Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Una sfida al Polo
Author: Salgari, Emilio
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Una sfida al Polo" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                             EMILIO SALGARI


                               UNA SFIDA
                                AL POLO

                               Avventure

                 illustrate da 20 disegni di G. D'AMATO



                                FIRENZE
                     R. BEMPORAD & FIGLIO — EDITORI

  FILIALI: MILANO — 34, Via Carlo Alberto — ROMA — 27, Via delle Muratte
           NAPOLI — Largo Monteoliveto — PISA — Sottoborgo, 7
                   DEPOSITI: GENOVA — Edoardo Spiotti
      BOLOGNA — Ditta Nicola Zanichelli — TORINO — S. Lattes & C.

                                  1909



                   _Proprietà Letteraria ed artistica
         della Casa Editrice_, R. BEMPORAD & FIGLIO, _Firenze_

          Genova 1909. — S. A. I. G. A. già FRATELLI ARMANINO.



   [Illustrazione: .... si sono sfidati a cavallo e sono caduti
   entrambi nel salto agli ostacoli. (Cap. 1).]



CAPITOLO I.

I due rivali.


— _Hurràh for miss_ Ellen!...

— _Hurràh for_ Montcalm!...

— _Hurràh for_ Torpon!... —

Queste grida uscivano da diecimila petti se non di più, con un fragore
assordante, quasi spaventevole.

Se le acque del lago Ontario avessero rotto gli argini e si fossero
rovesciate, con impeto irrefrenabile, attraverso la piccola e graziosa
città canadese di Kingston, non avrebbero prodotto maggior fracasso.

Pareva che una subitanea follìa si fosse impadronita di quelle
diecimila persone composte di americani, di canadesi e d'inglesi,
accorsi dal di qua e dal di là del S. Lorenzo, e che si stipavano entro
un vastissimo recinto, improvvisato alla meglio con rozzi panconi, ma
ben fornito di banchi dove facevano bella mostra infiniti reggimenti di
polverose bottiglie.

— È la bionda _miss_!...

— Sì, sì, è lei, che giunge sul suo automobile di ottanta cavalli!...

— No, sono i due aspiranti alla sua mano.

— Cento dollari che è _miss_ Perkins!... Chi accetta?

— Mille che sono Montcalm e Torpon!...

— Cinquecento che sono dei noiosi _policemen_ che verranno a proibire
anche qui la partita di _boxe_!...

— Se sono ancora essi li prenderemo a pedate.

— No, li getteremo nel S. Lorenzo, colle mani legate dietro il dorso!...

— Avanti i più forti!...

— Morte ai _policemen_!...

— Stupidi!... È l'automobile di _miss_ Ellen!... Siete diventati
ciechi? Ho vinto cinquecento dollari!... Posso andare a prendere un
_crabmeat cocktail_!...

— _Hurràh for miss_ Ellen!... —

Su una immensa strada diritta, fiancheggiata da una doppia fila di pini
giganteschi, un punto nerastro che ingrandisce a vista d'occhio, spicca
vivamente sul leggiero strato di neve, lasciandosi indietro una nuvola
di nevischio.

Non può essere che un automobile lanciato a velocità fantastica, forse
a cento chilometri all'ora, se non di più.

I diecimila spettatori, dopo aver urlato come una banda di lupi
affamati e dopo aver perduta quasi completamente la voce a forza di
_hurràh_ così spaventosi da vincere tutti i cosacchi della Russia
e della Siberia, si sbandano a destra ed a sinistra, schiacciandosi
contro le cinte e rovesciando, nella loro fulminea ritirata, più d'un
banco colle relative bottiglie.

Diamine!... Non vi era da indugiare un solo minuto se si trattava
dell'automobile della bellissima Ellen Perkins, la più indiavolata
_sportman_ di tutti gli stati dell'Unione Americana e già perfino
troppo nota anche nel Canadà dove aveva storpiate, nelle sue pazze
corse, una mezza dozzina di persone.

— Largo!... Largo!... — si gridava da tutte le parti.

Quel magnifico viale, tutto bianco, tutto diritto, metteva capo
appunto allo spazioso recinto occupato da quella massa di scommettitori
furibondi e di _sportmen_ accorsi da tutte le città canadesi e della
vicina frontiera americana.

L'automobile, che s'avanzava colla velocità d'un treno diretto
americano, non doveva fermarsi che in mezzo alla pista e dato l'impeto
non era improbabile che succedessero delle disgrazie.

Intanto l'entusiasmo degli spettatori aumentava con un crescendo
inverosimile. Pareva che le gole, eccitate dai bicchieri di _wisky_,
di _gin_, di _grogs brandy_, avessero ripresa una forza straordinaria,
poichè gli _hurràh_ ormai salivano al cielo.

Il rumoreggiare del vicino S. Lorenzo non si udiva ormai più. Il fiume
era stato vinto.

— _Hurràh for miss_ Ellen!... _Hurràh!_... _Hurràh_ per Montcalm!...
_Hurràh_ per Torpon!... —

E tutte quelle voci, quantunque ormai diventate rauche, si confondevano
in un frastuono impossibile a descriversi. Nemmeno l'oceano Atlantico,
nei suoi cattivi giorni di grande tempesta, avrebbe potuto vincere in
un concorso di grande, spaventevole fracasso.

L'automobile ormai era in vista. Era una magnifica macchina tutta
scoperta, a dieci posti, dipinta in giallo, montata da sole cinque
persone.

Al volante stava una bellissima giovane, dai capelli biondissimi, con
riflessi d'oro, occhi azzurri stranamente variegati, dai lineamenti un
po' forse troppo energici per essere una donna, dalla vita sottile come
una vespa, che indossava un ampio gabbano di seta cruda adorno di pizzi
di gran valore e che guidava con una sicurezza meravigliosa.

Dietro di lei stavano due giovani, seduti ad una certa distanza l'uno
dall'altro, fra i venticinque ed i trent'anni, l'uno bruno e baffuto,
d'aspetto distinto, e l'altro biondastro, un po' tozzo e sbarbato come
un prete anglicano.

Più indietro ve n'erano altri due, d'aspetto terribile, massicci come
bisonti, di statura gigantesca, con certe mani e certe braccia da
mettere un senso di terrore anche agli uomini più muscolosi degli Stati
Uniti ed anche del Canadà.

L'automobile, guidato dall'intrepida _miss_ con una sicurezza e
destrezza meravigliosa, si slanciò con velocità fulminea nella pista,
descrisse sempre in volata due giri fra gli applausi clamorosi degli
spettatori, poi si arrestò proprio nel centro, quasi di colpo.

Miss Ellen, che doveva possedere dei muscoli proprio americani, aveva
frenato a tempo, strappando ai diecimila uomini che si stringevano
addosso alla rozza cinta ed ai _bars_ improvvisati, un vero urlo di
ammirazione.

— Signor mio, — disse un giovanotto di ventiquattro o venticinque anni,
coi baffetti biondi, di forme quasi erculee, ad un grosso americano
tutto chiuso in una monumentale pelliccia e con tanto di cilindro in
capo, alto quanto la canna d'un camino, che pure urlando non cessava
di centellinare un bicchiere di _gin cok tail_ (acquavite fortissima).
— Quella splendida creatura maneggia il suo automobile meglio del più
famoso _chaffeur_ d'America e d'Europa. —

L'americano, che stava per lanciare il suo centesimo _hurràh_, si volse
verso il giovane e lo guardò quasi con compassione.

Bevette un'altra lunga sorsata del suo _gin cok tail_, poi gli chiese
un po' ironicamente:

— Ma di dove venite voi?

— Dall'Inghilterra.

— E siete giunto a Quebec od a Montreal?

— Da solo quarant'otto ore.

— _By-good!_... Allora comprendo la vostra ignoranza, — rispose il
grosso americano, lisciandosi la sua barba da becco, più rossa di
quella del diavolo zoppo.

— Che cosa volete dire, _gentleman_? — chiese il giovane inglese,
tendendo le sue braccia muscolose con un gesto quasi minaccioso.

— Che voi non sapete chi è quella superba creatura che guida così
meravigliosamente quel superbo automobile di ottanta cavalli.

— Affatto, signor mio.

— Vi credo, — disse l'americano, dopo d'aver bevuto un altro lungo
sorso.

— Chi è dunque, se non vi rincresce?

— _Miss_ Ellen Perkins.

— Ne so meno di prima.

— Si dice che sia la fanciulla più indiavolata di tutti gli Stati della
grande Unione Americana. Ah!... Che demonio!... Amazzone intrepida
che sfida e vince perfino i famosi _cow-boys_ del lontano Far-West,
canottiera insuperabile, automobilista, spadaccina, lottatrice e che so
io?... È la regina dello _sport_.

— E che cosa viene a fare qui, _gentleman_, se non vi annoio?

— Tutt'altro, giovanotto. La bella _miss_, poichè converrete con me che
è una fanciulla meravigliosa....

— Ho un buon paio d'occhi anch'io, _gentleman_. Sarei pronto pei suoi
begli occhi, a sfidare nuovamente tutti gli studenti dell'Università di
Cambridge alla corsa, al salto, alla corsa con ostacoli, al getto del
martello....

— Ah!... Siete uno _sportman_ anche voi, a quanto pare, — disse
l'americano, interrompendolo. — Allora capirete meglio le cose.

Dunque dovete sapere che due uomini si disputano la mano di quella
bellissima creatura, e sono i due più celebri _sportmans_ dell'America
del nord. Se non fossero tali, avrebbero potuto rinunciare subito
a qualsiasi speranza di conquistare il cuore di quella indiavolata
fanciulla.

— Chi sono? Ma.... scusate, finchè gli altri continuano a sfiatarsi
sarebbe meglio che voi accettaste, se non vi spiace, un _crabmeat
cocktail_, tanto più che il vostro bicchiere è vuoto.

— Un _yankee_ non rifiuta mai, giovanotto, — disse l'americano,
avviandosi sollecitamente verso il banco più vicino.

L'inglese gettò dinanzi al proprietario del _bar_ improvvisato una
sterlina fiammante, non senza mandare un sospiro, gridando per coprire
il frastuono che faceva rintronare sempre la vasta pista.

— Due _crabmeat_.... presto.... non abbiamo tempo da perdere. —

Non aveva ancora terminato di parlare che un garzone negro, dai grandi
occhi che sembravano di porcellana, spingeva dinanzi ai due un vassoio
con due grossi bicchieri incrostati di ghiaccio e colmi d'un intruglio
di vari colori che tramandava dei profumi strani.

Un europeo avrebbe forse esitato a mandar giù quella robaccia, ma
che delizia pei palati americani, sempre avidi di bevande e di cibi
stravaganti!... Che cosa c'è di meglio d'un _crabmeat_?

Pensate che per comporlo ci si mette insieme della carne di granchio
di mare ben triturata, della salsa di pomodoro, del pepe rosso, del
marsala ed infine un mezzo bicchiere di _gin-cocktail_.

Si capisce come un simile intruglio possa, anzi debba soddisfare la
gola d'un _yankee_!...

Mentre l'americano pescava avidamente nel suo grosso bicchiere gelato
per raccattare i frammenti della carne del granchio, non cessava di
chiacchierare e d'informare il giovane inglese, il quale invece non
faceva troppo onore al _crabmeat_, pur avendolo ordinato lui, più per
curiosità che altro.

— Come vi dicevo, — aveva ripreso il _yankee_, la cui vociaccia rauca
si distingueva abbastanza bene fra gli interminabili _hurràh_ della
folla delirante, — due uomini, veramente straordinarî, si contendono il
cuore di miss Ellen Perkins.

Uno è un nobile canadese, più ricco di nobiltà che di dollari, a
quanto si dice, ma discendente di quei famosi Montcalm che hanno difeso
strenuamente questo paese contro voi, signori inglesi.

L'altro è un mio compatriotta, il signor Torpon, figlio d'un grande
fabbricante d'automobili di Buffalo, padrone di non so quanti milioni.

— Ah!... — fece il giovane inglese, il quale pareva che si interessasse
straordinariamente di quelle spiegazioni.

— Il signor di Montcalm gode la fama di essere il più celebre
_sportman_ del Canadà, mentre il mio compatriotta lo si crede il più
celebre degli Stati dell'Unione.

— E chi ha fatto finora breccia nel cuore di quell'indemoniata
fanciulla?

— Nessuno, finora, quantunque si affermi che _miss_ Ellen Perkins in
fondo li ami entrambi.

— Che cuore largo!...

— Adagio, giovanotto, — disse l'americano, corrugando la fronte. — Una
ragazza del nostro paese non ha che una parola e morrà per mantenerla.

— Che cosa volete dire, _gentleman_? — chiese l'inglese, un po'
ironicamente.

— Che ha giurato di impalmare il più forte dei due campioni e che non
mancherà di farlo.

— E qual'è il più forte?

— Non si sa ancora, perchè pare che un perverso destino perseguiti
ostinatamente i due campioni.

Si sono sfidati alla spada e si sono feriti reciprocamente; si sono
sfidati a cavallo e sono caduti entrambi nel salto agli ostacoli; hanno
fatto una corsa in canotto-automobile e le loro macchine sono scoppiate
in alto mare, e non si sa per quale miracolo si sono salvati....

— Ed ora?

— Si sfidano a pugni.

— Dite, _gentleman_?

— Che noi assisteremo ora ad una magnifica partita alla _boxe_.
Chi vincerà avrà la mano ed il cuore di miss Ellen, poichè lo ha
solennemente giurato.

— E sono venuti qui a misurarsi?

— Giovanotto mio, questo affare ha prodotto un gran chiasso al di là
del S. Lorenzo e la polizia si è messa di mezzo per impedire che quei
due valorosi finiscano per accopparsi del tutto e perciò siamo passati
sul territorio canadese.

La _boxe_ è tollerata dagli inglesi.

— Uhm!...

— Non lo credete? Se si accoppano a gran colpi di pugno nel vostro
paese.

— Sì, una volta; ora non più. —

L'americano si grattò la testa e fece un moto di stizza.

— Che anche i _policemen_ inglesi si vogliano occupare di questo
affare? — disse poi. — Ciò mi dispiacerebbe perchè io ho scommesso
cento dollari....

— Sul vostro compatriotta?

— No, sul canadese.

— Eh!...

— Gli affari sono affari, giovanotto, ed io ho più fiducia nel signor
di Montcalm che in Will Torpon.

— È strano.

— Che cosa volete? Quantunque il mio compatriotta sia più grosso e più
alto del canadese, io sono certissimo che perderà la mano di miss Ellen
Perkins.

— Questi due rivali sono ricchi, _gentleman_?

— Non sono dei Pierpont Morgan, nè dei Carnegie, nè dei Wanderbild,
intendiamoci; tuttavia possono permettersi il lusso di gettar via,
senza badarci tanto, qualche centinaio di migliaia di dollari.

Il mio compatriotta ha ereditato da suo padre una mezza dozzina di
pozzi di petrolio che sembrano inesauribili, poichè gettano sempre; il
signor Montcalm invece è uno dei più grossi proprietarî di terreni del
dominio inglese.

— E la miss?

— Ne ha dei milioni, la terribile fanciulla. Suo padre, che era
proprietario d'una linea di navigazione, le ha lasciato un bel gruzzolo
che intascherei ben volentieri anch'io.

— Assieme ai begli occhi della miss, è vero?

— In quanto a quello non saprei proprio dirvi un sì. Mi riterrei più
fortunato se non ci entrassero nell'affare.

— Sono bellissimi, _gentleman_. —

L'americano, per non rispondere, inghiottì d'un colpo solo quanto
rimaneva nel suo bicchiere, poi trasse da una tasca una tavoletta
di tabacco, ne ruppe un pezzo coi suoi denti da lupo, e dopo d'aver
masticato per qualche istante, disse:

— Mi pare che i _partners_ (padrini) dei due _sportmen_ si siano già
messi d'accordo e che la partita stia per cominciare.

Volete venire, giovanotto? Non perdete una così bella occasione.

— Andiamo, _gentleman_. —

Stavano per ricacciarsi fra la folla che non aveva cessato un solo
istante di dimenarsi furiosamente e di sgolarsi con _hurràh_, che
diventavano ormai sempre più rauchi, quando una voce formidabile
rimbombò, coprendo per un istante tutto quel fracasso.

