Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Istruzioni popolari per la buona tenuta dei bachi da seta
Author: Poggi, Tito
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Istruzioni popolari per la buona tenuta dei bachi da seta" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



(original images from Biblioteca Scolastica - Istituto
Tecnico Agrario "G. Garibaldi", Roma)



                    CATTEDRA AMBULANTE D'AGRICOLTURA
                       della Provincia di Verona


                          ISTRUZIONI POPOLARI
                                 PER LA
                     BUONA TENUTA DEI BACHI DA SETA
                              (CAVALIERI)


                                  DEL
                            Prof. TITO POGGI


         Si vende presso la _Cattedra d'Agricoltura_, in Verona
                         al prezzo di Cent. 20



                                 VERONA
                  STABILIMENTO TIPO-LIT. P. APOLLONIO
                                 1901.



AI BACHICULTORI VERONESI


La =quantità= e la =qualità= dei bozzoli (gallette) dipendono dalla
=buona semente= e dal =modo di tenere i bachi e di fare il bosco=.

Per la =qualità= specialmente, una parte della provincia veronese
lascia ancora da desiderare. I filandieri si lagnano dei nostri
bozzoli. Ma noi potremo in breve far cessare tali lagnanze =se ci
metteremo ad allevare bachi di buone razze e a tenerli meglio=. Allora
il nostro bozzolo sarà più ricercato e =meglio pagato=.

Ecco dunque lo scopo di queste istruzioni che spero di vedere bene
accolte e osservate[1].

                                                                T. P.



I. La semente.


1. Il _seme-bachi_ deve essere assolutamente _cellulare_. Non si deve
pagarlo _troppo poco_. Se infatti il prezzo alto non sarà sempre una
guarentigia di diligente e buona preparazione, il prezzo troppo basso
sarà sempre _una prova certa_ che il seme non è _cellulare_, anche
se venduto per tale, ma bensì _industriale_, cioè preparato senza
selezione microscopica.

La semente dei bachi da seta si acquisti dunque da Ditte _di fama
illibata e di conosciuta competenza_, e preferibilmente provenga da
allevamenti fatti in luoghi montuosi, o almeno molto ventilati.

2. Si dia la preferenza alle _razze incrociate bianco-gialle_ (femmina
chinese e maschio indigeno tipo Ascoli) _di primo incrocio_, e ad altre
simili che abbiano dati i migliori risultati negli allevamenti degli
anni precedenti. Non si corra troppo facilmente _incontro alle novità!_

Se riescono bene, le razze _gialle_, o _incrociate col giallo_, danno
i prodotti maggiori e una qualità di bozzolo che, sul mercato, ottiene
i prezzi più alti. Ma se l'esperienza dimostra che in quel determinato
luogo ove si farà l'allevamento tali razze riescono troppo _delicate_,
si ricorra a incroci con più o meno sangue chinese (_femmina chinese_).

3. Il seme-bachi deve esser _conservato_ nei telaini di legno e garza o
entro scatole molto bucherellate, sempre a strati sottilissimi.

_Le uova dei bachi respirano continuamente_, anche quando non è
cominciato il loro svolgimento. È dunque necessario che il locale ove
si conservano sia _molto ventilato_.

Deve essere pure _asciutto_.

E finalmente, in questo locale (_ibernatore_) la temperatura
dovrebb'essere il più che fosse possibile _costante, oltrechè
bassa_: meglio sarebbe di soli 2° a 3° Centigradi sopra zero, fino
all'approssimarsi della incubazione; vicino a quest'epoca potrà salire
gradatamente fino a 5° o 6° C.

Soprattutto è importante che il seme sia conservato a questa
temperatura bassa e _costante_ nei due mesi (marzo e gran parte
d'aprile) che precedono la incubazione. Soltanto presso a questo tempo
si potrà permettere che la temperatura gradualmente s'inalzi dai 5° a
6° C fino a 9° Reum. = 11°½ C circa.

_I balzi di temperatura in questa stagione sono dannosissimi alla buona
riuscita degli allevamenti._



II. L'incubazione.


4. L'incubazione o _covatura_ artificiale _è necessaria_; bachi sempre
deboli son quelli nati spontaneamente. Il calendario (S. Zeno, S.
Marco, S. Giorgio) segna date assai incerte per l'incubazione, perchè
l'andamento della stagione nel mese d'aprile è spesso molto incostante.
Piuttosto che a una _data_, convien badare _allo sviluppo della foglia
di gelso_.

