Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: La vita Italiana nel Risorgimento (1846-1849), parte III - Terza serie - Storia
Author: Various
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "La vita Italiana nel Risorgimento (1846-1849), parte III - Terza serie - Storia" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



(This file was produced from images generously made


                                   LA
                             VITA ITALIANA
                                  NEL
                              RISORGIMENTO

                              (1846-1849)

                              TERZA SERIE


                                  III.

                                STORIA.


      Pio IX e Pellegrino Rossi                     ERNESTO MASI.
      I moti di Napoli nel 1848                     FRANCESCO NITTI.
      La Sicilia e la Rivoluzione                   FRANCESCO CRISPI.
      I moti toscani del 1847 e 1848; loro cause
        ed effetti                                  NICCOLÒ NOBILI.



                                FIRENZE
                          R. BEMPORAD & FIGLIO
            CESSIONARI DELLA LIBRERIA EDITRICE FELICE PAGGI
                         7, Via del Proconsolo
                                  1900



                          PROPRIETÀ LETTERARIA

                       RISERVATI TUTTI I DIRITTI

      _Gli editori_ R. BEMPORAD & FIGLIO _dichiarano contraffatte
            tutte le copie non munite della seguente firma:_

     [Illustrazione: firma manoscritta]

           Firenze. — Tip. Cooperativa, Via Pietrapiana, 46.



PIO IX E PELLEGRINO ROSSI

CONFERENZA DI ERNESTO MASI


Continuo il tema che mi fu assegnato l'anno scorso.

Mi fermai al 16 luglio 1846, e, riepilogando l'effetto immenso,
profondo, fulmineo del grand'atto compiuto da Pio IX, col perdonare
a tutti i condannati politici, precorsi alquanto il tempo seguente.
Mi conviene ora ridare alla cronologia tutti i suoi diritti:
imprescrittibili sempre, più che mai lo sono a proposito di Pio IX.
La sua gloria di primo promotore, nell'ordine dei fatti (s'intende),
del risorgimento politico italiano ha non solo gli anni, ma i mesi, i
giorni, le ore contate.... E a passar oltre sbadatamente si rischia di
non comprender più nulla nè della storia, nè dell'uomo.

La storia diviene una diatriba politica tutta pro o tutta contro, a
seconda della fazione che la inspira; l'uomo un così confuso mistero
di luce e di buio, di bene e di male, che la sua stessa personalità si
oscura e si dilegua quasi del tutto, nè è più possibile distinguere
e determinare la responsabilità sua e quella degli altri personaggi,
portati via via accanto a lui o sbalzati lontano dalla bufera
rivoluzionaria, che, non volendo, egli ha sollevata.

Chi guardasse soltanto ai primi effetti e così straordinari dell'opera
di Pio IX, ci sarebbe quasi per un momento da scambiarlo per uno degli
_Eroi_ del Carlyle, la potenza creatrice dei quali è la sola realtà
naturale, che, secondo il filosofo inglese, domini la storia. Questo,
che è un po' il concetto medesimo del Machiavelli, per cui pure la
volontà, l'energia, l'intelligenza individuale dei grandi uomini sono
la causa unica di tutti i maggiori avvenimenti, non s'attaglia però che
come un'apparenza fuggevole a Pio IX. È giusto soggiungere bensì, che,
nelle complicazioni via via crescenti sempre più della storia moderna e
contemporanea, tale concetto s'attaglia a tutti i grandi uomini sempre
meno.

Al Carlyle derivava da quella metafisica tedesca, per la quale la
storia non era che l'incarnazione visibile d'un'_Idea_: e al posto
dell'_Idea_ il Carlyle mise l'_Eroe_. Ma se quest'attenuazione o
trascrizione inglese d'uno schema storico puramente metafisico è resa
più pratica, più positiva, più francese, direi, dal Taine, che al
posto dell'_Idea_ e dell'_Eroe_ ha messo un _Fatto_, da cui tutti gli
altri provengono, e lo ha suddistinto nelle tre categorie: _razza_,
_ambiente_, _momento_, che all'osservazione psicologica dovrebbero
far scoprire il _documento umano_ nella storia, Pio IX, il nostro
_eroe_, non se ne vantaggerebbe molto di più, perocchè in lui è tale
sproporzione coll'_ambiente_ e il _momento_, che prima ancora che il
_momento_ passi e l'_ambiente_ si muti, l'_eroe_ è già quasi scomparso.
Ne ebbe la chiara visione egli stesso, e l'ebbe (sia detto a lode della
sua sincerità) e l'ebbe prima d'ogni altro, quando nella piena luce
della sua apoteosi: «mi vogliono un Napoleone, diceva, mentre io non
sono che un povero curato di campagna!»

Non per questo diviene vera e giusta l'affermazione del repubblicano
federalista, Carlo Cattaneo: «Pio IX fu fatto da altri e si disfece da
sè»; non per questo diviene vera e giusta l'affermazione del mazziniano
Aurelio Saffi: «il papa delle speranze e dei desiderii degli Italiani
non esistette mai nella storia.» No, Pio IX non si disfece tutto da
sè. Molti altri aiutarono: lo stesso Cattaneo e i suoi correligionari
fra i tanti. No. Il Pio IX dal 16 luglio 1846 fino all'Enciclica del
29 aprile 1848, con cui disertò la causa italiana, fu una vera e grande
realtà della storia, e a cui Aurelio Saffi credette allora non meno di
tutti gli altri.

Più giusto, più vero, se mai, lo stornello contemporaneo del
Dall'Ongaro:

      Chi grida per le vie: _viva Pio IX_,
    Vuol dir: viva la patria ed il perdono!
    La patria ed il pardon vogliono dire
    Che per l'Italia si deve morire...;

espressione schietta d'un sottinteso, che sfuggì allora a Pio IX al
pari che a tutti gli altri, siccome sfuggì allora a tutti, per esempio,
che mentre il 16 luglio 1846 era concessa l'amnistia ai condannati
politici, il 18 del mese stesso si concedevano premi e decorazioni ai
benemeriti, i quali avevano represso il moto liberale di Rimini del
1845.

Pio IX non s'accorse, che l'amnistia volea dire guerra all'Austria e
indipendenza italiana, e niun altro s'accorse del pari, che fra quei
premi, quelle decorazioni e l'amnistia era un'antitesi così balorda, da
escludere persino il sospetto che fosse stata voluta. Un solo storico,
e fra i meno noti, registrò questo fatterello, Benedetto Grandoni,
un moderato e fanatico di Pio IX, ma fratello a quel Luigi Grandoni,
ardente repubblicano e suicidatosi in carcere, perchè sospettato correo
nell'assassinio di Pellegrino Rossi; contrasto intimo di famiglia
codesto, da poter esso pure sembrare fortuito e insignificante, se
non rappresentasse in piccolo quel ben più largo, vario ed universale
contrasto, in cui moderati, repubblicani, riforme, costituzioni,
costituenti, popoli, principi, insurrezioni, guerre, monarchie,
repubbliche, tutto il gran moto nazionale, iniziato da Pio IX, fu
travolto e precipitato in una sola, identica ed immensa ruina.

Parecchi mesi erano passati dall'amnistia, e le buone intenzioni del
nuovo Papa erano rimaste intenzioni: Segretario di Stato il cardinal
Gizzi, perchè Massimo d'Azeglio l'avea pubblicamente giudicato uno dei
meno peggio fra i cardinali, qualche circolare, qualche Commissione (i
soliti armeggii di chi non sa che pesci pigliare), ma di vere riforme
neppure un principio.

Nonostante il popolo non si saziava di adorare Pio IX e d'incitarlo con
le continue manifestazioni del suo entusiasmo e delle sue speranze,
fra le quali, oltre alle solite d'ogni sera, sono rimaste celebri
quella dell'8 settembre col grand'arco di trionfo a piazza del Popolo
e il delirio di grida e di applausi, che accompagnò il trionfatore,
e quella del 4 novembre, in cui gli applausi e le grida furono invece
tanto minori, appunto per ammonire il Papa, che era finalmente tempo di
muoversi.

Si mosse di fatto: accrebbe il numero dei laici nella Commissione per
la riforma dei codici; fra gli altri il Silvani, un rivoluzionario del
31; pensò a frenare il vagabondaggio; promise le ferrovie: bazzecole,
se si vuole, ma il popolo e il suo tribuno, Ciceruacchio, non dovevano
stentar molto a concluderne, che il loro schiamazzo o il loro silenzio
entravano dunque per molto nelle risoluzioni del Papa, le cui esitanze
avevano, si diceva, due cause segrete: gli ammonimenti dell'Austria e
l'opposizione della Corte e della Curia Romana.

Altri pretende che egli stesso repugnasse ad andar oltre. Non credo!
L'idillio è vero e schietto ancora da ambe le parti: nel popolo, che
chiede, nel principe, che concede. Ma il popolo è ombroso, geloso
del suo idolo, e l'11 novembre al banchetto del teatro Alibert,
Ciceruacchio, fra gli osanna a Pio IX, fa già vedere nel suo rude
linguaggio qualche baleno di minaccia:

    Se alcun, corpo di Dio, de' rei nemici
    Fa un passo avanti.... noi già semo intesi!

E l'anno 1846 finisce con due fatti, che mirano essi pure a schiarire
la mistica nebbia, in cui l'idillio papale è ancora tutto ravvolto:
la celebrazione del primo centenario della cacciata degli Austriaci
da Genova e l'eco dolorosa della morte di Federico Confalonieri, il
martire dello Spielberg, accaduta mentre tornava in Italia, attratto
appunto da questo miracoloso chiarore di alba, che era spuntato sulla
cupola di San Pietro.

A capo d'anno del 1847 nuovi e sviscerati applausi ed augurii a Pio
IX, di cui gli ottimisti presagivano sempre mirabilia, senza che
mai l'effetto rispondesse, onde un acuto osservatore, Pellegrino
Rossi, che, quantunque Ministro di Francia a Roma da quasi due anni,
considerava nondimeno quanto accadeva sotto i suoi occhi con vero
cuore d'italiano, se in sulle prime s'era sentito vinto e rapito
esso pure da tutto quel nuovo spettacolo e descrivendo al Guizot le
dimostrazioni popolari per l'amnistia diceva: «immagini una magnifica
piazza, una notte d'estate, il cielo di Roma, una folla immensa,
lagrimante, commossa, che riceve con amore e rispetto la benedizione
del suo pastore e del suo principe, ed Ella non sarà stupita se
aggiungo d'aver partecipato all'emozione generale,» Pellegrino Rossi,
dinanzi alla lunga inazione di Pio IX, scriveva ora invece allo stesso
Guizot: «questo non è un ideale di governo, bensì un governo allo stato
d'idea.»

E intanto la marea popolare pian piano saliva e salendo si ordinava:
uscivano giornali; si aprivano circoli; le provincie fraternizzavano
colla capitale; mentre da parte del Papa il 19 aprile si concedeva a
mala pena una Consulta di Stato, estremo limite di riforme per lui in
quel momento, principio invece di ben più larghe riforme per tutti gli
altri; principio insomma d'un equivoco ancora latente, ma che al Rossi
pareva non dover tardar molto a chiarirsi, sicchè osservando quelle
continue dimostrazioni popolari, dal genio tribunizio di Ciceruacchio
improntate già quasi di un carattere di disciplina e di simmetria
militare, a chi si compiaceva di quel bell'ordine: «fin troppo bello,
rispondeva, perchè rassomiglia già ad un'organizzazione!» E per un
dottrinario alla Guizot, come molti lo giudicano, vedea abbastanza
bene, mi sembra, la realtà sotto le apparenze!

La debolezza del governo si palesava poi ogni giorno di più colla
mancanza ovunque di sicurezza pubblica e con brutti torbidi in Roma
fra una classe e l'altra d'operai o fra plebe ed ebrei, con forte
sospetto, che fossero sobillati da austriacanti e gregoriani. Ed ecco
domandarsi a difesa la Guardia Civica, istituzione, che noi abbiamo
vista divenir ridicola e poi a poco a poco svanire, ma che allora era
importantissima, uno anzi degli articoli di fede del _Credo_ liberale.

Non volle saperne il cardinal Gizzi e si dimise. Tutt'al più
avrebbe consentito a rifare i _Centurioni_ alla Bernetti. Che cime
d'intelligenze anche allora fra certe aquile del Sacro Collegio!! Ma
quella del Gizzi era essa una dimissione od una fuga?

Siamo alla vigilia del primo anniversario dell'amnistia, ed il
popolo, si può credere, s'apparecchiava a festeggiarlo più che mai.
Ad un tratto, che è? che non è?... voci paurose si diffondono che
l'Austria, d'accordo coi cardinali più avversi a Pio IX, coi Gesuiti
e coi retrivi, trama di suscitare gravi disordini nell'Italia centrale
per pescarvi un pretesto d'intervento e farla finita subito con tutto
questo tramestìo riformista, che le puzza forte di rivoluzionario; i
peggiori arnesi della vecchia polizia pontificia sbucano dal guscio
delle loro paure e si mostrano di nuovo per Roma baldanzosi, insolenti;
essere accorsi, dicevasi, briganti e borghigiani di Faenza, avanzi di
sanfedismo, pronti al sangue e al saccheggio; monsignor Grassellini,
governatore di Roma, di balla con essi; non altro aspettarsi che
l'opportunità di agire.

Ciceruacchio ne è informato; fa sospendere e rimandare tutte le feste
già preparate; raduna i suoi seguaci più fidi; rincorre i sanfedisti;
alcuni arresta, altri sbanda, altri costringe alla fuga; mette insomma
il campo a rumore; ottiene un armamento provvisorio della Guardia
Civica; fa destituire ed esiliare il Grassellini; s'incomincia un
processo, la trama è sventata, ed il Gioberti può senz'altro paragonare
Ciceruacchio a Cicerone, quando salvò Roma dalla congiura di Catilina.

Tuttociò era avvenuto a vista ed a saputa di tutti; un proclama del
nuovo Governatore di Roma l'aveva ufficialmente confermato. Eppure,
lo credereste? Questa, che si chiamò allora _la gran congiura di
Roma_ è da moltissimi scrittori negata; da altri tenuta in conto
d'una fantasmagoria insignificante, che solo l'immaginazione popolare
ingrossò, da altri infine è mutata addirittura in una cospirazione dei
liberali contro i retrogradi.

Due circostanze però, messe ora in piena luce, chiariscono il mistero:
l'una è la contemporaneità d'un simile tentativo in altre dieci città
italiane, l'altra è l'occupazione improvvisa di Ferrara per parte degli
Austriaci il 17 luglio 1847.

A questa avea preceduto l'offerta d'intervento armato nelle quattro
Legazioni fatta dal Metternich a monsignor Viale Prelà, nunzio a
Vienna, avversissimo a Pio IX, e confermata in Roma al cardinal Gizzi
dal conte Lutzow, ambasciatore austriaco. La quale offerta è provata
dalla corrispondenza diplomatica dei due residenti inglesi di Vienna
e di Firenze con Lord Palmerston e da quella del Conte di Revel,
ambasciatore di Sardegna a Londra, col suo Ministro degli esteri.

Non accettata l'offerta, fu tentato provocar l'intervento, eccitando
tumulti nell'Italia centrale, con che quella vecchia volpe del
Metternich si proponeva due fini, come apparisce dalle sue lettere e
dalle sue _Memorie_, l'uno che se il tentativo riusciva si percorreva
al solito in sembiante di restauratori dell'ordine mezza Italia e tutto
era finito; l'altro, che se il tentativo non riusciva, la brutale
violenza dell'occupazione di Ferrara avrebbe provocato in modo il
sentimento degli Italiani, che il riformismo, messo in voga da Pio IX,
avrebbe per forza dovuto strapparsi la maschera e lasciar prorompere
la rivoluzione e la guerra, e allora bazza a chi tocca, ma almeno
s'avrebbe avuto di fronte un corpo, una cosa salda, e non un'ombra
inafferrabile, e in ogni modo gli si sarebbe piombato addosso, mentre
era ancor debole, scompaginato e, nell'opinione del Metternich, assai
più impotente di quello che si mostrò in realtà.

La cosiddetta _congiura di Roma_ è dunque veramente esistita, e grande
o piccola che sia stata, un'ignobile bricconata fu di certo e tutta
opera del Metternich, degli austriacanti e dei nemici di Pio IX.

Se è parsa dubbia a taluno, se gli storici clericali si sono valsi di
questa incertezza per negarla, se restò un abbozzo, anzichè un quadro
finito, ciò non toglie nulla al merito del politico senza scrupoli, che
la inventò e la promosse, tanto più che se il primo de' suoi calcoli
andò fallito, il secondo riescì appuntino, e l'occupazione di Ferrara
accelerò a precipizio tutto il moto italiano, chiuse il periodo delle
riforme e iniziò quello delle costituzioni, delle insurrezioni e della
guerra d'indipendenza, la vera cioè, la grande rivoluzione del 1848.

Ma un altro dubbio sorge qui. V'ha chi pretende nient'altro che Pio
IX fosse già complice dell'Austria in questo momento e già pensasse
a fuggire da Roma e già avesse chiesto egli stesso l'intervento
dell'Austria. Se non che alla gratuita affermazione di pochi manca
persino ogni apparenza di prova, mentre invece basta riflettere che
se il Papa l'avesse voluto, nessuno l'avrebbe allora impedito e che
niente avrebbe giovato meglio al Metternich, per tagliar corto alle
proteste del Papa sull'occupazione di Ferrara, e screditarlo per sempre
nell'opinione liberale, del rivelare il segreto della sua complicità.
No. Non si esclude che tra il Metternich ed il Viale Prelà a Vienna,
tra il Lutzow ed il Gizzi a Roma qualche trattativa fosse corsa, e
forse è in ciò il motivo della dimissione del Gizzi e la spiegazione
dello strano motto del suo successore, Gabriele Ferretti, alla Guardia
Civica di Roma, convocata per la tutela dell'ordine: «mostriamo
all'Europa che noi bastiamo a noi stessi;» ma pel Metternich, come si
rileva da una sua lettera al Ficquelmont del dicembre 1847, Pio IX
è ancora un capo di Carbonari, riescito, non si sa come, a cingersi
la tiara di San Pietro, nè il principe Cancelliere avrebbe giuocata
coll'occupazione di Ferrara l'ultima carta, se avesse avuto tanto
in mano da potersi sbarazzare di colpo e senza rischio d'un tale
avversario.

Alla popolarità di Pio IX la congiura di Roma e l'occupazione di
Ferrara giovarono; ma tre conseguenze si manifestarono subito: l'odio
alla Corte e alla Curia, che espresso da pochi per le vie fin dal
marzo nel grido: _Viva Pio IX solo_, divenne ora il grido di tutti;
l'allargarsi del moto riformista, il quale, se in Roma aveva già quasi
compiuta tutta la sua parabola ascendente, agitò ora nello stesso
modo Napoli, Palermo, Milano, Torino, Firenze, e infine l'aspirazione
nazionale a cacciar l'Austria dall'Italia, che, dissimulata finora
sotto il velo delle riforme, proromperà fra breve con un entusiasmo
irresistibile e darà, ripeto, tutto il suo genuino carattere alla
rivoluzione iniziata coll'amnistia di Pio IX.

E comincia pure (se non sarebbe meglio dire: continua) l'equivoco
fatale, per cui ogni atto, ogni parola del Papa si traggono ad un
senso maggiore, più largo e in sostanza diverso, che non abbiano in
realtà, e solo uno schiarimento ch'egli voglia dare del suo pensiero,
de' suoi scrupoli o delle sue ripugnanze s'interpreta prima per un
artificio e una vittoria dei gesuiti o degli austriacanti, poi per una
sua defezione e finalmente per un vero e proprio tradimento alla causa
italiana.

La Consulta di Stato, che per lui era il _non plus ultra_ delle sue
concessioni, si tira subito ad un principio di governo rappresentativo,
e non sono i soli democratici e gli esaltati ad interpretarla così,
ma gli stessi moderati, che della Consulta fanno parte. L'aver
restituita a Roma una rappresentanza municipale pare al Papa un
gran che e da doversene contentare i più esigenti. In quella vece la
rappresentanza municipale chiede subito, come complemento necessario
d'ogni riforma, la Costituzione, mentre d'altro lato cardinali,
diplomatici, Gesuiti assediano Pio IX, perchè non si lasci andare alla
corrente e profetizzano scismi, eresie, il finimondo, ad ogni nuova sua
concessione.

Delle ambiguità, delle incertezze, dell'innanzi e indietro di questa
bizzarra situazione, il satirico popolare romanesco dà torto agli altri
e non al Papa:

    Chè tra Erode e Pilato, Anna e Caifasso
      Io, er Papa dirà, me chiamo _gesso_;
      Cor una mano scrivo e l'antra scasso.

Ed anche il grande satirico toscano lo scusa:

    Col parapiglia di questi anni addietro,
    Oh remerebbe adagio anche San Pietro!

Se non che il Radetzky a Milano s'incarica esso d'accentuare le
provocazioni del Metternich, fors'anco al di là delle intenzioni
del principale; al _Viva Pio IX_ la soldatesca austriaca risponde
a fucilate; si massacrano vecchi, donne, fanciulli; sono quelli,
che Massimo d'Azeglio chiamò i _lutti di Lombardia_; ed in Roma
nella stessa protesta vedete uniti i nomi di Ciceruacchio e di Marco
Minghetti e nella stessa chiesa a pregar pace alle anime delle vittime,
democratici e consultori di Stato, la bizzarra principessa Belgioioso
e la saggia contessa Antonietta Pasolini.

D'ora in poi gli eventi non si seguono più, ma s'accumulano,
s'accavallano, come le onde d'un mare in tempesta, nè bastano neppur
più le date a distinguerli, perchè esse pure si rincorrono, e si
confondono le une sulle altre. Palermo insorge il 12 gennaio 1848; il
29 il Borbone di Napoli dà la costituzione; l'8 febbraio l'annuncia
Carlo Alberto; il 17 il Granduca di Toscana; il 22 Parigi caccia gli
Orléans e proclama la repubblica; il 13 marzo la stessa fedelissima
Vienna insorge e manda a rotoli quell'onniveggente Principe di
Metternich, che era persuaso d'aver imbrigliato il mondo per sempre;
il 18 marzo Milano, e dopo una lotta eroica caccia gli Austriaci; il 22
Venezia, e l'Austriaco Zichy si perde d'animo dinanzi a un filologo e a
un avvocato, a Tommasèo ed a Manin; il 29 marzo Carlo Alberto passa il
Ticino.

Mi fermo, signore, chè non abbiate a dire che io sto compilandovi un
calendario. Ma appunto questa ressa incalzante di date, questa rapidità
vertiginosa di eventi sono la caratteristica principale di questo
tempo e spiegano meglio di molte parole il delirio, la febbre, il
tumulto, che investono, sconvolgono e trascinano tutto e tutti. In men
di tre mesi l'Italia è costituzionale, la lotta per l'indipendenza è
cominciata, l'Europa è in fiamme.

Pensate ora quello che doveva passare nell'animo di Pio IX, nell'animo
di quel _povero curato di campagna_, quando, contemplando dall'alto
del Quirinale l'universale pandemonio, che gli turbinava dinanzi, e
rientrando in sè stesso, doveva dirsi: «e sono io, proprio io, che ha
dato le mosse a tutto questo! tutti questi popoli si rovesciano l'uno
contro l'altro, acclamando il mio nome! sono io la prima favilla, che
ha fatto divampare questo incendio!»

Se non si tien conto di questo smarrimento angoscioso dell'animo di
Pio IX; se non si tien conto del dubbio terribile, che lo travaglia,
d'avere per un fine politico messa in pericolo la religione; se la
sua defezione seguente, la quale fu certo una delle cagioni principali
della rovina di tutto il moto italiano ed europeo del 1848, si vuole
arrecare o tutta all'insita e insuperabile contraddizione, che è fra
il dogma e la libertà, fra il Papato e l'Italia, o tutta alla malafede
e alla dappocaggine di Pio IX, che tratto dalla vanità delle lodi e
degli applausi non chiede di meglio che farsi strumento ad una tregenda
d'inganni per meglio dominare le coscienze e ribadire la servitù
dell'Italia, non si comprende Pio IX, nè si è equanimi e giusti verso
gli uomini politici, che da prima gli si accostarono, nè si valutano
i fatti come sono. Appunto perchè quella contraddizione esisteva (non
assoluta, perchè nulla v'è d'assoluto nei fatti umani) appunto perchè
quella contraddizione esisteva ed esiste, era ed è naturale ancora,
che vi fosse allora e che vi sia ora, chi credeva e chi crede alla
possibilità di toglierla di mezzo o di conciliarla. Appunto perchè
Pio IX non è un _Napoleone_, come diceva egli stesso, bensì un _povero
curato di campagna_, tanto più sono palesi così la sua imparità alla
mole di eventi, che gli si rovesciò addosso, e la sua imprevidenza,
come la sua buona fede e la sua innocente meraviglia, il suo accusar
tutti di ingratitudine, le sue esitanze, i suoi inutili tentativi di
fermarsi e di retrocedere e finalmente la sua defezione.

A questo tragico momento della sua vita, in cui miseramente affondarono
la sua gloria, il suo nome, ogni sua benemerenza patriottica, quello
stesso ideale forse, sia pure irraggiungibile, ch'egli avea creduto
di rappresentare (e che altro sono, del resto, la vita e la storia se
non una continua corsa verso ideali irraggiungibili?) a questo tragico
momento della sua vita la reazione era lì pronta a spalancargli le
braccia ed egli, da quel debole uomo che era, vi si gettò, vinto,
disilluso, sottomesso, pentito.

Sbaglierò, ma questo, secondo me, è il Pio IX della storia, non quel
machiavellico tiranno _a nativitate_, che radicaleggianti e mazziniani
ci dipingono; non quella vittima sacra all'eccidio e perciò appunto
inebriata d'applausi e coronata di fiori dai liberali d'ogni tinta,
che ci è rappresentata dal Padre Bresciani nell'_Ebreo di Verona_ e
da tutta la massoneria gesuitica e gesuitante; non quell'ombra vana,
fatta di nulla, mai esistita nella realtà e nella storia, ma soltanto
in una aberrazione momentanea della fantasia popolare, che il Cattaneo
ed il Saffi pretendono, e i cui errori e le cui colpe i radicali e i
repubblicani attribuiscono tutte, per odio di partito, ai riformisti ed
ai moderati, e questi alla lor volta attribuiscono tutte ai radicali
e ai repubblicani, come se buona parte di quegli errori e di quelle
colpe non spettasse rispettivamente agli uni ed agli altri, e come se
i retrogradi, gli austriacanti, la Corte, la Curia Romana ed i Gesuiti
non avessero approfittato egualmente degli errori e delle colpe di
tutti, per riconquistare il terreno, che le prime mosse di Pio IX
aveano fatto perdere loro e, a quel che pareva, per sempre.

Se non che tali polemiche partigiane, surrogate ormai da tante altre
peggiori, sono oggi fuori di moda. L'odierno positivismo storico,
alquanto volgaruccio e che spesso si scambia, non so perchè, per
libertà di pensiero, le scarta tutte, riferendo la grande illusione
destata da Pio IX e i successivi disinganni e la catastrofe finale
all'assoluta contraddizione storica e dottrinale, che è fra dogma e
libertà, Papato ed Italia, e concludendo: «è accaduto così, perchè
doveva accadere così e non poteva accadere altrimenti.» Ma che razza di
positivismo è mai questo, che introduce una simile e così inesorabile
fatalità nella storia? che per amore d'un preconcetto, sia vero o no,
toglie ogni significato e ogni ragion d'essere ai fatti come accaddero
e persino ai principali attori della storia ogni responsabilità?
Perocchè se quella contraddizione è così assoluta e le conseguenze
di essa sono così fatali, in tal caso, mi pare, il primo a dover
uscire assolto da ogni torto avrebbe a essere Pio IX. Mettete pure un
_Napoleone_ al posto del _povero curato di campagna_, e il risultamento
potrebbe forse essere diverso? E che vogliono significare allora
tutti quei popoli, che insorgono, e tutte quelle franchigie e libertà
rivendicate, e tutte quelle battaglie combattute al grido di _viva Pio
IX_ in Italia e fuori d'Italia?

