roberto fece profuse
donazioni, arricchendo la sua Chiesa di molti beni. In decorso di tempo
perdè poi alcuni di questi suoi Vescovi suffraganei.

Il Vescovo di Rossano, restituite queste Chiese al Trono romano, fu
innalzato a Metropolitano, e nei tempi di Roggiero I Re di Sicilia,
e poco prima, Rossano fu renduta sede arcivescovile: ond'è che fra le
memorie, che oggi ci restano di Papa Innocenzio III e dell'Imperador
Federico II, spesso degli Arcivescovi di Rossano si favella. Fu
questa Chiesa la più attaccata al rito greco, ed ancorchè fosse stata
restituita al Trono romano, non volle mai abbandonarlo; tanto che i
suoi cittadini non vollero rendersi al Duca Roggiero, se prima non
concedesse loro un Vescovo del rito greco; poichè questo Principe ne
avea nominato un altro del rito latino in vece dell'ultimo, ch'era
morto, onde Roggiero gli concedette il greco[127]. Ebbe sette monasteri
dell'Ordine di S. Basilio, onde tanto più la lingua ed i greci riti
si mantennero in quella. Le furono ancora date alcune Chiese per
suffraganee; ma da poi furon tutte sottratte, poichè alcune passarono
sotto la immediata soggezione di Roma, ed il Vescovo di Cariati, che
l'era rimaso, passò poi sotto il Metropolitano di S. Severina, tanto
che ora Rossano, non men che Lanciano, non ha suffraganeo alcuno.

Il Vescovo di Cosenza fu pure sottratto dal Metropolitano di Reggio,
e passò sotto quello di Salerno, ma poi anch'egli, come si disse, fu
innalzato a Metropolitano. Gli altri parte furon soppressi, come quello
di Tauriana, ora disfatta, nel cui luogo è succeduta Seminara, parte
passarono sotto altri Metropolitani; ed ora le restano i Vescovi di
Bova, di Cassano, di Catanzaro, di Cotrone, di Gerace, di Nicastro, di
Nicotera, di Oppido, di Squillace e di Tropeja.

Il Metropolitano di S. Severina al Trono costantinopolitano sottoposto,
restituito al romano, ritenne pure la medesima prerogativa, e nelle
carte date ai tempi del Duca di Calabria Roggiero si ha memoria
degli Arcivescovi di questa città. Dal Patriarca di Costantinopoli
gli furon dati cinque Vescovi per suffraganei; ma da poi quello
d'Acerenza fu renduto Metropolitano, l'altro di Gallipoli passò
sotto il Metropolitano d'Otranto, ed alcuni soppressi; ma in lor vece
essendosene altri creati, si vede ora il Metropolitano di S. Severina
avere per suffraganei i Vescovi di Cariati, d'Umbriatico, di Strongoli,
d'Isola, e di Belcastro. Teneva ancora il Vescovo di S. Lione, ma
fu poi soppresso, e le sue rendite furono unite alla metropoli: avea
eziandio i Vescovi di Melito e di S. Marco, ma questi furon sottratti,
e posti sotto l'immediata soggezione di Roma.


OTRANTO.

Al Metropolitano d'Otranto, se si riguarda la disposizione de' Troni
sottoposti al Patriarca di Costantinopoli, fatta dall'Imperador
Lione, non si vede assegnato alcun suffraganeo: ma da poi Niceforo
Foca, secondo che ci testifica Luitprando[128] Vescovo di Cremona,
intorno l'anno 968, sedendo nella Chiesa di Costantinopoli Polieuto
Patriarca, dilatò la provincia di questo Metropolitano, e gli diede
per suffraganee le Chiese di Turcico, d'Accrentilla, di Gravina,
di Matera, e di Tricarico, comandando al Patriarca Polieutto, che
consecrasse i suoi Vescovi. Ma non ebbe questo comandamento gran
successo; ed al Metropolitano d'Otranto, restituito che fu da' Normanni
al Trono romano, gli furono assegnati altri Vescovi per suffraganei,
e fu mantenuta questa Chiesa colla medesima prerogativa, leggendosi,
che nell'Assemblea tenuta nell'anno 1068 da Alessandro II in Salerno,
v'intervenne anche Ugo Arcivescovo d'Otranto. Gli furono poi da' romani
Pontefici assegnati altri suffraganei, i quali oggi ancor ritiene,
e sono i Vescovi di Lecce, d'Alessano, di Castro, di Gallipoli, e
d'Ugento.

Brindisi e Taranto restituite stabilmente da Lupo Protospata Catapano
intorno l'anno 980 all'Imperio greco, _a Constantinopolitano Sacerdotes
accipiebant_, come scrisse Nilo Archimandrita. Ma Roberto Guiscardo
Duca de' Normanni, avendo tolta Brindisi a' Greci, restituì la sua
Chiesa al Trono romano. Fu riconosciuta per sede arcivescovile da
Urbano II, il quale nell'anno 1088 la consecrò; e le fu dato per
suffraganeo il Vescovo d'Ostuni: un tempo stette unita colla Chiesa
d'Oria, onde gli Arcivescovi si nomavano di Brindisi e d'Oria; ma
poi furon queste Chiese divise, e quella d'Oria rimase suffraganea al
Metropolitano di Taranto, e Brindisi ritenne solamente quella d'Ostuni.

Taranto, restituita da' Normanni al Trono romano, fu da' Sommi
Pontefici renduta metropoli intorno l'anno 1100, e le furon dati per
suffraganei i Vescovi di Mottula e di Castellaneta, a' quali da poi
s'aggiunse l'altro d'Oria.


_Ducato di NAPOLI, e di GAETA._

La Chiesa di Napoli, come si è veduto nel sesto libro di questa
Istoria, non fu da' Greci innalzata a metropoli; ma i Patriarchi
di Costantinopoli solamente decorarono il suo Vescovo coll'onore e
titolo d'Arcivescovo, onde avvenne, che sopra tutti i Vescovi del suo
Ducato teneva egli i primi onori e preminenze. Fu ella innalzata al
grado di metropoli da' romani Pontefici nel dechinar di questo decimo
secolo, nei tempi stessi, che Capua, Benevento, Salerno, Amalfi, e
tante altre Chiese furono da' Pontefici innalzate a questa dignità. Nè
Napoli, sottoposta ancora al greco Imperio, poteva esser frastornata
dagl'Imperadori di Oriente, o da' Patriarchi di Costantinopoli a
ricevere dal Romano questo innalzamento. I Pontefici romani furon
sempre tenaci a non rilasciare la loro autorità sopra questa Chiesa,
e fortemente riprendevano i di lei Vescovi, i quali da' Patriarchi
di Oriente ricevevan l'onore d'Arcivescovi. Ma assai più in questi
tempi invigorissi la loro ragione, quando nel Ducato napoletano era
rimasa solamente un'ombra della sovranità degli Imperadori d'Oriente,
governando i Duchi con assoluto, e quasi independente imperio questo
Ducato, ridotto ora in forma di Repubblica.

Ma da qual romano Pontefice fosse stata innalzata Napoli in metropoli,
ed in qual anno, non è di tutti concorde il sentimento. Il P.
Caracciolo[129], per l'autorità di Giovanni Monaco sostiene che da
Giovanni IX intorno l'anno 904 fosse stata renduta Metropoli; ma
dal Catalogo de' Vescovi tessuto dal Chioccarelli, che giunge sino
a Niceta, il quale resse questa Chiesa dall'anno 962 sino al 1000,
e da quanto si è finora veduto, non a Giovanni IX in quell'anno,
ma a Giovanni XIII dee attribuirsi tal innalzamento: fatto in que'
medesimi anni, ne' quali Capua, Benevento ed Amalfi furono rendute
Metropoli; ciò che ben dimostra il Chioccarelli[130], facendo vedere,
che da Niceta cominciarono a chiamarsi tutti gli altri suoi successori
Arcivescovi. Ebbe un tempo per suffraganei i Vescovi di Cuma e di
Miseno, ma ruinate queste città nell'anno 1207 restarono estinti,
e furono unite le loro Chiese colle rendite alla Chiesa di Napoli.
Edificata Aversa da' Normanni ebbe pure Napoli per suffraganeo il di
lei Vescovo, ma questi poi se ne sottrasse, ponendosi sotto l'immediata
soggezione del Papa. Ritiene ora solamente i Vescovi d'Acerra, di
Pozzuoli e d'Ischia, a' quali s'aggiunse poi il Vescovo di Nola, che
tolto all'Arcivescovo di Salerno, di cui prima era suffraganeo, fu poco
prima del Ponteficato d'Alessandro III a quel di Napoli sottoposto.
Questi pochi Vescovi furono attribuiti a Napoli; ed a chi considera
lo stato presente delle cose, sembrerà molto strano, come Benevento,
Salerno, Capua e tante altre città d'inferior condizione ritengano
tanti Vescovi suffraganei, e Napoli capo d'un floridissimo Regno
tanto pochi; ma chi porrà mente a' secoli trascorsi, e considererà
quanto erano ristretti i confini del Ducato napoletano, quando Napoli
fu innalzata ad esser Metropoli, ed all'incontro quanto fossero più
distesi i Principati di Benevento, di Salerno e di Capua, e quanto
gli altri Ducati e Province sottoposte al greco Imperio, cesserà di
maravigliarsi. E se questa città nel tempo che fu renduta Metropoli
ebbe sì ristretto Ducato, e per conseguenza sì pochi suffraganei, ben
in decorso di tempo gli auspicj suoi felici la portarono ad uno stato
cotanto sublime, che ella sola potesse pareggiare le più ampie e più
numerose province del Regno.

    _Città ch'a le province emula appare,_
    _Mille Cittadinanze in se contiene._

Gaeta pur sottoposta al greco Imperio, perchè pretesa da' Pontefici,
ed a Roma pur troppo vicina, quando fu da' Normanni a' Greci tolta, non
fu nè data per suffraganea ad alcun Metropolitano vicino, nè innalzata
a Metropoli, perchè il suo picciolo e ristretto Ducato nol comportava;
onde il suo Vescovo fu sottoposto immediatamente alla Sede Appostolica;
siccome ora a niun altro soggiace.


_Ducato d'AMALFI, e di SORRENTO._

Amalfi in questi tempi meritava, non meno che Napoli, essere innalzata
in Metropoli: ella per la navigazione erasi renduta assai celebre in
Oriente, e divenuta sopra tutte le altre città, la più ricca e più
numerosa, concorrendo in lei per li continui traffichi non meno i
Greci, che gli Arabi, gli Affricani, insino agli Indiani; e Guglielmo
Pugliese[131] ne' suoi versi l'innalza perciò sopra tutte le città
di queste nostre province. Ebbe questa città suoi Vescovi sin dal
suo nascimento, e ne' tempi di San Gregorio M. si porta per Vescovo
Primerio, nè questi vien riputato il primo. La Chiesa di Roma era loro
molto tenuta, così per le tante Chiese che gli Amalfitani ersero in
Oriente, mantenendovi il rito latino, come per essere stati i primi
nella Palestina a fondar l'insigne e militar Ordine de' Cavalieri di
S. Giovanni gerosolimitano. Era perciò di dovere, che innalzandosi a
questi tempi da' romani Pontefici tante Chiese in Metropoli, ad Amalfi
se le rendesse quest'onore, la quale, ancorchè per antica soggezione
dipendesse dal greco Imperio, nulladimanco innalzata a sì sublime
stato, e governandosi in forma di Repubblica da' suoi proprj Duchi,
sola un'immagine ed un'ombra della sovranità de' Greci in quella era
rimasa. Tenendo adunque questo Ducato Mansone Duca, quegli che per
qualche tempo occupò il Principato di Salerno, fu a preghiere di questo
Duca, del Clero e del Popolo amalfitano, da Giovanni XV nell'anno
987 innalzato il Vescovo d'Amalfi a Metropolitano, e gli furono
attribuiti per suffraganei i Vescovi del suo Ducato; poichè ciò che
scrive Freccia, che nell'anno 904 dal Pontefice Sergio III fosse stata
Amalfi renduta Metropoli, non avendo fondamento alcuno, vien da tutti
comunemente riprovato. I suoi suffraganei sono li Vescovi di Scala, di
Minori, di Lettere, e quello dell'isola di Capri, i quali ancor oggi
ritiene.

Sorrento ebbe pure suoi Vescovi antichi; e trovandosi a questi tempi
capo d'un picciol Ducato, fu anche ella innalzata in Metropoli. Marino
Freccia puro autore di questa istituzione ne fa Sergio III intorno al
medesimo anno, che crede essere stata innalzata Amalfi: ma comunemente
si tiene, che da Giovanni XIII dopo Capua, si fosse nell'anno 968
renduta questa Chiesa metropolitana, e che Leopardo ultimo suo Vescovo
avesse avuto quest'onore. I Vescovi Suffraganei, ch'egli tiene, sono
quel di Stabia che ora diciamo di Castellamare, e l'altro di Massa
Lubrense a' quali da poi s'aggiunse l'altro di Vico Equense.

Ecco la disposizione delle Chiese delle nostre province cominciata
a questi tempi nel declinar del decimo secolo, e perfezionata poi
nel principio della dominazione de' Normanni; la quale siccome ha
tutto il rapporto alla presente, che vediamo a' tempi nostri, così
in niente corrisponde alla disposizione e politia temporale delle
nostre province, per cagion che quando fu fatta la nuova distribuzione
delle province di questo Regno, multiplicate poi in dodici, siccome
ora veggiamo, v'erano già stabilite le Metropoli, le quali secondando
la politia dell'Imperio, quella forma e disposizione presero, nella
quale trovarono allora gli Stati quando e dove furono stabilite; e
quantunque molte città cangiassero poi fortuna, e da grandi divenissero
piccole, ovvero da piccole grandi, nulladimanco i Pontefici romani
non vollero mutar la disposizione delle Metropoli già stabilite, così
perchè si ritenesse il pregio dell'antichità, come anche per non far
novità, cagione di qualche disordine. Empierono bensì di più Vescovi
il Regno; con ergere molte Chiese in Cattedrali, che prima non erano,
per quelle cagioni che saranno altrove rapportate ad altro proposito,
ma non mutarono la disposizione de' Metropolitani. S'aggiunge ancora,
che, come diremo al suo luogo, la nuova distribuzione delle nostre
province in dodici, principalmente fu fatta per distribuir meglio
l'entrade regali, e da Ministri che si destinarono, chiamati Tesorieri,
per l'esazione di quelle, si multiplicò il numero; tanto che fu veduto
nell'istesso tempo il numero de' Governadori, ovvero Giustizieri,
essere molto minore di quello de' Tesorieri, e negli ultimi tempi furon
fatti pari: ed i luoghi destinati per la loro residenza furon sempre
varj, spesso mutandosi, secondo il bisogno del regal Erario, ovvero
l'utilità pubblica richiedeva; onde questa nuova disposizione non potè
portare alterazione alcuna alla politia dello Stato ecclesiastico.

In questo stato di cose trovarono i Normanni queste nostre province,
quando vennero a noi. Altra forma fu data alle medesime, quando
passarono sotto la loro dominazione, e quando uniti tutti questi Stati,
ch'erano in tante parti divisi, nella persona d'un solo stabilirono il
Regno in una ben ampia e nobile Monarchia.


  FINE DEL LIBRO OTTAVO.



STORIA CIVILE DEL REGNO DI NAPOLI

LIBRO NONO


I Normanni, che nel nostro linguaggio non altro significano, che
uomini boreali[132], siccome i Goti ed i Longobardi, non da altra
parte del Settentrione, che dalla Scandinavia uscirono ad inondare
l'Occidente. Essi cominciarono la prima volta a farsi sentire nei lidi
della Francia a tempo di Carlo M. verso il fine del secolo ottavo;
e quaranta anni da poi, o poco meno, cominciarono a travagliare i
marittimi Fiaminghi e' Frigioni, sotto i cui nomi si comprendevano
allora Trajetto al Reno, l'Ollanda, e la Valacria. I Re di Francia per
trattenergli furon a buon patto costretti nell'anno 882, di dar loro la
Frisia per abitazione[133]. Ma non essendo abbastanza soddisfatti di
questa provincia, cominciarono ad invadere altri luoghi d'intorno con
incendj e rapine sotto Rollone lor Capo, famoso e valorosissimo Pirata,
il quale nell'istesso tempo, che i Saraceni con non minor crudeltà
inondavano la nostra cistiberina Italia, egli co' suoi Normanni
travagliava miseramente, e con inaudita barbarie la Francia. Portarono
questi Popoli l'assedio insino a Parigi, invasero l'Aquitania, ed altre
parti ancora di quel Reame sotto il regno di Carlo il Semplice; onde
non potendo questo Principe resister loro, pensò avergli per amici
e per confederati; onde convennero, che Carlo dovesse stabilmente
assegnar loro la Neustria, una delle province della Francia per loro
sede, e dovesse dar a Rollone per moglie Gisla sua figliuola, come
scrive Dudone di S. Quintino[134], o sua parente, secondo il parer
del Pellegrino[135], ed all'incontro Rollone, deposta l'Idolatria ed
il Gentilesimo, nel quale questi Popoli viveano, dovesse abbracciare
la religione cristiana. Così fu eseguito intorno l'anno 900 di nostra
salute[136]: a Rollone con titolo di Duca fu data stabilmente la
Neustria, e sposata Gisla, il quale nell'istesso tempo fu da Roberto
Conte di Poitiers tenuto al sacro fonte, dove insieme col nome, si
spogliò di quella sua crudeltà e barbarie, e volle nomarsi Roberto
dal nome del suo Compare; e seguendo l'esempio del lor Capo gli altri
Normanni si resero da poi più culti ed umani. Rimasa questa provincia
di Neustria sotto il lor dominio, le diedero dal loro il nome di
Normannia, che oggi giorno ancor ritiene.

Da questo Roberto primo Duca di Normannia ne nacque Guglielmo, che il
padre creò Conte d'Altavilla, città della stessa provincia. Costui
generò Riccardo, dal quale nacque un altro Riccardo: di questo II
Riccardo nacque Roberto II, ed un altro Riccardo che III diremo.
E da Roberto II ne nacque Guglielmo II, dal quale comunemente si
tiene, che fosse nato _Tancredi_ Conte d'Altavilla, quegli che ci
diede gli Eroi, per li quali queste nostre province furon lungo tempo
signoreggiate[137].

Ebbe Tancredi di due mogli dodici figliuoli maschi oltre altre femmine,
delle quali una nomossi Fredesinna, che fu moglie di Riccardo Conte
d'Aversa e Principe di Capua, un'altra fu moglie di Gaufredo Conte di
Montescaglioso, ed un'altra ebbe per marito Volmando[138]. I figliuoli
della sua prima moglie nominata Moriella furono Guglielmo soprannomato
_Bracciodiferro_, Drogone ed Umfredo (i quali, come vedrassi, furono
i tre primi Conti della Puglia) Goffredo e Serlone. Gli altri sette
gli ebbe da Fredesinna sua seconda moglie, il primogenito de' quali
fu Roberto soprannomato _Guiscardo_, ch'è lo stesso, che in antica
favella normanna, scaltro ed astuto, e questi divenne Duca di Puglia e
di Calabria, il II fu Malgerio, il III Guglielmo, il IV Alveredo, il V
Umberto, il VI Tancredi, il VII ed ultimo fu Roggiero, che conquistò la
Sicilia, e stabilì la Monarchia[139].

Questi però non furono i primi, che a noi ne vennero: essi, come
vedremo, seguirono le pedate di alcuni altri Normanni, che poco prima
si erano stabiliti in Aversa, onde bisogna distinguere gli uni dagli
altri per non confondergli, come han fatto alcuni Scrittori. I primi
vennero a noi intorno l'anno 1016. I figliuoli di Tancredi calarono
in Italia intorno l'anno 1035. Ma non tutti, poichè due ne restarono
in Normannia, nè gli altri tutti insieme ci vennero, ma secondo che
le congiunture furono loro propizie, or due, or tre, ed in altra
somigliante guisa incamminaronsi a queste nostre parti; nè maggiore fu
il numero de' primi, come vedremo[140].

Ciò che apparirà di più portentoso ne' loro successi sarà, come un
branco d'uomini che vengono di Francia a traverso di mille sciagure
abbiano potuto rendersi padroni di uno de' più vaghi paesi del Mondo:
come una sola famiglia di Gentiluomini di Normannia, soccorsi solamente
da un picciol numero di suoi compatrioti, abbiano potuto stabilirsi una
Monarchia ne' confini dell'Imperio d'Oriente e d'Occidente: abbiano
potuto contro due potenti inimici riportar tante e sì maravigliose
vittorie, liberar l'Italia e la Sicilia dall'incursioni, e dal giogo
degl'infedeli Saraceni, ciò che a Potenze maggiori non fu concesso,
e dopo avere debellati i Greci ed i Principi longobardi, fondare in
Italia il bel Reame di Napoli e di Sicilia. Certamente a niun'altra
Nazione, se ne togli i Romani, è sì fortunatamente avvenuto, che così
bassi principj, in tanta potenza ed Imperio fossero arrivati. Le altre
Nazioni, come abbiam veduto de' Goti e de' Longobardi, non in forma
di pellegrini, di viandanti vennero in Italia, ma con eserciti ben
numerosi, che inondarono le nostre contrade, si stabilirono il Regno.

All'incontro se si considererà lo stato infelice, nel quale erano
ridotte queste nostre province infra di lor divise, ed a tanti Principi
sottoposte; e l'estraordinario valore e bravura di questa Nazione,
non saranno per apportar maraviglia i loro fortunati avvenimenti.
Si aggiunse ancora che le maniere di guerreggiare usate in que'
tempi, non eran come quelle d'oggidì: non vi era allora quasi regola
alcuna per assaltare o per difendersi. Un esercito intero si vedeva
alcune fiate disfatto senza sapersi nè come nè per qual cagione,
e la più grande abilità consisteva, o in una gran forza di corpo
incomparabilmente maggiore de' nostri tempi, poichè praticavansi con
maggior frequenza quegli esercizj, che posson giovare ad acquistarla;
o pure in una bravura eccessiva, che faceva concepire a' combattenti
tanta confidenza, donde sovente maravigliosi successi sortivano, o
alla perfine in alcune imprese orgogliose, la cui condotta in altra
guisa non sarebbesi potuto giustificare, se non dall'avvenimento che ne
seguiva.

Questo è quello, che produceva quei vantaggi, che noi ravviseremo
ne' Normanni, i quali aveano quel medesimo lustro e grandezza, che
nell'azioni de' Romani spesse fiate ammiravansi. Ed in fatti di poche
altre Nazioni si leggono tante conquiste, quante dei Normanni: essi
posero sottosopra la Francia, e molte regioni di quella conquistarono.
Guglielmo Normanno discese da' medesimi Duchi di Neustria, acquistossi
il fioritissimo Regno d'Inghilterra, e lo tramandò alla sua posterità.
La nostra Puglia, la Calabria, la Sicilia, la famosa Gerusalemme e
l'insigne Antiochia passaron tutte sotto la loro dominazione[141].

Ma come, e quali occasioni ebbero gli uomini di questa Nazione di
venire in queste nostre regioni cotanto a lor remote, e come dopo vari
casi se ne rendessero padroni, è bene che qui distesamente si narri;
poichè non altronde potrà con chiarezza ravvisarsi, come tante e sì
divise Signorie, finalmente s'unissero insieme sotto la dominazione
d'un solo, e sorgesse quindi un sì bel Regno, che stabilito poscia
con provide leggi, e migliori istituti, poterono i Normanni per lungo
tempo mantenerlo nella loro posterità; nè se non per mancanza della
loro stirpe maschile si vide, dopo il corso di molti anni, trapassato
ne' Svevi, i quali per mezzo d'una Principessa del lor sangue, ad essi
imparentata, vi succederono. Non potrebbe ben intendersi l'origine
delle nostre papali investiture, e come fosse stato poi riputato questo
Regno Feudo della Chiesa romana, se non si narreranno con esattezza
questi avvenimenti, donde s'avrà ben largo campo di scovrire molte
verità, che gli Scrittori, parte per dappocaggine, molti a bello studio
tennero fra tenebre ed errori nascose.

Nel racconto delle loro venture, e di tutti gli altri avvenimenti
di questa Nazione, non ho voluto attenermi, se non a' Storici
contemporanei, ed a coloro, che più esattamente ci descrissero i
loro fatti, la cui testimonianza non può essere sospetta. I più
gravi e più antichi fra' Latini saranno Guglielmo Pugliese, Goffredo
Malaterra, Lione Ostiense, Amato Monaco Cassinese, Orderico Vitale,
Lupo Protospata, l'Anonimo Cassinese, Pietro Diacono e Guglielmo
Gemmeticense. E fra' Greci, la Principessa Anna Comnena, Giovanni
Cinnamo, Cedreno, Zonara ed altri raccolti nell'istoria Bizantina, i
quali Carlo Dufresne illustrò colle sue note.

Guglielmo Pugliese rapporta in versi latini, ancorchè poco eleganti, ma
molto buoni per lo stile del secolo in cui vivea, le azioni e' fatti
d'armi de' Normanni nella Calabria. Questi scrive, non come un Poeta
s'avviserebbe, ma come un Istorico, che vuole solamente ad un racconto
fedele insieme ed ordinato aggiunger il numero ed il metro. Arriva il
suo racconto insino alla morte dell'illustre Roberto Guiscardo accaduta
circa l'anno 1085. Diegli alla luce ad istanza di Papa Urbano II, che
nell'anno 1088 fu innalzato al Ponteficato, e dedicogli a Rogiero
figliuolo e successore di Roberto Guiscardo. Questo suo poemetto
istorico manuscritto fu ritrovato da Giovanni Tiremeo Hauteneo Avvocato
Fiscale della provincia di Roven nella libreria del monasterio di
Becohelvino vicino Argentina.

Goffredo Monaco, di cognome Malaterra, è un Autore più degno di fede:
scrisse egli in prosa molto a lungo l'istoria delle conquiste fatte
in Italia da' Normanni, per ordine di Rogiero Conte di Sicilia e di
Calabria, fratello che fu di Roberto Guiscardo. Quest'opera essendo
stata lungo tempo sepolta in obblio, il di lei manuscritto fu ritrovato
in Saragozza infra l'istoria de' Re d'Aragona l'anno 1578 da Geronimo
Zurita, che la diede alla luce; ed il Baronio di questo ritrovamento,
come d'un vero tesoro ne parla; quindi coloro, che hanno scritta
l'Istoria di Sicilia, per non aver letto quest'Autore, in molti abbagli
sono incorsi.

Lione Vescovo d'Ostia è un Autore assai noto, e che va per le mani
d'ognuno; essendo egli Religioso di Monte Cassino scrisse la Cronaca
di quel monastero poco dopo il tempo, di cui saremo per ragionare; ed
ancorchè il suo impegno fosse di far apparire al Mondo la santità e
grandezza di quel Monastero, nulladimeno ci somministra molti lumi per
bene intendere le cose de' Normanni, nel Regno de' quali egli scrisse.

Amato Monaco Cassinense fiorì intorno a questi medesimi tempi: fu
anch'egli da poi fatto Vescovo, ancorchè non si sappia qual Cattedra
gli si fosse data. Pietro Diacono[142] tra gli uomini illustri di
Cassino novera quest'Amato, e rapporta esser egli stato intendentissimo
delle sacre scritture, e versificatore ammirabile. Fra le altre sue
opere, che compose, fu quella de _Gestis Apostolorum Petri, et Pauli_,
indirizzata a Gregorio VII, R. P., e l'istoria de' Normanni[143]
divisa in otto libri, che dedicò a Desiderio, quel celebre Abate di
Monte Cassino, che assunto da poi al Ponteficato fu detto Vittore III.
Quest'istoria de' Normanni scritta da Amato, per quel che sappiamo, non
uscì mai alla luce del Mondo per mezzo delle stampe: Giovanni Battista
Maro nell'annotazioni a Pietro Diacono rapporta, che a' suoi tempi
questa istoria si conservava manuscritta nella Biblioteca Cassinense,
ove molte cose degne da sapersi intorno alle gesta ed a' riti de'
Normanni erano accuratamente descritte. Ma l'Abate della Noce piange
questa perdita, e nelle note alla Cronaca Cassinense[144], rapporta
essere stata tolta da quella Biblioteca, siccome molte altre cose
degne d'eterna memoria. Visse quest'Autore intorno l'anno 1070 nel qual
tempo, secondo ciò che comportava quel secolo, essendo la letteratura,
per lo più presso a' Monaci, ne fiorirono molti altri, come Alberico,
Costantino, Guaifero, Alfano, che poi fu Arcivescovo di Salerno, ed
altri, che possono vedersi presso Pietro Diacono.

Scrissero ancora de' Normanni qualche cosa Lupo Protospata, l'Anonimo
Cassinense, e Pietro Diacono stesso; ma Orderico Vitale, e Guglielmo
Gemmeticense molto più diffusamente, oltre di molti Scrittori moderni,
che sono a tutti notissimi.

La Principessa Anna Comnena, detta ancora Cesaressa, si rese più
famosa al Mondo per la sua mente e per la sua erudizione, che per la
sua qualità e per li suoi natali: ella fu figliuola d'Alessio Comneno,
detto il Vecchio, Imperador di Costantinopoli, e di Irene. Zonara e
Niceta ci assicurano, che questa Principessa amava lo studio con un
ardore estremo, e che la sua ordinaria occupazione era su i libri.
Non solo s'applicava all'istoria ed alle belle lettere, ma ancora
alla filosofia: ella scrisse in quindici libri la Istoria d'Alessio
Comneno suo padre, al quale il nostro Roberto _Guiscardo_ mosse una
crudelissima guerra, che fu parte del soggetto della sua istoria; ed
ancorchè alcune fiate, secondo il costume della sua nazione, manchi di
rapportare con esattezza la verità, nulladimanco deve esser creduta,
qualora favella in commendazione di Roberto Guiscardo, cui per essere
fiero inimico di suo padre, grandemente odiava. Promette ella nel
proemio della sua istoria di non dire cosa, per la quale possa essere
accusata di compiacenza o d'adulazione, e che non sia uniforme alla
verità; nientedimeno si vede, che ciò ch'ella scrive di suo padre, è
un elogio continuato. Gli Autori latini non sono di questo sentimento,
poichè questi non parlano d'Alessio, che come d'un Principe furbo e
simulatore, di cui il Regno fu più notabile per le sue viltà, che per
le sue belle azioni: ed in vero la sua ingiusta gelosia fece gran torto
a' Franzesi, che crocesegnati militavano sotto il famoso Goffredo
di Buglione per la conquista di Terra Santa; ma forse evvi troppa
asprezza nelle Opere de' Latini, siccome soverchia lode in quella
d'Anna Comnena. Della sua istoria Hoeschelio ne pubblicò gli otto primi
libri, ch'egli avea avuti dalla libreria Augustana. Giovanni Gronovio
vi faticò da poi; e nel 1651 Pietro Poussin Gesuita gli diede fuori
colla sua traduzion latina, che abbiamo della stampa del Louvre. Da
poi il Presidente Cousin ce ne ha ancora data una traduzione in lingua
franzese, e finalmente Carlo Dufresne l'illustrò colle sue note.

Giovanni Cinnamo visse sotto l'Imperador Emanuele Comneno, i cui fatti
egli distese nella sua Istoria: egli è uno scrittore elegante, e si
studia imitare Procopio. De' nostri Normanni sovente egli favella, e
va ora la sua Storia parimente illustrata colle note di Carlo Dufresne.
Cedreno, Zonara e gli altri Scrittori raccolti nell'istoria Bizantina,
de' nostri Normanni alle volte anche favellano.

L'occasione che si diede a' Normanni, che fin dalla Neustria si
portassero in queste nostre parti, non deve attribuirsi ad altro,
che al zelo ch'ebbero questi Popoli della nostra religion cristiana,
dappoichè deposta l'Idolatria si diedero ad adorare il vero Nume.
Correva allora appo i Cristiani il costume d'andar pellegrinando il
Mondo, non tanto come oggi, per veder città e nuovi abiti e costumi
diversi, quanto per divozione di veder i santuarj più celebri. Per tal
cagione si resero in questa e nella precedente età famosi in Occidente,
ed appresso di noi due celebri luoghi delle nostre province, quello
del Monte Gargano per l'apparizione Angelica, l'altro del Monte Cassino
per la santità e miracoli di S. Benedetto e dei suoi Monaci: ma sopra
tutti i santuarj, com'era di dovere, estolse il capo nell'Oriente
Gerusalemme, città santa, ove il nostro buon Redentore lasciò asperso
il terreno del suo sangue, ed ove fu sepolto.

Fra tutti i Cristiani del Settentrione è incredibile quanto a
quest'esercizio di pietà fossero inclinati i Normanni della Neustria:
ad essi, nè la lunghezza del cammino, nè la malagevolezza de' passi,
nè il rigor de' tempi e delle stagioni, nè la necessità di dover
sovente traversar per mezzo di ladroni e d'infedeli, nè la fame,
nè la sete, nè qualunque altro si fosse maggior periglio o disagio,
recava terrore. Per rendersi superiori a tante malagevolezze s'univan
a truppe a truppe, e tutti insieme traversando que' luoghi inospiti
essendo di corpo ben grandi, robusti, agguerriti e valorosi, valevano
per un'intera armata, e sovente sopra i Greci, e sopra gl'Infedeli
diedero crudelissime battaglie; e ruppero gli ostacoli. Solevano con
tal occasione, o nell'andare o nel ritorno venire a visitare i nostri
santuari di Gargano e di Cassino.

Nel cominciar adunque dell'undecimo secolo[145], quaranta, come
scrive Lione Ostiense[146], ovvero, secondo l'opinion d'altri, cento
di questi Normanni partiti dalla Neustria s'incamminarono verso
Oriente, e fin che in Gerusalemme giungessero, fecero nel cammino
molta strage di que' Barbari. Nel ritorno tennero altra strada; ed
imbarcati sopra una nave solcarono il Mediterraneo, e nella spiaggia
di Salerno[147] giungendo, sbarcarono in que' lidi, ed in quella città
entrati, furono da' Salernitani, sorpresi dalla robustezza de' loro
personaggi, onorevolmente ricevuti. Reggeva Salerno in questi tempi,
come si è narrato, dopo la morte del Principe Giovanni, Guaimaro
III suo figliuolo, chiamato, come si disse, da Ostiense[148], il
maggiore, per distinguerlo dall'altro Guaimaro suo figliuolo, che
gli succedette. Questo Guaimaro dall'anno 994 che morì Giovanni suo
padre, resse il Principato di Salerno ora solo, ora con suo figliuolo
insino all'anno 1031, nel quale il di lui figliuolo morì. Furono
per tanto da questo Principe invitati a trattenersi in Salerno per
ristorarsi dalle fatiche del viaggio, e per goder un poco l'amenità
del paese. Ma ecco che sopraggiunse un accidente, nel quale a questi
pochi Normanni diedesi opportunità di mostrare il lor valore, e di
compensare insieme con Guaimaro le accoglienze, che usò loro. Nel corso
di quest'Istoria sovente si è narrato, che i Saraceni non mancaron
mai d'infestare il Principato di Salerno, che ora dall'Affrica, e
spesso dalla vicina Sicilia sopra molte navi giungendo alla spiaggia
di quella città, depredavano i contorni della medesima, ed a campi e
castelli vicini di molti danni e calamità eran cagione: Guaimaro, non
avendo forze bastanti per potergli discacciare, proccurava per grossa
somma di denaro comprarsi la quiete ed il minor danno. Essi ora ci
vennero sopra molte navi, mentre questi Normanni erano in Salerno,
e fattisi da presso Salerno minacciavano saccheggiamenti e ruine, se
con grossa somma di denaro non si fosse ricomprata: Guaimaro, che non
avea alcun modo da difendersi, si dispose a condiscendere alle loro
richieste, ed intanto ch'egli co' suoi Ufficiali erasi occupato a far
contribuire i suoi vassalli, i Saraceni calati dalle navi in terra,
riempirono lo spazio ch'è tra il mare e la città, ove aspettando il
riscatto, si diedero alle crapole ed alle dissolutezze. I Normanni,
che non erano avvezzi soffrire quest'obbrobrio rimproverando a'
Salernitani, come lasciassero trionfare con tanta insolenza i loro
nemici, con disporsi più tosto da se medesimi a pagare le spese del
trionfo, che pensare a difendersi, vollero essi con inaudita bravura
vendicare i loro oltraggi, e prese l'armi, mentre i Saraceni a tutto
altro pensando stavano immersi tra le crapole ed il riposo, gli
assalirono all'improviso con tanto impeto e valore, che d'un numero
considerabile di loro fatta strage crudele, gli altri sorpresi si
misero tosto in fuga, e così costernati e dissipati, pensarono rientrar
ne' loro vascelli assai più presto di quello ne erano usciti, e pieni
di scorno ritirarsi da quella piazza. Un fatto così glorioso portò
a' Salernitani non minor allegrezza, che ammirazione, ed il Principe
Guaimaro non sapeva in che modo dar segno della sua riconoscenza al lor
merito: pregogli che restassero nel paese, offerendo loro abitazioni e
carichi i più onorevoli; ma essi si protestarono in quell'azione non
aver avuta mira ad alcun loro privato interesse; e che non volevano
altra ricompensa, che il piacere d'aver soddisfatto alla loro pietà
in combattendo a favor de' Cristiani contro degl'Infedeli. Del resto
per corrispondere alle cortesie di Guaimaro, ed al desio che mostrava
d'aver appo di se uomini di tal sorta, gli promisero, o di ritornare
essi medesimi, o d'inviargli de' giovani loro compatrioti di pari
valore[149]. Si risolsero per tanto di ritornar alla loro patria,
per cui rivedere ardevano di desiderio. Il Principe, non potendo più
arrestargli, usò loro tutte le maniere perchè almeno nel loro arrivo
gl'inviassero gente di lor nazione; e mentre imbarcaronsi per la
Normannia, fecegli accompagnare da molti suoi Ufficiali con barche
cariche di frutti i più squisiti insino al loro paese: donò loro ancora
delle vesti preziose d'oro e di seta, e ricchi arnesi di cavalli. I
disegni di Guaimaro ebbero il loro effetto, e quell'aria di liberalità
e di magnificenza fu non solo un invito, ma ben anche una forte
attrattiva alla Nazione normanna, per farla venire in queste nostre
regioni. Poichè giunti in Normannia, avendo esposto il desiderio de'
nostri Principi che aveano di loro gente, valse molto a far prendere
questo cammino ad un gran numero di persone, e ben anche di chiarissimo
sangue. Al che diede mano un'occasione, che saremo per rapportare.

Nella Corte di Roberto Duca di Normannia fra gli altri Signori, che
frequentavano il suo Palazzo, furono Guglielmo Repostel ed Osmondo
Drengot: questi offeso da Guglielmo, ch'erasi pubblicamente vantato
d'aver ricevuto de' favori da sua figliuola, lo sfidò a singolar
tenzone, e con tutto che Guglielmo si trovasse presso del Duca
Roberto, il quale colla sua Corte prendevasi il piacere della caccia,
s'abbattè col suo nemico nel bosco, gli passò attraverso del corpo la
sua lancia, e l'uccise. Il Duca Roberto, riputando ciò suo oltraggio,
proccurava averlo nelle mani per farne pubblica vendetta, laonde
Osmondo per scappar via dallo sdegno del suo Sovrano, salvossi prima in
Inghilterra; ed alla fine veggendo aperta sì bella strada in Italia,
risolse quivi ritirarsi co' suoi parenti, e proccurò ancora tirar
altri con se per imprendere il cammino. Si portò in fatti questo prode
Normanno seco molti suoi fratelli, li quali, secondo narra Ostiense,
furon Rainulfo, Asclittino, Osmondo e Rodulfo, seguitati da' figliuoli
e nepoti, e da molti de' loro amici. Questo Rainulfo fu il primo
Conte d'Aversa, e poi Asclittino, chiamato da Ordorico Vitale[150]
_Anschetillo de Quadrellis_, che a Rainulfo succedè, dal quale traggono
origine i primi Normanni, che ebbero il Principato di Capua, come
vedremo.

Questi Eroi di chiarissimo sangue usciti dalla Francia con molta
comitiva de' loro Normanni, furono da' nostri Principi ricevuti con
allegrezza, e con molti segni di stima, memori di ciò che pochi anni
prima aveano adoperato i loro nazionali in Salerno. Alcuni rapportano,
ch'essi da prima andarono in Benevento, altri che si posero al
servigio del Principe di Salerno, ed altri che vennero in Capua[151]:
tutte queste cose posson essere vere, poichè questi novelli Normanni,
poco men disinteressati di quelli, che aveano combattuto in Salerno,
erano pronti di darsi al servigio di colui, che gli avesse meglio
riconosciuti: ed i nostri Principi longobardi avendosi ugualmente
a difendere contro i Greci, e contro i Saraceni, ciascuno dalla sua
parte bramava d'aver appresso di se uomini così valorosi, per mezzo de'
quali speravano di conseguire qualunque vantaggio. Comunque ciò siasi,
egli è certo che ancorchè non fosse appurato in qual anno precisamente
passassero in Capua, prima però dell'anno 1017 in quella città si
fermarono, mentre Melo fuggito da Bari avea in quella città ritrovato
il suo asilo, ed era stato accolto da Pandolfo IV, il quale dall'anno
1016 insieme con Pandolfo II figliuolo di S. Agata reggeva in quelli
tempi il principato di Capua[152]. Ciò che diede occasione a questi
novelli Normanni unitisi con lui di segnalarsi in più nobili imprese.

I Greci che col nuovo Magistrato di Catapano, aveano reso
insopportabile il lor governo nella Puglia, diedero occasione che
in Bari, principal sede di quel Magistrato, nascessero perciò nuovi
disordini e tumulti; poichè i Baresi non potendo più soffrire l'aspro
governo, che d'essi faceva Curcua nuovo Catapano, animati da Melo
prode e valoroso Capitano di sangue longobardo, che dimorava in Bari,
ove da molto tempo avea trasportata la sua famiglia, si ribellarono
dall'imperio greco, e sperando dare alla lor patria la libertà, si
misero sotto la guida di Melo, che per lor Capo insieme con Dato suo
cognato l'elessero. Ma gl'Imperadori d'Oriente avvisati di questa
rivoluzione, mandarono tosto in Italia Basilio Bagiano nuovo Catapano,
il quale giunto nella Puglia con buona compagnia di Signori e di
soldati di Macedonia pose l'assedio alla città di Bari. I Baresi
vedutisi così stretti, invece di pensare a difendersi, attesero
solamente a rappacificarsi co' Greci a costo di Melo, offrendo di
darlo loro nelle mani; di che accortosi Melo, tosto se ne fuggì
furtivamente in Ascoli con Dato, ed ivi non tenendosi a bastanza
sicuro, ritirossi ben anche più lungi, ed intanto i perfidi suoi
cittadini, per guadagnarsi la buona grazia de' Greci, inviarono a
Costantinopoli Maralda sua moglie, e 'l suo figliuolo Argiro. Melo,
che da Ascoli erasi ritirato in Benevento, indi in Salerno, erasi
finalmente con Dato fermato in Capua, chiedendo a Pandolfo, siccome a'
Principi di Benevento e di Salerno suoi Longobardi a volergli prestar
ajuto contro i Greci. Arrivando in Capua ritrovò ivi i Normanni, che
poc'anzi eranvi giunti: era egli già consapevole del lor valore, onde
trovandogli opportuni a' suoi disegni, per le grandi promesse che lor
fece, si diedero al suo servigio, ed avendo arrolate eziandio altre
truppe presso de' Principi longobardi, delle quali sollecitava il
soccorso, ragunò un'armata, che immantenente menò contro i Greci; ed
avendogli assaliti, furono in tre successive battaglie disfatti, e si
rese padrone d'alcune città della Puglia; ma poscia perdette tutto il
frutto delle sue vittorie nel quarto combattimento, che accadde intorno
l'anno 1019 presso la città di Canne, luogo già rinomato per l'antica
disfatta de' Romani[153]. Vinto Melo più tosto per lo tradimento de'
suoi, che per la forza de' Greci, i Normanni gli si mantennero fedeli,
combattendo con estremo valore. Pensò Melo, veggendo il suo partito
assai debole, di chiedere soccorso altrove, ed avendo raccomandati
tutti i Normanni che gli restavano a Pandolfo Principe di Capua, ed a
Guaimaro Principe di Salerno, tosto partissi per Alemagna a ritrovare
l'Imperador Errico, a cui avendo esposto lo stato lagrimevole di queste
nostre province, che per l'ingrandimento de' Greci erano in pericolo di
esser tutte smembrate dall'Impero d'Occidente, lo confortava ad inviare
una grossa armata contra de' Greci, o pure che venisse egli stesso
in persona a comandarla: Errico, che trovavasi distratto in altre
imprese, e che alle promesse non ben corrispondevano i fatti, obbligò
ben due fiate Melo a ripigliar quel viaggio per sollecitarlo a mandare
i promessi soccorsi; ma nel mezzo di questi affari finì Melo la sua
vita presso l'Imperador Errico, tanto che i Normanni per la perdita di
questo lor valoroso Capitano si diedero a prender altri partiti.

Adinolfo fratello di Pandolfo Principe di Capua ed Abate di Monte
Cassino, era travagliato quasi sempre da' Conti d'Aquino, i quali
sovente facevano delle scorrerie sopra i beni di quella Badia, onde
pensò l'Abate per difendergli valersi dell'opra e del valore de'
Normanni[154], i quali assai bene, e con ogni fedeltà adempierono la
commessione, che loro era stata data, guardando di continuo le terre di
quel monastero da un Borgo appellato Piniatario, non lungi dalla città
di San Germano, ove s'erano fortificati. Altri Normanni seguendo Dato
s'erano ritirati sotto gli auspicj di Benedetto VIII R. P., il quale
aveva loro dato in guardia la Torre del Garigliano, ch'era del dominio
della Chiesa; parendo così a Dato d'esser sicuro, posciachè la città di
Capua lo copriva dall'insulto de' Greci.

Ma la perfidia di Pandolfo Principe di Capua cagionò nuovi sconcerti
in queste regioni, che finalmente tutti terminarono a maggior
ingrandimento de' Normanni. Questo Principe, ancorchè mostrasse in
apparenza favorir le parti di Errico Imperador d'Occidente come a
lui soggetto, nulladimanco nudriva di soppiatto con Basilio Imperador
d'Oriente una stretta corrispondenza ed amicizia, e s'avanzò tanto,
che finalmente s'indusse a mandar in Costantinopoli le chiavi d'oro,
e sottopporre sè, la sua città, e l'intero Principato all'Imperio
d'Oriente, in quel modo ch'era prima a quello d'Occidente[155].
L'Imperador Basilio, a cui per gl'interessi suoi molto importava
quest'acquisto, tosto avvisonne Bagiano, al quale commise, che per
mezzo di Pandolfo proccurasse aver in mano Dato co' Normanni, ch'erano
in sua difesa. Questi eseguì con efficacia ed esattezza il comandamento
del suo Principe, e perchè Pandolfo non fosse distolto dall'Abate
Adinolfo suo fratello, pensò tirare al suo partito anche costui,
come lo fece opportunamente per un mezzo assai efficace, qual si fu
d'una gran donazione, che fece al suo Monastero dell'intera eredità
d'un tal Maraldo di Trani, ch'erasi devoluta al Fisco[156]; ed avendo
mandata una grossa somma di denaro a Pandolfo, lo priegò insieme, che
se veramente era fedele all'Imperadore Basilio, gli permettesse il
passaggio per gli suoi Stati per aver in mano Dato. Gli fa ciò tosto
accordato, e posto in ordine un non piccolo esercito venne ad assalir
Dato nel Garigliano; gli assediati ancorchè colti improviso si difesero
con molto coraggio per due giorni: ma alla fine bisognò, che il valore
cedesse alla forza. Bagiano prese la Piazza, e trattò con estremo
rigore tutti coloro, che vi trovò, fuorchè i Normanni in riguardo d'una
calda preghiera, che l'Abate Adinolfo gliene fece. Ma non usò pietà
con Dato; e questo disgraziato Capitano condotto in Bari sostenne il
supplizio de' parricidi, essendo stato buttato in mare dentro un sacco.

L'Imperadore Errico avendo intesa l'invasion dei Greci, la perfidia
del Principe Pandolfo, e la crudelissima morte di Dato, reputando
fra se medesimo, che perduta la Puglia ed il Principato di Capua, se
non affrettava i soccorsi, era in pericolo di perdere Roma e tutta
l'Italia, tardi avveduto di ciò che Melo tante volte aveagli presagito,
scosso finalmente da tanti avvenimenti, avendo unito una grossa armata,
e chiamati i Normanni (ch'erano stati a preghiere di Adinolfo lasciati
liberi) che militassero sotto le sue insegne, tosto in quest'anno 1022
verso Italia incamminossi[157]. Divise in tre corpi la sua armata:
ad uno composto di undicimila soldati prepose per Capitano Poppone
Patriarca d'Aquileja, che incamminossi verso Abruzzi, acciò che per
quella parte entrasse nel dominio de' Greci: l'altro corpo era di
ventimila soldati comandato da Belgrimo Arcivescovo di Colonia (poichè
in questi tempi non vi avea niente di stranezza, che i maggiori Prelati
della Chiesa si vedessero alla testa degli eserciti, come ben tosto
lo vedremo ancora praticare dagli stessi Pontefici romani) e questo
fu mandato per la strada di Roma per avere in mano l'Abate Cassinense
col Principe di Capua suo fratello, che ambedue venivano imputati
presso l'Imperadore della cattura e morte di Dato: l'altro ritenne seco
Errico, volendo egli in persona per la Lombardia e per la via della
Marca venire a' danni de' medesimi Greci.

L'Abate Adinolfo subito, che fu avvisato, che gli andava contro
un esercito intero, abbandonò il monastero, e per salvarsi in
Costantinopoli, ad Otranto con gran fretta fuggissene, dove imbarcato
nell'acque del mare Adriatico, nel quale Dato era stato sommerso, rotta
la nave con tutti i suoi, affogò.

Il Principe suo fratello, quando si vide assediato dentro Capua
dall'Arcivescovo di Colonia, dubitando d'esser tradito da' suoi
vassalli, che l'odiavano a morte, si diede in man del Prelato,
acciocchè il menasse da Errico, in presenza di cui promise provar la
sua innocenza[158]. Lo ricevè Belgrimo sotto la sua custodia, e menollo
da Errico, il quale allora teneva strettamente assediata Troja in
Puglia, città, che i Greci in questo medesimo anno aveano edificata,
la quale pochi giorni da poi si rese a lui. Rallegrossi l'Imperadore, e
fatti assembrare tutti i suoi Baroni, così italiani come oltramontani,
perchè conoscessero della sua causa, fu con universal consentimento
sentenziato a morte; ma l'Arcivescovo, sotto la cui protezione si
era egli posto, tanto seppe oprar con preghiere e pianti presso
l'Imperadore, che la pena di morte la fece commutare in esilio
perpetuo; onde fattolo strettamente incatenare, in cotal guisa se lo
menò seco in Germania.

Il Principato di Capua fu da Errico conceduto a Pandolfo Conte di
Tiano, e nell'istesso tempo investì di questo Contado Stefano, Melo e
Pietro, nipoti del celebre Melo, i quali erano sottentrati a sostenere
quell'impegno medesimo contro i Greci, che promosse il loro zio[159].
Ecco come gl'Imperadori d'Occidente disponevano del Principato di Capua
e de' Contadi dei quali era composto. Ma essendo stato obbligato Errico
a richiamar la sua armata per cagione degli eccessivi caldi della
Puglia, che gli Alemani, ond'era composta, non potevano più soffrire:
confidò i disegni che avea su l'Italia al valore de' Normanni,
lasciando a loro la cura di discacciar da Italia i Greci. Raccomandò
loro spezialmente di soccorrere, qualora il bisogno il richiedesse,
i nepoti del rinomato Melo, ai quali diede parimente in aiuto alcuni
altri celebri Normanni: questi, secondo rapporta Ostiense, furono
Giselberto e Gosmanno, Stigando, Turstino, Balbo, Gualtiero di Canosa
ed Ugone Fallucca con diciotto altri valorosi compagni.

Raccomandò ancora l'Imperador Errico questi Normanni a' Principi di
Benevento e di Salerno, ed a Pandolfo di Tiano novello Principe di
Capua, a' quali impose dovessero di loro in tutti i bisogni valersi.
Ma questi Principi tosto dimenticatisi della grande obbligazione
che aveano i Longobardi a' Normanni, da' quali erano stati tanto
ben serviti contra de' Greci, cominciarono poscia a disprezzargli;
sia perchè credessero di non aver punto bisogno di loro; sia perchè
sentissero male il vedergli interessati nel servigio dell'Imperadore
Errico. Gli lasciarono dunque errar pe' boschi senza nè pure conceder
loro un luogo di ritirata; anzi giunsero infino a negar loro quel
soldo, ch'era in costume pagarsi a' medesimi.

I Normanni, che non aveano gran sofferenza di sopportar questa
ingiustizia, presero le armi contro gli abitanti del paese, e giunsero
ben tosto a fargli stare a lor discrezione; e per ottenere più
sicuramente ciò che volevano, crearonsi un Capo della loro Nazione.
Il primo ch'elessero fu veramente abile a mantenere i loro interessi:
fu questi Turstino, uno di quei valorosi nomati da Ostiense, uomo di
merito singolare per lo posto a cui innalzavasi, e sopra tutto d'una
forza di corpo presso che miracolosa. Ma essendosi indi a poco questo
valoroso Capitano per fraude dei Pugliesi incontrato con un dragone,
ancorchè l'uccidesse, restò dal velenoso fiato di quel serpente
estinto, come rapporta Guglielmo Gemmeticense[160]. Non mancarono però
successori valevoli a vendicarsi di sua morte, poichè i Normanni in
luogo di Turstino concordemente si elessero per lor Capo Rainulfo prode
e scaltro guerriero[161], che giunse il primo in Italia in qualità di
Principe, e che fu il primo tra' Normanni a stabilirsi in queste nostre
province certa e ferma sede, come qui a poco vedremo.

Intanto Errico, dopo aver regnato ventidue anni, finì i giorni suoi in
Alemagna nell'anno 1025 senza aver lasciato di se prole alcuna; ed ora
per la sua pietà, e più per la singolar sua castità, narrandosi, che
anche ammogliato volle serbarla, gli prestiamo que' onori che a Santi
son dovuti. Egli edificò in Bamberga molte chiese, che sottopose al
romano Pontefice. Principe prudentissimo, il quale considerando, che
per non lasciar di se figliuoli, avrebbero potuto nell'elezione del suo
successore nascere disordini e confusioni, avvicinandosi alla morte,
chiamò a se i Principi dell'Imperio, e per suo successore designò[162]
loro Corrado Duca di Franconia detto il Salico, Principe saggio e
valoroso della illustre Casa di Sassonia[163]. I Principi dell'Imperio
acconsentendovi lo elessero per Re di Germania ed Imperadore; onde non
per eredità, ma per elezione, com'era il costume, fu innalzato Corrado
al soglio, ancorchè proposto da Errico suo predecessore, come se gli
Elettori di comune consenso avessero nella persona d'Errico rimessa
la elezione, quasi per un compromesso. Nè fu osservato nella sua
elezione ciò che Ottone III, avea prescritto, poichè non da' soli sette
Elettori, ma da tutti i Principi fu eletto: fu molto tempo da poi,
che come si disse, per evitar le turbolenze ed i disordini, si pose in
pratica ciò, che Ottone prescrisse.

Morì in quest'istesso anno 1025 Basilio Imperatore d'Oriente ancora, e
poco da poi nel 1028 Costantino, e per lor successore fu eletto Romano,
cognominato Argiro.

(Abbiamo indicato adesso la morte d'_Errico_ sotto la data dell'anno
1025 avendo seguito in ciò l'attestato di due Autori degni di fede.
_Lione Ostiense lib._ 2 c. 58. _Defuncto igitur augustae memoriae
Imperatore Herrico anno Domini M.XXV; ed Ottone Frisingense VI c._ 27.
_Anno ab incarnatione Domini M.XXV defuncto sine filiis Herrico._ Ma
secondo _Lamberto Schafnaburgense, Ermanno Contratto_, ed altri germani
Scrittori rapportati da _Struvio Syntag. Hist. German. dissert._ 13 §.
28 _pag._ 387 morì nel mese di luglio del precedente anno M.XXIV).



CAPITOLO I.

_Fondazione della città d'Aversa, ed istituzione del suo Contado nella
persona di RAINULFO Normanno I, Conte d'Aversa._


La morte d'Errico e l'elezione di Corrado fecero mutar faccia agli
affari di queste nostre province. Il novello Principe di Capua
Pandolfo di Tiano per li suoi abbominevoli tratti, e più per l'avidità
dell'altrui, e per la propria avarizia era da tutti abborrito. Aveasi
disgustati i Normanni, i quali, vedendosi troppo indegnamente trattati,
inquietavano gli abitanti del paese, riducendogli a loro discrezione:
perciò appo i suoi vassalli medesimi era entrato in abbominazione.
Erasi ancora disgustato con Guaimaro III, Principe di Salerno, e per
li suoi modi ridusse le cose in tale estremità, che se lo rese fiero
inimico.

Tutte queste cose portarono la sua ruina poichè Guaimaro morto Errico
proccurò con ogni sforzo entrar nella grazia del novello Imperadore
Corrado, e seppe sì ben portarsi, che si strinse con lui con ligami
assai stretti di corrispondenza ed amore. Teneva Guaimaro per moglie
Gaidelgrima sorella di Pandolfo IV, che trovavasi ancora in Alemagna
dentro due carceri ristretto: il primo favore che richiese a Corrado
fu di riporre in libertà suo cognato, e ristituirlo nel Principato di
Capua[164]. Corrado alle sue preghiere condescese, liberò Pandolfo, ed
al Principato di Capua ordinò, che fosse restituito.

Rainulfo, che co' suoi Normanni era stato così indegnamente trattato da
Pandolfo di Tiano, apertasegli sì bella occasione di vendicarsi di lui,
tosto s'unì con Guaimaro, ed alle forze di questo Principe aggiunse le
sue per far rientrare Pandolfo IV nel Principato di Capua. In fatti
questo Principe soccorso da Guaimaro e da' Normanni, aiutato anche
dagli antichi suoi fautori che teneva nella Puglia, e dall'istesso
Catapano Bagiano, e da' Conti de' Marsi, pose tosto l'assedio a Capua
per discacciarne il competitore. Difese costui per un anno e sei mesi
la Piazza; ma non potendo da poi più sostenerla, fu costretto renderla
a Bagiano, il quale sotto la sua protezione e custodia ricevutolo, il
fece insieme con Giovanni suo figliuolo, e con tutti i suoi portare a
Napoli, ove da Sergio che n'era Duca fu cortesemente ricevuto.

Pandolfo IV, entrato in Capua e restituito nel Principato, non
contento, come sono gli uomini ambiziosi, di esser ritornato alle sue
pristine fortune, sofferiva con animo maligno, che Pandolfo di Tiano
avesse trovato appo Sergio sicuro asilo, onde cominciò a meditare nuove
imprese sopra il Ducato di Napoli sotto questo pretesto.

Co' Normanni nemmeno usò quella gratitudine, che richiedevano i
servigi rilevanti, che aveangli prestati in questa congiuntura,
tanto che pensarono da loro stessi di stabilirsi in un luogo di que'
contorni dove meglio potessero, che fosse bastevole per farvisi una
comoda abitazione; e presero da prima un luogo, il quale credesi
esser quello, che oggidì chiamasi _Ponte a Selice_, tre miglia
sopra Aversa, che pareva fertilissimo[165]; ma quando si disposero a
fabbricarvi, rinvennero il fondo della terra tutto paludoso; che perciò
l'abbandonarono per girne là vicino a fabbricare la città, che poscia
fu chiamata dal loro nome _Aversa la Normanna_, la quale fu da Rainulfo
posseduta col titolo di Conte per le cagioni che diremo.

Pandolfo IV, non tardò che un anno a porre in effetto i suoi disegni
contro Sergio Duca di Napoli. Era in questi tempi il Ducato napoletano,
dopo Marino, di cui favella l'Anonimo Salernitano, governato da
questo Sergio, ed ancorchè per antiche ragioni stesse sottoposto
all'Imperadore de' Greci, nulladimanco si governava da' Duchi con
assoluto arbitrio sotto forma e disposizione di Repubblica. Mosse
intanto Pandolfo contro Napoli il suo esercito; Sergio colto così
all'improviso, e lontano dagli aiuti de' Greci, da' quali non ebbe
alcun soccorso, fu tosto obbligato uscir dalla città, che dopo breve
contrasto si rese al Principe Pandolfo: e fu la prima volta che
Napoli fosse soggiogata da' Principi longobardi, e che passasse sotto
il lor dominio dopo gli sforzi di tanti altri, che non poterono mai
conquistarla: Pandolfo di Tiano scappato come potè meglio, fuggissene
in Roma, ove ben tosto finì la vita in un miserabile esilio.

Scacciato Sergio dal Ducato napoletano, non potendo altronde ottener
soccorso per discacciarne l'invasore, con provido consiglio si rivoltò
agli aiuti dei Normanni, i quali assicurò di volergli trattare assai
più generosamente di quello, che fin allora i Principi longobardi avean
fatto. Rainulfo, che mal corrisposto da quel Principe, prendeva tutte
le occasioni, per le quali potesse maggiormente stabilirsi e proccurare
i suoi maggiori avvanzi, su queste promesse accettò l'invito; e co'
suoi Normanni unissi con Sergio, e gli prestarono sì segnalati servigi,
che obbligarono Pandolfo abbandonar Napoli dopo tre anni, che se n'era
impadronito, e fecero rientrare in quel Ducato Sergio con sua somma
gloria e stima.

Sergio non seguendo gli esempi de' Principi longobardi, memore delle
promesse fatte a Rainulfo, osservò la parola data, e fece co' Normanni
una stretta alleanza, e per unirsi con più stretti legami, si sposò
una parente di Rainulfo; ed oltre ciò perchè stesse sicuro dagl'insulti
del Principe di Capua, tra questa città e Napoli frapposevi un sicuro
riparo, costituendo Rainulfo Conte sopra i suoi Normanni[166], al
quale diede col titolo di Contado tutto il territorio intorno alla
città, ch'essi fabbricavano e che allora aveano cominciato ad abitare,
la quale veniva a coprire il Ducato di Napoli; e poich'egli stava
applicato a mantenere i Normanni in una grande avversione col Principe
di Capua, si crede, che da ciò quella città fossesi nominata _Aversa_.

Non è verisimile ciò che il Summonte, per l'autorità di Giovanni
Villani, dice, che la ragione che poteva avere il Duca Sergio di dare
il titolo di Conte a Rainulfo, dovette essere il dominio, ch'avea
Napoli in quel territorio, non essendo distante più che otto miglia;
tanto maggiormente che il Villani[167] nella sua Cronaca di Napoli
dice, che i Normanni edificarono Aversa, la quale per innanzi era
castello di Napoli. Ma questo titolo, come più innanzi vedremo, fu
confermato da poi a Rainulfo dall'Imperador Corrado. Ecco come i
Normanni cominciarono ad avere in queste nostre regioni ferma sede; ma
acquisti assai maggiori seguirono in appresso per quelle occasioni, che
saremo qui a poco a narrare.


I. _Venuta de' figliuoli di TANCREDI Conte d'Altavilla. Morte di
CORRADO il Salico e sue leggi._

Rainulfo veggendosi in cotal maniera stabilito in Aversa, attese
a fortificarvisi ed incominciò a trattarsi da Principe: inviò
Ambasciadori al Duca di Normannia, invitando i suoi compatriotti, che
venissero a gustar con esso lui l'amenità del paese, ove già possedeva
un Contado: l'invogliò a venire colla speranza di poter anch'essi
impadronirsi di alcuna parte di quello. A questo invito venne in
Italia un numero assai più grande de' Normanni, che per l'addietro
fossevi giunto: con questi vennero i figliuoli primogeniti di Tancredi
d'Altavilla capo della famiglia, di cui poc'anzi si narrò la numerosa
prole, onde sursero gli Eroi, che conquistarono non pur queste nostre
province, ma la Sicilia ancora. La spedizione de' figliuoli di Tancredi
in queste nostre regioni deve collocarsi nell'anno 1035, i quali non
tutti nell'istesso tempo ci vennero, ma i primi furono Guglielmo,
Drogone ed Umfredo. Gli altri vennero da poi, e soli due rimasero nella
loro patria[168].

Questi prodi Campioni andati prima a tentar la sorte in diversi luoghi,
alla perfine cogli altri Normanni giunsero in Italia ed in Salerno
sotto la protezione, ed a' stipendi di quel Principe finalmente si
fermarono. Reggeva in questi tempi il Principato di Salerno Guaimaro
IV, figliuolo del maggior Guaimaro, il quale sin dall'anno 1031 avea
finito i suoi giorni. Questo Principe seguendo i vestigi di suo padre
ebbegli cari, e riconoscendo questi novelli Normanni per giovani sopra
tutti gli altri della loro Nazione molto distinti, ebbegli in maggior
conto; fosse ciò per sua inclinazione o per politica, egli è certo,
che in tutti i suoi affari valevasi di quelli, e ne faceva una grande
stima, proccurando i maggiori loro ingrandimenti; e come Principe
prudentissimo reggeva perciò con vigore e magnificenza il suo Stato.

Dall'altro canto Pandolfo Principe di Capua, che mal seppe conoscergli,
era venuto, per la sua crudeltà ed avarizia, nell'indignazione
di tutti: le frequenti scorrerie e rapine che faceva al monastero
Cassinense erano così insopportabili, che finalmente obbligarono quei
Monaci, per liberarsi della sua tirannia, di ricorrere in Germania
all'Imperadore Corrado, al quale avendo esposto con pianti e querele
i guasti che dava a quel Santuario, lo pregarono a calar in Italia
per liberarlo dalle mani di quel Tiranno, rammentandogli dover a lui
appartenere la loro liberazione, essendo quel Monastero sotto la tutela
sua, come era stato sotto li suoi predecessori, e immediatamente sotto
la sua protezione[169].

S'aggiunsero ancora, per affrettar la venuta di Corrado in Italia, le
rivoluzioni accadute in quest'istesso tempo in Lombardia, autore delle
quali in gran parte era riputato l'Arcivescovo di Milano[170]. Per
queste cagioni finalmente fu risoluto Corrado intraprender il cammino
verso queste nostre parti, e nell'anno 1036 con valido esercito, avendo
passato l'Alpi entrò in Italia, ed a Milano fermossi, ove sedati i
tumulti colla prigionia de' rebelli, imprigionò ancora l'Arcivescovo
di Milano autore di quelli. Passò indi a poco in Roma, ove ascoltò le
querele, che contro il Principe di Capua gli furon portate da gente
infinita: volle conoscere de' suoi falli, e portatosi nel monastero
di Cassino, mandò Legati a Pandolfo per ridurlo di buon accordo a
restituire ciò, che ingiustamente avea occupato a quel monastero;
ma ostinandosi nella sua perfidia, sdegnato Corrado venne a Capua
egli stesso, e Pandolfo fuggendo la sua indignazione ritirossi
nella Rocca di S. Agata. L'Imperadore ricevuto in Capua con solenne
apparato ed allegrezza, nel giorno di Pentecoste fu quivi incoronato
con gran celebrità, e colle consuete cerimonie. Era allor costume
degl'Imperadori d'Occidente di replicar sovente queste funzioni ne'
giorni più celebri dell'anno, nel che è da vedersi l'incomparabile
Pellegrino nelle gastigazioni all'Anonimo Cassinense; poichè Corrado
non in Capua fu la prima volta incoronato Re o Imperadore: fu egli
prima salutato Re nell'anno 1026, ed Imperadore nell'anno seguente,
quando la prima volta venne in Roma.

(In quest'anno appunto, che fu il 1027 fu coronato in Roma da Papa
_Giovanni_ l'Imperador _Corrado_, siccome narrano _Wippone Prete pag.
433_. _Ottone Frisingense VI. cap. 29_ che dice: _Anno ab Incarnatione
Domini MXXVII. Conradus Romam veniens etc. a summo Pontifice Joanne
coronatus, ab omni Populo Romano Imperatoris, et Augusti nomen
sortitur_. Lo stesso scrissero _Ermanno Contratto_, _Lamberto
Schafnaburgense_, _Sigeberto Gemblacense_, ed il _Cronografo Sassone_
ad An. 1027. Passò in Puglia, e da poi in Germania fece ritorno. Nella
fine da poi dell'anno 1036 ritornò di nuovo in Italia: sedò i tumulti
in Milano: imprigionò quell'Arcivescovo, ed avendo celebrata la Pasqua
dell'an. 1037 in Ravenna, sedati nel seguente anno 1038 i romori di
Parma, tornò di nuovo in Alemagna. Così scrissero _Wippone Prete_
pag. 440 et seqq. _Ottone Frisigense VI. c. 31._ dicendo: _Italiam
ingreditur, Nataleque Domini celebrans, per Brixiam ac Cremonam,
Mediolanum venit, ejusdemque Urbis Episcopum, eo quod conjurationis
erga cum factae reus diceretur, cepit, ac Pupioni Aquilejensi
Patriarchae custodiendum commisit etc._ Concordano _Ermanno Contratto_,
gli Annali Ildesheimensi, il Cronografo _Sassone_, _Alberico_, _e Lione
Ostiense lib. 2. cap. 65_.)

Intanto Pandulfo con tutti i mezzi proccurava placar l'ira di Corrado,
chiedendogli perdono; finalmente gli offerì trecento libbre d'oro, la
metà delle quali offeriva sborsar prontamente, l'altra metà a certo
tempo, promettendo frattanto insino all'intero pagamento di dargli
per ostaggi una sua figliuola ed un nipote: gli accordò l'Imperadore
l'offerta, al quale egli tosto mandò il denaro e gli ostaggi. Ma
non molto da poi pentitosi questo Principe del fatto, e reputando
di poter con facilità rientrare in Capua, subito che Corrado se ne
fosse partito, negò finalmente, dopo molto prolungare, di mandargli
il restante dell'oro. Corrado allora avendo scorto l'animo di questo
Principe, e che appena egli partito, sarebbe col suo mal talento
ritornato ben presto alle rapine ed alle crudeltà, pensò di privarlo
affatto del Principato di Capua, e darne ad altri l'investitura.

Convocò per quest'effetto un'assemblea di Proceri e Magnati, e di
molti suoi Baroni, alla quale volle che intervenissero ancora i
Magnati stessi di Capua, acciocchè anche col loro parere e consiglio
il facesse, e nel caso di doversi Pandolfo deporre dal Principato, più
maturamente innalzarvi altro personaggio, che ne fosse meritevole.
Fu pertanto deposto Pandolfo, e non ritrovandosi chi potesse meglio
sustituirsi in suo luogo, del Principe di Salerno Guaimaro, Principe
prudentissimo, e ch'era in somma grazia dell'Imperadore Corrado, fu
a lui conceduto: e furon allora veduti questi due Principati uniti in
un'istessa persona.

Pandulfo lasciato suo figliuolo nella Rocca di S. Agata, andò in
Costantinopoli a chieder soccorsi dall'Imperadore. Ma questi prevenuto
da Guaimaro, in vece di somministrargli ajuto, lo mandò in esilio,
ove per due anni, e più insino che visse l'Imperadore, dimorò: morto
costui, dal suo successore fu liberato, ma non potendo ricever alcun
ajuto, se ne tornò senza alcun frutto[171].

Allora fu che Guaimaro riconoscente de' segnalati servigj, che gli
avean prestato i Normanni, non tralasciava occasion d'ingrandirgli,
e di mostrar loro il desiderio, che nudriva in esaltargli, proccurò
dall'Imperadore Corrado l'investitura del Contado d'Aversa a favor
di Rainulfo[172]; poichè se bene, come abbiam narrato, Rainulfo
da Sergio Duca di Napoli fosse sopra i Normanni stato fatto Conte;
nulladimanco quel, che si fece allora, fu solamente un conceder in
ufficio a Rainulfo quella dignità, cioè di costituirlo Capitano sopra i
suoi commilitoni, come dottamente spiegò il Pellegrino. Gl'Imperadori
d'Occidente riputavano allora ad essi solo appartenere il concedere
ed investire i Feudi in tutta Italia, ed esser questa, loro singolar
prerogativa: ad imitazion de' quali pretesero da poi i Pontefici
romani, che ad essi soli s'appartenessero l'investiture de' Beneficj,
di che ci tornerà occasione altrove di favellare. Perciò Guaimaro,
per istabilire maggiormente i Normanni nel Contado d'Aversa, proccurò
che Rainulfo dall'Imperadore ne fosse investito, in virtù della quale
investitura se gli concedeva non solo in ufficio, ma anche in Feudo
la Città, ed il Contado e tutte quelle regalie, che sogliono venir
comprese in simili concessioni.

Ma ben Guaimaro ne fu corrisposto da' Normanni, poichè non molto da poi
co' loro ajuti prese Sorrento, e ritenendo per se il titolo di Duca di
Sorrento, concedè questa città a Guido suo fratello. Conquistò ancora
col loro ajuto Amalfi, che per se la ritenne, ed al suo Principato la
sottopose[173]. S'usurpò poco da poi, il titolo di Duca di Puglia e
di Calabria; in guisa che nella sua persona s'unirono tanti titoli e
Signorie, che non fu Principe alcuno veduto in questi tempi, innalzato
a tanta sublimità e grandezza in queste nostre province, quanto lui.
Per queste ragioni in alcune carte rapportate dall'Ughello nella sua
Italia sacra, fatte sotto il Principato di Guaimaro IV si osservano
tanti titoli, che a questo Principe s'attribuivano, come in una data
in Melfi, _Vigesimo sexto anno Principatus Salerni Domini nostri
Guaimarii gloriosi Principis; et sexto anno Principatus ejus Capuae,
et quinto anno Ducatus illius Amalfis, et Sirrenti; et secundo anno
suprascriptorum Principatuum, et Ducatuum Domini Gisulfi eximii
Principis, et Ducis filii ejus; et secundo anno Ducatus eorum Apuliae,
et Calabriae, mense Junii duodecima Indictione_[174].

Intanto Corrado, da Capua partito, portossi a Benevento, indi per
la Marca andossene oltre i monti, portando seco gli ostaggi, che da
Pandolfo avea ricevuti; ed appena scorso un altro anno finì i giorni
suoi in Alemagna nell'anno 1039 lasciando per successore nell'Imperio
Errico suo figliuolo, detto il Negro.

(_Corrado_ appena scorso un anno, che ritornò da Italia, morì nel
mese di giugno in Utrech nella Frisia in quest'anno 1039. _Ottone
Frisingense VI cap._ 31. _Non multo post reverso ab Italia Imperatore,
Sanctamque Pentecostes in inferiori Trajecto Frisiae urbe celebrante,
in ipsa solemnitate infirmatus XVII Regni, Imperii vero XIV anno diem
ultimum clausit._ Concordano _Wippone_ pag. 402. _Ermanno Contratto,
Lamb. Schafnaburg, Mariano Scoto, Sigeberto Gemblacense, Corrado
Ursperpense il Cronografo Sassone_, e gli _Annali Ildesheimensi_).

Fra le molte prerogative, onde era Corrado adorno, fu la perizia delle
leggi, ed il sommo studio, ch'ebbe in istabilirle: egli calando in
Italia presso Roncaglia, siccome era il costume de' suoi predecessori,
molte ne stabilì tutte prudenti e sagge. Alcune se ne leggono nel terzo
libro delle leggi longobarde, altre ne' libri feudali, e moltissime
altre ne raccolse Goldasto nei suoi volumi[175].

Egli fu il primo, che alle consuetudini feudali aggiungesse le leggi
scritte per regolar le successioni: insino ad ora la successione de'
Feudi si regolava secondo i costumi de' Longobardi, che in Italia
gl'introdussero. I Feudi, secondo che abbiam veduto, per antica
consuetudine non solevan concedersi se non a tempo[176], rimanendo in
potestà del concedente, quando gli piaceva, ripigliarsi la cosa data in
Feudo. Da poi fu introdotto, che per un'anno avessero la loro fermezza:
in appresso s'ampliò durante la vita del vassallo, nè a' figliuoli
s'estendeva; finalmente fu ammesso uno de' figli, ed era quando
il Padrone al medesimo confirmava il Feudo, che al padre era stato
conceduto: poi s'ampliò a tutti i figli, nè oltre, per le consuetudini
feudali s'estese la lor successione.

Corrado il Salico, avanti che in Roma giungesse a prender la Corona
dell'Imperio, nell'anno 1026 in Roncaglia, secondo il costume de' suoi
predecessori, nell'assemblea de' Principi e del Popolo, richiesto
dai suoi vassalli, che fosse contento d'ammettere alla successione
de' Feudi non pur i figli, come erasi per le consuetudini feudali
introdotto, ma anche i nepoti nati da' figli, e questi mancando,
potessero succedere ancora i fratelli del defunto, glie lo accordò, e
fu perciò promulgata legge, per la quale stabilì, che se il Feudatario
non avrà figli, ma nipote dal suo figlio maschio, abbia questi il
Feudo: e se non avrà nepoti ma fratelli legittimi, abbiano questi
ancora il Feudo, che fu del loro comune padre[177].

Questa legge, che vien per intero rapportata dal Sigonio[178], ancorchè
i Compilatori de' Libri Feudali non ve l'avessero interamente in quelli
inserita, si legge però nel libro terzo delle leggi longobarde, ove
tutte le altre leggi degl'Imperadori d'Occidente come Re d'Italia
furono raccolte, le quali non solamente in Lombardia ed in tutte le
altre parti di Italia, ma ancora in queste nostre province, toltone
quelle, che all'Imperio de' Greci erano sottoposte, ebbero forza e
vigore, per quelle ragioni, che altre volte abbiam detto nel corso
di questa Istoria, e particolarmente ne' tempi di Corrado, ne'
quali l'autorità degl'Imperadori d'Occidente era nel colmo della
sua grandezza ne' Principati di Capua, di Salerno ed in quel di
Benevento; essendosi veduto che essi deponevano i Principi stessi, e
de' loro Principati disponevan a lor talento; anzi, siccome vedrassi
più innanzi quando della compilazion di queste leggi e delle feudali
tratterassi, maggiore fu nel nostro Regno la forza ed autorità delle
leggi longobarde, che delle feudali.

Non è però, che Gerardo de Nigris Senator di Milano nel primo libro
de' Feudi[179] non avesse rapportata la sentenza di questa legge; ed i
Compilatori degli altri libri feudali la tralasciarono d'inserire tra
le altre costituzioni feudali degli altri Imperadori, che a Corrado
succedettero, per quest'istessa ragione che ritrovavasi già inserita
ne' libri delle leggi longobarde, l'uso de' quali era più frequente
presso i nostri maggiori, che quello de' libri feudali: se bene da un
luogo d'Andrea d'Isernia[180] si raccoglie, che in alcuni Codici delle
leggi feudali, che allora andavano attorno, ancor che in molti luoghi
tronca e mutilata, era stata pure trascritta.

Altri Capitoli di questo Principe abbiamo nel libro secondo de'
Feudi sotto il titolo _de Capitulis Corradi_, stabiliti parimente in
Roncaglia, ove de' Feudi pur si tratta: nè, per dir ciò di passaggio,
è condonabile l'errore di Carlo Molineo[181], il quale nell'istesso
tempo, che biasima i nostri Interpreti, i quali per l'ignoranza
dell'istoria caddero in molti errori, inciampa egli stesso in ciò che
ad altri biasima; riputando questi Capitoli di Corrado, essere non del
Salico, ma di Corrado II, quando quel Corrado di ch'egli parla, non fu
mai in Italia, onde avesse quelli presso Roncaglia potuto stabilire.

Quindi ancora si convince l'altro errore di Molineo[182], nel quale
non possiamo non maravigliarci esservi ancora caduto, oltre Cragio ed
Ornio, il nostro diligentissimo Pellegrino[183], i quali per leggiere
cagioni reputarono Lotario I, nipote di Carlo Magno, autore di quella
costituzione, che si legge nel libro primo de' Feudi[184], per la quale
la successione dei Feudi fu estesa anche al patruo; tantochè se fosse
di quello Imperadore, non Corrado il Salico verrebbe ad esser il primo,
che alle consuetudini feudali aggiungesse sopra ciò leggi scritte,
ma Lotario I, che più di 200 anni prima di Corrado tenne l'Imperio di
Occidente.

Ma si convince questa legge essere di Lotario III (che altri con più
verità appellano II, poichè dell'altro Lotario, che per pochi giorni
in tante rivoluzioni di cose invase l'Imperio dopo Berengario, non
dee aversi conto) non già di Lotario I, per essere stata promulgata
in Roma nell'anno 1133, o 1137 sotto il Pontificato di Innocenzio,
non già d'Eugenio, come scorrettamente si legge ne' Codici vulgati,
nell'Assemblea (com'era il costume) de' Sapienti e Baroni di molte
città d'Italia; e fu confermata da Lotario la legge di Corrado intorno
alla successione de' Feudi; ed oltre di ciò, ampliata la successione
anche a favor del patruo, il che Corrado non avea fatto, siccome
dottamente notò l'incomparabile Cujacio[185] a torto dal Pellegrino
ripreso. E ciò si manifesta con maggior chiarezza ponderando, che se
sino a' tempi di Lotario I, i patrui erano ammessi alla successione dei
Feudi, sarebbe stata cosa ridevole, con tanta premura ed istanza porger
preghiere a Corrado, come fecero allora i Feudatari, perchè stendesse
la successione a' fratelli, quando ciò 200 anni prima fu conceduto
da Lotario anche a favor de' patrui. Convincono altri argomenti, che
deve questa legge attribuirsi a Lotario III, li quali possono vedersi
presso Schiltero e Struvio[186]. Ma deve questo abbaglio condonarsi al
diligentissimo Pellegrino, che volle per questa volta metter la falce
nell'altrui messe, ma non già al Molineo intendentissimo delle nostre
leggi feudali.



CAPITOLO II.

_Conquiste de' Normanni sopra la PUGLIA._


In que' medesimi tempi, che da Corrado si proccurava dar qualche
provedimento alle cose d'Italia, sursero in queste nostre parti
occasioni cotanto favorevoli per l'ingrandimento de' Normanni, che
ricevute da essi con avidità gl'invogliarono a cose maggiori, ed a più
alte imprese. Que' prodi e valorosi Campioni, che in Salerno militavano
sotto gli auspicj di quello Principe, crebbero per varie congiunture
in tanta potenza, che cominciò a rendersi sospetta a Guaimaro istesso:
il credito, che s'acquistavano spezialmente i figliuoli di Tancredi,
gli dava qualche ombra, quantunque non osasse dimostrarlo; onde per
sottrarsi da questi sospetti, si pose a cercar modo d'allontanargli
da se con qualche onorevole occasione, temendo insieme fargli bene,
o male in sua casa; ma ecco che gliene venne offerta una, la quale fu
profittevole ugualmente ad entrambi.

L'Imperio d'Oriente, che, come si disse, dopo la morte di Basilio e
di Costantino, era governato dall'Imperador Romano Argiro, per gli
frequenti disordini e rivoluzioni civili, andava miseramente decadendo
dalla sua grandezza e splendore; ed essendo esposto alle irruzioni
de' Saraceni, il furor de' quali non erano bastanti quegl'Imperadori
a reprimere, era passato in gran sua parte sotto la loro dominazione.
I Greci che imputavano la loro declinazione alla dappocaggine de'
loro Sovrani, sovente tumultuando si facevano lecito ammazzare il
proprio Principe, ed in suo luogo sostituirne un altro, ch'essi
stimavano atto a poter restituire l'Imperio nell'antica grandezza; ma
da' successi contrari, e fuori delle loro speranze, spesso trovandosi
delusi, reiterando imprudentissimamente i medesimi mezzi di tumulti
ed uccisioni, cagionarono finalmente la total ruina di sì grande
e vasto Imperio. A questo riguardo, avendo innalzato su 'l Trono
Michele Paflagone, permisero che da costui l'Imperador romano fosse
miseramente ucciso. Questo accorto Principe per giustificare appresso
i Popoli la sua elevazione, e rendergli sicuri di non essersi,
com'altre volte, ingannati nella sua esaltazione al Trono, pensò con
una rilevante conquista, accreditarsi, e disegnò discacciar dalla
Sicilia i Saraceni, e riunirla come prima al greco Imperio, onde da
que' Barbari era stata sottratta: mandò per tal effetto nell'anno 1037
un'armata in Italia sotto la condotta di Giorgio Maniace Catapano, il
quale essendovi giunto, mise il tutto all'opra, per eseguire i disegni
del suo Sovrano[187]. La fama del valore de' Normanni era giunta sin
nell'ultimo Oriente, onde Maniace riputò quasi che necessario, per
agevolar l'impresa, aver di questi valorosi Campioni: fece perciò in
nome dell'Imperadore pregare il Principe Guaimaro di fargli avere di
questi prodi soldati, che poc'anzi nel suo paese aveansi acquistata
tanta riputazione, assicurandolo, che non mancherebbe occasione di
riconoscere e ricompensare un tale servigio. Ma egli non bisognava a
Guaimaro far tante promesse, per farlo consentire a ciò che cercava.
Questi assai più che Maniace, desiderava di dargli i Normanni, a'
quali avendo esposta la cosa, dimostrolla di lor sommo vantaggio, e
da non rifiutarsi, aggiungendo ancora per se medesimo promesse molto
vantaggiose a quelle che avea loro fatte in nome dell'Imperadore.

I Normanni considerando quest'occasione poter loro portare non men
gloria, che maggior stabilimento dei loro interessi, tosto accettarono
il partito, e partirono da Salerno in numero di trecento, avendo alla
loro testa Guglielmo, Drogone ed Umfredo figliuoli, di Tancredi,
che non avea molto che dalla Normannia erano quivi venuti[188].
Furono da Maniace con molta gioja ricevuti, ed immantenente, avendo
fatto venire dalla Puglia e dalla Calabria, province che a' Greci
ubbidivano, alquante truppe, fece preparar la flotta; e partito per
dar fondo in Sicilia, giunto a Messina la cinse di stretto assedio: fu
tale il valor de' Normanni in quest'impresa, che resasi ben tosto la
Piazza, Maniace a' soli Normanni dichiarò tener obbligo di sì bella
conquista, e raddoppiando la stima, in cui gli avea, fece loro de'
presenti con nuove promesse per animargli sempre più a valorosamente
combattere[189]. Avanzossi nel paese, e si rese padrone di un gran
numero di posti rilevanti, portando insino a Siracusa l'assedio.
Comandava questa Piazza per li Saraceni un tal Arcadio, il quale con
estremo valore assaltando l'armata de' Greci, la mise in disordine,
di che grandemente gloriavasi, quando ecco che Guglielmo scaricogli
sopra con furia un colpo di lancia, che lo rovesciò morto a' suoi
piedi. I Greci e i Saraceni ne restarono ugualmente stupefatti, e
tiensi che in quest'occasione fosse dato a Guglielmo il soprannome di
_Bracciodiferro_.

Riunirono ben tosto i Saraceni le loro truppe, ma essendosi Guglielmo
co' suoi posto alla testa de Greci, le dissipò in maniera, che i
Greci restarono padroni del Campo; ma approfittandosi i Greci della
vittoria a' Normanni sol dovuta, poich'essi altra parte non vi avevano
avuta, che di spettatori, si presero tutte le spoglie de' nemici, e le
divisero infra loro, senza lasciar nulla a' Normanni, che l'avevano col
lor valore acquistate. Essi ancora col solito lor fasto ed alterigia
cominciavano a tener poco conto di questa inclita gente, ed il comando
delle Piazze a' Greci solamente era dato, senza farne parte alcuna
a loro, come furono le promesse di Maniace. Mal soddisfatti di tanta
ingratitudine pensarono far penetrare a Maniace questi torti, che loro
usavano i Greci, per iscorgere come egli la sentiva, e se approvava
ciò ch'era avvenuto. Erasi accompagnato co' Normanni in questa
spedizione un valentuomo lombardo della famiglia dell'Arcivescovo di
Milano, come narra Ostiense[190], appellato Arduino; ma Curopalata
e Cedreno vogliono, che quest'Arduino fosse stato Capitano della
squadra normanna; il quale scaltro ed intendentissimo dell'idioma
greco, serviva loro d'Interprete: mandarono costui a Maniace, affinchè
venendogli in acconcio gli rappresentasse le loro querele, come
fu destramente fatto; ma questo Capitano si tenne offeso di queste
doglianze, e riconoscendole come un'attentato alla sua autorità, se la
prese con colui, che glie l'espose. Di vantaggio avendo Arduino preso
un bel cavallo da un Saraceno, cui avea rovesciato a terra, vennegli
richiesto da poi per parte di Maniace, al quale egli costantemente
avendolo negato, gli fu tolto a forza con molto suo rossore e vergogna,
insino a farlo frustare intorno al Campo[191]. Guglielmo Pugliese[192]
e Cedreno[193] rapportano questo affronto essere stato fatto ad Arduino
non già da Maniace, ma da Ducleone, che a lui succedè nel comando.
Comunque siasi, reputando i Normanni gl'ignominiosi tratti essere stati
usati non meno a loro, che ad Arduino, che gli ricevette, fortemente
irati, volevano sul campo istesso incontanente prendere le armi contro
de' Greci per iscancellare col loro sangue l'ingiuria, che dianzi
aveano ricevuta; ma Arduino, che meditava vendicarsi con più frutto,
l'impedì, e mostrandosi più scaltro, ch'i Normanni istessi, gl'impegnò
a dissimulare, come lui, il fatto, infino ch'egli adempiesse un certo
disegno, il quale avrebbe loro aperta strada a maggiori e più grandi
conquiste.

Vennegli in pensiero, che per lo stato, nel quale erano le forze de'
Greci nelle province di Puglia e di Calabria, non era da disperare, che
invase da' Normanni non dovessero cedere sotto la loro dominazione;
ed in fatti non potevano essi aspettar migliore tempo che questo;
poichè queste province, per l'impresa della Sicilia, che aveano allora
i Greci per le mani, erano tutte sfornite di truppe, avendole Maniace
fatte trasportar, come si disse, in Sicilia a quell'impresa: nè era da
temer de' provinciali, i quali per l'aspro governo de' Catapani che le
reggevano, e per il loro fasto ed alterigia sovente aveano ribellato, e
sol la forza gli tenea ristretti: tanto era lontano, che si volessero
opporre a coloro, che proccuravano di sottrargli dall'Imperio de'
Greci, cui essi abborrivano e detestavano in guisa, che per sottrarsene
aveano tentato di sottoporsi a Melo ch'era lor Nazionale, e fatto
cittadino Barese. Erano ancora le lor forze indebolite per le guerre,
che spesso erano lor mosse da' nostri Principi longobardi; ma sopra
tutto per le frequenti scorrerie de' Saraceni, i quali fortificati nel
Monte Gargano tenevano la Puglia in continui timori e sconvoglimenti.

Dall'altra parte i Normanni si vedevan crescere tuttavia in gran
numero, venendone altri da giorno in giorno, o dalla Normannia, ovvero
da Terra Santa, ove andavano in pellegrinaggio. Lo stabilimento di
Rainulfo nel Contado d'Aversa conferiva molto a mantenere gli interessi
della Nazione; poichè oltre la parentela e l'alleanza con Sergio Duca
di Napoli, teneva questi così ben esercitati nell'arte militare i suoi
guerrieri normanni, che non v'era impresa grande, alla quale essi non
fossero adoperati.

Ma sopra tutte queste cose, non si può credere quanto vi cooperassero
i sconvolgimenti, e' disordini che avvennero nella città di
Costantinopoli, che posero sossopra gl'interessi di quell'Imperio, e di
tutte le sue province. Queste furono le congiunture più favorevoli, che
finalmente gli fecero venir a fine de' loro disegni nella maniera, che
saremo qui a poco a narrare.

Arduino per coprire sotto contrario manto questi disegni, mostrossi
con Maniace niente toccato degli affronti, siccome lo dissimularono i
Normanni parimente, e come nulla di ciò fossegli avvenuto, trattenevasi
tranquillamente con tutti i Greci suoi conoscenti. In breve seppe
così ben simulare, che come narra Malaterra[194], avendosi con
doni guadagnato il Secretario di Maniace, oprò tanto, che ottenne
un passaporto per andar in Calabria con alquanti de' suoi. Lione
Ostiense[195] narra, che per aver tal licenza diede a sentire, che
voleva andar in Roma per sua divozione a visitar que' luoghi santi:
comunque siasi, imbarcatisi una notte i Normanni con lui, traversarono
il Faro col favor del passaporto senz'alcun ostacolo. Appena sbarcati
in Calabria si misero a rovinar tutto il paese, e verso la Puglia
s'incamminarono, pensando di rendersene padroni, e ne avean già
conceputa una ben fondata speranza. Intanto Arduino portossi in Aversa
a sollecitare per la medesima impresa il Conte Rainulfo; gli espose
i suoi disegni, la facilità della conquista, essere la Puglia senza
difensori, i Greci all'intutto effeminati, la provincia ben ampia ed
opulentissima, ed ormai doversi vergognare, ch'essendo cresciuto il
numero dei Normanni insigni nell'armi, e per tante vittorie illustri,
di tenergli più ristretti tra le penurie e disagi, e fra gli angusti
confini d'un picciol Contado[196]. Piacque a Rainulfo il consiglio,
approvando quanto Arduino aveagli esposto, e senza frappor dimora
unisce alquante truppe, le dispone sotto dodici valorosi Capitani,
e perchè fra essi non nascesse alcuna discordia, fu di buon accordo,
convenuto, che gli acquisti si sarebbero egualmente fra di lor partiti;
ma ad Arduino primo autor dell'impresa se gli fosse data la metà di
tutto ciò che si sarebbe conquistato, giurando ciascuno con solenne
sacramento d'osservar esattamente quel che fra d'essi erasi concordato.
Ne rimandò adunque Arduino con trecento soldati, il quale unitosi
con gli altri Normanni nella Puglia, portò l'assedio immantenente in
Melfi, una delle città più considerabili allora della Puglia. Sorpresi
gli abitanti, tosto resero la Piazza; indi immantenente occuparono
Venosa, alla quale ben tosto aggiunsero Ascoli e Lavello. La città di
Melfi, che per lo suo sito naturale era ben forte, avendola poscia ben
fortificata, e di alte torri munita, si rese inespugnabile; quindi la
costituirono sede del loro dominio, e capo delle altre città convicine
da essi conquistate. Così i Normanni rendutisi in quest'anno 1041
padroni d'una considerabil parte della Puglia cominciarono indi a
poco a dilatar i confini della loro dominazione sopra tutta questa
provincia.

I Greci sorpresi per questa perdita, ed impazienti per ripararla,
furono impediti da disordini, che opportunamente quasi per favorire
i Normanni accaddero in Oriente, e che posero in iscompiglio tutta la
Corte di Costantinopoli. L'Imperador Michele sopra nominato Paflagone,
cui l'Imperatrice Zoe amò tanto, che in ricompensa del commercio, che
seco avea avuto, lo innalzò al Trono imperiale, cadde in una sorte di
mal caduco, che attediato del governo l'obbligò a rendersi Monaco.
Questi lasciò l'Imperio al suo nipote, chiamato parimente Michele,
cognominato Calefato, sotto il governo di Giovanni suo zio; ma questo
novello Cesare si rese per le sue crudeltà e per avere discacciato
Giovanni, a cui tanto dovea, e molto più per aver trattato ingratamente
l'Imperadrice Zoe, dalla quale era stato adottato per figlio, e che
avea proccurato innalzarlo alla dignità imperiale, cotanto odioso
ed abbominevole presso i suoi sudditi, che apertamente tumultuando
rimisero Zoe nel Trono. Costei tosto, che fu in quello ristabilita,
scacciò Calefato, facendogli anche cavar gli occhi, e sposossi con
Costantino _Monomaco_, che divenne ancora consorte all'Imperio[197].
A cagione di questi torbidi, che precederono e seguirono da poi, gli
affari della Puglia, della Calabria e della Sicilia givan molto male
per li Greci. Maniace pensò approfittarsene, e diede qualche sospetto,
che volesse per se occupar la Sicilia, ed essendone stato accusato alla
Corte, fu ben tosto richiamato e condennato in una stretta prigione.
Queste diverse catastrofi impedirono la Corte di Costantinopoli a
poter arrestare i disegni de' Normanni, i quali in quel mentre aveano
felicemente eseguito in Puglia ciò, che Maniace disgraziatamente avea
tentato di fare in Sicilia.

Ma alla perfine i Greci ruppero ogni indugio e l'Imperadore, unendo
un valido esercito, lo mandò in Puglia sotto il comando d'un nuovo
Generale Duclione appellato, per ripigliare le città, ch'erano state
loro involate, con ordine di non far quartiere a' Normanni, ma di
sterminargli affatto. Ecco che si pugna ferocemente presso il fiume
Olivento, ma fu cotanta la bravura e il valore de' Normanni, che
ancor che di forze e di numero molto inferiore, ruppero i Greci, ne
fecero strage immensa, e Duclione appena scappato potè avvisarne di
sì infausto avvenimento l'Imperadore in Costantinopoli[198]. Questo
Principe fortemente crucciato fece unir altre truppe, e tosto le mandò
a Duclione: si pugnò la seconda volta presso Canne, e pure i Greci
restarono vinti. Vollero di nuovo presso il fiume Ofanto attaccar
altra battaglia, ma i prodi Normanni sempre, forti e maravigliosi, lor
diedero in questa terza volta sì terribile rotta[199], che sconfitti
affatto, si resero padroni di molti altri castelli di quel contorno, e
delle spoglie de' Greci arricchiti, si stabilirono con maggiore potenza
in quella provincia.

Questi valorosi insieme e scaltri guerrieri, temendo che la lor potenza
non portasse gelosia a' vicini Principi longobardi, e per maggiormente
rendersi benevoli gli animi delle genti del paese, pensarono eleggersi
un supremo Comandante, che fosse della lor Nazione, al quale come
commilitoni ubbidissero. Il Principe Pandulfo III, che reggeva in
questi tempi Benevento teneva un suo fratello, Adinolfo appellato:
pensarono a costui, e per lor Duca concordemente lo elessero[200].

Intanto la Corte di Costantinopoli, cui quest'infelici successi
aveano oltremodo sorpresa, imputando a Duclione ogni difetto, tosto
richiamollo, e fatto unire una più considerabile armata, la fece
passar in Calabria sotto la condotta d'un altro Generale. Questi
fu Exaugusto, soprannomato _Annone_ da Malaterra, figliuolo di quel
Bugiano, il quale nell'Imperio di Basilio si era così egregiamente
portato contro il famoso Melo[201], ma questi, che non ebbe miglior
fortuna del suo predecessore, venuto a battaglia co' Normanni sotto
monte Piloso, o come rapporta Cedreno[202] presso Monopoli, ebbe
sì strana e terribile sconfitta (nella quale segnalossi sopra tutti
Guglielmo _Bracciodiferro_) che tagliata a pezzi la maggior parte del
suo esercito, fugati e totalmente dissipati i Greci, fu ancor egli
miseramente preso e fatto prigioniero. I Normanni tutti allegri e
trionfanti per un'azione cotanto gloriosa, avuto fra d'essi consiglio
che dovessero fare della persona d'Exaugusto, deliberarono di farne
un dono al Duca Adinolfo, come fecero; ma questo Principe lasciati
i Normanni, avendolo seco portato in Benevento, e pensando poterne
da questa preda ritrarre grandi ricchezze, contro l'aspettazion de'
Normanni, lo vendè a' Greci, e trassene una rilevante somma d'argento.

Di che sdegnati fortemente i Normanni, i quali nè tampoco avevan avuto
in tanti incontri gran saggi del suo valore, furono risoluti d'elegger
altri per lor Duca, e concordemente elessero Argiro figliuolo del
famoso Melo, il quale poco prima, stando carcerato in Costantinopoli,
fuggì destramente dalle carceri coll'occasione della morte di Michele
Paflagone, e ricovratosi in Puglia, fu da' Normanni ricevuto con
grande applauso e stima; li quali non arrischiandosi ancora per li
motivi di sopra addotti, far cadere questa elezione in uno della lor
propria Nazione, stimarono meglio di portar questi ad onore sì grande,
innalzandolo su d'uno scudo, secondo la maniera usata in quel tempo da'
Popoli di Francia.

La Corte di Costantinopoli, non sapendo quai Capitani più eleggere,
pensò Calefato di valersi di bel nuovo di Maniace, onde trattolo da
prigione, lo mandò tosto in Calabria contro i Normanni[203]. Questi
volle segnalar sopra gli altri la sua venuta con crudeltà inudita,
e pose tanto terrore nel paese, che i Normanni, essendosi con lui
cimentati presso Monopoli e Matera, e scorgendosi di forze disuguali
pensarono meglio di ritirarsi dentro alcune Piazze forti, attendendo
intanto che questa gran furia e tempesta per qualche prospero
avvenimento passasse.

