Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Istoria civile del Regno di Napoli, v. 5/9
Author: Giannone, Pietro
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Istoria civile del Regno di Napoli, v. 5/9" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                             ISTORIA CIVILE
                                  DEL
                            REGNO DI NAPOLI


                                   DI
                            PIETRO GIANNONE


                             VOLUME QUINTO



                                 MILANO
                           PER NICOLÒ BETTONI
                               M.DCCC.XXI



STORIA CIVILE DEL REGNO DI NAPOLI

LIBRO DECIMOTTAVO


Morto Federico, prese immantenente il governo di questi Regni
_Manfredi_ suo figliuolo, lasciato dal padre per l'assenza di Corrado,
ch'era in Alemagna, Balio e Governadore de' medesimi con assoluto
potere ed autorità. Manfredi fu un Principe, in cui s'univano tutte
le doti e virtù paterne, e lo Scrittor _Anonimo_ delle sue gesta, dice
essere stato chiamato Manfredi, perch'egli era la _mano e la mente di
Federico_. Egli nudrito nella Camera imperiale, e careggiato, e tenuto
in pregio dal padre più degli altri figliuoli, crebbe colle medesime
idee; ed avrebbe certamente emulato la gloria e la grandezza paterna,
se la sorte l'avesse fatto nascere suo figliuol primogenito, e di
legittimo matrimonio; ma preferendo l'ordine della successione Corrado
primo nato, al quale fu conforme il paterno testamento, Federico non
potè far altro, che ammetterlo alla successione in mancanza di Corrado,
e d'Errico senza figliuoli, e durante l'assenza del primo, lo creò
Balio in Italia e nel Regno di Sicilia.

Nel raccontar le vicende di questo Principe, e' suoi generosi fatti,
mi valerò dell'_Anonimo_ Scrittor contemporaneo, la di cui Cronaca
si legge ora impressa ne' volumi dell'Ughello[1], e la autorità sua
è riputata grandissima, non pure da Agostino Inveges, dal Tutini,
e da altri più moderni Scrittori, ma anche da Oderico Rainaldo ne'
suoi Ecclesiastici Annali. Narra adunque questo Scrittore, che gli
andamenti, e le virtù di Manfredi furono cotanto conformi a quelle del
padre, che ancorchè la morte de' Principi soglia negli Stati sovente
esser cagione di gravissimi turbamenti, nulladimanco per la prudenza
di Manfredi non fu veduto interrompimento alcuno, come se un medesimo
spirito governasse: non si vide nè alla Corte, nè tra gli Ufficiali
mutazione; ed avendo fatto gridare il nome del Re _Corrado_ nel regno
di Puglia, mandò _Errico_ suo fratel minore a governar in sua vece
la Sicilia e la Calabria[2], perchè i Siciliani e' Calabresi, veduta
la regal persona di Errico, si contenessero nell'ubbidienza, e lo
riputassero come l'istessa persona di Federico.

Ma breve tempo durò questa tranquillità, e ben si prevedevano i turbini
e le tempeste, che da Innocenzo IV romano Pontefice erano per moversi.
Questi persuaso, che per la sentenza della deposizione interposta nel
Concilio di Lione, fosse Federico con tutta la sua posterità decaduto
da' Reami di Sicilia e di Puglia, pretese che come Feudi della Chiesa
romana fossero a quella ricaduti per la contumacia del medesimo; onde
intesa la sua morte, si risolvè partir da Lione, e ripassare in Italia;
ed intanto scrisse a tutte le città principali, ed a' Baroni dell'uno
e l'altro Regno, ch'alzassero le bandiere della Chiesa; e giunto
a Genova sua patria, proccurò movere i Genovesi a danno di questi
Reami. Manfredi avuta di ciò novella non tardò, cavalcando per tutto
il Regno con una buona banda di soldati Saraceni, dissipare queste
Papali insidie, e facendo gridare il nome del _Re Corrado_, racchetò le
turbolenze, e confermò gli animi nell'ubbidienza del proprio Principe;
ma non fu però, che questi moti non dassero fomento ad una occulta
congiura, che poi si scoperse nelle province di Puglia e di Terra di
Lavoro. In Puglia si ribellarono Foggia, Andria e Barletta. In Terra
di Lavoro, Napoli e Capua. Accorse tosto Manfredi in Puglia, e col
suo estremo valore e coraggio ripresse la fellonia di quelle città,
ed usando moderazione e clemenza concedè perdono a que' cittadini,
riducendogli nell'ubbidienza di Corrado[3].

Avendo in cotal guisa renduta la pace e tranquillità a quella
provincia, tosto passò in Terra di Lavoro: ridusse sotto le sue insegne
Aversa, che posta in mezzo tra Capua e Napoli, dava indizio di sospetta
fede: cinse di stretto assedio Capua, devastando insino alle mura
il suo territorio; e Nola ch'era già passata nel partito delle due
ribellanti città, non avendo voluto rendersi, fu espugnata, e presa.
Ma niun'altra città mostrò in tal congiuntura più ostinazione, quanto
Napoli. Dimenticatisi così subito i Napoletani d'aver Federico resa
la lor città celebre per la nuova Accademia ivi stabilita, e per li
magnifici edificj che v'eresse, i quali furono i primi fondamenti
onde poi si rendesse capo e metropoli sopra tutte le altre, con somma
ingratitudine, morto lui, si ribellarono dal suo figliuolo, e resero la
lor città al Pontefice Innocenzio, alzando le bandiere della Chiesa:
il di cui esempio seguì Capua, ed i Conti di casa d'Aquino, che a
quel tempo possedevano quasi tutto quello, ch'è tra il Volturno e 'l
Garigliano.

Manfredi, scoverta la poca fede de' Napoletani, avea mandati prima a
loro più messi, esortandogli a non dover macchiare con tanta indegnità
la loro fama; ma essi mostrando di non poter negare d'ubbidire al
Pontefice, il quale gli minacciava terribili anatemi ed interdetti,
apertamente gli fecero intendere, che amavano meglio di sottoporsi
al dominio della Chiesa, che star interdetti e scomunicati, aderendo
al partito di Corrado, cui senza l'investitura del Papa, non potevan
riconoscere per loro legittimo Re. Per la qual cosa Manfredi, vedendo
indarno essersi da lui adoperati questi mezzi, deliberò di ridurgli
per forza; ed avendo assediata la città dalla parte del Monte Vesuvio,
cominciò a devastare tutto il territorio di quel contorno, depredando
infino alle mura, per obbligare i Napoletani ad uscire dalla città, per
attaccargli in campo aperto, non avendo forze bastanti per assalire la
città cinta di ben forti e ben difese mura. Ma i Napoletani deludendo
l'arte coll'arte, non vollero in conto alcuno partirsi dalla città,
niente curandosi del devastamento, che faceva Manfredi de' loro campi:
il quale ciò vedendo, pensò per altra parte cingerla di assedio,
e collocato il suo esercito nella Solfatara vicino Agnano[4] quivi
cominciò a devastare, e depredare tutto quel territorio, per allettare
i Napoletani ad uscire dalla città, già che vedevano l'esercito nemico
tra que' monti e quelle balze in luogo, donde con difficoltà poteva
scampare, se fosse stato inseguito. Ma i Napoletani, fermi nel loro
proponimento, non vollero abbandonare la città, ed esporsi a battaglia;
ed ancorchè Manfredi gli avesse più volte sfidati alla pugna, non
vollero in conto alcuno uscire; onde avendogli dopo l'invito aspettati
tre giorni, levò l'assedio, ed avendo devastati tutti que' luoghi,
partissi da quivi, e s'incamminò in altre parti di Terra di Lavoro per
mantenere in fede que' Popoli, acciocchè non seguitasser l'esempio di
Napoli, e di Capua,



CAPITOLO I.

_CORRADO di Alemagna cala in Italia: giunge per l'Adriatico in Puglia,
ed abbatte i Conti d'Aquino: Capua se gli rende, e Napoli vien presa
per assalto e saccheggiata._


Ma ecco, che mentre Manfredi con tanta vigilanza ed accortezza era
tutto inteso a rompere i disegni del Pontefice, vennegli avviso, che
Corrado Re di Germania, pochi mesi dopo la morte del padre, essendosi
disbrigato dalle guerre d'Alemagna, se ne calava con potente esercito
di Tedeschi in Italia in quest'anno 1251[5]; ed in fatti essendo giunto
in Lombardia trovò le forze de' Ghibellini tanto abbassate, che fu
astretto d'indugiare alquanto, per poter poi entrare con più sicurtà
nel Regno; onde chiamati a se tutti i Capi di quel partito, ordinò, che
tra loro facessero un giusto esercito, del quale avesse ad esser Capo
Ezzelino Tiranno di Padova, e che avesse da abbatter tanto la parte
Guelfa, che Papa Innocenzio non potesse valersene, e contender con lui
della possessione del Regno. Ed avendo in cotal modo stabilite le cose
di Lombardia, con provvido consiglio determinò di passare al Regno per
mare; perocchè vedendo tutte le città di Romagna e di Toscana tenersi
dalla parte Guelfa, non confidava di passare senza impedimento, e
dubitava che il suo esercito tenuto a bada, non venisse a disfarsi per
mancamento di danari e di vittovaglie[6]. Mandò adunque a' Veneziani
per navi e galee per potere passare in Puglia, i quali per lo desiderio
di vederlo presto partito di là, gli mandarono tutte le navi ch'e'
volle nelle marine del Friuli, dove imbarcato comodamente con tutto
l'esercito, giunse in pochi dì con vento prospero alle radici del
monte Gargano, e diede in terra all'antica città di Siponto, non molto
discosto dal luogo, dove è oggi la città di Manfredonia[7].

Quivi comparvero Manfredi, che l'attendeva, e tutti i Baroni di quella
provincia ad incontrarlo. Ed essendosi Corrado da lui informato dello
stato delle cose del Regno, e della contumacia di Napoli, di Capua, e
de' Conti d'Aquino, avendo commendata molto l'industria, e vigilanza
di Manfredi, deliberarono insieme di dover prima d'ogni altra impresa,
debellare i Conti d'Aquino, i quali posti fra Garigliano e Vulturno
potevano somministrare al Papa pronto ajuto; ed all'incontro occupati
que' luoghi, co' quali serravasi ogni strada di poter venire soccorso
a Capua ed a Napoli si sarebbe facilitata l'espugnazione di quelle due
città cotanto importanti. Si mosse perciò il Re Corrado seguitato dal
Principe Manfredi con tutto il suo esercito per la via di Capitanata,
e del Contado di Molise contra que' ribelli[8].

Il Papa, che da Genova era passato a Milano, indi a Ferrara e Bologna,
ed erasi finalmente fermato in Perugia, schivando d'andare in Roma,
perchè i Romani erano pieni di fazioni; e molti aderivano a Corrado,
fatto consapevole dell'angustie, nelle quali si trovavano i Conti
d'Aquino, premendogli molto la lor salute, mandò subito in lor soccorso
alcuni soldati da Perugia, promettendo ancora di mandar loro maggiori
ajuti; ma fu tanta la forza, ed il valore dell'esercito di Corrado,
accresciuto poi da Manfredi con gran numero di Saraceni venuti da
Lucera e da Sicilia, che que' ribelli in pochi dì furono debellati;
e le principali città a loro soggette saccheggiate ed arse, tra le
quali fu Arpino, Sessa, Aquino, S. Germano, ed altri castelli di quel
contorno[9].

Da poi che Corrado ebbe espugnato que' ribelli, e ridotte alla sua
ubbidienza quelle città, andò sopra Capua, ove non ritrovò resistenza
alcuna, per la paura, e per l'esempio fresco delle terre arse e
saccheggiate: onde tosto a lui si rese[10]. Così tutta l'ira di Corrado
e tutta la sua forza si raggirò contro la città di Napoli, la quale
arditamente determinò di contrastare al Re sdegnato, e seguire le
parti della Chiesa, per la speranza, che lor porgeva il Papa di presti
soccorsi, e per la gran paura d'essere data in preda a' Tedeschi e
a' Saraceni. Accampato dunque Corrado vicino alla città, la cinse di
stretto assedio, perchè non potesse andare vettovaglia agli assediali;
e vedendo, che alcuni Ministri del Papa mandavan qualche volta navilj
con cose da vivere, ordinò a Manfredi, che facesse vestire le galee,
ch'erano in Sicilia.

I Napoletani, fra questo tempo, non mancarono di mandar più volte
Ambasciadori al Papa per soccorso, i quali ritornaron sempre carichi
di benedizioni, e di promesse, ma vuoti d'ogni ajuto, perchè Ezzelino
avea sollevata la parte Ghibellina in Lombardia; ed i Guelfi, tra'
quali il Papa avea molti parenti e seguaci, non potevano partirsi dalla
difesa delle cose loro; ed i Guelfi di Toscana e di Romagna, ancorchè
fossero liberi, avendo estinta in tutto la parte Ghibellina, come suol
accadere nelle felicità, erano venuti in discordia fra loro. Nè dalla
città di Genova patria del Pontefice, della quale ei confidava molto,
poteva sperarsi ajuto; poichè si trovava a quel tempo aver mandata la
sua armata contra gl'Infedeli; onde veniva a togliersi ogni comodità di
poter soccorrere gli assediati d'altro, che di parole.

In fine essendo giunte alla marina di Napoli le galee di Sicilia,
si tolse ogni speranza di soccorso: nè questo bastò a far piegare
l'ostinazione degli assediati, perchè si tennero tanto, che ormai
non potevano più sostenere in mano l'armi; in tal modo erano per la
grandissima fame estenuati, onde i vecchi della città cominciaron a
persuadere, che si mandasse per trattare di rendersi a patti, e così
si eseguì. Ma Corrado, il qual sapeva l'estrema necessità loro, rigettò
gli Ambasciadori; ed avendo con macchine diposte intorno alla città, e
con cave sotterranee scosse le mura della medesima: in quest'anno 1253
la costrinse a rendersi, solo col patto della salute delle persone[11].

La città fu messa a sacco, nè si tralasciò atto alcuno di crudeltà, e
di rigore dall'irato Re; scaccionne l'Arcivescovo, ed entrato dentro
volle, che per mano de' proprj cittadini fossero buttate a terra dai
fondamenti le forti mura di quella città, per le quali, dice Livio, che
si sgomentò Annibale cartaginese. E dopo esser quivi dimorato due mesi,
che consumò in punire severamente l'infedeltà de' Napoletani, fece
ritorno in Puglia, seco menando Manfredi, al quale volle, che si dasse
il secondo grado dopo lui.


§. I. _Primo invito d'INNOCENZIO fatto al fratello del Re d'Inghilterra
alla conquista del Regno._

Innocenzio avendo scorto che Corrado avea depresse le città sue amiche,
e sotto la sua ubbidienza era tornato il Regno di Puglia, riputando
che tutti i suoi sforzi sarebbero vani per opporsi agli eserciti
formidabili di Corrado, pensò (giacchè svanito era il disegno di
poterlo per se conquistare, siccome erano riuscite sempre infelici le
spedizioni fatte da' romani Pontefici sopra di quello) d'invitare alla
conquista del Reame _Riccardo_, o come altri lo chiamarono, _Ciarlotto_
fratello d'Errico III Re d'Inghilterra e Conte di Conturbia, prode
e valoroso Capitano. Inviò per tanto in Inghilterra Alberto Notajo
appostolico per trattare sopra le condizioni dell'investitura
offertagli da Innocenzio. Ma narra Matteo Paris in quest'anno 1253
che più cose fecero svanire questi trattati. Primieramente perchè
_Ricciardo_ temè della potenza di Corrado, nè si credette d'uguali
forze per poterlo da quivi discacciare. II. La parentela, che vi era
tra loro, essendo Corrado, com'egli dice, nato da Elisabetta inglese,
sorella del Re Errico e moglie di Federico II, nel che va di gran lunga
errato; perchè Corrado fu figliuolo di Jole, non già d'Elisabetta;
onde l'istesso Paris altrove, cioè nel 1258 rapporta un'altra cagione,
perchè fu rifiutata l'investitura, dicendo che Ricciardo non volle
accettarla se non sotto queste due condizioni. I. Che per la sua
conquista gli fosse data la metà delle Decime solite raccogliersi per
li Crocesignati nella guerra Santa. II. Che il Papa gli consignasse
alcuni castelli del Reame da lui fortificati per la ritirata de' suoi
soldati. Al che non volendo il Pontefice Innocenzio acconsentire,
svanì questa prima investitura, e si trattò poi dell'altra in persona
d'_Edmondo_ suo nipote, come diremo più innanzi. Ciò che convince
l'errore del Collenucio e di Paolo Pansa nella vita di Innocenzio IV
che volle seguirlo, ove disse, che il Papa investì Ciarlotto fratello
del Re d'Inghilterra, il qual accettò, e che perciò nelle lettere si
scrivea Re di Sicilia.

(_Lunig_ nel suo Codice Diplomatico[12], rapporta un Breve d'Innocenzio
drizzato a Lodovico IX Re di Francia, che porta la data di Perugia
dell'anno 1252 resogli da Alberto Notajo, offerendogli il Regno per
Carlo suo fratello. Ma questo Breve o è apocrifo, o fu posteriore;
poichè in quest'anno Alberto fu mandato in Inghilterra a quel Re, e non
in Francia al Re Lodovico).



CAPITOLO II.

_CORRADO insospettito di MANFREDI lo spoglia d'ogni autorità e de' suoi
Stati; avvelena il suo minor fratello ERRICO; ed egli poco da poi se ne
muore da consimil morte; onde MANFREDI assume di nuovo il Baliato del
Regno._


Intanto Corrado per le crudeltà usate alle città debellate ed a Napoli,
e per lo genio suo aspro e severo, era entrato in grandissimo odio e
malevolenza presso ogni grado ed ordine di persone; ed affatto ignudo
di quelle virtù civili e militari, che ornavano l'animo di Federico suo
padre, riusciva a' suoi sudditi molto pesante e duro il suo imperio.
All'incontro Manfredi uomo d'ingegno e di valore, con destrezza
mirabile andava mitigando l'azioni crudeli del Re, per acquistarsi
benevolenza da' Popoli e da' Baroni; talchè in breve nacque opinione
per tutto il Regno, che tutto quel male, che lasciava di fare il Re,
e l'esercito de' Tedeschi, fosse per intercessione, e benignità di
Manfredi.

Occultava ancora questo Principe con mirabile dissimulazione il
dispiacere, che Corrado insospettito di lui gli avea dato per molti
torti fattigli; poichè scorgendolo d'elevati pensieri e d'animo regio,
ed atto più a dominare, che a governare come Balio il Regno, venne
in sospetto non la sua potenza e l'amore che s'avea acquistato de'
Popoli, lo facessero aspirare al Regno. Deliberò per tanto trovar modi
d'abbassarlo, ciò che non volendo far apertamente un dì gli disse,
ch'avea in pensiero di rivocare tutte le donazioni, che l'Imperador suo
padre avea fatte nel suo testamento, come quelle, ch'erano dannosissime
allo Stato, e portavan detrimento grandissimo alla sua Corona; e perchè
gli altri Baroni con animo pacato il sopportassero voleva incominciar
da lui, acciocchè dal suo esempio s'inducessero gli altri. Con non
dissimil arte simulò Manfredi di crederlo, e mostrandosi con prontezza
di secondarlo, volle esser il primo spontaneamente a rinunciar in sue
mani il Contado di Monte S. Angelo, e la città di Brindisi, che per
ragion del Principato di Taranto possedeva[13].

Tolsegli ancora di tempo in tempo, secondo se gli presentavano le
congiunture, li Contadi di Gravina, di Tricarico e di Montescaglioso,
che possedeva per concessione di Federico suo padre; e sol gli rimase
il Principato di Taranto assai diminuto; ed affinchè nemmeno da quel
Principato rimastogli potesse riceverne profitto, e gli riuscisse
inutile, impose agli uomini di quello una pesante, e gravissima general
colletta, la quale faceva egli esigere, ed applicare al suo regio
Erario. Rimosse dal Principato suddetto il Giustiziero, che soleva
recarsi da Manfredi, e vi pose il suo, siccome a tutte l'altre province
del Regno praticavasi. Tolsegli ancora il mero imperio e potestà che
Federico gli avea conceduto sopra quel Principato, e ordinò che il
Principe sopra di quello non avesse altra giurisdizione, che nelle
cause civili solamente[14]; poichè in questi tempi non soleva a' Baroni
concedersi il mero imperio sopra i Feudi, ma solamente ad alcuni Grandi
e della Casa regale, o suoi congiunti per ispezial favore e grazia del
Re rare volte si concedeva: ciò che poi a' tempi d'Alfonso I d'Aragona
cominciossi a dare a quasi tutti i Baroni; onde nacque, che ora non vi
è Barone, ancorchè picciolo, che non l'abbia.

Nè fermossi qui l'astio di Corrado contro quel Principe; ma volendolo
ridurre all'estrema bassezza per liberarsi da ogni sospetto, sotto
mendicate occasioni e pretesti, comandò che dal Regno uscissero
tutti i suoi congiunti ed affini, ch'e' teneva del lato materno. Ne
mandò via Gualdano Lancia, che avea così bene e con tanta fedeltà e
prudenza servito l'Imperador Federico, onde n'era stato da quello
creato suo Vicario in Toscana, ove per molti anni avea con molta
fede esercitato quel supremo comando. Il medesimo fece con Federico
Lancia suo fratello, con Bonifacio di Anglono zio materno di Manfredi,
con tutti gli altri suoi consanguinei ed affini, e con esso loro le
mogli, madri, sorelle, figliuoli e figliuole grandi e piccoli, che si
fossero. I quali tutti usciti dal Regno, essendosi ricovrati in Romania
presso Costanza Imperatrice di Costantinopoli sorella di Manfredi,
mandò Corrado Bertoldo Marchese di Honebruch in Romania far intendere
all'Imperadore, che gli avrebbe fatto un dispiacer grandissimo, se
ritenesse presso di se quegli esuli; onde fu duopo a quell'Imperadore
che gli facesse partire anche da' suoi Stati[15].

Tutte queste offese sofferiva il Principe Manfredi con una prudenza
e dissimulazion d'animo maravigliosa; poichè non perciò tralasciava
con ilarità di ajutarlo, e di seguirlo in tutte l'imprese, come fece
in Terra di Lavoro, quando debellò i Conti d'Acquino, in Capua ed
in Napoli, ed ora in Puglia, simulando il suo acerbo dispetto; e
nell'istesso tempo con astuzia grandissima cattivandosi i Baroni ed i
Popoli, era nell'amore e benevolenza di quelli.

Accadde a questo tempo, che mentre era Corrado in Melfi, Errico
suo fratello, che non avea più che dodici anni, venne in Sicilia a
visitarlo; ed ancorchè l'Anonimo non faccia autor Corrado di tanta
scelleratezza, non mancano però gravi Autori, che rapportano, che per
mezzo di Gio. Moro Capitano saraceno, ch'Errico avea seco portato da
Sicilia, lo facesse crudelmente avvelenare. Coloro che narrano avere
Corrado fatto morire Errico per torgli il Regno di Sicilia, dicendo che
Federico non poteva, nè dovea separarlo dal Regno di Puglia, errano
all'ingrosso; poichè Federico non il Regno di Sicilia, ma quello di
Gerusalemme, ovvero Alcarense ad elezion di Corrado gli avea lasciato
nel suo testamento: e Manfredi mandò Errico in Sicilia per contenere
i Siciliani nell'ubbidienza di Corrado, come si è di sopra narrato.
Altri credono che l'avesse fatto morire, per avere la maggior parte
del tesoro dell'Imperador Federico, che era in suo potere. Che ne sia,
narra Matteo Paris[16], che Corrado diede non leggieri sospetti d'esser
egli stato autore della morte di quell'innocente fanciullo; poichè da
allora in poi non mostrò Corrado il suo volto così sereno e giocondo
come prima. E negli Atti d'Inghilterra, ultimamente fatti imprimere
dalla Regina Anna, si legge una lettera di Corrado scritta nell'anno
1254 al Re d'Inghilterra zio d'Errico, nella quale, per togliere questo
romore che s'era sparso d'averlo fatto avvelenare, diedegli l'avviso
della morte di suo nipote, con sentimenti molto appassionati, fingendo
molta afflizione e dolore, per la morte di quel Principe; ma Papa
Innocenzio, fomentando l'inimicizia nata perciò tra Corrado ed Errico,
offerì il Regno di Sicilia ad _Edmondo_ figliuolo d'Errico, ch'era
ancor fanciullo.

(Presso _Lunig_[17], si leggono alcune lettere d'Alberto Legato
d'Innocenzio in Inghilterra, per le quali dassi l'Investitura del Regno
ad Edmondo, e la conferma del Papa nel 1254 coll'avviso, che dà ad
Alberto di tal conferma. Ma questo trattato per la morte d'Innocenzio
rimase interrotto).

E notasi in questi Atti, che Innocenzio non tralasciò cos'alcuna, per
impegnar il padre a mettersene in possesso, fino a dar ordine al Clero
d'Inghilterra di prestar denari a questo Principe, e d'impegnar perciò
i beni delle loro Chiese. Ma da poi tutto questo denaro fu dissipato,
ed impiegato ad altri usi dal medesimo Papa; onde questo secondo
trattato anche rimase in tutto svanito.

Avendo intanto Corrado in cotal guisa ridotte le città del Regno
fluttuanti sotto la sua obbidienza, si disponeva di passare altrove
verso le parti dell'Imperio; ma ecco, che mentre nella Primavera di
quest'anno 1254 s'accingeva a tal viaggio, ne' campi vicino Lavello
fu assalito da mortal febbre, che in pochi giorni nel più bel fiore
della sua età, non avendo più che 26 anni, a' 21 maggio lo tolse a'
mortali[18], avendo durato il suo regno poco più che tre anni: onde
di questo Principe nè leggi, nè altro attinente alla politia di queste
province, abbiamo.

Pure gli Scrittori dalla parte Guelfa, infesti non meno a Federico,
che alla sua progenie, narrano, che Manfredi per mezzo d'un medico lo
facesse avvelenare, con isperanza, morto Errico e lui, non essendovi
della linea di Federico altri, che Corradino, che era nato l'anno
avanti, figliuolo d'esso Corrado, potesse agevolmente occupare l'uno
e l'altro Regno: e che Corrado, non sapendo, che moriva di veleno,
fattogli dare da Manfredi, lasciasse nel suo testamento erede Corradino
e Balio l'istesso Manfredi.

Ma se dobbiamo prestar fede all'Anonimo Scrittor contemporaneo, nè
avremo Manfredi per Autore di tale scelleratezza, nè per Balio lasciato
da Corrado.

Narra questo Scrittore, che mentre Corrado era infermo, Bertoldo
Marchese di Honebruch, allora potentissimo per lo favore de' Tedeschi,
vedendo l'inclinazion di Corrado, ch'era di lasciar Manfredi per Balio
del Regno, con sottil arte dimandò a Manfredi se volesse assumere
quel peso, per iscorgere l'animo suo. Manfredi conoscendo l'arte del
Marchese, gli rispose, ch'egli non avrebbe accettato il Baliato, ma
che ben se lo meritava la prudenza del Marchese, al quale in ciò per
ogni rispetto dovea cedere: ciò che fece con somma astuzia, così per
non esporsi all'odio de' Tedeschi, come anche perchè conoscendo, che
Bertoldo, come insufficiente, tosto avrebbe con sua vergogna avuto
a soccombere al grave peso, i Magnati del Regno avrebbero chiamato
lui per Balio, come seguì. Bertoldo, ricevuta questa risposta, avendo
al moribondo Corrado riferito che Manfredi non avrebbe accettato il
Baliato, fece che il Re nominasse lui per Balio del Regno.

Fece Corrado prima di morire il suo testamento, nel quale avendo
lasciato erede il _piccolo Corrado_ suo figliuolo, e Balio il Marchese
di Honebruch, fra l'altre cose, prevedendo gli sconvolgimenti, che
avrebbe potuto cagionargli Innocenzio IV, raccomandò al Balio, che
proccurasse usar ogni studio d'ottener per _Corradino_ la grazia e la
pace della Sede Appostolica, per non vedere implicato quel fanciullo in
nuove guerre col Pontefice.

Il Marchese avendo assunto il Baliato, e postosi in mano tutto il
tesoro della Camera regia, volle ubbidire al testamento del Re, e mandò
Legati al Pontefice Innocenzio, chiedendogli in nome di Corradino la
pace e la sua buona grazia, siccome Corrado aveagli raccomandato nel
suo testamento. Innocenzio che, morto Corrado, credeva aver per le mani
la più opportuna congiuntura d'impossessarsi del Regno, reputò questa
Legazione più tosto un'argomento della debolezza della parte Regia,
che atto di devozione; onde rendutosi più animoso che mai, rispose a'
Legati, che in tutte le maniere egli voleva prender la possessione
del Regno devoluto già alla Chiesa romana: che venuto alla pubertà
Corradino, quando fosse maggiore, allora si sarebbero esaminate le sue
pretensioni, e che forse, se la Sede Appostolica ne l'avesse reputato
degno, gli avrebbe conceduta la sua grazia[19].

Questa risposta fece avvertito il Marchese ed i Baroni del Regno, che
l'animo del Papa era già tutto rivolto ad occupare il Regno, e ben
tosto se ne videro gli effetti; poichè cominciava già a ragunare un
conveniente esercito per invaderlo; ed oltre di ciò si erano scoverti
alcuni trattati, che teneva con molti Baroni affezionati della Chiesa,
perchè l'ajutassero alla conquista; i quali mal soddisfatti del governo
del Marchese, e dell'insolenza de' Tedeschi, amavano meglio sottoporsi
al dominio della Chiesa, che vivere oppressi sotto la loro servitù.
Il Marchese volle riparare all'imminente invasione; ma scoverto, che
molti Baroni, da' quali egli sperava ajuto, s'erano dati dalla parte
del Pontefice, e che l'esercito Papale era già per invadere i confini
del Regno, atterrito dall'impresa, avvilissi in maniera, che pentitosi
d'aver assunto il Baliato, quello, non senza suo rossore, rifiutò, e
vergognosamente depose[20].

I Conti e' Baroni e gli altri Magnati del Regno, che erano rimasi fermi
nella fede del Re, vedendo il Marchese aver abbandonato il governo,
tosto ricorsero al Principe Manfredi, pregandolo e scongiurandolo, che
per non veder ruinato il Regno, ed esposto a perdersi, riprendesse
egli il Baliato, a cui di ragion s'apparteneva. Manfredi ripugnava,
dicendo che ora che le cose erano in istato pur troppo calamitoso, non
voleva perdere il suo onore; ma i Baroni incessantemente rampognandolo,
e protestandosi che sarebbe il Regno perduto, finalmente l'indussero
a pigliarne il governo. Movea ancora un'altra ragione fortissima,
perch'essendosi sparsa la voce che Corradino fosse morto, il Papa era
entrato in maggior speranza d'occupare il Regno. All'incontro Manfredi,
che reputava, secondo il testamento dell'Imperador Federico suo padre,
dover egli succedere ne' suoi Stati, determinò di prenderne il governo,
affinchè se il pupillo vivea, gli avrebbe per lui amministrati, e
per lui ripressi gli sforzi dell'emolo Innocenzio, se all'incontro
fosse vero il rumore della morte, con facilità se ne sarebbe potuto
incoronare[21].

Avendo adunque Manfredi assunto il Baliato del Regno, si fece giurare
fedeltà dall'istesso Marchese, dalli Conti, Baroni, e da tutti i fedeli
del Regno, in cotal maniera, che se vivea il picciolo Re, giurassero a
lui come general suo Balio; se fosse morto, avessero da ora a riputarlo
per loro Re e signore del Regno[22].



CAPITOLO III.

_Spedizione d'INNOCENZIO IV sopra il Regno._


Composte in cotal maniera queste bisogne, il Marchese andossene
in Puglia, promettendo a Manfredi di colà mandargli ogni soccorso
di denaro, e di gente; ed intanto Manfredi cominciò a preparare, e
disporre l'esercito per poter fronteggiare a quello del Pontefice, che
a grandi giornate se ne calava nel Regno. Presidiò a questo fine San
Germano con buon numero di Tedeschi, e fortificò Capua con tutte le
vicine terre, che cominciavano a fluttuare, per contenerle nella sua
ubbidienza.

Ma dall'altra parte Innocenzio avea fatti progressi grandi per
facilitar l'impresa, avea mandati suoi messi in Sicilia a Pietro
Ruffo di Calabria, che dal Marchese di Honebruch era stato lasciato
Balio della Sicilia e della Calabria, perchè disponesse que' popoli
ad alzar le bandiere della Chiesa[23]; ed in fatti Pietro da Messina
spedì al Papa Folco suo nipote, ed altri Ambasciadori sopra due galee
a significargli, che tanto la Sicilia, quanto la Calabria s'andavan
disponendo ad abbandonar Manfredi, e darsi dalla parte sua.

S'aggiungeva ancora, che Riccardo di Monte Negro per l'odio ed
inimicizia, che teneva col Marchese Bertoldo, s'era dato già nel
partito del Pontefice, col quale erasi confederato, e promise voler
dar libero passo all'esercito papale per le sue terre, che teneva ne'
confini del Regno. Molti altri Baroni ancora aveano nascostamente
mandato dal Papa a giurargli fedeltà, ed a ricevere da lui la
rinnovazione dell'investiture de' loro Feudi che possedevano[24];
ed altri ottennero con facilità dal Pontefice nuove investiture,
siccome Borrello di Anglono, che fu da Innocenzio in questi tempi
prima d'entrar nel Regno investito del Contado di Lesina, ancorchè
s'appartenesse a Manfredi, come pertinenza del Contado di Monte S.
Angelo. Anzi Innocenzio avea conceduta l'investitura del Contado
di Lecce a Marco Ziano figliuolo di Pietro Duca di Venezia, a cui
dichiarò appartenere come discendente del Conte Tancredi suo avo,
non ostante le ragioni, che vi teneva il Conte Tigrisio de Mudignana,
ovvero i di lui figliuoli, per ragione d'Alberia sua moglie, che dovea
nella successione a tutti preferirsi; e non per altra cagione, se non
perchè il Conte Tigrisio e' suoi figliuoli aderirono all'Imperadore
Federico contro la Chiesa, ed ancora non tralasciavano d'offenderla,
onde Innocenzio gli reputava affatto indegni della sua grazia; e la
carta di questa investitura spedita da lui in Perugia l'anno 1252 vien
rapportata dall'Ughello[25], che dice averla riscontrata nel registro
vaticano. Siccome nell'istesso anno 1252 a' 21 gennajo dimorando per
anche in Perugia, investì O. Frangipane del Principato di Taranto,
ancorchè fosse di Manfredi, con tutta la terra d'Otranto: sotto
pretesto, ch'era stato prima dato dall'Imperadrice Costanza I normanna
ad O. suo zio, come appare per privilegio dato in Perugia, rapportato
da Rainaldo[26]; ed in cotal maniera Innocenzio gratificandogli s'avea
resi suoi ligi, e dependenti i migliori Baroni del Regno, e ridotti
molti personaggi di conto al suo partito.

Di vantaggio erasi penetrata una congiura, che si ordiva a Capua
contro Manfredi, con deliberazione, subito che l'esercito papale si
fosse accostato al Regno, con impeto grande dar sopra quel Principe
per imprigionarlo, o ucciderlo. Erasi ancora scoverta la poca fede
del Marchese Bertoldo, il quale violando tutte le promesse fatte
a Manfredi di mandargli dalla Puglia denaro e gente, non solo non
adempieva alle promesse, ma discorrendo per Puglia badava solo al suo
utile, gravando que' sudditi d'eccessive taglie, ed i suoi Tedeschi,
per la loro rapacità gli aveano alienati dalla fede che doveano al
Re, e desideravano il dominio del Papa; ed ancorchè Manfredi avesse
mandato Gualvano Lancia suo zio, a narrargli le angustie, nelle quali
si trovava per moverlo a dargli ajuto, fu però inutile la missione,
niente curando de' suoi pericoli.

Vedutosi perciò il Principe Manfredi in così gravi angustie, nelle
quali era, più per gli occulti, che per li palesi nemici, reputando
inutile ogni suo sforzo di voler colla forza contrastare al Pontefice,
bisognò cedere al tempo, e ricorrere per vincer l'inimico alle
simulazioni ed agl'inganni. Erasi il Pontefice Innocenzio, per
accalorare l'impresa, disposto di venir egli di persona a conquistare
il Regno: e fermato in Anagni era tutto inteso al grande apparecchio,
e perchè non si tralasciasse strada per agevolarne l'impresa, avea
mandati più Messi a tentare l'istesso Manfredi, affinchè lasciasse il
governo del Regno, e quello ponesse in mano della Chiesa. Manfredi
con somma accortezza andava differendo la risposta; ma ora vedutosi
in queste angustie, deliberò fargli tornare al Pontefice con risposte
tutte umili e riverenti, dicendogli, che rapportassero al Papa,
ch'egli fidando al suo gran zelo e pietà, che aveva verso il Re
pupillo suo nipote, e reputando esser proprio della Sede Appostolica
di proteggerlo, e riceverlo nel suo seno con paternal amore e grazia,
non ripugnava abbandonar il governo del Regno, e ponerlo in mano della
Chiesa madre pietosa di tutti, e più de' pupilli; e che sperava che
con ciò si fossero adempiuti i voti di Corrado padre del fanciullo
Re, che nel suo testamento avea ardentemente desiderato, che la Santa
Sede ricevesse sotto la sua protezione e grazia l'innocente fanciullo:
che egli non solo non contrasterebbe, ma darebbe ogni ajuto alla sua
entrata, e possessione del Regno, senza però, che dovesse recarsi con
tal atto alcun pregiudicio alle ragioni sue, e del Re pupillo[27].

Il Pontefice ricevuta questa risposta con indicibile allegrezza,
si lodò tanto di Manfredi, che quando prima tenne quel Principe per
iscomunicato, e niente cattolico, ora lo ricevè in sua grazia ed in
quella della Sede Appostolica, dimenticando ogni offesa; ed avendogli
fatto animo, che fidasse in lui che con porsi il Regno in mano
della Chiesa, non si sarebber punto pregiudicate le ragioni del Re
pupillo, e sue; e che quando sarebbe quegli venuto alla età maggiore,
la Sede Appostolica gli avrebbe renduta sua ragione, si dispose
ad entrare nel Regno col suo esercito. Inviò intanto Manfredi, per
maggiormente assicurarlo della sua fedeltà, Gualvano Lancia suo zio ad
Anagni ad umiliarsi col Pontefice; e, se deve riputarsi vera quella
Bolla rapportata dal Tutini, si vede che Innocenzio per mostrargli
all'incontro ugual corrispondenza, a' 27 settembre di quest'anno
1254 in Anagni gli confermò l'investitura, colla quale per mezzo
dell'istesso Gualvano investì, e confermò a Manfredi il Principato di
Taranto (del quale prima avea investito O. Frangipane), il Contado di
Gravina, e di Tricarico, con l'onore del Monte S. Angelo, con tutte
le supreme regalie ed onori e preminenze, colle quali l'Imperador
Federico suo padre gliel'avea conceduto, e che Corrado gli avea tolte.
E per mostrargli maggior benevolenza, possedendosi allora il Contado di
Montescaglioso dal Marchese Bertoldo, in iscambio di quello gli diede
il Contado d'Andria, investendone in pubblico Concistoro in suo nome
il sopraddetto Gualvano Lancia, dandogli in segno dell'Investitura
un anello, come si legge nella Bolla dell'investitura, rapportata dal
Tutini nel libro de' Contestabili del Regno[28].

Il Principe Manfredi, ancorchè dal tenore di questa investitura,
e da altri fatti comprendesse, che l'animo d'Innocenzio era non di
governare come Balio il Regno insino all'età maggiore di Corradino,
ma supponendolo devoluto alla Sede Appostolica, dominarlo con
assoluto, ed indipendente imperio, nulladimanco con mirabile astuzia
dissimulava il tutto; e per maggiormente farlo cadere nelle sue reti,
vie più mostravasi di lui tutto umile ed ubbidiente; anzi per segno
di maggior venerazione, essendosi Innocenzio già incamminato, volle
andare ad incontrarlo, insino a Cepperano, e quivi incontratolo, volle
inginocchione adorarlo, e prendendo da poi il freno del suo cavallo,
lo servì in cotal maniera per un pezzo di strada insino che passasse il
ponte di Garigliano[29].

Innocenzio gradì tanto queste umili dimostrazioni, che ancorchè
vecchio, e per esperienza prudentissimo, si lasciò ingannare, in
guisa, che oltre aver conferito con lui quasi tutti i suoi più riposti
pensieri, credendo, che conserverebbe la più sopraffina divozione
alla Sede Appostolica, volle cumularlo di maggiori onori; poichè
oltre avergli dato il primo luogo fra tutti i Baroni, lo creò Vicario
del Regno, dal Faro insino al fiume Sele, e per tutto il Contado di
Molise, e terra Beneventana, eccettuatone il Giustizierato d'Abruzzo,
costituendogli ottomila oncie d'oro l'anno di mercede; e la carta di
questa concessione la rapporta ancora il Tutini[30]; ed essendosi già
sparsa fama per tutto il Regno, che il Papa con accordo e permissione
di Manfredi era entrato nel Regno per amministrarlo, i popoli, che
stavano infastiditi de' trattamenti, che ricevevan da' Tedeschi, erano
già tutti disposti per riceverlo, riputando in cotal guisa poter uscire
dalla loro servitù, ed esser fuori di periglio d'esser più interdetti
dagli Ufficiali sacri[31]. E questo fu cagione, che Manfredi con
grandissime astuzie consigliò il Papa, che compartisse il suo esercito
per le più ricche province del Regno: dal quale consiglio ne avvenne,
che i Capitani tedeschi, parte per timore dell'esercito del Papa, parte
per la mala volontà, che conosceano ne' popoli, i quali ricusavano di
pagare a' Tedeschi cos'alcuna, si partirono dal Regno, e tornarono in
Germania delusi da Manfredi, con lasciarne solo in Puglia, ed in terra
d'Otranto alcuni, i quali appena potendo vivere, non avendo paghe,
andavano sempre più mancando di numero. Così Manfredi toltisi dattorno
i Tedeschi, i quali gli davano maggior sospetto, che i nemici palesi,
e tratto tratto acquistando forza in quelle province, ove era egli
stato creato Vicario dal Papa, cercava ora opportunità, come potesse
discacciarne i costui soldati, che compartiti in più luoghi, infra di
loro divisi, credeva con più facilità debellare.

Intanto il Pontefice entrato nel Regno, prima fermossi a Teano per
picciola indisposizione, e poi giunse in Capua, ove fu ricevuto con
molta pompa e celebrità[32]; e quivi fermatosi, era tutto inteso ad
unire sotto il dominio della Sede Appostolica tutte le altre province
del Regno di Puglia e di Sicilia, come avea fatto dell'Abruzzo, di
Terra di Lavoro, parte della Puglia, e d'alcune altre. Avea egli
fatto Legato della Sede Appostolica sopra il Regno il Cardinal di
S. Eustachio, suo nipote, al quale avea data tutta la sua autorità
e potere per amministrarlo. Questi essendo giovane, e congiunto
ad Innocenzio[33], cominciò con alterigia a governarlo, non come
Governadore, ma come assoluto padrone, ed obbligava i Conti, i Baroni
e tutti gli altri a dargli il giuramento di fedeltà, _nullo jure Regis,
et Principis salvo_ (come dice l'Anonimo) ma assolutamente a lui, come
Legato della Sede Appostolica, a cui era il Regno devoluto. Per questa
cagione pretendeva ancora, che il Principe Manfredi, siccome avean
fatto gli altri Baroni, dovesse prestar a lui consimil giuramento di
fedeltà.

Allora fu, che Manfredi opportunamente cominciò pian piano a togliersi
il velo della simulazione, ed a resistere apertamente al Legato con
dirgli, che le convenzioni avute col Pontefice erano state, che si
lasciasse in mano della Chiesa il governo del Regno, salve però le
sue ragioni e quelle del nipote, ed infino a tanto che il pupillo
non sarà fatto pubere, non dovesse mutarsi cos'alcuna dello stato,
nel quale era il Regno: per la qual cosa non volle dar il ricercato
giuramento, non ostante le moleste dimande del Legato. Non fu però,
come dice l'Anonimo, che per tali contese Manfredi non venisse a
perdere molto della sua stima presso gli altri Baroni del Regno:
poichè questi vedendo, che il Legato niente riguardando alla sua regale
stirpe, voleva trattarlo di pari, e nell'istessa guisa che gli altri,
cominciarono a perdere quella riverenza ed ossequio, che prima gli
portavano.

Per questa cagione avvenne, che avendo Borrello di Anglono ottenuto dal
Pontefice Innocenzio, prima che entrasse nel Regno, l'investitura del
Contado di Lesina, perchè abbandonasse le parti Regie, e seguitasse
quelle della Chiesa, siccome avea fatto con molti altri Baroni, per
tirargli al suo partito, pretendeva egli in vigor di tal investitura,
che quel Contado a lui appartenesse; ma Manfredi pretendendo
giustamente, che essendo quello tra le pertinenze del suo dominio,
non dovesse in quello esserne turbato, gli fece prima amichevolmente
intendere, che se ne astenesse; anzi di certa altra terra, che teneva,
appartenente al Contado di Monte S. Angelo, gli fece sentire, che la
godesse pure, ma che almeno ne ricevesse da lui l'investitura, con la
ricognizione, e con dargli il solito giuramento della assicurazione,
altrimenti, che la lasciasse[34]. Borrello insuperbito per lo favore
del Papa, disprezzando l'ambasciata di Manfredi, con molta arroganza
gli rispose, ch'egli non era nè per lasciar il Contado, nè per
riconoscer lui per quella terra, nè per dargli giuramento alcuno.
Manfredi ancorchè acerbamente ricevesse tal risposta, non volendo
contendere col disuguale, dissimulò l'ingiuria: ed avendo inteso, che
Borrello avea mandata molta gente ad invadere il Contado di Lesina, con
aver già occupate due terre di quel Contado, non volle usar la forza,
ma ebbe ricorso al Pontefice Innocenzio, ch'era allora a Teano, al
quale espose il torto fattogli dal Borrello, che sotto pretesto d'aver
avuta da lui la concessione di quel Contado, voleva appropriarselo,
quando, come appartenente a quello del Monte S. Angelo, era di
suo dominio: pregava perciò il Papa, che vi riparasse, perchè non
sortissero inconvenienti maggiori.

Il Pontefice, secondo le solite ambiguità di quella Corte, gli rispose
a guisa d'oracolo in tal maniera: _Se praefato Burrello nihil de
Juribus Principis concessisse_[35]. Manfredi ben intese da questa
risposta, che l'animo del Pontefice era per favorire Borrello, con
tutto ciò premendo sempre, che gli fosse renduta sua ragione, gli fu
risposto che, giunto a Capua avrebbe fatto esaminare per termini di
giustizia quest'affare.

Intanto s'ebbe notizia, che il Marchese Bertoldo da Puglia erasi
incamminato per Capua per inchinarsi al Pontefice, onde Manfredi, per
non incontrarsi col medesimo, prese commiato dal Papa per tornarsene;
e mentr'era in cammino, ecco che da lungi videsi Borrello, che con
molta gente armata era in agguato per assalire ad un luogo angusto
il Principe. Dicchè avvedutisi que' della comitiva di Manfredi, gli
diedero sopra, e postolo in fuga, rimase in quel rumore ucciso Borrello
dalle genti del Principe, niente sapendo Manfredi intanto della sua
morte.

Essendo arrivato il Papa a Capua, tosto i suoi emuli variando il fatto,
facevano reo di questo delitto Manfredi; ed ancorchè per mezzo del
Marchese Bertoldo proccurasse purgarsi col Papa, con dire, che attorto
ciò se gl'imputava, nulladimanco, avendo scoverto che il Marchese in
vece di difenderlo proccurava la sua prigionia, mandò nella Corte del
Papa, ch'era allora in Capua, Gualvano Lancia suo zio per difendersi;
ed egli intanto nell'Acerra in casa di quel Conte suo cognato
ricovrossi.

Il Papa pretendeva che Manfredi si presentasse avanti di lui per
conoscere della di lui inquisizione; Manfredi non ripugnava venire,
purchè se gli fosse promessa sicurtà della sua persona; ma Gualvano
Lancia, avendo penetrato, che il Papa voleva imprigionarlo, nè voleva
dargli sicurtà, ma che si fosse presentato avanti il suo Legato; avvisò
a Manfredi, che tosto partisse dall'Acerra, non stando ivi sicuro,
e che proccurasse andarsene in Puglia, ove coll'intelligenza dei
Saraceni, ch'ivi erano suoi partigiani, proccurasse entrar in Lucera,
e quivi afforzarsi[36]. Manfredi avuto quest'avviso partì di notte, e
seco portossi due fidati giovani Nobili napoletani, che con se avea,
i quali furono Marino Capece, e Corrado suo fratello. Questi furono i
suoi fidi compagni, che non l'abbandonaron mai in tutto quel pericoloso
e disagevol viaggio.

Passati molti pericoli e disagi, finalmente Manfredi giunse in Lucera,
ove coll'ajuto de' suoi Saraceni, che erano dentro, infrante le porte,
entrò ivi pien di gloria, e da tutta la città fu acclamato, e gridato
per lor Principe e Signore, a' quali esponendo le cagioni per le quali
erasi allontanato dalle parti del Pontefice, che non come Governadore,
ma come Signore voleva usurpare il Regno al Re pupillo suo nipote,
dichiarò, la volontà sua non essere altra, che _jura Regis nepotis
sui, et sua, et libertatem, bonumque statum Regni, et Civitatis ipsius
viriliter manutenere, atque defendere_, come scrive l'Anonimo. Per la
qual cosa tutti gli prestarono giuramento di fedeltà, e d'omaggio, _pro
parie Regis, et sua_.

Il Marchese Bertoldo, Odone suo fratello ed il Legato del Pontefice,
udita la sorpresa di Lucera, tosto uniti insieme s'afforzarono colle
loro truppe in Troja per resistergli; ma Manfredi, essendosi indi a
poco impadronito di Foggia, avanzava alla giornata di forze, e reso
formidabile il suo esercito, dopo varie vicende, ruppe finalmente il
Legato e l'esercito Papale, prese Troja, disperse le genti d'Odone e
del Marchese Bertoldo; e sopra di esse ottenne rimarchevol vittoria.
Allora fu, che Manfredi scrisse a' Baroni del Regno suoi partigiani
quella lettera, che si legge presso il Summonte[37], avutala da
Pier Vincenti di Brindisi, nella quale minutamente descrivesi questa
vittoria, che bisogna averla per vera, siccome per tale l'ebbe Rainaldo
ne' suoi Annali: giacchè è conforme a quel, che di tal vittoria
diffusamente ne scrisse l'Anonimo.


§. I. _INNOCENZIO abbandona il Re d'Inghilterra, ed invita il fratello
del Re di Francia alla conquista del Regno: se ne muore in Napoli, e
svaniscono i suoi disegni._

Innocenzio sin dal mese di giugno dell'anno 1253 erasi colla sua
Corte portato in Napoli, dove sentendo i progressi di Manfredi fatti
in Puglia, temè non finalmente dovesse discacciarlo da tutte l'altre
province del Regno, ch'erano nell'ubbidienza della Chiesa: e vedendo
essere inutile ricorrere in Inghilterra, avendo avuta contezza in
quel tempo che fu in Francia del valore e prudenza di Carlo d'Angiò
Conte della Provenza, fratello del S. Re Lodovico di Francia, spedì
a quello Maestro Alberto da Parma suo Cappellano e Segretario, per
trattare la sua venuta in Regno, offerendogliene l'investitura. Ma
per trovarsi il Re Luigi in Oriente implicato nella guerra Sagra, non
potendo dargli ajuto, non potè niente conchiudersi: rimase non perciò
Alberto in Francia, e trattò quest'affare sotto i Pontefici successori
d'Innocenzio per quattordici anni a fin di ridurre il trattato ad
effetto, siccome sotto il Pontificato d'Urbano IV fu ridotto[38].

Vi è anche chi scrisse che, infermatosi Innocenzio in Napoli, avendo
intesa la novella della vittoria ottenuta da Manfredi, se ne morisse di
cordoglio a' 7 o, come altri rapportano, a' 13 dicembre di quest'anno
1254[39]. Giace sepolto questo Pontefice nel Duomo di Napoli, ove
ancor oggi s'addita il suo tumulo. Pontefice, che potè darsi questo
vanto, d'essere stato il primo, che unisse alle pretensioni, che han
tenuto sempre i Pontefici romani sopra questo Reame, l'attual possesso
di quello. Tutte le spedizioni degli altri Pontefici per conquistarlo
furono, o infelicemente terminate o appena mosse dissipate e spente;
d'Innocenzio IV può solamente dirsi che per più mesi ne avesse avuto
il corporal possesso, e che per altri tanti lo tramandasse al suo
successore Alessandro IV. Perciò si leggono di lui tante investiture
concedute a molti nostri Baroni, delle quali si è fatta memoria.
Pontefice ancor egli intendentissimo di ragion civile, e che ornò la
nostra giurisprudenza di molti trattati e volumi.

Fioriva in Italia in questi anni l'Accademia di Bologna sopra tutte
le altre; dove Innocenzio essendo giovane apprese la disciplina
legale, e nelle leggi civili ebbe per Maestri Azone, Accursio e
Jacopo Balduino; siccome nel jus canonico Lorenzo Spagnuolo, Giovanni
Teutonico, Jacopo d'Albasio ed Uguccione, principali Dottori di quella
età; onde ne divenne un dei più perfetti legisti del suo tempo[40].
E volendo emulare Innocenzio III pur famoso Giureconsulto de' suoi
tempi, in mezzo alle cure di quel turbolento ed inquieto Pontificato,
non tralasciò questi studj, perchè stando in Lione, scrisse sopra i
cinque libri de' Decretali gli _Apparati_, di che tanto i Canonisti si
servono: fondando il principio sopra l'autorità d'Ezechiel profeta:
della qual Opera scrivendo S. Antonino dice, ch'ella è di maggior
autorità, che la lezione di ciascun libro degli altri Dottori, onde ne
venne chiamato padre e monarca delle divine ed umane leggi.

Scrisse le Costituzioni, che fece nel Concilio di Lione, parte delle
quali s'hanno nel _Sesto_ libro dei Decretali. Compose un libro, che
Ostiense nella sua Somma chiama _Autentiche_. Ed un altro intitolato
_Apologetico_, contro a Pietro delle Vigne, intorno alla giurisdizione
dell'Imperio ed autorità del Papa; e compose anco i _Commentarj_ del
vecchio e del nuovo Testamento.

Ebbe in molto pregio gli uomini virtuosi, e letterati, fra' quali
Alessandro d'Ales di nazione inglese, ch'essendo già vecchio prese
l'abito de' Frati Minori; dal quale fece comporre la _Somma_ della
Teologia, ed altre grandi opere, onde ebbe il cognome di Dottore
_Irrefragabile_. Spinse _Bernardo_ da Parma, ed il _Compostellano_,
ch'erano suoi Cappellani, perchè scrivessero sopra il _Decretale_, e
componessero altre opere.

Amava molto le religioni, e fra le altre quella di _S. Benedetto_, e le
due di _S. Domenico_, e di _S. Francesco_, le quali a guisa di novelle
piante allora fiorivano. Riformò la Regola a' Frati _Carmelitani_,
dandone la cura al Cardinal Ugo. Ordinò, che tutti i Romiti viventi
senza Regola, e particolarmente quelli ch'erano per la Toscana, ed
anche molti Religiosi di S. Agostino, uniti sotto un Generale, si
chiamassero _Eremitani_. Rinovò in Francia, ed anche in Italia la
Religione de' _Cruciferi_, ch'era quasi spenta; tal che in Italia
si rifecero alcuni Monasteri di nuovo, ed in Napoli particolarmente
ebbero poi quello di S. Maria delle Vergini fuori della Porta di S.
Gennaro, dato loro dalla famiglia Carmignana, e da' Vespoli. Concesse
a' Cavalieri de' SS. Maurizio e Lazaro autorità d'eleggere il Gran
Maestro nella religion loro; e concesse a' Canonici dell'Arcivescovado
di Napoli l'uso della Mitra bianca, quando l'Arcivescovo celebra; ed al
Clero le franchigie, che insino ad oggi gode per tutto il Regno.



CAPITOLO IV.

_Spedizione d'ALESSANDRO IV sopra il regno, e nuovi inviti fatti da lui
al Conte di Provenza, ed al Re d'Inghilterra._


Il Legato appostolico intimorito per la vittoria ottenuta da Manfredi,
abbandonando la Puglia, fece ritorno coll'esercito papale in Terra
di Lavoro, incamminandosi verso Napoli, e per istrada incontrossi col
Marchese Bertoldo, e continuarono uniti il cammino insino a Napoli, ove
giunti trovarono, che pochi giorni prima Innocenzio era già morto[41].
Quando i Cardinali, e tutti que' della Corte videro il Legato, ed il
Marchese Bertoldo, ed intesero la ruina de' loro eserciti, furono presi
di tanto timore, che volevan tosto partire da Napoli, e ritirarsi in
Campagna di Roma; ma confortati dal Marchese, che non partissero, si
stettero; ed all'elezione del nuovo Pontefice furono tutti rivolti.
Non mancano Scrittori[42], che dicono esservi stato gran contrasto
fra' Cardinali per questi elezione, e che perciò la Sede fosse vacata
un anno. Ma l'Anonimo, il Collenuccio, Pansa ed altri[43], rapportano,
che i Cardinali temendo non il differire l'elezione fosse cagione di
maggior lor danno, tosto in Napoli uniti, di concorde volere eressero
Rainaldo d'Anagni della famiglia Conti nipote di Gregorio IX che fu
chiamato _Alessandro IV_, il quale nel Duomo di Napoli fu consecrato,
ed incoronato, ed in questa città siccome pruova il Chioccarelli[44],
vi si trattenne per un'anno.

Intanto il Principe Manfredi, reso più animoso per la morte
d'Innocenzio, ridusse sotto la sua ubbidienza quasi tutte le altre
città della Puglia, che aveano alzate le bandiere della Chiesa. Si
sottopose a lui Barletta, da poi Venosa e finalmente Acerenza, dove
Giovanni Moro fu da' Saraceni crudelmente fatto morire. Prende Rapolla;
indi si resero Trani, Bari, ed in breve tutta la Puglia, toltone alcune
città di Terra d'Otranto, che ancora si mantenevano sotto l'ubbidienza
della Chiesa.

Il Pontefice Alessandro IV atterrito nel principio del suo Pontificato
di questi progressi del Principe, spinse Tommaso Conte dell'Acerra
cognato del Principe, e Riccardo Filangerio, che andassero a trovar
Manfredi; i quali vennero in Puglia, spinti anche, come si diceva,
da alcuni Cardinali, per insinuargli, che non mancasse mandare
i suoi Ambasciadori a rallegrarsi col nuovo Pontefice della sua
esaltazione a quella Cattedra, portando ammirazione, che ciò, che
tutti gli altri Principi del Mondo facevano, non volesse far egli[45].
Manfredi dubitando, siccome altra volta era accaduto, che questa sua
Legazione al nuovo Pontefice non fosse interpretata per sua debolezza,
e pusillanimità, loro rispose, ch'egli non avrebbe mandati altri
Ambasciadori al nuovo Pontefice, se non per trattar la pace con tali
condizioni: _Ut Regnum in dominio, et possessione Regis Conradi II
nepotis sui, sub baliatu Principis remaneret. Compositio autem super eo
tantum esset, ut census pro ipso Regno Romanae Ecclesiae augeretur_.

(Questo trattato fu conchiuso da Alessandro, il quale nell'anno 1255,
dimorando ancora in Napoli, quivi spedì la Bolla dell'investitura ad
Edmondo, che vien rapportata da Lunig[46]).

Quando il Pontefice intese nel ritorno del Conte e di Riccardo, che
Manfredi non era niente disposto a mandargli i Legati, nè a lasciare
il Regno nelle mani della Chiesa, cominciò, seguitando le pedate del
suo predecessore, a mostrarsegli più inimico degli altri. Fece in prima
ripigliar il trattato da Maestro Alberto da Parma con _Carlo Conte di
Provenza_, dal quale avuti riscontri, che Carlo non si trovava disposto
per l'impresa del Regno, si voltò ad _Errico Re d'Inghilterra_,
rinovando il trattato, che il suo predecessore Innocenzio avea
cominciato col medesimo, offerendogli di nuovo l'investitura del
Regno per _Edmondo_ suo figliuolo, purchè venisse tosto a discacciarne
Manfredi; e notasi negli Atti di quel Regno, che Papa Alessandro si
riscaldò tanto per quest'impresa, che commutò il voto, che avean fatto
il Re d'Inghilterra, i Re di Norvegia, ed altri, d'andare in Terra
Santa, nell'andare a conquistar la Sicilia, e il Regno di Puglia in
favor della Chiesa.

Mandò ancora un Vescovo in Puglia a citar Manfredi da sua parte:
_Ut in festo Purificationis Beatae Mariae proxime futuro ad Curiam
Romanam accederet, responsurus de interfectione Burrelli de Anglono,
et de injuria, quam Apostolicae Sedi intulerat, expellendo Legatum,
et exercitum Ecclesiae de Apulia_[47]. A questa citazione rispose
Manfredi per sua lettera diretta al Pontefice, purgandosi di ciò, che
se gl'imputava della morte di Borrello, e che per quello, che toccava
d'aver discacciato il Legato, e l'esercito della Chiesa da Puglia, non
avea fatta niuna ingiuria alla Chiesa romana, defendendo con ciò la
giustizia del suo nipote, e sua.

Durando Manfredi in tal proponimento di non mandar suoi Ambasciadori
al Papa, venne da lui Maestro Giordano da Terracina Notajo della Sede
Appostolica già benevolo di Manfredi, il quale mostrando dispiacere di
queste contese, consigliò il Principe, che in tutte le maniere mandasse
al Papa i suoi Legati, perchè da questa missione non altro, che sommo
onore e comodo n'avrebbe ritratto: finalmente Manfredi mosso dal
consiglio di costui, destinò due Legati al Pontefice, dandogli potere
per trattar la pace, i quali furono Gervasio di Martina, e Goffredo di
Cosenza suoi Secretarj[48].

Giunti costoro in Napoli, ove risedeva allora la Corte del Papa,
cominciarono a trattar con alcuni Cardinali deputati per questo effetto
la pace; ed incontrandosi delle difficoltà e de' dubbj, i quali non
potevano superarsi, se non si trattasse a dirittura col Principe, i
Legati persuadevano il Papa, che mandasse un Cardinale in Puglia a
trattar con Manfredi, perchè in cotal maniera era molto facile, che
la concordia seguisse. Ma i Cardinali gonfi per la loro dignità,
e grandezza, la quale di fresco era stata da Innocenzio cotanto
innalzata, dicevano _id non convenire Sedis honori, ut Cardinales hoc
modo mittantur_[49]. Per la qual cosa lungamente essendosi contrastato
su questo punto, non poterono gli Ambasciadori del Principe in conto
veruno indurre quelli della Corte a mandar un Cardinale a Manfredi.

Il Principe intanto, vedendo che si portava in lungo il trattato, non
volle perder tempo di reintegrare al suo Contado d'Andria, ciò che
con ragione speziale se gli apparteneva; e perciò restituì a quello la
Guardia Lombarda, ch'era delle pertinenze di quel Contado, e che ancora
era rimasa in potere delle genti Papali. Si mostrarono i Cardinali,
avuta tal notizia, offesi per tal novità, e ch'era volergli deludere
e rompere con ciò ogni trattato. I Legati del Principe rispondevano,
che ciò non era violar i trattati, perchè Manfredi, ciò che avea fatto,
avealo fatto come Conte di Andria, non già come Balio; non avendo fatto
altro, che reintegrare al suo Stato quella Terra, la quale, come narra
l'Anonimo, _erat de speciali jure ipsius Principis_, e che ciò non
dovea dispiacere al Pontefice.

Ma ancorchè i Cardinali sotto questo pretesto mostrassero le loro
doglianze, non era però per altro la loro dispiacenza, se non perchè
vedendo approssimarsi tanto Manfredi col suo esercito, temevano che
finalmente non s'incamminasse verso Napoli: ed in fatti erano entrati
perciò in tanta costernazione, che il Pontefice con tutta la sua Corte
pensavano imbarcarsi, ed uscire da quella città; per la qual cosa
avvertirono gli Ambasciadori del Principe, a dovergli fare intendere,
che se veramente egli voleva la pace colla Chiesa, partisse col suo
esercito dalla Guardia Lombarda, e ritornasse in Puglia.

Gli Ambasciadori, accortisi del lor timore, gli promisero di
voler scrivere a Manfredi, che ritornasse in Puglia, come fecero;
ma nell'istesso tempo in secreto gli significarono, che se egli
s'incamminava verso Napoli, per la paura entrata nelle genti del
Papa, con facilità l'avrebbe disfatte, e si sarebbe impadronito di
Terra di Lavoro. Manfredi avuta tal notizia, era disposto, ancorchè
impedito dalle tante nevi cadute di passare in Terra di Lavoro: ma
lo ritenne l'avviso importuno in quell'istante sopraggiuntogli d'una
sollevazione scoverta in Terra d'Otranto di coloro di Brindisi, i quali
essendosi sollevati, aveano sorpresa Nardò, e fatta molta strage di
que' Cittadini e di soldati, ch'erano comandati da Manfredi Lancia, che
il Principe suo consanguineo avea creato Capitano in Terra d'Otranto;
laonde convenne a Manfredi rivocar il suo proponimento, e volle
incamminarsi verso Brindisi, come fece, lasciando la Guardia, e venne
con ciò a soddisfare alla volontà del Pontefice.

I Cardinali, veduto lui allontanato, ed implicato a questa nuova
impresa in Terra d'Otranto, si raffreddarono per la pace, nè per ciò i
Legati di Manfredi poterono conchiuder niente; anzi il Papa creò allora
un'altro Legato della Sede Appostolica per lo Regno, che fu Ottaviano
di Santa Maria in Via Lata, Diacono Cardinale, il quale appena fu
fatto, che subito cominciò ad unire gente, per formar un competente
esercito da opporsi a Manfredi: di che avvedutisi i suoi Legati, tosto
partirono da Napoli, e andarono a ritrovar il Principe, il quale già
era per incamminarsi verso Brindisi, e gli esposero ciò che il Papa
per mezzo del nuovo Legato intendeva di fare, e di essersi rotto ogni
trattato.

Manfredi, perciò non intimorito, volle proseguire l'impresa; e cinse
d'assedio Brindisi capo della ribellione, alla qual città eransi unite
molte altre di Terra d'Otranto come Oria, Otranto, Lecce e Mesagna,
e devastando il terreno d'intorno, abbattè e demolì Mesagna, fece
ritornar Lecce sotto la sua ubbidienza, ed all'assedio d'Oria tutto si
rivolse.

Or mentre questo Principe era tutto inteso a sedare queste rivolte,
altre nuove revoluzioni lo chiamarono in altre più rimote parti, in
Sicilia ed in Calabria.

Era a questi tempi il governo di queste Regioni commesso ad un solo
Moderatore, il qual era, come si disse, Pietro Ruffo di Calabria Conte
di Catanzaro. Questi essendo di fortuna assai povera, fu a' tempi
dell'Imperador Federico ammesso nella sua Corte[50]; indi tratto tratto
crescendo nella grazia di Federico, fu fatto suo intimo Consigliero,
e finalmente Maresciallo del Regno di Sicilia. Morto Federico, fu da
Manfredi dato per Balio ad Errico, perchè governasse la Calabria e la
Sicilia in suo nome. Fu da poi da Corrado fatto Conte di Catanzaro,
e confermato nel governo di quelle province; ma morto Corrado, mal
sofferendo il Baliato di Manfredi, diede di se gravi sospetti d'essersi
confederato col Pontefice Innocenzio IV a' danni del Re Corradino;
e mostrò sempre avversione con Manfredi, ed ora più che mai, che lo
vedeva potente in Puglia, gli avea sconvolta la Sicilia non meno che
la Calabria per mezzo di Giordano Ruffo suo nipote. Questi essendosi
con molta gente afforzato in Cosenza, teneva sotto la sua divozione
tutta la provincia di Val di Crati, e Terra Jordana, in guisa che
il nome del Principe Manfredi, non solo non era temuto, ma avuto in
niun conto; anzi erasi scoverto un trattato, che passava con molta
secretezza tra lui ed il Pontefice Alessandro, di darsi la Calabria in
mano della Chiesa, e già andavano, e ritornavano messi per compire il
trattato[51].

Manfredi avvisato di queste insidie da alcuni Cosentini, e da Gervasio
di Martina, tosto mandò sue truppe in Calabria, e ne fece Capitano
Corrado Truich, al quale insieme col suddetto Gervasio impose, che
guardasse quella provincia. Furono da questi valorosi guerrieri dopo
varj successi, descritti diffusamente dall'Anonimo, finalmente poste
quelle province sotto l'ubbidienza del Re Corrado; ed avendo l'esercito
di Manfredi soggiogata quasi tutta la Calabria, fu anche espugnata
Messina; e Reggio tosto si pose sotto l'ubbidienza del Principe, il
quale intanto mentre per suoi Ministri guerreggiava in Calabria e in
Sicilia, non tralasciò l'assedio d'Oria, e di ridurre le città di Terra
d'Otranto ribellanti alla sua divozione.

Ma mentre Manfredi era intento all'assedio d'Oria, e teneva le sue
forze divise in varie parti di Calabria e di Sicilia, Ottaviano Legato
della Sede Appostolica avea già ragunato un grand'esercito per invadere
la Puglia; ed era il numero delle truppe, che lo componevano, sì
grande, che obbligarono Manfredi abbandonare quell'assedio, e portarsi
in Melfi, per resistere a quel torrente, che veniva ad inondarlo. Unì
per tanto il Principe, come potè meglio, i suoi Tedeschi e Saraceni:
ed ancorchè il suo esercito di numero cedesse a quello del Legato;
nulladimeno per lo valore de' suoi soldati, con intrepidezza mirabile
se gli fece incontro, invitandolo a battaglia. Ma l'esercito papale,
alla cui testa era il Legato, non volle mai accettar l'invito, e sol
fronteggiava quello del Principe, non venendosi per più tempo a niun
fatto d'arme.

Intanto sotto la condotta dell'Arciprete di Padova, che il Legato avea
fatto suo Vicario, erasi ragunato un altro esercito per l'impresa di
Calabria; poichè Pietro Ruffo scacciato da Messina, e fuggitivo da
Calabria era ricorso al Pontefice Alessandro, animandolo all'impresa
di Calabria. S'aggiunsero ancora gli acuti stimoli di Bartolommeo
Pignatelli, creato allora dal Papa Arcivescovo di Cosenza, il quale
per l'odio implacabile, che teneva con Manfredi, fu dal Pontefice
Alessandro riputato istromento abilissimo per poterlo impiegare
insieme con Pietro Ruffo a quella impresa. Accoppiossi ancora a costoro
Bertoldo Marchese di Honebruch, al quale Alessandro, per maggiormente
adescarlo, avea conceduta l'investitura del Contado di Catanzaro, tolto
da Manfredi a Pietro Ruffo[52].

Or mentre questi erano per incamminarsi in Calabria, fu dal Legato
richiamato indietro l'Arciprete, per dover colle sue truppe accrescere
l'esercito, che fronteggiava con quello di Manfredi; e s'avviarono
l'Arcivescovo di Cosenza, e Pietro Ruffo in Cosenza, ove giunti,
avendo prima sparse molte finte novelle, per atterrire que' Popoli,
finalmente gli richiesero, che si rendessero al Papa. Ma stando
alla difesa di que' confini Gervasio di Martina, fece loro valida
resistenza; e poichè, per la mancanza delle genti dell'Arciprete,
l'esercito dell'Arcivescovo era molto estenuato, questo Prelato
per accrescere il numero, tenendone facoltà dal Papa, cominciò
a _crocesignare_ quanti Calabresi potè avere per que' contorni,
togliendogli dalla zappa, dall'aratro e dal remo, i quali correvano
in folla a farsi crocesignare; poichè l'Arcivescovo avea pubblicata
la _Crociata_ contro Manfredi, con remissione di tutti i loro
peccati, e indulgenze così plenarie, come se pigliassero la Croce
contro Infedeli per discacciargli da Terra Santa, e dal Sepolcro di
Cristo[53]. Si crocesignarono perciò da duemila Calabresi, che uniti
colle genti dell'Arcivescovo, ancorchè mal in arnese d'armi e cavalli,
nulladimanco come se andassero a prender il martirio per la Fede,
mostrarono intrepidezza tale che stimolavano l'Arcivescovo a dover in
tutti i modi uscire e combattere l'esercito contrario. Ma Gervasio
di Martina disprezzando le loro forze, dopo varie vicende descritte
minutamente dall'Anonimo, alla perfine gli pose in fuga, gli dissipò
tutti, e costrinse l'Arcivescovo e Pietro Ruffo a scappar via, il
quale ricovratosi in Lipari, tornò poi in Terra di Lavoro nella Corte
del Papa. Questi avvenimenti stabilirono le Calabrie saldamente nella
fede del Principe Manfredi, e tutte pacate sotto la sua ubbidienza
tornarono.

Intanto questo Principe campeggiava col suo esercito in Puglia presso
Guardia Lombarda a fronte dell'esercito del Legato, il quale non
volendo venir mai a battaglia, stavasi a vista di quello di Manfredi
osservando l'uno gli andamenti, ed i moti dell'altro.

Ma mentre questi eserciti erano in cotal stato, ecco che giunse in
Puglia a Manfredi un Maresciallo del Duca di Baviera zio del fanciullo
Re Corrado mandato dalla Regina Elisabetta madre del Re, e dal Duca
istesso, per trattare con Manfredi, e colla Corte romana di questi
interessi, ch'erano proprii di quel Principe[54].

Subito che il Legato ed il Marchese Bertoldo seppero l'arrivo del
Maresciallo, e la cagione per la quale era stato inviato, mandarono al
Principe Manfredi a cercargli una tregua e sospension d'arme, affine
di potersi trattar la pace tra il Papa Alessandro ed il Re Corrado
per mezzo del Maresciallo; Manfredi glie la accordò; ed essendosi per
molti Nobili e Baroni dell'una parte e l'altra giurata la tregua per
insino che durasse il trattato, e per cinque dì da poi, nel caso niente
si conchiudesse: il Legato, niente rispondendo circa la dilazione di
cinque giorni, diede di se sospetto, non volesse ingannarlo, siccome
l'evento dimostrò; poichè essendosi Manfredi (fermata che fu la
tregua) allontanato col suo esercito da quel luogo, e scorrendo per
le marine di Bari, il Legato, contro i patti della tregua, entrò col
suo esercito in Capitanata, e sorprese Foggia; pose in costernazione
tutte le altre città di questa provincia; e la città di S. Angelo posta
nel sopracciglio del Monte Gargano, all'arrivo dell'esercito papale in
Foggia, si ribellò contro il Principe. Manfredi, ch'era a Trani, pien
di stupore per la violata fede del Legato[55], non credè in prima la
sorpresa di Foggia; ma accertato da poi di sì grave attentato, tutto
pien d'ira velocemente passò col suo esercito a Barletta, ed avendola
mantenuta in fede, ritornò in Lucera; indi passò al Gargano, ove presa
per assalto quella città ribellante, la ridusse alla sua ubbidienza; e
ristorato il suo esercito, si appressa a Foggia, ove assedia l'esercito
papale, ch'erasi ritirato in quella città. Intanto il Marchese Bertoldo
era accorso colle sue truppe in ajuto del Legato: Manfredi lo prevenne,
e datagli una fiera rotta, lo pone in fuga, e prende tutto il suo
bagaglio.

Il Legato si chiude in Foggia col suo esercito; e Manfredi cinge la
città di stretto assedio, e vi cagiona una penuria grandissima di
viveri, tanto che si dava un cavallo per una gallina, e sopra questi
mali vi s'aggiunse altro peggiore d'una infermità così grave, che ne
perivano molti del suo esercito, e l'istesso Legato cadde anch'egli
infermo[56].

Vedutosi perciò in quest'angustie, conoscendo, che non poteva più
resistere alla fortuna e valore del Principe, per non veder perire
tutte le sue genti angustiate con quel stretto assedio, mandò suoi
Messi a Manfredi pregandolo della pace. Non fu il Principe renitente ad
abbracciarla; onde dopo varj trattati infra di loro avuti, fu la pace
conchiusa con queste condizioni[57].

Che il Principe tenesse il Regno per se e per parte del Re Corrado suo
nipote, eccetto Terra di Lavoro: che questa provincia dovesse tenersi
dalla Chiesa: che se Papa Alessandro non volesse forse accettar questa
concordia e transazione, fosse lecito al Principe ricuperare tutta
quella Terra, ch'appartiene al suo dominio.

Fermata che fu dal Principe e dal Legato questa pace, fu da costui
Manfredi instantemente pregato, che volesse ad imitazione del nostro
buon Redentore perdonare a que' gentiluomini del Regno, che nel tempo
dell'Imperador Federico suo padre erano stati esiliati dal Regno, e che
allora erano col Legato. Manfredi, ancorchè questo non fosse compreso
ne' capitoli della pace, nulladimanco usando della sua clemenza
concedè a tutti il perdono, e non solamente lor diede la sua grazia,
ma restituì loro tutte le Terre, che in pena della fellonia loro erano
state giustamente tolte, con che però nell'avvenire colla loro fedeltà
ed onore cancellassero le passate offese.

Nè volle, che da questa grazia fosse eccettuato il Marchese Bertoldo,
co' suoi fratelli, ma con ampio perdono gli ammise nuovamente nella
sua familiarità, permettendo, che potessero ritenere i loro Stati, dei
quali per le loro colpe avrebbono meritato esserne perpetuamente privi.

Conchiusa in cotal maniera questa pace, l'esercito papale col Legato
partì da Foggia, ed andò in Terra di Lavoro; e Manfredi avendo perciò
tolto l'assedio da quella città, andò a divertirsi alla caccia in
quelle vicine pianure; ma nell'istesso tempo del riposo, non trascurò
mandare suoi Ambasciadori al Papa a chiedergli l'accettazione di quanto
erasi col Legato concordato[58]; altrimente rifiutando l'accordo, in
esecuzion di quello avrebbe proccurato ridurre sotto la sua ubbidienza
Terra di Lavoro.

Ma ecco come tosto svanirono questi concordati; poichè giunti gli
Ambasciadori del Principe in Napoli, trovarono nella Corte del
Papa il Conte Guaserbuch, il quale scoprì loro una congiura, che
coll'intelligenza di quella Corte, il Marchese Bertoldo, e suoi
fratelli con alcuni Nobili del Regno tramavano contro la persona di
Manfredi, al quale bisognava tosto avvisarla, perchè se ne guardasse.
S'avvidero ancora, che il Papa Alessandro a tutto altro era inchinato,
che a confermar l'accordo avuto col suo Legato; onde tosto dell'uno e
dell'altro ne avvertirono Manfredi.

Il Principe sorpreso da tal notizia, ricercati altri indizj di
tal congiura, s'avvide, che era vero ciò che gli aveano avvisato i
suoi Ambasciadori; onde fece tosto imprigionare il Marchese e' suoi
fratelli. Ed essendo ritornati dalla Corte del Papa gli Ambasciadori
senza conchiuder niente, stante la ripugnanza d'Alessandro ad accettare
la preceduta concordia: per riparare a' mali gravissimi, che se gli
minacciavano, intimò una general Corte a tutti i Conti e Baroni del
Regno da tenersi in Barletta in febbrajo nel dì della Purificazione
del seguente anno 1256. Ed intanto perchè dal suo canto niente da far
rimanesse, per togliere ogni scusa, tornò a mandare nuovi Ambasciadori
al Pontefice a ricercarlo di nuovo, se volesse confermar la concordia,
ma Alessandro espressamente negando di fermarla, ne rimandò i Legati.

Allora fu, che Manfredi nel stabilito tempo convocò in Barletta il
general Parlamento, nel quale in presenza di tutti i Conti e Baroni del
Regno furono varj, e gravi affari risoluti.

Fu privato per sentenza de' medesimi Pietro di Calabria, tanto
dell'onore del Contado di Catanzaro, quanto dell'Ufficio della
Marescialleria regia del Regno di Sicilia, per la sua fellonìa.

Fu creato Conte del Principato di Salerno Gualvano Lancia zio del
Principe, al quale fu anche conceduto l'Ufficio di Gran Maresciallo del
Regno di Sicilia, di cui era stato Pietro spogliato.

Nell'istesso Parlamento, il fratello di Gualvano zio parimente di
Manfredi fu fatto Conte di Squillaci; ed ad Errico da Spernaria fu
conceduto il Contado di Marsico[59].

Fu parimente in questa general Corte agitata e discussa la causa del
Marchese Bertoldo e de' suoi fratelli, i quali convinti della congiura
macchinata contro il Principe, con concorde voto de' Conti e de' Baroni
del Regno, furono con lor sentenza condennati a morte. Ma Manfredi
volendo usar loro clemenza, commutò la pena in carcere perpetua, ove
miseramente finirono la loro vita.

Disbrigato che fu il Principe Manfredi da questa Corte, ove diede
molti provedimenti politici per la quiete del Regno, fu poi tutto
rivolto all'impresa di Terra di Lavoro, ed a spegnere affatto dalla
Calabria, e più dalla Sicilia la fazione del Papa, il quale in
quell'isola ancor vi teneva _Frate Rufino_ dell'Ordine de' Minori
per Legato della Sede Appostolica, il quale poneva in isconvolgimenti
continui quell'isola avendosi resi molti Siciliani benevoli, i quali
scossa la fede regia, ubbidivano a lui, come a Signore dell'isola in
nome della Chiesa romana. A riparar questi mali creò Manfredi per suo
general Vicario di Calabria e di Sicilia Federico Lanzia suo zio, il
quale con mirabile destrezza e gran valore ripose le città di Calabria
fluttuanti interamente in pace e quiete, e sotto l'ubbidienza del Re,
e dando animo all'esercito regio, ch'era in Palermo, fece sì, che il
Legato Rufino, e' suoi seguaci fossero fatti tutti prigioni, e fosse
restituita Palermo, e tutti que' luoghi all'ubbidienza del Re; e
passato poi in Messina ridusse parimente quella città alla fede regia.

Intanto il Principe Manfredi avendo intimata la guerra al Papa,
che allontanatosi dal Regno, avea prima in Anagni, e poi in Viterbo
trasferita la sua Corte, s'accinse all'impresa di Terra di Lavoro,
per restituirla sotto il suo dominio. Spiegò li suoi stendardi, e
con potente esercito entrò ne' confini di Terra di Lavoro, e verso
Napoli incamminossi. Fu veramente cosa maravigliosa, come notò il
Costanzo[60], che la città di Napoli, la quale pochi anni prima
avea tanto ostinatamente chiuse le porte e negata l'ubbidienza a
Corrado, ora, mandasse fuori messi a Manfredi, mentre era ancor
lontano, a spontaneamente offerirsegli[61]. Nè si crede che ne fosse
stata altra cosa cagione, che le poche forze e vigore del Papa, e la
fresca memoria, che sotto la speranza di Papa Innocenzio IV erano
stati saccheggiati, e miseramente disfatti. Nè vi è dubbio, che vi
cooperarono molto le promesse di Manfredi, il quale mandò a dire a
molti gentiluomini suoi conoscenti, quanto gli uomini valorosi poteano
sperare maggior esaltazione da lui, che dal governo de' Preti; il che
si potea vedere per esempio di molti di Puglia e di Calabria e d'altre
province, ch'egli con somma liberalità e munificenza avea esaltati
con ordine di cavalleria, e con altre dignità e preminenze. In fatti
i Napoletani riceverono con gran festa e giubilo Manfredi nella lor
città; il quale, perchè l'effetto fosse conforme alle promesse, entrato
che vi fu, fece tutto il contrario di quel, che avea fatto Corrado,
rinovando a sue spese gli edificj pubblici, assecurando tutti coloro,
che a tempo di Corrado ed a tempo suo s'erano mostrati inimici della
Casa di Svevia, ed onorando molti Nobili, con pigliargli, secondo
l'età e la virtù, o per Consiglieri, o per Cortegiani appresso la sua
persona[62].

L'esempio di Napoli mosse anche i Capuani di rendergli parimente la
loro città, ed il simile fecero tutte l'altre città convicine. Solo
Aversa per la fazione, che v'aveano le genti del Papa, fece alquanto
resistenza; ma finalmente bisognò, che cedesse alla forza di Manfredi,
ed in breve tutta la provincia di Terra di Lavoro si sottopose alla sua
ubbidienza. Ridotta questa provincia, passò in Capitanata, ed indi in
Brindisi per reprimere la sedizione, che l'Arcivescovo di quella città
aveagli fomentata: la ridusse in sua fede, ed imprigionò l'Arcivescovo.
Ariano e l'Aquila, che furono l'ultime e le più ostinate a mantenersi
in ribellione, furono da lui arse e distrutte.

Così avendo questo Principe restituito con tanto valore al suo
dominio tutto il Regno di Puglia, si dispose di passare in Sicilia
per maggiormente stabilirla nella fede regia, e purgare quell'isola
d'ogni vestigio, che mai vi rimanesse della fazion contraria. Navigò lo
stretto, ed in Messina giunto, fecevi dimora per pochi giorni, ed indi
passò a Palermo regia Sede degli antichi Re di Sicilia.

Intanto il Pontefice Alessandro, non potendo per se solo rintuzzare
le forze di Manfredi, rinovò in quest'anno 1257 le pratiche in
Inghilterra, per ridurre quel Re ad accettar l'investitura del Regno
offertagli per _Edmondo_ suo figliuolo; e narra Matteo Paris, che
Errico vi condescese; ma perchè le forze non erano pari all'impresa,
il Re desiderava, che gl'Inglesi gli dessero validi ajuti: per la
qual cosa fece egli unire un Parlamento, e fecevi in quello comparire
Edmondo _vestito alla Pugliese_, per maggiormente spingergli a
soccorrerlo, acciocchè il Regno offertogli, per cagion loro non
si perdesse[63]; ma gl'Inglesi niente conchiusero, e come diremo,
nell'anno 1259 il trattato rimase affatto estinto; e Manfredi per
vano rumore, essere Corradino morto, fattosi incoronare a Palermo, si
stabilì nel Trono di Sicilia: ciò che bisogna rapportare nel seguente
libro di quest'istoria.

(Si leggono presso _Lunig_[64] due Brevi d'Alessandro IV uno scritto
ad Errico Re d'Inghilterra padre d'Edmondo, ed un altro al Vescovo di
Erford, perchè in vigor dell'investitura si sollecitassero per questa
spedizione, e mandassero gente e 'l denaro promesso per discacciar
Manfredi del Regno).


  FINE DEL LIBRO DECIMOTTAVO.



STORIA CIVILE DEL REGNO DI NAPOLI

LIBRO DECIMONONO


Mentre Manfredi era in Palermo, giunse quivi novella, che il Re
_Corradino_ fosse morto in Alemagna; ma in questo passo d'istoria gli
Scrittori, secondo le fazioni contrarie, non convengono. I Guelfi,
come Giovanni Villani Fiorentino, e gli altri Italiani di quel partito
narrano, che Manfredi per eseguire il suo scellerato pensiero, che
lungo tempo sotto contrario manto nascondeva d'usurpar il Regno al
Re suo nipote, avendo tentato invano di farlo avvelenare, avesse
ordinato alcuni falsi messi, che gli portassero nuova di Germania,
prima dell'infermità, e poi della morte di Corradino, e che questo
rumore sparso in Palermo, ed in tutte le città del Regno, fosse stato
tutto per sua astuzia ed inganno; e che perciò, per maggiormente farlo
credere, con dissimulazione grandissima di dolore inviò a' Baroni e
Sindici delle terre dell'uno e l'altro Regno cotal avviso, pubblicando
per vera la morte di Corradino, e che avendo in Palermo fatto celebrare
con pompa reale, e con dimostrazione di grandissimo lutto i funerali
per la finta morte di quel Principe, avesse egli in presenza di tutti
i Conti, Baroni e Prelati ivi concorsi, fatta una gravissima orazione,
colla quale connumerando i beneficj de' Principi Normanni, e degli
Imperadori Svevi suoi progenitori verso l'uno e l'altro Regno, e
l'opere fatte da lui a tempo di Corradino, e nell'infanzia di Corradino
suo figliuolo, pregò tutti, che poichè la fortuna in sì poco spazio,
mostrandosi nemica al sangue loro, avea mandato sotterra sì grande
Imperadore, com'era stato Federico suo padre, con tanta numerosa
progenie, non volessero fraudar lui di quella successione, che la
volontà di Dio, e quella di suo padre dichiarata nel di lui testamento,
l'avea destinata, avendolo lasciato vivo per sua misericordia, dopo
la morte di tanti altri Regali. Ed aggiungendo poi la poca speranza, o
il poco timore, che s'avea da tenere de' Pontefici romani, per essere
il di lor governo breve e mutabile, nel quale la morte d'uno guasta
quanto è fatto in molti anni di vita, e lascia al successore necessità
di cominciare ogni cosa da capo: vogliono, che queste cose dette da lui
con somma grazia e con mirabil arte, fossero state di tanta efficacia
e vigore, che fu immantenente da tutti salutato per loro Re e Signore.

Dall'altra parte l'Anonimo, ancorchè Scrittor contemporaneo, ma
tutto Ghibellino, e coloro che lo seguirono, narrano, che niente
Manfredi usasse di simil inganni ed astuzie; ma che sparsosi nel Regno
cotal rumore della morte di Corradino, quasi tutti i Conti, e gli
altri Magnati del Regno, i Prelati ancora delle Chiese s'avviarono
immantenente in Sicilia a trovar Manfredi, siccome fecero tutte le
altre città dell'uno e l'altro Regno, con mandar i loro Sindici,
e messi in Palermo: dove insieme uniti, di concorde volere tutti
lo richiesero, che avendo egli sinora con tanta prudenza governato
il Regno per parte sua, e di Corradino suo nipote, essendo questi
mancato, dovesse egli come vero erede di quello, prenderne il governo,
e coronarsi Re di Sicilia; che alle grida e a' desiderii di tutti,
essendo concorso i Conti, i Baroni e tutti i Prelati del Regno
l'avessero gridato Re, e colle solite cerimonie l'incoronassero nel
Duomo di Palermo agli 11 del mese di agosto di quest'anno 1258[65].

Che che ne sia, se Manfredi colle sue arti s'avesse ciò proccurato,
come è più verisimile a chiunque riguarda l'ambizione ch'ebbe di
dominare, o fosse caso o volontà de' sudditi, fu egli con solenne
cerimonia, secondo il costume de' maggiori concorrendovi tutti i Conti,
Baroni, e gli altri Magnati del Regno, con molti Prelati, gridato e
coronato Re, assistendo a questa sua incoronazione infiniti Vescovi e
Prelati; e Rinaldo Vescovo d'Agrigento, che celebrò la messa, l'unse
del sacro olio, assistendovi l'Arcivescovo di Sorrento, e l'Abate
Cassinense, e poscia dagli Arcivescovi di Salerno, di Taranto e di
Monreale gli fu posta, nel Trono assiso, la corona Reale. Alcuni
sognarono, che Manfredi si fosse fatto anche incoronare Re di Puglia
in Bari colla corona di ferro, siccome dissero di Errico e di Costanza;
ma ancorchè il Beatillo nella vita di S. Niccolò di Bari, con autorità
d'alquanti moderni Scrittori s'ingegni provarlo, è ciò tutta favola,
non essendovi niuno Scrittore antico o contemporaneo, che lo rapporti.

Tosto che il Re Manfredi fu assunto al solio del Regno, per obbligarsi
maggiormente i popoli, ed acquistarsi nome di benefico, e di liberale,
nella festa della sua coronazione, a tutti i Sindici delle città e
terre, che ivi si trovarono, fece splendidissimi doni, diede uffici
e molti promosse a gradi ed onori di cavalleria. Indi di Palermo
ritornò tosto in Puglia con alcuni Saraceni, per tener in freno i
Tedeschi; ma scorgendo esser tutte le province pacate, e liete del
nuovo suo dominio, e che erano in placidissima pace, celebrò un general
Parlamento a Barletta, ove onorò molti dell'ordine di cavalleria,
e molt'altri investì di vari Contadi, dando loro per lo stendardo
l'investitura. Dopo questo intimò un'altra general Corte in Foggia,
ove avendo convocati i Baroni, e' gentiluomini, ornò molti altri del
cingolo della milizia, e profusamente concedè ad altri onori, ufficj
e preminenze; e con magnifici giuochi, feste ed illuminazioni tenne i
popoli tutti allegri e festanti, e pieni di gioja.

Il Pontefice Alessandro di mal animo vedendo i progressi di Manfredi,
ed il poco conto che s'avea di lui, pensando che per reprimere le
costui forze non erano sufficienti quelle della Chiesa, avea già sin
dal passat'anno 1257 ripreso il trattato con Errico Re di Inghilterra,
invitando _Edmondo_ suo figliuolo alla conquista del Regno: ed in
effetto, come si disse, avea mandati suoi Legati in Inghilterra a
portargli l'investitura, per la quale investiva del Regno il Re Errico
in nome d'_Edmondo_ suo figliuolo, che allora era di minor età. E
già Errico in nome di suo figliuolo diede il giuramento di fedeltà al
Legato; e si erano stabiliti i patti ed il censo, che dovea pagarsi
alla Sede Appostolica, ed avea promesso di presto venire con potente
armata in Regno per discacciarne Manfredi. Ma o che questo Principe,
meglio pensando, non volesse intrigarsi in questa nuova guerra, o che
il censo stabilito ne' patti dell'investitura fosse veramente grave
ed esorbitante, differiva l'espedizione, e sollecitato da Alessandro,
rispondeva, che bisognava moderar il censo, ch'era esorbitante, prima
d'ogni altra cosa[66]. Il Papa impaziente designò tosto di mandare
in Inghilterra Arlotto Sottodiacono della Sede Appostolica, ed il
suo Cappellano per trattar di questa moderazione; ma non fu ciò di
mestieri, perchè nell'istesso tempo dal Re Errico furono spediti
suoi Ambasciadori al Papa l'Arcivescovo di Tarantasia, i Vescovi di
Bottun, e Roffense, e Maestro Nicolò di Francia suo Cappellano Regio
per trattare di quest'istesso affare; ma essendosi costoro affaticati
in vano, per li nuovi torbidi insorti in Inghilterra, finalmente nel
seguente anno 1259 svanì ogni trattato; nè da poi si pensò più in
Inghilterra, ma in Francia furono rivolti i pensieri d'Alessandro non
meno, che del suo successore Urbano.

Mentre per queste cagioni si differiva tal espedizione, Manfredi
intanto avea già discacciate le genti del Papa da Puglia, da Terra
di Lavoro e da Sicilia: avea presi e puniti i ribelli, ed erasi già,
come si è detto, fatto incoronare Re in Palermo. Per la qual cosa
Papa Alessandro adirato più che mai, non volendo trascurare via di
vendicarsi, e vedendo che le armi temporali niente giovavano, fu tutto
rivolto alle spirituali, onde alle scomuniche, ed interdetti fece
ricorso.

Prefigge in prima certo termine al Re Manfredi, perchè comparisse
avanti di lui e dassegli soddisfazione, ed ammenda di tutto ciò,
che contro la Sede Appostolica avea attentato, altramente l'avrebbe
deposto, scomunicato e privato di tutti gli onori; ma non comparendo
Manfredi, poco curante di queste minaccie, egli lo scomunica, lo
dichiara ribelle, inimico della romana Chiesa, e sacrilego occupatore
e predone delle sue ragioni, e che avea stretta confederazione co'
Saraceni, de quali s'era fatto Capo. Lo priva del Principato di
Taranto e di tutti i feudi, ragioni, onori e preminenze. Lo dichiara
reo di esecrandi delitti, di aver preso, ed in oscuro carcere posto
Fra Ruffino suo Cappellano, e suo Legato in Sicilia e Calabria;
d'aver stese le sacrileghe mani sopra i beni delle Chiese del Regno
di Sicilia; d'aver preso, e con dure catene tenuto in istrette
prigioni l'Arcivescovo di Brindisi, con ispogliarlo di tutte le
sue robe; e d'avere con esecrando ed orribile attentato aspirato al
soglio regale di Sicilia, con aver occupato quel Regno devoluto alla
Sede Appostolica, e sacrilegamente fattosene incoronare Re, senza
sua permissione e consenso. Dichiarava perciò col voto, e consiglio
de' suoi Cardinali Manfredi scomunicato, nulla ed irrìta la sua
incoronazione, e tutti gli atti di unzione, ed ogni altro attinente a
quella.

Interdisse tutte le città, luoghi e castelli, che ricevessero Manfredi,
e lo avessero per Re. Proibì a tutti gli Arcivescovi, Vescovi,
Abati e qualunque altra persona ecclesiastica di celebrare i divini
uffici presente Manfredi, e che non ricevessero da lui beneficii
ecclesiastici, e niuna amministrazione di Chiesa o monasteri; e che
coloro, che si trovassero avergli ricevuti, fra due mesi dovessero
onninamente resignargli.

Oltre ciò, asserendo egli, che mentr'era in Napoli rigorosamente avea
ordinato a tutti i Prelati, ed a qualsivoglia persona ecclesiastica,
che non s'accostassero a Manfredi, nè gli mandassero ambasciadori,
nè ricevessero messi da lui inviati, nè gli prestassero ajuto, o
consiglio; che ciò non ostante, contro questo suo divieto, quasi
tutti gli Arcivescovi, Vescovi, Abati ed altri Prelati del Regno di
Sicilia s'erano portati a Palermo, ed erano intervenuti alla di lui
incoronazione: perciò avea fatti citar generalmente tutti coloro, che
v'erano intervenuti, e nominatamente alcuni, che dovessero comparire
personalmente fra certo termine avanti di lui; ma perchè niuno era
comparso, niente curando della intimazione fattagli; perciò scomunicava
Rinaldo Vescovo d'Agrigento, e lo deponeva dalla vescovil dignità,
per aver colle sacrileghe sue mani unto in Re quel Principe, ed
avea nel giorno dell'incoronazione solennemente celebrata la messa.
Scomunicava ancora l'Arcivescovo di Sorrento, e lo deponeva della sua
Chiesa come anche l'Abate Cassinense, privandolo del governo di quel
monasterio per aver assistito a detta unzione e coronazione; comandando
a' Capitoli delle Chiese d'Agrigento e di Sorrento, al Convento del
monasterio di Cassino, ed a tutti i vassalli delle Chiese e monasterio
suddetti che non li ubbidissero nè li riconoscessero per tali; nè
più gli contribuissero l'entrate e loro ragioni. Agli Arcivescovi di
Salerno, di Taranto e di Monreale, ch'erano parimente intervenuti alla
coronazione, li quali all'indegno capo di Manfredi avean posta la real
corona, e l'aveano posto nel regal Trono di Palermo, citò con termine
perentorio e prefisso, che dovessero personalmente presentarsi avanti
di lui nella prossima festività dell'ottava de' SS. Pietro e Paolo.
La carta di queste terribili censure che Alessandro scagliò contro
Manfredi e suoi partigiani, ove con formole orrende si lanciano tanti
fulmini ed interdetti, vien rapportata dal Tutino e si legge nel suo
trattato de' Contestabili del Regno[67].

Ma di questi fulmini non si facea alcun conto, erano riputati vani
e senza ragionevol cagione scagliati; onde non si mossero punto
nè Manfredi nè le città del Regno nè i Prelati, nè que' Popoli ad
obbedirgli; anzi Manfredi godendo il frutto delle tante sue vigilie e
sudori, sovente divertivasi in giuochi e nelle caccie rigorosamente
comandando che si proseguissero per tutte le Chiese del Regno, come
prima i divini uffici, nel che non incontrò veruna repugnanza ne'
Prelati, ed in tutte l'altre persone ecclesiastiche. E resosi da per
tutto potente e glorioso, già stendeva le sue forze fuori dei confini
del Regno, e nell'altre parti d'Italia avea reso celebre e famoso il
suo nome, tanto che per lui la fazione Ghibellina cominciò a sollevarsi
sopra la Guelfa; ed in Lombardia ed in Fiorenza avea fatti mirabili
progressi.

E perchè vedeva, che l'opulenza dell'uno e l'altro Regno, ancorchè
fosse grande, non avrebbe bastato a mantenere grandi eserciti come
bisognava, che e' tenesse per l'inimicizia de' Pontefici romani, prese
partito di mandare parte dell'esercito in Toscana e parte in Lombardia
in sussidio de' Ghibellini; onde venia insieme ad evitar la spesa,
ed a divertire il pensiero del Papa dal molestarlo, al quale era più
necessario attendere alla conservazione de' Guelfi, del patrimonio di
S. Pietro, di Romagna e della Marca[68]. Ed egli rimase nel Regno,
dove trattanto viveva quel tempo con molta felicità e splendidezza:
dimorando nelle città marittime di Puglia e più d'ogni altra in
Barletta.

Or mentr'egli dimorava in questa città giunsero quivi gli Ambasciadori
della Regina _Elisabetta_, secondo l'Anonimo, ovvero di _Margherita_
(secondo per una carta che rapporta, crede il Summonte) madre del Re
_Corradino_ e del Duca di Baviera, i quali esposero a Manfredi la loro
ambasciata dicendogli, che Corradino era vivo, e che si doveano punire
quelli che falsamente aveano pubblicata la sua morte; onde in nome
della Regina e del Duca lo pregavano che volesse lasciare il Regno, che
legittimamente era di Corradino. Manfredi ricevè gli Ambasciadori con
grand'onore e stima; e come molto accorto e prudente avendo prevista
l'ambasciata, prontamente loro rispose: ch'era già notorio e palese a
tutti, che il Regno era perduto per Corradino, e che egli con tanti
sudori e vigilie per viva forza avealo ricuperato dalle mani di due
Pontefici: ch'essendo Corradino di poca età tornerebbe facilmente a
perderlo; ed i Pontefici romani fieri inimici della casa Sveva con
facilità glielo ritoglierebbero; oltre che le genti del Regno non
avrebbero comportato, dovendosi egli valere de' Tedeschi, dei quali
aveano orrore, che dominasse più in quello la nazion tedesca; che non
bisognava ora che i popoli erano assuefatti al suo dominio, ed alle
sue maniere placide ed all'Italiana, con dar loro nuovo Principe,
mettersi in pericolo di nuove rivoluzioni; e perchè si scorgesse,
che non per ambizion di regnare, ma per maggior utile del piccolo
Re, egli non lasciava il Regno, prometteva di conservarlo per lui e
governarlo per lui, e mentr'egli vivea, e da poi lasciarlo a Corradino:
che perciò avrebbe la Reina fatto assai prudentemente di mandarlo a
lui ad allevare, acciocchè apprendesse i costumi italiani perch'egli
l'avrebbe tenuto, non come nipote, ma come proprio suo figliuolo[69].
Gli Ambasciadori ricevuta tal risposta, chiesta licenza, si partirono
riccamente presentati; e mandò al Duca di Baviera dieci corsieri
bellissimi, ed al picciolo Corradino molte gioie.

Rimandati con queste risposte i Legati del Duca e della Regina,
riputando questa infelice Principessa esser molto dura e difficil
impresa poter colle sue forze ritoglier ora dalle mani di Manfredi il
Regno, le fu forza dissimular il tutto, riserbando a tempo migliore
di poter vedere il piccolo Re suo figliuolo restituito al Trono di
Sicilia.

Intanto Manfredi stabilito ora più che mai nel Regno, avendo abbassate
le forze del Pontefice, e dei Guelfi in Italia, s'era reso formidabile
a tutta Italia, avea esteso oltre quella la sua fama e grido per
tutte le altre Nazioni d'Europa per lo suo coraggio, munificenza
e splendidezza, e per tutte le altre virtù, che adornavano la sua
persona, veramente regie. Si vide perciò favorito e stimato da quasi
tutti i Principi di Europa, co' quali egli trattava con estraordinaria
magnificenza e splendore; ed accadde in questi tempi, ch'essendo
venuto a Bari Baldovino Imperador di Costantinopoli, trovandosi egli
in Barletta, andò subito cortesemente a riceverlo, e lo trattenne
in splendidissime feste e diversi giuochi d'armi; e non perdonando
a spese, fece far superbi apparati e giostre continue, ove furono
invitati i Signori più riguardevoli così dell'uno, come dell'altro
reame.

Per la celebrità della fama, che aveasi con sì generosi modi
acquistata, fu mosso il Re Giacomo d'Aragona a volersi imparentar con
lui, sposando il suo primogenito Pietro d'Aragona alla sua figliuola
_Costanza_, ch'egli avea generata di Beatrice figliuola di Amadeo
Conte di Savoja sua prima moglie, presa in tempo, che ancor vivea
l'Imperadore suo padre[70]; ed il Marchese di Monferrato si sposò
un'altra sua figliuola.

Dispiacquero al Pontefice Alessandro queste parentele, e per impedire
quella col Re d'Aragona ingiunse a Raimondo di Pennaforte Frate
Domenicano, e celebre per la sua Compilazione _delle Decretali_,
che s'adoperasse con ardore, ed efficacia appresso quel Re, di cui
egli era Confessore, per frastornarla; ma tutti gl'impegni del Papa,
e le insinuazioni di Fra Raimondo a nulla valsero; laonde vedutosi
Alessandro fuor di speranza, non ebbe ardire per quel tempo, che
sopravvisse, di mai più molestarlo; per la qual cosa Manfredi insino
alla morte d'Alessandro, regnò con molta quiete e felicità, riordinando
le cose del Regno; e nato per opre magnifiche, volle anco presso di noi
lasciar di se perenne ed immortal memoria, con fondare alla falda del
Gargano ne' lidi del mare Lina magnifica città, che estinse affatto
l'antica Siponto, e che dal suo insino ad ora ritiene il nome di
_Manfredonia_, ancorchè Carlo d'Angiò occupato il Regno, ed i romani
Pontefici per l'implacabil odio al nome di Manfredi, avessero fatto
ogni studio, perchè non _Manfredonia_, ma _Nuovo Siponto_ s'appellasse.

Il Pontefice Alessandro non potendo sostener di vantaggio i continui
dispiaceri, che per le prosperità di Manfredi, e de' Ghibellini
riceveva nell'animo, vinto finalmente da grave cordoglio, mentr'era
colla sua Corte a Viterbo, gravemente infermossi, ed indi a poco
uscì di vita in quest'anno 1260 secondo l'Anonimo, perchè il Sigonio,
Inveges ed altri comunemente riportano la sua morte nell'anno seguente
1261.

I Cardinali nell'elezione del successore furono in grandissimi
contrasti; e finalmente non potendo infra di loro convenire, dopo
tre mesi elessero persona fuori del lor Collegio. Questi fu Giacomo
Patriarca di Gerusalemme, che si trovava allora in Viterbo per
promovere col Papa alcuni interessi della sua Chiesa. Egli era di
nazione franzese, uomo di grande spirito, zelantissimo di promovere
le pretensioni della romana Corte, ed in conseguenza fiero inimico
di Manfredi, e de' suoi Ghibellini. Urbano IV nomossi; nome assai
luttuoso, e memorando all'infelice Casa di Svevia.



CAPITOLO I.

_Spedizione d'URBANO IV contro Manfredi; ed inviti fatti in Francia per
la conquista del Regno._


Il Re Manfredi intesa l'elezione d'Urbano oltremodo turbossene, e
cominciò a temere non volesse ricorrere alle forze di Francia per
turbar quella pace, ch'ora godeva il Regno. Nè furon vani i suoi
sospetti, poichè il nuovo Pontefice, appena assunto al Ponteficato,
adoperò nuovi mezzi perchè il Re Giacomo d'Aragona disfacesse il
matrimonio già conchiuso da Pietro suo figliuolo con Costanza figliuola
di Manfredi[71]; e per mostrare maggior coraggio del suo predecessore,
volle sul bel principio ritrattar la causa di Manfredi; onde nel dì
della Cena del Signore in presenza d'innumerabil concorso di popolo
solennemente gli spedì una terribile citazione[72], e per renderla
più strepitosa, la fece affiggere nelle porte delle Chiese, per la
quale citava Manfredi di dover comparire avanti di lui per purgarsi
e difendersi sopra molti altri gravi ed enormi delitti, e ricever da
lui que' castighi e quelle pene, che la giustizia gli avrebbe persuaso
d'imporgli.

I delitti ch'erano espressi in quella citazione rapportata dal
Tutini[73], e sopra de' quali voleva prender ammenda, erano, che
Manfredi per mano de' Saraceni avea fatto abbattere e ruinare sin
da' fondamenti la città d'Ariano; che avea fatto vergognosamente
uccidere Tommaso d'Oria e Tommaso Salice; avea data crudel morte, e
con tradimento a Pietro Ruffo di Calabria Conte di Catanzaro, e fatta
crudel strage di molti fedeli della romana Chiesa.

Che in disprezzo dell'autorità Appostolica, e delle censure
ecclesiastiche, ed in destruzione di quelle, faceva celebrare avanti
di lui ne' luoghi interdetti i divini Ufficj, ciò che non era senza
sospetto d'eretica pravità: e che citato perciò dal suo predecessore
Alessandro, nè comparendo, era stato da colui scomunicato.

Che egli in obbrobrio della fede cattolica, preferiva a' Cristiani
i Saraceni, valendosi de' loro riti, e conversando con essi assai
famigliarmente; che avea ridotto il Regno di Sicilia ad uno stato
ignominioso ed in dura servitù, per l'acerbe taglie ed imposizioni,
colle quali gravava gli abitatori; che s'era anche imbrattato del
sangue de' suoi congiunti; ed avea fatto proditoriamente trucidare
Corrado Busario Nunzio e vassallo di Corradino; oltre di molti
esecrandi eccessi, per li quali era dannato di notoria infamia.

Manfredi, ancorchè non personalmente citato, ma in quella maniera, per
editto, udita la citazione, non volle mancare di mandar tosto suoi
nunzj al Papa per difendersi di quanto se gl'imputava; ma ne furono
tosto rimandati indietro senza conchiuder niente; ed approssimandosi
il tempo prefisso alla citazione di dover comparire, tornò Manfredi
a mandare altri suoi Messi; vi spedì il Giudice Attardo da Venosa,
e Giovanni da Brindisi Notai suoi famigliari, i quali con premurose
istanze dimandarono, ch'essendo stato Manfredi citato per cause ardue e
gravi, non poteva commettere a niuno de' suoi Nunzj la sua difesa, ma
che sarebbe egli personalmente venuto a presentarsi avanti il Papa ed
il Collegio de' Cardinali, purchè però se gli spedissero dal Pontefice
lettere di assicuramento, affinchè dovendo passare per luoghi della
Chiesa non ricevesse molestia ed ostilità. Il Papa gli concedè sì
bene licenza di poter venire, ma ristrinse il numero di coloro, che
doveano per sua custodia accompagnarlo, e che entrasse senz'armata;
onde Manfredi temendo di qualche insidia incamminossi alla volta del
Pontefice, ma per sua sicurezza portò seco competente numero di soldati
e molti Cavalieri per sua compagnia. Urbano ciò reputando una gran
temerità di Manfredi, sordo ed implacabile a quel, che per sua discolpa
allegavano i suoi Ambasciadori, rotto ogni indugio, rinovò le censure
contro Manfredi, e con celebrità grande non altrimente di quel che fece
il suo predecessore di nuovo lo scomunica, lo dichiara tiranno, eretico
ed inimico della Chiesa[74].

Allora Manfredi toltasi ogni lusinga di poter entrare in grazia
d'Urbano, vedendolo risoluto ai suoi danni, e che non vi era altro
rimedio, che reprimere la sua alterigia colla forza, mandò subito ad
assoldare nuove compagnie di Saraceni, spedendole a' confini del Regno,
perchè infestassero lo Stato della Chiesa in Campagna di Roma; ed
altre truppe mandò nella Marca d'Ancona, ritirandosi egli in Puglia a
provvedere a' bisogni d'una buona guerra, che già prevedea doversi fare
con Urbano.

Queste mosse accrebbero in guisa lo sdegno e l'ira nell'animo del
Papa, che non contento d'aver umiliati i Svevi in Germania, cercò
anche abbattergli in Italia; ed avendo scorto, che i ricorsi fatti
da' suoi Predecessori in Inghilterra erano riusciti tutti vani, volle
tentare se in Francia potessero avere miglior successo. Spedì pertanto
ivi M. Alberto Notajo Appostolico, a trattare col Re Lodovico perchè
accettasse l'investitura per alcuno de' tre minori suoi figliuoli,
che erano Giovanni Conte di Nevers, Pietro Conte d'Alenzon, e Roberto
Conte di Chiaramonte. Ma il Santo Re non accettò l'offerta, temendo
(come rapporta Rainaldo[75] per una lettera di questo Pontefice scritta
al soprannominato Alberto) di non scandalizzar il Mondo, assaltando
un Regno, che a Corradino Svevo era dovuto per eredità, e ad Edmondo
d'Inghilterra donato per investitura d'Alessandro IV.