È tale e così grande spettacolo e così nuovo nella storia, che lo
stesso Pio IX, quantunque angosciato già di mille scrupoli e di mille
dubbiezze, ne è estasiato per primo, e dopo avere nell'allocuzione
del 10 febbraio 1848, scritte le parole famose: «benedite, gran
Dio, l'Italia», ripete a viva voce il giorno seguente a tutto il
popolo quelle parole medesime, che avranno un'eco così potente, e
quando Milano e Venezia e Parigi e Vienna sono insorte al grido di
_viva Pio IX_, egli nell'allocuzione del 30 marzo non potrà a meno
di dirsi commosso che i conforti della religione abbiano preceduto
colà i pericoli dei cimenti e inspirati quegli eroismi patriottici,
quei sentimenti di generosità verso i vinti, tutti segni esteriori di
quell'accordo pieno, e sia pur momentaneo, di tutte le facoltà della
coscienza umana, che formò allora la poesia nuova, l'universalità vera
e mai più rinnovatasi di tutto il moto del 1848 e che sia pure dinanzi
alla critica filosofica una grande illusione, non è meno un fatto per
questo, i cui ricordi Cesare Correnti (un progressista impenitente)
chiamava tanti anni dopo, con una delle sue frasi sentimentali, _le
reliquie d'un amore tradito_, e su cui ben meschino è il positivismo
storico, che può passare senza rispetto, senza risentirne le profonde
emozioni di quei giorni, e peggio ancora che può sfatarlo del tutto
per orgogli razionalisti, che in sostanza valgono quanto la fede delle
beghine, o per passioni politiche, che valgono ancora di meno.

Fino a questo momento è il _sogno del Primato_ di Vincenzo Gioberti,
che sembra divenuto realtà; fino a questo momento Pio IX è quel Papa
e l'Italiano è quel popolo, che il Gioberti ha sognato. La situazione
è dominata ancora da questa potente idealità, e per qual via si
giunge a vederla poi dominata invece da un'idealità affatto opposta,
e surrogato insomma, per dir tutto in una parola, al Gioberti il
Mazzini? Per via dell'equivoco, che passa fra Pio IX ed il popolo, al
quale equivoco ho già accennato, e che ingrossando via via compirà il
vero e irrimediabile distacco. Quest'equivoco s'insinua come un cuneo
tra popolo e principe, e a profondarlo sempre più e ad affrettare il
distacco raddoppiano i colpi i retrogradi da un lato e i demagoghi
dall'altro. La malafede è qui, non in quel popolo e in quel principe,
sbalestrati entrambi, se si vuole, da una reciproca illusione, ma per
parecchio tempo ancora entrambi, agitati già forse da dubbi, scrupoli
e dolorosi ricordi, ma schietti, sinceri, in buona fede nei loro
intenti e nelle loro speranze. Quando questa buonafede verrà meno nel
popolo e nel principe, sarà segno che retrogradi e demagoghi, gesuiti
e mazziniani hanno compita l'opera loro.

O io m'inganno a partito, o questa (a volerla fare) è la psicologia,
positivista davvero, che in quell'_ambiente_ e in quel _momento_ ci fa
scoprire i _documenti umani_ di questa storia.

In forza di quell'equivoco niuno porrà mente alle riserve, che il
Papa ha fatte, agli ammonimenti quasi severi e corrucciati, che si
contengono nelle sue due allocuzioni del 10 febbraio e del 30 marzo.
E le parole stesse, ch'egli, parlando al popolo dal balcone del
Quirinale, ha immediatamente soggiunte al suo famoso: «benedite, gran
Dio l'Italia» niuno le ha sentite o le ha volute sentire. Eppure egli
avea detto chiaro e tondo: «non mi si facciano domande, che non posso,
non debbo, non voglio ammettere,» e Pellegrino Rossi, che sentì quelle
parole, disse, volgendosi a Marco Minghetti, ch'era con lui: «il Papa
ha ricorso a un rimedio eroico; per questa volta sarà esaudito, ma
guai, se si avvisasse di riparlare al popolo; ogni suo prestigio sarà
perduto.» E così fu in realtà!

D'ora innanzi si procede più in fretta, ma la fiducia reciproca va
scemando nel Papa e nel popolo, appunto perchè il primo non concede,
nè resiste a tempo, e la concessione è sempre più larga o slargata al
di là delle sue intenzioni, ed al secondo pare sempre di non aver nulla
ottenuto, se non ottiene di più.

Così in poco d'ora, dal 12 febbraio al 10 marzo, si passa da un
Ministero misto di laici e di prelati ad un Ministero quasi laico del
tutto ed in cui entra col Pasolini e col Minghetti Giuseppe Galletti,
i primi due le più spiccate figure del partito riformista e moderato
nello Stato Pontificio, l'altro lo _specimen_ precoce di quei radicali
ed ex cospiratori, che a cuor leggero trapasseranno dal Ministero
Papale alla rivolta del 16 novembre, da questa alla Costituente, dalla
Costituente alla Repubblica.

Il 14 marzo anche Pio IX concesse la Costituzione, ed il Ministero
che doveva attuarla, non solo non l'avea pensata e compilata lui, ma
neppure la conosceva, perchè manipolata in segreto da una Commissione
di prelati e di cardinali. Pellegrino Rossi, appena vide quell'informe
intreccio di poteri, di giurisdizioni e di diffidenti cautele,
annientantisi l'una coll'altra, la giudicò così: «è una guerra
legalizzata fra sudditi e sovrano;» giudizio profondo, degno dell'uomo,
ma giudizio solitario allora, e a cui nessuno partecipò.

C'era ben altro! Ben altra guerra premeva: la guerra d'indipendenza,
il _porro unum necessarium_ del Balbo, ed ecco il Papa in conflitto
prima di tutto con sè stesso e coll'ufficio suo di pastore di tutti i
Cattolici; ecco che il Ministero, il quale nella sua maggioranza non
chiede di meglio che far la guerra e assecondare l'impeto d'entusiasmo,
da cui è spinto tutto il paese, ecco che il Ministero si trova tosto
alle mani il più intricato dei problemi: far dichiarare al Papa la
guerra contro una nazione cattolica, o come principe metterlo in aperto
contrasto con gli stessi suoi Ministri e coi sudditi, tutti d'un animo
in tale questione.

L'unica soluzione del problema pare una dieta federativa di stati
italiani, a cui partecipi il Papa e che dichiari essa la guerra e
stabilisca essa il contributo d'uomini e danaro spettante a ognuno dei
confederati. Così la responsabilità diretta del Papa sarebbe eliminata,
ed i suoi scrupoli, legittimi o no, sarebbero quietati.

Chi n'avesse il tempo, signore, bisognerebbe seguire questo negoziato
in tutte le sue fasi, vederlo trattato sotto tutte le forme,
travagliarvisi intorno gli animi più elevati e i più eletti ingegni
del tempo, indagare perchè non riesca mai e quanto per colpa delle
intrinseche sue impossibilità, quanto per colpa degli eventi e quanto
infine per colpa degli uomini. Certo la sua non riescita è la cagione
più larga della rovina del gran moto del 1848, ma Pio IX, si noti bene,
ci ha forse meno colpa di tutti gli altri, meno di certo degli statisti
Piemontesi, i quali temono sempre di compromettere le aspirazioni
dinastiche di Casa Savoia, meno di certo del Borbone di Napoli, il
quale in piena malafede non pesca mai in questo negoziato se non un
mezzo indiretto per domare la ribellione di Sicilia.

Ciò è dimostrato dalle strane vicende della delegazione napoletana
venuta in Roma a trattare e in cui fa la sua prima apparizione politica
Ruggero Bonghi, e da quelle non meno strane dei negoziatori Piemontesi
fino al Rosmini, il più illustre, il più sincero, il più convinto di
tutti, e che perciò appunto si trovò alla fine sconfessato da' suoi
stessi mandanti.

Se non che mentre le pratiche diplomatiche per la Lega e la Dieta
si trascinavano senza conclusione in difficoltà bizantine, i fatti
s'incaricavano essi di concludere da sè soli.

Carlo Alberto è già in campo contro l'Austria. Volente o no Pio
IX, partono da Roma e da tutto lo Stato Pontificio i volontari e le
truppe sotto la guida del Durando e del Ferrari, ed il Durando, con un
proclama fornitogli dalla penna romantica e neoguelfa, che ha scritto
l'_Ettore Fieramosca_ e il _Niccolò de' Lapi_, bandisce la guerra
santa al grido di: _Dio lo vuole_; evoca i ricordi delle Crociate, di
Alessandro III, dei liberi Comuni vittoriosi a Legnano; e passa il Po.

Quando e dove mai s'era data una situazione politica simile a questa?
Pio IX è già in guerra contro l'Austria ed ha ancora ai suoi fianchi
l'ambasciatore Austriaco come in piena pace; i Ministri vogliono in
cuor loro la guerra, e per calmare la collera del Papa sconfessano il
Durando e il suo proclama (povero espediente in verità, e poco degno
dei valentuomini che l'adoprarono) l'Austria ed i Gesuiti agitano
dinanzi al Papa lo spettro d'un immaginario scisma germanico; la
contraddizione tra il pontefice e il principe costituzionale sta per
scoppiare; niuno sa più quale responsabilità prevalga, se la cattolica
del Pontefice o la costituzionale del Ministero, ed ecco l'Enciclica
del 29 aprile 1818, che come uno schianto di fulmine illumina per un
istante la tenebra in cui tutti camminiamo a tastoni, poi la riaddensa
subito più fitta e più minacciosa di prima.

Con essa Pio IX separava nettamente la causa sua e del papato
dalla causa italiana, e quell'Enciclica è rimasta nella storia come
l'affermazione più solenne della defezione di Pio IX. È giusto; nè
vi ha quindi vitupero che sia stato risparmiato a quell'atto: Roma e
l'Italia ne inorridirono; l'Austria e i Gesuiti ne gongolarono come
d'una grande vittoria.

Ma questi effetti così potenti e così disastrosi furono essi veramente
previsti e voluti da Pio IX? Il popolo Romano non capì alla prima il
latino dell'Enciclica, ma forse neppure Pio IX si rese ben conto di
tutta la portata di quel documento. Il Gioberti lo crede, e pensa che
per troppe cose egli, nella sua scarsa coltura, dovea rimettersene al
giudizio degli altri.

Ad ogni modo, le proteste di Pio IX, le sue meraviglie coi Ministri,
ed in ispecie con l'amico più fido, qual era per lui il conte Giuseppe
Pasolini, l'aver pure ventilato ora il progetto di recarsi in persona
a Milano, le sue promesse di riparare al mal fatto, l'averlo in
più modi tentato, cogli uffici ai Ministri dimissionari, affinchè
rimanessero, con una chiara allocuzione in italiano per essere ben
inteso alla prima, colla missione Farini al campo di Carlo Alberto
per assicurare la qualità di belligeranti in piena regola alle sue
truppe e ai volontari, colla lettera, tanto celebre, quanto inefficace,
all'imperatore d'Austria, tuttociò, se dimostra la sua inesperienza
politica, dimostra altresì, mi sembra, ch'egli era forse il solo
a credere incoscientemente di non aver fatto tutto il male che gli
imputavano, nello stesso modo che non avea creduto coll'amnistia d'aver
fatto tutto il bene, onde gli era venuta così gran gloria.

Comunque, questa in realtà è la fine dell'idillio italico-papale!

Da un lato lo sdegno popolare, arroventato dalle vecchie sètte, che
rompono la tregua, si muterà ben presto in rivolta; dall'altro la
reazione farà forza di remi per ripescar questo Papa, che, Dio sa
come, gli era scappato di mano. Tant'è che monsignor Pentini, il quale
avea scritta esso l'allocuzione papale in lingua italiana, con cui
si volea medicare il cattivo effetto dell'Enciclica del 29 aprile,
confidò al Pasolini (e questi n'ebbe poi la prova) che di nascosto del
Papa quella buona lana del cardinale Antonelli l'avea sulle bozze di
stampa sostanzialmente mutata, facendo il 1º di maggio affiggere sulle
muraglie di Roma un documento, che non solo ribadiva, ma peggiorava, se
mai, il latino dell'Enciclica.

Siamo in piena _commedia dell'arte_: Pantalone vittima delle astuzie
del suo servo Brighella; ma l'ilarità dura poco, che in un subito
tutta Roma è in tumulto; la Guardia Civica frena a stento gli eccessi;
Ciceruacchio, mentre i Ministri moderati, bravissime persone al solito,
ma che non trovano nulla di più ardito e di più ingegnoso da fare che
andarsene, Ciceruacchio è ancora il solo protettore di Pio IX; sorge il
Ministero Mamiani, in cui balenò allora, precorritrice di trent'anni
dopo, la mezzatinta soave del governo progressista; il Papa è già
costretto di commettersi ad uomini, dei quali diffida; Pellegrino Rossi
sinceramente si duole che Pio IX «abbia inutilmente sciupato un tesoro
di popolarità;» l'Ambasciatore d'Austria invece se ne va finalmente da
Roma, fregandosi le mani e dicendo: «ho messo il Papa in tale impiccio,
che non ne leverà i piedi mai più!»

La parte più nobile del Ministero Mamiani fu la ripresa delle
trattative per la Lega; la più originale il tentativo d'attuare in
pratica la Costituzione del 14 marzo.

Nella mente del Mamiani (mente speculativa e letteraria per eccellenza)
quell'informe aborto piglia le fattezze estetiche e le dialettiche
simmetrie d'un sistema filosofico. Un po' alla volta il Mamiani si
persuade che non può darsi anzi più bel modello d'irresponsabilità
costituzionale di quella d'un Sovrano, che ha i piedi in terra e la
testa in cielo, che collocato in tal regione intermedia fra il mondo
di là e il mondo di qua, lassù _prega, benedice e perdona_, e quaggiù
lascia a Ministri, umanamente fallibili e peccatori, la cura delle
faccende terrene. Questa posizione a mezz'aria non piacque però a Pio
IX, il quale si mostrò sempre ostile e diffidente al Mamiani, fino
a sospettarlo ingiustamente di tradimento, e il Ministero Mamiani
trascinò la vita in una crisi perpetua, resa ognora più grave dalle
condizioni generali d'Italia, per la quale, colla giornata del
15 maggio a Napoli ed il richiamo delle truppe borboniche, colle
successive vittorie degli Austriaci, contro i Pontifici a Vicenza,
contro i Toscani a Curtatone, contro i Piemontesi a Custoza e a Milano,
si chiudeva ormai tutto un periodo della sua rivoluzione e se n'apriva
un'altro; si chiudeva cioè il periodo dell'esperimento Giobertiano e
si apriva quello dell'esperimento Mazziniano. Il 2 agosto il Ministero
Mamiani si dimise; successe fino a mezzo settembre l'interregno d'un
Ministero del conte Eduardo Fabbri, durante il quale la dissoluzione
organica dello Stato s'andò accelerando sempre più, e il 16 settembre
era Ministro Pellegrino Rossi, destinato a rappresentare ed a pagare
colla sua nobile vita il supremo sforzo, forse l'ultimo per sempre,
di tener uniti ancora Pio IX e il suo popolo, il Papato cattolico e la
causa della libertà e dell'indipendenza italiana.

Chi era quest'uomo, che osava tanto e in un'ora così disperata?

Compromesso nell'impresa Murattiana del 1815, avea esulato in
Isvizzera; colà avea tenuto alto il nome italiano e, facendosi largo
coll'ingegno e gli studi, era salito ai primi onori della repubblica.
La sua fama, come scienziato, pubblicista e uomo di Stato era già
europea, quando nel 1833 era andato a Parigi, chiamatovi dal Guizot,
che gli affidò la cattedra di economia politica nel Collegio di
Francia. V'era rimasto fra molto favore e non poche contrarietà, ma le
aveva vinte tutte, e nel 1839 era Pari di Francia, nel '44 Ministro
di Francia a Roma. Come tale, avea assistito alla morte di Gregorio
XVI, ai primordi di Pio IX, e vi avea assistito, fedele interprete
della politica francese, ma in pari tempo con quel cuore di patriotta
e d'italiano, per cui, rivalicando le Alpi dopo quasi trent'anni
d'esilio e rivedendo l'Italia: «ho pianto, diceva egli stesso, come
un fanciullo,» e nel 1848 avea benedetto suo figlio, che andava
volontario in Lombardia a combattere contro gli Austriaci. Di tuttociò
sono documento splendidissimo la sua corrispondenza diplomatica
e privata col Guizot e le sue lettere a Teresa Guiccioli, scritte
quand'egli, dopo la Rivoluzione francese del febbraio, era rimasto
in Roma da privato, nell'una e nell'altre delle quali appariscono
tutta la profondità, la sapienza, la finezza, l'eleganza d'ingegno di
Pellegrino Rossi, e insieme la grandezza d'animo, con cui considera
uomini e cose del suo tempo; qualità tutte, rivelate persino dai vari
motti del Rossi, così veri e scultorii, suggeritigli dagli avvenimenti,
che gli passano sott'occhi e che ho citati via via per concludere che
se si ricongiungono quelle qualità di animo e d'ingegno colla probità
laboriosa della sua vita pubblica e privata e collo straordinario
ardimento di opporsi solo, e mentre tutti gli uomini più eminenti del
partito moderato si ritraggono timidi e sfiduciati, di opporsi solo,
dico, alla fiumana reazionaria e repubblicana, che irrompe da ogni lato
e salvar Roma e forse con essa l'Italia dalla rovina, Pellegrino Rossi
è indubitabilmente il solo grand'uomo di Stato, degno di questo nome,
che l'Italia abbia avuto prima e dopo il Conte di Cavour.

V'ha chi oppone ch'egli tentò l'impossibile, e lo tentò, perchè
imbevuto di quel dottrinarismo, che aveva appreso alla scuola del
Guizot. Senza negare gli errori del Guizot e dello stesso Rossi,
confesso che non partecipo punto al disprezzo dei cosiddetti _uomini
pratici_ per la dottrina e alle loro ammirazioni per certi estemporanei
della politica, che la corruzione del parlamentarismo fa spuntare
(purtroppo per noi, che siamo l'_anima vilis_ dei loro esperimenti)
sempre più fitti e più solleciti che mai. Che se il Rossi tentò
l'impossibile, dirò che l'impossibile tenta appunto, come una fata
morgana, ingegni ed animi pari al suo. Gli altri (oh non ne dubito!)
preferiscono serbarsi ad occasioni più facili.

Comunque, ch'egli tentasse l'impossibile non dovette allora essere in
tutto l'opinione de' suoi avversari, se per fermarlo ai primi passi
non trovarono altro mezzo che ucciderlo e ucciderlo prima (fu una delle
grandi preoccupazioni degli assassini e dei loro mandanti) e ucciderlo
prima che egli aprisse bocca nel parlamento, da lui riconvocato pel 15
novembre 1848.

V'ha chi oppone ancora: «e s'egli fosse riuscito? Chi sa quando e come
si sarebbero potute raggiungere l'unità d'Italia e la fine del poter
temporale dei Papi?» Ah! si crede proprio che i primi e veri autori
di questi trionfi nazionali siano i dissennati, che spinsero Carlo
Alberto a Novara, o gli scellerati, che trucidarono Pellegrino Rossi
il 15 novembre 1848? In verità che, a ragionar così, la storia diviene
un bel coefficiente di moralità pubblica e privata! Pel Rossi però
c'è una considerazione, che dovrebbe, se non altro, ammansare questi
terribili _conseguenziarii_ della storia ed è che i Monsignori Romani
(lo dice il Cantù, autorità non sospetta) esecravano il Rossi non meno
dei demagoghi e che nascosero così poco la loro gioia per quell'eccidio
(lo dice il Padre Curci, allora Gesuita) che molti credettero in quel
tempo e credono anche oggi alla loro complicità.

La lucidità, la precisione, la rapidità dei provvedimenti, che
Pellegrino Rossi prese subito per frenare l'anarchia dilagante per
tutto e infondere nuova vita a un cadavere furono meravigliose. Fra
tanta dissoluzione d'ogni utensile di governo e tanta inerzia della
parte migliore della cittadinanza, mentre in Roma il clericalume
ribaldo lo odia, perchè egli ne combatte gli abusi e i privilegi, e
la demagogia, rinvigorita dei gregari peggiori, che vi colano da ogni
parte, lo assale, lo insulta, lo minaccia, lo scredita ogni giorno,
come un rinnegato italiano, che per ambizione e avidità di lucro s'è
fatto strumento di tirannia, egli affronta l'uno e l'altra all'aperto;
dice chiaro il suo pensiero, non nasconde nulla de' suoi propositi,
non indietreggia mai, tocca a tutto, accenna a rinnovar tutta la vita e
l'organismo d'uno stato, che non ha più nè organi, nè vita. Con questo
minaccia egli forse la libertà? No, certo! Non solo lascia a Roma
infuriare una stampa, di cui nulla si può immaginare di più tristo e
di più forsennato, ma discute anzi pubblicamente con essa, ed eletto
Ministro alla metà di settembre convoca pel 15 novembre le Camere. Gli
si rimprovera di aver voluto esser solo e far tutto. Ma chi dovea egli
associarsi, se tutti lo lasciarono solo, e chi adoprare, se nessuno
valea quanto lui? Un uomo, che si mette a tale sbaraglio, è naturale,
che abbia grande coscienza delle proprie forze e se per indole il Rossi
era fiero, sprezzante, sarcastico, ognuno ha i difetti delle proprie
virtù e i suoi avversari non potevano certo inspirargli atteggiamento
migliore.

Resta la sua politica estera, che si riassume tutta nei negoziati
per la lega fra gli Stati italiani. È singolare che il rimprovero di
non averla conclusa gli venga principalmente dai Mazziniani, che a
quest'ora a nient'altro pensavano, se non a proclamare la repubblica
unitaria in Roma, e dai Piemontesi, che appunto ora avevano sconfessato
il Rosmini, loro ambasciatore, il quale l'avea quasi conclusa, e
null'altro volevano se non un contributo immediato d'uomini e di denaro
per la ripresa della guerra. A che pro la lega dei Principi per chi
voleva abbatterli tutti? A che pro il contributo d'uno Stato disfatto
e perchè, se il Rossi, al pari del Gioberti, del Rosmini, di tutti i
maggiori uomini italiani, giudicava una follìa disastrosa romper di
nuovo la guerra all'Austria? Fatto è che il progetto sostituito dal
Rossi a quello del Rosmini ha ben più l'aria di una dilazione, che
d'altro, siccome il Congresso federativo promosso dal Gioberti a Torino
non fu in sostanza che un'accademia, e la Costituente bandita a Livorno
dal Montanelli non fu che il preambolo della repubblica del Mazzini.

S'approssimava intanto il giorno della riconvocazione delle Camere, e
per più segni era chiaro al Rossi che i demagoghi volevano tentar in
Roma per quel giorno un gran colpo. Si provò a indebolirli e scomporli;
ma se mandò in provincia la Legione Romana dei reduci di Vincenza, i
peggiori rimasero e s'aggrupparono intorno a Luigi Grandoni; se confinò
qualche esule Napoletano dei più torbidi, essi arrivarono a mala pena
a Civitavecchia; se disperse uno o due caporioni di congiure occulte
o palesi, essi non s'allontanarono quasi, o stettero col piè levato al
ritorno; se chiamò Carabinieri e ne fece mostra per le vie, poco c'era
da contare sulla loro fedeltà; se processò qualche giornale, aizzò
vieppiù le loro ire; se mandò il generale Zucchi contro i facinorosi
delle provincie, si tolse da vicino il solo uomo, che avrebbe opposto
petto di soldato alla ribellione.

Che cosa rimaneva al Rossi? Il suo coraggio, che in questa inefficace
sproporzione, e certamente erronea, dei mezzi col fine, tanto più si
palesa qual'era, quello d'un eroe.

Che si congiurasse intorno a lui, che una sommossa fosse prestabilita
pel 15 novembre, egli lo sapeva di certo. Che si volesse uccider lui,
quantunque dovesse prevederlo e temerlo, non pare che l'abbia saputo di
certo, se non all'ultimo momento.

Così almeno s'argomenta dal più recente e autorevole studio su
questi fatti (ma sfortunatamente ancora incompiuto), che è quello di
Raffaello Giovagnoli. Da che fucine uscissero quelle congiure, l'ha
detto il Rossi medesimo nell'articolo che osò pubblicare proprio alla
vigilia del 15 novembre. In esso accusa apertamente, senza riserve nè
attenuazioni, i clericali e i demagoghi, e dice loro: «badate! non vi
darò quartiere!» Quanto a sè stesso: «il mondo sa, concludeva, che vi
ha lodi, che offendono e biasimi, che onorano.»

Tali parole, gettate in quell'ultim'ora come una sfida, sulla faccia
de' suoi nemici, sono sublimi, e mi è caro ripeterle qui, dinanzi a una
udienza, che certo sente profondamente vibrarsi nel cuore quanto v'è
di grande, di nobile, di cavalleresco, di fieramente elegante persino,
nella sprezzante audacia di quest'uomo.

Ma notate! Egli accusa senz'alcuna distinzione clericali e demagoghi.
L'avrebbe fatto il Rossi, ministro del Papa, se non avesse avuto le
prove in mano di ciò che affermava? Aggiungete che le carte segrete del
Rossi, raccolte la sera stessa del 15 novembre per ordine di Pio IX da
monsignor Pentini e da lui consegnate al Papa, nessuno le ha viste mai
più.

Al mattino del 15 novembre sulla piazza della Cancelleria era
schierato un battaglione di Guardia Civica, che avea fornito una
diecina di militi, non più, per le solite sentinelle all'entrata e
nell'interno del palazzo. I Carabinieri, per ordine del Rossi, erano
consegnati nelle caserme a piazza del Popolo e nel palazzo Borromeo.
Nelle vicinanze della Cancelleria molta gente, non folla, varia di
condizioni e, a quel che pareva, di opinioni e di sentimenti; curiosi
in gran parte; scarsissime le donne. Nel cortile del palazzo, che
ha all'intorno portici a due ordini, molti, che vanno e vengono, e a
gruppi una sessantina di reduci Vicentini della Legione Romana, tutti
colla sozza e logora uniforme di tela, che la plebe solea perciò
chiamare: _la panuntella_. Fra costoro, faccie torbide, agitate, e
ora bisbigli all'orecchio, ora bestemmie, e voci di esecrazione e di
minaccia al Rossi.

Di questo brutto apparecchio il Rossi fu informato. Stette un momento
sopra di sè, poi disse: «che si fa? bisogna andare!» Mandò l'ordine ai
Carabinieri di muoversi dalle caserme, ma pare non giungesse in tempo.
Al tocco il Rossi salì in carrozza col suo segretario per le finanze,
Pietro Righetti, al quale, montando, disse: «se non ha paura, salga
pure!» Nessun altro, nessun ministro (si noti) l'accompagnò, e così si
mosse dal Palazzo della Consulta.