Non andarono ingannati, però che non passò molto tempo, ch'essendo
stato, come si disse, l'Imperador Calefato deposto dall'Imperio, e
dall'Imperadrice Zoe innalzato al Trono Costantino Monomaco, a cui ella
sposossi: Maniace sentendo dispiacere dell'innalzamento di Costantino,
de' tanti disordini della Corte pensò di approfittarsi, e ribellando
apertamente da Zoe e Monomaco, con disegno di farsi egli da' suoi
aderenti acclamare Imperadore, perduta ogni speranza di soccorso
da Costantino, s'intrigò a più pericolose imprese, che lo tennero
occupato, e distratto in molte parti. Egli allora deposto ogni rispetto
ed ubbidienza al suo Principe, devastò crudelmente e barbaramente
tutti i contorni di Monopoli, di Matera: nell'istesso tempo, che
dall'altra parte Argiro aveva preso Giovenazzo, e posto l'assedio a
Trani: indi essendo stato dall'Imperador Costantino mandato Pardo con
un tesor grande d'oro e d'argento in Puglia per nuovo Catapano, affin
di reprimere la perfidia di Maniace: questi che ne fu avvisato, se
gli fece incontro co' suoi soldati, ed ammazzatolo miseramente, gli
tolse via ogni cosa, se medesimo arricchendone e profondendone ancora
molta parte all'esercito, si fece gridare Augusto, vestendosi di
tutte l'insegne imperiali[204]; da poi avendo in vano sforzata Bari,
ritirossi a Taranto, ove avea collocata la sua sede. Quivi da Argiro
e da' Normanni fu assediato, ma giti vuoti questi disegni, egli da
poi in Otranto fermossi, donde finalmente nella Bulgaria, traversando
l'Adriatico portossi: quivi pugnando con Stefano Sebastoforo,
restò in battaglia vinto e preso: fugli troncato il capo, e mandato
all'Imperadore in Costantinopoli[205].

I Normanni in tante rivoluzioni non tralasciarono approfittarsene; onde
senza molta fatica attesero a riacquistare ciò che aveano abbandonato
all'arrivo di Maniace. E rassodate ora con maggior fermezza le
loro fortune per altre conquiste, che di giorno in giorno facevano,
pensarono per maggior sicurezza a non voler altri Capitani, che della
loro Nazione; e se bene Argiro era da essi tenuto in molta stima,
nulladimeno avendo scorto, che sotto la di lui condotta mal aveano
potuto sostenere gli sforzi di Maniace, e che le maggiori azioni, e
più gloriose a Guglielmo _Bracciodiferro_ si doveano, credettero di
far meglio di sottomettersi a lui; onde radunatisi in quest'anno 1043
nella città di Matera, ove Maniace pochi mesi prima avea esercitato le
più grandi crudeltà, l'elessero lor Comandante, e datogli per onore il
titolo di Conte, fu perciò, ch'egli fosse il primo, il quale Conte di
Puglia si nomasse.


§. I. _Di GUGLIELMO BRACCIODIFERRO I Conte di Puglia, creato l'anno
1043._

Questi fu il primo Titolo, e principio di tutti gli altri Titoli, che
la regal Casa normanna ebbe in Puglia e da poi in Sicilia, il qual non
l'ebbe, nè per autorità di Papa Benedetto IX, nè dall'Imperador greco
Costantino XI, che allor imperava in Oriente, ma, come narrano Lupo
Protospata e Lione Ostiense, per elezione de' Capitani, de' soldati
e del Popolo cioè de' Signori italiani, longobardi e normanni Capi e
maggiori dell'esercito, i quali unitisi a consiglio, decretarono che
si conferisse il titolo di Conte a Guglielmo Bracciodiferro; il qual
decreto approvando tutti i Capitani minori, e tutto l'esercito italiano
e normanno, la soldatesca tutta l'acclamò Conte, che fu il meglio dato,
e più legittimo, che se o dagli Imperadori di Oriente e d'Occidente,
o dal Papa lo ricevesse. Egli è credibile, come suspica Inveges[206],
che i Normanni in questa elezione avesser usate particolari cerimonie
nel crearlo Conte, e che oltre il suono de' timpani e delle trombe,
che comunemente accostumavasi nella promozione de' Conti (come può
vedersi presso Ugone Falcando, quando Riccardo di Mandra fu fatto Conte
di Molise) l'avessero eletto Conte coll'antica cerimonia italiana
di dargli in mano lo stendardo; quasi che fosse stato costituito
Gonfaloniere della nostra Lega italiana e normanna contro l'Imperador
greco; e che da ora sopra dell'arme per segno di Corona usasse un
semplice cerchio senza gioja, per distinguerlo dai titoli di Marchese
e di Duca, e senza raggi, per distinguerlo da' titoli di Principe, ma
così schietto, come era allora de' Conti.

I Normanni adunque avendosi in cotal guisa eletto per Conte di
Puglia Guglielmo, acciocchè pacificamente potessero godere delle
loro conquiste, ed infra di loro non potesse allignare alcun seme di
discordia, pensarono a dividersi di buon accordo le terre conquistate,
e quelle ancora che aveano in animo di conquistare. Essi nel
cominciamento della loro dominazione nella Puglia introdussero una
politia e forma di governo non dissimile a quella, che per dieci anni
tennero i Longobardi, quando morto Clefi non curandosi di rifare un
nuovo Re, distribuitesi infra di loro le città del Regno, ciascuno
colle medesime leggi ed istituti amministrava il Contado a se commesso,
e nelle deliberazioni più gravi e di momento, in Pavia città principale
solevan tutti convenire, ove assembrati consultavano degli affari più
rilevanti della Repubblica.

I Normanni ancorchè militassero sotto un Capitano, che l'elessero
per evitar le confusioni ed i disordini, che sogliono accadere
quando nell'imprese un solo non imperi; nulladimeno ciascuno, più
come compagno che come ministro in guerra, erasi adoperato, e molti
v'aveano avuto nelle conquiste egual parte, e somministrata ugual
opra e soccorso. Rainulfo Conte d'Aversa v'avea mandata molta gente
sotto dodici Capitani: Guglielmo _Bracciodiferro_ erasi cotanto
in quell'impresa segnalato: eransi ancora distinti sopra gli altri
Drogone e Umfredo suoi fratelli: Arduino primo autor dell'impresa; e
molti prodi e valorosi Campioni i quali non lasciarono ancora in tante
occasioni esporre le loro persone in ogni pericolo e cimento. Perciò
essi sin dal principio, che s'accinsero a sì nobili impresa, di buon
accordo convennero, che ciò che si sarebbe conquistato, non dovesse
ad un solo darsi, che ne fosse sol padrone, ma ugualmente infra di
lor partirsi. E quantunque Guglielmo fosse stato eletto Conte, questo
non fu, che a sol titolo d'onore, non che, come fu da poi variato, la
Puglia cedesse sotto la dominazione d'un solo.

Per queste cagioni fu da essi introdotto in questi principj un tal
governo, che s'accostava più all'aristocratico, che al monarchico;
perciò consultando il tutto con Guaimaro Principe di Salerno
loro antico alleato, intimarono una Dieta in Melfi, ove tutti per
quest'effetto dovessero convenire, alla quale invitarono ancora
Guaimaro e Rainulfo a dovervisi trovare[207]. Essi in questa guisa
si divisero le città. A Rainulfo Conte d'Aversa si diede la città di
Siponto col Monte Gargano con tutte le sue terre e luoghi appartenenti
al medesimo. A Guglielmo _Bracciodiferro_ si diede la città d'Ascoli,
confirmandogli il titolo di Conte, che di comun consenso già gli si era
concesso. A Drogone Venosa. S'assegnò ad Arnolino Lavello: Monopoli
ad Ugone: Trani a Pietro: Civita a Gualtiero: a Ridolfo Canne: a
Tristaino Montepiloso: Trigento ad Erveo: Acerenza ad Asclittino:
S. Arcangelo a Rodulfo: Minervino a Raimfrido: e ad Arduino, secondo
ciò, che aveano giurato, fugli ancora assegnata la porzion sua. Così
fu partito ciò ch'essi infinora aveano conquistato in Puglia. Solo
la città di Melfi, che era la prima e la più forte Piazza, che infino
allora aveano acquistata, restò a tutti comune. Essi se la serbarono
per aver un luogo ove potessero ragunarsi, qualora doveano deliberare
delle cose più rilevanti della lor Nazione: quindi Melfi cominciò
ad estollere il capo sopra l'altre città della Puglia, onde i romani
Pontefici la riputaron capace di potervi ivi ragunare qualche Concilio,
come fecero; ed essendosi anche Amalfi resa celebre per la navigazione,
quindi avvenne, che presso gli Scrittori oltramontani, non bene intesi
de' nostri luoghi, spesso confondendo l'una coll'altra città, prendono
l'una per l'altra, ingannati dall'uniformità del nome.

Ecco come i Normanni si resero padroni della maggior parie della nostra
Puglia: nè s'arrestò qui il corso delle loro conquiste, che poco da poi
portarono sopra l'altre province, come qui a poco ravviseremo. Essi la
tolsero a' Greci, che la possedevano; ancorchè l'Imperador di Occidente
vi pretendesse avervi dritto, come Re d'Italia, a' quali nel Regno de'
Longobardi fa sottoposta, e da' Duchi di Benevento era amministrata
per mezzo de' Castaldi, che vi mandava, e perciò ricaduta in poter
de' Greci, aveano ne' tempi degli Ottoni sovente preteso di sottoporla
all'Imperio d'Occidente, ancorchè i successi non corrispondessero a'
loro disegni.

Intanto Argiro essendosi diviso da' Normanni, veduto che da essi nella
distribuzione delle città non se gli era assegnata parte alcuna, avea
rivolti i suoi pensieri ad altre imprese: egli non si curò molto di
questo, poichè il suo intento era di farsi Principe di Bari, come Melo
suo padre, ed avendo avute opportune occasioni di rendersi nella grazia
dell'Imperadore Costantino Monomaco, per aver ripressa la fellonia
di Maniace, ed obbligatolo a fuggir in Bulgaria, ove fu fatto morire,
ottenne da questo Principe non sol la sua grazia, ma gli concedè Bari
col titolo di Principe e Duca di Puglia, facendolo anche Patrizio,
affinchè come suo dipendente mantenesse i suoi interessi, che avea
in queste province. Così Argiro in questa altra parte della Puglia
fermato, militando sotto gli auspicj dell'Imperador d'Oriente, diede
principio al Principato di Bari, che finalmente passò pure sotto la
dominazione de' Normanni, come diremo.

Intanto i Normanni siccome andavano maggior forza acquistando, così
si facevano più animosi, e poco men che insolenti con invadere i
vicini. Quelli che sotto Rainulfo Conte d'Aversa militavano, sovente
molestavano il monastero di Monte Cassino, e finalmente vennesi a
manifeste invasioni; ma essendosi loro opposto l'Abate, era la cosa per
terminare in una fiera guerra, se Guaimaro loro collegato, ed insieme
amico dell'Abate non si fosse frapposto per pacificargli, come fece.

Ma in quest'anno 1046 rimasero i Normanni afflittissimi per la morte
accaduta di due loro famosi Capitani. Quei di Puglia perderono il
famoso Guglielmo, il Condottiero di tutti i loro affari, nella di cui
persona s'univano con maraviglia l'intrepidezza ed il valore contro i
nemici, e la dolcezza e l'affabilità verso i suoi. Egli, come scrive
Guglielmo Pugliese[208] suo contemporaneo, era un Lione in guerra, un
Agnello nella società civile ed un Angelo nel consiglio. Non regnò
in Puglia, che tre anni, ed abitò in Italia dal 1035 che vi venne,
insino alla sua morte dodici anni; e fu sepellito nella chiesa della
Trinità di Venosa, città, la quale nella riferita divisione era
stata assegnata a Drogone suo fratello. Gli altri d'Aversa poco da
poi perderono il Conte Rainulfo al quale, non avendo di se lasciati
figliuoli, diedero per successore Asclittino, che fu cognominato,
secondo Ostiense[209], il _Conte giovane_, e da Orderico Vitale[210],
_de Quadrellis_. Questi resse il Contado di Aversa picciol tempo,
poichè morto nell'anno 1047 ancorchè avesse di se lasciati figliuoli,
invase tosto il Contado Rodolfo, da Ostiense cognominato _Cappello_, e
da Guglielmo Pugliese[211], detto _Drincanotto_; ma ben presto ne fu
costui scacciato dagli Aversani, i quali elessero per Conte un altro
Rodolfo, _Trinclinotte_ appellato; e questi, morto poco da poi, gli
Aversani posero in suo luogo Riccardo figliuolo d'Asclittino, il quale
trovandosi allora nella Puglia militando agli stipendj di Drogone, che
aveagli anche data per moglie una sua sorella, fu da essi richiamato,
ed al Contado d'Aversa proposto. Questi fu, che nell'anno 1058 avendo
discacciato il Principe Pandolfo V da Capua, si rendè padrone di quel
Principato, che poi trasmise a' suoi posteri, come diremo. Tanto che
i primi Principi di Capua normanni dal sangue di questo Asclittino
tutti discesero; nè bisogna confondergli con gli altri Normanni della
Puglia e della Calabria, che furono della razza di Tancredi Conte
d'Altavilla[212].

Questi ancora, per la morte di Guglielmo, pensarono immantenente a
sustituire in suo luogo un altro, che potesse ugualmente sostenere
le sue veci; onde elessero per Conte di Puglia _Drogone_ suo
fratello[213], prode e valoroso Capitano; Pirri, su la credenza che
Guglielmo avesse lasciato di se figliuoli, scrisse, che intanto i
Normanni, questi figliuoli esclusi, avessero in suo luogo eletto
Drogone suo fratello, perchè quest'era il lor costume di preferire
a' figli i fratelli maggiori del defunto; ma come ben osservò[214],
questa è una ragione in tutto vana; poichè appresso i Normanni medesimi
il Ducato di Normannia si trasferiva da padre a figlio; siccome il
notano la Cronaca Normanna, e Gordonio; e mancando la descendenza del
figliuolo, allora succedeva il fratello; siccome al III Riccardo, V
Duca già sterile, succedè il II Ruberto, VI Duca suo fratello, come
notò Gordonio nell'anno 1028. Onde è più verisimile, che in quest'anno
al titolo di Conte succedesse il fratello e non il figliuolo di
Guglielmo I, perchè questi o non ebbe moglie in Italia ed in Francia;
o se l'ebbe, fu donna sterile ed infeconda, come crede Inveges; ovvero
che in questi principj non per successione, ma per elezione erano
rifatti i Conti di Puglia.


§. II. _Di DROGONE II Conte di Puglia._

Mentre Drogone governava la Puglia, fu incredibile l'ardore e
l'impazienza, che gli altri suoi fratelli minori, ch'erano rimasi in
Normannia, aveano di venire a ritrovarlo; il loro padre Tancredi faticò
molto per ritenerne almeno due appo lui, per mantenere la sua casa
in Normannia. Roberto e gli altri suoi fratelli qui si condussero,
seco portando molti altri gentiluomini della lor Nazione, i quali
passavano in Italia non armati, o con levata di fanti e di cavalli, ma
travestiti in abito di pellegrini, col bordone in mano e colla tasca
alle spalle, come se andassero a' santuarj de' monti Cassino e Gargano,
per non esser fatti prigionieri da' Romani, i quali vedendo in Puglia
cotanto fiorire questa straniera Nazione, già l'avean per sospetta e
nemica così degl'Italiani, come de' Greci[215]. Stabilivansi perciò,
e augumentavansi sempre più i Normanni nella Puglia; al che conferiva
l'accuratezza di Drogone, il quale, per meglio stabilirsi, fece creare
Conte Umfredo III, suo fratello, e primogenito a riguardo degli altri
suoi fratelli minori; ed a Roberto, che fu poi detto Guiscardo, il
primo nato della seconda moglie di Tancredi, conoscendolo per un
Cavaliero più spiritoso ed intraprendente degli altri, lo impiegò ad
imprese più nobili e generose. Egli avendo conquistata la Fortezza di
S. Marco posta su la frontiera di Calabria, vi mise Roberto dentro per
guardarla, ed insieme perchè potesse secondo le occasioni dilatar i
confini sopra la Calabria.

Ma mentre così Drogone proccurava gli avanzamenti della sua Nazione,
accaddero in questi tempi altri fortunati successi, che gli portarono
maggior stabilimento e fermezza sopra la Puglia di recente conquistata.
L'Imperador Errico II, che come si disse, a Corrado suo padre era
nell'Imperio succeduto, essendo distratto per la guerra d'Ungheria,
non avea potuto molto badare alle cose d'Italia; ma disbrigato come
potè meglio di quell'impresa, fu per varie cagioni da dura necessità
costretto di calare in Italia. Lo richiamavano in queste parti il
sentire i tanti ravvolgimenti, che alla giornata accadevano in queste
nostre province, sopra le quali egli come Re d'Italia non voleva
perdere quella sovranità e que' diritti che v'aveano esercitato i suoi
predecessori; e se bene non molto si curasse dell'ingrandimento de'
Normanni nella Puglia e nella Calabria, riputando suo vantaggio se
tutte intere queste due province si togliessero a' Greci; nulladimeno
desiderava, che i Normanni fossero da se dipendenti, e siccome i
Principi longobardi lo riconoscevano per Sovrano, così essi dovessero
riconoscer lui. Ma molto più lo richiamavano in Italia i disordini e
le confusioni, e le detestabili enormità di Roma nate per l'elezioni
de' romani Pontefici; poichè essendo diminuita in Roma l'autorità
imperiale, ed avendo il Popolo riassunta l'autorità d'eleggere il
Papa, ritornarono in quella Chiesa le confusioni ed i disordini. Non
fu mai veduta questa città così miseramente afflitta per l'avarizia ed
esecrandi costumi dell'Ordine ecclesiastico come in questi tempi. Non
facevano allora difficoltà i maggiori Prelati comprare sfacciatamente
per danari i più alti ministerj, fino al Sommo Sacerdozio, e
scambievolmente vendere da poi le cose più sante. Non avean alcun
riparo a viva forza, e colle armi alle mani invadere la Cattedra di
S. Pietro; e quando le fazioni e le armi mancavano, di ricorrere alle
ambizioni, alle simonie, a' veleni, ai tradimenti ed alle uccisioni;
poichè non s'era ritenuto Benedetto vender parte del Ponteficato a
Silvestro III, ed un'altra parte a Gregorio VI, sedendo tutti e tre
in Roma in un medesimo tempo con molta confusione; massimamente, che
questo Gregorio essendosi armato di soldati a piedi ed a cavallo, e con
molta uccisione avendo occupata la Chiesa di S. Pietro con le armi,
aggrandiva notabilmente la sua parte. Erano ite in bando le lettere,
e la dottrina de' Padri e del Vangelo non avea in loro lasciato alcun
vestigio. Non s'arrossivano i Diaconi, i Preti ed i Vescovi stessi
nelle loro case, ed in Roma medesima tener pubblicamente le concubine,
nè si vergognavano ne' loro testamenti lasciar eredi i loro figliuoli
sacrilegi, che da quelle avean generati. In breve avean ridotta Roma in
una Babilonia, nè v'era scelleraggine, che non commettessero; tanto che
que' pochi, che per la loro somma virtù non furono contaminati, e che
scrissero delle calamità di questi tempi, confessano non aver parole
bastanti per esprimere tante enormità e scelleratezze: ed il celebre
Abate Desiderio, che visse in questi medesimi tempi, e che poi assunto
al Ponteficato fu detto Vittore III, narrando in parte questi orribili
eccessi, testifica sgomentarsi di rapportargli tutti per l'orrore, che
tante enormità aveangli recato[216].

Venne perciò Errico in Roma in questo anno 1047.

(Sembra fra Scrittori esservi qualche varietà intorno a fissar l'anno
di questa venuta d'_Errico_ in Roma. Alcuni la fissano nell'anno
1046, altri nel 1047; ma tutti però dicono lo stesso; poichè que'
Cronografi antichi, che cominciavano a contar gli anni dalla natività
del Signore, la coronazione d'_Errico_ seguita in Roma per mano di Papa
_Clemente_ II, nel giorno di Natale la portano nell'anno 1047. Così
_Lione Ostiense_ l. 2 c. 79 scrisse: _Henricus Imperator Chuonradi
filius, tot de Romana, et Apostolica sede nefandis auditis, caelitus
inspiratus, anno Domini MXLVII. Italiam ingrediens, Romam accelerat._
Siccome fè eziandio _Ottone Frisingense_ VI c. 33 dicendo: _Anno ab
incarnatione Domini MXLVII. Henricus Rex victoriosissimus, in die
Natalis Domini a Clemente coronatus, Imperatoris et Augusti XC, ab
Augusto nomen suscepit. Inde per Apuliam exercitum ducens, cum honore
ad Patriam revertitur._ Ed Ermanno Contratto ad An. 1047. _In ipsa
Natalis Domini die, praefatus Suidegerus etc. ex more consecratus
et nomine auctus, Clemens II vocatus est. Qui mox ipsa die Henricum
Regem et Conjugem ejus, Agnetem, Imperiali Benedictione sublimavit,
etc._ Altri Cronografi, che non fan cominciar l'anno da dicembre nel
giorno di Natale, ma che da gennaro seguente o da marzo, collocano
questi avvenimenti nell'anno precedente 1046 siccome fanno Sigeberto
Gemblacense ad An. 1046 _Alberico_ ad An. 1046 _Mariano Scoto_ ad An.
1046 ed altri Germani Scrittori rapportati da _Struvio Syntag. Histor.
Germ. disert._ 14 §. 18 _pag._ 407).

Ed ancorchè a tanti mali proccurasse dar qualche rimedio, con fugare
Benedetto, mandarne via Silvestro e relegare in Germania Gregorio; con
tutto ciò erano cotanto i costumi degli Ecclesiastici detestabili, e
l'ignoranza sì grande, che dovendosi eleggere il nuovo Pontefice, con
intenso dolore esclama Ostiense[217], che non si potè trovare alcuno
in Italia, che fosse degno d'un tanto Sacerdozio; tanto che per minore
male bisognò, che si venisse ad eleggere un Sassone, Vescovo ch'era di
Bamberga, il quale Clemente II nominossi.

I Romani soddisfatti d'Errico per queste cose sì prosperamente
adoperate, lo elessero per loro Patrizio, ed oltre della imperiale, lo
fregiarono dell'aurea Corona patriziale. Disbrigato Errico dagli affari
di Roma, a fin di comporre le cose di queste province, incaminossi
verso le medesime con Papa Clemente, e visitato ch'ebbe Monte Cassino,
in Capua fermossi[218]. Il Principe Guaimaro per nove anni avea
tenuto il Principato di Capua, di cui da Corrado, tolto che l'ebbe
a Pandulfo, n'era stato investito; ma questo Principe portava molta
gelosia agli altri per tanti acquisti; egli dopo avere al Principato di
Salerno aggiunto l'altro di Capua, aveasi ancora sottoposto il Ducato
di Sorrento, e l'altro più ragguardevole di Amalfi: teneva per suoi
dipendenti i Duchi di Gaeta: ed oltre a ciò coll'aiuto degli stessi
Normanni che Argiro, tenendo assediata Bari, aveagli mandati, aspirava
alla conquista della Puglia e della Calabria; nè s'era ritenuto, come
si disse, per mostrar il suo fasto, tra i suoi titoli usurparsi anche
quello di Duca di Puglia e di Calabria.

Dall'altro canto Pandolfo, che da Corrado era stato scacciato, e
che dopo la morte di Calefato, liberato dal successore dall'esilio,
era ritornato in Italia, coll'aiuto de' Conti d'Aquino, e del Sesto
cominciò a pensare come potesse riporsi nel suo Principato; laonde
morto Corrado, il quale non potè mai per la sua crudeltà sopportarlo,
e succeduto Errico, entrò in migliori speranze. In fatti venuto Errico
a Capua per l'incessanti sue preghiere e ricchi doni, aggiungendosi
ancora la gelosia della soverchia potenza di Guaimaro, l'Imperadore
senza usargli violenza, si adoperò destramente con Guaimaro per farsi
renunciare in sue mani il Principato di Capua, siccome seguì; e con ciò
fu da lui restituito a Pandolfo ed a Landolfo suo figliuolo[219].


§. III. _Prime investiture date dall'Imperadore ERRICO a' Normanni._

Composte in cotal guisa le cose di Capua, volle Errico assicurarsi de'
Normanni, de' quali prendeva gran cura avergli per suoi dipendenti. Non
aveano trascurato intanto Drogone Conte di Puglia, e Rainulfo Conte
d'Aversa subito ch'Errico giunse a Capua, di mostrarsegli riverenti
e rispettosi: essi lo visitarono e regalarono di molti cavalli e di
grossa quantità di denaro. Allora fu ch'Errico diede l'investitura a
questi Principi normanni del Contado d'Aversa (siccome già Corrado avea
fatto all'altro Rainulfo), ed a Drogone di tutto ciò ch'egli possedeva
nella Puglia[220]. Così proccuravano questi novelli Principi stabilirsi
con maggior fermezza in quelli Stati, ch'essi finora possedevano non
con altro titolo, se non per quello, che veniva lor fornito dalla
ragion della guerra. La Puglia e la Calabria ancorchè i Normanni
l'avessero tolte a' Greci, non è però che gl'Imperadori d'Occidente
non pretendessero appartenersi a loro come Re d'Italia, a cui queste
province, durante il Regno de' Longobardi, erano sottoposte; perciò
essi molte guerre ebbero co' Greci per riacquistarle, e per questa
cagione non deve parere strano, se essi ancora di queste province in
qualunque maniera che loro si offerisse la occasione, ne investissero
coloro i quali a' Greci l'avean tolte, come fecero a' Normanni.

Ma non pure Errico investigli di questi Stati, ma concedè loro ancora
tutto'l territorio beneventano, per l'occasione, che diremo. Reggeva in
questi tempi il Principato di Benevento Pandolfo III, col suo figliuolo
Landolfo[221]: Errico, da poi che in Capua ebbe investiti i Normanni,
partissi da questa città per portarsi in Benevento; i Beneventani
per ciò che potrà osservarsi dalle cose precedenti, riputando aver
ricevuto sempre de' maltrattamenti dagl'Imperadori d'Occidente,
come avevano sperimentato sotto i due ultimi Ottoni, di mal animo
ricevevano nella lor città gli Imperadori quando essi calavano in
Italia: ora che intesero la venuta d'Errico, e che ivi si portava
insieme con Papa Clemente II, gli resisterono, e chiuse le porte della
città, e dentro di quella fortificatisi non vollero riceverlo. Errico
fortemente sdegnato per quest'oltraggio, nè potendo allora colle
armi vendicarsene, fece scomunicar dal Papa tutta la città, dal qual
fatto, siccome altrove fu avvertito, maggiormente si conferma, che
molto prima di Gregorio VII, l'uso degli interdetti generali d'una
intera città fosse stato introdotto nella Chiesa; e non bastandogli
questo, tolse ai Beneventani tutto il lor territorio, e que' luoghi
aperti del Principato, che potevano di facile conquistarsi, ed a'
Normanni per la sua autorità furono conceduti[222]. Così avendo Errico
maggiormente stabiliti i Normanni ne' Contadi d'Aversa e di Puglia,
e parte del Principato di Benevento, in Germania fece ritorno, seco
menando Clemente R. P. e Gregorio già Pontefice, che avea in Germania
relegato. In quest'anno adunque 1047 la regia Casa normanna cominciò
a sottoporsi ad _investitura_, ed _infeudazione_ non già da' romani
Pontefici, i quali a questi tempi non si sognarono di pretenderlo; ma
dagli Imperadori d'Occidente, che come Re d'Italia, per le ragioni
altre volte ricordate, credeano queste province appartenere al loro
Imperio.

Ma mentre l'Imperadore d'Occidente così disponeva di queste nostre
province, l'Imperador d'Oriente, a cui era stato rapportato, che
Errico avea conceduta l'investitura a' Normanni della Puglia, e che
disponeva di questa provincia come se appartenesse al suo Imperio,
e non già a quello d'Oriente, com'era; e che perciò venivano i
Normanni a stabilirsi in maniera, che non vi sarebbe poi stata
speranza di scacciargli, pieno di rabbia e di cordoglio, si risolse
di mandare tosto in Puglia un nuovo Ufficiale, Argiro appellato,
carico d'oro e d'argento, e di preziosi drappi, affinchè non potendo
colle forze discacciargli, s'ingegnasse di farlo per questo mezzo,
e con invitargli in nome dell'Imperadore a passare colle loro truppe
nella Grecia, avendogli destinati per Capitani d'una guerra che esso
intendeva di fare a' Persiani, nella quale n'avrebbono ritratto un
gran vantaggio[223]. I Normanni, che tosto s'accorsero dell'inganno,
gli risposero con libertà, ch'essi non mettevano mai il piede fuori
d'Italia, se non quando ne fossero colla forza scacciati. Il dispetto
che n'ebbe Argiro di vedersi scoverto ogni suo artifizio, lo fece
rivoltare ad altri più scellerati mezzi. Egli co' tesori, che avea
recati da Costantinopoli, proccurò corrompere molti Pugliesi, e' più
famigliari del Conte Drogone, e fra gli altri si guadagnò un uomo
appellato Riso, ch'era anche suo compare[224]. Questo traditore,
mentre Drogone era in una delle sue Piazze, appellata Montoglio,
ed andava su'l mattino alla chiesa, si nascose dietro la porta, ed
avventandosegli sopra con un pugnale l'uccise; gli altri congiurati,
i quali si erano parimente nascosti con Riso, uccisero un gran numero
di gente della guardia del Conte, e presero il Forte. Lo stesso
fu eseguito in diversi luoghi della Puglia, ch'erano intesi della
congiura; tanto che fu de Normanni fatta maggior uccisione per questo
tradimento, che non in tante guerre di molti anni.

Ma Umfredo, che vivente ancora Drogone era stato fatto Conte, subito
che con estremo cordoglio ebbe intesa la morte di suo fratello, ed il
barbaro assassinamento, che i Pugliesi aveano fatto alla sua Nazione,
unì tutte le sue truppe, e rigorosamente avendo assediato il Forte
Montoglio, se ne rese dopo questo assedio padrone; ed avuto in mano
l'assassino co' suoi complici, fecegli morire con differenti sorti di
rigorosissimi supplicj. Volle opporsi Argiro, mettendosi alla testa
d'alquante truppe che unì; ma Umfredo gli fu sopra, lo disfece, ed
obbligollo a ritirarsi confuso e vinto, il che gli tirò sopra la
disgrazia dell'Imperadore, onde poco tempo dapoi ne morì di dolore.
Da questo avvenimento, i Normanni per vendicarsi dei Greci rivoltarono
tutti i loro pensieri per discacciargli dalla Calabria, e cominciarono
a star più cauti coi Pugliesi, ed a trattargli con più rigore; i
quali male sofferendo perciò il lor dominio, cominciarono ad empire
di querele il Mondo, ed inventare contro i Normanni le più atroci
calunnie, con accagionargli di mille delitti; e qualificando il loro
dominio per tiranno e per crudele, portarono le loro querele ad Errico,
e poco da poi al Papa Lione, onde nacquero tante novità e disordini,
come saremo ora a narrare.



CAPITOLO III.

_Origine delle nostre papali investiture: spedizione infelice di LIONE
IX contro i Normanni: sua prigionia e morte._


Il soggetto che abbiamo ora per le mani, per la sua novità e stranezza
non ha bisogno di commendazione: contiene l'intraprese de' Pontefici
romani sopra questo Reame, ed in qual maniera, e per quali deboli
principj abbiano finalmente conseguito, che sia ora riputato Feudo
della Chiesa romana. Nè della stranezza sarà minore la maraviglia, come
senz'eserciti e senz'armate, unicamente per la loro somma accortezza e
continua vigilanza abbiano potuto stabilirsi questo diritto, da essi
acquistato non già come Capi della Chiesa universale, o Patriarchi
d'Occidente, ma come Principi del secolo, e siano giunti a conseguire
ciò che gl'istessi Imperadori d'Occidente e d'Oriente non poterono
con lunghe guerre, e con eserciti armati stabilmente ottenere. Ma le
gare degli altri Principi competitori, la stupidezza e superstizione
de' Popoli, il secolo ignorante e barbaro, ed all'incontro la loro
somma accortezza e diligenza, tutte queste cose unite insieme, poteron
togliere tutti gli ostacoli ed impedimenti.

Dovendosi da ora innanzi spesso parlare de' Pontefici romani, perchè
non mi s'imputi a temerità, il mio proponimento è di favellarne non
come Sommi Sacerdoti e Vicarj di Cristo, ma come Principi del secolo,
i quali per possedere molti Stati e Principati in Italia, si erano
attaccati agl'interessi di quella, come tutti gli altri Principi, che
nella medesima aveano dominio. Distinguerò bene in loro questi due
personaggi: di essi come Capi della Chiesa e Patriarchi d'Occidente,
che hanno il governo delle nostre Chiese, si tratta quando della
politia ecclesiastica si ragiona. Ora intrigati negli affari del
secolo, solamente come gli altri Principi rappresenteranno la lor
figura. Per tal cagione non si avrà difficoltà di vedergli a questi
tempi mettersi alla testa d'eserciti armati, trattar leghe, ed arrolar
soldati. Quindi resosi vie più irreconciliabile lo scisma tra' Greci
e Latini, diedesi occasione a' Greci di chiamare i romani Pontefici,
non già più Vescovi, ma Imperadori; e Pietro Diacono[225] negli atti
della disputa che ebbe avanti l'Imperador Lotario, difesi per veri
dall'Abate della Noce[226] contro il sentimento del Baronio, narra, che
venuto in Italia da Grecia un Filosofo, orò avanti l'Imperador Lotario,
e fra l'altre cose gli disse: _Romanum Pontificem, Imperatorem, non
Episcopum esse_; e rapporta questo medesimo Scrittore[227], che avendo
egli avuta disputa col medesimo intorno alla processione dello Spirito
Santo dal Padre, e dal Figliuolo, fra l'altre cose gli rinfacciò il
Greco, parlando d'Innocenzio II, dicendogli: _In Occidentali climate
nunc impletum videmus, quod Dominus per Prophetam dicit, erit, ut
Populus, sic Sacerdos, cum Pontifices ad bella ruunt, sicut Papa vester
Innocentius facit, pecunias distribuunt, milites congregant, purpurea
vestimenta amiciuntur_.

Egli è però anche vero, che non potendo somministrargli i loro Stati
forze e denaro sufficiente per mantenere eserciti numerosi, univano
sovente alle armi temporali le spirituali, per le quali si rendevano
ai Principi superiori ed a' Popoli tremendi. S'aveano appropriata
la facoltà di deporgli da' loro Regni e Signorie, d'innalzargli ed
abbassargli a lor talento, creare Duchi e Conti, ed infino di credersi
facitori anche di Re e di Monarchi; e la cosa si ridusse negli ultimi
secoli a tale estremità, che non vi fu Principe d'Europa, che come
ligio non prestasse omaggio alla Sede Appostolica. In fine per questi
mezzi pervennero a fare credere, che questo Regno fosse Feudo della lor
Chiesa, ed a trattare i possessori come loro sudditi e vassalli.

Quindi nacquero le tante rivoluzioni e li tanti inviti di stranieri
Principi fatti da' Pontefici al possesso di questo Reame, onde
germogliarono tante guerre e disordini; e che in decorso di tempo i Re
di Napoli considerando la potenza de' Pontefici essere istromento molto
opportuno a turbargli il Regno, il quale per lunghissimo spazio confina
col dominio ecclesiastico; alcuni, che non vollero soffrire il giogo,
furon loro perpetui nemici, avendo moltissime volte perseguitati con
l'arme i Pontefici, ed occupata più volte Roma; altri più placidi, che
non vollero con quelli attaccar brighe, ricordandosi delle calamità
accadute per ciò nel Regno de' Suevi, e negli ultimi secoli delle
controversie, le quali i Re Alfonso I e Ferdinando suo figliuolo aveano
molte volte avuto con loro, ed essere sempre pronta la materia di nuove
contenzioni per le giurisdizioni de' confini, per conto de' censi,
per le collazioni de' benefizi, per lo ricorso de' Baroni, e per molte
altre differenze, proccurarono tenersegli amici, ed ebbero sempre per
uno de' saldi fondamenti della sicurtà loro, che da se dipendessero o
tutti, o parte de' Baroni più potenti del tenitorio romano[228].

Si parlerà adunque ora de' Pontefici romani, come Principi; ed
io reputo trattar così meglio la loro causa in questo soggetto
dell'_Investiture_, che d'introdurgli in iscena con quell'altro
personaggio. I Principi del secolo se riguarderanno i principj degli
acquisti dei loro Reami e Monarchie, pochi potranno giustificargli con
titoli legittimi. Essi non troveranno, che quello loro arreca la ragion
della guerra, e molti troveranno usurpazioni e rapine; ma il lungo e
pacifico possesso di molti secoli, gli fornisce di bastante ragione, e
fa ora, che giustamente le posseggano, ed ingiusti saranno gl'Invasori.
Così riguardando i Pontefici romani in quest'occasione come Principi, i
quali possedendo in Italia molti Stati, eransi attaccati agli interessi
di quella, ancorchè non potessero mostrar titolo bastante e legittimo
di queste investiture, come qui a poco vedrassi, nulladimanco l'essersi
per più secoli mantenuti in questo possesso, fa che oggi non possano
reputarsi affatto spogliati di queste ragioni. Ma all'incontro a'
Vicari di Cristo, ciò che a' Principi del secolo si reputa bastare,
forse ciò non sarà sufficiente: essi dovrebbero entrar in iscrupolo,
ed esaminare non tanto il tempo, ed il lungo possesso, ma l'origine, e
riguardar le cagioni, i titoli ed i principj de' loro acquisti.

Ma prima, che si faccia passaggio a manifestar queste origini, e come
a questi tempi cominciassero i romani Pontefici per queste investiture
ad attentare sopra il temporale di queste province, con rendersele
finalmente feudatarie, egli sarà a proposito, che in accorcio si faccia
vedere lo stato di quelle, nel quale erano a questi tempi, e da qua'
Principi eran dominate.

I tre Principati di Benevento, di Salerno e di Capua a' Principi
longobardi eran sottoposti; in Benevento regnava Pandolfo III, col
figliuolo Landolfo; in Salerno Guaimaro IV ed in Capua Pandolfo. Il
Ducato d'Amalfi insieme con quello di Sorrento, che prima a quel di
Napoli eran uniti, a Guaimaro ubbidivano. Quello di Gaeta era governato
da Giovanni: l'altro di Napoli da Sergio era amministrato. La Puglia
in gran parte era passata sotto la dominazione de' Normanni, e la
Calabria n'era in pericolo, ma insino ad ora all'Imperio d'Oriente
s'apparteneva. I due Imperadori d'Occidente e l'altro d'Oriente
ugualmente sopra questi Stati vi pretendevano la sovranità e alto
dominio. Quel d'Occidente come Re d'Italia lo pretendeva sopra tutto
quel tratto di paese, che era prima compreso nell'antico Ducato di
Benevento, ed abbracciava quasi tutto ciò che ora è Regno; quindi
è, che sopra i Principi longobardi v'esercitava tutta la sovranità
e potenza con deporgli, discacciargli da' loro Stati, e ad altri
concedergli. Pretendeva lo stesso sopra la Puglia e la Calabria, che
prima al Ducato beneventano furon in gran parte aggiunte; e poichè
l'ambizione non ha confini che la possano circoscrivere, non v'era
angolo di queste nostre regioni, che non pretendessero esser ad
essi sottoposte; quindi s'arrogarono la facoltà d'investire Rainulfo
del Contado di Aversa, ancorchè questa città fosse stata edificata
nel territorio del Ducato di Napoli, il quale per antiche ragioni
agl'Imperadori d'Oriente, non già a quelli di Occidente s'apparteneva.

All'incontro l'Imperadore de' Greci, forse con più ragione, pretendeva
al suo Imperio d'Oriente appartenere tutte queste province, donde da'
Longobardi furon divelte ed ingiustamente occupate. Le province di
Puglia e di Calabria essere indubitatamente a quello sottoposte: e
li Ducati di Napoli, d'Amalfi, di Gaeta e di Sorrento dal suo Imperio
esser dipendenti.

Fra questi due Principi fu contrastata e combattuta la sovranità
di queste nostre province, per la quale nacquero in fra di loro le
tante guerre, che abbiamo nel corso di quest'Istoria narrate. Insino
ad ora i Pontefici romani non si erano sognati d'entrar per terzi, e
pretender anch'essi sopra le medesime qualche ragione di sovranità.
Essi se bene sopra le spoglie de' Longobardi, che a' Greci l'aveano
tolte, mercè di Carlo Magno e de' suoi successori, si fossero resi
Signori del Ducato romano, dell'Esarcato di Ravenna, di Pentapoli e
d'alcune altre città d'Italia, come si è veduto ne' precedenti libri
di questa Istoria: sopra queste province però che oggi compongono il
nostro Regno non estesero mai la loro mano; e se bene si legga presso
Ostiense, che sopra Gaeta vi pretendessero dritto, e che alcun tempo
la possedessero, nulladimeno ben tosto ritornò sotto il dominio de'
Greci, e poi dai particolari Duchi di quella città fu governata: e
quest'istesse pretensioni, che si leggono sol ristrette sopra Gaeta,
maggiormente convincono, che sopra tutte le regioni dell'altre province
non vi era di che dubitare Nè potevano in questi tempi tali pretensioni
nascere dalla finta donazione di Costantino, o da quella di Carlo M.
o di Lodovico il Buono; poichè è costante opinione presso i più gravi
Scrittori, che tutti questi istromenti e diplomi, nella maniera che ora
si veggono conceputi, furono supposti ne' tempi d'Ildebrando; e molto
meno poteva sorgere questa loro pretensione da ciò che nel privilegio
di Lodovico il Buono, e degli altri Imperadori suoi successori si
legge di avergli questi Principi confermato il patrimonio beneventano,
salernitano, capuano, napoletano e gli altri di Puglia e di Calabria;
poichè questi patrimonj, siccome altrove abbiam veduto, non eran altro
se non che i beni che la Chiesa romana per la pietà de' Fedeli, che
glie le aveano offerti, teneva in queste province, e si dicevano il
Patrimonio di S. Pietro; onde mal fece il nostro Chioccarelli[229], che
per dar fondamento a queste investiture, si valse della donazione di
Costantino e de' privilegi di Lodovico e d'Ottone. Nè si è mai inteso,
che i Principi di Benevento, que' di Salerno, o di Capua, e molto meno
i Greci, avessero insino ad ora riconosciuti i romani Pontefici per
loro Sovrani, o che mai avessero de' loro Stati ricercate investiture,
con farsegli uomini ligi, o giurargli fedeltà ed omaggio.

Non è dunque da dubitare che i Pontefici romani sopra queste nostre
province non v'aveano alcuna superiorità, nè ragione alcuna, onde
mai potessero indursi a pretenderla, ma per le occasioni che loro
si manifestarono a questi tempi, e delle quali, ricevute da essi
avidamente, con molta accortezza seppero valersi, finalmente se
l'acquistarono nella maniera, che diremo.

Dopo la morte di Clemente II, accaduta in Germania, dove nove mesi
prima erasi unitamente coll'Imperadore portato; Benedetto, il quale
scacciato da Errico erasi ritirato e munito ne' suoi propri castelli,
invase ben tosto di nuovo il Ponteficato; ma non potè più ritenerlo,
che otto mesi, poichè l'Imperador Errico dalla Germania mandò tosto
Popone Vescovo di Brixen in Roma per successore di Clemente, che
fu Damaso appellato. E questi morto di veleno dopo 22 giorni della
sua esaltazione, i Romani cercando ad Errico, che gli mandasse per
successore Bruno Vescovo di Toul, uomo di Nazione tedesco, e nato da
regal stirpe, ma molto più illustre per la sua dottrina e santità de'
costumi, lo elessero nell'anno 1049 romano Pontefice, e Lione IX fu
appellato.

Si credè allora, come rapportano i Scrittori[230] suoi contemporanei,
che per l'elezione di sì eminente soggetto, che in tempi sì rei non
fu poco rinvenirlo, dovessero aver fine i tanti disordini del Clero,
e riposarsi l'Italia in una tranquilla pace; ma quantunque la pietà
di Lione e i suoi costumi incorrotti fossero tali, che finalmente
l'avessero meritato il titolo di Santo; non è però che non tanto per lo
suo naturale, quanto per l'altrui istigazione, non fosse stato riputato
per autore di molte novità, che portarono con se disordini gravissimi,
e conseguenze assai perniziose. Egli fu che mentre traversava la
Francia vestito con abiti pontificali, incontratosi a Clugnì con
Ildebrando Monaco Cassinese, uomo di singolar accortezza, si fece da
costui persuadere, che deposti gli ornamenti pontificali entrasse
in Roma da pellegrino, ed ivi dal Clero e dal Popolo si facesse
eleggere Pontefice, togliendo l'abuso da mano laica ricever quel sommo
Sacerdozio[231]. Seme, che fu de' tanti disordini e guerre crudeli,
che sursero da poi tra i Papi e gl'Imperadori d'Occidente, intorno
alle investiture, i quali vedutisi contrastare questa prerogativa, che
per più anni si aveano mantenuta, mossero per conservarsela eserciti
armati, portando da per tutto incendi e ruine: e che all'incontro i
successori di Lione, e sopra gli altri l'istesso Ildebrando, che tenne
quella Sede, colle scomuniche, deposizioni e congiure, insino a far
rivoltar i figliuoli contro i propri genitori, ponessero in iscompiglio
Europa; onde persuasi assai più dall'esempio di Lione, che dalla forza
della ragione renderonsi i Pontefici più animosi e ostinati nelle loro
intraprese.

Ma assai più pernizioso, e di più ree conseguenze fu l'altro esempio,
che diede Lione di porsi alla testa d'eserciti armati. Altre volte
abbiam veduto Giovanni VIII e X romani Pontefici alla testa d'armate,
però questi ebbero almeno il pretesto d'impugnar l'armi temporali
contro i perfidi ed infedeli Saraceni, e contro coloro che s'erano a'
medesimi collegati; ma ora Lione l'impugna contro i più fini Cristiani,
come erano i Normanni, che in pietà, e nella religione cattolica non
eran inferiori a qualunque altra Nazione: l'impugna senza ragionevole
cagione o pretesto di religione, ma per solo fine d'ingrandire le
forze temporali della Chiesa, e d'arricchirla di beni mondani; move
un'ingiustissima guerra cotanto a Dio spiacente, che coll'evento
infelice fece palese la sua ira ed indignazione. Se a quest'impresa
si fossero accinti i suoi predecessori, che per i loro abbominevoli
costumi eran riputati la peste del Mondo, non avrebbe ne' suoi
successori portato questo esempio tanto male; ma essere stata opera
di Lione santo Pontefice, fecegli più animosi, nè si ritennero da poi
avanzarsi in maggiori stranezze e novità; non avvertendo ciò che Pier
Damiani Scrittor contemporaneo, parlando di questo fatto di Lione, dice
che l'Appostolo Pietro fu Santo, non perchè negò Cristo, ma per l'altre
sue insigni ed incomparabili virtù, siccome Lione non per questi fatti,
ma per la sua innocenza e per gl'incorrotti suoi costumi, meritò questo
titolo.

Lione IX adunque per la sua pietà e divozione ebbe frequenti occasioni
di portarsi in molti luoghi di queste province. Venne nell'istesso
anno 1049 che fu assunto al Ponteficato, e nel quale accadde la
morte di Pandolfo Principe di Capua, a visitar il santuario del Monte
Gargano[232]: indi al ritorno portossi a Monte Cassino, ove conversando
assai familiarmente con quei Monaci, di molte prerogative ornò quel
monastero, ed indi a Roma ritirossi. Ma non fece passar molto tempo,
che nell'anno seguente 1050 vi ritornò di bel nuovo: vi è chi scrive,
che in questo medesimo anno tenesse un Concilio a Siponto ove depose
due Arcivescovi; ma di questo Concilio sipontino soli Viberto e
l'Anonimo di Bari ne fan menzione, poichè nè presso Ostiense, nè in
altri ve n'è memoria: indi terminate le visite de' santuari, volle
vedere le città più cospicue del paese, si portò prima in Benevento,
ove ebbe occasione di ben affezionarsi que' cittadini, e tiratigli
alla sua divozione, poichè stando ancora quella città sottoposta
all'interdetto di Clemente suo predecessore, egli lo tolse.

Da poi nell'anno seguente volle veder Capua, indi ritornò la seconda
volta a Benevento, nè volle tralasciare di portarsi in Salerno in
questo medesimo anno 1051. Questa città nel seguente anno 1052 fu
veduta ne' maggiori sconvolgimenti per l'orribile assassinamento di
Guaimaro oppresso da una congiura orditagli dagli Amalfitani, che avea
egli indegnamente trattati, da' suoi congionti e da alcuni Salernitani,
i quali presso il lido del mare avendolo crudelmente ucciso, invasero
la città. Ma Guido fratello di Guaimaro aiutato da' Normanni, dopo il
quinto giorno riebbela, ed a Gisulfo figliuolo di Guaimaro fu resa, che
al padre succedè nel Principato[233].

Ma nelle dimore che faceva in queste città il Papa piacevagli sentire
le querele, che gli erano portate da' Pugliesi, e dagli stessi
Principi longobardi contro i Normanni, i quali ricevendo tutto
giorno maggiore incremento per li nuovi acquisti che facevano nella
Calabria e nel Principato di Benevento, cominciavano ad insospettire
i Principi vicini; e molto più a Lione, il quale, siccome i suoi
predecessori s'insospettirono de' Longobardi, così egli mal soffriva
che i Normanni s'avanzassero tanto, ed avendo scorto ch'erano uomini
non così facili da potergli ridurre a lasciare l'acquistato, e che
sovente facevano delle scappate sopra i beni delle Chiese, riputò
non ben convenire agli interessi suoi, dell'Imperadore Errico suo
cugino, e dell'Italia che questa Nazione più oltre s'avanzasse:
deliberò pertanto di passar in Alemagna, come fece in quest'istesso
anno 1051, e portatosi dall'Imperadore Errico, l'espose che i Normanni
resi oramai insoffribili agli abitanti del paese, estendevano i loro
confini oltre i luoghi, de' quali furono da lui investiti, e che
tentavano di soggiogar tutte quelle province, e sottrarle dall'Imperio
d'Occidente; che insolenti depredavano ancora le robe delle Chiese: che
non bisognava più sofferirgli, perchè avrebbero portato maggiore ruina,
ma che dovessero di Italia scacciarsi: che gli dava il cuore di farlo,
se fornito d'un numeroso esercito, lo rimandasse in Italia, perch'egli
ponendosi alla testa di quello avrebbe scacciati questi Tiranni. Furono
così efficaci gli ufficj di Lione appresso Errico, che lo persuase
a dar mano a quest'impresa, ed avendo comandato, che s'unisse un
numeroso esercito d'Alemani, ne diede il comando a Lione istesso, il
quale già aveva ordinato che marciasse verso Italia[234]. Ma Gebeardo
Vescovo di Eichstat, il quale era in grande familiarità dell'Imperador
Errico, e ch'era suo Consigliero, riprovando un fatto sì scandaloso,
che i Pontefici romani dovessero porsi alla testa d'eserciti armati
contro i Cristiani, non potè non riprenderne acremente l'Imperadore,
e tanto adoperossi, che destramente fece tornar indietro le truppe,
solamente alcune rimanendone appresso Lione. Nè dee qui tralasciarsi,
che quest'istesso Vescovo fatto poi Papa, detto Vittore II mutò
tosto sentenza, e si doleva di questo fatto d'aver impedito a Lione
sì numeroso soccorso, riputando forse, che con quello meglio avrebbe
potuto avanzar Lione gl'interessi della sua sede, di ciò che non gli
venne fatto; poichè per la sua prigionia li peggiorò.

Non tralasciò allora Lione in questa occasione di pensare anche
agl'interessi della sua Chiesa romana per una commutazione, nella quale
così egli, come Errico trovavano i loro vantaggi. Errico I da' Germani
appellato II avea in Bamberga a spese del proprio patrimonio edificata
una magnifica chiesa in onore di S. Giorgio; e volendola ergere in
cattedrale, proccurò da Benedetto Papa, che la consecrasse, ed in
sede vescovile la ergesse: così fu fatto; ma bisognò che l'Imperadore
offerisse alla Chiesa di Roma un annuo censo, che fu stabilito d'un
generoso cavallo bianco con tutti i suoi ornamenti ed arredi, e di
cento marche d'argento ogn'anno.

(L'Imperadore Errico il Santo nell'anno 1005 la Chiesa da lui edificata
in Bamberga in onore di S. Giorgio, come scrive _Ostiense_, ma secondo
gli Scrittori germani chiamata di S. Pietro, da un Sinodo tenuto in
Francfort, precedente il consenso del Vescovo di Erbipoli, dentro i
confini della cui diocesi era posta, l'avea fatta ergere in cattedrale,
come si legge negli atti di questo Sinodo presso _Ditmaro_[235],
_Episcopatum in Bamberga, cum licentia Antistitis mei facere hactenus
concupivi, et hodie perficere volo desiderium_, dando in iscambio
al Vescovo d'Erbipoli alcuni beni. E così l'erezione, come questa
commutazione fu da poi nel seguente anno 1006 confermata per una bolla
di Giovanni XVII che si legge presso Gretsero nella vita d'Errico c.
40. E nel 1007 in un altro Sinodo di Francfort da tutti i Vescovi,
che vi intervennero, fu di nuovo tutto ciò confermato ed ordinato
_Eberardo_ per primo Vescovo di Bamberga; onde opportunamente avvertì
_Struvio Syntag. Hist. dissert_. 13. §. 26 _pag_. 385. che per ciò
alcuni Scrittori confondendo la fondazione con questa confermazione,
fissarono la fondazione nell'anno 1006 ed altri nell'anno 1007. Fu
da poi nell'anno 1011 secondo _Mariano Scoto_, ovvero nell'anno 1012
secondo gli _Annali Einsidelensi_, Ditmaro, e Schafnaburgense, questa
chiesa con gran celebrità dedicata, e consecrata da Giovanni Patriarca
di Aquileia coll'intervento di 35 Vescovi, siccome narra _Ditmaro_ ad
d. An. 1012. E da poi _Errico_ di ciò non contento volle avere anche
il piacere, che Benedetto VIII venisse egli di persona a consacrarla,
ed ergerla in sede vescovile, del qual fatto parla _Lione Ostiense
lib_. 2 _c_. 46 tralasciando le cose precedenti, poichè questo faceva
al suo istituto, ch'era di additarci l'origine e la cagione della
commutazione, che poi da _Errico il Negro_ si fece di queste ragioni
acquistate per Papa Benedetto alla Chiesa romana sopra quella di
Bamberga, colla città di Benevento.)

Voleva ora Errico il Negro liberar questa Chiesa dal censo, e dalla
soggezione della Chiesa romana, con renderla esente da tal peso: Lione
non ripugnava di farlo: ma non potendo ciò seguire, se vicendevolmente
alla Chiesa romana non si assegnasse altra cosa, si pensò a
qualch'espediente. Fu tosto ritrovato un modo vantaggioso per ambedue.

Errico per gl'indegnissimi tratti de' Beneventani, che avevano avuto
ardimento di chiudergli in faccia le porte, odiava a morte quella
città; e pensando che con difficoltà avrebbe potuta ridurla sotto il
suo arbitrio per vendicarsene, pensò commutarla col Papa per queste
ragioni di Bamberga. Lo stato allora del Principato di Benevento era,
come si è detto, che la città si reggeva dal Principe Pandulfo, e
Landolfo suo figliuolo, ma gran parte di quello era già passato sotto
la dominazione de' Normanni, a' quali l'istesso Errico avea in quella
occasione, che si disse, conceduta tutta la terra beneventana; nè
i Normanni, che anche senza questo, sapevano approfittarsi sopra le
altrui spoglie, aveano tralasciato di farlo sopra il rimanente del
Principato. Così Errico, che poco dava del suo, se non le ragioni
di sovranità, che pretendeva sopra quella città, posseduta allora da
Pandolfo diede in iscambio a Lione la città di Benevento, che egli a'
Normanni non avea conceduta, nè s'estese oltre, poichè del territorio
beneventano ne avea egli stesso poco prima investito i Normanni. E
sarebbe stata cosa pur troppo incredibile, che questa permutazione
fessesi fatta coll'intero Principato di Benevento, che se bene in
questi tempi si trovasse molto estenuato per li Principati di Salerno
e di Capua divelti; nulladimanco abbracciava più città e terre di una
ben ampia e grande provincia del Sannio, che comprendeva gli Abruzzi,
il Contado di Molise, e molte altre parti ancora dell'altre province;
e sarebbe follia il credere, che il Principato di Benevento si fosse
cambiato per cento marche d'argento, poichè il Cavallo bianco non fu
rimesso; nè veramente può comprendersi, come alcuni moderni Scrittori,
chi inconsideratamente, altri però per malizia, abbiano potuto farsi
uscir dalla penna stravaganza sì grande senza appoggio alcuno di
Scrittore contemporaneo, ed invece della città di Benevento, scrivere
del Principato beneventano; poichè noi non abbiamo Scrittore più
antico, che parli di questa commutazione, che Lione Ostiense[236],
il quale chiaramente rapporta, siccome la cosa istessa lo dimostra,
che tal commutazione fu del Vescovado di Bamberga, colla città di
Benevento non già del Principato; e Pietro Diacono[237], che poco da
poi di Lione aggiunse al suo luogo questo successo, pure della città
sola parla, non già del Principato: siccome le cose seguite da poi
lo rendono manifesto, poichè la Chiesa romana ha ritenuta la città
sola, non già il Principato, sopra il quale non pretese mai avervi
particolar ragione, ma corse la fortuna di tutte le altre province,
come osserverassi nel corso di quest'Istoria. Anzi nè meno a questi
tempi ebbe esecuzione tal permuta; poichè Lione tornato in Italia
colle truppe datogli dall'Imperadore, ancorchè pel terrore dell'armi,
il Principe Pandolfo col suo figliuolo, all'arrivo di Lione fossero
stati esiliati[238] da quella città, e fossesi eletto per Principe di
Benevento un tal Rodolfo, nulladimanco ben presto vi ritornarono, e
tennero Benevento per molti anni, insino che da Roberto non ne fossero
scacciati nell'an. 1076 dal qual tempo per accordo fatto co' Normanni,
la città di Benevento cominciò ad esser governata dalla Chiesa romana,
ed il Principato da' Normanni; come più innanzi diremo; onde il
novello Istorico napoletano[239], che con grande apparato di parole
narrando questi trattati avuti per questo cambio, dice essersi fatto
col Principato di Benevento, erra d'assai, e si vede non aver letto
Ostiense, che parla della città sola di Benevento.

Lione intanto postosi alla testa d'una grossa armata fornita di truppe
alemane, e d'un gran numero di truppe italiane, e composta non meno di
Laici, che di Cherici[240] diede il comando delle alemane e di quelle
di Suevia a Guarnerio Suevo, e dell'altre ad Alberto Tramondo, ad Asto
ed a Rodolfo poco innanzi da lui eletto Principe di Benevento, e verso
la Puglia fece marciar l'esercito per dare con sì formidabili forze la
battaglia a' Normanni, i quali trovandosi allora di forze ineguali,
credè potere leggermente vincere, e discacciargli dalla Puglia, e da
tutti i luoghi insino allora da essi conquistati.

I Normanni sorpresi dalla novella di questa marcia, ne concepirono
grande spavento, non solo perch'essi in quella congiura orditagli da
Argiro aveano perduto i principali lor Capi, e la maggior parte de'
prodi guerrieri, ma perchè aveano da combattere con un'armata non
punto composta di Greci e di Pugliesi, ma d'Alemani, uomini di statura
e forza prodigiosa, pieni di coraggio, ed abili nell'arte militare:
s'aggiungeva il non potersi fidare de' Pugliesi per l'avversione,
in cui erano appresso quelli entrati. Pensarono perciò a' modi come
potessero sottrarsi dalla tempesta, che gli soprastava; onde spedirono
a tal effetto Ambasciadori al Papa per domandargli la pace; offerirono
d'ubbidirgli in tutte le sue cose; ch'essi non pretendevano altro, che
di possedere quelle terre, che aveano acquistate co' loro travagli
e sudori, e colle armi alle mani: che non avrebbero invase le robe
della Chiesa, offerendogli il lor servigio con tanta sommissione e
riverenza, che non poteva farsi con più umiltà e rispetto. Ma Lione che
credea per le sue forze aver tra le mani la vittoria, stimolato anche
dagli Alemani, che dalla statura bassa de' Normanni ne concepirono
disprezzo, ne rimandò gli Ambasciadori con risposta pur troppo dura;
ch'egli non voleva punto aver pace con essi, se non uscivano d'Italia;
ma replicando coloro, ch'era quasi ch'impossibile ridurre una sì gran
moltitudine a cercar altrove una ritirata per essi, e per le loro
famiglie, furono sparse al vento le loro preghiere, e rimandati senza
conchiuder cos'alcuna.

Quando a' Normanni furono riportate sì dure risposte, voltatisi alla
disperazione, risolvettero infra loro, che più tosto bisognava finir
di vivere gloriosamente, che lasciare con tanta indegnità e vergogna
ciò ch'essi a costo di tanti sudori e travagli aveansi acquistato; e
non curandosi punto, che oltre la disuguaglianza delle forze, mancavan
loro ben anche i viveri, si risolvettero di ricever tosto la battaglia,
ancorchè con tanto loro disavantaggio, risoluti o di morir tutti o di
vincere.

Divisero perciò le loro truppe, che poterono radunare in tre corpi,
a' quali per Comandanti preposero i più celebri Capitani ch'essi
aveano, fra' quali erano allora sopra tutti gli altri eminenti il
Conte Umfredo, Roberto Guiscardo, e Riccardo Conte d'Aversa, figliuolo
d'Asclettino, il quale a Rodolfo era succeduto.

Intanto l'esercito di Lione si collocò in atto di battaglia in una
gran pianura presso Civitade nella provincia di Capitanata[241],
ed avendo sotto i nominati Comandanti disposte le truppe, non v'era
altro ostacolo per darla, se non una piccola montagna, che divideva
amendue gli eserciti. I Normanni furono i primi a montarla per
riconoscere gl'inimici, e ravvisata la situazione di quella infinita
moltitudine d'Italiani, che niente aveano di regolare nella maniera di
guerreggiare, ed un numero assai inferiore d'Alemani meglio disposti,
e molto più da temersi, presero tosto le loro misure, e divisero la
loro piccola armata in tre corpi. Diessi l'ala dritta a Riccardo Conte
d'Aversa per iscaricar su gl'Italiani: Umfredo si mise nel corpo di
battaglia per assaltar gli Alemani con quella cavalleria ch'avea; e
Roberto Guiscardo ebbe l'ala sinistra con un buon numero di Calabresi
scelti, che avea al suo servigio interessati, da poi ch'era stato
nel loro paese. Egli avea ordine di non molto avanzarsi, ma di fare
come un picciol corpo di riserba, sempre pronto a sostenere il resto
dell'armata, ed a fornirla ne' bisogni di truppe recenti.

Riccardo assaltò da prima gl'Italiani comandati da Rodolfo, e caricogli
improvisamente, e con tanto vigore, che non ebbero agio nè pur di far
la minima resistenza. La paura gli confuse in maniera, che ritirandosi
a poco a poco gli uni opprimevano gli altri, e seguitandogli
valorosamente Riccardo, si diedero ad una fuga vergognosa, tanto
che questo prode Capitano a colpi di spade e di dardi ne fè strage
infinita[242].

Il Conte Umfredo ebbe più che fare dalla sua parte cogli Alemani,
e spezialmente con quelli di Suevia. Egli fece sopra di loro una
terribile scarica di frecce, ma essi ne fecero una somigliante
sopra di lui; onde bisognò metter mano alla spada, e l'uccisione
per l'una, e l'altra parte fu terribile. Allora Roberto Guiscardo
credette, che fosse tempo di venire al soccorso di suo fratello: vi
accorse immantenente con Pandolfo, e Landolfo suo figliuolo esiliati
da Benevento[243], seguitato ancora da' suoi Calabresi, i quali
sotto la sua disciplina eran divenuti prodi soldati: egli andò con
furia a buttarsi in mezzo de' nemici. Si pugnò ferocemente, e furono
incredibili le ardite azioni di Roberto in questo combattimento;
finalmente sconfisse i nemici[244], e con tanto empito e vigore gli
confuse, che dopo aver d'essi fatta strage infinita, scorgendo che non
erano in tutto spenti, ricominciando di bel nuovo a battere il resto,
gli finì tutti di tagliar a pezzi[245].

Il Papa, che non molto lontano fu spettatore di sì fiera tragedia,
vedutosi quando men se l'aspettava in tali angustie, prese il partito
di ritirarsi dentro la città di Civitade[246]; ma questa non essendo
un asilo per lui sicuro, fu immantenente assediata, e tantosto fu
costretta a rendersi. Puossi comprendere qual fosse l'imbarazzo del
Papa, e la sua desolazione mentre cadeva in mano de' nemici, cui
egli avea trattati con tanta durezza e severità, e di cui egli avea
concetto, siccome aveagli dipinti presso l'Imperadore Errico, di gente
barbara, inumana e senza religione.

Ma ben tosto s'avvide quanto appresso i Normanni fosse grande la forza
della religion cristiana, e quanto il rispetto, che aveano di colui
ch'essi adoravano per Capo della Chiesa cristiana, e Vicario di Cristo.
Essi avrebbero potuto, giacchè come Principe del secolo li mosse
guerra, _Jure belli_, e secondo le leggi della vittoria, trattarlo
siccome esso vi compariva. Ma come grossolani non ben arrivavano a
capire quella distinzione di due personaggi in uno, che gl'istessi
Ecclesiastici introdussero nella sua persona per non far con tanta
mostruosità apparire alcune azioni, che non starebbero troppo bene
al Papa, come successore di S. Pietro. Essi lo riputaron sempre per
questo eccelso carattere degno d'ogni rispetto e venerazione, che
la forza della religione, di cui essi erano riverenti, ve l'impresse
sì forte, che per qualunque altro non poterono perderlo; perciò con
inudita pietà, e profondo rispetto lo condussero con ogni sorte d'onore
e riverenza nel loro Campo. Non pure lo lasciarono in libertà, ma il
Conte Umfredo ricevendolo sotto la sua parola, l'accompagnò egli stesso
con gran numero di suoi Ufficiali in Benevento[247], promettendogli di
vantaggio, che quando gli piacesse ritornar in Roma, l'avrebbe egli
accompagnato insino a Capua[248]. Il Papa sorpreso da queste maniere
sì oneste e cristiane, cancellò dal suo animo ogni sinistro concetto,
che prima di lor avea, e pentitosi di quanto insino a quell'ora avea
con poca accortezza, e contro ciò che ricercava il suo carattere,
adoperato, pianse amaramente le sue disavventure. Indi entrato in
Benevento nella vigilia di S. Giovanni di quest'anno 1053 vi si
trattenne insino a' 12 di marzo dell'anno seguente 1054 giorno della
festività di S. Gregorio Papa[249]; e quivi per li travagli sofferti,
e per passione d'animo caduto infermo, avendo a se chiamato il Conte
Umfredo, si fece condurre a Capua, dove avendo dimorato dodici giorni,
in Roma fece ritorno. Quivi arrivato per conciliare le discordie, che a
questi tempi più che mai eransi rese implacabili tra la Chiesa romana,
e la costantinopolitana, spedì all'Imperador Costantino Monomaco tre
Legati, Pietro Arcivescovo d'Amalfi, Federico suo Cancelliero, ed
Umberto Vescovo di S. Rufina, unita poi questa Chiesa da Calisto II al
Vescovado di Porto; ma non ebbe questa Legazione alcun successo; poichè
Lione non molto da poi con molti segni di pietà, e di ravvedimento
finì santamente i giorni suoi nel mese d'aprile di quest'anno 1054,
con lasciar di se, per la sua pietà e candidezza di costumi, titolo di
Santo.

In questi rincontri si narra, che Lione dopo aver assoluti i Normanni
dalle censure e dall'offese, che ei reputava aver da essi ricevute,
avesse conceduto ad Umfredo, ed a' suoi eredi l'investitura della
Puglia e della Calabria, ed anche di tutto ciò che potrebbe acquistare
sopra la Sicilia, e che all'incontro Umfredo avesse reso l'omaggio
di quelle terre alla Santa Sede, come Feudi da lei dipendenti; e che
questa fosse la _prima Investitura_, ch'ebbero i Normanni, come fra gli
altri scrisse Inveges.

In fatti Gaufredo Malaterra[250] parlando della sommessione e rispetto
che i Normanni in quest'incontro portarono a Lione, dice che questo
Papa all'incontro: _Omnem terram, quam pervaserant, et quam ulterius
versus Calabriam, et Siciliam lucrari possent de Sancto Petro
haereditali Feudo sibi, et haeredibus suis possidendam concessit._
Ma questo non fu che un assicurare maggiormente i Normanni della sua
amicizia perchè senza suo ostacolo proseguissero le loro conquiste,
benedicendo le loro arme, e dichiarando perciò le loro future
intraprese giuste; ciò che i Normanni come religiosi desideravano,
almeno per pretesto di giustificare così i loro acquisti, e per non
aver contrari i romani Pontefici, che s'erano allora per le censure e
scomuniche resi a' Principi tremendi. Questi furono i principj delle
nostre Papali investiture, le quali si ridussero poi a perfezione da
Niccolò II per quelle, che diede a Roberto Guiscardo de' Ducati di
Puglia e di Calabria e di Sicilia, come diremo.

Intanto i Normanni avendo disfatta l'armata di Lione, ancorchè
l'avessero trattato con tanto rispetto, assicurati che furono di
lui, non vollero perdere sì opportuna occasione di stendere la loro
dominazione, e di portare altrove le loro armi. Niente resero al Papa
di ciò, che pretendeva sopra Benevento; poichè se bene Pandolfo,
Principe di Benevento, e Landolfo suo figliuolo, alla venuta di
Lione fossero stati esiliati da quella città, nulladimanco sconfitto
Lione col favore de' Normanni, a' quali aveano dato ajuto in quella
battaglia, tornarono di bel nuovo a reggere Benevento[251]; nè se
non dopo molti anni cominciò a governarsi dalla Chiesa romana, tanto
che la commutazione fatta con Errico non ebbe il suo effetto se non
molto da poi, e più per munificenza de' Normanni, che per quella
d'Errico. Nel che non bisogna ricercare altro miglior testimonio della
antichissima Cronaca de' Duchi e Principi di Benevento, il cui Autore
fu un Monaco del monastero di Santa Sofia di Benevento, che si conserva
nell'archivio del Vaticano, e fu fatta imprimere dal diligentissimo
Pellegrino, a cui fu trasmessa da Roma dall'Abate Costantino
Gaetano Monaco Cassinense, che da un antico Codice del Vaticano
l'estrasse[252]. In questa Cronaca[253] si legge, che se bene reggendo
il Principato di Benevento Pandolfo, e Landolfo suo figliuolo, alla
venuta di Lione fossero stati esiliati da Benevento, nulladimanco si
soggiunse, che da poi vi tornarono, e Pandolfo dopo aver regnato molti
anni in Benevento, finalmente abbandonò il secolo, e si rese Monaco
nel monastero istesso di S. Sofia, lasciando Landolfo suo figliuolo
per successore, il quale tenne il Principato per tutto il tempo che
visse insino all'anno 1077. Onde si convince con molta chiarezza, che
la permuta con Errico non ebbe effetto; ma se poi la Chiesa romana
acquistò quella città, tutto si dee alla liberalità de' Normanni, che
per le ragioni che vi tenea per quella commutazione fatta da Errico,
glie la rilasciarono, come qui a poco vedrassi.

Seppero ancora i Normanni ben servirsi di questa vittoria, sottoponendo
tutta la Puglia al loro dominio dopo tredici anni di guerra, da che
l'aveano invasa. Tolsero a' Greci Troja, Bari, Trani, Venosa, Otranto,
Acerenza, e tutte le altre città di quella provincia, tanto che
Guglielmo Pugliese potè dire:

    _Jamque rebellis eis Urbs Appula nulla remansit:_
    _Omnes se dedunt, aut vectigalia solvunt._

Quindi furono poi rivolti tutti i loro pensieri alla impresa della
Calabria, la conquista della quale saremo ora a narrare.



CAPITOLO IV.

_Conquiste de' Normanni sopra la Calabria: Papa STEFANO successor di
LIONE vi si oppone; ma morto opportunamente in Firenze, vengon rotti i
suoi disegni._


La morte di Lione IX rinovò in Roma i disordini per l'elezione del
successore: e dappoichè per le contrarie fazioni stette quella Chiesa
per un anno senza Capo, finalmente il famoso Ildebrando, che dal
monastero di Cugnì erasi portato in Roma, ove fu fatto Sottodiacono di
quella Chiesa, come uomo di somma accortezza, fu adoperato a por fine
a tali confusioni. I Romani, non trovandosi nella lor Chiesa persona
idonea per occupar quella Sede, mandarono Ildebrando oltre i monti a
dimandar all'Imperadore un successore, ch'egli in nome del Clero e del
Popolo romano avesse eletto: assentì Errico, e fugli dimandato Gebeardo
Vescovo di Eichstat, di cui fecesi poc'anzi menzione. Con sommo
dispiacer d'Errico, che non voleva toglierselo dal suo lato, venne
costui in Roma, ed innalzato a quella Sede, Vittore II fu nomato[254].
Come si vide nel Trono pontificio, tosto mutò sentimenti di quanto
prima avea fatto mentr'era in Germania, dove avea a Lione impediti i
domandati soccorsi, di che con gran pentimento amaramente, fatto Papa,
si dolse. E se il suo Ponteficato non fosse stato cotanto breve, e la
sconfitta precedente non avessegli scemate le forze, ed ingrandito
quelle dei Normanni, avrebbero questi certamente sperimentato in
Vittore gl'istessi sentimenti di Lione.

Ma morto egli in Firenze nel 1057 due anni dopo la sua esaltazione,
e rifatto in suo luogo Federico Abate di Monte Cassino, e Cardinale,
che prese il possesso di quella Sede il giorno di S. Stefano, e
perciò prese il nome di Stefano X, da altri, per la cagione altrove
rapportata, detto Stefano IX, furono da costui calcate le medesime
vestigia de' suoi predecessori. Fu da' diligenti investigatori
delle gesta de' Pontefici con istupore notato, che ancorchè i loro
predecessori, per sostenere le loro intraprese, avessero sofferto
morti, prigionie ed altre calamità; non per tutto ciò gli successori si
spaventavano di proseguirle, anzi vie più forti e vigorosi s'esponevano
ad ogni maggior rischio e cimento. Essi eransi persuasi, che
l'ingrandimento dei Normanni in queste nostre province, era lo stesso
che il loro abbassamento, e lo reputavano come loro declinazione,
siccome queste medesime gelosie tennero co' Longobardi, quando gli
videro troppo potenti in Italia. Gli accagionavano perciò di mille
delitti, che rapivano le robe delle Chiese, che desolavano le province;
ed in fine proccuravano rendergli odiosi a' provinciali, per potere
in cotal modo giustificare le loro intraprese, e renderle al Mondo
commendabili. E se bene sopra queste province non potessero pretendervi
ragione alcuna di sovranità; nientedimeno la loro grandissima gelosia
degli avanzamenti de' Normanni pose costoro in tal necessità, che
siccome prima doveano reprimere, ed opporsi alle forze degl'Imperadori
d'Oriente a' quali finalmente queste province si toglievano: così ora
aveano da contrastare co' Pontefici romani, i quali come se ad essi si
togliessero, si opponevano con vigore a' loro disegni, nè v'era mezzo,
che non adoperassero per impedire i loro progressi.

Prima, come si è potuto osservare nel corso di quest'Istoria,
non avendo per se forze tali, solevano implorare gli aiuti de'
Principi stranieri, siccome per discacciare i Longobardi ricorsero
a' Franzesi; ora essendosi resi per lo dominio temporale di tanti
Stati più forti, lontani questi soccorsi, e mancata ogni speranza di
potergli avere dall'Imperadore, e potendogli somministrare i loro
Stati forze sufficienti, lo facevano per se soli; e quando queste
mancavano, solevano ricorrere al presidio delle armi spirituali e delle
scomuniche, alle quali la forza della religione avea dato tanto vigore
e spavento, che non solo a' Popoli ed a' Principi erano tremende, ma
quel ch'è degno di stupore, erano formidabili e spaventose a' Capitani
delle milizie, ed a' soldati stessi, uomini per lo più scelleratissimi;
i quali nell'istesso tempo, che s'atterrivano delle scomuniche, non
avevano alcuna difficoltà di menare una vita scellerata, e d'usurparsi
quello del prossimo, senz'alcun riguardo d'offendere la Maestà Divina.

Innalzato pertanto Stefano al Ponteficato romano, si dispose
immantenente a voler discacciare d'Italia i Normanni. Traeva egli
origine da' Duchi di Lorena, e nato da regal stirpe, voleva nel
Ponteficato segnalarsi in opre grandi ed illustri. Fu prima da Lione
IX fatto Cancelliero della Sede Appostolica: indi fu Abate di Monte
Cassino, e poi da Vittore II fu fatto Cardinale. Assunto ora al
Ponteficato vennegli in pensiero, imitando Lione, di voler discacciar
d'Italia i Normanni[255]; anzi nato per cose più grandi s'accinse ad
una più illustre impresa.

Un anno avanti nel 1056 era morto in Germania Errico, ed avea lasciato
per successore un suo piccolo figliuolo di sette anni, che succeduto
poi all'Imperio, fu col nome del padre anche chiamato Errico. Fra gli
Scrittori germani ed italiani vi è gran confusione nel numero di questi
Errichi. Errico il Negro da' Germani vien chiamato III, gli Italiani
lo dicono II, non tenendo conto di quell'altro Errico, che non fu se
non semplice Re di Germania, nè giammai Imperadore. Noi seguiteremo gli
Italiani, onde il successore d'Errico il Negro lo diremo Errico III non
IV. Morì Errico dopo aver regnato diciassette anni, e quattro mesi. Le
sue leggi furon raccolte da Goldasto[256], e Cujacio nel quinto libro
de' Feudi ne registrò alcune a quelli appartenenti.

Per l'infanzia del figliuolo governava l'Imperadrice Agnesa sua madre:
Stefano valendosi dell'opportunità del tempo, vennegli in pensiero
d'innalzare al Trono imperiale il Duca Goffredo suo fratello, con
risoluzione, che unendo le sue forze con quelle del fratello, potessero
con facilità discacciare i Normanni d'Italia, a' quali egli portava
odio implacabile.

Ma intanto questi valorosi Campioni sotto il famoso Roberto Guiscardo,
a cui il Conte Umfredo suo Fratello avea somministrate molte truppe,
perchè l'impiegasse alla conquista della Calabria, aveano fatti
progressi maravigliosi sopra questa provincia[257]. Essi da poi che
Roberto per una sua ingegnosa astuzia, erasi impadronito di Malvito,
aveano steso più oltre i confini, e sotto la lor dominazione poco da
poi fecero passare le città di Bisignano, di Cosenza e di Martura.

Nè la morte del Conte Umfredo accaduta in Puglia intorno l'anno 1056
avea potuto interrompere il corso di tante conquiste, anzi diede a
quelle più veloce corso: poichè non lasciando Umfredo che due piccioli
figliuoli, Bacelardo ed Ermanno, lasciò il governo de' suoi Stati a
Roberto stesso, a cui raccomandò i figliuoli, e spezialmente Bacelardo
suo primogenito; onde succeduto Roberto nel Contado di Puglia dava
terrore a tutti i Principi vicini, e molto più a Stefano R. P., dal
quale era perciò grandemente odiato.

Ma a Stefano, cui non mancava ardire di cacciare i Normanni d'Italia,
mancavano però le forze, e sopra tutto i danari: fu perciò tutto inteso
a farne raccolta, e l'impegno nel quale era entrato gli fece pensare
un modo pur troppo violento e scandaloso. Egli che da Abate di Monte
Cassino fu innalzato alla Cattedra di S. Pietro, volle nel Ponteficato
stesso ritenere quella Badia, nè permise che in suo luogo fosse altri
sustituito; onde disponeva di quel monastero per doppia ragione con
tutta libertà ed arbitrio[258]. Per le molte oblazioni de' Fedeli in
questo tempo, pur troppo per li Monaci prospero, aveano essi raccolto
un ricchissimo tesoro d'oro e d'argento, che in quel monastero i
Monaci con gran cura e vigilanza custodivano: Stefano vedendo che per
nessun altro miglior modo poteva conseguir il suo fine, pensò averlo
in mano, ed ordinò al Proposito di quel monastero, che tutto il tesoro
d'oro e d'argento ch'ivi trovavasi l'avesse subito, e di nascosto
portato in Roma. Avea egli disposto di passare con quello in Toscana,
ove era il Duca Goffredo suo fratello, affinchè conferito con lui il
suo disegno, potessero da poi ritornarsene insieme per discacciare
d'Italia i Normanni. La costernazione nella quale entrarono i Monaci
per sì infausta novella ben ciascuno potrà immaginarsela: essi tutti
mesti e dolenti, tentarono invano colle lagrime rimovere il Papa;
onde finalmente da dura necessità costretti, avendo ragunato tutto il
tesoro, in Roma a Stefano lo portarono. Il Papa quando lo vide, e vide
insieme la mestizia ed il dolore de' Monaci, che glie lo portarono,
sorpreso allora dalla mostruosità del fatto, ravvedutosi dell'eccesso,
tosto pentissi d'averlo domandato, e lo rimandò indietro[259]. Ma poco
da poi essendosi incamminato per la Toscana, fermatosi in Firenze, fu
sorpreso da una improvvisa languidezza, che in pochi dì lo privò di
vita in quest'anno 1058[260].

Così, morto Stefano, andarono a vuoto tutti i suoi disegni, e fu la
costui morte sì opportuna a' Normanni, che non avendo altri, che
impedisse i loro vantaggi, poterono indi a poco stendere le loro
conquiste, non pur nella Calabria, ma sopra il Principato di Capua
ancora, per un'occasione, che più innanzi saremo a narrare.


I. _ROBERTO GUISCARDO è salutato I. Duca di Puglia e di Calabria._

Intanto per la morte di Stefano tornò Roma di bel nuovo nelle
confusioni e disordini; poichè Gregorio d'Alberico Conte di Frascati,
ed alcuni Signori Romani, di notte, e con gente armata, posero per
forza nella Santa Sede Giovanni Vescovo di Velletri, che prese il
nome di Benedetto; ma essendosi opposto a quest'elezione Pier Damiano
uomo da bene (il qual poco prima da Stefano richiamato dall'Eremo, era
stato fatto Vescovo d'Ostia) insieme con gli altri Cardinali, fecero
in guisa, che tornato Ildebrando dalla Germania, ove era stato mandato
da Stefano all'Imperadrice Agnesa, avendo inteso tali disordini,
fermossi in Firenze, da dove attese a far ritrarre i migliori Romani
dal partito contrario, e col favore del Duca Goffredo Marchese di
Toscana oprò in maniera, che ragunati in Siena que' Cardinali, che
non aveano avuta parte nell'elezione di Benedetto, vi elessero per
Papa Gerardo Arcivescovo di Firenze. L'Imperadrice Agnesa madre
d'Errico, confermò l'elezione, e diede ordine al Duca Goffredo di
metter Gerardo in possesso, e di cacciarne Benedetto. Questi prese il
partito di rinunziare il Ponteficato; onde Gerardo portatosi in Roma,
vi fu riconosciuto per legittimo Papa, e fu chiamato Niccolò II, il
quale poco da poi nell'anno 1059 tenne un Sinodo di 113 Vescovi, dove
comparve Benedetto, dimandò perdono, e protestò, che gli era stata
fatta violenza. In questo Concilio furono fatti regolamenti per la
libertà dell'elezione del Papa, e stabilito, che i Cardinali dovessero
in quella avere la parte migliore; poi l'eletto fosse proposto al
Clero ed al Popolo, ed in ultimo luogo si ricercasse il consenso
dell'Imperadore.

Queste revoluzioni, che molto spesso accadevano in Roma, e molto
più i disordini, che nell'istesso tempo si sentivano nella Corte
di Costantinopoli, maravigliosamente conferivano all'ingrandimento
de' Normanni. Non temevano da parte alcuna di ricevere impedimenti;
poichè la minorità d'Errico III, governando l'Imperadrice sua
madre, non faceva molto pensare alle cose di queste nostre province.
Costantinopoli, per la morte accaduta nell'anno 1054 di Costantino
Monomaco, tutta era in disordine e confusione; poichè succeduta
nell'Imperio Teodora sorella di Zoe, e dopo un anno quella morta,
_Michele Stratiotico_ fu dagli Ufficiali del Palazzo posto in suo
luogo; ma questi, resosi poi Monaco, lasciò volontariamente la Corona
nell'anno 1057, onde insorsero nuove fazioni per l'elezione del
successore; ma acquistando maggior forza quella di _Isaacio Comneno_,
fu questi salutato Imperadore in quest'anno 1058.

I Normanni perciò con miglior agio attesero a dilatare i loro confini,
e que' di Puglia sotto il famoso Roberto Guiscardo gli distesero
sopra quasi tutta la Calabria. Questo Principe, essendo succeduto nel
Contado di Puglia, era riconosciuto non già come Tutore di Bacelardo
suo nipote, qual egli era secondo che narra Guglielmo Pugliese[261],
ma come assoluto Signore. Egli sembrava, che in quest'occasione non
fosse disposto a contentarsi d'una semplice tutela, siccome da dovero
non se ne contentò da poi; anzi pretese, che dovea egli succedere ad
Umfredo, conforme Umfredo era succeduto a' suoi fratelli primogeniti;
ed egli avea già designato per suo successore Roggieri altro ultimo
suo fratello, col quale avea diviso l'Imperio, e creatolo perciò
come lui anche Conte. Era pertanto tutto inteso a discacciar i Greci
dal rimanente della Calabria, prese Cariati e molte altre Piazze
d'intorno, e portò finalmente le sue armi infino a Reggio capo di
quella provincia, alla qual città pose l'assedio. Gli assediati non
potendo lungamente sostenerlo si diedero a Roberto; ond'egli rendutosi
Signore di così illustre ed antica città, non si contentò più del
titolo di Conte, ma con solenne augurio e celebrità fecesi salutare,
ed acclamare Duca di Puglia e di Calabria. Lione Ostiense[262] narra,
che la gloria dell'espugnazione di Reggio gli partorì questo novello
titolo. Curopalata scrisse, che lo produsse il governo trascurato
e puerile di Michele VII, Imperador Greco; ma il Pellegrino[263] fa
vedere, che Roberto ad emulazione dei Greci, e per rintuzzare il lor
fasto lo facesse. Aveano essi costituito Argiro in Bari Duca di Puglia,
ancorchè questa nella sua maggior estensione fosse passata sotto il
dominio de' Normanni: imperocchè i Greci ancorchè perdessero l'intere
province, non perciò lasciavano di ritenere almeno i fastosi titoli
ed i nomi di quelle, trasferendogli sovente in altra parte, siccome
fecero dell'antica Calabria, la quale, come fu ne' precedenti libri
osservato, passata che fu sotto la dominazione de' Longobardi, essi
trasportarono questo nome di Calabria in un'altra provincia, che allora
ancora ritenevano.

Chi a Roberto conferisse questo nuovo titolo di Duca, non è di tutti
conforme il sentimento. Lione Vescovo d'Ostia par che accenni, che fu
una casuale acclamazione del Popolo; ma Curopalata dice, che i Signori
e Baroni pugliesi suoi vassalli, vedendo che egli allo Stato di Puglia
avea aggiunta la Calabria, con pubblico consiglio, ritenendo per essi
i titoli di Conti sopra le terre che s'aveano divise, decretarono il
titolo Ducale a Roberto; donde si convince l'errore del Sigonio[264],
il quale reputò, che insuperbito Roberto per l'espugnazione di Reggio
in Calabria, e poco da poi per l'altra di Troja in Puglia, disdegnando
l'antico titolo di Conte, per se stesso, e di sua propria autorità
s'intitolasse Duca di Puglia e di Calabria.

Agostino Inveges[265] va conghietturando, che nella creazione di questo
novello Duca s'osservassero quelle cerimonie, le quali a que' tempi
s'osservavano in Francia nella creazione del nuovo Duca di Normannia,
e sono descritte nel Tomo degli Scrittori antichi della Istoria de'
Normanni; dove si narra, che l'Arcivescovo dopo alcune orazioni ed
il giuramento, che prestava il nuovo Duca di difendere il Popolo a
se commesso, e di usar con quello giustizia, equità e misericordia,
davagli l'anello, e da poi gli cingeva la spada, ond'è verisimile, e'
dice, che il normanno Guiscardo volendo consacrarsi Duca di Puglia in
Italia, fossesi servito delle medesime cerimonie. Avevano pure i Duchi
particolar Corona, Berrettino, Veste e titoli propri. La Corona ducale,
che ponevano sopra le loro arme, secondo che la descrive Scipione
Mazzella[266], era un cerchio senza raggi, o diciam punte di sopra
(le quali convengono solamente al Principe) ma in luogo delle punte
vi usavano alcune perle, e d'attorno alquante gioie. Il Berrettino,
seconda insegna de' Duchi, Bartolomeo Cassaneo[267] ce lo descrive in
forma d'uno cappello circondato d'una corona rotonda, ma non diritta,
nè a modo di zona, che circondi il cappello, come usano i Re; e di
questo cappello ducale, confessa Cassaneo, non averne potuto rinvenire
l'origine. La veste ducale, suspica Inveges, che fosse simile all'abito
arciducale d'Austria descritto dal Guazzi[268], cioè una veste di
diversi colori, lunga sino a' piedi, ed ornata di pelli d'Armellini.
In cotal guisa adunque il Duca Roberto in quest'anno 1059 nelle
pubbliche solennità apparve a' suoi sudditi, adornandosi coll'abito e
Corona ducale; e quindi è che ne' privilegi e negli altri suoi diplomi
cominciasse a servirsi di questo titolo: _Ego Robertus Dux Apuliae et
Calabriae_.



CAPITOLO V.

_Il Principato di Capua tolto a' Longobardi, passa sotto la dominazione
de' Normanni d'Aversa._


Non meno de' Normanni di Puglia, que' che collocarono la lor Sede in
Aversa distesero sopra i paesi contorni i loro confini. Riccardo Conte
d'Aversa accresciuto di forze intraprende d'invadere il Principato
di Capua a se vicino, ed aspirando a quel Soglio, di stretto assedio
cinse questa città. Reggeva allora Capua Pandolfo V, il quale se bene
per qualche tempo avesse colle sue forze potuto difendere la città,
nulladimanco Riccardo vie più stringendola, bisognò per liberarsene
che offerisse al nemico settemila scudi d'oro[269]. Per questa somma
Riccardo tolse l'assedio, ma per qualche tempo; poichè morto Pandolfo
V nell'anno 1057, e succeduto Landolfo V, suo figliuolo, Riccardo
invase di nuovo Capua, cingendola d'un più stretto assedio. I Capuani
offerirono altra maggiore somma per liberarsi, ma Riccardo rifiutato
ogni accordo, vuole che la città si renda nelle sue mani. Mal si
possono indurre i Capuani; ma finalmente stretti per la fame, cedendo
Landolfo, e lasciando il Principato, fu Riccardo ricevuto e per
Principe salutato in quest'anno 1058.

Volle Riccardo, non altrimente che fece Arechi primo Principe
di Benevento, farsi ungere coll'olio sacro[270], il qual costume
ritennero ancora da poi tutti gli altri Principi normanni, che furono
di Capua[271]. E se bene i Capuani fra i patti della resa avessero
ottenuto di ritenere per essi le porte e le torri della città, e di
dover essere da loro guardate; nulladimanco dissimulando per allora il
nuovo Principe Riccardo questo lor vantaggio, differì ad altro miglior
tempo di privargli anche di questo. Intanto portatosi in Monte Cassino,
ed ivi con molta solennità ricevuto da que' Monaci, fece ritorno nella
campagna, la quale estendendosi insino al fiume Sele, tutta fra tre
mesi la sottopose alla sua dominazione; indi a Capua tornato, avendo
fatto ragunare tutta la Nobiltà, l'espose esser cosa molto ragionevole,
che si consegnassero a lui le porte e le torri della città; ma
costantemente avendo i Capuani ricusato di farlo, irato il Principe
uscì dalla città, la cinse nuovamente di stretto assedio e la premè con
dura fame.

I cittadini intanto mandarono il loro Arcivescovo oltre i monti a
chieder aiuto all'Imperadore Errico: ma questo Principe, che non era
in istato di pensare a queste nostre parti, lo rimandò indietro con
offerte grandi e parole, ma senza alcun fatto ed utilità. I Capuani
allora perduta ogni speranza, nè potendo più resistere, resero le
torri, le porte, se stessi e tutte le loro sostanze alla discrezione e
clemenza di Riccardo. Così in quest'anno 1062 dopo essersi i Capuani
per dieci anni bravamente opposti agli sforzi de' nemici, passò il
Principato di Capua da' Longobardi a' Normanni[272], prima sotto
il Principe Riccardo del sangue d'Asclettino, poi sotto gli altri
suoi successori del medesimo lignaggio, e finalmente passò sotto la
dominazione di quegli altri valorosi Normanni della razza di Tancredi
Conte d'Altavilla, come nel seguente libro vedremo. Per la qual cosa
non è scusabile l'errore del Sigonio[273], il quale reputò questo
Riccardo fratello di Roberto Guiscardo, quasi che fino da questo tempo
il Principato di Capua fosse passato sotto la dominazione de' Normanni
di Puglia a' figliuoli del Conte Tancredi.

Ecco il fine della dominazione de' Longobardi nel Principato di Capua,
che da Atenulfo con non interrotta serie di tanti anni finalmente
nella persona di Landulfo V s'estinse in questa Nazione. Principe
infelicissimo, che oltre essere stato costretto d'abbandonar il suo
Stato, donde ne fu scacciato, avendo generati più figliuoli, gli vide
con suo dolore e cordoglio andar raminghi per que' medesimi luoghi, ove
egli avea regnato. E narra l'Abate Desiderio[274] nei suoi Dialoghi,
aver egli nell'età sua veduti molti figliuoli di Landolfo di qua e di
là esuli e raminghi, andar mendicando per sostenere la lor miserabile
vita: il che egli attribuisce a castigo delle scelleratezze e crudeltà
usate dal pessimo Principe Pandolfo IV, dal quale essi discendevano.
Donde può ciascuno per se medesimo considerare, che il sangue di questi
Principi longobardi non s'estinse affatto nel Principato di Capua;
poichè oltre che vi rimasero alcuni Conti della razza di Atenulfo, de'
quali per qualche tempo per li loro Feudi che possedevano si potè tener
conto e mostrar la loro discendenza in alcune famiglie; vi restarono
ancora i figliuoli di Landolfo, da' quali per la loro estrema miseria e
povertà non sarebbe forse incredibile, che ne fossero nati ed artigiani
e lavoratori di terra ed altra gente di braccia, e che forse anch'oggi
ancorchè ignoti, infra di noi vi siano: documento delle cose mondane, e
della loro incostanza e volubilità, e di non doversi molto insuperbire
per la nobiltà del lignaggio sopra gli altri, i quali se bene non la
potranno mostrare, forse saranno discesi da più illustre e generosa
prosapia ch'essi non sono. Un simile successo narra Seneca al suo
Lucilio[275], che essendo in battaglia stato sconfitto l'esercito di
Mario, molti uomini nati di gran parentado e di sangue nobile, così
Cavalieri, come Senatori, nella sconfitta della fazione Mariana furono
dalla fortuna atterrati, ed alcuni di quelli fece pastori, alcuni altri
lavoratori di zappa ed abitatori di capanne.

Così i valorosi Normanni, debellati i Greci nella Puglia e nella
Calabria, debellati i Longobardi nel Principato di Capua, gli vedremo
nel seguente libro (rimettendo ivi di narrar la politia ecclesiastica
di questo undecimo secolo) tutti trionfanti sottoporsi le restanti
province e stabilirsi un ben ampio e fortunato Regno.


  FINE DEL LIBRO NONO.



STORIA CIVILE DEL REGNO DI NAPOLI

LIBRO DECIMO


Il Duca Roberto, che non facendo vedere a Bacelardo suo nipote il
diritto della paterna successione, non già come Tutore del medesimo,
ma come proprj amministrava i Ducati di Puglia e di Calabria, per
maggiormente stendere i confini del suo dominio sopra l'altre province,
e meglio assicurarsi degli acquisti fatti, proccurava con ogni
sommessione, ammaestrato dall'esempio di Lione, tener soddisfatti i
Pontefici romani; anzi reputava per questa via, avendogli per amici, di
giustificare le sue imprese, e renderle al Mondo commendabili, e senza
taccia d'usurpazione. All'incontro i Pontefici rendutisi ora per le
scomuniche più tremendi a' Principi, non trascuravano le occasioni di
profittare dell'opinione, che s'aveano presso tutti acquistata della
loro superiorità e potenza. Perciò nel Ponteficato di Niccolò II si
stabilirono fra noi con maggior fermezza le papali investiture; al che
conferì molto una sollevazione accaduta in Puglia nel medesimo tempo,
che il Duca Roberto trionfava in Calabria.

Bacelardo mal soddisfatto del suo zio Roberto sovente dolevasi essergli
stata tolta la successione dei paterni Stati, e movendo perciò la
compassione di molti, avea tirato al suo partito molti Pugliesi, i
quali apertamente sollevandosi invasero alcune Piazze della Puglia.
Ma la vigilanza di Roberto tosto ripresse i mal conceputi disegni,
perchè precipitosamente essendovi accorso, ridusse i luoghi sollevati,
e spense subito l'incendio; anzi con tal occasione scorrendo nella più
remota parte di Capitanata, ove i Greci si mantenevano ancora in alcune
Piazze, le sorprese, e conquistò infra l'altre la città di Troja, che i
Greci alquanti anni prima aveano edificata, ed aveanla costituita capo
di quella provincia.

L'acquisto della città di Troja diede su gli occhi al Pontefice; poichè
i Pontefici romani aveano in questi tempi pretensione, che questa
città, non altramente, che Benevento, loro si appartenesse per singolar
diritto[276]. Ma tutti gli Autori tacciono, onde mai questa particolar
ragione sia lor venuta; poichè questa città, secondo quel che per
l'autorità di Lione Ostiense[277] fu da noi rapportato, era nel dominio
dei Greci, avendola nell'anno 1022 da' fondamenti edificata sotto il
Catapano Bagiano, alla quale, per memoria della famosa Troja nella
Frigia minore, diedero nome di Troja, e riputaronla come una colonia di
quella.

E quantunque quando Errico calò in Italia con quell'esercito
formidabile, si fosse accampato sopra questa città, come narra
l'istesso Lione[278], ed avesse costretti i Trojani a rendersi a lui;
nulladimanco loro perdonò poi[279], ed abbandonando que' luoghi, fece
in Germania ritorno; nè si legge, che n'avesse fatto dono alla Chiesa
romana, come si legge di Benevento. Ma comunque ciò siasi, Niccolò
II il qual, seguendo il costante tenore de' suoi predecessori, mal
sofferiva questi vantaggi di Roberto, col pretesto, che appartenesse
quella città alla Sede appostolica, gli fece intendere, che dovesse a
lui restituirla. Molto eran lontani i Normanni di restituire vilmente
ciò, ch'essi aveano acquistato sopra i Greci colle loro armi, e con
tante fatiche e travagli; onde Roberto, poco curandosi delle dimande
del Papa, ripigliò il suo cammino verso la Calabria.

Non era in istato il Pontefice Niccolò II seguitando l'esempio di
Lione, di movergli contro un esercito; eran lontani gli ajuti che
poteva sperare dagl'Imperadori d'Occidente; anzi questi cominciavano ad
alienarsi da' Pontefici romani, ed avergli in avversione per cagione,
che contrastavan loro l'elezione del Papa e l'investiture degli altri
beneficj, delle quali erano insin allora stati in possesso. Nè era da
sperar soccorso dagli altri Principi longobardi vicini, poich'essendo
il Principato di Capua passato sotto la dominazione de' medesimi
Normanni, eran molto deboli le forze di coloro di Salerno, e molto più
degli altri di Benevento. Molto meno era da sperare da' Greci, inimici
implacabili de' Pontefici romani, per lo scisma famoso, ch'avea fra
queste due Chiese poste già profonde radici, e che avea alienati i
Greci da' Latini.

Dunque non restava altro a Niccolò II che di ricorrere alle armi
spirituali ed alle scomuniche. I Pontefici romani aveano già cominciate
ad adoperarle contro i Principi, come s'è veduto ne' precedenti libri;
nulladimanco s'erano mossi allora per cagioni ch'essi almeno credevano
più oneste, e sovente per occasione di religione, e per le loro
detestabili eresie; se ne valsero anche per rompere le confederazioni,
che i Principi cristiani spesso facevano con i Saraceni infedeli,
come fece Giovanni VIII co' Napoletani ed Amalfitani, ciò che riteneva
uno spezioso pretesto di pietà e di religione. Ma da poi, come suole
avvenire, che il buon uso degenera in abuso, cominciarono a valersene
indifferentemente per mondani rispetti, o per gratificare qualche
Principe, o sopra tutto per conservare i beni temporali della Chiesa,
ovvero per ingrandirgli con nuovi acquisti. Così abbiam veduto, che
perchè i Beneventani non vollero aprire le porte della loro città
all'Imperador Errico, questi gli fece scomunicare da Clemente II, che
come un suo corteggiano lo menava seco in Germania.

