Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: L'anatra - Allevamento per la produzione della carne
Author: Gonin, Carlo A.
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "L'anatra - Allevamento per la produzione della carne" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



(original images from Biblioteca Scolastica - Istituto
Tecnico Agrario "G. Garibaldi", Roma)



                             CARLO A. GONIN


                                L'ANATRA

               Allevamento per la produzione della carne



                                CATANIA
                      FRANCESCO BATTIATO — EDITORE
                                  1921



                          PROPRIETÀ LETTERARIA

          Off. Tipogr. del GIORNALE DEGLI ALLEVATORI — Catania



L'anatra prototipo dei volatili per industria


Un sagace avicultore italiano scriveva recentemente che se
l'allevamento razionale dei polli può dare in Italia guadagni
elevatissimi, quello dei palmipedi e delle anatre specialmente
produrrebbe degli utili anche superiori; e facendo la supposizione che
tre milioni di contadini tenessero quattro femmine di buona razza con
un maschio, ognuno di loro avrebbe dai 150 ai 200 anatrotti all'anno,
macellabili a due mesi o due e mezzo d'età. Risultato: 450 a 600
milioni di capi che a 2 chilogr. ciascuno costituirebbero 900 milioni
ad un miliardo e più di chilogrammi di carne, ed ossa, ben inteso; ora,
questi, convertiti in moneta corrente, se non sonante, darebbero la
bellezza di 3600 a 4800 milioni di lire italiane.

Non trovo esagerazione in questi calcoli, anzi in taluni si rimane
perfino un po' al disotto della realtà, poichè una femmina di buona
razza non darà mai meno di 60 uova, quindi per quattro femmine 240
uova, ed anche deducendo le perdite possibili nello allevamento si
avrebbero sempre più della cifra suindicata di anatrotti; il guaio
si è, a mio avviso, che i tre milioni di contadini italiani decisi a
mettersi sulla buona strada non si rinverrebbero facilmente, e ritengo
che lo stesso autore dell'articolo non si farà troppe illusioni in
proposito. Quanti ve ne sono come quello che al buon Pascal, uscì
fuori a dire che le sue anatre mangiavano più del majale, quindi dava
la preferenza a quest'ultimo! ce lo racconta lui, il grande scrittore
allevatore nel suo «Anatre ed oche da prodotto».

Ed è questa erronea convinzione tenacemente conficcata nella materia
cerebrale dei nostri buoni villici, nella gran maggioranza almeno, che
li rende apatici se non ostili; essi tengono assai più volentieri i
polli, le oche, i tacchini che si procurano da se stessi se non tutto,
quasi tutto il nutrimento, mentre alle anatre bisogna provvederlo
nella massima parte. Ma non calcolano, che un anatrotto di buona razza
in poche settimane, se ben nutrito è vendibile, per cui in confronto
ai polli, grazie al suo rapido sviluppo, viene a consumare assai
meno. Egli queste cose le ignora ed in fin dei conti non è tanto da
biasimare se nessuno gli insegna come dovrebbe fare per guadagnare
con la pollicoltura; dove sono gl'istituti governativi dove si formino
degli allievi capaci di diffondere le buono pratiche fra le popolazioni
agricole?

Eppure governanti ed economisti ci rintronano gli orecchi col solito
ritornello dell'immenso bisogno di lavorare d'intensificare la
produzione; ma mentre vi sono numerose scuole ed istituti per certe
industrie e qualcosa si è fatta anche per quella chiave di volta della
nostra produzione che è l'agricoltura per l'allevamento degli animali
da cortile che condotto con sistemi meno empirici darebbe dei risultati
sorprendenti, è una miseria, una ridicolezza quanto lo Stato ha fatto
fin'ora in materia d'insegnamento pratico.

Un'altra questione che rattiene molti dal dedicarsi all'allevamento
dell'anatra è quella dell'acqua, la maggioranza credendo che per vivere
e prosperare il palmipede ne abbia assoluto bisogno. Scorrendo queste
pagine il lettore vedrà come se l'acqua è un elemento utile, in certi
casi non è affatto indispensabile ed in altri è anzi contrario.

L'anatra è fra i diversi volatili domestici quello che per rapida e
forte produzione di carne risponde meglio d'ogni altra all'interesse
dell'allevatore; il colombo la precede bensì sviluppandosi in venti
giorni ma poi rallenta mentre l'anatra progredisce continuamente in
modo meraviglioso fino a due mesi, epoca in cui è già abbastanza grossa
per esser mangiabile e di un bel volume. L'oca non si trova in simili
condizioni fino a che non abbia sette od otto mesi d'età, un galletto
delle migliori razze da carne ha bisogno di almeno tre mesi e così
il tacchino è assai lento nel suo sviluppo in confronto al nostro
palmipede.

Oltre al crescere costantemente mangiando di continuo, l'anatra
offre pure il vantaggio di approfittare di tutti gli alimenti che le
si presentano; essa rappresenta nella categoria dei piccoli animali
domestici ciò che è il maiale in quella del grosso bestiame e forma,
per tutte le qualità che le si riconoscono il prototipo dei volatili
industriali.

Non tutte le anatre però sono ugualmente precoci come non tutte
hanno le stesse buone qualità; le comuni, ad esempio, sono rimaste
appena nella mediocrità per corporatura e per produzione di carne ed
uova, mentre in seguito a cure intelligenti, ad un lungo lavoro di
selezione non mancano le razze che raggiungono in poco tempo un volume
straordinario con carne assai più bianca, delicata, abbondante e danno
una quantità d'uova ben superiore all'ordinario.

Se la nostra gente di campagna sapesse come selezionando ed incrociando
con razze pregiate le anatre comuni, come distribuendo un'alimentazione
più razionale potrebbe migliorare i suoi animali ed accrescerne la
produzione non direbbe più che l'anatra mangia ad ufo; ma salvo poche
eccezioni, in generale i nostri contadini ignorano queste cose o non vi
prestan fede.

È dunque alla classe di persone più elevate che il presente lavoro è
specialmente dedicato; lungi da me l'idea di consigliare le colossali
speculazioni americane ed inglesi d'allevamento intensivo, ciò da
noi non potrebbe riuscire e neanche lo si è tentato finora in altri
paesi dove avrebbe migliori probabilità, ma ho in pari tempo l'intima
convinzione che non pochi sarebbero in grado d'intraprendere e
praticare in modeste proporzioni l'allevamento dell'anatrotto precoce e
dell'anatra di razza per la riproduzione ricavandone un ottimo frutto,
ciò che appunto ho cercato di addimostrare in queste pagine, ed, in
ogni caso, di divulgare le cognizioni fra quanti potrebbero trovare un
reale profitto e non lo fanno, per ignoranza o per ignavia.



Caratteri generali dell'anatra


Le anatre formano la numerosa famiglia delle _Anatidae_, suddivisa
in quattro sotto-famiglie, di cui le prima, le _Anatinae_ (anatre
nuotatrici) è la sola che interessi veramente l'allevatore.

Queste ultime si distinguono per le loro gambe corte e poste molto
indietro nel corpo, per cui la camminatura riesce alquanto goffa e
titubante ed è solo sull'acqua che spiegano una certa grazia solcando
il liquido elemento per tuffarvisi alla caccia di insetti od altri
piccoli animali che lo popolano, nel far che immergono verticalmente
la parte anteriore del corpo mentre quella posteriore riman fuori
dell'acqua; agitando le zampe esse riescono a mantenere il perfetto
equilibrio. Questa parziale immersione è comune a tutte le anatre
appartenenti alla sotto-famiglia delle nuotatrici e si estende pure
al cigno, mentre quelle della seconda sotto-famiglia s'immergono
completamente alla ricerca del nutrimento e vengono chiamate anatre
tuffatrici; ma di queste ultime noi non abbiamo da occuparci come
trascurammo affatto le rimatrici e le anatre d'albero.

Le ali dell'anatra nuotatrice sono piuttosto corte ed assai larga è
la coda, relativamente; il piumaggio è fitto e liscio e possiede la
proprietà di non lasciar penetrar l'acqua. Il becco, dice il Brehm,
lungo quasi sempre quanto la testa è piatto; sui bordi è guarnito
da una fila di piccole lame salienti delle quali quelle della parte
superiore del becco superiore entrano in altrettanto nell'inferiore;
esso è ancora perfezionato dalla lingua grande, carnosa e sensibile,
dai bordi carnei, formando così un filtro perfetto che offre la
possibilità di separare il minimo pezzettino di cibo dalle materie
non commestibili che questo può racchiudere. È simile disposizione
speciale, comune a tutte le anatre, oche e cigni, che ha dato il nome
di lamellirostri sotto il quale sono classificati tali palmipedi. Nella
zampa e nella seconda sezione di essa il pollice è contornato da una
membrana della quale la prima sezione è sprovvista.

Nel maschio dell'anatra la livrea, durante la stagione degli amori, è
in tutto il suo splendore, esso ne riveste una più modesta, una volta
questa stagione trascorsa.

Por la natura speciale di questo lavoro non posso internarmi nella
descrizione illustrativa di tutte le specie conosciute di anatre, che
non sono poche, dovendo limitarmi a trattar solo quanto si riferisce
alle razze di massimo prodotto, per cui lascio da parte oltre alle
Arzavole maggiori e minori, le vezzose anatre Mandarine e della
Carolina, la Labrador, la Casarca, la Cadorna, la Mignon ed altre
ancora, che pure hanno una certa importanza ma il cui allevamento è
assai limitato e generalmente solo per diletto.

La maggior parte delle anatre che si allevano in Europa trae la sua
origine dal Germano reale, alcune altre provengono dall'India, dalla
Cina, dall'America Meridionale.

Il Germano reale (_Anas boschas_) nell'autunno, lascia le nordiche
regioni per venir a svernare sui laghi, sulle paludi, sui fiumi
d'Italia e di vari altri paesi; prima di partire queste anatre
selvatiche si radunano a frotte numerose e viaggiano di conserva ma
appena giunte da noi sono presi di mira dai cacciatori che escogitano
tutti i mezzi per ucciderle, conoscendone il valore delle carni
saporite; fucile o spingarda, richiami, _stampi_, reti tese ad una
certa altezza o tenute ferme mediante pesci sott'acqua ad una giusta
profondità, con l'aiuto del cane o senza, su galleggianti dissimulanti,
_all'aspetto_ in riva od un'acqua corrente o ferma, tutti i sistemi
sono messi in opra per ricevere in malo modo le immigranti.

Ma l'anatra selvatica ha i suoi per deludere quelli dei cacciatori
nelle loro più raffinate combinazioni; scaltre e diffidenti le anatre
hanno un servizio di vigilanza speciale che non di rado lascia con
tanto di naso i discepoli di S. Uberto. E quelle che sono riuscite
a scampare dai vari tranelli riprendono il volo al principio della
primavera per ritornare al Nord dove vanno a riprodursi; alcune però si
fermano nelle nostre regioni, si accoppiano e nidificano pure da noi,
ma sono la minoranza.

La livrea del maschio è bellissima durante la stagione invernale fino
a quanto dura l'epoca della riproduzione, questa terminata e cioè da
Maggio a Novembre cambia e diventa quasi uguale a quella assai dimessa
della femmina.

Il piumaggio della testa e del collo è di un bel verde smeraldo, un
collar bianco non completamente chiuso separa la testa dal collo; il
petto è bruno castano, la schiena è di color bruno verso il collo e
finisce in grigio sporco verso la parte estrema del corpo; le ali sono
adorne di striscie nere dai riflessi verde violaceo scuro, brillante;
queste strisce dette anche _Specchi_, sono contornate da una striscia
bianca cui ne segue una nera; il becco è verdastro punteggiato di nero;
le zampe sono giallo-arancione.

La femmina è modestamente rivestita di penne color bruno grigiastro
uniforme salvo nelle ali, colorate come quelle del maschio ma con lo
specchio meno vistoso.

Una caratteristica del Germano reale che si ripete in tutte le anatre
da esso derivanti, è quel ciuffetto di quattro penne arricciate della
coda, nel solo maschio però; nei maschi della Corritrice indiana e
della Muschiata tale distintivo non è affatto visibile.

La femmina fa da dieci a sedici uova color olivastro, che cova durante
26 o 28 giorni, in Aprile o Maggio, i piccini nascendo sono nero
verdastro sulla schiena e giallo sporco sul ventre. Catturati, questi
ultimi si addomesticano facilmente ma non raggiungono un peso molto
superiore a quello dell'anatra selvatica, che è di un chilogrammo e
mezzo, se non ad una seconda e terza riproduzione in domesticità in
cui il peso aumenta considerevolmente. È misura di prudenza il tarpar
le ali dei giovani riprodotti o praticare l'_ejointage_, poichè quelli
di prima riproduzione, conservando ancora l'istinto della libertà
facilmente piglian la fuga alla prima occasione.

Nella domesticità la livrea del Germano reale ha subìto delle
modificazioni ed ai colori che questo contraddistinguono, spesso il
bianco, si mescola più o meno, fino ad invadere quasi completamento
tutto l'insieme del piumaggio in alcuni individui, al punto che vi sono
delle razze europee come l'Aylesbury, completamente bianche, mentre
in altre la pezzatura è predominante soltanto. Per contro la fecondità
è nelle anatre domestiche di gran lunga superiore, fino a raggiungere
in certe selezionate da 80 a 120 uova all'anno: il peso tuttavia è di
poco aumentato nelle comuni poichè arriva appena ai due chilogrammi,
mentre la Rouen che ha tanti punti di contatto col Germano Reale arriva
facilmente al doppio.

L'anatra comune italiana, discreta fetatrice e produttrice di carne,
è rusticissima e gli anatrotti si allevano con la massima facilità;
alcune regioni dell'Alta e Media Italia posseggono tipi nei quali si
riscontra l'effetto di qualche selezione e che conservando la vigoria
propria alle razze paesane si dimostrano più prolifiche e maggiormente
atte a prender il grasso; esse tuttavia non possono competere con
alcune razze estere e specialmente con la Pechino, che si è fatto molta
strada anche da noi perchè altrettanto rustiche ma assai più produttive
e precoci.



Le principali razze da prodotto


L'anatra comune non rappresenta dunque il desideratum per l'allevatore
che vuol ricavare in poco tempo un buon prodotto in volume, e
neanche in uova, dai suoi volatili e ad ottenere questo intento deve
ricercare delle razze ben altrimenti rimuneratrici; dell'anatra
comune si accontenta il campagnuolo, e chi si accontenta gode, ma
nè l'industriale nè il piccolo allevatore che bada al suo interesse
possono fare affidamento su dei produttori tanto mediocri; è lo stesso
caso di chi vuol tenere dei conigli e ne prende di comuni, mentre vi
sono più razze doppiamente soddisfacenti e per nulla più difficili da
allevare.

Le razze su cui può cader la scelta per avere un rapido sviluppo
nell'allevamento, degl'individui di carne delicata, d'ingrassamento
sollecito, che presentino insomma le migliori prerogative per
l'allevatore industriale grande o piccolo sono le seguenti, oltre
all'Italiana selezionata, i cui caratteri tuttavia non sono abbbastanza
fissi:

  Rouen
  Duclair
  Aylesbury
  Pechino
  Svedese
  Laplaigne
  Forest
  Orpington
  Muschiata
  Cayuga
  Corritrice Indiana

Di queste diverse razze quali sono le più pratiche, le più redditive,
le più coltivate? la risposta si potrà forse dedurre dalla descrizione
di ciascuna di esse, ma a mio modo di vedere non è possibile dare un
giudizio assoluto. Tutto ciò che viene ammesso generalmente è che come
tipo da carne, le meglio quotate sono: la _Rouen_, l'_Aylesbury_,
l'_Orpington_, quest'ultima sarebbe, secondo i suoi fautori,
l'excelsior, il nec plus ultra non solo per carne, ma anche pel resto;
come tipo _omnibus_ la _Pechino_; per incrocio, la _Muschiata_; per
produzione sublime d'uova, più ovaiola di qualsiasi gallina, sempre
secondo gl'incensatori e questi al giorno d'oggi sono molti, in
Inghilterra specialmente, la _Corritrice Indiana_. Tutte le altre sono
più o meno buone, ed ogni paese ha la sua razza locale, a cominciare
dal nostro che, come dissi, vanta le sue padovane, piacentine,
romagnole ecc. ottime produttrici di carne e sopratutto rusticissime.
Il Belgio si trova bene delle sue Laplaigne e Forest, non parliamo
della Francia la cui Rouen è ovunque nota ed apprezzata a buon diritto,
cui segue da vicino la Duclair; altrettanto gloriosa va l'Inghilterra
della sua Aylesbury. Ma come ho già sottolineato e come risulterà
anche col seguito la razza che a conti fatti ha preso più piede un
po' dappertutto, quella che si può dire eminentemente industriale
per precocità, volume, rusticità, tant'è vero che negli stabilimenti
americani a produzione intensiva vien quasi esclusivamente allevata è
la Pechino, che or sono appena cinquant'anni era pressochè ignorata in
Europa ed in America, mentre occupa ormai il primo posto e ciò è dovuto
alle eminenti qualità di cui madre natura l'ha adornata. Principieremo
dalle europee per passar alle anatre provenienti da altri lidi.


L'anatra di Rouen

Forma quest'anatra a giusto titolo l'orgoglio degli allevatori della
Normandia, poichè pel suo volume, per la carne squisita, per la grande
attitudine all'ingrassamento va posta in prima linea; se ha conservato
la brillante livrea del Germano reale, per tutto il resto l'anatra di
Rouen si allontana grandemente dal selvatico proavo.

Come in questo, la testa ed il collo del maschio sono di un bel verde
smeraldo a riflessi metallici cangianti, lo stesso anello di piume
bianche divide quasi in due parti testa e collo; il becco è giallo,
leggermente verdastro verso gli occhi; petto bruno rossiccio vinato;
ventre e fianchi grigio cenerino: dorso bruno più o meno scuro; penne
dell'ala grigio bruno con striscie alternate di bleu brillante e di
bianco; quelle della coda sono grigio bruno striate di bianco, con
qualche pennina nera, brillante, arricciata, distintivo del sesso come
già si è detto; tarsi e dita, giallo arancione scuro.

Tale è la livrea del maschio durante l'epoca della fecondazione,
che depone poi per rivestirne una press'a poca uguale a quella della
femmina nella stagione di riposo.

Nella femmina i colori del manto non sono sempre ben determinati; se
ne trovano di piumaggio a fondo chiaro, mentre in altre è assai scura;
l'una ha il collare non ben spiccante sul fondo, ma un po' sfumato,
in altre è pochissimo pronunciato; in questa lo specchio dell'ala si
avvicina ai distintivi proprii al maschio, non esiste invece affatto
alcun segno in altri individui femmine. Il fondo della livrea in
generale dev'essere grigio bruno ed ogni piuma macchiata di bruno con
una orlatura bruno scuro o nocciuola.

Gl'inglesi, noti abilissimi modificatori di caratteri degli animali
domestici in genere, trasformatori, miglioratori, sacrificando
talvolta fin troppo alla mania, a detrimento di qualità intrinsiche,
hanno voluto perfezionare anche l'anatra di Rouen, non tanto dal
lato della livrea per la quale ottennero maggior regolarità, quanto
da quello del volume che hanno reso anche più forte. È un lavoro che
merita considerazione ma che non ha valore se non è seguito con la più
rigorosa selezione continua, altrimenti il frutto va perduto; e poi
resta a sapersi se animali così diligentemente selezionati conservino
la rusticità del tipo originale. Il manto scuro del tipo inglese si
ebbe probabilmente dall'incrocio del Rouen francese chiaro con quella
prossima parente che è la Duclair pure normanna, ma dal piumame
scurissimo; il volume poi è dovuto oltre che alla selezione, ad una
alimentazione speciale ed a qualche altra misura, formante il segreto
di quegli strenui allevatori.

