Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Istoria civile del Regno di Napoli, v. 2/9
Author: Giannone, Pietro
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Istoria civile del Regno di Napoli, v. 2/9" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                             ISTORIA CIVILE
                                  DEL
                            REGNO DI NAPOLI


                                   DI
                            PIETRO GIANNONE


                              VOLUME PRIMO



                                 MILANO
                           PER NICOLÒ BETTONI
                               M.DCCC.XXI



STORIA CIVILE DEL REGNO DI NAPOLI

LIBRO QUARTO


I Longobardi non altronde, che da' Goti riconoscono la loro origine,
e la penisola di Scandinavia fu dell'una e dell'altra gente la comune
madre: regione, che a dovere fu da Giornandes appellata _Vagina
gentium_, e che può meritamente vantarsi di avere prodotti tutti quelli
Principi, che lungamente le Spagne, buona parte delle Gallie, e sopra
tutto l'Italia signoreggiarono, la quale ancorchè veggasi di questi
tempi sottratta dal dominio de' Goti, ben tosto ricadde sotto quello
de' Longobardi; e, questi poi mancati, sotto i Normanni, che pure
vantano la medesima origine[1]. I Gepidi, che dalla prosapia de' Goti
discesero, usciti da quella penisola insieme co' Goti, alla Vistola
fermaronsi[2]: indi superati i Borgognoni, si avanzarono, come narra
Procopio, nell'una e nell'altra riva del Danubio, dove furono a' Romani
infesti per le varie incursioni e scorrerie, che fecero in quella
regione, secondo che scrive Vopisco. Finalmente regnando in Oriente
Marziano Imperadore, avendo discacciati gli Unni dalla Pannonia, quivi
fermarono le loro sedi. Egli è altresì appresso sì gravi Scrittori
costantissimo, che divisi fra loro i Gepidi, da questa divisione ne
sursero i Longobardi: ond'è, che Salmasio[3], rende a noi testimonianza
d aver egli in alcuni antichi libri Greci, non ancora impressi,
osservato, che i Gepidi si nomavano Longobardi: _Gepidae, qui dicuntur
Longobardi_: e Costantino Porfirogenito Imperador di Costantinopoli,
dall'istoria di Teofane (quegli, che dai Greci fra il numero de' Santi
fu venerato) trascrisse ancora, che dalla divisione de Gepidi sursero
i Longobardi[4].

Chi parimente di lor facesse memoria egli è Prospero Aquitanio Vescovo
di Reggio, che scrisse innanzi Paolo Varnefrido Diacono d'Aquileja:
parla egli di questi Longobardi, dando loro la medesima origine, i
quali dalla Scandinavia, giunti a lidi dell'Oceano, avidi di nuove
sedi, primieramente sotto Ibone, ed Ajone loro Capi vinsero i Vandali,
e si dissero Vinili, cioè vaghi, non avendo allora alcuna ferma
sede; ma da poi avendo eletto per loro Re _Agilmondo_, dopo avere
scorse varie regioni, finalmente nella Pannonia si fermarono. Dopo
Agilmondo ebbero successivamente per loro Re, _Lamisco_, _Leta_,
_Ildeoc_, _Gudeoc_, _Claffo_, _Tato_[5], e dopo questi _Valtau_; del
qual Principe appresso altri non fassi memoria, siccome colui, che
regnò picciol tempo, ed in continue guerre. Succederono poscia _Vaco_,
_Audoino_ e finalmente _Alboino_, quello che, avendo stabilito con
Narsete una ben ferma e stretta pace ed amicizia, fu poi riserbato alla
conquista d'Italia.

Come questi Popoli prendessero il nome di Longobardi, non bisogna
volerne più di quello, che con molta assicuranza ne scrisse Paolo
Varnefrido[6], cioè, che questi Vinili si dissero Longobardi per la
lunghezza delle loro barbe, le quali con tanto studio serbavansi essi
intatte dal ferro; imperciocchè, secondo il lor linguaggio, _lang_ non
significa altro, che _longa_, e _baert_, _barba_: nel che s'accordano
Costantino Porfirogenito,[7] Ottone Frisingense[8], Cuntero[9], e
Grozio.

So che alcuni moderni Scrittori, non contenti di quel che sì antichi
e gravi Autori rapportano, hanno voluto ricercare in altri paesi
l'origine di questi Popoli, ed il nome de' Longobardi non dalla
lunghezza delle loro barbe, ma, come credette l'Abate della Noce[10],
dalla lunghezza delle loro alabarde, ed altri altronde, esser derivato.

Alcuni niegano essere dalla Scandinavia usciti, ma dalla interior
Germania; dicono che molto prima di quel che narrasi della loro uscita
da quella penisola, de' Longobardi fecero menzione Strabone, Tacito,
Tolomeo e Patercolo[11], come di Popoli, che nella interior Germania
viveano, onde il nome loro essendo più antico, non dalla barba lunga,
come dice Paolo Varnefrido, ma altronde uopo è che derivi. Il nodo
con molta facilità fu sciolto dall'incomparabile Ugon Grozio[12];
poichè questo nome non significa altro, che uomini di barba lunga,
come lo riconobbero tutti i Germani, e Varnefrido istesso: ora i nomi
di questa sorte, che derivano da' varj abiti ed aspetti, sogliono
ora appresso un Popolo, ora presso ad un altro in varj luoghi, ed
anche in varj tempi distantissimi, secondo che appare la novità
e stranezza, nascere e spandersi tra quella gente, la quale della
novità si maraviglia. Presso a' Germani, come narra Tacito, era cosa
usitatissima farsi crescere i capelli e la barba, nè solevan quelli
tosarsi, se non dopo sconfitta l'oste nemica; ma qualora avveniva, che
un grande stuolo d'uomini compariva in altra regione con un aspetto
assai nuovo e strano, certamente che presso a coloro eran denominati
per quel nuovo e strano aspetto, onde eran sorpresi; e quindi non è
maraviglia, se quella novità, ora in un luogo, ora in un altro avesse
prestata occasione al nuovo nome: che fuvvi di comune tra Domizio
Enobarbo, Federico Barbarossa, ed alcuni famosi Corsari di questo nome?
Niente, se non che, essendo simili d'aspetto, fu anche a lor comune
il nome. Ogni ragion vuole adunque, che in sì fatte cose crediamo a'
vecchi Scrittori, e delle cose de' Longobardi precisamente a Paolo
Varnefrido, che ancorchè nato in Italia, fu d'origine Longobardo, il
quale è l'unico, ed il proprio Scrittore de' fatti loro. Ove manca
questo Scrittore, possiam ricorrere ad Erchemperto, e dopo costui agli
altri Scrittori contemporanei, che non ne mancano[13]; onde saviamente
n'ammonisce Grozio, che dobbiam credere a' vecchi, quando questi nuovi
Scrittori nulla ci recan di più credibile e di più certo; e tenere
co' primi, che i Vandali, gli Ostrogoti e Vestrogoti, i Gepidi ed i
Longobardi, tutti alla Scandinavia debbiano la loro origine.

Ma ciò che siasi, egli è presso a tutti costante, che i Longobardi,
dopo avere scorse varie regioni di Europa, finalmente nella Pannonia
si fermarono, la qual provincia fu da essi dominata per 42 anni,
e si contano da Agilmondo fino ad Alboino dieci Re, sotto i quali
vissero. Nel Regno d'Alboino, essendo stato mandato in Italia Narsete
da Giustiniano per discacciarne i Goti, che sotto Totila avevan
riacquistata quella provincia, egli essendo già molto tempo prima
in lega co' Longobardi, mandò Ambasciadori ad Alboino, dimandandogli
soccorso contra i Goti. Allora fu, che Alboino gli mandò una eletta
banda di guerrieri, i quali aiutassero i Romani contra i Goti[14].
Costoro, passando per lo golfo del mare Adriatico, vennero in Italia;
e fu la prima volta, che questi Popoli videro queste belle contrade, e
in una di queste nostre province, cioè nel Sannio, ponessero il piede,
come diremo. Uniti intanto co' Romani, vennero a battaglia co' Goti,
essendo loro riuscito di rompergli in quella battaglia, ove rimase
Totila ucciso, carichi di molti doni e vincitori ritornarono alle
proprie stanze; ed in tutto il tempo, che i Longobardi possederono la
Pannonia, furono in aiuto de' Romani contra i nemici de' medesimi, e
Narsete mantenne e conservò sempre una stretta e fedel amicizia con
Alboino; onde non fu a lui impresa molto difficile allettarlo (per
vendicarsi del torto fattogli da Sofia moglie dell'Imperador Giustino)
a venire alla conquista d'Italia, siccome colui al quale erano altresì
note le ricchezze di questa provincia, e le molte altre prerogative,
onde era fornita. Risolse intanto questo Principe, agli inviti di
Narsete, di mettersi egli in persona alla testa del suo esercito, ed
avendo anche per questa impresa sollecitato l'aiuto degli Sassoni,
lasciata la Pannonia agli Unni (donde questa provincia prese poi il
nome d'Ungheria) con legge, che se per qualche sinistro accidente non
gli riuscisse l'impresa per cui partiva, e gli bisognasse ritornare,
dovessero restituirgli ciò che loro si lasciava, si pose co' suoi
Longobardi e loro famiglie, e co' Sassoni ed altri popoli in cammino,
e nel mese d'aprile dell'anno 568, regnando nell'Oriente Giustino
Imperadore, entrarono in Italia[15]. Trovavasi allora questa provincia
sprovista d'ogni aiuto, e divisa in tante parti per la nuova forma,
che Longino, Esarca di Ravenna l'avea data; onde potè Alboino in un
tratto occupar Aquileja con molte terre della provincia di Venezia; ed
in questo stesso anno 568 prese anche Friuli, capo di questa provincia,
e quivi fermatosi l'inverno, ridotta quella in forma di Ducato, ne
creò Giulfo, suo nipote, Duca. Ecco l'origine ed il nome del Ducato
_Forojuliense_, che fu il primo, costituito da' Longobardi nella
provincia di Venezia.

Tolta da Alboino questa provincia a' Greci, passò nel seguente anno
569 ad occupar Trivigi ed Oderzo; indi, lasciatosi addietro Padova,
Monte Selice, Mantova e Cremona, sorprende Vicenza, Verona e Trento,
e l'altre Terre di quella provincia; e secondo che queste città
venivan in suo potere, così a ciascuna di esse, oltre a lasciargli un
valido presidio de' Longobardi, vi creava un Duca, che la reggesse.
Questi Duchi nel lor principio, a somiglianza de' Duchi di Francia,
che ci descrive Paolo Emilio[16], non furono, che semplici Uffiziali
o Governadori di città, e la lor durata pendea dall'arbitrio del
Principe, che gli creava.



CAPITOLO I

_Di ALBOINO I, Re d'Italia, che fermò la sua sede regia in Pavia; e
degli altri Re suoi successori._


Non furono nel seguente anno 570 minori gli acquisti, che Alboino
fece nella Liguria: avendo egli passato il fiume Adda, tosto prende
Brescia, Bergamo, Lodi, Como e tutte l'altre castella della Liguria
insino all'Alpi; indi all'impresa di Milano, capo della Provincia,
s'accinge, che dopo breve assedio si rende alle sue armi. Passata
questa città sotto il suo dominio, i Longobardi subito gridarono
Alboino Re di Italia, e con acclamazioni giolive per tale lo
salutarono, dandogli l'asta, ch'era allora l'insegna del Regio nome.
I riti e le cerimonie, che si praticavano da queste Nazioni nella
creazione de' loro Re, non erano, che d'innalzare l'eletto sopra
uno scudo in mezzo all'esercito[17], e con acclamazioni gridarlo e
salutarlo Re, dandogli in mano l'asta, in segno della Real dignità.
Questo fu il principio del Regno de' Longobardi in Italia sotto Alboino
I, Re d'Italia, ma XI. Re de' Longobardi, se tra la serie de' loro
Principi, che ressero la Pannonia, vuolsi anche annoverare Valtau,
che regnò poco, ed il suo Imperio fu molto contrastato. Noi, a' quali
nulla giova tener conto de' Re della Pannonia, lo diremo, in questa
Istoria, I. Re di Italia, e secondo quest'ordine nomineremo gli altri
suoi successori: e dal mese di gennaro di questo anno 570 numereremo
il principio del Regno d'Alboino e de' Longobardi in Italia, non dalla
loro entrata, come hanno fatto altri, che fu nell'anno 568. L'Abate
Bacchini nelle sue Dissertazioni sopra il libro Pontificale di Agnello
Ravennate, avverte; che due epoche si debbono stabilire per togliere
ogni confusione; l'una presa dall'entrata de' Longobardi in Italia nel
568 ai 2 di aprile; l'altra dal cominciamento del Regno di Alboino in
Italia, che corrisponde a' 29 di dicembre dell'anno 568. Con queste
due epoche mostra le ragioni, per le quali s'ingannò il Baronio, che fa
morire Alboino nel 571 dopo tre anni e mezzo di Regno assegnatigli da
Paolo Diacono, e difende il chiarissimo Sigonio, censurato da Camillo
Pellegrino, intorno a questo particolare, confrontando esattamente i
computi dell'uno e dell'altro dal suddetto anno primo del Regno de'
Longobardi fino alla morte di Rotari, seguita nel 671, secondo Paolo
Diacono ed il Sigonio, i quali mirabilmente convengono.

Ma che che ne sia, non essendo del nostro instituto esaminar tanto
sottilmente i tempi, Alboino avendo ridotta la Liguria sotto la
sua dominazione, con non minor felicità nell'altre vicine Province
stende il suo dominio. Assedia Pavia; per la difficoltà del sito, non
essendogli riuscito di prenderla, vi lascia nell'assedio parte del
suo Esercito, e col rimanente invade l'Emilia, la Toscana e l'Umbria.
Prende molte città della Emilia, Tortona, Piacenza, Parma, Brissello,
Reggio e Modena. La Toscana è quasi tutta in sua potestà; e passando
nell'Umbria, occupa in prima Spoleto, città un tempo quanto antica,
altrettanto nobile, che se bene da' Goti fosse stata ruinata, era
stata nulladimeno da poi da Narsete restituita al suo stato primiero,
e da Alboino non solo conservata, ma fu adornata ancora d'altre
prerogative, avendola fatta metropoli dell'Umbria, la quale ridotta
da lui in forma di Ducato, a Spoleto la sottopose, dove costituì
Duca Faroaldo, che ne fu il primo Duca[18]; e quindi poi il _Ducato
Spoletano_ cominciò a celebrarsi, e sopra gli altri si rendè cospicuo,
onde fra gli tre famosi Ducati de' Longobardi fu annoverato; e così
parimente dava intanto Alboino all'altre città ancora i loro Duchi,
che l'amministrassero, come aveva fatto nelle province di Venezia e
della Liguria. Ma disbrigato questo Principe dall'impresa di queste
città, fece tantosto ritorno all'assedio di Pavia, ed alla fine dopo il
terzo anno, ridusse questa alla sua ubbidienza, ed ancorchè fieramente
sdegnato contro a' suoi cittadini, per tanta resistenza usatagli,
pensasse di passargli tutti a fil di spada, persuaso nulladimeno dagli
stessi Longobardi del contrario, se ne ritenne, ed entrato nella città,
fu da tutti per Re acclamato e salutato. E quivi, come in città forte
ed opportuna, volle stabilire la sua sede Regia; onde poi avvenne, che
durante la dominazione de' Longobardi in Italia, Pavia fosse sopra
tutte le altre sue città innalzata per capo e metropoli di tutto il
Regno d'Italia.

Alboino per gli tanti e sì veloci acquisti, credendo aver già ridotta
l'Italia sotto la sua signoria, portatosi a Verona, volle celebrarvi un
solenne convito. Teneva questo Principe per moglie Rosmonda figliuola
di Comundo Re de' Gepidi, al quale, in una battaglia, colla vita aveva
tolta anche la Pannonia, e spinto dalla sua fiera natura, fece del
teschio di Comundo fare una tazza, nella quale, in memoria di quella
vittoria, solea bere[19]: essendo dunque Alboino in questo convito
divenuto allegro, avendo il teschio di Comundo pieno di vino, lo fece
presentare a Rosmonda Regina, la quale dirimpetto a lui sedeva, dicendo
a voce alta, che voleva in tanta allegrezza avesse ella bevuto con
suo padre; la qual voce fu come una ferita nel petto della donna; onde
deliberata di vendicarsi, sapendo, che Almachilde, Nobile longobardo,
e giovane feroce, amava una sua damigella, trattò con costei, che
celatamente desse opera, che Almachilde in suo cambio dormisse con
lei: ed essendo Almachilde, secondo l'ordine della damigella, venuto
a ritrovarla in luogo oscuro, giacque, non sapendolo, con Rosmonda,
la quale dopo il fatto se gli scoperse, e dissegli, ch'era in suo
arbitrio, o ammazzare Alboino e godersi sempre di lei e del Regno, o
esser morto dal Re, come stupratore della moglie. Consentì Almachilde
di ammazzare Alboino; ma dapoi che eglino l'ebbero ucciso, veggendo,
come non riusciva loro di occupare il Regno, anzi dubitando di non
esser morti da' Longobardi, per l'amore che ad Alboino portavano, con
tutto il tesoro regio se ne fuggirono in Ravenna a Longino, dal quale
furono onorevolmente ricevuti. Ma Longino, riputando essere allora il
tempo comodo a poter diventare, mediante Rosmonda ed il suo tesoro, Re
de' Longobardi e di tutta Italia, conferì con lei questo suo disegno,
e la persuase ad ammazzare Almachilde e pigliar lui per marito: il che
da lei accettato, ordinò una coppa di vino avvelenato, e di sua mano
la porse ad Almachilde, che assetato usciva del bagno, il quale come
l'ebbe bevuta mezza, sentendosi commovere le viscere, ed accorgendosi
di quel ch'era, sforzò Rosmonda a bere il resto; e così in poche ore
l'uno e l'altro di loro morirono, e Longino restò privo della speranza
di diventare Re.


§. I. _Di CLEFI II Re d'Italia._

I Longobardi intanto, morto Alboino che regnò tre anni e sei mesi,
dopo averlo amaramente pianto, raunatisi in Pavia principal sede del
suo Regno, fecero Clefi loro Re[20]; uomo quanto nobile, altrettanto
di spiriti altieri, e crudele, il quale appresso Ravenna riedificò
Imola stata rovinata da Narsete, occupò Rimini, e quasi infino a Roma,
ogni altro luogo; ma nel corso delle sue vittorie morì per mano d'un
suo famigliare, non avendo regnato, che diciotto mesi. Fu Clefi in
modo crudele, non solamente contra gli stranieri, ma eziandio contra
i suoi Longobardi, che questi sbigottiti della potestà regia, punto
non curarono d'eleggersi subito altro Re; ma per dieci anni continui
vollero più tosto a' Duchi ubbidire; ciascun dei quali ritenne il
governo della sua città e del suo Ducato con piena facoltà e dominio,
non riconoscendo come prima l'autorità Reale, o altro supremo dominio.
Questo consiglio fu cagione, che i Longobardi non occuparono allora
tutta l'Italia, e che Roma, Ravenna, Cremona, Mantova, Padova,
Monselice, Parma, Bologna, Faenza, Forlì e Cesena, parte si difesero
un tempo, parte non furon mai da loro conquistate; imperocchè il
non avere Re, gli fece men pronti alla difesa; e poichè di nuovo il
crearono, divennero (per essere stati liberi un tempo) meno ubbidienti
e più facili alle discordie fra loro. La qual cosa, prima ritardò le
loro conquiste, e da poi in ultimo fu cagione, che fossero d'Italia
cacciati.

Non dee qui tralasciarsi di notare con Camillo Pellegrino[21] l'error
fatto già comune tra' moderni Scrittori, i quali seguitando il
Sigonio, o qualche altro Scrittore più antico di lui, credettero, che i
Longobardi abbominando la potestà Regia, mutassero la forma del Regno,
e che, morto Clefi, creassero allora trenta Duchi, fra i quali fu
diviso il loro Regno, perocchè chi attentamente considererà le parole
di Paolo Varnefrido[22], che di questa mutazione favella, scorgerà,
che i Longobardi, morto Clefi, trascurando di elegger subito il loro
Re, forse atterriti della crudeltà di quel Principe, e spaventati
dall'infelice fine, ch'ebbero Alboino e Clefi, seguitarono a vivere
sotto i loro Duchi: i quali non furono allora la prima volta istituiti
per dar nuova forma e mutar l'antica del Regno loro, ma fin da' tempi
del Re Alboino e di Clefi si ritrovavano già eletti, secondo l'usanza
de' Longobardi presa da' Greci, che dopo la conquista delle città,
per governo delle medesime vi destinavano un Duca siccome in fatti lo
stesso Varnefrido ne accerta, che nella morte di Clefi si ritrovavano
preposti come Duchi, al governo di Pavia, Zaban: a quel di Milano,
Alboino: di Bergamo, Vallari: di Brescia, Alachi: di Trento, Evin:
del Friuli, Gisulfo: ed oltre a costoro nell'altre città a' Longobardi
soggette, v'erano trenta Duchi, a ciascun de' quali il governo d'esse
era commesso. Per la qual cosa, dall'essersi differita l'elezione del
Re, non altra novità fu introdotta, se non che, siccome prima questi
Duchi erano a' Re in tutto subordinati, e come suoi Ministri dipendevan
da' loro cenni; essendo poi per lo spazio di dieci anni mancati li
Re, ciascun il Ducato a se commesso governava con assoluta potestà ed
arbitrio: cagione che fu di tanti disordini, e che da poi gli fece
pensare ad elegger di comun consiglio e parere Autari figliuolo di
Clefi, perchè agli incessanti danni facesse argine e desse ristoro. Nè
dee altresì tralasciarsi, che, conforme n'accerta lo stesso Varnefrido,
non trenta furono questi Duchi, come comunemente si crede, ma giunsero
fino al numero di 36 dicendo espressamente questo Scrittore, che trenta
furon destinati al governo delle altre città, oltre a' sei, de' quali
aveva egli fatta menzione, cioè de' Duchi di Pavia, di Milano, Bergamo,
Brescia, Trento, e Friuli. Del Ducato di Benevento non si fa parola,
come quello, che non era stato ancora istituito, continuando tuttavia
queste nostre province nel dominio de' Greci sotto Tiberio successor
di Giustino, il quale dopo anni 12 d'Imperio era per soverchi travagli
morto, ed in suo luogo creato _Tiberio_, che occupato nella guerra
de' Parti, non poteva sovvenir l'Italia, nè impedire i progressi de'
Longobardi.

Le cose di costoro, durante questo interregno, ancorchè andassero
alquanto prospere, per quel che riguarda alle guerre, che fecero a'
Greci, avendo nell'anno 579 colle nuove conquiste di Sutri, Bomarzo,
Orta, Todi, Amelia, Perugia, Luccoli, ed altre città ingrandito lo
Stato; nulladimeno tosto s'avvidero, che volendo in sì fatta guisa
tener diviso il lor Reame, non poteva durar lungamente; imperocchè
essendosi data, per qualche discordia fra essi insorta, facile e
pronta occasione d'essere assaliti da Nazioni straniere, conobbero con
manifesto lor danno, di quanto nocumento fosse questa loro divisione:
perchè assaliti da Franzesi, avevan da questa Nazione avute molte
strane rotte; e oltre a ciò, ad istigazione del Re di Francia, si
ribellarono tre Duchi[23]. Aggiugnevasi a tutto questo, ch'essendo nel
584 morto Tiberio Imperadore il qual avea retto sette anni l'Imperio,
lodevole più per la sua pietà cristiana, che per la prudenza militare,
e succedutogli _Maurizio_ di Cappadocia suo Capitano, al quale egli
aveva sposata una sua figliuola: Principe, e per valore e per prudenza
di gran lunga superiore a' suoi predecessori, Giustino e Tiberio;
costui considerando seriamente i gravi danni, che i Longobardi gli
aveano portato in Italia, pensò porre in opera tutti i mezzi possibili
per discacciargli; e considerando altresì, che non era peso delle
spalle di Longino (la cui fedeltà erasi ancor resa sospetta) di poter
venire a capo di questa impresa, lo richiamò a se, ed in suo luogo,
con nuovo esercito, nello stesso anno 584, mandò per Esarca in Ravenna
Smaragdo[24], uomo in guerra esercitatissimo e prudentissimo, e fece
Duca di Roma un tal Gregorio, a cui fu il governo del romano Ducato
commesso, ed insieme fece Maestro di soldati in Roma Castorio; poichè
avevano i Greci in costume di tener nelle città, oltre al Duca, anche
il Maestro de' soldati, che ne tenesse cura; onde è, che in Napoli, la
quale lungo tempo sotto l'imperio de' Greci si mantenne, oltre al Duca,
leggiamo ancora esserci stato questo altro Uficiale.

Giunto Smaragdo in Ravenna, non tardò guari a porre in opera i suoi
disegni: fece egli, che Doctrulfo, uomo in guerra espertissimo, si
ribellasse da' Longobardi, e passasse alla sua parte: e non molto da
poi prese Brissello, ed all'imperio de' Greci lo sottopose. E mentre
Smaragdo faceva questi progressi in Italia, non cessava intanto
Maurizio di prender altri mezzi, per discacciar da questa provincia
i Longobardi: procurava egli con ogni studio tirar alla sua parte i
Franzesi, e finalmente gli venne fatto per via di denaro, d'indurre
Childeberto Re di Francia a mover guerra a' Longobardi, i quali temendo
allora ragionevolmente del gran danno, che per questo apparecchio
e confederazione poteva lor venire di là dell'Alpi, e considerando,
che non d'altra maniera potevasi a tanti mali riparare, e resistere
agli sforzi de' Franzesi e de' Romani, se non col rimettersi sotto il
dominio di un solo: subito radunati, crearono di comun consentimento
per loro Re Autari figliuolo di Clefi nell'anno 585.


§. II. _Di AUTARI III. Re d'Italia._

Fu Autari un Principe di tanto valore e prudenza che di gran lunga
avanzò Alboino; ed i suoi progressi in Italia furon tanti, che a lui
debbon i Longobardi la lunga durata del Regno loro in Italia per lo
spazio di ducento anni; poichè, appena egli assunto al Trono, cinse
di stretto assedio Brissello, e per punir con memorando esempio
la fellonia di Doctrulfo, pose in opera tutti i suoi sforzi, per
averlo nelle mani; imperocchè questo tradimento avealo renduto in
modo sospettoso, che temè sempre fin che regnò, che gli altri Duchi
non facessero a lui il somigliante, tanto che fu più agitato nel
trovar modo di recare i suoi Duchi all'ubbidienza, che nel resistere
agli sforzi dei suoi nemici. Questi fu un Principe cotanto savio e
prudente, che più d'ogn'altra cosa pensò a' mezzi, per li quali potesse
darsi al suo Regno un più decoroso aspetto e una più stabil forma
di governo. Instituì in prima, che i Re longobardi, a somiglianza
degl'Imperadori romani, si dovessero nomar _Flavii_, siccome egli volle
esser chiamato, perchè dal suo esempio i successori tenessero questo
pronome, che da poi tutti gli susseguenti Re longobardi felicemente
usarono[25]. E considerando, che i Duchi avvezzi per lo spazio di dieci
anni a governar con assoluto imperio e potestà i loro Ducati, mal
soffrirebbero, che avesse loro a togliersi ogni autorità e dominio,
ed esser ridotti all'antico stato; affinchè s'evitassero maggiori
disordini, e non si venisse all'armi; compose con molta prudenza le
cose in questa maniera[26]: che ciaschedun di loro desse al Re, ed a'
suoi successori la metà de' dazj e gabelle, perchè servisse a sostenere
il regio decoro e la real maestà, e che dovesse nel regal palazzo
trasportarsi: l'altra metà se la ritenessero per impiegarla nel governo
de' Ducati loro, per le spese e soldi di Ministri, ed altri bisogni:
lasciò loro il governo e l'amministrazione delle città, delle quali
erano stati Duchi instituiti, ritenendosi però il dominio e la suprema
ragione ed autorità regia, con legge, che venendo il bisogno, dovessero
subito esser pronti ad assisterlo colle loro forze ed armi contra i
suoi nemici; e se bene potesse privargli del Ducato, quando più gli
piaceva; nulladimeno Autari mai non volle dar loro de' successori,
se non quando o fosse estinta la loro maschile stirpe, o quando se ne
fossero resi immeritevoli per qualche gran fellonia commessa[27].


§. III. _Origine de' Feudi in Italia._

Ecco donde trassero in Italia origine i Feudi, i quali a somiglianza
del Nilo, par che tenessero tanto nascosto il lor capo, e così occulta
la loro origine, che presso a' Scrittori de' passati secoli riputossi
la ricerca tanto difficile e disperata, che ciascheduno sforzandosi
a tutto potere di rinvenirla, le diedero così strani e differenti
principj, che più tosto ci aggiunsero maggiori tenebre ed oscurità,
che chiarezza. Non è però con tutto questo da avanzarsi tanto, e
dire che i Longobardi fossero stati i primi ad introdurgli e che ad
imitazione di essi le altre Nazioni gli avessero poi ne' loro dominj
ricevuti poichè nell'istorie di Francia, secondo che rapporta il
Papiniano franzese Carlo Molineo[28], de' Feudi si trova memoria sin
da' tempi del Re Childeberto I, e ne' loro annali, e presso Aimoino[29]
e Gregorio di Tours[30] pur si legge il medesimo. Si legge ancora, che
intorno a questi stessi tempi del Re Autari, anzi undici anni prima,
nel Regno di Childerico I, e propriamente nell'anno 574, Guntranno
Re privò Erpone del suo Ducato, dandogli[31] il successore; e Paolo
Emilio[32], e Giacomo Cujacio[33] ne accertano, che avevano pure i
Re di Francia questo stesso costume di crear nelle città i Duchi ed i
Conti; e siccome da principio, quando ciò s'introdusse, era in arbitrio
de' Re di cacciarnegli, quando più loro piaceva, s'introdusse poi
una consuetudine, che non si potessero privare dello Stato, se non si
provava d'aver commessa qualche gran fellonia. E finalmente gli stessi
Re con giuramento confermavangli in quelli Stati, de' quali per loro
cortesia gli avean fatti Signori. Egli è vero che nel principio, come
s'è detto, questi Duchi, e Conti non erano, che Governadori di città,
ma poi si diedero non in Uficio, ma in Signoria[34].

Ed in vero nè i Romani, nè i Greci, nè altri qualunque antichi Popoli
riconobbero giammai altre dignità, che gli Ordini, e gli Uficj:
furono gli antichi Franzesi, e questi Popoli settentrionali, i quali
stabilendosi ne' paesi altrui, inventarono i Feudi, e per conseguenza
la terza spezie di dignità, ch'è la Signoria. Non è però, che in
qualche maniera questa invenzione non cominciasse per gl'Imperadori
romani[35], i quali per assicurar maggiormente le frontiere
dell'Imperio solevano a' Capitani ed a' soldati, che si erano segnalati
nelle conquiste, conceder in ricompensa delle lor fatiche alcune
terre poste in quelle frontiere, delle quali ne avevano tutto l'utile,
tanto che questa concessione la chiamarono _beneficium_: e ciò perchè
con più coraggio e valore fossero obbligati a continuar la milizia,
difendendo le proprie terre; _ut attentius militarent_, _propria rura
defendentes_, come dice Lampridio[36].

Quel che non potrà porsi in dubbio si è, che quasi ne' medesimi tempi
le Genti settentrionali, i Franzesi nella Gallia, ed i Longobardi
nell'Italia, introdussero i Feudi[37], seguendo forse queste
due Nazioni l'esempio de' Goti, che come vuole il nostro Orazio
Montano[38], furono i primi a gettarvi i fondamenti. Carlo Molineo[39]
vuole, che i Franzesi fossero stati i primi ad introdurgli nella
Gallia, da' quali l'appresero i Longobardi, che l'introdussero poi in
Italia, e propriamente in Lombardia, donde poi si sparsero in Sicilia,
e nella nostra Puglia; e crede, che in queste nostre regioni i primi
ad introdurgli fossero stati i Normanni venutici dalla Neustria, che
ora diciamo Normannia; ma i nostri maggiori molto prima della venuta
dei Normanni conobbero i Feudi; ed i primi che gl'introdussero nella
provincia del Sannio, e nella Campagna furono i Longobardi: province,
che furono le prime ad essere conquistate da' Longobardi; e la Puglia
e la Calabria gli riceverono più tardi da' Normanni, come quelli, che
ne discacciarono interamente i Greci, presso a' quali l'uso de' Feudi
non era conosciuto, come vedrassi con maggior distinzione nel progresso
della predente istoria.

Egli è però ancor vero, che tutto il loro accrescimento, e tutte le
consuetudini e leggi, che da poi intorno ad essi furono introdotte e
promulgate, si debbono a' Longobardi, che in Italia gli stabilirono, e
lor diedero certa e più costante forma[40]; onde perciò s'innalzaron
tanto, che in appresso tutte l'altre Nazioni, non con altre leggi
e costumi, che con quelli de' Longobardi, vollero regolare le loro
successioni, gli acquisti, le investiture, e tutte l'altre cose a'
Feudi attenenti; donde ne sorse un nuovo corpo di leggi, che feudali
appelliamo: ma di ciò a più opportuno luogo favelleremo, quando de'
libri loro, che oggi nel nostro Regno formano una delle principali
parti della nostra giurisprudenza, ci tornerà occasione di più
diffusamente ragionare.

Dopo avere Autari in sì fatta guisa soddisfatti i suoi Duchi, non
tralasciò di provedere a' bisogni del suo Regno, e sopra tutto a far,
che in quello la giustizia e la religione avesse il dovuto luogo[41].
Volle che i furti, le rapine, gli omicidj, gli adulterj, e tutti
gli altri delitti fossero severamente puniti. Si spogliò e depose il
Gentilesimo, ed abbracciò la religione cristiana da' Longobardi non
prima ricevuta, i quali ad esempio del loro Re passarono per la maggior
parte nella nuova religione del loro Principe. Ma la condizione di que'
tempi, e l'esempio assai fresco de' Goti fece che non la ricevessero
pura ed incorrotta, ma parimente contaminata dall'Arrianesimo: il che
cagionò che essendo i loro Vescovi arriani, molti disordini e discordie
insorsero fra essi ed i Vescovi cattolici, che erano nelle città a lor
soggette.

Non minori furono i progressi d'Autari nel valore militare, che nella
prudenza civile; ricuperò ben tosto Brissello, e perchè nell'avvenire
più non potesse esser ricetto de' suoi nemici, gittò a terra e demolì
le forti mura, che lo cingevano. Ma sopra tutto la sua prudenza e
valore si dimostrò, allorchè, avendo già Childeberto Re di Francia
passate l'Alpi con potente esercito, egli conoscendosi inferior di
forze, e che non poteva ostargli in campagna, ordinò a' suoi Duchi,
che munissero le loro città con forti presidj, e senza uscir da' loro
recinti, aspettassero sopra le mura il nemico; la qual condotta ebbe
sì prospero avvenimento, che Childeberto considerando, che impresa
molto lunga e difficile era di porre l'assedio a tante città, tosto si
piegò alle lusinghe d'Autari, il quale aveagli mandati Ambasciadori
con ricchissimi doni, per rimoverlo da quell'impresa, ed a mandargli
la pace, siccome in fatti l'ebbe; onde poi nacquero le forti doglianze
di Maurizio Imperadore, il quale altamente dolendosi di questa
mancanza di Childeberto, non lasciò di continuamente sollecitarlo, o
che gli restituisse l'immense somme di denaro, che aveasi preso per
far la guerra a' Longobardi, ovvero osservasse la promessa di tornar
di nuovo in Italia a combattergli; e furono così continue, e spesse
queste querele di Maurizio, e questi rimproveri, che alla fine mosso
Childeberto dagli stimoli d'onore, deliberò di ritornare in Italia
con esercito più potente di quello di prima. Allora fu che Autari
diede l'ultime prove del suo valore, perchè seriamente considerando,
che doveansi impiegar tutte le forze, e far gli ultimi sforzi per
abbattere questo potente inimico, affinchè nell'avvenire non venisse
più inquietato il suo Regno da' Franzesi, e per lo costoro esempio
se ne ritenessero ancora l'altre Nazioni: deliberò di disporre la
milizia in altra guisa di ciò, che aveva prima fatto. Volle dunque
prevenirlo, ed andargl'incontro in campagna aperta, ed avendo raunato
da tutto il Regno i suoi eserciti, animogli ad impresa, quanto dura e
difficile, altrettanto gloriosa, e che sarebbe cagione, se riusciva,
di dare una perpetua pace e tranquillità al suo Regno: incoraggiava
i suoi Longobardi a dar l'ultime pruove del lor valore: ricordava le
tante vittorie riportate sopra i Gepidi nella Pannonia, avere essi
per la fortezza de' loro animi soggiogata l'Italia: e finalmente che
non trattavasi ora, come prima, di guerreggiar per l'Imperio, o per
l'ingrandimento di quello, ma per la libertà propria, e per la salute
di loro medesimi. Furono queste parole di tanto stimolo a' Longobardi,
che toccati nel più vivo del cuore, datosi il segno della battaglia,
ne' primi attacchi si portarono con tanto valore ed intrepidezza, che
si vide tosto inclinar l'ala nemica; onde prendendo maggior animo per
così prospero cominciamento, l'incalzarono con tanta ferocia e valore,
che ridussero i Franzesi ad abbandonare il campo, e a cercare nella
fuga lo scampo. Fugati dunque e dispersi i nemici, molti restarono
presi ed uccisi, moltissimi, che fuggendo la loro ira si nascosero,
di fame e di freddo perirono. Per così celebre e rinomata vittoria,
il nome di Autari si rendè illustre e luminoso per tutta l'Europa,
e vedutosi già libero dalle incursioni di straniere genti, pensò a
soggiogare il resto d'Italia, ch'ancor era in mano de' Greci.



CAPITOLO II

_Del Ducato beneventano: e di ZOTONE suo primo Duca._


Aveva Autari, ciò, che non fecero i suoi maggiori, soggiogata quasi
tutta l'Italia citeriore; toltone il Ducato romano e l'Esarcato di
Ravenna, che allora veniva governato da Romano[42], avendone poco prima
l'Imperador Maurizio levato Smaragdo, tutto il resto era in sua mano;
ma restavagli ancora da conquistare la più bella e preclara parte
d'Italia, cioè quella parte e quelle province, che oggi compongono
questo Regno di Napoli. Infino a questi tempi eransi queste province
mantenute sotto l'Imperio degl'Imperadori orientali, che le governavano
secondo quella forma, che da Longino v'era stata introdotta: avevan
quasi tutte le città più principali il lor Duca: Napoli aveva il
suo, Sorrento, Amalfi, Taranto, Gaeta e così di mano in mano l'altre,
tanto che quello, che ora è Regno, intorno all'amministrazione, in più
Ducati era distinto, tutti però immediatamente sottoposti all'Esarca di
Ravenna, e dopo costui agl'Imperadori d'Oriente; e se bene nella forma
del governo tenessero apparenza di Repubblica, nulladimeno è somma
sciocchezza il credere, che fossero così liberi, che non riconoscessero
l'Imperadore d'Oriente per loro Sovrano, sotto la cui dominazione
vivevano: quantunque per la debolezza degli Esarchi di Ravenna, e per
la lontananza della sede imperiale, il governo de' Duchi si rendesse
un poco più libero e pieno, tanto che sovente arrivavano infino a
manifeste fellonie, con ribellarsi dal loro Principe, la qual cosa
più volte tentaron di fare i Duchi di Napoli, come più innanzi nel suo
luogo diremo.

Queste province, come quelle ch'erano più lontane da Pavia, sede de'
Longobardi, e che potevano, in caso che fossero assalite, ricever tosto
soccorsi per mare, onde sono quasi tutte circondate, con picciolissimi
presidj da' Greci eran guardate; onde Autari espertissimo Principe,
pensò dalle province mediterranee cominciare le sue conquiste; e
lasciandosi in dietro Roma e Ravenna, delle quali non così di leggieri
potevasi venire a capo, avendo nella primavera di quest'anno 589 nel
Ducato di Spoleti unito il suo esercito, fingendo di dirizzare il suo
cammino in altre parti, di repente lo torse e nel Sannio si gettò.
Colti così all'improvviso i Greci, entrarono in tale stordimento
e costernazione, che senza molto contrasto venne fatto ad Autari
di conquistare in un tratto tutta questa provincia, e finalmente
Benevento, città, come credette il Sigonio, fin da questi tempi capo
e metropoli del Sannio. Indi si narra, che questo Principe al calore
di sì ragguardevole conquista, spingesse oltre il suo cammino, e
traversando tutta la Calabria insino a Reggio scorresse, città posta
nell'ultima punta d'Italia lungo il mare, e che quivi, essendo ancor a
cavallo, percotendo colla sua asta una colonna posta ne' lidi di quel
mare, dicesse: _Fin qui saranno i confini dei Longobardi_[43]: ond'è,
che l'Ariosto de' fatti di questo glorioso Principe cantando, disse,
che

    _...... Corse il suo stendardo_
    _Da' piè de' Monti al Mamertino lido._

Narrasi ancora, che ritornato a Benevento, riducesse quella provincia
in forma di Ducato, e che ne creasse Duca Zotone, ed a' due celebri
Ducati di Friuli e Spoleti v'aggiungesse il terzo, il quale col correre
degli anni si rendè tanto superiore agli altri due primi, quanto questi
sopravanzavan gli altri Ducati minori d'Italia.

Ma poichè del principio ed instituzione del Ducato beneventano non è di
tutti conforme il parere, e questo Ducato dee occupare una gran parte
della nostra Istoria, per lo spazio di 500 e più anni, siccome quello,
il quale non solamente per la durata, ma per la sua ampiezza, si stese
tanto che abbracciò quasi tutto quel ch'è ora Regno di Napoli, non
rincrescevol cosa doverà perciò essere, che di esso più partitamente si
ragioni.

Il Ducato di Benevento credesi comunemente, che da Autari in questo
anno 589 fosse stato la prima volta instituito, e che Zotone ne fosse
stato creato Duca da questo stesso Principe. Passa per indubitato
presso a tutti gl'Istorici, che questo Zotone fosse il primo Duca
di Benevento; ma chi ve l'avesse fatto, ed in quali tempi, non
e di tutti concorde il sentimento. Carlo Sigonio[44]; e Volfango
Lazio[45], non avendo ben esaminate le parole e la frase usata da
Paolo Varnefrido[46], quando di questa instituzione favella, tennero
costantemente per la costui autorità, che fosse stato instituito da
Autari in questo stesso anno, ch'egli conquistò il Sannio e Benevento,
creduto da essi in questi tempi capo di questa provincia; ma dal modo
istesso, con cui ne parla Varnefrido, che non con fermezza, ma con un
_putatur_, _refertur_, _fama est_, se ne disbriga, e da ciò, che ne
viene da lui soggiunto, che Zotone tenne il Ducato di Benevento venti
anni: il che non s'accorderebbe colla serie delle cose da poi avvenute,
e colla cronologia de' tempi degli altri Duchi che seguirono, se da
questo anno 589 si volessero cominciare a numerare i venti anni dal
Ducato di Zotone; perciò alcuni altri, fra i quali Scipione Ammirato
nelle dissertazioni dei Duchi e Principi di Benevento, ed Antonio
Caracciolo[47], hanno cominciato a dubitare, se si dovesse ne' tempi
più antichi fissar l'epoca di questo Ducato. Ma ciò, che poi loro fece
rifiutar deliberatamente la opinione tenuta dal Sigonio e dal Lazio, fu
l'autorità di Lione Ostiense[48], il quale ancorchè fiorisse trecento
anni dopo Varnefrido, non con incertezza, ma con molta asseveranza
scrisse nella sua Cronaca, secondo l'edizione napoletana, che i Greci
ritolsero ai Longobardi Benevento nell'anno 891 dopo trecento venti
anni, da che Zotone ne fu Duca; onde secondo l'Ostiense, il principio
del Ducato di Zotone dovrebbe riportarsi nell'anno 571 o siccome vuole
l'Ammirato all'anno 573 il quale per accordarlo colla serie delle
cose accadute da poi, e colla cronologia degli altri Duchi tenuta
dall'istesso Varnefrido, emenda il luogo dell'Ostiense, e vuol che
si legga, non trecento venti, ma trecento diciotto: in guisa, che
secondo il parere di costoro, il Ducato beneventano prima, che Autari
conquistasse il Sannio, ed alquanti anni dopo la venuta d'Alboino in
Italia, ebbe il suo principio. Altri trovarono l'origine di questo
Ducato in tempi più lontani, cioè nell'istesso anno 568 quando Alboino,
uscito dalla Pannonia, venne alla conquista d'Italia, e che oltre alla
provincia di Venezia, una banda di Longobardi s'inoltrasse infino a
Benevento, e quivi fermati, eleggessero Zotone per loro Duca: il che
comprovano per un catalogo antico de' Duchi e Principi beneventani
fatto da un ignoto Monaco del monastero di S. Sofia di Benevento, che
va innanzi all'istoria dell'Anonimo Salernitano, ove questo Scrittore
dice[49]: _Anno ab Incarnatione Domini quingentesimo sexagesimo octavo,
Principes coeperunt principari in Principatu Beneventano, quorum primus
vocabatur Zotto_, al quale dà egli ventidue anni di Ducato, non venti,
come Varnefrido.

Ma non finisce qui la varietà de' pareri, nè si contentano i più
diligenti investigatori di questo principio, ma un altro più remoto,
ed in tempi più lontani se ne cerca: questo viene addittato da Lione
Ostiense medesimo nella sua Cronaca, nella quale se bene, giusta
l'edizione napoletana, si legga, che corsero trecento venti anni,
da che fu creato Zotone Duca infino all'anno 891, che fu da' Greci
riacquistato Benevento; nulladimanco il suo originale, che si conserva
nell'Archivio cassinese, è molto discorde dall'edizione napoletana;
poichè ivi si legge, che da Zotone insino all'anno 891, non 320
ovvero 318, ma ben 330 anni passarono: conformi a questa lezione
sono l'edizioni di Venezia, quella di Parigi, e l'ultima data fuori
dall'Abate della Noce: l'una e l'altra molto più appurate, che quella
di Napoli intorno al numero degli anni, in guisa che secondo questo
conto, bisognerà confessare, che il Ducato di Benevento avesse il
suo principio da Zotone nell'anno 561. Ma sembrerà senza alcun dubbio
cosa molto strana e assai nuova, che in questo anno si dovesse dire
di essersi instituito quel Ducato, quando verrebbe ad aver il suo
principio sette anni prima, che i Longobardi usciron dalla Pannonia
per l'impresa d'Italia; e quando i Greci dominavano con vigore tutte le
province della medesima.

In tanta varietà, a noi giova seguitare il parere del diligentissimo
Camillo Pellegrino[50], Scrittore accuratissimo, e che con più
diligenza di tutti gli altri trattò di proposito questo soggetto:
parere, che vien sostenuto da ciò, che sull'arrivo de' Longobardi in
Benevento ci lasciò scritto Costantino Porfirogenito: Autore, ancorchè
alquanto favoloso intorno a ciò che scrive della venuta de' Longobardi
in Italia; nulladimeno in mezzo delle sue favole riluce pure qualche
raggio di vero, che può in cosa tanto difficile e dubbia additarci il
cammino per trovare il principio e instituzione di questo Ducato. Narra
questo Scrittore[51], che chiamati i Longobardi da Narsete in Italia,
questi venissero con le loro famiglie in Benevento, ma che non ammessi
da' Beneventani dentro alla città, fuori delle mura si fabbricassero
le loro abitazioni, e con ciò venisse a formarsi una picciola città,
che fino da' suoi tempi riteneva ancora il nome di _Città nova_: e
che quivi fermati, ne' tempi seguenti loro venisse fatto per inganno
d'entrare in Benevento armati, e posta sossopra la città, uccidessero
tutti i cittadini, e che preso Benevento scorser da poi per tutta la
provincia, e la sottoposero al dominio de' Longobardi, e stendessero il
loro Imperio dalla Calabria infino a Pavia, toltone le città d'Otranto,
Gallipoli, Rossano, Napoli, Gaeta, Sorrento ed Amalfi.

Ciò che narra costui, che i Longobardi usciti da Benevento stendessero
il loro Imperio per tutta Italia, ben si vede esser favoloso, e
contrastare a tutta la istoria, dalla quale abbiamo, che usciti dalla
Pannonia sotto Alboino, i primi acquisti furono nella provincia di
Venezia, e da poi tratto tratto nella Liguria, nell'Emilia, nella
Toscana e nell'altre province. Favola eziandio è ciò, che dice della
_Città nova_, la quale molto tempo dopo la venuta d'Alboino in Italia,
cioè ducento anni appresso, fu da Arechi per timor de' Franzesi
costrutta, come diremo a suo luogo. Ma ciò, che questo Autore narra
de' Longobardi, che sotto Narsete si ricovrarono in Benevento, non
è certamente favoloso; poichè, da quel che si è di sopra narrato,
è costantissimo, che Narsete, prima dell'invito fatto ad Alboino,
e della universal loro trasmigrazione, in quasi tutte le sue guerre
soleva valersi in Italia de' Longobardi; nè fu questa la prima volta,
che furono da lui chiamati: gli ebbe ausiliari nella guerra contro
a Totila, e siccome dice Varnefrido, avvegnachè dopo aver riportata
quella vittoria, carichi di molti doni, fossero stati rimandati alle
proprie stanze, in tutto il tempo però, che possederono la Pannonia,
furon sempre in aiuto de' Romani; onde è molto probabile, che
quantunque Narsete gli licenziasse, non però tutti ritornassero alle
paterne case: ma che intorno all'anno 552 ovvero 553 molti di essi,
ritenuti dall'amenità del paese, in Italia si fermassero, ed a guisa di
predoni andassero vagando ora in questo, ora in quell'altro luogo, del
che Procopio ancora rende testimonianza; e che in fine spontaneamente,
o pure per comandamento di Narsete per tenergli in freno, e per
impedire que' disordini, che l'andar così dispersi cagionava, fosse
stata loro assegnata per abitazione la città di Benevento; e che poi
nell'anno 561 l'avessero occupata, nella qual azione avessevi avuta la
principal parte Zotone lor Capo. Così da quest'anno potremo dire con
l'Ostiense, che cominciassero i Longobardi a dominar Benevento sotto
Zotone, perchè infino all'anno 891, nel quale furon discacciati dai
Greci, corsero appunto trecento trenta anni: ma non già, che in questi
tempi si fosse instituito il Ducato, e che quando la dominazione de'
Greci era in questa provincia vigorosa e potente, avessero quei pochi
Longobardi potuto ridurre il Sannio in forma di Ducato, e stabilirvi
Zotone per Duca. Per accordare poi gli anni del Ducato, che Varnefrido
dà a Zotone, colla serie de' fatti, e cronologia degli altri Duchi
successori tenuta da quest'istesso Scrittore, bisognerà porre per
primo anno di questo Ducato l'anno 571, cioè, quando essendo entrato
già Alboino in Italia, e conquistate più province, fatti più audaci
que' Longobardi ch'erano in Benevento, scossero apertamente il giogo
de' Greci, e ribellandosi da loro, avessero occupata la regione
convicina, e n'avessero poi in questo anno 571 creato Zotone della
lor propria gente Duca, il quale per così oscuro principio avesse
cominciato a governargli. Venuto poscia Autari ad invadere la nostra
_Cistiberina_ Italia, ed avendo al suo dominio sottoposta l'intera
provincia del Sannio, trovando Benevento occupato da' Longobardi, i
quali ubbidivano a Zotone lor Duca, ne confermò a costui il governo, e
fattolo tributario, come furono in appresso tutti i Duchi di Benevento
a' Re Longobardi, lasciò quel Ducato sotto la sua amministrazione; onde
avvenne, che presso a' Scrittori il principio del Ducato di Zotone
si prese, non dal tempo, che Autari occupò il Sannio, e ridottolo in
forma di Ducato, lo commise al suo governo; ma dal tempo, che Zotone
cominciò per quegli oscuri principj, e per questo ordine di cose ad
avere il governo di Benevento, e di que' Longobardi, che, come narra
Porfirogenito, prima l'aveano occupato.

Il Ducato adunque di Benevento da sì bassi e tenui principj ebbe il
suo nascimento: qual narrasi, che sortirono ancora le più celebri
Repubbliche, ed i più famosi Principati del Mondo: col correr poi
degli anni, non pur agguagliò quello di Spoleti e di Friuli, ma di gran
lunga superogli, e lo vedremo un tempo occupare quasi tutta l'Italia
Cistiberina, anzi verso Settentrione stendere i suoi confini, più di
quel che presentemente verso quella parte si stende il nostro Regno.
Incominciò da que' pochi Longobardi, che sotto Narsete in Benevento
si fermarono; e sopra sì deboli fondamenti pian piano venne da poi
ad introdurvisi quella politia e quella forma di governo, che sotto
i Duchi successori di Zotone per più secoli si mantenne. Autari fu
il primo, che gli diede più stabile e certa forma, e che cominciò
a dilatare i suoi confini; imperocchè tutta la provincia del Sannio
sottopose egli a questo Ducato; e come vedremo, gli altri Re longobardi
suoi successori per mezzo de' Duchi maravigliosamente l'accrebbero.
Benevento ebbe la fortuna d'esser capo e metropoli di un tanto Ducato,
non per elezione, nè perchè forse nel Regno d'Autari questa città
s'innalzasse tanto sopra tutte le altre città di quelle province, che
poi dominò, onde forse per questa sua eminenza avesse avuto d'anteporsi
a tante altre: vi erano nel Sannio altre città non meno celebri ed
antiche, come Isernia, Boiano ed altre; ed assai più ragguardevoli
ve n'erano nella Campagna; all'incontro Benevento quantunque a tempo
de' Romani fosse stata una delle più celebri Colonie, che avesse
quella Repubblica; nulladimeno per le invasioni dei Goti patì sovente
di quelle calamità, che soglion nascere da sì strani ravvolgimenti,
nè in tempo di costoro riteneva più quella sua antica dignità, anzi
sotto il Regno di Totila per aver fatto demolire questo Principe le
sue mura[52], si ridusse in istato pur troppo lagrimevole. Fu dunque
per certo fato, e per sua prospera fortuna, che Benevento, costituita
sede di questo Ducato, si rendesse da poi capo e metropoli delle
province a se vicine; ma questo pregio lo venne ad acquistar molto da
poi. Ben ne' tempi, nei quali scrisse Varnefrido, avea questa città
innalzata la fronte sopra tutte l'altre; ma questo fu due secoli dopo
il Regno d'Autari. Per la qual cosa, quando questo Autore, descrivendo
le diciassette province di Italia, e collocando nel Sannio Benevento,
nomò questa città capo delle province circonvicine, ciò disse avendo
riguardo a' tempi, che scriveva, ne' quali la sede di questo Ducato
s'era resa amplissima e ricchissima, e Benevento fu innalzato ad
esser capo non pur d'una, ma di molte province, come del Sannio, della
Campania, della Puglia, della Lucania e de' Bruzj, o in tutto, ovvero
in parte, come appresso diremo. Siccome tutto a rovescio, quando questo
Scrittore collocò Benevento nel Sannio, ciò non fece riguardando
i tempi, ne' quali dominarono i Longobardi, ma tenne presente la
vecchia descrizione d'Italia de' tempi degli antichi Sanniti, poichè
secondo l'altra più recente di Augusto, come ce n'assicura Plinio[53],
Benevento non nel Sannio, ma nella Puglia era collocato; e nelle altre
descrizioni seguite appresso, si vide questa città posta dentro a'
confini della Campania; ond'è che negli atti di Gennaro, quel Santo
Vescovo di Benevento, oggi primo tutelare di Napoli, osserviamo,
che patendo egli il martirio sotto Diocleziano, fu al Preside della
Campania, cui appartenevasi, commesso quell'affare. E ritroviamo
ancora, che Ausonio favoleggiando di coloro, che mutarono sesso, e
narrando che in Benevento non avea molto tempo, che un giovanetto
divenne femmina, chiamò Benevento città Campana.

    _Nec satis antiquum, quod Campana in Benevento_
      _Unus epheborum virgo repente fuit._

E per questa ragione nell'Itinerario, che s'attribuisce ad Antonino,
il confine della Campania si figge ad Equo Tutico, che secondo
l'osservazione di Filippo Cluverio[54], è quella città, che noi oggi
volgarmente chiamiamo Ariano, posta più in là di Benevento; come sono
le parole dell'Itinerario: _A Capua Equo Tutico M. P. LIV. ubi Campania
limitem habet. Caudit M. P. XXI. Benevento M. P. XI. Equo Tutico M. P.
XXI._

Nè per altra ragione ancora avvenne, che i Beneventani, come s'è
detto, posero più marmi cogli elogi de' Consolari della Campania,
siccome altresì facevano i Campani, i Napoletani e le altre città,
che dal Consolare della Campania eran governate. Da' quali documenti
manifestamente apparisce, per qual ragione l'altro Gennaro pur Vescovo
di Benevento, essendo anch'egli intervenuto nel Concilio di Sardica
celebrato nell'anno 347, e correndo allora il costume di sottoscriversi
i Vescovi col nome della propria città e della provincia, ove quella
era posta, si fosse ivi sottoscritto in questa forma: _Januarius a
Campania de Benevento_.

Non altrimente fece Varnefrido, quando ci descrisse le diciassette
province d'Italia, rappresentandole siccome le ritrovò nella notizia
dell'uno e dell'altro Imperio, fatta sotto Teodosio il Giovane intorno
l'anno del Signore 440, poichè ne' suoi tempi le province di Italia,
ancorchè ritenessero i medesimi nomi presso agli Scrittori, come anche
facciamo oggi, che per ostentar erudizione nello scrivere, non pur
ricorriamo a' tempi di Teodosio, ma a più alto principio volgendoci,
diamo i nomi a ciascuna delle dodici nostre province, che oggi
compongono il Regno, secondo erano ne' tempi della libera Repubblica,
con nomare i loro Popoli, Sanniti, Lucani, Hirpini, Salentini e simili;
nulladimeno era variata in tutto la loro amministrazione, e fu divisa
l'Italia in più Ducati, che non furono prima province; onde avvenne,
che di quello, che ora è Regno, e che prima non era diviso, che in
quattro province, se ne fossero da poi formate dodici, che acquistarono
altri nomi ed altri confini, come nel proseguimento di questa Istoria
vedremo.

Or ritornando in cammino, l'istituzione di questo Ducato, se si
riguardano i suoi bassi principj, fu a caso, non ad arte, in Benevento
stabilita, siccome furono non solo tutti gli altri Ducati minori da'
Longobardi in diverse città istituiti, ma quel di Friuli ancora, e
l'altro di Spoleti; e siccome sogliono essere tutte le altre cose
di questo Mondo: che se si riguarda la lor origine, sorte a caso da
tenuissimi principj si innalzano al sommo, ove poi giunte, uopo è che
retrocedano, ed allo stato di prima ritornino, come portano le leggi
delle mondane cose; leggi indispensabili, alle quali l'umana sapienza
non vale ad opporsi, nè a darvi riparo. Non è però, che stabilite col
correre degli anni le fortune de' Longobardi in Italia, avendo i loro
Re scorto, che il perpetuare con lunga serie tanti Ducati, sarebbe
tener troppo diviso il loro Regno, non pensassero da poi d'estinguerne
moltissimi, e ritener quelli solamente, che potevano più giovare alla
conservazione dello Stato. In fatti Varnefrido istesso ne accerta,
che a' suoi tempi molti erano estinti, non facendo questo Scrittore
ne' seguenti anni della sua istoria menzione d'altri Ducati, se non di
quello di Trento, di Turino, di Bergamo, di Brescia e di questi altri
tre, che sopra tutti s'estolsero, cioè di Spoleti, di Friuli e questo
di Benevento.

Nè egli è fuor di ragione il credere, che questi ultimi tre sopra
tutti gli altri si fosse procurato avanzargli, perchè stando così
distribuiti, veniva il Regno a conservarsi con più sicurtà, ed a poter
estendere assai più oltre i suoi confini: imperocchè essendo situato
il Ducato del Friuli all'ingresso dell'Italia, si potesse quindi
con maggior prontezza resistere alle incursioni di straniere genti,
che tentassero invaderla: dall'altro di Spoleti, collocato in mezzo
l'Italia, si potesse con più facilità contrastare a' moti de' Romani e
de' Greci, da' quali in Ravenna e in Roma fortificati, venivan sovente
con varie scorrerie molestati: ed il terzo di Benevento era posto a
reggere l'inferior parte d'Italia, donde si potesse fare argine a'
Greci stessi, ed a' Romani, da' quali spesso per questi lati marittimi
erano assaliti, ed in continue guerre esercitati. Per la qual cosa
Matteo Palmerio[55] accuratamente ci rappresentò la politia e forma del
governo de' Re longobardi, quando disse, che avendo costituita la loro
Reggia in Pavia, avevano varj Principati per Italia distribuiti, a'
quali preponevano i Duchi; fra' quali i più cospicui, e per successione
osservati, erano quel di Friuli nell'ingresso dell'Italia, l'altro di
Spoleti posto quasi nell'umbilico di quella, ed il terzo di Benevento
per regger l'inferior parte della medesima; dappoichè questi tre Ducati
furono sempre a' Re sottoposti, e con uno spirito e colle medesime
leggi si governavano, formando una sola Repubblica, ed in questa
maniera stabiliti si renderon più celebri, e pian piano stendendo i
lor confini (nel che sopra tutti gli altri s'avanzò quel di Benevento)
poterono lungamente conservare in Italia il dominio de' Longobardi.

Nel registrare i fatti de' Duchi di Benevento noi seguiremo l'ordine
de' tempi, e degli anni tenuto dal diligentissimo Pellegrini, come
quegli ch'è più accurato di tutti gli altri, eziandio dello stesso
Varnefrido; e ponendo noi il principio del Ducato di Zotone nell'anno
del Signore 571 non nell'anno 585, come fece Varnefrido, il quale
però confessa ancor egli, che il di lui dominio durò anni venti, tempo
certamente che è il più sicuro: verremo perciò a mettere il suo fine
nell'anno 591 non nel 605 o nel 598 come fa il Sigonio. Laonde quel
che questo Scrittore narra del sacco, e della preda di Crotone, che
indubitatamente sortì nell'anno 596, non sotto Zotone, ma sotto Arechi
suo successore avvenne; donde manifestamente si veggono gli abbagli,
che nascono, e de' quali non si avvide l'istesso Sigonio, se si voglia
fissare il principio del Ducato di Zotone, com'ei fece, nell'an. 589
poichè il fine del suo Ducato, e la sua morte avrebbe egli dovuto porre
nell'anno 609 dopo scorsi li 20 anni, non come fece, nel 598, nel qual
anno non ne sarebbon passati più che nove del suo Ducato.

I fatti di Zotone primo Duca di Benevento non meritano commendazione;
poichè appena ritornato Autari in Verona, dopo aver sottoposto il
Sannio al suo Ducato, e lasciatone a Zotone il governo, ci diede saggi
ben chiari della sua rapacità, ed ancora della poca sua religione, per
quanto dal seguente fatto si può comprendere. Il monasterio Cassinese,
60 anni prima edificato da S. Benedetto, così per la fama del suo
fondatore, come per la santità e dignità de' Monaci, assai celebre
al Mondo, aveva tirato a se la munificenza di vari Principi, che con
donazioni grandissime avevanlo meravigliosamente arricchito: Zotone
uomo avarissimo, co' suoi Longobardi, avido di queste ricchezze,
improvvisamente di notte l'assalì, e non contento della preda, e
d'averne tolto tutto ciò, che più di pregevole v'era, devasta e getta
a terra l'edificio; e mentre i Longobardi sono tutti intenti alla
preda, ebbe campo Bonito, che n'era allora Abate, di fuggir con i suoi
Monaci in Roma, ove accolti con molta benignità da Pelagio Papa, ed
assegnate loro alcune stanze vicino Laterano, quivi si fabbricarono
essi un monastero, dove per cento trenta anni si formarono, e rimase
intanto quel monastero di Cassino abbandonato per tutto questo tempo,
infinochè Petronace ai conforti di Gregorio II, ne prese cura. Costui
avendovi ridotti molti Monaci e Nobili, che l'elessero Abate, rifece
l'abitazione, e lo restituì alla pristina dignità.

Il sacco di questo monastero non può porsi in dubbio, che da Zotone
fu commesso non molto tempo prima della sua morte, verso la fine di
quest'anno 589 come quello, che accadde sotto Pelagio Papa, il qual
morì nell'anno 590, non molto innanzi che S. Gregorio M. scrivesse
i suoi Dialoghi, ne' quali, facendo menzione di questo sacco, lo
narra come d'un successo di fresco accaduto[56]; ed è costantissimo,
come accuratamente osservò il Baronio, che S. Gregorio scrisse
i suoi Dialoghi nell'anno 593, onde si vede apertamente l'errore
di Varnefrido, che pone questo fatto nell'anno 605, e l'altro di
Sigiberto, che questa devastazione vuol che sia seguita nell'anno 596,
non avvertendo il testimonio certissimo di S. Gregorio, e quel che
si raccoglie dalla Cronica di Lione Ostiense; ciò che meriterebbe un
più lungo discorso, ma supplirà quello dell'Abate della Noce[57], che
esaminò con molta diligenza questo punto.



CAPITOLO III.

_Di AGILULFO IV. Re de' Longobardi; e di ARECHI II. Duca di Benevento._


Mentre queste cose accadevano nelle nostre province, Autari non avendo
potuto ottener per moglie la sorella di Childeberto Re di Francia,
la quale fu da questo Principe sposata a Recaredo Re di Spagna da
poi che ebbe costui abbracciata la fede cattolica, e con memorabil
esempio discacciato l'Arrianesimo da' suoi Regni; rifiutato dunque
Autari da Childeberto, dimandò a Garibaldo Re de' Bajoari la figliuola
Teodolinda per isposa: femmina prudentissima, le cui eccelse virtù
dovranno sovente rammentarsi in questa Istoria; ed avendola nell'anno
590 sposata in Verona, fu da poi questo Principe intrigato in una
nuova guerra co' Franzesi; poichè Childeberto volendo restituirsi nel
perduto onore per la sconfitta ricevuta gli anni precedenti, ritornò
con potente esercito in Italia, e fu tanto il terrore delle sue armi
e le promesse, che molti Duchi longobardi si ribellarono: si diede
al suo partito Minolfo Duca di Novara, Gandolfo Duca di Bergamo, e
Valsari Duca di Triviggi. Narrasi[58], che in questi tempi, occupata
Pavia da Papio Duca de' Franchi, ne avesse questa città preso il nome,
che oggi tuttavia ritiene, e fossesi abolito l'antico di _Ticinum_.
Ma non fu più felice dell'altre questa impresa de' Franzesi, poichè
infestato il loro esercito dal morbo di disenteria, essendosi Autari
con suoi Duchi ben munito nelle sue Piazze, i Franzesi, ancorchè per
tre mesi andassero vagando per l'Italia, alla fine incrudelendo il
morbo, furon astretti ritornare alle paterne case; onde Autari prese il
tempo opportuno di far dimandar la pace a Childeberto da Guntrando Re
di Francia zio del Re Childeberto, il quale si frappose per trattarla:
ma non passò guari, che Autari fu tolto a' mortali, poichè partitosi
da Verona per Pavia, gli fu data una bevanda attossicata[59] onde finì
la vita in settembre di questo stesso anno 590, dopo aver regnato
in Italia poco men che sei anni. I Longobardi intesa la morte del
loro Principe, tosto raunati in Pavia, pensarono all'elezione del
successore, ed intanto mandarono Ambasciadori a Guntrando, dandogli
avviso di questo successo, e insieme a pregarlo, che proseguisse i suoi
uficj interposti per trattar la pace con Childeberto suo nipote: ma
venutosi all'elezione d'un nuovo Principe, non parendo loro d'averne
alcuno, che fosse ben atto a sostener questa dignità, deliberarono, che
Teodolinda gli governasse, e a colui ch'ella s'eleggesse per marito
fra i Duchi, si conferisse la regal dignità. Fra i Duchi longobardi
era allora al Ducato di Torino preposto Agilulfo, Principe di sangue
ad Autari congiunto, ed in cui alla bellezza del corpo s'accoppiava
anche quella dell'animo veramente regio, e adatto a qualunque governo:
Teodolinda fra tanti trascelse costui, che con universal giubilo,
stabilite le nozze, fu da tutti per Re proclamato.

Fra le molte e pregiate doti di Teodolinda, non fu riputata la minore
in questi tempi, essere stata ella zelantissima della religion
cattolica, nella quale era allevata e nudrita, onde ne divenne
carissima a S. Gregorio M. il quale le mandò i quattro libri delle
Vite de' Santi, che avea composto, siccome quegli, che la conosceva
affezionata alla fede di Cristo, non meno che costumatissima ed
eccellente in tutte le buone arti; e ancorchè fossero riusciti
vani tutti i di lei sforzi per ridurre Autari, suo primo marito, a
rinunziare l'Arrianesimo; nulladimeno credè non dover ritrovare in
Agilulfo la stessa durezza, non solamente per le sue pieghevoli e dolci
maniere, ma molto più per la gratitudine d'averlo al Trono innalzato:
abbraccia per tanto Agilulfo la religion cattolica, e seguitando i
Longobardi l'esempio del loro Principe, moltissimi di loro detestarono,
chi il Gentilesimo, altri l'Arrianesimo, de' quali eran infetti,
e renderonsi cattolici; e potè tanto in Agilulfo il zelo di questa
religione, che a' conforti di Teodolinda rifece molti monasterj, e
molte chiese ristorò, le quali per le passate guerre eran poco men, che
distrutte, e donò a quelle molte possessioni, restituendo l'onore e la
riputazione a' Vescovi, i quali, quando i Longobardi erano nell'errore
del Paganesimo furono in depressione, ed abbietti[60].


§. I. _Di ARECHI II. Duca di Benevento._

Nel Regno di Agilulfo, conforme al conto del Pellegrini, in quest'anno
591 accadde la morte di Zotone Duca di Benevento, celebre più per la
sua rapacità e per lo memorabil sacco del monastero Cassinese, che
per altro; onde per la costui morte fu dal Re Agilulfo nel Ducato
di Benevento eletto Arechi congiunto per consanguinità a Gilulfo
Duca del Friuli[61]. Secondo la politia introdotta da Autari nel
Regno de' Longobardi in Italia, non solevan questi Duchi levarsi,
se non o per fellonia, o per morte; e dopo la morte venne anche ad
introdursi, di anteporre a qualunque altro i figliuoli del morto,
se il Re gli reputava abili: così veggiamo, che dopo il lungo Ducato
di questo Arechi, che durò cinquant'anni, succedè nello stesso Ajone
suo figliuolo; e accadendo di morire il Duca senza figliuoli, il Re,
o eleggeva altri in luogo suo, ovvero estingueva il Ducato, senza
surrogarvi successore. Il che s'osserva essersi cominciato a praticare
negli ultimi anni del Regno di questo Principe: ciocchè facevano essi
per ragion di Stato, fomentata dall'ambizione de' Duchi, i quali bene
spesso tentavan di scuotere il giogo della dipendenza, e rendersi
assoluti; onde furon obbligati a pensare di sopprimere, quando
potevano, molti di questi Ducati, tanto che pian piano gli ridussero a
ben pochi, ritenendo solamente quelli, che potevano, come s'è di sopra
osservato, giovare alla maggiore sicurità e custodia del Regno. Tanto
maggiormente, che i Re longobardi non meno per le guerre esterne di
straniere Nazioni, quanto per quelle, che venivan mosse dai loro proprj
Duchi, erano in continue sollecitudini ed angustie, come si è veduto
nel Regno d'Autari, e potrà osservarsi in questo d'Agilulfo, il quale
dopo avere nell'anno 600 di nostra salute, fatta la pace co' Romani, e
dopo avere ristabilita la lega con Teodiberto nuovo Re di Francia, ebbe
a combattere coi suoi Duchi, ch'eransegli ribellati, e con memorando
esempio sconfitti che gli ebbe, senza che potessero trovar perdono,
privò di vita tre di loro, Zangrulfo in Verona, Gandolfo in Bergamo, e
Varnecauso in Pavia.

Per questa ragione, mancando per morte o per fellonia alcuno di
essi, o procuravan surrogarvi altri, della cui fedeltà ed amore eran
ben certi, come fece Agilulfo, quando morto Eoino Duca di Trento,
surrogò in quel Ducato Gondoaldo uomo cattolico, ed insigne per la
sua pietà[62]: ovvero non curavan darvi successore, siccome avvenne al
Ducato di Crema, al quale, morto Cremete senza figliuoli, non se gli
diè successore[63].

Il Ducato beneventano sotto il governo d'Arechi, che fu il più lungo
di quanti mai ne furono, durando cinquant'anni, dal 591 infino al
641 stese molto i suoi confini, tantochè secondo Paolo Emilio[64],
ed altri Scrittori, i suoi termini da un lato s'estesero insino a
Napoli, e dall'altro sino a Siponto, la qual città dopo il Ponteficato
di Gregorio M. si rendè anche a' Longobardi, ed al Ducato beneventano
fu aggiunta. Nè infino a questi tempi allargò egli tant'oltre i suoi
confini, quanto fortunatamente gli distese poi negli anni seguenti,
allorchè abbracciaron quasi tutto quello, ch'è ora Regno di Napoli.
Nè perchè i Longobardi sotto questo Duca di Benevento, che secondo
l'Epoca del Pellegrino non potè esser certamente Zotone, ma Arechi,
avesser presa e saccheggiata la città di Crotone, e fatti quivi molti
prigionieri, dovrà dirsi, che fin da questi tempi i suoi confini
verso Oriente si fossero stesi sino a Crotone; poichè il costume
dei Longobardi era, quando loro non riusciva di conquistar Piazze,
nelle quali potessero mantenervisi, e lasciarvi presidio, di scorrere
a guisa di predoni il paese e saccheggiarlo, con portarsi seco i
paesani, che riducevano in cattività, e n'esigevan grosse somme per
gli riscatti: come appunto avvenne a' Crotonesi, che per ricomprarsi fu
d'uopo sborsar gran denaro; e da una epistola di S. Gregorio M., ove,
deplorandosi la cattività de' medesimi, si leggono gli sforzi, che da
questo Pontefice si facevan per riscattargli, si conosce chiaramente,
che presa ch'ebbero questa città, dopo averla saccheggiata, carichi
della preda, si condussero con esso loro molti nobili, non perdonando,
nè ad età nè a sesso, e la lasciarono, nè vi posero presidio, essendo
allora molto lontana da' confini del loro Ducato, ed in mezzo all'altre
città de' Greci loro inimici. Fu questo un costume praticato anche
fra' Cattolici, i quali ancorchè non riducessero in servitù i presi,
solevano nondimeno custodirgli infino che non fossero con denaro
riscossi: di che rendono a noi testimonianza gravissimi Autori[65].
Non dee perciò riputarsi acerbità o furor de' soli Longobardi, i
quali, parte Gentili, ed altri Arriani, praticassero lo stesso co'
loro nemici. Così anche sotto Zotone, non perchè dessero il sacco al
monastero Cassinese, s'allargò in quel tempo questo Ducato tanto verso
quella parte, come si stese da poi: e per questa ragione ancora più
sconcio error sarebbe, se fin da' tempi d'Autari Re volessimo dire che
il Ducato beneventano si fosse disteso sino a Reggio, perchè Autari
infino a quest'ultima parte facesse correre il suo stendardo; poichè
da questo stesso e da ciò che narrasi aver detto questo Principe quando
coll'asta percosse quella colonna, che fin quivi dovea egli stendere i
confini del suo Regno, si conosce manifestamente, che allora tutti que'
luoghi erano, come furono per molto tempo da poi, sotto la dominazione
degl'Imperadori d'Oriente.

Ecco come quello, che ora è Regno di Napoli, in questi tempi non
riconosceva, come prima un sol Signore ed un sol Principe, ma ben due.
Il Ducato beneventano ubbidiva al suo Duca immediatamente, e per lui al
Re de' Longobardi. La Puglia e la Calabria; la Lucania ed i Bruzj; il
Ducato napolitano; quelli di Gaeta, di Sorrento, di Amalfi, e gli altri
Ducati minori, a' loro Duchi immediatamente, e per essi all'Esarca di
Ravenna, e agl'Imperadori di Oriente.



CAPITOLO IV.

_Del Ducato napoletano, e suoi Duchi._


Poichè nel Ducato napoletano abbiamo de' Duchi, che lo ressero, una
continuata serie, e fu quello, che solo restò esente dalla dominazione
de' Longobardi, e che poi, estinti gli altri Ducati minori, abbracciò
molte città ch'eran in quelli comprese, onde perciò si rendè anche
più cospicuo, non sarà fuor di proposito, che parlando de' Duchi di
Benevento, nel tempo stesso si parli di quelli di Napoli; perchè si
conoscano in ciò le vicende delle mondane cose, come per le continue
guerre, ch'ebbero questi popoli, i Beneventani co' Napoletani,
avanzandosi sempre più il Ducato di Benevento, quel di Napoli
all'incontro, e la dominazione de' Greci in tutto il resto dell'altre
province venisse ad estenuarsi: e come da poi siasi veduto, che del
Ducato di Benevento appena siane a noi rimaso vestigio, ed all'incontro
Napoli si fosse innalzata tanto, sino ad esser non pur Capo di un
picciol Ducato, quale era, ma Capo e metropoli d'un vastissimo e
floridissimo Regno, qual oggi con ammirazione e stupore di tutti si
ravvisa.

Il Ducato napoletano, che nel suo nascere ebbe angustissimi confini, la
città sola di Napoli colle sue pertinenze abbracciando, ne' tempi di
Maurizio Imperadore d'Oriente, fece notabili acquisti: poichè questo
Principe aggiunse stabilmente al suo dominio l'isole vicine, come
Ischia, Nisida, e Procida, nella cui possessione confermò i Napoletani,
siccome scrive S. Gregorio M.[66]. S'aggiunsero da poi Cuma, Stabia,
Sorrento, ed Amalfi ancora, la quale insino a' tempi di Adriano Papa,
e di Carlo M. fu del Ducato napoletano, come è chiaro per una epistola
di quel Pontefice rapportata dal Pellegrini; tanto che ridotto questo
Ducato quasi in forma d'una provincia, venne volgarmente chiamato anche
_Campania_: onde sovente il Duca di Napoli dicevasi _Dux Campaniae_,
come S. Gregorio[67] chiama Scolastico _Dux Campaniae_; ed altrove[68]
Gudiscalco _Dux Campaniae_. Questa abbracciava molte città di quel
lido, che a' Napoletani, ed al lor Duca eran soggette; ed i Vescovi
di queste città solevan perciò appellarsi Vescovi Napoletani; ond'è,
che sovente nell'epistole di questo Pontefice[69] si legga: _Episcopis
Neapolitanis_.

Non potè stendere più oltre i suoi confini verso Occidente,
Settentrione, o Oriente; poichè il Ducato beneventano già verso quelle
parti stendeva, fatto potente, le sue forti braccia: Capua col suo
territorio infino a Cuma, ed a' lidi, che non han porto, di Minturno,
Ulturno, e Patria, detta anticamente Linterno, era già passata sotto
la dominazione de' Longobardi. Non molto da poi stesero i Longobardi i
confini del Ducato beneventano infino a Salerno; e molte altre città
verso Oriente insino a Cosenza, con tutte l'altre terre mediterranee
furono a' Greci tolte; ed anche questo Ducato napoletano sarebbe
passato sotto il dominio de' Longobardi, come passarono nel correr
degli anni tutte l'altre città mediterranee del Regno, e da poi le
marittime ancora, toltone Gaeta, Amalfi, Sorrento, Otranto, Gallipoli,
e Rossano, se due cagioni non l'avessero impedito; ciò sono il non
essere i Longobardi forniti di armate di mare, nè molto esperti agli
assedj di Piazze marittime; e per aver i Napoletani, per ragion anche
de' loro siti, ben fortificata Napoli, e l'altre piazze marittime a
loro soggette. Tanto che potrà meritamente vantarsi Napoli col suo
picciolo Ducato, che nonostante d'esser passate sotto la dominazione
de' Longobardi quasi tutte le città del Regno, toltone quelle poche
dianzi rammemorate, e d'essersi renduti i Longobardi signori di quasi
tutto ciò, che ora è Regno, non poterono però mai soggiogar affatto i
Napoletani, ancorchè da poi negli ultimi anni a' Principi di Benevento
fossero fatti tributarj, come nel progresso di questa Istoria diremo:
in guisa che non è condonabile l'error del Biondo[70], che scrisse,
i Longobardi non molto tempo dopo il governo de' 36 Duchi avere
soggettata Napoli.

Al Ducato napoletano solevansi mandare i Duchi per reggerlo, o da
Costantinopoli a dirittura dagl'Imperadori d'Oriente, o pure, quando
il bisogno non permetteva d'aspettar molto tempo, che venisse da
parti sì remote, l'Esarca di Ravenna, ch'era allora in Italia il primo
Magistrato degl'Imperadori greci, soleva egli mandarvelo.

Ne' tempi, ne' quali siamo sotto il Ducato di Arechi, imperando
in Oriente Maurizio, essendo Napoli senza Duca, e meditando
Arechi insieme con Arnulfo Duca di Spoleti assalirla, S. Gregorio
M. a cui molto importava la sua difesa, e che invigilava per
gl'interessi dell'Imperadore contro a' Longobardi, dubitando che
costoro conquistando il resto d'Italia, ch'era in poter de' Greci,
finalmente non soggiogassero Roma ancora, scrisse[71] nel 592 con
molta sollecitudine a Giovanni Vescovo di Ravenna, perchè affrettasse
l'Esarca a mandar prestamente in Napoli il Duca per difenderla
dall'insidie d'Arechi, poichè altrimente egli senza dubbio la vedeva
perduta.

E da un'altra epistola[72] di questo stesso Pontefice data nell'anno
599 osserviamo, che non molto tempo da poi fu mandato in Napoli per
Duca _Maurenzio_, il quale con tanta vigilanza si pose a custodir
questa città, che oltre ad averla munita con valido presidio, costrinse
anche i Monaci a far la sentinella sopra le mura, senza perdonar
nemmeno a Teodozio Abate, onde fortemente se ne dolse Gregorio[73],
e perchè l'affliggeva oltre alle sue deboli forze, e perchè avea
mandato ancora molti soldati ad alloggiare in un monastero di Monache,
costringendo Angela loro Badessa a ricevergli.

Ma essendo stato l'Imperador Maurizio scacciato dall'Imperio nell'anno
602 da _Foca_, questi si fece acclamare Imperadore dall'esercito nella
Pannonia, e giunto in Costantinopoli, vi fu riconosciuto, e fece morire
Maurizio co' suoi figliuoli; ed avendo mandato il suo ritratto in
Roma, fuvvi parimente acclamato Imperadore, con consenso anche di S.
Gregorio, che io riconobbe in Roma, come avea fatto in Costantinopoli
il Patriarca Ciriaco. Foca dunque assunto al Trono, in luogo di
_Callinico_, ch'era stato da Maurizio sostituito a Romano, mandò di
nuovo in Ravenna per Esarca _Smaragdo_[74], ed in Napoli per Duca
_Gondoino_.

Per la morte di Gondoino, fu mandato da Foca in Napoli per Duca
_Giovanni Compsino_ constantinopolitano, quegli, che violando la
fede al suo Principe, tentò rendersi assoluto signore della città
a se commessa; poichè essendo stato ucciso nell'anno 610 Foca[75],
e succeduto nell'Imperio _Eraclio_ suo competitore, non potendo i
Ravignani sofferir la superbia e le gravezze di Giovanni _Lemigio_[76]
nuovo Esarca, mandato nell'anno 612 da Eraclio in Ravenna, preser le
armi, e tumultuando, con gran concorso di popolo, giunti al palazzo,
l'uccisero insieme co' suoi Giudici. Pervenuto questo fatto a notizia
di Giovanni Compsino Duca di Napoli, pensò non dovere aspettar
miglior occasione per impadronirsi della città; onde tantosto per se
occupolla, e con forte presidio munilla contra gli sforzi, che temeva
dell'Imperador Eraclio, il quale in fatti, avvisato de' tumulti di
Ravenna, e della fellonia di Compsino, mandò subito in Italia per
Esarca _Eleuterio_[77] Patrizio e suo Cubiculario, uom prode di mano,
e più di consigli. Questi avendo composti i romori in Ravenna, passò
con sufficiente esercito in Napoli, dove entrato pugnando, uccise
il Tiranno, riducendola come prima sotto la dominazione d'Eraclio, e
lasciatovi nuovo Duca, vincitore in Ravenna fece ritorno[78].

Non ha del verisimile l'opinione del Summonte, o ciò che egli suspica,
che il nuovo Duca lasciato in Napoli da Eleuterio, fosse quel Teodoro,
che si porta fondator della chiesa de' SS. Pietro e Paolo, già posta
nel quartier di Nido: poichè l'iscrizione greca, che in un marmo ivi
si leggeva, e nella quale si nominava per fondator di quella chiesa
Teodoro Console e Duca, portando la data della IV indizione, viene a
cadere in tempi più bassi, cioè nell'anno 717, nel quale tempo governò
questo Duca, come da valenti uomini è stato osservato; ed all'incontro
è vero, che Eleuterio fu mandato da Eraclio in Ravenna nell'anno 616
dove poco più di due anni tenne l'Esarcato; poichè nell'anno 619 vi fu
mandato Isacio Patrizio per suo successore[79].

Su questa fellonia di Compsino sono stupende le favole, che i nostri
moderni Scrittori hanno inventate: dicono che questo Duca dopo
aver occupato Napoli si rendesse ancor signore della Puglia e della
Calabria, e d'altri luoghi del nostro Regno: che di più se n'avesse
fatto incoronare Re, e che prima andasse a Bari a farsi coronare
della corona del ferro, e poscia in Napoli con quella dell'oro: e che
perciò egli fosse il primo, che s'avesse usurpato il titolo di Re di
Napoli, aggiungendo che i Normanni da poi, coll'esempio di questo
I. Re di Napoli, vollero pure farsi prima coronare in Bari colla
corona del ferro, e poi in Palermo con quella dell'oro[80]. Sono
tutti questi racconti sogni d'infermi. Nè mai Compsino s'insignorì
della Puglia e della Calabria, nè d'altre province, le quali per la
maggior parte erano passate in questi tempi sotto la dominazione de'
Longobardi. Invase egli Napoli solamente colle sue pertinenze; e Paolo
Varnefrido[81] narra, che dopo _non molti giorni_ ne fu cacciato da
Eleuterio Patrizio. Gran cose dovea far costui in così breve tempo,
domando non pure i Greci, ma i Longobardi allora potentissimi; nè
presso ad Autori di conto si legge mai, che s'avesse fatto incoronare
Re; cosa anche più ridicola è il dire, che fosse andato fino a Bari a
prender la corona di ferro, e poi in Napoli quella d'oro; essendo tutto
favoloso ciò che si narra di questa coronazione di ferro in Bari, nè da
alcuno de' nostri Re mai praticata, come si vedrà chiaro ne' seguenti
libri di questa Istoria.



CAPITOLO V.

_Di ADALUALDO ed ARIOVALDO, V. e VI. Re de' Longobardi._


Ridotta già la dominazione de' Greci in Italia a declinazione
grandissima, tentarono i Longobardi sotto il Re Agilulfo finire di
interamente discacciargli da tutte l'altre regioni, ch'erano a lor
rimase; nel che conferiva molto l'aver i Longobardi in gran parte
(seguitando l'esempio di Agilulfo) deposto, chi il Gentilesimo, e
moltissimi l'Arrianesimo, ed abbracciata la Religion cattolica, ciò
che gli rendè a' provinciali meno odiosi, ed il lor dominio men grave
e pesante. In fatti ad Agilulfo, che de' Re Longobardi fu il primo ad
abbracciar questa religione, e che in tutto il corso di sua vita lasciò
monumenti di molta pietà e munificenza verso le chiese e monasterj, si
dee che lungo tempo il Regno si mantenesse in pace; poichè egli morto,
lasciando per successore _Adalualdo_ suo figliuolo, che ancor vivente
l'aveva per suo Collega assunto al Trono; questi seguitando l'esempio
di suo padre, e molto più imitando Teodolinda sua madre, che nel
regnare volle averla per compagna, ridussero le fortune de' Longobardi
in istato così placido e tranquillo, che niuno strepito di Marte turbò
la loro pace ed il loro riposo: e sotto costoro furono rinovate le
chiese, e fatte molte donazioni a' luoghi sacri[82].

Ma non potè molto Adalualdo goder di tanta quiete; poichè nell'ottavo
anno del suo Regno, avendogli mandato l'Imperador Eraclio per
Ambasciadore un tal Eusebio per trattar seco della pace e d'altre cose
rilevanti, questi o per proprio consiglio, o pure per comandamento
avuto dal suo Signore, mentre il Re usciva dal Bagno, gli porse una
bevanda come a lui salutifera, la qual bevuta, cominciò ad uscir di
senno, e ad impazzire[83]: il che scorgendosi dall'accorto Eusebio,
diedegli a sentire, che dovesse per sua maggior sicurtà far morire
i più potenti Longobardi. Questo consiglio, come giovane e stolto,
essendo da lui abbracciato, fece uccider tosto dodici Nobili dei primi;
la qual cosa scorgendo gli altri Longobardi, e veggendo non istar essi
più sicuri dalla stolidezza di costui, avendo eccitato un gran tumulto,
e gridandolo per empio e tiranno, lo discacciarono dal trono insieme
colla Regina Teodolinda sua madre, ed in suo luogo riposero _Ariovaldo_
Duca di Turino, che aveva per moglie Gundeberga sorella di Adalualdo.

Questo successo divise i Longobardi in due fazioni: Ariovaldo
era sostenuto da que' Nobili, che tumultuarono, a' quali s'erano
aggiunti tutti i Vescovi delle città di là del Pò, che a tutto potere
studiavansi con altri d'ingrossare il lor partito. Adalualdo dall'altra
parte era aiutato da Onorio Pontefice romano, il quale aveva forte
cagione di sostenerlo, così per riguardo di Teodolinda, alla cui
pietà doveva molto la Religione cattolica, come anche perchè Ariovaldo
era da' Cattolici abborrito per l'eresia arriana, in cui era nato e
cresciuto; e fu tanta l'opera d'Onorio, che tirò a se anche Isacio
allor Esarca in Italia, ed obbligollo a restituir nel Trono Adalualdo
con potente esercito. Proccurò anche toglier dal partito di Ariovaldo
quei Vescovi, che lo favorivano, minacciandogli, che non lascerebbe
impunita tanta loro scelleratezza; ma non veggendosi ridotta a compiuto
fine l'opera d'Isacio, e morto opportunamente Adalualdo di veleno,
ottenne finalmente Ariovaldo il Regno, ed essendo egli infesto a'
Cattolici, cagionò in Italia non leggieri disturbi.

Nel Regno di costui, non passarono molti anni, che Teodolinda vedendosi
così abbietta e priva d'ogni speranza di ricuperar la pristina dignità
regale, piena di mestizia, d'estremo dolore venne a morte nell'anno
627: Principessa, e per le eccelse doti del suo animo, e per la sua
rada pietà, degnissima di lode, e da annoverarsi fra le donne più
illustri del Mondo, la quale non meritava esser posta in novella da
Giovanni Boccacci nel suo Decamerone[84].

Ariovaldo regnò altri nove anni dopo la morte di Teodolinda, e morì,
senza lasciar di se stirpe maschile, nell'anno 636. Per la qual cosa
i Longobardi, convocati i Duchi, pensarono di crear un nuovo Re, nè
vedendo chi dovesse innalzarsi al Trono, diedero a Gundeberga, come
avevan prima fatto a Teodolinda, il poter ella creare per Re colui, che
si eleggesse per marito. Gundeberga, come donna prudentissima e molto
savia, elesse per suo marito e Re, Rotari Duca di Brescia, in questo
stesso anno 636, secondo il computo del Pellegrini.



CAPITOLO VI.

_Di ROTARI VII. Re; da cui in Italia furono le leggi longobarde ridotte
in iscritto._


Rotari fu un Principe, in cui del pari eran congiunti un estremo
valore ed una somma prudenza; ma sopra tutto fu grande amatore della
giustizia; e se alcuna ombra di colpa rendè non chiari i suoi pregi, fu
l'essere macchiato dell'eresia arriana; onde avvenne, che a' suoi tempi
in molte città d'Italia erano due Vescovi, l'un cattolico e l'altro
arriano[85].

Questo Principe fu il primo, che diede le leggi scritte a' suoi
Longobardi[86], dal cui esempio mossi gli altri Re suoi successori,
surse, col correr degli anni, in Italia un nuovo volume di leggi,
longobarde chiamate, le quali nel Regno nostro ebbero un tempo tal
vigore e dignità, onde fu forza, che le leggi romane retrocedessero.
Ma prima che delle leggi longobarde facciam parola, convenevol cosa è,
che si vegga lo stato, nel quale a' tempi di questo Principe, e de' Re
suoi successori si era ridotta la giurisprudenza romana in Italia, e
nelle province che oggi compongono il nostro Regno, ed in quali libri
era compresa.

Giustiniano Imperadore, ancorchè avesse proccurato sparger per Italia
i suoi volumi, e strettamente avesse comandato, che aboliti tutti
gli altri, quelli solamente per Italia si ricevessero insieme colle
sue costituzioni Novelle; nulladimeno l'autorità de' medesimi quasi
si estinse insieme con lui; poichè egli morto, e succeduto Giustino,
inettissimo Principe, ricadde Italia di bel nuovo in mano di straniere
genti; e toltone l'Esarcato di Ravenna, il Ducato di Roma, que'
piccioli di Napoli, Gaeta, d'Amalfi, ed alcune altre città marittime
di Puglia, di Calabria e di Lucania, i Longobardi dominavano in tutte
l'altre sue province, senza che gli altri Imperadori, che a Giustino
succederono, molta cura si prendessero di ricuperarle, e tanto meno
delle leggi di Giustiniano; anzi non vi mancarono di coloro, come si
dirà a suo luogo, che o per invidia, o per emulazione cercarono anche
nell'Oriente d'estinguerle affatto. S'aggiungevano in oltre, che presso
a' Longobardi, per le continue guerre ira di essi accese, il nome
de' Greci era abbominatissimo, e tutto ciò, che da loro procedeva,
con somma avversione era rifiutato e scacciato. Quindi nacque, che
se bene a' provinciali permettessero l'uso delle leggi romane, ed a'
Romani di poter sotto le medesime vivere, con tutto ciò vollero, che
quelle apprendessero dal Codice di Teodosio: onde presso i Longobardi
fu in più stima e riputazione il Codice Teodosiano, che quello di
Giustiniano[87].

Al che s'aggiungeva l'esempio de' Vestrogoti, che signoreggiavano
allora la Spagna, i quali contenti del Codice fatto per ordine
d'Alarico, e del Novello compilato dalle leggi de' Vestrogoti ad
imitazion di quello di Giustiniano, non riconoscevan i costui libri.

S'aggiungeva ancora l'esempio de' Franzesi, i quali insino a' tempi
di Carlo il Calvo, non riconobbero altre leggi romane, se non quelle,
ch'erano racchiuse nel Codice Teodosiano, o nel suo Breviario fatto
per ordine d'Alarico[88]. Anzi Carlo M. stesso, volendo ristorar
la giurisprudenza romana, che a' suoi tempi era ridotta in istato
pur troppo lagrimevole, posposti i libri di Giustiniano, si diede
a riparare il Codice di Teodosio, e ad emendarlo, come mostrano
quelle parole aggiunte al Commonitorio d'Alarico, che va innanzi al
Codice Teodosiano: _Et iterum anno XX. regnante Carolo Rege Franc. et
Longobard. et Patritio Romano_. E fu tanta la cura di questo glorioso
Principe, ed il rispetto che tenne di questo Codice, che molte leggi di
esso volle trasferire ne' suoi Capitolari[89].

Ne' tempi di Carlo il Calvo par che in Francia si cominciassero
a sentire le leggi di Giustiniano, come mostrano gli Autori di
quell'età, i quali spesso allegando le leggi di Giustiniano, delle
Teodosiane taciono: così Hincmaro di Rems: _Et Sacri Africae Provinciae
Canones, et lex Justiniana decernunt_[90]: ed altrove[91]: _Leges
Justiniani dicunt_. Il che comprovasi da quel che Giovanni Italo[92]
scrisse di Abbone padre di Odone Cluniacense, il quale _Justiniani
Novellam memoriter tenebat_. Se bene non mancarono nei tempi seguenti
Autori, i quali anche si valsero della autorità, non meno de' libri
di Giustiniano, che delle leggi Teodosiane, come fecero Ivone di
Chartres[93], Graziano ed altri.

In Italia solamente studiavansi i Pontefici romani di mantenere
l'autorità delle leggi di Giustiniano e degli altri Imperadori
d'Oriente, mostrando di quelle somma stima e venerazione. Erano
i loro disegni di sostenere in Italia a tutto potere l'autorità
degl'Imperadori greci con riconoscergli per Sovrani, perchè in cotal
guisa potessero far contrappeso alle forze dei Longobardi, e tener
divisa l'Italia tra due eguali potenze, acciocchè l'una intraprendendo
sopra l'altra, Roma non cadesse sotto la servitù dell'una, o
dell'altra. Amavano essi meglio l'imperio de' Greci, perchè questi,
come lontani, non erano in istato di badar molto ad impedire i loro
progressi e disegni, che avevano d'impadronirsi di Roma; e perciò
quando i Longobardi avanzavansi tanto, onde si potesse temere,
che finalmente non occupassero quella città la cui perdita sarebbe
stata seguita dalla lor ruina, ricorrevan tosto a' Greci, perchè
s'opponessero di tutto potere a' loro sforzi. In effetto S. Gregorio
M. che, come s'è detto, era molto sollecito, che i Greci non fossero
in tutto discacciati d'Italia, portava somma venerazione alle leggi
degl'Imperadori d'Oriente, e sopra tutto a quelle di Giustiniano,
delle quali sovente valevasi, e delle _Novelle_ più frequentemente,
com'è manifesto appresso Graziano e ne' Decretali[94]. Questo istituto
ancora ritennero da poi i successori, e fra gli altri Gregorio III[95],
Niccolò I, Lucio III, Giovanni VIII[96], ed altri rapportati da Dadino
Alteserra[97]. Per questa cagione seguitando Lione IV i vestigi de'
suoi predecessori, scrisse quell'epistola, che si legge in Graziano[98]
all'Imperadore Lotario I, in cui lo prega a conservare la legge romana:
_Vestram flagitamus clementiam, ut sicut hactenus Romana lex viguit
absque universis procellis, et pro nullius persona hominis reminiscitur
esse corrupta; ita nunc suum robur, propriumque vigorem obtineat_.
Ond'è che Ivone di Chartres[99] disse: _Dicunt enim instituta legum
Novellarum, quas commendat, et servat Romana Ecclesia_: e che poi
siasi veduto gli Ecclesiastici, così nel novero degli anni per la lor
minore età, come in molte altre cose, seguire le leggi romane. Quindi i
libri di Giustiniano nel Ducato romano ebbero in questi tempi maggiore
autorità e vigore, che nell'altre parti d'Italia: siccome l'ebbero
in Ravenna[100] sede dell'Esarcato de' Greci, onde narrasi[101],
che in questa città si fosse lungamente conservato quel volume de'
Digesti, che ora chiamiamo Inforziato, a cui i Ravignani solevano
ricorrere per la decisione delle loro cause: ond'è che a ragione potè
conchiudere Ermando Conringio[102], che in Italia prima di Lotario II,
_Juris Romani, et quidem maxime Justinianei, usus aliquis arbitrarius
superfluit exiguus ubivis; frequentior tamen Romae, inque aliis
Exarchatus locis, quam in Regno Longobardico, Novellarum praecipua fuit
auctoritas in rebus Ecclesiasticis nonnullis_.

Ma i Longobardi per le ostinate e crudeli guerre, ch'ebbero co' Greci,
se bene ad esempio de' Goti lasciassero vivere i provinciali colle
leggi romane, non da altri libri, se non dal Codice di Teodosio, e dal
Breviario d'Alarico, vollero, che quelle s'apprendessero, ed avessero
forza e vigor di legge, imitando anche in questo la pratica de' Goti;
nè infino ad ora per sessantasei anni, da che vennero in Italia, ebbero
essi per loro legge alcuna scritta[103], ma governavansi solamente
secondo i loro costumi, e secondo quegli istituti, che tramandati,
come per tradizione da' loro maggiori, con molta osservanza e religione
mantenevano.

Rotari adunque fu il primo, che assunto al Trono, dopo avere ingrandito
il suo Reame coll'acquisto delle Alpi Cozzie e di Oderzo, pensò a dare
anche le leggi scritte a' suoi Longobardi.

La maniera, colla quale i Re longobardi stabilivano le loro leggi,
fu cotanto commendata da Ugon Grozio[104], che antepone in ciò i
Longobardi a' Romani stessi: questi sovente dall'arbitrio d'un solo
ricevevano le leggi, il qual le mutava e variava a sua posta; onde
tutto ciò che al Principe piaceva, ebbe vigor di legge. All'incontro i
Re longobardi non s'arrogavano soli questa potestà, ma nello stabilirle
vi volevano ancora il parere e consiglio de' principali Signori e
Baroni del Regno: e l'Ordine del Magistrato vi aveva ancora la sua
parte; nè altrove stabilivansi, che nelle pubbliche assemblee a questo
fine convocate, nelle quali non s'ammetteva all'uso di Francia l'Ordine
ecclesiastico, ma solo l'Ordine de' Signori e de' Magistrati: nè la
plebe appresso loro faceva Ordine a parte, ma secondo che scrisse
Cesare dell'antica Gallia: _Plebs plane servorum habebatur loco, quae
per se nil audet, nullique adhibetur Concilio_.

Avendo adunque Rotari, secondo l'Epoca di Camillo Pellegrino, nell'anno
644 intimata una Dieta in Pavia, ragunati quivi i Signori e Magistrati,
stabilì molte leggi, le quali fece egli ridurre in iscritto, ed
inserille in un suo editto, che fece pubblicare per tutto il suo Regno,
non altrimente, che fece Teodorico Ostrogoto, quando pubblicò il suo
per tutta Italia, del quale nel precedente libro si è fatto menzione.
Fra gli altri monumenti dell'antichità, che serba l'Archivio del
monastero della Trinità della Cava dell'Ordine di S. Benedetto, il qual
dopo quello di M. Cassino è il più antico, che abbiamo nel Regno; evvi
un Codice membranaceo da noi con proprj occhi attentamente osservato,
scritto in lettere longobarde, dove non solamente gli editti de' Re
longobardi (cominciando da questo di Rotari) ma anche degl'Imperadori
franzesi e germani, che furono Re d'Italia, vi sono inseriti. In
questo editto di Rotari dopo il proemio, che si vede trascritto anche
dal Sigonio[105] nella sua Istoria d'Italia, si leggono i titoli
di ciascun capitolo, ed il primo comincia: _Si quis hominum contra
animam Regis cogitaverit_: e questi terminati, siegue la conchiusione
dell'editto in cotal guisa: _Praesentis vero dispositionis nostrae
Edictum, etc._[106]. Seguono da poi le leggi, ovvero capitoli, secondo
il numero de' titoli precedenti, e contiene questo editto trecento
ottantasei capitoli, ovvero leggi. Il Compilatore dei tre libri delle
leggi longobarde, che vanno ora impressi nel volume delle Novelle di
Giustiniano, prese da questo editto di Rotari le leggi, delle quali
compilò quasi interamente il primo e secondo libro: e nel terzo libro
due o tre se ne leggono di questo Re, siccome diremo più distesamente,
quando della compilazione di quel volume delle leggi longobarde ci
tornerà occasione di favellare.

L'esempio di Rotari fu imitato da poi dagli altri Re longobardi suoi
successori, come da Grimoaldo, Luitprando, Rachi ed Astolfo: ma di
tutte questi Re niuno lasciò tante leggi, quante Rotari, essendo, come
s'è detto, il lor numero arrivato insino a 386. Fece egli pubblicare
il suo editto in questo anno 644 che fu l'ottavo del suo Regno, per
tutte le province, che erano sotto la sua signoria, e sopra tutto nel
Ducato beneventano, che avendo allora stesi assai più i suoi confini,
era riputato la più ampia e nobil parte del Regno d'Italia.



CAPITOLO VII.