— I _policemen_!... —

A quell'annuncio un silenzio improvviso era successo a tutto quel
pandemonio. Si sarebbe detto che le ugole di quei diecimila spettatori
si erano spezzate di colpo.

Fu una cosa che ebbe però la durata di soli pochi secondi.

Urla più formidabili di prima si erano prontamente alzate in tutte le
direzioni.

— Dove sono quei furfanti?

— Accoppiamoli!...

— Gettiamoli nel S. Lorenzo!...

— A morte!... A morte la polizia!... —

Un grosso automobile, dipinto in grigio, s'avvicinava rapido alla
pista, seguendo la bianca via poco prima percorsa da quello di _miss_
Ellen Perkins.

Sei uomini, armati di mazze, lo montavano e non si poteva aver
dubbio, per la divisa che indossavano, sulla loro qualità. Erano
dei _policemen_ del Dominio che giungevano probabilmente coll'ordine
d'impedire quel combattimento a colpi di pugno, che poteva terminare in
modo egualmente tragico per l'uno o l'altro dei due avversari.

L'automobile, lanciato a tutta velocità, passò come un fulmine
attraverso il largo squarcio aperto nella palizzata, facendo fuggire
precipitosamente gli spettatori, e dopo d'aver descritto un mezzo giro
si fermò, con gran fragore, presso quello di miss Ellen.

Proprio in quel momento il signor di Montcalm e _master_ Torpon
si erano messi l'uno di fronte all'altro, nudi fino alla cintola,
fiancheggiati dai loro _partners_, pronti a rompersi le costole od a
fracassarsi il viso pei begli occhi, e più pei milioni, della bella
americana.

Il brigadiere dei _policemen_ si era alzato e dopo d'aver reclamato,
con un gesto energico, un po' di silenzio, gridò con voce poderosa:

— In nome della legge ed in forza del mandato di cui sono detentore, mi
oppongo al combattimento. Obbedite!... —

Un urlo spaventoso accolse quelle parole.

— Morte ai _policemen_!...

— Al fiume!... Al fiume!...

— Accoppiamoli!... —

Prima cento, poi mille uomini, invasi da un vero furore, si erano
scagliati contro l'automobile.

Il brigadiere, che forse si aspettava quel colpo, d'un balzo fu a terra
prima che il cerchio si chiudesse, e si gettò disperatamente attraverso
la pista, manovrando energicamente la sua mazza, senza badare se
rompeva delle teste o fracassava delle costole.

I suoi compagni, sorpresi da quell'improvviso assalto, erano rimasti
sull'automobile, certissimi di aver facilmente ragione in nome della
legge.

Avevano però fatto male i conti. In un baleno cento mani robuste li
afferrarono, li trassero giù stringendoli al collo, alle braccia,
alle gambe, e li scaraventarono brutalmente a terra, disarmandoli
prontamente delle loro mazze.

I disgraziati, subito ben pesti, avevano appena toccato il suolo che si
sentirono gettati in aria, colle divise a brandelli.

La folla voleva la sua parte.

Quei poveri diavoli, intontiti, ammaccati, contusi, quasi spogliati,
passavano sulle teste degli spettatori, rimbalzando come palle di
gomma. Erano sopratutto i _yankees_ che si mostravano i più feroci.

Forse non si erano mai trovati a tanta festa!....

— Su la legge!... — urlavano.

— In alto!... In alto!... Su, un'altra volata!... _Hurràh!_...
_Hurràh!_...

— Un'altra volata!... Su, intonate l'_yankee Dodle_!... —

I cinque _policemen_, più morti che vivi, balzando e rimbalzando sopra
le tube lucide degli spettatori, andarono a rotolare sul banco d'un
_bar_, fracassando bottiglie, vasi, bicchieri e facendo scappare il
proprietario ed i suoi garzoni.

Un'idea infernale era sorta in un cervello esaltato.

— Diamo loro da bere!...

— Sì, sì!... Ubbriachiamoli!... — urlarono mille voci.

— Sì, ubbriachiamo la legge!... — risposero altri mille, sghignazzando.

— No, rimpinziamoli di _crab-meat cocktail_ fino a farli scoppiare!...

— No, no!... Diamo loro del _gin cocktail_!... Farà meglio!

— E del _wisky_!...

— Bene!... Presto!... —

Sette od otto _bookmakers_, i più furibondi di tutti, poichè in
quell'inaspettato intervento della polizia vedevano compromessi i loro
interessi basati esclusivamente sulle scommesse e sulle quotazioni dei
due campioni, piombano sui cinque disgraziati, e li inchiodano, per
modo di dire, al suolo, tenendoli ben fermi.

Altri prendono delle bottiglie, le poche rimaste intatte, bottiglie
del contenuto d'un litro, e le introducono a forza nelle bocche dei
_policemen_.

I poveri diavoli stringono disperatamente i denti e fanno degli sforzi
sovrumani per liberarsi dalle mani di ferro che li tengono inchiodati?

Tutto è inutile. Delle dita brutali afferrano e stringono i loro nasi.
Non vi è altro da fare: o bere, o morire asfissiati.

— Giù!... Giù!... — urlano gli spettatori che si sospingono
furiosamente. — Date da bere alla giustizia!... Ubbriacate la
legge!... —

Le bottiglie vengono alzate e cacciate a forza. I _policemen_ bevono,
bevono disperatamente, sbuffando, contorcendosi.

I loro occhi si gonfiano e pare che da un momento all'altro debbano
schizzare dalle orbite; i loro denti stridono sui colli delle
bottiglie, tentando, ma invano, di sgretolare il vetro.

Il _wisky_ ed il _gin gross_ gorgoglia entro le loro gole e scende
negli intestini.

Una ubbriachezza fulminante coglie i cinque rappresentanti della legge,
i quali finiscono per rimanere immobili come se fossero morti.

— Basta!... — gridano i _bookmakers_. — Per ventiquattro ore la legge
non ci darà fastidio. _Gentlemen!_... I campioni ci aspettano!...
Teniamo le scommesse!... —



CAPITOLO II.

Una partita di «boxe».


Durante quella baraonda, il campione canadese e quello americano non
si erano scostati dall'automobile che si teneva sempre nel centro
della pista e sul quale si trovava miss Ellen Perkins, appoggiata
graziosamente al volante.

I relativi _partners_ avevano tenuto loro compagnia, conversando
tranquillamente cogli allievi e non cessando di fare loro delle
raccomandazioni per fare una bella figura dinanzi ad un pubblico
così imponente che doveva, alla stretta delle cose, giudicare della
superiorità della scuola americana o della inglese.

Vedendo la folla rovesciarsi in massa verso il centro della pista, il
signor di Montcalm e Torpon si erano affrettati a denudarsi fino alla
cintola, malgrado il freddo ancora intenso che regnava sull'immensa
regione canadese.

Era necessario sbrigare la faccenda, poichè il brigadiere dei
_policemen_, quantunque vigorosamente inseguito da una dozzina di buoni
corridori, era riuscito a scavalcare la cinta prima di poter essere
acciuffato, ed era scomparso in direzione del fiume, per raggiungere
forse qualche ufficio telegrafico.

— Signor di Montcalm, — disse Torpon, dopo di essersi ben stiracchiato
e di essersi battuto rumorosamente il largo petto. — Volete che
cominciamo? Sono curioso di vedere se il destino si stancherà di
mantenerci sempre al medesimo livello. _By-good!_... Qualcuno di noi
deve ben essere il più forte e strappare la vittoria.

— Quando vorrete, signor mio, — rispose il canadese, il quale si stava
facendo stropicciare i muscoli delle braccia dal suo _partner_, che era
stato anche il suo maestro.

— _Miss_ Ellen, aprite gli occhi allora e non perdete un colpo, poichè
voi sola sarete giudice competente. —

La giovane abbozzò un sorriso di soddisfazione, staccò le mani dal
volante e dopo essersi ravviata, con una mossa brusca, i biondi
capelli, s'alzò in piedi.

— _Miss_ Ellen, — disse a sua volta il canadese, — voi mantenete sempre
il vostro giuramento?

— Più che mai, — rispose la giovane americana. — La mia mano apparterrà
al vincitore.

— Grazie, _miss_. Signor Torpon, vi aspetto. —

I due _partners_ si trassero da parte e levarono dalla tasca il loro
cronometro d'oro, per la ripresa dei cinque minuti.

Il canadese e l'americano s'inchinarono dinanzi a _miss_ Ellen e si
mossero incontro stringendosi la mano all'americana, vale a dire a
rischio di disarticolarsi le braccia, mentre i diecimila spettatori
prorompevano in un ultimo e più rimbombante _hurràh_.

Si erano messi in guardia, coi pugni ben postati all'altezza del viso,
fortemente appoggiati sulla gamba destra, in una posizione la quale
dimostrava come entrambi dovessero conoscere profondamente la terribile
e pericolosissima arte della _boxe_.

Gli _hurràh_ erano bruscamente cessati. Un profondo silenzio regnava
nella pista, rotto solo dal soffio affannoso dell'automobile di _miss_
Ellen Perkins.

Si sarebbe detto che tutte quelle persone non respiravano più. I due
campioni si guardarono per alcuni istanti nel bianco degli occhi, poi
l'americano fece il primo passo tirando al canadese un formidabile
_fist-shoke_ che, se l'avesse colto giusto, gli avrebbe fracassata
almeno una costola o mandati alcuni denti a passeggiare nella pista.

L'avversario, quantunque in apparenza sembrasse molto meno robusto,
aveva parata la botta con tale velocità e maestria da strappare, agli
spettatori, un vero urlo d'entusiasmo.

Perfino _miss_ Ellen si era degnata di approvare con un gesto del capo.

— _By-good!_... — brontolò l'americano, sconcertato. — Non vi credevo
così forte, signor di Montcalm.

Mi tenevo sicuro di spazzarvi via subito, mentre ora mi accorgo d'aver
di fronte un _boxer_ di prima forza.

Bah!... Vedremo la fine!... —

Il canadese si limitò a sorridere ed a lanciare uno sguardo rapido
verso _miss_ Ellen.

La giovane americana, in piedi dietro al volante, conservava una
immobilità assoluta. Solamente i suoi occhi pareva che si fossero
accesi.

— Attento, signor di Montcalm, — riprese l'americano, il quale si era
rimesso prontamente in guardia. — Vi avverto che io proverò contro di
voi un colpo terribile, insegnatomi dal mio maestro, che se riesce vi
spaccherà la fronte e vi farà, nel medesimo tempo, schizzare gli occhi
dalle orbite.

Lo chiamano il colpo di Tom Powell.

— Chiacchierate meno e agite di più, signor Torpon, — rispose il
canadese. — Non sentite dunque quest'aria frizzante?

— Bah!... Noi _yankees_ siamo ben corazzati contro il freddo e anche
contro il caldo. Non per niente ci chiamano mezzi uomini e mezzi
coccodrilli.

Sfondate le mie scaglie, se ne siete capa.... —

   [Illustrazione: .... fu il primo ad assalire.... (Cap. II).]

La frase fu bruscamente strozzata da un urlo di dolore. Il pugno del
canadese gli era giunto, con velocità fulminea, in mezzo al petto,
facendolo risuonare come un grosso tamburo.

— Aho!... — esclamò l'americano, facendo una brutta smorfia ed un salto
indietro.

— Si è rotta qualche scaglia del coccodrillo? — chiese ironicamente il
canadese.

— Oh no!... Sono ben solide le mie!... —

Un _hurràh_ fragoroso, lanciato dai canadesi e dagl'inglesi che
assistevano in buon numero alla lotta, aveva salutato quel primo colpo.

Gli americani avevano risposto con dei grugniti e con delle
imprecazioni, poichè avevano puntato molti dollari sul loro
compatriotta.

I due _partners_ s'avvicinarono ai due campioni, offrendo loro
un bicchiere di _gin coktail_ affinchè si riscaldassero un po' e
potessero meglio resistere al freddo che accennava ad aumentare anzichè
diminuire, poi diedero il segnale di rimettersi in guardia.

L'americano, il quale si era già prontamente rimesso dalla formidabile
tambussata, fu il primo ad assalire, facendo una serie di finte
all'altezza del viso del canadese. Certo cercava di tirargli il famoso
colpo di Tom Powell che avrebbe dovuto sfigurarlo per sempre e forse
acciecarlo.

Il signor di Montcalm, ripiegato su sè stesso come una tigre che
sta per scagliarsi sulla preda, colle narici frementi, gli occhi
scintillanti, parava con una velocità ed una precisione da strappare
frequenti applausi così da parte degli anglo-canadesi come degli
americani.

Tuttavia non riuscì a parare in tempo un _fist-soke_ che lo colpì
in mezzo al petto e che lo fece un po' traballare. Non era però il
terribile colpo di pugno che il _yankee_ si era giurato di assestargli,
e che avrebbe dovuto spaccargli la fronte alla radice del naso.

Il canadese aveva fatto a sua volta un salto indietro, e dopo essersi
passate le mani sul punto colpito, operando un energico massaggio,
aveva detto, con voce perfettamente tranquilla:

— Siamo pari, signor Torpon. Io mi aspettavo il famoso colpo di Tom
Powell.

— Verrà più tardi, — rispose l'americano.

— Uhm!... Ne dubito!... Ormai ho conosciuto il vostro giuoco.

— Non ancora; _miss_ Ellen giudicherà. —

Un altro _hurràh_ entusiastico aveva salutato quel colpo, mandato però
questa volta esclusivamente dagli spettatori americani. I canadesi
e gli inglesi erano rimasti impassibili come per dimostrare la piena
fiducia che avevano nel loro campione.

I due _partners_ si erano nuovamente avanzati, offrendo ai due
lottatori del _brandy_.

L'americano tracannò d'un fiato il suo, mentre invece il signor di
Montcalm lo respingeva, dicendo al _partner_:

— Noi canadesi non abbiamo paura del freddo e non abbiamo sempre
bisogno di scaldarci.

— Vi darà maggior animo, — gli disse sottovoce il maestro di _boxe_.

— Ne ho da vendere: aspettate un po' e vedrete che cosa ne farò del mio
rivale. È ora di finirla una buona volta.

— Per l'onore della vecchia Francia picchiate sodo e demolitemi per
bene quell'insolente _yankee_. Ricordatevi del colpo segreto che vi ho
insegnato e che credo valga meglio di quello di Tom Powell.

— Lasciate fare a me, maestro.

— E sopratutto sbrigatevi poichè temo sempre una nuova sorpresa da
parte dei _policemen_.

— Pronti? — aveva chiesto il _partner_ dell'americano.

— Pronti!... — avevano risposto ad una voce i due rivali, rimettendosi
prontamente in guardia.

L'americano era diventato prudentissimo, mentre invece il canadese
aveva subito cominciato ad eseguire una serie di finte con una velocità
così fulminea, che certi momenti gli spettatori non riuscivano più a
distinguere i suoi pugni.

Incalzava violentemente, come se fosse impaziente di finirla,
costringendo il suo avversario a rompere senza posa ed a balzare
indietro.

Il suo maestro, che funzionava da _partner_, lo incoraggiava collo
sguardo.

L'americano, sconcertato, non osava più tentare il suo famoso colpo.
Batteva invece sempre in ritirata suscitando, fra i suoi compatriotti,
dei mormorii poco benevoli a suo riguardo.

— Fugge!... — borbottavano, pensando ai dollari che avevano scommesso.
— Che abbia paura? —

Ad un tratto un grido scoppia dietro le ultime file della folla, subito
seguìto da cento, da mille altri.

— I _policemen_!... I dragoni della Regina!... —

Un immenso urlo di furore risponde:

— Ancora loro!... —

Tre automobili, lanciati a tutta velocità, montati ognuno da una
dozzina di poliziotti, divorano la bianca via. Dietro di essi galoppano
disperatamente due squadroni di dragoni.

Gli elmi luccicano e luccicano pure le sciabole di già sguainate.

La legge la vuole vinta a qualunque costo ed arriva con forze imponenti.

I due campioni si sono fermati. Torpon bestemmia da vero americano; il
canadese fa un gesto di furore.

I _partners_ impugnano minacciosamente le bottiglie di _brandy_, pronti
a resistere alla forza.

Delle grida s'incrociano.

— È una bricconata!...

— È una infamia!...