Le scomuniche nella primitiva Chiesa, siccome allora tutta la cura de'
Prelati era sopra le cose spirituali, così non eran adoperate, se non
contro gli Eretici, ovvero per la correzione de' pubblici peccatori:
il principal uso era contro coloro, che non ben sentivano della nostra
religione, i quali se dopo le tante ammonizioni non si ravvedevan
de' loro errori, eran separati dalla Chiesa; ed in secondo luogo, per
evitar gli scandali, eran adoperate contro i pubblici peccatori. Nè era
altro il loro effetto, che di privargli di tutto ciò, che la Chiesa
dava a' suoi Fedeli di Sacramenti, e d'altre cose spirituali. Ma da
poi, e spezialmente a questi tempi, essendo diminuita ne' Prelati la
cura spirituale, ed all'incontro cresciuta nell'Ordine ecclesiastico
l'avidità de' beni temporali, siccome prima s'usavan solamente per la
correzione dei pubblici peccatori, e per gli Eretici, così da poi eran
più frequentate per li beni temporali, così per difesa di quelli, come
per ricuperargli, se per caso la poco cura de' predecessori gli avesse
lasciati perdere.

Ma inutilmente si sarebbero adoperate quest'armi, se insieme non si
fosse fatto credere a' Popoli, che in qualunque maniera lanciate,
se non si restituivano le robe, erano i possessori irremissibilmente
dannati, imputando ciò ad effetto della censura, più che del peccato.
E per renderle più formidabili aveano ancora proccurato introdurre una
nuova dottrina, che i scomunicati non pur fossero indegni di ciò, che
la Chiesa dava a' suoi Fedeli, qual era l'effetto della scomunica, ma
ancora che la scomunica disumanava, infamava, gli rendeva abbominevoli,
esosi, vitandi, quasi appestati ed orribili, togliendo loro anche l'uso
della vita civile e del commercio, stabilendo perciò molte decretali,
che non potessero far testamenti, contratti, istituire azione alcuna in
giudizio, adottare e far altri atti legittimi, non potessero esercitar
uffici nella Repubblica e mille altre cose, di che forse ci sarà data
occasione altrove di più diffusamente ragionare.

Per queste cagioni non si può credere quanto fosse in questi tempi il
terrore e spavento delle censure non pur nella plebe, ma ne' personaggi
di conto e nei Principi stessi; ed era veramente cosa da stupire, che
i Capitani ed i soldati, uomini per altro scelleratissimi e senz'alcun
timor di Dio, e che senz'alcun riguardo d'offenderlo s'usurpano quello
del prossimo, per timore poi delle scomuniche guardavano con gran
rispetto le cose della Chiesa, nè vi era in questi tempi da poter usare
maggiore difesa per conservar i beni temporali, se non di porgli sotto
la custodia e protezione della Sede appostolica.

Da ciò ne nacque (come altrove fu avvertito) un'altra utilità
grandissima per l'aumento de' beni temporali della Chiesa, poichè
mossi da ciò molti di poco potere e di deboli forze, che per se stessi
non erano bastanti di conservar il loro dall'altrui violenza, che per
la corruttela del secolo eran cresciute, desiderosi d'assicurar le
loro sostanze, ne facevano donazioni alla Chiesa con condizioni, che
rimanendo appresso di loro la roba, ella glie le dasse in Feudo con
una leggiera ricognizione; poich'erasi in questi tempi introdotto il
costume, che i privati gli Alodj mutavano in Feudo, con farne donazioni
a' Principi da chi ne erano investiti. E di questa sorte di Feudi
chiamati _Oblati_ pur ne abbiamo memoria ne' nostri libri feudali,
e Cujacio ne tratta ben a lungo. Questo assicurava li beni, che da'
Potenti non erano toccati, come quelli, la di cui protezione e diretto
dominio era della Chiesa, la quale entrava perciò volentieri, nel
caso d'invasione, alle censure per difendergli: e dall'altra parte il
vantaggio della Chiesa era grandissimo, non tanto per la ricognizione
che ne ricavava, ma perchè se ben vivente il possessore non ne
ricavava altro, nulladimanco mancando poi la successione masculina de'
Feudatari, come spesso accadeva in questi tempi per le frequenti guerre
e sedizioni popolari, i beni cadevano alla Chiesa.

I Normanni non meno degli altri prendevano delle scomuniche spavento
e terrore; poichè venuti di fresco alla religione cattolica, ed
essendo di somma pietà e zelo verso la medesima, come lo dimostrano
le frequenti loro peregrinazioni ne' più celebri Santuari di Occidente
e d'Oriente ancora, e divotissimi della Sede appostolica più che ogni
altra Nazione, come si vide da' trattamenti che fecero a Papa Lione;
mal volentieri volevano esporsi a questi fulmini, di cui essi aveano
il più gran terrore. Animato da ciò Niccolò II, volle provarvisi, e
riputando in questa maniera, ciò che Lione non avea potuto con eserciti
armati, di poter ottener egli colle censure, scomunicò solennemente
Roberto co' suoi Normanni.

Furono però questi fulmini lanciati a voto; poichè i Normanni, non men
ch'essi, si sapevano molto bene conservare ciò che co' loro sudori
in mezzo a mille perigli aveansi acquistato, e lor pareva somma
viltà cedere quel che acquistato con tanti travagli possedevano; e
per riverenti che fossero de' Pontefici, e della Sede appostolica,
nulladimanco quando si trattava di lasciar ciò che avean preso,
seguendo gli esempi degli stessi Pontefici, non così volentieri si
persuadevano a farlo; ed ancorchè delle censure scagliate contro di
loro n'avessero sommo spavento e terrore, con tutto ciò non era tanto,
che riputandole per questo fatto ingiuste, si dovessero disporre a
lasciare niente di ciò che aveano preso.

Essendosi adunque portate le cose a questo stato, nel quale non vi
poteva esser riposo e quiete tra l'una parte e l'altra: ciascuna
venne seriamente a pensare, come potessero uscir da tanti sospetti ed
inquietudini per mezzo d'un accordo, che fosse per ambedue vantaggioso.

Roberto fra se medesimo considerava, che se bene stesse sicuro di non
potere colla forza da' Pontefici romani esser costretto lasciar le sue
conquiste, nelle quali s'era per tante vie stabilito; nulladimanco
che non bisognava avergli inimici, poichè quantunque secondo lo
stato presente delle cose non potessero ricever aiuti dagl'Imperadori
d'Occidente, nè da altri Principi convicini; nulladimanco erasi per
lunga esperienza veduto, che non sarebbon loro mancate occasioni,
quando l'opportunità d'altro tempo lo portava, di turbargli: che le
maggiori inquietudini ed ostacoli la sua Nazione gli avea sofferti
da' Papi, più che dai Greci stessi. Lo spaventavano le censure, e più
gli eventi infelici, che aveano sovente portato agli altri Principi:
che presso i Popoli, a cui eran in sommo orrore, non potesse nascere
qualche sollevazione, e particolarmente appo i Pugliesi, che non ben
s'erano rassodati: che i suoi acquisti eran recenti in paesi stranieri,
ove bisognava più tosto farsi degli amici, che degl'inimici: che i
tumulti nati per Bacelardo suo nipote potrebbero esser fomentati di
nuovo, con porre in su quel partito, nel che i Papi solevano usare ogni
accortezza, tanto maggiormente che si portava opinione essergli da lui
stata usurpata la successione: finalmente che bisognava aver amico il
Papa, non solo per ciò che s'era acquistato, ma molto più per quel che
rimaneva a conquistare nell'altre province, affinchè per l'autorità che
s'aveano i Papi presa, potesse confermarlo nella possessione di ciò che
sperava di avere.

Dall'altra parte il Papa considerava, che co' Normanni erano inutili
le scomuniche; ch'essi non erano gente da lasciare niente, se non
s'adoperassero quei medesimi mezzi, che avean tenuto per conquistarle;
che queste forze non eran da sperare dagli Stati della Chiesa, o dagli
altri Principi vicini, e molto meno dagl'Imperadori d'Occidente, i
quali essendosi da loro alienati per cagione dell'investiture e per
l'elezione de' Pontefici, ancorchè Niccolò in un Concilio tenuto
poc'anz'in Roma avesse proccurato soddisfare ad Errico; nulladimeno
per l'avversione de' Romani erano vicine le cose a prorompere in
aperte dissensioni e guerre crudeli: che per poter sostenere la
causa del Clero, e del Popolo romano, e de' Sommi Pontefici contro
gl'Imperadori, bisognava pensare da ora ad appoggiarsi ad un Principe
forte e valoroso, perchè altrimenti sarebbe riuscita vana ogni loro
impresa: ch'egli non poteva far miglior elezione di Roberto, il quale
colle sue forze avrebbe potuto opporsi efficacemente, e restituire alla
Chiesa romana quella prerogativa, che gl'Imperadori s'aveano usurpata:
che finalmente vi poteva esser modo, col quale la Sede appostolica
accordandosi con Roberto più tosto ne ritrarrebbe vantaggio, che
nocumento.

Erano per queste considerazioni gli animi ben disposti per mezzo d'un
accordo di far terminare ogni contesa, e far nascere la pace in mezzo
a tanti sconvolgimenti. Roberto volle prevenire il Papa, ed essendosi
ritirato in Calabria, inviogli un Ambasciadore con offerte generose
di voler egli soddisfarlo in tutto ciò che desiderava, e che per tal
effetto lo invitava ad un congresso, di cui gli prometteva, che avrebbe
gran soggetto d'essere soddisfatto[280].

Il Papa, che non desiderava altro, e che avea ancora i suoi disegni,
ne fu contentissimo, e ricevuta quest'offerta, coll'occasione di dover
tenere un Concilio per riformare in qualche parte i detestabili costumi
degli Ecclesiastici, gli mandò a dire, ch'egli quel Concilio l'avrebbe
intimato in Melfi, dove sarebbesi portato in persona, ed ove uniti
insieme avrebbero con soddisfazione comune composta ogni contesa.

La corruttela de' costumi ch'era nell'Ordine ecclesiastico in
questi tempi, era in eccesso: e sopra tutto, tolta ogni vergogna,
non aveano nè tampoco difficoltà tener le concubine pubblicamente
nelle proprie case, ed i figliuoli nati da quelle, come con dolore
narra Pier Damiani. Niccolò nel Concilio romano diede contro tali
Concubinari, qualche provvidenza; ma in queste nostre province avea
questo vizio poste sì profonde radici, che non v'era nè Vescovo, nè
Prete, nè Diacono, nè minimo Cherico, che non se ne provedesse: Niccolò
perciò in quest'anno 1059 nella città di Melfi tenne Concilio, ove
condannò e detestò l'abuso, ponendo molte pene contro i concubinari,
e depose ancora il Vescovo di Trani. Ma non perciò potè svellersi
la mala radice; pareva quasi che impossibile, che i Preti potessero
distaccarsene, e quindi è che ne' Concili tenuti da poi, non si vide
inculcar altro, che di toglierle a' Preti, ma sempre invano; anzi in
queste nostre province era così pubblico questo uso delle concubine,
ed il numero fu tale, che arrivarono sino a pretendere l'esenzione
dal Foro secolare, e di non star sottoposte alle pene, che i Principi
secolari contro i concubinari avean stabilite, dicendo, ch'essendo
della famiglia de' Preti, doveano non meno che questi godere del
privilegio del Foro. Ed è cosa maravigliosa il sentire, che Carlo
II d'Angiò ordinasse ne' suoi tempi, che le concubine de' Preti non
stassero sottoposte alla pena della perdita del quarto, come l'altre
de' secolari, ancorchè non gli piacesse esentarle dal Foro, come i
Preti pretendevano.

Essendo adunque il Papa al Concilio in Melfi, sopraggiunse ivi il
famoso Roberto, che portò seco il Principe Riccardo con tutta la
Nobiltà normanna; le allegrezze e l'accoglienze furono grandi; ma si
venne da poi a quel che più importava.

I Normanni per assicurar meglio i loro Stati, proccuravano impegnare i
Papi nella loro difesa, particolarmente contro gl'Imperadori, i quali
avean ragione di ricuperargli, poichè ad essi si toglievano: la Puglia
e la Calabria era cosa fuori di controversia, che agli Imperadori
d'Oriente si toglievano, non già a' Pontefici romani, i quali non
v'aveano alcun diritto. Dall'altra parte gl'Imperadori d'Occidente
pretendevano, che ciò che I Normanni possedevano in queste nostre
province, lo tenessero da loro in Feudo, avendogli investito Errico II,
e che come vassalli dell'Imperio dovessero riconoscergli per Sovrani:
Riccardo che avea involato il Principato di Capua a Landolfo, dovesse
riputarsi come lor vassallo, non altramente che vi furono gli altri
Principi di Capua longobardi suoi predecessori, essendo quel Principato
sottoposto agl'Imperadori d'Occidente come Re d'Italia; pretendevano
queste istesse ragioni sopra i Principati di Benevento e di Salerno,
che Roberto intendeva d'invadere. Doveano adunque impegnarsi i Papi
contro questi due potenti nemici, sopra i cui Stati finalmente si
raggirava l'accordo.

Si pensò per tanto un modo, nel quale ciascheduno trovava il suo
vantaggio. Era già, come s'è detto, introdotto costume, che ciascuno
per conservar meglio i suoi beni gli sottoponeva alla Chiesa romana,
alla quale, obbligandosi i possessori con una leggiera ricognizione,
si dichiaravano ligi, giurandole fedeltà. I Pontefici romani in questi
rincontri sempre v'aveano i loro vantaggi, poich'essi niente davano del
loro, ed all'incontro, oltre della fedeltà giurata, ed il censo, nel
caso di mancanza di prole legittima e maschile, i Stati si devolvevano
alla Chiesa, ed era in loro arbitrio d'investirne da poi altri. I
Popoli ed i Principi poco curavano d'esaminare se potessero farlo,
o no, e donde venisse questo lor dritto d'investire, farsi giurare
fedeltà, e di conceder anche titoli di Conti e di Duchi: bastava ad
essi che fossero difesi colle scomuniche, delle quali si aveva tanto
spavento, osservando, che i loro nemici sovente s'astenevano di mover
loro guerra per non esporsi a' fulmini della Chiesa. S'aggiungeva
ancora il vedere la potenza de' Pontefici romani essere in sì sublime
grado ridotta, che s'arrogavano la potestà d'assolvere i loro vassalli
da' giuramenti, e di poter ancora deponere gl'Imperadori ed i più
grandi Monarchi della terra; onde molto meno recava loro maraviglia se
potessero dar titoli di Conte e di Duca, quando presumevano di far essi
gl'Imperadori stessi d'Occidente, e trasferire l'Imperio da una Nazione
in un'altra.

Ma quello, che veramente portava stupore era il vedere, che s'erano
persuasi, che non solo potessero i romani Pontefici investire e farsi
dar giuramenti di fedeltà di quelle terre, che erano a loro offerte
a questo fine; ma anche di province e Regni, che doveano ancora
conquistarsi. E presso coloro che s'accingevano alla conquista, trovava
ciò facile credenza, perch'era cosa per loro molto acconcia, di poter
in cotal guisa essere non pur animati all'impresa, ma assicurarsi delle
future conquiste, perchè volendosi opporre i possessori, che erano
spogliati, doveano ancora esporsi agli fulmini della Chiesa, che loro
si opponeva.

Fu dunque cosa molto facile venire a capo di quest'accordo, come
quello che finalmente si raggirava, come meglio sopra gli Stati altrui
potesse ciascuno profittare. Niente importava che sopra le spoglie dei
Greci e de' Longobardi si pattuisse. Niente ancora si badò al Principe
Bacelardo, che si teneva dal zio spogliato. Niente al Principe Landolfo
discacciato da Capua; ma ciascuno rimirando a' suoi propri comodi e
disegni, conchiusero di buon accordo il tutto in cotale guisa. Che
Roberto co' suoi Normanni fossero assoluti da tutte le censure. Che a
Roberto si confermasse il Ducato di Puglia e di Calabria, ed oltre a
ciò, che cacciando i Greci ed i Saraceni, che in gran parte tenevano
occupata la Sicilia, dovesse il Papa investirlo anche di quell'isola
con titolo di Duca; ed in fine, che a Riccardo Principe di Capua si
confermasse il Principato, che a Landolfo avea usurpato.

All'incontro fu convenuto, che Roberto e Riccardo ed i loro successori
si mettessero sotto la protezione del Papa, il quale confermava
loro la possessione di tutti i Stati che aveano in Italia, e della
Sicilia quando essi l'avessero conquistata sopra i Saraceni: che gli
prestassero perciò il giuramento di fedeltà come Feudatari della
Santa Sede, alla quale dovesse Roberto per ciascun anno pagare il
censo di dodici denari di Pavia per ogni paio di buoi; siccome narra
Lione Ostiense[281]; e Fr. Tolomeo di Lucca aggiunge, che Roberto non
s'obbligò a quest'annuo censo, o costretto, o ricercato dal Papa, ma di
sua spontanea e libera volontà.

Questo fu stabilito in Melfi in quest'anno 1059 ed ancorchè alcuni
scrivano, che ciò anche fu confermato nel Concilio dal Papa ivi tenuto;
nulladimeno non essendo quest'affare appartenente al medesimo, che
erasi sol ragunato per riformare i costumi degli Ecclesiastici, altri
non ardiscono di dirlo, ma solamente che mentre il Papa coll'occasione
del Concilio si trovava in Melfi, avesse ricevuto da' Normanni il
giuramento della fedeltà, e data l'investitura. Che che ne sia, egli
è certo, che si eseguì il trattato fedelissimamente da una parte e
dall'altra; e Roberto prestò il giuramento di fedeltà, che il Baronio
dice aver egli trovato nel Codice del Vaticano detto _Liber censuum_,
ove vien riferita la formola, colla quale il Duca Roberto giurò al
Papa fedeltà, che comincia: _Ego Robertus Dei gratia, et S. Petri Dux
Apuliae, et Calabriae, atque utroque subveniente futurus Siciliae_.
Nota il Sigonio, che il Papa non il confermò Duca colla cerimonia
francese usata da' Duchi di Normannia, e di sopra rapportata, cioè con
dargli l'anello nel dito, il berrettino in testa, e col cingergli la
spada al fianco: ma colla cerimonia italiana, dandogli lo Stendardo
nella destra, e facendolo Gonfaloniero di S. Chiesa; onde Guiscardo da
quest'anno cominciò a valersi di questo titolo Ducale: _Dux Apuliae,
Calabriae, et futurus Siciliae_.

Alcuni anche rapportano, che Roberto allora avesse restituita a Papa
Niccolò la città di Benevento, e la città di Troja; ma lo dicono
senz'alcun fondamento di verità; poichè in questi tempi la città
di Benevento era in potere di Landolfo Principe di Benevento, e
di suo figliuolo Pandolfo, i quali erano stati già restituiti nel
loro Principato, come rapporta l'Autore contemporaneo della Cronaca
de' Duchi e Principi di Benevento; nè se non molto tempo da poi fu
alla Chiesa romana, per le ragioni, che vi pretendeva, da Roberto
restituita, quando, vinti ch'ebbe i Principi longobardi, che tennero
quel Principato, gli cacciò da' loro Stati, come diremo più innanzi.
Nè della città di Troja presso gravi e vecchi Scrittori si ha memoria
alcuna, che si fosse al Papa restituita, non costando come mai
v'avessero potuto avere diritto alcuno, quando poc'anni da poi, che
fu da' Greci edificata, fu a' medesimi tolta dai Normanni; e par che i
successi, e quel che anche oggi giorno veggiamo, confermino quanto si
dice, poichè solamente Benevento si vede essere della Chiesa romana, ma
di Troja non si legge, che fosse stata in alcun tempo sotto il di lei
dominio.

Ecco il fondamento del diritto, che pretendono i Pontefici romani sopra
i Reami di Napoli e di Sicilia: fondamento ancorchè a questi tempi
debole e vacillante, nulladimanco in progresso di tempo renduto più
fermo e stabile, potè per l'accortezza de' successori di Niccolò II
sostenere fabbriche sì grandi ed eccelse, che arrivarono a disporre di
questi Regni a lor piacere ed arbitrio, ed a trasferirgli di gente in
gente, come s'osserverà nel corso di quest'Istoria.

Essi deono questo benefizio e questa parte sì considerabile della
loro grandezza temporale a' Normanni, i quali per impegnarli nella
loro difesa, o particolarmente contro gl'Imperadori d'Oriente, i
quali potevano pretendere, che una gran parte di ciò di che questi
conquistatori s'erano impadroniti, loro s'appartenesse; ovvero che la
tenessero da quei d'Occidente in Feudo, da chi n'aveano prima ricevute
l'investiture: essi non fecero punto di difficoltà di dichiararsi
ligi de' Pontefici romani, a fin che loro non si potesse far guerra
senz'esporsi a' fulmini della Chiesa.

Questi furono i primi semi, che coltivati da poi da esperte mani,
posero col correre degli anni radici così profonde, ed inalzarono
piante così eccelse, che finalmente fu riputato il Regno di Sicilia
essere spezial patrimonio di S. Pietro, e Feudo della Sede Appostolica
romana. Quindi nacque, che presso i nostri Scrittori fosse stato
creduto, che la Chiesa romana come suo patrimonio n'avesse investito
i Normanni, chi allegando perciò la donazione di Costantino M.,
e chi quella di Pipino e di Carlo M., e chi le donazioni degli
altri Imperadori d'Occidente. Vissero costoro in queste tenebre per
l'ignoranza dell'istoria, infino che Marino Freccia[282] non cominciò
fra' nostri ad aprir gli occhi, ed a ricever lume dall'istoria, con
iscoprire l'inganno, e ad avvertire che queste investiture non possono
fondarsi in altro che nella consuetudine, in vigor della quale la
Chiesa romana è stata solita investire. E parlando di quest'investitura
di Niccolò II e dell'altre seguite in appresso, non ebbe difficoltà
di dire: _Ecclesia non dedit, sed accepit: non transtulit, sed ab alio
occupatum recepit_; compassionando il suo affine Matteo d'Afflitto, che
scrisse aver Costantino M. donato questo regno alla Chiesa, con dire,
_affinis meus hìstoricus non est, auditu percepit, etc._

Questa prima investitura, perciò che riguarda la persona di Roberto,
non abbracciava altro che il Ducato di Puglia e di Calabria, come cantò
il nostro Guglielmo Pugliese[283]:

    _Robertum donat Nicolaus honore Ducali,_
    _Unde sibi Calaber concessus, et Appulus omnis._

E per Riccardo abbracciava solamente il Principato di Capua. Ma v'erano
semi tali, che ben poteva comprendersi, che il medesimo si sarebbe
fatto per tutte le altre province, che insino a questo tempo non erano
ancora passate sotto la dominazione de' Normanni: fu investito Roberto
anche della Sicilia, che dovea ancora togliersi a' Greci ed a' Saraceni
che la tenevano invasa. L'istesso certamente dovea credersi del
Principato di Salerno, dell'altro di Benevento, d'Amalfi, di Napoli,
di Bari, di Gaeta, e di tutto ciò che oggi compone il Regno, siccome
l'esito lo comprovò; perchè conquistati che furono da' Normanni, e
discacciati interamente i Greci ed i Principi longobardi, vollero anche
da' Pontefici esserne investiti, i quali di buon gusto lo facevano,
niente a lor costando, anzi il vantaggio era per essi assai maggiore,
che di coloro che lo desideravano.

I Normanni all'incontro non molto si curavano di farlo, perchè oltre
que' vantaggi, che si sono poc'anzi notati, essi per allora niente
di danno ne sentivano; poichè toltane quella piccola ricognizione del
censo, appresso loro rimanevano le supreme regalie, governando i loro
Stati con assoluto e libero imperio, come supremi ed indipendenti,
e si riputavano piuttosto tributarj della Sede Appostolica, che veri
Feudatarj; poichè in questi tempi l'essere uomo _ligio_, non era preso
in quel senso, che ora si prende presso i nostri Feudisti, ma denotava
una sorta di confederazione, e _lega_ che l'inferiore con astringersi
a giurargli fedeltà, prometteva al superiore di soccorrerlo in guerra,
ovvero pagargli ogni anno certo tributo o censo[284]. Ciò che tra'
Principi istessi era solito praticarsi, siccome fece Roberto Conte di
Namur con Odoardo III Re d'Inghilterra[285], il Duca Gueldrio con Carlo
Re di Francia, ed in fra di loro Filippo di Valois Re di Francia, ed
Alfonso Re di Castiglia[286].

Co' Pontefici romani per le cagioni di sopra rapportate era più
frequente il costume. I Re d'Inghilterra s'obbligarono alla Sede
appostolica pagare il tributo, il quale sopra quel Regno sino a' tempi
d'Errico VIII fu esatto, chiamato il denaro di S. Pietro; anzi non vi
fu quasi Principe d'Europa, che non sottoponessero a tributo i loro
Regni alla Chiesa romana; tanto che Cujacio parlando di questo costume
renduto a questi tempi frequentissimo, ebbe a dire, _et qui non Reges
olim_? I Pontefici romani in questi principj si contentavano del solo
censo per render soave il giogo, ma tanto bastò, che in decorso di
tempo potessero per la loro accortezza aprirsi il campo a pretensioni
maggiori, come lo seppero ben fare nell'opportunità, che si noteranno
più innanzi nel decorso di questa Istoria.



CAPITOLO I.

_Il Ducato di Bari passa sotto la dominazione de' Normanni._


Terminato in Melfi in cotal guisa il Congresso con soddisfazione
d'amendue le parti, il Papa tornossene in Roma, e Roberto in Calabria,
per finir di ridurre alcune altre Piazze, che erano ancor rimase in
potere de' Greci. Tosto se ne rese padrone; e scorgendo che il Conte
Ruggiero suo fratello in quell'imprese s'era portato con estraordinaria
fortezza e valore, lasciò il medesimo in Calabria per finire quel che
restava, come fece valorosamente, ed egli intanto in Puglia ritornato,
pensò nuovi modi per istabilirsi meglio le conquiste, e nell'istesso
tempo aprirsi altre vie per maggiori acquisti.

Pensò per tanto d'acquistarsi alleanze e parentadi co' Principi
longobardi, ed avendo scorto, che il Principe di Salerno per tanti
Stati s'era sopra tutti gli altri avanzato, mandò Ambasciadori
a Gisulfo II, che a Guaimaro IV suo padre era in quel Principato
succeduto, a chiedergli la sorella per isposa. Il partito se bene
non dovea rifiutarsi da Gisulfo, pure vi trovava qualche difficoltà,
così perchè conoscendo il genio della Nazione, che pur troppo sapeva
profittare sopra i Stati altrui, temeva non por questo parentado
gli venisse qualche danno, come ancora perchè nell'istesso tempo che
Roberto gli chiedeva sua sorella, egli avea Alverada per moglie, dalla
quale avea generato il famoso Boemondo. Ma replicando egli che aveala
ripudiata, e credeva averlo potuto fare per essere sua parente, al
che allora si stimava non potersi rimediare colle dispense del Papa,
le quali non erano così frequenti: per non disgustarsi con lui sì
apertamente, Gisulfo non osò di rifiutarlo; laonde diegli in maritaggio
la primogenita delle sue sorelle appellata Sicelgaita[287]. E nel
medesimo tempo sposò un'altra sua sorella minore, Gaidelgrima nomata,
ad un altro Principe normanno, dandole in dote Nola, Marigliano Palma,
Sarno, ed altri luoghi convicini, i quali non furon mai sottoposti a'
Principi di Capua, ma a' Principi di Salerno[288]. Questi fu Giordano
I figliuolo di Riccardo Conte d'Aversa, il quale dopo aver tolto a
Landolfo ultimo de' Principi longobardi il Principato di Capua, ne
avea fatto Principe Giordano suo figliuolo. Avealo ancora fatto Duca
di Gaeta, come lui; non è però che Gaeta non avesse anche sotto questi
due Principi i suoi Duchi particolari; ebbe Goffredo, ovvero Loffredo
Ridello nell'anno 1072 ed altri; ma si diceano così, non altrimente,
che si disse Pandulfo Conte di Capua, al quale Giovanni VIII l'avea
conceduta, con tutto che vi fosse Docibile Duca, che a Pandolfo era
sottoposto, sicom'era ora Goffredo ai Principi di Capua normanni.

Roberto intanto facendo ritorno in Calabria con questa novella sposa,
s'accinse alla magnanima impresa della Sicilia[289], e dopo aver quivi
col suo fratello Roggiero fatte molte conquiste, che si diranno in più
opportuno luogo, in Calabria fece ritorno; e poichè i Greci ancora si
mantenevano in Bari, in Otranto, ed in alcune altre Piazze dell'antica
Calabria, a discacciargli da quest'angolo, e principalmente da Bari,
ove tenevano raccolte tutte le loro forze, drizzò tutte le sue cure ed
ogni suo pensiero.

Ma pria che s'accingesse a quest'impresa bisognò che dissipasse una
nuova congiura, che Goffredo e Gocelino principali Cavalieri normanni,
col pretesto di riporre Bacelardo figliuolo d'Umfredo nel Contado di
Puglia, del quale n'era stato spogliato da Roberto, aveano ordita.
Tosto che questo valoroso Campione n'ebbe notizia, dissipò in maniera
i Congiurati, che molti ne imprigionò, e fece punire con estremo
rigore, disperdendo il resto: Gocelino per asilo si ritirò appo
de' Greci in Costantinopoli; Goffredo in una fortezza; e l'infelice
Principe Bacelardo salvossi in Bari, donde dopo alcun tempo portossi in
Costantinopoli a dimandar soccorso all'Imperadore Costantino Duca, che
nell'anno 1060 ad Isaacio era succeduto, per impegnarlo contro Roberto
a riporlo ne' suoi Stati.

Erasi mantenuta la città di Bari insino a questi tempi sotto la
dominazione degl'Imperadori d'Oriente, e come capo di quella provincia
riteneva ancora la sede de' primi Magistrati greci; anzi in questi
tempi gl'Imperadori di Costantinopoli l'aveano innalzata ad esser
metropoli d'un nuovo Principato, che di Bari fu detto, ed era prima
chiamato Ducato, poichè vi aveano costituito Argiro per Duca, ed anche
secondo il solito fasto de' Greci, Ducato d'Italia lo appellarono. In
questa città essi tenevano raccolte tutte le loro forze, ed il maggior
loro presidio; per la qual cosa per molti anni era stata la sorgiva
delle sedizioni contra i Principi normanni, ed un asilo sicuro per
li sediziosi: il che fece meditar per lungo tempo al Duca Roberto il
disegno d'assediarla.

Ma avvisati appena i Baresi de' disegni di questo Principe, ne
mandarono tosto la novella in Costantinopoli all'Imperadore, il quale
stimolato anche da Gocelino, mandò tosto per difesa della città un
nuovo Catapano, Stefano Paterano, ovvero Sebastoforo nomato. Questi
venuto in Bari si dispose ad una forte difesa, ed intanto Roberto
avendo unito il suo esercito, non reputandolo allora sufficiente per
l'assedio di quella capitale, andava scorrendo i luoghi vicini, e
prima di portarlo in Bari, lo mise in Otranto, e tanto afflisse questa
città insino che gli venne resa[290]: indi avendo fatto venire molti
vascelli dalla Calabria, accresciuto il suo esercito d'altre truppe,
si dispose finalmente in quest'anno 1067 a cingere Bari di stretto
assedio per mare e per terra[291]. Fu quest'assedio assai memorabile,
e pieno d'azioni gloriose così per l'una, come per l'altra parte, che
l'istituto della mia opera mi costringe a doverle tralasciare, come fo
volentieri, non mancando Scrittori, che minutamente le rapportano[292].

Durò quest'assedio, come narrano Guglielmo Pugliese[293] e Lione
Ostiense[294], poco meno che quattro anni, e fu guerreggiato con
estremo valore ed ugual ferocia. La difesa che fece il nuovo Catapano
fu ostinata e valorosa, siccome gli aggressori intraprendenti ed
arditi; ed avrebbe l'impresa de' Normanni sortito infelice esito, se
non fosse stata soccorsa l'armata di Roberto da Roggiero suo fratello,
il quale resosi padrone di buona parte della Sicilia, mandogli di là
un'altra armata in soccorso. Vinse alla perfine Roberto l'ostinazione
degli assediati, e gli constrinse a render quella importantissima
Piazza; onde nel mese d'aprile dell'anno 1070 gli furono aperte le
porte, dandosi senz'alcuna condizione in potere della sua clemenza
e valore[295]: il Duca Roberto entrato nella città, trattò i Baresi
con tutta umanità: onorò il Catapano, al quale pose in suo arbitrio
se volesse coi suoi Greci rimaner in Bari, che sarebbero stati da lui
bene impiegati, ovvero tornarsene liberi in Costantinopoli, siccome
risolvettero di fare; e dopo essersi fermato per molti giorni nella
città spendendogli in pubbliche feste ed allegrezze, se ne partì dopo
tre mesi con un'armata di 58 vascelli, che condusse seco in Sicilia
all'espugnazione di Palermo[296].

Ecco come il famoso Roberto trionfò di Bari, città la quale dopo
essersi mantenuta sì lungamente sotto il dominio de' Greci, e per varie
vicende ora tolta, ed ora ripresa, finalmente in quest'ultima volta
uscì dalla loro dominazione, e con essa la speranza di più riaverla;
poichè senz'essere mai più ritornata in lor potere, ancorchè altre
volte avessero tentato di ricuperarla, ma sempre inutilmente, si
mantenne sotto il dominio di Roberto, che la tramandò a' suoi posteri.
Ed ecco come il Ducato di Bari da' Greci passò a' Normanni sotto
Roberto, il quale per amministrarlo vi creò un nuovo Duca, sotto il
quale si reggeva. Così tratto tratto s'andavan unendo queste province
in una sola persona, come poi fortunatamente avvenne al Conte Roggiero,
ch'ebbe la gloria di porre unita sopra il suo capo la Corona di Sicilia
e del Regno di Puglia.



CAPITOLO II.

_Conquiste de' Normanni sopra la Sicilia._


Intanto essendo accaduta in Firenze nell'anno 1061 ne' principj di
luglio la morte di Papa Niccolò II, che per due anni e mezzo tenne
il Ponteficato[297], insorsero in Roma i soliti disordini e tumulti
per l'elezione del successore. Il famoso Ildebrando per sedargli,
unitosi co' Cardinali e con la Nobiltà romana, dopo tre mesi, elessero
finalmente il Vescovo di Lucca di patria milanese, che Alessandro
II appellossi. Nell'elezione non vi fecero aver parte alcuna
all'Imperadore, il quale perciò fortemente sdegnato, fece eleggere il
Vescovo di Parma suo Cancelliero per Papa, che Onorio II chiamarono per
opporlo ad Alessandro; e non bastandogli questo, lo mandò in Roma con
molte truppe per discacciarne il suo Competitore. Cominciarono quindi
le discordie tra i Pontefici romani, e gl'Imperadori d'Occidente a
prorompere in manifeste guerre e fazioni, e ciascheduno si studiava
d'ingrossare il suo partito. Nè mancarono dalla parte dell'Imperadore
gl'istessi maggiori Prelati della Chiesa, e' più insigni Teologi di
quell'età, che sostenessero la sua causa; ma contro tutti questi con
inaudita arditezza e vigore faceva testa l'intrepido Ildebrando, il
quale, perchè l'Arcivescovo di Colonia avea ripreso Alessandro, che
senza il consenso di Cesare contro ciò ch'erasi dinanzi praticato,
aveva avuto l'ardire di ricevere il Ponteficato: egli con tutto il
vigore ed intrepidezza, gli rispose in faccia, che quella era una
corruttela dannabile e cattiva più tosto, che consuetudine, contro i
canoni della Chiesa; e che nè il Papa, nè i Vescovi, nè i Cardinali,
nè gli Arcidiaconi, nè chi si voglia altro potevan farlo: essere la
Sede Appostolica libera, e non serva: che se Niccolò II l'aveva fatto,
stoltamente portossi, nè per l'umana stoltizia dovea la Chiesa perdere
la sua dignità: che non si sarebbe mai per l'avvenire sofferta tanta
indegnità, che i Re di Alemagna potessero costituir i Pontefici romani.

Crebbero perciò, e maggiormente s'esacerbarono le contenzioni,
ma cresciuto il partito d'Alessandro per la accortezza e vigore
d'Ildebrando, restò depresso quello d'Onorio, il quale in quest'istesso
anno, che s'intruse nel Ponteficato, fu da quello deposto e condennato
nel Concilio di Mantua, ma però non volle mai deporre l'insegne
pontificali.

Nel Ponteficato d'Alessandro II, per l'accordo poco prima fatto col
suo predecessore, non vi furono occasioni di contese tra lui, e'
Principi normanni; anzi Alessandro confermò a Roberto ciò, che gli
avea conceduto Niccolò II, e mandò al Conte Roggiero, nel mentr'era
per accingersi all'impresa di Sicilia, lo stendardo per la conquista
di quella; essendo allor costume, come narra il Baronio[298], che i
Papi quando volevano eccitare alcun Principe cristiano alla conquista
d'un nuovo Regno, di mandargli lo stendardo, dichiarandolo Gonfaloniere
di Santa Chiesa. I Normanni perciò proccuravano i loro vantaggi
nell'istesso tempo, che mostravano avere tutto il rispetto alla Sede
Appostolica; nè mancavano intanto lasciar di loro monumenti di pietà
e di munificenza verso le Chiese, e precisamente verso il monastero
di Monte Cassino, nel quale presidendo l'Abate Desiderio, Riccardo
Principe di Capua gli fece donazioni sì larghe e generose, che narrano
Lione e Pietro Diacono, non essere mai stato miglior tempo e più
accettabile per quei Monaci[299]. Questo Principe, oltre di molti
castelli e luoghi vicini a quel monastero, gli donò il castello dì
Teramo, che per la fellonia del Conte, essendo stato prima _secundum
Longobardorum legem_, com'ei dice nel Diploma riferito dal P. della
Noce[300], aggiudicato al Fisco, passò a quel monastero. Molte altre
Chiese donò al medesimo, essendo allora le Chiese in commercio e fra
l'altre quella di Calena posta nel Gargano vicino la città di Vesti;
poichè secondo la divisione fatta in Melfi, Siponto col Monte Gargano
a Riccardo toccò in sorte. Perciò Desiderio, Abate, ancorchè di sangue
longobardo, s'attaccò ai Normanni e fu loro dipendente, nè molto
curavasi della depressione de' Principi longobardi, ancorchè prima
mostrasse per la sua Nazione contrari sentimenti.

Ma questo Principe Riccardo, sentendo i progressi che i Normanni
della stirpe di Tancredi d'Altavilla, aveano fatto nella Puglia
e nella Calabria, e che ora facevano in Sicilia, imputando a sua
codardia il non corrisponder egli a quel valore, punto da sì acuti
stimoli, non fu contento del Principato di Capua, che avea tolto a
Pandolfo, ma ad imprese più generose e grandi si volle accingere.
Egli pensava profittare delle gravi discordie, che passavano tra
'l Papa e l'Imperador Errico per le cagioni esposte, e per ciò non
ebbe alcuno ritegno d'invadere la Campagna di Roma, e di avvicinarsi
presso Roma istessa per prevenire ad Errico, che intendeva doversi
portare a quella città per ricevere dalle mani del Papa la corona
imperiale[301]. Com'egli fu avvicinato presso Roma, tentò tutti i mezzi
co' Romani, perchè gli dessero il Patriziato, ch'era un sommo onore,
e che soleva precedere all'altro dell'Imperio; ma Errico avendo avuta
tal notizia, non perdè un momento di tempo a calar tosto in Italia con
grand'esercito, portandosi ancora in suo soccorso Goffredo Marchese di
Toscana. I Normanni, conosciutisi di impari forze, furono costretti
abbandonar l'impresa, e ritirarsi dalla Campagna: e dopo alquante
scaramucce, finalmente essendovisi frapposto Papa Alessandro, Riccardo
accordossi con Goffredo, e fece a Capua ritorno.

Il Papa essendo poco da poi stato invitato dall'Abate Desiderio per
consecrar la Chiesa di M. Cassino, da lui magnificamente rifatta, vi si
condusse con Ildebrando e molti Cardinali, ove con solenne cerimonia
e grande apparato, celebrò la funzione, intervenendovi dieci nostri
Arcivescovi, e 43 Vescovi. E per renderla Desiderio più magnifica
v'invitò anche tutti i nostri Principi così normanni, come longobardi
che tenevano allora queste province, come ancora i Duchi di Napoli
e di Sorrento. Vi venne Riccardo Principe di Capua con Giordano suo
figliuolo, e col fratello Rainulfo. Fuvvi Gisulfo Principe di Salerno
co' suoi fratelli: ma ciò che dovrà notarsi al nostro proposito
sarà, che in questa celebrità, come narra Ostiense[302], intervenne
anche Landolfo Principe di Benevento, confermandosi per l'ocular
testimonianza di Lione che vi fu presente e trovavasi Bibliotecario di
Monte Cassino, quel che scrisse l'Anonimo Beneventano nella Cronaca de'
Duchi e Principi di Benevento, che Landolfo fu restituito al Principato
di Benevento, nè se non molto tempo da poi s'estinse il Principato
dei Longobardi, passando la città sotto il Papa ed il resto di quello
sotto i Normanni. V'intervenne ancora Sergio Duca di Sorrento; poichè
Sorrento erasi distaccato dal Ducato di Napoli, al quale prima era
sottoposto, come molto tempo prima avea fatto Amalfi; e questi due
Ducati, essendo Amalfi già passata sotto i Principi di Salerno, in
forma di Repubblica co' loro Duchi e Consoli si governavano ancorchè
dependenti dall'Imperio greco[303]. Furonvi anche i Conti di Marsi, e
molti altri Baroni longobardi e normanni, de' quali fin da questi tempi
era un buon numero in queste province.

Solo il famoso duca Roberto quivi non convenne. Ritrovavasi egli
insieme col Conte Ruggiero suo fratello in Sicilia, ove all'assedio
di Palermo avea rivolti tutti i suoi pensieri e le sue forze.
Quest'isola, che caduta sotto il giogo de' Saraceni, erasi sotto
Maniace, coll'aiuto de' Normanni, restituita in buona parte all'Imperio
d'Oriente, disgustati i Normanni, e succeduti a Maniace Governadori
poco abili, era stata ripigliata di bel nuovo da' Saraceni, i quali
aveano discacciati i Greci da tutte le Piazze, e solo Messina era
loro rimasa; ma alla fine furono costretti nell'anno 1058 anche
abbandonarla, e lasciare tutta quell'isola alla discrezione e balia
di quest'Infedeli. Roberto Guiscardo col suo fratello minore Ruggiero
la invase, e dopo aver soggiogate quasi tutte le sue più principali
città, era solo rimasa Palermo da conquistarsi; Piazza la più forte
e principale dell'isola, ove i Saraceni aveano riposto tutto il loro
presidio; ma l'assedio che vi posero questi due valorosi Campioni fu
così stretto e vigoroso, che non passarono cinque mesi, che furono
obbligati i Saraceni a renderla nelle mani di Roberto, il quale insieme
con Ruggiero entrarono nella città con infinite acclamazioni de'
Popoli. Roberto conquistato ch'ebbe Palermo, per cattivarsi gli animi
de' Saraceni renduti ormai siciliani, diede loro libertà di religione,
facendogli intendere, che stesse in loro libertà, o di farsi Cristiani,
ovvero rimanere nella loro religione maomettana. Allora fu che Roberto
investì[304] di tutta quest'isola Ruggiero suo fratello, creandolo
Conte di Sicilia, colle forze ed egregie virtù del quale aveala
acquistata. Ritenne per se la metà di Palermo, di Valle di Demona e di
Messina; e lasciato in Sicilia suo fratello, in Puglia fece ritorno, ed
in Melfi fermossi[305]. Quindi è che Ruggiero non ricercò investitura
dal Papa, perchè la teneva da Roberto suo fratello.

Così questi due Principi, regnando uno in Puglia col titolo di Duca,
l'altro in Sicilia con titolo di Conte, ponevan terrore a' vicini.
Alcuni, perciò che Roberto investì della Sicilia Ruggiero suo fratello,
han voluto dire, che questi riconoscendo da lui il dominio, ed il
titolo di Conte di Sicilia, quest'isola fosse subordinata a' Duchi
di Puglia; e che il titolo regio ch'ebbe da poi Ruggiero da Anacleto
Antipapa, di Re di Sicilia, confermatogli da Innocenzio II, come
diremo, s'intendesse di questo nostro Regno, che si disse Regno di
Puglia, e non dell'isola di Sicilia[306]. Altri per contrario, come
Inveges[307], dicono, che questo nostro Regno fosse subordinato
all'isola di Sicilia.

Ma da ciò che abbiam narrato, e molto più da quello che saremo per
notare, si conoscerà chiaro, che nè il Regno di Puglia fu subordinato
a quello di Sicilia, nè la Sicilia alla Puglia, avendo avuto ciascuno
sue leggi ed istituiti particolari, ed essendo stati governati da'
proprj Ufficiali. Egli è vero, che riguardandosi che i Normanni dopo
aver conquistata la Puglia e la Calabria, si resero padroni di quella
isola, e che come aggiunta al Ducato di Puglia e di Calabria, ne avesse
da poi Roberto investito Ruggiero, par che la Sicilia dovesse dirsi
subordinata a' Duchi di Puglia; nulladimanco avendo Roberto fermata
la sua sede in Puglia, e Ruggiero in Sicilia, e governati questi
due Stati independentemente l'uno dall'altro, non può assolutamente
dirsi, che l'uno stesse subordinato all'altro. E quantunque morto
Roberto, Ruggiero succeduto anche nel Ducato di Puglia e di Calabria
avesse fermata la sua regia sede in Palermo, ove la tennero anche i
Re normanni suoi successori, non è però che il Regno di Puglia fosse
stato subordinato a quel di Sicilia, ma come due Regni per se divisi
si governavano, nè che fosse stato mai l'uno reputato come provincia
dell'altro, come si farà chiaro nel proseguimento di quest'Istoria.

Roberto intanto ritornato in Melfi fu ricevuto con grande applauso
e giubilo da tutti i Baroni di Puglia e di Calabria, i quali come
loro Sovrano, si congratularono con esso lui della conquista di
Palermo[308]. Solamente Pietro figliuolo del Conte di Trani non volle
mai rendergli quest'onore, affettando questi un'intera independenza,
ed avea perciò rifiutato di dargli soccorso per la spedizione di
Sicilia[309]. Sdegnato perciò Roberto lo condannò a rimettergli in
sue mani la città di Trani ed alcune altre terre che erano sotto di
lui; ma Pietro opponendosi con intrepidezza, cagionò a se medesimo la
sua ruina, poichè Trani assediata, e ben presto presa, l'altre Piazze
di sua dipendenza, come Bisceglia, Quarato e Giovenazzo seguirono
tosto l'esempio di Trani. Ritirossi per tanto Pietro in Andria, ove
egli poteva difendersi assai lungo tempo: ma avendo avuto bisogno di
viveri: ed essendo uscito con una buona scorta per andare a cercarne
nella campagna, portò la sua disgrazia, che nel ritorno fosse preso
da' soldati del Duca. Roberto veggendolo così depresso, usogli
grand'indulgenza; poichè avendosi fatto prestar giuramento di fedeltà,
gli restituì generosamente tutte le Piazze, riserbandosi solamente
Trani.

Intanto per la morte d'Alessandro II, accaduta nel mese d'aprile
di quest'anno 1073, Pontefice che menando una vita tutta solitaria
e privata, avea commesso il governo della Santa Sede al famoso
Ildebrando: questi senza farne ricercare l'Imperadore, fece tosto
unire il Clero ed il Popolo romano per l'elezione del successore; e
nell'istesso giorno nel quale morì Alessandro fu acclamato egli per
Pontefice. Domandò Ildebrando all'Imperador Errico la conferma di sua
elezione; ma questo Principe stette qualche tempo a risolvere, e mandò
il Conte Eberardo a Roma per prendere informazione in qual maniera
fosse stata fatta un'elezione tanto sollecita. Ildebrando fece tante
carezze al Conte, che l'indusse a scrivere in suo favore; ed Errico
vedendo che l'opporsi all'elezione già fatta, non avrebbe avuto alcun
effetto, perch'era Ildebrando di lui più potente in Roma, vi diede il
consenso. Così fu egli ordinato Sacerdote, e poi Vescovo di Roma nel
mese di giugno del medesimo anno 1073 e nella sua ordinazione prese il
nome di _Gregorio VII_.



CAPITOLO III.

_Conquiste di ROBERTO sopra il Principato di Salerno ed Amalfi._


Roberto dopo aver domata la Sicilia entrò tosto in pensiero d'unire
sotto la sua dominazione l'altre province, che rimanevano in queste
nostre parti; e per un'opportuna occasione che diremo, gli venne fatto
di conquistare il Principato di Salerno sopra Gisulfo suo cognato.

Gli Amalfitani, che, come si disse, caduti sotto la dominazione del
Principe di Salerno Guaimaro, aveano sperimentato pur troppo aspro il
di lui governo, per sottrarsi dal giogo invasero la città, e presso il
lido del mare insieme con gli altri congiurati crudelmente l'uccisero;
ma repressi da Guido suo fratello, dopo il quinto giorno sedati i
tumulti, riebbe la città, ed a Gisulfo suo nipote figliuolo di Guaimaro
fu restituita. Ma con tutto ciò Gisulfo assai più aspramente che
il padre trattava gli Amalfitani, i quali pensarono di ricorrere al
Duca Roberto perchè interponendosi con suo cognato, impetrasse da lui
qualche umanità e clemenza per loro. Il Duca mosso da questi ricorsi,
inviò Ambasciadori a Gisulfo pregandolo di rilasciare tanto rigore,
con cui trattava gli Amalfitani: ma il Principe riguardando questa
preghiera qual importuna rimostranza, ricevette di mal garbo coloro,
che glie la vennero a fare; e cercando occasione di querela, pretese,
che la Costa dopo Salerno infino al Porto del Fico appartenesse a lui;
dichiarossi ancora di voler far rientrare nel suo dominio Areco e Santa
Eufemia, di cui il Duca erasi impadronito. Roberto alla prima proccurò
di guadagnare suo cognato per le vie delle dolcezze, ed accomodar
amichevolmente le cose[310]; ma Gisulfo rifiutò ogni trattato, fidato
forse al soccorso che sperava da Riccardo Principe di Capua, il qual
era entrato a parte ne' suoi interessi, essendo allora in discordia con
Roberto Guiscardo. Costui per non aver da combattere con due nemici,
trattò secretamente d'aggiustarsi con Riccardo, siccome, fattegli
offerte assai vantaggiose, l'indusse a prendere il suo partito contra
del Principe di Salerno[311]. Egli ancora firmò un trattato particolare
con gli Amalfitani, e gli prese sotto la sua protezione, ed avendo
messa la guarnigione dentro la loro città, si dispose a venire,
seguito dalle sue truppe, e da quelle del Principe di Capua, a mettere
l'assedio alla città di Salerno.

Tutti coloro, che prendevano parte negl'interessi di Gisulfo,
l'avvertivano a prevenir la tempesta; e Gregorio VII che l'amava come
suo figliuolo, e l'Abate Cassinense Desiderio ch'era suo grand'amico,
lo consigliavano ad aver pace con Roberto[312]; ma egli ostinato
nè meno volle dar loro risposta. Nè perciò desistette Desiderio, ma
sapendo che Roberto avea già assediato Salerno impegnò il Principe
Riccardo a venire con esso lui a disporre Gisulfo; ma nè meno poterono
conseguire cos'alcuna, anzi non cessava di pubblicare con alterigia
mal fondata, che non prezzava punto l'amicizia del Duca, alla quale per
sempre rinunziava.

Roberto sdegnato, non guardò più alle maniere dolci, ma strinse
l'assedio, e serrò quella città sì da presso che nel fine di cinque
mesi, fu ridotta ad una estrema carestia. Quelli che la comandavano
veggendo, che non poteva più mantenersi, pensarono alla loro
sicurezza[313]. Uno de' principali ch'erano dentro la Piazza era
Bacelardo figliuolo d'Umfredo, il quale dopo aver inutilmente aspettato
gli ajuti dell'Imperadore di Costantinopoli tornossene in Puglia,
e cercava per ogni parte di vendicarsi di suo zio; e per questo
motivo egli era entrato in Salerno, affine di soccorrere Gisulfo, ma
temendo di sperimentare il rigore del Guiscardo, s'egli cadeva nelle
sue mani, fuggissene la notte; ed andò a ricovrarsi in una Piazza
vicina, chiamata Sanseverino, che gli aprì le porte. Il Duca scrisse
al Conte Ruggiero, che venisse al più presto da Sicilia ad assediar
Sanseverino, fin tanto ch'egli fosse venuto a fine della spedizione
di Salerno. Ma non si tardò molto ad espugnarlo, poichè le mura della
città cominciarono ad aprirsi per tutte le parti, e gli abitanti
stessi vennero ad invitar Roberto ad entrare per la più larga breccia,
affine di prevenire ancora le disgrazie d'una Piazza presa per assalto.
Gisulfo intanto non si rese per questo, ma si difese nella Cittadella;
ma assalito più ferocemente dal Guiscardo, alla perfine fu obbligato di
mostrare altrettanta sommissione, quanta fierezza avea prima mostrata:
egli si rese alla clemenza del vincitore, e dimandogli per ogni grazia
quella della sua libertà; fugli conceduta, essendosi prima ritirato in
Monte Cassino, da poi si ricovrò sotto la protezione di Papa Gregorio
VII, il quale nella Campagna romana gli assegnò alcune terre, ove
potesse abitare, non lasciando intanto egli di appellarsi Principe di
Salerno, Duca di Puglia e di Calabria, come suo padre Guaimaro, non
già di Sicilia, come per isbaglio si legge nello Stemma de' Principi di
Salerno del Pellegrino.

Il Duca fece di bel nuovo fortificare Salerno, ma senza dimorarvi
molto tempo, marciò tosto contro Bacelardo per togliergli il tempo di
fortificarsi in Sanseverino. Egli vi giunse poco dopo suo fratello
Ruggiero, che già aveva attaccata la Piazza; onde cintala più
strettamente, fu forza rendersi a patti, ciocchè fece che Bacelardo
insieme col suo fratello Ermanno pensassero di nuovo di ritirarsi in
Costantinopoli: dove questi infelici Principi menarono il resto della
lor vita in grande miseria, nella quale dopo molti anni morirono.

Ecco come in quest'anno 1075 secondo l'Anonimo Cassinese, Fr. Tolomeo
di Lucca, e Camillo Pellegrino, il Principato di Salerno s'unì al
Ducato di Puglia, di Calabria e di Sicilia, in poter de' Normanni,
sotto il famoso Duca Roberto, il quale tenendo anche Amalfi, già
minacciava l'altre parti, che restavano, di farle passare ancora
sotto il suo dominio. Ed ecco come in Salerno s'estinsero i Principi
longobardi; ma non però restò in tutto estinta questa Nazione; rimasero
ancora, non altramente che nel Principato di Capua, molte famiglie
dell'istesso sangue ne' Contadi vicini[314]. Rimasero Guaimaro Conte
di Capaccio; Pandolfo Conte di Corneto; Giordano Signor del castello
di Corneto del Cilento nipote del Principe Guaimaro; Astolfo figliuolo
del Conte Gisulfo; Romualdo figliuolo di Pietro Conte di Atenolfo;
Castelmanno figliuolo d'Adelferio Conte; Berengario figliuolo d'Alfano
Conte; Giovanni e Landulfo figliuoli d'Ademaro Conte, che fu detto
il Rosso; Giovanni figliuolo di Guaimaro Conte; Glorioso figliuolo di
Pandolfo Conte; i quali erano ancor viventi negli anni 1110 e 1114. E
Sicelgaita figliuola di Glorioso vedova di Marino Cacapece di Napoli
ancor vivea nell'anno 1155[315]. Così ancora da' Conti Guaiferio ed
Alberto di questo sangue, narra Pellegrino, esser derivata in Salerno
la nobile famiglia di Porta, la di cui posterità con ordine certo
insino all'anno 1335 si ritrova nell'antiche carte: siccome di molti
altri Conti salernitani per sette e otto generazioni insino a quel
tempo esservi ne' vetusti monumenti riscontro, attesta questo medesimo
Autore. E se oggi per ordine certo sarà quasi che impossibile trovar la
serie de' medesimi, non è però, che fosse in questo Principato estinto
affatto il sangue longobardo, e forse anche al presente starà nascosto
sotto ruvidi panni di gente rusticana e selvaggia. Documento, niente
essere la nobiltà del sangue, quando lo splendore e le ricchezze da lei
si dipartono.



CAPITOLO IV.

_Il Principato beneventano passa interamente sotto la dominazione de'
Normanni, e la città di Benevento alla Chiesa romana._


Il discacciamento del Principe Gisulfo da Salerno e da Amalfi,
diede a Gregorio VII molto da temere per l'ingrandimento, che in
conseguenza vedeva ne' Principi normanni; ma sopra tutto desiderando
di riporre Gisulfo, cui tanto amava, nella sede donde ne era stato
discacciato, perchè in questa maniera potesse bilanciar le forze
di questi Principi, aspettava opportunità di farlo. Fu ancora più
volte istigato di metter su un altro partito contro Roberto, e di
proteggere i suoi nepoti discacciati; ma non tardò guari che l'istesso
Roberto insieme con Riccardo gli aprirono una ben larga strada alle
contenzioni e brighe. Non erano questi Principi soddisfatti d'aver
cacciato Gisulfo da Salerno, ma vedendo che questi avea sotto Gregorio
trovato nella Campagna romana ricovero, pensarono inseguirlo fin
dove era, e con tal occasione invadere la Campagna; laonde spinsero
incontanente verso quella volta le loro truppe, ed occuparono parte
della Marca d'Ancona[316]. Ma da che in Roma ebbesi la novella, ch'egli
e Riccardo s'avanzavano nelle terre della Chiesa, Gregorio che sopra
tutti i Pontefici non era per sofferire un simil affronto, e che non
aspettava altro che questo per dichiararsi loro inimico, ragunato in
Roma un Concilio con pubblica cerimonia e solennità scomunicò questi
due Principi, e' loro aderenti[317]. Ma scorgendo ch'essi non molto
curavansi di questi fulmini, adoperò nell'istesso tempo un mezzo più
efficace: egli inviò contra di essi una buona armata, che fece loro
tosto voltar cammino. Il Duca ed il Principe per non perder occasione
di proccurarsi in altri luoghi altre conquiste, vennero nell'istesso
tempo a portar l'assedio alla città di Benevento ed a Napoli. Il Duca
strinse Benevento, ed il Principe Napoli.

La città di Benevento insino a questi tempi era stata governata da
Landolfo VI. Questo Principe ancorchè avesse generati molti figliuoli,
nulladimanco fu al Mondo padre infelice, poichè pianse la loro
morte esso vivente. Pandolfo ch'egli avea al Principato associato,
fu nell'anno 1074 ucciso da' Normanni presso Montesarchio: onde
sopravvivendo a quest'unico figliuolo ch'eragli rimaso, tenne il
Principato sino all'anno 1077, ma essendo già d'età grave e cadente,
dopo aver regnato in Benevento 39 anni finì i giorni suoi in quest'anno
1077, nè lasciando di se altra prole, mancò in lui la successione de'
Principi di Benevento. Ecco il periodo di questo Principato; e vedi
intanto l'instabile condizione delle cose mondane. Questo Principato
che sopra tutti gli altri stese i suoi confini, e che in tempo d'Arechi
abbracciava quasi tutto ciò, che al presente è Regno di Napoli, ora
s'estingue affatto, il quale infortunio non ebbero gli altri Principati
di Capua e di Salerno; poichè sebbene in questi mancassero i Principi
longobardi, non però s'estinsero i Principati, ma passati sotto i
Normanni, si mantennero lungamente, e Ruggiero ancorchè riducesse
queste province in forma di Regno, non perciò l'estinse, assumendo fra
gli altri titoli anche quelli di Principe di Capua e di Salerno, e ne
onorò anche i suoi figliuoli. Ma quello di Benevento mancò all'intutto;
poichè ricaduta la città in potere del romano Pontefice, l'altre terre
e città del Principato passarono sotto la dominazione de' Normanni,
che all'altre province da essi conquistate l'aggiunsero: e quindi è
che ne' loro titoli non abbiano nemmeno ritenuto quello di Principe di
Benevento, come affatto estinto.

Per la morte adunque accaduta di Landolfo VI ultimo Principe di
Benevento senza prole, mancando la successione di quel Principe;
tosto Gregorio pretese doversi la città restituire alla Chiesa romana.
All'incontro Roberto, che molte terre di quel Principato avea occupate,
pretese ridurre anche Benevento sotto la sua dominazione, come avea
fatto di quelle terre le quali riconoscevano per loro capo Benevento.
Perciò dando il pensiero a Riccardo Principe di Capua dell'assedio
di Napoli, egli a quello di Benevento fu tutto rivolto. Ma queste due
città, quella di Benevento per l'opera e vigilanza di Gregorio, l'altra
di Napoli per lo valore de' suoi cittadini, difendendosi valorosamente,
portarono in lungo gli assedj.

Intanto ammalossi Riccardo, il quale avendosi proccurata la grazia
di Gregorio, assoluto da costui delle censure, poco da poi ne morì.
Giordano suo figliuolo, che gli successe, nudrendo diversi sentimenti
da suo padre, levò tosto l'assedio da Napoli, e staccatosi dalla
lega che suo padre avea fatta con Guiscardo, s'unì col Papa. Roberto
ancora avendo lasciato alquante truppe all'assedio di Benevento, erasi
ritirato in Calabria; onde Giordano per l'assenza sua, unitosi col
Papa, portò tanto innanzi la cosa, che ricevuta da' Beneventani grossa
somma di denaro, fece togliere immantenente l'assedio da quella città,
mandando a terra tutti gli ordegni e macchine, che il Duca Roberto avea
apparecchiate per ridurre quella città nelle sue mani.

Tanto bastò, che Roberto fortemente sdegnato dei portamenti di
Giordano, tornasse tosto dalla Calabria in Puglia, ove ridotte Ascoli,
Monte Vico ed Ariano, andò contro il Principe sopra il fiume Sarno
per presentargli battaglia; e sarebbero fra di loro venuti alle mani,
se l'Abate Desiderio non si fosse frapposto per la pace, il quale
seppe con tanta efficacia e destrezza placare l'animo sdegnato di
Roberto, che lo piegò a farla, rimanendo questi Principi come prima
nella stessa amicizia[318]. Proccurò ancora Desiderio, che Roberto si
rappacificasse con Papa Gregorio, e seppe così ben portarsi che andato
in Roma proccurò che fosse dal Papa assoluto dalla scomunica, siccome
ottenne, ed ebbe la gloria di por pace tra questi Principi nell'istesso
tempo che le gare e discordie loro s'eran esacerbate in maniera, che si
temeva non dovessero prorompere in più crudeli guerre.

Così i Normanni pacificati col Papa ottennero da lui l'assoluzione
delle censure, ed all'incontro Roberto ridotte le terre di Monticulo,
Carbonara, Pietrapalumbo, Monteverde, Genziano e Spinazzola, sotto
il suo dominio, più non curò di rinovare l'assedio alla città di
Benevento; ma lasciatala così libera a Gregorio come la pretendeva,
dall'ora cominciò questa città a reggersi per la Chiesa romana, la
quale introducendovi nuova politia, per Rettori, che per lo più erano
Cardinali, si governò in appresso[319].

Ecco come la città di Benevento passò in dominio della Chiesa romana,
prima che queste province fossero ridotte ed unite in forma di Regno;
e per questa ragione nell'investiture, che diedero da poi i Papi del
Regno di Napoli, si riserbavano la città di Benevento, come quella
che non era ivi compresa, ma fuori di quello, ed alla Chiesa romana
sottoposta; quindi è che i Beneventani siano reputati come forastieri,
e non naturali del Regno.

E vedi intanto come queste nostre province ch'erano a tanti Principi
sottoposte si uniscono pian piano insieme nella persona di Roberto,
le quali finalmente sotto Ruggiero Conte di Sicilia s'unirono in
forma di Reame. Ora niente restava a Roberto di conquistare che
il picciolo Ducato di Napoli. Questo Ducato, ancorchè riconoscesse
gl'Imperadori d'Oriente per Sovrani, scorgendosi dalle scritture anche
di quest'ultimi tempi, che si ponevano i nomi di quegl'Imperadori, come
si osserva in quella portata dal Summonte, la quale si legge fatta
sotto il nome d'Alessio Comneno; nulladimanco mantenevasi in forma
d'una picciola Repubblica retta da' suoi Duchi e Consoli, i quali per
la declinazione de' Greci in queste parti, aveano quasi che scossa
ogni dipendenza e subordinazione, che prima aveano cogl'Imperadori
d'Oriente. Tutto il rimanente era passato già sotto la dominazione
de' Normanni: sotto Roberto Guiscardo la Puglia, la Calabria, il
Principato di Bari, di Salerno, Amalfi, Sorrento, e le terre del Ducato
di Benevento. Sotto Riccardo il Principato di Capua, ed il Ducato di
Gaeta; la qual città ancorchè avesse i suoi particolari Duchi, era però
subordinata al Principe di Capua.



CAPITOLO V.

_Litigi, ch'ebbe l'Imperador ERRICO con Papa GREGORIO, il quale ricorre
al Duca ROBERTO, che lo libera dall'armi dell'Imperadore._


La pace che Desiderio proccurò tra il Papa ed il Duca Roberto fu
sì opportuna per ambedue, che ciascuno ne ricavò per quella molti
vantaggi, ma sopra tutto Gregorio, che in altra guisa sarebbesi trovato
in angustie più gravi ed insuperabili; poichè certamente senza gli
ajuti di Roberto, sarebbe stato da Errico oppresso. Le discordie tra
lui e l'Imperadore erano esacerbate in maniera, che prorompendo in
manifeste contenzioni, finalmente terminarono in sedizioni, guerre e
scismi ostinati. I primi semi di tante discordie furono le impedite
investiture, ed il vedersi escluso l'Imperadore nell'elezione del Papa;
s'aggiunse ancora il dispetto, che la Contessa Matilda gli fece, per
aver donate molte terre e castelli della Liguria, e della Toscana alla
Sede Appostolica[320]. Gregorio all'incontro accagionando Errico, che
per denaro, e con privata autorità investiva i Vescovi ed Abati, lo
riprese prima acremente, ma da poi nell'anno 1076 venne alle censure.
Errico essendo stato ancora offeso per una superba ambasceria, che
Gregorio gli avea mandata, fece tosto ragunar un Concilio in Vormazia,
nel quale accusato Gregorio di molti delitti ed enormità, fu deposto;
da poi mandò egli in Roma i suoi Ambasciadori con lettere piene di
disprezzo e di contumelia, per le quali se gli notificava di dover
deporre il Ponteficato. All'incontro Gregorio ragunato in Roma un
altro Concilio scomunicò tutti i Vescovi, che alla sua deposizione
in Vormazia avean consentito: depose Errico del Regno di Germania e
di quello d'Italia, ed assolse tutti i suoi sudditi dal giuramento
di fedeltà, che gli avean dato, proibendo loro di prestargli più
ubbidienza, ed esortando tutti i Principi a prendere l'armi contro
Errico. I Principi d'Alemagna considerando, che per la guerra che i
Sassoni allora aveano mossa ad Errico, non era punto tempo da nudrire
queste contese, persuasero all'Imperadore di proccurar la pace col
Papa, e nell'istesso tempo proccurarono, che il Papa venisse in
Alemagna, ove si sarebbero riconciliati, e accordato il tutto. Simulò
Gregorio di volervi andare, ma essendo giunto a Vercelli, ritirossi
a Canossa ch'era un castello posto nel distretto di Reggio. Errico
premuto da' Sassoni voleva ad ogni suo costo aver pace col Papa, onde
tosto passando l'Alpi venne ivi a trovarlo, e chiedergli perdono[321].
Gregorio non volle prima ammetterlo; ma dopa averlo fatto per tre
giorni aspettare scalzo alla porta di quel castello, essendosi
interposti li familiari del Papa, e' Principi dell'Imperio, finalmente
gli concedette il perdono.

Ma comprendendo, che per la sua acerbità, Errico maggiormente
si sarebbe irritato, ed avendogli ancora Matilda avvertito, che
l'Imperadore gli tendeva insidie per averlo in sue mani, tosto se ne
tornò in Roma, ove nell'anno 1080, con maggiore celebrità, di nuovo
scomunicollo, lo depose della Corona dell'Imperio, sciolse i suoi
vassalli dal giuramento, vietò a tutti i Cristiani il prestargli
ubbidienza: e diede il Regno di Alemagna a Rodolfo Duca di Suevia,
esortando tutti i Principi di Germania ad eleggerlo Imperadore.
Quando Errico riseppe che i Sassoni aveano eletto Rodolfo Imperadore
per opporlo a lui, lasciò l'Italia, e passato in Francia presentò a
Rodolfo la battaglia; pugnossi la prima volta ferocemente da ambedue,
e fu fatta strage infinita, ma non bastando il tempo, si riserbò ad
un'altra giornata: si tornò a combattere, e finalmente cedendo la parte
di Rodolfo, venne fatto ad Errico di disfarlo. Restò in questa pugna
Rodolfo miseramente ucciso, il quale in presenza de' suoi Capitani
mostrando la sua mano tutta bruttata di sangue per le ferite, avanti
di morire sì gli disse[322]: _Vedete questa mia mano tutta bruttata di
sangue; con questa io giurai al mio Signore Errico di non insidiare
alla sua vita, ed alla sua gloria; ma il Pontefice romano mi ridusse
a trasgredire i giuramenti dati, e ad usurparmi quell'onore che a me
non era dovuto. Qual fine io n'abbia conseguito voi già il vedete: lo
vedranno ancora quelli che m'hanno istigato a questo._

Errico, sconfitto il suo rivale, memore degli oltraggi ed ingiurie
ricevute da Gregorio, tosto ritornò in Italia; ed avendo fatto
convocare prima in Magonza, e da poi in Breslavia un Concilio di
Vescovi, fece deporre Gregorio, ed in suo luogo eleggere per Papa
l'Arcivescovo di Ravenna, che Clemente III appellossi: indi calando in
Roma con una potente armata, discacciato Gregorio, collocò Clemente in
quella sede[323], dal quale volle anche ricevere la Corona imperiale.
Gregorio intanto erasi ritirato nel castello di S. Angelo co' suoi, ove
non potendo ricevere aiuto da' Romani, nè volendo altri soccorrerlo,
essendo le forze dell'Imperadore pur troppo grandi, può credersi in
quanta costernazione vivesse. S'aggiungeva ancora che Giordano Principe
di Capua co' suoi Normanni, temendo che Errico da formidabili eserciti
circondato non gli discacciasse dal Principato, proccurarono unirsi con
lui contro Gregorio[324], onde le cose del Papa erano ridotte in istato
pur troppo lagrimevole.

Non vi restava altro, che il ricorrere agli aiuti del famoso Roberto.
Ma questi trovavasi molto lontano per soccorrerlo. Avea questo Principe
ne' precedenti anni collocata in matrimonio una delle sue figliuole
chiamata Elena, col figliuolo dell'Imperador Michele Ducas, appellato
Costantino, Principe di tanta bellezza e sì ben disposto, che la
Principessa Anna Comnena non fa punto di difficoltà di chiamarlo una
principale opera della mano di Dio. Costei ancora non può trattenere il
suo sdegno contro dell'Imperador Michele, per aver dato un figliuolo
sì bello alla figliuola d'un uomo come Roberto, cui ella tratta,
secondo il fasto ed alterigia de' Greci, qual miserabile ladrone, ed
indegno d'imparentarsi con gl'Imperadori d'Oriente; ma Elena infelice
Principessa era caduta pochi anni da poi in uno strano eccesso
di miseria; poichè Niceforo Botoniate avendo discacciato Michele
dall'Imperio d'Oriente, avea confinata tutta la sua famiglia in un
monastero, e con inaudita inumanità avea fatto castrare Costantino
marito della Principessa Elena. Un'ingiuria sì crudele ridondava in
molto disprezzo ancora del Duca Roberto, il quale non poteva far di
manco di non sentirla; ma d'altronde riguardava con occulto piacere
l'occasione di portare le sue armi in Oriente.

Per la qual cosa egli ascoltò benignamente un Greco, che comparve
alla sua Corte, e si spacciava per l'Imperadore Michele stesso, il
quale per dar credenza all'impostura, minutamente narrava il modo, col
quale era scappato via dal monastero, in cui era stato racchiuso in
odio solamente, come e' diceva, dell'alleanza che avea contratta co'
Normanni. Il Duca fece fare a questo personaggio onori straordinari,
come se effettivamente fosse stato l'Imperadore[325]; contuttochè
molti Signori, ch'erano stati a Costantinopoli, ed aveano veduto
Michele, confessavano che non lo ravvisavano per desso, o che bisognava
che fosse molto cangiato. Ma Guiscardo non voleva entrar in questo
dibattimento, se questi fosse il vero, o il falso Michele: tutto
eragli una cosa per giugnere al suo intento. Egli pretendeva solamente
ricondurlo a Costantinopoli alla testa d'un'armata, e di restituirlo
al Trono imperiale, disegnando forse d'innalzarvisi egli medesimo,
se si trovasse che questi non fosse il vero Michele. In fatti non si
dubitò, che fosse un giuoco per allettare più facilmente i Greci, e per
aver un pretesto più plausibile d'intrigarsi negli affari dell'Imperio
d'Oriente: qualunque si fosse il supposto Michele, che Anna Comnena
dice essere stato un Monaco greco, appellato _Rettore_, non lasciò
Roberto di profittare del carattere, che gli fece sostenere.

Ma mentre che il Duca avea apparecchiato tutto ciò, ch'era necessario
per una spedizione tanto importante, ebbe avviso, che in Costantinopoli
era nata una nuova revoluzione, che avea messo fuori la Principessa
Elena dallo stato miserabile, in cui ella prima si trovava; poichè
Alessio Comneno essendo stato poc'anzi dalle Legioni proclamato
Imperadore in Tracia avea deposto dal trono, e fatto tosare Niceforo
Botoniate; ed egli era entrato trionfante in Costantinopoli ove avendo
fatto uscire dal monastero la Principessa Elena la trattava con grand
onore, disegnando così guadagnarsi il Duca Roberto, cui grandemente
stimava e vie più temeva, che non gli contrastasse sì be' principj.

Ma tutto ciò non bastava per arrestare i disegni di Roberto, il quale
avendo già tutto all'ordine per quella spedizione, non volle perder
tempo a darvi principio; ond'essendosi a tal effetto portato in
Otranto, ove dovea imbarcarsi con tutta la sua armata, provide prima
al governo de' suoi Stati ch'e' lasciava in Italia. Lasciò il governo
de' medesimi nelle mani di Ruggiero soprannomato Bursa suo figliuolo
secondogenito, che egli avea generato da Sigelgaita sua seconda moglie,
dichiarandolo erede in presenza del Popolo del Ducato di Puglia, di
Calabria e di Sicilia[326]. Questi era un Principe di tutto garbo,
e di estremo valore; e gli lasciò per Ministri il Conte Roberto di
Loritello suo nipote ed il Conte Girardo persona di somma esperienza,
e di conosciuta integrità.

Egli s'imbarcò insieme colla Duchessa Sigelgaita, che volle seguire
suo marito come un'Eroina alla testa delle sue truppe. Portò seco
ancora il valoroso _Boemondo_ suo figliuolo avuto dalla prima moglie
Adelgrita, ed alquanti Baroni normanni. Giunti che furono nell'anno
1081 nell'isola di Corfù cominciarono ad invadere quelle Piazze per
ridurre quell'isola sotto la loro dominazione: Alessio Imperadore
avvisato della mossa di Roberto, tosto fece apparecchiar un'armata per
reprimerlo; e quindi cominciò fra questi due Principi una guerra sì
crudele, che ebbe avvenimenti sì grandi che spinsero la Principessa
Anna Comnena figliuola dell'Imperadore Alessio a tesserne l'istoria,
nella quale, con tutto che cercasse ingrandire le gesta di suo padre,
non potè però parlare di Roberto, se non con elogi d'estremo valore
e fortezza. E condennandomi il mio istituto a tralasciare sì illustri
avvenimenti, rimetto i curiosi all'istoria di questa Principessa, ed a
ciò che Malaterra e Guglielmo Pugliese ne scrissero. In breve dopo aver
Roberto espugnata la città di Durazzo si rese padrone di quell'isola,
ed aspirando a cose maggiori, spinse da poi le sue conquiste nella
Bulgaria, facendo tremare tutto quel paese del suo nome fino alle porte
di Costantinopoli.

Mentre che questo glorioso Eroe era intrigato in questa guerra
con Alessio Comneno, ebbe pressanti e calde lettere dal Pontefice
Gregorio[327], il quale nell'istesso tempo, che si rallegrava delle
sue vittorie che riportava in Oriente, gli esponeva l'urgente bisogno
che avea la Sede Appostolica del suo soccorso, e lo stato lagrimevole
in cui trovavansi per le forze d'Errico. Il Duca era stato fin da che
partì da Otranto avvisato de' sforzi d'Errico, il quale non essendo
ancor partito da quella città, gli avea mandati Ambasciadori per
tirarlo dalla sua parte; ma Roberto rimandatine tosto gli Ambasciadori,
n'avea anche avvisato il Papa, con sentimenti sì obbliganti, sino a
dichiararsi, che se non fosse già seguito l'imbarco delle sue truppe,
l'avrebbe egli medesimo condotte alla volta di Roma; ma con tutto che
lo stato de' suoi affari lo chiamassero necessariamente altrove, non
perciò lasciava di raccomandar gl'interessi della Santa Sede al Conte
Roberto suo nipote, ed al Conte Girardo suo grande amico[328].

Ma ora ch'erasi disbrigato dalla conquista di Corfù, e che in Bulgaria
avea portate le sue vittoriose armi, avendo intesa l'urgenza del
bisogno, con tutto che si trovasse nel colmo delle sue conquiste,
le interruppe per girne a prestar al Papa quell'aiuto, che gli
avea promesso: e lasciando il governo della armata al suo figliuolo
_Boemondo_ ed al Conte di Brienna, ripassò in Italia sopra due vascelli
con un piccolo numero delle sue genti, e venne ad approdare in Otranto.

Per bramoso ch'e' si sentisse di marciare immantinente verso Roma, non
potè farlo sì presto, e si contentò mandare al Papa una grossa somma di
denaro, aspettando che fossero terminati nella Puglia gli affari, che
richiedevano indispensabilmente la sua presenza; poichè alcune città,
presa l'opportunità della sua lontananza, aveano proccurato sottrarsi
dal suo dominio, e poco dopo la sua partenza da Otranto, gli abitanti
di Troia e d'Ascoli, aveano incominciato i primi ad ammutinarsi,
ricusando di pagar i tributi al suo figliuolo Ruggiero, ed alcune
altre città, e molti Baroni aveano seguitato questo malvagio esempio,
e nel tempo medesimo ch'egli sbarcava in Otranto, Goffredo Conte di
Conversano andava ad assediare la città d'Oria. Ma appena vi giunse
il Duca, che dissipò gli Assalitori, i quali abbandonando l'impresa
si diedero alla fuga. Colla stessa facilità, colla quale fece togliere
l'assedio d'Oria, punì la città di Canne, distruggendola interamente,
per essersi ammutinata con più ostinazione dell'altre. Queste gloriose
spedizioni acchetarono ne' suoi Stati tutti i movimenti sediziosi, che
dianzi erano surti.

Nulla più avrebbe impedito d'andare a Roma, se non Giordano Principe
di Capua. Questo Principe, avendo, come si disse, preso il partito
d'Errico contro del Papa, signoreggiava la Campagna colle sue
truppe, onde bisognava a Roberto, per passare in Roma, di toglier
quest'ostacolo: ma questo valoroso Campione non solo fugò le nemiche
truppe, ma portò l'assedio alla città d'Aversa per ridurla nelle
sue mani. Giordano però difese la Piazza valorosamente; onde Roberto
vedendo che non così presto poteva sperarsene la resa, sollecitando il
Papa il soccorso, abbandonò l'assedio, ed in Roma portossi, ove trovò
Gregorio strettamente assediato nel castello di S. Angelo, nell'istesso
tempo che l'Imperadore e 'l suo Antipapa facevano tranquillo soggiorno
nel Palagio di Laterano. Errico che si trovava in Roma con piccolo
presidio, pensò uscir dalla città; Roberto all'incontro cinse Roma
colla sua armata, e accostatosi sul bel mattino alla Porta di S.
Lorenzo, che vide esser men guardata delle altre, fece appoggiar le
scale alle mura, e montandovi sopra, aprì immantenente a tutta l'armata
le porte. Ella passò senza difficoltà per le strade di Roma, e giunta
al castel di S. Angelo, cavò fuori il Papa, e lo condusse onorevolmente
al Palagio di Laterano[329].

I Romani del partito d'Errico restarono sorpresi d'una così
valorosa azione; e quantunque da poi ripreso un poco di coraggio,
avessero proccurato di ordire contro i Normanni una congiura, tosto
Roberto v'accorse, e la ripresse in guisa, che i Romani costernati,
risolvettero cercar pace al Papa, che loro la concedette.

Il famoso Guiscardo disbrigato da sì gloriosa impresa e sedati i
tumulti, fece da poi uscir di Roma le sue truppe per ritornar in
Puglia; ma Gregorio non fidandosi ancora de' Romani, e temendo
d'esporsi un'altra volta a' loro insulti, risolvette di seguire
l'armata de' Normanni ed il Duca Roberto. Partissi intanto egli da Roma
seguitato da' Cardinali e da un gran numero di Vescovi, e fermatisi
per alquanti giorni nel monastero di Monte Cassino, ove dall'Abate
Desiderio furono splendidamente trattati, ritirossi in Salerno, senza
voler giammai ritornar più in Roma, la cui fedeltà gli fu sempre
sospetta.


I. _Investitura data da GREGORIO VII al Duca ROBERTO._

In questo viaggio, che fece il Papa col Duca Roberto, fu rinovata
da Gregorio l'investitura, che questo Principe da Niccolò II, e da
Alessandro suoi predecessori avea avuto del Ducato di Puglia e di
Calabria e di Sicilia, la qual si legge nelle Epistole[330] decretali
di questo Pontefice, e porta la data di Cepperano, luogo, che si
rendè poi celebre, per lo tradimento, che quivi il Conte di Caserta
fece al Re Manfredi. In questa investitura è da ammirare la fortezza
dell'animo, e intrepidezza d'Ildebrando, il quale non ostante i così
segnalati e recenti beneficj, che avea ricevuti da Roberto, non volle
però acconsentire, con tutto che si trovasse in mezzo dell'esercito
de' Normanni, di ampliare l'investitura al Principato di Salerno,
al Ducato d'Amalfi, e parte della Marca Firmana, che avea Roberto
conquistato dopo l'investitura di Papa Niccolò, e che allora possedeva;
ma solamente volle investirlo di ciò che i suoi predecessori Niccolò
ed Alessandro aveanlo investito, lasciando sospesa l'investitura per
quest'altri luoghi.

E perchè per quest'atto non s'inferisse pregiudicio alle pretensioni
delle parti, ciascuna espressamente riserbossi le sue ragioni. Roberto
nel giuramento di fedeltà, che diede a Gregorio, promettendo d'aiutare
la Sede Appostolica, e di difendere la regalia e le terre di S. Pietro
contro tutte le persone, nè invaderle, nè cercare d'acquistarle, ne
eccettuò espressamente Salerno, Amalfi e parte della Marca Firmana,
sopra le quali, com'e' dice, _adhuc facta non est diffinitio_.
All'incontro Gregorio nell'investitura dichiarò solamente investirlo di
ciò, che i suoi predecessori Niccolò ed Alessandro gli avean conceduto,
soggiungendo, _de illa autem terra, quam injuste tenes, sicut est
Salernus, et Amalphia, et pars Marchiae Firmanae, nunc te patienter
substineo in confidentia Dei omnipotentis, et tuae bonitatis, ut tu
postea exinde ad honorem Dei, et Sancti Petri, ita te habeas, sicut
et te agere, et me suscipere decet, sine periculo animae tuae, et
meae_. Ciò che mostra quanto fosse accorto questo Pontefice, il quale
nell'istesso tempo, che lasciava in sospeso Roberto, volle tenerlo
anche a freno, per lo bisogno nel quale lo lasciava di lui, e de'
successori suoi per aver di questi luoghi l'investitura; e di vantaggio
volle mostrare essere de' soli Pontefici romani dare e togliere gli
Stati altrui, e di giustificare o riprovare le conquiste de' Principi
secolari a lor voglia, riputandogli giusti o ingiusti a lor talento;
trovando ancora un mezzo assai ingegnoso tra gli acquisti giusti ed
ingiusti, cioè di sostenere gli ingiusti possessori _in confidentia
Dei omnipotentis_, acciochè, siccome coloro si portavano colla Chiesa
romana, così i Papi si regolassero di dichiarargli giusti o ingiusti
Conquistatori.

E vedi intanto a ch'era giunta in questi tempi l'autorità de' romani
Pontefici, e la stupidezza de' Principi del secolo, i quali per timore
ch'essi aveano delle censure, per tema di non essere deposti, ed
assoluti i loro vassalli da' giuramenti, non si curavano dipendere dal
loro arbitrio, e riconoscere in essi tanta autorità, per non vedere in
sedizioni e ruine sconvolti i loro Stati, atterriti dall'esempio pur
troppo recente dell'Imperador Errico, che avea veduto ardere di crudel
guerra la Germania, perch'ebbe poco amico Gregorio.



CAPITOLO VI.

_Conquiste del Duca ROBERTO in Oriente: sua morte, seguita poco da poi
da quella di GREGORIO VII._


Mentre che Roberto impiegava con tanta utilità le sue armi in Italia in
servigio della Sede Appostolica; veniva dall'altra parte ricompensato
di molti successi felici, che l'illustre Boemondo suo figliuolo si
proccurava in Oriente. Questo valoroso Campione nell'istesso tempo che
suo padre ebbe la gloria di fugare in Roma l'Imperador d'Occidente,
venendo a battaglia con Alessio Comneno, ebbe anche la gloria di fugare
in Bulgaria l'Imperadore d'Oriente.

La novella ch'ebbe Roberto di questa vittoria riportata da Boemondo
sopra l'Imperadore Alessio, l'invogliò a passare di bel nuovo in
Oriente per compiere ciò che suo figliuolo, vi avea sì felicemente
incominciato. Egli dopo aver dati providi ordini a' suoi Ufficiali
per lo governo di questi Stati che lasciava in Italia, si mise in
mare con una flotta considerabile, portando seco l'altro figliuolo
Ruggiero, e molti altri Baroni principali; ed andò ad incontrare la
flotta dei Greci, che era di forze non inferiore alla sua, essendosi
unita a quella de' Veneziani infra l'isole di Corfù e di Cefalonia.
Si combattè con tanto valore, che i Greci invece di stargli a fronte,
si diedero alla fuga, e lasciarono la flotta de' Veneziani affatto
sola: allora i Normanni mandate a fondo molte galere, dissiparono
l'armata nemica, e facendovi più di duemila e cinquecento prigionieri,
trionfarono questa seconda volta de' loro nemici in Oriente[331]. Ma
per una grave corruzione d'aria accaduta in quell'orrido inverno, che
obbligò far riposare le sue truppe, s'attaccò nell'armata un'infermità
così contagiosa, che menò a morte più di diecimila persone, e la più
bella parte di quella: Boemondo ne fu sì violentemente attaccato,
che non si trovò altro rimedio, che di farlo ripassar in Italia per
prendere un'aria migliore: e vi è chi scrisse[332], che questa malattia
di Boemondo fosse stato effetto della malvagia volontà di Sigelgaita
sua madrigna, la quale avea risoluto farlo morire, temendo che questo
Principe non togliesse a Ruggiero suo proprio figliuolo, dopo la morte
del Duca, i Stati di Puglia e di Calabria. Non si sono trattenuti
ancora di dire, che Sigelgaita, essendosi scoverta tanta enormità
dal Duca suo marito, per sospetto che avea, che il Duca se ne fosse
vendicato, avesse disegnato ancora d'avvelenarlo, e che l'anno seguente
avendolo eseguito, se ne fosse fuggita col suo figliuolo Ruggiero, e
con gli altri Signori ch'erano del suo partito, per mettere in possesso
Ruggiero degli Stati d'Italia in pregiudizio di Boemondo. Checchè
ne sia (poichè gli Autori, che hanno scritto nel tempo, e nel paese
stesso, ove regnavano i Normanni, rapportano cose affatto contrarie
della Duchessa Sigelgaita) da poi che Boemondo fu partito, il Duca
inviò il suo secondogenito Ruggiero ad assediar Cefalonia, ch'erasi
poc'anzi da lui ribellata.

Ma ecco, mentre questo invitto Eroe era tutto intento a quell'impresa,
assalito il Duca nel mese di luglio da una febbre ardente fu costretto
per curarsene a ritirarsi in Casopoli, picciol castello posto nel
promontorio dell'isola di Corfù. Vi accorse immantenente Sigelgaita, ma
intanto l'ardore della febbre era divenuto sì violento, che ben tosto
nell'età sua di 60 anni lo privò di vita.

Sarà quest'anno 1085 sempre al Mondo memorando per l'infelice e
luttuosa morte di quest'Eroe, e di due altri gran personaggi d'Europa.
Fu infausto per i Normanni per la grave perdita di Roberto Guiscardo.
Fu luttuoso per la Chiesa di Roma per la morte del famoso Ildebrando.
E fu deplorabile per la Gran Brettagna per la perdita del celebre
Guglielmo il Conquistatore Duca di Normannia, e Re d'Inghilterra[333].

La morte di Roberto sparsa fra le truppe normanne in Oriente, pose
in tale costernazione l'armata, che non s'attendeva ad altro che a
piangerlo; onde Sigelgaita ed il suo figliuolo Ruggiero s'affrettarono
a portar il corpo del Duca in Italia. Giunti in Otranto, s'accorsero,
che già cominciava a putrefarsi, il che fece risolvergli a lasciar
in quella città il cuore e l'interiora, e dopo aver di bel nuovo
imbalsamato il resto del corpo, lo trasportarono in Venosa, luogo
della sepoltura degli altri Principi normanni. La città di Venosa,
secondo che rapporta Guglielmo Pugliese[334] (il quale qui termina i
cinque libri del suo Poema latino) non meno per li natali d'Orazio,
che per serbare le tombe di tanti illustri Capitani, deve andarne
altiera e superba sopra tutte l'altre città della Puglia. Quivi ancora
riposano oggi giorno le ceneri di questo Eroe, che meritamente lo
possiamo soprannominare il _Conquistatore_. Egli non ha dovuto che
al suo valore ed alla sua industria il vantaggio d'esser passato da
semplice Gentiluomo al numero de' Sovrani e d'un Sovrano il più temuto
d'Europa, capace non solo ad imprendere contro i Principi più potenti
del Mondo del suo tempo, ma ancora di vincergli, e di dar loro legge.
Le virtù sue e le sue perfezioni del corpo e dell'animo furono così
ammirabili, che i suoi più grandi inimici, come fu la Principessa
Anna Comnena, ancorchè secondo il solito fasto dei Greci parlasse
con disprezzo de' suoi natali, non è però che non l'attribuisca tutte
quelle eminenti qualità, che si richiedono por acquistare il titolo
di _Conquistatore_. E quantunque queste sue grandi azioni andassero
accompagnate da soverchia ambizione di dominare, che sovente l'obbligò
ad usar crudeltà e dissimulazioni, questi son soliti difetti, da' quali
niun Conquistatore al Mondo ne fu, o ne potè esser lontano. Del resto
egli colla sua pietà verso la religion cristiana, colli considerabili
ajuti che prestò alla Chiesa romana, colla munificenza che praticò
con molte Chiese, e singolarmente col monastero Cassinense, seppe ben
coprire appresso il volgo questi difetti, che per altra parte venivan
difesi appresso gli uomini di Mondo colle massime dell'umana politica.

Regnò Roberto sotto il nome di Conte di Puglia e di Calabria quattro
anni; sotto quello di Duca dodici; e quattordici sotto nome di Duca di
Puglia, Calabria, di Sicilia, e di Signor di Palermo. Visse in Italia
dal 1047 insino al 1085 anni trentanove; e lasciò da due mogli due
figliuoli maschi. Alcuni rapportano, che perchè tra' suoi figliuoli
non si disputasse della successione de' Stati che lasciava, avesse
nel suo testamento lasciata la Sicilia a Ruggiero suo fratello, della
quale già in vita ne l'avea investito con titolo di Conte. A Boemondo
suo primogenito tutto ciò che avea conquistato nell'Oriente. Ed al
secondogenito Ruggiero natogli da Sigelgaita il Ducato di Calabria, il
Principato di Salerno, e tutto ciò che possedeva in Italia. Rapportano
ancora, che intanto avesse trattato meglio il secondo figliuolo del
primo, così perchè nel far questo suo testamento si trovò presente
Sigelgaita, che proccurò gli avanzi di suo figliuolo, posponendo
il figliastro, come perch'essendo nato Boemondo dalla prima moglie,
ch'egli suppose non esser legittima, per esser sua parente, riputava
esser meglio nato Ruggiero, che Boemondo, e perciò antepose questi
a quello. Ma, o che non avesse egli fatto testamento, come alcuni
ne dubitano, o che questi suoi figliuoli non fossero contenti di
quello; Ruggiero e Boemondo pretendevano ugualmente di succedere, ed
ebbe ciascuno considerabili fazioni. Ma l'accortezza di Sigelgaita,
impegnando a favor del proprio figliuolo Ruggiero Conte di Sicilia
suo zio, fece che il partito di costui restasse il più forte; onde
succeduto al Ducato di Puglia e di Calabria, ed a tutti gli altri Stati
d'Italia conquistati da Guiscardo, cominciò egli ad amministrare queste
province[335]. Ed avendo in oltre Ruggiero Conte di Sicilia mantenuto
con esso lui più strette alleanze, che con Boemondo, per affezionarselo
di vantaggio, gli cedette ancora molte Piazze della Calabria, che il
Duca Guiscardo avea al Conte di Sicilia riserbate. Così dichiaratosi
manifestamente il Conte del partito di Ruggiero, in tutte le occasioni
s'affaticò di sostenerlo contro gli sforzi di Boemondo, il quale spesse
volte, ma sempre inutilmente, tentò di sturbare i suoi Stati.

Fu memorabile ancora quest'anno 1085 per la morte accaduta in Salerno
del famoso Ildebrando: morte per la Chiesa romana pur troppo luttuosa
e deplorabile. Ella perdette un Papa il più forte ed intrepido di
quanti mai ne fiorirono in tutti i secoli: egli non si curava punto
d'esporsi a' più evidenti pericoli, ove vi correva il rischio della
sua stima, e sovente della libertà, per difendere contro i maggiori
Re della Terra, e Monarchi del Mondo quelle prerogative e preminenze
ch'e' riputava appartenersi alla Sede Appostolica; e persuaso che
tutto ciò, ch'intraprendeva fosse appoggiato a fondamenti giustissimi,
rendevasi per ciò più animoso e forte sopra i Principi stessi. Egli fu
che alzando il suo pastorale sopra scettri e Corone, come se l'esser
Capo della Chiesa universale, portasse ancora con se esser Monarca del
Mondo, e Re de' Re, ed Imperadore degl'Imperadori, trattava i Principi
e gl'Imperadori stessi con tanto strapazzo ed alterigia, che non si
ritenne di scomunicargli, di deporgli da' loro Stati, trasferirgli in
altre Nazioni, e sciorre i vassalli dalla loro ubbidienza.

E mostrando esser persuaso di poterlo fare, nè moversi se non per
zelo di giustizia, e per difesa della Sede Appostolica, acquistò
appresso molti gran plauso di zelante e di pio, di uomo ripieno di
religione, giusto, dotto Canonista, e buon Teologo, e difensore
intrepido de' diritti e libertà ecclesiastiche. Alle quali cose
aggiungendo alcune altre virtù, delle quali era adorno, come d'una
vita austera, e d'indefessa applicazione agl'interessi di quella Sede,
d'un animo misericordioso verso i poveri, di prender la difesa degli
oppressi, e di proteggere gl'innocenti, acquistonne fama di Santo;
tanto che sebbene avesse di se lasciata presso alcuni Scrittori suoi
contemporanei fama diversa, dandogli alcuni il titolo di novatore,
d'ambizioso, di crudele, senza fede, altiero, di perturbatore de'
Regni e di province, d'autor di sedizioni, di morti e di crudeli
guerre, e d'aver voluto stabilire un dominio insoffribile nella
Chiesa, tanto sopra lo spirituale, quanto sopra il temporale; non sono
mancati però altri, secondo che le fazioni portavano, di averlo per un
Pontefice tutto zelo per il servizio di Dio, tutto saggio, tutto pio
e misericordioso: e che avendo con rara unione insieme accoppiato alla
santità de' costumi la fortezza e l'intrepidezza d'animo, sopra tutti i
Principi della terra, abbia trovato negli ultimi nostri tempi chi[336]
l'abbia dato il soprannome di Grande, non altrimente di ciò che fu
appellato Gregorio I, detto Magno. Ma niun altro più meglio, e più al
vivo ci diede il ritratto di questo Pontefice, quanto quel giudizioso
dipintore che lo dipinse nella Chiesa di S. Severino di Napoli.
Vedesi quivi l'immagine di questo Papa, tra le altre de' Pontefici
dell'Ordine di S. Benedetto, avere nella sinistra mano il pastorale
co' pesci, nella destra, alzata in atto di percotere, una terribile
scuriada, e sotto i piedi scettri e Corone imperiali e regali, in atto
di flagellargli. E dopo avere così mostrato essere stato Gregorio il
terrore, ed il flagello de' Principi, e calpestare scettri e Corone,
volendo ancora far vedere, che tutto ciò poteva ben accoppiarsi colla
santità e mondezza de' suoi costumi, sopra il suo capo scrisse in
lettere cubitali queste parole: _Sanctus Gregorius VII_.



CAPITOLO VII.

_BOEMONDO travaglia gli Stati di suo fratello; Amalfi e Capua si
sollevano; ed origine delle Crociate._


La morte di Gregorio portò disordini grandissimi alla Chiesa di Roma,
poichè imbarazzati i Romani nell'elezione del successore, a cagion
che l'Antipapa Gilberto s'era impadronito d'alcune chiese di Roma,
e voleva farsi riconoscere per legittimo Papa: finalmente dopo un
anno si determinarono eleggere per successore Desiderio celebre Abate
Cassinense, secondo ciò che Ildebrando istesso avea consigliato che
dovendosi ricercare per li bisogni della Chiesa un Papa, che avesse
mano co' Principi del Mondo, non s'appartassero da Desiderio. Ma questi
s'oppose in maniera, e con tal resistenza, che finalmente quasi per
forza, e suo malgrado lo acclamarono Papa sotto il nome di _Vittore
III_. Ma repugnando egli ostinatamente, fu di mestieri che si ragunasse
in Capua un Concilio, ove furono anche invitati i Principi normanni,
perchè s'impiegassero a far accettare il Ponteficato a Desiderio. Fu
in quest'occasione l'opra di Ruggiero Duca di Puglia così efficace,
che ridusselo ad accettare; e condottolo in Roma, tolsero a forza
a Gilberto la chiesa di S. Pietro, e fecero ordinar Vittore. Ugone
Vescovo di Die Legato di Gregorio VII e promosso all'Arcivescovado
di Lione, pretendeva parimente il Ponteficato; e fu uno di coloro,
che più fortemente si opposero all'ordinazion di Vittore. I Romani
del partito di Gilberto si posero di nuovo in possesso della chiesa
di S. Pietro, e dopo molti atti di ostilità, Vittore fu costretto a
ritirarsi nel suo monastero di Monte Cassino, del quale uscì nel mese
d'agosto per tenere un Concilio in Benevento, composto di Vescovi della
Puglia e della Calabria, nel quale fece un discorso contro Gilberto,
e di nuovo scomunicollo. Vi scomunicò parimente l'Arcivescovo di
Lione, e 'l Vescovo di Marsiglia, e vi rinovò i divieti di ricevere
le _Investiture_ de' beneficj per le mani de' Laici. Ma nel tempo, in
cui tenevasi questo Concilio, Vittore infermossi, il che l'obbligò a
tornarsene in fretta a Monte Cassino, dove morì il dì 16 di settembre
di questo anno 1087, dopo aver destinato Ottone Vescovo d'Ostia per suo
successore.

Ricadde per tanto per la morte di Vittore di bel nuovo la Chiesa romana
in angustie per l'elezione del successore; finalmente i Romani elessero
per Papa Ottone, ch'era un Francese di Chastillon della diocesi di
Rems, il quale tolto dal monastero di Clugnì per essere Cardinale, avea
prestata una gran servitù a Gregorio VII, che l'avea inviato Legato
in Alemagna contro Errico. Fu eletto in un'Adunanza di Cardinali e di
Vescovi tenuta in Terracina, e nomato _Urbano II_.