È positivo che la Rouen inglese si presenta superiore ai tipo francese
in tutte le esposizioni, sia per la regolarità e perfezione di
piumaggio come per imponenza, tanto che le maggiori distinzioni vanno
sempre al tipo modificato; ciò non prova però che sia il migliore sotto
tutti i riguardi e siccome non c'è rosa senza spine, così per mantenere
quel grado di perfezione richiesto negl'individui dalla livrea
scura, si cade facilmente nel pericolo che presenta una continuata
consaguineità coi relativi inconvenienti della delicatezza e spesso
della sterilità dei riproduttori.

Ecco i distintivi caratteristici delle livree posti a confronto:

  MASCHIO

  =Tipo inglese=                       =Tipo francese=

  _Testa_ lunga e forte d'un           _Testa_ e _collo_ verdi
  bel verde scuro, brillante, senza    con collare bianco sul davanti
  alcun miscuglio di grigio o di       che abbraccia circa i ¾ del
  nero; _collo_ assai lungo            collo; becco giallo forte con
  dello stesso colore del capo fino    una tinta verdastra vicino agli
  al mezzo-collare bianco puro.        occhi.
  _Becco_ verde meno che alla
  protuberanza carnea, nera; il
  giallo verdastro è bandito dai
  puristi.

  _Petto_ d'un bel colore              _Petto_ marrone rossiccio
  marrone unito, senza traccia di      con leggera lista bianca nella
  orlatura bianca; questa tinta        punta di ogni piuma.
  si prolunga fino al principio
  delle spalle e scende abbastanza
  in basso.

  Il _ventre_, il resto del            _Ventre_ grigio bianco.
  petto e le coscie, grigio perla
  uniforme. Non è ammesso il
  colorito biancastro che potrebbe
  prodursi sui fianchi e nella
  vicinanza della coda.

  _Dorso_ e reni, neri a               _Dorso_ (parte superiore)
  riflessi verdi; la tinta passa al    grigio perla piuttosto scuro.
  grigio nell'avvicinarsi all'ala,
  le cui penne del volo, presso la
  spalla, sono grigio scuro quasi
  bruno.

  _Specchio_ dell'ala: una             _Specchio_ dell'ala, ossia
  larga striscia a riflessi            le penne superiori dell'ala in
  metallici, ben regolarmente          covertura, verde, fra due
  orlata da una stria bianco           striature bianche.
  argenteo, preceduto da stretta
  striscia nera.

  _Coda_ bruno scuro.                  _Coda_ Grigio bianco con un
                                       mazzetto di pennine arricciate.

I caratteri principali del tipo _inglese_ nella femmina, che del resto
diversificano di poco da quelli della femmina Rouen francese, sono i
seguenti:

_Testa_: bruno cupo sulla parte superiore e più chiaro sui lati; faccia
attraversata da una linea orizzontale bruno scurissimo che attraversa
pure l'occhio, il quale è bruno come nel maschio; becco bruno scuro
orlato di verde scuro, il disotto è bruno chiaro.

_Collo_: bruno senza traccia di collare.

_Petto, ventre spalle_: coperte di piume la cui orlatura è bruno
nocciuola, seguita da una striscia elittrica bruna, scurissima,
nerastra, poi da una bruna nocciola, e nel mezzo, bruno scurissimo.

_Dorso_ e _reni_: dalle spalle alla coda il disegno è meno pronunciato;
a distanza sembrano bruno scuro unito.

È quasi inutile dire che degli animali in cui si trovino riunite tutti
i caratteri che effettivamente dovrebbero possedere per essere conformi
allo standard sono ben difficili per non dire impossibili da rinvenire;
dei prodotti anche se non perfettissimi sono sempre individui da
esposizione e si capisce come certi anatrotti se li disputano a suono
di sterline. Ma dal punto di vista della pratica, di chi non ha altro
scopo fuorchè di trarre un reale profitto dagli animali che alleva,
le cose si presentano sotto un aspetto diverso, certi dettagli, certe
sfumature scompaiono se ci si trova davanti ad individui di vero merito
intrinseco.

Quali siano i punti essenziali che l'allevatore industriale o chi va
alla ricerca del buono, dell'ottimo anzi, ma senza tante quisquiglie,
ce li indica un cultore della razza normanna il Ramé; riportiamo,
condensando, quanto egli ne scrisse nell'Eleveur.

   [Illustrazione: Anatra di Rouen]

Nell'anatra di Rouen, ciò che si deve innanzi tutto ricercare è la
corporatura voluminosa, unitamente alla lunghezza del corpo, ben più
che la regolarità della livrea; un individuo, non ingrassato, può
pesare fino a quattro chilogrammi e mezzo, mai meno di tre e mezzo,
quattro è la media. Quanto alla lunghezza lo stesso Ramé cita uno dei
suoi allievi, maschi misurante 90 centimetri dalla punta dei piedi
all'estremità del becco, in posizione della testa in basso ed il collo
allungato. Uno dei punti essenziali richiesti è l'orizzontalità della
posizione nel Rouen, proprio quasi all'opposto di quella dell'anatra
di Pechino il cui atteggiamento è eretto. Il piede dev'essere forte,
grosso e piuttosto lungo.

I giovani dell'annata, pesati in Novembre o Dicembre, raggiungono quasi
lo stesso peso degli adulti; fino ai quattro mesi gli anatrotti maschi
hanno la stessa livrea delle femmine e cioè la magliatura delle penne
di queste, salvo all'estremità del dorso dove le penne del maschio non
sono magliate, mentre lo sono quelle delle femmine. I maschi adulti
riprendono durante l'estate il piumaggio di giovani che conservano
per due o tre mesi, quindi indossano il manto di gran gala, ed è in
quest'epoca che convien giudicarli.

Nella femmina si ricercherà più ancora del volume la lunghezza del
corpo che, nella posizione più sopra indicata per misurare il maschio,
dev'essere di 80 centimetri almeno; un animale può essere grosso ma
questa grossezza non sarà che adipe in gran parte, mentre la carne
è relativamente poca. Oltre ad una buona conformazione la femmina
dev'aver pure un piumaggio irreprensibile e di ciò si è già discorso
con la descrizione dei caratteri. Il tipo francese è complessivamente
più chiaro ed anche gl'individui più scuri lo sono meno di quelli tipo
inglese; il Brechemin assicura di aver osservato che le femmine più
chiare erano generalmente le più grosse.

L'anatra di Rouen chiara, la legittima, sia la sua livrea più o meno
caratteristicamente disegnata, è senza alcun dubbio fra le migliori che
si possano allevare anche dal campagnuolo; oltremodo rustica, prende
facilmente in grasso, e la femmina ben nutrita, con alimenti in cui
entri a far parte l'elemento azotato, dà presto uova e la fetazione
dura a lungo.

Incrociata con un maschio di Muschiata, la femmina Rouen dà poi dei
prodotti enormi che s'ingrassano meravigliosamente, dando dei fegati
grossi, finissimi, che servono a fabbricare famosi, delicati e saporiti
pasticci.


L'anatra di Duclair.

   [Illustrazione: L'anatra di Duclair.]

È questa una varietà della classica Rouen ma di livrea molto più scura;
ha, del resto, con essa comune l'origine essendo pure un prodotto
della Normandia e viene allevata nelle medesime contrade e non molto
distanti; ha ugual attitudine all'impinguamento, è altrettanto precoce,
non è tuttavia facile trovar individui di mole imponente quasi quanto
quelli della Rouen pura; al suo attivo ha poi il merito della rusticità
anche maggiore, cosa che la rende più vantaggiosa per l'allevamento
rusticano, e ciò si spiega forse, considerando che la Duclair non è
stata sottoposta come la Rouen a prolungata selezione e quindi alle
conseguenze d'un'eccessiva consanguineità, nè sarebbe probabilmente il
caso di cercar il meglio, che non di rado è nemico del bene. La Duclair
è una robusta figlia della campagna normanna ed è da credere che
nessuno pensi a pretendere da essa più di quanto dà, che è già molto;
se selezione dovesse farsi sarebbe solo nel senso di limitare il bianco
del petto che, troppo esteso come si osserva negli individui presentati
nelle mostre recenti di avicoltura, poco per volta può degenerare in
albinismo.

Il maschio ha dei riflessi verdi smaglianti sulla testa e sul lato
posteriore del collo; sopra l'occhio un tratto bianco spicca sul fondo
scuro del capo. La parte anteriore del collo ed il petto sono di un bel
bianco puro e fanno un contrasto stupendo sull'insieme scuro del corpo.
Becco verde cupo; zampe brune.

Nella femmina predomina il bruno scuro, interrotto solo dal bianco
del petto come nel maschio. Le penne sono però orlate con una lista
più scura del fondo della livrea, ma poco sensibile. Becco nero; zampe
bruno rossiccio.

Gli anatrotti Duclair nascono rivestiti di una lanuggine bruno e giallo
come quelli della Rouen e si allevano con la massima facilità.

La Duclair tal quale ora la si conosce è un'anatra sempre di gran lunga
superiore per volume a quelle che generalmente vengono allevate nelle
campagne.


L'anatra di Aylesbury

Se i francesi vanno superbi della loro Rouen, attraversando la Manica
troviamo degli allevatori che a loro volta incensano un'anatra per così
dire nazionale, quantunque allevata intensivamente in qualche parte
soltanto del paese, precisamente nel distretto di Aylesbury, benchè
sia sparsa un po' dappertutto, e da esso trae il suo nome. Colà quasi
tutti gli abitanti tengono un gruppo e si danno all'industria della
produzione degli anatrotti, per venderli allorquando hanno otto a
dieci settimane sul mercato di Londra che dista circa 80 chilometri, la
qual cosa possono fare per la grande precocità della razza e grazie ai
sistemi razionali d'allevamento.

L'anatra di Aylesbury pura è un animale aristocratico che ha bisogno
di cure speciali non solo per esser conservata nella sua tipica purezza
di razza, ma anche nella livrea candidissima, nel roseo becco, cose cui
tanto tengono gli allevatori che espongono ed i giurati, naturalmente.
Gli allevatori di campagna che si dedicano alla speculazione di cui
ho parlato non vanno a cercar tanto il pelo nell'uovo, come si suol
dire ed a certi caratteri di cui fanno sì gran caso i _fanciers_ non
fanno troppa attenzione; essi allevano questa razza perchè dà dei
prodotti precoci, di un bel volume, di carne fina che vendono a buone
condizioni, ciò loro basta.

Vediamo dunque dapprima quanto valga l'Aylesbury sotto il rapporto
del tornaconto tenendo presenti le pratiche in uso in quelle campagne
inglesi.

Intanto, per ottenere una maggior rusticità che nella razza in parola
non è la quantità prevalente, quegli allevatori non si fanno scrupolo
d'incrociar l'Aylesbury con l'anatra di Pechino, la quale oltre alla
precocità uguale di sviluppo, non è inferiore per volume quando non è
superiore, ed infine hanno entrambi la stessa livrea bianca, d'un bel
bianco argenteo l'inglese, di tinta tendente al giallino la cinese,
ma questo non è un gran difetto per dei giovani animali votati al
sacrifizio all'età di due mesi o poco più.

I riproduttori, contraddistinti da segnali a colori secondo se
appartengono ad un proprietario piuttosto che ad un altro, sono
lasciati in libertà e vanno a sollazzarsi nel corso d'acqua che
generalmente attraversa il villaggio; giunta la sera, un po' come si
pratica dalle nostre parti per le oche, i branchi, composti per lo
più di un maschio con quattro o cinque femmine vengono sospinti verso
le loro rispettive dimore; dove trovano una buona alimentazione ed un
_confortable_ alloggio in qualche baracca ben riparata od anche nella
stessa abitazione famigliare.

In Dicembre, le uova raccolte si danno a covare a delle galline di
grosse razze; queste le covano i soliti 28 giorni e dopo nati gli
anatrotti rimangono sotto la chioccia fino a che siano ben asciutti e
possano star in piedi. Dopo qualche giorno si riuniscono tre o quattro
covate sotto una stessa chioccia ricoverata in qualche camera od entro
una capanna con gli anatrotti, in gruppi di trenta o quaranta, separati
da divisori bassi in legno. Se ne vedono perfino due a tre mila nello
stesso edifizio.

Non si lasciano mai andar all'acqua, si tengono ben asciutti e puliti
su strati di paglia d'orzo;il loro nutrimento è composto d'uova
sode schiacciate, mescolate con riso e fegato di vitello trinciato,
distribuito parecchie volte al giorno durante quindici giorni, poscia
con pastoni di farina d'orzo stemperata nell'acqua in cui si è fatto
bollire del sego in pani e talvolta vi si aggiunge della carne di
cavallo.

Le anatrine sono tenute continuamente nel rinchiuso dove però ricevono
quanto nutrimento possono prendere, ed a loro disposizione trovano una
vaschetta piena d'acqua con della sabbietta o piccola ghiaia che aiuta
alla digestione degli alimenti. Ed ecco tutto ciò che occorre per
produrre gli anatrotti da tavola precoci.

La muta incomincia verso l'età di dieci a dodici settimane;per cui
ove si continuasse a mantenere uno di questi giovani animali dopo
quest'età esso non guadagnerebbe altro in peso mentre invece perderebbe
in qualità;l'utile dunque consiste nel mandarle al mercato verso le
otto a dieci settimane d'età, poichè tenendole fino a sette od otto
mesi, oltrechè sarebbero di qualità inferiore per la tavola, sono
venute a costar assai più ed hanno per tal modo assorbito in beneficio.
Il campagnuolo che agisse in questa guisa non conoscerebbe il proprio
interesse ed ove si lamentasse che l'anatra non rende, meriterebbe un
brevetto che nessuno di quei anatricultori ambisce.

Quest'industria è anche più profittevole se si considera che
viene esercitata in un'epoca in cui i lavori campestri lasciano ai
coltivatori tutto il tempo necessario per dedicarsi all'allevamento
degli anatrotti.

Ma ci sono anche tante persone che si preoccupano meno dell'utile ed
allevano per loro piacere e talune in vista di vendere o di esporre
i riproduttori ed i giovani allievi nello scopo di conseguire un
certo lucro; è noto come in Inghilterra le esposizioni seguono le
esposizioni e quanto sia facile ricavare dei prezzi elevati da animali
perfetti;industria anche questa benchè di genere diverso.

I caratteri che si esigono per delle anatre Aylesbury da concorso sono
i seguenti:

La _testa_ deve parer forte ed esser diritta e lunga, l'_occhio_ scuro,
il _becco_ lungo, largo, diritto, formante una linea quasi retta a
partire dalla sommità del cranio; la lunghezza della testa e del becco
nel maschio è di 16 centimetri circa, e di 14 centim. circa nella
femmina; il colore del becco è bianco roseo o carnicino. Il _collo_ è
lungo, piuttosto forte, ben proporzionato, come spessore, al corpo. Il
_petto_ pieno e profondo; lo _sterno_ ben diritto e forte. I _tarsi_ ed
i _piedi_ sono forti e spessi, d'ossatura pesante e disposti in modo
che il corpo abbia una posizione perfettamente orizzontale; il loro
colore dev'essere arancione acceso.

Le dimensioni del corpo; il quale sarà il più voluminoso possibile,
dovranno essere di 90 centimetri dalla punta del becco alla estremità
delle dita, misurando il volatile disteso su un tavolo; peso da 4
chilogr. a 4,500.

   [Illustrazione: L'anatra di Aylesbury]

La femmina misurerà 2 centimetri meno del maschio ed il peso dovrà
essere inferiore solo di mezzo chilogr. a quello del maschio.

Il piumaggio ha da essere bianco puro, senza macchia e sericeo tanto da
rassomigliare a del raso ed averne il brillante e ciò sia nel maschio
come nella femmina; il maschio ha il solito distintivo delle penne
arricciate sulla parte superiore della coda.

I caratteri tipici della razza più difficili da conservare nella loro
purezza sono la tinta argentea del manto ed il color rosa pallido del
becco, quelli insomma che ne fanno un animale raffinato, delicato
in certi particolari, aristocratico; la qualità degli alimenti può
dare una leggera tinta giallognola al piumaggio ed al becco, ciò che
costituisce un difetto, non ammissibile quindi in animali veramente
scelti. Il niveo manto ed il becco roseo non si mantengono poi di
certo per poco che l'acqua di cui si abbeverano o nella quale vanno
a bagnarsi abbia un fondo di ghiaia limacciosa e dove entri qualche
principio ferruginoso; gli abbeveratoi in ferro fuso vanno perciò
proscritti. L'Aylesbury si potrà conservare nella purezza dei suoi
caratteri assai più facilmente nel suo paese natìo ed in special modo
grazie alle cure che l'allevatore appassionato od interessato può
prodigarle.

E quando avremo detto che quest'anatra, oltre alla precocità, al
volume, alla fetazione abbondante, produce una carne tenera, fine,
bianca e con la sua bianca livrea delle piume ed un piumino apprezzati
sovra ogni altra dai commercianti, parrebbe difficile dire ed ottener
di più e meglio in fatto di anatre da prodotto e da sport insieme.


L'anatra di Pechino

Eppure qualcosa di superiore ancora all'Aylesbury, se non dal lato
sportivo, da quello industriale lo si ha in quell'anatra che si ritiene
provenga in diretta linea dal paese di Confucio, conosciuta però
soltanto un mezzo secolo fa in Europa, mentre era già assai diffusa in
America prima d'allora; anzi colà ha fatto tanta strada, ha preso tal
predominio che i grandi stabilimenti di anatricoltura non tengono che
la razza di Pechino.

   [Illustrazione: L'anatra di Pechino]

Sull'Aylesbury benchè condivida il bianco piumaggio la Pechino ha il
prevalente pregio di esser più robusta, oltre ad aver una precocità
per lo meno uguale, volume e fecondità non inferiore. Il candore
della livrea non ha la tendenza all'argenteo della regina delle anatre
inglesi, nella pechinese il bianco accenna al giallino dello zolfo ed
in certi individui si avvicina debolmente al zafferano, ciò secondo
il gusto degli allevatori per i quali la tinta più o meno gialla è
questione di simpatia e di esperienze passionali.

Anche il portamento è diverso, orizzontale nell'Aylesbury è eretto
nella Pechino, tanto che forma un angolo pronunziatissimo, e si
direbbe che cerchi di prendere la posizione verticale come si ha nella
Corritrice indiana; nel tipo primitivo quest'attitudine era anche più
accentuata di quella degli individui che attualmente si vedono, in cui
va perdendo alquanto della sua caratteristica.