Non bisogna affrettarsi troppo; ma nemmeno troppo indugiare.

_Quando i gelsi delle migliori esposizioni hanno le loro gemme bene
sbocciate, e ognuna di esse mostra evidenti 2 foglioline_, allora si
metterà il seme bachi al covo.

Fra i vari metodi di covatura sono assolutamente da condannare:

  la _covatura in seno_;
  la _covatura nei letti_;
  la _covatura nelle stalle_.

E sono solamente razionali:

  _a) la covatura colla incubatrice;_
  _b) la covatura in una stanza riscaldata._

Il primo metodo è buono per piccole quantità; l'altro per grandi.

Buone incubatrici sono quelle: _Orlandi_ (L. 140) capace anche di
100 oncie e più, _Calligaris_ di Udine (L. 35, per 24 oncie) ed altre
(_Pucci, Lämmle, Vannuccini, Sini_, ecc.)

Nella stanza incubatrice[2], o nella incubatrice, quando vi si porta
il seme dovrebbe esservi la stessa temperatura che la semente risentì
negli ultimi giorni nella stanza in cui venne portata (circa 9° R. =
11°½ C) o di poco maggiore.

Poi la temperatura dovrebbe crescere gradualmente, _a circa mezzo grado
al giorno_, da 9° R. (circa 11½ centigradi) fino a 16° R. = 20° C.

Quando il seme comincia a _sbianchire_ si porterà subito la temperatura
a 17° R., pari a 21° Cent., temperatura _da mantenere costante durante
tutta la nascita_.

Il seme-bachi, nell'incubatrice o nella stanza riscaldata, deve essere
tenuto in scatolette in strato _sottilissimo_; l'ideale sarebbe che
le uova fossero in un unico strato, una accanto all'altra, come nelle
deposizioni naturali o sui cartoni giapponesi.

_Non si devono rimestare le uova; ma lasciarle in quiete assoluta
durante l'incubazione._



III. Locali e attrezzi.


5. Un locale appositamente costruito per i bachi (_bigattiera_) non
occorre.

Le grandi bigattiere anzi richiedono cure straordinariamente diligenti
per non divenire focolari di malattie.

I grandi allevamenti, oggidì, sono sostituiti, con assai maggiore
convenienza, dai piccoli.

_Fatta dunque eccezione per gli allevamenti speciali destinati a
riproduzione_ (pei quali _apposite stanze_ possono qualche volta essere
necessarie) nella più modesta casa di contadino si può trovare locale
adatto per un buon allevamento di piccola partita di bachi.

6. Il locale però deve innanzitutto _essere asciutto e ventilato_.

7. Deve aver _camino_ o _stufa di cotto_[3] senza valvole, che permetta
una facile aereazione. Le correnti d'aria che si debbono ottenere nella
stanza non dovranno però mai colpire direttamente i bachi.

_Il riscaldamento della stanza coi bracieri (padelle) è da condannarsi._

8. I _graticci_, _stuoie_ o _arelle_ pei bachi possono esser fatte di
diversi materiali (legno, canna di palude, rete di fil di ferro ecc.)
Non ha molta importanza la scelta del materiale; ma importa invece,
soprattutto, che i graticci permettano un continuo arieggiamento o
rinnovamento d'aria. Sono buonissimi pertanto quelli fatti di cannuccia
di palude, detti appunto _cannicci_ o _arelle_.

Per comodità di maneggio i cannicci possono tendersi anche su una
leggera intelajatura di legno. Ma è un grosso errore intelajare tutta
l'arella in una sponda di legno, che è poi tanto più dannosa quanto
più alta, perchè l'aria respirata dai bachi in questi graticci ristagna
attorno al corpo del baco.

Infine i graticci debbono essere leggeri e non troppo larghi: standone
ai lati, si deve comodamente arrivare colle braccia oltre la mezzeria.