_Di AJONE e RADOALDO, III. e IV. Duchi di Benevento._


Il Ducato di Benevento, per la morte accaduta nell'anno 641 d'Arechi,
che cinque mesi prima di morire avea associato al Ducato Ajone suo
figliuolo, da costui era governato[107]; ma conoscendolo il padre
di poco senno, e men atto a sostenere questo peso, lo raccomandò,
morendo, a Radoaldo e Grimoaldo figliuoli ambedue di Gisulfo già Duca
del Friuli, i quali nella sua Corte erano stati allevati e ritenuti.
Eran questi amati da Arechi, come propri figliuoli, e gli aveva anche
sostituiti al Ducato in mancanza d'Ajone suo figliuolo. Tenendo adunque
il Ducato di Benevento Ajone sotto la cura di questi due fratelli,
cominciarono la prima volta a farsi sentire in queste nostre contrade
gli Schiavoni.

Erano gli Schiavoni originarj della Sarmazia europea, di qua e di
là del Boristene; e seguendo l'esempio e le orme degli altri Popoli
barbari, s'avanzarono fin alle rive del Danubio, e le valicarono
sotto l'Imperio di Giustiniano[108]. Gettatisi poi nell'Illiria, ne
occuparono finalmente una gran parte, particolarmente quella, che
sta tra la Drava e la Sava, tirando verso l'Occidente, chiamata ancor
oggidì dal loro nome Schiavonia.

Questi calando dalla Dalmazia, che già avevano occupata, sbarcati
a Siponto, cominciarono a depredare la nostra Puglia. Ajone intesa
l'irruzione degli Sclavi nella Puglia, la quale era stata in gran parte
al Ducato beneventano aggiunta, unite al meglio che potè alquante
truppe, andò in assenza di Radoaldo prestamente per combattergli;
ma venuto presso al fiume Ofanto all'armi, cadde in un fosso, dove
sopraggiungendo gli Schiavoni lo ammazzarono[109]. Non tenne Ajone
più il Ducato di Benevento, toltone i cinque mesi, che regnò insieme
col padre, che un solo anno; ma lui morto, trionfando gli Sclavi della
vittoria riportata sopra il medesimo, sopraggiunse opportunamente con
valide forze Radoaldo, il quale investitigli con incredibil valore
gli sconfisse e disperse; e dopo aver sì fortemente vendicata la morte
d'Ajone, al Ducato di Benevento fu assunto con Grimoaldo suo fratello,
conforme all'istituzione d'Arechi, il quale ed a se ed al figliuolo
avea provveduto di successore.

Resse questo Principe il Ducato beneventano insieme con Grimoaldo
suo fratello cinque anni. Invase costui altre regioni de' Greci, e
presso Sorrento portò le sue armi: assediò questa città, sforzandosi
di prenderla per assalto; ma i Sorrentini respinsero le sue truppe,
incoraggiti anche da Agapito loro Vescovo; onde Radoaldo sciolse
l'assedio, e Sorrento fu liberata[110].

Governando costoro il Ducato di Benevento, s'intesero la prima volta
di queste province, che ora compongono il nostro Regno, le nuove leggi
scritte dei Longobardi, pubblicate da Rotari col riferito suo editto:
quindi le città del nostro Regno, che in quel Ducato eran comprese, ed
i nostri provinciali, ancorchè quelle per li soli Longobardi fossero
state fatte, cominciarono pian piano ad apprenderle e rendersele
famigliari tanto, che ne' tempi seguenti bisognò, che le romane
cedessero e si conservassero solo come antiche usanze presso alla
plebe, la quale è l'ultima a deporre le leggi ed i costumi de' suoi
maggiori; siccome più innanzi vedremo.

Morto Radoaldo in Benevento nell'anno 647, restando al governo solo
Grimoaldo di lui fratello, tenne costui il Ducato anni sedici, senza
però comprendervi gli altri anni cinque, che avea regnato col fratello.



CAPITOLO VIII.

_Di GRIMOALDO V. Duca di Benevento: delle guerre da lui mosse a'
Napoletani: e morte del Re ROTARI._


Grimoaldo V. Duca di Benevento fu un Principe d'animo sì grande
e intraprendente, che non contento d'aver distesi i confini del
suo Ducato, e riportate molte vittorie sopra i Napoletani e Greci,
aspirando sempre ad imprese più alte e generose, finalmente dal suo
destino fu esaltato al Trono, e resse il Regno d'Italia, dopo i sedici
del suo Ducato, altri anni nove.

Mentre fu egli Duca di Benevento, ebbe sovente a combatter co'
Napoletani; ed in questi tempi si narra esser accaduto ciò, che Paolo
Varnefrido[111] rapporta, di aver egli impedito a' Greci il sacco della
Basilica di S. Michele posta nel monte Gargano, e d'avergli interamente
sconfitti. Vien riferito ancora, che quindici anni da poi, asceso già
al regal Trono in Pavia, avesse un'altra volta sconfitti i Napoletani,
e che questi per tale avversità, tocchi nel cuore, avessero mutata
religione, e da' Gentili ch'erano, avessero abbracciata la Religione
cristiana, siccome narrano l'Autore degli Atti dell'Apparizione
Angelica[112], e l'ignoto Monaco Cassinese[113].

Ma poichè questi successi variamente dagli Scrittori si narrano,
alcuni a' Saraceni imputando ciò, che Paolo ascrive a' Greci; altri,
con manifesto anacronismo, più indietro portando questi successi,
gli fingono a' tempi di Teodorico e d'Odoacre, quando i Longobardi
non erano ancora in Italia conosciuti; ed altri con maggior verità
l'attribuiscono a' medesimi Longobardi; perciò sarà a proposito
più distesamente mostrare, che non i Greci, o i Napoletani, ovvero
i Saraceni, ma i Longobardi diedero il sacco a quel santuario, e
che la conversione dal Gentilesimo al Cattolichismo, la quale a'
Napoletani s'imputa, dee a' Longobardi beneventani, non già agli altri
attribuirsi.

Il monte Gargano, posto nella Puglia sopra Siponto dirimpetto all'isole
Diomedee del mare superiore, oggi dette di Tremiti, nome ancor egli
antichissimo, e da Tacito[114] usato, fu prima renduto celebre al Mondo
da Virgilio e da Orazio; ma da poi a tempo di Gelasio I. Pontefice
romano, fu assai più rinomato per la maravigliosa apparizione in questo
luogo accaduta dell'Arcangelo Michele; e discacciati d'Italia i Goti
dall'Imperador Giustiniano per Belisario e Narsete, ed all'Imperio
d'Oriente finalmente restituita, fu incredibile la venerazione
de' Greci verso questo Santo. Non vi ebbe città così nella Grecia,
come in Italia, che non gli fabbricasse tempj e non gli dirizzasse
altari. Narra Procopio[115], che da Giustiniano nella sola città di
Costantinopoli gli furon molti nuovi tempj eretti, ed altri antichi
rifatti: il cui esempio imitarono ancora l'altre città greche d'Italia.
In Napoli massimamente la di lui venerazione fu maravigliosa, avendogli
i Napoletani innalzato ancor essi un tempio, che poi secondo il
rito della Chiesa romana, fu in tempo di S. Gregorio M. dedicato,
e lo stesso Pontefice di questa dedicazione in una sua epistola fa
memoria[116]. Di molti altri Imperadori greci, e particolarmente
di Eraclio si narra lo stesso, i quali di ricchi e preziosi doni
arricchirono quel santuario: in guisa che non potrà porsi in dubbio,
che i Napoletani per lungo tempo a' Greci congiunti, non avessero una
pari religione e venerazione a questo Arcangelo portata: ed il voler
imputare i Napoletani in questi tempi d'infedeltà e d'idolatria, egli
è un error così grande, che la sola cronologia de' Vescovi cattolici di
questa città, e ciò che nel precedente libro si è narrato, può renderlo
manifesto e indubitato.

All'incontro è certissimo, che quando i Longobardi ritolsero a' Greci
l'Italia, non altra religione professavano, se non quella de' Pagani,
e molti l'Arrianesmo, e quantunque nel Regno d'Agilulfo, seguendo i
Longobardi l'esempio del loro Principe, avessero molti di essi lasciato
l'Arrianesmo e l'Idolatria; nientedimeno perseverando gli altri Re
suoi successori nell'Arrianesmo, fu cagione, che i Longobardi, e
particolarmente que' di Benevento tornaron di nuovo nei primi errori,
de' quali non finiron d'interamente spogliarsi fino all'anno 663,
quando, fugato Costanzo Imperadore per opera di S. Barbato Vescovo di
Benevento, alla religion cattolica furon convertiti, come quindi a poco
diremo.

È altresì notissimo a chi attentamente considererà l'istoria de'
Longobardi di Paolo Varnefrido, che questo Scrittore, siccome furono
tutti gli altri di tal Nazione, per esser longobardo, si è studiato
a tutto potere di scusare i suoi da questa nota d'infedeltà, e dagli
errori d'Arrio; anzi in tutto il corso della sua istoria non favellò
mai della religione, che tennero questi Popoli, tanto che nemmeno
della loro conversione per opera di S. Barbato alla cattolica credenza
ne dice parola, per fuggire di non esser costretto a far menzione
degli antichi errori, come accuratamente notò il diligentissimo
Pellegrino[117].

Quindi nella storia sua molte cose sono imputate a' Greci, che da'
Longobardi si commisero, siccome con verità osservò anche il Cardinal
Baronio[118]: e chiarissimo documento ne farà questo stesso successo:
conciossiachè è affatto incredibile, che i Greci cotanto veneratori
di quel santuario avessero potuto avere un animo così perverso,
come e' dice, di saccheggiarlo, e che perciò venuti all'armi co'
Longobardi, fossero da costoro stati distolti di così esecrando e
sacrilego eccesso. Tutto al rovescio è da credersi, che andasse la
bisogna, ed appunto come ce la descrive il Pellegrini[119], cioè che
i Longobardi contendendo co' Greci della possessione di quel luogo,
dopo una lunga ed ostinata pugna, finalmente fosse loro riuscito di
vincere i Greci, e siccome quelli ch'eran già avvezzati a somiglianti
scelleratezze, ciocchè essi sotto Zotone avevan altra volta fatto nel
monte Cassino, vollero Sotto Grimoaldo replicar nel monte Gargano,
saccheggiando quel santuario, che ricco per varj doni de' Greci potè
invitar la loro rapacità a quel sacrilegio. Ed in fatti dagli atti
medesimi di S. Barbato Vescovo di Benevento, che non ancora impressi
si conservavano nel monastero delle Monache di S. Gio. Battista della
città di Campagna, e che furono da poi da Giovanni Bollando[120]
dati alla luce colle sue note, e parte d'essi si veggono ora anche
impressi nell'ottavo volume di Ferdinando Ughello[121], si vede con
chiarezza, che quella Basilica patì allora in realtà il sacco: tanto è
lontano, che fosse stato impedito dai Longobardi beneventani, restando
così incolta e desolata, _ut nec sedulum illic officium persolvi
possit_, come dice S. Barbato. Nè cominciò a restituirsi al suo antico
lustro, se non quindici anni da poi, quando discacciato Costanzo da'
Longobardi, a' conforti di Barbato abbracciarono la Religion cattolica,
deponendo l'Infedeltà; la qual conversione all'Autore degli Atti
dell'Apparizione Angelica, essendo parimente Longobardo, piacque ancora
d'addossarla a' Napoletani greci come vedremo più innanzi: ciò che
maggiormente confermerà quanto ora si è detto.

E per questa stessa ragione si vede, che vanno eziandio errati
coloro[122], i quali vogliono imputare i Saraceni di ciò, che Paolo
Varnefrido narra de' Greci; scrivendo essi, che Grimoaldo nel monte
Gargano in questi anni del suo Ducato avesse combattuto co' Saraceni, i
quali volendo saccheggiar quel santuario, furono da Grimoaldo sconfitti
e debellati; poichè questa guerra fu, come Varnefrido la scrive, tra'
Longobardi e Greci, e non co' Saraceni, i quali in questi tempi non
erano ancora venuti a depredare queste nostre province; e poi quando ci
vennero, non nel Gargano, ove non mai si fermarono, se non negli ultimi
tempi, ma nel Garigliano _sua aliquando domicilia habuerunt_, come
dice il Pellegrino. Nè è vero, che fu impedito il sacco, perchè seguì
veramente; onde la sconfitta, che si narra data a' Saraceni nel Gargano
da Grimoaldo, è ugualmente favolosa di quell'altra, che dal Summonte e
da altri vien riferita di aver ricevuta in Napoli da S. Agnello Abate,
in tempo che questi Popoli in Italia non erano stati ancora conosciuti;
nè il nome loro era stato in queste nostre parti peranche inteso.

Ma mentre i Longobardi beneventani sono occupati in queste guerre co'
Greci napoletani, accadde nell'anno 652 in Pavia la funesta morte
di Rotari Re, il quale morendo lasciò erede e successore nel Regno
_Rodoaldo_ suo unico figliuolo, non restando altri della sua virile
stirpe, che questo unico rampollo. Resse Rotari sedici anni il Regno
con tanta prudenza e giustizia, che tra i Principi più illustri
della terra fu meritamente annoverato; e dall'aver egli lasciato
in libertà i suoi sudditi di poter vivere in quella religione, che
volessero, permettendo, che in quasi tutte le città del suo Regno vi
fossero due Vescovi, l'un cattolico e l'altro arriano, diede questo
pernizioso esempio nuovo stimolo agli empj Politici di confermare la
loro massima, che il Principe non dovesse molto impacciarsi della
religione de' sudditi, nè sforzargli a dover credere, e professar
quella, ch'egli reputasse la più vera: onde Bodino[123] difensor di
questa perversa dottrina, all'esempio di Teodosio M. di cui crede,
che avesse medesimamente permesso a' suoi sudditi simile libertà di
coscienza, senza curarsi punto se fossero arriani o cattolici, non
si dimenticò d'aggiunger questo altro di Rotari, il quale permise lo
stesso. Non è però da tralasciarsi di notar qui di passaggio l'errore
di questo Scrittore, che reputò Teodosio M. essere stato Autore di
quella legge[124], la quale quantunque nel Codice Teodosiano portasse
in fronte così il nome di Teodosio M. come l'altro di Valentiniano II,
egli è però costante presso a tutti gli Scrittori, che Autore di quella
ne fosse Valentiniano, il quale per impulso dell'Imperadrice Giustina
sua madre, e ad istanza de' Goti arriani, residendo in quell'anno in
Milano la fece pubblicare, contro alla quale declamò tanto S. Ambrogio
Vescovo di quella città; ed è altresì noto, che ancorchè gl'Imperadori
reggessero allora l'Imperio diviso in occidentale ed orientale,
nulladimanco il costume era, che le leggi, che si promulgavano o
dall'uno, o dall'altro, portavano in fronte i nomi di tutti coloro,
che governavano allora l'Imperio: ciocchè osserviamo ancora ne' marmi;
ed infiniti altri esempj ne somministra il Codice stesso Teodosiano,
siccome fu anche osservato dal diligentissimo Jacopo Gotofredo[125],
il quale dell'istesso errore notò Francesco Baldovino, che per quella
iscrizione credè parimente, che Teodosio M. fosse stato autore di
quella legge.



CAPITOLO IX.

_Di RODOALDO, ARIPERTO, PARTARITE e GUNDEBERTO, VIII, IX, X e XI Re de'
Longobardi._


Siccome nel lungo e savio Regno di Rotari, le cose de' Longobardi
andarono molto prospere in Italia, così il molto breve e sconsigliato
di _Rodoaldo_ suo figliuolo, e più la discordia de' suoi successori
pose le loro fortune in pericoloso stato. Rodoaldo, ancorchè Varnefrido
rapporti aver regnato cinque anni, appena governò solo un anno;
poichè avendo stuprata la moglie d'un certo Longobardo, fu dal marito
ammazzato; e ne' suoi cinque anni di Regno, Paolo annoverò quelli,
quando regnò insieme col padre, che lo fece suo collega.

Essendo mancata per tanto la maschile stirpe di Rotari, raunati i
Longobardi per creare un nuovo Re, elessero _Ariperto_ figliuolo di
Gundoaldo fratello di Teodolinda. Tenne costui il Regno de' Longobardi
nove anni, secondo Varnefrido[126]; nè in tutto il corso del suo
Imperio l'istoria rapporta cosa di lui degna di memoria, se già non se
gli volesse ascrivere a lode l'opinione, che di lui avevasi, che fosse
alla religione cattolica assai inclinato contro all'esempio di Rotari
e del figliuolo Rodoaldo.

Morì nell'anno 661 Ariperto, e lasciò di se due figliuoli, _Partarite_
e _Gundeberto_, tra i quali partì con pessimo consiglio il Regno.
Così Gundeberto tenne la sede del suo Regno in Pavia, e Partarite
nella città di Milano: che fu cagione, onde a Grimoaldo nostro Duca
di Benevento s'offerse l'opportunità di scacciare ambedue dalle loro
sedi, e di rendersi signore di tutto il Regno; poichè nata fra' due
fratelli discordia e odio grandissimo, ciascuno cercava d'occupare il
Regno dell'altro; onde non contento Gundeberto di sua sorte, vennegli
talento di tener solo l'intero Regno, e discacciarne il fratello: ma
non fidandosi delle proprie forze, mandò Garibaldo Duca di Torino
a Grimoaldo Duca di Benevento, perchè a questa impresa l'aiutasse,
promettendogli in premio la sorella per moglie.

Ma il Duca di Torino tutto altro espose a Grimoaldo, e tradendo il suo
Signore, lo persuase a non dover trascurare d'approfittarsi di questa
discordia, che poteva porgli in mano il Regno; nè durò molta fatica
a persuaderlo: onde preso dall'avidità di regnare unì, come potè il
meglio, alquante truppe, e lasciato in Benevento per Duca Romualdo
suo figliuolo, verso Pavia incamminossi. Giunto a Piacenza spedì a
Gundeberto coll'avviso della di lui venuta Garibaldo, il quale fatta
l'imbasciata, volle in oltre persuaderlo a dovergli andare incontro; e
se pure avesse di qualche cosa sospettato, poteva sotto le regali vesti
armarsi di corazza; dall'altro canto con inaudita perfidia avvertì
Grimoaldo, che si guardasse bene di Gundeberto, poichè armato veniva
ad incontrarlo. Credette Grimoaldo al traditore; e tanto più stimò
vero il sospetto, che essendosi poi incontrati, tra i saluti e gli
abbracciamenti, toccò veramente esser Gundeberto di corazza armato,
onde punto non dubitò che tutto si fosse apparecchiato per ucciderlo,
nel quale impeto sfoderando la spada lo trafisse, e morto lo distese
a terra, ed in un subito occupò il Regno, facendosene signore. Aveva
allora Gundeberto un picciol figliuolo chiamato Ramberto, il quale
secretamente fu trafugato da' suoi fidati, e fatto diligentemente
allevare: nè Grimoaldo si curò molto di averlo in mano, perciocchè era
ancora bambino.

Non così tosto ebbe di questo successo avviso Partarite, che pien di
paura, con celerità grande lasciando in abbandono lo Stato, Rodolinda
sua moglie, e Cuniperto picciolo suo figliuolo, se ne fuggì, e sotto
Cacano Re degli Avari ricovrossi. Grimoaldo preso ch'ebbe Milano,
confinò in Benevento Rodolinda e Cuniperto, e passato da poi in Pavia,
fu proclamato Re dagli stessi Longobardi nel fine di questo anno 662,
ed avendosi sposata la sorella di Gundeberto con estrema allegrezza di
tutti, rimandò carico di doni l'esercito in Benevento, e seco ritenne
solo alcuni suoi più fidati, che innalzò poi a' primi onori del Regno.



CAPITOLO X.

_Di GRIMOALDO XII. Re de' Longobardi, di ROMUALDO VI. Duca di
Benevento; e della spedizione Italica di COSTANZO Imperador d'Oriente._


Mentre Grimoaldo regnava in Pavia, e Romualdo suo figliuolo in
Benevento con tanta felicità, ecco che lor s'appresta una guerra
oltramodo travagliosa e crudele, la quale portava il pericolo
sommo d'esser dai loro Stati interamente discacciati. Infino a qui
gl'Imperadori greci poco curando delle cose d'Italia, e contenti
solamente d'avere in lei l'Esarcato di Ravenna, il Ducato di Roma, e
quelli di Napoli, di Gaeta, e d'Amalfi, con alcune altre città della
Calabria e dei Bruzj, niun pensiero prendevansi di restituirla al loro
Imperio. L'Imperador Eraclio appena potè contenere i Longobardi ne'
loro limiti, perchè interamente non finissero di scacciare d'Italia
i Greci; ma morto costui nel mese di maggio dell'anno 641 lasciò per
successore _Costantino_ suo figliuolo; fu allora veduta la sede di
Costantinopoli in tante revoluzioni, che non potè pensare alle cose
d'Italia; conciossiachè Costantino non istette più sul Trono, che
quattro, o second'altri[127], sei mesi, avendolo fatto morire Martina
sua madrigna, per mettervi _Eracleone_ suo figliuolo. Ma questi ne
fu cacciato in capo a sei mesi, e relegato insieme con sua madre.
_Costanzo_, figliuolo di Costantino, gli succedè nell'anno 642, in
tempo del quale l'Imperio d'Oriente cominciò ad aver qualche respiro.
Questo Principe s'invogliò talmente di riunire l'Italia all'Imperio
d'Oriente, che reputò indegnamente portar la corona di quell'Imperio,
se non avesse d'Italia affatto i Longobardi discacciati: e fu tanta
l'ardenza sua in eseguire questo disegno, che non soddisfatto di
mandarvi Capitani per questa impresa, volle egli stesso, lasciando in
abbandono la sede di Costantinopoli, portarsi in persona in queste
nostre contrade, e porsi alla testa dell'esercito: cosa veramente
nuova, nè altre volte accaduta, essendo stata questa la prima volta,
che fu veduto un Imperador d'Oriente portarsi in Italia ed in Roma.
La novità e stravaganza del qual fatto diede molto da pensare per
iscovrire i consigli e le cagioni di tal mossa.

Alcuni credettero, che avendo egli scelleratissimamente ammazzato
Teodoro suo fratello, il quale sovente con immagini tetre e formidabili
lo spaventava, agitato da sì funeste larve, proccurasse allontanarsi da
quella città, e da que' luoghi a lui già fatti odiosi e funesti[128].
Altri attribuivano questa sua mossa all'odio, che i Costantinopolitani
portavangli per aver egli abbracciata l'eresia de' Monoteliti, e
che perciò proccurasse trasferir la sede dell'Imperio in Roma. Ma
i più sensati Autori, fra i quali sono Anastasio Bibliotecario e
Varnefrido[129], dicono che non per altro si fu mosso, se non per
la cupidità di ricuperare l'Italia, e per la speranza di potere con
le sue forze discacciare da questi luoghi i Longobardi. Perciò nella
primavera di questo anno 663, apprestata una grande armata di mare,
da Costantinopoli partissi, e verso Taranto dirizzò il cammino. Molte
città di queste province, che ora formano il nostro Regno, tenevansi
tuttavia ne' tempi di Costanzo sotto la Signoria dei Greci, i quali
oltre al Ducato napoletano, e agli altri Ducati minori, vi avevano
parimente molte altre città marittime della Calabria, siccome Taranto
altresì, non ancora da' Longobardi beneventani occupata. Giunto
Costanzo in questa città, e sbarcatevi le sue truppe, alle quali
unironsi poi i Napoletani, verso Benevento dirizzossi. Questa non
aspettata comparsa de' Greci pose da principio in tanta costernazione
e spavento i Beneventani, che molte città della Puglia furon da
essi abbandonate: onde con leggier contrasto potè Costanzo prender e
devastar Lucera, città da Siponto non molto lontana: ma non potè già
far lo stesso di Acerenza per esser posta in fortissimo luogo: e non
volendovi consumare più lungo tempo, andossene prestamente a campo
sotto Benevento, e di stretto assedio la cinse.


§. I. _Di ROMUALDO, VI. Duca di Benevento._

Romualdo Duca di Benevento vedutosi in questo stato, tosto spedì
Gesualdo suo Balio al Re Grimoaldo suo padre in Pavia, perchè gli
mandasse validi soccorsi: ed intanto i Longobardi beneventani,
ancorchè da' Greci fosse più volte stata assalita la città, sempre
però gli ributtarono, ed alle volte ancora gli assalirono ne' proprj
alloggiamenti con varie sortite, e per ogni parte danni e rotte
considerabili gli diedero: nella difesa della quale città, non conferì
poco l'opera di Barbato Prete, e poi suo Vescovo, il quale declamando
sempre, che di questi mali eran puniti i Longobardi beneventani con
guerre sì crudeli, perchè non ancora avean deposta la superstizione
de' Gentili, ed alcuni l'Arrianesimo; tanto fece, che ridusse quei
popoli a deporre l'Idolatria, e ad implorare per lo scampo delle
imminenti calamità il divino aiuto e la protezion de' Santi: e ad
esser da poi persuasi, che ne fossero scampati per opera divina. Ma
mentre Costanzo era in questo assedio, ecco che il Re Grimoaldo vien
di persona con potente esercito a soccorrere il figliuolo; ed in tanto
manda Gesualdo a dargli avviso che stasse di buon animo, ch'egli era
ben tosto per liberarlo. Ma l'infelice, giunto al campo nemico, mentre
tenta di gettarsi dentro l'assediata città, fu preso e portato innanzi
all'Imperador Costanzo, il quale sentendo, che Grimoaldo già sen veniva
con forte esercito a soccorrere il figliuolo, e ch'era già vicino,
turbossene grandemente: e risoluto di levar l'assedio, tentò, perchè
sicuramente potesse farlo, e potesse anche ricavarne qualche onesta
condizione di pace, che Gesualdo tutto al rovescio esponesse a Romualdo
l'ambasciata; onde fattolo condurre sotto le mura, il costrinse a
chiamar Romualdo, al quale voleva egli che dicesse di non potere in
conto alcuno venir suo padre per soccorrerlo; ma Gesualdo con animo
intrepido e forte, veduto Romualdo sopra la muraglia, con alta voce,
perchè tutti i Greci, ch'eran presenti, anche il sentissero, gli disse:
_Sta forte, e di buon animo, o Signore, e non ti smarrire; ecco tuo
padre è già vicino con potente esercito per tuo soccorso, e questa
notte al fiume Sangro dee esser giunto. Ben ti raccomando la mia cara
moglie, ed i miei cari figliuoli perchè son certo, che questi ribaldi
Greci mi faran tosto morire_[130]. Sdegnato fieramente Costanzo per
così generoso e magnanimo atto, fecegli tosto mozzare il capo, che
con una briccola il fece buttar dentro le mura della città. Il Duca
Romualdo presolo ed affettuosamente baciandolo, di molte lagrime il
bagnò, così onorando la singolar sua virtù, e l'amor del suo fedele,
con fargli inoltre dare sontuosa e nobile sepoltura.

Temendo perciò l'Imperadore della venuta di Grimoaldo, sciolse
l'assedio, e mentre verso Napoli, sua città, frettoloso si avvia, il
Conte Mitula di Capua nel cammino diede al suo esercito una grande
rotta al fiume Calore, che non poco l'afflisse: e giunto finalmente in
Napoli con animo di voler quindi passare in Roma, essendosi esibito
Saburro, che gli dava il cuore, se l'Imperadore lasciasse sotto al
suo comando ventimila soldati, di debellar tutti i Longobardi, e
riportarne certa vittoria; Costanzo glieli concedette, e lasciollo
sul passo di Formia, che ora dicono esser Castellone, o Mola di Gaeta,
almeno perchè gli servissero per tener a freno il nemico, che andando
egli in Roma, lasciavasi indietro. L'esercito di Saburro era misto di
Greci e di Napolitani, Popoli che furon sempre rivali ed implacabili
nemici de' Beneventani, e co' quali ebbero sempre crudeli ed ostinate
guerre. Era Grimoaldo giunto in Benevento, quando intese i vanti di
Saburro, ed i disegni de' Greci, e fu per andarvi egli di persona
per combattergli; ma pregato da Romualdo suo figliuolo, che a lui
commettesse questa impresa, bastandogli il cuore di vincergli, egli ne
fu contento, e gli diede una parte del suo esercito. Con intrepidezza
incomparabile affrontò Romualdo l'esercito nemico, e mentre fieramente
si combatte, ed era ancor dubbia la pugna, ecco che un Longobardo,
Amelongo nomato, ch'era solito di portar la lancia innanzi al Re, con
animo forte, coll'istessa lancia percosse un Cavalier greco con tanta
forza ed empito, che levatolo da sella l'alzò all'aria in alto, e per
sopra il suo capo lo fece precipitare in terra. Per così valoroso fatto
tanto terrore e spavento entrò ne' Greci che vilmente abbandonando il
Campo, dieronsi a fuggire, ed i Longobardi seguitandogli fecero di loro
strage crudelissima, e piena vittoria ne riportarono. Romualdo pien
di gioja, trionfando, in Benevento tornossene, ove accolto dal padre
e da' Beneventani con applauso grande, da tutti, come liberator della
Patria e dello Stato, fu onorato e commendato. Intanto l'Imperador
Costanzo quando vide vana ogni sua opera, parendogli essere fuori
di ogni speranza di superare i Longobardi, perchè all'intutto non
paresse inutile la sua venuta in Italia, pensò, pieno di cruccio andare
in Roma ove, ancorchè fosse stato accolto con molti segni di stima
e di venerazione da Vitaliano romano Pontefice, in dodici giorni,
che vi dimorò, non attese ad altro, che a spogliarla de' più ricchi
ornamenti, che vi ritrovò, e toltone quanto eravi di più rado, d'oro,
d'argento, di bronzo, e di marmo, e fattolo imbarcar ne' suoi legni
per condurlo in Costantinopoli, egli per cammin terrestre tornossene
a Napoli, e quindi a Reggio, ove la terza volta furono le sue truppe
da' Beneventani battute: indi a Sicilia portossi; quivi essendo egli
dimorato qualche tempo, fu in Siracusa, mentre si lavava nel bagno,
nell'anno 668 da' suoi stessi miseramente ucciso[131]; e le sue
inestimabili prede e ricchezze, che da Roma e da altri luoghi aveva
raccolte, capitate in mano de' Saraceni, non già in Costantinopoli, ma
in Alessandria furon condotte.

Ecco qual fine, per se e per li Greci funesto, ebbe l'impresa
di Costanzo, il qual promettendosi di restituire l'Italia al suo
Imperio, rendè più prospere le fortune de' Longobardi: spedizione
quanto infelice per li Greci, a' quali mancò poco, che non fossero
interamente scacciati d'Italia, altrettanto avventurosa e prospera per
li Longobardi, i quali maggiormente stabiliti ne' loro Stati, a niente
altro da poi furono intenti, che a discacciare i Greci da quelle città,
ch'essi ancor ritenevano. Per queste illustri vittorie Romualdo ampliò
poi tanto il Ducato beneventano, che discacciati i Greci da Bari,
Taranto, Brindisi, e da tutti que' luoghi della Calabria, che oggi
Terra d'Otranto diciamo, gli ridusse al solo piccolo Ducato di Napoli
e di Amalfi, ed Otranto. Gallipoli, Gaeta, e ad alcune altre città
marittime de' Bruzj, che oggi Calabria ulteriore chiamiamo.

Queste furono le memorabili rotte, che gl'Istorici in questi tempi
narrano essersi date da' Beneventani a' Napoletani, ne' quali per
opera di S. Barbato i Longobardi beneventani abbandonarono interamente
l'Idolatria e la superstizione: il culto della religione cattolica
tenacemente abbracciando. La qual conversione, volendo a sommo studio
tener nascosta Varnefrido e lo Scrittore degli atti dell'Apparizione
Angelica nel monte Gargano, ambedue di nazione longobarda, perchè con
ciò non si scovrisse, che sino a questi tempi i Longobardi avevan
ritenuto il Gentilesimo, di ciò, ch'essi fecero, n'imputarono i
Napoletani, i quali, come si è veduto, e di quel santuario, e della
fede cattolica erano riverenti e tenaci. Nè maggior pruova di questo
potrà aversi, se non dagli Atti di S. Barbato istesso, dati ora alla
luce dal Bolando, e dall'Ughello[132], il quale Santo, dopo aver
persuaso al Duca di Benevento ed a' Longobardi, per opera divina,
e dell'Arcangelo Michele essere scampati da tante calamità, questi,
deposto ogni rito pagano, ed abbracciata la religion cattolica, lo
elessero per Vescovo di quella città; ed avendogli il Duca profferto
molti e ricchi doni, il santo Vescovo gli rifiutò, persuadendo a
Romualdo, che que' doni offerisse alla Basilica del monte Gargano,
la quale, a cagion del preceduto sacco, essendo rimasa incolta e men
frequentata, proccurasse egli renderla più culta, e col suo esempio la
venerazion di quel luogo a' suoi Longobardi instillasse; ed inoltre
che tutto ciò, ch'era nel tenimento del Vescovato Sipontino alla sua
sede beneventana sottoponesse, perchè que' luoghi allora incolti, posti
sotto la sua cura, meglio da lui potessero custodirsi e governarsi;
siccome da Grimoaldo fu fatto. Quindi nacque, che fin da questi
tempi di Vitaliano, romano Pontefice, il Vescovato di Siponto, e la
cura della Basilica garganica alla sede beneventana si appartenne;
com'è pur manifesto da alcune epistole di Vitaliano Papa a Barbato
istesso dirette, rapportate da Mario Vipera nel libro primo della
sua Cronologia de' Vescovi ed Arcivescovi beneventani, onde da poi
ne' tempi seguenti lungamente si è veduta la Chiesa sipontina e la
garganica a' Vescovi beneventani soggetta, insino che, ruinando già il
Principato di Benevento, fu a Siponto dato il suo Arcivescovo, alla
cui cura ritornarono assolutamente queste Chiese, come, quando della
politia ecclesiastica di questi tempi ci tornerà occasione di trattare,
più distesamente diremo.

Per questa cagione crebbe la venerazione di questo santuario appresso
i Longobardi beneventani, tanto che per lor protettore lo riconobbero,
e siccome i Longobardi _Subalpini_ ebbero per loro protettore il
Precursor di Cristo, i Longobardi spoletani S. Sabino Vescovo e
Martire; così i nostri Longobardi _Cistiberini_ ebbero l'Arcangelo
Michele[133]; onde si fece poi che tutte le vittorie, che ne'
seguenti tempi riportarono i Beneventani sopra i Napoletani, come
che sovente accadute, siccome fu questa agli otto di Maggio, giorno
dell'Apparizione Angelica, tutte l'attribuirono all'intercessione di
questo lor protettore[134]. Quindi parimente si manifesta l'error di
coloro, i quali, ignari di questi fatti, riportano indietro questi
avvenimenti sino a' tempi di Teodorico ostrogoto, e vedendo che ancor
prima di que' tempi erano i Napoletani cattolici, vollero, che ciocchè
diceasi de' Napoletani infedeli, dovea intendersi de' Vandali, che
allora sotto Odoacre eran congiunti a' Napoletani contra i Goti.


§. II. _Venuta de' Bulgari: ed origine della lingua italiana._

Ma ritornando al Re Grimoaldo da noi in Benevento lasciato, questo
Principe, vedendo già tutte a terra le fortune de' Greci, da poi
ch'ebbe premiato Mitula Conte di Capua, al quale oltre ad aver data per
isposa una sua figliuola, per la morte di Zotone, lo fece anche Duca
di Spoleti, a Pavia sua regal sede si restituì. Mentre quivi è tutto
inteso a gastigar la fellonia di Lupo Duca del Friuli, ecco che viene a
lui Alezeco Duca de' Bulgari[135], il quale abbandonando, nè si sa per
qual cagione, i suoi proprj paesi, entrato pacificamente in Italia co'
suoi Bulgari, offre a Grimoaldo il suo servigio, cercandogli di voler
abitare co' suoi in qualche luogo, che gli destinasse del suo dominio.
I Bulgari erano usciti da quella parte della Sarmazia asiatica, ch'è
bagnata dal fiume Volga; e dopo avere traversati tutti que' vasti
paesi, che si stendono da questo fiume fin alle bocche del Danubio,
lo passarono per la prima volta al tempo dell'Imperador Anastasio,
e diedero spesso grandissimi guasti alla Tracia ed all'Illirico, e
stabilironsi finalmente lungo il Danubio, in quel tratto di paese, che
comprende le due Misie con la picciola Scizia, che vien detta oggidì
Bulgaria dal nome di questi Popoli.

Il Re accoltolo benignamente, pensando potergli molto giovare a
soccorrere e ajutare suo figliuolo contra i Greci, lo mandò in
Benevento a Romualdo, al quale impose, che a lui colla sua gente
assegnasse alcuni luoghi del Ducato beneventano, ove potessero abitare.
Il Duca Romualdo graziosamente ricevendogli, diede per loro abitazione
molte buone città di quel Ducato, cioè Sepino, Bojano, ed Isernia,
con altre città e territorj vicini: ma volle, che lasciato il titolo
di Duca (come che que' luoghi glieli assegnava, non in Signoria, nè
perpetualmente), chiamar si facesse per l'avvenire Gastaldo, riputando
forse ancora cosa inconveniente, che non avendo egli altro titolo, che
di Duca, potesse anche un altro a se soggetto ritenerlo. Quindi anche
avvenne, che diviso il Ducato beneventano in più Contee, essendo tutte
al Duca di Benevento soggette, non avessero altro nome coloro, ch'erano
destinati al governo delle medesime, che di Conti o di Gastaldi, e
ritenessero que' luoghi, come dice Cujacio, _Jure Gastaldiae, non
perpetuo, proprioque Feudi Jure_[136].

Ed ecco in questo anno 667 introdotta nel nostro Regno una nuova
Nazione di Bulgari: gente, che per molti secoli abitò in quelle
contrade, che ora Contado di Molise chiamiamo, e che se bene cento
cinquanta e più anni da poi, quando Varnefrido scrisse la sua istoria,
avessero appreso il nostro comune linguaggio italiano, non aveano però
ne' tempi di quest'Istorico ancora perduto l'uso della lor propria
favella; come egli rapporta nel _lib._ 5 de' gesti de' Longobardi
al _capo_ 11, nel qual luogo dovrà notarsi, che scrivendo egli, che
i Bulgari ritenessero nella sua età il proprio linguaggio, se bene
parlassero ancora latinamente, _quamvis etiam latine loquantur_, non
perciò dovrà intendersi, come si diedero a credere alcuni[137], che
favellassero colla lingua latina romana, la quale ne' tempi, ne'
quali scrisse Varnefrido, cioè verso il fine del nono secolo, era
già andata presso al comune in disusanza, e solo nelle scritture, ma
molto corrotta, era ritenuta: ed un'altra nuova popolare e comune,
dalle varietà e mescolamenti e confusioni di tante straniere lingue
colla latina cagionata, erasi già in Italia introdotta, che Italiana
appellossi.

Nè bisogna dubitar punto, se in questa stagione avesse la lingua
italiana preso piè e vigore, essendo ella più antica che altri non
crede. Fin da' tempi di Giustiniano Imperadore attesta Fornerio[138]
essersi in Ravenna stipulato istromento, _conceptum eo fere sermone,
quo nunc vulgus Italiae utitur_. Costantino Porfirogenito pur ne' suoi
tempi verso l'anno 910 chiamò _Città nova_ Benevento e Venezia[139].
L'Autore degli Atti di Alessandro III presso il Cardinal Baronio[140],
riferendo l'ingiurie dette dalle donne Romane ad Ottaviano Antipapa,
dice che lo chiamavano _lingua vulgari: smanta compagno_. Ne' tempi poi
di Federico II, già era comunissima, e resa ormai già vecchia: oltre
di quel Romito calabrese, che secondo narra Riccardo di S. Germano[141]
andava gridando_: Benedittu, laudatu e santificatu lu Patre: Benedittu,
laudatu, e santificatu lu Fillu: Benedittu, laudatu, e santificatu lu
Spiritu Santu_, dell'istesso Federico, d'Enzio suo figliuolo bastardo,
di Pietro delle Vigne, e di tanti altri di quel secolo, si leggono
molte composizioni dettate in italiana favella.

Questa venne dagli Scrittori di questa età, e delle seguenti ancora,
detta anche Latina; poichè si usava comunemente da que' medesimi
antichi provinciali, che Latini o Romani, per distinguergli o da'
Greci, o dai Longobardi, o dall'altre Nazioni, che vennero in Italia,
erano appellati, il linguaggio de' quali, prima della corruzione, era
il prisco latino; onde è che non solo Paolo Varnefrido, ma appo gli
Scrittori molto a lui posteriori, il parlar latino comune e popolare,
era lo stesso che il volgar italiano. Così Ottone frisingense[142]
loda i Longobardi de' suoi tempi già fatti Italiani, per l'eleganza
del sermon latino, cioè dell'italiano, col quale parlavano così bene
ed espeditamente. Nè in questi tempi il nostro idioma italiano altro
nome avea, che di volgar latino: tale fu appellato nella fine del
primo capitolo di Ser Brunetto. Così anche latine loqui presso Dante
Alighieri, Petrarca[143], e Giovanni Boccacci[144], sono detti coloro,
i quali non del prisco latino, ma col sermon nostro italiano parlavano,
come accuratamente osservò anche il diligentissimo Pellegrino[145].

E da questa residenza, ch'ebbero varie Nazioni in molte parti del
nostro Regno, è nata quella tanta diversità di linguaggi, ancorchè
tutti parlassero italicamente, che oggi osserviamo nelle nostre
province. Imperocchè fermati i Bulgari per più secoli in quelle città,
ancorchè essi a lungo andare renduti già Italiani, deponessero il
sermon proprio, ed il popolare linguaggio apprendessero, e l'antico
cedesse al comune italiano; nientedimeno questa mescolanza di due
Nazioni in un medesimo luogo portò, che l'italiano, se ben superiore,
rimanesse alquanto contaminato; ed oltre alle nuove parole di quella
straniera Nazione, quell'aria, o accento, o pur vocabolo dello
straniero ritenesse. Così anche nell'altre parti del nostro Regno,
come nel Sannio e negli Apruzzi, ove i Longobardi più lungamente si
mantennero, lasciarono, oltre a' vocaboli, un'impressione diversa
dalla comune italiana favella. Ed in quelle regioni, ove i Greci lungo
tempo dominarono, come in alcune città della Calabria, ed in Napoli
particolarmente, ancor oggi si ritiene molta aria di quel parlare, e si
ritengono ancora molti vocaboli: nè è mancato chi di essi abbia voluto
tesserne lungo catalogo, come fece il Capaccio[146] dei vocaboli greci
ritenuti anche oggi da' Napoletani, e de' quali nel comun parlare si
vagliono. E non essendo finita qui la novità e varietà delle straniere
genti, che invasero il Regno, ma succeduta una Nazione all'altra in
varj tempi, ed anche in varie regioni di esso; quindi nacque il tanto
vario e strano mescolamento, che oggi si vede.

Anche gli Arabi, o sieno Saraceni, lasciarono a noi la lor parte:
questi fermati prima nel Garigliano, indi sparsi per le Calabrie, per
la Puglia, ed in Pozzuoli, lasciarono fra noi varie parole, come per
darne un saggio, sono quelle di _Meschino_, _Magazzino_, _Maschera_,
_Gibel_, che significa monte; onde Gibel l'Etna per eccellenza
s'appellò, e poi corrottamente Mongibello, dicendosi due fiate lo
stesso; ed altre. E vi è, chi scrisse, che la rima data a' versi, non
altronde, che dagli Arabi l'avessero prima i Siciliani e poi gli altri
Italiani appresa, e che la portassero anche alle Spagne; e Tomaso
Campanella, in conferma di ciò, ne recava in testimonio una canzone
schiavona, ove ciò s'affermava, e ch'egli a memoria recitar soleva:
donde poi l'appresero l'altre province d'Europa, ed arrivasse sino in
Germania, siccome vedesi da quel Poema, o sian versi rimati d'Otfrido,
che visse sotto Lodovico Pio, il qual crede Antonio Mattei[147], che
fosse il più antico Scrittore, che oggi riconosca la Germania. Anzi,
come vedremo ne' seguenti libri di questa Istoria, non altronde, che
dagli Arabi venne a noi la filosofia, la medicina, la matematica e
l'altre discipline, che per più secoli tennero occupate le nostre
Scuole.

Ma essendo poi a' Longobardi, a' Greci, a' Saraceni succeduti i
Normanni, e dapoi i Svevi, i Franzesi, gli Spagnuoli, gli Albanesi,
e chi nò? si venne per questo, ancorchè tutte le nostre province
ritenessero la medesima italiana favella, a quella diversità e
mescolanza, che ora vediamo con tanta maggior maraviglia, quanto che
non vi è luogo, benchè picciolo, che fosse nel Regno, che o nell'aria
o nell'accento, e sovente ne' vocaboli non differisca, e dall'altro
non si distingua: ma di ciò sia detto a bastanza, e forse non mancherà
occasione di ragionarne altrove ad altro proposito.


§. III. _Leggi di GRIMOALDO, e sua morte._

Liberato intanto Grimoaldo da tutti gli sospetti e dalle cure militari,
nel sesto anno del suo Regno fu tutto rivolto a' studj della pace,
ed a ristabilire con nuove leggi il suo Imperio. Le leggi di Rotari
per ventiquattro anni, da che furon promulgate, avevano nell'Italia
poste profonde radici; a quelle cominciavano ad accomodarsi non pure i
Longobardi, per li quali erano state fatte, ma i provinciali medesimi,
ancorchè loro non fosse stato mai interdetto l'uso delle romane. Ma
col correr degli anni, come suole accadere, fu osservato non essersi
per le medesime proveduto a tutto ciò che era di mestieri, e molte
di esse, venendosi all'uso ed alla pratica, sembravano alquanto dure
e crudeli[148]. Quindi Grimoaldo, prudentissimo Principe, volendo
riformar in parte l'editto di Rotari, ed accrescerlo d'altre leggi, che
gli parvero più utili, convocati, come era il loro costume, nell'anno
668, che fu il sesto del suo Regno, i Longobardi e loro Giudici,
all'editto di Rotari aggiunse nuove leggi, e riformò le già fatte,
ed un nuovo editto promulgò con questo proemio: _Superiore pagina
hujus Edicti legitur, quod adhuc annuente Domino memorare poterimus,
de singulis causis, quae praesenti non essent adfictae in hoc Edicto
adjungere debeamus, ita ut causae, quae judicatae, et finitae sunt,
non revolvantur. Ideo ego Grimoaldus vir eccellentissimus, Rex gentis
Longobardorum, anno, Deo propicio, sexto Regni mei, mense Julio,
Indictione undecima, per suggestionem Judicum, omniumque consensum,
quae illis dura, et impia in hoc Edicto visa sunt, ad meliorem sensum
revocare praevidimus_[149].

Questo editto di Grimoaldo si legge nel mentovato Codice Cavense dopo
quello di Rotari, e non contiene più che undici capitoli, i cui titoli
questi sono. _I. Si quis hominem nollendo occiderit_. _II. Ut causae
finitae non revolvantur_. _III. De servo, qui 30 annos servivit_.
_IV. De 30 annorum libertate_. _V. De culpa servorum_. _VI. De 30
annorum possessione_. _VII. De successione nepotum_. _VIII. De uxoribus
dimittendis_. _IX. De crimine uxoris_. _X. Si mulier, aut puella super
alia ad maritum intraverit_. _XI. Si ancilla furtum fecerit_. Dopo i
quali sieguono i capitoli, o vero le leggi.

Il Compilatore de' tre libri delle leggi longobarde, inserì ancora
alcune di queste leggi di Grimoaldo nel primo e secondo libro, sino
al numero di sette. La prima si legge nel libro primo sotto il _tit.
de furtis, et servis fugacibus_; la seconda sotto il _tit. de culpis
servorum_; la terza nel libro secondo sotto il _tit. de eo, qui
uxorem suam dimiserit_; tre altre nello stesso libro sotto il _tit. de
praescription._ e la settima nel medesimo libro secondo sotto il _tit.
qualiter quisque se defendere debeat_.

Dopo avere Grimoaldo così bene adempiute le parti d'un ottimo Principe,
ecco che per un accidente stranissimo è tolto a' mortali; poichè
avendosi fatto salassare nel braccio, dopo nove giorni del salasso,
mentre egli fa forza in caricando un arco, gli si apre la vena, nè con
tutti gli argomenti possibili potendosi chiudere, esangue se ne morì
nel nono anno del suo Regno, che cadde nel 672 dell'umana Redenzione.
Fu Grimoaldo fornito d'ogni rara virtù, e per la sua sagacità e
singolar accortezza meritamente fu al Trono portato: Principe, che
volle anche per la sua pietà lasciar di se lodevole ed onorata memoria;
poichè se bene nell'eresia d'Arrio fosse nato e cresciuto, a' conforti
di Giovanni Vescovo di Bergamo, uomo di singolar bontà e dottrina,
l'abbominò, abbracciando la religion cattolica; nè contento di ciò,
molte chiese rifece, ed altre di nuovo costrusse, fra le quali celebre
fu quella dedicata ad Alessandro nell'isola di Dulcheria, e l'altra
in Pavia al Santo Vescovo Ambrogio[150]. E fu questo esempio così
memorando, che gli altri Re suoi successori furon tutti cattolici, e si
estinse in lui l'Arrianesmo appo tutti i Longobardi in Italia.



CAPITOLO XI.

_Di GARIBALDO, PERTARITE, CUNIPERTO, ed altri Re e Duchi di Benevento,
infino a LUITPRANDO._


Lasciò Grimoaldo, oltre a Romualdo, che regnava in Benevento, un altro
piccolo suo figliuolo _Garibaldo_ nominato, al quale lasciò morendo
il Regno. Non fu Romualdo Duca di Benevento al regal solio assunto,
ancorchè maggior nato, poichè era comunemente riputato suo figliuol
bastardo. Ma Garibaldo non potè molto goderlo, perchè appena innalzato
al Trono, Pertarite, ch'esule dimorava in Francia, avuta novella della
morte di Grimoaldo, tosto venne in Italia, ove appena giunto, accolto
con incredibile contentezza da moltitudine grande de' Longobardi, passò
in Pavia. Quivi fugato Garibaldo, che non più, che tre mesi dopo la
morte del padre avea regnato, fu da' Longobardi nel Regno restituito;
ed avendo richiamata a se Rodolinda sua moglie e Cuniperto suo
figliuolo, che in Benevento, in lungo esilio eran dimorati, resse da
poi il Regno con tanta quiete e giustizia, che nè violenze, nè ruberie,
nè tradimenti furono nel suo governo intesi.

Assunse questo Principe nell'anno 680 per compagno nel Regno
_Cuniperto_ suo figliuolo, il quale, morto finalmente Pertarite,
nell'anno 690, continuò solo a governarlo. Fu però la sua quiete e
tranquillità alquanto interrotta per Alahi Duca di Trento, il quale
invase il Regno; ma ne fu ben presto il Tiranno fugato, e Cuniperto
vittorioso seguitò ad amministrarlo con la pristina ed antica quiete.
Morì Cuniperto nell'anno 703, lasciando per successore al Regno
_Luitperto_ unico suo figliuolo ancor infante, e perciò lasciollo sotto
la cura d'Asprando uomo di chiara nobiltà, ma sopra tutto di grande
prudenza e saviezza. Fu Cuniperto, come dice Varnefrido, un Principe
di rada e maravigliosa venustà, e di costumi soavissimi, d'audacia
singolare, ed uomo cattolico e di somma pietà, tanto che il Regno de'
Longobardi non fu veduto insino a qui mai in tanta pace e tranquillità,
quanto nel Regno suo e di Pertarite suo padre.


§. I. _Di GRIMOALDO II, GISULFO I, ROMUALDO II, ADELAI, GREGORIO,
GODESCALCO, GISULFO II e LUITPRANDO Duchi di Benevento._

Intanto al Ducato di Benevento, essendo morto Romualdo nell'anno
677, era succeduto Grimoaldo II, suo figliuolo, al quale lasciò il
Ducato molto più grande, avendolo accresciuto colle conquiste di
Taranto, Brindisi, Bari e di tutta la regione d'intorno, che tolse
egli all'Imperador d'Oriente. Ma si godè Grimoaldo poco il suo Ducato,
poichè appena finì tre anni, ne' quali insieme con Gisulfo suo fratello
avea regnato, che sopraggiunto dalla morte lasciò suo fratello solo nel
Ducato.

Gisulfo tenne il Ducato beneventano, noverandovi i tre anni che
regnò con suo fratello Grimoaldo, anni diciassette; e cominciò solo
a reggerlo nel fine dell'anno 680. Questi fu, che a tempo di Gio.
V, Pontefice romano, intorno all'anno 685, secondo il computo del
Pellegrino, devastò la Campagna romana.

Ma morto Gisulfo nell'anno 694 succedette al Ducato Romualdo II, suo
figliuolo, e mentre egli reggeva Benevento, fu da Petronace restituito
al suo antico lustro il monastero Cassinese. Il Ducato di Romualdo
fu ben lungo, durando ventisei anni, e travagliò molto i Napoletani,
togliendogli Cuma: ma i Napoletani istigati da Gregorio II, Pontefice
romano, ben tosto, militando sotto il loro Duca Giovanni, glie lo
ritolsero, e molta strage de' Longobardi fu fatta[151].

A Romualdo nell'anno 720 successe _Adelai_, che non regnò più, che due
anni. Di costui fu successore Gregorio, che tenne il Ducato anni sette,
e morto nell'anno 729 fu assunto al Ducato _Godescalco_, che poco men,
che quattro anni lo resse.

Succedè nell'anno 732 _Gisulfo II_ di questo nome, il quale per ammenda
del sacco di Zotone, arricchì il monastero di monte Cassino di molti
poderi, e di immensi doni accrebbe quel luogo; furongli allora donati
que' luoghi e terre dello Stato di S. Germano, che col correr degli
anni, accresciuto d'altre donazioni, lo renderon tanto ricco, che i
loro Abati fatti Signori di più vassalli, vennero in tale altezza, che
mantennero truppe a' loro stipendj.

Resse Gisulfo il Ducato beneventano anni diciassette: Principe di
molta pietà, e liberalissimo verso le chiese, alle quali fece profuse
donazioni, e molte ne costrusse, fra le quali celebre fu quella di S.
Sofia, che in Benevento da' fondamenti eresse. Morì nel fine dell'anno
744, e suo successore fu _Luitprando_ ultimo, che fu Duca di Benevento.
Questi tenne il Ducato anni otto e mesi tre, e lui morto nell'anno 758
fu da' Baroni beneventani, e dal Re Desiderio sostituito _Arechi_ suo
genero, quegli che, estinto già il Regno de' Longobardi in Italia per
Carlo M. fu il primo a mutare il Ducato di Benevento in Principato, e
che nuova politia introducendovi, di molti Conti e Gastaldi empiè il
suo Stato; e che lasciando il titolo di Duca, prese quello di Principe,
e fattosi ungere da' suoi Vescovi, volle assumere la corona, lo scettro
e la clamide, e tutte l'altre insegne regali: i cui fatti egregi ci
somministreranno abbondante materia nel sesto libro di questa Istoria.


§. II. _Di LUITPERTO, RAGUMBERTO, ARIPERTO II e ASPRANDO Re de'
Longobardi._

Intanto nel Regno d'Italia a Luitperto, che non regnò più che otto
mesi, era succeduto _Ragumberto_. Questi era Duca di Torino, e fu
figliuolo del Re Gudeberto, che lo lasciò molto piccolo, quando fu
egli ucciso dal Re Grimoaldo. Invase costui il Regno per la minorità di
Luitperto, e finalmente lo scacciò dalla sede.

A Ragumberto, che morì nell'istesso anno, succedè _Ariperto II_,
di questo nome suo figliuolo, di cui si narra aver confirmato alla
Chiesa romana il patrimonio delle Alpi Cozie; ma egli fu da poi
fugato e morto da _Asprando_, il quale occupò il Regno: e questi
essendo parimente morto dopo tre mesi, lo lasciò a _Luitprando_ suo
figliuolo, nel cui tempo germogliarono que' mali, che furon non molto
da poi cagione della translazione del Regno d'Italia da' Longobardi
a' Franzesi, donde nacque il principio del dominio temporale in Italia
de' romani Pontefici, e nacquero tante e sì strane mutazioni in queste
nostre province, che per la novità e grandezza de' successi meritano,
che, dopo aver narrata la politia ecclesiastica di questi tempi, si
riportino al seguente libro della nostra Istoria.



CAPITOLO XII.

_Dell'esterior politia ecclesiastica nel Regno de' Longobardi, da
AUTARI insino al Re LUITPRANDO; e nell'Imperio de' Greci, da GIUSTINO
II insino a LIONE ISAURICO._


Grandi che fossero stati in questi tempi i progressi de' Patriarchi di
Costantinopoli in Oriente, non aveano però infin ad ora stesa la loro
patriarcale autorità sopra queste nostre province. Cominciavano bensì
pian piano, sostenuti dal favore degl'Imperadori, a metter mano in
alcune chiese poste in quelle città, che ancor ubbidivano all'Imperio
greco. Prima introdussero di dar a' Vescovi il titolo d'Arcivescovo,
poichè non essendo questo nome di potestà, come il Metropolitano, ma
solo di dignità, fu cosa molto facile a' semplici Vescovi d'ottenerlo,
ed a' Patriarchi di Oriente di darlo. Così leggiamo, che sin da' tempi
dell'Imperador Foca, che resse quell'Imperio dall'anno 602 in fino al
610, cominciarono i Patriarchi di Costantinopoli, secondo il solito
fasto de' Greci, a dare a molti nostri Vescovi delle città, che a loro
ubbidivano, questo spezioso nome d'Archivescovo, come fecero, non
senza collera e sdegno de' romani Pontefici, con quello d'Otranto,
di Bari, e da poi anche con quel di Napoli[152]. Questi furono i
primi passi, che diedero in queste nostre parti: ma in Oriente per
essere state le altre città patriarcali occupate da' Barbari, e posti
a terra que' tre Patriarchi, tanto che non potè di lor conservarsi
continuata successione, si rendè il costantinopolitano più altiero e
fastoso. Quindi Giovanni il Digiunatore, che fu eletto Patriarca di
Costantinopoli nell'anno 585, imperando Maurizio, prese il fastoso
titolo di Patriarca _Ecumenico_.

Ma dall'altra parte non erano minori i progressi del Patriarca di Roma
in Occidente, sicchè non si potesse contrastare a tanta alterigia, e
far contrappeso a tanta potenza. E sopra ogn'altro in questi medesimi
tempi erasi la Cattedra di Roma grandemente innalzata per la santità
e dottrina di Gregorio il Grande, che nell'anno 590 vi sedette. Questo
Pontefice mantenne l'autorità e diritti della sua sede, e fece valere
la sua autorità in tutto Occidente: si oppose al Patriarca Giovanni,
non approvando il titolo fastoso d'_Ecumenico_, come ambizioso, e
che riguardava a diminuire la potestà e la giurisdizione degli altri
Vescovi; onde fu il primo, che volle nomarsi e sottoscriversi _Servo
de' servi di Dio_, per opporlo al titolo fastoso d'_Ecumenico_ del
Patriarca di Costantinopoli[153].

Proccurò ancora a questo fine mantenersi nella grazia degl'Imperadori
d'Oriente, di cui egli si professava suddito[154], poichè Roma ubbidiva
a que' Principi, e per rendersi a coloro benemerito, si oppose sempre
a' sforzi de' Longobardi, vegghiando non pure alla difesa di quella
città, ma di tutte le altre, e di Napoli particolarmente, perchè
si fosse mantenuta in Italia la Signoria degl'Imperadori d'Oriente,
per fare contrappeso alle forze de' Longobardi, che aspiravano alla
universal Monarchia di tutta Italia, e discacciarne da quella affatto
i Greci. Soccorreva perciò i popoli colle sue grandi liberalità:
e nel sacco che i Longobardi diedero a Crotone, ove ridussero que'
cittadini in cattività, egli s'adoperò tanto con opere e con uficj,
che ne furono riscattati. Attese perciò con vigilanza particolare
alla cura delle chiese d'Italia e di Sicilia, e di tutte queste nostre
province, le quali come prima non riconoscevano altro Patriarca, che
lui, e gli altri romani Pontefici suoi successori. Così veggiamo, che
per le ordinazioni de' Vescovi di Sicilia, di Napoli, di Capua, di
Miseno, di Benevento, della Puglia, della Calabria, della Lucania e
dell'Apruzzo, a lui si ricorreva, e le contese insorte per l'elezioni
da lui si terminavano. Pose ancora tutta la sua applicazione agli
affari della Chiesa universale, e s'affaticò non solo d'estinguere la
divisione, ch'era nella Chiesa tra i Latini ed i Greci, ma eziandio
per liberar l'Affrica dallo scisma de' Donatisti: e mandò il Monaco
Agostino co' suoi compagni in Inghilterra per convertire que' Popoli.
Pose ogni studio, perchè per mezzo di Teodolinda i Longobardi, deposta
l'Idolatria e l'Arrianesmo, passassero nella fede cattolica. Vietò
nondimeno di costringere gli Ebrei colla violenza a farsi Cristiani. E
sopra tutto attese alla conservazione della disciplina ecclesiastica,
e di fare osservare inviolabilmente i canoni in tutte le chiese,
tenendo per fermo, che in ciò massimamente risplendesse la potestà e
l'autorità, che gli concedeva il Primato della sua sede.

Le medesime pedate furon calcate da' successori di Gregorio; poichè
se bene, morto costui nell'anno 604, gli succedesse Sabiniano, che
non tenne quella sede più di cinque mesi e vent'uno giorni; succeduto
che vi fu Bonifacio III, questi, come che era stato lungo tempo
Nunzio appresso l'Imperador Foca successore di Maurizio, aveva colla
sua prudenza trovato modo d'insinuarsi nella di lui grazia; e se
dee prestarsi fede ad Anastasio, Beda, Varnefrido, ed a molti altri
Autori, nella pretensione, nella quale erano entrati i Patriarchi
di Costantinopoli intorno al Primato sopra tutte le chiese, ottenne
Bonifacio da Foca rescritto, con cui dichiaravasi, che la Chiesa romana
dovesse avere il Primato sopra tutte le chiese, e 'l solo Pontefice
romano avesse portato il titolo di Patriarca Ecumenico: il che narrasi
fosse stato fatto dall'Imperador Foca in odio di Ciriaco Patriarca di
Costantinopoli, ch'era succeduto a Giovanni il Digiunatore nell'anno
596, e ben presto morì.

Bonifacio IV, che succedè al III, proccurò anche egli mantenersi nella
grazia dell'Imperadore contra i Longobardi, onde ottenne da Foca il
tempio del Panteon, ch'era in Roma, per farne una chiesa, come fece,
ch'e quella che ora chiamano la Rotonda, dalla sua figura. Tutti gli
altri suoi successori tennero questo stesso tenore, ed il Pontefice
Vitaliano, allorchè l'Imperador Costanzo venne in Roma l'anno 663, lo
accolse con molti segni di stima e di rispetto: siccome fecero tutti
gli altri romani Pontefici, che stettero sempre fermi nell'ubbidienza
degl'Imperadori d'Oriente contra i Longobardi, insino a Lione Isaurico,
il quale volendo sostenere l'errore degli Iconoclasti contra gli sforzi
de' Pontefici Gregorio II e III, pose tutto in disordine, come si vedrà
nel libro seguente di questa Istoria.

Dall'altra parte i Longobardi, quantunque per la maggior parte
idolatri, ed altri arriani, non turbarono la pace delle nostre chiese,
e sotto la cura de' Pontefici romani, così come prima erano, le
lasciarono. Il Re Autari verso l'anno 587 depose il Paganesimo, ed
abbracciò la religione cristiana, ma, seguendo l'esempio de' Re goti,
la ricevette imbrattata dell'eresia arriana. I Longobardi ad esempio
del loro Re fecero il medesimo; quindi lasciandosi a' provinciali
intatta la loro religione, si videro in alcune città d'Italia due
Vescovi, l'uno arriano che presedeva a' Longobardi convertiti, l'altro
cattolico che governava le Chiese cattoliche de' provinciali. Le nostre
province però non videro questa difformità; poichè quelle che ancor
rimanevano sotto l'ubbidienza degl'Imperadori d'Oriente erano tutte
cattoliche: l'altre che passarono sotto la dominazione de' Longobardi,
ritennero intatta quella medesima religione, che i Goti, e sopra tutto
il gran Re Teodorico loro avea conservata; nella quale il Re Autari,
e gli altri Re suoi successori, le mantenne. A tutto ciò s'aggiunse da
poi la pietà della Regina Teodolinda, donna religiosissima e cattolica,
la quale, ancor che col suo primo marito Autari non le fosse riuscito
di far loro deporre l'Arrianesimo, con Agilulfo però suo secondo marito
potè tanto, per le grandi obbligazioni, che a lei professava, che
gli fece abbracciar la religione cattolica; ond'è che S. Gregorio M.
cotanto si mostra obbligato a questa Principessa, alla quale dedicò
i suoi quattro libri delle Vite dei Santi[155], e tante affettuose
epistole di lui si leggono piene d'encomj, e di lodi dirette a questa
Regina[156]. Quindi avvenne, che molti Longobardi, seguendo l'esempio
del loro Principe, si rendessero ancor essi, cattolici, e perciò molte
chiese e monasterj nel Regno di Agilulfo fossero edificati[157]: donate
perciò molte possessioni a' medesimi, e che i Vescovi, che prima nelle
città di Longobardia eran depressi, fossero stati sollevati, ed in
sommo onore avuti. E quantunque nel Regno di Ariovaldo, perfido Arriano
che ad Agilulfo succede, fossesi turbata quella pace, che Agilulfo
gli avea data; nulladimanco succeduto poi al Trono Rotari, Principe,
ancorchè arriano, di piacevoli costumi, e che lasciò in libertà di
vivere, così i Longobardi, come i provinciali, con quella religione,
che essi volessero, ritornarono le cose nella pristina quiete e
tranquillità, nella quale maggiormente si stabilirono sotto il Regno di
Ariperto, molto propenso ed inclinato alla religion cattolica.

Ma poscia i nostri Cistiberini longobardi furono i primi a lasciare
affatto l'Arrianesimo, mercè di due illustri Vescovi, Barbato di
Benevento e Decoroso di Capua. Barbato dopo la sconfitta, che i
Longobardi beneventani sotto il loro Duca Romualdo diedero ai Greci,
purgò quella Nazione non men dell'Idolatria, che dell'Arrianesimo, e
divennero tutti cattolici. Il simile avvenne de' Longobardi capuani
per Decoroso loro Vescovo; tanto che in tutte quelle province, che
eran passate sotto il loro dominio, l'Arrianesimo presso a' Longobardi
istessi restò affatto abolito. Le altre regioni, che ancor duravano
sotto i Greci, ancorchè l'Oriente spesso partorisse dell'eresie e
degli errori intorno a' dogmi: onde mal s'accordavano quelle chiese
con queste nostre d'Occidente, e sopra tutto in questi tempi per quella
de' Monoteliti; nientedimeno la vigilanza de' romani Pontefici, sotto
la cui custodia e governo ancor duravano, fece sì, che non rimasero di
quegli errori le nostre chiese contaminate.

Ma non molto da poi, ciò che avventurosamente avvenne a' nostri
Cistiberini longobardi sotto Romualdo Duca di Benevento, accadde a'
Longobardi _Subalpini_ sotto Grimoaldo Re d'Italia: questo Principe,
fattosi cattolico, favorì tanto le Chiese, ed ebbe tanta avversione
alla dottrina degli Anziani, che estinse affatto in tutta Italia
l'Arrianesimo. Quindi s'accrebbero le tante lor ricchezze: donde
parimente ne nacque la sregolatezza della maggior parte de' Cristiani,
e lo scadimento della disciplina ecclesiastica.

Questi Principi longobardi, ad esempio di tutti gli altri Principi
dell'Occidente e degl'Imperadori d'Oriente ancorchè fatti cattolici,
mantennero però nei loro dominj quelle medesime prerogative
e preminenze, che i Re goti ritennero, per quel che s'attiene
all'esterior politia ecclesiastica; ed avvegnachè i Pontefici
romani facessero valere la loro autorità in Occidente; nulladimanco
i Principi, e spezialmente nella Francia e nella Spagna, vollero,
fra l'altre cose, autorizzare colle loro leggi ed editti i Sinodi
provinciali, che in questo secolo furono assai frequenti, e di lor
ordine fatti convocare, per dar riparo agli abusi, ed alla corrotta
disciplina e sregolatezza degli Ecclesiastici. Dall'altra parte
gl'Imperadori d'Oriente non pur seguitavano le vestigia de' loro
predecessori, ma presero molta parte negli affari della religione,
non potendo i Pontefici romani farvi tutta quella resistenza, che
avrebbono voluto. L'Imperador Maurizio, calcando le medesime pedate
degli altri Imperadori suoi predecessori, promulgò legge proibente,
che i soldati si ricevessero ne' monasterj: S. Gregorio[158] si doleva
della legge, ma non attaccava la potestà del Legislatore, e con molta
riserva esagerava, che quella fosse ingiusta, e contra il servigio di
Dio: quasi che volesse con ciò impedirsi agli uomini il cammino d'una
maggior perfezione. Maurenzio nostro Duca di Napoli obbligava i Monaci
a far le sentinelle per guardia della città, e ripartiva le truppe per
l'alloggio in ogni quartiere, non perdonando nè anche a' monasterj di
donne, di che parimente abbiamo le doglianze di questo Pontefice[159].

In Oriente gli Imperadori disponevano pure delle diocesi e delle
metropoli, e regolavano i Troni e le precedenze, accrescevano ed
estenuavano le pertinenze de' Metropolitani a lor talento. E dall'altra
parte i nostri Duchi di Benevento fecero il medesimo nel lor ampio
Ducato: a richiesta di Barbato Vescovo di quella città, il Duca
Romualdo unì al Vescovato di Benevento quello di Siponto: ecco le
richieste di Barbato a Romualdo, come si legge ne' suoi atti: _Si
munus, e' dice, tuae salutis offerre studes, unum impende beneficium,
ut B. Michaelis Archangeli domus, quae in Gargano sita est, et omnia,
quae sub ditione Sipontini Episcopatus sunt, ad sedem Beatissimae
Genitricis Dei, ubi nunc indigne praesum, in omnibus subdas; et quoniam
absque cultoribus omnia depravantur, unde nec sedulum officium persolvi
potest, melius a nobis disposita ubi proficient in salutem_. Romualdo
assentisce a questa dimanda, e ne gli fa diploma: _Illico Princeps
viri Dei consentit petitionibus, eo ordine, ut fati sumus, et sicut mos
est, per PRAECEPTUM Genitrici Dei universa concessit; et ut resonet in
futurum, anathematizaverat, qui contra haec agens irritam hanc facere
voluerit concessionem_. Ciò che da poi volle Barbato, che anche se gli
concedesse da Papa Vitaliano; poichè de' romani Pontefici (a' quali il
Sannio e la Puglia, come Province suburbicarie, appartenevansi) uffizio
era d'unire e separare le lor Chiese; siccome sovente erasi praticato
dal Pontefice Gregorio, che nell'anno 592 unì la Chiesa di Cuma a
quella di Miseno[160], ancorchè tal unione poco durasse; ed erasi
praticato nell'altre Province suburbicarie. Perciò appresso Vipera ed
Ughello[161] si legge il Breve di Vitaliano diretto al Vescovo Barbato,
ove fra l'altre cose si leggono _Concedentes tibi, tuaeque praefatae
Reverendissimae Beneventanensi Ecclesiae, Bibinum, Asculum, Larinum,
et Ecclesiam Sancti Michaelis Archangeli in Gargano, pariterque
Sipontinam Ecclesiam quae in magna inopia, ei paupertate esse videtur,
et absque cultoribus, et Ecclesiasticis officiis nunc cernitur esse
depravata cum omnibus quidem eorum pertinentiis, et omnibus praediis
cum Ecclesiis, ec._ Onde avvenne che da questi tempi di Papa Vitaliano,
la Chiesa Sipontina fosse unita a quella di Benevento, e che i Vescovi
beneventani nel corso di molti anni finchè di nuovo quella non fu
separata, si dicessero anche Vescovi di Siponto.

Non fu per tanto, così nelle province, ch'eran passate sotto la
Signoria de' Longobardi, come in quelle ch'erano rimase sotto i Greci,
variata la politia ecclesiastica; ma per ciò che s'attiene a questa
parte, fu ritenuta quella stessa forma, che tennero sotto i Goti Re
d'Italia, e sotto Giustiniano e Giustino Imperadori d'Oriente.


§. I. _Elezione de' Vescovi, e loro disposizione nelle città di queste
nostre province._

I Vescovi erano ancora eletti dal Clero e dal Popolo, ed ordinati
dal Pontefice romano, come prima; ma i Principi, come se dal Popolo
fosse a loro devoluta tal potestà, nell'elezione ne volevano la
maggior parte; onde ne nacque, che facendo essi eleggere alcuni, che
non avevano nè meriti, nè scienza, nè capacità, erano le Chiese mal
governate. Dal registro dell'epistole di S. Gregorio si legge, che
il Pontefice romano, esercitando nelle nostre Chiese l'autorità sua
di Metropolitano insieme, e di Patriarca, non pur ordinava gli eletti
dal Clero e dal Popolo ma regolava l'elezioni, diffiniva le contese,
che forse insorgevano, e sovente spogliava i Vescovi delle loro
sedi, quando gli conosceva immeritevoli. Così de' Vescovi di Napoli
leggiamo, che tenendo nell'anno 590 la Cattedra di Napoli Demetrio, fu
costui per li molti e gravi suoi delitti nel seguente anno scacciato
da Gregorio, il quale dopo averlo deposto, scrisse al Clero e agli
Ordini di questa città, cioè a' Nobili ed al Popolo, che in luogo di
Demetrio n'eleggessero un altro; ed intanto egli vi mandò il Vescovo
Paolo a regger quella Chiesa, insino che a quella non si fosse dato
il successore. I Napoletani si trovavano così ben soddisfatti di
Paolo, che scrissero al Pontefice, pregandolo, che l'avesse lor dato
per Vescovo: Gregorio prese tempo per deliberare, ed intanto avendo
Paolo nel Castello di Lucullo, che oggi chiamiamo dell'Uovo, ricevuto
un affronto da alcuni servi d'una Dama napoletana chiamata Clemenzia,
pregò Gregorio che lo facesse ritornar presto alla sua Chiesa; onde i
Napoletani, non convenendo fra loro nella elezione d'un lor cittadino,
e scorgendo che Paolo non l'avrebbe accettato, elessero Florenzio
Sottodiacono del Papa, che allora si trovava in Napoli: ma questi tosto
scappò via, e fuggì in Roma rifiutando il carico; tanto che Gregorio
scrisse[162] a Scolastico Duca di Napoli, esortandolo a convocare i
Nobili ed il Popolo della città per l'elezione d'altra persona; e,
quella eletta, mandassero il decreto in Roma, perchè potesse ordinarla:
dicendogli ancora, già che due volte aveano eletti uomini stranieri,
che se non trovavan fra' cittadini persona idonea a tal carica, almeno
eleggessero tre uomini savj e da bene, a' quali tutti gli Ordini
dassero la lor facoltà, e gli mandassero in Roma, affinchè, facendo
le veci della città, venuti in Roma, potessero insieme col Pontefice
consultare, e far sì che finalmente trovassero persona irreprensibile,
nella quale consentissero, e stante la loro elezione potesse il Papa
ordinarla, e mandarla alla vedova Chiesa.

Consimile epistola[163] scrisse Gregorio a Pietro Sottodiacono della
Campagna, che reggeva il patrimonio di S. Pietro di questa provincia,
al quale incaricò, che facesse convocare il Clero della Chiesa di
Napoli, imponendogli, che parimente eleggessero due o tre di loro, a'
quali dassero tutta la facultà, e gli mandassero in Roma, dove uniti
con gli altri rappresentanti la Nobiltà e 'l Popolo, si potesse trattar
dell'elezione ed ordinazione del nuovo Vescovo.

Chiamavasi questa elezione _per compromissum_, la quale soleva
praticarsi ne' casi di divisione e di discordie, acciocchè, unendosi la
volontà ed i suffragi di molti in due o tre persone savie, potessero
quelle, per evitare i tumulti, senza contrasto, elegger colui, che
stimassero più meritevole e degno[164]: in cotal maniera fu in fine
da' Compromessori eletto in Roma, nel mese di Giugno dell'anno 593,
Fortunato, ed ordinato che fu dal Papa, se ne venne in Napoli, dove fu
da' Napoletani suoi figliuoli cortesemente ricevuto, e resse questa
Chiesa per molti anni con tanta prudenza e vigilanza, che ne fu da
Gregorio sommamente commendato, leggendosi perciò molte sue epistole
dirizzate a questo Vescovo[165].

Morto Fortunato, per dargli successore insorsero nuovi contrasti; ed
essendosi divisi i suffragi, due Vescovi dal Clero e dal Popolo furono
eletti: un partito elesse Giovanni Diacono, l'altro Pietro parimente
Diacono. Tosto si ebbe ricorso al Pontefice Gregorio perchè fra i due
eletti, quello che reputasse il più degno confermasse ed ordinasse.
Ma niun di essi piacque: Giovanni fu notato d'incontinenza, perchè
teneva una figliuola, testimonio di sua debolezza: Pietro come usurajo
e troppo semplice, fu riputato indegno ed inutile; onde fu rescritto a'
Napoletani, che eleggessero altri, come poi fecero[166].

Questo medesimo costume vediamo praticato nell'elezioni de' Vescovi
capuani, di Cuma, di Miseno, di Benevento, di Salerno, d'Apruzzi, e di
tutte le altre Chiese di queste nostre province, che come suburbicarie,
al Pontefice romano s'appartenevano: Palermo ancora, Messina, e
l'altre Chiese di quell'isola, poichè la Sicilia fu anche Provincia
suburbicaria, serbavano il medesimo istituto.

L'elezione, secondo il prescritto de' canoni, dovea cadere in uno, che
fosse della Chiesa stessa, o a quella _incardinato_, non già di altre
Chiese, e solo quando fra' cittadini non si trovava persona idonea, il
che rade volte accadeva, ricorrevasi agli stranieri, i quali fossero
o nella pietà, o nella prudenza e dottrina eminenti. Così leggiamo che
Gregorio, dovendosi eleggere il Vescovo in Capua, discordando i Capuani
nell'elezione, ed alcuni facendo nomina di soggetti stranieri, col
pretesto, che de' nazionali non vi fosse persona degna, rispose che ciò
parevagli molto strano, e che per tanto facessero migliore scrutinio
sopra de' loro cittadini, e se veramente ne pur uno ve ne fosse degno,
allora avrebbe egli provveduto di persona meritevole.

Per la morte di Liberio, Vescovo di Cuma, accaduta nell'anno 592,
quest'istesso Pontefice mandò Benenato Vescovo di Miseno a governarla
infino che non se gli dasse il successore. Discordavano i Cumani
per l'elezione, intendendo alcuni elegger persona d'altra Chiesa; ma
Gregorio fece sentire a Benenato, che non permettesse far eleggere
persona straniera, se non nel caso, che a lui costasse non esservi fra'
Cumani uomo alcuno meritevole d'essere innalzato a quella dignità.

Quest'istesso vedesi praticato nell'elezione del Vescovo di Palermo.
Per la morte di Vittore era rimasa vedova quella Chiesa: S. Gregorio
vi mandò tosto Barbato Vescovo di Benevento, perchè la governasse fin
tanto che si fosse dato il successore[167]. I Palermitani discordi
nell'elezione d'un nazionale, pensavano eleggere Cherico straniero; se
gli oppose Gregorio, e scrisse a Barbato, che non permettesse che si
eleggesse persona d'altra Chiesa, _nisi forte inter Clericos ipsius
Civitatis nullus ad Episcopatum dignus, quod evenire non credimus,
poterit inveniri_.

In tal maniera si facevano l'elezioni de' Vescovi, quando volevasi
attendere l'antica disciplina della Chiesa, ed il prescritto de' sacri
canoni. Così ancora avrebbe dovuto farsi l'elezione del Vescovo di
Roma dal Clero e dal Popolo, nè aveano in ciò da impacciarsene gli
Imperadori d'Oriente. Ma cominciavano già in questi tempi i Principi
ad occupare le ragioni del Popolo e del Clero in queste elezioni:
sia per timore, sia per compiacenza, sovente colui era eletto, che
al Principe piaceva. Gl'Imperadori d'Oriente, come padroni di Roma,
aveano gran parte nell'elezione dei Papi, ch'erano loro sudditi, e
fu anche introdotto costume, che senza lor commessione niuno potesse
esser ordinato: onde l'eletto dovea mandare in Costantinopoli a
richiederne il consenso o la permissione dell'Imperadore[168].
Scrive Paolo Varnefrido[169], che quando, dopo la morte di Benedetto
Bonoso, fu nell'anno 577 innalzato a quella sede Pelagio II, perchè
Roma in que' tempi era cinta di stretto assedio dai Longobardi, nè
alcuno poteva uscire da quella città, non potè Pelagio mandare in
Costantinopoli all'Imperadore perchè v'assentisse, onde fu ordinato
Pontefice senza commessione del Principe: levati poi gli impedimenti,
solevano i Pontefici romani mandar lettere agl'Imperadori, nelle quali,
allegando gl'impedimenti avuti, cercavano di scusarsi, e che alla
fatta ordinazione consentissero. San Gregorio il Grande eletto Papa,
ricusando d'esserci, scrisse all'Imperadore Maurizio, istantemente
supplicandolo, che non prestasse il suo assenso all'elezione;
ma l'Imperadore che tanto si compiacque dell'elezione, non volle
farlo[170].

Nelle nostre province pure i nostri Principi nell'elezione de'
Vescovi delle loro città vi vollero la lor parte. Così leggiamo
alcuna volta esser accaduto nell'elezione de' Vescovi di Benevento,
come fu l'elezione di Barbato nell'anno 663, seguita per opera
del Duca Romualdo. De' Vescovi napoletani pur lo stesso si legge,
e particolarmente del Vescovo Sergio, il quale dal Duca di Napoli
Giovanni, fu, dopo la morte di Lorenzo, innalzato a quella sede: ma
questi casi avvenivano fuori d'ordine. La disciplina era che l'elezione
s'appartenesse al Clero ed al Popolo, siccome l'ordinazione al romano
Pontefice.

La disposizione de' Vescovi in queste nostre province era la medesima
de' secoli precedenti. E per quel che s'attiene alla loro autorità
e giurisdizione, la loro conoscenza era ristretta come prima nelle
cause ecclesiastiche, dove procedevasi per via di censura: non avevano
giustizia perfetta, non Tribunali, non Magistrati, e la loro cognizione
non più si stese di quella che Giustiniano avea lor data in quella sua
Novella[171]. Intorno all'onore e potestà era l'istessa, e circoscritta
da' medesimi confini. Erano nelle città Vescovi solamente, non avea
alcun d'essi acquistato ancora autorità di Metropolitano: nè alcuno
sotto di se avea Vescovi suffraganei e dipendenti; ma ciascuno de'
Vescovi reggeva la sua Chiesa ed il Popolo a se commesso. Non ancora
i Patriarchi di Costantinopoli aveano invase le Chiese nostre, sicchè
alcune ne avessero potuto render metropoli, ed innalzare i loro Vescovi
a Metropolitani, con sottoporle al Trono di Costantinopoli, siccome
fecero da poi nell'imperio di Lione Isaurico, e degli altri Imperadori
d'Oriente suoi successori: solo, come si è detto d'alcuni Vescovi delle
città all'Imperio greco soggette, cominciavano, secondo il fasto de'
Greci, ad esser decorati del nome di Arcivescovi, non senza sdegno però
de' romani Pontefici, i quali riprendevan acerbamente que' Vescovi, che
lo prendevano[172].

Alcuni credettero, che il Vescovo di Napoli prima di S. Gregorio M.
o almeno da questo Pontefice, fosse stato innalzato agli onori di
Metropolitano e di Arcivescovo. Lo provano da quella iscrizione, che
si legge nel decretale[173], sotto il titolo _de statu Monac._ ivi:
_Gregorius Archiepiscopo Neapolis_; e sotto l'altro _de religiosis
domibus_, ivi _Gregorius Victori Archiep. Neap._ Ma chi non vede
la manifesta scorrezione del Codice vulgato, poichè negli emendati
la prima si legge così: _Gregorius Fortunato Episcopo Neapolitano_,
siccome anche legge Gonzalez[174]: e la seconda: _Gregorius Victori
Neapolis Episcopo_? Oltrechè nel registro dell'epistole di S.
Gregorio riconosciuto ed emendato in Roma, donde quel testo si
dice trascritto, questo titolo non si vede; nè tra l'epistole di S.
Gregorio si legge questa decretale, che si dice indirizzata a Vittore.
Quindi i nostri più accurati Scrittori, come il Caracciolo[175],
e 'l Chioccarelli[176], riprovarono con molta ragione questa lor
credenza, ed in tempi posteriori pongono l'elevazione di questa sede in
metropoli.

Altri dalla disposizione, che presero queste nostre province nel
Ponteficato di Gregorio, presero argomento, che fin da questi tempi
si fosse Napoli fatta metropoli. Napoli, essi dicono, avea in questi
tempi il suo Duca: l'altre città Conti e Governadori. Il Duca secondo
la politia dell'Imperio presedeva a più città della provincia, che
compongono il Ducato. Il Conte presedeva ad una città sola; ond'è che
nelle leggi degli Vestrogoti si dice Duca di provincia, e Conte di
città; e Fortunato al Conte Sigoaldo gli dice:

    _Qui modo dat Comitis, det tibi jura Ducis._

Regolarmente dodici città erano a' Duchi sottoposte, e queste
città si nomavano Contadi, onde il Duca presideva a dodici Conti,
siccome notò Pietro Piteo per quel luogo d'Aimoino: _Pipinus domum
reversus, Grifonem more Ducum duodecim Comitatibus donavit_; e Camillo
Pellegrino[177] a cagion di molti esempj, che si leggono appresso
Gregorio Turonese nella sua Appendice. Quindi Guglielmo Durando
osservò, che adattandosi la politia della Chiesa a quella dell'Imperio,
le città ducali ebbero gli Arcivescovi, e le Contee i Vescovi, avendo
corrispondenze gli Arcivescovi co' Duchi, ed i Vescovi con li Conti.
Così Napoli, fatta ora città ducale, ed il suo Ducato, ancorchè fin qui
non molto si stendesse come si stese da poi, abbracciando nulladimanco
le città vicine intorno al Cratere, siccome Pompei, Erculano, Acerra,
Nola, Pozzuoli, Cuma, Miseno, Baja ed Ischia; potè in questi tempi
divenir metropoli, ed il suo Vescovo rendersi Metropolitano.

Ma siccome egli è vero, che la politia di queste nostre chiese col
correr degli anni si andava adattando alla disposizione o politia
dell'Imperio, come vedremo ne' secoli seguenti; nientedimeno ne'
tempi nei quali siamo, alla disposizione de' Ducati, siano dei
Longobardi, siano de' Greci, non si adattò la politia ecclesiastica:
e la disposizione delle nostre chiese, e di quelle d'Italia fu tutta
diversa: onde fallace argomento è questo di dare ora Arcivescovi
alle città ducali. Puossi vedere in questi tempi città più cospicua
ed eminente in queste nostre regioni quanto Benevento, capo di
un Ducato così vasto, che abbracciava molte province, e sede de'
Duchi beneventani? e pure il suo Vescovo non era Metropolitano, nè
Arcivescovo, avendo acquistato questa prerogativa molto tempo da
poi, cioè nell'anno 969 nel Ponteficato di Giovanni XIII come diremo.
Spoleto capo d'un altro insigne Ducato, non ebbe Arcivescovo. Brescia,
Trento ed altre città di Longobardia decorate dai Principi longobardi
con titoli di Ducati, non ebbero in questa età, ma molto dapoi, i loro
Arcivescovi; anzi nè Brescia, nè Spoleto l'acquistaron mai. Gaeta ebbe
pure il suo Duca, ma non giammai Arcivescovo. Capua, Bari, Reggio,
Salerno città cospicue, e molte altre di quelle regioni, che ubbidivano
a' Greci, non ebbero se non nel decimo secolo, ed altre in tempi
più posteriori, i loro Metropolitani da' romani Pontefici; ancorchè
i Patriarchi di Costantinopoli altramente ne disponessero, come
ne' seguenti libri diremo. Non fu dunque Napoli, come lo confessano
l'istesso P. Caracciolo, ed altri nostri Scrittori, fatta metropoli in
questi tempi. Fu ella adorna di questa dignità nel decimo secolo, nel
Ponteficato di Giovanni XIII, dopo Capua e Benevento, come diremo a
suo luogo: non tutte l'altre chiese di queste nostre province aveano
ancora ottenuto questa prerogativa: erano soli Vescovi coloro, che
presidevano alle città per grandi ed illustri che fossero, e sede de'
Duchi. Egli è però vero, che col correr degli anni, innalzandosi alcune
città ad esser capo e metropoli o d'un Ducato, o d'un Principato;
e cominciando nel decimo secolo i Pontefici romani ad esercitare in
queste nostre province nuove ragioni Patriarcali, con ergere i Vescovi
a Metropolitani in mandandogli il pallio; la politia e disposizione
ecclesiastica venne ad adattarsi e a corrispondere alla politia
dell'Imperio.

Egli però è altresì vero, che fin da questi tempi s'incominciarono a
gittare i fondamenti della nuova politia così dell'Imperio, come del
Sacerdozio. Così da questi tempi vediamo, che al Vescovo di Benevento
s'unirono le chiese di Siponto, di Bovino, Ascoli e Larino. Al Vescovo
di Napoli quelle di Cuma, Miseno e Baja s'appartenevano; non già che
i Vescovi di queste città lo riconoscessero per Metropolitano, ma
per onore della città ducale, e come loro metropoli, per quel che
riguardava la politia dell'Imperio, gli accordavano i primi onori,
poichè tra' Vescovi di quel Ducato era riputato il primo. Col corso
degli anni, oltre al Ducato di Benevento e quello di Napoli, sursero
ancora il Ducato di Capua e l'altro di Salerno, i quali con quello
di Benevento s'innalzarono poi a' Principati. Amalfi ebbe in appresso
anche il suo Duca, siccome Sorrento, e si eressero in Ducati. Bari poi
ebbe anche il suo Duca. Alcune città della Puglia e della Calabria,
de' Bruzj e Lucania, fatte parimente capi e metropoli di quelle
regioni, si renderono più cospicue dell'altre; onde secondo la politia
dell'Imperio, ricevettero poi i Metropolitani, ed i Vescovi delle città
minori di quelle province rimasero lor suffraganei. Quindi avvenne,
che quanto più si stendeva il lor Ducato o provincia, più suffraganei
avessero: e per questa cagione, poichè il Ducato beneventano distese
più di tutti gli altri i suoi confini, il suo Arcivescovo ebbe tanti
Vescovi suffraganei, che sopra tutti gli altri Metropolitani oggi ne
ritiene in gran numero. Quindi ancora è avvenuto, che il Principato
di Salerno, se non quanto quel di Benevento, avendo pure molto
ampliato i suoi confini, il suo Arcivescovo ancor egli ritenesse molti
suffraganei: e quel di Capua per la stessa ragione anche moltissimi.
Ed all'incontro il Ducato di Napoli, quello di Sorrento e l'altro
d'Amalfi, come che molto ristretti, non avessero così numeroso stuolo
di Vescovi suffraganei, siccome gli altri Metropolitani delle altre
città di queste nostre province; come osserveremo quando della lor
politia ecclesiastica degli ultimi tempi ci sarà data occasione di
trattare.

Ecco adunque qual fosse la disposizione e la Gerarchia ecclesiastica
di queste nostre province in questa età. Il romano Pontefice,
come Metropolitano insieme e Patriarca: Vescovi, Preti, Diaconi,
Sottodiaconi, i quali già in questi tempi eransi ligati al celibato, ed
il lor ordine posto nel rango de' maggiori ordini: Acoliti, Esorcisti,
Lettori ed Ostiarj.

Sentironsi ancora negli Scrittori di questi tempi, e sopra tutto
nell'epistole di S. Gregorio i Preti Cardinali, i Diaconi Cardinali,
e Sottodiaconi Cardinali; e molte chiese avere avuti di questi
Cardinali, come oltre alla romana, quella d'Aquileja, di Ravenna, di
Milano, di Pisa, di Terracina, di Siracusa; e nelle nostre province
ancora, come le chiese di Napoli, di Capua, di Benevento, di Venafro e
forse ogni altra. Ma in questi tempi, siccome ben pruovano Florente e
Baluzio[178], ed è chiaro dalle epistole stesse di S. Gregorio, questi
Cardinali non erano che Preti, Diaconi, o Sottodiaconi stranieri, i
quali erano uniti ed affissi, o come diciamo inzeppati ad una certa
chiesa, la quale unione, chiamavano _incardinazione_, e questo unire
dicevano incardinare; poichè per questo inzeppamento si univa colui a
quel corpo, come nel suo cardine; in guisa che non più straniero, ma
proprio di quella chiesa riputavasi, e nomavasi perciò Incardinato,
ovvero Cardinale; nome che se bene nella sua origine non denotava
dignità o superiorità alcuna, si intese poi ne' seguenti secoli
risonare cotanto magnifico e fastoso, che s'è proccurato negli ultimi
tempi uguagliarlo al nome Regio; e coloro che n'erano adorni, di
pareggiargli a' più potenti Re della terra.

Sursero egli è vero in questi tempi, anche in Occidente, varj Uficiali,
ed altri nomi si intesero, come di Cimeliarca, di Rettore, Cartularj ed
altri; e nella chiesa d'Oriente altri più assai, di cui lungo catalogo
abbiamo appresso Codino[179] e Leunclavio[180]. Ma questi Uficiali per
lo più sursero per la cura che si dovea avere della temporalità delle
chiese e delle loro ricchezze. I Vescovi per la pietà de' Principi e
dei Fedeli profusi in donare alle loro chiese, si diedero a costruirne
altre di nuovo, o con maggior magnificenza; e singolarmente i nostri
Vescovi napoletani[181], siccome di tutte le altre chiese di queste
province molte n'ingrandirono nelle loro città, e moltissime nuovamente
ne costrussero: quando prima i vasi erano di legno, di vetro, o
di creta; le vesti sobrie e tutti gli altri ornamenti semplici, e
schietti; ora i vasi divengono d'oro e d'argento, le vesti ricche e
pompose, e gli ornamenti tutti preziosi e magnifici; perciò bisognava
che ad uno del Clero si dasse il pensiero di custodirgli, ed averne
esatta cura e provvidenza; quindi il Custode appresso noi[182] fu
chiamato _Cimeliarca_, ed appresso i Greci[183] _Magnus vasorum
custos_. Ebbe la chiesa di Napoli il suo Cimeliarca, siccome ancor oggi
lo ritiene, ma con impiego diverso: l'ebbero ancora le altre chiese di
queste nostre province; ancora quelle di Roma, di Ravenna ed in fine
l'ebbero tutte. Le possessioni, i poderi, e l'ampie loro rendite poste
ancora in paesi remoti e distanti, ricercavano particolar persona,
che avesse di lor cura e pensiero; quindi sursero i Rettori, de' quali
sovente S. Gregorio favella, che aveano il governo de' patrimonj delle
chiese; ed in conseguenza i Cartularj, gli Economi ed altri Uficiali.
Ma tutti questi Uficj nacquero per le temporalità delle chiese, non
già che fossero gradi gerarchici, e che punto s'appartenessero al suo
potere spirituale.


§. II. _Monaci._

Non meno le chiese che i monasterj renderonsi in questi tempi più
spessi e magnifici, e i loro Monaci più numerosi. I Longobardi, come
suole avvenire nei primi ardori delle novelle religioni, abbracciata
che ebbero la religione cattolica romana, furono in queste nostre
province assai più profusi colle chiese e monasterj, che i Greci,
cristiani vecchi. Il Re Agilulfo, fatto cattolico, molti monasterj
rifece per l'Italia, ed altri nuovi ne costrusse. Il Re Ariperto fu
così profuso nel donare a' monasterj, alle chiese, e particolarmente
alla romana, che per la restituzione degli ampj e grandi poderi, che
le fece nell'Alpi Cozzie, onde tanto in quella provincia crebbe il
patrimonio di S. Pietro, diede occasione ad alcuni di credere, che la
provincia tutta dell'Alpi avesse Ariperto donato alla Chiesa romana.

I nostri Duchi di Benevento, ancorchè sotto Zotone I, Duca pagano
e idolatra, il monastero Cassinese avesse patito quel miserando
sacco; nulladimeno, abbracciato che poi ebbero per opera di Barbato
il cattolichismo, favorirono le chiese ed i monasterj: tantochè,
rifatto il monastero nell'anno 690 da Petronace, i Duchi di Benevento
lo arricchirono grandemente, e fra gli altri Gisulfo II d'immensi
doni e di grandi poderi l'accrebbe. Que' luoghi e quelle terre poste
nello Stato di S. Germano passarono in gran parte in dominio di quel
monastero; tanto che poi col correr degli anni, accresciuto per altre
ampie donazioni, si rendè cotanto ricco e possente, che i loro Abati,
fatti Signori di più terre e vassalli, vennero in tale stato, che
mantenevano a loro stipendj eserciti armati, come ne' seguenti secoli
vedremo.

Per ciò i monasterj dell'ordine di S. Benedetto, renderonsi più
numerosi nel Ducato beneventano, che abbracciava in que' tempi
ciocchè ora diciamo i due Apruzzi, il Contado di Molise e Capitanata,
quasi tutta la Campagna, e buona parte della Lucania, della Puglia e
dell'antica Calabria, Taranto, Brindisi e tutto quel larghissimo paese,
che gli è intorno[184]. Molti e d'uomini e di donne ne furono in queste
province nuovamente eretti nel Regno de' Longobardi: in Benevento
ne' tempi di S. Gregorio ne leggiamo moltissimi[185]: il monastero di
Monache di S. Nazario Martire; l'altro a quello vicino de' Frati di
S. Maria _ad Olivolam_; e a' tempi di Grimoaldo V Duca di Benevento
leggiamo quello di S. Modesto, arricchito da Grimoaldo di grandi
possessioni[186]; e Teodorata, moglie del Duca Romualdo suo figliuolo,
fuori le mura di Benevento fondò un monastero di donne ad onore di S.
Pietro Apostolo. L'esempio de' Principi fu da poi seguitato da' loro
sudditi benestanti, così longobardi, come provinciali, tanto che nel
Ducato beneventano per tutte quelle province che esso abbracciava, i
monasterj di S. Benedetto si videro in questi tempi più numerosi, che
nel secolo precedente.

Nel Ducato napoletano, ed in tutte quelle città, che a' Greci
ubbidivano, ancorchè molti altri di questo Ordine se ne fossero
nuovamente costrutti, nulladimanco il numero de' monasterj così di
uomini, come di donne posti sotto la regola di S. Basilio era maggiore:
Napoli n'ebbe molti, come si è veduto nel precedente libro: non erano
meno frequenti in Otranto, Brindisi, Reggio, e così in tutte l'altre
città della Calabria e de' Bruzj.

Fu per tanto lo Stato monastico non men che nella Francia e
nell'Alemagna, ed in tutte l'altre parti di Occidente, steso ed
arricchito in queste nostre province; tantochè già gli Abati e
monasterj cominciavano a pretendere di scuotere il giogo de' Vescovi,
ed a dimandare de' privilegi e dell'esenzioni per rendersi in libertà.
Se sono veri gli atti del Concilio, che si narra aver tenuto S.
Gregorio in Roma nell'anno 601 in favore de' Monaci, fu in quello
stabilito, che i Monaci dovessero avere la libertà di eleggere il
loro Abate, e di scegliere un Monaco della lor comunità, o d'un altro
monastero: che i Vescovi non potessero trarre Monaci da un monastero
per fargli Cherici, ovvero per impiegargli alla riforma d'un altro
monastero senza il consenso dell'Abate: che i Vescovi non dovessero
impacciarsi nel temporale de' monasterj; nè celebrare l'uficio
solenne nella chiesa de' Monaci, nè esercitarvi alcuna giurisdizione.
Per tutte queste cagioni lo stato monastico si rendè fin da questi
tempi considerabile, e cominciò non poco ad alterare lo stato civile
e temporale de' Principi, i quali in vece di fare argine a tanti
acquisti, più tosto gli accrescevano colle loro immense donazioni.


§. III. _Regolamenti ecclesiastici._

I canoni che in varj Concilj furono stabiliti in questo settimo secolo
in Occidente, e particolarmente in Toledo ed in Francia, ripararono
in gran parte la sregolatezza della maggior parte de' Cristiani, e la
disciplina degli Ecclesiastici, ch'era in declinazione. Furono ancora
avvalorati dagli editti de' Sovrani; e S. Gregorio gran Pontefice
riparò in Italia la cadente disciplina delle nostre chiese: vegliò
sopra la conservazione di quella, e s'applicò tutto a fare osservare
inviolabilmente i canoni in tutte le chiese. Scrisse perciò una gran
quantità di lettere ne' quattordici anni del suo Pontificato, le quali
contengono una grandissima copia di decisioni sopra il governo, e la
disciplina della chiesa.

Se si voglia aver per vero ciò che scrisse il Baronio di Cresconio
Vescovo d'Affrica, e ciò che i più gravi Autori dicono della collezione
d'Isidoro Mercatore, niuna collezione di canoni fu fatta in questo
settimo secolo. Il Baronio credette che il Vescovo Cresconio fiorisse
intorno a' tempi di Giustiniano Imperadore, onde la sua ampia raccolta
de' canoni fu per ciò da noi rapportata nel libro precedente. Se poi si
voglia seguire l'opinione di Doujat[187], riputata vera da Pagi[188],
ed abbracciata ultimamente da Burcardo Gotthelf Struvio[189], la
collezione di Cresconio caderebbe in questo luogo, come quella, che
secondo il sentimento di costoro si fece intorno l'anno 670 in questo
settimo secolo. Quella di Isidoro Mercatore bisognerà certamente
riportarla al libro seguente, poichè questo Scrittore fiorì nell'ottavo
secolo, l'anno 719.

Se si volesse farne Autore Isidoro di Spagna, Vescovo di Siviglia,
certamente che questo sarebbe il suo luogo: sedè egli in quella
Cattedra dopo la morte di suo fratello Leandro, a cui succedè verso
l'anno 595 e la governò quasi per lo spazio di quaranta anni; ma è
cosa certa, che non ne fu egli il Compilatore, così perchè in quella
raccolta si rapportano molti canoni stabiliti in varj Concilj tenuti
in Toledo molto tempo dopo la sua morte, che accadde nell'anno 636, ed
alcune epistole di Gregorio II e III, e di Zaccaria[190], che sederono
nella Cattedra di Roma nell'ottavo secolo; come anche perchè tra le
molte opere che si numerano di questo insigne Scrittore, niuno ha fatta
menzione di questa raccolta[191].


§. IV. _Beni temporali._

Le tante profuse donazioni, che non men da' privati, che da' Principi
di tempo in tempo s'erano fatte alle Chiese nel corso poco men di
due secoli, furon cagione che le Chiese, non men che il Principe ed
i privati avessero i loro particolari _patrimonj_. Le possessioni
ampissime, che acquistarono non pur nel distretto delle loro città, ma
anche in lontani paesi, onde tante rendite e frutti se ne ritraevano,
le appellavano _patrimonj_, secondo l'uso di que' tempi, ne' quali
le possessioni di qualunque famiglia, e i retaggi pervenuti da'
loro maggiori, si chiamavano il _patrimonio_ di quella. Così ancora
chiamavasi patrimonio del principe quel fondo, ch'ei possedeva in
proprietà, e per distinguerlo, non meno da' patrimonj de' privati, che
dal Fisco dell'istesso Principe, si nominava _sacrum patrimonium_,
come si legge in molte costituzioni del Codice di Giustiniano[192]:
ciò che da poi ne' nuovi Regni in Europa stabiliti, fu detto _domanio
regale_. Per queste istesse cagioni si diede poi il nome di patrimonio
alle possessioni di ciascuna Chiesa: così nell'epistole di S. Gregorio
si veggon nominati non solo i patrimonj della Chiesa romana, ma anche
il patrimonio della Chiesa di Ravenna, il patrimonio della Chiesa
di Milano, il patrimonio della Chiesa di Rimini e di molte altre.
Le Chiese di città grandi, come di Roma, Ravenna e Milano come città
imperiali, e dove abitarono Senatori, grandi Uficiali, ed altre persone
illustri, acquistarono patrimonj non pur dentro i loro confini, ma in
diverse parti del Mondo. Le altre Chiese poste in città minori, come
fra noi Napoli, Benevento, Capua, Salerno, Bari, Reggio e tante altre,
e che avevano abitatori di fortune mediocri, e tutte riposte ne' loro
confini, non avevano patrimonj fuori del loro distretto.