I primi esemplari di questa preziosa razza, che, volere o volare, ha
conquistato il primitivo posto nel mondo degli allevatori d'anatre,
vennero in Europa verso il 1870 ed il Vander Snickt, il compianto
allevatore e scrittore belga, morto pochi anni fa, ne acquistò in
quell'epoca a Londra una coppia trovata su una nave proveniente dalla
Cina dove era stata imbarcata pel servizio di tavola dei viaggiatori
ma miracolosamente scampata al coltello del cuoco di bordo. Forse
sfogliando i giornali inglesi di quel tempo si potrebbero conoscer
meglio le origini e la data delle prime importazioni dall'Estremo
Oriente o dall'America; ma questo non ha una grande importanza ciò che
si può constatare è che ben pochi animali come questo si diffusero in
Europa come l'anatra di Pechino.

Anche in Italia vennero ben presto in voga, e fin dal 1889 ne importai
anch'io, ora non ricordo più di dove, una coppia, della quale potei
subito osservare ed apprezzare la fecondità straordinaria e la grande
rusticità dei pulcini; le uova schiudevano tutte o quasi, gli anatrotti
venivan su per incanto, cosicchè in poco più d'un anno possedevo un
gruppo numerosissimo. Tenevo pure dei bellissimi Rouen ma questi
rimanevano indietro assai per produzione ed anche per celerità di
sviluppo, agl'infaticabili, ai precocissimi Pechino.

Come in Inghilterra, l'anatra di Pechino attecchì subito anche in
Francia, in Germania; sembra che gli individui della prima importazione
d'America fossero alquanto scadenti dal lato della carne, per cui
gl'inglesi pensarono subito a modificar la razza mediante incrocio con
l'Aylesbury; dal canto loro i tedeschi presero ugual misura incrociando
con razze paesane. Simili modificazioni andarono, naturalmente, a
detrimento di qualche carattere saliente del tipo originale, specie dal
punto della posizione eretta, in cui il treno posteriore dell'animale
poggia in terra, ma le altre prerogative della razza sono rimaste
inalterate e se si è ottenuto il vantaggio della carne migliore, non
c'è da rammaricarsi troppo dell'iniziativa degli allevatori europei.

Un'altra caratteristica speciale all'anatra di Pechino che non
si riscontra nelle razze europee ma soltanto nella Muschiata del
Sud-America è la criniera che dalla nuca scende al collo; ma anche
questa è scomparsa completamente o quasi negl'individui che si
vedono oggidì in Europa; l'assenza di quest'ornamento non è cagione
di squalifica nè influisce menomamente sulle qualità preziose della
Pechino, che sono parecchie.

I diversi caratteri di quest'anatra sono:

_Maschio_: _Testa_ assai voluminosa, _fronte_ alta, _occhio_ piccolo,
nero, _becco_ corto, color arancione, _collo_ forte e lungo, con o
senza criniera; _dorso_ lunghissimo, in forte pendenza verso la _coda_
eretta verticalmente; _petto_ molto largo, ben arrotondato e profondo;
_zampe_ color arancione, poste molto indietro sul corpo, ciò che dà al
volatile la posizione eretta speciale che lo caratterizza. _Piumaggio_
di tinta giallina più o meno pronunciata. _Peso_ quattro chilogr. a
quattro e mezzo.

_Femmina_. Gli stessi caratteri del maschio, senonchè è di proporzioni
qualche poco inferiori quindi anche di peso minore; non ha le penne
arricciate alla coda che distinguono il maschio.

La femmina dà fra le 100 a le 120 uova all'anno senza interruzione;
generalmente non cova e le sue uova, la cui incubazione dura da 28
a 30 giorni si danno a covare a galline od a tacchine nei piccoli
allevamenti ed alle macchine nei grandi. Gli anatrotti nascono coperti
da una leggera lanuggine giallina, e dopo un certo tempo si dà loro
la via, usando per essi gli uguali riguardi riservati alle bestiole di
altre razze per quanto nulla affatto più delicate, tutt'altro.

Riassumendo i vantaggi che presenta l'allevamento dell'anatra di
Pechino, troviamo, oltre ad una fetazione non comune e precoce, poichè
incomincia all'età di cinque o sei mesi, un rapido, precocissimo
sviluppo degli anatrotti, unitamente all'attitudine a prender il
grasso come in poche altre razze; rusticità stragrande, sia negli
adulti come nei giovani, piumaggio bianco, soffice, abbondante, quindi
commerciabilissimo, carne eccellente e bianca. E con doti simili,
universalmente riconosciute non c'è da meravigliarsi se l'anatra di
Pechino si è imposta e dappertutto trionfa.


L'anatra Orpington

È l'ultima arrivata nell'agone, essendo stata creata sono pochi anni in
Inghilterra e non senza ragione viene chiamata l'anatra dell'avvenire,
poichè, come lo proclamava ancora recentemente un allevatore
italiano nel _Giornale degli allevatori_, è per ogni riguardo
raccomandabilissima: fattrice di primissimo ordine tanto d'autunno che
d'inverno d'uova più grosse di quelle di gallina e di gusto delicato,
con una media di 200(!) e più all'anno, produttrice di carne bianca,
fina squisita, facile all'ingrassamento, refrattaria ad ogni malattia
ed all'umidità sempre che sia tenuta a dormire in asciutto, l'Orpington
compendia tutte le qualità migliori che si possano desiderare in un
volatile domestico.

Per parte mia non avendone mai allevato nulla potrei dire che
confermasse o menomasse i meriti attribuiti a quest'anatra, ma l'elogio
riferito è condiviso, per quanto un po' vagamente da scrittori avicoli
moderni quali il Pascal ed altri esteri; uno di questi ultimi pone
in evidenza il fatto che in tutti i concorsi di produzione tenuti in
Australia ed in America l'Orpington fulva è stata la sola concorrente
seria dell'Indian Runner, di cui parleremo fra breve, con una media di
228 uova deposte da ognuna delle vincitrici.

L'anatra Orpington detta pure Kaki per la sua livrea color fulvo
tendente al marrone che ricorda la tinta dell'uniforme da campagna dei
militari inglesi, proviene, a quanto pare, da un incrocio di Rouen
chiare con corritrici indiane fulve, altri ritiene sia frutto di un
miscuglio in cui sarebbero entrati, oltre la Corritrice, l'Aylesbury,
la Rouen e la Cayuga; la «cucinatura» (adopero questo termine adatto
al caso trattandosi del creatore della razza M.r Cook; quale orribile
bisticcio anglo-italiano!) venne operata ad Orpington nello stesso
feudo dove era stata creata antecedentemente la gallina divenuta
così celebre. Che l'anatra Orpington sia il risultato di un lungo e
multiplo lavoro d'incrocio è facile desumerlo dalla scarsa fissità di
caratteri negli individui conosciuti, almeno fino a poco tempo fa; è
raro il caso d'individui uniformemente fulvi, e che tali si riproducono
regolarmente, di un fulvo caffè-latte o camoscio come sarebbe l'ideale;
il bianco vien quasi sempre fuori e così anche si deve cercare che le
macchie scure, ereditate dalle Rouen siano, massime nelle femmine, il
meno possibile visibili. Negl'individui risultati dai primi incroci
ve n'erano con livrea in cui la maggioranza delle piume era color
grigio ardesia, ciò che farebbe dubitare che nella cucinatura cui
ho alluso, entrasse allora il sangue dell'anatra Svedese, di cui si
parlerà col seguito, mentre in altre il piumaggio era di tinta fulva;
poco per volta questo tipo venne quasi abbandonato e quello adottato
definitivamente e comunemente è quello Kaki.

E di questo sono le caratteristiche ammesse:

_Maschio. Testa_ fina assai elegante, verde bronzato; _becco_ giallo
più o meno arancione; il colore del capo si prolunga fino a quasi metà
del collo. _Dorso_ largo e lungo interamente fulvo come il _petto_
che dev'essere ben sviluppato e carnoso; la tinta volge di nuovo al
verde bronzato verso la parte posteriore del corpo. _Coda_ dello stesso
colore, piccola. Il piumaggio è più o meno contornato da una tinta più
scura. _Tarsi_ e _piedi_ arancione.

_Peso_ del maschio, 3 a 4 chilogrammi.

La posizione del corpo si avvicina alquanto a quella dell'Indian
runner, la cui influenza si fa sentire come quella del Rouen
nell'orlatura delle piume.

_Femmina._ Interamente color fulvo o kaki con una sottile striscia più
scura sugli orli d'ogni piuma.

Becco giallo. Assenza del ciuffetto di piume ricciute al portacoda,
prerogativa del maschio nelle razze _europee_. Atteggiamento come nel
maschio.

Alle doti preclare di cui va adorno questo prezioso acquisto
dell'avicoltura inglese, che già enumera, non va dimenticato di
aggiungere che l'Orpington non richiede in modo alcuno l'acqua per
bagnarsi e nemmeno è indispensabile per la fecondazione; l'Orpington è
poi anche di carattere tranquillo, non è schiamazzatrice. Certamente,
perchè dia il massimo rendimento ha bisogno di spazio ed i prati
che sono per essa un soggiorno agognato, dove troverà da pascolare
largamente con non lieve economia per l'allevatore, sono quanto di più
indicato si possa procurarle; non per nulla scorre nelle sue vene il
sangue dell'Indiana.

Secondo se si tratta di produzione d'uova e di riproduttori oppure
di anatrotti precoci da consumo, l'incubazione andrà fatta a partire
dal Febbraio ed in caso diverso, nel Dicembre. Facendo covar le
uova di Orpington nei primissimi mesi dell'anno, siccome le femmine
incominciano là fetazione quando hanno sei mesi d'età, si otterranno
delle uova nella stagione in cui generalmente le galline non ne
dànno, e sono grosse uova eccellenti; inoltre gl'individui primaticci
daranno dei riproduttori più robusti potendo svilupparsi durante i
mesi migliori, preferibili quindi assai a quanti nati più tardi; ove,
invece, si pongano le uova all'incubazione nel Dicembre gli anatrotti
che nasceranno potranno già nel Marzo venir ingrassati, in un'epoca
perciò nella quale i futuri pollastri pigolano ancora; gl'industriali
inglesi scelgono appunto l'epoca suindicata per ingrassare le giovani
anatre già sviluppate e robuste per mandarle al mercato.

L'alimentazione dell'Orpington non è nè più complicata nè più costosa
di quella che si usa dare e che occorre a tutte le altre anatre
da allevare per serio profitto e che ne meritano il conto. Inutile
ripetere che avendo a sua disposizione una prateria, quest'anatra
saprà ben trarne profitto per una buona parte della alimentazione,
ma non bisogna basarsi unicamente su questo genere di nutrimento, che
va corroborato con dei buoni pastoni nei quali l'elemento carneo non
venga trascurato, sangue cotto, ritagli, farina di carne e di pesce,
panelli tritati, misti a crusca e farina grossolana, trifoglio fresco o
secco, cavoli ecc. ecc., tutto il solito corredo insomma d'ingredienti
senza del quale anche l'anatra della miglior razza dà solo una meschina
produzione e tende a degenerare.

Per finire, se la Pechino è un'anatra straordinaria, la Kaki Orpington
è una competitrice seria che in alcuni casi e date certe circostanze
può non solo rivaleggiare ma anche sorpassare, ma non credo riuscirà
mai a soppiantare la figlia del Celeste Impero, non foss'altro per
la questione della selezione sempre assai più difficile in una razza
formata com'è quella del noto allevatore inglese in confronto ad una da
gran tempo fissata qual'è la semplice, popolare, pechinese.


L'anatra Corritrice Indiana

Ecco l'anatra che si può chiamar la Leghorn delle anatre, quanto
dire, cioè, la miglior fetatrice di tutte quante si conoscono, e come
si è visto testè a proposito dell'Orpington, pare abbia trasfuso in
quest'ultima l'ammirevole qualità di straordinaria fetatrice che la
rendono tanto preziosa per chi la possiede, e può allevarla; ma come
succede per la regina delle produttrici d'uova qual'è la gallina
italiana, il volume è deficiente, il suo peso non oltrepassando i due
chilogrammi, la carne è tuttavia ottima.

La Corritrice viene dall'India e quantunque non sia conosciuta da ieri
in Europa, i primi esemplari essendo stati importati in Inghilterra
or è assai più di mezzo secolo, da pochi anni soltanto ha attratto su
di sè l'attenzione degli avicultori inglesi, per la sua incomparabile
produzione superiore assai a quella delle migliori galline, trattandosi
comunemente di 200 a 250 uova all'anno, e la sensibile precocità
sua, doti entrambe in sommo grado apprezzabili. Un allevatore
inglese asserisce di aver fatto schiudere in Marzo delle anatrine di
questa razza e queste avevano già incominciato a far uova nel Luglio
successivo, continuando durante alcune settimane, dopo di che entrarono
in muta, per riprendere verso S. Martino (11 Novembre) e seguitarono
quasi tutto l'inverno malgrado il gelo e la neve.

La sua attività nel gettarsi alla ricerca d'insetti, di lumache
che va a scovare perfino nei loro nascondigli ha procurato a questo
singolare palmipede, pel quale, fra parentesi, l'acqua è un elemento
affatto inutile se non per dissetarsi, l'appellativo di _Indian
Runner_, Corritrice Indiana, non essendosene trovato uno migliore
per qualificare la propria irrequietezza e l'origine. È curiosa da
osservare quando cammina, non si dondola come le altre anatre ma
trotterella, fa dei passettini corti, corti, svelta come un topo. Come
nella Pechino, ma anche molto più pronunziata, è la posizione del
suo corpo; esso è quasi a perpendicolo, formante un angolo di circa
cinquanta gradi col suolo, press'a poco come in quello strano palmipede
selvatico dalle ali a moncherino che è il pingoino.

La Corritrice Indiana è rusticissima, ha il difetto di essere
piccolina, ma la sua carne è ottima, fina, saporitissima, non
adatta però per l'ingrassamento. I piccini sono robusti, si allevano
facilmente e crescono in minor tempo ancora dei Pechino, al punto che
sono mangiabili un mese prima di questi ultimi; solo è questione di
volume.

Tutto sommato quest'anatra ha dei numerosi punti buoni al suo attivo e
nel momento attuale è molto più in voga presso gli allevatori inglesi
di quanto lo sia la nazionale Aylesbury; la sua rusticità, il quasi
nessun costo della alimentazione, la fetazione inarrivabile ne fanno
un volatile d'infinito valore; le uova, anche d'anatra, sono oggidì un
prodotto così stimabile che val la pena di occuparsi seriamente d'una
fattrice tanto sublime e ciò succede così infatti colà dove l'interesse
va quasi mai scompagnato dal dilettevole; se, almen lo si comprendesse
anche da noi!

   [Illustrazione: Anatre Corritrici Indiane]

Il piumaggio della Corritrice è bianco e fulvo, più o meno scuro; le
macchie di color fulvo si presentano con notevole regolarità, il fulvo
partendo dalla guancia contorna l'occhio, ricopre la sommità del capo e
scende fino ad un certo punto del collo, dove la piuma è bianchissima;
dalla base del collo all'origine delle ali il fulvo si estende
comprendendo l'intero torace e si prolunga in punta sulla schiena, poi
il bianco riprende, copre le ali e il ventre, quindi il fulvo riappare
sul dorso verso il treno posteriore.

La Corritrice Indiana ha gli occhi posti molto in alto, ed il becco non
deve far angolo di sorta col cranio, ne è come la continuazione; una
conformazione diversa è indizio d'incrocio. Il lungo collo, finissimo,
si allunga poi a dismisura durante il periodo della fetazione, che non
è breve.

Nascendo l'anatrotto della Corritrice ha il becco verde e giallo, e
questo diventa completamente verde soltanto allorquando il volatile
ha compiuto l'anno. Le zampe sono nei due sessi di un bel giallo
arancione.


L'anatra Muschiata

Nello stesso modo che al tacchino, importato dall'America del Nord
furono dati più e diversi nomi allorquando venne conosciuto nelle
diverse parti d'Europa, anche l'anatra venuta dall'America Meridionale
ricevè svariate denominazioni: anatra di Guinea, indiana, turca, di
Barberìa, tutte, meno la più semplice, la giusta, quale sarebbe stata
quella Sud-Americana, ma era forse... troppo lunga!

Pare che dopo la scoperta del Brasile verso la fine del 1400 —
arrivarono in Europa dalle nuove terre numerosi campioni dell'originale
palmipede che viveva colà allo stato selvatico; presto venne diffusa in
Francia dove, disse lo scrittore Belon (1555), era conosciuta col nome
di grossa anatra di Guinea e, secondo lui con quello di _Anas lybica_,
mentre ora con lo stesso criterio cervellotico, la si designa colà
col nome di anatra di Barberìa. Successivamente diventò, con termine
scientifico nuovo: _anas moschata_ e Linneo le appioppò il dilettevole
battesimo di _anas facienuda papillosa_; ma oltre ai diversi termini
consacratile dai naturalisti e dal volgo, a quest'anatra fenomenale fu
dato ancora un nome, giustificato forse più degli altri, qual'è quello
di _muta_ per significare che va priva, fortunatamente pel comune dei
mortali, di quel suono nasale che esce dalla gola ed è comune a tutte
le anatre europee, suono sostituito da una specie di sibilo represso,
caratteristico di quest'anatra.

Nè ancora è finita la terminologia poichè il grosso palmipede Sud
americano vien chiamato nello stesso suo paese d'origine, il Brasile,
semplicemente _patos_ forse perchè è quasi grossa quanto un'oca, e...
potrei continuare.

Oltre al suo mutismo, quest'anatra ha ancora certi caratteri speciali
alla razza, quali sono: una membrana carnosa, rossa, su ognuna delle
guancie, una piccola caruncola sulla parte superiore del becco, la
mancanza nel maschio, e ben inteso anche nella femmina, del ciuffetto
di piume ricurve sulla coda, la tendenza a volar sugli alberi e sui
tetti, come allo stato selvatico, e di appollaiarsi sui bastoni in
compagnia dell'altra gente alata invece di dormir in terra come fanno
le anatre in generale, e finalmente la presenza di alcuno glandole
nella parte caruncolata e nel coccige, le quali secretano una sostanza
dall'odore del muschio, e da ciò il termine di «muschiata» che, fra gli
altri vien dato a quest'anatra sui generis. È già stato fatto osservare
che la durata dell'incubazione per le uova della muschiata è più lunga
di sette giorni e cioè di 35 invece di 28; anche questa è una sua
particolarità.

L'anatra muschiata è la più _terrestre_ di quante esistano; essa
non sente menomamente il bisogno dell'acqua, per bagnarsi le basta
quel tanto che le occorre per bere, e ciò è assai importante per
l'allevatore, e nemmeno la richiede per l'atto della fecondazione come
invece è tanto necessaria alle anatre d'ogni altra razza. La lubricità
del maschio se non uguaglia quella del gallo e del tacchino, non è
molto dissimile; ad ogni modo è sempre maggiore che in altre razze;
oltre a fecondare tutte le compagne che si trovano a sua portata,
rincorre talvolta le galline; ond'è che si può essere sicuri che
anche tutte le femmine comuni daranno delle uova fecondate dal maschio
ardente.

La muschiata allo stato selvatico è un animale dalle forme voluminose
ed assai sviluppate, di un buon terzo superiore a quella addomesticata,
la quale costituisce però sempre un volatile di fortissime proporzioni;
Teodoro Pascal asserisce di aver ottenuto dei maschi lunghi 80 e più
centimetri e di oltre 5 chilogrammi e delle femmine di 70 centim. di
lunghezza, pesanti più di 4 chilogr. Con una diligente selezione fra i
capi più grossi che si trovano negli allevamenti rustici della bassa
Italia sarebbe possibile raggiungere negl'individui domestici quasi
completamente il volume della muschiata selvatica.