I _castelli_ (_peagnare_ nel Veronese) per sostegno dei graticci si
possono fare con quattro o sei aste di legno (_peagni_) provviste di
buchi nei quali si ficcano dei _cavicchi_ e su questi si appoggiano
le _traverse_ che sostengono i cannicci. Migliore è il sistema dei
cannicci muniti di piedi e sovrapposti l'uno all'altro, od anche quello
dei cannicci appesi con funi o _ganci_ (sistema Sartori) ai travi del
soffitto, il che permette anche, di tempo in tempo, di far dondolare
tutto il castello arieggiando i bachi.

In tutti i casi, fra un graticcio e l'altro, sianvi sempre circa _35_ a
_40 centimetri_ di distanza; _ma non meno di 35_.

Dalla terza o dalla quarta muta in avanti si possono anche alimentare
i bachi con foglia attaccata ai ramoscelli o _polle_ del gelso, usando
di uno dei _sistemi detti economici: a cavalloni_ o _friulano, sistema
Bonoris_ e _Pasqualis, sistema Cavalto_ che io vorrei vedere anche
nella nostra provincia e di cui diramerò in altro momento apposite
istruzioni.



IV. Disinfezioni e suffumigi.


9. È della massima importanza, specialmente per difendere i bachi dalla
malattia del _calcino_, di _disinfettare accuratamente i locali_ e gli
attrezzi.

Le sostanze che si possono adoperare per la disinfezione sono:

  1. la _Formalina o Formaldeide del commercio_;
  2. il _fumo di legna_;
  3. il _fumo di zolfo_;
  4. il _solfato di rame_;
  5. il _sublimato corrosivo_.

Metto per ultimo il _sublimato_ nonostante esso sia potente
_antisettico_; ma è un po' pericoloso perchè velenosissimo. _Chi adopra
il sublimato guardi dunque bene a quel che fa: lo adopri in soluzione
al 2 per 1000 e immerga nella soluzione gli attrezzi, che poi farà
asciugar bene all'aria e al sole._ Poi il sublimato nella disinfezione
dei locali, dei muri specialmente, non è molto efficace.

10. Chi vuol seguire mezzi più semplici e meno pericolosi di
disinfezione adotti il metodo che sto per dire:

_a_) _Preparare una poltiglia bordolese al 2% di solfato di rame con
altrettanta calce; poi, colla pompa irroratrice, irrorare soffitte,
pareti e pavimento delle stanze destinate ai bachi._ Invece di questa
poltiglia che tinge tutto in celeste, si può adoperare una soluzione di
_formalina_ all'1½ per 100, e questa è anche più efficace, _ma costa di
più_ (L. 2,50 per kilogr., al massimo, la formalina, e quindi L. 3,75
per ettolitro il liquido).

Fatta questa disinfezione al locale, si immergano tutti gli attrezzi,
per mezz'ora almeno, in una vasca contenente una _soluzione semplice
di solfato di rame_ al 2%. Quindi si lascino asciugar bene al sole,
e si rimettano nella stanza destinata ai bachi, ove, per precauzione,
si farà evaporare nel fornelletto apposito (fig.ª A) ancora un po' di
formalina (100 grammi per 100 metri cubi di spazio).[4] Tutto questo si
fa _prima_ di portare i bachi nel locale.

_Nessun suffumigio con zolfo o con formalina deve farsi durante
l'andata al bosco dei bachi._

Invece, durante l'allevamento, ed evitando soltanto i periodi _delle
dormite_, si potranno fare suffumigi con poca formalina (1 grm. per
metro cubo) o con fumo di legna.

_La carta pei bachi deve essere sempre nuova._

   [Illustrazione: Fig. A — _Fornelletto per la formalina._]



V. Nascita e Allevamento dei bachi nelle prime età.


11. Pochi bacolini (_spie_) nascono il primo giorno; gli altri
(conservando la temperatura intorno a 17° R. = 21° C.) devono
regolarmente nascere nei successivi tre giorni; pochissimi, il quinto
giorno.

È credenza volgare, _ma erronea_, che i primi bacolini nati siano i più
robusti.

Se un seme desse una nascita poco numerosa (molta _fallanza_) converrà
non allevare i pochi bachi nati: quel seme è di cattiva qualità o mal
conservato; il prodotto, anche riferito ai soli nati, sarebbe basso
certamente.

Appena il seme comincia a sbianchire bisogna ricoprirlo con un _doppio
velo_ a tessuto assai largo (_tulle_) o con una _doppia cartina
forata_; meglio ancora, il velo (_tulle_) sulla semente, e, sul velo,
la cartina forata.