— Non si può più scambiarsi dunque due pugni nè negli Stati
dell'Unione, nè nel Canadà?

— Dove è andata a finire la libera America? In fondo all'Atlantico
forse?

— _Gentlemen_, alla prepotenza rispondiamo colla prepotenza!...

— Addosso alla legge!...

— Morte ai poliziotti!... Abbasso gli sbirri!...

— Sì, sì, addosso!... —

Una rabbia folle ha invaso, per la seconda volta, i diecimila
spettatori. Inglesi, canadesi ed americani si slanciano verso i _bars_
improvvisati ed in un momento li pongono a sacco, malgrado le proteste
e le grida disperate dei proprietari.

Una tempesta di bottiglie è pronta a rovesciarsi addosso alla forza che
sta per forzare l'entrata della pista.

_Miss_ Ellen era rimasta impassibile, dietro il volante del suo
automobile, guardando curiosamente la folla che si apparecchiava a
resistere energicamente non solo ai _policemen_, ma anche contro i
dragoni della Regina e ad inzuppare le rosse divise di questi ultimi
d'ogni sorta di liquori.

Il canadese si era avvicinato a Torpon, il quale digrignava i suoi
denti da orso grigio, sagrando:

— Lo vedete: un'altra volta il destino si è frapposto fra voi e me.

— Lo vedo, _gentlemen_, — rispose l'americano. — Eppure dobbiamo ben
finirla.

— Lo desidero anch'io, ma per ora non ci rimane altro da fare che di
battercela prima di venire arrestati.

— Lo vedo bene, _by-good_!...

— Sì, andiamo, — dissero i due _partners_, — e lasciamo che se la
sbrighino i vostri ammiratori. —

Si erano affrettati a raggiungere l'automobile, il quale pareva
impaziente di riprendere lo slancio.

— Salite dunque? — chiese _miss_ Ellen. — Ormai non vi è più nulla da
fare qui e la forza non tarderà ad aver ragione.

Sarà per un'altra volta.

— Siamo disgraziati, _miss_, — disse Torpon.

— È proprio vero, _master_, ma che cosa volete farci? Cercheremo un
altro luogo dove potrete battervi.

— Sì, dovessimo recarci al polo, — disse il signor di Montcalm. — Là
almeno non ci troveremo sempre dinanzi questi odiosi _policemen_.

— Su, salite, _gentlemen_. Approfittiamo di questo istante di sosta,
— disse la giovane americana. — Usciremo dall'altra parte della
pista. —

I quattro uomini si arrampicarono sull'automobile, coprendosi
frettolosamente coi loro soprabiti bene impellicciati e si misero
dietro alla _miss_ impugnando quattro grosse rivoltelle Colt.

— Avanti!... — gridò _mister_ Torpon.

L'automobile ebbe un sussulto, poi si scagliò attraverso la pista verso
il lato sgombro, filando colla velocità d'una rondine marina.

Il passo era libero, poichè tutti gli spettatori si erano rovesciati
verso l'entrata del recinto che stava per essere forzato dai poliziotti
e dai dragoni del 3.º Reggimento della Regina.

In un lampo l'automobile raggiunse l'uscita che si trovava verso
l'estremità meridionale e si scagliò, sbuffando e rumoreggiando, sulla
strada che conduceva verso il fiume S. Lorenzo, avvolgendosi in un
turbinìo di nevischio.

In quel momento dall'altra parte giungevano i tre automobili montati
dai poliziotti. I due squadroni li seguivano a cinque o seicento passi,
lanciati a corsa sfrenata.

— Ecco la battaglia che comincia, — disse Torpon. — Che peccato non
potervi prendere anche noi parte attiva!

I miei compatriotti lavoreranno per bene di pugni.

— Lasciate che se la sbrighino loro, — disse _miss_ Ellen, la quale
manovrava il volante con una sicurezza meravigliosa, facendo aumentare
sempre più la velocità della sua splendida macchina. — Io non desidero
affatto di vedervi arrestare. —

Un urlìo spaventevole coprì le sue ultime parole. I diecimila
spettatori avevano impegnata la lotta contro i rappresentanti della
legge, con uno slancio ed un coraggio degno d'una causa migliore.

Una bordata di bottiglie aveva accolto gli automobili, inondando le
guardie d'ogni sorta di liquori e spaccando qualche testa.

— A morte!... A morte!... — urlava la folla. — Indietro o vi
uccidiamo!... —

Qualche colpo di fuoco si era confuso fra il fragore dei vetri che
si fracassavano contro le macchine. Gli americani sopratutto non
scherzavano.

I _policemen_, malgrado quella pessima accoglienza, che d'altronde
si aspettavano, erano balzati rapidamente a terra impugnando le loro
robuste mazze.

Le legnate grandinano sulle prime file della folla e senza veruna
misericordia, rompendo teste e costole in buon numero, ma un'altra
bordata di bottiglie colpisce in pieno i rappresentanti della legge
mandandone a terra un bel numero.

— A noi, dragoni!... — urlano i disgraziati che gocciolano come
se fossero stati appena tratti da delle vasche piene di _gin_, di
_brandy_, di _wisky_ e di _coktail_.

Un odore acutissimo di _alcool_ si spande dovunque e pare che
ubbriachi di colpo la folla, poichè invece di dare indietro si caccia
animosamente innanzi, prende d'assalto i tre automobili e li rovescia
l'uno accanto all'altro, improvvisando una formidabile barricata
tutt'altro che facile ad espugnarsi.

I due squadroni, che hanno udito le grida d'aiuto dei _policemen_,
giungono ventre a terra. I cavalleggieri, rossi di collera, fanno
descrivere alle loro sciabole dei molinelli minacciosi, ma sono
costretti a rompere bruscamente la furiosa carica dinanzi ai tre
automobili che ingombrano l'entrata del _turf_.

— Piede a terra!... — comandano i due capitani che li guidano.

I soldati non hanno nemmeno il tempo di lasciare le selle che una
tempesta di bottiglie li scompagina. Sono le ultime, poichè ormai i
_bars_ sono stati completamente vuotati, però la tempesta è tale che i
cavalli, spaventati, s'impennano, tirando calci in tutte le direzioni.

Dei dragoni sono sbalzati violentemente al suolo e si rotolano sotto le
zampe degli animali, facendosi schiacciare gli elmi.

Ne rimangono ancora però molti in sella e da abili cavalieri tentano,
aizzati dai loro ufficiali, di superare la barricata. Che diamine!...
Montano dei cavalli di razza e sopratutto di razza inglese.

Ad un tratto però le povere bestie che puzzano di liquori,
indietreggiano, poi si sbandano, malgrado i colpi di sperone dei
cavalieri.

Delle detonazioni echeggiano e delle fiammate altissime si alzano
dinanzi a loro. I serbatoi di benzina degli automobili sono scoppiati e
le magnifiche macchine ardono rapidamente.

È un altro colpo della folla inferocita o meglio di un gruppo di audaci
americani i quali hanno sfidato valorosamente le mazze dei _policemen_.

Una barriera di fuoco divide gli assaliti dagli assalitori, barriera
che diventa di momento in momento più gigante, poichè dei volonterosi
l'alimentano, scaraventandovi in mezzo non più delle bottiglie, ormai
esaurite, bensì dei fiasconi pieni di liquori, l'ultima riserva dei
_bars_.

È troppo!... Un'altra volta la legge sta per essere soprafatta da
quegli ostinati ed il pericolo è gravissimo poichè _policemen_, dragoni
e cavalli sono inzuppati di _gin_, di _brandy_, di _wisky_ e d'altri
liquori infiammabilissimi.

I dragoni del 3.º Reggimento della Regina non devono indietreggiare.
Non sono dei poliziotti.

Fra i crepitii dell'incendio si odono i comandanti a urlare:

— Armate i moschetti!... —

Quel comando fa l'effetto d'una doccia gelata. I diecimila spettatori
lasciano il campo libero alla legge e si scagliano attraverso il
_turf_, scappando, colla velocità di tante lepri, dall'altra uscita.



CAPITOLO III.

Un duello all'americana.


Mentre la folla fuggiva, udendo crepitare i primi colpi di moschetto,
fossero pure sparati in aria pel momento, l'automobile di _miss_ Ellen
Perkins, giungeva felicemente sulla riva di quel fiume gigante che si
chiama il S. Lorenzo, il maggiore che solca il Canadà e che è così
vasto e così profondo da permettere alle navi di spingersi, senza
correre alcun pericolo di arenarsi, fino a Montreal ed anche molto più
sopra.

Un gran numero di _ferry-boat_ e di pontoni, noleggiati dagli
spettatori americani giunti da Boston, da New-York e da altre città più
lontane, stavano ancorati lungo la sponda.

Il signor di Montcalm si era alzato e dopo d'aver accostato le mani
alla bocca come per fare porta-voce, aveva gridato con voce stentorea:

— Presto: un pontone!... I _policemen_ del Canadà ci danno la
caccia!... —

L'automobile, guidato dalle piccole e bianchissime mani di _miss_
Ellen, dotate però di una forza straordinaria per una fanciulla della
sua età, si era arrestato bruscamente dinanzi ad un vasto barcone,
coperto da un largo ponte, che ondeggiava lievemente sotto la spinta
della fiumana.

— Eccoci a voi, _gentlemen_!... — avevano gridato i dieci barcaiuoli
che lo montavano, afferrando rapidamente i lunghissimi e pesanti remi.

L'automobile, che russava minacciosamente, spiccò quasi un salto e si
arrestò sul ponte della barcaccia.

— Passa!... — gridò il signor di Montcalm, mentre due barcaiuoli
gettavano dinanzi alle ruote anteriori della macchina una grossa trave,
pel timore che riprendesse la corsa e che precipitasse nel fiume che in
quel posto era molto rapido e probabilmente molto profondo.

_Miss_ Ellen si era voltata verso il canadese, sorridendogli
graziosamente.

— Comandate come un capitano d'un transatlantico, — gli disse. — Spero
però che non ci farete naufragare.

— Per oggi no di certo, — rispose il signor di Montcalm, con una
sottile punta d'ironia.

— E contate di venire con noi ad Albany?

— No, signora. La mia casa non si trova sul territorio americano, lo
sapete bene.

— Volete tornare ad Ottawa?

— Certo, _miss_. Vi accompagnerò fino ad Oswego, poi attraverserò
l'Ontario su qualcuno dei tanti piroscafi che salpano quasi ad ogni
ora.

— Mi pare che sarebbe pericoloso per voi tornare ora sul territorio
canadese. Non dovreste dimenticare che siete voi una delle cause
principali della rivolta contro la polizia.

— O sono stati invece i vostri begli occhi, _miss_?

— Ah!... Non nego che possano averci avuto una certa parte, ma non si
arrestano due occhi, siano essi neri od azzurri.

— Ben detto, _miss_, — disse _mister_ Torpon, ridendo.

— Dunque, signor di Montcalm volete proprio lasciarci?

— Pel momento sì, _miss_. Non abbiamo più nulla da fare per ora, è
vero, _mister_ Torpon?

— Non so, — rispose l'americano, facendo un gesto vago.

— Che cosa vorreste tentare? Dove riprendere la nostra partita di
_boxe_?

— Dove? Lo so io.

— Potremmo andarci subito? Io sono pronto a lasciar andare ancora dei
_fist-shoke_.

— Ed io non meno di voi, signor di Montcalm, — rispose l'_yankee_,
quasi con ferocia, — però questo non è il momento.

Riprenderemo questo discorso quando saremo giunti ad Oswego, se non vi
rincresce.

— Benissimo, _mister_ Torpon, — rispose il canadese.

— Vi chiederei solo di fermarvi fino a domani.

— Ad Oswego?

— Sì.

— Accettato. —

_Miss_ Ellen aveva prestato orecchio attento a quello scambio di
parole, non nascondendo una certa inquietudine. Anche i _partners_, ai
quali non era sfuggita una sillaba del dialogo, si erano guardati l'un
l'altro con un po' di ansietà.

— Mister Torpon, — disse la giovane americana, — mi avete l'aria d'un
cospiratore. Voi tramate certamente qualche cosa.

— Non un tradimento, in tutti i casi, — rispose l'americano, con un
sorriso un po' grossolano. — Anche fra i _yankees_ si trovano dei
gentiluomini, più gentiluomini di quei grandi europei ed anche dei loro
discendenti.

— Ed infatti vi hanno chiamati orsi grigi, — disse il signor di
Montcalm.

— Chi? — gridò l'americano, rosso di collera.

— I gentiluomini europei.

— Perchè noi siamo più ricchi di loro e dei loro blasoni malamente
dorati.

— Vorreste alludere anche a me? — chiese il canadese.

— Eh!... Anche il blasone dei Montcalm non vale quello dei re del
petrolio, del ferro, dell'acciaio, delle ferrovie e nemmeno quello del
re dei porci salati di Chicago.

— Che bei blasoni!... — esclamò il canadese, ironicamente. — Sicchè
sul vostro avete fatto dipingere in oro, in campo azzurro, una lucerna
accesa. —

Il _yankee_ fece un gesto d'ira e non rispose a quella mordace
canzonatura.

D'altronde la barcaccia era già giunta sull'altra riva e l'automobile
si preparava a rimettersi in corsa.

I barcaiuoli assicurarono fortemente il galleggiante, tolsero la trave,
presero al volo un paio di dollari gettati loro dai due campioni,
e l'automobile salì d'un colpo solo la riva, guadagnando la larga e
comoda via che costeggiando il lago Ontario conduce ad Oswego, una
delle più ridenti cittadine delle estreme frontiere settentrionali
degli Stati dell'Unione.

_Miss_ Ellen, che conosceva benissimo i dintorni di tutti i grandi
laghi, aveva lanciata la sua macchina alla velocità di ottanta
chilometri all'ora, facendola quasi volare dinanzi alle fattorie che
sorgevano lungo i margini della larghissima via, una delle più belle e
delle migliori del Canadà.

Quantunque vi fosse un buon palmo di neve, le ruote, fornite di robuste
pneumatiche, scorrevano velocissime senza slittare.

In capo a pochi minuti, l'automobile, uscito di fra la campagna, si
trovò sulle rive del lago.

L'Ontario scintillava superbamente, incastonato fra gigantesche foreste
di pini bianchi, enormi vegetali che raggiungono una circonferenza di
cinque ed anche sei metri, ed un'altezza di più di trenta, che le scuri
dei boscaiuoli, quantunque da qualche secolo poderosamente manovrate,
non erano ancora riuscite ad abbattere.

Delle grosse barche da pesca, colle vele variopinte, si cullavano
graziosamente fra le onde che un freddo vento del settentrione
sollevava, e dei piroscafi lunghi e sottili, filavano rapidamente,
lanciando in aria turbini di fumo e fischi interminabili.

Dei grossi falchi pescatori, grandi distruttori di pesci, che attirano,
a quanto pare, rigettando delle materie oleose, volavano via, ora
alzandosi quasi a perdita d'occhio ed ora lasciandosi cadere, quasi
a corpo morto, sulla superficie del lago, per rialzarsi poco dopo con
qualche grossa trota stretta fra il robusto becco.

Panorami splendidi si succedevano senza posa, ma gli automobilisti
pareva che non se ne interessassero affatto, specialmente la _miss_,
la quale concentrava tutta la sua attenzione sul volante e sulla
interminabile via che le si apriva dinanzi, serpeggiando fra immensi
filari di alberi della cicuta, piante preziosissime, poichè il loro
legno serve alla costruzione delle palizzate costeggianti i laghi ed i
fiumi, essendo incorruttibile, anche se immerso da centinaia d'anni.

In quanto ai due campioni avevano ben altro da pensare in quel
momento che starsene a contemplare le acque del lago o le navicelle
che lo solcavano, e fors'anche i loro _partners_ avevano troppe
preoccupazioni.

Le parole pronunciate poco prima da _mister_ Torpon avevano gettato nei
loro animi un certo sgomento.

Con un'altra fulminea volata l'automobile girò intorno alle varie e
profonde insenature che l'Ontario descrive presso l'imbocco del S.
Lorenzo, poi verso le cinque di sera, nel momento che il sole autunnale
stava per scomparire dietro le gigantesche foreste, infilò la gran via
maestra di Oswego, arrestandosi dinanzi ad un grande albergo di sette
piani.