Alla Cancelleria intanto l'irrequietezza e l'agitazione fra quella
masnada di legionari andavano crescendo sempre più. I Deputati
arrivavano spicciolati ed entravano senza destare attenzione. Uno solo,
suscitò gli applausi dei gruppi di legionari, Pietro Sterbini, che
passò salutandoli, e di cui Marco Minghetti dice ne' suoi _Ricordi_:
«pochi uomini ho conosciuto più rei d'intelletto e d'animo, e più
orrendi di faccia.»

A un tratto due legionari, accorrendo dall'angolo di via de' Baullari,
dicono ai compagni: «eccolo! eccolo!» Una carrozza s'avvicina, ma
altre voci: «non è lui! non è lui!» Era la carrozza del Ministro di
Spagna. Il furore nei gruppi di legionari aumenta a vista d'occhio;
s'odono alcuni: «sta' a vedere che non viene questa carogna! Dovrebbe
avere paura!» In quella giunge la carrozza del Rossi. «Eccolo, si
grida, è lui! Dentro! Dentro!» I legionari rientrano tutti di botto e
si dispongono di qua, di là, presso la scala; alcuni sui tre scalini,
pei quali si monta ad un largo pianerottolo. La carrozza, rallentando,
entra nell'atrio in mezzo a un grande silenzio, si ferma dinanzi
alla scala e il Rossi si dispone a scendere. Allora prorompono urli
e fischi: «Morte! Abbasso! Ammazzalo!» Egli guarda intorno fiero,
imperterrito, s'avvia, e sale il primo scalino. Le due file dei
legionari, che l'hanno lasciato inoltrarsi, gli si rinchiudono dietro
e lo separano dal Righetti. Nel tempo stesso mentre il Rossi sale gli
altri due scalini, qualcuno l'urta a destra, egli si rivolta sdegnoso,
e da sinistra un altro gli immerge un coltello nel collo. Trenta,
quaranta braccia s'alzano nello stesso istante per nascondere ciò
che accade; sulle spalle del feritore alcuni gettano un cappotto da
Guardia Civica e scompaiono con lui per una porticciuola di fianco;
altri accorrono al portone del palazzo e trattenendo la folla, che
si protende innanzi e interroga agitata, curiosa: «niente, niente,
rispondono, fermi! Non è niente!» Il Rossi, raggiunto a gran pena dal
Righetti, gli era caduto fra le braccia e trasportato nelle stanze
del cardinale Gazzoli, pochi minuti dopo e senza profferir parola era
spirato.

Al di fuori la folla si diradò quasi subito. Nella Camera dei Deputati,
che erano scarsissimi, alla prima eco degli urli e dei fischi, al primo
annunzio d'un attentato al Rossi parecchi, il Minghetti, il Fusconi,
il Pantaleoni, uscirono per portar soccorso, altri non si mossero
dai loro scanni, il Presidente Sturbinetti fece leggere il verbale:
apparenza d'impassibilità da Senatori Romani contro i Galli di Brenno;
vigliaccheria solenne in realtà, che neppure osò alzar la voce a
maledire l'assassino.

Ma che dico maledirlo? Nessuno lo inseguì, nessuno lo cercò, nessuno
seppe chi era, nessuno si curò di saperlo e per parecchi anni nessuno
lo seppe, o chi lo sapeva non lo disse.

La stessa sentenza del 17 maggio 1854 che per l'assassinio del Rossi
condannò a morte Luigi Grandoni e Sante Costantini, altri due alla
galera a vita, altri tre a vent'anni, quantunque lo annoveri fra i
sorteggiati per compiere il delitto, non lo nomina più neppure fra
i correi contumaci. Nello stesso famoso Sommario processuale del
giudice Laurenti, che, prima dell'esame diretto delle sedicimila
pagine del processo fatto dal valentissimo Giovagnoli, era la sola
fonte a cui ricorrere, l'assassino vero del Rossi è una figura, su cui
l'istruttoria trascorre sempre disattenta, e sì i processanti, che i
giudici sembrano ignorare che alla data della chiusura del processo
e della sentenza l'assassino vero era già morto da circa cinque anni.
Esso fu Luigi Brunetti, il figlio maggiore di Ciceruacchio!

Quanto alla preparazione del misfatto, le conclusioni del Giovagnoli
sono che i complotti furono due, l'uno di vecchi settari della
Carboneria, in cui sarebbe stato deliberato; l'altro di non più che
sette sicari, scelti fra i reduci di Vicenza della Legione Romana.

Allo Sterbini, al Ciceruacchio e agli altri capi del moto
rivoluzionario, che poi finì colla repubblica del Mazzini, non
dovette parere che il moto fosse ancora maturo; erano incerti ancora
del contegno della truppa e della Guardia Civica; erano una frazione
audace, pronta a tutto, ma frazione pur sempre; temettero forse gli
strascichi della grande popolarità di Pio IX, forse una reazione
nella capitale stessa e nelle provincie; tant'è vero che l'esperimento
procedette per gradi, ed ucciso il Rossi, eliminato cioè l'ostacolo
maggiore, la sera stessa del 15 novembre atterrirono la città,
percorrendola al chiarore sinistro di faci in una specie d'orgia
selvaggia, cantando a squarciagola l'orribile ritornello:

    Benedetta quella mano,
    Che il Rossi pugnalò,

e levando in trionfo or l'uno or l'altro dei legionari (mai però il
Brunetti!) fin sotto la casa, dov'erano raccolti in lagrime disperate
la moglie e i figli del Rossi; tanto è vero che il giorno dopo imposero
bensì colla rivolta un Ministero democratico a Pio IX col Galletti e
lo Sterbini; ma non osarono di più; non osarono proclamar subito la
Costituente e la Repubblica.

Vi ricordate ora, o signore, che, appena trafitto il Rossi, i complici
del Brunetti gli avevano fatto siepe all'intorno delle braccia alzate,
lo avevano imbaccuccato in un cappotto da Guardia Civica e trafugatolo
in fretta per una porticciuola di fianco? Ebbene, da quel momento,
si può dire, l'assassino scompare per sempre; si dice il nome ora
di questo, ora di quello, quasi mai il suo; il 25 novembre Pio IX
fuggirà da Roma; il 5 febbraio 1849 si riunirà la Costituente; il 9
si proclamerà la Repubblica; il 3 luglio i Francesi, dopo superata
una resistenza eroica, entreranno in Roma, e in mezzo a quella rapida
e sfolgorante epopea della difesa di Roma, in cui brillano di gloria
immortale tanti nomi sacri alla memoria degli Italiani, il nome di
quel miserabile va travolto e perduto. Ma Garibaldi non si è arreso
ai Francesi. Da Roma vinta il gran guerrigliero esce seguìto da molti
compagni (Ciceruacchio e i suoi due figli fra questi) per raggiungere
Venezia che resiste ancora; lo inseguono _quattro_ eserciti; passa
fra mezzo a tutti invincibile, inafferrabile; sublime odissea, in
cui, affinchè nulla manchi alla sua eroica poesia e alla sua grandezza
morale, c'è ancora la morte alle Mandriole, presso Ravenna, di Anita,
la donna amata da Garibaldi, e l'espiazione tremenda del delitto del
15 novembre 1848. Ciceruacchio e i suoi due figli, dopo che Garibaldi
ha tentato imbarcarsi a Cesenatico per Venezia, dopo ch'egli ha dovuto
retrocedere fino alle foci del Po e riparare nel porto di Magnavacca,
Ciceruacchio, i suoi due figli e cinque altri, che li seguivano, si
separarono da Garibaldi, cascano in mano agli Austriaci, e tutti, lo
stesso Lorenzo, il figlio minore di Ciceruacchio, un bambino di tredici
anni, trascinati sulla riva del Po a Cà Tiepolo, ora dei Papadopoli,
sono fucilati, come belve rabbiose. Espiazione, sì, del vile assassinio
di Pellegrino Rossi, ma il sangue innocente di quel bambino, che si
aggrappa al petto del padre, mentre le palle li trafiggono entrambi, se
implora perdono al padre ed al fratello, grida vendetta al cospetto di
Dio contro chi l'ha versato e chi l'ha fatto versare!!

Luigi Brunetti, l'assassino di Pellegrino Rossi, è finito così, la
notte del 10 agosto 1849. Tuttavia neppure allora apparisce il suo
nome. Egli per nascondere sè e il suo misfatto s'è consegnato agli
Austriaci sotto un falso nome, forse sotto quello di _Luigi Bossi_, e
nella lapide che nella chiesetta di Sant'Antonio, presso al luogo del
supplizio, ricorda quegli infelici, vi sono bensì otto nomi, ma manca
il suo; v'è il nome falso; postuma espiazione anche questa!

Ora, ignoravano essi tutto ciò gli inquisitori e i giudici di Roma?
Non direi! In quello stesso Sommario processuale del Laurenti, che
il Giovagnoli chiama giustamente un romanzaccio da fare il paio con
_L'Ebreo di Verona_ del gesuita Bresciani, v'ha le traccie delle
conclusioni stesse, alle quali è giunto il Giovagnoli, v'ha le traccie
cioè delle due riunioni, di quella del 13 novembre, in cui fu dai
capi della demagogia romana deliberata la morte del Rossi, e di quella
della notte del 14, in cui fra sei o sette figuri, che stanno bevendo
in un'osteria a piazza del Popolo, comparisce lo Sterbini ed eccitato
da lui Luigi Brunetti si profferisce pronto a scannare il Rossi il
giorno dopo; ma l'inquisizione non si ferma su ciò, preferisce cercare
origini remote alla congiura nel Congresso di Torino, in quello di
Firenze, in un pranzo, a cui assiste con lo Sterbini e il principe
di Canino, nient'altri che Terenzio Mamiani, sempre nell'intento non
tanto di gravar la mano sui demagoghi peggiori, quanto di coinvolgere
nell'infame accusa tutto il partito liberale e allontanare ogni
sospetto dai clericali, che pure il Rossi aveva pubblicamente accusati.

A tal fine il romanzaccio si slarga; v'ha una prima congiura di certi
fratelli Facciotti alla salita di Marforio; una seconda nei fienili
di Ciceruacchio, in cui i congiurati sono a centinaia; una terza di
Legionari reduci da Vicenza nel teatro Capranica; e all'ultimo le tre
congiure s'intendono e metton capo all'assassinio del Rossi e alla
rivolta del 16 novembre, con lo scenario d'obbligo dei giuramenti sui
pugnali (giura anche il conte Mamiani!), del sorteggio dei sicari,
delle prove sui cadaveri, degli avvisi misteriosi alla vittima
designata. In tuttociò è confusione di fatti, di tempi, di uomini, e
mescolanza di vero e di falso, fatta ad arte per un fine politico e non
per scoprire la verità, che forse i processanti conoscevano, ma premeva
loro assai meno. Ciò non vuol dire che fra i condannati del 1854 vi
fossero innocenti. Non lo credo. Ma la verità è che la congiura diretta
fu di pochi; l'indiretta di molti, e vi contribuirono ugualmente l'odio
dei clericali, la timidità dei moderati, la perversità dei demagoghi,
il fanatismo dei repubblicani, e per ultimo la stessa audacia del
Rossi, la soverchia fiducia in sè ed il soverchio disprezzo dei suoi
avversari.

Fu lasciato solo, quando salì al ministero, come fu lasciato
codardamente solo (salvo che da Pietro Righetti) il giorno, che dovette
affrontare i pugnali degli assassini.

E appena egli è caduto, l'anarchia prorompe, il governo si dissolve, lo
Stato, ch'egli reggeva nella potente sua mano, non esiste più.

Nondimeno il Mazzini ed il Saffi negano che fra l'assassinio del Rossi,
la rivolta del 16 novembre, la fuga del Papa, la proclamazione della
Costituente e della Repubblica vi sia alcuna continuità.

V'era tanto invece e così immediata, che nessuno pensò più neppure
a scoprire e punire gli assassini del Rossi, ed i più noti fra essi
ebbero premi, onori e compensi.

È un'onta questa, cui non bastano a lavare gli eroismi della difesa di
Roma, perchè la Repubblica fu opera d'una fazione e la difesa di Roma
fu invece un fatto ed una gloria nazionale, e in quella luce radiosa
di battaglia contro lo straniero non campeggia la squallida figura di
Mazzini, bensì risplendono quelle omeriche ed ariostee di Garibaldi, di
Bixio, di Medici, di Pietramellara, di Morosini, di Mameli, di Manara,
e di cento e cento altri guerrieri italiani, che cadono «col nome
d'Italia sulle labbra e la fede d'Italia nel cuore!»

E Pio IX, di cui non abbiamo quasi più parlato?... Egli ha rinnegata
la patria e chiamati gli stranieri; il _Vescovo d'Imola_, l'ospite caro
di Giuseppe e Antonietta Pasolini a Montericco, il Pio IX dell'amnistia
e del _Benedite, gran Dio, l'Italia_ sono scomparsi. In loro vece è il
tristo ceffo brigantesco del cardinale Antonelli. Meglio, non parlarne
più!!



I MOTI DI NAPOLI DEL 1848

CONFERENZA DI FRANCESCO S. NITTI


Ebbene — poichè l'accoglienza vostra è sì cordiale — permettete che vi
dica che io non avrei dovuto parlare del '48 a Napoli. Non posso, non
si può forse parlarne con severità; non vi è nemmeno la possibilità
di una ricostruzione completa dei fatti. Troppe lacune, troppi errori:
sopra tutto le passioni sono ancor vive e gli odii persistono ancora.
I miei parenti furono tutti tra i perseguitati, anzi fra i tormentati
dalla reazione borbonica. È difficile essere sereno; sopra tutto quando
gli archivi conservano, ancora inesplorati, i soli elementi che possano
gittare un poco di luce su tante cose che noi non sappiamo.

La difficoltà appare maggiore quando si pensi che sono ancora viventi
non pochi di quelli che nel '48 a Napoli ebbero un'azione diretta. Essi
sono forse i peggiori giudici: ma sono anche i più incontentabili. Chi
ha operato non può essere un giudice; ma non può nemmeno esser contento
di chiunque giudichi senza aver operato.

Le lotte tra i greci e i persiani, le aspirazioni di Filippo il
Macedone si prestano alle considerazioni più varie; ma considerarle
in un modo o in un altro non indignerà alcuno. Non si parla invece
impunemente di quelle cose in cui i nostri padri, a ragione o a torto
credettero, e per cui lottarono e soffrirono.


La storia dei fatti di Napoli dal 27 gennaio al 15 maggio non è che
la storia di pochi mesi; pure, a chi vi guardi dentro, apparisce la
spiegazione di non poche delle difficoltà presenti. Molte cose sono
scomparse; permangono tuttavia alcune tristi eredità. E il desiderio di
pronte mutazioni, e l'insofferenza di disciplina, e il credere che si
possa in pochi chiedere e ottenere trasformazioni, sono mali derivati
a noi dalle rivoluzioni liberali tra il '20 e il '60.

La rivoluzione del '48 non ebbe a Napoli nulla di grandioso: non fu
molto diversa in altre parti d'Italia, ma la fine tragica diede altrove
carattere di grandezza.

La costituzione del 1820, data a Napoli da un re fiacco e di malafede,
dipese da un moto incomposto. La costituzione del '48 fu concessa per
equivoco, fu soppressa di fatto dallo squilibrio di due paure: la paura
che il re avea dei liberali e la paura che i liberali aveano del re.

Durante la dinastia borbonica la sola rivoluzione di Napoli che
lasciò tracce durevoli e in cui vi fu il martirio dei migliori e dei
più degni, fu quella del 1799: essa fu la condanna della monarchia
borbonica; la vera, la terribile accusa che pesò sempre su Ferdinando
IV e sui suoi successori.

Il 1820 avea lasciato due dolorose eredità, due idee non ancora
scomparse del tutto.

La prima idea, comune alla monarchia e alle classi medie, che il
regime politico potesse e dovesse esser mutato non per modificazioni
progressive, ma quasi di assalto. Due sottotenenti e un prete aveano
infatti nel 1820, per opera e con l'aiuto di una setta, determinato,
sia pure fuggevolmente, un mutamento di regime.

Dal 1820 al 1848 appare dovunque l'idea che si deva operare di
sorpresa, che pochi uomini di buona volontà bastino a tutto. La massa
era indifferente: che importa? Le classi medie non aveano nessuna
preparazione: ma era necessario che l'avessero?

I travisamenti della leggenda napoleonica faceano credere che un uomo
solo potesse bastare a ogni cosa. Un patriota calabrese, che nei fasti
del '48 ebbe gran parte, vedendo passare dei reggimenti della guardia
reale, diceva al Settembrini che si sarebbe sentito con centomila
baionette di fare più che Napoleone.

Fra il 1830 e il 1848 questo stato di animo determinò dovunque piccoli
tentativi di rivolta. Ve ne furono in Sicilia, in Abruzzo, perfino
alle porte di Napoli, nei Principati. Due o tre famiglie perseguitate
o insofferenti, o che aveano antichi rancori, bastavano qualche volta
a determinare rivolte locali.

In alcuni paesi si giunse a proclamare il regime costituzionale, a
cantare il _Te Deum_ in Chiesa; qualche volta si dichiarò perfino
decaduto il Re.

Data la mancanza delle strade e l'insufficienza dei funzionari nelle
province (accorrevano il più che si potesse nella capitale, che era
la sola grande città del Regno nel continente), la monarchia borbonica
avea in ogni paese una o più famiglie ricche o potenti, cui concedeva
la sua protezione: in un piccolo centro rurale il potere era bilanciato
tra il parroco e la famiglia più ricca. Era dunque esercitato assai
spesso molto male e con la tracotante e volgare arroganza così comune
alle famiglie ricche nei piccoli centri. La causa dei movimenti
carbonari o settari spesso va cercata meno nell'odio per la monarchia
che negli odii locali, nella prepotenza di qualche famiglia ricca
(ricco volea dir spesso solo meno povero degli altri) che senza la
nobiltà e la grandezza avea i pregiudizi e le idee di dominio dei
vecchi feudatari.

La seconda idea, non meno dannosa della prima e che non è ancora
scomparsa nè a Napoli nè nel resto della penisola, è che si possa
ottener tutto dallo Stato in tempi di rivolgimenti. La burocrazia
già numerosissima, assorbiva in ogni rivolgimento un certo numero di
elementi nuovi. Quando prevalevano i liberali, come quando prevaleva
l'assolutismo, vi era sempre lo stesso numero di persone in cerca
d'impieghi. Anzi il Re dava per grazia e poteva quindi negare; ma
i liberali che avean bisogno di suffragio e di aiuto, parea che non
potessero e che non dovessero.

Ferdinando II, fra il '30 e il '48, cioè per diciotto anni, avea dato
prova di molta mitezza e di molto accorgimento. Succedendo a un padre
inetto e dopo periodi tristissimi per la vita della monarchia e del
paese, avea trovato molto da fare, soprattutto moltissimo da disfare.
E all'opera benefica di restaurazione si era accinto con ardore.

Pochi principi italiani fecero fra il '30 e il '48 il bene che
egli fece. Mandò via dalla Corte una turba infinita di parassiti e
d'intriganti; richiamò i generali migliori, anche di parte liberale,
e licenziò gl'inetti; ordinò le leve militari; fece costruire, primo
in Italia, una strada ferrata; istituì il telegrafo: fece sorgere
molte industrie, sopra tutto quelle di rifornimento dell'esercito,
che era numerosissimo; ridusse notevolmente la lista civile; mitigò
le imposte più gravi. Giovane, forte, scaltro, volea fare da sè, ed
era di un'attività maravigliosa. Educato da preti e cattolicissimo
egli stesso, osò con grande ammirazione degli intelletti più liberi
resistere alle pretese del papato e abolire antichi usi, umilianti per
la monarchia napoletana.

Non coraggioso e non nato alle armi, avea compreso che il Regno di
Napoli avrebbe avuta una grande importanza nella penisola se avesse
avuto un solido potente esercito; e le truppe che avea trovato corrotte
e demoralizzate avea cercato di risollevare e avea portato con grandi
sacrifizi l'esercito stanziale a una cifra proporzionalmente molto
superiore all'esercito attuale del Regno d'Italia.

Avea molti pregiudizi del tempo suo e del suo ambiente; era sopra tutto
troppo napoletano; ma avea anche molto desiderio di fare.

È passato alla storia come _Re Bomba_ e non si ricordano di lui che
il tradimento della costituzione, le persecuzioni dei liberali, le
repressioni di Sicilia e le terribili lettere di Gladstone.

Abbiamo troppo presto dimenticato che, durante quasi due terzi del
suo regno, i liberali stessi lo chiamarono Tito e lo lodarono e lo
esaltarono per le sue virtù e per il desiderio suo di riforme. Abbiamo
troppo presto dimenticato il sollievo che le sue riforme finanziarie
produssero nel popolo, e l'ardimento che egli dimostrò nel sopprimere
i vecchi abusi.

Io sarei molto imbarazzato se dovessi paragonarlo a qualcuno. Questo
re, morto non ancora cinquantenne, ha riempito di sè l'Europa: era
un misto strano di avvedutezza e di paura. Avea tutta la volgarità e
le finezze del popolo minuto: avea tutte le debolezze della grande
maggioranza dei suoi sudditi, cui anzi soverchiava nel desiderio
di riforme reali in favore del popolo. Misto di superstizione, di
scaltrezza e di intelligenza; bonario, desideroso di assicurare al
popolo una vita migliore. Era così poco nato per esser crudele, che
quando dovè esserlo fu assai male: e le sue crudeltà furono esagerate
e occuparono la stampa europea.

Quando vi furono rivolte contro la monarchia e perfino cospirazioni
di soldati per ucciderlo, Ferdinando non usò alcuna ferocia: nessuno
fino al 1848 fu condannato a morte per aver messo in pericolo il Re e
la monarchia. Anche i poeti non cesarei esaltavano _chi il gaudio del
perdonar provò_.

Da Carlo V in poi, se si faccia eccezione del regno di Carlo III, è
impossibile trovare nella storia napoletana un periodo di più utili
riforme, di maggior quiete e di maggior libertà di quello tra il
1830 e il 1848. In tutta l'opera di Ferdinando si nota un avviamento
progressivo verso un regime più largo. Non era la costituzione liberale
che egli sognava: ma un regime autoritario temperato da una serie di
riforme. Non avea vedute larghe; ma nemmeno era cieco di mente, sì come
han detto i suoi denigratori.


Ma le condizioni del regno delle Due Sicilie e il lievito che la
rivoluzione del '20 avea lasciato e le difficoltà nuove che sorgevano
per la influenza dei vari partiti e dei vari interessi rendevano
non facile la funzione di governo, soprattutto non facile l'opera di
riforme progressive voluta dal Re.

Prima di tutto fra le varie classi sociali — tranne forse nel popolo,
devoto alla monarchia per antica tradizione monarchica e sopra tutto
per avversione da prima ai baroni e poi alle classi medie e ricche —
era uno scontento grande; un lievito che facea temere fermentazioni.

L'aristocrazia, diminuita costantemente da sessant'anni per opera dei
re, guardava sospettosa. Il re Ferdinando con assai larghezza d'intenti
avea chiamato alle cariche più importanti individui che non vantavano
grandi casati, anzi nati umilmente. Era stato uno scandalo, n'era
offesa soprattutto l'aristocrazia siciliana, così tracotante, così
superba, così piena della sua grandezza e del suo passato.

Le classi medie, incitate dagli esempi di Francia, aspiravano a
conquiste maggiori. La borghesia, come ho detto altre volte, non
sorgeva nel Mezzogiorno dal traffico e dalla industria: ma dal
commercio del denaro, dall'intermediarismo agrario e dalle professioni
liberali e principalmente dall'avvocatura temuta e potente. Vi
era numerosa turba d'impiegati; e sopra tutto di persone in cerca
d'impieghi. Nel 1820 e nel 1848 i maggiori errori furon dovuti al
grandissimo numero di aspiranti a impieghi, che si unì prima a coloro
che volevano mutamenti politici e imposero la costituzione; e poi,
non potendo esser contentati se non in poca parte, furono, con i loro
eccessi, la causa maggiore della reazione assolutista diventata più che
necessaria, inevitabile.

Non erano i partiti che mancavano nel regno.

Alla vigilia del 1848 fra le classi medie del reame vi erano anzi
partiti politici numerosi, e numerose erano anche le gradazioni di
ciascun partito.

Il partito di governo, il partito che raccoglieva le maggiori forze,
era quello che volea la monarchia assoluta pura: _el rey neto_, come
dicono gli spagnuoli. I fatti del '20 avean lasciato nei più ricchi
e nei più desiderosi di pace un triste ricordo. Meno per convinzione
politica, che per ignoranza della vita pubblica e per tradizione, i
benestanti più ricchi vi aderivano: e vi aderivano anche coloro che
per la loro situazione avean più facili e più sicure le carriere.
Questo partito, così detto austro-spagnuolo o assolutista, perchè i
suoi istinti e le sue tendenze lo spingevano appunto verso l'Austria
e verso la Spagna, aveva avuto per _leader_ il principe di Canosa da
prima, il marchese Del Carretto da poi. Si componeva nella maggior
parte di nobili, dell'elemento militarista e del clero ricco. Non solo
odiava ogni riforma, ma trovava troppo liberale la politica del Re,
e volea dighe maggiori a tutte le aspirazioni unitarie e liberali.
Per sua natura stessa devoto alla monarchia, non osava discuterne gli
atti: ma aspirava a esercitare un'azione più larga. Aderiva a questo
partito e n'era l'anima la così detta _camarilla_, un partito formatosi
tra i bassi fondi di Corte e inviso anche alla parte più moderata
per il suo spirito d'intrigo. Non tutti però coloro che del partito
austro-spagnuolo facean parte erano assolutisti. Alcuni solo per odio
al murattismo e a ogni intervento straniero, preferivano una monarchia
assoluta e napoletana.

I _murattisti_ costituivano a lor volta un partito numeroso. Gioacchino
Murat, francese, era stato re di Napoli quasi per un decennio; e
benchè l'_Almanacco reale del Regno delle Due Sicilie_, pubblicato per
cura della Corte di Napoli non lo mettesse più tardi nemmeno nella
_serie cronologica dei Re di Napoli e Sicilia_, considerandolo come
un usurpatore, avea lasciato ricordo di sè. Era stato troppo poco
per determinare odii profondi: ma avea pubblicato molte leggi buone
e cattive, e avea combattuto bene a capo di schiere napoletane. Era
bello, forte, arditissimo; forse un po' ciarlatanesco. Ma ciò non gli
noceva in alcun modo. La leggenda di Napoleone, rimasta vivissima nel
Regno, ripetuta, ingrandita, dava prestigio alla tradizione murattiana.
In Francia con Napoleone III la fortuna di casa Bonaparte risaliva;
parea naturale che anche a Napoli dovesse risalire. In alcuni la fede
nella italianità era scarsa, anzi mancava addirittura il sentimento;
altri credeva che fosse più facile per le riforme legare la politica
di Napoli a quella di Francia. Fra i _murattisti_ vi erano due fra
le personalità più spiccate del reame: il generale Filangieri, che
rappresentava tendenze militari, favorevoli a un assolutismo temperato
e l'avvocato Bozzelli ch'era fra i desiderosi di costituzione liberale
e che fu parte grandissima nei fatti del 1848.