All'apparire degli spioni, il mattino di buon'ora, si mettono sul velo
o sulla carta forata poche foglioline di gelso o qualche striscia di
foglia trinciata. Più tardi, verso le 7 ant., si leva il primo foglio o
velo colle fogliette e se ne mette un altro, pure con altre foglie.

12. Si tolgono così, in tre o quattro volte per ogni giorno[5], i
bachi nati che si depongono su un foglio di carta nella stessa stanza
o in altra alla stessa temperatura (17° R.) ponendo le fogliette cui
sono attaccati un po' distanti fra loro e cominciando a dare pasti
leggerissimi e frequenti di foglia finamente trinciata.

_I bachi di ogni levata debbono tenersi sempre separati e non si deve
pretendere di pareggiarli coi digiuni!_

13. I bacolini appena nati, raccolti come or ora fu detto e portati
in una stanza a circa 17° R. (21° C.) verranno mantenuti a questa
_temperatura che dovrà pure conservarsi presso a poco costante durante
tutto l'allevamento_.

14. In tutte e tre le prime età del baco non occorrono poi altre cure
che le seguenti:

_a_) 7-8 pasti (sempre leggeri) _di foglia trinciata_ nelle 24 ore;
rendere i pasti ancor più leggeri (ma non meno numerosi) presso alle
mute.

_È un errore somministrare pasti abbondanti e radi._

_b_) Mantenere il locale a circa 16°-17° R. (20°-21 Centigradi).

_c_) Rinnovare l'aria.

_d_) Mutar di letto ai bachi una volta nella 2ª età (nella 1ª non
occorre) e 2 a 3 volte nella terza.[6]

_e_) Diradare i pasti subito dopo le mute e pareggiare i bachi
piuttosto cogli spostamenti dei fogli di carta dall'alto in basso e dal
basso in alto[7] che non coi digiuni.

_f_) Tener _molto radi_ (_chiari_) i bachi assegnando loro lo spazio
necessario;

_g_) Tenere _asciutto_ l'ambiente.



VI. Spazio necessario per un'oncia di bachi.


15. È importantissima condizione di riuscita, nell'allevamento dei
bachi, il tenerli molto _radi_ (_chiari_).

Per un'oncia di bachi occorreranno, coi sistemi comuni di allevamento,
all'incirca, le seguenti superfici:

  Alla fine della 1ª età m. quad.   3
    »    »    »   2ª  »     »     6-7
    »    »    »   3ª  »     »      15
    »    »    »   4ª  »     »      25
    »    »    »   5ª  »     »      50



VII. Foglia e pasti.


16. La foglia sia sempre più fresca che sia possibile, non bagnata, non
fermentata.

Sia conservata in magazzini o cantine asciutte; meglio se attaccata ai
ramicelli.

Sia ripulita dai frutti, stecchi ecc. Sia trinciata, almeno per le
3 prime età del baco. La trinciatura si fa a mano, con un coltello
ben tagliente, finchè la foglia è tenera ed acquosa; poi con un
_trinciafoglia_ se, per la quantità dei bachi, questo ordigno occorre.

17. I pasti siano leggeri, uniformi, frequenti anche presso le mute;
siano piuttosto più radi subito dopo le mute; ma, due giorni dopo la
muta, devono ritornare frequenti (7-8 al giorno, a intervalli regolari
nelle 24 ore).

Il consumo di foglia mondata si può _in media_ calcolare così per
un'oncia di bachi:

  1ª età               Kg.   5 } foglia
  2ª età                »   18 } ancor
  3ª età                »   36 } tenera
  4ª età                »  110
  5ª età                »  700
                         —————
                TOTALE Kg. 869



VIII. Mute.


18. Quando i bachi si avvicinano alla muta conviene siano
sollecitamente cambiati di letto affinchè durante il letargo
(_dormita_) non rimangano su molto letto; sarebbe pure dannoso
aspettare a fare il cambio che ve ne fossero già degli addormentati.

19. I pasti, all'avvicinarsi delle mute, non devono diminuirsi di
numero; ma solo di quantità. Dopo le mute, e cioè appena si vedono i
primi bachi colla pelle nuova (_svegliati_), si sospende affatto la
somministrazione di foglia per pareggiarli. Si potrà così tenere i
bachi 16-18 ore, _ma non più_, senza cibo, semprechè la temperatura non
sia più alta di 18° R. I primi bachi addormentati si passano in basso
del castello, mentre quelli coi bachi più indietro si portano in alto.