La livrea di quest'ultima è nera con riflessi verdi e con qualche
piuma bianca alle ali; ridotta a domesticità la muschiata selvatica ha
subìto dei cambiamenti specialmente nel piumaggio, in cui il bianco ne
ha invaso gran parte e poi tutto il corpo, talchè vi sono individui
di questa razza completamente bianchi. Quelli che popolano i nostri
cortili sono ora neri con macchie bianche più o meno pronunciate, ora
con manto bruno, oppure grigio, irregolarmente pezzato; è insomma un
miscuglio, che del resto nulla toglie ai meriti del grosso palmipede.
Per conservare o per ottenere la livrea tipica della selvatica occorre
una attenta selezione degli individui dal piumaggio a fondo nero con
riflessi verde bronzati.

La diversità di colorazione della livrea e certe sfumature di tinte
che si ricercano in altre razze hanno un'importanza molto secondaria;
non è nè è mai stata un'anatra da sport, ma unicamente da prodotto
e su questo terreno si sente padrona. Oltre ad essere per sè stessa
grandemente apprezzabile pel suo volume, per la sua rusticità, essa
trasmette queste doti così importanti ai prodotti d'incrocio con
femmine comuni e quelli poi ottenuti dall'accoppiamento del maschio
sud-americano con femmine di razze scelte quali la Rouen, l'Aylesbury,
la Pechino sono straordinarie per mole come per attitudine a prender
il grasso. Simili incroci si praticano da tempo nella Francia, dove i
prodotti vengono chiamati _mulards_ perchè non atti alla riproduzione,
ed in Australia.

Il difetto dell'odore di muschio di cui si fa colpa a quest'anitra, che
del resto, è facilmente riparabile, non è mai quello che dovrebbe far
rinunziare ad allevar un volatile tanto vantaggioso; esso non è punto
pronunciato negl'individui che si macellano assai giovani, le glandole
secretanti tale sostanza non essendo puranco spuntate; per gli adulti,
poi, è sufficiente aver la precauzione di mozzar loro il capo per
sacrificarli invece di usar qualsiasi altro sistema ed in pari tempo
asportar il coccige, sedi entrambi dell'incriminato malodore, il quale,
d'altronde, ben poco si comunica alle altre parti del corpo degli
adulti.

L'anatra muschiata è una fetatrice buonissima se non eccellente; la
sua fetazione che incomincia nel Gennaio è di 60 ad 80 uova, in alcuni
individui arriva anche a 100, in tre volte nell'anno; le uova di forma
oblunga o quasi tonda, di color verdastro pesano da 85 a 90 grammi e
vengono covate assiduamente dall'anatra stessa, ma come al solito, si
preferisce affidarle ad altre chioccie.

Le anatrine non hanno bisogno di cure speciali, si allevano con la
massima facilità e crescono in poco tempo; naturalmente, come tutti i
volatili di forte volume necessitano di un nutrimento sostanzioso ed
animalizzato, l'acqua da bagnarsi è un lusso di cui non solo si può ma
anzi si deve privarla, che per tal modo le carni riusciranno più fini e
delicate.

Come abbiamo visto l'anatra muta o muschiata ha per sè stessa dei
meriti incontestabili che vengono tuttavia utilizzati per comunicarli
ad individui deficienti di razza diversa ma più generalmente di razza
comune; gl'ibridi che come s'è detto non sono fecondi accoppiati con
maschi di razze pure, danno prodotti che riacquistano la facoltà della
fecondazione. Negl'incroci si adopera quasi sempre il maschio della
muschiata che può fecondare un gran numero di femmine ed i prodotti
risultano assai migliorati; ove si procedesse in senso inverso, i
risultati sarebbero anche superiori per volume, essendo legge di natura
che i caratteri del maschio si trasmettono alla generazione successiva
nelle forme e nei colori del piumaggio, mentre la femmina dà il volume;
ma è questa una materia per degli studi ed esperimenti che richiedono
modo, tempo e passione di dedicarvisi; il campagnuolo e l'industriale
ricercano il buono bensì, ma economicamente ottenuto e di questo si
accontentano, senza, preoccuparsi del meglio.


L'anatra di Merchtem

Il Belgio quella industriosa nazione che tanto ha fatto anche in pro'
del suo allevamento, dal quale sono usciti dei prodotti oltremodo
interessanti quali il Malines ed il Gigante di Fiandra, fra gli animali
da cortile non poteva trascurare i palmipedi, attraversato come è
il proprio suolo da numerosi corsi d'acqua. Vi troviamo colà alcune
razze di merito, per quanto non si elevino molto al disopra del comune
e siano destinate a non oltrepassare i confini dello stato, ma che
tuttavia sono degne di una speciale menzione fra le anatre da prodotto.

La principale è l'anatra di Merchtem, la quale trae il suo nome da
quello stesso paese già celebre per l'allevamento e l'ingrassamento,
del Coucou de Malines; e la razza locale selezionata e migliorata
al punto di farne un volatile pregevolissimo. È una razza rustica,
buonissima riproduttrice, d'un bel volume, che dà una carne bianca,
come interamente bianca è la livrea senza riflessi crema; il becco è
bianco rosato ed i piedi giallo-cromo.

Un'altra razza belga è la _La-Plaigne_, un po' meno voluminosa della
Merchtem, della quale ha tuttavia tutte le buone qualità. Il primitivo
tipo della _La-Plaigne_ era grigio con tendenza al fulvo ed al nero,
ma con successivi incroci e selezioni, se n'è aumentato il volume ed
ottenuto un tipo perfettamente bianco.

Alle Esposizioni internazionali di avicoltura tenutesi a Torino nel
1911, ebbi campo di ammirare delle bellissime anatre presentate dal
«Club du canard de Forest»; erano le sole rappresentanti delle varie
razze anatrine belghe a quella grandiosa mostra e venne loro conferito
un primo ed un secondo premio. L'anatra di Forest è semplicemente
l'anatra di Termonde, varietà della Merchtem, migliorata e perfezionata
da un intelligente e competentissimo allevatore, M. Bertrand, il quale
ne dà la descrizione nei termini seguenti:

L'anatra di _Forest_ è uniformemente bleu grigio cenere, senza bianco
nè fulvo in nessun punto; ogni penna è orlata di una striscia di color
più scuro come nel piumaggio della gallina Andalusa; la testa e la
parte posteriore del collo sono nero fuliggine non rilucente; i piedi
sono brunastri, il becco è nerastro per i primi due terzi e grigio
piombo od oliva in punta: l'occhio è nero.

Gli anatrotti si allevano assai facilmente e sono molto precoci;
la carne è bianca e tenera, assai fine. Le femmine sono molto buone
produttrici d'uova, chioccie esemplari tanto nel covare come nello
allevare i piccini.

Nel paese di Elve esiste pure un'anatra propria come v'ha la gallina,
più conosciuta generalmente del palmipede; ma non è il caso di
occuparcene, non essendone ben definiti i caratteri.


L'anatra Svedese

Ritengo che il numero degli allevatori di quest'anatra in Italia sia
molto esiguo; è un animale che nella livrea si avvicina probabilmente
al bleu di Forest testè accennato e che non manca di qualità
intrinseche, ma l'Orpington dello stesso manto bleu grigio ardesia che
per uniformità di colore ed anche per volume supera la Svedese presenta
ben maggiori vantaggi al suo confronto perchè non sia preferibile.

C'è motivo di ritenere la Svedese il prodotto d'incrocio fra l'anatra
comune tedesca con un grosso Rouen, non di tipo inglese, scuro, oppure
con un Duclair, bensì col normanno chiaro isabella dalle penne con
orlatura appena visibile; dal connubio derivò un'anatra con livrea
pallida o grigiastra, un po' meno grossa della Rouen ma con l'ugual
buona carne. Con la selezione si sarebbe ottenuta la tinta bleu ardesia
della gallina andalusa. La definizione suddetta sarebbe dovuta ad un
giornale americano ed un allevatore del Connecticut non ha esitato
a proclamarne i meriti superlativi assicurando che in un esperimento
fatto su delle anatre di Pechino, di Cayuga, di Aylesbury, delle Rouen,
delle Muschiate e delle Svedesi queste ultime riportarono la palma,
riuscendo le più grasse, le meglio provviste di carne, le più attraenti
fra tutte.

Sono molto probabilmente delle lodi interessate delle informazioni
difficilmente controllabili; ma se tante virtù fossero proprio
l'appannaggio della razza come mai questa avrebbe fatto così poca
strada? eppure non è nata jeri.

L'anatra svedese ha conservato le forme della Rouen ma è meno grossa;
è grigio-bleu meno che nella parte interna del collo e nel petto dove
è bianca; le zampe sono arancione scuro o grigio cupo; il becco è
verdastro. Come in tutti i prodotti d'incrocio, per conservar il tipo,
occorre una selezione costante.


L'anatra Cayuga

Cittadina americana del Nord, dove vive ancora allo stato selvatico, è
molto apprezzata come anatra domestica per le sue eccellenti qualità
di produttrice d'uova e di carne, quantunque sia questa un po' scura
e ricoperta di pelle gialla. Si tratta di una Labrador ingrossata per
selezione oppure di una razza a parte realmente? Il sentenziare in
modo assoluto sarebbe forse un po' troppo rischioso, tanto più che gli
autori non sono tutti d'accordo, ma la Cayuga è incontestabilmente
un bello ed utile palmipede voluminoso quasi quanto un Rouen od un
Aylesbury, facile da allevare, rustico e precoce.

Il piumaggio del maschio, completamente nero, vellutato, con riflessi
metallici verdi sul corpo, specialmente sul capo, becco verdastro,
zampe arancione scurissimo. Porta sulla coda lo stesso ciuffetto di
piume arricciate delle anatre discendenti dal Germano reale. La femmina
ha la stessa livrea del maschio; dà delle uova color verde cupo.

Nel complesso è un volatile utile e simpatico che può star bene tanto
presso l'industriale come nel parco signorile.



L'alloggio dell'anatra


Grazie alla robustezza della sua costituzione fisica l'anatra non
ha bisogno, come alloggio notturno, di un locale con disposizioni
complicate e si adatterà a quello qualunque che le verrà preparato pur
che la condizione essenziale sia l'aereazione e dove trovi un giaciglio
pulito; un ambiente senz'aria mal tenuto, infetto, è sempre la causa
principale se non unica delle malattie alle quali, malgrado la sua
vigoria, l'anatra può soggiacere.

Chi alleva diverse specie di volatili deve dare un alloggio separato
ai palmipedi, i quali non possono appollaiarsi e dormendo in comune con
galli, galline, tacchini ecc. ricevono nella nottata sul dorso e sulla
testa i copiosi risultati della digestione dei sovrastanti pennuti.
Questa promiscuità in uso nelle masserie non dov'essere praticata da
quanti hanno a cuore di conservar puliti ed in buona salute i propri
palmipedi, anatre ed oche; un'eccezione si può fare per le muschiate
le quali hanno l'abitudine di volare e dormir sui bastoni come i
gallinacei.

La modesta abitazione dell'anatra consisterà in una specie di tettoia
chiusa, formata mediante quattro telai in legno, di cui due di legno
pieno e gli altri due saranno muniti di rete metallica a larga maglia,
non troppo però ad evitare che animali da preda possano penetrar nel
rinchiuso durante la notte. Questi quattro telai, congiungibili a mezzo
di gangi ed appoggiati a regoli di legno infissi nel terreno formano
un insieme che permette di smontare il piccolo edifizio e trasportarlo
altrove ogni qualvolta ne sia sentito il bisogno; naturalmente,
occorre anche un tettino, ed è perciò che i due telai laterali
andranno foggiati a pendio, e quello anteriore un po' più basso del
telaio di fondo per alcuni centimetri. Così, supponendo di dover
dar alloggio a dodici individui, un metro e mezzo o due di lunghezza
ed uno e settantacinque centimetri di profondità sono sufficienti;
altezza del telaio davanti m. 0.75 e di quello di dietro m. 1.30.
L'inclinazione del piccolo tetto è quella occorrente per lo scolo delle
acque piovane, poichè per quanto sia un uccello acquatico l'anatra ha
bisogno di un alloggio asciutto, l'umidità del dormitorio essendo assai
pregiudizievole alla sua salute. Il tettino andrà ricoperto con cartone
incatramato o con altro sistema che impedisca all'acqua di penetrare e
sul suolo dell'asilo notturno si spanderà della paglia o della segatura
di legno e meglio ancora, ove si possa averla, della polvere di torba,
assorbente e disinfettante per eccellenza; la vallonea di cui si
servono i conciatori di pelli può ancora servire benissimo.

Lo strato di paglia o di altro ingrediente andrà spesso rinnovato,
perchè con le deiezioni liquide dei palmipedi in poco tempo viene a
formare una materia vischiosa poco igienica. Negli angoli del casotto
si dispongono dei nidi dove le femmine andranno a deporre.

Le indicazioni date sono per semplice norma di chi volendo impiantar
un piccolo allevamento desidera un consiglio, una guida, chè, del
resto, qualunque locale è buono, a condizione soltanto che sia sano,
dove l'aria circoli liberamente, senza tuttavia dar luogo a correnti
pericolose ed infine sia sempre tenuto ben pulito.

Per le anatrine allevate sia da madre naturale come artificialmente,
occorre un casotto a parte, delle forme approssimativamente uguali a
quelle descritte, ma di dimensioni proporzionate alla quantità degli
allievi che vi si destinano e per questo, la pratica insegna; i telai
pieni possono però esser tre invece di due soli. E così ancora, se
nella stagione buona, si cambieranno i telai pieni con altrettanti
a maglia di fil di ferro zincato, la salute dei ricoverati se ne
avvantaggerà maggiormente.

Le anatre domestiche possono quasi completamente far a meno d'acqua per
bagnarsi; i giovani destinati al precoce sacrifizio non devono averne
che per bere, mentre ai riproduttori giovani od adulti la costruzione
di un piccolo bacino è sempre consigliabile; i primi acquisteranno
maggior vigorìa di muscoli ed uno sviluppo più rapido mentre le
uova prodotte da femmine adulte che godono del benefizio dell'acqua
conterranno dei germi più vigorosi e saranno più facilmente fecondate,
l'atto d'accoppiamento facendosi meglio dai palmipedi sull'acqua che
non sul suolo; gli anatrotti prodotti da germi robusti riusciranno
conseguentemente meglio costituiti.

Il bacino scavato nel suolo andrà, ben inteso, cementato tanto nel
fondo che sulle pareti ed in leggero pendìo, onde poter cambiare di
frequente l'acqua e più agevolmente; esso dovrà aver i bordi a fior
di terra perchè gli animali vi possano accedere facilmente e sortirne
senza dover fare degli sforzi. Per dieci o dodici adulti un bacino
largo un metro e venticinque centimetri e lungo altrettanto o poco più
è sufficiente.

Il liquido elemento oltre a giovare alla salute offro loro il mezzo
di tenersi più pulite e ciò conta anche per qualcosa. Chi poi ha la
fortuna di poter mandare le sue anatre ad un ruscello od a qualche
stagno vicino, avrà pure il vantaggio di una qualche economia
nell'alimentazione, chè i suoi pensionati troveranno nel fondo del rivo
o dell'acqua stagnante una infinità di animalucci e d'insetti che ne
formano la microscopica popolazione.

Prima di terminar il capitolo riguardante l'abitazione mi cade
in acconcio di dir due parole sugli escrementi che si raccolgono
nell'abitazione stessa e sul loro valore, il quale non va esagerato
ed è anzi per questo motivo che reputo inopportuno far materia d'un
capitolo speciale l'argomento in questione.

Lo sterco delle anatre deposto durante la giornata sul suolo dei
recinti dove stanno rinchiuse giova assai a concimarlo e facendo
l'operazione di vangar il terreno, come consigliato, di tanto in tanto,
questo conterrà ottimi elementi per la pronta e vigorosa vegetazione.
Quello risultante dal soggiorno degli animali nella baracca o nel
locale in cui dormono, e che, naturalmente, sarà in quantità minore
dell'altro prodotto nel giorno, associato a dei buoni elementi come la
vallonea e la torba in polvere produrrà un concime buonissimo. Secondo
il Blanchon, il concio dell'anatra in confronto a quello del cavallo
contiene una quantità assai maggiore di fosfato (14. contro 2.1),
d'azoto (10. contro 4.5), di calce (17.5 invece di 5.7), di sodio (6.5
invece di 1.5) ed una maggioranza anche per gli altri principii quali
la magnesia, la potassa; la proporzione dell'acqua è invece inferiore,
556 nelle deiezioni anatrine e settecentodieci in quelle equine.

In sostanza il concime prodotto dagli escrementi del nostro palmipede
mescolati a qualche materia come quelle indicate, compreso il gesso
e la sabbia, o la sansa, ha un certo valore e mal si agirebbe non
apprezzandolo come merita; orticoltori, giardinieri, agricoltori lo
stimano e se ne valgono; essi però si guardan bene dall'adoperarlo
collo stato puro; ben sapendo come in tali condizioni, invece di
fertilizzare il terreno, brucierebbe le piante.



L'alimentazione


Noi sappiamo che l'anatra è dotata, generalmente, di un appetito
formidabile, per saziar il quale ogni alimento si può dire è
buono ed accetto golosamente, ben pochi hanno la disgrazia di far
torcere il loro becco; e siccome la digestione si compie in misura
straordinariamente rapida ed agevole, così ne viene di conseguenza
che dopo il pasto ha più fame di pria; e per la sua facilità di
assimilazione tutto ciò che mangia le fa prò, quindi cresce e si
sviluppa presto e bene.

Nutrire convenientemente un'affamata simile, costituisce, e ciò
è spiegabile, il problema principe dell'allevamento; su tal punto
culminante è richiamata quindi l'attenzione di chi deve provvedere a
risolvere il problema di non sempre facile soluzione per quanti hanno
molti capi da mantenere.

Il genere, la natura, il valore e la quantità degli alimenti dovono
necessariamente differire secondo l'età e lo scopo al quale gli
animali sono destinati, e le anatre, qualunque sia l'età e lo scopo,
mangian sempre bene e volentieri, ma è evidente che a dei giovani
i quali hanno solo, davanti a sè, pochi mesi di vita e che debbono
raggiungere in breve tempo il necessario sviluppo, non si dovrà dare
la stessa nutrizione che conviene a dei futuri riproduttori o a degli
adulti in produzione. L'alimentazione andrà pure modificata secondo
l'epoca dell'anno, aumentandone il valore nei momenti della fetazione
o della muta delle penne, riducendola ai minimi termini nel periodo
di riposo finalmente, la razione d'ingrassamento andrà pure costituita
in modo diverso dalle altre. Tutto ciò è abbastanza logico perchè sia
necessario spiegare e giustificar ampiamente.

A noi risulta altresì che l'anatra selvatica dalla quale deriva la
maggior parte delle anatre domestiche conosciute si nutre sopratutto
di cibi animali, vermi di terra, lumache grosse e piccine, insetti di
terra e d'acqua, ranocchi formati od allo stato di girino od altri
animalucci consimili; nè diversa è l'alimentazione delle anatre
d'oltre Oceano ora addomesticate; grandi e piccine seguono tutte lo
stesso regime a base animale ed è su questo principio che dovrebbe
esser impostato il sistema di nutrizione se volessimo uniformare
l'alimentazione delle nostre anatre a quella dell'anatra selvatica.
Ma se ciò non è rigorosamente necessario, neanche il principio in
questione va negletto; noi possiamo in parte modificare il regime
sostituendo a dei cibi animali diversi altri che l'uguagliano in
valore, in cui l'elemento azotato nella formazione delle razioni per
giovani ed adulti sia essenzialmente curato.