Escluso per tanto Urbano dal Re Lodovico si rivolse a pubblicar
la Crociata in Francia: laonde mandò ivi un Legato Appostolico ad
assoldare buon numero di gente, ed a predicare l'indulgenza plenaria
e remissione de' peccati a chi pigliava l'arme contra Manfredi,
dichiarandolo per tiranno, eretico ed inimico della Chiesa.

Il Legato giunto in Francia pubblicò la Crociata, ed assoldò gran
numero di soldati sotto Roberto Conte di Fiandra genero di Carlo Conte
di Provenza e di Angiò, il quale venuto in Italia con buon numero di
Cavalieri franzesi, in tal modo rilevò le cose de' Guelfi, e sbigottì
i Ghibellini, che il Re Manfredi rivocò gran parte delle genti, che
teneva sparse in Italia in favore de' Ghibellini; per la qual cosa
i Guelfi di Toscana e di Romagna andarono ad incontrar Roberto, ed
insieme con lui debellarono il Marchese Uberto Pallavicino. Il Re
Manfredi per accorrere a' mali più gravi, si risolvè di passare egli
in Campagna di Roma, e ponersi in luogo opportuno, ove potesse esser
presto a vietare a' nemici l'entrata nel Regno, o venissero per la via
d'Abruzzo, o di Terra di Lavoro; e subito andossene ad accampare con
tutto l'esercito tra Frosinone ed Anagni[76].

Era allora il Papa in Viterbo, e volle che Roberto Conte di Fiandra con
tutto l'esercito passasse di là, dove benignamente l'accolse, lodandolo
ed accarezzando lui e gli altri Capi dell'esercito; e benedisse
le bandiere e le genti, con esortarlo, che seguisse il viaggio
felicemente, mandandolo carico di lodi e di promesse: delle quali
gonfiato Roberto, si mosse con tanto impeto contra il Re Manfredi, che
senza fermarsi in Roma un momento, andò ad accamparsi vicino a lui.

Ma il Re conoscendo, che non era per lui di fronteggiare nella
campagna, ma più di munir le terre, e guardar i passi, per
temporeggiare quella Nazione, che di natura è impaziente delle fatiche,
quando vanno a lungo, si ritirò di quà dal Garigliano, da quella parte,
che divide lo Stato della Chiesa dal Regno di Napoli; e già Roberto
cercava di passar ancora quel fiume. Ma perchè la mano del Signore
avea riserbato ad altri il ministerio della ruina di Manfredi, ecco
che i Romani si ribellarono, e tolsero in tutto l'ubbidienza al Papa,
e crearono un nuovo Magistrato detto de' Banderesi; per la qual cosa
Urbano fu stretto a chiamare l'esercito franzese, per mantenere almeno
con la persona sua il resto dello Stato ecclesiastico, che non seguisse
l'esempio di Roma.

Non lasciò Manfredi di pigliare sì opportuna occasione, e di
travagliarlo; poichè partito che fu dall'altra riva del fiume
l'esercito nimico, passò solo coi Saraceni, ricusando i suoi Baroni
regnicoli d'andare con lui ad offesa delle terre della Chiesa, col
pretesto che l'obbligo loro era solo di militare per la difensione
del Regno[77]; come se non fosse difender il Regno, con tal diversione
abbattere le forze del nemico. Ma Manfredi cedendo al tempo, dissimulò
l'abbandonamento, e con placidezza diede a tutti licenza, perchè
partissero ed andassero quietamente alle lor case: gli richiese
solamente a titolo d'imprestito, che lo sovvenissero di que' danari
che aveano portato seco per le spese: ciò che fu trattato dal Conte di
Caserta, e così fu fatto.

L'intrepido Re solamente co' suoi Saraceni andò verso Roma, e
porgendo aiuto agli altri ribelli del Papa, perturbò tanto lo Stato
ecclesiastico, che quelli Franzesi ch'erano venuti al soldo, non
potendo aver le paghe, se ne ritornarono di là dall'Alpi, e gli altri
che rimasero, appena bastarono a difenderlo.


§. I. _Invito d'URBANO fatto a CARLO d'Angiò per la conquista del
Regno._

Questo accidente accaduto al Papa co' Romani, e 'l veder co' suoi
ribelli unito Manfredi, accrebbe di tanto sdegno ed ira l'animo
d'Urbano, che lo fece pensare a più potenti ed efficaci modi di
ruinarlo; e perchè vedeva con isperienza, che le forze del Ponteficato
non erano bastanti ad assoldare esercito tanto possente, che
potesse condurre a fine sì grande impresa, chiamò il Collegio de'
Cardinali[78], e con una gravissima ed accurata orazione commemorando
le ingiurie e gl'incomodi, che per lo spazio di cinquanta anni la
Chiesa romana avea ricevuti da Federico, da Corrado e da Manfredi senza
niuno rispetto, nè di religione nè d'umanità, propose, ch'era molto
necessario non solo alla reputazione della Sede Appostolica, ma ancora
alla salute delle persone loro, di estirpare quella empia e nefanda
progenie; e seguendo la sentenza della privazione di Federico data
nel Concilio di Lione da Papa Innocenzio IV concedere l'uno e l'altro
Regno, giustamente devoluto alla Chiesa, ad alcun Principe valoroso e
potente, che a sue spese togliesse l'impresa di liberare non solo la
Chiesa, ma tanti Popoli oppressi ed aggravati da quel perfido e crudel
tiranno, dal quale parevagli ad ora ad ora di vedersi legare con tutto
il sacro Collegio, e mandarsi a vogare i remi nelle galee. Queste e
simili parole dette dal Papa con gran veemenza commossero l'animo di
tutto il Collegio, e con gran plauso fu da tutti lodato il parer di Sua
Santità, e la cura che mostrava avere della Sede Appostolica e della
salute comune.

Si venne perciò alla discussione intorno all'elezione del Principe:
e poichè dal Re Errico d'Inghilterra non era da sperarsi cos'alcuna
per esser lontano, per essersi veduto fin ora inutilmente averlo
aspettato tanto, bisognava metter l'occhio ad altro Principe. Dal
Re di Francia esserne già stato escluso. Nè era da sperar soccorso
da Alemagna, implicata allora tra fiere guerre per l'elezione di due
Re de' Romani, cioè d'Alfonso X Re di Spagna e di Rainulfo fratello
del Re d'Inghilterra. Gli altri Principi di Spagna, essere parte a
Manfredi congiunti di sangue, e parte lontani ed impotenti; onde non
restava, che dalla Francia, come non molto lontana e sempre propensa a
soccorrere la Chiesa romana, di ricercar ajuto.

Era allora Carlo Conte di Provenza assai famoso in arte militare ed
illustre per le gran cose fatte da lui contra gl'Infedeli in Asia sotto
le bandiere di Re Luigi di Francia suo fratello[79], colui che per
l'innocenza di sua vita adoriamo ora per Santo; e perchè era ancora ben
ricco e possedeva per l'eredità della moglie tutta Provenza, Linguadoca
e gran parte del Piemonte; parve al Papa ed a tutto il Collegio subito
che fu nominato che fosse più di tutti gli altri attissimo a questa
impresa; onde senz'altro indugio elessero Bartolommeo Pignatello
già Arcivescovo d'Amalfi, ed ora di Cosenza e poi di Messina[80],
per andare con titolo di Legato Appostolico a trovarlo in Provenza
e riferirgli la buona volontà del Papa e del Collegio di farlo Re di
due Regni, ed a trattare la venuta sua e sollecitarla quanto prima si
potesse.

Fu anche in quest'anno 1263 da Urbano inviato in Inghilterra altro
Legato al Re Errico e ad Edmondo suo figliuolo, affinchè non volendo
accettar i patti contenuti nell'investitura concessa, nè essendo
in istato di adempir le condizioni, colle quali era stato il Regno
conceduto, rinunziassero in mano del detto Legato le ragioni che mai
potessero avere in questi Reami per l'investitura fattagli da Papa
Alessandro IV.

(Lunig[81] rapporta il breve d'Urbano IV drizzato in quest'anno 1263
al Re d'Inghilterra, riprendendolo della sua negligenza, e che perciò
rinuncii all'investitura del Regno, minacciandolo di volerne investir
altri. E ripigliando il trattato con Lodovico IX Re di Francia,
offerendo l'investitura a Carlo suo fratello, gli scrisse per ciò due
Brevi, che pur si leggono presso Lunig[82]).

E que' Principi prontamente, nauseati da tanti patti e condizioni dal
Papa ricercate, rinunciarono l'investitura[83], nè vollero di ciò più
sentir parola; ond'è che gl'Inglesi dicono che i Papi dopo aver tirate
dall'Inghilterra grandissime somme di denaro per questo negozio, la
fecero restar delusa d'ogni speranza, incolpando il Re Errico, il
quale essi dicono, avrebbe dovuto alla prima rifiutar questa corona,
o almeno rinunziarla tosto, da poi che vide le tante condizioni e
difficoltà; e pensare che donare un Regno, sopra del quale non vi si
abbia in sostanza alcun diritto, a condizione che s'abbia da andare
a conquistare a proprie spese e rischio, è lo stesso, che fare un
presente egualmente ingiusto e nocevole, e che fa tanto male a colui
che l'accetta, quanto disonore a chi lo dona.

Intanto l'Arcivescovo di Cosenza giunto in Provenza, espose con molto
vigore ed efficacia l'ambasciata; e come era uomo del Regno di Napoli
e fiero inimico di Manfredi, cui avendo egli in tanti modi offeso,
e dubitando non ne prendesse vendetta, premeva molto di ridurre ad
effetto quest'impresa; esagerò a quel Principe con molto spirito
e vivacità la bellezza e l'opulenza dell'uno e l'altro reame, e
l'agevolezza d'acquistargli, per l'odio che portavano universalmente i
popoli alla casa di Svevia.

Carlo, ancorchè Principe ambizioso, intesa l'ambasciata, restò alquanto
sospeso, pensando all'arduità dell'impresa ed all'avversione, che
v'ebbe sempre il Re Luigi suo fratello, onde fu per rifiutar l'offerta;
nulladimanco stimolato da Beatrice sua moglie, la quale non poteva
soffrire, che tre sue sorelle fossero l'una Regina di Francia, l'altra
d'Inghilterra e l'altra di Germania, ed ella, che avea avuto maggior
dote di ciascuna di loro, essendo rimasta erede di Provenza e di
Linguadoca, non avesse altro titolo che di Contessa, vedendo suo marito
così sospeso, gli offerse tutto il tesoro, tutte le cose sue preziose,
fino a quelle, che servivano per lo culto della sua persona, purchè
non lasciasse una impresa così onorata. Mosso adunque non meno dal
desiderio di soddisfare alla moglie, che dalla cupidità sua di regnare,
rispose all'Arcivescovo, ch'egli ringraziava il Papa di così amorevol
offerta, e che accordate che si fossero le condizioni dell'investitura
non sarebbe rimasto altro, che di parlarne al Re di Francia suo
fratello, il quale sperava, che non solo gli avrebbe dato consiglio
d'accettare l'impresa, ma favore ed ajuto di poter più presto e con più
agevolezza condurla a fine.

Ed essendosi cominciato a trattar delle condizioni, che il Papa voleva
imporre su i due reami di Sicilia e di Puglia, si vide, che Urbano
voleva investirne Carlo, ma con quelle condizioni, colle quali erasi
stabilita la pace tra Manfredi ed il Cardinal Ottaviano allora Legato
Appostolico, cioè che _Napoli, e tutta la provincia di Terra di Lavoro,
colle sue città e terre e l'isole adjacenti, come Capri e Procida,
Benevento col suo territorio e Val di Guado_ restassero alla Chiesa
romana: e tutte l'altre province, coll'isola di Sicilia si sarebbero a
lui per investitura concedute.

Mostrate al Conte queste condizioni, non volle in conto alcuno
accettarle, e dal suo canto all'incontro si fecero alle medesime queste
modificazioni: _Ch'egli non avrebbe inclinato ad accettar l'impresa,
se non se gli fosse conceduto interamente il Regno di Sicilia, con
tutta la terra di quà dal Faro insino alli confini dello Stato della
Chiesa_; siccome lo possederono i Re normanni e svevi: di manierachè,
eccettuatane la _città di Benevento, con tutti i suoi distretti
e pertinenze_, niente dell'altre terre sarebbe rimasto alla Sede
Appostolica se non il _censo_, ch'egli avrebbe pagato ogni anno di
_diecemila once d'oro_[84].

E perchè premeva ad Urbano di non differir di vantaggio quest'affare;
poichè in altra maniera non si sarebbe potuto scacciar Manfredi dal
Regno; fu contento di moderare secondo il volere di Carlo le condizioni
suddette; onde conchiuso il trattato in cotal modo, scrisse anche al
Re Lodovico, che desse ajuto a Carlo suo fratello, significandogli per
altra lettera, che i denari che fosse per somministrargli, si sarebbon
presi per titolo di prestanza, con animo di restituirgli. Il Re Luigi
non potè resistere a tanti impulsi, e di mala voglia fu alla perfine
costretto a dar il consenso che suo fratello accettasse l'invito.
Questa memoranda deliberazione, siccome fu cagione della fatal ruina
della casa di Svevia, così ancora non può negarsi, ciò che da' savj
politici fu ponderato, che portasse insieme la cagione non pur di tanti
travagli e desolazioni della casa stessa d'Angiò, ma anche tante spese
e tante inutili spedizioni alla Corona di Francia la quale per lo corso
di più secoli si vide impegnata perciò a sostener molte dispendiose
guerre, le quali riuscitele sempre con infelice successo, le han
portato dispendii ed incomodi gravissimi; essendo cosa, e per gli
antichi e nuovi esempi pur troppo nota, che cominciandosi da Gregorio
M. tutti i Papi suoi successori, ancorchè invitassero molti Principi
alla conquista, ebbero poi quegli stessi invitati per sospetti,
quando gli vedevano prosperati, e a maggior fortuna arrivati; onde ne
invitavano altri per discacciar i primi, per la qual cagione il nostro
Reame fu miseramente afflitto, e reso teatro d'aspre e di crudeli
guerre.

Ma mentre il Legato Appostolico era di ritorno in Italia, portando la
novella della venuta di Carlo, ecco che Urbano dimorando in Perugia, se
ne muore in quest'anno 1264 ciò che impedì per allora il passaggio di
Carlo in Italia.



CAPITOLO II.

_Spedizione di CLEMENTE IV e conquiste di CARLO D'ANGIÒ, da lui
investito del Regno di Puglia e di Sicilia._


Re Manfredi intesa la morte di Papa Urbano ne prese grandissimo
piacere, sperando esser in tutto fuor di pericolo, non meno per
le discordie che a quei tempi soleano sorgere tra' Cardinali per
l'elezione, onde nasceva lunga vacazione della Sede Appostolica, che
per la speranza avea che fosse eletto alcun Italiano, il quale non
avesse interesse co' Franzesi, e che avesse abborrimento d'introdur
gente oltramontana in Italia; ma restò di gran lunga ingannato,
perocchè i Cardinali, che si trovavano averlo offeso e dubitavano, che
egli ne avesse presa vendetta, studiaronsi di creare un Papa d'animo
e di valore simile al morto: e di comune consenso a febbrajo del
nuovo anno 1265 crearono Papa il Cardinal di Narbona. Costui non solo
era di nazione franzese, ma vassallo di Carlo[85]: ebbe già moglie
e figliuoli; e fu uno de' primi Giureconsulti della Francia: fu poi,
morta sua moglie, fatto Vescovo di Pois, indi di Narbona, ed appresso
Cardinale, ed ora si trovava Legato in Inghilterra. Tosto che seppe
l'elezione, partissi di Francia, ed in abito sconosciuto di mendicante,
secondo il Platina, o di mercatante, come vuol Collenuccio, venne a
Perugia, ove da' Cardinali con somma riverenza ricevuto, fu adorato
Pontefice e chiamato Clemente IV; indi con molto onore a Viterbo 'l
condussero.

La prima cosa, che e' trattò nel principio del suo Ponteficato, spinto
da natural affezione che la Nazion franzese suol portare a' suoi
Principi, fu la conclusione di seguitare quanto per Papa Urbano suo
predecessore era stato cominciato a trattare con Carlo d'Angiò, per
mezzo dell'Arcivescovo di Cosenza.

(Clemente IV successore d'Urbano, rivocò prima l'investitura data ad
Edmondo; e la Bolla di questa rivocazione è rapportata da Lunig[86];
e da poi nell'istesso anno 1265 investì del Regno Carlo d'Angiò, e la
Bolla di questa investitura con tutti i suoi patti e gravami, si legge
pure presso Lunig[87], siccome anche il giuramento dato da Carlo nel
1266 a Viterbo, pag. 979).

E perchè trovò il Collegio tutto nel medesimo proposito, mandò subito
con gran celerità l'Arcivescovo a sollecitare la venuta di Carlo.
Confermò ancora il Cardinal Simone di S. Cecilia Legato in Francia,
dal suo predecessore eletto; e gli scrisse che assolvesse tutti i
_Crocesignati_ Franzesi per Terra Santa, commutando loro il voto nella
conquista di Sicilia, come si raccoglie da un'epistola di Clemente
stesso riferita da Agostino Inveges[88]. Scrisse ancora al S. Re
Lodovico, che desse aiuto a Carlo suo fratello; ed essendosi renduto
certo, che così il Conte di Provenza, come il Re suo fratello erano
disposti per l'impresa, commise al Cardinal di Tours, che accordasse
i patti, co' quali egli voleva, che si fosse data l'investitura;
ed ancorchè non potesse alterar niente di ciò ch'erasi convenuto
con Urbano sopra le modificazioni già fatte, nulladimanco, ora che
vide Carlo impegnato, volle di gravi e pesanti condizioni obbligarlo
nell'istesso tempo che gli dava l'investitura.

Aveva Urbano, come si è detto, tentato in questa nuova investitura
che s'offeriva al Conte di Provenza, ricavarne per la Sede Appostolica
gran profitto, proccurando allora con ogni industria, che la provincia
di Terra di Lavoro con Napoli e l'isole adiacenti, non altrimente che
Benevento, fosse eccettuata e si aggiudicasse alla Chiesa; ma Carlo
non volle sentir parola: poichè finalmente non se gli concedeva un
Regno, la cui possessione fosse vacante, ma dovea egli colle sue forze
discacciarne il possessore Manfredi, ed il Papa non vi metteva altro
che benedizioni ed indulgenze ed un poco di carta per l'investitura;
poichè le sue forze erano così deboli, che non poteva nemmeno
mantenersi in Roma. Clemente per tanto, non potendo appropriar a se
quella provincia, proccurò almeno gravare l'investitura di tanti patti
e condizioni, che veramente rese il nuovo Re ligio, spogliandolo di
molte prerogative, delle quali prima eran adorni i predecessori Re
normanni e svevi.

I Capitoli stipolati e giurati da Carlo, nel modo che il Papa gli avea
cercati, secondo che vengono rapportati dal Summonte, da Rainaldo[89]
e da Inveges, sono i seguenti.

I. Fu da Clemente investito Carlo Conte di Provenza del Regno di
Sicilia _ultra_ e _citra_, cioè di quell'isola e di tutta la terra,
ch'è di quà dal Faro insino a' confini dello Stato della romana Chiesa,
eccetto la città di Benevento con tutto il suo territorio e pertinenze:
e ne fu investito _pro se, descendentibus masculis, et foeminis:
sed masculis extantibus, foeminae non succedant; et inter masculos,
primogenitus regnet. Quibus omnibus deficientibus, vel in aliquo
contrafacientibus, Regnum ipsum revertatur ad Ecclesiam Romanam_[90].

II. Che non possa in conto alcuno dividere il Regno.

III. Che debba prestar il giuramento di fedeltà e di ligio omaggio alla
Chiesa romana.

IV. Atterriti i romani Pontefici di ciò che aveano passato co' Svevi,
che furono insieme Imperadori e Re di Sicilia, in più capitoli volle
convenir Clemente, che Carlo non aspirasse affatto, o proccurasse
farsi eleggere o ungere in Re ed Imperador romano, ovvero Re de'
Teutonici, o pure Signore di Lombardia, o di Toscana, o della maggior
parte di quelle Province, e se vi fosse eletto, e fra quattro mesi non
rinunziasse, s'intenda decaduto dal Regno.

V. Che non aspiri ad occupar l'Imperio romano, il Regno de' Teutonici,
ovvero la Toscana e la Lombardia.

VI. Che se accaderà, stante le contese ch'allora ardevano per
l'elezione dell'Imperadore d'Occidente, che fosse eletto Carlo, debba
alle mani del romano Pontefice emancipar il suo figliuolo, che dovrebbe
succedergli, ed al medesimo rinunciar il Regno, niente presso di se
ritenendosene.

VII. Che il Re maggiore d'anni 18 possa per se amministrare il Regno,
ma essendo minore di quest'età, non possa amministrarlo; ma debbasi
porre sotto la custodia e Baliato della romana Chiesa, insino che il Re
sarà fatto maggiore.

VIII. Che se accadesse una sua figliuola femmina casarsi
coll'Imperadore, vivente il padre, e quegli defunto, rimanesse ella
erede, non possa succedere al Regno; e se deferita a lei la successione
del Regno, si casasse coll'Imperadore, cada dalle ragioni di succedere.

IX. Che il Regno di Sicilia non si possa mai unire all'Imperio.

X. Che sia tenuto pagare per lo censo ottomila once d'oro l'anno nella
festa de' SS. Pietro e Paolo in tre termini, e mancando decada dal
Regno; e di più un palafreno bianco, bello, e buono; e più, secondo
un istromento che si legge nel regale Archivio[91], che fecero li
Tesorieri del Re Carlo I nell'anno 1274 con alcuni Mercatanti di
pagare alla Sede Appostolica ottomila once d'oro per questo censo, si
vede, che seimila si pagavano per lo Regno di Puglia, e duemila per
l'isola di Sicilia. Del che furono i Pontefici sì rigidi esattori, che
nell'anno 1276 strinsero in maniera il Re Carlo, che trovandosi in Roma
e senza danari, fu forzato scrivere in Napoli ai suoi Tesorieri, che
impegnassero a' Mercatanti la sua Corona grande d'oro, e tante delle
sue gioje ed oro, che abbiano in presto ottomila once d'oro, e che
gliele mandino subito in Roma per doverle pagare alla Sede Appostolica
per lo censo di quell'anno[92].

XI. Che debba pagare alla Chiesa romana 5000 marche sterline ogni sei
mesi.

XII. Che in sussidio delle terre della Chiesa, a richiesta del
Pontefice, sia tenuto mandare 300 Cavalieri ben armati; in guisa che
ciascuno abbia da mantenere a sue spese almeno tre cavalli per tre mesi
in ciaschedun anno; ovvero si possano commutare in soccorso di Navi.

XIII. Che debba stare a quello diffinirà il Pontefice sopra la
determinazione de' confini da farsi di Benevento.

XIV. Che dia sicurtà a' Beneventani per tutto il Regno; ed osservi i
loro privilegi; e che permetta di poter disponere liberamente de' loro
proprj beni.

XV. Che non possa nelle terre della Chiesa romana acquistar cos'alcuna
per qualunque titolo, nè ottenere in quelle Rettorìa o altra
Podestarìa.

XVI. Che s'abbiano a restituire alle Chiese del Regno tutti i beni, che
alle medesime furono tolti.

XVII. Che tutte le Chiese e' loro Prelati e Rettori godano della
libertà ecclesiastica, e particolarmente nelle elezioni, ristabilendo
Clemente ciocchè Alessandro IV avea aggiunto nell'investitura data
ad Edmondo figliuolo del Re d'Inghilterra; cioè che il Re e suoi
successori non s'intromettano nelle elezioni, postulazioni e provisioni
de' Prelati, in guisa che, _nec ante electionem, sive in electione,
vel post Regius assensus, vel consilium aliquatenus requiratur_[93];
soggiungendosi però che ciò non abbia a pregiudicare al Re e suoi
eredi, in quanto s'appartiene _in jure patronatus, si quod Reges
Siciliae, seu ejusdem Regni, et Terrae Domini, hactenus in aliqua, vel
aliquibus Ecclesiarum ipsarum consueverunt habere: in tantum tamen,
in quantum Ecclesiarum patronis canonica instituta concedunt_; siccome
perciò non furono esclusi i Re, sempre che la persona eletta fosse loro
sospetta d'infedeltà, d'impedire il possesso e concedere il _placito
Regio_ alle Bolle di provisione, come altrove diremo.

XVIII. Che le cause ecclesiastiche saranno trattate innanzi agli
Ordinarj; e per appellazione alla Sede Appostolica.

XIX. Che abbia a rivocare tutti gli Statuti emanati contra la libertà
ecclesiastica.

XX. Che i Cherici nè per le cause civili nè per le criminali si possano
convenire avanti il Giudice secolare, se non si trattasse civilmente di
cause attinenti a' Feudi.

XXI. Che niuno imponga taglie alle Chiese.

XXII. Che nelle Chiese vacanti non possa pretendere, ed avere nè
_regalie_, nè _frutti_.

XXIII. Che gli esiliati della Sicilia si riducano nel Regno, secondo
che comanderà la Chiesa romana.

XXIV. Che non faccia lega o confederazione con alcuno contro la Chiesa.

XXV. Che debba tener pronti mille Cavalieri oltramontani, apparecchiati
per Terra Santa o altro affare della fede.

Queste sono quelle convenzioni, delle quali spesso _Marino di
Caramanico_, _Andrea d'Isernia_ e gli altri nostri Scrittori fanno
memoria, quando trattano de' pesi, che nell'investitura data a Carlo
furono da Papa Clemente aggiunti.

Accordate in cotal maniera queste Capitolazioni, e vie più sollecitando
Clemente la venuta del Conte, intraprende questi il passaggio, ed
avendo fatta accompagnare la Contessa Beatrice sua moglie da molti
Capitani e Cavalieri franzesi e provenzali, costoro fecero il viaggio
per terra; ed egli da Provenza, essendosi posto intrepidamente con
pochi legni a solcar il mare, dopo aver miracolosamente scampate
l'insidie, che Manfredi gli avea tese con 80 galee, finalmente giunge
con somma felicità nel mese di maggio di quest'anno 1265 a Roma,
ove fu da' Romani con molti applausi, e segni d'allegrezza ricevuto
e careggiato; e narra l'_Anonimo_[94], che fu tanta la leggerezza e
vanità dei Romani, che ritenendo essi, per la dignità Senatoria, un
picciol vestigio dell'antica loro libertà, vollero anche di quella
spogliarsi, ed esclusi i loro Nobili, crearono Carlo lor Signore e
Senatore perpetuo di Roma.

Questa sì felice, e presta venuta di Carlo, gli diede tanta riputazione
e fama di Principe valoroso e magnanimo, che pareva, per tutta Italia,
la persona sua valesse per un grandissimo esercito; onde vennero tosto
da lui tutti que' della fazione Guelfa a visitarlo e ad offerirsi di
servirlo. Ed intanto l'esercito di Carlo, che per terra erasi avviato,
dopo varj avvenimenti, era finalmente giunto in Italia, e la Contessa
Beatrice a Roma; onde Carlo desideroso d'entrar presto nel Regno, per
timore, che troppo in Roma trattenendosi, non venisser a mancargli
i denari per supplire alle paghe de' soldati, sollecitò fortemente
l'espedizione, unendo tutta la sua milizia per combattere l'esercito di
Manfredi.


§. I. _Coronazione di CARLO in Roma._

Ma prima d'uscire di Roma, volle che Clemente colle celebrità solite
l'incoronasse Re, ed insieme gl'inviasse l'investitura, secondo ciò
ch'erasi stabilito. Il Pontefice, ch'era a Perugia, gli spedì sua
Bolla, per la quale commise a cinque Cardinali, che in S. Giovanni
Laterano avanti all'altare pubblicassero la Bolla dell'investitura,
e ricevessero dal Conte il giuramento di fedeltà, del ligio omaggio e
dell'osservanza di que' Capitoli di sopra notati, e colle debite forme
l'incoronassero Re dell'una e l'altra Sicilia. Li Cardinali destinati a
questa celebrità furono Rodolfo Vescovo di Albano, Archerio Prete del
titolo di S. Prassede, Riccardo di S. Angelo, Goffredo di S. Giorgio
al Velo d'oro, e Matteo di S. Maria in portico, Diaconi Cardinali, li
quali nel giorno dell'Epifania a' 6 Gennajo di quest'anno 1266 colle
solite cerimonie incoronarono Carlo Re d'ambedue le Sicilie insieme
con Beatrice sua moglie, essendo presenti molti Prelati e Signori con
infinito popolo.

(Di questa Beatrice si legge il Testamento, che fece a Lagopensile
nell'anno 1266 rapportato da Lunig[95]).

Si lesse la Bolla dell'investitura fatta da Clemente per la quale con
que' patti di sopra riferiti l'investiva del Regno di Sicilia, _et de
tota Terra, quae est citra Pharum, usque ad confinia terrarum ipsius
Romanae Ecclesiae, excepta Civitate Beneventana cum toto territorio, et
omnibus districtibus, et pertinentiis_.

All'incontro i Cardinali riceverono il ligio omaggio dal Re ed il
giuramento di fedeltà, la di cui formola insieme coll'istromento
dell'incoronazione vien rapportata dal Tutini[96] ed è del seguente
tenore: _Nos Carolus Dei gratia Rex Siciliae, Ducatus Apuliae, et
Principatus Capuae, ec. Vobis Dominis Rodulpho Albanensi Episcopo,
Archerio, ec. Diaconis Cardinalibus quibus per literas suas Dominus
Papa commisit receptionem ligii homagii, quod pro Regno Siciliae, ac
aliis Terris Nobis a predicta Ecclesia Romana concessis tenemur, eidem
Dom. Clementi Papae IV et ejus successoribus canonice intrantibus, et
predictae Ecclesiae Romanae facere, ac in manibus vestris, vice, et
nomine ipsius Domini Clementis Papae, et hujusmodi ejus successorum,
ac predictae Romanae Ecclesiae, et per nos eidem Dom. Papae, ejus
successoribus ac Romanae Ecclesiae ligium homagium facimus pro Regno
Siciliae, ac tota Terra, quae est citra Pharum, usque ad confinia
Terrarum, excepta Civitate Beneventana cum toto territorio, et omnibus
districtibus, et pertinentiis suis, nobis, et haeredibus nostris a
predicta Ecclesia Romana concessis, ec._

Donò ancora questo Principe in ricompensa, e memoria di quest'atto al
Capitolo di S. Pietro e suoi Canonici in perpetuo le rendite e proventi
della Bagliva della città d'Aitona, e l'altre rendite, che la Camera
regia esigeva sopra di quella sita negli Abruzzi, come per una carta
dell'Archivio regio rapporta il Tutino[97], e di più ogni anno in
perpetuo 50 once d'oro sopra la Dogana di Napoli[98].

Il Sommario della Bolla di quest'investitura co' Capitoli di sopra
esposti vien rapportata dal Summonte, e parte della medesima vien anche
rapportata da Baldo[99] ne' suoi Comentarj al nostro Codice. E questa è
la prima scrittura, nella quale questi due Regni vengon la prima volta
chiamati di Sicilia _citra et ultra Pharum_, leggendosi quivi: _Clemens
IV infeudavit Regnum Siciliae citra, et ultra Pharum_. E da qui in
progresso di tempo ebbe origine l'altro moderno titolo: _Rex utriusque
Siciliae_. Non già che Carlo l'usasse mai ne' suoi diplomi e privilegj;
poichè ritenne sempre gli antichi titoli, de' quali s'erano valsi i Re
Normanni e Svevi, siccome si è osservato nella riferita scrittura del
ligio omaggio, ed in molte altre fatte nei seguenti tempi osservarsi il
medesimo fa vedere Agostino Inveges ne' suoi Annali di Palermo.

Il Biondo, Platina, ed alcuni altri affermano, che ora Carlo ricevesse
anche il titolo e la corona di Re di Gerusalemme; ma sono di gran lunga
errati, poichè questo titolo ancora non era stato tolto a Corradino,
che per Jole madre di Corrado suo padre il riteneva, e 'l Papa non glie
lo contrastò mai. Pervenne poscia a Carlo dopo la morte di Corradino
nell'anno 1276 per cessione di Maria d'Antiochia; onde avvenne, che ne'
suoi privilegj si leggono per questa cagione in maggior numero gli anni
di Sicilia, che quelli di Gerusalemme[100].

Terminate le feste della coronazione, il Re Carlo senza perder tempo
si pose in cammino con le sue genti contro Manfredi, e per la Campagna
di Roma s'avviò verso S. Germano. Il Papa non cessava di sollecitarlo,
e per agevolar l'impresa mandò in Sicilia il Cardinal Rodolfo Vescovo
d'Albano, acciò _crocesignasse_ i Siciliani, e sollevasse que' popoli
contro Manfredi. Altra _Crociata_ avea già pubblicata in Italia, dove
per la fortuna e felicità di Carlo la parte Guelfa era notabilmente
cresciuta di seguito, ed all'incontro i Ghibellini tutti depressi.



CAPITOLO III.

_Re MANFREDI riceve con intrepidezza e valore il nemico: ferocemente si
viene a battaglia, nella quale, tradito da' suoi, rimane infelicemente
ucciso._


Dall'altra parte il Re Manfredi non tralasciava con intrepidezza e
valore accorrere in tutte le parti per prepararsi ad una valida difesa.
Dolevasi dell'avversa sua fortuna, e fremeva insieme e stupiva in
veggendo il suo nemico non solo aver con tanta felicità su poche navi
valicato il mare e sfuggito l'incontro delle sue galee, ma con giubilo
e feste essere stato ricevuto in Roma e, istrutto il suo esercito,
essere già ne' confini del Regno. Stupiva ne' medesimi suoi sudditi
vedere tanta incostanza e volubilità[101], sembrandogli, che tutti
chiamassero Carlo, e già per ogni angolo non s'udiva altro, che il suo
nome e quello de' Franzesi. Non tralasciava intanto il mal avventuroso
Principe inanimirgli ed incoraggiargli alla difesa; ed a tal fine
convocò in Napoli una general Assemblea di tutti i Conti e Baroni,
richiedendogli del loro ajuto[102]: scorreva egli ora a Capua, ora a
Cepperano, ora a Benevento, e commise la custodia dei passi a due, de'
quali dovea promettersi ogni accortezza e fedeltà: al Conte di Caserta
suo cognato, ed al Conte Giordano Lancia suo parente. Presidiò San
Germano, ed ivi pose gran parte de' suoi Cavalieri tedeschi e pugliesi,
e tutti i Saraceni di Lucera; ed intanto va in Benevento per tenere in
fede quella città e per accorrere da quivi a' bisogni del suo esercito;
ed indi passa a Capua.

Ma tutte queste cauzioni niente giovarono a quest'infelice Principe;
poichè essendo Carlo giunto all'altra riva del Garigliano, presso
a Cepperano, il Conte Caserta ch'era alla guardia di quel passo,
con alcune scuse si ritirò indietro, e lasciò che passasse il fiume
senz'alcuno ostacolo: il Conte Giordano stupisce del tradimento,
e torna indietro per la via di Capua a trovar Manfredi. Così, come
deplora l'Anonimo, _ad malum destinatus Manfredus, qui apud Ceperanum
gentis suae resistentiam ordinare debebat, passus Regni vacuos, et
sine custodiae munitione reliquit, ut liber ad Regnum aditus pateat
inimicis_. Ecco come Carlo col suo vittorioso esercito entra nel Reame,
e come tutti i luoghi aperti se gli rendono, tosto prendendo Aquino e
la Rocca d'Arci.

Il Re Manfredi avendo inteso, che Re Carlo avea passato il fiume
senz'alcun contrasto, inorridisce al tradimento, ed avendo subito unite
le sue genti coll'esercito, che teneva il Conte Giordano, cominciò a
temere non gli altri Baroni facessero il medesimo; ed avendo già per
sospetta la fede de' Regnicoli, tentò di volersi render Carlo amico
e di trattar con lui di pace; mandò per tanto i suoi Ambasciadori al
medesimo a cercargli pace o almeno tregua. Ma il Re Carlo, che vedeva
la fortuna volar dal suo canto, non volle perdere sì buone occasioni,
onde agli Ambasciadori, nel suo linguaggio franzese, diede questa
altiera, e rigida risposta: _Dite al Soldan di Lucerna, che io con
lui non voglio, nè pace, nè tregua, e che presto, o io manderò lui
all'Inferno, od egli manderà me in Paradiso_[103]. Avea Carlo, per
inanimire i suoi soldati, lor persuaso, che egli militava per la fede
cattolica contro Manfredi scomunicato, eretico, e Saraceno: ch'essi
erano soldati di Cristo, e che in qualunque evento, si sarebbero
esposti ad una certa vittoria, o d'esser coronati colla corona del
martirio morendo; o debellando l'inimico con corona trionfale d'alloro,
e renduti gloriosi ed immortali per tutti i secoli[104].

Ricevuta Manfredi questa risposta, fu tutto rivolto all'armi, ed avendo
riposta tutta la sua speranza nel gagliardo presidio, che avea lasciato
in S. Germano, credea, che Re Carlo non avesse da procedere più oltre,
per non lasciarsi dietro le spalle una banda così grossa di soldati
nemici, e che per lo sito forte di S. Germano, si sarebbe trattenuto
tanto, che o l'esercito franzese fosse dissoluto, per trovarsi nel mese
di gennajo in que' luoghi palustri e guazzosi; o che a lui arrivassero
gagliardi soccorsi di Barberia, dove avea mandato ad assoldare gran
numero di Saraceni; o di Ghibellini di Toscana e di Lombardia. Ma
ecco i giudicii umani come tosto vengono dissipati dagli alti giudicii
divini: poichè contra la natura delle stagioni i giorni erano tepidi e
sereni, come sogliono essere i più belli giorni di primavera; e quelli,
ch'erano rimasi al presidio di S. Germano, non mostrarono quel valore
nel difenderlo, ch'egli s'avea promesso; perchè in brevi dì, per la
virtù de' Cavalieri franzesi, dato l'assalto alla terra, con tutto che
i Saraceni valorosamente si difendessero, fu nondimeno quella presa e
gran parte del presidio uccisa.

Come Manfredi intese la perdita di S. Germano, ritornando di là la
gente sconfitta, sbigottì: e mandata molta gente a presidiar Capua,
egli consigliato dal Conte Gualvano Lancia, e dagli altri suoi fidati
Baroni, si ritirò nella città di Benevento, per aver l'elezione, o
di dar battaglia all'inimico quando volea, ovvero di ritirarsi in
Puglia se bisognasse. Il Re Carlo intendendo la ritirata di Manfredi
in Benevento, si pose a seguitarlo, e giunse a punto il sesto dì di
febbraio alla campagna di Benevento, e s'accampò due miglia lontano
dalla città, e manco d'un miglio dal campo de' nemici. Allora Manfredi
col consiglio dei principali del suo campo deliberò dar la battaglia,
giudicando, che la stanchezza de' soldati di Carlo potesse promettergli
certa vittoria. Dall'altra parte Re Carlo spinto dall'ardire suo
proprio, e da quello, che gli dava la fortuna, la qual pareva, che
a tutte l'imprese sue lo favorisse, posto in ordine i suoi, ancorchè
stanchi, uscì ad attaccare il fatto d'arme, onde si cominciò quella
memoranda, e fiera battaglia, la quale non è del nostro istituto
descriverla a minuto, potendosi con tutte le sue circostanze leggere
nell'Anonimo, nel Summonte, Inveges, Tutini; e presso molti altri
Istorici, che la rapportano.

L'infelice Manfredi mentre la pugna tutta arde, ed egli la mira da un
rilevato colle, vede due schiere del suo esercito, ch'erano malmenate
da' nemici, e volendo movere la terza, ch'era sotto la sua guida, tutta
di Pugliesi, grida a' Capitani suoi, che tosto ivi accorressero alla
difesa, s'avvede che molti de' nostri Regnicoli corrotti da Carlo,
seguivano il suo partito, e con infame tradimento non ubbidivano, ma
s'astenevano di combattere, quando il bisogno più lo richiedeva[105].
Allora Manfredi con animo grande ed invitto, deliberando di voler più
tosto morire, che sopravvivere a tanti valorosi suoi Campioni, che
vedea in quella strage morire; cala egli al campo, ed ove la pugna più
arde si mischia nella più folta schiera de' suoi nemici, e tra loro
combattendo, da colpi di sconosciuto braccio, perchè niuno potesse
darsi il vanto di sua morte, restò infelicemente in terra estinto;
e sconosciuto tra innumerabile folla di cadaveri estinti, tre dì,
prima che fosse ravvisato, miseramente giacque. Così infamemente da'
suoi tradito morì Manfredi[106]. Il cui tradimento non potè Dante
(siccome l'Anonimo) non imputarlo a' nostri Regnicoli, chiamati allora
comunemente _Pugliesi_, quando nel suo Poema[107] commemorando questa
rotta, coll'altra data a Corradino, disse:

    _E l'altra, il cui ossame ancor s'accoglie_
    _A Ceperan là dove fu bugiardo_
    _Ciascun Pugliese; e là da Tagliacozze,_
    _Ove senz'arme vinse il vecchio Alardo._

Ecco l'infelice fine di questo invitto e valoroso Eroe, Principe (se
ne togli la soverchia ambizion di regnare e non avesse avuto l'odio di
più romani Pontefici, che lo dipinsero al Mondo per crudele, barbaro
e senza religione) da paragonarsi a' più famosi Capitani dei secoli
vetusti. Ei magnanimo, forte, liberale ed amante della giustizia, tenne
i suoi Reami in istato florido ed abbondante. Violò solamente le leggi
per cagion di regnare, in tutte le altre cose serbò pietà e giustizia.
Egli dotto in filosofia, e nelle matematiche fu espertissimo, non
pur amante de' Letterati, ma egli ancora litteratissimo, e narrasi
aver composto un _trattato della caccia_, a questi tempi da' Principi
esercitata, ed in sommo pregio, e diletto avuta. Biondo era, e bello di
persona e di gentile aspetto, affabilissimo con tutti, sempre allegro e
ridente, e di mirabile ed ameno ingegno; tanto che non son mancati[108]
chi con ragione l'abbia per la sua liberalità, avvenenza e cortesia,
paragonato a Tito figliuolo di Vespasiano, reputato la delizia del
genere umano. Della sua magnificenza sono a noi rimasti ben chiari
vestigi, il Porto di Salerno, e la famosa città di Manfredonia in
Puglia, che dal suo ritiene ancor ora il nome. E se i continui travagli
sofferti per difendere il Regno dalle invasioni di quattro romani
Pontefici, gli avessero dato campo di poter più attendere alle cose
della pace, di più magnifiche sue opere, e di altri più nobili istituti
avrebbe egli fornito questo Reame.

Intanto l'esercito di Carlo avendo interamente disfatto quello
dell'infelice Manfredi, inoltrossi nel Regno, ed in passando, non vi
fu crudeltà e strage, che i Franzesi non usassero; Benevento andò a
sacco ed a ruba, nè fu perdonato a sesso, nè ad età. Que' Baroni, che
nella pugna non restarono estinti, parte fuggendo scamparono la morte,
e parte inseguiti da quei di Carlo furono fatti prigionieri: alcuni
ne furono mandati prigioni in Provenza, ove gli fece morire d'aspra e
crudel morte; alcuni altri Baroni tedeschi e pugliesi ritenne prigioni
in diversi luoghi del Regno; ed a preghiere di Bartolommeo Pignatelli
Arcivescovo di Cosenza, e poi di Messina, diede libertà a' Conti
Gualvano, e Federico fratelli, ed a Corrado, ed a Marino Capece di
Napoli cari fratelli[109].

Erano intanto scorsi tre giorni, e di Manfredi non s'avea novella
alcuna, tanto che si credea avesse colla fuga scampata la morte; ma
fatto far da Carlo esattissima diligenza nel campo tra' corpi morti
fu finalmente a' 28 di febbraio giorno di domenica, ravvisato il suo
cadavero[110]; e condotto avanti il Re, lo fece Carlo osservare da
Riccardo Conte di Caserta, e dal Conte Giordano Lancia, e da altri
Baroni prigionieri de' quali alcuni timidamente rispondendo, quando
fu esposto agli occhi di Giordano, questi tosto che lo riconobbe,
dandosi colle mani al volto, e gridando altamente, e piangendo se
gli gittò addosso baciandolo, e dicendo: _Oimè, Signor mio, ch'è quel
che io veggio! Signor buono, Signor savio, chi ti ha così crudelmente
tolto di vita! Vaso di filosofia, ornamento della milizia, gloria de'
Regi, perchè mi è negato un coltello, ch'io mi potessi uccidere per
accompagnarti alla morte, come ti sono nelle miserie_[111]; e così
piangendo non se gli potea distaccare d'addosso, commendando que'
Signori franzesi molto cotanta sua fedeltà ed amore verso il morto
Principe. E richiesto Carlo da' Franzesi stessi impietositi del caso
estremo, che lo facesse onorar almeno degli ultimi ufficj, con fargli
dar sepoltura in luogo sacro, si oppose il Legato Appostolico, dicendo
che ciò non conveniva, essendo morto in contumacia di Santa Chiesa;
onde Carlo loro rispose, ch'egli lo farebbe molto volontieri, se non
fosse morto scomunicato. Perlaqualcosa fu il suo cadavero seppellito
in una fossa presso il Ponte di Benevento, ove ogni soldato (affinchè
almeno in cotal guisa fosse noto a' posteri il luogo del suo sepolcro,
e l'ossa non fossero sparse, ma ivi custodite) vi buttò una pietra,
ergendovisi perciò in quel luogo un picciol monte di sassi.

Ma l'Arcivescovo di Cosenza fiero inimico di Manfredi, cui non bastò
la morte per estinguere il suo implacabil odio, ad alta voce gridando
cominciò a dire, che se bene non fosse stato Manfredi sepolto in luogo
sacro, era però stato il suo cadavero posto presso a Benevento, in
terreno ch'era della romana Chiesa; che dovea quel cane morto levarsi
da quel luogo, e portarsi fuori del Regno, e le ossa buttarsi al vento;
del di cui zelo cotanto si compiacque Papa Clemente, che furono l'ossa
dissotterrate ed a lume spento furono trasportate in riva del fiume
_Verde_, oggi appellato _Marino_[112], ed esposte alla pioggia, ed al
vento, tanto che gli abitatori di que' luoghi non poteron mai di quelle
trovar segno, o memoria alcuna[113]. Dante come Ghibellino, avendo
compatimento d'un così miserabil caso, finge Manfredi penitente, e lo
ripone perciò non già nell'Inferno, ma nel Purgatorio, e così gli fa
dire:[114].

              _son Manfredi_
      _Nipote di Costanza Imperatrice:_
      _Ond'io ti priego, che quando tu riedi,_
    _Vadi a mia bella figlia, genitrice_
      _Dell'onor di Cicilia e d'Aragona,_
      _E dichi a lei il ver, s'altro si dice._
    _Poscia ch'i' ebbi rotta la persona_
      _Di due punte mortali, i' mi rendei,_
      _Piangendo, a quei che volentier perdona._
    _Orribil furon li peccati miei:_
      _Ma la bontà infinita ha sì gran braccia_
      _Che prende ciò, che si rivolve a lei._
    _Se 'l Pastor di Cosenza, ch'alla caccia_
      _Di me fu messo per Clemente allora,_
      _Avesse in Dio ben letta questa faccia,_
    _L'ossa del corpo mio sariéno ancora_
      _In co del Ponte presso a Benevento_
      _Sotto la guardia de la grave mora:_
    _Or le bagna la pioggia, e move 'l vento_
      _Di fuor dal Regno quasi lungo 'l Verde:_
      _Ove le trasmutò a lume spento._
    _Per lor maladizion sì non si perde,_
      _Che non possa tornar l'eterno amore,_
      _Mentre che la speranza ha fior del verde._



CAPITOLO IV.

_Re CARLO entrato nel Regno comincia a reggerlo con crudeltà e rigori;
onde il suo governo è abborrito, e gli animi si rivoltano, ed invitano
alla conquista Corradino._


Sparsasi intanto la fama della rotta dell'esercito di Manfredi, e la
sua morte, non fuvvi città così dell'uno, come dell'altro Reame, che
non alzasse le bandiere de' Franzesi.

(Le Lettere del Re Carlo scritte a Clemente, per le quali gli dà avviso
di questa vittoria, sono rapportate, oltre il Summonte, da Lunig[115]).

Tutti gridavano il nome di Carlo, e promettendosi nel nuovo dominio
franchigia e dovizia grande, credevano dover vivere sotto i Franzesi
non solo liberi da straordinarie tasse, ma d'essere ancora liberati
dai pagamenti ordinari. Non era città, ove Carlo conducevasi, che non
fosse ricevuto con segni d'estrema allegrezza, e giubilo. Tosto da
Benevento parte, e viene in Napoli, e non ancor quivi giunto, che i
Napoletani mandarono a presentargli le chiavi della loro città. Entrò
in quella con la Regina Beatrice sua moglie, con gran pompa e fasto,
accompagnato da tutti i Nobili della città, che 'l gridarono loro
Re, e dall'Arcivescovo di Cosenza assistito, si portò nel Duomo di
S. Restituta a render grazie al Signore di così segnalata vittoria.
Creò da poi Principe di Salerno Carlo suo figliuol primogenito il
quale uscito da Napoli cavalcò per tutto 'l Reame per affezionarsi i
nuovi vassalli: e con non interrotto corso di felicità tutte le cose
succedono ai loro desiderii. Le reliquie del rotto esercito erano
ritirate in Lucera, dove anche erasi salvata la Reina Elena moglie di
Manfredi con Manfredino suo picciolo figliuolo, ed una figliuola[116].
Re Carlo tosto mandò ivi Filippo di Monforte con la maggior parte
dell'esercito ad assediarla, ma difendendosi i Saraceni, ch'erano
dentro, valorosamente, bisognò abbandonar l'impresa, lasciandola
però strettamente assediata, la qual città insieme colla Regina e 'l
figliuolo non si rese, se non dopo la rotta data a Corradino, come
diremo.

I Siciliani ancora, intesa la morte di Manfredi, subito alzarono le
bandiere Franzesi, ed i primi furono i Messinesi. Mandò perciò Re Carlo
Filippo di Monforte in quell'isola, e non passò guari, che tutta la
ridusse sotto l'ubbidienza di Carlo[117].

Ecco come in un tratto si rese Carlo Signore di ambedue questi Reami,
con allegria e giubilo de' Popoli, che si credeano liberati dal giogo,
come dicevano, del Re Manfredi e de' Saraceni, e di vivere sotto il
Regno di Carlo franchi d'ogni pagamento, in una perpetua ricchezza, ed
in una tranquilla e quieta pace.

Ma restarono tosto delusi, poichè i Franzesi scorrendo per tutti i
luoghi, portavano co' loro transiti danni e ruine insopportabili agli
abitatori[118]. Ed il Re chiamando i Baroni dell'uno e l'altro Regno,
che venissero a servirlo, impose ancora un pagamento straordinario
alle terre del Regno contro la loro espettazione e lusinga, falsamente
stimando, che non solo non s'avessero da veder più soldati, nè pagar
pesi estraordinarj, ma d'essere ancora liberati dagli ordinarj. Ma il
novello Re all'incontro badando unicamente ad arricchire per questi
mezzi il suo Erario, chiamò a questo fine tutti i Tesorieri e Camerari
del Regno, e volle da quelli essere minutamente informato de' proventi
del Regno, degli Ufficj, delle giurisdizioni, e di tutte altre sue
ragioni del Regno; e poichè era stato informato, che un di Barletta
nomato Giezolino della Marra era di queste cose instruttissimo, e
che per tal cagione da Manfredi era stato adoperato in simili affari,
valendosi della di lui opera per le nuove imposizioni d'angarìe, taglie
e contribuzioni; fecelo a se venire, il quale per applaudir all'avidità
sua ed acquistarsi perciò merito presso il novello Principe, portogli
non solo tutti i Registri, ove erano notati i proventi degli Ufficj,
delle giurisdizioni, e delle altre ragioni regie; ma anche i registri,
ov'erano rubricate tutte le estraordinarie imposizioni d'angarìe,
parangarìe, collette, taglie, donativi, e contribuzioni, colle quali
sovente erano stati oppressi i miseri Regnicoli[119]. Furon tali
le insinuazioni, ed i consigli di Giezolino, che Carlo per porgli
più speditamente in opera levò tutti gli Ufficiali, che prima erano
nelle province, e creò nuovi Giustizieri, Ammirati[120], Protonotari,
Portolani, Doganieri, Fondachieri, Secreti, Mastri Giurati, Mastri
Scolari, Baglivi, Giudici e Notari per tutto il Regno, a' quali
prepose altri Ufficiali maggiori che sopra di loro invigilassero.
Questi esercitando le loro commissioni con inudita acerbità e rigore,
gravarono di peso insopportabile i Popoli, scorticandogli e cavando
loro il sangue e le midolle[121].

Ecco ora mutati i giubili in continui lamenti, gemono sotto il grave
giogo i Regnicoli, e tosto mutano volere, e desiderano già, e sospirano
Manfredi. In ogni angolo si sentono lagrimevoli querele: _O Rex
Manfrede_ (con amaro pianto dicevano) _temet non cognovimus, quem nunc
et ter etiam deploramus. Te lupum credebamus rapacem inter oves pascuae
huius Regni, secuti spem praesentis dominii, quod de mobilitatis, et
inconstantiae more sub magnorum profusione gaudiorum anxie morabamur,
agnum mansuetum te jam fuisse cognoscimus, dulcia tuae potestatis
mandata sentimus, dum alterius, et majora gustamus. Conquerebamur
frequentius nostram partem, partem in dominii tuae Majestatis adduci,
nunc autem omnia bona, quod prius est, et personas alienigenarum
convertere debemus in praedam_[122].


§. I. _Invito di CORRADINO in Italia; e mal successo della sua
spedizione._

Da' lamenti si venne alle mormorazioni, e finalmente alla risoluzione
di chiamar Corradino da Alemagna per discacciare i Franzesi. Molti
Baroni così di questo Reame, come di quello di Sicilia, s'accingono
all'impresa, e istigano ancora, oltre i fuggitivi ed i raminghi,
tutti i Ghibellini di Lombardia, e di Toscana a far il medesimo,
a' quali, per maggiormente stimolargli, espongono l'insopportabile
dominio de Franzesi[123]. Que' che sopra gli altri si distinsero in
questa mossa, furono i Conti Gualvano, e Federico Lancia fratelli, e
Corrado, e Marino Capeci: costoro si portarono in Alemagna a sollecitar
Corradino[124] unico rampollo di tutta la posterità di Federico.
Mandarono ancora, per quest'istesso fine, molte città imperiali i
loro Ambasciadori, i Pisani, i Sanesi, ed altri Ghibellini, e con le
promesse ed esibizioni, portarono ancora molto denaro per agevolar la
venuta.

Era Corradino giovanetto di quindici anni: perciò sua madre Elisabetta
di Baviera troppo amandolo temea esporlo a tanti pericoli per una
impresa reputata malagevole; ma Corradino spinto da generoso cuore
ruppe ogni indugio, ed abbracciò l'invito, stimolato ancora dal Duca
d'Austria ancor egli giovanetto, che s'offerse venir ancora in sua
compagnia a riporlo nei paterni Regni; e Corrado Capece tosto da
Alemagna ne diede avviso in Sicilia.

S'accinse intanto Corradino al viaggio, e nel principio dell'inverno di
quest'anno 1267 partì da Alemagna conducendo seco il Duca d'Austria,
ed un esercito di diecimila uomini a cavallo, e per la via di Trento
nel mese di febbraio giunse a Verona; ove convocò tutti i Principi
della parte Ghibellina, che l'aveano sollecitato a venire; e presa
risoluzione, che dovessero passare per la via di Toscana, si mosse
da Verona, ed inviando la maggior parte dell'esercito per la via di
Lunigiana, egli col resto tolse la via di Genova, ed in pochi dì giunse
a Savona, dove ritrovò l'armata de' Pisani, nella quale s'imbarcò ed
andò a Pisa. I Pisani l'accolsero con molto onore ed amorevolezza, lo
providero di denari, e gli mostrarono l'armata, che volevan mandare a
sollevare le terre marittime d'ambedue i Reami.

Giunto per tanto Corradino a Pisa insieme con molti Principi
d'Alemagna, e con Corrado Capece di Napoli, costui cercò a' Pisani
che gli dessero navi per poter tragittare in Tunisi a sollecitare
il soccorso de' Saraceni. Erano in Tunisi agli stipendj di quel Re,
Federico, ed Errico di Castiglia[125], i quali lividamente invidiando
la grandezza e prosperità del Re di Castiglia lor fratello, si
tirarono sopra l'indignazione del medesimo, onde cacciati di Spagna
militavano in Tunisi sotto gli stipendj di quel Re. E per la continua
conversazione, che tenevano co' Saraceni, eransi quasi dimenticati
della religione cristiana, e ne' costumi poco differivano da' Saraceni
medesimi[126]. Federico era in Tunisi quando vi giunse Corrado, dal
quale informato delle cose di Corradino, l'indusse a prendere la
difesa, e proccurare presso quel Re valido soccorso. Ma Errico per
la sua natural superbia ed ambizione, entrato in sospetto del Re di
Tunisi, era passato a trovar Carlo in Italia, e poi con finzioni ed
astuzie si mise a tentare nella Corte di Roma i suoi avanzamenti; per
la qualità de' suoi natali fu ricevuto onorevolmente da que' Ministri,
e pose in trattato la pretensione, che promovea del Regno di Sardegna.
Giunto a Roma, colle sue arti e macchinazioni, seppe far tanto, che
ancorchè non vi concorresse buona parte di que' Nobili romani, e de'
Cardinali, si fece eleggere Senatore di quella città[127]. Fu prima
amico di Carlo, che gli era cugino, da cui sperava col favor suo
qualche Stato in Italia: ma vedendolo troppo ingordo di Signorie, e
che voleva ogni cosa per se, cominciò ad odiarlo e ad invidiar la sua
grandezza e cercar opportunità di ruinarlo. Altamente ancora si dolea
di lui, che avendolo soccorso di molti denari quando era in bassa
fortuna e quando calò in Italia contro Manfredi, da poi salito in tanta
grandezza e con tante dovizie, che con facilità potea restituirglieli,
non volea in conto alcuno renderglieli. Avendo adunque avuta novella
dell'invito fatto a Corradino in Italia, credette aver nelle mani
opportuna occasione di vendicarsi di Carlo, ed insieme collegandosi con
Corradino, si pose in isperanza d'ottener da lui quello che non avea
potuto ottener da Carlo; mandò perciò più lettere e messi a Corradino,
affinchè si sollecitasse a venire, perchè egli avrebbegli facilitata
l'impresa, desiderando il suo arrivo più che tutti i Regnicoli, Roma e
tutta l'Italia, e sperava con certezza discacciarne i Franzesi.

Intanto Corradino sollecitato per queste lettere d'Errico, era, come si
è detto, calato in Pisa, e per maggiormente istigare i Popoli d'Italia,
e del Reame di Puglia e di Sicilia, fece spargere da per tutto più
esemplari di un suo _Manifesto_[128], ove querelandosi acerbamente di
quattro romani Pontefici, e di due Re, Manfredi e Carlo, invita i suoi
devoti a dar mano all'espulsione de' Franzesi da' suoi Reami di Puglia
e di Sicilia.

Non si può credere che grandi movimenti fece in Sicilia, Puglia e
Calabria questa Scrittura: tutti gridavano il nome di Corradino; ed a
questi stimoli si aggiunse un fatto d'arme accaduto al Ponte a Valle
vicino Arezzo; poichè proccurando Guglielmo Stendardo e Guglielmo di
Biselve, Capitani di molta stima del Re Carlo, impedire il passaggio
all'esercito di Corradino, furono rotti, ed appena Guglielmo Stendardo
si salvò con 200 lance, ed il Biselve restò prigione con alcuni pochi
Cavalieri franzesi, ch'erano rimasti vivi.

La novella di questa rotta sparsa dalla fama per tutto il Regno di
Puglia e di Sicilia, ed ingrandita assai più del vero, trovando gli
animi già disposti, sollevò quasi tutte le province; ed i Saraceni,
ch'erano soliti sotto l'Imperador Federico, e Re Manfredi d'esser
stipendiati, rispettati ed esaltati con dignità civili e militari, e
non poteano soffrire di stare in tanto bassa fortuna sotto l'imperio
del Re Carlo, preso vigore, fecero sollevar Lucera, la quale inalberò
tosto le bandiere di Corradino. Seguirono il di lui esempio quasi
tutte l'altre città di Puglia, di Terra d'Otranto, di Capitanata
e di Basilicata, ed era veramente cosa da stupire, vedere tanta
volubilità, e leggerezza in que' medesimi Popoli, i quali poc'anzi
ardentemente desideravano la venuta di Carlo co' suoi Franzesi, ed
ora averne cotanto abborrimento, invocando incessantemente il nome
di Corradino; dal che, e da molti altri esempi passati, e da quelli
che si leggeranno, ne nacque, così presso gli antichi Storici, che
moderni, quell'opinione de' nostri Regnicoli, d'essere i più volubili
ed incostanti, e che sovente, tosto infastiditi di un dominio, ne
desiderano un nuovo. Taccia, la quale nemmeno Scipione Ammirato[129]
ne' suoi Ritratti, osò di negarla a' nostri Regnicoli; e della quale
mal seppe difendergli Tommaso Costa in quella sua infelice _Apologia
del Regno di Napoli_.

Re Carlo stupiva pure di tanta volubilità, non men de' Regnicoli,
che della sua fortuna: e posto in gran pensiero, era tutto inteso di
accrescere il suo esercito, per andare ad opporsi a Corredino, il quale
a grandi giornate se ne calava a Roma, ove da Errico di Castiglia e da'
Romani era aspettato, per entrare per la via d'Abruzzi nel Regno.

Intanto Papa Clemente ch'era a Viterbo, avendo inteso i progressi di
Corradino in Italia ed i moti del Regno, per opporsi dal suo canto
in ciò che poteva, non avea mancato, tosto che Corradino giunse in
Verona ed in Pavia, di scrivere calde e premurose lettere a varie città
d'Italia inculcando loro, che non aderissero a Corradino; ma scorgendo,
che queste lettere producevan poco frutto, volle vedere se per un altro
verso potesse spaventarlo.

(Oltre di queste lettere scrisse pure ne' precedenti mesi una terribile
lettera all'Arcivescovo di Magonza perchè dichiarasse pubblicamente
scomunicato Corradino, co' suoi, che affettava invadere il Regno di
Sicilia, che si legge presso Lunig[130].).

Gli spedì per tanto in aprile di quest'istesso anno 1267 una terribile
citazione, colla quale se gli prescriveva certo tempo a dover comparire
avanti di lui, se avesse pretensione alcuna sopra i Reami di Puglia
e di Sicilia, e che non cercasse di farsi egli stesso giustizia colle
armi, ma proponesse sue ragioni avanti la Sede Appostolica, che glie
la avrebbe renduta; altrimente non comparendo, avrebbe contro di
lui proferita la sentenza. Corradino non comparve già, ma proseguì
armato il suo cammino; ed egli nella Cattedral Chiesa di Viterbo a'
28 aprile alla presenza di tutto il Popolo pronunziò la sentenza.
Da poi invitò Carlo a venir a Viterbo, dove s'abboccarono insieme,
e lo fece Governadore di Toscana; e poichè l'Imperio d'Occidente
vacava, lo creò egli Paciero, ovvero Vicario Generale dell'Imperio.
All'incontro a' 29 giugno nella festa degli Appostoli Pietro e Paolo,
con grande apparato e celebrità scomunicò pubblicamente Corradino, e
lo dichiarò nemico e ribelle della romana Chiesa, e decaduto da tutte
le sue pretensioni[131]. Scrisse ancora a Fr. Guglielmo di Turingia
Domenicano, che scomunicasse tutti coloro che non volessero prestar
ubbidienza a Carlo; ed all'incontro ricolmasse di benedizioni ed
indulgenze quelli, che per lui prendessero l'arme contro Corradino.
E dopo tutto questo, essendosi reso certo, che erasi confederato
con D. Errico di Castiglia, lo scomunica di nuovo la seconda volta.
Ma Corradino poco curando di questi fulmini, non s'atterrisce, e
fermo nel proponimento bada unicamente ad unir gente, e denaro per
l'impresa[132].

Dall'altra parte Corrado Capece, e D. Federico fratello di Errico,
ch'erano ancora a Tunisi, seguendo le buone disposizioni di
quest'impresa, partirono da Tunisi con 200 Spagnuoli, ed altrettanti
Tedeschi, e 400 Turchi, che teneva a' suoi stipendj quel Re, e si
portarono in Sicilia. Corrado giunto a Schiacca, pubblicandosi Vicario
di Corradino, sparge lettere per tutta quell'Isola, sollevando que'
Popoli a ricevere il loro Re Corradino, che con numeroso esercito
veniva. Le lettere erano dettate in questo tenore: _Ecce Rex noster
cito veniet in celebri, etc._ e sono rapportate da Agostino Inveges. Le
quali furono cotanto efficaci, che in brieve, avvalorate dal coraggio
di Capece, quasi tutta la Sicilia alzò le bandiere di Corradino, tanto,
che Fulcone Vicario in quell'Isola per Re Carlo restò sorpreso, e
volendo colle armi frenar la sollevazione, furono le sue truppe rotte,
ed egli obbligato colle sue genti a mettersi in fuga. E qui terminando
l'_Anonimo_ la sua Cronaca, si ricorrerà ora al _Villani_, ed agli
Scrittori non meno diligenti che fedeli rapportatori de' successi di
questi tempi.

Papa Clemente avendo nel nuovo anno 1298 intesa la rotta di Fulcone in
Sicilia, bandì la _Crociata_, e scomunicò tutti coloro, che assalivano
la Sicilia di qua e di là dal Faro. A Corradino mandò nuovamente suoi
Legati, perchè tosto uscisse d'Italia. Questi non ubbidendo, lo priva
del Regno di Gerusalemme, lo dichiara inabile all'Imperio e ad ogni
altro Regno. Scomunica di nuovo tutti i Popoli, le città e tutte le
terre, che 'l favorissero. Fulminò anche scomunica contro D. Errico,
e lo priva della dignità Senatoria, conferendola al Re Carlo per dieci
anni.

Ma Corradino, niente di ciò curandosi, prosiegue il suo viaggio, e
giunto a Roma, fu ricevuto in Campidoglio dal Senatore Errico e da'
Romani con gran pompa ed allegrezze a guisa d'Imperadore; ed ivi
ragunata molta gente e denaro, unito con D. Errico e colle sue truppe,
inteso ancora i moti delle città e Baroni del Regno, si partì da Roma
a' 10 d'Agosto con D. Errico e i suoi Baroni, e con molti Romani, nè
volle far la via di Campagna, sapendo che il passo di Cepperano era
ben guardato, ma prese la via delle montagne tra Abruzzo e Campagna,
conducendo il suo esercito per luoghi non guardati e freschi,
abbondanti di carni e di strame, e d'acque fresche, che fu a' Tedeschi
impazienti del caldo di grandissimo ristoro, e finalmente nel piano di
Tagliacozzo collocò il suo esercito.

Il Re Carlo dall'altra parte, avendo ordinato a Ruggiero Sanseverino,
che con buon numero di altri Baroni suoi partigiani tenessero a
freno i sollevati; egli con tutte le sue forze cavalcò da Capua per
andare ad opporsi a Corradino; ma accadde, che in quelli dì capitò
in Napoli _Alardo di S. Valtri_, Barone nobilissimo Franzese, che
veniva d'Asia, dove con somma sua gloria avea per venti anni continui
militato contro Infedeli, ed ora già fatto vecchio ritornava in Francia
per morire nella sua patria. Costui non ritrovando il Re in Napoli,
andò a ritrovarlo a Capua, dove era coll'esercito: Re Carlo, quando
il vide, si rallegrò molto, e subito disegnò di valersi della virtù
di tal uomo e del suo consiglio, e lo pregò che volesse fermarsi ad
ajutarlo in sì gran bisogno: e bench'egli si scusasse, che per la
vecchiezza avea lasciato l'esercizio delle armi, e s'era ritirato ad
una vita cristiana, e che non conveniva, che avendo spesa la gioventù
in combattere con Infedeli, alla vecchiezza avesse da macchiarsi del
sangue de' Cristiani: nulladimanco avendogli Carlo dato a sentire,
che militando contro Corradino, pure militava contro gl'Infedeli,
essendo ribelle del Papa, scomunicato, e fuori della Chiesa, oltre che
il Re di Francia l'avrebbe sommamente gradito; tanto fece, fin che lo
strinse a restare; e sentendo che Corradino era alloggiato nel piano di
Tagliacozzo, volle che l'esercito di Carlo da lui guidato s'accampasse
forse due miglia lontano da quello: da poi con pochi cavalli salito in
un poggio, e considerato bene il campo de' nemici, s'avvide l'esercito
suo esser di numero molto inferiore di quello di Corradino, e perciò
dover sperarsi più nella prudenza ed astuzie militari, che nella
forza; ed avendo appiattato il terzo squadrone dietro ad una valle,
fece presentare la battaglia al nemico, il quale avidamente la ricevè,
sdegnato dall'ardire dei Franzesi, che con tanto disvantaggio di numero
venivano a far giornata. Si attaccò il fatto d'arme, ed ancor che i
Franzesi con due soli squadroni valorosamente sostenessero l'impeto
de' nemici, a lungo andare bisognò che cedessero, facendosi una strage
crudele de' Franzesi. Re Carlo che con Alardo sopra il Poggio vedea
la ruina de' suoi, ardeva di desiderio d'andare a soccorrergli, ma fu
ritenuto da Alardo, e pregato che aspettasse il fine della vittoria,
la quale avea da nascere dalla rotta de' suoi, siccome avvenne; poichè
cominciando i Franzesi a gettar l'arme, a rendersi prigioni, e gli
altri a fuggire, le genti di Corradino, credendosi aver avuta intera
vittoria, si dispersero, parte si misero ad inseguire i fuggitivi,
altri attendevano a spogliare i Franzesi morti ed a seguitare i cavalli
degli uccisi, ed altri a menare i prigioni. Allora Alardo volto al Re
Carlo, disse: _Andiamo, Sire, che la vittoria è nostra_; e discendendo
al piano con lo terzo squadrone, che era rimaso nella Valle, diedero
con grand'impeto sopra l'esercito nemico in varie parti diviso, ed
agevolmente lo posero in rotta, e spinti innanzi, trovarono, che
Corradino e 'l Duca d'Austria, e la maggior parte de' Signori ch'erano
con lui, certi della vittoria, s'aveano levati gli elmi, e stavano
oppressi dalla stanchezza e dal caldo; e non avendo nè tempo, nè vigore
da riarmarsi, si diedero a fuggire, e nella fuga ne fu gran parte
uccisa.

Corradino ed il Duca d'Austria, col Conte Gualvano ed il Conte
Girardo da Pisa pigliaron la via della marina di Roma, con intenzione
d'imbarcarsi là, ed andare a Pisa; e camminando di giorno e di notte,
vestiti in abito di contadini, arrivarono in Astura, terra in quel
tempo de' Frangipani nobili Romani: dove con acerbo lor destino a caso
scoverti, furono da uno di que' Signori fatti prigioni, e di là a poco
condotti e consignati a Re Carlo, che gli mandò prigioni in Napoli,
e gradì questo dono, come preziosissimo, donando a quel Signore la
Pelosa ed alcune altre castella in Valle Beneventana, e volle, che
si fermasse in Napoli: da cui discesero i Frangipani che goderono gli
onori lungamente del Seggio di Portanova di Napoli.

D. Errico di Castiglia, mentre fuggiva, fu incontrato dalle genti di
Carlo, i quali ruppero le sue truppe, e ne fecero molti prigioni; ed
egli si salvò fuggendo per beneficio della notte. Alcuni narrano, che
si ricovrò in Monte Cassino, ove da quell'Abate, che credette farsi
un gran merito col Papa, fu fatto prigione, e fattosi assicurare di
risparmiargli la vita, lo mandò in dono a Papa Clemente, il quale
tosto l'inviò al Re Carlo, che insieme con gli altri lo fece condurre
prigioniero in Napoli. Altri dicono, che fuggì verso Rieti, e che pure
un Abate d'un altro monastero, dove capitò, fattolo prigione, lo mandò
al Papa.

Soli scamparono dall'ira del Re, Corrado Capece, e Federico fratello
d'Errico; i quali trovandosi in Sicilia ebbero modo d'imbarcarsi sopra
alcune galee dei Pisani, ed a Pisa ne andarono.

In memoria di questa rimarchevole vittoria, per cui, se diam fede al
Fazzello, fu sparso il sangue di dodicimila Tedeschi, fece Re Carlo
edificare una Badia per li Monaci di S. Benedetto[133], nel luogo ove
seguì la battaglia col titolo di S. Maria della Vittoria, dotandola di
molte possessioni. Ma per le guerre seguenti fu disfatta e disabitata:
ed oggi il Papa conferisce il titolo di quella Commenda, la quale
è delle buone del Regno per li frutti delle possessioni, che ancora
ritiene[134].

Non si possono esprimere le crudeli stragi, che fece Carlo de' ribelli
e de' presi in battaglia dopo questa vittoria. Alcuni fece impiccar per
la gola, altri furono fatti morire col ferro, e moltissimi condennati
a perpetuo carcere. Le città delle nostre province, che alla venuta
di Corradino ribellaronsi, furono da' Franzesi manomesse, portando da
per tutto desolazioni, ruine ed incendi. Aversa fu disfatta, Potenza,
Corneto, e quasi tutti i castelli di Puglia e di Basilicata furono
crudelmente distrutti.

Nè minori furono le stragi nell'Isola di Sicilia. A Corrado
d'Antiochia, ed a molti Signori del partito di Corradino furono
prima cavati gli occhi, e poi fatti barbaramente impiccare. Ridusse i
Siciliani in una quasi schiavitudine, gravandogli di nuovi tributi; ed
i Franzesi insolenti non perdonavano nè all'onore, nè alle robbe degli
abitatori, onde nacque il principio del famoso Vespro Siciliano; poichè
i Siciliani per uscire da tanta servitù diedero poi mano alla cotanto
celebre congiura di Giovanni di Procida, della quale parleremo più
innanzi.

Debellò ancora i Saraceni, che s'erano fortificati in Lucera, ed avendo
ridotta quella città sotto la sua ubbidienza, fece ivi prigioneri
_Manfredino_, e sua madre Elena degli Angioli seconda moglie di
Manfredi, che condotti in carcere nel castel dell'Uovo di Napoli,
furono per opera del Re Carlo fatti ivi morire.

Scipione Ammirato ne' suoi Ritratti[135] rapporta, che i figliuoli di
Manfredi fossero stati tre, e che i lor nomi fossero Errico, Federico
e d'Ansellino, a' quali infino a' tempi del Re Carlo II, essendo
tenuti incarcerati nel castello di Santa Maria al Monte, si davano tre
tarì d'oro per ciascun giorno. Ma altri, fra' quali è _Inveges_[136],
rifiutano ciò, che scrive quest'Autore; poichè i due figliuoli
di Manfredi, ch'ebbe della prima sua moglie Beatrice di Savoja,
premorirono al padre, e sol _Manfredino_ figliuolo della seconda fu
fatto prigione con la madre, che furono da Carlo I fatti morire in
prigione.


§. II. _Infelice morte del Re CORRADINO, in cui s'estinse il legnaggio
de' Svevi._

Avendo con tali mezzi di crudeltà Carlo recati questi Regni sotto la
sua ubbidienza, ed usando rigore estremo, avendo ridotti i suoi sudditi
in istato di non poterlo più offendere, gli rimaneva solo di deliberare
ciò, che dovesse farsi di Corradino, del Duca d'Austria, e degli
altri Signori prigionieri. Ne volle prima il Re sentirne il parere
del Papa, con cui soleva consultare delle cose più ardue e gravi del
Regno. Scrivono Errico Gualdelfier, il Villani, Fazzello, Collenuccio,
ed altri, che Clemente alla domanda rispondesse queste brevi parole;
_Vita Corradini, mors Caroli: Mors Corradini, vita Caroli_. Lo niegano
il Costanzo, il Summonte e Rinaldo; ed il Summonte s'appoggia ad una
ragion falsissima, dicendo, che ciò non poteva avvenire, trovandosi già
dieci mesi prima morto Clemente, quando Corradino fu fatto decapitare:
nientedimeno ciò non ripugna al testimonio di quegli Scrittori, i
quali dicono, che Carlo richiedesse il Pontefice del suo parere, che
gli fu dato; ma che poco da poi prevenuto dalla morte non potè vedere
l'esecuzione del suo crudel consiglio. Il Costanzo avendo quel Papa
per uomo di santissima vita, e perchè lo scrive il Collenuccio suo
antagonista, non potè persuadersi a crederlo. Ma in ciò dee pur darsi
tutta la fede al Villani, il quale con tutto che Guelfo, e capital
nemico de' Svevi, difendendo il Papa, non ardisce di negarlo.

Papa Clemente non potè vedere l'esecuzione di sì fiero consiglio,
poichè a' 29 di novembre di quest'anno 1268 o pure com'altri scrissero
a' 30 dicembre trapassò; e per le continue fazioni contrarie de'
Cardinali, che per la potenza di Carlo non potevano deliberarsi ad
eleggere un successore di loro arbitrio e volontà, vacò la sede quasi
tre anni, cioè infino all'anno 1271 siccome scrive il Gordonio.

Re Carlo, morto il Pontefice, nel nuovo anno 1269 essendo per la sua
natural fierezza e crudeltà stimolato a prender di quell'infelice
Principe le più crudeli risoluzioni: per dar altra apparenza e più
speziosa a questo fatto, volle che si prendesse su ciò pubblica
deliberazione; e fatti convocare in Napoli tutti i maggiori Baroni di
quello, e quelli Signori franzesi che erano con lui ragunò un consiglio
affinchè deliberasse ciò che dovesse farsi di Corradino. I principali
Baroni franzesi erano in discordia; poichè il Conte di Fiandra genero
del Re e molti altri Signori più grandi e di magnanimo cuore, e che
non tenevano intenzione di fermarsi nel Regno, furono di parere, che
Corradino e 'l Duca d'Austria si tenessero per qualch'anno carcerati,
finchè fosse tanto ben radicato e fermato l'imperio di Carlo, che non
potesse temer di loro. Ma quelli, che aveano avuto rimunerazione dal
Re, e desideravano assicurarsi negli Stati loro (il che non parea, che
potesse essere, vivendo Corradino) erano di parere, che dovesse morire.
Altri, a cui era nota l'inclinazione del Re, per andar a seconda del
suo desiderio s'unirono co' secondi. A questa opinione s'accostò il
Re[137], o fosse per sua natura crudele, o per la grandissima ambizione
e gran desiderio di Signoria, che lo faceva pensare agli Stati di
Grecia, a' quali non poteva por mano senz'esser ben sicuro di non aver
fastidio ne' Regni suoi, massime per le rivoluzioni, ch'avea veduto
per la venuta di Corradino; onde dubitava, che i medesimi Saraceni,
ch'erano rimasti nel Regno, ajutati da' Saraceni di Barberia, essendo
egli lontano, non si movessero a liberarlo; fu conchiuso in fine, che
se gli dasse morte.

A questo fine, fu imposto, che gli si fabbricasse il processo sopra
queste accuse: di perturbatore della pubblica quiete, e dei precetti
de' sommi Pontefici: di tradimento contro la Corona: d'aver ardito
d'invadere ed usurpare il Regno con falso titolo di Re, e d'aver
tentato anche la morte del Re Carlo. Fu il processo fabbricato e
compito innanzi a Roberto da Bari, ch'era Protonotario del Re Carlo;
il quale proferì la sentenza di morte, e quella lesse in pubblico,
appoggiandola sopra le riferite accuse.

(Di questo Roberto e della poca sua letteratura, ne fa anche menzione
Errico d'Isernia in quella lettera scritta a Fr. Bonaventura, che
si legge nel Codice MS. della Biblioteca Cesarea di Vienna, _N._ 170
_pag._ 82 dove fra l'altre cose gli dice: _Novimus etiam, si ad moderna
tempora stilum retrahimus, quod Papa Clemens Robertum de Baro non
magnae Literaturae hominem, imo tantum ex usu aliquid cognoscentem,
apud Regem promovit Carolum_.)

Fu da questa sentenza di morte sol eccettuato D. Errico di Castiglia,
che fu condennato a perpetuo carcere in Provenza, per osservarsi la
fede data all'Abate, che lo consignò al Papa sotto parola, che di lui
non si spargesse sangue.

Fu a' 26 ottobre di quest'anno 1269 in mezzo del Mercato di Napoli
con apparati lugubri e funesti, essendosi apprestato il talamo e
l'altre pompe di morte, mandata in esecuzione sì barbara e scellerata
sentenza; e narrasi che l'infelice Corradino quando l'intese leggere
dal Protonotario, voltatosi a lui, gli avesse detto queste parole:
_Serve nequam tu reum fecisti filium Regis et nescis quod par in parem
non habet imperium_: poi rivolto al Popolo purgossi de' delitti, che
falsamente se gl'imputavano, dicendo, ch'egli non ebbe mai talento
d'offendere S. Chiesa, ma solo di acquistare il Regno a lui dovuto
per chiare e manifeste ragioni, e del quale a torto n'era stato
spogliato. Ch'egli sperava, che di sì inaudite e barbare violenze,
ne dovessero prender vendetta i Duchi di Baviera della stirpe di sua
madre, e che i Tedeschi, ancora non lasceranno invendicata la barbara
sua morte. E dette queste parole, trattosi un guanto, come vuole il
Collenuccio, e come altri un anello, lo buttò verso il Popolo, quasi
in segno d'investitura. E vi è chi scrive, che per tal atto avesse
voluto lasciar suo erede D. Federico di Castiglia figliuolo di sua zia,
che, come s'è detto, erasi da Sicilia fuggendo, ricovrato a Pisa. Ma
il Maurolico ed altri comunemente affermano, che Corradino con questo
segno, morendo senza figliuoli, istituì erede D. Pietro d'Aragona
marito di Costanza sua sorella cugina. E narra Pio II[138] che questo
guanto o anello fu raccolto da Errico Dapifero, da cui fu portato in
Ispagna al Re Pietro. Ond'è che i Re aragonesi e gli austriaci prendono
la lor ragione per la successione de' Regni di Sicilia e di Puglia,
non già dagli Angioini, ma da questo Corradino, il quale tramandogli
a' Re di Sicilia discendenti da Pietro e da Costanza figliuola di
Manfredi, siccome, dopo Aventino, scrissero Besoldo[139], il Summonte
ed altri. E gli Scrittori siciliani[140], che riguardando il testamento
dell'Imperador Federico, dove Manfredi è trattato come suo figliuol
legittimo, invitandolo alla successione de' suoi Regni nel caso che
Corrado ed Errico mancassero senza figliuoli, riputano per vero, ciò
che Matteo Paris narra, come una voce fatta insorgere da Manfredi
stesso, cioè, che sua madre essendo vicina a morte, fattosi chiamar
l'Imperadore, avesselo per le calde preghiere e sue pietose lagrime,
indotto per quelle poche ore di vita, che le rimanevano a riconoscerla
per vera moglie, con isposarla; ed in conseguenza, che per cotal atto
Manfredi si venne a legittimare[141]: tengono per cosa certa, che la
successione di questi Reami per la morte di Corradino si fosse diferita
a _Costanza_ figliuola di Manfredi e moglie del _Re Pietro_, ed a' suoi
discendenti; e che a ragione gli _Arragonesi_ ne cacciarono i Franzesi,
e con giustizia se ne rendesser poi Signori.

Ma perchè più dura e acerba fosse l'angoscia dell'infelice Corradino,
non fu il primo ad essergli mozzo il capo, ma vollero riserbarlo al
fiero spettacolo della decapitazione di Federico Duca d'Austria; poichè
il primo ad esser decapitato fu quest'infelice, il cui capo mozzo dal
carnefice prese in mano il dolente Corradino, e dopo averlo bagnato
d'amare lagrime, baciollo e se lo strinse al petto, piangendo la sua
sventurata sorte, ed incolpando se stesso ch'era stato cagione di sì
crudel morte, togliendolo alla sua infelice madre. Poi rincrescendogli
di sopravvivere a tanti acerbi spettacoli, postosi inginocchione
chiedendo perdono a Dio de' suoi falli, diede segno al carnefice di
dover eseguire il suo ufficio, il quale in un tratto gli recise il
regal capo. E dopo lui, furon decapitati il Conte Girardo da Pisa, ed
Hurnasio Cavalier tedesco, e nove altri Baroni regnicoli furono fatti
morire su le forche.

(Questo _Federico_ ultimo dell'antica stirpe Austriaca era della casa
di Baden, e s'intitolava Duca d'Austria, com'erede di Federico II il
Bellicoso. E' nacque da Gertrude figliuola d'Errico III ch'era fratello
del Bellicoso, la quale si maritò con Ermando di Baden, come narra
Gerardo _a Roo_[142]: _Cum Fridericus Austriae Ducum ex Babenbergensi
gente ultimus Anno post mille ducentos sexto et quadragesimo ex vulnere
in pugna cum Hungaris commissa accepto, obiisset, Hermanus Badensis,
qui Gertrudim illius ex fratre Henrico Medlicense neptem in matrimonio
habebat, Austriae gubernationem adierat. Ejus filius Fridericus annos
tutelae vix egressus, Neapoli cum Cunradino Apuliae et Siciliae Rege,
uti paulo post dicetur, capite plexus erat. Vedasi Struvio_[143]).

Questo infelice fine, compianto da quanti videro sì funesto ed orrido
spettacolo, ebbe il giovanetto Corradino in età di 17 anni. In lui
s'estinse la chiara e nobilissima casa di _Svevia_, che per linea non
men mascolina che femminina discendea da' Clodovei e dai Carolingi
di Francia, e da' Duchi di Baviera. Famiglia, che sopra tutte le
altre d'Europa contava più Imperadori, Re, Principi e Duchi, e che
sopra tutte le famiglie di Germania teneva il vanto di nobiltà. In
questo sangue incrudelì Re Carlo, portandogli cotal barbaro fatto
eterna infamia presso tutte le Nazioni d'Europa; nè vi è Scrittore,
ancor che franzese, che non detesti ed abbomini atto sì crudele, da
non paragonarsi a quante empietà e scelleraggini si leggono de' più
fieri Tiranni, ch'ebbe la terra. Quindi in Alemagna surse l'illustre
Casa d'Austria; poich'estinta la stirpe de' Principi di _Svevia_, e
Riccardo, fratello del Re d'Inghilterra, che aspirava all'Imperio,
essendo morto, ed Alfonso Re di Castiglia suo competitore non avendo
più partigiani in Alemagna, gli Elettori l'anno 1273 si ragunarono
in Francfort, ed elessero per Imperadore _Rodolfo Conte di Auspurg_,
il quale fu coronato l'istesso anno in Aquisgrana, e riconosciuto da'
Principi d'Alemagna; ed avendo umiliato Ottogaro Re di Boemia, fece che
restituisse l'Austria, la qual diede ad _Alberto_ suo primogenito, i di
cui discendenti presero il nome di _Austriaci_.

Ecco finalmente come dopo 69 anni terminò in Sicilia, ed in Puglia
il Regno de' Svevi e con qual crudel principio cominciasse quello de'
_Franzesi_, che portò in queste nostre province grandi mutazioni, così
nello stato civile e temporale, come nello ecclesiastico e spirituale.
Ciò, che dopo aver narrata la politia ecclesiastica di questi tempi,
sarà il soggetto de' seguenti libri di quest'Istoria.



CAPITOLO V.

_Politia ecclesiastica dal decimoterzo secolo insino al Regno degli
Angioini._


La potenza de' romani Pontefici si stese in questo secolo tanto, che
non fu veduta in altri tempi maggiore: volevan esser creduti Monarchi
non meno nello spirituale che nel temporale, e s'arrogavano perciò
la facoltà di poter deporre i Principi da' loro Stati e Signorie:
chiamargli in Roma a purgarsi de' delitti, dei quali erano stati
accusati: assignar loro certo termine a comparire, sentenziargli, e
nel caso non ubbidissero, di dichiarargli decaduti da' loro Reami:
assolvere i loro vassalli da' giuramenti dati, ed invitar altri alla
conquista delle Signorie, ond'erano stati deposti. Riputandosi Signori
del Mondo, non aveano difficoltà d'investire i loro devoti di province,
e di Regni in tutta la terra, ed in tutto il mare d'isole e golfi, e
d'altre province sconosciute e lontane. Bonifacio VIII avendo Ruggiero
di Loria famoso Ammiraglio di mare conquistata Gerba ed alcune altre
isole dell'Affrica, tosto nel primo anno del suo Ponteficato 1295
essendo in Anagni gliene spedì Bolla d'investitura, per la quale
gli concedè in Feudo le isole suddette con obbligarlo a prestar il
giuramento di fedeltà ed omaggio, e di pagarli cinquanta once d'oro
l'anno al peso del Regno di Sicilia, per censo, in ricognizione del
dominio diretto, ch'egli vi pretendeva, siccome lo pretendeva in
tutte le altre province del Mondo; e la carta di quest'investitura
è rapportata dal Tutini[144]. E da questo principio nacque, che
Alessandro VI nell'anno 1493 si facesse lecito di concedere la terra
ferma e l'isole insino a' suoi tempi sconosciute, e tirar una linea da
un Polo all'altro, assegnandole e donandole a Ferdinando ed Isabella
Re di Castiglia[145]. Quindi surse la nuova dottrina professata da'
Dottori Guelfi e dai Canonisti che il Papa fosse Signore di tutto
il Mondo contrastando a' Dottori Ghibellini, che ne facevano Signore
l'Imperadore.

La Cattedra di S. Pietro volevano che si riputasse la Reggia universale
del Cristianesimo, ed a questo fine ingrandirono i Cardinali e
depressero i Vescovi, per rendere più maestosa la loro Sede. I
Cardinali, come si è veduto, sdegnavano di andar di persona a trattare
con Manfredi, dicendo, che ciò non era di loro stima ed onore; ed
Innocenzio IV ad onta di Federico, che s'ingegnava abbassargli insieme
con tutto l'Ordine ecclesiastico, volle dargli il cappel rosso, la
valigia e la mazza d'argento quando cavalcavano, volendo che alla regia
dignità fosse la loro agguagliata; ed essendosi da poi proccurato
d'innalzar assai più la loro dignità a gradi ed onori _Eminenti_,
vennero dagli adulatori della Corte romana anche chiamati _Grandi
Senatori_, che venerati con regali onoranze eleggono il _Supremo
Principe_, che così chiamano il Papa, ed assistono al suo gran soglio.

Divenuto il Papa Monarca, i Cardinali grandi Senatori, e la Sede
Appostolica Reggia e Corte universale del Cristianesimo, Gregorio
IX per maggiormente stabilire la Monarchia applicò l'animo ad una
compilazione e pubblicazione di _Decretali_, le quali terminarono
di mettere interamente in rovina il diritto antico de' Canoni, e
stabilirono la possanza assoluta e senza termine de' romani Pontefici;
poichè considerando, che siccome l'Imperador Teodosio formò la
politia dell'Imperio, con far raccorre le costituzioni ed editti,
così suoi, come degli altri Imperadori predecessori in un libro, che
fu poi chiamato il _Codice Teodosiano_; e l'Imperador Giustiniano,
oltre la compilazion delle _Pandette_, che contenevano le leggi
antiche accomodate al suo tempo, ridusse ancora in un corpo le sue
costituzioni e quelle de' predecessori Imperadori nel suo _Codice_;
così bisognava formar una nuova politia per la Chiesa accomodata a'
suoi tempi (giacchè, mutate le cose, la compilazione del _Decreto_
non era a proposito) e di ridurre perciò in un corpo tutte l'epistole
decretali de' suoi predecessori, con separarle da' canoni, e dall'altre
epistole de' Pontefici, le quali non potevano servire, come queste,
ch'egli trascelse, per stabilire la Monarchia romana, e massimamente
per la materia beneficiale e per lo Foro episcopale, e per maggiormente
stendere la conoscenza nelle cause e la loro giurisdizione; ond'egli,
ad imitazione di que' due grandi Imperadori, ordinò la compilazione
d'un nuovo Codice; ed aboliti tutti gli altri rescritti, volle, che
questo suo libro, che chiamò _Decretale_, avesse tutta la forza e
vigor di legge; nel quale vi è molto più intorno a quello che concerne
l'edificazione de' processi, che l'edificazione dell'anime.


§. I. _Della compilazione delle decretali; e loro uso ed autorità._

Epistole decretali erano ne' primi tempi chiamate quelle lettere,
che i Vescovi delle Sedi maggiori scrivevano a' Padri della Chiesa,
che gli richiedevano di qualche parere intorno alla dottrina, e
disciplina della Chiesa[146]. Ma da poi il Pontefice romano, come Capo
della Chiesa essendosi innalzato sopra tutti i Vescovi e Patriarchi,
e facendo perciò valere la sua autorità più di tutti gli altri,
s'appropriò egli solo di mandar sue epistole ai Padri ed a' Vescovi,
che ricorrevano a lui per consultarsi di qualche affare delle loro
Chiese; e pervenute queste epistole a qualche numero, sin ne' tempi
di Papa Gelasio nel Sinodo di 70 Vescovi tenuto in Roma nell'anno 494
furono quelle confermate, acquistando vigore non meno che i Canoni, che
ne' Concilj erano stabiliti[147].

Ma a' tempi di Carlo M. che favorì cotanto i Pontefici romani,
acquistando vie più forza le loro decretali, si cominciò a separarle
da' Canoni, e riputandosi non esser mestieri per aver vigore, di esser
confirmate da' Concilii, o da' Sinodi, si credette, che esse sole
bastassero per regolare la dottrina e la disciplina della Chiesa, onde
maggiormente i Pontefici stabilirono la loro autorità, e vie più crebbe
il lor numero, tanto che bisognò pensare ad unirle insieme, e farne
raccolta, con introdursi perciò un nuovo dritto Pontificio, lasciando
da parte stare i Canoni de' Concilii[148].

La prima compilazione di queste lettere decretali separate da' Canoni
la fece _Bernardo Circa_ Preposito di Pavia, e poi Vescovo di Faenza,
il quale sotto certi titoli dispose le decretali de' Pontefici,
cominciando da Alessandro III, insino a Papa Celestino III il qual
pervenne al Ponteficato nell'anno 1191. Non ebbe egli altro scopo, se
non perchè quella servisse, come un supplemento al decreto di Graziano;
onde questa Raccolta fu chiamata libro delle _Stravaganti_, perchè
le Costituzioni ivi racchiuse, vagavan fuori del _Decreto_[149].
Antonio Augustino la diede alla luce, dandole il primo luogo fra le
altre Raccolte delle antiche decretali. In questo decimoterzo secolo
ne surse un'altra, di cui si nominano tre Autori, _Gilberto_, _Alano_
e _Giovanni Gallense_. Questi imitando _Bernardo_, raccolsero le
decretali di quelli Pontefici, che vissero dopo Bernardo; ma sopra i
due primi si distinse _Giovanni_, che ne fece più ampia Raccolta[150].
La terza la dobbiamo a Bernardo _Compostellano_ il quale da' Registri
d'Innocenzio III Pontefice il più dotto, e 'l maggior facitore di
decretali, le raccolse, fu chiamata _Romana_[151].

Tutte queste Collezioni essendosi fatte per privata autorità, allegate
nel Foro o altrove, non avevano vigor alcuno; onde era di mestieri
da' scrigni della Chiesa di Roma cavar gli esemplari perchè facessero
autorità. Per la qual cosa i Romani pregarono Innocenzio III perchè
di sua autorità comandasse una nuova Compilazione: Innocenzio loro
compiacque e diede la cura a _Pietro Beneventano_ suo Notajo, che la
facesse: questi nell'undecimo anno del suo Ponteficato intorno il 1210
la fece, e fu la prima raccolta del _jus Pontificio_, che si facesse
con pubblica autorità[152]. Passati cinque anni, coll'occasione del
Concilio tenuto in Laterano sotto il medesimo Pontefice, se ne fece
un'altra nel 1215, nella quale furono aggiunte tutte le decretali e
rescritti, che per lo spazio di que' cinque anni eransi emanati. Da
poi nell'anno 1227 _Tancredi_ Diacono di Bologna ne fece un'altra,
nella quale unì le Costituzioni d'Onorio III successor d'Innocenzio; ma
quantunque fosse stata terminata in quell'anno, nel quale morì Onorio
IX suo successore, che meditava oscurar la fama de' suoi predecessori
con una più ampia o nuova compilazione, la fece supprimere, nè mai
vide la luce del Mondo, se non negli ultimi tempi, quando Innocenzo
Cironio nell'anno 1645 la fece imprimere in Tolosa colle sue dottissime
chiose[153].

Gregorio IX adunque per maggiormente stabilire la Monarchia romana,
ordinò, che si compilasse un nuovo Codice, nel quale ad imitazione
dell'Imperadore Giustiniano, volle, che risecate le altre Costituzioni
dei Pontefici suoi predecessori, le quali non erano più confacenti
a' suoi tempi, s'inserissero in quello le sue e l'altre de' suoi
predecessori, che egli stimò più a proposito; ed oltre a ciò, perchè
non s'avesse occasione di ricorrere al _jus civile_, statuì da se molte
cose ancorchè non richiesto[154], affinchè con questo suo Codice si
regolassero i Tribunali ne' giudicii, e le Scuole nell'insegnar a'
giovani la giurisprudenza. Commise la compilazione di quest'opera a
_Raimondo di Pennaforte_ del Contado di Barcellona, Frate Domenicano,
gran Canonista, ed Inquisitore in Catalogna, e molto caro a Giacomo Re
d'Aragona, che lo trascelse per suo Confessore[155]. Gregorio tratto
dalla fama della sua dottrina e bontà de' costumi, lo fece venire in
Roma, e lo creò suo Cappellano e Penitenziero, dignità che a que' tempi
non si conferiva se non che ad uomini riguardevoli e letteratissimi.
Costui eseguendo la sua commessione la ridusse a compimento. Divise
l'opera in cinque libri, e seguitò l'istesso metodo appunto, che tenne
Triboniano nella compilazione del Codice di Giustiniano[156].

Papa Gregorio, vedendo terminata l'opera a seconda del suo genio,
tosto promulgò una Costituzione, che la propose all'istesso Codice,
per la quale, abolendo tutte le altre, comandò a tutti, che solamente
di questa compilazione si servissero così ne' giudicii, come nelle
scuole: proibendo ancora con molto rigore, che per l'avvenire niuno
abbia ardimento di farne altra, senza spezial autorità della Sede
Appostolica[157]. Comandò ancora, che per tutto il Mondo si divolgasse,
ed in tutte l'Accademie ed Università d'Europa si legesse[158],
infiammando allo studio di quella non meno i Professori, che gli
scolari.

Non vi fu parte d'Europa, che per la potenza e credito di Gregorio non
la ricevesse con ardore; e si mossero i Professori da tutte le parti,
non meno ad insegnarla nelle scuole, che a farvi copiose chiose. I
primi furono _Ruffino_, _Silvestro_ e _Riccardo_ inglese: _Rodovico_
cognominato di _pocopasso_, e Pietro _Corbolo_, ovvero _Boliato_
spagnuolo: _Bertrando_, _Damaso_ ed _Alano_ inglese: _Pietro_ Preposito
di Pavia, _Pietro Gallense_ di Volterra, _Bernardo Compostellano_,
_Vincenzo Castiglione_ di Milano, _Giovanni Teutonico_ e _Tancredi_.
Seguitarono appresso le costoro pedate _Guglielmo Naso_ e _Giacomo di
Albenga_ Vescovo di Faenza, _Vincenzo Goffredo_, _Filippo_, _Innocenzio
Ostiense_, _Pietro Sampso_, _Egidio_ bolognese, _Bonaguida_ d'Arezzo,
_Francesco_ da Vercelli, _Boatino_ di Mantua, e l'_Arcidiacono_.
Ma surse poi sopra gli altri _Bernardo Bottone_ da Parma, il quale
raccogliendo tutte le costoro Chiose, ne fece egli, intorno l'anno
1240, una più ampia, trasferendo a se la gloria di tutti[159].

Anche i _Monaci_ per secondare il genio de' Pontefici v'impiegarono i
loro talenti, e sopra queste _Decretali_ composero un'opera intitolata
_Suffragium Monachorum_; ma come mancante delle cose sustanziali,
e ripiena di molti errori e di cose vane e superflue, riuscì molto
inetta ed inutile. _Frate Giacomo_ Canonico di S. Giovanni in Monte
pure intorno a ciò volle affaticarsi: ma così egli, come tutti coloro,
che vi s'erano affaticati riuscirono inetti, e siccome per quelli, che
s'erano impiegati sopra il _Decreto_, ne nacque il proverbio _Magnus
Decretista, Magnus Asinista_, così ancora, secondo che ci testifica
Giacomo Gujacio[160], non vi furono Dottori più inetti di coloro, i
quali a questi tempi si posero a scrivere sopra questo nuovo _Diritto
Pontificio_.

Dopo questa compilazione di Gregorio non tralasciarono gli altri
Pontefici suoi successori (per ingrandire vie più la Monarchia
romana) di stabilire altre loro Costituzioni, sicchè nel fine di
questo istesso secolo decimoterzo non fosse stimata necessaria da
Bonifacio VIII una nuova altra compilazione. Se n'erano stabilite
alcune da Gregorio istesso, molte da Innocenzio IV, da Alessandro IV,
da Urbano IV, da Clemente IV, da' due Gregorio IX e X, da Niccolò III
e dall'istesso Bonifacio. Vi erano ancora molte Costituzioni fatte
nel Concilio di Lione nell'anno 1245 sotto Innocenzio IV. Ve n'erano
ancora delle stabilite nell'altro Concilio di Lione, tenuto nel 1274
sotto Gregorio X. Per tanto Bonifacio VIII, il quale sopra tutti gli
altri suoi predecessori ebbe idee molto grandi, e vaste del Ponteficato
romano, riputando per quella sua veramente _stravagante_ Costituzione
_unam Sanctam_, che in balia del Papa sia maneggiar ugualmente i due
coltelli, e la sovranità temporale essere dipendente dalla spirituale:
volle, che di tutte queste Costituzioni se ne formasse una nuova
raccolta, e fosse come di Giunta a quella fatta da Gregorio IX, e ne
diede l'incumbenza a tre Cardinali, a Guglielmo Mandagoto Arcivescovo
d'Ambrun, al Vescovo Berengario Fredello ed a Riccardo Malumbro da
Siena gran Dottore di que' tempi, e Vicecancelliere della chiesa di
Roma[161]. Costoro diedero compimento all'opera, e la divisero pure in
cinque libri, e quasi in altrettanti titoli, come fu divisa da Raimondo
di Pennaforte la sua. Bonifacio, compita che fu, la fece pubblicare
intorno l'anno 1299 e volle, che s'aggiungesse al volume delle
decretali di Gregorio, e si chiamasse perciò il _Sesto_ libro; e con
sua particolar Bolla ordinò, che da tutti s'osservasse, che in tutte
l'Università del Mondo si leggesse, e ne' Tribunali avesse la sua forza
e vigore, non altrimenti di quel, che Gregorio fece per la sua; ma in
Francia questa compilazione di Bonifacio non ebbe gran successo, non
solo per contener molte ordinazioni riguardanti l'ingrandimento della
sua potenza, e del maggior guadagno della sua Corte, ma ancora perchè
molte cose in quella avea stabilite in odio del Regno di Francia per le
controversie, ch'allora ardevano fra lui e il Re Filippo il Bello[162].
Non così gli avvenne negli altri Regni[163] dove fu con onor ricevuta,
nè le mancarono Canonisti, che vi facessero le loro Chiose, e fra
gli altri il famoso _Giovanni d'Andrea_ insigne Dottore del diritto
canonico di quei tempi[164].

Seguirono da poi nel seguente secolo decimoquarto l'altre Collezioni
chiamate le _Clementine_; ed anche l'_Estravaganti_, affinchè siccome
le compilazioni sinora fatte corrispondevano, cioè quella del _Decreto_
alle _Pandette_, e le _Decretali_ al _Codice_, così l'_Estravaganti_
corrispondessero alle _Novelle_; e perchè niente mancasse, negli ultimi
secoli, si venne anche a far compilare i libri delle _Istituzioni_; di
che ne' loro luoghi e tempi secondo l'opportunità, che ci sarà data,
ragioneremo.

Queste _Decretali_ presso di noi durante il Regno de' Svevi, in quelle
cose, che s'opponevano alle nostre _Costituzioni_, non ebbero gran
successo: e così Federico II come gli altri Re svevi suoi successori
fecero valere le loro Costituzioni, e quelle dei Re normanni suoi
predecessori, contrastando con vigore alle sorprese, che intendevano
fare i romani Pontefici sopra i loro diritti e supreme regalie,
facevano valere le leggi da essi stabilite sopra i matrimoni, sopra gli
acquisti de' stabili alle Chiese, mantenevano le loro regalie nelle
Sedi vacanti, nell'elezioni de' Prelati, e sopra tutto ciò, che ne'
precedenti libri si è potuto osservare.

Ma caduto questo Regno sotto la dominazione degli Angioini uomini ligi
de' Pontefici romani, e da' quali riconoscevano il Regno, prendendo
vigore la fazion Guelfa, ed abbassata affatto la Ghibellina, tantosto
si vide tutto mutato, ed introdotte nuove massime, e le _Decretali_ non
pur ricevute ed insegnate nelle scuole, ma anche ne' Tribunali: non già
per legge d'alcun Principe, ma per l'uso e consuetudine, che di quelle
s'avea in ciò, che non era espresso nel diritto civile, e massimamente
per l'edificazione de' processi nelle cause forensi, per la forma
e per l'ordine di procedere ne' giudicii, contenuto nel secondo
libro[165]; siccome ancora per le cause ecclesiastiche, e dove accadeva
disputarsi di cosa, che poteva portar peccato e pericolo della salute
dell'anima[166]. Ed i nostri Principi della casa d'Angiò, ancorchè
conoscessero essersi quel volume fatto compilare per gareggiare colle
leggi degli Imperadori, ed ingrandire la potenza de' Pontefici, e
che si metteva mano non pure alle cose ecclesiastiche ma anche alle
profane, con assumersi autorità di giudicare sopra tutte le cause ne'
dominii dei Principi cristiani, così fra gli Ecclesiastici come fra'
laici; nulladimanco parte per trascuraggine ed ignoranza, non sapendo
essi farne migliori, parte perchè molto loro premea aver la grazia e
buona corrispondenza de' Pontefici, non si curarono di farle valere ne'
loro dominii, e che non pure nelle pubbliche scuole s'insegnassero, ma
anche ne' loro Tribunali s'allegassero.

I nostri Professori perciò vi s'applicarono non meno di quello,
che faceano gli altri nelle altre città d'Italia; onde imbevuti
delle loro massime, ciò che non era a quelle conforme, era riputato
straniero ed ingiusto. Alcune Costituzioni di Federico e degli altri
Re normanni suoi predecessori, parvero perciò empie, e tra l'altre
quelle, che disponevano de' matrimoni, degli acquisti, della cura
delle robe delle Chiese vacanti e cose simili: si credette che ciò
non potesse appartenere alla potestà del Principe, e fosse un metter
la falce nell'altrui messe. Andrea d'Isernia disse chiaramente, che
tutto ciò erasi prima stabilito, perchè allora non era uscito fuori
il libro delle _Decretali_: _non erat compilatum_ (e' dice) _volumen
Decretalium_[167].

A tutto ciò providero ancora i romani Pontefici nell'investiture, che
diedero a' nostri Re, e Clemente IV in quella che diede al Re Carlo I
d'Angiò, volle che s'annullassero tutte le Costituzioni e tutti gli
Statuti, che riputava essere contra la libertà ecclesiastica[168],
togliendogli molte regalie e preminenze, che i Re normanni e svevi si
aveano mantenute; onde presso di noi nel Regno degli Angioini, non
solo i Pontefici romani non ebbero alcuno ostacolo a' loro disegni
di stabilire la Monarchia; ma trattando questo Reame come lor Feudo,
ed i Principi come veri Feudatarj e loro ligi, vi fecero progressi
maravigliosi, come si vedrà chiaro ne' seguenti libri di quest'Istoria.


§. II. _Elezione de' Vescovi, e provisione intorno a' beneficj._

Non bastava per fondar una Monarchia provvederla di sole leggi, ed
ornar la Corte di grandi Senatori, e di altri Ministri per renderla più
maestosa; ma bisognava ancora provvederla di denaro, per mantenerla con
pompa e fasto conveniente ad una Reggia universale del Cristianesimo,
senza il quale sarebbe tosto sparita. Le sole rendite dello Stato della
Chiesa di Roma non bastavano: si proccurò pertanto tirare da tutte le
province ogni cosa a Roma. Bisognava, che siccome gli altri Principi
per gratificare i loro fedeli, e per premiare coloro che per essi
militavano, concedevan Feudi, Dignità ed Ufficj: così era uopo averne
de' consimili per potergli dispensare a coloro che militavano per
la Corte, e trovar mezzi per istabilirgli, affinchè niente mancasse,
ed in tutto il Sacerdozio corrispondesse all'Imperio. S'istituirono
perciò molte dignità ed ufficj, i quali non appartengono punto alla
Gerarchia della Chiesa per ciò che concerne il suo potere spirituale;
ma indrizzati solamente per la temporalità e giurisdizione, e per
le cose del governo politico: ed in ciò la Corte di Roma ha superate
tutte l'altre Corti de' Principi. Per li _Feudi_, si sono istituiti
i _Beneficj_, e siccome per la materia _Feudale_ surse una nuova
giurisprudenza, che ha occupati tanti volumi, così per la materia
_Beneficiale_ ne surse un'altra, che ha occupati assai più volumi
presso i _Canonisti_, che non la Feudale presso i _Legisti_.

La maniera, che si praticò per fargli sorgere, fu non meno ingegnosa
che travagliosa: bisognò lungo tempo per istabilirgli, e s'ebbero da
sostenere grandi contese co' Principi, e co' Popoli, e Capitoli delle
province per tirargli tutti a Roma.

L'elezioni de' Vescovi, ancorchè in apparenza si lasciassero al Clero,
si è già veduto, che i Pontefici si servivano di varj mezzi per tirarle
tutte in Roma. Si proccurò ancora togliere nell'elezioni l'assenso a'
nostri Principi: Federico II, Corrado e Manfredi sostennero con vigore
i loro diritti, nè permisero sopra ciò novità alcuna; ma Clemente
IV, investendo Carlo I d'Angiò, fra i Capitoli, già rapportati,
che gli fece giurare, volle espressamente, che si rinunciasse a
quest'assenso, e nel capitolo 18 gli prescrisse, che così egli, come
i suoi successori, non s'intromettessero nell'elezioni, postulazioni e
provisioni de' Prelati, in maniera, che nè prima, ne dopo l'elezione si
ricercasse regio assenso; ma solamente lor rimanesse salvo il diritto,
che per ragione di _patronato_ avessero in alcune Chiese, per quanto i
canoni concedono a' _padroni_ di quelle[169].

Rimase solamente a' nostri Re la facoltà di poter impedire all'eletto,
che se gli dasse la possessione senza il lor _placito regio_; e questa
pure tentarono di contrastarla; ma non meno gli Aragonesi, che gli
Angioini stessi loro ligi, se la mantennero, leggendosi, che Carlo II
essendo stato eletto Manfredi Gifonio Canonico di Melito per Vescovo
di questa istessa città, perchè era al Re sospetto, gl'impedì il
possesso di quella Chiesa, non concedendogli il _regio exequatur_,
come si legge nella carta del Re data in Napoli nell'anno 1299,
rapportata dall'Ughello nella sua Italia Sacra[170]. E tutti gli altri
Re Angioini, come Carlo III Ladislao, insino alla Regina Giovanna II
quando gli eletti non eran loro sospetti, davano alle Bolle papali di
loro provisione l'_exequatur_; di che presso il Chioccarelli[171] se ne
leggono più esempj.

Tolse ancora Clemente a' nostri Re la _Regalia_, la quale (non meno
che i Re di Francia) tenevano nelle Sedi vacanti del nostro Regno,
con porvi i Regj Baglivi, o altre persone da essi destinate per
l'amministrazione dell'entrate, per conservarle al successore, secondo
il prescritto de' canoni; e Federico II, com'è chiaro dalle nostre
Costituzioni del Regno[172], ve la mantenne. Siccome altresì fece
Corrado suo successore, il quale, secondo che narra Matteo Paris,
essendo stato dal Pontefice, fra l'altre cose, imputato, che avesse
occupato i beni delle Chiese vacanti; rispose all'accusa, ch'egli non
faceva usurpazione alcuna, ma valevasi di quella istessa ragione, che
i suoi Predecessori s'erano valsi nelle Sedi vacanti, con dar la cura
de' beni di quelle a' suoi proccuratori idonei, e fargli da quelli
amministrare; e che egli era contento di valersi di quell'istessa
ragione, che i Re di Francia, e d'Inghilterra valevansi nelle Chiese
vacanti de Regni loro[173].