— È qui che volete fermarvi, _mister_ Torpon? — chiese la giovane,
arrestando la macchina.

— Sì, _miss_, — rispose l'americano. — Vi fermate a cenare con noi o
proseguirete per Albany?

— Ho fretta di giungere a casa mia, signori miei.

— Gli è che si fermeranno con noi anche i _partners_.

— E così?

— Volete partire sola, di notte?

— Forse che non ho la mia rivoltella?

— La vostra macchina potrebbe guastarsi lungo la via. Avete fatto male
a non condurre con voi il vostro meccanico. —

Miss Ellen alzò le spalle.

— Forse che non vi è la cassetta, contenente tutti gli ordigni
necessari per fare una riparazione, e forse che io non ho fatto un
corso di meccanica? Non inquietatevi per me, _mister_ Torpon e nemmeno
voi signor di Montcalm.

Arrivederci presto, signori miei, e quando avrete deciso qualche cosa
di nuovo, avvertitemi subito.

Il destino che vi perseguita finirà di stancarsi e l'uno o l'altro avrà
la mia mano, purchè sia il più forte.

Buona notte!...

— Buon viaggio, _miss_, — risposero i quattro uomini.

L'indiavolata ragazza fece colla mano un ultimo gesto d'addio e lanciò
nuovamente la sua splendida automobile a corsa sfrenata, facendo
scappare i curiosi che si erano affollati sui due margini della via.

Un minuto dopo non era più visibile.

— Io credo che quella fanciulla abbia il sangue del demonio nelle
sue vene, — disse _mister_ Torpon. — Che cosa ne dite voi, signor di
Montcalm?

— Che è una donna da far paura, — rispose il canadese.

— Ma bella, _by-good!_...

— Non dico di no.

— Affascinante.

— Se tale non fosse, già da lungo tempo ve l'avrei abbandonata.
Disgraziatamente mi ha bruciato il cuore e sento ormai che non potrei
rassegnarmi a vivere senza di lei.

— Allora si carica una buona rivoltella e si va a dimenticarla
all'altro mondo.

— Il consiglio mi pare buono, però vorrei che prima foste voi a
metterlo in esecuzione.

— Ah no, signor mio, — disse l'americano, con vivacità. — Provate prima
voi.

— Per ora no, quantunque io abbia la certezza che quella donna non
possa far felice nessun uomo.

— Allora si lascia andare.

— No.

— È un puntiglio allora il vostro.

— Non lo so, ma mi pare che questo non sia il luogo per occuparci dei
nostri affari, _mister_ Torpon.

— Avete ragione, signor di Montcalm. Io mi ero proposto di offrirvi una
cena e di mangiarcela assieme ai nostri _partners_. Accettate?

— Con tutto il piacere e tanto più che stamane non ho fatto che una
leggierissima colazione per mantenermi più agile.

— Per darmene di più, — disse l'americano, ridendo. — Venite,
signori. —

Entrarono nell'albergo, passando dinanzi ad una mezza dozzina di
camerieri negri, vestiti correttamente di nero e con dei collettoni
candidissimi che li tenevano come impiccati, ed entrarono in una
magnifica e spaziosissima sala, illuminata sfarzosamente da un
centinaio di lampade elettriche, prendendo posto dinanzi ad una tavola
isolata, situata verso un angolo.

Essendovi poche persone, potevano parlare a loro agio senza poter
essere disturbati, nè uditi.

L'_yankee_, abituato a fare le cose in grande, ordinò una cena degna
d'un milionario come era lui, poi mentre si faceva servire, tanto per
aguzzare maggiormente l'appetito, un paio di bottiglie di vino del
Reno a cinque dollari l'una e cinque dozzine di gamberi di California a
venti _cents_ l'uno, disse:

— Signor di Montcalm, vi ringrazio di aver accettato la mia proposta
di seguirmi su territorio americano per definire una buona volta la
nostra eterna questione, poichè vi dichiaro francamente che io sono
estremamente stanco dei brutti giuochi che ci fa continuamente il
destino.

— Ed io non meno di voi, — rispose il canadese.

— Voi non rinuncierete mai al possesso di miss Ellen Perkins?

— Mai, dovessi affrontare mille volte la morte.

— Nemmeno se vi offrissi dei milioni?

— Oh!... Meno che meno. Un Montcalm non si lascia comperare dai dollari.

— Vi stimo doppiamente, parola d'_yankee_.

— Suvvia, dove volete andare a finire? — chiese il canadese, facendo un
gesto d'impazienza.

— Io vorrei farvi un'altra proposta.

— Di ritentare la partita di _boxe?_

— Avremmo delle altre noie da parte delle autorità e forse nessun
risultato decisivo, poichè siamo, credo, della medesima forza anche in
questo campo dello _sport_. Vorrei qualche cosa di più serio.

— Dite pure.

— Un giuoco, per esempio, che finisse col mandare me o voi a fare la
conoscenza con Caronte e colla sua barca, ammesso che navighi ancora
sulle nere acque dello Stige.

   [Illustrazione: .... a fare la conoscenza con Caronte e colla
   sua barca, ammesso che navighi ancora sulle nere acque dello
   Stige. (Cap. III).]

— Vi preme di sopprimermi?

— Potreste essere invece voi il fortunato.

— Continuate, _mister_ Torpon. —

L'americano sgusciò il suo dodicesimo gambero, lo inghiottì d'un colpo
versandoci dietro un bicchiere di vino, poi disse con voce grave:

— Accettereste, signor di Montcalm, un duello all'americana? —

Il canadese era rimasto silenzioso, mentre i due _partners_ erano
diventati assai pallidi.

L'americano lasciò trascorrere qualche mezzo minuto, poi disse:

— Signor di Montcalm, attendo una vostra risposta. —

Il canadese si scosse.

Vuotò lentamente il bicchiere che gli stava dinanzi, guardando fisso
nel fondo, poi rispose:

— Avrei preferito un duello alla spada, alla sciabola od alla pistola,
_mister_ Torpon.

— E il destino che ci sta sempre addosso? Sarei sicuro che con quelle
armi una partita d'onore non avrebbe buon esito per noi.

Proviamo a batterci nell'oscurità. Si dice che la fortuna sia cieca;
chissà che non lo sia anche il destino.

— Lo volete proprio, _mister_ Torpon? — chiese il canadese, con voce
tranquilla.

— Sì, signor di Montcalm. Noi siamo giunti ad un tal punto che è meglio
che uno di noi scompaia per sempre dalla superficie del globo.

— E dove ci batteremo?

— Qui.

— Quando?

— Questa sera stessa, se non vi rincresce.

— No, perchè penso anch'io che sarebbe meglio saldare al più presto il
nostro conto.

Senza testimoni, è vero?

— Ci aspetteranno fuori: non abbiamo i nostri maestri di _boxe?_
Accettate, è vero, signori, di aiutarci? —

I due _partners_ s'inchinarono, facendo un cenno d'assentimento.

— Affitteremo tutto l'appartamento dell'ultimo piano che m'immagino
sarà vuoto, — continuò l'_yankee_, — perchè nessuno venga a disturbare
i nostri affari.

— Il proprietario non sospetterà qualche cosa e non avvertirà quei
dannati _policemen?_ — osservò il maestro di _boxe_ del canadese.

— Lasciate fare a me, _mister_, — rispose il _yankee_. — E poi il
dollaro può tutto, almeno negli Stati dell'Unione.

— E le armi? — chiese il signor di Montcalm.

— Oh!... Non sarà difficile trovare due solidi _bowie-knife_ press'a
poco uguali.

Gli armaiuoli non mancano ad Oswego e s'incaricheranno i nostri
_partners_ di trovarceli.

Sono appena le sei e si chiude un po' tardi nelle nostre città.

Ora signori ceniamo da buoni amici, allegramente, e non manchiamo di
fare un brindisi a quello che domani mattina andrà a portare i nostri
saluti a Caronte. —

Quattro negri avevano cominciato a portare, su dei grandi ed artistici
vassoi d'argento, delle vivande diverse che esalavano dei profumi da
far venire l'acquolina in bocca anche ad un morto, mentre un quinto
disponeva sulla tavola, dinanzi a ciascun commensale, delle bottiglie
polverose che portavano delle marche celebri.

I quattro uomini, tornati improvvisamente gai, diedero subito un
formidabile assalto alle diverse portate, scherzando amabilmente e
deridendo i negri. Pareva che avessero già dimenticato che uno di loro
stava ingollando il suo ultimo pasto.

Suonavano le sette alla ricca pendola dorata, collocata all'estremità
del vasto salone, quando _mister_ Torpon si alzò, dicendo:

— Vado ad accomodare l'affare col proprietario, mentre la bottiglia di
_champagne_ gela per brindare al morto.

— Ed io vado a provvedere le armi, — disse il maestro di _boxe_ del
canadese.

— Spicciatevi!... — disse l'americano.

Accese un grosso sigaro, essendo la cena ormai terminata, e si fece
condurre nel gabinetto del proprietario, il quale stava seduto dinanzi
ad una monumentale cassa-forte, tutto immerso nella lettura d'una copia
del _New-York Herald_.

— _Mister_, — gli disse senza preamboli Torpon, — è libero tutto
l'ultimo piano del vostro _hôtel?_

— Disgraziatamente sì, mio _gentleman_, — rispose l'albergatore, il
quale avendo riconosciuto subito il personaggio che aveva ordinata
quella cena luculliana e costosissima, era diventato subito molto
amabile. — La stagione è cattiva e gli affari non prosperano al
principio dell'inverno e....

— Vorreste affittarlo tutto a me per quarantotto ore?

— Tutto!... Vi sono trenta stanze ed una sala lassù, mio _gentleman_.

— Non importa: fissate il prezzo. Io non ho l'abitudine di
lesinare. —

L'albergatore si lisciò due o tre volte la sua barba da becco e guardò
con sorpresa il suo compatriotta.

— Ma.... ditemi, aspettate molti altri amici forse?

— Niente affatto. Non siamo che noi quattro.

— E che cosa vorreste fare di tante stanze?

— Avete mai assistito a nessuna seduta di spiritismo?

— Io no: lascio in pace le anime dei trapassati. Già non verrebbero qui
nè a mangiare, nè a bere, nè tanto meno a lasciarmi dei dollari.

— Bene, si vede che siete un uomo pratico e mi congratulo con voi, —
disse Torpon, un po' ironicamente. — Dunque io affitto tutto l'ultimo
piano del vostro _hôtel_ per eseguire una serie di esperimenti, avendo
condotto con me un _medium_ d'una potenza straordinaria, già ammirato
perfino dal nostro presidente.

Siccome gli spiriti non vogliono essere disturbati, voi mi darete la
vostra parola d'onore di lasciarci assolutamente tranquilli. Quanto?

— Cinquecento dollari.

— Siete ancora onesto. —

Levò dal suo portafoglio una manata di biglietti di grosso taglio,
contò la cifra, riaccese il sigaro e raggiunse il canadese ed il
secondo _partner_, i quali chiacchieravano tranquillamente sottovoce,
facendo di quando in quando girare la bottiglia di _champagne_ immersa
fino al collo in un vaso pieno di ghiaccio.

— È fatto, — disse. — Per quarant'otto ore noi saremo liberi di gettare
anche all'aria tutte le trenta stanze.

— E di scannarci con tutto il nostro comodo, — aggiunse il canadese,
beffardamente.

In quell'istante il _partner_ che era uscito per acquistare le armi
entrò, portando un pacco.

— Marca di casa celebre, lame solide e capaci di troncare, con un colpo
solo, la spina dorsale ad un bisonte, — disse.

— Sturiamo, — disse il canadese, traendo dal recipiente gelato la
bottiglia di _champagne_. — Chissà che a qualcuno, questo vino maturato
nelle terre che videro nascere i miei avi, non porti fortuna. —

Torpon aveva aggrottata la fronte.

— _By-good!_... — esclamò. — È vino di Francia, e voi siete un
discendente di quel popolo. Che porti sfortuna a me?

— Sareste superstizioso, _mister_ Torpon? — chiese il canadese.

— Eh!... Qualche volta non si può far a meno di esserlo.

— Allora dopo lo _champagne_ berremo un bicchierino di _wisky_, il
liquore americano per eccellenza.

— Accettato, signor di Montcalm. Così saremo pari. —

La bottiglia fu sturata e le tazze furono riempite.

— Ai begli occhi di _miss_ Ellen, prima di tutto, — disse il _yankee_.

— Alla solidità ed al filo della mia lama, — disse invece il canadese.

— Sareste feroce come un antropofago, signor di Montcalm? — chiese il
_yankee_.

— Può darsi, — rispose asciuttamente il canadese, e vuotò d'un colpo il
bicchiere.

Vi erano sulla tavola parecchie bottiglie di liquori. Ne prese una di
_wisky_, la fece sturare e ne versò a tutti, dicendo:

— Bevo al felice viaggio dell'uomo che domani sarà morto.

— Come siete funebre, signor di Montcalm, — disse _mister_ Torpon, il
quale si era sentito correre per le ossa un brivido gelato.

— È un brindisi come un altro. —

Si erano alzati. I due rivali sembravano tranquillissimi; i due
_partners_ invece, quantunque abituati a vedere degli uomini
fracassarsi reciprocamente i corpi e le teste a gran colpi di pugno,
erano pallidissimi.

Ad una chiamata del _yankee_ un servo negro che reggeva un doppio
candelabro d'argento, era accorso.

— All'ultimo piano, — disse il canadese.

Attraversarono la sala, entrarono nell'ascensore ed in un momento si
trovarono in alto.

Il negro accese le lampade elettriche e fece percorrere, ai quattro
uomini, tutte le trenta stanze, introducendoli per ultimo in una vasta
sala, lunga una quindicina di metri e larga non meno di dieci, il cui
pavimento era coperto da un gigantesco tappeto. Non vi era che un solo
mobile: un pianoforte.

— Qui? — chiese sottovoce l'americano al canadese.

— Sì, — rispose questi.

— Puoi andartene, — disse il primo al negro. — Sopratutto che nessuno
ci disturbi anche se succede un po' di fracasso.

Gli spiriti qualche volta si divertono a fare un po' di chiasso. —

Il negro sgranò i suoi grandi occhi di porcellana e scappò via come se
avesse il diavolo alle spalle, chiudendo dietro di sè le porte.

— Le armi? — chiese brevemente il canadese quando furono soli.

Il _partner_ che teneva il pacco ruppe le corde e mostrò due magnifici
_bowie-knife_, lunghi un buon piede e larghi due pollici, affilati come
rasoi ed assai acuminati.

La luce proiettata dalle lampade elettriche raggruppate in mezzo alla
sala, riflettendosi sul lucidissimo acciaio, proiettò negli occhi dei
quattro uomini un lampo impressionante, tale da farli rabbrividire.

— Buone armi, — disse il canadese, affettando una certa calma. — Queste
sono ottime per la caccia dei _caribon:_ un buon colpo nella spalla e
si è sicuri di raggiungere il cuore.

— Ed anche per spaccare la spina dorsale ai nostri giganteschi bisonti
del Far-West, — disse _mister_ Torpon, il quale non voleva tenersi
indietro.

Fra i quattro uomini regnò un breve silenzio, poi il signor di
Montcalm, il quale aveva prontamente riacquistato il suo sangue freddo
e tutta la sua audacia, riprese:

— _Mister_ Torpon, lascio a voi la scelta dell'arma. Quale preferite,
quantunque mi sembrino perfettamente eguali?

— V'ingannate, signor di Montcalm, — disse il _yankee_, — perchè sul
manico d'uno vedo impresse tre stelle mentre sull'altro non ve ne sono
che due e può essere quella protettrice che manca.

— Ah!... Il superstizioso!...

— La sorte, — dissero i due _partners_.

— Sia, — risposero ad una voce i due rivali.

Il maestro di _boxe_ dell'americano chiuse nel pugno un _cent_, mise le
braccia dietro il dorso facendole girare più volte, poi le tese innanzi
ai due rivali dicendo:

— Il pugno pieno per le tre stelle, il vuoto per le due. Il pieno per
la porta di destra l'altro per quella di sinistra. —

La sorte fu favorevole al _yankee_, il quale parve assai lieto d'aver
guadagnato una stella di più.