IX. Cambiamento dei letti.


20. Si deve fare 1 o 2 volte per ogni età; fanno eccezione la 1ª età,
in cui si può evitare il cambiamento del letto, e la 5ª ed ultima in
cui occorrerebbe cambiamento _giornaliero_.

Per cambiare i letti si adoprano le _carte forate_ nella 2ª, 3ª e 4ª
età; le _reti_ per l'ultima sarebbero preferibili; ma in molti casi si
fa senza, adoprando getti (_butti_) interi di foglia.

Per la seconda età, e trattandosi di piccole partite, può farsi il
cambiamento anche per mezzo di foglie intere collocate sui bachi col
picciuolo rivolto in su. Prese poi le foglie pel picciuolo quando sono
cariche di bachi, si portano su altri graticci. I bachi cambiati di
letto si pongono sempre lungo la mezzeria dei graticci formandovi una
striscia dapprima piuttosto stretta per potere, coi pasti successivi,
allargarla diradando così i bachi convenientemente; oppure si collocano
a discrete distanze sulle arelle i fogli di carta forata.



X. Allevamento dei bachi nella 4ª e nell'ultima età.


21. Alla 4ª età può somministrarsi ai bachi la foglia intera. Però essa
deve esser mondata, e questo _dovrebbe farsi sempre_, anche nella 5ª
età.

Deve continuare la frequenza dei pasti; nell'ultima età poi, eccettuati
i primi 2 giorni dopo la muta, _l'alimentazione deve esser quasi
continua_.

La temperatura si mantenga presso a poco costante (17° R. = 21° C.)
e ci si assicuri che nel locale la ventilazione non manchi: porte
e finestre siano sempre aperte: _anche di notte_ se la temperatura
esterna lo consente; ma le finestre siano difese con tele rade od altro
che permetta ventilazione e non forti correnti; che se aldifuori fa
freddo, allora occorrono frequenti fiammate, anche per assicurare col
fuoco il rinnovamento dell'aria. Si cerchi che i bachi non siano mai
troppo fitti e che occupino presso a poco lo spazio indicato a pag. 15.

22. _Si cambino i letti come è detto a pag._ 16; e si allontanino
subito dalla bacheria i letti e l'altro sudiciume spazzando il
pavimento, dopo averlo lievemente innaffiato con acqua che contenga
disciolta un po' di _formalina_. Converebbe portar via le spazzature
entro appositi sacchi di tela _che assolutamente non devono servir mai
per la foglia_. Pessimo è il costume di buttare in terra, dall'alto, i
letti dei graticci superiori, sollevando un polverio pericolosissimo.

_Il pavimento non si bagni mai troppo_ per non rendere umido il locale.
L'umidità eccessiva è nemica capitale del baco da seta e del bozzolo.



XI. Il Bosco.


23. _Fare il bosco bene_, ecco un punto essenzialissimo
dell'allevamento dei bachi.

È difettosa l'opinione _che quando i bachi ne hanno voglia fanno
galletta dappertutto_. Ciò è vero in parte; ma che galletta?
_Rugginosa, muffata, macchiata, fiacca, malformata ed ammaccata_: che
poi _alla bacinella_ rende poco, il cui filo si strappa; cosicchè
infine l'acquirente si stanca di venir a comprare su taluna delle
nostre piazze, o ci fa prezzi troppo bassi.

24. Facciamolo dunque _bene_ il bosco; e cioè:

  _a) in luogo arioso, asciutto e pulito;_
  _b) con materiale nuovo, secco, sottile e rado;_
  _c) allontaniamone i letti al più presto;_
  _d) non soffochiamo il bosco con coperture inutili
      e dannose;_
  _e) non facciamo suffumigi durante il lavoro del
      baco._

Esaminiamo questi cinque punti:

25. Il bosco deve farsi in _luogo arioso, asciutto e pulito_.

Pertanto, se si ha abbondanza di locali, nulla di meglio che portare i
bachi maturi fuori del locale ove furono allevati e metterli al bosco
in apposito ambiente, che può del resto essere anche semplicemente un
granaio, purchè riscaldabile all'occorrenza, purchè non infestato da
topi e purchè _arioso, asciutto, pulito_.