Ma Clemente IV ne' suddetti Capitoli investendo Carlo I ciò non
piacendogli, volle nel capitolo 22 obbligare quel Re, e suoi successori
a rinunziare a qualunque _Regalia_, stabilendo, che nelle Sedi vacanti
non potesse pretendere, nè avere, nè regalie, nè frutti; rimanendo
intanto, finchè non fossero proviste, la custodia delle Chiese presso
le persone ecclesiastiche, le quali secondo il prescritto de' Canoni
dovranno amministrare le rendite di quelle, e conservarle a' futuri
successori[174]. Questo fu un gran passo, che avanzarono i Pontefici
romani, togliendo a' nostri Principi le regalie nelle Chiese vacanti;
poichè, se bene in questi principii si mostrasse di far rimanere
la cura delle medesime alle persone ecclesiastiche, e di regolare
l'amministrazione delle loro entrate secondo i Canoni; nulladimanco in
processo di tempo, vi destinarono essi i Collettori e Nunzii, i quali
mettendo mano sopra i beni di quelle, non più a' futuri successori, ma
a Roma si serbavano i frutti; onde fu stabilito presso di noi un nuovo
fondo, e cominciò a sentirsi il nome di _Nunzio Appostolico_, il che
non ebbe perfezione se non nel seguente secolo decimoquarto nel Regno
di Roberto per le cagioni, che saranno da noi rapportate ne' libri
seguenti di quest'Istoria, quando ritornerà occasione di favellare
dell'introduzione del _Collettore Appostolico_ nel Regno e de' suoi
maravigliosi progressi in fornir Roma di danari per gli spogli delle
nostre Chiese, e per altri emolumenti, che ivi si tirarono.

Si fecero ancora a questi tempi altre sorprese per tirar ogni cosa
in Roma; poichè quando prima, secondo i concordati dal Re Guglielmo I
colla Sede Apostolica, non erano accordate le appellazioni del Regno
di Sicilia[175]; ora Clemente nel 18 articolo dell'investitura data a
Carlo, espressamente convenne, che le cause ecclesiastiche dovessero
trattarsi innanzi agli Ordinarii, e per appellazione dalla Sede
Appostolica; ed essendosi proccurato in questi tempi, come vedremo più
innanzi, stendere la conoscenza, ed il Foro episcopale in immenso, e
tanto che non vi era litigio, dov'essi non pretendessero metter mano,
furono tirate tutte le cause in Roma: ciò che apportò a quella Corte
grandi emolumenti e danari.

Ma quello, che portò maggior utile e guadagno alla Corte di Roma,
siccome non minor povertà al Regno, fu la provisione de' beneficii,
ed i varii mezzi e modi inventati e stabiliti da poi per le loro
_Decretali_, ed _Estravaganti_ e molto più _per le Regole della
Cancelleria_, per le quali quasi tutto il denaro delle nostre chiese e
monasterii va a colare in Roma.

Il nome di _Beneficio_ fu ne primi secoli della Chiesa inaudito, nè
per tutto il tempo, che durò la quadripartita divisione de' beni di
quella, s'intese mai; ma quella poi posta in disuso ed annullata,
si videro varie mutazioni. Siccome la parte assignata a' poveri si
diede a' Vescovi col peso d'alimentargli, così la porzione assegnata
a' Cherici cessò, ed in sua vece furono assegnati agli ecclesiastici
ufficii certi, con destinar loro determinate rendite, delle quali si
servissero i Ministri delle Chiese, come di roba propria; e questo
dritto di raccogliere le mentovate rendite congiunto col ministerio
spirituale, fu generalmente appellato _Beneficio_, e credesi che
tal nome, ed assegnato di rendite a ciascun ministero cominciasse
nel nono secolo circa l'anno 813 come si raccoglie dal _Maguntino_,
celebrato in quell'anno, dove la prima volta si fa menzione del
Beneficio ecclesiastico[176]. In cotal guisa, siccome coloro, che
militavano per l'Imperio, erano premiati con Feudi, che pure si dissero
_Beneficj_, così i Ministri militanti per la Chiesa era di dovere, che
si premiassero con tal sorte di _Beneficj_, cioè con queste rendite,
e dignità ecclesiastiche, le quali erano chiamate Beneficj; affinchè
con tal premio ciascuno si rendesse più animoso e forte, e adempisse al
proprio dovere ed ufficio.

Ma questi beneficj non essendo, che un dritto annesso e dipendente dal
ministerio di godere le rendite ecclesiastiche in vigore d'una canonica
istituzione, bisognava, che chi il conferiva, avesse ragione e potestà
di conferirlo, e che la persona, a chi si conferiva, fosse parimente
ecclesiastica, per cagion del ministerio, a cui con titolo perpetuo
era unito. Nelle diocesi la facoltà di conferire era de' Vescovi, i
quali o liberamente gli conferivano, ovvero di necessità; ed era quando
il beneficio non poteva conferirsi se non a colui, che il _Padrone_
presentava in vigor del _patronato_, che v'avea: diritto, che erasi
acquistato, o per aver fondata la Chiesa, o arricchitala di beni, sopra
i quali avea istituito il beneficio.

I Pontefici romani trovaron mezzi non solo di tirar in Roma le
collazioni, e privarne i Vescovi, ed i padroni delle presentazioni,
ma d'inventare nuove regole, perchè ogni cosa servisse a congregar
tesori. Prescrissero certi termini, così agli uni, come agli altri, di
valersi di loro ragione, li quali elassi, la collazione si devolve a
Roma. Parimente se nominavano persone indegne ed incapaci, ed a' quali
ostassero canonici impedimenti, a' quali essi soli si riserbarono la
potestà di poter dispensare, togliendola ad ogni altro. Se fra gli
presentati, o eletti accadeva litigio, la causa era tirata in Roma,
e spesso il beneficio si conferiva nè all'uno, nè all'altro, ma ad
un terzo. S'introdusse, che il Papa potesse concorrere, e prevenire
ciascun collatore de' Beneficj. S'inventò la _Riservazione_, ch'è un
decreto, per cui il Papa innanzi che un Beneficio vachi, si dichiara,
che quando vacherà, nessuno lo possa conferire. Che li vacanti in
Curia, la provisione sia del Papa; siccome tutti li vacanti per
privazione, ovvero per traslazione ad un altro Beneficio, ed ancora
tutti quelli, the fossero rinunziati in Curia, e tutti li Beneficj dei
Cardinali, Ufficiali della Corte, Legati, Nunzj, ed altri Rettori e
Tesorieri nelle terre dello Stato romano, e parimente li beneficj di
quelli, che vanno alla Corte per negozj, se nell'andare, o nel tornare
morissero circa 40 miglia vicini alla Corte, ed ancora tutti quelli,
che vacassero, a cagione che li possessori loro avessero avuto un altro
beneficio.

Furono ancora introdotte le _Rassegnazioni_, comandandosi sotto
spezioso pretesto di levare la pluralità de' Beneficj, che chi ne avea
più gli rassegnasse; e per l'avvenire, chi avendo un beneficio curato
ne ricevesse un altro, dovesse parimente rassegnar il primo, e li
rassegnati fossero riservati alla disposizione del Papa.

S'introdussero in questo secolo le _Commende_ dei beneficj, le quali
secondo la loro istituzione antica, non duravan, che per poco tempo:
perchè vacando un beneficio, che dall'Ordinario per qualche rispetto
non si potesse immediatamente provvedere, la cura di quello era
raccomandata dal Superiore a qualche soggetto degno, sin tanto che
la provisione si facesse, il quale però non aveva facoltà di valersi
dell'entrate, ma di governarle, e riserbarle al futuro successore; ma
poi, ancorchè i Pontefici proibissero a' Vescovi il _Commendare_ più
che sei mesi, essi passarono a dare le Commende a vita. E le _Commende_
delle nostre Badie rendute ricchissime, che stabilirono nel nostro
Reame, han tirato in Roma più tesori, che quelle di tutte le altre
parti d'Italia.

Papa Giovanni XXII che si distinse sopra tutti gli altri per
l'esquisita diligenza, che avea in cavar danari d'ogni cosa, onde
in 20 anni di Pontificato ragunò incredibili tesori, e con tutta
la profusione usata in vita, pure lasciò alla morte sua 25 milioni:
introdusse da poi l'_Annate_, ordinando, che per tre anni ogniuno,
che otteneva beneficio di maggior rendita, che 24 ducati, dovesse
nell'espedizione delle Bolle pagare l'entrata d'un anno: il qual
pagamento però finiti li tre anni fu continuato così da lui, come da'
suoi successori.

Furono anche introdotte le _Pensioni_ sopra i beneficj, le quali sono
riuscite più utili che i beneficj stessi. S'introdussero anche le
_Coadiutorie_, i _Regressi_, le _Grazie espettative_, gli _Spogli_
e tanti altri modi per tirar denaro in Roma[177]. Ma sopra tutto li
tanti _divieti_, per potervi appoggiar poi le tante _dispense_, così
per la pluralità de' beneficj in una persona, come per li gradi di
matrimonj, per le irregolarità, per l'illegittimità di natali, e per
tante altre infinite ed innumerabili cagioni; onde non concedendosi
quelle senza denari, vennesi per tante, e sì diverse scaturigini ad
essere ben provveduta di tesori la Reggia universale del Cristianesimo:
con impoverirsi all'incontro le nostre Chiese, e togliersi ai nostri
Vescovi la provisione di quasi tutti i beneficj del Regno, li quali
erano in Roma provveduti nella maggior parte a' forestieri, esclusi i
nazionali, contro il prescritto de' Canoni.

Quando nella general Dieta tenuta in Vormazia, alle querele de'
Principi e de Vescovi si trattò di togliere questi abusi, narra il
Cardinal Pallavicino[178], che i Legato del Papa Alessandro altamente
si protestava, che ciò sarebbe uno sconvolgere tutto il Mondo: e
facendo la Chiesa un _Corpo politico_, diceva che il volerlo ridurre
all'antica disciplina, era l'istesso, che far tornare un giovane al
vitto, che usò bambino; e che siccome le complessioni si mutano ne'
corpi umani, così parimente avviene ne' Corpi politici. E quando
nel Concilio di Trento s'ebbe a trattare di quest'istessa materia,
per darvi almeno riforma, fu la cosa più sensibile e spiacente, che
mai potesse proporsi. Si opposero con vigore i Prelati del Papa, e
difendevano gli abusi per quest'istesso, che sarebbe dissolvere questo
_Corpo politico_, e questa gran _Monarchia_; e l'istesso Cardinal
Pallavicino[179] alla svelata dice, ch'essendo il Papa il _Supremo
Principe_, che ha tanti _gran Senatori_ venerati con regali onoranze,
in una _Reggia_ universale del Cristianesimo, non deve sembrar cosa
strana, se per conservar lo splendore d'una _Reggia_ ecclesiastica
abbia tirato a se tutte le grazie, le dispense, le collazioni, e tanti
altri emolumenti per le resignazioni, regressi, annate, pensioni,
spogli e tanti altri modi introdotti per tirar danaro in Roma; poichè
(e' dice) siccome qualunque Principe riscuote senza biasimo i diritti
per le grazie e per le dispensazioni, ch'egli concede secondo le tasse
del suo Governo, così non debba biasimarsi il Papa _Principe Supremo_ e
_Monarca_, per ciò che concede e dispensa nel Cristianesimo; e siccome
i Principi qualora talun de' suoi Fedeli s'è segnalato in qualche
azione militare o politica, gli concede Feudi o altra mercede; così il
Papa _Principe Supremo_ dispensa quanti beneficj egli vuole a chi s'è
segnalato in qualche azione o d'aver maneggiato bene un affare, compita
bene una Legazione o Nunziatura o fatti altri importanti servizi alla
Santa Sede; ed affinchè non fossero distratti dai loro impieghi, e
si togliesse l'incompatibilità d'aver molti di questi beneficj, e non
adempire a' ministeri, a cui sono annessi, s'introdusse, che in vece
dell'ufficio, bastasse la semplice recitazione del breviario e dell'ore
canoniche.

Per mantener questa _Reggia_, dice ancor questo Cardinale[180], che
bisognava aprire più fonti per cavar denari ed onori, onde i Ministri
si mantengano con decoro e pompa conveniente a' Re; e che perciò
non debbasi molto badare all'unione di più beneficj in una persona,
senza obbligargli alla residenza. Questi sono i mezzi in verità (e'
dice) per conservar con splendore l'Ordine clericale, ed una _Reggia_
ecclesiastica; un de' più efficaci è la copia di que beneficj, i
quali non obbligano a residenza: dovea provvedersi con ciò ed una
Corte e ad una _Reggia_ universale. Ed altrove[181] valendosi del
medesimo paragone del Principe, apertamente dice, che siccome l'erario
del Principe bisogna star sempre pieno per ben governarsi lo Stato,
così, tener l'erario vuoto il Papa, _Principe supremo_, è l'istesso,
che _allentar la disciplina_. Quindi conchiude, che il riformar la
_Datarìa_, proibire a' Giudici ecclesiastici impor pene pecuniarie,
ed il levar le spese nelle _dispensazioni_, era un _allentar la
disciplina_; poichè _la pecunia_ (sono sue parole) _è ogni cosa
virtualmente; così la pena pecuniaria è dall'umana imperfezione la più
prezzata di quante ne dà il Foro puramente ecclesiastico: il quale non
potendo, come il secolare, porre alla dissoluzione il freno di ferro,
convien che gliel ponga d'argento_.


§. III. _Della conoscenza nelle Cause._

Tirate tutte le cause d'appellazioni in Roma, si proccurò ampliare
la giurisdizione del Foro episcopale, e stendere la conoscenza de'
Giudici ecclesiastici sopra più persone, ed in più cause, sicchè poco
rimanesse a' Magistrati secolari d'impacciarsene. Federico II in alcuni
enormi e gravi delitti de' Cherici, perchè non rimanessero impuniti,
prendeva egli sovente a fargli castigare: ma Clemente nelle condizioni
dell'investitura data a Carlo, volle nel 20 articolo che si stabilisse,
che in tutte le cause così civili, come criminali non si potessero
convenire avanti il Giudice secolare, se non si trattasse civilmente
di cause feudali. E le sorprese, che a questi tempi si fecero, non
pure presso di noi, durante il Regno degli Angioini, ma anche nel
Regno stesso di Francia, furono maravigliose. I nostri Re della Casa
di Angiò riconoscendo da' romani Pontefici il Regno; e vedendo che in
Francia anche quei Re lo sofferivano, non aveano cuore di resistere
e di opporsi. Sottratto l'Ordine ecclesiastico totalmente dalla
giurisdizione secolare, ed arricchito di molti privilegi ed immunità,
si pensò stendere in prima l'esenzione a più persone che non erano di
quell'Ordine.

I. Essi mettevano al numero de' Cherici tutti quelli che avevano avuta
tonsura, ancorchè fossero casati, ed attendessero ad altre occupazioni,
che ecclesiastiche; e narra Carlo _Loyseau_[182], che in Francia la
cosa s'era ridotta in tale estremità, che quasi tutti gli uomini
erano di loro giurisdizione, perchè ciascuno prendeva tonsura per
esenzionarsi dalla giustizia del Re o del suo Signore, più tosto che
per servire alla Chiesa. In Francia però quest'abuso fu nell'anno 1274
corretto a riguardo dell'esenzioni delle tasse o gabelle dal Re Filippo
l'_Ardito_, il quale volle che i Cherici casati fossero sottoposti
alle tasse, come li puri laici, e l'immunità loro rimanesse solo a
riguardo del Foro, la quale pure fu poi lor tolta dall'Ordinanza di
Rossiglione, la quale questa immunità la conservò solamente ai Cherici
costituiti negli Ordini Sacri, e poi il Parlamento la conservò anche
a' Beneficiati. Ma nel nostro Regno l'abuso non fu tolto all'intutto, e
rimase sol corretto a riguardo dell'esenzioni delle collette o gabelle,
rimanendo loro l'immunità a riguardo del Foro, perchè facevano i Re
della Casa d'Angiò valere nel Regno la Costituzione di Bonifacio VIII,
per la quale era stato conceduto a' _Cherici conjugati_ privilegio
d'immunità; onde il Re Roberto nel 1322 ordinò a' suoi Ufficiali del
Regno che osservassero detto privilegio, e che non procedessero,
così nelle loro cause civili, come criminali, purchè però abbiano
contratto matrimonio con una, e vergine, portino la tonsura, e le vesti
chericali, e non si meschino in mercatanzie e negoziazioni; ed ancora
se non abbiano assunto la tonsure, ed abito del Chericato dopo commesso
il delitto per evitar la pena[183]. La qual Ordinanza fu rinnovata
poi dalla Regina Giovanna I nell'anno 1347[184]; e confermata dal Re
Ferdinando I d'Aragona per sua Prammatica[185] stabilita nell'anno
1469.

Parimente nel nostro Regno a' _Frati terziarj_ di S. Francesco che sono
mantellati e cordonati, ed abitano in luoghi claustrali; siccome alle
_Bizoche_, che vivono con voto verginale o celibe viduale, pure loro
si diede l'esenzione dal Foro secolare. E nel Regno degli Angioini la
cosa si ridusse a tal estremità, che fino le _Concubine_ de' Cherici
godevano esenzione; e quel che fa più maraviglia, ne furon persuasi gli
stessi nostri Principi, leggendosi, che i Cherici della città e diocesi
di Marsico si querelavan col Re Roberto, perchè il Giustiziero della
provincia di Principato _citra_ procedeva contro le loro concubine;
imperocchè avendo il Re Carlo II padre di Roberto per suoi Capitolari
ordinato, che le concubine scomunicate, le quali passato l'anno
persistevano pure nella scomunica, fossero multate in certa quantità di
denari, il Giustiziero, anche dalle concubine de' Cherici voleva esiger
la multa; onde il Re Roberto nell'anno 1317 ordinò al medesimo, che non
procedesse contro di loro in virtù del detto Capitolo di suo padre, nè
tampoco le molestasse nelle persone, nè nelli beni, ma che lasciasse il
castigo di quelle alli Prelati delle Chiese[186].

S'introdussero ancora nel Regno i _Diaconi selvaggi_ che pure
pretendevano esenzione; e bisognò per correggere in parte quest'altro
abuso, che il suddetto Re Ferdinando I, nel 1479, pubblicasse
prammatica[187] colla quale fu stabilito, che qualora non sono ascritti
al servizio d'alcuna Chiesa, ma si mescolano ne' negozi secolari, e
di Diaconi e di Cherici non abbiano che il puro nome, s'abbiano da
riputare come veri laici, in modo che siano soggetti al Foro secolare,
ed avanti giudici secolari, così nelle cause civili, come criminali,
debbano essere convenuti, e debbano soffrire tutti i pagamenti fiscali,
gabelle, collette, e tutti gli altri pesi, che sostengono i laici.
Fu da poi praticato, che non godessero il privilegio del _can. si
quis suadente_, nè il privilegio del Foro nelle cause civili, ma solo
nelle criminali, e nelle civili in quanto al costringimento del corpo,
rendendogli immuni da' pesi personali, non però di gabelle, collette,
ed altri pagamenti fiscali e pesi reali. Intorno a che dal nostro
Collaterale per varie consulte, e dal Tribunale della regia Camera per
molti suoi Arresti fu meglio regolato tutto quest'affare, e rimediato
in parte agli abusi; di che è da vedersi il Chioccarelli[188].

Ancora fra noi fu uno de' punti controvertiti se i laici _famigliari
de' Vescovi_ dovessero convenirsi così nelle cause civili, come
criminali avanti il Vescovo, o pure avanti Giudici secolari[189];
pretendendo gli Ecclesiastici tirargli al loro Foro episcopale.

Parimente stendevano la esenzione conceduta alle loro persone,
anche sopra i mobili de' Cherici, in conseguenza di quella massima
mal intesa, _mobilia sequuntur personam_, di maniera che tutti li
mobili delle genti di Chiesa casate o non casate, non potevano essere
eseguiti, nè ad altri aggiudicati dal Giudice laico.

II. Essi sostennero, che ogni causa dove occorresse mala fede, e per
conseguenza peccato, fosse della loro giurisdizione, come quella nella
quale occorre di doversi trattare del soggetto dell'anima, di cui essi
sono i Moderatori; e così essi intendevano il passo del Vangelo, _si
peccaverit frater tuus, dic Ecclesiae_, particolarmente quando le Parti
se ne querelavano; la qual querela perciò essi chiamavano _denuncia
Evangelica_, siccome è ampiamente trattato nelle _Decretali_[190], dove
il Papa vuol prendere a giudicare delle differenze tra i Re di Francia
e d'Inghilterra toccante la devoluzione pretesa dal Re di Francia de'
Feudi e Signorie, che il Re d'Inghilterra teneva di quella Corona, a
cagion della costui fellonia; per la qual cosa essi si pretendevano
Giudici competenti quasi in ogni azione eziandio personale, anche tra
laici, dicendo, che rare volte ella era esente dalla _mala fede_, e per
conseguenza dal _peccato_, o dell'una, o dell'altra parte: e quando si
trattava dell'esecuzione de' contratti, essi non facevano difficoltà di
tirar alla loro conoscenza la lite, a cagion del giuramento, che per
lo stile comune de' Notai vi è inserito[191], confondendo malamente
la _censura_ de' costumi colla _giurisdizione_, e la _correzion
penitenziale_ colla _giustizia contenziosa_, senza aver riguardo
al fatto di Natan con Davide rapportato anche da Graziano nel suo
_Decreto_[192].

III. Per somigliante ragione essi sostenevano, che la conoscenza de'
testamenti loro appartenesse, come materia di coscienza, dicendo,
ch'erano li naturali esecutori di quelli; anzi ch'essendo il corpo
del defunto testatore lasciato alla Chiesa per la sepoltura, la Chiesa
ancora erasi fatta padrona de' suoi mobili per quietare la coscienza,
ed eseguire il suo testamento. E Carlo _Loyseau_[193] ci testifica,
che in Inghilterra erasi introdotto perciò costume, che quando
taluno moriva senza testamento, il Vescovo o persona da lui destinata
s'impadroniva de' mobili di quello. E che in Francia anticamente gli
Ecclesiastici non volevano seppellire i morti, se non si metteva
tra le loro mani il testamento, o in mancanza del testamento, non
s'otteneva licenza speziale del Vescovo; tanto che nell'anno 1407
bisognò che il Parlamento rimediasse a tanto abuso, con far decreto
contro il Vescovo di Amiens, e li Curati d'Abbeville, che coloro, che
morivano intestati, fossero senza contraddizione, e senza comandamento
particolare del Vescovo seppelliti. Ed erasi parimente in Francia
introdotto costume, che gli afflitti eredi per salvare l'onore del
defunto, morto senza testare, dimandavano permissione al Vescovo di
poter per lui testare _ad pias causas_; e vi erano degli Ecclesiastici,
li quali costringevano gli eredi dell'intestato di convenire a prender
Arbitri, per determinare la somma, che il defunto avesse dovuto legare
alla Chiesa.

Da queste intraprese degli Ecclesiastici nacque nel nostro Regno la
pretensione di alcuni Vescovi, d'arrogarsi la facoltà di far essi i
testamenti _ad pias causas_ per li laici, che muojono ab intestato,
siccome per antica usanza lo pretesero i Vescovi di Nocera de' Pagani,
d'Alife, d'Oppido, di S. Marco ed altri Prelati nelle loro diocesi, i
quali sovente applicavano i beni del defunto a se stessi. Ed in alcune
parti del Regno i Prelati pretesero indistintamente d'applicarsi a lor
beneficio la quarta parte de mobili del defunto morto senza testare. E
si penò molto presso di noi per estirpar questi abusi, e non se negli
ultimi tempi, alle reiterate consulte della regia Camera, e voti del
Collaterale, vi si diede rimedio, con ispedirsi più lettere ortatoriali
a' Vescovi, affinchè non presumessero d'arrogarsi tal potestà, e
sovente contro gl'inobbedienti si è proceduto al sequestro delle loro
entrate, ed a carcerazioni de' congiunti; non perdonandosi nemmeno al
Vescovo di Nocera, con tutto che per se allegasse _l'immemoriale_, come
un abuso condannabile, e più tosto corrutela, che lodevole usanza[194].

Da ciò è nato ancora, che siavi presso di noi rimaso costume, siccome
anche dura in Francia che li Curati, o i Vicari siano capaci come i
Notai di ricevere li testamenti, e quando dispongano _ad pias causas_,
ancorchè fatti senza solennità, dar loro vigore ed osservanza.

IV. Per cagion della _connessità_, se tra più compratori, coeredi, o
condebitori, uno ne fosse Cherico, essi dicevano, che il privilegiato,
come più degno, deve tirare avanti il suo Giudice tutte le altre parti.
Parimente li Canonisti dicevano, che il laico poteva prorogare la
giurisdizione ecclesiastica, e non il Cherico la secolare: e dicevano
ancora, che apparteneva al Giudice ecclesiastico supplire il difetto,
o negligenza del Giudice laico, e non al contrario; e quando se gli
dimandava la ragione, essi dicevano, che ciò era, perchè anticamente
gli Ecclesiastici erano giudici de' laici così ben che de' Cherici,
e che non v'era perciò inconveniente, che le cose tornassero nella
loro prima natura, come dice il Cardinal Ostiense[195]. E pure
da' precedenti libri di quest'Istoria si è chiaramente veduto, che
la giustizia ecclesiastica in ciò che ella è contenziosa, è stata
conceduta dalli Principi, e dismembrata dalla giustizia temporale ed
ordinaria, e fu chiamata perciò _privilegio Chericale_; e li Canonisti
la chiamano pure _privilegium Fori_, per denotare ch'è contro il
diritto comune.

V. Essi sostenevano, che tutte le cause difficili, spezialmente in
punto di ragione, loro appartenessero, e principalmente quando vi era
diversità d'opinioni tra' Giureconsulti o Giudici: allegavano perciò
quel passo del _Deuteronomio_[196]: _Si difficile, et ambiguum apud te
judicium esse prospexeris, et judicium intra Portas videris variari,
venies ad Sacerdotes Levitici generis, et ad Judicem, qui fuerit illo
tempore, qui judicabunt tibi veritatem, et facies quaecumque dixerint
qui praesunt in loco, quem elegerit Dominus_. Quando è a tutti palese
la gran differenza tra le leggi romane, e la politia del vecchio e
nuovo Testamento. E da questo principio avvenne, che si veggano in più
luoghi delle _Decretali_ cause difficili decise da' Pontefici, che non
erano in conto alcuno della giustizia ecclesiastica, come fra l'altre
la famosa decretale _Raynutius_[197].

VI. Dicevano, che apparteneva ad essi il supplire al difetto,
negligenza, o suspizione del Giudice laico[198]; e sotto questo
pretesto, se un gran processo durava lungo tempo nel Tribunale
secolare, lo tiravano a loro. Quindi s'arrogavano la facoltà di
conoscere delle suspizioni de' Giudici laici, e quest'abuso non pure in
Francia, come testifica _Loyseau_[199], ma anche ne' Regni di Spagna
erasi introdotto[200], e presso di noi nel Regno degli _Angioini_
avea preso anche piede; e fu tanta la soggezione a' Pontefici romani,
ovvero la stupidezza de' nostri Principi _Angioini_, che non senza gran
maraviglia, tra i Riti della nostra Gran Corte della Vicaria[201], si
legge una prammatica della Regina Giovanna II colla quale ordina, che
(toltane la città di Napoli, dove vuole che le suspizioni si conoscano
dal G. Protonotario) in tutte le altre città e luoghi del Regno, le
suspizioni s'abbiano ad allegare avanti il Vescovo diocesano, e suo
Vicario. E con tutto che nel regno degli _Aragonesi_ non si fosse fatta
osservare, nulladimanco non mancavano i Vescovi, quando lor veniva
fatto, di prenderne la conoscenza.

Ma succeduti gli _Spagnuoli_, usarono costoro rimedj più forti per
togliere quest'abuso, perchè avendo nel 1551 l'Arcivescovo d'Acerenza
tentato d'intromettersi a conoscere della suspizione allegata innanzi
a lui dal Capitano di Pietrapertosa contro i suoi Sindicatori, D.
Pietro di Toledo, ad istanza di quella Università, con voto del
regio Collateral Consiglio, scrisse una grave lettera ortatoriale
all'Arcivescovo, insinuandogli, che dovesse astenersi di conoscere di
quella sospizione, spettando tal conoscenza alla giurisdizione del Re,
non essendo stata la pretesa prammatica osservata, e che facendone
il contrario avrebbe proceduto contro di lui, come di chi cerca
usurparsi la giurisdizione regia[202]: la qual lettera, narra Prospero
Caravita[203], averla egli fatta imprimere fra le altre prammatiche di
questo Regno, che oggi giorno si legge in quel volume. E nel governo
di D. Parafan di Riviera, essendo stato questo Vicerè avvisato che
i Vescovi e i loro Vicarj nelle province di Principato citra e di
Basilicata, s'abusavano d'intromettersi a conoscere delle cause di
sospizione degli Ufficiali, dirizzò nel 1566 un premuroso ordine al
Governadore di quelle province, comandandogli, che in suo nome facesse
emanar bando sotto gravi pene in tutte le città, terre e luoghi di
quelle province, che nelle cause di sospizioni le parti litiganti non
debbano più aver ricorso a' diocesani, ma che lo dovessero avere nella
regia Audienza, dove loro sarà ministrato complimento di giustizia:
il quale ordine fu pure fatto imprimere tra le nostre prammatiche[204]
affinchè tra noi si togliesse affatto quest'abuso.

VII. Sotto colore, che negli antichi Canoni trovavano, che il Vescovo
era protettore delle persone miserabili, come delle vedove, pupilli,
stranieri e poveri, volevano conoscere di tutte le loro cause[205];
ancorchè vi sia gran differenza tra proteggere i miserabili, e
proccurar per essi la giustizia, che d'esser Giudice delle loro cause.

VIII. Inventarono un altro genere di giudicio, chiamato di _Foro
misto_, volendo, che contro il secolare possa procedere così il
Vescovo, come il Magistrato, dando luogo alla prevenzione, come sono
i delitti di bigamia, d'usura, di sagrilegio, d'adulterio, d'incesto,
di concubinato, di bestemmia, di sortilegio e di spergiuro, siccome
ancora le cause di decime e di legati pii. Nel che essi v'aveano questo
vantaggio, perchè colla esquisita lor sollecitudine, sempre prevenendo,
non lasciavano mai luogo al Magistrato secolare, e se l'appropriavan
tutti, come reputati anche da essi, delitti ecclesiastici. E nel
nostro Reame non si finiron d'estirpare affatto questi abusi, se non
nel Regno degli _Spagnuoli_, i quali non ammisero prevenzione alcuna,
e la cognizione de' suddetti delitti contro i laici fu attribuita
interamente a' Giudici regi[206]; non dovendosi riputar in modo alcuno
ecclesiastici perchè veramente li delitti ecclesiastici, o sono quelli
che concernono la politia ecclesiastica, come dice Giustiniano nella
_Nov._ 83 ovvero li minori delitti, di cui la Giustizia ordinaria
ne trascura la ricerca, e di cui perciò la primitiva Chiesa ne
intraprendeva la _censura_ o correzione, per conservare una particolar
purità di costumi tra' Cristiani; ma questa correzione ei faceva
sommariamente, e senza giudizio contenzioso; come si è narrato nel
primo e secondo libro di questa Istoria.

IX. Si appropriarono tutte le cause matrimoniali, dicendo, che essendo
stato il contratto di matrimonio da Cristo S. N. elevato a Sacramento,
la cognizione di tutte le cause a quello appartenenti deve essere
de' Giudici ecclesiastici. Ma s'è veduto ne' precedenti secoli, che
i Principi cattolici presero essi la cura dei matrimonj, essendo cosa
chiarissima, che le leggi de' matrimonj, i divieti e le dispense de'
gradi, tutte furono stabilite dagl'Imperadori; e fin tanto che le leggi
romane ebbero vigore, i giudicj a quelli appartenenti erano innanzi
a' Magistrati secolari agitati: il che la sola lettura de' Codici di
Teodosio e di Giustiniano e delle Novelle lo dimostra evidentemente. E
nelle formole di Cassiodoro[207], come altrove fu da noi rapportato,
restano memorie de' termini usati da' Re ostrogoti nelle dispense
de' gradi proibiti, che allora erano reputate appartenere al governo
civile, e non cosa di religione; ed a chi ha cognizione dell'istoria, è
cosa notissima, che gli Ecclesiastici sono entrati a giudicar cause di
tal natura, parte per commessione e parte per negligenza de' Principi
e de' Magistrati. Ma di ciò ora, per la determinazione del Concilio di
Trento[208], non lece più dubitarne.

Finalmente i Dottori romani[209] arrivarono insino ad insegnare, che i
delinquenti ne' territorj d'altri Principi, non si debbano rimettere,
ma mandarsi a dirittura in Roma per esser puniti, perchè il Papa
essendo il Signore della città di Roma, ch'è la comune Patria di tutti,
avendo l'Imperador Antonino per sua legge[210] statuito, che tutti
coloro, che nascono nell'Orbe romano, s'intendano fatti cittadini
romani, meritamente come suoi sudditi può prendergli a giudicare e
punirgli[211].

Nè finirono qui le loro intraprese, perchè vi sono altri innumerabili
casi, ne' quali eran costretti i laici piatire avanti Giudici
ecclesiastici, de' quali non comporta il mio istituto farne qui un
più lungo catalogo. Essi furon nientedimeno compresi da Ostiense[212]
in sette versi, che chi gli considera, non può non rimaner sorpreso
in veggendo a quale sterminata ampiezza avessero gli Ecclesiastici a
questi tempi stesa la loro conoscenza; donde conoscerà ancora, che non
vi è fine all'usurpazione, da poi che una volta li limiti della ragione
sono superati ed oltrepassati.

Tutte queste intraprese della Giustizia ecclesiastica, non meno
presso di noi, durante il Regno degli _Angioini_, che in Francia
durarono lungamente, ma da poi i Franzesi valendosi di rimedi forti
ed efficaci, ruppero le catene; e per l'Ordinanza del 1539 furono
molto ben risecate, la quale rimise la loro giustizia al giusto punto
della ragione, lasciando solamente alla Chiesa la conoscenza de'
Sacramenti tra tutte le persone, e delle sole cause personali degli
Ecclesiastici[213]; che fu in effetto ritornare all'antica distinzione
delle due potenze, lasciandosi le persone e le cose spirituali alla
Giustizia ecclesiastica, e le temporali alla temporale. Nel nostro
Reame gli _Spagnuoli_ cominciarono a risecar gli abusi, ma non
ridussero la loro Giustizia al giusto punto, come si fece in Francia;
perchè gli _Spagnuoli_, come saviamente fu osservato da Pietro di Marca
Arcivescovo di Parigi, e da noi si farà vedere, quando ci toccherà
ragionare del lor governo, vollero medicar la ferita giurisdizione
regia con impiastri ed unguenti, non già col fuoco e col ferro, come si
era fatto in Francia.


§. IV. _Tribunale dell'Inquisizione._

Per meglio stabilir la Monarchia, fu in questo secolo introdotto in
Roma il Tribunale dell'Inquisizione. Innocenzio III, come si è veduto
nel decimoquinto libro di quest'Istoria, non avea agl'Inquisitori
eretto Tribunale alcuno; ed il nostro Imperador Federico II nè
meno presso di noi l'eresse, ma a' Magistrati ordinari commise la
condannazione degli Eretici, i quali insieme co' Prelati delle Chiese
da lui destinati, ai quali s'apparteneva la conoscenza del diritto,
dovevano invigilare per estirpargli. Ma morto l'Imperador Federico,
essendo le cose di Germania in confusione, e l'Italia in un Interregno,
che durò 23 anni, Innocenzo IV rimanendo quasi arbitro in Lombardia,
ed in alcune altre parti d'Italia, e vedendo il gran progresso, che
gli Eretici aveano fatto nelle turbazioni passate, applicò l'animo
all'estirpazione di quelli; e considerate l'opere, che per l'addietro
aveano fatte in questo servigio i Frati di S. Francesco, ebbe per
unico rimedio il valersi di loro, adoperandogli, non come prima, solo a
predicare, o congregare i _Crocesignati_, ma con dare ad essi autorità
stabile, ed erger loro un fermo Tribunale, il quale d'altra cosa non
avesse cura.

Ma a ciò due cose s'opponevano: l'una, come si potesse senza confusione
smembrar le cause d'eresia dal Foro episcopale, che le avea sempre
giudicate, e costituir un Ufficio proprio per esse sole: l'altra come
si potesse escludere il Magistrato secolare, al giudicio del quale era
commesso il punir gli Eretici, per l'antiche leggi imperiali, e per
l'ultime dell'Imperador Federico II ed ancora per li propri statuti,
che ciascuna città era stata costretta ordinare, per non lasciar
precipitare il governo in que' gran tumulti. Al primo inconveniente
trovò il Pontefice temperamento, con erger un Tribunale composto
dell'Inquisitore e del Vescovo, nel quale però l'Inquisitore fosse
non solo il principale, ma il tutto, ed il Vescovo vi avesse poco più,
che il nome. Per dar anche qualche apparenza d'autorità al Magistrato
secolare, gli concesse d'assegnar li Ministri all'Inquisizione, ma
ad elezione degl'Inquisitori medesimi: di mandare coll'Inquisitore,
quando andasse per lo Contado, uno de' suoi Assessori, ma ad elezione
dell'Inquisitore stesso: di applicare un terzo delle confiscazioni al
Comune; ed altre cose tali, che in apparenza facevano il Magistrato
compagno dell'Inquisitore, ma in sostanza servo. Rimaneva di proveder
il danaro per le spese, che si sarebbero fatte nel custodire le
prigioni, ed alimentar gl'imprigionati; laonde si ordinò, che le
Comunità le pagassero, e così fu risoluto, essendo il Papa in Brescia
l'anno 1251.

Furono per tanto deputati li Frati di S. Domenico Inquisitori in
Lombardia, Romagna e Marca Trivisana, li quali adempiendo al lor
ufficio con molto rigore, cagionarono in Lombardia qualche tumulto:
perciocchè avendo nel seguente anno Innocenzio deputato Inquisitore di
Milano Fr. Pietro da Verona dell'Ordine de' Predicatori,[214] costui
per estirpar da quella città alcuni infettati d'eresia, che si facevano
chiamar _Credenti_, non trascurava diligenza per punirgli, _onde alcuni
incarcerava_ (sono parole del Pansa[215]) _ad altri dava bando, e gli
ostinati, in balia della Corte secolare faceva con l'ultimo supplicio
del fuoco punire; ed avea già fatto molte esecuzioni, ed ordinato
di farne dell'altre dopo Pasqua di Resurrezione_; di che intimoriti
alcuni principali Milanesi, dubitando della lor vita per li processi,
che avean presentito aver loro fatti fabbricare l'Inquisitore,
si congiurarono insieme, e risolvettero di prevenir l'Inquisitore
con farlo morire; onde accordati gli assassini, questi postisi in
agguato in una solitudine fra Milano e Como, dove all'Inquisitore
occorreva passare, quando lo videro, gli corsero subito colle spade
nude addosso, e l'uccisero. Di che fattosene in Milano gran rumore, e
preso de' delinquenti severo castigo, Innocenzio, per questo martirio
sofferto, volle canonizzarlo per Santo, siccome la prima domenica di
quaresima del seguente anno 1253 con molta solennità fu celebrata la
canonizzazione, ed ascritto nel Catalogo de' Santi _Pietro Martire
da Verona_. Si segnalarono anche in cotal guisa molti altri Frati di
quest'Ordine, e di quello ancora de' _Frati Minori_, i quali mandati
dal Papa nelle parti di Tolosa, molti ne furono per simili esecuzioni
ammazzati. Ma non perciò riputò Innocenzio di rallentar il rigore,
anzi sette mesi da poi che in Brescia avea date le leggi per questo
Tribunale, dirizzò una Bolla a tutti i Rettori, Consigli e Comunità
di quelle tre province, prescrivendo loro XXXI Capitoli, che dovessero
osservare per lo prospero successo del nuovo Tribunale, comandando, che
li Capitoli fossero registrati fra gli Statuti del Comune, ed osservati
inviolabilmente. Diede poi autorità agl'Inquisitori di scomunicargli,
ed interdirgli, se non gli osservassero. Non si distese il Pontefice
per allora ad introdurre l'Inquisizione negli altri luoghi d'Italia, nè
fuori di quella, dicendo, che le tre province soprannomate erano più
sotto gli occhi suoi e più amate da lui. Ma la principal cagione era,
perchè in queste egli avea grande autorità, essendo senza Principi,
e facendo ogni città governo da se sola, nel quale il Pontefice avea
anche la parte sua, poichè aveva loro aderito nell'ultime guerre. Ma
contuttociò non fu facilmente ricevuto l'editto; onde Alessandro IV
suo successore, sette anni da poi, nel 1259, fu costretto a moderarlo
e rinovarlo. Comandò tuttavia agl'Inquisitori, che con le censure
costringessero li Reggenti della città all'osservanza.

Per la stessa cagione Clemente IV, sei anni da poi, cioè nel 1265
lo rinovò nel medesimo modo, nè però fu eseguito per tutto, finchè
quattro altri Pontefici suoi successori non fossero costretti ad usar
ogni loro sforzo per superar le difficoltà, che s'attraversavano nel
far ricevere il Tribunale in qualche luogo. Nascevano le difficoltà da
due capi: l'uno per la poco discreta severità de' Frati Inquisitori,
e per l'estorsioni ed altri gravami: l'altro, perchè le Comunità
ricusavano di somministrar le spese; per la qual cosa risolsero di
deporre la pretensione, che le spese fossero fatte dal Pubblico; e per
dar temperamento al rigore eccessivo degli Inquisitori, diedero qualche
parte di più al Vescovo, il che fu cagione, che con minor difficoltà
s'introducesse l'Inquisizione in quelle tre province di Lombardia,
Marca Trivisana e Romagna e poi in Toscana ancora, e passasse in
Aragona ed in qualche città d'Alemagna e di Francia. Ma da Francia e
da Alemagna presto fu levata, essendo alcuni degl'Inquisitori stati
scacciati da que' luoghi per li molti rigori ed estorsioni, e per
mancamento ancora de' negozi. Per la qual cagione si ridussero anche
a poco numero in Aragona; poichè negli altri Regni di Spagna non erano
penetrati.

Nel nostro Reame di Puglia, mentre durò il Regno de' Svevi, non fu
variato il modo stabilito dall'Imperador Federico di procedere contro
gli Eretici. Nè, morto Federico, per la nimistà e continue guerre
tra Corrado e Manfredi suoi successori con Innocenzio e con gli altri
seguenti Pontefici, fu introdotta novità alcuna. Nelle _Corti Generali_
da Federico istituite se ne prendeva cura, dove i Prelati doveano
denunciargli, affinchè il Magistrato vi procedesse, di cui era il
conoscer del fatto e la condanna, siccome de' Prelati la conoscenza
del diritto. Erano non da Roma, ma da' nostri Principi destinati i
Prelati per quest'Ufficio, i quali insieme co' Giudici regj, quando
bisognava, scorrevano le province, e gl'imputati d'eresia, se convinti
persistevano ostinatamente nell'errore, erano fatti morire; se davano
speranza di ravvedimento, erano mandati nel Monastero di Monte Cassino,
o a quello della Cava, dove si tenevano prigionieri, insino che dopo
aver abjurato, non soddisfacessero la pena a loro imposta, siccome si
è narrato ne' precedenti libri di questa Istoria.

Ma caduto il Regno in mano degli Angioini ligi de' romani Pontefici,
ancorchè non si fosse introdotto presso di noi Tribunal fermo
d'Inquisizione dipendente da quello di Roma; nulladimanco di volta in
volta i Pontefici solevano destinar particolari Commessari Inquisitori
per lo più Frati Domenicani, i quali scorrendo per le nostre
province, col favore e braccio del Magistrato secolare, facevano delle
esecuzioni. E quantunque queste commessioni non potessero eseguirle
senza il _placito regio_; nulladimanco i nostri Principi _Angioini_
per la soggezione, che portavano a' romani Pontefici, non solo non
gl'impedivano, ma loro facevan dare da' Giudici regj ogni ajuto e
favore; anzi sovente comandavano, che dal regio Erario loro fossero
somministrate anche le spese. Così Carlo I d'Angiò nell'anno 1269
ordinò a' suoi Ministri, che pagassero a _Fr. Giacomo di Civita di
Chieti_ Domenicano Inquisitore dell'eretica pravità nella provincia
di Terra di Bari e di Capitanata costituito dalla S. romana Chiesa, un
augustale d'oro il dì per sue spese e di un suo compagno, d'un Notajo
e tre altre persone e loro cavalli[216]; e nel medesimo anno ordinò
al Governadore della provincia di Terra di Lavoro, che a richiesta
di _Fr. Trojano Inquisitore_ costituito dalla Sede Appostolica gli
prestasse ogni ajuto, consiglio e favore, quando, e dove vorrà, e che
eseguisse subito le sue sentenze, che darà contro gli Eretici, loro
beni e fautori[217]. Parimente scrisse a' regj Secreti di Puglia,
che somministrassero 30 oncie d'oro a _Fr. Simone di Benevento_
dell'Ordine de' Frati Predicatori Inquisitore dell'eretica pravità,
costituito dalla Chiesa romana nel Giustizierato di Basilicata e di
Terra d'Otranto[218]. Il medesimo Re nel 1271 ordinò a' suoi Ministri,
che pagassero a _Fr. Matteo di Castellamare_ Inquisitore nelle province
di Calabria, un augustale il dì per le sue spese e d'un altro Frate
suo compagno, un Notajo e tre altre persone[219]: e nell'anno 1278
mandò più lettere a' Giustizieri d'Abruzzo e Capitani dell'Aquila ed a
tutti i suoi Ufficiali, che a _F. Bartolommeo dell'Aquila_ dell'Ordine
de' Predicatori Inquisitor deputato dalla Sede Appostolica nel Regno
di Sicilia, somministrassero ogni ajuto e favore, con tormentare i
rei, secondo loro dirà detto Inquisitore ed eseguire quanto da colui
verrebbe imposto[220].

Carlo II suo figliuolo nell'anno 1305 ordinò a tutti i Baroni e suoi
Ufficiali, che dassero ogni ajuto a _Frate Angelo di Trani_ Inquisitore
destinato dalla Sede Appostolica, guardando e riducendo nelle carceri
le persone macchiate d'eresie, secondo vorrà detto Inquisitore: che non
molestino i suoi uomini per portar armi: eseguano le sentenze ch'egli
darà contro le persone degli Eretici e loro beni; e che agl'Inquisitori
di tali delitti, e per gli Ufficiali regj d'ordine del detto
Inquisitore carcerati, si tormentino a richiesta di detto Frate Angelo,
acciò possa cavare la verità da essi e dagli altri[221]: e nell'anno
1307 incaricò a _Frate Roberto di S. Valentino_ Inquisitore del Regno
di Sicilia, che con tutto rigore procedesse contro l'Arciprete di
Buclanico, che corretto prima dal suo predecessore Benedetto, era
ricaduto ne' primi errori, sostenendo falsa dottrina sopra alcuni
articoli della fede Cattolica[222].

L'istesso Re negli anni 1295 e 1307 scrisse a Filippo suo figliuolo
Principe d'Acaja e di Taranto, che Papa Clemente V avea scritto un
Breve a Roberto Duca di Calabria suo figliuolo e Vicario generale
del Regno avvisandogli, che il Re di Francia avea usata grandissima
diligenza in carcerare per le loro eresie in un tempo stesso tutti li
Cavalieri Templari che erano in Francia, e sequestrati i loro beni;
e per ciò lo richiedeva, che con consiglio secreto de' suoi Savii;
facesse carcerare cautamente, e secretamente in un tempo tutti i
Cavalieri Templari, ch'erano ne' dominii, e quelli carcerati, tenergli
in buona custodia ad ogni ordine della Camera appostolica, siccome
facesse sequestrare tutti i loro beni, e li tenesse in nome della
medesima: onde Re Carlo ordina al detto suo figliuolo, che esegua detto
Breve nel Principato d'Acaja, siccome il Duca di Calabria avrebbe fatto
nel Regno.

Il Re Roberto suo successore nell'anno 1334 parimente ordinò a' suoi
Ufficiali, che dessero ogni aiuto agli Inquisitori destinati da Roma;
ed il medesimo stile fu tenuto dalla Regina Giovanna I nel 1343, dal Re
Lodovico nel 1352 e dal Re Carlo III nel 1381, il quale donò a Tommaso
Marincola suo famigliare i beni confiscati del Vescovo di Trivento
eretico, come aderente all'Antipapa, e dichiarato ribelle di Santa
Chiesa e del detto Re[223].

Non a' soli _Frati Predicatori_ era commesso quest'ufficio, vi ebbero
anche parte i _Frati Minori_, i quali dichiarati dal Papa _Inquisitori_
scorrevano pure le nostre province. Era in questo secolo il numero
degli Eretici cresciuto in immenso di varie Sette e di vari istituti.
Alcuni, lasciate le loro religioni, affettando di vivere da _Solitari_
senza Regola e senza Superiori, e di menar una più austera vita, si
ritiravano nelle solitudini, e scorrevano in varie parti, contaminando
dei loro errori molta gente. Si facevano chiamare _Fraticelli,
Bizocchi, Begardi_, ovvero _Beghini_; e presso di noi erano
moltiplicati assai ne' Monti d'_Abruzzo_ e nella vicina Marca d'Ancona.
Erano usciti dall'Ordine dei Frati minori, ed avevano quasi tutti gli
stessi principii e la stessa condotta; ed i loro Gonfalonieri furono
due Frati minori, _Pietro di Macerata_ e _Pietro di Forosempronio_, i
quali prima ottennero da Papa Celestino V amatore della ritiratezza,
la permissione di vivere da Romiti e di seguire litteralmente la
Regola di S. Francesco; ma da poi Onorio IV, Niccolò IV e Bonifacio
VIII condennarono il loro istituto; e i loro successori Clemente V e
Giovanni XXII gli suppressero affatto[224]. Era commessa per lo più la
cura d'estirpargli a' _Frati Minori_; onde si legge, che Bonifacio VIII
commise a _Fr. Marco_ di Chieti dell'_Ordine de' Minori_ Inquisitore
nella provincia di S. Francesco, che si portasse ne' Monti d'_Abruzzo_
e nella Marca d'Ancona, ed implorando, se sarà di bisogno, il braccio
secolare, proceda contro di loro e loro fautori, con incarcerargli,
scovrirgli, e manifestargli dai nascondigli, ove solevan appiattarsi,
mandargli in Roma prigioni e con molto rigore farne inquisizione[225].
Eglino si ritirarono perciò in Sicilia, cominciando a declamare contro
i Prelati e contro la Chiesa romana trattandola da Babilonia.

In cotal modo fu, durante il Regno degli _Angioini_, praticata
l'_Inquisizione_ presso di noi; ma quanto poi questo Reame si fosse
distinto sopra ogni altro, per aver tolto da se ogni vestigio
d'Inquisizione, sarà narrato al suo luogo ne' seguenti libri di
quest'Istoria.


§. V. _Monaci e beni temporali._

Fa di mestieri da ora innanzi congiungere i Monaci co' beni temporali,
perchè siccome altrove fu notato, che chi dice _Religione_, dice
_Ricchezze_; così ora essendosi per gli acquisti de' beni temporali
renduti più esperti i Monaci, che tutti gli altri Ecclesiastici,
tantochè non vi è proporzione fra gli acquisti, che in questi tempi si
fecero dalle Chiese, e quelli fatti da' monasteri, bisogna ora dire,
_Nuove Religioni, nuove Ricchezze_; e tanto più la cosa fu portentosa,
che non ostante, che fossero fondate sopra la mendicità, onde furon
chiamate _Mendicanti_, contuttociò gli acquisti e le ricchezze furon
immense.

Le Religioni, che sursero in questo secolo, riuscirono come tante
Legioni, per conservare, e mantenere la Monarchia romana; ed i
Pontefici non furon mai dagli altri cotanto ben serviti, quanto da
costoro, i quali militavano con ogni fervore per sostenere la loro
autorità, e per agevolare le loro intraprese; onde con ragione di
tanti privilegi e prerogative gli cumularono. Coloro, che sopra tutti
in questo secolo si distinsero, furono i _Frati Predicatori_ ed i
_Frati Minori_. De' primi, come si è veduto, fu autore _Domenico_
Gusmano, il quale avendo gran tempo predicato contro gli _Albigesi_,
prese nell'anno 1215 la resoluzione con nove suoi compagni di fondar
un Ordine di _Frati Predicatori_, con istituto d'impiegar le loro
prediche per estirpar l'eresie a quel tempo moltiplicate in Italia
ed in Francia. Portossi Domenico a Papa Innocenzio III per ottener
la conferma del suo Ordine; ma il Papa differì l'accordarla; e lui
morto, ciò che non fece Innocenzio, ottennero da Onorio III suo
successore, il quale nell'anno 1216 lo confermò ed acconsentì, che
quei Religiosi lasciassero l'abito di Canonici Regolari da essi
sino a quel tempo portato, e prendessero un abito particolare, e
osservassero nuove costituzioni. Si propagarono in Francia, ed in
Parigi sin dall'anno 1217 ebbero un Monastero nella Casa di S. Jacopo,
onde furono denominati _Jacopini_. Appena eran sorti, che vennero nel
nostro Reame a fondarvi de' Conventi, ed ebbero gradito ricevimento;
poichè avendo i _Patareni_ ed altri Eretici, cominciato a contaminar
Napoli e l'altre province. Gregorio IX gli spedì a Napoli, scrivendo
nell'anno 1231 a Pietro di Sorrento Arcivescovo di questa Città, che
benignamente gli ricevesse e che gl'impiegasse quivi a predicare, ed
insinuasse a' Popoli a se commessi di ricevere dalle loro bocche il
seme della parola di Dio, per essersi costoro cotanto segnalati in
estirpar l'eresie, e con voto di volontaria povertà essersi in tutto
applicati ad evangelizzare la sua parola[226]. Incaricò anche, che
gli provvedesse in Napoli di una comoda abitazione, affinchè quivi
agiatamente permanendo, potessero attendere con maggior fervore alla
carica loro imposta. Scrisse consimile epistola al popolo Napoletano,
incaricandogli, che benignamente e devotamente gli ricevessero,
affinchè potessero felicemente pervenire al lor fine, e raccogliere
il frutto delle loro fatiche, cioè la salute delle anime[227]; ed
insinuò anche al Cardinal Castiglione suo Legato appostolico nel Regno
di Sicilia, che incaricasse all'Arcivescovo il loro ricevimento; per
la qual cosa ricevute costui le lettere del Papa, e l'insinuazioni
del Legato, gli ricevè con onore e gli diede per abitazione la
Chiesa di S. Arcangelo _ad Morfisam_ con un gran Monastero ivi
congiunto, ch'era allora abitato da' Monaci _Benedettini_, i quali
tenendo in Napoli altri grandi Monasteri, cedettero quello a' _Frati
Predicatori_, resignandolo in mano dell'Arcivescovo con tutte le case
ed orti adiacenti. L'Arcivescovo insieme col Capitolo ne investì Fra
Tommaso, sotto la cui guida erano que' Frati qui venuti, e ne gli
spedì Bolla, che si legge presso Chioccarello[228] sotto la data del
primo di novembre 1231. Ampliarono poi que' Frati il lor Convento (che
mutato l'antico nome lo chiamaron poi dal nome del loro Institutore
_S. Domenico_) con altri orti contigui, per concessione avutane da
Giovanni Francaccio, a cui l'istesso Arcivescovo nell'anno 1246 prestò
l'assenso. Nell'anno 1269 in tempo dell'Arcivescovo Aiglerio per
nuovi altri acquisti l'ingrandirono assai più[229], e vie maggiori
ingrandimenti ricevè da poi nel Regno degli _Angioini_ sotto Carlo II
d'Angiò, cotanto appassionato di questa Religione, di che è da vedersi
_Engenio_ nella sua _Napoli Sacra_.

Non furono soddisfatti i Re di questa Casa d'aver in Napoli un solo
Convento di Padri Predicatori, ma l'istesso Carlo II nell'anno 1274
ne costrusse un altro in onor di _S. Pietro Martire_ da Verona, che
come si disse nell'anno 1253 era stato da Innocenzio IV ascritto
nel catalogo de' Santi. Lo dotò di ricchi poderi, di molte case e di
altre rendite. L'esempio del Principe mosse altri Nobili napoletani ad
arricchirlo, come fecero Errico Macedonio, Bernardo Caracciolo, Giacomo
Capano, ed altri rammentati dall'Engenio.

Parimente nella città d'Aversa edificò una Chiesa, e Convento a' Frati
di quest'Ordine sotto il titolo di _S. Luigi_, che fu suo zio, al quale
concedè ampissimi privilegi, e dotò di molte rendite[230].

Anche alle _Suore Domenicane_, che vivevano nel medesimo istituto, fu
data in questa città comoda abitazione. Ad istanza di _Maria_, moglie
di Carlo II, Papa Bonifacio VIII ordinò all'Arcivescovo di Capua, che
alle Monache Domenicane si dasse per loro abitazione il Monastero di
S. Pietro a Castello situato dentro il castello dell'Uovo, con tutte
le case e possessioni; e che i Monaci Benedettini, che tenevano quel
luogo si fossero trasferiti ne' monasteri di S. Severino, di S. Maria
a Cappella e di S. Sebastiano. Ma essendo stato da poi il monastero
di S. Pietro saccheggiato da' Catalani, e con gran vergogna cacciate
le Monache, il Pontefice Martino V scrisse all'Abate di S. Severino,
che desse loro ricetto nel Monastero di _S. Sebastiano_, che allora
era stato dato in Commenda al Vescovo di Melito, e non v'abitava che
un sol Monaco Benedettino, con ceder loro tutte le sue possessioni ed
entrate, siccome fu eseguito; ond'è che per detta unione ritenga questo
monastero ancora oggi il nome di _S. Pietro_ e _S. Sebastiano_[231].

Non meno in Napoli, che in tutto il Regno multiplicaronsi i _Frati
Predicatori_ in questo secolo per lo favore, che tenevano non meno
de' Re angioini, che de' romani Pontefici. Innocenzio IV dirizzò nel
1245 un diploma agli Arcivescovi di Napoli, di Salerno e di Bari,
col quale loro si dava facoltà, che in nome della Sede Appostolica,
strettamente ordinassero a tutti gli Arcivescovi, Abati, Priori ed a
tutti i Prelati delle Chiese de' Regni di Sicilia, che non inferissero
a' _Frati Predicatori_ gravame alcuno, e proibissero ai loro sudditi
di dar loro molestia; e che proccurassero di fare ai medesimi mantenere
tutte l'esenzioni ed immunità concedutegli dalla Sede Appostolica[232].
Crebbero perciò col favore de' Pontefici e de' nostri Principi della
casa d'Angiò in maggior numero di quello, che avean fatto nel Regno
di Federico e degli altri _Svevi_ suoi successori; e molto splendore
recò loro _Tommaso d'Aquino_, soprannomato il _Dottor Angelico_, uscito
dalla famiglia de' Conti d'Aquino, il quale mal grado di sua madre
entrò nell'Ordine de' Frati Predicatori nell'anno 1243, ed avendo
in Parigi presa la laurea dottorale di teologia l'anno 1257, ritornò
in Italia l'anno 1263 e dopo avervi insegnata la _Scolastica_ nella
maggior parte delle Università, si fermò in fine in Napoli a legger
teologia, ricusando l'Arcivescovado di questa città, offertogli da
Clemente IV.

Non disugual successo ebbero in questo Regno i _Frati Minori_. Essi
riconoscono per loro istitutore _San Francesco d'Assisi_, e sursero ne'
medesimi tempi, che i _Valdesi_; ma ebbero disuguale fortuna. Pietro
_Valdo_ Mercatante ricco di Lione prese anch'egli risoluzione di menar
una vita tutta appostolica; ed avendo distribuite tutte le sue facoltà
a' poveri, fece professione d'una povertà volontaria. Molti seguirono
il di lui esempio, onde verso l'anno 1160 si formò una setta d'uomini,
che si denominavano i _Poveri di Lione_, a cagion della povertà da
essi professata. Si dissero ancora _Lionisti_, dal nome della città
di Lione; ed anche _Insabbatati_, a cagione di certa sorta di scarpe,
ovvero sandali da essi portati, tagliati per far apparire i loro
piedi ignudi ad imitazion degli Appostoli. Ma avean da poi preteso,
senza missione del Vescovo e della Sede Appostolica, di poter eziandio
predicare la lor riforma, ed insegnare la lor dottrina per se soli,
ancorchè laici. Ebbero per ciò opposizione dal Clero di Lione; onde
cominciarono per queste contese a biasimar la vita rilasciata degli
Ecclesiastici, e declamare contro gli abusi, che vedevano introdotti
nella Chiesa. Fu loro imposto silenzio; ma persistendo, Lucio III gli
scomunicò, e gli condennò insieme con gli altri Eretici. Le scomuniche
maggiormente l'irritarono e gli confermarono nella loro ostinazione,
tanto che scossero il giogo dell'ubbidienza e caddero in molti errori.
La loro setta si sparse in più luoghi onde obbligarono Pietro Re
d'Aragona nell'anno 1197 di esiliargli dai suoi Stati, e Berengario
Arcivescovo di Narbona di condennargli. Essi non potendo resistere a
tanto impeto, risolvettero di ricorrere a Roma, e dimandare dalla Sede
Appostolica la conferma del loro istituto.

Dall'altra parte _Francesco_ pur egli mercatante d'Assisi, lasciato
Pietro Bernardone suo padre a mercatantare, abbandonò ogni cura
mondana, ed applicatosi ad una vita tutta appostolica fece anch'egli
professione d'una povertà volontaria, e coll'esemplarità de' suoi
innocenti costumi, avendo tirati molti compagni a vivere in mendicità,
e ad impiegarsi ad opere di carità, accresceva il numero più con gli
esempii d'una vita innocente ed austera, che colle prediche e sermoni:
non molto impacciandosi perciò, nè declamando contro i corrotti
costumi degli Ecclesiastici, nè entrandogli in pensiero senza missione
d'andar predicando ed insegnando la sua riforma; ma fu tutto ubbidiente
alla Sede Appostolica; onde avendo distesa nell'anno 1208 una nuova
Regola per li suoi Frati, la volle presentare al Papa per riceverne
l'approvazione e la conferma. Papa Innocenzio III siccome rigettò
l'Istituto de' _Valdesi_, avendolo conosciuto pieno di superstizioni
e d'errori,[233] così nell'anno 1210 approvò la Regola di Francesco
e l'Ordine de' _Frati Minori_, i quali ancorchè non lasciassero di
andare a piedi ignudi, e di far voto d'una povertà, non aveano quelle
tante superstizioni de' _Valdesi_. Si stabilirono perciò in più luoghi
d'Italia, ed in Francia, sin da questo tempo ebbero ancora nell'anno
1216 ricetto in Parigi. Onorio III nell'anno 1223 confermò il loro
Istituto, e di molte prerogative e privilegii decorò questo nascente
Ordine.

Nel nostro Reame, ancorchè sotto Federico II e gli altri Re _Svevi_
suoi successori (per essersene valsi i romani Pontefici, nelle contese
che ebbero con que' Principi, per messi e portatori di lettere)
avessero sovente patiti disagi, prigionie e morti; nulladimanco non
lasciarono i nostri Regnicoli di ricevergli in questi medesimi tempi
che sursero: e narrasi, che San Francesco istesso, loro Istitutore,
avesse in molti luoghi del Regno fondati egli di sue proprie mani
alcuni piccoli Conventi, come in Bari, in Montella, in Terra d'Agropoli
ed altrove[234]. Napoli ancora vanta d'aver avuto un Convento fondato
dall'istesso Istitutore Francesco nel luogo ov'è ora il Castel Nuovo,
che lasciò sotto la cura d'Agostino d'Assisi suo discepolo, il qual
da poi da Carlo I d'Angiò fu trasferito in S. Maria la Nuova[235].
In breve siccome non vi è quasi città, che non vanti aver avuto S.
Pietro per fondatore della sua Chiesa, così non vi è luogo, dove si
vegga qualche Convento antico di quest'Ordine, che non vanti esserne
stato egli il fondatore. Che che ne sia, non può mettersi in dubbio,
che nella città di Napoli, fin dal suo nascimento, ebbe quest'Ordine
ricevimento; poichè Giovanni Vescovo d'Aversa, possedendo in Napoli
la Chiesa di S. Lorenzo con alcune case e giardini, appartenenti alla
Cattedral Chiesa d'Aversa, col consenso del suo Capitolo nell'anno 1234
la concedè a Fr. Niccolò di Terracina Frate Minore di S. Francesco
provinciale della provincia di Napoli, in nome di sua Religione, con
condizione di dovervi quivi dimorare i Frati del suo Ordine, la qual
concessione fu da poi nell'anno 1230 confermata da Papa Gregorio
IX[236].

Ma nel Regno degli Angioini fu quest'Ordine non meno dai romani
Pontefici, che da' Principi di questa casa molto più favorito e
careggiato. Carlo I allargò l'antica Chiesa di San Lorenzo col palagio
ivi congiunto, dove solevansi unire la Nobiltà ed il Popolo e vi
fabbricò una magnifica Chiesa, la quale fu ridotta a perfezione da
Carlo II suo figliuolo, il quale nell'anno 1302 fra l'altre rendite,
che le assegnò, le diede la terza parte della gabella del ferro.
L'esempio del Principe trasse gli altri ad arricchirla: il nostro
famoso Giureconsulto Bartolommeo di Capua G. Protonotario del Regno
a sue spese fecevi fare tutta la facciata della porta maggiore, ed
Aurelio Pignone del Seggio di Montagna la piccola porta[237]. L'istesso
Re Carlo I volendo in Napoli fabbricar Castel Nuovo nel luogo ov'era
quel convento de' Frati Minori poco anzi rammentato, trasferì da quivi
i Frati, e loro costrusse nell'anno 1268 una nuova Chiesa e Convento
nella piazza chiamata _Alvina_ dov'era l'antico palagio e Fortezza
della città, la quale anticamente fu detta _S. Maria de Palatio_, e poi
prese il nome di _S. Maria la Nuova_, il qual oggi ancor ritiene[238].

Il Re Roberto gli favorì non meno che il padre e l'avo, e non pur
careggiò i _Frati_, che le _Suore_ di quest'Ordine. Siccome le
_Suore Benedettine_ ebbero per Fondatrice _Scolastica_ sorella di
S. Benedetto, così le _Suore Francescane_ ebbero per Institutrice
_Chiara d'Assisi_ discepola di S. Francesco. Costei ricevendo con
ardore gl'insegnamenti del suo maestro, si rese Monaca e si chiuse in
Assisi nel Monastero di San Damiano, dove stese una Regola del suo
Ordine, perchè dovesse servire per le donne. Mentr'era gravemente
inferma, convenendo al Pontefice Innocenzio IV d'uscir da Perugia,
e portarsi in Assisi, fu visitata dal Papa, il quale le confermò
la Regola del suo Ordine; e poco da poi trapassata, per la fama de'
suoi incorrotti costumi, fu dal successor d'Innocenzio _Alessandro
IV_ ascritta al numero de' Beati[239]. Furono perciò edificati in
memoria di lei molti Monasteri di donne del suo Ordine in Italia; ma
in Napoli il Re Roberto a' conforti della Regina Sancia sua moglie
nel 1310 ne costrusse uno, che più magnifico ed ampio non si vide
allora in tutta Italia, dove la Regina v'introdusse le Monache della
Regola di _S. Chiara_, da cui prese il nome, che ancor oggi ritiene.
Fu d'immense rendite e possessioni dotato, e vi edificò a canto un
Convento de' Frati del medesimo Ordine, perchè le servissero ne' sacri
uffizi. La Chiesa fu costrutta con tal magnificenza, che fu reputata
non inferiore a tutti gli altri superbi e ricchi tempj d'Italia; e
di vantaggio la dichiarò Roberto sua _Cappella Regia_[240]. Presso di
questa Chiesa lo stesso Re nel 1320 collocò in una casa alcune Monache
dispensiere delle limosine regie; ma venuta in Napoli nell'anno 1325
dalla città d'Assisi una Monaca del Terzo Ordine di S. Francesco,
infiammò di maniera le dispensiere, che di comun volere fabbricarono
di quella casa una Chiesa con monastero, che si vide subito pieno di
nobili donne napoletane tirate dallo spirito ad ivi rinserrarsi, e
fra l'altre fuvvi Maddalena di Costanzo, la quale benchè avesse preso
l'abito nel Monastero di S. Chiara, il Re Roberto aveala quivi mandata
a presiedere alla distribuzione delle limosine regie. Dura ancora
nella sua floridezza questo monastero, ed è nominato dal nome del lor
Santo _Francesco_[241]. Un altro monastero, fu eretto e dotato dalla
Regina Sancia in Napoli nel 1324 per le donne di mondo convertite, le
quali vissero sotto la Regola di S. Francesco, e presero di lor cura
i Frati Minori; la lor Chiesa perciò prese il nome della _Maddalena_,
che ancor oggi il ritiene, ma non già il medesimo istituto; perchè ora
si ricevono donne nobili e vergini, e portano l'abito di S. Agostino,
e militano sotto la Regola di quel Santo, se ben ritengano ancora la
corda di S. Francesco[242].

Non meno in Napoli, che in tutte le province del Regno si videro
multiplicati i monasteri de' _Frati Minori_ e delle _Suore
Francescane_; e col correr degli anni il di lor numero arrivò a tale,
che non vi è città o castello ancorchè picciolo, che non abbia i suoi.

Surse in questo secolo un altro Ordine di _Mendicanti_, detto de'
_Romiti di S. Agostino_. Innocenzio IV fu il primo che formò il disegno
di unire diversi Ordini di Romiti in un solo; ma questo disegno fu
poi eseguito dal suo successore Alessandro IV, il quale trattigli da'
lor Romitaggi per istabilirgli nelle città, e per impiegargli nelle
funzioni dell'ecclesiastica Gerarchia, ne fece una sola Congregazione
sotto un sol Generale, e lor diede il nome de' _Romiti di S. Agostino_.

Non al pari de' due precedenti Ordini si multiplicarono presso di noi
gli _Agostiniani_. Napoli in tempo degli _Angioini_ ne noverava alcuni,
come quello di _S. Agostino_, che secondo l'opinion più fondata, si
crede aver avuti i suoi principii non prima di Carlo I d'Angiò ampliato
poi, e con maggiori rendite arricchito da Carlo II suo figliuolo e
dagli altri Principi di quella Casa[243]: l'altro di _S. Giovanni a
Carbonara_ fu fondato da Frate Giovanni d'Alessandria e Dionigi del
Borgo per munificenza di Gualtieri Galeota, il quale negli anni 1339 e
1343 donò a' medesimi per la costruzione di quella Chiesa e Monastero
tutte le sue case e giardini, che e' possedeva in quel luogo; cotanto
poi ingrandito e ristorato dal Re Ladislao[244]. Ve ne furono altri, ma
nelle province del Regno se ne stabilirono moltissimi.

Parimente l'Ordine de' _Carmelitani_ non fece a questi tempi fra noi
grandi progressi. Era stato istituito intorno l'anno 1121 da alcuni
Romiti del Monte Carmelo, adunati dal Patriarca d'Antiochia per
mettergli in comunità. Da poi ricevette nell'anno 1209 una Regola da
Alberto Patriarca di Gerusalemme, che fu approvata in questo secolo da
Onorio III. Cotesti Religiosi passarono in Occidente l'anno 1238 e si
stabilirono in Congregazione e vi si diffusero; essendo stata poi la
lor Regola spiegata e mitigata da Innocenzio IV l'anno 1245. Diffusi
per Italia pervennero in Napoli; ove presso la porta del Mercato vi
fabbricarono una piccola Chiesa con Convento. Venuta poscia la dolente
Regina Margherita madre del Re Corradino a Napoli con molta quantità
di gioje e di moneta per ricuperar dalle mani del Re Carlo il suo
unico figliuolo, trovatolo morto e seppellito nella piccola Cappella
della Croce, lo fece quindi torre; e fattogli celebrare convenienti
esequie, diede per l'anima di colui a questa Chiesa tutto il tesoro,
che avea seco portato. Re Carlo per mostrar di concorrere alla pietà
della Regina, nell'anno 1260 loro concedè per ampliazion della Chiesa
un luogo del suo demanio, che era quivi vicino, chiamato _Morricino_,
e crebbe di poi in quella grandezza, che ora si vede. Altri ne furon
da poi fondati in Napoli e nel Regno ma non tanti, finchè potessero
uguagliare il numero de' _Predicatori_ e de' _Frati Minori_.

Oltre di queste quattro Religioni di _Mendicanti_, sursero in questo
secolo molte altre _Congregazioni_ religiose, che tratto tratto
furono anche introdotte nel nostro Regno. L'Ordine della _Trinità
della Redenzion degli Schiavi_, fondato nell'anno 1198 da _Giovanni
di Mata_ di Provenza, Dottore di Parigi, e da _Felice Anacoreta_ di
Valois ed approvato due anni da poi da Innocenzio III. L'ordine de'
_Silvestrini_, i quali seguitavano la Regola di S. Benedetto, fondato
l'anno 1231 in Monte Fano da _Silvestro Guzolino_, che di Canonico
si fece Romito, e trasse nella sua Comunità non poche persone.
L'ordine di _S. Maria della Mercede_, fondato da _S. Pietro Nolasco_
in Barcellona l'anno 1223 sotto l'autorità di Jacopo I Re d'Aragona,
per consiglio di _Raimondo di Pennaforte_, ed approvato da Gregorio
IX l'anno 1235. L'Ordine de' _Serviti_, il quale cominciò in Firenze
l'anno 1234 approvato da Alessandro IV e da Benedetto XI. L'Ordine
de' _Cruciferi_, ch'era quasi spento, fu restituito da Innocenzio IV
tal che in Italia si rifecero alcuni Monasterj di nuovo; ed in Napoli
da poi nel 1334 dalla famiglia Carmignana e Vespola fu conceduta a
Fr. Marino di S. Severino in nome d'essi Cruciferi la Chiesa di S.
Maria delle Vergini collo Spedale che ivi eravi, fuor della porta
di S. Gennaro, perchè quivi dimorassero, e servissero gl'infermi di
quello Spedale[245]. Ebbe ancora in questo secolo origine l'Ordine
de' _Celestini_, istituito nel nostro Regno da _Pietro di Morrone_
d'Isernia, che menando una vita tutta austera e solitaria alle falde
della Majella, diè fuori la sua Regola, e fu tanto caro al Re Carlo I
d'Angiò, che prese sotto la sua protezione tutti i suoi Monasterj; e la
sua santità rilusse tanto, che dall'Eremo ascese al Pontificato sotto
il nome di _Celestino V_. Pose il suo Ordine sotto la Regola di S.
Benedetto, e l'approvò fatto Papa con una sua Bolla l'anno 1294, che fu
poi nel 1297 confermato da Bonifacio VIII e da Benedetto XI nell'anno
1304. Non pur in Abruzzo, ma anche in Napoli ebbero i _Celestini_
ricetto nell'istesso tempo del loro nascimento. Fu loro data una Chiesa
vicino la porta chiamata anticamente di Donn'Orso, edificata, e di
ricchi poderi dotata da Giovanni Pipino da Barletta M. Razionale della
G. Corte e Conte di Minervino, e da Carlo II tenuto in sommo pregio,
per aver col suo valore discacciati i Saraceni di Lucera di Puglia; e
di lui in questa Chiesa se ne addita ancora il sepolcro. Fu chiamata
perciò di _S. Pietro a Majella_; la quale ruinata dal tempo, fu
nell'anno 1508 rifatta ed ampliata da Colanello Imperato M. Portolano
di Barletta[246].

Molti altri Ordini sursero in questo secolo, il numero de' quali era
divenuto sì grande, che Gregorio X fu costretto nel Concilio general di
Lione tenuto l'anno 1274 sospendere lo stabilirne de' nuovi, e vietare
tutti quelli, ch'erano stati stabiliti dopo il quarto Concilio generale
Lateranense, senz'essere stati approvati dalla Sede Appostolica. E
d'un medesimo Ordine, ed in una stessa città se ne andavan costruendo
tanti Conventi, che fu uopo a più Pontefici per varie loro Bolle[247]
stabilire una convenevol distanza di passi, perchè l'uno non togliesse
il concorso all'altro, di cui eran tanto gelosi.

Ma di tanti Ordini i più distinti furono i _Mendicanti_, e fra questi
i più favoriti da' romani Pontefici, furono i _Frati Predicatori_,
ed i _Frati Minori_. Essi s'erano sopra gli altri segnalati per le
spedizioni contro gli Eretici di questi tempi, ed aveano fatti altri
importanti servigi alla Chiesa di Roma; perciò furono sopra gli altri
innalzati ed arricchiti di molti privilegi e prerogative. Innocenzio
III ed Onorio III concedè loro esenzione dagli Ordinarii, e vollero
che fossero sottoposti immediatamente alla Sede Appostolica. Così essi
come gli altri Religiosi _Mendicanti_, appoggiati sopra i privilegi lor
conceduti da' Pontefici pretesero aver diritto di confessare e di dar
l'assoluzione a' Fedeli senza dimandarne la permissione, non solo a'
Curati, ma nè pure a Vescovi: di che nacquero tanti ostinati litigi col
Clero secolare, che per comporgli s'affaticarono più Papi.

Ma se mai meritarono questi novelli Religiosi il favore de' Pontefici
romani, per niun'altra cagione era loro certamente più ben dovuto,
quanto che per essi fu stabilita la nuova teologia _Scolastica_,
la quale avendo fatto andare in disuso la _Dogmatica_, e posto in
dimenticanza lo studio dell'antichità e dell'istoria ecclesiastica,
tenne occupati gl'ingegni a quistioni astratte ed inutili, e a dispute
piene di tanta oscurità, di tanti contrasti e di tanti raggiri, che non
vi furono se non coloro, ch'erano versati in quell'arte, che potessero
comprenderne qualche cosa.

Questa sorta di studj, allontanandogli dall'antichità e dall'istoria,
piacquero a Roma, e tanto più, quanto che la potestà de' Pontefici
romani era innalzata in infinito, non prescrivendo loro nè termine,
nè confine: e ciò anche bisognava farlo per proprio interesse;
perchè avendo essi ottenute da Roma ampissime esenzioni e grandi
privilegi, perchè loro valessero e potessero contro i Vescovi e Curati
sostenergli, bisognava ingrandire la potestà del concedente. Quindi
i Decretisti da una parte, e gli _Scolastici_ dall'altra cospirarono
insieme a stabilir meglio la Monarchia romana, e far riputare il Papa
supremo Principe non meno dello spirituale, che del temporale.

Ma parrà cosa stupenda come queste Religioni fondate nella mendicità,
onde presero il nome di _Mendicanti_, e che nacquero per lo
rilasciamento della disciplina ed osservanza regolare, cagionato
dalle tante ricchezze, avessero potuto in progresso di tempo far
tanti acquisti, sicchè per quest'istesso bisognasse pensare ad altra
_Riforma_, la quale nemmeno ha bastato. Ma a chi considererà la
condizione degli uomini sempre appassionati alle novità ed a' modi
tenuti da Roma, a cui ha importato sempre stendere i di loro acquisti,
perchè finalmente a lei veniva a ricadere la maggior parte, non
parrà cosa strana o maravigliosa. I Monaci vecchi avendo già perduto
il credito di santità, ed il fervore della milizia sacra essendosi
intepidito: li Frati Mendicanti, per quest'istesso che professavano
povertà, essendosi accreditati, invogliavano maggiormente i Fedeli ad
arricchirgli; imperocchè essi s'erano spogliati affatto della facoltà
d'acquistar stabili, e fatto voto di vivere di sole oblazioni ed
elemosine; ed ancorchè trovassero molte persone loro divote, ch'erano
prontissime di dar loro stabili e poderi, contuttociò per lo loro
istituto non potendo ricevergli, rifiutavano l'offerte. A ciò fu
subito da Roma trovata una buona via: perchè fu conceduto dalla Sede
Appostolica privilegio a' Frati Mendicanti di poter acquistare stabili,
con tutto che per voto ed istituzione loro era proibito. Per cotal
ritrovamento, subito i Monasteri de' Mendicanti d'Italia e di Spagna
e d'altri Regni fecero in breve tempo grandi acquisti di stabili. In
Francia solo i Franzesi s'opposero a tal novità, dicendo, che siccome
erano entrati nel loro Regno con quell'istituto di povertà, così
conveniva, che con quella perseverassero.

Ma nel nostro Regno, particolarmente a tempo degli Angioini ligi de'
romani Pontefici, i loro acquisti furono notabili, massimamente ne'
tempi dello scisma, quando tutto il rimanente dell'Ordine Chericale
era in poco credito, ed all'incontro tutto il credito era dei Monaci.
Assaggiate ch'essi ebbero le comodità ed agi, che lor recavan le
ricchezze, non trovaron poi nè modo nè misura, siccome è difficile
trovarlo quando si oltrepassano i confini del giusto per estraricchire.
Per vie più accrescerle e tirar la divozione de' Popoli inventarono
molte particolari divozioni. I _Domenicani_ istituirono quella del
_Rosario_. I _Francescani_ l'altra del _Cordone_. Gli _Agostiniani_
quella della _Coreggia_; e gli Carmelitani l'altra degli _Abitini_;
e poi al di loro esempio non mancarono l'altre Religioni d'inventar
anch'esse le proprie insegne, chi _Scapularii_, e chi altre particolari
divozioni; e per lo profitto che se ne traeva, diedero in eccessi,
ciascuno innalzando l'efficacia ed il valore della propria insegna,
con depressione dell'altre. I Domenicani esageravano il valor del
_Rosario_. I Francescani a' loro _Cordonati_ quello del _Cordone_. Gli
_Agostiniani_ a' suoi _Coreggiati_ il proprio della _Coreggia_; ed i
Carmelitani il loro degli _Abitini_; e con questo trassero non men gli
uomini, che le donne a _rosariarsi_, a _cordonarsi_, a _coreggiarsi_, e
ad _abitiniarsi_, e ad ergere proprie Cappelle, Congregazioni, favorite
sempre da' romani Pontefici con indulgenze plenarie, e remissione di
tutti i peccati ed altre prerogative.

(Non dee alcun credere, che questi vocaboli di _Coreggiati_,
_Rosariati_, _Cordonati_, ec. siansi posti per derisione; poichè così
si nominano nelle Bolle stesse Papali, da' Canonisti e da' Curiali
stessi di Roma. Il Cardinal de Luca, ch'essendo Avvocato in Roma, ebbe
sovente a difender liti istituite in quella Curia o dagli uni o dagli
altri in più suoi discorsi, non si vale di altri termini. Leggasi il
Tamburino[248], ove rapporta più Bolle di sommi Pontefici, che così
gli chiamano, con darne di più la derivazione, scrivendo, che le donne
si chiamano _Corrigiatae ec. quatenus Corrigiam S. Augustini cingunt_.
E lo stesso ripete nella disp. 7 qu. 10 n. 4. Il Cardin. de Luca[249]
fa un Catalogo di questi nomi, li quali non altronde derivano, che da
simiglianti cagioni: _Quae appellari solent_ (ei dice) _Conversae,
Tertiariae, Biguinae, Corrigariae, Mantellatae, Pinzoncheriae,
Canonissae, Jesuitissae ec._, ciochè sovente questo medesimo Scrittore
rapporta in altri suoi discorsi, particolarmente de _Jurisdictione,
part. 1 disc. 45 n. 3_ ed altrove).

E fu tanta sopra ciò la loro emulazione, che ciascuno guardava l'altro
perchè non si valesse della sua insegna per tirar a se la gente, ovvero
s'ingegnasse d'introdurne un'altra simile a quella: e sovente vennero
a contrasti, e ad istituirne liti in Roma, insino se un Francescano
tentava all'immagine di nostra Signora farvi dal dipintore aggiungerci
un Rosario denotante nuova istituzione, sicchè per quella si scemasse
il concorso a' Domenicani, e s'accrescesse agli emoli Francescani.
_Frat'Ambrogio Salvio_ da Bagnuolo dell'Ordine de' Predicatori famoso
Oratore e poi Vescovo di Nardò, cotanto per le sue prediche grato
all'Imperador Carlo V ed al Pontefice Pio V, ed a cui i Napoletani
eressero una statua di marmo nella Chiesa dello Spirito Santo, che fu
zio del Dottor _Alessandro Salvio_, celebre ancor egli per lettere
e per lo famoso trattato, che compilò del _Giuoco degli Scacchi_;
perchè il _rosariare_ fosse solo de' Domenicani, e non potessero altri
arrogarsi tal facoltà, ebbe nell'anno 1569 ricorso al Pontefice Pio
V da cui ottenne Bolla[250], per la quale fu interdetto e vietato a
tutti gli altri d'ergere Cappelle e Confraterie del Rosario; e che
tal facoltà fosse solamente del Generale dell'Ordine di S. Domenico,
o suoi Deputati, concedendola ancora per ispezial favore al medesimo
Frat'Ambrogio.

Per l'occasione di queste particolari divozioni per maggiormente
infiammar i devoti, s'inventavano molti finti miracoli, ed oltre di
predicargli a voce, se ne compilavano libri, tantochè, siccome avvertì
Bacon di Verulamio[251] per questa parte resero l'istoria ecclesiastica
così impura, che vi bisogna ora molta critica, e gran travaglio per
separare i finti miracoli dalli veri. Cotali furono i principj di
questi nuovi acquisti in questo decimoterzo secolo, i quali ricevettero
molto maggiore augumento per tutto il tempo, che fra noi regnarono gli
_Angioini_, gli avvenimenti de' quali bisognerà riportare ne' seguenti
libri di quest'Istoria.


  FINE DEL LIBRO DECIMONONO.



STORIA CIVILE DEL REGNO DI NAPOLI

LIBRO VENTESIMO


I Franzesi al tempo della declinazione dell'Imperio romano abitarono
quel paese volto al Settentrione che tra la Baviera e la Sassonia, si
distende lungo le rive del Reno, e che sino al presente _Franconia_
dal nome di questa Nazione vien nominato. Indebolito l'Imperio, e
cessato lo spavento della potenza romana, invitati dall'esempio degli
altri Popoli vicini, deliberarono colla forza dell'armi procacciarsi
più comodo vivere, e più larga e fertile abitazione; ed avendo eletto
in loro Re _Faramondo_, uno de' figliuoli di _Marcomiro_, sotto la di
lui condotta, passato il Reno, si volsero alla conquista delle Gallie
intorno l'anno 419 lasciando il dominio della Franconia al vecchio
Principe Marcomiro. _Clodione_ figliuolo di Faramondo distese le
conquiste, e cominciò a signoreggiar quella parte delle Gallie, che
più propinqua alle rive del Reno, _Belgica_ vien nomata. Successe a
costui _Meroveo_, non si sa di certo, se fratello, o se figliuolo di
lui, ma prossimo al sicuro e congiunto di sangue, il quale con valorosi
progressi, dilatandosi nelle parti della Gallia _Celtica_ propagò
l'imperio de' suoi Franzesi sino alla città di Parigi, e giudicando
aver acquistato tanto, che bastasse a mantenere i suoi Popoli, ed
a formare un giusto, e moderato governo fermò il corso delle sue
conquiste, e rivoltato l'animo a' pensieri di pace, abbracciò ambedue
le Nazioni sotto al medesimo nome, e con leggi moderate e con pacifico
governo, fondò e stabilì nel possesso delle Gallie il Regno de'
Franzesi.

Continuò con ordinata successione la discendenza Reale in questa prima
stirpe de' _Merovingi_, insino all'ultimo Re _Chilperico_. Pipino la
trasferì poi nella famiglia de' _Carolini_; ma essendo questa seconda
stirpe mancata, _Ugo Capeto_ diede principio alla terza, detta perciò
de' _Capeti_: di cui nacquero i Filippi ed i Luigi per cui la Francia
fu gran tempo governata; ed essendosi continuata per molti secoli la
successione in questa stirpe, pervenne a questi tempi alla possessione
del Regno il Re _Lodovico IX_ di questo nome, quegli il quale per
l'innocenza della vita e per l'integrità de' costumi, meritò dopo la
morte d'essere ascritto tra' Santi. Fratello di questo Re fu Carlo
Conte di Provenza e d'_Angiò_, il quale per le cagioni nel precedente
libro esposte, essendo stato invitato alla conquista del Regno, con
prosperi avvenimenti ridusse l'impresa a compiuto fine, e stabilì in
Puglia ed in Sicilia il Regno degli Angioini.

Nel narrare i successi ed i cambiamenti del governo civile accaduti
nel Regno loro, serbarò, contro il costume degli altri Scrittori,
maggior brevità di quel che sinora abbiam fatto. La dovizia istessa
e copia grande delle loro memorie lasciateci, e 'l veder la maggior
parte d'esse notate in molti volumi di nostri Autori, e d'essersene
tessute più istorie, mi fa sperare, che rese ormai note e divulgate,
di non mi si dovere imputare a difetto l'averle in parte taciute. De'
fatti degli _Angioini_, e degli altri seguenti Re, molto da' nostri
si trova scritto: de' predecessori nostri Principi molto poco, e
tutto intrigato. Ciò nacque da più cagioni: principalmente per non
avere i Principi normanni e gli svevi fermata la loro Sede regia in
Napoli, o in altra città di queste nostre province, e d'esserci perciò
mancati delle loro memorie pubblici Archivii. Le tante guerre poi, e
revoluzioni accadute; gl'incendi, e' saccheggiamenti di quelle città,
che avrebbero potuto conservargli, come di Capua, Benevento, Salerno
e Melfi; e finalmente la barbarie e l'ignoranza de' Scrittori mal
disposti a tesserne istoria, ne cancellarono quasi ogni memoria. Molto
perciò dobbiamo a' monasterj della Regola di S. Benedetto, e sopra
tutto a quello di Monte Cassino, in cui serbansi le memorie più vetuste
anche de' Goti, essendo il più antico Archivio che abbiamo nel Regno;
ed a' due altri della Trinità della Cava, e di Monte Vergine, dove sta
raccolto quanto mai de' Normanni è a noi rimaso. Molto ancora dobbiamo
a' loro Monaci; poichè qualche antica Cronaca, e qualche mal composta
Istoria ad essi la dobbiamo. De' Re della illustre Casa di Svevia, per
aver avuti costoro nemici i Pontefici romani, gli Scrittori italiani,
che per lo più furono Guelfi, ne scrissero con molto strapazzo, con
gran pregiudizio della verità; e se qualche straniero, o qualche
Cronaca novellamente trovata, non vi rimediava, si sarebbe nella
medesima ignoranza e pregiudicj.

Non così avvenne ne' tempi di questi Re della Casa d'Angiò; poichè
avendo Carlo principiato adornar Napoli con magnifici tempj ed edifici,
e dopo la separazione del Reame di Sicilia, avendola renduta regia
sede, e capo e metropoli del Regno: quindi avvenne, che tennesi maggior
conto de' regali diplomi, e delle altre lor memorie, e si diede miglior
forma in Napoli a' regi Archivii. Carlo fu il primo, che ordinò in
Napoli l'_Archivio della Zecca_, che prima era in potere de' Maestri
Razionali, ed in miglior forma lo ridusse; ond'ebbe lunga durata, e
ancor dura, ed è il più antico, che oggi abbiamo in questa città. Si
conservano in quello 436 registri, cominciando dal Re Carlo I dall'anno
1267 che fu il secondo anno del suo Regno, insino alla Regina Giovanna
II ove molte scritture, anche nella lor lingua franzese, sono dettate.
Di Carlo I si trovano cinquantacinque registri, e più di Carlo II
suo figliuolo, ch'ebbe più anni di Regno, insino al numero di 153.
Di Roberto, 117. Di Carlo suo figliuolo, Vicario che fu del Regno,
62. Della Regina Giovanna I, 32. Di Carlo III della seconda razza
d'Angiò non più che tre. Di Ladislao, diece, e della Regina Giovanna
II sua sorella, quattro[252]. Per questo oggi giorno vediamo, che
le scritture, che si conservano in quello Archivio non hanno maggior
antichità, se non di quella de' tempi di Carlo I d'Angiò. Solamente
quasi per miracolo vi è rimaso un registro dell'Imperador Federico
II d'un solo anno, cioè del 1239. Ed è da credersi, che a ciò vi
cooperasse Carlo per estinguere affatto la memoria de' Re svevi, a'
quali egli era succeduto, non già per ragion ereditaria, ma per ragion
di guerra, e di papali inviti[253]. Quindi avvenne, che i nostri
Scrittori furono più copiosi ed abbondanti in registrar la memoria
degli Angioini, che degli altri Re predecessori.

S'aggiunse ancora, che costoro regnarono in tempi, ne' quali la
barbarie non era cotanta, e cominciavano pian piano in Italia, e
presso di noi a risorgere le buone lettere, e ad aversi buon gusto
dell'istoria. Aveva Fiorenza _Giovanni_, e _Matteo Villani_, che
coetanei de' due Carli e di Roberto, non mancarono di mandar alla
memoria de' posteri le loro gesta.

Successero poi uomini più illustri, come il _Petrarca_, e _Giovan
Boccaccio_, i quali nelle loro opere de' Re angioini ci lasciaron non
poche memorie, come da coloro ben careggiati, e tenuti in sommo pregio:
e tra' nostri non mancarono ancora chi i fatti di questi Re notasse,
come _Matteo di Giovenazzo_, che scrisse dalla morte di Federico II sin
a' tempi di Carlo II ne' quali visse: l'_Autore de' giornali_ chiamati
_del Duca di Montelione_, ne' quali furono annotate dì per dì le cose
fatte dal tempo della Regina Giovanna I fin alla morte di Re Alfonso I
e _Pietro degli Umili_ di Gaeta, che scrisse a pieno delle cose del Re
Ladislao, il qual visse a quel tempo, e fu Ufficiale della Tesoreria di
quel Re. Dalle memorie de' quali e da altri gravi Autori, confortato da
quei due grandi uomini Giacomo Sannazaro e Francesco Poderico, compilò
poi _Angelo di Costanzo_ quella sua grave e giudiziosa Istoria del
Regno di Napoli, che siccome oscurò tutto ciò, che insin allora erasi
scritto, così ancora per la sua gravità, prudenza civile ed eleganza,
si lasciò indietro tutte le altre che furono compilate dopo lui dalla
turba d'infiniti altri Scrittori. Per questa cagione l'Istoria di
questo insigne Scrittore sarà da noi più di qualunque altra seguitata,
nè ci terremo a vergogna se alle volte colle sue medesime parole, come
che assai gravi e proprie, saranno narrati i loro avvenimenti.

Carlo adunque, dopo essersi con que' mezzi di sopra narrati stabilito
ne' due Reami di Puglia e di Sicilia, dopo aversi reso benevoli molti
Baroni del suo partito con profuse donazioni, e dopo, per maggiore
sua sicurezza fatti fermare nel Regno molti Signori franzesi, a cui
diede molti feudi, onde nuove famiglie in esso ci vennero, erasi reso
formidabile per tutta Italia e riputato uno de' maggiori Re d'Europa;
e stendendo le sue forze oltre i confini di questi Reami, aveasi ancora
reso tributario il Regno di Tunisi, e come uomo ambiziosissimo ed avido
di Signoria, aspirava all'Imperio di Costantinopoli, e tutto il suo
studio era di cacciar da quella Sede _Paleologo_, che allora imperava
in Oriente. E forse gli sarebbe riuscito, se in _Gregorio_ successore
di Clemente avesse trovato quelle medesime inclinazioni ed affetti, che
in costui furono.

Era stata la Sede Appostolica, per le discordie dei Cardinali, vacante
poco men di tre anni dopo la morte di Clemente; nè vi bisognò meno, che
la presenza del Re Filippo di Francia, e d'Errico, e d'Odoardo l'uno
nipote e l'altro figlio del Re d'Inghilterra, per ridurre i Cardinali a
rifar il successore; poichè questi Principi, che ritornavano d'Affrica,
passati per Sicilia e Napoli, ritornando a' loro Stati, andarono a
Viterbo per sollecitare i Cardinali per l'elezione, i quali finalmente
mossi dalla presenza di que' Signori, non convenendo in niun di loro,
finalmente nel dì 1 di settembre di quest'anno 1271 elessero persona
fuor del Collegio, che fu Teobaldo di Piacenza della famiglia de'
Visconti Arcidiacono di Liegi, che a quel tempo si trovava in Asia
Legato appostolico nell'esercito cristiano contro Infedeli; che fattosi
nel seguente anno coronare a Viterbo, fu chiamato _Gregorio X_, il
quale ammaestrato da' precedenti disordini, fu il primo che fece la
legge di chiudere dopo la morte del Papa i Cardinali in _Conclave_, e
di tenervigli finchè avessero eletto il successore.

Fatta l'elezione del nuovo Pontefice, Re Filippo se n'andò in Francia,
e Re Carlo ritornò in Napoli: questi considerando, che _Filippo_
suo figliuolo secondogenito era morto, un altro chiamato _Roberto_
terzogenito era pur morto sin nel 1265 e che _Carlo_ suo primogenito
(investito da lui del Principato di Salerno colla corona o cerchio
d'oro, del Contado di Lesina con lo stendardo, e dell'Onore di Monte
S. Angelo coll'anello[254]) non avea ancor figliuoli maschi, egli
nel nuovo anno 1272 tolse la seconda moglie, figliuola (secondo il
Costanzo) di Balduino di Fiandra, ultimo Imperador di Costantinopoli,
per via della quale sperava acquistar parte dell'Imperio di Oriente:
ancorchè il Sigonio dica, che fu figliuola non già di Balduino, ma
del Duca di Borgogna. Furono perciò in Napoli fatte gran feste e
giostre, ed armati da lui molti gentiluomini con cingolo militare e
fatti Cavalieri. Fu anche quest'anno assai lieto al Re, perchè nella
fine del medesimo al Principe di Salerno successore del Regno, che non
avea altro che figliuole femmine, nacque un figliuolo chiamato _Carlo
Martello_, che fu poi Re d'Ungheria, del che si fece festa non solo in
Napoli, ma in tutte l'altre città del Regno.

Ma poi che Carlo ebbe novella, che tornava da Soria il nuovo eletto
Pontefice, e veniva a dismontare in Puglia, cavalcò, ed andò subito in
Manfredonia ad aspettarlo e lo ricevè con molta stima ed onore, e volle
accompagnarlo per Capitanata e per Abbruzzo fin a Campagna di Roma,
lusingandosi con queste carezze tirar Gregorio a dar mano all'impresa,
ch'ei meditava di Costantinopoli; ma il novello Pontefice, che stato
lungamente in Soria, teneva grande affezione a quella guerra, coronato
che fu, nel primo Concistoro fece nota a tutto il Collegio l'intenzion
sua, che era d'impiegare tutte le forze del Ponteficato all'impresa
di Soria contra Infedeli; la qual cosa, subito che fu scritta al Re
Carlo, s'accorse quanto avea perduto con la morte dell'altro Papa suo
predecessore.

Era a quel tempo venuto di Grecia Filippo figliuolo dell'ultimo
Balduino, genero e cognato di Re Carlo, per sollecitarlo che venisse
all'impresa di Costantinopoli, e 'l Re gli consigliò che andasse al
Papa: e mandò con lui per Ambasciador suo il Vescovo d'Avignone, i
quali trattando insieme col Papa, che volesse contribuire al soccorso,
come si conveniva, per far unire la Chiesa greca colla latina, lo
ritrovarono molto alieno da tal pensiero; perchè il _Paleologo_,
che avea occupato l'Imperio, in quel medesimo tempo avea mandati
Ambasciadori al Papa, offerendogli di ridurre la Chiesa greca
all'ubbidienza della romana; onde Gregorio, che stimava più il bene
universale de' Cristiani che il particolare dell'Imperador Balduino,
e che voleva più tosto l'amicizia di colui, che possedeva l'Imperio e
poteva sovvenire all'esercito cristiano nel riacquisto di Terra Santa,
che divertirsi dall'aiuto dei Cristiani per rimettere nello Stato
Balduino; si mosse da Orvieto, escludendolo da questa speranza, e se
ne andò in Francia a celebrare il Concilio in Lione, per invitare il
Re di Francia e d'Inghilterra, e gli altri Principi oltramontani alla
medesima impresa. Il _Paleologo_, ch'avea inteso, che Balduino era
andato in persona al Papa, per gelosia ch'ebbe, che non fosse di più
efficacia la presenza di lui, che l'intelligenza degli Ambasciadori
suoi, si mosse da Costantinopoli e condusse seco il Patriarca e gli
altri Prelati del suo dominio a dare ubbidienza al Papa, dal quale fu
accolto con grandissimo onore, ed ottenne quanto volle, e se ne tornò
subito in Grecia, confermato Imperadore dalla Sede Appostolica[255].
Si adoperò ancora Gregorio, che _Ridolfo Conte d'Ausburg_ fosse eletto
Imperador d'Occidente, essendo vacato l'Imperio molti anni, affine
d'unire questi Principi al riacquisto di Terra Santa.

Tutte queste cose molto dispiacquero al Re Carlo; e avendo Gregorio
nel 1274 aperto già il Concilio in Lione, ed invitato Fra Bonaventura,
soprannomato il _Dottor Serafico_, che era stato creato Cardinale, e
Fra Tommaso d'Aquino, il _Dottor Angelico_, perchè dovendosi trattare
dell'unione della Chiesa greca e latina, potessero questi due insigni
Teologi confutar gli errori de' Greci; Carlo temendo che Tommaso, il
qual partiva di Napoli, dove in quest'università leggeva teologia, ed
al quale erano note le sue crudeltà, nel Concilio non maggiormente
esacerbasse l'animo del Pontefice, passando egli per Fossanova,
luogo non molto lontano da Terracina, lo fece avvelenare, onde ivi
nel monastero de' Monaci Cisterciensi trapassò nel dì 7 marzo dello
stesso anno, in età di 50 anni. Ciò che Dante[256] noverò tra le altre
fierezze e crudeltà di questo Principe, dicendo:

    _Carlo venne in Italia, e per ammenda_
    _Vittima fè di Corradino; e poi_
    _Ripinse al Ciel Tommaso per ammenda._

Scorgendo per tanto Re Carlo l'animo del Pontefice non esser niente
disposto a secondare i suoi desiderj, differì i suoi disegni; e mentre
Gregorio visse, non si travagliò molto per le cose d'Italia, nè fuori
di quella: ma _fermato_ in Napoli, attese a magnificarla, ed a dar
nuovo sistema alle cose di questo Regno, cominciando da lui queste
nostre province a riconoscer Napoli per loro capo e metropoli.



CAPITOLO I.

_Cagioni onde Napoli divenisse capo del Regno, e Sede regia._


I primi fondamenti della magnificenza e grandezza di questa città,
onde con prosperi avvenimenti surse poi a quello stato in cui oggi si
vede, furono gettati da Federico II Imperadore. Primieramente lo studio
generale, che questo Principe vi fondò, tirò a quella gli scolari non
pur di questo Reame, ma anche di Sicilia e d'altre più remote parti.
Il non essersi da poi Federico fermato in Palermo, come gli altri
Re normanni suoi predecessori, ma avere scorso più città di queste
nostre province, ed essersi spesso fermato in Napoli colla sua Gran
Corte e con gli altri Ufficiali del Regno, servì anche per scala a
tanta altezza; e l'aver ancora in magnifica forma ridotto il Castello
capuano, e quel dell'Uovo vi conferì molto.

L'altra cagione di tanta elevatezza furono _Innocenzio IV_ e 'l suo
successore _Alessandro_, i quali in Napoli lungamente colla loro
Corte dimorarono; ma coloro, che vi diedero l'ultima mano furono i
novelli Re angioini, Carlo I e II, e più la separazione della Sicilia
per quel famoso vespero siciliano: donde sursero due Reggie e due Re,
cioè l'antico di Sicilia, e 'l nuovo di Napoli. Palermo antica Reggia
restò per gli _Aragonesi_ in Sicilia. Napoli nuova Reggia restò per li
_Franzesi_ in Puglia e Calabria.


§. I. _Edificj._

Cominciò prima Carlo ad ampliarla con magnifici e superbi edificj: non
ben soddisfatto del Castel capuano fatto alla tedesca, appena sconfitto
Manfredi, ed entrato con trionfi e plausi in questa città, che fece
edificar il _Castel Nuovo_, dove è oggi, al modello franzese, per farlo
abile a ricever soccorso per mare, ed a difendere il porto, riputato
allora una delle opere più notabili d'Italia, ingrandito poi e reso più
forte ed inespugnabile dagli altri Re suoi successori. Narrasi ancora,
che nell'antico Molo di questa città per maggior sicurtà de' vascelli
e per maggior difesa di questo castello vi avesse fatta edificare
quella _Torre_, che ancora oggi ritiene il nome _di S. Vincenzo_, per
Chiesetta, che in questo luogo v'era dedicata a quel Santo.

L'adornò anche di magnifiche chiese e monasterj, ed una chiesa de'
Frati di S. Francesco, che era in quel luogo ove edificò il Castel
Nuovo, la trasferì, come si disse, dove è oggi _Santa Maria della
Nuova_ in forma più magnifica, e vi fece un comodo monastero capace di
molti Frati Minori, il di cui numero ne' seguenti anni fu notabilmente
accresciuto. L'antico palazzo della napoletana Repubblica, ove solevano
convenire per pubblici affari il Popolo e la Nobiltà, per tenergli
divisi, proccurò che si disfacesse, e fecevi edificare quella magnifica
chiesa che ritiene ancora il nome di _S. Lorenzo_, (che poi Carlo
II suo figliuolo ridusse in più ampia forma) a cui unì un ben grande
convento di S. Francesco.

L'antico Duomo di Napoli, che prima era la chiesa di S. Restituta, lo
cominciò in altra più grande e magnifica forma a ristorare, ciò che non
potendo perfezionare, Carlo II poi lo fece riedificare nella forma che
oggi si vede, benchè nell'anno 1456 per un gran tremuoto cadde, e fu in
quella guisa che stava prima ristorato dal Re Ferrante I d'Aragona e da
molti altri signori del Regno, che tolsero ognuno da per se una parte
a ristorare, de' quali si vedono oggi l'insegne sopra i pilastri.

L'esempio del Principe mosse anche i suoi famigliari e domestici a far
il medesimo, i quali d'altre Chiese l'adornarono; ma sopra tutti si
distinsero tre Franzesi che si crede fossero stati tre cuochi del Re
Carlo, i quali ottenuto dal medesimo nell'anno 1270 per donazione quel
luogo, v'edificarono un ben grande Ospidale e una chiesa dedicata a tre
Santi Vescovi Eligio, Martino e Dionigi: che in decorso di tempo si è
resa una delle opere più notabili della pietà cristiana.

Fece ancora delle pietre quadrate, ch'erano per le ruine della via
Appia, lastricare in bella forma le strade della città, e rifare
le mura della medesima in miglior modo di prima. E per renderla più
abbondante di viveri e di traffichi, fece quel gran mercato, che oggi
si vede, in luogo più ampio e capace, poichè allora era fuori della
città[257]; onde Napoli ebbe due mercati, questo nuovo fatto da Carlo,
ove fu decapitato l'infelice Corradino, ed il mercato vecchio che era
prima vicino alla chiesa di S. Lorenzo.


§. II. _Ristoramento degli Studj._

Imitando questo Principe le vestigia di Federico II per render
più rinomata ed illustre questa città, ampliò lo Studio generale
da Federico fondato, e l'arricchì di molte altre prerogative e
privilegi. Re Roberto suo nipote tra' suoi _Capitoli_, che aggiunse
a quelli fatti dall'avo e dal padre, rapporta un ampio privilegio a
quest'Accademia conceduto da Carlo nel primo anno del suo Regno 1266
che fu istromentato da Roberto da Bari suo Protonotario in Nocera,
nel quale mostra essergli stato sommamente a cuore la grandezza
e decoro di questa Accademia[258]. Perciocchè per maggiormente
privilegiare i Dottori e gli scolari di quello, costituisce loro un
proprio e particolare Giustiziero, avanti di cui ordina, che tutte
le loro cause civili o criminali, attori o rei che fossero, debbano
agitarsi; nè che possano esser tirati a piatire altrove avanti altro
Giudice o Tribunale, se non se volessero a loro arbitrio per via di
compromesso andare avanti l'Arcivescovo della città, ovvero ad un
Dottore dell'istessa Accademia, affinchè determinassero le loro cause.
Stabilì per ciò al Giustiziero, se sarà napoletano, 20 once d'oro
l'anno per sua provisione, e se sarà forastiero 30. Ed il Summonte
da' libri dell'Archivio dell'anno 1269 rapporta, che fu da Carlo
costituito in quell'anno per Giustiziero Landolfo Caracciolo con 20
once d'oro l'anno per suo salario. Statuì a questo Giustiziero per la
retta amministrazione della giustizia tre assessori: uno oltramontano
da eleggersi dagli scolari oltramontani, che venivano quivi a studiare;
l'altro Italiano, che doveasi eleggere per gli scolari d'Italia; ed il
terzo Regnicolo, la di cui elezione apparteneva ai scolari del Regno;
li quali dovevano da tre in tre mesi successivamente mutarsi.

Diede anche facoltà a questo Giustiziero (acciocchè gli studenti non
fossero defraudati del prezzo de' commestibili) che coi consiglj degli
Assessori e dei Dottori e maestri degli scolari mettesse egli l'assisa
alle cose venali, moderata però e giusta, affinchè non riuscisse grave
ed iniqua a venditori e compratori. Che potessero anche costituire,
col consenso degli scolari, uomini probi, i quali dovessero assignare
a' scolari gli ospizi e stabilire la giusta mercede per li medesimi
e per le case, che serviranno per l'abitazione de' medesimi. Perchè
non fossero distratti da' loro studj, proibì a tutti gli Ufficiali
della sua Corte di non gravare i medesimi d'angarìe, esazioni, servigi
personali, anche se la sua Corte medesima o la città ne avesser
bisogno. Nè che i Baglivi ed altri Ufficiali esigessero per le Merci
e robe, che saranno a' scolari mandate per loro sostentamento o
necessità, dritto alcuno di pedatico, fondaco o dogana, esimendogli
affatto dalla loro giurisdizione e potestà.

Finalmente invita tutte le Nazioni a mandar i loro giovani a studiare
in Napoli, a' quali sarà libero e sicuro l'accesso, e 'l recesso a loro
arbitrio e volontà, e saranno benignamente accolti, e liberalmente
protetti e favoriti dal presidio e regal munificenza. Della Corte
di questo Giustiziero degli Scolari istituita da Carlo l fassi anche
memoria nel Regal Archivio; e ne' Registri di Carlo II si leggono altri
Giustizieri, come Marino del Duca Giustiziero degli Scolari, e da poi
Pietro Piscicello, detto _Ortante_, e dopo costui Gualtiero Caputo
di Napoli Milite; e finalmente Matteo Dentice Milite. Ed il Summonte
rapporta, che dalle carte di que' registri si vede, che l'assisa de'
pesci e delle altre cose commestibili conceduta da Carlo I, e poi
confermata da Carlo II suo figliuolo allo Studio di Napoli, si faceva
nella Chiesa di S. Andrea a Nido, insieme col Giustiziero, Dottori
e Studenti, conforme al solito[259]; di che ora n'è pur a noi rimaso
vestigio; poichè sebbene l'Ufficio del Giustiziero degli Scolari si
vegga a' tempi nostri molto ristrettamente passato nel _Cappellan
Maggiore_, il quale come Prefetto degli studj tiene giurisdizione, ma
molto ristretta e differente da quella, che teneva il Giustiziero,
stendendosi solamente sopra gli Scolari delinquenti nello Studio: e
la potestà di metter l'assise fosse rimasa al Giustiziero, ed a' suoi
Catapani, con giurisdizione molto differente dall'antica, e ristretta
solo sopra i venditori delle cose commestibili[260] nulladimanco dura
ancor ora, che gli emolumenti della Catapania per tre mesi dell'anno si
appartengano al Lettor primario di Legge civile di quest'Università,
il quale senza nuova provvisione, gode di quegli emolumenti, come
attaccati e dependenti dalla cattedra primaria del jus civile.