Questo Papa sopra tutti gli altri fu il più ben affezionato a'
Normanni; egli vedendo che Boemondo mal soffriva, che Ruggiero suo
fratello si godesse tanti Stati in Italia, e che ritornato in Otranto
avea mossa per ciò nuova guerra al fratello, si frappose fra loro, e
gli accordò con queste condizioni, che Boemondo, oltre di quello che
possedea, avrebbe di più la città di Maida e di Cosenza, ma da poi
commutarono queste città, ed a Boemondo in cambio di Cosenza si diede
Bari, rimanendo Cosenza al Duca Ruggiero. Portossi in quest'anno 1089
Papa Urbano in Melfi[337] coll'occasione di celebrarvi un Concilio, ove
espose il progetto della gran _Crociata_, e fu conclusa la lega contro
gl'Infedeli: il Duca Ruggiero ivi andò ad onorarlo, e da Urbano fugli
confermata l'_Investitura_, siccome i suoi predecessori aveano fatto a
Roberto di lui padre[338].

Intanto essendogli ribellata Cosenza, il Duca ricorse al Conte di
Sicilia suo zio, il quale tosto la ridusse; ed allora fu che Ruggiero,
riconoscente di tanti beneficj ricevuti dal zio, gli donò la metà della
città di Palermo, ove il Conte d'allora cominciò a farvi innalzare
il castello, che oggi giorno s'appella il Palazzo regio[339]. Così
regnando l'uno Ruggiero in Sicilia, l'altro in Puglia, vennero a
stabilirsi col volger degli anni questi due Regni, che fra lor divisi,
ciascuno colle sue proprie leggi ed istituti, e co' proprj Ufficiali si
governavano.

Il Conte Ruggiero, il quale, per la morte di due suoi figliuoli,
Goffredo e Giordano, erasi renduto padre infelice al Mondo, ebbe, in
quest'anno 1093, la gioja di veder nascere dalla Contessa Adelaida sua
moglie un altro figliuolo, che _Simone_ appellossi: ciò che lo mise in
istato di poter passare più deliberatamente in Calabria per reprimere
un nuovo tumulto, che cominciava a surgere nella sua famiglia.

Il Duca Ruggiero suo nipote avea fatta un'illustre alleanza in
isposandosi Adala nipote di Filippo I, Re di Francia, e figliuola di
Roberto Marchese di Fiandra[340]. Egli n'avea avuti due figliuoli,
Guglielmo e Luigi, che doveano essere suoi successori. Ma essendosi
il Duca non molto tempo da poi ammalato gravemente in Melfi, erasi
sparso ancora rumore che fosse morto. Boemondo che allora dimorava in
Calabria, non aspettò altri riscontri: immantenente prende le armi,
ed invade le terre di suo fratello, protestando nientedimeno, che lo
faceva in favore de' figliuoli del Duca, insino a che fossero in età di
governare. Il Conte di Sicilia, che ebbe questo zelo per sospetto, e
che si sdegnò perchè osasse di dar questi passi senza consigliarnelo,
v'accorse con una potente armata, e subito che vi fu giunto, obbligò
Boemondo a ritirarsi. Intanto il Duca essendosi riavuto con perfetta
salute contro ogni speranza, Boemondo si portò incontanente in Melfi
per dimostrargliene gioja, e per rimettergli tutto il paese, di cui
erasi impadronito, giustificando quanto gli fu possibile la condotta,
ch'egli avea tenuta.

Ma non finirono qui le turbolenze; un'altra assai più pericolosa se
ne scoverse in Amalfi. Il Duca Ruggiero, fidando troppo de' Longobardi
per la considerazione di Sigelgaita sua madre ch'era di questa Nazione,
come quella che fu sorella dell'ultimo Principe di Salerno, non faceva
difficoltà di commettere il governo delle sue Piazze a' Longobardi
stessi, a' quali egli e suo padre l'avean tolte: fra l'altre diedero
Amalfi in guardia de' Comandanti longobardi, i quali vollero ben
tosto profittare de' disordini accaduti poco prima in Cosenza; poichè
applicati il Duca ed il Conte suo zio a reprimere la fellonia de'
Cosentini, essi cacciarono da Amalfi tutti i partegiani del Duca, e
trapassando ad aperta ribellione, ricusarono di ricevere lui medesimo.
Il Duca fortemente irato di tanta fellonia, per ridurre la città, pensò
allettar Boemondo suo fratello, pregandolo a prestargli soccorso,
siccome questo Principe lo fece con tutta la sua milizia, che dalla
Puglia e dalla Calabria teneva raccolta: invitò il Duca anche Ruggiero
Conte di Sicilia a soccorrerlo; ed in fatti in quest'anno 1096 venne
il Conte con ventimila Saraceni, e con infinita moltitudine di altre
Nazioni a porre l'assedio ad Amalfi[341]. La Piazza fu investita
da questi tre Principi con tutte le loro forze, e l'assedio fu così
stretto, che se non fosse stata l'impresa attraversata da congiunture
assai strane, certamente Amalfi si sarebbe resa.

Ciò che l'obbligò a scioglier l'assedio fu una nuova impresa che si
offerse a Boemondo ed a' suoi soldati, i quali scordatisi dell'impegno
nel quale erano, in un subito si voltarono altrove. Fu ciò la
pubblicazione delle prime _Crociate_, l'invenzion delle quali devesi
ad Urbano II primo lor autore[342]. Questi nell'anno 1095 avendo
ragunato in Francia nella città di Chiaramonte un Concilio, animò tutti
i Principi d'Europa all'impresa di Terrasanta, e fu tanto l'ardore
di questi Principi, stimolati anche dal solitario Pietro, che posero,
per accingersi a sì gloriosa impresa, in iscompiglio tutta l'Europa;
ma sopra tutte le altre province, l'Italia e la Francia abbondò di
gente, che anelavano di farsi crocesignare, e di prender l'armi per
quest'espedizione. S'armarono il Grande Ugone fratello di Filippo I,
Re di Francia, Roberto Duca di Normannia. Goffredo Buglione Duca di
Lorena, ed i Conti di Fiandra e di Tolosa. Ma fra i nostri Principi
normanni, Boemondo col suo nipote _Tancredi_ figliuolo del Duca
Ruggiero natogli da Alberada sua prima moglie, come scrivono Pirri ed
il Summonte (poichè Orderico Vitale[343], e l'Abate della Noce[344]
portano Tancredi figliuolo d'una sorella di Boemondo) furono i più
accesi per quest'impresa. Boemondo, sia stato vero zelo o dolore di non
essere abbastanza distinto in Italia, ovvero per disegno di continuare
le conquiste che avea cominciato con suo padre in Oriente, immantenente
lasciato l'assedio d'Amalfi, si mise la Croce rossa sopra i suoi
abiti, e fattosi recare dei mantelli di porpora, con gran apparecchio
in minuti pezzi dividendogli, ne segnò anche i suoi soldati. Il suo
esemplo, e la cura che si prendeva a promovere questa sua divozione,
fece sì che a lui ed a Tancredi si unisse un gran numero di gente per
seguirgli in quest'impresa. Furon seguiti sopra tutti gli altri da
molti Pugliesi, Calabresi, Siciliani, e d'altre regioni d'Italia, tanto
che tosto ne fu composta una grossa armata, e fecegli giurare con esso
lui sul campo di non fare niuna guerra contra de' Cristiani infino,
che non si fosse conquistato il paese degl'Infedeli. Il Duca Ruggiero,
il quale si vide così ad un tratto abbandonato in Amalfi, e che la
nuova Crociata gli avea tolta la più bella parte delle sue truppe,
fu necessitato con gran rammarico e indignazione contra Boemondo, col
quale non valsero rimproveri nè scongiuri, coprendosi sotto il manto
della religione, e del zelo, a togliere l'assedio per avanzato che
si fosse. Il Conte Ruggiero vedutosi ancora abbandonato da' suoi,
non potendogli impedirgli per un'espedizione così speziosa, s'ebbe
pazienza, e pien di mestizia tornossene in Sicilia[345]. All'incontro
Boemondo e Tancredi messisi alla testa de' loro Pugliesi e Calabresi,
e d'infinito numero d'altre Nazioni, imbarcatisi in Bari cominciarono
a navigare verso Oriente. Il nostro incomparabile Torquato nel suo
divino poema, valendosi di quella licenza a' Poeti concessa, fa
Tancredi Capitano di ottocento uomini a cavallo, che finge aver seco
condotti dalla Campagna felice presso Napoli; ma in questi tempi nè a
Boemondo, nè a Tancredi ubbidiva questa regione; tanto è lontano che
quindi avesse potuto raccorgli. La Campagna felice in gran sua parte
allora era al Ducato napoletano sottoposta, che si reggeva da Sergio
Duca e Console sotto l'Imperador Alessio Comneno. Solo Aversa nuova
città era in potere de' Normanni, ma d'altro genere, come si è detto,
non già della razza di Tancredi Conte d'Altavilla, di cui discendevano
Boemondo e Ruggiero. E Capua in questo mentre trovavasi essersi già
ribellata da' Principi normanni; poichè morto in Piperno nell'anno 1090
il Principe Giordano, ancorchè avesse lasciato Riccardo suo figliuolo
di tenera età per successore al Principato[346], nulladimanco i
Longobardi capuani, subito che furono avvisati della morte di Giordano,
cospirarono contro Riccardo, e contro la Principessa sua madre; ed
avendosi poste in mano le Fortezze della città, ne discacciarono tutti
i Normanni; tanto che fu d'uopo a Riccardo, ed a sua madre per asilo
ricovrarsi in Aversa, ove si trattennero insino che dal Duca di Puglia,
e da Ruggiero Conte di Sicilia, non furono soccorsi, e restituiti in
Capua.

Questo famoso Eroe dapoi che si levò dall'assedio di Amalfi, ritornato
in Sicilia, non pensava ad altro, che di stabilire più fermo il dominio
nella sua famiglia con illustri parentele. I più grandi Principi della
Cristianità ricercavano a gara la sua amicizia e la sua alleanza. In
fatti erano già quasi due anni, che la sua prima figliuola nell'anno
1093 era stata ricercata da Filippo I Re di Francia, e la seconda
nell'anno 1094 fu sposata a Corrado figliuolo dell'Imperador Errico
III. Questo Principe per le discordie di Errico suo padre con i romani
Pontefici, fu da costoro stimolato a lasciare il partito di suo padre,
e non bastandogli d'essersi attaccato al contrario, arrivò a tal
estremità, che non fu punto difficile di movere apertamente contro
il padre le armi; e portatosi in Italia, col favore del Pontefice,
occupò molti luoghi, che dependevano dall'Imperio, e da lui sottratti
ad Errico. Il Pontefice Urbano e la Contessa Matilda, non trovando
miglior modo per mantenerlo, proccurarono farlo entrare nella famiglia
del Conte di Sicilia, con fargli sposare la costui figliuola, perchè lo
sostenesse contro gli sforzi di Errico[347].

Il Re d'Ungheria invidiandogli questa alleanza, due anni da poi mandò
Ambasciadori al Conte a dimandargli un'altra figliuola per isposarla
ad Alemanno suo figliuolo. Ruggiero non ricusò il partito, e con molta
pompa e celebrità fu tosto nel 1097 condotta la Principessa al marito.
Questa prosperità sì estraordinaria nella famiglia di Ruggiero, ed i
successi tanto illustri del suo Regno gli meritarono il soprannome di
_Gran Conte_, ed intorno a questo tempo cominciò ad usarlo ne' suoi
titoli.

Agostino Inveges, oltre a queste ragioni, rapporta, che fu mosso
Ruggiero a chiamarsi _Gran Conte_, perchè egli avea creato Simone suo
figliuolo Conte di Butera; e cominciandosi già in Sicilia ad introdursi
l'uso de' Feudi e de' Contadi; ed essere decorati di questi titoli i
figli, i nepoti e' vassalli del Conte, per distinguersi da costoro,
cominciasse a sottoscriversi con questo nuovo titolo _Magnus Comes
Calabriae, et Siciliae_.

Ma ciò che maggiormente fece rilucere la potenza di Ruggiero G. Conte
di Sicilia, fu l'impresa di Capua. Riccardo figliuolo di Giordano,
che discacciato da Capua, erasi ritirato in Aversa, non potendo per se
solo ricuperar Capua, lo richiese di soccorso, e della sua protezione:
promettendogli, in riconoscenza di questo importante aiuto, di farsi
suo uom ligio, e fargli omaggio de' suoi Stati[348].

Ed aggiunge Malaterra[349], che Riccardo oltre la promessa fatta di
prestargli omaggio, in ricompensa gli avesse anche offerta Napoli,
la qual città dovea ancora conquistarsi. E molto a proposito avverte
Inveges, che non si sa donde nascesse a Riccardo questa ragione di così
disporre di Napoli, che in questi tempi si governava da' suoi propri
Duchi in forma di Repubblica. Il Conte non fu insensibile a queste
offerte; poichè tosto unendo una sua armata, venne verso Capua, ove il
Duca di Puglia suo nipote, e Riccardo eransi già uniti per assediarla:
egli prima di cominciar l'assedio fece predare tutta la vicina
Campagna: da poi strinse la città minacciando agli abitanti la lor
ruina se non si rendessero[350]. In questo, avendo Urbano II inteso il
pericolo de' Capuani, venne tosto al campo ov'erano questi Principi per
ottenere da essi la pace, ed impedire la rovina di quella città. Egli
fu ricevuto magnificamente da que' Principi, i quali consentirono di
rimettere i loro interessi nelle sue mani, purchè i ribelli volessero
far il medesimo, del che fu avvertito il Papa, che non farebbero
punto. Con tutto ciò volle Urbano tentare di ridurgli, ed entrato
nella città, ancorchè gli dessero parola di volerlo fare, quando si
venne all'effetto, rifiutarono di voler rendere la città a chi si
sia. Il Papa pentitosi d'essersi mosso per loro cagione, se ne ritornò
indietro, niente curandosi di ciò avrebbe potuto di male accadergli.
L'assedio si strinse per ciò più fortemente, ed Iddio in questo punto
fece al Conte di Sicilia segnalatissimi favori; poichè la Contessa
Adelaide sua sposa, che in quell'impresa avealo seguitato, vi divenne
gravida. Si sgravò del parto in Melito di Calabria in decembre di
quest'anno 1097, ovvero, come altri rapportano, in febbraio dell'anno
seguente, e diè alla luce un figliuolo, il quale fu battezzato per mano
di S. Brunone fondatore dell'Ordine de' Certosini, col quale il Conte,
per la gran fama che teneva di santità, avea strettissima amicizia, ed
egli fu il primo, che stabilì nella Calabria quell'Ordine nascente, di
cui si mostrò sempre protettore.

Al fanciullo fu posto nome Ruggiero: quegli che per le famose sue
gesta fu il I Re di Sicilia. Errano perciò il Fazello, che scrisse
questo Eroe esser nato in Salerno; e Pirri, che anticipando due anni
questa nascita, nel 1095 lo dice nato in Sicilia. Il secondo favore,
che Ruggiero ricevette dal Cielo per l'intercessione di S. Brunone fu
l'essere stato liberato d'un tradimento, che un Greco appellato Sergio,
aveagli macchinato; ma l'aver il Conte ripressa questa congiura col
sangue de' congiurati, intimorì in guisa gli assediati, che tosto la
Piazza fu resa, e restituita al Principe Riccardo: usò gran clemenza
co' medesimi secondo il consiglio che glie ne diede il Conte, talmente
che si contentò d'eleggere il suo soggiorno in una delle torri più alte
della cittadella, ove entrò trionfante; onde ristabilito nel Principato
di Capua, riconoscendo quest'importante conquista da' due Ruggieri,
fece loro in segno di gratitudine ogni onore, e come uomo ligio giurò
loro omaggio.

Questi due Principi spediti da quest'impresa si ritirarono unitamente
in Salerno ove si trattennero insieme per qualche tempo. Meditava
il Duca di Puglia, sopra le altre città de' suoi dominj in Italia,
trasciegliere Salerno per sua sede regia, siccome avea pensato
anche Roberto Guiscardo, conquistata che l'ebbe, di costituirla
città metropoli, non altramente, che per quello riguarda la politia
ecclesiastica, avea fatto il Pontefice Giovanni XIII. Perciò la sua più
lunga residenza la faceva in Salerno[351]; il di cui esempio seguirono
da poi i suoi successori. Quivi ospiziò il suo zio colla Contessa e
col picciolo figliuolo poc'anzi natogli, il quale gli fu successore ne'
suoi dominj.



CAPITOLO VIII.

_URBANO II fa suo Legato il Conte RUGGIERO, onde ebbe origine la
Monarchia di Sicilia._


Urbano II per congratularsi con questi Principi del buon successo della
loro spedizione di Capua, venne a trovargli in Salerno, e volendo in
ricompensa di tanti benefizi prestati alla Sede Appostolica, mostrarsi
loro grato, creò Ruggiero suo Legato in Sicilia. In quest'anno 1098,
ed in questo Congresso fu istromentata quella Bolla, di cui non
vi è memoria che sia stata conceduta ad alcun altro Principe della
Cristianità, per cui vanta la Sicilia la sua Monarchia, e per cui s'è
preteso, che i successori del G. Conte Ruggiero fossero padroni ne'
loro Stati, così dello spirituale, come del temporale.

Erasi introdotto costume da' Pontefici romani di spedir loro Legati
appostolici in varie province dell'Orbe cristiano; e n'ebbero di varie
sorte. Alcuni che erano i più eminenti, ed a' quali era conceduta più
ampia e particolar giurisdizione, eran chiamati Legati a _latere_,
poichè dal Concistoro e Collegio de' Cardinali, che sedevano a lato
del Pontefice, erano prescelti, e perciò _Laterali_ chiamogli Ivone
Carnotense in una lettera[352] ch'e' scrisse a Pascale II. Altri erano
o Vescovi, o Diaconi della Chiesa romana, i quali erano destinati dal
Pontefice per Legati presso gl'Imperadori o Regi, i quali non aveano
altra incumbenza, se non nella Corte di que' Principi di proccurar i
negozi della Sede Appostolica, ed invigilare per gl'interessi della
medesima, e questi presso gli antichi si dissero _Apocrisiarii_,
ovvero _Responsales_. Ma fu ancora da poi introdotta un'altra sorta di
Legati, che si chiamavano Provinciali. Questi per lo più erano Vescovi
o Arcivescovi delle province istesse ove reggevano le loro Cattedre,
ai quali come Legati della Sede Appostolica veniva data molta autorità
e giurisdizione, e conceduti vari privilegi da potersene valere co'
loro provinciali, e sovente la Legazione si dava alla Cattedra, non
alla persona. Così l'Arcivescovo d'Arles era Primate e Legato delle
Gallie in vigore d'un antichissimo privilegio conceduto a quella sede,
e confermato da poi da Ormisda e da Gregorio I, e dagli altri romani
Pontefici[353]. Così ancora l'Arcivescovo di Cantorberì era Primate
e Legato d'Inghilterra per un privilegio, che Innocenzo II concedè a
Teobaldo Arcivescovo di quella città, ed a' suoi successori; onde è che
in Inghilterra questi erano appellati Legati nati, come ci testimonia
Polidoro Virgilio[354], poichè non alla persona, ma alla Cattedra
fu tal privilegio conceduto. Siccome il Vescovo di Pisa, ed i suoi
successori, da Gregorio VII furono dichiarati Legati della Santa Sede
nell'isola di Corsica.

Si davano ancora queste Legazioni in alcune province dell'Orbe
cristiano, non già alle Cattedre, ma alle persone, destinando i Sommi
Pontefici certe persone per Legati in vari luoghi. Così Lione il
Grande costituì Anastasio Vescovo di Tessalonica Vicario della Sede
Appostolica per l'Oriente, e nelle regioni dell'Affrica. Gelasio I,
per l'Egitto elesse Acacio. Ormisda per la Betica, e per la Lusitania
Salustio Vescovo di Siviglia; e per le Gallie l'istesso Pontefice
costituì suo Vicario Remigio di Rems, senza derogare al privilegio
dell'Arcivescovo d'Arles: Ormisda istesso elesse il Vescovo Giovanni
per tutta la Spagna. Vigilio creò per l'Illirico, il Vescovo di
Locrida, siccome fece anche Gregorio I. Martino I costituì Giovanni
Vescovo di Filadelfo per Legato nell'Oriente contro i Monoteliti. E
sopra tutte le altre province la Francia ebbe molti di questi Legati
ne' tempi di Carlo Martello, di Carlo il Calvo, e più ne' tempi
ne' quali siamo, sotto Gregorio VII ed Urbano II, tanto che per la
frequenza di questi Legati s'estinsero in gran parte le ragioni e
preminenze di Legato e di Primate nell'Arcivescovo d'Arles; e non solo
i romani Pontefici vi mandavano Legati perchè presiedessero a tutta
la Gallia; ma ancora a certe province vi mandavano particolari Legati,
come nell'Aquitania, de' quali Alteserra[355] ne rapporta un numero ben
grande.

Questi Legati per lunga esperienza si conobbe, che recavano alle
Province, ov'erano dirizzati, danni, e molestie insopportabili[356],
poichè oltre di scemarsi con ciò l'autorità e la giurisdizione de'
Vescovi e de' Metropolitani, traendo a se tutte le cause, e sovente
inquirendo e conoscendo delle cause e delitti de' medesimi Prelati, per
la loro avarizia e fasto tenevano depressi i Vescovi e tutto l'Ordine
ecclesiastico, onde vennero in tanta abbominazione a' provinciali,
che ricorsero a' loro Re, perchè vi dessero riparo. Per la qual cosa
i Principi d'Europa proccuravano o di non ricevergli affatto, ovvero
di non ricevere se non quelli ch'essi volevano. In Inghilterra perciò
fu fatta convenzione fra Urbano II col Re Guglielmo, per la quale fu
stabilito, che niun Legato si ricevesse in quell'isola, se non colui
che voleva il Re[357]. In Francia i loro eccessi furon tali, che
finalmente si risolvettero i Vescovi di supplicare il Papa, che gli
togliesse affatto per ristoro delle loro diocesi; siccome in fatti
ottennero, che non più si mandassero, onde risorse la potestà de'
Metropolitani e de' Primati in quella provincia, e si pose quiete in
quel Regno. L'Imperador Federico in Alemagna con suo editto ordinò, che
non si ricevessero affatto. Nella Scozia vi è legge stabilita nel 1188
approvata da' Pontefici Clemente III, Innocenzio III ed Onorio III che
proibisce poter alcuno ivi esercitare il diritto di Legazione, se non
fosse Scozzese; ed il simile si legge per le Spagne.

Nell'isola di Sicilia pur i Papi aveano in usanza crear questi Legati;
e si legge[358] che sin da' tempi di Gregorio I avesse questo Pontefice
creato Massimiano Vescovo di Siracusa Legato di Sicilia, concedendo
questa prerogativa alla sua persona, non già alla Cattedra[359].
Nemmeno ne furono esenti quest'istesse nostre province, ancorchè
tanto a Roma vicine; poichè nella Cronaca di Lione Ostiense[360] si
legge, che Niccolò II, dopo aver fatto Cardinale Desiderio celebre
Abate Cassinense, lo creò ancora suo Legato in tutta la Campagna, nel
Principato, nella Puglia e nella Calabria, se bene la sua autorità
fossegli stata ristretta sopra tutti i monasteri e Monaci di quelle
province come si scorge dalle parole del privilegio, che rapporta ivi
l'Abate della Noce.

Urbano II adunque, volendo in questi tempi, ciò che i suoi predecessori
avean prima fatto, rinovar l'usanza di crear in Sicilia un Legato,
vi nominò il Vescovo di Traina. Non ben s'intese da' Siciliani
questo fatto, e molto più se n'era offeso il Conte Ruggiero, il quale
essendosi così ben distinto per tanti segnalati servigi prestati alla
Santa Sede, con aver discacciati i Saraceni infedeli da quell'isola,
tolte tutte le Chiese al Trono costantinopolitano, con restituirle al
romano, e soccorsa la Chiesa nelle maggiori sue calamità, riputava
non dover meritare questa ricompensa. In questo Congresso tenuto in
Salerno se ne dolse col Papa, e fecegli comprendere assai liberamente
quanto ciò eragli dispiaciuto, e ch'egli era determinato a non punto
soffrirlo.

Ma Urbano che si sentiva cotanto obbligato a questo Principe, e dal
quale si prometteva maggiori ajuti per la Sede Appostolica, riputandolo
il più abile istromento in questi tempi, ove potesse appoggiare tutte
le sue speranze contro gl'Imperadori d'Occidente, non tralasciò sì
bella occasione per maggiormente obbligarselo. Non solamente su questo
punto gli diede tutta la soddisfazione, annullando in quell'istante
la Legazione, che avea data al Vescovo di Traina, ma con raro esempio
trasferì al G. Conte medesimo tutta quella autorità che come suo
Legato avea data a quel Vescovo, creando lui ed i suoi legittimi
eredi e successori Legati nati della Sede Appostolica in quell'isola,
promettendogli di non mettervi giammai alcun altro contra suo grado, e
che tutto ciò ch'egli era per fare per un Legato, fosse fatto per lui,
e suoi successori. Ne fu tosto spedito in Salerno per mano di Giovanni
Diacono della Chiesa romana il privilegio, nel mese di luglio, il
settimo dell'Indizione, e l'undecimo del Ponteficato di Papa Urbano II.

Questo avvenimento in cotal guisa lo narra Malaterra, il quale insieme
porta la Bolla d'Urbano, Scrittore gravissimo, e di que' tempi, il
quale qui termina i quattro libri della sua Latina Istoria; e di cui
Orderico Vitale[361] antico Scrittore delle cose normanne scrive:
_De quorum (idest Ducis Roberti Guiscardi, et Comitis Rogerii)
probis actibus, et strenuis eventibus Gotifredus Monachus cognomento
Malaterra, hortatu Rogerii Comitis Siciliae elegantem libellam nuper
edidit_.

Questa scrittura sì notabile meritava, che si fosse rapportata tutta
intera; ma riguardando la politia di quel Reame, non del nostro, ci
siamo contentati d'averne recato con nettezza ciò che contiene, tanto
più, che non mancano Scrittori[362], che la rapportano intera, e ben
negl'istessi Annali del Baronio potrà leggersi.

Questo è il fondamento della cotanto famosa Monarchia di Sicilia,
per cui i successori di Ruggiero, e sopra tutti i Re d'Aragona, che
signoreggiarono da poi quel Reame con lunga serie d'anni, si sono
mantenuti nel possesso di questa sì nobile ed illustre prerogativa
contro tutti i sforzi, e' dibattimenti surti sopra questo punto in
processo di tempo. Non riputandosi cosa impropria, e strana d'essersi
potuto a' Principi concedere tal facoltà di Legato della Sede
appostolica, quando i Papi stessi reputarono queste persone, come
sacrate, essendosi già introdotto il costume di ungersi col sacro
olio, e non come all'intutto laici, ma partecipi ancora del Sacerdozio
gli riputarono; e se non stimarono incompatibile alle loro persone di
creargli Canonici di S. Pietro, con ammettergli coi sacri abiti al
Coro, e rendergli consorti in tutte le altre funzioni, e celebrità
sacre; non dovrà parere strano che possano ancora ritener queste
prerogative, che finalmente si raggirano intorno alla ecclesiastica
giurisdizione, non già intorno all'ordine.

Secondo le massime del dritto Canonico, e la pratica della Corte di
Roma si è in più occasioni veduto, che nel diritto la potenza della
giurisdizione è distinta dalla potenza dell'ordine, e che quest'ultima
è attaccata all'ordine medesimo, e non può essere comunicata a
quelli, che non l'hanno per loro carattere. Non si può commettere
ad un Prete per far l'ordinazione; nè ad un Diacono per consecrare,
o per assolvere; poichè la facoltà dell'ordinare è attaccata al
carattere episcopale, ed il potere di consecrare e d'assolvere
all'ordine presbiterale: ma per ciò, che riguarda la potenza della
giurisdizione, ella può essere comunicata a persone, che non sono negli
ordini, ancorchè s'eserciti sopra quelli, che vi sono, o anche negli
ordini più elevati, che non sono quelli a chi si è accordata questa
giurisdizione. Li Papi non hanno fatto difficoltà di praticarla in
più occasioni, nominando Legati, i quali erano semplici Diaconi per
giudicare materie di fede, e cause di Vescovi, anche per tenere il loro
luogo ne' Concilj, e dando privilegi ad Abati e Monaci per esercitar
la giurisdizione episcopale; e ciò ch'è più stonante, anche alle
Badesse, che danno dimissorie, hanno Archidiaconi, ed altri Officiali,
ed esercitano tutto ciò, che appartiene alla giurisdizione episcopale;
ed in quest'istesso nostro Regno oggi giorno veggiamo, che la Badessa
del Monastero di Conversano esercita sopra i suoi Preti giurisdizione,
ed ha privilegio di valersi di Mitra, e di Pastorale, come i Vescovi
fanno. E Carlo II d'Angiò nella Chiesa di S. Nicolò di Bari ebbe luogo
in quel Coro sopra gli altri Canonici, e fu riputato come di lor corpo,
ed ebbe giurisdizione sopra que' Preti, come diremo al suo luogo.

Non è del nostro istituto entrare in que' dibattimenti, che da poi
sursero intorno a questo punto, e nelle cose che sono state scritte da'
Spagnuoli, e da altri diversi Autori, come materia lontana dal nostro
proposito. Ma non posso tralasciar di dire, che il Cardinal Baronio
con molta importunità, e poca verità ardì d'impugnarla negli ultimi
tempi, da poi che quel Regno n'era stato in possesso per tanti secoli.
Stampò egli al principio dell'anno 1605 il suo tomo XI, degli annali
ecclesiastici, e venendo di rapportar questo fatto, inserì nella sua
Istoria un discorso lunghissimo contra la Monarchia di Sicilia, ove con
isforzati, e lividi argomenti non trascurò di movere ogni macchina per
abbatterla. Ma ciò che non deve condonarsi alla memoria di quell'uomo,
si è d'aver pieno quel suo discorso di tanta maldicenza ed acerbità
contra molti Re d'Aragona di celebre memoria, e spezialmente contro
Ferdinando il Cattolico, riputandogli Tiranni, e che sotto questo nome
di Monarchia abbiano voluto in quel Regno introdurre la tirannide,
che capitato il libro in Napoli ed a Milano, fu da que' Ministri regi
proibito, ed ordinato, che non si vendesse, nè tenesse, per rispetto
del loro Principe Filippo III, che allora regnava, i cui progenitori
paterni erano stati da quel Cardinale sì indegnamente trattati.

Ma mostrò il Baronio sì gran risentimento di questa proibizione del
suo libro, che avendone avuto l'avviso quando per la morte di Clemente
VIII, era la sede vacante, fece unir tosto il Collegio de' Cardinali,
dai quali fece far un'invettiva contro que' Ministri, e non bastandogli
aver offeso quel Principe in quella guisa, volle toccarlo in un altro
punto non men geloso di sua regal giurisdizione; poichè in quella
apertamente biasimavansi que' Ministri, come nel proibir il suo libro
avessero posto mano nell'autorità ecclesiastica, quasi che a' Principi
non fosse lecito per quiete dello Stato far simili proibizioni. E dopo
creato il Pontefice Paolo V fece scrivere al Re Filippo sotto li 13
Giugno di quest'istesso anno una lunga lettera con grave doglianza,
che in vilipendio dell'autorità ecclesiastica, li Ministri regj in
Italia avessero proibito il suo libro, quando ciò al Papa solamente
s'apparteneva. Però la prudenza di quel Re giudicò meglio di rispondere
coi fatti, e lasciò correre la proibizione pubblicata da' suoi
Ministri.

Ma il Cardinale non si potè contenere, che nel 1607 stampando il
XII tomo non inserisse poco a proposito un discorso di quest'istessa
materia, con molta acerbità e livore declamando contro i Principi,
che voglionsi impacciare a proibir libri, non ritenendosi ancora di
dire, che lo fanno perchè i libri riprendono le loro ingiustizie. Il
Consiglio di Spagna con la solita tardanza e irrisoluzione vi procedè
con lentezza; non si mosse nemmeno per questa terza offesa, ma lasciò
scorrere altri tre anni, e nel 1610 il Re fece un editto, condennando,
e proibendo quel libro con maniera così grave, che destramente tocca
il Baronio, così bene com'egli avea toccato li Re suoi progenitori. E
per dargli maggior riputazione e forza, fu l'editto fatto pubblicare
in Sicilia, con decreto e sottoscrizione del Cardinal Doria, e mandato
per lo Mondo in istampa. In Napoli fu mandato l'editto al conte di
Lemos, che si trovava allora Vicerè, il quale a' 28 febbrajo dell'anno
seguente 1611 fece pubblicar Banno con molta pubblicità, col quale
si condennava il libro. La corte di Roma restò sbigottita tanto per
l'editto, quanto per l'esecuzione fatta dal Cardinale, e del Banno
pubblicato a suon di tromba in Napoli. Però in Spagna non si mossero
punto, e l'editto resta oggi giorno nel suo vigore.

Fu questa contesa rinovata con modi assai più forti negli ultimi nostri
tempi, quando Papa Clemente XI vedendo il Regno di Sicilia caduto in
mano del Duca di Savoja, credette tempo opportuno di profittare sopra
la debolezza di quel Principe; e ridusse la cosa in tale estremità,
che nell'anno 1715 non si ritenne di pubblicar una Bolla, colla quale
abolì la Monarchia, stabilendo in un'altra in quel Reame una nuova
ecclesiastica Gerarchia; ma riuscirono vani tutti questi sforzi,
poichè nè le Bolle ebbero alcun effetto, nè niuna mutazione o novità
s'introdusse in quell'isola; e molto meno quando poi quel Regno fece
ritorno sotto l'Augustissima Famiglia Austriaca.

Scrisse con questa nuova occasione a difesa della Monarchia il
celebre Teologo di Parigi Lodovico Ellies Dupino, dove fece vedere
quanto insussistente e vano sia ciò che il Baronio avea sostenuto in
contrario, e quel che il Papa avea ordinato in quella sua Bolla. Uscì
questo suo libro nell'anno 1716 dove si narrano minutamente l'origine
ed i progressi di questa contesa, ed i successi di questa briga, con
tanta diligenza e dottrina, che bisogna riportare il Lettore a quanto
egli ne scrisse intorno a questo soggetto.

La Bolla di Urbano fu dirizzata al Conte Ruggiero, e suoi successori, e
non comprendea che i suoi Stati che possedeva allora, cioè la Sicilia
ed alcune Piazze che e' teneva in Calabria, onde perciò s'intitolava
_M. Comes Calabriae, et Siciliae_.

Ma non meno del Conte era benemerito il Duca Ruggiero della Sede
appostolica; ond'era di dovere, che Urbano al Duca di Puglia, ch'era
presente, dispensasse suoi favori; ond'è da credere, che a questo tempo
fosse a' Duchi di Puglia conceduto quel privilegio, di cui l'antica
Glossa Canonica, e molti de' più vecchi Scrittori rapportano intorno
alla collazione dei beneficj del Regno.

In questi tempi per togliere l'investitura da' Principi secolari eransi
ragunati frequenti Concilj, e per ultimo nel Concilio romano celebrato
da Urbano nell'anno 1099 poco prima di morire, erasi di nuovo sotto
terribili anatemi vietato agli Abati, a' Propositi delle chiese, ed
a tutti gli Ecclesiastici di ricevere beneficj dalle mani de' laici.
Con tutto ciò pretesero sempre i Principi non dover essi reputarsi
in ciò puramente laici, nè potersi loro togliere quelle prerogative,
delle quali per lungo tempo n'erano stati in possesso. Che era ben
di ragione, che avendo essi fondate le chiese ed arricchitele del
loro patrimonio, essi ne dovessero aver le investiture; che siccome
prima nell'elezione de' Ministri della chiesa v'avea parte il popolo,
non dovea parere strano, se i Principi, a' quali fu trasferita ogni
potestà, potessero ora farlo per se soli[363]. Che ciò facendo,
niente davano agl'investiti di spiritualità, ma la lor concessione si
restringeva alla temporalità, ancor che nell'investirgli si valessero,
secondo era il costume, dell'anello e della verghetta. Ciò che con
maggior ragione lo pretendevano i nostri Duchi di Puglia, i quali
aveano in queste province molte chiese sin da' fondamenti erette, e
dotate di molti loro beni per la lor somma pietà inverso il culto della
Religion cristiana. Si aggiungeva ancora d'aver debellati gli infedeli
Saraceni, e d'aver restituite tutte le chiese al Trono romano, che
prima gli erano state tolte dal Patriarca di Costantinopoli.

I Pontefici romani per non contendere su questo punto co' Principi
amici e ben affezionati, a' quali senza recarsi pregiudizio volevano
gratificare, sovente usavano di conceder loro per privilegio
ciò ch'essi pretendevano per giustizia: i Principi badando solo
all'effetto, nè curandosi d'altro, l'accettavano. All'incontro i
Papi credevano maggiormente così stabilire i loro diritti, acciocchè
secondo che le congiunture portavano, potessero o rivocargli, o
contrastargli. Quindi è che gli antichi Re di Sicilia investivano de'
beneficj ecclesiastici in tutte le Chiese del Regno di Puglia, siccome
ne rende a noi fedel testimonianza l'antica Chiesa Canonica[364],
la quale se contro i canoni stabiliti in tanti Concilj osservò che i
Duchi di Puglia davano l'investiture de' beneficj, disse che ciò lo
facevano per privilegio del Papa, il quale poteva a' laici concedere
questa preminenza; e lo testimoniano ancora tutti i nostri più antichi
Scrittori del Regno, come Marino di Caramanico, Andrea d'Isernia, ed
altri[365]. E per questo privilegio si difendeva Federico II quando se
gl'imputava, che a suo modo dava le investiture delle chiese di queste
province[366]: anzi egli si doleva che i Papi tentavano di diminuire
le ragioni, che i Re di Sicilia aveano nell'elezione de' Prelati,
non ostante il lor privilegio, il quale da Innocenzio III non poteva
moderarsi, come fece con Costanza, quando egli era ancor fanciullo.
Ma di ciò più opportunamente ci tornerà occasione di favellare quando
della politia ecclesiastica tratteremo.


§. I. _Concilio tenuto da Urbano in Bari, e sua morte, seguita poco da
poi da quella del Conte RUGGIERO, e d'altri Principi._

Intanto Urbano dopo essersi in Salerno trattenuto con questi Principi,
se ne passò in Bari, ove avea intimato un Concilio di Padri greci e
latini per determinare il Dogma della processione dello Spirito Santo
dal Padre e dal Figliuolo, nel che i Greci non convenivano[367].
Intervennero in questo Concilio 185. Vescovi, e volle assistervi
anche S. Anselmo Arcivescovo di Cantorberì, che per affari della sua
Chiesa si trovava allora in Italia. Vi furono perciò tra' Greci e
Latini grandi dibattimenti; ma furono da S. Anselmo coloro convinti, e
determinato secondo ciò che teneva la Chiesa latina; ma non per questo
finì lo scisma, che sostenuto con ardore da ambe le fazioni per lungo
tempo tenne divise queste due Chiese, che non valse umana diligenza per
riunirle.

Spedito Urbano da questo Concilio portossi in Roma, ove dopo esser
intervenuto al Concilio romano, del quale poc'anzi si disse, non
passarono molti mesi, che in questo medesimo anno 1099 finì in quella
città i giorni suoi. Meritò questo Pontefice essere annoverato tra i
più grandi Papi ch'ebbe la Chiesa romana; egli tenendo questa Sede poco
men che dodici anni, adoperò molte eroiche azioni, e si rese celebre al
Mondo per la spedizione de' Crociati, essendone stato il primo autore,
Egli sopra tutti gli altri Pontefici fu il più ben affezionato a'
nostri Principi normanni, nè con essi ebbe occasion alcuna di disturbo,
ma gli amò come padre i propri figliuoli, e per quanto s'apparteneva a
lui, proccurò i loro maggiori vantaggi. Per la di lui morte fu eletto
Papa l'Abate Rainerio di Toscana, che Pascale II appellossi; ed in
questo medesimo anno i nostri presero Gerusalemme, e ne fu eletto Re
il famoso Goffredo Buglione, al quale dopo la sua morte succedette
Balduino suo fratello, avendo intanto Boemondo presa Antiochia, e
fattosene Principe, che la trasmise a' suoi posteri.

La morte di Urbano fu non molto tempo da poi seguita da quella del Gran
Conte Ruggiero: egli essendo già molto avanzato in età, trovandosi
in Calabria, rese chiara al Mondo la città di Melito ove morì nel
mese di Luglio dell'anno 1101[368]. E non a bastanza pianto da' suoi,
fugli nella maggior chiesa di quella città edificata da lui, eretto
un sepolcro, ove ancor oggi si conservano le sue gloriose ossa. Egli
visse settanta anni, avendone regnato sedici dopo la morte di Guiscardo
suo fratello. Ebbe più mogli, dalle quali avea avuti molti figliuoli,
ma tre soli maschi a lui sopravvissero, nati dalla sua ultima sposa
Adelasia, la quale prese il governo degli Stati immantenente dopo
la morte del marito con Roberto di Borgogna suo genero[369]. Questi
tre figliuoli furono Simone, che morto poco dopo il padre, non ebbe
la sorte di succedergli nel Contado di Sicilia[370]. _Goffredo_
soprannominato di Ragusa, di cui l'istoria non ci somministra alcun
riscontro: alcuni[371] credono che fosse nato dalla prima moglie
Erimberga, e che insieme col fratello Giordano fosse al padre premorto.
Ruggiero II fu quegli al quale lasciò i suoi Stati in una situazione
così illustre e vantaggiosa, che poco da poi gli possedette con titolo
e Corona di Re, e che la fortuna l'innalzò ad unire nel suo capo le
due Corone di Puglia e di Sicilia, e che con titolo regio signoreggiò
ancora queste nostre province, come qui a poco diremo. Lasciò ancora
il Conte Ruggiero due figliuole, Matilda ed Emma: Matilda fu moglie
di Rainulfo Conte d'Avellino. Per la qual cagione ne' disturbi che
accaddero da poi tra il Re Ruggiero, con l'Imperador Lotario II ed
il Papa Innocenzio II fu da Innocenzio, Rainulfo costituito duca di
Puglia contro Ruggiero suo cognato nell'anno 1137. Fu questa Matilda
quella che persuase ad Alessandro Abate Telesino di scrivere l'Istoria
di Ruggiero suo fratello, com'e' testifica nel primo libro della
medesima. Emma altra figliuola fu moglie di Rodolfo Maccabeo Conte di
Montescaglioso[372]; non facendo allora questi Principi difficoltà di
dare le loro figliuole, o sorelle per ispose a' loro Baroni, i quali
per la maggior parte erano dell'illustre sangue normanno o longobardo,
e potenti per molti ampi Stati, e ricche Signorie. Coloro che fanno
Costanza moglie d'Errico Imperadore figliuola di questo Ruggiero,
errano di gran lunga; fu ella nipote, non già figliuola del Gran Conte
Ruggiero, come nata dal Re Ruggiero suo figliuolo, come diremo.

Il principio di questo duodecimo secolo, nel quale siamo, fu
luttuosissimo non solo per la morte del Gran Conte Ruggiero, ma di
molti altri Principi che lo seguirono. Morì poco da poi nel mese di
gennaro dell'anno 1106. Riccardo II Principe di Capua dopo la cui
morte non lasciando di se figliuoli, gli succedè al Principato Roberto
suo fratello, che lo tenne insino al 1120 nel qual anno morì[373].
Nell'istesso anno 1106 nel mese d'agosto finì ancora i giorni suoi
l'Imperador Errico III a cui succedette Errico IV suo figliuolo,
il quale non meno che il padre, quasi ereditando co' Stati l'odio
contro i Pontefici romani, fu assai più acerbo con Pascale II e co'
suoi successori di ciò ch'era stato suo padre con Gregorio VII. Egli
volendo sostenere con maggior vigore le ragioni delle investiture,
minacciava di voler calare con potente armata in Italia contro Pascale.
Questo Pontefice per occorrere ad un tanto periglio, venne a Capua
per sollecitare il Principe Roberto, ed il Duca Ruggiero, perchè
l'aiutassero contro gli sforzi d'Errico; ma Errico venuto in Italia
con valido esercito, e giunto in Roma, ove il Papa era ritornato, ed
eragli (credendo così reprimere il suo orgoglio) col Clero e 'l Popolo
romano andato incontro per riceverlo, lo fece conducere con tutti
i suoi dentro i suoi alloggiamenti, come prigioniero, ove per forza
gli estorse le ragioni dell'investitura, e lo costrinse di vantaggio
secondo il solito rito e cerimonie a farsi incoronare Imperadore[374].
Ma subito che Errico partì d'Italia, Pascale in un Concilio tenuto da
poi in Laterano, annullò, e cassò tutti quegli atti, avendo intanto
poco prima sollecitato il Duca di Calabria, ed il Principe di Capua
con gli altri Normanni, e l'istesso Boemondo, perchè unite le loro
armate soccorressero la Chiesa romana contra le persecuzioni, che, come
diceva, sofferiva da Errico.

Ma la morte di questi due Principi Boemondo e Ruggiero accaduta l'una
poco dopo l'altra, frastornò tutti i suoi disegni. Morì Boemondo in
quest'anno 1110 in Antiochia, ed il suo cadavere trasportato in Italia,
fu fatto seppellire a Canosa nella Chiesa di S. Sabino. Lasciò di se un
figliuolo nomato pur Boemondo, che al Principato d'Antiochia, ed agli
altri suoi Stati successe. Lasciò ancora un'altra sua figliuola, ed
amendue raccomandò a Tancredi suo nipote.

Ma più deplorabile fu a queste nostre province la morte accaduta
in Salerno nel mese di febbraio dell'anno 1111 del famoso Duca
Ruggiero[375]. Fu egli con gran pompa, e molte lagrime sepolto nella
maggior chiesa di Salerno, edificata dal Duca Guiscardo suo padre:
nè lasciò di se altra stirpe virile, se non Guglielmo, natogli dalla
Duchessa Ala sua seconda moglie, il quale, morto suo padre, al Ducato
di Puglia ed agli altri suoi Stati succedette.

Il Duca Guglielmo, non meno che suo padre volle continuar col Papa
l'istessa amicizia e corrispondenza, nè mancò di soccorrerlo nelle
contese che con più ardore si proseguivano con Errico. Eransi a questi
tempi cotanto esacerbate queste contenzioni, che l'Imperador Alessio
Comneno pensò profittarne, scrivendo a Pascale II che se voleva
riconoscer lui per Imperadore d'Occidente, l'avrebbe prestati contro
Errico validi aiuti[376]. Ed intanto avendo Guglielmo stabilito in più
perfetta forma lo Stato, non mancò di chiedere al Papa la conferma
dell'investitura del Ducato di Puglia, e di Calabria, come i suoi
predecessori aveano ricevuta. Nè Pascale mancò tosto di concedergliela,
come fece nell'anno 1114 mentre era in Cepperano a celebrar un
Concilio, ove Guglielmo portossi per riceverla[377]. Ma mentre questo
Pontefice era tutto inteso per reprimere gli sforzi d'Errico oppresso
da gravi, e noiose cure ammalossi in questo anno 1118 nel quale a' 12
gennaro finì di vivere[378].

Morì ancora nel mese d'agosto del medesimo anno Alessio Imperadore
d'Oriente, a cui nell'Imperio successe Giovanni Porfirogenito
suo figliuolo. Ben tosto ci libereremo dalla cura di tener conto
degl'Imperadori d'Oriente; poich'essi avendo perduto tutto ciò, che
possedevano in queste nostre province, con poca speranza di più
riacquistarlo, non vi fu occasione di più pensare, ed intrigarsi
negl'interessi di queste regioni. Niente più era loro rimaso che
un'ombra di sovranità, che ancor ritenevano sopra il picciolo Ducato
napoletano, il quale non guari si vedrà passare altresì sotto la
dominazione del famoso Ruggiero I Re di Sicilia e di Puglia. Si
governava ancora questo Ducato sotto forma di Repubblica per suoi Duchi
e Consoli, ed in questi Tempi n'era Duca Giovanni, il quale morto non
molto tempo da poi, mentre regnava in Oriente Porfirogenito, fece luogo
a Sergio, ultimo Duca che fu de' Napoletani. Poichè passata da poi
Napoli sotto Ruggiero, ancorchè non immutasse la forma del suo governo,
vi creava egli nondimeno i Duchi a suo arbitrio e vi costituì Duca,
Anfuso uno de' suoi figliuoli, come si dirà a più opportuno luogo.



CAPITOLO IX.

_Litigi, ch'ebbe l'Imperador ERRICO IV con Papa GELASIO II. Investiture
date da questo Pontefice a' nostri Principi normanni; e scisma fra
CALISTO II e GREGORIO VIII._


Intanto dopo la morte di Pascale, il Clero ed il Popolo romano elessero
per suo successore Giovanni Gaetano Monaco Cassinense, che Gelasio II
chiamossi[379]. Tosto che l'Imperador Errico seppe l'elezione calò
in Italia, mandando intanto suoi Legati a Gelasio, con ambasciata,
che se egli era disposto ad accordargli ciò che Pascale aveagli prima
conceduto intorno alle investiture, egli era per riconoscerlo per
Pontefice, in altro caso, avrebbe posto un altro Papa nella Chiesa.
Ma repugnando Gelasio, e vedendo che l'Imperadore s'approssimava
con potente armata a Roma, uscì da questa città, ed accompagnato da
molti Vescovi e Cardinali, dal Prefetto di Roma e da molti Nobili di
quella, in Gaeta sua patria ricovrossi: quivi ordinato Prete, essendo
ancor Diacono, fu da quei Vescovi e Cardinali che seco avea, e dagli
Arcivescovi di Capua, di Benevento, di Salerno e di Napoli, in presenza
di molti Principi ed Abati, consecrato Pontefice romano.

I nostri Principi normanni, e sopra gli altri Guglielmo Duca di
Puglia, Roberto Principe di Capua, Riccardo dell'Aquila, e moltissimi
altri Baroni di queste Province, accorsero tutti a Gaeta offerendogli
ogni lor aiuto[380]. Guglielmo, ed il Principe di Capua prestarono
i giuramenti di fedeltà come ligi della Sede appostolica ch'erano,
ricevendo essi la conferma dell'investiture in quella guisa che i loro
predecessori aveanle ricevute dagli altri Pontefici. Ed è da notare
che i Principi di Capua in questi tempi prestavan l'omagio al Papa,
nell'istesso tempo, ch'erano ligi al Duca di Puglia.

Ma non è qui da tralasciare ancora, che Guglielmo non bastandogli aver
avuta l'investitura da Pascale, la volle anche da Gelasio, dal quale
non potè ottener altro, che una conferma ristretta sempre al Ducato
di Puglia e di Calabria, guardandosi bene di stenderla al Principato
di Salerno ed Amalfi, ed a tutti quegli altri Stati, ch'erano già
passati sotto la dominazione de' Duchi di Puglia. Così leggiamo nella
formola di questa investitura rapportata dall'Abate della Noce[381],
che Gelasio la diede a Guglielmo: _Quemadmodum Gregorius Papa tradidit
illam Roberto Guiscardo Avo tuo; et sicut Urbanus Papa eam Rogerio
Patri tuo prius, et postea tibi tradidit; sic et ego trado tibi eandem
Terram cum honore Ducatus per illud idem donum, et consensum_. Ma è
da notare l'errore occorso in questa formola, e mancare in essa dopo
la parola _postea_ il nome di _Pascalis_; poichè Guglielmo non mai
da Urbano ricevè investitura, come quegli che premorì a Ruggiero suo
padre, e Guglielmo succedè al padre nel Ponteficato di Pascale, dal
quale, e non da Urbano la ricevette, come rapporta Pietro Diacono.

Intanto s'esacerbarono le contese tra il Papa e l'Imperadore: questi
tosto che seppe essersi Gelasio partito da Roma, fece elegger Maurizio
Arcivescovo di Braga, che si fece chiamare Gregorio VIII. Dall'altra
parte Gelasio venuto a Capua scomunicò l'Imperadore, l'Antipapa, e
tutti i complici ed operò che Roberto Principe di Capua ragunasse le
sue truppe per opporle ad Errico, affinchè introducesse lui in Roma.
Roberto, unita una considerabile armata, prende il cammino verso il
monastero Cassinense, per quindi passar in Roma insieme col Papa,
come aveagli promesso; ma avendo inteso che l'Imperadore non era
molto lontano con forze superiori, non volle partirsi da Cassino, ed
avendo quivi ricevuti gli Ambasciadori d'Errico, che lo consigliavano
a ritirarsi, egli abbandonando l'impresa a Capua tornossene. Quindi
Gelasio, dopo varie vicende di fortuna, abbandonato dai Normanni,
finalmente non potendo resistere a tante forze, pensò andarsene con
alquanti Vescovi e Cardinali in Francia, e giunto nel monastero di
Clugnì, stanco finalmente per tante cure moleste e per tanti incomodi
sofferti in quel penoso viaggio, quivi infermatosi finì la sua vita il
dì 29 di gennaio dell'anno 1119 dopo aver non più che un'anno e cinque
giorni con tanti travagli, e patimenti tenuta quella sede.

Tosto i Cardinali, vedendosi privi d'un tanto Pontefice, e che mal
potevano opporsi a Gregorio, se immantenente non provvedessero al
successore, elessero in quel medesimo monastero Guido Cardinale
Arcivescovo di Vienna nato di regal stirpe, come quegli ch'era
figliuolo del Conte di Borgogna a' Re di Francia per sangue cotanto
vicino, e Calisto II chiamossi, il quale subito portossi in Roma,
ove dal Clero, dal Senato e Popolo romano con segni di molta stima fu
ricevuto. Il falso Papa Gregorio lasciando Roma si fortificò a Sutrio,
castello per sito ben forte, ove co' suoi ritirossi[382].

Intanto Calisto, per toglier dalle radici questo scisma, pensò non
esservi altro rimedio, che il ricorrere agli aiuti de' nostri Principi
normanni, venne perciò a Benevento, ove fu visitato dal Duca Guglielmo,
da Roberto e da tutti i Baroni di quel contorno, i quali offerendogli
le loro truppe, tutti stimarono doversi Sutrio stringere di stretto
assedio. In fatti non passò molto che fu questo Castello strettamente
assediato, tanto che finalmente bisognò rendersi: Maurizio venne
nelle mani di Papa Calisto, il quale lo fece strettamente custodire
in una forte Rocca come suo prigioniero. E qui finì questo scisma
di travagliare di vantaggio la Chiesa romana, nella quale cominciò a
godersi qualche pace.

Ma fu questa pace interrotta dalla morte accaduta in quest'anno 1120
di Roberto Principe di Capua, dal quale Calisto avea ricevuti sì
importanti servigi. Non lasciò questo Principe, che un solo figliuolo
chiamato Riccardo III, il quale al suo padre nel Principato successe.
Ma questo Principe non più che pochi giorni tenne il Principato: poichè
appena consecrato secondo il solito costume de' Principi di Capua
normanni, che solevan ungersi col sacro olio per mano dell'Arcivescovo,
finì tosto i giorni suoi in Capua; nè lasciando di se progenie alcuna,
gli succedè Giordano II, suo zio, fratello di Roberto suo padre[383].

Resse Giordano il Principato di Capua senza disturbo ben sette anni,
insino al 1127 nel qual anno morì. Sua moglie fu Gaitelgrima figliuola
di Sergio Signor di Sorrento, la quale sin dall'anno 1111 erasi con
lui sposata, e gli avea portato in dote Nocera con molti luoghi vicini
sottoposti a quella città. Da questa sua moglie gli nacque Roberto
II, che gli successe, e fu l'ultimo Principe di Capua della razza
di Asclettino; poichè discacciato dal Principato da Ruggiero I, Re
di Sicilia, ebbe la disgrazia di vedere dalla sua casa uscire questa
grandezza, che i suoi maggiori per lo spazio di tanti anni s'avevano
con tanta prudenza e valore mantenuta, come diremo nel Regno di
Ruggiero.

Intanto Papa Calisto, sedate alquanto le discordie, attese a comporre
in quella miglior forma, che potè lo stato della sua sede; e sopra
tutto proccurò di conservar col Duca di Puglia Guglielmo quell'istessa
corrispondenza ed amicizia che v'avea tenuto il suo predecessore. Nè
Guglielmo mostrò sentimenti diversi, poichè volle da lui, siccome avean
fatto i suoi predecessori con Gelasio e Pascale, ricevere l'investitura
del Ducato di Puglia e di Calabria, facendosi uomo ligio della Sede
Appostolica, e ricevendo con lo stendardo l'investitura; ed arrivato
Calisto in Troja, egli lo ricevette in quella città con ogni segno
di stima e di riverenza[384]; siccome fece nell'anno 1121 in Salerno,
ove venuto, trovandosi ivi ancora il Conte di Sicilia Ruggiero, fu da
questi Principi accolto con molto rispetto ed ossequio[385].

Tenne da poi nell'anno 1123 un Concilio in Laterano per dar rimedio
a molti disordini, che nella sua Chiesa erano nati per le gare avute
con Errico. Proccurò aver pace col medesimo, e dopo avere con molta
prudenza quietate le cose della Sede Appostolica, finalmente nell'anno
seguente 1124 finì in Roma i suoi giorni[386], lasciando di se gran
desiderio e molta afflizione; e si vide ben tosto quanto fosse riuscita
grave alla Chiesa romana tal perdita, poichè appena morto, divisi
i Cardinali in fazioni elessero due Papi, alcuni Lamberto Vescovo
d'Ostia, che Onorio II chiamossi, gli altri Teobaldo Cardinale di S.
Anastasia, che Celestino II fu appellato. Ma questo scisma, che si
temeva non dovesse lungamente perturbar la Chiesa, fu con istupore
di tutti ben tosto represso; poichè cedendo il partito di Celestino,
come più debole, a quello d'Onorio, i di lui partegiani s'unirono con
costui, onde sedati i disordini, Onorio fu da tutti avuto e venerato
per vero Pontefice.



CAPITOLO X.

_LOTARIO Duca di Sassonia succede nell'Imperio di Occidente per la
morte d'ERRICO; ed unione di tutte queste nostre province nella persona
di RUGGIERO Gran Conte di Sicilia, per la morte di GUGLIELMO Duca di
Puglia._


Le discordie, che nell'anno 1125 accaddero in Germania per la morie
di Errico IV, turbarono in gran parte lo stato delle cose d'Italia:
per non aver lasciato questo Principe di se prole maschile, sursero
tra i Principi della Germania grandi dissensioni per eleggere il
successore: due sopra tutti gli altri aspiravano all'Imperio, e con
maggior contenzione di animo; Corrado nipote d'Errico, e Lotario Duca
di Sassonia[387]. I Principi dell'Imperio ragunati per togliere i
disordini, che ne potevan nascere, furono risoluti di compromettere
quest'elezione nell'arbitrio dell'Arcivescovo di Magonza, dichiarando
che colui, il quale egli avesse stimato degno dell'Imperio romano,
senza dubbio avrebbero tutti eletto. L'Arcivescovo che portava odio
implacabile non pur ad Errico, ma a tutti della sua razza; senza
molto deliberare ne escluse tosto Corrado, e proponendo Lotario come
Capitano in guerra esercitatissimo, pio e prudente, lo prepose a
tutti, giudicandolo il più degno ed idoneo, che all'imperiale seggio
potesse innalzarsi: fu approvata l'elezione, e Lotario per Imperadore
salutato. In cotal guisa per l'industria e destrezza di questo Prelato
passò l'Imperio da' Tedeschi, che per tanti anni l'aveano tenuto, a'
Sassoni nella persona di Lotario, che alcuni III, altri con più verità
chiamarono II.

Corrado impaziente della repulsa, nè potendo soffrire, che altri che
egli fosse stato surrogato in luogo di suo zio, avendo tirati al suo
partito alcuni Principi della Germania, si fece da questi coronare per
Re di Germania. Così cominciarono le discordie tra questi Principi,
le quali a lungo andare cagionarono molti disordini e confusioni
nell'Imperio; ma Lotario come eletto dalla maggior parte, e ciò che
più importava, confermato da' Pontefici romani, fu riconosciuto per
Imperadore per tutto Occidente.

Ma ecco che mentre Onorio reggeva la Sede Appostolica, e Lotario
l'Imperio, mentre per la morte accaduta di Giordano, reggeva Capua
Roberto suo figliuolo, e mentre Sergio ultimo Duca governava il Ducato
di Napoli, accadde in Salerno in quest'anno 1127[388] la morte di
Guglielmo Duca di Puglia, il quale dopo la morte di Ruggiero suo padre,
avea retto queste province per lo spazio di sedici anni[389].

La morte di questo Principe cagionò alla fine, che interamente tutte
queste nostre province s'unissero in una persona in forma di Regno,
e che s'introducesse per conseguenza nuova politia, e più stabile
e perfetta forma di governo. Poichè non avendo questo Principe
lasciato di se figliuoli, s'estinse in lui e nel suo ramo la progenie
di Roberto Guiscardo[390]. Non vi era altri, che avesse potuto
succedere a' suoi Stati, che il Conte di Sicilia Ruggiero suo zio
cugino, come quegli, che era figliuolo ed erede di Ruggiero, fratello
del Guiscardo. Nè poteva ricercarsi allora altro Principe di forze
più potente, di consanguinità cotanto stretto, espertissimo delle
armi, accorto e prudente, quanto il Gran Conte di Sicilia, il quale
portandogli la fortuna un retaggio sì grande, ne abbracciò avidamente
l'occasione. In fatti, perchè non fosse impedito da altri, non tardò
Ruggiero un momento a prendere il possesso di una tanta eredità. Egli
tosto imbarcatosi in Messina sopra una armata venne improvvisamente
in Salerno, ove secondo il costume e la solita cerimonia si fece
dall'Arcivescovo di Capua consecrar Principe di Salerno[391]. Passò
immantenente a Reggio, ove Duca di Puglia e di Calabria fu salutato;
e scorrendo per queste province, fu da tutte le città ricevuto ed
acclamato per loro Sovrano.

Il Pontefice Onorio subito ch'intese, che Ruggiero con tanta celerità,
senza sua saputa e senza richiederne da lui investitura, erasi
impossessato, oltre della Puglia e della Calabria, del Principato di
Salerno, di Amalfi e di tutti questi Stati, se n'offese grandemente; e
temendo che uniti colla Sicilia tanti dominj, la soverchia potenza di
Ruggiero finalmente non terminasse in depressione della Chiesa di Roma,
cominciò ad alienarsi da lui, ed a pensar modo di trattenere il corso
di tanta felicità. Quindi i suoi successori, come si vedrà più innanzi,
scorgendo che Ruggiero, ciò che i suoi predecessori Duchi di Puglia non
poterono conseguire, avea gloriosamente unita nel suo capo la Corona
di Puglia e di Sicilia, ebbero sempre per sospetta la sua potenza, e
mutando stile, cominciarono ad essergli avversi, ed a frapporre mille
impedimenti al suo ingrandimento. Ma questo Principe col suo valore
e prudenza ruppe gli ostacoli, e condusse felicemente a fine i suoi
disegni; poichè ancorchè i Principi di Capua fossero ligi a' Duchi di
Puglia, amministrandosi però quel Principato con piena libertà e potere
da Roberto II, Ruggiero dopo esserne stato investito da Anacleto,
nell'anno 1135 ne discacciò Roberto, che fu l'ultimo Principe, ed a
se appropriò sì gran Principato. Il Ducato napoletano ch'era l'ultimo
rimaso a passar sotto la sua dominazione, e che per tanti secoli s'era
mantenuto in libertà contro gli sforzi de' Longobardi e de' Normanni,
finalmente nell'anno 1139 lo ridusse egli sotto il suo dominio. Tanto
che niente restava in queste nostre province, che a Ruggiero non fosse
sottoposto. Ed in cotal maniera, avendo unito nella sua persona tutte
queste province, vedutosi in tanta sublimità, sdegnando i titoli
di Conte e di Duca, volle prendere il titolo di Re; e poichè avea
costituito per capo del Regno di Sicilia Palermo, ivi trasferì la
sua regia sede. Ed avendo sotto la sua dominazione tutto il Ducato di
Puglia e di Calabria (anche quelle terre ch'erano state lasciate al
Principe Boemondo) tutto il Principato di Salerno e di Capua, il Ducato
d'Amalfi, l'altro di Napoli e di Gaeta, ed il Principato di Bari,
volle perciò ne' pubblici atti intitolarsi: _Rex Siciliae, Ducatus
Apuliae, et Principatus Capuae_. Il qual titolo fu da' suoi successori
lungamente serbato: sotto il nome di Re di _Puglia_, ovvero di Re
d'_Italia_ tutte queste nostre province comprendendo.

Ma le famose gesta di Ruggiero I, Re di Puglia e di Sicilia,
com'egli colla sua prudenza e valore superasse i molti ostacoli,
che i romani Pontefici, e Lotario Imperadore frapposero a questa sua
grandezza, come con nuove leggi ed istituti stabilisse meglio questo
Reame, e più perfetta forma gli desse, saranno ben ampio soggetto
del libro seguente; ricercando intanto l'istituto di quest'opera,
prima d'incominciarlo, che in breve diasi un saggio della forma e
disposizione nella quale trovò Ruggiero queste nostre province quando
ereditolle, non solo per ciò che concerne il numero de' suoi Baroni e
la politia ecclesiastica, ma sopra tutto delle leggi e delle lettere
che in questa età in quelle fiorivano.



CAPITOLO XI.

_Leggi longobarde e feudali ritenute da' Normanni. Le discipline
risorgono nel Regno loro per gli Monaci Cassinensi; e per gli Arabi in
Salerno._


I Normanni, ancorchè secondo le leggi della vittoria, conquistate che
ebbero queste nostre province, avessero potuto impor quelle leggi a'
vinti, ed introdurre ne' luoghi conquistati quella forma di governo,
che lor fosse stato più a grado; nulladimanco lasciarono vivere i
Provinciali con quelle stesse leggi ed istituti che aveano; anzi
insino ad ora, nuove leggi da loro non furono introdotte, siccome
fecero i Longobardi, ma ben paghi delle leggi longobarde e romane,
a loro imitazione non solo lasciarono vivere i loro sudditi nelle
proprie leggi, ma essi medesimi si adattarono a quelle. Il primo, che
nuove leggi v'introdusse, fu Ruggiero I Re, come nel seguente libro
diremo[392].

Portò ciò in conseguenza, che niente ancora mutossi intorno a'
Feudi, le cui Consuetudini procedenti per la maggior parte dalle
leggi longobarde, restarono così intatte com'erano, e le leggi
degl'Imperadori sino ora su di quelli stabilite, furono da essi con
non minor rispetto ricevute e fatte osservare. Anzi avendo discacciati
dalla Puglia, dalla Calabria e dalla Sicilia i Greci ed i Saraceni,
che Feudi non conobbero: furono essi, che in queste province ed
in quell'isola li introdussero, ad esempio dell'altre, che erano
più lungamente durate sotto la dominazione de' Longobardi. Quindi
multiplicossi il numero de' Baroni, ed oltre di coloro ch'erano ne'
Principati di Benevento, di Salerno e di Capua, si sentirono anche
da poi nella Puglia i Conti di Conversano, di Trani, di Lecce, di
Monopoli, di Andria[393] e moltissimi altri; e nella Calabria que'
di Catanzaro, di Sinopoli, di Squillace e di Cosenza, di Tarsia, di
Bisignano, di Girace, di Melito, di Policastro, e molti altri.

E se bene queste due province ritolte a' Longobardi da' Greci,
avessero sperimentato per lungo tempo la loro dominazione, nulladimanco
conquistate da' Normanni, furono ben tosto le leggi longobarde in esse
introdotte, e tutte le città delle medesime secondo i lor dettami si
reggevano; anzi Bari che fu la principal sede, prima degli Straticò,
e da poi de' Catapani, più di tutte le altre, alle leggi longobarde
s'attenne, e le consuetudini di questa città, non altronde derivano, se
non dalle leggi longobarde; per la qual cosa Ruggiero I Re di Sicilia,
dopo aver presa ed espugnata quella città, volendo riordinarla di buone
leggi, fu da' Baresi richiesto, che lasciassegli vivere con le proprie
loro consuetudini e particolari costituzioni, che tenevano, tratte
dalle leggi longobarde, essendo stata lungo tempo la lor città sotto
i Longobardi, come sotto Ajone, Melo, Meraldizo, Grimoaldo ed altri
Principi di sangue longobardo: e Ruggiero avendole lette e commendate,
ordinò che quelle s'osservassero, siccome lungamente da poi ebbero
vigore, ed insino a' nostri tempi s'osservano[394].

L'avere i Normanni per lo spazio poco men d'un secolo, da che
conquistarono la Puglia insino a Ruggiero I Re, tenuto tanto conto
delle leggi longobarde, e l'averle preposte a tutte le altre, fece
sì che passassero in queste province per legge comune; ed i nostri
Professori non indrizzavano ad altro il loro studio, che a queste per
appararle, come quelle, che poste in maggior uso ne' Tribunali aveano
tutta autorità e vigore, e per quelle solamente le liti erano decise.

Le leggi romane erano, come più volte si è notato, solamente ritenute
come una tradizione: e presso la plebe, ch'è l'ultima a deporre gli
antichi istituti erano rimase come antica usanza, non già come legge
scritta. La romana giurisprudenza, ed i libri di Giustiniano, ne'
quali era contenuta (siccome tutte l'altre discipline) erano andati
in dimenticanza, e d'essi rara era la notizia in questi tempi, ed in
queste nostre parti, e molto meno lo studio e l'applicazione.

Ma non dobbiamo fraudar qui della meritata lode i Monaci Cassinensi,
i quali furono i primi che cominciarono in mezzo di tanta oscurità a
recar qualche lume a tutte le professioni in queste nostre province.
La diligenza del famoso Desiderio Abate Cassinense, che innalzato al
Ponteficato Vittore III fu detto, fece che si cominciasse ad aver
notizia di qualche libro di quelli di Giustiniano, siccome degli
altri d'altre facoltà. Questo celebre Abate dopo aver ingrandito quel
monastero d'eccelse fabbriche, diedesi a ricercare molti libri per
fornirlo d'una numerosa Biblioteca; e non essendo ancora in Italia
introdotto l'uso della stampa, con grandissimo studio e molta spesa,
avuti che gli ebbe, fecegli trascrivere in buona forma. Fra gli altri
Codici furono le Istituzioni di Giustiniano e le sue Novelle[395]. Ma
questi libri come cose rare si reputavano allora, nè giravano attorno
per le mani d'ogni uno, come ora; ma si custodivano, come cosa di
molto pregio in qualche illustre Biblioteca. Solo nella Chiesa romana
era più frequente l'uso di quelli, ed anche presso alcuni Imperadori
d'Occidente, i quali alle volte stabilendo qualche loro costituzione
si riportavano a quelli. Del Codice di quest'Imperadore, ancor che
in questi tempi per la Francia (come è chiaro dall'epistole d'Ivone
Carnotense) e per l'Italia ancora (com'è manifesto da alcune leggi
degl'Imperadori d'Occidente, particolarmente d'Errico II[396] e dalle
decretali di alcuni Papi, che allegano alcune leggi del medesimo) ne
girasse qualch'esemplare; nulladimanco a pochi era in uso, eziandio
agli stessi Professori, i quali lo trascuravano per non aver quella
forza e vigore nel Foro, che acquistò da poi.

Le Pandette non s'erano ancora scoverte in Amalfi, in modo che i
nostri Professori n'avessero potuto aver notizia. Ve n'era bensì
qualch'esemplare in Francia, siccome dimostrano l'epistole d'Ivone,
nelle quali sovente s'allegano alcune leggi[397] de' Digesti, poichè
in quella provincia, per le famose sue Biblioteche, non vi era cotanta
ignoranza di questi libri; e del Codice Teodosiano, e del suo Breviario
ne girava attorno ancora più d'un esemplare.

Presso di noi nella sola Biblioteca Cassinense potevan vedersi le
Istituzioni e le Novelle di Giustiniano, tanto è lontano che l'uso
delle medesime a questi tempi fosse così frequente ne' Tribunali delle
città di queste nostre province, come ora.

Solo le leggi longobarde eran le dominanti, e ciascun Tribunale secondo
quelle diffiniva le sue cause, e secondo le medesime si regolavano
le successioni, i testamenti, i contratti, la punizion de' delitti,
le confiscazioni e tutti i giudicj. Sono fra monumenti delle nostre
antichità ancor'a noi rimasi alcuni vestigi, che i Giudici appoggiavano
le loro sentenze sopra queste leggi; e Lione Ostiense[398], il litigio
insorto intorno l'anno 1017 tra il monastero di Monte Cassino con i
Duchi di Gaeta, e' Conti di Trajetto, narra che fu deciso non meno
per le leggi romane, che per le longobarde. Camillo Pellegrino[399]
rapporta un diploma di Riccardo II Principe di Capua, per cui fu fatta
donazione alla chiesa di S. Michele Arcangelo in _Formiis_ di molti
beni, e fra gli altri d'alcuni, che a Riccardo suo avo erano pervenuti
per alcune confiscazioni seguite _secundum Longobardorum legem_. E
questo medesimo Scrittore[400] rapporta due sentenze profferite anche
dopo questi tempi, una dell'anno 1149 sotto il Re Ruggiero, e l'altra
nell'anno 1171 sotto il Re Guglielmo, nelle quali si vede per le leggi
longobarde essere le cause decise.

Nè in questi tempi, nel decider le cause, ricercavano i Giudici tanto
apparato e tanta pompa, come osserviamo a' tempi nostri. Essi credevano
che quelle sole potessero bastare, e ciò anche procedeva perchè non
si dava luogo a tante lunghezze, a tanti raggiri e sottigliezze. Ogni
città teneva il suo Tribunale, ed i suoi Giudici: e le liti senza
molto apparato presto eran terminate; quando accaddevano controversie
intorno a' confini, o che in altra maniera vi si richiedesse l'ispezion
oculare, si portavano sulla faccia del luogo, ed ivi presto la causa
si finiva; nè eran dispendiati i litiganti di ricorrere a' Tribunali
remoti, ma nella loro città avanti i loro Giudici le controversie eran
tosto terminate.


§. I. _Prime raccolte delle leggi longobarde; e loro Chiosatori._

Avendo dunque, particolarmente in questi tempi, acquistata tanta
forza in queste province le leggi longobarde, i nostri Professori
tutti s'applicavano allo studio delle medesime; nè essendo stato fin
qui, chi l'avesse in un sol volume raccolte, nel quale e le leggi
de' Re longobardi, e quelle che dagl'Imperadori di Occidente, come Re
d'Italia, erano state sinora promulgate, fossero state unite insieme
per uso del Foro, e per maggior agio e comodità degli Avvocati e dei
Giudici: finalmente intorno a questi tempi ne fu fatta la compilazione,
per la quale in un sol volume furono tutte queste leggi raccolte.

La prima raccolta che noi possiamo mostrare di queste leggi, è quella
che ancor si conserva nell'Archivio del monastero della Trinità della
Cava, ove in un volume membranaceo scritto in lettere longobarde,
si vedono inseriti tutti gli editti de' Re d'Italia, incominciando
da Rotari, che fu il primo a dar leggi scritte a' Longobardi. Dopo
l'editto di Rotari, siegue l'altro di Grimoaldo: indi sieguono le leggi
di Luitprando: poi quelle di Rachi, e finalmente quelle d'Astolfo, che
fu l'ultimo Re longobardo, che avesse stabilite leggi; poichè, come si
disse, Desiderio suo successore ed ultimo de' Re longobardi, intricato
in continue guerre, non potè pensare alle leggi. Ma poichè, non ostante
che Carlo M. avesse discacciato Desiderio, ed il Regno d'Italia da'
Longobardi fosse trasferito a' Franzesi, non cessò la dominazione de'
Longobardi in queste nostre province sotto i Principi di Benevento, i
quali ad esempio de' Re longobardi, stabilirono molte leggi, le quali
lungamente nel Principato di Benevento, che in que' tempi abbracciava
quasi tutto ciò che ora è Regno di Napoli, s'osservarono: perciò il
Compilatore suddetto, che intraprese questa fatica per comodità de'
nostri, in quel suo volume inserì ancora i Capitolari d'Arechi primo
Principe di Benevento, e quel d'Adelchi suo successore; e dopo avere
framezzate in quello alcune sue operette, fa una breve sposizione
d'alquante leggi per uso de' Beneventani, e molto più per gli Capuani,
per li quali mostra aver fatta quella fatica; tanto che per ciò, e
per alcune altre conghietture, suspica Camillo Pellegrino[401], che
l'Autore fosse stato capuano. In questa raccolta aggiunse egli ancora
alcune sue operette legali sotto questi sconci e goffi titoli. _Quantas
caussas debet esse judicata sine Sacramentum. Item quantas caussas
fieri debet per pugna judicata. Memoratorium pro quibus caussis filii
ab haereditate patris exeredati fieri debet_. Chiudono in fine il libro
i _Capitolari_ di Carlo Magno, di Pipino, di Lodovico, e degli altri
Imperadori, i quali discacciati i Longobardi per Carlo Magno furono Re
d'Italia.

Questa è la più antica raccolta, che noi abbiamo delle leggi longobarde
fatta da un Capuano, il cui nome è a noi ignoto, la quale non mai
impressa, si conserva nell'Archivio cavense. Il tempo nel quale fu
fatta, suspica il Pellegrino essere nel principio di questo undecimo
secolo intorno all'anno 1001 o poco da poi; poichè l'Autore v'inserisce
un Catalogo dei Duchi e Principi di Benevento, e de' Conti di Capua, e
lo tira sino al detto anno, sino al Principe di Capua Adimaro. Mostra
divantaggio aver conosciuto Pandolfo _Capodiferro_ Principe di Capua,
il quale morì nell'anno 981. E questo è ancora il primo ed il più
antico Autore, che noi possiamo mostrare avere scritte opere legali
adattate a questi tempi, ne quali tutta la cura ed applicazione de'
nostri Professori era intorno alle leggi longobarde.

Chi fosse l'Autore di quell'altra vulgata compilazione divisa in tre
libri, e distinta in più titoli che ora si legge inserita nel volume
dell'autentico, non è di tutti conforme il sentimento. Che fosse ella
antica, si dimostra da' libri feudali[402], dove si allegano molte
leggi longobarde, che ella racchiude. Alcuni[403] credono, che fosse
fatta ne' tempi di Lotario III ovvero II Imperadore da Pietro Diacono
Monaco Cassinense, ancorchè per privato studio, ma con impulso però
dello stesso Imperador Lotario, non potendosi dubitare, che Pietro
fosse stato suo Logoteta in Italia, e costituito da lui Cartulario e
Cappellano nell'Imperio[404]. Lo argomentano dal vedersi, che dopo
Lotario non si leggono in questa compilazione altre Costituzioni
d'Imperadori posteriori; poichè se bene nelle ultime edizioni di
Lindenbrogio e nelle vulgate si legga una costituzione di Carlo IV
si vede chiaro, che quella vi fu aggiunta da poi, non leggendosi
nella raccolta di Melchior Goldasto, ch'è più antica dell'edizione
di Lindenbrogio; nè quella si appartiene punto al Regno d'Italia.
Struvio[405] aggiunge un'altra conghiettura dal vedersi, che alcuni
esemplari portano anche il nome di Pietro Diacono.

Altri per contrarj argomenti di ciò non s'assicurano, ed il suo Autore
dicono esser incerto. Dubitano esserne stato Pietro Diacono, poichè
questi nella Cronaca Cassinense[406] noverando minutamente tutte le sue
opere che compilò dopo essersi fatto Monaco, e facendo di esse minuto
catalogo, sino a porvi i proemj che fece ad alcuni libri non suoi, ed
a riferire due inni che compose a Santa Giusta, ed alcuni sermoni,
ed altre minuzzerie: di questa compilazione non ne favella affatto;
quando, se egli ne fosse stato Autore, non avrebbe mancato di farne
pompa, parlando egli delle sue cose, ancorchè di picciolo rilievo,
con estraordinario compiacimento. Si aggiunge, che Carlo di Tocco,
antichissimo nostro Giureconsulto, nel proemio delle Chiose che fece a
questi libri, parlando dei Compilatori, dice che per la loro antichità,
non avea potuto saperne i nomi; e pure Carlo di Tocco fu molto vicino
a' tempi di Lotario, poichè visse nel Regno di Guglielmo Re di Sicilia,
ed avrebbe potuto sapere se ne fosse stato Autore Pietro Diacono.

Che che ne sia, egli è certo che questa seconda Raccolta divisa in
tre libri, ancorchè mal fatta, senza ordine di tempo, e con grande
confusione, ebbe miglior fortuna, che la prima più metodica, e dove
secondo l'ordine de' tempi furono raccolti tutti gli editti de'
Re longobardi, ed i capitolari degli altri Imperadori Re d'Italia.
Questa non mai impressa giace ancor sepolta nell'Archivio della Cava;
all'incontro quella, di cui fassene Autore Pietro Diacono, ebbe molte
edizioni, alcune separate, altre unite al volume dell'Autentico;
e Basilio Giovanni Eriold colle leggi Saliche, Alemanne, Sassone,
Brittanne, e d'altre Nazioni, fecela ristampare in Basilea nell'anno
1557. Melchior Goldasto ne fece fare un'altra edizione, e Federico
Lindenbrogio la fece di nuovo ristampare, e l'unì al Codice delle leggi
antiche.

L'uso ed autorità, che diedero i nostri maggiori a questi libri fu
tale, che secondo quelli eran decise le liti ne' Tribunali; perciò
i più antichi nostri Professori v'impiegarono le loro fatiche in
commentarli, e farvi delle note. Il primo che impiegasse i suoi
talenti sopra questi libri, e che con ben lunghe chiose gl'illustrasse
fu _Carlo di Tocco_. Questi nacque nella Terra di Tocco posta su'l
Beneventano, donde, come era l'uso di que' tempi, prese il cognome; e
seguendo l'esempio de' suoi maggiori, per esser nato, com'egli dice,
di padre similmente Dottor di leggi, si portò giovanetto in Bologna
per apprendervi ragion civile; ed ebbe la sorte d'avere per maestri
Placentino[407], Giovanni[408], Ottone Papiense[409], e Bagarotto[410],
discepoli che furono del famoso Irnerio. Ritornato poi nel Regno fu
fatto Giudice in Salerno[411]; ed essendo ancor giovane, fu sotto il
Re Guglielmo I, nell'anno 1162, creato Giudice della Gran Corte[412].
Fu riputato uno de' più insigni Giureconsulti de' suoi tempi, e fra noi
estese la sua fama anche presso coloro, che gli successero.

L'occasione che fu data a questo Giureconsulto di impiegare i suoi
talenti sopra le leggi longobarde, non fu altra se non quella,
ch'ebbero Ermogeniano e Gregorio a compilare i loro Codici. Questi due
Giureconsulti, vedendo che per le nuove leggi de' Principi cristiani,
l'antica giurisprudenza de' Gentili romani ruinava, vollero per mezzo
de' loro Codici, quanto più fosse possibile ripararla, perchè almeno
si conservasse in quelli. Così ne' tempi di Guglielmo, essendosi già
ritrovate le Pandette in Amalfi, ed essendosi cominciate ad insegnare
nell'Accademie d'Italia, i Giureconsulti di que' tempi eran tratti
dalla loro eleganza e gravità ad apprenderle, e con ciò cominciando
a riputar barbare ed incolte quelle de' Longobardi, lo studio delle
medesime era tralasciato. Era stato a suoi dì da Irnerio, Bulgaro,
Martino, Giacomo, Ugone, Pileo, Ruggieri, e da altri chiosato tutto
il corpo della ragion civile; ed al costoro esempio tutti gli altri
abbandonavano lo studio delle longobarde, donde potea ricavarsi maggior
utile nel Foro. A questo fine Carlo di Tocco per finire di toglierne il
disprezzo, come già erasi cominciato, e per invogliarli ad apprenderle,
avendo fatto sommo studio sulle Pandette, proccurò illustrar le
longobarde, confermando, o illustrando ciò che disponevano colle leggi
romane, come fece per mezzo delle sue Chiose, le quali per la maggior
parte non contengono altro, che spesse citazioni delle leggi romane,
acciò che per questo mezzo s'invogliassero i Professori a studiarle,
perchè con più utilità potessero servirsene per uso del Foro, appo a
quale le Pandette non facevano ne' suoi tempi alcuna autorità, come
diremo a più opportuno luogo. Fu questa sua fatica cotanto utile e
commendata dai posteri, che acquistò forza e vigore poco meno delle
leggi stesse; ed Andrea d'Isernia parlando di questa Chiosa del Tocco
fatta alle longobarde, dice che _plurimum in Regno approbatur_[413].
Colla medesima lode ne parlano Luca di Penna, Matteo d'Afflitto, ed
altri nostri antichi Autori.

Per quest'istessa cagione ne' tempi dell'Imperador Federico II
innalzandosi assai più lo studio delle leggi romane, che traeva a se
tutti i Professori, i quali scordatisi con poca loro utilità delle
leggi longobarde, ch'erano quelle, per le quali potevano vincer le
cause ne' Tribunali, erano tutti intesi alle romane, fu data occasione
ad _Andrea Bonello da Barletta_ di far alcuni Commentarj sopra le
longobarde, per li quali notò tutte le differenze, che v'erano tra
l'une e l'altre leggi, affinchè nell'avvenire, com'egli dice, non si
dasse occasione d'errare agli Avvocati, i quali mentre erano tutti
intesi ad apparare le leggi romane, trascuravano le longobarde; onde
sovente nelle cause era forza di soggiacere, e d'esser vinti da'
Professori d'inferior grado e dottrina. Così egli narra esser accaduto
una volta ad un grande Avvocato, il quale con ben grandi apparati
difendendo una causa, avendo allegate a pro del suo Clientolo molte
leggi romane: surse all'incontro certo Avvocatello suo oppositore,
il quale portando nascosto sotto il mantello il libro delle leggi
longobarde, dopo averlo fatto arringare a sua posta, cacciò fuori il
libro, dal quale recitate alcune leggi, che decidevano a suo favore
il caso, riportò la vittoria con grande scorno del suo Avversario, il
quale pien di rossore vinto andò via.

Fu Andrea Avvocato fiscale sotto l'Imperador Federico II, ed avuto in
molta stima da questo Principe, il quale per suo consiglio istituì
la Curia Capuana. Fu un Giureconsulto molto rinomato nella sua
età, e presso i suoi successori avuto in molta riputazione. Andrea
d'Isernia[414] lo chiama _valente Dottore_, Matteo d'Afflitto[415]
_gran Giurista_; ed altri non lo nominano, se non con grandi elogi.
Compose, oltre a quest'opera utilissima, e necessaria per sapersi le
differenze dell'une e dell'altre leggi, altri Commentarj sopra le leggi
romane, sovente allegati da Napodano e da Afflitto; e poichè, oltre
di questi Autori, non si ha riscontro che fossero allegati da altri,
si crede che fossero da poi dispersi; siccome le sue Chiose sopra le
nostre Costituzioni, furono per poca diligenza de' Copisti confuse con
quelle di Marino di Caramanico, tal che ora mal si possono discernere.

_Biase da Marcone_, che visse a' tempi del Re Roberto, e fu suo
Consigliere e familiare, pure sopra le leggi longobarde impiegò
i suoi talenti, commentandole[416]. Ne compilò un grosso volume,
che manuscritto si conservava appresso Marino Freccia, come egli
dice nel libro de' Suffeudi. Francesco Vivio[417] lo chiama uomo
di grand'autorità nel Regno, e specialmente pel suo trattato delle
differenze del diritto dei Romani, e quello de' Longobardi: fu egli
coetaneo ed amico di Luca di Penna, e discepolo di Benvenuto di Milo
Vescovo di Caserta, cui professava grandi obblighi per averlo da niente
ridotto a quello stato. _Niccolò Boerio_ pure impiegò le sue fatiche
sopra queste leggi. E negli ultimi tempi sotto l'Imperador Carlo
V, _Giambattista Nenna di Bari_ famoso Giureconsulto della sua età,
compose un libro sopra queste leggi, con una spiega per alfabeto delle
parole astruse de' Longobardi, che fece stampare in Venezia nell'anno
1537[418]. Ma in decorso di tempo scemandosi sempre più la forza e
l'autorità presso noi di queste leggi, ed andate finalmente in disuso,
finirono i nostri Professori d'impiegarvi più i loro studj, e rimangono
ora affatto oscure ed abbandonate.


§. II. _Le discipline risorgono fra noi per opera de' Monaci
Cassinensi._

Nel principio di questo secolo risvegliati gl'ingegni dal sonno, in
cui erano stati nel precedente, si applicarono alle discipline; ed i
contrasti che vi furono non meno fra gl'Imperadori d'Occidente ed i
romani Pontefici, che fra i Greci ed i Latini, eccitarono gli animi a'
studj, e diedero occasione a coloro, che si erano attaccati ad un de'
partiti, che aveano qualche capacità, d'esercitare le penne, e di far
comparire il lor sapere. Lo scisma, che in questi tempi teneva divisa
la Chiesa greca dalla latina, e particolarmente la contenzione sopra il
dogma della processione dello Spirito Santo, teneva ancora esercitati
gl'ingegni, perchè più del solito s'applicassero a studj sacri e
della teologia. Alcuni imitarono assai bene gli antichi, o nello
stile, o nella maniera di scrivere, ma per la maggior parte essendo
senza cognizione di lingue e d'istoria, sentirono della barbarie
e della rozzezza del secolo precedente; ed alcuni cadettero nella
maniera di scrivere secca e sterile de' Dialettici. Lo studio della
teologia e delle altre scienze, che nel secolo precedente era stato
posto in dimenticanza, fu tra di noi rinovato per opera de' Monaci,
ma sopra ogni altro per quelli di Monte Cassino. Nel principio ognuno
contentavasi di seguire l'antico metodo, e di riferire l'esplicazione
de' Padri sopra la Scrittura Sacra; nè trattavano de' dogmi che di
passaggio e per accidente. Ma sul fine di questo secolo si cominciarono
a fare delle lezioni di teologia sopra i dogmi della religione, a
proponere varie questioni sopra i nostri misterj, e a risolverle per
via di ragionamenti, e secondo il metodo della dialettica. I libri
d'Aristotele cominciavano a farsi sentire per gli Arabi che a noi li
portarono; e credettero i nostri Teologi averne bisogno per le dispute
contro gli Arabi stessi, onde l'accomodarono alla nostra religione, i
cui dogmi e morale spiegarono secondo i principj di questo Filosofo,
e trattarono la dottrina della Scrittura e de' Padri coll'ordine e
con gli organi della dialettica, e della metafisica tratta da' suoi
scritti. Questa fu l'origine della teologia _Scolastica_, che divenne
poco da poi la principale, e quasi l'unica applicazione de' nostri
Monaci e delle nostre Scuole.

I Monaci Cassinensi si distinsero fra noi in questo secolo sopra tutti
gli altri: essi s'applicarono a questi studj; e mantennero presso
di noi le Scuole sacre con molta cura, e dove il Catechismo era con
molta diligenza spiegato da valenti Teologi, de' quali era in questi
tempi il numero grande. Oltre il celebre Abate Desiderio cotanto noto
nell'istoria, fuvvi _Alfano_, che da Monaco Cassinense passò poi alla
Cattedra di Salerno, e compose molte opere delle quali Pietro Diacono e
Giovanni Battista Maro tesserono lunghi Cataloghi[419]. Fuvvi _Albarico
di Settefrati_ Terra posta nel Ducato d'Alvito, Monaco Cassinense,
che parimente si segnalò e per la sua pietà, e per le molte opere, che
scrisse[420]. _Oderisio_ de' Conti de Marsi, di cui Pietro Diacono e
Maro rapportano le opere che compose. _Pandulfo Capuano_, che fiorì in
Cassino sotto l'Abate Desiderio nell'anno 1060, e che si distinse sopra
gli altri per la letteratura non meno sacra che profana, come si vede
dal Catalogo delle sue opere, che ci lasciò Pietro Diacono[421]. Il
Monaco _Amato, Giovanni Abate di Capua_, di cui il Diacono e 'l Marco
lungamente ragionano. L'istesso _Pietro Diacono_, e tanti altri, che ci
lasciarono per le loro opere, di loro non oscura memoria.

Ma non pure in questi studj, che per altro dovean essere loro proprj,
i Monaci Cassinensi si segnalarono, ma si distinsero ancora per le
buone lettere e varia erudizione; e quel poco che si sapeva presso
di noi a questi tempi, in loro era ristretto, e qualche cognizione,
che se n'avea, ad essi la doveano le nostre province. Così osserviamo
nella Cronaca[422] di quel monastero, che Alberico compilò un libro
_de Musica_, ed un altro _de Dialectica_. Pandulfo Capuano scrisse _de
Calculatione_, e _de Luna_; altri sopra consimili soggetti, come può
vedersi presso Pietro Diacono[423], dai Cataloghi delle loro opere,
che tessè; ed altri impiegarono la loro industria a ricercar libri di
varie erudizioni e scienze, e farli trascrivere, come fece Desiderio,
che oltre i libri appartenenti alle cose sacre ed ecclesiastiche, fece
trascrivere l'Istoria di Giornande de' Romani e de' Goti: l'Istoria de'
Longobardi, Goti e Vandali: l'Istoria di Gregorio Turonense: quella
di Giuseppe Ebreo _de Bello Judaico_: l'altra di Cornelio Tacito con
Omero: l'Istoria d'Erchemperto: Cresconio _de Bellis Libicis_: Cicerone
_de Natura Deorum_: Terenzio ed Orazio: i Fasti d'Ovidio: Seneca:
Virgilio con l'Egloghe di Teocrito: Donato ed altri Autori. Nè minore
poco da poi fu la cura e la diligenza di Pietro Diacono, il quale oltre
alle sue opera raccolse l'astronomia da più antichi libri. Ci diede
Vitruvio abbreviato _de Architectura_: un libro _de Generibus lapidum
pretiosorum_, ed altri moltissimi, dei quali egli ne tessè un lungo
catalogo.


§. III. _Della Scuola di Salerno famosa a questi tempi per lo studio
della filosofia e della medicina introdotte quivi dagli Arabi._

Gli Arabi, non già perch'eran Maomettani, è da dire, che abbiano fatta
sempre professione d'ignoranza, come comunemente si crede: fuvvi tra
loro un gran numero d'uomini insigni pel loro sapere, gli scritti de'
quali riempirebbero grandissime librerie. Prima di questo undecimo
secolo, erano più di trecento anni, che studiavano con applicazione;
ed i loro studj non furono mai tanto forti, quanto allora, che presso
di noi furono più deboli, cioè nel nono e decimo secolo. In qualunque
paese dove per tante conquiste si stabilivano, essi coltivavano due
sorte di studio: l'una lor propria riguardante la lor religione, ch'è
quanto dire l'Alcoirano, e le tradizioni che attribuivano a Maometto,
ed a' primi suoi discepoli ed espositori, onde ne uscirono le quattro
Sette da noi nel libro sesto rammentate; l'altra riguardava gli studj,
ch'essi avean presi dai Greci, e questi eran più nuovi, rispetto a
quelli dei Musulmani, i quali erano tanto antichi, quanto era la lor
religione.

Questi Popoli, come altrove fu narrato, avendo soggiogate molte regioni
del romano Imperio, e depredate molte province dell'Asia, infra le
prede ed i bottini fatti in Grecia, avendovi per avventura trovati
alcuni libri, si diedero con fervore non ordinario agli studj delle
lettere; e se ne invogliarono in guisa, che verso l'anno 820 fecero da
Califo Almanon dimandare all'Imperadore di Costantinopoli i migliori
libri greci, ed avuti, gli fecero tradurre tutti in Arabico. Ma di
questi libri, di quelli della poesia non facevano alcun uso, perchè
oltre d'essere dettati in una lingua straniera, e d'un gusto tutto
differente dal loro, vi era ancora il rispetto della propria religione,
la qual facevagli abborrire l'Idolatria, onde giudicavano non esser
loro permesso di leggerli, e contaminarsi per tanti nomi di falsi Dei,
e per tante favole, onde erano ripieni. La medesima superstizione gli
fece ancora abborrire i libri dell'Istorie, sprezzandosi da loro ciò
ch'era più antico del loro Profeta Maometto. Dei libri politici non
potevan certamente averne uso, perchè la forma del loro governo era
tutta altra delle Repubbliche più libere: essi viveano sotto un Imperio
assolutamente dispotico, ove non bisognava aprir bocca se non per
adulare il lor Principe; e di non ricercare altri mezzi, che d'ubbidire
al volere del lor Sovrano.

Non trovarono adunque altri libri accomodati al loro uso, che quelli
de' Matematici e de' Medici e de' Filosofi. Ma come non cercavano
nè politica, nè eloquenza: così la lezione di Platone non era lor
convenevole; tanto più, che per bene intenderlo era necessaria la
cognizione de' Poeti, che trattano la religione e l'Istoria de' Greci.
Abbattutisi perciò nell'opere di Aristotele, d'Ippocrate e di Galeno,
si diedero con fervore a studiarle. Piacque lor molto più Aristotele
colla sua dialettica e colla metafisica, studiandolo con tutto il
fervore, e con incredibile assiduità. Si applicarono anche alla sua
fisica, principalmente agli otto libri, che non contengono quella se
non in generale; imperciocchè la fisica particolare, che ha bisogno
d'esperienze e di osservazioni, non la riputavano tanto necessaria.

La medicina fu sopra ogni altro da essi tenuta in pregio, e la
studiavano sopra i libri d'Ippocrate e di Galeno; ma la fondavano
principalmente sopra generali discorsi delle quattro qualità del
temperamento de' quattro umori, e sopra le tradizioni de' rimedi,
senza farne alcun esame, ma mischiandoli con infinite superstizioni; e
perciò non coltivavano l'anotomia ricevuta da' Greci molto imperfetta.
Ma non così fecero della chimica, la quale se non è stata da essi
inventata, ricevette al certo da essi molto ingrandimento; ma vi
frammischiarono anche tanti vizj che sino ad oggi è sommamente
difficile di separarli: tante vanità di promesse, tanta stranezza di
discorsi, tanta superstizione di operazioni, e tutto ciò che poscia
generò i ciarlatani e gl'impostori. Passavano quindi agevolmente
dagli studj della chimica a quelli della magia, e di ogni sorta di
divinazione, alli quali gli uomini naturalmente s'arrendono, quando
non sanno la fisica, la storia e la religione. Ciò che lor diede molto
aiuto in queste illusioni, fu l'astrologia, ch'era il fine principale
de' loro studj di matematica. Infatti coltivarono questa pretesa
scienza sotto l'Imperio de' Musulmani con tanto fervore, ch'ella era
ormai divenuta la delizia de' Principi, regolando su tal fondamento le
imprese loro più grandi. Lo stesso Califo Almanon prese a calcolare le
tavole astronomiche, che furono tanto celebri; e bisogna confessare,
che hanno molto servito per le sue osservazioni, e per le altre utili
parti della matematica, come per la geometria e l'aritmetica. Lor deesi
l'algebra e lo zero per moltiplicare per dieci; il che poi rendette le
operazioni degli Aritmetici tanto facili. Quanto all'astronomia aveano
il vantaggio medesimo, che avea stimolato gli antichi Egizj e Caldei a
bene applicarvisi, perchè abitavano i medesimi paesi, ed avevano di più
tutte le osservazioni degli antichi, e tutte quelle aggiunte da' Greci.

Questi Popoli adunque inondando le province di Europa ne' tempi più
barbari ed incolti, e nel colmo dell'ignoranza e stupidezza: ne' paesi
ove arrivavano si conciliavano, o col nome de' loro famosi Maestri,
sotto i quali aveano studiato, o per li gran viaggi da essi fatti, o
per la singolarità delle loro opinioni una stima ed un credito grande.
Si sforzavano di rendersi distinti con qualche nuova sottigliezza di
logica o di metafisica, e non s'applicavano, che al più maraviglioso,
al più raro, al più malagevole a spese del gradimento, del comodo e
dell'utile ancora. Furono perciò in Europa ammirati, ed i loro savi
tenuti in gran pregio. I libri di Mesue, d'Avicenna, d'Averroe (che
il Commento fece, del famoso Rasi) e di tanti altri, furono avuti appo
noi in somma stima e riputazione. E Carlo M. fece i loro libri Arabici
tradurre in latino insieme con alcuni Autori greci, ch'erano stati da
essi in Arabico tradotti, affinchè la loro dottrina si diffondesse per
tutte le province del suo Imperio. Quindi avvenne, che i Francesi e
gli altri Cristiani latini appresero degli Arabi quello, che gli Arabi
stessi aveano appreso da' Greci, cioè la filosofia d'Aristotile, la
medicina, e le matematiche, sprezzando la lor lingua, la loro istoria e
poesia, siccome gli Arabi sprezzate aveano quelle de' Greci. E siccome
gli Arabi aveano contaminate quelle discipline, così da noi furon
ricevute tutte imbrattate: la filosofia tutta vana ed inutile, perchè
lontana dalla fisica particolare che avea bisogno di sperienze e di
osservazioni; l'astrologia piena d'illusioni e di vane divinazioni; ma
sopra tutto la medicina piena di spropositi e di superstizioni.