L'ideale dell'alimentazione anche dal lato economico sarebbe quello
preconizzato e descritto dall'Espanet, il quale consiste nello scavare
di fianco ad un corso d'acqua, ad una data distanza fra di esse, tante
fossette, profonde un metro circa, larghe in proporzione degli animali
che si allevano, in cui s'introduce dell'acqua lasciandovela stagnare
per qualche giorno; quindi si permette alle anatre di andare a nutrirsi
degl'insetti e delle erbe acquatiche che popoleranno la prima fossa,
l'indomani si fanno passare alla seconda fossa poi ad una terza e così
via via per ricominciar quindi dalla prima che nel frattempo avrà avuto
campo di arricchirsi di una nuova colonia di animaletti e di piante,
continuando usque ad finem nella manovra semplice ed economica.

Il metodo sarebbe certamente da adottarsi se non che ritengo ne sia
data a pochi l'applicazione, e d'altro lato, se può convenire per i
riproduttori formati e da formarsi, non è così per i giovani destinati
al precoce sacrifizio ai quali l'acqua dev'esser negata ed il regime
alimentare va dato sotto una forma speciale; e neppure sarebbe adatto
ad ottener buoni effetti nell'ingrassamento.

Lasciando da parte pel momento il regime per gli anatrotti di cui
ci occupiamo nel capitolo riguardante il loro allevamento, passeremo
succintamente in rivista le principali sostanze azotate da far entrare,
per quanto possibile nella formazione del pastone per gli adulti
nell'epoca della fetazione e che associate alla crusca di frumento
o di gran turco costituiranno la base della loro alimentazione. Esse
sono: sangue fresco o cotto, sangue melassa, ossa fresche raspate a
macchina, scarti di carne di bue, di cavallo o d'altri animali, farina
di carne, farina di pesce, crisalidi di bachi da seta, lumache pestate,
maggiolini, cavallette ecc. ecc.

A queste sostanze animali se ne aggiungono altre d'origine vegetale
che completano il sistema alimentare delle anatre, fra cui diverse
leguminose ricche in azoto come il trifoglio, ad esempio; vengono poi
i panelli di cocco, d'arachide, di mais, i residui di distilleria e di
fabbriche d'amido, di paste alimentari, di birra ecc.

Quali di questi ingredienti siano rinvenibili da noi, in questi momenti
sopratutto, non è facile asserire; si indicano teoricamente per una
guida; l'allevatore deve poi cercarne l'applicazione secondo le sue
facoltà l'ubicazione, la maggior o minor facilità e convenienza di
procurarseli. Nei paesi dove l'allevamento dei volatili domestici è
ben compreso ed esercitato, per quanto i prezzi attuali dei cibi siano
elevati, c'è sempre la convenienza nell'esito dei prodotti a larghe
condizioni, ma havvi anche la facilità di procurarsi un po' di tutto,
incominciando dalla farina di carne e da quella di pesce, quindi tutto
il resto, quale viene annunciato dai giornali di avicoltura; nel nostro
paese invece buona parte di tali sostanze sono introvabili, non vi si
fabbricano perchè l'avicoltura è ancor sempre troppo negletta, quindi
nessuno si occupa di mettersi a far dei prodotti che non verrebbero
ricercati e d'altra parte l'importarli dall'estero non è neppure
conveniente causa l'enorme spesa di trasporto, dogana, cambio ecc.; e
se qualcuna di queste materie è possibile avere, il prezzo è tale che
pochi si sentono la volontà di acquistarne.

Esaminiamo quelle un po' meno rare, più facili da procurarsi o che è
possibile fare da noi stessi.

Il sangue di macelleria fresco sarebbe un ingrediente utile senonchè
oltre alla manipolazione non molto gradevole, si corrompe in poco
tempo; perchè si conservi un po' meglio convien farlo cuocere insieme
a dei farinacei e distribuirlo così ai volatili, ai quali tuttavia
ripugna un po' dapprincipio, od ancora disseccarlo, che in quelle
condizioni dura alquanto più a lungo. Si getta il sangue accagliato
entro acqua bollente cui si aggiunge una cinquantina di grammi d'acido
borico, lasciandovelo quindici o venti minuti, e quando è un po'
consistente lo si divide in fette sottili che si fanno seccare al fuoco
o in una stufa. Una volta queste ben secche, si polverizzano con un
macinino qualunque o con un trinciacarne.

Quando è possibile procurarseli a buone condizioni, gli scarti di carne
di cavallo che si fanno cuocere, tanto più se lasciano desiderare dal
lato della freschezza, sono preferibili al sangue.

Le crisalidi dei bachi da seta, ricchissime in principii azotati sono
molto ben accette, tritate e miste ai pastoni, a tutti i volatili, ma
hanno l'inconveniente di esalare un puzzo disgustoso, che comunicano
alle uova; è bensì vero che quelle d'anatra sono quasi sempre riservate
per la riproduzione, e l'inconveniente lamentato non ha quindi alcuna
conseguenza temibile; del resto lo si eliminerebbe sospendendo l'uso
delle crisalidi per quindici o venti giorni allorquando s'intendesse
servirsi delle uova pel consumo. Inoltre per averle a condizioni
favorevoli bisogna abitare non troppo lontano da qualche filanda
senza di che il trasporto renderebbe subito troppo oneroso il costo di
tal mercanzia. Altrettanto va detto per i residui di birreria, delle
distillerie, fabbriche di pasta ecc.

Le ossa fresche, contenenti 25 a 30% di materie azotate e circa il 60%
di fosfato di calce sono quanto di meglio si possa desiderare ed usare,
pure o mescolate nei pastoni, tanto per lo sviluppo degli allievi
quanto per la fetazione delle femmine come ancora per contribuire
all'acceleramento della muta delle penne; il valore delle ossa fresche
è molto superiore a quello delle ossa calcinate che contengono soltanto
del fosfato di calce, ma per utilizzarle è indispensabile ridurre le
ossa, siano esse di bue, di vitello, di montone, in modo che possano
venir consumate dai volatili e ciò si ottiene con l'uso di una di
quelle macchinette, dette trincia-ossa di fabbricazione americana
od inglese in cui un congegno ben ideato permette di ridurre le
ossa ad un mucchio di sottili scaglie aventi la forma dei trucioli
che si ottengono piallando il legno. I volatili afferrano col becco
queste laminelle con tutta facilità e le ingoiano, siano allo stato
naturale od introdotte nei pastoni di crusca e farina, con loro grande
profitto. Non v'è miglior agente di abbondante produzione d'uova, di
sviluppo di vigoria ed in pari tempo economico, giacchè le ossa costano
relativamente poco. È la spesa del trincia-ossa che riesce alquanto
gravosa nei momenti attuali, ma che cosa non è caro ormai? tuttavia
essa viene assai presto e largamente rimborsata dal profitto che se ne
ricava nell'invigorimento degli animali e nell'ampia messe di uova che
con altri mezzi difficilmente si otterrebbe.

Gl'insetti quali i maggiolini, le cavallette, e poi i lombrici,
le lumache, le quali vanno distribuite pestate, non costano che il
fastidio di dar loro la caccia, ma non tutti hanno modo e tempo di
dedicarvisi, e poi, d'inverno è quasi impossibile trovare simile
elemento azotato, se poi il branco di animali che si mantiene è tan
si poco numeroso l'impresa diventa irrealizzabile; beato chi può
occuparsene od ha mezzo d'incaricar qualcuno di farlo. A tal proposito,
si legge accennato nell'eccellente opera del Brechemin sull'avicoltura,
un cibo animale assai comune nelle campagne, al quale ben pochi
pensano, di nessuna spesa, che richiede solo una leggera fatica; è a un
dipresso il sistema Espanet già accennato.

Chi passa accanto ad un'acqua stagnante, ad un fosso, avrà spesso
osservato delle grandi agglomerazioni di minute foglioline di forma
tonda, verde chiaro galleggianti sulla superficie dell'acqua che in
gran parte ricoprono; questa vegetazione, detta lenticchia palustre
pare creata appositamente per l'anatra perchè essa alberga un'infinità
di piccoli insetti, delizioso pasto pel vorace lamellirostro, come lo
sono pure le uova ed i girini di rane che negli stagni generalmente si
trovano. Con una rete qualunque un po' fitta si raccoglie quest'erba,
la si ficca in un sacco e si porta alle anatre, le quali con un
godimento senza pari ingoieranno erba ed insetti, per il gran profitto
del proprietario cui il cibo squisito e nutriente nulla avrà costato.
Si può anche, in certo modo, coltivare la pianticella acquatica,
pescandone una qualche quantità e distribuendola in varie tinozze di
legno piene d'acqua, esposte al sole, e sul suolo delle quali si sarà
introdotto della terra; dopo alcuni giorni, si svilupperà in queste
tinozze una massa brulicante d'insetti; con una rete se ne coglie quel
tanto che occorre e si serve ai nostri palmipedi, lasciandone parte
affinchè la vegetazione si propaghi e la colonia degl'insetti cresca e
si moltiplichi.

Quanti poi hanno mezzo, trovandosi nelle vicinanze d'una città, di
procurarsi gli avanzi di cucina degli hôtels, delle piccole locande,
dei restaurants, delle caserme, degli ospedali, delle famiglie
signorili, avranno con ciò, a condizioni generalmente modiche, una
alimentazione completa per le loro anatre, le quali per la voracità,
per la facile assimilazione dei cibi sono da paragonarsi al porco e le
grasse mescolanze che a questo si somministrano giovano in ugual misura
e con gli stessi portentosi effetti all'ingordo palmipede.

I pezzi di pane, di carne, di verdura e così le acque grasse di
rigovernatura unite a crusca od a panelli triturati costituiscono
ancora un'eccellente alimentazione economica.

Fra i diversi panelli più facilmente rintracciabili nei nostri paesi
figurano quelli di lino, di arachide, di mais; poi vengono i panelli di
cocco, di cotone, di noce, di cacao; ma non è sempre facile averne. Il
tenore in materie azotate dei primi tre, cioè: lino, arachide, mais è,
28.5 — 27.3 — 47 rispettivamente, e di materie grasse: 9 — 0 — 8. — Il
panello di cacao oltre ad essere una sostanza nutrientissima, ha pure
il vantaggio di comunicare alle carni un profumo speciale delicato.
Ben inteso, i panelli vanno sfarinati fini il più possibile con un
istrumento adatto.

Nell'alimentazione giornaliera non andranno completamente lasciate
da parte le granaglie che poste ad ammollare ventiquattr'ore prima di
somministrarle saranno più facilmente digeribili; una piccola quantità
messa in qualche recipiente piatto assieme ad un po' d'acqua la quale
agevolerà la presa del cibo non farà male. Il becco dell'anatra non
è conformato come quello del pollo, con esso il nostro palmipede,
invece di beccare, afferra gli alimenti e con una manovra speciale,
aiutandosi con ripetuti sforzi li ingoia e di tanto in tanto scappa
all'abbeveratoio; quanti hanno visto un'anatra mangiare avranno
osservato con quale destrezza e celerità straordinaria compia le
funzioni che formano lo scopo essenziale della sua esistenza.

Ho accennato al fieno di trifoglio; è un alimento dei più indicati
e da qualche tempo incessantemente suggerito da tutti i trattatisti
come dai pratici per la nutrizione del pollame in genere grazie alle
sue qualità efficienti accoppiate al costo minimo. Bisogna servirsi di
fieno che sia stato segato poco prima della fioritura, lo si sminuzza
col trinciapaglia la sera avanti di distribuirlo, quindi se ne mette
quel tanto che occorre secondo la quantità di animali da nutrire, e ciò
si apprenderà facilmente con l'uso, in una bigoncia od in recipiente
qualsiasi, preferibilmente in legno, versandosi sopra dell'acqua
bollente; il fieno imbibendosi gonfia molto ed in capo ad una diecina
d'ore servirà, mescolato a crusca, a formare un buon pastone in cui
sarà bene aggiungere per renderlo maggiormente appetitoso ed anche
vieppiù nutriente, un po' di sale e qualche sostanza, fra quelle
facilmente ottenibili, saporita.

Del resto la maggior parte delle erbe, le ortiche le insalate, come
anche le patate di scarto cotte e tagliuzzate e le barbabietole
trinciate, associate ai panelli formano dei pastoni che, fra parentesi,
devono esser piuttosto molli che troppo asciutti, di costo ridotto o
minimo ed abbastanza nutrienti. Anzi, così costituite queste razioni
sono per la loro modicità quelle che più convengono durante l'epoca
in cui i riproduttori hanno meno bisogno di alimentazione corroborante
ed anche per i giovani che si voglion conservare per la riproduzione i
quali abbiano però già raggiunto il loro sviluppo.

La quantità che un'anatra assorbe in una giornata dev'essere di almeno
150 grammi di alimenti pesati asciutti: crusca, panelli, granaglia,
compreso l'elemento animalizzato ma senza calcolare quello verde il
quale deve servire solo a titolo di complemento; Pascal[1] calcola
il peso totale giornaliero in cibo misto e secco occorrente per
un'alimentazione normale di un'anatra in 75 grammi per ogni chilogrammo
di peso vivo. Ma siccome in avicoltura nulla vi è di assoluto, così
il determinare in modo preciso la quantità è cosa impossibile, ciò
dipendendo molto dallo stato di salute, dall'età ed anche dalla
varietà degli animali che si allevano, alcune razze di più rapido
sviluppo avendo delle esigenze che altre non dimostrano; la teoria
cede generalmente il posto alla pratica. In massima, più la quantità
ed il valore degli alimenti sono forti, e se gli animali li assimilano
facilmente, gli effetti si fanno sentire in modo visibile o si possono
constatare sulla bilancia nei giovani che si allevano, pei quali
un nutrimento in cui la relazione nutritiva sia stretta, ossia la
proporzione delle materie azotate fortissima, è indispensabile pel loro
rapido sviluppo; ed è questo il periodo in cui l'alimentazione va più
accurata.



Come si allevano gli anatrotti


La maggior parte delle anatre domestiche è assai precoce nella
fetazione, alcune, come la Corritrice Indiana incominciano fin
dall'Ottobre, ma viceversa, in genere non sono molto propense a covare,
anzi, vi sono delle razze affatto restie; ciò fa sì che è di tutto
interesse affidar le uova a qualche gallina od alla tacchina e meglio
ancora all'incubatrice artificiale.

Trovar delle galline disposte a covare nella stagione invernale onde
aver così una schiusura precoce è difficile se non impossibile; si
può ottener lo scopo forzando la tacchina a covare e ciò con dei
sistemi alquanto barbini, ma neanche sempre ci si arriva poichè
è cosa contro natura, ed in ogni caso ciò costituisce un lavoro
malagevole. Il sistema più sicuro e comodo è quello della incubatrice
artificiale; questa è sempre pronta in qualsivoglia epoca dell'anno,
essa non ha mai gl'insetti che perseguitano le chioccie animali e che
si trasmettono alla progenitura, con essa si possono far schiudere
non delle diecine, ma delle centinaia e migliaia d'uova. Certamente
chi fa un minuscolo allevamento può contentarsi di una covatrice
vivente, ma allora deve aspettare che questa sia di comodo a covare
od altrimenti costringervela come si usa fare con le tacchine; volendo
però delle nascite e degli allevamenti in inverno, il miglior metodo è
l'artificiale, anche trattandosi di poche dozzine d'uova; attualmente
si trovano delle macchine, degli apparecchi abbastanza perfezionati da
permettere a chiunque dei risultati oltremodo soddisfacenti.

Ma qualunque sia il genere d'incubazione che si voglia adottare,
per aver delle schiusure vigorose bisogna che le uova provengano da
genitori sani, ben nutriti e ben tenuti, non troppo giovani nè vecchi,
di due anni circa. Incidentalmente va detto che volendo conservare
un buon sangue, i riproduttori vanno sostituiti dopo qualche anno di
funzionamento, sei al massimo; si deve inoltre aver cura di scegliere
fra i giovani allievi destinati alla riproduzione quelli delle prime
covate annuali, i più robusti, i meglio costituiti, mantenuti in
libertà, affinchè possano far molto esercizio anche sull'acqua e così
raggiungere il maggior sviluppo desiderabile.

Parmi inutile entrar qui nella descrizione delle solite pratiche
richieste per l'incubazione, sia essa naturale come artificiale;
sono per le uova d'anatra le stesse di quante occorrono per quelle
di gallina con la sola differenza della durata che per il nostro
palmipede è di ventotto giorni invece di venti o ventuno per le
uova di gallina. Su tale argomento mi sono lungamente intrattenuto
in altro mio lavoro pubblicato dallo stesso editore[2] del resto
le pratiche necessarie si trovano descritte in tutti i manuali di
pollicoltura. Se non mi soffermo su questo punto è perchè ho inteso nel
presente lavoro attrarre l'attenzione del lettore più che altro sulla
convenienza dell'allevamento dell'anatra per la produzione di carne e
per la utilizzazione dei sotto prodotti lasciando da parte i dettagli
dell'incubazione troppo noti alla generalità, per indugiarmi invece
alquanto sul tema dell'allevamento propriamente detto.

Non conviene all'allevatore dar a covare le anatre, anche quelle che ne
dimostrano la volontà come succederebbe se si lasciassero tutte le uova
a misura di deposizione, chè ad un certo punto questa si fermerebbe
e l'anatra si accingerebbe a covar quel dato numero d'uova che madre
natura le suggerisce di far nascere; è assai preferibile prolungare
la fetazione il più che si può col sottrarre le uova di mano in
mano, lasciandone nel nido soltanto uno o due perchè la fetatrice sia
attratta a continuare, e con ciò arrivare al massimo.

Fra le diverse covatrici la meno adatta è la gallina, anche nell'epoca
più propizia, poichè la durata dell'incubazione dovendo protrarsi
fino a 28, 30 giorni ed anche 35 secondo le razze dell'anatra, la
gallina mal sopporta un periodo così prolungato di sequestrazione,
mentre resiste senza difficoltà la tacchina, che può inoltre tenerne
sotto di sè un numero ben superiore, presentando essa con ciò un altro
vantaggio; non parliamo poi dell'incubazione artificiale per la quale
sarebbe indifferente una durata di tre mesi se vi fossero delle uova
schiudibili a simile scadenza.

La durata dell'incubazione per le uova d'anatra varia, come si è visto,
da razza a razza; quelle della Corritrice Indiana schiudono in un
periodo di tempo minore di quello necessario per le altre razze, 28 a
30 giorni, mentre per le uova della Muschiata va fino a 35 giorni.

Alle prime schiusure e di mano in mano che nascono, gli anatrotti
vanno tolte di sotto la gallina o la tacchina chioccia e deposti
in un panierino foderato di lana dove si riposeranno della fatica
compiuta nello sforzo di sortire dalla calcarea prigione e vi staranno
tranquille in attesa dei compagni che ancora devono schiudere; se
il locale o la stagione sono assai freddi si porterà il panierino
con la prole un po' vicino al fuoco c questa si sentirà riavere. La
stessa pratica serve per le piccine nate nell'artificiale, a meno che
l'apparecchio non sia munito di un'asciugatrice, come in gran parte
quelli che oggidì si fabbricano; si aspetta che tutti siano nati e
quando è certo che non c'è più da sperar altre schiusure, si tolgono
tutti e si dànno alla chioccia che li ha covati, oppure si introducono
nella madre artificiale, la quale li riscalderà bene quanto una
animale.