Fra tutte le Chiese delle città imperiali, la Chiesa romana fu quella,
che avea acquistati in questi tempi più ampj e vasti patrimonj, non
pur in Italia, ma anche nelle province più remote d'Europa[193].
Nel Ponteficato di Gregorio il Grande, come si raccoglie dalle sue
lettere, ebbe la Chiesa romana ampio patrimonio in Sicilia, scrivendo
questo Pontefice a Giustino Pretore di quella isola, la quale da lui
reggevasi per l'Imperio d'Oriente, che proccurasse far togliere ogni
indugio per lo trasporto d'alcuni grani raccolti dalle possessioni del
_patrimonio di S. Pietro_, ch'e' voleva in Roma, ove ve n'era penuria.
E poichè queste possessioni eran molte, ed alcune divise in pezzi,
secondo le donazioni, che da' Fedeli di volta in volta eransi fatte,
per ciò rescrive a Pietro Sottodiacono Rettore di quel _patrimonio_,
ch'essendone state domandate alcune in enfiteosi, talora se n'era
contentato, e talora non l'avea permesso. Ebbe ancora la Chiesa romana
il _patrimonio_ in Affrica, onde Gregorio rende infinite grazie a
Gennadio Patrizio ed Esarca di quella provincia, che pur si teneva per
l'Imperadore d'Oriente, ch'essendo molti luoghi di questo patrimonio
stati abbandonati da' coltivatori, egli, mandandovi molti di que'
popoli da lui vinti, avessegli grandemente ristorati. Avea anche
patrimonio in Francia, alla cura del quale avendo Gregorio preposto un
Prete, il cui nome fu Candido, lo raccomanda caldamente non meno alla
Reina Brunichilda, che al Re Childeberto suo figliuolo l'anno 596,
mostrando che quel carico innanzi di Candido era stato raccomandato a
Diniano Patrizio; anzi scrive a Candido a qual uso quelle entrate si
dovessero dispensare; e verso il fine del suo Pontificato, l'anno 604,
raccomandò quel patrimonio ad Asclepiodato Patrizio de' Galli. Ebbe
eziandio patrimonio in Dalmazia, a cui era preposto Antonio, ovvero
Antonino Sottodiacono.

In Italia, ed in queste nostre province ancora ebbe la Chiesa romana
molti patrimonj. Nella provincia dell'Alpi Cozie ebbe un ben ampio
patrimonio, che occupato per molto tempo da' Longobardi, fu da poi
restituito alla medesima dal Re Ariperto nel Ponteficato di Giovanni
VII, scrivendo Paolo Varnefrido: che _Ariperto Re de' Longobardi
restituì la donazione del PATRIMONIO dell'Alpi Cozie appartenente alla
sede appostolica, ma per molto tempo stato levato dai Longobardi;
e mandò a Roma questa donazione scritta con lettere d'oro_. La
qual donazione al dir dello stesso Autore fu da poi confermata dal
Re Luitprando, dicendo: _In quel tempo il Re Luitprando confermò
alla Chiesa di Roma la donazione del PATRIMONIO dell'Alpi Cozie_.
Nell'Esarcato di Ravenna pur S. Pietro ebbe il suo patrimonio, anzi
nel Pontificato di S. Gregorio vi fu lite tra lui, ed il Vescovo di
Ravenna per li patrimonj d'ambedue le Chiese, che s'accomodò anche per
transazione. Nel nostro Ducato beneventano pur ebbe la Chiesa romana
il suo patrimonio. L'ebbe in Salerno, l'ebbe in Nola, dove scrisse S.
Gregorio[194], che delle rendite di quello si sovvenisse alla povertà
di certe Monache. L'ebbe ancora in Napoli, dove, come si vede da alcune
epistole[195] di questo Pontefice, da Roma mandavansi i Rettori che
n'avessero cura, a' quali buona parte delle loro rendite imponeva, che
dispensassero a' poveri. Furono in Napoli Rettori di questo patrimonio
successivamente Pietro, Teodino, Antemio ed altri, tutti Sottodiaconi
della Chiesa romana. Questi in Napoli aveano le loro _Diaconie_
costituite, le quali erano certi luoghi, ovvero Stazioni, in cui il
Sottodiacono Rettore del patrimonio soccorreva i poveri della città, e
dispensava a quelli l'elemosine: a somiglianza di Roma, la quale avea
molte di queste _Diaconie_[196]. L'ebbe in fine in alcune altre città
di questa provincia della Campagna: l'ebbe in Apruzzo; l'ebbe nella
Lucania, e nella Calabria ancora.

I Vescovi di queste sedi maggiori, siccome anche dell'altre minori,
per far rispettare maggiormente le possessioni delle loro Chiese,
solevano dar loro il nome del Santo, che quella Chiesa avea in ispezial
venerazione: così la Chiesa di Ravenna nominava le possessioni sue di
S. Apollinare, e quella di Milano di S. Ambrogio, e la romana diceva
il patrimonio di S. Pietro in Sicilia, in Affrica, in Francia, in
Dalmazia, in Calabria, in Apruzzo, in Benevento, in Napoli ed altrove;
non altrimenti che a Venezia le pubbliche entrate si chiamano di S.
Marco. Così ancora le Chiese delle città minori, per fine di maggior
rispetto, nomavano i loro patrimonj col nome del Santo, che esse
avevano in più divozione, come Napoli il patrimonio di S. Aspremo,
Benevento di S. Barbato, Brindisi di S. Leoci: e poi Amalfi di S.
Andrea, Salerno di S. Matteo, e così di mano in mano tutte le altre.

Ma egli è ben da notare, che questo nome di patrimonio, che la Chiesa
di Roma avea in quelle province, non significava qualche dominio
supremo, o qualche giurisdizione della Chiesa romana, o del Pontefice,
ch'avesse sopra tali patrimonj: erano essi a riguardo de' Principi,
nelle cui province stavan collocati, come tutti gli altri particolari
patrimoni sottoposti alla giurisdizione, ed al dominio eminente di
quel Principe, dentro al cui Stato quelli erano. Tentarono egli è vero
alcuni Ecclesiastici della Chiesa romana di farvi dell'intraprese,
ma riusciron vani questi pensieri, ed i lor disegni. Poichè ne'
patrimonj dei Principi, quando non erano assegnati a' soldati, era
posto un Governadore con giurisdizione per le cause che intorno a
quelle possessioni potevan nascere, per la più facile esazion delle lor
rendite, e per lo costringimento de' debitori: queste istesse ragioni
tentarono usurpare alcuni Ecclesiastici ne' patrimonj di quella Chiesa:
volevano farsi ragione per se stessi, e farsi la giustizia colle mani
proprie, e non ricorrere al pubblico giudizio de' Magistrati; ma S.
Gregorio istesso prudentissimo e saggio Pontefice riprese questa
introduzione, e comandò e proibì sotto pena di scomunica, che non
si facesse: nè i Principi ne' loro dominj vollero in conto alcuno
tollerarla.

Pagavano perciò le possessioni ecclesiastiche i tributi al Principe,
come tutti gli altri patrimonj dei privati, siccome manifestamente
appare dal _Can. si tributum_, ch'è di S. Ambrogio[197]: ed è chiaro
che l'Imperador Costantino Pogonato nel 681, concedè esenzione da'
tributi, che la Chiesa romana pagava per lo patrimonio di Sicilia e di
Calabria. E l'Imperador Giustiniano Ritmeno successor di Costantino,
nel 687 remise il tributo, che pagavano i patrimonj d'Apruzzo e di
Lucania. Queste indulgenze da tributi ottennero i Pontefici romani
dagl'Imperadori d'Oriente, finchè fra essi fu buona amicizia e
corrispondenza; ma quando da poi per le novità insorto nell'Imperio
di Lione Isaurico, nacquero tra i Pontefici romani, e gl'Imperadori
d'Oriente quelle acerbissime contese che saranno il soggetto del
seguente libro, le quali finalmente proruppero in manifeste sedizioni
ed inimicizie; Lione Isaurico nel 782, non pur non gli fece franchi, ma
tolse alla Chiesa romana i patrimonj di Sicilia e di Calabria, e gli
applicò al suo Fisco. E gli Scrittori, che narrano questi successi,
rapportano che questi patrimonj confiscati rendevano d'entrata tra
tutti, tre talenti e mezzo d'oro in ciascun anno[198], che fanno in
nostra moneta (per non far minuto conto sopra la varietà delle opinioni
quanto precisamente corrisponda ad un talento) la somma di 2500 scudi,
ed il patrimonio di Sicilia, anche molto ampio, non rendeva più di
scudi 2100 l'anno.

Da questi patrimonj, che teneva la Chiesa romana in varie province,
dove sovente gli Ecclesiastici, quando lor veniva in acconcio,
si usurpavano ancora qualche giurisdizione nelle cause a quelli
appartenenti, ne nacque tra' Scrittori de' tempi più bassi
quell'errore, e fu data poi agli altri, che seguirono, occasione
di crederlo, e di tesserne altre favole: cioè, alla Chiesa romana
s'appartenessero la provincia dell'Alpi Cozie, la Sicilia, il Ducato
beneventano, il Ducato spoletano, parte della Campagna, e tante altre
province, perchè in quelle vi avea il suo patrimonio, confondendo il
patrimonio, che avea nell'Alpi Cozie, colla provincia istessa: l'altro
che teneva nella Sicilia colla stessa isola: il patrimonio beneventano,
col Ducato: il patrimonio salernitano, con quel Principato: il
patrimonio napoletano e gli altri che teneva nella Campagna, colla
provincia istessa, e così delle altre province. Nel qual errore non
possiamo non meravigliarci esservi fra gli altri caduto, anche il
nostro Scipione Ammirato[199], per altro diligentissimo Istorico,
il quale colla testimonianza di Paolo Varnefrido istesso volle darci
ancor egli a sentire, che la dominazione del Re Ariperto conteneva la
restituzione e conferma delle Alpi Cozie, che fece quel Principe a Papa
Giovanni VII quando dalle parole di sopra da noi rapportate di questo
Scrittore si vede chiaro, che si parla del patrimonio delle Alpi Cozie,
non già di quella provincia, che abbracciava gran tratto di paese, e
si stendeva insino a Genova, ornata di tante città e terre, che sarebbe
stolidezza il credere aversene voluto quel Principe, in tempi per altro
molto gelosi e sospettosi, spogliare e donarla a' Pontefici romani,
confederati allora cogl'Imperadori d'Oriente, implacabili nemici dei
Longobardi.

Questo equivoco ancora scopriremo, quando delle cotanto celebrate
donazioni di Carlo M. e di Lodovico Pio ne' loro tempi avremo occasione
di ragionare, dove vedremo, che ciò che in esse si legge di Napoli,
Salerno e sopratutto di Benevento, volendosi pure riputar per vere,
non già de' loro Ducati e Principati, ma de' patrimonj, che la Chiesa
romana teneva in queste province, favellano; i quali secondo il costume
che correva allora, dagl'Imperadori, che successivamente dominarono
nel Regno d'Italia, furon per mezzo de' loro _Precetti_ confermati e
conceduti alla Chiesa romana, siccome del patrimonio beneventano fece
Ludovico Pio nel 817 con Papa Pascale I, che poi fu di nuovo confermato
e conceduto da Ottone I e da Ottone Re di Germania suo figliuolo
a Giovanni XII nel 962, non già del Ducato ovvero della città di
Benevento, la quale è certo che venne in poter della Chiesa nell'anno
1052, con titolo di permuta fatta da Errico II, figliuolo di Corrado,
con Papa Lione IX, colla Chiesa di Bamberga, come al suo opportuno
luogo diremo.

Cotanto fu in questi tempi l'accrescimento de' beni temporali delle
nostre Chiese, e sopra tutto della Chiesa di Roma loro maestra e
condottiera: e, secondo la situazione dello stato presente, maggiori
acquisti se ne vedranno ne' secoli avvenire.

Multiplicate le chiese ed i monasterj, vie più s'accrebbe il culto de'
Santi, delle loro reliquie, e loro immagini. I santuarj, e sopra ogni
altro quello del monte Gargano non men da' Greci, che da' Longobardi,
erano più frequentati, ed arricchiti di preziosi doni. I miracoli vie
più crescevano, ed oltre alle prediche ed a' sermoni, cominciavano già
a tessersi di loro infiniti racconti, ed a raccogliersi in volumi, e
S. Gregorio ne pubblicò molti ne' suoi quattro libri de' Dialoghi, che
dedicò alla Regina Teodolinda. Si accrebbero nelle chiese le feste,
l'ottava di Natale, quella dell'Epifania, l'altra della Purificazione,
dell'Annunziazione della Vergine, della sua morte, della sua natività,
e finalmente quella di tutti i Santi. A pari del culto e della
divozione crebbero le ricchezze, promettendosi anche i Fedeli da'
Santi, non pur conseguimento di beni spirituali, ma anche di temporali,
di sanità, di abbondanza, di ricchezza, buoni successi ne' traffichi e
ne' negozj, nelle navigazioni, e ne' viaggi terrestri.

Da tanti e sì diversi fonti che cominciavano a scoprirsi, vie più
s'accrescevano alle Chiese le possessioni ed i retaggi; e la cagione
era, perchè se, come scrisse il nostro Ammirato, essendo la religione
un conto che si tiene a parte con Dio, e avendo i mortali in molte cose
bisogno di lui, o ringraziandolo de' beni ricevuti o de' mali scampati,
o pregandolo che questi non avvengano, e che quelli felicemente
succedano; necessariamente siegue, che de' nostri beni o come grati o
come solleciti facciamo parte, non già a lui che non ne ha bisogno,
ma a' suoi tempj ed a' suoi Sacerdoti; quanto più dovettero allora
crescere i doni e le offerte, quando s'ebbe a tenere non pur un sol
conto con Dio solamente, ma con tanti Santi, dall'intercession de'
quali promettevansi i Fedeli queste medesime cose; ed essendo tanto
cresciuto il lor culto e venerazione, ed eretti per ciò in lor nome
più monasterj e tempj, e multiplicati i loro santuari, ben poteron per
conseguenza tirar la gente ad offerir loro, ed a' loro tempj ancora e
Sacerdoti, in maggior copia, e doni e ricchezze. Cominciossi ancora
a donare, non pur alle Chiese, ma a' Parrochi, a' Preti, e ad altri
Ministri per li loro sacrifici, a fin di liberare l'anime de' loro
defonti dal Purgatorio[200]; onde surse, al creder di Mornacio[201],
l'autorità che s'assumevano di fare i testamenti a coloro, che morivano
intestati; di che altrove ci tornerà occasione di ragionare.

Mantennero le nostre Chiese intorno alla distribuzione delle rendite
e beni loro temporali, il medesimo istituto di dividergli in quattro
parti, una al Vescovo l'altra al Clero, la terza a' poveri, e la
quarta per la chiesa materiale. Della Chiesa di Napoli, che sin
dai tempi di S. Gregorio sotto il Vescovo Pascasio teneva un Clero
numeroso, contandosene fin a cento ventisei, oltre a' Preti, Diaconi,
Cherici peregrini; abbiamo dall'epistole di questo Pontefice[202],
che trascurando Pascasio di distribuire, come si conveniva a' poveri
ed al Clero le rendite di quella chiesa, fu costretto egli a far la
distribuzione, e riserbando la porzione al Vescovo, vi stabilisce ciò
che dovesse somministrarsi al Clero ed a' poveri, imponendo anche ad
Antemio suo Sottodiacono, ch'era Rettore del patrimonio di S. Pietro in
Napoli, che unitamente col Vescovo sopraintendesse a dividere, secondo
il bisogno de' poveri, la quantità del danaro, e tener modo anche
secondo la sua prudenza di distribuirlo a tempo opportuno.

La Chiesa di Benevento tenne ancora quest'istesso costume di dividere
le sue rendite in quattro parti. S. Barbato suo Vescovo non volle in
ciò dipartirsi dal prescritto de' canoni, e ne' suoi Atti si legge,
che da poi che il Duca Romualdo arricchì la sua Chiesa di tanti doni,
ed alla quale unì quella di Siponto, volle con particolar providenza
stabilire in perpetuo questa distribuzione, la quale si dovesse tenere
sempre ferma nella sua Chiesa: ecco ciò che in quegli Atti[203] si
legge: _Impetratis omnibus ut poposcerat vir Sanctus non est oblitus
mandatorum Dei: in quatuor partes cunctum Ecclesiae redditum omni
tempore sanxit fideliter dispartiri, unam egentibus, secundam his, qui
Domino sedulas in Ecclesiis exhibent laudes, tertiam pro Ecclesiarum
restauratione distribui, juxta quartam suis peragendis utilitatibus
Episcopus habeat; et hactenus sicut ab eo disposita sunt, in praesenti
cuncta videntur_.

Questo medesimo istituto tennero tutte l'altre Chiese di queste nostre
province, le quali per altro erano in ciò commendabili, poichè non
era fraudata a' poveri la lor porzione, ed i Vescovi praticavano co'
peregrini quell'ospitalità, che i canoni gli obbligava a mantenere.


  FINE DEL LIBRO QUARTO.



STORIA CIVILE DEL REGNO DI NAPOLI

LIBRO QUINTO


Luitprando Re de' Longobardi, avendo nell'anno 711 fermato il soglio
del suo Regno in Pavia, siccome i suoi predecessori avean fatto,
cominciò a dar saggi grandissimi della sua bontà e prudenza civile.
Egli, imitando suo padre e gli altri Re suoi predecessori, nella
religion cattolica fu costantissimo, ed alla di lui pietà dee Pavia
l'ossa gloriose d'Agostino; poichè egli le vendicò dalle mani de'
Saraceni, dopo avergli discacciati da Sardegna, dove trovavasi il
prezioso deposito. Egli, seguendo l'esempio di Rotari e di Grimoaldo,
volle eziandio esser partecipe della gloria di savio facitor di
leggi: poichè nel primo anno del suo Regno, avendo in Pavia, secondo
il costume, ragunati gli Ordini del Regno, ordinò altre leggi, e
l'aggiunse agli editti di Rotari e di Grimoaldo[204]; nè di ciò ben
soddisfatto, ne' seguenti anni, secondo che il bisogno richiedeva,
altre ne stabilì: tanto che fra i Re longobardi, dopo Rotari,
Luitprando fu quegli, che più di ogn'altro empiè il suo regno di leggi.


§. I. _Leggi di LUITPRANDO._

Molte leggi di questo Principe piene di somma prudenza ed utilità
sono ancor oggi a noi rimase nel volume delle leggi longobarde, ma nel
Codice membranaceo Cavense si leggono interi i suoi editti, donde le
prese il Compilatore di quel volume. Ivi si legge il suo primo editto,
che e' promulgò nel primo anno del suo Regno, contenente sei capitoli,
fra' quali il primo ha questo titolo _de successione filiarum_. Si
leggono ancora gli altri editti, che e' fece ne' seguenti anni: poichè
nel quinto del suo Regno ne promulgò un altro, che contiene sette altri
capitoli: nell'ottavo, dieci: nel decimo anno, cinque: nell'undecimo,
trentatre: nel decimo terz'anno, cinque: nel decimoquarto, quattordici:
nel decimoquinto, dodici: nel decimosesto, otto: nel decimosettimo,
tredici: nel decimonono, tredici: nel ventunesimo, nove: nel
ventesimosecondo, quattro: nel ventesimo terzo, cinque: ed alcuni
altri ne promulgò negli anni seguenti. Di maniera che le leggi di
questo Principe, siccome vengono registrate nello stesso Codice,
che si conserva nell'Archivio della Cava arrivano al numero di cento
cinquantadue, alle quali nel Codice suddetto si veggono aggiunti sette
altri capitoli, i cui titoli o sommarj sono: _I. De Mercede Magistri_.
_II. De Muro_. _III. De Annona_. _IV. De Opera_. _V. De Caminata_. _VI.
De Fumo_. _VII. De Puteo_.

Di queste leggi solamente 137 furono inserite nel volume delle leggi
longobarde dal suo Compilatore. Nel primo libro se ne leggono 48,
e nel secondo 89, poichè nel terzo non ne abbiamo. La prima che
si legge nel primo libro è sotto il _tit. de illicito consilio_:
l'altra sotto il tit. 8: nove altre se ne leggono sotto il _tit. de
homicidiis_: un'altra sotto quello _de Parricidiis_: un'altra sotto
il titolo decimoquarto dell'istesso libro: quattro sotto quello de
_injuriis mulierum_: tre nel titolo decimosettimo: una sotto il _tit.
de Sedictione contra Judicem_: altra nel titolo decimonono: un'altra
sotto quello _de pauperie_: quattro nel titolo vigesimoterzo: dodici
sotto quello _de Furtis, et servis fugacibus_: una sotto il _tit. de
Invasionibus_: un'altra sotto il vigesimonono: altra sotto il _tit. de
raptu mulierum_: un'altra sotto quello _de fornicatione_: tre sotto il
_tit. de adulterio_: una nel titolo trigesimo quarto: e l'altra sotto
quello de _Culpis servorum_, ch'è l'ultima del primo libro.

Nel secondo ne leggiamo assai più insino ad ottantanove: due sotto
il titolo secondo: una sotto il terzo: tre nel quarto: una nel
quinto: altra nel sesto: un'altra nel settimo: otto sotto il tit.
_de prohibitis nuptiis_: una nel nono: un'altra nel decimo: altra
nell'undecimo: tre sotto quello _de conjugiis servorum_: altra sotto il
titolo decimoterzo: un'altra sotto quello _de donationibus_: un'altra
sotto il _tit. de ultimis voluntatibus_: tre sotto il ventesimo:
sedici nel _tit. de debitis, et guadimoniis_: una sotto quello _de
Treugis_: due sotto il ventesimo quinto: un'altra sotto il ventesimo
sesto: altra sotto quello _de depositis_: altra sotto il _tit. de rebus
intertiatis_: sette nel _tit. de prohibita alienatione_: due sotto
il trentesimo: una sotto quello _de prohibita alienatione servorum_:
quattro sotto il _tit. de praescriptionibus_: due sotto quello _de
Evictionibus_: quattro sotto l'altra _de Sanctimonialibus_: due nel
_tit. de Ariolis_: quattro sotto il _tit. de Reverentia Ecclesiae,
seu immunitatibus debita_: cinque sotto l'altro, _qualiter Judices
debeant_: una sotto il _tit. de consuetudine_: un'altra sotto quello
_de Testibus_: quattro sotto il _tit. qualiter quis se defen. deb._;
ed una in quello _de perjuriis_, ch'è il penultimo titolo del libro
secondo.

Nel terzo, leggi di Luitprando non abbiamo, come quello che per lo
più fu composto dalle leggi di quegli Imperadori, che l'Italia, come
successori de' Re dei Longobardi signoreggiarono, dopo avergli da
questa provincia discacciati: tutto che alcune pochissime leggi di
Rotari, di Rachi e di Astolfo pure i Compilatori v'inserissero. Alcune
altre leggi di questo Re possono vedersi appresso Marcolfo[205] e
Goldasto.

Ma la saviezza che mostrò questo Principe in comporre il suo Regno
con sì provide leggi, e tutti gli altri suoi pregi fur non poco
oscurati dalla soverchia ambizione di dominare, e dal desiderio estremo
di stendere i confini del suo Regno, oltre a quello, che i suoi
predecessori gli avean lasciato, la quale portò egli tanto avanti,
che finalmente cagionò ne' suoi successori la ruina dell'Imperio de'
Longobardi in Italia; poichè non contento di aver ritolto al Pontefice
romano il patrimonio delle Alpi Cozie che poco innanzi il Re Ariperto
avea confermato alla Chiesa romana, invase anche il patrimonio
sabinense; e tutto intento ad approfittarsi, e ad investigar qualunque
opportunità d'ampliare il suo dominio, secondando gli avidi consigli
con una presta, e destrissima esecuzione, gli venne fatto d'allargare
grandemente il suo Regno sopra le rovine de' Greci. Tanto che la
sua potenza rendutasi ormai sospetta a' Pontefici romani, finalmente
veggendo costoro depressa, e poco men che estinta in Italia l'autorità
degl'Imperadori d'Oriente, e non fidandosi più de' Greci, ch'erano
divenuti loro capitalissimi nemici, pensarono alla maniera, che ora
diremo, di ricorrere alle forze straniere per abbassare Imperio sì
grande.


§. II. _Novità insorte in Italia per gli editti di LIONE ISAURICO._

Reggeva in questi tempi l'Oriente Lione Isaurico, il quale, calcando
le orme di Bardane soprannomato Filippico (che fu il primo Imperador
d'Oriente, che cominciò a muover guerra alle immagini) era chiamato
Iconomaco, come colui, che fuor d'ogni misura e sopra tutti gli altri
avea quelle in odio ed abbominazione; poichè persuaso, con abbatterle
di discacciar l'Idolatria, che credette per l'adorazione e culto
delle medesime essersi introdotta nel Cristianesimo, si prometteva
felicità nel suo Imperio; ed in premio di sì magnanima e pietosa
impresa, come e' la riputava, lusingavasi di dovere colla prosperità
de' successi stendere il suo Imperio, reintegrargli l'Italia da'
Longobardi occupata, ed alla pristina dignità e grandezza restituirlo.
Nè mancò chi, per accrescer l'inganno e la lusinga con presagi ed
augurj alcune volte dal caso confermati, glie ne promettesse facile e
sicuro adempimento; e la politica di questo Principe, la quale non può
negarsi, che non sia stata grande, rimase da sì vani vaticinj delusa
e schernita; imperocchè non ponderando egli, che appresso i Popoli, e
particolarmente agl'Italiani, sì strana e nuova impresa dovea eccitar
turbolenze e tumulti grandissimi, siccome coloro, i quali, avvezzi già
per molto tempo nelle chiese ed altrove a venerar quelle immagini,
e a promettersi per l'intercessione de' loro prototipi felicità non
meno spirituali che temporali, non potevano i loro animi, percossi
da sì strana novità, non riempiersi di grandissimo orrore in veggendo
ardere per mano di uomini vilissimi, con sommo disprezzo abbattere, ed
in minutissimi pezzi frangere quelle statue, che da loro maggiori con
ugual pietà e magnificenza erano state ne' tempj, e su le porte delle
città a pubblica venerazione collocate.

Nè certamente avrebbe giammai mente d'uomo potuto investigare novità
più rimarchevole o più penetrante di questa, per mettere in iscompiglio
le province tutte dell'Italia; avvegnachè l'altre eresie, non avendo
avuto niente del popolare e del tragico, ancorchè si fossero diffuse
per la mente degl'uomini, e precisamente l'arriana, non portarono
nel disseminarsi tanti tumulti e sconcerti, quanti ne dovea suscitar
questa, la quale non poteva porsi in effetto, se non per mezzo di modi
strepitosi, d'incendj, d'abbattimenti, e per altri tragici avvenimenti.
Lione, come Principe prudente e savio, sul principio tenne perciò
modi soavi e placidi; proccurò prima con ragioni e scongiuri persuader
negli altri quel ch'egli credeva; poi veggendo che ciò niente giovava,
diede fuori un editto, col quale non si comandava altro se non che si
togliessero le immagini da que' luoghi soliti, dove trovavansi riposte
per esservi adorate, e si collocassero nelle sommità de' tempj, ove non
potessero ricever culto, nè adorazione alcuna. Ma avendo da poi scorto
negli animi di molti dell'orrore, anzichè avversione a cotali suoi
ordinamenti, preso da stizza e da furore, rompendo ogni maggior indugio
e deponendo qualunque moderazione, imperversò tanto nell'impresa, che
fatto unire il Senato, con pubblica dichiarazione ordinò, che tutte le
immagini fossero abbattute, e che nè pur una ne fosse permessa dentro
alle chiese di Costantinopoli: essendo egli persuaso, che quanto più
tardasse a condurre a suo fine questa eroica e gloriosa operazione,
tanto più sarebbe tardato a riceverne il premio, conforme alle
concepute idee.

In Oriente a questo disegno dell'Imperadore si opposero Germano
Patriarca di Costantinopoli, e S. Giovanni Damasceno; ma Lione
fece deporre Germano, e nel 730 fece metter in suo luogo Anastasio.
Sono alcuni che scrissero, che facesse ancora colla forza eseguire
in Costantinopoli l'editto, con far ardere e rovesciare tutte le
immagini, e tutto ciò ch'era di rado e pellegrino in quella città, e
che alla vista di tutto il Mondo facesse anche abbattere la statua del
Salvatore, che s'innalzava sopra la gran porta del palagio imperiale,
fatta ivi ergere da Costantino il Grande; altri riputano favoloso
ciò che si narra dell'abbattimento della statua del Salvatore, e
vogliono che in questi principi Lione non imperversasse tanto. Che che
ne sia, egli voleva far valere il suo editto, e che s'eseguisse non
meno in Costantinopoli ed in Oriente, che in tutte le altre province
dell'Occidente, ch'erano rimase sotto il suo dominio. Comandò per
tanto gagliardamente a' suoi Uficiali, ch'eran destinati al governo di
quelle, che facessero nelle città a loro soggette eseguir l'editto, e
sopra ogni altro impose a Scolastico Patrizio, che si trovava allora
Esarca di Ravenna, che facesse eseguire puntualmente i suoi ordini,
con far rovesciare in quella città tutte le immagini, senza permetterne
alcuna.

Ma in Occidente, e particolarmente in Italia non pure non fu ubbidito
l'editto, ma vennero i Popoli in tanto abborrimento di quello,
che apertamente proruppero in manifesta sollevazione. I Principi
dell'Occidente che non erano sotto il di lui Imperio, i longobardi Re
d'Italia, ed i nostri Duchi di Benevento lo detestarono, nè vollero
che ne' loro dominj si ricevesse: questa stessa avversione era ne'
Popoli soggetti all'Imperio greco; nè tutti i sforzi degli Uficiali,
che volevan in tutti i modi farlo eseguire, poterono giammai nulla
spuntare contra l'ostinata universale repugnanza. Niente valsero in
Roma, ed in tutto il Ducato romano; niente nel Ducato napoletano,
e negli altri Ducati e città che ubbidivano agl'Imperadori di
Oriente. Anzi l'Esarca Scolastico in Ravenna, volendo con violenza
obbligare quel Popolo all'osservanza dell'editto, cagionò più gravi
e dannevoli disordini; poichè, avendo comandato che a viva forza si
rovesciassero in quella città l'immagini, eccitò tali tumulti, che
il Popolo, spinto a manifesta rivolta contra l'Imperadore, ridusse
la cosa in tale estremità, che finalmente i Ravignani passarono
sotto la dominazione di Luitprando. Imperocchè questo accortissimo
Principe, che invigilava sempre ad ingrandire il suo Regno a danni
dell'Imperadore, avendo intesa la sollevazione di coloro, portò subito
l'assedio a quella città, e strettala per mare e per terra, dopo avere
sconfitta l'armata navale de' Greci, che veniva per soccorrerla, se
ne rendè in pochi giorni padrone[206]: molte altre città dell'Esarcato
tantosto renderonsi a lui; e finalmente ridusse l'Esarcato in forma di
Ducato, ed agli altri Ducati de' Longobardi aggiunse questo, dandogli
nuova forma, e ne creò Duca Ildeprando suo nipote (quegli che poi fu
innalzato al soglio reale), al quale, essendo ancor fanciullo, diede
per Direttore Peredeo Duca di Vicenza.

Reggeva in questi medesimi tempi il Ponteficato romano Gregorio II di
questo nome, il quale era succeduto a Costantino nella sede di Roma
l'anno 714. Questi sebbene, unito co' Romani, si fosse grandemente
opposto a' disegni di Lione; nulladimanco avendo sospetta, come ebbero
sempre i suoi predecessori, la potenza de' Longobardi, non poteva
soffrire che il loro Regno sotto Luitprando, Principe ambizioso, si
stendesse tanto, che finalmente potesse portar la ruina della sua sede
e del Pontificato. Per questi rispetti, come fece l'altro Gregorio,
invigilava sempre agl'interessi degl'Imperadori greci, che tenevano
in Italia, e proccurava che le loro forze non declinassero, affinchè
potessero opponersi a' disegni de' Longobardi, e fosse l'autorità
loro ritegno e freno a tanta potenza: perciò si oppose al Duca di
Benevento, ed ajutò i Greci napoletani, perchè Cuma non fosse da'
Longobardi beneventani soggiogata. E quantunque per aversi egli dovuto
opponere agli sforzi di Lione in queste novità dell'abbattimento delle
immagini, fosse stato dall'Imperadore indegnissimamente trattato,
sino a minacciarlo di volerlo scacciare dalla sua sede, e di mandarlo
in esilio[207]; con tutto ciò, posponendo le private ingiurie alla
pubblica causa, dirizzò tutti i suoi pensieri per impedire la rivolta
de' Popoli d'Italia, che a lui ubbidivano, e per difendere le terre
dell'Imperio dall'invasione de' Longobardi.

Non aveva egli in Italia Principe vicino a chi potesse ricorrere per
poter contra coloro far argine. Le sole forze de' Greci non bastavano:
la Repubblica di Venezia solamente, che da tenuissimi principj surta,
in questi tempi erasi renduta di qualche considerazione in Italia,
vi restava, tanto che l'Esarca ivi erasi salvato; si raccomandò, e si
rivolse per tanto Gregorio a' soccorsi de' Veneziani, ed avendo scritto
una bene forte lettera ad Urso lor Duce, tanto fece ed operò co' suoi
uficj, che finalmente ridusse i Veneziani a ristabilir l'Esarca in
Ravenna, la quale essi con tanta celerità ritolsero a' Longobardi,
che Luitprando da Pavia non potè mandarvi soccorso: furono dunque
i Longobardi scacciati, rimanendo Ildeprando prigione in mano de'
Veneziani, e Peredeo, mentre fuggiva, fuvvi miseramente ucciso.

Credette il Papa, che Lione sarebbe stato riconoscente d'un servigio
tanto considerabile; onde si mise a sollecitarlo più fortemente che mai
per lettere[208] affinchè abbandonasse la sua impresa. Ma fu ben deluso
Gregorio nelle sue speranze, poichè questo Principe, a cui era noto,
che Gregorio più per proprio suo interesse, che per l'Imperio, erasi
mosso in suo ajuto, irritato vie più in veggendo, che e' continuasse
d'opporsi sempre più al suo disegno, e che con manifeste rivolte si
tentasse scuotere il suo dominio; e conoscendo la fermezza del Papa,
che l'avrebbe impedito per sempre, pensò seriamente a rimovere ogni
ostacolo; e vedendo che sarebbe stata cosa difficile di venirne a
capo colla forza, pensò di ricorrere alle arti ed al tradimento. Il
Ducato romano, come s'è più volte detto, durava in Italia sotto la
sua dominazione, e da lui si mandavano i Duchi a Roma per reggerlo.
Era in questi tempi Duca di Roma Maurizio: a costui diede segretissimi
ordini di favorire tre suoi Uficiali, che si ritrovavano in Roma, li
quali, insidiando la vita del Pontefice, avevano data parola a Lione
di condurlo in Costantinopoli vivo o morto; ma non riuscito a costoro
il disegno, e pensando l'Imperadore, che dalla negligenza de' suoi
principali Uficiali fosse stato frastornato, inviò nell'anno 725 Paolo
Patricio in Italia per comandar in Ravenna in qualità d'Esarca[209],
al quale incaricò questo fatto, ed allora i tre congiurati, tenendosi
sicuri d'una potente protezione, si affrettarono di fare il disegnato
colpo: ma prima che ne venissero all'esecuzione, la congiura fu
scoperta da' Romani, vigilantissimi alla conservazione d'un Pontefice,
ch'essi avevano tanto caro; ed avendone incontanente arrestati due,
gli fecero subito morire; e l'altro che colla fuga erasi posto in salvo
dentro un monastero, quivi rendutosi Monaco finì i giorni suoi.

Intanto il nuovo Esarca, che veniva sollecitato da Lione con
premurosissimi ordini di trovar ogni strada per aver in mano il Papa,
vedendo riuscir vane tutte le sue arti ed insidie, perchè il Papa era
troppo bene guardato da' Romani, finalmente impaziente d'ogni indugio
si risolse d'impiegar la forza aperta per mantener la parola, che
egli aveva data a Lione di mettergli nelle mani Gregorio[210]. Ragunò
dunque più presto che gli fu possibile alcune truppe, raccolte parte da
Ravenna e parte dell'armata, ch'egli teneva in piedi, per essere sempre
in istato di difendersi dagli insulti de' Longobardi vicini, e le mandò
ad unirsi agl'Imperiali, ch'erano in Roma più deboli, con ordine di
menar via il Papa, e di condurlo a Ravenna.

Ma Luitprando, scaltro ed accortissimo Principe, ancorchè si tenesse
offeso da Gregorio, il quale aveva suscitati i Veneziani contro di
lui per fargli perdere Ravenna, come la perdette, deliberò in questa
necessità di soccorrere il Papa ed i Romani contra i Greci, acciocchè,
tenendo in bilancio i due partiti, per gli aiuti più o meno forti, che
lor avrebbe somministrati secondo le occasioni, venissero in questa
divisione a poco a poco ad indebolirsi e gli uni e gli altri, onde
potesse poi della lor debolezza approfittarsi. Diede per tanto pronto
ordine a Governatori delle Piazze, ch'egli aveva ne' contorni di
Ravenna e di Roma, d'unirsi a' Romani, i quali con si valido soccorso
trovandosi più forti di quelli dell'Esarca, gli fermarono vicino
Spoleto, e costrinsongli finalmente ad abbandonar la loro impresa, e a
ritornare in Ravenna.

Lione intanto, il quale per altro nell'arte del regnare e del
dissimulare non era cotanto inesperto, ancorchè vedesse essergli sì mal
riuscita la forza ed il tradimento, lasciossi talmente trasportar dalla
collera, che non curando i danni gravissimi, che poteva portar seco una
risoluzione tanto bizzarra, come era quella che egli volle prendere,
quando men dovea, credette che l'autorità sua per se sola e disarmata,
avrebbe fatto senza fatica ciò che non potè eseguire coll'armi e
colle insidie: perciocchè trascurato ogni rispetto, e consigliandosi
solamente colla sua passione, reiterò quanto intempestivamente,
altrettanto con molta veemenza e fervore gli ordini all'Esarca di far
pubblicare ed eseguire in Roma, ed in tutte le città del suo Imperio,
che teneva in Italia, l'editto, che poco anzi aveva in Costantinopoli
formato. Conteneva l'editto, come s'è detto, che si togliessero
dalle chiese tutte le immagini, come tanti Idoli: prometteva di più
ogni sorte di favore al Papa, purchè ubbidisse, ed all'incontro lo
dichiarava reo e decaduto dal Ponteficato, nel caso che ricusasse.

Non fu veduta mai più pronta, nè più generale, nè meglio concertata
risoluzione di quella, che si fece per tutto e principalmente a Roma,
subito che vi fu pubblicato questo editto.

Gregorio assicurato già degli animi di tutti disposti in suo ajuto,
assicurato ancora da' Longobardi, e vedendo che Lione non osservava
più nè misura, nè modo, e che attaccava già apertamente non pur la
sua persona, ma anche la religione; si risolse d'impiegare alla
prima tutta l'autorità sua pontificale, e le armi spirituali del
suo ministero per impedire, che un così detestabile editto non fosse
ricevuto in Italia. Cominciò a scomunicare solennemente l'Esarca, e
tutti i di lui complici. Poi mandò lettere appostoliche ai Veneziani,
al Re Luitprando, ed a' Duchi de' Longobardi, ed a tutte le città
dell'Imperio, per le quali gli esortava a tenersi saldi ed immobili
nella fede cattolica, e ad opporsi con tutte le forze all'esecuzione di
questo editto.

Queste lettere fecero tanta impressione sopra gli spiriti, che tutti
i Popoli d'Italia, benchè di partiti differenti, e che spesso fra di
loro guerreggiavano, come i Veneziani, Romani e Longobardi, s'unirono
tutti in un sol corpo, animato d'un medesimo spirito, che gli fece
operare di concerto per difender la fede cattolica e la vita del Papa,
protestando tutti insieme di voler conservarla sino ad esporre la
propria per una causa sì gloriosa. Ma come è difficile nel calore d'un
primo moto di conservar eziandio nel bene le giuste misure, che egli
dee avere; non si tennero nei limiti d'una legittima difesa: perocchè
non solo i Romani e quelli di Pentapoli, ch'è oggidì la Marca d'Ancona,
presero le armi, e s'unirono a' Veneziani, che furono i primi ad
armarsi, ma portando più innanzi il loro zelo, scossero apertamente il
giogo. Non contenti d'aver abbattute le immagini di Lione, non vollero
più conoscerlo per loro Imperadore, e si elessero da loro stessi
nuovi Magistrati per governarsi nell'interregno, che pretendevano
fare di propria loro autorità. Andarono anche più avanti, e portarono
finalmente la cosa quasi all'ultima estremità; perciocchè eran risoluti
di creare un altro Imperadore, e di condurlo a Costantinopoli con
una potente armata, per metterlo nel luogo di Lione; ma il Papa non
riputando questo consiglio opportuno, nè proprio di quel tempo, lo
rifiutò, e vi si oppose in maniera che non ebbe nessuno effetto[211].

Ma questo non impedì il destino di Lione, che terminò finalmente di
fargli perdere in Italia l'Esarcato di Ravenna, il Ducato di Roma,
e mancò poco che non perdesse il Ducato di Napoli, e con esso tutta
la sua autorità in Italia: perocchè sollevati i Popoli, tantosto
si divisero in fazioni e partiti. In Ravenna Paolo Esarca n'avea
guadagnato molti, o per vile compiacenza, o per interesse, o per la
speranza di salire in posti maggiori. Ma il contrario, che sosteneva il
Papa, più forte e numeroso, non potendo soffrire l'Esarca, si sollevò,
ed insorta una furiosa sedizione, anzi una spezie di guerra civile,
tra i due partiti, presero l'armi per distruggersi l'un con l'altro.
La fazione de' cattolici, come più forte, essendo nel conflitto rimasa
superiore, fece strage grandissima di tutti gli Iconoclasti, senza
risparmiar nemmeno l'Esarca, che fu ammazzato in questo tumulto. Queste
furono le cagioni, le quali fecero perdere agl'Imperadori d'Oriente
molte città della Romagna, ch'eran dell'Esarcato, e tutte l'altre
città della Marca, che si renderono a Luitprando Re de' Longobardi.
Imperocchè questo scaltro Principe, il quale non era per altro entrato
in questa guerra, che per profittar dell'occasione d'ingrandirsi a'
danni degli uni e degli altri, non mancò di tirar tutto il vantaggio,
ch'egli poteva sperare di questa rivolta, e di far valere il pretesto
della religione, secondo la massima della politica umana per conseguire
i suoi fini. Fece dunque comprendere a questi Popoli, da una parte,
che non potrebbono mai conservar la religione sotto un Imperadore
non solamente eretico, ma ancora persecutore degli Ortodossi; e
che dall'altra erano troppo deboli per resistere alle forze d'un sì
potente Principe, dal quale potrebbono essere attaccati in un tempo,
in cui altri interessi sarebbon forse d'impedimento a' loro amici
di soccorrergli: dimodochè quelle città, non seguitando in questo
movimento se non i consigli, che lor venivano ispirati dall'odio e dal
timore mischiati di zelo e d'amore per la religione, dopo avere scosso
il giogo dell'Imperio, si misero sotto l'ubbidienza del Longobardo.
Documento che può mostrare a' Principi quanto possa nell'animo de'
Popoli la forza della religione, e da ciò apprenderanno non potersi
quella alterare, senza pericolo di violentemente scuotere fino da'
primi cardini gli Stati da loro governati.


§. III. _Il Ducato napoletano si mantenne nella fede di LIONE ISAURICO._

Mancò poco che, ciocchè i predecessori di Luitprando per lungo corso
di anni e di guerre non poteron conseguire, egli in un tratto non ne
venisse a capo, occupando il Ducato napoletano, come avea fatto di
molte città dell'Esarcato di Ravenna. Era il Ducato di Napoli, come
si disse, governato da un Duca, che anche da Costantinopoli solevan
mandare gl'Imperadori Orientali, a' quali era sottoposto. Nei tempi di
Lione governava questa città per l'Imperadore, _Esilarato_ successore
di Giovanni, il quale spinto da precisi ordini di Lione, sollecitava i
Popoli della Campagna a ricevere l'editto, ed a seguitare la religione
del loro Principe: aveva medesimamente subornati uomini per fare
ammazzare il Papa, promettendo loro grandi ricompense, se facessero
questo colpo, che egli diceva esser assolutamente necessario per riposo
d'Italia. Questa esecranda viltà scoperta da' Napoletani, devotissimi
che furono sempre de' Pontefici, e tenacissimi in sostenendo la
dottrina della Chiesa romana, parve loro così orrenda e mostruosa, che
chiudendo gli occhi ad ogni altra considerazione, fuorchè a quella, che
animava la loro indegnazione alla vendetta di questo attentato, presero
le armi, ed eccitato avendo turbolenze e tumulti, rivoltaronsi contra
il Duca Esilarato il quale, non avendo di che far loro resistenza in
una sì generale sollevazione, l'ammazzarono insieme con Adriano suo
figliuolo; e ad uno de' suoi principali Uficiali, ch'essi accusarono
d'aver composto un sedizioso scritto contra il Papa, parimente tolsero
la vita[212].

Ma i Napoletani non portarono più avanti il loro sdegno, nè mancarono
alla fede dovuta al loro Principe, come fecero l'altre città, nè
vollero avere alcuno ricorso a' Longobardi, i quali sebbene avessero
subito aperti gli occhi a sì bella opportunità, nulladimeno i
Napoletani, per non irritar maggiormente lo sdegno dell'Imperadore, o
come è più verisimile, essendo sempre stato fra questi due Popoli per
le lunghe e continuate guerre, odio implacabile, non vollero usare
tanta viltà, di sottoporsi a' Longobardi, avuti da essi sempre per
fieri ed implacabili nemici. Tanto che non riuscì a Luitprando, nè a'
Longobardi beneventani di potersi approfittar di sì bella occasione.
Per cotale modo si mantenne questo Ducato (quando tutte le altre
Signorie che gl'Imperadori orientali tenevano in Italia cominciavan
a mancare) saldo e costante nella ubbidienza del suo Principe: onde
in luogo d'Esilarato, sostituendosi Pietro per Duca di questa città,
continuarono essi a vivere sotto l'Imperio de' Greci, infinattanto che
da' Normanni non fu il lor Ducato, dopo il corso di molti e molti anni,
a' Greci finalmente tolto, come diremo ne' seguenti libri.

Lione stordito alla notizia d'una sì generale rivoluzione, in vece di
levar la cagione d'un sì gran male, non fece altro, che maggiormente
inasprirlo, fin a renderlo incurabile; ciocchè finalmente fecegli
anche perdere il Ducato di Roma, senza speranza di più ricuperarlo:
e che l'avrebbe anche interamente spogliato di quello di Napoli, e
di tutta l'autorità sua in Italia, se la costanza de' Napoletani, e
l'avversione ch'essi tenevano a' Longobardi, non l'avesse impedito.
Egli imperversando sempre più contro alla vita del Pontefice,
credendolo autore di tutti questi mali, subito ch'ebbe intesa la morte
di Paolo Esarca, e la sollevazione della Campagna contra il Duca di
Napoli, mandò nell'anno 727 l'Eunuco _Eutichio_ in Ravenna in qualità
d'Esarca[213], uno de' più scellerati uomini della terra, e de' più
atti ad eseguire le più empie e più difficili imprese. Si sforzò costui
di corrompere i Governadori delle Piazze, ch'erano sotto la dominazione
de' Longobardi ne' contorni di Napoli e di Roma, solamente per
obbligargli a dissimulare, ed a non far tutto quello, che potrebbero
per difendere il Papa; ma non ebbe questo vile artificio tutto il
successo, ch'egli n'aspettava; poichè un uomo mandato da questo Eunuco
segretamente a Roma, fu preso da' Romani, e trovatolo carico degli
ordini espressi dell'Imperadore a tutti i suoi Uficiali di porre a
rischio ogni cosa, per ammazzare il Papa, furono per porlo in pezzi,
se Gregorio non l'avesse impedito, contentandosi solo di scomunicare
Eutichio[214].


§. IV. _Origine del dominio temporale de' Romani Pontefici in Italia._

Trovavasi veramente Gregorio in angustie grandi, poichè se bene
Luitprando co' Longobardi mostrava di difenderlo contra gli sforzi di
Lione, conosceva però assai bene, che questo zelo lo dimostravano non
tanto per di lui servigio e conservazione, quanto per approfittarsi
sopra l'altrui discordie; per la qual cagione non aveva in che
molto fidarsi di loro, come l'evento il dimostrò. Quindi i Romani,
abbominando dall'un canto l'empietà di Lione, alla quale voleva
tirargli per quel suo editto, e dall'altro essendo loro sospetta
l'ambizione di Luitprando, che non cercava altro in questi torbidi,
che d'impadronirsi del Ducato romano; si risolsero finalmente, scosso
il giogo di Lione, mantenersi uniti sotto l'ubbidienza del Papa, al
quale giurarono di volerlo difendere contra gli sforzi e di Lione e di
Luitprando. Questa fu l'origine, e questi furono i primi fondamenti che
si buttarono, sopra de' quali col correr degli anni venne a stabilirsi
il dominio temporale de' Pontefici romani in Italia. Cominciò il lor
dominio da questo interregno, che fecero i Romani, i quali liberatisi
da Lione, erano tutti uniti sotto il Papa lor Capo, ma non già ancora
lor Principe.

Ma non perchè tanta avversità a' suoi disegni scorgesse Eutichio, si
perdè d'animo a proseguire il suo disegno; imperocchè rifatta, come
potè meglio, la sua armata, si portò in Ravenna, e durando ancora le
fazioni in quella città, gli fu facile, veggendosi i suoi partigiani
soccorsi con sì valide forze, ricuperarla, e ridurre i Ravignani nella
fede del suo Principe. Questi, ponderando che tutta l'Italia era per
lui perduta, e che non potrebbe mai opprimere il Papa e l'ostinazione
de' Romani, sempre che Luitprando era per soccorrergli; impiegò
tutta la sua destrezza e politica per distaccar questo Principe
dagl'interessi del Pontefice e de' Romani, ed obbligarlo ne' suoi.
Erasi in questo incontro ribellato a Luitprando, Trasimondo Duca
di Spoleto, e trovandosi Luitprando impiegato a reprimere la costui
fellonia, ardeva di desiderio di farne aspra e presta vendetta. Si era
ancora il Re accorto, per la risoluzione ferma de' Romani di darsi al
Papa, che niente potrebbero giovargli con essi le arti e le lusinghe
per tirargli alla sua ubbidienza, ma che restava la sola forza per
far questo colpo. Per questi rispetti offerendogli l'Esarca il suo
esercito per reprimere prima la fellonia di Trasimondo, come che non
per altri fini s'era intrigato in questa guerra, che per approfittar
delle occasioni, ch'ella gli avrebbe somministrate di tirare grandi
vantaggi o dall'una o dall'altra parte: non ebbe Eutichio a durar
molta fatica per tirarlo ne' suoi disegni; per questo dimenticatosi
dell'obbligo, ch'egli aveva co' Romani, e della parola da lui data di
difendere il Papa e la religione contra gl'insulti dell'Imperadore,
accettò queste offerte, e conchiuse con Eutichio il trattato, il quale
in fatti congiunse tosto la sua armata a quella del Re, e seguitollo
alla guerra, ch'egli andò a portare contra il Duca di Spoleti suo
ribelle; la quale non durò troppo, poichè Trasimondo restò così
sorpreso di questa colleganza, la quale non aspettava punto, che subito
che Luitprando fu arrivato innanzi Spoleti, venne a gittarsi a' di lui
piedi, chiedendogli perdono, e l'ottenne: fu medesimamente ristabilito
nel suo Ducato, facendo di nuovo al Re a giuramento, e dandogli ostaggi
della sua fedeltà.

Mancata così tosto l'occasione d'impiegar le armi contra ribelli, in
adempimento del trattato con Eutichio, furon quelle voltate contra
i Romani, e venne Luitprando con le due armate a presentarsi sotto
Roma, accampandosi nelle praterie di Nerone, che sono tra 'l Tebro, e
la chiesa di S. Pietro, dirimpetto al Castel S. Angelo. Presentendo
Gregorio l'apparecchio di Luitprando, aveva fatto munire, come potè
il meglio, la città di Roma; ma scorgendo che mal colla forza poteva
resistere a tanto apparato di guerra, avendo innanzi agli occhi
l'esempio del Duca di Spoleti, che colle preghiere ottenne dalla pietà
di Luitprando quel che non avrebbe potuto sperar colle armi; volle
imitarlo, e senza consultar la prudenza umana, la quale non poteva mai
persuadere, ch'egli fosse andato a mettersi nelle mani de' suoi nemici,
senza grandi precauzioni, e senza aver ben prima prese le sue misure;
accompagnato dal Clero e da alcuni Baroni romani andò egli stesso
a trovare il Re. Sorpreso Luitprando da quest'atto non preveduto,
non potè resistere agl'impulsi della cortesìa, che gli erano molto
naturali, e di riceverlo con tutto il rispetto dovuto alla santità
della vita, ed all'augusto carattere del sovrano pontificato. Allora
fu che Gregorio, pigliando quell'aria di maestà, che la sola virtù
suprema, accompagnata da una sì alta dignità, può ispirare, cominciò
con tutta la forza immaginabile temperata con una grave benignità a
spander i fiumi d'eloquenza, rimproverandogli la fede promessa; il
torto che faceva alla religione, della quale era tanto zelante, e
ponendogli avanti gli occhi i danni gravissimi, che poteva apportare
al suo Regno, se mancasse di protegger la Chiesa; lo scongiurava a
desistere dall'impresa, altrove le sue armi rivolgendo. Luitprando
o tocco internamente da' stimoli di religione, o che vedesse in
quell'istante molte cose, ch'egli non aveva considerate nell'ardore
della sua passione, o perchè, siccome gli uomini non sanno essere in
tutto buoni, nemmeno sanno essere in tutto cattivi; rimase così tocco
di queste dimostranze di Gregorio, che senza pensare, nè a giustificar
la sua condotta, nè a cercare scusa per metter in qualche modo a
coperto l'onor suo, gettossi alla presenza di tutti a' di lui piedi, e
confessando il suo errore, protestò di voler ripararlo allora, e di non
mai soffrire per l'avvenire, che si facesse alcun torto a' Romani, nè
che si violasse nella di lui persona la maestà della Chiesa di cui era
egli padre e Capo. Ed istando l'Esarca che s'adempiessero gli ordini
dell'Imperadore[215], non solo non vi diede orecchio, ma per dare
al Papa un più sicuro pegno della sua parola, pregollo che andassero
insieme nella Basilica di S. Pietro, la qual era ancora in quel tempo
fuori delle mura della città, e quivi in presenza di tutti i Capi della
sua armata, che l'avevano seguitato, fattosi disarmare, pose sopra il
sepolcro dell'Appostolo le sue armi, la cinta e la spada, il bracciale,
l'ammanto regale, la sua corona d'oro ed una croce d'argento; supplicò
da poi il Papa, che ricevesse nella sua grazia l'Esarca Eutichio, di
cui non potevasi più temere, quando non avesse l'ajuto de' Longobardi.
Gregorio sperando sempre, che Lione avrebbe un dì riconosciuti i suoi
errori, acconsentì a questa dimanda, dimodochè ritiratosi Luitprando
coll'esercito ne' suoi Stati, l'Esarca fu ricevuto in Roma, e
trattennevisi qualche tempo molto quieto in buona intelligenza col
Papa; in guisa che, essendo succeduto medesimamente in questi tempi,
che un impostore, il quale facevasi chiamar Tiberio, e che vantavasi
della stirpe degli Imperadori, aveva sedotti alcuni Popoli della
Toscana, che lo proclamarono Augusto[216]; Gregorio che non trascurava
occasione d'obbligarsi Lione, veggendo che l'Esarca n'era entrato in
pensiero per non avere forze bastanti ad opprimerlo, si maneggiò tanto
appresso i Romani, che l'accompagnarono in questa guerra contra il
Tiranno, il quale fu assediato e preso in un castello; donde fu mandata
la di lui testa all'Imperadore.

Ma Lione indurato sempre più, portò la sua passione fino all'ultime
estremità, perchè in Oriente, ove era più assoluto il suo Imperio, e
che non aveva chi se gli opponesse, riempiè di stragi, di lagrime, e
di sangue il tutto: fece cancellar quante pitture erano in tutte le
chiese: indi fece pubblicar un ordine, col quale s'incaricava a tutti
gli abitanti, principalmente a quelli, che avevan cura delle chiese,
di riporre nelle mani de' suoi Uficiali tutte le immagini, acciocchè
in un momento potesse purgar la città, facendole bruciare tutte
insieme. Ma l'esecuzione riuscendo strepitosa, non perdonandosi nè a
sesso, nè ad età; fu questa finalmente la cagione, che, senza speranza
di racquistarlo, fece perdere a Lione ed a' suoi successori ciò che
restava loro in Occidente. Imperocchè il Papa, disperando all'intutto
la riduzione di questo Principe, e temendo che un giorno non si facesse
nelle province d'Occidente ciò, che egli vedeva con estremo dolore
essersi fatto in quelle d'Oriente; rallentò quel freno che e' per lo
passato avea tenuto forte a non permettere, che i Romani scotessero
affatto il giogo del lor Principe, ma lasciando al loro arbitrio di
far ciò, che volessero, approvò finalmente quello che egli insino
allora erasi sempre studiato impedire, e ciò che i Popoli aveano già
cominciato a fare da loro stessi; onde i Romani, tolta ogni ubbidienza
a Lione, si sottrassero affatto dal suo dominio, impedendo che più
se gli pagassero i tributi, e s'unirono insieme sotto l'ubbidienza di
Gregorio come lor Capo, non già come lor Principe.

Alcuni nostri Scrittori, per l'autorità di Teofane, Cedreno, Zonara,
e di Niceforo, Autori greci, e che fiorirono molto tempo dopo di
Gregorio, Paolo Varnefrido ed Anastasio Bibliotecario, rapportano che i
Romani, scosso il giogo, elessero Gregorio per lor Principe, dandogli
il giuramento di fedeltà; e che il Papa, accettato il Principato di
Roma, ordinasse a' Romani, ed a tutto il resto d'Italia, che non
pagassero più tributo all'Imperadore, e che di più assolvesse dal
giuramento i vassalli dell'Imperio; scomunicasse con pubblica e solenne
celebrità l'Imperador Lione; lo privasse non pur de' dominj, che egli
avea in Italia, ma anche di tutto l'Imperio: e che quindi fosse surto
il dominio independente del Papa sopra di Roma e del suo Ducato:
che poi per la munificenza di Pipino e di Carlo M. si stese sopra
l'Esarcato di Ravenna, di Pentapoli, e di molte altre città d'Italia.

Gli Scrittori franzesi, fra' quali l'Arcivescovo di Parigi P. di
Marca[217], e que' due celebri Teologi Natale e Dupino[218], niegano
che Gregorio savio e prudente Pontefice avesse dato in tali eccessi;
le epistole di questo stesso Pontefice[219], Varnefrido, Anastasio
Bibliotecario, Damasceno, l'epistole ancora di Gregorio III, e di Carlo
M. a Costantino ed Irene, convincono per favolosi questi racconti;
per la testimonianza de' quali tanto è lontano, che Gregorio avesse
scomunicato Lione, accettato il Principato di Roma, sciolti i vassalli
dell'Imperio dal giuramento e dai tributi, e deposto l'Imperadore,
che anzi ci accertano che Gregorio, ancorchè in mille guise offeso,
fosse stato sempre a Lione uficioso e riverente, ed avesse in tutte
le occasioni impedite le rivolte de' popoli, e proccurato, che non
si sollevassero contro al lor Principe. Si oppose, egli è vero,
agli editti di Lione per l'abolizione delle immagini, comandando
che non s'ubbidissero, ed esortando quel Principe, che lasciasse
il disegno in cui era entrato; ma appresso sì gravi Autori non si
legge, che lo scomunicasse. Il primo Pontefice romano, che si diè
vanto di aver adoperati i suoi fulmini sopra le teste imperiali, fu
il famoso Ildeprando Gregorio VII, come noteremo a suo luogo, non già
Gregorio II. Ciò che più chiaro si manifesta per quello, che scrive
Anastasio[220], narrando che avendo Lione deposto dal Patriarcato di
Costantinopoli. Germano, per non aver voluto acconsentire all'editto,
e sustituito Anastasio Iconoclasta; dice egli che Gregorio scomunicò
bene sì Anastasio, perseverando nell'errore, ma che all'Imperadore solo
sgridava con lettere, ammoniva, esortava, che desistesse dall'impresa,
non già che lo scomunicasse, come scrisse di Anastasio. Più favolosa è
la deposizione, che si narra fatta da Gregorio; poichè questo Pontefice
riconobbe Lione per Imperadore finchè visse; e lo stesso fece il suo
successore Gregorio III, il quale comunicò col medesimo e di lui si
leggono molte lettere dirizzate all'Imperadore piene di molta umanità
e riverenza. Anzi tanto è vero che lo riconobbe sempre per tale, che le
date delle sue lettere portano gli anni del suo Imperio, come è quella
di Gregorio dirizzata a Bonifacio, _Imperante Domino piissimo Augusto
Leone, Imperii ejus XXIII_[221].

I nostri moderni Scrittori latini, tratti dall'autorità di que' Greci,
riceverono come vere le loro favole; ma non avvertirono, che dovea
preponderare assai più l'autorità de' nostri antichi latini Scrittori,
che fiorirono prima, e che narravano cose accadute in tempo, ed in
parte da loro non cotanto rimota e lontana. Non avvertirono ancora,
che i Greci di quegli ultimi tempi, oltre al carattere della loro
nazione, che gli ha sempre palesati al Mondo mendaci e favolosi, erano
tutti avversi alla Chiesa romana, e per commover gli animi di tutti
ad odio, e per recar invidia a' Pontefici romani, gli rappresentarono
al Mondo per autori di novità e di rivoluzioni, imputando ad essi la
ruina dell'Imperio d'Occidente, accagionandogli di novatori, ambizioni,
usurpatori dell'autorità temporale de' Principi: e che mal imitando il
nostro Capo e Maestro Gesù, fossero divenuti, da Sacerdoti, Principi.

Le favole di questi Greci scismatici furono poi con aridità e con
applauso ricevute da' moderni novatori e da' più rabbiosi eretici
degli ultimi nostri tempi. Essi ancora, per l'autorità di costoro,
vogliono in tutti i modi, che veramente Gregorio scomunicasse Lione,
che assolvesse i vassalli dell'Imperio dal giuramento, che deponesse
l'Imperadore, ordinasse che non se gli pagassero i tributi, e che
da' Romani ribellanti essendogli offerta la Signoria di Roma, avesse
accettato d'esserne Signore, onde ne divenisse Principe. Spanemio[222],
fra gli altri, si scaglia contra gli Scrittori franzesi, che hanno
per favolosi nella persona di Gregorio questi racconti: dice che essi
scrivendo sotto il Regno di Lodovico il Grande, han voluto negar questi
fatti, _ne sub Ludovico M. in Romano Pontifice hujusmodi potestatem
agnoscere viderentur_: ma essi intanto vogliono che fossero veri, per
farne un tal paragone tra Cristo S. N. ed il P. Romano. Cristo, volendo
quella innumerabile turba, tratta da' suoi miracoli, farlo Re, tosto
fuggì, e loro rispose, che il suo Regno non era di questo Mondo: il
Papa, avendo i ribellanti Romani scosso il giogo di Lione, ed offerto
il Principato a Gregorio, tosto acconsentì, e ne divenne Principe.
Cristo espressamente comandò che si pagasse il tributo a Cesare: il
Papa ordinò che non si pagassero più i tributi a Lione; per queste e
simili _antitesi_, per queste vie, non tenendo nè modo, nè misura, han
prorotto poi in quella bestemmia di aver il Papa per Anticristo.

Or chi crederebbe, che i più parziali de' Greci scismatici, ed i
maggiori sostenitori di questi rabbiosi eretici, sieno ora i moderni
Romani e gli Scrittori più addetti a quella Corte? Questi, ancorchè
ad altro fine, pur vogliono, che Gregorio avesse scomunicato Lione,
avesselo deposto comandando che non se gli pagasse il tributo, e
quel che è più, che offerendosegli il Principato da' ribellanti
Romani l'avesse accettato; onde surse il dominio temporale de' romani
Pontefici in Italia. Ecco, per tacer degli altri, come ne scrive il
nostro istorico Gesuita Autor della nuova Istoria Napoletana[223]: _Tum
tandem Romani Orientalis Imperii jugum excusserunt, Gregorium Dominum
salutarunt, eique Sacramentum dixerunt, etc. Gregorius oblatum ultro
Principatum suscepit: quem non arma, non humanae vires, artesque, sed
populorum studia anno 727, auspicato contulerunt_. Questo principio
appunto vorrebbero gli Eretici dare al dominio temporale de' Papi,
fondarla su la fellonia de' Romani, e che Gregorio mal imitando Cristo
N. S. avesse accettato il Principato, ed il _Servo de' Servi_ fosse
divenuto _Signore_. Ma per quel che diremo più innanzi, si conoscerà
chiaramente, che se bene da questi deboli principj cominciasse, non fu
però che il Papa acquistasse allora la Signoria di Roma, ma ben molti
anni in appresso: nè con tutto l'interregno che far pretesero i Romani
di loro propria autorità, mancarono affatto gli Uficiali dell'Imperador
greco in Roma: e possiamo con verità dire, che i primi acquisti furono
nell'esarcato di Ravenna, in Pentapoli, e poi nel Ducato romano, per
quelle occasioni, che saremo or ora a narrare, non già nella città di
Roma.


§. V. _Primi ricorsi avuti in Francia da Papa GREGORIO II, e dal suo
successore GREGORIO III._

L'Imperador Lione avvisato di questi successi di cotanta importanza,
imperversando assai più contro al Pontefice, confiscò immantenente
tutti i patrimonj che in Sicilia, nella Calabria, e negli altri suoi
Stati possedeva la Chiesa romana; e già s'apprestava con potente
armata di punire la fellonia de' Romani, ridurre l'altre terre al suo
Imperio, e prender aspra vendetta del Papa, ch'ei reputava l'autore
di tutte queste rivolte; per la qual cosa Gregorio conoscendo, che
un colpo di tanta importanza avrebbe potuto cadere sopra di lui, ed
opprimerlo, se non fosse stato sostenuto da una potenza, che potesse
opporsi con vigore a quella di Lione, pensò di scegliere un protettore,
dove trovasse tutto il sostegno e l'appoggio necessario. Non poteva
fidarsi de' Longobardi, de' quali con lunga sperienza aveva conosciuti
i disegni, e provata l'infedeltà. I Veneziani, benchè zelantissimi per
la difesa della Chiesa, non erano ancora così ben forti in Italia, per
contrastare soli a tutte le forze del greco Imperadore, particolarmente
quando fossero in diffidenza de' Longobardi, ch'erano fastidiosi
vicini. E in quanto alla Spagna, ella era in un lagrimoso stato
in quel tempo, e poco men che tutta oppressa da' Saraceni. Risolse
per tanto d'aver ricorso alla potenza de' Franzesi, la cui costanza
nella fede cattolica era stata sempre fermissima. Erano questi già
da più di quindici anni governati da Carlo Martello, il quale, per la
insufficienza e poco spirito del Re, assunto al primo onore del Regno
di Maggiordomo della Casa reale, reggeva con assoluto arbitrio quel
Reame, e fatto celebre per mille gloriose spedizioni di guerra nelle
Gallie e nella Germania, e sopra tutto per la memorabile sconfitta data
a' Saraceni ne' campi di Turone, era reputato universalmente il primo
Capitano, ed il vero Eroe del suo tempo.

A questo gran Principe mandò Gregorio, ciò che nissun Papa avea ancora
fatto, una magnifica ambasceria con molti belli doni di divozione per
ricercarlo di soccorso contra gli attentati di Lione, e di ricevere
i Romani e la Chiesa sotto la di lui protezione[224]. Furono i Legati
ricevuti da Carlo con onori straordinarj, e con magnificenza degna del
più augusto Principe del suo secolo; e in poco tempo fu conchiuso il
trattato, per cui obbligavasi Carlo di passare in Italia per difendere
la Chiesa ed i Romani, se venissero ad essere attaccati da' Greci
o da' Longobardi: ed i Romani all'incontro di riconoscerlo per loro
protettore con deferirgli l'onore del Consolato, come altre volte aveva
fatto l'Imperador Anastasio al gran Clodoveo, da poi ch'ebbe sconfitti
gli Vestrogoti. E rimandati i Legati pieni di ricche donativi, e
soddisfatti d'una sì felice negoziazione; Gregorio non avendo più che
temere per la Chiesa, alla quale lasciava un così potente protettore,
finì i giorni suoi nell'anno 731, con fama d'un Pontefice di rare ed
eminenti virtù, che gli fecero meritare sopra la terra gli onori, che
non si rendono se non a' Santi del Cielo.

Successe nel Pontificato Gregorio III, di cui altri[225] scrissero,
essere stata questa legazione mandata a Carlo Martello, per occasione,
che Luitprando, sconfitto Trasimondo Duca di Spoleti, che di nuovo
erasi a lui ribellato, profittando al solito delle vittorie, si fosse
portato ad invadere di bel nuovo il Ducato romano, irritato contra
Gregorio III, che avea accolto il ribelle, e si fosse avanzato a porre
la seconda volta l'assedio a Roma, e che non essendo al Papa giovate
le preghiere e l'eloquenza, come al suo predecessore, finalmente al
soccorso di Carlo si fosse rivolto, per la cui mediazione ottenne,
che Luitprando contento solo di quattro città, sciogliesse l'assedio,
e lasciasse a' Romani ed al Papa Roma col rimanente di quel Ducato.
Che che sia di ciò, egli è certo, che per questi ricorsi cominciarono
i Franzesi ad intrigarsi negl'interessi d'Italia, per li quali
con reciproco ajuto e cospirando ciascuna delle parti a' proprj
avanzamenti, finalmente discacciati i Longobardi, furon essi veduti
dominare l'Italia; essersi da' Merovingi nella stirpe di Carolingi
trasferito il Reame di Francia; ed all'incontro i Pontefici romani
essersi stabiliti in Roma, e nel Ducato romano, con molta parte ancora
dell'Esarcato di Ravenna e di Pentapoli: come più innanzi diremo.


§. VI. _COSTANTINO COPRONIMO succede a LIONE suo Padre; e morte di
LUITPRANDO Re de' Longobardi._

In tanta turbazione essendo le cose d'Italia, e con varj accidenti
sempre più deteriorando le forze dell'Imperadore Lione, era solamente
rimasa quivi una immagine della sua autorità. L'Esarcato di Ravenna,
scantonato in gran parte dalle conquiste de' Longobardi, già minacciava
la total rovina senza speranza di riaversi: il Ducato romano era nelle
mani de' Romani e del Pontefice lor Capo, a' quali ubbidiva; e se bene
rimanessero ancora in Roma alcuni vestigi della sopranità, tenendovi
ancora Lione i suoi Uficiali, vi era nondimeno il suo Imperio così
debole, che ben mostrava di dovere in breve rimaner affatto estinto:
nel solo Ducato napoletano, nella Calabria, e ne' Bruzj, e nelle altre
città marittime del Regno, che non ancora erano pervenute nelle mani
de' Longobardi beneventani, esercitava egli il pieno potere e dominio.
Ma morto Lione Isaurico in quest'anno 741 e succeduto nell'Oriente
Costantino Copronimo suo figliuolo diedesi l'ultima mano alla fatal
ruina; poichè Costantino non avendo niente delle buone qualità,
che aveva avuto suo padre, lo superò infinitamente nelle ree; e se
si voglia in ciò prestar fede a' greci Scrittori, egli fu il più
scellerato e sozzo mostro che avesse giammai avuto la terra[226].
Appena si vide solo Imperadore, che imperversando assai peggio di
suo padre contra le immagini, diede fuori un editto, col quale non
solamente condannava le immagini de' Santi, ma proibiva d'invocargli,
e di dar loro titolo di Santo, e portando più avanti il furore,
imperversò ancora contra le loro reliquie, sino ad ordinare i maggiori
oltraggi e disprezzi del Mondo. Perseguitò per tanto i difensori delle
immagini, e mandò per questa cagione molti Vescovi in esilio. Ma si
rendè vie più empio, e da tutti abborrito per l'odio da lui conceputo
contro alla Madre di Dio, proibendo che si celebrasse festa alcuna
a di lei onore, e che non s'implorasse l'ajuto di Dio per la di lei
intercessione, asserendo non aver ella nessun potere nel Cielo, nè
sopra la terra.

Questa esecranda impietà, unita alle tante altre peggiori praticate in
appresso, ed a tanti abbominevoli suoi vizj, lo rendè così odioso a'
sudditi, che non pur gli fecero perdere quell'ombra di dominio, ch'e'
teneva in Roma ed in Ravenna, ma mancò poco che non perdesse insieme
tutto l'Imperio.

Era nell'istesso anno, che morì Lione, trapassato anche Gregorio
III, ed assunto al Pontificato Zaccaria: debbe a costui la Chiesa
romana molto più, che a' due Gregorj, il dominio temporale, che sopra
le spoglie dell'Imperio greco seppe parte ristabilire, e molto più
acquistare; imperocchè questi appena assunto al trono, mandò Legati
a Luitprando a chiedergli le quattro città, che per la mediazione
di Carlo Martello erangli state lasciate quando la seconda volta
sciolse da Roma l'assedio. E se bene da Luitprando fossero i di
lui Ambasciadori ricevuti con onore, e n'avessero riportata qualche
speranza per la restituzione, con tutto ciò Zaccaria, vedendo l'affare
mandarsi in lungo, volle anche egli imitar Gregorio II, e portatosi
di persona con tutto il Clero romano a ritrovare il Re, ricevuto da
costui con istraordinarj segni di stima, furono così forti ed efficaci
i suoi uficj, che non solamente ottenne dalla pietà di questo Principe
la dimandata restituzione, ma stabilita tra loro la pace per venti
anni, riebbe ancora il patrimonio sabinense, e molti altri acquisti
fece oltre ad ogni sua espettazione. E fu cotanto fortunato questo
Pontefice appresso Luitprando, ed in tanta sua buona grazia, che avendo
in questi ultimi tempi del suo Regno, di riposo impaziente, conforme
al suo natural costume, voluto attaccar di nuovo Ravenna, Eutichio
Esarca, essendo ricorso alla mediazione del Papa, operò costui tanto
con Luitprando, che fecelo astenere da quella impresa, e restituire
anche alcuni luoghi occupati, e prima d'ogni altro Cesena.

Ma ecco, che mentre queste cose succedono in Italia, Luitprando dopo
aver regnato 32 anni, finì i giorni suoi in Pavia nel mese di luglio
dell'anno 743[227]. Morte quanto improvvisa, altrettanto a' Longobardi
dolorosissima, da' quali non abbastanza compianto, con solenne pompa
fu sepolto nel tempio di S. Adriano Martire in Pavia con elogio ricolmo
di eccelse lodi[228]. Principe, se ne togli la soverchia ambizione del
dominare, fornito di tutte le perfezioni desiderabili in un Re, o per
la pace o per la guerra: egli Capitano quanto valoroso, altrettanto
fortunato nelle sue imprese, dilatò i confini del suo Regno[229], e
nudrito sin da fanciullo in mezzo all'armi, non avea niente di fiero
e di feroce, anzi cortesissimo ed inchinato sempre ad usar clemenza,
anche verso coloro, che l'avevano offeso: egli savissimo, fu più abile
di quanti erano del suo Consiglio. Le sue leggi tutte savie e prudenti;
e quantunque non avesse coltivato il suo spirito collo studio delle
buone lettere, aveva egli pure trovato da se stesso nel suo proprio
fondo tutta la forza e sottigliezza d'un Filosofo.

Della sua pietà verso Dio restano ancora insigni monumenti: egli
magnifico in fondando grandi chiese e belli monasterj, de' quali
Varnefrido[230] rapporta il numero, ed ancora oggi in Lombardia se ne
ammirano i vestigi: egli casto, e misericordioso co' poveri, e d'un
così buon naturale, che di quanti Principi longobardi ressero l'Italia,
meritamente a lui tutti gli Scrittori rendono il vanto maggiore. Lasciò
il Regno ad _Ildeprando_ suo nipote, che negli ultimi anni di sua vita
volle anche averlo per compagno: ma durò poco la costui Signoria;
poichè appena scorsi sette mesi[231], che i Longobardi, non potendo
per la sua inettitudine promettersi di lui felice e buon governo, lo
discacciarono dal solio; ed in suo luogo innalzarono Rachi Duca del
Friuli, Principe adorno di nobili virtù, e d'incomparabile pietà.



CAPITOLO I.

_Di RACHI Re de' Longobardi, e sue leggi._


Rachi con incredibile piacer di tutti assunto al Trono regale nell'anno
744, diede ne' primi anni del suo Regno saggi ben chiari del suo
animo quieto, ed inchinevole ad ogni studio di pace, poichè fermò con
Zaccaria la pace, che avea Luitprando pochi anni prima pattovita; e
seguitando l'esempio degli altri Re longobardi, volle anche aggiungere
nuove leggi a quelle de' suoi predecessori, ed ammollire il rigore,
che in alcune di esse era ancor rimaso. Egli avendo convocati in Pavia
nell'anno 745, gli Ordini del Regno le stabilì, e per un suo editto,
secondo il costume dei suoi maggiori, le fece promulgare per tutto il
suo Regno. Questo editto ancora si legge intero nel più volte mentovato
Codice Cavense, il qual contiene undici capitoli. Il primo comincia:
_Ut unusquisque Judex in sua Civitate debeat quotidie in judicio
residere: _ e l'ultimo ha questo tit. _de Arimanno quomodo cum Judice
suo caballicare debeat_. Da questo editto nove sole leggi prese il
Compilatore, le quali abbiamo nel volume delle leggi longobarde. Tre
ne abbiamo nel primo libro, una sotto il tit_. de Seditione contra
Judicem_, e due sotto l'altro _de Invasionibus_. Nel libro secondo
ne abbiamo quattro: una sotto il _tit. de Debitis, ed guadimoniis_;
un'altra nel _tit. de praescriptionibus_; altra sotto il _tit. de
Officio Judicis_: un'altra sotto quello: _Qualiter quis se defendere
debeat_; e due altre nel terzo libro, una sotto il _tit. de his, qui
secreta Regis inquirunt_; e l'altra sotto quello, _ubi interdictum sit
Legatum alicui mittere_, ove con sommo rigore vien proibito mandar
Legati senza licenza del Re a Roma, Ravenna, Spoleti, Benevento, in
Franzia, Baviera, Alemagna, Grecia e Navarra.

Ma Rachi dopo aver così ben coltivati gli studj della pace, e sì ben
composto il suo Regno con sagge e provide leggi, non passarono molti
anni, che gli intermise; e preso dall'ambizione di dilatare i confini
del Regno, come avea fatto il suo predecessore, volle imitarlo; il
perchè posto in piedi l'esercito portò in Pentapoli la guerra, e
presi alcuni luoghi di quella regione, s'inoltrò nel Ducato romano, e
finalmente cinse Perugia di stretto assedio[232].

In questi tempi fu, che Zaccaria Pontefice romano ebbe occasioni sì
prospere, che lo portarono ad imprese cotanto rinomate ed eccelse,
che meritamente il suo nome dee andarne glorioso sopra tutti gli altri
Pontefici romani; imperocchè seppe gettar fondamenti tali e sì profondi
per distender l'autorità ed il dominio della sua sede, che a niun altro
in appresso venne mai così acconciamente fatto.


§. I. _Translazione del Reame di Francia da' MEROVINGI a' CAROLINGI._

Dopo la morte di Carlo Martello, Pipino e Carlomanno suoi figliuoli
presero il governo del Regno franzese. Childerico ultimo Re della
prima stirpe non riteneva altro per la sua dappocaggine, che il solo
nome regio; ma scorsi sei anni, Carlomanno rinunciando al fratello
il governo, accompagnato da molti Franzesi se ne venne a Roma, ed
acceso di fervente zelo di religione, volle che Zaccaria l'ascrivesse
nel numero de' Cherici; indi ritiratosi nel monte Soratte vi fondò
un monastero, che volle dedicare a S. Silvestro Papa, narrandosi che
in Soratte fosse stato questo Pontefice nascosto in tempo delle sue
persecuzioni, prima che Costantino M. ricevesse la Religione cristiana.
Ma essendo questo luogo di continuo frequentato da' Franzesi, che
venivano o di proposito, o di passaggio a visitarlo, volle per
distaccarsi affatto da tutti gl'interessi del secolo, ritirarsi in
monte Cassino, ove consecratosi a Dio si fece Monaco[233].

Rimase intanto solo a reggere la Monarchia di Francia Pipino, con
quello stesso arbitrio ed autorità colla quale Carlo Martello suo padre
aveva governato, anzi maggiore; poichè Childerico III, ultimo che fu
della stirpe de' Merovingi, per la sua sciocchezza ed inettitudine
era stimato meno degli altri Re suoi predecessori, i quali intorno
a cento anni non avevano avuto altro, che il nome regio, sofferendo
vilmente la reggenza de' Maestri del Palazzo, che n'avevano tutta
l'autorità. All'incontro Pipino per le nobili sue maniere, e per le
sue gloriose azioni aveva tirato a se gli animi di tutti i Franzesi,
i quali di buona voglia avrebbero riconosciuto più tosto per loro Re
lui, che Childerico Principe stupido ed inetto. Non trascurò Pipino
sì bella occasione di trasferir il Reame di Francia dalla stirpe del
gran Clodoveo nella sua Casa, e adoperovvi ogni più fina industria. Ma
se bene i Franzesi secondassero i suoi disegni, non volevano però per
se stessi farlo: persuasi di non avere questa autorità di trasferire
il Reame dalle mani del legittimo erede, in altra Casa, nè per se soli
liberarsi dal giuramento della fedeltà, che avean dato al lor Principe.
Pipino ponderando l'arduità del fatto, e che Carlo Martello suo padre,
ancorchè formidabile ed illustre per tante vittorie, non aveva avuto
ardimento di tentarlo; e pensando altresì, che tanta e sì nuova impresa
non per altro modo avrebbe potuto rendersi meno strepitosa, anzi
commendabile, che col ricorrere all'autorità della sede appostolica,
riputata sin da questi tempi il Seminario d'ogni virtù e d'ogni
santità, la quale, se non avesse approvato il fatto, avrebbe potuto
concitargli contro tanti inimici, ch'egli non avrebbe potuto colle sue
forze abbattere; pensò con somma prudenza sotto il manto dell'autorità
della medesima coprire la deformità del fatto; e mandato in Roma al
Pontefice Zaccaria il Vescovo Vardsburgense, fece da costui esporgli
il desiderio suo, e di tutti i Franzesi, richiedendolo del suo parere,
se per la comune utilità del Regno sarebbe ben fatto di trasferire
lo scettro da uno stupido Re in Pipino prode e saggio Principe[234].
E dopo avergli il Vescovo dimostrato, che approvando egli questa
traslazione, s'acquisterebbe maggior gloria, che Carlo Martello d'avere
trionfato de Saraceni, lo richiese d'interporre l'autorità sua, e di
sciorre dal giuramento i Franzesi, perchè potessero innalzar al trono
Pipino. Questa fu la pubblica ambasciata del Legato, ma le secrete
istruzioni erano, di promettere al Papa, se assentiva, di difenderlo
contra tutti i suoi nemici, e spezialmente contra i Longobardi, da'
quali potrebbe stare sicuro, che non solamente non gli farebbe far
oppressione, ma di proccurar maggiori avanzi alla sua sede.

Zaccaria non trascurò punto sì bella ed opportuna occasione, ove si
dava campo di mostrare insieme, e la grandezza della sua autorità, e
di stabilire non solo il dominio temporale, che cominciava a tenere in
Italia, ma di stenderlo più oltre nel Ducato romano, e nell'Esarcato
di Ravenna. Non solamente dunque consigliò, che potessero farlo,
ma perchè rimanesse ai posteri un solenne documento dell'autorità
sua, aggiunse del suo anche un decreto, col quale annullando il
Regno di Childerico, come Re insufficiente, e liberando i Franzesi
dalla religione del giuramento, ordinò che in suo luogo fosse Pipino
sustituito. I Franzesi ottenuto che l'ebbero, ragunatisi a Soissons,
scacciato dal Regno Childerico, e ridotto questo povero Principe a
farsi Monaco, con rinchiudersi dentro un monastero, elessero Pipino, e
lo fecero solennemente incoronare per Bonifacio Arcivescovo di Magonza,
dal quale ancora ricevè la sacra unzione, acciò ch'ella il rendesse più
venerabile a' suoi sudditi, e fu il primo Re di Francia che l'usasse.

Alcuni Scrittori franzesi, e largamente Dupino[235], dimostrano,
che i Franzesi mandarono quest'ambasciata a Zaccaria per consultarlo
solamente come Dottore e Padre de' cristiani, e che d'altro non lo
ricercassero, salvo che del suo avviso ed approvazione, per rendere
la loro elezione più plausibile a tutta la Cristianità, e quindi che
Zaccaria non facesse altra opera, che dare il suo parere o consiglio.
Altri per l'autorità di Eginardo[236], di Reginone, degli Annali
stessi di Francia, rapportano, che questo Papa non si ritenne solo
di approvar quest'elezione, ma, come egli è facile di far più di
quello che vien richiesto, allor che vale ad estendere ed allargare la
propria autorità, volle anche passar più innanzi, cioè ad ordinarlo,
e farne decreto; il che però essi dicono, che non apportasse a loro
per l'avvenire niuna conseguenza o pregiudizio, come si rendè chiaro
quando ducento trenta sett'anni da poi i Franzesi elessero di comun
consentimento, ed incoronarono Ugone Capeto, scacciandone Carlo di
Lorena, ch'era il legittimo erede della stirpe di Carolingi, senza che
fosse d'uopo di consultarne il Papa, come erasi fatto per Pipino. Che
che ne sia, egli è certo, che questi rispetti e trattati passarono
allora fra Zaccaria e Pipino: quegli d'assentire alla traslazione
del Regno, che Pipino pretendeva fare sortire nella sua Casa, e di
prestargli ogni ajuto, come fece; questi all'incontro di proteggere la
sede appostolica, e difenderla contra i suoi nemici, e particolarmente
contra i Longobardi, con proccurarle maggiori vantaggi[237]. Ciò
che lasciò in dubbio, se maggior beneficio avesse riportato la sede
appostolica da Pipino e dalle armi, che impugnò per difenderla contra
gli sforzi de' Longobardi, e di ristabilire il suo temporal dominio
in Italia; o veramente Pipino dalla autorità di quella sede, la quale
fu a' Franzesi cotanto propizia, che rendè i suoi discendenti padroni
d'Italia, ed agevolò il discacciamento de' Longobardi da quella.


§. II. _RACHI abbandona il Regno, e fassi Monaco Cassinese._

Intanto Zaccaria, mentre ancora non aveva conchiusi questi trattati
con Pipino, non trascurava gli interessi della sua sede con Rachi, il
quale trascorso nel Ducato romano, e nel suo tenimento, aveva, come
si disse, cinta Perugia di stretto assedio, e minacciava ulteriori
progressi. L'Imperadore lontano, e delle cose d'Italia non curante;
l'Esarca impotente a segno, che appena poteva difendersi in Ravenna,
tanto era lontano, che potesse ostargli; altro non restava a Zaccaria
per isgombrar questo turbine, che ricorrere alla sua autorità, ed al
proprio valore dell'animo. Preso dunque ardire, volle egli con decoroso
accompagnamento portarsi di persona nel campo, ove Rachi era presso
alle mura di Perugia: ivi da questo Principe accolto con molto onore,
fu tanta la forza e veemenza del suo dire, che istillò in Rachi affetti
così vivi di pietà e di religione, che tosto questo Principe non solo
abbandonò l'assedio di Perugia, ma alquanti castelli di Pentapoli,
che aveva occupati, immantenente gli rendette. E fu il colpo sì
profondo, che un anno da poi, preso dalla maestà del Pontefice, e vinto
da occulta forza di religione, volle passare in Roma con Tasia sua
moglie e Ratruda sua figliuola a visitarlo, e quivi prostrato a' suoi
piedi, rinunciando al Regno, volle farsi Monaco insieme colla moglie e
figliuola; e preso l'abito dalle mani del Pontefice, ritirossi in monte
Cassino a finire i suoi giorni in quel monastero sotto la regola di
S. Benedetto: seguirono il di lui esempio Tasia e Ratruda, le quali,
avendo a proprie spese eretto dalle fondamenta, non molto distante
da Cassino, un magnifico monastero di vergini, ivi vestito l'abito
monastico, menarono santamente la loro vita[238].

Menò Rachi il resto de' suoi anni nel monastero Cassinese. Principe
memorando per aver amministrato il Regno con tanta prudenza e
moderazione, e con sì provide leggi ch'egli promulgò: ma molto più
renduto immortale e commendabile nella memoria degli uomini per averlo
deposto con tanti segni di pietà e di religione; ond'è che i Monaci di
quel monastero lo venerino oggi per Santo. Ne' tempi, ne' quali Lione
Ostiense compose la sua Cronaca, si vedea vicino quel monastero una
vigna, che, come narra Lione[239], era comunemente chiamata la vigna
di Rachi, dicendo que' Monaci che Rachi l'avesse piantata e coltivata.
L'Abate della Noce[240], poi Arcivescovo di Rossano, nel tempo che vi
fu Abate, fece ricercar questo luogo, che lo trovò tutto incolto: vi
fece rifar la vigna, di cui non era rimaso vestigio, e fecevi anche
fabbricar una Chiesetta in suo onore.

Giovanni Villani Fiorentino[241] portò opinione, che quella statua
di metallo, che ora si vede nella piazza di Barletta, fosse stata
da' Longobardi beneventani eretta a questo Principe, ch'e' chiama
_Eracco_: l'autorità di questo Istorico fece anche credere a
Beatillo[242], e quel ch'è più, all'Abate della Noce[243], e ad alcuni
altri, che quella veramente fosse di Rachi: ciocchè, se si riguarda
l'estensione del Ducato beneventano di questi tempi, non sarebbe
stata cosa impossibile; conciossiacchè estendendo da questa parte i
suoi confini, oltre Siponto, insino a Bari, veniva quella terra ad
esser compresa nel Ducato beneventano, il quale ancorchè tenesse i
suoi particolari Duchi, a' quali immediatamente s'apparteneva il suo
governo; nulladimanco costituendosi il Regno de' Longobardi in Italia,
non pure per quel tratto di paese, che ora chiamiamo Lombardia, e per
gli altri Ducati minori, ma sopra tutto per que' tre celebri Ducati, di
Spoleto, di Friuli e questo di Benevento, maggiore di tutti gli altri,
i quali erano subordinati a' Re dei Longobardi che tenevano la loro
sede in Pavia, non sarebbe stata cosa molto strana, che i Longobardi
beneventani avessero a Rachi loro Re innalzata quella statua.

Ma due ragioni fortissime convincono per favolosa ed erronea l'opinione
del Villani. Sembra primieramente affatto inverisimile, che i
Longobardi beneventani una statua così grande e magnifica avessero
voluto collocarla in Barletta: terra in quest'età piccola e di niun
conto, e posta quasi ne' confini del lor Ducato, e non in Benevento
città metropoli, ovvero in qualch'altra città magnifica di quel Ducato,
che ne ebbe molte, non a Capua, non a Salerno, non a Bari e non a
tant'altre. Barletta prima non era, che una torre posta nel mezzo del
cammino fra Trani e la città di Canne, cotanto rinomata per la celebre
rotta data quivi da Annibale a' Romani: ella serviva per alloggio
de' passaggieri, e, com'è uso, teneva per insegna una Bariletta. La
comodità del sito, essendo sette miglia discosto dall'una e sette
dall'altra di queste due città, tirò a se alcuni de' lor cittadini
ad abitarvi, onde poi il luogo prese il nome di Barletta, e crescendo
tuttavia gli abitatori sotto l'Imperio di Zenone, e nel Pontificato di
Gelasio, S. Sabino Vescovo di Canosa la giudicò luogo opportuno, dove
si fabbricasse una chiesa per la divozione degli abitanti, come fu
eretta in onore di S. Andrea Appostolo. Narrasi ancora che trovandosi
Papa Gelasio nel monte Gargano per lo miracolo dell'Apparizione di S.
Michele, Gelasio, a preghiere del Vescovo Sabino, intorno l'anno 493
calasse a consecrarla insieme con Lorenzo Vescovo di Siponto, Palladio
di Salpi, Eutichio di Trani, Giovanni di Ruvo, Eustorio di Venosa
e Ruggiero Vescovo di Canne; e fatta questa consecrazione, di tempo
in tempo crescendovi gli abitanti, divenne una buona terra, passando
dalla città di Canne ad abitare in essa per maggior comodità molti
cittadini. Tale era lo stato di Barletta nel Regno di Rachi: crebbe
poi, e cominciò a prender forma di città molti secoli appresso; e
sotto il Regno de' Svevi, Manfredi a cui fu molto cara questa parte
di Puglia, ed ove soleva per lo più risedere, onorolla sovente, e vi
fece qualche dimora mentr'era tutto inteso alla fabbrica del nuovo
Siponto, che dal suo prese il nome di Manfredonia. Innalzata da questo
Principe potè poi insorgere contra Canne sua madre, e contendere con
lei de' confini e del territorio, che per molti anni ebbero comune;
onde Carlo I d'Angiò per togliere via le contese, che soglion per ciò
nascere fra' vicini, fece partirgli[244]: fu cinta allora di mura, e
furo per ordine di questo Re inquadrate le strade, e fatte le porte.
Fu fatta poi sede degli Arcivescovi di Nazaret, e ridotta in quella
magnificenza che oggi si vede. Giovanni Villani, che fiori nel Regno
di Carlo II d'Angiò, e di Giovanna I sua nipote, in tempo che Barletta
era già divenuta una delle città ragguardevoli della Puglia, credendola
ancor tale nel Regno di Rachi, e vedendo giacere nel Porto di quella
città questa statua, che i Barlettani chiamavano corrottamente, siccome
chiamano ancor oggi, di _Arachio_, credette che fosse di questo Re
longobardo. Donde anche si vede l'errore di Scipione Ammirato[245],
il quale scrisse, che questa statua fosse stata da' Barlettani
dirizzata ad Eraclio Imperadore in segno di gratitudine, per avere
quell'Imperadore per comodità de' Mercatanti fatto il Molo nella loro
città; quando ne' tempi d'Eraclio, Barletta era piccola terra, ed il
Molo fu fatto molti secoli dopo Eraclio da' cittadini barlettani, i
quali non prima dell'anno 1491 trasportarono quella statua, che mezza
fracassata giaceva nel porto, dentro la città nella piazza dove sta
oggi, accomodandovi le gambe e le mani, nel modo, che ora si vede.

L'altra ragione, che convince non essere quella statua di Rachi, è il
volto che ci rappresenta tutto raso, l'abito greco che veste, e l'avere
in una mano la Croce e nell'altra il Pomo, simbolo del Mondo. Questi
segni, siccome provano esser quella una statua di qualche Imperadore
d'Oriente, così dimostrano non essere di Rachi, o di qualch'altro Re
longobardo. Nel tante volte rammentato Codice Cavense, ove sono gli
editti de' longobardi Re d'Italia, veggonsi alcuni ritratti miniati
d'alcuni di questi Re, autori di quegli editti, i quali ancorchè
malfatti, e secondo le dipinture di quei tempi, sconci e goffi,
nulladimanco ci rappresentano i volti con barba lunga, gli abiti lunghi
con clamide e scettro, non già Croce, nè Pomo, e colla corona sul
capo. Quindi non è fuor di ragione il credere per vera l'antichissima
tradizione de' Barlettani, i quali la riputano statua d'Eraclio
Imperador d'Oriente.

Questi, dicono essi, per la divozione grandissima portata non pur
da lui solo, ma da tutti gli altri Imperadori suoi predecessori
all'Arcangelo Michele, al quale eransi in Costantinopoli eretti tanti
tempj ed altari, essendosi a' suoi dì renduto così celebre il santuario
del monte Gargano, e cotanto famoso, che tirava a se la munificenza
de' più potenti Re della terra: volle ancor egli mandare ad offerire
a questo tempio molti doni, e fra gli altri la sua statua, acciocchè
si rendesse eterna la memoria del culto, che e' rendeva a quel Santo.
Aggiungono, che la nave, la quale questi doni conduceva, sbattuta
nell'Adriatico da' venti e da procelle, fosse naufragata in quel mare
vicino ai lidi di Barletta, dove la statua giaciuta per lungo tempo
nell'acque, fossesi a lungo andare poi scoverta, indi portata al lido,
e propriamente nel porto di quella città, ove mezza fracassata giacque
ancora per altro lungo tempo; finalmente i Barlettani nell'anno 1491
l'avessero trasportata dentro la città, e collocata in quel luogo, dove
ora si vede. Certamente la barba rasa, l'abito greco e corto, la Croce
ed il Pomo, la dimostrano d'un qualche Imperadore d'Oriente; la fama,
la tradizione, il viso, conforme a quello, che scrivono d'Eraclio, il
nome, ancorchè corrotto, col quale fu sempre nomata da' Barlettani, la
fanno, non senza ragione, credere che fosse di questo Imperadore.

(_Cedreno_ parlando dell'Imperador _Eraclio_ narra, che sebbene prima
d'essere stato innalzato al Trono, si avesse fatta crescer la barba,
nulladimanco, fatto Imperadore, se la fece radere, siccome dice in
_Heraclii Anno I, quod Imperator factus, barbam raserit, quam aluerit
ante_).

L'opinione del Mazzella[246], il quale credette questa statua essere
dell'Imperadore Federico II, è cotanto falsa ed inetta, che sarebbe
consumare inutilmente il tempo a convincerla per ripugnante a tutta
l'Istoria.



CAPITOLO II.

_Di ASTOLFO Re de' Longobardi: sua spedizione in Ravenna, e fine di
quell'Esarcato._


I Longobardi, tosto che Rachi si fece Monaco, sustituirono nel solio
del Regno Astolfo suo fratello: Principe prode di mano, e più di
consiglio, il quale avendo portato il suo Regno all'ultimo periodo
della grandezza; questo stesso cagionò la sua declinazione, e la
ruina de' Longobardi in Italia. Mostrò nel principio del suo governo
sentimenti di moderazione e di quiete: confermò con Zaccaria la pace
altre volte stabilita con Luitprando e con Rachi suo fratello, ed
accordò al medesimo tutte quelle condizioni, che coi suoi predecessori
erano state pattuite. Questo Pontefice, dopo aver con Astolfo stabilita
la pace, e dopo aver così prosperamente composti gl'interessi della sua
sede, uscì da questa mortal vita nell'anno 752. Pontefice, a cui molto
debbe la Chiesa romana, che seppe far tanto per la di lei grandezza,
e per l'augumento della sua autorità: egli lasciò a' suoi successori
fondamenti molto stabili e ben fermi, onde con facilità poterono da
poi condurre la lor potenza in tutte le parti d'Occidente a quella
grandezza, che finalmente si rendè a' Principi sospetta, ed a' Popoli
tremenda.

Morto Zaccaria, il Clero e Popolo romano sustituirono Stefano II, ma
questi non tenne più quella sede, che tre o quattro giorni; perocchè
oppresso da grave letargo per tre giorni continui, nel quarto rendè lo
spirito. Tosto ne fu eletto un altro, anche Stefano nomato, il quale
dagli antichi Scrittori viene appellato anche II, non avendo ragione
del suo predecessore, che morì senza esser consecrato: poichè in questi
tempi l'elezione sola non dava il Papato, ma la consecrazione; onde
se alcuno eletto moriva innanzi d'esser consecrato, non era posto nel
catalogo e numero de' Pontefici: così veggiamo, per tralasciar altri,
che Erchemperto ed Ostiense[247] chiamano questo Stefano II, e non III.
Al presente però si tiene per articolo, contra quello che l'antichità
ha creduto, che per la sola elezione de' Cardinali il Papa riceva
tutta l'autorità; e per ciò gli Scrittori di questi ultimi tempi si
sono travagliati per metter in numero, ed in catalogo questo Stefano,
laonde è loro convenuto mutare il numero agli altri Stefani seguenti,
chiamando il secondo terzo, ed il terzo quarto, e così fino al nono,
che lo dicono decimo, con molta confusione tra gli Scrittori vecchi e
nuovi, nata solo per interesse di sostenere questo articolo.

Questo Pontefice assunto al trono, imitando i vestigi de' suoi
predecessori, mandò dopo tre mesi del suo Pontificato Legati ad Astolfo
con molti doni, perchè con lui ristabilisse quella pace, che già con
Zaccaria aveva fermata; Astolfo la ratificò e fu accordata per 40
altr'anni.

Ma questo Principe, che non nudriva nell'animo pensieri meno ambiziosi
di quelli di Luitprando, aveva fermata questa pace col Papa, acciocchè
non potesse il medesimo frastornargli i disegni, che aveva di
sottoporre al suo dominio Ravenna con tutto il resto dell'Esarcato,
che ancor era in mano de' Greci, e che veniva governato dall'Esarca
Eutichio. Avea egli per questa impresa, da che fu innalzato al Trono,
per lo spazio di due anni sotto altri colori unite tutte insieme le
sue forze, e rendutele più poderose che mai; e scorgendo che Costantino
Copronimo, il quale in questi tempi aveva assunto per compagno al Trono
_Lione_ suo figliuolo, era distratto in altre imprese nella Grecia
e nell'Asia, e che punto non badava alle cose d'Italia, nè volendo
avrebbe potuto sì tosto soccorrerla; si mosse in un subito con tutte
le sue forze contra Eutichio, ed a Ravenna capo dell'Esarcato dirizzò
il suo cammino, cingendo di stretto assedio quella imperial città.
Eutichio colto così all'improvviso, mal potendo sostener l'assalto, nè
a tanta forza resistere, gli convenne per tanto render la Piazza, e
con quella ogni speranza di ricuperarla; poichè lontano da qualunque
soccorso, e sproveduto di gente e di danaro, abbandonando ogni cosa
se ne ritornò in Grecia. Ad Astolfo, presa Ravenna, con facilità
si renderono tutte le altre città dell'Esarcato e di Pentapoli, e
trionfando de' suoi nemici, unì al suo Regno l'Esarcato di Ravenna,
per cui tante volte i suoi predecessori s'erano indarno affaticati,
i quali ora perditori, ora vincitori, mai non poterono interamente
e stabilmente unirlo alla lor Corona, senza timore di perderlo: come
fortunatamente accadde ad Astolfo, ed alla felicità delle sue armi.

Ecco il fine dell'Esarcato di Ravenna, e del suo Esarca: Magistrato
che per lo spazio di 183 anni aveva in Italia mantenuta la potenza e
l'autorità degli Imperadori d'Oriente: fine ancora del maggior lustro
e splendore di quella città, la quale da Onorio e da Valentiniano
Augusti, posposta Roma, avendo avuto l'onore d'esser perpetua sede
degl'Imperadori, e dappoi degli Esarchi, a' quali ubbidivano i Duchi
di Roma, di Napoli e di tutte l'altre italiche città dell'Imperio,
e che i suoi Vescovi contesero con quelli di Roma istessa della
maggioranza; ora ritolta da' Longobardi a' Greci, mutata fortuna, e
ridotta in forma di Ducato, non fu da essi trattata da più, che gli
altri Ducati minori, onde il Regno de' Longobardi era composto: origine
che fu della sua fatal ruina, e dello stato in cui oggi la veggiamo.
Marquardo Freero[248] nella Cronologia ch'ei tessè degli Esarchi di
Ravenna, da Longino primo Esarca sotto Giustino II, infino all'ultimo,
che fu questo Eutichio, scrisse che questo Esarcato durò 175 anni; ma
dal computo degli anni, ch'e' medesimo ne fa, si vede, che essendo,
com'egli stesso dice, cominciato da Longino nell'anno 568 e finito in
Eutichio, dopo aver Astolfo presa Ravenna secondo lui nell'anno 751,
durò l'Esarcato non già 175 ma ben 183 anni. E secondo coloro, che
portano la caduta di Ravenna nell'anno 752 l'Esarcato durò 184 anni.