I primi libri adunque, che sopra queste facoltà si cominciarono a
studiare, furono quelli degli Arabi, e per la medicina fra gli altri
quelli di Mesue, e di Avicenna; ed i primi che gli studiassero furono i
Chierici ed i Monaci, perchè la letteratura fra questi era ristretta;
perciò a questi tempi essi soli erano i Filosofi, essi soli i Medici.
Quindi leggiamo, che in Francia Fulberto Vescovo di Chartres, ed il
Maestro delle sentenze, erano Medici: Obize Religioso di San Vittore
era Medico di Luigi il Grosso: Riccardo Monaco di S. Dionigi, che
scrisse la vita di Filippo Augusto, lo era parimente. Ed in queste
nostre Province i migliori Medici erano i maggiori Prelati, ed i
più celebri Monaci Cassinensi, come vedremo; ed erasi nell'Ordine
ecclesiastico cotanto radicata questa professione, che un Concilio
di Laterano tenuto sotto Innocenzo II nell'anno 1139 considera come
un abuso di già invecchiato, che i Monaci ed i Canonici Regolari, per
procacciarsi ricchezze facessero professione d'Avvocati e di Medici: e
perchè il Concilio non parlava che di Religiosi professi, la medicina
non lasciò d'esser esercitata da' Chierici per lo spazio ancora di
trecento altri anni.

Quante occasioni si fossero date a' nostri provinciali di comunicare
con questi Arabi, donde poterono apprendere queste scienze, ben
si è veduto ne' precedenti libri di questa Istoria, e dalle varie
abitazioni, che ebbero i Saraceni in queste nostre regioni, nel
Garigliano, nella Puglia, nel Monte Gargano, in Bari, in Salerno, in
Pozzuoli, ed in tanti altri luoghi; in guisa che ancora oggi a noi
nella comune favella ci rimangono molti loro vocaboli, come altrove fu
notato; ed in Pozzuoli si serbano ancora quattro marmi con iscrizioni
in rilievo di caratteri orientali saracineschi. Si aggiunse ancora a
questi tempi maggior comunicazione con gli Arabi per la vicinanza della
Spagna, di cui aveano essi più d'una metà; ed il continuo commercio per
li viaggi in questi tempi frequentissimi in Oriente, per cagion delle
Crociate.

Ma come presso di noi nella città di Salerno la loro dottrina, e
specialmente la medicina, fossesi così ben radicata, sì che questa
città, sopra tutte le altre delle nostre province, n'andasse altiera
per la famosa Scuola quivi fondata, non è stato, per quanto io mi
sappia, fra tanti nostri Scrittori fin qui investigato. Coloro, che
credettero la Scuola salernitana essersi da Carlo M. istituita insieme
colla Scuola di Parigi e di Bologna, vanno di gran lunga errati,
essendosi altrove in quest'Istoria mostrato, non aver potuto Carlo in
questa città fondare Accademie, come quella che non fu mai sotto la
sua dominazione; anzi in que' tempi, che si narra la fondazione delle
Scuole di Parigi e di Bologna, tra Carlo M. ed il Principe Arechi
furono guerre cotanto ostinate, che non fu possibile ridurlo; ed Arechi
avea così ben fortificato Salerno, che fu riputato il più sicuro
asilo de' Principi longobardi contro gli sforzi di Carlo e de' suoi
figliuoli.

In tempi adunque meno lontani bisogna riportar l'origine di questa
Scuola, la quale ne' suoi principj non fu istituita per legge di
qualche Principe, e perciò non acquistò nome d'Accademia, o di
Collegio, ovvero d'Università, ma di semplice Scuola. Cominciò a
stabilirsi in Salerno, perchè in questa città, come marittima, vi erano
spesse occasioni di sbarco di gente Orientali ed Affricani. I Saraceni
in tempo degli ultimi Principi longobardi la visitavano spesso, onde
gli Arabi ebbero occasione di farvi lunghe e spesse dimore. Si è
veduto nel precedente libro, che i Saraceni ora dall'Affrica, e spesso
dalla vicina Sicilia sopra navi giungendo alla spiaggia di quella
città mettevano terrore a' Salernitani, i quali per liberarsi da'
saccheggiamenti e da' danni, che inferivano ne' loro campi e castelli
vicini, non avendo forze bastanti per poterli discacciare, pattuivan
con essi tregua, ed accordavano la somma per comperarsi la quiete: per
unire il denaro vi voleva tempo, onde i Saraceni calavano dalle navi in
terra, e nella città, ed aspettavano, sin che dagli Ufficiali destinati
dal Principe a far contribuire da' suoi vassalli le somme richieste,
non si fosse unito il riscatto. Queste invasioni erano molto spesse,
tanto che i Salernitani vi si ci erano accomodati; nè se non a' tempi
di Guaimaro il Maggiore ne furono, come si disse, da' valorosi Normanni
liberati. Or con queste occasioni conversando spesso i Salernitani
con gli Arabi, appresero da essi la filosofia, ma sopra ogni altro si
diedero agli studj della medicina, nella quale riuscirono eminenti.

Ma infra gli altri, che resero illustre la Scuola salernitana, fu
_Costantino affricano_. Questi oriondo di Cartagine, per le sue
peregrinazioni in molte parti dell'Asia e dell'Affrica avea appreso da
quelle Nazioni varie scienze; ma sopra tutto si diede alla medicina ed
alla filosofia. Egli navigò in Babilonia ove apprese la grammatica, la
dialettica, la geometria, l'aritmetica, la matematica, l'astronomia
e la fisica de' Caldei, degli Arabi, de' Persi, de' Saraceni, degli
Egizj e degl'Indi; e dopo aver nel corso di 39 anni quivi finiti questi
studj, tornossene in Affrica. Ma gli Affricani che mal soffrivano
d'esser da lui oscurati per l'eccesso di tanta dottrina, pensarono
d'ammazzarlo. Il che avendo penetrato Costantino, imbarcatosi di notte
tempo su d'una nave, in Salerno si portò: ove per qualche tempo in
forma di mendico stette nascosto[424].

Era, come altre volte si è detto nel corso di quest'Istoria, la città
di Salerno frequentata da' Popoli di queste Nazioni, onde non passò
guari che vi capitasse il fratello del Re di Babilonia, tirato forse
dalla curiosità di veder questa città, la quale da Roberto Guiscardo
era stata innalzata a metropoli, ed ove avea trasferita la sua
residenza, e la quale pel continuo traffico e commercio d'infinite
Nazioni a quel Porto, erasi resa l'emporio d'Occidente. Da questo
Principe fu Costantino scoverto, e celebrando al Duca Roberto le sue
eccelse prerogative, fece sì che Guiscardo lo accogliesse con somma
cortesia, e gli rendesse tutto quell'onore, che ad uomo di quella
qualità si conveniva. Si trattenne perciò egli in Salerno, ove ebbe
campo di maggiormente promovere gli studj di filosofia, e sopra tutto
di medicina, nella quale sopra tutte le altre facoltà era eminente;
dopo essersi per molti anni trattenuto in Salerno, ritirossi a Monte
Cassino, ed ivi si fece Monaco; ed in tutto il tempo che dimorò in quel
monastero, non attese ad altro, che a tradurre varj libri di diverse
lingue, ed a comporre molti trattati di medicina, de' quali Pietro
Diacono[425] tessè un lungo catalogo.

Crebbe perciò la fama della Scuola salernitana, la quale in gran parte
la deve a' Monaci Cassinensi, i quali la promossero per gli studj
assidui, che facevano sopra la medicina. Sin da' tempi di Papa Giovanni
VIII questi Monaci eransi dati a tali studj; e Bassacio loro Abate,
di medicina espertissimo, ne compose anche alcuni libri[426], dove
dell'utilità ed uso di molti medicamenti trattava, non riputandosi
a que' tempi, come si è detto, cosa disdicevole, che i Cherici ed i
Monaci professassero medicina. Quindi presso di noi nella città di
Salerno, ed altrove non si sdegnavano di professarla i più insigni
e nobili personaggi. Alfano Arcivescovo di Salerno, narra Lione
Ostiense[427], ch'era espertissimo in medicina, e che la sua maggior
applicazione era di curare gl'infermi. Romualdo Guarna pur Arcivescovo
di quella città, non isdegnava di professarla, siccome tutti i Nobili
salernitani riputavano sommo lor pregio d'esserne instrutti, e di
praticarla; e questo costume durò in Salerno per molti anni appresso:
ond'è che alcuni non ben intesi di questa usanza, adattando i costumi
presenti agli antichi, riputarono esser altri quel Giovanni di Procida,
che fu celebre Medico, da quel famoso Giovanni Nobile salernitano
autore della celebre congiura del vespro Siciliano, quasi che mal si
convenisse ad un Nobile professar medicina.

Rilusse perciò la Scuola di Salerno assai più per tanti insigni
personaggi che professavano quivi la medicina, e riputossi a questi
tempi la più dotta e la più culta di quante mai ne fiorissero in
Europa. Quindi avvenne, che da Salerno si chiamavano i Medici, e che
i più grandi personaggi caduti in gravi infermità si portavano ivi per
curarsi, siccome fece il celebre Abate Desiderio, il quale come narra
Lione, per guarirsi d'una sua malattia, alla quale le molte vigilie
ed astinenze l'avean condotto, portossi in Salerno. E ne' tempi che
seguirono, pur si narra, che Guglielmo il Malo, ammalatosi in Palermo,
e crescendo tuttavia il male, fece venire Romualdo Guarna Arcivescovo
di Salerno assai dotto in Medicina per curarsi, il quale benchè gli
ordinasse molti rimedi valevoli al suo male, egli nondimeno non poneva
in opera, se non quelli che a lui parevano, per la qual cosa s'accelerò
la morte[428]. Quindi ancora si legge, che i migliori farmaci erano in
Salerno fabbricati; onde si narra, che Sigelgaita da Salerno facesse
venire i veleni per attossicare il figliastro ed il suo marito Roberto.

Ma quello, che diede maggior nome a questa Scuola fu l'opera, che
compilò _Giovanni di Milano_, famoso Medico in Salerno, la quale ebbe
l'approvazione di tutta la Scuola salernitana, e che sotto il nome
della medesima al Re d'Inghilterra fu dedicata. Ciò che intorno a
questi medesimi tempi, ne' quali siamo, accadde per un'occasione, che
bisogna rapportare, affinchè non paja strano come i Medici salernitani
per un Re cotanto lontano, e col quale essi non aveano alcun attacco,
avessero voluto pigliarsi tanta pena d'unire in quel libro, dettato in
versi lionini, i precetti donde potesse conservarsi in salute, ed a lui
dedicarlo.

Ma cesserà ogni maraviglia se si terrà conto di quanto nel precedente
libro di quest'Istoria fu narrato intorno alla venuta de' Normanni,
e de' figliuoli di Tancredi in queste nostre parti: rampolli tutti
di Roberto Duca di Normannia; e se riguarderassi, che negl'istessi
tempi, che i nostri Normanni conquistarono la Puglia e la Calabria, ed
indi il Principato di Salerno, gli altri Normanni che rimasero nella
Neustria, sotto Guglielmo Duca di Normannia invasero l'Inghilterra, e
dopo innumerabili vittorie finalmente intorno l'anno 1070 ridussero
quel Regno sotto la dominazione del famoso Guglielmo, che perciò
fu soprannomato il _Conquistatore_. Così regnando in Salerno, ed
in Inghilterra Principi d'un istesso sangue, e tutti della razza di
Rollone primo Duca della Neustria, fu cosa molto connaturale, che fra
di loro, e' loro sudditi vi fosse amicizia e buon'alleanza.

Ma a qual Re d'Inghilterra i Medici di Salerno dedicassero in questi
tempi quel libro, e con qual occasione è bene che si narri. Guglielmo
Duca di Normannia dopo aver conquistato il Regno d'Inghilterra, lasciò
di se tre figliuoli, Guglielmo Ruffo, Roberto, ed Errico. A Guglielmo
primogenito fu ceduto il Regno d'Inghilterra: ma questi morì senza
figliuoli nell'istesso tempo, che Goffredo Buglione insieme con
Roberto si trovava nell'espedizione di Gerusalemme. Avea Roberto,
cui il padre avea costituito Duca di Normannia, dopo aver ceduto il
Regno d'Inghilterra a Guglielmo Ruffo, voluto seguitar, ad esempio
degli altri Principi, Goffredo in quella spedizione, e dovendo passare
in Palestina venne in Puglia per imbarcarsi con tutti gli altri; ma
essendo quivi giunto nel rigor dell'inverno, passò tutta l'invernata
dell'anno 1096 presso i Principi normanni della Puglia e di Calabria
suoi parenti, da' quali con tutti i segni d'affetto fu ricevuto e
accarezzato. Soppraggiunta da poi la primavera tragittò il mare, ed in
Palestina col famoso Goffredo all'impresa di Gerusalemme s'accinse.
Fu quella finalmente presa, ma nell'istesso tempo fu amareggiata a
Roberto tal vittoria per la funesta novella della morte di Guglielmo
suo fratello senza figliuoli, al quale egli dovea succedere. Gli fu
offerto il Regno di Gerusalemme, ma egli rifiutollo, dovendo ritornare
in Inghilterra a prender possesso di quel Reame, di cui egli era più
vicino erede. Nel ritorno ebbe a passar di nuovo per queste parti,
onde in Salerno fu da quel Principe suo congiunto con ogni stima ed
onore accolto. E poichè nell'assedio di Gerusalemme avea ricevuta una
ferita nel braccio destro, la quale essendosi mal curata era degenerata
in fistola, consultò quivi i Medici di Salerno che dovesse fare per
guarirsela. Que' Medici osservando, che quella ferita era proceduta
da una freccia avvelenata, gli dissero che non vi era altro modo per
guarirsene, se non si facesse succhiare da quella il veleno, che v'era.
Non volle a ciò consentire il pietoso Principe per non porre in rischio
colui che dovea succhiarla; ma la Principessa sua moglie con raro
esempio d'amore, non curò ella esporsi al periglio, e mentre Roberto
dormiva, senza che potesse accorgersene fece tanto, e sì spesse volte
replicò il succhiare, che tutto trasse il veleno della ferita, e reselo
sano.

(Alcuni stimano favoloso questo racconto del succhiamento del veleno.
Ed intorno alla successione dei figliuoli di Guglielmo conquistatore
del Regno d'Inghilterra, devono vedersi gli accurati Storici inglesi,
a' quali dee in ciò prestarsi più fede, che a qualunque altro Scrittore
straniere).

Volle da poi Roberto, che que' Medici gli prescrivessero una norma e
ragion di vitto, perchè potesse conservarsi in quella salute, nella
quale l'aveano restituito. Fu per ciò con tal occasione composto il
libro, il quale se bene fosse stato composto da uno di que' Medici,
porta però in fronte il nome di tutta la Scuola, non altrimente
di ciò, che veggiamo essersi fatto dalla Scuola conimbricense in
quella sua opera filosofica. Fu dedicato a Roberto, chiamandolo
_Re d'Inghilterra_: non perchè questo Principe fosse stato da poi
in realtà Re di quel Regno, ma perchè tornando dalla Palestina per
prenderne il possesso, come a lui dovuto, non potevano aver difficoltà
di chiamarlo Re di quel Regno a lui appartenente. Ma il suo fratello
Errico, trovandosi egli in Inghilterra quando accadde la morte di
Guglielmo Ruffo, valendosi dell'occasione per l'assenza di Roberto,
invase il Regno, e per se occupollo, e se ben Roberto fosse giunto
ivi con numeroso esercito per ricuperarlo, fu però da Errico disfatto
e superato, onde restò escluso di quel Reame. Perchè fosse a quel
Principe l'opera più gradita, e potesser meglio que' precetti ridursi
a memoria, la composero in versi leonini, nella cui composizione in
questa età consisteva tutto il pregio ed eccellenza de' Poeti; e perchè
la dedicarono ad un Principe normanno, presso i quali questo genere di
versi era il più giocondo e gradito; nè appresso di essi si faceva cosa
memorabile, che non fosse dettata in questo metro. Tutti gli elogi,
i marmi, e gli epitafi de' loro Principi, si componevano in questi
versi; così fu dettato l'epitafio del loro primo Duca Rollone; e così
ancora tutti gli altri de' nostri Principi normanni. Fu pubblicata
quest'insigne opera nell'anno 1100 la quale divulgata per tutta Europa,
è incredibile quanta gloria e fama apportasse a' Medici salernitani.
Ebbe molti Chiosatori, e il più antico fu _Arnoldo di Villanova_
famoso Medico di Carlo II d'Angiò. I due Giacomi _Curio_, e _Crellio_
v'impiegarono pure le loro fatiche, ed ultimamente _Renato Moreau_, e
_Zaccaria Silvio_ la illustrarono colle loro osservazioni. Quindi per
molti secoli avvenne, che la Scuola di Salerno per l'eccellenza della
medicina fu sopra tutte l'altre chiara e luminosa nell'Occidente.

Così la prima Scuola, che dopo la decadenza dell'Imperio romano,
e lo scadimento dell'Accademia di Roma, fosse stata istituita in
queste nostre province fu quella di Salerno: ma con tal differenza,
che siccome in quella della medicina non si tenne molto conto,
così in questa, trascurate l'altre professioni per l'ignoranza del
secolo, la medicina che non potè andar disgiunta dalla filosofia fu
il principal scopo e soggetto; poichè coloro che ve l'introdussero
non d'altre scienze erano vaghi, nè altre professavano con maggior
studio e fervore, che la medicina e la filosofia. E perchè dagli Arabi
l'appresero, presso i quali solo i libri di Ippocrate, d'Aristotele
e di Galeno erano tenuti in sommo pregio, quindi avvenne, che nelle
scuole per la medicina Galeno, sopra tutti gli altri, era preposto per
maestro, e per la filosofia Aristotele, il quale con fortunati successi
ebbe fra noi per molti secoli il pregio d'essere riputato il principe
di tutti gli altri Filosofi.

Ma in questi tempi non era questo studio, che semplice scuola, poichè
non fu fondato da' Principi, nè per molto tempo ricevè leggi, o
regolamenti da' medesimi, perchè potesse dirsi Collegio ed Accademia,
ovvero Università. Da poi che l'ebbe, prese anche questi nomi, ed il
primo fu Roggiero I Re di Sicilia, il quale essendo stato anche il
primo tra' Normanni a darci molte leggi, infra l'altre che promulgò, fu
quella[429], per la quale proibì che niuno potesse esercitar medicina,
se prima da' Magistrati e da Giudici non sarà stato esaminato ed
approvato. Ma più favore ricevè questa Scuola da Federico II, il quale
ordinò che niun s'arrogasse titolo di Medico, o ardisse di professar
medicina, se non fosse stato prima approvato da' Medici di Salerno o
di Napoli, e non avesse da questi ottenuta la licenza di medicare. E
ne' tempi meno a noi lontani, avendo gli altri nostri Re successori
di Federico, e particolarmente il Re Roberto, la Regina Giovanna I,
il Re Ladislao, Giovanna II ed il Re Ferdinando I conceduto a questa
Scuola altri onori e privilegi, fu finalmente eretta in Accademia, ed
innalzata a dar gradi di Dottore particolarmente per lo studio della
medicina, nel quale fioriva, ancorchè si fosse poi in quella introdotto
d'insegnarsi altre facoltà.



CAPITOLO XII.

_Politia ecclesiastica di queste nostre province per tutto l'undecimo
secolo, insino a RUGGIERO I Re di Sicilia._


I Pontefici romani si videro in questo secolo in un maggior splendore,
e la loro potenza grandemente cresciuta, così sopra il temporale, come
sopra lo spirituale delle nostre Chiese; e si renderono molto più a'
Popoli tremendi, ed a' Principi sospetti. La deposizione d'Errico
Imperadore, le scomuniche che senza riguardo, anche sopra Principi
coronati, erano frequentemente fulminate, le spedizioni per Terra
Santa, l'introduzione delle Crociate, e 'l contrastare l'investiture
a' Principi secolari, fece loro acquistare non minor ricchezza, che
potenza sopra i maggiori Re della terra. Ed intorno a distendere la
loro autorità spirituale sopra tutte le Chiese d'Occidente, non fu
veduta la loro potenza più assoluta e maggiore che in questi tempi,
particolarmente sotto il Ponteficato di Gregorio VII. Si mandavano
Legati a _latere_ in tutte le province di Europa: si mandavano da
Roma i Vicarj: si chiamavano i Vescovi a Roma per render conto di
lor condotta: si confermavano, o riprovavano le loro elezioni: si
ricevevano le appellazioni delle loro sentenze, ammettevano le querele
de' loro diocesani, o decidendole in Roma, ovvero assegnando Giudici
a tutti i luoghi. In breve entravano a conoscere nelle particolarità
di quanto succedeva nelle loro diocesi. Trassero perciò una infinità
di cause in Roma, ovvero destinando Commessarj ne' luoghi da essi
nominati, gli facevan operare colla loro autorità.

Si proccurarono introdurre nuove massime ed idee del Ponteficato
romano, e stabilire quasi per articolo di fede, che il romano Pontefice
abbia autorità di deporre i Re ed i Principi de' loro Regni e Dominj,
se non ubbidivano a' suoi comandamenti, e sciorre i loro vassalli
dall'ubbidienza: che il Papa non meno dello spirituale, che del
temporale fosse Principe e Monarca; e che tutto l'Ordine ecclesiastico
sia affatto libero ed immune da ogni potestà e giurisdizione di
Principi secolari, anche nelle cose civili e temporali, e ciò
per diritto non umano, ma divino. E poichè a questi tempi i soli
Ecclesiastici e' Monaci, ma sopra gli altri quelli della Regola di
S. Benedetto, possedevano lettere, ed il Popolo era in una profonda
ignoranza, perciò tutto quello, che lor veniva da' Monaci e Preti
dato ad intendere, come oracolo era ricevuto; quindi come narra Giovan
_Gersone_, riputavasi il Papa esser un Dio, e che teneva ogni potestà
sopra il Cielo, e sopra la terra.

La Chiesa greca, che in ciò non conveniva colla latina, e che perciò
riputava il Pontefice romano, non Vescovo, ma Imperadore, venne in
una più aperta divisione, separandosi affatto dalla latina, e perchè
l'erano state tolte da' Normanni tutte le Chiese, che prima erano
sottoposte al Trono costantinopolitano, e restituite al romano,
non ebbe più che impacciarsi colle nostre Chiese. Quindi non ci
sarà data da qui innanzi occasione di favellare più del Patriarca
di Costantinopoli, la cui autorità, non meno che il greco Imperio,
andava alla giornata scadendo. I nostri valorosi Normanni avendo
discacciati affatto dalla Sicilia, e da queste nostre province i
Greci, restituirono al Pontefice romano tutte le nostre Chiese; e
perchè maggiormente si manifestasse quanto fosse grande il beneficio,
che i nostri Principi aveano perciò reso alla Chiesa romana, Nilo
Doxopatrio, che si trovava allora Archimandrita in Sicilia, scrisse
un trattato delle cinque Sedi patriarcali, che a questo fino dedicò a
Ruggiero I Re di Sicilia, nel quale, come fu narrato nel sesto libro
di quest'Istoria, noverò le Chiese che erano state restituite al Trono
romano da' Normanni, e tolte al costantinopolitano.

Per queste cagioni, e per altri segnalati servigi prestati da' Normanni
alla Chiesa romana, oltre alla Monarchia fondata in Sicilia, a' nostri
Principi, nel Regno di Puglia, furono serbate intatte le ragioni delle
investiture, e che nell'elezione de' Prelati, senza la lor permissione
ed assenso, da poichè erano stati dal Clero e dal Popolo eletti, non
potesse alcuno ordinarsi. Onde la Glosa Canonica[430] disse, che nel
Regno di Puglia ciò costumavasi per facoltà, che n'aveano i Re dalla
Sede Appostolica. Sia per questa ragione, sia per le molte altre
rapportate da noi altrove ad altro proposito, egli è evidente, che
nel Regno de' Normanni, nell'ordinazione di tutti i Vescovi e Prelati
di queste nostre province, era riputato necessario l'assenso del Re,
senza il quale era inutile ogni elezione. Così abbiam veduto, che il
Duca Ruggiero, restituita la Chiesa di Rossano al Trono romano, e tolta
al greco, nominò egli il Vescovo in luogo dell'ultimo, ch'era allora
morto; ma perchè quegli era del rito latino, i Rossanesi, che erano
assuefatti al rito greco, ripugnarono di rendersi al Duca, se prima
non concedesse loro un Vescovo del rito greco, siccome gli compiacque.
E nell'elezione d'Elia Arcivescovo di Bari seguita nell'anno 1089
questo medesimo Principe vi diede il suo assenso, dopo il quale fu
consecrato in Bari da Papa Urbano II[431], siccome ancor fu praticato
nell'elezione del Vescovo d'Avellino a tempo del Re Ruggiero, dandovi
il suo assenso Roberto Gran Cancelliero di Sicilia in nome del Re[432].
E vi è chi scrisse[433], che il Re Ruggiero fra l'altre cagioni,
onde si disgustò con Papa Innocenzio II, ed aderì ad Anacleto, una si
fu, che Innocenzio s'era offeso di lui, perchè s'abusasse troppo, ed
audacemente di questa parte, che avea nell'elezioni de' Vescovi ed
Abati, impedendo la libertà di quelle; ed il Cardinal Baronio[434]
rapporta ancora il mal uso, che faceva Ruggiero di questa potestà;
e che una fiata a tre persone diverse avea per prezzo, secondo che
gli veniva offerto, conceduta la Chiesa d'Avellino, e poi la diede
al quarto, che non la pretendeva; ma il Baronio mal fu inteso di
questo fatto, perchè non il Re, ma Roberto suo Gran Cancelliero fece
escludere i tre come simoniaci, e volendo schernire la loro malvagità,
pattuì con tutti e tre separatamente, e poi riscosso il denaro, gli
deluse, e fece eleggere per Vescovo un povero Frate di buona e santa
vita, e che punto a ciò non badava; come narra Giovanni di Salisburì
Vescovo di Sciartres[435]. Non meno i nostri Re normanni, che i Svevi
ritennero questa prerogativa; onde avvenne, che stando Federico II
sotto il Baliato d'Innocenzio III in tutte l'elezioni, il Papa stesso
dava l'assenso, ma vice _Regia_, come Balio ch'egli era del giovanetto
Principe; come diremo ne' seguenti libri.

Ritennero ancora i nostri Principi normanni la _Regalia_ nelle nostre
Chiese, non altramente che rimase in Francia; poichè dopo la morte
de' Vescovi, fino che fosse creato il successore, essendo tutte le
Chiese del Regno, e particolarmente quelle, che sono prive di Pastore,
sotto la potestà regia, essi disponevano dell'entrate delle medesime,
e perciò erasi introdotto costume che morto il Prelato, i Baglivi del
Principe prendevano la cura e l'amministrazione dell'entrate delle
medesime, insino che le Chiese fossero previste; siccome lo testifica
l'istesso Re Ruggiero I in una sua Costituzione[436].


§. I. _Monaci, e beni temporali._

Non meno delle Chiese, che sopra i monasteri, che tuttavia andavansi
di nuovo ergendo sotto altre Regole e nuove riforme, stendevano i
nostri Principi normanni la loro potestà e protezione. La loro pietà
e religione, siccome fu cagione che lo Stato monastico in questo
secolo ricevesse grandi accrescimenti e ricchezze, così meritava, che
avendone essi molti arricchiti, ed altri da' fondamenti eretti, che si
conservassero sotto la loro cura e protezione. Le cotante ricchezze, ed
il gran numero de' monasterj dell'Ordine di S. Benedetto, e le grandi
facoltà, che furon a quelli date, introdussero nell'Ordine monastico
un gran rilasciamento. I Monaci perderono assai della riputazione di
santità, e si perdette affatto la disciplina ed osservanza regolare
nei monasterj; poichè s'intromisero ne' negozi di Stato e di guerra,
frequentavano le Corti, e s'intricavano grandemente nell'imprese
de' Pontefici contro i Principi. Tanto rilasciamento spinse molti
ad abbracciare una vita più austera, onde si diede principio allo
stabilimento di nuovi Ordini, i quali tutti facevano professione di
seguire la Regola di S. Benedetto, benchè avessero qualche usanza ed
instituto particolare.

In Italia, nel principio di questo secolo, _Romualdo_ ritiratosi
nelle solitudini si fermò, menando vita eremitica, nella campagna
d'Arezzo, ove abitando in una casa d'un certo uomo chiamato _Maldo_,
istituì una Congregazione di Monaci, che dal luogo ove prima abitarono,
furono chiamati _Camaldolesi_[437]. Si multiplicarono da poi in gran
numero i monasteri di questo Ordine in tutta Italia, e penetrarono
ancora in queste nostre province. Pier Damiano istituì parimente una
Congregazione di Romiti del medesimo genere; e Giovanni Gualberto di
Firenze avendo lasciato il suo monastero per abbracciare una vita più
austera e regolare, si ritirò in Vallombrosa, e vi gittò i fondamenti
di una nuova Congregazione.

Ma furono maggiori i progressi appresso noi dell'Ordine de' _Certosini_
istituito da _S. Brunone_ nell'anno 1086. Brunone fu nativo di
Colonia, e mentr'era Canonico di Rems, volle ritirarsi insieme con
sei dei suoi compagni nella solitudine della _Certosa_, che lor fu
assegnata da Ugone Vescovo di Grenoble. Nell'anno 1090 Urbano II lo
chiamò in Italia, dove si ritirò in una solitudine della Calabria
nominata la Torre. La fama della sua santità invogliò Ruggiero Gran
Conte di Sicilia ad aver con lui stretta amicizia; ed essendosi
sgravata la Contessa Adelaide sua moglie in Melito, e dato alla luce un
figliuolo, lo fece battezzare per mano di Brunone: a sua intercessione
ricevette dal Cielo Ruggiero maggiori favori, e segnalatissimo fu
quello d'essere stato liberato da un tradimento, che il greco Sergio
aveagli macchinato, perciò in Calabria si vide quest'Ordine essere
stato presso noi prima stabilito, a cui i nostri Principi normanni
concederono di grandi prerogative e ricchezze. I Re Angioini poi in
Napoli arricchirono assai più un loro monastero fondato nel monte di S.
Eramo sotto il nome di S. Martino, per una chiesetta, che eravi prima
dedicata a questo Santo; ed in progresso di tempo crebbero le loro
ricchezze in tanto eccesso, quanto ora si vede.

Si videro ancora a questi tempi in Francia sorgere altre riforme sotto
altre Regole, donde poi vennero a noi. Due Gentiluomini di Vienna,
Gastone e Girondo, avendo votate le lor persone, e le lor facoltà al
soccorso di coloro, ch'erano assaliti dall'infermità della risipola,
ovvero fuoco sacro, che andavano ad implorare l'intercessione di S.
Antonio in Vienna, diedero principio all'istituzione dell'Ordine di S.
Antonio, composto da principio di alcuni laici, e poi di Religiosi,
i quali fecero professione della Regola di S. Agostino. L'anno 1098
Roberto Abate di Molesmo si ritirò in Cistella nella diocesi di Scialen
sopra Saona con alcuni Religiosi, in numero di ventuno; vi fondò un
monastero, e vi lasciò alcuni Religiosi, i quali vi restarono da poi
ch'e' fu ritornato in Molesmo. Questa riforma fu approvata nell'anno
1100 dal Papa; e Stefano Ardingo pose nell'anno 1100 la prima mano alla
perfezione di quest'Ordine, che divenne floridissimo.

Ma presso di noi rilusse assai più nel principio del seguente
secolo intorno l'anno 1134 sotto Ruggiero I Re di Sicilia una nuova
riforma dell'Ordine di San Benedetto, il cui autore fu _Guglielmo
da Vercelli_. Questi fu il fondatore dell'Ordine de' _Frati di Monte
Vergine_, il quale per la fama della santità della sua vita fu molto
caro al Re Ruggiero, ed a Giorgio d'Antiochia suo Grand'Ammiraglio,
ed usando spesso nella Corte del Re per li bisogni de' suoi Frati,
era da molti Cavalieri della Casa reale stimato e riverito per Santo.
Ruggiero perciò favorì il suo Ordine, ed arricchì molto il monastero
novellamente da lui fondato in Monte Vergine, non molto da Napoli
lontano. Giovanni di Nusco Frate del suo Ordine, che visse a' suoi
tempi, e che scrisse la vita del Santo, la quale secondo testifica
Francesco Capecelatro[438], scritta in carta pecora con caratteri
longobardi si conserva nell'Archivio del monastero di Monte Vergine,
porta un privilegio spedito dal Re Ruggiero in Palermo alli 8 di
dicembre dell'anno 1140, nel quale il Re per la salute dell'anima del
Conte Ruggiero suo padre, per quella della Regina Adelaida sua madre,
e di Albiria sua moglie, concede a' Frati di Monte Vergine la Chiesa
di S. Maria di Buffiana, confermando loro parimente per la stessa
scrittura, tutti i poderi e le rendite, che allor teneano, e tutte
quelle che per l'avvenire fossero loro concedute; il qual privilegio
è sottoscritto in nome del Re dal Principe Guglielmo suo figliuolo.
Crebbe in decorso di tempo l'Ordine, e nella strada del Seggio di Nilo
fu eretto un nuovo monastero con chiesa, la quale fu da poi ampliata
dal famoso e celebrato Giureconsulto Bartolomeo di Capua, e dove al
presente giacciono l'ossa dell'altro nostro famoso Giureconsulto Matteo
degli Afflitti.

Ma egli è ben da notare, che queste riforme dell'Ordine di S. Benedetto
nacquero per lo rilasciamento della disciplina ed osservanza regolare
cagionato dalle tante ricchezze, che corruppero ogni buono costume.
Ma chi crederebbe, che queste istesse riforme fondate principalmente
sopra il disprezzo de' beni mondani, fossero state cagioni di maggiori
acquisti all'Ordine monastico di beni temporali? I creduli devoti
edificati dalla vita austera de' primi fondatori, e presi dalla loro
santità, e da' miracoli, che se ne contavano, non guari tardarono a
profondere i loro beni, con farne amplissime donazioni alle Chiese,
e a' nuovi monasterj, che s'andavan ergendo; tanto che in decorso di
tempo si videro le loro ricchezze non inferiori a quelle de' primi
come si vide chiaro ne' Certosini, ne' Frati di Monte Vergine e ne'
Camaldolesi ancora; onde bisognava riformare la Riforma ed in cotal
maniera rimasero i primi acquisti, e sempre più se ne facevano de'
nuovi. E non senza stupore fu veduto ne' seguenti secoli, che sursero
nuovi Ordini fondati cotanto in questo disprezzo de' beni mondani,
che perciò presero il nome di _Mendicanti_, a tre voti aggiungendo
il quarto di vivere in mendicità e d'elemosine; e pure scorgendosi,
che questa austerità gli accreditava tanto presso i Popoli che gli
invogliava maggiormente ad arricchirgli, per non mandar a voto i
loro desiderj, si trovò modo di rendergli capaci di nuovi acquisti,
onde in decorso di tempo le quattro Religioni Mendicanti si videro
in tanta ricchezza, che cagionando rilasciamento, bisognò pensare a
nuove riforme. Ma che pro? i _Domenicani Riformati_ per qualche tempo
si mantennero, ma dapoi tornarono a quel di prima. Da' Carmelitani
ne surse negli ultimi secoli una più austera riforma di _Carmelitani
Scalzi_, che ne' primi loro instituti non professavano altro che
mendicità, ed un totale abborrimento de' beni temporali; ma dapoi si
trovò modo di rendergli capaci di successione, d'eredità e d'ogn'altro
acquisto, tanto che presso di noi crebbero le loro ricchezze in quel
grado che oggi ognun vede. Ma quello che supera ogni credenza si è
il vedere, che a' tempi del Pontefice Paolo IV surse un nuovo Ordine
di _Chierici Regolari_ chiamato ora de' _Teatini_, i quali non pure
doveano vivere poveri e mendici, ma per loro istituto, quasi emulando
gli altri Ordini fondati nella mendicità, ed aggiungendo maggiori
rigori, fu loro proibito che non potessero nemmeno andar limosinando;
ma considerando che i gigli del campo, e gli uccelli dell'aria, senza
nè filare, nè in altro modo travagliarsi vivono e vestono, così essi
dovessero totalmente abbandonarsi nella Divina Providenza, la quale
siccome provede a quelli, avrebbe anco di loro presa cura e pensiero: e
pure niente tutto ciò ha giovato; perchè non sono mancati chi correndo
loro dietro, abbian voluto con larghe donazioni ed eredità arricchirgli
quasi a lor dispetto; ma essi niente curandosi di quest'oltraggi, non
han ricusato riceverle; e si è trovato ancor modo di rendergli capaci
di legati e di successioni, in guisa che le loro ricchezze sono giunte
a segno, che presso noi hanno innalzati edificj cotanto magnifici
e stupendi, che le loro abitazioni non sembrano più monasterj ma
castelli, e s'han posto addietro i più superbi palagi ed edificj delle
più illustri città del Mondo.

Vi furono in questo secolo, e nel seguente molte altre occasioni,
onde l'Ordine ecclesiastico fece grandi acquisti. La principale fu
la Milizia di Terra Santa; fu veramente cosa da stupire il vedere,
quanto fossero accesi gli animi, non pure delle persone volgari, ma
de' Principi stessi per queste spedizioni: la divozion, che s'avea
de' luoghi santi e sopra ogn'altro di que' di Gerusalemme, fu così
intensa, che non curando nè disagi, nè pericoli, s'esponevan a viaggi
lunghissimi, pieni d'aguati e di ladroni: le asprezze, li rigori e le
astinenze che soffrivano, riuscivano loro di piacere; e narrasi[439],
che Folco Conte di Angiò andò fino a Gerusalemme, per farsi quivi
flagellare da due suoi servidori, con la fune al collo davanti al
Sepolcro di Nostro Signore. Può ciascun immaginarsi da ciò, quanto
fosse intenso il fervore di andare, o di contribuire all'acquisto
di que' Santuarj, e vindicargli dalle mani degl'Infedeli. Non si
teneva conto delle robe, delle mogli, e de' figliuoli; ma i mariti
ed i padri, abbandonando ogni cosa, e vendendo quanto avevano,
s'ascrivevano a questa milizia, e passavano il mare; nel che fra noi
si distinsero sopra tutti li Pugliesi ed i Calabresi, i quali sotto
Boemondo e Tancredi, abbandonando le loro case, gli seguirono; anzi
le donne stesse, senz'aver riguardo a' proprj figliuoli, vendevano
i beni lor rimasi, per sovvenire alla guerra. I Pontefici romani,
ed i Vescovi delle città, per mezzo dei loro Brevi, ricevevano sotto
la loro protezione le case ed i negozj de' _Crocesignati_, e questo
apportò alle loro Chiese quell'accrescimento, che suol apportare
l'esser Tutore, Curatore, o Proccuratore di vedove, pupilli e minori;
nè il Magistrato secolare poteva più difendere alcuno per lo terrore
delle scomuniche, che a questi tempi si adoperavano senza risparmio.
S'aggiunse ancora, che Eugenio III costituì, che ogni uno potesse
per questa pietosa impresa alienare eziandio i Feudi; e se il padrone
diretto non voleva egli riceversegli, potessero, anche contro il voler
suo, esser pigliati dalle Chiese, il che aprì la strada d'acquistare
molto largamente.

Avvenne anco, che li Pontefici romani si valsero delle armi preparate
per Terra Santa a qualche impresa, con che augumentarono il temporale
della Chiesa romana; ed anche li Legati ponteficj, e li Vescovi dei
luoghi dove le suddette armi si congregavano per unirsi a far viaggio,
sì valsero di esse per diversi aumenti della temporalità delle
loro Chiese. Ma sopra ogni altro crebbero gli acquisti, perchè fu
introdotto, che chi non poteva andar di persona alla sacra guerra, per
disciogliersi forse dal voto fatto pagava in denari l'importar della
spesa del viaggio, e con ciò non solo veniva sciolto dal voto fatto,
ma ne otteneva anche indulgenze, ed altre concessioni, e s'avea come
se personalmente vi fosse andato. Le offerte e raccolte, che perciò si
facevano, importavan molta quantità di denari cavati da' fedeli, e più
assai dalle donne, e da altri, ch'erano inetti a servire alla guerra in
propria persona. Questo denaro non tutto si spendeva per la guerra; di
qualche cosa ne partecipò senza dubbio qualche Principe; ma notabile
parte ancora restò in mano de' Prelati, laonde le cose ecclesiastiche
fecero molto aumento.

Da ciò ne nacque una nuova spezie d'Ordini regolari, e furono questi
gli Ordini militari; la qual cosa se ben nuova, vedendosi istituite
religioni per sparger sangue, fu però ricevuta con tanto ardore, che
in brevissimo tempo si videro in gran numero, ed acquistare grandi
ricchezze. Il primo fu quello di S. Giovanni di Gerusalemme, ovvero
degli _Spedalieri_, stabilito per ricevere i Pellegrini, che andavano
in quella città. Il secondo fu quello de' _Templarj_ istituito
l'anno 1118, l'impiego de' quali era di provvedere alla sicurezza de'
Pellegrini, combattendo contro coloro, che a' Pellegrini eran molesti.
L'ultimo fu l'Ordine de' _Teutonici_, li quali facevano professione di
soddisfare all'uno, e all'altro di questi impieghi; e quanto questi
Ordini crescessero in ricchezza, e spezialmente gli Spedalieri, ed i
Teutonici, è a tutti palese.

A loro imitazione sursero poi quelli di _S. Giacomo_ e di _Calatrava_,
li quali furono istituiti in Ispagna per li pellegrinaggi a S. Giacomo
di Galizia; e per occasion consimile si videro altri Ordini in altri
paesi. Il fervore così intenso, che s'avea a questi tempi di questi
nuovi Santuarj, intiepidirono alquanto la divozione, che prima s'avea
più fervorosa, di quello di Monte Cassino, e dell'altro del Monte
Gargano; ma crebbe però quello di S. Niccolò di Bari, per essere a
questi tempi, come nuovo, più degli altri frequentato.

Furono ancora a questi tempi scoverti altri modi per dar accrescimento
assai notabile a' beni ecclesiastici. Il riveder bene la materia delle
_Decime_; lo stabilire le _Premizie_, ed il diritto delle _Sepolture_;
ed il ricever ogni cosa da qualunque sorta di persone. Le Decime
da volontarie rendute già necessarie, quando non si pagavano, erano
per via di censure con molta acerbità esatte: e fu stabilito, che si
pagassero non solo le _Prediali_ de' frutti della terra, ma le _Miste_
ancora, cioè de' frutti degli animali; ed ancora le _Personali_,
della industria e fatica umana. Ed in decorso di tempo Alessandro III
determinò intorno l'anno 1170 che si procedesse con scomuniche per
far pagare interamente le Decime de' molini, peschiere, fieno, lana, e
delle api; e che la Decima fosse d'ogni cosa pagata prima, che fossero
detratte le spese fatte nel raccogliere li frutti; e Celestino III nel
1195 statuì, che si procedesse con scomuniche per far pagar le Decime
non solo del vino, grano, frutti degli alberi, delle pecore, degli
orti, e delle mercanzie, ma anche dello stipendio de' soldati, della
caccia, ed ancora dei molini a vento; e tutte queste cose sono espresse
nelle _Decretali_ de' Pontefici romani. Ma a' Canonisti ciò nemmen
bastò, e passarono più oltre, dicendo che il povero è obbligato a pagar
la Decima di quello, che accattando trova per elemosina alle Porte; e
che la meretrice sia tenuta pagar la decima del guadagno meretricio, ed
altre tali cose, che il Mondo non ha mai potuto ricevere in uso.

Alle Decime aggiunsero le _Primizie_ le quali furono primieramente
instituite da Alessandro II, imitando in ciò la legge mosaica, nella
quale furono comandate a quel Popolo: la quantità di esse da Mosè
non fu stabilita, ma lasciata in arbitrio dell'offerente: li Rabbini
da poi, come testifica S. Girolamo, determinarono, che non fosse
minore della sessagesima, nè maggiore della quarantesima; il che fu
ben imitato dai nostri nel più profittevol modo, avendo statuito la
quarantesima, che si chiamò poi il _Quartese_.

Non minori emolumenti si ritraevano dalle _Sepolture_, e dall'altre
funzioni ecclesiastiche: prima le Decime erano pagate a' Curati per
l'amministrazione dei Sacramenti, per le sepolture e per altre loro
funzioni, onde per questi ministerj non si pagava cos'alcuna; ma poi
qualche persona pia e ricca donava, se gli piaceva, per la sepoltura
de' suoi qualche cosa, e passò così innanzi quest'uso, che la cortesia
fu convertita in uso, e s'introdusse anche in consuetudine il quanto
si dovesse pagare. Si venne poi alle controversie, negando li secolari
di voler pagare cos'alcuna, perchè perciò pagavano le Decime, e gli
Ecclesiastici negavano di voler far le funzioni, se non si dava loro
quello, ch'era in usanza. Innocenzio III poi nell'anno 1200 stabilì,
che gli Ecclesiastici facessero le funzioni, ma dopo quelle fossero
i Secolari con censure forzati a servare la lodevole consuetudine di
pagar quello, ch'era solito.

Fu introdotta ancora un'altra novità contra i Canoni vecchi, la
qual giovò molto per l'acquisto di maggiori ricchezze: era proibito
per li Canoni di ricever cos'alcuna per donazione o per testamento
dai pubblici peccatori, da' sacrileghi, da chi era in discordia col
fratello, dalle meretrici, ed altre tali persone: furono levati affatto
questi rispetti, e ricevuto indifferentemente da tutti; anzi appunto
li maggiori e più frequenti legati e donazioni erano di meretrici,
e di persone, che per disgusti co' suoi, lasciavano alle Chiese. In
cotal guisa i Pontefici romani usavano ogni diligenza per ajutare gli
acquisti, e di conservare l'acquistato; al che per proprio interesse
tutto l'ordine ecclesiastico non solo acconsentiva, ma colla penna e
con le prediche dava mano ed inculcava.


  FINE DEL LIBRO DECIMO



STORIA CIVILE DEL REGNO DI NAPOLI

LIBRO UNDECIMO


Ruggiero, che da qui a poco lo diremo I Re di Sicilia e di Puglia,
avendo con tanta celerità, e senza richiederne investitura dal Papa,
preso il possesso di queste nostre province, alle quali per la morte di
Guglielmo senza figliuoli era succeduto, esacerbò in maniera l'animo
d'Onorio, che non fu possibile, nè con Legazioni, nè con offerte
che gli si fecero della città di Troja, placarlo; nè finalmente il
timore di perdere Benevento, potè rimoverlo. Egli scomunicò Ruggiero
tre volte[440]; e vedendo che questi fulmini erano infruttuosamente
lanciati, si rivolse alle armi temporali; e per maggiormente accalorare
la spedizione, che intendeva fare contro questo Principe, portossi
immantenente in Benevento, ove incoraggiò molti a prender l'armi
per vendicarsi dell'offesa, che riputava aver ricevuta; e quelle già
ragunate, l'affretta a tutto potere verso la Puglia, ove Ruggiero col
suo esercito erasi accampato. Ma questo accorto Principe scorgendo,
che l'armata del Papa era composta di truppe somministrategli da
alcuni ribellanti Baroni, e che (siccome l'ira e lo sdegno d'Onorio)
non poteva lungamente durare in quell'unione, non gli parve d'usargli
ostilità, ma schivando ogn'incontro, lasciò passar quell'està senza
combattere. Nel cominciar dell'inverno si dileguò tosto quell'unione,
e restò il Papa senza gente; quindi abbandonando l'impresa tosto in
Benevento tornossene. Ruggiero che non voleva con lui brighe, gli fece
richieder di nuovo la pace, ed abboccatisi insieme presso Benevento
sopra un ponte che fecero drizzare nel fiume Calore, fu quella subito
conchiusa nel principio di quest'anno 1128[441], ed i patti furono, che
Ruggiero, siccome i suoi predecessori aveano fatto, giurasse fedeltà
al Papa, con promettergli il solito censo; ed all'incontro Onorio gli
desse l'investitura del Ducato di Puglia e di Calabria, secondo il
tenore dell'altre precedenti, siccome fu eseguito[442]. Riuscì cotanto
profittevole per la Chiesa romana questa pace, che ribellandosi poco
da poi i Beneventani, Ruggiero, che con buona armata si trovava nella
Puglia, tosto v'accorse, e ridusse quella città nell'ubbidienza della
Chiesa.

Ma questo Principe avendo con tanta sua gloria composte le cose
di queste province, ed acquistata l'amicizia del Pontefice Onorio,
ritirossi in Palermo; e vedendosi per tante prosperità e benedizioni
Signore di tante province, reputò mal convenirsi più a lui i titoli
di Gran Conte di Sicilia, e di Duca di Puglia; ma un più sublime di
Re doversene ricercare. Al che diede maggiori stimoli Adelaida sua
madre, la quale essendo stata moglie di Balduino Re di Gerusalemme,
ancorchè da poi ripudiata, riteneva il titolo Regio, ed alla
conquista di quel Regno istigava il figliuolo Ruggiero, che movesse
l'armi; aggiungendosi ancora il riflettere, che coloro, i quali
anticamente aveano dominata la Sicilia, con titolo di Re aveanla
signoreggiata[443]; stimò dunque prender questo titolo, ed avendo
costituita Palermo capo del Regno, Re di Sicilia, del Ducato di
Puglia e di Calabria, e del Principato di Capua, volle chiamarsi; ed
in cotal guisa da' suoi sudditi per Re salutato, ne' diplomi e nelle
pubbliche scritture questi furono i titoli, che assunse: _Rex Siciliae,
Ducatus Apuliae, Principatus Capuae_. Quindi il Fazzello narra, che
nel mese di maggio dell'anno 1129, correndo allor il costume che i
Re dalle mani de' loro Arcivescovi ricevessero la Corona e l'unzione
del sacro olio, si facesse egli in Palermo in presenza de' principali
Baroni, di molti Vescovi ed Abati, e di tutta la Nobiltà e Popolo,
coronare per Re di Sicilia, e di Puglia da quattro Arcivescovi, da
quelli di Palermo, di Benevento, di Capua e di Salerno: il che non
poteva essere più legittimamente, e con più avvedutezza, e con maggior
celebrità fatto. Altro non si ricercava perchè Ruggiero a tal sublimità
s'innalzasse, e legittimamente il titolo di Re ricevesse. Al volere del
Principe concorreva ciò che principalmente, anzi unicamente sarebbe
bastato, cioè la volontà de' Popoli, che lo acclamarono, la quale
prima d'essersi introdotta la cerimonia di farsi ungere e coronare
da' Vescovi, era riputata sufficientissima. Così fu da noi altrove
osservato, che Teodorico Ostrogoto fu gridato Re d'Italia, e così gli
altri Re longobardi. I riti e le cerimonie furon sempre varie, siccome
le Nazioni, alcune usavano innalzare l'eletto sopra uno scudo; altre si
servivano dell'asta, ed altre d'altro segno[444].

Ma trovandosi ora introdotto il costume, che questa celebrità
si faceva per mano de' Vescovi, li quali ponevano all'eletto la
Corona sul capo e l'ungevano coll'olio sacro: non fu trascurato in
quest'occasione da Ruggiero; poichè essendo stato egli acclamato
Re, oltre della Sicilia, anche del Ducato di Puglia e di Calabria, e
del Principato di Capua e di Salerno, che abbracciava queste nostre
province, furono perciò adoperati que' quattro Arcivescovi, a' quali
per antica usanza s'apparteneva d'ungere e coronare i loro Principi;
i quali rappresentando per le loro province, delle quali erano
Metropolitani, tutta la Sicilia, e tutta questa nostra cistiberina
Italia, venivan a coronarlo quasi di quattro Corone in un istesso
tempo, cioè l'Arcivescovo di Palermo per la Sicilia, ed i nostri tre
Arcivescovi per tutte quelle province, che anticamente eran comprese
ne' Principati di Benevento, di Capua e di Salerno: il che non si fece
senz'esempio, poichè avevano potuto osservare che gli altri Re solevano
di tante Corone coronarsi di quanti Regni essi aveano; nè perciò da un
solo Vescovo, ma da più era solito farsi incoronare, siccome Hinemaro
Vescovo di Rems narra della coronazione di Carlo il Calvo fatta a Metz
nell'anno 869.

Non poteva dunque essere più legittimamente fatta la coronazione di
Ruggiero, nè poteva alcun dolersi, che questo Principe senza ricercar
altro lo facesse. Ma i Pontefici romani, come si è altrove notato,
fra le altre loro magnanime intraprese, onde proccuravan d'ingrandire
la loro autorità, erano entrati nella pretensione, che niun Principe
cristiano potesse assumere il titolo di Re senza loro concessione
e permesso. E tanto più s'erano resi animosi a pretenderlo, quanto
che l'istessa autorità s'arrogavano nell'elezione degli Imperadori
d'Occidente, pretendendo che senza di essi niun potesse innalzarsi
a quella sublimità, e che dalle loro mani dipendesse l'Imperio, nè
s'arrossivano di dire che l'Imperio, siccome tutti gli altri Regni,
dipendessero da loro, come credettero Clemente V ed Adriano. Nè mancò
chi scrivendo all'istesso Imperador Federico I non avesse difficoltà
di dirgli in faccia, che l'Imperio fosse un beneficio de' romani
Pontefici, di che Federico ne fece quel risentimento che ciascun sa,
obbligando quel Papa, per emendare la sua jattanza a ricorrere a guisa
di pedante a spiegar la parola _beneficio_, ed in qual senso egli
avessela presa. Essi adunque co' Principi si vantavano di poterlo fare,
e d'aver tal potestà come Vicarj di colui, _per quem Reges regnant_. Ed
i Principi all'incontro n'erano ben persuasi, e credevano, che siccome
i Re d'Israele erano con molta solennità unti da' Profeti, così essi
per esser riputati Re dovean da loro farsi ungere e coronare. Quindi
nacque che molti Principi della Cristianità non aveano difficoltà di
promettergli perciò tributo, o rendersi Feudatari della Chiesa romana.
Così fin dall'anno 846 Etelulfo Re d'Inghilterra portatosi in Roma,
e fattosi confermare il titolo di Re da Papa Lione IV, rese i suoi
Regni tributarj alla Sede Appostolica d'anno in anno d'uno sterlino
per famiglia, e cotesto tributo, che denominossi il denajo di S.
Pietro, fu da poi pagato per insino al tempo d'Errico VIII. E vie
più ne' tempi posteriori crescendo la loro ignoranza e stupidezza, si
videro altri Principi seguitare quest'esempio, e rendergli tributo.
Nel 1178 Alfonso Duca di Portogallo, avuto da Alessandro III il titolo
regio per gli egregi fatti da lui adoperati contro i Mori di Spagna,
gli promise il censo. Lo stesso fece Stefano Duca d'Ungheria, quel di
Polonia, d'Aragona, ed altri Principi; tanto che l'istesso Bodino[445]
non ebbe difficoltà di dire, i Re di Gerusalemme, d'Inghilterra,
d'Ibernia, di Napoli, Sicilia, Aragona, Sardegna, Corsica, Granata,
Ungheria, e dell'isole Canarie essere Feudatarj della Chiesa romana.
E l'accortezza de' Pontefici romani fu tanta, che per conservarsi con
quei Principi questa sovranità, ancorch'essi fossero veri Re, e così da
Popoli salutati, e dagli altri Principi d'Europa reputati, nulladimanco
vedendo che non si curavano di ricever da essi questi stessi titoli,
con facilità perciò loro gli davano, e quelli coll'istessa facilità
gli accettavano, non badando all'arcano che si nascondeva sotto quella
liberalità: così negli ultimi tempi a Paolo IV nostro Napoletano gli
venne fantasia d'ergere l'Ibernia in Regno, e se bene Errico VIII
l'avesse prima fatto, e questo titolo fosse continuato da Odoardo, da
Maria e dal marito, nulladimanco dissimulando il Papa di saper il fatto
d'Errico volle fare apparire ch'egli ergesse quell'isola in Regno,
perchè in quella maniera il Mondo credesse, che de' soli Pontefici
romani fosse l'edificare, e spiantar Regni, e che il titolo usato
dalla Regina fosse come donato dal Papa, non come decretato dal padre.
Lo stesso i nostri maggiori videro nella persona del Duca di Toscana,
innalzato da' Pontefici con titolo di Gran Duca. E se la cosa si fosse
ristretta a' soli Pontefici romani sarebbe stata forse comportabile, ma
si giunse, che fino gli Arcivescovi di Milano s'arrogavano l'autorità
di far essi i Re d'Italia, come si è veduto ne' precedenti libri di
questa Istoria.

Ma dall'altra parte non era meno strana la pretensione, che aveano
gl'Imperadori d'Occidente, di poter essi ancora dar titoli di Re, ed
ergere gli Stati in Reami: essi lo pretendevano perch'essendo risorto
l'Imperio d'Occidente nella persona di Carlo M., ed essendo successori
di quell'Augusto Imperadore, credevano ben come tali di poterlo fare
in tutto Occidente; e se il Senato romano intraprendeva ben questa
potestà nello Stato popolare di fare Re, molto più essi credevano a
loro appartenersi. Sopra tutti gl'Imperadori Federico I ebbe questa
fantasia: egli mandò la spada e la Corona regale a Pietro Re di
Danimarca, attribuendogli il nome di Re per titolo d'onore solamente,
con espressa riserva (come rapporta Tritemio[446]) della sovranità del
suo paese all'Imperio; il che fu dannoso allo stesso Imperio, poichè
perciò li Re di Danimarca presero a poco a poco occasione di sottrarsi
dalla soggezione dell'Imperio, e da poi si sono resi affatto Sovrani in
conseguenza del titolo di Re.

(_Girolamo Muzio_ Chron. Germ. lib. 20 _Crusius_ Annal. Suevie. part.
3 lib. 2 cap. 2 _Bodin._ de Rep. lib. 2 cap. 3 ciò attribuiscono a
Federico II non al I: vedasi Sigonio de _Regno Italiae Lib._ 13 che
rapporta il fatto di _Barisone_ creato Re di Sardegna ad istanza, e con
denari de' Genovesi).

L'istesso Imperadore diede titolo di Re al Duca d'Austria; ma a costui
avvenne tutto il contrario che a' Re di Danimarca, poichè avendo
ottenuto questo titolo con egual riserba della sovranità, volle troppo
presto allontanarsi dal suo Sovrano, ed avendo rifiutato d'ubbidirlo,
ne fu privato dodici anni da poi di questa qualità di Re, e costretto
chiamarsi solamente Duca. Questo medesimo Imperadore diede ancora
titolo di Re al Duca di Boemia con la medesima ritenzione di Sovranità:
nel che non ci ebbe da poi alcuna mutazione, sì per la picciolezza del
suo Reame vicino alla sede imperiale, come perchè questo Re è uno degli
Elettori.

Altrove fu notato, che alcuni credettero, l'Inghilterra avere un tempo
ancor ella salutato l'Imperadore come Feudataria, come fra gli altri
scrisse Cujacio[447], la Francia non giammai. Ma gl'Inglesi glie ne
danno una mentita, ed Arturo Duck[448] dice, che Cujacio senza ragione
ciò scrisse; poichè nell'istesso secolo, che la Francia scosse la
dominazione dell'Imperio, la scosse ancora l'Inghilterra, e che non
meno i Franzesi, che i Brittanni sono indipendenti dall'Imperio.

Da queste pretensioni, che il Papa e l'Imperadore tennero di poter
creare Re, e che tutti i dominj dipendessero da loro, ne surse da poi
presso i nostri Dottori, secondo le fazioni, un ostinato contrasto,
e chi sosteneva secondo i sentimenti di Clemente e di Adriano, che
l'Imperio e tutti i Regni dipendessero dal Papa: chi all'incontro
dall'Imperadore; e Bartolo[449] sostenitore delle ragioni dell'Imperio,
s'avanzò tanto in questa opinione, e passò in tale estremità, che
non ebbe difficoltà di dire esser eretico chi niega l'Imperadore
esser Signore di tutto il Mondo: ciocchè meritò la riprensione di
Covarruvia[450], e d'altri Scrittori, che riputarono cotal proposizione
degna di riso.

Ma se bene erano fra lor divisi in sostenere le pretensioni, o dell'uno
o dell'altro, furono però d'accordo in dire, che tutte le Sovranità
del Mondo cristiano dipendessero, o dal Papa o dall'Imperadore.
Proposizione quanto falsa, altrettanto repugnante al buon senso, ed a
quel che osserviamo negli altri Regni e Monarchie; poichè la Sovranità
non procede altronde, che o dalla conquista, o dalla sommessione de'
Popoli; nè il Papa, secondo quel che si sarà potuto notare in più
luoghi di quest'Istoria, come successore di S. Pietro, o Vicario di
Cristo ha ragione di poterlo pretendere, non essendo stata questa la
potestà data a S. Pietro da colui, che si dichiarò il Regno suo non
esser di questo Mondo, ma quella fu tutta spirituale, e tutta drizzata
al Cielo, come a bastanza nel primo libro. quando della politia
ecclesiastica ci fu data occasione di ragionare, fu dimostrato. E se
oggi lo vediamo Signore di tanti Stati, ed aver sì belle ed insigni
prerogative negli Stati altrui, tutto fu o per concessione de' Principi
e loro tolleranza, o per consuetudine, che col tempo introdotte, per
la loro esquisita diligenza ed accortezza, avendo a lungo andare poste
profonde radici, non poteron poi in molte parti più sradicarsi, come
ne può esser ben chiaro esempio questo nostro Reame, che per volontaria
esibizione de' suoi Principi fu reso a quella Sede feudatario, i quali
o per loro concessione o tolleranza molte cose su di esso le permisero:
delle quali avremo molte occasioni di notare nel corso di questa
Istoria.

E molto meno gl'Imperadori d'Alemagna potean ciò pretendere; poichè se
si parla di que' Regni, che da Carlo M. non furono conquistati, come
le Spagne, e tanti altri, non vi può cader dubbio alcuno, che rimasero
vere Monarchie, e dall'Imperio independenti. Nè restituito l'Imperio
d'Occidente nella persona di quell'Augustissimo Principe si fece altro,
che siccome egli parte per successione, parte per conquista, si vide
ingrandito di tanti Regni e province, onde meritamente potesse darsegli
titolo d'Imperadore; così essendosi da poi in tempo de' suoi successori
molti Regni e molte province perdute, e sottratte dall'Imperio,
ritornarono essi così come erano prima, che Carlo M. assumesse quel
titolo; e per conquista, o per sommessione de' Popoli, essendo passati
sotto la dominazione d'altri Principi, questi come veri Monarchi e veri
Re independenti gli possederono, siccome fu l'Inghilterra, ed il Regno
di Francia; ed i Franzesi pretendono, che la Francia non solo non fu
unita da Carlo M. all'Imperio, ma vogliono che più tosto l'Imperio,
fosse stato membro della Monarchia franzese.

Così Ruggiero, per quel che s'attiene alla Sicilia, come quella
che non mai fu da Cario M. conquistata nè all'Imperio d'Occidente
sottoposta, ma più tosto a quel d'Oriente, non avea alcun bisogno,
volendo ridurla in forma di Regno, come fu anticamente, di ricorrere
all'Imperador d'Occidente. E se bene, per quel che riguarda a queste
nostre province, v'avessero avuta i medesimi in alcune d'esse la
Sovranità, e per Sovrani da' Principi longobardi fossero riputati, come
furon quelle, che nel Ducato beneventano, quando era nella sua maggior
grandezza, erano comprese; nulladimanco i Normanni le sottrassero da
poi totalmente dall'Imperio, così dall'occidentale, come, per quel che
riguarda la Puglia e la Calabria, dall'orientale, e come independenti
da quest'Imperj le dominarono. E quantunque dagl'Imperadori
d'Occidente avessero nel principio ricevute l'investiture della
Puglia, nientedimeno, come si è veduto, ciò non ebbe alcun effetto,
perchè i Normanni da poi più tosto si contentarono essere Feudatarj
della Sede Appostolica, che dell'Imperio. Nè gl'Imperadori d'Occidente
molto se ne curarono. Egli è però vero, che così Lotario II come gli
altri suoi successori, quando le occasioni loro si presentavano, non
si ritennero di movere queste loro pretensioni di Sovranità: così
Lotario, quando s'ebbe da investir Ranulfo del Ducato di Puglia e di
Calabria contro il nostro Ruggiero, pretese volerlo egli investire,
e pretendendo il Papa Innocenzio II all'incontro ciò appartenersi a
lui; per non far nascere infra lor discordie, delle quali se n'avrebbe
potuto profittar Ruggiero, inimico comune, si convenne che tutti due
insieme l'investissero, come fecero investendolo per lo stendardo. E
del Principato di Salerno e d'Amalfi, del quale i Papi non si trovavano
aver ancora fatta alcuna investitura a' Normanni, vi fu tra Innocenzio
II e l'istesso Lotario contrasto; pretendendo Lotario doverlo investir
egli: al che s'oppose fortemente il Papa, onde nacquero fra loro quelle
discordie, delle quali si seppe ben valere il nostro Ruggiero[451]. E
per quest'istesse pretensioni in tempi men a noi lontani Errico VII, il
primo Imperadore che fu della illustre Casa di Lucemburgo, citò Roberto
Re di Napoli, e Conte di Provenza avanti il suo Tribunale a Pisa,
perchè pretendeva che il Regno di Napoli fosse Feudo dell'Imperio: come
in fatti lo bandì, e lo depose dal Reame, del quale investì Federico Re
di Sicilia, il quale in effetto venne in Calabria per conquistarlo, e
prese Reggio, e molte altre Piazze di quella riviera. Ma essendo poco
da poi morto Errico, svanì l'impresa ed egli deluso in Sicilia fece
ritorno.

Ma essendosi da poi l'Imperio di costoro ristretto nell'Alemagna, ed
oggi giorno considerandosi come semplici Principi, senza che possan
pretender Sovranità nell'istesso Imperio, dove in effetto quella
risiede come ha ben provato Bodino; ed all'incontro essendosi gli
altri Principi per lungo corso di anni ben stabiliti ne' loro Stati
e Reami con totale independenza dall'Imperio, vantano oggi con ben
forte ragione essere i loro Stati vere Monarchie, siccome se ne vanta
il nostro Reame, non ostante l'investiture che i nostri Principi
ricevano da' Sommi Pontefici; le quali, come vedrassi nel corso di
quest'Istoria, non derogano punto all'independenza ed alla sovranità,
ed alle supreme regalie, delle quali sono adorni, e per le quali son
reputati, come lo sono, veri Monarchi.

Ma ritornando alla coronazione del nostro Ruggiero se bene in questi
tempi gl'Imperadori d'Occidente pretendessero Sovranità sopra queste
nostre province; nulladimeno i Pontefici romani l'aveano di fatto
esclusi e solamente era loro rimasa la pretensione. I Principi normanni
non si curavano per ciò aver da essi l'investiture, e niun pensiero
se ne prendevano. Ma all'incontro era in ciò, ed a questi tempi così
grande l'autorità de' Papi, che i Principi senza di loro stimavano non
poter assumer nè titolo di Re, nè altro più spezioso, che vi fosse, e
sopra gli altri ne stavano ben persuasi i Principi normanni, e Ruggiero
stesso.

Anzi non sono mancati diligenti Autori, che scrissero Ruggiero non mai
aver avuto quest'ardimento per se solo d'incoronarsi Re, ed assumere
quel titolo senza loro permissione e beneplacito; e che una sola volta
fosse stato incoronato da Anacleto nell'anno 1130 non già due, una da
se solo nell'anno 1129, l'altra da Anacleto nel seguente anno. Nel che
non vogliamo miglior testimonio dell'accuratissimo Pellegrino[452], il
quale per l'autorità di Falcone beneventano, e dell'Abate Telesino,
sostiene che sol una volta Ruggiero si facesse incoronare, e ciò per
autorità d'Anacleto: poich'essendo per la morte d'Onorio, accaduta in
febbraio dell'anno 1130 nato lo scisma tra Innocenzio II ed Anacleto
II, eletti ambedue nell'istesso giorno da due contrarie fazioni per
romani Pontefici, piacque a Ruggiero seguire il partito d'Anacleto,
il quale riputando ciò a sua somma ventura, perchè munito di sì
valido appoggio potesse resistere al partito d'Innocenzio, proccurava
di non negargli cosa che gli cercasse; in fatti venuto Anacleto in
Avellino nel mese di ottobre di quest'istesso anno, quivi s'appuntò di
coronarlo, siccome nell'istesso mese ritornato in Benevento, in questa
città gli spedì la Bolla, che si legge presso il Baronio; ed avendo
Anacleto mandato in Sicilia un suo Cardinale perchè lo incoronasse,
fu Ruggiero dal medesimo coronato in Palermo nel mese di dicembre
dell'istesso anno nel giorno di domenica della Natività di N. S.
con quella celebrità ed apparato, che ci descrive l'Abate Telesino
Scrittor contemporaneo, che vi fu presente, e che fu molto famigliare,
e cotanto caro a Ruggiero. Falcone Beneventano, Pietro Diacono[453],
ma sopra tutti più minutamente l'Abate Telesino[454], e tutti gli
antichi parlando di questa coronazione la narrano come la prima e
l'unica, nè fanno memoria alcuna d'altra coronazione che Ruggiero per
se stesso avessesi proccurata nell'anno precedente. Ed a dir il vero,
se mai vi fosse stata, certamente l'Abate Telesino, che così a minuto
scrisse i fatti di questo Principe, e con tanta esattezza quella che
seguì per Anacleto, non avea motivo di tralasciar la prima, poichè
avrebbe rapportato un fatto ch'egli come cotanto benevolo e familiare
di Ruggiero, avrebbe approvato, nè in grazia di Ruggiero l'avrebbe
taciuto. Nè avrebbe tralasciato di riferire tanta celebrità e pompa,
nè il consenso di tanti insigni Prelati e Signori che narrasi essere
intervenuto in questa prima coronazione, celebrata in tempo, che non
vi era scisma alcuno nella Chiesa, anzi quando Onorio per la pace fatta
con Ruggiero, rimase con questo Principe amicissimo.

Il primo che di tal coronazione, seguita con tanta celebrità per mano
di quattro Arcivescovi, ci dasse riscontri fu il Fazzello[455], da
cui forse il Sigonio l'apprese. Ma questi con tanta incoerenza unisce
insieme molte cose, che non ci dee far molta autorità. Altri per
dar credenza a questo racconto, allegano una Cronaca[456] non ancor
impressa d'un tal Maraldo Monaco Cartusiano; ma non dicono di quanta
antichità fosse; nè Maraldo fa menzione che d'una sola coronazione. Per
questi argomenti, e perchè tutti gli Antichi la tacciono, nè d'essa
fanno alcuna memoria, il Pellegrino porta opinione che Ruggiero non
si fece coronare se non una sol volta, e ciò per autorità di Anacleto,
ch'egli in quello scisma riputava, come lo riputavano allora non solo i
suoi Regni, ma gran parte d'Italia, ed i Romani stessi, vero Pontefice,
come colui che ebbe la maggior parte de' Cardinali che lo elessero,
se bene Innocenzio un poco più prima di lui fosse stato eletto dalla
minor parte. So che Inveges non acquetandosi a questi argomenti del
Pellegrino, porta opinione contraria; narra, che Ruggiero, essendosi
coronato per propria autorità, eletto che fu Innocenzio, avessegli
richiesto, che con sua Bolla gli confermasse questa coronazione; ma che
poi non avendo potuto ridurre Innocenzio a confermarla, abbandonando il
partito d'Innocenzio, fosse ricorso ad Anacleto, il quale volentieri
gli compiacque. Che che ne sia, o fosse stata questa la prima, ovvero
la seconda coronazione di Ruggiero, egli è certo che questo Principe
reputò non bene, nè stabilmente o legittimamente poter assumere quel
titolo, nè ergere i suoi Stati in Reami, se non vi fosse stato il
permesso, o conferma di Anacleto ch'egli reputava vero Pontefice, al
quale avea renduti i suoi Stati tributari, e de' quali i suoi maggiori
ne aveano ricevute l'investiture.


I. _Investitura d'Anacleto data a RUGGIERO I Re di Sicilia._

Allora fu che Anacleto, cui tanto premeva l'alleanza ed amicizia
di Ruggiero, oltre ad averlo costituito Re, ed ordinato a tutti i
Vescovi ed Abati de' suoi dominj, che lo riconoscessero per tale,
e gli giurassero fedeltà, concedè a questo Principe una più ampia
investitura, che i suoi predecessori Duchi di Puglia non aveano potuto
mai ottenere: poichè oltre ad investirlo della Sicilia, della Puglia e
della Calabria, gli diede ancora l'investitura del Principato di Capua,
e quel che parrà strano, altresì del Ducato napoletano, come sono le
parole della Bolla[457], e come eziandio rapporta Pietro Diacono[458].

Che glie le dasse del Principato di Capua, ancorchè pure fosse cosa
molto strana, che nell'istesso tempo, che quello veniva posseduto
da Roberto, il qual n'era Principe, volesse investirne altri; poteva
però sostenersi il fatto, ed era scusabile, perchè avendo i Principi
di Capua suoi predecessori da' Papi ricevuta l'investitura di quel
Principato, tal che venivano riputati ancor essi Feudatari della Sede
Appostolica, non altrimenti che i Duchi di Puglia e di Calabria,
ed avendo voluto quel Principe seguitare il partito di Innocenzio
suo inimico, avrebbe potuto forse così colorirsi e darsi al fatto
comportabile apparenza. Ma del Ducato napoletano, ch'era dall'Imperio
d'Oriente dipendente, e che in forma di Repubblica si governava dal
suo Duca, che in quel tempo era Sergio, con qual appoggio potesse farlo
Anacleto, non si sa veramente comprendere; e se pure i Napoletani, ciò
che lor s'imputava, seguivano il partito d'Innocenzio, ciò non recava
a lui ragione di disporre di quel Ducato, che per niuno pretesto poteva
appartenergli. Ma tutte queste considerazioni niente impedivano allora
a' Pontefici romani di far ciò che poteva ridondare in maggior loro
grandezza: erano già avvezzi d'investire altrui di paesi che essi non
possedevano, e sopra de' quali non vi avean che pretendere, come fecero
della Sicilia e di quest'altre nostre province.

Nè a Ruggiero molto premea d'andar esaminando cotali diritti, bastava
con ciò aver un minimo appoggio, affinchè quel che il Papa gli
concedeva colla voce e colle scritture, potesse egli conquistarlo con
le armi; credendo così giustificare le sue conquiste, siccome ben seppe
fare poco da poi, che discacciato Roberto da quel Principato, e mossa
guerra a' Napoletani, si rese padrone così dell'uno, come dell'altro
Stato.

Ma potrebbe per avventura recar maraviglia come in questa occasione
non fosse stato investito Ruggiero anche del Principato di Salerno.
Ciò avvenne perchè i Pontefici romani pretendevano che quel Principato
interamente s'appartenesse alla Chiesa romana, se bene non si sappia
per qual particolar ragione. Perciò Gregorio VII, perciò tutti gli
altri suoi successori lo eccettuaron sempre nell'investiture, come
abbiamo osservato. Ed in fatti quando Lotario, avendolo tolto a
Ruggiero se ne rese padrone, e volle appropriarselo, Innocenzio se ne
offese, ed acremente se ne dolse, dicendo, che quello s'apparteneva
alla Chiesa romana, ciò che fu motivo di discordia fra il Papa e
Lotario, come rapporta Pietro Diacono[459]. L'investitura fu data a
Ruggiero, a' suoi figli, ed eredi di quelli _jure perpetuo_. Ed il
censo fu stabilito di seicento schifati l'anno[460].



CAPITOLO I.

_Papa Innocenzio II collegatosi coll'Imperador Lotario move guerra al
Re Ruggiero. Il Principe di Capua, ed il Duca di Napoli s'uniscono con
Lotario, sono disfatti, e Ruggiero occupa i loro Stati._


Intanto Innocenzio, vedendo che il partito d'Anacleto, a cui Ruggiero
erasi unito, era più potente del suo, e che egli dentro Roma non poteva
contrastargli la Sede, come quegli, ch'era figliuolo di Pier Lione,
ricco e potente cittadino romano, erasi partito nascostamente da Roma
con que' Cardinali, che l'avevano creato Papa, ed andossene a Pisa, ove
fu da' Pisani come vero Pontefice ricevuto con tutti i segni di stima
e d'ossequio. Pisa in questi tempi, infra le città d'Italia, erasi
molto distinta per la potenza e valore de' suoi cittadini, ma molto
più per le forze ed armate marittime che manteneva; onde Innocenzio,
imbarcatosi di là ad alcun tempo su le lor galee, se ne passò in
Francia per indurre il Re Lodovico a prender la sua protezione contro
agli sforzi del suo rivale. Quivi giunto ragunò un Concilio nella città
di Rems, ove scomunicò Anacleto e tutti coloro, che seguivano la sua
parte; ma vedendo, che il Re di Francia non poteva somministrargli
quegli aiuti, de' quali allora avea bisogno, proccurò impegnar Lotario
Imperadore alla sua difesa, nel quale trovò maggior disposizione e
prontezza che in Lodovico. Aspirava egli di togliere a Ruggiero queste
province, che credeva essergli state usurpate da questo Principe;
e con tal opportunità di indurre ancora il Papa a concedergli le
cotanto contrastate investiture. In effetto la prima cosa che cercò ed
ottenne da Innocenzio furono le investiture, le quali tosto le furono
accordate, come scrive Pietro Diacono[461] Autor contemporaneo. Il
Baronio dando una mentita a questo Scrittore, dice, che avendo Lotario
ciò preteso, gli fu fatta resistenza da Bernardo Abate di Chiaravalle,
il quale consigliò Innocenzio, che non v'assentisse, e che secondo il
suo consiglio Innocenzio ne l'avesse escluso, allegando lo Scrittore
della vita di questo Santo, che fu Bernardo di Bonavalle Scrittore di
tempi più bassi.

Che che ne sia, Innocenzio dispose l'Imperadore a calar tosto in
Italia, e giunto in Roma insieme con lui, trovandosi occupata la
chiesa di S. Pietro da Anacleto, Innocenzio albergò nel Palagio di
Laterano, e l'Imperadore con suoi soldati s'attendò alla chiesa di S.
Paolo. Frattanto al partito d'Innocenzio eransi aggiunti molti Baroni
della Puglia mal soddisfatti di Ruggiero. I più segnalati fra gli
altri furono Rainulfo Conte d'Airola e d'Avellino, Roberto Principe di
Capua e Sergio Duca di Napoli. Rainulfo ancorchè cognato del Re, come
quegli che teneva per moglie Matilda sua sorella, erasi disgustato con
Ruggiero per cagion, che trattando egli troppo severamente la moglie,
obbligò Ruggiero a togliergliela, e fattala venire a lui, l'inviò
in Sicilia con un figliuolo di lei, e del Conte chiamato Roberto; ed
avendo intimata al Conte la guerra gli tolse Avellino e Mercogliano,
ed oltre a ciò, venuto in suo potere Riccardo fratello di Rainulfo,
il quale parlava baldanzosamente contro di lui, gli fece cavar gli
occhi e tagliar il naso. A Rainulfo unissi Roberto Principe di Capua
mal soddisfatto degli andamenti del Re, il quale apertamente aspirava
a togliergli il suo Principato, del quale, non ostante che Roberto ne
fosse in possesso, si fece da Anacleto dar l'investitura. In questi
medesimi sospetti per le medesime cagioni era entrato Sergio Duca di
Napoli, il quale se bene (se deve prestarsi fede all'Abate Telesino,
poichè l'Arcivescovo Romualdo, e Falcone beneventano non fanno in
questo tempo menzione alcuna di tal fatto) dimorando il Re in Salerno
dopo la vittoria ottenuta sopra gli Amalfitani, atterrito dalla sua
potenza ed estremo valore, venisse a sottoporre la città di Napoli al
suo dominio; nulladimanco tale sommessione, se vi fu, non ebbe alcun
effetto, poichè da poi volle sostenere con tutto lo spirito la libertà
della sua città, e fugli fiero inimico congiurandosi insieme con
Roberto e Rainulfo in favore del partito d'Innocenzio; e non bastando a
questi tre aver infra di loro fermata questa lega, sollevarono ancora
molte altre città della Puglia, e trassero con loro molti Baroni, che
ribellando contro il lor Sovrano presero le armi contro chi men doveano
e contro il proprio Principe le rivoltarono, ponendogli sossopra
queste province di qua del Faro. E maggiore fu la baldanza di questi
congiurati, quando seppero che Lotario insieme con Innocenzio in
quest'anno 1133 era entrato in Italia, e giunti a Roma, ad una nuova e
più vigorosa spedizione contro Ruggiero si apparecchiavano; onde per
accelerar l'impresa tosto si portarono in quella città il Principe
Roberto, il Conte Rainulfo e molti altri Baroni di queste province
insieme con molta altra gente per discacciar Ruggiero affatto da tutta
la Puglia.

Accadde allora nel mese di giugno di quest'anno 1133 la coronazione
di Lotario seguita in Roma con molta pompa per le mani d'Innocenzio,
nella cui celebrità essendo concorsi molti Duchi, Marchesi e altri
Baroni d'Italia, fu data occasione a Lotario, siccome i suoi maggiori
solevano fare in Roncaglia, di stabilire a loro richiesta alcune
leggi feudali, onde dopo Corrado il Salico, fu egli il secondo, che
su i Feudi promulgasse leggi scritte; e fu allora da lui confermata
la celebre legge di Corrado intorno alla successione de' nepoti e de'
fratelli, della quale si fece da noi menzione ne' precedenti libri,
quella appunto che vedesi registrata nel secondo libro de' Feudi[462],
e che malamente fu dal Molineo e dal Pellegrino attribuita a Lotario I,
dando occasione all'errore, per vedersi per incuria degl'Impressori in
luogo d'Innocenzio esservi stato posto il nome d'Eugenio, come avvertì
saggiamente Cujacio. Nè dovea moversi l'avvedutissimo Pellegrino a
credere, che non potesse tal costituzione essere di questo Lotario
poichè nell'iscrizione che porta, si legge: _Constitutiones Feudales
Domini Lotarii Imperatoris, quas ante januam B. Petri in Civitate
Romana condidit_: quasi che non potesse sentirsi di questo Lotario, il
quale non potè con Innocenzio stabilire queste leggi _ante januam B.
Petri_, quando siccome narra Ottone Frisingense[463], il Palazzo di
S. Pietro veniva allora occupato da Anacleto; poichè, o l'iscrizione
è viziata, siccome in vece d'Innocenzio fu per ignoranza ancora posto
Eugenio, o pure non è incredibile, che Anacleto avesse ciò permesso a
Lotario, quando ciò niente dovea importargli; tanto maggiormente che
presso appurati Scrittori si legge[464], che giunto Lotario in Roma
per mezzo d'uomini saggi e religiosi ebbe molti trattati con Anacleto
di levare così grave scisma nella Chiesa, e ben potè in questo mentre
seguire quella celebrità avanti la porta del Palazzo di S. Pietro.

Ma non minore fu in ciò l'errore del nostro Andrea d'Isernia, il quale
reputando, e con verità, che le Costituzioni, che stabilì Lotario in
quest'anno in Roma, non potevano obbligare queste nostre province,
le quali da Ruggiero s'erano affatto all'Imperio sottratte, non potè
darsi a credere che fra i Sapienti delle altre città di Italia, che
intervennero in quella Assemblea co' Duchi, Marchesi ed altri Baroni
della medesima, come di Milano, Pavia, Cremona, Mantova, Verona,
Trivigi, Padua, Vicenza, Parma, Lucca e Pisa, vi avessero potuto anche
intervenire quelli della città di Siponto, come si legge in quella
Costituzione: città a questi tempi ancor celebre della Puglia, come
da' precedenti libri di questa Istoria s'è potuto in più occasioni
notare, la quale al dominio di Ruggiero era sottoposta: onde si diede
ad indovinare, o che il luogo fosse corrotto, ed in vece di _Syponti_,
dovesse leggersi _Senarum_, ovvero (ciò che deve condonarsi alla
rozzezza di quel secolo nel quale scrisse) che vi fossero un'altra
città in Lombardia, o nella Toscana chiamata Siponto. Poichè niente
strano deve sembrare, che vi fossero in quella Radunanza intervenuti
ancora i Sapienti di Siponto, a chi considera, che quella si tenne in
tempo nel quale, se bene quelle province, che oggi compongono il nostro
Regno, fossero state già da Ruggiero all'Imperio sottratte; nulladimeno
per la congiura in questo tempo ordita dai Baroni contro questo
Principe, i quali seguendo il partito di Roberto Principe di Capua,
e di Rainulfo Conte d'Avellino eransi ribellati, ed aveano costretto
Ruggiero ad abbandonar la Puglia, e di ritirarsi in Sicilia per unire
le sue armate e reprimere la ribellione, come da poi fece: non potè
Ruggiero impedire la loro andata in Roma, li quali tanto più si resero
animosi contro di lui, quando intesero che Lotario era colà giunto
per movere, insieme uniti, guerra contro di lui: e perciò non poterono
i Sapienti di Siponto, allora ribelli, recar pregiudicio a Ruggiero,
in maniera che fossero obbligati i di lui vassalli osservare quella
Costituzione di Lotario suo inimico, come diremo ad altro proposito.

Ma tanti apparati di guerra e tanti inimici di Ruggiero insieme
aggiunti, non poterono mai costernare l'animo di questo invitto
Principe: egli tornato da Sicilia con poderose armate, dopo varia
fortuna, che lo rese ora perdente, ora vincente, finalmente dissipò
i suoi inimici: obbligò Lotario a tornarsene senza alcun frutto
in Alemagna: costrinse Innocenzio a ritirarsi di nuovo in Pisa,
ove celebrò un altro Concilio. Abbattè l'orgoglio di Rainulfo e di
Roberto; e repressa la ribellione de' Baroni di Puglia, restituì
questa provincia alla sua ubbidienza: e niente altro rimaneva perchè
tutto questo Reame passasse sotto la sua dominazione, fuorchè Napoli,
Benevento e Capua, e gli Stati del Conte Rainulfo; onde fermato in
Salerno, alla conquista di queste città fu totalmente rivolto, e
sopra ogni altra di Capua e di Napoli; onde a tal fine fece ritorno in
Sicilia per approntar nuove forze per conquistarle.

Il Principe Roberto, che ben prevedea il male, che gli soprastava, non
tralasciò ogni sforzo per impedirlo, s'unì co' Pisani, e gito in Pisa
ottenne da' medesimi valido soccorso di molte navi e soldati[465].
Proccurò anche che a' Pisani si unissero in suo ajuto i Genovesi, ed i
Veneziani; onde ritornato nel Principato di Capua, andossene in Napoli,
ove fu caramente ricevuto da Sergio, e dal Conte Rainulfo che in questa
Piazza erasi ritirato. Espose a' medesimi la lega, che nuovamente
avea conchiusa in Pisa in presenza d'Innocenzio co' Pisani, Genovesi
e Veneziani, e come avea promesso a' Pisani, acciocchè fossero venuti
in suo soccorso, tremila libbre d'argento. Fu con gran giubbilo intesa
da Sergio, e da' suoi confederati questa novella, onde senza frapporvi
dimora, tolsero ambedue gli argenti delle Chiese di Napoli e di Capua,
e fattane quella somma di moneta, prestamente la mandarono a' Pisani.

Ma ecco che mentre costoro così si sforzano di resistere a Ruggiero,
che questo Principe ritornando da Sicilia con sessanta galee, giunge
in Salerno, e tosto sopra Napoli pose l'assedio; ma difendendosi
questa città con estremo valore, abbandonolla, e verso Capua drizzò li
suoi eserciti; ed avendo presa Nocera, e molti altri castelli di quel
contorno, fu Capua assalita, la quale incontanente gli si rese[466].
Il Re entrato in quella, vi fu a grande onor ricevuto, ed avendo dopo
breve contrasto conquistati gli altri luoghi del Principato, tornò di
nuovo a cinger Napoli di stretto assedio.

Ecco come in quest'anno 1135 Ruggiero dopo varj casi unì agli
altri suoi Stati il Principato di Capua, del quale aveane già avuta
l'investitura da Anacleto. Egli poco da poi ne investì _Anfuso_ suo
figliuolo, dandogli di sua mano lo Stendardo, ch'era a questi tempi
la cerimonia, che s'accostumava nelle investiture; e fu perciò Anfuso
da' Capuani per lor Principe salutato, giurandogli fedeltà. Ma egli è
ben da notare, che i Capuani giurarono fedeltà ad Anfuso, _salva tamen
Regis, et filii ejus Rogerii (Ducis Apuliae) fidelitate, qui ei in
Regnum successurus erat_, come rapporta l'Abate Telesino; poichè avendo
Ruggiero al suo Regno unito il Principato di Capua, ancorchè ne avesse
investito Anfuso, non volle però che lo reggesse independentemente
dalla Corona, e da lui, e dal suo figliuolo Ruggiero Duca di Puglia,
dichiarato successore del Regno.

Avea il Re Ruggiero dalla sua prima moglie, che fu Alberia figliuola
d'Alfonso Re di Spagna, generati cinque figliuoli. Il primo, che dovea
succedergli al Regno, ed il quale il padre l'avea perciò istituito
Duca di Puglia, fu chiamato _Ruggiero_[467]; ma questi essendo a
lui premorto nell'anno 1148 diede luogo agli altri suoi fratelli
secondogeniti alla successione. Da questo Ruggiero narrasi, che fosse
nato _Tancredi_, quegli, che succedè al Regno di Sicilia, riputato suo
figliuolo bastardo, come si dirà più innanzi. Il secondo fu _Tancredi_,
al quale il padre avea assignato il Principato di Bari, o veramente
di Taranto, perchè allora non avea acquistato ancora quel di Capua: e
questi pure prima di tutti gli altri suoi fratelli, premorì al padre
prima dell'anno 1144.

Il terzo fu questo _Anfuso_, o come altri dicono _Alfuso_, onde
Girolamo Zurita suspica che lo dicessero così dal nome d'_Alfonso_ Re
di Spagna suo avo materno: ma Wolfgango Lazio[468] è di parere, che
sia nome Goto, derivato da _Idelfonso_, e questo da _Hildibrunzo_,
vocabolo gotico, _a favore scilicet et amore foederis_. Costui da
Ruggiero in quest'anno 1135 fu creato Principe di Capua; il quale poco
da poi nell'anno 1139 essendo già passato il Ducato napoletano sotto
la sua dominazione, fu fatto anche Duca di Napoli, secondo che scrive
il Pellegrino; ma questi seguitò la sorte degli altri suoi fratelli
maggiori, poichè premorendo pure al padre, finì li giorni suoi nel
medesimo anno 1144.

Il quarto fu Guglielmo I quegli che dopo la morte d'Anfuso creato dal
padre Principe di Capua e Duca di Napoli, e morto da poi Ruggiero altro
suo fratello, fatto Duca di Puglia in suo luogo; finalmente nell'anno
1151 fu da Ruggiero assunto per suo Collega al Regno, e fu coronato
e dichiarato suo successore; siccome morto suo padre gli successe, e
per più anni tenne il Regno di Sicilia e di Puglia; poichè _Errico_
altro suo fratello morì giovanetto vivente il padre avanti la morte di
Ruggiero suo maggior fratello.

Ebbe Ruggiero altre mogli: _Sibilla_ sorella del Duca di Borgogna,
dalla quale presso i più diligenti Scrittori non si legge che avesse
procreati figliuoli: _Beatrice_, dalla quale gli nacque _Costanza_,
quella che destinata a cose più grandi con varie vicende si vide moglie
d'Errico VI Imperadore, e dalla quale nacque il famoso Federico II. le
cui gesta saranno ben ampio soggetto di quest'Istoria. E vi sono chi
a queste tre mogli di Ruggiero aggiunge la quarta, che dicono essere
stata N. sorella d'Anacleto, della famiglia di Pier Lione; e la quinta
chiamata _Airolda_ figliuola del Conte de' Marsi[469].

Ma mentre Ruggiero tenendo assediata Napoli, per mare travagliava
questa città, scorgendo, che per l'estremo valore de' suoi cittadini
non era per rendersi così subito, partissi dall'assedio, lasciando
a' suoi Capitani la cura di quello, ed egli in Salerno fece ritorno;
ove imbarcatosi sopra la sua armata passò in Sicilia per poter nella
vegnente primavera ritornar con esercito più numeroso ad espugnarla,
siccome narra Alessandro Abate di S. Salvatore della Valle Telesia, il
quale qui termina i quattro libri della sua latina istoria normanna.

Intanto il Principe di Capua Roberto era andato in Pisa a cercar
soccorso; ma non fu a tempo, poichè tornato da quella Città, ritrovò
Capua già presa, e furono inutili tutti gli altri suoi sforzi, che fece
da poi per riacquistarla; onde vedute disperate le sue cose, fece di
nuovo in Pisa ritorno. Il Duca di Napoli Sergio ancora, vedendo in tale
strettezza la sua città, temendo dell'ultima sua ruina, se non avea
presti ajuti, imbarcatosi sopra un naviglio passò anch'egli in Pisa per
soccorso, ma non avendolo potuto ottenere, tutto afflitto se ne tornò
indietro a Napoli.

Ma il Principe Roberto avendo ritrovato in Pisa Papa Innocenzo, fu
da costui stimolato a passare in Alemagna, e a chiedere in suo nome,
ed in nome del Pontefice soccorso a Lotario Imperadore. Giunto egli
in Lamagna fu caramente dall'Imperadore accolto, il quale lo rimandò
tosto in Pisa con certa promessa di venire nel seguente anno in Italia
a liberar la Chiesa di Roma dallo scisma, ed a restituire Roberto
nel suo Principato. In questi tempi per la sua dottrina, e più per la
bontà de' costumi Bernardo Abate di Chiaravalle aveasi acquistata in
Europa gran fama di santità; onde non meno presso l'Imperadore, che del
Papa Innocenzio era in somma stima tenuto, ed i suoi consigli erano
di grande autorità, ed avendo proccurato Innocenzio in questo scisma
trarlo alla sua parte contro Anacleto, non può dubitarsi che fu uno de'
mezzi più adoperati ed efficaci a favor d'Innocenzio, e che prendendo
le sue parti con ardore non gli portasse molto ajuto e conforto. Egli
non si ritenne in queste congiunture scrivere calde e pressanti lettere
all'Imperador Lotario, che come avvocato e difensore della Chiesa,
calasse tosto in Italia a reprimere l'orgoglio de' Scismatici, ed a
vendicarsi di Ruggiero. Ed il suo zelo fu tanto, che in una lettera
che scrisse a Lotario, non ebbe alcun ritegno di chiamar Ruggiero
usurpatore, e che ingiustamente aveasi usurpata la Corona di Sicilia,
non altramente, che Anacleto la sede di S. Pietro: _Caesaris est_, e'
diceva a Lotario, _propriam vindicare Coronam ab usurpatore Siculo. Ut
enim constat Judaicam sobolem Sedem Petri in Christo occupasse injurias
sic proculdubio omnis, qui in Sicilia Regem se facit, contradicit
Caesari_; come se la Sicilia Ruggiero l'avesse sottratta all'Imperio
d'Occidente, e Lotario dovesse reputarsi come un altro Ottaviano
Augusto a riguardo di tutte le province del Mondo.

Furono però quest'inviti cotanto efficaci, che finalmente Lotario si
dispone a calar la seconda volta in Italia con eserciti più poderosi
e con forte deliberazione di abbattere lo scisma, e discacciar
Ruggiero da queste province; scrisse perciò ad Innocenzio, che nella
festività di S. Jacopo di quest'anno 1136 si sarebbe egli partito
di Lamagna[470]. Papa Innocenzio tantosto inviò tal novella al Duca
di Napoli Sergio, ed il Principe Roberto con cinque navi cariche di
vettovaglia andò a soccorrer Napoli, che grandissima fame pativa,
per tenerla i soldati del Re così stretta, che da niun lato per terra
potevano introdursi viveri. E fatti certi Sergio ed i Napoletani della
venuta dell'Imperadore, ritornò prestamente il Principe Roberto a Pisa,
e di là n'andò ad incontrar Lotario, il quale ritrovò aver già passate
le Alpi, ed essersi attendato a Cremona.


I. _Lotario cala la seconda volta in Italia, ed abbatte le forze di
Ruggiero._

Fu nel declinar di questo anno 1136 nel mese di novembre, che questo
Imperadore fermato in _Roncaglia_ (che come altre volte abbiam
detto, è un campo piano e largo posto sopra il Po non molto lontano
da Piacenza)[471] ragunò, secondo il costume de' suoi maggiori, una
Assemblea di tutti gli Ordini così ecclesiastico di Arcivescovi e
Vescovi, come de' Nobili, di Duchi, Marchesi, Conti, ed altri Baroni, e
de' Magistrati delle città d'Italia, ove a richiesta de' medesimi per
mezzo d'una sua Costituzione stabilì alcune altre leggi feudali, che
riguardano principalmente la proibizione di poter alienare i Feudi.
Questa Costituzione noi l'abbiamo nel libro secondo de' Feudi[472];
ed anche nel libro terzo delle leggi longobarde[473]. Nè l'istesso
Pellegrino[474] può negare che sia di questo Lotario; onde da ciò
ancora si convince, che il Compilatore delle leggi longobarde, unì le
Costituzioni degl'Imperadori come Re d'Italia, cominciando da Carlo
M. sino a quest'ultimo Lotario (poichè quella di Carlo IV fu aggiunta
molto tempo da poi di questa Compilazione) perchè gli altri Imperadori
che dopo Lotario tennero l'Imperio d'Occidente, e che sovente calati
in Italia presso Roncaglia stabilirono altre leggi, atteso che queste
riguardavano solamente i Feudi: i Compilatori delle Consuetudini
Feudali, che furono a tempo di Federico I non stimarono unirle alle
leggi longobarde, ma facendo una Compilazione a parte l'unirono al
Corpo delle Consuetudini Feudali, onde ne surse un nuovo Corpo di leggi
dette Feudali, che ultimamente da Cujacio fu distinto in cinque libri,
come trattando di questa Compilazione a suo luogo più distesamente
diremo.

Non vide Ruggiero più fiera procella di quella, che gli mosse Lotario
in questa seconda volta, che calò in Italia. Si vide in un baleno
sottratte dal suo Regno le più belle province, com'erano queste di
qua del Faro: al suo arrivo si rinvigorirono le speranze de' suoi
nemici, ed i mal contenti si resero più animosi a prorompere in
aperte sedizioni; poichè in prima non mancò Lotario, avvisato delle
angustie, nelle quali era ridotta la città di Napoli, e che i suoi
cittadini per le case, e per le piazze perivan di fame, di mandar
lettere ed Ambasciadori a Sergio, ed ai Napoletani, confortandogli a
durare per picciol tempo nell'assedio, ch'egli tantosto sarebbe venuto
in lor soccorso. Ed in fatti non tardò guari, che s'incamminò verso
Apruzzi, e pervenuto al fiume Pescara, valicatolo, soggiogò Termoli
con molti luoghi di quella provincia; e passato in Puglia, prese la
città di Siponto, ed atterrì in maniera i Pugliesi, e gli pose in tanta
costernazione, che tutte le città di quel contorno insino a Bari, ove
Lotario era passato, si diedero in sua balìa.

Intanto Innocenzio, che dimorava a Pisa, erasi già partito di colà, e
passato a Viterbo per incontrarsi con l'Imperadore, il qual intesa la
venuta del Papa in quella città, gl'inviò tosto Errico suo genero con
tremila soldati, e gli mandò a dire che proccurasse di conquistare le
terre della Campagna di Roma, e di restituire il Principato di Capua
a Roberto, perch'egli per altro cammino avrebbe proccurato di toglier
a Ruggiero l'altre province della Puglia: onde Innocenzio con altro
esercito venne a S. Germano, che tantosto se gli diede. Indi passato
a Capua non vi essendo chi potesse resistergli, tosto si rese padrone
di quella città, e ripose in essa e nel suo Principato il Principe
Roberto[475]. E scorso da poi in Benevento, dopo breve contrasto,
i Beneventani si resero a lui. Indi partissi per girne a ritrovar
Lotario in Puglia, il quale avea già presa Bari[476], e sol gli restava
d'espugnare la sua forte Rocca, la quale Ruggiero avea edificata, e
di grosso e valoroso presidio munita; ma quella finalmente espugnata,
portossi l'Imperadore ed Innocenzio sopra Melfi di Puglia: ed avendola
per alcun tempo tenuta assediata, l'ebbero alla fine in lor balìa.