Ma questa soggezione allo straniero, anche negli ordinamenti liberali,
questo invocare principe straniero e leggi straniere anche per causa di
libertà, offendeva molti. Il senso d'italianità si era venuto formando:
anzi si può dire che i moti del 1848 ebbero in generale più tendenza
unitaria che liberale, a differenza di quelli del '20, che furono
esclusivamente costituzionali. Gli scritti di Gioberti, di Balbo, di
D'Azeglio, soprattutto l'opera di Mazzini, infiammavano le menti. Si
ebbero monarchici, federalisti, repubblicani: ma il nome d'Italia era
ripetuto da tutti.

E vi erano ancora altri partiti e gradazioni infinite dei partiti
maggiori.

Era però male grandissimo che il movimento costituzionale e riformista
fosse composto di elementi che speravan solo da passioni e da
interventi esterni; e che la monarchia o il partito austro-spagnuolo,
rimanessero soli a difendere, insieme con la indipendenza del reame,
anche la tradizione napoletana. Due fatti derivarono da ciò: da
una parte l'avversione della monarchia napoletana a ogni riforma, e
dall'altra, quando la unità fu realizzata, una debole partecipazione
dei napoletani nei benefizi del nuovo ordine di cose e di tutta la
funzione di governo.

La protezione che Ferdinando II parea accordasse ne' primi anni del
suo regno agli studi coincideva con un risveglio intellettuale molto
notevole. Il giornalismo, fra il '30 e il '48, attirò non pochi uomini
di valore; era un giornalismo letterario, ma politicamente ebbe per
effetto di far nascere il bisogno di cose nuove. Memorabile soprattutto
lo studio del marchese Basilio Puoti, da cui uscirono De Sanctis,
Settembrini e quanto di meglio ebbe Napoli; il purista grande, che
affezionava gli scolari alla purezza dell'idioma italico e rinverdiva
i vecchi testi, lavorava senza sapere, forse senza volere, alla grande
opera dell'unità.

Vi era dunque nel Regno, alla vigilia del 1848, un movimento delle
idee; vi erano partiti immensi e vi era soprattutto quel fermento che
precede i periodi di rivoluzioni.

Ma la tradizione infausta della rivoluzione precedente e gli esempi
recenti spingevano gli uomini più dissennati o più entusiasti a tentare
da soli o in pochi trasformazioni profonde: e facea credere al sovrano
che ogni manifestazione fosse effetto di setta o di organizzazioni
tenebrose. Da una parte dunque si credeva che pochi uomini soltanto
potessero scuotere le masse; non il martirio nobilmente sopportato,
non il lavoro lungo e paziente di educazione progressiva, non l'opera
assidua di tutti i giorni, ma i colpi di fortuna improvvisi. Pochi
decisi a tutto uscivano in campo: i più numerosi seguivano e gridavano.
Si voleva _trascinare_ il pubblico. Le voci eran così alte e numerose,
lo scoppio così improvviso, che il Re cedeva. A sua volta il Re
esagerava la potenza dei liberali: dieci persone unite, che scendevano
in piazza a gridare, credeva rappresentassero setta interminabile e
tenebrosa. La storia del '20 non è tutta in questi sospetti e in queste
debolezze?

Ora, verso la fine del 1847, nel fermento costituzionale che era in
tutta Europa e con l'agitazione socialistica già vivace in Francia, nel
Regno delle Due Sicilie doveano ripercuotersi necessariamente i fatti
di oltre Alpe.

Gli annunzi delle riforme di Toscana e di quelle concesse a Roma da Pio
IX produssero agitazioni vivissime tra i liberali di ogni gradazione.
La condotta del Re era stata tale in passato, che egli pareva più
disposto a concedere che a reprimere.

Durante il novembre e il dicembre 1847 vi erano state agitazioni e
dimostrazioni. Nelle piazze, e fino sotto il palazzo reale, si era
gridato: _Viva il Re! viva la costituzione!_ Il Re non avea mostrato
di gradir molto applausi di questa natura, e la polizia avea disperso
i dimostranti e arrestato i più accesi tra essi.

La Sicilia, in cui già l'avversione per i napoletani più che per la
monarchia borbonica era grande e in cui la tradizione e lo spirito
separatista erano vivissimi, si agitava a sua volta ben più gravemente.

I moti di Sicilia, cominciati il 27 novembre con le dimostrazioni
del teatro Carolino, al grido di: «viva Ferdinando II! viva Pio IX!»
assunsero presto carattere diverso.

Si cominciò col chiedere alcune riforme amministrative: poi si chiesero
modificazioni profonde nell'ordinamento amministrativo. La libertà
non era la vera causa: quest'ultima bisognava trovare soltanto nel
desiderio di ottenere con minacce di rivolte una completa divisione da
Napoli. Infatti il movimento divenne presto separatista, e si volle che
non altra unione vi fosse con Napoli che una unione personale: il Re
comune e niente altro.

Come il movimento si allargava non solo si vollero le riforme, ma si
vollero a scadenza fissa, quasi con un _ultimatum_: il Re doveva darle
entro il 12 gennaio. Il Comitato di Palermo mandò emissari dovunque:
si parlava d'_indipendenza_, più che di libertà. Il Re, per prudenza o
per timore, mentre si decise a reprimere l'insurrezione, il 16 gennaio
concesse in gran parte ciò che la Sicilia chiedeva: si disse che era
troppo tardi, e l'insurrezione divampò.

Truppe furono spedite da Napoli per domare la rivolta di Sicilia: si
batterono pigramente, furono battute e si ritirarono.

Trasformatosi il movimento da trasformista in rivoluzionario per colpa
della Sicilia, le dimostrazioni di Napoli assunsero un carattere più
minaccioso.

Il Re avrebbe potuto opporsi al movimento, mettersi a capo
dell'esercito e resistere alle sedizioni e alle rivolte. Ma gli
mancava l'audacia, e soprattutto credeva che i liberali, secondati
dall'Inghilterra, avessero molto più forze che non avevano in realtà.

Il 26 gennaio, quasi per dar ragione ai dimostranti, licenziò il
ministro Del Carretto, capo del partito assolutista, e lo fece
imbarcare il giorno stesso per Marsiglia: i liberali che erano in
carcere furono liberati e con essi Carlo Poerio.

Il 27 vi fu una grande dimostrazione.

Le concessioni, fatte sotto l'impressione dei movimenti di piazza, non
doveano arrestarsi.

Il 28 il Re formò Ministero liberale: all'alba del 29 un _Atto sovrano_
annunziò la costituzione liberale e i capisaldi di essa.

Dal 29 gennaio al 15 maggio, quando la costituzione fu uccisa dalle
violenze della piazza, se pure nella forma fu ancora per qualche tempo
mantenuta dal Re, non trascorsero che poco più di cento giorni. Ma la
storia di quei cento giorni è così piena d'insegnamenti, più che di
avvenimenti, che spiega non poca parte dei fatti posteriori.

In quei 100 giorni vi furono tre ministeri, presieduti i primi due dal
marchese di Serracapriola, il terzo dall'insigne storico Carlo Trova.

Ferdinando non fece le cose a metà.

A capo della politica fu messo da prima il Tofano e poi Carlo Poerio,
cioè l'anima dei comitati d'azione: Ministro dell'Interno fu chiamato
Francesco Paolo Bozzelli, fino alla vigilia perseguitato e ritenuto da
tutti il capo dei liberali napoletani; nelle province furono mandati a
governare i liberali più noti: Imbriani, D'Ayala, de Tommasis, ecc.

Bisognava redigere lo Statuto: a chi darne incarico? Un uomo pareva
più di tutti adatto. Era avvocato ed era autore di opere filosofiche
e politiche; avea sofferto dura prigionia per ragioni di Stato; avea
nei lunghi viaggi studiato, o si diceva che avesse, gli ordinamenti
liberali in Francia, in Svizzera, in Belgio, in Inghilterra. Era
o pareva un riformatore audacissimo e l'averlo il Re messo a capo
del Ministero dell'Interno, indicava appunto il nuovo indirizzo. Il
Bozzelli fu dunque incaricato di scrivere la costituzione.

Chi era quest'uomo che è stato grandissima parte degli avvenimenti
del '48, che autore della costituzione e chiamato egli stesso a dare
garanzia ai liberali, fu poi ministro di reazione e raccolse le ire
de' suoi antichi seguaci? In tre mesi egli passò dalla più grande
popolarità alla più estrema impopolarità. Era un avvocato e quindi
facile al cavillo, amante della parola, desideroso di trionfi oratorii.
Giuseppe Massari, che fu suo amico e suo compagno e poi gli divenne
fiero nemico, quasi per insultarlo lo chiama sensista e materialista,
quasi che l'essere materialista significhi non aver coscienza.

Certo era di una vanità senza limiti. E quando, per cedere alle
pressioni dei liberali, Ferdinando gli affidò l'incarico della
costituzione, credette di dover essere messo a pari dei grandi
legislatori dell'antichità.

Chiesto da Carlo Poerio e da altri delle riforme che avrebbe introdotte
nel nuovo Statuto, rispose con enfasi da avvocato: — Se Solone
avesse discusso le sue leggi con gli amici, non avrebbe fatto opera
immortale. —

In realtà Solone si contentò questa volta di scrivere 89 articoli,
copiandoli quasi letteralmente e integralmente dalla costituzione di
Francia e in parte da quella del Belgio.

Il 10 gennaio il nuovo Statuto fu pubblicato e il Re gli giurò fedeltà
dinanzi ai principi, ai ministri e al corpo diplomatico. Volle che la
cerimonia fosse solenne, e dicono che nel giurare era commosso. Era in
buona fede? Qualcuno ha mostrato di dubitarne, ma gli stessi storici
liberali convengono della sincerità delle sue intenzioni.

Proclamata la costituzione, la Sicilia avrebbe dovuto accettarla.
Invece la ribellione continuò dovunque, e le truppe del Re furono
discacciate e si ritrassero da tutta l'isola, tranne che dalla
cittadella di Messina.

A Napoli l'entusiasmo raggiungeva il delirio.

Le dimostrazioni si succedevano alle dimostrazioni, le grida alle
grida. Per settimane intere tutta la città imbandierata, uomini e donne
con coccarde, spettacoli, rappresentazioni, perfino carri carnevaleschi
con rappresentazioni allegoriche in odio al dispotismo e in onore della
libertà.

Napoli si trovò di un tratto a passare da un regime di dispotismo quasi
assoluto a un regime di libertà quasi illimitata. Libera la stampa,
libere le associazioni, libere le riunioni; mancava l'educazione per
godere di tanta libertà.

Un re che avea un esercito di circa 100 mila uomini e una grossa marina
e saldi ordinamenti, avea accordata la costituzione non per lotta lunga
e tenace, non per resistenza di popolo, ma perchè impaurito da grida
e da dimostrazioni. Si credette che con le grida e le dimostrazioni
tutto si potesse ottenere, dal momento che si era ottenuto il libero
reggimento.

Era Napoli allora città di 400 mila abitanti, con poche industrie
manifatturiere. Rappresentava il grosso centro di consumo di un regno
di circa 9 milioni di abitanti. Vi era una corte ricca e fastosa, vi
erano principi e principesse; vi era un numeroso corpo diplomatico,
v'era una numerosa amministrazione e un numero grandissimo di soldati;
circa 30 mila nella capitale e ne' dintorni.

Tutta la popolazione cittadina viveva dunque sullo Stato. Vi era
un contingente non ricco e non prospero, e quasi tutto addetto a
mestieri, in servizio della gente ricca. Grandissimo era il numero
dei servitori; il popolo era vera plebe, cioè massa amorfa, capace di
subite impulsioni, non cosciente, fantastico, abituato a servitù lunghe
e rivolgimenti improvvisi.

La classe media viveva quasi esclusivamente delle professioni liberali
e degli impieghi; avvocati e impiegati nel più gran numero.

Gli avvocati, i _paglietti_, quantunque diminuiti dalla pubblicazione
dei codici, erano sempre potentissimi: causa di tutte le agitazioni,
irrequieti, sempre disposti a sostenere qualunque governo come
qualunque opposizione.

Enorme il numero degli impiegati.

Noi parliamo ora di burocrazia e siamo disposti a credere che si
tratti di un male nuovo. Uno studio comparativo, fatto su documenti
inconfutabili, prova invece che in molti dei vecchi Stati italiani
vi era maggior numero d'impiegati che non vi sia ora in Italia,
proporzionalmente, s'intende, al loro territorio e alla loro
popolazione.

Nel reame di Napoli soprattutto e, non v'incresca d'udirlo in Toscana,
più grande era il numero degli impiegati. La Toscana è addirittura
il paese che ha dato, nella formazione delle pensioni italiane, un
maggior contributo; avea anch'essa stuolo grandissimo d'impiegati. Ma,
nel reame di Napoli, il cui reddito era quasi esclusivamente agricolo
e in cui per il grandissimo numero di avvocati difficile ai timidi e
agli onesti riesciva l'avvocatura, non vi era per la borghesia media
altro scampo che negli impieghi. Parrà quasi incredibile, ma alcune
amministrazioni napoletane aveano non solo relativamente, ma anche
assolutamente maggior numero d'impiegati che ora non abbia tutto il
regno d'Italia. Il figlio dell'impiegato succedeva al padre, il quale
a sua volta era succeduto a suo padre.

Vi era una schiera infinita di postulanti, e il Re, per quieto vivere,
a molti concedeva. Ora una costituzione era stata ottenuta con le
grida; la massa dei disoccupati della classe media volle impieghi colle
grida e con pressioni d'ogni specie.

Il primo ministero, in cui oltre il marchese di Serracapriola e
l'avvocato Bozzelli, erano il principe di Torella, il principe Dentice
e altra gente onesta e desiderosa di far bene, si trovò di fronte a
difficoltà impreviste. La costituzione era data, e con essa il regime
liberale; si era creduto che la libertà bastasse a tutto; si vide che
a sua volta conteneva cause di malcontento.

La Sicilia, inorgoglita dei primi successi, non solo non accettava
la liberalissima costituzione, ma si proclamava autonoma, dichiarava
decaduto il Re e i suoi discendenti. Il Parlamento siciliano, vista
l'impossibilità di una repubblica, decideva offrire e facea più tardi
offrire la corona di Sicilia a Ferdinando di Savoia, duca di Genova,
figliuolo secondogenito del re Carlo Alberto.

L'onorevole Crispi vi parlerà della rivoluzione di Sicilia, e vi dirà
forse molto diversamente che io ora non dica.

Perchè la Sicilia non accettò la costituzione? perchè tentò in ogni
guisa di creare ostacoli al Re? Perchè, si risponde, essa non avea fede
nei Borboni.

Questa mancanza di fede non è in alcuna guisa dimostrata. Perchè furono
appunto i siciliani che nel 1799 ospitarono il Re, e furono essi, che,
durante la monarchia francese di Giuseppe e di Giovacchino, gli furono
fedeli.

La Sicilia non era gravata d'imposte eccessive. Mentre adesso paga
allo Stato per imposte circa 115 milioni all'anno, allora per le spese
generali non contribuiva al bilancio dello Stato che tenuamente. Ancora
nel 1860 il contributo della Sicilia alle spese generali del Regno non
era che di 17 milioni.

Certamente i magistrati e i funzionari che il Governo mandava non erano
sempre irreprensibili e molti erano egualmente sensibili al danaro e
devoti alle persone potenti.

Ma le popolazioni siciliane, mantenute in uno stato di grande
ignoranza, tutte le volte che potevano, mostravano il loro odio
ai napoletani. Napoletano voleva quasi dire straniero. In più di
un'occasione di impiegati e gendarmi napoletani fu venduta la carne
nelle strade, quasi a selvaggia vendetta.

La Sicilia avea tradizioni separatiste fortissime. Per secoli avea
avuta una monarchia propria e reggimento autonomo e istituzioni
differenti dagli stati della penisola. L'aristocrazia feudale
potentissima e più resistente che altrove, odiava la monarchia da cui
era stata diminuita. La classe media, desiderosa d'impieghi, vedeva
di mal'occhio i napoletani: ogni impiegato napoletano rappresentava un
nemico e un concorrente. Il popolo non si era ancora abituato dal 1734,
quando per la quarta volta la Sicilia fu unita a Napoli in uno Stato
solo, a considerare i napoletani come connazionali; li considerava come
stranieri e come dominatori.

Nel 1848 la Sicilia invitò un principe sabaudo, mandò molte bandiere e
pochi uomini in Lombardia: ma in fondo fece un movimento separatista e
fu la causa prima, come Settembrini e Massari riconoscono, della caduta
del movimento liberale in Italia.

Non solo separazione politica da Napoli; ma i suoi rappresentanti, con
eccessivo ardore, dichiaravano dal Re di Napoli non voler accettare
nemmeno le cose buone.


Ora Ferdinando II avea creduto e gli era stato fatto credere che,
all'annunzio della costituzione, la Sicilia si sarebbe calmata.
Avveniva invece il contrario.

D'altra parte i liberali pretendevano che la Sicilia non si dovesse
sottomettere con le armi; volevano con la guardia nazionale che vi
fosse una specie di nazione armata; pretendevano che il Re proclamasse
la lega dei principi italiani e l'unità della penisola.

Ora, tutte queste cose impensierivano il Re. Quasi metà del reame
si era distaccato e lo avea dichiarato decaduto; l'esercito era
malcontento; le passioni e le aspirazioni che il nuovo ordinamento avea
determinato erano violentissime.

I ministri, la stampa, il pubblico, non educati alla libertà, mancavano
non solo di garbo, ma di convenienza.

La stampa si permetteva sul conto della famiglia reale e degli antenati
del Re apostrofi irreverenti; in pubbliche dimostrazioni si portavano
sotto il palazzo reale i ritratti di Pagano, di Cirillo e di altri,
che senza dubbio iniquamente, erano stati fatti uccidere dall'avo del
Re. Questi richiami storici non aveano nulla di grazioso, nulla di
rassicurante sopra tutto.

Ma i ministri più degli altri mancavano di garbo; ve ne furono molti in
cento giorni e tra essi uomini di grande valore come Bavarese, Poerio,
Scialoia e altri insigni; ma la più gran parte erano avvocati, incapaci
di risoluzioni energiche, sempre disposti a gridare, a concionare, ad
apostrofare.

La costituzione rappresentava quanto di più liberale si potesse
volere; invece i ministri stessi, pochi giorni dopo la proclamazione
dello Statuto, lo discutevano e i giornali dicevano che bisognava
modificarlo.

Lo stesso Ministro di grazia e giustizia del secondo ministero
liberale, Aurelio Saliceti, invece di dare esempio di moderazione,
proponeva nuova costituzione: voleva fosse conceduto alla Camera
dei deputati il diritto di emendare la costituzione, fosse abolita
la Camera dei pari, si dichiarasse subito guerra all'Austria, senza
nemmeno bisogno di intesa con Carlo Alberto.

Con garbo non eccessivo, al Re, che gli mostrava la difficoltà di tutte
queste cose assieme rispose: — V. M. si ricordi di Luigi XVI e dei re
che non concedettero le riforme in tempo. —

Non era un modo molto gentile per ricordare a un re la storia; il
richiamo era anche meno rassicurante quando si pensi che l'avola del
Re, Maria Carolina, era sorella di Maria Antonietta.

Ferdinando sentiva il bisogno — e si potea dargli torto? — di risolvere
prima di tutto la questione siciliana. Si diceva invece dai ministri:
— Lasciate in pace i siciliani. Andate in Lombardia e vi troverete la
corona di Sicilia. —

Si pretendeva risolvere nello stesso tempo il problema dell'unità e
quello della libertà.

Non persuaso, Ferdinando voleva almeno che fosse prima stabilito, in
caso di vittoria, quali vantaggi avrebbe avuto il Regno del Piemonte,
quali quello di Napoli. I liberali dicevano: — Si vedrà dopo. Bisogna
andare senza discutere. —

E il Re a malincuore mandò un suo delegato a Carlo Alberto e truppe in
Lombardia sotto il comando di Guglielmo Pepe, che scontò poi nobilmente
a Venezia tutti gli errori del '20.

I giornali a Napoli pullulavano: se ne pubblicavano di ogni colore, di
ogni gradazione, di ogni tendenza.

Erano di una violenza di linguaggio appena credibile. Insultavano i
ministri, non risparmiavano lo stesso Re.

Gl'insulti più grandi erano per l'esercito; si diceva che la guardia
nazionale, espressione del popolo, dovesse stare a difesa della
libertà; l'esercito stanziale essere per sua natura artefice del
dispotismo. I generali si erano opposti alla spedizione di Lombardia:
era stata nuova cagione di insulti. Anche i migliori ufficiali rodevano
il freno e si sentivano trascinati contro il nuovo ordine di cose.


Mentre il 25 marzo si riuniva il Parlamento siciliano, e il Re,
non potendo far altro, si contentava di fare una protesta, due mesi
di libertà aveano trasformata Napoli in un alveare in rivoluzione.
Si credeva che le istituzioni liberali fossero un banchetto a cui
tutti dovessero partecipare. Cresceva il numero di coloro che voleva
impieghi a ogni costo e non umili impieghi, ma funzioni elevate e ben
retribuite. Si gridava contro i ministri. Il Bozzelli, esaltato fino al
giorno prima, veniva insultato come un traditore e un retrogrado.

A una prima crise ministeriale ne successe una seconda, a una seconda
una terza. Si disse che i ministri eran troppi pochi, che bisognava
accrescere il numero dei liberali nel Ministero.

Da sette i ministri diventarono dieci. Ma non era possibile contentar
tutti, e bisognava intanto quietare i più rumorosi. Qualche ministro
fece nominare un sottosegretario di Stato, istituzione inutile, visto
che v'erano dieci ministri e il reame non presentava un così grande
numero di affari amministrativi, sopra tutto dopo la separazione
della Sicilia. I sottosegretari ebbero 150 ducati al mese, e furon
detti _i centocinquanta_. Nessun ministro volle fare a meno del suo
_centocinquanta_, e peggio ancora si trovavano centinaia di persone che
volevano essere _centocinquanta_ a ogni costo.

Bodley dice che se si chiede a cento inglesi se si sentono capaci di
governare il loro paese e di far meglio dei governanti, novantanove
rispondono no; e laddove si domanda a cento francesi novantanove
almeno rispondono di sì e hanno già una soluzione pronta pei mali
del loro paese. Si può soggiungere che cento italiani sono concordi
nel rispondere sì. Fra gli italiani lo spirito di anarchia e di
indisciplina, che è in basso e in alto, dipende dalla troppa importanza
che si attribuisce a sè stessi e dalla poca che si attribuisce
agli altri. Nessuno crede da noi che il suo stato sia quello che le
proprie attitudini hanno determinato; tutti sono convinti che solo
l'ingiustizia della società condanni a una situazione modesta.

Quante volte avete sentito dire da un piccolo avvocato, da un modesto
mercante, o addirittura da un cocchiere: — Se io fossi Rudinì! se io
fossi Giolitti! se io fossi Pelloux! — E qui una serie di soluzioni.

Nel '48 a Napoli ragionavano tutti allo stesso modo.

Al Settembrini si presentò don Carlo Basile, bidello dell'Università
e autore di alcune insulsaggini a stampa. Voleva.... voi penserete che
volesse un avanzamento; voleva invece, avendo un programma di riforme
scolaresche, essere ministro della istruzione.

Si credeva che la democrazia autorizzasse a tutto. I posti nelle
amministrazioni furono moltiplicati; ma nessuna moltiplicazione era
sufficiente al numero degli aspiranti. Si era ottenuta la libertà con
dimostrazioni e con grida, perchè non si poteva ottenere un impiego?

Le anticamere dei ministri rigurgitavano, e chi non era contentato
diventava un denigratore e andava nei caffè e nei ritrovi pubblici, a
gridare, a vociare, a minacciare. Parea di essere tra energumeni.

Un'interpetrazione falsa della democrazia aveva rilassata ogni
disciplina.

Nessuno veniva risparmiato. Carlo Poerio, che era quasi passato dalla
prigione al ministero, e che, ahimè! dovea tornare alla prigione, non
potendo accontentare i postulanti veniva insultato. Si spargeva la voce
che egli fosse spia del Re, anzi traditore. Il Bozzelli non era che un
vanitoso; un avvocato facile più alla parola che pronto all'azione. Si
diceva invece che ricevesse danaro dal Re.

Una massa di gente chiedeva di essere restaurata dei danni patiti.
«Tutti i ministri, dice il Settembrini, erano oppressi dalle petulanti
e superbe dimande di uomini che parevano ubriachi e volevano essere
uditi per forza, pretendevano tutto per forza e credevano la libertà
un banchetto a cui ciascuno dovesse sedere e farvi una scorpacciata.
Salivano tutte le scale, strepitavano in tutte le case; era un'anarchia
brutta: e non v'era uomo sennato di qualsivoglia opinione, che non
desiderasse di vedere un governo forte e non dei ministri avvocati,
che chiacchierando sempre di legalità e di libertà, e avendo fede
solo nelle chiacchiere, facevano andare ogni cosa a rotoli, e poi se
ne spaventavano e davano le loro dimissioni, come fece il Ferretti, a
cui fu sostituito il Manna, e come fecero poi l'Imbriani per onorate
cagioni, il Ruggiero che si serbò a tempi migliori.»

Il Ministro degli affari esteri andò ad abitare fuori di Napoli,
sperando di mettersi in salvo: la sua casa continuò a essere invasa,
come prima, da postulanti.

Il ministro Vignali fu schiaffeggiato da una donna, che chiedeva con
arroganza cosa ch'egli non potea concedere.

Il conte Pietro Ferretti, ministro delle finanze, dovendo un giorno
recarsi a palazzo reale urgentemente per un consiglio di ministri,
fece dire alla folla d'importuni in cerca d'impieghi, che lo attendeva
nell'anticamera, che non potea quel giorno, chiamato altrove da urgenti
ragioni di Stato, ricevere alcuno: aggiunse anzi che dovea recarsi dal
Re, per consiglio dei ministri di grave momento. La guardia nazionale
che faceva da sentinella al Ministero delle finanze, invece di far
eseguire il comando, si rivolse al Ministro e gli disse in tono epico:
— Prima di essere ministro del Re, voi siete ministro del popolo.
Perciò non dovete andare a palazzo reale e dovete star qui ad ascoltare
il popolo. —

Il Ferretti cercò invano di reagire: dovè cedere alla singolare
apostrofe, e quel giorno non andò in consiglio dei ministri.

L'anarchia delle strade cresceva con l'anarchia del Governo. Il partito
assolutista, che aveva visto a malincuore le riforme costituzionali e
che ora assisteva allo sfacelo degli ordinamenti liberali, intrigava
per accrescere i disordini. Le vecchie spie licenziate, i Merenda, i
Barone e altra turba numerosa e spregevole soffiavano ne' disordini,
sperando che gli abusi stessi costringessero a tornare all'antico.

Nei ministeri era impossibile il lavoro. La stampa pubblicava
nefandezze di ogni genere. I timidi, gli incerti, molti fra i
più onesti, quasi cominciavano a desiderare la fine delle forme
costituzionali.

Nei circoli chi più gridava e più insultava era il più applaudito.
Si distinguevano i calabresi per violenza di linguaggio e per smodate
aspirazioni.

Il popolo che nulla intendeva di costituzione e che avea più fede nel
re che nei liberali, si mostrava avverso al nuovo regime. Si diceva:
— E se non si lavora e noi stiamo digiuni, che libertà è questa? Prima
il re era uno e mangiava per uno; ora sono mille e mangiano per mille.
— Alcuni sobillatori troppo esaltati o troppo perversi accendevano
le menti popolari. Bisognava che la libertà assicurasse qualcosa. In
un paese in cui non v'era nemmeno una classe operaia organizzata, ma
un artigianato quasi medievale, si reclamò il diritto al lavoro. Gli
operai torcolieri e i sarti fecero dimostrazioni clamorose, proclamando
i diritti più strani. Altre dimostrazioni dello stesso genere vi furono
nei paesi del territorio, dovunque fossero fabbriche.