§. I. _Spedizione d'ASTOLFO nel Ducato romano._

Astolfo dopo sì grande e gloriosa impresa, ripieno d'elatissimi
spiriti minacciava già di stendere il suo Imperio sopra gli altri
miseri avanzi, che restavano in Italia all'Imperador de' Greci: egli
impadronito dell'Esarcato di Ravenna, credendosi succeduto a tutte
quelle ragioni, che portava seco l'Esarcato, le quali erano, la
maggioranza e la sovrana autorità sopra il Ducato di Roma e di tutto il
resto; pretendeva di dovere anche dominare le città del Ducato romano,
e molto più la città di Roma, nella quale agl'Imperadori d'Oriente,
dopo l'accordo fatto da Luitprando con Gregorio II, era rimaso ancor
vestigio della loro superiorità, tenendovi tuttavia i loro Uficiali.
Minacciava per tanto le terre del dominio della Chiesa, e Roma stessa,
e rotti e violati i tanti trattati di pace stabiliti da' Re, e da' suoi
predecessori co' romani Pontefici, mosse il suo esercito verso Roma,
ed avendo presa Narni, mandò Legati al Pontefice con aspre ambasciate,
dicendogli che avrebbe saccheggiata Roma, e fatti passare a fil di
spada tutti i Romani, se non si fossero sottoposti al suo Imperio, con
pagargli ogni anno per tributo uno scudo per uomo[249]. A sì terribile
ambasciata tutto commosso il Papa, tentò placarlo per una Legazione
cospicua di due celebri Abati, che fiorivano in quel tempo; gli
spedì l'Abate di monte Cassino, e l'altro di S. Vincenzo a Volturno,
e gli accompagnò con molti e preziosi doni, incaricando loro, che
proccurassero, e con ragioni e con preghiere, rammentandogli la pace
poco prima firmata, di persuaderlo a non romperla, e voltare altrove le
sue armi[250].

Aveva il Pontefice sin dal principio dell'irruzione di Astolfo sopra
Ravenna, prevedendo questi mali, fatto inteso l'Imperador Costantino
de' disegni de' Longobardi, e sollecitatolo a mandare all'Esarca validi
soccorsi per impedirgli; ma Costantino volendo coprire la sua debolezza
sotto il manto dell'autorità, dando a sentire che questa sola bastasse
per rimovere i Longobardi da tale impresa, mandò, in vece di eserciti,
un gentiluomo della sua Camera chiamato Giovanni Silenziario, con
ordine al Papa di farlo accompagnare con sue lettere ad Astolfo per
obbligarlo a rendere ciò, ch'egli aveva preso[251]. Furono dal Papa
spediti non sole lettere, ma Legati ancora ad accompagnar Giovanni; ma
arrivati in Ravenna ove Astolfo dimorava, ed espostogli l'imbasciata
di restituire ciò che egli s'avea preso, fu intesa da quel Principe
con riso, e tosto ne furono rimandati senz'alcun frutto, come ben
potevano immaginare; per la qual cosa s'incamminarono i Legati del Papa
insieme con Giovanni a dirittura in Costantinopoli per supplicar di
nuovo l'Imperadore in nome del Papa di venir egli stesso con poderosa
armata in Italia per salvar Roma, e gli altri avanzi rimasi al suo
Imperio in Italia, che i Longobardi tentavano tuttavia di rapirgli. Ma
Costantino ch'era intrigato in altre guerre, e che non badava ad altro,
che per un nuovo Concilio, che in quest'anno 753 avea fatto unire di
338 Vescovi ad abbattere le immagini, non era in istato d'intraprendere
altre brighe co' Longobardi. Perciò vedendo Stefano che in vano si
ricorreva a Copronimo[252], il quale non poteva nè meno difender se
stesso da Longobardi, e ch'era molto lontano per protegger la sua
Chiesa: e che all'incontro Astolfo, entrato coll'esercito nel Ducato
romano, devastava tutto il paese; e minacciava stragi e servitù a'
Romani, se non si rendevano a lui; si risolse finalmente ad esempio di
Zaccaria e de' due Gregorj di ricorrere alla protezione della Francia,
e d'implorare l'ajuto di Pipino. Mandò nascostamente un suo messo in
Francia, per cui espose a Pipino le sue angustie, e ch'egli desiderava
venir di persona in Francia, se gli mandasse Legati, per potersi
quivi condurre con sicurtà. Pipino non mancò subito di mandargli due
de' primi Uficiali della sua Corte, Rodigando Vescovo, ed il Duca
Antonio per condurlo in Francia. Giunti il Vescovo ed il Duca in Roma,
ritrovarono, che l'esercito de' Longobardi, dopo avere presi tutti i
castelli ne' contorni di Roma, era in procinto d'investir quella città;
e che ritornati i due Legati del Papa con l'Inviato dell'Imperadore
da Costantinopoli, niente altro avevan riportato da costui, se non un
secondo ordine al Papa d'andar egli in persona a ritrovar Astolfo per
sollecitarlo a restituir Ravenna, e le altre città da lui occupate. Non
vi era alcuna apparenza, che questa andata potesse riuscir di profitto,
e pure il Pontefice volle ben ancora ubbidire, per far l'ultimo
esperimento di poter piegar quel Principe; ma quando vide che al
vento si gittava ogni opera, e che Astolfo, il quale gli aveva insieme
proibito di parlargli d'alcuna restituzione, faceva tutti gli sforzi
suoi per fermarlo, lasciossi finalmente condurre dagli Ambasciadori di
Pipino in Francia.


§. II. _Papa STEFANO in Francia: suoi trattati col Re PIPINO; e
donazione di questo Principe fatta alla Chiesa romana di Pentapoli, e
dell'Esarcato di Ravenna tolto a' Longobardi._

Giunto il Pontefice in Francia, fu accolto da Pipino con ogni segno
di stima e di venerazione: l'adorò come Pontefice e padre della
Cristianità, e gli rendè i maggiori onori che si potessero rendere
a' più potenti Re della terra. Espose Stefano i suoi bisogni al Re,
e l'angustie nelle quali i Longobardi l'avean ridotto, dimandogli il
suo ajuto e protezione, offerendosi all'incontro d'impiegar tutta
l'autorità della sede appostolica in suo vantaggio. Allora Pipino,
affinchè si rendesse più venerando a' suoi sudditi, e per maggiormente
stabilire il Regno di Francia nella sua persona e nella sua posterità,
volle che Stefano colle sue mani lo consecrasse Re, ed insieme che
i due suoi figliuoli Carlo e Carlomanno ricevessero parimente da
lui l'unzione sacra, siccome seguì nella Chiesa di S. Dionigi[253].
All'incontro Pipino, oltre ad assicurarlo, che avrebbe frenato
l'ardire de' Longobardi, e fattigli restituire i luoghi occupati nel
Ducato romano, gli promise ancora, ch'egli avrebbe scacciato Astolfo
dall'Esarcato di Ravenna e da Pentapoli, e, tolti al Longobardo
questi Stati, gli avrebbe non già restituiti all'Imperio greco, a cui
s'appartenevano, ma donati a S. Pietro ed al suo Vicario. Stefano lodò
la magnanima offerta, che si faceva con tanta profusione dell'altrui
roba, esagerandola ancora come molto profittevole per la salute
della sua anima; onde da Pipino ne fu stipulata e giurata la promessa
della donazione, facendola firmare anche da' suol figliuoli Carlo e
Carlomanno.

Questa promessa di futura donazione, nel caso fosse riuscito a
Pipino di scacciare i Longobardi dall'Esarcato, e da Pentapoli, non
abbracciava che questi Stati. Lione Ostiense[254] confuse ciò che
Anastasio Bibliotecario avea scritto della donazione fatta poi da
Carlo M. a Papa Adriano, con questa promessa di Pipino a Papa Stefano.
Anastasio narra[255], che Carlo M., confermò, e pose in effetto ciò
che Pipino suo padre avea promesso, anzi che accrebbe la paterna
donazione, e dice, che da Carlo con nuovo instromento furono donate
a S. Pietro, ed al suo Vicario molte città e territorj d'Italia
per designati confini, incominciando da Luni città della Toscana,
posta ne' confini della Liguria, con l'isola di Corsica, e calando
nel Sorano e nel monte Bordone abbracciava Vercetri, Parma, Reggio,
Mantova e Monselice, ed insieme tutto l'Esarcato di Ravenna, siccome fu
anticamente, colle province di Venezia e d'Istria; e tutto il Ducato
spoletano e beneventano. Lione[256] (come avvertì anche l'Abate della
Noce[257]) parlando nel capo 8 della donazione di Pipino, si serve di
queste istesse parole d'Anastasio, che riguardano la donazione di Carlo
suo figliuolo: e quando poi nel capo 12 tratta de' fatti di Carlo e di
questa sua donazione, non numera, come Anastasio, i luoghi e le città;
ma come se Carlo non avesse fatto altro, che solamente confermare
quella di Pipino, col supposto che quella abbracciasse tutti que'
luoghi da lui nel 8 capo descritti, dice che Carlo _bono, ac libenti
animo aliam donationis promissionem instar prioris describi praecepit_.
Ma che questa donazione di Pipino non abbracciasse altro che Pentapoli,
e l'Esarcato di Ravenna, che dovean togliersi ad Astolfo, si conosce
chiaro dall'esecuzione, che ne fu fatta dall'istesso Pipino, quando,
come diremo, calato in Italia, e toltigli al Longobardo, ne fece dono
alla sede appostolica, scrivendo l'istesso Lione[258], che Pipino
_simul cum praefato Romano Pontifice Italiam veniens, et Ravennam,
et viginti alias Civitates supradicto Aistulfo abstulit, et sub jure
Apostolicae Sedis redegit_.

Si convince ciò ancora dalla Cronaca del monastero di S. Clemente
dell'isola di Pescara, che ora impressa leggiamo nel sesto tomo
dell'Italia Sacra d'Ughello, dove narrandosi quest'istessi successi di
Papa Stefano con Pipino, si legge che Pipino avendo scacciato Astolfo,
e liberata Ravenna, la donò con venti altre città a S. Pietro. Quando
poi questo Autore favella della donazione di Carlo, dice che questo
Principe _restituit Beato Petro, quae pater ejus dederat, et Desiderius
abstulerat, ADDENS etiam Ducatum Spoletanum, et Beneventanum ec._
Ma quanto sia vero ciò che Anastasio narra della donazione di Carlo
M. volendo che abbracciasse la Corsica, il Ducato di Spoleto, il
Beneventano, le Venezie, l'Istria, e tanti altri luoghi, non mai presi,
nè posseduti da Carlo, lo vedremo più innanzi, quando di quella ci
tornerà occasione di favellare.

Accordati che furono questi trattati tra Stefano e Pipino, questi,
essendo il Papa rimaso in Francia presso di lui, immantinente interpose
i più fervorosi uficj con Astolfo perchè restituisse i luoghi occupati,
e gli replicò ben tre volte: ma nulla giovando nè preghiere nè minacce,
finalmente stimolato dal Papa, si risolvette di marciare con tutte le
sue truppe in Italia contro di lui, e seguitato da Stefano, sforzando
il passo delle Alpi, fugò l'esercito d'Astolfo, che se gli opponeva,
e l'incalzò sino alle porte di Pavia, dove assediollo, costringendolo
finalmente a dure condizioni, con obbligarlo, ricevuti innanzi gli
ostaggi, a promettere di rendere le terre della Chiesa da lui occupate
nel Ducato romano: gli tolse Ravenna con venti altre città, ed in
quest'anno 754, la aggiunse al dominio di S. Pietro[259], e prestamente
in Francia si restituì.

Ma non fu così tosto ritornato Pipino in Francia, che Astolfo, poco
curandosi degli ostaggi, che aveva dati in mano di Pipino, che rompendo
tutti i giuramenti da lui fatti, venne con tutte le forze del suo
Regno a piantar l'assedio innanzi a Roma, dopo aver dato un terribil
guasto ne' contorni. Allora Stefano vedendosi ridotto all'ultima
estremità, ebbe ricorso al suo protettore nella maniera più forte e
compassionevole che potesse mai farsi: gli scrisse quelle tre lettere,
che ci restano ancora[260], le più veementi e le più sommesse, che
si possano immaginare: e con esempio nuovo le scrisse sotto nome di
S. Pietro a cui erasi fatta la donazione, indirizzandole al Re, a'
di lui due figliuoli, ed a tutti gli Ordini della Francia, di questo
tenore: _Petrus vocatus Apostolus a Jesu Christo Dei, vivi filio,
ec. Viris excellentissimis Pipino, Carolo, et Carolomanno tribus
regibus ec._ dove introducendo questo Appostolo a parlargli così: _Ego
Petrus Apostolus dum a Christo, Dei vivi filio, vocatus sum supernae
clementiae arbitrio, ec._[261], si serve in quelle di tutti i più
prestanti scongiuri da parte di Dio, perchè lo soccorra, che facendo
altrimenti sarà alienato dal Regno di Dio, e fuori dalla vita eterna,
movendo tutto ciò ch'è più atto a scuotere un cuore cristiano.

Men di questo sarebbe bastato per obbligar Pipino a ripigliar quanto
prima le armi. Aveva già ragunate le sue truppe alla prima novella
venutagli de' movimenti d'Astolfo; e con quelle incamminatosi di
nuovo verso l'Italia, ruppe l'esercito d'Astolfo, che aveva voluto
contrastare a' Franzesi il passaggio delle Alpi, ed avendogli
minacciato l'estrema sua rovina, se durasse nell'impresa, obbligò
Astolfo a levar l'assedio da Roma già tre mesi durato, e di buttarsi
dentro Pavia col resto delle sue truppe.

Intanto Costantino Copronimo avvisato di questi trattati avuti sopra
i suoi Stati fra Stefano e Pipino, e che Astolfo cedeva l'Esarcato di
Ravenna a Pipino, per darlo al Papa; mandò tosto due Ambasciadori al
Re Pipino perchè glielo restituisse, come appartenente all'Imperio:
intesero questi a Marsiglia, dov'erano venuti da Roma con un Legato del
Papa, di aver già Pipino passate l'Alpi, e sconfitto l'esercito de'
Longobardi; perciò l'un de' due pigliando più velocemente innanzi il
cammino, mentre l'altro tratteneva il Legato, si portò sollecitamente
appresso il Re Pipino, che non era molto lontano da Pavia nel procinto
d'assediarla.

Fu l'Ambasciadore tosto introdotto all'audienza del Re, nella quale
dopo aver esaltato Pipino per le due vittorie da lui riportate
sopra i Longobardi, nemici comuni dell'Imperio e della Francia, e
commendate altamente le gloriose sue gesta, espose in nome del suo
Principe l'ambasciata[262]: esagerò, l'Esarcato essere senza alcun
dubbio dell'Imperio, usurpatogli da Astolfo, il quale pigliava tutte
l'occasioni d'ingrandirsi a' danni de' suoi vicini, mentre il suo
Principe faceva la guerra a' Saraceni: che poichè il Re l'aveva ritolto
dalle mani di questo usurpatore, era giusto che rimettesse anche nelle
mani dell'Imperadore ciò che era suo: che finalmente il Papa era suo
suddito, e che lasciandolo godere tranquillamente quanto gli era stato
dato dagl'Imperadori, e da' privati per mantener la sua dignità, non
sarebbe cosa giusta, ch'egli usurpasse ancora le terre del suo Sovrano:
essere del resto Costantino, il quale in questo non dimandava altro,
che la giustizia, prontissimo a praticarla anch'egli dal suo canto:
e che poichè il Re aveva già fatte grandi spese in questa guerra, gli
offeriva in rifacimento tutto quello, ch'egli avrebbe potuto desiderare
da un Imperadore ugualmente liberale e riconoscente.

Pipino, a cui non giunse nuova questa imbasciata, e che aveva
preveduto ciò che dovrebbe l'Ambasciadore dimandargli, umanamente gli
rispose: appartenere l'Esarcato al vincitor de' Longobardi, i quali
l'avevano _Jure belli_ conquistato, come aveano fatto anche i loro
predecessori d'una gran parte d'Italia sopra gli Imperadori greci:
essere medesimamente cosa nota, che la maggior parte di que' Popoli,
indotti sforzatamente a mutar religione, s'erano dati al Re Luitprando:
che così presupponendo il diritto de' Longobardi, del quale non era
luogo di dubitare più che di quello de' Franzesi, i quali avevano
conquistate le Gallie sopra i Romani e Vestrogoti, era molto sicuro
del suo proprio; poichè egli aveva costretto Astolfo per via delle
armi a cedergli l'Esarcato, del quale andava a mettersi in possesso
per la medesima via: che poi essendone padrone, n'avea potuto disporre
a suo arbitrio e volontà[263]. Ed aveva trovato espediente di darne
il dominio al Papa, perchè in quello la sede cattolica violata per
tante infami eresie de' Greci, si mantenesse intera; e l'ambizione ed
avarizia de' Longobardi non l'occupasse; per le quali considerazioni
egli aveva prese l'armi contra coloro, che opprimevan la Chiesa[264]:
che per tutti i tesori del Mondo non avrebbe mutata risoluzione, e che
manterrebbe contra tutti il Papa e la Chiesa nel possesso di tutto ciò
ch'egli aveva loro donato.

Rimandato per tanto senza voler sentir altra replica su l'ora
l'Ambasciadore, andò a por l'assedio innanzi Pavia, e lo strinse
così forte, che Astolfo ridotto a non poter più resistere, fu
costretto a dimandargli la pace, la quale ottenne a condizione, che
mettesse prontamente in esecuzione il trattato dell'anno precedente e
restituisse le città dell'Esarcato, dell'Emilia oggi detta Romagna,
e della Pentapoli, che diciamo Marca d'Ancona[265], nelle mani di
Eulrado Abate di S. Dionigi, da Pipino destinato suo Commessario.
Ciocchè fu eseguito prontamente; imperocchè destinati anche da Astolfo
i Commessarj, Fulrado avendo fatto uscire dall'Esarcato, e dagli altri
luoghi tutti i Longobardi e ricevuti gli ostaggi di tutte le città,
andò a portarne le chiavi al Papa, ch'egli pose sopra il sepolcro de'
Santi Appostoli colla donazione di Pipino instrumentata con tutte le
solennità e forme necessarie, e ch'egli aveva fatta anche sottoscrivere
da' due suoi figliuoli Carlo e Carlomanno, e da' primi Baroni e Prelati
della Francia. L'Esarcato, se dee prestarsi fede al Sigonio[266],
abbracciava le città di Ravenna, Bologna, Imola, Faenza, Forlimpopoli,
Forlì, Cesena, Bobbio, Ferrara, Comacchio, Adria, Cervia, e Secchia.
Tutte furono consignate al Papa, eccetto che Faenza e Ferrara.

Pentapoli, ovvero Marca d'Ancona, comprendeva Arimini, Pesaro,
Conca, Fano, Sinigaglia, Ancona, Osimo, Umana, ora disfatta, Jesi,
Fossombrone, Monfeltro, Urbino, il territorio Balnense, Cagli, Luceoli
ed Eugubio con li castelli e territorj appartenenti alle medesime, come
appare dal privilegio di Lodovico Pio, col quale vien confermata questa
donazione di Pipino: della verità del quale si parlerà a suo luogo.

Il Pontefice ricco di tante città e dominj, all'Arcivescovo di
Ravenna commise l'amministrazione dell'Esarcato; ond'è che alcuni
scrissero, che gli Arcivescovi di quella città s'intitolavano anche
Esarchi, non già come Arcivescovi, ma come Ufficiali del Papa, già
Principe temporale. Ecco per dove i Papi hanno cominciato a divenir
potenti Signori in Italia, congiungendo al Sacerdozio il Principato,
e lo Scettro alle Chiavi. Perocchè la donazione di Costantino M.,
particolarmente intorno a ciò che riguarda Roma e l'Italia, per quel
che si disse nel secondo libro di questa Istoria, e per ciò che i più
dotti Istorici, Giureconsulti e Teologi tengono per indubitabile, fu
grossamente finta da un solenne impostore del decimo secolo; o come
Pietro di Marca, molto prima ne' tempi di Adriano e di Carlo Magno.
Nè quantunque si volesse supponere per vera, ebbe ella alcun effetto:
essendosi veduto che gl'Imperadori e gli altri Re stranieri, che a
coloro succedettono, ne furono da quel tempo sempre padroni. Nè i Papi
vi pretendevano altro, che quegli _patrimonj_, che vi possedevano
per munificenza di alcun Principe o privato per la loro sussistenza
donatigli, come si disse, e siccome appunto tengono oggi gli altri
Ecclesiastici i loro negli altri Stati per tutta la Cristianità. Pipino
veramente fu quegli, da poi che i Papi s'ebbero aperte sì opportune vie
per rendersene meritevoli, che dalla bassezza d'una fortuna sì mediocre
gli arricchì delle spoglie de' Re longobardi e degl'Imperadori greci,
donando loro città e province: che se voglia il vero confessarsi,
fu delle medesime liberalissimo, come sogliono essere tutti coloro,
che niente del proprio, ma dell'altrui profondono. Queste spettavano
in verità a Costantino Imperador d'Oriente; e se voglia dirsi giusta
questa donazione, dovea esser fatta non da Pipino, ma da Costantino,
di cui erano: onde perciò alcuni[267] scrissero, che questa donazione
fosse stata fatta sotto nome di _Costantino_; e quindi esser nata la
favola della donazione di Costantino M. Da questo tempo cessarono i
Pontefici nelle loro epistole e diplomi notare gli anni _piissimorum
Augustorum_, come prima facevano. Assicurati che furono del patrocinio
dei Franzesi, scossero ogni ubbidienza agl'Imperadori di Oriente,
nè vollero esser riputati più loro sudditi: ma all'incontro questa
grandezza de' Pontefici romani riuscì a Pipino tanto profittevole,
che portò al suo figliuolo Carlo, che gli succedè, non pur il Regno
d'Italia, discacciandone i Longobardi: ma l'Imperio d'Occidente, che
il Papa volle far risorgere nella persona di Carlo, come nel seguente
libro diremo.

I Franzesi, oltre a voler esser riputati autori della grandezza e
del dominio temporale della sede appostolica, ciocchè non può loro
contrastarsi, s'avanzano più, con dire, che di tutte queste città da
Pipino alla Chiesa donate, ne avessero i Papi il solo dominio utile;
siccome il Sigonio in più luoghi della sua istoria non potè negarlo;
rimanendo la sovranità appresso Pipino e gli altri Re di Francia suoi
successori; essendo cosa manifesta, essi dicono, che i discendenti
di Pipino v'ebbero la sovrana autorità, la quale essi esercitavano in
quasi tutta l'Italia. E non fu che lungo tempo da poi, che i Pontefici
romani divennero Sovrani di quelle province, come ancora di Roma; non
per la pretesa cessione, che l'Imperador Carlo il Calvo fece de' suoi
diritti, ragioni e preminenze; ma per la decadenza dell'Imperio, da che
fu limitato e racchiuso nella sola Alemagna, in quella maniera appunto,
che tanti altri Principi d'Italia possedono al dì d'oggi legittimamente
la sovranità, ch'essi si hanno acquistata sopra l'Occidente.

Pietro di Marca[268] fa vedere come, e su quali fondamenti a poco
a poco i Pontefici romani a lor trassero la sovranità sopra Roma:
ciocchè non fu certamente in questi tempi. Egli dice, che ceduto che
fu da Pipino l'Esarcato di Ravenna al romano Pontefice, per ragion del
medesimo appartenevasi anche a lui la soprantendenza ed il governo di
Roma, non altrimente che s'apparteneva all'Esarca di Ravenna, sotto il
quale erano posti tutti i Ducati de' Greci e quello di Roma ancora: la
sovranità s'apparteneva agl'Imperadori di Oriente, l'amministrazione
agli Esarchi: quindi i romani Pontefici come Esarchi la pretesero. Ma
creati Pipino e Carlo Magno Patrizj di Roma, importando 'l Patriziato
l'aver cura di quella città, si videro insieme il Papa e 'l Patrizio
prendere il governo di quella, siccome s'osservò nella persona di Papa
Adriano e di Carlo Magno. Essendo poi morto Adriano, ed in suo luogo
creato Lione III, questi lasciò a Carlo l'intera amministrazione, il
quale da Patrizio innalzato alla dignità d'Imperadore, essendo con
ciò passata anche a Carlo la sovranità di Roma, i Pontefici più non
s'intrigarono nel governo di quella; insinochè, decadendo pian piano
l'autorità degli Imperadori successori di Carlo in Italia, finalmente
Carlo il Calvo non si fosse nell'anno 876 spogliato d'ogni sua ragione,
cedendo alla sede appostolica la sovranità di Roma ed ogni suo diritto.
Quindi è che Costantino Porfirogenito[269] descrivendo i Temi di
Europa, e lo Stato di quella del suo secolo intorno all'anno 914 dica,
che Roma si teneva da' romani Pontefici _jure dominii_. Quindi cominciò
il costume ne' diplomi di notarsi gli anni de' romani Pontefici, quando
prima ciò era de' soli Principi ed Imperadori.

L'Abate Giovanni Vignoli ne' nostri ultimi tempi, cioè nell'anno
1709 ha dato in luce un libretto intitolato: _Antiquiores Pontificum
Romanorum denarii_, ove contro a questa opinione, che tengono i
Franzesi, si sforza dimostrare, che il Senato e Popolo romano, dopo
avere scosso il giogo degl'Imperadori d'Oriente, si fosse sottoposto
a' romani Pontefici, riconoscendogli come loro Sovrani, e che non pure
il dominio utile ritennero di Roma, ma anche il supremo. Pretende
ricavarlo dalle monete, che si trovano de' Pontefici, e quantunque
ve ne fossero più antiche, nulladimanco riguardandosi solo quelle,
che ancora si veggono, queste cominciano da Adriano I, e furono
continuate a battere da Lione III e dagli altri suoi successori. Ed
ancorchè alcune d'esse, come quelle di Lione III e d'altri romani
Pontefici portassero anche il nome degl'Imperadori, come di Carlo M,
di Lodovico, di Ottone e d'altri; tantochè per quest'istesso si diede
occasione a _Le-Blanc_ franzese di comporre un trattato col titolo di
_Dissertazione Istorica sopra alcune monete di Carlo M, di Lodovico Pio
e di Lotario, e de' loro successori battute in Roma_; con le quali vien
confutata l'opinione di coloro, che pretendono, che questi Principi non
abbiano mai avuta in Roma alcuna autorità, se non col consentimento
de' Papi; contuttociò il detto Abate Vignoli si studia dimostrare,
che molte monete de' Papi non ebbero il nome degl'Imperadori, come
una di Giovanni VIII la quale è solamente segnata del nome di questo
Pontefice. Che che ne sia, l'opera di Le-Blanc fa vedere quanto poco
sicura sia l'opinione del Vignoli, e molto più fondata quella de'
Franzesi.


§. III. _Leggi d'ASTOLFO, e sua morte._

Astolfo intanto, ancorchè da sì strane scosse sbattuto, non restava
però di volger i pensieri alla conservazione del suo Regno: egli non
aveva mancato per nuove leggi riordinarlo, aggiungendone altre a quelle
de' suoi predecessori, e variandole ancora secondochè stimava più
utile ed opportuno a' suoi tempi; avendo per tanto in Pavia nel quinto
anno del suo Regno convocati da varie parti i principali Signori e
Magistrati del suo Regno, seguendo gli esempj de' suoi predecessori,
promulgò un editto nel quale molte leggi stabilì. Pure abbiamo
quest'editto d'Astolfo nel Codice Cavense per intero, che contiene
ventidue capitoli: il primo comincia: _Donationes illac, quae factae
sunt a Rachis Rege, et Tassia conjuge_. L'ultimo ha per titolo: _Si
quis in servitium cujuscumque pro bona voluntate introierit_. Alcune
di queste leggi, il Compilatore del volume delle leggi longobarde le
inserì in que' libri: tre se ne leggono nel primo libro: una sotto
il _tit. de Scandalis_: l'altra sotto il _tit. de Exercitalibus_; ed
un'altra sotto quello _de Jure mulierum_: quindici nel _lib. 2_, una
sotto il _tit. 4_, un'altra sotto quello _de Successionibus_, altra
sotto il _tit. de ultimis volunt._. un'altra sotto il _tit. 20_,
due sotto il _tit. de Manumissionibus_, due altre sotto quello _de
Praescriptionibus_, e sette sotto il _tit. Qualiter quis se defendere
deb_. E nel _lib. 3_ ancor se ne legge una sotto il _tit. 10_ ch'è
l'ultima de' Re longobardi; poichè Desiderio suo successore, e nel
quale s'estinse il Regno, passando ne' Franzesi, applicato a cure
più travagliose, non potè d'altre leggi fornir questo Regno, che
infelicemente ebbe a lasciare.

Ma mentre questo Principe dopo aver per dura necessità restituito
l'Esarcato e tante altre città, è tutto intento a meditar nuovi
disegni per vendicarsi della oppressione de' Franzesi, e di riordinar
nuovamente la guerra, essendosi un giorno portato alla caccia, spinto
da un cignale, ovvero, com'altri rapportano, casualmente sbalzato
da cavallo, o come dice Erchemperto[270], percosso da una saetta, il
caso fu per lui cotanto fatale, che in pochi giorni rendè lo spirito,
lasciando in quest'anno 756 il Regno pieno di calamità e di sospetti,
non avendo di se lasciata prole alcuna.



CAPITOLO III.

_Il Ducato napoletano, la Calabria, il Bruzio, ed alcune altre città
marittime di queste nostre province si mantengono sotto la fede
dell'Imperadore COSTANTINO e di LIONE suo figliuolo._


Grandi che fossero state le scosse, che gl'Imperadori d'Oriente ebbero
in Italia, il Ducato napoletano, che allora, stendendo più oltre i suoi
confini, abbracciava anche Amalfi, il Ducato di Gaeta, quasi tutta
la Calabria e 'l Bruzio, rimaser fermi e costanti nell'ubbidienza
de' loro antichi Principi: perduto l'Esarcato e tutto ciò che in
Italia ubbidiva all'Imperio greco, non per ciò mancò il dominio
degl'Imperadori d'Oriente in queste nostre parti. I Napoletani si
mantenevano sotto l'ubbidienza de' loro Duchi, chiamati ancora Maestri
di soldati, siccome sotto gl'Imperadori d'Oriente erano appellati
i Duchi[271]. Questi era un Magistrato greco, che da Costantinopoli
soleva destinarsi. Fuvvi in questo secolo Teodoro nell'anno 717 di cui
questa città serba anche vestigio, portandosi egli per fondatore della
chiesa de' SS. Pietro e Paolo, ora disfatta, siccome dimostrava la
lapida che prima ivi si leggeva, ed oggi nella chiesa di Donnaromata.
Fuvvi Esilarato. Fuvvi intorno a questi tempi, dopo la morte d'Astolfo,
Stefano, il quale avendo per dodici anni governato con tanta prudenza
il Ducato di Napoli, morta sua moglie, fu anche fatto Vescovo di questa
città.

Nel tempo che Stefano reggeva Napoli in qualità di Duca, avendo
l'Imperador Costantino nell'anno 753, come si disse, fatto convocare un
Concilio in Costantinopoli di 338 Vescovi, questi stabilirono in quello
Concilio un decreto contro l'adorazione delle immagini. Costantino e
Lione suo figliuolo associato all'Imperio, fecero per mezzo de' loro
editti valere il decreto per tutto Oriente, ed impiegarono anche la
forza per l'osservanza di quello: tentarono anche di farlo valere
in Occidente, donde nacquero que' disordini e rivolte che si sono
vedute: renderonsi per ciò più aspre ed irreconciliabili le contese,
e s'inasprirono più l'inimicizie, che passavano allora tra' Pontefici
romani, e gl'Imperadori d'Oriente: era in quest'anno 757 morto Papa
Stefano, il quale ebbe per successore Paolo. Questi non meno, che
i suoi predecessori, era odioso agl'Imperadori d'Oriente, i quali
s'erano impegnati a far valere il decreto di quel Concilio, anche nel
Ducato napoletano e negli altri luoghi, che ancor rimanevano in queste
province sotto la loro ubbidienza. I Napoletani ancorchè avversi ad
eseguirlo, come quelli che erano più di tutti gli altri popoli di
Italia attaccati all'adorazione delle immagini; nulladimanco perchè
ciò non s'imputasse a loro disubbidienza, proccuravano in tutto il
rimanente mostrarsi tutto riverenti ed esatti in aderire al volere e
potestà dei loro Signori; laonde essendo in questi tempi accaduta la
morte del lor Vescovo Calvo, ed essendo stato dal Pontefice ordinato
Paolo Diacono della Chiesa di Napoli suo molto amico e familiare,
ripugnava l'Imperadore per esser costui aderente al Papa, che fosse
ricevuto in quella Chiesa, come quegli che avrebbe in Napoli fatti
riuscir vani i suoi disegni di far ricevere il decreto del Concilio
di Costantinopoli. I Napoletani aderirono in ciò al volere del loro
Imperadore e de' Greci, ed impedirono perciò l'andata di Paolo in Roma
per farsi consecrare dal Papa: scorsi nove mesi, Paolo di nascosto
andò in Roma, ed il Papa immantenente lo consecrò; ma tornato a Napoli,
narra Giovanni Diacono, nella Cronaca de' Vescovi di questa città, che
i Napoletani suoi cittadini per l'aderenza che aveano co' Greci, non
lo vollero ricevere dentro la città, ma tenuto fra di loro consiglio,
lo mandarono fuori, nella chiesa di S. Gennaro, posta non molto lontana
dalla città, dove stette per lo spazio di quasi due anni; non mancando
intanto così il Clero, come il Popolo universalmente d'ubbidirlo ed
averlo come lor Pastore, disponendo egli senza ostacolo delle cose
della Chiesa, e facendo ivi tutte le funzioni pontificali. Intanto i
Nobili, scorgendo che per l'assenza di un tanto lor Pastore, la città
languiva, si risolsero tutti finalmente d'introdurlo nella città, e con
molta letizia e celebrità andarono a prenderlo, e l'introdussero nel
Vescovato, dove, dopo avere governata la sua Chiesa per due altri anni,
finì i giorni suoi. Si scusarono essi coll'Imperadore, allegando di non
potere maggiormente soffrire la vedovanza della Chiesa.

Per la morte di Paolo i Napoletani elessero nell'anno 764 l'istesso
Duca Stefano per lor Vescovo: questi ancorchè eletto Vescovo, non
lasciò il Ducato, ma lo governò insieme con Cesario suo figliuolo, che
l'assunse per suo collega. Cesario premorì all'infelice padre; onde
Stefano continuò solo il governo fin al 791, anno della sua morte.
Teofilatto gli succedette nel Ducato. Costui era suo genero, come
quegli che s'avea sposata Euprassia sua figliuola; ed avealo anche,
dopo Cesario, fatto suo collega, onde morto Stefano, restò egli solo
Console e Duca. A Teofilatto succedette nel fine di questo secolo
Antimio[272], di cui si narra, che nel tempo del suo Consolato avesse
costrutta in Napoli la chiesa di S. Paolo Appostolo, ed il monastero
de' SS. Quirico e Giulitta. Questi furono i Duchi che ressero in
quest'ottavo secolo il Ducato napoletano per gl'Imperadori d'Oriente,
a' quali ubbidiva. Furono anche nomati Consoli. Ma come i Duchi di
Napoli si chiamassero anche Consoli, niuno de' nostri Scrittori, per
quel ch'io ne sappia, ebbe curiosità di saperne la cagione.

Il nome di Console, dagl'Imperadori romani e da poi dagl'Imperadori
d'Oriente tenuto in tanto pregio, e del quale essi s'adornavano,
negl'ultimi anni dell'Imperio greco, fu da costoro disprezzato e
finalmente affatto tralasciato. Il vedere, che di quello valevansi
anche i Principi da essi riputati barbari ed usurpatori dell'Imperio,
glie lo fece deporre. Carlo M. per mostrare esser egli succeduto a
tutte le ragioni e preminenze degli antichi Imperadori d'Occidente,
ne' suoi titoli se ne fregiava: il simile fecero tutti gli altri
Imperadori franzesi suoi successori: al costoro esempio lo stesso
fecero gl'Imperadori italiani Berengario Duca di Friuli e Guido Duca
di Spoleti[273]. In fine sino i Saraceni, da poi ch'ebbero acquistata
la Spagna, ad esempio degl'Imperadori di Costantinopoli, vollero pure
chiamarsi Consoli. Abderamo Re de' Saraceni in Ispagna, che cominciò
a regnare in Cordova nell'anno 821, Maomat suo figliuolo e successore
nel Regno, secondo che ce n'accertano l'opere di S. Eulogio[274], ne'
loro diplomi notavano non meno gli anni del loro Imperio, che del
Consolato. Anzi nel nono secolo della Chiesa, siccome nell'Oriente
gl'Imperadori creavano altri Consoli onorarj, così i Re saraceni non
solo se medesimi, ma anche i principali Magistrati del loro Regno
chiamavano Consoli[275]. Quindi nacque che secondo il fasto de' Greci,
questi non potendo comportare che titolo sì spezioso fosse usurpato da
Nazioni straniere e barbare, si proccurò avvilirlo, e davanlo a' loro
Magistrati, ancorchè di non molto eminente grado, insino che essi poi,
secondo che prova l'accuratissimo Pagi[276], intorno l'anno 933 non lo
deponessero affatto; donde avvenne che un'ombra ed immagine di quella
dignità e titolo rimanesse in molti loro Uficiali, e si vedesse così
diffuso in tanti Ordini, anche di persone private.

I Saraceni solevano dar questo nome agli Ammiragli di mare; onde
poi avvenne che coloro ch'erano preposti agl'Emporj ed a' Porti, si
chiamarono Consoli; e Codino[277], Pachimere[278] e Gregoras[279]
osservano, che il Magistrato de' Pisani e degli Anconitani, che
dimoravan in Costantinopoli, eran chiamati Consoli. Quindi il Consolato
di mare, e quindi negli Autori della bassa età, rapportati nel
Glossario di Dufresne, questo nome lo vediamo sparso nelle Comunità,
tra' Giudici, e varj Ordini di persone, insino agli artegiani. Non
dee dunque sembrar cosa nuova e strana, se in questo ottavo secolo il
nome di Console proprio degl'Imperadori, e prima cotanto illustre e
rinomato, si senta nelle persone de' Duchi di Napoli, Uficiali ch'erano
dell'Imperio greco, al quale questo Ducato ubbidiva.



CAPITOLO IV.

_Di DESIDERIO ultimo Re de' Longobardi._


Per la morte d'Astolfo, non avendo di se lasciata prole, e Rachi
suo fratello ancorchè vivo, essendosi fatto Monaco, rimase il Regno
vacante. Desiderio Duca di Toscana, che Astolfo, oltre ad avergli
dato questo Ducato, l'avea ancora fatto Contestabile del Regno, non
trascurò l'occasione, co' voti de' suoi Longobardi toscani, di farsi
proclamare Re. Rachi avendo ciò inteso ne arse di sdegno; e diede
in tali eccessi, che in tutti i conti voleva uscir dal monastero, e
rinunciando al Monacato, ritornare al Regno: nè mancò chi questa sua
risoluzione favorisse, e proccurasse di farla venire ad effetto: ma
Desiderio essendo ricorso a Stefano Pontefice romano, a chi offerse
in ricompensa Faenza, Ancona, Secchia e Ferrara, città che non erano
state restituite da Astolfo, se in questa congiuntura l'ajutasse; seppe
far tanto questo Papa con Rachi, che finalmente lo fece quietare, e
deporre que' suoi pensieri d'uscire dal monastero, ed in premio della
sua mediazione ricevè da Desiderio le città promessegli: e poco dopo
avere stabilito nel Regno Desiderio, finì Stefano i giorni suoi a' 26
d'Aprile di quest'anno 757. Pontefice, a cui la Chiesa romana dee molto
più che a' suoi predecessori, che seppe ampliarla di sì belle città
e Stati, e che lasciò le fortune della medesima in tanta prosperità,
che i suoi successori non mancarono d'approfittarsene, come fece Paolo
che gli successe, e dopo lui un altro Stefano, ma molto più Adriano,
che ridusse per trattati avuti con Carlo M. la sua potenza in più alto
grado, come di qui a poco vedremo.

Desiderio dopo due anni del suo Regno volle ad esempio de' suoi
predecessori assumere per collega Adalgiso suo figliuolo: ma non passò
guari che sospettando il Pontefice Stefano III o sia IV, il quale a
Paolo succedette, de' di lui andamenti, e credendo ogni sua mossa in
pregiudizio de' proprj Stati, cominciarono i soliti sospetti, e le
consuete gelosie fra di loro. Finalmente ruppero in aperta discordia,
poichè avendo il Re Desiderio fatto conferire l'Arcivescovado di
Ravenna ad un certo chiamato Michele suo fedele e domestico, Stefano
lo fece scacciare da quella sede. Il Re per vendicarsene fece cavar gli
occhi a Cristofano ed a Sergio mandati dal Papa in Pavia per domandare
le facoltà che appartenevano alla Chiesa di Roma; e prevedendo dove
avrebbero dovute andare a terminar queste discordie, proccurava di
congiungersi strettamente co' Franzesi, perchè non così volentieri
dassero questi a' continui inviti de' Pontefici orecchio: era in questi
tempi già morto Pipino, ed i suol figliuoli Carlo e Carlomanno avendosi
fra di loro diviso il Regno, se ben concordi in prima, non così da poi
senza gelosia regnavano; Desiderio reputò per sua sicurezza stringer
parentado con questi due Principi offerendogli due sue figliuole
per moglie. Stefano avendo ciò presentito, scrisse immantenente per
distornar queste nozze una molto forte lettera a Carlo e Carlomanno,
minacciandogli se v'acconsentissero, _anathematis vinculum, et aeterni
cum diabolo incendii poenam_[280]. Ma non ostante i suoi sforzi,
si sposarono felicemente le due sorelle figliuole ambedue del Re
Desiderio, il quale seppe così bene impegnar Bertrada madre di Carlo e
Carlomanno, che per impulso della medesima si conchiusero i matrimonj.
Il dispiacere del Pontefice non fu minore del contento di Desiderio, il
quale credeva in cotal maniera avergli chiusa ogni strada di soccorsi.
Ma questa alleanza non durò guari, poichè non mancarono modi di far sì,
che Carlo ripudiasse la Principessa sua sposa, sotto pretesto d'esserle
scoverta un'infermità, che la rendeva inabile d'aver figliuoli: nè
alla stranezza del fatto mancò il presidio e l'autorità della legge,
perchè furono presti molti Vescovi a dichiarar il matrimonio nullo, ed
a permettere che Carlo l'anno seguente si sposasse Ildegarda di Svevia.
Si accese per questo ripudio d'ira e di sdegno il Re Desiderio; ed
essendo accaduta poco tempo da poi la morte di Carlomanno, la Regina
Berta rimasa vedova con due figliuoli, temendo di non star sicura in
Francia, e che Carlo non insidiasse la vita de' suoi nepoti, come aveva
loro tolto il Regno, andò precipitosamente a gettarsi co' figliuoli
tra le braccia di Desiderio suo padre, il quale ricevè di buon animo
quest'occasione per potersi un giorno vendicar di Carlo, che gli aveva
poco innanzi rimandata la figliuola.

Tentò Desiderio, postisi in mano i figliuoli di Carlomanno, di formar
un potente partito, e di mettere la Francia in divisione e sconcerto,
perchè occupata ne' proprj mali non potesse pensar alle cose d'Italia.
Era intanto, morto Stefano, stato eletto nel 772 Adriano I, il quale
sul principio del suo Pontificato trattò con Desiderio di pace, e tra
loro fermarono convenzione di non disturbarsi l'un coll'altro: perciò
Desiderio credendo, che questo nuovo Pontefice fosse di contrarj
sentimenti de' suoi predecessori, pensò, per meglio agevolar i suoi
disegni, d'indurlo a consecrare i due figliuoli di Carlomanno per
Re: impiegò quanto potè, e quanto seppe con preghiere e promesse per
obbligarlo di venire ad ungere questi due Principini, ed a fargli
riconoscere per Re dell'Austrasia. Dall'esempio di Pipino e de' suoi
figliuoli erasi già pian piano introdotta tra' Principi cristiani la
cerimonia della consecrazione, la quale appresso i Popoli era riputata
come una marca e nota del Principato, e che quelli, i quali fossero
stati unti, dovessero riputarsi per Re giusti e legittimi, ed esser
da tutti conosciuti per tali. Ma Adriano che internamente covava le
medesime massime de' suoi predecessori, e che non meno di coloro aveva
per sospetta la potenza de' Longobardi in Italia, non volle a patto
alcuno disgustarsi il Re Carlo, ed a' continui impulsi, che gli dava
Desiderio, fu sempre immobile. Onde questi sdegnato, e finalmente
perduta ogni pazienza, credendo colla forza ottener quello a che
le preghiere non erano arrivate, invase l'Esarcato, ed in un tratto
avendo presa Ferrara, Comacchio e Faenza, designò portar l'assedio
a Ravenna. Adriano non mancava per Legati di placarlo, e di tentare
per mezzo degli stessi la restituzione di quelle città; nè Desiderio
si sarebbe mostrato renitente a farlo, purchè il Pontefice fosse
venuto da lui, desiderando parlargli, e seco trattar della pace. Ma
Adriano rifiutando l'invito, ed ogni uficio, si ostinò a non voler mai
comparirgli avanti, se prima non seguiva la restituzione delle Piazze
occupate. Così cominciavano pian piano i Pontefici romani a niegare a'
Re d'Italia que' rispetti e quegli onori, che prima i loro predecessori
non isdegnavano di prestare. Desiderio irritato maggiormente per queste
superbe maniere di Adriano, comandò subitamente, che il suo esercito
marciasse in Pentapoli, ove fece devastar Sinigaglia, Urbino e molte
altre città del patrimonio di S. Pietro sino a' contorni di Roma.
Questo fu che accelerò il corso della fatal ruina dei Longobardi;
perchè Adriano non mancò tosto di ricorrere in Francia, e dimandar non
pure soccorsi da Carlo, ma invitar questo Principe all'acquisto del
Regno d'Italia; e perchè tenevan i Longobardi chiuse tutte le strade di
terra, spedigli per mare un Legato a sollecitar la sua venuta.

Non mancò Desiderio all'incontro, subito che fu avvisato di questo
ricorso, di mostrare al Re Carlo l'inclinazione, ch'egli diceva di aver
tenuto sempre alla pace con Adriano, altamente dolendosi della costui
durezza, che avendo egli offerta la pace, e dimandato di parlargli,
aveva ricusato di farlo; nè cessava in oltre con lettere a varj
Principi, e con pubblici manifesti difendersi dall'accuse d'Adriano, il
quale lo pubblicava appo i Franzesi per distruttor della Toscana, per
barbaro, inumano, fiero, crudele, dipingendolo reo di molti delitti;
tanto che per purgarsene, si trovò Desiderio nella necessità di spedir
Legati a Carlo in Francia, ed assicurarlo ch'egli avrebbe fermata ogni
pace col Papa, e rendutogli ciò ch'e' poteva da lui pretendere.

Ma Carlo, che non aspettava altro, che sì bella opportunità di
vendicarsi di Desiderio, il quale con tenere in suo potere i suoi
nepoti, tentava dividergli il Regno, e che non poteva aspettar miglior
occasione per discacciar d'Italia i Longobardi, ricevè con incredibil
contentezza l'invito fattogli da Adriano. Egli trovavasi allora (per le
tante vittorie riportate in Aquitania ed in Sassonia) tutto glorioso
e formidabile in Tionvilla su le sponde della Mosella: quivi ricevè
il Legato del Papa, e diede insieme audienza agli Ambasciadori di
Desiderio, da' quali subito disbrigatosi, con rimandargli indietro
senza niente conchiudere, accettò con sommo piacer suo la proposta del
Pontefice, e tosto ponendosi alla testa d'un poderoso esercito, sforzò
il passo dell'Alpi in due luoghi, tagliando a pezzi que' Longobardi,
che lo difendevano.

Desiderio dall'altra parte accorse anch'egli in persona col suo
esercito per impedirlo; ma incalzato da Carlo, fu il grosso del suo
esercito disfatto, e costretto a ritirarsi, onde risolse di difendersi
in Pavia, ove si chiuse. Carlo non mancò subito di strettamente
assediarla, e fra tanto con una parte delle truppe sforzò Verona,
dentro della qual città erasi ritirato Adalgiso per difenderla, insieme
con Berta, ed i due suoi figliuoli. Quando questo Principe videsi
stretto, disperando della fortuna di suo padre, e di poter difendere
quella Piazza, se ne fuggì, prima che ella cadesse in poter di Carlo,
e dopo esser andato lungo tempo ramingo, vedendo finalmente, che tutto
era perduto per li Longobardi, salvossi per mare in Costantinopoli,
ove fu dall'Imperador Lione, figliuolo di Copronimo, con molto
piacere ricevuto sotto la sua protezione. Que' di Verona subito che
videro uscir Adalgiso dalla Piazza, si diedero in poter di Carlo, il
quale presa Berta coi suoi figliuoli, tosto gli mandò in Francia,
senza che siasi potuto saper da poi ciocchè seguisse di questi due
infelici Principi, de' quali non s'è mai più sentito parlare. Tutte
l'altre città de' Longobardi sovvertite per opera e macchinazione del
Pontefice, da loro stesse renderonsi a Carlo. Restava Pavia solamente,
la quale difesa da Desiderio si manteneva ancor in fede.

Carlo, cinta ch'ebbe Pavia di stretto assedio, volle passar in Roma
alle Feste di Pasqua: gli eccessi d'allegrezza, che mostrò Adriano,
gli onori, che gli furon fatti da' Romani e dal Clero, guidando ogni
cosa il Pontefice, furono incredibili. Fu salutato Re di Francia
e de' Longobardi insieme, e Patrizio romano, incontrato un miglio
fuori delle porte di Roma da tutta la Nobiltà e Magistrati, e dal
Clero in lunghi ordini distinto con croci ed inni ricevuto: dopo gli
applausi e le feste, si venne a ciò che più importava. Fu tosto dal
Papa ricercato Carlo a confermar le donazioni di Pipino suo padre,
che aveva fatte alla Chiesa di Roma: non volle costui esser molto
pregato a confermarle, come fece di buona voglia, e facendone stipular
nuovo strumento per mano di Eterio suo Notajo, sottoscritto da lui,
da tutti i Vescovi ed Abati, da' Duchi e da tutti que' Grandi ch'eran
seco venuti, _super Altare B. Petri manu propria posuit_, come dice
Ostiense[281].

Anastasio Bibliotecario, come si è detto, molto ingrandisce questa
donazione di Carlo: oltre all'Esarcato di Ravenna e Pentapoli, vi
aggiunge l'isola di Corsica, tutto quell'ampio paese che da Luni
calando nel Sorano e nel monte Bordone abbraccia Vercetri, Parma,
Reggio, Mantova e Monselice, le province di Venezia e d'Istria, ed
il Ducato di Spoleti e di Benevento. La Cronaca del monastero di S.
Clemente narra, che Carlo aggiunse alla donazione di Pipino solamente
questi due Ducati. Sigonio poi, e gli altri più moderni Scrittori,
di ciò non ben soddisfatti, aggiungono il territorio sabinense,
posto tra l'Umbria ed il Lazio, parte della Toscana e della Campagna
ancora. Pietro di Marca[282], ciocchè dee recar più maraviglia, tratto
anch'egli da' vanagloriosi Franzesi, che cotanto ingrandiscono questa
donazione, per magnificar in conseguenza la liberalità franzese, vi
aggiunge tutta la Campagna, e con essa Napoli, gli Apruzzi e la Puglia
ancora, additando con ciò l'origine delle nostre papali investiture.
Altri vi aggiungono anche la Sassonia da Carlo allora soggiogata; di
più, che facesse anche dono di province non sue, e che non acquistò
giammai, cioè della Sardegna e della Sicilia; e che sopra tutte queste
province e Ducati s'avesse egli solamente riserbata la sovranità.
Ma, e gli antichi annali di Francia, e la serie delle cose seguenti,
ed il non averci potuto l'Archivio del Vaticano dare l'istromento di
questa donazione, dal quale n'escono tanti altri d'inferior dignità,
dimostrano per favolosi tutti questi racconti, e convincono, che Carlo
non fece altro che confermare la donazione di Pipino dell'Esarcato e di
Pentapoli. Ed intanto alcuni scrissero, che l'avesse anche accresciuta,
perchè molti luoghi dell'Esarcato e di Pentapoli, che da' Longobardi
erano stati occupati, insieme co' patrimonj, che la Chiesa romana
possedeva nel Ducato di Spoleti e di Benevento, nella Toscana, nella
Campagna, ed altrove, ch'erano stati parimente occupati da' Longobardi,
fece egli restituire. Ed in questi sensi Paolo Emilio[283], e gli altri
Autori dissero, che Carlo non solo avesse confermati i doni di Pipino
suo padre, ma anche accresciuti: ciò che si convince manifestamente
dall'istoria delle cose seguite appresso; poichè Carlo sotto il nome
del Regno d'Italia si ritenne la Liguria, la Corsica, Emilia, le
province di Venezia e dell'Alpi Cozie, Piemonte, ed il Genovesato, che
avea tolti a' Longobardi, e fatti passare sotto la sua dominazione:
nè si legge che questa parte d'Italia fosse stata mai posseduta da'
Pontefici romani.

Molto più chiaro ciò si manifesta dal vedersi, che que' tre famosi
Ducati, del Friuli, di Spoleti, ed il nostro di Benevento mai non
furono posseduti da' romani Pontefici: come nel seguente libro di
questa Istoria si conoscerà chiaramente, cioè che questi tre Ducati
ebbero i loro Duchi, nè Carlo vi pretendeva altro, che quella
sovranità, che v'avevano avuti i Re longobardi suoi predecessori, anzi
i nostri Duchi di Benevento scossero affatto il giogo, e si sottrassero
totalmente da lui, negandogli qualunque ubbidienza, e vissero liberi
ed independenti; nè la città di Benevento, se non molti, e molti anni
appresso fu cambiata colla Chiesa di Bamberga, e conceduta alla sede
di Roma, ma non già il suo Ducato, che fu sempre posseduto da' nostri
Principi.

Dall'aver Carlo fatti restituire i patrimonj, che la Chiesa romana
possedeva nell'Alpi Cozie, nel Ducato di Spoleti, e di Benevento,
nacque l'errore di quegli Scrittori, i quali confondendo il patrimonio
dell'Alpi Cozie colla provincia, il patrimonio di Benevento col Ducato
beneventano, dissero che Carlo donò a S. Pietro que' Ducati, e quella
provincia. Così ciò che nell'epistole d'Adriano si legge de' Ducati
di Spoleti, e di Benevento donati a S. Pietro, non d'altro, se non
di questi patrimonj si dee intendere; siccome quando l'Imperador
Lodovico Pio, Ottone I. e l'altro Ottone Re di Germania confermorono
a Pascale I, ed a Giovanni XII, i patrimonj beneventano, salernitano,
e napoletano, siccome anche fece l'Imperador Errico IV. a Pascale
II, non altro intesero se non di quelle terre e possessioni, che
la Chiesa romana, come patrimonio di S. Pietro possedeva in queste
nostre province, che anche i nostri antichi chiamarono _justitias
ecclesiae_[284]. Solo dunque l'Esarcato di Ravenna, Pentapoli, ed
alcuni luoghi del Ducato romano passarono nel dominio della Chiesa
di Roma, riserbandosi il Re Carlo la sovranità; anzi in Roma stessa,
e nel Ducato romano eran ancora in quelli tempi rimasi vestigi della
dominazione degli Imperadori d'Oriente, i quali tuttochè deboli vi
tenevano tuttavia i loro Uficiali, ed erano ancora riconosciuti per
Sovrani, infinochè a' tempi di Lione III, successor d'Adriano, non si
pose il Popolo romano sotto la sede, e soggezione del Re Carlo, che
vollero anche da Patrizio innalzare ad Imperador romano. Niente dico
dell'isole di Sicilia e di Sardegna non mai da Carlo conquistate, le
quali furon lungamente possedute dagl'Imperadori Greci, infinchè i
Saraceni non gliele rapirono.

Carlo adunque, dopo aver in cotal guisa soddisfatto il Papa ed i
Romani, fece ritorno al campo appresso Pavia, nè restandogli altra
impresa, che di ridurre quella città sotto la di lui ubbidienza, pose
ogni sforzo per impadronirsene, perchè quella presa, essendo capo
del Regno, non restasse altra speranza a' Longobardi di ristabilirsi
nelle città perdute. La strinse perciò più strettamente, e togliendole
ogni adito di poter esser soccorsa, Desiderio che sin all'estremo
proccurò difenderla, essendo la gente afflitta non men dalla fame
che dalla peste, che tutta la consumava; finalmente in quest'anno 774
fu costretto di render la Piazza, se stesso, sua moglie, e i di lui
figliuoli alla discrezione di Carlo, che fattigli condurre tutti in
Francia, finirono quivi i giorni loro in Carbia, senza che mai di loro
si fosse inteso più parlare. Così Carlo in una sola campagna si rendè
padrone della maggior parte d'Italia, ma non già di quelle province
ond'ora si compone il nostro Regno, non del Ducato beneventano, nè
di quel di Napoli, nè dell'altre città della Calabria, e de' Bruzj,
che lungamente si mantennero sotto la dominazione degl'Imperadori
d'Oriente, come vedremo nel seguente libro.

Ecco come cominciarono i romani Pontefici a trasferire i Regni da
gente in gente: quindi avvenne, che calcandosi con maggior espertezza
e desterità le medesime pedate da' loro successori, si rendessero
ai Principi tremendi: i quali per avergli amici, poco curando la
sovranità de' loro Stati, e la propria dignità, soggettavansi loro
insino a rendersi ligi e tributarj di quella sede. Ecco ancora il fine
del Regno de' Longobardi in Italia: Regno ancorchè nel suo principio
aspro ed incolto, pure si rendè da poi così placido e culto, che per
lo spazio di ducento anni che durò, portava invidia a tutte l'altre
Nazioni. Assuefatta l'Italia alla dominazione de' suoi Re, non più
come stranieri gli riconobbe, ma come Principi suoi naturali; poichè
essi non aveano altri Regni, o Stati collocati altrove, ma loro proprio
paese era già fatta l'Italia, la quale per ciò non poteva dirsi serva
e dominata da straniere genti, come fu veduta poi, allorchè sottoposta
con deplorabili e spessi cambiamenti a varie Nazioni, pianse lungamente
la sua servitù. Questa era veramente cosa maravigliosa, dice Paolo
Varnefrido[285], e con esso lui l'Abate di Vesperga, che nel Regno de'
Longobardi non si faceva alcuna violenza, non sortiva tradimento, nè
ingiustamente si spogliava, o angariava alcuno: non eran ruberie, non
ladronecci, e ciascuno senza paura andava sicuro, dove gli piaceva. I
Pontefici romani, e sopra tutti Adriano, che mal potevano sofferirgli
nell'Italia, come quelli che cercavano di rompere tutti i loro disegni,
gli dipinsero al Mondo per crudeli, inumani e barbari; quindi avvenne
che presso alla gente e agli Scrittori dell'età seguenti, acquistassero
fama d'incolti e di crudeli. Ma le leggi loro cotanto sagge e giuste,
che scampate dall'ingiuria del tempo ancor oggi si leggono, potranno
esser bastanti documenti della loro umanità, giustizia e prudenza
civile. Avvenne a quelle appunto ciò, che accadde alle leggi romane:
ruinato l'Imperio non per questo mancò l'autorità e la forza di quelle
ne' nuovi dominj in Europa stabiliti: ruinato il Regno de' Longobardi,
non per questo in Italia le loro leggi vennero meno.



CAPITOLO V.

_Leggi de' Longobardi ritenute in Italia, ancorchè da quella ne fossero
stati scacciati: loro giustizia e saviezza._


Le leggi de' Longobardi, se vorranno conferirsi colle leggi Romane, il
paragone certamente sarà indegno, ma se vorremo pareggiarle con quelle
dell'altre Nazioni, che dopo lo scadimento dell'Imperio signoreggiarono
in Europa, sopra l'altre tutte si renderanno ragguardevoli, così se
si considera la prudenza e i modi, che usavano in istabilirle, come
la loro utilità e giustizia, e finalmente il giudicio de' più gravi e
saggi Scrittori, che le commendarono. Il modo che tennero e la somma
prudenza e maturità, che praticarono i Re quando volevan stabilirle,
merita ogni lode e commendazione. Essi, come s'è veduto, convocavano
prima in Pavia gli Ordini del Regno, cioè i Nobili e Magistrati;
poichè l'ordine Ecclesiastico non era da essi conosciuto, nè avea
luogo nelle pubbliche deliberazioni, e nè meno la plebe, la quale,
come disse Cesare parlando de' Galli, _nulli adhibebatur consilio_: si
esaminava quivi con maturità e discussione ciò che pareva più giusto
ed utile da stabilire: e quello stabilito, era poi pubblicato da' loro
Re negli editti. Maniera, secondo il sentimento di Ugon Grozio[286],
forse migliore di quella, che tennero gl'Imperadori stessi romani,
le cui leggi, dipendendo dalla sola volontà loro, soggetta a varj
inganni e soggestioni, cagionarono tant'incostanza e variazioni, che
del solo Giustiniano vediamo d'una stessa cosa aver tre, e quattro
volte mutato e variato parere e sentenza. Presso a' Longobardi prima
di pubblicarsi le leggi per mezzo de' loro editti, erano dagli Ordini
del Regno ben esaminate e discusse; onde ne seguivano più comodi. Il
primo, che non v'era timore di potersi stabilire cosa nociva al ben
pubblico, quando v'erano tanti occhi e tanti savj, a' quali non poteva
esser nascosto il danno, che n'avesse potuto nascere. Il secondo,
ch'era da tutti con pronto animo osservato ciò che piacque al comun
consentimento di stabilire. E per ultimo, che non così facilmente
eran soggette a variarsi, se non quando una causa urgentissima il
ricercasse: come abbiam veduto essersi fatto da que' Re, che dopo
Rotari successero, i quali se non _facto periculo_, e dopo lunga
esperienza conoscendo alcune leggi de' loro predecessori alquanto dure
ed aspre, e non ben conformarsi a' loro tempi, renduti più docili e
culti, le variavano e mutavano col consiglio degli Ordini. Il qual
sì prudente e saggio costume lodò anche e commendò presso a' Sueoni,
popoli del Settentrione, quella prudente e saggia donna Brigida, a cui
oggi rendiamo noi gli onori, che non si danno se non a' Santi.

Se si voglia poi riguardare la loro giustizia ed utilità, e prima di
quelle leggi accomodate agli affari e negozj de' privati, ed alla loro
sicurità e custodia, come sono i matrimonj, le tutele, i contratti, le
alienazioni, i testamenti, le successioni ab intestato, la sicurezza
del possesso, non potremo riputarle se non tutte utili e prudenti.

Per li matrimonj molte provide leggi s'ammirano nel libro secondo di
quel volume[287]. L'ingenuo non s'accoppiava con la libertina, nè il
nobile coll'ignobile; quindi essendo i Re collocati sopra la condizione
di tutti; quelli morti, le loro vedove non si collocavan poi con altri,
se non eran di regal dignità decorati. Ma Giustiniano prese Teodora
dalla scena con gran vituperio del Principato. Quelli che non eran
nati da giuste nozze, non si creavano Cavalieri: non eran ammessi al
Magistrato, anzi nè meno a render testimonianza. Le profuse donazioni
tra' mariti e mogli eran vietate: prudentissima fu perciò la legge di
Luitprando, colla quale fu posto freno al dono mattutino, che solevan
i mariti fare alle mogli il mattino dopo la prima notte del loro
congiungimento, che i Longobardi chiamavano _morgongap_[288]; solevan
sovente i mariti d'amor caldi, allettati da' vezzi delle novelle spose,
donar tutto: Luitprando[289] proibì tanta profusione, e stabilì che
non potessero eccedere la quarta parte delle loro sostanze. E per
gli esempj che rapporta Ducange, si vede che per tutto l'undecimo
secolo fu la legge osservata. Ed è veramente nuovo e singolare ciocchè
l'Abate Fontanini nel suo libro contra il P. Germonio rapporta di
alcuni atti, che pubblicò d'una notizia privata dell'anno 1162, nella
quale si legge, che un tal Folco da Cividale del Friuli dona a Gerlint
sua moglie tutto il suo, _omnia sua propter pretium in mane quando
surrexit de lecto_. Gli adulterj erano severamente puniti; le nozze
fra' congionti, secondo il prescritto, non men delle leggi civili,
che de' canoni erano vietate; e Luitprando[290] istesso rende a noi
testimonianza, che fu mosso a vietarle anche con sue leggi: _Quia_,
com'e' dice, _Deo teste, Papa Urbis Romae, qui in omni Mundo caput
Ecclesiarum Dei, et Sacerdotum est, per suam epistolam nos adhortatus
est, ut tale conjugium fieri nullatenus permitteremus_.

Alcuni s'offendono, che in questo secondo libro delle leggi de'
Longobardi[291] si legga permesso il concubinato, vietandosi solamente,
che in un istesso tempo si possa tener moglie e concubina, non
altrimente, che due mogli, essendo anche presso a' Longobardi vietata
ogni poligamia. Ma tralasciando che quella legge fu di Lotario, non
già d'alcuno de' Re longobardi; questa maraviglia nasce dal non sapere
che presso ai Romani il concubinato fu una congiunzione legittima[292],
non pur tollerata, ma permessa, ed era perciò detto _semimatrimonium_,
e la concubina era chiamata perciò _semiconjux_[293], e lecitamente
l'uomo poteva avere per sua compagna o la moglie o la concubina, non
però in un medesimo tempo e moglie e concubina insieme, perchè questa
era riputata poligamia, non altrimente se tenesse due mogli[294].
Questo istituto fu continuato anche dappoichè per Costantino Magno
l'Imperio abbracciò la nostra religione, il quale ancorchè ponesse
freno al concubinato, non però lo tolse; ed appresso i Cristiani di più
Nazioni d'Europa, per molti secoli fu ritenuto; di che fra gli altri
ce ne rende certi un Concilio di Toledo, ove fu parimente stabilito,
che l'uomo sia Laico, sia Cherico d'una sola debba contentarsi o di
moglie o di concubina, non già che possa ritenere in uno stesso tempo
tutte due[295]. Ma vietatosi poi nella Chiesa latina a' Preti affatto
di aver moglie, ed in conseguenza di tener anche concubine, poichè
gli Ecclesiastici per la loro incontinenza non potevan vivere soli, si
ritennero le concubine: fu per isradicar questo costume in varj Concilj
severamente proibito loro di tenerle: non ebbero queste proibizioni
gran successo, e furon di poco profitto: rada era l'osservanza; ed
i Preti non potevano a patto alcuno distaccarsene: furono perciò
replicati i divieti: non vi era Concilio che si convocasse, che con
severe minacce non inculcasse sempre il medesimo, detestandosi il
concubinato, e predicandosi peggior dell'adulterio, dell'incesto, e
più grave d'ogni altro vizio. Quindi nelle seguenti età il nome del
concubinato, che prima era riputato una congiunzion legittima, fu
renduto odioso ed orrendo in quella maniera, ch'oggi si sente. Nel
Regno d'Italia non pur presso a' Longobardi, ma anche quando passò
sotto la dominazione de' Franzesi, durava ancora l'istituto de' Romani.
Appresso alcune altre Nazioni d'Europa era anche il concubinato
riputato legittimo, e Cujacio testimonia, che anche a' suoi tempi
era ritenuto dai Guasconi, e da altri popoli presso i Pirenei[296].
In Oriente per le Novelle di Basilio Macedone[297], e di Lione, fu
il concubinato proibito; ma quelle non ebbero alcun vigore nelle
province d'Europa, come quelle ch'erano state sottratte dall'Imperio,
ed ubbidivano a' loro Principi independentemente dagl'Imperadori
d'Oriente: ciocchè meriterebbe un discorso a parte, ma tanto basterà
per ciò, che riguarda il nostro istituto.

Intorno alle tutele, furon dati savj provvedimenti: eran i pupilli
raccomandati ugualmente agli agnati, che a' cognati: ma de' pupilli
nobili il principal tutore era il Re[298]. Quindi appresso noi
nacque l'istituto di darsi dal Re il Balio a' Baroni, e prendersi
da lui le lettere del Baliato. Davano ancora alle donne per la loro
imbecillità un perpetuo tutore, ch'essi chiamavano Mundualdo, il quale
s'assomigliava in gran parte al tutore cessizio de' Romani antichi,
sotto la cui autorità eran sempre le donne di qualunque età fossero, ed
ancorchè a nozze passassero: ond'è che ancor oggi in alcuni luoghi del
nostro Regno sia rimaso di loro alcun vestigio.

Ne' contratti, l'equità e la giustizia fu unicamente ricercata:
i contratti de' maggiori, diffinendo la maggior età nell'anno
decim'ottavo, eran ben fermi, nè alle restituzioni soggetti. I
creditori, ed i compratori erano sicuri di non esser fraudati e delusi
per le tacite ipoteche, e per gli occulti fedecommessi; imperocchè si
facevan passare tutti i contratti, le vendite, i pegni, i testamenti
stessi sotto gli occhi, ed avanti i Magistrati, ed al cospetto del
Popolo. L'ordine di succedere ab intestato era semplicissimo: colui
ch'era più prossimo in grado, era l'istesso che l'erede, eccetto
solamente che i figliuoli, e' lor descendenti erano preferiti a'
genitori.

I giudicj, che appresso i Romani eran tratti in immenso con grave
dispendio delle proprie sostanze, e cruccio dell'animo, appo i
Longobardi eran brevi e meno travagliosi. La temerità de' litiganti era
frenata da' pegni, e dalle pieggiarie. A' Giudici niente era più facile
e spedito: nelle quistioni di fatto portava l'attore i suoi testimoni,
ed il reo i suoi, e colui guadagnava, che dal suo canto avea di lor
maggior numero ed autorità. Nelle cose dubbie ed ambigue si ricorreva
alla religione de' giuramenti; questo si dava al reo, ma con molto
riguardo, cioè se produceva testimonj di provata fama, che deponessero
ed attestassero della di lui probità e religione, e che essi volentieri
crederebbero al suo giuramento[299]. Rade eran le quistioni di legge,
e se pur accadevano, non dagli infiniti volumi degl'Interpetri, ma da'
semplici e piani detti delle lor leggi, dal giusto e dal ragionevole
prestamente eran decise. Pronto era il remedio nelle perturbazioni di
possesso, e subita la restituzione, andando il Giudice co' testimonj in
sul luogo a conoscer dello spoglio, e ad immantenente ripararlo.

Nella cognizion criminale de' delitti erano due cose saggiamente
osservate. La violazione della ragione e società pubblica, e di quella
del privato. Per questo due multe furono introdotte: coll'una si
riparava al danno del privato, che chiamarono Vedrigeldium, cioè quel
che si dava per lo taglione; coll'altra si riparava alla pubblica pace,
che dissero per ciò Fedra, e si dava al Re, o al comune di qualche
città. Commenda Ugone Grozio[300] questo lor istituto di non spargere
il sangue de' Cittadini per leggieri cagioni, ma solo per gravissime e
capitali. Ne' minori delitti bastava, che per danaro si componessero,
ovvero che il colpevole passasse nella servitù dell'offeso, in cui
s'era peccato.

I beni de' condannati erano salvi a' loro figliuoli, nè stavano
soggetti a confiscazioni. Nelle cause criminali non ammettevano
appellazioni, nè questo portò a Grozio alcuna maraviglia, come non
debbono altri averla; poichè i Pari della Curia con somma religione
e clemenza de' lor pari giudicavano. Quindi presso di noi nacque
l'istituto, che le cause capitali de' Baroni non potessero decidersi
senza quelli, che diciamo _Pares Curiae_.

I riti e le solennità ch'essi usavano nelle manumissioni, e
nell'adozioni eran conformi a' lor costumi feroci e guerrieri.
Le manumissioni come c'insegna Paolo Varnefrido si facevano _per
sagittam_, le adozioni _per arma_, siccome le alienazioni _per glebae
festucaeve conjectionem in sinum emptoris_.

Dispiacque a molti quell'antica consuetudine dei Longobardi, che in
alcune cause dubbie ed ambigue e ne' gravi delitti se ne commettesse
la decisione alla singular pugna di due, che chiamiamo duello. Fu
veramente il duello antica usanza de' Longobardi, che poi passata
in legge, fu per molto tempo praticata non pur da loro, ma da molte
altre Nazioni, le quali da' Longobardi l'appresero. In fatti l'istorie
loro sono piene di questi duelli; e memorando fu quello di Adalulfo,
che di adulterio aveva tentata la Regina Gundeberta[301], ed avutane
ripulsa, per vendicarsene, ricorse al Re Arioaldo suo primo marito, al
quale accusandola falsamente, che insieme con Dato Duca della Toscana
gl'insidiasse la vita ed il Regno, fece imprigionare quella infelice
Principessa. Di che offeso Clotario Re di Francia, dal cui sangue
discendeva, mandò Legati ad Arioaldo con gagliarde richieste di dover
tosto liberarla; al che avendo il Re risposto, ch'egli aveva cagioni
giustissime di tenerla prigione, e negando i Legati ciò che s'imputava
alla Regina, affermando che mentivano gli Autori di tal impostura;
finalmente Ansoaldo uno di essi richiese al Re, che per duello il
dubbio dovesse terminarsi. Vennero alla pugna Cariberto per la Regina,
e l'impostore Adalulfo pel Re, nella quale restando l'ultimo vinto, fu
la Regina liberata, e restituita al suo antico onore. Questo genere
di purgazione fu cotanto commendato presso a tutte le Nazioni, che
Cujacio[302] dice, che anche fra' Cristiani, così nelle cause civili,
come nelle accusazioni criminali fu il duello lungamente praticato,
ed i nostri Franzesi Normanni, finchè tennero questo Regno, sovente
l'usarono. Era ben da' Re longobardi istessi riputato un esperimento
fiero ed irragionevole; ma assuefatti que' Popoli lungamente a tal
usanza, e reputando minor male per placar l'ira e lo sdegno di quegli
animi feroci, commetter l'affare al periglio di pochi, che di vedere
ardere di discordie civili le intere famiglie, loro non parve grave,
se non necessario il ritenerlo. Luitprando Principe prudentissimo ben
lo conobbe, ma ad esempio di Solone, che dimandato se egli avesse
date le migliori leggi che aveva saputo agli Ateniesi, rispose le
migliori, che potevan confarsi ai loro costumi, così egli in una sua
legge altamente dichiarò questi suoi sensi, dicendo che ben egli era
incerto del giudicio di Dio, e molti sapeva che per duello senza giusta
causa restavan perditori, ma soggiunse: _Sed propter consuetudinem
gentis nostrae Longobardorum legem impiam vetare non possumus_[303]. La
religione cristiana tolse poi questa usanza, ma non si veggono tolte
le radici, onde con tanta facilità cotali effetti germogliano: ella è
nata per isradicarle interamente, ma noi medesimi siamo quelli, che
le facciamo contrasto, e frapponghiamo impedimenti. La tolsero poi
gli altri Principi, e presso a noi l'Imperadore Federico II, e più
severamente gli altri Re suoi successori.

Dispiacque ancora quell'altro genere di prova del ferro rovente,
dell'acqua fervente, ovvero ghiacciata[304]; ma di ciò non debbono
imputarsi i soli Longobardi, ma tutte l'altre Nazioni d'Europa, e più
i Cristiani nostri, i quali lungamente lo ritennero e l'abbracciarono
più tenacemente; imperocchè credettero derivare il costume da Mosè
istesso, il quale comandò che si dasse alle donne imputate di stupro
certa pozione per conoscere il loro fallo, o l'innocenza. Non fu
dunque maraviglia se i Longobardi, portando la cosa più avanti, ne
stabilissero anche sopra ciò delle leggi, per le quali comandarono
che per determinare le liti, si servissero anche de' vomeri infocati,
ovvero dell'acqua fredda, o bollente. S'aggiunse, perchè l'error
durasse e tal costume si ritenesse, la credulità e stupidezza degli
uomini, i quali eran così persuasi e certi di questa pruova, che
sovente diedero facile e sicura credenza a ciò che gli Storici o altri,
che se ne spacciavan testimonj, ne favoleggiavano, e per cosa certa
gliele descrivevano. Nè mancarono di raccontar fatti veramente strani
e maravigliosi, non perchè essi veri fossero in realtà, ma prodotti da
una fantasia sì fortemente accesa, che faceva lor vedere uomini posti
dentro il fuoco non ardere, e buttati dentro i fiumi non sommergersi.
Celebre appresso gl'Istorici è quel fatto accaduto ne' tempi d'Ottone
a quella innocente Contessa, che accusata falsamente dall'Imperadrice
sua moglie, se ne purgò con un ferro rovente, da cui non fu tocca.

(I più accurati Scrittori riputano favolosi tutti questi racconti
dell'Imperatrice moglie d'Ottone, e della pruova del ferro rovente.
Intorno a che son da vedersi coloro, che vengono rapportati da Struvio
_in Syntag. Hist. Germ. in Ottone, pag_. 371).

Ma assai più celebre e memorabile è quell'altro ai tempi d'Alessandro
II, accaduto in Firenze, di Pietro Aldobrandino, che uscì al cospetto
di tutto il Popolo immune e salvo dalle fiamme, onde acquistonne il
nome di Pietro Igneo. Non senza ragione adunque Federico Imperadore tra
le sue leggi militari stabilì ancora, che questa pruova si praticasse
nelle cause dubbie, come Radevico e Cujacio[305] testificano. Ma
conosciutasi da poi, seriamente pensandovi, la sua incertezza, e che
molti innocenti ne riportavano pena maggiore di quella, che anche
legittimamente convinti per rei non avrebbero potuto temere, e che
all'incontro ne uscivan liberi i colpevoli; e che con troppo ardimento
si pretendesse tentar i giudicj divini, fu da' romani Pontefici
proibito. E Cujacio[306] rapporta, che questo costume nella Lombardia
cominciò prima di tutti gli altri paesi a mancare, e ad andare in
disusanza. Presso a noi andò parimente in obblivione, ed ancorchè i
Baresi lungamente ritenessero l'usanze de' Longobardi onde il libro
delle loro Consuetudini fu compilato; pur confessano, che sin da' tempi
del Re Rugiero era già tal costume affatto mancato: _Ferri igniti,
aquae ferventis, vel frigidae, aut quodlibet judicium, quod vulgo
paribole nuncupatur, a nostris civibus penitus exulavit_[307].

Parve anche a molti fiero e crudele quel costume di render cattivi i
Cristiani, e riceverne per la libertà riscatti, come s'è veduto che
fecero co' Crotonesi, e con altre genti delle città, ch'erano in poter
de' Greci loro nemici: del che altamente si querelava S. Gregorio M.
Ma questo costume, siccome fu narrato nel precedente libro, era allora
indifferentemente da tutti praticato: nè mancano Scrittori che lo
difendono per giusto.

Per queste cagioni leggiamo noi ne' più gravi Autori cotanto
commendarsi sopra tutte le straniere Nazioni la longobarda per
gente savia e prudente, e che meglio di tutte le altre avesse saputo
stabilire le leggi, con tanta perizia ed avvedimento dettate. Niente
dico di Grozio[308] che perciò tante lodi l'attribuisce, niente di
Paolo Varnefrido. Guntero Secretario che fu di Federico I Imperadore, e
famoso Poeta di que' tempi, così nel suo Ligurino cantò de' Longobardi.

    _Gens astuta, sagax, prudens, industria, solers,_
    _Provida consilio, legum, Jurisque perita._

Nè lo stile, con cui furono quelle leggi scritte, è cotanto insulso ed
incolto come pur troppo lo riputarono i nostri Scrittori: ben furono
elle giudicate dall'incomparabile Grozio degno soggetto delle sue
fatiche e de' suoi elevatissimi talenti: aveva ben egli apparecchiato
loro un giusto commentario, siccome dell'altre leggi dell'altre Nazioni
settentrionali, così ancora di queste de' Longobardi. Ma pur troppo
presto tolto a noi da immatura morte, non potè perfezionarlo. È bensì
a noi di lui rimaso un Sillabo[309] di tutti i nomi e verbi, ed altri
vocaboli de' Longobardi, per cui si scuoprono i molti abbagli presi da'
nostri Scrittori, che vollero interpretarle; e Giacomo Cujacio[310]
ne' suoi libri de' Feudi, i quali in gran parte da queste leggi
dipendono, sovente ne mostra molte voci delle medesime reputate dalla
comune schiera per barbare ed incolte, ed a cui diedero altro senso,
essere o greche, o latine, o dipendere con perfetta analogia da queste
lingue: così quella voce _arga_, che s'incontra spesso in queste leggi,
riputata barbara, e che i nostri vogliono che significhi _cornuto_,
come fra gli altri espose Maxilla nelle Consuetudini di Bari[311] che
da queste leggi in gran parte derivano, presso a Paolo Varnefrido[312]
non significa altro che _inerte_, _scimunito_, _stupido_, _ed inutile_,
e la voce deriva dal Greco argòs, che appo i Greci significa lo stesso,
come dice Cujacio[313], e lo conferma coll'autorità di Didimo. E ciò
che sovente occorre in questi libri _astalium facere_, non vuol dir
altro che ingannare, e mancare al Principe o al Commilitone del suo
ajuto e soccorso, mentre nella pugna ne tiene il maggior bisogno, ed
è in periglio di vita. Così ancora farsi una cosa _asto animo_, come
sovente leggiamo in queste leggi, da voce latinissima deriva ch'è il
medesimo, che d'animo vafro ed ingannevole: Plauto in _Poenulo_.

    _Mea soror ita stupida est sine animo asto._

Ed Accio appresso Nonio:

    _Nisi ut asta ingenium lingua laudem._

Parimente quell'altra voce Strige, che in queste leggi s'incontra,
e che presso a Festo è l'istesso, che malefica, si ritrova ancora in
Plauto _in Pseudolo_

    _Strigibus vivis convivis intestinaque exedunt._

che i Longobardi con voce propria della Nazione chiamarono anche Masca,
ed oggi noi chiamiamo Maga o Strega.

L'uso del talenone dichiarato da Festo, Vegezio, ed Isidoro, viene
anche nettamente spiegato da queste leggi[314]. Il talenone, come anche
spiega la legge, non era altro, che una trave librata sopra una forca
di legno, per la quale si tirava con secchi l'acqua dai pozzi.

Il chiamare le donne non casate vergini in capillo non altronde
deriva, che dall'istituto de' Romani, i quali distinguevan le vergini
da quelle, che avean contratte nozze, perchè queste velavano il lor
capo, ed all'incontro le vergini andavan scoverte, e mostravano i loro
capelli.

Galeno credette che i cavalli, e, toltone i cani, ogni sorta di
quadrupedi non potessero esser mai rabbiosi. All'incontro Absirto,
e Hierocle Mulomedici[315], e Porfirio ancora contra il sentimento
di Galeno scrissero, che potevan ancora quelli esser rabbiosi. I
Longobardi in queste loro leggi[316] ricevettero l'opinione di costoro,
e rifiutarono come falsa quella di Galeno. Molt'altri consimili vestigi
di loro erudizione si scorgono in quelle, e molte altre voci di questo
genere, che ad altri sembrano barbare, quando traggon la loro origine
dalla greca o latina lingua, e sono sparse in questi libri, che non
accade qui tesser di loro più lungo catalogo: ciascuno per se potrà
avvertirle, e potrà anche osservarle nel Sillabo, che ne fece Grozio
del quale poc'anzi si fece da noi memoria.


I. _Leggi longobarde lungamente ritenute nel Ducato beneventano, e poi
disseminate in tutte le nostre province, ond'ora si compone il Regno._

L'eminenza di queste leggi sopra tutte le altre delle Nazioni
straniere, e la loro giustizia e sapienza potrà comprendersi ancora dal
vedere, che discacciati che furono i Longobardi dal Regno d'Italia,
e succeduti in quello i Franzesi, Carlo Re di Francia e d'Italia
lasciolle intatte; anzi non pur le confermò, ma volle al corpo delle
medesime aggiungerne altre proprie, che come leggi pure longobarde
volle, che fossero in Lombardia, e nel resto d'Italia che a lui
ubbidiva, osservate.

Egli ne aggiunse molte altre agli editti de' Re longobardi suoi
predecessori, che stabilì non come Imperadore o Re di Francia, ma come
Re d'Italia, ovvero de' Longobardi. E siccome la legge longobarda
non ebbe vigore presso a' Franzesi, così ancora la legge salica o
francica non fu da Carlo, nè da' suoi successori introdotta in Italia;
onde si vede l'error del Sigonio[317], il quale tre leggi vuole,
che nell'Imperio de' Franzesi fiorissero in Italia, la romana, la
longobarda e la salica. Se non se forse volesse intendere, che appo i
soli Franzesi, che vennero con Carlo in Italia, quella avesse forza e
vigore. Pipino suo figliuolo e successore nel Regno d'Italia, e gli
altri Re ed Imperadori che gli succederono, come Lodovico, Lotario,
Ottone, Corrado, Errico e Guido, non pur le mantennero intatte ed
in vigore, ma altre leggi proprie v'aggiunsero; e quindi nacque che
l'antico Compilatore di queste leggi raccolse in tre libri non pur le
leggi di que' cinque Re longobardi, ma anche quelle di Carlo M. e degli
altri suoi successori insino a Corrado, che come Signori d'Italia le
stabilirono, le quali tutte leggi longobarde furon dette.

Ma presso di noi per altre più rilevanti cagioni furono mantenute,
e lungamente osservate. Nel Ducato beneventano, che abbracciava la
maggior parte di queste nostre province, che ora compongono il Regno,
sotto i Re longobardi loro autori, furono con somma venerazione
ubbidite. Questo Ducato ch'era ancor parte del Regno loro, si
reggeva colle medesime leggi. I Re avevano la sovranità di quello,
ed i Duchi che lo governavano erano a loro subordinati, e Desiderio
ultimo Re vi avea creato, come s'è detto, Duca Arechi suo genero.
Ma mancati in Italia i Re longobardi, non per questo mancarono nel
Ducato beneventano i Duchi; anzi Arechi, come diremo nel seguente
libro, toltasi ogni soggezione de' Franzesi, lo resse con assoluto
ed independente Imperio. Volle di regali insegne ornarsi con scettro,
corona e clamide, e farsi ungere, ed elevare in Principe sovrano, lo
mantenne perciò esente da qualunque altra dominazione; onde maggior
piede e forza presero in questo Ducato le leggi longobarde, le
quali poi si ritennero costantemente da tutti i Principi beneventani
successori. E diviso da poi il Principato, e moltiplicato in tre,
cioè nel beneventano, salernitano e capuano, che abbracciavano quasi
tutto il Regno, maggiormente si diffusero le leggi longobarde. Il
Ducato napoletano, e le altre città della Calabria e de' Bruzj,
Gaeta, ed alcune altre città marittime, che anche da poi durarono per
qualche tempo sotto la dominazione de' Greci, ricevettero più tardi
queste leggi. Questi luoghi, come soggetti agl'Imperadori d'Oriente,
si governavano colle leggi loro; e quali queste si fossero, sarà
esaminato nel settimo libro, ove delle loro Novelle, e delle tante
loro compilazioni faremo parola. Ma discacciati che ne furono i Greci
da' Normanni, e ridotte tutte queste province sotto il dominio d'un
solo, i Normanni ai Longobardi succeduti, ritennero le loro leggi, e
le diffusero per tutto, anche nelle città, che essi tolsero a' Greci,
come vedremo ne' seguenti libri; onde avvenne che dall'essere state
queste leggi mantenute in Italia sotto altri Principi, che non erano
longobardi, lungamente quelle durassero, e mettessero più profonde
radici in queste nostre province. Quindi avvenne ancora che sebbene
si lasciassero intatte le leggi romane, e che ciascuno potesse vivere
sotto quella legge o romana o longobarda ch'e' si eleggesse[318];
nulladimeno per più secoli la fortuna delle longobarde fu tanta, che
bisognò, che le romane cedessero. Poichè essendo in Italia, e nelle
nostre province introdotti in più numero i Feudi, e per conseguenza
più Baroni, i quali non con altre leggi vivevano, che con quelle de'
Longobardi, si fece che tutti i Nobili, al loro esempio, vivessero
colle medesime leggi; onde toltone gli Ecclesiastici, i quali anche
per esecuzione dell'editto di Lodovico Pio[319], viveano (di qualunque
Nazione si fossero) colle sole leggi de' Romani, queste appo gli altri,
come per tradizione, e come per antico costume ebbero uso e vigore: ed
essendosi per l'ignoranza del secolo trascurati tutti i Codici, ove
eran registrate, si rimasero presso alla gente vulgare ed ignobile,
la quale così nelle leggi, come nell'usanze è l'ultima a deporre gli
antichi istituti de' loro maggiori, come più minutamente vedremo ne'
seguenti libri.

E quindi parimente nacque, che nel nostro Regno a riguardo delle nuove
costituzioni, che s'introdussero da poi da altri Principi normanni,
suevi e franzesi, la legge longobarda fu detta _Jus commune_, siccome
quella de' Romani[320]; ma con questa differenza, che il Jus comune
de' Longobardi era il dominante, ed in più vigore, quello de' Romani
di minor autorità ed al quale ricorrevasi quando mancassero le
longobarde: e ciò nemmeno sempre ed indistintamente. Per questa cagione
avvenne ancora, che la legge longobarda fosse allegata ne' Tribunali,
commendata da tutti e riputata fonte ancora dell'altre leggi, che si
andavano da' nuovi Principi stabilendo. Così veggiamo che i Pontefici
romani spesso ne' loro decreti se ne valsero, e l'approvarono[321].
La legge feudale, che oggi appresso tutte le Nazioni d'Europa è una
delle parti più nobili del _Jus commune_, non altronde, che dalle leggi
longobarde ricevè il sostegno, e sopra le quali è fondata, come non
solo fra' nostri scrissero Andrea d'Isernia, ed il Vescovo Liparulo, ma
l'avvertì ancora l'incomparabile Ugon Grozio.

Le costituzioni stesse di Federico II, del nostro Regno, quasi tutte
dalle leggi de' Longobardi procedono, come, oltre a' nostri, scrisse
anche Grozio[322], ed è per se medesimo palese. Le consuetudini di Bari
dalle leggi longobarde derivano, come diremo, quando della compilazione
di quel volume ci tornerà occasione di favellare.

Ma ciocchè non dee tralasciarsi, e che maggiormente fa conoscere
l'autorità loro, ed il credito, col quale lungamente si mantennero
in queste nostre province, egli è il vedere, che restituita già la
giurisprudenza romana nell'Accademie d'Italia ne' tempi di Lotario
II, dopo l'avventuroso ritrovamento delle Pandette di Amalfi, e posto
ancor piede nella nostra Accademia a' tempi dell'Imperador Federico
II, non per questo mancò l'uso e l'autorità delle medesime. Anzi i
nostri Scrittori allora più che mai posero la maggior cura e studio
in commentarle; non altrimente che fecero Gregorio ed Ermogeniano,
i quali allora compilarono i loro Codici, per li quali proccurarono
che l'antica romana giurisprudenza non si perdesse, quando videro
che Costantino M, colle nuove leggi tirava a distruggere l'antiche
de' Romani gentili. Così veggiamo che le fatiche postevi da Carlo di
Tocco commentandole, non furon fatte, se non a tempo di Guglielmo Re
di Sicilia; e quell'altro Commento che abbiamo delle medesime d'Andrea
da Barletta Avvocato fiscale, che fu dell'Imperador Federico II,
mostra più chiaramente, che sino a' tempi di questo Principe, le leggi
longobarde nel nostro Regno alle romane erano superiori; e più ancora
ne' tempi posteriori, per l'altro che vi fece Biase da Morcone, che
fiorì sotto il Re Roberto.

Nella considerazione delle quali cose se per un poco si fossero fermati
i nostri Scrittori, a' quali l'istoria fu sempre inimica, e che non
fece loro distinguere i tempi, come in ciò si conveniva: non avrebbono
ricolmi i loro commentarj d'infinite sciocchezze, insino a dire (non
sapendo quali si fossero gli Autori di queste leggi) ch'elle furono
fatte da certi Re, che si chiamavano Longobardi, cioè Pugliesi, i
quali venuti dalla Sardegna, prima si fermarono nella Romagna, ed indi
passarono nella Puglia, come scrissero Godofredo, Baldo, Alessandro
e Francesco di Curte, e quel ch'è più strano, seguitati da Niccolò
Boerio, che volle più tosto credere a questi sogni, che dare orecchio
alla vera istoria.

Nè Luca di Penna, seguitato da poi, come spesso accade,
inconsideratamente da Caravita, Maranta, Fabio d'Anna, e da altri
nostri Scrittori, avrebbe avuta occasione di declamar tanto contra
il _Jus_ de' Longobardi, e di chiamarlo asinino, barbaro ed incolto,
e feccia più tosto che legge. Egli diceva così, perchè non seppe
distinguere i tempi, ne' quali scriveva, dai secoli trascorsi, ne'
quali queste leggi furono reputate le più colte e prudenti di quante
mai ne fiorissero in Italia: e' scrisse ne' tempi ultimi sotto il Regno
di Giovanna I, dalla quale nell'anno 1366, fu creato Giudice della
Gran Corte, quando avanzandosi sempre più l'autorità, e lo splendore
della legge romana, cominciava già fra gli Avvocati a disputarsi qual
delle due leggi dovesse prevalere; onde è che egli trovando altri, che,
contra il suo sentimento, contendevano a favor delle longobarde, si
scagliava contro di loro, cumulando di tante ingiure queste leggi. E
non fu, se non a' tempi degli Aragonesi, che queste leggi dal nostro
Regno finalmente con disusanza mancassero affatto, e le romane si
restituirono, come buon testimonio è a noi Matteo degli Afflitti, il
quale se bene dica, che a' suoi tempi non vide mai, che ne' nostri
Tribunali le leggi de' Longobardi prevalessero a quelle de' Romani,
testifica però di avere inteso dagli Avvocati vecchi, che ne' tempi
antichi fu osservato il contrario. Ma delle vicende e varia fortuna
di queste leggi, non mancheranno nel progresso di questa Istoria più
opportune occasioni di lungamente ragionare.



CAPITOLO VI.

_Della politia ecclesiastica._


Le Chiese d'Occidente si videro in questo ottavo secolo, in grandi
disordini, e quella di Roma, che dovea esser chiaro esempio per
l'altre, fu la più disordinata. Morto che fu Paolo nell'anno 767,
invase la Cattedra Costantino fratello di Totone Conte di Nepi: questi
con violenza, e per via di trattati si fece prima elegger Papa; e
poi fecesi ordinar Sottodiacono, Diacono e Vescovo: alcuni Ufficiali
della Chiesa di Roma, non potendo soffrire questa violenza, ricorsero
a Desiderio Re de' Longobardi, ed avendo ottenuto braccio, ritornarono
a Roma con una truppa di genti armate. Totone gli assalì, ma nel
combattimento essendo rimaso ucciso, Costantino fu scacciato, ed in
suo luogo fu eletto Filippo Sacerdote e Monaco; ma non essendo stato
trovato abile al posto, fu costretto ritirarsi in un Monasterio, e
Stefano IV, fu di comun consenso eletto nel mese d'Agosto dell'anno
768. Dopo la costui elezione, Costantino fu ignominiosamente deposto,
e trattato d'una maniera crudele, fu posto prigione, e gli furono
cavati gli occhi: Stefano non trovandosi ben sicuro, inviò un deputato
in Francia, a fine di far regolare quanto apparteneva agli affari
della Chiesa di Roma. Carlo e Carlomanno a' quali il Deputato, dopo
la morte del loro padre Pipino, consegnò le lettere, inviarono dodici
Vescovi in Roma, i quali adunatisi in un Concilio, con un Vescovo
d'Italia, confermarono Stefano, e dichiararono nulla l'ordinazione di
Costantino. Stefano restò pacifico possessore di questa sede: ma poi
insorte per l'elezione dell'Arcivescovo di Ravenna, e per altre cagioni
rapportate di sopra, gravi discordie tra lui e Desiderio, questi,
portando l'assedio a Roma, esercitò ivi tanto rigore, che il Papa pien
di spavento se ne morì il primo dì di Febbrajo dell'anno 772, lasciando
successore Adriano.

Non minori disordini accadevano nell'elezione delle altre sedi minori.
I favori de' Principi, le violenze, i negoziati, e le simonie vi
avevano la maggior parte. La disciplina era quasi che all'intutto
mancata, vi era molta ignoranza e molta licenza fra i Vescovi e fra
i Cherici. Non vi era dissolutezza, che non commettevasi, tenevano
femmine in casa, andavano alla guerra, si arrolavano alla milizia,
militando sotto gli altrui stipendj, e scotendo il giogo, non
ubbidivano più ai loro Vescovi. I Pontefici romani, divenuti potenti
Signori nel temporale per la donazione fatta alla Chiesa di Roma da
Pipino, e da Carlo suo successore, cominciarono sopra i Principi
a stendere la loro potenza: Zaccheria per aver avuto gran parte
alla traslazione del Regno di Francia ne' Carolingi, ed Adriano del
Regno d'Italia ne' Franzesi, reseli tremendi. Si pensava con maggior
sollecitudine alle cose temporali, che alle divine e sacrate; e
seguitando gli altri Vescovi il loro esempio, venne a corrompersi, ed
a mancare affatto l'antica disciplina.

Dall'altro canto i Principi del secolo vedendo tanta corruzione,
s'affaticavano a tutto potere alla riforma del Clero e della Chiesa;
ed oltre a ciò, dandosi loro così opportuna occasione, s'intrigavano
molto più che prima nell'elezione de' Vescovi, e degli altri Ministri
della Chiesa, ed a disporre delle loro entrate. Lione Isaurico,
e gli altri Imperadori d'Oriente suoi successori, volevano esser
tenuti per moderatori non meno della politia ecclesiastica e della
disciplina, che dei Dogmi ancora, promulgavano editti intorno alla
adorazione dell'immagini, e toltone il solo ministerio del sacrificare,
essi volevan esser riputati i Monarchi, e Presidenti delle Chiese;
presidevano a' Sinodi, e lor davano vigore: davano le leggi, e
componevano gli ordini ecclesiastici, soprastavano alle liti ed a'
giudicj de' Vescovi e de' Cherici, alle elezioni che doveano farsi
nelle Sedi vacanti, e ne' suffragi che doveano darsi: trasferivano
i Vescovi da una sede ad un'altra: abbassavano ed innalzavano le
Cattedre a lor modo, dal Vescovado al Metropolitano ed Arcivescovado:
disponevano essi i gradi, ed i Troni per la gerarchia: partivano
le diocesi a lor modo, ed ergevano le Chiese in nuovi Vescovadi o
Metropoli. Quindi cominciossi il disegno d'attribuire al Patriarcato
di Costantinopoli molte Chiese con toglierle a quello di Roma, siccome
nel seguente secolo fu ridotto a compimento; le tolsero infra l'altre,
come diremo a suo luogo, la Sicilia, la Calabria, la Puglia, e la
Campania, le quali quel Patriarcato ritenne, finchè per l'opera dei
nostri Normanni, e particolarmente del nostro Rogiero I, Re di Sicilia,
non si fossero restituite a quello di Roma: maggiori stravaganze si
videro ne' seguenti tempi nella declinazione del loro Imperio, quando
proccurarono interamente sottoporre il Sacerdozio all'Imperio, intorno
a che potranno vedersi Giovanni Filosaco[323], e Tommasino[324], che
distesamente ne ragionano.

I Principi d'Occidente, ancorchè non osassero tanto, nondimeno collo
spezioso pretesto di riparare alla difformità del Clero, ed alla
perduta disciplina, s'intrigavano assai più di ciò che importava la
protezione, e la tutela delle lor Chiese; anzi ne' primi anni di questo
secolo, non meno che gli Ecclesiastici, deformarono lo stato di quelle.
Carlo Martello, dopo aver preso il governo del Regno di Francia,
in vece d'apportar rimedio a' disordini che regnavano, si pose in
possesso de' beni delle Chiese; donò le Badie, ed i Vescovadi a' laici;
distribuì le decime a' soldati; e lasciò vivere gli Ecclesiastici ed i
Monaci in maggiore dissolutezza.

In Italia ed in queste nostre province, che ubbidivano a' Duchi di
Benevento, i Re ed i Duchi longobardi per le continue inimicizie,
che tenevano coi romani Pontefici, fautori prima de' Greci e poi dei
Franzesi, cagionarono non minore deformità. Il Re Desiderio per le
contese avute col Pontefice Stefano IV intorno all'elezione fatta da
lui di Michele in Arcivescovo di Ravenna, fatto scacciare dal Papa,
per vendicarsene fece cavar gli occhi a Cristofano ed a Sergio, uomini
del Papa, e poi fece anche morir Cristofano, ed intimorì di maniera il
Papa, che gli accelerò la morte.

Furono i Longobardi non meno che i Goti, e gli Imperadori d'Occidente
suoi predecessori, molto accorti a ritenere tutti i diritti, che lor
dava la ragion dell'Imperio. Il dichiarare le Chiese per _Asili_, e
prescriver le leggi per quali delitti potessero i sudditi giovarsi
dell'asilo, e per quali il confugio ad essi non giovasse, era della
loro potestà. Il Re Luitprando, imitando gl'Imperadori d'Occidente,
de' quali ci restano molte loro costituzioni nel Codice di Teodosio e
di Giustiniano a ciò attinenti, stabilì ancor egli, che gli omicidi,
ed altri rei di morte non potessero giovarsi dell'asilo[325]. Impone
a' Vescovi, Abati, e ad altri Rettori delle chiese o monasterj, di
non ricettargli, di non impedire il Magistrato secolare volendogli
estrarre, e se daranno mano a fargli fuggire o occultargli, ovvero
ad impedire, che non siano estratti, loro si prescrive ancora pena
pecuniaria di 600 soldi[326]. Ritennero ancora i nostri Re longobardi
la ragione di stabilire leggi sopra i matrimonj[327], di vietargli con
chi l'onestà o parentela o affinità recava impedimento: diffinire l'età
di contraergli: dichiarare l'illegittimità delle nozze, degli sponsali,
e della prole, e di stabilire tutto ciò che riguarda il maggior decoro
ed onestà di quelli; com'è chiaro dalle loro leggi[328].

Gl'Imperadori d'Oriente a' quali ubbidivano in questi tempi il Ducato
napoletano, gran parte della Calabria e della Puglia, e molte città
marittime di queste nostre province, parimente inimici de' romani
Pontefici esercitavano sopra le chiese delle città a lor soggette
assoluto arbitrio. Costantino e Lione suo figliuolo volevano far
valere in quelle i loro editti per l'abolizione delle immagini, non
vollero far ammettere Paolo eletto Vescovo di Napoli come aderente al
Pontefice, e fecero che i Napoletani non lo ricevessero dentro la lor
città. Nè fu veduta maggior diformità nella Chiesa di Napoli, che in
questi tempi: si vide nel medesimo tempo Stefano, che n'era Duca, e
che come Ufficiale dell'Imperadore teneva il governo del Ducato, morta
sua moglie, essere stato eletto Vescovo, e non deponendo l'antica
carica, amministrare insieme le umane e le divine cose. Morto che
fu, e succeduto nel Ducato Teofilatto suo genero, dovendosi venire
all'elezione del nuovo Pastore, Euprassia figliuola di Stefano e moglie
di Teofilatto crucciata contra il Clero che avea mostrato della morte
di suo padre gran contento ed allegrezza, giurò che non avrebbe fatto
eleggere niun di loro per Vescovo; ed il Duca suo marito, sia per non
contristarla o per avarizia, faceva perciò differire l'elezione; tanto
che i Napoletani attediati della lunga vedovanza della lor Chiesa,
andarono uniti insieme e Clero e Popolo a gridare avanti il ducal
palagio, che loro dassero per Vescovo chi volevano. Allora Euprassia
tutta d'ira e di furore accesa prese dal Popolo un uomo laico,
chiamato Paolo e loro il diede per Vescovo: nè alcuno avendo ardire di
contrastarle, presero Paolo, lo tosarono e l'elessero Vescovo, il quale
gito a Roma, il Pontefice per la corruttela del secolo non ebbe alcuna
difficoltà di consacrarlo e confermarlo[329].