Fu in questo anno 1137 che Lotario avendo tolta a Ruggiero la Puglia
pensò di crearne un nuovo Duca, ed avendo fatto in Melfi a tal fine
ragunare un Parlamento, ove fece chiamare tutti i Baroni di quella
provincia, trattò ivi della creazione di questo nuovo Duca, mandando
in tanto i suoi eserciti verso Salerno per assediare quella città.
Insorsero per tal occasione gravi contese tra Lotario ed Innocenzio
intorno a quest'elezione[477]: pretendeva Innocenzio per le ragioni
altre volte addotte, che siccome i suoi predecessori aveano investito
i Normanni del Ducato di Puglia, così ora essendosi tolto a costoro,
suo dovesse essere il potere di investirne altri. All'incontro Lotario
pretendendo esser queste province dipendenti dall'Imperio d'Occidente,
essere degl'Imperadori la facoltà dell'investire altri[478], siccome
di fatto l'Imperador Errico ne avea investiti i Normanni. La discordia
s'accese in maniera, che se non fosse stato il timore conceputo, che
Ruggiero lor comune nemico non se ne profittasse, sarebbe terminata
in aperta guerra. A questo fine si pensò un espediente, col quale
proccurossi di non recarsi pregiudizio alle ragioni dell'Imperio, nè
della Chiesa; e fra lor si convenne che il nuovo Duca si dovesse da
ambedue investire[479]. Fu eletto Rainulfo Conte d'Avellino di nazione
normanna, non Germano, come credette il Sigonio[480], cognato del Re,
e figliuolo del Conte Roberto, il quale era nato dal vecchio Conte
Rainulfo fratello germano di Riccardo I Principe di Capua[481].

Fu adunque Rainulfo creato nuovo Duca di Puglia, e gli fu dato
lo Stendardo, con cui fu investito del Ducato per mano d'ambedue,
d'Innocenzio e di Cesare. E Falcone Beneventano aggiunge, che a' 5
di settembre l'istesso Papa Innocenzio nella chiesa arcivescovile di
Benevento unse Rainulfo in Duca di Puglia, essendo a questa unzione
presenti il Patriarca di Aquileja, molti Arcivescovi, Vescovi ed Abati.
Così insino a questo punto i due più fieri nemici di Ruggiero, i quali
si erano così ben distinti a favor di Lotario e del Papa, riceverono i
premj de' loro sudori e travagli: Roberto fu restituito nel Principato
di Capua, e Rainulfo a più sublime dignità fu promosso. Rimaneva
l'altro, ch'era Sergio co' suoi Napoletani, i quali finora avean
con inaudita costanza in mezzo a tante calamità e penurie sostenuto
l'assedio della loro città; perciò Lotario ed Innocenzio verso queste
parti rivoltarono tutti i loro sforzi, e tenendo i loro eserciti
presso Salerno, pensarono di espugnar prima questa città, e da poi
passare a levar l'assedio di Napoli, aspettando in tanto il sospirato
soccorso di Pisa, senza il quale non poteva per via di mare portarsi
soccorso alcuno in quella città, e senza il quale non era da sperare di
poter ridurre Amalfi e gli altri luoghi marittimi d'intorno, sotto la
dominazione di Cesare. Ma ecco che pur troppo opportunamente i Pisani
con cento legni armati, siccome avean promesso, giunsero in Napoli, ed
introdotto soccorso in questa città, tanto che non vi era più timore di
rendersi, non guari da poi fu loro da Cesare comandato, che passassero
in Amalfi affin di ridurre quella città co' luoghi vicini, siccome vi
passarono con quaranta sei galee, e quivi giunti, espugnarono Amalfi,
Scala e Ravello, e facendo gran bottino in quella città, e nella sua
riviera, ridussero Amalfi sotto la dominazione dell'Imperadore.



CAPITOLO II.

_Ritrovamento delle Pandette in Amalfi; e rinovellamento della
giurisprudenza romana, e de' libri di Giustiniano nell'Accademie
d'Italia._


Fu in quest'incontro, che la città d'Amalfi ancorchè espugnata, si
rese luminosa e chiara ne' secoli seguenti sopra tutte le altre città
d'Europa: poichè alla sua gloria d'aver un suo cittadino trovata
la bussola, s'accoppiò quella d'essersi con tal occasione trovato
in questa città il volume delle Pandette di Giustiniano Imperadore
da taluni creduto che fosse propriamente quello istesso, che questo
Imperadore fece compilare. Gli esemplari di questo volume erano quasi
che sepolti, per le molte Compilazioni seguite appresso de' Basilici,
e per le molte altre cagioni, che si dissero nel settimo libro di
quest'Istoria: solo per la Francia, come fu altrove notato, ne girava
attorno qualcheduno, poichè osserviamo che Ivone Carnotense, che
fiorì a' tempi di Pascale II verso l'anno 1099 nelle sue epistole
allega sovente le leggi delle Pandette[482]. Ma in Italia n'era
affatto perduta ogni memoria: solamente, come si disse, il Codice,
le Istituzioni, e le sue Novelle erano conosciute, più per diligenza
de' romani Pontefici, e per li Monaci, appresso i quali era allora la
letteratura, che per altro.

In fatti molte leggi del _Codice_ vediamo noi da' Pontefici romani
rapportate nelle loro decretali, come in quelle di Gregorio III
e d'altri Pontefici[483]: delle _Istituzioni_, e delle _Novelle_
non era così rara la notizia, poichè abbiam veduto che il celebre
Abate Desiderio nella sua Biblioteca Cassinense ne conservava gli
esemplari; ma la più bella parte, ch'era quella delle Pandette, ed
ove racchiudesi il candore e la pulitezza delle leggi Romane, era
a noi molto più nascosta, e rara la notizia. In Ravenna non è ancor
deciso il dubbio, se veramente se ne conservasse qualche parte. Guido
Pancirolo[484] rapporta l'opinione di alcuni, che credevano nell'anno
1128 in Ravenna in un'antica Biblioteca essere state ritrovate le
Pandette, le quali offerte a Lotario, avendole riconosciute per
legittimo parto dell'Imperador Giustiniano, avesse ordinato, che
pubblicamente si spiegassero nelle Scuole. Ma l'istesso Pancirolo
riputa più vera l'opinione di coloro, che scrissero in Ravenna il
_Codice_ di Giustiniano essersi ritrovato, non già le _Pandette_, le
quali in Amalfi in quest'anno 1137 per l'occasione già detta furono
scoverte. Alla città dunque di Amalfi non molto da Napoli lontana si
dee questa Gloria; non già a Melfi di Puglia, come alcuni Oltramontani
scrissero i quali non ben intesi de' luoghi particolari, e delle città
di queste nostre Province, hanno sovente preso abbaglio in confonder
l'una coll'altra città; siccome per contrario il Concilio celebrato
in Puglia a Melfi nell'anno 1059 sotto Niccolò II, dissero che si
fosse celebrato ad Amalfi. Alcuni altri, forse tratti dall'amore della
gloria della loro patria, non si ritennero di dire che non in Amalfi,
ma che in Napoli i Pisani mentre entrarono a soccorrerla, l'avessero
trovate, e che toltele a' Napoletani in Pisa le trasportassero; della
qual credenza ancorchè vana, e che non ha alcun appoggio, e ripugnante
a tutta l'istoria, è gran maraviglia che avesse trovato chi ne restasse
preso come fu il Summonte e Francesco de' Pietri, il quale fra gli
altri suoi deliri, onde tessè la sua istoria, non tralasciò inserirvi
anche questo. E novellamente un moderno Scrittore pugliese pur sognò
che nè in Amalfi, nè in Napoli si fossero trovate le Pandette, ma in
Molfetta, e non per altra ragione, se non per la somiglianza del nome,
e se non perchè Molfetta era la patria dello Scrittore: così oggi (non
altramente, che della patria d'Omero e del Tasso) contrastano molte
città per appropriarsi la gloria di questo ritrovamento.

Ma oltre agli antichi Annali, non deve ciò parer cosa strana a
coloro, i quali dal corso di quest'Istoria avranno appreso quanto
gli Amalfitani fossero stati per le navigazioni celebri, e quanta
fosse la frequenza de' traffichi e del commercio, che avean nelle
parti d'Oriente e nella Grecia, ciocchè non l'ebbero quelle città,
le quali ancor esse aspirano a questa gloria; onde fu cosa molto
propria, che gli Amalfitani fra le altre cose che da Levante portarono
nella loro città, v'avessero anche portate le Pandette, volume così
raro, e nel quale era riposto il candore delle leggi romane; ed in
fatti comunemente si narra[485], che per opera d'un Mercante paesano,
navigando in Levante, l'avesse quivi comprate, e nel suo ritorno
ne avesse fatto un dono alla patria. Nè può recarsi in dubbio, che
i Pisani fra le altre prede, che fecero in Amalfi, fu questa delle
Pandette, e questa sola, in premio delle loro fatiche sofferte in
quell'impresa, cercarono ardentemente a Lotario Imperadore, il quale
gliele concedette di buona voglia; onde trasportate da loro in Pisa,
acquistarono perciò il nome di Pandette Pisane, che lo ritennero poco
men di tre secoli insino all'anno 1416, nel quale surta guerra fra i
Pisani e' Fiorentini, Guido Caponio Capitano de' Fiorentini avendo
espugnata e presa la città di Pisa, come una gran parte del suo
trionfo, trovate in quella le Pandette, le trasferì in Fiorenza, ove
oggi giorno con venerazione, e come cosa di gran pregio si conservano
nella Biblioteca de' Medici in due tomi divise: onde quando prima erano
appellate _Pisane_ si dissero da poi _Fiorentine_, come oggi giorno
ritengono il nome. Gli antichi Annali di Pisa appresso Plozio Grifo,
Rainero Grachia Pisano antichissimo Istorico, che scrisse sono più di
300 anni _de Bello Tusco_ in cotal guisa narrano questo ritrovamento
insieme e trasportamento da Pisa in Firenze, e Plozio presso Taurello
afferma, aver tenuto egli in casa un antico istromento di questa
donazione che Lotario fece a' Pisani delle Pandette Amalfitane. Così
ancora lo rapportano il Sigonio[486], Raffael Volaterrano, Angelo
Poliziano[487], Antonio Gatto[488], Francesco Taurello[489], Arturo
Duck[490], e tutti gli altri Scrittori, insino a Burcardo Struvio[491],
ch'è l'ultimo fra i moderni a confermarlo.

(Dopo tutti costoro, ultimamente _Errico Brenemanno nella_ sua
_Historia Pandectarum_, impressa ad Utrecht l'anno 1722, esaminando
questo punto d'istoria, tolse ogni dubbio, con far imprimere pag.
410 le parole della Cronica antica o siano Annali Pisani, che egli
trascrisse da un antico Codice manuscritto, che si conserva nella
Biblioteca de' Domenicani di Bologna: dove parlandosi della guerra, che
Papa _Innocenzio_, e _Lotario_ coll'aiuto de' Pisani, mossero contro il
Re _Ruggiero_ di Sicilia, si leggono queste parole: _Li Pisani pridie
nonas Augusti armorono 46 Galee, et forono a la costa de' Malfi, et
quello dì per forzia lo presero con septe Galee et doe Nave; in la
quali ritrovarono le Pandette composte dalla Regia Maestà di Justiniano
Imperatore, e dopoi quella brusorono etc_.)

Lotario se bene avesse a' Pisani conceduta una cosa di tanto pregio,
essendo egli un Principe dotto, e sopra a tutto riputato saggio facitor
di leggi, non trascurò di osservarle, e scorto che in esse v'era il
candor delle leggi romane, pensò non doversi trascurare 1'utile che
poteva da quelle ritrarsi, e che non doveano, siccome prima, rimaner
così tra le tenebre nascoste e sepolte. Evvi gran contrasto tra i
Bolognesi e gli altri Scrittori, se Lotario avesse con suo editto
stabilito che le Pandette pubblicamente si leggessero in Bologna,
ovvero per privato studio d'Irnerio si fossero ivi insegnate insieme
con gli altri libri di Giustiniano. Li Dottori bolognesi narrano, che
Lotario diede ordine ad Irnerio, il quale in Bologna leggeva filosofia,
che pubblicamente le dichiarasse, il che egli cominciò a fare nell'anno
1128 ciò che sarebbe accaduto prima, che le Pandette si fossero trovate
in Amalfi. Corrado Uspergense dopo aver narrata l'istoria di Lotario,
dice che Irnerio lo facesse a petizione della Contessa Matilda; e negli
Argomenti dell'Istoria di Bologna, che s'attribuiscono a Carlo Sigonio,
nell'anno 1102 si legge che la Contessa Matilda ad Irnerio che ivi
leggeva filosofia, avesse imposto spiegarle, e che vi facesse le prime
chiose. Ma Burcardo Struvio[492] stima favoloso ciò che Corrado narra
della Contessa Matilda, che mentre imperava Lotario avesse ciò imposto
ad Irnerio, essendo indubitato, che Matilda morì nell'anno 1115 prima
dell'Imperio di Lotario, e l'istesso Sigonio riprova ancora ciò che
Corrado dice, per questa istessa ragione[493]. Quindi Struvio crede,
che quegli Argomenti, che si leggono dopo l'istoria di Bologna non han
potuto esser mai opera del Sigonio, il quale manifestamente nella sua
Istoria del Regno d'Italia dice il contrario, e riprende Corrado che
l'avea scritto.

I più gravi Autori perciò condannano per favoloso questo racconto,
e rapportano che Irnerio, nè per autorità della Contessa Matilda, nè
per comando di Lotario avesse nella Scuola di Bologna interpretati i
libri di Giustiniano, ma per privato studio, e per soddisfare la sua
ambizione.

Irnerio a questi tempi, ne' quali la Giurisprudenza insieme colle altre
discipline cominciavano a risorgere, fu riputato uno de' migliori
Giureconsulti. Della sua patria contendono i Germani ed i Milanesi,
ed i Fiorentini pur ne vogliono la lor parte: egli prima fu dato
a' studj di Filosofia e delle Lettere umane secondo che comportava
l'uso di que' tempi, e si crede che navigasse in Levante, ed in
Costantinopoli le avesse apprese; indi a Ravenna tornato, avessele
quivi insegnate, ed acquistasse gran fama d'uomo di lettere. Ma
dismesso poi lo studio di Ravenna, fu da' Bolognesi chiamato nella loro
città, dove si pose a leggere Filosofia. Erasi in Bologna stabilita
una Scuola, ove s'insegnava anche giurisprudenza, ed eravi _Pepone_
che la professava; ed essendo tra' Professori insorta disputa sopra la
parola _AS_ denotante le dodici oncie, Irnerio con tal occasione si
diede a studiare i libri di Giustiniano, e divenne famoso Giurista,
tal che oscurò la fama di Pepone. Fece sommo studio sopra il Codice,
e sopra le Instituzioni e le Novelle di Giustiniano, accorciandole,
ed adattandole poi alle leggi del Codice, perchè si conoscesse in che
le Novelle discordavan da quelle; fece ancora le prime sue chiose a
questi libri; ed egli fu il primo che nell'anno 1128 commentasse le
leggi romane. Coloro che scrissero in Ravenna in quest'anno essersi
trovato un altro esemplare de' Digesti, oltre di quello, che correva
per la Francia, dicono che Irnerio prima che fossero in Amalfi trovate
le Pandette (che Angelo Poliziano[494] credette essere quelle istesse
che pubblicò Giustiniano, nel che discordano Andrea Alciato[495], ed
Antonio Augustino[496], e dalle quali egli è almen certo, per essere
antichissime, che furon tratti gli altri esemplari[497]) impiegasse i
suoi talenti anche sopra i Digesti, e che insieme con gli altri libri
di Giustiniano le insegnasse in Bologna, e vi facesse le prime sue
chiose. Ma gli altri, che ciò niegano, e dicono che i primi esemplari
delle Pandette fossero usciti in Italia da quelle d'Amalfi, sostengono
che Irnerio spiegasse in quella Accademia i Digesti da poi che furono
ritrovate in Amalfi, ma non già per autorità e comandamento che ne
avesse avuto dall'Imperador Lotario: ma per privato suo studio, siccome
prima in Bologna faceva sopra gli altri libri di Giustiniano, e sopra
l'altre discipline, senza ordine dell'Imperadore. Nè quell'Accademia
in questi tempi fu istituita da Lotario, nè per suo editto si legge,
che avesse comandato, che quivi si dovessero spiegare, ed insegnare
per sua autorità i libri di Giustiniano, siccome sostiene Federico
Lindenbrogio[498]; soggiungendo Ermanno Conringio[499], che se Lotario
avesse ciò ordinato, e gli fosse stato tanto a cuore la Scuola di
Bologna, trovate che furono in Amalfi le Pandette, non a' Pisani, ma a'
Professori bolognesi ne avrebbe fatto dono.

Ma quantunque sopra ciò non si leggesse particolar editto di Lotario,
non è però, che questo Principe non favorisse questi studj, e che a'
suoi tempi la Scuola di Bologna non fiorisse molto più che ne' passati,
avendovi Irnerio sopra le leggi romane fatti progressi maravigliosi;
onde avvenne che questi studj furon coltivati e promossi, e molti vi
s'applicarono in guisa, che dalla Scuola d'Irnerio ne uscirono poi
valenti Dottori, i quali o in voce, e per mezzo delle loro chiose in
iscritto, illustrarono le leggi di Giustiniano, e diffusero il loro
studio, non pure in Bologna, ma per tutte le Accademie d'Italia.
Sursero quindi _Martino_ da Cremona: _Bulgaro_, che a' tempi di
Federico Barbarossa fiorì cotanto in Bologna: _Ugone_, e Giacomo
_Ugolino_, _Ruggieri_, _Ottone_ e _Placentino_, che si resero cotanto
celebri nell'Accademia di Montpellier in Francia. Pileo discepolo
di Bulgaro, che in Bologna ed in Modena si rese illustre per le sue
_Quistioni Sabbetine_. _Alberico_ della Porta di Ravenna: ed il di lui
discepolo Azone, il quale fra i Giureconsulti della sua età tenne il
primo luogo, maestro del nostro _Roffredo Beneventano_, di _Balduino_
e di tanti altri.

Da questo risorgimento de' libri di Giustiniano nell'Accademie
d'Italia, e dalla Scuola d'Irnerio comunemente si crede, che
avessero origine le solennità da poi praticate in creare i Dottori,
attribuendosi ad Irnerio, che per autorità di Lotario concedesse a'
Professori di legge il grado del Dottorato, leggendosi, che avesse
dichiarati Dottori Bulgaro, Ugolino, Martino e Pileo[500]. E narra
Acerbo Morena[501], ch'essendo Irnerio nell'ultimo di sua vita, se gli
accostarono i suoi scolari, e gli domandarono, chi voleva, che dopo la
sua morte fosse il lor Dottore, ed egli lor nominò Bulgaro, Martino e
Ugone, ma che tenessero Giacomo in suo luogo, onde questi fu costituito
lor Dottore. Ma Itterio[502] e Conringio[503] reputano, che queste
solennità in conferire i gradi di Dottore nell'Accademie, traesse
origine da' Francesi, donde poi l'appresero gl'Italiani.

Credettero il Sigonio[504], Arturo Duck[505], ed altri, che Lotario,
oltre d'aver comandato, che i libri di Giustiniano si leggessero per
sua autorità nelle pubbliche Accademie, ordinò che anche ne' Tribunali
si allegassero, e che tralasciate le leggi longobarde, quelli solamente
i Giudici seguissero. Ma la costoro opinione non ha fondamento veruno
d'istoria, non leggendosi, non pure editto alcuno di Lotario, come
sarebbe stato necessario che ciò comandasse, ma nemmeno Istorico
contemporaneo, che lo scrivesse; ond'è che i più gravi Scrittori[506],
e lungamente Lindenbrogio[507] ripruovano il costoro errore. Quel che
poi manifestamente convince il contrario, è il vedersi, che le leggi
longobarde in Italia, e più in queste nostre province lungamente da poi
si mantennero, e ne' Tribunali secondo quelle si decidevano i litigi, e
la legge romana come per tradizione era mantenuta da' provinciali; nè a
questi tempi da' libri di Giustiniano era allegata, i quali non aveano
ancora acquistata nel Foro autorità alcuna, siccome tratto tratto
l'acquistaron da poi per uso più, e per forza della ragione, che per
legge di alcun Principe.

Ma se mai di Lotario fossevi stata legge, che ciò comandasse, quella
certamente nelle nostre province, ch'erano sotto la dominazione del Re
Ruggiero suo inimico, non avrebbe avuto alcun vigore. Questo Principe,
come qui a poco vedremo, ricuperò ben tosto tutte quelle province, che
Lotario avea invase, e debellò tutti i suoi nemici, riunendole al suo
Regno di Sicilia, che stabilito in forma di vera Monarchia non ubbidiva
altre leggi, se non quelle, che i Longobardi v'introdussero, e quelle
che egli stabilì da poi. E ciò non pur accadde imperando Lotario, e
durante il Regno di Ruggiero, ma anche nel tempo de' Re normanni suoi
successori, i quali continuando perpetua guerra con Corrado e Federico
I che a Lotario successero, non permisero mai, che le costoro leggi
fossero in queste province osservate, e che avessero alcuna forza
ed autorità; ed in fatti come più innanzi vedrassi, non per le leggi
romane contenute in questi libri, ma per le leggi longobarde, e per
le romane, che come per tradizione erano ritenute da questi Popoli, si
decidevano le liti. Nè appresso di noi vi fu anche occasione che questi
libri si potessero leggere nelle nostre pubbliche Scuole; poichè insino
a Federico II gran fautore delle lettere, che l'introdusse in Napoli,
noi non avevamo Accademie; nè se non ne' tempi più bassi, essendo gli
ultimi a seguitare l'esempio delle altre città d'Italia, cominciarono
in queste province gli studj di questi libri, e ad allegarsi nel Foro
più per forza di ragione, che di legge, come si vedrà nel corso di
quest'Istoria.



CAPITOLO III.

_Il Re Ruggiero prosiegue la guerra con Innocenzio: morte d'Anacleto,
seguita poco da poi da quella di Lotario Imperadore, e di Rainulfo Duca
di Puglia: Ruggiero ricupera le città perdute; e tutte queste province
col Ducato napoletano al suo Imperio si sottomettono. Innocenzio
è fatto prigione, e pace indi seguita tra lui e 'l Re, al quale
finalmente concede l'investitura del Regno._


Espugnata da' Pisani Amalfi, e gli altri luoghi di quel contorno,
ordinò Lotario a' medesimi, che andassero ad oste a Salerno, alla
quale impresa fece anche venir da Napoli il Duca Sergio, e da Capua il
Principe Roberto, ed egli v'inviò il Duca Rainulfo con mille de' suoi
Alemanni; dalle quali genti insieme unite, fu strettamente Salerno
assediato.

Era questa città difesa da Roberto Cancelliero del Re Ruggiero, il
quale non teneva altra milizia per difender quest'importante Piazza,
che solo quattrocento soldati con alcuni Baroni de' circonvicini
castelli; ma al picciol presidio suppliva la fede e l'amor de'
Salernitani verso Ruggiero, i quali per essere stati lungo tempo
sotto il dominio di quel Re, gli erano come a loro antico Signore
fedelissimi. S'aggiungeva ancora la gratitudine per la quale erano
tanto obbligati a questo Principe, da cui sopra tutti gli altri erano
stimati, ed in gran pregio tenuti, avendo scelta tra tutte le città
di questo Regno, Salerno per fede della sua regal Corte; e siccome
nell'isola di Sicilia egli avea posta la sua residenza in Palermo,
così quando era obbligato per gli affari di queste province di passare
il Faro, non altrove, che in Salerno faceva dimora. Per le quali
cagioni con molto valore si difendevano dagli insulti degli assalitori;
tanto che i Pisani, sperimentata la loro fortezza, per vincer la loro
costanza fecero comporre una macchina per isforzar le mura della città,
della quale ebber tanto spavento i Salernitani, che cominciarono a
disperar della difesa; onde essendo sopraggiunti all'assediata città
il Pontefice e l'Imperadore, i Salernitani inviando a Cesare loro
messaggi si sottoposero a lui, con condizione, che i soldati stranieri
potessero girne ove lor meglio gradiva, onde alcuni d'essi partirono,
ed altri insieme co' Baroni e Capitani, che colà erano, si ritirarono
alla Rocca della città, valorosamente mantenendola sotto il dominio
del lor Signore. I Pisani avendo saputo essersi i Salernitani resi
all'Imperadore, ed essere stati da lui ricevuti senza dirne nulla
a loro, sdegnati fieramente di tal dispregio, arsero tantosto le
macchine, che avean composte per espugnar Salerno, ed apprestati lor
legni volevan ritornare a Pisa; e l'avrebber posto ad esecuzione se il
Pontefice, cui molto premea la loro alleanza, non gli avesse con molte
preghiere, e con larghe promesse trattenuti; ma sì fatta discordia
cagionò, che non s'espugnasse la Rocca, la quale perciò rimase alla
divozione di Ruggiero.

Maggiori furono le discordie, che nacquero per questa stessa cagione
tra l'Imperadore ed Innocenzio, pretendendo questi la città di Salerno
appartenersi alla romana Chiesa, e sebbene finora non si sappia per
qual particolar ragione, con tutto ciò si vede che Gregorio VII non
volle in conto alcuno investirne Ruggiero, siccome nè tampoco gli
altri suoi successori, per questo istesso che pretendevano quella città
alla Sede Appostolica appartenersi; ma Lotario opponendosi fortemente
a tal dimanda, fece che Innocenzio s'acchetasse[508], non volendo
quest'accorto Pontefice romper con lui in vantaggio di Ruggiero, il
quale da queste discordie avrebbe per se ritratto maggior profitto: non
fu però che Innocenzio non sentisse di ciò grave dispiacere, e che non
cominciassero perciò gli animi ad alienarsi da quella concordia, nella
quale prima erano uniti.

Partirono alla fine (credendo aver terminata la loro spedizione)
da queste nostre province Innocenzio e Lotario, il quale avendovi
lasciato Rainulfo suo Capitano con molti altri Ufficiali perchè
potesser opporsi a Ruggiero, e mantener gli acquisti fatti, se ne
andò col Pontefice in Roma, e di là per la via di Toscana prese il
cammino per Alemagna[509]. Ma Ruggiero, che infino ad ora cedendo
all'impeto di tante procelle, aspettava tempo migliore per riacquistar
in uno tratto il perduto, appena ebbe avviso, che Lotario erasi dalla
Campagna partito, che ragunò in Sicilia una grossa armata; e come
intese ch'egli era in Roma per passar in Alemagna, calò prestamente
in Salerno colla sua armata[510]. Tosto si rese questa città al suo
antico padrone, e di là gitone ad oste a Nocera, la ripose tantosto
sotto il suo dominio, ed il somigliante fece di tutte le terre colà
d'intorno, di cui era Signore il Duca Rainulfo. Indi andò sopra Capua,
e fieramente sdegnato col Principe Roberto per essere stato il primiero
istrumento della venuta di Lotario in Italia, quella prese a forza, e
vi fece dare uno spaventevole sacco. Andò poscia col vincitore esercito
in Avellino, e quello preso con tutti i circonvicini luoghi, verso
Benevento avanzossi. I Beneventani sgomentati anch'essi per la felicità
di Ruggiero mandarono parimente a sottoporsi a lui, e lasciando il
partito d'Innocenzio, al quale poco anzi aveano giurata fedeltà,
aderirono ad Anacleto per far cosa grata al Re, il quale venuto,
passò poi a Montesarchio, che tantosto se gli rese: indi entrato
nella Puglia cominciò con molto valore a sottoporsi molte città della
medesima. Il Duca Rainulfo, come vide Ruggiero entrato nella Puglia,
ragunò dalle città di Bari, Trani, Melfi, e da Troja 1500 valorosi
soldati, e s'avviò contro Ruggiero, disposto di voler piuttosto morire
combattendo, che cedere vilmente al nemico.

Intanto erano pervenuti a notizia d'Innocenzio i progressi di
Ruggiero, e vedendo lontano l'Imperadore, e che non vi era da fondar
molta speranza nè nel Duca Rainulfo, nè ne' Capitani di Cesare,
pensò di mandare al Re Bernardo Abate di Chiaravalle, al quale
diede in incombenza di trattar la pace, e di ridurre in concordia
il Re col Duca; ma riuscite vane le pratiche di Bernardo in que'
tempi molto riguardevole e per la sua dottrina, e molto più per la
santità della vita, vennero il Duca ed il Re alle mani, e pugnatosi
vigorosamente, restò in questo incontro Ruggiero perdente; ma niente
però importandogli tal perdita, ritirato in Salerno, rinvigorisce
le sue truppe per di nuovo invadere la Puglia. Non lasciava però
l'Abate di Chiaravalle di trattar continuamente col Re per ridurlo
in pace col Pontefice; e finalmente ottenne da lui, che venissero
tre Cardinali d'Innocenzio, e tre altri d'Anacleto innanzi a lui,
perchè udite le ragioni d'amendue, avrebbe poi deliberato quel che
gli fosse paruto più convenevole. In effetto Innocenzio gli mandò il
Cardinale Aimerico Cancelliere di S. Chiesa, ed il Cardinale Gherardo
uomini di molta autorità, insieme coll'Abate Bernardo; ed Anacleto
gli mandò similmente tre altri suoi Cardinali, quali furono Matteo
parimente suo Cancelliere, Gregorio, e Pietro Pisano uomo riputato
in questi tempi di molta eloquenza e dottrina, e molto versato nella
Sacra Scrittura[511]. Giunti in Salerno, volle il Re per più giorni
sentirgli; indi ragunato tutto il Clero salernitano, e buona parte
del suo Popolo coll'Arcivescovo Guglielmo, e gli Abati de' monasteri,
postasi la cosa in deliberazione ed in iscrutinio, non si venne mai
a conchiuder per opra di Ruggiero, il quale, secondo narra Falcone
beneventano, proccurava tirar in lungo queste ragunanze per trattenere
con questi trattati di pace Innocenzio ed il Duca Rainulfo, affinchè
intanto potesse egli rifarsi de' danni patiti, ed unir nuovo esercito.
L'Abate di Bonavalle ed il Cardinal Baronio narrano altrimenti il fatto
di ciò che ne scrisse Falcone Autor contemporaneo: dicono aver solo
Bernardo con Pietro Pisano trattato quest'accordo con Ruggiero, e che
sebbene Pietro restasse convinto dalle ragioni di Bernardo, il Re però
non volle unirsi mai con molta pertinacia ad Innocenzio, tanto che
obbligò l'Abate di Chiaravalle a partirsi di Salerno, e di ritornare
in Roma. Che che ne sia, Ruggiero senza conchiuder niente se ne partì
ancora, e salendo su la sua armata andò in Sicilia, per ritornare in
Puglia con eserciti più numerosi.

Ma ecco mentr'egli dimorava in Sicilia, in quest'anno 1138 a' 7 di
gennaro accadde in Roma purtroppo opportunamente la morte d'Anacleto,
la qual fece, che questo scisma, che per otto anni avea travagliata la
Chiesa si spegnesse. I figliuoli di Pier Lione, e gli altri seguaci
d'Anacleto tosto avvisarono al Re la morte del lor Pontefice, con
dimandargli se e' reputava espediente, che se gli creasse successore.
Ruggiero, a cui premeva di nudrire simili discordie, perchè il partito
d'Innocenzio, al suo contrario, non molto s'avanzasse, rispose che
tosto lo creassero: siccome in fatti i Cardinali del partito d'Anacleto
unitisi insieme, elessero per successore Gregorio Romano Cardinale
de' Santi Appostoli, a cui posero nome _Vittore IV_. Ma in questo
incontro fu tale l'opera dell'Abate Bernardo, che alle sue persuasioni
così Vittore, come i suoi Cardinali che l'elessero, si sottoposero ad
Innocenzio, ed avendo deposto Vittore tutte le insegne del Papato a'
suoi piedi, s'estinse del tutto lo scisma[512] laonde i Romani cotanto
si lodarono di Bernardo, che per onorarlo gli diedero perciò il nome di
Padre della lor patria; ma egli che faceva profession di Santo, avendo
a noja gli onori di questo Mondo, partendosi di Roma, in Francia, al
suo monastero di Chiaravalle, fece ritorno. Pietro Diacono[513] che
appunto qui termina la sua Giunta alla Cronaca di Lione Ostiense narra
in altra guisa il fatto: dice che Innocenzio per mezzo d'uno grosso
sborso di denari che diede a' figliuoli di Pier Lione, ed a coloro
che gli aderivano, gli trasse alla sua parte: onde i Cardinali, che
aveano eletto Vittore, destituti d'ogni ajuto, per dura necessità si
sottoposero ad Innocenzio. Vi è chi lo scusa, anche ammesso ciò per
vero, dalle colpe di simonia, allegando altri consimili esempli, come
fece l'Abate della Noce in questo luogo.

Innocenzio veduti racchetati gli affari di Roma, e libero da tali
discordie, rivolse tutti i suoi pensieri contro Ruggiero, ed alla
guerra della Puglia; onde gitone ad Albano ragunò grosso esercito per
unirsi col Duca Rainulfo: dall'altra parte il Re avendo parimente unite
le sue truppe, passò dalla Sicilia a' confini della Puglia per riporre
sotto il dominio le rimanenti città di quella provincia. Non mancò il
Duca Rainulfo d'opporsi, ma invano, onde il Re all'impresa di Melfi
voltò tutti i pensieri, ma non potendo espugnarla per la valida difesa,
prese tutti i castelli d'intorno, e dopo ciò tornato a Salerno quindi
partissi di nuovo per Sicilia.

Accadde in quest'istesso anno 1138 nella Valle di Trento la morte di
Lotario Imperadore: Principe oltre al valor delle armi, dotato di molte
virtù, e soprattutto amator delle lettere e del giusto: e merita esser
sopra tutti gli altri rinomato, per essersi a' suoi dì restituito
in Italia lo splendor delle leggi romane, e permesso che quelle si
insegnassero nell'Accademie d'Italia. Cagione, che da poi col correr
degli anni riacquistassero tanta autorità, e che si rendessero cotanto
chiare e luminose, che oscurate le altre leggi delle altre Nazioni oggi
sono la norma di tutte le Genti, e nell'Accademie meritamente tengono
il primo luogo e per le quali la più illuminata parte del Mondo si
governa. Ed è ben degno, che dagli amatori della legal disciplina sopra
tutti gli altri venga d'immense lodi commendato.

Fra gli Elettori dell'Imperio occorsero gravi contese per rifar il
successore. Aspiravano al soglio Corrado Duca di Suevia suo nepote, ed
Errico di Baviera suo genero; ma finalmente escluso Errico fu Corrado
innalzato a sì grande dignità, e fu salutato Imperadore da' Duchi,
Principi, Marchesi e da tutti i Grandi dell'Imperio, non essendosi
ancora ristretta quest'autorità a' soli sette, come si fece da
poi[514].

Dall'altra parte Innocenzio, cui non altra cura premeva, che di
abbattere il partito di Ruggiero, avendo nell'entrar dell'anno 1139
fatto convocare un Concilio in Roma, scomunicò ivi di nuovo Ruggiero,
e tutti coloro, che avean seguite le parti d'Anacleto[515]. Ma fulmine
assai più ruinoso sopravvenne ad Innocenzio non guari da poi; poichè
nell'ultimo giorno d'aprile il Conte d'Avellino e Duca di Puglia, che
con sì fiera e continua guerra avea travagliato il Re suo cognato,
ammalandosi d'una grave malattia morì in Troja di Puglia, e fu dal suo
Vescovo Guglielmo e da' suoi cittadini, dolorosissimi della sua morte
con molte lagrime nel Duomo sepolto.

Pervenuta in Sicilia la novella della sua morte, quanto contento
apportasse al Re Ruggiero non è da dimandare: egli allora tenne per
finita la guerra; onde uniti prestamente i suoi soldati passò in
Salerno[516]; ed ivi congregati tutti i Baroni, che seguivano la sua
parte, andò a Benevento, indi avendo soggiogati molti luoghi del Conte
d'Ariano, il quale fuggì a Troja, prese parimente in breve tempo tutte
le città e castelli di Capitanata. Ebbe il Re, come dicemmo, tra gli
altri suoi figliuoli natigli da Alberia sua prima moglie, Ruggiero
primogenito, il qual perciò fu da lui creato Duca di Puglia: questi
pareggiando il valor del suo padre, ch'era passato all'assedio di
Troja, soggiogò da poi tutti gli altri luoghi della Puglia, tanto que'
posti infra terra, quanto quegli ch'erano alla riviera del mare[517]:
la sola città di Bari, ch'era allor valorosamente difesa dal Principe
Giaquinto non potè avere in sua balìa; onde egli disperando della resa,
prese consiglio d'andarsene al Re suo padre, che stava campeggiando la
città di Troja. Era questa città difesa da Ruggieri Conte d'Ariano,
che colà con grosso numero di soldati erasi rifugiato, difendendola
egli con molta ostinazione, obbligò il Re a partirsi dall'assedio, il
quale unitosi col figliuolo volse i suoi eserciti verso Ariano, facendo
preparar molte macchine di legno per espugnarla.

Intanto Papa Innocenzio avendo intesa la rea novella della morte del
Duca Rainulfo, ed i felici progressi del Re in Puglia, non volendo
lasciar que' luoghi senza difesa, ragunate le sue truppe, e messosi
alla testa delle medesime, uscì da Roma, e venne a S. Germano.
Ruggiero che per questa spedizione di Innocenzio veniva frastornato
nel meglio de' suoi progressi tentò, prima di venir con lui alle
armi, se potesse riuscirgli di placarlo con dimandargli pace, inviò a
questo fine suoi Messi offrendosi pronto ad ogni suo volere. I Messi
furono ricevuti cortesemente da Innocenzio, il quale mandò altresì
a Ruggiero due Cardinali ad invitarlo, ch'egli venisse a S. Germano
per potere con effetto pacificarsi insieme. Il Re era allora tornato
di nuovo all'assedio di Troja, ed avendo ricevuti onorevolmente i
Cardinali, levatosi da quell'assedio insieme cui Duca suo figliuolo
s'avviò prestamente a S. Germano: fu per otto giorni[518] maneggiato
quest'affare; ma essendosi Innocenzio ostinato a pretendere la
restituzione del Principato di Capua al Principe Roberto, e non
volendo il Re a cotal fatto in modo alcuno consentire, fu disciolto
ogni trattato, ed avendo ragunati i suoi soldati partì da S. Germano.
Il Papa intesa la sua partita se ne andò colle sue genti al castello
di Galluccio, cingendolo di stretto assedio: la qual cosa venuta
incontanente a notizia del Re, ritornò velocemente indietro, e giunse
improviso a S. Germano; per la cui presta venuta il Pontefice, ed
il Principe Roberto ch'era con lui, fur percossi da subito spavento
in guisa tale, che senza alcuno indugio si tolsero dall'assedio del
castello di Galluccio per ritirarsi in luogo sicuro; ma il Re inviò
subito il Duca di Puglia suo figliuolo con ben mille valorosi soldati,
acciocchè tendendogli aguati assaltasse per lo cammino il Pontefice.
La qual cosa mandata felicemente ad effetto, andò la bisogna in modo,
che fur rotte e poste in fuga le genti papali, ed Innocenzio istesso
non senza ingiurie e dispregi fu condotto prigioniero al Re insieme
col Cancelliere Almerico, e con molti Cardinali, ed altri uomini di
conto, ponendosi anche i vittoriosi soldati a rubar i ricchi arnesi
del Pontefice, ove fu ritrovata grossa somma di moneta, salvandosi solo
colla fuga Roberto Principe di Capua.

Ecco a qual fine infelice han sempre terminate le spedizioni de'
Pontefici contro i nostri Principi, ed ecco il frutto che han sempre
ritratto, quando deposto il proprio mestiere, han voluto a guisa de'
Principi del Mondo alla testa d'eserciti armati coprirsi di elmo in
vece di tiara, e vestir di corazza in vece di stola e di dalmatica.

Questo memorando avvenimento succedette li ventuno di luglio di
quest'anno 1139[519] come ben pruova l'avvedutissimo Pellegrino[520]
contro quello che il Baronio, e D. Francesco Capecelatro scrissero,
i quali non intendendo il luogo di Falcone, scrissero la prigionia
d'Innocenzio esser succeduta a' dieci di questo mese. Nè lascerò qui di
dire, conforme molto a proposito avvertì il medesimo Capecelatro nella
sua Istoria de' Re normanni, ch'è tra le moderne la più accurata di
quante mai narrano i successi di questi Re, esser manifesto l'errore
di coloro, che questa rotta e prigionia d'Innocenzio scrissero esser
avvenuta nel principio del suo Pontificato e tutta altrimente di quel,
ch'ella avvenne, e che perciò si cagionasse lo scisma d'Anacleto;
poichè gli Autori contemporanei, e quei che poco da poi mandarono
alla memoria de' posteri questi successi, in quest'anno e nel modo
che s'è narrato la rapportano, come la cronaca di Falcone antichissimo
Scrittor beneventano, l'Anonimo Cassinense, le Istorie dell'Arcivescovo
Romualdo e di Ottone Frisingense, e le molte lettere scritte sopra
tal materia da S. Bernardo Abate di Chiaravalle: per l'autorità di sì
gravi e vecchi Scrittori il Cardinal Baronio, il riferito Capecelatro,
e l'incomparabile critico de' nostri fatti Camillo Pellegrino in tal
guisa rapportano questi avvenimenti.

Ma non meno per questa prigionia d'Innocenzio, che per quella di
Lione, rilusse la pietà de' Normanni verso la Sede Appostolica;
ancorchè Ruggiero, secondo ciò che dettavano le leggi della vittoria,
avesse potuto trattar Innocenzio come suo prigioniero, come si
sarebbe fatto ad ogni altro Principe del Mondo; nulladimanco non
sapendo egli distinguere differenti personaggi nel Pontefice, gli
rese tutti quegli onori, che sono dovuti al Vicario di Cristo: gli
mandò suoi Ambasciadori a chiedergli perdono, e a pregarlo che si
fosse pacificato con lui. Innocenzio vinto più da questa generosità
e grandezza d'animo di Ruggiero, che dalla sua forza, consentì
volentieri alle sue dimande: e ben presto dopo quattro giorni[521]
nel dì che si celebrava la festività di S. Giacomo fu presso Benevento
la pace conchiusa. Per parte del Papa si tolsero tutte le scomuniche
fulminate contro Ruggiero, e contro i suoi aderenti: onde il Re col suo
figliuolo Ruggiero andarono a mettersi a' suoi piedi e a riconoscerlo
per vero Pontefice; e gli giurarono perciò ambedue sopra i santi
Evangeli fedeltà così a lui, come a tutti i Pontefici suoi successori
legittimamente eletti, e gli si resero ligj, con promettergli il solito
censo di 600 schifati l'anno e di restituirgli Benevento. All'incontro
il Papa consegnandogli di sua mano lo stendardo, come allor si
costumava, l'investì del Reame di Sicilia, del Ducato di Puglia e del
Principato di Capua, riconoscendolo per Re, e confermandogli tutti
quegli onori e dignità che a' Re s'appartengono.

L'investitura spedita dal Pontefice sopra ciò, fu trasportata dai
registri della libreria di S. Pietro di Roma dal Cardinal Baronio, e
si legge ne' suoi annali[522]; nella quale occorrono più cose degne
d'essere osservate. Primieramente dice Innocenzio, ch'egli calcando
le medesime pedate de' suoi predecessori, ed avendo avanti gli occhi i
meriti di Roberto Guiscardo e di Ruggiero suo padre, i quali con tanti
sudori e travagli aveano estirpato dalla Sicilia, e da queste province
i Saraceni implacabili nemici del nome Cristiano, s'erano resi degni
d'immortal fama; gli confermava perciò il Regno di Sicilia a lui dal
suo antecessore Onorio investito, con la preminenza di Re, e con tutti
gli onori e dignità Regali; aggiungendo ancora il motivo e la ragione
per la quale doveasi Ruggiero possessore di quell'isola innalzare al
titolo di Re, e la Sicilia in Regno, che è quell'istessa che rapporta
l'Abate Telesino, perchè anticamente quell'isola ebbe le prerogative di
Regno, e' propri suoi Re che la dominarono: _Regnum Siciliae_ (sono le
sue parole) _quod utique, prout in antiquis refertur historiis, Regnum
fuisse, non dubium est, tibi ab eodem antecessore nostro concessum
cum integritate honoris Regii, et dignitate Regibus pertinente,
Excellentiae tuae concedimus, et Apostolica authoritate firmamus_;
reputando con ciò fra le altre potestà de' sommi Pontefici esser
quella d'ergere, o restituire i Reami, e' Regi, e tanto maggiormente
in quello di Sicilia, della quale i predecessori di Ruggiero dalla Sede
Appostolica ne furono investiti.

Gli conferma l'investitura del Ducato di Puglia, che dal suo
predecessore Onorio eragli stata data; e del Principato di Capua,
vivente ancora il Principe Roberto, che ne fu spogliato; e quando
prima avea usati tanti sforzi per farglielo restituire, ora ne dà
l'investitura a Ruggiero, soggiungendo: _Et insuper Principatum
Capuanum integre nihilominus nostri favoris robore communibus,
tibique concedimus: ut ad amorem, atque obsequium B. Petri
Apostolorum Principis, et nostrum, ac successorum nostrorum vehementer
adstringaris_: pretendendo in cotal guisa giustificare per legittimo
l'acquisto fatto di questo Principato da Ruggiero _Jure belli_; e
non per altro fine, affinchè siano Ruggiero, e' suoi successori più
riverenti ed ossequiosi alla Sede Appostolica, non altrimente di
quello, che si dichiarò Gregorio VII nella sua investitura.


I. _Il Ducato napoletano, Bari, Brindisi, e tutte le altre città del
Regno si sottomettono al Re RUGGIERO._

Merita ancora riflessione di non essersi in questa investitura
fatta menzione alcuna del Principato di Salerno; poichè i Pontefici
romani, ancorchè non si sapesse per qual particolar ragione, sempre
pretesero questo Principato appartenersi alla Sede Appostolica, non
altrimente, che Benevento. Non si vede nella medesima nè pur nominato
il Ducato napoletano, onde vanno di gran lunga errati coloro, che
scrissero Innocenzio avere investito Ruggiero anche di Napoli: nè
possiamo non maravigliarci quando nell'Istoria Napoletana ultimamente
data fuori dal P. Giannettasio[523] leggiamo, che da questo punto
Napoli da libera Repubblica passasse sotto la regia dominazione di
Ruggiero; e l'Autore quasi dolendosi di questo fatto pel sentimento
che mostra d'aver perduta la sua patria il pregio di essere libera,
accagiona Innocenzio, come 'l permetesse, quando quella città
apparteneva all'Imperio d'Oriente; quasi che anche se fosse stato
vero il fatto, fosse cosa nuova de' Pontefici romani investire de'
Stati, che loro non s'appartenevano; e se ciò parvegli novità, come
non sorprendersene, quando vide da' Papi investire i Normanni della
Puglia e della Calabria, province, che a' Greci s'involavano, e sopra
le quali vi aveano non minori ragioni, che sopra il Ducato napoletano.
Questo Ducato passò a' Normanni non già per investitura datagli da'
romani Pontefici, ma per ragion di conquista, e per sommessione de'
Napoletani, come qui a poco diremo. Solo nella Bolla d'Anacleto, dopo
l'investitura del Principato di Capua si soggiunse: _Honorem quoque
Neapolis, ejusque pertinentiarum_; che non denotava altro che l'onore
d'esserne Duca, con restare la città con l'istessa forma e politia;
e solamente Pietro Diacono[524] scrisse, che Anacleto, oltre al
Principato di Capua investisse anche Ruggiero del Ducato di Napoli;
ma ciò che fece Anacleto, non volle Ruggiero dopo la pace fatta con
Innocenzio, che gli giovasse; e del Ducato di Napoli, siccome di quello
d'Amalfi, di Gaeta, del Principato di Taranto e di Salerno, non volle
altri che ve n'avesse parte se non la ragion della conquista, e la
sommessione de' Popoli.

In effetto, ritornando là donde ci dipartimmo, avendo Ruggiero dopo
questa pace, liberamente lasciata al Papa la città di Benevento,
mentre quivi dimorava, vennero i Napoletani sgomentati anch'essi della
felicità di Ruggiero a sottomettere la loro città al suo dominio, come
già prima avea fatto Sergio lor Duca. Questo Duca, se dobbiamo prestar
fede ad Alessandro Abate Telesino, molti anni prima avea sottomessa
la città di Napoli a Ruggiero, ma da poi pentitosi del fatto s'unì col
Principe Roberto e col Conte Rainulfo di lui nemici, e lungamente gli
fece guerra: tornò poi al partito di Ruggiero, tanto che militando
sotto le di lui insegne, nella battaglia che perdè Ruggiero presso
Salerno, restò morto con altri Baroni dalle genti di Rainulfo.

In quest'anno adunque 1139 sperimentando i Napoletani il valor di
Ruggiero si sottoposero stabilmente al suo dominio: ed essendo rimasi
per la morte di Sergio senza Duca, elessero col consentimento del Re
in lor Duca Ruggiero suo figliuolo[525]. Inveges, pruova Ruggiero,
non Anfuso essere stato eletto Duca. Il Pellegrino vuole, che fosse
Anfuso. Che che ne sia, ancorchè questo Ducato passasse sotto la
regia dominazione di Ruggiero, non volle però egli che si alterasse la
forma del suo governo e la sua politia, furono i medesimi Magistrati,
e le medesime leggi ritenute, e confermò alla città tutte quelle
prerogative e privilegi che avea, quando sotto gli ultimi Duchi,
sottratta all'intutto dall'Imperio d'Oriente, avea presa forma di
libera Repubblica; e per questa ragione osserviamo, che anche dopo
Ruggiero insino all'anno 1190 come il Capaccio[526], o qual altro
si fosse l'Autore della latina istoria napoletana, rapporta, vi
siano stati altri Duchi di Napoli, come un altro _Sergio_, ed un tal
_Alierno_, in tempo del quale fu conceduto a' negozianti d'Amalfi,
dimoranti in Napoli, quel privilegio rapportato da Marino Freccia,
e di cui fassi anche menzione nella riferita istoria. Non è però,
come stimarono alcuni, che Ruggiero gli lasciasse l'intera libertà,
a guisa d'uno Stato libero ed indipendente. Credettero così, perchè
rapporta Falcone beneventano, che Ruggiero dopo la presa di Troja e
di Bari nel seguente anno 1140 fece ritorno in Napoli, dove narra,
che fu da' Napoletani lietamente e con molta festa accolto, e con
tanta pompa e celebrità, che niuno Re, nè Imperadore fu giammai in
essa con tanto onor ricevuto: che il seguente giorno cavalcando per la
città, salito in barca passò poscia al castel di S. Salvatore posto
sopra una isoletta dentro del mare non guari da Napoli lontana, che
diciamo oggi il castel dell'Uovo per la sua figura, ed ivi essendo,
avendo a se chiamati li cittadini napoletani, con quelli _de libertate
Civitatis_, _et utilitate tractavit_, come sono le parole di Falcone,
dalle quali ingannati credettero, che i Napoletani quivi trattassero
con Ruggiero della libertà della loro città, quando, come ben dimostra
l'avvedutissimo Pellegrino[527], di niente altro trattò il Re, se
non dell'immunità e franchigia che pretendevano da lui i Napoletani,
che fu loro tosto da Ruggiero accordata; ed avrebbe potuto togliersi
da quest'errore il Capaccio per quell'istesso privilegio, ch'egli
adduce, dove i Napoletani concedendo libertà a' Negozianti del Ducato
d'Amalfi commoranti in Napoli, per libertà non intendono altro, che
una tal sorte di franchigia ed immunità, come da quelle parole: _Ut
sicut ista Civitas Neapolis privilegio libertatis praefulget, ita et
vos negotiatores, campsores, sive apothecarii in perpetuum gaudeatis_;
ma di qual libertà parlasi nel privilegio? _ut nulla condictio_, come
siegue, _de personis, et rebus vestris, sive haeredum, et successorum
vestrorum negotiatorum in Neapoli habitantium requiratur; sicut non
requiritur de Civibus Neapolitanis_.

Non fu dunque che lasciò Ruggiero il Ducato napoletano all'intutto
libero ed indipendente: lo lasciò bensì colle medesime leggi e
Magistrati, e con quell'istessa forma di Repubblica; il che non
denotava altro, se non la Comunità, non la dignità delle pubbliche
cose, come nel primo libro di quest'Istoria fu notato; nell'istessa
guisa appunto, che lasciolla Teodorico, quando ordinò, che godesse di
quelle stesse prerogative, che avea; onde si ha che Ruggiero lasciasse
la giurisdizione intorno all'annona a' Nobili ed al Popolo, che
sotto nome d'Ordini di Eletti, o Decurioni, ovvero Consoli venivano
designati; e la giurisdizione intorno alle cose della giustizia, il Re
la volle per se, come appunto fece Teodorico, che mandava i _Comiti_
ad amministrarla, costituendovi ora Ruggiero il Capitanio col Giudice,
siccome nell'altre città e castelli del Regno si praticava.

Egli è però vero, che Ruggiero non usò tanta cortesia e gentilezza in
niuna altra città del suo Reame, quanto che in Napoli; poichè oltre di
lasciar intatti i suoi privilegi, a ciascun Cavaliere diede in Feudo
cinque moggia di terra con cinque coloni a quella ascritti, promettendo
ancora di maggiormente gratificargli, se serbando a lui quella fedeltà
che gli aveano giurato, mantenessero la città quieta ed in pace
sotto il suo dominio[528]. Nel che non possiamo non maravigliarci
del Fazzello[529], il quale, non bastandogli d'aver malamente confuso
intorno a questi fatti le cose, i tempi e le persone, aggiunge ancora
di suo cervello, che dopo essersi conchiusa la pace tra Innocenzio
e Ruggiero, fosse questi entrato in Napoli con gran plauso, e che
in quel giorno avesse creati cento cinquanta Cavalieri, e che quivi
per due mesi in feste e passatempi si fosse trattenuto, contro tutta
l'istoria, e contro ciò, che Falcone beneventano rapporta intorno a
questi successi.

Mostrò ancora Ruggiero un'altra particolare affezione verso i
Napoletani, perchè fece misurar di notte le mura della città per
saper la sua grandezza, e quella ritrovò essere di giro 2363 passi;
ed essendo nel seguente giorno innanzi a lui ragunato il Popolo
napoletano, domandò amorevolmente loro se sapevano quanto era il
cerchio delle lor mura, ed essendogli risposto di no, il Re loro
il disse: di che ebber maraviglia, e rimasero insiememente lieti
dell'affezione di lui[530].

E vedi intanto le vicende delle cose mondane, questa città, che in
tempo di Ruggiero a riguardo delle altre, che erano in queste province,
era di così brevi recinti, ora emula dell'istesse province, non solo
si è resa metropoli e capo di un sì vasto Reame; ma la sua grandezza è
tale, che agguaglia le città più insigni e maravigliose del Mondo.

Ma prima che Ruggiero entrasse in Napoli questa seconda volta con tanto
plauso e giubilo, avea già restituita tutta la provincia di Capitanata
sotto il suo dominio; avea presa Troia capo della medesima, nella
qual città non volle mai entrare, ancorchè il Vescovo Guglielmo ed i
cittadini per loro messi lo pregassero che v'entrasse; ma rispondendo
egli che finchè quel traditor di Rainulfo fra di loro dimorasse non
voleva vedergli, temendo i Troiani l'ira del Re, fecero prestamente
rompere il sepolcro di Rainulfo, e ne trassero il suo cadavere
già corrotto, e messogli una fune al collo lo strascinarono per le
pubbliche strade della città, e poscia il gettarono in un pantano di
brutture; il qual miserabil caso venuto in notizia del figliuolo Duca
di Puglia e di Napoli, andò a ritrovar suo padre, e tanto s'adoperò col
medesimo, che fu a Rainulfo data di nuovo sepultura[531].

Avea ancora dopo questa espedizione espugnata Bari e fatto miseramente
morire il Principe Giaquinto; e ritornato da poi in Salerno tolse tutti
gli Stati a coloro, ch'erano stati suoi nemici, dando loro bando da'
suoi Reami; ed inviò prigionieri in Sicilia Ruggiero Conte d'Ariano
insieme colla sua moglie. Scacciò anche affatto Tancredi Conte di
Conversano, e gli tolse Brindisi ed altre sue terre, tanto che fu
costretto d'andarsene oltremare in Gerusalemme. Ed essendosi in cotal
guisa, con presta e maravigliosa fortuna, restituite tutte queste
province sotto la sua dominazione, passò in Sicilia, donde mandò i
Giustizieri e Governadori in ciascheduna provincia, acciocchè i Popoli
soggetti godessero una tranquilla pace, stabilendo altresì nuove
leggi per lo ben del Reame, delle quali quindi a poco farem parola. Ed
entrato poscia l'anno 1140, avendo ragunato un nuovo esercito, inviò
quello sotto il comando del Principe Anfuso suo figliuolo, acciocchè
avesse soggiogata quella parte di Abruzzi posta di là del fiume
Pescara, che aspettava al Principato di Capua; ove tantosto che giunse
il Principe prese molti luoghi, distruggendone anche molti altri, che
gli avean fatta resistenza: nella qual provincia poco appresso il Re
inviò parimente il Duca Ruggiero con grosso numero di soldati, il quale
congiuntosi col fratello, soggiogarono interamente quei luoghi sino
a' confini dello Stato della Chiesa, assicurando il Pontefice, che
ne temeva, che non sarebbero per infestare in conto alcuno i confini
del suo Stato. Intanto il Re era colla sua armata tornato di nuovo
in Salerno, e di là passato in Capua, ed avendosi richiamati i suoi
figliuoli, per assicurar meglio Innocenzio, passò poscia ad Ariano, ove
tenne una Assemblea, che fu la prima che questo Re unisse in Puglia,
nella quale intervennero due Ordini, quello de' Baroni, e l'altro
ecclesiastico de' Vescovi e Prelati per mettere in migliore stato le
cose di quella provincia. Indi fece battere una nuova moneta d'argento
mescolata con molto rame, che fu chiamata _Ducato_; ed un'altra più
picciola, detta _Follare_, tutta di rame, la qual volle che valesse
la terza parte d'un _Romasino_, che valeva dodeci grana e mezzo della
comunale moneta di rame, che oggi corre; ed otto _Romasini_ facevano
il _Ducato_ da lui stampato, proibendo sotto gravi pene, che non si
spendesse ne' suoi Reami la moneta antica assai miglior della sua,
con grave danno, e de' Popoli soggetti, e di tutta Italia. Andò poi a
Napoli, ove trattò co' Napoletani con quella magnanimità e cortesia,
che si disse poc'anzi; ed indi tornato in Salerno, imbarcatosi su la
sua armata fece di nuovo ritorno in Palermo, lasciando al Governo di
Puglia il Duca Ruggiero, ed in Capua il Principe Anfuso, come narra
Falcone beneventano, il quale qui pon fine alla sua Istoria, siccome
poco prima finì la sua Alessandro Abate Telesino.

Ecco come Ruggiero, dopo avere col valore e virtù sua superati tanti e
sì potenti nemici, unì stabilmente tutte queste nostre province sotto
il Regno d'un solo. Si videro ora fuori d'ogni altro timore d'esser di
nuovo da stranieri nemici assalite, o da interne rivoluzioni sconvolte,
avendovi il suo valore introdotta una più sicura e più tranquilla pace;
tanto che cedendo i rumori delle battaglie e delle armi, gli fu dato
spazio di potere in miglior forma stabilire il suo Regno, e di nuove
leggi, e più salutari provedimenti fornirlo, in guisa che sopra tutti
gli altri Reami di Occidente n'andasse altiero e superbo.



CAPITOLO IV.

_Il Regno è stabilito, e riordinato con nuove leggi ed Ufficiali._


Fu in cotal guisa stabilito il Regno, e queste nostre province pria
divise in più _Dinastie_, e a varj Principi sottoposte, ora s'uniscono
in una ben ampia e nobile Monarchia sotto la dominazione d'un solo.
Il Ducato di Puglia e di Calabria; il Principato di Taranto, di Capua
e di Salerno; i Ducati di Bari, di Napoli, di Sorrento, di Amalfi e
di Gaeta, i due Abruzzi, ed infine tutte le regioni di qua del Tebro
infino allo Stretto siciliano, ecco come in forma di Regno s'uniscono.

Ma i Siciliani non senza forte ragione pretendono, che non ancora
fossero queste province unite in forma di Regno per se solo, ed
indipendente dal Regno loro di Sicilia. Dicono, che rimasero come
membri dipendenti dalla Corona di Sicilia, ch'era il lor capo, e
precisamente da Palermo, ove il Re Ruggiero avea collocata e dichiarata
la sua sede regia, ed ove era la Casa regale, ed ove i più supremi
Ufficiali della Corona risiedevano, de' quali era la cura ed il governo
ancora di queste province.

Ed in vero se si vogliano considerare i principj di questo Regno,
e la Bolla d'Anacleto, che fu il primo a fondarlo, è chiaro, che un
solo Regno fu stabilito, che abbracciava come capo la Sicilia, e come
membri la Calabria e la Puglia e le altre province di qua del Faro,
costituendo egli per capo di sì ampio Reame la Sicilia, come sono le
parole della Bolla: _Et Siciliam caput Regni constituimus_. Quindi
ancora si vede, che prima Ruggiero ne' suoi titoli s'appellava _Re
di Sicilia, del Ducato di Puglia e del Principato di Capua_; come se
uno fosse il Regno, ma che abbracciasse così quell'isola, come queste
altre province di qua del Faro. Ciò che manifestamente si vede dalle
Costituzioni di Federico II compilate da Pietro delle Vigne, dove
per Regno di Sicilia non pur intese la sola isola, ma tutte l'altre
terre di qua del Faro; e più chiaramente si scorge dalla Costituzione
_Occupatis_[532], dove Federico assegnando a ciascuna città del
Regno di Sicilia un solo Giustiziero ed un Giudice, ne eccettua tre
sole città, cioè Napoli, Capua e Messina, nelle quali per la loro
grandezza ne stabilisce più; e Napoli e Capua le chiama città del
Regno di Sicilia. Ed Andrea da Barletta, che fu coetaneo di Federico
II, dicendo, che per vecchia consuetudine _in Regno isto Siciliae_
le leggi de' Longobardi derogavano alle leggi romane, chiamò Regno di
Sicilia quello, che ora diciamo Regno di Napoli, non potendo intendere
dell'isola di Sicilia, dove i Longobardi non poser mai piede, e le loro
leggi non furon ivi giammai osservate. Donde si convince, che i romani
Pontefici non introdussero novità, prendendo il Regno di Sicilia non
solo per l'isola, ma per tutte l'altre province di qua del Faro, che
lo componevano; ma solamente per meglio spiegare quanto questo Regno
di Sicilia abbracciasse, nell'investiture date da poi agli Angioini
introdussero di dire _Regnum Siciliae citra, et ultra Pharum_, ed
il primo che si valesse di questa formola fu Clemente IV, il quale
nell'anno 1065 avendo investito del Regno di Napoli e di Sicilia Carlo
d'Angiò, chiamollo_ Regnum Siciliae citra, et ultra Pharum_. Così egli
fu il primo, che per maggior chiarezza usò questa distinzione, non già
che prima di lui per Regno di Sicilia non venisse inteso così l'uno,
come l'altro Reame; onde è che il Fazzello[533], Arniseo[534], ed
altri, malamente di ciò ne facciano Autori i romani Pontefici, quasi
che contro l'antica descrizione d'Italia, e contro tutti gli Storici e
Geografi antichi, dei quali il Fazzello tesse un lungo catalogo, che
per Sicilia la sola isola intesero, avessero voluto trasportar anche
questo nome alle altre province di qua del Faro.

Il medesimo fu da poi usato da' susseguenti Pontefici; e Gregorio
XI ciò non bastandogli, avendo nell'anno 1363 conchiusa la pace tra
Giovanna Regina di Napoli, e Federico III Re di Sicilia, chiamò nel
suo diploma col nome di _Sicilia_ il Regno di Napoli, e con quello di
_Trinacria_ il Regno della Sicilia. E Martino Re di Sicilia nominò pure
ne' suoi diplomi il Regno napoletano _Siciliam citra Pharum_, ed il
siciliano _Siciliam ultra Pharum_; e finalmente essendosi questi due
Regni riuniti nella persona di Alfonso I, egli fu il primo, che usasse
intitolarsi _Rex utriusque Siciliae_; del qual titolo poi si valsero i
Re successori, i quali di amendue questi Regni furono possessori.

Fa forza ancora un'altra ragione a favor de' Siciliani, che pretendono
queste province essere sotto Ruggiero rimase ancora come membri a
riguardo del Regno di Sicilia, dal vedersi, che Ruggiero in Palermo
stabilì la sua sede, e quivi la lor residenza aveano costituita ancora
i primi Ufficiali della Corona, dai quali dipendevano tutti gli altri
minori, distribuiti non solo nell'isola, ma anche in queste nostre
province. In fatti si vede, che avendo questo glorioso Principe ad
emulazione del Regno di Francia, da cui traea l'origine, introdotto nel
suo i Grandi Contestabili, i Grandi Cancellieri, i Grandi Giustizieri,
i Grandi Ammiranti, i Grandi Camerarj, i Grandi Protonotarj, e i Grandi
Siniscalchi; questi supremi Ufficiali della Corona risiedevano presso
la regal sua persona in Palermo, ed all'incontro in queste nostre
province erano mandati i Giustizieri, i Camerarj, i Contestabili,
ed i Cancellieri particolari, a ciascheduno dei quali si dava il
governo d'una provincia, come alle province di Terra di Lavoro,
della Puglia[535] ed altre, i quali erano subordinati a quelli sette
ch'erano nella Casa regale ed i quali perciò acquistarono il nome,
prima di Maestri[536] Giustizieri, ovvero Maestri Cancellieri, e
poi lo mutarono in Grandi Giustizieri, Grandi Ammiranti, e Grandi
Cancellieri; e leggiamo perciò in una carta dell'anno 1142 della
Sicilia sacra[537], rapportata ancora da Camillo Tutini[538], che il
celebre Giorgio Antiocheno Grand'Ammirante del Re Ruggiero, dicevasi
_Georgius Admiratorum Admiratus_; ed il cotanto rinomato Majone di Bari
Grand'Ammirante del Re Guglielmo, in una lettera scritta dal medesimo
Re a Papa Adriano IV vien chiamato _Majo Magnus Admiratus Admiratorum_;
ed egli medesimo nelle sue scritture si firmava: _Majo Magnus Admiratus
Admiratorum_[539], come diremo appresso più distesamente, quando di
questi Ufficiali dovremo ragionare.

Ma le ragioni, che in contrario convincono, queste province sotto
Ruggiero essersi unite in un Regno separato ed independente da quello
della Sicilia, non sono men forti, nè d'inferior numero delle prime.
Ciò che Anacleto si facesse in quella sua Bolla, della quale l'istesso
Ruggiero, fatta la pace con Innocenzio, si curò poco; egli è certo,
che il Ducato di Puglia, sotto il qual nome a tempo de' Normanni si
denotava tutta la cistiberina Italia, fu non altrimenti che il Contado
di Sicilia eretto in Reame independente l'uno dall'altro Regno; e
presso gli Scrittori di questo duodecimo secolo e de' seguenti, era
per ciò chiamato il Regno di Puglia, ovvero d'Italia, non altramente
che l'altro, Regno di Sicilia; ed i loro Re si appellarono non meno
di Sicilia, che di Puglia, o d'Italia. Ed ebbero ancora queste nostre
province la sede regia, siccome a questi tempi era Salerno; ed anche
la città di Bari fu un tempo riputata _Metropoli, Regiam Sedem, et
totius Regionis Principem_, come la qualifica Marino-Freccia[540].
Donde nacque la favola, che in Bari si fosse introdotto il costume di
coronarsi i Re di Puglia colla corona di ferro, onde il Bargeo nella
sua Siriade di Bari parlando, disse:

    ..... _primi unde insignia Regni_
    _Sceptraque, purpureosque habitus, sacramque tiaram,_
    _Sumere tum Reges, Siculique, Italique solebant_.

ed il nostro Torquato nella sua Gerusalemme conquistata[541] cantò pure:

    _E Bari, ove a' suoi Regi albergo scelse_
    _Fortuna, e diè corone, e insegne eccelse._

Ciò che a questi Poeti, intendendo forse degli antichi Re Tarantini, o
favoleggiando, è permesso, non è condonabile ad alcuni Storici[542],
i quali si diedero a credere, che veramente i Normanni ed i Svevi Re
di Puglia s'incoronassero in Bari colla corona di ferro. Scrissero
perciò che l'Imperadore Errico e Costanza sua moglie s'incoronassero a
Bari; e che in Bari anche si fosse incoronato il Re Manfredi. Racconti
tutti favolosi, poichè siccome si vedrà nel corso di quest'Istoria,
e come pruova Inveges[543], questi Principi in Palermo, non già
in Bari si coronarono. E narra Marino Freccia[544] (alla cui fede
dovea acquietarsi il Beatillo, e non appartarsene senza ragione)
che non avendo egli letto in alcuno Scrittore, che i Re di Puglia
si coronassero a Bari, essendosi egli portato nell'anno 1551 in
quella città, ne dimandò di questa coronazione i Baresi, i quali
con maraviglia intesero la dimanda, come cosa nuova, non avendo essi
tradizione alcuna, che nella loro città si fosse mai nei passati secoli
praticata tal celebrità.

Ma non perchè in Bari città metropoli della Puglia, ovvero in Salerno
sede regia de' Normanni, non si fossero incoronati questi Re, ma in
Palermo, non perciò non amavano essi esser intitolati non meno Re di
Sicilia, che di Puglia, ovvero d'Italia. Fra i monumenti delle nostre
antichità ci restano ancora molte carte, nelle quali il Re Ruggiero
e Guglielmo suo figliuolo così s'intitolavano. Nel tomo terzo della
Sicilia Sacra se ne legge una, nella quale a Ruggiero dassi questo
titolo: _Rogerius Rex Apuliae etc_, ed in altre rapportate dall'Ughello
pur si legge lo stesso; ed Agostino Inveges[545], che reputò queste
nostre province membri del Regno di Sicilia, dalle molte carte, ch'egli
stesso rapporta, ove leggendosi titoli conformi, avrebbe potuto di
ciò ricredersi; e nell'Archivio del monastero della Trinità della
Cava abbiam noi veduto un diploma del Re Ruggiero spedito nel 1130
primo anno del suo Regno, che ha il suggello d'oro pendente, nel quale
Ruggiero così s'intitola: _Rogerius Dei Gratia Siciliae, Apuliae et
Calabriae Rex, Adjutor Christianorum, et Clypeus, filius, et haeres
Rogerii Magni Comitis:_ quindi è che nelle decretali[546] de' romani
Pontefici i nostri Re vengono chiamati _Re di Puglia_.

Ma merita maggior riflessione un diploma rapportato da Falcone
beneventano, dove questo titolo dassi a Ruggiero: _Rogerius Dei gratta
Siciliae, et ITALIAE Rex, Christianorum Adjutur, et Clypeus_. Nel
che affin di evitar gli errori, ne' quali sono molti inciampati, è
da notarsi, che la Puglia, la quale fu sempre dimostrata per quella
regione d'Italia di qua di Roma, ch'è bagnata dal mare Adriatico, e che
secondo la descrizione d'Italia non abbracciava più che la X provincia
di quella, fu da poi secondo il solito fasto dei Greci da essi chiamata
assolutamente _Italia_; poichè, dominando essi prima tutta l'Italia, ed
avendo da poi perdute quasi tutte le province di quella, con essergli
negli ultimi tempi rimasa la sola Puglia; diedero alla medesima il
nome d'Italia; perchè potessero ritener almeno nel nome quel fasto
di chiamarsi ancora Signori d'Italia. Così abbiam veduto, che avendo
essi perduta l'antica Calabria, e ritenendo ancora il Bruzio, e parte
della Lucania, perchè non si scemassero i loro titoli, continuarono
ancora a creare gli Straticò di Calabria, i quali tenendo prima
la loro residenza in Taranto, perduta la Calabria, gli mandarono a
risedere a Reggio, e quindi amministrando il Bruzio, e quella parte
della Lucania, che era lor rimasa, diedesi perciò il nome di Calabria
a quelle province che ora ancora il ritengono. Per questa ragione da
Lupo Protospata viene chiamato Argiro Principe e Duca d'_Italia_, non
intendendo certamente dell'Italia, secondo la sua maggior estensione,
circondata da amendue i mari e dall'Alpi; ma della sola _Puglia_, di
cui allora era capo Bari. Parimente quest'istesso Scrittore nell'anno
1033 ed altrove, chiama Costantino Protospata _Catapanus Italiae_[547].

(Gli Antichi Scrittori però, chiamavano Italia quell'ultima punta, che
dal Golfo di S. Eufemia e di Squillaci si distende sino allo Stretto
siciliano, detta poi Bruzia ed ora Calabria. Ciò pruova con alcuni
passi di Aristotile, di _Dionisio Alicarnasseo e di Strabone, Samuel
Bocarto Geogr. Sacr. in Canaam, lib. 1, c. 33_).

Intorno a che ne abbiam noi un altro chiarissimo documento in un
diploma greco, il quale nell'anno 1253 in tempo dell'Imperador Corrado
Re di Sicilia, fu fatto tradurre in Latino, che si legge presso
Ughello[548], nel quale non essendosi, quando fu quello instromentato,
ancora queste province innalzate in Reame, il Conte Ruggiero così
s'intitola: _Hoc est sigillum factum a Rogerio Duce Italiae, Calabriae,
et Siciliae_: ove si vede chiaro che per Italia i Greci non intendevano
altro che la Puglia. E nella vita del Beato Nilo, che dal greco fu
tradotta in latino da Cariofilo, si legge, che Niceforo _regebat
utramque Provinciam, Italiam, et Calabriam nostram_, non intendendo
altro per _Italia_, se non che la _Puglia_, da' Greci allor posseduta;
e per questa medesima ragione da' greci Scrittori, e fra gli altri da
Niceforo Gregora vien sempre appellato Carlo d'Angiò _Rex Italiae_; il
quale da' Latini, siccome allora volgarmente si parlava, era detto Rex
Apuliae. Anzi questo greco idiotismo di chiamare la Puglia _Italia_,
non solo fu ritenuto da' Scrittori di quella Nazione, ma fu usato
ancora da' nostri Autori latini, siccome presso Falcone beneventano
s'incontra molto spesso, dove parlando dell'espugnazione fatta da
Lotario Imperadore del castello di Bari, dice, _de tali tantaque
victoria tota Italia, et Calabria, Siciliaque intonuit_[549].

Così infino che la Puglia fu ritenuta da' Greci, acquistò anche il nome
d'Italia, col quale non si denotava altro, che quella sola provincia;
ma da poi per opra de' Normanni avvenne, che il nome di Puglia oscurò
i nomi di tutte le altre province a se vicine, le quali per questa
cagione sotto questo nome eran anche designate. Ciò avvenne, perchè
i Normanni le loro prime gloriose imprese l'adoperarono nella Puglia;
e da poi che questa Nazione ne fece acquisto con tanta loro gloria e
vanto, se ne sparse la fama per tutto l'Occidente, onde risonando il
nome di Puglia frequentemente per le bocche de' stranieri, rimasero
quasi del tutto oscuri i nomi dell'altre congiunte regioni; e fu bene
spesso, spezialmente da' forestieri, in lor cambio unicamente usurpato
il nome di Puglia per tutte l'altre province adiacenti; quindi avvenne,
che per la Puglia s'intendeva non solo quella provincia, ma tutta
l'Italia cistiberina, e tutte quelle province, che oggi compongono il
Regno di Napoli; non altrimente di ciò, che presso i Popoli orientali
dell'Asia veggiamo usarsi, i quali per le gloriose gesta de' Franzesi,
tutti gli occidentali, non con altro nome chiamano, se non di Franzesi;
la qual gloria non è nuova di questa Nazione; poichè sin da' tempi di
Ottone Frisingense, per le frequenti spedizioni di Terra Santa, onde si
renderono in Oriente rinomatissimi, leggiamo presso questo Scrittore,
che gli Orientali, e singolarmente i Greci, ogni uomo occidentale, lo
chiamavano Franzese[550]. Perciò intitolandosi Ruggiero _Rex Apuliae_,
non della Puglia presa nel suo stretto e vero senso, dee intendersi, ma
di tutto ciò che ora forma il nostro Regno. Per quest'istessa cagione
molti Scrittori, ancorchè nominassero la sola Puglia, intendono però
di tutta questa gran parte d'Italia, come presso Pietro Bibliotecario
nella vita di Pascale, ed altri Autori spesso s'incontra[551]. Quindi
avvenne ancora, che comunemente presso i nostri Popoli questo Regno,
prima che da' romani Pontefici così spesso se gli dasse il nome di
Sicilia di qua del Faro, e che negli ultimi tempi acquistasse quello di
Regno di Napoli, fossesi appellato Regno di Puglia.

Fu perciò molto facile, che siccome da' Greci era stato dato il
nome d'Italia alla Puglia, che non abbracciava più che una sola
provincia, si fosse quello dato da poi con maggior ragione a tutte
l'altre province di qua del Tebro, che pure sotto nome di Puglia erano
denotate; onde si fece che a Ruggiero riuscisse meglio chiamarsi
Re d'Italia, che di Puglia, così per esser un titolo più sublime
e spezioso, risorgendo nella sua persona quello de' Re d'Italia,
del quale se n'erano fregiati i Goti ed i Longobardi, come anche
perchè sopra la Puglia non ritrovava questo titolo di Re, siccome
lo trovò sopra la Sicilia; se pure non avesse voluto ricorrere a
quegli antichissimi Re de' Dauni, de' Lucani e di Taranto, de' quali
Freccia[552] tratta ben a lungo, ma pur troppo infelicemente. Reputò
adunque Ruggiero intitolarsi non men Re di Sicilia, che d'Italia,
per Italia non intendendo altro che la cistiberina, siccome presso
gli Autori di questi tempi assolutamente per Italia intendevano
questa parte; in quella guisa appunto, che avvenne, quando per le
province d'Italia assolutamente erano denotate quelle sole, ch'erano
sottoposte al Prefetto d'Italia, non quelle, che ubbidivano al Prefetto
della città di Roma, ancorchè venissero comprese nella descrizione
dell'Italia presa nella sua più larga estensione.

Si conosce da ciò chiaro, che intitolandosi Ruggiero non meno Re di
Sicilia che d'Italia, ovvero di Puglia, che due Regni furono stabiliti
independenti l'uno dall'altro, non un solo in guisa, che queste nostre
province avessero avuto a reputarsi come membri e parte del Regno di
Sicilia.

Si dimostra ciò ancora dalle leggi proprie, che ritenne, le quali non
furono comuni con quelle della Sicilia, che si governava con leggi
particolari; poichè queste nostre province anche da poi che furono
ridotte in forma di Regno sotto Ruggiero, non riconobbero altre
leggi, che le longobarde, e secondo le medesime si amministravano, le
quali non ebbero autorità, nè alcun uso nella Sicilia, che non fu da'
Longobardi mai acquistata, per non aver avute questa Nazione forze
marittime, siccome l'ebbero i Normanni; onde il lor vigore non s'estese
mai oltre il Faro. Così ciascun Regno avea leggi proprie, e secondo le
medesime ciascun si regolava independentemente dall'altro; e ciascuna
di queste province avea il suo Giustiziero co' suoi Tribunali, nè le
cause quivi decise si portavano per appellazione in Palermo, quasi che
ivi vi fosse un Tribunale superiore a tutti gli altri, ma restavano
tutte in esse, come diremo più partitamente quinci a poco, quando degli
ufficj della Corona farem parola.

E se tra le nostre antiche memorie non abbiamo, che Ruggiero o altro
suo successor normanno avesse mandato nel Regno di Puglia alcun Vicerè,
che avesse avuto il governo generale di tutto il Reame, come si praticò
da poi negli ultimi tempi da' Principi d'altre Nazioni; ciò non fu
per altro, se non perchè Ruggiero, e' due Guglielmi suoi successori
solevano molto spesso in Salerno venire a risedere, ed anche perchè il
lor costume era di creare i figliuoli della lor Casa regale, o Duchi
di Puglia, o Principi di Capua o di Taranto, ed a' medesimi perciò
commettere il governo de' Ducati o Principati a lor conceduti, siccome
fece appunto Ruggiero, il quale ritiratosi a Palermo, lasciò il governo
di queste province a' due suoi figliuoli, a Ruggiero Duca di Puglia, e
ad Anfuso Principe di Capua.

Ma siccome è vero, che il Regno di Puglia fu independente da quello
di Sicilia, e che avea leggi e Magistrati particolari, così ancora
non può negarsi, che le leggi che Ruggiero stabilì in questo tempo,
ed i supremi Ufficiali della Corona, che a somiglianza del Regno di
Francia v'introdusse, furono comuni ad ambedue; essendo noto, che gli
Ufficiali della Corona erano destinati così per l'uno, che per l'altro
Reame; e così fu osservato finchè l'isola di Sicilia si sottrasse da'
Re angioini, e si diede sotto il governo de' Re aragonesi, come vedremo
nel corso di questa Istoria.



CAPITOLO V.

_Delle leggi di RUGGIERO I, Re di Sicilia._


Ruggiero adunque essendo in cotal guisa con presta e maravigliosa
fortuna divenuto tanto e sì potente Re, avendo debellati i suoi nemici,
e ridotte sotto la sua ubbidienza le province ribellanti, pensò per via
di molte utili e provvide leggi ridurle in quiete, dalla quale per le
tante e continue guerre erano state assai tempo lontane.

Si governavano queste province, come tante volte si è detto, colle
antiche leggi romane già quasi spente, e ritenute per tradizione più
tosto, e come antiche usanze, che per leggi scritte. Le dominanti erano
le leggi longobarde, le quali appresso i Normanni restarono intatte,
e con molta religione osservate: e con tutto che si fossero in Amalfi
ritrovate le Pandette, ed in alcune Accademie d'Italia, e precisamente
in Bologna, si cominciassero per opra d'Irnerio a leggersi, ed il
Codice colle Novelle di Giustiniano non fossero cotanto ignote;
nulladimanco Ruggiero non permise, che ne' suoi dominj questi libri
avessero autorità alcuna, ma alle leggi longobarde era dato tutto il
vigore, e quelle solo s'allegavano nel Foro, e per esse si decidevano
le controversie: di che n'abbiamo un illustre monumento, che mette in
chiaro questa verità, perch'essendo insorta in quest'istessi tempi di
Ruggiero nell'anno 1140 lite tra il monastero di S. Michele Arcangelo
_ad Formam_ presso Capua, e Pietro Girardi di Madaloni, pretendendo
i Monaci di quel monastero aversi il suddetto Pietro occupato un
territorio ne' lor confini, che dicevano appartenersi al monastero, fu
prima la causa conosciuta da Riccardo, e da Leone Giudici di Madaloni,
e da poi fu decisa in Capua, da essi e da' Giudici capuani, secondo
ciò che Ebolo regio Camerario di Capua avea ordinato; e la sentenza
fu profferita a favor del monastero dopo essersi fatto l'accesso sul
luogo controvertito, dopo prodotti gli istromenti, e dopo esaminati
alcuni testimonj; e fu trattata secondo ciò che le leggi longobarde
stabilivano, e decisa a tenor delle medesime leggi, come può osservarsi
dall'istromento della sentenza, che a futura memoria de' posteri,
com'era allora il costume, si fece stipulare, il quale vien rapportato
per intero da Camillo Pellegrino nella sua Istoria de' Principi
longobardi[553].

Ma vedendo ora questo savio Principe, che il suo Regno per le tante
turbulenze e mutazioni accadute, avea bisogno di nuove leggi per
riparar i molti disordini che vi aveano lasciati le tante e continue
guerre, si diede il pensiero di stabilirle; e se ben prima di lui
Roberto Guiscardo, ed il Conte Ruggiero suo avo v'avessero introdotte
alcune lodevoli Consuetudini, delle quali non è a noi rimasa altra
memoria, se non quella che leggiamo presso Ugone Falcando[554];
nulladimanco egli fu il primo, che imitando Rotari Re de' Longobardi
molte ne stabilì, le quali per mezzo d'uno suo editto promulgò nel
Regno di Sicilia e di Puglia, volendo che quelle leggi s'osservassero
in tutti due questi Reami, e fossero comuni ad ambedue. Queste sono
le prime leggi del Regno, che volgarmente chiamiamo _Costituzioni_,
le quali da Federico II Imperadore nipote di Ruggiero, insieme con le
sue, e degli altri Re suoi predecessori furono da Pietro delle Vigne
unite in un volume, come più partitamente diremo quando di questa
compilazione dovremo ragionare. Tenne Ruggiero nello stabilirle il
medesimo modo, che tennero i Re longobardi; cioè di stabilirle nelle
pubbliche Assemblee convocate a questo fine degli Ordini de' Baroni
ed Ufficiali, de' Vescovi e d'altri Prelati. Agostino Inveges[555]
porta opinione, che Ruggiero, quando nell'anno 1140 prima di passar
la seconda volta in Napoli, fermato in Ariano, tenne ivi la primiera
Assemblea di Baroni e Vescovi, ed altri Prelati ecclesiastici, avesse
decretate quelle Costituzioni, che abbiamo tra quelle di Federico II,
le quali furono comuni per tutti i suoi Stati, contro l'opinione di
Ramondetta[556], il quale con manifesto errore credette, che quelle
non fossero statuite per l'isola di Sicilia. E narra Falcone[557]
beneventano, che in quest'Assemblea promulgasse anco un editto, col
quale fu proibito di potersi più spendere certa moneta romana, chiamata
_Romasina_; facendo coniare in suo luogo altre nuove monete, ad una
delle quali, come si disse, diede nome di Ducato di valore d'otto
Romasine, la quale avea più mistura di rame che d'argento; siccome fece
coniare i _Follari_; onde non pure i Tarini di Amalfi, ma queste nuove
monete ebbero corso nel Regno.

Delle leggi di questo Principe noi solamente 39 ne abbiamo, sparse
da Pietro delle Vigne nel volume delle Costituzioni, che compilò per
comandamento di Federico II, e la prima è quella, che s'incontra nel
libro primo sotto il titolo quarto _de Sacrilegio Regnum_. Fu per
la medesima riputato come delitto di sacrilegio il porre in disputa
i fatti, i consigli e le deliberazioni del Re; la quale Ruggiero,
ritenendo quasi le medesime parole, tolse dalla legge del Codice sotto
il titolo _de Crimine Sacrilegii_, ove gl'Imperadori Graziano, Valente
e Teodosio stabilirono il medesimo: nè Ruggiero fece altro che di mutar
il nome d'Imperadore, e porvi quello di Re. Ove è degno da notarsi,
che le leggi del Codice di Giustiniano a tempo di Ruggiero non aveano
vigore o autorità alcuna ne' suoi dominj; ma egli le leggi, che prese
da quel volume, volle che s'osservassero come leggi proprie, e non di
Principe straniero; non altrimenti che i Goti Re di Spagna, ancorchè
dal Codice di Giustiniano avessero preso molte leggi, vollero che il
loro Codice, non quello, avesse autorità ne' loro Stati.

Abbiamo l'altra di questo Principe sotto il titolo che siegue _de
arbitrio Regis_, ove si comanda doversi dall'arbitrio del Giudice
temperare quelle leggi, che cotanto severamente punivano i sacrileghi,
purchè non si tratti di manifesta destruzion di tempj, o violenta
frattura d'essi, ovvero di furti di notte tempo praticati di vasi sacri
ed altri doni fatti alle Chiese: nei quali casi vuol che si pratichi la
pena capitale.

Il Summonte vuole che la terza legge di Ruggiero sia l'altra,
che siegue sotto il titolo de _Usurariis_, e così anche fa il suo
traduttore Giannettasio, ma con manifesto errore; poichè quella non è
di Ruggiero, ma di Guglielmo II suo nipote, attesochè stabilendosi in
essa, che le quistioni degli usurarj riportate alla sua Curia, debbano
terminarsi conforme al decreto del Papa ultimamente nella romana Curia
promulgato, non si può intendere se non del decreto fatto da Papa
Alessandro III nel Concilio di Laterano, che fu a tempo di Guglielmo
II non di Ruggiero, come più diffusamente diremo parlando delle leggi
di quel Principe; ond'è che nelle edizioni più corrette porti in fronte
questa Costituzione Gulielmus, e non _Rogerius_.

La terza è quella, che si legge sotto il titolo _de Raptu_, _et
Violentia monialibus illata_, per la quale viene imposta pena capitale
a' rattori delle vergini a Dio sacrate, ancorchè non ancora velate, o
anche se per motivo di matrimonio l'avessero rapite: fu ancor questa
presa dal Codice di Giustiniano[558] ove quell'Imperadore stabilì il
medesimo.

Se ne leggono due altre sotto il titolo de _Officialibus Reip._ Per
la prima si stabilisce, che gli Ufficiali, che in tempo della lor
amministrazione avranno sottratto il pubblico denaro, siano puniti di
pena capitale. Per la seconda vien ordinato che gli Ufficiali che per
lor negligenza faranno perdere o diminuire le pubbliche facoltà, siano
astretti nella persona e nei beni a resarcire il danno, rimettendo loro
per la sua pietà regia altre pene, che meriterebbero.

La sesta l'abbiamo sotto il titolo _de Officio Magistrorum
Camerariorum, et Bajulorum_, ove s'ordina _a' Giustizieri, Camerari,
Castellani e Baglivi_ d'esser solleciti a somministrar a' Secreti
della Dogana, ed a' _Maestri Questori_ ovvero loro Ufficiali ogni lor
consiglio ed aiuto sempre che ne saranno richiesti: la quale fu colle
medesime parole rinovata da Guglielmo sotto il titolo _de Officio
Secreti_.

La settima è collocata sotto il titolo _de restitutione mulierum_ nel
libro secondo; poichè quella che si legge nel libro primo sotto il
titolo _de Advocatis ordinandis_ se bene in alcune edizioni portasse
in fronte il nome di Ruggiero, ella però è di Federico II come si
vede chiaro dallo stile, e dalle cose che tratta; onde è che in altre
edizioni più corrette, non si legge: _Rex Rogerius_, ma _Idem_,
denotando Federico autor della legge precedente. In questa legge
ordina Ruggiero a' suoi Ufficiali, che debbano, quando il bisogno
lo richiede e sia conveniente, sovvenire alle donne non leggiermente
gravate: la quale essendo molto generale ed oscura; Federico II volle
dichiarar i casi, ne' quali alle donne debba darsi aiuto, onde questo
Imperadore promulgò un'altra Costituzione, che si legge sotto il titolo
_de in integrum restitutione mulierum_ al libro secondo; ove dice:
_Obscuritatem legis Divi Regis Rogerii avi nostri de restituendis
mulieribus editam declarantes, etc._

L'ottava e la nona sono poste sotto il titolo _de Poena Judiciis, qui
male judicavit_. Nella prima si condannano i Giudici a nota d'infamia,
e pubblicazione de' loro beni, ed alla perdita dell'ufficio, se con
frode e con inganno avranno giudicato contro le leggi; e se per
ignoranza, la pena si rimette all'arbitrio del Re. Nella seconda
s'impone pena capitale, se per denaro avran condennato alcuno a morte.

La decima, che abbiamo sotto il titolo primo _de Juribus rerum
regalium_ del libro terzo, merita maggior riflessione di tutte
l'altre; poichè è la prima legge feudale, che abbiano i nostri Principi
normanni stabilita nel Regno. Chi prima su i Feudi avesse promulgata
legge scritta, fu, come si è detto, l'Imperador Corrado il Salico,
che riguarda la lor successione: l'Imperador Lotario alcune altre ne
promulgò, ed una fra l'altre molto conforme a questa di Ruggiero _de
Feudo non alienando_; ma siccome le leggi degli Imperadori d'Occidente
insino a Lotario, come tutte le altre leggi longobarde comprese in quel
volume non isdegnò Ruggiero che s'osservassero nel suo Regno, anche
da poi che fu sottratto, e restò independente dall'Imperio, così non
volle mai soffrire, che le leggi di Lotario suo inimico avessero alcuna
autorità nei suoi dominj; perciò se bene Lotario presso Roncaglia
nell'anno 1136 avesse promulgata legge, per la quale veniva proibito
a' Feudatari alienare i Feudi, non avendo quella autorità alcuna nel
Regno di Sicilia e di Puglia, bisognò che questo Principe, provvedendo
alle sue Regalie, ne stabilisse una particolare, ch'è questa, per
la quale strettamente si proibisce non solo a tutti i Conti, Baroni,
Arcivescovi, Vescovi, Abati, ed altri qualsivoglia che tenessero Feudi
o Regalie grandi o piccole che si fossero, di potergli in alcun modo
alienare, donare, vendere in tutto o in parte, o in qualunque maniera
diminuire; ma anche lo proibisce a' suoi Principi stessi, che erano
allora i suoi propri figliuoli, cioè Ruggiero Duca di Puglia, Anfuso
Principe di Capua, e Tancredi Principe di Taranto, non potendo in
questi tempi, come rapporta Ugone Falcando[559] niuno aspirare a questi
titoli di Principe o di Duca, salvo che i figliuoli del Re; e quindi
è che Ruggiero in questa Costituzione gli chiama _Principes nostros_.
E questa è quella Costituzione cotanto da Federico commendata, e che
poi gli piacque ampliare in tutti gli altri contratti, alienazioni,
transazioni, arbitramenti e permutazioni, dando potestà a coloro che
senza il suo consenso e licenza alienassero di poter _jure proprio_
rivocargli, siccome oggi giorno tuttavia si pratica, e va per la bocca
de' nostri Forensi, appo i quali è molto celebre questa Costituzione
di Federico[560], che comincia: _Constitutionem divae memoriae Regis
Rogerii avi nostri super prohibita diminutione Feudorum, et rerum
Feudalium ampliantes, etc._

Non merita minor riflessione la undecima, che si legge sotto il titolo
terzo dell'istesso libro terzo; poichè si vede per quella essere stato
sempre lecito ai Principi di por freno a' loro sudditi, ed impedirgli,
sempre che si recasse danno alla Repubblica, ed alle loro Regalie, di
ascendere al Chericato. Così abbiam veduto, che Costantino M. proibì a'
benestanti di farlo; e l'Imperador Maurizio vietò a' soldati di farsi
Monaci, di che tanto Gregorio M. si doleva, non perchè riputasse di non
esser in potestà degl'Imperadori di poterlo comandare, o che la legge
fosse ingiusta, come egli stesso con ingenuità confessa, ma per esser
di pernizioso esempio chiudere in tal maniera la via dello spirito
per mondani rispetti. Ruggiero in questa sua legge temperando un'altra
sua Costituzione, per la quale si proibiva affatto a' villani, senza
licenza di lor padroni, di poter assumere l'Ordine chericale, stabilì:
che solamente que' villani non potessero ascendere al Chericato, i
quali per rispetto della lor persona fossero obbligati servire, come
sono gli ascrittizi, i servi addetti alla gleba, ed altri consimili;
ma que' che sono obbligati servire per riguardo del tenimento, ovvero
beneficio del quale furono investiti, non gl'impedisce che anche senza
licenza de' lor padroni possano farlo ma in tal caso devono rassegnar
prima il beneficio nelle mani de' loro padroni, e poi farsi Cherici.

La duodecima legge di Ruggiero, che è sotto il titolo _de dotario
costituendo_, riguarda ancora i Feudi, ed è la seconda, che questo
Principe promulgò sopra di essi. In questa si permette a' Baroni, ed
agli altri Feudatari, non ostante la proibizion di alienare, di poter
sopra i Feudi costituire alle loro mogli il dotario, a proporzion de'
Feudi, che posseggono, e secondo il lor numero e qualità. A' Conti
e Baroni, che tengono più castelli si permette ancora di poterne
uno assignare alle lor mogli per dotario, purchè però non sia quel
castello, donde la Baronia, ovvero il Contado prenda il nome. Così a'
Conti di Caserta non sarà lecito dar Caserta per dotario, ma bensì un
altro castello del suo Contado; donde i nostri Autori[561] appresero,
che l'assenso semplicemente conceduto, non s'estende mai al Capo della
Baronia, o del Contado.

La decimaterza, che abbiamo sotto il titolo _de matrimoniis
contrahendis_[562] merita ancora riflessione. Si vede chiaro per la
medesima, che a' tempi di Ruggiero non fu reputata cosa impropria de'
Principi, stabilire leggi intorno a' matrimoni; nè Giovanni Launojo
la trascurò nel suo trattato: _Regia in matrimonium potestas_[563];
siccome non si dimenticò dell'altra di Federico II che incomincia:
_Honorem nostri diademati_s, a questa conforme. Non ancora i Pontefici
romani s'avean appropriata questa autorità, la quale da poi da
Innocenzio III[564] e più dagli altri suoi successori fu reputata
lor propria, e tolta a' Principi secolari. Sono pieni i Codici di
Teodosio e di Giustiniano di queste leggi, ed insino a' tempi di
Teodorico Re d'Italia e di Luitprando leggiamo, che essi non solo
ci diedero le leggi intorno al modo e forma di contraergli, ma di
vantaggio ci stabilirono i gradi ne' quali eran vietati, ed al Principe
s'apparteneva di dispensargli; e Cassiodoro ne' suol libri ci lasciò
le formole di tali dispense. Ruggiero in questa legge comandò, che i
matrimoni dopo gli sponsali, e la benedizion sacerdotale, si dovessero
celebrar solennemente e palesemente, proibendo affatto i matrimoni
clandestini, in maniera che i figliuoli nati da tali matrimoni non si
debbano reputare legittimi, nè succedere perciò a' loro padri, nè per
testamento nè ab intestato: lo donne che perdano le loro doti, quasi
che nè date, nè matrimonio possa considerarsi in questi contratti,
contra la sua legge celebrati. Vuole però che a questo rigore non
soggiacciano le vedove; nè abbia luogo ne' matrimoni contratti prima
del tempo della promulgazion di questa sua legge. Federico II aggiunse
da poi a' Conti, Baroni, ed a tutti gli altri Feudatari un altro
legame, che non potessero prender moglie senza sua permissione; ed
essendosi ammesse alla succession feudale le femmine, vietò a Baroni
sotto pena della perdita de' loro Feudi, di casare le figliuole
o nipoti, ovvero sorelle senza sua licenza, affinchè i Feudi non
passassero a famiglie incognite, della cui fedeltà il Principe era
dovere, che ne fosse informato, come lo stabilì nella Costituzione
_Honorem nostri diadematis_, sotto il titolo, _de uxore non ducenda
sine permissione Regis_.

Andrea d'Isernia, che fu Guelfo e perciò perpetuo detrattore delle
gesta di Federico, scrivendo sotto i Re angioini in un secolo dove
correvan altre massime, biasimando Federico, alle costui parole
_Honorem nostri diadematis_, aggiunge: _imo destructionem animae
istius Federici Imperatoris prohibentis per obliquum matrimonia
instituta a Deo in Paradiso_. Come se all'economia del Principe non
s'appartenesse far leggi sopra i matrimoni, e molto più in quelli de'
suoi Baroni[565], ed impedirgli sovente, se si conoscessero perniziosi
allo Stato, ovvero cagione di discordie interne tra famiglie nobili,
e di numerose fazioni; di che i nostri Autori, e Francesco Ramos[566]
fra gli altri, hanno trattato ben a lungo. E pur è vero, che non fu
Federico il primo, che stabilì questa legge, egli la trovò nel suo
Regno, ed il suo primo autore fu Guglielmo detto il Malo. I Baroni
non si dolevano della legge, ma dell'abuso, che ne faceva Guglielmo,
poichè questo Principe, perchè i Feudi ricadessero al suo Fisco, non
mai concedeva la licenza di poter casare le loro figliuole, ovvero
la differiva tanto, finchè fatte già vecchie, divenivano sterili,
siccome presso Ugon Falcando[567] se ne lagnavano i Grandi del Regno
di Sicilia, tumultuando perciò contro Guglielmo. Questa legge fu
osservata in Sicilia insino al Regno del Re Giacomo, avendola questo
Principe, in un Parlamento ivi tenuto, fatta abolire[568]. E presso di
noi durò insino al Regno di Carlo II d'Angiò, il quale in un de' suoi
Capitoli[569], stabiliti nel piano di S. Martino, la venne a riformare.

Non meno considerabile è la legge quattordici di Ruggiero, posta sotto
il titolo _de Administrationibus rerum Ecclesiasticarum post mortem
Praelatorum_; poichè in lei più cose considerabili si incontrano.
Primieramente merita riflessione ciocchè dice Ruggiero, essere tutte
le Chiese del suo Regno, e particolarmente quelle, che sono prive del
lor Pastore, sotto la sua potestà e protezione. Secondo, che perciò
erasi introdotto costume non mai interrotto, o impugnato che morto
il Prelato, i Baglivi del Re prendessero la cura ed amministrazione
dell'entrate delle medesime, insino che le Chiese fossero proviste;
e per terzo non adempiendo i Baglivi la loro incumbenza, secondo
le relazioni, che ne avea avute, avea stimato stabilir legge, colla
quale comandava, che dopo la morte dei Prelati, non più a' Baglivi
si commettesse l'amministrazione e custodia delle Chiese, ma a tre
de' migliori, più fedeli e sapienti della Chiesa, i quali debbano
invigilare, e custodirle insino che saranno quelle proviste; con
distribuire intanto delle rendite una porzione a coloro che servono
alle medesime dimorando in esse, e l'altra per le fabbriche, o
altro bisogno della Chiesa; ed eletto il Pastore, restituire il
rimanente a lui, ovvero dargli conto dell'amministrazione passata.
Gli spogli, che si videro da poi introdotti dalla Corte romana per
tirar ivi ogni denaro, erano inauditi, e sarebbero stati reputati
come destruttori non meno della disciplina ecclesiastica, che del
buon governo del Regno: tutto era della Chiesa, e si spendeva per
quella, e quel che sopravvanzava, era riserbato al successore. Non vi
eran Nunzi o Collettori o Commessari, che appena spirato il Prelato
dessero il sacco alla di lui casa, con prevenirlo sovente prima
che quegli spirasse[570]. Quindi i nostri Re non meno che quelli di
Francia vantavano la _Regalia_, come infra gli altri la pretese il
Re Corrado[571]; e quindi deriva che abbiano sempre presa la cura,
ed invigilato che l'entrate delle Chiese non capitino male, e sovente
avessero ordinato, che delle medesime si riparassero le fabbriche, si
sequestrassero a questo fine, e diedero perciò molti utili e salutari
provedimenti, siccome ne' tempi men a noi lontani fecero Ferdinando
I d'Aragona, il Re Federico, il Gran Capitano, il Duca d'Alcalà,
ed altri che possono vedersi ne' volumi giurisdizionali presso
Chioccarello[572].