Se l'incubatrice è un istrumento alquanto delicato, per cui taluni
non hanno fiducia in essa, altrettanto non può dirsi della chioccia
artificiale, di congegno semplicissimo e facilmente regolabile, ond'è
che anche adottando l'incubazione animale, per l'allevamento è sempre
da preferirsi l'uso d'un apparecchio che presenta più d'un lato utile;
con esso si ha intanto il vantaggio di poter mettere in libertà la
chioccia appena la schiusura degli anatrotti è terminata e questa potrà
così ritornar ben presto a compiere altre funzioni più lucrose pel
proprietario che non quella di portar a spasso le anatrine, alle quali
non è difficile insegnar a vivere senza il concorso di una guida spesso
assai ignorante e quasi sempre tanto ghiotta da attribuirsi la miglior
parte del delicato pastone espressamente preparato per le piccole
creature. Vi sono, è bensì vero, le cassette dall'allevamento in cui la
chioccia è tenuta prigioniera, e con ciò si rimedia agl'inconvenienti
su lamentati, ma queste possono servire per una quindicina di
anatrotti, mentre si fabbricano delle chioccie artificiali capaci di
cinquanta e più; è preferibile tuttavia non oltrepassare questa cifra,
poichè le troppo forti agglomerazioni presentano anche dei grossi
rischi.

Di simili apparecchi sonvi diversi sistemi, ma tutti basati sul
principio del riscaldamento ad acqua mediante termosifone comunicante
il calore alla cassetta dove i piccini vanno a ricoverarsi come
farebbero sotto le ali ed il piumino del ventre della chioccia animata:
le istruzioni per il funzionamento vengono generalmente fornite dal
fabbricante stesso dell'apparecchio ed è facilissimo il seguirle.

La temperatura che deve regnare nella parte dove sta la cassetta di
riscaldamento non dovrà oltrepassare i 25 o 26 gradi centigradi nei
primi giorni, tre giorni dopo 24 gradi saranno sufficienti, quindi
si scema gradatamente il calore. Una precauzione importante è di
regolare il calore per la notte, che dev'essere inferiore al normale
della giornata, e ciò perchè gli animaletti riuniti nel ristretto
ambiente ne producono essi medesimi con quello che emana dal loro
corpicino; l'eccesso va dunque rigorosamente evitato, anzi è da
preferirsi che soffrano un po' di freddo, piuttosto che di caldo
eccessivo. Se sentono freddo si accoccolano gli uni accanto agli altri
e bene o male sopportano la temperatura bassa, ma quando si trovano
in un'atmosfera troppo elevata, ansimano, sudano e l'indomani mattina
sortendo al fresco rischiano di buscarsi una congestione polmonare o
l'infiammazione agl'intestini che presto li spedirebbe ad patres. Per
le prime notti almeno si faccia il sacrificio di verificar lo stato
delle cose e provvedere in caso di anormalità coll'alzar o ribassare il
grado atmosferico interno, sulle istruzioni pel funzionamento fornite
dal fabbricante.

Per lo prime quindici o venti ore si lascino pur digiunare i neonati,
tutt'al più si dia loro un po' d'acqua o di latte allungato, in cui
possano soltanto immergere il becco. Ed ora si tratta d'insegnar alle
bestiole private di madre a mangiare, cosa non troppo facile per
i primi principii perchè l'anatrina non ha l'intelligenza precoce
del pulcino di gallina e prima che abbia capito che per vivere è
indispensabile mangiare ha bisogno di qualche lezione che possiamo
darle noi stessi presentandole qualche lombrico vivo, il quale
dimenandosi risveglierà nel piccolo essere l'istinto naturale che
lo spingerà ad acciuffare col tenero beccuccio il vermiciattolo ed a
buttarlo giù per nutrirsene; un'altra volta gli si porrà davanti un
piattino contenente della pasta detta vermicelli cotta e che agitata
con una bacchettina produrrà la quasi uguale impressione del lombrico.
Questo corso accelerato d'istruzione che costituisce il punto più
difficile dell'allevamento artificiale non durerà che due o tre giorni,
quattro per gli allievi più ignoranti, poi basterà servir loro il
pastone preparato ed una volta ammaestrati, le cose camminano da sè e
la voracità si sviluppa in modo sorprendente.

Il pastone che dapprincipio sarà formato con midolla di pane raffermo,
uovo sodo ed ortiche oppure cicoria od insalata trinciata finissima,
con l'aggiunta di qualche insetto o verme di qualunque genere,
sarà piuttosto molle, chè così verrà più facilmente inghiottito;
si lasci sempre a disposizione degli allievi dell'acqua nel piccolo
abbeveratoio, ma non bisogna permetter loro di bagnarsi fin che non
abbiano almeno dieci giorni; por gli anatrotti da ingrassare questo
bagno deve però essere vietato completamente; su ciò credo bene
insistere.

A cominciar dall'ottavo giorno, l'elemento animalizzato dovrà entrare a
far parte regolarmente della alimentazione negli anatrotti, ritagli di
carne bolliti e tritati molto fini oppure ossa crude ridotte a trucioli
con la macchina speciale detta trincia-ossa, andranno associati a
crusca ed a farina di mais. Si diano anche loro delle minute granaglie
ammollate per 24 ore, delle paste lesse, delle farine, del pane intriso
nel latte, il tutto sempre in forma piuttosto liquida, ma non troppo,
ad evitare la dissenteria; ripudiamo solo i pastoni di pura crusca che
le massaie distribuiscono con tanta generosità ma che gonfia i giovani
corpi senza nutrirli; degli animali tirati su con tal regime non
saranno mai di qualche valore.

L'acqua piovana è causa di malanno per le piccole creature; si
stia dunque attenti a non lasciarle cogliere da qualche improvviso
temporale, e neppure si permetta loro di diguazzare nella mota; la
loro lanuggine dei primi giorni non è per anco resa impermeabile dalla
secrezione oleosa che col seguito impedirà la penetrazione dall'acqua
nel loro abito di piumino, e questo soffice indumento si appiccica
al corpo: e se poi vanno ad infangarsi nella melma, ciò forma come
un'intonacatura, dalla quale non possono più liberarsi e finiscono per
soccombere.

Se disgraziatamente non si fa in tempo a ripararli dall'acqua si
procuri di salvar gli anatrotti ammollati col porli al più presto in un
paniere accanto ad un buon fuoco.

L'anatra fin da piccina è amante di intrufolarsi nell'acqua sudicia col
corpo ma specialmente col becco e per natura è piuttosto sporcacciona;
basta osservare la sua manovra quando mangia, prende un boccone o
due poi corre all'abbeveratoio, ritorna al piatto per far subito
dopo un'altra visita all'acqua, ed in tutti questi andirivieni,
divertentissimi da osservare se vogliamo, l'anatrotto insudicia
dappertutto, anche il suolo del casotto di rifugio viene contaminato
dalle zampine cariche di mota e di deiezioni liquide; per cui, onde
conservar l'igiene così necessaria nell'allevamento, ogni giorno,
possibilmente, si cambierà la segatura di legno, la paglia o quello
strato di altri elementi che devono guarnire il suolo dell'abitazione;
nelle madri artificiali hanvi generalmente due scomparti, dei quali uno
è all'aria libera con reticolato e l'altro costituisce il casotto di
ricovero; questi due scomparti devon esser tenuti sempre puliti ed è
questa una misura indispensabile per la salute dei piccoli allievi.

Il sole, a sua volta è per essi pericoloso un'insolazione può avere
degli effetti fulminanti sulle tenere bestiole, le quali, tuttavia,
una volta passato il primo periodo d'età s'irrobustiscono di giorno
in giorno, l'appetito si fa sempre più feroce, per cui cinque o sei
pasti al giorno non sono di troppo, e diventano degli animali oltre
ogni dire, ed in ogni caso sempre meglio di quelli d'altre specie,
resistenti.



Un esempio di allevamento ristretto


È abbastanza strano che di tutte quelle egregie persone desiderose
di tener qualche volatile da cortile novanta su cento scelgano una o
più razze di polli, dalle quali si ripromettono chissà quali e quanti
vantaggi, e quasi nessuna getti gli occhi sulla numerosa schiusa delle
anatre, fra le quali hanvene pure di graziosissime come le Mandarine,
le Caroline, le Mignon ecc. per chi non cerchi nell'allevamento che il
diletto, mentre dal lato materiale la maggior parte delle anatre dà ben
altre soddisfazioni di quante possano offrirne i polli.

Non nego che il possesso di un gallo ardito dalla lussureggiante
livrea, col suo fiero portamento, le sue mosse, lo squillante
chicchiricchì, di quel sultano delle affaccendate galline le quali
col loro canto trionfale segnalano la deposizione del miracoloso,
riconfortante prodotto giornaliero, tutto ciò presenti delle attrattive
che le modeste, tranquille poco canore anatre non sono in grado di
offrire. Ma quando si considerino le prerogative che queste ultime
presentano, la loro facile adattabilità a qualunque genere di cibo
che convertono in carne e grasso, mettendo in tale operazione assai
minor tempo di qualsivoglia razza di polli, se si tenesse calcolo della
robusta loro fibra che le rende quasi sempre refrattarie alla maggior
parte delle malattie che insidiano e decimano gli altri volatili
domestici, ove infine si facesse entrare nella somma dei rendimenti
quello dei sotto-prodotti come le piume ed il piumino, specialità dei
palmipedi, la bilancia dovrebbe pendere in favore di questi ultimi.

Le uova di gallina, è bensì vero, sono più pregiate di quelle d'anatra,
ma queste danno dei pulcini graziosi anch'essi, e sopratutto più
robusti, di sviluppo più precoce. Quanto ad importanza di produzione
non mancano le razze ovaiole, la Corritrice Indiana sta al paro quando
non supera la miglior Leghorn. Al postutto, il trionfo dell'anatra sta
nella precoce produzione di carne ed è su questa che convien basare il
concetto dell'allevamento.

È innegabile che l'allevamento dell'anatra venne sempre considerato
come facente parte delle piccole industrie campestri, non adattabile
alle occupazioni di piccoli proprietari o di modesti impiegati
dimoranti in campagna ed in cittadine di provincia. Uno degli
ostacoli al suo diffondersi è il preconcetto sbagliato della necessità
dell'acqua per bagnarsi, mentre è anzi contraria alle giovani anatre
che hanno una vita effimera, destinate come sono al macello a poche
settimane d'età. Se un'acqua corrente, una gran vasca sono giovevoli ai
riproduttori quantunque non assolutamente indispensabile, un recipiente
abbastanza grande per tuffarvi ripetutamente il becco, poichè per
natura loro, questi animali hanno un gran bisogno di bere mangiando, è
ugualmente bastevole per essi.

Un bell'esempio di allevamento in piccole proporzioni è citato
nell'ultima edizione della sua _Basse-cour productive_ dall'esimio
allevatore-scrittore L. Brechemin, parlando di quella d'un amico, il
quale ha impiantato un recinto per anatre; questo è diviso in due parti
mediante rete metallica, ed alla base del divisorio venne scavato nel
terreno un bacino comune alle due parti del recinto, la lunghezza della
vasca è di quattro metri, la larghezza è di un metro e la profondità,
70 centimetri. Un po' più lontano l'anatricultore ha fatto costruire
un secondo recinto nelle identiche condizioni il cui scopo si spiega
chiaramente. Egli tiene due razze, la Rouen e la Pechino, da ciò la
necessità del divisorio, inutile per chi ne tiene una sola.

Nel piccolo allevamento in questione ogni parchetto contiene sei
femmine ed un maschio di ciascuna delle due razze suindicate. Il
bacino viene vuotato ogni quattro giorni per mezzo di un tubo di
scolo e l'acqua cambiata, perchè rimanendo stagnante per molto tempo
si corromperebbe, e l'igiene è importantissima nelle agglomerazioni
di animali in ristretto spazio. Come l'acqua, il suolo dove dimorano
gli animali va soggetto alla corruzione in causa dei loro abbondanti
escrementi, ed è ad ovviare alle funeste conseguenze facilmente
derivanti che venne ideata la costruzione di un secondo recinto, ogni
tre mesi gli abitanti vengono fatti sloggiare da quello inquinato
e sospinti nel nuovo, le capanne smontabili sul genere di quelle
descritte nel capitolo dell'alloggio, sono trasportate nella dimora
diversa e subito dopo il trasloco, il terreno lasciato libero riceve
una rivoltatura radicale, alla profondità di un ferro di vanga, quindi
seminato ad avena. Quindici giorni o tre settimane dopo gl'inquilini
possono già reintegrare il domicilio primitivo che ritrovano fresco e
risanato, ma è meglio aspettare anche un mesetto.

In questo allevamento così modestamente ideato e condotto le femmine
danno da novanta a centodieci uova all'anno, quasi tutte fecondate; i
maschi hanno almeno due anni e sono conservati fino ai quattro; e così
pure le femmine per le quali questo limite d'età non va oltrepassato,
poichè diventano poi troppo pingui e la produzione delle uova fecondate
scema grandemente.

L'incubazione viene affidata a delle galline od alle macchine e la
schiusura raggiunge una proporzione elevatissima, quasi il 90%. Simile
risultato è in parte dovuto al nutrimento affatto speciale distribuito
dal principio di Gennaio fino al Luglio, composto di alimenti molto
azotati in cui entra in certa parte la farina di pesce. E qui sta il
segreto d'un alimento di prim'ordine per la nutrizione delle anatre in
rinchiuso durante la stagione dell'ovificazione, come gioverebbe pure
alle galline se non fosse il timore che tale elemento comunichi un
gusto poco gradevole alle uova destinate al consumo, mentre per quelle
da far covare ciò non ha importanza alcuna; in Inghilterra come in
Francia la farina di pesce ha preso una gran voga da qualche tempo e la
fabbricazione si è venuta talmente affinando che l'odore è quasi del
tutto soppresso, e d'altro lato la quantità da aggiungere ai pastoni
è troppo piccola perchè possa aver un'influenza sensibile anche sulle
uova di gallina.

Come granaglie le anatre dell'allevamento ridotto di cui si parla
ricevono dell'avena e del gran saraceno; oltre a ciò ad ogni pasto non
si risparmia la verdura.

Questo piccolo industriale alleva in media 900 anatrotti all'anno
ch'egli vende all'età di due mesi a due e mezzo, e l'utile ricavato
varia secondo la stagione oscillando fra L. 1.50 e L. 2.50 al capo.
Tutta la produzione in anatrotti viene assorbita da un solo ristorante
parigino che ne ha un gran consumo.

L'utile di L. 2 in media ossia di L. 1800 per 900 piccoli ingrassati
non sarebbe di certo sufficiente per far vivere un allevatore, un
privato, al giorno d'oggi specialmente, ma può sempre calcolarsi
quale un dippiù aggiunto ad una situazione modesta, come è il caso
della persona summenzionata. Perchè potesse prodursi un beneficio
abbastanza considerevole da permettere ad una famiglia di vivere con
esso bisognerebbe duplicare e magari triplicare il numero dei parchetti
coi relativi riproduttori, cercar il collocamento di un numero
abbastanza importante di anatrotti, aver un aiuto per l'andamento
dell'azienda possedere un certo capitale, impiantarsi insomma su ben
differenti basi. Evidentemente ciò costituirebbe una speculazione
industriale nella quale entrerebbero in giuoco vari fattori ma anche
contemporaneamente certi utili, come le piume che in un piccolo
allevamento non possono aver molta importanza mentre in un grande ne
acquistano una considerevole.

Ma se è dato a pochi d'intraprendere una consimile vasta azienda,
numerosi possono essere i piccoli allevatori cui può sorridere
l'attraente e lucrativa occupazione.



Come e dove s'industrializza l'allevamento dell'anatra


L'industria dell'allevamento intensivo dell'anatra a scopo della
produzione accelerata di carne per consumo non è praticata finora che
negli Stati Uniti d'America ed in Australia; l'Inghilterra possiede
solo un grande stabilimento di tal natura, la piccola industria
campestre di cui si è parlato a proposito della razza di Aylesbury
non potendo esser annoverata fra le grandi del genere perchè suddivisa
tra la popolazione villica. In Francia è ancora sconosciuta, come lo
è, inutile dirlo, da noi, nè mi consta venga esercitata in Germania
dove l'oca è preferita; da tempo presso i Cinesi si usano dei sistemi
economici per l'allevamento industriale dell'anatra, ma anche colà si
tratta d'un'industria frazionata, per quanto diffusissima, non mai
di un sistema grandioso come viene applicato e condotto nei vasti
allevamenti americani un modello del qual genere il solo forse che
esista in Europa è quello di Harrow Weald nel Middlesex (Inghilterra).

Il primo ad aver l'idea d'un immenso _anatrificio_ (mi si conceda
il neologismo che nessun dizionario registrerà sicuramente) è stato
l'americano Rankin, ricordato in certi recenti lavori di pollicoltura
fra i quali quello del Blanchon riprodotto dal _Giornale degli
Allevatori_. Il Rankin fece i primi esperimenti della nuova industria
or sono circa cinquant'anni coi sistemi artificiali senza di che non
sarebbe probabilmente mai riuscito a capo di nulla d'importante. Dopo
varie prove più o meno fortunate e non senza aver assaggiato il fiele
delle facili ed acerbe critiche nonchè dei catastrofici pronostici, non
scoraggiato, ostinatissimo, vien sù ad ottenere dei giovani prodotti
a condizioni rimunerative, specialmente perchè portati sul mercato nei
momenti più favorevoli, molto tempo prima cioè dell'arrivo dei prodotti
ottenuti nell'epoca normale.

Come nella maggior parte dei casi succede, visto l'esito ottenuto,
vennero fuori i scimmiottatori, e fra questi si distinse certo
Weber, tedesco d'origine, che in unione ai figli si dedicò egli pure
all'industria novella stabilendosi nel 1890 a Wrentham, al sud di
Boston.

Quello dei Weber è uno stabilimento modello, in cui l'impianto
meccanico è al completo; i trituratori di ossa fresche e tutti
gli altri istrumenti funzionano per mezzo di motore a vapore; le
incubatrici, le allevatrici tutte sono perfezionatissime; una minuscola
ferrovia circola nell'intero stabilimento, sia per il trasporto degli
alimenti come per l'asportazione degli escrementi dei volatili e così
per ogni altro servizio. I tuberi e così pure i legumi che entrano
a far parte dell'alimentazione sono prodotti sul terreno della vasta
proprietà, si fanno cuocere e si mescolano alle granaglie triturate
ed alle farine formando dei pastoni che vengono lavorati con acqua
bollente.

L'impianto non è sulle rive d'un corso d'acqua come lo sono altri
congeneri, forse meno importanti, ma a quanto pare ciò non è un
impedimento alla sua prosperità; tuttavia quando sia possibile una
derivazione d'acqua per la vicinanza d'un fiume o d'un canale, ciò
è sempre assai preferibile, la proporzione delle uova fecondate
risultando in generale assai maggiore.