In tanta corruttela, ed essendo giunte le cose in tale estremità, si
scossero finalmente non meno i Prelati della Chiesa, che i Principi
del secolo a darvi qualche riparo: in Francia morto Carlo Martello,
avendosi diviso il Regno Carlomanno e Pipino suoi figliuoli, benchè
non avessero la qualità di Re, formarono il disegno di operare in
guisa, che fosse in qualche modo riformata la disciplina. Carlomanno
Principe d'Austrasia fece nel 742 convocare un Concilio in Alemagna
e vi pubblicò col consenso de' Vescovi molti regolamenti per riforma
della disciplina e de' costumi: vietò agli Ecclesiastici d'andare alla
guerra: ordinò a' Curati di essere sottomessi a' loro Vescovi: fece
degradare e mettere in penitenza alcuni Ecclesiastici convinti di
delitti d'impurità: e nell'altra adunanza, che l'anno seguente fece
tenere in Lestines vicino a Cambray, oltre di aver confermato tutto
ciò, vietò ancora gli adulterj, gl'incesti, i matrimonj illegittimi e
le superstizioni pagane.

Pipino Principe di Neustria si affaticò parimente dal suo canto perchè
la disciplina ecclesiastica fosse riformata: fece tener un'adunanza di
23 Vescovi e molti Grandi del Regno in Soissons nell'anno 744, nella
quale furono confermati i canoni de' Concilj precedenti, ed ordinato
che inviolabilmente fossero osservati: che in ogni anno dovessero
convocarsi i Sinodi, che i Sacerdoti dovessero esser soggetti a' loro
Vescovi, che i Cherici non potessero aver femmine nelle lor case,
eccettuatene le loro madri, sorelle e nipoti; nè i laici vergini a
Dio sacrate. Ne' seguenti anni 752, 755, 756, e 757, furono tenute
altre consimili adunanze, nelle quali si stabilirono altri regolamenti
sopra i costumi. E Carlomanno sopra ogn'altro quasi ogni anno fece
tener queste adunanze, nelle quali parimente furono stabiliti molti
capitulari per mantenere la disciplina, rinovando gli antichi canoni,
e facendo de' nuovi regolamenti sopra i pressanti bisogni della
Chiesa. Queste adunanze non erano propriamente Concilj: elle non erano
composte solamente di Vescovi, ma eziandio di Signori e di Grandi del
Regno convocati da' Principi. I Vescovi stendevano gli articoli per
la politia ecclesiastica, ed i Signori per quello apparteneva allo
Stato; e poi erano autorizzati e pubblicati da' Principi, affinchè
avessero forza di legge. Questi articoli erano chiamati Capitoli
ovvero Capitolari. E questa fu la maniera, colla quale era regolata
la disciplina della Chiesa di Francia e di Alemagna sotto la seconda
stirpe di que' Re in questo secolo.

In Italia furono parimente da alcuni Pontefici romani stabiliti molti
canoni per riparo della caduta disciplina. Papa Zaccheria tenne perciò
due Concilj in Roma, uno nell'anno 743, composto d'intorno a quaranta
Vescovi d'Italia, ove fu rinovata la proibizione fatta tante volte a'
Vescovi, a' Sacerdoti ed a' Diaconi di abitare insieme con femmine, e
dati altri provvedimenti; l'altro nel 745, composto di sette Vescovi
e d'alcuni Sacerdoti, dove furono discusse alcune accuse fatte a'
Vescovi, e trattati alcuni dogmi intorno all'idolatria, e dichiarato
che molti Angioli che venivano invocati, erano i loro nomi ignoti,
e che non si sapevano se non i nomi di tre, cioè Michele, Raffaele e
Gabriele. Anche in Aquileja Paolino suo Vescovo nell'anno 791, tenne
un Concilio, ove, dopo una confessione di fede, stabilì quattordici
canoni sopra la disciplina de' Cherici, sopra i matrimonj, e sopra le
obbligazioni delle Monache, e sopra altri bisogni.

In Oriente, da poi che l'Imperadrice Irene prese il governo
dell'Imperio, si pensò a ristabilir la disciplina: prese risoluzione
di far ragunare un nuovo Concilio per esaminare ciò che l'altro, fatto
tenere da Costantino Copronimo nell'anno 753, avea stabilito intorno
al culto delle immagini. Ne diede ella avviso al Pontefice Adriano,
che vi condescese, e vi mandò due Sacerdoti per tenervi il suo luogo.
L'adunanza del Concilio cominciò in Costantinopoli nell'anno 786, ma
essendo stata turbata dagli Ufficiali dell'esercito, e da' soldati
eccitati da' Vescovi opposti al culto delle immagini, fu trasferita in
Nicea l'anno 787.

I Legati del Papa vi tennero il primo luogo, Tarasio Patriarca di
Costantinopoli il secondo, i Deputati de' Vescovi d'Oriente il terzo,
dopo essi Agapeto Vescovo di Cesarea in Cappadocia, Giovanni Vescovo
di Efeso, Costantino Metropolitano di Cipri, con 250 Arcivescovi e
Vescovi, e più di cento Sacerdoti e Monaci. Vi assisterono ancora due
Commessarj dell'Imperadore e dell'Imperadrice, ed in più azioni fu
lungamente dibattuto il dogma del culto delle immagini, e stabiliti
sopra ciò molti regolamenti. Non meno che a' dogmi, fu provveduto sopra
la disciplina ecclesiastica per 22 canoni: fu data norma all'esame
de' Vescovi, prescrivendosi di non poter esser ammessi se non fossero
atti ad ammaestrare i Popoli, e se non sapevano il Salterio, il
vangelo, l'epistole di S. Paolo ed i canoni. Si dichiarano nulle tutte
l'elezioni de' Vescovi o Sacerdoti fatte da' Principi, e l'elezione
d'un Vescovo si commette a' Vescovi convicini. Si procede severamente
contra i Vescovi, che ricevessero denari per deporre ovvero fulminar
le scomuniche. Si ordina che tutte le chiese, ed i monasterj debbiano
avere i loro Economi: che i Vescovi e gli Abati non possano senza
necessità vendere o donare le tenute delle loro chiese e monasterj.
Che non debbano le loro case vescovili, e monasterj fargli servire
per osterie. Che un Cherico non possa essere ascritto a due chiese,
che i Vescovi e gli altri Ecclesiastici non possano portare abiti
pomposi. Si proibisce la fabbrica degli oratorj, ovvero cappelle, se
non vi si possiede un fondo sufficiente per somministrar le spese.
Si vieta alle femmine d'abitare nelle case de' Vescovi, ovvero nei
monasterj d'uomini. Si proibisce di prendere cosa alcuna per gli
Ordini, nè per l'ingresso ne' monasterj, sotto pena di deposizione a'
Vescovi ed a' Sacerdoti; ed in quanto alle Badesse ed agli Abati che
non sono Sacerdoti, di essere cacciati da' monasterj; permette però
a coloro che sono ricevuti ne' monasterj, ovvero a loro parenti, il
donar volontariamente o denajo o altro, sotto la condizione però, che
que' donativi debbano rimanere a' Monasterj o che colui che v'entra vi
dimori o che n'esca, quando i Superiori non siano cagione della loro
uscita. Si vieta il far monasterj doppj d'uomini e di femmine, e si
comanda, che rispetto a quelli che sono già stabiliti, i Monaci e le
Monache debbano abitare in due case diverse e che non possano vedersi,
nè aver familiarità insieme. Si proibisce a' Monaci il lasciar i loro
proprj monasterj per andarsene in altri: e per ultimo il mangiar
insieme con femmine, quando ciò non fosse necessario per lo bene
spirituale, ovvero per accogliere qualche parente, oppure in occasione
di viaggio.

Tali e tanti provvedimenti, perchè la caduta disciplina in qualche modo
si ristabilisse, fur dati in questi tempi; dove i vizj abbondavano,
bisognavano molte leggi per reprimergli; ma questa non era bastante
medicina a tanti mali: a questo fine alcuni Vescovi per riformar il
lor Clero, fecero vivere i loro Preti in comune dentro un chiostro ed
alla lor vigilanza è debitrice la Chiesa dell'Ordine de' _Canonici
Regolari_, del quali Crodegando, Vescovo di Metz, sembra essere
stato l'Institutore, ovvero il Restauratore. Le Chiese delle nostre
province, le quali, parte ubbidivano agli Imperadori d'Oriente, parte
a' Duchi longobardi, furono perciò alquanto rialzate, ma non tanto
sì che per la barbarie ed ignoranza del secolo, non si vedessero per
anche disordinate, e pochi vestigi in quelle rimanessero dell'antica
disciplina.


§. I. _Raccolta de' canoni._

In quest'età bisogna collocare la collezione d'Isidoro Mercatore o sia
Peccatore: ella è latina ed è compilata di varj canoni de' Concilj
tenuti in Grecia, in Affrica, in Francia ed in Ispagna, e di molte
lettere decretali di più Papi, insino a Zaccheria che mori nell'anno
752[330]. Davide Blondello[331] fa vedere l'impostura in molte di
queste epistole attribuite a varj Papi di cui non sono, e Pietro di
Marca[332], ancorchè condanni il modo troppo aspro tenuto da questo
Autore, non è però che non confessi la supposizione e l'impostura.
Si disputa ancora dell'autore di questa collezione: Hinemaro[333]
Arcivescovo di Rems ne fece autore Isidoro di Siviglia, e narra che
Ricolfo Vescovo magontino, il quale tenne quella Chiesa dall'anno 787
insino all'anno 814, dalla Spagna la portasse in Francia, dove sotto
il Regno di Carlo M. ne furono fatti molti esemplari e sparsi per
tutto. Ma da ciò che si disse nel precedente libro e da quello che ne
dice l'istesso Baronio e Marca, non può farsene autore Isidoro Vescovo
di Siviglia, il qual morì nell'anno 636, quando questa collezione
abbraccia anche l'epistole di Zaccheria morto nel 752. Altri[334]
perciò l'ascrivono ad Isidoro, Vescovo di Sepulueda, che morì nell'anno
805, il qual, seguendo il costume di que' tempi, ne' quali i Vescovi
per umiltà solevano sottoscriversi ne' Concilj, ed altrove _Peccatori_,
si fosse detto perciò Isidoro _Peccatore_ e che poi per vizio
degli Amanuensi in alcuni esemplari di questa collezione in vece di
_Peccatore_, si leggesse _Mercatore_. Emanuel Gonzalez[335] rapporta,
che questa collezione di Isidoro Mercatore fu pubblicata sotto nome
d'Isidoro di Siviglia per darle maggior autorità o perchè realmente da
costui fosse cominciata un'altra collezione, ridotta poi a compimento
da Mercatore, con averci inserite molte altre epistole sino a' tempi di
Zaccheria.

Non solo in questi tempi fu veduta sorgere questa nuova collezione di
Isidoro; ma anche se ne vide un'altra sotto nome di _Capitoli di Papa
Adriano_, che in Francia fu divulgata da Ingilramno Vescovo di Metz
l'anno 785. Ma questa raccolta, secondo che ci testifica Hincmaro[336]
di Rems, non fu ricevuta nel rango de' canoni, di che è da vedersi
Pietro di Marca[337]. Anche in Roma, in questo medesimo secolo, fu
fatta un'altra raccolta di formole antiche, intitolata: _Diurnus
Romanorum Pontificum_, della quale si servivano solamente i Papi nelle
loro spedizioni.


§. II. _Monaci e beni temporali._

I nostri Principi ed i Signori grandi non cessavano di far delle
donazioni considerabili alle Chiese, ed a fondare de' nuovi monasteri,
ed arricchire i già costrutti. Fu veramente questo il secolo de'
Monaci: l'ignoranza e la superstizione non men de' laici, che de'
Preti era nell'ultimo grado: solo ne' Monaci eravi rimasa qualche
letteratura, onde con facilità tiravano per le orecchie la gente
a ciò ch'essi volevano: i tanti miracoli, le tante nuove divozioni
inventate a qualche particolar Santo, l'istruir essi per l'ignoranza
e dissolutezza de' Preti il Popolo, operò tanto che tirarono a se la
divozione e rispetto di tutti. Il Re Luitprando costrusse non pur
da per tutto dove soleva dimorare, molte chiese, ma anche ben ampj
monasterj. Costui edificò il monastero di S. Pietro fuori le mura di
Pavia, che a' tempi di Paolo Varnefrido[338] per la sua ricchezza si
chiamava _Cielo d oro_. Edificò ancora in cima delle Alpi di Bardone
il monastero di Berceto; ed oltre a ciò fabbricò in Holonna un tempio
con mirabil lavoro in onore di S. Anastasio Martire, dove fece anche
costruire un ampio monastero. Egli con molta magnificenza per tutti i
luoghi ordinò chiese, e fu il primo che dentro il suo palazzo edificò
un oratorio dedicato al Salvatore, ordinandovi Sacerdoti e Cherici, i
quali ogni giorno vi cantassero i divini ufficj. Quindi cominciarono
appo noi a rilucere con maggior dignità e splendore le cappelle regie,
le quali da' Sommi Pontefici arricchite poi di molte prerogative ed
esenzioni per compiacere a' Principi, che gliele richiedevano, non meno
esse che i loro Cappellani s'elevarono cotanto, quanto ravviseremo ne'
seguenti libri di quest'Istoria.

I nostri Duchi di Benevento, seguitando l'esempio de' loro Re, non
meno in Benevento, che in tutto il loro ampio Ducato ne fondarono de'
nuovi ed arricchirono i già costrutti, e sopra ogni altro quello di
monte Cassino. Arechi ingrandì quello di S. Sofia in Benevento e di
profuse donazioni lo cumulò. A questi tempi nel 707, fu costrutto da
que' tre famosi Nobili longobardi beneventani Paldo, Taso, e Tato il
famoso monastero di S. Vincenzo a Vulturno[339] con tanta magnificenza,
che ne' seguenti tempi quasi emulo di quello di monte Cassino, innalzò
i suoi Abati a tanta dignità, ch'erano adoperati ne' più importanti
affari della sede di Roma, e de' più potenti Signori di Occidente.
Non meno in questo Ducato, che nel napoletano, e nelle altre città
sottopposte agl'Imperadori d'Oriente, i monasterj si multiplicarono,
non pure quelli sotto la Regola di S. Benedetto, che di S. Basilio,
non solamente degli uomini, che delle donne. In Napoli, Stefano Duca
e Vescovo costrusse molte chiese e più monasterj, dotandogli d'ampj
poderi e rendite; così quello di San Festo Martire, ora unito a quello
di San Marcellino; come l'altro di S. Pantaleone, di cui oggi non vi è
vestigio; e restituì in più magnifica forma quello di S. Gaudioso[340].
Antimio Console e Duca ne fondò altro, quello de' SS. Quirico e
Giulitta, la chiesa di S. Paolo, che la congiunse col monastero di S.
Andrea; e così anche fecero non meno i Vescovi e Duchi di Napoli, che
gli altri Ufficiali e Prelati delle altre città di queste province,
onde ora si compone il Regno; i quali possono osservarsi nella
laboriosa opera dell'Italia sacra d'Ughello. Crebbero perciò i Monaci,
e le loro ricchezze in immenso; e non minore fu l'accrescimento della
loro autorità e riputazione a cagion dell'ignoranza negli altri, e
delle lettere che nel miglior modo che si potè in tanta barbarie, fra
loro si conservavano.

Fondati perciò tanti monasterj, i Monaci cotanto arricchiti, e vedutisi
in tanta elevatezza, tentarono ora più che mai di scuotere affatto il
giogo de' Vescovi. Cominciarono, egli è vero, nel precedente secolo
i monasterj ad esenzionarsi dalla giurisdizione de' Vescovi, ma ciò,
secondo narra Alteserra[341], non si usava che di radissimo.

(Ne' precedenti secoli furon rarissime le esenzioni de Monaci, ed
_Isaaco Alberto Archiet. pag._ 595 crede, che il primo Abate esente,
fosse stato quello del monastero _Lirinense_, a cui dal Concilio
_Arelatense III_ fosse stata conceduta la prima volta esenzione intorno
l'anno 455).

L'esempio che in questo secolo diede Zaccheria col monasterio di
monte Cassino fece che gli altri di tempo in tempo si rendessero tutti
esenti. Lo splendore nel quale era il medesimo in questi tempi, trasse
a se tutto il favore de' romani Pontefici, i quali come se fossero
presaghi, che da quello, come dal cavallo trojano, ne doveano uscire
tanti Pontefici suoi successori, non mai si stancarono di cumularlo
di privilegi e di prerogative. Lo rendevano più augusto essersi ivi
resi Monaci, oltre a Rachi, Carlomanno, e tanti altri personaggi
regali ed illustri; perciò ristabilito col favore de' due Gregorj II
e III da Petronace in quella magnifica forma, Zaccheria, emulando i
suoi predecessori, volle di maggiori preminenze arricchirlo. Volle
egli di sua man propria consecrarlo, ed ivi portatosi con tredici
Arcivescovi, e sessantotto Vescovi, rendè più augusta e magnifica la
consecrazione. Furono i Monaci pronti a richiederlo, che sì famoso
ed illustre monastero dovesse esentarsi affatto dalla giurisdizione
del proprio Vescovo, nella cui diocesi era; Zaccheria volentieri gli
concedè ampia esenzione, e ne spedì privilegio, col quale non solo
quel monastero, ma tutti gli altri appartenenti a quello ovunque
posti, fossero esenti e liberi dalla giurisdizione di Tutti i Vescovi,
_ita ut nullius juri subjaceat, nisi solius Romani Pontificis_, come
sono le parole di Lione Ostiense[342]. Oltre a ciò lo decorò ancora
d'altre preminenze, che in tutti i Concilj l'Abate Cassinense sopra
tutti gli altri Abati sedesse, e prima degli altri desse il suo voto;
ch'eletto da' Monaci dovesse consacrarsi dal Pontefice romano; che il
Vescovo entrando nella sua dizione, non potesse celebrare, nè far altra
pontifical funzione, se non fosse invitato dall'Abate, o dal Proposito;
che non gli fosse lecito esiger decime da lui, nè interdire i suoi
Sacerdoti, nè chiamarli a' Concilj sinodali; che gli Abati di questo
monastero potessero tener ordinazioni, consecrar altari, e ricevere per
qualsisia Vescovo il Crisma. Gli confermò ancora con suo _precetto_ la
possessione di tutti que' beni, che per munificenza di tanti Principi
longobardi, e di varj Signori avea acquistati. Gli altri Pontefici
successori, seguitando le medesime pedate, accrebbero questi privilegi,
de' quali l'Abate della Noce[343] ne ha tessuto un lungo catalogo.

Gli altri monasteri sotto altre Regole, ed i loro Abati di non
inferior fama e valore con facilità impetravano da' romani Pontefici
d'esser ricevuti sotto la protezion di S. Pietro, ed immediatamente
sotto alla soggezion pontificia, perchè questa esenzione accresceva
in gran parte la lor potenza, e portava grande estensione della
loro autorità appresso tutte le Nazioni dell'Occidente; poichè
costruendosi tuttavia grandi e numerosi monasteri, retti da Abati
di gran fama, i quali per la lor dottrina oscuravano i Vescovi,
nacque infra di loro qualche gara; onde gli Abati per sottrarsi dalla
loro soggezione ricorrevano al Papa, e tosto impetravano esenzioni,
con sottoporsi immediatamente sotto alla soggezion pontificia. Ne
ricevevano oltre a ciò altri privilegi, di far essi li Lettori
per i loro monasteri, d'esser ordinati da' Corevescovi, e tanti
altri. Quindi nacque che il Pontificato romano acquistasse molti
defensori della sua autorità e potestà; poichè ottenendo i Monaci
tanti privilegi e prerogative, per conservarsegli erano obbligati
di sostener l'autorità del concedente; il che facendo ottimamente
i Monaci, ch'erano i più letterati del secolo, non passarono molti
anni, che si videro tutti i monasteri esentati. Ed in decorso di
tempo i Capitoli ancora delle Cattedrali, essendo per la maggior parte
regolari, co' medesimi pretesti, impetrarono anch'essi esenzione: e
finalmente le congregazioni Cluniacense e Cisterciense, tutte intere
furono esentate con gran augmento dell'autorità pontificia, la quale
veniva ad aver sudditi proprj in ciascun luogo, ancorchè da Roma
lontanissimo, li quali nell'istesso tempo ch'erano difesi e protetti
dal Papato, scambievolmente erano i difensori e protettori della sua
potestà. S. Bernardo, ancorchè Cisterciense, non lodava l'invenzione,
e di tal corruttela, ne portava spesso le doglianze non pur ad Arrigo
Arcivescovo di Sens[344], ma ammoniva l'istesso Pontefice Eugenio III
a considerare, che tutti erano abusi, nè si doveva aver per bene,
se un Abate ricusava di sottomettersi al Vescovo, ed il Vescovo al
Metropolitano. Riccardo Arcivescovo di Cantorbery[345] pur lo stesso
esclamava con Alessandro III. Ma costoro che non ben intendevano
questi tratti di Stato, non furono intesi, nè alle loro querele si
diede orecchio; anzi ne' tempi posteriori, battendosi la medesima via,
si procedè più avanti; poichè da poi gli Ordini mendicanti non solo
ottennero ogni esenzione dall'autorità episcopale, e generalmente
ovunque fossero; ma anche facoltà di fabbricar chiese in qualunque
luogo, ed in quelle eziandio ministrar sacramenti: e negli ultimi
secoli s'era tanto innanzi proceduto, che ogni privato Prete con poca
spesa s'impetrava un'esenzione dalla superiorità del suo Vescovo, non
solo nelle cause di correzione, ma anche per poter esser ordinato da
chi gli piaceva, ed in somma di non riconoscere il Vescovo in conto
alcuno; e quantunque nel Concilio di Costanza alle calde e ripetute
querele del famoso _Gersone_[346] moltissime esenzioni s'annullassero,
ed ultimamente nel Concilio di Trento[347] si proccurasse a tanti
eccessi qualche compenso; non sono però da poi mancati modi alla Corte
di Roma, di far ricadere la bisogna, salva l'autorità del medesimo, in
quello stato, che oggi tutti veggiamo.

Questi ingrandimenti dello stato monastico portarono non solo a'
Monaci grandi ricchezze, ma in conseguenza assai più alla Corte di
Roma, ove finalmente vennero quelle a terminare. Si proccurava non
solo favorire gli acquisti, e tener sempre aperte le scaturigini, ma
con severi anatemi proibir le alienazioni, e scagliargli ancora contro
chi ardiva di turbar l'acquistato. Per l'ignoranza e superstizione de'
Popoli i pellegrinaggi erano più frequenti: l'orazioni ed i sacrificj
a fin di liberar l'anime de' loro defonti dal Purgatorio, erano vie
più raccomandati, e molto più praticati. Si vide per ciò in questo
secolo una gran cura del canto, de' riti, e di ben ufficiare: le
campane cominciarono ad esser comuni in tutte le chiese e monasteri;
e le particolari devozioni a' Santi, de' quali eransi composte
innumerabili vite e miracoli, tiravano molti a donare alle lor chiese
e monasteri. Ma i Monaci non contenti di ciò, favoriti da' Pontefici
romani, invasero anche le decime dovute a' Vescovi ed a' Parrochi da'
loro Parrocchiani. Pretesero, e l'ottennero da' creduli devoti, che
impiegandosi essi assai meglio che i Preti alla cura delle loro anime,
come quelli che più esperti sapevan far delle prediche e de' sermoni,
ed istruirgli nella dottrina cristiana, le decime non a' Parrochi, ma
ad essi dovessero pagarle; ed in effetto per lungo tempo vi diedero un
guasto grandissimo non inferiore a quello che v'avea dato in Francia
Carlo Martello; tanto che bisognò ne' secoli seguenti penar molto a
ritorglierle, e restituirle a' proprj Preti, a' quali s'erano involate.

Niun'altra provincia del Mondo, quanto il nostro Reame, ha fatto
conoscere quanto importava a Roma la ricchezza de' Monaci: le
maggiori commende, i più grandi benefizj ch'ella oggi dispensa a' suoi
Cardinali, e ad altri suoi Prelati per mantener la pompa e lo splendore
della sua Corte, non altronde dipendono, ed hanno la di loro origine
se non da queste profusioni de' nostri Principi, e de' nostri Fedeli.
I monasteri più ricchi perciò si videro dare in commende: quelli
che il tempo consumò, sono rimasi fondi di tante rendite che ora ne
traggono, e le entrate di que' tanti monasteri, di che ora appena se
ne serba vestigio, tutte in Roma vanno a colare. Quindi i Pontefici
romani gareggiando co' Principi, siccome quelli investono i loro
fedeli de' Feudi, così essi a' suoi conferiscono benefizj: e siccome
per la materia feudale ne è surto un nuovo corpo di leggi, così per la
benefiziaria se n'è fatta una nuova giurisprudenza, che occupa tanti
volumi, quanti ne ha occupati la feudale; ma di ciò a più opportuno
luogo.


  FINE DEL LIBRO QUINTO.



STORIA CIVILE DEL REGNO DI NAPOLI

LIBRO SESTO


Il regno d'Italia trapassato da' Longobardi a' Franzesi sotto la
dominazione di Carlo Re di Francia, che da ora avanti si dirà anche
Re d'Italia, ovvero dei Longobardi, non fu da questo Principe in
niente alterato intorno all'amministrazione e sua politia; egli non ne
pretendeva altro, se non che si reggesse con quell'istessa forma, che
lo ritrovò: dispose che sotto le medesime leggi romane o longobarde,
secondo che a ciascuno piaceva vivere, si vivesse; anzi alle longobarde
aggiunse altre sue proprie. Non inquietò i Greci sopra quelle città de'
Bruzj e della Calabria, che ancora ubbidivano agl'Imperadori d'Oriente:
nè intraprese alcuna cosa sopra il Ducato napoletano, nè sopra l'altro
d'Amalfi e di Gaeta, a' Greci appartenenti. Sopra i tre famosi Ducati
del Friuli, di Spoleti e di Benevento non ne pretendeva altro,
che siccome prima erano a' Re longobardi sottoposti, e da costoro
ricevevano le leggi, formando col rimanente d'Italia una Repubblica;
così anche riconoscessero lui per Re d'Italia, protestando di voler
lasciare ad essi tutto quel potere ed autorità, che avean goduto ne'
tempi dei Re longobardi suoi predecessori. L'Esarcato di Ravenna,
Pentapoli, e poi il Ducato romano, ritenendosi solo la sovranità,
furono alla Chiesa di Roma aggiudicati. Tutte l'altre province, come la
Liguria, l'Emilia, Venezia, la Toscana, e le Alpi Cozie si ritenne egli
con nome di Regno[348], ch'è quella parte d'Italia, che poi fu detta
Lombardia.

Lasciò agli altri minori Duchi il governo libero de' loro Ducati,
contento sol del giuramento, che gli prestavano di fedeltà; nè
trasferiva da essi ad altri il Ducato, se non per fellonia, ovvero
se senza figliuoli mancassero: e questa traslazione quando si faceva
in un altro fu detta investitura, onde nacque, che i Feudi non si
concedevano se non per investitura, come s'osservò da poi negli altri
Feudatarj e Vassalli, ne' Conti Capitani, ed altri che si dissero
Valvasori. Le città di quelle province, che componevano il suo Regno,
chiamato poi Lombardia, eran governate da' Conti, ai quali ogni
giurisdizion concedette. Ne' confini del Regno erano preposti per lor
custodia parimente questi Magistrati, da' quali alcuni vogliono, che
sorgesse il nome de' Marchesi; poichè chiamando i Franzesi ed i Germani
i limiti Marche, i Conti ch'erano preposti al governo de' medesimi
si dissero anche da poi Marchesi, quantunque altri altronde dicono
esser quella voce derivata, come diremo più innanzi. Questi erano gli
ordinari Magistrati preposti al governo delle città, e de' confini del
Regno. Vi erano ancora alcuni altri Magistrati estraordinarj, a' quali
concedendosi maggior autorità e giurisdizione di quella solita darsi
a' Conti, invigilavano da per tutto all'amministrazione del Regno,
e chiamaronsi Messi. Divise egli, e distinse i campi di ciascheduna
città, che sotto i Longobardi erano pur troppo confusi; ch'era sorgiva
di tante liti di confini fra' popoli: egli assegnò a ciascuna i proprj,
e per lo più seguitando la natura, per limiti si valse dei monti,
delle paludi, de' fiumi, de' rivi, valli, o altri confini perpetui e
durabili, acciocchè il tempo non gli variasse, ed a lungo andare non si
confondessero.

Volle, che le città ancora gli prestassero giuramento di fedeltà; ed
impose alle medesime, a' Feudatarj, alle Chiese ed a' monasteri certa
spezie di tributo, che dovessero pagarlo, particolarmente quando di
Francia il Re calava in Italia: questi tributi furon detti _foderum_,
_paratam_, _et mansionaticum_, i quali da poi, per generosità del
medesimo e de' suoi successori, in parte furono tolti, ed altre volte
in tutto rimessi. Volle ancora che in Italia si ritenesse qualche
simulacro di libertà; e siccome l'istituto praticato in Francia era,
che quando il Re aveva da deliberar sopra cose gravissime, e che
concernevano gli affari più rilevanti dello Stato, convocava tutti
gli Ordini del Regno, l'Ordine ecclesiastico, e quello de' Baroni e
Magnati, così egli introdusse anche in Italia; onde sempre che quivi
ritornava, soleva egli convocare un general Parlamento di Vescovi,
Abati, e di Baroni d'Italia, nel quale delle cose del Regno più gravi
si deliberava. I Longobardi non riconoscevano che un sol Ordine di
Baroni e Giudici. I Franzesi a tempo di Carlo M. due, Ecclesiastico
e Nobiltà, poichè il terzo Ordine fu da' Franzesi aggiunto da poi.
La qual consuetudine durò in Italia insino a' tempi di Federico I
Imperadore, ond'è che appresso gl'Imperadori d'Occidente, quando
calavano in Italia, solevan spesso convocar queste adunanze, e sovente
presso Roncaglia, luogo non molto distante da Piacenza[349], ove molte
leggi promulgarono, come si vedrà nel progresso di quest'Istoria più
partitamente.

Composte in cotal maniera da Carlo le cose d'Italia, lasciando in
Pavia un valido presidio, ritornossene nell'anno 774 in Francia, ove
parimente fe seco condurre Desiderio con sua moglie per render più
maestosi i suoi trionfi. Ciascuno avrebbe creduto che l'Italia sotto la
dominazione di un tanto Principe, e quando le armi de' Franzesi eran
per tutta Europa cotanto gloriose e formidabili, avesse dovuto durar
lungamente in una quieta e tranquilla pace. Ma i tre famosi Duchi,
quello del Friuli, l'altro di Spoleto, e sopra tutti il nostro Duca
di Benevento, sdegnando di sottoporsi a' Re stranieri, e reputando mal
convenire al loro grado, se, estinto il Regno de' Longobardi in Italia,
a' Franzesi dovessero ubbidire, si risolsero scuotere, in tutto, il
giogo; ed il dominio ch'essi sotto i Re longobardi aveano de' loro
Ducati, da dipendente ch'egli era, renderlo assoluto e sovrano. Erano
ancora favoriti da Adalgiso figliuolo di Desiderio, il quale ritiratosi
in Costantinopoli appresso l'Imperadore greco, da cui era stato onorato
col titolo di Patrizio, tenendo secrete intelligenze co' medesimi, avea
impegnato l'Imperadore a somministrar loro una flotta per venire in
Italia.

Il primo fu Rodgando Duca del Friuli, il quale, mentre Carlo stava
implicato nella guerra co' Sassoni, gli tolse ogni ubbidienza, e
con titolo di Sovrano le città del suo Ducato si sottopose. Ma il Re
sbrigato dalla guerra Sassona, e ritornato in Francia, considerando
questo fatto poter essere di pessimo esempio, se non reprimevansi in
sul principio queste rivolte; volle egli calar di nuovo in Italia,
e sopra Friuli giunto con potente armata, sconfisse l'esercito del
rubello, e preso Rodgando, con terribile esempio gli fe troncar il
capo. Non concedè ad altri il Ducato, ma per allora l'estinse, ed al
suo Regno aggiunse le città del medesimo, dando a ciascuna i Conti,
che le amministrassero, siccome aveva fatto a tutte le altre città
di Lombardia. Ecco il fine del Ducato del Friuli, il primo che fu a
sorgere sotto Alboino: il primo ancora a rimaner estinto per Carlo M.
Egli è però vero, se dee prestarsi fede a Paolo Emilio[350], che Carlo
da poi restituì questo Ducato, creandone Duca un tal Errico franzese;
ma non ebbe lunga durata, nè poi si è inteso tanto di quello parlare,
quanto dell'altro di Spoleto, e del nostro di Benevento.

Ildebrando Duca di Spoleto spaventato da sì terribile esempio, e mosso
dalla prosperità di Carlo, che aveva riportate ancora innumerabili
vittorie, e nella Spagna e nella Sassonia, stimò meglio, rendendogli
onori straordinari, mantenersi nella sua grazia, e sottoporsi a lui
come aveva prima fatto co' Re longobardi suoi predecessori.



CAPITOLO I.

_Del Ducato beneventano, sua estensione e politia._


Solamente il ducato di Benevento, ciocchè parrà forse incredibile,
non potè da sì potente e glorioso Principe esser domato; questo
solo restò esente dalla dominazione de' Franzesi, ancorchè Carlo e
Pipino suo figliuolo fatto Re d'Italia da suo padre, vi avessero più
volte impiegate le loro forze, e tutta la loro industria. Ma se si
considererà lo stato florido di quello, la sua estensione, e le forze
dove era arrivato in questi tempi, non parrà nè strano nè maraviglioso,
se non potè conquistarsi da' Franzesi.

Reggeva il Ducato di Benevento, quando Desiderio ed i Longobardi furono
vinti in Italia, Arechi suo genero; nè mai si videro i suoi confini
distesi tanto, quanto sotto il Regno di costui: abbracciava quasi tutto
ciò che ora diciamo il Regno di Napoli: e toltone Gaeta, il Ducato
napoletano, che da Cuma insino ad Amalfi non estendeva più oltre il suo
dominio, ed alcune città de' Bruzj e di Calabria, che ancora ubbidivano
agl'Imperadori d'Oriente, tutto era a' Longobardi beneventani
sottoposto. Secondo i confini che gli prefigge l'accuratissimo
Pellegrino[351] si distendeva dalla parte d'Occidente insino a' confini
del Ducato romano e di Spoleto; abbracciava Sora, Arpino, Arce, Aquino
e Casino; ed avrebbero anche i Longobardi per questa parte esteso
più oltre i suoi termini, se i Pontefici romani ora con doni, ora
con preghiere non l'avessero impedito, e fatti desistere da ulteriori
progressi.

Dalla parte di mezzogiorno aveva per confine Gaeta; non mai questa
città fu a' Longobardi sottoposta: era siccome molte altre città
marittime per anche rimasa sotto l'Imperio de' Greci[352]; e sebbene
Carlo Magno l'avesse tolta a' medesimi, e come soleva usar delle
spoglie de' Greci, n'avesse fatto un dono alla Chiesa romana;
nulladimeno da poi cooperandovi Arechi, fece costui tanto, che
ritornasse di nuovo in mano de' Greci; onde nacquero le tante querele
d'Adriano[353] R. P. presso Carlo M. contro i Beneventani. Ma non
passarono molti anni, che i romani Pontefici vigilanti a ritenere
ciò che una volta hanno acquistato, pretesero, che appartenesse a
loro, tanto che Gio. VIII, ancorchè fosse da' Greci posseduta, non
ebbe riparo di concederla a Pandolfo Conte di Capua; e Terracina che
parimente fu al Consolare della nostra Campagna sottoposta, siccome si
è veduto, ed a' Greci appartenevasi, pure passò a' romani Pontefici,
di che altrove ci sarà data occasione d'un particolar discorso.
Distendevasi contuttociò da questa parte il Ducato beneventano insino
a Cuma, abbracciava Minturno, Volterno e Patria, dagli antichi detta
_Clanium_, luoghi non molto remoti da Capua, che era già passata
sotto la dominazione de' Duchi di Benevento, e che dai Conti, i quali
essi vi mandavano, era amministrata e retta. Invasero ben una volta
i Beneventani, e presero anche Cuma, ma, come si disse, furono da'
Napoletani con molta strage respinti, e glie la ritolsero. Non poterono
prender Miseno, ancorchè non molto lontano da' lor confini; non l'altre
città del mar Tirreno. Stabia, Sorrento ed Amalfi, le quali al Ducato
napoletano eran in questi tempi unite; ma tutte le altre città e
luoghi mediterranei della Campagna passarono, lino da' tempi del Duca
Grimoaldo, sotto il Ducato di Benevento, come Tiano, Gaudio, Sarno,
Nola, che in questi tempi chiamavasi _Cimeterium_, e Salerno ancora.
Estendeva ancora da Salerno i suoi confini oltre Cosenza: toltone
Acropoli ed il Promontorio, che ora volgarmente chiamiamo Capo della
Licosa, e gli altri luoghi marittimi con Reggio, che rimasero sotto
l'Imperio de' Greci; tutti gli altri luoghi mediterranei della Lucania
e de' Bruzj, Pesto, Conca, Cassano, Cosenza, Laino, e altre città, al
Ducato beneventano erano sottoposte.

Non minore fu la sua estensione verso Oriente: un tempo Autari portò
le vittoriose sue insegne insino a Reggio, ma fu questa, come si
disse, una scorreria simile a quella che i Longobardi fecero da poi in
Cotrone. Fu questa punta d'Italia conservata sempre dai Greci, nè oltre
a Cosenza e Cassano stesero i Longobardi beneventani da questa parte
il lor Ducato; ma dall'altra parte occuparono anche Taranto, e tennero
ancora gran parte della Calabria, e toltone Gallipoli ed Otranto,
s'estesero sino a Brindisi.

Nel Settentrione occuparono tutta la Puglia non pur mediterranea, ma
marittima ancora, da Bari sino a Siponto, ed il promontorio Gargano
con tutta la regione adiacente era sotto la lor dominazione. Per questa
parte il lor dominio non potè stendersi nell'isola di Tremiti, perchè
non avendo i Longobardi forze marittime, non potè cadere in lor potere.
L'ebbe poi Carlo M, e vi mandò in esilio Paolo Diacono. Stendeva
verso questa parte più oltre i suoi confini, poichè oltre a' luoghi
mediterranei della Puglia, come Lucera, Termoli, Ortona, ed altri
luoghi marittimi, e tutta quella parte che oggi appelliamo Apruzzi,
tutto era sottoposto a questo Ducato, Chieti colla regione adiacente,
e tutti gli altri luoghi mediterranei di quella parte del Sannio, che
poi si disse Contado di Molise come Supino, Bojano, Isernia, ed altre
città, e tutto il Contado de' Marsi, che con quello di Sora confinava.

Ecco fra quali confini si racchiudeva il Ducato beneventano; lo
componevano quasi che tutte quelle quattro province, onde fu questa
parte d'Italia divisa da Costantino M. e dagli altri Imperadori suoi
successori, la Campania, il Sannio, la Puglia e la Calabria, la Lucania
ed i Bruzj; in breve, toltone il Ducato napoletano, Amalfi, Gaeta, ed
alcune altre città marittime della Calabria e de' Bruzj, abbracciava
tutto ciò che ora diciamo Regno di Napoli, e delle dodici province,
che oggi compongono questo Regno, nove nel Ducato beneventano eran
comprese; queste sono oggi Terra di Lavoro, il Contado di Molise,
Apruzzo citra, Capitanata, Terra di Bari, Basilicata, Calabria citra, e
l'uno, e l'altro Principato. Meritò per tanto questa parte per la sua
estensione esser chiamata dai Greci, ed anche da' Scrittori latini di
quest'età, _Italia Cistiberina_, ed i Greci solevan appellarla ancora
_Longobardia minore_, per distinguerla dalla maggiore, che nella Gallia
cisalpina di qua e di là del Po da' Longobardi era dominata, e che
ancora oggi ritiene il nome di Lombardia. Così la chiamarono Costantino
Porfirogenito[354]; Cedreno in più luoghi, e Zonara in Basilio
Macedone; e Porfirogenito ne' suol Temi[355], parlando dell'irruzione
de' Saraceni in Bari, la chiamò semplicemente _Longobardia_. Quindi
avvenne, ch'essendo Benevento innalzato ad esser capo d'un sì vasto
Ducato; come Pavia, da' Latini detta _Ticinum_, era capo e sede de' Re
longobardi; fosse ancora questa città, per esser capo della Longobardia
minore, chiamata da' latini Scrittori di questa età e della seguente
parimente _Ticinum_, come mostra l'accuratissimo Pellegrino nella
prefazione all'anonimo[356] Salernitano.

Meritò anche in questi tempi da Paolo Diacono[357] esser chiamato
Benevento città opulentissima, e capo di più province: città reputata
allora la più culta e la più magnifica di quante n'erano in queste
nostre province; e molto più estolse il suo capo, quando Arechi,
avendovi da presso costrutta _Città nova_, la rendè più ampia, e
d'abitatori più numerosa. E quando in Italia eran le lettere quasi
che spente; e toltone i Monaci, presso gli altri vi era una somma
ignoranza, Benevento solamente in mezzo di tanta barbarie, seppe
nel miglior modo che potè mantener la letteratura. Narra l'anonimo
Salernitano[358], che ne' tempi dell'Imperador Lodovico, in Benevento
fiorivano trentadue Filosofi: _Tempore quo Ludovicus praeerat
Samnitibus, triginta duos Philosophos Beneventum habebat_: non già come
osservò il diligentissimo Pellegrino, che questi fossero veramente
tali, ma secondo il costume di quei tempi, erano chiamati Filosofi
tutti coloro che professavano lettere umane. Il nostro Paolo Varnefrido
Diacono della Chiesa d'Acquileja fu per la sua letteratura di stupore
a Carlo M., e quantunque essendo egli attaccato a' suoi Longobardi
l'avesse tante volte offeso, lo risparmiò sempre in considerazione
della sua dottrina, nè altro gastigo gli diede, che di mandarlo in
Tremiti esiliato. Dal nome dunque di tal magnifica città prese il suo
quest'ampio Ducato, e quindi avvenne ancora, che da Lione[359] Ostiense
si appellasse provincia di Benevento, ovvero assolutamente Benevento,
come fu anche chiamato da Erchemperto[360]: quindi presso l'anonimo
Salernitano, que' Vescovi che si mandarono da Arechi ad incontrar
Carlomanno per trattenere il suo rigore, si dissero _Beneventani
Antistites_, non altrimenti che presso S. Gregorio M. _Neapolitani
Episcopi_ eran chiamati coloro, che alle Chiese del Ducato napoletano
erano preposti.

Portò ancora questa estensione, che intorno all'amministrazione
dovesse darsi nuova politia, e diviso il Ducato in minori province,
che si dissero Contadi o Gastaldati, di ciascuna partitamente dovesse
prendersi governo, e che le città del Ducato si commettessero alla
cura di più Ufficiali, non potendosi immediatamente dal solo Duca
amministrarsi; perciò furono molte di esse concedute in ufficio ed
amministrazione a' primi Magnati e Signori longobardi, che nelle armi
s'erano segnalati e distinti, chiamati Conti o Castaldi, inferiori però
a' Duchi da' quali eran dependenti; e quindi in queste nostre contrade
sursero i Conti. Sin da' tempi di Grimoaldo, Mitola, essendosi così
ben portato nella guerra contro Costanzo, fu in premio del suo valore
fatto Conte di Capua da Grimoaldo, come si è detto: così da tempo in
tempo molte città di questo Ducato furono a' Conti concedute, perchè
le reggessero con piena, ma dipendente autorità; nè dal governo ed
amministrazione delle medesime eran rimossi, se non per fellonia, o
per morte, e poi col correr degli anni venne a costumarsi, che se non
rimaneva estinta la loro maschile stirpe, non si trasferiva il Contado
in altra famiglia.

In cotal maniera cominciarono presso di noi ad introdursi i Contadi
ed i Feudi: prima il Contado non denotava Signoria, ma Ufficio: si
chiamavano Conti, perchè il loro particolar ufficio era di presedere
alle Comitive, ovvero ceto d'uomini che si mandavano in qualche
espedizione: rendevano ancor ragione, e presedevano a' pubblici
giudicj, e nelle liti fra' Popoli a lor sottoposti amministravan
giustizia, siccome è chiaro nelle leggi longobarde[361]. Si dava a
costoro il governo delle città e delle regioni convicine, in Ufficio,
non in Signoria: alle volte si concedeva il Contado durante il corso
della lor vita, altre volte a certo e determinato tempo; ma con tutto
ciò i Principi longobardi solevano in ogni anno confirmargli, per
tenerli sempre dubbj ed incerti, ed affinchè non potessero per la
certezza di non poter esser rimossi macchinar cosa in pregiudicio dello
Stato. Ma quando per lunga esperienza eransi assicurati della loro
fedeltà, e che il Contado a lor commesso era stato da loro amministrato
con somma rettitudine e giustizia, s'introdusse che ciò che prima
erasi loro conceduto in Ufficio, il Principe, a cui s'eran resi cotanto
benemeriti, gliela concedesse in Feudo ed in dominio, non trapassando
però la loro persona; e quindi, come notò assai a proposito il nostro
Marino Freccia[362], il Contado non passava agli eredi: da che procede
onde sovente nelle antiche carte leggiamo appellarsi taluno _Comes et
Dominus_, denotandosi con ciò, che la Contea che prima eragli stata
conceduta in Ufficio, aveala per suoi segnalati servigi e fedeltà
ottenuta anche in Feudo ed in Signoria. Col correr degli anni poi fu
introdotto, che passasse il Feudo a' proprj figliuoli, non però giammai
agli eredi, compassionando lo stato di coloro i quali, morto il padre,
togliendosi loro il Feudo, si sarebbero in un tratto veduti cadere in
un'estrema miseria e povertà, la quale non ben si unisce colla nobiltà
del sangue, anzi quella deturpa ed affatto estingue. Ecco, come prima
delle altre, che ubbidivano a' Greci, cominciarono in queste province
sottoposte a' Principi longobardi beneventani, i Feudi e le Contee. Si
multiplicaron perciò in appresso in buon numero nel Ducato beneventano
i Contadi ond'era quello diviso: il primo fu il Contado di Capua, che,
come diremo, divenne poi un ben ampio e nobil Principato: s'intesero
i Contadi di Marsi, di Sora, il Contado di Molise, l'altro d'Apruzzi,
di Consa, e molti altri, che poi diedero il nome alle province,
nelle quali ora il Regno è diviso. Si videro perciò i Principi di
Benevento per lo numero de' suoi Conti in maggior splendore: molti se
ne annoveravano, da quali traggono l'origine alcune delle più illustri
famiglie del Regno: i Conti d'Aquino, i Conti di Tiano, di Penna,
d'Acerenza, di S. Agata, d'Alife, d'Albi, di Bojano, di Cajazza, di
Calvi, di Capua, di Celano, di Chieti, di Consa, di Carinola, di Fondi,
d'Isernia, di Larino, di Lesina, di Marsi, di Mignano, di Molise, di
Morono, di Penna, di Pietrabbondante, di Pontecorvo, di Presenzano,
di Sangro, del Sesto, di Sora, di Telese, di Termoli, di Trajetto, di
Valve e di Venafro; tantocchè, siccome di Carlo M. dicevasi essere
stato il più grande facitor de' Paladini, così de' nostri Principi
beneventani i più grandi facitori de' Conti.

Eransi ancora introdotti sin dalla venuta d'Alezeco, Duca de'
Bulgari, i Castaldati: i Castaldi eran minori a' Conti, e siccome
notò accuratamente l'incomparabile Cujacio, non eran propriamente
Feudatarj: erano come Custodi, e che ricevevano le città o ville _jure
gastaldiae_, non li ricevevano _jure feudi_, quasi che perpetuamente
dovessero godere del beneficio; ma loro se ne dava il governo e
l'amministrazione a tempo, colla clausola sin tanto che ci piacerà,
ed era in arbitrio del concedente toglierla quando che gli piaceva,
siccome fece Grimoaldo quando ad Alezeco concedè Supino, Bojano,
Isernia ed alcuni luoghi intorno in Castaldato, e volle perciò che
non Duca, ma Castaldo fossesi nomato; onde leggiamo sovente presso
Erchemperto[363] ed Ostiense, che coloro che d'una città eran fatti
Castaldi, ambivano poi farsi Conti, come lo pretese Atenulfo, che di
Castaldo ch'era di Capua, coll'ajuto di Atanasio Vescovo e Duca di
Napoli, si fece Conte di quella[364] città. Quindi si vede chiaramente,
che l'ufficio de' Castaldi non era di così vile condizione, e che fosse
solamente ristretto al governo delle case regali, o siano Corti, ovvero
ville e poderi; ma solevan darsi ancora alle città. Solevano anche
questi a' quali si commetteva la custodia de' poderi e delle ville,
dirsi altresì Castaldi, e di questa spezie parlano le leggi longobarde
in più luoghi[365], e le nostre leggi feudali ancora: venne anche a
darsi questo nome a coloro che avevano il governo de' poderi degli
Ecclesiastici, che da Urbano II[366] si chiamano amministratori delle
robe ecclesiastiche, onde i monasteri anche delle Monache ebbero i loro
Castaldi, come, oltre di più antichi esempj rapportati dal Pellegrino,
ne può essere a noi buon testimonio Gio. Boccaccio, del cui ufficio,
in premio delle sue continue fatiche, ne fu anche onorato Masetto da
Lamporecchio da quelle Monache; con tutto ciò Castaldi ancora eran
chiamati coloro, ch'erano a particolari città preposti con pubblica
autorità, ed alla cura e governo civile delle medesime invigilavano; ed
oltre alla custodia delle cose pubbliche, solevano anche presedere ne'
giudicj, onde perciò erano ad essi costituiti i salarj dal pubblico,
ed assegnate alcune rendite, che nelle nostre leggi feudali si dice
essere a loro dovute _nomine Gastaldiae_. Era di lor ufficio parimente
a' Popoli soggetti render ragione e sovrastare, non altrimente che
i Conti, nei giudicj e nelle liti amministrar loro giustizia, come è
chiaro dalle leggi longobarde[367]; ciò che essi non solevan fare senza
il voto d'uno, o più Giureconsulti[368] ch'erano gli Assessori: onde il
costume che nel nostro Regno vige di dar gli Assessori, o siano Giudici
a' Governadori, trae più antica origine di ciò che altri credettero.
Anzi i Castaldi, oltre della civile potestà, ebbero alcun tempo anche
la militare, come è chiaro per una legge di Rotari[369], e da ciò
che narra Anastasio Bibliotecario della guerra di Cuma, nella quale
dal Duca di Napoli furono uccisi quasi trecento Longobardi col loro
Castaldo, che gli guidava, e che aveva il pensiero di quell'impresa:
onde se non voglia aversi per vero quel che dice Cujacio della
differenza di questi Castaldi co' veri Feudatarj, cioè che questi come
Custodi erano a tempo costituiti, non perpetuamente, non si sapranno
distinguere con segni più chiari i Conti da' Castaldi.

E se bene Camillo Pellegrino, non piacendogli il sentimento di
Cujacio, avesse proccurato di distinguergli con dire, che quantunque
i Castaldi convenissero co' Conti in molte cose, nulladimeno il
proprio loro ufficio era d'aver cura delle cose pubbliche, derivando
ciò dall'etimologia del nome _Guast_ ed _Halden_, voci dell'idioma
tedesco, del quale sovente i Longobardi servironsi[370], che non denota
altro, che _Hospitium tenere_, come notò Vito Amerpachio nelle note a'
Capitoli di Carlo M., e l'ospizio non denotando le case private, ma le
pubbliche ed il Pretorio del Magistrato; perciò egli portò opinione,
che la particolar cura del Castaldo, essendo delle cose pubbliche,
non delle familiari e delle private, per questo si distinguesse dal
Conte; nulladimeno ciò che siasi di questa derivazione, ed ancorchè
nell'origine fosse stato solamente questo l'ufficio de Castaldi,
essendo da poi stati anche preposti alle città intere, con altri
luoghi adiacenti, ed avendo come si è veduto avuta tutta la potestà,
così civile che militare, siccome l'ebbero i Conti; sempre queste due
cariche si confonderanno fra loro, se non diremo, che l'una era a tempo
e l'altra perpetua, e conceduta _proprio jure Feudi_: e se bene nel
principio convenissero anche in questo con li Conti, nulladimeno in
decorso di tempo i Conti non erano se non per fellonia o morte privati
del Contado; e poi si vide che lo tramandavano anche nella loro stirpe
maschile. Vi era anche un altro marchio ond'eran distinti, poichè
il titolo di Contado denotava dignità, quello di Castaldo ufficio,
onde sovente nell'antiche carte leggiamo: _dignitate Comes; munere
Gastaldus_.

Fu per tanto il Ducato beneventano diviso in più Contadi e Castaldati,
come in province, siccome è manifesto dal capitolare di Radelchisi
principe di Benevento. Non è appurato presso gli Istorici il lor
numero, e quanti fossero: i più insigni però furono quel di Taranto,
di Cassano, di Cosenza, di Laino, di Lucania, ovvero Pesto, di
Montella, di Salerno, e quel di Capua: i più distesi furono quelli
di Capua, e di Cosenza, quello di Capua si stendeva verso Occidente
insino a Sora: l'altro di Cosenza all'incontro insino a S. Eufemia, e
Tropea. Fuvvi ancora il Castaldato di Chieti, che abbracciava molte
città e terre, l'altro di Bojano co' luoghi adiacenti istituito da
Grimoaldo nella persona di Alezeco Bulgaro, che dopo ducento anni fu
da Guandelperto[371] posseduto. Passò questa prerogativa da Bojano in
Molise luogo vicino, onde fu prima detto il Contado di Molise, e da
poi provincia del Contado di Molise, il qual nome oggi peranche dura.
Eravi quello di Telese, l'altro di S. Agata, d'Avellino, di Acerenza,
di Bari, di Lucera, e di Siponto, ed in somma a quasi tutte le città
più cospicue di questo Ducato erano i Castaldi, ovvero Conti preposti;
nè si tenne nella loro distribuzione alcun conto dell'antica politia
o disposizione delle province secondo la divisione fattane sotto
Costantino, e degli altri suoi successori: quella mancò affatto, ed
altra nuova ne surse.

In tale floridissimo stato era il Ducato di Benevento, quando in Pavia
furono i Longobardi vinti e debellati. Nè languiva presso i Longobardi
beneventani la disciplina militare: essi venivano perpetuamente
esercitati da' Greci napoletani, co' quali sempr'ebbero fiere ed
ostinate guerre, sempre vigilando i Longobardi di ridurre sotto la
loro dominazione il Ducato napoletano, siccome avevano già fatto di
quasi tutte l'altre parti di quelle province, che ora compongono il
nostro regno; nel che maggiormente rilusse la fortezza ed il valore
de' Napoletani, che dovendo sempre combattere con forze diseguali, e
da contrastar con inimico quanto vicino, altrettanto più numeroso e
potente, gli resistè con tanta intrepidezza e valore, che non poterono
i Beneventani aver questa gloria di sottoporsi quel Ducato; e non se
negli ultimi tempi se lo renderono tributario. Sarà dunque ancor bene,
dopo aver mostrato in quale stato erano i Longobardi beneventani,
quando i Re loro furon d'Italia scacciati, che ancora si parli della
fortuna e dominio de' Greci, che ancor ritenevan in queste parti, e che
poi ritennero, non altrimente che i Beneventani, da poi che Carlo M. si
fece Re dell'Italia.



CAPITOLO II.

_Del Ducato napoletano, sua estensione e politia._


L'Imperio di Oriente da poi che fu da' Barbari invaso, i quali
resi padroni dell'Egitto, dell'Affrica, della Siria, della Persia e
dell'altre gran province dell'Asia, lo restrinsero all'Asia minore,
alla Grecia, alla Tracia, e ad una picciola parte d'Italia coll'isole
vicine, non tenne più conto dell'antica distribuzione delle sue
province, e cambiato nella sua forma, nuove divisioni s'introdussero:
fur quelle cambiate in molti distretti più o meno grandi, a' quali fu
dato il nome di _Temi_, i quali avevano i loro Governadori particolari.
Costantino Porfirogenito[372] ne compose due libri: nel primo annoverò
i Temi, ovvero province dell'Asia, che erano diciassette: nel secondo
quelli d'Europa, ed il loro numero era di dodici. Fra i Temi d'Europa
il X è la _Sicilia_, e l'XI la _Longobardia_. Chiamavano così i Greci
questa picciola parte ch'era a lor rimasa in Italia, secondo il proprio
fasto e costume di ritenere almeno nel nome ciò che altri avean di
quell'Imperio occupato; del rimanente così la Longobardia maggiore
sotto i Franzesi, come la minore sotto i Longobardi beneventani, era
già trapassata. Le terre che Costantino[373] novera sotto il Tema
di Longobardia, che ubbidivano all'Imperio d'Oriente, sono quelle
del Ducato di Napoli, la qual città egli decora perciò con titolo
di metropoli, essendo capo d'uno non dispregevol Ducato, e l'altre
dell'antica Calabria, che ancor ritenevano. I Bruzj e con essi Reggio,
Girace, Santa Severina, Cotrone ed altre terre, _quibus Praetor
Calabriae dominatur_, come sono le sue tradotte parole[374], al Tema di
Sicilia vengono attribuite.

Da poi che in Italia restò estinto l'Esarcato di Ravenna, ch'era il
primo Magistrato, che in queste parti occidentali ancor ritenevano
gl'Imperadori d'Oriente, e dal quale tutti gli altri Ducati eran
dependenti, non essendo a' Greci rimaso altro in Occidente, che la
Sicilia, la Calabria, il Ducato di Napoli, quello di Gaeta, ed alcune
altre città marittime, istituirono per l'amministrazione e governo
di queste regioni un nuovo Magistrato, che essi chiamavano Patrizio,
ovvero Straticò; ed a ciaschedun Tema si mandava un particolar Patrizio
per governarlo. Costantino[375] medesimo in quell'altro suo libro
de _Administrando Imperio_, mescolando come suole i fatti veri co'
favolosi, e niente ricordandosi di ciò che avea scritto nel secondo
libro de' suoi Temi, dice che sin da che la sede dell'Imperio fu
trasferita in Costantinopoli, furono dall'Imperadore costantinopolitano
mandati in Italia due Patrizj, de' quali uno sovrastava al governo
della Sicilia, della Calabria, di Napoli e d'Amalfi; l'altro al governo
di Benevento, di Capua, di Pavia, e degli altri luoghi di quella
provincia; e che ciascheduno ogni anno pagava i tributi al Fisco
dell'Imperadore: soggiunge ancora, che Napoli era l'antico Pretorio de'
Patrizj, che si mandavano, e chi governava questa città, avea ancora
sotto la sua potestà la Sicilia; e quando il Patrizio giungeva in
Napoli, il Duca di Napoli andava in Sicilia. Quantunque questo racconto
repugnasse a tutta l'istoria, poichè trasferita la sede imperiale in
Costantinopoli, l'Italia non da' Patrizj, ma da' Consolari, Correttori
e Presidi, tutti sottoposti al Prefetto d'Italia o a quello di Roma,
era governata, e non se negli ultimi tempi di Giustino Imperadore
fu mutata la sua politia, essendovi da Longino introdotti i Duchi, e
stabilito in Ravenna l'Esarcato, nè poi il Duca di Napoli s'impacciò
mai al governo della Sicilia; andando questo Ducato compreso insieme
coll'antica Calabria col Tema della Longobardia; nulladimeno, ciò
ch'egli dice, che il Patrizio, che si destinava per la Sicilia, aveva
anche l'amministrazione ed il governo della Calabria, e di tutti gli
altri luoghi che ancor si tenevano per gl'Imperadori d'Oriente, se si
riguardano i tempi, ne' quali siamo di Carlo M., non è mica favoloso.

Dall'ampiezza fin ora rapportata del Ducato di Benevento, sarà facile
il conoscere ciò ch'era rimaso a' Greci nella antica Calabria e ne'
Bruzj e quanto si estendesse il Ducato napoletano e l'altro di Gaeta,
che pur sotto la loro dominazione per lungo tempo rimase. Nella
Calabria antica ritenevano i Greci in questi tempi, dopo aver perduto
Taranto e Brindisi, solamente le città di Gallipoli e d'Otranto;
ma nei Bruzj ritennero, oltre a Reggio, molte altre città, Gerace,
Santa Severina, Cotrone, ed altre terre di quella regione. Rimasero
ad essi ancora Amantea, Agropoli, ed il Promontorio, che oggi diciamo
Capo della Licosa. Tutti questi luoghi ancorchè avessero Magistrati
particolari, da' quali venivano immediatamente governati, furono in
questi tempi interamente attribuiti al governo del Patrizio di Sicilia,
poichè prima solamente i Bruzj del Mediterraneo, o Mare inferiore di
qua del Faro andavano colla Sicilia, come vicinissimi: imperocchè gli
antichi Calabri del Mare superiore, che diciamo oggi Adriatico, siccome
ancora Napoli ed Amalfi, non eran di quel Tema, ma come disse l'istesso
Porfirogenito nel libro 2 de' suoi Temi, al Tema di Longobardia
s'appartenevano; ma da poi avendo i Greci perduto Taranto e Brindisi,
e (toltone Gallipoli ed Otranto) tutte le altre terre della Calabria
antica; le città ch'essi ritennero in questa provincia, con quelle
che loro rimasero ne' Bruzj, ed in quella parte della Lucania antica,
che oggi chiamiamo Calabria citra, e nel Ducato napoletano, furono
pure al Tema di Sicilia attribuite[376], insieme con Gaeta; onde il
Patrizio destinato al governo di quello avea, come dice Porfirogenito,
anche la soprantendenza della Calabria, di Napoli e d'Amalfi; il che
quantunque sembri strano per Amalfi e per Napoli, di Gaeta però non
può dubitarsene, costando ciò dall'Epistole d'Adriano R. P. il quale,
avendogli Carlo M. ceduta Gaeta, che poco prima avea tolta a' Greci,
ed avendo Arechi proccurato che si restituisse a' medesimi, scrivendo
egli a Carlo M., si lagna de' Longobardi beneventani, chiamandogli
_nefandissimi_, perchè confederati col Patrizio di Sicilia avean
sottratta dal suo dominio quella città, e sottopostala a quel Patrizio,
che risedeva allora in Gaeta[377]. Nè l'accuratissimo Pellegrino
potè negare, rapportando questo luogo d'Adriano, che al Patrizio di
Sicilia, ed al suo governo s'appartenevano in questi tempi, oltre di
quell'isola, molte altre città ancora di qua del Faro, delle quali avea
la soprantendenza. Anzi di Napoli pur si narra, ch'essendo per la morte
d'Antimio, che succedè a Teofilo nel Ducato napoletano, surta lite
intorno all'elezione del nuovo Duca; essendosi i Napoletani divisi in
fazioni, bisognò per sedarla ricorrere, non già all'Esarca di Ravenna,
come faceasi prima, ma per esser quello mancato al Patrizio di Sicilia,
il quale per quietare que' romori vi mandò Teoclisto per lor Duca;
ma ben tosto costui ne fu levato dall'Imperadore, poichè pervenute le
notizie in Costantinopoli di queste contese, subito fu mandato per Duca
Teodoro Protospatario, al quale bisognò che Teoclisto cedesse il luogo.
Donde ricava il Capaccio, o qual altro si fosse l'Autore dell'Istoria
di Napoli, che i nostri Duchi o solevan mandarsi da Costantinopoli a
dirittura, o eleggersi da Napoletani ed aspettare dall'Imperadore la
confirma dell'elezione da essi fatta: ciò che Camillo Pellegrino ha
troppo ben chiaramente dimostrato.

Da questa soprantendenza, che in questi tempi vediamo nella persona del
Patrizio di Sicilia sopra queste regioni di qua del Faro, credo io, se
in cose cotanto oscure sia lecito oltre avanzare le conghietture, che
sia poi derivato presso a' nostri Principi Normanni e Svevi il costume
di chiamar questa parte di qua del Faro anche col nome di Sicilia;
onde poi i romani Pontefici, per maggior distinzione, avessero chiamato
questo Regno Sicilia citra, e l'altro Sicilia oltre il Faro. Certamente
sin da' tempi de' Normanni questo nome di Sicilia fu comune ad
ambedue questi Regni; e se non vi è errore in quella carta rapportata
dall'Ughello[378] di Rogiero Normanno, che fu fatta nell'anno del Mondo
6623, cioè intorno l'anno di Cristo 1115 ed istromentata in idioma
greco a favor della chiesa di Santa Severina in Calabria, si vede che
sin da que' tempi fu usato il nome di Sicilia _citra farum_, siccome
sono le parole di quella, chiamandosi Rogiero _Comes Calabriae, et
Siciliae citra farum_. Ciò che poi seguitarono i nostri Re normanni,
e comunemente i Svevi, vedendosi che presso que' Re sotto il nome
del Regno di Sicilia non men quella isola che questo nostro Reame era
compreso: di che altrove se ne avrà un più lungo discorso.

Nè qui è da tralasciare un'altra forte conghiettura dell'accuratissimo
Pellegrino, che suspica quindi esser nata la mutazione, e 'l
trasferimento de' nomi di queste due province, cioè che quella che,
secondo l'antica distribuzione, era chiamata il Bruzio e parte della
Lucania, fossesi da poi appellata Calabria; ed all'incontro l'antica,
perdendo il suo nome vetusto, prima Longobardia o Puglia e da poi
Terra d'Otranto e Terra di Bari fosse stata chiamata; poichè come
abbiamo detto, i Greci prima della venuta di Costanzo Imperadore in
Benevento, ritenendo la Sicilia ed i prossimi Bruzj, ed estendendosi
la lor dominazione oltre Cosenza in tutti que' lidi insino ad Agropoli
e nelle città marittime della Campagna, in Amalfi, Sorrento, Stabia,
Napoli, Cuma insino a Gaeta da questa parte del Mare inferiore; e
dall'altra parte del Mare superiore ritenendo quasi che tutta la
Calabria antica e le città marittime della medesima, Taranto, Brindisi,
Otranto e Gallipoli insino a Bari; tutti questi luoghi in due Temi gli
descrissero ed in due province furono divisi. La I fu la Sicilia ed i
vicini Bruzj. La II comprendeva tutti gli altri luoghi ancorchè molto
disgiunti e fra lor divisi, che sotto il nome di Calabria antica e da
poi di Longobardia, che allora era la più ricca e distesa provincia
da essi posseduta, eran designati. Ma rotto Costanzo da Grimoaldo, e
fugato il suo esercito, portò questa sconfitta, come si vede, quasi
che l'intera rovina de' Greci in quella provincia, poichè toltone
Gallipoli ed Otranto, tutte le città della Calabria così mediterranee,
come marittime furono da Romualdo Duca di Benevento occupate, ed al
suo Ducato stabilmente aggiunte. Quindi avvenne, che gli Imperadori che
a Costanzo succederono, secondo il solito fasto de' Greci, perchè non
apparisser diminute o minori le province del loro Imperio, e perchè non
interamente erasi perduta l'antica Calabria, restando loro Otranto e
Gallipoli, ritennero sì bene l'istesso nome, ma lo trasportarono ne'
vicini Bruzj. E poichè la sede de' Pretori di questa provincia era
stata dai Greci costituita in Taranto, essendo questa città passata
in mano de' Longobardi beneventani, bisognò trasferirla altrove, ed in
parte ove la lor dominazione era più ampia, onde tra' Bruzj in Reggio
fu quella traslatata; e quindi, ritenendosi l'istesso nome di Calabria,
ed essendosi Reggio costituita sede del primo Magistrato che governava
quella provincia, si fece che anche il Bruzio acquistasse il nome di
Calabria, che poi parimente s'estese nelle parti della Lucania, onde
bisognò ne tempi seguenti dividerla in due province, che furon dette
di Calabria citra ed ultra; ed in cotal guisa da' Greci fu il Bruzio
chiamato Calabria. I Longobardi, come suole accader tra' vicini, al
loro esempio, que' luoghi mediterranei che nel Bruzio possedevano,
chiamarono anche Calabria, ed i luoghi che da Taranto insino a Brindisi
essi avevan tolti a' Greci della antica Calabria, non più con questo
nome, ma di Puglia l'appellarono, come adiacenti alla antica Puglia
ch'essi già possedevano: ed i Greci all'incontro ciò ch'essi aveano
perduto nella Calabria antica nel Mar superiore, e che in mano de'
Longobardi era passato, non più Calabria ma Longobardia chiamarono: ed
ecco come si perdè affatto il nome antico di quella provincia e come ad
un'altra fosse stato trasferito.

Tale era in questi tempi la distribuzione e politia, che i Greci ne'
luoghi che eran lor rimasi in queste province, praticavano. Ma quale
fosse in questa età lo stato del Ducato napoletano e sin dove stendesse
i suoi confini, e come avesse potuto contrastare per la libertà co'
Beneventani, è di bene che qui partitamente se ne ragioni.

Era il Ducato napoletano dopo Teodoro, del quale si fece memoria,
e dopo Sergio, Crispano, Giovanni, Esilarato e Pietro, che
successivamente l'aveano governato, passato in questi tempi sotto
l'amministrazione di Stefano Duca e Console, quegli, che come si
disse nel precedente libro, morta sua moglie, fu anche da' Napoletani
eletto e da Stefano III confermato Vescovo di Napoli, il quale per
questa nuova e differente dignità non depose la cura e governo del
Ducato, ma solo per conforto e sostegno della sua vecchiaia proccurò
dall'Imperador Costantino figliuolo di Irene, che allora imperava
nell'Oriente, che gli fosse dato collega e successore _Cesario_ suo
figliuolo, come l'ottenne; ma non potè, siccome l'ebbe per collega,
averlo per successore, perchè toltogli nel più bel fiore degli
anni da immatura morte, lo rendè padre infelice al Mondo; nè mancò
per rimostranza del suo dolore erigergli un tumulo, ove in versi
acrostici, ne' quali in que' tempi era riposto tutto l'acume e perizia
dei Poeti, pianse la sua sciagura, ed innalzò le lodi ed i pregi del
suo diletto figliuolo. Vedevasi prima la lapide di questo tumulo nel
cimiterio di S. Gennaro fuori le mura di questa città; ed ora non già
è dispersa, come credette il novello Scrittore dell'Istoria Latina di
Napoli, ma per caso incerto si ritrova trasferita in Salerno, e propio
nella chiesa de' minori Conventuali; e se non avea egli mai letto il
Chioccarelli[379], Camillo Pellegrino e 'l Mazza, che lo rapportano,
poteva egli vederla co' propri occhi in Salerno, da Sorrento non molto
lontana.

Sotto il Governo di Stefano, i confini di questo Ducato si stendevano
verso Occidente insino a Cuma: l'isole Enaria, che oggi diciamo Ischia,
Nisita e Procida con gli altri luoghi marittimi di quel contorno,
Pozzuoli, Baja, Miseno e le favolose foci della palude Stige col lago
d'Averno e' Campi Elisi, eran compresi nel suo dominio. Abbracciava
ancora verso Mezzogiorno le città marittime di quella riviera, Stabia,
che ora diciamo Castellamare, Sorrento ed Amalfi ancora coll'isola di
Capri.

Amalfi non pure in questi tempi d'Arechi, ma insino a' tempi di Sicardo
Principe di Benevento era con Sorrento ancor nel Ducato napoletano
compresa. Non ancora erasi dal medesimo staccata, come fu da poi che
facendo un Ducato a parte, stese i suoi confini tanto, che ne divenne
uno Stato il più florido e potente che vi fosse in queste contrade,
essendosi i lor cittadini renduti per la nautica i più famosi e
rinomati presso a tutte le Nazioni dell'Oriente, come ci tornerà più
opportuna occasione di favellarne altrove. Insino ad ora e per molti
anni appresso, se non vogliamo andar dietro le frasche, pascendoci di
vento, è chiaro essere stata Amalfi al Ducato napoletano unita, ed a'
Duchi di Napoli sottoposta; poichè uno de' sforzi e degli attentati
che praticò Arechi sopra il Ducato napoletano, fu l'impresa che mosse
contro gli Amalfitani, che con potente armata cinse di stretto assedio,
incendiando tutti i luoghi aperti posti nel Contorno d'Amalfi; e se
non fossero accorsi i Napoletani a difender quella città, ch'era del
lor Ducato, e con incredibile valore non avessero fugati e dispersi i
Beneventani, che parte presero in battaglia e moltissimi n'uccisero,
certamente gli Amalfitani sarebbero stati vinti e soggiogati da Arechi.
Adriano, che mal sofferiva queste intraprese de' Longobardi beneventani
sopra i Greci, ne diè del successo distinti ragguagli a Carlo M., e si
legge oggi il giorno questa sua epistola[380], nella quale apertamente
chiama gli Amalfitani del Ducato napoletano, e che perciò i Napoletani
accorsero in loro ajuto.

Ne' tempi di Sicardo Principe di Benevento, Amalfi non altrimente che
Sorrento era al Ducato napoletano sottoposta, come è manifesto dal
Capitolare di questo Principe impresso fra gli altri monumenti de'
nostri Principi longobardi da Camillo Pellegrino, ove Sicardo promette
al Duca di Napoli di voler osservare quelle capitolazioni, che dopo
una fiera guerra stabilirono, così per Napoli, come per le città sue,
cioè per Sorrento, Amalfi e per tutti gli altri castelli, che erano
al Duca di Napoli soggetti. E presso Erchemperto[381] pur si legge,
che il Duca di Napoli mandò gli Amalfitani a combattere contro i
Longobardi capuani per far cosa grata al Principe di Salerno, con cui
erasi confederato contro i Capuani. L'anonimo Salernitano nell'istoria
non ancora impressa, in più luoghi ciò passa per indubitato, anzi dice
che gli Amalfitani avevano i Conti annali, che ogni anno eran preposti
al governo della città, ed a' Duchi di Napoli eran sottoposti, come ne
rende a noi anche testimonianza l'accuratissimo Pellegrino. Egli è però
certo, che da poi Sorrento passò sotto la dominazione de' Longobardi,
perchè leggiamo, che Landulfo creò un suo figliuolo Duca di questa
città[382].

Ma verso Oriente e Settentrione sin dove il Ducato napoletano stendesse
i suoi confini, non avremo molto da dilungarci; poichè non potè da
questa parte il Ducato stendere più oltre ne' luoghi mediterranei i
suoi confini, come già tutti occupati da' Beneventani; e Capua ch'era
in loro potere restringeva molto i suoi termini per questo lato,
siccome dall'altra parte Nola, Sarno, e Salerno erano altresì da
costoro dominati Potè solo ritenere quelle campagne ed alcuni luoghi
d'intorno, che dal presidio della città e dal valore delle loro armi
poterono esser difesi. Solamente Nocera, che ora diciamo de' Pagani,
città mediterranea si mantenne sotto il Ducato napoletano, tanto che
nell'anno 839 Radelchisio Principe di Benevento avendo mandato in
esilio Dauferio, questi in Nocera andossene, _utpote Urbi tunc Juris
Ducatus Napolitani_, come dice il Pellegrino[383]: non altrimente che i
Romani, i quali esiliati soddisfacevano all'imposta pena con portarsi
in Napoli e nell'altre città federate. Le città marittime di questa
contrada erano sostenute, perchè difese dal mare, ed erano per ragion
de' loro siti inaccessibili a' Longobardi, che d'armate navali eran
privi, donde avvenne che i maggiori conquisti gli facessero sopra le
città mediterranee.

Ritenne ancora questo Ducato una politia consimile a quella di
Benevento, poichè le città del medesimo ebbero i loro particolari
Rettori, da' quali immediatamente venivano amministrate, che pure si
dissero Conti, ed a' Duchi di Napoli eran subordinati: d'Amalfi lo
scrisse l'Anonimo Salernitano; del Conte di Miseno ne rende a noi
certa testimonianza S. Gregorio M., il quale in una epistola[384]
fa memoria di questo Conte: di Sorrento, Stabia, Cuma e degli altri
luoghi, ancorchè presso gli Autori non se ne incontri alcun vestigio,
egli è però da credere, che da simili Magistrati fossero stati anche
governati. Certamente dal Duca di Napoli fu istituito il Conte d'Aversa
ne' tempi de' Normanni, perchè i Normanni, fondarono questa città. Ma
questi Conti non eran Feudatarj, come nel Ducato beneventano; erano
semplici Ufficiali ed a certo tempo, perchè i Greci non conobbero
Feudi; onde nacque che la provincia della Calabria e 'l Bruzio, come
Napoli, conobbero più tardi, che quelle che componevano il Ducato
beneventano, i Feudi. Ma con quali leggi Napoli col suo Ducato, e le
altre città che ubbidivano agl'Imperadori d'Oriente si reggessero
in questi tempi, se per quelle di Giustiniano, le cui Pandette si
ritrovarono poi in Amalfi ovvero per le leggi degli altri Imperadori
d'Oriente suoi successori, ci tornerà altrove più opportuna occasione
di favellare, quando delle nuove compilazioni fatte dagl'Imperadori
d'Oriente ad emulazione di Giustiniano dovremo far racconto.

Ecco lo stato, nel quale erano queste province, che oggi compongono
il Regno di Napoli, quando Carlo Re di Francia, dopo aver vinti e
debellati i Longobardi in Pavia e posto fra ceppi il Re Desiderio
ultimo che fu di quella gente, assunse il titolo di Re d'Italia e
de' Longobardi, onde per questa ragione pretendeva sopra il Ducato
beneventano esercitar tutta quella sovranità, che gli altri Re
longobardi suoi predecessori vi avevan ritenuta.



CAPITOLO III.

_Come ARECHI mutasse il Ducato beneventano in Principato, e tentasse di
sottraersi affatto dalla soggezione de' Franzesi._


Arechi, a cui Desiderio avea sposata Adelperga sua figliuola e creatolo
Duca di Benevento, ciò che aveva egli sofferto con suo suocero e
ciò che gli altri suoi predecessori usarono con gli Re longobardi,
non volle sofferir con Carlo, e sdegnando di sottoporsi ai Principi
stranieri ne scosse ogni giogo, e fidato nelle forze del suo Stato
e negli animi de' suoi Longobardi da Duca, ch'egli era nomato, volle
assumere il titolo di Principe, per mostrar con ciò più chiaramente i
suoi sensi, ch'erano di voler essere libero, non ad altri sottoposto.
Egli fu il primo, che Principe di Benevento si dicesse, e fu la prima
volta che in queste nostre province s'introdusse questo titolo, di cui
se si riguardi l'antichità è posteriore a quello di Duca, di Conte o di
Marchese, ma se la sua dignità e prerogative, di gran lunga è superiore
a tutti gli altri. L'Anonimo[385] Salernitano, se bene non favoloso,
come a torto lo reputa il Baronio[386] in alcuni fatti, d'ingegno però
e di dottrina puerile, narra ad Arechi, quando era in vita privata,
essere avvenuto un prodigioso accidente, per cui fugli presagita questa
nuova dignità di Principe, alla quale egli doveva essere innalzato:
dice egli che mentre un giorno nella chiesa di S. Stefano, ch'era posta
nell'antica Capua, s'erano col Duca Luitprando, che allora reggeva
Benevento, radunati molti Baroni longobardi, i quali secondo la loro
usanza eran tutti cinti di spada; tra gli altri fuvvi anche Arechi
allora giovanetto, e postosi ciascuno a fare orazione cominciò Arechi
in voce bassa a recitar il Miserere; e quando venne a quel versetto:
_Spiritu principali confirma me_, sentì tutta tremar la sua spada,
come se alcuno la agitasse: pien di spavento e di paura, dopo finita
l'orazione, Arechi narrò a' suoi amici il successo. Allora proruppe uno
di essi riputato il più saggio, e sì gli disse: _Non sarai per uscire
di questa instabil vita, per quanto io preveggo, avanti che il Signore
non t'innalzi ad una principal dignità_. Il che da poi, come soggiunge
l'Anonimo, comprovò l'evento, poich'essendo mancato Luitprando, tutti
gridarono Arechi Principe di Benevento, ed a dignità sì illustre
l'innalzarono.

Ma si sollazzi chi vuole coll'Anonimo con queste ed altre simili
puerilità, delle quali è ripiena la sua istoria, egli è costante presso
Erchemperto[387], Ostiense[388] e presso tutte le cronache che abbiamo
de' Duchi e de' Principi di Benevento, che Arechi fu il primo che appo
noi titolo di Principe s'arrogasse. Non si contenne in questo solo,
ma per dimostrar maggiormente il suo assoluto imperio volle d'insegne
regali adornarsi: si coprì con clamide ed ammanto regale, strinse lo
scettro e si cinse di corona il capo: e perchè nulla mancassegli di
regia dignità, si fece anche ungere da' suoi Vescovi, siccome i Re di
Francia e di Spagna facevano, ed in fine de' suoi diplomi ordinò che si
notasse la data, nella quale erano stati spediti in questo modo: _Dat.
in Sacratissimo nostro Palatio_. E siccome nelle solenni acclamazioni
degl'Imperadori cristiani il costume era di ponere le loro immagini
nelle chiese, nelle quali queste cerimonie solevan farsi, così anche
Arechi fece collocare i suoi ritratti coronati nelle chiese del suo
dominio, e con assoluto ed independente arbitrio cominciò a reggere
queste province. S'arrogò anche il potere di far leggi, ed oggi giorno
ancor leggiamo i suoi Capitolari, nei quali molti regolamenti stabilì:
in alcuni capi conformandosi alle leggi longobarde, in altri derogando
alle medesime; e ciò che i Re longobardi fecero in tutta Italia, volle
praticar egli nel suo Principato.

Nel Codice cavense altre volte riferito, fra gli editti de' Re
longobardi, se ne legge anche uno di questo Principe, che contiene
diciassette capitoli. Il primo comincia: _si quis homo_, e l'ultimo
finisce: _si quis hominum_. Camillo Pellegrino[389] lo trascrisse
per intero nella sua istoria de' Principi longobardi, annotandovi
in che quello si conforma, ed in ciò che differisca dalle leggi
longobarde. L'esempio d'Arechi seguitarono da poi gli altri Principi
suoi successori come Adelchi, Sicardo, Radelchiso ed altri, come si
vede da' loro _Capitulari_ impressi dal medesimo[390]: onde in queste
nostre province alle leggi de' Re longobardi s'accrebbero quelle de'
Principi di Benevento, per le quali venivano amministrate, e secondo
le medesime i Giudici componevan le liti e amministravan giustizia. Il
deliberar delle guerre, o delle leghe e delle paci, al Principe Arechi
era riserbato, molte ne mosse a' Napoletani, moltissime ne sostenne co'
Franzesi; fornir di Magistrati ed Ufficiali il suo Stato; tener cura
della giustizia; coniar colla sola sua immagine le monete, e tutte le
maggiori e più supreme regalie egli solo s'arrogò e ritenne: in breve
tutta la cura dello Stato così nel politico, come nel militare con
tutti i diritti di sovranità ad Arechi fu trasferita.

Carlo Re di Francia, il quale dopo aver nell'anno 781 dichiarato
Pipino suo figliuolo per Re d'Italia, in altre imprese era intrigato,
avendo inteso che Arechi avea scosso il giogo, e che arrogatesi tutte
le regali insegne come Sovrano dominava Benevento, stimolato anche
da Adriano P. R. al quale queste intraprese de' Beneventani erano pur
troppo sospette, ritornò nell'anno 786 con potente armata in Italia;
e da poi nel mese d'Aprile dell'anno seguente 787, scorrendo sopra
il Principato di Benevento, minacciava anche quella città di stretto
assedio. Ritrovavasi in questo anno 787 Arechi anche egli intrigato in
una guerra, che sopra i campi Nolani aveva mossa a' Napoletani, onde
intesa la venuta di Carlo, il quale con formidabile esercito devastava
i suoi Stati, conchiuse tosto la pace co' Napoletani, per sospetto che
questi non s'unissero co' Franzesi, e concedè loro alcune sovvenzioni,
ovvero, _Diaria_, come le chiama Erchemperto[391] nella _Liburia_ e
_Cemiterio_, campi che sono intorno Nola fertilissimi e di frumenti e
di vini.

Giunto per tanto sopra Benevento l'esercito franzese Arechi prima
gli fece valida ed ostinata resistenza, ma non potendo bastare le
sue forze ad innumerabile oste, che a guisa di locuste dalle radici
rodeva ciò, che paravasi innanzi, munito, come potè meglio, con
forti ripari Benevento, ritirossi in Salerno; e fu allora che questo
Principe di torri eccelse e mura fortissime cingesse questa città, e
che pensassero i nostri Longobardi a fortificarsi nelle città marittime
per trovare scampo dall'irruzione de' Franzesi, da' quali non stavano
sicuri nelle mediterranee, siccome in quelle di mare, per non avere
i Franzesi allora armate marittime, per le quali l'avessero potuto
assalire: reso accorto ancora dall'esempio di Desiderio, che per non
aver avuto un simile scampo, restò miseramente in Pavia prigione.
L'esercito di Carlo intanto devastava il paese è giunto insino a Capua
scorreva da pertutto, inferendo danni gravissimi alle campagne ed ai
Capuani sopra ogni altro. Allora Arechi posponendo l'amore de' suoi
proprj figliuoli alla salute de' suoi sudditi, mandò molti Vescovi
beneventani ad incontrar Carlo, ed offerendogli per ostaggi Grimoaldo
e Adelghisa suoi figliuoli, gli fece da' medesimi dimandar la pace.
Sono pur troppo graziosi, e perciò da non tralasciarsi i colloqui, che
l'anonimo Salernitano[392] fa passare tra Carlo e questi Vescovi, i
quali rinfacciati dal Re com'essi ardivano comparirgli davanti, dopo
aver unto e posta la Corona sul capo d'Arechi lor Principe, non gli
seppero dar altra risposta, se non che pieni di paura si prostrorono
colla faccia per terra avanti i suoi piedi: il pietoso Re, deposta
ogni collera, umanamente trattògli, facendogli alzare e da poi ch'essi
furono surti, disse loro: _Io veggo i Pastori, ma senza le loro
pecore_: al che i Vescovi prendendo dall'umanità di Carlo pur troppa
fiducia, non ebbero alcun ritegno di rispondere: _Venne il Lupo, e
ha disperso le pecore_; il Re dimandò, qual fosse questo lupo, ed
essi risposero: _tu se' quegli_. Finalmente dopo mille seccaggini lo
pregarono, che contento degli ostaggi desse loro pace e risparmiasse
la salute ad Arechi ed ai suoi Popoli: ma replicandogli Carlo ch'egli
non poteva arrestarsi dal cominciato cammino, avendo giurato di non
voler più vivere, se col suo scettro non fiaccava il petto ad Arechi.
Allora un di loro chiamato Rodoperto Vescovo di Salerno, allegandogli
in contrario l'esempio del giuramento d'Erode, lo consigliava a rompere
il giuramento dato, del che il Re non ben pago chiese loro miglior
consiglio; i Vescovi cercarono di deluderlo; poichè gli promisero di
dargli in mano Arechi, purchè adempiuto il giuramento lo lasciasse
regnare ne' suoi Stati. Mentre Carlo con desiderio era portato da'
Vescovi di qua e di là perchè si adempiesse da loro la promessa,
finalmente lo fecero entrare nella chiesa di S. Stefano, e quivi
mostratagli una ben grande immagine d'Arechi, che era in un angolo
della Chiesa, _ecco Arechi_, dissero, _che tu cerchi_. Allora il Re
tutto pieno d'ira e di rabbia minacciò volergli mandare in esilio
in Francia, se non attendevano ciò ch'avean promesso; ma i Vescovi
tutti atterriti, prostrati di nuovo a terra cominciarono a dimandar
misericordia e cercando con molti passi della Scrittura rattemperare il
suo sdegno, narra l'Anonimo, che tanto efficacemente adoperaronsi, che
in fine giunto il Re rabbioso sopra il ritratto d'Arechi, percotendolo
fortemente collo scettro che teneva in mano, e dandogli più colpi nel
petto e nel capo, ove era dipinta la corona e ridottolo in più pezzi,
dicesse: _Questo avverrà a colui, che sopra di se s'arroga ciò che
non gli è lecito_: e fatto questo, i Vescovi prostrati di nuovo gli
chiesero per Arechi la pace. Carlo in fine, ad intercession di tanti
gliela concedette. Creda chi vuole queste puerilità dell'Anonimo,
egli è però costante appresso Erchemperto che Carlo non passò oltre
di Capua, e quivi contento degli ostaggi fermò la pace con Arechi, e
lasciogli il Ducato beneventano come lo reggeva. I patti furono, che
Arechi s'obbligasse prestargli ogni anno certo tributo: che per ostaggi
restassero in suo potere Grimoaldo e Adelghisa suoi figliuoli; e se gli
consegnasse il suo tesoro: tutti gli furono accordati; e Carlo mandando
un suo Gentiluomo in Salerno, ove Arechi dimorava, a firmargli, furono
tosto eseguiti e consegnati al Re gli ostaggi col tesoro. Fece poi il
Re ritorno in Francia e seco portonne Grimoaldo, ma Adelghisa fu per
molte preghiere restituita in Salerno al suo genitore. E se ciò è vero,
com'è verissimo, che Carlo M., non passasse oltre a Capua, e quindi
ritornato in Francia, non facesse più ritorno in queste nostre parti,
non so dove s'abbia Scipion Mazzella trovato, che Carlo, siccome fece
in Parigi ed in Bologna, avesse in Salerno nell'anno 802 istituito quel
Collegio, quando questa città non passò mai sotto la sua dominazione,
ma fu sempre il sicuro ricovero de' Principi beneventani nelle tante
guerre ch'ebbero da poi con Pipino, lasciato dal padre Re d'Italia.

Ma non così tosto il Re Carlo da Capua fu dilungato ed in Francia
restituito, che Arechi, poco curandosi de' pegni dati, cominciò a
trattar leghe con Costantino figliuolo d'Irene Imperadore d'Oriente, e
fra di loro erano già venuti ad una stretta confederazione contro di
lui; poichè Arechi aveva mandato suoi Ambasciadori in Costantinopoli
cercando ajuto da Costantino, ed insieme l'onore del Patriziato;
e ciò che più importava cercogli ancora il Ducato napoletano con
tutti i luoghi appartenenti al medesimo, e che con valide forze gli
mandasse Adalghiso suo cognato figliuolo del Re Desiderio, che come
si disse erasi ricovrato in Costantinopoli, da poi che suo padre fu
fatto prigione da Carlo; promettendogli egli all'incontro di voler
sottoporsi, ciò che non voleva far con Carlo, al suo imperio, e di
vivere all'usanza de' Greci, così nella tonsura come nelle vesti[393].

In effetto Costantino, abbracciando il partito, mandò subito due suoi
Legati in Napoli perchè lo creassero Patrizio, i quali gli recarono
le vesti intessute d'oro, la spada, il pettine e le forbici, perchè
di quelle Arechi si coprisse e si tosasse, come aveva promesso: nè
altro da lui richiese, se non che gli si dasse per ostaggio Romualdo
altro figliulo d'Arechi. Giunti gli Ambasciadori in Napoli furono da'
Napoletani ricevuti con solenne apparato, _cum Bandis, et Signis_,
dice Adriano[394]; ma furono guasti tutti questi disegni per due
intempestive morti. Morì, mentre queste cose trattavansi, nel mese
di luglio di quest'anno 787 Romualdo promesso all'Imperadore per
ostaggio, la cui morte immatura accelerò quella dell'infelice padre,
e non a bastanza pianto da' Beneventani; il loro Vescovo Davide al
suo tumulo erettogli, scolpì que' versi, che vengono rapportati da
Camillo Pellegrino[395] ne' tumuli de' Principi longobardi. Poco da
poi fu seguita questa morte da quella d'Arechi suo padre, il quale
dopo aver regnato in Benevento trent'anni, nel seguente mese di
Agosto di quest'istesso anno, fu tolto a' Beneventani in tempo, quando
era più a loro necessario, lasciandogli in istato così deplorabile,
che rimanendo senza chi li reggesse, furono, come diremo, da dura
necessità costretti ricorrere alla benignità di Carlo, sottomettendosi
a lui, con condizioni troppo dure e pesanti, purchè rimandasse loro
Grimoaldo, ch'e' teneva in ostaggio. Lo piansero perciò i Beneventani
amaramente, e gli eressero un maestoso tumulo nella loro città,
ove Paolo Varnefrido, che dopo il suo esilio erasi quivi ricovrato,
pianse ancor egli la loro sciagura, e lodò l'eccelse virtù di questo
Principe in molti versi, che pur leggiamo presso Pellegrino. Ci
restano ancora di questo Principe alcune leggi, che veder si possono
ne' suoi _Capitolari_ impressi dal medesimo Autore; fra le quali non
dee passarsi sotto silenzio quella, per cui vietò le Monache di casa
chiamate altramente Bizoche. Aveale nel suo Regno il Re Luitprando
ammesse, anzi in una sua legge[396] commendava l'istituto. Ma Arechi
avendo scoverto che sotto quel velame si contaminavano di mille
laidezze e libidini, sotto gravi pene tolse l'abuso, ed ordinò che
fossero chiuse dentro monasteri. Fu Arechi un Principe assai magnanimo
e generoso, ed in lui di pari gareggiavano la pietà, la giustizia, la
fortezza e tutte le altre virtù. Egli con somma magnificenza ridusse a
fine in Benevento il tempio di S. Sofia da Gisulfo incominciato. Eresse
due superbi palagi, uno in Benevento, l'altro in Salerno, cingendo
questa città d'alte torri, e ben forti mura. Fu amante delle lettere,
e careggiò molto i Letterati di que' tempi avendogli in somma stima
ed onore. Accolse con molti rispettosi segni Paolo Varnefrido, quando
fuggito da Tremiti, ove da Carlo M. era stato esiliato, ricovrossi in
Benevento: lo ricevè benignamente, e l'ebbe tra' più cari e fedeli suoi
amici; onde Paolo in segno della sua gratitudine compose quell'elogio
che fece scolpire nel suo tumulo.



CAPITOLO IV.

_Di GRIMOALDO II Principe di Benevento, e delle guerre sostenute da lui
con PIPINO Re d'Italia._


I Beneventani, morto Arechi, mandarono Ambasciadori al Re Carlo a
dimandargli con molta sommissione e preghiere Grimoaldo, i quali
giunsero in tempo, quando non erano stati ancora scoverti al Re i
trattati, che Arechi avea avuti con Costantino Imperador d'Oriente,
de' quali non, se non dopo un'anno, ne fu avvisato dal Pontefice
Adriano, che gli aveva scoperti per mezzo d'un Prete capuano chiamato
Gregorio[397], per la qual cosa poterono con minore difficoltà
tirare il Re ad assentire alle loro dimande, concedendo Grimoaldo
per loro Principe, ma innanzi che partisse volle legarlo con questi
patti: _Ch'egli facesse radere a' suoi Longobardi le barbe: che nelle
scritture e nelle monete prima si ponesse il suo nome e da poi quello
di Grimoaldo: e che da' fondamenti facesse abbattere le mura di
Salerno, d'Acerenza e di Consa_.

(Queste parole della pace tra Carlo M. e Grimoaldo II Principe di
Benevento sono conformi a ciò che scrisse _Erchemperto in_ Chronico:
_Chartas quoque nummosque nominis sui caracteribus superscribi
jusserat..... in suis Aureis ejus nomen aliquandiu figurari placuit_.
Questo articolo di pace ricevè maggior fermezza e lume, e nell'istesso
tempo spiega nettamente quella moneta d'oro di Carlo M., rapportata
da Mr. Le Blanc, che diede a più d'uno de' nostri Antiquari gran
travaglio, per intenderne le iscrizioni, poichè portando da una parte
il nome di Carlo M., e dall'altra quello di Grimoaldo, credendo,
che si volesse dinotare Grimoaldo Re de' Longobardi, ed i tempi
non concordando, si videro in maggiori inviluppi. Queste monete si
coniarono così, in esecuzione di questa pace; ed il nome di Grimoaldo
dinota questo Principe di Benevento, e non già Re alcuno di Longobardi.
Nel Museo Cesareo di Vienna fra le altre monete d'oro, che conserva, si
vede ancor questa di _indubitata fede ed antichità_).

   [Illustrazione: Moneta]

Assai maggiori condizioni e più dure avrebbe potuto il Re esigere da
Grimoaldo, essendo in suo potere. Ma questi tornato in Benevento,
e ricevuto con infinito giubilo da' Beneventani, per qualche tempo
fece correre le monete e le scritture col nome di Carlo, mostrandosi,
per assicurarlo maggiormente delle sue promesse, in questi rincontri
voler da lui dipendere, se bene della demolizione di quelle Piazze
non se ne parlasse: anzi Grimoaldo per togliere ogni sospetto che mai
potesse aversi di lui, da poi che Carlo scoprì i trattati d'Arechi
suo padre, avendo già l'Imperador Costantino mandato nell'anno 788
in Sicilia Adalgiso con alquante truppe, perchè passato in Calabria,
coll'aiuto de' Beneventani si facesse gridar Re d'Italia, crucciato
ancora l'Imperador greco con Carlo, il quale avendogli promessa una
sua figliuola per moglie, mutato consiglio, gliel'aveva poi niegata:
Grimoaldo non solo non volle concorrere co' disegni di Adalgiso suo
zio, ma avvisando Pipino di queste intraprese, pensò meglio unirsi
con lui e con Ildebrando Duca di Spoleto mandato da Pipino, e fu
allora che l'infelice Adalgiso, dopo essere sbarcato con molti Greci
in Calabria, pugnando valorosamente, fugato e vinto il suo esercito,
restasse fra le spoglie preda dell'inimico, che postolo ne' tormenti,
lo fece spietatamente con morte crudele spirare l'anima, come narra
il Sigonio[398]. Ma il continuator d'Aimoino[399], Maimburg[400]
e coloro, che han letto in greco Teofane, scrivono, che colui che
fu fatto morire ne' tormenti non fu Adalgiso, ma Giovanni Generale
dell'armata dei Greci; poichè questo miserabile Principe salvossi
dalla battaglia, e ritornò con poco seguito a Costantinopoli dove
invecchiò; e cedendo finalmente alla sua fortuna non meno che il
padre, passò ivi quietamente il resto della sua vita nella dignità di
Patrizio; com'è il solito destino de' Principi spogliati, de' quali
coloro a cui hanno ricorso, si contentano per ordinario di compatir
la disgrazia, conservando loro un vano titolo di ciocchè sono stati,
senza che ardiscano o che possano o, quando il potessero, che vogliano
intraprendere di ristabilirli, abbracciando altri interessi, che
stimano esser loro più considerabili e profittevoli.

Grimoaldo intanto se bene per togliere ogni sospetto a Pipino ed a
Carlo suo padre, posposta ogni ragion di sangue e di natura, fossesi
in cotal guisa portato, non depose però dal suo cuore gl'istessi
sentimenti del padre, e di volgere tutti i suoi pensieri come potesse
giungere a reggere il Principato di Benevento con autorità assoluta ed
independente; non pensava più alla demolizione di Salerno, d'Acerenza
e di Consa secondo le capitolazioni stabilite con Carlo, e pian piano
nelle monete e nelle scritture faceva tralasciare il nome di Carlo;
e per aversi sposata Vanzia nipote dell'Imperador greco dava di se
maggiori sospetti. Si venne perciò a nuova guerra co' Franzesi, e
tanto più ostinata, quanto che Carlo distratto altrove, Pipino giovane
spiritoso ed ardente, essendo egli rimaso in Pavia Re d'Italia, non
poteva soffrire in conto alcuno quest'imperio assoluto, che Grimoaldo
s'arrogava del Principato di Benevento: non passarono perciò molti
anni, che Pipino nel 793 gli mosse incontro innumerabile oste de' suoi
Franzesi, che di ogni intorno lo cingevano e gli minacciavano guerre
crudeli. Pensò allora Grimoaldo di placarlo con rimovere ogni ombra di
sospetto, che si potesse avere della sua persona per cagione d'aversi
poco prima sposata Vanzia. Ripudiolla come sterile, e con inaudita
inumanità la fece per forza condurre in Grecia alle proprie case. Ma
niente giovarono a Grimoaldo queste simulazioni ed astuzie, poichè
Carlo, oltre di aver comandato a Pipino di combatterlo, gli avea anche
in suo soccorso mandato Lodovico suo fratello, che dall'Aquitania, ove
era, si condusse in Italia, ed unite le loro milizie furono sopra il
Principato di Benevento: fu per più anni guerreggiato ferocemente, e
narra Erchemperto[401], che sebbene Carlo co' suoi figliuoli, che aveva
già costituiti Re, e con immensi eserciti avesse proccurato impiegar
le sue più valide forze per soggiogar Grimoaldo e' suoi Longobardi
beneventani, non per tutto ciò sotto questo valoroso Principe potè
porre in effetto i suoi disegni; anzi sovente attaccatasi ne' suoi
eserciti la peste, bisognò che pien di scorno se ne ritornasse.
Solamente dopo il corso di sette anni, e dopo tante fiere ed ostinate
contese gli riuscì negli anni 800 ed 801 prender Chieti in Abruzzo con
alcuni luoghi d'intorno; e se bene nel seguente anno prendesse ancor
Lucera in Puglia fu questa ben tosto da Grimoaldo ricuperata, e vi
fece prigione anche Guinichiso, Duca di Spoleto, con tutto il presidio,
che qui Pipino per guardia di quelle città aveva lasciato. In breve in
tutto quel tempo che Pipino regnò in Pavia, e Grimoaldo in Benevento,
narra Erchemperto[402], che fra essi non fuvvi un sol momento di
pace; imperocchè erano questi due Principi amendue giovani, ed alle
guerre propensi, ciascuno impegnato con tutte le forze che aveano a
sostener il proprio punto. Pipino per vedersi cinto di tanti prodi e
valorosi Capitani e d'eserciti poderosissimi: Grimoaldo sostenuto con
forze pari da' suoi più grandi Baroni, e per le molte città, ch'e'
s'aveva pure munite e presidiate, deludeva gli sforzi dell'inimico,
e per più dispregio mostrava far poco conto de' suoi eserciti. Soleva
spesso Pipino mandar Legati a Grimoaldo con queste ambasciate: _Volo
quidem, et ita potenter disponere conor, ut sicuti Arichis genitor
illius subjectus fuit quondam Desiderio Regi Italiae ita sit mihi et
Grimoalt._ A quali proposte riponeva in contrario Grimoaldo questi
versi.

    _Liber, et ingenuus sum natus utroque parente._
    _Semper ero liber, credo, tuente Deo._

In cotal guisa Grimoaldo finchè regnò in Benevento ripresse l'ardire e
le forze de' Franzesi. Morì questo invitto Principe nell'anno 806 senza
lasciar di se prole maschile, poichè Gotofredo suo figliuolo, di cui
nella chiesa di S. Sofia in Benevento si vede il tumulo, rapportato
anche dal Pellegrino[403], premorì a lui. I Beneventani dopo averlo
amaramente pianto, gli alzarono, non meno che ad Arechi, un magnifico
tumulo, celebrando e scolpendo in quello le sue eccelse virtù e famose
gesta. Fu non meno co' Franzesi che co' Greci sempre vittorioso, ed i
versi posti nel suo tumulo[404] dimostrano ancora il suo valore contra
i Franzesi, i quali non poterono darsi vanto di averlo soggiogato
giammai.

    _Pertulit adversas Francorum saepe phalangas,_
    _Salvavit Patriam sed, Benevente, tuam:_
    _Sed quid plura feram? Gallorum fortia Regna_
    _Non valuere hujus subdere colla sibi._



CAPITOLO V.