Perchè ancora questo Studio fosse più florido e numeroso, invitò i
più insigni Dottori forastieri de' suoi tempi con grossi stipendi,
perchè venissero ad istruire la gioventù di buone lettere e discipline.
Fioriva a questi tempi lo Studio di Bologna, e fra gli altri Professori
era rinomato per la legge civile _Giacomo Belviso_. Fu costui invitato
da Carlo a venir in Napoli ad insegnare jus civile, con stabilirgli di
salario cinquanta once d'oro l'anno. Invitò ancora nell'anno 1269 per
la legge canonica Maestro _Girardo de Cumis_, con salario di 20 once
d'oro. Per la teologia Maestro _Tommaso d'Aquino_ Frate Domenicano,
colui che adoriamo ora per Santo, con salario di un'oncia d'oro il
mese. E per leggere medicina Maestro _Filippo de Castrocoeli_, con
salario d'once dodici d'oro l'anno[261]. Le di cui vestigia, come
diremo, furono da poi calcate da Carlo II e da Roberto suoi successori.

Questo ristabilimento dell'Accademia napoletana (la quale dopo la morte
di Federico per le continue guerre, che durarono per più di venti
anni, era alquanto decaduta da quello splendore, nel quale Federico
lasciolla) fu pure una delle cagioni fortissime perchè Napoli si
rendesse più numerosa di gente concorsavi da paesi vicini e lontani, e
perchè s'inalzasse sopra tutte l'altre città del Regno.

L'aver ancora Carlo deliberato di non trasferire la sua sede regia in
Palermo, siccome i predecessori Re normanni e svevi fecero, fu poi la
principal cagione dell'ingrandimento di Napoli. Riputò questo Principe
Palermo, come città lontana, esser men adatta per poter accorrere a'
bisogni del Pontefice e de' Guelfi in Italia, e per non allontanarsi
tanto dagli altri suoi Stati di Provenza e di Francia, colla quale
tenne continuo e stretto commercio; di che a torto si lagnavano i
Siciliani, non altrimenti che a torto si dolevano i Romani d'Onorio,
il quale per reprimere l'inondazioni de' Barbari, che per quella
parte venivano ad infestar l'Italia, traslatò la sua sede da Roma, e
la collocò prima in Milano e poi a Ravenna. Fermossi per ciò Carlo in
Napoli; e se bene non sempre quivi dimorasse, avendo sovente dovuto
ricorrere per li bisogni del Reame, e per renderlo più quieto e pacato
sotto la sua ubbidienza, ora in una città, ora in un'altra, siccome
si vede dalle date de' suoi _Diplomi_, ed anche de' suoi _Capitoli_,
li quali si leggono istromentati ora in Nocera, ora in Trani, Foggia,
Aversa, Venosa, Brindisi ed altrove; non è però, che in Napoli col
Principe di Salerno suo figliuolo primogenito e successore del Regno,
non facesse la sua maggior dimora con gli Ufficiali della Corona e
della sua Corte, ed attendesse ad ingrandirla e ad adornarla di tanti
seggi che non fece a niun'altra città del Regno.

Questa sua dimora in Napoli, e l'aver insieme adornata la sua
regal persona di molte altre illustri prerogative, come d'aversi
reso tributario il Regno di Tunisi, e fregiato del titolo di Re di
Gerusalemme, quanto più estolsero la sua regal persona, altrettanto
ingrandirono Napoli sua Sede regia.



CAPITOLO II.

_CARLO si rende tributario il Regno di Tunisi; e per la cessione di
MARIA figliuola del Principe d'Antiochia diviene Re di Gerusalemme._


Luigi Re di Francia, fratello di Carlo, essendo passato nella fine
dell'anno 1270 in Affrica contra Infedeli, e tenendo assediato Tunisi,
oppresso il suo esercito da peste, stava in pericolo d'esser rotto
da' Mori e d'esser fatto prigioniero co' suoi figliuoli, ch'erano con
lui[262]. Carlo, avuta tal nuova, fu costretto dal debito del sangue e
dall'obbligo, che avea a quel buon Re, che l'avea aiutato ad acquistare
due Regni, di ponersi sopra l'armata, che avea apparecchiata per
passare in Grecia, ed andar subito a Tunisi[263]; dove trovò l'esercito
franzese cotanto estenuato, che parve miracolo di Dio, che i Mori non
l'avessero assaltato e dissipato; e trovò il Re che all'estremo di sua
vita, stava nel punto di render l'anima a Dio, come la rese. Quanto
fosse il suo arrivo caro a' figliuoli del Re ed a tutto l'esercito, non
è da dimandare, perchè a quel tempo medesimo venne un numero infinito
d'Arabi, con disegno non tanto di soccorrere il Re di Tunisi, quanto
di saccheggiare le ricchezze del Re di Francia, e del Re di Navarra
e di tanti altri Principi, ch'erano seco venuti a quella impresa, ma
poichè videro l'esercito Cristiano accresciuto d'un tal soccorso, se ne
tornarono a' loro paesi; ed il Re di Tunisi, ch'aspettava d'ora in ora,
che gli Arabi in quel modo lo liberassero dall'assedio, uscito da tal
speranza, mandò Ambasciadori al Re Carlo per la pace: Carlo temendo,
che la peste non s'incrudelisse ancora co' suoi, come avea consumato
l'esercito di Re Luigi; e vedendo ancora Filippo suo nipote, nuovo Re
di Francia, desideroso d'andare a coronarsi, entrò con gli Ambasciadori
del Re di Tunisi nella pratica della pace, la quale fra brevi dì si
conchiuse con questi patti: _che si pagasse al nuovo Re di Francia
una gran quantità d'oro per la spesa, ch'avea fatta nel passaggio:
che si liberassero tutti i prigioni Cristiani, ch'erano nel Regno di
Tunisi: che potessero i Cristiani liberamente praticare con mercatanzie
in Affrica: che si potessero ivi edificare Chiese e Monasterj e
predicarsi il sacro Evangelio di Cristo senza impedimento: e che 'l
Re di Tunisi e suoi successori restassero tributari al Re Carlo ed a'
discendenti di lui, di ventimila doble d'oro_. Tributo che da' Re di
Tunisi altrevolte s'era pagato a' Re di Sicilia, come al Re Ruggiero
e Guglielmo normanni. Tutini da' regj archivi trascrive una carta,
ove sta notato quanto importasse l'anno questo tributo, il di cui
tenore è tale: _Tributum Tunesi debitum Regi Siciliae, anno quolibet
est Bisantinorum triginta quatuor millia, tercentum triginta tribus,
quorum Bisantinorum quodlibet valet tarenos auri duos, et dimidium; et
sic reductis ipsis Bisantiis ad tarenum aureum, sunt tarenum, triginta
tria millia, triginta tribus, quibus tarenis reductis in uncias auri,
sunt unciae duo millia, octuaginta, triginta tribus. Collecta igitur
Bisantinorum dictorum summa per tribus annis, pro quibus tributum
ipsum debetur dicto Regi, ascendit ad Bisantinorum centum millia.
Summa dictorum tarenorum, pro eisdem tribus annis, unciarum octo millia
trecenta tribus unum[264]._


§. I. _CARLO per la cessione di MARIA figliuola del Principe
d'Antiochia diviene Re di Gerusalemme._

Venuto l'anno 1275 Papa Gregorio senza aver fatto nulla di quanto
avea designato, venne a morte, ed in suo luogo fu eletto Pietro di
Tarantasia Borgognone _Frate Predicatore_, che fu chiamato _Innocenzio
V_. Carlo udita l'elezione d'un Papa franzese riassunse con molta
alterigia la dignità sua Senatoria, ed avendo in suo luogo sustituito
Giacomo Cantelmo, che altre volte ivi era stato suo Vicario, governava
Roma a sua voglia, ottenendo per se e per gli amici quello che volea;
ma tosto le sue speranze si dispersero, poichè avendo Innocenzio
appena pochi mesi retto il Pontificato, finì i giorni suoi. Ed i
Cardinali ingelositi della potenza di Carlo, tosto elessero un Papa
Italiano, che fu Ottobono del Fiesco genovese nipote d'Innocenzio
IV, che _Adriano V_ nomossi. Costui, in quel poco tempo che visse
da poi, mostrò gran volontà d'abbassare la potenza di Carlo, che
teneva oppressa Italia e Roma, ed avea perciò chiamato l'Imperador
Rodolfo. Ma l'esser tosto Adriano mancato, e rifatto Pietro Cardinal
Spagnuolo per suo successore, che _Giovanni XXII_, secondo il Platina,
e secondo altri XXI fu nomato, la potenza di Carlo non mancò punto;
poichè Giovanni ancor che di santi costumi, ora affatto inabile al
governo di tanta macchina; e Carlo, come Senator di Roma governava
ed amministrava ogni cosa appartenente al Papato. Per la qual cosa
durante il suo Pontificato, e sei mesi dopo la morte di Giovanni che
vacò la Sede Appostolica, insino all'elezione di Papa _Niccolò III_
era riputato maggiore, ed il più temuto Re di que' tempi: poichè oltre
i due Regni, e le Signorie di Provenza e d'Angiò che possedeva in
Francia, avea tributario il Regno di Tunisi; e Tutini aggiunge, che
s'era impadronito anche dell'isola di Corfù[265]; e come tributari avea
ancora i Fiorentini, ed a divozione tutte le città Guelfe d'Italia.
Disponeva ancora del giovane Re di Francia suo nipote; ma quello, che
più lo rendea formidabile, era la quantità di gente di guerra ch'egli
nudriva in varie, e diverse parti sotto la disciplina d'espertissimi
Capitani. Era ancor potente per forze marittime, le quali erano poco
meno di quelle di terra, tenendo nei nostri porti varie armate di mare,
numerose di vascelli, sotto il comando d'Errico di Mari genovese suo
Grand'Ammiraglio; ed al di lui imperio ubbidiva l'uno e l'altro mare
superiore ed inferiore; onde a questi tempi non potevano certamente i
Vinegiani vantarsi del dominio del Mare Adriatico, poichè Carlo era
più potente in mare ch'essi non erano; alle di cui forze marittime
fidandosi, avea egli intrapreso di scacciar l'Imperador _Paleologo_
dalla Sede di Costantinopoli, e fare altre imprese in Oriente.

Per quello Maria figliuola del Principe d'Antiochia, cui Ugo suo
zio Re di Cipri le contrastava il titolo e le ragioni del Regno di
Gerusalemme, venne in Roma e ricorse al Papa ed al Re Carlo, perchè
volessero aiutarla; ma poichè vide il Papa poco disposto, fu indotta
finalmente da Carlo a ceder a lui queste sue ragioni: onde innanzi al
Collegio de' Cardinali assegnò e rinunziò al medesimo tutte le ragioni,
che avea nel Regno di Gerusalemme, ed il Principato d'Antiochia[266],
con tutte le solennità, che si richiedevano a cosa di tanta
importanza[267]: onde Papa Giovanni che favoriva il Re, avendo per vere
le ragioni di Maria, in quest'anno 1277 coronò Carlo Re di Gerusalemme,
e da questo tempo cominciarono gli anni del suo Regno di Gerusalemme.

Carlo avuta tal cessione mandò subito Ruggiero Sanseverino a pigliare
il possesso di tutte le terre che Maria possedeva, e ad apparecchiare
di ricovrar l'altre: ed in un medesimo tempo ordinò un apparato
grandissimo di guerra di infinite galee ed altri legni, con numerose
genti, per l'impresa non meno di Costantinopoli che di Gerusalemme.

Le ragioni di Maria sopra il Reame di Gerusalemme venivano a lei per
la sua madre _Melisina_ quarto genita, che fu di Isabella sorella di
Balduino IV Re di Gerusalemme. Lasciò Isabella, dal suo primo marito
Corrado di Monferrato, come nel XVI libro fu narrato, quattro femmine:
la primogenita _Maria_ fu madre di Jole seconda moglie dell'Imperador
Federico, al quale il titolo e le ragioni di Gerusalemme furono date
in dote: perciò Federico, Corrado suo figliuolo e Corradino si valsero
del titolo di Re di Gerusalemme. Per la morte di Corradino ultimo
del sangue Svevo senza successori, essendo estinte queste ragioni
in quella linea, pretendeva Maria come figliuola di _Melisina_ che
s'appartenessero a lei.

La secondogenita d'Isabella fu _Alisia_. Costei si casò con Ugo Re di
Cipro. Pretese questi per le ragioni di sua moglie, estinta la linea
della primogenita nella persona di Corradino, di poter egli intitolarsi
Re di Gerusalemme, siccome fece; ma per parte di Maria d'Antiochia,
si diceva che anche queste ragioni d'Alisia fossero estinte, poichè
il Re Almerico di Cipro, altro marito della Regina Isabella, al qual
successe il Re Ugo suo figliuolo, procreato con la sua prima moglie e
marito dell'Alisia, le avea cedute a Giovanni di Brenna marito di Maria
primogenita, siccome scrive il P. Lusignano nella Cronaca de' Re di
Cipri.

La terzogenita d'Isabella fu _Sibilla_. Costei maritata con Livone
Re d'Armenia morì senz'eredi; onde restavano solamente le ragioni di
_Melisina_ quartogenita madre di _Maria_, che fece la cessione a Carlo.

Ma questa cessione avea delle gravi difficoltà; poichè veramente
non potea dirsi, che le ragioni della secondogenita _Alisia_ fossero
estinte per la cessione fatta da Almerico a Giovanni di Brenna; poichè
quella cessione non potea pregiudicare a' suoi successori, i quali
vengono a succedere in quelle per altra cagione, cioè per le ragioni
d'Alisia, alla quale, come figliuola di Isabella, non già d'Almerico
s'appartenevano, nè questi cedè altro, che quelle ragioni, che allora
le appartenevano, come marito d'Isabella, non già le future, che per
altra cagione poteano spettare ad Alisia e suoi descendenti; per la
qual cosa saviamente avvertì il P. Lusignano, che questa cessione di
Maria fatta a Carlo fu di quelle ragioni, ch'ella non avea, ma che
spettavano ad _Alisia_ sua zia moglie del Re Ugo. Ed in effetto, quando
Federico II Imperadore fu scomunicato e tornò in Puglia, lasciando
la Soria, la vedova Regina di Cipri andò in Soria, ricorrendo agli
Ospitalieri e Templari, perchè la mettessero nel possesso del Regno di
Gerusalemme, stante che Federico era tornato in Puglia, ed era stato
scomunicato: di che gli Ospitalieri e Templari non vollero far nulla,
rispondendoli, che volevano aspettar un anno a vedere, se anderebbe in
Soria Corrado figliuolo di Federico e di Violante sua moglie, figliuola
della sorella maggiore da parte di madre di questa Regina di Cipri: il
qual Corrado era più propinquo alla Corona e successione del Regno,
siccome narra il Bossio[268]. Quindi avvenne, che Carlo avvertito da
poi della poca sussistenza di queste ragioni di Maria, si convenne
con Errico II di tal nome Re di Cipri, che, come scrive P. Lusignano,
gliele contrastava. E sebbene Errico rinovasse da poi la contenzione
col Re Carlo II d'Angiò per le ragioni dell'ava; nulladimanco così
il suddetto Carlo, come tutti gli altri Re Angioini suoi successori,
continuarono ad intitolarsi sempre _Re di Gerusalemme_, come si vede
da' loro diplomi e privilegi. Ed il Re Roberto colla Regina Sancia sua
moglie, essendo ne' loro tempi dal Soldano angustiati più che mai i
Cristiani, che ministravano al Santo Sepolcro, convenne col Soldano,
che non si dasse impedimento alcuno a' Cristiani, che ivi erano, con
promettergli perciò grosso tributo, somministrando ancora a quelli
tutto il bisognevole, perchè non mancassero d'assistere a quel santo
luogo[269]. Parimente la Regina Sancia a sue spese fece edificare nel
Monte Sion un convento a' Frati Minori di S. Francesco, e n'ottenne
anche Bolla da Papa Clemente VI rapportata dal Wadingo; il qual Autore
narra ancora, che la Regina Giovanna I ottenne anche dal Soldano
permissione di poter costruire un altro convento a' Frati suddetti di
S. Francesco nella Valle di Giosafat somministrando ella le spese, e
quanto bisognava per mantenimento di detti Frati[270]. Donde alcuni
fondano il patronato, che tengono i Re di Napoli nel S. Sepolcro, ed
in detti luoghi serviti da' Frati Minori di S. Francesco, soccorsi e
fondati con tante spese da' loro predecessori, avvalorato anche dalla
Bolla di Papa Clemente.

Ma altri ponderando, che il fonte, onde deriva il titolo di Re di
Gerusalemme a' Re di Napoli, sia alquanto torbido, volendosi tirare da
questa cessione di Maria, per ischermirsi ancora più validamente dalle
pretensioni de' Re d'Inghilterra, de' Marchesi di Monferrato (donde
tirano le loro ragioni i presenti Duchi di Savoja) e della Signoria di
Vinegia, i quali per la successione de' Re di Cipro tutti pretendono
questo titolo; scrissero, che a' Re austriaci giustamente s'appartenga
per le ragioni di _Maria_ primogenita di Isabella sorella di Balduino
IV Re di Gerusalemme, le quali non s'estinsero nella persona di
Corradino; poichè gli Scrittori oltramontani ed Italiani tutti
concordano, che quando fu mozzo il capo a quell'infelice Principe,
investì egli col guanto, e coll'anello di tutti i suoi Regni e ragioni
il Re Pietro d'Aragona, al quale s'apparteneva la successione di tutti
i Regni e Stati di Corradino, com'erede della famiglia di Svevia a
cagione di Costanza figliuola del Re Manfredi; ed al Re Pietro essendo
per legittima successione succeduto il Re Federico d'Aragona, ed a
costui, i Re austriaci di Spagna suoi successori, meritamente questi
se ne sono intitolati Re con maggior giustizia e ragione, che tutti gli
altri Competitori.



CAPITOLO III.

_Nuova Nobiltà franzese introdotta da CARLO I in Napoli; e nuovi Ordini
di Cavalieri._


Nel Regno de' _Normanni_, siccome si vide ne' precedenti libri di
quest'Istoria, molti Signori franzesi capitarono in queste nostre
parti adorni di militari posti, de' quali, come Capitani in guerra
espertissimi, si valsero que' Principi, che dalla Normannia, paese
della Francia, ci vennero: furono in premio delle loro lunghe e
gloriose fatiche lor conceduti molti Feudi, ed aggranditi co' maggiori
Ufficj della Corona: essi per ciò introdussero appo noi un nuovo modo
di succedere ne' Feudi, detto _jus Francorum_; e molte altre usanze e
riti vi portarono. Ma questi Baroni non in Napoli si fermarono: molti
in Sicilia, e particolarmente in Palermo, allora Sede regia, fecero
permanenza. Altri ne' loro Stati, de' quali erano investiti, altri
seguendo la persona de' loro Principi, decorati di varii Ufficj ivi
residevano, dove era la persona regale, ovvero dove ricercava il lor
posto, facevano residenza. Ma que' Capitani, e que' guerrieri franzesi
e provenzali, che seguirono Re Carlo nell'impresa di questi Regni,
residendo, dopo avergli conquistati, per lo più egli in Napoli, in
questa città si fermarono, ove dalla munificenza del Re riceverono i
premj delle loro sofferte fatiche; poichè Carlo, dopo essere entrato
in Napoli, con magnifico apparato, e con allegrezza ricevuto, avendo
passati molti dì in festa con la Regina Beatrice sua moglie, e con
gli altri Signori franzesi, volle premiar tutti coloro, che l'aveano
servito; e fatto scrutinio de' Baroni, che aveano seguitato la parte di
Manfredi, confiscati i loro beni, cominciò a compartirgli a costoro,
principiando da Guido Monforte, ch'era stato Capitan generale di
tutto il suo esercito, e da Guglielmo Belmonte, che oltre averlo
fatto Grand'Ammiraglio, l'investì del Contado di Caserta, e donò
molte città e castelli a moltissimi altri. Furono premiati Guglielmo
Stendardo, Gugliemo di Clinetto, Ridolfo di Colant, Martino di Dordano,
Bonifacio di Galiberto, Simone di Belvedere, Pietro di Ugoth, Giovanni
Galardo de Pics, Giordano dell'Isola, Pietro di Belmonte, Roberto
Infante, Beltrano del Balzo, Giacomo Cantelmo, Guglielmo di Tornay,
Rinaldo d'Aquino, ed altri moltissimi rapportati dal Costanzo, e dal
Summonte[271], e più diffusamente da Pier Vincenti nel Teatro dei
Protonotari del Regno, dove favella di Roberto di Bari, per le cui
mani, come Protonotario del Regno passavano allora queste donazioni.
Ed oltre aver premiato anche i Romani e gli altri Italiani, che lo
seguirono, ebbe particolar cura di que' Cavalieri franzesi, che di
Provenza e di Francia condusse seco, a' quali donò città, terre,
castelli, dignità ed ufficii eminenti nel Regno; tra' quali furono
più chiari quelli di casa Gianvilla, d'Artois, d'Appia, Stendardi,
Cantelmi, Merloti della Magna; que' di casa di Burson, di Marsiaco,
di Ponsico detti Acclocciamuri, di Chiaramonte, di Cabani, ed altri.
Potè Napoli pertanto, oltre l'antica, per la nuova e numerosa Nobiltà
franzese quivi stabilita con tanti Feudi, preminenze ed ufficii,
rendersi sopra ogni altra città del Regno più illustre e chiara;
ond'è, che poi meritamente acquistonne il titolo di _nobile_, ovvero di
_gentile_.


§. I. _Cavalieri armati da CARLO in Napoli._

Ma quello che sopra ogni altro rese illustre questa città, fu averla
questo Principe arricchita d'infinito numero di Cavalieri, con avere
ornati d'Ordine di cavalleria moltissimi cittadini, oltre molti altri
del Regno, nel quale per ciò introdusse in tanta frequenza l'esercizio
militare, che quelli, che sotto la disciplina sua e de' suoi Capitani
erano esercitati nelle guerre, non cedeano punto a' veterani, ch'egli
avea condotti di Provenza e di Francia.

L'ordine de' Cavalieri fu presso i Romani in tanta stima e riputazione
ch'era uno de' tre Ordini, dei quali si componeva quella Repubblica:
_Martia Roma triplex, Equitatu, Plebe, Senatu_, dice Ausonio. Cioè
di Senato, Cavalieri, e minor Popolo. Il Senato per lo consiglio: li
Cavalieri per la forza: il minor Popolo, per somministrare e fornire,
ovvero ridurre a perfezione le cariche della Repubblica.

Prima l'Ordine de' Cavalieri era come un Seminario di Senatori:
poichè, come dice Livio, da quest'Ordine si pigliavano, e si facevano
i Senatori; ma da poi che i grandi Ufficii furono comunicati al minor
Popolo, li Senatori erano scelti da que' ch'erano stati Magistrati.
Prima i Romani davano il cingolo militare a coloro ch'erano abbondanti
di beni di fortuna; onde nacque, che chi avea molti _sestertii_ poteva
aspirare ad entrar in quest'Ordine, siccome a quello di Senatori
ancora. In tempo poi degli Imperadori era dato con solennità alle
persone di merito, e più frequentemente a quelle, che non aveano
ufficio o carica pubblica, ma dimoravano per lo più, come semplici
gentiluomini nella Corte dell'Imperadore; e perchè erano di più sorte,
perciò l'Imperadore in una sua Costituzione, che ancor leggiamo nel
Codice di Giustiniano[272], volle stabilire le loro precedenze, e dopo
quelli che tengono esercizio per qualche ufficio o carica, mette in
secondo luogo que' Cavalieri, a' quali essendo in Corte avea egli dato
il cingolo militare: nel terzo luogo, quelli a' quali non essendo in
Corte, ma assenti, avea l'Imperadore mandato il cingolo: nel quarto,
quelli a' quali questo cingolo non era stato dato in tutto, ma a'
quali essendo in Corte, l'Imperadore avea semplicemente concedute
le lettere di dignità: e nel quinto ed ultimo luogo, quelli a' quali
avea semplicemente mandate queste lettere in loro assenza. Precedevano
perciò secondo quest'ordine; da che ne seguiva, che questo cingolo dato
a coloro che non aveano ufficio o carica pubblica, attribuiva loro il
dritto di portar continuamente la spada, e conseguentemente di godere
de' privilegi delle genti d'arme; e ch'era più onore averlo dalle mani
dell'Imperadore, che mandato in assenza: e più avere il cingolo, che le
lettere di dignità.

Ruinato l'Imperio romano, e dalle sue ruine surti in Europa nuovi
Reami e dominii, i Re di Francia, per quanto si sa, furono i primi,
che vollero rinovare sì bello istituto[273]; i quali al medesimo modo,
coloro, che conoscevano di grande merito, o almeno ch'essi volevano
elevare a dignità, allora che non aveano ufficio o carica pubblica da
conferir loro, gli facevano _Cavalieri_, cioè a dire, gli dichiaravano
gente d'arme onorarie per godere de' privilegi militari, ancorchè
non fossero arrolati tra le genti di guerra. Ed in fatti la maggior
parte degli antichi Scrittori franzesi chiamano in Latino il Cavaliere
_Militem_ e non _Equitem_. Ond'è, che quando volevano armarlo Cavaliere
di _cavallo_, spezialmente essi lo dichiaravano per gente d'arme di
cavallo, perchè in Francia costoro sono molto più stimati, che quelli
a piedi. Ed in segno di ciò, che gli facevano gente d'arme, essi davan
loro il cingolo militare ne' dì più segnalati e rimarchevoli, e sotto
cerimonie le più illustri e magnifiche che si potessero. Ciò che fu
da poi imitato da' nostri Re _Normanni_, da Ruggiero I e dagli altri
seguenti Re, anche _Svevi_, ma sopra tutti da Carlo d'Angiò e dagli
altri Re _Franzesi_ suoi successori.

I giorni destinati per tal cerimonia erano per lo più quelli della
loro incoronazione: ne' primi ingressi che facevano nelle città: ne'
dì d'alcune festività grandi, ed in particolare della Vergine Maria;
ovvero in occasione di qualche pubblica allegrezza[274]. Era ancora
antica usanza di fargli Cavalieri, o avanti una battaglia, o quando
doveano dar qualche assalto ad una Piazza, affin d'incoraggire i bravi
gentiluomini a portarsi valorosamente; ovvero dopo la battaglia, o
presa della Piazza, per ricompensar quelli, che s'erano portati con
valore, ed ardire[275]. Si facevano ancora in tempo de' maritaggi de'
Re, o loro figliuoli, o per la natività del Principe, per onorare i
Tornei, che vi si facevano.

I nostri Re prima d'ogni altra cosa, per mezzo di un general editto
solevano pubblicar per tutto il Regno il giorno destinato, nel quale
doveasi far tal cerimonia, affinchè, chi voleva prendere il cingolo,
s'accingesse a portar i requisiti, che secondo le nostre Costituzioni
erano ricercati; poichè il nostro Ruggiero I Re di Sicilia avea fatta
una costituzione[276], colla quale ordinava, che senza licenza del
Re, e senza che discendessero da Cavalieri, niuno potesse aspirare
al cingolo militare: ciò che fu confermato da Federico II nella
Costituzione[277] che siegue, la quale non a Ruggiero, come con errore
leggesi nelle vulgate, ma a Federico deve attribuirsi, così perchè in
quella, intendendo di Ruggiero, lo dice _Avi nostri_; come anche perchè
della medesima fece menzione nella sua Cronaca Riccardo da S. Germano,
che dice essersi pubblicata da Federico in un Parlamento generale, che
tenne in S. Germano nel mese di Febbraio dell'anno 1232.

I Re angioini vi aggiunsero altri requisiti, ricercando non solo: _Quod
nullus possit accipere militare cingulum, nisi ex parte patris saltem
sit miles_, come si legge nel Registro di Carlo II dell'anno 1294
rapportato dal Tutini[278]: ma che esso, ed i suoi maggiori avessero
contribuite le collette, e sovvenzioni coi Nobili e Cavalieri. Ma da
una postilla di _Bartolommeo di Capua_ nella riferita Costituzione di
Ruggiero, par, che a' tempi del Re Roberto, ne' quali egli scrisse, non
si ricercasse più la pruova della discendenza da Cavaliere, e che solo
in Francia era ciò richiesto, come sono le sue parole: _Non potest quis
militare qui non est de genere militum ex parte patris. Hoc in Regno
Siciliae non servatur, sed bene audivi servari in Regno Franciae._ Ed
in effetto leggiamo essersi dato il cingolo a molti del minor Popolo,
che non potevano mostrare essere stati i loro maggiori Cavalieri, e
molti del Popolo, così di Napoli come del Regno, armò Carlo II suo
figliuolo, e Roberto, che possono vedersi presso Tutini[279], ch'e'
chiama per ciò _Cavalieri di grazia_, perchè ebbero tal onoranza senza
le suddette condizioni.

Ricercavasi ancora, che il candidato fosse di età adulta. I Romani
secondo riferisce Dione[280], armavano Cavalieri da' diciotto anni in
su, e l'Abate Telesimo[281] ne' fatti del Re Ruggiero, descrivendoci
l'avvenenza, e l'età de' figliuoli di quel Re, dice, che ambedue erano
capaci di prendere il cingolo, essendo già adulti: _Habebat autem Rex
Rogerius et alios duos liberos adolescentiores, forma speciosissimos,
morumque honestate praeclarissimos; nec non ad suscipiendum militiae
cingulum jam utrosque adultos_.

A questo fine coloro, che volevano armarsi Cavalieri, dimandavano, che
si prendesse informazione dei loro requisiti, ed il Re commetteva,
o al Capitano di Napoli, se eran Napoletani, ovvero a' Giustizieri
delle province, se Regnicoli, che ne formassero il processo: e presa
l'informazione, costando de' requisiti, erano nel giorno destinato
ammessi ad armarsi: e costoro prima di ricevere il cingolo erano
chiamati in linguaggio franzese _Valletti_, che nel nostro suona
_Paggi_. Comparivano essi nel giorno della celebrità tutti adorni di
vaghi e ricchi abiti e nella maggior chiesa della città, ove dovea
farsi la cerimonia, s'alzava un gran palco ben adorno, dove s'ergeva un
altare, ne' cui lati si ponevano la sedia del Re e 'l faldistorio del
Vescovo, e quivi vicino un'altra sedia inargentata coverta di drappo
di seta. Sopra l'altare, come narra Giovanni Sarisberiense[282], si
ponevano le spade, che doveano cingersi a' fianchi de' nuovi Cavalieri.

Venuto il Re e la Regina con tutta la lor Corte, Cavalieri, ed altri
Nobili in chiesa, s'introducevano coloro, che doveano armarsi, e si
facevan sedere nella sedia d'argento. Da poi, da alcuni Cavalieri
vecchi erano esaminati se fossero sani, e ben disposti di corpo a poter
adoperarsi nelle battaglie, e ricevuto il loro esame, erano poscia
condotti in presenza del Vescovo, il quale sedendo nel suo faldistorio
vestito da Diacono, teneva il libro de' Vangeli aperto, ed avanti
di esso inginocchioni, chiamandogli per nome diceva loro[283]: _Già
che volete ricevere il cingolo militare, e farvi Cavalieri, avete da
giurare sopra questi Santi Vangeli, che in verun conto non verrete mai
contra la Maestà del vostro Re qui presente, e de' suoi successori,
e volendo voi partirvi dalla fedeltà del vostro Re (che Iddio non
permetta) il quale vi dovrà crear Cavalieri, dovrete prima restituirgli
il cingolo, del quale or ora sarete ornati, e da poi potrete far guerra
contro di esso, e niuno vi potrà riprendere di fellonia; altramente
sarete riputati infami, e degni di morte. Avrete ancora da esser
fedeli della Chiesa cattolica, riverenti a' Sacerdoti, difensori della
Patria, dell'Onor delle donzelle, vedove, orfani, ed altre miserabili
persone[284]._

Rispondevan quelli, che confidati nella divina grazia sarebbero stati
fedeli e leali al loro Re, e avrebbero osservato quanto promettevano,
e toccando con le mani il libro de' Santi Evangeli, così giuravano.
Poscia da due Cavalieri veterani venivan condotti alla presenza
del Re, ed ivi inginocchiati, il Re prendeva la sua spada, e con
quella toccando leggiermente a ciascuno il capo diceva: _Iddio ti
faccia buon Cavaliere_. Altri, come il Mennio[285], dicono, che il
Re percuoteva colla sua spada gli omeri, non il capo. Allora, senza
che i valletti si movessero davanti il Re, comparivano sette donzelle
della Regina vestite a bianco, le quali portando i cingoli nelle loro
mani, offertigli prima al Re, gli cingevano ne lombi de' Cavalieri.
Si prendevano poi da su l'altare le spade, come narra Pietro di
Blois[286], e dalle medesime donzelle erano attaccate a' lati de' nuovi
Cavalieri. Venivano appresso alcuni Cavalieri, e lor calzavano gli
sproni, e poscia ponevano loro una sopravvesta di panno di lana verde
foderata di pelle di vajo. La Regina poi dalla sua sedia lor porgea la
mano, ed alzatisi, s'andavano a sedere nella lor sedia. Venivan allora
tutti i Cavalieri e Nobili quivi presenti a rallegrarsi con loro della
dignità ricevuta, e datasi una colazione di cose inzuccherate, si
finiva la festa.

D'allora in poi non più valletti, ma _Messeri_, o _Militi_ erano
appellati, e come gente di guerra godevano de' militari privilegi,
e di quelli ancora, che hanno i semplici Gentiluomini, cioè d'essere
esenti dalle tasse: di portar la spada sino al gabinetto del Re: goder
il privilegio della caccia: essere esenti dalle pene degli ignobili; e
non esser tenuti battersi in duello con gli ignobili. Ne' loro tumuli
perciò si scolpivano vestiti d'arme, col cingolo, con la spada e con
gli sproni ai piedi, sotto i quali erano due cani per simbolo della
fedeltà, ciò ch'era l'impresa de' Cavalieri; e di ciò infiniti marmi
si veggono in varie chiese di Napoli; nè era permesso ad altri, che
non fosse Cavaliere, farsi scolpire in cotal modo nelle sepolture;
poichè i Dottori ne' loro tumuli si scolpivano con la toga lunga, e
col cappuccio su 'l capo, come si vede nella chiesa di S. Domenico
Maggiore di Napoli nel sepolcro di Niccolò Spinelli da Giovenazzo,
detto di Napoli ed in altre chiese ancora; e que' del minor popolo,
come i mercatanti e gli artefici, si facevano scolpire con una vesta a
mezza gamba, con maniche larghe, e con uno involto di tela su 'l capo,
siccome si veggono i loro tumuli in varie chiese di questa città[287].
Per questo era necessario, che si ritornasse il cingolo, quando si
voleva far guerra al Principe, da cui erano stati armati Cavalieri,
perchè altrimenti sarebbero stati reputati felloni ed infami, siccome
de' Principi di Bisignano e di Melfi, del Duca d'Atri e del Conte di
Maddaloni rapportano l'Engenio ed il Tutini[288], i quali essendo stati
onorati da Luigi XII Re di Francia della collana di S. Michele, quando
occupò il Regno, essendo quello poi ricaduto a Ferdinando il Cattolico,
restituirono la collana a Luigi.

Queste cerimonie per essersi rese le più segnalate e rimarchevoli, si
facevano con tale magnificenza e dispendio, che si vede così in più
Costumanze di Francia, come nelle nostre leggi del Regno, che i Baroni
aveano dritto d'imporre dazi su i loro vassalli, e dimandar sovvenzioni
da essi per le spese, che si avean da fare in tal funzione, quando essi
o i loro figliuoli primogeniti dovean armarsi Cavalieri, non altrimente
che quando maritavano le loro figliuole primogenite[289]. Noi ne
abbiamo una Costituzione di Guglielmo sotto il titolo _de adjutoriis
exigendis_[290], che parla de' figliuoli, _pro faciendo filio Milite_.
Federico II l'ampliò poi al fratello, come si legge nella Costituzione
_Comitibus_ sotto il titolo _de adjutoriis pro militia fratris_.
E tra l'epistole di Pietro delle Vigne[291] ne leggiamo una di
quell'Imperadore dirizzata ad un Giustiziero, affinchè faccia esigere
il solito _adjutorio_ da' vassalli d'un certo Barone, il cui figliuolo
dovea prender l'onoranza di Cavaliere: _Idem Justitiarius a Vaxallis
praefati Baronis juxta Constitutionem Regni nostri subventionem fieri
faciat congruentem_.

Così ancora nel Regno di Carlo di Angiò e del suo figliuolo leggiamo
ne' regali Archivi molti di questi ordini; e nel Registro dell'anno
1268[292], se ne vede uno spedito a favore di Filippo Brancaccio:
_Scriptum est Justitiario Terrae Laboris, ec. Quod Philippo Brancaccio,
qui nuper se fecit militari cingulo decorari, subventionem per hoc
congruam a Vaxallis suis faciat exhiberi._ E nel Registro dell'anno
1294[293] un altro a beneficio di Lionardo S. Framondo: _Quod Vaxalli
Leonardi de S. Framundo, praestent eidem congruam subventionem juxta
Regni consuetudinem, pro militari cingulo accipiendo_. Simil ordine
ottenne Adinolfo d'Aquino per Cristoforo suo fratello, quando da
Carlo primogenito del Re, mentr'era in Francia, fu cinto Cavaliere:
_Adenulphus de Aquino petit subventionem a vaxallis pro Christophoro
ejus fratre militari cingulo decorato a Carolo primogenito in
partibus Franciae_[294]. E poichè per la celebrità e magnificenza,
che si usavano nella creazione de' Cavalieri, s'introdusse, che non
solamente i semplici Gentiluomini, ma anche i Principi, i fratelli e
sino i figliuoli del Re volevano avere quella dignità di Cavaliere,
perciò nella creazione de' figliuoli, o fratelli del Re, poteva questi
dimandar la sovvenzione da' suoi vassalli per tutto il Regno; ed Andrea
d'Isernia rapporta, che tra' Capitoli di Papa Onorio venga anche ciò
dichiarato, che possa il Re imponere una taglia nel Regno, quando, o
volesse egli armarsi Cavaliere, o suo figliuolo, o fratello, pur che
però non eccedesse la somma di dodici mila once[295].

Tante belle e sì magnifiche cerimonie, che si facevano nella
creazione de' Cavalieri, furono cagione, che non solamente i semplici
Gentiluomini, e que' che non aveano ufficio o carica pubblica, ma
ancora i Signori, i Principi e fino i figliuoli de' Re vollero armarsi
Cavalieri, riputando, che questo fosse non solamente un onore, ma
ancora un buon presagio, e parimente un impegnamento al valore ed alla
generosità il ricevere la spada dalle mani del loro Principe. Ciò che
frequentemente, ed in Francia, e presso noi da' nostri Re costumavasi.

Negli Annali di Francia vediamo, che il Re Carlo M. cinse la spada a
Luigi il Buono suo figliuolo, essendo in procinto d'andare alla guerra.
E Luigi medesimo fece il simile a Carlo il Calvo suo figliuolo. Il
Santo Re Luigi armò Cavaliere il suo figliuolo primogenito Filippo III,
e Filippo tre altri suoi figliuoli. E l'Istoria nota, che in queste
funzioni, il Re avea la sua corona in capo, la Corte era piena, ed in
quel giorno era tavola aperta per tutti.

I nostri Re normanni ed angioini, che punto non si discostarono
dall'usanze de' Re di Francia, solevano praticar il medesimo. Così
leggiamo di Adelasia Contessa di Calabria e di Sicilia, la quale prima
che Ruggiero suo figliuolo fosse Conte, e poi primo Re di Sicilia,
volle che s'armasse Cavaliere; onde è, che prima questo Principe ne'
diplomi si nominasse Cavaliere, e poi Conte, come si osserva in più
carte rapportate da Pirro[296], in una delle quali si legge così:
_Ego Adelais Comitissa, et Rogerius filius meus Dei gratia jam Miles,
jam Comes Siciliae et Calabria, etc._ Ruggiero istesso, narra l'Abate
Telesino[297] che fatto Re, _duos liberos suos ad militiam promovit,
Rogerium Ducem, et Tancredum Bagensem Principem, ad quorum videlicet
laudem et honorem quadraginta Equites cum eisdem ipsis militari cingulo
decoravit_; e Paolo Pansa nella vita d'Innocenzio IV[298] rapporta
ancora, che l'Imperador Federico II essendo nell'anno 1245 passato a
Cremona, creò Cavaliere Federico suo figliuolo Principe d'Antiochia,
che quivi era, e cinsegli di sua mano la spada al lato.

Ciò che fu da poi imitato da' Re angioini, ed infra gli altri da Carlo
II il quale, innanzi di dar altri titoli a' suoi figliuoli, gli volle
prima crear Cavalieri: così nell'anno 1289 dopo un general parlamento
volle, prima di crearlo Re d'Ungheria, ornar Cavaliere, insieme con
molti altri, Carlo Martello suo primogenito. Il simile fece a Filippo
Principe di Taranto suo quartogenito, il quale fu da lui ornato del
cingolo militare prima d'esser creato Principe di Taranto. A Roberto
suo terzogenito, che poi gli successe nel Regno fece il medesimo;
poichè trovandosi egli nell'anno 1296 in Foggia scrisse a Filippo
suo figliuolo, che pubblicasse per mezzo de' soliti editti, come a' 2
Febbrajo giorno della Purificazione, voleva cinger Cavaliere Roberto;
e tutti que' gentiluomini, che desideravano armarsi, comparissero in
Foggia, ove insieme con Roberto avrebbero ricevuto il cingolo militare.

Il mentovato Re Roberto volle anch'egli nella città di Napoli cinger
Cavaliere nel dì della Purificazione Carlo Duca di Calabria suo
unigenito, e di ciò nell'anno 1316 ne diede parte a tutto il Regno,
scrivendone a' Giustizieri delle province, come dal diploma, che
rapporta il Tutini[299] insieme con gli altri esempi sopra riferiti.

Da questo costume, che tenevano i Re d'armare Cavalieri i loro
figliuoli, che dovevano succedere nei loro Reami, nacque il dubbio,
se essendosi ciò tralasciato di farsi, coloro che succedevano al Regno
essendo Re, fossero Cavalieri, ancorchè non avessero ricevuto l'Ordine.
E da quello ch'essi praticavano si scorge, che pare non s'avessero
per tali, già che essendo Re volevan esser cinti Cavalieri. Così
osserviamo nel libro dell'epistole di Pietro delle Vigne[300] dove si
legge una lettera, che scrisse il Re Corrado figliuolo di Federico II
agli abitanti di Palermo, nella quale loro scrivea aver voluto cingersi
Cavaliere: _Licet_, dic'egli, _ex generositate sanguinis qua nos natura
dotavit, et ex dignitatis officio una duorum Regnorum nos in solio
gratia divina praefecit, nobis militaris honoris auspicia non deessent;
quia tamen militiae cingulum, quod reverenda sancivit antiquitas,
nondum serenitas nostra susceperat, prima die praesentis Mensis Augusti
cum solemnitate tyrocinii latus nostrum eligimus decorandum, etc._

Parimente leggiamo in Sigeberto, che Malcolmo Re di Scozia volle esser
fatto Cavaliere dal Re di Francia Errico I. E narra Ottone Frisingense,
Guglielmo Rufo Re d'Inghilterra essersi fatto cingere Cavaliere da
Lanfranco Arcivescovo; poichè in que' tempi ancor durava il costume,
che non pure i Principi, ma anche i Vescovi e Prelati armavano
Cavalieri: ciò che fu poi lor proibito nel Sinodo _Westmonasteriense_
celebrato nel 1102[301]. Così ancora Errico II si fece armare dal
Maresciallo Bisense[302]: ed Odoardo IV Re d'Inghilterra ricevè
l'onoranza di Cavaliere dal Conte di Devonia. Errico VII ricevè il
cingolo dal Conte d'Evadolia: ed Odoardo VI dal Duca di Somersette.
Giovanni Villani[303] ancor rapporta, che Luigi di Taranto secondo
sposo della Regina Giovanna I ricevè il cingolo militare dalle mani
d'un Capitano tedesco; e negli annali di Francia si legge, che dopo la
giornata di Marignano il Re Francesco I fu fatto Cavaliere da Capitan
Bajart, che gli cinse la spada[304]; e Luigi XI si fece ancora armar
Cavaliere dal Duca Filippo di Borgogna[305].

Ma quantunque l'istorie abbondino di questi e di molti altri esempi,
dove si vede, che non avendo preso il cingolo nella loro adolescenza,
fatti Re, se n'han voluto ornare; non è però, come saviamente notò
Loyseau[306], che ne avessero avuto bisogno, e non fossero senza
quello Cavalieri: essi lo facevano per maggiormente onorare l'Ordine
de' Cavalieri, e per metterlo in maggior lustro e splendore. I Re come
Oceano d'ogni dignità e d'ogni onore, e come Sole onde deriva ogni
splendore, contengono in se medesimi tutte le dignità e tutte le più
alte prerogative e preminenze.

Quest'Ordine reso sì illustre da' Franzesi e da' nostri Re angioini in
maggior numero ristabilito in Napoli, ed in queste nostre province, per
li molti Cavalieri, che creavano, pose in tanta riputazione l'esercizio
militare, che non vi era gentiluomo, che non proccurasse quest'onoranza
e s'esercitasse perciò nella milizia; onde venne il Regno a fornirsi di
bravi e valorosi Capitani.

Non è, che Carlo I d'Angiò fosse stato il primo ad introdurgli in
Napoli e nel Regno; cominciarono sin da' tempi di Ruggiero I Re di
Sicilia; ma egli fu che esaltò quivi tal Ordine, e specialmente a
Napoli, in maggior elevatezza, e lo rese più numeroso e florido.

Ruggiero I Re di Sicilia fu il primo ad introdurlo a Napoli, e
fu allora, quando entrato pien di trionfo, e vittorioso in questa
città, si narra, che nel primo ingresso che vi fece nell'anno 1140
armò 150 Cavalieri[307]. E quando diede il cingolo al Duca Ruggiero,
ed a Tancredi Principe di Bari suoi figliuoli, ne creò quaranta
altri[308]. Il di cui esempio imitò poi _Tancredi_, il quale essendo
stato nell'anno 1189 coronato in Palermo Re di questi Regni insieme
con Ruggiero suo figliuolo, in questa solennità cinse molti Cavalieri,
dell'uno e l'altro Reame.

Il Re Manfredi, narra Matteo Spinello da Giovenazzo[309], coronato che
fu Re in Palermo, essendosene passato in Calabria, creò per quelle
città molti Cavalieri, e poscia venendo in Napoli, nell'ingresso
solenne, che vi fece, armò trentatrè Cavalieri, tra' quali vi furono
Anselmo e Riccardo Caracciolo Rossi. E portatosi poi nell'anno 1253 in
Civita di Cheti, nelle feste di Natale cinse molti Cavalieri di varie
città di Abbruzzo.

Ma niuno altro de' nostri Principi usò tanta magnificenza e profusione
in armar Cavalieri in Napoli e nel Regno, quanto Carlo I d'Angiò.
Non vi occorreva pubblica solennità, che Carlo con sontuose feste non
volesse crearne. Nell'anno 1272 nel dì di Pentecoste ne cinse in Napoli
moltissimi tutti nobili Napoletani, fra' quali Bartolommeo dell'Isola,
Landolfo Protonobilissimo, Marino Tortello, Liguoro Olopesce, Filippo
Falconaro, Bartolommeo d'Angelo, Marino del Doce, Marino Pignatello,
Tommaso Pignatello, Gualtieri Falconaro, Lorenzo Caputo, Bartolommeo
Gaetano, Gualtieri Caputo, tutti nobili Napoletani. De' Nobili poi del
Regno, armati da Carlo Cavalieri, ne sono pieni i Registri, siccome
in quello dell'anno 1269 ove ne sono notati infiniti, e fra gli altri
Pietro di Ruggiero da Salerno, Bernardo di Malamorte, Raimondo di
Brachia, e Pietro di Penna d'Abbruzzo: creò ancora Cavaliere il Giudice
Sparano da Bari, che poi innalzò ad esser G. Protonotario del Regno,
ed altri infiniti sotto questo Re se ne trovano. Nè la munificenza di
questo Re si restrinse a' soli Nobili, ma ammise anche a quest'onoranza
que' del Popolo di Napoli e del Regno, che s'erano distinti, o per
il loro valore o per altra prerogativa: così nel suddetto Registro
dell'anno 1269 se ne leggono moltissimi[310], tanto che adornò questo
Principe Napoli ed il Regno di tanti Cavalieri, che la disciplina
militare e l'esercizio dell'arme si rese di gran lunga mano superiore a
quello delle lettere; e siccome a' tempi nostri il presidio delle Case,
ed il loro istituto è di applicar i figliuoli alle lettere ed alle
discipline, e sopra tutto alla legale; così allora per quest'Ordine
di Cavalleria cotanto da Carlo pregiato, non vi era famiglia, non
istruisse i figliuoli all'esercizio della guerra e delle armi.

Ad esempio di Carlo, fecero lo stesso tutti gli altri Re angioini
suoi successori, come Carlo II suo figliuolo, che nell'anno 1290
coll'occasione dell'incoronazione di _Carlo Martello_ in Re d'Ungheria,
armò in Napoli più di 300 Cavalieri[311], e negli anni 1291, 1292,
1296 e 1300 altri moltissimi[312]. Così Roberto suo nipote, dopo
la sua coronazione diede il cingolo a molti Napoletani e del Regno
ancora, siccome nell'anno 1309 ad alcuni d'Aversa, nell'anno 1310 a
molti di Salerno, di Capua e d'Isernia; e circa il 1312 trovandosi
egli nell'Aquila fece molti Cavalieri di quella città. E così fecero
gli altri Re della seconda stirpe d'Angiò, come Carlo III, Luigi
III, Ladislao ed altri, avendo tutti calcate le vestigie di Carlo il
Vecchio. Quindi si fece poi, che fosse tanto cresciuto nel Regno il
numero de' Cavalieri, che per cagione della moltitudine, e del poco
merito d'alcuni, che n'erano ammessi, cominciava già l'Ordine della
Cavalleria a cadere in disprezzo, e di non esser molto stimato.

Nè ciò avvenne presso noi solamente, ma anche in Francia, e negli
Reami degli altri Principi, pure a cagion della moltitudine ch'essi
ne facevano: poich'era la facilità di fare Cavalieri giunta a tanto,
che i Re tanti ne facevano, quanti in qualche pubblica festività
se ne presentavano avanti. E negli Annali di Francia si legge,
che il Re Carlo V all'assedio di Burges in un giorno solo ne fece
cinquecento[313]. E di Carlo V Imperadore pur si legge, che quando
fu incoronato Imperadore in Bologna da Clemente VII fece Cavalieri
tutti quelli, che trovò ragunati avanti la Chiesa di S. Giovanni,
toccandogli, senz'altra solennità, leggiermente con la sua spada su gli
omeri.


§. II. _Particolari Ordini di Cavalleria._

Da questa facilità e dal disprezzo, che poi ne avvenne, nacque
l'origine de' particolari Ordini di Cavalleria; poichè da tanta
moltitudine se ne sottrassero i più principali, e segnalati Cavalieri,
e si ridussero ad una piccola banda, o truppa; per la qual cosa si
inventarono certi nuovi Ordini o Milizie di Cavalieri, ne' quali si
ritennero solamente quelli di più merito, o per valore o per legnaggio,
non ricevendosi coloro che non avevano altra prerogativa o titolo, che
di semplici Cavalieri.

E per rendere questi nuovi Ordini più augusti, e venerabili,
s'astrinsero a certe cerimonie di religione, riducendogli in forma di
Confrateria; ed ancora, affin di rendergli rimarchevoli e distinti
sopra li semplici Cavalieri, loro si fa portare un collare d'oro, o
altra insegna, che il Re dà loro, e pone in conferendogli l'Ordine
nel luogo della collana degli antichi Cavalieri. Ed erano questi
Ordini diversi e distinti da que' di S. Giovanni di Gerusalemme,
de' Teutonici, de' Templari, de' Cavalieri di Portaspada, di Gesù
Cristo, de' Commendatori di S. Antonio, di S. Lazaro, ed altri
rapportati da Polidoro Virgilio: perchè questi erano dell'Ordine
ecclesiastico, compreso sotto i Regolari; e per ciò erano chiamati
_Fratelli Cavalieri_, i quali anche s'astringevano a certi voti, come
di castità ed ubbidienza, ed a certe regole mescolate di vita monastica
e secolaresca.

In Francia il primo Ordine, ch'è stato di durata (poichè quello della
_Gennetta_ istituito da Carlo Martello, non accade annoverarlo, perchè
non durò guari) fu quello de' Cavalieri della Vergine Maria istituito
nell'anno 1351 dal Re Giovanni; e poichè essi portavano una _Stella_
nel loro cappuccio, e poi nel mantello dopo essersi abolito l'uso de'
cappucci, si chiamarono perciò Cavalieri della _Stella_. Di questa
compagnia furono presso di noi molti Cavalieri napoletani, e siccome
rapporta l'Engenio[314] fuvvi Giacomo Bozzuto, ed alcuni della famiglia
Zurla ed Aprana, siccome si vede ne' loro sepolcri.

Il secondo, fu l'Ordine di _S. Michele_, istituito in onore dell'Angelo
tutelare della Francia dal Re Luigi XI il quale per annientare il primo
Ordine, ed innalzare il suo, diede l'insegna della Stella a' Cavalieri
della sentinella di Parigi, ed a' suoi Arcieri. I nostri Cavalieri
pure ne furon decorati da' Re di Francia, siccome Troiano Caracciolo
Principe di Melfi; Berardino Sanseverino Principe di Bisignano, Andrea
Matteo Acquaviva Duca d'Atri, e Gio. Antonio Carafa Duca di Maddaloni,
li quali da poi (come si è di sopra rapportato) ricaduto il Regno al Re
Cattolico, resero la collana al Re di Francia.

Finalmente Errico III grande inventore ed amatore di nuove cerimonie,
oltre aver istituito l'Ordine militare della _Vergine del Monte
Carmelo_, al quale Paolo V concedè molte prerogative[315], istituì
l'Ordine e Milizia di _San Spirito_, in memoria, che nel dì della
Pentecoste era nato e stato fatto Re. E questi Cavalieri oltre
l'insegne del loro Ordine, che portano sopra i loro mantelli, ne
portano un altro ad una fascia di color turchino.

Ad esempio de' Re di Francia hanno per l'istessa cagione altri Principi
istituiti nuovi Ordini di Cavalleria, ed i nostri Re _Angioini_ ne
furono i più pronti imitatori. Odoardo III Re d'Inghilterra, essendo
caduta ad una Dama, la quale egli amava, una becca della gamba, che
gl'Inglesi in lor lingua chiamano _Garter_, egli alzolla, ed alla
Dama cortesemente la rendè: di che si levò romore tra la Corte, che il
Re con quella avesse amorosa pratica; onde il Re in sua scusa, e per
onorar quell'accidente, istituì l'Ordine, detto tra noi volgarmente
della _Giarrettiera_; aggiungendo alla becca quelle parole franzesi:
_Honni soit, qui mal y pense_, che in nostra lingua vuol dire, _mal
abbia, chi mal pensa_[316]. I Re di Castiglia ne istituirono un
consimile detto della _Banda_, ovvero _Fascia_. I Duchi di Borgogna
l'altro del _Toson d'oro_. I Duchi di Savoja quello dell'_Annunziata_.
I Duchi di Toscana l'altro di _S. Stefano_. I Duchi di Orleans quello
dell'_Istrice_; e sotto gli ultimi Re di Spagna, e Portogallo quelli
d'_Alcantara_, di _S. Giacomo_, di _Calatrava_, di _S. Benedetto de
Avis_, ed altri.

Ma i nostri Re della casa d'_Angiò_ istituirono ad imitazione di quelli
di Francia più Ordini. Luigi di Taranto Re di Napoli, secondo marito
della Regina Giovanna I nell'anno 1352 nel giorno della Pentecoste
ordinò una festa in memoria della sua coronazione, nella quale istituì
l'Ordine, e la Compagnia del _Nodo_ di sessanta Signori e Cavalieri i
più valorosi di quella età, sotto certa forma di giuramento e perpetua
fede; ed insieme col Re vestivano ognun di loro la giornea usata a que
tempi della divisa del Re, con un laccio di seta d'oro e d'argento,
il quale si annodava dal Re al petto, come il Costanzo[317], ovvero
al braccio, come vuol l'Engenio[318], di quel Cavaliere, ch'entrava
in questa Compagnia. Di questo Ordine furono il Principe di Taranto,
fratello maggiore del Re Luigi, benchè scriva Matteo Villani, che
quando il Re gli mandò la giornea riccamente adornata di perle e di
gioje, col Nodo d'oro e d'argento, egli ch'era di maggior età, e che
s'intitolava Imperadore, sdegnato di ciò, disse ridendo a quelli,
che la presentarono, ch'egli avea il vincolo dell'amor fraterno col
Re, e però non bisognava più stretto nodo. Il mandò anche Re Luigi a
Bernabò Visconte Signor di Milano, il quale l'accettò molto volentieri.
Il diede a Luigi Sanseverino, a Guglielmo del Balzo Conte di Noja,
a Francesco Loffredo, a Roberto Seripando, a Matteo Boccapianola, a
Gurrello di Tocco, a Giacomo Caracciolo, a Giovanni di Burgenza, a
Giovannello Bozzuto, a Cristofano di Costanzo, a Roberto di Diano,
ed altri. E fu loro istituto, che quando un Cavaliere faceva qualche
pruova notabile, per segno del valor suo, portava il nodo sciolto: ed
alla seconda pruova tornava a rilegarlo, siccome avvenne a Giovannello
Bozzuto, il qual portandosi valorosamente in una battaglia, meritò
sciogliersi il nodo, ed in Gerusalemme poi tornò a rilegarlo; ond'è,
che nel suo tumulo nel Duomo di Napoli si veggono due nodi da' lati del
suo cimiero: e nel sepolcro del Costanzo nella Tribuna di S. Pietro
Martire, si vede un nodo legato, e l'altro sciolto. Quest'Ordine di
Cavalleria, crede il Costanzo, che fosse stato il primo istituito in
Italia: seguirono da poi gli altri istituiti da' seguenti nostri Re.

Carlo III ad emulazione di Luigi, istituì da poi nell'anno 1381 un
nuovo Ordine, il quale l'intitolò la compagnia della _Nave_, alludendo
alla Nave degli Argonauti, affinchè i Cavalieri che da lui erano
promossi a quell'Ordine, s'avessero da sforzare d'esser emuli degli
Argonauti[319]. Volle lo stesso Re esser Capo di questa compagnia,
eleggendo per protettore S. Niccolò Vescovo di Mira, al qual dedicò la
chiesa appresso il Molo, ed ordinò, che da' Cavalieri di quest'Ordine
ciascun anno si celebrasse la sua festa. Portavano costoro nelle
sopravvesti, e negli altri militari ornamenti dipinta una Nave in
mezzo l'onde alla divisa de' colori del Re, con alcuni interlacci
d'argento[320], e di questa compagnia furono i più pregiati e valorosi
Cavalieri di que' tempi, e fra gli altri Giannotto Protoiudice di
Salerno creato da Carlo Conte dell'Acerra, e G. Contestabile del
Regno[321], Gurrello Caracciolo detto Carafa Marescalco del Regno (i
sepolcri dei quali con l'insegne si veggono nella chiesa di S. Domenico
di Napoli), Errico Sanseverino Conte di Melito, Ramondello Orsino Conte
di Lecce, Angelo Pignatello, Gianluigi Gianvilla di Luxemburgo Conte di
Conversano, Tommaso Boccapianola, Giovanni Caracciolo ed altri.

Dopo la morte del Re Carlo III la Regina Margherita sua moglie col Re
Ladislao suo figliuolo nel 1388 fuggirono a Gaeta, rimanendo Napoli
a divozione del Re Luigi d'Angiò; e travagliando allo spesso li
vascelli della Regina le Marine di Napoli, alcuni Nobili del Seggio di
Portanova con altri Napoletani armarono i loro navili per contrastare
le galee della Regina; ed acciocchè con maggior ardire ed amore fra di
lor andassero, istituirono la compagnia dell'_Argata_, e per insegna
portavano nel braccio sinistro un'Argata ricamata d'oro in campo
azzurro, simile a quelle argate di canna, delle quali si sogliono
servir le donne ne' loro femminili esercizi[322]. Di quest'Ordine
furono molti Cavalieri di diversi Seggi e famiglie, come di Costanzo,
Caracciolo del Lione, di Dura ed altri[323].

Fu istituita da poi in Napoli la compagnia della _Leonza_, e l'insegna
era una Leonessa d'argento legata con un laccio nelle branche e ne'
piedi; e li Cavalieri di quest'Ordine furono quasi tutti del Seggio
di Portanova, cioè della famiglia Anna, Fellapane, Gattola, Sassona,
Ligoria e Bonifacia, e ve ne furono degli altri Seggi ancora[324].

Da poi, Giovanni Duca d'Angiò figliuolo di Renato Re di Napoli,
essendo giunto nel Regno coll'armata di suo padre ad assaltarlo, per
cattivarsi gli animi de' Cavalieri napoletani, e fra gli altri di
Roberto Sanseverino, cercò all'uso di Francia istituire una nuova
compagnia che chiamò della _Luna_, a cagion che per impresa di questa
sua milizia portava la Luna cornuta, e ciascun de' suoi compagni la
portava d'argento legata nel braccio. Furon molti di quest'Ordine, e
fra gli altri Roberto figliuolo di Giovanni Conte di Sanseverino[325].

Finalmente Ferdinando I Re di Napoli, essendo scampato dall'insidie
e tradimenti di Marino Marzano Duca di Sessa e marito d'una sua
sorella, ed avendolo fatto incarcerare, era consigliato da alcuni di
farlo morire; ma il Re non volle acconsentirvi, reputando atto crudele
imbrattarsi le mani nel sangue di un suo cognato, ancorchè traditore.
Volendo poscia dichiarar questo suo generoso pensiero di clemenza,
figurò per impresa un _Armellino_, il qual pregia tanto il candor
della sua politezza, che per non macchiarla si contenta più tosto
morire. Si portava perciò dal Re una collana ornata d'oro e di gemme
coll'Armellino pendente, e col motto: _Malo mori, quam foedari_[326].
Fu di questa Compagnia, fra gli altri, Ercole da Este Duca di Ferrara,
al qual il re Ferdinando mandò la collana per Gio. Antonio Carafa
Cavalier Napoletano[327].

Fu veramente nel Regno degli _Angioini_ per questi Ordini di Cavalleria
la milizia tenuta in sommo pregio: onde la Nobiltà di Napoli seguendo
questi generosi costumi, stese l'ale della sua fama per ogni parte
della Terra abitata: poichè molti Cavalieri napoletani impazienti
dell'ozio, e spinti da studio di gloria, si congregavano in diverse
Compagnie, e sotto diverse insegne; ed a guisa di Cavalieri erranti,
mentre il Regno era in pace, andavano mostrando il lor valore per
diverse parti del Mondo, dove sentivano, che fosse Guerra; ed avevano
tra loro alcuni obblighi di fratellanza con molta fede e cortesia
osservati; ed il Costanzo[328] rapporta, non esservi memoria, in tanta
emulazione d'onore, che l'invidia o malignità avesse tra loro suscitata
mai briga o discordia alcuna.

Ma in decorso di tempo avendo perduto Napoli ed il Regno il pregio
d'esser Sede regia, per la lontananza de' nostri Re, non solo l'Ordine
de' Cavalieri rimane oggi affatto estinto; ma anche sono estinti tutti
questi altri nuovi Ordini di Cavalleria, e solo il nome di _Milite_
è rimaso agli Ufficiali perpetui di toga del Re, come a' Reggenti
della Cancelleria, al Presidente del Consiglio, al Luogotenente della
Camera ed a tutti i Consiglieri e Presidenti di Camera, i quali dal
Re nella loro creazione sono decorati di questo titolo, come quelli,
che militano ancor essi[329]. E siccome i primi eran cinti di spada,
così questi sono ornati di toga; alla qual milizia sono ammessi non
pur i nobili, ma anche que' del Popolo di Napoli e dell'altre città
del Regno, pur che siano Dottori; ond'è, che siccome ne' tempi di
Carlo e degli altri Re angioini suoi successori tutti erano intesi
all'arte della guerra, così oggi tutti alla milizia togata drizzano
i loro desiderii; ed il di lor numero non pur pareggia, ma è di lunga
mano maggiore di quello de' Cavalieri, che fiorivano a' tempi de' Re
dell'illustre Casa d'Angiò.



CAPITOLO IV.

_Seggi di Napoli riordinati ed illustrati da CARLO._


Napoli città greca (siccome fu detto nel primo libro di quest'Istoria)
ebbe sin da' suoi principii i suoi Portici, ovvero Teatri, detti
ancora Tocchi, li quali ora Piazze, ovvero Seggi s'appellano, così come
l'ebbero tutte le altre città greche di queste nostre province, poichè
non fu ciò pregio solamente di questa città, siccome altri crede.
Essi non erano, che luoghi particolari delle città, per lo più vicini
alle porte di quelle[330], ove alcune famiglie nobili di quel rione, o
quartiere s'univano a menar tempo allegro in conversando fra di loro, e
con tal opportunità confabulare ancora e conferire de' pubblici affari,
e d'altro bisogno della città, ed anche de' loro privati interessi;
e poichè per lo più in quelli non solevano convenire se non gli
sfaccendati, i quali vivendo nobilmente non stavano attaccati ad alcun
mestiere o arte per vivere, perocchè veniva ad essi somministrato ciò
che loro bisognava, o da' lor ampi e ricchi poderi, o dalla milizia,
ovvero da qualche altra carica della Repubblica: perciò s'introdusse
per questi Seggi come una divisione e distinzione tra cittadini, per li
quali i Nobili si vennero a separare da' Popolani, i quali impiegati, o
nello studio delle lettere e discipline, o nelle mercatanzie, o nelle
arti meccaniche, o ne' lavori di mano, o nell'agricoltura, ovvero in
altre opere di braccia, non potevano aver quest'ozio di convenir nelle
Piazze a trattar co' Nobili de' pubblici affari, o d'altri bisogni
della città.

I Greci non aveano città la quale non avesse queste ragunanze, ovvero
_sodalitadi_, o Confraterie, ch'essi chiamavan _Fratrie_, nelle quali
i cittadini per lo più convenivano per trattar i negozi. E Sigonio
rapporta, che gli Ateniesi ne' Portici della loro città trattavano
i loro affari. Nè altrimente si praticava a Cuma, città parimente
greca, la quale teneva questi Teatri, ovvero _Fratrie_. Onde Pio II
ne' suoi Commentari[331] portò opinione, ch'essendo stati i Cumani i
primi fondatori di Napoli, avessero essi ad imitazione della loro città
istituiti questi Teatri in Napoli, ove i Nobili passeggiando, e quivi
diportandosi, soleano trattare de' pubblici affari: _Cumanos quoque
Theatra, deambulationes, conventusque frequenter posuisse_.

E non può dubitarsi, siccome altrove fu rapportato che in Napoli
non fossero antichissimi, per la testimonianza di Strabone, il quale
noverando i riti, e costumi greci, che ancor'a' suoi tempi riteneva
questa città, fra gli altri, scrisse che siccome l'altre città greche,
così Napoli avea questi Portici, che ancor'a' suoi tempi i Napoletani
chiamavano con greco vocabolo _Fratrie_. E Varrone[332] pur ne fece
memoria quando disse: _Phratria, est Graecum vocabulum partis hominum,
ut Neapoli etiam nunc_. Ove Turnebo notò, ch'essendo Napoli città
greca, a somiglianza d'Atene avea queste ragunanze particolari, e
separazioni, dette _Fratrie_[333].

Quanti di questi Seggi avesse prima avuti Napoli, Cammillo Tutini[334]
dall'antiche sue regioni e contrade, e da molti altri monumenti, con
molta diligenza ed accuratezza andò ricercando; e veramente essendo
costume de' Greci dividere le loro città in quattro parti, siccome
d'Atene testifica Guglielmo Postello[335], non è fuor di proposito il
credere, che anche Napoli in quattro principali parti fosse ripartita:
ciò che par, che si confermi dal nome istesso di _Quartiere_, che
ancor oggi si ritiene. Ciascuna di queste quattro regioni, ovvero
Quartieri, racchiudeva dentro di se molte altre regioni, ovvero Piazze
minori, che sono come tanti membri, che formano il corpo della città.
Queste quattro principali regioni non può difficoltarsi, che secondo
l'antico sito di questa città fossero stati i Quartieri di _Capuana_,
di _Forcella_, di _Montagna_ e di _Nido_.

Il Quartiere di _Capuana_, così detto, perchè da questa contrada
prendeasi il cammino verso Capua, oltre la maggior sua Piazza,
abbracciava molte altre minori strade o vicoli, i quali (siccome tutti
quelli dell'altre tre regioni) per la maggior parte prendevano il nome,
o dalle famiglie, che vi abitavano, o da' Tempj, o da altri pubblici
edificj, che vi erano. Così in questo quartiere leggiamo i vicoli del
Sole, e raggio di Sole, per lo famoso Tempio d'Apollo, che quivi era
costrutto. Quelli di Dragonario, Corneliano, Corte Torre, di S. Lorenzo
_ad Fontes_, delle Zite, Corte Pappacavallo, Ferraro, Santi Appostoli,
da' Filimarini, de' Barrili, Gurgite, Rua de' Fasanelli, Caracciolo.
Boccapianola, de' Zurli, de' Carboni, Manoccio e Rua de' Piscicelli.

Perciò, oltre il maggior Seggio di _Capuana_, erano in questo quartiere
cinque altri Seggi minori, che presero il nome o dalle famiglie, che
solevano ivi abitare, o da Tempj, ovvero dal nome comune di quel luogo
dove erano fabbricati. Così in questo Quartiere leggiamo i Seggi di
_S. Stefano_, di _Santi Appostoli_, di _S. Martino_; ond'è, che poi
essendosi questo unito al maggior Seggio di Capuana, per conservarne la
memoria, si vede dipinto questo Santo a cavallo nel muro del Seggio, il
Seggio de' _Melazzi_ e l'altro de' _Monocci_.

Il Quartiere di _Forcella_ chiamossi dagli antichi Scrittori _Regione
Erculense_, come chiamollo S. Gregorio nelle sue epistole[336], perchè
quivi fu fondato il Tempio d'Ercole; e talora _Regione Termense_, per
le antiche Terme, ch'erano nel suo seno[337]. Come da poi si chiamasse
di _Forcella_, non è di tutti conforme il sentimento. Alcuni vogliono,
che fuori d'una porta, ch'era vicina a questa contrada, fossero
piantate le forche per castigo de' malfattori. Altri perchè quivi fosse
la scuola di Pitagora, che per impresa faceva una lettera biforcata,
detta _Ypsilon_. Ma altri con maggior senno dissero, che quella forca,
che sinora si vede scolpita in un antico marmo sopra la porta della
chiesa di _S. Maria a Piazza_, dove anticamente era il Seggio, fosse
particolar insegna del Seggio, che diede nome al quartiere.

Abbracciava questa regione molte altre regioni minori, ovvero vicoli,
come l'Ercolense, Cupidine, Lampadio, Placido, Granci, Pizzofalcone,
Regionario, Verde, di S. Epulo, Pubblico Bajano, Fistola, Corario,
Termense, Capo d'Agno, Corte Bagno nuovo, Corte Greca, Sennarino,
degli Agini, degli Orimini, di San Giorgio Cattolico maggiore, Cimbri,
Pistaso.

Erano perciò in questo secondo Quartiere, oltre al maggiore di
Forcella, ch'era posto avanti l'Atrio della chiesa, detta oggi perciò
_S. Maria a Piazza_, due altri Seggi: quello de' _Cimbri_; e l'altro di
_Pistaso_.

Il terzo Quartiere, ovvero Contrada fu chiamato di _Montagna_, ovvero
di Somma Piazza, perch'era nella più alta parte della città. Fu detta
ancora la regione del Teatro e del Foro; per aver nel suo recinto il
Teatro ed il Foro; ed anche regione Palatina dall'antico Palazzo che
ivi era, ove si trattavano i pubblici affari.

Le minori Piazze o vicoli di questa Contrada erano: il vicolo della
Luce, Bell'aere, Circolo, Piazza Augustale, Piazza Segno, Sopramuro,
Marmorata, de' Giudei, Casurio, Formello, Dodici Pozzi, Carmignano,
Ferraro, Friggido, Burgaro, de' Tori, de' Maj, Vertecilli, Casatino,
de' Marogani, de' Masconi.

Erano perciò in questa Regione, oltre il maggior Seggio di Montagna,
detto anche di S. Angelo per essere allato della Parocchial Chiesa di
S. Angelo, otto altri Seggi minori. Il I Seggio di _Talamo_. II dei
_Mamoli_. III di _Capo di Piazze_. IV de' _Ferrari_. V de' _Saliti_. VI
de' _Canuti_. VII de' _Calandi_. VIII de' _Carmignani_.

La quarta Regione è quella, che oggi diciamo di _Nido_, e che gli
antichi nominavano _Vestoriana_ e _Calpurniana_. Fu appellata ancora
_Alessandrina_, o per la frequenza de' Mercatanti d'Alessandria, che
venuti a Napoli a mercatantare dimoravano in quella regione, come
vuole il Giordano, o per una Chiesa, che v'era dedicata a S. Attanagio
Patriarca d'Alessandria, come stima il Tutini. Perciò si vede essere
stata quivi collocata la statua del fiume _Nilo_, che diede poi il
nome al Quartiere, e che oggi ancora il ritiene, ancorchè, corrotta dal
tempo la voce, di _Nido_ s'appelli.

Nel suo distretto ha più strade, o vicoli minori, che sono di S. Biase,
Scorfuso, Fontanola, Capo di Monterone, Daniele, Cortegloria, Pretorio,
Casanova, Camillo, Montorio, Scalese, Misso, degli Acerri, degli
Offieri, de' Vulcani, Salvonato, Australe, Arco Bredato, Ficarolo,
della Giosa, Celano, Quattropozzi, a due Amanti, del Sole e della Luna,
Settimo Cielo, Capo di Trio, Don Orso ed Ursitato, e Corte Pagana.

Questa Contrada, oltre al Seggio maggiore di _Nido_, avea quattro altri
Seggi minori. Quello d'_Arco_; l'altro di _S. Gennarello ad Diaconiam_;
l'altro di _Casanova_ vicino il Monastero di Monte Vergine, non già,
come vuole il Costanzo[338], che questo Seggio fosse il medesimo di
quello di Portanova, e che mutasse il nome di Casa in Porta; e l'altro
di _Fontanola_ nel vicolo oggi detto di Mezzo Cannone.

Queste quattro regioni con l'altre minori Piazze, che le componevano,
ebbero, siccome si è veduto, altrettanti principali Seggi, e gli altri
minori erano diciannove, che uniti con que' quattro arrivavano al
numero di ventitre. Tutti erano rinchiusi dentro le mura dell'antica
Napoli; ma essendo stata questa città da varj Imperadori greci, sotto
la di cui dominazione durò lungo tempo, ampliato ed allargato il suo
recinto vennero perciò a rinserrarsi i Borghi e gli altri luoghi,
ch'eran fuori di quella; onde s'accrebbero due altre regioni, che
furono quelle di _Porto_, e l'altra di _Portanova_, ed in conseguenza
due altri Seggi maggiori, oltre i minori, a' primi s'aggiunsero.

La regione di _Porto_, che anticamente era borgo fuori della città,
chiamossi così, perchè stava vicino al mare dov'era l'antico porto
della città. Abbracciava più minori contrade, chiamate: Morocino
piccolo, Severino, Monterone, Bagno di Platone, Aquario, Fusario,
Scotelluccio, delle Calcare, della Lopa, Media, ovvero Melia, Rua
de' Caputi, Serico, Volpola, Griffo, Appennino di S. Barbara, Albina,
Petrucciolo, Cervico.

Oltre il suo Seggio maggiore di _Porto_, teneva due altre Seggi minori,
quello d'_Aquario_ così detto per l'abbondanza dell'acque, ch'era
in quella contrada; e l'altro de' _Griffi_, che prese tal nome dalla
famiglia Griffa di quella Piazza.

Il Quartiere di _Portanova_ era prima detto di Porta a mare, per una
Porta antica della città, ch'era dalla parte del Mare; ma ampliata la
città, nelle nuove muraglie si fece una nuova Porta, onde prese poi
questo nome. Racchiude queste minori contrade: Patrociano, Appennino
de' Moccia, de' Costanzi, de' Grassi, S. Salvatore, Acciapaccia,
Giorgito, Alburio, Barbacane, Sinocia, Porta de' Monaci, Ferula, delle
Palme.

Oltre il suo maggior Seggio, ve n'erano due altri minori: quello degli
_Acciapacci_, e l'altro de' _Costanzi_.

Erano adunque a' tempi del Re Carlo I d'Angiò 29 Seggi in questa città,
sei maggiori e ventitrè minori, come si è detto.

Tutti questi Seggi, ed in cotal maniera disposti, trovò Carlo, quando
si rese padrone di Napoli e del Regno; onde non è punto vero ciò, che
alcuni Scrittori sognarono, che Carlo I d'Angiò istituisse i Seggi
in Napoli, come ben a lungo, e coll'autorità di pubblici ed antichi
monumenti dimostrò il Tutini[339]. Non è punto ancora vero, che questo
Re di 29 ch'erano, gli avesse ridotti ne' soli cinque, che sono al
presente; poichè dalle scritture rapportate dal medesimo, si vede
chiaro, che anche a' tempi del Re Carlo II suo figliuolo, e di Roberto
suo nipote non s'erano ancora uniti. Siccome non deve riputarsi Carlo
autor della divisione tra la Nobiltà ed il Popolo, quasi che egli
fosse stato il primo a separare in questa città i Nobili da' Popolari;
essendo chiarissimo, che in tutti i tempi, così de' Romani, come de'
Goti, de' Greci, dei Longobardi, Normanni e Svevi, furon sempre in
Napoli divisi i Nobili dal Popolo, come da molti marmi rapportati
dal Grutero[340], dall'epistole di Cassiodoro[341], da quelle di S.
Gregorio M.[342], d'Innocenzio III e d'altri romani Pontefici[343] si
è potuto notare ne' precedenti libri di quest'Istoria.

Nè Carlo ne' Seggi medesimi separò i Popolari dai Nobili, quasi che
quelli promiscuamente, e di Nobili e di Popolari si componessero:
poichè, siccome ben pruova il Tutini[344], que' Seggi di soli Nobili
si componevano, e de' primi della città, ancorchè non si praticasse
quel rigore, che s'usa oggi, di non ammettere in essi i Popolani; come
spesso si faceva allora, quando o vivessero nobilmente, o imparentati
con Nobili, o d'altra prerogativa cospicui ne fossero stati stimati
meritevoli.

Carlo solamente gli rese più cospicui e chiari, dando loro marche
più notabili di distinzione dal Popolo, e rendendogli più eminenti
ed illustri sopra gli altri Seggi delle altre città del Regno; onde
la Nobiltà di Napoli si rese similmente più chiara ed illustre sopra
la Nobiltà di tutte l'altre città del Regno. E ciò avvenne per più
cagioni.

Primieramente per aver Carlo ornato quasi tutti que' Nobili col
cingolo militare, facendogli Cavalieri; II essendosi per la di lui
residenza renduta questa città capo e metropoli del Regno, concorrevano
in essa tutti i Baroni del Regno, ed i maggiori Signori e Feudatari
a dimorarvi, i quali per venire ammessi allora con facilità, anzi
pregati, a que' Seggi, gli resero più numerosi, e cospicui; III dalla
residenza dei maggiori Ufficiali della Corona e della Milizia, i quali
illustrarono anch'essi quelle Ragunanze; perchè non volendo essere
del Popolo s'arrolavano co' Nobili; IV i tanti Nobili franzesi e
provenzali, che portò seco Carlo di Francia e di Provenza, i quali per
essere stati premiati da lui con feudi e cariche pubbliche, fermati
perciò in Napoli ed arrolati co' Nobili, resero più cospicue le loro
Piazze, introducendosi in quelle molte famiglie franzesi: al che Carlo
vi cooperava per altro fine, cioè per aver contezza di quanto in quelle
si trattava.

E per ultimo, vivendosi in Napoli a' tempi di Carlo per collette,
concedè questo Principe molte prerogative a' Nobili intorno a
tali pagamenti, perchè volle, che contribuissero co' Popolari, ma
che separatamente dal Popolo i Nobili le pagassero; onde i Nobili
esigevano per la Nobiltà, ed i popolani per lo Popolo. E per allettare
maggiormente la Nobiltà napoletana, nel primo anno del suo Regno
confermò il privilegio concesso loro dal Re Manfredi, di dividersi
tra essi la sessagesima parte del jus delle mercatanzie, ch'entravano
in Napoli, tanto per terra, quanto per mare[345]: ciocchè fu una più
distinta marca di divisione tra' Nobili, e que' del Popolo.

Ma tutte queste belle prerogative non poterono far tanto estollere
la nobiltà di questi Seggi sopra tutti gli altri Seggi del Regno, e
rendergli in quella maniera pregevoli, nella quale si vedono oggi,
quanto i rigorosi regolamenti seguiti da poi intorno all'ammettere
nuove famiglie, e l'essersi poi tutti questi ridotti a soli cinque.

Prima ne' tempi stessi di Carlo e degli altri Re angioini suoi
successori, non vi era tanto rigore nelle aggregazioni: i Popolari e'
Forastieri vi erano indifferentemente ammessi. Questo costume da tempi
antichissimi traeva la sua origine; poichè Napoli come città greca,
seguendo l'esempio de' Tebani, che come dice Aristotele[346], a lungo
andare ammettevano alla loro Nobiltà que' del Popolo, ch'erano ascesi a
grandi ricchezze e quegli ancora, che per lungo tempo eran nobilmente
vivuti, ed aveano lasciato il mercatantare, ed altri simili mestieri;
riceveva le famiglie così nazionali, come forastiere, che per lungo
tempo avean serbato il decoro della Nobiltà, e che per lungo tempo eran
vivute con arme e cavalli. Così ne' tempi, nei quali siamo di Carlo
I, Fusco Favilla vivendo nobilmente con armi e cavalli, fece istanza
al Re di farlo contribuire co' Nobili, e 'l Re acconsente, dicendo:
_Eo quod vivit cum armis, et equis, contribuat cum militibus_[347]. Il
simile leggiamo di Marino di Madio, di Ademaro di Nocera, e di Nicolò
Canuto cittadino napoletano[348]. E Carlo II suo figliuolo a M. Dono
da Fiorenza commorante in Napoli l'ammise a qualsivoglia Seggio, e di
poter contribuire _cum militibus illius Plateae, in qua habitaverit,
usque ad regium beneplacitum, ex gratia speciali_[349]. E moltissimi
altri esempi se ne leggono ne' regali registri, ammettendo i Re
le famiglie ne' Seggi in tal guisa; poichè questa era la nota, che
distingueva i Nobili da' Popolani; cioè che costoro contribuivano le
collette col Popolo, e coloro colla Nobiltà.

Ma, tolte via le collette, cessa questo modo d'aggregar ne' Seggi; ed
a' Nobili s'appartenne l'aggregare, i quali niente di rigor usando,
ammettevano indifferentemente tutti quelli, che per lungo tempo
erano nobilmente vivuti in Napoli, sì cittadini, come forastieri, che
aveano contratta parentela co' Nobili, ed abitavano nel Quartiere di
ciascun Seggio: così la famiglia Sassone vivendo nobilmente in Napoli
nel quartiere di Portanova, ed imparentando co' Nobili di Piazza fu
aggregata al Seggio di Portanova. E nel libro dei Parlamenti leggesi
l'aggregazione fatta nell'anno 1480 di Giulio Scorciato, _ch'era
uomo nuovo in Napoli, allora venuto dalla Castelluccia, e perch'era
Dottore e Consigliere del Re Ferrante, ed avea la casa nello tenimento
della Montagna, lo chiamarono alla Congregazione dello detto Seggio_.
E questo era il consueto stile d'aggregare allora, leggendosi
nel processo d'Ettorre d'Anagni con la Piazza di Nido, che _così
anticamente erano chiamati nelle Piazze quelli, che abitavano nello
quartiero, gente ben nate, ricche, dotte, che viveano nobilmente, a
dare il loro parere nella Congregazione delli Seggi_[350].

Quindi avvenne, che nelle cause di reintegrazioni, l'aver avute le
case ne' quartieri a' Seggi vicini, era riputato alto possessivo di
Nobiltà in quel Seggio, e così furono reintegrate molte famiglie,
come la Pandona, e la Mariconda a Capuana; la Majorana a Montagna, la
Mastrogiudice a Nido, e moltissime altre.

Da poi si vennero pian piano a restringersi le aggregazioni; poichè
i Nobili delle Piazze infra di loro fecero alcuni stabilimenti, con
ricercare altri requisiti, senza i quali non erano ammessi. Così i
Nobili della Piazza di _Capuana_ nell'anno 1500 per pubblico istromento
conchiusero, che chiunque volesse essere ammesso nella lor Piazza,
dovea esser Nobile di quattro quarti di nome e d'arme, senza alcuno
_ripezzo_: che fosse legittimamente nato, e figliuolo di legittima
persona: che per lungo tempo avesse praticato con Nobili, e con essi
contratta ancora parentela: che non fosse macchiato di alcun vizio, che
offender potesse la Nobiltà. La Piazza di _Nido_ fece ancor essa molti
altri Capitoli così in detto anno 1500 come negli anni 1507 e 1524.
Quella di _Montagna_ nell'anno 1420 pur fece i suoi, che poi nell'anno
1500 accrebbe d'altri, i quali tutti possono vedersi in Tutini.
Siccome anche fecero i Nobili di _Porto_ e _Portanova_, i Capitoli de'
quali non si sanno, per essersi gli antichi libri di questi due Seggi
perduti.

Ridotto per questi nuovi Capitoli l'esser nobile di Seggio in più alta
stima, così per lo rigore, che praticavasi nell'aggregazioni, come
anche per passare i negozi più importanti per le mani de' Nobili, e
perchè i Signori Vicerè nel trattare gli affari regi avean sovente
bisogno di essi, onde quando prima non molto si curavano queste
aggregazioni, si fece da poi così desiderabile esser di Piazza, che
non vi era famiglia, nè Signore o Ministro regio, che non movesse
ogni impegno per aggregarvisi; sicchè infastidite le Piazze per le
tante dimande, si tolsero per sè medesime l'autorità di aggregare,
risegnandola in mano del Re; di modo che ordinò Filippo II, che
senza sua saputa e licenza non si potesse trattare aggregazione o
reintegrazione alcuna nelle Piazze di Napoli; e volendosi di ciò
trattare, s'ottenesse prima licenza di Sua Maestà, e poi congregati
tutti i Nobili di quel Seggio, e propostasi la dimanda, non essendovi
discrepanza, fosse ammesso colui, che dimandava l'aggregazione,
altrimenti, discrepando uno d'essi Nobili, il trattato fosse nullo:
ciò che riusciva molto difficile, ed era esporsi ad un cimento molto
pericoloso. Per la qual cosa molti impresero più tosto per via di
giustizia pretender reintegrazione, portando, che alcuni de' loro
maggiori avessero goduto in quelle Piazze, che esporsi al cimento
difficile dell'aggregazione. Sicchè al presente il Re tien deputati
cinque Consiglieri, ed un Fiscale nel S. C. a sentenziare sopra
le loro istanze, ottenuta prima licenza dal Re di potersi trattare
la reintegrazione. Al cui esempio le città minori delle province,
alcune delle quali hanno Seggi chiusi, ottennero parimente dal Re,
che senza sua licenza non potessero trattarsi reintegrazioni, ovvero
aggregazioni.

L'altra cagione, onde questi Seggi si fossero resi cotanto pregevoli,
si fu di 29 ch'erano in prima, essersi ultimamente ridotti a soli
cinque, di Capuana, Nido, Montagna, Porto e Portanova. Quando si fosse
fatta tal restrizione, non è di tutti conforme il sentimento, poichè
non vi sono scritture che ci possano accertare del tempo preciso; ma
poichè quest'unione non si fece tutta in un tratto, egli è verisimile,
che negli ultimi anni del Regno di Roberto quella si perfezionasse.
Ed il modo come tutti que' Seggi minori s'unissero a questi cinque,
fu così naturale e proprio, che sarebbe maraviglia se s'osservasse il
contrario; poichè quasi tutti questi Seggi si componevano di sei o otto
famiglie, quante forse n'erano in quelle minori contrade, ed essendo
dipendenti dal Seggio maggiore, in decorso di tempo sovente accadeva,
che spenta la maggior parte d'esse, e poche famiglie rimaste, queste
se ne passavano al suo principale Seggio, e restavano estinti i minori;
onde si vede, che poi i Nobili del principal Seggio vendevano il luogo,
ove era il Teatro o portico[351]; così vedesi il Seggio de' _Melazi_,
appartenente al Seggio di Capuana, ne' tempi di Roberto, intorno l'anno
1325 essere stato venduto dalla Piazza di Capuana, per essere spente
le famiglie, che quello componevano. Così ancora nell'anno 1331 per
comandamento della Regina moglie di Roberto fu abbattuto il Seggio
delli _Griffi_. Ed il Seggio di _Somma Piazza_, altrimente detto il
Seggio de' _Rocchi_, essendo mancate le famiglie, che lo componevano, e
rimasto per ricettacolo de' malfattori, la Reina Giovanna II lo donò ad
Antonello Centonze da Tiano. Parimente i Nobili di Montagna venderono
il Seggio de' _Cimbri_, come cosa lor propria, a D. Fabio Rosso. Ed in
questa maniera tratto tratto si ridussero tutti a' loro Seggi maggiori.

Ma come, ed in qual tempo si facesse l'unione d'un Seggio maggiore ad
un altro parimente maggiore, come fu quello di _Forcella_ a quello
di _Montagna_, è d'uopo che si narri. Alcuni portarono opinione,
ch'essendo mancate ne' tempi di Carlo I nella Piazza di Forcella molte
famiglie, si fosse fatta da poi nel Regno di Carlo II suo figliuolo
questa unione. Ma siccome notò prima il Summonte[352], e da poi il
Tutini[353], ciò è falso; poichè tra' Collettori dell'anno 1300 nel
Regno di Carlo II destinati all'esazione delle collette, si legge
Niccolò Saduccio Collettor di Forcella, e ne' _Capitoli_ del Re
Roberto, si vede convenire Giacomo Chianula per la Piazza di Forcella,
insieme con gli altri deputati nobili dell'altre Piazze[354].

Non è da rifiutarsi perciò l'opinione del Tutini, che credette
quest'unione essersi fatta negli ultimi anni del Regno di Roberto, con
l'occasione della discordia nata fra' Nobili delle due Piazze, Capuana,
e Nido, co' Nobili dell'altre Piazze, intorno alla quale Roberto
avendo ordinati alcuni stabilimenti, rapportati dal Summonte[355] e
dal medesimo Tutini, e facendo in quelli solamente menzione di sei
Eletti, comprendendo in essi quello del Popolo, si ricava, che in
questi tempi la Piazza di Forcella era già unita a quella di Montagna.
Ciò che maggiormente si conferma da una carta della Regina Giovanna I.
rapportata dall'istesso Tutini, nella quale, avendo ne' primi anni del
suo Regno ordinato, che si facesse inquisizione di tutti i Feudatari
del Regno, si notano i Feudatari de' Seggi di Napoli Piazza per Piazza,
e non si fa in essa altra menzione, se non de' soli cinque.

Nella quale unione è da notarsi, che per essere il Seggio di Forcella
Seggio maggiore, che s'unì ad un altro maggiore, perciò la Piazza di
Montagna fa due Eletti, uno per se, e l'altro rappresentando quel di
Forcella. Ciò che non avvenne nell'unione degli altri Seggi minori
uniti alle principali loro Piazze, perchè essendo questi dipendenti da
quelli, bastava un Eletto per tutti. Solo per conservar la loro memoria
è rimasta l'elezione degli Ufficiali, che ciascuno di questi cinque
Seggi crea con nome di sei, e cinque Capitani de' Nobili, i quali
uniti tutti insieme, fanno il numero de' 29 rappresentanti ciascuno
d'essi uno di quegli antichi Seggi[356]. Questi hanno prerogativa
di far convocar i Nobili per trattar i pubblici affari, propongono i
punti, che devono risolversi, ricevono i voti ed hanno grand'autorità
nell'assemblee, e sono da' Nobili creati ogni anno, ed oggi tengon
titolo di Deputati.

Ridotti adunque ed incorporati tutti questi Seggi a' soli cinque, e
disfatti tutti gli altri, cominciarono in varii e diversi tempi ad
ampliare con magnifici edifici i loro teatri, e ridursi i portici
in quella magnificenza, che oggi si vede; ed essendo poi di tempo in
tempo con nuovi edifici ampliata la città, e venuta a quella portentosa
grandezza, che oggi s'ammira, crebbero a proporzione i loro quartieri
e si resero più spaziosi. Sono tutti cinque uguali, e non hanno
maggioranza infra di loro, ancorchè que' di Capuana e Nido, per lo
splendore de' loro Nobili, per cagion degli ampii Stati e ricchezze che
possedono, vantino sopra gli altri maggiore preminenza.

Hanno molte prerogative, non solo di creare gli Eletti, i quali con
quello del Popolo governano la città, convenendo insieme nel loro
Tribunale a trattare i negozi del Pubblico, ma esercitano ancora
molte giurisdizioni, e fra l'altre di dichiarar i Popolani nobili del
Popolo napoletano, e conceder lettere di cittadinanza. Hanno parimente
i Nobili di queste Piazze autorità di creare il Sindico, che ne'
Parlamenti generali ed in altre pubbliche funzioni, appresso il Vicerè
rappresenta non meno la città, che tutto il Regno. Comunicano insieme i
Nobili di Capuana e Nido, quando s'uniscono per trattare i negozi del
pubblico, potendo l'uno andare al Seggio dell'altro, con dar i voti;
ma non perciò possono ricevere uffici, se non ognuno nel suo proprio
Seggio. Hanno ancora una legge fra loro circa il contrarre i matrimoni,
detta la nuova maniera di Capuana e Nido. Ed i Nobili di Montagna
aveano anch'essi anticamente nuovo modo circa il dar delle doti alle
Gentildonne della loro Piazza. Ed in Napoli ancora nell'età vetusta
v'era un altro modo di contratto dotale all'usanza delle Contesse e
Baronesse del Regno.

Non riconoscendosi nella città di Napoli se non che due Ordini, di
Nobiltà e di Popolo, poichè lo Stato ecclesiastico, che in Francia
fa ordine a parte, presso di noi non è riputato Ordine separato; ma
(siccome l'Ordine de' Magistrati) è rimasto mescolato tra la Nobiltà
e Popolo, perciò nel governo della medesima, non si ammettono se non
Nobili e del Popolo. Quindi è, che appartenendosi il governo della
medesima non meno a' Nobili che al Popolo, siccome fu sempre, come ben
pruova il Tutini[357], perciò oltre le cinque soprannomate Piazze,
evvene un'altra del Popolo, la quale non altrimenti che quelle de'
Nobili, elegge il suo Eletto, crea i suoi Ufficiali, tiene le sue
regioni minori, che chiamano Ottine, ed è partecipe insieme co' Nobili
del governo delle città, e di tutti gli altri onori e preminenze[358].

Ma all'incontro, dimorando in questa città molte nobili ed illustri
famiglie, le quali non comunicano nè con la Nobiltà, nè col Popolo:
perciò queste si riputano come fuori del Corpo della cittadinanza,
traendo esse la maggior parte l'origine da altre città di dentro e
fuori del Regno. Nè tal Nobiltà ha sede o luogo; perchè altrimente
dovrebbe ancor ella aver parte nei paesi, e negli onori insieme con gli
altri Nobili de' cinque Seggi.

Per questa cagione a' tempi di D. Pietro di Toledo, allora Vicerè,
cadde in pensiero a molte famiglie, che non erano aggregate a' Seggi,
nè comunicavano col Popolo, di supplicar Carlo V, che traendo esse
origine da famiglie illustri, nobilitate con feudi, per lunghi anni
signore di vassalli, ed imparentate con Nobili di Piazze, che dovessero
ammettersi a' Seggi ovvero di conceder loro licenza, che potessero
edificare un nuovo Seggio, e goder degli onori e pesi, che godono i
Nobili della loro città. Ma trovandosi allora implicato l'Imperadore
alla guerra di Siena, non potè darvi alcun provvedimento; ed intanto
perchè molte di quelle famiglie furono poi ammesse a' Seggi, non vi
si fece altro. Ma da poi correndo l'anno 1558 si rinovò la dimanda da
quelle Case, che non furono aggregate, e da molte famiglie spagnuole,
le quali ne supplicarono il Re Filippo II ma rimesso dal Re l'affare a
giustizia, s'impose a quello perpetuo silenzio. Ultimamente nell'anno
1637 molte illustri famiglie, come gli Aquini, Eboli, Filangieri,
Gambacorti, Ajerbi d'Aragona, Concobletti, Orsini, Marchesi, Franchi,
Leiva, Mendozza ed altre, posero di nuovo in tratto d'ergere un
nuovo Seggio, e ne ricorsero al Re Filippo IV; ma dopo un lungo
aspettare, secondo la solita tardità e lunghezza di quella Corte,
stancati finalmente i pretendenti, non ne fecero più parola, tanto che
proccuraron da poi d'essere aggregati negli antichi Seggi, dove sono
stati ammessi.


§. I. _Parlamenti generali cominciati a convocarsi in Napoli._

Da' precedenti libri di quest'Istoria si è potuto notare che i Re
di Sicilia, quando o per occasione di stabilir nuove leggi, ovvero
per altri bisogni dello Stato convocavano le Corti generali, non in
Napoli, ma in varie città del Regno l'intimavano. Così ora in Melfi,
ora in Ariano, ora in Bari, in S. Germano, Capua, Barletta ed altrove
tennero Parlamenti. Ma da poi che Carlo d'Angiò, residendo per lo più
in Napoli, invitò ad abitare in quella quasi tutti i Baroni, i Signori
ed i maggiori Ufficiali del Regno, fu questa città riputata la più
acconcia e comoda, per potersi quivi convocare le generali Assemblee,
dove trovandosi la maggior parte de' Baroni, e venendo i Sindici delle
altre città e terre del Regno, s'univano i due Ordini della Nobiltà
e del Popolo a deliberare delle cose importanti e rimarchevoli dello
Stato; poichè presso di Noi, siccome in tutti gli altri Stati della
Cristianità, toltone il Regno di Francia, lo Stato ecclesiastico
non fa Ordine a parte, ma non altrimente che facevano i Romani de'
loro Preti, li quali li lasciavano mescolati fra i tre Stati, gli
lasciamo nell'Ordine della Nobiltà e del Popolo; ond'è, che tra noi ne'
Parlamenti il Clero non ha luogo a parte, e se talora vi sono invitati
i Prelati, v'intervengono come Baroni, siccome l'Abate di Monte Cassino
che vanta essere il primo Barone del Regno, l'Arcivescovo di Reggio
e tanti altri. Quindi per essersi Napoli renduta capo e metropoli del
Regno, quasi tutti i Parlamenti che si tennero da poi, in questa città
si convocarono, _tanquam in solemniori, et habiliori loco_ come Carlo
II stesso lo qualifica[359]. Ciò che poi imitarono Giovanna I, Carlo
III, Luigi II, Alfonso I e gli altri Re suoi successori[360], tantochè
avendo il Re Alfonso intimato un Parlamento in Benevento, i Napoletani
se ne offesero, e feron sì, che il Re lo convocasse in Napoli.



CAPITOLO V.

_Divisione del Regno di Sicilia da quello di Puglia, per lo famoso
Vespro Siciliano._


Ma fra le cagioni sinora annoverate, onde Napoli sopra tutte le altre
città estolse il suo capo, la principale fu la divisione di questi due
Reami. Divisi questi Regni, si videro due Reggie, l'antica di Sicilia e
la nuova di Napoli. Palermo rimase per gli Aragonesi in Sicilia: Napoli
per li Franzesi in Puglia e Calabria. Ed è cosa da notare, che non meno
la prospera fortuna fin qui tenuta da Carlo, che l'avversa, la quale,
assunto che fu al Ponteficato Niccolò III cominciò a travagliar questo
Principe, cospirarono alla esaltazione di questa Città.

Morto Papa Giovanni, e non avendo potuto Re Carlo per sei mesi di
maneggi, quanto appunto vacò quella sede, ottenere, che si fosse
rifatto un Papa Franzese, si risolvè il Collegio de' Cardinali nel mese
di novembre dell'anno 1277 eleggere per successore Giovanni Cardinal
Gaetano di Casa Ursina che _Niccolò III_ volle nomarsi. Costui, che
tanto nella vita privata, come nel Cardinalato fu tenuto per uomo
di buoni costumi e di vita cristiana, assunto al Papato mostrò un
desiderio sfrenato d'ingrandire i suoi; onde nel conferire le Prelature
ed i gradi, e beni tanto temporali del suo Stato, quanto ecclesiastici,
ogni cosa donava, e conferiva a' suoi parenti o ad altri, ad arbitrio
loro[361]; e da questa passione mosso mandò a richiedere Re Carlo,
che volesse dare una delle figliuole del Principe di Salerno, ad uno
de' suoi nepoti. Ma quel Re, ch'era usato d'aver Pontefici vassalli ed
inferiori, se ne sdegnò, e rispose che non conveniva al sangue Reale
di pareggiarsi con Signoria, che finisce con la vita, come quella del
Papa. Di questa risposta s'adirò il Pontefice, in guisa che rotto ogni
indugio se gli dichiarò nemico, e rivocò fra pochi giorni il privilegio
concesso, e confermato dagli altri Pontefici in persona del Re Carlo,
del Vicariato dell'Imperio, dicendo, che poichè in Germania era stato
eletto Rodolfo Imperadore, toccava a lui d'eleggersi il Vicario, e
che 'l Papa non avea potestà alcuna d'eleggerlo, se non in tempo che
l'Imperio vacava. Poi venne a Roma, e conoscendosi col favore de' suoi
poter più di quello, che aveano potuto gli altri Pontefici, gli tolse
l'Ufficio di Senatore, e fece una legge, che nè Re, nè figliuoli di Re
potessero esercitare quell'Ufficio.

Carlo disprezzò l'ire del Pontefice e' suoi disgusti, li quali, come
vedrassi, furono una delle quattro cagioni della perdita di Sicilia;
ma tutto inteso alla guerra contro Michele Paleologo Imperador di
Costantinopoli ne avea già ordinato un apparato grandissimo nel Regno,
nell'isola di Sicilia ed in Provenza; ed erasi già accinto all'impresa
con un gran numero di galee, e numero infinito di legni da passar
cavalli, e da condur cose necessarie ad un grandissimo esercito; fece
intendere a tutti i Conti e Feudatari a lui soggetti, che si ponessero
in ordine per seguirlo: scrivendo in oltre a tutti i Capitani, che
facessero elezione de' più valenti soldati e cavalli, per venire al
primo ordine suo a Brindisi[362].

La fama di sì grande apparato sbigottì molto il Paleologo, e 'l mise in
gran timore, sapendo quanta fosse la potenza di Re Carlo; pure quanto
potea, si preparava a sostener l'impeto di tanta guerra; ma trovò
dall'ingegno e dal valore d'un solo uomo quello aiuto, che avrebbe
potuto promettersi da qualunque grande esercito.

Quest'uomo fu Giovanni di Procida cittadino nobile salernitano, Signore
di Procida e di molte terre; fu molto affezionato alla Casa di Svevia,
e da Federico II tenuto in sommo pregio per le molte virtù, alle quali
accoppiò anche una somma perizia di medicina, ciò che non faceva in
que' tempi vergogna; poichè, come si è potuto vedere ne' precedenti
libri di quest'Istoria, in Salerno questa scienza era professata da'
Nobili più illustri di quella città, nè abborrivano di professarla
eziandio i Prelati della Chiesa, siccome l'Arcivescovo di Salerno
Romualdo Guarna, e l'Arcivescovo di Napoli Berardino Caracciolo, il
quale non disdegnò nella iscrizione del suo sepolcro, rapportata dal
Summonte[363], che fra gli altri encomi vi si ponesse: _Utriusque juris
Doctoris, ac Medicinae scientiae periti_. Ed il Tutini[364] rapporta
d'aver egli osservato nel regio Archivio una carta, ove Gualtieri
Caracciolo dimanda licenza al Re Carlo II d'andare nell'isola di
Sicilia a ritrovar Giovanni di Procida, già vecchio, per farsi curare
d'una sua infermità. Non meno di Federico l'ebbe caro Re Manfredi, di
cui volle troppo ostinatamente seguire le parti; onde per la venuta di
Carlo, essendogli stati confiscati i suoi beni, non fidandosi di star
sicuro in Italia, per l'infinito numero degli aderenti di Re Carlo,
se n'andò in Aragona a trovare la Regina Costanza unico germe di casa
Svevia, e moglie di Re Pietro, al quale per segno dell'investitura
di questi Reami eragli stato portato il guanto, che, come si disse,
buttò Corradino nella piazza del Mercato, quando Re Carlo gli fece
mozzar il capo. Fu benignissimamente accolto tanto da lei, quanto
dal Re suo marito, dal quale essendo nel trattare conosciuto per
uomo di gran valore e di molta prudenza, fu fatto Barone nel Regno di
Valenza, e Signor di Luxen, di Benizzano e di Palma. Giovanni veduta
la liberalità di quel Principe, drizzò tutto il pensier suo a far ogni
opera di riporre il Re e la Regina ne' Regni di Puglia e di Sicilia; e
tutto quel frutto che cavava dalla sua Baronia, cominciò a spendere in
tener uomini suoi fedeli per ispie nell'uno e nell'altro Regno, dove
avea gran sequela d'amici, e cominciò a scrivere a quelli, in cui più
confidava.

Ma tosto s'avvide, che tentar ciò nel Regno di Puglia era cosa affatto
impossibile e disperata; poichè per la presenza di Re Carlo, che avea
collocata la sua sede in Napoli, e scorreva per l'altre città di queste
nostre province, e per li beneficj che avea fatti a' suoi fedeli, e per
lo rigore usato contro i ribelli, era in tutto spenta la memoria del
partito di Manfredi. Rivoltò perciò tutti i suoi pensieri nell'isola di
Sicilia, ove trovò le cose più disposte; poichè essendo il Re lontano,
avea commesso il governo di quella a' suoi Ministri franzesi, i quali
trattando i Siciliani asprissimamente, erano in odio grandissimo presso
tutti gli isolani. Venne perciò sotto abito sconosciuto Giovanni in
Sicilia, e cominciando a trattare della cospirazione con alcuni più
potenti e peggio trattati da' Franzesi, vennero a conchiudere fra
di loro di prender l'armi tutti in un tempo contro i Franzesi, e
gridare per loro Re Pietro d'Aragona. Ma parendo loro poche le forze
dell'isola e non molte quelle di Pietro, e che perciò bisognava a
queste due giungere altra forza maggiore: Giovanni ricordandosi de'
disgusti, che Carlo passava col Papa, e che 'l Paleologo temendo
molto degli apparati di Carlo, avrebbe fatto ogni sforzo per distorlo
dall'impresa di Costantinopoli; andò subito a Roma sotto abito di
religioso a tentare l'animo del Papa, il quale trovò dispostissimo
d'entrare per la parte sua a favorir l'impresa. Se ne andò poi col
medesimo abito a Costantinopoli, ed avendo con efficacissime ragioni
dimostrato al Paleologo, che non era più certa nè più sicura strada
al suo scampo, che prestar favore di denari al Re Pietro, affinchè
l'impresa di Sicilia riuscisse, poichè in tal caso Carlo, avendo la
guerra in casa sua, lascerebbe in tutto il pensiero di farla in casa
d'altri; di che persuaso l'Imperadore, si offerse molto volentieri
di far la spesa, purchè Re Pietro animosamente pigliasse l'impresa; e
mandò insieme con Giovanni un suo molto fidato segretario con una buona
somma di denaro, che avesse da portarla al Re d'Aragona, ordinandogli
ancora di abboccarsi col Papa, per dargli certezza dell'animo suo, e
della prontezza, che avea mostrata in mandar subito aiuti. Giunsero il
Segretario e Giovanni a Malta, isoletta poco lontana da Sicilia e si
fermarono ivi alcuni dì, finchè i principali de' congiurati, avvisati
da Giovanni, fossero venuti a salutare il Segretario dell'Imperadore,
ed a dargli certezza del buono effetto, che ne seguirebbe, quando
l'Imperadore stasse fermo nel proposito fin'a guerra finita. Poi si
partirono i congiurati, e ritornarono in Sicilia a dar buon'animo
agli altri consapevoli del fatto. Intanto Giovanni col Segretario
passarono a Roma, dove avuta audienza dal Papa, gli proposero tutto
il fatto: costui che temea la potenza di Carlo, e voleva vendicarsi
dell'ingiuria fattagli, imitando i suoi predecessori, siccome costoro
con l'aiuto de' Franzesi discacciarono da quell'isola gli Svevi, così
egli colle forze degli Aragonesi, pensò discacciarne gli Angioini; onde
non solo entrò nella Lega ma avendo inteso, che l'Imperadore mandava
denari, promise di contribuire anch'egli per la sua parte, e scrisse
al Re Pietro, confortandolo con ogni celerità a ponersi in punto
per poter subito soccorrere i Siciliani da poi che avessero eseguito
la congiura, ed occupato quel Regno, del quale egli l'avrebbe data
subito l'investitura, ed aiutato a mantenerlo. Per queste cagioni il
Re d'Aragona nella lettera scritta a Carlo dopo essersi impadronito
dell'isola, gli diceva che quella era stata aggiudicata a lui per
l'autorità della Santa chiesa e di Messer lo Papa e de' venerabili
Cardinali. Con queste lettere e promesse portossi nell'anno 1280.
Giovanni in Aragona, ed avendo comunicato al Re il disegno che s'era
fatto per dargli in mano la Sicilia, Pietro temè in prima di entrar
in una guerra, della quale dubitava di non poter uscire con onore:
ma il Procida tolse tutte le difficoltà: I con assicurarlo per parte
dell'Imperador di Costantinopoli, il quale per mezzo del suo Segretario
gli avea mandato il denaro, ed offertosi che non avrebbe mancato
per l'avvenire di contribuire a tutti i bisogni della guerra: II
con dargli le lettere del Papa che l'assicurava del medesimo, e che
l'avrebbe investito di quell'isola: III che i Siciliani per l'odio
implacabile, che aveano co' Franzesi, con contentezza universale
avrebbero agevolata l'impresa; e per ultimo gli fece concepire, che
non era necessario ch'egli s'impegnasse, se non quando la congiura di
Sicilia fosse riuscita. Per queste efficaci ragioni fu disposto quel
Re d'accettarla; tanto più, quanto la Regina Costanza sua moglie il
sollecitava non meno a far vendetta di Re Manfredi suo padre e del
fratello Corradino, che a ricoverare i Regni, che appartenevano a lei,
essendo morti tutti i maschi della linea sveva: convocati perciò i più
intimi suoi consiglieri, trattò del modo, che s'avea da tenere, e fu
convenuto tra di loro, che il Re allestirebbe una flotta considerabile,
sotto pretesto di far la guerra in Affrica a' Saraceni, e che si
terrebbe su le coste dell'Affrica, pronto a far vela in Sicilia, se la
cospirazione fosse riuscita: che se venisse a fallire, poteva, senza
mostrar d'averci alcuna parte, continuare a far la guerra a' Saraceni.
E vi è chi scrisse[365], che Re Carlo vedendo posta in ordine questa
flotta molto maggiore di quello, che potea sperarsi dalle forze di Re
Pietro, gli avesse mandato a dimandare a che fine facea tal apparato;
ed essendogli stato risposto per l'impresa d'Affrica contro Saraceni,
Re Carlo, o per partecipare del merito guerreggiando contro Infedeli,
de' quali egli fu sempre acerbissimo persecutore, o per gratificare
quel Re suo stretto parente, gli avesse mandati ventimila ducati per
soccorso di quell'impresa.

Ma ecco, che mentre queste cose si dispongono, e 'l Procida ritorna in
Italia, muore Papa Niccolò: ed in suo luogo per gl'intrighi di Carlo,
o più tosto per la violenza fatta a' Cardinali, fu rifatto a febbraio
del 1281 un Papa franzese, creatura ed amicissimo del Re Carlo, che
_Martino IV_ comunemente si noma, chiamandolo altri Martino II, poichè
i due predecessori, non Martini, ma _Marini_ gli appellano. Dubitando
perciò Giovanni, che non si raffreddasse l'animo dell'Imperadore,
tosto ritornò in Costantinopoli per riscaldarlo; e passando in abito
sconosciuto insieme col Segretario per Sicilia, venne a parlamento
con alcuni de' primi della congiura, e diede loro animo, narrando
quanto erasi fatto, e che non dovessero sgomentarsi per la morte di
Papa Niccolò: e fece opera che quelli mostrassero al Segretario la
prontezza de' Siciliani, e l'animo deliberato di morire più tosto che
vivere in quella servitù, affinchè ne potesse far fede all'Imperadore
e tanto più animarlo; poi seguirono il viaggio e giunsero felicemente
a Costantinopoli. E fu notata da' Scrittori per cosa maravigliosa, che
questa congiura tra tante diverse nazioni, ed in diversi luoghi del
Mondo durò più di due anni, e per ingegno e per destrezza del Procida
fu guidata in modo, che ancor che Re Carlo avesse per tutto aderenti,
non n'ebbe però mai indizio alcuno.