Nel suddetto anatrificio, dove la razza di Pechino è in preponderanza,
come del resto in quasi tutti i grandi stabilimenti americani, si cerca
di produrre l'anatrotto precoce da consumo; i riproduttori sono tenuti
in recinti di proporzioni adatte ed i maschi in quantità sufficiente
per assicurare una buona riproduzione. Le giovani femmine non si
lasciano produrre troppo presto, non si forzano, e ciò nell'intento di
aver delle uova meglio fecondate.

Gli anatrotti rimangono due settimane soltanto sotto le allevatrici
artificiali, riscaldate a non oltre 15 gradi, ed hanno libero accesso
a delle tettoie ben riparate dove vanno a godersi quel po' di vita che
alla gran maggioranza di essi è concessa. Allorquando hanno quattro
settimane, se la temperatura è mite, vengono trasportati all'aria
libera, dove trovano delle capannuccie da ripararsi, circondate
da telai a rete metallica, ma nei casi di repentini cambiamenti di
temperatura sono subito ritirati e trasportati in locali difesi dalle
intemperie; giunti però a sei settimane d'età gli anatrotti non temono
più gran che dei capricci del tempo e, d'altro lato, l'alimentazione
che ricevono essendo assai animalizzata molto contribuisce al loro
sviluppo. E allorquando hanno poi dieci settimane e pesano circa due
chilogrammi e mezzo vengono sacrificati e piumati immediatamente dopo
morti, e appena terminata la spiumatura tuffati in acqua freddissima,
ottenendo con ciò una maggior compattezza della carne oltre all'aspetto
migliore del volatile.

È sulle traccie di quanto praticano gli americani e dopo aver fatto gli
studi nello stabilimento Forbin che l'inglese L. B. Purdey si è deciso
ad impiantare una gran _fabbrica di anatre_ con tutti i perfezionamenti
dettati dalla pratica e con l'adattazione dei più recenti trovati
della scienza, come termosifoni per riscaldamento, luce elettrica in
tutti quanti i locali, compresi quelli di abitazione dei palmipedi
ecc. ecc., onde farne un allevamento modello sotto ogni rapporto. Allo
impianto, costato dodicimila lire sterline, ha presieduto uno spirito
d'organizzazione quale non si potrebbe trovar superiore per industrie
di qualsivoglia altro genere, e data la novità di questa, di più
razionale e perfetto.

L'azienda, intitolata «Middlesex duck plant», occupa una superficie
di quattro ettari; i vari edifizi che vi sorgono sono tutti in legno,
senza lusso, ma ben ideati e solidamente costrutti.

I recinti dove stanno i riproduttori, dei quali quasi tremila sono
femmine e nella maggior parte della feconda e precoce razza di Pechino,
sono tutti muniti di una vaschetta in cemento, dove l'acqua corrente
viene di continuo rinnovata; ogni due recinti un pollaio in comune
serve di ricovero agli abitanti per la notte, e per la fetazione; esso
è però diviso in modo che i volatili di ogni parchetto hanno una parte
separata e con ciò non succedono confusioni.

La parte più interessante dell'azienda è quella che concerne i giovani
e la loro breve esistenza di nove settimane attraverso una serie di
sale e parchetti che si seguono gli uni in fila agli altri e dove
gradatamente dalla nascita si avviano al sacrifizio.

Un grande interesse desta pure il locale d'incubazione; le incubatrici
ad acqua calda, di marca Hearson, una delle più perfezionate, sono
in numero di ottanta e possono contenere fino a ventimila uova in una
sola volta. Le sale d'incubazione vedono schiudere giornalmente le uova
di parecchie di queste macchine e gli anatrotti vengono trasportati
immediatamente di mano in mano che nascono nelle sale d'allevamento,
il cui riscaldamento è assicurato a mezzo di un termo-sifone posto
nella stessa sala dove si preparano gli alimenti: la temperatura è
costantemente mantenuta fissa da un regolatore automatico.

Nelle cucine belle e ben aereate si preparano i pastoni per i
riproduttori e pei piccoli allievi e appena pronti, dei vagoncini su
rotaie li trasportano per la rapida distribuzione. L'alimentazione
è combinata in modo da ottenere il prontissimo sviluppo degli
anatrotti destinati a breve carriera mortale, dapprima in carne ed
in grasso successivamente, senza preoccupazione della forte ossatura
necessaria soltanto negli individui che dovranno formare dei vigorosi
riproduttori.

Appena nati si lasciano tranquilli durante ventiquatt'ore, nel qual
periodo di tempo essi nulla hanno a soffrire del digiuno, trascorso
il quale periodo si incomincia a distribuir loro dei pastoni composti
con farina di mais, uova sode spiaccicate, foglie d'ortica o crescime
oppure trifoglio, secondo la stagione, trinciata molto finemente.
Essi, nei primi momenti stentano un po' a nutrirsi da sè, ma una volta
la difficoltà vinta, diventano quei famosi mangioni che tutti sanno;
in seguito, i pastoni vengono formati con mais macinato, panelli
triturati, crusca e un po' di carne di bue. I pasti pei giovani
allievi sono tre al giorno; per i riproduttori invece sono due soli
e nella loro composizione si cerca di associare l'efficacia maggiore
all'economia.

Subito dopo le cucine una galleria lunga trecento metri comprende
sessantanove scomparti, parte a destra e parte a sinistra, divisi da
un passaggio centrale dove scorrono i vagoncini su rotaie che portano
gli alimenti e quelli pel trasporto della paglia da giaciglio, la
quale viene cambiata ogni giorno, quella sporca da escrementi essendo
asportata ed ammucchiata in locale distante.

L'edifizio, sbiancato con latte di calce internamente ed intonacato
all'esterno, dipinto a carbolineo, ha il suolo tutto cementato, onde
facilitare la pulizia con lavatura e disinfezioni; esso è nella notte
continuamente rischiarato a luce elettrica per evitare qualsiasi
pericolo d'allarme nei timidi animali al passaggio dei guardiani, e, a
quanto pare, non è la luce che turbi i loro sonni, essendovi abituati
fin dalla nascita. La galleria è divisa in due parti, delle quali
una è riscaldata, per l'allevamento degli anatrotti fino alla settima
settimana, l'altra non riscaldata serve a contenerli per le rimanenti
due settimane, in cui si compie il loro allevamento e l'ingrassamento.

Ingegnosamente prodotto e distribuito a mezzo di canali, attraverso i
quali passa il vapore, il riscaldamento è regolato in modo da portare
la temperatura nel punto più caldo a 32.2 centigradi e non scende mal
al disotto di 21 gradi. È quello insomma di una gran madre artificiale,
in cui tutte le disposizioni sono prese in vista di un allevamento
in condizioni ottime, e che troppo luogo sarebbe descrivere più
minutamente.

In complesso, si tratta di tre grandi scomparti suddivisi in
sessantanove piccoli, i due primi sono riscaldati dovendo funzionare
da madre per gli anatrotti; il terzo grande scomparto, dalla 16ª alla
49ª suddivisione è riscaldato soltanto in inverno, e dalla 50ª alla
69ª ed ultima suddivisione, dedicate all'ingrassamento, non sono punto
riscaldate.

A cominciare dalla quinta suddivisione gli scomparti hanno tutti il
loro piccolo recinto esterno aperto con cui comunicano, di superficie
minore o maggiore a misura che si procede; ognuno di questi è provvisto
di abbeveratori in legno, di dimensioni appena sufficienti perchè gli
animali possano tuffarsi il becco per bere ma non per bagnarvisi questa
facoltà, è concessa soltanto a quelli giunti all'ultima suddivisione
e per la vigoria della loro immolazione; come agli umani condannati
alla pena capitale, è accordato di chiedere quel che vogliono per
mangiare e bere, così a questi infelici animaletti si procura per
pochi istanti quanto avrebbe formato la loro delizia, giornaliera il
prendere un bagno! e questo naturale, legittimo diletto segna la fine
della tranquilla sì ma rapidissima carriera. Lo scopo di tanto generosa
largizione non è inutile dirlo, umanitario ma egoistico, ottenere cioè
col supremo lavacro un piumaggio ben pulito e con la tranquillità
dell'ultimo giorno una carne migliore; e neanche quel conforto è
intero, poichè accompagnato da un completo digiuno affinchè il corpo
sia ben vuotato prima di passare nelle mani del sacrificatore.

Sortite dalla vasca e dopo il completamento della toeletta con un
breve soggiorno in paniere ben guarnito di paglia dove si asciugano, le
vittime vengono portate nella sala dell'immolazione ed in pochi istanti
da appositi incaricati soppresse, mediante uno stiramento di collo che
frange la colonna vertebrale, vuotate e spiumate completamente salvo
al collo ed alla testa; tutto ciò è fatto con la massima rapidità e
precisione da un personale pratico, abilissimo. Le morticine disposte
in bell'ordine entro casse a quindici per cassa ed introdotte in un
frigorifero vi rimangono fino alla partenza per i mercati londinesi e
questa ha luogo nella nottata successiva all'immolazione a mezzo delle
automobili dello stabilimento.

E così si compie il breve ciclo; in nove settimane nasce, vegeta
e muore il povero anatrotto industriale a Ducks Plant; esso non ha
conosciuto alcuna delle gioie della vita che a tanti altri volatili
sono largite tranne quelle di mangiare e dormire ed appena gli fu dato
di veder il sole dei suoi sogni, il bagno, subito ne fu privo; tale è
il suo fato e tale il fatto che la ardita iniziativa dell'industriale
è stata coronata da incontrastato successo. Impostata su così vaste
basi era impossibile che delle difficoltà enormi non si presentassero
all'inizio al coraggioso imprenditore; così fu che per utilizzare fin
dal bel principio un impianto simile bisognava procurarsi una ingente
quantità d'uova per l'incubazione, un migliaio o due al giorno; per cui
si dovettero provvedere in parte nelle vicinanze ed altre farle venire
di fuori e ciò fu eseguito non senza pena mentre in pari tempo si
provvide all'acquisto dei primi riproduttori. Questo fu il principale
ostacolo iniziale, poichè tutto il resto era stato così ben studiato
e disposto che funzionò subito senza alcun inciampo serio; con l'andar
del tempo si ricorse sempre meno alla provvista d'uova da incubazione
ed ora sono le riproduttrici dello stabilimento, in gran maggioranza
anatre di Pechino, che danno tutte le uova necessarie, con una media di
130 circa annue cadauna.

In sostanza, il Purdey ha risolto il problema dell'industrializzazione
dell'allevamento anatrino, ed il suo esempio, abbia, o meno, imitatori
in Europa, resta sempre ad attestare uno spirito d'iniziativa singolare
e merita encomio, non foss'altro per l'ardimento e la scienza spiegati.

In Australia, come altrove ho accennato, l'allevamento industriale
dell'anatra è pure assai esteso; la razza che colà si tiene è solo
in parte la Pechino pura, poichè molto si adopera la Muschiata i cui
maschi grossi e libidinosi vengono adibiti alla fecondazione di femmine
Pechino ed Aylesbury ottenendone degli enormi prodotti; è lo stesso
sistema adottato da tempo in alcune regioni francesi come ora diremo.



Ingrassamento delle anatre


L'età buona per metter l'anatrotto di razza all'ingrasso è fra le
otto e dieci settimane, il continuar a nutrirlo per qualche tempo
ancora aspettando ad ingrassarlo oltre il termine suindicato è uno
sbaglio, poichè è questo il periodo in cui mette le piume e le penne,
mangia a più non posso e tutto va a far le spese dell'abito che si sta
confezionando.

È specialmente coi giovani precoci che l'ingrassamento riesce proficuo
in quanto che questi sono vendibili in un'epoca nella quale c'è
scarsità di buoni prodotti giovani e di conseguenza se ne ricava
un frutto più considerevole. Maestri del genere sono gl'industriali
americani ed alcuni villici inglesi come si è visto. Da noi nulla si
fa di tutto questo, si portano le anatre giovani od adulte dopo un
sommario trattamento migliore del solito e neanche sempre, giacchè
nella maggior parte dei casi vengono uccise quando hanno appena quella
misera riserva di grasso che poterono accumulare con una alimentazione
ordinaria molto ordinaria anzi; eppure se ne ottiene ancor sempre un
buon prezzo, se si introducesse nelle nostre campagne l'usanza di far
crescere l'anatra con metodi più razionali, se si adottassero tipi di
maggior rendimento o quanto meno si migliorasse la razza comune un
po' dappertutto come si fa appena in qualche regione, con opportuni
incroci, le nostre massaie potrebbero contare su dei guadagni ben
superiori a quelli d'ora.

In Francia l'industria dell'ingrassamento è limitata ai grossi
capi di vari mesi in vista della produzione del fegato e non si usa
impinguare i giovani di poche settimane; bisogna che questi individui
abbiano almeno quattro o cinque mesi d'età e si tratta quasi sempre
dei così detti _mulards_, termine adottato per quegli infecondi ma
tanto voluminosi meticci di anatre comuni o di Rouen col maschio del
lubrico Guinea. Colà si adopera molto la farina d'orzo e quella di gran
saraceno, nelle regioni dove queste graminacee sono prevalentemente
coltivate, mentre nel meridionale si è adottato il mais. Inghilterra e
Germania usano l'orzo ed in proporzioni minori la barbabietola. Da noi,
dove la coltivazione del mais è estesissima questo cereale è il solo
indicato; tanto più che non è il caso di sostituirlo nè con patate nè
con panelli tutta roba carissima oggidì.

Nel lavoro. _Allevamento famigliare e industriale dell'oca_ di A.
Gemignani, pubblicato dallo stesso editore Signor Battiato, è detto
assai estesamente del valore del granturco come alimento impinguante
superiore ad ogni altro in uso, specialmente in chicchi e quanto sia
preferibile il mais vecchio a quello dell'ultimo raccolto, perchè una
parte delle materie albuminoidi col tempo si trasforma in grasso; nello
stesso lavoro vi sono alcuni ragguagli anche sulla utilizzazione dei
sotto-prodotti dell'oca fra i quali quello della conservazione delle
carni in salamoia e con altri sistemi, che si possono perfettamente
adattare ai sotto-prodotti dell'anatra.

Per avere dall'ingrassamento dei risultati straordinari, oltre che
su un'idonea alimentazione convien basarsi sulla scelta di animali di
grande sviluppo; in tutte le epoche dell'anno un'anatra grassa, di due
o di sei mesi, è sempre un volatile gustoso se alimentata a dovere, ma
per l'ingrassamento delle adulte, il momento migliore è nel Novembre
poichè così gli animali sono pronti per le feste di Natale e di Capo
d'anno, quando cioè la ricerca di circostanza ne fa salire il prezzo.

Verso la fine dell'impinguamento non ha trascurata l'aggiunta di
materie azotate d'origine animale; le prove fatte coll'introduzione nei
pastoni di qualche piccola quantità di carne scadente, quale quella di
cavallo e più precisamente del fegato, o di altre parti rifiutate per
lo più nell'alimentazione umana sono concludenti.

Data la ben nota ingordigia del nostro palmipede si può portarlo ad un
grado di grasso già assai soddisfacente, solo che gli si somministri
un'alimentazione modellata su quella dianzi descritta e ciò durante
sei ad otto settimane, aggiungendo sempre ai pastoni di crusca un
po' d'erbaggio, come ortica, insalata, cicoria trinciate, alternando
tal pasto con altro di maïs puro ammollato nell'acqua un po' salata.
Ma in un tempo molto più breve si possono ottener gli stessi effetti
segregando gli animali in una delle solite stie per polli e capponi,
modificate possibilmente, a scomparti stretti per un solo individuo
ciascuno, la segregazione così fatta avendo maggior efficacia. La
stia va posta in qualche locale piuttosto calduccio, alquanto scuro
e lontano dai rumori; ogni giorno si daranno quattro pasti, uno di
pastoni e l'altro di maïs alternati. Le recluse non hanno altro da
fare che mangiare, bere e dormire fra i pasti, ed a questo regime si
adattano facilmente, se non a tutta prima, causa la perduta libertà,
due o tre giorni dopo la sequestrazione, l'istinto della conservazione
e della voracità riprendendo il suo imperio, ed è ben naturale che in
capo ad alcune settimane siano diventate grasse, fin troppo, talvolta.

Prima di imprigionare le anatre sia in un locale, ammassate in certo
numero oppure nella stia, è buona pratica spiumarle sotto il ventre per
evitare che con l'andar dei giorni le piume sporcate dagli escrementi
si appiccichino al corpo ingenerando uno strato di sudiciume in cui non
tardano a comparir gl'insetti che tormenterebbero le povere vittime a
detrimento dello scopo prefisso, avendo queste bisogno della massima
tranquillità.

Terminato il periodo dell'impinguamento, locale o stìa dove gli animali
hanno soggiornato a lungo, devono essere diligentemente lavati e
disinfettati prima d'introdurvene altri.

Detto dell'ingrassamento semplice aggiungerò qualche parola su quello
forzato per ingozzamento (_gavage_) usato solo essenzialmente per
ottenere il fegato ipertrofico, di un grande valore per l'industria
speciale dei rinomati _patés de foie gras_ di Nérac e di Perigueux fra
gli altri, poichè Tolosa e Strasburgo adoperano più particolarmente i
fegati d'oca più voluminosi ed a miglior mercato di quello d'anatra,
i quali, viceversa, sono di grana più fine e di sapore assai più
delicato.

È in uso in certi dipartimenti meridionali francesi la divisione
del lavoro; alcuni coloni allevano le anatre per venderle ad altri
che non possedendo nè terreni nè locali adatti per l'allevamento
si dedicano all'operazione dell'ingrassamento e vendono i fegati ai
fabbricanti. Durante il periodo che precede il _gavage_, gli animali
sono dapprima rinchiusi per qualche tempo in un recinto stretto,
nutriti abbondantemente con farinacei, barbabietole e granaglie cotte,
stando imprigionati in un locale buio ma facilmente arieggiabile come
una scuderia od una rimessa da carrozze, lontana dai rumori il più
possibile. Durante i pasti si fa un po' di luce, ma poi si ritorna al
buio e si lasciano le rinchiuse digerire tranquillamente accoccolate
sulla paglia che ricopre il suolo del locale, fino al pasto successivo;
con un forcone si rivolta la paglia il mattino dopo del primo giorno
l'indomani si cambia completamente lo strato e così si seguita fino
al termine del periodo d'ingrassamento; con questa misura le carni
non piglian mai cattivo gusto, le penne non s'imbrattano e si tengono
lontani gl'insetti.

Se coi sistemi fin qui descritti si hanno già dei capi ben grassi,
con l'impinguamento forzato si arriva al nec plus ultra; ed è tale
quello adottato per ottenere dei fegati enormi. Si pratica perciò
l'ingozzamento (_gavage_) sia con l'imbuto come mediante pallottole
preparate, e ciò secondo le regioni. Dove si adopera l'imbuto si
costringe il volatile che si tiene ben serrato fra le ginocchia ad
assorbire una certa dose di maïs ammollato versandola in un imbuto il
cui canale viene preventivamente introdotto nella gola del paziente
e con un'abile manipolazione si fa scendere la razione prefissa
attraverso il canale degli alimenti fino all'esofago; quindi si
rimette l'ingozzata al suo posto a digerire. Altrove l'anatra viene
nutrita forzatamente, introducendole certe pallottole bislunghe di
farina di maïs ben impastata preparate la sera prima; il volatile
vien tenuto nella medesima posizione indicata per l'ingozzamento
con l'imbuto, gli ai apre il becco, si allunga il collo e gli si fa
scivolare una, poi due, poi diverse pallottole, previa immersione nel
siero di latte di questi pilloloni, onde agevolarne la deglutizione;
dipende dall'ingozzatore il giudicare la quantità che l'ingrassanda può
ricevere e dell'epoca in cui conviene troncare il regime.