E per seguire questo metodo non occorre nemmeno prendere i bachi
maturi colle mani dalle arelle su cui si coltivarono (perchè si va
a rischio di coglierne anche dei mal maturi o di sciuparne qualcuno)
ma basta mettere sulle arelle ove si danno gli ultimi pasti ai bachi
delle frasche _ben secche, sottili, leggere e rade_ (_chiare_) o meglio
degli steli secchi di ravizzone (_colsato_) o di scoparia (_spazzadora
da campo_) e con tali frasche o steli, su cui si arrampicano i bachi
maturi, si portano questi nell'ambiente ove poi dovranno filare.

Se invece lo spazio fa difetto, il che è purtroppo cosa comune, è
necessario fare il bosco _nello stesso locale di allevamento_; ma in
tal caso si cerchi di far bosco _senza letto_. Anche allora, per levare
i bachi maturi si usi pure del sistema predetto, ponendo sulle arelle
ove i bachi mangiano delle frasche (ma _secche, secche_, non appassite
soltanto) e con esse si portino i bachi sulla prima arella libera, in
alto, sulla quale si sarà preparato il bosco. Questo potrà esser fatto
anche col metodo comune o lombardo, e cioè a siepi di fascine disposte
_a caselle_ (_calti_) ma coi bachi _portati_. Di mano in mano insomma
il bosco dovrebbe farsi su arelle libere, sulle quali si portano i
bachi maturi; mentre gli ultimi ritardatari, se lo spazio lo consente,
si dovrebbero levare accuratamente e portare su arelle speciali ove si
alimenteranno separatamente per farli poi salire alla loro volta.

26. Il materiale con cui si fa il bosco sia _nuovo, secco, pulito,
sottile e rado_.

I buoni agricoltori dovrebbero tutti coltivare ogni anno un po'
di ravizzone per averne olio e _steli secchi_, che sono il miglior
materiale per far bosco ai bachi. Un'altra buonissima pianta per questo
è la scopa (_spazzadora_) anche questa di facile coltivazione ove si
abbiano terreni sabbiosi.

Buone materie per far bosco sono anche le _ginestre_, la _paglia di
segale_ ben secca, i _ricci_ o _trucioli_ (_rizzi_) di falegname e la
cosiddetta _paglia di legno_.

Adatta abbastanza è poi qualsiasi legna _minuta_, anche di gelso o di
vite (_sarmenti_) purchè sia veramente _minuta_ e, lo ripeto, =secca=,
e purchè non legata e ristretta in fascine compatte; dalle fascine ogni
grosso legno deve essere stato levato.

Nella legna grossolana e legata strettamente in fascine il baco fa
il bozzolo malamente; la galletta riesce _piccola_,[8] _deforme_ e
_ammaccata_. Nella legna umida poi il bozzolo viene attaccato da muffe
e diviene _macchiato_ o _rugginoso_.

Il bosco vecchio, che ha cioè servito una volta, _si bruci_; non si
conservi.

27. _I letti non debbono restare sotto al bosco._ Levati i bachi
ritardatari per dar loro ancora i pochi pasti necessari, e questi di
foglia mondata, si toglieranno al più presto dalle caselle (_calti_) i
letti e anche le carte, se vi sono, onde non resti materia umida sotto
i bachi che filano e l'aria circoli senza trovare ostacoli.

28. _Non soffochiamo il bosco con coperture dannose._

Una leggera copertura del bosco con garze pulite sarebbe anche adatta;
ma coprire con carte è assai mal fatto; l'aria non circola; molti bachi
muoiono soffocati prima di filare o a mezza filatura, e molti bozzoli
restano ammaccati; _ed ecco un'altra causa di mancato prodotto o di
qualità meschina_. Dunque: o coprire il bosco con arelle, con garze o
con altra materia permeabile all'aria, _o non coprire affatto_. Del
resto basta tenere nel luogo del bosco luce moderata perchè i bachi
filino benissimo, senza bisogno di copertura.

29. _I suffumigi (profumi) durante il lavoro del baco_, possono
arrecare danno alla qualità del bozzolo o disturbo al lavoro del baco
che, finiti i pasti, ha bisogno essenzialmente _d'aria pura_.