_CARLO M. da Patrizio diviene Imperador romano: sua elezione, e qual
parte v'ebbe LIONE III romano Pontefice._


Mentre che i Franzesi sotto Pipino con tanta ferocia ed ardire
guerreggiavan co' Beneventani sotto Grimoaldo, Carlo M., dopo aver
debellati i Sassoni, e scorsi molti luoghi del vasto Imperio, fermossi
finalmente nell'anno 795 in Aquisgrana, della qual città per l'amenità
del sito e de' suoi luoghi cotanto si compiacque, che di un nobilissimo
tempio adornolla: quivi trovandosi, gli fu recata novella della morte
di Adriano accaduta in Roma l'anno 796. Fu da Carlo inconsolabilmente
pianto, e fu tanto il dolore che n'ebbe, che volle anche manifestarlo
per un elogio da lui medesimo composto, che fece porre al suo sepolcro.
Intese ancora poco da poi, che il Popolo e Clero romano aveva in
suo luogo eletto Lione Prete Cardinale, che Lione III, fu detto: da
costui gli fu data parte della sua elezione per suoi Ambasciadori,
dimostrandogli ancora la sua mente, ch'era, seguitando i vestigi de'
suoi predecessori, di non voler riconoscere altro che lui per protettor
suo e della Chiesa; di vantaggio come Patrizio, ch'egli era di Roma,
gli mandò lo stendardo della città con molti altri doni, pregandolo nel
medesimo tempo di mandare un dei Signori della sua Corte per ricevere
da parte sua il giuramento di fedeltà, che gli presterebbe il Popolo
romano[405], il quale da lungo tempo aveva cominciato a scuotere il
giogo de' Greci, e voleva già assolutamente liberarsene. Carlo accettò
li donativi e l'omaggio che gli rendeva la prima città del Mondo,
e scelse il suo genero Anghilberto, per ricevere il giuramento de'
Romani, che lo riconobbero per loro Signore: ed in fatti, per questi
trattati avuti da Lione con Carlo, il Patriziato mutossi in dominio,
e da questo tempo fu, ch'egli esercitò in Roma il diritto di Sovrano,
rendendovi giustizia per suoi Commissari e per se stesso, come fu
avvertito saviamente da Pietro di Marca[406]: ed oltre a ciò, usando
della sua regal munificenza e generosità, mandò al Papa per Anghilberto
una gran parte di que' tesori immensi, ch'egli avea guadagnati nella
guerra contra gli Unni, da lui poco prima felicemente terminata per la
conquista della Pannonia: ed in tutti i rincontri che gli s'offerirono,
emulo di Pipino suo padre, pose tutto il suo studio ad ajutarlo nelle
persecuzioni che sofferse, e di proteggere ed innalzar quanto più potè
la Chiesa romana, come aveva fatto con Adriano suo predecessore, poichè
avendosi Lione inimicati Pascale e Compolo nipoti d'Adriano e molti
principali Signori di quel partito, che mal sofferivano, che il nuovo
Pontefice innovasse molte cose fatte da Adriano, costoro oltre d'averlo
accusato e fatto reo di molti e scellerati delitti, non potendone
mostrar poi documenti per provargli; un giorno mentr'era in una
pubblica e sacra funzione tutto inteso, gli corsero sopra, e presolo
gli diedero più colpi mortalissimi, lo strascinarono per le strade,
e si sforzarono di cavargli gli occhi e di troncargli la lingua; ma
riparatosi come potè meglio, fu dopo molte ferite, tutto bruttato di
sangue, chiuso nel monastero di S. Gerasimo in una stretta prigione; ma
liberato da poi da' suoi parteggiani, ed accorso in suo ajuto Guinigiso
Duca di Spoleto, questi dopo averlo condotto in Spoleto, lo mandò in
Francia a Carlo insieme con molti Vescovi ed altri Nobili, che vollero
seguirlo nel viaggio. Fu ricevuto da Carlo in Paterbona con uguale
stima, che fu da Pipino suo padre ricevuto Stefano, trattandolo con
infinito onore e somma magnificenza, ove Lione ebbe campo di mostrare
la sua innocenza, ciò che a torto aveva sofferto, ed in che falsamente
era stato da' suoi nemici accusato.

Ma nell'istesso tempo i suoi congiurati in Roma, per l'assenza del
Pontefice fatti più altieri, non mancarono di opporsi a' sforzi di
Lione: essi mandarono a Carlo molte accuse, per le quali mostravano
Lione reo di molti e gravi delitti. Parve al Re rimandarlo in Roma
accompagnato magnificamente, per doversi ivi conoscere giuridicamente
i meriti di questa causa, e lo fece accompagnare da dieci Commissari,
due Arcivescovi, cinque Vescovi e tre Conti e molti Franzesi, per
conoscere di questo negozio. Fu ricevuto il Papa in Roma con solenne
applauso e molta pompa; e venendosi all'esame de' carichi che gli eran
dati da Pascale e Campolo e da' loro complici, per iscusar l'esecrando
attentato da essi commesso nella sua persona; non provandosi niente de'
delitti, de' quali veniva imputato, i Commissari di Carlo mandarono
gli accusatori sotto buona guardia al Re. Erasi Carlo, dopo aver
gloriosamente trionfato degli Unni, incamminato già verso Italia,
invitato da Pipino, il quale mal poteva solo abbattere la alterigia di
Grimoaldo, che il Principato di Benevento reggeva già con libero ed
assoluto imperio: e giunto in Italia volle essere di persona in Roma
per conoscer di questa causa, e render al Papa quella giustizia che
egli dimandava.

Fu da Lione a' 24 novembre di questo anno 799, dal Clero e dal
Popolo romano ricevuto Carlo con segni di venerazione e di stima, i
maggiori che potevan mai praticarsi: e fatto questo Principe, dopo
alquanti giorni del suo arrivo, raunare nella chiesa di S. Pietro gli
Arcivescovi, Vescovi ed Abati e tutti i Signori romani e franzesi,
assiso egli col Pontefice in questa grande Assemblea, fece esaminar
questa causa e proccurò che si facesse esatta discussione de' delitti,
de' quali era stato Lione accusato; ma non essendovi dall'una parte
pruova alcuna, nè alcun testimonio che si presentasse per sostenere
queste calunnie, e dall'altra protestandosi tutti i Prelati, non dover
la Santa Sede ed il Papa esser giudicato da nessuno, e che toccava a
lui stesso di giudicarsi; allora il Pontefice disse, che seguendo le
vestigia de' suoi predecessori, egli era tutto pronto di giustificarsi
nella medesima maniera, che coloro avevano fatto più d'una volta:
perciò il giorno seguente, montando egli sopra la tribuna, tenendo
in mano il libro de' santi Vangeli, nel cospetto di tutti, volle con
solenne giuramento, come innocente purgarsi, altamente protestando e
giurando se essere innocente di tutti i delitti impostigli da' suoi
persecutori. Sopra di che tutta la chiesa rimbombò dell'acclamazioni di
una sì augusta Assemblea, che ricevè questa protesta e giuramento del
Papa come un Oracolo, che l'assicurava pienamente della sua innocenza.
Così Lione essendosi giustificato appresso tutti, ciò ch'era la cosa
che Carlo M. stimava più importante, fu rimesso ad un'altra Assemblea
il giudicio di Pasquale e de' di lui complici.

Ma questo Pontefice riconoscendo da Carlo tanti beneficj, pensò
più seriamente come potesse rendergline quella gratitudine che
meritavano[407], e come in avvenire potesse la Chiesa romana
star più che sicura della sua protezione e del suo aiuto, giacchè
dagl'Imperadori d'Oriente non era più che sperarne, anzi molto da
temerne. Allora fu, che si pose in opra il più bel ritrovato che mai si
potesse uom immaginare, a fin di render questo Principe più tenuto che
mai alla Sede appostolica; e che si proccurasse da poi da' Pontefici
romani una funzione che non essendo in questi tempi reputata altro,
che una pura e semplice cerimonia, d'interpretarla per una delle più
potenti ragioni del dominio temporale, ch'essi vantan tenere sopra
tutto il Mondo cattolico, e che gli adulatori di quella Corte seppero
tanto ben colorire ed inorpellare, che lo persuasero per più secoli a
quasi tutta l'Italia ed a molte parti ancora dell'Occidente. Questo fu
d'innalzar Carlo da Patrizio ch'egli era, in Imperadore romano, ciò
che dissero la traslazione dell'Impero dell'Occidente ne' Franzesi;
e che in verità non fu altro nella persona di Carlo, che d'un volersi
assumere un nome più spezioso ed augusto, il che gli altri Re d'Italia
come Teodorico pure avrebbero potuto farlo, ma non vollero mai porre in
effetto.

Alcuni Scrittori francesi[408] vogliono darci a credere, che Carlo
fosse stato, ad esempio di Teodorico, anche alieno di curarsi questo
spezioso titolo, e che Lione, cotanto a lui obbligato, guidando questa
cosa, avesse concertato il tutto co' Romani e con gli altri Popoli,
che allora si trovavan in Roma, senza che Carlo niente ne sapesse,
di acclamarlo Imperador romano, mentre egli nelle feste del santo
Natale dovea condursi in chiesa, e ponergli la clamide e la corona
imperiale, come si fece; ma ciò lo credano i più semplici, e coloro che
ignorano le circostanze, che precederono a questo fatto; poichè Carlo
per altri riscontri che ci restano nell'istorie[409], è manifesto che
ambisse questo titolo, dovuto per altro a' suoi meriti ed al suo vasto
Imperio, che avevasi, parte per ragion di successione, parte per armi
conquistato, come qui a poco diremo.

Certamente il gran Teodorico Re d'Italia avrebbe forse con maggior
ragione potuto assumere questo titolo d'Imperador d'Occidente, nel che
avrebbe avuto anche il consentimento di Lione Imperador d'Oriente; ma
egli, come si è detto nel libro terzo di questa Istoria, deponendo
l'abito gotico, non già d'imperial diadema, ma di regie insegne
volle coprirsi, e Re dei Goti e de' Romani volle esser proclamato: e
narra Procopio, che a questo Principe solamente il nome d'Imperadore,
ch'egli non volle assumere, mancava, ma che in realtà era tale, così
se si riguardava la sovranità del suo Imperio, come l'estensione
de' suoi dominj. Egli non solo, ad esempio degli altri Imperadori
d'Occidente, aveva stabilita la sua sede in Ravenna, dominando quindi
tutta l'Italia; ma tenne ancora sotto la sua dominazione la Sicilia, la
Rezia, il Norico, la Dalmazia colla Liburnia e l'Istria ed una parte
dei Svevi, e quella parte della Pannonia ov'era Sigetino e Sirmio.
Riteneva ancora parte della Gallia, per la quale co' Franzesi venne
sovente alle armi; e per ultimo reggeva, come tutore d'Amalarico suo
nipote, la Spagna: onde se a Teodorico fosse venuta voglia di assumer
questo titolo, e portarsi in Roma a farsi porre la corona dal Papa,
ch'era suo suddito, e farsi ungere, come cominciarono ad usare in
appresso i Principi cristiani da' suoi Vescovi, si sarebbe anche detto,
che i Pontefici romani trasferiron da' Romani l'Imperio d'Occidente
ne' Goti, come si dice ora di questa traslazione da essi fatta ne'
Franzesi.

Ma perchè si vegga chiaramente che per questo fatto niente altro
s'acquistò a Carlo che il solo nome di Imperador romano, niente più gli
diedero o potevano dare i Romani ed il Papa, che tale lo acclamarono,
che questo titolo, il quale non portò a lui ragione alcuna sopra gli
altri Stati e Regni d'Occidente, i quali per lungo corso d'anni furono
sotto la dominazione d'altri Principi; egli sarà bene di ponderare,
che molto tempo prima, che questo Principe fosse nomato Augusto,
l'Imperador greco aveva già perduto il dominio di quasi tutte le
province d'Occidente, le quali _jure belli_ erano passate sotto la
dominazione d'altri Principi e di Carlo medesimo per la maggior parte;
tanto che per questa acclamazione, siccome egli non si fece più ricco,
così niente per lei si tolse all'Imperador d'Oriente, nè agli altri
Principi sopra i loro Reami e Stati ch'essi possedevano.

Aveva già Carlo discacciati da Italia i Longobardi, che n'erano
Signori, e al suo Imperio aveala soggettata. Roma, che un tempo
fu sede dell'Imperio di Occidente, sin dal tempo di Lione Isaurico
avea cominciato a scuotere il giogo, e se bene lungo tempo i Greci
v'avessero tenuta un'ombra di lor signoria, erasi quella finalmente
data a Carlo M., che ne ricevette il giuramento di fedeltà per
Anghilberto, come narrano i più gravi Istorici; e prima d'assumer
questo titolo aveva esercitato in essa le ragioni di Sovrano, come
può esser ben chiaro a chi riflette l'accuse date a Lione; poichè se
bene lasciasse i Romani vivere colle proprie leggi e sotto i medesimi
Magistrati, però la potestà suprema era come Patrizio a lui riserbata,
e la ritenne da poi come Imperadore; e l'Esarcato di Ravenna, sede
che prima fu degl'Imperadori d'Occidente e poi degli Esarchi, primo
Magistrato in Italia degl'Imperadori d'Oriente, ancorchè tolto a'
Longobardi, fosse stato conceduto alla Chiesa romana, si ritennero
però in quello così Pipino, come Carlo le ragioni della sovranità e
del dominio eminente: in breve quasi che tutta Italia, toltone queste
nostre province, era già passata sotto la dominazione di Carlo prima
dell'assunzione di questo titolo. Parimente egli è certo, che questo
Principe per successione e per conquista possedeva tanto di dominio
nell'Occidente, quanto non ebbe mai nessuno Imperadore dal tempo
della divisione dell'Imperio; poichè oltre alle Gallie, dove egli
regnava per successione come Re di Francia, aveva conquistata parte
della Spagna insin'all'Ebro. Per lo medesimo diritto di conquista
possedeva l'Istria, la Dalmazia, tutta la Pannonia sino a' confini
de' Bulgari e della Tracia, ed ancora tutta la Dacia continente,
la Valachia, Moldavia e Transilvania. E se egli non ebbe la Spagna
di là dall'Ebro, e quella parte dell'Affrica, ch'era dell'Imperio
d'Occidente, prima che i Vandali, e lungo tempo da poi i Saraceni, se
ne fossero impossessati, aveva egli dall'altra parte ciò che i Romani
non poterono mai conquistare, cioè tutta quella vasta estensione di
paese, ch'è tra 'l Reno e la Vistola, l'Oceano settentrionale ed il
Danubio, divisa ora tra tanti Principi, città libere e Repubbliche,
di cui una sola parte compone ciò che si chiama oggi giorno l'Imperio
romano: ed Eginardo[410] scrive, che i Re che dominavano allora nella
G. Brettagna, gli erano talmente sommessi, che nelle loro lettere lo
chiamavan sempre lor Signore, con sottoscriversi di lui servidori e
sudditi.

Vacando dunque per tre secoli l'Imperio d'Occidente, e diviso in tanti
Principati e Regni, essendosene molti uniti nella persona di Carlo,
parte per ragion di successione, e moltissimi per diritto di conquista,
tanto che arrivò a posseder in Occidente molto più che gli altri
Imperadori Occidentali, e precisamente que' che vi furono da Onorio
insino ad Augustolo, non deve per questa parte riputarsi cosa molto
impropria e strana, se i sudditi di Carlo, ciò ch'egli era in realtà,
avessero voluto anche proclamarlo Imperadore, e dargli quest'augusto
titolo ben proprio e corrispondente al suo vasto Imperio, che teneva
in Occidente. In effetto questo nome non dal solo romano Pontefice, che
guidò questa azione, gli fu dato, nè solamente da' Romani, ma da tutti
i Popoli di varie nazioni, che portò seco Carlo in Italia. Narrano
Paolo Emilio[411] e molti altri Scrittori più antichi di lui, che
questo Principe fu accompagnato in Italia, non solamente da moltissimi
Signori franzesi, ma da infiniti altri di nazioni diverse, che a lui
ubbidivano, Sassoni, Borgognoni, Teutonici, Dalmazj, Bulgari, Pannonj,
Transilvani ed altri.

Ed è anche presso a' medesimi certissimo, che dopo il terzo dì che
fu discussa la causa di Lione, essendo quello in cui celebravasi il
giorno Natalizio di Nostro Signore, si portò questo Principe nella
chiesa di S. Pietro a solennizzarlo con grande apparecchio, ed entrò
in essa accompagnato dal Papa e molti Prelati e Magistrati romani, e
seguitato da tutti i Signori franzesi e romani e da tutto il corteggio
degli altri, ove ritrovò un'infinita moltitudine di Popolo non sol
romano ma mischiato di tante altre Nazioni. Mentre Carlo orava a piè
del sepolcro de' Santi Appostoli, il Papa, che per quest'effetto teneva
pronto ed apparecchiato il manto imperiale ed una ricca corona d'oro,
da poi ch'ebbe Carlo finita la preghiera, diede segno a' Magistrati
romani ed a que' Baroni, che erano intorno, e che stavano intesi di
ciò che doveasi fare, e postogli la corona sul capo con tutti gli altri
cominciò a gridare: _A Carlo Augusto da Dio coronato, grande e pacifico
Imperador de' Romani, vita e vittoria_[412]: e risonando queste voci
in ogni cantone, tutti insieme come di concerto, il Papa, il Senato, i
Romani, i Franzesi ed il Popolo misto di tante nazioni, in una voce ed
in un medesimo spirito, si misero a gridare con tutta la lor forza la
medesima cosa, ch'essi ripigliarono sino a tre volte[413]. Sedata che
fu l'acclamazione del Popolo, Lione, che aveva apparecchiato ogni cosa
per una sì augusta cerimonia, gli diede l'unzion sacra, non mai più
per l'innanzi ricevuta da niun Imperadore d'Occidente, e lo vestì d'un
lungo ammanto imperiale alla romana: unse ancora Pipino, che si ritrovò
presente a questa funzione, come Re d'Italia: e da poi che Carlo ricevè
dal Papa, dal Senato e da tutti gli altri che vi furono presenti,
tutti gli onori soliti praticarsi verso gli antichi Imperadori romani,
riconoscendolo per lor Sovrano, egli all'incontro giurò, che sarebbe
stato sempre Protettore e Difensore della Santa Chiesa romana per
quanto saprebbe e potrebbe: da indi in poi, deposto il titolo di
Patrizio, prese quello d'Augusto e d'Imperadore, ch'egli trasmise alla
sua posterità[414].

Ecco ciò che si chiama traslazione dell'Imperio di Occidente a'
Franzesi, dal cui fatto niente possono ricavare i Pontefici romani
per sostentar le altre loro pretensioni; perchè se bene Lione, come
uno de' principali della città di Roma, avesse guidata quest'azione, a
cui più d'ogni altro ciò importava, per obbligar maggiormente Carlo a
protegger la sua Chiesa, e venisse con ciò intieramente a cedere tutto
quello, che i suoi predecessori s'aveano guadagnato sopra Roma, è però,
presso coloro che sono intesi dell'Istoria Augusta, noto abbastanza,
che non altrimente si solevano acclamare anticamente gl'Imperadori
romani. Le acclamazioni si facevano dal Popolo e da' soldati, ma
da alcuni privati era a lor proposta la persona, che essi doveano
acclamare. Niun però sognò d'attribuire l'elezione a que' pochi, che
proponevan la persona e non al Popolo ed a' soldati, che lo gridavano
ed acclamavano Imperadore; ed inoltre queste acclamazioni denotavano
non solo il presente, ma anche l'antecedente consenso del Popolo.
Molto meno potranno sostentar le loro pretensioni per la coronazione ed
unzione che Carlo ricevè per Lione; poichè crediamo esser oggi mai a
tutti notissimo, queste essere pure cerimonie, che non s'appartengono
punto alla sostanza dell'Imperio, in guisa che potesse dirsi, che chi
le fa, dia con esse l'Imperio o il Regno. Furono queste cerimonie
introdotte da' Principi cristiani, forse seguendo l'esempio degli
antichi Re della Giudea, che usavano farsi ungere da' Sacerdoti; ed i
primi, che l'introdussero in Occidente, furono i Re di Spagna e quelli
di Francia, seguitati da poi dagli altri, il che gli Orientali anche
abbracciarono[415]. In Francia il Re Cristianissimo dal Vescovo di Rems
riceve questa cerimonia. In Ispagna quel Re dall'Arcivescovo di Toledo.
I Re d'Italia solevan farsi ungere ed incoronare dagli Arcivescovi
di Milano: quei d'Inghilterra dall'Arcivescovo di Cantorberi: quei
d'Ungheria dal Vescovo di Strigonia: e gli altri Re ciascuno da'
suoi Vescovi: infino il nostro Arechi, come si è veduto, Principe di
Benevento, volle farsi ungere e coronare da' suoi Vescovi beneventani:
e sarebbe privo d'ogni buon senso chi dicesse che da questi Vescovi si
facessero, o costituissero tanti Principi, Re o Imperadori.

Anche in Oriente nel sesto secolo Giustino Imperadore si fece coronare
da Giovanni[416] Patriarca di Costantinopoli: eppure questo Imperadore
dopo sei anni volle essere di nuovo incoronato da Giovanni R. P.
Molti Principi non una, ma più volte vollero usar queste cerimonie:
Pipino padre di Carlo M. si fece ungere la prima volta da Bonifacio
Arcivescovo di Magonza; e tre anni da poi da Stefano R. P. Carlo
stesso ben due volte fu unto ed incoronato, ed imitando suo padre
fece far l'istesso a' suoi figliuoli Pipino Re d'Italia e Lodovico Re
dell'Aquitania[417]. Queste cerimonie adunque non danno Imperj o Regni,
ma suppongono colui che le vuole già Imperadore o Re; siccome non
minor vanità sarebbe, dal giuramento che diede Carlo di voler essere
Protettore e Difensore per quanto potrà della Chiesa romana, ricavarne
alcun frutto, come se quello fosse stato un giuramento di fedeltà o di
ligiomaggio, come alcuni hanno pur sognato.

Ma siccome i Pontefici romani niente possono ricavar da questo fatto;
molto meno ne potè ricavar Carlo stesso o gli altri Imperadori suoi
successori da sì augusto e spezioso titolo, rispetto agli altri
Principi, che a lui non eran sottoposti. Niuna ragione potè di nuovo
recarsegli a riguardo degli altri: e perciò quei Principi ritennero i
loro Reami liberi ed independenti, onde non ragione vantano esser veri
Monarchi, ed i loro Stati vere Monarchie: perciò i Re di Spagna, che
liberi ed assoluti Signori furono sempre de' loro Reami, vantano con
ragione il Regno loro esser Monarchia, nè per conto alcuno all'Imperio
d'Occidente sottoposto. Il Regno d'Inghilterra, dicono i Franzesi e
con essi Gujacio[418], che un tempo salutò l'Imperio come Feudatario,
ma gl'Inglesi, e per essi Arturo Duck[419] costantemente lo niegano.
Carlo istesso, siccome tutti gli altri Imperadori suoi successori,
usarono in Italia la loro Sovranità e Signoria, non perchè forse questo
titolo d'Imperadore portasse loro questa ragione, ma come Re d'Italia
ch'egli era, e siccome furono i suoi successori, i quali si fecero
per ciò in Milano acclamar per tali, ed ungere ed incoronare da quello
Arcivescovo; ed aggiunsero alle leggi longobarde altre lor proprie, non
come Imperadori, ma come Re d'Italia e successori de' Re Longobardi.
Venne sì bene in pensiero a Carlo M., come narra Paolo Emilio[420],
d'unire all'Imperio la Francia e sottoporla alle leggi di quello, ma i
Grandi di Francia abborrirono tal unione: _Cur milites tuos, dicevano,
Regnum tuum, Franciam tuam, Imperii provinciam facere studes Imperioque
subjicere?_ Ond'è che i Franzesi pretendono, che più tosto l'Imperio
fosse membro della Monarchia franzese, che la Francia dell'Imperio.

Che che ne sia, egli per quel che riguarda il nostro instituto, è da
notare, che Carlo M., con tutto questo suo augusto titolo d'Imperadore,
niente rilevò sopra il nostro Ducato di Benevento, sopra quel di
Napoli, e sopra ciò che ritenevano ancora i Greci in queste nostre
province; ond'è che questo Regno dall'Imperio novellamente surto
d'Occidente fu riputato sempre diviso ed independente, e perciò con
ragione vanta i pregi d'una vera _Monarchia_. Si renda più che mai
Augusto e con titoli e con fatti eccelsi Carlo M., che all'incontro
Grimoaldo Principe di Benevento non vuol al suo Imperio sottoporsi.
Le guerre mosse da lui e dal suo figliuolo Pipino contro Grimoaldo,
ora più che mai proseguono ostinate e crudeli; e Grimoaldo altamente
si protestava di voler esser sempre libero così come egli era nato,
resistendo sempre a tutti i Franzesi ed a Pipino impegnato per
abbatterlo, e di ridurre, benchè invano, sotto la sua dominazione
Benevento. E non pure i Popoli di quelle città del nostro Regno,
ch'erano rimase sotto l'Imperio de' Greci, non riconoscevano Carlo
per Imperador romano, reputando questo titolo proprio dell'Imperador
di Costantinopoli; ma gli stessi Beneventani erano ancora di ciò
persuasi, tanto che l'Anonimo Salernitano non merita que' rimproveri
dal Pellegrino, se nella sua istoria, introducendo que' Vescovi che
davano questo titolo a Carlo M. dice, che essi glie lo davano, perchè
così lo chiamavano tutti i suoi Corteggiani e quella gente che portava
seco; poichè, e dice, non può in niun modo chiamarsi Imperadore, se
non colui, che presiede nel Regno romano, cioè costantinopolitano:
e che i Re di Francia allora s'usurpavano quel nome, che essi prima
non avevano mai avuto[421]: nome che per lunga serie d'anni fu sempre
contrastato a' successori di Carlo dagl'Imperadori d'Oriente; poichè
se bene l'Imperadrice Irene e poi Niceforo avessero proccurato tener
alleanza con Carlo, e regolando i termini dei due Imperj, per porvi
ben fermi limiti, e per togliere ogni occasion di contesa, avessero
riputato avere il Principato di Benevento, come un confine ed una
barriera, e col trattato che fu tra di loro conchiuso, avessero
confermato il titolo d'Imperadore a Carlo M., nulladimeno gl'Imperadori
d'Oriente successori di Niceforo, rompendo tutti i preceduti trattati,
mossero ai di lui successori non solamente guerra per le province,
che pretendeano essere state tolte al lor Imperio, ma anche per
questo nome d'Imperadore, che non vollero a patto veruno accordargli;
nè mai Imperadori o Re d'Italia, ma solamente Re di Francia erano
da essi nomati. Anzi l'Imperadore Basilio, avendogli i Legati del
Pontefice Adriano II recate alcune lettere, nelle quali il Re Lodovico
si chiamava Imperadore; ordinò che si radesse in quelle il nome
d'Imperadore, e mandò un suo Legato a Lodovico, al quale per sue
lettere esortò, che per l'avvenire s'astenesse dal nome d'Imperadore;
ma alle querele di Basilio, Lodovico rispose con una ben grave e forte
lettera, che vien rapportata dal Baronio[422] ne' suoi Annali e da
Federico Morelli[423] nelle note a' Temi di Costantino Porfirogenito,
il quale pure, imitando l'esempio di Basilio suo avo, non diede mai
nome d'Imperadore a' successori di Carlo, chiamandogli semplicemente
Re di Francia. Rimasero adunque queste nostre province, sin dal tempo
che risorse il nuovo Imperio d'Occidente, distaccate ed independenti
dall'Imperio, quando lo tennero i Franzesi, e molto più quando
ristretto in una parte della Germania, pervenne in mano degli Alemanni
e d'altre Nazioni, come chiaramente vedrassi nel corso di questa
Istoria.

Carlo intanto, mandati che ebbe ad intercession di Lione in esilio
i suoi accusatori (poichè egli l'aveva condennati a pena capitale)
trattenendosi nel principio di quest'anno 801 in Roma, partì poi da
questa città nel mese d'Aprile, e portossi in Pavia, dove volle agli
editti de' Re longobardi suoi predecessori aggiungere nuove leggi,
che allo stato presente d'Italia fossero più conformi e necessarie.
Molte altre leggi stabilì intorno alle cose ecclesiastiche, praticando
all'uso di Francia, di convocare prima di promulgare, non pur
l'Ordine de' Nobili, de' Magistrati e de' Giudici, come facevano i
Longobardi, ma anche l'Ordine ecclesiastico de' Vescovi, Abati ed
altri Prelati della Chiesa; poichè in questi tempi l'Ordine del Terzo
Stato non era ancora entrato in Francia a parte ne' comuni affari e
deliberazioni[424]. Queste sue leggi, ch'egli stabilì in Pavia come Re
d'Italia, si leggono ancora nel Codice Cavense dopo gli editti degli
altri Re longobardi suoi predecessori: ond'è che ne' tre libri delle
leggi longobarde il compilatore de' medesimi v'inserì anche alcune
di quelle, fra le quali una[425] ve n'è, dove non meno a' Romani
si lasciano intatte le loro leggi, e che secondo quelle dovesser
vivere, che a' Longobardi le loro; e testifica Carlo Sigonio[426]
conservarsi anche in Modena queste leggi, rapportando il proemio delle
medesime consimile a quelli che i Re longobardi solevan preporre a
loro editti. Ciò che i Goti ed i Longobardi chiamarono _Editti_, i
Franzesi appellarono _Capitolari_. Furono così chiamati, perchè, come
dice Doujat[427], erano disposti per capitoli, ovvero capi. Al di loro
esempio gli altri Principi chiamaron pure le loro leggi Capitolari:
anche i nostri Principi longobardi, con tutto che fieri ed ostinati
nemici de' Franzesi, non si sdegnarono in ciò imitargli; onde le leggi
che nel Principato di Benevento furono stabilite da que' Principi,
_Capitolari_ si dissero; e presso Camillo Pellegrino si leggono perciò
i _Capitolari_ d'Arechi, di Sicardo, di Radelchisio e d'altri Principi
beneventani.

Non pure lasciò Carlo intatte le leggi romane e le longobarde, ma,
per quanto la condizione di que' barbari ed oscuri tempi comportava,
si sforzò di restituire la giurisprudenza romana in qualche lustro.
Si riconosceva questa e si racchiudeva non già, come si è veduto, da'
libri di Giustiniano, de' quali in questi tempi in Occidente poca era
la notizia e molto minore l'autorità; ma dal Codice di Teodosio e dal
suo Breviario compilato per Alarico: e quantunque distratto da varie
militari cure, e per la mancanza de' Professori e per l'ignoranza del
secolo, non potesse ridurre ad effetto il suo desiderio, emendò però
come potè meglio il Breviario d'Alarico, donde la legge romana era nel
Foro a' Giudici allegata.

L'esempio del padre imitò Pipino Re d'Italia: ci restano ancora di
lui i suoi Capitolari[428], che come Re d'Italia promulgò, i quali
parimente dopo gli editti de' Re longobardi leggiamo nel mentovato
Codice Cavense: molte sue leggi perciò da quelli estratte, vediamo
inserite nel volume delle leggi longobarde[429]: donde si vede
chiaro, che le leggi che Carlo e gli altri Imperadori d'Occidente suoi
successori stabilirono come Re d'Italia, e che si vedono inserite nel
Corpo delle leggi longobarde, ebbero in Italia forza e vigore, non
perchè fatte come Imperadori, ma come Re d'Italia ch'essi erano. Così
Pipino che non fu mai Imperadore (onde devono emendarsi nel volume
delle leggi longobarde quelle iscrizioni, che portano alcune sue leggi
d'_Imperator Pipinus_) perchè vivente l'Imperador Carlo suo padre era
stato costituito Re d'Italia, fece perciò come tale le sue leggi, le
quali in essa ebbero tutto il vigore, e fra le leggi longobarde de' Re
furono annoverate.

Morì Pipino sul fine dell'anno 810 da poi che Carlo suo padre avea
conchiusa in Aquisgrana la pace con Niceforo, e morì assai giovane in
età di trentatre anni, l'anno 29 del suo Regno, non lasciando che un
figliuolo naturale chiamato Bernardo in età di dodici in tredici anni,
il quale due anni da poi fu dall'avo creato Re d'Italia.

Un anno appresso, sul fine del 811, trapassò ancora Carlo primogenito
dell'Imperadore, a cui il padre avea destinata la Francia colla Turenna
ed una parte del Regno di Borgogna, e morì senza lasciar figliuoli: di
maniera che de' tre figliuoli che egli avea destinati per successori
ne' suoi Stati, non gli rimase che Lodovico Re dell'Aquitania; perciò
associollo all'Imperio, e lo fece coronare in Aquisgrana nel mese di
settembre dell'anno seguente 813. Morì pure in fine, dopo aver regnato
47 anni in età di 70 l'invitto Carlo, Principe che riempiè il Mondo
della sua fama, e che meritamente acquistossi il soprannome di Grande:
morì in Aquisgrana l'anno 814 il dì 28 del mese di gennajo, lasciando
per suo successor dell'Imperio e dei Regni di Francia, di Aquitania e
di Germania _Lodovico_ suo figliuolo, soprannomato il _Pio_, ovvero il
_Buono_, e _Bernardo_ suo nipote Re d'Italia.



CAPITOLO VI.

_Di GRIMOALDO II, SICONE e SICARDO Principi di Benevento; della pace
che formarono co' Franzesi, e delle guerre che mossero a' Napoletani._


Intanto al Principato di Benevento, per la morte accaduta nel 806
di Grimoaldo senza lasciar di se prole maschile (poichè Gottifredo
era a lui premorto), era stato innalzato un altro Grimoaldo, che fu
suo Tesoriero, onde con manifesto errore il Sigonio reputò un solo
Grimoaldo questi due. Fu questi un Principe di genio tutto diverso dal
suo predecessore, di soavi costumi, e molto alla pace inchinato, il
quale per liberar il suo Stato dalle continue scorrerie de' Franzesi,
si risolse di pattuire con quelli una ben ferma pace, ed essendo morto
Pipino, mandò a questo fine suoi Legati all'Imperadore, il quale non
ancora avea dichiarato Re d'Italia Bernardo suo nipote. Carlo che si
trovava allora distratto contro i ribellanti Bretoni, e contro gli
Schiavoni, vi diede orecchio, e contentandosi del tributo offerto
da Grimoaldo, fermò con lui la pace[430]. Da questo tempo innanzi il
Principato di Benevento rimase tributario agl'Imperadori d'Occidente
come Re d'Italia, ed i Beneventani per lungo tempo furono in pace con
i Franzesi.

Diede Grimoaldo all'incontro la pace a' Napoletani: questi due
Popoli, Beneventani e Napoletani, furono quasi sempre in contese,
e non mancavano, come emoli e vicini continue occasioni di guerre.
Questo Principe pose fra loro pace: ma il di lui destino portò, che
quella non guari durasse, per un'occasione che saremo a raccontare.
Governava in questi tempi il Ducato napoletano per l'Imperador Lione
soprannomato l'_Armeno_, Teodoro Duca e Maestro de' soldati, il
quale fermata ch'ebbe la pace con Grimoaldo, amministrava il Ducato
con somma quiete e tranquillità; ma un nobile beneventano chiamato
Dauferio e per difetto di lingua soprannomato il Balbo, di torbido
ingegno e di spiriti ambiziosi turbò pace sì tranquilla; poichè questi
con somma ingratitudine congiurando contro Grimoaldo, da cui in molta
stima era tenuto, eragli venuto in pensiero, dovendo passar questo
Principe, mentre approssimavasi a Salerno, per un ponte di sbalzarlo
e precipitarlo in mare[431]: ma scopertasi la congiura, passando egli
sano e salvo il ponte, fece imprigionar tosto i congiurati: Dauferio
che non ritrovossi presente, ciò conosciuto, tosto si pose in fuga,
e verso Napoli s'avviò, dove da' Napoletani fu accolto, ed il Duca
Teodoro lo ricevè sotto la sua protezione. Se ne offese a dovere
il Principe Grimoaldo, onde per vendicar questi torti, ragunato
all'istante come potè meglio le sue forze così terrestri, come
marittime, verso Napoli incamminossi, e giunto vicino alle mura, vide
opporsi a lui molta gente, che tutti erano in arme per ributtarlo.
Allora Grimoaldo tutto acceso d'ira e di sdegno tentò ostinatamente di
combatterla. Si pugnò ferocemente e per mare e per terra, e fu tanta la
strage de' Napoletani, che per sette e più giorni sì videro l'acque del
lido del mare bruttate del sangue de' morti, narrando Erchemperto[432],
che sino a' suoi dì in terra si vedevano i tumuli de' cadaveri degli
uccisi, essendo restati sul campo cinquemila morti in quella battaglia:
solamente il Duca Teodoro e l'infame Dauferio scamparono dalla
battaglia salvi, e datisi in fuga ed inseguiti, riuscì loro finalmente
porsi dentro le mura della città; ma non perciò trovarono quivi riposo,
poichè piene d'ira e baccanti colle armi alle mani furono inseguiti
dalle donne napoletane, i mariti delle quali eran rimasi uccisi nella
precedente battaglia, ad alta voce sopra di essi gridandogli per
traditori ed infami, e che rendessero loro i mariti, già che per essi
erano stati morti, avendo mossa così ingiusta guerra a' Beneventani.
Intanto Grimoaldo inseguendo i fuggitivi giunse insino alla Porta
Capuana, che trovatala chiusa, col suo stocco la percosse, nè quivi era
chi potesse resistergli. I Napoletani serrate tutte le porte, dentro
le mura si chiusero della città, pensando a difendersi come si potea
il meglio. Sedati intanto per opra del Duca i tumulti e gli schiamazzi
delle donne, cominciò a maneggiarsi la pace, e fu cotanta la destrezza
e l'efficacia di Teodoro, che placato Grimoaldo, Principe per altro
mitissimo e molto inclinato alla misericordia, gliela concedette: si
contentò per ammenda d'ottomila scudi d'oro e che gli fosse restituito
Dauferio; e fu tanta la sua clemenza, che non solo gli perdonò tutti
i tradimenti e ribaldarie, ma anche l'accolse nella sua grazia e nel
pristino favore.

Ma il destino di questo Principe non finì qui per perderlo; poichè
non così tosto Grimoaldo fu salvo di questa congiura, che pochi
anni dapoi glie ne fu ordita un'altra irreparabile, per la quale
finalmente riuscì a' congiurati d'ammazzarlo. Capi di questa congiura
furono Radechi Conte di Consa e Sicone Castaldo d'Acerenza. Era
Sicone uomo di gran autorità in Spoleto, e per doversi opporre a'
disegni di Pipino era entrato in sua disgrazia; onde di lui temendo,
ricovrossi come in sicuro asilo a Benevento, ed accolto dal Principe
Radechi lo creò Castaldo d'Acerenza, lo nudrì presso di lui con tanta
affezione e grazia che lo pose in isperanza di doverlo lasciare suo
successore[433]: Grimoaldo suo figliuolo l'amò anche; ma vedutosi egli
da poi posposto a questo il Grimoaldo, di mal animo lo sofferiva,
aspirando sempre al Principato: unitosi perciò con Radechi, tese
insidie a questo infelice Principe, il quale fu ucciso da costoro
nell'anno 817, ed in suo luogo, guidando il tutto Radechi, fu da'
Beneventani al Principato di Benevento innalzato Sicone ancorchè
straniero. Radechi pentitosi poscia d'una tanta scelleratezza si rendè
poco da poi Monaco in Monte Cassino[434].


§. I. _Di SICONE IV Principe di Benevento._

Sicone quarto Principe di Benevento, per regger con più sicurtà e
stender più oltre il suo Principato sopra i Napoletani, nel primo anno
del suo regno ristabilì di nuovo la pace già prima fatta da Grimoaldo
co' Franzesi, ed in quest'anno 818 confermolla con Lodovico il Buono,
il quale, per la morte di Bernardo, era succeduto anche nel Regno
d'Italia, promettendogli parimente il tributo. Da poi dal suo genio
torbido ed ambizioso fu portato a movere aspra e crudel guerra a'
Napoletani, avendo intanto assunto per Collega Sicardo suo figliuolo,
a cui diede per moglie la figliuola di Dauferio[435].

Il pretesto si narra che fosse, per aver i Napoletani discacciato
_Teodoro_ loro Duca, molto suo stretto e caro amico, e per aver eletto
in suo luogo _Stefano_. Cinse Napoli per mare e per terra di stretto
assedio, infinchè buttata a terra una parte della muraglia verso il
mare, per quivi già meditava col suo esercito entrar trionfando; e
sarebbegli certamente riuscito allora, ciò che i suoi predecessori
non poteron mai conseguire, di sottopor Napoli al suo Principato,
se l'astuzia e l'inganno del Duca Stefano e de' Napoletani non
fossero stati pronti; poichè avendogli il Duca dimandata la pace, con
offerirgli la città, che si rendeva già al vincitore, gli chiese che
per allora si trattenesse d'entrarvi, potendo ciò fare la mattina
del giorno seguente nella quale avrebbe più gloriosamente potuto
entrar trionfando[436]: ed acciocchè Sicone prestasse a lui tutta
la fede, gli mandò per ostaggi pegni assai cari, la propria madre
e due suoi figliuoli. Gli credette Sicone, e mentre s'apprestava la
mattina del seguente giorno per entrar nella città tutto fastoso e
trionfante, i Napoletani presto presto, la notte che si frappose,
rifecero la muraglia e tutti la mattina per tempo si fecero veder
pronti alla difesa. Arse di rabbia e di sdegno Sicone con Sicardo
suo figliuolo, nè lasciarono di batter la città più ferocemente e con
maggior ostinazione per obbligarla a rendersi. Ma ostinati ugualmente
i Napoletani, respinsero con ugual ardire e ferocia gli assalti: tanto
che per molto tempo appresso durò questa guerra vie più ostinata e
crudele. I Napoletani da dura necessità costretti, e vedutisi negli
estremi perigli, finalmente pensarono di ricorrere agli aiuti di
straniere forze: lontani eran gli aiuti dell'Imperador d'Oriente, il
quale implicato in altre imprese a tutto altro avea l'animo rivolto,
che di soccorrer Napoli. Risolsero per tanto di ricorrere al presidio
de' Franzesi; ed avendo mandato a sollecitar l'Imperador Lodovico,
furon loro dal medesimo somministrati, aiuti e ancorchè piccioli,
nulladimeno furon tali, che per qualche tempo poterono prolungare la
difesa e render vani gli sforzi di Sicone. Ma poichè da questi Principi
stranieri, come distratti in cose più premurose, non si continuavano
i soccorsi, e dall'altra parte in Sicone non si vedeva per niente
scemata la ferocia e l'ostinazione; non potendo i Napoletani sostenere
più lungamente l'assedio, proccurarono per mezzo del loro Vescovo
Orso di trattar la pace con Sicone, con quelle condizioni meno dure
che si potesse. Fu tale l'efficacia ed il modo di questo Prelato, che
portatosi da Sicone, tanto lo pregò, che finalmente gliela concedette
con questi patti: che da allora avanti dovessero i Napoletani pagar a'
Principi di Benevento ogni anno il tributo, che chiamarono _Collatam_:
e che il corpo di S. Gennaro, Vescovo che fu di Benevento, che i
Napoletani tenevano nella sua Basilica fuori le mura, e ch'egli si avea
già tolto, seco nel potesse portare in Benevento. Furono accordati i
patti e dati gli ostaggi; con solenne giuramento promettendo il Duca ed
i Napoletani di pagar ogni anno il tributo infra loro accordato. Ecco
come rimase il Ducato di Napoli tributario al Principato di Benevento,
siccome fu per molti anni appresso nel tempo degli altri Principi
suoi successori. Sicone fece ritorno in Benevento, ove seco con gran
tripudio condusse il corpo di S. Gennaro, che ivi per molto tempo
fu venerato[437]. Altri aggiungono, che il Duca Stefano fosse stato
scacciato da Napoli e che per opra di Sicone fosse stato fatto uccidere
da' Napoletani stessi, i quali in suo luogo crearono _Buono_ per lor
Duca.


§. II. _Prima invasione de' Saraceni in queste nostre Contrade._

Intorno a questi medesimi tempi (narra Erchemperto Scrittor
contemporaneo) cominciarono le scorrerie de' Saraceni in queste
nostre contrade; poichè venuti dall'Affrica, a guisa di sciami d'api
ingombrando la Sicilia, dopo aver preso Palermo, e devastate le città e
terre di quell'isola, oltrepassando il mare, assalirono queste regioni,
e prima in Taranto sbarcati, portarono a' Greci e poi a' Longobardi
beneventani tante rivoluzioni e disordini, che miseramente afflissero
queste nostre province.

Li Saraceni egli è certo, che sono venuti da quegli Arabi, che erano
discesi da Ismaele figliuolo della fantesca Agar, i quali per questo
furono chiamati Ismaeliti ed Agareni; perciò, per coprire questa
origine che veniva loro rimproverata, presero un nome più onorevole
e si chiamarono Saraceni, come se Ismaele loro padre fosse venuto di
Sara moglie d'Abramo: così ne discorre un Autor greco[438], benchè
i dotti[439] nella lingua e nell'istoria arabica stimino, che gli
Arabi abbian preso questo nome da una delle più nobili parti del loro
paese nominato Sarac. Altri dissero, che gli Arabi presero il nome di
Saraceni dal modo di vita pastorale e vagante, che menavano in campagna
fra le arene infelici della Beriara, i quali secondo l'invito del
pascolo mutavano abitazione.

(Ma _Adriano Relando_, nella sua _Palestina illustrata _[440], crede
che gli Arabi chiamavano _Saraceni_ questi Popoli, perchè abitavano ne'
luoghi rivolti ad Oriente, ed Eduardo Pocockio in Notis ad Abulfaraium
p. 34 dice lo stesso, che i Saraceni universalmente siano li stessi,
che Orientali, onde Ludewig in Vita Justiniani M. C. 8. §. 138 _num._
847 pag. 585, confermando lo stesso, scrisse: SHARAK _Oriens_, SARACENI
_Orientales universim incolae praesertim Arabiae_).

Avanti a Maometto erano divisi in molti piccioli Regni, e professavano
anche differenti religioni: gli uni avevano abbracciato il Giudaismo,
erano gli altri Sammaritani; ve ne fu medesimamente de' Cristiani,
e la maggior parte erano Pagani. Ma da poi che nell'anno 623 questo
Impostore ebbe pubblicata la sua legge e stabilita a forza d'armi,
tutti finalmente la riceverono e si sottomisero al di lui Imperio,
riconoscendolo non meno per Padrone che per Profeta.

Dopo la morte di questo famoso Impostore, accaduta nell'anno
632, i Principi arabi di lui successori gettandosi sopra le terre
dell'Imperio, si renderono in pochi anni padroni della Palestina,
Giudea, Siria, Fenicia e dell'Egitto. Impadronironsi poi della
Mesopotamia, di Babilonia e della Persia: indi fatti più potenti e
formidabili, v'aggiunsero l'Armenia, donde si diffusero nelle province
dell'Asia minore: e fatti anche potenti in mare conquistarono le
isole di Cipro e di Rodi; dall'altra parte verso Mezzo giorno, passati
dall'Egitto in Affrica, ne scacciarono facilmente i Greci e vi presero
in fine Cartagine. Quindi rendutisi Signori di tutto il paese in
pochissimo tempo, e rinforzati da quella moltitudine innumerabile
di Mori affricani, i quali abbracciarono il Maomettismo, presero
l'opportunità, che loro si presentò d'invadere la Spagna.

Passati anche dall'Affrica in Sicilia posero nell'anno 820 in
iscompiglio quell'isola, e con incendj e saccheggiamenti menavano in
cattività i Cristiani. Distesero le leggi dell'Alcorano sopra tutte
le province debellate: da Abubekir, Alì Mortozà, Omar ed Odonan che
furono i primi successori di Maometto ed espositori del suo _Alcorano_,
ne uscirono le quattro Sette: l'una fu abbracciata dagli Arabi e Mori;
l'altra dai Persiani; la terza da' Turchi; e l'ultima da' Tartari.

Dalla Sicilia sbarcati a Taranto ne discacciarono i Greci, e posero in
ispavento e terrore quella regione; ma maggiori furono le calamità,
quando per le discordie interne de' nostri Principi furono da essi
chiamati per ausiliarj; onde tutto andò in ruina e desolazione come più
innanzi narreremo.

Avea intanto l'Imperador Lodovico in una Adunanza generale tenuta in
Aquisgrana nell'anno 817 associato all'Imperio Lotario suo primogenito,
dichiarandolo anche Re d'Italia; ed a' due altri suoi figliuoli, a
Pipino diede l'Aquitania, ed a Lodovico la Baviera. Confermò poi questa
divisione nell'anno 821 in un'altra Adunanza tenuta in Nimega; ma
entrata, per questa divisione, nella famiglia regale grave discordia,
l'Imperio si rese molto indebolito, tanto che a lungo andare, uscito
dalle mani de' Franzesi, si vide ristretto in una parte d'Alemagna
sotto Principi d'altre nazioni. S'aggiunse ancora, che Lodovico
dopo aver divisi i suoi Stati fra i suddetti tre figliuoli natigli
da Ermengarda, casatosi con Giuditta sua seconda moglie, n'ebbe da
questa un altro nomato Carlo, al quale, a persuasione della medesima,
fu assegnata da principio l'Alemagna, la Rezia e la Borgogna; e
poichè ciò diminuiva la parte degli altri, eglino se ne mostrarono
mal soddisfatti: origine che fu di sì crudeli ed aspre guerre tra
costoro contro il proprio padre e la madrigna, che posero sossopra non
men la Francia che l'Alemagna. La morte poi di Pipino Re d'Aquitania
accaduta nell'anno 838 tornò a sconvolgere l'Imperio, che si vedea
alquanto in riposo; poichè avendo questi lasciato due figliuoli Pipino
e Carlo, l'Imperadrice Giuditta avea stabilito di privargli del Regno
d'Aquitania e di dividerlo fra il suo figliuolo Carlo e Lotario, senza
farne parte a Lodovico di Baviera. Ma Lodovico, postosi alla testa
delle sue truppe, tentava impedire questi disegni; e dall'altra parte
gli Aquitani gridarono per loro Re uno de' figliuoli di Pipino; ed
all'incontro l'Imperador Lodovico vi accorse e vi fece riconoscere per
Re Carlo in un Adunanza tenuta in Chiaramonte: poi lasciata sua moglie
e suo figliuolo Carlo in Poitiers passò in Aquisgrana e di là entrò
in Turingia e costrinse Lodovico a riritirarsi in Baviera. Convocò poi
un'Adunanza in Vormes, dove infermossi ed essendosi fatto trasportare
in un'isola dirimpetto ad Ingelheim vicino a Magonza, finì quivi i suoi
giorni a' 20 giugno dell'anno 840, mandando prima di morire a Lotario
la corona, la spada e lo scettro, insegne della dignità imperiale, che
rinuziava ad esso.

Ci rimangono ancora dell'Imperador Lodovico il Pio, come Re d'Italia,
alcuni suoi Capitolari, che volle aggiugnerli a quelli di Carlo M.
suo padre ed agli editti degli altri Re d'Italia longobardi suoi
predecessori, e si leggono nel mentovato Codice Cavense insieme con
quelli di Lotario suo figliuolo e successore nell'Imperio, e nel Regno
d'Italia, stabiliti nel Pontificato di Papa Eugenio II. Stefano Baluzio
raccolse molti altri Capitolari di Lodovico il Pio, che come Imperadore
fece in Aquisgrana, nè si dimenticò di questi, che da lui stabiliti
come Re d'Italia fra le leggi longobarde s'annoverano[441].

Intanto i nostri Principi beneventani, ancorchè avessero fermata co'
Napoletani quella pace, non durò guari che non si venisse di nuovo
a romperla, ed a ritornarsi agli atti ostili. Col pretesto che i
Napoletani fossero pigri e lenti a pagargli il tributo si rinnovò
coll'istesso Principe Sicone la guerra, la qual continuò fin ch'egli
visse. Morì Sicone nell'anno 832, dopo aver regnato in Benevento
quindici anni, ed i Beneventani gli ersero un magnifico tumulo, in cui
in molti versi esaltarono i suoi gloriosi fatti, che posto avanti la
porta della chiesa Cattedrale di Benevento ora si legge presso Camillo
Pellegrino fra gli altri tumuli de' Principi longobardi[442].


§. III. _Di SICARDO V Principe di Benevento._

Sicardo suo figliuolo, che ancor vivente suo padre fu partecipe del
Governo, gli successe nel Principato, il quale vedutosi solo a regnare,
volle nella ferocia e crudeltà di gran lunga superar suo padre.
Proseguì la guerra co' Napoletani col pretesto, che non gli pagavano
il tributo, i quali però gli fecero tal resistenza sotto Buono lor
Duca, a Stefano succeduto, ch'essendosi i Beneventani fortificati
in Acerra ed Atella, diroccarono questi castelli e posero in fuga il
presidio. Durante il breve Ducato di Buono, che non fu più d'un anno e
mezzo, sotto l'Imperio di _Teofilo_, il quale per la morte di _Michele
il Balbo_ suo padre reggeva allora l'Oriente, le cose de' Greci in
queste nostre regioni e nella Longobardia _Cistiberina_ andarono
assai prospere[443]; ma morto questo Duca nell'anno 834 ritornarono i
Napoletani nell'antiche angustie: perciò essi piansero amaramente una
tanta perdita, e rizzarongli in memoria del lor dolore un magnifico
tumulo, ove in versi acrostici colmarono di eccelse lodi le sue virtù
ed il suo infinito valore, per avere respinti i Beneventani, ancorchè
formidabili e, per forze, di gran lunga a' Napoletani superiori, e
discacciatigli da Atella e da Acerra, luoghi ch'essi avean così ben
muniti e fortificati. Questo tumulo ancor oggi si vede in Napoli nella
chiesa di Santa Maria a _Piazza_ nel quartiere di Forcella, e vien
anche rapportato dal Chioccarelli[444] e dal Pellegrino nell'Istoria
de' Principi longobardi. Morto Buono fu creato Duca _Lione_ suo
figliuolo, il quale non governò più il Ducato di Napoli che sei mesi;
poichè tosto ne fu scacciato da _Andrea_ suo suocero.

Ma siccome i Napoletani per poco goderono le tante virtù di Buono, così
all'incontro i Beneventani per molto ebbero a sofferire la crudeltà
e gl'inumani costumi di Sicardo; poichè questi datosi in braccio
a Roffrido suo cognato, figliuolo che fu dell'infame Dauferio, il
quale d'iniquità sormontava il padre, per li rei consigli di costui
si portò così crudelmente co' Beneventani, che gli pose nell'ultima
disperazione. Per le sue ingannevoli arti e modi accorti avevasi
Roffrido posto in mano il cuore di Sicardo, e ridottolo in tanta
servitù, che niente operavasi senza il suo consiglio. Roffrido fu
l'autore di tutte le scelleratezze adoperate da questo Principe: egli
in prima colle sue arti fallaci l'indusse senza cagione veruna a mandar
a perpetuo esilio Siconolfo fratello di Sicardo: fece imprigionare
quasi tutti i Nobili beneventani, e molti condennare a morte: e ciò per
fine sì reo, affinchè Sicardo abbandonato così da' congiunti, come da'
suoi Baroni, essendo interamente posto nelle sue mani, potesse un dì
più facilmente farlo morire, ed egli occupare il Principato. Per questi
medesimi perversi disegni fece, che Sicardo facesse tosare i capegli
a Majone suo cognato ed in un monastero lo chiudesse; fece strangolar
Alfano, il più fedele e forte, ed il più illustre uomo che avesse
quell'età; tanto che i Beneventani, non potendo più soffrire tanta
indignità e sì dura tirannia, finalmente furono risoluti di trovar modo
d'uccidere il proprio lor Principe.

Intanto da Sicardo con ugual ardore si proseguivano le guerre co'
Napoletani, i quali non potendo a lungo andare sostener le forze d'un
sì potente e crudel nemico, si risolsero finalmente per mezzo del
loro Vescovo Giovanni, accoppiandovi anche l'autorità di Lotario I,
Imperatore ed insieme Re d'Italia, a chi erano ricorsi, di ristabilir
di nuovo la pace co' Beneventani. L'opera e l'industria del Vescovo
Giovanni fu cotanto efficace, che se bene da Sicardo non potesse
ottener pace perpetua, l'ottenne però per cinque anni. Al che Sicardo
ne men sarebbe venuto, se Andrea, che allora governava il Ducato
napoletano, avendo chiamato in suo ajuto i Saraceni, non l'avesse per
timore de' medesimi fatto venire a concluderla[445]: siccome l'evento
lo rese chiaro, perchè rimandati che n'ebbe Andrea i Saraceni, Sicardo
cercava differirne la conchiusione: ma essendo ricorsi i Napoletani a
Lotario, vi mandò questi Contardo, il quale operò, che la pace fosse
con effetto stabilita (dopo il corso di sedici anni di continua e
crudel guerra) nell'anno 836, e furono di buona fede accordati i patti
con Giovanni Vescovo ed Andrea Duca.

L'istromento di questa pace o sia il Capitolare di Sicardo fatto per
la medesima, noi lo dobbiamo alla diligenza di Camillo Pellegrino[446],
dove molte cose notabili s'incontrano intorno a' riti ed alle leggi di
questi Popoli. Si rende ancora per questo istromento manifesto quanto
in que' tempi si stendessero i confini del Ducato napoletano e quali
fossero i luoghi adiacenti ed a quello soggetti. Si vede chiaro, che
oltre a Sorrento ed alcuni altri vicini castelli, abbracciava anche
Amalfi: che i patti e le convenzioni si regolavano secondo le leggi
longobarde, che in questi tempi erano la ragion dominante. Si conviene
ancora espressamente, che i Napoletani, siccome avean promesso in vigor
dell'altra pace firmata con Sicone padre di Sicardo, continuassero
a pagare a' Principi di Benevento ogni anno il solito tributo,
altrimente che potessero essere pegnorati. Che fra questi due Popoli
vi fosse, durando i cinque anni della pace, perfetta amicizia, e che
vicendevolmente non s'impedissero i loro negozj e traffichi, fossero
per mare o per fiume o per terra: che si restituissero con buona fede
i fuggitivi dell'una e dell'altra parte e le loro robe: e molte altre
capitolazioni ivi si leggono, che non fa mestieri qui rapportare.

Conchiusa questa pace, narrasi, che i Saraceni da Sicilia sbarcati a
Brindisi occupassero quelle città e depredassero i luoghi convicini,
ma accorsevi tosto Sicardo per reprimere questa irruzione; ancorchè
fosse stato ne' primi incontri rispinto, ristabilito meglio il suo
esercito, di nuovo andò ad assalirgli; onde vedendo i Saraceni non
poter resistere, datovi prima il sacco, bruciarono Brindisi, e fatti
schiavi molti di que' cittadini, co' medesimi e con la preda fecero in
Sicilia ritorno.

Narrasi ancora, che intorno a' medesimi tempi, surte fra gli Amalfitani
gravi discordie, molte famiglie di quella città fossero andate ad
abitare in Salerno, dove da Sicardo furono benignamente accolte; il
quale approffittandosi della congiuntura, e vedendo quasi vota quella
città d'abitatori, le medesime truppe, che egli avea unite contra i
Saraceni, le drizzò per l'assedio d'Amalfi, e rompendo la pace fatta
co' Napoletani ritornò a devastare i confini di questo Ducato: di
che Andrea Duca fieramente sdegnato, vedendo non poter colle proprie
forze reprimere la ferocia del nemico, spedì di nuovo Ambasciadori
all'Imperador Lotario, pregandolo di nuovi soccorsi: (ricorrevasi
agl'Imperadori d'Occidente, poichè da quelli d'Oriente, per le
rivoluzioni della Corte di Costantinopoli, niente potea sperarsi,
ed i soccorsi eran molto tardi e lontani) Lotario benignamente
ricevutigli, rimandò in Napoli Contardo: ma questi quivi giunto, trovò
ch'era cessato ogni pericolo per la morte opportunamente accaduta
di Sicardo[447], il quale da' Beneventani stessi era stato poc'anzi
ucciso; poichè questo Principe imperversando vieppiù contro i medesimi,
e dando l'ultime pruove della sua tirannide ed estrema avarizia, diede
in eccessi orribili. Per avidità di denaro carcerò _Deusdedit_ celebre
Abate di monte Cassino: spogliò molte Chiese e monasteri de' loro
poderi. Tolse per violenza a molti Nobili ed anche a gente di minor
condizione le loro sostanze; ed insultò di stupro una nobilissima
matrona beneventana. A tutto ciò s'aggiungeva la superbia di Adelchisia
sua moglie, e l'ignominia alla quale espose molte matrone beneventane,
che le fece denudare con esporle in pubblico per ludibrio della
gente, per vendetta che un dì fu lei per casualità veduta nuda da un
beneventano.

Ridotti per tanto i Beneventani nell'ultima disperazione, si risolsero
d'ucciderlo, ed avendo ben disposti i mezzi, fu il tiranno da' suoi
più domestici trucidato l'anno 839 con giusto compenso; poichè siccome
Sicone suo padre fece uccidere Grimoaldo, così Sicardo suo figliuolo
riportò condegna pena della colpa del padre e delle sue crudeltà e
scelleratezze. Non fu pianto da' Beneventani, e perciò di lui non si
legge tumulo alcuno in fra gli altri de' Principi beneventani. Morto
adunque il tiranno, fu concordemente eletto per Principe di Benevento
_Radelchisio_, che fu Tesoriere di Sicardo, Principe di nobili maniere
e di costumi d'ogni virtù adorni: nel cui Principato cominciarono le
cose de' nostri Longobardi a declinare, non pure per le scorrerie di
straniere nazioni, ma molto più per l'interne discordie de' Principi
stessi longobardi, onde si vide finalmente questo Principato diviso in
tre _Dinastie_: origine che fu della caduta dei Longobardi in queste
nostre province, come, dopo aver narrato la politia ecclesiastica di
questi tempi, si vedrà nel seguente libro di questa Istoria.



CAPITOLO VII.

_Politica ecclesiastica delle Chiese e Monasteri del Principato
beneventano._


Divisa la Chiesa greca dalla latina, e vie più crescendo le occasioni
d'una irreconciliabile separazione, e rimanendo sotto l'Imperio greco
molte città di queste nostre province, si vide la politia delle nostre
Chiese non in tutte uniforme, ma molto varia e discorde: secondando
la politia della Chiesa quella dell'Imperio. Il Regno d'Italia
trapassato da' Longobardi franzesi sotto Carlo M., che fu eletto ancora
Imperadore d'Occidente, era governato da questo Principe non tanto con
questo spezioso titolo, quanto come Re, ed amava non meno intitolarsi
Re d'Italia, ovvero dei Longobardi che di Francia ed Imperadore.
Quindi, ancorchè i nostri Principi beneventani si opponessero alla
sovranità, ch'egli come Re d'Italia, e succeduto in luogo de' Re
longobardi, pretendeva sopra il Principato di Benevento; nulladimanco
il titolo d'Imperadore il rendè da poi più Augusto e più tremendo;
e le occasioni, che si presentarono così a lui, come agl'Imperadori
Lodovico e Lotario suoi successori, resero i nostri Principi longobardi
beneventani agli Imperadori d'Occidente tributari; onde avvenne, che
la politia di tutte le Chiese, ch'erano dentro i confini d'un sì vasto
ed ampio Principato, s'adattò a quella dell'Imperio d'Occidente, ed
alla disposizione che Carlo M. e gli altri Imperadori suoi successori
diedero alle Chiese occidentali, delle quali, anche di quelle ch'erano
dentro il Principato di Benevento, ne presero cura e protezione. Furono
in conseguenza le Chiese di questo Principato sottoposte alla Chiesa
latina, e dal Patriarca d'Occidente come prima erano rette e governate:
in niente potendo in quelle prevalere il potere e l'ambizione del
Patriarca d'Oriente.

Carlo M. adunque eletto Imperadore d'Occidente, e rendutosi per
li segnalati servigi prestati alla Chiesa romana cotanto di lei
benemerito, spinse Adriano e Lione III, romani Pontefici, a ricolmarlo
de' più grandi onori, che si fossero giammai intesi. Fuvvi una
vicendevol gara fra essi di liberalità e cortesia. Carlo in profondere
province, città, giurisdizione ed altri beni temporali: i Pontefici
all'incontro lo ricompensavano di beni spirituali. In cotal guisa
terminaronsi a confondere le due potenze, e quando prima i confini
che le separavano eran ben chiari e distinti, si resero da poi assai
più confusi ed incerti: onde dai savj[448] fu creduto, che Carlo M.
venne assai più di quel che fece Costantino M. ad accelerare non meno
la ruina della potestà politica dell'Imperio, che della Chiesa stessa,
corrompendo vie più la sua antica disciplina.

Quantunque il Baronio[449] e Pietro di Marca[450] riputino favoloso
il Concilio lateranense, che Sigeberto[451] narra essersi convocato
da Adriano in Roma, da poi che Carlo ebbe trionfato del Re Desiderio,
creduto per vero da Graziano[452] che seguì la fede di Sigeberto, dove
narrasi essersi conferita a Carlo M. la potestà d'eleggere il Papa
ed ordinare la Sede appostolica; nulladimanco, se a Carlo non fu tal
facoltà espressamente conceduta da Adriano per quel Sinodo, siccome
fece da poi Lione VIII a Ottone I, ebbe egli in effetto quella ragione,
che niun Papa senza il suo consenso e permesso potesse consecrarsi:
siasi ciò introdotto per consuetudine, come dice Floro Magistrato[453]
che visse ne' tempi di Lodovico Pio: siasi per concessione di Papa
Zaccaria, come credette Lupo Ferrariense[454]: sia perchè non volle
egli esser riputato meno degl'Imperadori d'Oriente, i quali erano in
possesso di confermare il Papa eletto, nè poteva esser consecrato, se
prima l'Imperadore non l'approvava; egli è certo, che Carlo disponeva
della Sede appostolica a suo modo, con compiacimento degli stessi
romani Pontefici, li quali volentieri lo permettevano, così per
rendersi grati a Carlo per li tanti e sì segnalati beneficj ricevuti,
come anche per togliere affatto ogni speranza agl'Imperadori d'Oriente
di racquistare sopra la Chiesa di Roma questa preminenza, della quale,
perduto l'Esarcato e Roma, n'erano stati spogliati.

Stabilì per tanto Carlo l'elezione del Pontefice romano nella stessa
guisa appunto com'era stabilito, quando gl'Imperadori d'Oriente
dominavano Roma, cioè che fosse il Papa eletto dal Clero e dal Popolo,
ed il decreto dell'elezione fosse mandato all'Imperadore, il quale
se l'approvasse fosse l'eletto consecrato. Morto Carlo, li suoi
successori Lodovico Pio e Lotario si mantennero in questo possesso; e
quantunque alle volte i Papi eletti dal Clero e dal Popolo si fossero
fatti consecrare, senza aspettar decreto dell'Imperadore, come accadde
nell'elezione di Pascale; nulladimanco questi mandò tosto a scusarsi
con Lodovico figliuolo di Carlo, che non era ciò proceduto per sua
volontà, ma per forza del Popolo, che così aveva voluto. Restituì
bensì Lodovico per suoi capitolari la libertà dell'elezioni non pur
de' Papi, ma di tutti i Vescovi; ma non perciò derogò all'assenso
ed all'approvazione del Principe, come ben pruova l'Arcivescovo di
Parigi[455]; anzi questo insigne Scrittore, per la testimonianza di
Floro Magistro, Autore contemporaneo, dimostra che Lodovico sempre
fu richiesto dell'assenso, nè permetteva la consecrazione senza il
suo permesso, rapportando ancora, che dopo l'anno 820 essendo stato
eletto Gregorio IV non fu prima ordinato, se non da poi che il Legato
di Cesare giunto a Roma non esaminò l'elezione: tanto è lontano ciò
che alcuni ingannati dall'apocrifo C. _Ego Ludovicus_[456], dissero,
che Lodovico avesse rinunziata questa facoltà di confermare il Papa
eletto. Essendo ancor certo, che non pur Lodovico, ma anche Lotario
di lui figliuolo e Lodovico II suo nipote confermarono tutti i Papi
eletti nelle loro età[457]: e non se non quando s'estinse in Italia la
posterità di Carlo M. nell'anno 884 Adriano III fece decreto, che il
Pontefice si consecrasse senza l'Imperadore.

Si prese anche Carlo pensiero d'ordinare le Chiese d'Occidente con suoi
Capitolari, convocando di sua autorità i Sinodi, dove fece intervenire
non meno i Prelati della Chiesa, che i Signori del secolo, stabilendovi
regolamenti non meno per lo temporale, che per la disciplina delle
Chiese stesse, facendo egli diverse leggi ecclesiastiche per la
distribuzione delle rendite e possessioni delle Chiese e delle decime:
rinovando molti degli antichi canoni, ch'erano andati in disuso.

Ma assai maggiore autorità s'assunse Carlo, eletto che fu Imperadore,
intorno all'elezione ed ordinazione de' Vescovi, ed il tutto fece
con permessione degli stessi romani Pontefici. Restituì egli bensì
la libertà a' Popoli ed al Clero d'eleggere li Vescovi, ma prescrisse
loro più leggi intorno all'elezione: che dovessero eleggere uno della
propria Chiesa o Diocesi: che i Monaci dovessero eleggere l'Abate,
dal loro proprio monastero; e con autorità della Sede appostolica,
e consenso dei Vescovi fugli ancora attribuito, che dopo eletto il
Vescovo o l'Abate si fossero presentati all'Imperadore, e quando
fossero da lui approvati, dovess'egli investirgli, dando loro il
Pastorale e l'anello[458], e poi dovessero essere consecrati da'
Vescovi vicini: donde nacque la ragione delle _investiture_, per cagion
delle quali ne' seguenti secoli sursero tante discordie e contese tra
i Papi e gl'Imperadori.

L'intento suo era, rendendosi in cotal guisa ligi i Vescovi e gli
Abati, stabilir meglio il suo Imperio, e contenere i suoi sudditi con
più stretti legami nell'ubbidienza. Perciò egli, oltre di aver cotanto
innalzata la Chiesa romana, e resala signora di tante città e terre,
arricchì anche l'altre Chiese e monasteri di baronie, di contadi e
di ben ampj e ricchi Feudi, rendendogli signori temporali de' luoghi
ove tenevano i loro benefizj, con unire alla dignità spirituale la
temporale, come a quella accessoria e dependente: ed investivagli
per la temporalità con l'anello e col Pastorale, ricevendone perciò
il giuramento e l'obbligo di molte prestazioni ed angarie, anche
del servizio militare, come qualunque altro Feudatario: ciò che da
Guglielmo Malmesberiense[459] fu riputato un saggio tratto di fina
politica, dicendo che Carlo _omnes pene Terras Ecclesiis conferebat,
consiliosissime perpendens, nolle sacri Ordinis homines tam facile
quam laicos fidelitatem dominii sui rejicere. Praeterea, si laici
rebellarent, illos posse excommunicationis auctoritate et potentiae
severitate compescere._

Accrebbe Carlo eziandio la conoscenza de' Vescovi, e molto più di
quello di Roma: concedè loro _Territorio_ ed il _Jus carceris_[460],
del quale i Pontefici prima di Carlo M., non erano in Roma stessa
stati mai in possesso: e gli altri Principi a sua imitazione lo
concedettero a' Vescovi delle loro città. Ordinò Carlo di vantaggio
ne' suoi _Capitolari_, che indistintamente tutti i Cherici e Monaci o
Monache non potessero essere accusati avanti il Magistrato secolare,
ma solamente avanti il Vescovo; e nel civile che potessero dimandar
la remissione d'ogni causa innanzi al Vescovo[461]. Questo privilegio
fu poi generalmente in ogni causa civile e criminale confermato
dall'Imperador Federico I, e la sua ordinanza fu incorporata nel Codice
di Giustiniano[462], tanto che passò in legge comune; onde nacque
poi quella distinzione, che vi erano due generi d'uomini, Cherici
e Laici; i Laici erano subordinati alla giurisdizione secolare, ed
i Cherici all'ecclesiastica. E se la bisogna fosse rimasta a questi
termini, sarebbe stata comportabile; ma in decorso di tempo, oltre ad
essersi la giustizia ecclesiastica maravigliosamente accresciuta per le
cagioni, che si noteranno nel progresso di questa Istoria, i Papi ed i
Vescovi, a' quali per privilegio de' Principi fur conceduti e Feudi e
giurisdizione, spogliarono i Principi dell'investiture ed assensi nelle
loro elezioni, e si ritennero i Feudi e la giurisdizione, vantando di
vantaggio, che non per loro concessione o privilegio, ma per diritto
divino esercitavan essi giurisdizione sopra le persone ecclesiastiche.

I medesimi favori, morto Carlo, furono continuati da' successori
del suo sangue all'Ordine ecclesiastico, e Lotario I gli concedè
giurisdizione sopra i loro _Patrimonj_, concedendo a richiesta degli
Abati e degli altri Preposti alle Chiese un Giudice particolare in quel
luogo, che chiamavasi _Difensore_, il quale avesse la conoscenza delle
cause, proibendo al pubblico Magistrato di potervisi ingerire[463].

Da questo mescolamento di potenze vicendevolmente comunicate fra'
Principi del secolo e Prelati della Chiesa, ne nacquero in questo
secolo e nel seguente quei tanti disordini e mostruosità: si videro
i Vescovi ed i maggiori Prelati frequentare le Corti de' Principi
ed esser de' loro consigli: guidare come Feudatarj truppe d'eserciti
armati: impacciarsi ne' governi e nelle consulte di Stato: nè in questi
tempi era riputata deformità il vedersi, che chi era Vescovo di Napoli
ne fosse insieme Duca; e quello di Capua essere insieme Vescovo e Conte
di quella città; ciò che fece loro tener a vile ogni altro esercizio
delle cose sacre e spirituali.

Quindi nelle province, che nel Principato di Benevento erano comprese,
come tributarie agl'Imperadori d'Occidente, seguitandosi la medesima
politia, cominciarono i monasteri e le Chiese ad acquistar Feudi e
Baronie; poichè prima di Carlo Magno i Re longobardi nè a' Monaci, nè
a' Cherici concedevan Feudi[464], riputando non ben ciò convenire al
loro stato; ma i Pontefici romani non vi trovarono niun inconveniente,
nè ricusarono la liberalità di Carlo nè degli altri Principi, i quali
a sua imitazione di molti Feudi e Contadi arricchirono le Chiese e
monasteri; ed avendo avuto l'ordine Arnoldo da Brescia di sostenere,
che i Feudi non si potevano concedere alle Chiese, fu nel Concilio di
Laterano condennato per eretico[465].

Non fu riputato inconveniente, che la potenza temporale sia annessa
e resa accessoria e dependente dal Sacerdozio, e che le Chiese e
monasteri investiti dei Feudi, per ciò che riguarda la temporalità,
riconoscessero per signor Sovrano il Principe, dal quale n'erano
investiti, e per ciò che s'appartiene alla spiritualità ed in tutte
l'altre cose il Sommo Pontefice loro Capo e Moderatore. Quindi in
decorso di tempo si videro, particolarmente nella Germania[466], più
Vescovi, Abati e Priori essere Signori temporali delle città, villaggi
e luoghi, dove i loro benefizj erano situati, ne' quali fanno essi
esercitare in nome loro, e sotto la loro autorità tutta la giustizia
civile e criminale come signori laici. E sembrando cosa molto strana,
che per se medesimi esercitassero la giustizia criminale, la fanno
esercitare da' loro Ufficiali, li quali per le ordinanze del nostro
Regno, non altrimenti che si pratica in Francia, devono essere Laici.
Per la qual cosa queste loro Signorie temporali si governano colle
medesime regole, che le altre che sono in mano de' Secolari, e non
ci si può niente notare di particolare, se non che queste essendo
fra i beni ecclesiastici, non sono nè vendibili, ne ereditarie,
ma restano perpetuamente attaccate co' benefizj; donde dipende,
affinchè la sovranità, che vi tiene il Principe, non riesca inutile
ed infruttuosa, togliendosele per ciò ogni speranza di devoluzione,
che siano obbligati a tutte quelle prestazioni, che gli altri Baroni
sono tenuti, esigendosi perciò in vece di rilevj, i _quindennii_[467],
e riputandosi in ciò come tutti gli altri Feudatarj. Quindi parimente
deriva, che presso di noi, secondo l'uso di Francia, le appellazioni,
che s'interpongono nelle cause di queste loro giustizie temporali,
vanno innanzi a' Magistrati regali, non davanti a' Superiori
ecclesiastici[468]: e che le cause debbano essere decise secondo le
nostre Costituzioni ed ordinanze del Re e de' costumi de' luoghi, non
già secondo il diritto canonico[469].

Il primo fra noi, che per concessione de nostri Principi longobardi
abbia posseduto castelli e Baronie, fu il monastero di M. Cassino, onde
a ragione il suo Abate oggi vanta essere egli primo Barone del Regno,
e che ne' Parlamenti generali fra tutti i Baroni gli appartenga il
primo luogo[470]. Marino Freccia[471], dando forse credenza alle favole
di Pietro Diacono[472], continuatore della Cronaca di Lione Ostiense,
scrisse, che Giustiniano Imperadore avesse donato a questo monastero
più città e terre del Regno; quando Lione, che nella sua Cronaca par
che non avesse avuto altro in pensiero, che far un inventario di tutte
le donazioni e concessioni fatte a quel monasterio da varj Principi
e Signori, e da persone private ancora, di cose anche di picciol
momento, non ne fa alcun motto: tralasciando che Pietro Diacono accenna
privilegi non pur di Giustiniano, ma anche di Giustino seniore, che
regnò in Oriente, quando i Goti dominavano tutta l'Italia, e quando
S. Benedetto non ancora era passato nella nostra Campagna, e gito a
Cassino.

(_Niccolò Alemanni nelle note ad Historiam Arcan. Procop. c._ 6,
dove questo Istorico rapporta, che _Giustino_ per non sapere scrivere
fecesi formare certo istromento di legno per sottoscrivere i Diplomi,
per lo quale potesse esprimere con quattro sole lettere la sua firma,
accuratamente ponderò, che i Diplomi di _Giustino_, che diconsi
conservarsi nell'archivio di Monte Cassino, avendo l'intiero suo
nome, siano apertamente apocrifi, dicendo: _Audieram in Archivio
Cassinensi haberi Justini Diplomata ejusdem manu consignata: ex quibus
formam illarum quatuor literarum excipere, earumque longitudinem
latitudinemque et apicum ipsorum ingenium summa, qua fieri potuisset
industria adamussim exprimere, tibique Lector proponere constitueram.
Sed perfertur ad me ibi_ Justini _nomen integrum esse. Quare diplomata,
quae aliis etiam de causis suspectae fidei olim Baronio visa sunt, ex
hoc Procopii loco imposturae jam quisque facile convincat_).

Gisulfo Duca di Benevento, come fu detto, fu il primo che di Castelli
e Baronie arricchì questo monastero; onde in decorso di tempo per
munificenza d'altri Principi si vide signore anche della stessa
città di Cassino, e posseder eziandio Feudi in altre province, come
in Calabria il Cetraro, nel Contado di Molise S. Pietro di Avellana,
nell'Apruzzi Serra dei Monaci e molti altri in altri luoghi, di cui il
Registro di Bernardo Abate e la Cronica di Lione sono buoni testimonj.
Quindi gli Abati del monastero Cassinense agli Imperadori d'Occidente,
da' quali, secondo il costume, si proccuravan le conferme o sian
_Precetti_, chiamati anche _Mundeburdj_ delle precedute concessioni,
prestavano il giuramento di fedeltà, siccome fecero con Lotario II
Imperadore, riputandosi perciò quel monastero Camera imperiale[473]: e
nella divisione seguita del principato di Benevento tra Radelchisio e
Siconolfo, fu perciò eccettuato questo monastero, come immediatamente
posto sotto la protezione dell'Imperadore: ed Errico VI concedè
all'Abate Rofrido privilegio, esentandolo dalla prestazione di soldati,
alla quale come Feudatario era obbligato: ciò che poi non fece il Re
Guglielmo il Buono: il quale nella spedizione di Terra Santa, ricevè da
questo monastero sessanta soldati e ducento servienti[474].

Non meno i monasteri dell'Ordine di S. Benedetto, che tutti gli altri,
in decorso di tempo sotto i nostri Principi normanni, si videro Signori
di castelli e Baronie. Cacciati intieramente da queste nostre province
i Greci, e l'uso de' Feudi disseminato da per tutto, anche i monasteri
sotto l'Ordine di S. Basilio, e sotto altre Regole ebbero Feudi.
Quello di S. Elia dell'Ordine di S. Basilio ebbe la terra di Carbone
intorno al civile. Gli Abati di S. Marco in Lamis, di S. Demetrio e
tanti altri: gli Ordini di S. Giovanni gerosolomitano, di S. Stefano
e moltissimi altri di diverse religioni, che possono vedersi presso
Ughello, tengono Baronie.

Non meno de' monasteri, le nostre Chiese e' Vescovi ne furono
ampiamente arricchiti. L'Arcivescovo di Salerno possedè un tempo le
terre dell'Olibano e di Monte Corvino: quello di Taranto la terra
delle Grottaglie intorno al civile: l'altro di Consa pure nel civile
le terre di S. Menajo e di S. Andrea. L'Arcivescovo di Bari ebbe
un tempo Bitritto, Cassano, Casamassima, Modugno, Laterza ed altre
terre[475]: quello di Brindisi la terra di S. Pangrazio: quello di
Reggio ritiene ancor oggi li castelli di Bova e Castellace: e l'altro
di Otranto altre terre. Il Vescovo di Lecce S. Pietro in Lama, a
Vernotico ed altri Feudi. Il Vescovo di Bojano dominò un tempo la
terra di S. Polo: quello di Tricario la terra di Montemuro; e molte
altre Chiese, come quella di Cassano, di Teramo, di S Niccolò di Bari
ed altri molti Feudi e Castelli possedono; le quali per non tesserne
qui un più lungo catalogo, possono vedersi ne' volumi dell'Ughello
della sua Italia sacra. Per la qual cosa quantunque nel nostro Regno
lo Stato ecclesiastico non faccia Ordine a parte, come in Francia, ne'
Parlamenti generali intervengono i Vescovi e gli Abati per mezzo de'
loro Proccuratori, ma come dell'Ordine de' Baroni e de' Signori, non
già dell'Ordine ecclesiastico.

Questa era la Politia delle Chiese e de' monasteri in questo nono
secolo del principato di Benevento, dipendenti come prima dal Patriarca
d'Occidente, ed alla Chiesa latina in tutto uniti. Lo Stato monastico
si vide sempre più in maggior splendore e grandezza: molti altri
monasteri dell'Ordine di S. Benedetto tuttavia in quello vi si andavano
ergendo per munificenza de' Principi beneventani e degli Imperadori
stessi d'Occidente. Surse nell'anno 872 per Lodovico Imperadore il
monastero di S. Clemente nell'isola di Pescara dell'Ordine di S.
Benedetto[476]. Nel Gargano e presso Siponto quelli di Calena e di
Pulsano, de' quali ora appena serbasi vestigio.

Benevento si vide anche ornata d'un nuovo santuario; poichè i Saraceni
avendo occupata la Sicilia, e devastando nel 831 l'isola di Lipari,
ove narrasi che fin dall'India fossero state trasferite l'ossa
dell'Appostolo Bartolomeo, violarono anche il sacro deposito, e gettate
per terra le gloriose ossa, furono per revelazione dello stesso Santo,
da un certo Monaco raccolte e da Lipari in Benevento trasportate[477];
il Principe Sicardo le accolse con somma stima e venerazione, e per
lungo tempo furon ivi adorate; ed i Beneventani persuasi, che non
fossero state poi da Ottone trasferite in Roma, rendono a quelle
tuttavia i medesimi onori ed adorazioni.


I. _Politia delle Chiese del Ducato napoletano e delle altre città
sottoposte all'Imperio greco._

Ancorchè nella Chiesa greca non si osservasse tanta deformità e
rilasciamento de' costumi e cotanta ignoranza, quanto nella latina,
ne' Preti e ne' Monaci; nè i suoi Vescovi, nè gli Abati si fossero
veduti possedere Castelli e Baronie, poichè i Greci non conobbero
Feudi; nulladimanco assai maggior discordanza in quella si ravvisava
per l'ambizione del Patriarca di Costantinopoli, e per la dottrina che
sosteneva difforme in alcuni dogmi a quella che insegnava la Chiesa
latina, discordante ancora da quella sopra alcuni punti di disciplina,
oltre a' riti varj e diversi; onde la divisione si rendè maggiormente
ostinata e irreconciliabile. Impugnavano i Greci il primato del Vescovo
di Roma, al quale volevano preferire o per lo meno render uguale
quello di Costantinopoli. Insorsero perciò vari contrasti intorno a'
confini de' loro Patriarcati, e quello di Costantinopoli invase perciò
molte province, che s'appartenevano al Patriarcato di Roma. Fuvvi gran
contrasto sopra la Bulgaria, pretendendo i Patriarchi di Oriente,
ch'essendo stato quel paese tolto a' Greci, e prima governato da'
Vescovi greci, al Patriarca di Costantinopoli doveva esser soggetto:
ebbero in ciò anche il favore dell'Imperador _Basilio_ e di _Lione_
suo figliuolo, che avea associato all'Imperio; onde la Bulgaria,
non ostante le opposizioni ed i protesti de' Legati del Papa, fu
aggiudicata a' Greci e cacciati i Vescovi e' Sacerdoti latini.

L'ambizione de' Patriarchi di Costantinopoli, favoriti dalla potenza
degl'Imperadori d'Oriente, tolse al Patriarcato d'Occidente molte
altre Chiese, le quali al trono di Costantinopoli furono attribuite;
onde nacque, che siccome fu fatta nuova descrizione delle province
dell'Imperio d'Oriente, partendolo in più _Temi_, dei quali Costantino
Porfirogenito compilò due libri; e nuova descrizione degli Ufficiali
del Palazzo e della Camera costantinopolitana, de' quali Codino[478]
e Giovanni Curapalata[479] tesserono lunghi cataloghi; così per
ciò che s'attiene alla politia della Chiesa greca e del Trono
costantinopolitano, i loro Patriarchi proccurarono dagl'istessi
Imperadori d'Oriente, che si facesse nuova descrizione, così delle
Chiese sottoposte al Trono costantinopolitano, molte delle quali
eransi tolte al Trono romano, come degli Ufficiali della gran Chiesa
di Costantinopoli, de' quali similmente Codino e Curapalata ed altri
presso Leunclavio[480] rapportano i nomi e gli uffici: affinchè quelle
Chiese, che si tolsero al Patriarcato d'Occidente, facendosi per
autorità imperiale tal disposizione, ovvero _Notizia_, rimanessero
stabilmente affisse e dipendenti dal suo Trono.

Comunemente si crede, che intorno all'anno 887, a' tempi di Lione
soprannominato il _Filosofo_, da poi che il Patriarca Fozio fu
scacciato dalla Cattedra di Costantinopoli, si fosse fatta tal
disposizione; e Leunclavio[481] fra le novelle di Lione il Filosofo
la rapporta; ma Lione Allacci[482] sostiene, che quella fosse fatta
alcuni anni prima nel 813 nell'Imperio di Lione Armeno: che che
ne sia, si vede per questa disposizione, quanto in questi tempi
avessero i Patriarchi d'Oriente stesa la loro autorità sopra molte
Chiese, e particolarmente sopra quelle di queste province, che prima
s'appartenevano al trono Romano, come province suburbicarie.

Nilo Archimandrita cognominato _Doxapatrius_ in un suo trattato _De
quinque Thronis Patriarchalibus_[483], ch'egli scrisse nell'anno
1143 a Roggiero I nostro Re di Sicilia, per una occasione, che sarà
da noi rapportata, quando de' fatti di questo Principe ci toccherà
ragionare, fa vedere quanto prima possedeva il romano Patriarca, e
ciò che poi fugli tolto da quello di Costantinopoli. Possedeva, egli
dice, tutta l'Europa, le Spagne insino alle colonne d'Ercole coll'isole
dell'Oceano Occidentale, le Gallie, l'isole Britanne, la Pannonia,
tutto l'Illirico, il Peloponeso, gli Avari, i Sclavi, i Sciti insino
al Danubio, la Macedonia, Tessalonica, la Tracia insino a Bizanzio,
la Mauritania, l'isole del Mediterraneo, Creta, Sicilia, Sardegna
e Majorica. Tutta l'Italia, cioè _superiores Alpes, et quae ultra
eas extenduntur: nec non inferiores Gallias, quae Italiae sunt, sive
Lombardiam, quae nunc dicitur Longibardia, et Apuliam et Calabriam et
Campaniam omnem et Venetiam et Provincias, quae ultra sinum Hadriaticum
se se effundunt. Haec omnia_, e conchiude, _Romano subdebantur_.

Ma da poi al Trono costantinopolitano furono sottomesse molte province
e città non meno d'Oriente, che d'Occidente. I Metropolitani di
Tessalonica e di Corinto si sottoposero al Patriarca di Costantinopoli,
e molti altri Metropolitani ed Arcivescovi seguitarono il loro esempio:
_Sicilia praeterea_, e' soggiunge, _et Calabria se Costantinopolitano
supposuerunt, et Sancta Severina, quae et Nicopolis dicitur._

_Sicilia autem universa unum Metropolitam habebat Syracusanum: reliquae
vero Siciliae Ecclesiae Syracusani erant Episcopatus, etiam ipse
Panormus et Therma et Cephaludium et reliquae._

_Calabria quoque unum Metropolitam Rheginum, reliquas vero Ecclesias
Episcopatus Rheginus sibi vendicabat._

_Taurianam, in qua Sancti Fantini Monasterium est._

_Bibonem, cujus locum occupavit Miletum._

_Constantiam, quae Cosentia nunc dicitur et reliquos omnes Calabriae
subjectos._

_Erat et Sancta Severina Metropolis, habens et ipsa sub se varios
Episcopatus._

_Callipolim: Asyla Acherontiam et reliquas: et sunt hae Ecclesiae
descriptae in Tacticis Nomocanonis sub Throno Constantinopolitano._

_Adnexae itaque Siciliae, Calabriae, Sanctae Severinae Sedes Throno
Constantinopolitano, a Romano avulsae: quemadmodum et Creta, sub Romano
cum esset, sub Constantinopolitano facta est. Nihilominus Pontifex
viles quasdam partes et Episcopatus nonnullos in Sicilia et Calabria
habere deprehenditur. Metropoles enim et urbes in eadem illustriores
et digniores, Constantinopolitanus possidebat usque ad Francorum
adventum_; intendendo de' Normanni, i quali avendo discacciati i Greci
da queste province, restituirono al Trono romano tutte queste Chiese,
le quali a quel Patriarcato s'erano da' Greci tolte, come al suo luogo
diremo.

_Sic etiam_, soggiunge Nilo, _in Longobardia et Apulia et in
omnibus his Regionibus, maritimas Metropoles antea possidebat
Constantinopolitanus, reliquas Romanus, ut Regiones illae per partes
possiderentur. Namque Melodus ac Poeta Dominus Marcus, Hydruntum a
Constantinopolitano missus fuisse comperitur. Cum autem universae
Longobardiae Ducatus, quae vetus Hellas erat, sub Imperatore erat
Constantinopolitano, Papa vero separatus sub aliis Gentibus vivebat,
propterea Patriarca Ecclesias obtinebat; num Brundusium et Tarentum a
Costantinopolitano Sacerdotes accipiebat; idque nullum latet._

Conforme a quanto scrisse Nilo è la disposizione ovvero _Notizia_ de'
Metropolitani e de' Vescovi a costoro suffraganei, sottoposti al Trono
costantinopolitano, descrittaci dalla Novella di Lione rapportata da
Leunclavio. Egli ne fece tal Pianta, con questo ordine.

_Ordo praesidentiae Metropolitanorum, qui subsunt Apostolico Throno
Constantinopolis, et subjectorum eis Episcoporum._


Novera tutti i Metropolitani co' loro Vescovi suffraganei, ed in primo
luogo colloca il Metropolitano di Cesarea di Cappadocia: nel secondo
l'Efesino dell'Asia, e di mano in mano tutti gli altri sino al numero
di LVII Metropoli. Nel XXXII luogo vien collocato il trono di Reggio,
ovvero di Calabria coi suoi Vescovi suffraganei in cotal guisa.

_XXXII Rhegiensis, sive Calabriae._

   1. _Bibonensis._
   2. _Taurianae._
   3. _Locridis._
   4. _Rusiani._
   5. _Scylacii._
   6. _Tropoei._
   7. _Amanteae._
   8. _Crotonae._
   9. _Constantiensis._
  10. _Nicoterensis._
  11. _Bisuniani._
  12. _Novocastrensis._
  13. _Cassani._

Nel luogo XLIX vien collocato il trono di S. Severina co' suoi Vescovi
suffraganei.

_XLIX. Severianae, Calabriae._

  1. _Euryatensis._
  2. _Acerentinus._
  3. _Callipolitanus._
  4. _Aisylorum._
  5. _Castriveteris._

Si pongono appresso quelle metropoli, le quali non hanno Trono a se
soggetto, cioè non han Vescovi suffraganei, e fra le altre nel LV luogo
si pone Otranto.

  _LV. Hydruntino qui subsit, nullus est Thronus._

Ed in fine separatamente si noverano i Metropolitani co' Vescovi
lor suffraganei, che furon tolti al Trono romano e sottoposti al
costantinopolitano: quelli che furon tolti dalle diocesi d'Occidente,
si osserva essere i Metropolitani di Reggio in Calabria, e di Siracusa
in Sicilia.

_Avulsi a Dioecesi Romana, jamque Throno Constantinopolitano subjecti
Metropolitani, et qui subsunt eis Episcopi, sunt hi._

  1. _Thessalonicensis._
  2. _Syracusanus._
  3. _Corinthius._
  4. _Rhegiensis._
  5. _Nicopolitanus._
  6. _Atheniensis._
  7. _Patrensis._

_Sub Syracusano, Siciliae._

   1. _Taurominitanus._
   2. _Messanensis._
   3. _Agrigentinus._
   4. _Croniensis._
   5. _Lilybei._
   6. _Drepani._
   7. _Panhormitanus._
   8. _Thermarum._
   9. _Cephaludii._
  10. _Alesae._
  11. _Tyndarii._
  12. _Melitensis._
  13. _Liparensis._

I Greci non potendo alle volte innalzar i Vescovi in Metropolitani,
perchè forse loro non veniva in acconcio toglier le Chiese all'antico
Metropolitano vicino ed attribuirle al nuovo, solevano quando
volevan ingrandire alcun Vescovo, decorarlo col nome d'Arcivescovo,
del quale (essendo solo di dignità, non di potestà, come il nome di
Metropolitano) coloro che n'eran fregiati, non acquistavano altro, che
un maggior splendore e prerogativa sopra gli altri Vescovi di quella
provincia, a' quali negli onori erano preferiti ed anteposti: _Quosdam
Antistites_, dice Balsamone, _non propterea vocari Archiepiscopos, quod
Episcoporum Principes et Ordinatores sint: sed quod primi Episcoporum
habeantur_[484]. Quindi nella disposizione delle Chiese sottoposte al
Trono di Costantinopoli, oltre a' gradi dei Metropolitani, si legge
nell'istessa novella di Lione, ed anche nel libro delle Sentenze
Sinodiche impresso pure da Leunclavio[485] un catalogo d'Arcivescovi
sottoposti al Patriarca d'Oriente, ed infra gli altri al luogo XIV si
legge l'Arcivescovo di Napoli, e dopo lui quello di Messina in questa
maniera.

_Archiepiscopatus._

  14. _Neapolis._
  15. _Messana._

La politia ed il governo delle Chiese del Ducato napoletano, come
compreso nella Campagna, provincia Suburbicaria, s'apparteneva di
ragione al Patriarca di Roma, il quale in effetto, com'è manifesto
dall'Epistole di S. Gregorio M., vi esercitava tutte le ragioni
patriarcali, ancorchè nel politico e temporale all'Imperio d'Oriente
s'appartenesse; ma da poi i Patriarchi di Costantinopoli, favoriti
dalla potenza degl'Imperadori greci, cominciarono a trattar i Vescovi
di Napoli, come di città metropoli d'un non dispregevol Ducato, con
fastosi e resplendenti titoli di Arcivescovi, ed attribuir loro molti
onori e prerogative, per le quali sopra tutti gli altri Vescovi del
Ducato fossero distinti. Si è veduto come Sergio Vescovo di Napoli dal
Patriarca costantinopolitano ricevè la prerogativa d'Arcivescovo; ma
ripreso dal Pontefice romano, pentitosi dell'errore, impetrò da costui
il perdono[486].

Si opponevano a tutto potere i romani Pontefici a queste intraprese
de' Patriarchi di Costantinopoli, ma dopo Lione Isaurico e Costantino
Copronimo Imperadori d'Oriente, crescendo vie più la divisione fra
queste due Chiese, e resi più audaci i Patriarchi costantinopolitani,
per la potenza e favore degl'Imperadori, implacabili nemici de' romani
Pontefici, pretesero che i Vescovi di quelle Chiese che erano rimase
sotto l'Imperio greco, dovessero riconoscergli per loro Patriarchi;
da essi dovessero ricevere le Bolle della Confermazione e della
Consecrazione, ed in tutto ciò che riguardava lo spirituale dovessero
ubbidirgli, siccome nel temporale ubbidivano agl'Imperadori d'Oriente.
E quantunque Bari, Taranto, Brindisi ed altre città della Puglia e di
Calabria si vedessero ora sotto la dominazione de' Principi longobardi:
nulladimeno, essendogli state poi da' Greci, ritolte e ritornate
sotto l'Imperio d'Oriente, come diremo ne' seguenti libri, i Greci
parimente soggettarono le Chiese di quella città al Patriarcato di
Costantinopoli.

La Chiesa di Napoli adunque, se voglia riguardarsi ciò che osarono
i Patriarchi costantinopolitani, fin da questi tempi fu renduta
arcivescovile, non già metropolitana, perchè da que' Patriarchi sol per
onore fugli dato quel titolo di dignità. In Metropoli fu eretta poi nel
decimo secolo da Giovanni romano Pontefice, come diremo al suo luogo;
e per questa cagione nelle Novella di Lione e nel libro delle Sentenze
Sinodiche, Napoli non vien posta nel numero delle metropoli subordinate
al trono di Costantinopoli, ma fra quello degli Arcivescovadi, che il
Patriarca d'Oriente pretendeva a se soggetti. Del rimanente, toltone
questo onore e questa pretensione che vi aveano, non s'avanzarono alla
Consecrazione, poichè i Vescovi di Napoli eletti ch'erano dal Clero e
dal Popolo, andavano come prima in Roma a farsi consecrare da' romani
Pontefici.

Da ciò nacque, che la Chiesa di Napoli, non essendosi mai separata
dalla Chiesa latina, ed all'incontro essendo in città a' Greci
sottoposta, e per lo continuo commercio che avea co' Popoli orientali,
frequentata da' Greci, ebbe Sacerdoti e Cherici dell'uno e dell'altro
rito: due Capitoli, l'un greco[487] e l'altro latino; e più Parocchie
e Chiese non men latine, che greche furono erette, le quali a questi
tempi ed a tali occasioni, non già a quelli di Costantino M. devono
riportarsi. Si noveravano insino a sei greche Chiese parrocchiali,
quella di S. Giorgio _ad Forum_: l'altra di S. Gennaro _ad Diaconiam_:
le chiese de' SS. Giovanni e Paolo: di S. Andrea _ad Nidum_: di S.
Maria Rotonda e di S. Maria in _Cosmedin_[488]: nelle quali i Sacerdoti
secondo il rito greco celebravano i sacrificj ed i divini uffici, i
quali ne' dì stabiliti unendosi co' latini nella maggior Chiesa, con
promiscui riti, e canto latino e greco lodavano il Signore[489].

Dall'aver avuto Napoli due Cleri, un latino e l'altro greco, credette
il nostro Chioccarelli[490], che in Napoli vi fossero parimente stati
due Vescovi, l'un greco e l'altro latino, non altrimenti di ciò,
che narrasi di Cipri a tempo di Papa Innocenzio IV d'aver avuti due
Arcivescovi un latino e l'altro greco: così egli interpretando gli
atti della vita di S. Attanasio Vescovo di Napoli. Ma ciò ripugna a
tutta l'istoria ed a' tanti cataloghi che abbiamo de' Vescovi di questa
città; ne' quali non mai si legge tal deformità nella Chiesa di Napoli;
onde il P. Caracciolo[491] riprovò quest'errore, e spiegò l'ambiguità
degli atti di quel Santo, compilati per Pietro Diacono Cassinese, che
diedero la spinta maggiore al Chioccarelli di così credere.

Il Vescovo adunque di Napoli, ancorchè decorato dal Patriarca di
Costantinopoli con nome di Arcivescovo, sopra i Vescovi del suo Ducato
non esercitava ragione alcuna di Metropolitano, gli precedeva solamente
nell'onore e in dignità, come Vescovo di città Ducale; ed in quest'età
i Vescovi del suo Ducato erano Cuma, Miseno, Baja, Pozzuoli, Nola,
Stabia, Sorrento ed Amalfi: in decorso di tempo, Sorrento ed Amalfi
furono innalzate a metropoli; e Cuma, Miseno, Baja e Stabia distrutte.
Ma se Napoli perdette queste città, resa poi anch'ella metropoli,
acquistò Avversa edificata da' Normanni, Ischia, Acerra, Nola e
Pozzuoli, che lungo tempo al suo Trono furono suffraganei.

Nelle altre nostre Chiese delle città, sottoposte al greco
Imperio, maggiore autorità fu veduta esercitarsi da' Patriarchi
di Costantinopoli, e particolarmente nella Chiesa di Reggio, di S.
Severina e di Otranto: e da poi ch'ebbero i Greci ricuperato Taranto,
Brindisi e Bari ed altre città di Puglia e di Calabria, la medesima
autorità in quelle vi pretesero esercitare.

Costituirono Reggio metropoli, e gli attribuirono, come si è veduto,
tredici Vescovi suffraganei. Eressero in metropoli S. Severina, ed
al suo Trono sottoposero cinque Vescovi. Al Metropolitano d'Otranto
non assegnarono Trono; ma a' tempi di Niceforo Foca intorno l'anno
968, sedendo nella Chiesa di Costantinopoli Policuto Patriarca, gli
furono dati i Vescovi d'Acerenza, di Turcico, di Gravina, di Matera
e di Tricarico per suffraganei, la consacrazione de' quali, come
narra Luitprando Vescovo di Cremona[492], volle che al Metropolitano
d'Otranto s'appartenesse; e dilatò cotanto Niceforo i confini di
questa metropoli e 'l rito greco, che comandò che in tutta la Puglia
e la Calabria, i divini uffici non più latinamente, ma in greco si
celebrassero; ed ampissimi altri privilegi furono a quello conceduti,
che possono vedersi appresso Ughello nella sua Italia Sacra[493].

Brindisi e Taranto, da poi che furono restituite all'Imperio greco,
dice Nilo, _a Constantinopolitano Sacerdotes accipiebant_.

Ritolte anche da' Greci a' Saraceni e Longobardi, Bari, Trani ed altre
città della Puglia, si videro parimente le Chiese loro sottoposte a
quel Patriarca. Teodoro Balsamone nell'esposizione ch'egli, regnando
l'Imperador Andronico Paleologo il Vecchio, fece delle Sedi al
Patriarcato di Costantinopoli sottoposte, oltre le orientali, novera
tra le occidentali la Chiesa di Bari nel numero 31, quella di Trani nel
44, quella d'Otranto al 66 e quella di Reggio in Calabria al 38.

Quindi, secondo che ci testificano il Beatillo[494] e 'l
Chioccarelli[495], nell'Archivio del Duomo di Bari si conservano molte
greche Bolle originali spedite dai Patriarchi di Costantinopoli agli
Arcivescovi di quella città, per le quali agli Arcivescovi eletti si
conferma l'elezione: ciò che durò per tutto il tempo che Bari (renduta
anche metropoli d'uno non dispregevol Ducato, dove il Magistrato
greco fece sua residenza) fu colla Puglia al greco Imperio soggetta,
e fin che da questa provincia i Greci non furono scacciati da' nostri
valorosi Normanni. Quindi è che ancor oggi serbino tutte queste città
molti vestigi di greci riti e costumanze; e ritengano ancora molti
nomi greci denotanti dignità ed uffici, come Reggio ancor ritiene il
Protopapa, ed altre città i Cimiliarchi ed il Clero non men latino, che
greco. E quindi eziandio avvenne, come notò anche Lione Allacci[496],
che per lungo tempo nel nostro Regno la dottrina della Chiesa orientale
si vide anche sostenuta da' Monaci, particolarmente dell'Ordine di S.
Basilio, nel che si rendè celebre appresso noi il famoso Barlaam, di
cui a suo luogo farem parola.