A Napoli la naturale mitezza del clima, la facilità della vita, la
costituzione economica della città e della regione facevano esistere,
fanno esistere tuttavia una gran massa di popolazione che vive quasi
alla giornata. Turbe non educate le quali formano la base di ogni
rivolgimento. Sono state le bande sanfediste del '99 e prima e dopo la
causa più grande di agitazione e di pericoli in tutti i rivolgimenti
napoletani: sono anche ora un permanente pericolo. Su queste turbe
nessun altro potere esiste tranne quello dei preti.

Ora nel '48 il clero fu trattato con assai poco riguardo, anzi fu messo
da parte da prima, offeso di poi ripetutamente. Non potea ispirare e
non ispirò che sentimenti ostili alla costituzione.

Il ministro Saliceti volle l'espulsione dei gesuiti. Era una misura per
lo meno intempestiva, quando già vi erano tante questioni ardenti.

Fu deciso, invece, che da un giorno all'altro, entro ventiquattro ore,
i gesuiti sarebbero usciti dalla città e dal Regno. Era una misura
enorme, un inutile atto di prepotenza. I gesuiti, sempre abili, ne
profittarono e si vendicarono. Andarono via teatralmente, in aria
tristissima, trasportando il più vecchio in una carrozza scoperta, tra
i guanciali. Il vecchissimo era agonizzante e dava spettacolo miserando
a una turba infinita di popolo, che seguiva commossa e minacciosa.

Non si aveva nè dai ministri nè dalle classi dirigenti alcuna idea
precisa dei diritti e dei doveri. Il Ministro dell'interno, in una
circolare famosa, mentre prometteva la divisione dei beni comunali
ai cittadini, affermava che tutti _aveano diritto di partecipare ai
benefizi della proprietà_.

Libertà politica, diritto al lavoro, diritto alla proprietà: erano
proclamazioni enfatiche e avvocatesche, di cui non si misuravano le
conseguenze.

Non si sapeva dove si andasse: lo Stato era una nave senza nocchiero:
e se male le cose procedevano nella capitale, peggio procedevano
nelle provincie. Gli antichi odii determinati da prepotenze di
signori e di ricchi e dall'appropriazione abusiva da parte di costoro
delle terre pubbliche, diventavano più terribili. In alcuni paesi i
contadini invadevano le terre demaniali e feudali e se le dividevano
sommariamente. In provincia di Avellino, in Basilicata, in Calabria,
nel Cilento, dovunque erano scene selvagge di violenza. Si formavano
bande armate di contadini per rubare e dividersi i beni dei ricchi.

Coloro che il nuovo ordine di cose aveva offesi soffiavano dentro alle
rivolte ed eccitavano i contadini ad atti di spoliazione. I coloni si
rifiutavano di pagare gli affitti, e non vi era modo di astringerli
al dovere. La rapina e i ricatti delle bande armate, scriveva Carlo
Poerio, avevano finito con disgustare le masse degli onesti cittadini.

Nella capitale, come nelle campagne il popolo che nulla comprendeva di
costituzione, che per istinto e per tradizione odiava la classe media,
rimaneva avverso al nuovo regime. La libertà: che cosa dava ad esso la
libertà?

I ricordi delle orde sanfediste, la tradizione dell'anno 1799 e della
restaurazione borbonica, erano ancor vivi, e le masse, sobillate dai
preti, non vedendo nessun beneficio dal nuovo ordine di cose, credevano
che un ritorno al re assoluto avrebbe dato, sia pure per nuovi
rivolgimenti, la possibilità di ricavarne qualche benefizio.


Mentre la rivolta si faceva strada nelle province e la Sicilia aveva
costituito un governo proprio; mentre la guerra era in Lombardia e
il malumore cresceva; gli avvocati del governo impotenti a far nulla
di serio a causa di tante pressioni, agitavano idee e propositi
stravaganti. Si pensava più ai partiti che al paese; di ogni questione
personale si faceva una question generale. Fu compilata una legge
elettorale pessima; a chi si doleva fu risposto che era la migliore per
far riescire gli amici.

Le elezioni furono fatte il 15 aprile, e, per fortuna, diedero
risultati superiori a ogni aspettativa.

Carlo Poerio, degli Uberti, Ruggiero, Conforti, Imbriani ebbero
elezioni multiple. Fra gli eletti vi erano Spaventa, Savarese,
Dragonetti, Scialoia, Massari, Pisanelli, De Vincenzi, Mancini e
altri degnissimi. Fra i deputati prevalevano coloro che in passato
aveano sofferto persecuzioni; molti erano giovanissimi. Così come
nel Parlamento del '20 vi era qualche prete, qualche proprietario,
qualche nobile, alcuni professori; ma la grandissima maggioranza era di
avvocati.

Il Bozzelli, l'idolo della vigilia, l'autore della costituzione non fu
nemmeno eletto.

L'apertura del Parlamento era attesa con grande ansia, per lo
spettacolo nuovo, per la speranza di vittoria che era in tutti i
partiti, per il desiderio che era in moltissimi di battaglie di parole,
di cui sempre molto avidi si sono mostrati i meridionali.

Tre correnti si erano determinate: la prima, la più numerosa,
raccoglieva i malcontenti, coloro che a pochi giorni dalle nuova
costituzione volevano modificarla o abolirla. Si proponevano di
rovesciare il Ministero, di fare che la Camera dei Deputati funzionasse
da costituente e abolisse la seconda Camera, quella dei pari. Propositi
dissennati, conseguenze di letture mal digerite, di esempi mal
compresi.

La seconda corrente avea carattere regionalista, era anzi una corrente
napoletana. Non vedeva volentieri nè il movimento unitario, nè quindi
la spedizione in Lombardia. Si aspettava che il Parlamento facesse
ritornare le truppe dalla Lombardia e le spedisse in Sicilia. Fra
questi costituzionali sinceri, ma non unitari, erano appunto Bozzelli,
Blanch, Ciancinelli ed altri molti.

L'ultima corrente era rappresentata da coloro che a tutto anteponevano
il sentimento d'italianità; volevano che il re mandasse nuove truppe in
Lombardia e rinunziasse, almeno per allora, a riconquistare la Sicilia.

Così divisi erano gli animi dei liberali e troppe soluzioni erano
escogitate e troppe ventilate con gran leggerezza.

Così avveniva, che verso l'assolutismo, per desiderio di quieto vivere
e per odio all'anarchia che invadeva tutti, cominciavano a ripiegare
anche gli spiriti più temperati.

I deputati giungevano dalle province. Molti erano seguìti da
armati. O era la poca sicurezza delle strade, o era il desiderio
di mostrarsi disposti a difendere la libertà, anche con le armi, o
ardimento, vanità, o paura, o tutte queste cose assieme, soprattutto
dalle Calabrie e dal Cilento giunsero armati e per le vie di Napoli
circolavano facce contadinesche in aria spavalda e minacciosa.

La guardia nazionale avea più bandiere che armi, quasi più ufficiali
che soldati. Non istruita per mancanza di tempo e di disciplina,
raccoglieva tutti, pretendeva essere considerata come la sola e la
grande milizia della nazione. L'esercito minacciato, insultato, tenuto
da parte rodeva il freno: e tra il più gran numero degli ufficiali eran
propositi e desiderii di ritorno all'antico.


In queste condizioni dovea aprirsi il Parlamento.

L'apertura solenne fu fissata per il 15 maggio. Ma sette od otto giorni
prima di essa vi furono in parecchie case riunioni preparatorie.

Dopo una riunione tenuta in casa del medico Vincenzo Lanza, uomo sempre
disposto a morire per la libertà, ma che poi visse in seguito benissimo
sotto il dispotismo, fu deciso di riunirsi l'indomani nel palazzo di
città in Monteoliveto.

Fra tante difficoltà i deputati avevano un cómpito molto semplice e
chiaro: evitare ogni inutile lotta e rassodare la costituzione. Invece,
all'annunzio che il re avrebbe mandata l'indomani una formula di
giuramento di fedeltà alla costituzione promulgata, fu grande fermento.
Alcuno disse che avrebbe fatto appello al popolo, altri pronunziò
parole di biasimo. Si diceva che il Ministero avea promesso di svolgere
lo Statuto: e si sottilizzava che svolgere implicava anche il diritto
di rifare da capo a fondo.

Una costituzione, che era forse la più liberale di Europa o almeno
fra le più liberali, pareva insufficiente e ogni avvocato volea
modificarla: quasi si fosse trattato di un atto notorio o di una
comparsa conclusionale.

L'indomani vi fu una nuova riunione; e furono propositi anche più
violenti. Giunse la formula del giuramento quale il re desiderava;
era presso a poco quella attualmente in uso nei parlamenti dei paesi
costituzionali: si prometteva fedeltà al re, allo statuto e alla
religione. Com'era possibile rifiutarla?

La maggioranza dei deputati non volle saperne. I ministri timidi,
invece di appoggiare il re, decidevano che la miglior cosa fosse non
giurare affatto.

Il re consentiva ancora a modificare la formula del giuramento; ma
nemmeno questa concessione valeva a nulla. I ministri andavano e
venivano dal Re al Parlamento e dal Parlamento al Re: i deputati
si ostinavano a dire di essere un'assemblea _costituente e non
costituita_. La frase era trovata: la vaghezza del polemizzare e del
discutere faceva quasi dimenticare il pericolo. Qualcuno fra i deputati
annunziava che se si fosse dovuto giurare avrebbe proclamato dinanzi al
popolo il tradimento della monarchia.

Il ministero inetto non trovava alcuna soluzione. Il grande storico
che lo presiedeva era accidentato e si facea trasportare: conosceva
del resto assai più la vita dei Longobardi che le difficoltà de' suoi
tempi.

L'agitazione passava intanto nella piazza.

Si diceva: — Il Re tradisce la costituzione! la Camera non è
costituita! bisogna che il popolo si faccia valere. —

Le bande armate cominciavano a circolare per le strade a tutela
della libertà. Pietro Miletto e Giovanni Andrea Romeo, armati di
_boccaccio_ l'uno e di _trombone_ l'altro, e seguìti da altri armigeri,
tumultuavano e minacciavano.

Si formavano di nuovo le dimostrazioni. Un deputato gridava ai
dimostranti che i rappresentanti della nazione si sarebbero fatti
uccidere piuttosto che permettere al Re di tradire.

Nella sala dei deputati, individui estranei eccitavano alla rivolta.

Non si sa bene per opera di chi le prime barricate si formavano. Si
disfacevano le insegne, si rovesciavano le carrozze, si smuovevano i
pavimenti delle strade. Un individuo che ebbe nome di patriota e di
repubblicano, introdottosi abusivamente nella sala dei deputati alla
testa di schiamazzatori e in aria di minaccia, propose non si facesse
alcuna _transazione_ se prima il Re non consegnasse alla guardia
nazionale i castelli e le armi.

Quest'idea temeraria e dissennata fu accolta con un diluvio di
applausi. Nella notte fra il 14 e il 15 il Re, sperando di evitare
la rivolta, cedeva su tutto, tranne che sulla cessione dei castelli.
Accettava perfino che la riunione del Parlamento avvenisse senza che i
deputati prestassero il giuramento di fedeltà.

Invece nella notte le barricate erano cresciute. Ve ne erano
diciassette in via Toledo da San Ferdinando a Santa Teresa e
sessantadue nelle vie adiacenti.

I deputati, avendo ottenuto tutto ciò che volevano, facevano dal
vicepresidente affiggere una notificazione, pregando la guardia
nazionale di ritirarsi e gli amici della libertà di disfare le
barricate, affinchè il Re potesse la mattina andare con il corteo ad
aprire la sessione parlamentare della prima legislatura.

La truppa intanto aveva occupato le piazze, temendo violenze da parte
dei rivoltosi.

La mattina del 15 vi fu nuova gravissima agitazione. Si pretendeva che
il Re ritirasse immediatamente i soldati: solo allora, si diceva, si
sarebbero disfatte le barricate.

Ma dietro queste ultime erano alcuni energumeni, moltissimi di quelli
che speravano e volevano nuovi rivolgimenti, perchè la libertà non avea
data loro nessuna di quelle cose cui aspiravano. Su di essi nulla potè,
non l'intervento del vecchio e venerando generale Gabriele Pepe, messo
dai deputati a capo della difesa nazionale; non la commissione mandata
dai deputati.

Questi ultimi, la mattina del 15, sedevano in Monteoliveto e agitavano
propositi disparati. Alcuni di essi erano sicuri che l'inaugurazione
sarebbe avvenuta, ed erano in abito nero e cravatta bianca.

I rivoltosi delle strade, non cedendo ad alcuna ragione, avevano invece
rafforzate le barricate. Si trovavano di fronte, in parecchi punti,
l'esercito e i rivoltosi.

I soldati, che da parecchi giorni e da parecchie notti erano in uno
stato di tensione grandissima e avevano a capo ufficiali contro cui più
grandi erano le avversioni dei liberali, erano stanchi ed esausti.

A un tratto, dalle barricate in piazza San Ferdinando furon tirati
su di essi i primi colpi e caddero uccisi un granatiere e un capitano
della guardia. Fu il segnale della battaglia: gli svizzeri, atterrate
le prime barricate, si slanciarono per la via Toledo.


La storia dell'eccidio del 15 maggio è nota. Nel combattimento per
le strade parecchi furono uccisi; molti morirono che non avevano
colpa alcuna. Gli svizzeri commisero alcuni atti di crudeltà: furono
trucidati dei giovani di molto valore e che grandi speranze avean fatto
concepire. Il popolo sopra tutto fece peggio dell'esercito, peggio
degli svizzeri. Rubò, saccheggiò, incendiò come in tutte le sommosse e
in tutte le rivoluzioni di Napoli.

I morti furono molti, qualche centinaio forse: alcuni palazzi furono
incendiati.

La sera Napoli era in un silenzio di morte, in quel silenzio che segue
le grandi tragedie di un paese.

Chi potè fuggi la città: alcuni, prevedendo repressioni, si misero in
salvo immediatamente.

I deputati che avevano mostrato così poche attitudini nelle dubbiezze,
o che almeno erano stati soverchiati dalla immonda marea che veniva
dal basso, prima di separarsi scrissero gagliarda protesta e la
consegnarono al più giovane, a Stefano Romeo, affinchè, rifugiandosi
all'estero, la divulgasse in tutta Europa.

La protesta, redatta da Mancini, fu sottoscritta da 66 deputati.

Napoli fu prima a insorgere per la costituzione; fu anche la prima a
cadere nella reazione.

Dopo il 15 maggio il re non abolì la costituzione; tenne anzi fra i
suoi ministri parecchi degli antichi liberali. Fu sciolta la guardia
nazionale e il Re, proclamandosi ancora una volta difensore della
Statuto, sciolse la Camera e indisse le nuove elezioni.

Ma l'orientamento della politica nuova si vide quando, poco tempo dopo,
richiamò le truppe che avea mandato a combattere in Lombardia.

A spingere Ferdinando nella via della reazione contribuì il fatto, che
parecchi fra i deputati, partiti immediatamente per le province, si
proposero e tentarono di organizzare là rivoluzione.

Qualcuno volle perfino ripetere la spedizione del cardinale Ruffo e
mettere questa volta la Santa Fede al servizio della libertà. Furono
tentativi e la spedizione di Calabria e le rivolte del Cilento,
nonostante gli aiuti di Sicilia, non ebbero alcun risultato.

Nell'anima popolare era assai più grande la fede nel Re che nei
liberali. Tutte le volte che il popolo della città, come quello
della campagna, si pronunziò liberamente, fu sempre per la causa
legittimista, non per criterio o ragione politica, bensì per antica
tradizione e per odio alla classe media.

La sessione parlamentare che si tenne dopo i fatti del 15 maggio non
poteva avere una grande importanza. Le elezioni avevano mandato uomini
degni in grandissima parte, ma la sfiducia era in tutti.

Il Re non abolì la costituzione; ma non l'applicò. Il Parlamento
fu tollerato fin quando la causa della reazione in Europa non parve
sicura, e fino a quando si temette l'intervento straniero.

La stampa fu per poco tollerata anch'essa.

I partigiani dell'assolutismo e alcuni che volevano far dimenticare la
parte avuta nei moti liberali, fecero girare una sottoscrizione in cui
si chiedeva al Re di abolire la costituzione.

La stampa liberale era stata indegna: più indegna ancora fu la stampa
che sorse in difesa del militarismo e dell'assolutismo. Invocava
persecuzioni, repressioni, violenze, additava persone fra le più
stimabili all'odio soldatesco e alle vendette del Re.

Vi furono esempi mirabili di carattere da parte di quelli che, con la
moderazione e con infiniti sacrifizi, cercarono di salvare la libertà
pericolante.

La prima cosa che il re volle, dopo il richiamo delle truppe di
Lombardia, fu domare la rivoluzione di Sicilia. Quella sciagurata
rivoluzione, troppo forse esaltata e contro cui nobilissime parole
scrisse Vincenzo Gioberti, fu la vera causa, la causa intima e reale
dei rovesci del 1848.

La riconquista dell'isola non fu facile; vi furono combattimenti
sanguinosi e qualche volta crudeli. I soldati lanciarono bombe sugli
edifizi e Ferdinando fu detto _re Bomba_.


Nell'animo del re si operò una trasformazione profonda. Fra il '30 e
il '48 era stato principe liberale e vago di cose nuove e desideroso di
assicurare la grandezza del suo paese.

Quelli eran dunque i frutti della libertà? La libertà non produceva
che disordini? la libertà era dunque la rivoluzione in permanenza? Lo
incitavano, lo adulavano, lo stimolavano con l'adulazione bassa, con
l'intrigo maligno a sbarazzarsi di chiunque fosse sospetto.

Volle essere il difensore dell'assolutismo.

Non era un fulmine di guerra, come suo padre e come il suo avo non
erano; volle andare non di meno nel territorio romano a combattere la
repubblica e a restaurare la monarchia pontificia. Quasi non vide il
nemico, cui di molto soverchiava in forze e fuggì.

L'umiliazione e gli scherzi che la stampa europea fece sul suo conto lo
eccitarono: divenne più sospettoso, più timoroso.

In altri tempi avea limitata la potenza dei preti: volle mettersi
nelle loro mani più che potè. Mandò e fece mandare predicatori dovunque
sospettava vi fossero liberali.

Sospettoso di tutti si mostrò avverso a ogni novità, ad ogni riforma,
ad ogni mutamento: gli parevano roba da _paglietti_, cioè da avvocati,
e alle chiacchiere degli avvocati attribuiva i fatti dolorosi di cui
egli e il regno soffrivano.

In seguito alla repressione del 15 maggio, furono processati
moltissimi cittadini e vi erano fra essi gli uomini più illustri della
città, deputati che avevano fatta opera di moderazione e perfino i
ministri, che fino quasi alla vigilia sedevano nei consigli del Re
costituzionale.

Ferdinando è stato ritenuto finora un tiranno: le sue crudeltà (se la
paura è crudeltà) sono state esagerate e quella grossolana malizia
di cui egli stesso si compiaceva e che era la sua forza e la sua
debolezza, è parsa un'arte di dispotismo e di intrigo.

Ma, a giudicare con serenità, dopo quarant'anni dalla sua morte, egli
non fu se non un uomo buono e mediocre, intelligente e grossolano,
animato dalle migliori intenzioni e rovinato dalla paura. I suoi
ministri, i suoi cortigiani, perfino i suoi avversari furono spesso
inferiori a lui.

Come può essere chiamato crudele chi non fece, dopo i fatti del 15
maggio, eseguire condanne di morte? La causa contro i rei di Stato
durò otto mesi ed ebbe 74 udienze pubbliche. Gli avvocati parlarono
ampiamente, gli accusati furono giudicati non dai tribunali militari,
ma dalle corti criminali. I giornali dell'alta Italia riproducevano i
resoconti del processo, e il tribunale diventava in tal modo un mezzo
di propaganda.

Molte condanne vi furono, e molto inique. Ma la più gran parte furon
poi commutate. Il Re era migliore della classe di governo e le colpe
maggiori vanno imputate non a lui, ma ad altri.

Quando noi ci ripieghiamo sulla nostra coscienza, vediamo che
Ferdinando II fece meno di quello che governi liberi e in tempi di
maggiore civiltà fecero per ragioni di ordine interno in periodi di
rivolte.

Le accuse su di lui sono state tante! Si è detto perfino che la prova
più grande della corruzione e del disordine del suo reame si trova nel
romanzo di Ranieri: _L'orfana dell'Annunziata_, pietosissima storia
dei fanciulli esposti e ricoverati nella casa dell'Annunziata. Eran
queste cose colpa del Re? Dopo mezzo secolo, e in regime liberale,
un'inchiesta eseguita pochi anni or sono ha mostrato che queste torture
non sono più possibili, poichè i bambini preferiscono, senza dubbio per
loro volontà, morire tutti nel primo anno di età.

Ferdinando è stato ritenuto responsabile di colpe non sue, e quella
che era in lui pochezza o insufficienza, determinata dai pregiudizi
dell'ambiente è stata giudicata ben altrimenti.

La rovina della dinastia borbonica è stata determinata meno
dall'essersi opposta alla libertà che dall'essersi opposta all'unità,
movimento allora irresistibile e rispondente a un bisogno di tutta la
civiltà europea.

Ma anche in questa opposizione Ferdinando non fu cieco: e fin dopo
il 15 maggio non escluse recisamente l'idea federativa. Volea solo
assicurare al suo reame, che era il più grande, quella egemonia che,
per insipienza de' suoi ministri e per mancanza d'iniziativa da parte
sua, andò poi al Piemonte.


Che cosa diede Napoli, nel 1848 e fra il '48 e il '60, all'Italia?
Diede l'impulso, diede l'irrequietezza, diede ciò che è più, l'esempio.

Il sapere all'ergastolo o nell'esilio, tormentati o profughi, i più
alti intelletti d'Italia, una schiera illustre quale nessun paese
d'Italia ebbe: Poerio, Settembrini, Scialoja, Pisanelli, De Sanctis,
Mancini, Spaventa, Ciccone, De Meis, e tanti altri degnissimi era
ragione continua di agitazione. Questa schiera illustre, o soffrendo
nell'ergastolo, o nell'esilio combattendo nel giornalismo e dalle
cattedre, eccitava le menti e l'autorità dei loro nomi, pareva ed era
garanzia della causa.

Fra il 1849 e il 1860 si può dire che l'agitazione sia stata fatta
esclusivamente dai meridionali. Il giornalismo inglese non si occupava
che del Regno di Napoli, che Gladstone avea visitato e in cui i
processi clamorosi nei quali si battevano più per la causa italiana che
per sè stessi uomini insigni, assumevano proporzioni di avvenimenti.

Le colpe del Re erano esagerate, e quelle dei liberali dimenticate: ma
l'esagerazione e l'oblio sono due mezzi di lotta antichi e servivano
anch'essi alla causa.

Solo, a mezzo secolo di distanza, noi abbiamo il dovere di una maggiore
giustizia e non possiamo più attribuire a una dinastia, a un uomo le
responsabilità di tutto un paese.

Noi abbiamo ancora, anzi più che mai, il difetto di voler trovare nella
storia dei _tipi_: cioè uomini che hanno rappresentato in bene o in
male un'epoca. Quando giudichiamo il passato non amiamo i chiaroscuri,
non amiamo la storia della folla.

Il '48 in Italia ci pare raffigurato da Carlo Alberto, da Mazzini,
da Garibaldi, da Ferdinando II, da Pio IX, da Pellegrino Rossi, dalla
schiera illustre dei perseguitati di Napoli.

Eppure noi intenderemo il '48 solo quando seguiremo il processo
inverso, quando lasceremo di parlare di alcuni individui e scenderemo
in basso e studieremo le passioni e i bisogni che agitavano le folle.
Solo allora ci spiegheremo la diversa condotta di alcuni uomini, la
incapacità di altri: solo allora vedremo con ampiezza e giudicheremo
con serenità.



LA SICILIA E LA RIVOLUZIONE

CONFERENZA DI FRANCESCO CRISPI


Spezzata, per un moto violento della natura, dal continente europeo — a
pochi passi dall'Africa — siede, cinta dalle acque, la Sicilia nostra.
La sua singolare struttura, i suoi confini eterni, la sua storia ne
formano un corpo superbamente autonomo; ed essa avrebbe avuto gli
elementi per reggersi indipendente e sicura, se la sua feracità e la
sua bellezza non avessero risvegliato gli appetiti dello straniero. Da
ciò la credenza popolare che là l'orbe abbia principio e fine, sicchè
il poeta cantò:

    .......... sia baluardo suo
    Il mar che ne circonda......

                                   *
                                  * *

La Sicilia fu orgogliosa della sua autonomia, e la mantenne coi suoi
Parlamenti anche quando costretta ad obbedire ai re lontani. Bisogna,
però, ricordare che, nei momenti più faticosi della vita italiana,
l'isola coraggiosa vi partecipò con le opere sue, e, nel periodo della
nostra epopea nazionale, fu il punto di partenza dell'azione popolare.

                                   *
                                  * *

Il mondo greco nell'isola fu splendore di civiltà. Con Siracusa ed
Agrigento, la Sicilia nelle arti belle e nelle indagini severe della
filosofia, nei fulgori dell'eloquenza e nell'impeto fascinante della
poesia, vinse Atene e Roma. Ai Cartaginesi, come pena della sconfitta
subìta in Imera, fu inibito di sacrificare agli dèi vittime umane.
Gelone, non per sè, nè per la patria sua, ma per l'umanità pattuì il
premio della vittoria.

Il mondo romano ci soggiogò, e per la vita incerta fu spezzata l'opera
del progresso. Con Cesare avemmo il diritto italico, con Antonio la
cittadinanza romana, ma i due beneficii furono tosto annientati, e
fummo annessi alle provincie abbandonate agli arbitrii del Senato.
Seguirono i furti, le dilapidazioni dei pretori, le spoliazioni delle
città e delle campagne; tanto che, a riparare i danni, Ottaviano
Augusto dovette mandare coloni nei luoghi resi deserti dal mal governo.

Più tardi, a compiere la cruenta èra dei martirii, quando, per le
ingrandite conquiste l'impero fu bipartito, la Sicilia appartenne a
Bisanzio, che non seppe governarla nè difenderla — e però l'isola cadde
in preda dei Saraceni.

Ma dall'epoca del dominio normanno, e, più propriamente, dal regno di
Ruggiero, trae origine la moderna vita politica siciliana, la quale
forma un ciclo di otto secoli, che si chiuse con la dittatura di
Garibaldi.

                                   *
                                  * *

La monarchia normanna precedette tutte quelle che più tardi si
fondarono sul continente italiano. Essa estendeva il suo impero nella
penisola — e mirava più lungi; tanto vero, che Ruggiero, in parecchi
diplomi suoi, s'intitolava _re d'Italia_.

Il nuovo principato fu costituito in tutta la pienezza della sua
autorità. Il re, capo dello Stato, nessuno emulo suo, principe
nazionale o straniero che fosse.

O di mala voglia, siccome talora parve indicare la curia vaticana, o,
com'è più logico, a premio della vittoria sul patriarcato bizantino,
Urbano secondo cedette a Ruggiero, per sè ed i suoi successori in
perpetuo, la legazione apostolica. Quindi il re istituiva diocesi,
nominava vescovi ed abati, esercitava con sovrana potestà giurisdizione
e polizia nella chiesa.