Dall'altra parte Re Pietro, ancorchè per la morte di Papa Niccolò
restasse un poco sbigottito, avendo perduto un personaggio principale
ed importante alla Lega; non però volle lasciar l'impresa, anzi
mandò Ambasciadore al nuovo Pontefice a rallegrarsi dell'assunzione
al trono e a cercargli grazia, che volesse canonizzare _Fr. Raimondo
di Pegnaforte_; ma invero molto più per tentare l'animo del Papa,
mostrando destramente volere, non per via di guerra ma per via di lite
innanzi al Collegio proponere e proseguire le ragioni, che la Regina
Costanza avea ne' Reami di Puglia e di Sicilia. Ma il Papa avendo
ringraziato l'Imbasciadore della visita e trattenuto di rispondergli
sopra la Canonizzazione, come intese l'ultima richiesta, disse
all'Imbasciadore: _Dite a Re Pietro, che farebbe assai meglio pagare
alla Chiesa romana tante annate, che deve per lo censo, che Re Pietro
suo Avo promise di pagare, ed altresì i suoi successori, come veri
vassalli e Feudatari di quella; e che non speri, finchè non avrà pagato
quel debito, di riportar grazia alcuna dalla Sede Appostolica_[366].

Mentre queste cose si trattavano, Giovanni di Procida tornato di
Costantinopoli in Sicilia, sotto diversi abiti sconosciuto, andò per
le principali terre di Sicilia, sollecitando i congiurati, e tenendo
sempre per messi avvisato Re Pietro segretissimamente di quanto si
faceva; ed avendo inteso, che la sua armata era già in ordine per far
vela, egli eseguì con tant'ordine e tanta diligenza quella ribellione,
che nel mese di marzo, il secondo giorno di Pasqua dell'anno 1282 al
suon della campana, che chiamava i Cristiani all'ufficio di vespero,
in tutte le terre di Sicilia, ove erano i Franzesi, il Popolo pigliò
l'arme, e li uccise tutti con tanto sfrenato desiderio di vendetta,
che uccisero ancora le donne della medesima isola, ch'erano casate con
Franzesi e quelle ch'erano gravide, ed i piccioli figliuoli ch'erano
nati da loro; e fu gridato il nome di Re Pietro d'Aragona e della
Regina Costanza: e questo è quello che fu chiamato e si chiama _il
Vespro Siciliano_. Non corse in questa crudele uccisione, dove perirono
da ottomila persone, spazio di più di due ore; e se alcuni pochi in
quel tempo ebbero comodità di nascondersi o di fuggire, non per questo
furon salvi; perocchè essendo cercati e perseguitati con mirabile
ostinazione, all'ultimo furon pure uccisi.

Questa crudele strage, e così repentina mutazione e rivoluzione fu
per lettera dall'Arcivescovo di Monreale scritta al Papa, a tempo,
che Carlo si trovava con lui in Montefiascone. Il Re restò sorpreso e
molto abbattuto, vedendo in tanto breve spazio aver perduto un Regno, e
buona parte de' suoi soldati veterani; pure, raccommandate le sue cose
al Papa, trovandosi già l'armata in ordine, ch'era destinata contro
l'Imperador greco, ritornò subito nel Regno, e con quella incontinente
fece vela verso la Sicilia, e cinse Messina di stretto assedio.

Dall'altra parte Papa Martino, desideroso che l'Isola si ricovrasse,
mandò in Sicilia per Legato appostolico il Cardinal Vescovo di Sabina,
con lettere ai Prelati ed alle terre dell'isola, confortandole a
rimettersi nell'ubbidienza di Carlo, con ingiungere al medesimo, che
quando queste lettere non valessero, adoperasse non solo scomuniche ed
interdetti, ma ogni altra forza, per favorire le cose del Re.

Giunse il Cardinale in Palermo, nel medesimo tempo che Carlo giunse
a Messina; ma siccome gli uffici del Legato niente poterono contro
l'ostinazione dei Siciliani, così l'assedio, che Carlo avea posto a
Messina fu con tanto vigore proseguito, che finalmente strinse gli
abitanti a volersi arrendere a lui colla sola condizione di salve le
vite: ma egli era così trasportato dalla rabbia, che negò anche questa
condizione. Mandarono Ambasciadori al Papa, perchè intercedesse per
loro presso l'adirato Principe: ma non fu data loro udienza, onde posti
nell'ultima disperazione si risolvettero di difendersi fino all'ultimo
spirito.

Giovanni di Procida, che si trovava a Palermo, impaziente della
dimora del Re Pietro, il quale era passato già coll'armata in
Affrica all'assedio d'una città che gl'Istorici siciliani chiamano
_Andacalle_, vedendo lo stretto bisogno de' Messinesi, imbarcatosi
sopra una Galeotta con tre altri, che andavano con lui con titolo di
Sindici di tutta l'isola, andò a trovare Re Pietro, ed informatolo del
presto bisogno del suo soccorso, l'indusse a lasciar tosto le coste
dell'Affrica, e colla sua armata ad incamminarsi verso Palermo.

Allora fu, che Re Pietro non potendo più nasconder i suoi disegni per
l'impresa di Sicilia, volle giustificarsi co' Principi d'Europa suoi
parenti; onde prima che lasciasse le coste d'Affrica, scrisse in questo
anno 1282 una lettera ad Odoardo Re d'Inghilterra, che si legge negli
atti di quel Regno, ultimamente fatti dare alla luce dalla Regina
_Anna_[367], nella quale gli dice, che essendo egli occupato nella
guerra contro i Saraceni, i Siciliani gli aveano inviati deputati a
pregarlo di venirsi a mettere in possesso della Sicilia, ciò ch'era
risoluto di fare, perchè quel Regno apparteneva a Costanza sua moglie.
Fece dunque egli vela per Sicilia, e a' dieci d'agosto giunse a
Trapani, ove concorsero ad incontrarlo tutti i Baroni e Cavalieri de'
luoghi convicini; indi portossi a Palermo, dove fu con grandissima
festa e regal pompa incoronato Re dal Vescovo di Cefalu, poichè
l'Arcivescovo di Palermo, a cui ciò toccava, era presso Papa Martino.

I Messinesi, per l'arrivo del Re Pietro, ripresero vigore, ed
attesero costantemente alla difesa della Patria; e non solo quelli
ch'erano abili a portare ed esercitar l'armi, ma le donne ed i vecchi
non lasciavano di risarcire di notte tutto ciò che il giorno per
gl'istromenti bellici era abbattuto.

Intanto Re Pietro, così consigliato dal Procida, ordinò che il famoso
Ruggiero di Loria Capitano della sua armata, andasse ad assaltare
l'armata franzese per debellarla, e ponere guardia nel Faro, affinchè
non potesse passare vettovaglia alcuna di Calabria al campo franzese;
ed egli per animar i Popoli, e tener in isperanza i Messinesi, si
partì da Palermo, e venne a Randazzo, terra più vicina a Messina. Di
là mandò tre Cavalieri Catalani per Ambasciadori al Re Carlo, con una
lettera, nella quale l'informa essere giunto nell'isola di Sicilia,
che gli era stata aggiudicata per autorità della Chiesa, del Papa e
de' Cardinali, e gli comanda, veduta questa lettera, di partir tosto
dall'isola, altrimente ne l'avrebbe costretto per forza. Letta da Carlo
questa lettera in pubblico avanti tutto il Consiglio de' suoi Baroni,
nacque tra tutti un orgoglio incredibile, ed al Re tanto maggiore,
quanto era maggiore, e più superbo di tutti; nè poteva sopportare, che
Re Pietro d'Aragona, ch'era in riputazione d'uno de' più poveri Re, che
fossero in tutta Cristianità, avesse osato di scrivere a lui con tanta
superbia, che si riputava il maggiore Re del Mondo. Fu consultato della
risposta. Il Conte Guido di Monforte fu di parere, che non s'avesse
a rispondere, ma subito andare a trovarlo, e dargli la penitenza
della sua superbia; ma il Conte di Brettagna, ch'era allora col Re,
consigliò, che se gli rispondesse molto più superbamente, siccome fu
eseguito con un altro biglietto del medesimo tenore, trattandolo da
malvagio e da traditore di Dio e della Santa Chiesa romana. Questi due
biglietti, oltre esser rapportati da Giovanni Villani e dal Costanzo,
si leggono ancora così in Italiano, come furono scritti, negli Atti
suddetti d'Inghilterra ultimamente stampati[368].

Esacerbati in cotal maniera gli animi d'ambedue i Re, che non si
risparmiavano anche con parole piene di gravi ingiurie d'infamar
l'un l'altro: Re Pietro intanto avea soccorsa Messina, e Ruggiero di
Loria era passato colla sua armata al Faro per combatter la franzese
e per impedirgli le vettovaglie. Errico Mari Ammiraglio di Carlo
venne dal Re a protestare, che egli non si confidava di resistere,
nè poteva fronteggiare con l'armata catalana, che andava molto ben
fornita d'uomini atti a battaglia navale. Carlo, che in tutti gli
altri accidenti s'era mostrato animoso ed intrepido, restò sbigottito,
e chiamati a consiglio i suoi, dopo molte discussioni, fu conchiuso,
che per non esporsi l'armata d'esser affamata dalla flotta del Re
d'Aragona, si dovesse levar l'assedio, e ritirarsi in Calabria, e
differire l'impresa. Carlo, benchè l'ira e la superbia lo stimolasse
a non partire con tanta vergogna, lasciò l'assedio, e subito pieno
di scorno e d'orgoglio, passò in Calabria con animo di rinovare la
guerra a primavera con tutte le forze sue; ma appena fur messe le sue
genti in terra a Reggio, che Ruggiero di Loria sopraggiunse con la sua
armata, e quasi nel suo volto pigliò trenta galee delle sue, ed arse
più di settanta altri navili di carico; del che restò tanto attonito,
e quasi attratto da grandissima doglia, che fu udito pregar Dio in
franzese, che poichè l'avea fatto salir in tant'alto stato, ed or
gli piaceva farlo discendere, il facesse scendere a più brevi passi.
Dopo distribuite le sue genti per quelle terre di Calabria più vicine
a Sicilia venne a Napoli, e pochi giorni da poi se n'andò a Roma, a
portar querele al Papa contro il suo nemico, lasciando nel Regno per
suo _Vicario_ il Principe di Salerno, a cui diede savi Consiglieri, che
l'assistessero per ben governarlo.

Ma trattanto che Carlo perdeva il tempo a querelarsi col Papa, Re
Pietro a' 10 ottobre entrò in Messina, e ricevuto con allegrezza
universale, fu riconosciuto ed acclamato per Re da tutta l'isola.
E fermatosi quivi diede assetto a tutte le cose, riordinando quel
Regno, ora che tutto quieto e pacato era sotto la sua ubbidienza. Ed
avendo voluto il Cardinal di Parma, Legato Appostolico, disturbarlo
con interdetti e censure, egli imitando gli esempi degli altri Re di
Sicilia suoi predecessori, curandosi poco dell'interdetto, costrinse
i Sacerdoti per tutta l'isola a celebrare, e que' Prelati aderenti al
Pontefice, che negarono di voler far celebrare nelle loro Chiese, si
lasciarono partire, ed andare a Roma[369]. Ed avendo poco da poi fatta
venire a Palermo la Regina Costanza sua Consorte e due suoi figliuoli,
Don Giacomo e Don Federico, ed una sua figliuola chiamata D. Violante,
ordinò a' Siciliani che dovessero ubbidir a Costanza, alla quale egli
dichiarossi avere riacquistato il perduto Regno. Indi dovendo partir
per Aragona, e dopo passar in Francia per l'appuntato duello in Bordeos
col Re Carlo, volle, che tutti i Siciliani giurassero per legittimo
successore ed erede, e futuro Re Don Giacomo suo figliuolo: il che fu
fatto con grandissima festa e buona volontà di tutti.

Ecco come rimasero questi due Reami infra di lor divisi, e come due
Reggie sursero. Palermo restò per gli Aragonesi in Sicilia: Napoli per
li Franzesi in Puglia e Calabria.



CAPITOLO VI.

_Uffiziali della Corona divisi. Il Tribunale della Gran Corte stabilito
in Napoli, e della Corte del Vicario._


Quindi nacque ancora, che quando a tempi de' Normanni e de' Svevi,
essendo una la sede regia, gli Ufficiali della Corona erano i medesimi
non meno in Sicilia che in Puglia; da questo tempo in poi ciascuno
Regno ha avuti i suoi propri, nè quelli dell'uno si impacciavano
dell'altro. Re Pietro creò i suoi per lo Regno di Sicilia, e Carlo
ritenne gli antichi, che restrinsero la loro giurisdizione nel Regno
solo di Puglia. Così avendo il Re d'Aragona creato Gran Giustiziere
di quell'isola Alaimo di Lentino, che fu uno de' principali capi
della congiura, vennero a farsi due _Gran Corti_, una in Sicilia,
della quale era capo Alaimo; l'altra in Napoli, nella quale era Gran
Giustiziere Luigi de' Monti: ond'è che Sicilia ritenga ancora questo
Tribunale della _Gran Corte_, senz'altra giunta di _Vicaria_; poichè
in quell'isola non vi fu la Corte del Vicario, come fu in Napoli,
essendo questa stata istituita da Carlo I, quando lasciò il Principe
di Salerno per Vicario del Regno, come diremo. Così nell'istesso tempo,
che Re Pietro creò Giovanni di Procida Gran Cancelliere di Sicilia, noi
avevamo l'altro in Napoli. Ruggiero di Loria fu Grand'Ammiraglio del
Re Pietro, ed Errico di Mari del Re Carlo; e così di mano in mano degli
altri Ufficiali.

Perciò Napoli ritiene oggi li suoi Ufficiali separati da quelli di
Sicilia, siccome eziandio gli ritenne, ancorchè quella si fosse riunita
poi sotto il Regno d'Alfonso I. Ciò che per questa divisione ne avanzò
il Regno di Sicilia fu, che gli Aragonesi per aver sempre avversi i
Pontefici romani, i quali volevano che il Regno si restituisse agli
Angioini, non cercarono più ad essi investitura; onde a lungo andare
quella del Regno di Sicilia si tolse, e rimase solo per lo Regno di
Napoli.

Ma non perchè Napoli fosse per tanti gradi salita ad esser capo e
metropoli del Regno di Puglia, è punto vero quel che il Munstero[370],
Freccia[371], e 'l Summonte[372] scrissero, che sin da questi tempi
fosse questo Regno perciò chiamato il _Regno di Napoli_, e che Carlo
I d'Angiò, _Re di Napoli_ volle denominarsi; poichè tanto Carlo I
quanto Carlo II suo figliuolo, e Roberto suo Nipote, e tutti gli
altri suoi successori, non ostante la Bolla di Clemente IV, che chiamò
questi Regni di Sicilia _citra, et ultra Pharum_, non vollero ne' loro
diplomi mutar punto gli antichi titoli, e sempre vollero intitolarsi
_Rex Siciliae, Ducatus Apuliae, et Principatus Capuae_. Anzi per
quest'istesso che la Sicilia era occupata dagli Aragonesi, affinchè non
potesse dirsi di aver avuto animo d'abbandonarla, perciò s'intitolavano
anch'essi, non meno che gli Aragonesi, _Re di Sicilia_. E l'essersi
poi questo Regno detto di Napoli non più di Puglia, non accadde in
questi tempi, ma molto tempo da poi; e ciò avvenne, quando di nuovo
fu diviso dalla Sicilia sotto il Regno di Ferdinando I d'Aragona,
figliuolo d'Alfonso e de' suoi successori, poichè questi Aragonesi non
avendo altro Reame che quello di Napoli, nè potendo aver pretensione
per quello di Sicilia, si dissero, o semplicemente Re di Napoli, ovvero
di Sicilia _citra Pharum_. E nel Regno degli Angioini, gli Scrittori di
questi tempi non chiamarono con altro nome questo Regno, che con quello
di Puglia, siccome, oltre di molti altri, può scorgersi in Giovanni
Boccaccio, il quale scrivendo ne' tempi del Re Roberto e di Giovanna I,
non chiamò mai questo Regno di Napoli, ma sempre di Puglia.


§. I. _Del Tribunale della Gran Corte stabilito in Napoli._

L'essersi questo Tribunale stabilito in Napoli, non solo si dee alla
residenza di Carlo I d'Angiò in questa città, non molto più a questa
divisione del Regno di Sicilia, la quale obbligò così lui, come
gli altri Re suoi successori a mantenerlo quivi. Non è, che questo
Tribunale riconoscesse la sua istituzione da Carlo o da Federico II,
siccome si diedero a credere alcuni, ma come si è veduto nell'undecimo
libro di quest'Istoria, quando si favellò del Gran Giustiziere, fu
introdotto da' Normanni. Federico per mezzo di molte sue Costituzioni
lo innalzò, e stese molto la giurisdizione, costituendolo supremo
sopra tutti gli altri: siccome, imitando i suoi vestigi, fecero poi
gli altri Re della Casa d'Angiò. Prima, oltre del Gran Giustiziere
suo Capo, componevasi di quattro Giudici; ma Federico v'aggiunse poi
l'avvocato, ed il Procurator fiscale, il M. Razionale, molti Notai
ed altri Ufficiali minori. Si agitavano in questo, non solo le cause
civili e criminali, ma anche le Feudali, delle Baronie, dei Contadi e
de' Feudi Quaternati, le liquidazioni d'istromenti; e tutte le cause
degli altri tribunali inferiori, e de' Giustizieri delle province, si
portavano a quello per via d'appellazione, anche quelle delegate dal
Re. Erano sottoposti alla sua giurisdizione tutti i Conti, tutti i
Baroni e tutte le persone del Regno. Poteva anche conoscere de' delitti
di Maestà lesa, e di tutte le cause più gravi e rilevanti dello Stato.

I Re angioini gli diedero anche per mezzo de' loro _Capitoli_ più
regolata e stabil forma: e fra gli altri Carlo II nel 1306, mentr'era
Gran Giustiziere Ermengano di Sabrano Conte d'Ariano, mandò al medesimo
molti altri Capitoli, co' quali gli diede norma più particolare,
come dovesse reggere il suo Ufficio, mostrandogli quanto quello fosse
sublime, ed in quante cause potesse stendere la sua giurisdizione[373].

Reggendosi questo Tribunale dal Gran Giustiziere, perciò veniva anche
chiamato _M. Curia Magistri Justitiarii_ il quale prima avea la facoltà
di destinar egli il suo Luogotenente, ovvero Reggente, che in sua vece
lo reggesse: la qual prerogativa fu da poi tolta al Gran Giustiziere,
ed attribuita a' Vicerè, siccome ora costumasi.

Napoli adunque resasi più cospicua sopra l'altre del Regno, anche
per cagion di questo Tribunale, il quale tirando a se per via
d'appellazione tutte le cause del Regno, e dove trattavansi le più
rilevanti de' Baroni e de' Conti, doveva per necessità renderla più
frequentata e grande. Ma con tutto che per la residenza de' Re angioini
fossesi un tribunale così augusto stabilito in Napoli, non s'estinse
perciò l'altro più antico che vi era del Capitano. Il Capitano di
Napoli avea la sua Corte composta da suoi particolari Giudici, la quale
amministrava giustizia a' cittadini napoletani ed a suoi Borghesi[374].
Si stendeva ancor la sua giurisdizione nella città di Pozzuoli; ond'è,
che nei Registri[375] di questi Re franzesi, si leggano alcuni che
furono Capitani di Napoli e di Pozzuoli, come _Aymericus de Deluco
Miles Capitaneus Neapolis, et Puteolis_. E ne' tempi del Re Roberto
ancor si legge Roberto di Cornai Capitano di Napoli e di Pozzuoli.
Era creato a dirittura dal Re, e perciò non poteva il Reggente della
Gran Corte impedire, che non esercitasse la sua giurisdizione in
questi luoghi. Così leggiamo a' tempi di Carlo II, che Francesco
d'Ortona Capitano ottenne dal Re, che il Reggente della Gran Corte non
l'impedisse a poter esercitare la sua giurisdizione, anche nella città
di Pozzuoli.

Di questa Corte del Capitano di Napoli sin da' tempi di Carlo I
d'Angiò, ne' quali come si è altrove rapportato, vi fu Giudice il
famoso _Marino di Caramanico_, abbiamo ne' registri di questi Re
franzesi spessa memoria. Nel registro del Re Carlo II dell'anno 1298
si legge una sua carta dirizzata _Capitaneo, et universis hominibus
Civitatis Neap. ec[376]._ E ne' registri dello stesso Re dell'anno
1302 e 1303 si legge essersi scelta la Casa de' Fellapani nella Piazza
di Portanova, che era allora quasi in mezzo della città, per reggersi
questa Corte; dalla quale fu denominata la Chiesa di San Giovanni a
Corte, come narra il Summonte[377]: ancorchè il Tutini[378] creda, che
questa Chiesa ritenga tal nome dal Tribunale della G. Corte, che dice
essersi in que' tempi in quella contrada eretto. Nel tempo di Carlo
III pure della medesima si ha memoria, leggendosi una carta rapportata
dal Tutini[379] di questo Re, dove drizza un suo ordine; _Magistro
Justitiario Regni Siciliae, et Judicibus M. Curiae Consiliariis nec non
Capitaneo Civitatis Neap. ec._ Fassene anche menzione negli ultimi anni
del Regno degli Angioini; poichè la Regina Giovanna II ne' suoi Riti
della G. Corte della Vicaria ne favella[380]. Nè sentendosi da poi più
di quella parlare, crede il Tutini[381], che questa Corte rimanesse
estinta ne' tempi de' Re aragonesi ond'è, che ora il Tribunal della
Gran Corte abbia la conoscenza delle sue cause, la quale erasi negli
ultimi tempi degli Angioini molto estenuata, perchè non gli era rimasa,
se non la conoscenza delle cause criminali, nè poteva procedere nella
liquidazione degli stromenti, come si vede da Riti[382] della Regina
Giovanna II, donde si convince l'errore di _Prospero Caravita_[383],
il quale credette, che siccome nella Gran Corte presideva il gran
Giustiziere, così nella Corte della Vicaria, prima che questi due
Tribunali s'unissero, presideva questo Capitano; poichè la Corte del
Capitano di Napoli era tutta altra dalla Corte della Vicaria, della
quale saremo ora a trattare.


§. II. _Della Corte del Vicario._

La Corte del Vicario, detta comunemente _Vicaria_; bisogna distinguerla
e separarla non meno dalla Corte del Capitano di Napoli, che dalla
Gran Corte, così se si riguarda l'origine, come le persone, che le
componevano, e le loro preminenze. Il Tribunale della Gran Corte è più
antico, come quello, che riconosce la sua istituzione da' Normanni.
La Corte del Vicario ricevè i suoi principii da Carlo I d'Angiò, ma la
sua forma e perfezione l'ebbe da Carlo II suo figliuolo. Errano perciò
il Frezza ed il Mazzella, che credettero questo Tribunale essere stato
istituito dal Re Roberto figliuolo di Carlo II.

L'origine di questo nuovo Tribunale deve attribuirsi alle moleste
cure, ed a' continui travagli, ne' quali fu Carlo I intrigato, da poi
che vide la sua fortuna mutar aspetto, e da prospera, che l'era sempre
stata, farsi poi avversa: quando voltandogli la faccia, gli fe' vedere
ribellanti i Popoli, e perdere in un tratto la Sicilia, ed intrigarsi
perciò con nuove guerre col Re Pietro d'Aragona suo fiero nemico e
competitore, che glie la involò. Percosso da così gran colpo Carlo, che
non fece per ricuperarla? mosse tutte le sue forze con grandi apparati
di guerra contro i Siciliani, ma sempre invano: strinse d'assedio
Messina; ma costretto ad abbandonarla, va in Roma, ove altamente si
querela col Papa del Re Pietro, chiamandolo traditore, e mancator di
fede. Rimprovera colà l'Ambasciadore dell'Aragonese, e lo chiama a
particolar tenzone. Accettata la disfida da Pietro, si stabilisce il
luogo da battersi, e si destina la città di Bordeos in Francia, ch'era
allora tenuta dal Re d'Inghilterra.

Dovendo Carlo adunque imprendere sì lungo viaggio, coll'incertezza se
mai sopravvivesse a sì pericolosa e grande azione, perchè il Regno
di Puglia, che era rimaso sotto la sua ubbidienza, e seguendo forse
l'esempio della vicina Sicilia, per la sua assenza, non pericolasse,
pensò d'eleggere il Principe di Salerno suo primogenito, e successore
per _Vicario_ del Regno, con assoluto ed independente imperio, dandogli
tutta la sua autorità regia per governarlo in sua assenza. Gli assegnò
ancora i più gravi Ministri, ed i più alti Signori, perchè assistessero
al suo lato per Consiglieri nelle deliberazioni più importanti della
Corona. Ed il Principe, come savio, seppe così bene valersi di tanta
autorità, che riordinò il Regno in miglior forma, stabilendo, mentr'era
Vicario, più Capitoli, de' quali a suo luogo farem parola, pieni di
somma prudenza, e benignità verso i Popoli di queste nostre province.

Per questa nuova dignità di _Vicario_, e per gli Ufficiali destinati al
lato del Principe per suo consiglio, surse questa nuova Corte, detta
perciò _Curia Vicarii_[384]: maggiore e più maestosa dell'altra, che
vi era della Gran Corte; poichè la Gran Corte era rappresentata dal M.
Giustiziere uno degli Ufficiali della Corona, che n'era Capo; ma questa
rappresentava la persona del Primogenito del Re, come Vicario Generale
del Regno, di cui egli era Capo: ciocchè certamente era di maggiore
dignità e preminenza. Quindi la preminenza, che oggi ritiene il
Tribunale della Gran Corte della Vicaria di dar la tortura a' rei dal
processo informativo, la ritiene perchè a quello sta unita la Corte del
Vicario, poichè altrimenti la sola gran Corte non potrebbe darla[385].

Ma la Corte del Vicario, in tempo di Carlo I, fu solamente adombrata,
e ne' suoi primi delineamenti; siccome furono quasi tutte le cose di
Carlo, che dal suo successore furono poi ridotte a perfezione.

Carlo II suo figliuolo le diede forma più nobile, e maggiore
stabilimento, per una occasione, che bisogna qui rapportare. Avendo
questo Principe promesso nelle Capitolazioni della pace fatta per la
sua scarcerazione, di presentarsi di nuovo prigione, nel caso che Carlo
di Valois non volesse rinunziare l'investitura del Regno d'Aragona;
vedendo differita tal rinunzia, deliberò passare in Francia a stringere
quel Re, e suo fratello a farla, con fermo proponimento di ritornare
in carcere, quando non avesse potuto ciò ottenere. Dovendo dunque
intraprender questo viaggio creò nell'anno 1294 _Vicario_ Generale
del Regno _Carlo Martello_ suo primogenito, come si legge nel libro
dell'Archivio dell'anno 1294[386]. Ed avendo differita la partenza per
Francia, portatosi a Roma per l'elezione del nuovo Pontefice, da questa
città nel mese d'aprile dell'anno seguente 1295 mandò a Carlo Martello
una più esatta istruzione del reggimento di questa Corte, destinandogli
i Consiglieri e tutti gli altri Ufficiali, de' quali dovea comporsi:
donde si raccoglie ancora la preminenza di questo Tribunale; poichè
anche alcuni Ufficiali supremi della Corona furono destinati per
Consiglieri Collaterali del Vicario. Ed in prima fu trascelto Filippo
Minutolo Arcivescovo di Napoli, quello stesso, di cui il Boccaccio[387]
ragiona in una delle sue Novelle, Giovanni Monforte Conte di Squillaci
Camerario, Raimondo del Balzo figliuolo del Conte d'Avellino, Gotifredo
di Miliagro Senescallo, Guglielmo Stendardo Marescallo, Rainaldo de
Avellis Ammiraglio, e Guido di Alemagna, e Guglielmo de Pontiaco
Militi. Tommaso Stellato di Salerno Professore di Legge civile, e
Maestro Razionale della Gran Corte, Andrea Acconciajoco di Ravello
Professore di legge civile, e Viceprotonotario del Regno; e Fr. Matteo
di Roggiero di Salerno, e M. Alberico Cherico, e familiare del Re.
Prescrissegli ancora il modo da spedire gli affari appartenenti a'
loro Uffici, distribuendo a ciascuno ciò ch'era della sua incumbenza,
come si legge nel suo diploma istromentato in Roma per mano di
Bartolommeo di Capua, e rapportato non men dal Chioccarelli[388], che
dal Tutini[389] nelle loro opere.

Questo medesimo istituto mantennero gli altri Re angioini suoi
successori; e Carlo II istesso, partito che fu Carlo Martello per
Ungheria a prender la possessione di quel Regno, elesse per Vicario
Generale del Regno Roberto altro suo figliuolo[390]. Roberto innalzato
al soglio, fece suo Vicario Carlo Duca di Calabria suo unigenito, del
quale come Vicario abbiamo più Capitoli, ed una Costituzione fra' Riti
della Gran Corte[391]. E negli ultimi tempi del Regno loro leggiamo
ancora, la Regina Isabella essere stata creata Vicaria del Regno
dal Re Renato suo marito, la quale nell'anno 1436 dirizzò una sua
lettera a Raimondo Orsino Conte di Sarno Giustiziere del Regno, ed al
Reggente della Gran Corte della Vicaria, che si legge tra' Riti della
medesima[392].

Fu ancora lor costume, che i Vicari in caso d'assenza, o altro
impedimento, solevano eleggere loro Luogotenenti, chiamati _Reggenti_,
affinchè attendessero all'amministrazione e governo di questa Corte,
della quale erano Capi, e perchè maggiormente si veda quanto nel
Regno degli Angioini si fosse innalzato questo Tribunale, i figliuoli
stessi de' Regi non isdegnavano d'essere eletti Reggenti del medesimo.
Così leggiamo che tra' figliuoli di Carlo II fu eletto Reggente della
Vicaria Raimondo Berlingerio suo quintogenito[393]. E nell'anno 1294
il suddetto Re fece Reggente Pietro Bodino d'Angiò; e nell'anno 1306
Niccolò Gianvilla. Il Re Roberto creò ancor egli vari Reggenti, come
nell'anno 1326 Francesco Stampa di Potenza; e nell'anno 1338 Giovanni
Spinello da Giovenazzo. La Regina Giovanna I creò ancor ella nell'anno
1369 Gomesio de Albernotiis, detto per ciò _Regens Curiam Vicariae, et
Capitaneus Generalis Regni Siciliae_[394].

Oscurò pertanto questo nuovo Tribunale del Vicario non poco l'altro
della Gran Corte. La Corte del Vicario per li personaggi che la
componevano innalzossi sopra tutte l'altre, ed era, come è a noi
oggi il Consiglio collaterale del Principe. Così osserviamo che nel
Regno de' _Normanni_, e degli _Svevi_ la _Gran Corte_ era il Tribunal
supremo. Nel Regno degli _Angioini_ tenne il campo la _Corte del
Vicario_. Nel Regno degli _Aragonesi_, il nuovo Tribunale del _Sacro
Consiglio di S. Chiara_ oscurò tutti due. E nel Regno degli _Austriaci_
si rese eminente sopra tutti gli altri il _Consiglio Collaterale_, come
si vedrà nel corso di questa istoria.

Questi Tribunali della Gran Corte, e della Vicaria furono lungo tempo
divisi, leggendosi ne' medesimi tempi i _M. Giustizieri_, che reggevano
la Gran Corte ed i _Vicari_, ovvero loro Reggenti, che amministravano
quella della Vicaria. Nel tempo istesso di Carlo II abbiamo Ermengano
di Sabrano Giustiziere della Gran Corte, e Niccolò di Gianvilla
Reggente della Vicaria ed in tutte le scritture di questi tempi de' Re
_Angioini_ osserviamo d'altra maniera espressi i Reggenti di Vicaria,
e d'altra i M. Giustizieri della Gran Corte. Così di coloro preposti
alla Corte del Vicario, leggiamo; _Regens Curiam Vicariae_. Degli
altri: _In quo hospitio M. Curiae Magistri Justitiarii Regni; regebatur
et regitur_. In breve la Gran Corte era chiamata: _Curia Magistri
Justitiarii_. Quella del Vicario: _Curia Vicarii, seu Vicariae_.

Quando questi Tribunali si fossero uniti e ridotti in uno, e chiamato
perciò _la Gran Corte della Vicaria_, non è di tutti conforme il
sentimento. Camillo Tutini[395] credette, che questa unione si fosse
fatta da Carlo I, ma va di gran lunga errato; poichè tanto è lontano
che fosse stato egli autore di quest'unione, che appena possiamo
riconoscerlo per istitutore della Corte del Vicario, avendocene sol
egli dati i primi principii e delineamenti. Carlo II suo figliuolo
ancora non è da dirsi, che gli unisse, perchè egli diede forma e
perfezione alla Corte del Vicario, e la rese eminente anche sopra la
Gran Corte, per i personaggi dei quali volle che si componesse; e nelle
scritture degli altri Re angioini suoi successori, sovente quando
fassi memoria di questi Tribunali, leggiamo l'uno essere chiamato
_Curia M. Justitiarii_, e l'altro _Curia Vicarii_. Per questa ragione
alcuni credettero, che questa unione non si fosse fatta nel Regno degli
Angioini; e Prospero Caravita[396] credette, che a' tempi della Regina
Giovanna II questi Tribunali fossero ancora divisi. Altri dissero,
che tal unione seguisse negli ultimi tempi d'Alfonso I d'Aragona, il
quale avendo istituito il nuovo Tribunale del S. C. unì insieme questi
Tribunali, che chiamò della Gran Corte della Vicaria, come tenne il
Toppi[397]. Ma più verisimile sarà il dire, che questa unione non si
facesse in un subito. L'origine d'essersi tratto tratto questi due
Tribunali uniti, e la cagione di ciò, bisognerà riportarla fin a' tempi
di Carlo II verso l'anno 1306. Maggiori occasioni di tal unione si
diedero dopo il vicariato del Duca di Calabria figliuolo di Roberto, ma
assai più nel Regno di Giovanna II onde negli ultimi tempi d'Alfonso I
Re d'Aragona fu l'unione perfezionata, e di due Tribunali se ne formò
un solo.

Chi vi diede la prima mano fu l'istesso Carlo II poichè avendo egli,
come si disse, nell'anno 1306 formati alquanti capitoli[398] intorno
all'amministrazione dell'ufficio di G. Giustiziere, che drizzò ad
Ermengano de Sobrano M. Giustiziere del Regno di Sicilia, fra l'altre
cose, che in quelli costituì, fu di dar la cognizione al M. Giustiziere
di tutte le cause, delle violenze, ingiurie, delitti e di tutto ciò che
s'apparteneva alla Corte del Vicario, e che a lui potesse ricorrersi,
siccome _Robertus primogenitus noster Dux Calabriae, nosterque Vicarius
Generalis posset adiri_. Essendosi adunque fra di lor confuse le
cognizioni e le preminenze; fu cosa molto facile in decorso di tempo
farsi questa unione, e congiungersi insieme queste due Corti. Ma dopo
il vicariato del Duca di Calabria figliuolo di Roberto, la divisione
fu riputata più inutile; poichè non leggendosi dopo lui essersi creati
altri Vicari, se non che, negli ultimi periodi del Regno loro, si legge
costituita Vicaria del Regno la Regina Isabella dal suo marito Renato,
avvenne, che tal separazione fosse riputata inutile, potendosi gli
affari di questi due Tribunali spedire con più facilità ridotti in uno.
Poi la Regina Giovanna II volendo per mezzo de' suoi riti, riformare
queste due Corti, riputò meglio congiungerle insieme; onde avvenne, che
il gran Giustiziere ch'era capo della Gran Corte a' tempi de' Normanni,
unendosi ora questi Tribunali, ne venne anche egli ad esser capo di
questo altresì. Quindi è, che tutte le provvisioni ed ordini, che
dal Tribunale della Gran Corte della Vicaria si spediscono, tanto per
Napoli, quanto per tutto il Regno, sotto il titolo di gran Giustiziere
vengono pubblicate[399].

Da ciò nacque ancora, che dandosi al solo gran Giustiziere la
soprantendenza di queste due Corti[400], siccome poteva egli crear il
Luogotenente, e Reggente per regger la sua Gran Corte, così ancora
deputava egli quello stesso per Reggente della Corte della Vicaria:
unendo queste due dignità ed uffici in una sola persona che vi
destinava, de' quali Reggenti, insino ai suoi tempi, Niccolò Toppi
tessè lungo catalogo.

E quindi avvenne ancora, che volendo la Regina Giovanna II riformare
e ristabilire i riti ed osservanze di quelle, trovando ne' suoi tempi,
che scambievolmente comunicavansi infra d'esse tutta la loro autorità
e cognizione, con una sola determinazione providde al ristabilimento e
buono governo ed amministrazione delle medesime.

Ed è da notare, che quantunque i riti, che questa Regina ordinò,
fossero stabiliti per lo miglior governo ed amministrazione di questo
Tribunale, componendosi di due Corti, perciò viene da lei nominato
ora con singolar nome di sua Corte o Gran Corte di Vicaria, ed ora
di Corti in plurale. Così nel proemio disse: _In nostris Magnae et
Vicariae Curiis_. E nel primo rito: _In praedictis nostris Magnae,
et Vicariae Curiis, et qualibet ipsarum_. Ed altrove _Judices ipsarum
Curiarum_.[401] Ed è notabile ancora, che questa Regina ne' privilegi
che spedì a' Napoletani nell'anno 1420 che son registrati tra' riti
suddetti[402], volendo che di quelli potessero valersi in tutte le
Corti di Napoli, disse: _Tam scilicet Magna Curia Domini Magistri
Justitiarii Regni Siciliae, seu ejus Locumtenentis; ac Regentis Curiam
Vicariae; quam Capitaneorum, vel aliorum habentium merum, et mixtum
Imperium etc._ volendo denotare componersi questo Tribunale di due
Corti, di quella del M. Giustiziere e dell'altra della Vicaria. E la
Regina Isabella creata Vicaria dal Re Renato suo marito, drizzando,
come si disse, nell'anno 1436 una sua lettera, che pur leggiamo
tra quei riti[403] agli Ufficiali di questo Tribunale, pur disse:
_Raymondo de Ursinis etc. Magistro Justitiario Regni Siciliae, et ejus
Locumtenenti: Nec non Regenti Magnam Curiam nostrae Vicariae._

Donde si convince l'errore d'alcuni, e fra gli altri del Reggente
Petra[404], i quali leggendo ne' riti della Gran Corte della Vicaria
fatti compilare dalla Regina Giovanna II chiamarsi questo Tribunale
ora in dual numero, ed ora in singulare, si diedero a credere, che
nel tempo, che questa Regina ordinò la Compilazione, erano queste
Corti separate; quando poi fu quella ridotta a fine, erano già unite;
onde perciò nei primi riti si nominano in dual numero, e negli ultimi
in singulare. Ciò che sarebbe far gran torto alla diligenza, ed
accortezza di que' Giureconsulti, de' quali si valse la Regina per
quella compilazione, i quali raccolti ed ordinati che l'ebbero, gli
diedero fuori tutti insieme in un volume; e sarebbe stata grande loro
trascuraggine, se nel principio avesser separate queste Corti, e nel
fine l'avesser congiunte. Oltre che non meno la Regina Giovanna II nel
privilegio conceduto a' Napoletani, spedito negli ultimi anni del suo
Regno, e posto nel fine di que' riti, che la Regina Isabella, che visse
dopo Giovanna, separò queste due Corti nel tempo, che il Reggente Petra
le vuole unite, drizzando quella sua carta non meno al gran Giustiziere
e suo Luogotenente, che al Reggente della Vicaria. Erano adunque queste
Corti separate in se medesime, ma congiunte insieme a questi tempi,
facendo un solo Tribunale, di due Corti composto.

Nel Regno poi d'Alfonso I si tolse affatto così nelle scritture, come
nel parlare ogni vestigio di divisione, e l'unione si rese perfetta,
onde da poi non si nominò più in numero di più, ma fu riputato un solo
Tribunale; e poichè era composto di due Corti, fu chiamato perciò con
un sol nome, _Tribunale della Gran Corte della Vicaria_.



CAPITOLO VII. _CARLO Principe di Salerno governa il Regno come Vicario,
mentre il padre è in Roma, e va poi a battersi in Bordeos con PIETRO Re
d'Aragona._


Il Re d'Aragona, ancorchè fosse certo, che le sue preghiere al
Pontefice Martino niente doveano giovargli, essendo il Papa alle
preghiere di Carlo già risoluto di dare a costui ogni aiuto per la
ricuperazione dell'isola; nulladimanco perchè Carlo non fosse solo
a querelarsi col Papa, e potesse, con frapporre qualche trattato
di pace divertire la guerra, mandò a Roma suoi Ambasciadori ad
iscusarsi con Martino e col collegio de' Cardinali, ponendo loro in
considerazione, che volendo ricovrare quel Regno dovuto alla moglie ed
a' suoi figliuoli, non avea potuto con aperte forze levarlo di mano a
Carlo, ch'era il più potente Re dei Cristiani; e però avendo veduto,
che quelli dell'isola, disperati per gli atrocissimi portamenti de'
Franzesi, erano stati sforzati di fare quella uccisione, avea voluto
pigliare quella occasione, e cercare di salvar insieme la vita a'
Siciliani e racquistare alla moglie il perduto Regno: e che conveniva
alla Santità del Papa ed al decoro di quel sacro Collegio di spogliarsi
d'ogni passione e giudicare quel che ne fosse di giustizia: che se si
fosse sentenziato per lui, avrebbe egli così ben pagato il censo alla
Chiesa romana, e sarebbe stato così buon feudatario di quella, com'era
stato Re Carlo, e quando, udite prima le sue ragioni, fosse sentenziato
contra di lui, egli avrebbe lasciata la possessione dell'isola in man
della Chiesa.

Ma furono ben tosto conosciuti, e dal Papa e da Carlo questi artificii
di Pietro, onde ne furono rimandati gli Ambasciadori, non riportando
altro da Roma, se non che il Papa avea conosciuto, che queste erano
parole per divertire la guerra, e che era risolutissimo di dar ogni
aiuto e favor possibile al Re Carlo, il quale senza dubbio alla nuova
campagna verrebbe sopra l'isola con grandissimo apparato per mare e per
terra.

Allora fu, che Re Pietro lasciate ordinate alcune cose in Sicilia,
come fu consigliato da Ruggiero di Loria e da Giovanni di Procida,
passò in Aragona per provvedere di mandare in Sicilia nuovi soccorsi.
Gli Aragonesi, che prima aveano avuta a male quella impresa, come
pigliata senza volontà e consenso dei Popoli, e con ciò d'esser
altresì rotte e violate l'ordinanze e privilegi di quel Regno;
nulladimanco vedendola succeduta prospera, e guadagnato un Regno, nel
quale, da poi, molti del Regno di Aragona e di Valenza ebbero Stati
e Signorie, cominciarono a pensare d'aiutare il Re quanto potevano,
e nel Consiglio gli persuasero, che cercasse in ogni modo di placar
il Papa; onde l'indussero a mandare di nuovo Gismondo di Luna per
Ambasciadore, il quale avesse d'assistere a Roma, e pregar uno per
uno i Cardinali, che vedessero d'addolcir l'animo del Papa. Ma ecco,
che ciocchè Re Pietro con tanto studio non avea potuto per innanzi
ottenere, fortunatamente gli avvenne; poichè mentre il suo Ambasciadore
va per Roma, è incontrato da Carlo, il quale subito che 'l vide,
come era impaziente e soggetto all'ira, gli disse: che il Re Pietro
avea proceduto villanamente e da traditore, con avergli, essendogli
cugino, occupato il Regno suo, nel qual Manfredi non era stato mai Re
legittimo, ma occupatore e Tiranno; e ch'egli sarebbe per sostenerlo in
battaglia a corpo a corpo, o con alcuna compagnia di soldati. Gismondo,
ch'era persona accorta, rispose, ch'egli era venuto per trattar altro,
e non per disputare se 'l Re avea fatto bene o male, ancora che fosse
certo, che avea fatto ottimamente, ma ch'egli avrebbegli scritto, e che
sarebbe venuta da lui risposta, quale si conveniva al grado, al sangue,
ed al voler di tal Re; nè indugiò molto a scriver al suo Re quel
ch'era passato. Re Pietro gli rescrisse subito, che accettasse per lui
il duello e che offerisse al Papa, che per evitare tanto spargimento
di sangue di Cristiani, e' si contentava non solo combattere quella
querela, ma con esso ancora il dominio di tutta l'isola.

Alcuni scrissero, che Carlo per la fiducia, ch'avea nella persona sua
ed in molti altri Cavalieri del suo esercito, si fosse rallegrato di
questa offerta di Pietro, e che con assenso del Papa si cominciò a
trattare del modo, che aveano da tenere per combattere, nel che i due
Re convennero di scieglier ciascuno dodici Cavalieri per regolare il
tempo, il luogo e le condizioni del combattimento. Questi essendosi
ragunati formarono alcuni articoli, che furono ratificati da' due Re.
Fu in quelli determinato, che si sarebbero battuti a Bordeos città
della Guascogna, ch'era allora sotto il dominio del Re d'Inghilterra:
la giornata fu stabilita, per lo dì primo giugno 1283 nel quale
s'avessero da presentare in quella città ciascuno accompagnato da cento
Cavalieri.

Negli atti d'Inghilterra ultimamente fatti imprimere dalla Regina
Anna[405], si leggono questi articoli, e come quelli che non eran
pubblici, nè se non per questa edizione si sono esposti alla luce del
Mondo, sono stati cagione d'alcuni abbagli a' migliori Istorici, con
gran pregiudizio della riputazione del Re d'Aragona; poichè credettero,
che nella formazione de' medesimi v'avesse avuto anche parte il Re
d'Inghilterra, il quale come ugualmente parente d'ambedue questi Re,
avesse loro assicurato il campo, e che perciò non poteva scusarsi
Re Pietro d'aver avuto timore di comparire in pubblico, come fece in
secreto; imperocchè da questi articoli e da alcune lettere dello stesso
Re d'Inghilterra si convince, che tanto fu lontano, che v'avesse avuta
egli parte ed avesse egli assicurato il campo, che più tosto egli
fece ogni sforzo per disturbare il combattimento. Gli articoli furono
accordati solamente da' Cavalieri eletti da ambedue i Re, ed alcuni
anche scrissero, che nemmeno il Papa vi assentisse.

(Nel _Codice Diplomatico di Lunig_[406], si legge il Diploma del Re
_Pietro_, nel quale s'inseriscono le Capitolazioni accordate inforno al
duello col Re _Carlo_ nella città di _Bordeos_ in Guascogna, firmato
da' suoi Cavalieri. Siccome alla _pagina_ 1015 si legge un consimile
Diploma spedito dal Re _Carlo_, dove promette di comparire nel luogo
stabilito del duello, firmato parimente da' suoi Cavalieri. E che il
Papa facesse ogni sforzo per impedirlo, è manifesto da due Brevi di
_Martino IV_ che rapporta il cit. _Lunig_, uno alla _pag._ 1014 dove
inibisce al Re _Carlo_ il duello concertato col Re _Pietro_; l'altro
alla _pag._ 1022 drizzato ad _Odoardo I_ Re d'Inghilterra, nel quale
esorta quel Re ad usar ogni studio per impedire, che siegua ne' suoi
Stati).

Gli articoli, come si legge in quegli atti, furono i seguenti:

I Che il combattimento si farà a Bordeos, nel luogo, che il Re
d'Inghilterra giudicherà più convenevole, il qual luogo sarà
circondato di barriera. II Che gli due Re si presenteranno avanti
il Re d'Inghilterra per far questo combattimento il dì primo giugno
1283. III Che se il Re d'Inghilterra non potrà trovarsi in persona
a Bordeos, li due Re saranno tenuti di presentarsi avanti colui, che
il medesimo Re avrà deputato per ricever la loro presentazione in suo
luogo. IV Che se il Re d'Inghilterra non si trovasse in persona nel
medesimo luogo, nè inviasse alcuno in sua vece, i due Re siano tenuti
di presentarsi avanti colui, che comanda a Bordeos per lui. V Egli è
stato ancora convenuto, che il detto combattimento non si farà avanti
a chi che sia delle genti del Re d'Inghilterra, a meno che il detto
Re non vi si trovasse attualmente presente in persona: salvo a' due Re
di convenire tra di loro, per un consenso reciproco, di fare il detto
combattimento di questa maniera, cioè a dire in assenza d'Odoardo. VI
Che se il Re d'Inghilterra non si trovasse di persona nel luogo e nel
tempo accennato, gli due Re siano tenuti di aspettarlo trenta giorni.
VII Affinchè si possa in tutte le maniere proccurar la presenza del Re
d'Inghilterra, li due Re promettono e giurano di fare il lor possibile
di buona fede e senza frode, per ottenere dal detto Re, che si trovi
al luogo notato, ed al giorno detto, e di fare in maniera che le loro
lettere gli sian rese. Dopo alcuni altri articoli, che riguardano la
tregua e le sicurezze, che li due Re si danno reciprocamente, egli è
convenuto. VIII Che quegli de' due Re che mancherà di trovarsi nel
luogo e giorno suddetto, sia riputato vinto, e spergiuro, falso,
infedele, traditore, che non possa giammai attribuirsi nè il nome
di Re, nè gli onori dovuti a questo grado; ch'egli resti per sempre
privato e spogliato del nome di Re e dell'onor regale, e sia incapace
di ogni impiego e dignità, come vinto, spergiuro, falso, infedele,
traditore ed infame eternamente.

Accordati questi Articoli, ambedue i Re s'affrettarono di dar
provvedimenti a' loro Reami, perchè, dovendo intraprendere sì lungo
viaggio, ed esporsi ad una sì pericolosa azione, la loro assenza
o mancanza ad essi non nocesse. Re Pietro raccomandò a' Siciliani
l'ubbidienza, che doveano prestare alla Regina Costanza: diede allora
il titolo di Vicerè di quell'isola a Guglielmo Calzerano: creò Giovanni
di Procida Gran Cancelliere: diede l'Ufficio di Gran Giustiziere ad
Alaimo di Lentino, ed a molti altri benignamente fece grazie, e concedè
molti privilegi; e volle che tutti giurassero per legittimo successore
ed erede, e futuro Re _D. Giacomo_; il che fu fatto con magnifica pompa
e buona volontà di tutti.

Dall'altra parte il Re Carlo lasciò nel Regno per suo _Vicario_ il
Principe di Salerno, e gli diede buoni Consiglieri, che assistendolo
l'avessero da governare; stabilendo, come fu detto, un nuovo Consiglio,
che fu chiamato la Corte del Vicario; ed affrettandosi più del suo
Competitore, tolta che ebbe la benedizione dal Papa, marciò con
le sue genti, e si presentò nel giorno destinato con li cento suoi
Cavalieri al campo avanti Bordeos; e cavalcando per lo campo aspettò
fino al tramontar del Sole, facendo spesso dal suo Araldo chiamare il
Re Pietro; ma questi non comparendo, alcuni rapportano, che Carlo si
portasse avanti il Siniscalco del Re d'Inghilterra, che comandava la
città di Bordeos, e 'l richiedesse, ch'avesse da far fede di quello,
ch'era passato: e che avendo novella, che il Re d'Aragona era ancora
lontano, si ritirasse lo stesso giorno.

Re Pietro dall'altro canto, dappoichè s'ebbe eletti i suoi cento
Cavalieri, lor comandò, che s'avviasser subito verso Guascogna, ed egli
mandò avanti Giliberto Gruiglias per intendere se 'l Re d'Inghilterra
era arrivato a Bordeos, o se ci era suo Luogotenente, che avesse
assicurato il campo; ed egli con poco intervallo gli andò appresso
con tre altri Cavalieri valorosi: ma scorgendo, che niuno era che
assicurava il campo, narrasi, che si fosse travestito e nascosto dentro
la città di Bordeos sotto nome d'un de' Signori della sua Corte, e che
da poi, che Re Carlo fu partito, la stessa sera andasse a presentarsi
al Siniscalco di Guienna, facesse atto della sua presentazione, e
gli lasciasse le sue arme in testimonianza: e che dopo ciò avesse
ripigliato frettolosamente il cammino verso i suoi Stati temendo
l'insidie e gli aguati che Re Carlo susurravasi avergli preparati.

Questa condotta ha dato luogo agli Istorici franzesi di accusarlo di
poltroneria, e di non aver avuto animo di misurarsi col suo nemico.
Ma l'error nacque dall'avere tutti gli Istorici, così franzesi ed
italiani, come spagnuoli, creduto costantemente, che Odoardo avesse
assicurato il campo a' due Re, ingannati per essersi presentato Re
Carlo a Bordeos co' suoi cento Cavalieri; imperciocchè non hanno potuto
comprendere, come questo Principe fosse venuto colla sua truppa pronto
a combattere, e si fosse trattenuto a Bordeos dal levar del Sole fino
alla sera del giorno appuntato, se egli non avesse creduto d'essersi
assicurato il campo e di combattere.

Ma negli atti d'Inghilterra ultimamente dati alle stampe, si legge
al _foglio_ 239 una lettera di Odoardo a Carlo, per la quale gli fa
sapere, che quando egli potesse guadagnar i due Regni di Aragona e di
Sicilia, non verrebbe ad assicurar il campo a' due Re; nè permetter
che questo duello si facesse in alcun luogo del suo dominio, nè in
alcun altro dove fosse in suo potere l'impedirlo. In un'altra lettera,
ch'egli scrisse al Principe di Salerno (_pag._ 240) gli dice, che
era ben lungi dal vero di aver accordato a suo padre ciò che gli avea
dimandato intorno a questo combattimento, anzi egli l'avea rifiutato
tutt'oltre (_tout outre_) questo è il termine di cui egli si serve;
perchè queste lettere sono in franzese.

Egli dunque non vi è luogo di credere, che Odoardo abbia autorizzato
questo combattimento, nè per la sua presenza, nè con inviarvi alcuno,
che avesse rappresentata la sua persona, nè in dando salvocondotto
a' due Re, nè in fine con far loro preparare il luogo; e nientedimeno
gli Istorici lo suppongono come certo, quando dicono che Carlo venne a
Bordeos, ch'entrò nel campo, e che vi si trattenne dal levare fino al
tramontar del Sole, senza veder comparire il suo nemico.

Quel che abbiamo di certo è, che Carlo venne effettivamente a Bordeos
il giorno appuntato: ch'egli vi si trattenne fino verso la sera,
e che avendo novella, che il Re d'Aragona era ancora lontano, si
ritirò lo stesso giorno. Ma appena fu egli partito, che Pietro, il
qual era nella città travestito sotto nome d'un de' Signori della sua
Corte, andò a presentarsi al Siniscalco di Guienna, fece atto della
sua presentazione, e gli lasciò le sue armi in testimonianza: fatto
questo si ritirò in diligenza verso i suoi Stati. Se si considera il
tenor degli articoli aggiustati tra' due Re, questa condotta non potrà
accusarsi di poltroneria; poichè la presentazione di questi Principi
avanti il Siniscalco di Guienna non era, che per soddisfare al quarto
articolo, e non per battersi; perchè per lo quinto, non dovea esservi
punto di combattimento, se il Re d'Inghilterra non vi era presente, e
che per le lettere di Odoardo qui sopra rapportate, non vi era cosa
più lontana dall'intenzione di questo Principe, che l'assistere a
questo combattimento. Che voglia accusarsi il Re d'Aragona di aver
avuta paura, non è da dubitare; ma la paura ch'egli avea non era di
battersi contro il suo nemico; poichè per le loro convenzioni non
era a ciò obbligato, se non in presenza del Re d'Inghilterra, dopo
avergli assicurato il campo. Che dunque ha egli temuto? Gl'Istorici
franzesi, che per altro sono stati ben attenti di trovare una occasione
d'avvilir questo Principe nemico della Casa di Francia, non si sono
curati di spiegare il soggetto del suo timore; ma gli Siciliani ed
i Napoletani l'hanno fatto in dicendo, ch'egli era informato non
solamente, che Carlo avea portati i suoi cento Cavalieri con lui in
Bordeos, ma ch'egli aveva, altri dicono 3000 altri 5000 cavalli una
giornata distanti da quella città; ed alcuni anche aggiungono, che il
Re di Francia suo nipote era alla loro testa. Ciò che _Mezeray_ non
ha potuto interamente dissimulare, quando egli dice, che Pietro si
ritirò, fingendo di aver paura di qualche sorpresa dalla parte del Re
di Francia; perchè se il Re di Francia non avesse avute truppe vicino
Bordeos, come Pietro, trovandosi ne' Stati del Re d'Inghilterra,
avrebbe potuto fingere d'aver paura di qualche sorpresa del Re di
Francia?

Si devono adunque esaminar due cose per giustificazione del Re
d'Aragona: la prima, se egli ha eseguite le convenzioni; e di ciò non
si può dubitare dopo aver letti gli articoli di sopra rapportati:
la seconda, se ha avuto soggetto di diffidarsi di Carlo e del Re
di Francia. Quanto al primo di questi Principi, gli Istorici di
Napoli e di Sicilia dicono, ch'egli si era vantato pubblicamente
di fare assassinare il Re d'Aragona, ciò che bastava per dare un
giusto soggetto di timore a quest'ultimo, che si trovava in un paese
lontano da' suoi Stati, vicino a quelli del Re di Francia, e senza
salvacondotto del Re d'Inghilterra nè alcun'altra sicurezza, che la
parola d'un nemico; sopra la buona fede del quale egli non poteva
appoggiarsi, perchè si era vantato di farlo assassinare. Quanto al
Re di Francia, gl'Italiani assicurano che avea un corpo di 5000 o
di 3000 cavalli a una giornata di là. _Mezeray_ e gli altri Istorici
franzesi, che non hanno potuto ignorare ciò che gl'Italiani han detto,
non lo negano, e si contentano di non parlarne; di maniera che egli
è altrettanto dubbio, che la cosa sia vera, quanto è dubbio che sia
falsa. In somma quando anche Re Pietro fosse stato preso da un timor
mal fondato di qualche sorpresa del Re di Francia, non meritava perciò
quelle accuse e quegli scherni, che han fatto i Franzesi su la sua
condotta.

Dall'altra parte alcuni Istorici spagnuoli furono soverchio
millantatori, e fra gli altri _Garibay_, il quale senza dubbio non
sapeva le convenzioni passate tra' due Re; e pure fu così ardito,
che scrisse, che il Re di Aragona si presentò a Bordeos, e che se ne
ritornò perchè Carlo non vi si trovò: _Despues que el Rey D. Pedro se
apoderò del Reyno de Sicilia, viviò cinco annos, y dando orden en las
cosas del nuevo Reyno, tornò à Espanna, y tuvò rieptos y desafios con
el Rey Carlos, y disfrazado passò por la Provincia de Guipuscoa, para
la Ciudad de Burdeos, que por ser en esto tiempo de Ingleses era el
lugar de la batalla, a la qual por no acudir el Rey Carlos, tornò el
Rey D. Pedro en Aragon, y Catalunna_.

Non è da tralasciare quel, che tra queste diversità d'opinioni credette
il Costanzo nostro gravissimo Scrittore[407], aiutato ancora da
un'annotazione antica scritta a mano, che dice aver trovato: cioè che
Re Pietro, il qual confidò sempre più nella forza, non ebbe mai volontà
d'esporre un Regno a quel cimento, e che dopo la giornata, ragionando
di questo fatto si fosse dichiarato, dicendo, ch'egli intrigò con tante
condizioni e patti quel combattimento, per far perdere al Re Carlo
una stagione, ed egli aver tempo di più fortificarsi, e far pigliar
fiato a' Regni suoi; anzi si facea beffe di Carlo, che avesse creduto,
ch'egli voleva avventurare il Regno di Sicilia, che già era suo, senza
volere, che Carlo avesse da promettere di perdere all'incontro il Regno
di Puglia, quando succedesse, che restasse vinto.

In fatti risoluto a questo modo il combattimento, Papa Martino ben
s'avvide d'essere stato il Re Carlo beffato, e che Re Pietro avea
evitata la guerra; onde pieno di stizza lo scomunicò con tutti i
suoi Ministri ed aderenti. Scomunicò ancora, e di nuovo interdisse
i Siciliani, dichiarandogli ribelli di S. Chiesa con tutti quelli,
che gli favorivano in secreto, o in palese: lo privò e depose del
Regno d'Aragona e di Valenza, scomunicando ancora chi l'ubbidisse,
o chiamasse Re; e concedè questi Regni a Carlo di Valois, figliuolo
secondogenito di Filippo III Re di Francia[408]; mandando il Cardinal
di S. Cecilia Legato Appostolico in Francia, con l'investitura di
questi due Regni, ed a trattare col Re, ch'avesse da movere un potente
esercito in Aragona, per discacciar Pietro dalla possessione di que'
Regni. Fu ricevuto il Legato in Francia con grand'onore, e tosto si
pose a predicar la _Crociata_, ed a conceder indulgenze a ciascuno, che
prendesse l'armi contro Re Pietro, e non tardò il Re di Francia poner
in punto un grandissimo esercito, col quale andò a quell'impresa. E
Carlo dall'altra parte tornato da Guascogna in Provenza, glorioso per
aver cavalcato il campo, ma deriso d'aver perduto il tempo, si mosse da
Marsiglia con 60 galee e molte navi, e navigò di Provenza verso Napoli,
con intenzione d'unirsi con l'altre galee ch'erano nel Regno, e passar
in Sicilia innanzi l'Autunno.

Re Pietro all'incontro tornato in Aragona mandava tutto giorno validi
soccorsi in Sicilia di navi e genti a Ruggiero di Loria suo Ammiraglio;
e poco curando delle maledizioni e deposizioni del Papa, per ischerzo
si faceva chiamare: _Pietro d'Aragona, padre di due Re, e Signore del
mare_.



CAPITOLO VIII.

_Prigionia del Principe di Salerno, e morte del Re CARLO suo padre._


Mentre queste cose si trattavano in Francia, Ruggiero di Loria avendo
inteso, che Guglielmo Carnuto provenzale, era passato con ventidue
galee per soccorrere e munire il castello di Malta, che si tenea
per Carlo, uscì dal Porto di Messina con diciotto galee, ed andò per
trovarlo, e giunse a tempo, ch'avea messo nel castello genti fresche e
vettovaglie, e stava con le galee nel porto di Malta. Mandò Ruggiero
una fregata con un trombetta, che richiedesse il Capitano franzese a
rendersi, o veramente apparecchiarsi alla battaglia: il Provenzale, che
da sè era orgoglioso, ed avea avuta certezza, che l'armata nemica era
inferiore di numero di galee, uscì dal Porto, ed attaccò la battaglia;
ma alla fine dopo molto spargimento di sangue restò egli rotto e
morto, e delle sue galee se ne salvarono sol dodici fuggendo verso
Napoli: le diece altre furon prese, e condotte da Ruggiero a Messina
con grand'allegrezza di tutta l'isola. I Maltesi si resero, e Ruggiero
lasciò alla guardia di quell'isola Manfredi Lancia suo Capitano[409].

Ma non contento Ruggiero di questa vittoria, avendo già conceputo
nell'animo l'altre gran cose che poi fece, poste in ordine quante galee
erano per tutta l'isola, con grandissima celerità andò verso Napoli,
acciocchè offerendosi qualche altra occasione avesse potuto far alcuna
altra notabile impresa; il che gli successe felicemente, perchè avendo
trascorse le marine di Calabria con quarantacinque galee, se ne venne
a Castellamare di Stabia, donde rinfrescata l'armata passò verso Napoli
nel medesimo mese di giugno dello stesso anno 1283 e con quell'ordine,
che si suol andare per combattere, appressato alle mura di Napoli
cominciò a far tirare saette ed altri istromenti bellici, che s'usavano
a quel tempo dentro la città: onde tutto il Popolo si pose in arme,
credendosi che Ruggiero volesse dar l'assalto alla città; ma perchè
l'intenzion di Ruggiero non era di far altro effetto, che d'allettare e
tirare le galee, ch'eran nel Porto di Napoli alla battaglia, dappoichè
ebbero i Siciliani con parole ingiuriose provocati i Napoletani, che
stavano su le mura, e quelli ch'erano al porto su le galee, si mosse
egli colle sue costeggiando la riviera di Resina e della Torre del
Greco, e l'altra riviera verso Occidente di Chiaja e di Posilipo,
bruciando e guastando quelle ville e que' luoghi ameni, che vi erano.

Il Principe di Salerno lasciato dal padre Vicario del Regno, non
potendo soffrire tanta indegnità di vedere, che su gli occhi suoi i
nemici avessero tanto ardire, fece ponere in ordine subito le galee,
delle quali era allor Capitano Generale Giacomo di Brusone franzese,
e vi s'imbarcò con animo d'andar a combattere. Gerardo Cardinal di
Parma Legato Appostolico, che si trovava in Napoli, esclamava, che
non uscisse il Principe, nè s'arrischiasse l'armata a combattere;
ma egli non potendo soffrire il fasto di Ruggiero, volle in tutti i
modi imbarcarsi. Non solo i Franzesi veterani e gli altri stipendiari
del Re s'imbarcarono con lui, ma non restò nella città uomo nobile,
o cittadino onorato atto a maneggiar l'arme, che non andasse con lui
con grandissimo animo: e poichè l'armata fu allontanata poche miglia
dal porto di Napoli, Ruggiero di Loria, tosto che la vide, fece vela
con le sue galee mostrando di voler fuggire, ma con intenzione di
tirarsi dietro l'armata nemica tanto in alto, che non avesse potuto poi
evitare di non venir a battaglia. Il Principe allegro, credendosi, che
fosse vera fuga, e tutti i soldati delle sue galee, e massime quelli,
ch'aveano poca esperienza nell'armi, con grandissime grida si diedero
a seguire, sperando vittoria certa; ma poichè furon allontanate per
molte miglia da terra ferma, Ruggiero fece fermare le sue galee, e
dopo averle una per una visitate, animando i suoi fece girar le prode
verso i nemici, che già s'avvicinavano, e con grandissimo impeto andò
ad incontrargli. Fu con grandissima forza dell'una parte e dell'altra
attaccata la zuffa; ma poichè la battaglia fu durata un gran pezzo,
tanto stretta, che appena si potea conoscere una galea dall'altra, al
fine avendo i Cavalieri delle galee del Principe adoperate tutte le
forze, vinti dal caldo e dalla stanchezza, cominciarono a cedere; ma la
galea capitana dove trovavasi il Principe fu l'ultima, perchè ancora
che fosse in luogo, nel quale non poteva agevolmente disbrigarsi,
ed uscire dalla battaglia, come fecero molte altre, che si salvarono
ritirandosi verso Napoli, fece grandissima resistenza, perchè in essa
si trovava il fiore de' combattenti, deliberati più tosto morire, che
voler cedere, e vedere prigione il Principe loro. Ma Ruggiero per
uscire d'impaccio fece buttare dentro mare molti Calafati ed altri
Marinari con vergare, ed altri istromenti, i quali subito perforarono
in molti luoghi la galea del Principe, in modo che si venne ad empire
tanto d'acqua che per non andar a fondo, il Principe e gli altri, che
se n'accorsero, si resero a Ruggiero, che gli confortava a rendersi;
e Ruggiero porse la mano al Principe sollecitandolo, che passasse
presto alla galea sua. Restarono insieme col Principe prigioni il
Brusone Generale dell'armata, Guglielmo Stendardo e molti altri Signori
italiani e franzesi, che andavano sopra dieci galee che parimente si
resero[410].

Questa rotta sbigottì grandemente i Napoletani, poichè videro Ruggiero
quasi trionfante tornar avanti le mura della città, ed invitare il
Popolo napoletano a far novità. E già la plebe avea cominciato a
tumultuare, ed a gridare, muoia Re Carlo, e viva Ruggiero di Loria.
E narra il Costanzo, che se i Nobili, i vecchi ed i più riputati
Cittadini, che pigliarono a guardare le porte della città ed a frenare
quell'impeto, non riparavano, sarebbe occorso qualche gran disordine.
Ripressa adunque la plebe, e quietata la città, Ruggiero si ritirò
all'isola di Capri: ed ottenne dal Principe, che Beatrice ultima
figliuola del Re Manfredi, la quale era stata prigione quindici anni
nel castello dell'Uovo con la madre e co' fratelli, i quali allora
si trovaron morti, fosse liberata, e se ne ritornò in Sicilia; e con
grandissimo fasto, e grand'allegrezza di tutti i Siciliani, presentò
alla Regina Costanza la sorella libera, ed il Principe prigione, il
quale con tutti gli altri principali prigioni fu posto nel Castello di
Mattagrifone in Messina.

I Siciliani volevano servirsi del Principe, come rappresaglia
per Corradino, e convocati i Sindici delle terre di tutta l'isola
giudicarono, che se gli dovesse mozzar il capo, siccome Carlo avea
fatto di Corradino, e mandarono alla Regina Costanza, che ne prendesse
in cotal guisa vendetta. Ma questa grande, e magnanima Reina detestando
tal crudeltà, fece loro intendere, che in cosa di tanta importanza,
quanto era la morte del Principe, non era di farne determinazione
alcuna, senza la volontà del Re Pietro suo marito, che si trovava in
Aragona; onde per levarlo dal loro cospetto, e conservarlo vivo, lo
mandò prigione in Aragona a Re Pietro, ove stette più anni custodito
in stretta prigione. Questa illustre azione, siccome fu celebrata per
tutti i secoli per magnanima e generosa, così rese più detestabile
l'infamia del Re Carlo, perchè la pietà e la clemenza trovò più luogo
in un petto debole ed infermo d'una donna, che nell'animo virile di
quel Re, infamato perciò per tutti i secoli, e da tutti i Scrittori.

Intanto quasi due dì dopo la battaglia, il Re Carlo che veniva da
Marsiglia, giunge a Gaeta, dove con infinito suo dolore ebbe novella
della rotta, e prigionia di suo figliuolo, e del tumulto accaduto a
Napoli. Ne scrisse immantinente al Papa, chiedendogli a tanta avversità
conforto e soccorso di danari[411]; e adirato contro i Napoletani
si portò subito a questa città, ed avuto in mano i Capi del tumulto
al numero di 150 de' più incolpati, gli fece impiccare, condonando
il resto a' Nobili e Cittadini principali, che avevano guardata la
città. Ed essendo il principio di luglio, volendo passar in Messina
per l'impresa di Sicilia, spedì 75 galee, che passassero il Faro,
e girassero a Brindisi ad unirsi con l'altre galee, ch'erano armate
nel mare Adriatico. Ed egli per terra andò in Calabria ad assediar
Reggio, ch'era in potere degli Aragonesi; ma riuscitagli anche vana
quest'impresa, ritornò in Puglia, tutto occupandosi a fornire di
numerose Navi la sua armata per l'impresa di Sicilia.

Ma Re Pietro intanto era da Aragona passato in Messina per difesa di
quell'isola, e conoscendo, che il Papa era implacabilmente adirato
con lui, ma che per la rotta e prigionia del Principe, dissimulando
l'odio, avea mandato due Cardinali in Sicilia a trattare la libertà
del Principe, e la pace, volle deluderlo con la medesima arte: poichè
dopo aver ricevuti i Cardinali con onor grandissimo, diede loro tanta
speranza di pace onorata per Re Carlo, che quelli mandarono a dirgli,
che non si movesse, e con questa speranza, da poi che Carlo ebbe
perduta un'altra stagione, con molta destrezza e prudenza uscì dal
trattato di pace, onde i Cardinali ingannati e delusi, dopo avere di
nuovo maledetto, e riscomunicato Re Pietro ed i Siciliani, si partirono
e tornarono al Papa.

Carlo vedendosi beffatto, si risolse a mezzo decembre di porre in
ordine l'armata per ricuperare la libertà del figliuolo ed il perduto
Regno; ma mentre egli da Napoli parte per andare a Brindisi a poner in
punto l'armata, ecco che nel cammino infermossi a Foggia; dove, essendo
giunta l'ora sua fatale, oppresso da malinconia per le tante avversità
accadutegli, trapassò nel mese di gennaio del nuovo anno 1285.
Teodorico de Niem[412], che fiorì nel Regno di Carlo III di Durazzo e
del Re Ladislao, narrando la morte di questo Principe, scrisse, che fu
tanta l'oppressione e malinconia del suo animo, che una notte vinto da
disperazione da se stesso con un laccio si strangolò. Il suo corpo fu
condotto a Napoli, e seppellito nella maggior chiesa con pompa reale,
dove ancor oggi s'addita il suo tumulo.



CAPITOLO IX.

_Delle nuove leggi introdotte da CARLO I e dagli altri Re angioini suoi
successori, che chiamiamo Capitoli del Regno._


Lasciò a noi questo Principe, oltre delle tante altre sue memorie,
onde illustrò questo Regno, e molto più la città di Napoli, nuove
leggi, che all'uso di Francia non Costituzioni, ma Capitolari,
ovvero _Capitoli del Regno_ furon chiamati. Per la famosa Accademia
istituita da Federico II in Napoli, e poi da Carlo I arricchita di
maggiori privilegi, le Pandette e gli altri libri di Giustiniano
avevan invogliati i nostri Professori a studiargli in guisa, che
non pure i Dottori, che in que' tempi si chiamavano Maestri, quivi
l'insegnavano, ma anche gli Avvocati nel Foro pubblicamente gli
allegavano per le decisioni delle cause. E quando quelle leggi non
s'opponevano alle longobarde, o alle Costituzioni de' Re normanni e
di Federico promulgate da poi, ovvero alle approvate consuetudini del
Regno, aveano acquistata tanta forza ed autorità presso i Giudici,
che secondo i lor dettami decidevano le cause; non già che vi fosse
stata legge scritta, che lo comandasse, ma tratto tratto cominciarono
coll'uso ad acquistar forza e vigor di legge, prima per la forza della
ragione, da poi per connivenza de' nostri Principi, i quali giacchè
volevano, che pubblicamente si leggessero nelle loro Accademie, e che i
Giureconsulti gl'illustrassero con commentarii, doveano in conseguenza
ancor commendare che s'osservassero nel Foro; e finalmente per le
Costituzioni di Federico II il quale dell'autorità delle medesime
spesso valevasi, anzi espressamente in più sue Costituzioni[413],
comandò la di loro osservanza, purchè alle Longobarde, alle
Costituzioni del Regno e Consuetudini non s'opponessero. Ed in
progresso di tempo la loro forza ed autorità s'estese tanto, che
finalmente vinse, e mandò in disusanza le leggi Longobarde. Ecco ciò,
che sopra questo soggetto ne scrisse _Marino di Caramanico_, che fiorì
a questi tempi[414]; _Licet vero Regnum desierit subesse Imperio,
tamen jura Romana in Regno per annos plurimos, convenientia Regum,
qui fuerunt pro tempore, servata diutius consensu tacito remanserunt,
ac imo expressim servantur, et corroborantur in Compilatione
Constitutionum istarum, ubi neque Constitutiones hae, seu approbatae
Regni Consuetudines non obsistunt._

Non è però, che in questi tempi l'autorità delle leggi Romane
fosse stata tanta, che avesse dal Foro discacciate affatto le
leggi Longobarde: duravano ancor esse nel Regno di Carlo I siccome
durarono ne' Regni de' suoi successori Angioini, ancorchè pian piano
andassero in disusanza. In fatti Marino stesso di Caramanico, che
fu uno de' maggiori Giureconsulti di questi tempi, e che, come si
disse, sotto questo Principe fu nell'anno 1269 Giudice appresso il
Capitano di Napoli[415], ci attesta, che queste leggi a' suoi dì
ancor s'osservavano: _Ad quod concordant Longobardae leges quae in
Regno similiter obtinent_. _Biase di Morcone_, che fiorì a' tempi
del Re Roberto, tra le sue opere legali, che lasciò, una fu delle
differenze tra le leggi romane e longobarde[416], compilata ad
imitazione di _Andrea da Barletta_, per togliere anche a' suoi tempi
occasione agl'incauti Avvocati di rimaner confusi, se soverchio
invaghiti delle Romane, abbandonando le Longobarde, non cagionasser
danno a' loro Clientoli, e ad essi scorno e rossore, se nel Foro
rimanessero per l'ignoranza di quelle perditori. Abbiamo ancora una
carta[417] rapportata dal Tutini[418], tratta dall'Archivio regale
della Zecca, formata in S. Germano nell'entrar, che fece Carlo nel
Regno, ove a tenor delle leggi longobarde, che si allegano in quella
scrittura, il Monastero di Monte Cassino e suo Abate, cede al Re la
pretensione, ch'egli avea di riconoscere anche nelle cause criminali i
suoi vassalli. E non pure in Terra di Lavoro, e nelle vicine province
d'Apruzzo e del Contado di Molise, queste leggi erano osservate, ma
eziandio in quella di Puglia, vedendosi che la compilazione delle
Consuetudini di Bari, che dalle leggi Longobarde derivano, fu ne' tempi
di Carlo I fatta da que' due Giureconsulti, cioè dal Giudice Andrea di
Bari e dal Giudice Sparro, cotanto in pregio tenuto da Carlo, che da
Giustiziere di quella provincia lo innalzò ad esser gran Protonotario
del Regno. Così ancora nel Principato, in Salerno e nell'altre province
osserviamo il medesimo; e se nelle province di Calabria di esse non
rimase alcun vestigio, fu perchè lungamente essendo state possedute
da' Greci, e poco da' Longobardi, non poterono in quelle mettere sì
profonde radici, sicchè avesser potuto avere lunga durata.

Nel Regno adunque di Carlo niente fu mutato intorno all'autorità
delle leggi romane e longobarde e non pur queste, ma le Costituzioni
di Federico volle inviolabilmente, che si osservassero, quelle, che
dall'Imperadore furono promulgate in tempo, che non era stato ancora
dal Concilio di Lione privato dell'Imperio e del Regno di Sicilia.
Rivocò bensì nell'anno 1271 ed annullò tutte le donazioni, locazioni,
concessioni, atti e privilegi conceduti da Federico dopo la sua
deposizione, da Corrado, da Manfredi e loro Ufficiali, che non si
trovassero da lui confermati, riputandogli Principi intrusi, e tiranni,
come quelli, che erano stati privati del Regno dalla Sede Appostolica,
la quale n'avea lui investito[419]. Non altrimente di ciò, che fece
Giustiniano Imperadore, il quale non tutti gli atti de' Re goti
annullò, non quelli di Teodorico, di Atalarico e di Teodato, ma sì bene
quegli di Teia, di Totila e di Vitige, i quali avendogli contrastato, e
fatta guerra, con opporsi con vigore alla conquista, che intendeva fare
d'Italia, furon da lui riputati tiranni, intrusi ed usurpatori.

Carlo adunque dopo avere sconfitto e morto Manfredi, essendosi reso
padrone de' Regni di Puglia e di Sicilia, volle con nuove leggi
riordinare lo stato di questi Reami, per togliere i disordini, che per
le precedute guerre e revoluzioni erano accaduti. Le sue leggi, che
_Capitoli_, ovvero _Capitularii_ si dissero ad imitazione del Regno di
Francia, erano drizzate così per l'uno, come per l'altro Reame; onde
_Capitula Regni Siciliae_ s'appellarono, non meno che le Costituzioni
di Federico; avendone ancora per Sicilia propriamente detta, ordinati
alcuni particolari rapportati da Inveges[420]. Ma i Siciliani dopo
il famoso Vespro Siciliano, sottrattisi dal giogo de' Franzesi, non
conobbero altri _Capitoli_, che quelli che riceverono da poi da' Re
_Aragonesi_, onde restaron gli altri fatti da Carlo e dagli altri
Re _Angioini_ suoi successori, per lo solo Regno di Puglia, detto di
Sicilia di qua del Faro; e Carlo Principe di Salerno suo figliuolo,
espressamente si dichiara, che i Capitoli da lui stabiliti in tempo del
suo Vicariato, erano stati promulgati per lo Regno di Sicilia di qui
del Faro, non già per quell'isola.

Il disordine e la confusione, colla quale questi _Capitoli_ furono
insieme uniti e mandati poi alle stampe, merita il travaglio, che
siamo per soffrire di distinguergli secondo i tempi e le occasioni,
nelle quali furono promulgati. Ciocchè era anche necessario farsi
per conoscere, onde nascesse tanta varietà, che s'osserva nelle
massime, ch'ebbero i nostri Principi _Normanni_ e _Svevi_ nelle
loro _Costituzioni_ da quelle, che mostrarono avere questi Principi
_Angioini_ ne' loro _Capitoli_. Poichè riconoscendo Carlo questo Reame
dalla Sede Appostolica, come vero Feudo, ed essendosi dichiarato suo
uom ligio, ricevè nella investitura quelle dure e gravi condizioni,
che sopra si notarono. I Pontefici romani perciò erano tutti accorti,
che nel promulgarsi delle nuove leggi, non solo niente si derogasse
alla loro pretesa immunità e libertà, ma che tutto si facesse a
seconda delle loro massime e dettami; anzi quando lor veniva ben
fatto, s'intrigavano ancor essi a stabilirle, come vedremo: perciò
si videro nuove leggi contrarie alle _Costituzioni_ di Federico e
quindi nacque, che gli Scrittori, che fiorirono a' tempi di questi
Re, imbevuti di quelle massime empissero i loro Commentari di dottrine
pregiudizialissime alle regalie e preminenze del Re, ed offendessero in
tante guise le ragioni dell'Imperio de' nostri Principi. Non dee recar
maraviglia il vedere, che essendo Franzesi questi Re, doveano tanto più
esser lontani a soffrire tanti oltraggi; poichè la Francia, siccome
fu nel precedente libro veduto, a questi tempi era non men gravata,
che l'Italia, e la giustizia ecclesiastica in quel Regno avea fatti
progressi mirabili, e non prima dell'ordinanza dell'anno 1438 furono le
sue intraprese risecate, e ridotte al giusto punto della ragione.


§. I. _Capitoli del Re CARLO I._

Tutti gli Scrittori convengono, che il Regno di Carlo non durasse più
che diciannove anni e pochi giorni, ma alcuni nostri Professori[421]
cominciarono a noverargli dall'anno 1265 con manifesto errore, essendo
presso i più appurati Autori costantissimo, che questo Principe a'
6 gennaio, giorno dell'Epifania, dell'anno 1266 fu incoronato Re da
Papa Clemente in Roma, e che a' 26 febbraio del medesimo anno fu da
lui Manfredi morto, ed occupò il Regno. Altri errarono nell'anno della
morte di questo Principe; poichè scrissero che morisse a' 7 gennaio
dell'anno 1284. Ciò ch'è falso, essendo egli trapassato in Foggia
in gennaio dell'anno seguente 1285. Quindi derivano i tanti errori,
che s'osservano nelle vulgate edizioni di questi _Capitoli_, per non
essersi saputo ben fissare gli anni del Regno di questo Principe, come
anderemo notando in alcuni.

Moltissimi altri errori s'osservano ancora nel notarsi gli anni del suo
Regno di Gerusalemme. Alcuni credettero, che Carlo nell'istesso tempo,
che in Roma fu incoronato Re di Sicilia, fosse stato anche intitolato
Re di Gerusalemme. Altri, che conobbero quest'errore, ancorchè
confessino, che molto tempo da poi per la cessione di Maria, Carlo
acquistasse quel titolo, nulladimanco non sono costanti in fissare
l'anno, che fu veramente l'anno 1277 come si disse.

Coloro che unirono insieme questi _Capitoli_ nella maniera, che oggi
si leggono, non serbarono ordine alcuno nè di tempo, nè di materia;
ma alla rinfusa l'affastellarono. _Antonio de Nigris_[422], che gli
commentò, conobbe il disordine, ma non seppe emendarlo, e volle dietro
quelli seguire il suo commento, come gli trovò. Dovendosi adunque
attendere l'ordine de' tempi, il primo deve riputarsi quello, che fu
da Carlo promulgato per la riforma dello Studio generale di Napoli.
Fu quello stabilito per mano del famoso Roberto di Bari Protonotario
del Regno di Sicilia nel 1266 primo anno del suo Regno in _Nocera_ de'
Pagani, detta però de' Cristiani, dove Carlo colla sua moglie Beatrice
erasi portato, la quale in questa città morì, e fu sepolta. Fu inserito
da Roberto suo nipote ne' suoi Capitoli, sotto il titolo, _Privilegium
Collegii Neapolitani Studii_, dove si legge con questa data _Dat. in
Castro Nuceriae Christianorum per manus Domini Roberti de Baro, Regni
Protontotarii anno 1266_. Di questo Capitolo lungamente fu già da noi
discorso, parlando dell'Accademia di Napoli ristorata da Carlo.

Nel secondo e terzo anno non se ne leggono; ma seguono da poi alcuni
altri Capitoli stabiliti nel quarto anno del suo Regno, cioè nel 1269
sotto i titoli: _De Furtis. De assecurandis hominibus illorum, qui
turbationis tempore Corradini a fide regia defecerunt. De poena, et
vindicta proditorum, etc._ Tutti questi furono stabiliti in _Trani_,
e nell'istesso anno alcuni rinovati in _Foggia_ dopo la rotta data a
Corradino, per li quali si dà sicurtà a coloro che avendo aderito alla
fazion di quel Principe, cercando perdono, ritornassero all'ubbidienza
del Re, eccettuando i Tedeschi, Spagnuoli, Catalani e Pisani, i
quali volle, che tosto uscissero dal Regno. Si danno ancora altri
provvedimenti per riparare a' disordini accaduti in quel turbatissimo
tempo, e s'impongono gravi pene a coloro, che non manifestassero i
ribelli.

Nel sesto anno, cioè nel 1271 mentre il Re dimorava in _Aversa_, ne fu
promulgato un altro contro chi ardiva contraer matrimonio co' figliuoli
de' ribelli senza licenza della sua Corte: si legge sotto il titolo,
_Quod nullus contrahat matrimonium, etc._ e porta la data in _Aversa A.
D. 1271_, dove con errore si legge _Regni nostri anno 7_ dovendo dire,
_anno sexto_.

Nel settimo anno, cioè nel 1272 ne furono emanati moltissimi: alcuni
in _Napoli_, altri in _Aversa_, ed altri in _Venosa_. Que' stabiliti in
Napoli nel mese di marzo di quest'anno, ed in Aversa pure nel medesimo
anno, si leggono sotto i titoli: _De Violentiis. De poena Violentorum,
etc._ Per li medesimi si procede con molto rigore contro i perturbatori
della pubblica e privata quiete, e si reprime l'audacia di coloro, che
assuefatti nelle passate rivoluzioni a vivere di rapina e di violenza,
perturbavano lo Stato, allor che era in pace. Quello dato in _Aversa_
sotto il titolo _de poena Violentorum_, porta nella vulgata questa
data: _Datum Aversae A. D. 1262 anno octavo_: ove si scorgono due
errori, uno che in vece di dirsi A. D. 1272 si riporta in dietro dieci
anni, quando in quel tempo al Re Carlo non era ancor caduta in pensiero
l'impresa del Regno: l'altro errore è, che dovea notarsi il settimo,
non l'ottavo anno del suo Regno di Sicilia. L'altro capitolo dato in
_Napoli_ porta la data giusta, dicendosi: _A. D. 1272 Regni nostri anno
septimo_. Un altro capitolo leggiamo di Carlo dato in quest'istesso
anno a _Venosa_ nel mese di giugno sotto il titolo, _De occupantibus
res demanii_. In quello si conservano le ragioni fiscali, delle quali
Re Carlo fu molto geloso, ed attento. Porta la data esatta, leggendosi:
_Datum Venusiis A. D. 1272 Regni nostri anno septimo_.

Nell'ottavo anno del suo Regno, cioè nel 1273 leggiamo un altro suo
capitolo sotto il titolo, _De testimonio publicorum disrobatorum, etc._
Si dà la norma intorno alla pruova di questo delitto, e si stabilisce,
che la testimonianza di tre malfattori faccia contro essi tanta fede,
quanto quella di due uomini probi. Porta la data: _Datum Cav. A. 1273
etc. Regni nostri anno 9_. L'Addizionatore _Bottis_, che numera gli
anni di Carlo dal 1265 non è maraviglia, che passasse quest'anno per
lo nono del Regno di Carlo, ma dovendosi cominciare dal 1266 deve
emendarsi il suo errore, e dirsi: _Regni nostri anno ottavo_.

Nel nono anno, cioè nel 1274 deve riporsi il primo capitolo, che
incontriamo in questo Volume stabilito in _Napoli_ nel mese di febbrajo
di quest'anno 1274 che si legge sotto il primo titolo, _Statutum
editum super Portubus_. De Bottis stando nel medesimo errore alla
data aggiunge: _Regnorum nostrorum anno decimo_, dovendo dire _anno
nono_. Si danno in esso molte provvidenze intorno all'estrazione del
sale e delle vettovaglie da' porti del Regno, ed alcune istruzioni a'
Portolani colle quali devono regolarsi. L'altro capitolo, che segue
concernente il medesimo soggetto, sotto la rubrica, _Aliud statutum
super extractione victualium_, stabilito in _Brindisi_, è molto
probabile, che da Carlo in quella città si fosse emanato in questo
medesimo anno.

Ne' tre seguenti anni niente si legge di questo Principe; ma nel
decimoterzo anno del Regno di _Sicilia_, e secondo del Regno di
_Gerusalemme_, cioè nel 1278 molti capitoli furono da lui fatti in
_Napoli_, che si leggono sotto il titolo, _Quod Officiales jurare
debent_, con gli altri tre seguenti, che portano questa data: _Dat.
Neap. A. 1278 die 26 januarii_. Gli altri che seguono insino al
titolo, _De poena rei ablatae_, furono parimente in quest'anno fatti in
_Napoli_, leggendosi: _Dat. Neap. 2 Decembris_. In essi si danno vari
provvedimenti intorno a' Giustizieri, ed altri Ufficiali, a' quali, fra
l'altre cose, vien rigorosamente proibito di darsi ogni qualunque dono,
non ostante qualsivoglia consuetudine. Sotto quest'anno deve collocarsi
quell'altro capitolo di questo Re, che si legge in fine de' Capitoli
del re Carlo II sotto la rubrica, _Ad obviandum fraudibus_. Fu quello
stabilito da Carlo nell'entrar di passaggio nella Terra di _S. Eramo_
vicino Capua, e porta questa data: _Anno D. 1278 mense aprilis sept.
ejusdem 6. indictionis. Regnorum nostrorum Hierusalem anno 2 Siciliae
vero decimotertio._

Nel decimoquinto, cioè nel 1280, si leggono due capitoli fatti a _Lago
Pensile_, il primo ch'è sotto la rubrica, _De non mittendo ignem in
restuchiis camporum_, fu fatto a' 27 luglio di quell'anno; il secondo
a' 9 di agosto, e porta nelle vulgate questa scorrettissima data: _Data
apud Lacum Pensilem. Anno D. 1222 die 9 augusti 7 Indictionis: Regnorum
nostrorum, Hierusalem anno 3 Siciliae vero 15_ deve leggersi, _A. D.
1280 et Hierusalem anno quarto_.

Nel decimosesto, cioè nel 1281, si legge un altro Capitolo pubblicato
contro i monetari sotto il titolo, _De poena infligenda falsariis
monetarum_. Fu quello stabilito in _Brindisi_, e porta questa data:
_Dat. Brundusii A. D. 1281 mense januarii, ec. Regnorum nostrorum,
Hierusalem an. 4 Siciliae vero 17_ che deve emendarsi e leggersi,
_Hierusalem an. 5 Siciliae vero an. 16_.

(Fu stabilito in _Brindisi_; perchè questa Città sin da' tempi
dell'Imperadore _Federico II_ avea la Regia Zecca, dove anche
_Federico_ fece coniar nuove monete, siccome rapporta _Riccardo di S.
Germano: Anno 1228 mense Januario denarii novi Brundusii per Ursonem
Castaldum in S. Germano dati sunt_).

Nel decimo settimo anno del Regno di Carlo, cioè nel 1282, furono da
questo Principe moltissimi Capitoli stabiliti in _Napoli_, che furono
gli ultimi. Cominciano da quella rubrica: _Constitutiones aliae factae
per praedictum D. Carolum Regem Siciliae super bono statu_: ove si
legge un lungo proemio, che a quelle prepone, nel quale esagera il
pensiero, e cura che vuol tenere de' suoi Ufficiali, e di distribuire
con ordine a ciascuno le sue funzioni, e prefiggere i limiti, perchè
senza nota d'avarizia, ed ambizione adempiano le loro parti. Questi
Capitoli sotto varie rubriche collocati, arrivano al numero di
cinquantotto. I Principi non si ricordano di governar con giustizia
i loro sudditi, se non quando ne sono ammoniti per qualche disgrazia
loro sopraggiunta, per la quale si veggono costituiti in istato d'aver
bisogno di quelli. La rivoluzione di Sicilia spinse Carlo a dar a'
suoi sudditi queste nuove leggi, nelle quali si danno molti lodevoli e
saggi provvedimenti per la retta amministrazione della giustizia, per
evitare le frodi, ed inique esazioni degli Ufficiali, e per lo buono
stato della Repubblica; ordinò perciò che fossero pubblicati per tutti
i Giustizierati, e per ciascuna città, terra e castello de' medesimi.
Furono con somma maturità, e prudenza stabiliti in _Napoli_, e portano
questa esattissima data: _Actum Neapoli A. D. 1282 mense Jun. 10
ejusdem indict. Regnorum nostrorum, Hierusalem anno 6, Siciliae vero
17._

Questi furono gli ultimi Capitoli del Re Carlo, il quale in quest'anno
con suo cordoglio vedutosi rivoltata la Sicilia, ed a più avversi casi
esposto, distratto perciò in cose di maggior importanza, a tutto altro
furono poi rivolti i suoi pensieri, che a far leggi. Fu per gravi,
ed importanti affari tutto occupato in Roma, e poi in Francia, ed in
Bordeos per quelle cagioni, che si sono dette; e lasciando il governo
di questo Regno al Principe di Salerno suo figliuolo, lo creò suo
Vicario con pieno ed assoluto potere, ed autorità. Questo Principe nel
tempo del suo Vicariato molti provvedimenti diede per lo buon governo,
onde avea più che mai bisogno questo Reame, e più Capitoli furono
perciò da lui stabiliti.


§. II. _Capitoli del Principe di Salerno promulgati in tempo del suo
Vicariato, mentre Re CARLO suo padre era assente._

Dappoichè per lo famoso Vespro Siciliano si sottrasse la Sicilia
dall'ubbidienza del Re Carlo, il Principe di Salerno tardi s'avvide,
che una delle principali cagioni di esso fu l'aspro governo, che i
Franzesi facevano di quell'Isola; ed all'incontro avendo saputo, che Re
Pietro avea sollevati i Siciliani dall'angarie e pagamenti introdotti a
tempo del Re suo padre, e che di buoni e salutari statuti avea fornito
quel Regno: volle ancor egli (per rendersi benevoli i Popoli del Regno
rimasogli, e togliere dall'opinion di costoro il sinistro concetto,
che aveano avuto di suo padre) di nuovi Capitoli pieni di liberalità ed
indulgenza provvederlo: avverando ancor egli quella massima, che allora
i Principi si ravvedono, e procuran il buon governo de' Popoli, quando
le avversità gl'inducono ad aver bisogno di loro, e dubitano della loro
fedeltà; e considerando ancora l'obbligo ed il bisogno che si teneva
allora del Pontefice Martino, il quale favorendo le parti di Carlo, era
tutto impegnato alla ricuperazione del perduto Regno, volle per questi
nuovi _Capitoli_ soddisfare così agli uni come all'altro, con dar
provvedimenti molto favorevoli per la Chiesa e persone ecclesiastiche,
per li Baroni e per li Popoli. Perciò avendo in quest'anno 1283
convocato un Parlamento di Prelati, Conti, Baroni e di molti Regnicoli
nel Piano di S. Martino, terra posta in Calabria citra[423], non già
in Apruzzo, come credette il Reggente Moles[424], ove dopo la partita
del padre trovavasi col suo esercito: col consiglio de' medesimi
stabilì a questo fine quarantasei Capitoli che portano questo titolo:
_Constitutiones Illustris D. Caroli II, Principis Salernitani._ Vi
premette un ben lungo proemio, nel quale va esagerando il pensiero
e la cura, che tanto egli, quanto suo padre han tenuto sempre di
ben governar i suoi popoli, e rilevargli dalle oppressioni de' suoi
Ministri; ma che distratti in cose più ardue e gravi non avean potuto
mandar in effetto questo loro proponimento; ma che era già venuto
il giorno di lor salute, nel quale egli come esecutore della volontà
paterna era per dare ad essi buon guiderdone della loro fede; del che
non sarebbero stati partecipi i Siciliani ribelli, i quali per la loro
iniquità, essendo mancati dalla ubbidienza e fedeltà, se n'erano resi
incapaci ed indegni.

Sieguono da poi venti Capitoli riguardanti i privilegii e le
immunità delle Chiese, e delle persone ecclesiastiche collocati sotto
questa rubrica: _De privilegiis, et immunitatibus Ecclesiarum, et
Ecclesiasticarum personarum._ Primieramente con termini forti e precisi
s'incarica il pagamento delle decime, che si devono alle Chiese ed
alle persone ecclesiastiche. II. Che secondo la convenzione avuta
tra la Sede Appostolica, ed il Re suo padre (intendendo de' patti
accordati, quando il Papa Clemente gli diede l'investitura) i Cherici
non siano tratti avanti i Magistrati secolari, se non se per li beni
feudali. III. Che le Chiese di tutto il Regno godano de' privilegi
conceduti ad esse dalle leggi comuni; cioè che i rei, che a quelle
ricorrono per asilo, non possano a forza estraersi, se non ne' casi
permessi dalla legge. IV. Che le case de' Prelati, Religiosi e delle
altre persone ecclesiastiche, senza la loro volontà non possano dagli
Ufficiali occuparsi per cagione di ospidalità; nè in quelle esercitarsi
giudizj criminali, anche nel caso che di loro buon volere si dassero.
V. Che gli Ufficiali, Conti, Baroni e qualsivoglia altra persona
laica non s'intromettano nelle elezioni dei Prelati, nelle collazioni
de' Beneficj ecclesiastici, ed in tutto ciò appartenente alle cose
spirituali, se non per privilegio o per ragione di _jus patronato_
ad essi s'appartenga. VI. Che i Cherici che vivono chericalmente,
non siano astretti comunicare con gli altri nelle collette o in altra
qualsisia esazione, non solo per li beni ecclesiastici, ma nemmeno per
li patrimoniali, per le porzioni ad essi legittimamente spettanti. VII.
Che ciascuno liberamente possa dare, donare o legare alle Chiese le
possessioni o altre robe che gli piacerà, purchè non siano in qualche
cosa tenute alla sua regal Corte; e se saranno talmente obbligate,
sicchè non possa impedirsi la distrazione, s'intendano passare alle
Chiese con gl'istessi pesi. VIII. Che i vassalli delle Chiese che
sono alle medesime obbligati alla prestazione de' servizi personali,
non possano, senza licenza de' loro Prelati, dalla sua Corte, da'
Conti, Baroni o qualsivoglia altro, costringersi ad accettar uffici o
altri pesi personali. IX. Che tutte le ragioni e privilegi conceduti
alle Chiese, ed alle persone ecclesiastiche da' Cattolici ed antichi
Re di Sicilia, nella cui possessione sono, si debbano conservare
illesi ed intatti: di quelli, de' quali non sono in possesso, si farà
nelle Corti competenti senza difficoltà pronta e spedita giustizia.
X. Che debbano i Prelati denunziare alla sua Corte tutti coloro, i
quali passato l'anno pertinacemente ed in contumacia, persevereranno
nelle scomuniche, affinchè per la sua Corte si possa loro imporre
le debite pene. XI. Che gli Ufficiali e Commissari della sua Corte
non presumano contro la giustizia per turbare le possessioni e le
robe che si possedono dalle Chiese, e molto meno toglier loro i beni
suddetti. XII. Che gli Ufficiali o altre persone laiche, in niuna
maniera s'intromettano nella cognizione de' delitti ecclesiastici; nè
impediscano i Prelati o i loro Ufficiali, affinchè quelli liberamente
conoscano e puniscano, com'è di ragione. XIII. Che i Prelati, e l'altre
persone ecclesiastiche possano far trasportar per mare da una terra
all'altra dentro il Regno, grano, legumi ed altre vettovaglie, che
pervengano dalle loro massarie, senza pagar dogana e dritto d'esitura.
Per le robe comprate siano obbligate pagar solo il dritto della dogana,
non già quello dell'esitura: purchè però s'estraggano da' porti leciti
e statuiti, e con picciole barche di cento some a basso, e si vadano
a scaricare similmente in porti leciti e stabiliti colle debite
cautele di responsali e piegiarie. XIV. Che i Giustizieri o altri
Ufficiali non traggano ne' giudicii avanti di loro i vassalli delle
Chiese, se non se nelle cause criminali, di asportazioni d'armi, di
violate difese ed altri delitti, la cognizione de' quali s'appartiene
alla Corte regia e suoi Ufficiali. XV. Che i Prelati delle Chiese e
le persone ecclesiastiche, ovvero i loro Ufficiali possano per modi
legittimi costringere i loro debitori al pagamento de' loro debiti.
XVI. Che se i vassalli delle Chiese, che sono obbligati a personali
servizi, fuggiranno dai luoghi ove sono tenuti permanere, possano i
Prelati e le persone ecclesiastiche, costringergli a fargli tornare
a' luoghi onde partirono, e forzargli a permanere in quelli. XVII.
Che a' Giudei che fossero vassalli della Chiesa, non si commettano
uffici, nè si inferisca gravame o oppressione alcuna. XVIII. Che delle
ingiurie, offese e maleficii fatti in persona di Religiosi, Cherici
ed altre persone ecclesiastiche, quando non vi siano accusatori, si
proceda dalla sua Corte _ex inquisitione_ ed _ex officio_, affinchè
gl'ingiuriatori, e malfattori siano colle debite pene castigati. XIX.
Abolendo, cassando, ed irritando la Costituzione di Federico _honorem
nostri diadematis_, ordina, che dovendo i matrimonj esser liberi, sia
lecito a' Baroni, Conti ed altri, che posseggon Feudi, ed in generale
a tutte le persone, di contraere liberamente essi e loro figliuoli
matrimonj, e casare le loro figlie, zie, sorelle e nepoti, senz'assenso
della sua Corte, purchè però non si diano i Feudi in dote, ed i
matrimonj non si trattino con persone al Re infedeli e sospette. XX.
Che i Prelati delle Chiese, che per ragion di quelle tengono Feudi,
siccome i Conti e tutti gli altri Baroni possano ne' casi stabiliti
nelle Costituzioni del Regno esigere da' loro vassalli i debiti e
moderati _adjutorj_, senza impetrarne altre lettere particolari,
bastando questo editto, che a tal fine vien promulgato.

Soddisfatto ch'ebbe il Principe Carlo in cotal guisa il Papa e le
persone ecclesiastiche del Regno, passa ora con altri _Capitoli_ a
rendersi benevoli i Baroni di quello; concede perciò a' medesimi molti
privilegi che si leggono sotto questa rubrica: _De privilegiis, et
immunitatibus Comitum, Baronum, et aliorum Feuda tenentium._ Ordina
in prima che oltrepassati tre mesi, non siano obbligati servire più
alla sua Corte a proprie spese; ma se oltre di questo tempo la Corte
vorrà ritenergli al suo servigio, debba somministrar loro i gaggi e
soliti stipendi. II. Toglie anche a lor riguardo l'assenso ricercato
da Federico nella allegata Costituzione _honorem_, perchè possano
liberamente contraere i matrimoni. III. Che senza cercar lettere
particolari, possano esigere da' loro vassalli i debiti e moderati
_adjutorj_. IV. Che le loro liti, così criminali come civili, che
s'agiteranno nella regal Corte, siano essi attori o rei, accusatori o
accusati, debbano giudicarsi, assolversi e condennarsi per li _Pari
della Curia_; e le loro cause saranno più pronte e speditamente
terminate. V. Si comanda premurosamente a' Giustizieri ed agli altri
Ufficiali di Corte, che non commettan a' Baroni niuna esecuzione, che
dovesse mai farsi attinente a' servizi della medesima, che non convenga
allo Stato ed alla loro nobile condizione.

Rimaneva unicamente, che si fosse, oltre a' Prelati ed a' Baroni, dato
compenso a tutti i Cittadini, borghesi ed agli altri uomini del Regno
universalmente, affinchè tutti si rilevassero dalle passate gravezze, e
tutti sperimentassero la clemenza e benignità del Principe; perciò egli
che intendeva cattivarsi la benevolenza di tutti, concedè a' medesimi
molti privilegi, e per mezzo di molti utili provvedimenti riordinò lo
stato delle cose, togliendo molte gravezze e molti altri perniziosi
abusi. Questi altri _Capitoli_ vengono perciò arrolati sotto quella
rubrica: _De privilegiis, et immunitatibus Civium, burgensium, et
aliorum hominum, a Faro citra._

Il primo e principal beneficio era da tutti reputato di rilevar i
popoli dalle tante imposizioni, ond'erano gravati. Perciò egli con
particolar editto, da doversi inviolabilmente osservare, statuì e
comandò che nelle collette, taglie, pesi, imposizioni generali o
speziali, ovvero sovvenzioni di qualsivoglia nome, s'osservi lo stato,
l'uso ed il modo, il quale nel tempo del Re Guglielmo II era osservato,
secondo che nelle convenzioni avute tra la Sede Appostolica ed il Re
suo padre, nel tempo della collazione ad esso fatta del Regno, più
pienamente si contiene; il quale stato, modo ed uso, perchè non può
costare, essendo che niuno o pochi sopravvivono, li quali possono di
ciò rendere testimonianza: ordinò il Principe che s'osservasse quello,
che dal Pontefice Martino sarà dichiarato, determinato e disposto;
e perchè presto s'ottenesse tal determinazione, promette di mandar
tosto al Papa suoi Ambasciadori, dimodochè per tutto il mese di maggio
vegnente al più tardi siano là; tra il qual termine gli uomini di
qualsivoglia provincia mandino pure due Ambasciadori de' migliori, più
ricchi e fedeli di tutta la provincia ad assistere, ed impetrare la
suddetta; la quale seguìta, egli promette per parte del Re suo padre
e sua, e de' suoi eredi, di inviolabilmente osservare. Di vantaggio
da ora rimette totalmente tutti i residui di qualsivoglia colletta, a'
quali fossero tenute alcune province e terre, nè di molestarle nemmeno
avanti la suddetta determinazione. Promette in fine di non dimandar
cos'alcuna; eccetto ne' casi compresi nelle _Costituzioni_, e che
non saranno astretti, nemmeno a titolo di prestanza, non volendo, a
prestazione alcuna.

Questa determinazione però non seguì nel tempo del Pontefice _Martino_,
ma sì bene ne' tempi di Papa Onorio suo successore, come diremo; la
quale nemmeno ebbe effetto; poichè ne' tempi di _Napodano_ a questi
prossimi, non osservavasi niente di ciò, anzi questo Scrittore esclama,
che in ciaschedun mese sei collette si esigevano, scorticando gli
Ufficiali regi i poveri Regnicoli _usque ad sacculum et peram, et
tegularum evulsionem_[425].

Secondo, ordinò, che si coniasse nuova moneta di buon conio, non
gravando perciò i popoli di nuova colletta, ma che si sarebbe data
a' Mercadanti e cambiatori, che vorranno spontaneamente riceverla: e
che quella non s'altererebbe, ma il suo valore sarebbe stato perpetuo
ed immutabile. III. Minorò la pena stabilita per li clandestini
omicidi. IV. Volle, che il capitolo statuito per li baroni intorno
la libertà de' matrimonj, s'osservasse per tutti indistintamente.
V. Che non più s'ammettessero le calunniose accuse dagli Ufficiali
della sua Corte. VI. Che tenendo alcuno occupata qualche possessione
appartenente alla Corte, non sia di fatto di quella privato, se non
prima sarà in giudicio stato convinto con modi legittimi e dalla legge
richiesti. VII. Che non siano i Popoli gravati dagli Ufficiali per
li servizi della Corte, che non sono convenienti allo stato e grado
delle persone. VIII. Che niente si paghi per le soscrizioni delle
sentenze, così quelle profferite dalla G. Corte, come da' Tribunali
di tutti gli altri Giustizieri e Giudici. IX. Che l'Università non
sieno tenute all'emenda de' furti fatti da persone particolari. X.
Che l'Università non siano costrette a proprie spese portar il denaro
alla Corte, ma a spese della medesima. XI. Che non siano gravate per
lo vitto degli Ufficiali, quando si porteranno ivi a regger Corte.
XII. Si dà norma, e prescrivesi tassa di quanto debba pagarsi per li
diritti delle lettere regie e degli altri atti e spedizioni. XIII.
Che gli Ufficiali della Regia Corte non comprino cavalli o muli in
quella provincia ove sono, ma se ne provvedano fuori della provincia.
XIV. Che le figliuole de' ribelli, che non han seguitato, nè seguitano
la paterna malizia, si possano maritare de' beni non feudali senza
l'assenso della Corte. XV. Che niente si paghi per lo suggello del
Giustiziero o d'altro Ufficiale. XVI. Che i Carcerieri niente più
esigano da' carcerati se non quanto fu tassato dal Re Carlo suo padre.
XVII. Che l'Ufficio del Maestro Giurato colla Bagliva non s'esponga
venale. XVIII. Che non siano molestate nelle loro doti le mogli di
coloro, che per le loro colpe furono banditi dal Regno. XIX. Che non si
costringa alcuno a riparare i vascelli della Corte per certo prezzo.
XX. Che dall'Università delle terre deputate alla reparazione de'
castelli, s'esiga solamente tanto denaro, quanto sarà necessario, nè
s'obblighino a nuovi edificii. XXI. Che affinchè i fedeli del Regno non
siano gravati da' _Forastieri_, si facciano inquisizioni per trovar i
termini antichi delle _Foreste_, e si pongano i confini alle medesime
ed i custodi. Per ultimo, che i Giustizieri delle Regioni non facciano
presedere nelle _Fiere_, i loro famigliari, ma i Maestri Giurati de'
luoghi, ove si fanno, debbano custodirle.

Stabiliti in cotal modo questi _Capitoli_, comandò il Principe Carlo,
che insieme colle Costituzioni novelle da suo padre promulgate
in Napoli l'anno precedente 1282 s'osservassero inviolabilmente,
siccome divenuto Re volle ancora confermargli; e perchè con effetto
da ora ciò si mandasse in esecuzione, ne mandò a' Prelati, Baroni
ed alle Università de' luoghi più esemplari, perchè per tutto si
pubblicassero. Ecco com'egli dice nel fine: _Ut autem ea quae communi
utilitate sancita sunt, communiter sciantur ab hominibus et generaliter
observentur, de eisdem Constitutionibus singulis Praelatis, Baronibus,
ac locorum Universitatibus sub sigillo pendenti Vicariae copiam fieri
volumus et mandamus. Data in Campis in planitie S. Martini A. D. 1283
die penult. martii undecimae indictionis._

Il Pontefice Onorio IV nell'anno 1285 trascegliendo da questi Capitoli
solamente quelli, che facevano a favor delle Chiese e delle persone
ecclesiastiche, e della loro immunità, con aver mutate alcune cose,
con particolar sua _Bolla_, mentre Carlo II era prigione in Ispagna,
volle pure confermargli comandando, che quelli inviolabilmente
s'osservassero. L'original Bolla si conserva nell'Archivio della
Trinità della Cava[426]; ed il Re Ferdinando volle nell'anno 1469 farla
inserire nella _Prammatica 2 de Clericis, seu Diaconis selvaticis_, che
si legge impressa nel primo tomo delle nostre Prammatiche. Comunemente
vengono chiamati anche questi, _Capitoli di Papa Onorio_, con manifesto
errore; poichè questi non sono i Capitoli di Onorio, che fece nel
medesimo anno nel tempo della prigionia di Carlo, mentr'era Legato nel
Regno il Cardinale di Parma: ma tutto altri, siccome diremo quando
de' _Capitoli_ di questo Pontefice nel seguente libro ci toccherà
ragionare.