Quando gli Ottoni imperavano in Occidente, fu tentato da questi
Imperadori togliere nella Puglia e nella Calabria questa servitù
dalle nostre Chiese, e ridurle tutte come prima sotto il Patriarca
d'Occidente. Fu spedito perciò intorno l'anno 968 all'Imperadore
Niceforo Foca Luitprando Vescovo di Cremona, ma con inutile ed
infruttuoso successo: poichè questa riduzione di tutte le nostre Chiese
al Pontefice romano, stava riserbata a' nostri Principi normanni, i
quali avendo dalla Sicilia e da queste nostre province discacciati non
meno i Saraceni che i Greci, renderonsi cotanto benemeriti della Chiesa
di Roma, che oltre agl'importanti altri servigi a lei prestati, unirono
tutte le nostre Chiese, com'erano prima, sotto la cura e disposizione
del romano Pontefice, al quale di ragione si appartenevano, come si
vedrà ne' seguenti libri di questa Istoria.


  FINE DEL LIBRO SESTO.



STORIA CIVILE DEL REGNO DI NAPOLI

LIBRO SETTIMO


Lo scadimento de' nostri Principi longobardi e 'l rialzamento de'
greci, le scorrerie de' Saraceni ed i tanti mali e calamità che
ci portarono in queste nostre province, faranno il soggetto di
questo libro. Saremo per narrare avvenimenti pur troppo funesti ed
infelici, che le ridussero in una forma assai misera e lagrimevole. I
Principi longobardi per discordie interne fra lor divisi, desolarono
i loro Stati. Le loro discordie renderono più vigorosa l'autorità
degl'Imperadori d'Occidente, i quali da tributari renderongli
feudatari. I Saraceni dall'altra parte, chiamati da' nostri Principi
stessi, finirono di devastargli. Il Principato di Benevento tutto
sconvolto e diviso in pezzi, diede pronta occasione all'altre nazioni,
approfittandosi di tante rivoluzioni e disordini, d'esser per ogni
lato invaso, e di soffrire la Signoria d'altri Popoli, che finalmente
lo soggiogarono. Origine di tanti mali fu la protervia de' Capuani, ma
molto più la malvagità di Landulfo lor Castaldo.

I Capuani intesa ch'ebbero l'elezione di Radalchisio in Principe di
Benevento, ne furono mal soddisfatti; temevano che questo Principe non
dovesse comportare la lor malvagità, e molto più ne temeva Landulfo.
Era costui incolpato, che fosse inteso d'una congiura, che Adelchisio
figliuolo di Roffrido avea macchinata contra Radalchisio, il quale
avendola scoverta, fece buttar da una fenestra Adelchisio, e cercava
aver nelle mani Landulfo, di che questi avvisato, tosto scappò via,
e fuggissene. Dall'altro canto Siconolfo fratello di Sicardo era
sotto duro carcere stato confinato da suo fratello; ma non molto
da poi scappato dalla prigione, e tenuto occulto per molto tempo da
Urso Conte di Consa suo cognato, finalmente in Taranto ricovratosi,
quivi dimorava; e Radalchisio tosto che fu innalzato al Principato
di Benevento, avendo mandato in esilio Dauferio, fece, che costui
portatosi in Nocera, ch'era città del Ducato di Napoli, cominciasse
a sollecitare i Salernitani, perchè si unissero con Landulfo Conte di
Capua contro Radalchisio, e portassero al soglio Siconolfo fratello di
Sicardo[497].

In fatti i Capuani, avendo tirato anche al lor partito alcuni
Beneventani, chiamarono da Taranto Siconolfo, e lo fecero venire
in Salerno, dove accorsi non meno i Capuani che i Beneventani, lo
acclamarono, e l'elessero Principe in quest'anno 840. Landulfo s'unisce
con lui, occupa Sicopoli, e nell'istesso tempo fanno stretta lega co'
Napoletani, i quali di null'altro desiderosi abbracciarono volentieri
la congiuntura per vendicarsi de' Beneventani loro antichi ed ostinati
nemici. Siconolfo rendutosi più animoso per l'accrescimento di tante
forze, ed insignoritosi di Salerno, dopo aver rotto l'esercito di
Radalchisio, occupa in un tratto tutta la Calabria e gran parte della
Puglia, ed al suo Imperio la sottopone; indi voltando le vittoriose
sue insegne verso Benevento, molte città e castelli di quel contorno
prese, e finalmente ebbe anche ardire, portato dal corso di sì prosperi
successi, di assediar Benevento stesso; ma animosamente respinto da'
Beneventani tornossene in Salerno.


§. I. _Divisione del Principato di Benevento, donde sorse il Principato
di Salerno._

Radalchisio veduto sconvolto il suo Stato, pien di rabbia e di furore
mosse tutte le sue forze contra Siconolfo, altamente giurando di
non voler più vivere se non lo sterminava dalla terra; ma scorgendo
che le proprie forze e de' suoi Beneventani non eran bastanti per
reprimere un tanto nemico, che alla giornata acquistava maggior vigore;
trasportato dal suo furore, niente curandosi de' mali gravissimi,
a' quali esponeva il suo Stato, volle a tanti mali applicar rimedj
peggiori. Eran, come si disse, dalla Sicilia calati per nostro danno
molti Saraceni, i quali sotto Calfo lor Capo devastavano la Japigia ed
i contorni di Bari. Reggeva questa città, per Radalchisio, Pandone: a
costui comandò, che avesse in suo ajuto chiamato i Saraceni: e Pandone
ubbidendogli fece venir molte truppe, le quali collocò per quartiere
fuori le mura di Bari a' lidi del mare; ma i Saraceni accorti seppero
ben tosto approfittarsi della congiuntura, poichè riguardando il
presidio della città ed i siti che potevan superare, all'improvviso una
notte per alcuni luoghi nascosti entrarono dentro Bari, dove fecero
stragi inaudite de' Cristiani, ed occuparono la città. Così Bari
da' Longobardi passò sotto la Signoria de' Saraceni, ed i Greci ne
discacciarono poi i Saraceni e per lungo tempo la dominarono.

Radalchisio, a cui dall'un canto premeva abbattere Siconolfo, e che
implicato in questo impegno, mal avrebbe potuto soffrir altra guerra
contro i Saraceni per discacciargli da Bari, dissimulò il fatto, e
volle con tutto ciò avergli per ausiliarj; l'invita perciò a combattere
contro Siconolfo, onde unite alle sue forze quelle de' Saraceni
cominciarono così fiera ed ostinata guerra, che miseramente afflissero
queste nostre regioni: poichè Siconolfo dall'altra parte, con non
disugual rabbia e furore volle opporsi a' sforzi di Radalchisio per
qualunque maniera. Resistè a' primi incontri, e perchè niente mancasse
ad accelerar la ruina d'amendue, con peggior consiglio chiamò anche in
suo ajuto da Spagna i Saraceni. Non si videro in queste nostre contrade
stragi più crudeli e spaventose, che quelle che furon fatte a questi
tempi da' Saraceni, così dell'una come dell'altra parte: Capua fu da'
medesimi ridotta in cenere; molte città arse e distrutte; e que' che
residevano in Bari, avendo occupato Taranto, devastarono la Calabria e
la Puglia, e giunsero fino a Salerno ed a Benevento. Tutto era pieno
di stragi e di morti, e scorrevano i Saraceni come raccolto diluvio,
inondando i nostri ameni campi. Continuarono queste calamità per lo
spazio di dodici anni: tanto che i Beneventani stessi, conoscendo
le loro miserie, tardi avveduti de' loro errori, furono costretti,
acciocchè calmasse una sì fiera tempesta, a ricorrere agli ajuti de'
Franzesi, perchè fugando i Saraceni, si proccurasse la pace fra questi
due Principi.

Reggeva in questi tempi l'Imperio d'Occidente e l'Italia, come
si è detto, Lotario Imperadore, il quale aveva eletto Re d'Italia
Lodovico II suo figliuolo, che poi nell'Imperio gli succedette. Il Re
Lodovico fu umilmente richiesto da Landone Conte di Capua figliuolo
di Landulfo, da Adimaro e da Bassacio illustre Abate di Monte Cassino
(che in quest'incontri fu da Siconolfo più volte saccheggiato) perchè
portatosi nel Principato di Benevento con potente armata discacciasse
i Saraceni, e ponesse pace fra que' due Principi: Lodovico ancorchè
giovanetto, punto da stimoli di gloria, facilmente assentì alle loro
dimande, e tosto in Benevento portossi; ove fugati come potè meglio i
Saraceni, e confinatigli in Bari già loro sede, purgò da questa peste
l'altre province di Benevento. Indi interponendovi la sua autorità,
fu tutto inteso ad accordar que' Principi, che finalmente gli ridusse
ad una ferma concordia, dividendo infra di loro tutta la provincia di
Benevento in due parti, onde furon d'uno fatti due Principati: quello
di Benevento fu ritenuto da Radalchisio, l'altro di Salerno a Siconolfo
fu confermato, ambidue questi Principi giurando fedeltà a Lodovico,
che finalmente come lor Sovrano riconobbero. Ecco come queste Province,
toltone il Ducato napoletano e quelle città che agli Imperadori greci
ubbidivano, furono rese soggette agl'Imperadori d'Occidente, i quali
come Re d'Italia vi pretesero esercitare quelle ragioni, che i Re
longobardi vi possedevano.

Queste furono le perniciose conseguenze, che riportarono i nostri
Beneventani per le guerre civili, che infra di loro vollero movere
e sostenere. I. Di riconoscere Lodovico per lor Sovrano, e giurargli
fedeltà, ciò che l'istesso Carlo M. e Pipino suo figliuolo non poteron
conseguire da Arechi e da Grimoaldo. E se bene l'altro Grimoaldo
terzo Principe di Benevento, Sicone e Sicardo, che gli succederono, si
fossero renduti tributarj a' Franzesi, non però s'avanzarono tanto di
rendersi feudatarj. Il che quantunque non avesse tolto, ch'essi non
restassero Sovrani de' loro Principati, perchè la fedeltà giurata e
l'assistenza in guerra non diminuisce nè la libertà del vassallo in
se medesimo, nè parimente la potenza assoluta ch'egli stesso ha sopra
i suoi sudditi; non può negarsi però che non abbassi e diminuisca il
lustro dello Stato sovrano, il quale senza dubbio non è sì puro, nè sì
maestoso, quando è soggetto a queste cariche; tanto che Bodino[498]
tenne opinione, che se bene i Principi tributarj, o in protezione,
debbano riputarsi Sovrani, non è però che i Feudatarj s'abbiano
a riputar tali; del che ci tornerà altrove maggior opportunità di
ragionare. II. Di vedersi un Principato partito in due, il che per
conseguenza portò la seconda divisione, sorgendo l'altro di Capua,
onde bisognò che finalmente ruinasse e fosse preda dell'altre nazioni.
III. Di aversi proccurato ancora una molestissima spina dentro le lor
viscere, come furono i Saraceni, i quali stabiliti in Bari non passò
guari, che di bel nuovo inondarono ambedue i Principati, tanto che non
bastando le proprie forze, fu d'uopo spesso ricorrere alle straniere
per reprimergli, e con ciò render più potente l'autorità che in essi
s'aveano acquistata i Franzesi.

Fu fatta questa divisione nell'anno 851 tra Radelchisio e Siconolfo,
nella quale intervennero anche quasi tutti i Conti e Castaldi del
Principato di Benevento, e moltissimi di loro, insieme con questi due
Principi, vollero firmarla. Si legge ancor oggi presso il Pellegrino il
Capitolare fatto da Radelchisio di questa divisione, ove i confini di
questi due Principati distintamente vengono descritti.

Sotto il Principato di Salerno furono compresi molti Castaldati e
Castelli: Taranto, Latiniano, Cassano, Cosenza, Laino, Lucania, da
altri detta Pesto, Consa, Montella, Rota, Salerno, Sarno, _Cimiterium_,
Furculo, Capua, Teano, Sora e la metà del Castaldato di Acerenza per
quella parte, ove è congiunto con Latiniano e Consa.

Tra Benevento e Capua fu assignato per confine S. Angelo ad Cerros,
che s'estende per la Serra di monte Vergine insino al luogo detto
_Fenestella_. Tra Benevento e Salerno fu designato per limite il luogo
detto alli _Pellegrini_: fra Benevento e Consa fu dato per limite
_Staffilo_.

Partita in questa maniera l'intera provincia di Benevento, venne la
parte boreale, che finisce col mare Adriatico, a rimanere a Radelchisio
Principe di Benevento. La parte meridionale, che termina col mar
Tirreno, a Siconolfo Principe di Salerno. Quindi Salerno, divenuta sede
de' Principi, cominciò ad estollere il suo capo sopra le altre città
di questa provincia, città in questi tempi molto forte e munita, per
averla Arechi, come si disse, fortificata e di validissime torri e muri
cinta, onde potè averla per asilo e presidio in tutte l'avversità della
fortuna.

Furono ancora in questa divisione accordati molti patti, fra' quali
i più importanti e principali furono, di promettere Radelchisio
per qualunque occasione di non turbar il Principato di Salerno, e
riconoscere per Principi legittimi Siconolfo, e dopo la sua morte
quello ch'egli eleggerà per suo successore: di congiungere insieme
le forze per discacciar da' loro Stati i Saraceni: che fra' Popoli
dell'uno e l'altro Principato non debba praticarsi niuna ostilità,
ma permettersi a ciascuno d'abitar ove lor piace, e far ritorno alle
proprie città e castelli ove tengono domicilio, e ciascuno con quiete
godersi delle proprie sostanze: che non debba darsi niuna molestia a
coloro che dal Principato di Salerno vorranno portarsi al Santuario di
S. Michele nel Monte Gargano, compreso nel Principato di Benevento,
ma lasciargli passare senza contraddizione e senza dannificargli:
che tutti i Vescovi, Abati ed ogni altro Cherico d'inferior grado
debbano ritornar a' Vescovadi delle loro proprie Diocesi ed alle loro
Chiese e monasterj; e se saranno renitenti, nè porteranno legittime
scuse, si obbligheranno a ritornar per forza alla loro residenza,
così i Vescovi, come tutti gli altri Cherici, eccetto però quelli,
che serviranno al Principe in Palazzo, ovvero quelli che per forza
fossero stati Chericati: che tutti i Monaci e Monache ritornino a' loro
monasterj, ove prima abitarono, eccetto coloro che per volontà d'altri
ivi entrarono per forza, e quelli che servissero nel Palazzo: che di
tutte le robe delle Chiese, de' Vescovadi e monasterj, che vivono sotto
Regola, ovvero degli Spedali, se ne prenda ragione, e secondo il lor
valore si tassi il censo solito a contribuirsi al Principe; eccetto
però i monasteri di Monte Cassino e di S. Vincenzo a Volturno, li
quali stando sotto l'immediata protezione dell'Imperador Lotario e del
Re Lodovico suo figliuolo, debbano ritener interi i loro privilegi,
prerogative e primato; eccettuatone ancora le robe degli Abati e
Canonici, che servono nel Palazzo. Molte altre capitolazioni furono
accordate, promettendo ciascuno con solenni giuramenti l'osservanza,
interponendovi anche per maggior stabilimento, l'autorità imperiale, e
dando anche parola a Lodovico, che fu presente, ed a Lotario suo padre,
chiamandolo anche essi _nostro Imperadore_ (per lo giuramento dato di
fedeltà) di fedelmente custodirle. Fermata la pace furono restituiti i
prigionieri, a Siconolfo fu restituito Pietro figliuolo di Landone, e
Poldefrit figliuolo di Pandulfo; ed all'incontro a Radelchisio furono
renduti Adelgiso e Ladelgiso suoi figliuoli e Potone suo nipote. E
Lodovico, parendogli aver sedate le rivoluzioni di queste province, in
Francia tornossene.

Stabilita che fu questa pace, non potè molto goderne il frutto
Siconolfo Principe di Salerno, poichè non passò guari, che in
quest'istesso anno 851 dalla morte prevenuto, non potè dar maggiore
stabilimento al suo novello Imperio. Morì Siconolfo primo Principe di
Salerno, dal giorno che fu acclamato Principe, che fu nel 840, dopo
dieci anni e pochi mesi d'inquieto e perturbato Regno, che col suo
estremo valore seppe stabilire; ma morì al piacere di poter godere del
frutto de' suoi tanti sudori. Lasciò Sicone suo unico figliuolo ancor
lattante, erede nel Principato, e diedegli per Tutore Pietro[499].

Alcuni mesi da poi accadde parimente la morte di Radelchisio; nè
mancarono i Beneventani di ergergli un superbo tumulo, ove in molti
versi celebrarono le sue virtù. Il medesimo fecero a Caretruda sua
moglie, dalla quale Radelchisio ebbe dodici figliuoli: _Radelgario_
fu in suo luogo al Principato eletto, che lo resse pochi anni, e morì
nell'anno 854, e i Beneventani gli eressero pure un gran tumulo[500]:
Ajone[501] altro suo figliuolo fu Vescovo di Benevento; Adelghiso,
morto suo fratello, fu il suo successore: gli altri furon Conti e
valorosi Capitani.

Ma ecco intanto che nell'anno 852 i Saraceni, che in Bari fermarono
la lor sede, inondando la Puglia e la Calabria, s'avanzarono insino
a Salerno e Benevento, nè per reprimere tanto impeto bastavano le
forze di Radelgario e di Sicone. Bisognò che di nuovo si ricorresse
a Lodovico, e perciò furono destinati i due celebri Abati Bassacio
di S. Benedetto, e Giacopo di S. Vincenzo, i quali avendo esposto
a Lodovico le crudeli stragi, che i Saraceni sopra i Beneventani
facevano, lo pregarono che tosto venisse per discacciargli, offerendosi
all'incontro i Beneventani di dichiararsi suoi fedelissimi servi, e di
dargli autorità di soggettargli anche a qualunque infimo de' suoi[502].
Lodovico tosto venne in Italia, e verso Bari incamminossi; ma i Capuani
e' Salernitani, scordatisi delle promesse, avendo sottratto ogni lor
ajuto necessario per agevolar l'impresa contro i Saraceni, s'erano
nascosi: del che fortemente sdegnato Lodovico, essendosi accorto della
loro infedeltà, gli trattò aspramente; e vedendo, che Sicone per la
tenera sua età era inetto al Governo, commettendo il Principato di
Salerno sotto il Governo d'Ademaro, valoroso ed illustre Capitano,
figliuolo di Pietro sopraddetto[503], egli tornossene in Francia, seco
conducendo Sicone ancor infante.

Ecco come i nostri Principi longobardi cominciarono a sentire il giogo
gravoso della altrui dominazione, che arrivò insino a disporre de'
loro Stati e trasportargli da una in altra famiglia; poichè Ademaro non
molto tempo da poi, nell'anno 856, morto Sicone, cominciò ad usurparsi
assolutamente il Principato, che lo tenne per sei anni ancorchè non
finiti, insino all'anno 871, quando a persuasione di Landone Conte,
e di Landulfo Vescovo di Capua, fu imprigionato da Guaiferio, che
gli succede, figliuolo di Dauferio il Balbo, e da poi nell'anno 866,
ritornato l'Imperador Lodovico II nella cistiberina Italia, gli furono
cacciati gli occhi[504].


§. II. _Origine del Principato di Capua._

Peggiori furono i mali che seguirono, per essersi Capua staccata dal
Principato di Salerno, poichè Landulfo Castaldo di Capua, non più al
Principe di Salerno, a cui era il suo Castaldato sottoposto, secondo
la divisione fatta con Radalchisio, volle ubbidire, ma resosi Signore
di quello, d'un Principato vennesi a farne tre, quello di Benevento,
l'altro di Salerno ed il terzo di Capua; e se bene Landulfo non volle
assumere il titolo di Principe, ma di Conte, onde da lui cominciò
la serie de' Conti di Capua; nulladimeno reggeva il suo Contado con
assoluto arbitrio; ed essendo morto egli nell'anno 852, Landone suo
figliuolo che gli succedè, resse anche il Contado tredici anni e
nove mesi con assoluto ed independente Imperio. Costui dall'antica
Capua, chiamata anche Sicopoli, trasportò gli abitatori nella nuova,
ch'eresse nell'anno 836 presso il ponte Casilino, tre miglia distante
dall'antica; ed è quella che ora munita con forti torri e muri, è
riputata il più valido propugnacolo del Regno.

L'altro Landone suo figliuolo, terzo Conte di Capua, resse il
Contado non men dell'avo e del padre con independenza da' Principi
di Salerno, ed in cotal guisa nell'avvenire per lunga serie di Conti
amministrandosi questo Contado con assoluto arbitrio, rimase distaccato
da' due Principati di Benevento e di Salerno. Anzi si legge[505],
che Landulfo nell'ultimo giorno di sua vita, mentr'era per spirare,
chiamò a se i suoi figliuoli, e lasciogli questo precetto, che avessero
proccurato sempre di nudrir discordie e risse tra il Principe di
Benevento e quello di Salerno, perchè, altrimente facendo, essi non
potevan sperar che lungamente potessero conservarsi lo Stato da lui
sopra le spoglie di questi due Principati acquistato, se fra questi
Principi fosse stata pace e concordia. In fatti i figliuoli osservarono
diligentemente il precetto paterno, con tutto che contrario fosse
a quello che Cristo diede a' suoi Discepoli; poichè morto che fu,
scossero, come s'è detto, affatto il giogo, ed in niun modo vollero più
ubbidir a Siconolfo Principe di Salerno, e sopra tutti Landonulfo, uno
de' figliuoli suddetti, gli fu sempre contrario ed ingrato; e questo
precetto non solamente essi l'osservarono, ma lo tramandarono nella
loro posterità, come un perpetuo fedecommesso, lasciandolo per retaggio
a' loro successori[506].

Così diviso il Principato di Benevento, fu nuova politia introdotta,
e nuovi disordini incominciarono a confondere e porre sossopra queste
nostre province, perchè tra questi Principi cominciando le gare e
l'inimicizie, sovente si videro ardere di guerra, e contro di essi
convertendo le loro armi, diedero a' Franzesi nuove occasioni di spessi
ritorni, ed a' Saraceni di combattergli e di farsi più potenti in
que' luoghi, che essi avevano occupati. Nè finirono qui i disordini,
imperocchè i Napoletani approfittandosi di queste divisioni, e resi
perciò più restii a pagar a' Beneventani il tributo, perchè sovente
soccorsi da' Principi rivali, si resero più animosi, e continuarono per
ciò fra di loro più irreconciliabili e crudeli le ostilità.

Peggiore fu la politia che tratto tratto s'introdusse in appresso,
perchè se bene prima il Principato di Benevento era distinto in più
Contadi e Castaldati, ciascuno però si governava coll'istesso spirito,
e da un sol Principe dipendevano; ma dopo i Principi di Benevento,
quei di Salerno, e sopra tutto i Conti di Capua, fra i loro figliuoli
divisero i Castaldati e' Contadi, onde d'ogni Principato si fecero
più Contadi, ed i Conti, ancorchè sottoposti, cominciarono a governare
per se stessi; onde si videro in tante guise moltiplicati i Feudi nel
nostro Regno. Così Landulfo, Conte insieme e Vescovo di Capua, divise
il Contado di Capua con tanta imprudenza tra i figliuoli di tre suoi
fratelli, che in ogni tempo infra di loro insorsero risse e guerre
inestinguibili[507].


§. III. _Spedizione dell'Imperador LODOVICO contra i Saraceni: e sua
prigionia in Benevento._

Di tanti sconcerti ben se ne profittarono i Saraceni, che da Bari
spesso inondando la provincia di Benevento, ed a sangue e fuoco tutto
mettendo, obbligarono i Beneventani a ricorrere a' Franzesi. Anzi mal
potendosi difendere colle proprie forze e con quelle de' Franzesi,
ricorsero ancora ad altri aiuti; poichè Majelpoto Castaldo di Telese,
e Guandelperto Castaldo di Bojano con sommissione e preghiere si
ridussero a ricorrere sino a Lamberto Duca di Spoleti per reprimere le
forze de' Saraceni, i quali pure non ostante tutti questi aiuti posero
sossopra i loro Castaldati e gli sconfissero.

Fu pertanto bisogno a' Beneventani e a' Capuani ricorrere di nuovo
all'Imperador Lodovico, il quale tosto calando per Sora in Benevento,
fu incontrato dagli Ambasciadori di molte città, implorando il suo
aiuto. Venne anche ad incontrarlo Landulfo Vescovo insieme e Conte
di Capua, che al fratello Landone III Conte di Capua era succeduto,
co' suoi nepoti. Fu ricevuto da Guaiferio, che ad Ademaro succedè in
Salerno; e finalmente da Adelghiso in Benevento.

Così Lodovico resosi in quest'anno 867 potente per le proprie forze
e per quelle de' nostri Principi longobardi, verso Bari indirizzando
il suo esercito; sconfisse i Saraceni, imprigionò Seodam loro Re,
espugnò Bari, che fu restituita al Principe di Benevento, prese Matera,
presidiò Canosa, e portò le vincitrici sue armi fino a Taranto, ove
i Saraceni s'erano fortificati, cingendo questa città di stretto
assedio; indi pien di gloria e tutto trionfante a Benevento fece
ritorno. E spinto dal corso di sua fortuna pretese ancora sopra gli
Amalfitani e sopra il Ducato istesso di Napoli esercitare la sua
Sovranità, prendendo la protezione, e prestando aiuti ora agli uni,
ora agli altri: di che offeso a dovere Basilio il Macedone Imperador
d'Oriente, a cui il Ducato napoletano e gli Amalfitani ubbidivano, si
dolse acremente di Lodovico, querelandosi de' suoi modi imperiosi,
che praticava sopra que' Popoli, quasi che volesse soggettargli al
suo Imperio. Lodovico, a cui non conveniva nelle presenti congiunture
attaccar nuove brighe co' Greci, per sedare l'animo di Basilio,
scrissegli una ufficiosa lettera, nella quale protestava, ch'egli
niente era per imprendere sopra il Ducato napoletano appartenente
all'Imperio greco, e che unicamente per soccorrere gli oppressi erasi
intrigato in quegli affari.

Ma mentre Lodovico dimorava in Benevento, accaddegli un incontro
non altre volte inteso nelle persone degl'Imperadori d'Occidente. I
Franzesi resi boriosi per la fortuna presente, nè sapendo reprimere
l'impeto di quella, malmenavano i Beneventani, trattandogli con
alterigia e pur troppo crudelmente: ciò che mal potendo sofferire,
scossero finalmente Adelghiso lor Principe a pensare di torsi l'indegno
giogo; ed avendo Lodovico dentro la loro città, presero risoluzione
d'arrestarlo e farlo prigione. Altri rapportano, che Adelghiso fu a
ciò mosso non tanto per gli stimoli de' suoi Beneventani, quanto per
gl'impulsi che gli venivan dati dall'Imperador Basilio, a cui niente
piacevano i tanti progressi di Lodovico, del quale mostravasi per le
accennate cagioni mal soddisfatto: che che ne sia, trovandosi Lodovico
aver licenziato il suo esercito, dimorava dentro Benevento con poca
guarnigione, onde nel mese d'agosto di quest'anno 871 improvisamente
fu arrestato da' Beneventani e posto in sicuro carcere[508]: furono
occupate le di lui robe, e i Franzesi ch'erano in sua guardia, dopo
essere stati spogliati, furono astretti a fuggire. Lodovico fu per
quaranta giorni tenuto prigione, nè si pensava a liberarlo, se non
che avendo inondato di nuovo i Saraceni la provincia di Salerno, e
cresciuto il lor numero a trentamila, posero l'assedio a Salerno,
dando terrore a tutti i Principi longobardi e ad Adelghiso Principe di
Benevento sopra ogni altro. Fu in tanta revoluzione di cose liberato
Lodovico: ma volle Adelghiso, che prima sotto solenni giuramenti
promettesse, in tutto il tempo di sua vita di non mai più entrar ne'
confini di Benevento, nè di ciò che avea sofferto in quest'incontro
prender contro i Beneventani mai vendetta: il che Lodovico promise
_multis adiunctis execrationibus_, giurando sopra le reliquie de' Santi
e sopra i Santi Evangeli di Dio.

Partì Lodovico da Benevento nell'uscir di quest'istesso anno 871, ed in
Veroli fermossi per undici mesi nel qual tempo portatosi in Roma prese
la Corona per mano d'Adriano II nell'anno 872, prima di morir questo
Pontefice, come vuol Aimoino[509]; ancorchè alcuni moderni Scrittori
nell'anno precedente vogliano che fosse stato da Adriano incoronato.
Lodovico ancorchè prendesse ora la Corona, era stato però assunto
all'Imperio sin dall'anno 856, quando Lotario Imperadore suo padre
resosi Monaco, divise l'Imperio fra tre suoi figliuoli, assegnando
a Lodovico Roma ed Italia; a Lotario l'Austrasia, onde poi si disse
Lotaringia; ed a Carlo la Borgogna, come fu detto.

Ancorchè Lodovico con solenni giuramenti avesse promesso di non mai
entrar ne' confini di Benevento, non fu però che nell'entrar dell'anno
873 non rompesse questi patti, ed insino a Capua con forte armata non
s'inoltrasse.

Siccome in questi tempi la forza della religione era in vigore ne'
petti de Principi, e non mai, o di rado si violavano i giuramenti;
così all'incontro avean cominciato, sin da Gregorio II e Zaccaria, i
Pontefici romani a trovar modo di romper questi lacci, e prosciogliere
le loro coscienze: donde nacque la facoltà, che poi non pure i P. R.
ma anche i Vescovi s'assunsero, dell'assoluzione de' giuramenti ne'
giudicj ed altrove. Si renderono perciò, anche per quest'altro verso,
a' Principi tremendi e necessari, non altrimenti, che per le dispense
ne' matrimoni, le quali prima dai Principi si concedevano. Lodovico, a
cui non dava il cuore di far ritorno in Benevento contra i giuramenti
fatti, fu tosto soccorso da Giovanni VIII, che ad Adriano II poco prima
era succeduto, il quale dichiarando non poter essergli d'ostacolo i
giuramenti dati così per forza e con tanta indegnità, l'assolvè di
tutte le promesse fatte a' Beneventani. Vi è chi scrive[510], che
Lodovico con tutta l'assoluzione ottenuta per non esser riputato
spergiuro, non volle egli porsi alla testa del suo esercito, ma in suo
luogo, usando fraude a se medesimo, che vi avesse sostituita la Regina
sua moglie Engilberga, e che in suo nome, e sotto la sua autorità si
guerreggiasse. Venne in Capua, e nel passar diede strane rotte a'
Saraceni confinandogli a Taranto: fu per vendicarsi d'Adelghiso, e
tentò di occupargli Benevento, e perciò altri scrissero che intimorito
se ne fuggisse nell'isola di Corsica; ma o che non gli riuscisse, come
narra Erchemperto, o che frappostisi molti Conti ed il Papa istesso per
accordargli, fu fra di loro conchiusa pace, ed Adelghiso con quelli del
suo partito nella grazia di Lodovico furon reintegrati. Landulfo Conte
insieme e Vescovo di Capua fu anche ammesso nella grazia e familiarità
di Cesare, il quale somministrò in quest'incontri validi soccorsi
contro i Saraceni.

Fu cotanta la familiarità che acquistò Landulfo presso l'Imperadore,
che oltre d'aver conseguito dal medesimo i primi onori, pretese da
lui, che la provincia intera di Benevento a lui si concedesse, e
che Capua fosse innalzata ad esser metropoli: il che, come narra
Erchemperto[511], non potè ridurre ad effetto, poichè Capua non prima
dell'anno 968 ricevè questa prerogativa da Giovanni XIII Pontefice
romano: e Benevento un anno da poi dall'istesso Pontefice fu eretta in
metropoli; essendosi da poi in queste nostre regioni introdotto, che
non più i Principi, ma i P. R. con innalzar i Vescovi in Metropolitani,
innalzavano le città in metropoli, di che altrove ci tornerà più
opportuna occasione di ragionare.

Lodovico dopo esser dimorato un anno in Capua ed in queste nostre
contrade, e date anche molte e strane rotte a' Saraceni, nell'anno
seguente 874 passò in Francia per non mai far più ritorno in queste
nostre parti; poichè in quest'anno come alcuni notarono o nel seguente,
come gli annali di Francia, ed i moderni Autori tengono, in Francia,
non già in Milano, finì i giorni suoi. Principe gloriosissimo, ed a cui
molto devono queste nostre province, che se non l'avesse soccorse tante
volte, per le sì spesse e grandi inondazioni de' Saraceni, sarebbero
tutte e stabilmente cadute sotto la loro dominazione. Abbiamo di questo
Principe molti vestigi di pietà, per molti monasteri dell'Ordine di
S. Benedetto da lui fondati nell'Apruzzi, de' quali Lione Ostiense
non si dimenticò nella sua Cronaca. La donazione o sia conferma delle
precedenti donazioni di Pipino e di Carlo M. fatte alla Chiesa romana,
non a questo Lodovico, come credette l'Abate della Noce[512], ma a
Lodovico Pio figliuolo di Carlo M. dee attribuirsi, il quale la fece
a Pascale I R. P. nè quella abbraccia più di quanto Pipino e Carlo
donarono, com'è manifesto dalla cronaca di Lione.[513].

Per la morte accaduta di Lodovico in quest'anno 874 ovvero nel
seguente, si conosce chiaramente l'errore di coloro, i quali
credettero, che Lodovico avendo ritolto Bari a' Saraceni, l'avesse
restituita a Basilio Imperador d'Oriente: poichè i Saraceni, partito
che fu Lodovico da Italia e restituito in Francia, tosto usciti da
Taranto, ov'erano stati confinati, tornarono a depredar Bari ed i
luoghi vicini; onde i Baresi nell'anno 876, morto già Lodovico, non
potendo più sopportare la crudeltà de' medesimi, dimorando in Otranto
Gregorio Straticò di quella città, lo chiamarono e l'introdussero
co' suoi Greci in Bari, siccome narrano Erchemperto[514] e Lupo
Protospata[515].



CAPITOLO I.

_CARLO IL CALVO succede nell'Imperio d'Occidente; nuove scorrerie de'
Saraceni, accompagnate da altre rivoluzioni e disordini._


La morte di Lodovico portò tali sconvolgimenti, che non pur queste
nostre regioni, ma molte parti d'Italia afflissero, e di nuove calamità
le riempierono. Da Carlo M. insino ad ora non s'erano eccitate turbe
per la successione dell'Imperio. I testamenti de' Principi, mandate
via tutte le dubbietà e le tante sottigliezze d'oggi, con somma
venerazione erano ricevuti da' successori: ciò che essi ordinavano era
prontamente eseguito; e bastava, che o in vita o in morte l'Imperador
regnante designasse il suo successore o l'assumesse per Collega, perchè
si osservasse il suo volere, come legge inviolabile. Così leggiamo
che Carlo M. facesse con Pipino e Lodovico; Lodovico con Lotario, e
finalmente Lotario con l'altro Lodovico. Infino ad ora per eleggere
l'Imperadore in Occidente non era mestieri convocar Assemblee o Comizj:
solo per una semplice e pura cerimonia introdotta già per costume, si
ricorreva a' Pontefici romani per la consecrazione ed incoronazione. Ma
non avendo Lodovico di se lasciata prole maschile, cominciarono a gara
i Franzesi ed i nostri Italiani, ad aspirare a sì sublime dignità. In
Francia due furono i più ostinati pretensori, amendue zii del defonto
Lodovico, Carlo il Calvo Re di Francia figliuolo di Giuditta e fratello
di Lotario padre di Lodovico, e Lodovico Re di Germania fratello
dell'istesso Lotario, al quale, secondo la divisione, fatta era toccata
la Germania e parte della Lorena, che pochi anni prima s'avevan di buon
accordo divisa col suo fratello Carlo.

Altre volte nel corso di quest'Istoria abbiamo in molte occasioni
veduto, che le contese de' Principi finalmente han sempre terminato
in augumento della dignità ed autorità de' Pontefici romani, ma se
in altra congiuntura è avvenuto, in questa precisamente si è ciò più
chiaramente veduto. Poichè contendendo questi due Principi dell'Imperio
d'Occidente, bisognava, perchè alcun d'essi restasse vincitore, che
due cose prima dell'altro competitore proccurasse, cioè di esser il
primo ad entrar armato in Italia, e per seconda, di proccurarsi il
primo la benivolenza del Papa, perchè tosto agevolasse l'opra colla
solennità dell'incoronazione, funzione che appresso i Popoli era
stimata il segno più certo dell'assunzione al Trono imperiale. Carlo
il Calvo appena avvisato della morte del nipote, non frappose dimora
alcuna ad entrar tosto in Italia, e fu più sollecito, che suo fratello
Lodovico, il quale se bene avesse mandato prima Carlo il Grosso suo
figliuolo ad impedir il passaggio a Carlo, e poco dopo Carlomanno altro
suo figliuolo, tardi però giungendo, nulla poterono; di che Lodovico
fortemente sdegnato, egli col suo terzo figliuolo Lodovico invase la
Francia, portando ivi la sua collera, ostinatamente combattendola.

Intanto Carlo il Calvo approssimatosi a Roma, avendo sollecitato
il Pontefice Giovanni VIII ad agevolar il suo disegno, questo Papa
non volle perdere sì bella congiuntura, onde potesse dal suo canto
ricavarne anche i suoi vantaggi per se e per la sua Sede. Dopo aver
portati alla sua volontà i Romani, mandò due Vescovi ad invitar
Carlo, che tosto entrasse in Roma a prender la Corona imperiale,
ch'egli tenevagli apparecchiata, avendolo scelto sopra tutti gli altri
pretensori. Carlo venne a Roma, e nella Basilica Vaticana con gran
applauso e solennità fu il giorno di Natale dell'anno 875 incoronato
da Giovanni, ed Augusto acclamato; giurando all'incontro di portar
sempre le sue armi contra i nemici della Sede, e difenderla con tutte
le sue forze. Il Papa per questo fatto volle appropriarsi assai più
di quello, che gli altri suoi predecessori avean fatto in congiunture
simili, perchè se è vera quella orazione, che di lui si legge presso
il Sigonio[516] fatta a' Vescovi, parla in maniera, come se Carlo
assolutamente da lui avesse ricevuto l'Imperio, e che la sua elezione
totalmente a lui s'appartenesse; onde da ora in poi fu riputato e
preteso da' Pontefici romani, che il titolo d'Imperadore fosse un puro
e sincero benefizio del Pontefice, e cominciarono per questo a noverar
gli anni dell'Imperio dal giorno della Consecrazione pontificia:
tanto che non ebber ritegno i successori di rinfacciar agl'Imperadori
d'Occidente, l'Imperio esser loro benefizio, di che ci tornerà altrove
più acconciamente di ragionare.

Si narra ancora, che Carlo riconoscente di tanti benefizj avuti dal
Papa in questa occasione, oltre di aver con preziosi doni arricchita
la Basilica di S. Pietro, avesse anche ceduta al Papa la sovranità,
che gli altri Imperadori franzesi suoi predecessori ritennero sempre
sopra Roma, e che non prima di questo tempo passasse questa città sotto
l'independente ed assoluto dominio del Papa; ma tutti questi racconti
si rendono favolosi da ciò, che gli Ottoni Imperadori d'Occidente
praticarono sopra Roma, come si vedrà più innanzi.

Disbrigato che fu Carlo da Roma, seguitando il costume degli altri
Re d'Italia, passò in Pavia, ed ivi dall'Arcivescovo di Milano, come
fecero i suoi predecessori, volle prender la Corona regale, e Re di
Italia fu acclamato: quindi non molto da poi nella medesima città molti
regolamenti stabilì per lo buon governo della medesima.

Potè Carlo intanto finchè visse godersi senza contrasto l'Imperio,
e il Regno d'Italia, e quello di Francia, perchè Lodovico Germanico
suo fratello, essendo morto in Francfort il dì 28 agosto dell'anno
875, lasciò ampia materia a' suoi figliuoli di guerreggiare per
altre imprese. Lasciò Lodovico tre figliuoli, fra quali, secondo il
dannabile costume introdotto in Francia, si divisero il Regno paterno.
A Carlomanno toccò la Baviera, la Boemia, la Carintia, la Schiavonia,
l'Austria ed una parte dell'Ungaria. A Lodovico, la Franconia, la
Sassonia, la Frisia, la Turingia, la Bassa Lorena, Colonia e molt'altre
città sulle sponde del Reno. A Carlo il Grosso, l'Alemagna, dal Meno
sino all'Alpi, e l'altra parte della Lorena.

Ma ecco, mentre Carlo Imperadore regge la Francia e l'Italia, che
i Saraceni, i quali da Lodovico II erano stati confinati a Taranto,
tornarono di bel nuovo ad infestare queste nostre province e scorrendo
sin sopra Bari, minacciavano stragi e ruine all'altre province ancora.
Furono obbligati perciò i Napoletani, gli Amalfitani e i Salernitani,
non avendo a chi ricorrere, per sottrarre i loro Stati dalle imminenti
irruzioni, alle quali essi colle proprie lor forze non potevano far
argine, di trattar co' Saraceni, come meglio poterono, la pace, la
quale non vollero costoro ricevere, se non sotto condizione, che
dovessero con le proprie unire le loro armi, affinchè insieme aggiunte,
sopra il Ducato romano e contro Roma istessa potessero portarle: fu
accordata la lega con sì dure condizioni[517]; di che avvisato il
Papa Giovanni VIII tosto ricorse all'Imperadore, il quale in suo ajuto
mandogli Lamberto Duca di Spoleto e Guido suo fratello. Venne il Papa
istesso in quest'anno 876 accompagnato da' medesimi in Napoli, ed in
queste nostre parti, guidando egli l'impresa. Fu questa la prima volta,
che si videro i Papi alla testa d'eserciti armati, per cagion per altro
apparentemente pietosa, per reprimere la ferocia de' Saraceni, che
tentavano sconvolgere i loro Stati e metter sossopra il Ponteficato.
Usò Giovanni tutti i suoi sforzi per romper questa lega, e tirare alla
sua parte questi Principi, che s'erano collegati co' Saraceni; e fu
tale l'opera sua con Guaiferio Principe di Salerno, che non solo lo
distaccò dalla lega, ma contra i Napoletani ostinati fecegli voltar le
armi.

Era in quest'anno Duca di Napoli Sergio, il quale per aver imprigionato
Attanasio suo zio, Vescovo di Napoli, era nell'indignazione di molti:
costui non volle in conto alcuno distaccarsi da' Saraceni, non ostante
l'increpazioni del Papa; fu perciò il medesimo immantinente scomunicato
da questo Pontefice, e gli mosse contro Guaiferio, il quale combattè
co' Napoletani, e fattone ventidue prigionieri, il Papa fecegli tutti
decapitare[518].

Era Vescovo di Napoli in questi tempi Attanasio fratello di Sergio,
che all'altro Attanasio suo zio era nella cattedra succeduto, il quale
per fare cosa grata al Papa, conculcando tutte le leggi del sangue e
della natura, portato anche dall'ambizione, imprigionò il proprio suo
fratello e cavatigli gli occhi lo presentò al Papa in Roma: Giovanni
gradì molto il dono, e fattolo rimanere a Roma, finì quivi miseramente
la sua vita[519]. Proccurò da poi Attanasio, che in luogo di Sergio
fosse egli eletto Duca, e così con esempio non nuovo, si vide Attanasio
insieme Vescovo e Duca di questa città. Fu quest'Attanasio uomo di
torbidi pensieri, e che durante il suo governo inquietò gli altri
Principi suoi vicini, e pose sossopra queste nostre province. Egli
per salvare il proprio Ducato, posposto ogni rispetto, ancorchè fosse
in dignità Vescovile, portato dalla sua ambizione, non ebbe alcun
ritegno di rinovar la lega co' Saraceni; gli apparecchiò quartieri
presso Napoli, e gli unì co' Napoletani, mandando in iscompiglio i
Beneventani, i Capuani ed i Salernitani, iscorrendo insino a' confini
di Roma, ove non vi era cosa indegna, che non si tentasse, tutto
depredando.

Il Papa ciò vedendo fulminò contro Attanasio i suoi anatemi terribili,
nell'anno 881 lo scomunicò, lo maledisse, e secondo ciò che narra
Erchemperto, l'istesso fece a Napoli città sua: di che ne rendono a
noi testimonianza le stesse epistole di questo Pontefice, che ancor
ci restano[520]. Scomunicò eziandio gli Amalfitani[521]. Il medesimo
sarebbe avvenuto a' Salernitani ed a Guaiferio lor Principe, se
atterrito da tali fulmini non si fosse distaccato dalla lega. E vedendo
di vantaggio il Papa inondar con pieni torrenti i Saraceni per tutti i
lati, scrisse anche più lettere e mandò più legati a Carlo il Calvo, al
quale ricordando i benefizj fattigli, lo stimolava instantemente, che
tosto, ad esempio del suo predecessore Lodovico, calasse in Italia con
potente armata per discacciargli, altrimente tutto sarebbe andato in
rovina, e caduta in man dei Barbari Roma, con irreparabil ruina della
sua Sede, di cui egli avea giurato esserne difensore.

Questi esempj dovrebbero far ricredere a molti esser poco sicura
l'opinione di coloro, che scrissero gl'Interdetti generali locali
non essere più antichi de' tempi di Gregorio VII, e che questo
Pontefice fosse stato il primo, che gli avesse introdotti nella
Chiesa, castigando così i Popoli per le scelleratezze de' Principi;
poichè se è vero ciò che narra Erchemperto, che fiorì intorno a questi
medesimi tempi, o poco da poi, la città di Napoli patì veramente tal
disavventura per li perfidi e scellerati costumi del suo Vescovo
e Duca, che obbligò i Napoletani a far lega co' Saraceni. Oltre
che, tralasciando più antichi esempj d'altri paesi, abbiamo noi un
altro esempio illustre nel Principato di Benevento, dove Errico II
Imperadore, avendovi posto per reggerlo Pandolfo, perchè i Beneventani
non vollero ubbidirlo, l'Imperadore che andava di concerto con
Papa Clemente, proccurò l'anno 1010 che il Pontefice scomunicasse
i Beneventani; nè furono assoluti, se non dieci anni da poi, quando
Lione IX che a Clemente succedè, venuto in Benevento, non togliesse
l'Interdetto.

Ma nell'istesso tempo che Carlo s'apparecchiava di calare in Italia per
soccorrere il Papa, giunto con picciol numero di truppe in Pavia, dove
il Papa venne a trovarlo, ecco che Carlomanno lo previene e calato egli
in Italia con potenti eserciti, tentò di scacciarne il Calvo, aspirando
all'Imperio ed al Regno d'Italia. Carlo sorpreso di tal mossa, ripigliò
il cammino verso la Francia, e giunto all'Alpi, assalito da una
febbre, non senza sospetto di veleno, finì quivi i giorni suoi nel dì
6 del mese d'aprile dell'anno 877, in età di 54 anni: il suo corpo fu
seppellito a Vercelli, e sette anni da poi fu portato in S. Dionigi.


§. I. _Maggiori disordini e calamità in queste nostre province per la
morte di CARLO IL CALVO, ne' tempi di CARLOMANNO._

Morto il Calvo, e succeduto in Italia Carlomanno, s'accrebbero i
disordini e le calamità; poichè Carlomanno non potendo soccorrere le
nostre Province, per essere impiegato in altre imprese, i Saraceni
imperversando assai più, misero il tutto in iscompiglio e desolazione.

S'aggiunse ancora la discordia de' nostri Principi stessi; poichè i
Capuani per la morte accaduta di Landulfo nell'anno 879 si divisero in
fazioni. Lasciò costui più nepoti, i quali accelerarono maggiormente la
ruina di questo Contado, perchè fra di loro egualmente se lo divisero.
A Pandonulfo Conte di Capua, che gli succedè, toccò Tiano e Casamirta,
che altri dicono Caserta. A Landone, Berolassi e Sessa. All'altro
Landone, Calinio e Cajazza[522]: e così vennero d'uno Stato a farsene
molti divisi in più pezzi, che portò finalmente la ruina de' nostri
Principi longobardi, perchè infra di lor divisi le cose terminarono in
fazioni e guerre intestine, onde diedesi pronta occasione alle altre
Nazioni d'approfittarsi de' loro sconcerti e disordini. Sorse perciò
anche quell'antica consuetudine appresso i medesimi, di non preporre il
primogenito nelle successioni de' Feudi agli altri fratelli minori, ma
ammetter tutti egualmente[523], contro l'istituto de' Franzesi, che per
non dividere i Stati, al primogenito gli deferivano; e quindi in questo
nostro Regno s'introdusse quella distinzione, che nelle successioni,
alcuni Feudi si regolavano secondo il jus de' Longobardi, altri secondo
il _jus Francorum_, che prevalse finalmente come più provvido e saggio,
come a più opportuno luogo diremo.

E se bene a Pandonulfo fosse stata da Giovanni VIII conceduta Gaeta,
non furono però i Capuani così dolci nel trattar i Gaetani, che perciò
non ne sorgessero nuovi sconcerti e ravvolgimenti, siccome in tutto
il suo Stato; tanto che dopo tre anni ed otto mesi ne fu Pandonulfo
cacciato, ed eletto in suo luogo nell'anno 882 Landone, il quale,
governando inettamente Capua, non durò più che due anni a reggerla;
poichè datosi con ciò occasione ad Atenulfo suo fratello d'invaderla,
fece sì questo valoroso e prode Capitano, che discacciandolo nell'anno
887 ristabilì in miglior forma il Contado di Capua, e portato dal corso
della sua fortuna, fu al Principato di Benevento innalzato, venendo
con ciò ad unirsi questi due Stati dopo il corso di molti anni, in una
medesima persona, come diremo.

Non minori furono i disordini nel Principato di Benevento, perchè
Adelghiso, mentre tutto festante ritorna in Benevento dopo la presa
del castello Trabetense, che alcuni dicono essere Trivento, per una
congiura fu da' suoi nepoti ed amici crudelmente ucciso nell'anno
878, dopo aver dominato in Benevento anni 24 e mezzo: quindi di
questo Principe non si legge alcun tumulo, come degli altri appresso
Pellegrino. Si legge però presso il medesimo un suo _Capitolare_, ove
molte leggi stabilì, alcune conformi alle antiche dei Re longobardi,
altre difformi alle medesime.

Nacquero perciò disordini gravissimi nello Stato, perchè succedutogli
nel Principato _Gaideri_ suo nipote, figliuolo di Radelgario, che per
forza d'ambizione ne escluse Radelchi figliuolo primogenito dell'ucciso
Adelghiso, i Beneventani dopo due anni e mezzo lo deposero e mandarono
prigione in Francia, portando al soglio _Radelchi_ figliuolo, come si
disse, d'Adelghiso; ma non tardò guari, che Gaideri fuggito di Francia,
si ritirò in Bari, sotto la protezione de' Greci; poichè questa città,
la qual era prima governata da' Castaldi che vi mandavano i Principi di
Benevento, perchè si vide sovente in mano de' Saraceni, considerando
che i Beneventani per più volte l'aveano perduta e che non potevano
difenderla contro le spesse incursioni de' medesimi, era in questi
tempi passata sotto il dominio de' Greci, perchè i Baresi, come fu
detto, si diedero a Gregorio Straticò, che chiamarono da Otranto,
città che pure era ritornata sotto la dominazione de' Greci[524]. E
portatosi per ciò Gaideri in Costantinopoli all'Imperador Basilio, fu
da costui ricevuto cortesemente, concedendogli il governo per tutto il
tempo di sua vita della città d'Oria, donde non cessò mai di molestare
i Beneventani, che da quel dominio l'aveano scacciato[525].

Nè Radelchi, combattuto da tante altre parti, potè molto godersi
del suo Principato, poichè insorta non molto da poi guerra tra
Napoletani ed Amalfitani da un canto, e tra Capuani e Beneventani
dall'altro, tutto andò in confusione: e dopo il dominio di pochi
anni ne fu scacciato nell'anno 883, e posto in suo luogo _Ajone_ suo
fratello[526]. Ma nè pure questo Principe potè molto godersi e con
tranquillità il suo Stato, poichè preso da Guido Duca di Spoleto,
sebbene per opera de' Sipontini, che in questo incontro mostrarono
gran fedeltà al lor Signore, fosse stato sprigionato e restituito
a Benevento, Gaideri che la città d'Oria teneva, gli mosse contro i
Greci, co' quali ebbe spesso a combattere. E morto dopo sette anni
di Regno perturbato, succedutogli nell'anno 890 _Orso_ suo figliuolo,
che non avea più che dieci anni, si diede l'ultima mano alla ruina de'
Principi longobardi in Benevento; e che finalmente presa questa città
da' Greci, passasse da' Longobardi, dopo 330 anni che la tennero, sotto
la dominazione di Lione Imperadore d'Oriente figliuolo di Basilio;
poichè questo Principe fortemente crucciato contro Ajone, e stimolato
da Gaideri, nel seguente anno 891 mandò un'armata formidabilissima in
queste nostre regioni sotto il comando di Simbaticio Protospatario per
debellar Benevento, il quale cinta che l'ebbe di stretto assedio, dopo
tre mesi se ne rese Signore insieme con altri luoghi del suo dominio,
scacciandone l'infelice Orso, che non più d'un anno l'avea tenuta.
Così Benevento dopo 330 anni, da Zotone primo Duca insino ad Orso,
passò sotto gl'Imperadori d'Oriente, e venne governata per un anno
dall'istesso Simbaticio, che la conquistò; dopo il quale fuvvi mandato
dall'Imperadore per successore Giorgio Patrizio, che insino all'anno
895 la governò.


§. II. _Calamità nel Principato di Salerno._

Ma più gravi e lagrimevoli furono le calamità di Salerno, la quale
più volte invasa da' Saraceni, sostenne le più crudeli stragi e
scorrerie non mai intese, tanto che furon più volte obbligati i suoi
cittadini colle intere lor famiglie andar cercando ricovero altrove.
Non bastarono i Saraceni solamente, ma a loro danno s'unirono anche
i nostri Principi medesimi, e sopra tutto il nostro Duca di Napoli
Attanasio, il quale unito con que' Barbari devastò tutto il suo paese,
riducendo il Principe Guaimaro, che a' Guaiferio suo padre era nel
Principato di Salerno succeduto nell'anno 880, in tali angustie, che
per far argine a tante inondazioni, non bastando le proprie forze, fu
da dura necessità costretto di ricorrere insino ad Oriente agli aiuti
degl'Imperadori Lione ed Alessandro figliuoli di Basilio, da' quali fu
opportunamente soccorso[527]: ed oltre a ciò, gli spedirono una bolla
d'oro, rapportata anche dal Summonte[528], colla quale gli confermarono
il Principato di Salerno nella guisa appunto, che era stata fatta la
divisione tra Siconolfo e Radelchisio[529].

Non fu veduto al Mondo uomo più perfido ed infido di questo Attanasio,
il quale, ora facendo lega co' Saraceni, ora distaccandosene secondo
il bisogno, pose in iscompiglio queste nostre province; quando i
Saraceni inondavano i Principati vicini, e con felicità portavano
le loro armi da per tutto, egli per ispegnere l'incendio, che vedeva
negli altrui Stati, temendo che non s'inoltrasse infino alla propria
casa, proccurava unirsi co' Principi vicini con dar loro soccorso:
quando poi per qualche strana rotta data loro da' Greci o dai Principi
longobardi, mancava il timore, s'allontanava da questi e riunivasi
co' Saraceni. Così una volta accadde, che tenendo in quartiere molte
schiere di Saraceni alle radici del Vesuvio, mandò sin in Sicilia a
chiamar Suchaim Re, perchè facendosi de' medesimi Capo gli guidasse; ma
essendogli avvenuto da poi, che costui cominciò a devastar il proprio
paese, e a fare a' Napoletani oltraggi e danni insopportabili, commosso
da sì fiero turbine, tosto pensò d'unirsi e far lega con Guaimaro
Principe di Salerno e con li Capuani per discacciargli, siccome in
fatti gli riuscì. Narra Erchemperto[530], che in quest'incontro fu
punto Attanasio da' stimoli di coscienza, e che pensasse far questa
lega per discacciargli, affinchè anche per sì pietosa impresa potesse
meritar dal Papa l'assoluzione dalle censure, delle quali egli e Napoli
sua città, sin dal mese d'aprile dell'anno 881 era stato legato.

Così per l'ambizione e per le gare de' nostri Principi, non videro
queste province, che ora compongono il Regno, tempi più calamitosi
di questi, ne' quali erano combattute insieme e lacerate non men
da' propri Principi, che da straniere nazioni. Pugnavano insieme i
Beneventani, i Capuani, i Salernitani, i Napoletani, gli Amalfitani ed
i Greci; e quando questi stanchi de' propri mali cessavano, eran sempre
pronti ed apparecchiati i Saraceni, i quali sparsi da per tutto, ed
avendosi in più luoghi del Regno stabiliti ben forti e sicuri presidj,
nel Garigliano, in Taranto, in Bari e finalmente nel Monte Gargano,
afflissero così miseramente queste province, che non vi fu luogo ove
non portassero guerre, saccheggiamenti, calamità e morti; onde non pur
i due più celebri e ricchi monasteri di Cassino e di S. Vincenzo più
volte ne patirono desolazioni e incendj, ma queste istesse calamità
furono sofferte anche da città più cospicue e da province intere.

Non era donde sperar aiuto e ricever soccorso; poichè le forze
degl'Imperadori d'Oriente eran lontane e deboli. Molto meno era da
sperarne dagl'Imperadori d'Occidente: morto Lodovico II che si rese
celebre al Mondo per avergli tante volte scacciati da queste province e
confinatigli nell'ultime città, non poteva alcun promettersi da' suoi
successori soccorso, perchè Carlo il Calvo che gli succedè, impedito
da Carlomanno suo competitore, ad altro fu uopo che drizzasse le sue
armi. E Carlomanno, che, morto il Calvo, per tre anni tenne il regno
d'Italia, come quello che aveva altre imprese per le mani, per aversi
dovuto opporre a' sforzi di Lodovico il Balbo figliuolo del Calvo, che
per se lo pretendeva, non potè pensare a queste nostre remote parti.

S'aggiunsero alle presenti altre calamità in tutta Italia; poichè per
la morte del Calvo, stando vacante l'Imperio, ancorchè Carlomanno
tenesse il regno d'Italia, che con molta celerità occupollo,
Lamberto Duca di Spoleto sorprese Roma, e pretese dal Papa la Corona
imperiale. Il Pontefice fuggì in Francia, e soccorso da Lodovico III
detto il Balbo, volendo ricompensarlo per tanti beneficj prestatigli
in quest'occorrenza, lo consecrò in Francia Imperadore, e lo fece
acclamare Augusto. Ma Lodovico, ancorchè acclamato Imperadore, non
ebbe in Italia dominio alcuno, ritenendo il Regno Carlomanno; e si
vide il Regno d'Italia nella persona di Carlomanno, ancorchè egli non
fosse Imperadore. Ciò che maggiormente rende chiaro e manifesto quel
che spesse volte abbiam notato in quest'Istoria, che gl'Imperadori
d'Occidente, risorto l'Imperio, non dominarono Italia come Imperadori,
ma come Re ch'essi n'erano; nè Carlo M. aggiunse all'Imperio l'Italia,
siccome non fece membro del medesimo la Francia; e le leggi loro che
per l'Italia furono lungamente osservate e che alle longobarde furon
aggiunte, non come Imperadori, ma come Re della medesima ebbero tutto
il vigore. In fatti gli antichi nostri Scrittori nel Catalogo delle
leggi longobarde, noverando le leggi de' Re d'Italia, dopo quelle
stabilite da' Re longobardi, numerano l'altre di Pipino sino a Corrado,
come Re, non come Imperadori.

S'unirono però ben tosto queste due supreme dignità nella persona
di Carlo il Grosso: poichè morto nell'anno 880 Carlomanno suo
fratello, con incredibil sollecitudine si portò in Italia, ove accolto
benignamente dagl'Italiani fu dall'Arcivescovo di Milano, secondo
il costume, per Re d'Italia incoronato ed unto; e non molto da poi
richiamato da Giovanni in Italia, prese da questo Pontefice, nel giorno
di Natale dell'anno 881, la Corona imperiale, e fu Augusto proclamato.

Ben fu Carlo il Grosso spesse volte chiamato dal Papa perchè
soccorresse queste province, che erano tuttavia da' Saraceni malmenate,
e ben egli sin a Ravenna a questo fine portossi; ma bisognò che tosto
ritornasse in Francia, ove lo richiamavano mali più gravi, e più
perniciose ruine. Fu in questi tempi, che la prima volta i Popoli
normanni si ferono sentire, li quali usciti dall'ultima Scandinavia,
scorrendo e mettendo sossopra la Francia, portarono l'assedio insino a
Parigi, tanto che finalmente per quietargli bisognò assegnar loro per
sede la Neustria, quella provincia che insino ad oggi per essi ritiene
il nome di Normannia.

Peggiori furono i sconvolgimenti in quel regno per le contenzioni
insorte dopo la morte di Lodovico Re di Francia, e poi di Carlomanno
suo fratello; le quali finalmente trasportarono l'Imperio da' Franzesi
agli Italiani. Allora fu che, vedendo i nostri italiani ruinata e
divisa la Francia, cominciarono a pensare, che se Carlo il Grosso
venisse a mancare senza lasciar di se stirpe maschile, non bisognava
badar ad altro, ch'eleggere un Imperadore italiano, affinchè non
essendo distratto in altri governi ed in paesi lontani, potesse meglio
reggere l'Italia e difendere la Sede appostolica, la quale per spesse
incursioni de' Saraceni insino alle porte di Roma, sovente erasi
veduta in pericoli gravissimi; riputando in Italia l'antico valore
non esser per anche estinto; e che ben v'erano personaggi tali a chi
potesse appoggiarsi questa dignità. Persuasero perciò ad Adriano III,
che allora reggeva la Sede appostolica, d'interporre a lor richiesta
(se dee prestarsi fede al Sigonio[531], che ne rapporta le parole)
questo decreto: _Ut moriente Rege Crasso sine filiis, Regnum Italicis
Principibus una cum titulo Imperii traderetur_. Siccome in fatti morto
nel mese di gennajo dell'anno 888 questo Imperadore, il quale nella sua
sola persona aveva unito i tre più insigni regni d'Europa, Germania,
Italia e Francia, e che perciò uguagliò le grandezze di Carlo il
Grande: postisi in su i nostri Italiani, di far ricadere presso la lor
nazione il regno d'Italia e l'augusto titolo d'Imperadore, e pensando
con ciò ristabilir meglio le sue province, portarono nelle medesime
tali sconvolgimenti e tali disordini, che non fu veduta mai l'Italia
così miseramente afflitta e travagliata per le discordie interne de'
Popoli e per la perfidia e scelleratezza dei Principi, se non in questi
tempi, ne' quali giacque sotto i Berengarj ed i Guidi, l'un Duca del
Friuli e l'altro di Spoleto, come più innanzi diremo.



CAPITOLO II

_Dello stato nel qual eransi ridotte in questi tempi la giurisprudenza
e l'altre discipline; e delle nuove compilazioni delle leggi fatte per
gl'Imperadori di Oriente._


Ecco lo stato infelice e lagrimevole nel quale erano ridotte queste
nostre province nel declinar del nono secolo; ed avesse piaciuto al
Cielo, che qui fossero terminate le loro sciagure: sarebbe veramente
impertinenza pretender in tempi sì rei, che le discipline fra tanti
sconvolgimenti si fossero mantenute nella loro purità e nettezza.
Tutto era disordine, tutto confusione: solamente in Roma, nel che tutta
l'obbligazione devesi a' romani Pontefici ed a' Monaci e Cherici, si
ritenne qualche letteratura, e la lingua latina non rimase affatto
estinta, almeno nelle scritture. Quindi avvenne, che gli uomini di
lettere fossero stati poi chiamati Cherici, siccome gl'illetterati si
nomavano Laici; onde nacque, che presso gli Scrittori della più bassa
età, come in Dante, in Passavanti ed in altri, per Cherici intendevansi
i Letterati e per Laici gl'idioti. Nel che tanto più sono degni di
commendazione, quanto che se bene Gregorio I. R. P. avessegli vietato
d'impiegare i loro studj sopra Gentili autori, per cancellare ogni
memoria dell'antiche discipline, e quindi con molto calore rampognasse
Didicrio Vescovo di Vienna, perchè insegnava la Gramatica[532], pure
tra tante inondazioni, la Chiesa romana, per quanto la condizione de'
tempi comportava, ritenne qualche reliquia della gentile erudizione, la
quale altrimente sarebbe affatto perduta e posta in obblivione[533].
Chi crederebbe, che la filosofia, la medicina, l'astrologia e
tant'altre scienze, i Saraceni l'avessero in questi tempi fra noi
fatte risorgere per lo studio che gli Arabi posero sopra i libri
d'Aristotele, di Galeno e d'altri Autori, onde Averroe, Avicenna, e
tanti altri si resero cotanto celebri e rinomati? Quindi nelle nostre
Scuole per lungo tempo si videro le discipline, la filosofia e la
medicina sì malamente trattate; e posti in dimenticanza tanti altri
insigni Filosofi, tener solo Aristotele il campo e contaminarsi anche
per ciò la teologia, la matematica e tutte l'altre scienze, come diremo
a più opportuno luogo.

E per ciò che riguarda la nostra giurisprudenza, erano iti in bando i
libri di Giustiniano, ed in Italia quasi che sconosciuti, e la legge
romana sol per tradizione era rimasa nell'infima plebe, ch'è l'ultima a
deporre gli antichi istituti e le leggi de' suoi maggiori: solamente le
Novelle di Giustiniano erano dagli Ecclesiastici ritenute, e dai R. P.
sovente allegate[534]; e del Codice Teodosiano, come quello che fu da
Carlo M. tenuto in conto ed emendato, avevasi qualche uso. All'incontro
le leggi longobarde erano le dominanti, alle quali aggiunte le altre,
che da questo Principe e dagli altri suoi successori come Re d'Italia
erano state promulgate, si dava tutta l'autorità e tutto il vigore ne'
nostri Tribunali; e secondo quelle ogni lite era terminata.

E poichè tratto tratto eransi già introdotti in queste nostre province
i Feudi in più numero, cominciarono quindi a sorgere le Consuetudini,
non già leggi feudali, poichè il primo che avesse fra noi sopra de'
medesimi promulgata legge scritta fu Corrado il Salico, come diremo.
Le loro regole ed usi per la maggior parte eran tratti, come s'è
detto, dalle leggi longobarde; ma vi ebbero parte ancora le leggi
e le costumanze d'altre nazioni: da' Sassoni e Turingi la perpetua
esclusione delle femmine dalla loro successione: da' Normanni e
Borgognoni il costume di preferire i primogeniti: dagl'istessi
Normanni l'uso di pagare i rilevj nelle rinovazioni delle antiche
investiture. Da' Longobardi l'anteporre la donzella, che chiamavano _in
capillis_, alla sorella maritata e dotata, ne' luoghi ove le femmine
(come nel nostro Regno) son capaci di Feudi. Dai medesimi Longobardi
l'uso de' sacramentali; e il determinato numero de' dodici, non
tanto da' Longobardi, quanto da' Ripuarj, fu derivato. Parimente la
necessità d'avere ad intervenire i Pari della Corte così nelle nuove
investiture, come ne' giudicj di privazione dei Feudi, dagli Alemanni
i nostri maggiori l'appresero: siccome le loro successioni, secondo
le consuetudini de' luoghi si regolavano, non già per leggi scritte,
onde la ragion di succedere divenne così varia e diversa; quindi i
compilatori di questo dritto saggiamente le dissero _Consuetudini_:
del che ci tornerà occasione di un più lungo discorso, quando della
compilazione dei Libri feudali farem parola. Quindi parimente avvenne,
che la legge romana declinasse tanto e sol fra la plebe come antica
usanza si ritenesse; perchè riempiendosi queste nostre province per
la multiplicità de' Feudi, di non mediocre numero di Baroni, erano
solamente le leggi longobarde, e queste Consuetudini feudali, le
quali in gran parte dalle medesime derivano, riverite ed osservate,
ed era quasi come un marco di nobiltà in coloro, i quali secondo la
legge longobarda, e non romana, viveano. Ed ancorchè Carlo M., Pipino,
Lotario e Lodovico avessero lasciato in libertà a' provinciali di
vivere sotto quella legge che volessero, per la maggior parte però la
longobarda era eletta. S'aggiungeva ancora, che le donne maritandosi,
se pure viveano sotto la romana, dovean poscia vivere sotto la
longobarda, secondo la quale regolarmente viveano i loro mariti, del
che presso Doujat[535] n'abbiamo un chiarissimo e singolar esempio.

Ma le leggi longobarde e le Consuetudini feudali aveano solamente in
quelle province, ch'erano sottoposte a' Principi longobardi, tutta la
loro forza e vigore; poichè insino a questi tempi, non l'aveano ancora
acquistata nel Ducato napoletano, ed in tutte quelle città e luoghi
dove ancor durava l'Imperio dei Greci, i quali non riconobbero le
longobarde, e perciò nè meno i Feudi. Forse perciò alcuno stimerà, che
almeno in questi tempi nel Ducato napoletano, in Amalfi, Gaeta, ed in
tutte quelle regioni sottoposte a' Greci si vivesse secondo le leggi
di Giustiniano, e tanto più in questi tempi, ne' quali i Greci avean
ritolti molti luoghi a' nostri Principi longobardi, e Bari, Taranto e
Benevento eran ritornati sotto la loro dominazione.

Ma resterà sorpreso quando intenderà, che i Libri di Giustiniano
non ebbero minore disavventura in Oriente di quella s'avessero in
Occidente, e perciò nè meno da quelle città e province che lungo
tempo si mantennero sotto l'Imperio de' Greci, furono riconosciuti.
Questo nacque parte per dappocaggine di Giustino, che a Giustiniano
successe, ma molto più per invidia che ebbero gli altri Imperadori
successori alla gloria di Giustiniano, i quali proccurarono per mezzo
di nuove Costituzioni e Novelle, e di nuove compilazioni di oscurare i
suoi libri. E poichè la maggiore scossa, che riceverono, fu in questo
medesimo nono secolo, nel quale siamo, quando nell'anno 870 l'Imperador
Basilio, e poco da poi Lione e Costantino suoi figliuoli ordinarono
quella cotanto celebre compilazione de' _Basilici_; perciò sarà bene,
che delle tante compilazioni fatte da' Greci e delle opere de' loro
Giureconsulti, i quali intorno a questo soggetto impiegarono le loro
fatiche, qui distesamente se ne ragioni; donde si scorgeranno le vere
cagioni perchè le leggi di Giustiniano, così nel Ducato napoletano,
come in tutte l'altre città a' Greci sottoposte, non avessero avuto
quel vigore e quella autorità, la quale fu veduta poi in queste regioni
avere, quando risorte in Italia ai tempi di Lotario II, ed esposte
nelle nostre Accademie, acquistarono poi ne' nostri Tribunali quella
forza, che ogn'un ora vede. E mi lascio tanto più volentieri condurre a
farlo in questo luogo, in quanto che rincrescendomi tra tante sciagure
e miserie andarmi più ravvolgendo, si possa prendere alcun respiro con
le lettere, che in Grecia non erano in questi tempi, come in Italia,
affatto mancate e spente.


I. _Nuove compilazioni di leggi fatte in Grecia; e qual uso ebbero fra
noi in quelle città, che ubbidivano a' Greci._

I Libri di Giustiniano, cioè le compilazioni delle Pandette, del Codice
e dell'altre costituzioni _Novelle_, morto il suo autore, presso a'
Greci medesimi riceverono sì strane mutazioni, che finalmente mandati
in bando, non in quelli, ma in altri volumi contenevasi il dritto de'
Romani. In Oriente accadde questa loro oblivione principalmente per
due cagioni; la prima per le tante altre nuove Costituzioni, che da'
seguenti Imperadori (incominciandosi da Giustino il Giovane dall'anno
566, insino a Michele Paleologo nell'anno 1260) furono da tempo in
tempo promulgate, per le quali spesso variandosi e correggendosi
ciò che Giustiniano aveva stabilito ne' suoi libri, cagionarono
tali cangiamenti e novità, che i Professori e gli Avvocati, quelli
abbandonati, s'attaccarono ad esse, come quelle nelle quali era riposto
ciò che per l'uso del Foro bisognava e per la decisione delle cause,
nulla curando de' Codici di Giustiniano, alle leggi de' quali per
le tante correzioni da poi seguite, poco o nulla autorità si dava, e
perciò l'uso delle medesime andava mancando.

L'altra cagione furono le tante altre collezioni, ovvero compilazioni
da poi fatte, alcune più ristrette, altre più ampie, dagli Imperadori
successori, le quali oscurarono quelle fatte da Giustiniano. Le
collezioni più ristrette, essendo di varie sorti, acquistarono perciò
diversi nomi: altre furon dette _Prochira_, cioè _Promptuaria_: altre
_Enchiridia_, cioè _Manualia_: alcune altre _Ecloghe_, cioè _Delectus_,
ovvero collezioni di cose più scelte, dette ancora _Sinopsis_,
_Epitome_, cioè compendj. Le collezioni più ampie quasi tutte sortirono
un istesso nome di Basilici, cioè Imperiali, non come credettero
alcuni, che prendessero tal nome da _Basilio_ Imperadore, che fu
il primo a comporle. Presso i Greci Basileos è l'istesso, che Re o
Imperadore, perciò le collezioni, che contenevano le loro Costituzioni,
si dissero _Basilici_, cioè Imperiali.

E per quanto s'attiene alla prima cagione delle tante Costituzioni
imperiali, per togliere le confusioni bisogna dividerle in due classi.
Quelle stabilite da Giustino il Giovine sino all'Imperador Basilio
il Macedone e suoi figliuoli, è duopo separarle dalle posteriori
promulgate dopo Basilio, le quali prima vagando sotto il nome di
_Novelle_, furono finalmente raccolte insieme, serbandosi per lo più
l'ordine de' tempi ne' quali furono stabilite.

Si numerano dieci Imperadori, da' quali furono le prime promulgate:
essi furono Giustino il Giovane, Tiberio parimente il Giovane,
Eraclio, Costantino V Pogonato, Lione III Iconomaco, Lione V Armeno,
Teofilo e Basilio Macedone con Lione e Costantino suoi figliuoli.
Per quarant'anni dopo la morte di Giustiniano sotto gli Imperadori
Giustino, Tiberio e Maurizio, i libri di Giustiniano, così latini
come furon dettati, ebbero in Costantinopoli, nell'Accademie e nel
Foro tutta la loro autorità e vigore[536]; ma succeduto nell'Imperio
d'Oriente Foca, inettissimo Principe, costui, siccome non seppe
reprimere le invasioni di tante straniere nazioni che gran parte del
suo Imperio occuparono, nè tampoco seppe conservare le leggi; onde se
bene non affatto fosse mancata l'autorità de' libri di Giustiniano,
si videro però trasformati e trasportati in idioma greco, e da' greci
Giureconsulti, come nuovo corpo di legge greca, riputati; dal quale e
dalle _Novelle_, che tuttavia andavansi stabilendo, erano nel Foro le
leggi allegate; onde in Oriente i Codici di Giustiniano cominciarono a
perdere l'antico vigore[537].

Ma scossa maggiore ricevettero per le tante altre Costituzioni
Novelle, che seguirono in appresso dopo Basilio e' suoi figliuoli.
Si noverano sino a diciassette Imperadori, che nel corso del loro
Imperio le stabilirono. Questi furono Costantino VIII Porfirogenito,
Romano Lecapeno il Vecchio, Romano Porfirogenito il Giovane, Niceforo
II Foca, Basilio il Giovane, Romano IV Argiropilo, Zoe Imperadrice,
Isaacio Comneno, Michele VII Duca, Niceforo Bononiate, Alessio
Comneno, Giovanni Comneno, volgarmente detto Calogiovanni, Emanuele
Comneno, Alessio III Comneno, Isaacio Angelo, Giovanni III Duca,
che regnò nell'Asia minore ed in Nicea, mentre i Franzesi tennero
Costantinopoli, e Michele Paleologo, che, discacciati i Latini,
recuperò Costantinopoli.

La notizia di queste Novelle non se non dopo molti secoli pervenne
a noi, quando restituite in Francia ed in Italia le discipline e
l'erudizione, furono dalle tenebre alla luce del Mondo esposte,
non da un solo e insieme, ma poco a poco da più eruditi Scrittori,
amatori dell'antichità. Non ebbero esse alcuna forza o autorità in
queste nostre contrade nè a' tempi nei quali furono pubblicate, per
essere quasi tutte locali e attinenti al governo di Costantinopoli
e dell'altre città dell'Oriente, nè da poi che in Italia furono
restituiti i libri di Giustiniano; poichè ne' volumi antichi, i quali
tratto tratto cominciarono ad esser ricevuti prima nell'Accademie
d'Europa, e poi per la forza della ragione, ne' Tribunali, non vi si
leggevano. I nostri primi restauratori non ebbero di quelle alcuna
notizia, e dopo molti secoli furono da alcuni eruditi rinvenute, i
quali le tradussero in latino, e poi proccurarono che s'aggiungessero
alle nuove edizioni, che da tempo in tempo occorreva fare de' vulgati
Codici. Molte ne fece dare in luce Eimondo Bonafede, moltissime
altre Giovanni Leunclavio e Carlo Labbeo, e gran parte d'esse possono
leggersi così greche, come latine appresso Leunclavio, e nel Corpo di
Dionisio Gotofredo, il quale parte per interpretamento d'Errico Agileo,
parte di Bonafede, le unì a' suoi volumi. Per queste cagioni mal
farebbe chi di quelle oggi volesse valersi ne' Tribunali nostri per le
decisioni delle cause, non avendo esse mai acquistato vigor di legge in
queste nostre parti; e lo stesso si dice de' _Basilici_[538]. Ben sono
degni di lode chi dalle tenebre cavandole ove giacean sepolte, hannole
date fuori alla luce del Mondo, perchè sovente rischiarano quelle già
ricevute, e danno maggior lume a ciò che concerne l'istoria de' tempi e
de' fatti di quelle Nazioni; e questo sol uso ed utilità dalle medesime
e da' _Basilici_ potrà aversi, nè debbon i nostri Giureconsulti da
quelli altro promettersi. Così molte Novelle di questi Imperadori
abbiamo intorno a' costumi e greche usanze, e per altre consimili cose
a' Greci appartenenti, promulgate per alcuni luoghi e città di certe
e determinate province, che altrove non ebbero nè vigore, nè autorità
alcuna[539].

Sopra tutti gli altri Imperadori d'Oriente, non vi fu chi tante
Costituzioni promulgasse, e molte cose innovasse, quante Lione
VI figliuolo di Basilio. Questi fu un Principe amantissimo delle
buone lettere, il quale per lo studio e somma perizia delle leggi,
dell'istoria e della filosofia, acquistossi, ad imitazione d'Antonino,
il cognome di Filosofo. Si contano di questo Imperadore 113 Novelle
divolgate intorno l'anno 890, che Agileo trasportò nella latina
favella; ma quasi tutte non ebbero altro uso, nè altra autorità che ne'
Tribunali di Costantinopoli, e moltissime nei tempi stessi di Lione
andarono in disuso[540]. Restano di questo Principe molti monumenti
della sua dottrina e del suo amore verso le buone arti, come sono
i tanti libri che compose, e che sottratti dall'ingiuria de' tempi,
lungo tempo nella Biblioteca Palatina ed in quella di Costantinopoli
si sono serbati. Egli scrisse molti libri dell'Apparato e Disciplina
militare, che meritarono esser trasportati nella lingua latina ed
italiana: un libro della Caccia, vari Oracoli e Vaticini di Roma
e di Costantinopoli, ed alcune Operette teologiche ed istoriche;
ma soprattutto la maggior sua cura ed applicazione fu intorno allo
studio delle leggi, perchè emulo di Giustiniano, ciò che questi fece a
Teodosio il Giovane, volle render a lui per le nuove compilazioni e per
li suoi _Basilici_ e _Promptuari_, che insieme con Basilio suo padre,
per oscurar in tutto la fama di Giustiniano, ridusse in miglior ordine
ed in più nobile forma[541].

Il primo adunque (per venire alla seconda cagione dello scadimento
de' libri di Giustiniano) che vie più interruppe il corso alla legge
di Giustiniano per mezzo di nuove collezioni, fu Basilio Macedone.
Basilio essendo stato con istrano esempio di fortuna nell'anno 866
acclamato Imperadore, fu un Principe d'animo grande, il quale avendo
più volte debellati i Saraceni, ristabilì colla sua prudenza l'Imperio,
ch'era stato ruinato da Michele suo predecessore; ed avendo associato
all'Imperio Costantino, e nominati Cesari Lione ed Alessandro suoi
figliuoli, diede poi nell'anno 879 il titolo d'Imperadore a Lione.
Avendosi per le sue magnanime imprese acquistata gran fama, entrò
nei disegno di emulare la gloria di Giustiniano, e per mezzo di nuove
compilazioni oscurare il suo nome ed i suoi libri: ordinò per tanto
nell'anno 870 (associando anche a quest'opera Costantino e Lione suoi
figliuoli) che si compilasse un Prontuario, ovvero, come i Greci lo
chiamarono _Prochyron_ di leggi, nel quale si restringessero in breve
da molti volumi, i fonti più principali della legge, onde derivavano i
rivoli minori. Secondo ciò che testifica Armenopolo[542], era ristretto
in quaranta Titoli, non in sessanta come Cujacio scrisse; e fra i
Codici manuscritti leggesi ancor oggi nella Biblioteca Vaticana, dove
dalla Palatina fu trasportato. Corre sotto il nome, ora di Basilio,
di Lione e di Costantino, ora sotto il nome di Lione e Costantino
solamente, ed ancora sotto il solo nome di Lione, con varie e diverse
prefazioni; onde è molto probabile, che da Lione il Filosofo fosse
quest'opra di Basilio ritrattata ed in miglior forma ridotta.

Non soddisfatto Lione d'aver in miglior forma ridotto il _Prochiro_
di suo padre, e d'aver empiuto l'Oriente di tante sue Novelle, diede
fuori anche gli Epitomi della legge, opera assai elegante, la quale
componevasi di pure definizioni e di regole; ma maggior fu il suo
studio e pensiero nella fabbrica de' _Basilici_: fu questa grand'opra
compilata intorno l'anno 886, distinta in sessanta libri, e per
maggior comodità divisa in sei volumi. Narra Cedreno essersi cominciato
questo lavoro da Basilio, ma il suo compimento lo ricevè da Lione suo
figliuolo, il quale per opra di Sabbaticio Protospataro (forse colui,
che come dicemmo, venne in queste nostre parti mandato dall'Imperadore
per discacciare i Saraceni) la fece promulgare, come dopo Matteo
Blastare, scrisse Antonio Augustino.

Ciò che si fece in questa nuova compilazione non fu altro, se non
che serbandosi per lo più l'istesso ordine delle leggi tenuto da
Giustiniano, prendendosi anche la materia da' suoi libri, da' suoi
tredici editti e dalle Costituzioni Novelle così sue, come de' seguenti
Imperadori sino a Basilio; si risecò tutto quello, che fu reputato
soverchio, e fu tolto quel che per l'uso de' tempi posteriori era
andato in desuetudine; ed all'incontro aggiunto ciò che per le nuove
Costituzioni de' seguenti Imperadori era stato stabilito: per la qual
opera in sei volumi racchiusa, ed in 60 libri divisa ne sorse un nuovo
corpo di leggi, _Basilici_ detto, che in greca lingua distesero: in
maniera, che ciò che Giustiniano di ciascuna materia separatamente
aveva trattato in più libri, cioè nelle Istituzioni, nelle Pandette,
nel Codice e ne' libri delle Novelle, fu collocato sotto un medesimo
titolo, serbandosi però quasi l'istesso ordine, che a Triboniano
piacque tenere intorno alla disposizione delle materie.

Questi furono i Basilici, e si dissero _Priori_, perchè la faccenda
non finì qui; poichè Costantino VIII figliuolo di Lione cognominato
Porfirogenito volle pure intorno a questo soggetto impiegar la sua
cura e la sua maggior applicazione: non meno di suo avo e di suo padre
fu mosso Costantino da stimoli di gloria, e col medesimo disegno di
abolire affatto la memoria de' libri di Giustiniano[543]. Egli nella
giurisprudenza e nell'istoria volle di se dar saggio d'uomo, a cui
le lettere erano sommamente a cuore. Ritrattò l'opra de' Basilici,
l'emendò in molte sue parti, e nell'anno 920 ne fece dar alla luce del
Mondo un'altra di repetita prelezione più espurgata e corretta, e volle
esserne riputato egli l'autore, e che de' Basilici Priori non più se ne
avesse conto, ma che nel Foro e nelle Scuole, questi suoi, che perciò
si dissero _Posteriori_, avessero tutto il vigore, ed andassero per le
mani dei studiosi e de' Causidici d'Oriente. In effetto questa nuova
compilazione de' Basilici fu nell'Oriente conosciuta, e rimase per
fondamento del Jus greco insino alla fine dell'Imperio de' Greci[544],
e fu riputato Costantino per primo autore de' medesimi, siccome dopo
Luitprando riputollo Erveo. Questi furono sempre riputati i veri libri
de' Basilici, a' quali l'istesso Costantino ha fatto precedere un nuovo
_Prochyron_, ovvero introduzione, la quale oggi giorno si vede; e sono
quelli, che dopo il corso di tanti secoli per l'industria e diligenza
d'alcuni benemeriti della nostra giurisprudenza, prima da Genziano
Erveo, ed ultimamente con maggior accuratezza da Annibale Fabrotto
furono a noi restituiti[545], e sopra i quali gl'Interpreti greci
posero il loro studio in commentargli ed illustrargli per mezzo delle
loro insigni fatiche.

Non minor fama acquistossi questo Principe per l'altre famose sue
opere, che pur oggi ci restano intorno all'istoria, avendo fatto
raccorre in un corpo tutti gl'Istorici, disponendogli per 53 luoghi
comuni, ancorchè l'istoria di Porfirogenito, come fu consueto stile
de' Greci, in molte parti si reputi favolosa, siccome in più luoghi di
questi nostri libri si è potuto vedere.

S'affaticarono intorno a questi Basilici molti Interpreti greci, in
maniera che essi ebbero in Oriente non minor turba di Commentatori
greci, che i libri di Giustiniano, da poi che furono risorti in
Occidente, ebbero di Commentatori ed espositori latini. Cujacio ne
annovera moltissimi, Stefano, Niceo, Taleleo, Isidoro, Eustazio,
Eudossio, Calociro, Sesto, Callistrato, Lione, Foca, Modestino,
Domnino, Gobidas, Cumno, Giovanni, Agioteodoreto, Doxapater, Gregorio,
Garidas, Bestes, Bafio e Teofilo: a' quali Freero aggiunge Patzo,
Teofilitzen, Fobeno, Teodoro Ermopolita, Demetrio e Carlofilace. In
quali precisi tempi questi fiorissero non può dirsi cosa di certo.
Contuttociò se voglia numerarsi Taleleo tra i Giureconsulti, che
commentarono i Basilici, bisognerà dire, che fosse questi un altro
Taleleo, e non quegli che molto prima fiorì a' tempi di Giustiniano,
della cui opera, come si è da noi altrove detto, si valse nella
fabbrica delle Pandette.

Così ancora un altro Stefano bisogna che fosse questi, e non già
quegli, che per comandamento dell'istesso Giustiniano sparse i suoi
sudori intorno a' Digesti, i quali anche furono da lui tradotti in
greca favella; nè questi Teodoro e Isidoro potevan esser quelli, che
molto tempo prima furono da Giustiniano impiegati tra que' diciassette
alla fabbrica de' latini Digesti.

Molto meno quel Teofilo, che insieme con Triboniano e Doroteo compose
l'Istituzioni: e quel Foca, uno che fu de' dieci preposti alla fabbrica
del latino Codice. Di Callistrato e Modestino non accade por dubbio,
ciascun sapendo, che questi Giureconsulti fiorirono molto tempo prima
di Giustiniano istesso, non che del Porfirogenito. Per la qual cosa se
non si dirà, che furono più Giureconsulti in diversi tempi co' medesimi
nomi, non possono certamente questi annoverarsi tra gl'Interpreti
de' Basilici: ancorchè alcuni di essi si fossero prima affaticati
intorno a' volumi di Giustiniano trasportandogli nella greca favella,
siccome (se dee prestarsi fede a Matteo Blastares rapportato da Antonio
Angustino)[546] fece Stefano delle Pandette, oppure Taleleo, secondo
che credono Suarez[547] e Struvio[548], e siccome Taleleo stesso fece
del Codice; l'esempio de' quali imitarono poi Cirillo nei Digesti,
Teodoro nel Codice, e Teofilo nelle Istituzioni.

Oltre di questi, ne furono altri d'incerto nome: fuvvi l'Anonimo,
Basilico, che Cujacio crede esser l'Interprete del medesimo contesto
de' Basilici, Evantiofanes, cioè il Conservatore delle leggi fra
lor discordi, ovvero dell'antinomie, che il Vescovo Vasionense crede
esser Fozio, il quale nel suo Nomocanone scrive aver composto un simil
libro[549].

Autore di quella diffusa parafrasi, che va sotto nome d'Indice, Cujacio
crede esser Doroteo; ma Gotofredo stima esser quella opera di diversi,
di Basilico e di Bafio, di cui Costantino si valse, ed appo cui non fu
riputato meno, che Triboniano appresso Giustiniano, il quale molte cose
a quell'Indice aggiunse.

Fu per tanto appresso i Greci, non meno di quello, che fu da poi presso
a' Latini, lo studio delle leggi de' Romani in Oriente coltivato.
Perciò infra di loro sorsero molti a commentarle ed a variamente
interpretarle, poco curandosi de' divieti di Giustiniano, che non
permise altro, che le versioni in lingua greca e' Paratitli, alcuni vi
aggiunsero scolj, parafrasi e glose: altri ancora non s'astennero di
caricarle di pienissimi commentarj; ma i monumenti di queste loro opere
non han per noi veduta mai la luce del giorno, e la maggior parte delle
medesime, o dal tempo sono state a noi involate, o pure oggi si serbano
tra le Biblioteche de' Principi e d'altri uomini eruditi. Quelle opere,
che divolgate vanno ora per le mani degli uomini, sono il Nomocanone
di Fozio Patriarca di Costantinopoli, il quale quasi in quest'istessi
tempi fu dato fuori alla luce nell'anno 877, e diviso in 14 titoli, a'
quali Teodoro Balsamone aggiunse i suoi scolj.

Evvi l'_Ecloga_ de' Basilici, che _Sinopsi_ ancora da alcuni è
chiamata: alcuni presso Cujacio[550] suspicano esserne stato autore
Romano il giovane figliuolo di Porfirogenito e nipote di Romano
Lecapeno, che imperò circa l'anno 962. Fu quest'opera ritrovata da
Giovanni Sambuco nel nostro Taranto[551], città ai tempi di Romano
a' Greci sottoposta. In Otranto parimente per la medesima cagione,
narra Antonio Galateo[552], che Niceta Filosofo Otrantino, poi Monaco
di S. Basilio, dalla Grecia raccolse molti Codici, e ne arricchì la
Biblioteca di quel monastero, che posto sotto la regola di S. Basilio,
non molto lontano da Otranto, si rese in queste nostre parti assai
chiaro e cospicuo.

Giovanni Leunclavio fece imprimere questa Ecloga in Basilea l'anno
1575, e tradussela in lingua latina; e Carlo Labbeo v'aggiunse le
emendazioni ed osservazioni[553]. Presso a Leunclavio[554] stesso si
legge ancora un'altra _Sinopsi_ di Michele Attaliates Proconsole e
Giudice, fatta nel 1070 per ordine di Michele Duca Imperadore, che va
attorno sotto il nome di Prammatica. Poco da poi nell'anno 1071 Michele
Psello illustre per la perizia delle leggi e della filosofia compose
un'altra Sinopsi in versi politici, che al medesimo Imperador Michele
dedicolla.

Finalmente Costantino Armenopolo Giudice Tessalonicense intorno l'anno
1143, imperando Emanuel Comneno, diede fuori l'Epitome delle leggi
civili, che prima in greco si fece stampare in Parigi nell'anno 1540 da
Adamo Suallembergo; fu poi tradotto in latino, ed impresso nell'anno
1547 e 1549 da Bernardo Rey, e di nuovo da Giovanni Mercero in Lione
nell'anno 1556 serbasi ancora manoscritto nella Biblioteca Vaticana e
nella Palatina[555].

Cujacio anche a tutti questi aggiunse il trattato di Eustazio
Antecessore _de Temporum intervallis_, che tra le sue opere vedesi
impresso. Antonio Augustino, Freero ed altri ci diedero la notizia
di consimili altri scritti di Greci[556]; e Leunclavio ci diede molte
leggi militari, rustiche e nautiche, siccome Carlo Labbeo i Paratitli.

Da che si raccoglie, che nell'istesso tempo, che in Italia appo i
Latini lo studio delle leggi romane per le incursioni de' Saraceni e
d'altre Nazioni, e per le discordie de' nostri medesimi Principi era
ito in bando, all'incontro i Greci lo coltivarono con somma diligenza
insino agli ultimi tempi, che Costantinopoli passò sotto Nazioni
barbare, e che l'Imperio d'Oriente patì l'ultimo eccidio. E se bene
le loro fatiche non le impiegarono sopra i libri di Giustiniano, non
è però, che non lo facessero sopra le altre compilazioni fatte da poi
ad emulazione del medesimo, la cui materia trassero da' libri suoi,
ancorchè non poco ne togliessero e molto più vi aggiunsero.

Per queste cagioni avvenne, che se bene il Ducato napoletano e molte
altre città marittime di queste Province si mantennero lungamente
sotto l'Imperio dei Greci, contuttociò non fossero stati i libri
di Giustiniano ricevuti; e se ne' tempi di Lotario II Imperadore si
trovarono le Pandette in Amalfi, non fu perchè ivi come città un tempo
del Ducato napoletano, e soggetta agl'Imperadori d'Oriente, fossero
state riputate come Corpo delle loro leggi, per le quali gli Amalfitani
si governassero, ma si trovarono in quella città per l'occasione delle
spesse navigazioni, che gli Amalfitani facevano in Costantinopoli, da
poi che per l'eccellenza dell'arte nautica e per li continui traffichi
si fecero conoscere per tutto Levante; poichè in altro modo, siccome di
loro non vi era rimaso vestigio nell'altre città di queste province ai
Greci soggette, il medesimo sarebbe avvenuto in Amalfi; e quel che dice
il Summonte e con maggior asseveranza Francesco de' Pietri, che ancora
in Napoli furono trovate le Pandette, è una bugia così sfacciata,
ch'è gran maraviglia, come si possa trovare in un uomo fronte tanto
dura, che senza appoggio d'alcuno Scrittore, che lo dicesse, non
abbia un poco di rossore di francamente affermarlo. Solamente per le
Epistole di Ivone Carnotense e dal Decreto di Graziano possiamo dire,
che in Francia nel decimo ed undecimo secolo, se ne vedesse andar
attorno qualche altro esemplare, allegando sovente Ivone nelle sue
Epistole[557], e Graziano nel suo decreto i Digesti non meno, che le
Istituzioni, le Novelle ed il Codice[558]. In queste nostre province,
che ora compongono il Regno, prima del loro rinvenimento in Amalfi,
furono a questi tempi ignoti; e presso a' nostri Principi longobardi le
leggi loro erano le dominanti, nè delle romane s'ebbe altro riscontro,
se non quanto per tradizione era rimaso tra i provinciali, e quanto dal
Codice di Teodosio, emendato per Carlo M., potevano raccorre.

Egli è però verisimile, che più tosto nell'ultima Calabria s'avesse
qualche uso de' Basilici, e dell'opere di que' greci Giureconsulti
poc'anzi annoverati; giacchè in Taranto, Giovanni Sambuco ritrovò
l'_Ecloga_ de' Basilici, ed il Galateo n'accerta, che in Otranto nel
monastero de' Monaci di S. Basilio molti libri greci furono, anche dopo
espugnata Costantinopoli, trovati e trasportati da poi in Roma nella
Biblioteca Vaticana; ond'è da credere che in Napoli e nell'altre città
a' Greci sottoposte, avessero tenuta più forza le Novelle Costituzioni
promulgate dopo Giustiniano dagli ultimi Imperadori d'Oriente, e queste
loro ultime compilazioni, onde formossi il _jus Greco_, che i libri di
Giustiniano, e che forse le Consuetudini napoletane da queste ultime
leggi de' Greci, non già dall'antiche (come suspicò il Summonte)
traessero la loro origine, siccome, quando ci tornerà occasione di
favellare della compilazione delle medesime, noteremo.

Ciò si dice in riguardo della condizione di questi tempi, ne'
quali i Greci aveano racquistata maggior forza in queste province;
poichè essendosi da poi indebolite presso di noi le loro forze, e
particolarmente nel Ducato napoletano, ov'eravi rimasa solamente una
ombra dell'autorità degl'Imperadori d'Oriente, osservandosi che i
Duchi con pur troppo independente arbitrio governavano questo Ducato; e
molto poi quando i Normanni vi comparvero, da' quali furono finalmente
i Greci discacciati; allora non si tenne più conto di costoro, e
molto meno delle loro leggi; ed i Napoletani pur troppo a' Longobardi
vicini, s'adattarono alle loro leggi ed alle antiche romane, non già
alle greche, siccome fecero tutte l'altre Province, ond'ora si compone
il Regno; poichè essendo stati i Greci discacciati da' Normanni, e
ritenendo questi le leggi longobarde, vollero che in tutti i luoghi
si osservassero non meno le romane, che le longobarde, dando a queste
maggior autorità e vigore. Anzi si vide, che prima della venuta de'
Normanni, nella pace fatta nell'anno 911 tra Gregorio Duca di Napoli
con Atenulfo Principe di Benevento, rinovata da poi nell'anno 933
dal Duca Giovanni suo nipote con Landulfo I, fu infra l'altre cose
accordato, che nelle cause o discordie, che potessero mai sorgere tra'
Longobardi e Napoletani, si giudicasse _absque omni dilatione secundum
legem Romanorum, aut Longobardorum, absque malitiosa occasione_[559].
Siccome praticavasi nell'altre Province e città del Regno, nelle quali
non meno le romane, che le longobarde erano da' provinciali nelle loro
contese osservate, leggendosi presso Lione Ostiense[560], ch'essendo
intorno l'anno 1017 insorta lite avanti il Principe di Capua tra 'l
monastero di M. Cassino co' Duchi di Gaeta e Conti di Trajetto, intorno
al dominio di alcune terre e di alcune selve ne' confini d'Aquino; fu
da' Giudici, che intervennero nella cognizione di tal causa giudicato
a favore di M. Cassino _tam ex Romanis legibus, quam ex Longobardis_. E
da due libelli, ovvero notizie di due sentenze profferite a' tempi de'
Normanni, il primo dell'anno 1149 sotto il Re Roggiero, ed il secondo
dell'anno 1171 sotto il Re Guglielmo, i quali pure dobbiamo alla
diligenza di Camillo Pellegrino[561], si vede, che la legge longobarda
era da tutti abbracciata, e secondo quella si giudicavano le cause,
dandosi l'ultimo luogo alla romana; ciocchè da poi anche sotto Principi
d'altre Nazioni, che ressero quel Regno, fu per lungo tempo osservato,
come nel corso di quest'Istoria negli opportuni luoghi anderemo
notando.



CAPITOLO III.

_Il Regno d'Italia da' Franzesi passa negl'Italiani. Maggiori
rivoluzioni perciò accadute in queste nostre province; e rialzamento
del Ducato d'Amalfi._


Morto Carlo il Grosso senza lasciar di se prole maschile, risoluti i
Principi italiani di non far uscire dalle loro mani il Regno d'Italia
ed il titolo d'Imperadore, posero ogni lor cura di farlo cadere nelle
loro persone: sopra gli altri Berengario Duca del Friuli, e Guido
Duca di Spoleto, ambedue di forze uguali, ed ajutati da numerosi
partiti aspirarono al Regno: non potè tentarlo il nostro Principe
di Benevento, siccome in altri tempi assai meglio di loro avrebbe
potuto eseguirlo, essendosi veduto in quanta declinazione fosse il
suo Principato, che diviso in tante parti, avea patito tante calamità
e disordini. Berengario adunque e Guido, affinchè tra di loro non
nascesse disordine, e l'uno non impedisse l'altro nei loro disegni,
si proposero due differenti imprese: Berengario d'invadere l'Italia,
e Guido la Francia. Adunque morto Carlo, Berengario ajutato da' suoi
tosto senz'alcun contrasto occupò il Regno d'Italia, poichè i Franzesi
sostituiron tosto Eudone Conte di Parigi tutore di Carlo il Semplice,
che poi fu Re di quel Reame; onde Guido vedendosi escluso, tornatosene
in Spoleto cominciò a pensare come potesse scacciarne Berengario, il
quale già pacificamente entrato in Pavia s'avea fatto, secondo il
costume, incoronare da Anselmo Vescovo di Milano, avendo in quella
città collocata la sua sede Regia, siccome i suoi predecessori avevan
fatto. Guido intanto, avendosi proccurato il favore del Pontefice e
de' Romani, accresciuto anche di numeroso partito, si fece da' suoi
contro Berengario salutar Re d'Italia. Così con pessimo e pernizioso
esempio si vide l'Italia divisa in due partiti, ed i Popoli divisi in
contrarie fazioni due Re riconobbero. Ancorchè la causa di Berengario
fosse più giusta, nulladimeno il partito di Guido per lo favore del
Pontefice e de' Romani s'accrebbe assai, onde posta in piedi una
potente armata, uscito da Spoleto fu tutto inteso a scacciar il nemico
di sede. Fu guerreggiato per ambedue ferocemente, e dopo i successi di
dubbia guerra, fu finalmente Berengario rotto e costretto a sgombrar
dal Regno. Guido entrato in Pavia, nell'anno 890 con molta facilità
s'insignorì di tutta la Lombardia, ed essendo stato acclamato da tutta
Italia, fu portato nel seguente anno 891 anche alla sede Imperiale;
poichè venuto in Roma fu da Stefano R. P. incoronato Imperadore, ed
Augusto proclamato. Così dopo tanti ravvolgimenti si vide l'Imperio
nelle mani degl'Italiani; e Guido riconoscente di così segnalati
servigi, narrasi, che avesse confermato al Pontefice tutte le donazioni
ed i privilegi, che Pipino, Carlo M., e Lodovico Pio aveano conceduto
alla Chiesa romana.

Fu allora, che tornato in Pavia, secondo il costume degli altri Re
d'Italia, avendo convocato gli Ordini ecclesiastici e de' Nobili,
molti privilegi alle Chiese e città concedette; e per istabilire in più
perfetta forma lo stato del suo Regno d'Italia, molte leggi in Pavia
in questo anno 891 nel mese di maggio promulgò. Di Guido Imperadore ci
restano ancora oggi nel volume delle leggi longobarde altre sue leggi,
che i compilatori delle medesime vollero anche in quel volume unire,
siccome quelle che furono da lui stabilite come Re d'Italia, le quali
ebbero nella medesima tutta la lor forza e tutto il lor vigore; una
se ne legge nel libro primo sotto il titolo _De Convitiis_; un'altra
nel medesimo libro nel titolo _De Invasionibus_; l'altra nel libro
secondo nel decimo titolo; un'altra nel medesimo libro sotto il titolo
_De Successionibus_; e due altre nel libro terzo sotto il duodecimo e
terzodecimo titolo.

Per la morte accaduta in quest'istesso anno 891 di Stefano V R. P.
s'accrebbero in Italia e Roma maggiori sconvolgimenti, perchè eletto
in suo luogo Sergio, altri del partito contrario elessero Formoso;
e siccome Guido favoriva il partito di Sergio, così all'incontro
Berengario s'era dichiarato per Formoso. Era Berengario ricorso agli
ajuti di Arnolfo Re di Germania, figliuol naturale di Carlomanno,
dichiarato parimente per lo Papa Formoso, perchè unite le sue forze
alle proprie gli ricuperasse il Regno; e questo Principe che aspirava
all'Imperio d'Occidente, ricevè l'occasione con piacere, e mandò
in Italia Zuendebaldo suo figliuolo con potente armata; ma niente
poterono questi sforzi contro Guido, perchè dopo varj incontri, rimaso
sempre perditore, bisognò che alla perfine Zuendebaldo, abbandonando
l'impresa, in Germania facesse ritorno, e Guido per questa vittoria
tutto altiero associò seco all'Imperio Lamberto suo figliuolo.