Nè deve tralasciarsi quel che Andrea d'Isernia[573] notò sopra questa
Costituzione di Ruggiero, la qual egli con manifesto errore crede,
che fosse di Guglielmo, dicendo che quando ella fu stabilita parve
giusta e regolare, perchè allora non era ancor compilato il volume
de' decretali; e che sebbene Ruggiero con tanta utilità diede questa
providenza, però da poi i Canonisti non hanno voluto ricever queste
leggi de' Principi secolari, _etiam si pro eis condantur, quia nolunt
ut ponant falcem in messem alienam_. Ma prima, che uscisse il volume
de' decretali, non era stimata cosa impropria de' Principi di stabilir
tali leggi, e particolarmente de' nostri Principi, li quali avendo essi
fondate quasi tutte le Chiese del Regno di loro patrimonio, era giusto
che fossero nella loro potestà e protezione.

La decimaquinta Costituzione di Ruggiero l'abbiamo nel libro
terzo sotto il titolo _de prohibita in terra demanii constructione
Castrorum_. Proibisce ne' luoghi demaniali del Re, che niuno possa
sotto colore di miglior difesa erger torri, o Rocche; dovendo
bastargli per lor sicurezza quelle del Re, o la sua regal protezione.
La decimasesta è sotto il titolo _de injuriis Curialibus personis
irrogatis_; per la quale viene a' Giudici imposto, che nel punir
l'ingiurie notino diligentemente la qualità delle persone, alle quali
si fanno, da chi, in qual luogo ed in che tempo; e se saranno offesi
i suoi Ufficiali, si dichiara essersi fatta ingiuria non solamente a
costoro, ma anche la dignità sua regale rimanerne offesa.

La legge 17 che è sotto il titolo _de probabili experientia Medicorum_
è la prima, che presso di noi fosse stabilita, intorno ad evitar
quanto fosse possibile, que' mali, che l'imperizia de' Medici poteva
cagionare. Prima i prudentissimi Romani reputarono, che l'elezione
ed approvazione de' Medici, non a' Presidi delle province, ma agli
Ordini o Decurioni della città s'appartenesse per quella ragione, che
Ulpiano[574] espresse con queste elegantissime parole: _Ut certi de
probitate morum, et peritia artis, eligant ipsi, quibus se, liberosque
suos in aegritudine corporum committant_. Ruggiero in questa sua legge
ordinò, che niuno potesse medicare, se prima non si presenterà avanti
i suoi Ufficiali e Giudici per essere esaminati, e dichiarati abili
a quell'esercizio, imponendo pena di carcere e confiscazion de' loro
beni, se per se soli senza questo esame temerariamente presumeranno di
medicare. Federico II da poi dichiarando più ampiamente questa legge
del suo avo, molte altre leggi stabilì intorno a' Medici, per le quali
la Scuola di Salerno fu eretta in Accademia, siccome altresì quella di
Napoli, ove piacque a questo Principe fondarne un'altra più famosa ed
illustre, come diremo quando de' fatti di questo glorioso Augusto ci
tornerà occasion di ragionare.

Leggesi ancora sotto il titolo _de nova militia_ un'altra Costituzione
di Ruggiero, che è la 18 per la quale vien proibito, che niuno possa
esser ascritto alla milizia, se non deriverà da militare schiatta;
e parimente che niuno possa esser Giudice o Notajo se i padri loro
non siano stati di simile professione. Questa legge da Federico nella
Costituzione seguente vien confermata, ed aggiunto ancora, che niuno di
vil condizione possa esser ascritto a questi Ufficj, nè possa militare
se non fia per lato paterno discendente da soldato. Egli è però vero,
che Bartolomeo di Capua ci attesta, che queste Costituzioni a' suoi
tempi non erano in osservanza nel Regno di Sicilia, avea però inteso,
che così si praticava nel Regno di Francia, donde Ruggiero, per emular
gl'istituti di quel Regno, l'apprese. E molto a proposito notò il
Summonte, questa seconda Costituzione esser di Federico, non già di
Ruggiero, come porta l'iscrizione nella vulgata edizione, vedendosi
chiaramente, che per questa vien confermata quella di Ruggiero dal
suo nipote Federico: poichè si fa menzione della precedente con quelle
parole, _contra prohibitionem divae memoriae avi nostri_. Oltre a ciò,
si conferma da quel, che rapporta Riccardo da S. Germano nella sua
Cronaca, ove dice, che Federico nel Parlamento che tenne a S. Germano
nel mese di febbrajo dell'anno 1232 tra l'altre sue Costituzioni che
fece, vi fu anche quella _de militibus_; come osservò anche Tutini[575]
dell'origine de' Seggi.

La 19 è quella che abbiamo sotto il titolo _de Falsariis_, per la
quale si punisce con pena capitale colui che falsificasse o mutasse
le lettere del Re, o il suo suggello. La ventesima è sotto il titolo
seguente _de cudentibus monetam adulterinam_, ove con pena di morte e
di confiscazione, si puniscono non solamente coloro, i quali coniassero
moneta falsa, ma anche quelli che scientemente la ricevono, o in alcun
modo consentono a tanto delitto. La ventesimaprima è sotto il titolo,
che siegue _de rasione monetae_, per la quale vengon a morte parimente
dannati, e confiscati i beni di coloro, che ardiranno di tosare, o in
qualunque modo diminuire le monete d'oro o d'argento.

Se ne leggono da poi sette altre sotto sette diversi titoli disposte,
per le quali varie pene s'impongono a' falsari. La prima scusa coloro,
che ignorantemente si saranno serviti d'istromenti falsi. La seconda
punisce con pena di falso, chi si vale di testimoni falsi. La terza
colla medesima pena condanna quelli che nascondono, tolgono, radono o
cancellano i pubblici testamenti. La quarta priva dell'eredità paterna
colui che cancella, o nasconde il testamento del padre per succedergli
ab intestato. La quinta dichiara che la qualità della persona aggrava e
minuisce la pena del falso. La sesta punisce di pena capitale coloro,
che avranno, o venderanno veleni, o medicamenti nocivi per alienar
gli animi; e per la settima si dispone, che non sarà in tutto fuor di
pena colui, che porgerà altrui poculi amatorj, o cibi nocivi, ancorchè
per quelli non siasi recato alcun danno: le quali Costituzioni furono
da poi da Federico approvate, e più ampiamente distese ne' titoli
seguenti.

Nelle leggi, che sieguono di questo Principe, si vede chiaro quanto fra
l'altre virtù sue ebbe cura dell'onestà ed onor delle donne. Nella 29
che abbiamo sotto il titolo _de poena adulterii_, si toglie a' mariti
di poter in giudicio accusare d'adulterio le loro mogli, se in lor
presenza permetteranno a quelle di trastullarsi co' loro drudi con atti
lascivi e disonesti; e nella trentesima, che siegue sotto il titolo
_de prohibita quaestione foeminae_, oltre dell'infamia, minaccia pena
grave, e degna de' suoi tempi a que' mariti, che permetteranno alle
mogli commettere adulterj.

Non meno piene d'onestà sono l'altre sei, che sieguono; proibisce
per la prima alle donne oneste la conversazione colle prostitute,
alle quali però vieta, che si possa usar violenza. Per la seconda,
_de repudiis concedendis_, si permette al marito di poter dimandar
il libello del repudio alla moglie, mentre che giustamente l'accusa
d'adulterio. Per la terza _de lenis_; si puniscono colle pene istesse
dell'adultere quelle, che useranno ruffianesmi per corrompere la
castità delle donne. La quarta, confermata da poi da Federico, è
terribile contro le madri, che prostituiscono le loro figliuole
vergini; oltre della pena de' ruffiani, vuol che lor si tronchi
il naso, soggiungendo queste gravi parole: _Castitatem enim suorum
viscerum vendere, inhumanum, et crudele_; ma se mai per se stessa
alcuna si sarà prostituita, e la madre avrà solamente dato il suo
consenso, si lascia all'arbitrio del Giudice di punirla. Per la quinta
sotto il titolo de _poena uxoris in adulterio deprehensae_, si permette
al marito, che possa uccidere la moglie, e l'adultero ritrovandogli sul
fatto, senza però interporre intervallo alcuno di tempo alla vendetta;
e nella sesta sotto il titolo _de poena mariti ubi adulter aufugit_,
si stabilisce, che se il marito lascerà fuggire l'adultero, e ritenerà
la moglie, debba esser punito come ruffiano, purchè senza sua colpa
l'adultero scappasse.

Così Ruggiero avendo per queste leggi proveduto all'onestà delle donne,
con non minor saviezza provede alla sicurtà degli uomini; si leggono
perciò tre altre sue leggi, che sono l'ultime, che abbiamo di questo
Principe; e che compiscono il numero di trentanove. Per la prima
sotto il titolo _de venditione liberi hominis_; si riduce in servitù
colui, il quale scientemente venderà un uom libero. Per la seconda
sotto il titolo _de incendiariis_, si impone pena capitale contro
coloro, i quali fraudolentemente porranno fuoco nelle case altrui. E
nell'ultima, s'impone la medesima pena a chi si sarà precipitato da
alto, averà menato un sasso, o un ramo senza gridare, o avvisare, onde
avesse ammazzato alcun uomo: il rigore della quale fu poi da Federico
temperato nella Costituzione seguente.

Ecco come Ruggiero, dopo avere stabilito il suo Regno, lo riordinò
con sì provvide ed utili leggi. Ancorchè per alcune di esse si dasse
providenza su i matrimonj, su l'amministrazione delle Chiese, sopra i
repudj e sopra i Cherici, non perciò erano riputate improprie, a questi
tempi, de' Principi secolari. Non ancora s'erano intese quelle querele,
che nacquero da poi de' Pontefici romani d'essersi offesa la loro
immunità, e che fosse questo un metter la falce nella messe altrui.
Cominciarono essi poco da poi pian piano a pretenderlo, e vi diedero
l'ultima mano quando Gregorio IX ridotti in un Corpo tutti i rescritti,
che servivano alla grandezza romana, ed esteso ad uso comune quello,
che per un luogo particolare, e forse in quel solo caso speziale era
statuito, ed aboliti tutti gli altri, cavò fuori il decretale, che
principiò a fondare e stabilire la Monarchia romana. Ecco parimente,
come in questo nostro Reame, alle leggi antiche romane ritenute più per
costume, che per leggi scritte, ed alle leggi longobarde, si fossero
aggiunte da Ruggiero queste sue Costituzioni, le quali a riguardo delle
romane e longobarde erano riputate leggi particolari, siccome quelle
comuni ed universali.


§. I. _Delle leggi feudali particolari del Regno._

Ma essendosi come altre volte abbiam notato, multiplicate in queste
province le Baronie ed i Feudi, siccome in tutta Italia, surse ancora
una nuova legge, feudale appellata. Questa nella sua origine fu
introdotta per le costumanze de' Longobardi nelle città d'Italia, le
quali furono varie e diverse, secondo varie eran le usanze di ciascuna
città; tanto che la ragion feudale, prima non poteva chiamarsi, se non
che legge non scritta de' Longobardi, onde è, che alcuni saviamente
la dissero figlia del tempo, e da' Longobardi introdotta in Italia,
non per iscritto, ma per costume; crebbe in cotal guisa da poi,
insino che Corrado il Salico, che fu il primo, non pensasse colle
leggi scritte ad accrescerla; siccome al di lui esempio fecero da poi
gli altri Imperadori suoi successori; onde tutto ciò, che da queste
Consuetudini feudali introdotte da' Longobardi, e dalle leggi scritte
degli Imperadori surse, fu riputato la ragion comune dei Feudi; poichè
in tutta Italia, e da poi in tutta Europa, adattandosi a lei l'altre
province, furono quelle Consuetudini e leggi ricevute ed abbracciate.
E per questa ragione a riguardo de' Feudi, non vi era differenza
alcuna tra quelli, che viveano colle leggi longobarde, e quelli che si
governavano colle leggi romane; poichè i Romani non conobbero Feudi, e
se alcun Romano era investito di qualche Feudo, era tenuto osservare la
legge longobarda, che de' Feudi disponeva, già che dalle romane niente
potea ritrarsi.

Questa ragion comune feudale, prima di Ruggiero siccome era egualmente
osservata in tutta Italia, così ancora ebbe forza ed autorità in
queste nostre Province. Ma ridotte ora da Ruggiero in forma di Regno, e
sottratte dall'Imperio, siccome alle leggi comuni romane e longobarde,
aggiunse questo savio Principe le proprie, stabilite particolarmente
per li suoi dominj, così ancora alla legge comune feudale, volle
aggiungervi altre sue leggi feudali particolari, che dovessero
osservarsi nel suo Regno, siccome tra le sue Costituzioni che sono a
noi rimase, due ne abbiamo osservato attenenti a' Feudi. Seguitando
le costui pedate aggiunsero da poi i due Guglielmi suoi successori
altre leggi feudali; e finalmente Federico II moltissime altre ne
stabilì, che si leggono nel volume delle Costituzioni; onde si fece,
che nel nostro Regno altro fosse il _Jus comune_ feudale, che è quello
compreso ne' libri feudali, ed altro quello particolare per queste sole
nostre province, che incominciandosi da Ruggiero, s'accrebbe da poi da
Guglielmo, e più da Federico, e che col correr degli anni da tutti gli
altri Re, che ressero questo Regno, fu in quella forma, che oggi si
vede ampliato per tante Costituzioni, Capitoli, Grazie e Prammatiche,
come diremo a più opportuno luogo. Nel che dovrà avvertirsi; che
risedendo nella persona di Federico II la dignità imperiale e regale di
Re di Sicilia, quelle sue Costituzioni, che si veggono ne' libri de'
Feudi, sono quelle appartenenti al Jus comune de' Feudi; quelle, che
sono nel volume delle nostre Costituzioni, appartengono al Jus feudale
particolare del Regno di Sicilia.

Ruggiero adunque, siccome fu il primo, che alle romane e longobarde
aggiungesse nuove leggi, così ancora fu il primo, che alla ragion
comune feudale aggiungesse nel suo Regno nuove leggi feudali
particolari, per le quali fu introdotto nuovo costume di succedere
a quelli contro le longobarde; e fu perciò, che introdusse il nuovo
_Jus Francorum_, onde da poi presso di noi si rese celebre quella
distinzione dei Feudi _de Jure Longobardorum et Francorum_.

Fra gli altri pregi di questo Principe, è lodato cotanto dagli
Scrittori quel suo costume di voler essere informato delle leggi
e costumi delle altre Nazioni, e ciò che reputava commendabile,
introdurlo nel Regno suo; ma di niuna altra Nazione era egli più
amante, quanto della franzese, donde egli traea origine; perciò fu
più inchinato d'introdurre nel suo novello Regno tutte quelle usanze,
e tutti quegl'istituti, che osservava in quel floridissimo Reame; per
questa istessa cagione, come osserveremo quindi a poco, v'introdusse
egli i sette Ufficj della Corona, che ivi erano; ed amante pur troppo
de' Franzesi, diede gelosia e cruccio a' Siciliani e a' Pugliesi, che
si vedevan perciò posposti negli onori a' forestieri[576].

Quindi, come si è detto, trassero l'origine nel nostro Regno i Feudi
_Juris Francorum_, poichè Ruggiero facendo venir spesso dalla Francia
Capitani ed altri soldati franzesi, si serviva di loro in tutte le sue
ardue imprese, essendo stata sempre questa gente per valor militare
riputata sopra tutte le altre; onde Ugone Falcando dice, che perciò
soleva Ruggiero fargli venire: _Transalpinos maxime, cum ab Normannis
originem duceret, sciretque Francorum gentem belli gloria caeteris
anteferri, plurimum diligendos elegerat, et propemodum honorandos._
E questo costume fu ritenuto anche da poi da' due Guglielmi suoi
successori, anzi ne' principj del Regno di Guglielmo II fu cotanto
nella sua Corte il favore de' Franzesi, che non si ritenne di crear
suo Gran Cancelliero un Franzese, onde si rese numerosa la sua Corte di
questa gente con indignazione grandissima de' Nazionali[577].

Per questo avvenne, che militando valorosamente questi Capitani sotto
l'insegne di Ruggiero, e de' due Guglielmi, furono da essi investiti
di molti Feudi, onde abbandonando la Francia, fermarono in queste
province le loro famiglie, non lasciando intanto di vivere secondo
i proprj loro costumi, che da Francia portarono; ed insino a' tempi
di Federico II lor si permise, che dovessero così ne' giudicj, come
in altre occorrenze, esser giudicati secondo i loro patrj istituti e
costumi, fra' quali il più considerabile era, che ne' Feudi dovesse
succedere il primogenito, esclusi tutti gli altri fratelli minori, non
già, come con molta imprudenza si praticava da' Longobardi, secondo
i quali venivan tutti ammessi alla successione, dividendo con tanto
discapito dello splendore delle loro famiglie i Feudi; una delle
principali ragioni, che fu della rovina de' medesimi in queste nostre
province, come altrove fu da noi osservato. In tutta la Francia, come
ne rendono a noi testimonianza Ottone Frisingense e Cujacio[578], con
provido consiglio fu istituito, che i soli primogeniti succedessero ne'
Feudi, reputando così potersi conservare lo splendor delle famiglie.
Così tutti que' Capitani e soldati franzesi, che furono investiti di
Feudi in queste nostre province, ritennero questo costume; e Ruggiero,
ed i due Guglielmi, non solamente loro il permisero, ma anche che
ritenessero tutti lor altri istituti, tanto che Federico II per toglier
le confusioni, che si cagionavano perciò in questo Reame per queste
leggi infra di lor difformi, ebbe bisogno di stabilire una Costituzione
speziale, che è quella che si legge sotto il titolo _de Jure Franc.
in judic. subl._ per la quale tolse, che ne' giudicj potessero più
servirsi di que' loro particolari istituti; e tolse ancora quell'altro
lor barbaro costume del duello, per quella sua celebre Costituzione
_Monomachiam_.

Non però tolse, anzi approvò il lor costume, come molto commendabile,
che ne' Feudi succedesse il primogenito; quindi avvenne che presso di
noi tutti i Feudatarj si distinguessero in Franchi e Longobardi: per
Franchi intendendo coloro che viveano intorno alle successioni de'
Feudi _Jure Francorum_, e per Longobardi, quelli che viveano secondo
la lor antica usanza, d'ammetter tutti i figliuoli alla successione
de' loro Feudi. Era però il _Jus Francorum_ reputato come speziale a
riguardo del _Jus Longobardorum_, ch'era il comune, tanto che scrisse
Andrea d'Isernia[579], colui che dice esser Franco, e perciò non dover
dividere co' fratelli, allegando una ragione speziale, suo dee esser il
peso di provarlo, già che comunemente tutti si presumono vivere secondo
il _Jus comune_ de' Longobardi, che stabilisce i Feudi doversi tra
fratelli dividere.

Fu adunque in tempo di Ruggiero, che s'introdusse nel Regno questa
ragion speziale di succedere ne' Feudi all'uso de' Franzesi, il quale
non soddisfatto d'aver con sì provide leggi stabilito il suo novello
Reame, e dalla Francia introdottovi nuovi costumi ed istituti per
dargli forma più nobile, volle ancora illustrarlo, e renderlo più
maestoso con introdurvi nuove dignità e più illustri, che prima non
ebbe, onde ad emulazione di quello di Francia, l'adornò de' Principali
Ufficj della Corona, che in quel Regno da molto tempo erano stati
introdotti.



CAPITOLO VI.

_Degli Ufficj della Corona._


Dapoi che in Francia, nella stirpe di Ugo Ciappetta, restò estinta
quella sublime dignità di Maestro del Palazzo, che come ruinosa a'
Principi stessi, come si vide chiaro nel Regno di Ghilperico, fu
riputato saggio consiglio di que' Re di spegnerla affatto, si videro
da questa suppressione grandemente accresciuti quattro altri Ufficj
di quella Corona, le cui funzioni eransi prima trasfuse in quello
di Maestro del Palazzo, che per la sua grandezza e sublimità avea
assorbiti tutti gli altri. Egli era perciò detto Capo de' Capi di
tutti gli altri Ufficiali: Duca de' Duchi: e non senza ragione era
assomigliato al Prefetto Pretorio sotto gli ultimi Imperadori romani. A
lui non meno si riportavano le cose della guerra, che della giustizia;
sovrastava alle Finanze, ed alla Casa del Re: in breve, era il Superior
generale di tutti gli Ufficiali del Regno senza eccezione.

Dalla suppressione dunque di quest'Ufficio ripigliarono gli altri
Uffizj della Corona la loro antica autorità, non riconoscendo poi altri
per lor Capo e superiore, che il Re istesso; onde perciò i supremi
vennero con titolo di Grandi decorati. Surse il Gran Contestabile,
che ebbe la soprantendenza della guerra, ed il comando degli eserciti
in campagna. Il Gran Ammiraglio capo dell'armate navali, che ebbe
il comando sopra mare in guerra ed in pace. Il Gran Cancelliero per
la soprantendenza della giustizia, capo di tutti gli Ufficiali di
pace, e Magistrato de' Magistrati, dipendendo da lui i Giustizieri, i
Protonotarj, e tutti gli altri minori Cancellieri. Il Gran Tesoriero,
ovvero Gran Camerario, capo della Camera de' Conti, ed Ufficial supremo
delle Finanze; ed il Gran Siniscalco, ovvero Giudice della Casa del Re,
poichè ebbe il governamento della medesima.

Tutti questi Ufficj erano chiamati della Corona, ovvero del Regno,
perchè non riguardano il servigio della persona del Re, ma del Regno:
e Ruggiero stabilito ch'ebbe il suo, ve gl'introdusse insieme con gli
altri Ufficiali minori subordinati a' medesimi. Prima, queste nostre
province non gli conobbero, e le loro funzioni venivano esercitate
sotto altro nome da diversi altri Ufficiali: e se ben sotto i Goti
se ne fosse avuta qualche conoscenza, avendocene Cassiodoro lasciata
qualche notizia, onde è da credersi, che i Franzesi dai Goti gli
apprendessero; nulladimanco essendo stati questi discacciati da'
Greci, ed i Greci da' Longobardi, si vede che nè gli uni, nè gli altri
in tutto il tempo, che dominarono queste Province, l'usarono[580]. I
Greci le governarono per Straticò e Catapani; onde è, che oggi ancora
presso di noi sia rimasto qualche vestigio di questi Ufficiali. In
Salerno ancor si ritiene il nome di Straticò, come in Messina. In
Puglia i Catapani furono assai rinomati; onde è che per questo nome di
Magistrato ritenga oggi il nome di Capitanata una provincia del Regno.
Ebbero ancora i Greci altri Ufficiali, come i Maestri de' Cavalieri,
per li quali lungamente ressero il Ducato di Napoli. Ebbero i Patrizj,
i Protospata, ed altri moltissimi; nè mai usarono i soprannomati.
Solamente è chi dice, che l'Ufficio di Protonotario fosse d'origine
greco, ma di ciò ne parleremo al suo luogo.

I Longobardi certamente non gli conobbero; essi prima divisero
i Governi in Castaldati, a ciascuno preponendo un Castaldo per
reggerlo, al quale s'appartenevan così le cose della guerra, come
della giustizia. Da poi crearono i Conti, che nella loro origine non
erano più che Ufficiali, e non Signori; ciascuno avendo il governo
del Contado a se commesso sin tanto che poi col correre degli anni
cominciassero a mutargli, e da Ufficj, ridurgli in Feudi e Signorie,
come altre volte abbiamo osservato.

Furono adunque i Normanni, e sopra tutti il famoso Ruggiero, che avendo
ridotti i suoi dominj in un ampio e potente Reame, era di dovere che
vi introducesse questi Ufficj, che in altri Regni, e particolarmente
in quello di Francia, erano riputati proprj della Corona regale, e
come tanti lumi, che facessero maggiormente risplendere il suo regal
diadema.


§. I. _Del Gran Contestabile._

Quello che meritamente, e secondo il comun sentimento degli Scrittori
s'innalza sopra tutti gli altri, e tiene il primo luogo, è il Gran
Contestabile. Nella sua origine, appresso i Franzesi era chiamato il
Gran Scudiero del Re, e perciò da Aimone[581] viene appellato _Regalium
Praepositus Equorum_, come parimente l'attesta il suo nome latino Comes
_stabuli_, molto frequente negli antichi libri, di cui Caronda[582]
riferisce molti be' passi, e sostiene Loyseau[583] contro l'opinion
d'alcuni moderni, e spezialmente di Cujacio[584], ch'è di contrario
sentimento.

Ha due grandi prerogative: l'una, egli è custode della spada del
Re, poichè quando vien promosso a sì sublime dignità, il Re gli dà
tutta nuda la sua spada nelle mani, per la quale egli all'incontro
in quell'istante gli dà la fede ed omaggio, come appunto si narra
dell'Imperador Trajano, il quale dando la sua spada nuda a Sura Licinio
Prefetto Pretorio, gli disse queste memorabili parole: _Accipe hunc
ensem, ut si quidem recte Reip. imperavero, pro me, sin autem secus,
in me utaris_. Perciò l'insegna di questa dignità è la spada nuda;
siccome il nostro Torquato seppe ben esprimere nella persona del Gran
Contestabile d'Egitto, collocandolo perciò in quella rassegna alla
destra del Re, appartenendo a lui il primo luogo sopra tutti gli altri
Ufficiali della Corona, e dandogli la spada nuda per sua insegna.

    .... _alza il più degno_
    _La nuda spada del rigor ministra_.

L'altra prerogativa è, che negli eserciti egli ha il comando sopra
tutte le persone, anche sopra i Principi del sangue: dispone gli
alloggiamenti, istruisce le squadre, distribuisce le sentinelle: sono
a lui subordinati i Marescialli, e tutti gli altri Ufficiali minori:
in breve ha il supremo comando negli eserciti mentre sono in campagna,
onde di quest'altra prerogativa parlando il Tasso cantò:

    _Ma Prence degl'eserciti, e con piena_
    _Possanza è l'altro ordinator di pena._

Ma tutta questa sua autorità ed alto imperio potea esercitarlo negli
eserciti in campagna, non già nelle Piazze, nè sopra i Governadori
delle province; onde mal fanno coloro, che vogliono far paragone de'
Gran Contestabili co' presenti nostri Vicerè, li quali non solo hanno
il comando degli eserciti in campagna, ma anche in tutte le Piazze,
sopra tutti i Governadori delle province, così in terra, come in mare,
e sopra tutti gli altri Ufficiali della Corona. Egli è però vero che
presso i Vicerè risiedono le prerogative del Gran Contestabile; poichè
le cose di guerra a lui s'appartengono, ed egli dispone gli eserciti in
campagna, a cui ubbidiscono tutti gli altri Generali e Marescialli; ma
quando il Vicerè sia assente dal Regno, nè fosser altri dal Re deputati
a quest'impiego, potrebbe ne' casi repentini e quando la necessità
lo portasse, il Gran Contestabile servirsi della sua giurisdizione, e
riassumere ciò, che prima era della sua incumbenza, come dice Marino
Freccia[585].

Il primo Contestabile, che tra le memorie antiche abbiamo nel Regno di
Ruggiero, fu Roberto di Bassavilla Conte di Conversano[586]. Questi
fu figliuolo di un altro Roberto parimente Conte di Conversano,
e di Giuditta sorella di Ruggiero: fu adoperato da Ruggiero nelle
imprese più ardue, e meritò per la disciplina militare, nella quale
era molto versato, da questo Principe esser innalzato a sì sublime
dignità. Nel Regno di Guglielmo I si rese più rinomato, e da questo
Principe fu investito del Contado di Loritello; ma da poi essendosi
da lui ribellato, gli pose sottosopra il Regno insieme con altri
Baroni, onde Guglielmo toltagli questa dignità, la diede a Simone
Conte di Policastro suo cugino, che fu il secondo Contestabile, di
cui ci sarà data occasione di più lungamente ragionare nel Regno di
Guglielmo; e ne' tempi di Guglielmo II fu Contestabile Roberto Conte di
Caserta[587].

Merita riflessione che questi Contestabili, siccome tutti gli altri
supremi Ufficiali, che prima si dissero Maestri Contestabili, e poi
_Magni_ Contestabili, erano comuni così a queste nostre Province, come
alla Sicilia, insino che questa isola fosse stata dagli Aragonesi tolta
agli Angioini; e se bene solevano a questa dignità innalzare i nostri
Baroni, come quelli che per ampiezza di dominj e Contadi, e per le
parentele che aveano co' Principi stessi, i quali non si sdegnavano
allora imparentarsi con loro, facevano la principal figura sopra tutti
gli altri Baroni di quell'isola; e spesso solevano risedere ne' loro
Stati; nulladimeno avendo i Re normanni fermata la loro sede regia
in Palermo, solevano regolarmente in questa Corte appresso la persona
del Re risiedere, dal quale erano impiegati ne' più rilevanti affari
della Corona. Perciò non bisogna confondergli co' minori Contestabili,
i quali erano mandati ad una particolar provincia, ed a' quali o
era commesso il governo di qualche città, o gli era dato il comando
d'alcuni reggimenti o di fanteria o di cavalleria; poichè se bene
questi erano pure chiamati Contestabili, il loro posto però era molto
diverso, e di gran lunga inferiore a' grandi e primi Contestabili, i
quali perciò erano chiamati Regni Comestabuli. Così nella Cronaca di
Not. Riccardo di S. Germano scritta ne' tempi di Federico II leggiamo,
che Filippo di Citero, _erat Comestabulus Capuae_. E ne' tempi
posteriori si leggono molte carte rapportate dal Tutini[588], nelle
quali la Contestabilia era ristretta al governo d'una città sola, e
ad una particolare incumbenza: così spesso s'incontra nelle scritture
del regio Archivio della Zecca: _Henricus Comestabulus Foggiae_: ed in
alcuni istromenti del medesimo Archivio, pur si legge _Franciscus Garis
Comestabulus vigintiquatuor Balestrarum_; ed altrove: _Franciscus de
Diano Comestabulus Peditum_.

Così ancora venivano chiamati _Comestabuli Regii Hospitii_ i Mastri
di stalla della Casa reale. E parimente li Capitani delle milizie,
ch'erano in ciascheduna Provincia del Regno, che oggi si dicono
Capitani del Battaglione, erano ancora Contestabili nomati. Osserviamo
perciò Pietro della Marra Contestabile di Terra di Lavoro; Guglielmo
Ponciaco Contestabile in Basilicata; Mattia Gesualdo Contestabile
nel Principato, Gualtiedi del Ponte Contestabile in Capitanata,
Adamo Morerio Contestabile in Terra d'Otranto, e Gentile di Sangro
Contestabile nell'Apruzzi.

Nel Regno degli Angioini quest'Ufficio non perdè niente del suo antico
splendore; anzi, come scrisse Marino Freccia, Carlo I d'Angiò soleva
concederlo colle medesime prerogative, ed all'istesso modo del Regno di
Francia, ordinando che in quella guisa appunto dovesse esercitarsi nel
suo Regno di Sicilia. E Carlo II suo successore stabilì molti Capitoli
attenenti a' Gran Contestabili, rapportati dal Tutino, a' quali
sottopose tutti i Marescialli del suo Regno. Ma ora quest'Ufficio,
per le cagioni, che si diranno nel progresso di quest'Istoria, è
a noi rimaso sol a titolo d'onore e senza funzione, essendo la sua
autorità passata in gran parte nella persona del Vicerè; e solo i
Gran Contestabili ritengono la precedenza nel sedere in occasion
di Parlamenti, e nell'altre pubbliche celebrità, con molte altre
preminenze, come il vestirsi di porpora e d'armellini con berrettino;
ed ultimamente ancorchè gli fossero stati lasciati questi onori, se gli
è pure levato il soldo, che prima godevano.


§. II. _Del Grand'Ammiraglio._

Dovrebbe occupar il secondo luogo tra' Ufficj della Corona quello del
Gran Cancelliere, siccome s'usa presso i Franzesi; ovvero quello di
Gran Giustiziero siccome ora si osserva presso di noi; ma due ragioni
mi spingono dopo il Gran Contestabile a favellare del Grand'Ammiraglio:
l'una per la grande uniformità che egli tiene col Gran Contestabile;
poichè avendo ambedue la soprantendenza della guerra, il primo sopra
gli eserciti in campagna, e questo secondo sopra l'armate di mare,
mi muove, innanzi che si faccia passaggio agli Ufficiali di pace ed a
quelli di giustizia, a dover del Grand'Ammiraglio ragionare: l'altra
più potente si è il vedere, che a' tempi di questi Re normanni, ne'
quali siamo, fu la dignità del Grande Ammiraglio riputata assai più
di quella del Gran Cancelliere, e di qualunque altro Ufficiale di
giustizia; perchè essendo questi Re potenti in mare cotanto che per le
loro armate si resero gloriosi e tremendi per tutto Oriente, portando
le loro vittoriose insegne insino alle porte di Costantinopoli, e
nell'Affrica fecero maravigliosi acquisti; il loro imperio sopra il
mare era più ampio e considerabile, che quello di terra; onde avvenne,
che ne' tempi di Ruggiero, e dei due Guglielmi suoi successori, l'esser
Grand'Ammiraglio del Regno di Sicilia, era il più alto grado, nel quale
alcuno potesse mai essere innalzato. In fatti vediamo che il famoso
Majone di Bari, che a' tempi di Ruggiero era Gran Cancelliere, entrato
da poi in somma grazia del Re Guglielmo, fu da costui, per dargli un
saggio della grande stima, che faceva della sua persona, innalzato
ad esser Grand'Ammiraglio; ed Ugone Falcando, narrando lo stato della
Corte nei principj del Regno di Guglielmo II, nel qual tempo reggeva
l'ufficio di Gran Cancelliere l'Eletto di Siracusa, e quello di Gran
Camerario del palazzo Riccardo Mandra, dice che _Matthaeus Notarius cum
sciret Admiratum se non posse fieri, ob multam ejus nominis invidiam,
Cancellariatum totis nisibus appetebat_.

Se riguardiamo l'impiego e le funzioni di questo Ufficio, non è da
porsi in dubbio, che non fosse antichissimo, conosciuto da' Romani,
e più dalle regioni d'Oriente bagnate dal mare; poichè presso Livio
abbiamo i Prefetti delle classi marittime, e nell'antica Gallia presso
Cesare spesso s'incontrano i Prefetti marittimi, fra quali sopra
tutti si distinse Bibulo. Ma il suo nome certamente non lo ritroveremo
presso i Romani; ed io acconsento all'opinione di coloro, che stimano
questa voce essere non già provenzale, come credette l'Alunno[589],
ma saracena; come ben pruovano da molti passi dell'Istoria del
Fazzello[590], Pietro Vincenti[591] ed il Tutini[592]. Ed in vero i
Saraceni furono molto potenti in mare, ond'è che nell'istorie loro
spesso s'incontrano questi nomi d'Ammiragli, poich'ingombrando essi
l'Oriente, e gran parte dell'Occidente, come la Spagna, l'Affrica e la
Sicilia, luoghi nella maggior loro estensione bagnati dal mare, ebbero
perciò molti Generali di mare, da essi Ammiragli chiamati.

Gli conobbero ancora i Greci e gli ultimi Imperadori d'Oriente, i
quali per opporsi agli sforzi dei Saraceni bisognò, che si provedessero
d'armate marittime essi ancora, e non è fuor di ragione il credere che
in queste nostre province gli avessero i Greci prima introdotti, poichè
non essendogli negli ultimi tempi rimaso altro, che molte città nella
riviera del mare, come quelle della Calabria, e parte della Lucania,
Amalfi, Napoli e Gaeta, tutti luoghi marittimi bisognò provedersi
d'armate per conservargli da' Saraceni, i quali siccome avevan loro
tolta la Sicilia, così passavano pericolo quest'altre città ancora di
qua del Faro di correre la stessa fortuna. In fatti osserviamo, che gli
Amalfitani si resero potenti in mare, e nell'arte nautica espertissimi,
tanto che i Greci gli ebbero per valido presidio, ed in essi per
le cose marittime fondavano le maggiori speranze; e come altrove
fu avvertito, s'avanzarono tanto in questo mestiere, che oltre alle
frequenti navigazioni per tutte le parti orientali, furono riputati
arbitri delle controversie marittime; e siccome a' tempi de' Romani,
i Rodiani si lasciarono in dietro tutte le altre Nazioni, tanto che
le leggi Rodie erano la norma di tutti i Popoli dell'Imperio, per le
quali le liti insorte su la nautica venivan decise; così presso di noi,
tutte le liti, e tutte le controversie surte intorno alla navigazione,
si decidevano secondo le leggi, ed instituti degli Amalfitani; e Marino
Freccia[593] attesta, che insino a' suoi tempi questi litigi venivan
terminati secondo le leggi amalfitane. Quindi avvenne, che per essere
gli Amalfitani tutti dediti alla navigazione, ed esperti nella nautica,
riuscì finalmente a Flavio Gisia Amalfitano, ne' tempi di Carlo II
d'Angiò, uomo sagacissimo, di rinvenire la Bussola tanto necessaria per
le navigazioni.

Ma avendo ora i Normanni discacciati dalla Sicilia i Saraceni, e da
questi nostri luoghi i Greci, per potergli difendere dall'invasione
così degli uni, come degli altri, bisognò che parimente si
fortificassero in mare. E quanto in ciò i Normanni s'avanzassero, e
precisamente a tempo del famoso Ruggiero, e de' due Guglielmi, ben
è chiaro dall'istoria de' Regni loro. Per questa ragione l'Ufficio
di Grand'Ammiraglio a questi tempi fu reputato il più rinomato ed
illustre; onde avvenne, ch'essendo il numero delle loro armate ben
grande, e perciò convenendo tener più Ammiragli, il primo, e capo sopra
di tutti, si fosse appellato _Ammiraglio degli Ammiragli_.

Avea egli perciò le più insigni prerogative, che mai possono
immaginarsi intorno all'Imperio del mare: egli comandava sopra mare in
pace ed in guerra: era sua incumbenza la costruzione de' vascelli e
delle navi del Re, reparargli e disporgli per mantener il commercio:
tener li Porti in sicurezza in tutta l'estensione del Reame, e
conservare i lati marittimi sotto l'ubbidienza del Re; ed erano a lui
subordinati tutti gli altri Ammiragli delle province e de' porti, i
Protontini, i Calefati, i Comiti, i Carpentieri, e tutti gli altri
minori Ufficiali marittimi[594].

Presentemente il nostro Grand'Ammiraglio ritiene la giurisdizione così
civile, come criminale sopra tutti gli Ufficiali a lui subordinati, e
sopra tutti coloro, che vivono dell'arte marinaresca[595]: tiene perciò
un particolar Tribunale, ove i Giudici creati dal Grande Ammiraglio
amministrano giustizia a tutti coloro che sono ad essi subordinati, ed
ha leggi particolari stabilite sulla nautica, onde le liti si decidono:
tanto che siccome per li Feudi è surto un nuovo corpo di leggi feudali,
così ancora per la nautica, un nuovo corpo di leggi nautiche abbiamo,
del quale qui a poco farem parola. Ritiene ancora presso di noi per
sua insegna il fanale, siccome anticamente avea il Grande Ammiraglio
di Francia, il quale ora non più il fanale, ma l'Ancora ha per
insegna[596]. Ha purpurea veste, e ne' Parlamenti siede alla parte
destra del Re, dopo, ed al lato del Gran Contestabile.

Il primo, che s'incontra nel Regno di Ruggiero, fu Giorgio antiocheno:
fu costui da Ruggiero per la sua eminente virtù, ed esperienza nelle
cose marittime chiamato fin da Antiochia, e fu da questo Principe
creato Grand'Ammiraglio, del cui consiglio e prudenza valevasi
Ruggiero, così nell'imprese di mare, come di terra[597], avendo avuto
per costume questo glorioso Principe di chiamare a se da diverse
regioni del Mondo uomini esperti, non meno nell'armi, che nelle
lettere. Riportò Ruggiero per quest'invitto Capitano molte vittorie
in Grecia, portando le sue vittoriose insegne insino alla porta di
Costantinopoli. Liberò Lodovico Re di Francia, che mentre ritornava
dalla Palestina fu da' Greci preso per presentarlo all'Imperador di
Costantinopoli, poichè incontrandosi colle navi de' Greci le combattè
e vinse, e liberò tosto il Re franzese, il quale da Ruggiero fu con
molto onor ricevuto in Sicilia, donde poscia in Francia fece ritorno.
Egli fu il primo che nelle scritture pubbliche si sottoscrivesse:
_Georgius Admiratorum Admiratus_, come dalla carta, che porta il
Tutini; perciocchè secondo il numero delle armate, convenendo tener più
Ammiragli in diverse parti del Regno, il primo meritamente s'appellava
Ammiraglio degli Ammiragli.

Il secondo, che abbiamo pure nel Regno di questo Principe, fu l'Eunuco
Filippo, il quale non altrimenti di ciò che Claudiano narra d'Eutropio,
che da Eunuco fu innalzato ad esser Console, così egli da Ruggiero
fu creato Grand'Ammiraglio. Costui, come narra Romualdo Arcivescovo
di Salerno[598], fu dalla sua giovanezza allevato nella casa reale di
Ruggiero; era di costumi non dissimili da quelli d'Eutropio, e covrendo
il vizio sotto il manto di virtù, s'avanzò tanto nella benevolenza del
Re, che fu riputato degno di esser innalzato all'onore di Maestro del
Palazzo reale; da poi il Re dovendo in Turchia far l'impresa di Bonna,
trascelse Filippo al maneggio di quella guerra, e nell'anno 1149 lo
creò Grand'Ammiraglio, il quale postosi alla testa d'una grossa armata
di vascelli prese la città, e carico di molte prede, se ne ritornò
trionfante in Sicilia, ove per lungo tempo fece dimora; ma vedutosi da
poi in tanta grandezza, mal potendo coprire la sua occulta religion
saracinesca, che fin ora avea celata sotto il manto della cristiana,
si scovrì poi, ch'egli odiava in estremo i Cristiani, ed oltremodo
amava gli Ebrei ed i Maomettani, mandando sovente messi e doni in
Lamecca al sepolcro dell'impostore Maometto. Ruggiero avendo scoperte
queste scelleraggini e dubitando, che se con memorando esempio non si
correggesse la malvagità di costui era da temere, che non ripullulasse
la religion saracinesca in quell'isola, dalla quale con tanto studio e
fatiche avea proccurato cacciarne i perfidi Saraceni: fece prender di
lui aspro e severo castigo; poichè fatto subito convocare i Sapienti
e i Baroni del suo Consiglio, fu da costoro condennato alla pena del
fuoco ed avanti il Palazzo regio fu al cospetto di tutti fatto buttare
ad ardere nelle fiamme.

Successe da poi nel Regno di Guglielmo a questa carica di
Grand'Ammiraglio il famoso Maione di Bari, i cui fatti per ciò che
concerne all'istituto di quest'Istoria saranno ben ampio soggetto del
libro seguente. Costui innalzato da Guglielmo a' primi onori del Regno
esercitava il posto di Grand'Ammiraglio con maggior fasto e con una
totale independenza. Ancora egli, per essere eziandio così chiamato dal
Re, si firmava: _Majo Admiratus Admiratorum_; avendo sopra tutti gli
altri Ammiragli del Regno la suprema autorità ed il sovrano comando.

Nel che dovrà avvertirsi, siccome altre volte fu detto, che ne' tempi
de' Normanni e Svevi, insino che questo Regno fu diviso da quello di
Sicilia, quando passò sotto la dominazione degli Aragonesi per quel
famoso vespro Siciliano, uno era il Grand'Ammiraglio, che avea la
soprantendenza sopra tutti gli altri Ammiragli delle province così
dell'uno, come dell'altro Reame; a differenza del Regno di Francia,
nel quale da poi che quella Monarchia ebbe acquistata la Provenza,
fu diviso in quattro: poich'era uno Ammiraglio in Guienna; l'altro
in Brettagna; il terzo in Provenza, il qual sebene non avesse nome
d'Ammiraglio, ma di Generale delle Galere, com'è ora quello di
Napoli, nulladimeno avea l'istessa potenza degli Ammiragli, dimodochè
all'antico Ammiraglio non rimase se non il suo antico lato di Normannia
e Piccardia col titolo d'Ammiraglio di Francia indefinitamente[599].
Non così nel Regno di Sicilia, ove uno era il Grand'Ammiraglio e
teneva sotto di se tutti gli altri Ammiragli, detto perciò _Admiratus
Admiratorum_, poichè nelle altre parti del Regno di qua e di là del
Faro, non solamente le province, ma anche le città aveano i loro
particolari Ammiragli, subordinati tutti al primo e Grande Ammiraglio.
In fatti in queste nostre province erano molti Ammiragli in un tempo
istesso, siccome ce ne accerta la Cronaca Cassinense[600], ove di
alcuni di essi sovente accade farsi memoria; e quasi in tutte le città
marittime vi risiedeva un Ammiraglio per ciascheduna e questi per lo
passato eran creati dal Re, ed aveano cura de' legni e de' vascelli
regi. E ne' tempi posteriori de' Re angioini, venivano chiamati
Protontini, i quali amministravan giustizia a tutti coloro che viveano
dell'arte marinaresca, che risiedevano in quelle città e riviere.
Così il Tutino rapporta molte carte, nelle quali molti vengono nomati
Ammiragli di diverse città di mare, come Landulfo Calenda Ammiraglio
di Salerno, Lisolo Sersale Ammiraglio, ed altri moltissimi. In questa
maniera avendo i nostri Re normanni, non meno per terra, che per mare
proccurato stabilire il loro Imperio, ed avendo perciò istituito vari
Ufficiali, a' quali il governo e la sicurezza del mare, de' porti, del
commercio, delle navigazioni, e de' traffichi era commesso proccurarono
perciò stabilire ancora molte leggi, dalle quali in decorso di tempo,
surse, non altrimenti che si fece de' Feudi, un nuovo corpo di leggi
Nautiche appellate; e che col correr degli anni, siccome abbiam
veduto, dopo il Jus comune feudale, sorgere una nuova ragione feudale
non comune, ma speziale per questo nostro Reame: così ancora per la
nautica, oltre il Jus comune, una nuova ragion particolare per queste
nostre province.


_Delle leggi navali._

Le leggi appartenenti alla Nautica presso i Romani non erano altre,
se non quelle, che da' Rodiani appresero: perciò la legge Rodia fu
cotanto rinomata, e n'andò cotanto chiara e luminosa in tutto quel
vasto Imperio, che gl'Imperadori Tiberio, Adriano, Antonino, Pertinace
e Lucio Settimio Severo stabilirono molte leggi approvandole, e dando
loro forza e vigore per tutto l'Imperio; onde ne surse il _Jus Navale
Rodiano_, tratto dall'undecimo libro de' Digesti[601], il quale dalla
Biblioteca di Francesco Piteo, dove lungo tempo giacque sepolto,
fu finalmente pubblicato al Mondo. Ma da poi avendo gl'Imperadori
d'Oriente, in Costantinopoli, città per tre suoi lati bagnata dal
mare, fermata la loro sede, e le maggiori loro forze collocate nelle
armate navali, attesero molto più per mezzo di queste, che d'eserciti
terrestri a conservare i loro dominj e le ragioni di quel cadente
Imperio, le quali circondate nella maggior loro estensione dal mare,
più dall'armate, che dagli eserciti potevano tenersi in sicurezza;
perciò di questi ultimi Imperadori d'Oriente abbiamo più leggi
attinenti alla nautica ed al commercio del mare, ed alla sicurezza
de' porti, e delle navigazioni, le quali furono raccolte parte da
Leunclavio, e da Pietro Peckio, e parte ultimamente dall'incomparabile
Arnoldo Vinnio, il quale ebbe la cura d'impiegare gli alti suol talenti
anche intorno a queste leggi, e sopra l'opera del Peckio aggiungere le
sue osservazioni.

Ma queste leggi degl'Imperadori d'Oriente patirono in queste nostre
regioni quel medesimo infortunio, che tutte l'altre loro compilazioni.
Presso di noi la Tavola Amalfitana, come dice Marino Freccia[602]
era quella donde s'apprendevano le leggi attinenti alla nautica; nè è
inverisimile, che gli Amalfitani per le spesse navigazioni e continuo
traffico, che aveano cogli Orientali, dalle leggi di quegl'Imperadori,
e più dalla lunga esperienza, e da' pericoli sofferti in mare,
l'apprendessero. E poichè ne' medesimi tempi i Catalani, gli Aragonesi,
i Pisani, i Genovesi ed i Veneziani parimente s'erano renduti
potenti in mare e celebri, non altrimenti che gli Amalfitani, per le
navigazioni nelle parti orientali ed altrove, ne nacque perciò un nuovo
corpo di statuti e costumanze, che ora ristretto in un picciol volume,
va attorno sotto nome di _Consolato del Mare_, donde i Naviganti
prendon la norma per terminare le lor contese, il che producendo
buon effetto ne' sudditi, da ciascun Principe vien approvato; ed
i regolamenti in quello stabiliti, come loro particolari statuti e
costumanze vengono inviolabilmente osservati.

Questi Capitoli, onde si compone il _Consolato del Mare_, furono
approvati da' Romani, da' Pisani, dal Re Luigi di Francia, dal Conte
di Tolosa, e da molti altri Principi e Signori; ed i Re d'Aragona,
ed i Conti di Barzellona ve ne aggiunsero degli altri; ed Arnoldo
Vinnio non s'allontana dall'opinione di coloro, che narrano questa
compilazione essersi fatta a' tempi di S. Lodovico Re di Francia. Fu
data poi alle stampe in Venezia da Giovambatista Pedrezano, il quale
intitolò questa Raccolta: _Il libro del Consolato de' Marinari_, e lo
dedicò a M. Tomaso Zarmora Console allora in Venezia per l'Imperadore
Carlo V; fu da poi nell'anno 1567 ristampato in Venezia stessa, ed è
quello, che ora va attorno per le mani d'ognuno; e che nel Tribunale
del Grand'Ammiraglio del nostro Regno ha tutta l'autorità e 'l vigore.

Ma i nostri Principi di ciò non soddisfatti, vollero per questo Regno
stabilire sopra gli affari marittimi, particolari leggi. L'Imperador
Federico II, oltre di quelle che furono inserite nel Codice[603],
stabilì molti Capitoli attinenti all'Ufficio dell'Ammiraglio, ne' quali
si prescrive al medesimo ciò che deve esser della sua incumbenza,
quello che se gli appartiene, e sin dove s'estende l'autorità sua.
Ne' tempi de' Re angioini furono aggiunti a' medesimi molti altri
Capitoli, per li quali fu in nuovo modo prescritta la sua autorità,
come si osserva in quelli stabiliti da Carlo II d'Angiò a Filippo
Principe d'Acaja e di Taranto, suo figliuolo quartogenito, quando
lo creò Grand'Ammiraglio, che vengon trascritti dal Tutini. Da poi
i Re aragonesi accrebbero molte altre cose a' Capitoli de' loro
predecessori, che dovea osservar l'Ammiraglio, e molti ne aggiunse
Ferdinando I a Roberto S. Severino Conte di Marsico, quando nell'anno
1460 lo creò Ammiraglio, pur rapportati dal Tutino. Ed in tempo degli
Austriaci molte prammatiche si promulgarono attinenti a quest'Ufficio,
delle quali, quando ci tornerà occasione, non si tralascerà farne
memoria.

Tanta e tale era la dignità del Grand'Ammiraglio ne' secoli andati,
e cotanto era grande la sua incumbenza, che per regolarla vi fu uopo
di tanti provvedimenti finchè ne surse una nuova ragione, nautica
appellata. Ma sì sublime Ufficio nel nostro Regno sin da' tempi di
Marino Freccia cominciò a decadere dal suo splendore, e molto più
ne' tempi men a noi lontani, ed oggi appena serba qualche vestigia
della sua grandezza, ritenendo, oltre gli onori e preminenze, un
Tribunale a parte da se dipendente, e la giurisdizione sopra coloro
che vivono dell'arte marinaresca. Le cagioni di tal declinazione ben
s'intenderanno nel corso di questa Istoria, ove si conoscerà, che
sin a tanto, che i nostri Re furono potenti in mare, ed insino che i
Normanni, gli Svevi, e sopra tutti gli Angioni mantennero molte armate
navali, crebbe nel suo maggior splendore; ma da poi diminuite l'armate,
e passato il Regno sotto la dominazione degli Austriaci, essendosi
introdotta nuova forma e nuovo regolamento dipendente da quello di
Spagna, mancò tanta autorità, e passò in parte a' Generali delle galee,
sebbene non coll'istessa potenza e prerogative del Grand'Ammiraglio.


§. III. _Del Gran Cancelliero._

Non dovrà sembrar confuso e perturbato l'ordine che io tengo in
noverando gli Ufficj della Corona, e se, non serbando quello tenuto
dagli altri Scrittori, vengo a parlare, dopo il Grand'Ammiraglio, del
Gran Cancelliero. So che Marino Freccia diede a quest'Ufficio l'ultimo
luogo, se bene non si sappia per qual ragione il facesse, giacch'egli
medesimo ne' Parlamenti, e nell'altre funzioni pubbliche, gli dà il
sesto luogo, e lo fa precedere al Gran Siniscalco, il quale non siede
a lato, ma a' piedi del Re. Altri perciò lo collocano nel sesto luogo
dopo il Gran Protonotario; e così questi, come Freccia, danno il
secondo luogo al Gran Giustiziero dopo il Gran Contestabile.

Li Franzesi però dopo il Gran Contestabile, collocano il Gran
Cancelliero; ed io dico, che gli uni, e gli altri assai bene han fatto
di disporgli con questo ordine. Altro è il Gran Cancelliere di Francia,
altro fu il Gran Cancelliero di Sicilia a' tempi de' Normanni, ed
altro è, e pur troppo diverso il Gran Cancelliero del Regno di Napoli,
precisamente se si riguardano i tempi, ne' quali scrissero il Freccia,
e gli altri Autori, e più se avrem mira a' tempi nostri.

Hanno le dignità secondo il volere de' Principi, le loro declinazioni,
ed i loro innalzamenti: il Principe siccome è l'Oceano di tutte le
dignità, così è anche la lor regola e la lor norma; e siccome ben a
proposito disse Giorgio Codino[604] degli Ufficiali del Palazzo, egli
è lecito a' Principi innovare così le cose, come i nomi a lor modo, ed
innalzare ed abbassare secondo loro aggrada.

Il Cancelliero presso i Franzesi era l'istesso, che il Questore
presso i Romani nella maniera, che Simmaco[605], e Cassiodoro ce lo
descrissero: _Quaestor es, legum conditor, regalis consilii particeps,
justitiae arbiter_. Era per ciò il Capo della giustizia, come il
Contestabile Capo delle armi: Principe di tutti gli Ufficiali di pace;
Magistrato de' Magistrati, e fonte di tutte le dignità.

Perchè fosse chiamato Cancelliero, non è di tutti conforme il
sentimento. Il Vecchio Glossario dice, che fosse così detto, perchè
appartenendo a lui l'esaminare tutti i memoriali, che si danno al
Principe, avea potestà di segnare ciò che pareva a lui, che potesse
aver cammino, e di cancellare le importune dimande, dando di penna su
i memoriali con tirar linee sopra di quelli per lungo, e per traverso
a guisa di cancelli. Ma questa è una molto strana etimologia, che
dovesse prendere il Cancelliere il suo nome più tosto da ciò, ch'egli
disfà, che da quello, che fa. Meglio interpretarono Cassiodoro[606] e
Agatia[607], che lo derivarono a _Cancellis_; poichè dovendo questo
Ufficiale soprantendere alla spedizione di tutti i rescritti del
Principe, sentire tutti coloro, che gli presentavano i memoriali,
acciocchè non fosse premuto dal Popolo, ed all'incontro da tutti fosse
veduto, soleva stare fra Cancelli, siccome si praticava in Roma ed
in Francia; ond'è che Tertulliano soleva dire: _Cancellos non adoro,
subsellia non contundo_.

Tiene egli perciò per sua insegna il suggello del Re, onde appresso i
Franzesi è anche nomato Guardasigillo, poichè per le sue mani passano
tutti i privilegi, e tutte le spedizioni del Re ch'egli suggella;
dando titolo, ovvero lettere di provisione a tutti gli Ufficiali, le
quali può egli rifiutare, o differire come gli piace non suggellandole.
Quindi il nostro Torquato al Gran Cancelliere d'Egitto gli dà per sua
insegna il suggello:

    _L'altro ha il sigillo del suo Ufficio in segno._

Gode perciò molte insigni prerogative; ha la presidenza al Consiglio di
Stato negli affari civili del Regno, onde il Tasso soggiunge:

    _Custode un de' secreti, al Re ministra_
    _Opra civil ne' grandi affar del Regno._

Ha l'espedizion degli editti, e ogni altro comandamento del Re.
Ha la soprantendenza della giustizia, ed egli è il Giudice delle
differenze, che accadono sopra gli Ufficj ed Ufficiali, regolando le
lor precedenze, e distribuendo a ciascun Magistrato ciò ch'è della sua
incumbenza, perchè l'uno non attenti sopra l'altro.

Queste erano le grandi prerogative de' Cancellieri di Francia, donde
l'apprese Ruggiero, e del Regno di Sicilia a tempo de' Normanni.
Dignità pur troppo eminente, e che gareggiava quasi con quella de'
Principi stessi: onde meritamente era a costoro, dopo il Contestabile,
dato il secondo luogo.

Il primo Cancelliere, che s'incontra nel Regno di Ruggiero fu Guarino
Canzolino molto celebre presso Pietro Diacono nella Giunta alla Cronaca
Cassinense[608]: di costui Ruggiero valevasi ne' più gravi affari
della Corona, e gli diede la soprantendenza, ed il supremo comando
di queste nostre province. Narrasi, che Guarino per lo sospetto, che
avea de' Monaci Cassinensi che non s'unissero al partito di Lotario,
erasi finalmente risoluto, fattisi venire da Benevento, dalla Puglia,
dalla Calabria e da Basilicata molti soldati, ed alcune macchine di
guerra, di espugnare Monte Cassino; ma che non guari da poi infermatosi
in Salerno, giunto all'estremo di sua vita, mentr'era per uscirgli
l'anima dal corpo, gli fossero uscite di bocca gridando queste
parole: _Ahi Benedetto e Mauro perchè m'uccidete_? onde narra Pietro
Diacono[609], che nel medesimo tempo Crescenzio Romano Monaco di quel
monastero per non esser riputato meno degli altri, tutto sbigottito
e tremante dicesse a' suoi Monaci, ch'avea avuta visione, nella quale
gli apparve uno spaventevole lago tutto di fuoco, le cui orribili onde
s'innalzavano sino al Cielo; e per esse vedea ravvolgersi l'anima
del Gran Cancelliere: che eragli sembrato parimente di vedere due
Frati alla riva del lago, e dal più vecchio di loro esser dimandato
se sapea chi fosse colui, che vedea così dall'onde travagliato, e
rispondendo egli del no, gli fu dal medesimo manifestato esser l'anima
di Guarino, ch'era condennata a sì fatta pena per aver travagliato i
Monaci di Monte Cassino, il quale richiesto chi egli si fosse, rispose
ch'era Frate Benedetto; ed in questo destossi Crescenzio, e la vision
disparve.

L'altro Cancelliere, che ne' tempi di Ruggiero esercitò quest'Ufficio,
fu Roberto, di legnaggio inglese[610]. Ruggiero, come altre volte
fu notato, nel governo de' suoi Reami si servì sempre di Ministri di
molta dottrina e prudenza, facendogli venire anche da remote parti;
e siccome innalzò ad esser Grand'Ammiraglio Giorgio d'Antiochia, così
anche sin da Inghilterra chiamò questo famoso Roberto, che oltre averlo
impiegato agli affari più rilevanti della sua Corona, e di commettere
a lui la difesa di Salerno, quando da Lotario, dal Principe di Capua
e da' Pisani fu assediata, gli commise ancora il governo della Puglia
e della Calabria; e fu cotanto luminosa la fama della sua saviezza ed
integrità, che Giovanni Saresberiense Vescovo dei Carnuti[611], narra
di lui un avvenimento da non tralasciarsi in quest'Istoria. Governando
questo Gran Cancelliero la Puglia e la Calabria, avvenne che per
morte del suo Prelato vacasse la Chiesa di Avellino. Nell'elezione
del successore, era di mestieri ricercarsi la volontà e l'assenso del
Re, siccome costumavasi in tutte le Chiese cattedrali: Roberto che
in nome del Re dovea darlo, ne fu ricercato istantemente da molti;
infra gli altri ebbe tre forti pretensori, un Abate, un Arcidiacono,
e un secolare della Casa del Re, che teneva un fratello Cherico, i
quali fecero con Roberto grandi impegni, e ciascun di essi gli promise
grossa somma di moneta se avesse fatto crear il Vescovo secondo il
suo intendimento: il Cancelliero volendo schernire la loro malvagità,
pattuì con tutti tre separatamente, dando loro ad intendere, che fatto
avrebbe quello che ciascun d'essi chiedea; ed avuti pegni e sicurtà de'
promessi pagamenti, venne il giorno stabilito alla elezion del Vescovo,
nel qual ragunato il Clero d'Avellino con molti Arcivescovi, Vescovi,
ed altri Prelati e persone di stima, raccontò Roberto la frode, che
coloro commetter voleano; ed avendogli come simoniaci fatti escludere
dalla prelatura per sentenza di tutti coloro che colà erano, e riscosso
in pena del lor fallo il danaro convenuto, si adoperò poscia, che fosse
eletto Vescovo un povero Frate di buona e santa vita, ma che punto a
ciò non badava, a cui diede l'assenso.

Il terzo Gran Cancelliero, che incontriamo nel Regno di Ruggiero si
fu il cotanto rinomato Giorgio Majone. Nacque costui in Bari d'assai
umile condizione, ma dotato dalla natura d'una maravigliosa facondia
ed accortezza, fece tanto, ch'essendo figliuolo d'un povero venditor
d'olio[612], ebbe modo d'esser posto in Corte nella real Cancelleria,
ove dal Re Ruggiero fu prima creato suo Notajo: da poi avendo occupati
altri minori ufficj della Cancelleria, fu fatto Vicecancelliero,
e finalmente innalzato ad esser suo Gran Cancelliero, e fu cotanto
caro a questo Principe, che finchè visse l'adoperò negli affari più
rilevanti del suo Regno; e morto Ruggiero, con raro esempio, per le
sue arti fu così caro a Guglielmo suo figliuolo, che oltre ad averlo
creato Grand'Ammiraglio, pose anche in sua mano tutto il governo del
Regno. Sotto i due Guglielmi tennero quest'Ufficio i primi personaggi
di que' tempi: tennelo l'Eletto di Siracusa, e da poi Stefano di Parzio
Arcivescovo di Palermo.

Cotanta in questi tempi era la grandezza e dignità di questo supremo
Ufficio così in Francia, come in Sicilia appresso i Normanni; nè
minori eran le sue preminenze nelle Corti d'altri Principi. Ma da poi
fu riputato savio consiglio de' Principi di togliergli tante e così
eminenti prerogative, con riunirle ad essi donde procederono; del
che n'abbiamo un ben chiaro ed illustre esempio nel Cancelliere della
Santa Sede di Roma. Ne' tempi antichi ebbe questa Sede un Cancelliere,
l'autorità del quale era sì grande, che gareggiava col Papa istesso:
veniva perciò occupato da' primi personaggi; e da questo posto
regolarmente si faceva passaggio al Ponteficato. Così Papa Gelasio
II porta l'epitafio composto da Pietro Pittaviense, avanti d'essere
Papa, _Archilevita fuit, et Cancellarius Urbis;_ e narrasi ancora, che
Alessandro II quando fu eletto Papa era Cancelliere della Sede Romana.

Ma da poi Bonifacio VIII vedendo l'autorità del Cancelliere in Roma in
tanta grandezza, sì che, come dicono molti Scrittori[613], _quasi de
pari cum Papa certabat_, abolì questo Ufficio di Cancelliere in Roma,
ed attribuendo la Cancelleria a se medesimo, vi stabilì solamente un
Vicecancelliere; onde è che in Roma questo Ufficio di Vicecancelliere
non riconosce altro per suo maggiore nella medesima sfera, poichè
il Cancellierato al Papa è attribuito; ed essendosi perciò prima
quest'Ufficio dato a coloro, che non erano Cardinali, si dissero sempre
Vicecancellieri; ma da poi essendosi tornato a darlo a' Cardinali,
ritenne ancora questo medesimo nome di Vicecancelliere, ancorchè fosse
estinto quello del Cancelliere; non altrimenti che chiamano Prodatario
e Vicedatario quel Cardinale che è Prefetto alla Datarìa del Papa,
quantunque non esercitasse le veci d'altro Ministro a se superiore;
poichè la Cancelleria e Datarìa fu al Papa attribuita.

Per questa medesima ragione solo nel _Sesto Decretale_ si fa
menzione del Vicecancelliere, come notò la Glossa[614], e Gomesio
sopra le regole della Cancelleria; se bene Onofrio Panvinio al libro
de' Pontefici dice, che dal tempo d'Onorio III non vi furono più
Cancellieri in Roma, ma solamente un Vicecancelliere.

Non altrimenti accadde nel nostro reame a questo supremo Ufficio di
Gran Cancelliere; poichè a tempo del Re Cattolico, e dell'Imperador
Carlo V la Cancelleria fu attribuita al Re[615], e fu eretto perciò un
nuovo Tribunale amministrato da' Reggenti detti perciò di Cancelleria,
i quali esercitano tutto ciò, che prima era dell'incumbenza del Gran
Cancelliere, perchè essi sottoscrivono i memoriali, che si danno al
Principe, essi pongono mano ai privilegi, essi hanno l'espedizione
degli editti, e de' comandamenti del Re. Essi sono li Giudici delle
differenze, che accadono tra gli Ufficiali, decidendo le precedenze,
e distribuendo a ciascun Magistrato ciò, ch'è della loro incumbenza;
presso di essi risiede la Cancelleria, e con essa i scrigni, i
registri, e tutto ciò che prima era presso il Gran Cancelliere: hanno
perciò un Secretario, e molti altri Ufficiali minori, che si dicono
perciò di Cancelleria, di che altrove, quando ci toccherà di trattare
di questo Tribunale, ragioneremo.

Quello, che oggi è nella Casa de' Principi d'Avellino, non è che un
Ufficio dipendente da questo, di cui ora trattiamo; poichè le sue
prerogative si ristringono solamente sopra il Collegio de' Dottori,
e le di lui funzioni non altre sono che di promovere al grado del
Dottorato, tener Collegio di Dottori a questo fine per esaminare i
Candidati, approvargli, riprovargli, e far altre cose a ciò attinenti;
poichè presso noi il dare il grado di Dottore non è dell'Università
degli Studj, ma del Principe, il quale ne ha delegata questa
sua potestà al Gran Cancelliere, e suo Collegio. Molti di questi
Cancellieri ebbe la Francia, come il Cancelliere dell'Università
di Parigi, ch'era anticamente un Ufficio di tale importanza, che
Bonifacio VIII per li grandi affari, ch'egli aveva in Francia se
l'appropriò a fin d'avere l'autorità particolare sopra quell'Università
principalmente verso i Teologi, i quali dal Cancelliere hanno i gradi,
la benedizione e commessione di predicare per tutto il Mondo; ma dopo
la morte di Bonifacio, l'Università di Parigi fece tutti gli sforzi per
riaver quest'Ufficio, tanto che da Benedetto XI suo successore le fu
renduto; onde per evitare per l'avvenire simile usurpazione, fu dato ad
una Canonia della Chiesa cattedrale di Parigi[616].

E per questa cagione Marino Freccia trattando di questi Ufficj, avendo
avanti gli occhi solamente ciò che si praticava a' suoi tempi, pose il
Gran Cancelliero nell'ultimo luogo, poichè il Gran Cancelliero d'oggi,
che vien reputato uno de' sette Ufficj del Regno, non è che un rivolo
di quel fonte: non esercita, che una delle molte prerogative, che prima
adornavano quella dignità essendosi oggi quasi ch'estinto, e attribuita
la Cancelleria al Re, che perciò per esercitarla vi eresse un nuovo
Tribunal supremo, detto di Cancelleria, amministrato, come s'è detto,
da' Reggenti.

Non è però da tralasciare, che in tempo dell'Imperadore Federico II
e del Re Carlo d'Angiò, ancorchè quest'Ufficio fosse molto decaduto
dall'antico suo splendore, riteneva però la giurisdizione sopra tutti
i Cherici del palazzo reale, e sopra tutti i Cappellani regj: di
che molto si maravigliava Marino Freccia[617], come un laico sopra
i Cherici potesse stender la sua giurisdizione, quando questi, e per
ragion divina, canonica ed imperiale sono da' laici esenti; onde per
togliere questa, che a lui sembrava stranezza, volle ricercarne le
cagioni. Disse che ciò era, perch'essendo questo Regno del patrimonio
di S. Pietro, bisognava credere, che i Re anche fossero stati investiti
dalla Sede Appostolica di questa prerogativa, e perciò si debbiano
reputare, come Ministri e Delegati della Sede Appostolica. Nè ciò
deve sembrar strano, e' dice, perchè i Re non devono considerarsi come
meri laici, poichè s'ungono, e prima erano anche Sacerdoti. E ciò non
bastandogli soggiunge, che Federico e Carlo ebbero specialmente tal
autorità dalla Sede Appostolica, acciocchè deputassero un Giudice
sopra tutti i Cherici della Casa regale; e che da poi parendo cosa
disdicevole, e non decorosa, che un laico come Delegato della Sede
Appostolica esercitasse giurisdizione sopra i Cherici, da Alfonso
I, si fosse destinato un de' suoi Cappellani per Giudice, il quale
esercitando giurisdizione sopra tutti gli altri Cappellani e Cherici
della cappella del Re, si fosse perciò detto Cappellano maggiore, e ciò
con licenza della Sede Appostolica; onde si fece che non fosse più del
Gran Cancelliere quest'incumbenza, ma del Cappellano maggiore.

Ma non dovea cotanto maravigliarsi Freccia, se a questi tempi il
Cappellan maggiore era subordinato al Gran Cancelliere, ed assistesse
alla sua Cancelleria; poichè in Francia, come rapporta Pietro di
Marca[618], praticavasi lo stesso nella linea de' Re carolingi; nel
qual tempo nel palazzo regale presedevano il Maestro del Palazzo
per le cose dell'Imperio, ed il Cappellano maggiore, detto ancora
Arcicappellano per le cose ecclesiastiche e del Sacerdozio, il quale,
come avverte Inemaro, _Vice Regis in consessu Episcoporum et Procerum
jus dicebat, nisi causae gravitas exigeret Regis praesentiam_. E non
già a tempo d'Alfonso I d'Aragona, ma molto tempo prima si vede essersi
distaccata questa preminenza dall'Ufficio di Gran Cancelliere; e fu
quando, avendo Carlo I d'Angiò collocata la sua Sede regia in Napoli,
fu destinato uno de' suoi Cappellani per Giudice, il quale esercitasse
giurisdizione independentemente dal Gran Cancelliere, sopra tutti gli
altri Cappellani e Cherici della Cappella regia onde prese il nome di
_Protocappellano regio_, ovvero di _Maestro della Cappella regia_,
e finalmente di _Cappellano maggiore_; del cui ufficio, siccome dei
simiglianti introdotti da Carlo I d'Angiò nella sua Casa regale di
Napoli, dovremo nel Regno suo favellare.

Così in decorso di tempo, passate le grandi e molte prerogative di
quest'Ufficiale nella Cancelleria del Re; passata ancora quest'altra
nel Cappellan maggiore con totale independenza; oggi non rimane altro
al Gran Cancelliero, che il conferir i gradi del Dottorato, in legge,
teologia, filosofia e medicina, e la soprantendenza nel Collegio
de' Dottori[619]. Ritiene bensì l'onere della porpora, di sedere
ne' Parlamenti, e nelle altre funzioni pubbliche ove interviene il
Re; ma nel sesto luogo, ed a man sinistra allato del Re dopo il Gran
Protonotario, e tra i sette Ufficiali del Regno vien anche annoverato.


§. IV. _Del Gran Giustiziero._

L'Ufficio del Gran Giustiziero se bene presso i Franzesi fosse
subordinato al Gran Cancelliere, ch'era il Magistrato de' Magistrati
e Capo di tutti gli Ufficiali di giustizia, e sotto il Regno di
Ruggiero la sua autorità non fosse cotanto ampia; nulladimeno avendo
Guglielmo suo successore istituito il Tribunal della Gran Corte, e da
poi Federico II, avendo stabilito per più Costituzioni che il Maestro
Giustiziero, che a quel Tribunale soprastava, fosse il Capo e supremo
sopra tutti gli altri Giustizieri delle province, si fece che questo
Ufficio non solo fosse riputato un de' maggiori e più grandi del Regno,
ma che occupasse il secondo luogo dopo il Gran Contestabile: per questa
cagione egli siede il primo alla sinistra del Re, veste di porpora, ed
ha per sua particolar insegna lo stendardo; di che presso noi è ancor
rimaso vestigio, poichè in congiuntura di doversi eseguire la condanna
di alcuno sentenziato a morte, si caccia questo stendardo fuori di un
balcone, in segno dell'autorità del Gran Giustiziero. E quanto più da
Federico II, fu innalzato il Tribunal della Gran Corte costituendolo
supremo e superiore nel Regno sopra tutti gli altri, ove dovessero
trattarsi non solamente le cause civili e criminali, ma anche le cause
feudali, delle Baronie, de' Contadi, de' Feudi quaternati, e di più
tutte le cause d'appellazioni; ed oltre a ciò non solo volle che si
riportassero per via d'appellazione quelle, che si erano agitate ne'
Tribunali degli altri Giustizieri delle province, ma anche le cause
delegate dal Re; avendo sottoposti alla sua giurisdizione tutti i Duchi
del Regno, i Principi e tutti gli altri Baroni; ed in oltre che potesse
conoscere anche de' delitti di Maestà lesa: tanto il Giustiziero, che
avea la soprantendenza di questo Gran Tribunale, crebbe sopra tutti
gli altri Ufficiali della Corona, e _Gran Giustiziero_ meritamente
appellossi; e Federico in una sua Costituzione[620] lo chiamò perciò
_luminare majus_, per lo splendore del quale si oscurano gli altri
minori, onde è che visitando egli le province, cessano gli altri
Giustizieri.

Nel che dovrà notarsi, che sin da questo tempo de' Re normanni si
cominciò quella divisione delle province, che oggi in gran parte ancor
riteniamo, le quali in questi tempi non aveano nome di province, ma di
Giustizierati preso da' Giustizieri, da' quali venivano governate[621];
non altrimenti che ne' tempi dei Longobardi, si dissero Castaldati da'
Castaldi, che ne aveano il governo. Infatti abbiamo, ne' tempi del
Re Guglielmo II, Tancredi Conte di Lecce Giustiziero della Puglia e
di Terra di Lavoro; il Conte Pietro Celano e Riccardo Fondano, essere
stati Giustizieri delle stesse province[622]. Così sovente ne' tempi
posteriori leggiamo ne' registri rapportati dal Tutino[623], che
mandandosi questi Giustizieri nelle province, si nominavano perciò
non _Magistri_ Giustizieri, o _Magni_ Giustizieri, a differenza del
Giustiziero del Regno, ma di quelle sole province delle quali aveano
avuto il governo. Così Giovanni Scotto si disse Giustiziere d'Apruzzo,
e Guglielmo Sanfelice Giustiziere di Terra di Lavoro, donde le province
presero queste denominazioni, e surse lo _Justiziariato_ di Calabria,
lo _Justiziariato_ di Puglia, di Terra di Lavoro ed altri, che oggi
province si chiamano; anzi in quest'istessi tempi de' Normanni e de'
Svevi ancora, sovente una provincia era governata da due Giustizieri,
siccome nei tempi di Guglielmo II nella provincia di Salerno vi erano
due Giustizieri, Luca Guarna e Filippo da Cammarota. E nell'anno 1197
abbiamo[624], che Roberto di Venosa e Giovanni di Frassineto furono
ambedue Giustizieri della terra di Bari. E nel 1225 Pietro d'Eboli e
Niccolò Cicala furono Giustizieri di Terra di Lavoro[625]. Il che da
poi da Federico II fu in miglior forma mutato e stabilito, che per
ciascuna provincia, fosse uno Giustiziero, il quale dovesse avere un
sol Giudice ed un Notaio d'atti, che oggi diciamo Mastrodatti, siccome
stabilì nella Costituzione _Occupatis_ al libro primo. Ciò che fu da
poi ritenuto dagli Angioini, li quali in ciascuna provincia mandavano
un solo Giustiziero, che oggi da noi Preside s'appella.

Chi fosse stato nel Regno di Ruggiero Maestro Giustiziero, non abbiamo,
che un sol riscontro nell'Archivio della Trinità di Venosa, in un
istromento rapportato dal Tutini, ove si legge che nell'anno 1140 fu
Giustiziero dei Re Errico Ollia. _Ego Henricus Ollia Dei gratia Regalis
Justitiarius_; ma ne' tempi de' due Guglielmi suoi successori, così
presso Romualdo Arcivescovo di Salerno, come nella Cronaca di Notar
Riccardo da S. Germano, se ne incontrano molti; come Roberto Conte di
Caserta, Ruggiero Conte di Andria e Luca Guarna, come diremo ne' Regni
di questi Principi; onde fassi chiaro l'error di coloro, che reputarono
questo Ufficio averlo introdotto nel Regno Federico II. Fu sì bene
da questo Imperadore in più sublimità e in miglior forma stabilito
per mezzo delle sue molte Costituzioni attinenti a quest'Ufficio, non
già che egli fosse stato il primo ad introdurlo, come dalle medesime
sue Costituzioni ciascuno potrà conoscer chiaramente. Altre leggi
furono da poi promulgate a' tempi degli Angioini intorno all'Ufficio
del Gran Giustiziero e molti Capitoli abbiamo sopra ciò di Carlo II,
che trattano della sua giurisdizione ed incumbenza; ma dovendo di
quest'Ufficiale trattare più ampiamente, quando del Tribunale della
Gran Corte della Vicaria farem parola, riserbiam perciò in quel luogo
di discorrere così del suo incremento, come della sua declinazione;
poichè essendosi in decorso di tempo sotto i Principi aragonesi ed
austriaci eretti altri Tribunali, siccome quello della Gran Corte
perdè sua antica autorità e dignità, così ancora il Gran Giustiziero
restò in gran parte spogliato del suo splendore e delle sue preminenze;
tanto che oggi è rimaso solo a titolo d'onore, nè ritiene altro se non
la precedenza sopra gli altri Ufficiali dopo il Gran Contestabile, di
cuoprirsi di porpora nelle funzioni e celebrità pubbliche, e di godere
quelli onori e preminenze che godono gli altri Ufficiali della Corona.


§. V. _Del Gran Camerario._

Ciò che nel Regno di Francia era chiamato il Gran Tesoriero, per la
soprantendenza, che teneva delle Finanze, presso di noi Gran Camerario
appellossi, essendo egli il Capo Ufficiale della Camera de' conti del
Re. Prima la sua incumbenza era di aver custodia della persona del
Re, dentro la sua Camera accomodare il suo letto, aver la cura e il
pensiero di provvedere il Re e i suoi figliuoli di abiti: disponere le
sentinelle per custodia della persona del Re nella sua Camera, ordinare
gli uscieri, distribuire le vesti per la famiglia del Re, e custodire
le gioie ed altri monili preziosi, l'oro, l'argento ed i panni di
lana o di seta. Ma la sua principal incumbenza era di ricevere tutto
il denaro, che si manda alla Camera del Re; soprantendere a tutti
gli altri Tesorieri del Regno, levargli ed in suo luogo sostituire
altri. Era ancora sua incumbenza di aver notizia di tutte le ragioni
appartenenti al regio Fisco, delle rendite, delle gabelle e di tutti
gli Ufficiali. Avea perciò giurisdizione sopra tutti li Tesorieri
e Commessari delle province, sopra tutti gli erari e Percettori
dell'entrate del Regno, e tenea conto del denaro del Re, che a lui
per qualunque cagione era da' Percettori inviato, i quali doveano a
lui render conto di tutte l'esazioni ed entrate. Quindi avvenne, che
siccome in Francia, essendo li Tesorieri dispersi in tutto il Regno, e
la loro carica divisa per le province, fu riputato necessario ergere
un Tribunale supremo e generale delle Finanze, dove si formasse lo
stato intiero di quelle, e se ne facesse il ripartimento a ciascuno
de' Tribunali particolari delle province, e dove finalmente tutto si
riportasse: così presso di noi surse perciò un nuovo Tribunale supremo
e generale delle Finanze, ove tutto si riportasse: Capo del quale
era il Gran Camerario, essendo egli il supremo sopra tutti gli altri
Ufficiali, che sono impiegati intorno alle cose fiscali, a' diritti
ed alle esazioni, rendite e gabelle del Re, come sono i Camerarj delle
province, i Portolani, i Secreti, i Doganieri, gli Erarj ed ogni altro,
da' quali egli riceve i conti; onde perciò fu appellato Capo ufficiale
della Camera de' conti, che ha molta simiglianza al _Comes sacrarum
largitionum_ presso i Romani; e siccome presso coloro più erano gli
_Quaestores pecuniarum_, così ancora presso noi più furono i Tesorieri
minori, i Camerarj, i Portolani, i Secreti, i Doganieri ed altri, de'
quali era incumbenza di raccogliere il denaro del Re. Questo Tribunale
in tempo di Federico II e dei Re della Casa di Angiò si reggeva per li
Maestri Razionali nella Corte della _Regia Zecca_; i quali erano detti
Maestri Razionali, perchè la maggior loro incumbenza era di invigilare,
affinchè i minori Camerarj, Tesorieri, Doganieri ed altri rendessero
ragione della loro amministrazione, e ricevevano perciò da essi i conti
dell'esazioni fatte e del denaro che mandavano alla Camera del Re.

Grandi privilegi e prerogative furono concedute dal Re Lodovico d'Angiò
e da Giovanna I, a questi Maestri Razionali[626], li quali erano anche
chiamati M. Razionali della Gran Corte, ed a' tempi de' Re angioini
da' personaggi, che sostenevano queste cariche, si vede quanto chiara
ed illustre fosse questa dignità; poichè si legge, che il famoso
Andrea d'Isernia, il celebre Niccolò Alunno d'Alife, ed altri insigni
Giureconsulti sotto il Re Carlo II, Roberto ed altri Re suoi successori
furono Maestri Razionali.

A' tempi posteriori degli Aragonesi, il Re Alfonso II, a questo
Tribunale unì l'altro da lui eretto della _Summaria_, il qual si
reggeva per quattro Presidenti legisti e due idioti, dandogli un Capo,
che vi presedesse in luogo del Gran Camerario, onde prese il nome di
suo _Luogotenente_[627]. Si vide per ciò questo Tribunale in maggior
splendore ed autorità; poichè oltre alla cura del patrimonio regale,
gli fu data anche la cognizione delle cause feudali, le quali prima
s'appartenevano alla Gran Corte. Surse quindi il nome della _Camera
Summaria_, e Presidenti della Summaria, prendendo tal denominazione
(senza che ci andiamo lusingando con etimologie più speziose di _summa
rei_, ovvero _rationis_, come vaneggia Luca di Penna[628], seguitato
a torto da Marino Freccia[629], di che a ragione ne fu ripreso dal
Reggente Moles) dalla cognizione sommaria, che doveano prendere sopra
i conti, declaratorie, o significatorie, che da' Maestri Razionali
si spedivano. Onde siccome appresso i Franzesi questo Tribunale si
appella la _Camera de' conti_, ovvero delle Finanze: così presso di
noi per l'istessa cagione fu detta _Camera_ della _Summaria_. Ciò
che maggiormente si conferma da un privilegio dell'istesso Re Alfonso
inserito nelle nostre prammatiche[630], dove il Re chiaramente dice,
essersi questo Tribunale chiamato della Summaria, _quod rationes ipsae
in Camera per Praesidentes, et Rationales ibidem ordinatos SUMMARIE
viderentur_: di che ci tornerà occasione di parlare più ampiamente,
quando dell'istituzione di questo Tribunale della Camera seguita nel
Regno d'Alfonso I, ci toccherà di favellare.

Questo supremo Ufficio di Gran Camerario, siccome è vero ciò che dice
Freccia, che fu da Carlo I d'Angiò ristabilito in miglior forma, a
somiglianza di quello di Francia: non è però che fosse stato Carlo il
primo ad introdurlo, essendo stato conosciuto dai nostri Re normanni e
svevi; e di molti Camerarj fassi nel Regno di questi Principi memoria:
molti se ne leggono nel Regno di Ruggiero istesso, ma i loro nomi
essendo stati a noi involati dall'antichità del tempo, non abbiam
potuto qui registrargli. Ben nei tempi di Guglielmo I suo successore,
infra gli altri, leggiamo Maestro Camerario del palagio reale,
Gaito Joario; dopo la morte del quale fu creato Maestro Camerario
Gaito Pietro Eunuco, ambedue Saraceni[631]. Era presso questi il
nome di _Gaito_, nome di Ufficio, che non voleva denotar altro, che
Capitano[632]. E nel Regno di Guglielmo II, pur leggiamo, che Gaito
Riccardo fu Maestro Camerario del regal palagio[633]; e che Gaito
Martino avea cura della regal Dogana. E sotto il medesimo Re pur
abbiamo menzione de' Camerari di Calabria, che risedevano in Reggio,
fra i quali fu Giovanni Colomeno, di cui ci tornerà occasione di
parlare nel Regno di questo Principe[634]. Così ancora ne' tempi de'
loro successori Svevi, e nelle Costituzioni di Federico[635] si leggono
molte leggi attinenti a quest'Ufficio, così del Maestro Camerario,
come degli altri Camerarj inferiori delle province, Doganieri, Maestri
Secreti ed altri, de' quali il Toppi tessè lungo catalogo.

Carlo d'Angiò lo ridusse in miglior forma a modo del Regno di Francia,
stabilendo un solo Gran Camerario, al quale tutti gli altri Camerarj
delle province ubbidissero, ed a cui tutto si riportasse, costituendolo
Ufficial supremo di tutte le Finanze. E ci diede molte leggi scritte
e stabilimenti intorno alla sua incumbenza, formando un particolar
regolamento di questo Ufficio, nel quale non potè nè meno dimenticarsi
de' vocaboli franzesi; poichè stabilì, che fosse dell'autorità del Gran
Camerario di deputare, sustituire e correggere i _Graffieri_, de' quali
l'incumbenza era scrivere e notare, siccome degli _Antigraffieri_ di
controscrivere e notare, che noi ora nel Regno chiamiamo _Credenzieri_,
affinchè non si commettesse frode nell'esazioni. Stabilì ancora i
Maestri degli _Arresti_, onde è che ancora presso noi fosse rimase
questo vocabolo franzese, e diciamo perciò gli _Arresti_ della
Camera, siccome essi chiamano le determinazioni e sentenze de' loro
Parlamenti[636].

Ne' tempi posteriori, e men a noi lontani, cominciò il Gran Camerario
a perdere queste tante sue prerogative, ma non già il Tribunale della
Camera; perchè reggendosi questo dal suo Luogotenente, co' Presidenti
e Razionali della medesima, come che il crearlo non s'appartiene più
a lui, ancorchè si chiami suo Luogotenente, ma al Re; quindi è nato
che se bene questo Tribunale si fosse innalzato al pari degli altri
Tribunali supremi del Regno il Gran Camerario però è oggi rimaso per
solo titolo di onore, nè più s'impaccia degli affari del medesimo, ne è
della sua incumbenza d'intrigarsi nell'entrate della Camera del Re, ma
tutto si fa dal Luogotenente e suoi Ministri, i quali al Vicerè, che è
in luogo del Principe, son obbligati dar conto della loro incumbenza,
avendo un particolar Tesoriero da chi viene conservato il denaro del
Re. Ritiene però le sue preminenze, così nel sedere alla parte sinistra
del Re dopo il Giustiziero[637], occupando il quarto luogo, come nelle
congiunture solenni di nozze, o altre funzioni pubbliche, di vestirsi
di porpora, e tra i sette Ufficj della Corona è ancora annoverato, ed
insino agli ultimi tempi se gli pagava il soldo.


§. VI. _Del Gran Protonotario._

Pietro Vincenti, che distese un libretto de' Protonotarj del Regno,
piuttosto tessè un catalogo di coloro, che esercitarono questa
carica nel Regno, che ci descrisse il loro Ufficio ed impiego. Il
Protonotario, ovvero Logoteta non vi è dubbio che presso di noi prese
il suo principio da' Greci, siccome denota la voce istessa; ma ciò
non fa che quest'Ufficio non fosse conosciuto da' Romani sotto altro
nome. Nell'Imperio, essendo egli il Capo de' Notai era perciò chiamato
_Primicerius Notariorum_, ed era decorato della dignità Proconsolare,
e dopo due anni d'esercizio diveniva _illustre_. Avea nell'antico
Imperio sotto di se tre sorte o gradi di Notai, che sono apertamente
distinti nel Codice Teodosiano[638]. I primi erano intitolati _Tribuni
Praetoriani, et Notarii_; ed anche, come l'attesta Cassiodoro[639],
erano chiamati _Candidati_; e questi avevano la dignità de' Conti.
I secondi erano semplicemente detti _Tribuni, et Notarii_; e questi
aveano la dignità de' _Vicarii_. Finalmente i terzi erano chiamati
_Notarii familiares_, ovvero _domestici_, li quali avevano l'ordine, o
dignità della _Consularità_.

Ma non bisogna confondere questi Nomi con quelli d'oggi, che i Romani
appellarono _Tabelliones_, i quali come diremo, aveano funzioni
diverse, ed erano Ufficj differentissimi. Siccome non bisogna
confondere l'Ufficio del Gran Protonotario a' tempi de' nostri Re
normanni, svevi, angioini ed aragonesi, con quello del Viceprotonotario
d'oggi, ristretto alla sola creazione de' Notai e Giudici cartularj, ed
alle legittimazioni.

L'Ufficio del Gran Protonotario era ne' tempi di questi Re cotanto
illustre, che in gran parte somigliavasi a quello del Primicerio de'
Notai presso i Romani. Questi, secondo ce lo descrive Cassiodoro[640]
e Giacomo Gottofredo[641], era del Concistoro del Principe, avea il
pensiero e la cura di notare tutti gli atti ed i secreti del Principe,
che si facevano nel suo Concistoro: per lui uscivan fuori i responsi
ed i decreti imperiali, e sovente le orazioni degl'Imperadori fatte al
Senato si recitavano dal Primicerio: in breve egli era il Secretario
fedele del Principe, a cui non vi era secreto o consiglio, che non
si confidasse, e perciò l'obbligo della sua carica lo astringeva
continuamente ad assisterlo, e con indefessa applicazione attendere
alle spedizioni de' suoi imperiali comandamenti. Teneva perciò sotto
di se que' tre gradi di Notaj, che ridotti a forma di Milizie, o di
Collegio, militavano sotto di lui, i quali aveano molta somiglianza
a' Secretarj d'oggi di Stato, o del Gabinetto e della casa del Re, de'
quali favelleremo nel Regno di Carlo II d'Angiò.

Uguale era l'Ufficio e potestà del Gran Protonotario ne' tempi di
questi Re. Il suo principal impiego non era già della creazione de'
Notai e de' Giudici cartularj, ma d'assistere continuamente appresso
la persona del Re, ricevere le preci e i memoriali, che si portavano a
quello, sentire nell'udienze coloro che aveano al Re ricorso, e farne
al medesimo relazione: per le sue mani passavano tutti i diplomi, e
da lui s'istromentavano. Tutte le nuove costituzioni, gli editti e
le prammatiche, che il Re stabiliva, erano dal Protonotario dettate e
firmate. Ciò che il Principe, o nel suo Concistoro, o in ogni altro suo
Consiglio sentenziava o decretava, egli riducevalo in forma di sentenza
o di decreto, ovvero in forma di diploma o privilegio[642], e si vide
nel Regno di Carlo II, d'Angiò in quanta eminenza arrivasse, quando
questo Ufficio era esercitato da Bartolomeo di Capua, per mano del
quale passavano i più gravi e rilevanti affari della Corona.

Ma siccome in decorso di tempo il Tribunale della Gran Corte della
Vicaria abbassò il Gran Giustiziero riducendolo in quello stato, che
oggi si vede, così l'erezione del Consiglio di S. Chiara a' tempi
d'Alfonso I Re d'Aragona fece quasi che sparire il Gran Protonotario;
e quantunque Alfonso concedendo al Presidente di quello ugual potestà,
si dichiarasse ch'egli non intendeva pregiudicare alle preminenze
del Gran Protonotario, tanto che o egli, o il suo Viceprotonotario
era ammesso a presiedere in quel Consiglio, e sovente a commettere le
cause, non altrimenti che faceva il Presidente; nulladimanco a poco a
poco l'Ufficio di Gran Protonotario fu ridotto poi a titolo di onore, e
rimase fuori di quel Consiglio; e s'arrivò a tale, che dovendo il Gran
Protonotario assistere di persona, nè senza nuova permissione del Re
potendo elegger altri per Viceprotonotario, che assistesse in suo nome,
non concedendosi più dal Re tal facoltà, siccome si legge[643] essersi
conceduta da Carlo II a Bartolomeo di Capua: il Viceprotonotario non
più si creava da lui, ma a dirittura dal Re, come si pratica tuttavia.
Per questa cagione fu introdotto, che il Gran Protonotario, quando era
dal Re eletto, pigliava con molta solennità il possesso nel Consiglio
di S. Chiara, con intervenire insieme col Presidente, e tutti gli
altri Consiglieri in tutte le sentenze, che si profferivano quella
giornata; e per questa coerenza s'introdusse ancora, che il Re creava
Viceprotonotario l'istesso Presidente del Consiglio, onde quasi sempre
si videro queste cariche unite in una medesima persona, come più
diffusamente diremo nel Regno d'Alfonso I.

In decorso di tempo essendo innalzati a quest'Ufficio i primi Baroni,
non più Giureconsulti, come ai tempi di Bartolomeo di Capua: i
Gran Protonotarj, come personaggi d'alta gerarchia, quasi sdegnando
d'intervenire di persona nel Consiglio di S. Chiara, i Viceprotonotarj
venivano ad assistervi; ma questi poi non essendo più creati da essi,
ma dal Re, vennero per ciò affatto i Gran Protonotarj ad esserne
esclusi, e di non aver poi parte alcuna in quel Consiglio. Dall'altra
parte i Presidenti del Consiglio, l'autorità de' quali era grandissima,
esclusero poi i Viceprotonotarj dalle commesse delle cause, e da tutte
l'altre preminenze, che rappresentando la persona del Gran Protonotario
prima aveano; onde venne a restringersi la loro autorità alla sola
creazione de' Notai e de' Giudici cartularj, ed alle legittimazioni,
che ora gli rimane.

Ma quantunque l'Ufficio di Viceprotonotario si fosse ristretto a
queste tre sole incumbenze: portando la creazione de' Notari e de'
Giudici, il visitare i loro privilegi e protocolli, grandi emolumenti:
sursero gravi contese fra i Gran Protonotarj, che pretendevano quelli
a loro doversi, ed i Viceprotonotarj, che come destinati dal Re,
tutti ad essi se gli appropriavano: intorno a che Marino Freccia[644]
rapporta una fiera lite, che a' suoi tempi per ciò s'accese fra il
Duca di Castrovillari Gran Protonotario, ed il famoso Cicco Loffredo
Viceprotonotario. Presentemente tutte queste contese son finite,
poichè il Viceprotonotario non riconoscendo da altri, che dal Re quella
carica, se l'appropria solo, ed ora l'Ufficio di Gran Protonotario è
rimaso a sol titolo d'onore, senza soldo e senza emolumenti; ritiene
però gli onori di vestire di porpora, e di sedere ne' Parlamenti nella
parte destra del Re dopo il Grand'Ammiraglio.

Ma egli è ben da avvertire, che i Notari d'oggi, la creazion de' quali
s'appartiene al Viceprotonotario, non hanno conformità alcuna con que'
Notari, delli quali si parla nel Codice Teodosiano, e di cui parla
Cassiodoro, i quali, come si è detto, aveano più somiglianza con gli
Ufficiali della Secretaria, o Cancellaria del Re, li quali hanno il
pensiero degli atti, e delle scritture del Re, che co' Notari presenti,
la cui incumbenza si raggira agl'istromenti, ed atti de' privati,
ancorchè il lor Ufficio pubblico fosse. Hanno costoro più coerenza co'
_Tabellioni_ degli antichi Romani, l'Ufficio de' quali era a questo
somigliantissimo; con una sola differenza, che nella persona dei Notari
d'oggi si vedono uniti insieme l'Ufficio dei _Tabularii_, e quello de'
_Tabellioni_.

Presso i Romani coloro, ch'erano destinati ad aver la custodia de'
pubblici Archivj, ove si conservavano i pubblici istromenti, ed i
monumenti delle cose fatte, si chiamavano _Tabularii_, poichè il luogo,
dove quelli si serbavano, era appellato _Tabularium_; ed i Greci lo
chiamavano _Grammatophylacium_, ovvero _Archium_[645]; e sovente la
cura di questi luoghi era commessa ai servi pubblici, cioè comprati
con pubblico denaro delle città, o delle province; e questi Tabularj,
perchè pubblici, non solo per la Repubblica, ma anche per ciascheduno
privato potevano intervenire e stipulare, acquistare, e in lor nome
prender anche la possessione[646]. L'Imperador Arcadio poi discacciò
dal _Tabulario_ i servi pubblici, e comandò che i Tabularj fossero
uomini liberi[647], i quali come persone pubbliche potessero stipulare
per altri, non altrimenti che il Magistrato[648]. Ma l'Ufficio di
questi Tabularj non era altro, che custodire nell'Archivio i pubblici
istromenti e monumenti delle cose fatte, e come persone pubbliche di
poter intervenire e stipulare per altri.

Li _Tabellioni_ erano quelli, i quali avanti a' Tabularj dettavano e
scrivevano i testamenti, e stendevano i contratti, facendone pubblici
istromenti[649], che si davan poi a conservare a' Tabularj. Questi
Tabellioni erano ancora chiamati _Nomici_ cioè _Juris studiosi_,
perchè in quelli per concepir bene, e dettare gl'istromenti, ovvero
testamenti, vi si ricercava ancora qualche perizia delle leggi[650].
Altri interpretarono la voce _Nomicus_, cioè _Legitimus_, perchè
egli rendeva legittimi tutti gli atti. Che che ne sia, egli è certo,
che i Tabellioni, che oggi noi appelliamo _Notari_, eran tutto altro
da' Tabularj, i quali erano preposti all'Archivio, siccome fra di
loro vengon distinti da Giustiniano nelle sue Novelle[651], e non
bisogna confondergli, come fecero Accursio[652], Goveano[653], e
Forcatolo[654].

Queste due funzioni però s'uniron poi nelle persone de' nostri Notari;
poichè siccome prima i Tabellioni avanti a' Tabularj scrivevano
gl'istromenti, e presso questi nell'Archivio si conservavano: poi
fu introdotto, che gl'istromenti o testamenti avanti a' Tabellioni
si scrivessero, senza più ricorrere a' Tabularj, e ch'essi medesimi
gli conservassero, facendone protocolli, e custodendogli non più
ne' pubblici Archivj, ma nelle proprie case. Quindi nacque, che
confondendosi quest'uffici, fosse il Notaro riputato persona pubblica,
e che siccome i Tabularj potevano stipulare per altri, potessero
anch'essi farlo.