§. III. _Capitoli del Re CARLO II._

Queste furono l'ultime leggi del Principe di Salerno, che stabilì come
Vicario del Regno, poichè la sua prigionia gl'interruppe il corso del
governo; e morto suo padre, trovandosi egli ancor prigione in Aragona,
ne' seguenti anni non si fece altro, per mezzo del Re d'Inghilterra,
che trattarsi della sua libertà; finalmente con quelle condizioni, che
si diranno nel seguente libro, fu sprigionato e tornato in Italia,
fuvvi onorevolmente accolto da Niccolò IV che ad Onorio successe, e
nel giorno di Pentecoste a' 29 maggio dell'anno 1289, coronato Re di
Sicilia e di Puglia. Partissi da poi dalla Corte del Papa, ed a Napoli
fece ritorno, ove con molta festa e magnifiche pompe ricevuto, a'
passati disordini tosto pensò dar riparo.

L'ordine de' tempi non comporterebbe, che si dovesse favellar qui de'
Capitoli di questo Re, siccome degli altri _Angioini_ suoi successori;
ma per non tornar di nuovo a trattare de' _Capitoli del Regno_, che
formano oggi una delle principali parti delle nostre patrie leggi,
perciò gli ridurrò qui tutti insieme; e perchè s'abbia ancora un'intera
e compita istoria di quelli siccome degli Autori, che con varie note e
commenti gl'illustrarono.

Carlo adunque, avendo ne' suoi cinque anni di prigionia sofferto il
Regno varie mutazioni e disordini, quando fu a quello restituito,
pensò immantinente con nuove leggi a ripararlo. Nel proemio, che a
quelle prepone tutto ciò rapporta e narra, che precedente consiglio,
e discussione avuta co' Prelati, Conti, Baroni e Sapienti del
Regno in Napoli, avea quelle stabilite. Cominciano dal titolo: _De
inquisitionibus_; e per Molti altri titoli seguenti, non ad altro fu
inteso, che a regolare i giudizj criminali, e come debbano istituirsi:
le pruove, che vi si ricercano: di che vaglia siano i tormenti e le
confessioni de' rei: si stabiliscono le pene contro coloro, che portano
armi proibite: contro i forgiudicati ed i di loro figliuoli; e contro
gli omicidi. In breve, tutto ciò che concerne a' delitti, ed il modo di
provargli e di punirgli.

Disbrigato delle cose criminali, passa alle civili. Proibisce di
potersi pignorare i buoi aratori[427]. Fa una lodevol legge intorno
all'invenzion de' tesori, contraria a quella del Re Guglielmo, volendo,
che gl'inventori non siano inquietati, trovandogli nel fondo proprio:
se nel comune, o del Fisco, se gli dia la metà: se nell'alieno,
niente al Fisco, ma la metà all'inventore, e l'altra al padrone del
fondo: dichiarando per tesori non intendere le miniere dell'oro e
dell'argento e degli altri metalli, siccome delle saline[428]. Inculca
il pagamento delle decime[429]. Stabilisce pene pecuniarie a coloro,
che passato l'anno persisteranno nella scomunica[430]. Prescrive il
modo a' Feudatari morti, o con testamento, ovvero _ab intestato_,
di statuire il Balio[431]. Provvede alle doti delle donne, e sopra
alcuni abusi dà utili provvedimenti[432]. Conferma ancora con nuove
leggi tutti i Capitoli, ch'egli fece mentre fu Vicario nel piano di S.
Martino, dicendo: _Capitula eadem constitutione praesenti in perpetuum
valitura, de nostra mera scientia, confirmamus et defectum omnem,
si quis eis tunc infuit, qui Regni potestate Vicaria, non Dominica
fungebamur, Regis dignitatis authoritate supplemus_[433]. E perchè i
suoi Popoli apprendessero quanto gli fosse a cuore la giustizia e la
riordinazione delle province in miglior e più utile stato, ordina[434],
che il Maestro Giustiziero ed i Giudici della G. Corte debbano sei
settimane dell'anno scorrere le province da lui destinate, cioè in
tutto l'_Apruzzo_ in _Terra di Lavoro_, e _Principato_, in _Capitanata_
e _Basilicata_, in _Terra di Bari_ e _Terra d'Otranto_. Vuole,
che dimorando nelle province inquirano, correggano gli eccessi de'
Giustizieri di quelle e de' loro Ufficiali; e parendo loro di doversi
ammovere, ne diano a lui distinta notizia per darvi provvidenza.

Per mostrarsi grato a' Conti e Baroni del Regno, proroga i gradi della
successione ne' loro Feudi[435]. E per evitare le dissensioni e le
querele, che gli erano fatte per conto de' confini de' tenimenti, de'
Baroni, delle Chiese e de' privati, ordinò, che da' Registri del suo
Archivio, ove si tratta delle confinazioni, se ne formassero due libri,
uno ne rimanesse nella sua camera, e l'altro in un gruppo di ferro
s'appendesse nella più famosa Chiesa della città[436]. Levò molti abusi
intorno all'esazione delle collette; ed in fine fu tutto inteso, perchè
i suoi sudditi non fossero gravati indebitamente d'ingiuste esazioni.

Tutti questi Capitoli furono stabiliti in Napoli nel primo anno,
ch'egli vi tornò libero: e perciò portano questa data: _Data Neap. A.
D. 1289._

Oltre di questi, se ne leggono molti altri, sparsi tra quelli del Re
Roberto suo successore, fatti negli anni seguenti, come quello, che si
legge nella rubrica, _Quod in poenis pecuniariis, etc._ L'altro sotto
il titolo, _Quod sit licitum accusatori, etc._ L'altro sotto il titolo,
_Exceptione excommunicationis, etc._ ed alcuni altri. Ed in fine
quello, che fu da lui pubblicato nel penultimo anno del suo Regno, che
si legge tra' Capitoli di Roberto, sotto la rubrica, _Literae Domini
Regis_, che porta questa data: _Dat. Neap. per D. Bartolomeum de Capua
A. D. 1307 die 12 decembris 11 indict. Regnorum nostrorum anno 22._

Si valse questo Principe in formargli non già d'Andrea d'Isernia,
come credette Giovanni Antonio Nigris[437], ma della penna del celebre
Giureconsulto Bartolommeo di Capua, Protonotario del Regno, innalzato
da lui, e più dal suo successore Roberto a' primi gradi ed onori del
Regno.


§. IV. _Capitoli del Re ROBERTO._

Questo Principe, che per la sua saviezza fu riputato un altro Salomone,
ci lasciò ancora molte utili e savie leggi: di lui come Vicario di suo
padre non ne abbiamo, ma solo quando fu incoronato Re. Il suo figliuolo
Carlo Duca di Calabria costituito da lui Vicario del Regno, emulando la
sua sapienza e giustizia, ne fece anche alcune in vita del padre. Fabio
Montelione da Gerace[438] scrisse, il Re Roberto in tutto il tempo di
sua vita non aver fatti più che cinquanta di questi Capitoli; e questo
numero veramente si vede nell'edizione vulgata; ma molti altri se ne
leggevano nell'originai manuscritto, che, come rapporta de Bottis[439],
si conservava a suoi tempi da _Baratuccio_ Avvocato fiscale; ed alcuni
altri ne rapporta ancora Goffredo di Gaeta[440] nella sua Lettura a'
Riti della regia Camera della Summaria.

Cominciò Roberto a regnare nell'anno 1309, e le prime sue leggi furono
eziandio dettate da Bartolommeo di Capua Protonotario del Regno, nel
qual posto non solo fu confermato da Roberto, ma ingrandito d'altri
onori, come colui, che l'avea così ben servito in Avignone nella famosa
contesa che Roberto ebbe col nipote per la successione del Regno.

Fu Bartolommeo creato Logoteta e Protonotario del Regno nell'anno
1285, che fu il primo anno del Regno di Carlo II, e visse con questa
gran dignità insino al 1328, anno della sua morte. Ricavasi esser
quella accaduta in quest'anno dall'iscrizione del suo tumulo, che
prima si leggeva nella maggior chiesa di questa città nella sua
cappella, ov'è sepolto; e se bene sin da' tempi, ne' quali scrisse il
Summonte[441], questa lapide fosse stata altrove trasferita, si legge
però l'iscrizione, oltre nel Summonte, in Cesare d'Engenio[442], e nel
Toppi[443], in Pietro Stefano[444], il quale scrisse in tempo, quando
non era stata ancora di là tolta, dove fra l'altre cose si leggono
queste parole:

    _Annis sub mille trecentis BIS ET OCTO,_
    _Quem capiat Deus, obiit bene Bartholomaeus._

Ma non è da tralasciare che Pietro Stefano istesso portando in volgare
questa iscrizione, traduce queste parole: _Annis sub mille trecentis
bis et octo_, in cotal maniera: _Nell'anno mille trecento sedici_;
donde si diede occasione al Summonte, a Pier Vincenti[445] ed al Toppi,
di scrivere anch'essi che Bartolommeo di Capua morisse nel 1316.
Ciò che ripugnerebbe a tanti nostri _Capitoli_, che abbiamo del Re
Roberto, istromentati per mano del Gran Protonotario Bartolommeo dopo
l'anno suddetto, leggendosene del 1318, 1324 e 1326. Quindi altri[446]
interpetrarono in altra guisa quelle parole _bis et octo_, non già
di _sedici_ perchè avrebbesi dovuto dire _bis octo_, non già _bis et
octo_; ma _di ventotto_; poichè secondo la goffaggine di que' tempi,
al _mille_ aggiungendo i _trecento_, ed a questi, _due_ e poi altri
_otto_, fanno appunto questo numero di 1328.

I primi Capitoli del Re Roberto sono quelli che istromentati per
Bartolommeo di Capua cominciano dal terzo anno del suo Regno. Questi
sono il _Cap. Robertus etc. Ad quietem publicam_, sotto il titolo,
_Ut Comites, et Barones, etc._ stabilito nel terzo anno del Regno di
Roberto, dove nella vulgata edizione evvi errore; poichè in vece di
leggersi _A. D._ 1311, si legge 1326 che sarebbe non il terzo, ma
il diciottesimo anno del Regno di Roberto. Il _Cap. Robertus, etc.
Privilegia_, sotto il titolo, _De oblationibus, privilegio Clericorum,
etc._ Il _Cap. Robertus etc. Pro bono statu_, sotto il titolo, _De
exceptione excommunicationis_. Il _Cap. Importuna petentis_, sotto il
titolo, _De non creandis Judicibus in perpetuum_. Il _Cap. Robertus,
etc. Ne per exemptionis_, sotto il titolo, _Quod testes excommunicati
debent absolvi ad cautelam_, che oggi noi diciamo, _cum reincidentia_.
Il _Cap. eodem studio_, sotto il titolo, _Quod in causis criminalibus,
etc._ Il _Cap. Robertus, etc. Quia nulla legis_, sotto il titolo, _Quod
Justitiarius possit cognoscere de civilibus causis Ecclesiae, etc._
Il _Cap. Robertus, etc. Nolumus_, sotto il titolo, _Quod Barones,
vel Feuda tenentes, etc._ Il _Cap. Robertus, etc. Licet contra_,
sotto il titolo, _Quod receptatores pari poena puniri debent, qua et
malefactores_. Il _Cap. Statuimus_, sotto il titolo, _Quod liceat
specialibus personis, etc._ Il _Cap. Robertus, etc. Frequenter ex
abundanti_, sotto il titolo, _Confirmatio constitutionum per genitorem
Regis Roberti editarum_. Il _Cap. Juris censura_, sotto il titolo,
_Capitulum de arbitrio concesso Officialibus_, che siccome a proposito
notò _De Bottis_, fu dato per Bartolommeo di Capua nell'anno 1313.
Il _Cap. Robertus, etc. Si cum Sceleratis_, sotto la rubrica _Litera
arbitralis_, che porta la data del 1313, e l'anno quinto del Regno di
Roberto. Il celebre _Cap. Ad regale fastigium_, sotto il titolo, _Quod
Justitiarius possit cognoscere de gravaminibus illatis per Praelatos,
vel alias Ecclesiasticas personas_, istromentato per Bartolommeo
di Capua nell'anno 1314 nel sesto anno del Regno di Roberto, come
accuratamente e senz'errore notò ivi _De Bottis_. Il _Cap. Robertus,
etc. Inter belli discrimina_, sotto la rubrica, _Capitulum contra
exceptionem hosticam, etc._ che nell'edizione vulgata porta una data
scorrettissima, cioè dell'anno 1416 quando non pur Bartolommeo, ma
Roberto, anzi la sua nipote Giovanna ed il suo successore erano morti,
onde deve emendarsi e leggersi 1316. Il _Cap. Robertus, etc. Pridem,
per diversas_, che siegue sotto la medesima rubrica. Il _Cap. Robertus,
etc. Ad consultationem Magistri Justitiarii_, sotto il titolo, _Quod
accusatore desistente, Curia ex officio procedere potest_. Il _Cap.
Robertus, etc. Exercere volentes_, sotto il titolo, _De componendo_.
Il _Cap. Provisa Juris sanctio_, sotto il titolo, _Quod latrones,
disrobatores stratarum, et piratae omni tempore torqueri possint_. Il
_Cap. Robertus, etc. Quorundam expositio_, che si legge tra' Capitoli
del Re Carlo II sotto la rubrica, _Litera super Justitia retardata_.
Il _Cap. Robertus, etc. Ordinata justitia_, sotto il titolo, _Quod
Bajuli Judices exerceant officia, etc._ che fu fatto mentr'era vivo
Bartolommeo di Capua, giacchè sopra questo capitolo si leggono le sue
note. Il _Cap. Robertus, etc. Salubrem statum_, ovvero _Frequenter ex
abundanti_, sotto la rubrica, _Hoc capitulum est ad confirmationem
Capitulorum factorum per Regem Carolum_: ed il _Cap. Robertus, etc.
Alienationis actus_, sotto la rubrica, _Non est capitulum, sed litera
declarans juris ambiguitatem, etc._, istromentato pure per Bartolommeo
di Capua, _A. D._ 1326, _die_ 5 _Decemb._ 10 _indict. Regnor. nostr.
A._ 18.

Questi sono i _Capitoli_ stabiliti dal Re Roberto per tutto l'anno
1326, decimo ottavo del suo Regno, per mano di Bartolommeo di Capua
suo Gran Protonotario. Se ne leggono ancora alcuni altri del medesimo
Principe; ma poichè riguardano gl'interessi del suo regal patrimonio
furono perciò istromentati non dai Protonotarii, ma per li Maestri
Razionali, a' quali s'apparteneva la cura delle cose fiscali;
poichè, siccome notò assai a proposito Pier Vincenti nel Teatro
dei Protonotarii del Regno[447], tale era lo stile sempre praticato
eziandio da poi sotto il Regno degli Aragonesi. Questi sono il _Cap.
Robertus, etc. Novis morbis_, sotto il titolo, _De compilatione, et
compositione rationum Officialium_, istromentato in Napoli nel 1317,
nono anno del Regno di Roberto per li Maestri Razionali, come si legge
nella data: _Data Neap. Per Magistros Rationales Magnae Curiae nostrae,
A. D. 1317, die 20 Septembris, 1 indict. Regnorum nostrorum anno nono_.
Il _Cap. Robertus, etc. Fiscalium functionum_, sotto il titolo, _De
appretio, et modo faciendis in terris, et locis Regni_; che parimente
portano questa data: _Datum Neap. Per eosdem Magistros Rationales
Magnae Curiae, etc. A. D. 1333, die 7 Augusti, 1 indict. Regnorum
nostrorum anno vigesimo quinto_. Ed il celebre _Cap. Apud Fogiam_,
sotto il titolo, _Quid fiet mortuo Barone_.

Tutti li Capitoli, che poi leggiamo stabiliti da Roberto, si vedono
istromentati per _Giovanni Grillo_ da Salerno Viceprotonotario del
Regno, nelle date de' quali occorrono nell'edizione vulgata alcuni
errori. Morto Bartolommeo di Capua nell'anno 1328, ancorchè il Re
Roberto in vita del medesimo avesse innalzato al sommo onore di
Protonotario _Giacomo di Capua_ suo figliuolo con provvisione di 108
once d'oro l'anno, tanto che con esempio nuovo furono veduti in un
istesso tempo due Gran Protonotarii; nulladimanco essendo Giacomo
premorto al padre, estinto da poi Bartolommeo, carco di gloria
e d'anni, questo supremo Ufficio per molto tempo rimase vacante,
sin che nell'anno 1343 non fu provvisto nella persona di Ruggiero
Sanseverino[448]. Intanto veniva esercitato da' Viceprotonotarii, onde
dopo la morte di Bartolommeo, furono un dopo l'altro eletti Nicolò
Frezza, Andrea Comino e Giovanni Grillo da Salerno; di quest'ultimo si
veggono tutti i seguenti Capitoli del Re Roberto istromentati. I due
primi si leggono sotto il titolo, _De non procedendo ex officio, nisi
in certis casibus, et ad tempus_; e portano questa data: _Data Neap.
per Joan. Grillum de Salerno Juris civilis professorem, Vicesgerentem
Protonotarii Regni Siciliae A. D. 1328_ (come dee leggersi) _die
10 Feb. 12 Indic. Regn. nostrorum anno 20_. L'altro si legge sotto
il titolo, _De indebitatoribus victualium, et usuris_, che porta la
medesima data, come quello, che fu stabilito nel'istesso anno a' 24
del mese di luglio. Il quarto è il _Cap. Ut inter subiectos_, sotto il
titolo, _De prohibita portatione armorum_; istromentato per mano del
Viceprotonotario _Grillo_ nell'anno seguente, che fu il ventesimo primo
del Regno di Roberto; e deve emendarsi la data, che porta la vulgata
edizione, ed invece di _A. D._ 1300 deve leggersi, 1329.

Sieguono da poi tre editti pubblicati da Roberto nell'anno seguente
1330. I due primi nel mese di maggio, ed il terzo in giugno. Il primo è
sotto la rubrica: _De non componendo super receptatione bannitorum cum
Universitate, personisque singularibus_. Il secondo ha questo titolo:
_Tenor secundi edicti, de damnis emendandis per Universitatem_. Ed il
terzo sotto la rubrica: _Tenor tertii edicti, de familia Officialium
qualiter esse debent_. Portano questi editti le date giuste nell'anno
1330 ventesimosecondo anno del Regno di Roberto. Nel medesimo anno
furono stabiliti due altri Capitoli, che si leggono, il primo sotto il
titolo, _De non componendo super crimine capitali_, il secondo sotto
l'altro, _Quod possit Regis Curia in Terris non jurisdiction_is.

Nell'anno seguente 1331 fu da Roberto per mano del Viceprotonotario
_Grillo_ stabilito quel famoso capitolo, col quale si proibiva
l'estrazione de' carlini d'argento fuori del Regno, che si legge sotto
la rubrica: _De prohibita extractione carolenorum argenti de Regno_;
e deve emendarsi la data, ed in vece d'_A. D._ 1303 deve leggersi 1331
che fu il ventesimoterzo anno del Regno di Roberto.

Nel seguente anno 1332, fu pubblicato per mano del medesimo da Roberto
quell'altro famoso editto, col quale per dar rimedio a' frequenti e
scandalosi disordini, che in Napoli avvenivano per alcuni ribaldi, i
quali sotto pretesto di matrimonio rapivano dalle loro case le vergini,
avendo convocate le Piazze della città, proibì sotto severissime
pene delitti sì enormi, del quale non si dimenticò il Summonte nella
sua istoria, come quello, che contiene i cognomi di molti Nobili de'
Seggi di Capuana, Nido, Portanova, del Mercato, di Porto, di Somma
Piazza, di Salito, di Arco, e di S. Arcangelo. Si legge sotto la
rubrica: _Statutum contra Neapolitanos maleficos rapientes virgines sub
colore matrimonii_; e deve emendarsi la data, ed in vece di _Regnorum
nostrorum A._ 14. leggersi, _A._ 24.

Nel 1334 furono stabiliti due altri Capitoli; il primo in agosto,
ch'è sotto il titolo, _De non componendo in delictis corporaliter
puniendis_; ed il secondo in ottobre, fatto per dichiarazione del
medesimo, ch'e sotto la rubrica: _De declaratione constitutionis
prohibentis compositionem in criminalibus_. Ambedue nella vulgata
edizione portano giuste date, come quelle che esattamente notano l'anno
ventesimosesto del Regno di Roberto.

Nell'anno seguente 1335 furono dal Re Roberto per Giacomo _Grillo_ suo
Viceprotonotario emanati cinque famosi e celebri editti. Il primo in
gennaio di quest'anno, che si legge sotto il titolo, _De revocatione
occupatorum demanii regii ad ipsum demanium_, deve correggersi la data,
e leggersi: _Data Neap. per Jo. Grillum A. D. 1335 die 16 januar. 3
indict. Regnorum nostrorum anno 27_ non 26 come si legge nella vulgata.
Il secondo sotto il medesimo mese ed anno, ch'è sotto il titolo: _De
pecunia Fiscali non tenenda per Officiales post amotionem ab officio_:
dove parimente deve la data correggersi e leggersi: _Regnorum nostrorum
A. 27_. Il terzo si legge sotto la rubrica: _De non recipiendis
vassallis demanii in Terris Baronum_. Il quarto sotto il titolo: _Quod
Clerici conjugati solvant collectas regias_; ed il quinto sotto il
titolo, _Quod non extrahantur lignamina extra Regnum_.

Sieguono da poi que' famosi _Capitoli_, donde alla violenza degli
Ecclesiastici si dà riparo. Questi Capitoli, che volgarmente chiamiamo
_Rimedii_, ovvero _Conservatoriali_, sono quattro. Il primo fu
stabilito da Roberto in tempo che vivea il famoso Giureconsulto
Bartolommeo di Capua, e da lui come Protonotario del Regno
istromentato: comincia _Ad regale fastigium_, e fu da noi di sopra
notato. Sieguono ora i tre altri pubblicati appresso. Il secondo
comincia: _Charitatis affectus_, drizzato da Roberto a' Giustizieri
d'Apruzzo _ultra flumen Piscariae_, e si legge sotto la rubrica
_Conservatorium pro laico contra clericum_. Il terzo comincia: _Finis
praecepti charitas_, drizzato a' Giustizieri di Val di Crate e Terra
Giordana, e si legge sotto la rubrica: _Conservatorium pro clerico
contra clericum_. Ed il quarto, che fu indrizzato al Reggente della
Vicaria ed a' suoi Giudici, comincia: _Omnis praedatio_, e si legge
sotto il titolo, _De spoliatis pro laico contra clericum_. Di questi
Capitoli ci tornerà a noi occasione di diffusamente ragionare ne'
seguenti libri, quando del Regno e della giustizia e sapienza di
Roberto dovremo favellare; siccome delle _Quattro lettere arbitrarie_,
che parimente riconoscono per Autore questo Principe, e che fra questi
Capitoli l'abbiam semplicemente accennate.

Finalmente abbiamo di Roberto quell'altro suo famoso capitolo,
col quale si prende cura e pensiero della riforma dell'Accademia
napoletana; comincia: _Grande fuit_, e si legge sotto il titolo: _De
reformatione Studii Neapolitani, et interdicendo particulares Scholas
in utroque jure ubilibet infra Regnum_. Quell'altro capitolo che
comincia, _Pondus aequum_, e che comunemente viene attribuito alla
Regina Giovanna sua nipote, leggendosi sotto questa rubrica, _Litera
Reginae Joannae_, credette _De Bottis_, che sia pure del Re Roberto,
e testifica egli aver nel registro trovato concepito il principio del
medesimo in cotal guisa: _Robertus, etc. Justitiariis Principatus ultra
Serras Montorii praesentibus et futuris, etc._

Nè dobbiam tralasciare un altro editto di Roberto, col quale fu
proibito a' Chierici il portar armi, li quali, dopo essere stati
tre volte ammoniti, se non si emenderanno, ordinò che fossero loro
tolte. Non l'abbiamo tra questi Capitoli, ma sibbene tra le nostre
prammatiche[449]. E se ora vediamo il contrario praticarsi, è parte
abuso, parte perchè in processo di tempo fu accordata a' Vescovi la
famiglia armata, di che altrove ci tornerà occasione di ragionare.

Questi sono i cinquanta Capitoli del Re Roberto, che abbiamo impressi
nel corpo delle leggi del Regno, e che hanno presso di noi ne'
Tribunali della città e del Regno tutta l'autorità e tutto il vigore; e
tutto ciò che per le posteriori leggi non si trova corretto, o mandato
in disuso, dobbiamo inviolabilmente osservare.

Sieguono ora i Capitoli del Duca di Calabria suo figliuolo, che fece
mentre da suo padre gli fu dato il governo del Regno, creandolo suo
Generale Vicario.


§. V. _Capitoli di CARLO Duca di Calabria Vicario del Regno._

Re Roberto, convenendogli di portarsi ora in Provenza, ora in Fiorenza
o Genova, e sovente all'impresa di Sicilia, vedendo in Carlo suo
figliuolo risplendere molte virtù, e sopra tutto la religione, la
giustizia e la prudenza, quasi dall'adolescenza gli pose il governo di
tutto il Regno in mano, creandolo suo General Vicario; ed egli adempì
così bene, e con tanta lode e prudenza le sue parti, che il Re suo
padre ne vivea sommamente soddisfatto. Egli pose in maggiore splendore
e floridezza il Tribunale della Vicaria, creandovi per M. Giustiziere
Filippo Sanguineto con provvisione di 150 once d'oro l'anno, assegnando
ancora 90 once l'anno per istipendio di dieci uomini a cavallo e sedici
a piedi per guardia e per maggior decoro di questo Tribunale[450]. Ebbe
in costume ogni anno cavalcare per lo Regno per riconoscere le gravezze
che facevano i Baroni ed i Ministri del Re a' popoli. E per mezzo di
varii editti, che abbiamo inseriti tra' Capitoli del Re Roberto suo
padre, diede savio provvedimento a molte cose riguardanti il buon
governo del Regno e retta amministrazione della giustizia, della quale
fu egli amantissimo.

Il primo de' suoi Capitoli si legge contro i Baroni ed altri
recettatori di sbanditi e d'altri uomini facinorosi, che turbavano
la pace del Regno, imponendo loro pena di morte e della perdita de'
loro beni: fu questo drizzato al Giustiziere di Terra d'Otranto, ed
istromentato per Bartolommeo di Capua, di cui, sopra il medesimo,
abbiamo ancora alcune note, e porta la data, _apud Hospitale Montis
Virginis_, Santuario allora reso assai celebre in Terra di Lavoro per
la magnificenza e pietà de' Re angioini, dove sovente facevan dimora.

Il secondo, pure istromentato per Bartolommeo di Capua, è il celebre
_Cap. Ex praesumptuosae_, che leggiamo sotto la rubrica: _Quod
Feudatario decedente absque legitima prole, possessio Feudi usque ad
anni circulum in modum sequestri stet penes Fiscum_. L'Autore di questo
Capitolo fu Carlo II suo avo; ma poichè insino ad ora non era stato
pubblicato, Carlo suo nipote per mezzo di questo suo editto ordinò, che
quello si divulgasse, e che tenacemente si osservasse.

Sieguono tre altre sue Costituzioni dettate anche per Bartolommeo
di Capua riguardanti il tempo ed il modo di darsi il Sindacato degli
Ufficiali, che si leggono sotto la rubrica: _Quod tempus syndicationis
non labatur, donec acta sint compilata et assignata_.

Ne sieguono appresso quattro altre, la prima comincia: _Legem veterem
Digestorum_; la seconda: _Voluntas libera_; la terza: _In forma
sigilli_; e la quarta: _Accusatorum temeritas_; tutte istromentate per
Bartolommeo di Capua; e portano questa data: _Dat. Neap. per Bar. de
Capua. etc. A. D. 1324 die 8 febr. 7 indict. Regnorum Domini patris
nostri anno 15_.

Abbiamo un altro Capitolo di questo Duca tra quelli della Regina
Giovanna, stabilito per lo Vescovo di Chieti in una lite che tenea con
Roberto Morello, che comincia: _Carolus illustris_, etc. _Ne personarum
casu_, etc. Fu parimente dettato da Bartolommeo di Capua nel mese di
settembre dell'anno 1322.

Tra' riti della G. Corte della Vicaria si legge eziandio un altro
Capitolo di Carlo, che comincia: _Detestantes_, sotto la rubrica, _De
supplendis defectibus causarum_, drizzato a Giovanni de Aja, Reggente
della G. Corte, e porta questa data: _Dat. Neap. A. D. 1320 die 28
Decembris 3 indict. Regnorum dicti Domini patris nostri, anno 11_.

Pure fra' Capitoli del medesimo se ne legge uno istromentato per li
Maestri Razionali: si tratta in quello di cose fiscali attinenti al
regal patrimonio, come di falsa moneta, fu fatto contro coloro che
falsificavano i _gigliati_ ed i _carlini_, e per questa ragione nella
data non si legge il nome del Protonotario o Viceprotonotario, ma solo:
_Data per Magistros Rationales_. Comincia: _Carolus illustris, etc.
Jam saepe_, ed è sotto il titolo: _De demolientibus et falsantibus
Liliatos, Carolenos et incidentibus_.

(Questi _Gigliati_, de' quali il _Boccaccio_, come moneta d'argento del
Regno a' suoi tempi usitatissima, fa memoria, furono così chiamati da'
gigli ivi impressi, siccome vedesi nel libro delle Monete del Regno di
Napoli del _Vergara Tavola 10, n. 7, e Tavola 11, n. 5_, e ragguagliava
il lor valore a quello del carlino).

Questi sono i Capitoli, che ci lasciò questo savio e giusto Principe,
il quale essendo nell'anno 1328 premorto all'infelice padre; nè tenendo
Roberto altro maschio, a chi insieme col titolo di Duca di Calabria
avesse potuto conferire la carica di Vicario del Regno, riprese egli
il governo del medesimo; e come abbiam veduto, molti altri Capitoli
per mano del Viceprotonotario G. Grillo stabilì, insino che nel 1343
essendo morto senza maschi, lasciò il Regno a _Giovanna I._ sua nipote
figliuola di Carlo: origine, che fu di molti disordini e confusioni
nel Regno, tanto che così ella, come i suoi successori, regnando in
continue agitazioni e sempre in mezzo alle armi, non poterono pensare
alle leggi. Per questa cagione della Regina _Giovanna_ non abbiamo se
non che pochi suoi Capitoli, rifatti per gli Ufficiali, e buono stato
del Regno, non che intendesse per quegli stabilir cose nuove, come ella
stessa lo dice: _Condita sunt Capitula infrascripta modica, et quasi
nulla statuentia nova. Sed solum rememorantia, et reformantia jura
antiqua et Capitula, quae per abusum malorum Officialium minime fuerunt
observata modernis temporibus_[451]. E degli altri Re angioini suoi
successori, toltone quel celebre Capitolo di _Ladislao_, dove proibisce
a' Notari vassalli stipulare istromenti de' loro Baroni; ed un altro
della _Regina Isabella_ come Vicaria del Regno, lasciata dal Re Renato
suo marito, che si legge tra' Riti della G. Corte della Vicaria, non
abbiamo legge o costituzione alcuna.

Ecco di quali leggi si compone il volume, che ora noi chiamiamo de'
_Capitoli del Regno_; ecco i loro autori: _Carlo I_, _Carlo II_,
_Roberto_, _Carlo_ suo figliuolo, e _Giovanna_, uno di _Ladislao_, ed
un altro d'_Isabella_.

Sin da che furono pubblicati, ebbero chi con note, e chi finalmente con
pieni commentarii gl'illustrasse. Il primo fu _Bartolommeo da Capua_,
che vi fece alcune picciole note. _Giovanni Grillo_ da Salerno, anche
famoso Giureconsulto di que' tempi, che dopo la morte di Bartolommeo
fu Viceprotonotario del Regno. Il celebre _Andrea d'Isernia_ pur vi
fece alcune note. Nel Regno di Giovanna I. _Sebastiano Napodano_ e
_Nicolò da Napoli_; _Sergio Donnorso_, che fu M. Razionale della G.
Corte e Viceprotonotario[452], e _Luca di Penna_, anche vi notarono
alcune cose. Seguirono da poi a far il medesimo _Nicolò Superanzio_,
_Pietro Piccolo_ da Monforte, _Gio. Crispano_ Vescovo di Chieti,
_Fabio Giordano_, _Gio. Angelo Pisanello_, _Marc'Antonio Polverino_,
ed il Regio Consigliere _Giacopo Anello De Bottis_. Finalmente, per
tralasciarne alcuni che vi fecero picciolissime note di niun momento,
_Gio. Antonio De Nigris_ di Campagna, città posta nel Principato
citra, non ignobile Giureconsulto, negli ultimi tempi di Carlo V,
e propriamente nell'anno 1546 alle note di Bartolommeo di Capua, di
Sebastiano e Nicolò di Napoli, e di Luca di Penna, aggiunse i suoi più
diffusi commentarii.


  FINE DEL LIBRO VENTESIMO.



STORIA CIVILE DEL REGNO DI NAPOLI

LIBRO VENTESIMOPRIMO


La morte del Re Carlo I accaduta in Foggia nel cominciar del nuovo anno
1285 siccome fu opportuna al Re Pietro d'Aragona, non solo per averlo
stabilito nel Regno di Sicilia, ma anche per avergli tolto il pericolo
dì perdere i suoi paterni Regni, invasi da Filippo Re di Francia, così
fu acerba e lagrimevole al Regno di Puglia, ed al Principe Carlo suo
figliuolo: poichè rimase il Regno non solo esposto all'invasione di
Ruggiero di Loria, il quale avendo preso Cotrone e Catanzaro, ed alcuni
altri luoghi di quella provincia, minacciava le altre vicine regioni:
ma anche perchè si vide senza Re e senza governo, per la cattività
del Principe di Salerno, che dovea succedere al Regno, il quale era
ritenuto prigione in Spagna. Essendovi per tanto sol rimasa l'infelice
Principessa _Maria_ sua moglie, con _Carlo Martello_ primogenito del
Principe, che allora non avea più che tredici anni: il Pontefice
Martino per profittare dell'occasione, vi rimandò subito Gerardo
Cardinal di Parma Legato appostolico, perchè insieme colla Principessa
lo governasse. Ma Filippo Re di Francia dolorosissimo della morte
del Re suo zio, dubitando che la compagnia del Legato con una donna,
ed un fanciullo, non recasse pregiudizio alle supreme regalie del
Principe, vi spedì tosto Roberto Conte di Artois suo figliuolo[453],
perchè avesse cura della Casa regale, e prendesse egli il governo del
Regno. Contuttociò per lo bisogno, che s'avea allora del Pontefice,
e per l'accuratezza del Legato, non ne fu questi escluso; anzi seppe
far valer tanto la sua autorità, che fatto convocare in quest'istesso
anno un Parlamento in Melfi di molti Prelati e Baroni, stabilì
alcuni _Capitoli_[454] per lo buon governo del medesimo, per dovergli
conferire col Pontefice Martino, affinchè confermati da costui, si
fossero poi pubblicati, e fatti osservare nel Regno come sue leggi,
come diremo.

Intanto Re Pietro, vedendosi per la morte di Carlo, sicuro del Regno
di Sicilia andò subito colle forze siciliane ad opporsi in Aragona al
vittorioso Re di Francia, il quale avea già preso Perpignano, Girona e
molte altre terre di quel Regno, per acquistarlo a Carlo di Valois suo
figliuolo secondogenito, che n'avea avuto il titolo e l'investitura
dalla Chiesa romana; e benchè si trovasse con forze assai dispari,
per lo grandissimo ardir suo naturale, accresciuto dal favor della
fortuna sino a quel dì, volle attaccar la battaglia; ma rotto il suo
esercito, ed egli rimasto ferito, a gran pena ritirandosi, si salvò
a Villafranca, dove di là a pochi giorni, a' 6 ottobre di quest'anno
1285, trapassò. Re certo dignissimo di lode e di memoria eterna: poichè
con pochissime forze, coll'arte e con l'industria, solo difese da
due Re potentissimi, e da un Papa acerbissimo nemico, due Regni tanto
distanti l'uno dall'altro, trovandosi sempre pronto colla persona ove
il bisogno richiedeva che fosse. Di lui rimasero quattro figliuoli
maschi, _Alfonso_, _Giacomo_, _Federico_ e _Pietro_, e due femmine,
_Isabella_ e _Violante_. Ad _Alfonso_ lasciò il Regno d'Aragona, ed a
_Giacomo_ quel di Sicilia, con condizione, che se Alfonso moriva senza
figliuoli, Giacomo gli succedesse in quel Regno e nella Sicilia.

Certamente il Regno d'Aragona, per la morte di Re Pietro, sarebbe
venuto in mano de' Franzesi se non l'avesse salvato da una parte una
gravissima pestilenzia, che venne all'esercito del Re di Francia; e
dall'altra, la gran virtù di Ruggiero di Loria, il quale, fin dentro
il Porto di Roses, andò a bruciare l'armata franzese, dopo l'incendio
della quale fu costretto Re Filippo di ritirarsi a Perpignano, per aver
perduta la comodità delle vettovaglie, che gli somministrava l'armata;
ed infermato in Perpignano, passò di questa vita quest'anno a' 23 di
settembre, e gli succedè Filippo il Bello suo figliuolo.

Fu quest'anno anche lugubre, per la morte di Papa Martino, il quale a'
28 di marzo 1285[455] morì in Perugia, e tosto in suo luogo fu rifatto
_Onorio IV_ romano, della nobilissima famiglia Savelli.

Papa Onorio calcando l'orme del suo predecessore, ancorchè italiano,
fu tutto inteso a favorire la Casa d'Angiò, e nell'istesso tempo, per
mezzo del Legato Girardo fece provvedere a' bisogni del vedovo Regno;
e perchè il Conte d'Artois, il quale avendo intesa la morte del Re
Pietro, e che per testamento avea lasciati divisi i Regni, era entrato
in isperanza di ricovrar la Sicilia di mano del Re Giacomo, onde avea
tutti i suoi pensieri a quell'impresa rivolti; volle ancor Onorio
profittando dell'occasione intrigarsi nel governo civile del Regno,
ed a provvederlo di nuove leggi conformi alli desiderj de' Baroni, ed
universalmente di tutti i Regnicoli; ma più d'ogni altro a ristabilire
i privilegi ed immunità delle persone ecclesiastiche di quello. A
questo fine con una sua particolar Bolla spedita a' 17 settembre di
quest'anno 1285 confermò que' Capitoli, che Carlo Principe di Salerno
mentr'era Vicario del Regno statuì nel Piano di S. Martino; ma que'
soli che riguardavano l'immunità e privilegi degli Ecclesiastici, la
qual Bolla, esemplata dal suo originale, che si conserva nell'Archivio
della Trinità della Cava, si trova anche inserita da Ferdinando I
d'Aragona nelle nostre prammatiche, ed è tutto altra, come si disse, di
quella, della quale saremo ora a ragionare.



CAPITOLO I.

_De' Capitoli di Papa ONORIO IV, e qual uso ed autorità ebbero nel
Regno._


Chiunque considererà lo stato lagrimevole, nel quale per le avversità
del Re Carlo I, e per la prigionia del Principe suo figliuolo, erasi
ridotto questo Reame, non si maraviglierà come il Pontefice Onorio
abbia potuto innalzar tanto la sua autorità sopra il medesimo, sicchè a
suo arbitrio si vegga impor leggi non pure ai nostri Baroni e ad altri
Regnicoli, ma a' Regi stessi, trattandogli come suoi sudditi e veri
vassalli. Il bisogno che s'avea in questi tempi cotanto a loro avversi,
de' Pontefici romani, fece, che il Principe Carlo mentr'era Vicario
del Regno si ponesse sotto la protezione del Pontefice Martino, allora
vivente, al quale diede ampio potere di regolare il governo di quello,
e di rimettere a lui lo stabilimento, ed il modo intorno all'esazion
delle collette, e di ridurle conforme a' tempi del buon Re Guglielmo,
e di dar sesto alle gravezze de' suoi sudditi. Il Cardinal di Parma
fece dal canto suo quanto potè, ma non finì di perfezionare l'opera con
_Martino_, come fece poi col Pontefice _Onorio_, il quale pose mano non
solo a stabilir il modo di quest'esazione, ma diede molti regolamenti
intorno ad altre più gravi e rilevanti cose, alla succession feudale,
e sopra altri punti non appartenenti, che al supremo imperio del
Principe.

L'origine però di tali intraprese deve riportarsi più indietro, cioè a
quelle gravi e pesanti condizioni apposte nell'investitura, che Papa
Clemente IV fece del Regno a Carlo I. Questo Principe mentre durò la
sua prospera fortuna, non si curò molto d'osservarle, ed intorno alle
esazioni delle collette e delle altre sovvenzioni continuò, siccome
le ritrovò in tempo del Re Manfredi; anzi per essere un Principe
assai diligente in conservare le sue ragioni fiscali, mostrò maggior
acerbità, che gli altri suoi predecessori. Ma sopravvenute da poi le
disgrazie di Sicilia, allora il Principe di Salerno suo figliuolo per
acquistar benevolenza da' sudditi, in que' Capitoli stabiliti nel Piano
di S. Martino, ordinò che tal esazione dovesse ridursi conforme a'
tempi del buon Guglielmo; ma poichè non vi era chi di tal uso e modo
potesse render testimonianza, fu rimesso, come si disse, al Pontefice
Martino allora vivente, che dovesse stabilirlo con sentire i Sindici
delle città e delle terre, che l'informassero dello stato delle loro
Comunità.

Il Pontefice Martino per la morte accaduta del Re Carlo, e per la
prigionia del Principe di Salerno, rimandò subito il Cardinal di
Parma suo Legato in Napoli. Questi appena giunto, pensò prima d'ogni
altra cosa vantaggiare l'ordine ecclesiastico; onde fece convocare in
Melfi i Prelati del Regno, e nel dì 28 marzo dell'anno 1285 nel quarto
anno del Ponteficato di Martino stabilì alcuni Capitoli riguardanti
il favore della giurisdizione ed immunità ecclesiastica, che procurò
ampliare quanto più potesse[456]. E questi Capitoli nè da Onorio, nè
da _Martino_ furono confermati, perchè fatti dal Cardinal Gerardo nel
tempo istesso, che morì Martino; ond'è, che allegandosi alle volte
da Matteo d'Afflitto[457] si nominano _Capitoli di Gerardo_, come si
vede nella costituzione _praesente_, ove n'allega uno _ex Capitulis
Gerardi_, che comincia: _Capientes Ecclesiarum et locorum, etc._[458].
Questi _Capitoli di Gerardo_ è da credere, che nell'età d'Afflitto si
leggessero M. S. poichè non vi è notizia, che si fossero mai impressi,
e che poi di loro si fosse perduto ogni vestigio, come inutili: o tanto
più fecer quelli sparire i _Capitoli di Onorio_, per li quali fur dati
più accurati e numerosi regolamenti.

Ma essendo da poi sopraggiunto in Napoli il Conte d'Artois mandato
dal Re di Francia, perchè come Balio governasse egli la Casa ed il
Regno del Principe suo cugino: il Legato seppe far tanto, che non fu
escluso affatto dal governo, anzi la sua accortezza e più il bisogno,
che s'avea allora del Pontefice, fecero, che insieme colla Principessa
Maria ed il Conte lo governasse. Ma questi distratto dalle cose
militari, per la guerra che ardea allora per la ricuperazione della
Sicilia, non potè badar molto al governo civile e politico; onde morto
il Pontefice Martino, e rifatto _Onorio_ in suo luogo, si pose costui
colle istruzioni del Legato Gerardo a stabilire nuovi Capitoli, che
sono i veri _Capitoli di Papa Onorio_.

Nel che son da notare i vari errori, che presero i nostri Dottori
intorno all'Istoria di questi Capitoli, de' quali non fu nemmeno esente
l'istesso Reggente Moles[459], che con più accuratezza di tutti gli
altri ne scrisse; poichè e' credette, che il Conte d'Artois fosse stato
costituito Balio del Regno da Onorio, affinchè insieme col Cardinal
di Parma lo governasse, e che perciò questi Capitoli fossero stati
drizzati da Onorio così all'uno, come all'altro. Più gravi furono gli
errori del Reggente Gio. Francesco Marciano[460], il quale scrisse,
che il Principe di Salerno, mentr'era Vicario, mandasse a supplicare
il Pontefice Martino, che gli inviasse un Legato appostolico, perchè
riformasse lo stato del Regno, e lo riducesse, siccome era nel tempo
del Re Guglielmo, e che perciò gli mandasse il Cardinal di Parma;
quando tal riforma dovea farsi dove risedeva il Papa, ove perciò
avea il Principe comandato, che si mandassero i Sindici delle terre.
Questo Cardinale fu mandato prima in Sicilia per accorrere a quella
rivoluzione, e da poi portossi in Napoli. Ma dopo la prigionia del
Principe, ed il ritorno di Carlo I da Francia, il Cardinale erasi
portato dal Papa; e fu mandato dal Pontefice Martino di nuovo quando
intese la morte del Re Carlo, affinchè assumesse il governo del Regno;
ed allora avendo intese le querele de' Regnicoli intorno all'esazione
delle collette ed i desideri de' Baroni, perchè s'allargassero i gradi
della successione feudale; di tutto ciò ne fece con varie istruzioni
ed informazioni partecipe il Pontefice Martino, acciocchè vi dasse
rimedio, e gli mandò ancora que' Capitoli, che il Principe di Salerno
avea stabiliti nel Piano di S. Martino. Ma il Papa sopraggiunto dalla
morte, non potè far niente; onde rifatto in suo luogo Onorio, questi
trovandosi allora a Tivoli a' 17 di settembre di quest'anno 1285 con
una particolar sua Bolla confermò que' Capitoli fatti da Carlo nel
Piano di S. Martino, attenenti al favore dell'immunità ecclesiastica,
che, come si è detto, sta inserita nelle nostre prammatiche, e nel
medesimo dì stabilì questi nuovi Capitoli, li quali mandò al Cardinal
di Parma suo Legato, che sono i veri _Capitoli di Papa Onorio_;
perchè quelli confermati da lui nella Bolla, che si legge nelle nostre
prammatiche, non sono suoi, ma di Carlo Principe di Salerno.

I Capitoli, che dal Pontefice Onorio furono con tal occasione
stabiliti, furono molti, parte riguardanti il modo per l'esazione
delle collette, parte in favor dei Baroni, e parte in beneficio
universale del Regno; poichè intorno alla libertà e favore dell'Ordine
ecclesiastico avea egli provveduto a bastanza colla conferma, che fece
de' Capitoli del Principe di Salerno.

Intorno all'esazione delle collette, stabilì, che in quattro soli
casi fosse lecito al Re d'imporle a' suoi sudditi: ciò ch'eccedeva il
potere, che gli fu dato dal Principe di Salerno, il quale solamente
gli commise, che dovesse riformare, non stabilire i casi ove potesse
imporgli: i casi erano questi: I. Per difesa del Regno, se accadesse
esser quello invaso, ovvero se accaderà ribellione, o guerra civile
permanente, e non simulata. II. Se accaderà doversi riscattare la
persona del Re da mano de' nemici, ne' quali due casi stabilisce la
somma di 50 mila once d'oro. III. Quando accaderà, che il Re voglia
armarsi col cingolo militare, ovvero suo fratello, o alcuno de' suoi
figliuoli, nel che vuole, che l'esazione non trapassi la somma di 12
mila once. IV. Per maritar sua figliuola, o sorella, o alcuna delle
sue nipoti descendenti per linea retta: stabilendo la somma di 15 mila
once. Ed in tutti questi casi, che una sola volta l'anno, e non più
potessero imporsi, se non quando il bisogno, o altre circostanze da
conoscersi da lui, non ricercassero altrimenti.

Stabilì ancora molti altri Capitoli riguardanti la mutazione delle
monete, omicidi e furti, che debba il Re astenersi dall'alienazione de'
demaniali del Regno. Tolsegli ancora la facoltà contro i feudatarii,
che tengono feudi piani: che i matrimonj debbano esser liberi,
togliendo l'assenso del Re, che prima si ricercava in quegli de'
Baroni. Diede ancora molti altri provvedimenti intorno a' rilevi, adoe,
ed altri adiutorii da prestarsi da' Baroni al Re: ampliò la successione
feudale a beneficio de' Baroni: che il _jus Francorum_ abbia luogo
non meno nella successione de' figliuoli, che de' fratelli. Provvide
intorno all'elezione degli Ufficiali, e diede altri regolamenti sopra
diversi capi, che oltre di leggersi nella sua Bolla, possono vedersi
presso il Vescovo Liparulo[461], e Gio. Francesco Marciano[462].

Questi Capitoli, testifica il Reggente Moles[463], che furono
lungamente conservati nell'Archivio regio, ed allegati come leggi
da' nostri Professori. Il Reggente Marciano[464] anche attesta, che
un autentico transunto de' medesimi si conserva nell'Archivio della
Trinità della Cava insieme coll'original Bolla di Papa Onorio fatta
in confermazione de' Capitoli del Principe di Salerno nel Piano di
S. Martino; ed il Reggente Moles[465] dice da quell'Archivio averne
egli avuta una copia estratta da quella original Bolla[466]. E narra
Giovanni Francesco Marciano, che il Reggente Moles ed il Consigliere
Orazio Marchese, per aver copia così di detta Bolla, come de' suddetti
Capitoli, mandarono _Marcello Marciano_ suo padre, allora Avvocato,
in quel monastero per estrarla, come fece; e che que' due celebri
Giureconsulti a' suddetti Capitoli v'aveano fatto un pieno Commentario
per darlo alle stampe. Ma che essendosi mandato il libro in Casa del
Consigliere Gizzarello destinato alla revisione de' libri, essendo una
notte accaduto un incendio nella libreria di quel Consigliere, restò
quello bruciato con tutti gli altri libri. E così ciò, che in tanti
giorni, con tanti sudori e vigilie erasi fatto, una sola notte tolse ed
estinse.

Noi abbiamo avuta la sorte d'aver in mano un antico _Camerario_,
che fu di Marcello Marciano, dove evvi questa copia MS. ch'egli
estrasse dall'Archivio della Cava, la quale avendola noi riscontrata
coll'originale, che ivi si conserva, abbiam reputato farla qui
imprimere, essendo conforme a quella, che Rainaldo[467] impresse ne'
suoi Annali, ch'e' dice aver estratta dall'Archivio del Vaticano.


_Capitula Papae HONORII._

Honorius Episcopus Servus Servorum Dei ad perpetuam rei memoriam.
Justitia et pax complexae sunt se, ita societate indissolubili
societae tuentur, sic se comitatu individuo comitantur, ut una sine
altera plane non possit haberi, et qui laedit alterutram, pariter
offendant utramque. Hinc complexus earum graviter impeditur injuriis,
per eas etenim laesa Justitia, Pax turbatur, ipsaque turbata, facile
in guerrarum discrimina labitur. Quibus invalescentibus justitia
inefficax redditur, dum et debitum sortiri nequit effectum: sicque
ipsa sublata, nimirum pax, tollitur opus ejus, et ipsius fructus
subducitur seminandus in pace, ac proinde complexis deficientibus,
necessario deficit et complexus, in horum vero defectu licentia
laxata dissidiis multiplicantur bella, pericula subeunt, animarum, et
corporum crimina frequentantur. Nec rerum vastitas praeteritur. Haec
in praesidentium injuriosis processibus, et inductarum in subditos
oppressionum excessibus patent apertius, et evidentius ostenduntur.
In quorum multiplicatione sauciantur corda laesorum; et quantominus
datur opportunitas licite propulsandi, quae illicite inseruntur,
tanto rancor altius radicatur interius, et periculosius prorumpit
exterius opportunitate concessa. Fiunt enim plerumque hostes ex
subditis, transeunt auxilia securitatis in metum, munitiones in
formidinem convertuntur, nutant Regnantium Solia, redundant Regna
periculis intestinis, quatiuntur insidiis, extrinsecis insultibus
impetuntur audacius, et regnantes in eis, qui operantes justitiam
exaltationis gloriam merentur, humiliati propter injustitias frequenter
in opprobrium dejectionis incurrunt. In praemissis etsi scripturae
nos instruant, efficacius tamen notis docemur exemplis. Quantis enim
tempore, quo Friderici olim Romanorum Imperatoris propter illatas
Regnicolis afflictiones illicitas, et oppressiones indebitas in
Regno Siciliae non absque immensitate gravaminum inductas ab ipso,
Regnum ipsum tempestatibus fluctuarit; quot, et quantis rebellionibus
concussum extiterit, quot invasionibus attentatum, quantum per ipsum,
et posteros suos depauperatum opibus; quot incolarum exiliis, et
stragibus diminutum, nullum fere angulum Orbis latet; quam praecipiti
Fridericus idem, et genus ipsius ruina corruerunt probat notorius
casus ejus, et manifestum eorumdem exterminium posterorum. Verum
adeo Friderici ejusdem in dictis continuata, et aucta posteris, ac
in alios exemplari derivatione transfusa processit iniquitas, quod
per eum inventa gravamina usque ad haec tempora duravisse, nec non
et augumentata dicuntur aliqua eorundem, et adjecta nihilominus alia
non minora; propter quod nonnullorum supponit opinio, quod clarae
memoriae C. Regem Siciliae, quem prosecutionis dictorum gravaminum
eorumdem Friderici, et posterorum perniciosa exempla fecerunt saltem
permissione participem, dum opinaretur forsitan licita, quae ab
illis audiverat tam longis temporibus usurpata: reddiderunt etiam
praedictorum consequentium ad illa discriminum non prorsus expertem,
prout Siculorum rebellio multis onusta periculis, aliorumque ipsam
foventium persecutio manifestant non solum in ejusdem Regis, ac
haeredum suorum grave adeo excitatae discrimine, quod ipsis haeredibus,
nisi per nos celerius occurratur, praetactorum subductione gravaminum
instans perditionis totius dicti Regni periculum comminantur; sed et
in grande nostrorum, et Ecclesiae Romanae dispendium prorogatae: cum
sit per eas in Siciliae Insula, et in nonnullis aliis ejusdem Regni
partibus ipsarum incolis, nec nobis, nec Ecclesiae ipsi parentibus,
sed adhaerentibus potius inimicis, nostra, et ipsius Ecclesiae civilis
interversa possessio, et in caeterarum aliquibus turbata frequentius,
et turbetur. Ex quo datur patenter intelligi quantum in iis nostrum,
et Ecclesiae praefatae interesse versetur, quantumque ad nostrum
spectet officium, et haeredum ipsorum praecipue necessitas exigat, non
tantum praemissis obortis in eodem Regno, quod est ipsius Ecclesiae
speciale, tanquam ad jus, et proprietatem, ejus pertinens, dictisque
Regi, et haeredibus in feudum ab ipsa concessum obviare periculis. Sed
etiam ne similia oriantur in posterum, diligentem curam, et curiosam
diligentiam adhibere, praetacta gravamina eorundem periculorum, ut
veritati concurrat expressio manifestas occasiones et causas congruae
provisionis beneficio abrogando. Cum proprietatis Domino praedium,
in quo est jus alii constitutum pro eo, quod sua interest tueri
fines ipsius, custodire liceat, eo etiam cui jus debetur invito,
custodiae autem nomen id habeat, quod qui tenetur ad eam, non solum
id debeat, ut si casu viderit in re custodienda fieri quid adversum
prohibeat facientem, verum etiam ut curet dare operam, ne id fiat.
Multiplex itaque nos ratio interpellat, et exigit, illud in hujusmodi
gravaminibus, super quibus fama publica, et variae inquisitiones
per Venerabilem fratrem nostrum _Gerardum_ Sabinensem Episcopum
Apostolicae Sedis Legatum factae de speciali mandato Sedis ipsius, et
indagationes alias habitae nos informant, nostrae provisionis edicto
remedium adhiberi, per quod injustis submotis oneribus circa ea in
Regno praefato solidi stabilita justitia, Regium Solium firmet, pacis
tranquilla producat, sitque inibi publice tranquillitatis silentium
cultus ejus, et ipsa vinculum societatis humanae. Sic superiorem populo
sibi subjecto domesticet, eique ipsius populi corda consolidet, qui
superior insidiarum sollicitudine absolutus securitatis jucunditate
laetetur, populos pressuris indebitis liberatus in pacis pulcritudine
sedeat, et in requie opulenta quiescat, et in unanimitate ipsorum,
ac mutuo sinceritatis affectu ejusdem Regni statu roborato pacifico,
non sic, profligatis hostibus, qui foris exterreat, aut qui pacatis
incolarum ejusdem animis intus turbet; instantiae quoque praemissae
interpellationis non modicum adjicit, quod memorati Regis, dum viveret,
et dilecti filii nobilis viri C. sui primogeniti ex eo manifeste
percepimus ad id, quo vota concurrere, quod idem Rex super directione,
ordinatione, reformatione, seu quacumque alia dispositione collectarum,
exactionum, matrimoniorum, aut aliorum quorumlibet, quae gravamina
dicerentur, vel dici possent, tam circa Ecclesias, Monasteria, et alias
Ecclesiasticas personas, quam circa Communitates, et Universitates
Civitatem, Castrorum, et aliorum locorum, et etiam circa singulares
personas totius Regni praedicti, aut cujuslibet partis ejus, foelicis
recordationis _Martini_ Papae Quarti praedecessoris nostri directioni,
reformationi, dispositioni, et ordinationi se piene, ac libere, alte,
ac basse submisit, dans, et concedens eidem super iis plenam, et
liberam potestatem, ac promittens quicquid per eundem praedecessorem
ipso Rege, dictove primogenito tunc ejus Vicario in Regno eodem,
et aliis suis Officialibus requisitis, vel irrequisitis etiam actum
foret, se, ac haeredes suos ad hoc specialiter obligando inviolabiliter
observare suis super hoc patentibus literis praedecessori concessis
eidem, praemissa quoque in mortis articulo per alias suas similiter
patentes literas plenius repetens, et confirmans eidem praedecessori
per eas humiliter supplicavit; ut omnia onera fidelium Regni sui, et
quae gravamina dici possent, removere, tollere, et cassare, dictumque
Regnum prospere reformare, omniaque statuere, quae ad bonum statum
haeredum suorum, et fidelium eorundem expedire videret sua provisione
curaret, non obstante, si Regem ipsum tunc infirmitate graviter
laborantem naturalis debiti solutione contingeret praeveniri, sicut
praemissae ipsius Regis literae, quae per nos aliquos ex fratribus
nostris diligenter inspectae in Archivio ejusdem servantur Ecclesiae,
manifestius attestantur. Et tam idem Rex, quam dictus primogenitus
super tollendis aliquibus eorundem gravaminum constitutiones varias
edidisse dicuntur, et illae plenioris exequutione observationis
indigeant, non plene (ut intelleximus) hactenus observatae. Volentes
igitur, et illis robur Apostolicae confirmationis adjicere (ut inferius
exprimetur) et praetactum nostrum exequi, ac commode provisionis
adjectione propositum, infrascripta omnia prout substituta eorum
senes indicat, de Fratrum nostrorum consilio et assensu, ac potestatis
plenitudine providendo, a gravamine illo deliberavimus inchoandum, qui
majorem scandali materiam, et generalius ministrabat.

Ideoque ut omnino cesset in Regno eodem onerosa exactio collectarum,
praesenti edictali provisione, ac constitutione valitura perpetuo
prohibemus per Reges, qui pro tempore fuerint, seu pro eis Dominantes
in Regno praedicto, vel Ministros ipsorum collectas fieri, nisi tantum
in quatuor casibus infrascriptis.

Primus est, pro defensione terrae, si contingat invadi Regnum invasione
notabili, sive gravi, non procurata, non momentanea, seu transitura
facile, sed manente, aut si contingat in eodem Regno notabilis
rebellio, sive gravis, similiter non simulata, non procurata, non
momentanea, sive facile transitura, sed manens.

Secundus est, pro Regis persona redimenda de suis redditibus, et
collecta, si eam ab inimicis captivari contingat.

Tertius est, pro Militia sua, seu fratris sui consanguinei, et
uterini, vel saltem consanguinei, sive alicujus ex liberis suis, cum se
hujusmodi fratrem suum, vel aliquem ex eisdem liberis militari cingulo
decorabit.

Quartus est, pro maritanda sorore simili conjunctione sibi conjuncta,
vel aliqua ex filiabus, aut neptibus suis, seu qualibet alia de
genere suo ab eo per rectam lineum descendente, quam, et quando
eam ipse dotabit. In praedictis enim casibus (prout qualitas tunc
imminentis casus exigeret) licebit Regi collectam imponere, ac exigere
a subjectis, dum tamen pro defensione, invasione, seu rebellione
praedictis, aut ipsius Domini redemptione, quinquaginta millium,
pro militia duodecim millium, pro maritaggio vero quindecim millium
unciarum auri summam collectae universalis totius Regni ejusdem, tam
ultra Farum, quam citra, quantitas non excedat. Nec concurrentibus
etiam aliquibus ex praedictis casibus, collecta in uno, et eodem anno,
nisi una tantummodo imponatur.

Sicut autem collectae quantitatum praedictas summas in suis casibus
limitatas excedere, ut praemittitur prohibemus, sic nec permittimus
indistincte ad ipsas extendi, sed tunc tamen, cum casus instantis
qualitas id exposcit, et ut in praedictis etiam casibus possit Rex,
qui pro tempore fuerit eo vitare commodius gravamina subditorum, quo
uberiores fuerint redditus, et obventiones ipsius, eum a demaniorum
donatione volumus abstinere, id sibi consultius suadentes.

Simili quoque prohibitione subjicimus mutationem monetae frequentem,
apertius providentes, quod cuilibet Regi Siciliae liceat semel tantum
in vita sua novam facere cudi monetam, legalem tamen, et tenutae,
secundum consilium Peritorum in talis competentis, sicut in Regnis
illis obsevatur, in quibus est usus legalium monetarum, quodque usualis
moneta sit valoris exigui, et talis quod in eodem valore sit apta
manere toto tempore vitae Regis, cujus mandato cudetur, nec pro ea,
vel aliqua magna moneta, quam idem Rex semel tantum in vita sua fecerit
expendenda, fiat collecta, vel distributio, sed campsoribus, et aliis
mercatoribus volentibus eam sponte recipere tribuatur; et hoc ita
praecipimus temporibus observari.

In homicidiis clandestinis providendo praecipimus, nihil ultra poenam
inferius annotatam ab Universitatibus exigendum, videlicet, ut pro
Christiano, quem clandestine occisum inveniri continget, ultra centum
augustales. Pro Judaco vero, vel Saraceno, ultra quinquaginta nil
penitus exigatur. Augumento, qui circa eandem poenam idem Rex dicitur
induxisse omnino sublato: praesertim cum memorati Rex, et Primogenitus
dicantur idem per suas constitutiones noviter statuisse, quas quoad
hoc decernimus inviolabiliter observandas, et haec intelligi tantum
pro homicidiis vere clandestinis, in quibus ignoratur maleficus, nec
aliquis accusator apparet. Adjicientes, quod nonnisi tantum in locis
magnis, et populosis exigi possit quantitas supradicta, in aliis vero
infra quantitatem eandem pro qualitate locorum exactio temperetur.

Eidem provisioni adjiciendo praecipimus, Universitates ad emendationem
furtorum, quae per singulares personas contingit fieri, nullatenus
compellendas.

Nec ad mutuandum Regi aut Curiae suae, aut Officialibus, vel Ministris
ipsorum, aut recipiendum aliquatenus Regiae massariae custodiam,
sive onus, seu possessionum regalium procurationem, aut gabellae, vel
navium, seu quorumcumque vassellorum fabricandorum curam, quicumque
cogendum invitum: usurpationibus, quae contrarium inducebant penitus
abrogatis, maxime cum dicti Rex, et Primogenitus ad relevanda, non
tamen plene gravamina in praemissis inducta, Constitutiones varias
promulgasse dicantur.

Concedimus autem, ut si casus emergat, in quo sit necessarium,
naves, vel alia vassella pro utilitate publica fabricari, liceat
tunc Regnanti committere eorum fabricationis hujusmodi expensis Regis
faciendae personis idoneis, videlicet hujus rei peritiam habentibus,
et quos officium tale decet, et ipsis satisfiat pro susceptione curae
praedictae de competenti mercede, et idem servari praecipimus in
faciendo biscotto.

Ad Captivorum custodiam, Universitates, vel singulares earum personae
nullatenus compellantur, praesertim cum hoc ipsum dicatur ejusdem Regis
constitutione provisum, quod praecipimus inviolabiliter observari.

Gravamen, quod in pecunia destinando Regi, vel Regali Camerae, seu
ad loca quaecumque alia Universitatis alicujus expensis per aliquas
personas ejusdem Universitatis periculo eligendas inferri dicti
Regni Universitatibus dicebatur, provisione simili prohibemus ipsis
Universitatibus, vel singularibus personis earum de caetero irrogari,
maxime cum dicatur idem quoad Universitates dicti primogeniti
prohibitoria constitutione provisum, quam in hac parte decernimus
inviolabiliter observandam.

Illud, quod in eodem Regno dicitur usurpatum, videlicet, quod
Incolae ipsius Regni ad reparanda Castra, et construenda in eis,
expensis propriis nova aedificia cogebantur, emendatione congrua
corrigentes providendo praecipimus, ut nil ultra expensas necessarias
ad reparationem illorum antiquorum Castrorum, quae consueverunt
hactenus incolarum sumptibus reparati, et aedificiorum, quae in
hujusmodi Castris fuerant ab antiquo, ab eisdem incolis peti possit,
et constitutio, quam circa hoc idem Primogenitus edidisse dicitur,
in hujusmodi antiquis Castris, et Aedificiis solummodo intelligenda
servetur. Antiqua vero Castra intelligi decernimus in hoc casu, quorum
constructio annorum quinquaginta jam tempus excessit.

Circa personas accusatas, quae in eodem Regno injuste capi dicebantur,
si etiam idoneos fidejussores offerrent, licet dictus Rex aliquid
statuisse dicatur ad gravamen hujusmodi temperandum: Nos tamen, ut
nulla super hoc querela supersit, providendo praecipimus jura civilia
observanda, et eadem observari jubemus.

Circa destitutionem possessorum Comitum, Baronum, et quorumlibet
aliorum, qui per Regalem Curiam, et Officiales ipsius, ac alios
alienigenas feuda tenentes in Regno suis possessionibus, si quando
Curia, Officiales, vel alienigenae praedicti jus habere praetendebant,
in illis spoliari, sive destitui dicebantur, et de possessoribus effici
petitores, nullo Juris ordine observato, nec non et cum aliquis dicitur
invenisse thesaurum, et etiam cum quis apud eandem Curiam pro alio
fidejussit, ita quod nec aliquis suae destituatur possessionis commodo,
vel spolietur, aut destituatur eadem, nec quod illum, qui defertur,
aut convincitur de intentione thesauri, nec quoad fidejussores Curiae
datos, aliter quam eadem jura statuunt, procedatur.

Regibus futuris pro tempore in Regno praedicto, et memoratis incolis,
qui de inordinata passuum ejusdem Regni custodia querebantur se
immoderate gravari, similiter de passu providentes eidem custodiae
moderamen competens adhimebus, videlicet, quod tempore impacato, seu
imminente turbatione aut verisimili turbationis suspicione, et contra
ipsum Regem, aut dictum Regnum, seu in Regno eodem Rex facere possit,
passus eosdem ad evitandum pericula custodire. Tempore vero pacifico
incolis Regni habitantibus in eodem ac aliis non suspectis liber sit
ex eo exitus, et ingressus in illud, ita tamen, quod equi ad arma nullo
tempore sine Regis licentia extrahantur exinde ad vendendum.

Victualia vero quaelibet de suis possessionibus, vel massariis, seu
oves, boves, et alia animalia humano competentia usui, de gregiis
propriis, armentis, vel redditibus habita extra Regnum, dum tamen non
ad inimicos eorundem Regis, aut Regni, unusquisque libere mittat, etiam
ad vendendum, nisi sterilitas, aut praetactae turbationis instantia,
seu verisimilis suspicio suadeat, circa missionem hujusmodi per
Regem ejus temporis aliud ordinandum. Si vero praedicta victualia,
vel animalia ex negotiationis commercio habeantur etiam fertilitatis
tempore absque Regnantis licentia extra Regnum mittere vel ex ipso
extrahere non liceat sic habenti. In omnibus praemissis missionis, seu
extractionis casibus, jure, quodcumque Regi competit, per omnia semper
salvo. Infra Regnum vero etiam per mare liceat cuilibet.

Ecclesiasticae, saecularive personae frumentum, et alia blada, nec non
et legumina de propriis terris, massariis, atque redditibus habita,
sine jure exiturae, Fundici, seu Dohanae in loco, in quo victualia
recipiantur, vel deponantur praestando, de uno loco deferre, seu facere
deferri ad alium, a Rege, seu ipsius Officialibus licentia non petita.
Emptitia vero jure exiturae, ac Fundici non soluto, sed alio si quod
Regi debetur, dummodo emptitiorum delatio de Portu licita, ad similem
Portum, et cum barcis parvis centum solummodo salmarum, vel infra
capacium tantum fiat et deferentes, seu deferri facientes praemissa
emptitia, dent particulari Portulano loci, in quo fiet oneratio
eorundem, fidejussoriam cautionem, quod literas testimoniales de
ipsorum victualium, et leguminum extractione a simili Portulano loci,
in quo exoneratio ipsa fiet habeant infra certum terminum pro locorum
distantia praefigendum, et haec omnia perpetuo praecipimus observari.

Abusum contra naufragos, ut fertur, inductum in eo, quod bona,
quae naufragium evadebant, capiebantur per Curiam, nec ipsis
naufragis reddebantur, ejusdem provisionis oraculo penitus abolemus,
praecipientes bona hujusmodi illis restitui, ad quos spectant.

Querelam gravem hominum Regni ejusdem super eo nobis exhibitam
per Curiales stipendiarii Regii, et alii regalem Curiam sequentes
in civitatibus, et locis, ad quae cum dicta Curia, vel sine ipsos
declinare contigit domos Civitatis, seu locorum eorundem pro suo
arbitrio Dominis intrabant invitis, et interdum ejectis eisque
in altilibus animalibus, et aliis bonis eorum, et quandoque horum
occasione in personis ipsorum graves injurias inferebant, sopire
competentis provisionis remedio cupientes, prohibemus, ne aliquis
Curialis stipendiarius, vel alius sequens Curiam memoratam, domum, vel
hospitium aliquod capere, sive intrare propria authoritate praesumat,
sed per duos, aut tres, aut plures, prout Civitatis, aut loci magnitudo
poposcerit per eandem Curiam, et totidem a locorum incolis electos,
authoritate tamen Regia deputandos, hospitia memoratis Curialibus,
stipendiariis, et aliis assignentur. Iidem autem Curiales, stipendiarii
et alii nulla bona suorum hospitum capiant, nec in illis, aut in
personis eorum ipsis aliquam injuriam inserant, nec ipsorum aliquis
pro eo, quod sibi hospitium fuerit aliquando taliter assignatum, si
cum aliis ad eundem locum cum Curia, vel sine Curia venire contingat,
si jus hospitandi vendicet in eodem, aut ipsum intrare audeat, nisi
fuerit sibi simili modo iterum assignatum. Hujusmodi autem hospitia
taliter assignata, praefati Rex, et illi de domo, et familia sua gratis
semper obtineant; Reliqui vero, sive stipendiarii, sive quicumque alii
per unum mensem solum, si tanto tempore in eodem loco contingat Curiam
residere, si vero ultra resederit, vel ipsos stipendiarios, aut alios
ad aliqua loca sine Curia venire contingeret, satisfaciant Dominis
hospitiorum, seu ipsorum actoribus de salario competenti per deputatos,
ut praemittitur, moderando.

Similiter prohibemus, ne in locis, in quibus vina, et victualia possunt
venalia reperiri, quisque ea per Regalem Curiam, aut Curiales, seu
per quoscumque Ministros ipsorum, vel quoscumque alios invitus vendere
compellatur nec aliqua bona nolentibus vendere, auferantur, nec eorum
vegetes consignentur, etsi de facto fuerint consignatae, signa eis
imposita liceat Dominis authoritate propria removere, praesertim cum
praefatus Rex hoc ipsum de remotione hujusmodi statuisse dicatur; si
vero in loco, ad quem Curiam, Curiales, et alios praedictos declinare
contingit, talia venalia non habentur, abundantes in illis per aliquem,
vel aliquos ad hoc a Regali Curia, et totidem a locorum incolis
electos, authoritate tamen Regia deputandos omnia hujusmodi, quae
habent ultra necessaria suis, et familiarum suarum usibus, non solum
Curiae, sed Curialibus, et aliis eam sequentibus cogantur vendere
pretio competenti per deputatos, ut praemittitur, moderando.

In matrimoniis, in quibus volentibus ea contrahere varia impedimenta
contrahendi adimentia libertatem per Regem; et suos ingeri dicebantur,
Apostolicae provisionis beneficium deliberavimus adhibendum; ideo
provisione irrefragabili prohibentes Regnicolis Regni habitatoribus,
matrimonium inter se contrahere volentibus per Regem, vel suos
Officiales, aut alios quoslibet inhibitionis, seu cujuslibet alterius
obicem impedimenti praestari, declaramus, et declarando praecipimus,
libera esse matrimonia inter eos, ita quod bona mobilia, vel immobilia,
feudalia, vel non feudalia, libere sibi mutuo dare possunt in dotem,
nec iidem Regnicolae Regni ut praemittitur, habitatores ejusdem super
matrimonio inter se contrahendo, aut in dotem dando bona quaelibet,
licentiam petere teneantur, nec pro eo quod matrimonium esset cum bonis
quibuslibet, aut dote quantacumque contractum fuerit a Rege licentia
non petita contrahentibus, aut alterutri eorundem, vel Parentibus,
Consanguineis, sive amicis ipsorum in personis, aut rebus impedimentum,
dispendium, aut gravamen aliquod irrogetur, nulla in praemissis
constitutione, vel consuetudine contraria de caetero valitura.

Providendo praecipimus, ut si quando in Regno praedicto contra certam
personam fuerit inquisitio facienda, nisi ea praesente, vel se per
contumaciam absentante, non fiat, si vero praesens fuerit, exhibeantur
sibi capitula, super quibus fuerit inquirendum, ut sit ei defensionis
copia, et facultas; simili provisione praecipimus, ut pro generalibus
inquisitionibus, nihil, vel sub compositionis colore, vel alias ab
Universitatibus exigatur, sed si procedendum fuerit, juste procedatur
ex eis, praesertim cum dictus Rex C. hoc idem statuisse dicatur.

Hujusmodi praecepto adjicimus: ut quoties inter Fiscum, et privatum
causam moveri contingit, non solum in examinando jura partium, sed
ad difinitivam sententiam juste ferendam, sive pro privato, sive
pro Fisco, nec non ad ipsius exequutionem nulla in hoc difficultate
ingerenda per Fiscum efficaciter procedatur, itaque nec in praedicto
examine, nec in prolatione vel exequutione sententiae injustam moram,
vel aliam injuriam patiatur per Fisci potentiam justitia privatorum.

Providendo districtius, inhibemus forestas per Regem aut Magnates
suae Curiae, vel Officiales, seu quoscumque Ministros in Terris fieri
privatorum, vel aliquarum forestarum occasione per Regiam Curiam
Magistros, vel Custodes forestarum ipsarum aliquem in cultura Terrarum
suarum, seu etiam perceptione fructuum impediri, sive ipsis propter
hoc damnum aliquod vel iniuriam irrogari; factas vero de novo forestas
hujusmodi omnino praecipimus amoveri.

Omnes Ecclesiasticae, secularesve personae Regni Siciliae libere suis
salinis utantur, et praesentis provisionis oraculo prohibemus, ne
illis, per Regem, Officiales, aut quoscumque Ministros ipsius usus, aut
exercitium interdicatur earum, neve quisque prohibeatur sal de salinis
ipsis proveniens emere ab eisdem.

Abusiones Castellanorum, per quos homines dicti Regni ad portandum eis
paleas, ligna, et res alias etiam sine pretio cogebantur inviti, et
iidem Castellani de rebus quae circa, seu per Castra eadem portabantur
pedagia exigebant, praesentis provisionis beneficio prohibemus.

Ejusdem provisionis edicto praecipimus, ut pro literis regiis, et
sigillo nihil ultra ipsius Regni antiquam consuetudinem exigatur,
videlicet, ut pro literis justitiae nihil omnino, pro literis vero
gratiae, in qua non est Feudi, vel Terrae concessio, nihil ultra
quatuor tarenos auri ab impetrante solvatur, nulla in praemissis
distinctione habita inter clausas literas, et apertas.

Pro literis autem super concessione Feudi, vel Terrae confectis, nec
non et pro privilegiis aliis pro concessionis seu privilegii qualitate,
aut benevolentia concedentis Curiae satisfiat; dum tamen summam decem
unciarum pro quolibet concesso feudo integra satisfactio non excedat,
sed nec praetextu sigilli regii justitiae, sive gratiae literis in
aliquo casuum praedictorum impressi, vel appensi forsitan impetrans
ultra quam praemittitur, solvere compellatur.

Animalia deputata molendinis, quae centimuli vulgariter nuncupantur,
per regalem Curiam, vel officiales, aut Ministros ipsius, eamve
sequentes, stipendiarios, vel quoscumque alios nullo modo ad aliquod
eorum ministerium Dominis capiantur invitis, nec alia etiam, sed pro
competenti pretio, de quo conventum fuerit inter partes, a volentibus
conducantur, et haec ita de coetero praecipimus observari, maxime cum
ipse Rex statuisse dicatur, quod Justitiarii, et subofficiales eorum,
ac stipendiarii, et subofficiales non capiant animalia deputata ad
Centimulos, sed cum est necesse, inveniantur alia habilia ad vecturam,
et loerium conveniens tribuatur, etsi contrafecerint, restitutis
animalibus cum toto damno eorum Dominis, poenae nomine, et pro qualibet
vice, et quolibet animali solvant Curiae unciam unum auri; praemissam
quoque constitutionem dicti Regis, similiter observari praecipimus.

De creatione Officialium praesertim extraneorum, qui propter
ignorantiam status Regni et favorem, qui eis a Regali Curia
praestabatur subjectos impune gravabant; consulte suggerimus, quod Rex
creare studeat Officiales idoneos, qui subjectos injuste non gravent.

Super eo, quod Regnicolae querebantur, videlicet, quoti eis gravatis
pro relevationis obtinendo remedio ad Regem aditus non patebat,
suademus per Regem taliter provideri, quod querelae subditorum ad eum
valeant libere pervenire.

Prohibemus, ne quisque pro animali silvestri extra defensam, vel
limites defensae invento sine aliqua invenientis impulsione, arte, vel
fraude, aliquatenus puniatur, etiamsi illud capiat, vel occidat.

Nullus Comes, Baro, vel alius in Regno praedicto de caetero compellatur
ad terridas, vel alia quaecum que vassella propriis sumptibus facienda.
Per hoc autem juri Regio in lignaminibus et marinariis, vel alio
servitio vassellorum, quae a quibusdam Universitatibus, et locis aliis,
sive personis singularibus dicti Regni deberi dicuntur, nolumus in
aliquo derogari.

Si contingeret Baronem aliquem mori, filio, vel filia superstitibus,
aetatis, quae debeat cura balii gubernari, providendo praecipimus, quod
Rex alicui de consanguineis ejus balium concedat ipsius, et quod ad hoc
inter consanguineos proximior, si fuerit idoneus, praeferatur.

Si aliquem feudum a Rege tenentem in capite, vel etiam subfeudatarium
nullo haerede legitimo per lineam descendentem, sed fratre, aut ejus
liberis superstitibus, mori contingat, si decedentis feudum ab aliquo
ex parentibus sibi, et fratri communibus pervenerat ad defunctum,
idem frater, aut ex liberis suis usque ad Trinepotem, ille qui tempore
mortis supererit defuncto proximior in feudo succedat, habiturus illud
cum onere servitii consueti.

Ad successionem feudi omnibus Personis feudatario, aut subfeudatario
defuncto simili gradu conjunctis eodem ordine admittendis.

In successione vero praemissa inter feudatarios, et subfeudatarios
viventes in Regno jure Francorum sexus, et primogeniturae praerogativa
servetur, ut inter duos eodem gradu feudatario conjunctos foeminam
masculus, et juniorem major natu praecedat, sive sint masculi,
sive foeminae concurrentes, nisi forsan duabus concurrentibus
esset primogenita maritata, et junior remanserit in capillo, tunc
enim junior, quae in capillo remanserit primogenitae maritatae in
successione hujusmodi praeferatur. Sed si nulla remanente in capillo,
duae, vel plures fuerint maritatae, majori natu jus primogeniturae
servetur, ut alias in dicta successione procedatur.

Si vero feudum, de quo agitur, non ab aliquo parentum processerat,
sed inceperat a Defuncto, tunc solus defuncti frater in eo succedat,
nisi lex concessionis in praemissis aliud induxisset, et haec ita de
caetero praecipimus observari, qualibet contraria consuetudine, vel
constitutione cessante.

Nullus subfeudatarius pro feudo, quod ab aliquo feudatario Regis tenet,
compellatur ipsi Regi servire, sed si aliquod aliud feudum ab ipso Rege
tenet in capite, pro eo sibi serviat, ut tenetur.

Si contingat, subfeudatarium crimen committere, propter quod publicanda
fuerint bona ejus, aut ipsum sine legitimis haeredibus fati munus
implere, si feudum ejus fuerit quaternatum, nihilominus immediatus
Dominus illud cum onere servitii consueti personae concedat idoneae
Regi postmodum praesentandae, ut ejus super hoc habeatur assensus.
Si vero quaternatum non fuerit, sic ad eundem immediatum Dominum
revertatur, ut ipsum hujusmodi personae pro sua voluntate concedat, nec
eam Regi praesentare, aut ejus super hoc requirere teneatur assensum;
iis ita deinceps ex nostro praecepto servandis, constitutione, vel
consuetudine contraria non obstante.

Vassalli Baronum per Curiam, vel Officiales ipsius ad aliqua privata
officia non cogantur, etsi ea voluntarii subeant ratione debiti ex
hujusmodi officii receptione, vel gestione contracti, vel delicti
forsan in ea commissi Baronibus eorum Dominis in bonis Vassallorum
ipsorum, vel aliis praejudicium nullum fiat.

In Terris Ecclesiarum, Comitum et Baronum Regni praedicti Magistros
Juratos poni de caetero prohibemus, et positos exinde praecipimus
amoveri.

Ad novas communantias Vassalli Baronum, vel aliorum ire non
compellantur inviti, sed nec vuluntarii admittantur si sint
adscriptitiae, similisve fortunae, vel ratione personae, non rerum
tantum personalibus servitiis obligati. Si vero ratione rerum
tantummodo servitiis hujusmodi teneantur, et ad easdem communantias
transire voluerint, res ipsas Dominis suis sine contradictione
dimittant.

Barones, vel alii extra Regnum, nec servire personaliter, nec
addohamenta praestare cogantur. In casibus quoque, in quibus intra
Regnum servire, vel addohamenta praestare tenentur, servitia exhibeant,
et addohamenta praestant antiquitus consueta, videlicet, ut vel tribus
mensibus personaliter serviant cum numero militum debitorum, vel
pro singulis militibus, ad quos tenentur pro quolibet trium mensium
praedictorum tres uncias, et dimidiam auri solvant, et haec ita de
caetero inconcusse de nostro praecepto observentur.

Caeterum, ut contra pericula, quae sicut praetactum est, propter
gravamina illata subditis excitata creduntur, ne (quod absit) recidant
in tanto periculosius residuum, quanto recidenti solet esse deterius,
qui cadenti eo magis sit regnantibus in Regno praedicto securitas,
quominus erit libera eadem gravamina irrogandi facultas, provisioni
praemissae subjungimus ad perpetuum sui roboris fulgimentum, quod si
ventum fuerit in aliquo contra eam, licitum sit Universitatibus, et
gravato cuilibet libere ad Apostolicam Sedem habere pro sua querela
exponenda, et obtinenda illati gravaminis emendatione reversum.
Adjicientes inter illa, in quibus contra provisionem eandem fieri
contingeret congrua distinctione delectum, videlicet, ut si ea
fuerint, quae per ipsam prohibitorie, vel praeceptorie sunt provisa,
et principaliter factum regnantis respiciunt, nec solet absque ipsius
authoritate praesumi, ut est collectarum impositio, monetae mutatio,
matrimoniorum prohibitio, vel impedimentum aliud eorundem, nisi Rex
ejus temporis illa infra decem dies revocaverit per se ipsum, eo ipso
Capella sua Ecclesiastico sit supposita interdicto, duraturo solum,
quousque gravamen fuerit revocatum. In reliquis vero prohibitoriis
et specialiter, si Universitas, singularisve persona gravata, volens
propterea recurrere ad Sedem eandem, per Officiales regios, seu
quoscumque Ministros, vel quoslibet alios fuerit impedita, vel ipsos
aut alios pro eis exinde damnum passum, nisi satisfactione laesis
praestita, impedimentum infra mensem postquam ipse Rex sciverit,
revocetur, ex tunc sit Capello eadem similiter interdicta. In quolibet
autem casuum praedictorum, si Regnans interdictum hujusmodi per
duos menses substinuerit animo contumaci, ab inde loca omnia, ad
quae ipsum, uxorem, et filios suos declinare continget, donec ipsi
praesentes fuerint, simili interdicto subjaceant, etsi deinde per sex
menses interdicta hujusmodi substinuerit animo indurato, exinde sit
excommunicationis sententia innodatus, quam si per alios menses sex
contumacia obstinata substineat, ex tunc subditi ad mandatum Sedis
ejusdem ipsis propterea faciendum in nullo sibi obediant, quamdiu
in hujusmodi obstinatione persistet. Ad majorem quoque provisionis
hujusmodi firmitatem eidem specialiter adjicimus, quod quilibet Rex
Siciliae, quando juramentum fidelitatis, et homagii praestabit Summo
Pontifici, solemniter eidem, et Ecclesiae Romanae pro se, ac suis
haeredibus in Regno sibi successuris eodem, promittere teneantur, qui
provisionem praesentem in omnibus, et per omnia, quantum in eis erit,
observabunt inviolabiliter, et facient ab aliis observari, nec contra
eam, vel aliquam partem ipsius per se, vel per alium quoquomodo aliquid
attentabunt, et super hoc tam ipse, quam quilibet eorundem successorum
dent ipsi Pontifici, et Ecclesiae suas patentes literas sui pendentis
sigilli munimine roboratas, licet autem praemissae provisionis verba
gravamina certa respiciunt, de quibus ad nos querela pervenit, Reges
tamen, qui continuanda temporum, et successionum perpetuitate regnabunt
in Regno praedicto, non propterea existiment gravandi alios subditos
arbitrium sibi fore concessum; sed sciant potius se debere ipsos in
bono statu tenere ab omnibus illicitis exactionibus, et indebitis
eorum oneribus per se, ac alios abstinendo. Sane, si quod in eadem
provisione, vel aliquo ejus articulo dubium non tam sollicitatur, quam
rationabilem dubitationem continens oriri contingat, interpretationem
dubii hujusmodi nobis, quamquam etiam de jure competat, reservamus
expresse. Decernimus ergo, ut nulli omnino hominum liceat hanc
paginam nostram provisionis, constitutionis, inhibitionis, praecepti,
declarationis, abolitionis, et abrogationis infringere, vel ei ausu
temerario contraire, si quis autem hoc attentare praesumpserit,
indignationem Omnipotentis Dei, et Beatorum Petri et Pauli Apostolorum
ejus se noverit incursurum.

   [Illustrazione: _Ego HONORIUS Cath. Eccles. Episcopus._]

  ✠ Ego Ordonius Tusculanus Episcopus subscripsi.
  ✠ Ego Fr. Benevenga Albanensis Episcopus subscripsi.
  ✠ Ego Fr. Latinus Ostiensis et Velletrensis Episcopus
    subscripsi.
  ✠ Ego Fr. Hieronymus Prenestinensis Episcopus subscripsi.
  ✠ Ego Bernardus Portuensis et S. Ruffinae Episcopus
    subscripsi.
  ✠ Ego Ancherus tit. S. Praxedis Praesbyter Cardinalis
    subscripsi.
  ✠ Ego Hugo tit. S. Laurentii in Lucina Praesbyter Cardinalis
    subscripsi.
  ✠ Ego Gervasius tit. S. Martini Praesbyter Cardinalis
    subscripsi.
  ✠ Ego Gaufridus tit. S. Susannae Praesbyter Cardinalis
    subscripsi.
  ✠ Ego Gomes tit. SS. Marcellini et Petri Praesbyter
    Cardinalis subscripsi.
  ✠ Ego Gottifredus S. Georgii ad Velum aureum Diaconus
    Cardinalis subscripsi.
  ✠ Ego Jordanus S. Eustachii Diaconus Cardinalis subscripsi.
  ✠ Ego Jacobus S. Mariae in via lata Diaconus Cardinalis
    subscripsi.
  ✠ Ego Benedictus S. Nicolai in Carcere Tulliano Diaconus
    Cardinalis subscripsi.

    Datum Tibure per manum Magistri Petri de Mediolano S. R. E.
    Vicecancellarii, quintodecimo Kalendas Octobris, Indictione 14
    Incarnationis Dominicae anno millesimo ducentesimo octuagesimo
    quinto, Pontificatus vero D. Honorii Papae IV. Anno I.

Praesens copia Capitulorum Papae Honorii sumpta est a transumpto
existente in Archivio Monasterii Sanctissimae Trinitatis Cavae, me
procurante, cum ad Monasterium praedictum ad hoc accessissem ordine
Regentis Annibalis Moles, et Consiliarii Horatii Marchesii. Et in eodem
Archivio similiter adest transumptum Confirmationis factae ab eodem
Pontifice eodem die Capitulorum editorum per Carolum II tunc Vicarium
Caroli I in hoc Regno, quorum copiam similiter habeo ad pennam; sed
haec Capitula Caroli II cum Confirmatione Pontificis sunt impressa
cum Pragmaticis in _tit. De Clericis, Pragm. 2_ sine die; et eadem
originalia Capitula Caroli II pariter impressa sunt cum aliis Capitulis
Regni in _tit. de Privileg. et Immunit. Eccl._

                                               _Marcellus Marcianus._


Evvi gran contrasto fra' nostri scrittori, se mai questa Bolla fosse
stata ricevuta nel Regno, ed avesse avuta in quello forza o autorità
alcuna di legge. Furon mossi alcuni a dubitarne dal vedere, che i
nostri Professori, come Andrea d'Isernia, Angelo, Baldo, Luca di Penna,
Paris de Puteo, Aretino, Soccino, Afflitto, Capece, Loffredo, Camerario
e tanti altri, sovente nelle loro opere allegano i Capitoli in quella
contenuti. Ma niuno quanto Rainaldo[468] ne' suoi Annali ecclesiastici
si sforza in grazia de' Romani Pontefici di mostrare, ch'ella nel Regno
avesse avuto tutto il vigore ed osservanza. E certamente mentre durò
la prigionia del Principe Carlo, non meno il Cardinal di Parma, che il
Conte d'Artois la fecero valere nel Regno, leggendosi, che il Pontefice
Onorio inviandola al Cardinale, con suo particolar Breve, l'incaricò,
che l'avesse fatta osservare; e presso questo medesimo Scrittore si
leggono due lettere del Conte d'Artois, una dirizzata da Foggia al
Giustiziero di Basilicata, e l'altra spedita da Barletta a' 22 ottobre
dell'anno 1288 e dirizzata a' Prefetti della Puglia, per le quali
loro s'impone, che avessero fatti osservare i Capitoli del Pontefice
stabiliti _super statu et regime Regni_; tanto che poi per non irritare
i Pontefici con mostrarne disprezzo, s'introdusse nelle lettere, che
si spedivano agli Ufficiali, come per formola, di soggiungervi anche,
che osservassero e facessero osservare le Costituzioni e Capitoli del
Regno, ed anche quelli per la Sede Appostolica stabiliti.

Ma sprigionato che fu il Principe Carlo, ed incoronato Re da Niccolò
IV successor d'Onorio, essendo egli ritornato in Napoli nel 1289
conoscendo di quanto pregiudizio fosse la Bolla d'Onorio alle sue
ragioni e preminenze Regali, ancorchè per non disgustar quel Pontefice
cotanto suo benefattore, non gli paresse di espressamente rivocarla,
non permise però, che avesse nel suo Regno vigore alcuno. E scrive
_Pietro Piccolo_[469] da Monteforte, antico e famoso Dottore de' suoi
tempi, che Carlo II per riverenza, che bisognava allora avere di quel
Pontefice, l'avesse richiesto, che si contentasse di sospenderla, e che
Papa Niccolò l'avesse già sospesa; ed ancorchè Rainaldo restringa la
sospensione solamente in quanto alle pene in quella minacciate, non già
in tutto il resto; con tutto ciò si vede dalle cose seguite, che non
ebbe esecuzione alcuna; poichè non solo per le pene, ma per molti altri
capi non fu osservata, nè ricevuta. In fatti Carlo II stesso volendo
con nuove leggi (tornato che fu in Napoli) riformar lo stato del
Regno, ne stabilì molte, e confermò solo quelli Capitoli, ch'egli avea
stabiliti nel Piano di S. Martino[470]; ma di questi di Papa Onorio,
come pregiudizialissimi alle supreme regalie della sua Corona, non ne
fece motto; anzi si videro nel suo Regno medesimo contrarii effetti
di ciò, che quel Pontefice avea stabilito. Non ostante la proibizione
d'alienare i beni demaniali, fu sempre in balìa del Re di donargli;
anzi Andrea d'Isernia non potè non confessare, che Papa Onorio non
poteva ciò proibire a' nostri Re. L'istesso Andrea Compilatore dei
Riti della regia Camera ci testifica, che ancorchè Onorio in questa sua
Bolla[471] avesse stabilito, che ciascuno potesse liberamente valersi
delle sue saline, e vendere ad altri il sale procedente da quelle; con
tutto ciò si osservava quel che Federico II avea disposto, e non quel
che Onorio volle. Parimente niente fu osservato intorno all'esazione
delle Collette in quelli quattro casi da Onorio permessi; e tutti i
nostri Autori attestano, che tanto prima, quanto dopo il Re Alfonso
I fu sempre in arbitrio e balìa del Re d'imporle in ogni caso, quando
conosceva il bisogno dello Stato.

Nè la succession feudale fu alterata, ma intorno a ciò furono osservati
i Capitoli del Regno e le grazie concedute poi da' nostri Baroni. Nè
furon ricevuti quelli d'Onorio, se non in alcuni casi, dove l'equità
e la ragione v'avea luogo, e quando si stimavano ragionevoli. Quindi
l'istesso Andrea d'Isernia disse: _Quod illa non servantur, nisi
quatenus sunt rationabilia_; onde chiamò questi Capitoli _Oratoriali_,
perchè non aveano presso di noi forza alcuna di legge; ma alcuni erano
osservati più per forza d'equità e di ragione, che di legge.

Sebastiano Napodano credette, che questi Capitoli perderon tutta la
forza nel tempo del Re Roberto, nella quale opinione par che inclini
Rainaldo, dicendo che per non esser stati poi osservati accaddero
quelle miserie e calamità, delle quali si duole il Summonte[472]; ma
dalle cose di sopra dette, ben si conosce, che molto tempo prima di
Roberto, nel Regno stesso di Carlo II non furono osservati.

Per questa cagione avvenne ancora, che i Compilatori de' _Capitoli del
Regno_ gli esclusero da quella compilazione, e solo quelli fatti dal
Principe Carlo nel Piano di S. Martino vi posero, insieme con gli altri
Capitoli di tutti i Re angioini. Così ancora quando il Re Giacomo di
Sicilia ordinò per quel Regno i suoi Capitoli, volendo concedere a'
Siciliani ciò, che avea conceduto a' nostri Regnicoli si valse d'alcuni
di questi; e perchè avessero in quell'isola forza di legge, bisognò,
che tra' suoi Capitoli gl'inserisse, come fece del _Cap. si aliquem_,
del _Cap. de Collectis_, _De frequenti mutatione monetarum, cap. 10._
_De matrim. libere contr. cap. 32_ e simili: ond'è, che _Cumia_, che
commentò que' Capitoli, disse parlando del _Cap. si aliquem,_ che
quello non s'osservava nel Regno di Napoli, ma sì bene in Sicilia per
ordinamento di quel Re. E quindi prudentemente fece il Reggente Tappia,
che nella compilazione delle leggi del Regno, ne escluse affatto questi
Capitoli, come quelli, che non ebbero in esso forza alcuna di legge.

Si vide perciò ancora, che a tempo degli _Aragonesi_, eretto che fu
il Tribunal Supremo del S. C. quando erano allegati dagli Avvocati,
testifica il Reggente Moles, che non si decise mai causa in vigor di
questi Capitoli; per la qual cosa non possiamo non maravigliarci del
Reggente di Ponte, che a torto vien reputato per uno de' maggiori
sostenitori della regal giurisdizione, il quale nel suo trattato, _De
potestate Proregis_[473], non s'arrossì di dire, che più tosto per
_desuetudine_, che perchè non avessero avuta forza di legge, questi
Capitoli non fossero osservati: soggiungendo in oltre, che Papa Onorio,
come diretto padrone del Regno, con volontà di Carlo II utile Signore
di quello, avesse potuto stabilir leggi nel Regno.

Termina in fine Rainaldo[474] il suo discorso, con un ricordo, che dà
a' Principi, insinuando loro di essere ubbidienti alle leggi de' Sommi
Pontefici, qualora si pongono a riformar i loro Stati, ponendo loro
avanti gli occhi quest'esempio, che siccome per essere stati violati
questi Capitoli, accaddero, al suo credere, nel nostro Regno tante
calamità e miserie; così devono essi essere ossequiosi e riverenti alle
leggi de' Pontefici, se non vorranno vedere i loro Regni dissoluti,
ed andare in desolazione e ruina. Terminiamo perciò ancor noi questo
discorso con un altro consimil ricordo a' Principi, di guardarsi molto
bene a commettere la cura ed il governo de' loro Stati ad altri, che a
se stessi ed ai loro più fedeli Ministri; poichè se o per riverenza, o
per bisogno vorranno farci intrigare i Pontefici, ancorchè si cominci
per poco, essi poi per la propria esquisita diligenza, quel che prima
era consiglio o divozione, lo mutano in autorità e dominio, e fanno sì,
che da Padri divengono Signori, ed essi da figliuoli divengono servi;
e chiarissimo documento sarà loro, quel che a' tempi de' Normanni,
e molto più nel Regno degli Angioini è accaduto al Regno nostro, nel
quale i Pontefici Romani vi pretesero esercitare assai più ampio ed
indipendente imperio, che non osarono i nostri medesimi Principi; e non
pur sopra i nostri Baroni e Regnicoli, ma sopra i Regi stessi osarono
stendere la loro alta ed imperiosa mano.



CAPITOLO II.

_Negoziati fatti in Inghilterra, e ad Oleron in Bearn, per la
scarcerazione del Principe CARLO; sua incoronazione e tregua fatta col
Re GIACOMO di Sicilia._


Mentre ardea la guerra in Sicilia ed in Calabria, tra il Conte d'Artois
ed il Re Giacomo, che s'avea già fatto incoronar Re in Palermo: il
Principe di Salerno, considerando, che per mezzo della guerra le cose
doveano andar in lungo, desideroso della libertà, e di ritornare al
Regno paterno, mandò a sollecitare la Principessa sua moglie, che
mandasse Ambasciadori a Papa Onorio e ad Odoardo Re d'Inghilterra,
pregandogli, che volessero trattare la libertà sua col Re Alfonso.
Odoardo con molta amorevolezza e diligenza cominciò a trattarla, prima
per mezzo d'Ambasciadori, e poi con la sua propria persona, essendo
andato fino ad Oleron in Bearn a trovare Alfonso, dove il Papa vi
mandò ancora un Legato appostolico. Negli Atti d'Inghilterra fatti
a' tempi nostri stampare dalla Regina Anna, si leggono molti atti e
lettere riguardanti le negoziazioni d'Odoardo per la libertà di questo
Principe, ed i principali sono gli articoli, sui quali Odoardo convenne
ad Oleron col Re di Aragona. Gli articoli e condizioni, dopo molte
discussioni accordati, furono questi.

Che prima, che il Principe uscisse da' confini del Regno d'Aragona,
facesse consegnare per ostaggi tre suoi figliuoli, Luigi secondogenito,
che fu poi Vescovo di Tolosa, e dapoi santificato: Roberto terzogenito
Duca di Calabria, che fu poi Re: e Giovanni ottavogenito, che fu poi
Principe della Morea; e sessanta altri Cavalieri provenzali ad elezione
del Re di Aragona.

Che pagasse trentamila marche d'argento.

Che proccurasse, che il Re di Francia facesse tregua per tre anni, e
che Carlo di Valois fratello del Re, ch'era stato da Papa Martino IV
investito del Regno d'Aragona e di Valenza, cedesse ad Alfonso tutte le
ragioni, e restituisse tutte quelle Terre, che Filippo suo padre prese
nel Contado di Rosciglione e di Ceritania, ch'ancora si tenevano per
lui.

Che quando il Principe mancasse d'eseguire tutte le convenzioni
suddette, fosse obbligato fra il termine d'un anno di tornare in
carcere.

Che lasciasse il Regno di Sicilia al Re Giacomo, con dargli per moglie
Bianca sua figliuola.

Giovanni Villani e molti altri Autori italiani non fanno menzione
alcuna di questi articoli di pace convenuti in Oleron; ma, oltre
Costanzo, gli Atti d'Inghilterra[475] ove sono impressi, chiariscono
questo passo d'Istoria.

Mentre queste cose si trattavano ad Oleron, accadde nel mese di aprile
dell'anno 1287 la morte del Papa Onorio, e dopo un anno, fu in suo
luogo rifatto un Frate Francescano, che si fece chiamare _Niccolò IV_.
Questi benchè fosse nativo d'Ascoli della Marca, non si lasciò vincere
da niuno de' Pontefici franzesi nelle dimostrazioni d'amorevolezza
ed affezione verso il Principe Carlo e della sua Casa: poichè avendo
saputo, che con tanto vantaggio del Re Alfonso e del Re Giacomo s'erano
accordati questi articoli, per li quali si vedea che Alfonso troppo
cara volesse vender la libertà a quel Principe, disapprovò tutto il
trattato, e diede fuori una sua Bolla, che si legge negli suddetti Atti
d'Inghilterra[476], colla quale biasima questi articoli: e mandò in
Aragona gli Arcivescovi di Ravenna e di Monreale con un Breve, in virtù
del quale, come Legali Appostolici, richiesero il Re Alfonso, che sotto
pena di censura dovesse liberare il Principe, e desistere d'aiutare Re
Giacomo occupatore di quell'isola e ribello di S. Chiesa[477].

Il Re d'Inghilterra, che per la bontà sua amava il Principe, che gli
era cugino, e desiderava estremamente liberarlo, s'impegnò assai più,
vedendo che il Papa non avea approvato il fatto, ed andò di nuovo
a trovare il Re d'Aragona, col quale travagliò molto per ridurre
quelle condizioni a patti più tollerabili. Alfonso per non escludere
il Re d'Inghilterra, ch'era venuto infino a casa a ritrovarlo, e dar
qualche soddisfazione al Papa, confermò i medesimi primi articoli, ad
esclusione dell'ultimo, non facendosi menzione alcuna nè di Re Giacomo,
nè del regno di Sicilia.

Restò pertanto contento di pigliarsi gli ostaggi suddetti, le
trentamila marche d'argento e la promessa, ch'il Principe condurrebbe
ad effetto la pace con il Re di Francia, e la cessione di Carlo
di Valois, con la condizione di tornar nella sua prigione, se non
eseguisse il trattato. Il Re d'Inghilterra ne assicurò anche il Re
d'Aragona; e con queste condizioni fu il Principe liberato.

Carlo vedutosi libero con tali condizioni, sì per l'amore che portava
a' figliuoli, ch'erano rimasti per ostaggi, come per essere di sua
natura Principe lealissimo, andò subito alla Corte dei Re di Francia,
dove benchè fosse ricevuto con tutte le dimostrazioni d'amorevolezza e
d'onore, nel trattar poi, che s'adempissero le condizioni della pace,
trovò difficoltà grandissima; poichè il Re riservava ogni cosa alla
volontà del fratello, il quale trovandosi senza Signoria, non potea
contentarsi di lasciare la speranza di due Regni, e la possessione di
quelle terre, che 'l padre avea acquistate nella guerra di Perpignano:
tal che vedendo travagliarsi in vano, si parti, e venne a Provenza,
dove ricevè grandissimi onori, e passò da poi in Italia, e fu molto ben
ricevuto dalle città Guelfe, e massimamente da' Fiorentini, e venne poi
a Rieti[478], ove trovò il Papa Niccolò, dal quale nella maggior Chiesa
di questa città con approvazione di tutto il Collegio fu nel giorno di
Pentecoste a' 29 maggio di quest'anno 1289 coronato, ed unto per mano
dell'istesso Pontefice Re dell'una e l'altra Sicilia: in memoria della
qual celebrità, a' 22 giugno del suddetto anno, donò Re Carlo alla
Chiesa suddetta 20 once d'oro l'anno in perpetuo sopra l'entrate Regie
della città di Sulmona[479].

Passò poi in Napoli dopo essere stato ricevuto da tutti i luoghi del
Regno con plauso e letizia incredibile, per la liberalità e benignità,
che avea mostrata in vita del padre, il quale nelle cose di pace avea
fatto sempre governar il Regno da lui, e fattolo suo Vicario, quando
era egli assente. E quivi fermato, cominciò in questo medesimo anno,
con nuove sue leggi a riformare lo stato di quello, che durante la sua
prigionia, per quella mistura di nuovo governo, avea sofferto alquanto
d'alterazione, stabilendo que' _Capitoli_, de' quali nel precedente
libro si fece parola.

Il Re Giacomo, vedendo il Re d'Aragona suo fratello involto in tante
guerre, avea mandato a dirgli, che attendesse all'utilità sua,
conchiudendo nel miglior modo che potesse la pace, senza parlar
delle cose di Sicilia, la quale egli si fidava di mantenere col
proprio valore; quando poi vide, che il nuovo Pontefice con troppo
affetto tenea le parti del Re Carlo, e che l'investitura datagli
conteneva non meno l'una, che l'altra Sicilia, fu pentito di non aver
proccurato d'esser compreso nella pace: onde pensò, per prevenire e
non aspettare la guerra in Sicilia, di moverne egli una in Calabria,
ove fu con pari ardire e valore combattuto; ma non essendo riuscita
con molta felicità al Re Giacomo questa spedizione, volse altrove
la sua armata, e giunto alle marine di Gaeta, assediò quella città,
la quale soccorsa immantenente dal Re Carlo, restò egli molto più
strettamente assediato, che non stava Gaeta; ma la sua buona fortuna
volle, che in que' dì giungessero nel Campo del Re Carlo Ambasciadori
del Re d'Inghilterra e del Re d'Aragona a trattare la pace; e benchè
tutti quelli del Consiglio del Re Carlo l'abborrissero, nulladimanco
fu tanta la diligenza dell'Ambasciador aragonese, e tanto calde le
persuasioni dell'Inglese, che 'l Re Carlo, contra il voto di tutti i
suoi, gli concedette tregua per due anni, non ostante, che il Conte
d'Artois ad alta voce gli avesse detto, che quella tregua l'avrebbe
cacciata in tutto la speranza di ricovrare mai più il Regno di Sicilia.
Re Carlo con lui e con gli altri del suo Consiglio si scusava, che
non potea fare altrimenti per l'obbligo ch'avea al Re d'Inghilterra,
il quale tanto amorevolmente avea proccurata la sua liberazione, e
pigliata fatica d'andar fino in Ispagna, e che all'incontro egli non
avea potuto attendere quel, che avea promesso di fare, che il Re di
Francia si pacificasse co 'l Re d'Aragona, e di far cedere le ragioni
da Carlo di Valois, il qual teneva dal Papa l'investitura di que'
Regni. Così conchiusa, che fu la pace, il Conte d'Artois e gli altri
Signori franzesi, ch'erano stati cinque anni alla tutela del Regno e
de' Figliuoli del Re Carlo, si partirono da lui sdegnati, giudicandolo
inabile a fare alcuna opera gloriosa. Dall'altra parte lieto Re Giacomo
d'aver passato il pericolo, fece vela per Sicilia. E Carlo dopo aver
fatti franchi per dieci anni d'ogni gravezza i Gaetani, i quali s'erano
portati in quell'assedio con grandissimo valore, a Napoli fece ritorno.



CAPITOLO III.

_Coronazione di CARLO MARTELLO in Re d'Ungheria. Pace conchiusa tra
il Re CARLO, ed il Re d'Aragona; ed incoronazione di FEDERICO in Re di
Sicilia._


Tornato che fu a Napoli Carlo, trovò quivi gli Ambasciadori del
Regno d'Ungheria, che vennero a richiederlo, che mandasse a pigliar
la possessione di quel Regno, che per legittima successione toccava
alla Regina Maria sua moglie, essendo morto il Re Ladislao di lei
fratello senza aver lasciati figliuoli, che fossero più prossimi in
grado. Re Carlo ricevuti gli Ambasciadori con dimostrazione di onore,
rispose loro, che vi avrebbe egli tosto mandato _Carlo Martello_ suo
figliuolo primogenito, al quale la Regina Maria sua madre avrebbe
cedute le ragioni di quel Regno; di che rimasi ben contenti, Carlo
mandò a chieder il Papa, che volesse mandar un Prelato per suo Legato a
Napoli a coronarlo. Egli ciò fece non per altro, che per aver occasione
con tale celebrità di rallegrar Napoli, e 'l Regno con una festa
notabile dopo tanti travagli, non perchè credesse, che la coronazione
fosse necessaria per mantenersi le ragioni ch'avea, o d'acquistarne
di nuovo, perocchè sapeva molto bene che secondo il costume di quel
Regno bisognava coronarsi un'altra volta in _Visgrado_, con la corona
antica di quel Regno, che ivi si conserva, per essere tenuto Re
legittimo da que' Popoli[480]. Papa Niccolò imitando l'esempio de' suoi
predecessori, che niente curando, se hanno potestà di fare, o di non
fare, ricercati si mettevano ad ogni cosa, per l'opinione, che tengono
ancora di poter tutto, mandò tosto in Napoli un Legato, il quale
coll'intervento di più Arcivescovi e Vescovi lo incoronò Re d'Ungheria.
Fu celebrata quest'incoronazione in Napoli a' 8 settembre di quest'anno
1290 nella quale anche v'intervennero gli Ambasciadori del Re di
Francia, e di tutti i Principi d'Italia, tra' quali i Fiorentini
comparvero con maggior pompa di tutti gli altri. Le feste, le giostre
e gli altri spettacoli furono grandissimi; ma rilusse sopra d'ogni
altra cosa la beneficenza e liberalità del Re; il quale prima che si
coronasse Carlo Martello suo figliuolo, volle armarlo Cavaliere; ed
appresso a lui, diede il cingolo militare a più di 300 altri Cavalieri
di Napoli, e di tutte le province del Regno. Donò alla città di Napoli
le immunità di tutti i pagamenti, e lasciò anche parte de' medesimi
a tutte quelle terre, ch'aveano sofferto qualche danno dall'armata
siciliana. Poi si voltò ad ordinar al Re suo figliuolo una regal Corte,
ponendogli appresso Consiglieri savii, e per la persona sua servidori
amorevoli, e gran numero di Galuppi, e di Paggi nobilissimi.

Ma mentre in Napoli si facevano queste feste, alcuni Baroni del
Regno d'Ungheria aveano chiamato per Re un _Andrea_ parente per
linea trasversale del Re morto, e l'aveano fatto dare ubbidienza da
molte terre di quel Regno. Per la qual cosa Re Carlo differì mandare
il figliuolo in Ungheria, e si trattenne in Napoli per alcuni anni
appresso, avendolo lasciato il padre suo Vicario, mentr'egli tornò di
nuovo in Francia; ed intanto per mandarlo con qualche favore, in virtù
del quale potesse contrastare e vincere l'occupator di quel Regno,
ed emolo suo, mandò Giacomo Galeota Arcivescovo di Bari Ambasciadore
a Ridolfo I d'Austria Imperadore, per trattar il matrimonio d'una
figliuola di costui col Re Carlo Martello; ed essendosi quello
felicemente conchiuso, partì poi da Napoli con grandissima compagnia
di Baroni e di Cavalieri, e andò in Germania a celebrare le nozze, e
di là passò poi in Ungheria; e benchè conducesse seco molte forze, non
però ebbe tutto il Regno, perchè mentre Andrea suo avversario visse,
sempre ne tenne occupata una parte; pur da' suoi partigiani fu accolto
con pompa regale e con grandissima amorevolezza; e que' Napoletani, che
l'accompagnarono, riferirono gran cose a Carlo dell'opulenza di quel
Regno.