Perciò non si facciano suffumigi di nessuna specie durante la filatura,
_anche per non dare pretesti_ a chi compra le gallette.

Lo ripeto dunque: per la salita al bosco, e fino alla raccolta
dei bozzoli, _aria, aria asciutta, niente letti, niente suffumigi,
materiale da bosco secco, nuovo, pulito, e non coperture soffocatrici!_

                                   *
                                  * *

Un bosco che nella sua massima semplicità riunirebbe tutti, o quasi
tutti, i vantaggi desiderati è quello rappresentato dalla figura _B_.

È composto di legna assai minuta adagiata e disposta in 2 piani (S S
nella figura)

   [Illustrazione: _Fig. B. Bosco Pasti sul castello (peagnara)_]

Quivi dovrebbero poter fare il bozzolo i bachi di tutta una peagnara
o castello, concentrando sui due ripiani preparati pel bosco i bachi
di 5-6 arelle. Ma come portare sulle due imboscate i bachi maturi?
Levandoli a mano con fraschette dalle arelle ove ancor mangiano gli
altri, e deponendoli sul bosco.

Naturalmente, perchè le 2 false arelle S S col bosco possano meglio
sostenersi, converrà farle con bastoni longitudinali e trasversali.
E per evitare che i bachi del bosco di sopra macchino colle loro
dejezioni quelli di sotto, un'arella con carta, applicata per qualche
tempo sotto al bosco superiore (Vedi A nella Fig. _B_) servirà
all'uopo. Questa arella vera non resterà sotto al primo bosco che fino
a filatura bene avviata di tutti i bachi. Poi si leverà[9].

Il bosco così sarebbe arieggiato, asciutto e non avrebbe letti; il
bozzolo non vi soffrirebbe e se ne otterrebbe quindi migliore qualità
di galletta che dalle caselle (_calti_) soffocate e umidiccie —
Provatelo.

                                   *
                                  * *

30. Una raccomandazione, per finire. Se presso qualche vostro
conoscente, amico, parente, si manifesta il _calcino_, guardatevi
dall'andare e venire dalle sue bigattiere alle vostre, guardatevi dallo
scambio di arelle, carte o altro materiale, ed evitate accuratamente
che le donne che accudiscono a quei bachi possano venire a vedere o,
peggio, a lavorare, attorno ai vostri bachi!

_Seguendo queste nonne, i bachicultori del Veronese potranno rialzare
le sorti di questa loro industria ora depressa e ritornare certo
a prodotti molto più elevati, e, probabilmente, anche a prezzi più
rimuneratori._



NOTE:


[1] Debbo particolari grazie ai Signori Fratelli Pasti, valentissimi
bachicultori, che mi hanno favorito dei loro consigli onde rendere
questo opuscoletto più pratico che fosse possibile.

[2] La stanza incubatrice non dovrebbe essere rivolta a mezzogiorno per
evitare un riscaldamento eccessivo.

[3] Trattandosi di dover fare di nuovo, i caminetti tipo _Susani_ sono
i più pratici. Sono specie di Francklin tutti di mattoni, con canna pel
fumo, pure di mattoni; la canna sale obliquamente lungo le pareti della
stanza e così riscalda bene tutto il locale.

[4] Invece del bagno nel solfato di rame si può fare agli attrezzi, con
pari risultato, una irrorazione con formalina all'1½ per 100.

[5] Se lo strato di seme non è molto sottile, si fanno anche 5 levate
in un giorno.

[6] Nella 1ª età, per ottenere il diradamento, _basta rompere_, cioè
suddividere, il letto.

[7] In ogni stanza l'aria più calda va in alto; abbassando le carte
o le arelle che hanno i bacolini svegliati primi, alzando quelle
che hanno i bachi più indietro, si può arrivare a ottenere un buon
pareggiamento. Del resto non bisogna esagerare coi pareggiamenti e non
è poi male mandare i bachi al bosco a riprese senza troppo affannarsi.

[8] Anche _piccola_ perchè il baco sperde molta seta stentando a
trovarsi luogo adatto per imbozzolarsi.

[9] L'altra arella A sotto al bosco inferiore impedisce la caduta a
terra di qualche baco.



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Istruzioni popolari per la buona tenuta dei bachi da seta" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home