Questa unità nel potere, questa armonia nell'esercizio delle funzioni
regie, corroborarono la forza del principato. Sino ai giorni nostri il
clero nell'isola fu regio e non papalino. Nelle cospirazioni, e sulle
barricate, al 1848 ed al 1860, avemmo compagni preti e frati. Il clero
papalino cominciò a fiorire dopo la legge del 13 maggio 1871. Questi
ricordi possono essere un ammonimento ai moderni uomini di Stato.

                                   *
                                  * *

La Santa Sede non concedette mai riposo ai re di Sicilia. Dai primi
dubbii sulla interpretazione della bolla di Urbano, che condussero al
trattato di Benevento del 1156, alle inimicizie palesi sotto Federigo
lo Svevo, alle iniquità di Innocenzo III, è tutta una odissea più che
secolare di triboli e di persecuzioni.

Per colmo di misura, salirono l'un dopo l'altro, sul trono di Pietro,
pontefici francesi nei quali le ambizioni e le insidiose abitudini
della Curia non erano temperate da sentimento di patria. Avevano le
teorie di Ildebrando senza la grandezza del principe.

Dovrò io ricordare che Urbano IV esibì il regno di Sicilia al
migliore offerente? Che lo concedette in feudo a Carlo d'Angiò? Dovrò
ricordare la pietosa fine di Manfredi innanzi Benevento? E quella,
dopo Tagliacozzo, di Corradino? E i sedici anni di infame, invereconda
tirannide che ne seguirono? E l'epica, la fulminea ribellione del
Vespro? O non è forse la guerra dei trent'anni sufficiente documento
della fibra leonina del popolo siciliano, abbeverata nel proprio
sangue, temprata ne' proprii dolori, inaccessibile a seduzioni, a
corruzioni, a lusinghe?

                                   *
                                  * *

Singolare a notarsi: dal 1078 al 1860 in Sicilia ebbero vita nove
dinastie; molte di esse furono detestate, nessuna riuscì a metter
salda radice nell'isola.... eppure il popolo fu mai sempre monarchico.
Delle rare proclamazioni repubblicane fu causa l'assenza temporanea
del principe: ma il governo del demo disparve, per mancanza di seguaci
serii e convinti, senza rammarico — e mancò sempre forza e coesione di
partigiani per restaurarlo, in più che quaranta rivoluzioni!

Esempio insuperato di virtù — se virtù è la pazienza dei popoli — i
Siciliani insorsero spesso contro gli uomini, non mai contro il regime.
Così, indignati per la sfacciata corruzione dei pubblici funzionarii,
feriti dalle nuove imposte cinicamente meditate dal Parlamento, ansiosi
di un più mite governo — i palermitani insorgevano. E davano inizio
alla sommossa, portando in trionfo il ritratto del re.

Al 1547 il plebeo Alesi, superbo delle sue vittorie sui nobili e sui
funzionarii dello Stato, respingeva i consigli di democrazia e voleva
monarchicamente governare; ed il notaio Vairo, che, nel movimento
dell'anno stesso non potè far valere le sue idee di repubblica, fu
insieme ai suoi compagni, strozzato dal boia.

La stessa sorte toccò ad Ignazio Volturo nel 1704, e nel 1795 a
Francesco Paolo de Blasi e ad altri suoi compagni.

                                   *
                                  * *

La monarchia siciliana surse con forme parlamentari. La sua
costituzione risentì dei tempi e degli uomini che la formarono.

Nei primordii, il Parlamento si riuniva in unica assemblea, nella
quale intervenivano i prelati, i baroni ed i sindaci delle città
libere. Sotto gli Spagnuoli l'assemblea fu ripartita in tre: il braccio
militare, l'ecclesiastico ed il demaniale.

E fu male, imperocchè bastava che i due bracci aristocratici si
accordassero contro la parte popolare, per imporre la legge.

L'autorità del Parlamento diminuì sempre sotto il dominio straniero.
Si convocava soltanto quando il re avea bisogno di sussidii, e la
rappresentanza nazionale si limitava a reclamare dal principe i
provvedimenti pei pubblici servizii sotto l'umiliante titolo di
_grazie_.

Scoppiata la grande rivoluzione francese, i Borboni furono espulsi
da Napoli e trovarono asilo in Sicilia, sotto la tutela dell'armata
britannica. La sventura non fu loro di lezione; anzi, abusando della
loro autorità, relegarono in un'isola parecchi Pari del Regno, i quali
avevano protestato contro il re violatore della costituzione.

La Corte, minacciata dal ministero inglese che voleva la pace
nell'isola, venne a migliori consigli. Il re nominò a suo vicario
il principe reale e si ritirò in campagna, e la regina, che era
considerata provocatrice precipua delle violenze, partì per Vienna.

Con questi mutamenti parve rasserenarsi l'aere politico. Le Camere,
riunitesi, modificarono lo Statuto del regno, restituendo in
vigore alcune delle antiche disposizioni che erano state revocate
dall'arbitrio regio.

Il buon regime fu di breve durata. Ferdinando, per le migliorate
condizioni dell'Europa in suo vantaggio, riassunse il potere e sciolse
la Camera. Quindi convocò i comizii e manipolò una rappresentanza di
impiegati e demagoghi, a renderla spregevole. Finalmente il 14 maggio
1815, dopo il trattato di Vienna, chiuse il Parlamento per non più
riaprirlo.

A trovar complici nel popolo tentò con emissarii suoi di promuovere
petizioni e spingere i consigli municipali a chiedere l'abolizione
della costituzione. Ma conseguì un effetto contrario, perocchè l'azione
perversa dei nemici del paese provocò una agitazione universale per la
convocazione del Parlamento.

Ne seguirono arbitrii e violenze, tra cui la chiusura delle stamperie
e l'arresto dei tipografi per impedire la pubblicazione dei giornali.

                                   *
                                  * *

La vita di un popolo è la sintesi della sua storia. Esso non perisce,
ma si perpetua, e però gli eventi che nel corso dei secoli si svolgono
in lui e per lui, ne costituiscono la forza intellettiva, la quale lo
spinge per determinati scopi all'azione.

Il colpo violento recato alle istituzioni politiche del regno ferì
gravemente il cuore dei Siciliani. L'isola non aveva che tradizioni
di libertà, ed i Borboni furono i primi fondatori del principato
assoluto. Si comprende che le violenze del despotismo doveano figliare
cospirazioni e rivolte.

Davano singolarità al carattere dei miei conterranei: la monarchia
tradizionale, il tradizionale Parlamento. E non si smentirono. Quando
al 1820 furono spinti dalla carboneria a fondersi in quella menzogna
geografica del regno delle Due Sicilie, risposero gridando per le
strade: _Indipendenza o morte_.

Si ricorda un fatto speciale di quei giorni che definisce la
personalità dei nostri uomini politici. Il 18 luglio 1820, il popolo si
volge al principe di Castelnuovo perchè voglia capitanarlo; il vecchio
patrizio, al vedere il tricolore sul petto dei cittadini, grida:

— Quella non è la coccarda siciliana. —

E volge loro le spalle.

Ebbene, Carlo Cottone, principe di Castelnuovo, pari del regno di
Sicilia, fu uno dei più ardenti promotori delle riforme politiche
al 1812. Fu tra i baroni che al 1811 avevano protestato contro
Ferdinando III, per aver questi decretato l'imposta sulla rendita senza
l'autorità del Parlamento. Ministro delle finanze nei giorni classici
della monarchia costituzionale, provocò la legge per l'abolizione
della feudalità e del fidecommesso. Fu sobrio, rigido, uomo di Stato
all'inglese. Venuti i tempi tristi della servitù, rifiutò il pagamento
delle imposte, perchè non votate dalle Camere, e fu miracolo di
cittadino sotto una tirannide che nulla perdonava. Morendo, ricco
signore, distribuì la sua cospicua fortuna ad opere di beneficenza e di
educazione popolare.

                                   *
                                  * *

Fedele alle sue tradizioni, il popolo siciliano si teneva nel campo
chiuso della sua politica locale.

La _Giovine Italia_ non ebbe fortuna nell'isola nostra. Mazzini ebbe
amici, non seguaci. I suoi scritti, il suo giornale _L'Apostolato_ si
leggevano con ardore, come tutte le stampe proibite, ma non facevano
proseliti.

Al 1837, quando queste cose seguivano, nella insurrezione di Catania
e Siracusa, nei proclami popolari, si rivendicava la costituzione del
1812!

Per dare unità di scopo ai movimenti futuri, al 1844 fu costituito in
Napoli un Comitato. Lo componevano cittadini napoletani e siciliani.
Non si pensò affatto alla repubblica. L'ideale dei cospiratori era
l'istituzione di un re con due Parlamenti, sull'esempio della Svezia e
della Norvegia.

Mentre l'azione segreta dei liberali si estendeva nel mezzogiorno della
penisola, occorse un caso singolare a scuotere le nostre popolazioni:
l'assunzione di papa Mastai. Pio IX si presentò alle accese fantasie
del popolo italiano in veste di liberale riformatore. Ricordate gli
entusiasmi, le frenesie! Ricordate gli entusiasmi, le frenesie! E
l'apostrofe del poeta che al nuovo pontefice gridava: — Nessun fu così
vicino a Dio, siccome tu in quel giorno! E, come vinti da un santo
contagio, gli altri principi ne seguirono l'esempio — tutti, eccettuato
il Borbone.

La Sicilia, non pertanto, continuò la sua via, e non mutò il suo
disegno, cioè il ritorno alla costituzione del 1812. Esempio nuovo
nella storia, sui principii di gennaio 1848 apparve un proclama in
Palermo dichiarante che se il giorno 12 di quel mese il re non avesse
soddisfatto le giuste istanze del popolo, questo sarebbe insorto. Ed
insorse; combattè ventiquattro giorni e vinse.

Il moto palermitano fu impulso alle maggiori città d'Europa. Parve
iniziativa alla rivoluzione universale. In Italia fu il segno d'una
crociata contro lo straniero.

I principi, non escluso il Borbone, a calmare i popoli, diedero le
costituzioni. La Sicilia ferma nei suoi propositi, non s'illuse, e
convocò il suo Parlamento.

Uno dei primi decreti del potere legislativo fu la proclamazione della
decadenza dei Borboni. L'isola fu quindi dotata di un nuovo Statuto,
nel quale si sanciva la sua indipendenza e si proibiva al re di avere
il dominio di altri Stati.

                                   *
                                  * *

Se il contegno politico dei siciliani dimostrava la loro costanza, non
può dirsi che l'azione dei medesimi pregiudicasse il successo della
causa nazionale. Allora la guerra contro l'Austria era un sentimento
universale, ma in pochi era la visione della grande patria italiana.
Giova ricordare che al 1849 in Roma fu proclamata la repubblica romana
e non la repubblica italiana. E quando Mazzini, triumviro, mandò
suo legato a Firenze il dottor Pietro Maestri, Guerrazzi respinse le
proposte di unione, invano offertegli dall'amico nostro.

La lunga storia del 1848 e del 1849 è nella mente di tutti.

Le insurrezioni furono fortunate, e lasciarono memorie gloriose
degli eroismi popolari. Le guerre furono infelici; pei tradimenti dei
principi, per malaugurate discordie, siamo stati sconfitti laddove
credevamo sicura la vittoria.

Carlo Alberto fu due volte vinto, e tutto parve perduto. Ma non mancò
agli sperati trionfi la volontà, ed il coraggio della Sicilia. Essa
ritornò sotto la tirannide dopo le arsioni di Messina e di Catania.
Della romana repubblica ho l'angoscia di ricordare che fu soffocata
dalla repubblica francese sua sorella; di Venezia, che fu vinta
dalle bombe e dal colèra, dopo aver dato prova di un eroismo temprato
nell'adamante delle sue fulgide memorie antiche.

Qui comincia l'esodo dei migliori cittadini; ma le sventure furono
scuola di abnegazione e di costanza nei sacrifizii. Gli esuli, quando
suonò l'ora dei combattimenti, furono mente e braccio nell'azione
suprema.

                                   *
                                  * *

Ed or si apre un mondo nuovo innanzi a noi: la Sicilia italiana.

La Sicilia, superba della propria autonomia, che avrebbe dato la vita
per la propria indipendenza, cospira contro le sue tradizioni, rinunzia
al suo re, al suo Parlamento, alla sua legislazione, per fondersi nella
grande nazione, che si estende dal mare africano alle Alpi estreme.

Il 30 dicembre 1849 il direttore generale della polizia, nella
relazione sullo spirito pubblico, scriveva al suo ministro in Napoli,
meravigliato ed indignato ad un tempo per quello che era avvenuto
nell'isola. È incredibile, egli osservava, qual mutamento si è
determinato nella opinione del paese. Questo popolo, fiero della sua
autonomia, che si oppose con furore alla sua fusione con Napoli dopo il
1815, oggi parla di vita italiana.

Sono popolari i nomi di Garibaldi e di Mazzini, e si lusingano le plebi
che costoro verranno alla testa di un corpo di emigrati.

Così fu — ed il nuovo ideale ebbe anch'esso i suoi martiri. Ma le
fucilazioni e gli arresti arbitrari, le sevizie e le torture non
spegnevano, anzi — come sempre accade — alimentavano l'apostolato.

Il 27 gennaio 1850 il feroce Maniscalco, dando carattere ed importanza
d'insurrezione ad una semplice dimostrazione popolare, fece fucilare
il giovane avv. Garzilli con altri cinque compagni, i quali poscia,
istruito il processo dalla ordinaria autorità giudiziaria, furono
riconosciuti innocenti.

Il 16 marzo 1857 toccò la stessa sorte a Giuseppe Bentivegna ed a
Salvatore Spinuzza, imputati soltanto di cospirazione.

La restaurazione fu dissennata quanto crudele.

Il re nulla fece per affezionarsi le città, per amicarsi le campagne;
tutto, invece, perchè gli odii rinascessero ed inacerbissero. Non
eravamo un popolo da governare, ma schiavi da tenere in servitù. Il
paese era un campo trincerato, nel quale stavan di fronte esercito
e cittadini, pronti a rompere ed a lacerarsi tra loro. Il governo,
temendo sempre un ritorno delle giornate del 1848, considerava ribelle
e puniva di morte il detentore di un'arme, arrestava e torturava
chiunque ricevesse la lettera di un esule che osasse scrivere di
politica.

E doveva avvenire quello che avvenne: lo scoppio irresistibile dell'ira
popolare.

                                   *
                                  * *

La insurrezione più volte tentata e più volte differita, ruppe il 4
aprile 1860 al convento della Gancia di Palermo.

Alle prime notizie, Garibaldi, sciogliendo la fatta promessa, s'imbarcò
coi Mille a Quarto e scese a Marsala. Pel duce fu una serie di
vittorie, a Calatafimi, a Palermo, a Milazzo.

Nell'epistolario di Massimo D'Azeglio è una lettera ad un amico, nella
quale si meraviglia dei trionfi di Garibaldi. Egli non sa comprendere
come il gran capitano abbia potuto vincere con mille uomini un re,
difeso da valido esercito e che aveva una flotta potente a guardia del
suo territorio.

La spiegazione è facile: il Borbone aveva tutto il popolo contro di sè;
e gli era ostile l'opinione d'Europa.

                                   *
                                  * *

La Sicilia, interessata alla redenzione di tutta la penisola, non fu
ingrata, nè imprevidente.

Quando nel luglio 1860 le città dell'isola erano quasi tutte
affrancate, il Borbone, scoraggiato dalle sconfitte, e volendo salvare
una parte del regno, ebbe il pensiero di rinunziare alla Sicilia,
consentendo che quel popolo decidesse a suo grado delle proprie sorti.
Rifiutammo il dono insidioso.

La Sicilia non poteva ripetere l'errore del 1848. La sua libertà non
si sarebbe assicurata, finchè la dinastia non fosse stata cacciata da
Napoli. E poi ci saremmo allontanati dallo scopo dell'unità nazionale
e saremmo stati ingrati con gli esuli delle provincie meridionali del
continente che erano venuti con noi a battersi nell'isola.

Favoriva quel progetto Napoleone III, il quale si oppose al passaggio
dello stretto, e vi sarebbe riuscito se l'Inghilterra non avesse fatto
prevalere il principio del _non intervento_.

Fu rapida la corsa di Garibaldi da Reggio a Napoli. In pochi giorni
le schiere nemiche furono sbandate; e il 21 ottobre fu votato il
plebiscito in tutte le provincie meridionali, plebiscito che proclamava
l'unità della patria italiana.

                                   *
                                  * *

Ma l'opera nostra non poteva arrestarsi qui: a maggiori altezze essa
intendeva.

Certamente, coll'affrancazione delle provincie meridionali della
penisola noi avevamo elevato la parte maggiore del grande edifizio.
Un anno innanzi ci era stato dato l'esempio dalla Toscana, prima a
rinunziare alla sua antica autonomia; quindi l'Emilia, che dal 1820
in poi aveva tentato più volte di far sventolare nelle ubertose sue
pianure la bandiera dell'unità nazionale.

Dopo ciò il dominio dell'Austria non era più duraturo; e cadde
anch'esso per necessità di tempi. Lo seguì nel precipizio il potere
temporale dei papi, il quale, non più reggendosi per forza propria,
seguì la sorte del suo protettore.

                                   *
                                  * *

Così fu sciolto il gran problema; ma non dobbiamo arrestarci nella
missione che l'Italia ha assunto, elevando il suo trono in Campidoglio.

L'unità, per l'Italia, è garanzia d'indipendenza di fronte allo
straniero. E perchè essa sia, bisogna che tutto il territorio nazionale
sia emancipato dallo straniero. È debole la nazione cui manca il
possesso delle frontiere segnate dalla natura; è debole la nazione,
lungo le coste della quale si àncorano flotte straniere, continua
minaccia alla volontà nazionale.

Ma l'unità non è tutto, e perchè l'indipendenza sia vera e sostanziale,
è necessaria la libertà.

Un principe che non ha per sè tutte le forze d'un paese, è forte a
metà. Uno Stato il cui popolo non sente la dignità dei proprii diritti,
è debole ed esposto alle invasioni di chiunque voglia dominarlo.

Ai bizantini non mancavano le frontiere, bensì la fede che scaturisce,
come limpido zampillo, dalla libertà. I francesi nel 1815 avevano al
Reno i confini che oggi loro mancano, e furono vinti a Waterloo per
sola stanchezza di schiavitù.

L'unità sarebbe inutile, se non dovesse portarci forza e grandezza.

                                   *
                                  * *

Malauguratamente, l'unità della patria è insidiata, così dai micromani
che vogliono rinchiudere l'Italia nel suo guscio, appartandola dalle
grandi Nazioni, inibendole tutte quelle iniziative operose, dal
cui sviluppo dipenderà un giorno il conseguimento dei destini suoi
gloriosi, come dagli anarchici e dai clericali, sovversivi entrambi,
entrambi negatori della patria.

Io mi domando, non senza un brivido di sconforto, se valeva la pena che
di sette Stati ne avessimo fatto uno, per poi discutere se questo Stato
così laboriosamente formato, debba o non debba occupare il posto che
moralmente e materialmente gli spetta!

I miei avversarî — una ben nudrita coorte, in verità! — mi chiamano
megalomane; e l'ingiuria mi giunge al cuore dolce come una lode.

Sol chi nulla fece per la patria negli ultimi sessant'anni del
movimento nazionale, chi nulla mai per essa sofferse, chi nulla le
sacrificò, può far getto di nobili e sante ambizioni, che dovrebbero
essere patrimonio comune ad ogni cuore italiano.

Vigiliamo, dunque: gli uomini di buona volontà, i patrioti sinceri si
uniscano e concordi attendano a prevenire i pericoli che minacciano
l'unità della patria, mettendo in guardia le plebi contro le vane
lusinghe e le grossolane seduzioni, ed avviando l'Italia nostra a
quella grandezza senza la quale essa non ha ragione di essere, anzi non
può essere.

E noi vogliamo che l'Italia sia!



I MOTI TOSCANI DEL 1847 E 1848

LORO CAUSE ED EFFETTI

CONFERENZA DI NICCOLÒ NOBILI


   L'autore di questa conferenza non potè rivederne le stampe,
   perchè la morte lo incolse prima che il suo scritto vedesse la
   luce.

   Del Senatore Niccolò Nobili, molti ricorderanno, oltre alle
   benemerenze civili e patriottiche, la gentilezza dell'animo
   e l'amore agli studi: di che la Società nostra ebbe più d'una
   prova, mentr'egli fu Presidente della Deputazione Provinciale,
   che concesse liberale ospitalità alle _Letture_ nella Sala di
   Luca Giordano.


Correva l'autunno del 1845 quando in tutti i ritrovi delle città di
Toscana e specie di Firenze, che ospitava gran numero di emigrati
pontifici, l'argomento delle discussioni cadeva generalmente sopra
le esorbitanti condanne pronunziate da una Commissione straordinaria
in Ravenna. A quei parlari più liberi seguì tutto ad un tratto un dir
sottovoce, con frasi tronche e interrotte, come se per l'aria ci fosse
qualche cosa di misterioso e di grosso. Si parlava di armi giunte
in Livorno, portate nascostamente a traverso la Toscana e introdotte
nella Romagna papale. Si diceva che accordi fossero intervenuti tra
le città delle Legazioni e delle Marche, che la fiera di Sinigaglia
ne avea offerto il mezzo; che si voleva far pro del malumore suscitato
dalle condanne ravennati e che tutto era fissato per una contemporanea
rivolta. Ora se ne dava il giorno come sicuro, ora si diceva che nulla
stava più bene, perchè da Rimini era venuto un contrordine e che, di
ciò offesa, una parte dei cospiratori era rientrata in Toscana.

Mentre queste notizie, con le solite frangie, con le solite
assicurazioni sopra l'autenticità delle fonti, correvano di bocca in
bocca, si sa che la sommossa è scoppiata in Rimini; che un tal Renzi,
con pochi de' suoi, s'è impadronito della caserma, ha arrestato i pochi
ufficiali colti qua e là alla sprovvista ed ha proclamato il governo
provvisorio sotto la sua presidenza.

Due giorni dopo, la sommossa era svanita. Le Marche, le Legazioni
eran rimaste tranquille: il Renzi e una trentina de' suoi rifugiati in
Toscana, avean consegnate le armi, colla promessa che tutti sarebbero
imbarcati a Livorno e avviati verso la Francia.

Comunque abortito quel movimento, non il primo nè il solo, preconizzava
un'agitazione popolare. L'atmosfera politica era grave di nubi, più
o meno cariche di elettricità in ogni parte d'Italia, e neanche in
Toscana il cielo potea dirsi tranquillo e sereno, benchè il clima,
generalmente temperato e mite, non facesse temere lo scroscio di
meteore devastatrici. E per metter subito da parte le forme rettoriche,
mi spiego sul significato di questo mite clima toscano, delineando in
breve il carattere del popolo, la condizione in cui questo si trovava
al cominciare dei moti politici del 1846 e come vi fosse arrivato.

Fermatevi per un momento con me dinanzi ad una di quelle tante urne
cinerarie etrusche, di cui è ricco il nostro Museo. Guardate quella
figura d'uomo, distesa come sopra un lungo guanciale, col torso a metà
sollevato perchè l'avambraccio fa sostegno e puntello alla testa:
quella figura ha gli occhi aperti e fissi, non volti nè alla terra
nè al cielo: è quello un atteggiamento mistico non di molle riposo; è
figura di uomo che pensa e par che vi dica: son pronto a levarmi su non
appena sia d'uopo. Or bene: molti secoli son decorsi, molte generazioni
son passate, ma quella figura può rappresentare ancora il tipo della
gente toscana. Questo popolo ha mente acuta e sottile, facile a
discernere il lato pratico delle cose; mite d'animo, alla violenza
riottoso, disposto a soffrire finchè sia possibile, ma pronto a levarsi
su se tutto si dolga. E per questa sua tendenza a pensare piuttosto
che a fare, si spiega come il popolo toscano, non dimentico mai di
quella libertà di cui furono moderatori l'Alighieri, il Machiavelli, il
Giannotti, e difensori il Capponi, il Ferrucci, il Buonarroti, siasi
appagato del presente con le memorie del passato, abbia sopportato
il giogo mediceo, soddisfatto dall'essersi saputo reggere anche da
sè medesimo e di non aver accettato il duca Alessandro come padrone,
ma come capo della repubblica; si spiega come andasse lieto che il
Rinuccini pel trattato di Utrecht avesse dichiarato, a nome di Cosimo
III che il Granduca non può disporre dello Stato, ma che spetta alla
repubblica il deliberare; che Don Neri Corsini avesse ripetuto in
nome del medesimo principe, al congresso di Cambray, che il Granduca
non poteva permettere che si facesse offesa alla città di Firenze e
al suo dominio, e infine che lo stesso Giovan Gastone avesse trovata
lena abbastanza per protestare contro il trattato di Vienna del 1731,
perchè ledeva i diritti dei popoli toscani e distruggeva la libertà di
Firenze.

In uno Stato libero e indipendente, il popolo, comunque non libero,
sente quasi di riflesso dallo Stato il sentimento dell'indipendenza e
della libertà; e perciò, ancorchè il trattato del 1731 violasse davvero
le ragioni del popolo, pure dichiarando la Toscana _Stato sovrano_, la
riconosceva libera e indipendente, e il popolo se ne appagava tanto più
facilmente, dacchè i Lorenesi mostravano della Sovranità saper far uso
larghissimo.

Leopoldo I, infatti, aveva convertito in legge i concetti dei più
eminenti pensatori di quel secolo, proclamata la libertà del commercio,
gettato nella legislazione il seme di quelle franchigie, che doveva poi
germogliare e portare i suoi frutti. Mutarono i tempi, e forse neanche
quel Granduca, che si disse filosofo, potè dal limitato principio
misurare l'ampiezza, cui l'avrebbe sospinto la forza irresistibile del
progresso. Ma intanto il sentimento dell'indipendenza e della libertà
si era affermato nell'animo delle popolazioni toscane. Con la libertà
di commercio la Toscana era entrata nel gran movimento europeo; con la
libertà di commercio aveva ricevuta la solenne sanzione della libertà
del lavoro, che è ricognizione di proprietà e garanzia di uguaglianza,
e si trovava così preparata ad accogliere senza urti, senza terrori,
senza spargimento di sangue, la fiumana di quei grandi principii che,
superando con l'89 i contini di Francia, avrebbero dilagata l'Europa.

L'impero napoleonico non dette alla Toscana la libertà, ma ne spezzò
i ristretti confini chiamando a Parigi in Senato il principe Tommaso
Corsini, il Fossombroni, il Venturi, il Giera; nel Consiglio di
Stato Don Neri Corsini, il Giunti, il Serristori, il Capei, e al
Corpo Legislativo i rappresentanti dei tre Dipartimenti dell'Arno,
dell'Ombrone e del Mediterraneo. E comunque la Toscana non facesse
parte di quelle regioni, con le quali costituiva il Regno d'Italia,
pure l'idea che dall'Alighieri in poi aveva agitata la mente dei
nostri pensatori, era divenuta realtà: in quel nome di Regno d'Italia
era racchiusa una grande promessa, il germe dell'unità nazionale era
gettato nella mente e nel cuore del popolo.

Napoleone aveva offeso, e non impunemente, il principio di nazionalità,
che alla lor volta invocavano le potenze alleate per dare alle loro
armi quella forza che fino allora non avevano avuta; nè temevano esse
di acuirlo col concetto dell'unità, tanto avevano in animo, a tempo e
luogo, di soffocarlo. Era infatti il principio dell'unità nazionale che
il Nugent invocava nel proclama di Ravenna, quando sotto l'intestatura:
_Regno d'Italia indipendente_, scriveva: «Italiani, non state più
in forse; siate italiani, e le nostre forze congiunte faran sì che
l'Italia divenga ciò che ella fu già nei tempi migliori.»