— _Gentlemen_, — disse allora il _partner_, con voce grave. — Siete
pronti?

— Sì, — risposero all'unisono il _yankee_ ed il _canadese_.

— Voi non entrerete in questa sala se non dopo trascorsi cinque minuti.

— Benissimo.

— Che Dio vi guardi. _Mister_ Torpon seguitemi nella stanza di destra.

— E voi, signor di Montcalm, seguitemi in quella di sinistra, — disse
il maestro di _boxe_ di Montcalm.

I due rivali, con un moto spontaneo si stesero la destra e si diedero
una vigorosa stretta, poi seguirono i loro _partners_ senza scambiarsi
una parola.

Subito le lampade elettriche furono spente e la vasta sala s'immerse in
una oscurità profondissima.



CAPITOLO IV.

I due colpi di coltello.


Gli americani, popolo eccessivamente frettoloso, che non ama perdere
tempo nemmeno nel mangiare, vanno per le spiccie nel definire le loro
questioni d'onore.

Le regole della cavalleria sono affatto sconosciute presso di loro ed i
maestri di scherma, così di spada come di sciabola, hanno fatto sempre
magrissima fortuna presso quel popolo il quale preferisce impiegare
qualche minuto che può rubare agli affari, a qualche lezione di _boxe_.

Il tempo è moneta: ecco la loro divisa. Quindi niente tempo da perdere
nelle sale di scherma.

Nondimeno, al pari di tutti gli altri popoli, si battono anche i
_yankee_, ed i duelli sono tutt'altro che rari anche negli Stati
dell'Unione.

Per lo più preferiscono una buona partita di _boxe_, ma quando si
tratta di cose gravissime si mandano all'altro mondo senza costole
fracassate o denti rotti o teste peste in modo spaventevole.

Allora, per essere più sicuri, ricorrono alle armi da fuoco ed al
_bowie-knife_, contando più sulla fortuna che sull'abilità personale,
che di rado posseggono.

Negli Stati dell'Ovest i duellanti montano a cavallo armati d'un
buon _winchester_ a dodici colpi, si portano nella foresta più
vicina, lanciano i loro destrieri a corsa sfrenata e si fucilano
reciprocamente, nè cessano finchè l'uno o l'altro non vuoti l'arcione
morto o moribondo.

Negli Stati dell'Est, vanno più per le spiccie. Si prendono due pistole
esattamente eguali, se ne carica una sola, si fa scegliere ai due
avversari in una stanza oscura ed ognuno è obbligato a puntarsela al
cuore od alla tempia e far scattare il grilletto.

Tanto peggio per quel disgraziato che ha avuta la sfortuna di scegliere
quella contenente la palla che lo manderà diritto a fare la conoscenza
con messer Caronte.

Più terribile, più emozionante invece è il duello col _bowie-knife_,
quantunque di esito più incerto.

I due rivali entrano per due diverse porte, a piedi nudi, in una
stanza perfettamente oscura, armati del loro terribile coltellaccio,
si cercano brancolando silenziosamente fra le tenebre e quando
s'incontrano si accoltellano all'impazzata.

Tanto peggio per quello che ne prende di più o a cui arriva una puntata
al cuore od alla gola, che tronchi la carotide.

                             . . . . . . .

Come abbiamo detto, il canadese era uscito dalla porta di sinistra
assieme al suo maestro di _boxe_, entrando in una stanza che sembrava
piuttosto un gabinetto per fumatori e che era ancora illuminata, poi
aveva subito disposto su un tavolino laccato alla giapponese il suo
cronometro d'oro per contare i cinque minuti.

Quantunque potesse trovarsi sull'orlo della tomba, non ignorando
d'aver da fare con un avversario risoluto e coraggioso, appariva
tranquillissimo.

Il suo _partner_ gli aveva preso subito il polso della mano destra,
tenendo gli occhi fissi sulle lancette dell'orologio.

— Bene, — disse, facendo schioccare la lingua. — Batte regolarmente ed
anche il vostro cuore deve funzionare come al solito.

Sono soddisfatto del mio allievo.

— Ne dubitavate? — chiese il canadese, sorridendo leggiermente.

— Oh no, ma questi duelli americani, impegnati fra una profonda
oscurità, devono produrre una grande impressione anche sugli animi più
risoluti.

— Forse, — rispose il canadese, il quale stava togliendosi le scarpe.

— Volete un buon consiglio, signor di Montcalm?

— Dite pure.

— Appena entrate, appoggiatevi alla parete e lasciate che l'avversario
vi cerchi.

— E se _mister_ Torpon facesse altrettanto?

— Allora marciate, come meglio potrete, verso il centro della sala e là
aspettate che il vostro avversario si tradisca o con un respiro, o con
uno strofinìo.

Non seguite le pareti, ve lo raccomando. Sareste costretto ad
appoggiarvi con una mano, e quel rumore, per quanto lieve, potrebbe
allarmare l'avversario.

— Grazie dei vostri consigli.

— Avvolgete ora il vostro braccio sinistro colla vostra giacca e
vibrate il colpo dall'alto in basso, essendo voi più alto di _mister_
Torpon.

Se non lo ucciderete sul colpo, gli produrrete una ferita tale da
metterlo subito fuori di combattimento.

Mi avete capito?

— Sì, maestro, — rispose il canadese.

Il _partner_ lanciò un altro sguardo sul cronometro.

— Otto ore e trentacinque minuti meno tre secondi. È il momento
d'entrare.

— Sono pronto: spegnete la lampada elettrica ed apritemi la porta senza
far rumore.

— Qua una buona stretta di mano, signor di Montcalm, — disse il
maestro, con voce vivamente commossa. — Sangue freddo e colpo
sicuro. —

Si strinsero la mano, la porta fu aperta, poi la lampada spenta, ed il
canadese entrò nella tenebrosa sala, in punta dei piedi, impugnando
solidamente il _bowie-knife_ e riparandosi il petto col braccio
sinistro difeso dalla giacca strettamente avvolta.

Era già entrato l'americano e si era già messo in agguato? Ecco due
terribili, angosciose domande, che non potevano avere per il momento
nessuna risposta.

Il canadese, come l'aveva consigliato il suo maestro, fece tre o
quattro passi seguendo la parete, poi si fermò, avendo trovato un
ostacolo.

Doveva essere il pianoforte, l'unico mobile che ingombrava quella vasta
sala che pareva fatta appositamente per i duelli americani.

— Aspettiamolo, — mormorò fra sè il signor di Montcalm.

Si appoggiò alla parete senza produrre il menomo rumore, raccogliendosi
su sè stesso come una tigre che si prepara ad avventarsi sulla preda, e
si mise in ascolto, trattenendo il respiro.

Dov'era _mister_ Torpon? Chi poteva dirlo? S'avanzava cautamente
attraverso la sala, col coltello alzato, pronto a vibrare il colpo o
stava seguendo le pareti? Quanto avrebbe dato per saperlo.

Invano i suoi occhi cercavano di forare le tenebre, colla speranza
di scoprire, almeno vagamente, l'ombra del suo avversario; invano
concentrava tutti i suoi sensi nell'udito, colla speranza di
sorprendere uno strofinìo, un sospiro, un qualche rumore che lo
tradisse.

Il suo cuore cominciava a battere forte forte e così pure battevano,
febbrilmente, le sue tempie. L'ansietà del pericolo che non sapeva
da quale parte potesse giungere, lo vinceva, eppure quel canadese
più di cento volte aveva affrontato gli orsi neri e bruno-giallastri
delle immense foreste circondanti i laghi e le formidabili corna dei
_caribon_, senza tremare.

È noto già che le tenebre esercitano un'azione deprimente anche
sugli animi più audaci. Degli uomini che in pieno giorno montavano
all'assalto, sfidando intrepidamente la morte, si sono mostrati sovente
vili durante i combattimenti notturni.

Perfino un generale inglese, che nelle guerre dell'India si era
acquistata una fama immensa di uomo coraggioso e sprezzante d'ogni
pericolo, fu sorpreso una notte, durante un attacco, rannicchiato
dietro un albero, più tremante dell'ultimo dei suoi cipai. Eppure aveva
guadagnati i suoi galloni, tutti, sui campi di battaglia e l'avevano
chiamato il leone!... L'ansietà che divorava il canadese, abbandonato
fra quella profonda tenebrìa, in procinto di sentirsi, da un istante
all'altro, spaccare il cuore senza avere alcuna possibilità di parare
il colpo, era quindi scusabile.

Sempre rannicchiato presso il pianoforte, col braccio destro armato,
teso, pronto a tentare una parata disperata, come abbiamo detto,
ascoltava sempre, cercando di sorprendere un qualunque rumore.

Si trovava là da qualche minuto, sempre in attesa d'un colpo di
coltello, quando uno scricchiolìo secco lo fece trasalire.

Che cosa poteva essere stato? Si sarebbe detto che qualcuno aveva fatto
scattare a vuoto il cane di una grossa rivoltella.

Il canadese si era raddrizzato, dilatando spaventosamente le pupille.
Cercava, cercava nell'oscurità che si stendeva dinanzi a lui,
implacabile, impenetrabile.

— Sarà stato il legname, — mormorò, dopo alcuni istanti d'angosciosa
attesa. — Vi sono delle travi sul soffitto. —

Si terse colla sinistra la fronte, copertasi subito d'un freddo sudore,
poi tornò a rannicchiarsi a lato del pianoforte.

Nell'abbassarsi però, la punta del coltello urtò sulla tastiera ed una
nota ruppe bruscamente il profondo silenzio che regnava nella sala.

Quel suono, un _do_ profondo, aveva fatto vibrare l'aria tenebrosa,
ripercuotendosi lungamente sotto il soffitto e negli angoli della sala.

Il canadese ebbe un sussulto.

— Mi sono tradito, — mormorò.

Pronto come un lampo si gettò sul tappeto e scivolò silenziosamente
verso il centro, almeno così credeva, della sala, poi si raddrizzò.

L'americano, avvertito da quel suono non ancora del tutto spento,
doveva ormai essersi diretto verso l'istrumento, per sorprendere
l'avversario e forse inchiodarlo, con una tremenda coltellata, sulla
tastiera.

Passò un altro minuto, lungo quanto un secolo. Le ultime vibrazioni
del _do_ si erano a poco a poco affievolite ed un silenzio di tomba era
piombato nuovamente sulla vasta sala.

Ad un tratto l'udito piuttosto acuto del canadese, raccolse un rumore
indistinto. Pareva ora che un piede nudo strisciasse sul soffice
tappeto ed ora che invece fosse una mano che strisciasse lungo una
parete.

Si era bruscamente voltato, aguzzando invano gli sguardi.

Proprio in quel momento nella via sottostante si udirono delle voci
umane miste a scoppi di risa.

Una brigatella di persone allegre passava dinanzi all'albergo cantando
l'_yankee-dodle_.

Quando quelle voci si perdettero in lontananza, lo stropiccìo che aveva
allarmato il signor di Montcalm era cessato. Il silenzio era nuovamente
piombato nella sala.

— Me l'hanno fatto perdere, — mormorò il canadese, mordendosi con
rabbia le labbra. — Quegli ubbriaconi potevano passare di qui un po'
più tardi.

Dove sarà ora quel dannato _yankee?_ Dove sorprenderlo? Che si sia
fermato e che al pari di me tenti di raccogliere il rumore dei miei
piedi? Ah no, può aspettarmi, perchè non mi muoverò così presto.

Il sole è ben lontano ed in dieci ore possono scannarsi anche diecimila
uomini.... —

Si era bruscamente interrotto ed aveva fatto un mezzo giro su sè
stesso, tornando a dilatare le pupille, poi si era lentamente abbassato
stendendosi del tutto al suolo ed accostando un orecchio sul tappeto.

Aveva udito un altro fruscìo, ma che pareva provenisse dall'opposta
direzione. L'americano, approfittando di quello schiamazzo, aveva fatto
il giro della sala portandosi dall'altra parte?

Il canadese ascoltava sempre, premendo l'orecchio contro il tappeto.

Il suo udito raccoglieva, di quando in quando, dei crepitii appena
percettibili. Dei piedi premevano, con precauzione, il pesante tessuto,
diventando sempre più distinti.

Dunque il _yankee_ si avvicinava, avanzandosi forse anche lui verso
il centro della sala? Probabilmente, attratto da quella nota mandata
dal pianoforte, aveva raggiunto l'istrumento e non avendo trovato
l'avversario, doveva avere seguite le pareti per poi lasciarle.

Ora doveva cercare verso il centro, brancolando nel buio ed avanzandosi
naturalmente a casaccio.

Il canadese lo udiva avvicinarsi sempre più, poichè i crepitii della
stoffa, per quanto leggieri, giungevano più distinti al suo orecchio.

Dove sarebbe passato l'avversario? Dinanzi o di dietro? A destra od a
sinistra? Ecco quello che chiedeva con una certa angoscia.

Non gli sarebbe invece caduto addosso, inciampando in quel lungo corpo
disteso?

Il signor di Montcalm riflettè un istante, si compresse colla mano
sinistra il petto come se volesse imporre silenzio ai forti battiti
del cuore, poi lentamente si sollevò e si mise in ginocchio, girando
intorno a sè la destra armata.

Sentiva il nemico, ma per quanti sforzi facesse per raccogliere meglio
il rumore di quella marcia silenziosa, non riusciva a stabilire la
direzione che teneva.

D'improvviso udì, a brevissima distanza, un lieve sospiro, ma nello
stesso tempo il crepitìo del tappeto cessò.

Si era fermato il _yankee?_ Si era accorto anche lui che il suo
avversario gli stava così vicino? Lo aveva forse fiutato? Anche questo
poteva, fra le tante cose, ammettersi.

Il canadese non fiatava più. Girava solamente, con lentezza, il
_bowie-knife_ intorno a sè, pauroso di agitare l'aria e di tradirsi.

Passarono parecchi secondi, forse invece parecchi minuti.

Un'angoscia estrema si era impadronita del canadese, angoscia che si
tramutava in un vero supplizio assolutamente insopportabile.

   [Illustrazione: .... si erano precipitati nella sala,
   chiamando angosciosamente: — Mister Torpon! Signor di
   Montcalm! (Cap. IV).]

Nessun uomo di certo avrebbe potuto mantenersi tranquillo dinanzi a
quel pericolo che non poteva vedere, e che pure gli girava d'intorno,
minacciando di sopprimerlo quando forse meno se l'aspettava.

Era meglio slanciarsi, cercarlo, assalirlo coll'impeto della
disperazione, dovesse pure quello scatto riuscire fatale.

— Basta, — aveva mormorato fra sè il canadese. — Non posso più
resistere.... la paura mi assale.... agiamo prima che mi privi di tutta
la mia energia.... —

Balzò in piedi, mandando un grido di belva ed avventando all'impazzata
dei colpi furiosi.

Non si nascondeva più, non voleva più precauzioni: voleva la lotta a
qualunque costo.

Al suo grido un altro aveva risposto, non meno rabbioso, non meno
feroce e vicinissimo. Anche _mister_ Torpon si trovava nelle medesime
condizioni di spirito e cercava di dare o di ricevere la morte.

Per alcuni istanti i due uomini brancolarono nel buio profondo,
cercandosi ed avventando sempre colpi, senza sapere dove potessero
andare a finire, poi i due corpi, s'incontrarono furiosamente.

Due grida di dolore ruppero bruscamente il silenzio che regnava nella
sala, poi si udirono due tonfi.... Erano caduti!... Morti entrambi
forse?.......

                             . . . . . . .

I due _partners_ che avevano origliato dietro alle porte, sussultando
al più lieve rumore ed asciugandosi senza posa il sudore che inondava
le loro fronti, udendo quelle due grida e quei tonfi, avevano accese
le lampade elettriche, poi si erano precipitati nella sala, chiamando
angosciosamente:

— _Mister_ Torpon!...

— Signor di Montcalm!... —

Due gemiti e qualche bestemmia avevano risposto.

Quasi nel centro della sala, a tre passi l'uno dall'altro, giacevano i
due rivali, ciascuno con un coltello piantato nel petto.

I _partners_, in preda ad una emozione facile a comprendersi, si erano
gettati verso i disgraziati e subito un grido di stupore era sfuggito
dalle loro labbra.