Ma non potè molto Guido godersi di tanta fortuna, perchè Berengario
ritornato di nuovo in Vormazia, ove Arnolfo aveva fatto convocar una
Dieta, tanto seppe adoperarsi, che dispose questo Principe a calar
egli in persona in Italia per discacciar Guido, e riporre lui nel regno
d'Italia; siccome per questa volta gli riuscì, perchè preso Bergamo, e
dandosi da poi a lui senza molto contrasto i Milanesi, que' di Pavia e
di Piacenza, e mandato Ottone in Milano, avo che fu del Grand'Ottone,
di cui sovente ci accaderà far memoria, restituì Berengario nel
regno, e Guido col suo figliuolo fuggendo verso Spoleto, furono dalle
vincitrici sue armi inseguiti. E morto poco da poi Guido nell'anno 894,
per un repentino vomito di sangue, potè Berengario assodarsi meglio
nella sua sede; laonde fermatosi in Pavia, a ristabilir il suo Regno
era tutto rivolto.

Ma per la morte di Guido, non per questo cessarono le contese in
Italia: imperocchè quelli del suo partito, perseverando ostinatamente
nell'impegno, si strinsero con più forti legami con Lamberto suo
figliuolo, che in Spoleto erasi ritirato, ed offertogli il loro ajuto,
contra Berengario lo sollecitarono.

Nè riuscirono vani i loro sforzi, perchè Berengario abbandonato da'
suoi, e premuto da Lamberto, fu costretto lasciar Pavia, la quale tosto
fu occupata da Lamberto, ove con gran giubilo de' suoi fu Re acclamato.
Ma discacciato Berengario, ebbe costui nuovo ricorso ad Arnolfo, al
quale anche era ricorso il Papa Formoso; e stimolato Arnolfo da questi
due, fu alla perfine risoluto di calar egli di nuovo in Italia, ove
giunto, prende Roma, ne discaccia Sergio e tutti i Sergiani, e dal
Papa Formoso si fece nell'anno 896 coronare Imperadore, ricevendo
dal P. R. il giuramento di fedeltà. Fu questi il primo Tedesco, che
si vide Imperador d'Occidente, dopo i Franzesi e gl'Italiani; e si
videro in breve tempo in Italia tre Imperadori, Guido, Arnolfo, e
Lamberto, poichè Berengario fin ora fu solo Re d'Italia. Arnolfo
perseguitò da poi Lamberto; ma dopo varie vicende, morto il Papa
Formoso, e declinando il suo partito, ed all'incontro innalzandosi la
fazion contraria, essendo stato eletto _Stefano VI_, questi sterminò
il partito del Papa Formoso, ed annullando tutti gli atti fatti da
lui, lo condannò come Simoniaco, e fu da' Sergiani il suo cadavere
buttato nel Tevere. Dichiarò nulla l'elezione di Arnolfo in Imperadore,
ed all'incontro unse Imperadore Lamberto; ma essendo poi divenuto
debile il suo partito, fu Stefano da' Romani posto in prigione, dove
fu strozzato sul fine dell'anno 900, ed eletto in suo luogo _Romano_.
Costui rovesciò quanto avea fatto il suo predecessore, fece condennare
e dichiarar nullo tutto ciò, che contro Formoso erasi fatto; ed
avendo tenuto quella sede pochi mesi, succedutogli _Teodoro_, questi
seguitando l'istessa carriera di Romano, restituì tutti coloro, che
Stefano avea discacciati. Non fu mai veduta Roma in tanta confusione e
sconvolgimento, che in questi tempi veramente deplorabili. Nè la Chiesa
romana si vide in istato cotanto compassionevole, quanto ora, dove i
Papi secondo i partiti si eleggevano, e tutti gl'Istorici convengono,
ch'ella era in un orribile disordine; e l'istesso Cardinal Baronio
dice, ch'era caduta sotto il dominio di due femmine dissolute, che
mettevano sulla Sede di S. Pietro i loro drudi, indegni di portare
il nome di Pontefici romani, e che perciò la Chiesa stette per molti
anni senza Capo visibile, ma che da Cristo Signor Nostro, che non
l'abbandonerà mai, era come suo Capo spirituale conservata.

Non minori furono le revoluzioni e' disordini tra' Principi del secolo.
Reso grave l'Imperio di Lamberto agl'Italiani, ritornossi di bel nuovo
alle sedizioni: fu ucciso Lamberto, e rialzato Berengario, il quale
tosto occupò il regno. Ciascuno avrebbe creduto, che almeno ora que'
del partito di Lamberto avesser dovuto por fine alle fazioni ed unirsi
con Berengario; ma il successo si vide contrario ad ogni espettazione;
poichè acciocchè non mancasse l'oppositore, posero in pretensione
Lodovico, che regnava allora in Provenza, nipote dell'Imperador
_Lodovico_ II, invitandolo che venisse in Italia, promettendogli,
che se ne discacciava Berengario, l'avrebbero proclamato Re. Tosto
calò Lodovico in Italia, discacciò Berengario, il quale in Baviera
ricovrossi, ed essendo stato incoronato Re d'Italia dall'Arcivescovo
di Milano, fu anche da poi acclamato Imperadore, e ricevuto con
grand'apparecchio da Adelberto Marchese di Toscana.

Intanto Berengario mossosi da Baviera con potenti forze, tornò in
Italia, pugnò contro Lodovico, lo imprigionò, e donandogli la vita,
gli fece cavar gli occhi. Così rimase solo egli a regnare in Italia:
e da poi da Giovanni X R. P. fu coronato Imperadore nell'anno 915.
Non si fermò qui l'incostanza degli Italiani: annojati già della
dominazione di Berengario, chiamarono _Rodolfo_ Re della Borgogna,
e Re d'Italia contro Berengario lo acclamarono; onde infra questi
due Principi s'accese aspra e crudel guerra; ed in fine Berengario
fu dalle genti di Rodolfo ucciso in Verona. Ma Rodolfo potè poco
godersi il Regno, perchè, secondo i disordini portavano e le intestine
fazioni, gl'Italiani per dargli oppositore, chiamarono in Italia un
altro Principe: fu questi Ugone conte di Provenza, nipote di Lotario
Re della Lotaringia. Venuto in Italia, avendo fugato Rodolfo, tosto
fu incoronato Re da Lamberto Arcivescovo di Milano nell'anno 926,
riordina il Regno, e perchè potesse più lungamente durarvi, sbigottito
dagli esempj de' suoi predecessori, si unisce con stretta amicizia
con Errico Re di Germania e con Romano Imperadore d'Oriente. Associò
da poi al regno Lotario suo figliuolo, affinchè vivendo egli potesse
stabilirlo in Italia; ma tutti questi sforzi furono vani: fu richiamato
di nuovo Rodolfo, ma questi per non esporsi a nuove vicende non volle
venire. Nè perciò mancò a chi si ricorresse: fu elevato a queste
speranze Berengario II, nato d'una figliuola di Berengario I, il quale
acclamato dagl'Italiani, fu Re contro Ugone proclamato, contro al quale
aveano conceputo odio implacabile. Lotario suo figliuolo deplorando
l'infortunio di suo padre mosse finalmente i Milanesi a dover almeno
accettar lui per sovrano; onde regnò per brevissimo tempo egli solo;
ma morto indi a poco nell'anno 949 fu Berengario con Adelberto suo
figliuolo Re d'Italia incoronato. Nè qui sarebbero finiti i travagli
della misera ed afflitta Italia, se per ultimo gli Italiani spinti
dalla tirannia di Berengario, e da miglior consiglio avvertiti, non
fossero ricorsi, guidando ogni cosa il Papa, ad un Principe potente e
glorioso, che scacciati questi più tosto Tiranni, che Re, dasse tregua
a tanti mali: questi fu il Grande Ottone Re di Germania, i cui fatti
gloriosi daranno occasione di spesso ricordarlo nel seguente libro di
quest'Istoria.

Ecco in che lagrimevole stato giacque l'Italia per più di sessanta
anni, da che mancato l'imperio nella stirpe maschile di Carlo M., da'
Franzesi fu trasportato negl'Italiani: i quali nell'istesso tempo che
abborrivano la dominazione degli stranieri, non sapevano però essi
meglio governarsi. Nè vi era chi potesse darvi qualche ristoro, se
dagl'Italiani non si fosse trasportata negli Alemanni in persona del
Grand'Ottone.


I. _Stato di queste nostre province; e rialzamento d'Amalfi._

Intanto i nostri Principi longobardi ed i Greci che avevano in mano
il governo di queste nostre Province, vedendo tutto andar in ruina,
nè esservi chi potesse porre freno a' loro ambiziosi pensieri; non
mancarono l'uno intraprender sopra l'altro. Il nome d'Imperadore
d'Occidente o di Re d'Italia era per essi poco men che estinto, nè
nulla di lor prendevan cura o ricevevan timore; quindi il potere
degl'Imperadori d'Oriente, cessando quello degl'Imperadori d'Occidente,
cominciò in quelle ad acquistar più accrescimento e le forze de'
Greci a farsi più considerabili; quindi nacque, che i Greci avendo
racquistata buona parte della Puglia e della Calabria, essendosi pure
resi padroni di Benevento, tentassero anche di sorprender Salerno:
quindi tutto il presidio per opporsi a' Saraceni, siccome prima
lo riponevano in quelli d'Occidente, era riposto negl'Imperadori
d'Oriente; e che i Principi stessi Longobardi si proccuravan il lor
favore, e spesso gli richiedevano dell'onore del Patriziato, dignità in
quei tempi maggiore che potesse mai darsi da' Greci: quindi, come s'è
detto, Guaimaro Principe di Salerno per meglio assicurar i suoi Stati
si fece dagl'Imperadori Lione ed Alessandro confermare il Principato
in quella guisa, che a Siconolfo per la divisione fatta con Radalchisio
era stato aggiudicato.

Lo stato delle nostre Province nel declinare del nono secolo era tale:
il Principato di Benevento pur troppo ristretto ed impicciolito per li
Principati di Salerno e di Capua, era in mano de' Greci, e governato
da Giorgio Patrizio mandato dagl'Imperadori di Oriente, i quali ora
solevano mandare in Benevento gli ufficiali a reggerlo. Ma i Greci per
la loro alterigia e fasto, malmenando i Beneventani ridussero costoro
a risolversi di scuotere il giogo, ed a discacciargli da quella città.

Il Principato di Salerno era governato da Guaimaro, del qual era stato
assicurato dagl'Imperadori Lione ed Alessandro figliuoli di Basilio.
Capua ubbidiva ad Atenulfo, il quale avendone scacciato Landulfo e
Landone suoi fratelli, se ne fece Conte. Abbracciava il Contado di
Capua in questi tempi (secondo che l'ignoto Monaco Cassinense[562], ed
Erchemperto n'accertano) tutto ciò che da Caserta e Suessula in lungo
si distende insino ad Aquino, e s'estese alle volte sino a Sora; la sua
larghezza era da Cajazza insino a' lidi del Mar Tirreno, di qua e di là
delle bocche di Linterno, Vulturno e Liri[563].

Buona parte della Puglia e di Calabria era passata sotto la dominazione
de' Greci: alle cui città mandavansi i Patrizi, ovvero i Straticò
per governarle. Gaeta col suo picciol Ducato a' Greci parimente
s'apparteneva, i quali vi destinavano un Duca per reggerlo: lo resse
nel 812 il Duca Gregorio, ed in questi tempi n'era Duca Docibile.
Napoli col suo Ducato era con independente arbitrio governato da
Attanasio, che n'era insieme Duca e Vescovo; ma i confini di questo
Ducato si videro a questi tempi molto ristretti, per essersi Amalfi
staccata da quello, governandosi da un Duca a parte, che riconosceva
l'Imperadore greco per suo sovrano.

Amalfi, di cui alcuni non portano più antica origine, se non che
fosse edificata intorno l'anno 600, prima era governata da' Prefetti
annali; poi ebbe i suoi Duchi perpetui non altramente che Napoli; e
divisa dal Ducato napoletano cominciò pian piano a stendere i suoi
confini, ed a governarsi sotto un Duca in forma di Repubblica. Stese
i suoi limiti da Oriente sino a Vico vecchio: da Occidente vicino al
promontorio di Minerva, e da questo lato s'aggiunsero da poi l'isola
di Capri e le due altre de' Galli. Lodovico Imperadore, prendendo la
protezione degli Amalfitani contro i Napoletani, di che, come si disse,
se n'offese Basilio, assegnò stabilmente ad Amalfi queste isole; quindi
leggiamo, che Lodovico mandasse gli Amalfitani a liberar Attanasio
Vescovo, ch'era stato fatto prigione da Sergio Duca di Napoli; e per
questa ragione, anche per ciò che riguarda la politia ecclesiastica,
l'Arcivescovo d'Amalfi, non già quello di Napoli, ebbe per suffraganeo
il Vescovo di Capri. Verso settentrione abbracciava questo Ducato la
città di Lettere, detta anticamente il castello di Stabia, con Gravanio
Pirio, detto ora Gragnano, Pimontio ed il Casale de' Franchi, e da
mezzogiorno Amalfi stessa, Scala, Ravello, Minori e Majuri, Atrani,
Tramonti, Agerula, Citara, Prajano e Positano.

In decorso di tempo questo Ducato estolse tanto il suo capo, che
resisi per la navigazione gli Amalfitani celebri per tutto Oriente,
crebbero di forze e di grandi ricchezze: molte guerre perciò mossero e
sostennero: s'assunsero il potere di stabilir leggi, che riguardavano
i traffichi e' l commercio del mare: onde presso di noi ebbero quel
medesimo vigore e forza, che presso i Romani la legge Rodia; e Marino
Freccia[564] ci rende testimonianza, che tutte le controversie di
navigazioni e di traffichi marittimi dalle leggi amalfitane erano
decise. Ed a chi è ignoto la maravigliosa invenzione della bussola
doversi a Flavio Gisia, nato in Positano picciol castello di questo
Ducato? S'appropriarono ancora la regalia di coniar monete, le quali
presso tutte le Nazioni d'Oriente si spendevano: onde renderonsi
tanto celebri i tarini Amalfitani, dei quali fassi ancora memoria
nelle nostre Consuetudini, ed in molte antiche carte. Dal Corpo loro
eleggevano i Duchi, ancorchè dagl'Imperadori d'Oriente eran da poi
confermati e fatti Patrizi. Assai più celebri e rinomati si renderono
a' tempi de' Normanni, come nel corso di quest'Istoria si vedrà; e si
goderono di questa libertà, insino che da Roberto Guiscardo intorno
all'anno 1075, debellato Salerno, non fosse stato questo Ducato al
suo Imperio aggiunto; ancorchè ritenessero ancora per molto tempo in
appresso alcuni vestigi di questa cadente libertà.

Ecco fra quanti Principati e Governi era in questi tempi diviso ciò
che ora è un sol Regno. Scorrendo poi da per tutto i Saraceni, che
miseramente in ogni parte portavano desolazioni e ruine, non fu
meraviglia, se col correr degli anni finalmente cedessero ad una
potenza maggiore, per la quale debellati i Greci, i Saraceni ed i
Longobardi, si sottoponessero a' forti e valorosi Normanni.



CAPITOLO IV.

_Del Principato di Benevento ritolto a' Greci; e come a quello si riunì
il Contado di Capua._


I Beneventani, come si è detto, mal sofferendo l'aspro e duro governo,
che d'essi faceva Giorgio Patrizio, si risolsero sottrarsi dal
giogo de' Greci[565]: essi ch'erano avezzi a dominare, fremevano ora
vedendosi in servitù; scrissero perciò a Guaimaro Principe di Salerno,
che s'aveva sposata Jota sorella di Guido III Duca di Spoleto, che
sollecitasse suo cognato a venire in Benevento con potenti forze,
perch'essi si sarebbero dati a lui. Non fu questo Guido quegli, che
aspirò all'Imperio, e che lungamente contese con Berengario, come gli
altri si diedero a credere: fu questi figliuolo di Guido II, Duca di
Spoleto, del quale fassi menzione in Erchemperto[566]: poichè siccome
si è narrato, Guido Imperadore per un repentino vomito di sangue
spirò l'anima nell'anno 894. E Giorgio fu scacciato da Benevento da
quest'altro Guido nell'anno 896. Tosto dunque venne Guido in Salerno
accompagnato da valorosi soldati, sotto il pretesto di veder sua
sorella, e poi sotto Benevento portatosi con sufficienti forze, i
Beneventani, che non ne volevano altro che questo, si diedero a lui,
scacciandone Giorgio, al quale per cinquemila ducati donarono la vita:
così i Greci perderono Benevento, dopo cinque anni che lo presero.

Tenne Guido il Principato di Benevento meno di due anni; poichè avendo
fatto ritorno in Spoleto e distratto in altre imprese, deliberò cederlo
a Guaimaro suo cognato: Guaimaro tentò d'occuparlo; ma non volendo
i Beneventani per li suoi crudeli e pessimi andamenti, ammetterlo,
ne avvisarono Adelferio Castaldo d'Avellino, affinchè in istrada gli
tendesse aguato e frastornasse i suoi disegni: Adelferio lo sorprese
di notte tempo, e cavatigli gli occhi, lo costrinse nell'anno 898 a
ritirarsi in Salerno[567]. I Beneventani, ciò inteso, si risolsero
restituire nel Principato Radelchi, dal quale gli anni a dietro
l'aveano discacciato. Così dopo dodici anni fu Radelchi reintegrato in
Benevento l'anno 898.

Ma perchè non era niente istrutto dell'arte del regnare, per la sua
semplicità e dappocaggine, tornò, come altre volte, a perdere il
Principato; poichè datosi in braccio di Virialdo, uomo crudele e che
pessimamente trattava i Beneventani, tosto di nuovo ne fu scacciato.
Egli stimolato da Virialdo diede l'esilio a molti Nobili beneventani,
i quali ricovratisi in Capua ed ivi trattati splendidamente dal Conte
Atenulfo, seppe tanto questo accorto Principe rendersegli benevoli,
che questi cominciarono a pensare come potessero scacciare da Benevento
Radelchi, ed innalzare a quel soglio Atenulfo: e se bene tra i conviti
e tra i giuochi più volte i Beneventani gli avessero insinuato
questo lor pensiero; Atenulfo fingendo ch'essi lo dicessero per
burla, penetrando però a dentro la loro voglia, occultamente cominciò
anch'egli a pensar i modi da poterne venire a capo.

Affinchè da quest'impresa non fosse distolto da Guaimaro Principe
di Salerno, pensò unirsi con costui in istretto parentado, e per
una ambasciata molto umile ed affettuosa con preghiere e scongiuri
chiesegli per Landulfo suo figluolo la figliuola del Principe Guaimaro
Seniore, protestando di voler essergli soggetto, siccome furono i suoi
predecessori a' Principi di Salerno[568]; ma erano ributtate tutte
queste preghiere per istigazione di Landulfo e Pandone, che scacciati
da Capua da Atenulfo loro fratello, in Salerno eransi ricoverati:
questi si opponevano milantando fra breve volerlo discacciare dalla
sede, che ad essi aveva usurpato, e perciò non si dovesse con lui
avere pace. S'univa ancora a costoro Jota moglie del Principe Guaimaro
Seniore, la quale sdegnando di dare sua figliuola a Landulfo soleva
dire, ch'ella nata di regal stirpe (poichè era figliuola di Guido II
Duca di Spoleti) non poteva in conto alcuno imparentarsi con un suo
suddito: diceva ella così, perchè i Conti di Capua prima erano soggetti
a' Principi di Salerno, poichè nella divisione che si fece di questi
due Principati, Capua andò compresa con quel di Salerno e non di
Benevento.

Vedutosi perciò Atenulfo così deluso, ruppe ogni indugio, e non
riuscitogli questo suo disegno, tentò unirsi con Attanasio Vescovo
insieme e Duca di Napoli. Avea questo Duca una sua figliuola Gemma
nomata: la chiese per Landulfo suo figliuolo, al che Attanasio tosto
acconsentì, e per mezzo di questo legame si strinsero fra loro in una
ben ferma e stabile pace[569].

Intanto crescevano i disordini in Benevento, e molti cittadini ancorchè
non scacciati, volontariamente la propria lor patria, fuggendo,
lasciarono, ed in Capua ricovraronsi; onde multiplicati i Beneventani
in Capua cominciarono co' loro parenti ivi rimasi a maneggiare la
congiura; ed avendo comunicato il tutto con Atenulfo, armati essi
con pochi altri Capuani, che Atenulfo volle condur seco, celatamente
si portarono in Benevento, ove coll'intelligenza di color di dentro,
entrati di notte nella città la sorpresero, e cinto il Palagio ove
era Radelchi, lo fecero immantenente prigione, ed intanto tutti i
malcontenti e gli esiliati scorrendo per la città, unitisi in un
tratto così i Nobili, come il Popolo, tutti unitamente salutarono
Atenulfo loro Principe. Atenulfo vedutosi con tanta conformità di
voleri innalzato a grado sì eccelso, non mancò dal suo canto portarsi
con tutti con estrema mansuetudine ed umiltà, profondendo molti
doni, perchè maggiormente stringesse a lui gli animi de' Beneventani:
così Atenulfo da Castaldo ch'era, dopo avere tredici anni come Conte
governata Capua, fu in quest'anno 900 fatto Principe di Benevento,
unendosi con ciò nella sua persona il Contado di Capua al Principato
di Benevento, e di due fattosi uno Stato in una medesima persona;
con indignazione d'alcuni del partito di Radelchi, che mal soffrivano
esser dominati da uno straniero, com'essi chiamavano Atenulfo, per non
essere discendente, nè della stirpe degli antichi Duchi e Principi di
Benevento.

Non divise Atenulfo questi Stati, ma si ritenne la stessa politia, nè
da qui cominciarono i Principi di Capua, come alcuni credettero, o che
perciò il Contado di Capua passasse in Principato: poichè Atenulfo,
siccome i suoi figliuoli, furon Principi chiamati, perchè tennero il
Principato di Benevento; e se alle volte in alcuni monumenti delle
nostre antichità son detti Principi capuani, fu perchè così Atenulfo,
come i suoi figliuoli Landulfo ed Atenulfo, che gli succederono, non
lasciarono di tenere la lor sede in Capua, dove continuarono la loro
residenza; per questo si fece, che tratto tratto secondo l'uso del
volgo si cominciassero a chiamar Principi capuani, perchè dimoravano
in Capua, ma non già perchè Atenulfo avesse istituito di Capua un nuovo
Principato separato da quello di Benevento, siccome si vede chiaro dal
concordato fatto tra Gregorio Duca di Napoli e Landulfo ed Atenulfo
Principi, rinovato dopo nel 933 da Giovanni nipote di Gregorio, che
al zio succedette, ove tra le altre cose si legge: _In toto Principatu
vestro Beneventano cum omnibus suis pertinentiis: nec in toto Comitatu
Capuano: nec in Teano cum pertinentiis suis_; ciò che ben pruova
Camillo Pellegrino sopra l'Anonimo salernitano.

Atenulfo per istabilir con maggior fermezza il Principato nella sua
maschile discendenza, associò tosto a quello nell'anno 901 Landulfo
suo figliuolo, il quale da quest'anno insieme col padre lo governò;
e dopo esser dimorato per qualche tempo in Benevento, fece ritorno
a Capua, ove volle continuar la sua residenza, lasciando il governo
di quella città a Pietro Vescovo della medesima, del quale però
non potè molto lodarsi, perchè scovrì che costui per macchinazione
d'alcuni Beneventani tentava con orribile infedeltà rendersi di quella
Signore[570]; onde immantinente Atenulfo ritornato in Benevento,
imprigionò i ribelli, e ne discacciò tosto il Vescovo, il quale pien
di vergogna si ricovrò a Salerno sotto la protezione del Principe
Guaimaro, che per far dispetto ad Atenulfo suo inimical l'accolse e lo
provide di ciò che gli era necessario. Per questa cagione la città di
Benevento cominciò pian piano a scadere dal suo splendore; perchè la
sede de' suoi Principi trasferita in Capua, fecegli molto perdere della
sua maestà, e che poi devastata da' Saraceni perdesse ogni pregio ed
eminenza; ed all'incontro avvenne che Capua cominciasse a risorgere e
si rendesse più sublime.

In questi medesimi tempi ancora accaddero in Salerno disordini
grandissimi; poichè i Salernitani male sofferendo l'aspro e crudel
governo che d'essi faceva Guaimaro, da poi che da Adelferio Castaldo
d'Avellino gli furon cavati gli occhi, tumultuarono apertamente, e
ricorsi tutti a Guaimaro suo figliuolo, strepitando ch'essi non potevan
più soffrire la crudeltà del suo padre cieco, volevano lui per loro
Signore, e così detto, lo presero, e portatolo dentro la chiesa del
Beato Massimo, proclamarono Guaimaro per loro Principe[571]; così
avendo nell'anno 901 deposto il padre crudele, lungamente sotto il
placido governo di suo figliuolo vissero tutto giolivi e festanti:
onde è che nelle Cronache de' Principi di Salerno, il primo Guaimaro
vien chiamato _malae memoriae_, ed il secondo suo figliuolo _bonae
memoriae_, non altrimente che presso i Normanni fu detto Guglielmo il
Malo e Guglielmo il Buono.


I. _Nuove scorrerie de' Saraceni, e ricorsi per ciò fatti
agl'Imperadori d'Oriente._

Intanto i Saraceni, che nel Garigliano s'eran bene fortificati, e
che scorrendo da per tutto infestavano il Principato di Benevento ed
il Contado di Capua, non potevano da forze minori o uguali essere
impediti. Tentò una volta Atenulfo, unitosi con Gregorio Duca di
Napoli, che ad Attanasio era succeduto, e con gli Amalfitani, presso
Trajetto di sterminargli, ma non riuscitogli il colpo secondo i suoi
voti, s'avvide che ogni sforzo sarebbe stato vano, se non s'univano
alle proprie le forze straniere. Era vano il ricorrere come prima
agli aiuti degl'Imperadori d'Occidente; non minori erano i bisogni di
costoro per le tante revoluzioni, nelle quali erano involti: fu adunque
con provido consiglio tutto rivolto agli aiuti dell'Imperador Lione,
a Basilio suo padre succeduto, il quale allora imperava in Oriente, e
spedì in Costantinopoli per questo il proprio suo figliuolo e compagno
nel Regno Landulfo, al quale, essendo stato cortesemente ricevuto da
Lione, furon promessi tutti gli aiuti, che richiedeva. Non altrimenti
che fecero gl'Imperadori d'Occidente, ambivano ora que' d'Oriente
soccorrere i nostri Principi, perchè con ciò potessero restituire
in queste nostre Province la loro sovranità già abbassata per la
potenza di quelli d'Occidente; perciò oltre di far unire un potente
esercito per mandarlo in queste Province contro i Saraceni: proccurò
ancora Lione rendersi benevoli li nostri Principi con decorargli colla
molto stimata in questi tempi dignità del Patriziato: ne ornò perciò
Landulfo, siccome fece da poi a Gregorio Duca di Napoli ed a Giovanni
Duca di Gaeta.

Atenulfo intanto, essendo Landulfo lontano, associò anche in quest'anno
910 al suo Principato l'altro suo figliuolo, che come lui Atenulfo
era nomato; e con molta ansietà attendeva i promessi soccorsi, tutto
ardendo di desiderio di sterminare i Saraceni da queste Province;
ma furono rotti tutti i suoi disegni da pur troppo importuna ed
inaspettata morte. Morì egli in Capua nel mese d'aprile di quest'anno
910, ed alcuni rapportano la sua morte nell'anno seguente nel mese
di luglio. Fu in Capua sepolto, e quindi non più in Benevento, ma in
Capua si leggono i tumuli de' Principi suoi successori, ove fermarono
la loro sede. Finì con danno universale i suoi giorni, dopo aver
tenuto Benevento dieci anni, e sei mesi. Principe veramente glorioso,
e che seppe colle sue proprie mani fabbricarsi la sua fortuna, e colla
sua incomparabile accortezza da semplice Castaldo esser portato al
soglio de' Principi di Benevento: ma molto più commendabile per aver
proccurato d'unire questi due Stati, Benevento e Capua, acciocchè
potessero più lungamente aver durata, e non così prestamente ruinare,
come già sarebbe accaduto, e siccome da poi avvenne; e per aver educati
i suoi figliuoli con animi cotanto concordi e docili, che con raro
esempio dopo la sua morte si videro ambedue con grandissima concordia
reggere il Principato senza il minimo disturbo.

Landulfo, che ritrovavasi in Costantinopoli, intesa la morte del padre,
tosto in Capua fece ritorno, ove accolto dal fratello Atenulfo, ambedue
con mirabile concordia ressero uniti lo Stato, nè vollero, seguitando
i consigli del padre, infra di loro partirlo, o che uno presedesse in
Benevento e l'altro in Capua, ma ambedue, fermata come prima la loro
residenza in Capua, dalla medesima attesero a reggerlo.

Giunse in questo mentre l'esercito mandato dall'Imperador Lione sotto
il comando di Nicolò Picigli Patrizio, il quale per assicurarsi vie più
dell'animo dei vicini, portò seco da parte dell'Imperadore la dignità
del Patriziato a Gregorio Duca di Napoli, ed a Giovanni Duca di Gaeta.
Ed avendo congiunto il suo esercito con quello di questi due, e colle
forze di Guaimaro Principe di Salerno, accresciuto anche con gran
numero di Pugliesi e Calabresi, che erano allora ritornati in gran
parte sotto la dominazione de' Greci, pose il campo lungo il Garigliano
contro i Saraceni. Giovanni X, o sia XI, come altri scrissero R. P. a
cui egualmente premeva l'espulsione di questi Barbari, e che perciò ne
avea anche scritte molte lettere all'Imperador Lione, volle anche aver
parte in sì gloriosa impresa, e spintovi parimente Alberigo Marchese
di Toscana suo fratello, vi corse con molta gente, che fece attendare
dall'altra parte del fiume. Il Sigonio[572] credette che Giovanni X,
fosse il primo Papa, che fosse veduto alla testa d'eserciti armati;
ma non fu questi certamente il primo, poichè, come si è veduto, questo
pregio non dee togliersi a Giovanni VIII che fu il primo, lasciando le
chiavi, ad imbrandir la spada.

I Saraceni per tre mesi sostennero con estremi disagi quest'assedio,
ma finalmente, essendo loro mancata ogni sorte di vettovaglie, portati
dalla disperazione, misero fuoco alla loro Fortezza, ed incendiarono
tuttociò ch'essi avevano, non perdonando nè meno ai loro tesori, che da
vari luoghi, che aveano depredato, ivi avean congregati; poi si diedero
tutti stretti insieme a fuggire con maraviglioso impeto per le selve
ed a salvarsi su le cime de' monti; ma inseguiti sempre da' nostri ne
fu d'essi fatta strage infinita: così in quest'anno 916, secondo ciò
che ne scrisse Lupo Protospata[573], furono i Saraceni scacciati dal
Garigliano. Ma se bene di questa peste se ne fosse veduta libera questa
provincia, non è però che l'avanzo dei medesimi, accresciuto da poi
da coloro che sin dall'Affrica vennero, tornati delusi per l'assedio
di Roma, che vergognosamente lasciarono, e ricovrati finalmente in
Puglia nel Mante Gargano, costruttasi ivi una forte Rocca, non avessero
inquietati i luoghi di quest'altra provincia, e che finalmente scorsi
insino a Benevento, non dassero a questa città un sacco memorabile,
con metter tutto a fuoco: essi fortificati nel Gargano tenevan tutta la
Puglia in iscompiglio e le parti ancora vicine.

Non bastarono in questa provincia i soli danni, che i Saraceni
inferivano, che vollero i Popoli stessi cagionarsene de' maggiori:
poichè i Pugliesi e' Calabresi, mal potendo soffrire il gravoso giogo
de' Greci, si ribellarono da essi, e datisi in potere di Landulfo
Principe di Benevento, venne questi in isperanza di restituire Bari,
e molte città della Puglia al Principato di Benevento, onde contro i
Greci rivoltò le sue armi; ma ritornarono ben tosto i Pugliesi ed i
Calabresi sotto il dominio de' Greci, poichè questi fortemente cruciati
contro Landulfo, si voltarono da poi agli aiuti de' Saraceni stessi,
che fecero venire sin dall'Affrica, e nell'anno 919 gli ridussero alla
lor ubbidienza, rendendo vani gli sforzi di Landulfo: e perchè la città
di Bari sede degli Stratigò, insieme colla Puglia fosse ben retta,
vi mandò l'Imperadore un nuovo Stratigò _Ursileo_ nomato, prode e
valoroso Capitano, il quale con somma vigilanza alla custodia di questa
provincia contro i disegni di Landulfo tutto era inteso: ed essendo
finalmente nell'anno 921 stato provocato a combattere da Landulfo, andò
egli ad incontrarlo in Ascoli, ove ferocemente combattendosi, fu ne'
primi impeti da' Greci preso Landulfo, ma sul meglio del furor della
battaglia restò Ursileo ucciso; perciò i Greci avviliti e sconfitti, il
Principe non solo ricuperò la libertà, ma riportandone piena vittoria
invase la Puglia, la quale poi, secondo che narra Lupo Protospata[574]
nell'anno 929, essendosi confederato con Guaimaro Principe di Salerno,
proccurò, colle armi già invasa, ritenersela per se, siccome per sette
anni la ritenne.

Fu perciò in questi tempi varia la fortuna de' nostri Principi
longobardi sopra i Greci: si guerreggiò sovente infra di loro, e presso
Matera una volta ferocemente, ove Imogalapto Stratigò restò morto; ed
i Greci ora perdenti ed ora vincenti, finalmente se bene ricuperassero
dalle mani de' Longobardi la Puglia e la Calabria, non è però, come
credette il Baronio[575], che ritogliessero a' Longobardi quella
parte della Campagna, che bagna il Vulturno; poichè da' Principi di
Benevento, insieme Conti di Capua, fu in questi tempi e da poi sempre
ritenuta, come ben lo dimostra Camillo Pellegrino[576]. Così avvenne
ancora, che i nostri Principi longobardi con gl'Imperadori greci Romano
e Costantino, che a Lione VI succederono, ora furono inimici, ora
amici e confederati e dependenti, rendendosi tali con ricevere da essi
l'onore del Patriziato. Ben egli è vero ch'essendo ritornata sotto la
dominazione de' Greci la Puglia e la Calabria, si restrinsero molto
più i confini del Principato di Benevento e di Salerno, di quello che i
nostri Principi longobardi tenevan prima, quando il Ducato di Benevento
si estese tanto, che come s'è detto abbracciava quasi tutto ciò che ora
è Regno di Napoli.

Il Principe Landulfo regnò insieme col suo fratello Atenulfo
II, ventidue anni insino all'anno 932, fu da poi questo Principe
discacciato, ed essendosi ricovrato in Salerno, fu da Guaimaro II, suo
genero, accolto. Volle però Landulfo, che ne' diplomi si ritenesse e
scrivesse ancora il nome di suo fratello scacciato; e perciò in questi
tempi, essendo a Gregorio nel Ducato di Napoli succeduto Giovanni
suo nipote, fu da costui rinovato il Concordato fatto nell'anno
911 tra il suddetto Gregorio con Atenulfo I, nel quale Concordato
Giovanni Console e Duca, promette a Landulfo I e ad Atenulfo II,
suo fratello, ancorchè questi si trovasse profugo in Salerno, e ad
Atenulfo III, figliuolo di Landulfo I, di non inquietare il Principato
di Benevento colle sue pertinenze, nè il Contado di Capua, nè Teano
colle sue pertinenze, nè gli uomini di questi Stati, ma continuare
fra essi una concorde amicizia: e così all'incontro promettevasi a
questi Popoli una stabile e ferma pace, e di giudicare nelle loro
cause _secundum legem Romanorum, aut Longobardorum_; e molti altri
patti s'accordarono fra loro secondo le disposizioni delle leggi
longobarde; donde, come altrove fu avvertito, si scorge chiaro, che
sino da questi tempi presso questi Popoli la legge de' Longobardi era
la dominante ed indifferentemente osservata. Notasi ancora in esso la
subordinazione e dependenza, ch'ebbero sempre i Duchi di Napoli dagli
Imperadori d'Oriente, poichè imperando in questi tempi Costantino
e Romano in Costantinopoli, perchè per queste promesse e Concordati
non si pregiudicasse dal Duca di Napoli in niente alla sovranità, che
in questo Ducato vi ritenevano gl'Imperadori d'Oriente, si soggiunse
dal Duca Giovanni: _Haec omnia vobis observabimus, salva fidelitate
sanctorum Imperatorum._

Morto in Salerno nell'anno 933 Atenulfo II, Landulfo associò al
Principato Atenulfo III, suo figliuolo ed un altro Landulfo pur suo
figliuolo, che Landulfo II, diremo.

Morì Landulfo Seniore verso l'anno 943 lasciando per successori questi
due suoi figliuoli. Ma nell'anno seguente 944 restò solo Landulfo II
a regnare. Nè mai Benevento da Capua fu intorno all'amministrazione
e governo separato, formando sempre appo costoro una sola Dinastia,
ancorchè, per la lor sede che era in Capua, fossero stati appellati
_Principes Beneventanorum, et Capuanorum_[577].

Il Principe Landulfo II, pur in sua vita associò al Principato
nell'anno 959 due figliuoli, Pandulfo, che Ostiense e gli altri
Scrittori chiamarono _Capo di ferro_ (di cui spesso ci tornerà far
memoria per le sue famose gesta, e perchè nella sua persona s'unì anco
il Principato di Salerno) ed un altro Landulfo, che perciò lo diremo
III, li quali, morto Landulfo II, intorno all'anno 963 gli succederono
nel Principato: ma Landulfo III, essendosi diviso col fratello, e
toccatogli in sorte il Principato beneventano, fisse la sua sede in
Benevento[578]; onde si videro un'altra volta divisi questi due Stati,
in Benevento presidendo questo Landulfo, ed in Capua Pandulfo Capo di
ferro. Ma da poi nel 969 essendo morto Landulfo III, ancorchè avesse
lasciato un suo figliuolo Pandulfo II, nulladimeno Pandulfo Capo di
ferro per l'impetuosa brama di dominare, aggiudicò il Principato di
Benevento a se ed al suo figliuolo Landulfo IV, escludendone il suo
nipote Pandulfo II, il quale però finalmente nell'anno 981, avendone
discacciato Landulfo IV, lo ricuperò ed a' suoi posteri lo trasmise,
come nel seguente libro diremo.

Nel Principato di Salerno intanto, per la morte di Guaimaro accaduta
nell'anno 933[579], era succeduto Gisulfo suo figliuolo. Resse costui
con varia fortuna lungamente il Principato; ed a' suoi tempi, secondo
che narra Lione Ostiense[580], fu nell'anno 954 scoverto in Pesto città
della Lucania il corpo dell'Appostolo Matteo, pure per revelazione del
medesimo Santo; ed affinchè Salerno non avesse anche in ciò che cedere
a Benevento, ove da Lipari fu trasportato quello di S. Bartolomeo, fu
da Pesto trasferito il corpo di S. Matteo in Salerno. Venne a noi, non
altrimente che quello, da parti lontanissime: quello dall'India, questo
dall'Etiopia, dove patì il martirio: dall'Etiopia narrasi, che fosse
stato trasportato fino nella Bretagna, indi in Pesto nella Lucania, e
quindi in Salerno[581].

(A' tempi, ne' quali dimorò _Gregorio VII_, in Salerno, par che si
fosse perduta la memoria di questo sacro deposito; poichè, secondo che
narra _Paolo Bernriedense_, nella di lui vita _pag._ 240 fu scoperto
nuovamente il corpo dell'Appostolo da _Gregorio_, del quale nuovo
ritrovamento si fece tanta festa, scrivendo egli, pochi anni prima
della sua morte, quella lieta e festevole lettera, che ora leggiamo
ne' tomi de' Concilj del _Labbe, lib. 8 Ep. 3_. Ecco le parole del
Bernriedense, il qual favellando del cadavere di Gregorio, che fu
sepolto quivi vicino, scrisse: _Corpus ejus sepulturae traditum est
apud B. Matthaeum Evangelistam, de cujus nova inventione laetabundam
scripserat ante paucos annos Epistolam_).

Sentiremo ancora in Amalfi venerarsi il corpo di S. Andrea, ed in
Ortona quello di S. Tomaso, e pregiarsi in fine molte città del Regno
delle ossa e delle reliquie di quasi tutti i santi Appostoli.



CAPITOLO V.

_Politia ecclesiastica._


Non ricerchi alcuno una vera forma e faccia dello Stato ecclesiastico
in questi tempi. La Chiesa era in uno stato compassionevole e in un
orribil disordine ed in un caos d'empietà: furono scomunicati Papi da'
loro successori, cassati gli atti, ed annullati i sacramenti ministrati
da loro: sei Papi scacciati da quelli, che volevano mettersi in luogo
loro; e due anche uccisi. Fu fatto Papa da Teodora, famosa meretrice
romana, per la fazione che aveva in Roma, uno dei suoi pubblici drudi,
che si chiamò Giovanni X. Fu anche fatto Papa in età di venti anni
Giovanni XI, ch'era figliuolo bastardo di Papa Sergio morto diciotto
anni prima. Papa Stefano VIII, fu da Alberigo fatto sfregiare nella
faccia in tal maniera, che non si lasciò mai più vedere in pubblico. Nè
i Papi erano più eletti dal Clero, ma la Sede di Roma era divenuta la
preda della cupidigia e dell'ambizione. In breve, nacquero in questi
tempi tali e tanti disordini ed inconvenienti, che tutti gli Storici
convengono, non esservi stati Pontefici, ma mostri: ed il Cardinal
Baronio scrisse, che la Chiesa allora stette senza Pontefice, non però
senza Capo, restando il suo Capo spirituale Cristo in Cielo, che non
l'abbandona.

Può ciascuno da se stesso giudicare, come fossero trattate le altre
Chiese d'Italia, e quelle di queste nostre Province, considerando qual
dee essere lo stato di tutte le membra nelle gravi indisposizioni del
capo. Si è veduto in Capua Landulfo Vescovo insieme e Conte di quella
città: in Napoli Attanasio Vescovo e Duca trattar l'arme, guidar truppe
d'eserciti armati, far leghe co' Saraceni istessi contro il Papa e
gli altri Principi cristiani, e mettere in iscompiglio queste nostre
Province. Nè fuori d'Italia stavano meglio queste cose disposte: i
Grandi davano i Vescovati a' loro soldati, ed ancora a' fanciulli d'età
infantile: Eriberto Conte, zio d'Ugo Capete, fece suo figliuolo d'età
di cinque anni Arcivescovo di Rems, e Papa Giovanni X, confermò quella
elezione.

Non si mancò con tutto ciò nel decorso di questo nono secolo, e nel
principio del decimo di stabilire de' canoni in vari Sinodi per far
argine a tanto rilasciamento; ma il tutto in vano, e restarono senza
successo e mal eseguiti. Alcuni Vescovi perciò ed eziandio alcune
persone private si diedero a far raccolta di questi canoni; ma quasi
tutti s'affaticarono sopra i libri penitenziali: surse il penitenziale
di Teodoro, di Alitgario e di tanti altri[582]. Vi furono ancora alcune
raccolte di canoni, come quella di Jarlando Crisopolitano, intitolata
_Candela_: l'altra d'Isacco, soprannomato il Buono, Vescovo di Langres,
di Erardo Vescovo di Tours e di Gualtero Vescovo d'Orleans; ma sopra
tutte queste raccolte quella di Reginone Abate di Prom fatta nel 906
per comandamento di Ratbodo Arcivescovo di Treveri fu la più generale,
che comprende tutta la legge ecclesiastica, e la più metodica, che si
fosse veduta in questi tempi[583]; perciò Burcardo, Ivone di Sciartres
ed altri compilatori de' canoni, che l'hanno seguito, se ne sono
sovente serviti, e l'hanno quasi che trascritta nelle loro collezioni.

Ma se cotanto scadimento si vide nello Stato ecclesiastico, nella
disciplina e nelle cose spirituali, non perciò fu punto scemato
l'ingrandimento della giurisdizione e de' beni temporali. I Papi
facevano valere la loro autorità non meno sopra i laici per le censure
e per le dispense, che sopra i Metropolitani e sopra i Vescovi; fecero
nuove disposizioni abbassando i diritti e preminenze de' Metropolitani
e dei Vescovi, e vollero anche avere la soprantendenza di tutti gli
affari ecclesiastici nelle loro Province e diocesi.

Si ricorreva spesso in questi tempi a Roma, non già per divozione, ma
per ottener dispense d'ogni cosa; e l'ambizione e l'avarizia si copriva
con la dispensazione appostolica: i divieti che si stabilivano dai
canoni in tanti Concilj, servivano per far correre in Roma più gente
per ottenerne dispensa; i gradi vietati per lo matrimonio furono stesi
per ciò sino al quarto grado; e s'introdusse l'affinità spirituale
fra 'l compare e la comare, il figliuolo e la bambina, che anche a'
gradi più lontani fu estesa. Ma i Papi, essendo quali abbiam di sopra
descritto, dispensavano ogni cosa, ancorchè fosse contro i canoni, e
contro gli usi ecclesiastici, nè facevano distinzione di quello che
potessero o non potessero, stimando aumento della loro grandezza ogni
cosa, che fosse sostenuta da coloro, che vi ricorrevano: questi, se
erano potenti, difendevano per loro interesse quello, che impetravano;
il Popolo parte per sua semplicità, parte per lo terrore de' potenti,
approvava quello che non poteva impedire; onde si stabilì un'opinione,
che di qualunque cosa subito, che si avesse la conferma da Roma, ogni
errore passato fosse coverto.

Non pochi crederebbono, che la piccola cura la quale si vedeva
nell'Ordine ecclesiastico delle cose spirituali, e 'l rilasciamento
della disciplina, avesse fatto raffreddar il fervore de' secolari
a donar alle Chiese, ed ai monasteri, e si fosse posto fine a nuovi
acquisti degli Ecclesiastici; nondimeno non fu così, perchè quanto era
diminuita ne' Prelati la cura spirituale, tanto più erano intenti a
conservare i beni temporali; ed aveano convertito le armi spirituali
della scomunica, che prima s'usava solamente per la correzione
de' peccatori, a difesa delle possessioni temporali, ed anche per
ricuperarle, se per caso la poca cura de' predecessori l'avesse
lasciate perdere. Non si tennero Concilj a questa età, ne' quali, fra
l'altre cose, non si pronunziassero delle scomuniche contro coloro
che s'impadronivano de' beni della Chiesa, ovvero gli alienavano. Il
terrore, che a questi tempi portavano al Popolo le censure, era tanto,
che nessuna cosa metteva maggior spavento; ed era cosa mirabile,
che i Capitani, ed i soldati, del resto scelleratissimi e senz'alcun
timor di Dio, che usurpavano quello del prossimo senza alcun risguardo
d'offendere S. D. M., guardavano con gran rispetto, per timor delle
scomuniche, le cose della Chiesa. Da questo nacque, che molti di poco
potere, desiderosi d'assicurar il suo dalle violenze, ne facevano
donazione alla Chiesa con condizione, ch'ella glielo tornasse a dare
in Feudo con una leggiera ricognizione. Questo assicurava i beni, che
da' potenti non erano toccati, come quelli, il cui dominio diretto era
della Chiesa: mancando poi la successione mascolina de' Feudatarj, come
spesso avveniva per le frequenti guerre e sedizioni popolari, i beni
ricadevano alla Chiesa. Quindi nacque la differenza tra' Feudi dati,
ed _oblati_[584] di cui ben a lungo trattarono Struvio[585], Tomasio
ed Erzio[586]. Quindi l'origine delle nostre papali _investiture_, di
cui tratteremo a suo luogo, e quindi finalmente s'introdusse il costume
di ricorrere non meno agl'Imperadori ed a' Principi, che a' Pontefici
romani, affinchè per mezzo de' loro _precetti_, detti altramente
_mundiburdj_, difendessero le possessioni poste sotto la lor protezione
e custodia, minacciando agli invasori e perturbatori di quelle anatemi
terribili, condennando le loro anime in compagnia con quella di Giuda
traditore a pena eternale, a' sempiterni incendj dell'Abisso in mezzo
a' più neri e tristi diavoli dell'Inferno; servendosi perciò di formole
le più spaventose ed orribili.

In tante confusioni e disordini erano ridotti a questi tempi non meno
lo Stato politico e temporale, che l'ecclesiastico di queste Province
e di queste nostre Chiese, finchè non potendo più i nostri Italiani
ed i Papi stessi soffrire tante calamità e miserie, si risolsero alla
fine ricorrere agli ajuti d'Ottone Re d'Alemagna, il Regno del quale,
siccome degli altri Ottoni suoi successori, saremo nel seguente libro
a narrare.


  FINE DEL VOLUME SECONDO.



TAVOLA DE' CAPITOLI CONTENUTI NEL TOMO SECONDO


  LIBRO QUARTO                                           pag.   5

  Cap. I. _Di Alboino I Re d'Italia, che fermò la sua
         sede regia in Pavia, e degli altri Re suoi
         successori_                                      »    12
      §. I. _Di Clefi II Re d'Italia_                     »    16
      §. II. _Di Autari III Re d'Italia_                  »    20
      §. III. _Origine de' Feudi in Italia_               »    22
  Cap. II. _Del Ducato beneventano; e di Zotone
         suo primo Duca_                                  »    28
  Cap. III. _Di Agilulfo IV Re de' Longobardi; e di
         Arechi II Duca di Benevento_                     »    44
      §. _I. Di Arechi II Duca di Benevento_              »    47
  Cap. IV. _Del Ducato napoletano, e suoi Duchi_          »    51
  Cap. V. _Di Adalualdo ed Ariovaldo V e VI Re
         de' Longobardi_                                  »    57
  Cap. VI. _Di Rotari VII Re; da cui in Italia furono
         le leggi longobarde ridotte in iscritto_         »    60
  Cap. VII. _Di Ajone e Radoaldo, III e IV Duchi
         di Benevento_                                    »    68
  Cap. VIII. _Di Grimoaldo V Duca di Benevento: delle
         guerre da lui mosse a' Napoletani: e morte
         del Re Rotari_                                   »    70
  Cap. IX. _Di Rodoaldo, Ariperto, Partarite e
         Gundeberto, VIII, IX, X ed XI Re dei
         Longobardi_                                      »    77
  Cap. X. _Di Grimoaldo XII Re de' Longobardi; di
         Romualdo VI Duca di Benevento; e della
         spedizione italica di Costanzo Imperador
         d'Oriente_                                       »    80
      §. I. _Di Romualdo VI Duca di Benevento_            »    83
      §. II. _Venuta de' Bulgari: ed origine della
         lingua italiana_                                 »    89
      §. III. _Leggi di Grimoaldo, e sua morte_           »    95
  Cap. XI. _Di Garibaldo, Pertarite, Cuniperto, e
         altri Re e Duchi di Benevento, infino a
         Luitprando_                                      »    98
      §. I. _Di Grimoaldo II, Gisulfo I, Romualdo II,
         Adelai, Gregorio, Godescalco, Gisulfo II e
         Luitprando Duchi di Benevento_                   »    99
      §. II. _Di Luitperto, Ragumberto, Ariperto II
         ed Asprando Re de' Longobardi_                   »   101
  Cap. XII. _Dell'esterior politia ecclesiastica nel
         Regno de' Longobardi da Autari insino a
         Lione Isaurico_                                  »   102
      §. I. _Elezione de' Vescovi, e loro disposizione
         nelle città di queste nostre province_           »   111
      §. II. _Monaci_                                     »   124
      §. III. _Regolamenti ecclesiastici_                 »   127
      §. IV. _Beni temporali_                             »   129

  LIBRO QUINTO                                            »   140

      §. I. _Leggi di Luitprando_                         »   141
      §. II. _Novità insorte in Italia per gli editti
         di Lione Isaurico_                               »   144
      §. III. _Il Ducato napoletano si mantenne
         nella fede di Lione Isaurico_                    »   155
      §. IV. _Origine del dominio temporale dei
         romani Pontefici in Italia_                      »   158
      §. V. _Primi ricorsi avuti in Francia da Papa
         Gregorio II, e dal suo successore Gregorio III_  »   168
      §. VI. _Costantino Copronimo succede a Lione
         suo padre, e morte di Luitprando Re
         de' Longobardi_                                  »   171
  Cap. I. _Di Rachi Re de' Longobardi, e sue leggi_       »   175
      §. I. _Translazione del Reame di Francia
         da' Merovingi a' Carolingi_                      »   176
      §. II. _Rachi abbandona il Regno, e fassi
         Monaco Cassinese_                                »   181
  Cap. II. _Di Astolfo Re de' Longobardi: sua spedizione
         in Ravenna e fine di quell'Esarcato_             »   187
      §. I. _Spedizione d'Astolfo nel Ducato romano_      »   191
      §. II. _Papa Stefano in Francia: suoi trattati
         col Re Pipino, e donazione di questo Principe
         fatta alla Chiesa romana di Pentapoli e
         dell'Esarcato di Ravenna, tolto a' Longobardi_   »   194
      §. III. _Leggi d'Astolfo, e sua morte_              »   206
  Cap. III. _Il Ducato napoletano, la Calabria, il
         Bruzio, ed alcune altre città marittime
         di queste nostre province, si mantengono
         sotto la fede dell'Imperadore Costantino
         e di Lione suo figliuolo_                        »   208
  Cap. IV.  _Di Desiderio ultimo Re de' Longobardi_       »   213
  Cap. V. _Leggi de' Longobardi ritenute in Italia,
         ancorchè da quella ne fossero stati scacciati:
         loro giustizia e saviezza_                       »   226
      §. I. _Leggi longobarde lungamente ritenute nel
         Ducato beneventano, e poi disseminate in
         tutte le nostre province, ond'ora si compone
         il Regno_                                        »   241
  Cap. VI. _Della Politia ecclesiastica_                  »   247
      §. I. _Raccolta de' canoni_                         »   257
      §. II. _Monaci e beni temporali_                    »   259

  LIBRO SESTO                                             »   268

  Cap. I. _Del Ducato beneventano, sua estensione
         e politia_                                       »   273
  Cap. II. _Del Ducato napoletano, sua estensione
         e politia_                                       »   286
  Cap. III. _Come Arechi mutasse il Ducato beneventano
         in Principato, e tentasse di sottraersi
         affatto dalla soggezione de' Franzesi_           »   299
  Cap. IV. _Di Grimoaldo II Principe di Benevento,
         e delle guerre sostenute da lui con
         Pipino Re d'Italia_                              »   308
  Cap. V. _Carlo Magno da Patrizio diviene Imperador
         romano: sua elezione, e qual parte
         v'ebbe Lione III romano Pontefice_               »   314
  Cap. VI. _Di Grimoaldo II, Sicone e Sicardo
         Principi di Benevento; della pace che fermarono
         co' Franzesi, e delle guerre che
         mossero a' Napoletani_                           »   333
      §. I. _Di Sicone IV Principe di Benevento_          »   337
      §. II. _Prima invasione de' Saraceni in queste
         nostre contrade_                                 »   340
      §. III. _Di Sicardo V Principe di Benevento_        »   344
  Cap. VII. _Politia ecclesiastica delle Chiese e
         monasteri del Principato beneventano_            »   350
      §. I. _Politia delle Chiese del Ducato napoletano
         e delle altre città sottoposte all'Imperio
         greco_                                           »   363

  LIBRO SETTIMO                                           »   378

      §. I. _Divisione del Principato di Benevento,
         donde surse il Principato di Salerno_            »   380
      §. II. _Origine del Principato di Capua_            »   389
      §. III. _Spedizione dell'Imperador Lodovico contro
         i Saraceni, e sua prigionia in Benevento_        »   391
  Cap. I. _Carlo di Calvo succede nell'Imperio
         d'Occidente: nuove scorrerie de' Saraceni,
         accompagnate da altre rivoluzioni e disordini_   »   398
      §. I. _Maggiori disordini e calamità in queste
         nostre province per la morte di Carlo
         il Calvo, ne' tempi di Carlomanno_               »   406
      §. II. _Calamità nel Principato di Salerno_         »   410
  Cap. II. _Dello stato nel qual eransi ridotte in
         questi tempi la giurisprudenza e l'altre
         discipline; e delle nuove compilazioni
         delle leggi fatte per gl'Imperadori di
         Oriente_                                         »   416
      §. I.  _Nuove compilazioni di leggi fatte in
         Grecia, e qual uso ebbero fra noi in quelle
         città, che ubbidivano ai Greci_                  »   421
  Cap. III. _Il Regno d'Italia da' Franzesi passa
         negl'Italiani: maggiori rivoluzioni per ciò
         accadute in queste nostre province, e
         rialzamento del Duca d'Amalfi_                   »   437
      §. I.  _Stato di queste nostre province, e
         rialzamento d'Amalfi_                            »   444
  Cap. IV. _Del Principato di Benevento ritolto ai
         Greci; e come a quello si riunì il Contado
         di Capua_                                        »   448
      §. I. _Nuove scorrerie de' Saraceni, e ricorsi
         perciò fatti agl'Imperadori d'Oriente_           »   454
  Cap. V. _Politia ecclesiastica_                         »   463


FINE DELL'INDICE.



NOTE:


[1] Jornandes hist. Got.

[2] Grot. in Proleg. ad hist. Got.

[3] Salmas. apud Grot. loc. cit.

[4] Constant. Porphyrog. de Admin. Imperio e. 25 ex historia S.
Theophanis. Et Gepides quidem, ex quibus postea Longobardi, atque
Avares por successionem oriundi sunt.

[5] Grot. in Prolegom. ad hist. Got.

[6] Paul. Varnefr. I. 1 c. 9.

[7] Constant. Porph. de Them. lib. 2. Thema XI. Longibardia, a promissa
barba incolarum dicta est.

[8] Otho Frising. 1. 2 c. 13 de gest. Fred. Imper.

[9] Gunther. 1. 2. Grot. loc. cit.

[10] Ab. de Nuce in Notis ad Chron. Leon. Ostiens. pag. 95.

[11] Tacit. l. 2. Annal. Vel. Paterc. l. 2. hist.

[12] Grot. in Proleg. ad hist. Got. p. 28.

[13] Questi sono l'Anonimo Salernitano, ed altri raccolti da Camil.
Pellegr. in hist. Princ. Longob.

[14] Paul. Varnefr. lib. 2 c. 1.

[15] Historiola ignoti Monaci Cassinen. apud Camil. Pell. historia
Princ. Longob. P. Varnefr. l. 2. c. 12. Certum est autem, tunc Alboin
multos secum ex diversis, quas vel alii Reges, vel ipse caeperat
gentibus ad Italiam adduxisse; unde usque hodie eorum, in quibus
habitant, vicos Gepidos, Bulgaros, Sarmatas, Pannonios, Suevos,
Noricos, aliis, sive hujusmodi nominibus appellamus.

[16] Paul. Aemil. de reb. Franc.

[17] V. Patric. in Marte Gallico c....

[18] Paul. Varnefr. l. 3 c. 7.

[19] Paul. Varnefr. lib. 2 cap. 14.

[20] Paul. Varnefr. lib. 1. cap. 14.

[21] Camil. Pellegr. in Dissert. de Ducatu Benevent. dissert. 1.

[22] Paul. Varnefr. lib. 2. cap. ult.

[23] Paul. Aemil. de reb. Franc.

[24] Marquar. Freher. in Chronolog. Exarc. Raven. apud Leunclavium.

[25] Paul. Varnefr. lib. 3 cap. 8.

[26] Regin. lib. 1. A. 517. Paul. Varnefr. l. 3 c 8. Sigon. de Reg.
Italiae, l. 1.

[27] Sigon. de R. Ital. 1. 1. Guido Pancircl. Thesaur. var. lect. l.
1 c. 90. Is Ducibus urbes, dominio supremo sibi reservato, concessit,
quas ad stirpem virilem tantum transmitti voluit.

[28] Molin. in Consuet. Paris, tit. 1. C. des Fiefs, num. 13.

[29] Aimoin. lib. 1 cap. 14.

[30] Greg. Turon. hist. Franc. l. 4. cap. 45. V. Alteser. Orig. Feud.
c. 1.

[31] Greg. Turon. l. 7 c. 22. et l. 10 §. 19.

[32] P. Aemil. de Reb. Franc. l. 1.

[33] Cujac. de Feud. in princ.

[34] Loyseau Des Off. l. 1 cap. 3.

[35] Molin. in Consuet. Par. tit. des fiefs, n. 11.

[36] Lamprid. apud Loysean Des Off. l. 1 c. 1 num. 104 in fin.

[37] Th. Gragius l. 1 dieg. 5. Jo. Schilterus Com. ad Rub. Jur. Feud.
Alem. §. 8.

[38] Montan. in Prael. Feud.

[39] Molin. in Consuet. Paris. tit. des Fiefs. num. 13.

[40] Hornius in Jurispr. Feudal, c. 1 §. 8.

[41] Sigon. de R. Ital. l. 1.

[42] Marq. Freher. in Chronologia, Smaragdus A. 584 Romanus A. 587.

[43] P. Varnef. l. 3 c. 16.

[44] Sigon. de R. Ital l. 1.

[45] Volfang. Laz. lib. 12. de Migrat. gent.

[46] P. Varn. l. 3 c. 16.

[47] Ant. Carac. in Propyleo ad quatuor Chron.

[48] Leo Ostien. Chron. l. 1. c. 48.

[49] Leggesi presso Camil. Pel. in hist. Princ. Long.

[50] Cam. Pel. in dis. de Duc. Ben. dis. 1.

[51] Constant. Porphyr. de Admin. Imp. c. 27.

[52] Procop. lib. ult.

[53] Plin. l. 3 c. 11.

[54] Cluver. in antiq. Ital. l. 4 c. 8.

[55] M. Palmer, in Chron. ad A. 776.

[56] S. Greg. M. l. 2. Dialog. c. 17. Nocturno tempore nuper illic
Longobardi ingressi sunt.

[57] Ab. de Nuce Chron. Cas. l. 1 c. 2 in Excur. Chron.

[58] Sigon. de Reb. Ital. l....

[59] P. Varn. l. 3 c. 18.

[60] P. Varnefr. l. 6 c. 2.

[61] Sigon. de Reb. Ital. An. 598.

[62] P. Varnefr. l. 4 c. 14.

[63] Sigon. de Reb. Ital. An. 602.

[64] Paul. Aemil. de Reb. Franc. lib.....

[65] Grot. de Jure belli, et pac. l. 3 c. 7 n. 9. Vinn. Instit. l. 1
tit. 3 §. servi, n. 4.

[66] S. Greg. M. l. 9. Ind. 4. Ep. 53. Cam. Pel. diss. de Finib. Duc.
Ben. ad merid. p. 32.

[67] Greg. M. l. 2. Ind. 11. Epis. 1, 2 et 15.

[68] Epist. 12 l. 8. Ind. 3.

[69] Epist. 24 l. 12. Ind. 7.

[70] Blond. Decad. 1. hist. l. 8.

[71] S. Greg. M. l. 2. Ind. 10, Ep. 32. Cam. Pel. in diss. de Duc. Ben.
p. 32.

[72] Ep. 74. l. 7. Ind. 2.

[73] Ep. 109 l. 7. Ind. 2.

[74] Marq. Freher. in Chron. Exarc. Rav.

[75] P. Pagi de Consulib. p. 342.

[76] Marq. Freher, loc. cit.

[77] Marq Freher, loc. cit.

[78] Anastas. Bibliothec. in Deus dedit. Cam. Pelleg. in dissert. de
Duc. Ben. p. 33.

[79] Marq. Freher. loc. cit.

[80] Beatil. hist. Bar. p. 12 hist. S. Nic. l. 11.

[81] Varnefr. l. 4 c. 10.

[82] Varnefr. l. 4 c. 15.

[83] Sigon. ad An. 623.

[84] Boccac. Gior. 3. Nov. 2.

[85] Varnefr. l. 4 c. 15.

[86] Paul. Varnefr. hist. Long. l. 4 c. 15.

[87] Gotofr. in Proleg. ad Cod. Th.

[88] Altes. rer. Aquitan. lib. 3 cap. 13.

[89] Capitular. Caroli M. c. 18, 4. Addit. et c. 281 l. 6.

[90] Hincm. Rem. ep. 7.

[91] Hincm. in Opusc. advers. Hincmarum Laudonensem.

[92] Jo. Ital. in Vita S. Odon. Abb. Cluniac. Altes. loc. cit. p. 199.

[93] Ivo Epist. 212. Epist. 243, 280.

[94] Gregor. l. 12. Epist. 51 et Epist. 53 l. 11. Novell. 123. Grat.
c. 38 c. 11 q. 1 et c. 2 de Testib. c. ult. Nov. 90. V. Alteser. rer.
Aquit. c. 16 p. 219, 220 et 218.

[95] Greg. III. c. Lator. de Pignorib.

[96] Jo. VIII. Can. fin. 16. q. 3. Sed venerandae Rom. leges, etc.

[97] Altes. loc. cit. p. 219.

[98] In Decret. Grat. dist. 10 c. 13. Altes. Rer. Aquit. l. 3 c. 14.

[99] Ivo Ep. 280.

[100] Balduin. in Proleg. Comment. in Instit.

[101] Artur. Duck de Usu Jur. civ. l. 1 c. 5 nu. 12.

[102] Conring. De Orig. Jur. Ger. c. 20.

[103] P. Varn. l. 4 c. 44.

[104] Grot. in Proleg. ad hist. Goth.

[105] Sigon. de R. Italiae, lib. 2 ad A. 643.

[106] La conchiusione di questo Editto si legge parimente in Sigonio l.
c.

[107] Varnefr. l. 4 c. 15.

[108] Procop. de Bell. Got.

[109] Cam. Pell. in dissert. Duc. Ben. p. 54.

[110] Acta SS. Agapiti, et alior. Surrent. presso Ughello de Archiep.
Surrent.

[111] P. Varn. l. 4 c. 16.

[112] Acta Angelica Apparit. presso Surio, to. 5 p. 322.

[113] Historiola Ignoti Monaci Cassin. presso Camil. Pell. hist. Princ.
Long. par. 1 p. 97.

[114] Tacit. Annal. 4 c. 71. Juliam Augusti neptem adulterii convictam,
projectam ab eo fuisse in Insulam Tremetum haud procul Apulis
litoribus, ibique 20 annis exilium tolerasse.

[115] Procop. l. 1 de Aedific. Just. Imp.

[116] Epist. 15 l. 7. Ind. 2.

[117] Cam. Pell. in dissert. fines Duc. Benevent. ad Septentrionem.

[118] Baron. ad ann. 585 n. 2.

[119] Camill. Pell. loc. cit.

[120] Bolland. t. 1. Actor. Sanctor. 3. Pebr.

[121] Ughel. Ital. Sac. t. 8. de Archiep. Benev.

[122] Ciarlan. del Sannio. l. ...

[123] Bodin. de Republ. l. 4 c. 7.

[124] L. ult. C. Th. de Fid. Cath.

[125] Jac. Gotofr. in d. l. ult. et in Prolegom. c. 8.

[126] P. Varnefr. l. 4 c. 18.

[127] Freher. in Cronolog.

[128] Sigon. de R. Ital. ad A....

[129] Varn. l. 5 c. 4.

[130] Varnefr. l. 5 c. 4.

[131] P. Pagi de Consulib. p. 348.

[132] Boland. loc. cit. Ughell. tom. 9. Ital. Sacr. loc. cit.

[133] P. Varnefr. l. 4 c. 5. Cam. Pell. Diss. de Duc. Ben.

[134] Historiola Ignoti Monaci Cassin. apud Cam. Pell. par. I hist.
Princ. Longobar.

[135] Varnefr. l. 5 c. 11.

[136] Cujac. lib. 1 de Feud. tit. 1 §. 3.

[137] Ciarlant. nel Sannio, ed altri.

[138] Forn. in notis ad Cass. lib. 10 cap. 7.

[139] Constant. de admin. Imp. cap. 27 et 28.

[140] Baron. An lib. 12 ann. 1154.

[141] Ricc. in Chron. ann. 1232.

[142] Otho Frising. de gest. Frid. lib. 2 cap. 13.

[143] Petrar. nel Trionfo d'Amore, cap. 2 ed altrove.

[144] Boccac. Novel. 2, Giorn. 5.

[145] Camil. Pellegr. in Diss. de Duc. Ben.

[146] Capac. nel Forastier.

[147] Anton. Matthaeus de Criminibus ad L. Juliam Majest. c. 1 nu. 10.

[148] P. Varnefr. l. 5 c. 12.

[149] Si legge nel Codice Cavense, e nel Corpo delle leggi Longobarde,
Saliche, Alemanne, ec. dell'edizione di Basilea dell'anno 1557, e
presso Sigonio de Reg. Ital. l. 2 ad A. 668.

[150] Sigon. de R. Ital. ad A. 672.

[151] Jo. Diacon. apud Ughell. de Episc. Neap. p. 86.

[152] Paul. Varnefr. Ughell. de Episc. Hydruntin. Beatil. hist. di Bari.

[153] Epist. Greg. M. l. 4. Ep. 80.

[154] Lib. 2. Ep. 62.

[155] P. Varnef. lib.

[156] Gregor. M. l. 3. Ep. 4. et 33 l. 7. Ep. 42.

[157] P. Varnef. l.

[158] Epist. 62 lib. 11.

[159] Gregor. lib. 7. Epist. 74 et 107. Camill. Pellegr. Fines Duc.
Ben. ad merid.

[160] Ugh. de Epis. Cumanis.

[161] Ugh. de Epis. Benev.

[162] Ep. Greg. apud Chioc. de Episc. Neap.

[163] Ep. apud Chioc. loc. cit.

[164] Fr. Florens ad tit. de Elect. et El. pot. tit. 4 p. 175 et seq.
Jo. a Costa in Sum. ad d. tit. Ant. Matthaeus man. ad jus Can. l. 1
tit. 12.

[165] Ep. Gregor. apud Chioc. loc. cit.

[166] Epist. Gregor. apud Chiocc. loc. cit.

[167] Epist. Gregor. apud. Chiocc.

[168] Anast. Biblioth. in Vigilio. Idem in Pelagio II.

[169] Varnef. lib. 3 cap. 10.

[170] Jo. Diac. Vita S. Greg. lib. 1 c. 39, 40.

[171] Novell. 83 et 123.

[172] Chioc. de Episc. Neap. Anno 730.

[173] Cap. 1 de statu Monac.

[174] Gonzalez d. c. 1 et de relig. domib.

[175] Carac. de Sacr. Eccl. Neap. Monum....

[176] Chioc. de Episc. Neap.

[177] Pellegr. in dissert. de Duc. Benev.

[178] Baluz. in annot. ad Anton. August. in Decreto Grat.

[179] Codin. de Offic. Eccl. Constant.

[180] Leuncl. t. 2. Jur. Graeco-Rom.

[181] Jo. Diacon. de Episc. Neap. Chioc. de Episc. Neap.

[182] Chioc de Episc. Neap.

[183] Codin. Leuncl. loc. cit.

[184] P. Varnefr. l. 6 c. 1.

[185] Ughell. de Episc. Benev. p. 19.

[186] P. Varn. l. 6 c. 1.

[187] Douj. hist. du Droit. Can. par. 1 c. 22.

[188] Pagi in Critica in Ann. Baron. ad A. 827 num. 14.

[189] Struvius hist. Jur. Can. c. 7 §. 11.

[190] Petr. de Marc. de Conc. Sac. et Imp. l. 3 c. 5 num. 2.

[191] V. Gonzalez in Apparatu de orig. et progr. jur. Can. num. 46. V.
Hunoldum Plettenbergium Introduct. ad jus Can. c. 11 §. 7.

[192] Cod. Justin. l. 12.

[193] V. Ammirat. ne' suoi Opusc. disc. 7.

[194] Lib. 1. Epist. 23.

[195] L. 5. Epist. 11.

[196] V. Ant. Matthae. manud. ad jus Can. l. 1 tit. 17.

[197] Can. si tributum XI. q. 1.

[198] Theophanes. Appellata patrimonia Sanctorum Principum Apostolorum,
qui apud veterem Romam in veneratione sunt, illorum Ecclesiis jam olim
persolvi solita, auri talenta tria, et semis aerario publico solvi
jussit. V. de Marca de Concord. Sacerd. et Imp. l. 3 c. 11 num. 4.

[199] Ammir. Opusc disc. 7.

[200] V. Bodin. lib. 5. de Rep. c. 2 p. 530.

[201] Mornac. ad l. 1. C. de Sacrosanct. Eccl. Ant. Matth. manud. ad
jus Can. l. 2 tit. 1.

[202] Lib. 9. Ep. 29. V. Chioc. de Episc. Neap. in Pascasio.

[203] Si leggono presso Ughel. de Episc. Benev. in S. Barbato.

[204] P. Varnefr. l. 6 c. 58. Bernard. Saccus hist. Ticin. l. 9 c. 5.
Sigon. ad A. 713.

[205] Marcul. tit. 55 §. 4. Goldast. tom....

[206] Anast. in Greg. II. P. Var. l. 6.

[207] Sigon. ad A. 725.

[208] Ep. 1 et 2 Greg. ad Leon.

[209] Marq. Freher. in Chronol. Esar. Raven.

[210] Anastas. in Gregor. II.

[211] P. Varn. l. 6. Regino l. 1. Chron. Sigon. ad ann. 726.

[212] Sigon. ad a. 726. Maimb. hist. Iconocl.

[213] Freher. in Chronol. Esarc. Raven.

[214] Sigon. ad ann. 727.

[215] Sigon. ad An. 729.

[216] Anast. Bibliot. in Greg. II.

[217] P. de Marca de Concord. Sacer. et Imp. l. 3 c. 11 num. 2.

[218] Dup. de Antiq. Eccl. disc. diss. 7.

[219] Greg. II. in Ep. 1 ad Leonem.

[220] Anast. Bibliothec. ad A. 658.

[221] Greg. III. Ep. 3 ad Bonifac. P. de Marca de Conc. Sac. et Imp. l.
3 c. 11 num. 5.

[222] Spanem. contra Maimburg. in Histor. Imag. pag. 52.

[223] Gianettas hist. Neap. l. 5 pag. 94.

[224] Zonar. Append, ad Gregor. Turon.

[225] Sigon. ad A. 739.

[226] Sigon. ad A. 741.

[227] Erchemp. p. 5 apud Camill. Pelleg. hist. Princ. Longob.

[228] P. Varn. de gest. Long. l. 6 c. 58 seu 19.

[229] Erch. apud Pelleg. pag. 5 loc. cit.

[230] P. Varn. l. 6 cap. 18.

[231] Erch. apud Pelleg. pag. 5 loc. cit.

[232] Erchemp. apud Camil. Pelleg. pag. 5 loc. cit.

[233] Erchemp. apud Camill. Pellegr. pag. 5 loc cit.

[234] Paul. Aemil. de Reb. Franc.

[235] Dupin. de Antiq. Eccl. disc. dissert. 7.

[236] Eginard. ad A. 750. Hoc anno secundum Romani Pontificis
sanctionem etc.

[237] P. Aemil. de reb. Franc.

[238] Erchemp. apud Pell. hist. Princ. Long. pag. 6. Leo Ostiens. Chr.
l. 1 c. 8.

[239] Leo Ostiens. Chr. l. 1 c. 8.

[240] Ab. de Nuce ad Ostiens. loc. cit.

[241] Villan. l. 2 c. 9.

[242] V. Beatil. hist. di San Sabino Vescovo di Canosa.

[243] Ab. de Nuce loc. cit.

[244] Registr. Caroli I. An. 1292 et An. 1293. Beltran. descr. del R.
di Nap.

[245] Ammir. nel lib. delle Fam. del R. di Nap.

[246] Mazzel. descr. del Regno di Napoli e sue Provin.

[247] Erchemp. apud Pellegr. p. 5. Ostien. lib. 1 cap. 8.

[248] Freh. in Leunclav. tom. 1. Juris Graeco-Roman.

[249] Sigon. ad A. 753.

[250] Erchemp. apud Pelleg. pag. 6 loc. cit.

[251] Anastas. in vita Stephani III.

[252] Anastas. loc. cit. Cernens ab Imperiali potentia nullum esse
subveniendi auxilium.

[253] Ostiens. l. 1 c. 8. Pipinum, et duos filios ejus, Carolum, et
Carolomannum unxit in Reges Francorum.

[254] Ostiens. l. 1 c. 8.

[255] Anast. in Hadriano.

[256] Leo Ostiens. l. 1 c. 8 et c. 12.

[257] Ab. de Nuce in notis ad Leon. cit. l. c. 8.

[258] Leodict. c. 8.

[259] Leo Ost. l. 1 c. 8. Ravennam, et viginti alias Civitates
supradicto Aistulfo abstulit, et sub jure Apostolicae sedis redegit.

[260] Baron. ad A. 755 et tom. 6. Concil. edit. Paris.

[261] Vid. Fran. du Chesne tom. 3 hist. pag. 705 et seq. Alemann. de
Pariet. Lateraneus. cap. 10.

[262] Anast. in vita Steph. III.

[263] Anast. l. c.

[264] P. de Marca de Concor. Sac. et Imp. l. 3 c. 11 n. 5.

[265] Anast. l. c. Leo Ostiens. l. 1 c. 8.

[266] Sigon. ad Ann. 756.

[267] Spanem. de Imag. contra Maimburg.

[268] P. de Marca l. 3 c. 11 num. 7, 11 et 12.

[269] Const. Por. de Themat. l. 2. Th. X. Roma Regium deposuit
Principatum, et propriam administrationem, ac jurisdictionem obtinuit,
eique proprie dominatur quidam suo tempore Papa.

[270] Erchempert. p. 6. Astulphus post haec, in venatione sagitta
percussus, mortuus est.

[271] P. Carac. de Sacr. Eccl. Neap. monum. c. 30 sect. 2. Vedi
Pellegrino di questi Maestri de' soldati hist. Long. par. 1 l. 9 p. 31.
L'Abate della Noce in notis ad Chron. Cassin. l. 2 c. 58 nu. 1057.

[272] Di Antimio V. Chioc. de' Vesc. Nap. p. 78.

[273] P. Pagi de Consulib. p. 370.

[274] S. Eulog. in Memoriali Sanctorum l. 2 c. 1.

[275] Eulog. l. 2 c. 6.

[276] P. Pagi de Consulib. p. 370.

[277] Codin. c. 7 n. 9.

[278] Pachymeres l. 2 c. 32.

[279] Gregoras l. 4.

[280] Tom. 6. Coac. col. 1717.

[281] Ostiens. l. 1 c. 12.

[282] P. de Marca de Concord. Sac. et Imp. l. 3 c. 19 n. 5.

[283] Paul. Aemil. Rer. Franc. p. 18.

[284] Nel diploma della conferma, o sia precetto fatto da Ottone M. al
Pontefice nel 962 rapportato dal Baronio An. 962 n. 3 espressamente
ciò si legge in quelle parole: Sicuti, et patrimonium Beneventanum,
et patrimonium Neapolitanum, et patrimonium Calabriae Superioris
et Inferioris. De Civitate autem Neapolitana cum Castellis, et
Territoriis, et finibus, et insulis suis sibi pertinentibus sicut
ad easdem respicere videntur; nec non patrimonium Siciliae, si Deus
nostris illud tradiderit manibus; simili modo Civitatem Cajetam, et
Fundum cum omnibus eorum pertinentiis, etc. Binio in Notis ad Conc.
Lateran. A. 1112 n. 7. Concil. par. 1 fol. 544 rapporta un consimile
precetto dell'Imperador Errico IV fatto a Pascale II, ove pur si
legge: Jurejurando firmavit de Apostolici ipsius vita et honore, de
membris, de mala captione, de regalibus; etiam patrimoniis B. Petri,
et nominatim de Apulia, Calabria, Sicilia, Capuanoque Principatu factis
Sacramentis.

[285] P. Varn. hist. Long. l. 3 c. 8.

[286] Ug. Grot. in Prolegom. ad hist. Got.

[287] LL. Longob. l. 2 tit. 4, 5, 6, 7, 8, 9.

[288] Vide Grot. in Lexico.

[289] Luitprando ll. Long. l. 2 tit. 4.

[290] Luitprand. eg. 4 tit. de prob. nupt.

[291] LL. Long. lib. 2 tit. 13 l. 7.

[292] L. si qua illust. C. ad S. C. Orf.

[293] Cujac. in Parat. in Pand. tit. de Concub.

[294] V. Connan. lib. 8 comment. Arnis. de jur. Connub.

[295] Gratian. in Decret. dist. 34 cap. 4 et 5.

[296] Cujac loc. cit. Audio tamen eum retinere districte Vascones, et
Pyreneos.

[297] Novel. Basil. Maced. apud Leuncl. Jur. Gr. Roman. lib. 2. nu. 2
tom. 1.

[298] Grot. in Prolegom. ad Hist. Got.

[299] V. Struvium hist. Jur. Crim.

[300] Ugo Grot. in Proleg. ad hist. Got.

[301] Sigon. ad A. 632.

[302] Cujac. lib. 1 de Feud. tit. 1 §. si autem controversia: Et hoc
genere purgationis diu usi sunt Christiani, tam in civilibus, quam in
criminalibus causis, re omni duello commissa.

[303] Lib. 1 l. 23 tit. 9 de homicid. liber. hom.

[304] V. Struvium histor. Jur. Crimin.

[305] Tertium genus purgationis est periculum aquae ferventis, vel
frigidae, vel laminae candentis, quo etiam diu usi sunt Christiani,
ducto more, argumento nescio an bono, a potione illa, quam stupri
insimulatis mulieribus dari jussit Mores, quod usque eo processit,
ut et leges scriptae juberent adhiberi ignitos vomeres, vel aquam
frigidam, aut calidum litium dirimendarum causa, ut Longobardae saepe,
et militares Friderici Imperatoris apud Radevicum. Cujac. lib. I de
Feud. loc. cit.

[306] Cujac. loc. cit. Quod tamen primum omnium exolevit in Longobardia.

[307] Consuet. Bar. Rubr. de Immunit. §. Monomachia.

[308] Ugo Grot. in Prolegom. ad hist. Got.

[309] Questo Sillabo si legge appresso l'Istoria de' Goti di Grozio.

[310] Cujac. de Feud. l. 1, tit. 2.

[311] Maxilla in Consuet. Bar. rub. de Arga. Istud nomea Arga, est
Longobardorum, et idem importat, quod vocare aliquem cornutum. Vedi
Carlo Du-Fresne in Lexic. Latinobarbar.

[312] Paul. Warnefr. l. 6, c. 8.

[313] Cujac. loc. cit.

[314] LL. Longob. lib. 2 tit. de homicid. liber. hom. l. 24.

[315] De' Mulomedici vedi G. Gotofredo nel Cod. Th. sotto il tit, de
Cursu publico.

[316] LL. Longobar. de Pauperie l. 2.

[317] Sigon. de R. Ital. l. 8.

[318] In LL. Longob. l. 2. tit. 58.

[319] Ed. Lud. Pii in LL. Longob. l. 3. c. 37. In LL. Ripuar. cap.
Ecclesia pure Romano vivit.

[320] Const. Guliel. Puritatem.

[321] Gregor. c. devotis. 12 qu. 2.

[322] Grot. in Prolegom. ad hist. Got. Jam vero, quae in Regno
Neapolitano, Siculoque valent Constitutiones a Federico II collectae;
pene omnes fluunt e legibus Longobardorum.

[323] Filosac. de Sacr. Episc. aut. c. 7 §. 7.

[324] Tomasin. Vet. et nov. Eccl. disc. pag. 1 l. 1 c. 52 num. 6.

[325] L. 2. De his qui ad Eccl. confugiunt. tit. 39 l. 2 in. ll. Longob.

[326] L. 4 cit. tit. 39 l. 2.

[327] Launojus Regia in matrim. potest. part. 3 art. 2 c. 7.

[328] LL. Longob. l. 2 tit. de prohibitis nuptiis, l. 2 tit. 1 de
sponsalib.

[329] Jo. Diac. de Episc. Neap. Chioc. de Episc. Neap. An. 795.

[330] Doujat Hist. du Droit. Canon. part. I cap. 21.

[331] Blondel. in Pseudo-Isidoro edit. an. 1628.

[332] Marca de Concor. Sac et Imp. lib. 3 cap. 5 num. 1.

[333] Hincmar. in Opusc. cap. 24.

[334] Baron, An. 865. num. 5. Mariana lib. 6 de reb. Hisp. cap. 5.
Chronic. Juliani Tol. Paris. edit. a Laurentio Ramires.

[335] Gonzalez in Apparatu de Orig. et progr. Jur. Canon. num. 46.

[336] Hincmar. in Opusc. cap. 24.

[337] P. de Marca loc. cit. num. 4.

[338] Paul. Varnefr. lib. 6 capit. 18.

[339] Ostiens. lib. 1 cap. 4 V. Pellegr. in serie Abbat. Cassin.
Theodemar. Vedi Ughel. tom. 6 pag. 470, ove si legge la Cronaca
d'Autperto Abate.

[340] Chioc. de Epis. Neap, in Stephano A. 764.

[341] Alteser. Asceticon lib. 7 cap. 12.

[342] Ostiens. lib. 2 cap. 4. V. l'Abate della Noce, che testifica
servarsi ancora questo privilegio nell'archiv. Cassin.

[343] Ab. della Noce in Excurs. hist. ad Chron. Ost. lib. 1 cap. 4.

[344] S. Ber. Epist. 42 et lib. 3 de consid. ad Eugen.

[345] P. Blesen. Ep. 68.

[346] Gerson. tract. de potest. Eccles. conf. 10 et de statib. Eccl.
consid. 9.

[347] Sess. 14 de refor. c. 4 ed altrove.

[348] Sigon. p. 163 de R. Ital. ipse sibi nomine regni retinuit.

[349] V. Franckenstein dissert. de Majumis, Maicampis, et Roncaliis. V.
Dufresne in Lexic.

[350] Paul. Aemil. de reb. Franc.

[351] Pellegr. in Dissert. de Finib. Ducat. Benev.

[352] Costant. Porphyr. de Admin. Imperio, cap. 27. Auctor Itinerarii
S. Villibaldi apud Surium die 7 Julii.

[353] Epist. Hadr. 73.

[354] Lib. de Administr. Imp. cap. 29.

[355] Const. Porph. de Them. l. 2. Them. XI.

[356] Pag. 164 num. 9.

[357] Paul. Diac. lib. 2 c. 11 sive 26.

[358] Anonym. Salern. in hist. Longob. apud Pelleg. in praefat. ad
Anonym. Benev.

[359] Lib. c. 19.

[360] Erchemp. apud Pell. num. 1.

[361] Lib. 2 tit. 52.

[362] Freccia de Subfeud. pag. 71.

[363] Erchemp. num. 65 et 62. Ostiensis lib. 1 cap. 48.

[364] Erc. num. 62.

[365] Lib. 1 tit. 34 et l. 2 tit. 17.

[366] Causa 1 qu. 3 can. 8 Salvator. Dufresne in Lexic.

[367] Lib. 2 tit. 52 l. 19 ex Pipini Regis constitutione.

[368] Camil. Pell. diss. Duc. Ben. in antiq. Provinc. etc. p. 81.

[369] Lib. 1 tit. 14.

[370] L. 15 tit. 14 l. 1 II. Longob.

[371] Erchemp. n. 29.

[372] Const. Porph. de Thematibus. Imp. Orient.

[373] Const. loc. cit. Th. XI. Neapolis Metropolis.

[374] Const. loc. cit. Them. X.

[375] De Admin. c. 27.

[376] Pellegr. in disser. de Finib. Ducat. Ben. p. 72.

[377] Hadrian. Ep. 73. Pellegr. in Fin. Duc. Benev. ad merid.

[378] Ughel. t. 9. Ital. Sacr. in Archiep. S. Severin.

[379] Chioccar. de Ep. Neap, n. Steph. Camill. Pell. hist. Princ. Long.
in Tumul. Mazza de reb. Saler.

[380] Epist. 18.

[381] Erchemp. nn. 26 et 27.

[382] Pellegr. in Serm. Princ. Long.

[383] Pel. in Stem. Princ. Longob.

[384] L. 11. Indit. 6. Epist. 31.

[385] An. Saler. parte 1 num. 3 apud. Pellegr.

[386] Bar. ad An. 787 num. 101. Vedi Pellegr. de Anon. Saler.

[387] Erchemp. num. 2.

[388] Ostiens. l. 1 c. 9.

[389] Pellegr. Capitular. Arech. Principis, pag. 309.

[390] Pellegr. cit. hist. pag. 73 ad pag. 92.

[391] Erchemp. hist. apud Pellegr. num. 2 pag. 26.

[392] Hist. Princ. Long. apud Pellegr. num. 1 pag. 167.

[393] Epist. 44. Hadriani Pontif.

[394] Cit. Epist. 44.

[395] Camill. Pelleg. de Tum. Princ. Longob. pag. 234.

[396] Lib. 2 ll. Longob. tit. 37 l. 1.

[397] Epist. Hadrian. 44.

[398] Sigon. an. 788.

[399] Il Contin. d'Aimo. l. 4 c. 40.

[400] Maimb. hist. Icon. l. 3 an. 775.

[401] Hist. Erchemp. num. 5.

[402] Hist. Erchemp. num. 6.

[403] Pellegr. Tumul. Pr. Long. pag. 283.

[404] Si legge presso il medesimo Aut. pag. 237.

[405] Eginhar. in Annal. A. 796. Sigon. A. 796. Vedi Marca de Concor.
l. 3 c. 11 num. 8.

[406] Marca loc. cit. num. 9.

[407] Theophanes in Chron.

[408] Maimb. hist. Iconocl.

[409] Sigon. hist. Ital. A. 800.

[410] Egin. in vit. Carol. Magn.

[411] Paul. Aemil. de Reb. Franc.

[412] Eginhar. A. 802.

[413] Anastasius in vita Leon. III. Ab omnibus constitutus est
Imperator Romanorum.

[414] Eginh. in Annal. More antiquorum Principium adoratus est; ac
deinde omisso Patricii nomine, Imperator, et Augustus appellatur.

[415] Vedi il Mars Gallicus d'Ales. Patrizio.

[416] Epist. Jo. ad Hormisdam. V. Dupin. de ant. Eccl. disc.

[417] V. Patric. in Marte Gall.

[418] Cujac. l. 1. de Feud. tit. 1.

[419] Arthur Duck De uso, et auct. J. R. l. 2. par. 3. num. 1. c. 8.

[420] Paul Aemil. l. 3. in Car. M.

[421] Anon. Salern. apud Pelleg. par. 1 num. 2 pag. 170. Imperator
quippe omni modo non dici potest, nisi qui in Regno Romano praeest; hoc
est Constantinopolitano.

[422] Baron. An. tom. 10.

[423] Fed. Morelli in not. ad l. 2. Th. 11.

[424] Loyseau Des Ord. pag. 48.

[425] Lib. 2 tit. 57 lib. 1.

[426] Sigon. ad An. 801.

[427] Doujat hist. Jur. Civ. pag. 60. De' Capitolari di Carlo M. e
delle Raccolte fatte da Ansegiso, da Benedetto Levita, e da altri, son
da vedersi Baluzio tom. 1. Van. Espen. in hist. Jur. Can. Struv. cap.
6. hist. Jur. German. §. 10, 11 et 12.

[428] Extat Capitulare Pipini Regis Italiae dat. A. 793 apud Balutium
t. 1 p. 533. Ejusdem Capitula excerpta ex Lege Longob. pag. 341.

[429] Lib. 2 tit. 57 l. 2 et tit. 59 l. 3. et 4.

[430] Hist. Erchemp. num. 7.

[431] Erchemp. n. 8.

[432] Erchemp. n. 8.

[433] Tumul. Sicon. apud Pellegr.

[434] Erchemp. n. 9.

[435] Pellegr. in Stemm. Prin. Salern.

[436] Erchemp. n. 10.

[437] Erchemp. apud Chiocc. de Episc Neap. an. 818. Princeps Sico S.
Januarii Martyris Corpus de Basilica, ubi per longa temporum spatia
requievit, elevans, et cum magno tripudio Beneventum regreditur.

[438] Sozom. l. 6 c. 38.

[439] Abrah. Echel. histor. Arab. c. 3 et 5.

[440] Lib. 2 c. 16.

[441] Baluz. tom. 1 pag. 561 et pag. 689.

[442] Pell. Tumul. Princ. Longob. pag. 239.

[443] Cedren. pag. 429. Camill. Pell. in Tumul. Boni, hist. Princ.
Long. pag. 326.

[444] Chioccar. de Epis. Neap. A. 818.

[445] Jo. Diac. in Chron. Epis. Neap. in Joan. Ep. 43.

[446] Pell. hist. Princ. Longob. de Capitulari Pr. Sicardi pag. 73.

[447] Camill. Pellegr. l. c.

[448] Richer. Apolog. Jo. Gerson. par. 3 axiom. 36.

[449] Baron. ad A. 774.

[450] Marca de Conc. l. 8 c. 12. V. Maimb. de Casu Imperii, l. 1 ad A.
964.

[451] Sigeber. in Chron. ad A. 773.

[452] Grat. in Decr. dist. 63. C. Hadrianus 22.

[453] Flor. Magistr. Tract. de elect. Episc.

[454] Lup. Ferar. apud P. de Marca loc. cit. num. 9.

[455] P. de Marca l. 8 c. 14.

[456] Decret. Grat. dist. 63 c. 14.

[457] Marca loc. cit.

[458] Richer. Apolog. Jo. Gerson. loc. cit. pag. 191.

[459] Gulielm. Malm. l. 5 de gestis Reg. Anglic.

[460] Richer loc. cit.

[461] V. Loyscau des Off. des Sign. c. 15.

[462] Auth. Statuimus, C. de Episc. et Cler.

[463] Diploma Loth. apud Schilterium Comment. ad Jus Feud. Aleman. c.
1 §. 7. V. Struvium Hist. Jur. publ. c. ult. §. 4.

[464] Duaren. in Comment. ad Consuet. Feud. l. 1 c. 6 n. 28.

[465] Sigon. de Reg. Ital. l. 11.

[466] V. Struvium Hist. Jur. Feud. c. 8.

[467] V. Biscard. in Jur. Respons. de Quinden.

[468] Freccia de Subfeud. l. 3 diff. 15. R. de Ponte dec. 2 n. 1.

[469] V. Loyseau des Sign. Eccl. c. 15.

[470] Abbas de Nuce in Excurs. hist. in c. 5 l. 1. Leon. Ost.

[471] Frec. de Subfeud. l. 1 tit. de Antiq. Regni Stat. n. 57 fol. 53.

[472] Petr. Diac. ad Chron. Cass. l. 4 c. 117 et 118.

[473] Petr. Diac. l. 4 cap. 118.

[474] V. Abb. de Nuce loc. cit.

[475] Beatil. Istor. di Bari.

[476] Ughel. tom. 6 p. 298.

[477] Leo Ost. l. 1 c. 24. Sigebert. ad ann. 831.

[478] Codin. de Offic. Aulae Constant.

[479] Curapal. l. de Officialib. Palat. Constant.

[480] Leuncl. tom. 1. Jur. Graec. Roman.

[481] Leuncl. tom. 1. Jur. Graec. Roman.

[482] Leo Allac. de Eccl. Occid. et Orient. perpet. consens. p. 426.

[483] Fu in gran parte trascritto da Lione Allacci loc. cit. l. 1 c. 10
et c. 24 p. 410 e da Emanuele Schelstrat. Antiq. illustr.

[484] V. Carac. de Sacr. Eccl. Neap. monum. c. 1 sect. 10.

[485] Leuncl. loc. cit. l. 3. Jur. Graec. Rom.

[486] Jo. Diacon. in Chron. Episc. Neap. Ilic dum a Graecorum Pontifice
Archiepiscopatum nancisceretur, ab Antistite Romano correptus, veniam
impetrat.

[487] V. Capacium l. 1 fol. 57. Franc. Ant. Purpuram Respons. pro
Monachis Basilian. in causa praecedentiae cum Monach. Cassin.

[488] V. Eugenium in Eccl. S. Georg. et S. Mariae in Cosmedin.

[489] V. Chioccarel. de Episc. Neap. ad An. 878.

[490] Chioc. loc. cit.

[491] Carac. de Sacr. Eccl. Neap. monum. cap. 35 sect. 2.

[492] Luitpr. Legatio ad Niceph. Phoc. pro Ottonib.

[493] Ughel. de Archiepisc. Hydrun.

[494] Beatil. hist di Bari l. 1.

[495] Chioc. de Epis. Neap. A. 750.

[496] Allac. lib. 2. cap. 17 pag. 828.

[497] Erchemp. num. 15. Ostiens. lib. 1 cap. 23.

[498] Bodin. de Republ. cap. 9.

[499] Pell. Stemm. Pr. Salern.

[500] Questi tumuli si leggono parimente nell'Istoria di Pellegrino.

[501] De quo. Jo. VIII epist. 33 et 157.

[502] Erchemp. num. 20. Et simus, inquiunt, fidelissimi famuli illius,
constituatque nos subesse cuilibet ultimo suorum.

[503] Ignot. Cassin. num. 13. Anon. Saler. ined. apud Pellegr.

[504] Chron. Salern. Erchemp. num. 26. Anonim. Salern. inedit.
Historiola Ignoti Cassin. n. 23. Ademarius junctus cum Neapolitanis
nitebatur quiddam dolose erga suos; ob hoc oculi ejus avulsi, spernitur
a Principatu, et Warferius Salerni factus est Princeps. Nam Dominus
Ademarius Suram, Arpinum, Vicum Album, et Atinum tradidit Francis, id
est Widoni Comiti. In his locis praeerat Landulfus Castaldius, qui dum
amisisset loca, prae nimia est tristitia defunctus.

[505] Erchemp. num. 22.

[506] Erchemp. num. 22. Atque suis haeredibus in jus perpetuum, sicut
a patre acceperant, reliquerunt.

[507] Erchemp. num. 31.

[508] Erchemp. num. 34. Leo Ostiens. lib. 1 cap. 36.

[509] Lib. 5 cap. 208.

[510] Sigon. de Regn. Ital.

[511] Erchemp. num. 56.

[512] Ab. de Nuce in Indice, ver. Ludovicus.

[513] Leo Ostiens, lib. 1 cap. 16.

[514] Erchemp. num. 58.

[515] Prot. ad A. 875.

[516] Sigon. de Reg. Ital.

[517] Erchemp. num. 39.

[518] Erchemp. n. 39. Octavo die anathematis XXII. Neapolites milites
apprehensos decollari fecit: sic enim monuerat Papa.

[519] Erchemp. num. 39.

[520] Epistola 41. Jo. VIII. ove parlando de' Napoletani confederati
con i Saraceni dice: Nunc autem vel illis incorrectis existentibus, et
ad percutientem se redire nolentibus; vel tibi cum ipsis habitanti,
et idcirco a Divinis omnibus pariter sequestrato, quo pacto antequam
resipiscentes ad viam salutis et justitiae revertamini, parcere, aut a
nexu ecclesiastici vos judicii valemus absolvere? Absolvite ergo vos
prius colligationes impietatis et foedus impium, quod cum inimicis
Christi habetis compositum, et nos illico misericordiam, etc.

[521] Epist. 22. Virtute S. Spiritus et authoritate S. Petri, cui
ligandi et solvendi in coelo et in terra a Domino est concessa
potestas, omni sacra communione sancta videlicet Corporis et Sanguinis
D. N. J. Christi, vos una cum totius Apostolicae Sedis consensu
privavimus et ab Ecclesiae Dei societate separavimus, ut in eadem
excommunicatione maneatis, donec resipiscentes ab impia vos paganorum
praeda separetis.

[522] Erchemp. num. 40.

[523] Frec. de Subfeud. p. 54. Et isti succedebant Comites in Regno
omnes pariter filii, sicut in Lombardia: cum videamus ex historicis,
uno eodemque tempore in eodem Comitatu duos et plures Comites, in
Comitatu Theani, in Comitatu Venafri, et Aquini, et aliorum.

[524] Pell. in Stem. Princ. Ben.

[525] Erchemp. num. 39, 41, 42, 47, 48.

[526] Erchemp. num. 48, 49.

[527] Erchemp. num. 54.

[528] Summon. tom. 1 pag. 428.

[529] Pellegr. in Stem. Princ. Saler. Professus est in publicis
tabulis, concessum sibi ac permissum fuisse suum Principatum ab Graecis
Imp. Leone et Alex. sicuti divisus fuerat, inquit, inter Sichonolphum
et Radelchisum Principem.

[530] Erchemp. num. 49. Hoc turbine exactus, et ut Apostolicum
anathema, quo erat innodatus, a se et urbe sua expelleret, Guaimarium
Principem, etc.

[531] Sigon. de Reg. Ital.

[532] Gregor. 9. Epist. 48.

[533] Baco de Verulam. de Augum. scient. lib. 1.

[534] Jo. VIII Epist. 163. V. Struv. hist. Jur. Just. c. 5 §. 7.

[535] Doujat hist. Jur. Civ.

[536] Artur. Duk. de Aut. Jur. Civil. l. 1 cap. 5 num. 2.

[537] Zonar. annal. tom. 3.

[538] Struv. hist. Jur. Graec. cap. 4. §. 2.

[539] V. Cujac. l. 6. obser. c. 10.

[540] Cujac. obs. 17. c. 31. Doujat hist. Jur. Civ. p. 47.

[541] V. Artur. loc. cit. n. 3. et 4.

[542] Harmen in Praefat. 1.

[543] V. Marq. Freher. in Praefat. ad Jus Graec. Rom. Struv. hist. Jur.
Graeci, c. 4. §. 2.

[544] Struv. loc. cit.

[545] Di queste edizioni V. Suarez. Notitia Basilicor.

[546] Aug. ad Novel. in Prolegom.

[547] Suar. in Notit. Basil.

[548] Struv. hist. Jur. Graec. c. 4. §. 1.

[549] V. Doujat hist. Jur. Civ.

[550] Cujac. Obs. 6. c. 10.

[551] Arthur. Duck l. 1. c. 5. n. 7. Struv. loc. cit. §. 4.

[552] Galat. de Situ Japygiae.

[553] Struv. loc. cit.

[554] Leuncl. in Jure Graec. Rom.

[555] Struv. loc. cit.

[556] V. Struv. loc. cit.

[557] Ivo Epist. 46, 69, 79, 213, 224.

[558] V. Pancirol. l. 3 c. 2. Struv. hist. Jur. Can. c. 7 §. 17.

[559] L'istromento di questa pace leggesi presso Camil. Pell. Hist.
Princ. Long. p. 323.

[560] Ostien. in Chron. l. 2. c. 35.

[561] Pellegr. hist. Princ. Long. p. 251. et 256.

[562] Ignot. Cassin. apud Pellegr. num. 23, et 26.

[563] V. Pellegr. Chron. Com. Capu. p. 142.

[564] Frecc. de Subfeud. pag. 27. In Regno non lege Rhodia marittima
decernuntur, sed tabula quam Amalphitanum vocant, omnes controversiae,
omnes lites, ac omnia maris discrimina, ea lege, ac sanctione, usque ad
haec tempora finiuntur.

[565] Anon. Saler. part. 4 n. 6 apud Pelleg.

[566] Erchemp. num. 74.

[567] Anon. Saler. part. 4 n. 6.

[568] Anon. Saler. part. 5.

[569] Anon. Saler. part. 5. num.

[570] Anon. Saler. part. 5 n. 3.

[571] Leges Bajoariorum Tit. 11 non invalidum Ducem suo e Regno ab
filio suo dejici sed Ducem viribus animi, corporisque constantem, atque
non caecum, vel non surdum, vetabant.

[572] Sigon. ad A. 1053. Post Joannem X. Pontifex nemo ad bellum
prodierat.

[573] Ad. An. 916.

[574] A. 929.

[575] Ad A. 942 num. 11.

[576] Pellegr. ad Lup. Protosp. num. 940.

[577] Pellegr. part. 5 ad Anan. Salernit.

[578] Pellegr. in Stem.

[579] Pellegr in Stem. Princ. Saler.

[580] Ostiens. lib. 2. c. 5.

[581] V. Baron. ad An. 954 et Pagi.

[582] V. Struv. hist. Jur. Can. §. 14.

[583] Baluz. Praefat. ad Anton., August. de emendat. Gratian. 5, 17.

[584] Di questi Feudi oblati, frequentissimi a que' tempi, parlando
Beato Renano nel lib. 2. Rer. German. scrisse: Quidam etiam in illo
recenti Christianismo res suas Ecclesiae donabant, et rursus agros
aut domum in beneficii modum recipiebant ad vitae suae tempus, non
citra tamen pensitationem. Nec filius post mortem patris, aut haeres
vendicare, sic data, poterat.

[585] V. Struv. Hist. Jur. Feud. c. 8. §. 6.

[586] Thomas. Hert. de Feudis Oblatis.



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Istoria civile del Regno di Napoli, v. 2/9" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home