Era il principio dell'unità nazionale, che più tardi tornava a invocare
l'arciduca Giovanni quando diceva agli italiani: «Non d'altro per voi
v'è bisogno che di volere: sarete novellamente italiani, e l'Italia
tornando a nuova vita, tornerà ad avere il suo grado tra le nazioni.»

Dopo breve volger di tempo, le Potenze alleate, manipolando i trattati
del 15, cadevano, per la ebrezza della vittoria, nel medesimo errore
del loro grande avversario, sconfessando quel principio che poco
prima aveano invocato. Divisa in brani l'Italia, anche la Toscana fu
dichiarata _proprietà_ di Ferdinando d'Austria.

La natura ha leggi somiglianti nel campo fisico e nel campo morale; e
come il sonno dà nuova vigoria alle forze esaurite degli animali, lo
stato di quiete e di raccoglimento dà alle idee, affinchè si facciano
strada nella coscienza dei popoli, quella potenzialità che non hanno
quando dapprima si palesano alla mente del pensatore, o si lasciano
intuire dalla ispirata fantasia del poeta. E il sentimento, in cui si
rispecchiavano le idee dell'indipendenza, della libertà, dell'unità
nazionale, restò apparentemente sopito, e non diè per lungo tempo altro
sintomo di vita che quello di qualche raro movimento politico.

Il sentimento dell'unità nazionale restava peraltro sempre vivo nella
coscienza del popolo toscano, e, come costantemente accade, si rivelava
nella ispirazione dei suoi poeti. Il Giusti, il poeta popolare, faceva
dire allo Stivale:

    Fatemi con prudenza e con amore
    Tutto d'un pezzo e tutto d'un colore.

E poco innanzi Giovanni Battista Niccolini, il poeta civile, aveva
fatto dire al suo Procida:

    Fui di Manfredi amico, e grande ed una
    Far la sua patria ei volle;

come più tardi, quando nella Cappella del Pretorio fu scoperto il
ritratto di Dante, lo stesso Niccolini con felice ispirazione cantava:

    Voi che la tenebrosa
    Coltre del tempo, che all'Italia aggrava
    La sua fronte immortal, levare osate,
    Or colla mano ardita
    Le molteplici bende lacerate
    Onde gelida a lei corre la vita,
    Perchè di tanti non sia più mancipio
    Ritorni alla beltà del suo principio;
    Generoso disegno
    Da sì lungo servaggio alzarla a regno!

Era questo popolo toscano che sentiva nel suo idioma ardere il fuoco
sacro dell'unità nazionale!

In quel periodo non breve dal 1815 al 1845, in Toscana e specie in
Firenze si viveva come in una famiglia. Dell'aristocrazia feudale,
spossata già dalla repubblica democratica e dalla mollezza medicea,
morta e seppellita con le riforme leopoldine, non si aveva neppur
l'idea. Le famiglie più illustri eran venute su dal commercio, e salite
a potenza per dovizie e per fama, perchè taluno dei suoi, in casa
o fuori, aveva fatto fortuna nelle arti della seta, o della lana, o
del cambio, e perchè non era mancato mai chi o col consiglio, o con
la dottrina, o con l'opera, ne tenesse il nome alto e venerato. E il
popolo, che sapeva esser quelle famiglie uscite dal proprio seno, le
amava e le rispettava, quasi ne traesse ammaestramento che il lavoro le
aveva nobilitate, e che il lavoro apriva a tutti la via onde conseguire
dovizie ed onori.

Il Governo lorenese, benchè assoluto, era stato quasi sempre paterno,
nè quando avesse voluto infierire, avrebbe trovato in Toscana un
Riccini o un Del Carretto. I Ministri del Granduca, mancati alla vita
il Fossombroni e Don Neri Corsini, non avevano una gran levatura di
mente, e, se ligii per paura all'Austria, eran di buona pasta e d'animo
mite. L'epigramma era l'arma del popolo se offeso dalla prepotenza di
qualche Commissario di polizia. Le sètte in Toscana non attecchivano,
se si eccettua, per le sue condizioni speciali, Livorno; i Gesuiti
cacciati da Leopoldo I, non eran più riusciti a mettervi piede, e
fu per il popolo toscano un vero olocausto alla libertà e all'unità
conquistata, quando il nuovo regno schiuse loro i vietati confini
dell'ex Granducato. Le scuole eran poche, ma buone ed intese a istruire
e a educare: la gioventù era generalmente ammaestrata nelle Scuole
Pie, e bisogna pur dire che quei Padri, con l'insegnamento classico
in specie, si studiavano di formare il carattere dei loro alunni; e
instillando ad essi nel cuore l'amor della patria, li educavano ad
essere e a sentirsi italiani.

A diffondere le idee liberali non si trascurava mezzo ne occasione. E
per offrire qualche esempio, il marchese Cosimo Ridolfi, anima candida,
di grande ingegno e di largo sapere, lasciava il proprio palazzo in
Via Maggio e andava ad abitare nella Pia Casa di Lavoro, della quale
aveva assunta la direzione, per dare con l'esempio delle sue virtù,
con la dolcezza della sua parola il più utile degli ammaestramenti
a quei giovani là ricoverati. Il barone Bettino Ricasoli, uomo di
elevati sentimenti, di saldi propositi, nei doveri verso la famiglia
e verso la patria rigidissimo, si ritirava nel suo Brolio per dare ai
suoi numerosi coloni un catechismo di morale insieme colle pratiche
dell'agricoltura. L'Accademia dei Georgofili, discutendo delle libertà
economiche, teneva vivo il sentimento delle libertà civili e politiche.
Il Vieusseux, col suo gabinetto, dove convenivano pensatori, letterati,
studiosi da ogni parte d'Italia, e con la sua _Antologia,_ faceva larga
propaganda d'idee liberali; e cessata l'_Antologia_ per ordine del
Governo, ne tenevano il luogo le edizioni di Felice Le Monnier, alle
quali le ostilità e i divieti degli altri governi italiani, davano,
mercè la clandestina diffusione, una più potente efficacia.

Da tutto quanto vi ho esposto, facile è il dedurre come nessun popolo
in Italia più del toscano, si trovasse all'alba del 1846 temperato agli
alti ideali della libertà, dell'unità nazionale, e per essi pronto ad
agitarsi, e a combattere!

Quel Renzi, che aveva così infelicemente condotta la sommossa di
Rimini, era di nascosto tornato in Firenze, e saputolo monsignor
Sacconi, incaricato apostolico, ne aveva chiesta l'estradizione
fondandosi sopra un vecchio trattato conchiuso tra il Granduca e il
Pontefice. Grandi simpatie si destarono in tutta la Toscana a favore
del Renzi, e Vincenzo Salvagnoli dettò una commoventissima supplica,
che la stessa moglie del Renzi presentò, piangendo, al Granduca. Tutto
fu inutile; nel Ministero toscano non era più chi potesse resistere a
Roma: e con grande e generale rammarico, nella notte del 24 gennaio
il Renzi, condotto al confine, fu consegnato ai soldati del Papa.
Se poi il Renzi non si mostrò degno di tanta simpatia, ciò non tolse
che il popolo giudicasse severamente e principe e governo, e che una
eletta schiera di giovani, che si disse ispirata dal Montanelli, per
combattere in nome della libertà, cominciasse allora e per quel fatto
a valersi della stampa clandestina, arma potente ma pericolosa, e che
avrebbe poi contribuito a precipitare il movimento a rovina.

Vincenzo Gioberti col suo _Primato_ aveva apertamente posta la
questione del risorgimento italiano, e comunque non si prestasse,
specie in Toscana, gran fede ad una federazione di Stati sotto la
presidenza del Papa, la discussione era sorta, ed era buono che i
Gesuiti l'avessero inasprita, spingendo il Gioberti a modificare
e temperare coi _Prolegomeni_ il suo primo concetto. Mentre il
dibattito si faceva sempre più vivo, e lo stesso guelfismo lo rendeva
più acutamente avverso all'Austria, moriva senza rimpianto Gregorio
XVI, ed era in breve ara proclamato a suo successore Giovanni Mastai
Ferretti vescovo d'Imola, uomo di molto cuore, ma non di gran mente,
e che cedendo agli impulsi dell'animo buono, iniziò il suo regno
con la solenne amnistia di tutti i condannati politici, dei quali
rigurgitavano le galere e le carceri pontificie.

Se il principe di Metternich, profondo conoscitore degli uomini e
delle cose, fu costretto a confessare che un papa liberale non se lo
era immaginato mai, si capisce come quell'atto magnanimo del nuovo
Pontefice rendesse stupefatta l'Italia e l'Europa. Le idee giobertiane
non eran più delle vane utopie. Ai liberali italiani l'amnistia, invece
che la espressione di un mero sentimento di carità cristiana, apparve
come la rivelazione di un gran concetto politico; e il fatto del
papa liberale, mentre afforzò il sentimento dell'indipendenza e della
libertà, di tanto avvivò il concetto della federazione di quanto fece
impallidire e annebbiare quello dell'unità nazionale.

Che se al Congresso degli scienziati italiani apertosi in Genova
nel novembre, al quale per concessione del Papa intervennero
anche i romani, si parlò di scienza, ma non meno di politica, e di
confederazione tra i principi con a capo o Carlo Alberto o Pio IX;
se a dire del. Lambruschini quel Congresso per altezza e saviezza
di sentimenti superò tutti gli altri; se nel 5 e nel 6 di dicembre
si festeggiò, pure in Genova, il centenario del Balilla, e per
suggerimento del Mamiani, a mostrare la conformità degli intenti, in
quelle due sere si accesero grandi fuochi su tutte, fino sulle più
lontane vette dell'Appennino, era sempre il principio dell'indipendenza
e della libertà non dell'unità che informava e i parlari degli
scienziati e le dimostrazioni del popolo.

Ma intanto lo spirito reazionario aveva levata la testa; chiamava
Pio IX un intruso, un vecchio massone, un incredulo: negli Stati
pontifici erano a fronte _gregoriani_ e _piani_, in Toscana retrogradi
e riformisti, e la scissura, entrata fra i liberali, li aveva divisi
in moderati e in esaltati. Alle lettere politiche, con le quali il
Balbo accusava le società segrete, rispondeva irosamente il Montanelli
con un opuscolo firmato _Un Romagnolo_. E mentre le forze dei liberali
si sciupavano così nell'attrito delle accuse, delle querimonie,
delle violente difese, i partiti estremi toglievano occasione dalle
sofferenze delle classi povere per la carezza dei cereali prodotta
dalle scarse raccolte, onde soffiare nel fuoco e far scoppiare
disordini in Modigliana, in Pistoia, in Monsummano, e più gravi ancora
in Livorno. Il 1847 cominciava sotto cattivi auspicii, e dava a credere
che sarebbe stato torbido e burrascoso.

La restituzione del Renzi e il sospetto che la Toscana dovesse servire
ai raggiri dell'Austria aveva scemato l'affetto per il Principe,
e reso impopolare il Governo. Si sapeva che il Neuman, ministro
austriaco presso il Granduca, gli aveva offerto il concorso delle
truppe imperiali per sedare i tumulti che avvenivano ora in questa,
ora in quella parte della Toscana. Erano per di più arrivati in Firenze
Francesco V di Modena, che da poco aveva ereditato dal padre il regno
e l'odio dei suoi sudditi, e insieme con lui l'arciduca Ferdinando
d'Austria, quello stesso che l'anno innanzi comandava la Gallizia,
quando l'Austria, armata la mano dei contadini, aveva coadiuvata la più
orribile carneficina di migliaia di polacchi, ed era giunta perfino
a impedire le collette per le vedove delle vittime e per gli orfani,
dei quali per più che 200, ancora infanti, non si conosceva neppure il
nome, perchè i parenti, gli amici, i domestici loro erano stati uccisi
in quell'immane eccidio.

Naturalmente i fiorentini guardavano di mal'occhio i due ospiti, e nel
modo medesimo, poco dopo, i pisani guardavano l'arciduca Ferdinando,
il quale si era recato a Pisa, dove aveva palazzi e terre ereditate
dalla madre Beatrice Cibo d'Este, e di là corrispondeva col Duca
Carlo Lodovico di Lucca, uomo che in vita sua ne aveva fatte di
tutti i colori; libertino, protestante, cattolico, liberale e in quel
momento assolutista arrabbiato. E là si trattenne l'Arciduca finchè,
annoiati i pisani per la sua presenza, con una pacifica ma espressiva
dimostrazione dinanzi al suo palazzo, lo costrinsero a tornarsene in
Austria donde era venuto.

L'incertezza che dominava nel governo, si manifestava ogni giorno o
col lasciare andare, o col prevenire soverchio, ora col subitaneo
rifiutare, ora col troppo tardo concedere; e intanto l'agitazione
cresceva. I così detti Bollettini della stampa clandestina fioccavano
frequenti, ma non più da una sola e medesima fonte. Alla stampa dei
giovani liberali, la quale se talvolta aggressiva, era ispirata pur
sempre agli alti ideali della patria, si era aggiunta quella dei
retrogradi e del partito d'azione; questo che voleva tutto e subito,
quelli che cercavano di mandare tutto a rifascio il più presto
possibile. La polizia si arrovellava invano per scoprire gli autori
della così detta _clandestina_, e per sbizzarrirsi ficcava in prigione
gran numero di operai tipografi, bandiva dalla Toscana il marchese
Massimo d'Azeglio, ed esigeva dallo stesso Ministro Cempini che il
figlio di lui, Leopoldo, giovane d'alto ingegno, d'animo aperto, di
affetti e di entusiasmi facile, liberale fervido, ai compagni agli
amici carissimo, dovesse a suo malgrado fare un viaggio in Germania.

Ciò non ostante al Granduca e ai suoi Ministri non mancarono consigli
valevoli a cancellare le insorte diffidenze e riportare la calma
nelle popolazioni. Il marchese Cosimo Ridolfi, il quale come Aio del
Principe ereditario, aveva consuetudine col Palazzo Pitti, non lasciava
occasione per parlare al Granduca di ciò che il Paese desiderava, tanto
che gli amici gli avevano dato il nome di _Predicatore_, comunque e'
dicesse che predicava al deserto, e paragonasse l'animo del Principe a
una lavagna, sulla quale si poteva scrivere ciò che si voleva, ma sulla
quale chiunque venisse dopo, cancellava e riscriveva con la medesima
facilità. Bellissima nella sostanza e nella forma è la petizione che
il barone Ricasoli presentava al Cempini nel 3 marzo, esponendogli
quale fosse il vero stato della Toscana, quali le necessità, quali
i pericoli, e per quali mezzi fosse possibile scongiurare questi e a
quelle provvedere. Saggi consigli, che il Ricasoli aveva maturati col
Lambruschini e col Salvagnoli, e che avrebbero infrenato il movimento
col farsene il Governo stesso guida e moderatore, e ridestato verso il
Sovrano i sopiti affetti del popolo!

Il Cempini lodò la petizione e promise di presentarla al Granduca;
ma poi dicendo che si trattava di cose assai gravi e che occorreva
tempo a ben ponderarle, pose tutto a dormire: se non che contro quel
sonno cospiravano gli eventi. Pio IX in quel mentre emana un editto
sulla stampa che tempera quello del 1825, e sorgono immediatamente
due giornali, il _Contemporaneo_ a Roma, il _Felsineo_ a Bologna. E il
Ricasoli, che nella sua petizione aveva esposta la necessità di render
libera ogni onesta manifestazione di pensiero, torna dal Cempini,
gli presenta una seconda petizione, dimostra il grave pericolo che la
stampa clandestina ecciti ancora le passioni popolari, e l'urgenza che
una legge sulla stampa sia emanata dal Principe con tutta l'apparenza
della più assoluta spontaneità, e unisce alla petizione anche un
disegno di Legge redatto dal Salvagnoli.

Per mala ventura i liberali moderati trovarono in ciò un punto di
disaccordo. Tutti deploravano le intemperanze della stampa clandestina;
ma, per frenarla, gli uni volevano ottener dal Governo il permesso
di istituire un giornale, che sostenendo i principii della libertà
commerciale rassicurasse il paese dai timori di perturbazioni popolari
e di attacchi alla proprietà, e dasse allo Stato la forza morale
occorrente con lo spingere i cittadini a valersi delle neglette
istituzioni municipali; gli altri sostenevano che prima di fondare
un giornale si doveva ottenere che una legge sulla stampa fissasse
nettamente i diritti e i doveri dei cittadini. Antesignano dei primi
il Capponi, dei secondi il Ricasoli: la discussione si faceva sul
_Felsineo_ di Bologna, scrivendo per questi il Salvagnoli ed il Buschi,
per quelli il Digny. Ragione del discutere era il dubbio se la stampa
clandestina potesse combattersi, quando il mezzo legale per esprimere
liberamente il proprio pensiero non si fosse prima ottenuto. Validi
gli argomenti degli uni e degli altri, ma deplorevole che le forze si
scindessero quando più occorreva che si spiegassero unite.

Il Governo studia a lungo, e di malavoglia il 5 di maggio emana una
legge non peggiore di quella romana, ma ispirata dalla paura, dalla
diffidenza, e dalla caparbietà poliziesca. Niuno se ne accontenta,
e per quanto si voglia festeggiare la legge sulla stampa libera, la
dimostrazione a Firenze riesce meschina, ostile a Siena, tumultuosa a
Livorno.

Si comprese, è vero, che certe restrizioni filate d'ottobre non
sarebbero giunte a novembre; ed uno dei primi atti dell'ufizio di
revisione in Firenze fu quello di permettere al Salvagnoli la ristampa
del suo Discorso sullo stato politico della Toscana, in cui esponeva
francamente ciò che principe, governo e privati avrebber dovuto fare
per conseguire il bene e preparare il meglio di questo paese. Di
giornali, primo sorse l'_Alba_ diretta dal La Farina, scrittori il
Vannucci, il Mayer, il Mazzoni, la quale non ostante gli entusiasmi
per Pio IX, si chiarì presto avversa al poter temporale. Uscì quindi
la _Patria_, diretta dal Salvagnoli, in cui scrivevano il Lambruschini
e il Ricasoli; e questa per il suo stesso programma — _alleanza tra
libertà e principato_ — quando, invece di attutirsi, crebbero le
diffidenze contro il governo toscano, si orientò verso il Piemonte.
In Pisa era sorta l'_Italia_, la quale, diretta dal Biscardi con
la collaborazione del Centofanti, del Giorgini e del Montanelli,
s'ispirava al misticismo dell'idee giobertiane. Il _Corriere
Mercantile_ in Livorno si era trasformato in giornale politico.

Ma quasi che il movimento non fosse abbastanza rapido, un altro fatto
venne ad imprimergli un impulso nuovo. Riccardo Cobden, il propugnatore
nel Parlamento inglese delle istituzioni toscane sulla libertà del
commercio, era nel maggio giunto in Firenze. La pleiade dei liberali,
che aveva come suo centro l'Accademia dei Georgofili, brillava di nuovo
splendore. Nelle allocuzioni, nei banchetti, nei parlari amichevoli, al
tema delle libertà commerciali si associava quello delle libertà civili
e politiche, e il Lambruschini chiudeva i festeggiamenti inneggiando
alla libertà universale, che sarebbe stata la santa alleanza dei popoli
e la preparatrice dei tempi, ai quali è promesso un sol gregge e un
solo pastore.

Il popolo, che dalle parole stesse del Cobden autorevolmente apprendeva
come la piccola Toscana fosse stata presa ad esempio di libertà dalla
potente Inghilterra, se ne sentiva altero, e la brama delle riforme
liberali rinfocolatasi, gli faceva provare più odiose le incertezze e
le resistenze governative; ciò che addimostrava così rumorosamente, che
alla fin di maggio il Governo si trovò costretto ad annunziare essere
stato dal Granduca deciso che fossero rivedute le leggi municipali,
compilato il codice civile e quello penale, e a Commissioni speciali,
oltre questi studi, fosse affidato anche quello sul modo di ampliare
la Consulta estendendone le ingerenze consultive sui pubblici affari.
Grave errore il non fare e promettere, più grave ancora il promettere
timido e indeterminato!

Mentre il Governo oscillava così tra il fare e il non fare, Pio IX nel
luglio concede la guardia civica; di lì a poco le truppe austriache in
onta ai trattati occupano la città di Ferrara; e una congiura contro
la persona del Pontefice è scoperta, supposta esistere in Roma. Dai
quali fatti gli animi dei toscani sono un po' naturalmente, ma più
ancora ad arte talmente eccitati, che tumulti e violenze avvengono in
Siena, in Arezzo, in Livorno, e sciaguratamente il conflitto avvenuto
in Siena tra carabinieri e studenti, finisce colla morte dello studente
Petronici, di cui l'accompagnamento funebre se poco ha di pietà, molto
ha di solenne e di minacciosa protesta.

Don Neri Corsini, Governatore di Livorno, mosso da un nobile sentimento
di dovere verso il paese e verso il Sovrano, prima che quei tristi
fatti accadessero si era rivolto al Granduca esponendo la gravità
delle cose, deplorando che le promesse del maggio antecedente non
fossero in nulla adempite, e proponendo i modi per render la Consulta
proficua, e al bisogno dei tempi più consentanea la legge sulla
stampa. Nè il clamore dei giornali, nè le dimostrazioni popolari, nè le
raccomandazioni di nuovo dirette dal Corsini al Principe e al Ministero
valsero a troncare gl'indugi. Anche adempite, le promesse fatte nel
maggio più non sarebbero bastate; i fatti di Ferrara e di Roma un'altra
istituzione reclamavano. Il popolo voleva le armi e chiedeva la guardia
civica.

Era fatale che alcuni dei Ministri per servilità verso l'Austria, altri
per cieca debolezza, dovessero accordarsi nel temporeggiare, finchè
costretti a fare qualche cosa in fretta e furia, la facessero male. Nel
24 agosto fu emanato il Motuproprio che riformava la vecchia Consulta
in modo affatto manchevole, e la componeva quasi interamente di
dipendenti dalla Corte e dal Governo. L'istituzione apparve illusoria,
si tacque peraltro perchè nella Legge si diceva che la Consulta, per
suo primo affare, doveva riferire sulla convenienza di istituire la
guardia civica. Ma quando era decorso l'agosto e la Consulta non si
adunava ancora, il fermento si spinse a tale, che in Livorno in una
radunata di popolo si trattava di andare in massa e armati a Firenze,
ingrossando per via, e là chiedere tumultuando la immediata istituzione
della guardia cittadina.

Il pericoloso disegno si sarebbe portato ad effetto se la sagacia di
Don Neri Corsini non riesciva a fare adottare invece l'invio di una
Commissione presieduta dal Gonfaloniere; la quale immediatamente partì,
portando al Cempini una lettera del Governatore. La Consulta, convocata
per urgenza la mattina di poi, 4 settembre, espresse, ne a quell'ora
poteva caderne dubbio, il voto favorevole, e un Motuproprio sovrano
dichiarò la guardia civica istituzione dello Stato.

Gli affetti delle moltitudini son facili a fortemente manifestarsi
come a passare da estremo a estremo, dalla fede alla disperazione,
dall'amore all'odio, dalla pietà all'ira, dal dolore alla gioia; e
appena nel pomeriggio del 4 si conobbe il voto della Consulta, la
popolazione, che ieri rumoreggiava e fremeva, proruppe in giubilo:
un solo e medesimo pensiero cadde come per incanto nella mente di
tutti: domani, giorno di festa, dimostrazione al Granduca. L'accordo
era prima fatto che proposto; e fu un subito correre di qua e di
là, un affaccendarsi per improvvisare pennoni, stendardi, bandiere,
avvisare gli amici, raccoglier bande musicali, dare a tutti il convegno
intorno al tempio d'Arnolfo. E la mattina della domenica, un ventimila
persone erano assiepate sulla Piazza del Duomo, disposte in ordine
militare, divise come per compagnie e per plotoni, con un vessillo
innanzi a ogni gruppo. Quando la testa di quella colonna fu pronta
per muoversi, una brigata di giovani contadini le si fa innanzi e un
di loro dice modestamente: «Non abbiamo bandiera, lasciateci unire,
slam fratelli anche noi.» Quella parola fu come una corrente elettrica
che percorresse tutte le fibre di quella massa di popolo: fu un grido
entusiastico di _Viva i fratelli_, che accolse quei giovani e che si
ripetè da tutti, senza che i più ne sapessero la ragione. Traversata
la città giunsero i dimostranti tra il suono delle bande e i gridi di
_Viva Leopoldo_, _Pio IX_, _l'Italia_, e senza un grido che suonasse
per nessuno odio o disprezzo, sulla Piazza dei Pitti, dove l'entusiasmo
salì a tale che il vicino abbracciava e baciava il vicino con le
lacrime agli occhi, e si separavano senza che l'uno sapesse dell'altro
nulla di più che erano italiani ambedue. Una Commissione, di cui
erano a capo Ferdinando Bartolommei e Ferdinando Zannetti, due cuori
ardenti di libertà, di nobile lignaggio, di pronto ingegno, d'animo
generoso, il Bartolommei, pieno di sapere e di modestia, amato dai
discepoli e dal popolo il professore Zannetti, salì a ringraziare il
Granduca, il quale commosso affermò la sua determinazione di compier
l'opera riformatrice. Circondato a quell'ora dall'amore di una
intiera popolazione, era il cuore che parlava per lui, nè lo spettro
dell'Austria poteva farlo scientemente mentire!

Dimostrazioni si fecero nei dì seguenti a Pisa e a Livorno. In
quest'ultima città l'esaltazione salì al colmo; si arringò il popolo
dalle finestre delle case, si parlò di tirannide e di tiranno. Un _vero
baccanale rivoluzionario_ definì quella dimostrazione Don Neri Corsini
in una nobilissima lettera al conte Ferretti, nella quale spiegava il
perchè delle sue dimissioni da Governatore di Livorno e da Ministro
degli esteri.

Nel 12 settembre, nuova dimostrazione in Firenze, cui prendono parte
i rappresentanti di tutti i municipi, con le rispettive bandiere
nazionali gli inglesi, i francesi, i tedeschi, gli americani, i greci
e gli ungheresi residenti in Toscana. Più di 50,000 persone sfilarono
davanti il Palazzo Pitti, e se questa seconda dimostrazione non si
elevò all'entusiasmo cui giunse la prima, fu però più grandiosa e
fu la più bella espressione dell'alleanza tra popolo e principe, di
fraternità tra popolo e popolo. In questa dimostrazione il concetto
unitario era rappresentato da poche bandiere tricolori e il concetto
federativo da molte, nelle quali al bianco, al rosso, al verde il
giallo era aggiunto.

Le minaccie dell'Austria raffreddano gli animi del Granduca e de' suoi
ministri. Don Neri Corsini, che aveva incitato Principe e Governo
a frenare il movimento col metterglisi alla testa proclamando la
costituzione, è invitato a dimettersi, ma la marea monta sempre più, e
per farle argine Cosimo Ridolfi è chiamato al Ministero dell'interno.
Intanto Carlo Lodovico di Lucca, smentendo le promesse che per paura
aveva fatte ai Lucchesi, mercanteggia il Ducato con l'Austria, e
il Governo toscano per impedirlo, cede a tutte le pretese del Ward,
quell'uomo che dalla stalla era salito al grado il più eminente del
Ducato ed era del suo Sovrano ben degno rappresentante. I trattati
del 15 per la reversione del Ducato di Lucca al Granduca di Toscana
imponevano la cessione di Fivizzano, di Pietrasanta, di Barga e di
alcuni distretti lucchesi al Ducato di Modena, e Carlo Lodovico per
anticipare quella reversione aveva preteso, e il Governo toscano
concesso, la immediata cessione a lui del territorio e della città di
Pontremoli.