Caso assolutamente straordinario, quasi incredibile! I due rivali si
erano colpiti nel medesimo punto, sotto la terza costola di destra e
le lame non erano penetrate che per pochi centimetri, pur rimanendo
infisse.

Il dolore provato e sopratutto l'emozione, avevano atterrati quei due
giganti e li avevano fatti svenire.

— Che cosa dite voi, _mister_ Patterson? — chiese il maestro di _boxe_
canadese.

— Che il destino non vuole che nessuno di questi uomini sposi miss
Perkins, — rispose il _boxer_ americano.

— Comincio a crederlo anch'io.

— Presto, leviamo i _bowie-knife_ e portiamo i feriti a letto.

Agite con precauzione, senza strappi, _mister_ Hall.

— Oh, me ne intendo io di ferite, — rispose il _boxer_ canadese.

— Si sono colpiti gravemente?

— Non mi sembra. Per atterrare questi uomini ci vogliono ben altre
ferite!

— Non perdiamo tempo: a voi il signor di Montcalm, a me _mister_
Torpon. —

I due maestri strapparono i loro fazzoletti per preparare alla meglio
un primo bendaggio, poi s'inginocchiarono presso i feriti, sbottonando
rapidamente le giacche ed i panciotti e strappando le camicie e le
maglie, poi trassero delicatamente le armi.

Due getti di sangue vivissimo irruppero tosto dai due tagli,
espandendosi sui larghi petti del _yankee_ e del canadese.

— Buon segno, — disse _mister_ Hall. — Il polmone non è stato toccato.

— Nemmeno quello del signor Torpon, — aggiunse il _boxer_ americano, —
almeno così spero.

— Portiamoli a letto.

— Sì, e presto. —

Fasciarono come meglio poterono le due ferite, per arrestare
l'emorragia, poi ognuno si prese il suo allievo ed essendo due veri
giganti, li trasportarono con non molta fatica in due stanze separate,
l'una però attigua all'altra.

In pochi istanti furono spogliati e coricati su dei buoni letti.

Continuando il sangue a trapelare attraverso la improvvisata
fasciatura, i due maestri stracciarono degli asciugamani e fecero un
nuovo e più stabile bendaggio.

— Ed ora, — chiese _mister_ Patterson al _boxer_ canadese. — Dobbiamo
avvertire l'albergatore?

— Sarebbe meglio che voi vi recaste a cercare qualche medico, _mister_
Hall.

Le ferite non mi sembrano gravi, tuttavia non commettiamo delle
imprudenze.

In quanto all'albergatore lasciatelo in pace.

Forse ai nostri allievi non piacerà che metta il suo naso nei loro
affari.

Conoscete la città?

— A menadito.

— Andate subito, mentre io rimango di guardia. Sono appena le nove ed
in qualche luogo potrete pescare qualche medico.

— Vado e torno subito. —

Il maestro americano era appena uscito, quando il _boxer_ canadese udì
un profondo sospiro uscire dalle labbra del signor di Montcalm.

— Finalmente!... — esclamò il brav'uomo. — Cominciavo a diventare
inquieto.

Speriamo che anche _mister_ Torpon torni presto in sè. —



CAPITOLO V.

Una sfida grandiosa.


Il canadese, forse più robusto dell'americano, o forse ferito meno
profondamente, dopo quel sospiro, aveva alzate le braccia, quindi,
a poco a poco, aveva aperti gli occhi fissandoli sul suo maestro di
_boxe_, con un misto di stupore e di ansietà.

Il pallore, che poco prima copriva il suo viso, svaniva rapidamente e
le sue gote si imporporavano lievemente.

— Non muovetevi, signor di Montcalm, — gli disse Hill. — Finchè non
giunge il medico voi dovete rimanere assolutamente immobile, poichè
quantunque io me ne intenda un po' di ferite, non ho studiato come quei
signori che escono dall'università.

— Ma che cosa è successo, _mister_ Hill? — chiese il ferito, con voce
abbastanza robusta.

— Per centomila caimani!... — esclamò il _boxer_, un po' spaventato.
— Non vi ricordate più dunque del duello all'americana che avete
sostenuto con _mister_ Torpon? Avete perduta la memoria, mio caro
allievo? —

Il canadese sgranò gli occhi, poi si battè la fronte, mossa che gli
fece fare una smorfia, strappatagli dal dolore, poi chiese con voce
alterata:

— L'ho ucciso? —

Il maestro di _boxe_ indugiò un momento prima di rispondere.

— Signor di Montcalm, — disse poi, — bisogna proprio credere che esista
un destino.

— Perchè dite questo, _mister_ Hill?

— Perchè non può essere stato che il destino, quel destino che vi
perseguita con un accanimento incomprensibile in tutte le vostre lotte,
a guidare le vostre mani ed i vostri coltelli in modo da ferirvi
reciprocamente nello stesso punto e probabilmente nelle medesime
condizioni di gravità.

— Che cosa dite?

— Che vi siete accoltellati reciprocamente, senza uccidervi.

— Infame destino!...

— Non infuriatevi, signor di Montcalm, — disse il _boxer_. — Non
dimenticate che siete ferito e che non so dove la punta del coltello
del vostro rivale sia giunta.

— Sono ancora vivo.

— Lo vedo, corpo di centomila bombe!... Diavolo!... Ci vorrebbe altro
che i miei allievi morissero così presto!

— Dov'è Torpon? — chiese il canadese, coi denti stretti.

— Nella stanza vicina e non è ancora tornato in sè. —

Il signor di Montcalm si passò per la seconda volta una mano sulla
fronte, senza fare smorfie questa volta, poi disse con voce un po'
rauca:

— Avesse almeno ucciso me!...

— Ah no, signor mio!... C'è sempre tempo a morire.

— Eppure bisogna finirla e romperla con questo perverso destino che ci
perseguita con tanto accanimento.

— Udiamo, signor di Montcalm.... ma ditemi prima se soffrite a parlare.

— Niente affatto. Mi pare di non essere nemmeno ferito, se non mi agito.

— Possedete una fibra meravigliosa.

— Dite dunque _mister_ Hall.

— L'amate proprio alla follìa quella indiavolata americana? —

Il canadese lo guardò per qualche istante, poi disse:

— Non so.

— Non ci sarebbe, invece d'una vera passione, un po' di puntiglio?

— Può darsi.

— Io, se fossi nei vostri panni, me ne andrei a fare un viaggio
nel nostro vecchio paese, nella nostra mai dimenticata Francia e
abbandonerei gli occhi azzurri ed i capelli biondi a quell'ippopotamo
di _yankee_.

A Parigi troverei facilmente altre donne che mi consolerebbero e che me
la farebbero dimenticare ben presto.

— È troppo tardi, — rispose il signor di Montcalm. — Tutti gli
_sportmen_ degli Stati dell'Unione e del Canadà tengono gli occhi
fissi su di noi, e se io abbandonassi la partita, proprio ora, non ci
farei una bella figura, mio caro maestro. Si potrebbe dire che io mi
sono ritirato per tema di prendermi un'altra coltellata o di ritentare
qualche altra prova.

No, mai!...

— Eppure quell'americana, come moglie, mi farebbe paura. Quella non è
una donna, è una diavolessa. —

Il signor di Montcalm stava per dare qualche risposta, quando si
udirono delle porte ad aprirsi e poi si vide entrare _mister_ Patterson
seguìto da un omiciattolo rotondo come una palla, con due gigantesche
basette che gli scendevano fino alle spalle e gli occhi nascosti da un
paio d'occhiali montati in oro.

— Ecco il dottore, — disse il maestro americano. — Come va _mister_
Torpon?

— Non è ancora tornato in sè, — rispose Hill.

— Occupatevi prima del vostro allievo, — disse il signor di Montcalm. —
Come vedete, non sto troppo male e posso attendere il turno.

— E me ne congratulo con voi, signore, — disse Patterson. — Che
fibre!... Dottore, passiamo nell'altra stanza. —

L'omiciattolo gettò su una sedia il lucente cilindro ed il soprabito,
lanciò sul canadese un rapido sguardo facendo un gesto incomprensibile,
e seguì il maestro americano.

— Forse credeva di trovare dei moribondi, — disse _mister_ Hill,
ridendo, — mentre ne trova uno che sta chiacchierando tranquillamente.

Non abusate però delle vostre forze e della vostra straordinaria
energia, signor di Montcalm. La febbre sopraggiungerà e quella brutta
bestia talvolta giuoca dei pessimi tiri.

Cacciatevi sotto e aspettiamo quella boccia di carne vivente. —

La visita a _mister_ Torpon durò una mezz'ora.

— Tutto bene, — disse Patterson, entrando nella stanza del canadese,
seguìto dal dottore. — È stato un buon colpo di coltello che per un
caso miracoloso non ha prodotto conseguenze troppo gravi.

Fra una settimana _mister_ Torpon sarà in piedi.

— Il destino non ci voleva morti, — rispose il signor di Montcalm. —
Speriamo che un giorno finisca di stancarsi. —

Il medico visitò la sua ferita, e non potè far a meno di manifestare
il suo stupore nel constatare che era stata prodotta nel medesimo punto
dell'altra e con eguale poca gravità.

— È strano, — mormorava, mentre, dopo d'aver dato alcuni punti e di
averla disinfettata, la fasciava. — È strano. Due colpi di coltello
identici. Ciò succede di rado. Bah!... Fra otto giorni anche voi,
signore, sarete perfettamente guarito.

                             . . . . . . .

L'omiciattolo non si era ingannato nelle sue previsioni, poichè otto
giorni dopo _mister_ Torpon ed il signor di Montcalm si trovavano
seduti, insieme ai due maestri di _boxe_, i quali non li avevano
lasciati, dinanzi alla stessa tavola che aveva servito loro pel
terribile brindisi augurante la morte o all'uno od all'altro.

La loro guarigione era stata rapidissima, mercè le cure assidue del
bravo dottore e sopratutto mercè la loro robusta fibra.

Le ferite si erano perfettamente cicatrizzate quasi nello stesso tempo
ed i due valentuomini pareva, almeno apparentemente, che non si fossero
serbati alcun rancore per quei due colpi di coltello che ancora una
volta li avevano pareggiati nelle loro sfide.

Una splendida colazione era stata ordinata questa volta dal canadese
e tutti vi si erano attaccati con grande appetito, inaffiandola coi
migliori vini di Francia e anche d'Italia.

Già avevano sorbito il caffè, quando il canadese, dopo di aver acceso
un _londres_ e di essersi rovesciato sulla sedia, disse:

— _Mister_ Torpon, che cosa pensate ora di fare? Di continuare la
nostra lotta o di rinunciare alla mano di miss Perkins?

Mi pare che le abbiamo provate tutte e sempre senza vantaggio nè per
voi, nè per me. —

L'americano che stava assaporando il fumo profumato d'un grosso _cuba_,
guardò il canadese con vivo stupore.

— Che cosa dite mai, signor di Montcalm!... — esclamò. — Io rinunciare
agli occhi azzurri ed ai capelli biondi di quella deliziosa _miss?_
Da quando in qua un _yankee_ rinuncia alla lotta? Anche se caduto si
rialza subito, se il diavolo non l'ha portato via, e più deciso che
mai.

Ah!... Su questo terreno, mio caro signore, non c'intenderemo mai.

Se voi volete rinunciare, siete padronissimo di farlo, ma io rimarrò
fermo ed incrollabile come la statua della Libertà che illumina la baia
di New-York.

Mi avete capito?

— Perfettamente, _mister_ Torpon, — rispose il canadese.

— Sareste voi deciso allora a ritirarvi?

— Io? Oh!... Rimarrò fermo come la enorme calotta di ghiaccio che si
addensa intorno al polo nord.

— Allora noi continueremo a disputarci miss Perkins.

— Certo.

— Suggeritemi ora in quale modo. Come avete veduto, anche i coltelli
si rifiutano di dare ad uno di noi una tale supremazia sull'altro da
soddisfare la _miss_.

— Tentiamo una cosa, _mister_.

— Dite.

— Voi avete fatto venire la vostra automobile?

— Sì, perchè desidero tornarmene a Buffalo.

— Andiamo invece ad Albany a trovare _miss_ Perkins e chiediamo a lei
un consiglio.

— Volevo proporvelo anch'io.

— Speriamo che ci dica quale sfida possiamo ormai tentare. Certe volte
dai cervelli delle donne escono delle buone idee.

— Specialmente dalle donne sportiste, — disse Hall, ironicamente.

— Ne sanno trovare più delle altre, — rispose Torpon, seriamente. —
Signori, non perdiamo altro tempo.

Il mio pilota è stato già avvertito di tenersi pronto. —

Saldarono il conto, un po' salato, poichè durante quegli otto giorni
avevano tenuto sempre a loro disposizione l'appartamento dell'ultimo
piano, diedero ai servi negri una generosa mancia ed uscirono.

Dinanzi all'_hôtel_ russava una bellissima automobile tutto dipinta
in grigio, della forza di sessanta cavalli, guidata da un giovane
meccanico asciutto come un'aringa e dagli occhi nerissimi e vivaci.

I quattro uomini si accomodarono sui soffici cuscini e la macchina
prese lo slancio, filando a grande velocità attraverso le vie di
Oswego.

Cinque minuti dopo marciava già attraverso la campagna coperta di uno
strato piuttosto alto di neve, dirigendosi verso il sud-est.

Quantunque le strade americane siano generalmente pessime e si prestino
ben poco alle lunghe e fulminee volate delle automobili, specialmente
quando cominciano i primi geli, cinque ore più tardi l'automobile di
_mister_ Torpon entrava nella bella e popolosa Albany, una delle più
graziose dell'America del nord, e si arrestava dinanzi ad un villino
d'architettura prettamente italiana, semi-circondato da uno spazioso
giardino nel cui centro s'apriva una vasta cinta.

Erano appena suonate le due, quindi _miss_ Perkins doveva trovarsi
ancora in casa.

Avevano appena condotta l'automobile in un piccolo e grazioso _garage_
che s'alzava a fianco della pista, entro cui sonnecchiavano parecchie
macchine, motociclette, velocipedi, scialuppe-automobili ecc., quando
la bella _miss_ si presentò, tutta vestita in seta azzurra con pizzi
bianchi, un cappellino piumato sui biondi e splendidi capelli ed un
frustino in mano.

— Ah!... Miei _gentlemen!_... — esclamò, tutta ilare. — Sono ben felice
di rivedervi perfettamente ristabiliti.

Voi volete commettere delle sciocchezze. Passi una partita di _boxe_,
ma un duello a colpi di _bowie-knife_ non si dovrebbe perdonare.

Mio Dio!... Siete diventati dei _cow-boys_ del Far-West?

— Come!... Voi avete saputo, _miss_.... — balbettò _mister_ Torpon, che
la divorava cogli occhi.

— E come non saperlo? I _reporters_ americani cacciano il naso
dappertutto e s'interessano specialmente delle persone che fanno molto
chiasso.

Voi minacciate di diventare più popolari ancora del signor
Roosevelt!... _Mister_ Torpon!... Il signor di Montcalm!... Ecco due
nomi che corrono ormai su tutte le bocche e che si odono ripetersi
perfino nei deserti dell'Arizona e del Colorado.

— Ah!... — fece semplicemente il canadese, facendo un lieve inchino.

— Se continuate così, — riprese l'indiavolata ragazza, — finirete per
farvi portare alla presidenza nella prossima lotta elettorale.

— Io sono canadese, _miss_, quindi non potrei mai aspirare ad un tanto
onore, — disse il signor di Montcalm, con una sottile punta d'ironia.

— Naturalizzatevi americano. È un buon consiglio che vi do, mio
_gentleman_.

— Ne chiederei un altro da voi, _miss_.

— A me!...

— A voi, poichè si tratta proprio di voi.

— Per la vostra eterna questione?

— Messa in campo da voi, _miss_.

— È vero, — rispose la giovane.

Riflettè un momento, poi raccogliendo graziosamente la sua lunga gonna
da amazzone, disse:

— Seguitemi nel mio chiosco favorito, signori. Prenderemo un _thè_
insieme. —

Uscì dal _garage_ svelta e leggiera come un uccello e dopo d'aver
attraversato parecchie aiuole ormai spoglie di fiori e di foglie,
introdusse i due rivali ed i loro _partners_ in un elegantissimo
chiosco di stile chinese, tutto in pietra bianca, con vetrate colorate
a disegni rappresentanti draghi mostruosi vomitanti fuoco, e lune
sorridenti in mezzo ad un cielo d'una tinta indefinibile ed ammobiliato
graziosamente.