Non m'indugierò più oltre sull'argomento che d'altronde è trattato
in esteso nel volume già citato «L'allevamento dell'oca». Un'anatra
troppo grassa non ha un valore corrispondente alle cure, alle spese,
ai rischi che l'operazione comporta o presenta, a meno che si abbia il
collocamento assicurato della produzione del fegato e ciò non si può
pretendere che là dove esistono fabbriche speciali di conserve, come
nel mezzodì della Francia ed in Alsazia. Sono d'avviso e lo ripeto
ancora che la più proficua e più facilmente attuabile industria anche
da noi sia la produzione dell'anatrotto di poche settimane ingrassato,
almeno per ora; col tempo c'è da credere che anche in Italia sorgerà la
nuova industria.



La piuma


La convenienza di allevar l'anatra emerge non solo per la produzione
della carne ma ancora pel raccolto di penne, piume e piumino che
essa ci fornisce; la realizzazione di questi sotto-prodotti può
dare un discreto utile, che generalmente è poco considerato, quando
specialmente essi siano d'una certa importanza per quantità e per
preparazione adatta, il commercio delle piume facendone sempre una
ingente ricerca.

I palmipedi, contrariamente a quanto succede negli altri volatili
domestici mutano due volte l'anno le piume e questa muta si compie
in brevissimo tempo; anche in ciò differiscono dagli altri volatili e
trattandosi di una specie di malattia il vantaggio che presentano le
anatre in ciò è di un certo valore, poichè prolungandosi il periodo
l'animale s'indebolisce e la produzione per conseguenza ne risente.
Come già si è fatto osservare ad ogni muta il maschio cambia di livrea,
ora modesta, ora di gala, secondo l'epoca; nella femmina invece è
sempre la medesima.

Tutte le penne, come le piume ed il piumino servono per gli usi
famigliari e con esse si fanno dei guanciali, delle coperte da tetto,
si utilizzano insomma in diversi modi anche per oggetti d'ornamento
da signora; l'industria della piuma ne trae il miglior partito
immaginabile, ma va osservato ch'essa paga assai meglio la piuma
_viva_, _strappata_ cioè sul corpo degli animali viventi, di quanto
retribuisca la penna _morta_ e per _morta_ s'intende non soltanto
quella tolta dal corpo degli animali dopo uccisi ma ancora se caduta
naturalmente all'epoca della muta; una penna staccatasi dal corpo per
effetto naturale ha un valore ben diverso da ogni altra violentemente
levata. Per quanto quest'ultima espressione possa sottintendere
un'azione brusca e crudele, in realtà ciò non succede, poichè non
si tratta che di anticipar qualche poco, di aiutare in certo modo la
natura nel lavorio che si compie nell'epoca del cambiamento delle piume
senza aspettare che queste cadano da sè; basta osservare l'animale
nelle epoche in cui succede il fenomeno naturale che nell'anatra
adulta cade in Luglio ed in Settembre-Ottobre e nell'anatrotto quando
ha due mesi o poco più ed in Ottobre; essi scuotendosi fanno cadere
qualche piuma e questo è il più sicuro indizio che è giunto il momento
opportuno per la spiumatura, oppure, strappandone qualcuna nelle epoche
indicate, se non fanno sangue premendole con l'unghia, si può procedere
all'operazione senza correre il rischio di far soffrire l'animale (si
dice allora che la piuma è _matura_) ciò che succederebbe ripetendola
più volte nell'anno come per ingordigia taluni fanno.

Per eseguire la spiumatura conviene aver pronti due panieri, in uno
dei quali si lasceranno cadere le penne più grosse e nell'altro il
piumino, tanto più se si devono vendere avendo esse valore diverso,
s'incomincia per acciuffar l'anatra, la quale sbraiterà e si dibatterà
alquanto, ma, naturalmente non bisogna fare caso; andrà tenuta ben
stretta fra le gambe previa arrovesciatura delle ali sulla schiena,
quindi si passa gradatamente allo strappamento delle piume partendo dal
collo, poscia si scopre il petto ed il ventre fino all'ano per risalire
un po' verso le reni che dovranno rimaner ricoperte, come la testa,
della loro livrea naturale; la schiena come le reni e le ali non vanno
toccate e così neanche quelle piume più lunghe e più rigide che reggono
le ali, ad impedire che cadano a terra come succederebbe quando non
si rispettasse il provvidenziale guancialetto. Si lascia per ultimo il
piumino che è il più aderente alla pelle, e non lo si toglie che dopo
aver strappato tutta la piuma che ricopre il corpo nelle parti sopra
indicate, la lanuggine o piumino avendo un valore più considerevole
delle altre penne e per tal motivo convien tenerle separate gettandole
nel paniere speciale.

Una volta spiumata l'anatra va tenuta riparata e tranquilla, ben
nutrita, per alcuni giorni: quanto alla piuma, perchè si conservi bene,
bisogna essiccarla, come vedremo col seguito.

La terminologia francese per designare le varie penne e piume dei
volatili domestici è assai complicata ed i prezzi variavano, ante
bellum, da L. 1,75 a L. 8 al chilogr. Secondo si trattava di penne del
dorso, di piume del ventre e del petto oppure del piumino; attualmente
questi prezzi devono essere ben più elevati, per cui se c'era già un
discreto vantaggio a raccoglierle prima della guerra, ora questo sarà
doppio e forse maggiore ancora. Inutile dire, tanto pare evidente, che
la piuma completamente bianca ha sempre un prezzo assai superiore a
quella di colori diversi, meglio prestandosi alla tintura per generi
di moda, mentre quelle colorate generalmente non possono trovar impiego
che per riempimento.

Oltre ad aver minor merito, come ho già detto di fronte al fabbricante
che le utilizza, le penne state, strappate sugli animali morti
quand'anche immediatamente dopo uccisi, cadute oppure tolte ad animali
viventi, devono essere pulite, non imbrattate cioè nè di sangue nè di
sterco; occorre perciò offrire alle anatre negli ultimi giorni della
loro esistenza il mezzo di lavarsi in qualche vasca e della paglia
pulitissima in abbondanza per asciugarsi.

Quanto al modo di ucciderle senza che il sangue abbia a macchiar il
piumaggio, che nelle Pechino e nelle Aylesbury è più prezioso perchè
bianco, non c'è che introdurre nel palato all'altezza degli occhi del
condannato l'acuta lama di un temperino o di un ferro affilatissimo
e conficcarlo profondamente fino ad offendere il cervello; la morte
avviene fulminea e la livrea è salva, ciò che non si otterrebbe coi
mezzi più comunemente adottati, sulla descrizione sgradevole dei
quali mi sarà concesso sorvolare. Questo sistema d'uccisione presenta
anche il vantaggio dal lato del sapore di conservarlo completamente
all'anatra, che nulla ha perduto del suo sangue e per i buongustai ciò
ha un discreto merito approssimandosi alquanto al profumo dell'anatra
selvatica.

Altri invece preferiscono la bianchezza delle carni al sapore;
coll'offendere il cervello, come detto, oppure tirando il collo
all'animale, pratica anche questa più comune in certi paesi; se le
carni riescono alquanto profumate restano però di color scuro e così
pure la pelle; dissanguando invece la vittima il più possibile, si
ottengono capi di bella presenza esteriore e carni bianchissime.

Il volatile va spiumato completamente appena avrà cessato di vivere;
s'incomincia dal buttare in un paniere le grosse penne delle ali
e della coda, poi si passa alle piume esterne di tutto il corpo e
finalmente si toglierà con attenzione il piumino che sta sotto le piume
aderente al corpo e lo si metterà in un paniere a parte. Se il corpo si
fredda durante l'operazione lo si tuffa in acqua bollente e così si può
terminarla facilmente.

Le grandi penne delle ali e quelle della coda non sono utilizzabili
che per riempir guanciali, coperte da letto ed altro e di esse le barbe
soltanto, che si taglieranno colle forbici; il fusto si butta via.

Perchè possano conservarsi, tutte le penne, siano esse tolte ad animali
vivi come a macellati devono essere sterilizzate facendo subir loro
l'essiccazione; si introducono entro sacchi di tela e poi in un forno
da pane subito dopo la sfornata, per ritirarle allorchè il forno sarà
completamente freddato; si tolgono dai sacchi e si battono ben bene con
delle bacchettine di giunco. Queste due operazioni servono, la prima
a distruggere insetti, uova e materie grasse contenuti nelle penne e
l'altra a staccare e disperdere le pellicole aderenti.

Levate dal forno e battute, si stendono su graticci e con le mani
si lavorano diligentemente come si farebbe colla lana. Trascorso
qualche giorno si ripetono tutte queste operazioni, forno, battitura
e rimaneggiamento, che così si può esser certi della conservazione
perfetta ed a lungo delle piume; riposte in casse, dove però non
stiano pigiate, e assicurate contro le tignole da naftalina o da
canfora, possono rimanervi del gran tempo senza che abbiano a soffrire
menomamente.

Le pelli d'anatra, come quelle d'oca, guarnite del loro piumino servono
poi a fabbricare alcuni oggetti d'uso domestico in sostituzione delle
pelli di cigno e ciò costituisce un'industria speciale assai fiorente
in alcuni paesi. Per queste imitazioni cigno è necessario servirsi
di pelli d'anatra dal piumaggio bianco e che abbiano appartenuto ad
animali stati spiumati radicalmente e poi mantenuti ancora in vita fino
a tanto che la peluria non sia un po' cresciuta; ucciso il volatile si
incide la pelle, la si solleva delicatamente perchè non si strappi,
procurando anche di lasciarla più intera possibile, quindi la si
concia, per venderla ai fabbricanti di boa per signora, di piumini da
cipria ecc., per i quali altre volte si ricorreva esclusivamente al
cigno. E' la stessa operazione che si pratica con la pelle dell'oca che
è più dettagliatamente illustrata nel volume sull'allevamento di questo
palmipede già menzionato.



Malattie


In generale, le malattie che affliggono i polli, i tacchini od altri
volatili sono più numerose e con caratteri più gravi che non nei
palmipedi; per preservarneli, un'alimentazione sana, ed animalizzata
con verdura in abbondanza, acqua spesso rinnovata in abbeveratoi tenuti
puliti, locale con giaciglio cambiato appena incomincia ad essere un
po' sudicio, forma un insieme di cure sufficienti. E se un'epidemia
scoppia dove c'è agglomerazione di volatili d'ogni sorta, le anatre
saranno delle ultime a risentirsene, per quanto, essendo di carne
anch'esse possano soccombere; ciò che hanno da temere è il contatto,
chè vivendo sole, per poco che l'igiene sia osservata nel locale dove
dormono, specialmente, sarà ben difficile che cadano ammalate.

Non mi soffermo a parlare di quel catastrofico flagello che è il
colera, il quale dove fa la sua apparizione tutto distrugge e le anatre
sono travolte nel turbine come tutto il resto. Questo succede negli
allevamenti di campagna dove l'igiene non si sa neppure che cosa sia,
ma l'allevatore per poco curante dei propri interessi non ne permetterà
l'invasione e nella peggiore delle ipotesi non mancherà di prendere
quei provvedimenti perchè il colèra non si diffonda, che i trattati
di avicoltura come quello del Pascal suggeriscono; nel suo importante
lavoro[3] il nostro popolare autore ha trattato con quell'erudizione
che gli è propria il penoso argomento ed ha indicato i mezzi ed i
rimedi per sanare una piaga così allarmante o almeno alleviarla nella
misura del possibile.

Ma vi sono altre malattie contagiose anch'esse, non della gravità
tuttavia del colèra e che pure danno dei grattacapi ai pollicoltori, il
cui impianto è difettoso o che sono negligenti; una delle più frequenti
è la:

_Difterite._ Questa malattia nella maggior parte dei casi si manifesta
nell'interno della bocca, invade la lingua, la gola e scende fino alla
trachea ed ai bronchi; anche gli occhi e le narici sono quasi sempre
attaccati in pari tempo. Dalla gola sale un'onda di fetore ripugnante
quando già il male è avanzato; gli occhi lagrimano e dalle narici si
vede colare un liquido purulento che tramanda cattivo odore.

Non appena si scorgono i primi sintomi della malattia, lagrimazione
e scolo, bisogna correr subito ai ripari; se aprendo il becco
dell'ammalata si scorgono delle bolle o false membrane al palato
od alla gola, il primo provvedimento da prendere è di segregar
subito l'individuo, perchè il male è contagioso quindi disinfettare
radicalmente tutti i locali, quello dove dormono gli animali compreso,
ed i vari accessori.

Ogni individuo colpito va dunque portato in qualche luogo riparato,
uso infermeria, dove possa venir curato a dovere. Occhi e narici
andranno bagnati con un tampone d'ovatta intriso in una soluzione
d'acido borico, poscia si faranno delle pennellature con liquido
detto di Benion (miele rosato gr. 30, acido cloridrico gr. 8 acqua
distillata gr. 150); servono pure le pennellature a base di tintura di
iodio. I tumori della bocca e della gola si curano con pennellature
di una composizione, la cui formula è: tintura di ratamia 10 gr.;
tintura di benzoino gr. 10; di aloe gr. 5. Se però il male ha invaso
i bronchi di dove facilmente si diffonde fino agl'intestini è quasi
impossibile guarirlo; attaccato alla sua radice e cioè ai primi sintomi
esteriori e trattato energicamente, anche col petrolio come ho visto
usare con efficacia, per quanto il rimedio sia brutale, il male può
esser guarito, ma non bisogna trascurarlo, si deve osservare sempre,
continuamente gli animali, isolare i colpiti fin dal primo stadio della
malattia. Chi non li sorveglia attentamente è inutile che si lamenti
se si ammalano e l'uno comunica il malanno all'altro; chi non si sente
di far un impianto in regola, di badare alla pulizia ed all'igiene
dei suoi alati farebbe meglio a non incominciar neppure; il più delle
volte la causa di ogni guaio, delle catastrofi è l'avicultore stesso e
allora.... addosso a quella birbonata di pollicoltura!

_Corizza._ — È una forma attenuata di difterite, con gli stessi sintomi
cioè della lagrimazione degli occhi e dello scolo dalle narici, ma la
bocca e la gola non sono attaccati. Ad ogni modo, infermeria anche in
questo caso e pennellature di una soluzione di solfato di rame al 5‰;
alimentazione tonica, con introduzione di scarti di carne od altro
genere consimile.

_Dissenteria._ — La difterite e la corizza sono provocate dal locale
umido, dai bruschi cambiamenti di temperatura, da correnti d'aria, dal
passaggio dalla atmosfera calda del dormitorio all'aria libera molto
fredda; la dissenteria è prodotta invece da un'alimentazione troppo
acquosa, quantunque talvolta venga in conseguenza della difterite, nel
qual caso non v'è rimedio. Ma se la colpa è di un nutrimento tale da
produrre la diarrea semplice questa si guarisce dando agli ammalati dei
pastoni di crusca o di farina d'orzo oppure del riso bollito con un
po' di carbonato di ferro; la farina di ghiande invece del carbonato
serve come astringente, e, così ancora l'aggiunta di carbone di legno
polverizzato nei pastoni giova al caso attuale.

_Pipita._ — Ne è causa generalmente il locale umido o malsano e si
guarisce con qualche pennellatura di tintura di iodio sul palato o
sulla lingua dove si scorgono le membrane ulcerose; i casi sono del
resto piuttosto rari.

_Capogiro._ — Come l'oca, l'anatra va soggetta alle vertigini, prodotte
per lo più da un'alimentazione troppo riscaldante; ciò provoca un
afflusso del sangue al cervello, quindi la congestione, l'animale
sembra ubbriaco, gira su se medesimo e barcolla. In questo caso,
conviene una cura rinfrescante con grande abbondanza di verdura e
crusca bagnata, tranquillità in luogo appartato, piuttosto buio;
nell'acqua da bere si introdurrà un po' di solfato di soda.

_Apoplessìa._ — Ha pressochè gli stessi caratteri del precedente, ma
può esser causata da colpi di sole; è assai raro nell'anatra, mentre è
più frequente nell'oca che gironza tutto il giorno nei campi; i forti
calori tuttavia possono produrre uguali effetti dell'insolazione.
Un'estrazione di sangue mediante il taglio dell'unghia alla sua base
in entrambe le zampe si renderà necessaria efficace anzi; quindi regime
rinfrescante e relegazione.

_Anemia._ — Il dimagramento generale, il pallore dei tarsi e del becco
ne sono gli effetti; non c'è che amministrare alimenti animalizzati e
fortificanti.

_Avvelenamento._-Le anatre che abbiano la possibilità di pascolare
nei prati, come le oche, ingoiano talvolta fra le erbe buone anche
qualcuna nociva, tali la cicuta, il giusquiamo, la belladonna, i
sintomi dell'avvelenamento si presentano ancora come quelli che si
osservano nei casi di vertigini e di apoplessia. Il rimedio consiste in
latte caldo dato in abbondanza e fatto ingoiare forzatamente, al primo
accenno del male; quindi si tratta il volatile col regime indicato più
sopra del capogiro.

_Reumatismo._ — L'animale comincia per star malfermo sulle zampe, poi
cammina zoppicando, le articolazioni e le zampe si gonfiano, finchè
finisce per non potersi più muovere. La causa di questo va ricercata
nel locale d'abitazione umido ed il rimedio è ovvio: risanamento, in
pari tempo si fanno dei bagni caldi senapati alle zampe tenendovi
l'inferma per dieci minuti ogni volta e poi si praticano frizioni
d'olio canforato o d'olio di trementina. Per gli anatrotti colpiti
basta tuffar le zampine nella feccia di vino riscaldata.



INDICE


     I. L'anatra prototipo dei volatili per industria      Pag.  1
    II. Caratteri generali dell'anatra                      »    5
   III. Le principali razze da prodotto                     »    9
          L'anatra di Rouen                                 »   11
              »    di Duclair                               »   18
              »    di Aylesbury                             »   20
              »    di Pechino                               »   27
              »    Orpington                                »   31
              »    Corritrice Indiana                       »   35
              »    Muschiata                                »   38
              »    di Merchtem                              »   43
              »    Svedese                                  »   45
              »    Cayuga                                   »   46
    IV. L'alloggio dell'anatra                              »   47
     V. L'alimentazione                                     »   51
    VI. Come si allevano gli anatrotti                      »   61
   VII. Un esempio di allevamento ristretto                 »   69
  VIII. Come e dove s'industrializza l'allevamento
          dell'anatra                                       »   74
    IX. L'ingrassamento dell'anatra                         »   83
     X. La piuma                                            »   89
    XI. Malattie                                            »   95



NOTE:


[1] Pascal. Manuale teorico pratico d'avicoltura F. Battiato Editore
Catania — 1915.

[2] =Le mie galline= — Francesco Battiato Editore, Catania.

[3] Teodoro Pascal. Manuale teorico pratico di pollicoltura con
considerazioni su tutti i volatili da cortile.



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "L'anatra - Allevamento per la produzione della carne" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home