Ma intanto questa felicità del Re Carlo di veder la sucessione di un
tanto Regno in persona di suo figliuolo, era turbata da' continui
messi, che per parte d'Odoardo Re d'Inghilterra si mandavano a lui
per sollecitarlo all'adempimento della pace fatta col Re d'Aragona,
il quale nell'istesso tempo si doleva con Odoardo, che avendo posto in
libertà il Principe di Salerno colla sicurezza che egli aveagli data,
di far rimovere il Re di Francia dall'impresa de' suoi Regni, ora
più che mai era premuto da quel Re. E negli Atti d'Inghilterra[481]
ultimamente dati alla luce, si leggono due lettere del Re Alfonso
scritte ad Odoardo, dove si lagna del Re Carlo per la soverchieria in
ciò usatagli.

Carlo come Re lealissimo e di somma bontà, vedutosi in cotal guisa
stretto non meno dal Re d'Inghilterra, che dal medesimo Alfonso,
determinò d'andar egli di persona in Francia, e quivi far ogni sforzo
d'ottenere dal Re e dal Fratello, che lasciassero l'impresa d'Aragona,
come aveva promesso ne' capitoli della pace: con ferma intenzione
di ritornare nella prigione, quando non avesse potuto ottenerlo.
E lasciato, come si disse, Vicario del Regno Carlo Martello suo
figliuolo, partì conducendo seco, fra gli altri, il celebre Bartolommeo
di Capua G. Protonotario del Regno, ed ivi giunto, trovò che il Re
di Francia e quello di Majorica facevano grandi apparati per entrare
l'uno per la via di Navarra, e l'altro per lo Contado del Rosciglione
ad assaltar il Regno d'Aragona; e trattenutosi molti dì inutilmente,
era quasi uscito di speranza, non pur di far lasciare l'impresa,
ma di differirla, perchè que' Re, che aveano fatta la spesa, non
volevano perderla. E ne' riferiti Atti di Inghilterra si legge una
certificatoria del Re Carlo, come egli era venuto ad un certo luogo per
rimettersi in prigione[482].

In tanta costernazione d'animo essendo questo Re, sopravvennero
opportunamente in Francia il Cardinal Gaetano, ed il Cardinal Vescovo
di Sabina Legati appostolici, i quali con l'autorità del nome del
Papa, che a que' tempi era in gran riverenza presso al Re, ed alla
nazion franzese, sforzaron il Re di Francia ad aspettare l'esito della
pace, che si tratterebbe da loro. E ritiratisi in Mompelieri, avendo
convocati gli Ambasciadori d'Inghilterra, d'Aragona, del Re Carlo, del
Re di Majorica, del Re Giacomo di Sicilia, ed ancora quelli del Re di
Francia, cominciarono a trattar la pace. Ma quanto con più attenzione
quella era trattata, tanto più incontravano malagevolezze per ridurla
a fine; poichè da una parte gli Ambasciadori di Sicilia dichiararono
l'animo del loro Re di non voler lasciare la Sicilia; dall'altra gli
Ambasciadori di Francia diceano, che 'l Re loro non volea perdere
la spesa, nè che Carlo di Valois cedesse le sue ragioni, giacchè Re
Giacomo voleva ritenersi quell'isola occupata a torto e con tanta
ingiuria e tanto spargimento di sangue franzese. Il Papa ancora avea
comandato a' suoi Legati, che in niun modo conchiudessero pace, se 'l
Regno di Sicilia non restava al Re Carlo, allegando il pregiudizio,
che ne nascerebbe alla Sede Appostolica, quando restassero impuniti
i violenti occupatori delle cose di quella. In tanta malagevolezza,
e difficultà trovandosi lo stato delle cose, Bartolommeo di Capua,
che si trovava Ambasciadore per Re Carlo, Dottore in quel tempo
eccellentissimo ed uomo di grandissimo giudizio, e di sagacissimo
ingegno nel trattar i negozi, dimostrò a' Cardinali Legati, che
una sola via restava di conchiuder la pace, ed era d'escluderne da
quella il Re Giacomo, e proccurare, che Carlo di Valois in cambio
della speranza, ch'avea di acquistar i Regni d'Aragona e di Valenza,
pigliasse per moglie Clemenzia figliuola del Re Carlo, la quale
gli portasse per dote il Ducato d'Angiò. I Cardinali cominciarono a
trattar la cosa con gli Ambasciadori d'Aragona, e trovarono grandissima
inclinazione di non far conto, che il Re Giacomo restasse escluso,
perchè la pace era necessaria al Re d'Aragona, il quale in niun
modo poteva resistere a tante guerre; poichè oltre di quella, che
gli minacciava il Re di Francia, e 'l Re di Majorica, si trovava
dall'altra parte essere stato assalito dal Re Sancio di Castiglia: e,
quel ch'era peggio, i suoi Popoli stavano sollevati, siccome dicevano,
per l'interdetto dagli Ufficj sacri, ma molto più per le spese, che
occorrevano per la guerra; e facevano istanza, che pur che la guerra
di Francia fosse cessata, e placato il Papa, non si doveano ritenere
i figliuoli del Re Carlo, per compiacere a Re Giacomo, ma si doveano
liberar subito, e far la pace. Non restava da far altro che contentare
Carlo di Valois; onde i Legati si mossero da Mompelieri con tutti gli
Ambasciadori, ed andarono a trovare il Re di Francia, e dopo molte
discussioni si conchiuse la pace con queste condizioni.

Che Carlo di Valois avesse per moglie la primogenita del Re Carlo
col Ducato d'Angiò per dote, e rinunziasse all'investitura de' Regni
d'Aragona e di Valenza.

(L'Istromento dotale di questo matrimonio stipulato nel 1290 si
rapporta da _Lunig._ _pag._ 1042 nel quale Clemenzia viene chiamata
_Margherita_; e nella _pag._ 1043 rapporta la conferma di _Celestino
V_ fatta nel primo anno del suo Pontificato, che fu nel 1294, colla
quale corrobora la transazione passata tra _Carlo II_ e _Giacomo II_ Re
d'Aragona).

Che il Re d'Aragona liberasse i tre figliuoli del Re Carlo con gli
altri ostaggi, e pagasse il censo tanti anni tralasciato del Regno
d'Aragona alla Chiesa Romana.

Che non solo non dasse ajuto al Re Giacomo, ma che avesse da comandar
a tutti i suoi sudditi, che si trovavano in Calabria, ovvero in Sicilia
al servizio di quel Re, che dovessero abbandonarlo, e partirsi.

Che dall'altra parte il Papa ricevesse il Re d'Aragona come buon
figliuolo nel grembo di Santa Chiesa, e togliesse l'interdetto a que'
Popoli.

Stabilita in cotal guisa la pace, furono gli articoli di quella mandati
subito in esecuzione; poichè il Re Carlo, riavuti ch'ebbe i figliuoli
e gli altri ostaggi, venne per mare in Italia, e fu ricevuto con
grandissimo onore in Genova, e contrasse amicizia, e lega con quella
Repubblica, la quale promise d'aiutarlo alla ricuperazione di Sicilia
con 60 Galee; e Carlo di Valois mandò in Napoli per Clemenzia, la quale
condotta in Francia fu da lui sposata.

Ma la morte accaduta poco da poi del Re Alfonso senza lasciar di se
figliuoli, turbò un'altra volta la pace cotanto desiderata; poichè
essendo stato chiamato al soglio di que' Regni il Re Giacomo da
Sicilia come legittimo erede: questi senza dimora alcuna navigò in
Ispagna, lasciando in quell'isola per suo Luogotenente D. Federico suo
Fratello; e pigliata la possessione di que' Regni, il Re di Francia
e 'l Re d'Inghilterra ad istanza del Re Carlo mandarono Ambasciadori
a richiederlo, che poichè avea avuti que' Regni per eredità del Re
Alfonso suo fratello, volesse ancora adempire le condizioni della pace
poco innanzi fatta, e restituire il Regno di Sicilia, ovvero non dar
aiuto alcuno a' Siciliani, e chiamar in Ispagna tutti i suoi sudditi,
che militavano in Sicilia; perchè altrimenti la pace si terrebbe per
rotta, e la rinunzia di Carlo di Valois per non fatta, ed il Papa
ritornerebbe ad interdire que' Regni. Re Giacomo rispose, ch'egli era
succeduto a que' Regni, come fratello di Alfonso, e che però non era
tenuto ad adempire quelle condizioni, alle quali avea consentito il
fratello con tanto pregiudizio della Corona d'Aragona. Così d'ogni
parte s'ebbe la pace per rotta, e tra il Re Carlo e Re Giacomo fu
ripresa di bel nuovo ostinata guerra in Calabria.

Intanto il Re di Francia e 'l Papa molestavano Re Giacomo, che avesse
da lasciar il Regno di Sicilia, e gli Aragonesi ed i Valenziani ancora
il confortavano a farlo; ma la morte accaduta in quest'anno 1292 del
Pontefice Nicolò fu cagione ch'egli nol facesse, e che aspettasse
quel che potea far il tempo. E poichè i Cardinali venuti in discordia
tra loro, lasciarono la sede vacante per lo spazio di due anni ed
alcuni mesi, il Re di Francia non si mosse, e si visse quasi due anni
in pace. Ma venuto l'anno di Cristo 1294 presero risoluzione di far
Papa un povero Eremita, chiamato Fr. Pietro di Morrone, che stava in
un picciolo Eremitaggio due miglia lontano da Solmona, nella falda
del monte della Majella, e già era opinione, che per la santità della
vita e più per la sua inespertezza non accetterebbe il Papato. Il Re
Carlo udita l'elezione, andò subito a trovarlo ed a persuaderlo, che
l'accettasse, e tanto fece, finchè l'indusse a mandare a chiamar il
Collegio de' Cardinali all'Aquila; e fu agevol cosa a persuaderlo, non
già per avidità ch'egli avesse di regnare, ma solo per la sua umiltà
e grandissima semplicità. Vennero i Cardinali all'Aquila a tempo, che
'l Re con Carlo Martello suo figliuolo, insieme col nuovo Papa ivi
era giunto, ed essendo stato con molta solennità ed infinito concorso
incoronato a' 29 agosto, prese il nome di _Celestino V_. Carlo rendette
grazie e diè lodi a tutti ch'aveano fatta sì buona elezione, e con
grandissima liberalità e magnificenza somministrò a tutti le cose
necessarie per lo viver loro, e per quanto si spese. Tutti stupirono
per la gran novità della cosa, vedendo in un punto una persona di
sì basso ed umile stato esaltata nel più sublime grado delle dignità
umane.

Questo Pontefice, non ostante la nuova dignità, dimostrò quanto fosse
più amante della vita contemplativa, poichè ben tosto cominciò a
manifestare il suo desiderio di ritornare all'eremo: del che Re Carlo
sentiva dispiacere grandissimo, perchè quando fu creato se 'l tenne
a grandissima ventura, essendo suo vassallo e di così santa vita,
dal quale sperava ottenere quanto voleva: e vedendo che i Cardinali
desideravano, che Celestino se ne ritornasse al suo eremo, gli
persuase, che venisse a Napoli per mantenerlo col fiato e col favor
suo. Venne Celestino in Napoli; ma la dimora in questa città, e le
tante carezze e persuasioni di Carlo niente valsero a mutare il di lui
proponimento, onde tra pochi dì in mezzo decembre nella gran sala del
Castel Nuovo rinunziò il Papato in man de' Cardinali, e se ne ritornò
all'eremo. Nel regale Archivio[483] si legge una carta di donazione
fatta dal Re Carlo ad un fratello e due nipoti di Celestino di venti
once d'oro l'anno in perpetuo, sopra la Bagliva di Foggia, che poi
furon loro assignate sopra quella di Sulmona.

Era allora Cardinale assai stimato Benedetto Gaetano, così per nobiltà,
come per dottrina e per molto uso delle cose del Mondo, il quale
vedendo, che Re Carlo con la magnificenza e con la liberalità sua si
avea acquistati gli animi di tutti li Cardinali, andò a trovarlo, e
lo pregò che volesse aiutarlo a salire al Pontificato, facendogli con
vive ragioni quasi toccar con mano, che da niuno degli altri Cardinali
ch'erano in Collegio, potea sperare così pronti aiuti, come da lui,
tanto nel ricoverare il Regno di Sicilia, quanto in ogni altra cosa: e
perchè il Re conobbe che era vero, poichè oltre l'altre qualità sue era
capitalissimo nemico de' Ghibellini, promise di farlo, come già fece,
e con andar pregando uno per uno li Cardinali, ottenne da loro, che
la vigilia di Natale a viva voce l'elessero, e chiamarono _Bonifacio
VIII_.

Bonifacio, essendo di vita in tutto diversa dal suo antecessore,
confidando nel parentado, che avea con molti Principi romani, andò
subito a coronarsi in Roma, molto ben soddisfatto di Carlo, perchè
oltre di averlo fatto Papa, non lasciò spezie alcuna di liberalità
e di onore, che non usasse con lui; e però celebrata la coronazione,
cominciò a mostrarsi grato di tanti obblighi, e mandò a comandare per
un Legato appostolico al Re Giacomo, che lasciasse subito il Regno
di Sicilia, minacciando ancora di privarlo per sentenza degli Regni
d'Aragona e di Valenza, quando egli volesse persistere nell'interdetto,
e non ubbidire.

Dall'altra parte Re Carlo mandò Bartolommeo di Capua in Francia
a sollecitare Carlo di Valois, che rompesse la guerra per virtù
dell'investitura de' Regni di Aragona e di Valenza; poichè la cessione
che avea fatta nella pace con Alfonso, non dovea valere in beneficio
di Giacomo, il quale non volea stare agli altri patti; ma Bartolommeo,
poichè fu giunto in Francia, non ebbe tanta fatica a persuadere a
Carlo, che rompesse la guerra, quanta n'ebbe a persuadere a quel Re,
che facesse la spesa: ma in fine, passando per la Francia il Legato
appostolico, che tornava da Valenza, e dicendo, che Re Giacomo,
ancorchè avesse dato parole all'ordine del Papa, mostrava di stare pure
sbigottito, per conoscere l'animo di que' Popoli, che mal volentieri
sofferivano di stare interdetti, inanimò il Re a condiscendere a'
prieghi di Bartolommeo, ed a bandire la guerra al Re Giacomo e ad
apparecchiare l'esercito per assaltarlo.

Allora Re Giacomo cominciò a mutar pensiero ed a conoscere, che
esso non era abile a sostenere insieme tante guerre; e per accattar
benevolenza da' Baroni di quelli Regni, convocò un Parlamento generale,
nel quale dichiarò, che l'animo suo non era di vivere e far vivere
essi interdetti, e che desiderava d'ubbidire al Sommo Pontefice; ma
che dall'altra parte temeva, per vederlo tanto strettamente legato con
Re Carlo, e che però voleva, che si mandassero quattro Ambasciadori
supplicando la Santità Sua, in di lui nome e di quelli Regni, che
volesse trattare la pace con giuste ed oneste condizioni, ch'egli
l'avrebbe accettata volentieri, e nel medesimo Parlamento furono eletti
gli Ambasciadori, con piena potestà d'intervenire nel trattato della
pace. Come questi Ambasciadori furono giunti in Roma, ed ebbero esposta
al Concistorio la buona volontà del Re Giacomo, fu loro risposto
dal Papa molto benignamente, e promesso, ch'egli spogliandosi d'ogni
affezione, tratterebbe la pace così onorata per l'una, come per l'altra
parte.

Re Carlo, che per Breve del Papa fu avvisato di questo, ordinò a
Bartolommeo di Capua, il qual tornava da Francia, che si fermasse in
Roma, ed intervenisse come Ambasciadore al trattato della pace, la
quale fu maneggiata dal Papa con tanta destrezza, che quell'articolo
ch'era stato più malagevole a trattare, cioè la restituzione del Regno
di Sicilia, fu con poca fatica accettato dagli Ambasciadori d'Aragona:
e si crede che fosse perchè Re Giacomo non avea modo alcuno di trovar
denari da provvedere e da opponersi agli apparati del Re di Francia,
poichè li popoli, tutti inclinati alla pace, non volevano contribuire;
e così a' 5 di giugno dell'anno 1295 fu conchiusa la pace con queste
condizioni: che Re Giacomo consegnasse l'isola di Sicilia a Re Carlo,
così intera, come l'avea posseduta Carlo I avanti la revoluzione. Che
restituisse tutte le terre, fortezze e castella, che li suoi Capitani
tenevano in Calabria, Basilicata e Principato; e dall'altra parte Re
Carlo gli dasse per moglie Bianca sua figliuola secondogenita con dote
di 100 m. marche d'argento, e che si facesse amplissima restituzione
ed indulto de' beni e delle persone di coloro, che avevano servita
l'una parte e l'altra; ed il Papa ribenedicesse e ricevesse in grazia
Re Giacomo e tutti li suoi sudditi e aderenti, togliendo l'interdetto
ecclesiastico, ed assolvendogli d'ogni censura. Gli Ambasciadori del Re
di Francia entrarono nella pace per lo Re loro, con obbligarlo ancora
a farvi entrare il Re di Castiglia.

Questa pace diede gran maraviglia per tutto il Mondo, perchè parea cosa
impossibile che Re Giacomo, il quale mantenuto tanti anni quel Regno
con le sole forze di Sicilia, accresciuto poi da due altri Regni e di
tante altre Signorie che avea in Ispagna, fosse avvilito e fatta una
pace; ma li Savii giudicarono che egli avesse fatto prudentemente,
perchè con quelli Regni gli era ancora venuta l'impossibilità di
potergli difendere tutti, e gli era stata un'eredità di molto più
peso che frutto, avendo da guerreggiare ne' Regni di Spagna col Re
di Castiglia e col Re di Francia, ed in Sicilia con Carlo: onde gli
sarebbe bisognato mantenere tre eserciti ed essere in tre luoghi, il
che era parimente impossibile oltre l'inimicizia del Papa, la quale gli
facea non minor guerra dell'altre: narrasi ancora, che vi s'inchinò per
una promessa che gli fece il Papa d'investirlo del Regno di Sardegna,
e di farlo aiutare da Re Carlo suo suocero all'acquisto di quell'isola
ed ancora dell'isola di Corsica.

Alla fama di questa pace, che subito giunse in Sicilia, D. Federico
che si trovava Luogotenente del fratello, com'era giovane di gran
cuore, cominciò ad aspirare al dominio di quel Regno e simulando il
suo disegno, mandò prima Ambasciadori al Papa a notificargli, che per
quanto toccava a se, era stato sempre pronto e desideroso di vivere
sotto le ali e sotto l'ubbidienza della S. Chiesa ed a supplicarlo
che volesse riceverlo per tale: il Papa udita l'ambasciata ed accolti
benignamente gli Ambasciadori, rispose che avessero detto a D. Federico
che gli era stato gratissimo quell'ufficio, e che desiderava molto di
vederlo e di adoperarsi per lui. D. Federico andò subito in Roma, e
menò seco Ruggiero di Loria e Giovanni di Procida. Il Papa dappoichè
l'ebbe accolto con onore grandissimo, avendo vista la disposizione,
e la bellezza del corpo, e l'ingegno che mostrava nel trattare, restò
quasi fuor di speranza di poterlo persuadere, perchè pareva attissimo
a regnare, e sapersi mantenere il Regno: pur non lasciò con ogni arte
di manifestargli la pace e di confortarlo, che volesse conformarsi
con la volontà del Re Giacomo suo fratello, e lo pregò che quando
tornasse in Sicilia, avesse fatta opera che senza ripugnanza si fosse
resa quell'isola, perchè egli all'incontro avrebbe tenuta special cura
della persona di lui, conoscendolo degnissimo d'ogni gran Signoria,
promettendogli di far opera che Filippo figliuolo di Balduino,
Imperador di Costantinopoli, gli avesse data per moglie la figlia
unica, con la promessa della successione d'alcune terre che possedeva
in Grecia, e delle ragioni di ricovrare l'Imperio di Costantinopoli; e
promise ancora di farlo aiutare dal Re Carlo e d'aiutarlo ancora egli
con tutte le forze della Chiesa. D. Federico per allora non seppe far
altro che accettare le offerte, e promettere di far quanto per lui si
potea che l'isola fosse resa, e partì.

Ma i Siciliani, com'ebbero inteso da lui la certezza della pace fatta,
disperati e malcontenti, non altrimenti che se aspettassero l'ultimo
esterminio nel venire in mano de' Franzesi, loro mortalissimi nemici,
s'unirono insieme a parlamento, e con quell'audacia che suole nascere
dalla disperazione, determinarono di passare per ogni estremo pericolo
più tosto che venire a tanta estrema miseria: onde elessero quattro
Ambasciadori che andassero al Re Giacomo, e 'l supplicassero che fosser
date in guardia agli oriondi del Regno tutte le castella e fortezze
di quello, e che ritrovando il Re determinato di restituire l'isola
a Re Carlo, gli rendessero l'omaggio, sciogliendosi dal giuramento di
fedeltà e di soggezione, con fargli intendere apertamente che in tal
caso non erano per ubbidirlo.

Questi Ambasciadori arrivarono nel medesimo tempo, che giunse la Sposa
al Re Giacomo, il quale udita l'ambasciata, rispose loro, che per ben
della pace e sicurtà di quelli Regni, ove egli era nato, era stato
costretto di restituire a Re Carlo suo suocero l'isola; onde imponeva
loro che senz'altra ripugnanza quella si restituisse.

Gli Ambasciadori di questa risposta rimasero afflittissimi, ed avendo
replicato al Re, che non avea potestà di vendergli, gli restituirono
l'omaggio, e protestarono che quel Regno si teneva da quell'ora avanti
per libero e sciolto da ogni giuramento, e che avrebbe proccurato altro
Re, che con gratitudine ed affezione l'avesse difeso, e con questo si
partirono e ritornarono con ogni celerità in Sicilia.

Intanto Giovanni di Procida e Manfredi di Chiaramonte aspettando il
loro ritorno, si erano fortificati in alcune piazze, e tenendo per
fermo che D. Federico avrebbe assai volentieri abbracciata sì opportuna
occasione, gli persuasero che non la lasciasse, e che convocasse un
Parlamento generale in Palermo. D. Federico si lasciò cadere dalla
mente tutte le promesse del Papa, parendogli che se per mantenere
Sicilia bisognava stare con l'armi in mano a casa sua, per acquistare
Costantinopoli gli sarebbe stato necessario andare armato con assai
maggior disagio e spesa per lo paese altrui; onde fece convocare a
Parlamento non solo li Baroni, ma li Sindici tutti delle città e terre,
innanzi a' quali gli Ambasciadori riferirono la risposta di Re Giacomo,
e fecero leggere la copia che aveano portata della Capitolazione della
pace. Il fremito di tutti fu grandissimo, ed allora Ruggiero di Loria
insieme con Vinciguerra di Palizzi pronunciarono il voto loro, che D.
Federico fosse gridato Re di Sicilia, e s'offersero i primi a dargli il
giuramento; la moltitudine non aspettò che seguissero gli altri Baroni
secondo l'ordine, ma ad altissime voci gridarono: _Viva D. Federico
Re di Sicilia_. Così l'anno di nostra salute 1296 a' 25 di marzo fu
solennemente coronato Re Federico, il quale non meno prudente che
coraggioso, diede ordine a far danari e nuove genti, e non solamente
s'apparecchiò a difendere Sicilia, ma a continuare ancora l'impresa di
Calabria.

(_Federico_ salutato Re di Sicilia spedì sue Lettere a Palermo ed
a tutte le comunità di quel Regno, invitandole ad intervenire nella
solenne sua coronazione, le quali si leggono presso _Lunig_, _tom._ 2,
_pag._ 1049; rapporta ancora _pag._ 1051 la Bolla di _Bonifacio VIII_,
per la quale annullasi la Coronazione di _Federico_, ordina che si
rivochi, e minaccia censure ai Siciliani, se non faranno ogni sforzo di
cacciarlo di Sicilia).

Intanto Re Carlo arrivato ad Anagni, dove era il Papa, lo supplicò
che avesse mandato un Legato appostolico, insieme coll'Ambasciadori
del Re Giacomo, ad ordinare a' Siciliani che restituissero l'isola
in mano di Carlo come fece; ma giunti che furono in Messina, si fece
loro intendere che quella città, e tutta l'isola era del Re Federico
d'Aragona, e che essi non passassero più oltre, perchè avrebbero
trovato quel che non volevano. Gli Ambasciadori insieme col Legato
sbigottiti se ne tornarono prima a Napoli a trovare il Re, e poi ad
Anagni al Papa, ed all'uno ed all'altro diedero relazione di quel
ch'era passato. Parve a Carlo, che era lealissimo di natura, cosa
molto inaspettata; ma non parve così al Papa che, da che aveva veduto
D. Federico, e considerati gli andamenti suoi, sempre l'avea avuto
sospetto. Si risolsero perciò mandare un Legato ed Ambasciadori al Re
Giacomo, perchè con tutte le sue forze s'adoperasse che con effetto
fosse resa quell'isola.

Mentre il Legato, e gli Ambasciadori andarono in Ispagna, Re Carlo con
consiglio del Papa, e de' suoi più savi Baroni, per non aspettare che
Re Federico pigliasse più forza, e per non stare in tutto appoggiato
nella speranza di Re Giacomo, deliberò movergli guerra. Fu perciò
con ugual ferocia ed ardire guerreggiato lungamente in Calabria, ove
Carlo ora vincente, ora perdente faticò invano a ricuperare quelle
Piazze, che Federico teneva occupate in quella provincia; anzi l'ardir
di costui s'estese tanto, che invase la Provincia d'Otranto, prese e
saccheggiò Lecce, fortificò Otranto, e disceso a Brindisi accampossi
alle mura di quella città[484]. Sol questo danno ricevè Federico da
questa guerra, che essendosi disgustato con Ruggiero di Loria, fe' che
questi poi passasse al partito di Carlo.

Il Papa avendo avviso di questi felici successi del Re Federico, e che
Carlo con le forze che avea allora, appena basterebbe a difendere il
Regno di Puglia, e che la ricovrazione di Sicilia anderebbe a lungo, se
non gli fossero aggiunte altre forze, parte per mantenere l'autorità
della Sede Appostolica, la quale egli era deliberato innalzare quanto
potea; parte per l'amore che portava al Re Carlo, lasciò la cura di
tutte l'altre cose, e si voltò solo a questa impresa; e per obbligarsi
Re Giacomo perchè pigliasse impegno di far restituire in ogni modo
la Sicilia, gli mandò l'investitura del Regno di Sardegna, e lo creò
Confaloniere di S. Chiesa e Capitan Generale di tutti li Cristiani,
che guerreggiavano contro gl'Infedeli, e mandò a pregarlo che con ogni
studio avesse atteso a compire quanto avea promesso.

(Questa investitura del Regno di Sardegna, data al Re _Giacomo_, si
legge presso _Lunig_ _tom._ 2 _sect._ 3 de Sardiniae Regno, _pag._
1415).

Re Giacomo vedendosi, oltre l'obbligo della Capitolazione, obbligato al
Papa, ordinò ne' Regni suoi, che si facesse grand'apparato d'armata, e
venne in Roma ad iscolparsi e giurare innanzi al Papa, che non era nè
consapevole, nè partecipe in modo alcuno della contumacia e della colpa
del fratello, e che l'avrebbe mostrato con l'armi in mano a tutto il
Mondo; e per allora mandò in Sicilia Pietro Comaglies Frate dell'Ordine
de' Predicatori per trattare col fratello, e persuaderlo che ubbidisse
al Papa. Frate Pietro non potendo ottenere la restituzione di Sicilia,
come Religioso consigliava al Re D. Federico che almeno lasciasse le
terre di Calabria, sopra le quali non avea titolo niuno, nè giusto,
nè colorato; perchè se bene egli si voleva ritenere il Regno di
Sicilia per l'elezione, che aveano fatta di lui li Siciliani, o per lo
testamento di Re Alfonso suo fratello primogenito; nel Regno di Puglia,
del quale sebbene era stato di Re Pietro il titolo sotto la medesima
ragione, che era Sicilia per l'eredità di Re Manfredi, nientedimeno per
la cessione fatta da Re Giacomo nella pace, era stata trasferita ogni
ragione nella persona di Re Carlo, quando eziandio non gli avessero da
valere l'investiture e confermazioni di tanti Papi. Ottenne con questo,
che avantichè partisse di Sicilia, il Re Federico mandò a richiamare
Ruggiero di Loria, e promise di richiamare tutti li presidii delle
terre. Il Frate tornato al Papa ed al Re Giacomo, disse quanto avea
fatto, e non restando contenti nè l'uno, nè l'altro, Giacomo mandò
appresso il Vescovo di Valenza a pregare Re Federico, che avesse voluto
venire a parlamento con lui nell'isola di Procida, o d'Ischia, ove si
sarebbe preso alcun buon ordine alle cose loro: Re Federico rispose
a questo, che non poteva moversi senza consiglio de' suoi Baroni; ed
avendo dimandato ad alcuni quel che era da farsi, Ruggiero di Loria il
consigliò, che s'umiliasse al fratello, e che andasse a parlargli; ma
entrato il Re, per insinuazione degli emoli di Ruggiero, in diffidenza
del medesimo, questi di ciò accortosi, parlò con tanta ira, che il Re
gli comandò che non uscisse di Palazzo; ma supplicato il Re, che lo
lasciasse andare, egli subito si partì: onde si trattò poi il modo per
farlo entrare a' servigi del Re Carlo.

A questo tempo vennero nuovi Ambasciadori del Re Giacomo in Sicilia,
con ordine, che se il Vescovo di Valenza non avesse ottenuto, che
Re Federico fosse venuto a parlamento con lui, gli conducessero la
Regina Costanza e l'infante Donna Violante a Roma, dove il Re Giacomo
l'aspettava. Federico non volle sopra ciò mostrare di dispiacere al
fratello, e disse alla madre, ch'era in potestà sua l'andare, come il
fermarsi in Sicilia, e così ancora il menarne la sorella: quella Regina
come savia ed amatrice dell'uno e l'altro figlio, elesse d'andare,
ancorchè sapesse d'incontrarsi col Re Carlo, figliuolo di colui, che
avea ucciso il fratello, e fatta morire la Regina Sibilla sua madre
ed un fratello unico in carcere, perchè dall'altra parte sperava di
mitigare l'animo del Re Giacomo verso Federico; e così postasi in mare
con la figlia, navigò verso Roma. Fu certo raro esempio della varietà
delle cose umane vedere quella Regina accompagnata da Giovanni di
Procida e da Ruggiero di Loria, che con le sue galee l'avea aspettata
in mare, che s'imbarcasse ed andassero tutti insieme in cospetto di
Re Carlo, al quale aveano fatti tanti notabilissimi danni. Re Giacomo
accolse la madre e la sorella con grandissima reverenza, e le disse,
come per mezzo del Papa avea promessa la sorella per moglie a Roberto
Duca di Calabria, il quale s'aspettava il dì seguente. La madre ne
restò quieta, sperando che, quanto più si legassero in parentado,
più fosse col tempo agevole a conchiuder pace tra loro. Venne fra
due dì Re Carlo col Duca di Calabria, e con tre altri figli con tanta
pompa che fu a Roma cosa mirabile e nuova, perchè oltre il numero de'
Conti, di tanti Ufficiali e Consiglieri del Re, era cosa molto bella a
vedere presso ciascuno de' figli un numero quasi infinito di Cavalieri
benissimo in ordine, di Paggi e di Scudieri, vestiti di ricchissime
divise, ed il Papa, che ancora avea animo regale, per quel che toccava
a lui con grandissima magnificenza e liberalità volle, che innanzi
a lui si facesse lo sponsalizio, e che i Nepoti suoi celebrassero
sontuosissimi conviti all'uno ed all'altro Re, ed a' figliuoli; ma
finite le feste volle, che si trattasse delle spedizioni, che s'aveano
da fare contro Re Federico per la ricovrazione di Sicilia; e per lo
primo e più importante apparato, trattò che Ruggiero di Loria entrasse
a servire Re Carlo con titolo d'Ammiraglio dell'uno e dell'altro Regno,
e Re Giacomo ritornasse in Catalogna, e Re Carlo in Napoli, a ponere
in ordine le loro armate; ma avanti che Carlo partisse, per mostrarsi
grato verso il Papa, essendo rimasta Giovanna dell'Aquila erede del
padre nel Contado di Fondi ed in sei altri castelli in Campagna di
Roma, la diede per moglie a Giordano Gaetano figlio del fratello del
Pontefice; ed in questi dì medesimi morì in Roma Giovanni di Procida,
uomo di quel valore e di quell'ingegno, che tutto il Mondo sa.

Ma tornando al Re Carlo, subito che e' giunse a Napoli fece grandissimi
privilegi ed onori a Ruggiero di Loria, al quale restituì non solo
tutte le terre antiche sue in Calabria, in Basilicata ed in Principato;
ma glie ne donò molte altre, ed ordinò ancora a tutti i Governadori di
province ed altri Ufficiali, che ubbidissero agli ordini di Ruggiero
per l'apparecchio dell'armata.

Dall'altra parte il Re Federico, ch'era avvisato di quanto si trattava
ed apparecchiava contro di lui, s'accinse anch'egli a sostener l'impeto
di tanta procella, che se gli minacciava. Fece citar Ruggiero di Loria,
e lo condannò per ribelle, e mandò subito a togliergli le terre che
avea in Sicilia. Re Giacomo dopo aver richiamati tutti gli Aragonesi e
Catalani, che erano in Sicilia ed in Calabria, avea già posto in ordine
una buona armata, con intenzione di venire ad unirsi con quella di Re
Carlo; non solo per costringere il fratello a lasciare la Sicilia, ma
anche per acquistare il Regno di Sardegna, del quale n'avea ricevuta
l'investitura da Papa Bonifacio. Partito da Barcellona, venne a
Civitavecchia, e poi a Roma, ove trovò il Papa, che l'accolse con molti
segni di stima e di allegrezza.

Non fu Pontefice al Mondo, che tenesse sì alti e fantastici concetti
del Papato quanto Bonifacio VIII. Era egli persuaso, che non meno dello
spirituale, che del temporale fosse assoluto Monarca dell'Universo.
Per maggiormente ciò dimostrare, avendo nell'anno 1300 pubblicato il
Giubileo, con ordinare che lo stesso fosse rinovato ogni cento anni,
traendo con ciò gran concorso di gente in Roma, egli per far maggior
pompa di se, comparve nelle Cerimonie colle duplicate Corone sopra il
Camauro, e vestito del Manto Imperiale, prendendo per divisa: _Ecce
duo gladii hic_. Egli perciò credea di poter togliere e dare i Regni
a sua posta; investì perciò il Re d'Aragona del Regno di Sardegna, al
Re Federico avea promesso l'Imperio di Costantinopoli, ed a Ruggiero
di Loria, che col suo valore si trovava nelle coste dell'Affrica aver
acquistate in que' mari alcune isole, che furono Gerba e Karkim, non
appartenenti all'Isola di Sicilia, ma al Regno di Tunisi, egli fattosi
promettere per censo ogni anno cinquanta once d'oro al peso di Sicilia,
ne gli diede investitura per lui e suoi eredi, commettendo a Fr.
Bonifacio Calamendrano G. Maestro de' Cavalieri Gerosolimitani, che ne
ricevesse il solito giuramento di fedeltà e d'omaggio. L'investitura
fatta a Ruggiero di quelle isole a' 11 agosto del 1285 primo anno
del suo Pontificato, si legge presso il Tutini[485], che la cavò
dall'Archivio Vaticano. Così ora giunto il Re Giacomo in Roma, con
grandissima solennità lo fa Gonfaloniere e Capitan Generale per tutto
l'Universo contra gl'infedeli, e gli consignò lo stendardo.

Partì Giacomo accompagnato dal Cardinal Marramaldo Legato appostolico,
col quale in brevi dì giunse a Napoli, ove trovò Roberto Duca di
Calabria suo cognato con 36 galee, e con maggior numero di navi da
combattere e da carico; e congiunta quest'armata insieme con l'armata
catalana, facevano il numero di 80 galee grosse e più di 90 navi; oltre
a' navili minori, che usavano a quel tempo, parte chiamati Uscieri e
parte Trite. Con questa grande armata a' 24 agosto del 1298 il Re, il
Duca Ruggiero di Loria ed il Legato appostolico partirono da Napoli,
ed invasero da più parti la Sicilia. La spedizione in su 'l principio
parve felice, poichè si resero Patti, Melazzo, Nucara, Monteforte ed il
castello di S. Pietro e molti altri luoghi di quella Valle.

Dall'altra parte Re Federico con Corrado Doria genovese, che avea
creato Capitan generale dell'armata di mare, si misero con ogni studio
a fortificare i luoghi più importanti, ed a vietare le vettovaglie al
campo nemico; onde Re Giacomo vedendo le cose andar in lungo, ed essere
già la stagione avanzata, per non avventurare così grande armata in
quella marina mal sicura allo spirare di Tramontana, passò il Faro,
ed andò a Siragosa città con porto più capace: ma giunto quivi alla
fine d'ottobre, trovò che vi era dentro con presidio Giovanni di
Chiaramonte, il quale non fece segno alcuno di volersi rendere; onde
cominciò a darvi il guasto, ed a mandare parte di sue genti ad occupare
le terre convicine di Val di Noto: ed avendo alcuni Preti, ch'erano
dentro la città, per far cosa grata al Legato appostolico, ch'era al
campo, ordita una congiura di dare a Ruggiero di Loria una torre delta
città, la trattarono così scioccamente, che si discoverse, e Giovanni
di Chiaramonte punì molto bene i colpevoli.

Intanto portandosi a lungo quest'assedio, Re Federico ragunato tutto
il corpo della cavalleria siciliana con spesse scorrerie infestava
tutte quelle terre, che s'erano rendute a Re Giacomo, e che mandavano
vittovaglie al campo del medesimo e vedutosi, che mantenendosi
gagliardamente Siragosa, l'esercito del Re Giacomo perdeva di giorno
in giorno di riputazione, i cittadini di Patti alzarono le bandiere
di Re Federico, e posero l'assedio al castello di quella città,
ove s'erano ritirate le genti, che Re Giacomo v'avea lasciate per
presidio. Per la difesa di questo castello accaddero più fatti d'armi,
ne' quali restando perditori le genti del Re Giacomo, lo posero in
somma costernazione, tanto, che vedendosi sopra l'inverno, ed il suo
esercito in gran parte infermo per incomodità sofferte nell'assedio; e
dubitando, che l'audacia crescesse tanto a' nemici, che venissero ad
accamparsi all'incontro di lui, levò l'assedio di Siragosa, e navigò
verso Napoli con molto più sdegno che onore, e con animo di ritornare,
quanto prima potea, a far guerra maggiore; ma sopraggiunto da una
crudelissima tempesta sopra l'isola di Lipari, che disperse la maggior
parte di sue galee e navi, a gran fatica si ridusse salvo col resto a
Napoli. E quivi giunto fu subito assalito da una gravissima infermità
di corpo e d'animo contratta non meno per l'incomodità sofferte nella
guerra e nel naufragio, che per dispiacere d'impresa così infelice,
e dopo essere stato gran tempo in pericolo della vita, finalmente
confortato dall'allegrezza, perchè la Regina Bianca sua moglie avea in
Napoli partorito un figliuolo, il quale fu poi suo successore in que'
Regni, sul finire dell'estate di questo anno 1299 navigò con lei verso
Spagna; ed in pochi dì giunse salvo al Porto di Roses, e consumò tutto
quel verno nel preparare le cose necessarie per rinovare al principio
del nuovo anno con maggior forza la guerra, e per poter essere più
presto ad assaltare l'isola. E veramente questo Re mostrò bene la bontà
dell'animo suo regale, avidissimo d'attendere quel che avea promesso al
Papa ed al Re Carlo suo suocero. Dall'altra parte Re Carlo in Napoli,
come che di natura pacifico e avverso agli esercizi dell'arme, era
sollecitato e spinto da' suoi figliuoli giovani arditi e bellicosi,
onde con simile attenzione pose in ordine la parte dell'armata che
toccava a lui; tal che ritornato il Re Giacomo a Napoli con lo sforzo
dell'armata sua all'ultimo d'aprile del nuovo anno 1300 a' 24 del
seguente mese di Maggio partiron le Galee e le navi, e quel dì medesimo
fecero vela per Sicilia Roberto Duca di Calabria e Filippo Principe di
Taranto, figliuoli del Re Carlo, e di comun voto col Re Giacomo fecero
Generale dell'una e l'altra armata Ruggiero di Loria.



CAPITOLO IV.

_Guerra rinovata in Sicilia. Morte di CARLO MARTELLO Re d'Ungheria; e
pace conchiusa col Re FEDERICO._


Fu l'ultimo anno di questo decimoterzo secolo assai memorabile non meno
per le tante battaglie accadute in Sicilia, che per l'audacia del Re
Federico e per le molte gloriose azioni di tanti valorosi Principi ed
eccellenti Capitani, e sopra ogni altro del famoso Ruggiero di Loria,
descritte così a minuto e con tanta vivezza dal celebre Costanzo[486],
che serbando il nostro istituto, saremo sol contenti in accorcio qui
notarle, con rimettere coloro, che forse volessero a pieno soddisfare
i loro desiderj, a quel gravissimo Istorico.

Il Re Federico, che liberato da quel primo insulto, pieno d'animo e di
coraggio avea ridotte sotto le bandiere le terre di quell'isola, invase
da' suoi nemici, essendo stato avvisato dell'apparato stupendo, che si
faceva contro lui, fece subito per tutte le parti dell'isola ponere in
ordine il maggior numero di galee che fu possibile, con proponimento
d'uscire incontro a' nemici e con intrepidezza inudita ponere ogni cosa
a rischio in una giornata.

Nè è da tralasciare quel che ponderò il mentovato savissimo
Scrittore[487], essere stata veramente cosa maravigliosa (per quella
difficoltà, che si vedea a' suoi tempi e molto più ne' nostri,
nel ponere in ordine le armate) come que' Re poveri di quel tempo
bastassero in tanto breve spazio a fare tanto numero di galee, quanto
si vide messo in acqua, ed in esercito in quegli anni, che durò la
guerra di Sicilia: rapportando alcuni, che Re Federico n'ebbe in punto
cinquantotto, che pare cosa incredibile, ed aver potuto perfettamente
armarle in quel poco spazio ch'ebbe di respirare, tra l'una guerra e
l'altra.

Sentendo adunque Federico, che l'armata nemica sarebbe uscita fra
pochi giorni da Napoli, egli partì da Messina con animo di combatterla,
confidando all'audacia ed ostinazione de' Siciliani, i quali appena la
scoversero, che ad alta voce gridando chiedevano battaglia. Frenogli
il Re sino all'alba del giorno seguente, nella qual ora movendosi con
la galea sua Capitana in mezzo di tutte le altre, andò con grandissimi
gridi contro l'armata nemica. Ruggiero di Loria vedendo, che la
temerità de' Siciliani avea mosso quel Re a speranza di vittoria, pose
nel mezzo delle sue galee, la Capitana del Re d'Aragona e quella di
Napoli, ove erano il Duca di Calabria e 'l Principe di Taranto, ed
appressatosi a' nemici ricevè la battaglia. Fu con pari valore e pari
ardire lungamente combattuto, ma con arte disuguale; poichè Ruggiero
fingendo di fuggire, tirò in luogo le galee nemiche, dove potè con
facilità stringerle, onde ruppe l'armata, e rimasero tutte o prese,
o poste in fondo, e sol Federico con dodici galee, che lo seguirono,
fuggendo si ricovrò a Messina.

Per questa così memorabil rotta seguita con tanta gloria di Ruggiero,
rimasero tanto afflitte le cose dei Siciliani, che non fu persona a
que' tempi, che non giudicasse, che la Sicilia tra pochi dì avesse
da venire in mano del Re Carlo; ma ecco come spesso errano i giudizi
umani, perchè Re Giacomo credendo di aver tanto abbassate e consumate
le forze del Re suo fratello, che le genti del Re Carlo sotto il
governo di Ruggiero di Loria, non avessero da far altro, che fra pochi
giorni pigliare la possessione dell'Isola, non volle procedere più
oltre, parendogli d'avere soddisfatto al Mondo, al Papa e al Re Carlo,
avendo in due guerre tanto speso e posto in pericolo la persona sua
nella prima guerra con l'infermità, ed in questa battaglia con una
ferita. E così essendo venuto il Duca di Calabria ed il Principe di
Taranto e Ruggiero a visitarlo, dappoichè fu medicata la ferita, disse
loro, che avendo piaciuto a Dio con sì notabile vittoria d'adempire
le sue promesse, nè restando altro che pigliar la possessione della
Sicilia, era ormai tempo ch'egli ritornasse in Ispagna a' suoi Regni,
per disponere le cose in modo, che que' Popoli impoveriti per le
gravezze sostenute in quella guerra, venissero a ristorarsi con mettere
fine a' loro danni, che perciò lasciava loro a godersi il frutto della
vittoria. Il Duca ch'era giovane di 23 anni avidissimo di gloria,
accettando per vero tutto quello, che il Re diceva, e rendendogli
insieme lodi e grazie a nome del Re suo padre, gli augurò prospero e
felice viaggio, e così partito il Re, rimase egli allegro, credendosi
che resterebbe a lui l'onore di ridurre felicemente l'impresa al
desiato fine; ma molto più rimase allegro Ruggiero giudicando, che
siccome era stata sua la gloria della vittoria, tale ancor sarebbe
l'onore di quello, ch'avea da succedere. Non mancarono però molti, che
dissero, che Re Giacomo si partì più tosto per la pietà fraterna, che
per giudicare le cose del Re Federico al tutto disperate.

Tra questo mezzo giunto Federico con le dodici galee in Messina,
inanimito da que' cittadini a non abbandonar la difesa, e vie più fatto
ardito quando a Messina giunse l'avviso, che il Re Giacomo era partito,
cercò di raccogliere il maggior numero, che potea di fanti e di
cavalli, ed andò a ponersi con tutto il suo sforzo a Castro Giovanni,
luogo di natura fortissimo ed opportuno a soccorrere ovunque il bisogno
lo chiamasse. Dall'altra parte il Duca di Calabria prese Chiaramonte,
e dopo lungo contrasto Catania al fin si rese. La fama dell'acquisto
di questa città andò non solo divulgando quello ch'era, ma che le
due parti dell'isola aveano alzate le bandiere della Chiesa e del Re
Carlo; onde Papa Bonifacio, che l'avea creduto, lusingandosi di potere
senza tanto spargimento di sangue Cristiano, quietamente ridurre tutta
l'isola all'ubbidienza del Re, vi spedì subito il Cardinal di Santa
Sabina per Legato appostolico, il quale dovesse assicurare su la parola
sua i Siciliani a rendersi, perchè sarebbero ben trattati; minacciando
anatemi ed interdetti, se non ubbidissero; promettendo all'incontro
benedizioni ed indulgenze, se si rendessero. Ma Ruggiero di Loria,
conoscendo l'animo indomito de' Siciliani, che non si piegavano se
non colla forza, persuase al Duca, bisognare a spedir la guerra altro
aiuto di quello, che portava il Legato; ed il nemico doversi vincere
con armi e non a suono di campanella e di scomuniche[488]. Fu perciò
richiesto nuovo ajuto da Napoli, e dal Re Carlo furono mandate dodici
altre galee, e molti legni di carico; ed il Principe di Taranto con
seicento cavalli, e mille fanti, diede alla Falconara la battaglia, ove
restò prigione ed i suoi rotti. Fu dopo la prigionia di questo Principe
guerreggiato con maggior audacia da Federico, ed avendo scoverta
una congiura tesa contro la sua persona, tosto la ripresse, e punì i
colpevoli. Il Duca di Calabria passò ad assediar Messina, ma soccorsa
da Federico, il Duca vedendo il campo suo oppresso di fame e di molte
infermità, si levò dall'assedio. Allora fu che per mezzo di Violante
Duchessa di Calabria, sorella di Federico, si cominciò a trattare di
triegua, che fu conchiusa per sei mesi. E 'l Duca tra questo spazio
volle andare in Napoli a rivedere il padre, e lasciò la Duchessa
Violante con un figliuolo, ch'avea partorito in Catania, per dare a
credere ai partigiani suoi, che no 'l faceva per abbandonare l'impresa,
ma per tornare con maggior forza.

Fra questi sei mesi Papa Bonifacio pensò in vantaggio di Re Carlo
favori ed aiuti nuovi, e l'occasione fu questa, ch'essendo morta a
Carlo di Valois fratello del Re di Francia la prima moglie, ch'era
figliuola del Re Carlo, il Valois aveva pigliata una figliuola di
Filippo, nato dall'ultimo Balduino Imperadore di Costantinopoli, erede
di molti luoghi in Grecia, e del titolo e della ragion dell'Imperio,
ch'era stato occupato dal Paleologo; e con l'ajuto del Re di Francia e
del Papa, voleva andare all'impresa di Costantinopoli. Ed essendo nel
viaggio giunto a Fiorenza, che allora per le solite fazioni si trovava
in discordia, fu richiesto da que' cittadini, perchè gli componesse;
ma egli pose più discordia, che prima vi era, e partissi per Roma,
ove Papa Bonifacio gli persuase, che l'impresa di Costantinopoli
sarebbe stata più agevole aiutando egli Re Carlo a fornir l'impresa
di Sicilia; perchè poi avrebbe potuto avere da costui più pronti
aiuti, e più comodi soccorsi, che non già dal Re di Francia, per
la brevità del cammino da Puglia in Grecia. Accettò il consiglio il
Valois, e venne subito a Napoli con le sue genti, dove, tra le sue
galee e navi, con altre che s'armavano quivi, posero molte truppe in
ordine, e con felicissimo viaggio egli ed il Duca giunsero in Sicilia,
a tempo, ch'era già finita la triegua. Non è dubbio, che vedendosi
tanto numero di nemici in quell'isola, ogni uno giudicava le cose di
Federico disperate; ma questo Principe con quel vigor d'animo, ch'era
suo naturale e con quella prudenza, in che superò ogni altro Re del
suo tempo, andò compartendo le sue poche genti a' luoghi di maggior
importanza, così aspettando che il tempo diminuisse la forza de'
nemici. Ed in effetto il Valois avendo spesi molti giorni senza fare
gran frutto, Re Federico venne a certissima speranza di vincere senza
combattere.

In quest'anno 1301 che queste cose passavano in Sicilia, accadde in
Napoli l'acerba ed immatura morte di _Carlo Martello_ Re d'Ungheria.
Erasi questo Principe il precedente anno, coll'occasione del nuovo
Giubileo pubblicato da Papa Bonifacio, portato in Roma a visitare la
Basilica di S. Pietro, e venne poi a Napoli a visitar suo padre, e
forse ancora, vedendo il padre vecchio, a proccurare, che il Regno
di Napoli, dopo la sua morte restasse a lui, temendo, che trovandosi
egli lontano, i fratelli non l'occupassero: ma il suo destino portò,
ch'e' morisse prima, non senza sospetto, secondo narra il Carafa,
che Roberto suo fratello per ambizione di regnare dopo la morte del
padre, l'avesse fatto avvelenare. Morì non avendo più che 30 anni con
dolore universale di tutto il Regno, perchè era un Principe mansueto
e splendido; e molti nobili Napoletani, ed altri di questo Regno,
che vivevano splendidamente in casa sua, restaron privi di quel
sostegno, e della speranza d'esaltarsi, servendo a Signore magnanimo
e liberalissimo. Lasciò di Clemenzia sua moglie, che era figliuola di
Ridolfo Imperadore, un figliuolo chiamato _Caroberto_, che gli successe
nei Regno d'Ungheria. Fu sepolto nella chiesa maggiore di Napoli,
appresso la sepoltura di Carlo I suo avo, ove si vede il sepolcro
coll'armi sue e quelle di casa d'Austria, che sono della moglie; donde
fu spinto il Conte d'Olivares Vicerè, sotto il Regno di Filippo III di
collocare in luogo più eminente su la porta di quella chiesa, ed in più
magnifica forma, questi due sepolcri, insieme coll'altro della Regina
sua moglie.

Ma ritornando alle cose di Sicilia, il Re Federico persistendo nel
suo proposito, non comparve in campagna mai, sol mirando a guardar le
terre, perchè vedea, che un sì grande esercito, com'era il nemico,
non potea non dissolversi presto, o per mancamento di paghe o di
vittovaglie. Pur non mancava con la solita destrezza e con l'ajuto de'
Cavalieri siciliani, che lo servirono mirabilmente, di trovarsi dov'era
il bisogno, con assalire le scorte, che conducevano vittovaglia. Dopo
brevi dì, nel campo incominciarono a sentir penuria, ed infermò gran
quantità di soldati; onde il Valois cominciò a dar orecchio a parole di
pace, giacchè troppo diminuendo l'esercito suo, non avria potuto far
passaggio a Costantinopoli. Alcuni rapportano, che sì trattò la pace
dalla Duchessa Violante. Furono adunque eletti così dall'una parte,
come dall'altra personaggi con autorità per negoziarla. Il Re Federico,
e i Siciliani per la gran povertà di quel Regno e sua, n'avevano
maggior desiderio. Così a' 19 agosto di quest'anno 1302 fu conchiusa
con gran piacere di tutti e più di Federico, per essere stata per lui
molto onorata. Solo la Duchessa Violante, con infinita doglia di suo
marito e di suo fratello morì prima, che fossero firmati i Capitoli
della pace, che furono i seguenti.

Che il Re Federico in vita sua fosse Re di Sicilia; e poi quella
ritornasse liberamente a Re Carlo e suoi eredi.

Che e' s'intitolasse non Re di _Sicilia_, ma Re di _Trinacria_.

Che a lui si tornasse in termine di quindici dì ogni terra, che in
Sicilia si tenea per Re Carlo; al quale all'incontro nel medesimo
termine egli restituisse ogni terra ed ogni fortezza, che in Calabria
tenevano bandiera sua.

Che dall'una e dall'altra parte si liberassero i prigioni senza pagar
taglia.

Che il Re Federico pigliasse Lionora figliuola terzogenita del Re Carlo
per moglie.

Che il Re Carlo procurasse, che il Papa avesse a ratificar la pace,
e così ad investirlo di Sardegna o di Cipri, dove poi rimanessero i
figliuoli, che fossero nati da questo matrimonio. Ed acquistando Re
Federico di que' Regni o l'uno o l'altro, che andasse a regnarvi;
risegnando subito al Re Carlo il Regno di Sicilia, con pagarglisi a
conto di sua dote all'incontro centomila once d'oro.

(In esecuzione di questa pace, _Federico_ nel 1303 prestò il
giuramento di fedeltà al Pontefice _Benedetto XI_ ch'era succeduto
a _Bonifacio VIII_ per mezzo del suo Proccuratore Corrado Doria,
nel qual'istrumento, che si legge presso _Lunig tom. 2 pag._ 1054
_Federico_ è chiamato Re di Trinacria).

In cotal guisa terminossi la guerra di Sicilia. Fu liberato il Principe
di Taranto con gli altri Baroni prigionieri, ed il Re Federico andò a
visitare il Valois, e 'l Duca di Calabria al campo, e con grand'amore
s'abbracciarono ed unitamente mandarono a Re Carlo in Napoli per la
ratificazion della pace, e per condurre la sposa in Sicilia. Re Carlo,
che naturalmente era pacifico ed inchinando l'età sua alla vecchiezza,
gli rincrescea molto la guerra, accettò gli articoli; e poich'ebbe
ratificato, mandò sua figliuola con Giovanni Principe della Morea suo
figlio ottavogenito: ed in Sicilia si ferono quelle feste, che la
qualità di quei tempi comportò, più tosto con animi lieti, che con
magnifiche pompe: e Carlo di Valois col Duca, e 'l Principe, e gli
altri Baroni, riposti in libertà ritornarono in Napoli[489].

Questa pace per tutta Europa si giudicò molto vantaggiosa ed onorata
per lo Re Federico, e fino al Cielo esaltarono la virtù sua, che con
debili forze d'un picciol Regno, e' solo erasi mantenuto e difeso
da molti avversari poderosi; e quantunque la condizione, che egli
fosse Re in vita, pareva onorata per l'altro; nientedimeno chi era
giudizioso mirava, che dopo sua morte s'avria da entrare all'esecuzione
della pace, più tosto con l'armi, che con la carta de' Capitoli. Per
contrario si tenne poco onorata per Carlo di Valois; e da Giovanni
Villani è scritto, che il motteggiarono per Italia, che era andato in
Fiorenza a porvi pace, e lasciovvi nuova guerra; e che era andato in
Sicilia a far guerra, e partivano con disonorata pace.

Il Valois ritornato a Napoli, indugiò molti giorni, riconciando
l'armata, ed ancor dando tempo all'apparecchio del Re Carlo, che
deliberava con ogni cortesia d'aiutarlo, e mandare il Principe di
Taranto ed il Principe della Morea suoi figliuoli in Grecia. Ma, come
accader suole nell'imprese grandi, essendo insorta tra il Pontefice
Bonifacio ed il Re di Francia fiera guerra, contro cui fece anche il
Papa mover guerra dal Re inglese; perciò non solo fu escluso il Valois
degli aiuti del Papa e del Re di Francia, ma gli fu ancor necessario
di ritornar a' suoi per l'aiuto di quel Regno; e non ebbe poi mai
più comodità a far l'impresa; anzi in progresso di tempo avendo due
figliuole di quella moglie, ch'era nipote dell'Imperadore Balduino,
diede l'una per moglie al Principe di Taranto, che per lei s'intitolò
Imperadore di Costantinopoli, e l'altra dopo molti anni fu moglie di
Carlo Duca di Calabria, figliuolo di Roberto.

Ruggiero di Loria, al qual pareva, che in questa pace non avevan di lui
fatto quel conto, che sua virtù meritava, benchè gli avesse donati Re
Carlo ampi Stati nel Regno, in iscambio di quelli, ch'avea perduti in
Sicilia, pur se ne passò in Catalogna ricchissimo di gloria, dove poi
morì, con nome del più fortunato e Gran Capitano di mare, di quanti ne
sono lodati per l'istorie greche e latine.

Ma ritornando alla pace, dicono alcuni Autori, che trovandosi il Legato
Appostolico al trattar di quella costrinse Re Federico a promettere
una certa ricognizione alla Sede Appostolica, ma o fosse ciò vero o
falso, non ebbe alcun effetto; poichè Papa Bonifacio poco da poi della
sua prigionia morì d'afflizione in Roma a' 11 ottobre di quest'anno
1303, ed in suo luogo fu rifatto _Benedetto XI_ Trivigiano dell'Ordine
Frati Predicatori, il quale a' 6 luglio del seguente anno morì, non
senza sospetto di veleno, e lasciò nel Collegio molte discordie; poichè
essendosi quello diviso in tre fazioni, dell'una era capo Francesco
Gaetano nipote di Bonifacio, uomo fatto assai potente dal zio, così
di ricchezze, come di sequela; era capo dell'altra Napolione Orsino;
e dell'altra il Cardinal di Prato: onde la Sede vacò per tredici mesi,
ed al fine a' 5 di luglio del 1305 fu eletto Pontefice l'Arcivescovo di
Bordeos franzese, che allora stava in Francia, e fu chiamato _Clemente
V_.

Costui fu che, o a persuasione del Re di Francia, o per amor del
paese nativo, in cambio di venire a coronarsi a Roma, trasferì la
Sede Appostolica in Avignone, chiamando a quella città i Cardinali;
dove poi con gran danno d'Italia si fermò per più di settanta anni,
finchè Gregorio XI non la restituisse a Roma; ed a compiacenza di quel
Re si coronò a Lione, ove intervennero egli, Carlo di Valois e molti
altri Principi Oltremontani. Mandò poi il Papa tre Cardinali Legati in
Roma colla potestà Senatoria, da' quali quella città e lo Stato fosse
governato.

Da quest'anno 1305 fin al 1309 nel qual morì, il Re Carlo stette assai
quieto nel Regno di Napoli, e si diede a magnificar questa città,
ed agli altri studj di pace, come diremo. E parve che la fortuna gli
rendesse per altra via quello, che di reputazione avea perduto con la
pace fatta col Re Federico; poichè i Fiorentini per le civili discordie
vennero a pregarlo, che mandasse in Fiorenza il Duca di Calabria, a cui
da loro si profferiva il governo della città: come ne gli compiacque,
e Fiorenza il ricevè come suo Signore. Andò poi il Duca a visitar
il Papa in Avignone, e dopo maneggiate col medesimo alcune cose in
beneficio de' Guelfi, cavalcò per la Provenza, dove que' Popoli gli
fecero ricchissimi presenti, ed all'istesso tempo tolse la seconda
moglie, che fu la figliuola del Re di Majorica del sangue Aragonese,
cugina della Duchessa Violante sua prima moglie: e con volontà di Carlo
suo padre congiunse col cognato primogenito di quel Re, Maria sorella
sua quartogenita. Nè mancarono tra 'l maneggiare in Francia questi
matrimoni, altre feste a Napoli, perchè il Re Carlo diede Beatrice
sua figliuola ad Azzo Marchese di Ferrara, e conchiuse il matrimonio
della figliuola del Valois col Principe di Taranto, per la qual donna
si trasferirono il titolo e le ragioni dell'Imperio di Costantinopoli
nella Casa del Principe di Taranto; poichè il Valois vedendosi fuor di
speranza a poter fare quell'impresa, la delegò al Principe, facendolo
suo genero, scorgendolo uomo bellicoso, e per ajuti, che potea dargli
il padre, abile a fare in que' paesi qualche conquista. Il Tutini[490]
rapporta queste ragioni essergli pervenute non già dalla figliuola del
Valois sua seconda moglie, ma dalla terza, che fu Caterina figliuola
di Balduino Conte di Fiandra ed Imperadore di Costantinopoli, e
porta una carta d'investitura fatta dal Principe e da Caterina, che
s'intitolano Imperadori costantinopolitani, per la quale creano Re e
Despoto della Romania e dell'Asia minore, con tutti li Contadi, Baronie
e isole adiacenti _Martino Zaccaria_, Signore dell'isola di Chio suo
Consigliere, concedendogli tutte le prerogative regie e Despotali: che
potesse bere in tazza d'oro, portare corona e scettro regio, scarpe
rosse, con altre insegne regali, come più innanzi diremo.



CAPITOLO V.

_Napoli amplificata da CARLO II e resa più magnifica per edificii, per
lustro della sua Casa regale, e per altre opere di pietà illustri e
memorabili, adoperate da lui non meno quivi, che nell'altre città del
Regno._


Inchinando questo Principe più agli studj di pace che a quelli della
guerra, ed avendo così egli, come suo padre fermata la sede regia
in Napoli, ed in conseguenza resala più numerosa di gente volle
amplificarla; e fatti levare molti giardini, che avea intorno, fece
in quelli far edificii, e allargando il recinto delle mura della
città, fece più oltre trasferire le Porte, onde que' luoghi, che erano
fuori, furono rinchiusi dentro: di che la città ricevè non picciola
ampliazione; e per invitare altri ad abitarvi, fece franca la città
d'ogni pagamento fiscale. Ordinò ancora a petizione della medesima,
la gabella detta, del buon denaro, che fu molto grata a' cittadini
servendo per riparazione delle strade, e per altri beneficii pubblici,
come si vede ne' Capitoli del Regno sotto l'anno 1306[491]. Perchè
in essa il traffico ed il commercio fosse più sicuro e frequentato,
per sicurezza delle navi fece edificare il Molo, che ora per l'altro
più grande fatto a' tempi de' Re austriaci, appelliamo il Molo
piccolo[492]. Alcuni anche scrissero, che facesse egli edificare il
castel di S. Eramo, chiamato così da una picciola Chiesetta, che prima
era sopra quel Monte dedicata a questo Santo, ancorchè il Collenuccio,
ed altri vogliano, che quella fabbrica fosse stata opera di Roberto
suo figliuolo. Stabiliti in questa città quei due grandi e supremi
Tribunali della G. Corte, e l'altro del Vicario, per maggior comodità
de' Giudici e de' litiganti fece fabbricare appresso il Castel Nuovo
con grandissima spesa un Palazzo, nel qual doveano quelli reggersi,
siccome tutti gli altri Tribunali di giustizia[493]; li quali da poi
essendo stato dalla Regina Giovanna I quel palazzo converso in tempio
ad onore della Corona di Cristo, furono trasferiti nel tenimento
della Piazza di Nido nell'Ospizio del Comune di Venezia, siccome il
Tutini[494] raccoglie da uno istromento stipulato nell'anno 1431 ove
si leggono queste parole: _In quo Hospitio M. C. Magistri Justitiarii
Regni regebatur et regitur ad praesens_. Indi si portarono nella strada
di S. Giorgio Maggiore in un palazzo attaccato al campanile di quella
Chiesa, il qual fin oggi ritiene il nome di Vicaria vecchia; insino
che ne' tempi di D. Pietro di Toledo nell'anno 1540 non si fossero
tutti ridotti nel Castel capuano, ove oggi per l'infinito numero
de' litiganti, Giudici ed Avvocati s'ammira per una delle cose più
stupende, non pur d'Italia, ma di tutta Europa.

Non mancò ancora, per render questa città vie più magnifica di ciò
che avea fatto suo padre, di ampliare i privilegi all'Università
degli studj, e per maggiormente illustrarla, di chiamare a quella i
più rinomati Professori d'Italia, invitandogli con grossi stipendii.
Così nell'anno 1296 fece venire da Bologna _Dino de Muscellis_ celebre
Giureconsulto con salario di cento once d'oro l'anno[495]. Richiamò
ancora da Bologna _Giacomo di Belviso_, dandogli l'istessa provisione,
che suo padre gli avea stabilita di 50 once d'oro l'anno. Nel 1302
con grosso stipendio fece venire ad insegnare in quest'Università il
_Jus Canonico_ Maestro _Benvenuto di Milo_ Canonico di Benevento,
e celebre Canonista di que' tempi, che fu Maestro del famoso Biase
di Morcone[496]. V'invitò ancora nell'anno 1308 _Filippo d'Isernia_
famoso Legista a leggervi il _Jus Civile_. E poichè in que' tempi
praticavasi il lodevol istituto, osservato oggi in Ispagna, che i
Professori dalle cattedre passavano alle toghe ed alle mitre, si
vide da poi il Canonista _Milo_ fatto Vescovo di Caserta: e _Filippo
d'Isernia_ Consigliere del Re, ed a' tempi del Re Roberto Avvocato
Fiscale. Richiamò ancora a leggervi Medicina _Filippo di Castrocoeli_,
con accrescergli il salario, che suo padre gli avea prima assignato
d'once 12 insino ad once 36 d'oro l'anno. Furonvi ancora chiamati a
leggervi logica, _Accorsino da Cremona_, celebre in que' tempi per le
arti liberali, ed altri insigni Professori per l'altre Scienze[497].
E perchè ritenesse quello splendore e lustro, che Federico II aveale
dato, rinovò la proibizione fatta dal medesimo a' Professori di non
potere sotto pena di 50 once d'oro leggere in privato, o in altro
luogo, eccetto solo in quella Università pubblicamente: di che nei
regali registri de' suoi tempi se ne leggono molti divieti[498]. Per
la qual cosa avendo presentito, che in Solmona alcuni s'erano dati a
leggere _Jus Canonico_, fu da questo Principe ad istanza de' Lettori
napoletani spedito rigoroso ordine, che subito se n'astenessero,
spettando ciò solo all'Università degli studj di Napoli[499].

Rese anche adorna non meno questa città, che il Regno, per le
magnifiche chiese ed ampi monasterii, che parte vi costrusse di nuovo,
e parte ampliò. Oltre d'aver ridotto a perfezione, ed in più ampia
forma l'Arcivescovado di Napoli e la Chiesa di _S. Lorenzo_, a cui unì
un ben grande Convento di Frati Conventuali di S. Francesco; opere
incominciate da suo padre ma non già ridotte a fine; fondò egli di
nuovo la Chiesa ed il convento di _S. Pietro Martire_ de' PP. di S.
Domenico. L'altra ch'egli nominò della _Maddalena_, ancorchè ritenesse
il nome di _S. Domenico_ per li Frati di quell'ordine, e per essere
consecrata a quel Santo. Quella di _S. Agostino_[500], e l'altra di
_S. Martino_ sopra il monte S. Eramo: se bene di quest'ultima i più
accurati Scrittori ne facciano autore Carlo Duca di Calabria suo
nipote[501].

In Aversa edificò a' Frati di S. Domenico la chiesa e convento sotto il
titolo di _S. Luigi_ Re di Francia suo zio, dotandola di ricchissime
rendite. Ma ove più rilusse la pietà insieme e la magnificenza di
questo Principe fu in quelle tre celebri Chiese del Regno, cioè in
quella di S. Niccolò in Bari, nell'altra di Santa Maria in Lucera, e
in quella già prima fondata dall'Imperador Federico II in Altamura;
nelle quali è da notare, che i Pontefici romani furono cotanto profusi
in concedere non meno a' nostri Re angioini, che a lor riguardo a
queste Chiese tanti privilegi e prerogative, che quasi scambievolmente
comunicandosi il lor potere, siccome i Re erano profusi in donare a
quelle beni temporali, così essi gli cumulavano di preminenze e favori
spirituali.


§. I. _Della Chiesa di S. Niccolò di Bari._

La regal chiesa di S. Niccolò di Bari, siccome fu narrato ne'
precedenti libri di quest'istoria, ebbe il suo principio nell'anno
1087 nel quale alcuni mercatanti baresi da Mira città della Licia
trasportarono nella lor Patria il Sacro Deposito. Urbano II nella
fine di settembre del 1089 accompagnato da gran numero di Cardinali
e di Vescovi, li quali insieme con lui erano intervenuti nel Concilio
ragunato in Melfi, dedicò solennemente l'altare maggiore della chiesa
inferiore, ove ripose le sacrosante Reliquie, conforme egli medesimo
ne fa piena testimonianza in una sua Bolla spedita in Bari a' 9
ottobre 1089 secondo anno del suo Pontificato, riferita dal Baronio e
dall'Ughello.

Fin dal tempo della sua fondazione, fu quella chiesa edificata nel
palazzo antico de' Capitani, li quali mentre governarono la Puglia
in nome degl'Imperadori d'Oriente, fecero in esso la loro residenza:
tolta poi da' Normanni la Puglia a' Greci, passò in potere di Roberto
Guiscardo primo Duca di Puglia, ed appresso, di Ruggiero suo figliuolo,
la qual Chiesa fu libera ed esente fin dal suo principio della
giurisdizione dell'Ordinario, del che fanno bastantissima fede il
privilegio concedutole da Alessandro Conte di Cupertino e di Catanzaro
per ordine di Ruggiero Re di Sicilia, che si legge presso Ughello
medesimo, la celebre Bolla di Pascale II indirizzata ad Eustachio
II Abate, che succedè al primo cotanto rinomato _Elia_, ottenuta
per intercession di Boemondo Principe d'Antiochia e Signore di Bari
fratello di Ruggiero nell'anno 1106[502], e le Bolle di Bonifacio VIII
dell'anno 1296[503], di Clemente V, Paolo III, Pio V ed altri romani
Pontefici[504].

Il Re Carlo II d'Angiò fatto prigione colla disfatta del suo armamento
navale, fu, come si disse nel precedente libro, in grave pericolo
d'essere decapitato; ma avendo scampata la morte, e liberato poi dalla
sua prigionia, memore di così insigni beneficj, ch'egli credette per
intercessione di questo Santo, di cui era divotissimo, aver ricevuti,
rivolse l'animo ad accrescere il culto e la divozione, che gli portava,
con arricchire la sua Chiesa d'amplissime rendite, facendole varie
donazioni, con riserbarsi solo il poter godere delle distribuzioni,
come Canonico di quella, sedendo nel Coro, come tutti gli altri.
Per mezzo del Priore Guglielmo Longo Bergamasco, il quale fu creato
Cardinal Diacono di San Niccolò in Carcere, nel 1294 ottenne da
Bonifacio VIII ampi privilegi, esenzioni ed immunità. Vi destinò al suo
servizio cento Cherici tra Canonici ed altre dignità, oltre il Priore,
e la dichiarò sua cappella regia.

Impetrò dallo stesso Bonifacio VIII nell'anno 1296 Bolla, con cui gli
diede facoltà di poter unire alla regal basilica le chiese e cappelle
di sua collazione, che li paresse aggregarle, le quali, come quelle, a
cui si sarebbero congiunte _pleno jure_, a lui appartenessero; e furono
aggregati a quella la Badia e monastero di tutti i Santi[505].

Assegnò nell'anno 1298 per dote perpetua della chiesa trecento
once d'oro per ciascun anno da esigersi sopra la dogana e fondaco
dell'istessa città di Bari, alla qual somma, tre anni appresso,
aggiunse altre once cento, con che di queste, ottanta se ne dassero al
Priore, venti al Tesoriere, e le restanti trecento, si distribuissero
fra' Preti e Ministri della chiesa; in iscambio delle quali, perchè
molte volte dagli Ufficiali del Regno se ne differiva il pagamento,
concedè alla chiesa tre castelli a lui devoluti, cioè Rutigliano, S.
Nicandro e Grumo, de' quali n'investì il Tesoriere di quel tempo, e gli
altri, che fossero eletti ne' tempi futuri.

Nel mese d'ottobre del medesimo anno 1298 in virtù della potestà
datali da Bonifacio incorporò l'Arcipretura d'Altamura con tutte le sue
chiese, cappelle, ragioni e pertinenze alla dignità di _Tesoriere_, il
che confermò con altro Privilegio de' 2 dicembre del 1301 col quale
anche unì le chiese della Trinità di Lecce e di S. Paolo d'Alessano
all'Ufficio di _Cantore_; e la chiesa di S. Maria di Casarano a quello
di _Succantore_.

A' 18 gennajo del 1302 istituì nel sagro Tempio quattordici Ministri,
de' quali otto avessero pensiero ne' dì festivi d'assistere in guardia
delle porte del Coro con una mazza regale d'argento in mano, donde
presero il nome di _Mazzieri_, e sei per li Ministri più bassi, come
per rappezzar le fabbriche, racconciar gli scanni, e cose simili,
chiamati perciò _Maestri di Fabbrica_, a' quali diede l'esenzione
del pagamento delle gabelle, e del Foro secolare nelle cause civili,
sottoponendoli alla giurisdizione del Tesoriere, appellandosi da'
decreti della di lui Corte a quella del Cappellano Maggiore, le quali
esenzioni ed immunità, furono confirmate da Roberto nel 1340 e da
Ladislao nel 1403, e gli altri Re successori, al suo esempio, di
moltissime altre concessioni e preminenze arricchirono questa chiesa.

Dotata ch'ebbe in tal modo la regal Chiesa, v'introdusse una nuova
forma di servizio a similitudine di quello usitato nella regal cappella
di Parigi, ad esempio della quale volle ancora, che in quanto alla
recitazione de' divini Uffici, si valessero i suoi Ministri dell'antico
Breviario parigino; il che fu poi tolto all'ultimo di dicembre del
1603 con lettere di Filippo III, colle quali permise, che, quello
tralasciato, nell'avvenire potessero servirsi del Breviario romano,
detto volgarmente di Pio V.

Dispose per mezzo di un suo privilegio spedito a' 20 giugno del 1304
che oltre il Priore fossero in questa chiesa tre dignità, cioè quella
del _Tesoriere_, che costituì la prima e la più riguardevole, e due
altre, cioè di _Cantore e Succantore_ e cento Preti beneficiati,
quarantadue Canonici, fra' quali le dignità furono annoverate, ventotto
Cherici mediocri e trenta bassi, siccome s'appellano nel privilegio,
con molti particolari regolamenti attinenti al Priore ed al Tesoriere.

Dopo avere il Re Carlo II costituito in questa chiesa le dignità,
il numero de' Canonici, ed altri Cherici inferiori, assignate le
rendite, ed ordinato tutto ciò, che stimossi da lui espediente per
buon reggimento e regolamento della medesima; riserbò per se, e suoi
Serenissimi Successori nel Regno la dignità di Tesoriere colla prebenda
a quello annessa, in modo che ritrovandosi in Bari, interveniva egli
nel Coro come Tesoriere, sedendo nella seggia costrutta all'incontro
di quella del Priore, in cui sono intagliate l'armi regie, e vi
sta scritto con lettere d'oro, _Sedes Regalis_, coll'effigie di
questo piissimo Principe, sotto il quale, scolpito in abito di
Tesoriere, leggesi l'iscrizione: perpetuo monumento d'aver per se e
suoi successori ritenuta la prima canonica dignità, ch'è quella di
Tesoriere[506].

Avea ciò il Re Carlo appreso da' Franzesi, e massimamente da' suoi
Angioini; e conforme nella recitazione dell'Ufficio, e nell'altre cose
concernenti il culto di della Chiesa, così in questa volle imitare
l'usanza della Francia; poichè si legge presso Eginardo[507] che Carlo
M. si dilettava ancor egli di cantare con gli altri nel Coro: e nella
Cronaca d'Inghilterra lo stesso si legge di Fulcone III, cognominato
il buono Conte d'Angiò, il quale nell'anno 960 fu ammesso nella Chiesa
di S. Martino come Canonico, e spesse volte nella recitazione dell'ore
canoniche con vesti canonicali intervenne[508]. Parimente Ingelgero
Console, ovvero Conte d'Angiò (poichè dell'uno e dell'altro titolo
allora promiscuamente valevansi) dopo aver ottenuta nella Chiesa di S.
Martino in Tours una prebenda perpetua, essendo vacata la dignità di
Tesoriero, fu dichiarato tale, difensore della chiesa, e tutore delle
sue possessioni; e mentre visse occupò la sede di Tesoriere, nella qual
dignità, a' Conti e Duchi d'Angiò succederono i Re di Francia, e quel
Canonicato laico conseguirono[509].

Da' precedenti libri di questa Istoria ciascuno avrà potuto notare,
che molte usanze di Francia furono da' nostri Re fra noi introdotte,
cominciandosi sin dai Normanni, e moltissime poi ve ne furon portate
dai Re angioini; onde non dee recar maraviglia se alcune nel nostro
Regno oggi ancor durino totalmente difformi da quelle di tutto il
resto d'Italia. In Francia il Tesoriere della regal cappella di
Parigi, secondo ne rende testimonianza Coppino[510], oltre d'esercitar
giurisdizione sopra i Canonici di quella, conserva egli i vasi sacri
e gli ornamenti, ed anche tutti gl'istrumenti, privilegi e concessioni
riguardanti a' Feudi, ed altre robe donate a quella Chiesa. Parimente
il Tesoriere di Bari ha egli il pensiero e la custodia di tutto ciò;
e come questa città fu lungamente governata da' Greci, si ritengono
insieme ancora molti usi grecanici, e nel Tesoriere istesso di
questa Chiesa si veggono ancora uniti gli uffici di Cartolario e
di Cartofilace; poichè siccome in Oriente due erano i Cartofilaci,
uno conservava le carte e monumenti della chiesa, e presiedeva
all'Archivio; l'altro alle rendite della chiesa, e teneva conto delle
spese[511]; così in Bari il Tesoriere di questa chiesa ha di tutto ciò
cura e pensiero. E poichè in alcuni luoghi era incombenza del Tesoriere
non solo di custodire i privilegi e gli ornamenti della chiesa, ma
anche il regio diadema[512]; così alcuni, avendo per vera quella
favola, che i nostri Re solevansi coronare in Bari colla Corona di
ferro, scrissero che il Tesoriere di questa Chiesa, tra gli ornamenti
di quella, custodiva ancora questa Corona[513].

A questo Principe adunque devono i nostri Re quelle tante prerogative
e preminenze acquistate non men per fondazione e dotazione, che per
privilegi dei Sommi Pontefici, delle quali oggi sono essi in possesso,
onde sono reputati capi e moderatori di questa chiesa, ch'è di Regia
collazione; conferiscon essi il Priorato e l'altre dignità di quella,
e vi stabiliscono un Giudice d'appellazione, il qual'è il Cappellano
Maggiore, che riveda i processi del Priore e del Tesoriere, con totale
independenza dall'Arcivescovo Ordinario di Bari.

Secondo l'antica disciplina della Chiesa, tutte le basiliche, che si
costruivano nella diocesi del Vescovo, erano sotto la sua potestà[514].
Ma sin da' tempi di Carlo M. i Pontefici romani cominciarono per
mezzo di loro privilegi ed esenzioni, a mutare l'antica polizia: e
per invogliare maggiormente i Principi ad arricchire le Chiese di
beni temporali, e rendersegli vie più devoti e soggetti, concedevano
ad essi ed alle Chiese, che fondavano, ampi privilegi e prerogative,
comunicandosi scambievolmente i loro poteri. Ma in ciò sempre i
Principi vi perdevano, perchè arricchite e fondate, ch'essi aveano le
Chiese, sorgevano delle grandi contese con gli Ordinarii, e non si
disputava sopra i beni donati, acquistati già alla Chiesa, ma sopra
i privilegi loro conceduti: i Pontefici che s'arrogano la potestà
d'interpretargli, moderargli e sovente anche di rivocargli, eran sempre
dalla parte degli Ordinarii; e quando ciò lor non riusciva, tiravano
almeno il litigio in Roma, ed essi ne prendevan la conoscenza. Di che
potranno esser bastanti prove le gravi ed ostinate contese insorte per
ciò tra il Priore di questa chiesa e l'Arcivescovo di Bari, le quali,
non ostante tanti privilegi ed esenzioni, per lo corso non meno che di
ducento anni, non vi è stato modo di poterle affatto estinguere[515].
Siccome non furono minori per le stesse cagioni li contrasti nati fra
l'Arciprete d'Altamura col Vescovo di Gravina, e per l'altre Chiese
di regia collazione. Ciocchè dovrebbe essere documento non meno a'
Principi, che a' privati, di lasciare alla Chiesa ed a' suoi Ministri
ciò che a loro s'appartiene, e non intrigarsi in tali faccende,
e nell'andar regolando Capitoli e confratanze, come se loro non
restasse niente da fare attendendo a' loro proprii impieghi; perocchè
la sperienza n'ha dimostrato, che tali cose se bene da principio
s'intraprendono per impulsi di divozione, da poi riescono di vanità,
dove non vi è niente dello spirito, e tutto del mondo e della carne.
Ed all'incontro i Preti ed i Monaci da poi ch'essi avranno arricchite
le chiese e le cappelle, vogliono amministrar le rendite, dimandarne
conto, ed aver coloro, che voglion prenderne cura, per loro ligi e
sudditi, con tirargli per l'orecchie dove la lor ambizione e la loro
avarizia gli portano.

Ciò che dovrebbe ancora condannare l'istituto pur troppo da un secolo
in quà frequentato in questa città e Regno di tante Confraterie di
secolari e d'artigiani, li quali invece d'attendere a' loro mestieri,
ed adempiere le parti della giustizia in non fraudare con inganni il
prossimo, si mostrano tutti ardenti di devozione nelle loro cappelle
e Confraterie, e cotanto si compiaciono d'una processione, di portare
stendardi, croci, turibuli e torchi, e di proccurar da Roma divise
pei loro abiti, le quali molti se le procacciano di colori di porpora
per mostrarsi nelle funzioni più vistosi, e tanto si gonfiano d'un
titolo di Priore, di Primicerio o Assistente, che credono con ciò aver
ben soddisfatto all'ufficio di buoni Cristiani. E la meraviglia è,
che da poi che la domenica avranno nelle loro Congregazioni intonato
bene l'ufficio, sentito il sermone del Padre, e girato attorno per la
città con croci e stendardi; il lunedì la mattina tornando nelle loro
botteghe, non perciò al primo, che vi capita, non cercano ingannarlo,
e con frodi e menzogne circonvenirlo ne' prezzi delle robe o ne' lavori
di mano.

Quindi i Preti ed i Frati, riputandogli non in tutto secolari, se
accade lite per precedenza, per custodia de' vasi e d'ornamenti, per
amministrazione, conti o altro, vogliono essi riconoscere di queste
cause, e gli tirano al Foro ecclesiastico, tenendo erette per ciò
particolari Congregazioni, onde si sentono tutto il giorno contrasti
non meno ne' Tribunali ecclesiastici, che avanti il Delegato della
regal giurisdizione, e quando dovrebbero attendere a' loro lavori,
perdono le giornate intere dietro a queste frasche. Ciò che ben loro
sta, perchè quando a ciò potrebbero essere sufficienti i loro Parochi,
essi, come se vi fosse scarsezza di Preti e di Monaci, vogliono
intrigarsi in tali funzioni, e non conoscono, che da poi che vi avranno
consumato il tempo e le loro sostanze, niente profittano nello spirito,
nè migliorano di costumi, anzi vivono in continue soggezioni ed in
continui contrasti, che cagionano fra di loro odj e rancori, e sovente
anco gravi inimicizie e disordini.


§. II. _Della chiesa di S. Maria di Lucera._

Dappoichè Re Carlo ebbe sconfitto Manfredi, e debellati i Saraceni,
che teneva a' suoi stipendj, il misero avanzo di quelli ricovrossi in
Lucera di Puglia, ed in quel castello si fortificarono; ed ancorchè
il Regno si fosse per Manfredi interamente perduto, renduti che
furono, ricevettero a buon patto da quel Re di poter quivi abitare
colle loro famiglie; ma Carlo suo figliuolo come Principe pietoso e
zelantissimo della fede cattolica, conoscendo, che per l'abitazione
di questi Infedeli in quella città, il culto Divino era vilipeso, la
chiesa cattedrale poco men che ruinata, e la religione in pessimo stato
ridotta, si risolse discacciargli affatto, come fece, ed invitarvi
nuovi abitatori Cristiani; ed affinchè la città tosto si popolasse,
assegnò a' nuovi abitatori Cristiani molte terre, ripartendole secondo
la qualità e condizione degli abitanti; ed affinchè la città in cotal
maniera purgata, si reputasse tutta nuova, volle ancora, che non più
si chiamasse col nome antico di _Lucera_, ma di _Santa Maria_, titolo
della sua cattedral Chiesa. Perchè questa Chiesa era posta in luogo
meno frequentato, e fuori della città, e minacciava ruina, ed avea
così picciole facoltà, che il Vescovo di quella non poteva sostentarsi
conforme ricercava la dignità Pastorale, e per la povertà dell'entrate
pativa anche difetto di Ministri; Carlo II la trasferì dentro la città,
costruendone una più magnifica, con ordinare nel 1303 al Castellano
della vecchia Fortezza di quel castello, che dasse certo metallo rotto,
che ivi era per farsene una campana[516]. La dotò d'ampie e ricche
entrate; e nello stesso anno gli donò cento once d'oro l'anno sopra le
rendite sue regali, che teneva in quella città, per sostentamento de'
Canonici, che accrebbe sino al numero di venti, con obbligo di quivi
risedere, ed assistere alli divini Uffici tanto di notte, quanto di
giorno, da dividersi fra di loro le rendite, che assegnava, egualmente,
in maniera che ciascuno avesse cinque once d'oro l'anno in _beneficio_,
ovvero _prebenda_. Si riserbò per se e suoi successori nel Regno la
collazione de' Canonicati suddetti per la metà, e la restante parte,
che fosse del Vescovo, in modo che quello, che primo vacherà sia a
collazione del Re, e quel che vacherà la seconda volta sia del Vescovo.
Oltre a ciò instituì nella medesima Chiesa le dignità di Decano,
Arcidiacono, Tesoriero e Cantore, assegnando per ciò trenta once di oro
l'anno, e che fossero di regia sua collazione[517].

Il Pontefice Benedetto XI lodando la pietà e munificenza del Re,
per mezzo d'una sua Bolla spedita a' 28 novembre dello stesso anno
1303 approvò e confermò l'istituzione, concedendo al Re Carlo e suoi
eredi e successori di presentare al Vescovo le persone, ch'egli volea
innalzare al Decanato, Archidiaconato e Cantoria, le quali dovesse
il Vescovo istituire e confermare. Gli concedè ancora di poter in
luogo del Papa conferire la metà delle prebende di sopra accennate
quando vacherebbono, con poter anche conferire le altre dignità.
Di vantaggio, se occorresse crear altre prebende, che potesse egli
farlo, con riserbarne l'altra metà al Vescovo e suoi successori,
quando vacheranno. Ed in fine, per ispezial favore, ancorchè per le
convenzioni passate con Carlo suo Padre si fosse tolto l'assenso,
che prima era necessario nell'elezioni dei Vescovi; gli concedè, che
occorrendo eleggersi il Vescovo di questa città, debbia il Capitolo,
prima di domandare la confermazione di quello, ricercare l'assenso dei
Re e suoi successori, e non si possa l'Eletto confermare, se prima non
sarà ricercato detto _assenso_; come si legge nella Bolla trascritta
dal Chioccarelli, della quale non si dimenticò Tommasino[518], con
rapportarne anche le parole. Ciò che si vede essersi praticato anche
a tempo del Re Alfonso I come per due carte di questo Re, una scritta
al Vicario di Napoli nel 1450, e l'altra al Pontefice, rapportate dal
Chioccarelli[519].

Non soddisfatto questo Principe di ciò, nel seguente anno 1304 volle
maggiormente arricchire questa Chiesa da lui fondata, donando a Stefano
Vescovo di quella città e suoi successori le terre dell'Apricena,
Palazzuolo e Guardiola poste nella provincia di Capitanata, e glie
le concedè in feudo nobile, contento solo del giuramento di fedeltà,
senz'altro servizio personale o reale, eccetto che ogni anno il Vescovo
e suoi successori fossero tenuti dare al Re un bacile d'argento con
25 libbre di cera, cioè in un anno nella festività del Natale di N.
S., ed un altro nel dì della Pentecoste; il qual bacile anche solevasi
restituire al Vescovo per doverlo convertire in vasi d'argento per
divin culto della Chiesa suddetta. Stabilisce inoltre, che vi siano
in detta Chiesa il Decano, l'Arcidiacono, il Tesoriero, il Cantore, ed
oltre i Canonici, otto Cherici: che il Decano abbia ogni anno quindici
once di oro, l'Arcidiacono altrettante, il Tesoriero dodici once, il
Cantore altrettante, e gli otto Cherici ciascheduno d'essi quattro
once; ed il Tesoriero abbia anche quattro once pei lumi. Comanda che
queste somme se gli paghino dalla Bagliva e da altri diritti ed entrate
regali, che la regia Corte possiede in detta città; e vuole, che le
dignità di Decano, Arcidiacono, Tesoriero e Cantore quando vacaranno,
si conferiscano dal Re e suoi successori; però la metà de' Canonicati
si conferisca dal Re, e la restante metà dal Vescovo alternativamente
nella maniera detta di sopra: che gli altri Cherici s'ordinino dal
Vescovo; che il Decano abbia da dare al Re e suoi successori ogni anno
per se e Capitolo dodici libbre di cera; e che le persone, che avranno
dette dignità e _Personati_, debbano insieme colli Canonici eleggere il
Vescovo, con doverne presentare al Re l'elezione, e ricercare il suo
assenso. Il qual privilegio nel seguente anno fu confermato da Carlo
stesso, e nel 1332 da Roberto suo figliuolo[520].

Siccome Carlo II statuì nella Real Chiesa di Bari, che nel celebrare
ivi i divini Ufficii, si osservasse il rito Franzese; così parimente
volle, che si praticasse in questa chiesa di S. Maria di Lucera;
onde a' 25 novembre dell'anno 1307 scrisse al Vescovo e Capitolo di
quella città, dicendo loro, che desiderando che in questa sua Chiesa
da lui fondata si facesse progresso non meno nelle cose temporali,
che spirituali, voleva perciò, che si governasse secondo le approvate
consuetudini delle chiese cattedrali del Regno di Francia; onde ordinò
loro e prescrisse alcuni riti, che si osservavano in Francia circa il
celebrare l'Ufficio divino ed altre cerimonie di Chiesa[521].

Ritengono per tanto i nostri Re ancora oggi queste preminenze sopra
la Chiesa di Lucera, se non che sin da' tempi d'Alfonso venne loro
contrastato (non ostante la Bolla di Benedetto XI) _l'assenso_
ricercato nell'elezione del suo Vescovo, il quale ora si è proccurato
con varii maneggi e trattati di toglierlo affatto; siccome dall'altra
parte furono tolte al Vescovo le terre, che da questo Principe furon
concedute, ond'è, che ora è sciolto dal tributo del bacile d'argento e
della cera.


§. III. _Della chiesa d'Altamura._

La Chiesa d'Altamura, ancorchè fondata dall'Imperadore Federico II,
e per suo privilegio spedito in Melfi l'anno 1282 confermato da poi
da Innocenzio IV per la sua Bolla data in Lione l'anno 1248, fu resa
esente dalla giurisdizione di qualunque Ordinario: con tutto ciò
Carlo II ne prese la protezione, allorchè Sparano da Bari Protonotario
del Regno, sotto colore che il Re Carlo suo padre gli avesse donato
Altamura, tentava appropriarsi anche questa Chiesa, ch'era di jus
patronato regio; onde scrisse nell'anno 1292 con molta premura a Carlo
Martello suo figliuolo Re d'Ungheria, che comandasse al Protonotario
di non impacciarsi a cosa veruna appartenente a questa Chiesa, per
essere sua cappella regia, e si guardasse molto bene a non provocarlo
ad ira; anzi ordinò, che non portasse rispetto in modo alcuno
al suddetto Sparano in eseguire subito suoi ordini[522]. Maggior
protezione ne prese quando il Vescovo di Gravina tentò di sottoporla
alla sua giurisdizione. Egli nell'anno 1299 commise al Vescovo di
Bitonto ed a Lupo Giudice della medesima città, che portandosi di
persona in Altamura esaminassero la pretensione del Vescovo; e dopo
matura discussione, d'accordo compose egli la contesa, stabilendo,
che la chiesa suddetta fosse _Cappella Regia_; che la collazione
appartenesse al Re; che fosse colle sue cappelle e Clero esente; e
che la giurisdizione spirituale contenziosa in Altamura, spettasse
all'Arciprete: quella che appartiene all'ordine Vescovile spettasse al
Vescovo, al quale parimente il Re Carlo donò sette once d'oro l'anno in
perpetuo[523].

Dichiarata questa chiesa cappella regale, ed esente dalla
giurisdizione dell'Ordinario, si proccurò poi dai Re successori di
Carlo d'illustrarla con altre prerogative; onde nell'anno 1485, a
richiesta di Pietro del Balzo Principe allora d'Altamura, s'ottenne
da Innocenzio VIII Bolla, ovvero privilegio per cui fu innalzata da
Parrocchiale ch'era, in Collegiata, con tutte l'insegne e dignità
collegiali: fu conceduto ancora di potervi quivi creare nuove dignità,
cioè d'Archidiaconato, Cantorato, Primiceriato e Tesorierato, con la
creazione di ventiquattro Canonici, la provvisione dei quali si diede
all'Arciprete. Fur concedute al medesimo le ragioni e preminenze
Vescovili, il portar il Roccetto, la Mitra, l'anello e tutte le
altre insegne Pontificali: di dare la solenne benedizione, colla
potestà ancora di conferire gli Ordini minori alli suoi sudditi, e la
superiorità e punizione circa tutti i Preti, e d'assolvere tutti i suoi
Parrocchiani e sudditi di tutti li casi Vescovili. E poichè i Pontefici
romani s'arrogavano ancora la potestà d'ergere le terre e castelli
in città quando vi creavano un Vescovo; Innocenzio innalzando il suo
Arciprete quasi al pari d'un Vescovo, dichiarò egli Altamura città,
e comandò che ne' futuri tempi tale dovesse nominarsi, come si legge
nella sua Bolla, rapportata dal Chioccarelli[524].

Innalzata a tale stato la Chiesa d'Altamura ed il suo Arciprete,
quindi è che oggi i nostri Principi vantino questa singolare e grande
prerogativa di crear essi l'Arciprete senz'altra provvisione del Papa,
il quale, ottenute le lettere regie di sua provvisione, esercita
giurisdizione nel suo territorio sopra i Preti e Cherici di quella
Chiesa e suoi sudditi, e gode di tutte le ragioni vescovili, e di tutte
l'altre prerogative di sopra rapportate; poichè quantunque i nostri Re
abbiano la presentazione di molte chiese cattedrali, nominando essi
molti Vescovi ed Arcivescovi ancora, nulladimanco non la sola loro
presentazione e nomina gli fa tali, ma vi bisogna ancora la provvisione
del Papa, che gli ordini e confermi nelle loro Sedi, ciò che non si
richiede nell'Arciprete d'Altamura; ond'è avvenuto che i nostri Re
non abbiano mai permesso, che questa Chiesa da collegiata passasse in
cattedrale, ed il suo Arciprete da tale passasse ad esser Vescovo.

Ma con tutto che il privilegio di Federico II confermato da Innocenzio
IV, la provvisione del Re Carlo II, e la Bolla d'Innocenzio VIII
avessero favorito tanto questa Chiesa, non furono però bastanti
d'evitar le contese, che dal Vescovo di Gravina, favorito da Roma, si
posero negli ultimi tempi, intorno l'anno 1605, di nuovo in campo;
poichè pretese visitare l'Arciprete e la sua Chiesa, e n'avea già
ottenute provvisioni da Roma; ma essendosegli impedito di potersene
valere, fece egli pubblicare per iscomunicati il Capitolo ed il
Reggimento di Altamura, ed affisse cedoloni d'interdetto a tutta la
città, che si componeva non meno di 18 mila anime: e furono con tanto
ardore sostenute queste contese dal Vescovo col favore di Roma, che
per gran tempo furono impiegati i più gravi personaggi e più cospicui
Ministri del Re per sedarle, le quali dopo il corso di 22 anni furono
finalmente composte con dichiararsi che nella visita, che s'era
concordato con S. M. che potesse fare il Vescovo, come Delegato della
Sede Appostolica, potesse solamente provvedere e correggere, e non
gastigare o punire; e che non si permetta al Clero d'Altamura d'avere
un Giudice d'appellazione _in partibus_ per li decreti e sentenze che
s'interpongono dall'Arciprete, ma, come era stato solito, dovesse
appellarsi alla Corte del Cappellano Maggiore. Ebbe gran parte in
quest'affare il Consigliere Giovanni Battista Migliore mandato con tal
incombenza in Roma dal Cardinal Zapatta allora Vicerè, per la vigilanza
del quale dopo essere stata interdetta la città 18 anni, e scommunicati
il Capitolo e Reggimento della medesima, si pose a tal negozio fine,
riputato di grandissima importanza. Gli atti di questa controversia, e
molte consulte ed allegazioni fatte per la medesima, insieme col Breve
di Papa Gregorio XV, col quale si conferma la transazione, ed accordo
seguito sopra queste differenze, si leggono presso Chioccarello nel
_tomo_ 6 dei suoi _MS. giurisdizionali_.

Tengono i nostri Principi del Regno molte altre chiese e cappelle
di regia collazione, e Carlo II nell'anno 1300 ordinò, che di loro
se ne formasse un distinto e compito inventario; dal cui esempio gli
altri Re suoi successori, e particolarmente negli ultimi tempi il Re
Filippo II, si mossero per conservarne memoria, di ordinarne altri
più esatti. Per aver essi dai fondamenti erette molte Chiese ed altre
dotate d'ampissime rendite, furono meritevoli di tal prerogativa; e
siccome il fondamento, dove s'appoggia il diritto, di cui godono i
Serenissimi Re di Spagna di presentar i Vescovi alle chiese cattedrali,
non è altro, come dice il Vescovo Covarruvias[525], se non perch'essi
le fondarono e dotarono; così i nostri Re, perchè, siccome si è potuto
notare da' precedenti libri di quest'istoria, e da quel che si dirà
ne' seguenti, moltissime Chiese ancor essi a loro spese fondarono, e di
grandi entrate dotarono: quindi o per concessione de' Sommi Pontefici,
o per consuetudine e prescrizione immemorabile[526], ottennero che
le medesime fossero di loro collazione, senza che nel provvederle
avesser bisogno del ministero del Vescovo o del Papa istesso[527]. Ciò
che non dee recar maraviglia, particolarmente nelle persone de' Re,
i quali non sono riputati puramente Laici; poich'essendosi da molti
secoli introdotta tra' Principi cristiani quella spiritual cerimonia,
che mentre si incoronano per mano de' Vescovi, sogliono anche ungersi
col sacro olio, s'è riputato perciò che questa sacra unzione rendesse
le lor persone sacrate, e capaci di tali e simili prerogative e
dignità[528].

Quindi è nato, che nel Regno i nostri Principi, oltre la
_presentazione_ che tengono in moltissime chiese di patronato regio,
eziandio in alcune chiese cattedrali, delle quali si parlerà a più
opportuno luogo, tengono la _collazione_ di molte chiese e cappelle
regie fondate da essi e dotate di loro rendite, siccome in Napoli la
chiesa di S. Niccolò del porto, ovvero del Molo, di S. Chiara, di S.
Agnello, di S. Angelo a Segno, di S. Silvestro, e de' SS. Cosma e
Damiano, di S. Severino piccolo e moltissime altre. E nel Regno in
tutte le sue province, come in Lecce la cappella della Trinità, la
cappella di S. Angelo posta nel castello della medesima città ed altre:
in Apruzzo la Badia di S. Maria della Vittoria: nella Diocesi di Sarno
la Badia di S. Maria di Real Valle: in Salerno la cappella di S. Pietro
in Corte, di S. Cattarina ed altre: in Bari la badia di S. Lionardo: in
Barletta la chiesa di S. Silvestro: nella diocesi di Sora la chiesa di
S. Restituta di Morea: in Montefuscoli la chiesa di S. Giovanni: nella
Diocesi di Nardò la chiesa di S. Niccolò di Pergolito: in Catanzaro
le cappelle di S. Maria e di S. Giovanni Battista, e tante altre che
possono vedersi presso il Mazzella[529], e negli inventarii fatti
d'ordine di Carlo II e di Filippo II, rapportati dal Chioccarello nel
sesto volume de' suoi MS. giurisdizionali.



CAPITOLO VI.

_Della Casa del Re: suo splendore e magnificenza; e de' suoi Uffiziali._


Non fu veduta in alcun tempo la casa regale di Napoli in tanta
magnificenza e splendore, quanto nel Regno di questo Principe; o si
riguardi il lustro della numerosa sua regal famiglia, e la grandezza
de' suoi Baroni, ovvero il numero e splendore degli Ufficiali della
Corte: ciò che innalzò cotanto non pur la città di Napoli, ma tutto il
Regno, e lo rese famoso sopra tutti gli Stati di Europa.

Vide il suo primogenito _Carlo Martello_ Re d'Ungheria e costui morto,
_Caroberto_ di lui figliuolo e suo nipote, sicuro Re di quel Regno,
avendo debellato gli avversarii suoi. Tutti gli altri suoi figliuoli
vide innalzati alle supreme grandezze; perchè _Lodovico_ secondogenito,
quantunque nella sua giovanezza fossesi fatto Frate minor Conventuale a
S. Lorenzo di Napoli, fu poi creato Vescovo di Tolosa, e da poi per la
santità della sua vita fu da Papa Giovanni XXII posto nel catalogo de'
Santi Confessori. _Roberto_ suo terzogenito che gli succedè nel Regno,
fu _Duca di Calabria_, Vicario del Regno ed ebbe il supremo comando
delle sue armate. Si reputò quindi a' più prossimi alla successione
del Regno convenirsi meglio il titolo di _Duca di Calabria_ che di
_Principe di Salerno_: poichè Carlo II tenendo molti figliuoli, ed
avendone decorati alcuni col titolo di _Principe_, come Filippo che
fu fatto Principe di Taranto, Tristano Principe di Salerno e Giovanni
Principe d'Acaja, si stimò che fosse più proprio e decoroso, a chi
dovea succedere nel Regno, darsi il titolo di _Duca di Calabria_:
titolo antico preso da' primi Normanni e che non una città, ma due
ampie province abbracciava. Quindi s'introdusse che ai primogeniti
de' nostri Re, che debbon succedere al Regno, tal titolo si dasse;
e siccome in Francia al primogenito si dà il titolo di Delfino, in
Ispagna di Principe d'Asturia, così nella casa regale di Napoli,
colui che teneva il primo grado nella successione, era chiamato Duca
di Calabria; ond'è che Roberto così facesse nomare il suo primogenito
Carlo che gli dovea succedere nel Regno: e così praticarono tutti gli
altri Re aragonesi; ed unito poi questo Regno alla Corona di Spagna,
quindi avvenne che i primogeniti de' Re di Spagna si dicessero non meno
Principi d'Asturia che Duchi di Calabria.

Filippo quartogenito fu Principe di Taranto e di Acaja, Dispoto di
Romania, Grand'Ammiraglio del Regno, e per ragion di sua moglie, ebbe
il titolo d'Imperadore di Costantinopoli; ed ancorchè non possedesse
quell'Imperio, venne in tanta bizzaria, che imitando l'Imperador
Federico Barbarossa, gran facitor di Duchi e di Re, volle nella
Romania e nell'Asia Minore crearvi un Re ed un Dispoto. Il Tutini[530]
nell'Archivio de' PP di S. Domenico Maggiore di Napoli ha rinvenuto
l'originai diploma, da lui inserito nel libro degli Ammiragli del
Regno, dove _Filippo_, e Catterina coniugi, che s'intitolano Imperadori
di Costantinopoli, creano, e fanno Martino Zaccaria di Castro Signore
di Chio, Re e Dispoto di Romania, e dell'Asia Minore, detta Anatolia,
concedendogli investitura per se, suoi eredi e successori, con tutti
li Contadi e Baronie e città di essa, con l'isole adiacenti, cioè
Fenotia, Marmora, Tornero, Mitileno, Chio, Samo, Mitanea, Lango, ed
altre isole: di più gli concede tutte le prerogative regie e Dispotali,
cioè di bere in tazze d'oro, di portar la Corona, lo Scettro e le
scarpe rosse fuori e dentro del palazzo di Costantinopoli, come sono
le parole del diploma: _infra vero Palatium ipsum, caligas Despotales
et alia insignia Regalia, et despotalia deferre, ac portare possit,
et valeat, secundum Regalem, et despotalem usum et consuetudinem
Constantinopolitani Imperii_; poichè secondo la Gerarchia dell'imperial
Casa di Costantinopoli rapportata da Leunclavio[531], il primo
Ufficiale del palazzo dell'Imperadore di Costantinopoli, era il
_Dispota_. Vuol che il Regno lo riconosca in feudo da lui, e perciò
si fece dare il ligio omaggio ed il giuramento di fedeltà da Frate
Jureforte Costantinopolitano dell'Ordine de' Predicatori, Proccuratore
e spezial Nunzio del Re Martino destinato a quest'atto. Il diploma
fu spedito in Napoli per mano di Roberto Ponciaco Giureconsulto,
Consigliere e familiare dell'Imperadore, e porta questa data: _Datum
Neapoli per manus D. Roberti de Ponciaco J. C. professoris, dilecti
Consiliarii et familiaris nostri. A. D. 1305 die 24 maii 8 Indict._
Morì poi Filippo nell'anno 1332 in Napoli, e fu sepolto nella chiesa di
S. Domenico de' Frati Predicatori di Napoli, ove insino oggi si vede il
suo tumulo.

Raimondo Berlingiero suo quintogenito, per la sua gran giustizia e
prudenza fu fatto da lui Reggente della Vicaria, e fu Conte d'Andria
e Signore dell'Onore di Monte S. Angelo; il qual poi morì con gran
fama di bontà. _Giovanni_ sestogenito morì Cherico nell'adolescenza.
_Tristano_ settimogenito, così chiamato, perchè nacque nella tristezza
quando il padre era prigione in Ispagna, fu Principe di Salerno.
_Giovanni_ ottavogenito, fu Principe d'Acaja e Duca di Durazzo nella
Grecia: Durazzo è città posta nel Peloponeso, oggi detto Morea, della
quale abbiamo una minuta descrizione in Tucidide: ella fu città
metropoli, ed il suo Metropolitano era sottoposto al Patriarca di
Costantinopoli: avea Trono e Molti Vescovi suffraganei rapportati da
Leunclavio[532]: fu poi Conte di Gravina per successione dell'ultimo
fratello; _Pietro_ l'ultimogenito, fu Conte di Gravina e non già
inferiore agli altri nella virtù e valor militare.

Non meno illustre che numerosa fu la sua femminile progenie sposata a'
Principi più Sovrani d'Europa. _Clemenzia_ fu moglie di Carlo Conte di
Valois fratello del Re di Francia. _Bianca_ fu moglie di Giacomo Re
d'Aragona. _Lionora_ fu moglie di Federico Re di Sicilia. _Maria_ fu
moglie di Giacomo Re di Majorica. _Beatrice_ l'ultimogenita fu moglie
d'Azzo d'Este Marchese di Ferrara e poi di Beltramo del Balzo Conte di
Montescaggioso e d'Andria, ed ultimamente di Roberto Delfino di Vienna.
Adornavano ancora la sua regal Casa tanti grandi ed illustri Baroni:
gli Orsini Conti di Nola: li Gaetani Conti di Fondi e di Caserta: li
Balzi Conti d'Avellino e d'Andria: i Chiaramonti Conti di Chiaramonte:
i Conti di Lecce, di Chieti e tanti altri rinomati Baroni.

Da questo numero di così illustri figliuoli ebbe Re Carlo non pur
l'allegrezza che può aver un padre de' figli buoni ed eccellenti, ma
una benevolenza infinita del popolo di Napoli. Il fasto, che portavano
alla Casa regale e la splendidezza di tante Corti, non pur illustravano
la città, ma erano di grande utilità a' suoi cittadini; poichè non solo
gli Artisti ne riportavano grandissimi guadagni dalle pompe loro, ma
gli altri popolani onorati, che comparivano alle Corti loro, erano poi
esaltati a più alti e ragguardevoli uffici della Casa regale, i quali
erano in questi tempi in tanto numero e così varii in fra loro, che
meritano onde qui se ne faccia particolar memoria.


§. I. _Degli Ufficiali della Casa del Re._

Gli Ufficiali della Casa del Re non bisogna confondergli con
gli Ufficiali della _Corona_, de' quali si parlò nel libro XI di
quest'Istoria. Quelli della Corona, non erano mutabili per ogni
mutazione di Re, come questi, e la loro carica non era limitata in
alcun luogo o provincia, ma si distendeva generalmente per tutto
il Reame, e propriamente servivano lo Stato, non già la persona del
Re: questi all'incontro servivano la Casa del Re, perchè assistevano
giornalmente alla regal persona e perciò quelli, de' quali trattiamo,
sono senza dubbio li più veri Ufficiali del Re, perchè dirittamente
servono ed assistono la sua regal persona.

Bisogna ancora distinguergli dagli altri, che pure sono Ufficiali del
Re, cioè da quelli, che hanno ufficii pubblici conferiti dal Re, come
Giudici, ed altri Magistrati, perocchè questi non sono Ufficiali della
Casa del Re, nè suoi domestici: ond'è, che nel dritto[533] i domestici
dell'Imperadore erano chiamati _Palatini_.

Prima tutti gli Ufficiali della Casa del Re aveano subordinazione
agli Ufficiali della Corona; e ciascuno, secondo la sua carica, era
subordinato a colui, ch'era nell'istesso rango di dignità. Per ciò gli
Ufficiali della Corona aveano sotto di loro un sostituito, il quale
continuamente assistesse nella Casa del Re e comandasse a' minori
Ufficiali, siccome nell'antico Imperio vi era sotto ciascun grande
Ufficiale un altro chiamato _Primicerius Officii_, il quale avea la
dignità di _Spettabile_, allora che i Grandi Ufficiali aveano quella
d'Illustri.

Così ancora in Francia, ed al di lei esempio, in Sicilia, i primi
Capi si qualificavano Ufficiali della Corona e gli altri solamente
sono qualificati per grandi Ufficiali o Capi d'ufficio della Casa del
Re. Ma gli uni e gli altri anticamente nell'Imperio e nel Reame di
Francia erano chiamati _Comites_, cioè compagni del Principe o più
tosto suoi cortigiani, essendo chiamata in latino la Corte del Principe
_Comitatus_[534]. Ma poichè nelle province e nelle città vi erano
anche dei Conti, così chiamati, perch'erano scelti tra i principali
cortigiani: per distinguer questi da quelli, ch'erano impiegati alle
principali cariche della Corte, furon perciò i primi appellati _Comites
Palatini_. Quindi è, che per ispecificare la qualità loro, si aggiunse
al titolo di _Comes_ il nome della loro carica, come _Comes Palatii,
Comes Stabuli, Comes Sacrarum largitionum_; ond'è, che in Francia
questi Ufficiali si dissero il _Conte del Palazzo_, il _Conte della
Stalla_, per significare i cortigiani, che aveano carica del Palazzo
e della Stalla, ovvero Cavallerizza del Re, di sorte che _Comes_
significava un Capo d'Ufficio, o principale Ufficiale di compagnia,
ed in fatti _Comes Palatii_ è chiamato dal dritto, ed in Cassiodoro
Magister _Palatii_. Quindi in Francia fu detto il _Maestro_ della Casa
del Re; e presso noi, gli altri Ufficiali della Corona, furono prima
detti _Maestri_, come Maestri Giustizieri, M. Siniscalchi e poi Grandi
Giustizieri, Gran Siniscalchi, Grandi Ammiragli, ec. Ed il titolo di
_Maestro_ restò solo agli Ufficiali minori, come a' Maestri Ostiarii:
M. Panettieri: M. Razionali ec.