L'unione del Ducato Lucchese fu generalmente accolta in Toscana
con gioia, ma porse ai funesti mestatori argomento per accusare il
Governo d'aver tradito i popoli di Lunigiana, e per animar questi
a disperata resistenza, specie dopo che dalle truppe estensi erasi
proditoriamente occupato Fivizzano e non senza spargimento di sangue.
Si tornò alle radunate di popolo, alle suppliche, alle minacele in
favore dei fratelli lunesi. Pio IX, invocato da loro, aveva promesso
spontaneamente di intercedere presso Francesco V e Carlo Lodovico; e il
Governo, che non amava di meglio che serbare quei popoli alla Toscana
se non glielo avessero impedito i trattati, aveva inviato il barone
Ricasoli a Carlo Alberto, che non rifiutò i suoi buoni uffici, comunque
dubitasse che la ressa dei Duchi fosse aizzata dall'Austria. Tutto
riesci vano, e nel novembre del 1847 non si ebbe di buono che la firma
dei preliminari per la lega doganale tra Piemonte, Roma e Toscana, e la
promessa che Carlo Lodovico non avrebbe preso possesso di Pontremoli se
non succedendo, secondo i trattati, a Maria Luisa nel Ducato di Parma;
ciò che accadde ben presto. Morta la duchessa nel 17 dicembre, il duca
di Modena e il nuovo duca di Parma si affrettarono nel 24 dicembre a
fare un trattato di alleanza con l'Austria, la quale spinse subito le
sue truppe sopra i Ducati.

Gravi eventi si potevan prevedere per l'anno che incominciava, ma quali
si avverarono, a mente umana non era dato vaticinare.

L'Austria fin dai primi di gennaio si mostrò intenta a domare con
la forza brutale, con ogni artifizio di mala guerra il risorgimento
italiano. Infuriava con le sue soldatesche barbaramente sopra i
cittadini inermi di Milano, spingeva il duca di Parma ad occupare
Pontremoli, aizzava i demagoghi a vangelizzare le più strane utopie, e
i retrogradi a spingere a rovina il presente inneggiando al passato:
con l'aiuto dei sanfedisti e dei gesuitanti, ricercava ogni meato
nell'animo debole del Mastai per arrivare a ferire la coscienza del
Pontefice; e fomentava, ne questa era ardua impresa, la malafede
di Ferdinando di Napoli, sul quale udiste poco fa invocare benevola
l'ultima parola della storia imparziale, ma che io frattanto, ormai
troppo vecchio per ascoltare quella parola che sarà tarda, proseguirò
a chiamare il _Re Bomba_.

I sovvertitori delle moltitudini trovano, in tutta la Toscana, nella
città di Livorno il terreno ai loro fini adattato; e là si spargono
scritti sediziosi, si invita il popolo a chiedere le armi, si accusano
i Ministri di codardia e di tradimento. I tumulti che ne susseguono
costringono il Governo a reagire mandando a Livorno come commissario
straordinario il Ridolfi; il quale, fatto arrestare il Guerrazzi e
mandatolo all'Elba, restituisce la calma all'intera città.

Ma gli eventi precipitano. Il 12 di gennaio la città di Palermo,
poichè il re Ferdinando non aveva concessa la domandata Costituzione,
si mette in piena rivolta, e caccia le truppe regie. E' seguìta dalle
altre città dell'isola e si proclama il distacco dal reame di Napoli
della Sicilia, che si costituisce in Repubblica. Il fatto pone in
fermento anche Napoli; e il Re, cui duole perdere la Sicilia, promette
riforme, espelle il Del Carretto e persino il suo confessore: pochi
giorni dopo, alla prima promessa aggiunge quella della Costituzione,
e il 10 febbraio promulga lo Statuto fondamentale. Anche il re Carlo
Alberto nel dì 8 febbraio pubblica le basi di quello Statuto, che
promulgato poi nel 4 di marzo, doveva per fortuna d'Italia restare solo
in vigore come l'arca santa dell'unità nazionale. Nel medesimo giorno,
vo' dire nell'8 febbraio, si fanno a Roma tumultuose radunate di
popolo per chiedere la costituzione e la secolarizzazione del Governo
papale; domande, che spingono il partito reazionario chiesastico a
iniziare una guerra sorda e feroce al risorgimento italiano. Nel 15
febbraio lo Statuto è pubblicato anche in Toscana, e se ne fanno grandi
festeggiamenti, e se ne rendono pubbliche grazie a Dio e al Sovrano.

  _Signore e Signori,_

Sul quadro di cui andrò ora delineandovi appena i contorni, e al quale
la vostra immaginazione darà quel colorito che io non saprò dare, due
belle figure campeggiano: quella di Cosimo Ridolfi e quella di Bettino
Ricasoli. Questi, costretto dall'amico, piuttosto che chiamato dal
Ministro ad assumere l'ufficio di Gonfaloniere di Firenze, con grande
riluttanza, più che accettarlo, lo subisce; ma subitolo, lo adempie
con tale e tanto senno, con tale elevatezza d'animo e di consiglio
che Firenze, comunque gli agitatori del popolo con ogni lena si
adoperassero, resiste ai loro malevoli eccitamenti finchè rimane sotto
il governo e la guida di lui. L'altro, il Ridolfi, da prima Ministro
dell'interno poi Presidente dei ministri in luogo del Cempini, che
fatto ormai vecchio si ritira, riesce a inspirare nell'animo del
Principe e in quello de' suoi colleghi gli ideali della patria libera
e indipendente, e con le sue concioni al popolo, con i manifesti, con
i proclami del Granduca ai suoi toscani, torna a stringere affettuosi
legami tra popolo e principato; e se la sua sagace iniziativa per
concludere una lega italiana tra i quattro Stati costituzionali non
fosse stata avversata dal Borbone e dal Vaticano, e non compresa o
temuta dal Governo Sabaudo, le sorti d'Italia non sarebbero andate in
rovina.

Abbenchè non comparsa ancora sull'orizzonte, forse rendeva vani i saggi
consigli di lui, quella stella d'Italia che doveva guidarci all'unità
nazionale!

Riprendendo il filo della narrazione sui moti toscani, non può
omettersi che il Serristori, Ministro della guerra, preveduto
saggiamente il futuro, aveva proposto che si portasse la leva a 4000
uomini, ma negandoglielo la Consulta si era dimesso e gli era succeduto
Don Neri Corsini, il quale riesci ad ottenere che si facesse una leva
di 2000 uomini almeno.

E qui comincia la serie delle grandi sorprese. Sul cadere di febbraio
la rivoluzione di Parigi, la caduta della Dinastia Orleanese, la
proclamazione della repubblica in Francia, fanno passare quasi
inosservata la costituzione concessa dal Papa, e danno modo al Mazzini
di fondare in Parigi l'Associazione nazionale italiana, che in quel
momento non poteva non esser che di danno all'Italia. Alludere col
manifesto firmato dal Mazzini, dal Giannone e dal Canuti alle forme
di reggimento repubblicano, e proclamare il principio dell'unità
quando con le forze dei quattro principati si doveva conquistare
l'indipendenza, condizione essenziale dell'unità, era errore e più che
errore era colpa.

Alla rivoluzione di Parigi succede di lì a poco quella di Vienna. Il
terribile nemico delle nazionalità, l'autore di tante stragi, di tanti
martirii, di tanti esigli, il principe di Metternich si salva a mala
pena, fuggendo, dall'ira popolare, e il giorno di poi l'Imperatore
concede la Costituzione ai sudditi austriaci.

I Lombardi e i Veneti, che da tanto tempo mal soffrono il freno delle
forze imperiali, pubblicano una forte e nobile protesta ai fratelli
d'Italia e d'Europa, e pochi giorni dopo, nel 18 marzo, senza accordi
ma per impulso d'animi ugualmente esacerbati, insorgono Milano e
Venezia. Dopo una lotta eroica di cinque giorni, Radetzky è costretto a
ritirarsi da Milano, e dopo un contrasto meno fiero che quel di Milano,
il generale Zichy capitola e abbandona Venezia. I Modenesi si sollevano
e il Duca fugge difilato a Mantova; Massa e Carrara insorgono, i popoli
di Lunigiana si rivoltano e Carlo Lodovico fugge prudentemente da
Parma. Il 24 di marzo il re Carlo Alberto passa il Ticino, e il giorno
di poi 6000 piemontesi, freneticamente plaudente l'intiera popolazione,
entrano in Milano. In 14 giorni si eran compiti eventi, che appena un
secolo avrebbe potuto maturare e produrre!

Il 19 di marzo giungono in Toscana le notizie di Vienna, il 21
quelle di Milano e di Venezia, e sorge un grido generale di guerra
e la domanda di armi per correre sui campi lombardi. La Toscana era
sprovvista di milizia e di ogni arredamento militare: i pochi soldati
servivano per le parate di gala, e il popolo, scherzando, era solito
dire che _per truppa era trippa e per trippa era troppa_. I nuovi
chiamati eran da poco sotto le armi, il governo aveva chiesto al re
Carlo Alberto ufficiali capaci di ordinare il piccolo esercito, e il Re
aveva mandato allora il Beraudi, il Caminati, il Campia. Ma nonostante
che in fatto di armamenti tutto fosse da fare, il governo aveva avviato
alla frontiera le truppe regolari di cui poteva disporre.

Alle notizie di Lombardia lo spirito patriottico si era levato sublime,
ma lo spirito settario si agitava più vivamente di prima per le notizie
di Francia. Bande di fuorusciti entrano dalla Francia in Savoia per
abbattere il governo regio, ma ne son cacciati dai savoiardi. A Firenze
si tenta sollevare la diffidenza contro il Ridolfi, e si eccita la
plebe a strappare l'arme austriaca dal Palazzo dell'Ambasciata e a
bruciarla sulla Piazza del Granduca; e si minacciava per di più di
assaltare la stessa Ambasciata, se il ministro Corsini non fosse
riuscito a persuadere la eccitata popolazione che non vi erano armi
proditoriamente nascoste.

In ogni parte d'Italia echeggia il grido di guerra. Ferdinando di
Napoli spedisce in Lombardia un corpo di truppe sotto il comando di
Guglielmo Pepe. Pio IX benedice i soldati e i volontari che partono
da Roma guidati dal generale Durando. Il Granduca passa in rivista
i volontari, li saluta con un discorso caldo di amor di patria, e
l'Arcivescovo ne benedice la bandiera tricolore, che era dichiarata
bandiera dello Stato. Anche il Battaglione della Guardia Universitaria
parte acclamato da Pisa.

Il 5 di aprile il Durando coi Romani è giunto in riva al Po, e dopo
aver ordinato con un caloroso proclama, ai suoi militi di fregiarsi il
petto della croce, e di muovere al grido «_Iddio lo vuole_,» entra sul
territorio della Venezia.

Prima di andare oltre, giova tener nota di due fatti importanti.
Il primo, che dodici giorni dopo questo proclama, il principe
Aldobrandini, Ministro della guerra, con un suo dispaccio al Durando
ne approva in nome del Papa la condotta e lo autorizza a trattare un
imprestito col Governo veneto; il secondo, che, nonostante lo stato di
guerra, gli Ambasciatori d'Austria rimangono tuttora a Roma e a Vienna.

La rettorica, che è stata sempre una malattia per noi italiani, ci
aveva portata sul labbro la frase «_Fuori i barbari_,» e l'Austria
ne aveva saputo fare suo pro per eccitare contro l'Italia lo spirito
nazionale tedesco. La Repubblica francese con la minaccia d'invadere
la Savoia sotto il pretesto delle inquietudini sorte in Europa per
gli avvenimenti d'Italia; le proposte dell'Inghilterra di separare la
causa della Venezia da quella della Lombardia, generosamente respinte
dal Re: la Sicilia e la Venezia con l'essersi costituite a repubblica;
il Mazzini col suo manifesto; i cardinali, i gregoriani, il ministro
d'Austria col dare a credere al Papa, che, movendo guerra ai popoli
cattolici, si sarebbe dato argomento a un nuovo e più terribile scisma,
tutto congiurava contro le sorti d'Italia.

Il Re di Napoli manda contro la Sicilia ribellata le milizie già pronte
a partire per la Lombardia; Pio IX con l'Allocuzione concistoriale
del 19 di aprile, dichiara di aver voluto inviare le truppe al confine
per difendere l'integrità dello Stato, ma non volere, egli ministro di
pace, far guerra all'Austria.

Aveva un bello scrivere il Ridolfi lettere di fuoco al Bargagli,
ministro toscano a Roma, e questi aveva un bel ripetere al Papa che
se egli stesso non avesse predicata la Lega italiana, e non si fosse
posto tra la Croce e la Spada e dettata legge a tutti, non solo sarebbe
perduta l'Italia, ma perduto anche il Papato e il potere temporale. Il
vaticinio del Ridolfi, comunque giusto e vero, non fu ascoltato, e il
Papa non ad altro si indusse che a fare, il 3 maggio, una esortazione
a Carlo Alberto di posare le armi, e all'Imperator d'Austria di
rinunziare alla dominazione italiana.

In questo mentre i Toscani scendevano sui piani lombardi. Brandite
le armi, i giovani universitari eran partiti da Pisa e da Siena pieni
di un santo entusiasmo, che si era cercato di smorzare trattenendoli
a lungo per la via; ma che era cresciuto perchè lo aveva acuito
l'impazienza del trovarsi di fronte al nemico. In una bella mattina
d'aprile, valicando quei giovani, al canto d'inni patriottici,
l'ultimo giogo dell'Appennino, si schiude innanzi al loro sguardo
l'immensa pianura lombarda, coronata dai pallidi contorni delle vette
alpine. Coperta da una nebbia leggiera e trasparente pei raggi del
sole sorto allora sull'orizzonte, aveva l'apparenza di un mare quieto
e tranquillo, e l'idea dell'infinito cresceva la magnificenza del
grandioso spettacolo. Un grido solo di _Viva l'Italia_ eruppe da quei
giovani petti. Era Italia quella immensa pianura, ed era calcata dallo
straniero! In quel grido l'ideale della patria, l'aspirazione di tanti
secoli che ora si compiva, la fede nell'avvenire, la certezza della
vittoria, tutto si rivelava in un sublime tumulto di affetti!

Il 3 maggio i Toscani, che per ordine di Re Carlo Alberto dovevan
prendere la destra dell'esercito piemontese, sostengono con buon
successo sotto Mantova una prima avvisaglia a San Silvestro: nel
successivo dì 13, buon nerbo di austriaci attacca tutta la linea da
Curtatone a Montanara ed è vittoriosamente respinto sotto gli occhi
del ministro Corsini, che stette impavido in mezzo al fuoco, mentre il
generale Ferrari se ne stava tranquillo e sicuro alle Grazie. Le truppe
regie avevan combattuto eroicamente a Pastrengo, a Crocebianca, a Santa
Lucia ed ora assediavano strettamente Peschiera, mentre il generale
Nugent scendeva con grandi sforzi nel Veneto e costringeva il generale
Durando a ripiegare su Vicenza.

Il generale Ferrari era stato richiamato in Toscana, e da due giorni
lo aveva sostituito il De Laugier, quando il generale Bava, sotto gli
ordini del quale era il corpo dei Toscani, con ripetuti dispacci lo
avvisa che forti distaccamenti di austriaci sono entrati in Mantova
e si preparano ad attaccare all'indomani le posizioni occupate dai
nostri; che occorrendo ripieghi su Goito, dove l'aiuto suo non gli
sarebbe mancato.

La linea guardata dai Toscani si stendeva undici chilometri da Goito
per Sacca e Rivalta fino a Montanara; aveva una fronte rivolta a
Mantova di oltre 3 chilometri di lunghezza, con la sinistra a Curtatone
appoggiata al lago formato dal Mincio, e la destra a Montanara. La
posizione era debole t mal difesa, A Curtatone, invece di coprirci con
l'Osone, canale non guadabile, e con i suoi argini, si eran formate
le nostre trincee al di là del canale e del solo ponte, che sulla via
maestra lo traversava, più alto del piano di campagna, non coperto ne
difeso. Montanara aveva la destra affatto scoperta e poteva facilmente
essere attaccata e girata di fianco. Sulla linea di battaglia tra
Curtatone e Montanara, il generale De Laugier non aveva che sei cannoni
e 4600 combattenti, mentre Radetzky era uscito da Mantova con 40,000
uomini e 60 pezzi d'artiglieria.

Alle 9 e mezzo della mattina comincia a tonare il cannone nemico, e
in breve il fuoco dei fucili si fa su tutta la linea vivissimo. Il
generale De Laugier per invitare, come egli disse, i suoi giovani
soldati a sprezzare il pericolo, esce con i suoi aiutanti al di fuori
delle trincee e percorre a cavallo, sotto il fuoco nemico, la parte
della linea che dalla strada va a sinistra fino al lago, e al suo
passaggio i soldati e i volontari, alzando i fucili, lo salutano col
grido di _Viva l'Italia_. Di là il Generale corre a Montanara, tutti
animando colla speranza della vittoria.

Anche il Battaglione Universitario, che era accampato alle Grazie,
e che il Generale aveva ordine di tenere in riserva, è portato
sulla strada di Mantova per attendere in colonna serrata l'ordine
di avanzare. Una densa nube di fumo si alza al di là del ponte e si
ode un terribile rombo; era un cassone di munizioni, che i fuochi
dell'artiglieria nemica ci aveano incendiato. Passano sulla strada
i feriti in gran numero; fra questi il tenente colonnello Chigi e il
tenente Niccolini, che si erano eroicamente battuti. «_Viva l'Italia!
Vendicateci!_» grida, passando, il Niccolini ai giovani universitari,
dei quali, a quel grido, non è più possibile contenere l'ardore. Il
Battaglione, formato com'era in colonna serrata, si muove senza che
nessuno glielo abbia comandato, e fu fortuna che nel breve tratto
da percorrere prima di salire il ponte, lo incontrassero l'aiutante
maggiore Milani e il capitano Caminati e lo facessero sfilare per due
e passare alla corsa sul ponte, dove fulminavano i fuochi incrociati
dell'artiglieria nemica, che ad alcuni di quei giovani furono pur
nonostante fatali. Il fuoco dei nostri fucili durò a lungo e sempre
vivace, mentre un solo cannone poteva di tanto in tanto, per mancanza
d'artiglieri e di munizioni, far sentire i suoi colpi.

Alle 4 pomeridiane, dopo sei ore e mezzo di combattimento, gli
austriaci in forti masse si avanzano sulla strada dalla parte del
lago, e il De Laugier assicuratosi della impossibilità di resistere
ancora, ordina la ritirata e la fa batter più volte, perchè molti
parevan decisi a morire sulle trincee piuttosto che voltar le spalle
al nemico. Gli austriaci, convinti di avere avuto a fronte un grosso
corpo di esercito, che avesse ripresa posizione alle Grazie, avanzano
cautamente, e intanto i nostri, discretamente ordinati, si ritirano per
Rivalta e Goito.

Nè con minor valore si eran battuti i Toscani comandati dal colonnello
Giovannetti a Montanara. Attaccati sul fianco destro da grandi forze
nemiche, più volte si erano slanciati al di là delle trincee, ed eran
riusciti a respingerle: l'artiglieria aveva fatto prodigii con i tiri
bene aggiustati dei suoi due cannoni, ma artiglieri e ufficiali erano
morti feriti sui loro pezzi. Nuove schiere nemiche ripetevano i loro
attacchi, e quando sul tardi il Giovannetti, cui non era pervenuto
l'ordine di ritirarsi inviatogli dal De Laugier, si accorse di avere
a fronte un esercito poderoso e ordinò la ritirata, il generale
Lichtenstein lo aveva girato di fianco e, sbarrandogli la via, lo
attaccava alle spalle. Molti di quei valorosi perirono, molti non
pratici del terreno furon circondati e rimasero prigioni.

Dal maresciallo Radetzky, nella sua relazione sulla campagna del 1848,
quella battaglia è chiamata memorabile e quella giornata gloriosa per
l'esercito austriaco. E noi possiamo dire sulla indiscutibile autorità
di lui, che dieci volte più memorabile fu quella battaglia e dieci
volte più gloriosa fu quella giornata per i toscani, che dell'esercito
austriaco non eran che la decima parte.

L'eroica resistenza dei nostri aveva dato tempo alle truppe regie di
raccogliersi a Goito, dove giunto Radetzky la mattina di poi e data
battaglia, fu vinto e costretto a tornare indietro e chiudersi in
Mantova. In quel medesimo giorno capitolava Peschiera. Ma fin d'allora
il valore dell'esercito, l'eroismo del re Carlo Alberto e dei Principi
suoi figli, non bastarono a rialzare le sorti delle armi italiane.
L'esercito piemontese, non ostante che prodigii di valore avesse
compiuti, pure due mesi dopo dovea fatalmente ripassare il Ticino.

Nel 26 di giugno si era adunato per la prima volta il Parlamento
toscano, che al discorso del trono, caldo di sentimenti patriottici
e avvivato dalla fede nell'avvenire d'Italia, rispose con fragorosi,
unanimi applausi. Ma nel mese successivo, quando la fortuna aveva
voltato le spalle alle armi italiane, il governo, colpito dalla grave
sciagura, era ricaduto nelle solite lentezze e incertezze. Si attendeva
la presentazione di una legge sui volontari, perchè il timore degli
austriaci vittoriosi faceva sentire il bisogno d'uomini e subito; ma il
30 luglio un movimento repubblicano, presa a pretesto la necessità di
difendere il paese, messe tutta Firenze sottosopra, la Guardia civica
non rispose all'appello, e la truppa piegò di fronte al popolo che
invase l'aula dei Deputati. Niuna deliberazione fu presa dall'Assemblea
sopraffatta, e ne seguì la dimissione del ministero Ridolfi. Gli
succede un ministero Capponi, che ebbe una vita agitata di soli
settanta giorni; durante i quali Livorno, conturbata dai sobillamenti
del Guerrazzi e irritata per la espulsione del padre Gavazzi, si levò
a tumulto, e rotto il telegrafo e arrestato il Governatore, pretendeva
dettare la legge. Inviato dal Governo a sedare quei tumulti Leonetto
Cipriani, ne avvenne fra il popolo e la truppa una lotta sanguinosa.
Per il che dipartitosi il Cipriani da Livorno, a calmare gli animi
esacerbati vi fu dal Governo inviato il professor Montanelli, e questi
blandendo il popolo per farsene strumento a salire, gli promise la
istituzione di una Costituente italiana, la quale avrebbe dovuto
deliberare sopra la forma del reggimento politico e anche sulla
conservazione della dinastia di Lorena.

Intanto i partiti estremi rossi e neri, d'accordo sempre nel
distruggere, avevano messo sottosopra anche Roma; e ucciso il Rossi,
e minacciato il Vaticano, avean costretto il Papa a fuggire. Caduto in
Toscana anche il ministero Capponi, il Montanelli e il Guerrazzi eran
riusciti ad afferrare il potere. Le due Costituenti, la Costituente
federativa dei trattati, piemontese, toscano e romano, che doveva
risedere in Roma ed esser la personificazione vivente dell'Italia, e la
Costituente legislativa sopra l'ordinamento interno di ciascuno Stato,
costituivano il programma del nuovo Ministero democratico: concetto
questo, cui prima aderì, poi respinse il Gioberti, allora presidente
del Ministero Piemontese; concetto che più tardi doveva sollevare gli
scrupoli di Leopoldo e indurlo ad abbandonare la Toscana. Sciolta la
Camera dei Deputati, o Consiglio Generale, come allora chiamavasi, e
riconvocati i Collegi elettorali, il Governo democratico nel dubbio di
non aver favorevole il giudizio popolare, avea lasciato che in Firenze,
in Pisa e in altre parti del Granducato il giorno delle elezioni
si tumultuasse, si spezzassero le urne e fossero messi in fuga gli
elettori dalla plebaglia eccitata. In sì triste modo si chiudeva il
1848, quell'anno di tante speranze, di tante prove, di tante sciagure.

Il risorgimento italiano, cui l'elezione di Giovanni Mastai a Pontefice
aveva dato come il suggello della giustizia divina, si era arrestato,
ma non per sempre. Se al principio del 1848 era esso una fede nella
coscienza del popolo, al cader di quell'anno fortunoso non era per
altro che un debole ricordo di un sogno svanito. La speranza, non che
spenta, era resa anzi più viva per l'ammaestramento che ci veniva dagli
errori commessi.

Se il 1848 aveva strappato dalle nostre mani inesperte le sorti della
patria, le vegliava un destino benevolo. Gli errori del popolo le
avevano compromesse, gli errori del principato dovevano prepararne
la grande riscossa. Se Pio IX, se Leopoldo di Lorena si involavano,
e con ragione, alla tirannia della piazza, era il fato benevolo
dell'Italia, che doveva spingerli a rifugiarsi presso il Borbone
sotto le ali tristamente tutelari dell'Aquila austriaca. Era il fato
benevolo dell'Italia, che doveva nella tenebrosa fucina di Gaeta far
preparare la violazione dei patti giurati, e la chiamata delle armi
straniere sopra i popoli ancor fedeli della Toscana. Era il fato
benevolo dell'Italia, che doveva offrire a noi medesimi, che avevamo
errato, l'occasione della riscossa. Era il fato benevolo dell'Italia,
che invece di un Papa, liberale senza saperlo, doveva darci in Vittorio
Emanuele un Re Galantuomo, e far dello Statuto Sabaudo il gran faro cui
potessero rivolgersi tutti i cuori e tutte le menti degli italiani. Era
il fato benevolo dell'Italia, che doveva con gli errori del Granduca
ravvivare il sentimento dell'unità nazionale, sopito ma non spento, nel
popolo toscano, e dare a questo la fermezza di volontà e la temperanza
di modi, che più tardi lo avrebbe fatto appellare un popolo di
diplomatici, che sotto la guida salda e robusta del Ricasoli, avrebbe
potuto render vani i patti di Villafranca, i suggerimenti amichevoli,
gli autorevoli consigli delle potenze straniere, e, spezzando la
propria corona, dare il primo e il più forte cemento all'unità della
patria!

Il vaticinio del poeta toscano si avverò: furono lacerate all'Italia

    Le molteplici bende
    Onde gelida a lei _correa_ la vita.

Il generoso disegno fu opera grande e fortunatamente compiuta.

    Dopo lungo servaggio alzata a regno

l'Italia fu libera, fu indipendente, fu una. Possa la mente del popolo
non ricadere sotto il fàscino di coloro, i quali, negando persino il
sublime affetto di patria, non aborrono dal gridar _viva_ ai nemici
di lei, di coloro che saranno sempre, come nel 1848, causa non dubbia
di grandi sciagure; possano gli errori d'allora essere a tutti di un
ammaestramento costante; e l'Italia, ricostituita in nazione, per virtù
di Re e di Popolo, possa per virtù di Popolo e di Re serbarsi grande e
potente!



INDICE


  Pio IX e Pellegrino Rossi                       Pag. 5
  I moti di Napoli del 1848                           57
  La Sicilia e la rivoluzione                        113
  I moti toscani del 1847 e 1848: loro cause ed
    effetti                                          137



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "La vita Italiana nel Risorgimento (1846-1849), parte III - Terza serie - Storia" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home