Una stufa a gaz ardeva in un angolo, spandendo un dolce tiepore che
faceva crepitare i numerosi giornali gettati, semi-spiegazzati, su un
tavolino laccato, di manifattura celestiale.

Toccò un bottone elettrico, per dare qualche ordine, poi invitò i
quattro uomini a sedersi su delle poltroncine di velluto azzurro,
dicendo:

— Signor di Montcalm, potete spiegarvi meglio. Quale consiglio
desiderate da me?

— _Miss_, — disse il canadese, con voce grave, — siete sempre risoluta
a concedere la vostra mano al più forte di noi due?

— Un'americana non ha che una parola, ve l'ho già detto, — rispose la
giovane. — Non so se le canadesi siano così.

— Uditemi, _miss_: noi abbiamo tentato tutte le prove e come avrete
constatato, nè io, nè _mister_ Torpon siamo riusciti a riportare una
vittoria decisiva. Noi veniamo quindi a chiedere a voi che cosa d'altro
possiamo provare, giacchè siete sempre risoluta ad accordare la vostra
mano solamente al vincitore di questa singolare tenzone.

— Ma credete, signor di Montcalm, di aver esaurite tutte le sfide?

— Mi pare che non ci rimanga più nulla da tentare.

— V'ingannate. Avete letto l'edizione di ieri del _New-York Times?_

— Non ne ho avuto il tempo. M'interesso poco dei giornali americani.

— Allora voi non avete udito ancora parlare della grande corsa intorno
al mondo in automobile, organizzata dal _New-York Times_ in unione al
_Matin_ di Parigi, quello che ha indetta la famosa corsa Pekino-Parigi
guadagnata da uno _sportmen_ italiano, il principe Borghese.

— Una corsa intorno al mondo!... — esclamarono ad una voce i quattro
uomini.

— Sì, signori miei, un _raid_ gigantesco al quale, si sa fin d'ora,
prenderanno parte automobili italiani, francesi, americani e tedeschi.
Si fanno già i nomi degli eroi che prenderanno parte alla gara.

Si tratta d'una corsa di trentaseimila chilometri, trentamila dei quali
verranno coperti dalle vetture.

— Bisogna essere pazzi per tentare una simile prova! — esclamò _mister_
Torpon.

— E perchè, mio _gentlemen?_ Io ammiro già quegli uomini che si
slanciano attraverso il mondo sulla sbuffante macchina, sfidando chissà
quali pericoli!... Ah!... Se io fossi un uomo invece di essere una
donna, mi farei subito iscrivere.

— _Miss_, — disse il canadese, mentre due servi negri entravano
portando un superbo servizio di _thè_, con chicchere color del cielo
dopo la pioggia e adorne di stravaganti caratteri cinesi; — che cosa
vorreste dire con ciò?

— Che se io fossi al vostro posto, tenterei anch'io un _raid_ da far
stupire e commuovere il mondo intero, — rispose _miss_ Ellen, cogli
occhi scintillanti d'entusiasmo.

— Vorreste che ci iscrivessimo anche noi a quella grande corsa? —
chiese il canadese.

— Oh!... Io tenterei qualche cosa di meglio.

Ormai quel _raid_ è sfruttato, quantunque abbia ancora da cominciare.

— Che cosa fareste voi allora?

— Io!... Tenterei la conquista del Polo nord coll'automobile, per
esempio!...

— Superba idea!... — esclamò _mister_ Torpon, che da buon americano non
vedeva alcuna difficoltà anche nelle più pazzesche imprese.

— Un po' troppo pericolosa forse, — disse invece il canadese.

— E perchè pericolosa, signor di Montcalm? Se i concorrenti della
corsa organizzata dal _New-York Times_ e dal _Matin_ si propongono
di attraversare la gelida Alaska, che come voi saprete non è altro
che un immenso deserto di neve per non chiamarla addirittura un
mostruoso ghiacciaio, per poi passare lo stretto di Behring gelato e
quindi lanciarsi attraverso la non meno fredda Siberia, vuol dire che
un'automobile può sfidare le nevi ed i ghiacci.

Vi pare, signor Torpon?

— Io dico ciò possibilissimo, — rispose l'americano, senza esitare.

— Aggiungerò anzi che si dice che se il _raid_ intorno al mondo
riuscirà, come si spera, l'anno venturo i due giornali lancieranno una
sfida polare attraverso l'Artico.

Sfruttate prima voi quel grandioso progetto e vi coprirete senza dubbio
di gloria.

— Se non morremo, — disse il canadese, con un sorriso sardonico.

— Il destino che finora vi ha perseguitati, vi proteggerà, — disse la
giovane americana, sempre più entusiasmandosi. — Volete la mia mano?
Ebbene, marciate verso il Polo.

L'avrà, ve lo giuro, chi si sarà spinto più innanzi.

Se credete, disputatevela. —

Nel chiosco regnò un silenzio piuttosto lungo. I due rivali si
interrogavano collo sguardo, mentre la _miss_ versava il _thè_.

— Che cosa dite dunque voi, signor di Montcalm? — chiese finalmente
Torpon.

— Che se voi tenterete di raggiungere il Polo, io vi contrasterò, con
tutte le mie forze, la mano di _miss_ Perkins, — rispose il canadese
con voce grave. — Accada quello che si vuole, io tenterò quest'ultima
lotta. Tanto peggio per me se i ghiacci inghiottiranno me e la mia
automobile, o se gli orsi bianchi faranno colazione colle mie carni.

— Così dovevano parlare i grandi eroi dell'antichità!... — esclamò
_miss_ Ellen. — Qua la vostra mano, miei valorosi, e poi lanciatevi
alla conquista di quel cardine del mondo che è stato il sogno di tanti
audaci navigatori ed anche di tanti _sportmen_.

Afferrate il volante e.... _go ahead!_...

— Ecco una donna meravigliosa!... — esclamò _mister_ Torpon. — Nelle
vostre vene avete il vero sangue americano, _miss_.

— Per mandarvi a tentare la pelle e farsi una clamorosa _réclame_, —
borbottò fra sè il maestro di _boxe_ canadese, aggrottando la fronte.
— Preferisco le canadesi e quelle del nostro vecchio paese. Almeno sono
più equilibrate.

— E così, signori, siete ben decisi? — disse la giovane, dopo che tutti
ebbero vuotate le tazze.

— Per mio conto sì, — rispose il _yankee_. — Questa corsa verso il
polo mi ha subito conquistato. O raggiungerò il punto ove s'incrociano
tutti i meridiani del globo o morrò nell'impresa, col vostro nome sulle
labbra, _miss_.

   [Illustrazione: .... lanciatevi alla conquista di quel cardine
   del mondo che è stato il sogno di tanti audaci.... (Cap. V).]

— E voi, signor di Montcalm?

— Vi ho detto già _miss_, che partirò ed al più presto possibile per
disputare al signor Torpon la palma della vittoria.

— Ah, la vedremo, mio _gentleman!_... — gridò il _yankee_. — Io spero
di piantare lassù, fra il regno degli orsi bianchi, la bandiera degli
Stati dell'Unione, prima di voi.

— Non siete ancora giunto al Polo, _mister_.

— Ci andrò, ve l'assicuro.

— Non contate su nessun aiuto da parte mia. Ci considereremo come
nemici implacabili.

— Se io v'incontrassi, poichè io non partirò in vostra compagnia, e
dovessi trovarvi morente di fame, non pensate che io vi dia una sola
crosta dei miei biscotti.

— Meglio così, _mister_. Almeno ora so che non dovrò calcolare che
sulle mie sole forze, — ribattè il canadese.

— Nemmeno se vi vedessi fra le fauci d'un orso bianco, consumerò una
cartuccia per voi. Ricordatevelo, signor di Montcalm.

— Va bene. —

Il canadese s'inchinò dinanzi alla giovane americana, la quale aveva
assistito, impassibile, a quel battibecco, quasi come la cosa non le
riguardasse, dicendole:

— _Miss_, ritorno a Montreal per prepararmi al grande viaggio, poichè
conto di partire prestissimo per approfittare dei grandi freddi. Se
cadrò durante l'impresa, qualche volta pensate a me. —

Ciò detto uscì bruscamente dal chiosco, seguìto dal suo partner, il
quale masticava delle bestemmie.

                             . . . . . . .

Due giorni dopo su tutti i giornali di Montreal e di Quebec si leggeva,
a grossi caratteri, nelle quarte pagine, il seguente annuncio:

«Si cercano due uomini per accompagnare un signore che intende recarsi
al Polo in automobile. Uno dovrà essere uno _chaffeur_ già provato in
lunghi viaggi».

Rivolgersi al signor Gastone di Montcalm,

                                                    Gordon Street, 27
                                                            Montreal.



CAPITOLO VI.

L'equipaggio dell'automobile.


Tre giorni dopo l'annuncio pubblicato sui giornali — annuncio che aveva
prodotta una immensa curiosità fra tutti gli abitanti delle principali
città canadesi — un giovanotto di ventidue o ventitrè anni, biondo,
roseo, con due baffetti appena nascenti, ben piantato, e che indossava
un costume da ciclista che lasciava vedere la salda muscolatura di un
buon paio di gambe, quantunque fossero piuttosto lunghe, si presentava
alla porta della palazzina di Gastone di Montcalm, chiedendo di parlare
al proprietario.

Quel giovanotto era lo stesso che aveva assistito alla partita di
_boxe_ nella pista di Kingston e che per avere delle informazioni sui
due rivali, si era permesso il lusso di cambiare la sua ultima sterlina
per offrire al cicerone americano un _coktail_.

Il portinaio, un vecchio canadese di forme erculee, un discendente
certamente del vecchio paese, come chiamano laggiù la Francia sempre
rimpianta, malgrado la sconfinata libertà ed i grandi privilegi
accordati a quei coloni dall'Inghilterra, dopo averlo attentamente
squadrato, lo introdusse in un piccolo studio, semplicemente
ammobiliato, dove il signor di Montcalm stava in quel momento
esaminando con grande attenzione parecchi disegni.

— Chi siete e che cosa volete? — gli chiese senza preamboli il
canadese, dopo d'aver risposto al saluto toccandosi lievemente la
visiera del berretto da automobilista. — Spicciatevi, perchè veramente
ho fretta.

— Ho letto l'annuncio da voi fatto pubblicare sui giornali della città,
— rispose il giovanotto.

— Ah!... Benissimo, — disse il signor di Montcalm, facendogli cenno di
sedere ed osservandolo con vivo interesse. — Voi vorreste venire con me
al Polo nord.

Siete inglese, se non m'inganno.

— Sì, _gentleman_.

— Qual'è il vostro mestiere?

— Non ne ho alcuno, signore, — rispose candidamente il giovanotto, —
poichè ho lasciato l'Università di Cambridge solamente tre mesi or sono
e senza avere ottenuto nessuna laurea per colpa dello _sport_.

— Dello _sport_? Spiegatevi meglio signor....

— Walter Graham.

— Siete ben piantato, giovanotto mio, e confesso che mi interessate.
Dunque avete detto che lo _sport_....

— Mi ha rovinato, signor di Montcalm. Che cosa volete? Si studia ora
poco nelle Università di Cambridge e di Oxford, e tutto per colpa
dello _sport_, il quale minaccia seriamente di soppiantare i libri e di
mandare all'aria il pane della scienza.

— Che cosa s'insegnano di più in quelle due celebri Università, dunque?

— A coprire il più presto possibile la corsa delle cento _yarde_, del
mezzo miglio, del miglio e delle tre miglia; che io ho battute, unico
fra tutti, in 54 minuti e 53 secondi al _Queen's_ Club, nella classica
pista di Baron's Court, che si trova all'ovest di Londra, alla presenza
di cinquantamila persone fra _ladies_ e _gentlemen_, strappando la
vittoria al campione di Oxford. Assistevano perfino il principino
Alberto di Galles, il vescovo, e perfino S. A. Jam Sahib di Nawanagar,
il più popolare ed il più noto dei principi indiani spodestati.

— Ah!... — fece il signor di Montcalm, ridendo. — E poi si insegna
altro di meglio in quelle Università?

— La corsa agli ostacoli, il salto in altezza, il lancio del peso....
Diamine!... Bisogna ben dimostrare che i matricolini di Cambridge
valgono quanto e forse meglio di quelli di Oxford.

— Chi ha vinto dunque quest'anno? Oxford o Cambridge?

— Cambridge, signor di Montcalm, poichè c'ero io, proclamato primo
campione in tutti gli esercizî.

— Ed ultimo come studio.

— Ohimè, purtroppo. Lo _sport_ ha ammazzato i miei libri. —

Il canadese non potè frenare uno scoppio di risa.

— Consolatevi, _mister_ Walter Graham, perchè se voi vi foste invece
presentato a me con una laurea d'ingegnere, d'avvocato o di dottore, vi
avrei subito risposto che per quelle persone non c'era posto al Polo.

— Ah!... Signore!... — esclamò l'inglese, col viso raggiante.

— Adagio, mio caro giovanotto, — disse il canadese, il quale non si
stancava d'ammirare la solida muscolatura dello studente bocciato, —
ditemi innanzi tutto che cosa siete venuto a cercare in America.

— La fortuna, signor di Montcalm. Avevo intenzione di arruolarmi fra i
cacciatori della Compagnia della baia di Hudson.

— Ma quella compagnia recluta solo dei tiratori.

— Io spengo una candela a duecento passi, con un colpo di _mauser_.

— Scherzate?

— No, signor di Montcalm. Non temo nessun tiratore, io. Quando vorrete
ve ne darò una prova.

— Avete fatto colazione? —

Il giovane inglese arrossì fino al bianco degli occhi, poi dopo una
breve esitazione, disse:

— No, signor di Montcalm, poichè il mio albergatore, dopo che ho spesa
la mia ultima sterlina, non mi vuol più fare credito.

È già molto se mi lascia ancora dormire sotto il suo tetto. D'altronde
la povertà non è un delitto.

— La vostra franchezza mi piace, signor Graham, — disse il canadese,
ridendo. — Vi darò più tardi tanto da saldare esuberantemente i vostri
piccoli debiti, poichè fin d'ora vi considero come mio compagno nella
mia corsa verso il Polo.

— Ah!... Signore!... — esclamò lo studente bocciato, alzando le braccia.

— Mi piacete e vi arruolo a tamburo battente a cento dollari al mese,
con di più di un premio di altri cento ogni grado guadagnato oltre
l'ottantesimo parallelo. Vi conviene?

— Mi offrite una fortuna.

— Modestissima, giovanotto, ma che io raddoppierò se avremo la fortuna
di raggiungere il Polo nord.

— Ne dubitereste, signor di Montcalm?

— Eh, chi lo sa! Simili spedizioni hanno costato centinaia e centinaia
di vittime umane.

— Sulle navi però, non coll'automobile. —

Il canadese guardò sorridendo l'energico poco studioso dell'Università
di Cambridge.

— Avete tanta fiducia, voi?

— Sì, signor di Montcalm, e se vi occorrerà una vita umana per rapire
i begli occhi di _miss_ Perkins, prendetevi pure la mia, pur di battere
quell'animale di _yankee_. —

Una nube passò sulla fronte del canadese.

— Ah!... Voi sapete.... — disse.

— Eh!... Chi non lo sa che voi lottate per conquistare
quell'indiavolata ragazza?

— Indiavolata!... Avete ragione, è il suo vero nome. Amereste voi,
Walter, una simile donna? Ditemelo francamente. —

Il giovane inglese arrossì come una fanciulla, poi scuotendo il capo
e lisciandosi con un certo sussiego i suoi baffettini biondi appena
nascenti, disse:

— Io, come inglese, no!...

— Forse.... avete ragione, — rispose il canadese, corrugando la fronte.
— Queste americane.... —

Si arrestò di colpo, udendo squillare il campanello.

— Ci deve essere qualcun altro che desidera di venire al Polo a gelare
con me, — disse poi.

Lo studente bocciato era diventato pallidissimo ed aveva guardato il
canadese con estrema ansietà.