Or anticamente i grandi Ufficiali della Casa del Re erano sotto
alcuni degli Ufficiali della Corona; ma da poi molti si sono esentati
d'ubbidire ad altri, che al Re: ma non fu però che moltissimi non
riconoscessero presso noi per lor Capo il G. _Siniscalco_, ch'è il
medesimo, che in Francia si chiama il G. Maestro della Casa del Re, ed
oggi di Francia, come vedremo dal novero di questi Ufficiali.

Era il G. Siniscalco, come si disse nell'XI libro di quest'Istoria,
il G. Maestro della Casa del Re; ed intanto egli fu noverato tra gli
Ufficiali della Corona, perchè quantunque la sua carica riguardasse
il governo della Casa del Re, siccome la carica del G. Contestabile
il governo della Guerra, quella del G. Giustiziero, della Giustizia, e
l'altra del G. Camerario, delle Finanze; nulladimanco la sua autorità
non era limitata da alcun luogo, o provincia, ma si distendeva per
questo fine in tutto il Reame, nè era mutabile per ogni mutazione di
Re, e si diceva perciò servire allo Stato ed al pubblico, e non già
solamente alla persona del Re.

Egli era chiamato nell'antico Imperio _Magister Officiorum_, e per ciò
teneva sotto di se più Ufficiali tanto grandi, quanto piccioli nella
Casa del Re. I grandi finalmente furono esentati d'ubbidire ad altri,
che al Re; onde sursero per ciò altri Ufficiali, i quali non possono
dirsi della Corona, ma sì bene Grandi Ufficiali, come diremo.

Di questi Ufficiali della Casa reale di Napoli, Camillo Tutini[535]
ne fece solo un Catalogo di nomi, e ne promise un Trattato; ma non
si è veduto poi alla luce; gli raccolse da' Capitoli del Regno, e
dall'Archivio della Zecca, ch'è quello che contiene i fatti, e le
gesta di questi Re angioini, nel Regno de' quali, e particolarmente
in quello di Carlo II, se ne videro in maggior numero, perchè la sua
Casa regale di Napoli ne fu abbondantissima. E poichè questo Principe,
come Franzese, tutto faceva ad imitazione del Regno di Francia, molte
cose v'introdusse a similitudine di quello, ciò che non solo nella sua
Casa regale volle imitare, ma anche, come si vide, nelle chiese, ch'ei
fondava, o arricchiva di sue rendite.

Del Tutini non sappiamo ciò, che uom se n'avrebbe potuto promettere;
poichè in quel Catalogo non distingue gli Ufficiali della Corona, e
quelli minori a coloro subordinati, dagli Ufficiali della Casa del Re
e suoi subalterni. Noi avendo riscontrati questi Ufficiali della Casa
di Napoli essere in tutto simiglianti a quelli della Casa di Francia,
non ci apparteremo dall'ordine tenuto da coloro, che trattarono degli
Uffici di quella Augustissima Casa.


_De' Grandi Ufficiali._

Gli Ufficiali adunque della Casa del Re erano divisi in grandi
Ufficiali, e minori Ufficiali. I Grandi Ufficiali, che furono sotto
il G. _Siniscalco_ erano: il primo _Maestro dell'Ostello_, ovvero
del Palazzo, che il Tutini chiama Maestro dell'Ospizio Regio, ed
altri Siniscalco dell'Ospizio Regale. Il primo _Panettiere_, chiamato
dal medesimo, Maestro Panettiere Regio, del cui ufficio abbiamo ne'
Registri[536] del Re Roberto, che ne fosse stato onorato da quel Re,
Giacomo Ulcano, che fu Maestro Panettiere Regio. Il primo _Coppiere_;
ed il primo _Trinciante_, ovvero Scalco del Re.

Sotto il G. _Ciambellano_, ovvero Cameriere Maggiore del Re, erano: il
primo Gentiluomo di Camera, che presso il Tutini si chiama Maggiordomo
della Casa reale: il Maestro della Guardaroba, che Tutini chiama Regio:
il Maestro delle Cerimonie: il Capitano della Porta, detto dal Tutini
Maestro Ostiario: il Conduttore degli Ambasciadori ed il Cameriere
ordinario. Questi Ufficiali in Francia non ubbidiscono che al Re, tra
le mani del quale fanno il giuramento, e deferiscono solamente per
onore al G. Ciambellano.

Alcuni, come rapporta Carlo _Loyseau_[537], sotto il G. Ciambellano
mettono ancora il _Primo Medico_ della Casa del Re, ed il Maestro della
Libreria del Re; altri niegano a costoro il grado di G. Ufficiali,
sol perchè sono, come i Franzesi dicono, _de longue robe_; ma vanno
quest'ultimi di gran lunga errati; poichè i Medici del palazzo
dell'Imperadore nell'antico Imperio erano del _Comitato_ di essi, non
altrimenti che tutti gli altri suoi Ufficiali e Conti Palatini. In
Costantinopoli, da poi che per venti anni aveano in quell'Accademia con
pubblici stipendii insegnato, erano ammessi in Palazzo e resi Conti, ed
ascritti nella Comitiva del primo Ordine, non perchè insegnassero, ma
perchè come Medici dell'imperial Palazzo, si dicevano ancor essi _intra
Palatium militare_, come vengon qualificati dagl'Imperadori Onorio
e Teodosio[538]. Questi però eran chiamati medici del sacro, ovvero
imperial Palazzo, non già dell'Imperadore. Fu da poi accresciuta la lor
dignità, quando il Principe fra essi trascelse uno per cura della sua
persona, il qual chiamavasi il primo Medico del Principe e Giudice e
primo di tutti gli altri Medici; e ciò fu introdotto non già da alcuno
degl'Imperadori, ma dal nostro Teodorico ostrogoto Re d'Italia, come si
legge presso Cassiodoro[539], il quale così introduce a parlare questo
Principe: _Huic peritiae deesse Judicem, nonne humanarum rerum probatur
oblivio? Et cum lascivae voluptates recipiunt Tribunum, hoc non meretur
habere primarium? Habeant itaque Praesulem, quibus nostram committimus
sospitatem. Sciant se huic reddere rationem, qui curandam suscipiunt
humanam salutem._

Questo medesimo istituto si vide praticato nella Persia, dove il primo
Medico di quel Re era insieme Capo e Giudice degli altri Medici, senza
l'approvazione del quale niuno in Regno poteva esercitar medicina,
e da' Persiani era chiamato _Hakim Pasci_[540], siccome per la
testimonianza d'Alpino, nella città del Cairo, il primo Medico, che
tiene la medesima potestà, vien anche chiamato _Hakim Fasci_. Presso
gli Arabi _Hakim_ è l'istesso, che presso noi _Sapiente_, ovvero
_Dottore_: quindi gli Spagnuoli per eccellenza chiamano il Medico
_Dottore_: siccome i Franzesi, la Levatrice, che la noverano tra'
Medici, chiamano _Sage-femme_.

Presso di noi primo Medico fu chiamato _Protomedico_, e nel Regno degli
Angioini e degli Aragonesi spesso s'incontra di lui memoria; e nel
famoso indulto della Regina Giovanna I, rapportato dal Summonte[541],
abbiamo, che in quel tempo era Protomedico Carlo Scondito, siccome
nel Regno degli Aragonesi furono successivamente Protomedici Pannuccio
Scannapeco, Silvestro Galeota ed altri, de' quali il Toppi nella sua
Biblioteca fece catalogo. Teodorico gli avea conceduto grande autorità
e prerogative: che tutti coloro, che esercitavan medicina, dovessero
a lui render ragione, e conto della perizia del lor mestiere: che
occorrendo tra' Medici discordia intorno alla cura degl'infermi, egli
dovesse determinarla e starsi al suo giudicio: e per ultimo, ch'egli
fosse il Medico del Principe[542].

Eravi anche presso di noi il _Protochirurgo_, ma da poi fu
quest'Ufficio estinto, ed unito al Protomedico, il quale è creato
dal Re, o dal suo Luogotenente, e deve essere Regnicolo, ed ha la
conoscenza non meno sopra i Chirurgi, che sopra le Levatrici annoverate
tra Medici; e sopra gli Speziali, ch'egli crea, spedendo loro il
privilegio, e visita le loro botteghe; e quella autorità, che Federico
II diede per due Costituzioni[543] a' suoi Ufficiali ed a' Medici
d'invigilare, che i sciroppi, e gli elettuari, e gli altri farmaci
fossero ben composti, la esercita ora egli, tassando il prezzo di
quelli, ed è Capo perciò del Collegio degli Speziali, che chiamano
degli Otto. Tiene Tribunale, ed insieme col suo Assessore conosce
contro le Levatrici, Speziali ed altri suoi sudditi, e contro coloro,
che medicano senza privilegio; ed è sottoposto al Tribunale della regia
Camera della Summaria, ancorchè da' suoi decreti s'appelli al Tribunale
del S. C.[544].

Sotto il G. _Scudiero_, Ufficiale anche nell'Imperio d'Oriente
conosciuto col nome di _Scuterius_, era il primo Scudiero, che Tutini
chiama Maestro della Scuderia Regia.

Sotto il G. _Cacciatore_, fra' Greci annoverato pure tra gli Ufficiali
del Palazzo di Costantinopoli, e chiamato _Primus Venator_, che noi
diciamo oggi il _Montiere Maggiore_, sono il G. Falconiero, il Maestro
dell'_Acque_ e delle _Foreste_, di cui sovente ne' nostri Capitoli del
Regno[545] fassi memoria, e li quattro Luogotenenti della caccia.

Non bisogna cercare nell'antico Imperio questi Ufficiali; poichè i
Romani, siccome ebbero l'esercizio dell'agricoltura e pastorizia, e la
fatica della campagna in pregio, così disprezzavano la caccia; ond'è
che da Salustio[546] è annoverata la caccia tra' mestieri servili; e
Tiberio notò d'infamia un Capitano d'una legione, perchè avea mandati
certi pochi soldati a caccia[547]. Le cagioni vengono esaminate dal
nostro Scipione Ammirato[548], fra le quali non sono di leggier momento
quelle di aver dovuto per prender diletto della caccia, allontanarsi
le giornate da Roma, per essere questa città a molte miglia intorno
circondata di ville, orti ed altre delizie, e perchè i Romani aveano
tanti giuochi e spettacoli pubblici di gladiatori e diversi altri
esercizi militari in casa, onde non bisognava loro ricorrere perciò
alla caccia. All'incontro i Principi stranieri ch'essi chiamavano
barbari, i Re de' Macedoni, i Re di Persia, i Re de' Parti e tanti
altri, stimavano gran pregio l'essere valenti cacciatori; ma sopra
tutti i Principi germani e settentrionali, li quali nella decadenza
dell'Imperio soggiogarono l'Europa, ne furono vaghissimi; onde avvenne
che presso i nostri Principi sia venuto in disprezzo l'esercizio della
agricoltura e pastorizia, ed innalzato cotanto quello della caccia.
Questi Popoli, come saviamente ponderò l'Abate Fleury[549], vivevano
in paesi coperti di boschi, ne' quali non aveano nè biada, nè vino, nè
buone frutta, ond'era loro necessario di vivere di cacciagione, siccome
fanno ancora i Selvaggi de' paesi freddi nell'America. Dopo aver
passato il Reno ed essersi stabiliti in terre migliori, vollero trar
profitto dalle comodità dell'agricoltura, dalle arti, e dal commercio,
ma non vollero avervi l'applicazione. Lasciarono queste occupazioni a'
Romani da loro soggiogati, ed essi mantennero i loro istituti, e quanto
avvilirono l'agricoltura, altrettanto innalzarono la caccia, della
quale gli antichi facevano molto minor caso. Eglino ne han fatto una
grand'arte; e l'hanno portata perfino all'ultime sottigliezze, tanto
che la caccia fu reputata la più ordinaria occupazione della nobiltà.

Fu reputata ancora proprio esercizio della profession delle armi,
perchè avvezza gli uomini a levarsi per tempo, a sostenere i freddi
ed i caldi, a lasciar il cibo ed esercitarsi ne' viaggi e ne' corsi,
ed a soffrire i disagi, talchè potendo accadere il simile in guerra,
non parrà così strano a sostenerli in campo. I Principi stessi eran
persuasi, non esser per loro più utile occupazione che l'esercitarsi
nelle cacce, così per assuefare il corpo a' disagi ed alle fatiche,
come per imparare la natura de' siti, e conoscere, come sorgono i
monti, come imboccano le valli, come giacciono i piani, ed intendere
la natura de' fiumi e delle paludi: ciocchè arreca al Principe doppia
comodità, sì perchè con quella via apparerà il sito del suo paese,
onde può vedere che difesa gli si può dare, e sì perchè, con quello
esempio può venire a notizia d'altri siti, avendo tutti i paesi una
certa somiglianza infra di loro; la qual cognizione, e per condurre
gli eserciti, e per trovare gli alloggiamenti, e per pigliare suoi
vantaggi, e per altri rispetti può in vari tempi apportare molte e
diverse comodità.

Quanto i nostri Principi o sian goti, o longobardi e normanni, ovvero
svevi, fossero stati applicati alla caccia, si è potuto notare ne'
precedenti libri di questa Istoria, e sopra tutti l'Imperador Federico
II e Manfredi suo figliuolo che della caccia ne compilarono particolari
libri. Le medesime pedate furon calcate da questi Re angioini, i
quali avendo collocata la Sede regia in Napoli, nè essendo a que'
tempi questa città circondata di tante ville ed orti, nè i suol piani
ridotti a quella coltura che oggi si vede, ma racchiudendo la provincia
di Terra di Lavoro ampie foreste e boschi, quindi il lor consueto
esercizio era la caccia, onde molti Ufficiali si videro nella Casa
regale di Napoli destinati per assistere al Re alla caccia, li quali
aveano il lor Capo, chiamato il Gran _Forestiere_, il quale teneva
sotto di se molti Maestri _Forestieri_, e questi aveano moltissimi
Cacciatori a loro subordinati[550].

L'autorità e giurisdizione di questo Ufficiale, chiamato da' nostri
il _Montiere Maggiore_, nel Regno degli _Angioini_ non si era
distesa cotanto, quanto si proccurò allargarla da poi nel Regno degli
_Spagnuoli_; poichè a questi tempi il Gran Maestro delle Foreste non
estendeva la sua giurisdizione, che nelle foreste demaniali del Re.
Ma da poi essendosi stabilita la caccia per regalia del Principe, si
vede l'autorità sua non aver termine nè confine; tanto che concede egli
licenza ai Cacciatori di portar armi, e cacciare per tutto il Regno
(ancorchè i Baroni nelle loro investiture vengano pure investiti delle
foreste, e ragioni della caccia) e tiene proprio Auditore e particolare
Tribunale[551].


_De' Minori Ufficiali._

I Minori Ufficiali erano così chiamati, non perchè fossero piccoli
in se medesimi, ma comparati a' Maggiori, e grandi Ufficiali detti
di sopra. Questi nell'antico Imperio erano chiamati _Milizie_, ovvero
piazze ed ufficii di compagnia, perchè di ciascuna sorte ve ne erano
più, a luogo, che li Gran Ufficiali sono quasi tutti unici nella loro
spezie. Di queste milizie spesso nel Codice di Giustiniano, e nelle
Novelle fassi memoria[552]; e ne trattarono accuratamente Giacomo
Cujacio, ed Arnoldo Vinnio[553] celebri Giureconsulti, riprovando
l'opinione che sopra le milizie _ex casu_ tenne Lelio Taurello.

Erano di due sorta. Gli uni dati a' _Gentiluomini_, e gli altri
lasciati agli _Ignobili_.

Quelli ch'erano dati a' _Gentiluomini_, sono le piazze de' Gentiluomini
di Camera; i Gentiluomini della Caccia: e quanto a' Paggi (detti
dal Tutino Valletti), essi non tiravano salario, ma aveano la livrea
solamente dal Re. I Gentiluomini della Camera, che nell'antico Imperio
erano chiamati _Decuriones Cubiculariorum_, comandavano agli altri
Ufficiali minori, ed erano in gran numero. I Gentiluomini della Caccia,
erano quelli che assistevano al Re alla caccia, differenti dalli
Cacciatori Regj, che sono plebei, ed hanno la cura di ordinare, ovvero
drizzare la caccia. I Gentiluomini della Falconeria, i quali avevano
il pensiero di qualche volo, differenti dagli Falconieri della Camera
Regia, che sono quelli che avevano la cura di ordinar la caccia. Questi
Ufficiali, come si è detto, non bisogna cercargli nell'antico Imperio,
perchè gli Imperadori non erano applicati alla caccia, come furono i
nostri Re.

I Ciambellani Regj, che scalzavano il Re, e lo mettevano in letto, ed
erano nella Camera secreta del Re. Gli Arcieri delle guardie del Re. I
Scudieri del corpo del Re. I Scudieri della Stalla del Re, chiamati dal
dritto _Siratores_, ed in Francia detti _Marescialli_, termine alemano,
che significa Ufficiale di Cavalli, the Tutino chiama Maestro della
Marescallaria Regia: donde viene che noi chiamiamo ancora Maniscalchi
quegli che medicano e ferrano i Cavalli: differenti dalli Marescialli
degli alloggiamenti del Re.

I Marescialli della soprantendenza della guerra, li quali distribuivano
alle milizie gli ospizj, seguivano il G. Contestabile, e gli Ufficiali
succeduti nella loro carica si chiamarono Scudieri ed anche Scudieri
di Stalla, a distinzione degli altri Scudieri del corpo del Re detti di
sopra.

Vi erano ancora i _Maestri degli stipendiarii Regj_, i quali aveano la
cura di tener conto degli stipendiati del Re, e presso noi è rimasto
di loro ancor vestigio, leggendosi nella Chiesa di S. Niccolò a Pozzo
bianco un'iscrizione, nella quale si nota il fondatore di quella essere
stato Errico Barat, familiare del Re Carlo I _ac stipendiariorum
Regiorum Magistrum_[554]. La di cui incombenza, siccome l'altra di
distribuire alle milizie gli ospizj, appartenente a' Marescialli di
guerra, si vide da poi a tempo degli Aragonesi e degli Spagnuoli,
trasferita nel Regio _Scrivano di Ragione_, di cui favelleremo nel
Regno di questi Principi.

Eravi il _Maestro delle Razze_ del Re, che ora diciamo _Cavallerizzo
Maggiore_, il qual Ufficiale a tempo degli Spagnuoli, come ivi diremo,
innalzò grandemente la sua giurisdizione, ed ebbe pure proprio Uditore
e particolar Tribunale.

Più numerose erano le milizie de' Secretarii del Re. Questi, che
nell'imperio erano nella milizia de' Tribuni de' Notari, e chiamati
ancora _Candidati_, come l'attesta Cassiodoro[555], nel Regno di
Sicilia riconoscevano il G. Protonotario per lor Capo, ch'era uno
de' sette Ufficiali della Corona, come si disse nel libro XI di
quest'istoria. Egli era il Capo de' Notari, e nell'Imperio era per
ciò chiamato _Primicerius Notariorum_: avea la dignità Proconsolare, e
dopo due anni d'esercizio diveniva _illustre_. Erano ancora nell'antico
Imperio tre sorta o gradi di Notari, che sono apertamente distinti nel
Codice di Teodosio[556]; i primi erano intitolati _Tribuni Praetoriani
et Notarii_: e questi aveano la dignità de' _Conti_; i secondi erano
semplicemente detti _Tribuni et Notarii_, e questi aveano la dignità
de' _Vicarii_; finalmente i terzi erano chiamati _Notarii familiares_,
ovvero _domestici_, i quali aveano l'ordine e dignità di _Consolarità_.
Questi non bisogna confondergli co' Notari che ora diciamo, li quali
erano tutto altro, ed erano chiamati _Tabelliones_, ovvero _Tabularii_,
siccome fu da noi osservato nel riferito libro.

In Francia, secondo che rapportano gli Scrittori di quel Regno,
parimente vi sono tre sorta di Notari del Re, chiamati ancora
Secretarii ad esempio di Vopisco, il quale chiama i Notari dell'Imperio
_Notarios Secretorum_, e nel dritto vengono chiamati _a Secretis_[557].
Sono perciò variamente appellati: Secretarii di Stato: Secretarii
del Re: e Secretarii della Casa del Re. I Secretarii del Gabinetto si
riferiscono alli Cartularii, _Cubicularii, qui emittebant simbola, sive
Commonitoria_, come si dicono nelle Novelle di Giustiniano[558]. Erano
in Francia sessanta i Secretarii del Re, Casa e Corona per far tutte le
lettere patenti di Cancelleria. E come ch'essi spediscono i privilegi
degli altri, era ben di dovere, che ne ottenessero tanti dal Re a lor
beneficio.

Parimente nella Casa Reale di Napoli erano a' tempi degli Angioini
molti di questi Secretarii e Notari del Re. Furonvi i Notari della Casa
del Re, ed a questi tempi di Carlo II d'Angiò fu suo Notaio Niccolò
di Alife, celebre Giureconsulto di quell'età. Vi erano i Maestri e
Prepositi sopra le soscrizioni e signature delle lettere della Camera
Regia: i Notari della Tesoreria Regia: il Sigillatore delle Lettere
Regie: il Compositore delle Bolle Regie: ed altri Ufficiali minori
della Secreteria del Re.

Fra questi Ufficiali dobbiamo annoverar ancora il Maestro dell'Armature
Regie: il Maestro de' Palafrenieri: il Maestro degli Arresti: il
preposito degli ufficii dell'Ospizio Regio: il Maestro Massaro: i
Maestri Razionali della Camera Regia (fra quali, a' tempi di questo
Re, furono Andrea d'Isernia e l'istesso Niccolò d'Alife) ed altri
consimili, de' quali si tratta in più luoghi nei Capitoli di Carlo I e
II d'Angiò[559].

Sieguono nell'ultimo luogo i minori uffici lasciati agl'_Ignobili_:
e sono quelli, che apprestano il mangiare del Re e de' Principi e
de' loro domestici, li quali in Francia si chiamano li sette uffici,
non per ragione della loro carica, ma a cagion delle cucine dove gli
esercitano, e si chiamano uffici a casa del Re ed a casa de' Principi.
Nelle due cucine, li Capi sono chiamati Scudieri di Cucina, e gli
Aiutanti, Maestri Cuochi.

Così ancora coloro, che apprestavano il mangiare a' nostri Re ed a'
Principi della Casa regale erano chiamati Prepositi della Cucina Regia
e Maestri Cuochi del Re; onde si narra che que' tre Franzesi, Gio:
Dottum, Guglielmo Burgund e Gio: Lions, che fondarono la chiesa e
l'ospedal di S. Eligio, fossero stati tre Cuochi della Cucina del Re
Carlo I.

Vi erano ancora i Prepositi della Panetteria, della Copperia, della
Frutteria e della Buccellaria del Re; i quali aveano molti Aiutanti
sotto di loro. Come ancora i Valletti del Nappo del Re ed altri molti
Ufficiali subalterni.

A questa classe devono collocarsi i Vessilliferi Regi: i Portieri della
Camera Regia: i Cacciatori Regi: i Falconieri Regi, cioè quei che avean
la cura di ordinare e dirizzar le cacce ed i voli: i Custodi degli
Uccelli Regi: i quaranta Soldati dell'Ospizio Regio ed altri simili
minori Ufficiali.

Camillo Tutini nel Catalogo di questi Ufficiali minori rapporta alcuni,
i quali non appartengono punto alla Casa Regale ed agli G. Ufficiali
del Palazzo del Re; ma unicamente appartengono agli Ufficiali della
Corona, a cui sono subordinati: come il Maresciallo del Regno: i
Contestabili delle Terre e Castellani, che nella soprantendenza della
guerra seguivano, ed erano subordinati al G. Contestabile: il Maestro
del Porto Regio, e' Protontini, ovvero Portolani o Vice-Ammiragli, che
appartengono al G. Ammiraglio: il Tesoriere Regio ed i Secreti delle
province, che sono subordinati al G. Camerario; e li Giustizieri delle
province, e quello degli Scolari, che riconoscevano per lor Capo e
superiore il G. Giustiziero.

Di tanti e così illustri pregi era ornata la regal Casa di Napoli ne'
tempi del Re Carlo II, il quale con ugual bilancia compartiva questi
uffici per lo più a' Napoletani e Regnicoli, come si legge ne' regali
Archivi, prezzando i vassalli di questo Regno non meno di quelli degli
altri de' suoi paterni e materni Stati; e se alle volte leggiamo, che
ne onorava ancora i forestieri di quegli Stati, non tralasciava però a
Provenza, a Forch'Alquir, a Piemonte, di porvi Regnicoli e Napoletani
con altrettanto di prerogativa, come si legge ne' medesimi Archivi, e
come si vede in quei luoghi a molte insegne di Napoletani, che furonvi
a governare[560]. Ed ancorchè tutto disponesse ad imitazione del Regno
di Francia, e molto fosse inchinato al suo nativo paese ed a gratificar
que' di sua nazione; con tutto ciò in cose di Stato non riguardò
Nazione, ma s'atteneva al consiglio de' più prudenti e savi.

Ma quasi tutti questi Ufficiali, perduto ch'ebbe Napoli il pregio di
esser Sede regia, sparirono, e nella loro suppressione sol alcuni
ne rimasero; poichè nel Regno di Ferdinando il Cattolico, e più in
quello degli Austriaci, essendosi introdotta fra noi nuova politia,
sursero nuovi Ufficiali; e siccome quelli finora rapportati furono
da' Re franzesi qua introdotti ad esempio di quelli di Francia, così
a' Re spagnuoli piacque introdurne de' nuovi a similitudine di quelli
di Spagna, de' quali ne' Regni loro si darà distinta e particolar
contezza.


§. II. _Del Maestro della Cappella del Re, che ora chiamiamo Cappellano
Maggiore._

Bisogna separare il Maestro della Cappella del Re, dagli altri
Ufficiali della Casa del Re; poichè quantunque ancor esso, avendo
la soprantendenza dell'Oratorio del Re posto nel regal Palazzo,
potesse annoverarsi fra gli Ufficiali della Casa regale, nulladimanco
presedendo egli alle cose ecclesiastiche e del Sacerdozio, era distinto
da quelli, che presedevano alle cose dell'Imperio e della Casa del
Re. In Francia per istabilire in maggior splendore e magnificenza lo
stato della Casa del Re, fu reputato prudente consiglio introdurre
in quella tutti i tre Ordini del Regno, e che non meno quello della
Nobiltà e l'altro del terzo Stato v'avesse parte, ma anche l'Ordine
ecclesiastico, che in quel Regno fa Ordine a parte, tutto diverso
di quel che si pratica fra noi, che gli Ecclesiastici sono mescolati
ne' due Ordini di Popolo e Nobiltà. Dalla Nobiltà presero, come si è
veduto, i Gentiluomini di Camera, della Caccia, della Falconeria ed
altri, onde si componevano le milizie o piazze della Casa del Re. Dal
terzo Stato si presero i Graffieri, Secretarii, Cancellieri e tutti
que', a' quali erano lasciati i minori uffici. Così ancora dall'Ordine
ecclesiastico si presero il G. Elemosiniere, il Maestro della Cappella
o Oratorio, ed il Confessore ordinario del Re; ed a tempo de' Re della
prima razza, fu tanta l'autorità del Cappellano del Re, chiamato ancora
_Arcicappellano_, nella Casa regale, che s'aveano diviso l'imperio ed
il governo col Maestro del Palazzo: suppressa poi tal carica nella
seconda stirpe, e data altra norma al governo della Casa regale,
restò l'autorità dell'Arcicappellano in gran parte diminuita, e surse
sopra di lui il G. Elemosiniere, che tenea sotto di se così il Maestro
dell'Oratorio, come il Confessore del Re[561].

Nel Regno di Sicilia, avendo i Normanni costituita la loro Sede Regia
in Palermo, il Cappellano del Re, a somiglianza di quell'antico di
Francia, avea per tutto quel Regno stesa la sua giurisdizione, nè
l'Elemosiniere, nè il Confessore del Re erano distinti. Nella Casa
regale di Sicilia era chiamato _Cappellano del Re_, e tra l'Epistole di
Pietro di Blois, se ne legge una[562] dirizzata _ad Cappellanum Regis
Siciliae_, dove gli ricorda, che per l'ufficio suo ammonisca il Re a
non dare il Vescovato d'Agrigento a persona indegna.

Da poi che i Principi cristiani vollero avere nel regal Palazzo proprio
_Oratorio_, surse in conseguenza il primo Prete del Clero Palatino;
e poichè ov'essi tenevano collocata la loro regia Sede, ivi colui
dovea risiedere; quindi è, che presso di noi ne' regali Archivii
non s'incontra memoria di Cappellano Regio, se non a' tempi de' Re
angioini, i quali in Napoli fermarono la lor Sede, e cominciarono
quindi ad avere regia Cappella. Prima i Re normanni e svevi l'ebbero in
Sicilia, perchè in Palermo avean collocata la lor Sede; ond'è, che la
memoria del Cappellano di Sicilia è più antica di quello di Napoli.

Collocata adunque da' Re angioini in Napoli la lor Sede regia, cominciò
presso noi la prima volta a sentirsi il Maestro della Cappella del
Re, e ne' suoi principii insino al Regno di Ladislao fu chiamato
_Magister Regiae Cappellae_, ovvero _Magister Sacratae Cappellae_,
e sovente _Protocappellanus_[563], per essere egli il Capo di tutti
li Cappellani minori del Re, non altrimenti, che presso i Greci il
primo Prete del Clero Palatino chiamavasi _Protopapa_ del Palazzo, di
cui si ritrova spessa commemorazione presso Codino, Zonara, Cedreno
e nelle Notizie dell'Imperio; al medesimo s'appoggiava la principal
cura della celebrazione delle funzioni e solennità nella Cappella del
Palazzo imperiale, dove presedeva agli uffici ecclesiastici, del che fu
ricordevole anche Tommasino nel suo trattato de' Beneficii[564].

Il Maestro adunque della Cappella reale di Napoli avea la principal
cura dell'Oratorio del Re, e presedeva a tutti i Cherici del Palazzo
reale; ed a' tempi di Carlo II leggiamo essere stato suo Cappellano
regio Pietro, il qual intervenne all'assoluzione del giuramento,
che Papa Bonifacio VIII diede a Lionora terzagenita di Carlo II per
isciorla dagli sponsali, che avea contratti con Filippo Signor di
Tussiaco, e Ammiraglio a tempo di Carlo I[565]: e regnando il Re
Roberto si legge, che fosse suo Cappellano Regio Landulfo di Regina
Dottore e Canonico napoletano[566]. E sin da questi tempi, non già nel
Regno d'Alfonso I, come contro l'opinione del Freccia fu notato nel
libro XI di quest'istoria, fu escluso il G. Cancelliere d'esercitar
giurisdizione sopra i Cherici del Palazzo reale, sopra i Cappellani
regj, e tutta passò nella persona del Cappellano Maggiore, come Prete
del Clero Palatino.

Crebbe molto più la sua autorità nel Regno di Carlo II, poichè
essendosi per antichissimo costume introdotto, che i Principi potessero
avere Cappelle regie, non pure nella città metropoli, dove facevano
residenza, ma in alcune altre, dove solevano ancor essi in alcun tempo
dimorare, e dichiarar essi per tali alcune Chiese, ove aveano maggior
divozione, e che per ciò erano state delle loro rendite profusamente
dotate; siccome presso di noi n'abbiamo memoria fin da' tempi del
Conte Ruggiero, il quale nell'anno 1094 fra l'altre cose che donò a
S. Brunone, fu la Chiesa di Santa Maria di Arsafia, sua Cappella,
che teneva in Calabria esente dalla giurisdizione dell'Ordinario:
la carta della qual donazione vien rapportata dal Tassoni[567], ove
si legge ancora Folcone suo Cappellano; quindi multiplicandosi nel
nostro Regno le Cappelle regie, venne in conseguenza ad accrescersi
l'autorità del Cappellano regio. La chiesa di S. Niccolò di Bari fu
dichiarata Cappella regia; e perciò il Priore ed il Capitolo siccome
eran esenti dall'Ordinario, così erano subordinati al Cappellano
maggiore del Re. La chiesa d'Altamura fu dichiarata ancora Cappella
regia, e quindi l'Arciprete di quella co' suoi Preti, come Cappellani
regj pretendevan independenza dal Vescovo di Gravina, e non riconoscer
altri, che il Cappellano Maggiore del Re[568]. Tante altre Chiese
di regia collazione, dichiarate Cappelle regali, delle quali si è
favellato nel precedente Capitolo, parimente pretendendo esenzione da'
loro Ordinarii, non riconoscevan altri, che il Cappellano Maggiore per
superiore.

Furono da poi riputate anche Cappelle regie quelle, ch'erano
costrutte dentro i regj castelli: per la qual cosa multiplicandosi nel
Regno il di lor numero, vennero a multiplicarsi i regj Cappellani.
Multiplicaronsi ancora per un'altra cagione, perchè avendo i nostri
Principi ottenuto da' Sommi Pontefici molti privilegi ed esenzioni
a' medesimi, come di non essere obbligati a residenza, ancorchè
tenessero beneficii curati, di non dover soggiacere al pagamento delle
decime, che i Pontefici imponevano sopra gli Ecclesiastici ed altri
consimili[569]: ogn'uno proccurava farsi dichiarare dal Re per suo
Cappellano; poichè s'era introdotto costume, che anche a coloro, che
attualmente non servissero nella Cappella regia, e fossero lontani,
solevansi spedire da' Re lettere, per le quali gli dichiaravan suoi
Cappellani regj: le quali ottenute da varie persone portavan loro non
picciol giovamento, perchè nelle congiunture d'imposizione di decime
sopra gli Ecclesiastici, i Cappellani ricorrevano al Re, acciocchè essi
non fossero compresi, e ne ottenevano provvisioni, siccome molte se ne
leggono nel secondo volume de' M. S. giurisdizionali del Chioccarelli;
e fra l'altre una spedita ad istanza dell'Arcivescovo d'Otranto, il
quale supplicava il Re, che per essere uno degli antichi Cappellani
della regia Cappella, e che quando era stato in Napoli avea sempre
servito in essa, non dovesse soggiacere al pagamento delle decime.
Tanto che i Pontefici romani avveduti dell'abuso fecero più Bolle,
prescrivendo, che solamente coloro dovessero godere de' privilegi
ed esenzioni concedute a' Cappellani regj, li quali attualmente
servissero nella Cappella regia, le quali però come troppo restrittive,
come fra l'altre furon quelle di Lione X e di Clemente VIII, non
furono ricevute senza dibattimento e dichiarazioni. Quindi crescendo
l'autorità del Cappellan Maggiore sopra tutti i castelli del Regno,
e le Chiese dichiarate Cappelle regie, nacquero quelle tante contese
giurisdizionali tra il medesimo coll'Arcivescovo di Napoli, col Vescovo
di Cotrone e con tanti altri, delle quali è ripieno il secondo volume
de' M. S. giurisdizionali del Chioccarelli.

Nel tempo de' Re _Austriaci_ fu accresciuta la sua autorità, per
essergli stata commessa la cura e la presidenza de' Regj Studii, e
trasfusa a lui parte di quella giurisdizione, che prima sopra gli
scolari teneva il loro Giustiziere; e sovente dal Collateral Consiglio
se gli commettevano le cause riguardanti il turbamento e le violenze
inferite dagli Ecclesiastici a' Laici, in vigor de' Capitoli del Regno;
e se gli diede ancora giurisdizione sopra i Musici della Cappella
regia[570], siccome favellando del Regno di que' Principi, ci tornerà
occasione di più diffusamente ragionare.



CAPITOLO VII.

_Delle Consuetudini della città di Napoli e di Bari, e d'alcune altre
città del Regno._


Fra gli altri beneficii finora noverati, onde al Re Carlo II piacque di
favorire ed innalzar cotanto questa città, non inferiore deve riputarsi
quello della compilazione delle nostre Consuetudini. Prima che quelle
si fossero ridotte in iscritto, li cittadini erano in continue liti e
discordie, per cagion dell'incertezza delle medesime: ciascuno allegava
per se la Consuetudine, e per provarla produceva i suoi testimonii, e
secondo quelle pruove era deciso il litigio. Occorreva in caso simile,
che commettendosi la pruova al detto de' testimonii, in un altro
giudicio si pruovava il contrario, e contraria perciò ne seguiva la
determinazione; onde avveniva, che sempre stassero incerti, dubbii ed
in perpetui litigii e contese. Per togliere disordine sì grave Carlo II
pensò di darvi rimedio.

Avea egli un esempio assai recente di ciò, che ai tempi del Re Carlo
suo padre si fece nella città di Bari, e di quel che ivi avea fatto
prima di lui il famoso Ruggiero I Re di Sicilia. Pure in quella
città, che stata lungamente sotto la dominazione de' Longobardi, si
reggeva colle loro leggi, eransi tratto tratto stabilite particolari
Consuetudini conformi per lo più alle leggi longobarde. I Baresi
perchè non inciampassero in quella confusione, nella quale si vedea
ora Napoli, le fecero ridurre in iscritto, e presa la lor città da
Ruggiero, le presentarono al medesimo, il quale (come si legge nel
proemio di quelle) _et laudavit et servavit illaesas: imo potius
suo inclyto favore firmavit, et eis perlectis, demum robur suae
constitutionis indulsit_[571]. Ma ne' tempi di Carlo I ebbero più
felice successo, perchè trovarono due celebri Giureconsulti baresi, che
in un picciol volume con la maggior brevità ed eleganza, che comportava
quel secolo, le restrinsero, e con istile certamente non insulso le
tramandarono ai posteri: ed è quel volume, che oggi corre per le mani
d'ognuno; il qual avrebbe meritato altro più culto Scrittore, non
_Vincenzo Massila_, che ignaro delle leggi longobarde, donde trassero
la loro origine, con istile assai goffo e pieno di puerilità nell'anno
1550 commentolle.

Que' due Giureconsulti, che in quella guisa, che ora le vediamo, le
compilarono, furono il Giudice _Andrea di Bari_, ed il famoso Giudice
_Sparro_, o sia _Sparano_, parimente barese. Fu questi uno de' maggiori
Giureconsulti, che fiorisse a' tempi di Carlo I, da questo Principe
molto ben veduto, e in sommo pregio avuto; poichè, oltre essere stato
prima da lui creato Giustiziere di Terra di Bari, e poi M. Razionale
della G. C., dopo la morte di Roberto da Bari fu fatto G. Protonotario
del Regno. Ebbe ancora la suprema preminenza ne' Tribunali de' Contadi
di Provenza e di Forch'Alquir, ed il titolo di _vir nobilis_, solito
darsi in que' tempi a' Titolati, ed a persone d'esquisita nobiltà:
creollo di più Cavaliere, e l'arricchì di molti Feudi.

Il Giudice _Andrea_ in quel libro, che compilò, tenne quell'istesso
ordine e metodo, per quanto gli fu permesso, del Codice di Giustiniano,
ed in alcuna parte seguitò quello delle Pandette. Comincia perciò dopo
un non disprezzevol proemio, ad imitazione di Giustiniano, dal titolo
_de Sacrosanctis Ecclesiis_, ove tratta delle cose attinenti alla
cattedral chiesa di Bari e dell'altra di S. Niccolò. Finisce la sua
compilazione ad imitazione di Triboniano nelle Pandette col titolo:
_de Regulis juris_, seguitando ancora l'esempio de' Compilatori delle
Decretali.

Il Giudice _Sparano_, che con non minor eleganza aggiunse alla costui
compilazione un altro libro, tenne altro metodo. Conoscendo, che quelle
Consuetudini in gran parte derivavano dalle leggi longobarde, stimò più
a proposito seguitar quell'istesso ordine, che tennero i Compilatori
di quelle leggi: e perciò comincia da' delitti, siccome da questi si
dà principio al primo libro delle longobarde. Narrasi ancora di questo
Giureconsulto, che componesse altre opere, ma due sole sono di lui
rimase a' posteri: questa compilazione, ed un libretto, che intitolò:
_Rosarium virtutum et vitiorum_: che fu da poi nell'anno 1571 stampato
in Venezia con la giunta dell'Abate Paolo Fusco da Ravello.

Carlo II adunque, avendo innalzata Napoli a tanta sublimità, non
permise, che in ciò Bari la superasse. Per ciò non trovandosi le sue
Consuetudini ridotte in iscritto, onde derivavano que' disordini
accennati di sopra, diede prima incombenza all'Arcivescovo di
questa città, e gli prescrisse, che chiamati a se dodici uomini di
sperimentata probità, e ben istrutti de' costumi della loro patria,
desse principio all'opra. Era allora Arcivescovo di Napoli _Filippo
Minutolo_, quello stesso, che per la sua saviezza e dottrina fugli dal
padre destinato per primo Consigliere, quando lo rimise in Napoli per
suo Vicario, onde l'opera era degna di lui, da chi poteva sperarsi
felice successo[572]. Ordinò nell'istesso tempo, che l'Università
di Napoli eleggesse quegli uomini che fossero non meno integri, che
informatissimi delle costumanze della loro patria, i quali dovessero
ricercare tutte le Consuetudini della città, ma le più vere, le più
antiche, le più concordi e le più approvate ne' giudicii: e dopo averle
ben esaminate con legittima testimonianza d'uomini probi ed integri, le
riducessero in iscritto in un volume: il quale riveduto ed esaminato
dall'Arcivescovo, e da queste dodici persone a ciò destinate, lo
dovessero presentare a lui, perchè quelle solo dovesse confermare ed
approvare con sua Costituzione, e riprovar tutte l'altre: in maniera,
che nè in giudicio, nè fuori avessero forza e vigore alcuno.

L'Arcivescovo, e gli uomini a ciò deputati adempirono la loro
incombenza, ed in nome di tutti i cittadini presentarono il libro
al Re, perchè lo confermasse. Nè a questi tempi erano entrati gli
Ecclesiastici in quella pretensione, che fortemente sostennero da poi,
d'essere da quelle liberi e sciolti. Carlo lo fece poi rivedere da
Bartolommeo di Capua, ch'era allora Protonotario del Regno, il quale
levate alcune cose, ed aggiuntene alcun'altre, ed in miglior modo
dichiarate, le dettò in quello stile che ora leggiamo. Il che fatto,
furono dal Re approvate, e vietato che toltone quelle ch'erano scritte
in quel volume, non fosse lecito per l'innanzi ne' giudicii o fuora,
allegarne altre: ciocchè accadde nell'anno 1306 morto già l'Arcivescovo
Minutolo.

Se vogliamo far paragone tra le Consuetudini di Napoli con quelle di
Bari, non vi è dubbio alcuno che i Giudici Andrea e Sparano con maggior
eleganza dettarono quelle che i Baresi presentarono al Re Carlo I, che
non fece Bartolommeo di Capua di queste, che i Napoletani presentarono
a Carlo II. Lo stile di quelle non fu cotanto insulso ed intrigato,
come può esser noto a chi leggerà l'une e l'altre: se non vogliamo
difendere il Capua con quel che leggesi nel proemio di Carlo, il quale
dice, che piacque a quel Giureconsulto di non mutare lo stile, ed i
vocaboli proprii del paese, per maggior intelligenza di que' cittadini:
_In stilo dictaminis eorudem civium, ut magis proprie illarum usualia
verba remaneant_[573].

Scorgesi eziandio un'altra differenza tra l'une e l'altre; perchè
quelle di Bari, per essere state lungamente de' Longobardi, per la
maggior parte traggono origine dalle costoro leggi. All'incontro Napoli
che non riconobbe mai il dominio de' Longobardi, ma, se si riguardano
i suoi principii, fu città greca, o se il dominio che n'ebbero in que'
medesimi tempi, che i Longobardi dominarono l'altre province del Regno,
fu ella sotto la dominazione de' Greci, e degli ultimi Imperadori
d'Oriente: quindi le sue Consuetudini dalle leggi di quella Nazione
derivano.

Fu chi credette che chiamando il Re Carlo queste Consuetudini
antichissime, fossero reliquie di quelle antiche leggi, colle quali si
governava in tempo de' suoi Arconti e Demarchi, come dicemmo nel primo
libro. Altri, apponendosi più al vero, senza ricorrere ai tempi tanto
lontani e remoti, credettero che dalle Novelle degl'ultimi Imperadori
greci derivassero, di che ne potrebbe esser argomento i tanti riti e
costumi degli ultimi Greci che ancor si ritengono, e l'analogia ed i
molti vocaboli ancor ritenuti di quella Nazione.

L'ordine ancora ed il metodo tenuto da Bartolommeo di Capua fu tutto
altro da quello che tennero Andrea e Sparano. Questi, almeno per
quanto si potè, imitarono Giustiniano ed i Compilatori delle leggi
longobarde, come si è detto: il Capua di suo arbitrio ne formò un altro
nuovo. Trattò in prima l'ordine della successione _ab intestato_, ed
indi quella _ex testamento_: della potestà che in vigor di queste
Consuetudini hanno i figli di famiglia di poter testare e di quali
beni: delle donne maritate, le quali uscendo dalla patria potestà,
potendo testare delle loro doti, in che quantità possano farlo o in
altra maniera disporne: degli alimenti che devono i padri e le madri
prestare a' loro figliuoli, e su di quali robe. Passa poi a trattar
delle doti e della quarta alla donna dovute su i beni del marito. De'
contratti tra i mariti e le mogli. Degl'istromenti soliti in questi
tempi farsi da' Curiali e della lor fede; e da poi, di tutto ciò che
s'attiene alla materia dotale e della quarta.

Prima di passar agli altri contratti, intermezza otto titoli, uno ove
tratta de' casi, ne' quali per propria autorità possa alcuno pignorare
la roba altrui: l'altro della ragion del congruo: nel terzo esamina
di che forza sia il detto del Colono parziario: nel quarto della
testimonianza de' rustici, e quanta fede meriti: nel quinto tratta
delle Servitù, e nelli tre seguenti di cose a quelle appartenenti.
Torna poi a' contratti, e parla delle locazioni e condizioni, de'
pegni, delle compre e vendite, e delle arre da darsi: ma vengono questi
titoli framezzati con altri, come della nunziazione della nuova opera:
_Communi dividundo_, e _de Glande legenda_.

Finalmente chiudono il libro il titolo _de ripa, vel efrico_, e
l'altro, ch'è l'ultimo _de restituitone in integrum_. Quest'ordine
tenne Bartolommeo di Capua in questa sua compilazione delle
Consuetudini di Napoli, la quale ebbe il suo compimento e confermazione
del Re a' 20 di marzo dell'anno 1306, come si legge nella loro data:
_Data Neapoli per manus ejusdem Bartolomaei de Capua militis Logothetae
et Prothonotarii Regni Siciliae. Anno Domini 1306 die 20 martii 4
Indict. Regnorum nostrorum anno 22._

Furono queste Consuetudini dal Re Carlo fatte riporre nel suo regale
Archivio, affinchè i Napoletani, essendo ridotte in iscritto, e
roborate dalla sua autorità, non fossero più intrigati in tante
dispute, e sapessero dove ricorrere per terminarle[574].

I nostri Dottori cominciarono poi a commentarle, e non passarono 44
anni da che furono da B. di Capua compilate, che surse _Napodano_
Sebastiano di Napoli, il quale fu il primo ad impiegar intorno a quelle
i suoi talenti nel Regno di Giovanna I, pronipote di Carlo nell'anno
1350. Fiorì egli ne' tempi di quella Reina, ed era riputato per uno
de' bravi nostri Professori: era egli Nobile napoletano, della famiglia
Sebastiana, e non meno di Matteo d'Afflitto, che tirava la sua famiglia
da S. Eustachio ed il Sannazaro da S. Nazario, ebbero i suoi la vanità
d'ostentare che la sua parimente dipendesse da S. Sebastiano Maestro
de' Soldati dell'Imperadore Diocleziano, ovvero, se questo fallisse,
da quell'altro Sebastiano Pretore a' tempi dell'Imperadore Zenone; o
pure quando tutto altro mancasse, da' Signori di _Sebaste_, città di
Samaria[575]. Essendo Cancelliere il Vescovo di Fiorenza, Lettore degli
Studii Lorenzo Poderico e Vice Protonotario del Regno Sergio Donorso,
ebbe egli nel Collegio di Napoli pubblico esame; e datosi allo studio
legale riuscì il primo della sua età. Si pose egli a commentar prima
le Costituzioni e Capitoli del Regno: da poi per quella mortifera
pestilenza che accadde in Italia nell'anno 1348, descritta con tanta
vivezza ed eloquenza dal Boccaccio, avendo perduti tutti i figliuoli,
per dar qualche conforto al suo dolore, ritirossi in una villa presso
Napoli ed in quella solitudine si pose a commentar queste Consuetudini,
e terminò le sue fatiche a' 5 aprile dell'anno 1351 come e' dice nel
fine de' suoi Commentarii. Testifica Scipione di Gennaro[576], il qual
fece alcune addizioni al Commento di Napodano, che aveva inteso da'
loro più antichi che quella villa, ove ritirossi Napodano a far questo
Commento, era quella appunto che a' suoi tempi si possedeva da D. Luisa
Rossa vedova del Dottor D. Paolo Marchese, ch'è posta nel principio
della strada, onde vassi a S. Martino.

Il Commento, che questo Giureconsulto fece alle Consuetudini, acquistò
tanta autorità presso i nostri Dottori che tiene ora non inferior forza
e vigore del testo medesimo delle Consuetudini, e non meno di quello
venne da poi da' nostri Professori esposto e commentato o da alcune
note illustrato. Undici anni dopo queste sue fatiche, propriamente
a' 20 agosto dell'anno 1362 trapassò di questa mortal vita ed il suo
cadavere giace sepolto nella Chiesa di S. Domenico Maggiore di Napoli,
ove se n'addita il sepolcro[577].

Dopo Napodano, illustrarono queste Consuetudini o con note, o con
addizioni ovvero con varie decisioni del S. C. della regia Camera e
della G. C. della Vicaria, altri insigni Giureconsulti che fiorirono
ne' seguenti secoli. I primi furono Antonio d'Alessandro Presidente,
che fu del S. C. Viceprotonotario del Regno: Stefano di Gaeta: il
celebre Matteo d'Afflitto: li Consiglieri Antonio Capece e Marino
Freccia: il Consigliere e Presidente della regia Camera Diomede
Mariconda: Antonino di Vivaya, e nell'anno 1518 Scipione di Gennaro;
il quale avendo riscontrato l'esemplare ch'egli avea coll'originale di
Napodano, le fece imprimere in Napoli colle addizioni, che nell'anno
precedente avea fatte su 'l Commento di quello, ed è la più antica
edizione che si trovi di queste Consuetudini.

Seguirono da poi altre edizioni con nuove Chiose e Giunte, come quelle
fatte da' Consiglieri Vincenzo de' Franchis, Camillo Salerno, Antonio
Barattucci, Bartolommeo Marziale, e Cesare Vitelli: da Coluccio
Coppola, Gaspare di Leo, e Gio: Angelo Pisanello: da' Consiglieri
Felice Scalaleone, Giacomo Anello de Bottis e Felice de Rubeis:
dal Presidente della regia Camera Scipione Buccino, dal Reggente
Francesco Revertero, da Tommaso Nauclero, da Provenzale, da Caputo, ed
ultimamente da Carlo di Rosa, il quale in un volume raccolse quasi che
tutte le costoro note ed addizioni.

Oltre a costoro, sursero pure nel passato secolo altri Scrittori, li
quali, o per via di controversie, o di decisioni, o di consiglj, ovvero
con trattati, largamente scrissero sopra queste nostre Consuetudini,
fra' quali porta il vanto il celebre _Molfesio_, che più d'ogni altro
in più volumi trattò di quelle, tanto che oggi ai nostri Professori il
diritto appartenente a queste Consuetudini, si è reso una delle parti
più necessarie per la disciplina forense, la quale non meno che l'altre
ha le sue sottigliezze, ed i suoi intrighi, dove il numero di tanti
Scrittori l'han posta, e richiedesi perciò somma dottrina, e perizia
per ben maneggiarla.

L'esempio di Bari e di Napoli seguirono l'altre città del Regno:
_Aversa_ volle anche ridurre in iscritto le sue Consuetudini, che
girano per le mani d'ognuno col Commento di _Nunzio Pelliccia_. _Capua_
tiene pure le sue commentate da _Flavio Ventriglia_ Gentiluomo capuano.
_Gaeta_ similmente ha particolari Consuetudini e Statuti. _Amalfi_ e
suo Ducato ebbe anche le sue particolari Consuetudini, le quali furono
compilate dal Giudice _Giovanni Agostaricci_, che morì in Amalfi l'anno
1281 dove nell'antico Chiostro di San Andrea si vede il suo tumulo
ed iscrizione[578]. Catanzaro tiene eziandio le proprie Consuetudini
spiegate dal suo cittadino _Giovan Francesco Paparo_. E così di mano
in mano l'altre città del Regno, delle quali non accade far qui un più
lungo e nojoso catalogo.

In tanta grandezza avendo il Re Carlo II posta la città ed il Regno
di Napoli, finalmente giunto al sessantesimoterzo anno di sua vita,
soprapreso da febbre acutissima, dopo aver regnato anni 25 trapassò a'
5 di maggio dell'anno 1309 nel palagio chiamato Casanova fuori Porta
Capuana, ch'egli avea fatto edificare lungi da Napoli 200 passi, ove
abitar solea d'estate, per l'opportunità dell'acque del Sebeto, che
entrando nella città, passavano per quello, il qual luogo divenuto
poscia grandissima villa, ritiene sin a' nostri dì il medesimo nome,
ancorchè dell'antico palagio non ne sia rimaso alcun vestigio.

(_Carlo II_ un anno prima di morire fece in Marsiglia il suo testamento
a' 16 Marzo 1308, nel quale istituì erede del Regno Roberto Duca
di Calabria, chiamandolo suo primogenito, ed a _Carlo_ suo nipote
figliuolo del Re d'Ungheria, che fu suo primogenito, gli lasciò
solo duemila once d'oro da pagarsegli per una sol volta dal Regno.
Si elesse per sepoltura del suo corpo la chiesa del monastero di S.
Maria di Nazaret in Provenza, e fece molte altre disposizioni intorno
agli Stati del Contado di Provenza, di Forcalquer e di Pedemonte, ne'
quali per non poter succedere le femmine in mancanza de' discendenti
maschj di _Roberto_ chiamò _Filippo_ Principe di Taranto e di Acaja suo
figlio e suoi discendenti maschj, sostituendo a questi altri maschj di
primogenito in primogenito. Il suddetto testamento estratto dal real
Archivio di Provenza fu impresso da _Lunig_[579]).

Non è memoria, come scrive il Costanzo, che fosse mai pianto Principe
alcuno tanto amaramente, quanto costui, per gran liberalità, per
gran clemenza, e per altre virtù, ond'era egli adorno. Per la sua
liberalità fu comparato ad Alessandro M. e quanto nelle cose militari
fu inesperto, altrettanto nelle cose civili e pacifiche fu eminente. Fu
con regal pompa seppellito il suo cadavere nella chiesa di S. Domenico
e non molto da poi fu trasferito in Provenza, e nel monastero delle
Suore dell'Ordine de' Predicatori di S. Maria di Nazaret, edificato da
lui in Arles, fu collocato[580]; ma il suo cuore, per ordine di Roberto
suo figliuolo, fu fatto conservare in una Urna d'avorio e riporre in
quella medesima chiesa in Napoli, dove oggi giorno da que' Monaci,
memori d'aver questo Principe arricchito quel Convento, con molta
religione e riverenza vien custodito.


  FINE DEL VOLUME QUINTO



TAVOLA DE' CAPITOLI CONTENUTI NEL TOMO QUINTO


  LIBRO DECIMOTTAVO                                      pag.   5

  Cap. I. _Corrado di Alemagna cala in Italia:
         giunge per l'Adriatico in Puglia, ed abbatte
         i Conti d'Aquino: Capua se gli
         rende, e Napoli vien presa per assalto e
         saccheggiata_                                    »    10
      §. I. _Invito d'Innocenzio fatto al fratello del
         Re d'Inghilterra alla conquista del Regno_       »    14
  Cap. II. _Corrado insospettito di Manfredi lo spoglia
         d'ogni autorità, e de' suoi Stati; avvelena
         il suo minor fratello Errico; ed
         egli poco da poi se ne muore di consimil
         morte; onde Manfredi assume di nuovo
         il Baliato del Regno_                            »    16
  Cap. III. _Spedizione d'Innocenzio IV sopra il
         Regno_                                           »    25
      §. I. _Innocenzio abbandona il Re d'Inghilterra,
         ed invita il fratello del Re di Francia
         alla conquista del Regno: se ne muore
         in Napoli, e svaniscono i suoi disegni_          »    36
  Cap. IV. _Spedizione d'Alessandro IV sopra il
         Regno, e nuovi inviti fatti da lui al Conte
         di Provenza, ed al Re d'Inghilterra_             »    39

  LIBRO DECIMONONO                                        »    58

  Cap. I. _Spedizione d'Urbano IV contro Manfredi;
         ed inviti fatti in Francia per la
         conquista del Regno_                             »    70
      §. I. _Invito d'Urbano fatto a Carlo d'Angiò
         per la conquista del Regno_                      »    75
  Cap. II. _Spedizione di Clemente IV e conquiste
         di Carlo d'Angiò, da lui investito del
         Regno di Puglia e di Sicilia_                    »    82
      §. I. _Coronazione di Carlo in Roma_                »    90
  Cap. III. _Re Manfredi riceve con intrepidezza,
         e valore il nemico: ferocemente si viene
         a battaglia, nella quale, tradito da' suoi,
         rimane infelicemente ucciso_                     »    93
  Cap. IV. _Re Carlo entrato nel Regno comincia
         a reggerlo con crudeltà e rigore; onde
         il suo governo è abborrito e gli animi
         si rivoltano ed invitano alla Conquista
         Corradino_                                       »   102
      §. I. _Invito di Corradino in Italia; e mal
         successo della sua spedizione_                   »   106
      §. II. _Infelice morte del Re Corradino, in
         cui s'estinse il legnaggio de' Svevi_            »   118
  Cap. V. _Politia Ecclesiastica del decimoterzo secolo
         insino al Regno degli Angioini_                  »   125
      §. I. _Della Compilazione delle Decretali;
         e loro uso ed autorità_                          »   128
      §. II. _Elezione de' Vescovi, e provisione intorno
         a' Beneficj_                                     »   138
      §. III. _Della Conoscenza nelle cause_              »   148
      §. IV. _Tribunale dell'Inquisizione_                »   161
      §. V. _Monaci e beni temporali_                     »   171

  LIBRO VENTESIMO                                         »   191

  Cap. I. _Cagioni onde Napoli divenisse Capo del
         Regno, e Sede regia_                             »   200
      §. I. _Edificj_                                     »   201
      §. II. _Ristoramento degli Studj_                   »   203
  Cap. II. _Carlo si rende tributario il Regno di
         Tunisi; e per la cessione di Maria, figliuola
         del Principe d'Antiochia diviene
         Re di Gerusalemme_                               »   208
      §. I. _Carlo per la cessione di Maria figliuola
         del Principe d'Antiochia diviene Re di
         Gerusalemme_                                     »   210
  Cap. III. _Nuova nobiltà Franzese introdotta da
         Carlo I in Napoli; e nuovi Ordini di
         Cavalieri_                                       »   216
      §. I. _Cavalieri armati da Carlo in Napoli_         »   218
      §. II. _Particolari Ordini di Cavalleria_           »   235
  Cap. IV. _Seggi di Napoli riordinati, ed illustrati
         da Carlo_                                        »   243
      §. I. _Parlamenti generali cominciati a convocarsi
         in Napoli_                                       »   262
  Cap. V. _Divisione del Regno di Sicilia da quello
         di Puglia, per lo famoso Vespro Siciliano_       »   263
  Cap. VI. _Ufficiali della Corona divisi. Il Tribunale
         della Gran Corte stabilito in Napoli;
         e della Corte del Vicario_                       »   278
      §. I. _Del Tribunale della Corte stabilito in
         Napoli_                                          »   280
      §. II. _Della Corte del Vicario_                    »   284
  Cap. VII. _Carlo Principe di Salerno governa
         il Regno come Vicario, mentre il padre
         è in Roma, e va poi a battersi in Bordeos
         con Pietro Re d'Aragona_                         »   294
  Cap. VIII. _Prigionia del Principe di Salerno,
         e morte del Re Carlo suo padre_                  »   306
  Cap. IX. _Delle nuove leggi introdotte da Carlo
         I e dagli altri Re angioini suoi successori,
         che chiamiamo Capitoli del Regno_                »   313
      §. I. _Capitoli del Re Carlo I_                     »   318
      §. II. _Capitoli del Principe di Salerno promulgati
         in tempo del suo Vicariato, mentre
         Re Carlo suo Padre era assente_                  »   325
      §. III. _Capitoli del Re Carlo II_                  »   335
      §. IV. _Capitoli del Re Roberto_                    »   338
      §. V. _Capitoli di Carlo Duca di Calabria
         Vicario del Regno_                               »   348

  LIBRO VENTESIMOPRIMO                                    »   354

  Cap. I. _De' Capitoli di Papa Onorio IV, e qual
         uso ed autorità ebbero nel Regno_                »   357
      _Capitula Papae Honorii_                            »   364
  Cap II. _Negoziati fatti in Inghilterra e ad Oleron
         in Bearn, per la scarcerazione del
         Principe Carlo; sua incoronazione e tregua
         fatta col Re Giacomo di Sicilia_                 »   392
  Cap. III. _Coronazione di Carlo Martello in Re
         d'Ungheria. Pace conchiusa tra il Re Carlo
         ed il Re d'Aragona; ed incoronazione
         di Federico in Re di Sicilia_                    »   398
  Cap. IV. _Guerra rinovata in Sicilia. Morte di
         Carlo Martello Re d'Ungheria; e pace
         conchiusa col Re Federico_                       »   423
  Cap. V. _Napoli amplificata da Carlo II, e resa
         più magnifica per edificj, per lustro della
         sua Casa regale, e per altre opere di
         pietà illustri e memorabili, adoperate da
         lui non meno quivi, che nell'altre città
         del Regno_                                       »   435
      §. I. _Della chiesa di S. Niccolò di Bari_          »   439
      §. II. _Della chiesa di S. Maria di Lucera_         »   449
      §. III. _Della Chiesa d'Altamura_                   »   454
  Cap. VI. _Della Casa del Re: suo splendore e
         magnificenza: e de' suoi Ufficiali_              »   459
      §. I. _Degli Ufficiali della Casa del Re_           »   464
        _De' Grandi Ufficiali_                            »   467
        _De' Minori Ufficiali_                            »   474
      §. II. _Del Maestro della Cappella del Re,
         che ora chiamiamo Cappellano Maggiore_           »   481
  Cap. VII. _Delle Consuetudini della città di Napoli
         e di Bari, e d'alcune altre città del
         Regno_                                           »   487


  FINE DELL'INDICE.



NOTE:


[1] Ughel. Ital. Sacr. tom. 9. Anonym. de Reb. Feder. Conrad. et Manfr.

[2] Anonym. Misitque Henricum fratrem suum minorem ad gubernandam
Siciliam, et Calabriam vice sui.

[3] Anonym. de Reb. Frid.

[4] Anonym.

[5] Costanzo lib. 1. Ist. di Napoli.

[6] Pansa Vita Innoc. IV.

[7] Anonym. Dictum Regem cum magna Theutonicorum comitiva per mare
venientem apud Sypontum debita reverentia et devotione recepit sub anno
Domini 1252.

[8] Anonym. Cum ipso Rege praecedente, in Terram Laboris contra
rebelles illarum partium cum toto suo exercitu profectus est.

[9] Anonym. In processu autem illius in Terra Laboris, Rex Civitates
Aquini, Suessae, S. Germani, pluraque vicina Castra, quae per Regis
adventum rebellaverant, vicit.

[10] Anonym. Costanzo, l. 1.

[11] Anonym. Machinis quoque circumcirca dispositis, et cavis etiam
subterraneis ad murorum obversionem, et fossis, ad deditionem coëgit;
magnaque victoria ex illarum Civitatum deditione Rex illustratus est.

[12] Tom. 2 pag. 914.

[13] Anonym.

[14] Anonym.

[15] Anonym.

[16] Paris histor. Angl. Unde Rex Corradus post mortem sui fratris,
numquam, ut antea, vultum ostendit serenum.

[17] Lunig Cod. Ital. Diplom. Tom. 2 pag. 915, 916.

[18] Anonym. In Campis prope Lavellum infirmitate correptus, cum esset
circa annos aetatis 26 in triumphorum suorum primordiis acerbae mortis
fato succubuit.

[19] Anonym. Summus Pontifex illam Legatorum missionem, et Apostolicae
gratiae postulationem, magis debilitati partis Regiae, quam devotioni
ascribens, respondit, praecise se habere velle Regni possessionem,
atque dominium; promittens Regi pupillo, cum ad pubertatem veniret, de
Jure, si quod haberet in Regno, gratiam esse faciendam.

[20] Anonym. Baliatus officium se assumpsisse poenituit, et ex tunc
onus quidem incaute susceptum, non sine pudore deponendum existimavit.

[21] Anonym. Quamobrem Princeps ad hujusmodi quidem aemulorum
intentionem repellendam, Regni gubernaculum, tam ad utilitatem
pupilli nepotis sui, si viveret, quam ad suam, si forte de facto aliud
contigisset, assumere de jure debebat.

[22] Anonym. Sin autem ipse Puer vel jam defecisset, vel post, liberis
non susceptis, deficeret, ipsum Principem Manfredum ex tunc in Regem et
Regni dominum haberent.

[23] Anonym.

[24] Anonym.

[25] Ughel. Ital. Sacr. tom. 9 p. 109 riscontrata in Reg. Vat. an. 9.
Pontif. n. 121 et 122.

[26] Raynal. t. 13. Annal. Ecclesiast. an. 1252 a n. 5 ad. 7 colla data
12. Kal. Feb. an. Pont. IX.

[27] Anonym.

[28] Reg. In. IV. in Vat. epist. 205. Tutin. de' Contest. del Regno
pag. 58. Pansa in vita Inn. IV.

[29] Anonym. Et Papa Regnum intrante, Princeps stratoris ei officium
exhibens frenum tenuit, quo usque ad pontem Garigliani transiret.

[30] Tutin. loc. cit. p. 60.

[31] Costanzo lib. 1 histor. di Napoli.

[32] Anonym.

[33] Anonym. Viro quidem juvene, et ipsius Papae consanguineo.

[34] Anonym.

[35] Anonym.

[36] Anonym.

[37] Summ. tom. 2 p. 132.

[38] Tutino de' Contest. p. 61. Raynal. Annal. Eccl. tom. 13 ann. 1255.

[39] Chiocc. de Archiep. Neap. ann. 1262.

[40] Pansa in Vita Innoc.

[41] Anonym. Ambo simul Neapolim pervenientes, invenerunt, quod ipsis
diebus, videlicet Idibus Decembris, Papa defunctus erat.

[42] Gio. Villani. Costanzo, lib. 1.

[43] Anonym. Pansa, in Vita Innoc.

[44] Chiocc. de Archiep. Neap. an. 1262 ex Glos. in l. si maritus
15, § legis Juliae, D. de Adulteriis, ivi: Quidam erat absens causa
Reipublicae, ut puta in Civitare Neapolitana, ubi nunc est Papa
Alexander IV.

[45] Anonym.

[46] Lunig Cod. Ital. Dipl. Tom. 2 pag. 918.

[47] Anonym.

[48] Anonym.

[49] Anonym.

[50] Anonym. Curiam ipsius Imperatoris Federici pauper ingressus.

[51] Anonym. Quia tractari dicebatur, quod Calabria in manibus
Ecclesiae daretur.

[52] Anonym.

[53] Anonym.

[54] Anonym.

[55] Anonym. Minime credibile reputavit, et miratus est si verum esset,
quod Legatus Sedis Apostolicae, vir quidem Ecclesiasticus, et qui magis
aliis fidem servare tenebatur, firmata inter se, et Principem treguarum
pacta, fregisset.

[56] Anonym.

[57] Anonym. Ut princeps pro parte sua, et Regis Conradi nepotis
sui Regnum teneret, excepta Terra Laboris, quam Princeps Ecclesiae
concessit tenendam.

[58] Anonym.

[59] Anonym.

[60] Costanzo l. 1.

[61] Anon.

[62] Anonym. Et ideo praedictae duae Civitates Neapolis, et Capua
sponte sua se ad mandatum Principis converterunt.

[63] Inveges Annal. di Paler. tom. 3.

[64] Lunig. Cod. Ital. Diplom. p. 927 a 928.

[65] Anonym. Pirri. Rainaldo.

[66] Tutin. de' Contest. p. 61.

[67] Tutin. de' Contest. pag. 63 et 64.

[68] Costanzo lib. 1 hist. di Nap.

[69] Costanzo lib. 3.

[70] Anonym. Et filiam suam Constantiam, quam ex prima consorte sua
Beatrice, filia quondam A. Sabaudiae Comitis, Imperatore vivente,
susceperat, Don Petro primogenito dicti Regis Aragonum matrimonio
copulavit.

[71] Inveges Ann. di Palermo, tom. 3.

[72] Anonym.

[73] Tutin. de' Contest. del Regno fol. 67.

[74] Anonym. Excusatorum itaque praedictorum allegationibus non
discussis, ipse Summus Pontifex cum vinculo excommunicationis
adstrinxit.

[75] Rainald. ad ann. 1262 num. 21.

[76] Costanzo lib. 2.

[77] V. Jacob. de Ajello tract. de Adaha, num. 15.

[78] Costanzo lib. 1.

[79] Costanzo lib. 1.

[80] Anonym.

[81] Lunig Cod. Ital. Diplom. tom. 2 p. 390.

[82] Ibid. pag. 935 e 936.

[83] Tutin. de' Contest. pag. 59. Chioccar. M. S. giuris. tom. 1.

[84] Le carte di queste condizioni e modificazioni vengono rapportate
dal Tutini de' Contestab. del Regno, fol. 70, 71.

[85] Costanzo lib. 1.

[86] Cod. Ital. Diplom. Tom. 2 pag. 942.

[87] Ibid. pag. 964.

[88] Inveges Annal. di Palerm. tom. 3.

[89] Rainald. ann. 1265.

[90] V. Rainaldo ad ann. 1265 il quale adduce convenzioni più diffuse
intorno al regolamento della successione del Regno.

[91] Reg. 1273. fol. 167. Vien anche rapportato dal Tutini degli
Ammirag. del Reg. p. 89.

[92] Chioccar. tom. 1. MS. giurisd.

[93] Chiocc. MS. Giurisd. in Indice, t. 19.

[94] Anonym. Romani Cives de more mobiles, quos ex hoc in illud exilis
de facili versat occasio, illius modicae libertatis reliquias, quas
ipsis praescripta veterum transfudit authoritas, temere distrahentes,
exclusis pro magna parte nobilibus, Carolum Provinciae Comitem
elegerunt in Dominum, et Senatorem Urbis perpetuum, et evocaverunt.

[95] Cod. Ital. Diplom. Tom. 2 pag. 970.

[96] Tutin. de' Contestabili, p. 81.

[97] Tutini de' Contestabili, fol. 79 ex Reg. Caroli II 1297. A. fol.
152.

[98] Tom. 1. M. S. Giurisd. apud Chioccar.

[99] Bald. in l. cum antiquioribus, C. de Jur. deliber.

[100] Inveges to. 3. Annal. di Palerm.

[101] Anonym. Qui semper de instabilitate, et voto contrario illorum de
Regno merito dubitabat.

[102] Anonym.

[103] Costanzo lib. 1.

[104] Anonym.

[105] Anonym. Mandat caeteris Capitanis et Praepositis sui exercitus,
quod illico descendant ad pugnam: sed cum nonnulli de Regno,
qui quosdam falsos Comites, cum quibus Rex Carolus sub colorato
patrimonialis successionis titulo spolia Regni diviserat, sequebantur,
nollent bellum ingredi, sed proditorie abstitissent, Manfredus cum suis
militibus mori potius eligens, etc.

[106] Anonym. Proh dolor! a suis sic proditus, etc.

[107] Dante nell'Infer. canto 28.

[108] Riccobaldo presso il Summonte.

[109] Anonym. Quibus ad preces B. de Pignatellis Archiepiscopi
Messanensis vitae veniam post eventum praefatae deliberationis
indulserat.

[110] Epist. Caroli ad Clem. IV. che si legge presso Tutini de'
Contest. del Reg. pag. 96.

[111] Inveges Annal. di Paler. t. 3.

[112] Boccaccio: Viridis fluvius a Picaenatibus dividens Aprutinos,
et in Truentum cadens, mirabilis, eo quod ejus in ripam, quae ad
Picaenates versa est, jussu Clementis Pontificis Summi, ossa Manfredi
Regis Siciliae, quae secus Calorem Baneventi fluvium sepulta erant,
absque ullo funebri officio dejecta fuerunt a Consentino Praesule, eo
quod Fidelium communione privatus occubuerit.

[113] Alessand. Andrea nella Guerra di Paolo IV ragion. 2.

[114] Dante Canto 3 del Purgatorio.

[115] Cod. Ital. Diplom. tom. 2 pag. 970.

[116] Costanzo lib. 1. V. Inveges Annal. di Paler. tom. 3.

[117] Anonym. Mittit in Siciliam Dominum Philippum de Monforte.

[118] Anonym.

[119] Di questi Registri fassi anche memoria in una carta rapportata
dal Summonte.

[120] Anonym. Legem ponit Regnicolis, novosque Secretarios,
Justitiarios, Admiratos, Protonotarios, Portulanos, Dohanerios, et
Fundigarios, Magistros Scholariorum, et Magistros Juratos, Bajulos,
Judices, et Notarios ubique per regnum, et super hos majores
Praepositos statuit.

[121] Anonym. Subjectos gravant indebite, ac eis importabilia onera
imponentes exigenda plus debito, cruorem eliciunt, ac medullas.

[122] Anonym.

[123] Anonym. Universis in Lombardia et Tuscia Gibellinorum capitibus
intimare procurant de aspero, et angusto, ac importabili dominio
Gallorum.

[124] Anonym.

[125] Anonym.

[126] Anonym. Hi sane fratres Hispani pro Saracenorum conversatione
diutina actibus Agarenorum imbuti, et fere Christianae religionis
obliti, a Saracenis ipsis vita parum et moribus differebant.

[127] Anonym.

[128] Questo Manifesto si legge presso Inveges Annal. di Paler. tom. 3
e Lunig Cod. Ital. Diplom. Tom. 2 pag. 938.

[129] Ammirato ne' Ritratti, in quello del Re Carlo I.

[130] Cod. Ital. Diplom. tom. 2 pag. 971.

[131] Inveges Annal. Paler. tom. 3.

[132] Anonym.

[133] De Bottis in addit. ad Capit. de assecurandis hominibus illorum,
qui turbationis tempore Corradini a fide regia defecerunt.

[134] Costanzo lib. 1.

[135] Ammir. nel ritratto di Carlo I.

[136] Inveges Annal. di Pal. tom. 3.

[137] Costanzo lib. 1.

[138] Pius II. in Europa.

[139] Besoldo de Regno Sicil. et Neap. c. 3 ann. 1269 fol. 681.

[140] V. Tutin. de' Contest. pag. 53.

[141] V. Inveges Annal. di Palerm. tom. 3.

[142] Histor. Austr. Lib. 1 pag. 15.

[143] Syntagm. Hist. Germ. dissert. 22 § 10 pag. 714.

[144] Tutini degli Ammir. del Regno, pag. 90 data in Anagni a' 11
Agosto 1295.

[145] Bolla di Aless. VI presso Franc. Lopez Istor. dell'Indie, cap. 19.

[146] Jo. Costa Comment. in decretal. Greg. IX pag. 1.

[147] Synod. Roman. sub Gelasio ann. 494. Item decretales epistolae,
quas beatissimi Papae diversis temporibus ab Urbe Romana pro diversorum
Patrum consultatione dederunt, venerabiliter suscipiendae sunt. Can.
Sancta Romana 3 dist. 15.

[148] V. Baluz. in praefat. ad Ant. Augustini Dialogos, § 2.

[149] V. Mastricht. hist. Jur. can. num. 238. Fr. Florent. de Methodo
et Aut. Collect. Grat. § 4.

[150] Mastricht. loc. cit.

[151] Guido. Pancirol. lib. 3 c. 8. Mastric. loc. cit. num. 349.

[152] Mastric. num. 349.

[153] Mastric. num. 351.

[154] Cujac. ad c. ult. X de sent. et re jud.

[155] And. Schottus Bibl. Hispan. tom. 2 p. 186.

[156] Fr. Floren. dissert. de Metho. et Auct. Collect. Grat. in fine.

[157] Greg. IX. Volentes igitur, ut hac tantum Compilatone universi
utantur in judiciis, et in scholis, districtius prohibemus, ne quis
praesumat aliam facere, absque auctoritate Sedis Apostolicae speciali.

[158] Math. Paris hist. Angl. ann. 1233 p. 352. Solemniter, et
authentice per totius Mundi latitudinem legi praecepit, et divulgari.

[159] Guid. Pancirol. de Clar. leg. Interp. lib. 3 c. 8. Mastric. num.
356, 357.

[160] Cujac. ad cap. X extr. de sept. et re judic.

[161] Bulla Bonifac. ad lib. decret. et Pithaei Fratres in notis ad
libri titulum.

[162] Duar. in praefat. l. de Sacr. Eccl. Ministr.

[163] Artur. Duck de Aut. Jur. civ. l. 1 c. 7 n. 13, 14, 15, 16, 18.

[164] Pancirol. de Clar. leg. Interpr. l. 3 c. 19.

[165] Decretal. l. 2. Artur. Duck l. 1 c. 2 n. 19.

[166] V. Artur. l. c. n. 10, 11, 12, 13, 14.

[167] Andr. de Isern. in Constit. l. 3 tit. 31 de admin. rer. Eccl.

[168] Cap. 19. Invest. Clem. IV.

[169] Chiocc. M. S. giurisd. in indice tom. 19.

[170] Ughell. tom. 1 in Episc. Militens. num. 16.

[171] Chioc. tom. 4 de Regio exequatur.

[172] Tit. de Administr. rerum Eccl. post mortem Praelator.

[173] Matth. Paris Hist. Ang. in Henrico III fol. 597 edit. Paris. et
ex libro additamentorum cuso post dict. Hist. fol. 125 et 126. Quod
si videtur absonum Apostolicae Sedi, contentus est Dominus Rex illo
jure in praedictis vacantibus, quo utitur Rex Franciae, et Angliae in
Ecclesiis vacantibus Regni sui.

[174] Raynald. Ann. Eccl. ad ann. 1253 n. 3 et ann. 1265. Custodia
Ecclesiarum earundem libere remanente penes personas Ecclesiasticas,
juxta Canonicas Sanctiones.

[175] Bulla Adriani apud Capecelatr. histor. Neap. lib. 2. Habebit
Romana Ecclesia, quae habet in aliis partibus Regni nostri, excepta
appellatione.

[176] Cap. 1 de Eccles. aedific.

[177] V. Il Trattato delle materie Beneficiarie attribuito al P. Paolo
Sarpi Servita.

[178] Pallav. Istor. del Concilio di Trento, l. 1 c. 25.

[179] Pallav. l. 1 c. 8 et 16.

[180] Pallav. lib. 8 cap. 12.

[181] Pallav. lib. 2 cap. 6.

[182] Loyseau des Sign. et Justic. Eccl. cap. 15.

[183] Chioc. M. S. giuris. tom. 10.

[184] Chioc. loc. cit.

[185] Pragm. 1 de Clericis, seu Diaconis salvaticis.

[186] Chioc. loc. cit.

[187] Pragm. 4 de Clericis seu Diaconis salvaticis.

[188] Chioc. M. S. giurisd. tom. 10 de Immunit. Cleric.

[189] Chioc. M. S. giurisd. tom. 3.

[190] Cap. Novit. de Judic.

[191] Cap. 3 do For. compet.

[192] Can. 41 § item cum David caus. 2 qu. 7. Nathan cum David
redarguit, suum est executus officium, in quo erat Rege superior: non
usurpavit Regis officium, in quo erat Rege inferior. Monuit eum, ut per
poenitentiam peccata sua expiaret; non autem tulit in eum sententiam
qua tanquam adulter, et homicida morti adjiceretur.

[193] Loyseau l. c.

[194] V. Chioccar. M. S. giurisd. tom. 15.

[195] Ostiens. in Summa tit. de foro compet.

[196] Vien allegato nel cap. per venerabilem, Extr. qui filii sint
legit.

[197] Cap. Raynutius. Extr. de testamentis.

[198] cap. licet, Extr. de foro compet.

[199] Loyseau l. c.

[200] For. Judic. lib. 2 tit. 1 l. 22 et ibi Villad. n. 8. Rov.
Pragmat. 2 et 3 de suspic. offic.

[201] Rit. 265.

[202] Pragm. 2 de suspic. offic.

[203] Caravita Rit. 265 nu. 2.

[204] Pragm. 3 de suspic. offic.

[205] Cap. ex parte de foro compet. Cap. nuper de donat. inter vir. et
uxor.

[206] V. Chiocc. M. S. giurisd. t. 5.

[207] Cassiod. lib. 7 cap. 46.

[208] Conc. Trid. sess. 24 can. 12.

[209] Oldrad. cons. 124. Petr. Barbos. ad lib. 2 § legatis, D. de
Judic. Farinac. in prax. crim. q. 7 num. 17.

[210] L. Romae 33. D. ad municipal. L. in Orbe 17. D. de stat. hom.

[211] V. Artur. Duck de auth. jur. civ. Rom. lib. 2 c. 3 num. 3.

[212] Ostiens.

    Haereticus, Simon, foenus, perjurus, adulter,
    Pax, privilegium, violentus, sacrilegusque,
    Si vacat Imperium, si negligit, ambigit, aut sit
    Suspectus Judex, sit subdita Terra, vel usus
    Rusticus, et servus, peregrinus, Feuda, viator.
    Si quis poeniteat, miser, omnis causaque mista,
    Si denunciat Ecclesiae quis, judicat ipsa.

[213] Loys. loc. cit.

[214] Vedi Apologia Tom. V. parte seconda cap. 3.

[215] Pausa nella Vita d'Innocenzio IV.

[216] La carta (oltre il Chioc.) è rapportata dal Toppi nel fine della
sua Biblioteca Napol. cavata dall'Archivio della Zecca in Regist. R.
Caroli I. sign. ann. 1269. lit. S. fol. 129 a ter.

[217] Chioc. M. S. tom. 8.

[218] Toppi l. c. ex Registr. Caroli I.

[219] Chioc. M. S. tom. 8.

[220] Le carte sono rapportate dal Toppi l. cit. ex Reg. Car. I. sign.
ann. 1278 lit. C. fol. 181 a ter.

[221] Chioc. l. c.

[222] La carta è rapportata dal Toppi loc. cit. ex Reg. Car. II sign.
ann. 1307 lit. B. fol: 217 a ter.

[223] Chioc. l. c.

[224] V. Wadingo tom. 2. Ann. Min. ann. 1291.

[225] La Bolla di Bonifacio VIII è rapportata dal Toppi loc. cit. ex
Reg. Vatic. num. 170.

[226] Epist. Greg. apud Chioccar. de Archicp. Neap fol. 155. Dilectos
filios Fratres Ordinis Praedicatorum velut novos vinitores suae vineae
suscitavit, qui non sua, sed quae sunt Jesu quaerentes, tam contra
profligandas haereses, quam pestes alias mortiferas extirpandas
se dedicarunt evangelizationi verbi Dei in abjectione voluntariae
paupertatis.

[227] Epist. Gregor. apud Chioccar, loc. cit.

[228] Chioc. loc. cit.

[229] Chioc. de Archiep. Neap. ann. 1269.

[230] Summont. hist. tom. 2 lib. 3 cap. 2.

[231] V. Engen. Nap. Sac. di S. Sebastiano.

[232] Il diploma si legge nell'Archivio di S. Domenico, secondo che
rapporta Chiocc. de Archiep. Neap. fol. 159.

[233] Vedi Apologia tom. 5 par. 2 pag. 5.

[234] V. Guadigno negli Annali de' Minori, ann. 1222. Beatil. Ist. di
Bari lib. 2. Capec. hist. Neap. l. 3.

[235] V. Engenio Napoli sacra, di Santa Maria della Nova.

[236] Engen. Nap. sacra, di San Lorenzo.

[237] Engen. loc. cit.

[238] Engen Nap. sacra, di S. Maria della Nova.

[239] Pansa in Vita Inn. IV.

[240] V. Engen. Nap. sacra, di S. Chiara.

[241] Engen. Nap. sacra. di S. Francesco.

[242] Engen. Nap. sacra. della Maddalena.

[243] V. Engen. Nap. sacra, di S. Agostino.

[244] Engen. Nap. sac. di S. Gio. a Carbonara.

[245] Engen. Nap. sac., di S. M. delle Vergini.

[246] Engen. Nap. sac., di S. Pietro a Majella.

[247] Si leggono nel Bullario Romano.

[248] Tambur. de Jure Abbatissarum disp. 7 q. 3 num. 4.

[249] De Luca de Regularibus part. 1 disc. 50 n. 4.

[250] Bulla Pii V. 86 in Bullario, tom. 2.

[251] Baco de Aug. Scien.

[252] Toppi de Orig. Tribun. tom. 1 in princ.

[253] Andreys disp. feud. pag. 159.

[254] Inveges tom. 3. Annal. di Paler.

[255] Costanzo lib. 2.

[256] Dante Purgator. cant. 20.

[257] De Bottis in cap. 1. Regni: Hic Neap. fecit forum magnum.

[258] In Capit. Regni, sotto il titolo, Privilegium Colleg. Neap. Stud.

[259] V. Summont. tom. 2 lib. 3 cap. 2.

[260] Summ. tom. 2 lib. 3 cap. 2. Nigris in Comment. ad cap. Reg. cap.
269 num. 17.

[261] Summ. tom. 2 lib. 3 c. 1.

[262] Villani lib. 7 cap. 37.

[263] Costanzo lib. 1.

[264] Tutini degli Ammir. del Regn. pag. 64.

[265] Tutini degli Ammir. pag. 64.

[266] Chioccarell. tom. 1. M S. giurisd.

[267] Rainald. Annal. ad ann. 1277.

[268] Bossio Istor. di Malta, l. 16 p. 561.

[269] V. Rainald. Annal. ann. 1342.

[270] V. Fr. Luca Wadingo Annal. Min. tom. 3 fol. 486. V. Lucerna
Hierosolymitana. V. D. Maurizio d'Alsedo nella Gerusal. Schiava, pag.
77.

[271] Costanzo lib. 1 Summonte to. 2 pag. 240.

[272] L. 2 C. Ut. dignit. ord. serv.

[273] Loyseau des Sign.

[274] Tutini dell'Orig. de' Seggi, cap. 14 p. 145.

[275] Loyseau des Ord.

[276] Constitut. Reg. l. 3 tit. de nova militia.

[277] Constit. Constitutione praesenti.

[278] Tutin. loc. cit. pag. 143 ex Registr. Caroli II 1294. M. fol. 344.

[279] Tutin. loc. cit. pag. 257.

[280] Dion. Cass. lib. 52.

[281] Abb. Teles. lib. 3 fol. 134.

[282] Jo. Sarisberiens, in Policratico.

[283] Tutin. loc. cit. pag. 147.

[284] Petr. Blesens. epist. 94.

[285] Franc. Mennio, Orig. Milit. fol. 14. Stricto gladio leviter.
humeris percussis, etc.

[286] Petr. Blesens. epist. 94. Hodie Tyrones enses suos recipiunt de
Altari etc.

[287] V. Tutin. Orig. de' Seggi cap 14 p. 149.

[288] Engen. Nap. dell'Ordine di S. Michele. Tutin. loc. cit. pag. 158.

[289] Andr. de Isernia Constit. quamplurium de adjutoriis exigend. lib.
3.

[290] Constit. Reg. lib. 3.

[291] Lib. 5 epist. 5 fol. 560.

[292] Reg. Caroli I 1268. O. fol. 60.

[293] Reg. ann. 1294 M. fol. 247.

[294] Reg. ann. 1278 et 79 lit. H. fol. 72.

[295] Andr. de Isernia in Constit. Quamplurium de adjutor. exig.
lib. 3. Unde si pro faciendo fratre milite velit Rex subventionem,
imponet eam secundum quantitatem ab Honorio declaratam, et expressam,
videlicet, duodecim millia unciarum in toto Regno Siciliae.

[296] Roc. Pirro Notit. Sicil. Eccl. not. 1 fol. 105.

[297] Abb. Toles lib. 4 fol. 138.

[298] Pansa fol. 32.

[299] Tutin. loc. cit. pag. 150, 151, 152 et 153.

[300] Lib. 3. epist. 20 fol. 410.

[301] Tutin. loc. cit. pag. 149.

[302] Franc. Mennio fol. 8.

[303] Gio. Villani hist. lib. 1 cap. 10.

[304] Camil. Portio nella Cong. de' Baroni, fol. 76.

[305] Loyseau des Ord.

[306] Loyseau loc. cit.

[307] Fazzel. Poster. decad. lib. 7 V. Camill. Pellegr. hist. Long. in
Castigat. ad Falcon. Benev. in fine.

[308] Ab. Teles. lib. 4. fol. 138.

[309] Annali M. S. di M. Spin.

[310] V. Tutin. loc. cit. p. 157.

[311] Costanzo lib. 3.

[312] Tutini pag. 156.

[313] V. Loysseau des Ord.

[314] Engen. Nap. sacr. nel discorso di questi Ordini.

[315] Bulla Pauli V. edita ann. 1608 tom. 5 Bullar.

[316] Polidor, Virg. Ammirato ne' paralelli, p. 201.

[317] Costanzo hist. lib. 6.

[318] Engen. loc. cit. dell'Ordine del Nodo.

[319] Costanzo lib. 8.

[320] Engen. loc cit. della Nave.

[321] Tutin. de' Contestab. p. 115.

[322] Costanzo lib. 9.

[323] Engen. l. c. dell'Argata.

[324] Engen. loc. cit. della Leonza.

[325] Engen. loc. cit. dell'Ordine della Luna.

[326] Engen. loc. cit. dell'Armellino.

[327] Pigna lib. 8 hist. Estens.

[328] Costanzo lib. 9.

[329] Ann. Lucanus in Panegyr. Pison. Togatae militiae exercere numera.

[330] Camil. Pellegr. Discorso del nome Porta.

[331] Pio II in Com. in Europa.

[332] Var. lib. 4 de lingua lat.

[333] Turneb. Quod cum Neapolis Oppidum Graecum esset, ut Athenae, suas
Phratrias habebat.

[334] Cam. Tutin. dell'origine, e fondaz. de' Seggi, cap. 4 et 6.

[335] Gul. Postel. de Magistr. Athen. cap. 2.

[336] S. Greg. epist. 59 fol. 116.

[337] Janus Gruter. fol. 430.

[338] Cost. hist. lib. 2.

[339] Tutin. dell'Orig. de Seggi, cap. 7.

[340] Grut. inscript. Orb. fol. 366 et 374.

[341] Cassiod. var. lib. 6 epist. 24.

[342] S. Gregor. lib. 2 epist. 6 et lib. 8 epist. 40.

[343] V. Tutin. loc. cit. cap. 8.

[344] Tutin. loc. cit. cap. 7.

[345] Tutin. cap. 12 p. 113.

[346] Aristotel. lib. 6. Politic. cap. 7.

[347] Tutin. cap. 12 pag. 112. Registr. ann. 1269 lit. S. fol. 14.

[348] Reg. 1269 lit. C. fol. 6 a ter. Reg. 1269. S. fol. 38 1269. D.
fol. 13.

[349] Reg. ann. 1294 M. fol. 179.

[350] Tutin. cap. 12 pag. 114.

[351] Tutin. dell'Orig. de' Seggi, cap. 3.

[352] Summonte t. 2 pag. 209.

[353] Tutin. l. cit.

[354] Cap. de Raptoribus.

[355] Summonte tom. 2 pag. 401.

[356] V. Tutin. cap. 13 pag. 131.

[357] Tutin. cap. 9.

[358] V. Tutin. dell'Orig. de' Seggi, cap. 16 et seqq.

[359] Summ. tom. 2 p. 208.

[360] V. Costo nell'Annot. a Collenuc.

[361] Costanzo histor. lib. 2.

[362] Costanzo lib. 2.

[363] Summ. t. 2 pag. 282. La rapporta anche il Chioccar. de Archiep.
Neap. ann. 1262.

[364] Tutini degli Ammiragli, pag. 66.

[365] Costanzo lib. 2.

[366] Costanzo lib. 2.

[367] Foedera, Conventiones, Litterae, etc. tom. 1 pag. 208. (Oltre
i Biglietti rapportati negli Atti d'Inghilterra, si leggono presso
Giovanni Cristiano Lunig nel suo Codice Diplomatico d'Italia, tom.
2 pag. 974 et 977 due vicendevoli Lettere Latine contumeliose, e
diffidatorie, una scritta dal Re Carlo, e l'altra dal Re Pietro in
risposta al medesimo; siccome nella pag. 918 se ne legge un'altra
scritta da' Palermitani a' Messinesi contra il Re Carlo, e' suoi
Franzesi.)

[368] Foedera, Convent. etc. to. 2 p. 225.

[369] Costanzo lib. 2.

[370] Munster. in sua Geogr. fol. 276.

[371] Freccia de Subfeud. lib. 3 cap. ult. post. num. 37.

[372] Summonte tom. 2. p. 211.

[373] Questi Capitoli si leggono in Registr. ann. 1306. lit. A. fol.
95, e sono rapportati dal Tutini de' M. Giustiz. pag. 10.

[374] Tutin. de' M. Giustiz. pag. 2.

[375] Registr. ann. 1302 cap. 4 lit. A. fol. 3.

[376] Registr. ann. 1298 et 99 lit. C. fol. 207 apportato anche dal
Summonte, to. 2 pag. 329.

[377] Summ. loc. cit.

[378] Tutin. de' M. Giustiz. pag. 7.

[379] Tutin. Orig. de' Seggi, pag. 218.

[380] Rit. 55 et 302.

[381] Tutin. de' M. Giustiz. pag. 3.

[382] Rit. 55 et 302.

[383] Carav. Rit. 55 et 302.

[384] Summonte to. 2 pag. 211 et pag. 328.

[385] V. Grammat. decis. 34. nu. 9. Carav. Rit. 1. nu. 35 Hierony. Calà
de praeemin. M. C. V. cap. 1 n. 7, 8.

[386] Archiv. ann. 1294 fol. 10. Simm. to. 2 pagin. 330.

[387] Boccacc. Giorn. 2 n. 5.

[388] Chiocc. de Archiep. Neap. ann. 1288.

[389] Tutin. de' M. Giustizieri, pag. 4.

[390] Freccia de subfeud. lib. 1 cap. 10 de Offic. Logot. n. 40. Summ.
to. 2. fol. 329. Tutin. de' M. Giustiz. fol. 2.

[391] Rit. de supplendis defectib. Detestantes, etc.

[392] Rit. seq. Isabella, etc.

[393] Tutin. loc. cit. fol. 3. Summ. loc. cit.

[394] Tutin. loc. cit.

[395] Tutin. loc. cit.

[396] Carav. Rit. 1 n. 35.

[397] Toppi tom. 1 de Orig. Tribunal.

[398] Sono rapportati dal Tutini de' M. Giust. fol. 10.

[399] Tutini de' M. Giust. pag. 2.

[400] Rit. 54, 63, 64.

[401] Rit. 14, 34, 39, 46, 50.

[402] Si leggono sotto il tit. Confirmatio, etc. fol. 442.

[403] Sotto il tit. de supplendis defectibus, etc. fol. 440.

[404] Petra Rit. 1 num. 23.

[405] _Foedera, conventiones etc. tom. 1 p. 226._

[406] Tom. II. pag. 986.

[407] Cost. lib. 2.

[408] La Bolla di Martino IV di questa scomunica e deposizione, si
legge negli Atti d'Inghilterra, pag. 252. Leggesi parimente questa
Bolla di scomunica, ed interdetto di Martino IV presso Lunig pag. 999
che porta la data del 1282.

[409] V. Maurolico.

[410] Maurolico.

[411] Questa lettera di Carlo I. scritta al Papa si legge presso Tutin.
degli Ammir. p. 81.

[412] Teod. de Niem, de privil. et jur. Imp. pag. 282. Adeo mente
oppressus, et pusillanimis tandem factus est, ut dicitur quod mortem
sibi conscivit, noctis sub silentio se ipsum laqueo strangulans.

[413] Constit. puritatem, de Sacramento à Bajulis, et Camerar.
praestando. Constitut. cum circa, de Off. Vicar. Const. Ut universis,
de servando honor. Comit. et Baron.

[414] Marin. de Caramanic. in prooem. Constit. Regni.

[415] Registr. ann. 1269 in Regio Archiv. Afflict. in prooem. Const. in
principio. Fab. Jordan, in addit. ad prooem. Glossatoris.

[416] Ciarlante del Sannio lib. 4 cap. 26.

[417] Nell'Archivio della Zecca, cassa H. mazzo 47.

[418] Tutin. de' Contestabili p. 85.

[419] Tom. 1. M. S. della regal. jurisd. presso Chioccar.

[420] Inveges Ann. di Palerm. tom. 3.

[421] De Bottis Addit. ad cap. 1. Regn. in princ.

[422] De Nigris in Comment. in fine.

[423] Afflict. in Constit. Honorem, col. 1 in 5 lib. Summon. to. 2 pag.
306. De Nigris in Comment. ad d. Capit. nu. 6.

[424] Moles. decis. 1. Reg. Cam.

[425] Napodan. in Comment. ad d. Capit.

[426] Reg. Mores. decis. 1.

[427] Cap. de bobus arator.

[428] Cap. de thesauris.

[429] Cap. de solv. decim.

[430] Cap. de morantib. in excom.

[431] Cap. de statuendo Balio.

[432] Cap. de dotib. mulier. et sequ.

[433] Confirmatio capitulorum editorum in planit. S. Martini.

[434] Cap. Quod Magister Justitiarius certis temporibus, etc.

[435] Cap. de prorogat. success. duratura.

[436] Cap. de tollenda dissentione inter fideles nostros. Summont. tom.
2 pag. 360.

[437] Nigris Comment. ad cap. 138 n. 6.

[438] Fab. Montel. in Comment. super quatuor literis arbitr. par. 2.

[439] Bottis in addit. ad tit. 1 de oblationib.

[440] Goss. de Gaeta rub. 5 de jur. Dohanae, tit. 8 num. 207.

[441] Summonte to. 2 lib. 3.

[442] Engen. Nap. Sac. del Duomo di Nap.

[443] Toppi Bibl. Nap. in Barth. de Capua.

[444] Stefan. Descriz. de' luoghi Sacri di Nap.

[445] Vincenti Teatro de' Proton. del Regno, da chi copiò Toppi in Bibl.

[446] Andreys disp. Feud. cap. 1 § 5 num. 28 pag. 34. Ut quem obiisse
constat ann. 1328 ex ejus sepulcro in nostra Aede Archiepiscopali.
Fulvio Carac. Allegaz. per la Città di Nap.

[447] P. Vinc. in principio.

[448] P. Vincenti de' Proton. in B. de Capua, fol. 75.

[449] Pragm. 6 de Cler. seu Diac. selvaticis.

[450] Tutini de' G. Giust.

[451] Capit. Reg. Joannae pro statu Regni, etc.

[452] Pier. Vinc. de Prot. 1331 pag. 90.

[453] Collen. lib. 5. Costanzo lib. 3 in princ.

[454] Moles decis. 6 § 1. Jo. Fran. Marcian. disp. 3.

[455] Ciacon. dice a' 27 di Marzo.

[456] Reg. Moles decis. 1 § 1 num. 12.

[457] Reg. Moles. loc. cit. num. 13 et 14. Haec ergo Capitula non ab
Honorio, sed a Martino ejus praedecessore fuerunt facta, et de eis
meminit Afflict. in constit. Regni incip. praesente, in ejus rubrica,
et in continuatione ipsius, dum allegat unum ex dictis Capitulis
Gerardi, quod incipit Cupiens, etc.

[458] Afflict. ad Costit. Reg. tit. de administr. rer. Eccles. post
mortem Prael. in rubr.

[459] Reg. Moles loc. cit. nu. 16.

[460] Jo. Franc. Marc. disp. 3 num. 1.

[461] Lipar. ad Andr. in cap. 1 de nat. success. feud. sub num. 1 aute
addit vers. capitulum, lit. B.

[462] Marcian. disp. 3 n. 5.

[463] Moles decis. 1 § 1 numer. 19.

[464] Marc. loc. cit. nu. 3.

[465] Moles loc. cit. n. 34.

[466] V. de Ros. in prael. feud. nu. 48.

[467] Raynald. Annal. Eccles. ann. 1285. (Furono anche impressi
questi Capitoli di Papa Onorio da Lunig, e si leggono nel 2. Tom. Cod.
Diplomat. Italiae pag. 1023).

[468] Rainald. ad ann. 1285 a num. 53 ad nu. 62.

[469] Petr. de Montefor. in addit. ad Constit. Reg. lib. 3 tit. 25.
Constit. Post mortem. V. Marcian. loc. cit. nu. 17 et 10. V. Andreys
disp. feud. cap. 1 § 3 num. 10.

[470] Cap. Confirmatio Cap. edit. in Plan. S. Martini.

[471] Cap. Omnes Ecclesiastic.

[472] Summont. histor. tom. 2 lib. 3.

[473] De Ponte de potest. Proreg. tit. de assens. regalibus super
dotib. a num. 6 cum seqq.

[474] Rainald. ann. 1265 num. 61.

[475] Foedera, conventiones, etc. inter Reges Angliae, et alios, pag.
342.

[476] Foedera, etc. fol. 358.

[477] Costanzo lib. 3r.

[478] Costanzo lib. 3 dice in Perugia; ed il Summonte in Roma.

[479] Chioccar. tom. 1. M. S. giurisd.

[480] Costanzo lib. 3.

[481] Foedera, convent. etc. pag. 450 et 456.

[482] Foedera, conventiones, etc. to. 1 pag. 3. (Presso Lunig tom. 2 si
legge alla pag. 1350 l'istromento della cauzione data dal Re Carlo II
di rimettersi in prigione nelle mani del Re d'Aragona).

[483] Registr. ann. 1298 et 1299. B. fol. 161 rapportato dal Ciarlant.
fol. 368.

[484] Costanzo lib. 2.

[485] Tutin. degl'Amm. fol. 70. Reg. in Vatic. lib. 1. Bonifacii epist.
115.

[486] Costanzo lib. 4.

[487] Costanzo l. 4.

[488] Costanzo lib. 4.

[489] Costanzo lib. 4.

[490] Tutini degli Ammir. pag. 103.

[491] Summ. to. 2 pag. 360.

[492] Summ. to. 2 pag. 333.

[493] Costanzo lib. 4.

[494] Tutin. de' M. Giust. pag. 7.

[495] Reg. ann. 1296 lit. G. fol. 295 ivi: Vocavit Dominum Dinum
de Muscellis, ut Bononia ad Neapolitanum Studium lecturus cum annuo
salario unciarum centum auri. Summ. to. 2 p. 362.

[496] Ciarlant. pag. 371. Istor. del Sannio.

[497] Reg. ann. 1300 fol. 251 et ann. 1301 fol. 273 et 330.

[498] Registr. ann. 1301 fol. 8 ann. 1308.

[499] Ciarlant. pag. 373.

[500] Summ. pag. 348 tom. 2.

[501] V. Engen. Nap. Sac. fol. 585.

[502] Bulla Paschalis II apud Ughell. ove nella data evvi errore, ed in
vece di XIV deve leggersi IV.

[503] Nelle quali Bolle si legge nullo modo, non già nullo medio; onde
perciò Carlo II nel privilegio della dotazione del 1304 disse, che
questa Chiesa se l'apparteneva pieno jure.

[504] V. Chioc. tom. 7 M. S. giurisd. de Eccl. S. Nic. de Baro.

[505] Bulla apud Beatil. hist. S. Nicol. lib. 11 cap. 17.

[506] Le parole della detta iscrizione sono: Serenissimus Rex Carolus
Secundus, etc. hanc Basilicam munificentia Regali dotavit sola sibi,
et successoribus suis prima Canonica dignitate servata. Lettera
dell'istesso Carlo II de' 3 Novembre 1304 rapportata dal Beatillo
Istor. di Bari, lib. 3 fol. 443 ove si legge: In signum devotionis
retinemus nobis, et haeredibus nostris, quod cum personaliter erimus
nos, et nostri haeredes in Baro, quotidianas distributiones accipiemus
sicut unus de Canonicis ipsius nostrae Ecclesiae recipit, et recipere
habeat.

[507] Egin. apud Duchesne tom. 2 pag. 103 et 104. Legendi atque
psallendi disciplinam diligentissime emendavit; erat enim utriusque
admodum eruditus; quamquam ipse, nec publice legeret, nec nisi
summissim, et in commune cantaret.

[508] Script. antiq. Eccles. Anglic. tom. 10 pag. 455. Biblioth. Clun.
nota pag. 21. Spicileg. tom. 10 pag. 403 et 447. Canonicus adscriptus
fuit in Ecclesia S. Martini, in festis Sancti ejusdem in Choro inter
psallentes Clericos cum veste clericali, et sub disciplina eorum
adstabat.

[509] Biblioth. Clun. not. pag. 48. Cura omni consilio dederunt
Ingelgerio Comiti praebendam B. Martini, ipsi, et haeredibus ejus
in perpetuum possidendam. Quia vero Ecclesia ejusdem Sancti carebat
Thesaurario, et Aedituo, Consulem Ingelgerium intronizaverunt, et
Thesaurarium constituerunt, et Defensorem Ecclesiae fecerunt, et
Tutorem omnium possessionum ejus ubicumque essent delegaverunt. Qui
sedem Thesaurarii, et Domos cum reditibus quandiu advixit, obtinuit.
Duchesne tom. 4 pag. 680.

[510] Renat. Chop. de S. Polit. l. 3 tit. 6.

[511] Cyron. in parat. lib. 5. Decret. de Offic. Custod.

[512] Innoc. III l. 1 epist. 489.

[513] V. Beatil. Istor. di S. Nic. di Bari, lib. 11 cap. 11.

[514] Concil. d'Orleans, cap. 9. Nicol. I in can. si quis Episcopor.
caus. 16 quaest. 2.

[515] V. Chioccar, tom. 7 M. S. Giurisd.

[516] Chioc. M. S. giurisd. to. 7 de Capitulo Civit. Lucer.

[517] Chioc. loc. cit. in princ.

[518] Thomas. Vet. et Nova Eccl. dise. p. 2 lib. 2 c. 37, num. 4
trascrive le parole della Bolla, che sono: Quoties electionem Episcopi
S. Mariae Luceriae, per quam Capitulum contingeret vacationis ingruente
tempore celebrari, teneantur ipsi Capitulum, priusquam ejusdem
electionis confirmatio postuletur, tuum, et eundem successorum tuorum,
assensum requirere, nec possit eadem electio, nisi prius hujusmodi
requisitus assensus fuerit, confirmari.

[519] Chioc. loc. cit. in fin.

[520] Chioccar. loc. cit.

[521] Chioccar. loc. cit.

[522] Chioccar. tom. 7. M. S. giurisd.

[523] Chioc. loc. cit.

[524] Chioccar. loc. cit.

[525] Covar. in reg. possessor. par. 2 § 10 n. 5. Guerrero tract. de
reformat. Eccl. cap. 14.

[526] V. Jo. Andr. in cap. 2 de praeben. in 6. Abbat. in cap. quanto in
primo notab. de consuet. et in c. cum Apost. in fin. de iis, quae fiunt
a Praelato.

[527] V. Marin. de Caramanico in prooem. Constit. Reg. col. 4 num. 50
et 60. Andr. de Isernia in prooem. Const. Regn. nu. 40. Afflict. ad
Const. Regn. in praelud. qu. 28 num. 2.

[528] Aless. Patrit. in Marte Gallico lib. 1 cap. 8. Ut persona uncta
sit sacratior, sit venerabilior Christianis etc.

[529] Mazzella descriz. del Reg. di Nap. fol. 289.

[530] Tutin degli Ammir. p. 103. Archiv. cas. sig. n. 4.

[531] Leunclav. tom. 1 lib. 2. Jur. Graeco-Rom.

[532] Leunclav. Jur. Gr. Rom. 2 lib. 3.

[533] Tit. de Palatinis, et tit. de Castrens. Palatin. pecul.

[534] L. 43 de testament. milit. l. 12 § ignominiosa, de re militari,
l. de his, qui per met. etc.

[535] Tutin. in princ. degli Uffic. del Regno.

[536] Registr. ann. 1325 fol. 229 rapportato dal Summon. istor. tom. 2
pag. 440.

[537] Loys. des Offic.

[538] Cod. Theod. l. 1 de Comitib. et Archiatris Sacri Palatii, ivi:
Archiatros intra Palatium militantes. L. 16. C. Th. de Medicis, et
Professorib. ivi: Universi, qui in Sacro Palatio inter Archiatros
militarunt, et Comitivam primi ordinis, vel secundi adepti sunt. Et l.
18 eod. tit.

[539] Cassiod. 6 var. 19 in Formula Comitis Archiatrorum. V. Gothofr.
in l. 1. C. Th. de Comitibus, et Archiatris.

[540] Gabriel Chinon in notitia Orientis.

[541] Summonte tom. 2 pag. 459.

[542] Cassiod. loc. cit Goth. in C. Th. l. 1 de Comitib. et Archiatris.

[543] Constitut. de Medicis. Constit. de Fidelium numero super
electuariis, et syrupis statuendis.

[544] V. Tasson. de Antefato, vers. 31 obs. 3. Tribun. XIX.

[545] Capit. Regni, sub rubr. de Magistris, et Foresteriis, et sub
Officialibus eorum. De Forestis antiquis, et novis.

[546] Salust. in prooem Catilin.

[547] Suet. in Tiber. cap. 19.

[548] Ammir. Discorsi sopra Corn. Tacito, lib. 2. disc 1.

[549] Fleur. de' Costumi degli Israeliti, par. 2 cap. 2.

[550] Capit. Regni, de Magistris Foresteriis, et Subofficialibus eorum.

[551] Tasson. de Antef. vers. 3 obs. 5. Trib. XXVII.

[552] L. penult. C, de Collationibus, l. si quis 11. C. de proxim.
sacr. scrin. lib. 12. l. ult. C. de pign. l. omnimodo 30 § 2. C. de
inoff. testam. Nov. 53 cap. 5.

[553] Cujac. ad Nov. 53. Vinnio tract. de Collationibus, cap. 13 num.
16 ad 19.

[554] Engen. Nap. Sacr. fol. 173.

[555] Cassiod. lib. 4 ep. 3.

[556] L. 2, 3. Cod. Th. de Primic. Notar.

[557] L. 9. C. Qui milit. pos.

[558] Nov. 8, 24, 26, 27.

[559] Capit. Regni sub rub. de offic. Magistrorum Massariorum, cum
tribus seqq.

[560] Costanz. lib. 3.

[561] Loyseau des Ord.

[562] Epist. P. Blesensis, epist. 10.

[563] V. Chiocc. tom. 2. M. S. giurisd.

[564] Tomasin. de benefic. par. 1 lib. 2 cap. 5 n. 11.

[565] Summont. lib. 3 tom. 2 pag. 330.

[566] Registr. ann. 1334 fol. 47. Summont. tom. 2 pag. 410.

[567] Tasson. de Antef. vers. 4 obs. 5. num. 46. Privil. ann. 1094.
Quod Monasterium Arsaphiae Cappella mea erat exempta ab Episcopali
jurisdictione per Sacrosanctam Romanam Ecclesiam.

[568] Chiocc. tom. 7. M. S. giurisd.

[569] V. Chioccar. tom. 2. M. S. giurisd.

[570] V. Reg. Constantium in l. unica, n. 21. C. de Palat. et Domib.
Dominic. lib. 11. Tasson. de Antef. vers. 3 obs. 3. Trib. IX n. 271 et
num. 284.

[571] In prooem. Consuet. Bar.

[572] Chioc. de Archiep. Neap. ann. 1288.

[573] Prooem. consuet. Neap.

[574] In Prooem. Consuet. § pro certiori.

[575] Addit. in Comment. ad Consuet in fine.

[576] Scipio Januar. in princip. Consuet.

[577] In lapide Sepulchr. in Eccles. S. Dominici. Scipio Januar. in
prooem. n. 1.

[578] Toppi Biblioth. Nap. lit. G. pag. 113.

[579] Lunig Cod. Dipl. Ital. Tom. 2 pag. 2066.

[580] Collenuc. Comp. Istor. lib. 5.



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Istoria civile del Regno di Napoli, v. 5/9" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home