Divenne perciò l'Ufficio de' Notari di maggior fede e confidenza:
ond'è che i Principi nel creargli vi stabilirono certe leggi, e
ricercarono molti requisiti, d'essere incorrotti, e di buona fama,
fedeli ed intelligenti; che sappiano scriver bene, ben intendere le
convenzioni delle parti per poterle poi nettamente ridurle in iscritto:
siano secreti, liberi, cristiani, conoscano i contraenti, e perciò
nazionali de' luoghi, ove desiderano esercitare. Quindi richiedendo
quest'Ufficio una somma fedeltà, si vide ne' tempi antichi esercitarsi
presso di noi da persone nobili; e siccome un tempo non si sdegnavano i
Nobili, particolarmente i Salernitani, esercitar medicina, così ancora
molti Nobili de' nostri Sedili, non si sdegnarono ne' tempi antichi
farsi Notari; e Marino Freccia[655] testifica aver egli veduto molti
istromenti, registri, inventarj, ed altri antichi monumenti scritti per
mano di Notari nobili, le cui famiglie, egli dice, non voler nominare,
per non dar dispiacere a' loro posteri leggendole. Quindi nacque ancora
presso i nostri Autori la massima, che per l'esercizio del Notariato,
non si perdano i privilegi della Nobiltà, e che non debbano i Notari
noverarsi fra gli artegiani[656].


§. VII. _Del Gran Siniscalco._

Siccome presso i Franzesi, dopo la suppressione de' Maestri del
palazzo, quattro Ufficj della Corona furono grandemente accresciuti,
che riguardavano la guerra, la giustizia, le finanze, e la casa del
Re; e per quel che si attiene alla guerra, surse il Gran Contestabile,
per la giustizia il Gran Cancelliere, e per le finanze il Gran
Tesoriero Capo ufficiale della Camera de' conti: così ancora per quel,
che riguarda la casa del Re, innalzossi il Gran Maestro di Francia,
anticamente chiamato Conte del palazzo, cioè Giudice della casa del Re,
ch'ebbe il governamento della medesima.

Non altrimenti nella Corona di Sicilia, oltre gli altri Ufficiali
annoverati, si vide ad esempio di quello di Francia il Gran Maestro
di Sicilia, chiamato con vocabolo ancor franzese Siniscalco, ovvero
Maggiordomo della casa del Re, il quale avea il governamento della
medesima, e la cura ed il pensiero di provedere il regio Ospizio di
ogni sorte di viveri, secondo il bisogno richiedeva: era ancora della
sua incumbenza di provedere delle biade ed altre vittovaglie per li
cavalli della stalla del Re, tener cura delle foreste, e delle caccie
riserbate per divertimento del Re, de' familiari, ed altri servidori
della casa reale, sopra i quali teneva giurisdizione di correggergli,
e castigargli eccetto che sopra i Ciambellani, i quali per essere
intimi servidori e Cubicularj del Re, che pongono il Re in letto, e lo
scalzano, e sono nella Camera secreta del Re, perciò furono esenzionati
dalla giurisdizione del Gran Siniscalco, siccome li Collaterali del Re,
che erano partecipi del consiglio segreto del Re, e riputati come parte
del corpo del Re[657].

Era egli perciò il Giudice della Casa reale, e sotto la cura sua
era tutta la famiglia del palazzo regio, e tutti gli altri Ufficiali
minori della casa del Re, i quali secondo i particolari loro impieghi
assunsero varj nomi; onde sursero molti Ufficj detti non già della
Corona, ma solamente per questo fine, della Casa del Re.

Noi a tempo de' Normanni non abbiamo riscontri di questi minori
Ufficiali, ma sì bene del Gran Siniscalco, che si disse così per esser
il maggiore, e sopra tutti gli altri Siniscalchi minori dell'Ospizio
regio; e se bene a' tempi di Ruggiero non abbiamo fra le reliquie
dell'antichità, chi fosse stato suo Gran Siniscalco; egli è però che
in tempo di Guglielmo I suo successore leggiamo suo Gran Siniscalco
Simone cognato del famoso Majone, di cui abbiamo anche memoria presso
il Pellegrino[658] al quale anche Guglielmo diede il governo della
Puglia[659]; onde non è da dubitare, che quest'Ufficio insieme con gli
altri fosse da' Normanni introdotto fra di noi.

Ma siccome ciò è vero, così anche è certissimo, che in tempo degli
Angioini, e particolarmente di Carlo II ricevè miglior forma, e su 'l
quale furono dati varj provedimenti, e stabilito nuovo modo, e dategli
altre incumbenze, secondo la Tabella stabilita per quest'Ufficio, che
rapporta Freccia; ond'è che in Napoli si videro sorgere quegli altri
Ufficj minori della casa del Re, dipendenti dal Gran Siniscalco: e
la ragione si fu, perch'avendo Carlo I d'Angiò fermata la sua regia
sede in Napoli, il Gran Siniscalco si distinse sopra tutti gli altri
Ufficiali della casa reale, che furono molti: abbiamo perciò nel
Regno di questi Angioini sovente memoria de' Maggiordomi della casa
reale, de' Maestri de' cavalli regi, de' Maestri Panettieri regi,
dei Maestri de' Palafrenieri e della scuderia regia, de' Maestri
dell'Ospizio regio, de' Maestri delle razze regie, de' Maestri Massari,
e de' Siniscalchi dell'Ospizio regio, siccome ne' tempi di Giovanna
I leggiamo: _Phichillus Gaetanus Reginalis hospitii Senescallus_;
e sotto Carlo III si legge: _Nobilis vir Bartholomeus Tomacellus
miles Regii hospitii Senescallus_; e sotto Ladislao si trova Paolino
Scaglione Siniscalco dell'Ospizio di detto Re ed altri rapportati dal
Tutini[660]. Così ancora Ufficiali della casa del Re subordinati al
Gran Siniscalco erano il Preposito della cucina del Re: il Preposito
della buccellaria regia. Il Giudice dell'Ospizio regio. I Ciambellani
Regj. I Valletti della Nappa del Re. I Cacciatori Regj. Il Custode
degli uccelli del Re. I Falconieri del Re, ed altri, de' quali ci
tornerà occasione di favellare nel Regno di questi Principi più
distesamente.

Ma siccome ne' tempi degli Angioini il Siniscalco per li tanti
Ufficiali a se sottoposti fu nel maggiore incremento e sublimità, e
furono le sue prerogative ritenute ancora ne' tempi degli Aragonesi,
per cagione che questi Re mantennero la loro residenza in Napoli così
da poi passando questo Regno sotto la dominazione degli Austriaci,
e perdendo questa città il pregio d'esser sede regia, si scemarono
in gran parte le prerogative del Gran Siniscalco, e mancarono molti
de' soprannomati Ufficiali della Casa del Re, e finalmente per
quest'istessa cagione in progresso di tempo restò presso noi a sol
titolo d'onore, senza funzione e senz'esercizio.

Per questa suppressione s'innalzarono molti di quegli Ufficj dipendenti
da lui, e ad esser riputati (se bene non delli sette della Corona)
almeno de' maggiori del Regno, e ad altri non subordinati, come il
Maestro delle razze regie, che chiamarono il Cavallerizzo del Re. Il
Gran Montiere Maggiore, ovvero il Maestro della caccia del Re, che
sopra i Cacciatori regj, e sopra tutte le foreste del Re e caccie ha
la soprantendenza; ed altri de' quali ci tornerà occasione di parlare
a più opportuno luogo. Nel che non dobbiamo tralasciar d'avvertire,
che siccome di quasi tutti gli Ufficiali sinora annoverati possiamo
far qualche paragone ed aver qualche riscontro tra gli Ufficiali nella
Notizia dell'Imperio: de' Gran Montieri però non bisogna cercarne
de' simiglianti, poichè gl'Imperadori romani non erano inclinati alla
caccia, come furono i nostri Re, che reputando quest'esercizio proprio
della professione delle armi, alle quali erano inclinati, e che sovente
perciò non per ministri, ma per essi guerreggiavano: stimarono per la
caccia così rendersi esperti de' siti e positure de' monti, valli,
poggi, piani, e fiumi, che regolarmente hanno l'istesse positure, e
siti in tutta la terra.

Così oggi presso di noi l'Ufficio del Gran Siniscalco per la lunga
assenza de' nostri Re dal Reame, tenendo altrove collocata la regia
loro sede, è quasi estinto, ed è sol rimaso a titolo d'onore: ritiene
bensì nelle congiunture di qualche Parlamento o pubblica celebrità le
sue prerogative e preminenze: veste di porpora, e siede nell'ultimo
luogo a' piedi del Re, e tra sette Ufficj della Corona è annoverato.

Ecco come Ruggiero stabilisse il suo Regno; ecco quali fossero le
leggi e la politia che v'introdusse, gli Ufficiali per i quali veniva
amministrato, e come dopo tanti travagli lo riducesse in una ben ferma
e tranquilla pace. Ma non contento il magnanimo suo cuore d'avere
stabilita in cotal guisa la Monarchia, fu da poi tutto inteso agli
acquisti di nuovi Reami e province, ancorchè poste nelle parti più
remote e lontane dell'Affrica.



CAPITOLO VII.

_Spedizione di RUGGIERO in Affrica; sue virtù, e sua morte._


Intanto il Pontefice Innocenzio dopo aver governata quattordici anni
la Chiesa romana, il dì 24 di settembre dell'anno 1143 morì in Roma
molto afflitto per li travagli, che gli diedero gli Arnaldisti ed i
Romani, i quali erano entrati nell'impegno di voler riporre la lor
patria nell'antica sua libertà, e di ristorare in Roma l'antico Ordine
senatorio ed equestre per abbassare l'Ordine ecclesiastico, e per tal
cagione facevan continui tumulti contro il Pontefice.

Fu in suo luogo eletto Guido Castello Cardinale del titolo di S.
Marco ed acclamato Papa sotto il nome di Celestino II, il quale,
appena erano scorsi sei mesi del suo Ponteficato, che insospettito
della grandezza di Ruggiero, tentò di rompere la pace fatta dal suo
predecessore con questo Principe; ma sopraggiunto poco da poi, il dì 8
di marzo dell'anno seguente 1144 dalla morte, non potè farlo. Crearono
i Cardinali per suo successore Gerardo Caccianemico da Bologna Cardinal
di Santa Croce, che si nomò Lucio II.

Questo Pontefice, seguitando le pedate di Celestino ebbe animo non
ben pacato con Ruggiero, e proccurando questo Principe d'averlo
amico, s'abboccarono insieme nel monastero Cassinense; ma non potendo
riuscir l'accordo per le difficoltà, che frapposero i Cardinali,
il Re entrò ostilmente nello Stato della Chiesa, prese Terracina, e
molti altri luoghi della Campagna di Roma[661]: non ci bisognò altro
perchè i Cardinali tosto cedessero alle difficoltà frapposte: venne
il Papa subito a concordia, il quale avendo conceduto a Ruggiero molte
prerogative, gli fu restituita Terracina con gli altri luoghi perduti.
Allora fu che questo Pontefice per maggiormente stabilir la Monarchia
di Sicilia, oltre di quello, che a Ruggiero era stato accordato da
Urbano II gli concedette l'Anello, i Sandali, lo Scettro, la Mitra e
la Dalmatica e che non potesse inviar ne' suoi Reami per Legato se
non colui, che egli volesse[662] (quantunque il Sigonio[663] dica,
che questi ornamenti furono conceduti a Ruggiero nell'anno seguente
1145 da Onorio III non da Papa Lucio II) onde è che in Sicilia i Re
vantano d'esser Signori non men del temporale, che dello spirituale; ed
in fatti nelle monete, che fece battere Guglielmo I, dall'un de' lati
si vede il Re coronato con corona di quattro raggi, avere la Verga in
mano, la Stola o Dalmatica avanti il petto incrocicchiata, ed assiso
nel regio Trono mostrare i Sandali[664].

(Dalle accuse però, che i Romani portarono all'Imperadore _Corrado
contro Ruggiero_, rapportate da _Goldasto_[665], si vede, che la
concessione della Verga, Sandali ed Anello s'attribuisce a Papa
_Innocenzio II_ nell'anno 1140 non già a _Lucio II_, e molto meno ad
_Onorio III_ secondo il parer del _Sigonio_).

Gli Arnaldisti, che continuavano a travagliar Roma sotto il famoso
Arnaldo da Brescia lor Capo, che era stato condannato da Innocenzio
II nel Concilio di Laterano, accusarono Lucio a Corrado Re de' Romani,
significandogli, che il Papa per mezzo di molta moneta, avea conceduto
a Ruggiero queste prerogative, e che s'era perciò con lui, ch'era suo
inimico, collegato a suo danno[666].

Fece da poi Ruggiero ritorno in Palermo, ed in questo medesimo tempo
gli morì Anfuso Principe di Capua suo figliuolo, il cui Principato
egli concedette a Guglielmo, che fece anche Duca di Napoli; e che
gli fu poi successore ne' suoi Reami. Agostino Inveges[667] e Camillo
Pellegrino[668] rapportano, che fra questi due anni 1142 e 43 gli fosse
morto anche Tancredi suo secondogenito Principe di Bari e di Taranto,
che fu il primo de' figliuoli che morì, e poi Anfuso terzogenito in
quest'anno 1144. Ruggiero in questo medesimo anno tornò in Capua, ove
celebrò la primiera generale Assemblea; poichè quella, che avea guari
innanzi celebrata in Ariano, fu solo di Prelati e Baroni di Puglia:
intervenne nella medesima fra gli altri suoi figliuoli il nominato
Guglielmo con gli Arcivescovi, Vescovi ed Abati, ed altri molti Conti
e Baroni; nella quale diede molti provvedimenti per lo buon governo
del Regno, e compose altresì varie liti, e particolarmente una, ch'era
nata fra Giovanni Vescovo di Aversa, e Gualtieri Abate di S. Lorenzo
della medesima città sopra la pescagione del lago di Patria[669]; ed il
diploma è rapportato dal Chioccarelli[670].

Morì poco da poi nell'anno 1145 in Roma Papa Lucio II, e Bernardo Abate
di S. Anastagio, discepolo di S. Bernardo, fu eletto in suo luogo da'
Cardinali, sotto nome di Eugenio III, il quale con tutto che i Romani
e gli Arnaldisti non cessassero di inquietarlo, avendo avviso che in
Soria le cose de' Cristiani andavano di male in peggio, si rivolse a
soccorrere quei santi luoghi, e per mezzo delle sue lettere e delle
persuasioni di S. Bernardo mosse l'Imperador Corrado e Lodovico
Re di Francia a gire con grande e poderosa armata in Terra Santa.
Ruggiero non volle entrare a parte in questa lega, perchè si faceva
per conservare il Regno di Gerusalemme a Balduino III quando egli,
come fu detto, era stato sempre istigato da Adelaida sua madre alla
conquista del medesimo; onde avendo posti i suoi Regni in tranquilla
e sicura pace, per esser egli d'animo grande ed avido di regnare,
pensò stendere le sue conquiste in altre più remote parti. Si accinse
per tanto all'impresa dell'Affrica, ed avendo ragunata in Sicilia una
grande armata se ne passò con essa nel Reame di Tunisi, ed assaltato
quel Re, gli tolse la città di Tripoli, Affrica, Stace e Cassia, e 'l
travagliò di modo anche negli altri luoghi del Regno, che il costrinse,
pacificandosi con lui a pagargli ogni anno il tributo[671], che per
trenta anni continui così a lui, come al suo figliuolo Guglielmo
fu pagato; onde avvenne come rapporta Inveges[672], che la Chiesa
tripolitana d'Affrica si rendesse suffraganea a quella di Palermo.
Ruggiero tutto glorioso per aversi reso tributario il Re di Tripoli,
per sua impresa militare si servì di quel verso, che lo fece anche
scolpire nella sua spada:

    _Appulus, et Calaber, Siculus mihi servit, et Afer._

Portò ancora le sue vittoriose armi in Grecia; poichè essendo a questi
tempi morto l'Imperador Calojanne, e succeduto nell'Imperio Emanuele
suo figliuolo, questi inviò suoi Ambasciadori al Re, richiedendolo
d'imparentarsi seco, e Ruggiero per porre in effetto tal domanda,
inviò in Costantinopoli altresì suoi messaggieri; ma il perfido Greco
cangiatosi di pensiero, dopo avergli un pezzo tenuti a bada, fece
anche porgli in prigione; di che fortemente sdegnatosi Ruggiero, posto
insieme grosso stuolo di vascelli in Otranto, gl'inviò con molti
suoi baroni in Grecia, sotto il comando di Giorgio d'Antiochia suo
Grand'Ammiraglio, il quale presa la città di Mutine, assaltò l'isola di
Corfù; e passato quindi colla sua armata alla Morea, e da poi scorrendo
nel seno Saronico appresso Cenerea Porto di Corinto, pose a ferro e
fuoco tutti que' campi; indi diede il guasto in tutta l'Acaia e ruinò
Tebe, nè lasciò luogo alcuno ne' contorni di Negroponte, nè di Boezia
che non danneggiasse; donde, oltre alle ricche prede, trasse parimenti
i Maestri, che sapeano comporre drappi di seta e seco poscia in
Sicilia, ed in queste nostre province gli condusse, non essendo prima
di que' tempi pervenuta notizia di tal arte in Italia; e se non fosse
stato impedito da' Veneziani, i quali richiesti dall'Imperador Emanuele
erano venuti con sessanta galee in suo soccorso e l'obbligarono a
tornarsene in Sicilia, avrebbe portato le sue vittoriose insegne insin
sotto le mura di Costantinopoli.

Ma tutti questi trionfi furono conturbati dalla morte d'Errico suo
quintogenito, rimanendogli ora, di tanti figliuoli, sol due, Ruggiero
Duca di Puglia e Guglielmo Duca di Napoli e Principe di Capua. Camillo
Pellegrino dice, Errico esser morto in età molto infantile, ma con
manifesto errore, poichè se fu figliuolo della Regina Albiria, e
questa morì nell'anno 1134, per certo Errico a questo tempo era almeno
giovanetto di 14 anni. E s'accrebbero i travagli, quando scoverse, che
l'Imperador Corrado in quest'anno 1149 s'era a suoi danni confederato
coll'Imperador Emanuele, e quando poco da poi nel medesimo anno
gli morì Ruggiero Duca di Puglia; vedendosi tra pochi anni privo
di quattro figliuoli, rimanendogli solo Guglielmo, al quale per la
morte di Ruggiero diede il Ducato di Puglia[673]. Pensò il vedovo Re
casarsi perciò di nuovo, e prese per moglie Sibilia sorella del Duca
di Borgogna; ma questa Principessa nell'anno seguente 1150 trapassò
anch'ella in Salerno, e fu sepolta nella chiesa della Trinità della
Cava, dove ancor ora s'addita il suo tumulo[674].


§. I. _Coronazione di GUGLIELMO I, e morte di Papa EUGENIO e
dell'Imperador CORRADO, a cui succedette FEDERICO BARBAROSSA._

Ruggiero vedutosi così solo assunse per suo collega Guglielmo, e lo
fece coronare ed ungere Re di Sicilia in Palermo in quest'istesso anno
1150 la qual cerimonia si fece da Ugone Arcivescovo di Palermo, onde
Inveges[675] rapporta, che se bene la famiglia Caravella pretenda esser
di suo diritto il coronare i Re di Sicilia, i Palermitani però glie
lo contrastano, dicendo questa ragione non esser d'altri, che del loro
Arcivescovo. Che che ne sia, dal 1150 nelle scritture si noverano gli
anni del Regno di Guglielmo, nel quale il padre l'associò. E Ruggiero,
morta Sibilia così di repente, senza che vi avesse potuto generar
figliuoli, tornò a maritarsi, e prese per moglie Beatrice sorella del
Conte di Retesta, la quale dopo la sua morte rimanendo gravida gli
partorì Costanza che tolse per marito, essendo d'anni 30 e non mai
stata monaca, come con errore hanno scritto multi Autori, Errico di
Svevia, che per sua cagione divenne poscia Re di Sicilia, come al suo
luogo più diffusamente diremo; quindi si vede quanto fosse favoloso
ciò che si narra di Ruggiero e delle richieste da lui fatte all'Abate
Gioachimo intorno a' vaticinj, che si contano fatti dal medesimo sopra
Costanza; ond'è, che altri, come il Villani, non a Ruggiero, ma a
Guglielmo riferiscono quegli avvenimenti.

Morì nel seguente anno 1151 l'Imperador Corrado in Alemagna nella città
di Bamberga, non senza sospetto che fosse stato avvelenato per opra
di Ruggiero, per l'inimicizia che sempre tennero fra di loro, siccome
tutti gl'Imperadori ebbero co' Re di Sicilia, per conciliar i quali non
bastarono le interposizioni di Pietro Abate di Clugnì, uomo in questi
tempi per la sua bontà e dottrina assai celebre e rinomato. Fu eletto
successore il suo nipote Federico Duca di Svevia detto Barbarossa prode
e savio Principe, i cui fatti ci somministreranno ben ampio soggetto
nel seguente libro.

Fu seguitata nell'anno seguente 1152 la morte di Corrado da quella
d'Eugenio, il quale dopo aver racchetate le cose di Roma, essendo
stato in questa città lietamente accolto, anch'egli poco da poi se ne
morì, ed in suo luogo fu nel 1153 creato Pontefice il Cardinal Corrado
romano, e fu nomato Anastasio IV.

Ruggiero intanto, dopo aver per opra de' suoi Capitani conquistata
in Affrica la città d'Ippona celebre al Mondo per avervi in quella
Cattedra seduto il grande Agostino, messi da parte i pensieri della
guerra, fermatosi in Palermo, lasciò in questi altri due anni di vita
che gli rimasero, monumenti perenni, non meno della sua magnificenza,
che della sua pietà; poichè oltre aver edificato un magnifico Palagio
in Palermo, ed aver ivi eretta una nobil Cappella regia sotto il titolo
di S. Pietro; ed in Messina un'altra chiesa dedicata a S. Niccolò:
fondò in Bari un magnifico tempio a Niccolò Vescovo di Mira.

Eransi, come si disse, sin dall'anno 1078 trasferite in Bari l'ossa
di questo Santo; ed ora si resero di stupore al Mondo, per lo liquore
che si vide grondar da loro: crebbe la fama del portento, ed in questi
tempi si rese perciò questo santuario, e Bari cotanto celebre in
Oriente, che portava venerazione agl'istessi Imperadori Greci, come
si vide dell'Imperador Emanuele, il quale nelle sue Novelle fece ancor
memoria di sì insigne miracolo. Ruggiero, tratto da divozione, sovente
portavasi in Bari, ond'è, che graziosamente confermasse a' Baresi le
loro consuetudini; ed eresse quivi al Santo questo magnifico tempio,
con dichiararlo sua cappella reale[676], nè volle, che fosse sottoposto
all'Arcivescovo della città, ma assolutamente al Pontefice romano,
creandovi il Priore, e molti Canonici: l'arricchì di molte rendite di
castelli, ed altri poderi: la qual cosa si scorge da una scrittura in
marmo, che colà si vede benchè il Beatillo, che ha scritta l'Istoria
della città di Bari, e la vita di detto Santo, non faccia menzione
alcuna di tal fatto, dando a detta chiesa e priorato più antico e
diverso principio. Altri vogliono, che Carlo d'Angiò, non Ruggiero
istituisse quel priorato, e dichiarasse cappella regia quel Tempio; di
che altrove ci tornerà occasione di ragionare.

Donò ancora Ruggiero molti nobili arredi d'oro e d'argento alla
cappella di S. Matteo in Salerno, ed il dominio di molte terre; ed
altri ricchi doni al Monastero della Trinità della Cava; ed ancorchè
non gli piacesse usar la forza co' Saraceni e Giudei ch'erano
in Sicilia per la loro conversione, usava però gran diligenza ed
industria, che ne' suoi Reami si convertissero alla fede di Cristo.

Ma ecco, che questo Principe, dopo essersi reso cotanto chiaro ed
illustre al Mondo per li suoi fatti egregi, ammalatosi nel principio
di quest'anno 1154 nel mese di febbrajo lasciò in Palermo la terrena
spoglia in età di 58 anni di sua vita[677]: breve età alle magnifiche
cose da lui adoperate; la cui morte fu poco da poi nel mese di dicembre
del medesimo anno seguitata da quella del Pontefice Anastasio, nel cui
luogo fu eletto Adriano IV.

Principe veramente grande e glorioso, che le sue magnanime imprese lo
innalzarono ad essere uno dei più potenti e grandi Re della terra, che
pose terrore non meno agl'Imperadori d'Occidente che d'Oriente, e che
seppe in mezzo a questi due potenti Imperj far sorgere il suo Regno,
a' medesimi di spavento: egli provido di Consiglio e valoroso nelle
armi, usò non men somma costanza nell'avversa fortuna, che moderazione
nella prospera. Amicissimo non meno d'uomini valorosi nell'arme
che nelle lettere, che sin da' remoti e lontani paesi fattigli a se
venire, gl'innalzò a' primi onori del Regno. Egli saggio facitore di
nuove leggi governò con somma giustizia i suoi Stati. Careggiò, ed amò
sommamente i Francesi, traendo di Francia i suoi maggiori il legnaggio.
Della sua pietà lasciò ben chiari monumenti, e se bene altri l'incolpa
d'aver usata troppa crudeltà con suoi nemici e rubelli: ciò però non
era in lui da biasimare; poichè usò tutte quelle arti, ch'eran proprie
e necessarie ad un Principe, che intendeva stabilire un nuovo Regno.

So che S. Bernardo, e l'Imperadore Emanuele parlarono di lui come d'un
Tiranno e d'un usurpatore: ma il primo seguendo il partito d'Innocenzio
e di Lotario, fecesi lecito di quelle cose, che gli dettavano allora
la sua fazione: come si vide chiaro, che pacificato Ruggiero con
Innocenzio, finirono l'usurpazioni e le tirannidi, delle quali prima
dalla fazione d'Innocenzio e di Lotario era incolpato; ond'è che si
leggano dell'istesso Bernardo molte lettere scritte da poi a Ruggiero
piene di molte lodi, che dà a questo Principe. Ed il nostro moderno
Istorico napoletano, non prima di questa pace, dice che Ruggiero da
pessimo si fece buono; poichè presso gli Scrittori di questa tempra, il
Principe pessimo è colui, che per difendere le supreme sue regalie, si
oppone a' Pontefici romani, siccome il buono è quello, che s'umilia e
che cedendo, proccura con loro aver pace. Dall'Imperador Emanuele non
poteva aspettarsene il contrario per esser suo capital inimico, siccome
furono tutti i Principi normanni agli Imperadori d'Oriente per le
continue guerre che arsero infra di loro; quindi fu, che la Principessa
Anna Comnena trattò come un ladrone il famoso Roberto Guiscardo per la
crudel guerra, che mosse ad Alessio Comneno suo padre.

So ancora che altri riprendono questo Principe per aver seguito le
parti d'Anacleto falso Pontefice e rifiutato Innocenzio; ma dovrebbero
avvertire, che imputando ciò a Ruggiero, vengono anche ad incolpare
quasi tutto il Mondo cattolico, che credette allora Anacleto, non
Innocenzio esser il vero Papa. Furono creati amendue nell'istesso
giorno, e se bene Innocenzio fosse stato il primo eletto, nulladimanco
Anacleto ebbe maggior numero di voti; nè poterono giovare ad Innocenzio
i suffragi de' Cardinali, i quali dopo aver eletto Anacleto passarono
al suo partito. Il Popolo romano, ed i principali di quella città, se
bene prima aderissero ad Innocenzio, nulladimanco per più manifesti
divolgarono da poi al Mondo, che essi avendo conosciuta poi la verità,
aveano Anacleto per vero Pontefice. I Monaci Cassinensi col loro Abate
per tale anche lo tennero: molti Vescovi e Cardinali ed i maggiori
Prelati della chiesa, favorivano le parti d'Anacleto. Così anche
fecero molti altri Principi e Regni; e la Francia prima del Concilio
ragunato a Stampis, città posta tra Parigi ed Orleans, che determinò
a favor d'Innocenzio, n'era in gran dubbio. Errico Re d'Inghilterra,
avea gran timore se riconosceva Innocenzio per Pontefice, ed insino
che S. Bernardo non lo assicurasse in sua coscienza, non volle
riceverlo per tale[678]. E se la Germania seguì le parti sue, fu mossa
più dall'impegno di Lotario, che dal non averne dubbio. La verità
non poteva allora porsi in chiara luce fra le tante e sì contrarie
fazioni che l'avean tutta involta: fu il Mondo allora spettatore d'una
lagrimevol tragedia: Innocenzio da un canto scomunicava Anacleto co'
suoi aderenti: dall'altro Anacleto scomunicava Innocenzio co' suoi
seguaci: contendevan insieme Bernardo e Pietro Pisano, e questi era
non men del primo riputato savio e dotto. Molte dispute insorsero
tra i più gravi Teologi di que' tempi, tanto che per l'impegno di
ciascheduna delle parti, rimase la cosa almen dubbia presso le genti.
Nel qual dubbio, come ben disse S. Antonio[679] parlando dello scisma
accaduto tra Urbano VI e Clemente VII ancorchè sia necessario di
credere, che siccome è una la chiesa cattolica e non più, così ancora
uno debbe essere il suo capo e non più; con tutto ciò se accade per
qualche scisma crearsi in un medesimo tempo più Papi, non è necessario
per la salute di credere assolutamente questo o quello, ma solamente
uno d'essi, che fosse legittimamente eletto: e l'indagare chi delli
due fosse legittimamente eletto, non siam obbligati di farlo, nè di
saperlo: ed i Popoli in ciò devono seguire i suoi maggiori, e ciò
che fanno i Prelati delle loro regioni; onde questo stesso Scrittore
non imputa a peccato a S. Vincenzo Ferreri del suo medesimo ordine,
il quale quasi tutto il corso di sua vita consumò in Avignone sotto
l'ubbidienza di Benedetto XIII che quivi avea trasferita la sua Corte,
ancorchè gl'Italiani e con essi molte altre Nazioni, lo reputassero
Apostata e Scismatico, avendo Urbano per vero Pontefice; poichè fu per
errore ed ignoranza di fatto, che gli fece credere, che Benedetto fosse
tale; ed un semplice errore non fa niuno nè eretico, nè scismatico:
tanto più in cosa cotanto intrigata e dubbia, e sovente molte cose ci
possiam far lecite quando sia dubbio, che non dovremmo, quando la cosa
fosse esposta in chiara luce. Se alcuna ombra di colpa rendè men chiari
i pregi di questo Principe, solo fu, perchè anche da poi che quasi
tutto il Mondo riconobbe Innocenzio per vero Pontefice, ed anche da
poi morto Anacleto, volle pertinacemente mantener l'impegno, con far
in suo luogo crear altri; ma ben è chiaro che non lo fece per altro
che per fini di Stato, non di religione: voleva tenere per cotal via
depresso Innocenzio suo inimico implacabile, con mantener ancor viva
la fazion contraria, affinchè Innocenzio si riducesse ad aver con lui
pace. Ma ciò non bastò all'ostinato Pontefice, il quale volle egli
porsi alla testa d'eserciti armati per fargli guerra e ruinarlo. Ma
tutto al rovescio andò la bisogna, fu egli preso in battaglia e fatto
suo prigioniero. Questo fatto maggiormente fece rilucere la pietà di
Ruggiero, che con tutto che avesse potuto usar sopra di lui le leggi
della vittoria, lo riverì e lo riconobbe allora come Vicario di Cristo,
con lui volle aver pace, e fu da poi il maggior difensore, ch'avesse
la Chiesa romana contro gli sforzi degl'Imperadori non meno d'Oriente
che d'Occidente, siccome lo era stato il famoso Roberto Guiscardo, e lo
furono i due Guglielmi suoi successori.

Non lasciò altri figliuoli questo Principe dalle tante mogli ch'ebbe,
toltane Costanza sua postuma, che Guglielmo suo successore nel
Regno, e prevedendo che, siccome lo lasciava erede ne' Regni, non
poteva sperarne che da lui ereditasse le sue virtù, vedendosi con
suo cordoglio mancare tutti gli altri suoi figliuoli, e che la morte
togliendo i migliori, lasciava stare i rei, l'associò ancor vivente
al Regno e volle averlo per collega, affinchè regnando insieme,
apprendesse da lui l'arte di ben reggere i Popoli a se da Dio commessi.

Lasciò bensì dalle quattro concubine, che ebbe in varj tempi alcuni
figliuoli. Erra il Fazzello, che scrisse, che Tancredi Principe di
Bari, o di Taranto fosse figliuolo d'una concubina di Ruggiero[680];
poichè questi come si disse fu suo figliuolo legittimo, natogli da
Albiria sua prima moglie. Nè l'altro Tancredi, che fu il quarto Re
di Sicilia, fu figliuol di questo Ruggiero Re, fu bensì suo nipote
nato da Ruggiero suo primogenito Duca di Puglia; onde quali figliuoli
da questa prima concubina Ruggier lasciasse, non se ne ha niente
di certo. Dalla seconda ebbe Simone, al quale il padre lasciò in
testamento il Principato di Taranto: ma il Re Guglielmo suo fratello
glielo tolse, e gli diede il Contado di Policastro. La terza fu madre
di Clemenzia Contessa di Catanzaro, che prima si maritò con Ugone di
Molino Conte di Molise, e da poi fu pretesa da Matteo Bonello genero
del Grand'Ammiraglio Majone. La quarta fu madre di colei, che la Regina
Margherita moglie del Re Guglielmo I casò con Errico suo fratello
bastardo, con dote del Contado di Montescaglioso.

Nè deve sembrar strano, se questo Principe cotanto religioso, avesse
anche tenute nel suo palazzo le concubine: non era in questi tempi
il concubinato un nome cotanto vergognoso, come oggi si sente. Prima
presso i Romani, come altrove fu notato, era riputato una congiunzion
legittima, e le concubine erano quasi che mogli, siccome il concubinato
era chiamato _semimatrimonio_. E quando non si faceva difficoltà a'
Preti di potersi ammogliare, era anche a costoro permesso di aver
una, o sia moglie, o concubina, come si legge nel Concilio Toletano
I. Quindi poi nacque che non avendo la Chiesa latina voluto permetter
a' Preti le mogli, come la greca, si stabilirono da poi tanti Concilj
per togliere ancora a' medesimi l'uso delle concubine, il qual costume
però bisognò per più secoli travagliare per estirparlo, cotanto avea
poste profonde radici, come in altre occasioni si disse; ma ne' laici
durò il concubinato per molti secoli; e sebbene in Oriente Lione
per mezzo d'una sua Novella lo proibì affatto; la qual fu da poi
rinovata da Costantino Porfirogenito: in Occidente però i Longobardi
lo ritennero, siccome molte altre Nazioni; e Cujacio rapporta, che
sin ne' suoi tempi, alcuni Popoli della Francia presso i Pirenei
ancor lo ritenevano. I Normanni che furono esatti osservatori delle
leggi e costumi de' Longobardi, anche lo ritennero; onde non dee recar
maraviglia, se Ruggiero oltre alle mogli, avesse nel suo palazzo avuto
anche delle concubine in tempi diversi; non essendo stato mai permesso,
che in un istesso tempo avesse alcun potuto avere e moglie e concubina,
ovvero due mogli, o due concubine insieme, se non presso gli Ebrei ed
i Turchi, appo i quali la poligamia non fu vietata; onde siccome era
loro permesso tener più mogli, così anche si facevan lecito aver più
concubine. Fu ne' tempi posteriori dalle leggi civili tolto affatto il
concubinato, e da più Concilj tenuti da poi indifferentemente a tutti
proibito e vietato; tanto che oggi è riputato non già, come prima,
una congiunzion legittima ed onesta, ma vergognosa ed opprobriosa,
in maniera che ora hassi più in orrore il tener la concubina, che
commetter adulterj, incesti e stupri, e contaminarsi d'altre più
nefande libidini. Così il tempo muta le cose, e fa che quel, che prima
era onesto, rendasi poi biasimevole e vergognoso.


  FINE DEL VOLUME TERZO.



TAVOLA DE' CAPITOLI CONTENUTI NEL TOMO TERZO


  LIBRO OTTAVO                                           pag.   5

  Cap. I. _Ottone riordina il Regno d'Italia: sue
         spedizioni contra i Greci; ed innalzamento
         del Contado di Capua in Principato_              »    10
  Cap. II. _Ottone II succede al padre: disordini
         nel Principato di Salerno, nel quale finalmente
         vi succede Pandulfo_                             »    20
      §. I. _Cognomi di famiglie restituiti presso
         di noi, che per lungo tempo erano andati
         in disuso_                                       »    28
      §. II. _Spedizione infelice d'Ottone II contro
         a' Greci; e morte di Pandulfo Capo di ferro_     »    33
  Cap. III. _I Greci racquistano maggior vigore
         nella Puglia e nella Calabria, ed innalzamento
         del Ducato di Bari, sede ora dei Catapani_       »    40
  Cap. IV. _Ottone III succede nel Regno, e nell'Imperio:
         nuove rivoluzioni accadute perciò in Italia,
         ed in queste nostre province: e sua morte_       »    52
  Cap. V. _Instituzione degli Elettori dell'Imperio,
         ed elezione d'Errico Duca di Baviera_            »    61
  Cap. VI. _Politia ecclesiastica di queste nostre
         province per tutto il decimo secolo infin
         alla venuta de' Normanni_                        »    71
      _Principato di Capua_                               »    73
      _Principato di Benevento_                           »    74
      _Principato di Salerno_                             »    80
      §. I. _Disposizione delle Chiese sottoposte al
         greco Imperio, restituite poi da' Normanni
         al Trono romano. Puglia_                         »    85
      _Calabria_                                          »    92
      _Otranto_                                           »    94
      _Ducato di Napoli e di Gaeta_                       »    96
      _Ducato d'Amalfi e di Sorrento_                     »    98

  LIBRO NONO

  Cap. I. _Fondazione della città d'Aversa, ed
         istituzione del suo Contado nella persona di
         Rainulfo Normanno I Conte d'Aversa_              »   102
      §. I. _Venuta de' figliuoli di Tancredi Conte di
         Altavilla. Morte di Corrado il Salico, e
         sue leggi_                                       »   130
  Cap. II. _Conquiste de' Normanni sopra la Puglia_       »   141
      §. I. _Di Guglielmo Braccio di ferro I Conte
         di Puglia, creato l'anno 1043_                   »   154
      §. II. _Di Drogone II Conte di Puglia_              »   161
      §. III. _Prime investiture date dall'Imperador
         Errico a' Normanni_                              »   166
  Cap. III. _Origine delle nostre papali investiture:
         Spedizione infelice di Lione IX contro i
         Normanni: sua prigionia e morte_                 »   171
  Cap. IV. _Conquiste de' Normanni sopra la Calabria:
         Papa Stefano successor di Lione vi s'oppone;
         ma morto opportunamente in Firenze, vengon
         rotti i suoi disegni_                            »   195
      §. I. _Roberto Guiscardo è salutato I Duca di
         Puglia e di Calabria_                            »   201
  Cap. V. _Il Principato di Capua tolto a' Longobardi,
         passa sotto la dominazione de' Normanni
         d'Aversa_                                        »   206

  LIBRO DECIMO

  Cap. I. _Il Ducato di Bari passa sotto la dominazione
         de' Normanni_                                    »   228
  Cap. II. _Conquiste de' Normanni sopra la Sicilia_      »   232
  Cap. III. _Conquiste di Roberto sopra il Principato
         di Salerno ed Amalfi_                            »   242
  Cap. IV. _Il Principato di Benevento passa interamente
         sotto la dominazione de' Normanni, e la città
         di Benevento alla Chiesa romana_                 »   247
  Cap. V. _Litigi ch'ebbe l'Imperador Errico con
         Papa Gregorio, il quale ricorre al Duca Roberto,
         che lo libera dall'armi dell'Imperadore_         »   252
      §. I. _Investitura data da Gregorio VII al Duca
         Roberto_                                         »   262
  Cap. VI. _Conquiste del Duca Roberto in Oriente:
         sua morte, seguita poco da poi da
         quella di Gregorio VII_                          »   264
  Cap. VII. _Boemondo travaglia gli Stati di suo
         fratello: Amalfi e Capua si sollevano;
         ed origine delle Crociate_                       »   272
  Cap. VIII. _Urbano II fa suo Legato il Conte
         Ruggiero; onde ebbe origine la Monarchia
         di Sicilia_                                      »   283
      §. I. _Concilio tenuto da Urbano in Bari, e
         sua morte seguita poco da poi da quella
         del Conte Ruggiero, e d'altri Principi_          »   296
  Cap. IX. _Litigi, ch'ebbe l'Imperador Errico IV
         con Papa Gelasio II. Investiture date da
         questo Pontefice a' nostri Principi normanni;
         e scisma fra Calisto II e Gregorio VIII_         »   302
  Cap. X. _Lotario Duca di Sassonia succede nell'Imperio
         d'Occidente per la morte d'Errico; ed unione
         di tutte queste nostre province nella persona
         di Ruggiero Gran Conte di Sicilia, per la morte
         di Guglielmo Duca di Puglia_                     »   308
  Cap. XI. _Leggi longobarde e feudali ritenute
         da' Normanni. Le discipline risorgono nel
         Regno loro per gli Monaci Cassinensi, e
         per gli Arabi in Salerno_                        »   312
      §. I. _Prime raccolte delle leggi longobarde;
         e loro Chiosatori_                               »   318
      §. II. _Le discipline risorgono fra noi per
         opera de' Monaci Cassinensi_                     »   326
      §. III. _Della Scuola di Salerno famosa a
         questi tempi per lo studio della filosofia
         e della medicina introdotte quivi dagli Arabi_   »   329
  Cap. XII. _Politia ecclesiastica di queste nostre
         province per tutto l'undecimo secolo, insino
         a Ruggiero I Re di Sicilia_                      »   344
      §. I. _Monaci, e beni temporali_                    »   349

  LIBRO UNDECIMO

      §. I. _Investitura d'Anacleto data a Ruggiero I
         Re di Sicilia_                                   »   375
  Cap. I. _Papa Innocenzio II collegatosi coll'Imperador
         Lotario move guerra al Re Ruggiero.
         Il Principe di Capua, ed il Duca
         di Napoli s'uniscono con Lotario, sono disfatti,
         e Ruggiero occupa i loro Stati_                  »   378
      §. I. _Lotario cala la seconda volta in Italia;
         ed abbatte le forze di Ruggiero_                 »   389
  Cap. II. _Ritrovamento delle Pandette in Amalfi;
         e rinovellamento della giurisprudenza romana,
         e de' libri di Giustiniano nell'Accademie
         d'Italia_                                        »   394
  Cap. III. _Il Re Ruggiero prosiegue la guerra
         con Innocenzio: morte d'Anacleto, seguita
         poco da poi da quella di Lotario Imperadore,
         e di Rainulfo Duca di Puglia: Ruggiero ricupera
         le città perdute; e tutte queste province col
         Ducato napoletano al suo Imperio si sottomettono.
         Innocenzio è fatto prigione, e pace indi seguita
         tra lui, e 'l Re, al quale finalmente concede
         l'investitura del Regno_                         »   405
      §. I. _Il Ducato napoletano, Bari, Brindisi, e
         tutte le altre città del Regno si sottomettono
         al Re Ruggiero_                                  »   419
  Cap. IV. _Il Regno è stabilito, e riordinato con
         nuove leggi ed Ufficiali_                        »   427
  Cap. V. _Delle leggi di Ruggiero I Re di Sicilia_       »   440
      §. I. _Delle leggi feudali particolari del Regno_   »   459
  Cap. VI. _Degli Ufficj della Corona_                    »   464
      §. I. _Del Gran Contestabile_                       »   467
      §. II. _Del Grand'Ammiraglio_                       »   471
      _Delle leggi navali_                                »   480
      §. III. _Del Gran Cancelliero_                      »   484
      §. IV. _Del Gran Giustiziero_                       »   495
      §. V. _Del Gran Camerario_                          »   499
      §. VI. _Del Gran Protonotario_                      »   504
      §. VII. _Del Gran Siniscalco_                       »   512
  Cap. VII. _Spedizione di Ruggiero in Affrica;
         sue virtù, e sua morte_                          »   516
      §. I. _Coronazione di Guglielmo I, e morte di
         Papa Eugenio e dell'Imperador Corrado,
         a cui succedette Federico Barbarossa_            »   522


FINE DELL'INDICE.



NOTE:


[1] Putean. l. 4, Ab. de Nuce in Chron. Ostiens. lib. 1 cap. 61.

[2] Por. lib. 6 de Admin. Imp. cap. 26.

[3] Luitprand. l. 4. c. 6.

[4] Ostiens. l. 1. c. 61.

[5] Anon. Saler. part. 7. num. 2.

[6] Frisigens. l. 1. c. 19.

[7] Anon. Salern. part. 7 num. 1.

[8] Anonim. Salern. part. 7 num. 1. Luitprand. l. 6 c. 6.

[9] Chiocc. in Indic. t. 1. Reg. Jurisdict.

[10] V. Dupin. Eccl. disciplin. dissert. ult.

[11] Frisingen. l. 6 c. 17 et c. 24. Radevic. l. 1 c. 6.

[12] V. Struv. hist. Juris Publ. c. ult. §. 2.

[13] Goldast. Const. Imp. Tom. uno, pag. 215 seqq. tom. 3 pag. 303,
seqq.

[14] Ab. de Nuce in not. ad Chron. Ostien. l. 1. cap. ult. in fin.

[15] Anon. Salernit. pag. 7 num. 2.

[16] Anon. Salern. p. 7.

[17] Capac. Forast.

[18] Pellegr. in Tumulo Boni Cons.

[19] Anon. Salern. part. 7.

[20] Anon. Salern. part. 7, n. 5. Missamque ab Archiepiscopo Landulfo
audierunt, et Corporis, et Sanguinis Domini Nostri Jesu Christi
participati sunt. Et sic accepta benedictione a praedicto Sanctissimo
Pontifice, Apuliam venerunt.

[21] Anon. Salern. loc. c.

[22] Anon. Salern. part. 7 num. 66.

[23] Sigon. A. 972.

[24] Anon. Saler. part. 7 n. 7.

[25] Anon. Salern. part. 7 num. 10.

[26] Pellegr. in not. ad Anon. Saler. pag. 216. In Archivio Cavensi:
Nos Pandulfus Princeps filius b. m. D. Pandulfi Princ. declaro, quod
Gisulfus, et Gemma adoptaverunt in filium.

[27] Leggesi questo Carme presso Pellegr. loc. cit. pag. 223.

[28] Leggesi questa investitura presso Ciarlant. nel Sannio, pag.
241. Concedimus et confirmamus tibi supranominato Landulfo Comiti
dicto fratri nostro et haeredibus tuis praedictam civitatem Iserniae
cum omnibus castellis, etc. ad avendum et possidendum et fruendum et
dominandum vos et haeredibus vestris.

[29] Tiraq. de nobilit. cap. 32 num. 10. V. Alex. ab Alex. dier. gen.
V. Sirm. in Sidon. tom. 1 in praefat.

[30] V. Knipschild. de Fideicom. c. 1 num. 20.

[31] Erchemp. num. 26.

[32] Erchemp. num 27 et 67.

[33] Ostiens. lib. 1 cap. 49.

[34] Lib. 2. cap. 15.

[35] Pellegr. de Stem. Princ. Long. p. 287.

[36] In Auctuar. ad Ostiens. lib. 4 cap. 75.

[37] Aloys. Lellus in Elencho privilegiorum Archiepiscopalis Ecclesiae
Montis Regalis, num. 4.

[38] Ostiens. l. 2 c. 35.

[39] V. Ammirat. Fam. Napol.

[40] Freccia de Subfeud. pag. 24.

[41] V. Dufresne in Glos. v. Cognom.

[42] V. Mabillon de Re Diplom. l. 2 c. 7.

[43] Pellegr. in Stem. Princ. Capuae.

[44] Sigon. A. 980.

[45] LL. Long. lib. 3 1, 35, 36, 37, 38, 39, 40, 41, 42, 43, 44.

[46] Goldast. Tomo uno, pag. 225, 226. Tom. 3, pag. 305.

[47] Baron. A. 981 n. 4.

[48] V. Pellegr. part. 7 ad Anon. Salern.

[49] Pellegr. part. 7. Anon. Salern.

[50] Lib. 2 cap. 2.

[51] Pellegr. loc cit. pag. 222.

[52] Pellegr. in Stem.

[53] Sigon. A. 982.

[54] Pellegr. in Stem.

[55] Sigon. A 982.

[56] Otho Frisingens. lib. 6 c. 25.

[57] Gofridus Viterb. par. 17 de Ott. 2.

[58] Blond. hist. Rom. dec. 2 lib. 3.

[59] Sigon. de Reg. Italiae, lib. 7.

[60] Rob. Tuitensis lib. 2. cap. 24.

[61] Leo Ostiens. lib. 2 cap. 24.

[62] In Chronic. lib. 4.

[63] Leo Ostiens. lib. 2 cap. 50.

[64] Guill. Appul. lib. 1.

[65] Ostiens. lib. 2 cap. 50.

[66] Nicetas in Man. lib. 2.

[67] Pellegr. Castigat. in Chron. Lupi Protosp.

[68] Apud Pellegr. in Cast. p. 81.

[69] Chron. Anon. Barens. apud Pellegr.

[70] Guil. Appul. lib. 1.

[71] Ostiens. lib. 2 c. 50.

[72] Ostiens. lib. 2 cap. 43.

[73] Ughel. tom. 1. Ital. Sacr. de Episc. Cajet.

[74] Ab. de Nuce ad Ostiens. l. 1 c. 63.

[75] V. Du-Fresne in Not. ad Alexiad. Annae Comnen.

[76] Ab. de Nuce Chr. Ost. l. 1 c. 5.

[77] (Non è da tralasciare la favola rapportata dall'Autore del
Frammento Urstisiano tom. 2 pag. 82 di una singolar cagione di morte di
questo Imperadore; e tanto maggiormente perchè riguarda il santuario
del Monte Gargano, ed una tradizione, che ancor dura in quel luogo.
Anno Domini, e' scrive, DCCCCXCI. Otho Rex, peragrata Italia, venit in
Montem Gargani, et cognovit a referentibus Angelorum obsequia nocturno
tempore ibi esse, nec ullum mortalium velint interesse, cujus causa
notitiam cum disposuisset curiosius indagare, Apostolicum convenit
super hac re primum. Cui cum Apostolicus consilium suum indidisset,
sibi minus placere illum Angelicis ministeriis interesse, parvi pendit
consilium Papae, et eo ignorante proficiscitur in Montem Gargani. Ubi
dum pernoctaret, inter caetera quae cognovit Sanctorum Mysteria, veniam
consequutus est Angelorum, quod temere sacratum locum introierat;
tantum ab Angelis prostratus, pro quodam judicio, quod perfecisse
debuerat, nec fecit, pro negligentia transverberatus est: Deinde
Sanctus Michael jussit eum Romam remeare, statuto sibi die, quo cum
vellet invisere. Sicque cruentatus Rex Romam repedavit, et Benedicto
Papae cuncta a se visa retexuit. Igitur Rex valido languore tactus,
vita decessit, et ab Archangelo receptus, superis est sociatus Anno
Domini DCCCCXCIV. Burcardo Struvio Ist. Germ. dis. 13 §. 6 dopo aver
rapportato questo Frammento, soggiunge: Sed quis crederet hasce fabulas
ob Chronologiam etiam haut convenientem suspectas? Ejusdem farinae sunt
nugae quas de Laurentio Martyre, quasi ultore alii fingunt, de quibus
Baronius ad annum 983 §. 11).

[78] (Alcuni Scrittori Germani rapportati dallo stesso Struvio loc.
cit. §. 8 p. 562 scrissero, che Ottone III quando succedè al Padre,
era di età più tenera; e Gobelino Persona non lo fa che puerulus duorum
annorum Aet. VI C. L.).

[79] Sigon. An. 984.

[80] Sigon. A. 911.

[81] Ostiens. lib. 2 cap. 15 V. Cam. Pellegr. in Serie Com. Cap. 8. p.
207.

[82] Chron. Saler. apud. Pellegr. in Stem. Princ. Saler.

[83] Lib. 2 tit. 26.

[84] Pellegr. in Stem. Princ. Saler.

[85] Petr. Damian. lib. 1 Epist. 9.

[86] Ostiens. lib. 1 c. 37.

[87] Ostiens. l. 2 c. 57.

[88] Pellegr. in Stem.

[89] Sigon. ad A. 1001.

[90] Sigon. et Baron. ad A. 1002.

[91] Ostiens. l. 2 c. 24.

[92] Antonin. 2 part. tit. 16 cap. 3 §. 4.

[93] Gold. tom. 3 p. 311.

[94] Jordanes in Chronico ex Inn. III in cap. Venerabilem, de Elect. et
electi potestate.

[95] Naucl. generat. 31. A. 937.

[96] Honofr. in lib. de Comitiis Imperii.

[97] Cujac. de Feud.

[98] V. Dupin. de antiq. Eccl. disc. dis. 7.

[99] August. Triumphus l. de potest. Ecclesiae, qu. 35.

[100] Leopold. de Jure Imperii c. 3.

[101] Naucl. generat. 34. A. 994.

[102] Card. Cusan. de Concor. Cact. l. 3 c. 4.

[103] Guicc. hist. l. 7.

[104] V. Pellegr. in Append. pag. 300 et igne cremavit eam.

[105] Lib. 1 l. 36, 37 de homicid. lib hom. l. 4 de Parricid. lib. 2 l.
16 de prohib. nupt. V. Struv. hist. jur. Germ. §. 15.

[106] Sigon. ad A. 1013.

[107] Goldast. tom. 3 p. 311, 312.

[108] Ostiens. l. 2 c. 31. A. 1014.

[109] Luitpr. l. 6 c. 21.

[110] Ivo in Pannom. l. 8 c. 156.

[111] Grat. c. 23 dist. 63.

[112] V. Struv. hist. Jur. publ. §. 2.

[113] Erchemp. n. 36.

[114] Leo Ostiens. l. 2 c. 9. Sigon. l. 7. A. 966. Baron. Annal. ad A.
968. Pellegr. in Serie Ab. Cass. in Aligern. pag. 37.

[115] Anon. Salern. part. 7 n. 5 ed ivi Pellegr. Chron. Monast. S.
Bart. de Carpineto, l. 1. V. Baron. ad A. 968 n. 66. Marium Viper. in
Chron. Episc. et Archiep. Ben. l. 2.

[116] V. Ughel. Ital. Sacr. de Archiep. Ben.

[117] Decr. can. si justos 27 qu. 2.

[118] Decretal. c. te referente, de Celebrat. mis. c. 2 de Adulter.

[119] V. Ughel. Ital. Sacr. de Archiep. Saler.

[120] Ab. de Nuce in Ostiens. lib. 2 cap. 30.

[121] Ughell. Ital. Sacr. de Archiep. Comps.

[122] Decretal. cap. cum Clem. de Testam. cap. si de collus. de reg.
Eccles. Inn. III. in cap. cum olim, de Cleric. conjug.

[123] V. Ughel. Ital. Sacr. de Archiep. Consent.

[124] Novel. 2 de Feriis, §. 4 in honorem miraculis celebris
unguentoque scaturientis Nicolai.

[125] Beatil. Istor. di Bari, lib. 2.

[126] Bulla Urbani II apud Ughel. Simul et Catara, quae in transmarini
litoris ora sita esse cognoscitur.

[127] V. Ughel. Ital. Sacr. de Archiep. Rossan.

[128] Luitprand. Nicephorus, cum in omnibus Ecclesiis homo sit
impius, livore quo in nos abundat, Constantinopolitano Patriarchae
praecipit, ut Hydruntinam Ecclesiam in Archiepiscopatus honorem
dilatet; nec permittat in omni Apuliae, seu Calabriae, Latine amplius,
sed Graece divina mysteria celebrari. Scripsit itaque Polyeuctus
Constantinopolitanus Patriarcha Hydruntino Episcopo, quatenus sua
auctoritate habeat licentiam Episcopos consecrandi in Accerentilla,
Turcico, Gravina, Matera, Tucarico, qui ad consecrationem domini
Apostolici pertinere videntur.

[129] P. Carac. de Sacr. Eccl. Neap. Monum. cap. 1 sect. 10.

[130] Chioc. de Episc. Neap. A. 962.

[131] Guil. Appul. lib. 3. Rer. Norman.

[132] Gaufredo Malaterra l. 1 c. 3 hist. in tom. 3. Hisp. illustr.
Guglielmo Pugliese l. 2. de gest. Norm. in Italia in princ. Guglielmo
Gemmeticense l. 2. hist. Nortm. c. 4. Nortmanni dicuntur quia lingua
eorum Boreas, North vocatur: homo vero, Man, id est homines Borealas
per denominationem nuncupantur.

[133] Grot. in Proleg. ad hist. Got.

[134] L. 2 hist. Nortm.

[135] In hist. Long. in Stemmate.

[136] Grot. in Prolegom. loc. cit.

[137] V. Inveges nel princ. della part. 3 degli Annali di Palermo, ove
porta l'Albero de' Duchi di Normannia.

[138] Peregrin. in Stemmate.

[139] Malater. lib. 1 c. 4. V. Dufresne in Stem. Ducum. Apuliae ad
Hist. Comnen.

[140] Malat. lib. 1 c. 9, 11, 19. 38. Ost. lib. 2 cap. 67.

[141] Roger. Oveden. apud Grot. in Prolegom. Audax Francia Normannorum
militiam experta delituit. Ferox Anglia captiva succubuit. Dives Apulia
sortita refloruit. Hierosolyma famosa, et insignis Antiochia se utraque
supposuit.

[142] Petr. Diaconus de Viris Illustrib. sacri Cassin. Archisterii.

[143] Petr. Diac. lib. 3 c. 35 in Actuar. Chronic. Cassin.

[144] Lib. 3 cap. 35.

[145] Pellegr. in Serie Ab. Cass. in Atenulfo: vergente A. Christi
millesimo.

[146] Ostiens. l. 2 c. 37. Quadraginta numero Normanni in habitu
peregrino.

[147] Ostiens. lib. 2 cap. 37.

[148] Ostiens. lib. 2 cap. 37. A Guaimaro majore, qui tunc Salerni
principabatur.

[149] Ostiens. lib. 2 cap. 37.

[150] Odoric. Vital. l. 3.

[151] Ostiens. loc. cit.

[152] Pellegr. in Stem.

[153] Ostiens. l. 2 c. 37.

[154] Ostiens. l. 2 c. 38.

[155] Ostiens. l. 2 c. 38.

[156] Ostiens. loc. cit.

[157] Ostiens. lib. 2 cap. 39.

[158] Ostiens. lib. 2 cap. 40.

[159] Ostiens. lib. 2 cap. 41.

[160] Guglielmo Gemmet. lib. 7 cap. 30.

[161] Gemmet. loc. cit. Guil. App. lib. 1.

[162] (_Sigeberto Gemblacense_ ad An. 1024. HENRICUS Imperator,
consulentibus sibi Principibus super substitutione Regni, designans
Conradum... moritur. _Leo Ostiens. loc. cit._ Chuonrado Duce, qui
et Cono dictus est, ejusdem Henrici electione in Regem elato. _Otto.
Frising. loc. cit._ Conradus natione Francus, consilio Antecessoris
sui, cujus tamen dum adhuc viveret, gratia carebat, ab omnibus electus,
etc.)

[163] Antoninus 2 part. hist. tit. 16 cap. 4 §. 1. Virtute militari
strenuus, sapientia, et scientia juris maxime florens.

[164] Ostiens. lib. 2 cap. 58.

[165] Guil. App. lib. 1.

[166] Pellegr. in Stemmat. An. 1030. Ostiens. lib. 2 cap. 58.

[167] Chronic. Neap. Jo. Villani lib. 1 c. 60.

[168] Malat. lib. 1 cap. 9, 11, 19 et 38. Ost. lib. 2 cap. 67.

[169] Ost. lib. 2 cap. 65.

[170] Antonin. 2 part. tit. 16 cap. 2. §. 1.

[171] Ostiens. lib. 2 cap. 65.

[172] Ostiens. lib. 2 cap. 65. Rainulfum quoque, ipsius Guaimarii
suggestione, de Comitatu Aversano investivit.

[173] Ostiens. l. 2 c. 65. Eodem tempore Guaimarius, Normannis
faventibus, Surrentum cepit, et fratri suo Guidoni contulit. Amalfim
nihilominus suo dominatui subdidit.

[174] Ughell. de Archiep. Amalf. pag. 255 t. 7.

[175] Goldast. t. 3 p. 312.

[176] Lib. 1. Feud. tit. 1 §. 1.

[177] Lib. 3. LL. Longob. tit. 8 de beneficiis, l. 4.

[178] Sig. A. 1026.

[179] Lib. 1 tit. 1 §. 2.

[180] Audr. in Comm. in l. omnibus post tit. de prohib. Feud. alien.
per Lothar.

[181] Molin. de Feud. p. 51.

[182] Molinaeus de Feud. n. 33.

[183] Pellegr. in dissert. pag. 62.

[184] Lib. 1. Feud. tit. 19.

[185] Cujac. de Feud. lib. 2 tit. 17. Nam quod sequitur de successione
Feudi, constat primum introduxisse Conradum, confirmavit autem
Lotharius.

[186] V. Struv. histor. Jur. Feud. §. 1.

[187] _Curopalata_ hist. fol. 109. _Cedreno_ hist. fol. 109. _Lupo
Protospata_ in Cron. Long. p. 1. _Cronaca Barense_ apud. Pellegr. A.
1038.

[188] _Ostiens._ lib. 2 cap. 67.

[189] _Malater._ l. 1 h. c. 6.

[190] Ostiens. l. 4 c. 63. Pellegr. in Castig. ad Lup. Protop.

[191] Ostiens. l. 2 c. 67. Malater. l. 1 c. 8.

[192] Gugl. Appul. l. 1.

[193] Cedr. p. 623.

[194] Malater. lib. 1.

[195] Ostiens. lib. 2 cap. 67.

[196] Ostiens. loc. cit.

[197] Gugliel. Appul. Cedrenus, pag. 619 et seqq.

[198] Ostiens. l. 2 cap. 67. Gaufr. Malat. lib. 1 cap. 9. Guglielm.
App. lib. 1.

[199] Gugliel. Ap. Ter Gallis illo victoria contigit anno.

[200] Ostiens. lib. 2 cap. 67.

[201] Apul. lib. 1. Cedren. p. 623.

[202] Cedren. pag. 604.

[203] Gugl. App. lib. 1.

[204] Gugliel. App. lib. 1.

[205] Cedren. pag. 624 e 625. Zonaras.

[206] Annal. di Palerm. part. 3. An. 1043.

[207] Ostiens. lib. 1 cap. 67.

[208] Gul. Ap. lib. 2 c. 12.

[209] Ostiens. lib. 2 cap. 67.

[210] Orderic. Vital. lib. 3.

[211] Gugl. Appul. lib. 1.

[212] Pellegr. in Stem.

[213] Malater. lib. 2 cap. 12. Exequiis celebratis, secundus frater
Drogo totius Apuliae dominatum suscepit.

[214] Inveg. par. 3. A. 1046.

[215] Orderic. Vital. lib. 3. Sub specie Peregrinorum peras, et baculos
portantes (ne caperentur a Romanis) in Apuliam abierunt.

[216] Desider. lib. 3 in prin. Ab. de Nuce in Excurs. hist. ad Ostiens.
lib. 2 cap. 79.

[217] Ostiens. lib. 2 cap. 79.

[218] Ostiens. lib. 2 cap. 80.

[219] Ostiens. lib. 2 cap. 80.

[220] Ostiens. loc. cit. Drogoni Apuliae et Rainulfo Aversae Comitibus
ad se convenientibus, et equos illi plurimos, et pecuniam maximam
offerentibus, universam, quam tunc tenebant terram, Imperiali
investitura firmavit.

(Hermannus Contractus ad An. 1047. Imperator vero Roma egressus,
nonnulla Castella sibi rebellantia caepit. Provincias illas prout
videbatur, disposuit, Duces Nortmannis, qui in partibus commorantur, et
aliis eo loco Urbibus, constituit).

[221] Pellegr. in Stemm.

[222] Ostiens. loc. cit. Totam Civitatem a Romano Pontifice, qui cum
illo tunc erat, excommunicari fecit; cunctamque Beneventanam Terram
Normannis auctoritate sua confirmans, ultra montes exinde est reversus;
Gregorium Expontificem secum asportans.

[223] Guglielm. App. lib. 2.

[224] Malater. p. 13.

[225] Auctar. Chron. Cass. lib. 4 cap. 115.

[226] Ab. de Nuce in Excurs. hist. ad dict. lib. 4 cap. 8.

[227] Petr. Diac. loc. cit. cap. 116.

[228] V. Guicciard. hist. Ital. lib. 1.

[229] Chioc. tom. 1 dell'Invest.

[230] Desiderius Abb. Ostiens. lib. 2 c. 81.

[231] Ottone Frising. VI. cap. 3.

[232] Lione Ostiense lib. 2 cap. 82.

[233] Ostiens. lib. 2 c. 85.

[234] Ostiens. lib. 2 c. 84.

[235] Ditmaro l. 6 p. 383.

[236] Ostiens. lib. 2 cap. 46. Postmodum Leo IX Papa vicariationis
gratia Beneventum ab Henrico Corradi filio recipiens, praedictum
Episcopum Bambergensem sub ejus ditione remsit, equo tantum, quem
praediximus, sibi retento.

[237] Petr. Diac. ad Ostiens. lib. 2 c. 84.

[238] Chron. Duc. et Princ. Benev. apud Pellegr. pag. 266 et exiliati
sunt.

[239] P. Giannetas. hist. Neap. lib. 9.

[240] Lambert. apud Baron. A. 1053 num. 3. Item alios quamplures tam
Clericos, quam Laicos in re militari probatissimos.

[241] Malaterra l. 2 c. 14.

[242] Ostiens. l. 2 c. 87.

[243] Chron. Duc. et Princ. Benev. apud Pellegr. pag. 266.

[244] Gugliel. Appul. l. 2.

[245] Ostiens. loc. cit. Omnibus tandem in ipso certamine trucidatis
Normanni Dei judicio extitere victores.

[246] Malater. lib. 2 cap. 14. Intra Urbem Provinciae Capitanatae, quae
Commitata dicitur.

[247] Anonym. Barens. apud Pellegrin. ann. 1052. Comprehenserunt illum,
et portaverunt Benevento, tamen cum honoribus.

[248] Ostiens. lib. 2 cap. 87.

[249] Malater. lib. 2 cap. 14. Ostiens. loc. cit.

[250] Malater. lib. 2 cap. 14.

[251] Chron. Duc. et Princ. Benev. apud Pellegr. pag. 266. Postmodum
autem reversi sunt in Beneventum.

[252] Pellegr. de Chronica Ducum, et Princ. Ben. pag. 262. Idem in
Stemm. et alibi pluries.

[253] Chron. n. 8 et 9 apud Pellegr. pag. 266.

[254] Ostiens. lib. 2 c. 89.

[255] Ostiens. lib. 2 c. 96 et 99.

[256] Goldast. tom. 3 pag. 312.

[257] Gul. Ap. lib. 1. Roberto fratri Calabras acquirere terras
concedit.

[258] Ostiens. lib. 2 cap. 98.

[259] Ostiens. lib. 2 cap. 99.

[260] Ostiens. lib. 2 cap. 100.

[261] Guil. Appul. lib. 1.

[262] Ostiens. lib. 3 cap. 16. Et ex tunc coepit Dux appellari.

[263] Pellegr. Castigat. in Lup. Protosp. A. 1055.

[264] Sigon. Histor. de Regn. Italiae lib. 9. A. 1059. Rhegio Calabriae
Oppido, et Troja Apuliae capto superbus ultro se Ducem Apuliae atque
Calabriae appellabat.

[265] Invent. Annal. di Paler. part. 3. A. 1059.

[266] Mazzel. descriz. del Regno di Napoli pag. 374.

[267] Chassau. Catalog. glor. Mund. part. 1 concl. 9 pag. 8.

[268] Guazzi hist. Moder. pag. 78.

[269] Ostiens. lib. 3 cap. 16.

[270] Ostiens. loc. cit.

[271] Pellegr. in Stem.

[272] Ostiens. lib. 3 cap. 16.

[273] Sigon. lib. 9. A. 1059.

[274] Desid. Dial. lib. 1. Pellegr. in Stem.

[275] Senec. ad Lucil. Epist. 47.

[276] Freccia de Subfeud. lib. 8. Speciali quodam jure sibi vindicet,
sicut Beneventum.

[277] Ostiens. l. 2 c. 40.

[278] Ostiens. cod. loc. c. 39.

[279] V. Baron. A. 1022.

[280] Gulielm. Appul. l. 2.

[281] Ostiens. lib. 3 cap. 16. Hisdem quoque diebus, et Richardo
Principatum Capuanum, et Rothberto Ducatum Apuliae, et Calabriae, atque
Siciliae confirmavit, cum Sacramento, fidelitate Romanae Ecclesiae ab
eis primo recepta, nec non investitione census per singulos annos, per
singula boum paria, denarios duodecim.

[282] Freccia de Subfeud. lib. 1 pag. 53.

[283] Guil. Apul. lib. 2.

[284] V. Pratejum. Lex Jurid.

[285] Frossard hist. lib. 1 cap. 14.

[286] V. Bodin. de Republ. lib. 1.

[287] Ostiens. l. 3 c. 16.

[288] Pell. in Stem.

[289] Ostiens. loc. cit.

[290] Ostiens. l. 3 c. 16.

[291] Goffredo Malaterra lib. 2 cap. 43.

[292] Beatil. Istor. di Bari, lib. 2.

[293] Guil. Appul. lib. 2.

[294] Ostiens. loc. cit.

[295] Malater. lib. 2. cap. 42.

[296] Guil. Ap. lib. 2. Lupo Protosp.

[297] Ostiens. lib. 3 cap. 21.

[298] Baron. A. 1066 n. 2.

[299] Ostiens. lib. 3 cap. 17 et 18.

[300] Abb. de Nuce ad Ostiens. lib. 3 cap. 18.

[301] Ostiens. lib. 3 cap. 25.

[302] Ostiens. lib. 3 cap. 3.

[303] V. Carol. Borrel. in Vindic. Neap. Peregr. in Campan. circa fin.

[304] Ostiens. lib. 3 cap 16. Sicque fratrem Roggerium de tota
investiens Insula, et medietatem Panormi, et Demonae, ac Messanae sibi
retinens.

[305] Malaterra lib. 2 cap. 4. V. Fazzel. Hist. Sicul.

[306] Tutino de' Contestabili del Regno.

[307] Inveges istor. di Palermo, tom. 2.

[308] Gul. Appul. lib. 3.

[309] Gul. App. Dux Petro suspectus erat, quia prorsus eunti ad fines
Siculos vires adhibere negarat.

[310] Malat. lib. 3 cap. 2.

[311] Gul. Appul. lib. 3.

[312] Paul. Diacon. l. 3 c. 45.

[313] Malat. lib. 3 cap. 4.

[314] Pellegr. in Stemm. Princ. Salernit.

[315] Pellegr. in Stemm.

[316] Paul. Diac. l. 3 c. 45.

[317] Baron. in fin. lib. Epist. Gregorii VII. Celebravit Synodum
Romae, in qua excommunicavit Robertum Guiscardum Ducem Apuliae, et
Calabriae, et Siciliae cum omnibus fautoribus ejus.

[318] Petr. Diac. Auct. l. 3 c. 45.

[319] Anon. in Chr. Duc. et Princ. Ben. n. 15 apud Pellegr. Post cujus
Principis obitum, recta est Civitas per Romanam Ecclesiam.

[320] Auctuar. P. Diac. in Ostiens. l. 3 c. 49.

[321] Auctuar. P. Diac. l. 3 cap. 49.

[322] Hemoldus Chronici Sclavorum lib. 1 cap. 29.

[323] Auctuar. P. Diac. lib. 3 cap. 50 et 53.

[324] Auct. P. Diac. lib. 3 cap. 50.

[325] Malat. lib. 3. Anna Comnen. lib. 4.

[326] Gugl. App. lib. 4.

    Advenit interea Conjux, Comitesque rogati,
    Egregiam sobolem multo spectante Rogerum.
    Accersit Populo, cunctisque videntibus illum,
    Haeredem statuit, proponit et omnibus illum.
    Jus proprium Latii totius, et Appula quaeque,
    Cum Calabris, Siculisque loca Dux dat habenda Rogerio.


[327] Malat. lib. 3.

[328] Gul. Appul. lib. 4. Roberto Comiti committitur, atque Girardo.
Alter fratre satus, fidissimus alter amicus.

[329] Auct. P. Diac. lib. 3 cap. 53.

[330] Vol. 3. Epist. decretal. Greg. VII. L'Investitura data da
Gregorio VII al Duca Roberto vien anche rapportata da Lunig. nel Codice
Diplomatico d'Italia, Tom. 2 p. 843.

[331] Anna Comn. lib. 5.

[332] Order. Vital. lib. 7.

[333] Protospata, l'Anonimo di Bari, Orderico. La Cronaca di Fossanova,
tom. 1. Ital. Sacr. Ughel. col. 46. La Cronaca de' Duchi di Benevento
nell'istoria Longob. del Pellegrino. La Cronaca dell'Anonimo Monaco di
S. Sofia di Benevento. La Cronaca Salernitana nella cit. hist. Longob.
L'Anonimo Sigonio, Panvinio, Gordonio e Pirri, tutti questi pongono la
morte di Guiscardo in quest'anno 1085.

[334] Gugl. App. Urbs Venusina nitet tantis decorata sepulchris.

[335] Malater. l. 3 c. 42.

[336] Pallavic. hist. del Conc. di Trent.

[337] Pellegr. ad Lupum Prot. A. 1089.

[338] Romuald. Arc. Salern. apud Baron.

[339] Malat. lib. 4 c. 17.

[340] Malat. lib. 4 c. 19.

[341] Pellegr. ad Lup. A. 1096.

[342] Malat. lib. 4 c. 2.

[343] Orderico Vital. lib. 1. Hist. Norm. Tancredus Odonis Boni
marchisii filius, et Comes de Rossivolo cum suis fratribus.

[344] Ab. de Nuce Chr. lib. 4 cap. 11.

[345] Malater. lib. 4 c. 2. Dux in Apuliam secedit, Comes in Siciliam
revertitur.

[346] Paul. Diac. lib. 4 cap. 10.

[347] Malater. loc. cit.

[348] Malater. lib. 4 cap. 26. Homo Apuliae Ducis factus fuerat.

[349] Loc. cit. ad A. 1097 cap. 5. Vice recompensationis Neapolim,
quae sibi similiter recalcitrabat, si praevalere posset, fiducialiter
concedens.

[350] Petr. Diac. l. 4. c. 10.

[351] Guil. App. lib. 6.

[352] Ivo Epist. 109.

[353] Altes rer. Aquit. lib. 4. cap. 5.

[354] Polid. lib. 3, rer. Anglic.

[355] Rer. Aquit. lib. 4. cap. 5.

[356] Jo. Salisberiensis lib. 15 cap. 16. et lib. 6 cap. 22. Sed
nec Legati Sedis Apostolicae manus suas excutiunt ab omni munere,
quin interdum in Provinciis ita debaccantur ac Satban ad Ecclesiam
flagellandam a facie domini Provinciarum diripiunt spolia, ac si
thesauros Croesi studeant comparare.

[357] V. Ugo di Flavigni, ed Eadmero lib. 5. hist.

[358] Gregor. lib. 2. Indit. 10. Epist. 7.

[359] Inveges lib. 3. Proinde supra cunctas Ecclesias Siciliae te Vice
Sedis Apostolicae ministrare decernimus, quas non loco tribuimus, sed
personae.

[360] Ostiens. lib. 3 cap. 13.

[361] Order. Vit. hist. Norman. lib. 3 fol. 483.

[362] Fazzel. Rer. Sicul. Inveges lib. 3. Vien rapportata anche da
Lunig, Tom. 2. Cod. Ital. Diplom. pag. 846.

[363] V. Duaren. de Sacr. Eccles. min. nemini Regum. 16 qu. 7.

[364] Glos. cap. placuit, in princ. et in cap.

[365] Andr. de Isern. in prooem. Constit. Regn.

[366] Nauclerus generat. 41.

[367] V. Pellegr. al Lup. A. 1099.

[368] Lup. Protosp. A. 1101. Obiit Rogerius Comes Siciliae mense Julii.

[369] Malater. lib. 4. cap. 19. Romuald Salernit.

[370] Aless. Teles. lib. 1 cap. 2 et 3.

[371] Malater. lib. 3 cap. 10, 11 et 36 et lib. 4 cap. 14 et 18.

[372] Pell. in Stemm.

[373] Pellegr. in Stemm.

[374] Pellegr. in Castigat. ad Anonim. Cassin.

[375] Pellegr. in Stem.

[376] P. Diac. lib. 4 c. 46.

[377] P. Diac. lib. 4 c. 49. Investivit de Ducatu Apuliae, et Calabriae.

[378] P. Diac. lib. 4 c. 64.

[379] P. Diac. lib. 4 cap. 64.

[380] P. Diac. lib. 4 c. 64.

[381] Ad Chronic. Cas. lib. 4. cap. 64.

[382] Pellegr. in Castigat. ad Anon. Cass. A. 1119.

[383] Pellegr. in Stemmate.

[384] P. Diac. lib. 4 cap. 68.

[385] Pellegr. in Cast. ad Fal. Benev. A. 1121.

[386] Pet. Diacon. lib. 4 cap. 83.

[387] Petr. Diac. lib. 4 cap. 87.

[388] Chron. Romualdi Arch. Salern. Falcon. Benevent. ann. 1127.

[389] P. Diac. lib. 4 cap. 96. Pellegr. in Stemm.

[390] Petr. Diac. loc. cit. Atque in ipso omnis Roberti Guiscardi
familia, quae ex ipso descenderat, finita est.

[391] Abb. Telesin. lib. 1.

[392] Vedi Apologia Tom. V part. 2 cap. 11, 12 e segg.

[393] Pellegr. in Castigat. ad An. Cass. A. 1132.

[394] Consuet. Bar. in prooemio Romuald. Archiep. Saler. in Chronic.
Massilia. Beatil. hist. di Bari, lib. 2.

[395] Chron. Cassin. lib. 3 cap. 63. Instituta Justiniani, Novellam
ejus.

[396] Constit. Henric. in ll. Longobar. lib. 2 tit. 67 l. 11 dove si
ricorre alla l. 25. C. de Episc. ch'è di Marciano; ed alla l. 2. C. de
jurejur. propter. calumn. ch'è di Giustiniano.

[397] Ivo Epist. 46. Unde et in lib. Pandectarum continetur,
allegandosi la l. 7, 11, 13. D. de sponsalib. E nell'Epist. 69 s'allega
la l. 11 e 14. D. cod. tit. de sponsalib.

[398] Ostiens. lib. 2 c. 35.

[399] Pellegr. in Stem. Princ. Longobard. p. 288.

[400] Pellegr. hist. Princ. Longob. pag. 251 et 256.

[401] Pellegr. in Append. lib. 1 hist. Princ. Longob. pag. 300.

[402] Lib. 1 Feud 10 et lib. 2, 21 et 28. Struv. Hist. Jur. Gothic. et
Langob. §. 2.

[403] Coring. de orig. jur. cap. 23. Ædit. Collect. Const. et legum
Imp. in prolegom. Struv. loc. cit.

[404] Chron. lib. 4 cap. 125.

[405] Struv. loc. cit.

[406] Chron. lib. 4 cap. 66.

[407] Carol. de Tocco glos. in l. 1. Longob. de Scandal. l. si quis 6
de eo qui pecul. lib. 1.

[408] L. Long. l. si quis puellam, de injur. mulier. l. si quis aliis,
de Adulter.

[409] L. si quis 4 de his, quae a viro.

[410] L. 4. de ultim. volunt.

[411] L. si quis cum altero, de Testib.

[412] Ciarlant. lib. 4 cap. 13. Toppi de origin. Trib. M. C. cap. 10.

[413] Andr. de Iser. De his, qui Feud. dar. poss. §. et quia.

[414] In Constit. minorib. de Jure Balii.

[415] In eadem Const. in princ.

[416] Ciarlant. del Sannio lib. 4 cap. 26.

[417] Viv. decis. 163.

[418] Beatil. hist. di Bari lib. 4.

[419] V. Toppi, e Nicod. in Bibliot. Neapolit.

[420] V. Ciarlan. del San. lib. 3 c. 34.

[421] P. Diac. de Viris illustr. c. 26. Monac. Cassin.

[422] Chron. lib. 3 c. 35.

[423] De Viris illustr. Monac. Cassin.

[424] Chron. Cass. lib. 3 c. 35.

[425] Chr. Cas. lib. 3 c. 35. V. Maurum in notis ad P. Diac. de vir.
illustr.

[426] V. Petr. Diac. de vir. illustr. cap. 13 et ibi Marum. V. Ab. de
Nuce ad Chron. Cas. l. 1 c. 23.

[427] Chr. lib. 3 c. 7.

[428] Capecelatr. hist. l. 2 pag. 109.

[429] Constit. Regn. lib. 18 de probabili experim. Medicor.

[430] Glos. c. placuit, in princip. et in cap. nemini Regum 16 q. 17.

[431] Archid. Barens. apud Baron. ad an. 1091. Electo Elia in
Archiepiscopum Barii, voluntate, atque consensu Ducis Rogerii filii
Ducis Roberti Pellegr. in Lup. Protospat. ann. 1089.

[432] Jo. Saresber. de Nugis Curialium. Capecelatr. hist. l. 1 c. 61.

[433] Azorius Institut. mor. p. 2 l. 5 c. 44 §. Innoc.

[434] Baron. ad ann. 1097 tom. 11 fol. 694.

[435] Jo. Saresb. loc. cit. Capecelatr. loc. cit.

[436] Constit. Regn. tit. de Administr. rerum Eccl. post. mortem
Praelat.

[437] Sigon. de Reg. Ital. l. 8 ann. 1009.

[438] Istor. di Nap. l. 1 p. 52.

[439] V. Michel. di Montagna ne' suoi saggi, l. 1 c. 40.

[440] Ab. Telesin.

[441] Falco Benev.

[442] Petr. Diacon. l. 4 c. 96.

[443] Ab. Teles. Quia olim sub priscis temporibus super hanc ipsam
Provinciam Reges nonnullos habuisse traditur. E nella Bolla, o sia
Investitura d'In. II si disse: Regnum Siciliae, quod utique prout in
antiquis refertur historiis, Regnum fuisse, non dubium est.

[444] V. Patric. in Marte Gallico.

[445] V. Bodin. de Rep. c. 6.

[446] Tritem. c. 17. Ottone Frisingense l. 2, de gestis Federici I c.
5. Bodino de Rep. l. 2 c. 3.

[447] Cujac. l. 1. de Feud. tit. 2. §. et quia vidimus.

[448] Artur. de auth. jur Rom. lib. 2. de Angl. num. 1.

[449] Bart. in l. hostes. de Captivis.

[450] Covar. pract. quaest. 1.

[451] P. Diac. l. 4 c. 117.

[452] Pellegr. in Castigat. ad Falc. Ben. A. 1130.

[453] Chr. Cass. lib. 4. c. 7.

[454] Ab. Telesin. lib. 2. cap. 1.

[455] V. Faz. decad. 2 l. 7.

[456] Chron. MS. di S. Stefano del Bosco.

[457] Bolla d'Anacl. Coronam Regni Siciliae, et Calabriae, et
Apuliae, etc. Donamus etiam, et auctorizamus tibi, et tuis haeredibus
Principatum Capuanum cum omnibus tenimentis suis, quemadmodum Principes
Capuanorum tam in praesenti, quam in praeterito tenuerunt. Honorem
quoque Neapolis, ejusque pertinentiarum, etc.

[458] P. Diac. lib. 4 c. 97. Petrus preterea Cardinalis Rogerio Duci
Apuliae coronam tribuens, et per privilegium Capuanum Principatum, et
Ducatum Neapolitanum cum Apulia, Calabria, et Sicilia illi confirmans,
Regemque constituens, ad suam partem attraxit.

[459] P. Diac. l. 4 c. 117.

[460] Bulla Anacl. Concedimus igitur, donamus, et auctorizamus tibi,
filio tuo Rogerio, et aliis filiis tuis secundum tuam ordinationem in
Regnum substituendis, et haeredibus suis coronam Regni Siciliae, et
Calabriae, et Apuliae, etc. Tu autem censum, et haeredes tui, videlicet
sexcentos schifatos, quos annis singulis Romanae Ecclesiae persolvere
debes, etc.

[461] Chron. Cass. l. 4 c. 97.

[462] Lib. 2 de Feud. tit. 19.

[463] Frising. l. 7 c. 18.

[464] Capec. Latr. lib. 1 p. 14.

[465] Falco Benev.

[466] Abb. Telesin. l. 3 c. 27. Petr Diac. l. 4 c. 97.

[467] Pell. in Stemm.

[468] Wolf. Laz. de migrat. gent. lib. 10.

[469] Orderic. Vital. Carol. Dufresne in Stemm. ad hist. Comnen.

[470] Falc. Benev.

[471] Otho Frising. in Frid. l. 2 c. 12. Gunther. l. 2.

[472] Lib. 2 tit. 52 de prohib. Feud. alien. per Lothar.

[473] LL. Longob. tit. ult. l. 3.

[474] Pellegr. ad Anonim. Cassin. A. 1136.

[475] P. Diac. L. 4 c. 105.

[476] P. Diac lib. 4 c. 106.

[477] P. Diac. lib. 4 c. 106.

[478] Otho Frising. in Chron.

[479] Falco Benev.

[480] Sigon. de Reg. Ital. l. 11.

[481] Pellegr. in Stem.

[482] Ivo Epist. 46, 69 etc.

[483] Cap. lator, de Pignorib. ove il P. si rapporta alla l. qui filios
6. C. Quae res pignor. oblig. pos.

[484] Pancir. de Clar. II. Interpr. l. 2 c. 13.

[485] Capece Latr. l. 1 hist. p. 35.

[486] Sigon. de Regn. Ital. lib. 11. p. 270.

[487] Polit. Miscel. cap. 41.

[488] Ant. Gatt. hist. Gymnas. Ticin. cap. 12 p. 92.

[489] Taurel. in Praelat. PP. Fluv.

[490] Artur. l. 1 c. 5 num. 13.

[491] Struv. hist. Jur. Just restaur cap. 5 §. 8.

[492] Struv. hist. Jur. Just restaur. c. 5 §. 10.

[493] Sigon. de Regn. Ital. lib. 12 pag. 272. In eo tamen, aperte
falsus, quod Matildis rogatu id suscepisse muneris ait, quae multo ante
Lotharii Imperium e vita migravit.

[494] Polit. lib. 10. Ep. 14.

[495] Alciat. dispunct. lib. 3 cap. 12.

[496] August. Emendat. l. 1 c. 1.

[497] Struv. hist. Jur. c. 5 §. 10.

[498] Lindenbrog. in Prolegom. in Cod. ll. Antiq.

[499] Conring. de Orig. Jur. Germ. cap. 21.

[500] V. Itterium de Gradib. Academicis, cap. 3 §. 9.

[501] Morena de Reb. Laudens. apud Leibnitium, tom. 1 pag. 118.

[502] Itter. loc. cit. c. 4 §. 25.

[503] Conring. de Antiquitat. Acad. diss. 14 p. 134.

[504] Sigon. de Reg. Ital. lib. 11.

[505] Artur. de usu et auct. Jur. Civ. lib. 1 c. 14.

[506] V. Struv. hist. Jur. Just. restaur. cap. 5 §. 10. Stokmans decis.
1 num. 18.

[507] Linden. loc. cit.

[508] P. Diac. lib. 4 c. 117. Quae res inter Pontificem, et Caesarem
dissentionem maximam ministravit, Papa dicente, Salernitanam Civitatem
Romanae Ecclesiae attinere; Imperatore e contra, non Pontifici, sed
Imperatori pertinere debere, dicente.

[509] P. Diac. lib. 4 cap. 126.

[510] Falc. Ben. Audiens Rex Rogerius Imperatorem viam redeundi
arripuisse, exercitu convocato, Salernum venit.

[511] Sigon. de Regn. Ital. lib. 12. insigni per ea tempora eloquentia,
singularique doctrina.

[512] Falc. Benev. ad ann. 1138. Vita S. Bernardi.

[513] Lib. 4 c. ult.

[514] P. Diac. lib. 4 c. 117.

[515] Falc. Benev. an. 1139. Otho Frisigens.

[516] Falc. Benev.

[517] P. Diac. lib. 4 cap. 126 praeter Barum, Trojam, atque Neapolim,
omnem Terram quam facile amiserat, facilius coepit recuperare.

[518] Falc. Benev.

[519] Falc. Benev. ann. 1139.

[520] Pellegr. in Castig. ad Falc. Benev. ann. 1139.

[521] Anon. Cassin.

[522] È rapportata anche la Bolla di questa Investitura da Lunig. Cod.
Ital. Diplom. Tom. 2 p. 850.

[523] Histor. Napol. lib. 11.

[524] P. Diac. lib. 4 cap. 97.

[525] Falc. Benev. In his diebus Cives Neapolitani venerunt Beneventum,
et Civitatem Neapolim ad fidelitatem Domini Regis tradentes, Ducem
filium ejus dixerunt, et ejus fidelitati colla submittunt.

[526] Capac. lib. 1 cap. 12.

[527] Pelleg. ad Falc. Ben. ann. 1140.

[528] V. Pellegr. Cast. ad Falc. Benev. ann. 1140.

[529] Fazzel. poster. decad. lib. 7.

[530] Capec. Lat. hist. lib. 1 pag. 50.

[531] Falc. Benev.

[532] Constit. Occupatis, lib. I.

[533] Fazzel. de reb. Sicul. dec. 1 lib. 1 cap. 2.

[534] Arnis. tom. 1 pag. 519 et 566 num. 6.

[535] Anonym. Cassin. an. 1208. Constitutis Magistris Justitiariis
Apuliae, et Terrae Laboris Comite Petro Celano, et Richardo Fundano,
etc.

[536] Camill. Pellegr. in Castig. ad Anonym Cassin. ann. 1208.

[537] Sicil. Sacr. tom. 3 fol. 275.

[538] Tutin dell'Uffic. del Gran Ammir.

[539] Beatill. Hist. di Bari, lib. 2 p. 108.

[540] Freccia de Subfeud. lib. 1 pag. 43 num. 6.

[541] Tasso Gerus. conquist. cant. 1.

[542] Alberto Bononiens. in descript. Ital. Regione X fol. 224 Beatill.
Hist. di Bari, l. 1 e nella Vita di S. Niccolò di Bari.

[543] Inveges Hist. di Paler. tom. 3.

[544] Freccia loc. cit. num. 4.

[545] Inveges hist. Palerm. tom. 3.

[546] Cap. veritatis, de jurejur.

[547] V. Pellegr. ad Lup. Prot. ann. 1042.

[548] Ughell. tom. 9 Ital. Sacr. pag. 671.

[549] V. Pell. ad Lup. ann. 966.

[550] Otho Fris. lib. 7 c. 4.

[551] V. Pellegr. ad Cast. Fal. ann. 1117.

[552] Freccia de Subfeud. lib. 1 pag. 44.

[553] Pellegr. pag. 251.

[554] Ugo Fal. parlandosi di Guglielmo I. Ut his, aliisque perniciosis
legibus antiquatis, eas restituat Consuetudines, quas avus ejus
Rogerius Comes a Roberto Guiscardo prius introductas, observaverit, et
observari praeceperit.

[555] Inveg. hist. Palerm. tom. 3.

[556] Ramond. l. 2 c. 6.

[557] Falc. Benev. Monetam suam introduxit, unam cui Ducatus nomen
imposuit, octo Romasinas valentem, quae magis aerea, quam argentea
probata tenebatur: induxit etiam tres follares aereas Romasinam unam
appretiatos.

[558] L. Raptus, C. de Raptu Vir.

[559] Ugo Falc. fol. 69 et 70.

[560] Constit. Regn. lib. 3 tit. 5.

[561] Afflict. decis. 265 2 col Loffr. in paraph. cap. 8 col. 3 in
princ. et in cons. 39 num. 30.

[562] Constit. lib. 3 cap. 1.

[563] Laun. 3 par. art. 2 c. 8.

[564] C. inhibitio de Clan. despens.

[565] V. Andreas disput. Feud. cap. 3 §. 8 num. 46.

[566] Ramos ad L. Jul. et Pap. l. 3 cap. 49, 50 et 51.

[567] Ugo Falcand hist. Sic Filias suas innuptas domi toto vitae
tempore permanere; nec enim inter eas absque permissione Curiae
matrimonia posse contrahi; adeoque difficile permissionem hanc hactenus
impetratam, ut alias quidem tunc demum liceret nuptui dare, cum jam
omnem spem sobolis senectus ingruens substulisset, alias vero perpetua
virginitate damnatas sine spe conjugii decessisse.

[568] Cap. Regn. Sicil. cap. 22 in matrimoniis.

[569] Cap. item statuimus, de matrim. contrah.

[570] V. D. Juan Chumacero, y Carrillo, Memorial. cap. 8 e 9 num. 61.

[571] Diploma Corradi apud Math. Paris in hist. Anglic.

[572] Chioc. t. 17.

[573] Andrea d'Iser. Non erat compilatum volumen decretalium. Et
quamvis utiliter statuat pro Ecclesiis tamen Canonistae non recipiunt
leges Principum secularium, etiam, etc.

[574] Ulp. l. 1 D. de decr. ab. ord. facient.

[575] Tutin. Orig. de' Seg. cap. 14.

[576] Ugo Falcand.

[577] Ugo Falcand.

[578] Cujac. lib. 1 de Feud. tit. 9 in fin.

[579] Andr. Iser. in Const. prosequentes.

[580] Marin. Frecc. de Subfeud. pag. 21 a ter.

[581] Aimon. lib. 3 cap. 7.

[582] Carond. al 1 delle sue Pandette, c. pen.

[583] Loys. lib. 4 degli Ufficj della Corona, cap. 2, numer. 15.

[584] Cujac. l. nu. C. de Comitib. et Tribun. Scolar.

[585] Freccia de Subfeud. de Offic. M. Comest. n. 23.

[586] Ug. Falc. istor. Sicil. fol. 21.

[587] Notitia Judicati apud Pellegr. p. 256.

[588] Tutin. dell'Uffic. de' Contest. nel princ.

[589] Alun. Fabr. del Mon. numer. 542.

[590] Fazz. lib. 6 post. Decad.

[591] Vinc. Tear. de Gran Ammir. nel princ.

[592] Tutin. dell'Uffic. dell'Ammir. nel princ.

[593] Frecc. de Subfeud. lib. 1 de Offic. Admir. n. 8.

[594] Freccia lib. 1 loc. cit. n. 1.

[595] V. Tapp. de Jur. Regn. de Offic. M. Adm. numer. 2. Tass. de
Antef. ver. 3 obs. 3 Tribun. 3 numer. 221.

[596] Loyseau Des Off. de la Cour, c. 1.

[597] Chr. Romual. Guarna M. S.

[598] Chron, Romuald. M. S.

[599] Loyseau loc. cit.

[600] Lib. 3 c. 44.

[601] Digest. tit. 9. Nautae, Caup. stab. Tit. 1 de Exercitoria act. Ad
l. Rhodiam de Jactu. Tit. 9 de Incend. ruin. naufrag.

[602] Freccia de Subfeud. de Offic. Admirat. n. 7. Hinc in Regno non
lege Rhodia maritima decernuntur, sub tabula, quam Amalfitanam vocant,
omnes controversiae, omnes lites, ac omnia maris discrimina, ea lege,
ea sanctione, usque ad haec tempora finiuntur.

[603] Cod. de Furtis Collat. X. l. navigia quoque.

[604] Codin. cap. 2 nu. 5 Langleo 7 Seniest. 7.

[605] Simm. Epit. 17 lib. 1.

[606] Cassiod. lib. 11 Ep 6.

[607] Agat. lib. 5.

[608] Petr. Diac. lib. 4 c. 98 et 101 Capecelatr. lib. 1 pag 22.

[609] Petr. Diac. lib. 4 c. 102.

[610] Capecelatr. lib. 1 pag. 60.

[611] Jo. Saresb. lib. de Nugis Curialium. Capecelatr. loc. cit.

[612] Ugo Falcon.

[613] Zabarell. in Clem. Romana de Electionib. Freccia lib. 1 de Offic.
M. Cancel. num. 4.

[614] Gl. Pram. Sanctio, §. Romanae, verb. Vice-Cancellarius.

[615] Freccia lib. 1 de M. Cancell. num. 29.

[616] Loyseau Des Offic. loc. cit.

[617] Freccia de Subfeud. lib. I de Off. M. Canc. nu. 24 et 25.

[618] Marca de Concord., lib. 4 cap. 7 num 3 et lib 8 cap. 14 num. 6.

[619] V. Tappia de Jure Reg. tit. de Offic. M. Canc. num. 9. Tassone de
Antef. vers. 3 obs. 3 num. 271 et 283.

[620] Constit. honorem lib. 1.

[621] Pellegr. in disser. Duc. B. p. 78.

[622] Pell. ad An. Cass. an. 1208.

[623] Tutin. de' Maestr. Giustiz. in princ.

[624] Nell'Archivio della Certosa di Capri instrum. Sig. V. 1197.

[625] Ricc. di S. Germ. Cron. 1.

[626] V. Capece Galeot. resp. fisc. 1 n. 51.

[627] Costanzo hist. lib. 18.

[628] Luc. de Penna l. si quando la 3 C. de Bonis vacantib. lib. 10
col. 2.

[629] Freccia de Subfeud. de Offic. M. Camer. num. 4 V. Surgent. de
Neap. illustr. cap. 7 num. 2 et 3 et cap. 26 num. 24 in fin. vers.
dicta est autem Summaria.

[630] Pragm. 1 de Offic. Procur. Caesar.

[631] Ugo Falcand.

[632] Capecelatr. lib. 2 pag. 107.

[633] Capecelatr. lib. 3 pag. 119.

[634] Capecelatr. lib. 3 pag. 128.

[635] Constit. si quando forte, sub tit. de forma qualiter sint
locandae res Fiscales Constitut. Authoritatem Magistris. Constit.
Magistris Procuratoribus, etc.

[636] V. Freccia loc. cit. num. 11 et 12.

[637] Freccia loc. cit. num. 11 et 12.

[638] Cod. Th. l. 3 de Primic. et Notar.

[639] Cassiod. lib. 4 Epist. 3.

[640] Cassiod. 6 var. 3 10 et 16 et 11 var. 18.

[641] Goth. l. 1. 2. C. Th. de Primic. et Notar.

[642] Freccia de Subfeud. de Offic. Logot. et Proton. num. 1 et 2.

[643] Frec. loc. cit. num. 17.

[644] Frec. loc. cit. num. 22.

[645] Budeus in annot. reliquis in PP.

[646] V. Aulis. in Comment. ad tit. de Verb. Oblig. cap. 2 qu. 2.

[647] L. generali, C. de Tabular. lib. 10.

[648] Institut. §. cum autem, de Adopt.

[649] Nov. 44 de Tabell. Nov. 97 de instrum. Caut. l. 1 C. Th. de Crim
falsi.

[650] Nov. 66 §. 1 in princ.

[651] Nov. 44.

[652] Accurs. l. si pupillus absens, D. Rem pupil. salv. fore, et l.
non aliter, D. de Adoption.

[653] Govean. 2. lect. 10.

[654] Forcat Dialog. 98 n. 3.

[655] Freccia de Subfeud. lib. 1 tit. de Offic. Logot. numer. 14.

[656] V. Tapp. de Jur. Regn. de Offic. Notar. num. 6. 7. 8.

[657] Freccia de Subfeud. lib. 1. Offic. M. Senescal.

[658] Pellegr. in Notitia Judicat. pag. 257.

[659] Capecelatr. lib. 2 pag. 77.

[660] Tutin. degli Offic. del Regn. in princ.

[661] Pelleg. in Anon. Cassin. ann. 1143. Cron. di Fossanova, an. 1144.

[662] Otho Frising. de reb. gest. Frid. lib. 2 cap. 27. 28.

[663] Sigon. de Regn. Ital. l. 11.

[664] Inveges l. 3 hist. Paler.

[665] Goldast. Constitut. Imperial. Tom. I pag. 261.

[666] Otho Frising. de gest. Frid. lib. 1 c. 27. 28. Et siculus dedit
ei multam pecuniam pro detrimento vestro, et Rom. Imperii.

[667] Inveg. hist. Pal. tom. 3.

[668] Pellegr. part. 1. in Stem. Pr. Capuae.

[669] Capecelatr. hist. lib. 1 pag. 51.

[670] Chiocc. de Archiep. Neap. ann. 1118 in Marino.

[671] Anon. Cassin. ann. 1145. Fr. Tolom. di Lucca Chron. tom. 3. Hisp.
illustr. fol. 375.

[672] Inveg. hist. Paler. tom 3.

[673] Romuald. in Chron.

[674] Anon. Cassin. an. 1150. Obiit Sibilia Regina, Rex Rogerius
constituit Gulielmum Ducem filium suum Apuliae Regem.

[675] Inveg. hist. Pal. tom. 3.

[676] Capecelatr. lib. 1 pag. 59.

[677] Camil. Pellegr. ad Anon. Cassin. ann. 115. Capecelatr. hist. lib.
1 pag. 59.

[678] Auct. vitae S. Bernardi.

[679] Anton. 3 part lib. 22 cap. 2 tit. 2.

[680] V. Inveges lib. 3 hist. Pal.



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Istoria civile del Regno di Napoli, v. 3/9" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home