— Rassicuratevi, — disse il canadese, a cui nulla era sfuggito. —
Si presentassero anche James Ross, il famoso navigatore dei mari
antartici, o Mac-Clure, il più ardito, per mio conto, dei navigatori
artici, od anche l'ammiraglio Franklin in persona, morti purtroppo
da tanti anni, non li accetterei dopo di voi. Potete quindi essere
assolutamente tranquillo, giovanotto, perchè io conto.... —

In quel momento il gigantesco portiere comparve, dicendo:

— Padrone, vi è un uomo che ha in mano un giornale, e che desidera
parlarvi.

— Introducilo, Perrot. È un altro che vuole andare lontano in mia
compagnia.

Vedremo. —

Un istante dopo un uomo sui trent'anni, bruno quasi come un portoghese
od uno spagnuolo, con un occhio chiuso ed una rada barbetta nerissima,
entrava nel gabinetto del canadese.

Indossava un costume da _chaffeur_ piuttosto malandato e teneva in mano
un giornale.

— Il signor Gastone di Montcalm? — chiese, facendo un goffo inchino.

— Sono io, — rispose il canadese, alzandosi. — Indovino già lo scopo
della vostra visita.

Voi volete andare al Polo, è vero?

— Sì, signore, se voi mi ci condurrete.

— La vostra professione?

— Una volta ero marinaio, poi sono diventato _chaffeur_. Si cambia
sovente professione pur di migliorare e guadagnarsi meglio l'esistenza.

Credo d'altronde di fare per voi, avendo guidato l'automobile di lord
Hammer attraverso l'Alaska fino alla baia di Kotzebue.

— Sicchè avete molta conoscenza colle nevi e coi ghiacci.

— Sì, signore.

— Avete dei documenti che comprovino quanto asserite?

— Sì, signore.

— Sareste capace di aggiustare una macchina anche in mezzo ai ghiacci
polari?

— Sono stato baleniere, signore, e del freddo e delle bufere di neve me
ne rido, — rispose l'ex-marinaio.

— Sicchè voi vi impegnate di condurmi al Polo?

— Farò il possibile.

— Diecimila dollari di premio vi basterebbero?

— Per tale somma passerei sul corpo di tutti gli orsi bianchi del Polo,
— rispose lo _chaffeur_, mentre il suo unico occhio si accendeva d'una
luce intensa.

Il signor di Montcalm si era alzato. Accese un sigaro, poi disse:

— Ebbene, seguitemi nel mio _garage_. La mia macchina è già quasi
pronta e fra qualche giorno noi potremo slanciarci alla conquista del
Polo nord.

Ah! Come vi chiamate?

— Dik Mac Leod.

— Scozzese?

— Mio padre lo era.

— Venite, Dik: vi farò vedere la mia macchina. —

Uscirono dal gabinetto, attraversarono un piccolo giardino che si
stendeva dietro la palazzina ed entrarono sotto una vasta tettoia
chiusa da invetriate, dove cinque o sei uomini stavano lavorando
assiduamente intorno ad un'automobile che aveva dietro di sè una specie
di carrozzone tutto coperto, poco dissimile da quelli che usano i
saltimbanchi ambulanti.

— Ecco il mio treno, — disse il canadese, facendo segno agli operai di
sospendere il lavoro. — È una Thomas di sessanta cavalli, modificata
secondo i piani d'un ingegnere meccanico mio amico, e che credo ci
porterà direttamente al Polo senza troppi fastidi.

Osservatela bene Dik, giacchè sarete voi che dovrete condurla.

Come vedete abbiamo delle pneumatiche di ricambio, dentellate con
punte d'acciaio, perchè possano mordere i ghiacci quando noi ne avremo
bisogno, ed una riserva di benzina notevolissima, accumulata sotto la
prima vettura e divisa in casse assolutamente impermeabili.

Noi però non dovremo contare che sul carrozzone, il quale diventerà
la nostra casa. Avremo dei comodi letti, una buona stufa che brucerà
essenze minerali per poter resistere ai grandi freddi; viveri per tre
mesi; vesti di ricambio; una piccola armeria più che sufficiente per
noi; una minuscola biblioteca per non annoiarci troppo, una farmacia.

Guardate ora lassù, sul tetto della vettura: vi è un battello di pelle
di foca, poco dissimile dei _kayah_ esquimesi, ma capace di portare tre
uomini invece d'uno.

Io credo di aver pensato a tutto, però sono pronto a portare delle
modificazioni al mio treno se avete qualche cosa da dire.

— Signor di Montcalm, — disse lo studente bocciato, il quale girava
e rigirava intorno all'automobile ed alla vettura di rimorchio. — Io
credo che non vi sia più nulla da aggiungere. Il vostro rivale, quel
bisonte americano, non avrà certo un simile treno.

— Che cosa dite voi, Dik? — chiese il canadese al meccanico il quale,
da uomo pratico, esaminava attentamente il motore.

— Questa macchina è meravigliosa, — rispose il guercio. — Non ne avevo
mai visto prima di simili. Quali straordinarie modificazioni! Non sono
ancora i quattro cilindri fusi in blocco, coi movimenti a sfere, che
gl'ingegneri cercano da tanto tempo, ma questa, signore, vi assicuro
che è una macchina superba.

— Ho dovuto modificarla sui disegni d'un mio amico ingegnere che si
occupa molto di automobili. Noi non possiamo contare sulle più o meno
comode strade che attraversano il Canadà, quindi ho dovuto modificare
assai il mio treno perchè possa resistere alla lunghissima corsa
attraverso i ghiacci del Polo.

Come vedete il motore è semplice, solido, e nel medesimo tempo
leggiero, poichè una macchina pesante non avrebbe risposto allo scopo
che è quello di riunire il _maximum_ della forza col _minimum_ del
peso, ed il massimo rendimento col minimo consumo di combustibile.

Lo _chassis_ è di una solidità straordinaria, con balestre rinforzate
per quanto fu possibile, per resistere alle più forti scosse che
certamente dovremo subire nei salti attraverso gli _hummoh_ che
incontreremo in gran numero sugli sconfinati _paks_.

Guardate qui, Dik. Come voi sapete, il radiatore che è il congegno
più delicato, che rappresenta nella macchina quello che nell'uomo
è la circolazione del sangue, è stato sospeso mediante il sistema a
sospensione a molle Migevet, in modo che l'urto improvviso giungerà al
delicato istrumento doppiamente ammortito.

Ma poichè spesso gli urti non giungono solo alle ruote, in paesi ove
le strade sono affatto sconosciute, a proteggere il motore è stato
disposto un _carter_ d'acciaio che lo riparerà completamente dalle
punte dei ghiacci e dagli ostacoli imprevisti.

Il sistema di accensione è il magnete a bassa tensione, secondo il
nuovo sistema Bosch, il migliore che esista per mio conto.

Vi è inoltre un dispositivo speciale pel riscaldamento dell'olio prima
della partenza della macchina.

— Meraviglioso, — mormorò il meccanico. — Ecco ciò che si può chiamare
una macchina perfetta.

E pel congelamento dell'acqua avete pensato, signore? Capirete che
dovremo affrontare delle temperature spaventevoli.

— Naturalmente, ed è per questo che ho pensato, o meglio che il mio
amico ingegnere ha pensato di sostituirla con un miscuglio formato di
una metà d'acqua ed una di acquavite di grano, miscuglio che non potrà
gelare nemmeno a 60° sotto lo zero.

— Benissimo, signore.

— E le ruote?

— Sono delle pneumatiche coperte completamente di pelle, per evitare
che le basse temperature del Polo possano guastare le gomme.

Adopreremo prima quelle liscie, poichè finora sono state quelle che
hanno fatto la miglior prova sulle superficie gelate; più tardi vedremo
che cosa sapranno fare quelle dentellate.

Negli sgeli ci saranno forse più utili.

Guardate ora lo _chassis_. Corto, quadrato, solidissimo, molto più
rialzato degli altri per evitare maggiormente gli affondamenti nella
neve, aperto sul dinanzi e, come ben vedete, fornito d'una grossa
_capote_ di cuoio che può coprirlo interamente.

Per proteggervi meglio, ho fatto collocare dinanzi al volante uno scudo
di metallo rivestito di cuoio che vi riparerà perfettamente il petto e
le gambe ed un tubo che vi porterà l'aria calda nella ridotta, ottenuta
semplicemente coi prodotti dello scappamento.

— E la benzina?

— Si trova sotto la seconda vettura, rinchiusa in serbatoi di
quattrocento litri ognuno, sufficienti quindi per tremila miglia e
divisi in latte di venti litri ciascuna.

— Basterà per giungere lassù? È un po' lontano il Polo. —

Il canadese sorrise.

— Ho pensato al pericolo di dover rimanere senza combustibile.

Guardate, sotto la seconda vettura, abbastanza lontana dal deposito
di benzina, ho fatto collocare una piccola macchina che noi potremo
alimentare con canape inzuppata d'olio di foca, con grasso d'orso e
magari di balena.

Non otterremo certo una notevole velocità, ma quella macchinetta ci
eviterà delle _panne_ inguaribili in una regione dove non troveremo
delle drogherie aperte per venderci il combustibile che ci è
necessario.

— Meraviglioso!... — mormorò per la seconda volta l'ex-marinaio. — Con
simile treno si può andare anche in capo al mondo. E l'illuminazione?

— Ho pensato anche a quella. Noi porteremo una riserva di carburo
abbastanza considerevole che ci servirà per alimentare due magnifici
fanali a vetri sostituibili. Quando non ne avremo più, arderemo
dell'olio di foca o di morsa e vedrete che mediante un sistema ottico
speciale avremo luce finchè vorremo.

— Che preparazione splendida!... — esclamò lo studente bocciato. — Quel
bisonte americano non avrà di certo un simile treno.

— Lo credo anch'io, — rispose il canadese.

— Non avete saputo più nulla di lui?

— Assolutamente no.

— Che sia già partito?

— È impossibile. E poi un americano non parte senza farsi fare della
_réclame_, e finora i giornali non hanno scritto una riga.

Venite a visitare la nostra casa, poichè la vettura di rimorchio
diventerà la nostra abitazione, quando i grandi freddi ci piomberanno
addosso.

Guardate, è tutta foderata di _hickory_, tutto è legato di
_chatterstone_, poichè colle basse temperature non è prudente fidarsi
del metallo.

Ecco i nostri letti, ecco la nostra cucina, la nostra stufa, e queste
ruote? Toccatele!... Non sono mica delle semplici pneumatiche, sono
delle _Ducasble_ che non si possono rompere e ne ho altre due di
ricambio. Potrei percorrere con tutta sicurezza, venticinquemila
chilometri.

E poi guardate questi predellini. Vi sembrano ben larghi ma questi
nascondono dei segreti. Quando correremo sulle nevi sorreggeranno
meravigliosamente la nostra casa e le impediranno di affondare.

E guardate sotto che cosa nascondono: delle scatole d'acciaio che
contengono incudini, lime, utensili d'ogni genere, i pezzi di ricambio,
tutti bene avvolti e classificati.

Che cosa vorreste di più? Io sono convinto di poter raggiungere il Polo.

— Ed io più di voi, signor di Montcalm, — disse lo studente bocciato.

— E voi, Dik? —

Il meccanico lo guardò col suo unico occhio, poi disse:

— Io spero di farvi salire perfino sulle cime degli _ice-bergs_ con una
simile macchina, signore. Vi assicuro che faremo una bella corsa.

— Toccheremo la Groenlandia, signore? — chiese Walter.

— Sì, ma molto tardi, poichè io conto di passare a ponente dell'immensa
baia di Hudson, anche perchè mi hanno riferito, per caso, che il mio
rivale passerà invece lungo le rive di levante.

Risparmierà via, questo è certo, ma io preferisco marciare sulle
innumerevoli isole che l'Artico racchiude nel suo seno.

Quando avremo raggiunta la terra di Grant, potremo andare a trovare gli
esquimesi, se ne troveremo a tale latitudine.

Ora basta: avete veduto abbastanza, quindi possiamo andare a far
colazione.

Fra un boccone e l'altro discuteremo sulla via da tenersi, quantunque
ormai abbia preso il mio partito, per evitare qualsiasi possibile
incontro con _mister_ Torpon.

Venite. —



CAPITOLO VII.

I traditori.


Dik Mac Leod, il poco simpatico _chaffeur_, dopo un'abbondante
colazione, durante la quale aveva dato una sorprendente prova del
suo appetito, aveva lasciata la palazzina per recarsi a preparare il
suo bagaglio, quando un uomo di statura quasi gigantesca e di forme
massiccie, avvolto in un gran pastrano foderato di pelle di bisonte,
che da qualche ora passeggiava poco lontano dalla cancellata che
chiudeva il giardino, lo abbordò bruscamente, dicendogli:

— Vorreste permettermi una parola, _mister?_ Se non m'inganno siete uno
_chaffeur_, o almeno ne indossate il costume. —

Se il signor di Montcalm non si fosse trovato nel suo _garage_ assieme
allo studente per sorvegliare gli operai che davano gli ultimi colpi
alla preparazione dell'automobile, avrebbe subito riconosciuto, con non
poca sorpresa, in quel gigante il maestro di _boxe_ di _mister_ Torpon.

Dik Mac Leod, udendo quelle parole, si era fermato, osservando
attentamente l'americano ed ammirandone sopratutto le forme imponenti.

— Dite pure, _mister_, — rispose finalmente.

— Questo veramente non è il luogo per fare delle confidenze, mio caro
_chaffeur_, — rispose il _yankee_, lanciando un'occhiata sospettosa
verso la palazzina del canadese. — Posso offrirvi un buon bicchiere di
_wisky_ od un _grog?_

— Un po' di _alcool_ non fa male quando si è mangiato abbondantemente,
— disse l'ex-baleniere. — E poi io ho l'abitudine di non rifiutare mai
un invito quando mi viene fatto da un _gentleman_.

— Avete fatto colazione dal signor di Montcalm?

— Avete proprio indovinato, signore.

— Allora un buon bicchiere di _wisky_ vi farà digerire meglio d'ogni
altro liquore.

— Anche due, _mister_. —

Il maestro di _boxe_ attraversò la via che era in quell'ora piuttosto
frequentata, e dopo d'aver svoltato l'angolo d'un vasto caseggiato,
entrò in un _bar_, chiedendo un gabinetto ed una bottiglia di _wisky_,
del migliore.

Pochi istanti dopo si trovava seduto di fronte allo _chaffeur_, in un
salottino minuscolo e silenzioso.

— Bevete innanzi tutto, _mister_....

— Dik Mac Leod, — rispose l'ex-baleniere, vuotando d'un colpo il
bicchiere e facendo scoppiettare la lingua con visibile soddisfazione.
— Ed ora, signore, ditemi che cosa desiderate da me ed al più presto
possibile, non avendo troppo tempo da perdere.

— Vorrei sapere se siete libero o se il signor di Montcalm vi ha
arruolato.

— Parto pel Polo, _mister_.

— Coll'automobile di quel signore?

— Precisamente. Volevate forse farmi anche voi qualche proposta? —

Invece di rispondere, il maestro di _boxe_ gli chiese bruscamente:

— Siete un uomo scrupoloso o ne avreste quando si trattasse di
guadagnare una bella somma? —

L'occhio dell'ex-baleniere fiammeggiò sinistramente.

   [Illustrazione: .... centomila lire non si guadagnano tanto
   facilmente in un giorno.... (Cap. VII).]

— Mi avete capito? — chiese l'americano, vedendo che lo _chaffeur_
indugiava a rispondere.

— Pur di guadagnare del denaro, mi sentirei capace di scendere
all'inferno e di andare a rompere tutte le corna di compare Belzebù,
— disse l'ex-baleniere. — Perchè credete che io abbia accettato di
condurre il signor di Montcalm al Polo? Per rivedere i ghiacci e fare
la conoscenza, o meglio rinnovarla, cogli orsi bianchi, le foche e le
morse? No; ma per la grossa somma che mi ha offerto, mio _gentleman_.

— Molto grossa?

— Eh!... Diecimila dollari.

— Che cosa direste allora se vi fosse una persona che ve ne offrisse
altrettanti per impedire che il signor di Montcalm giunga proprio fino
al Polo? —

Dik Mac Leod prese la bottiglia di _wisky_, si empì il bicchiere e dopo
d'averlo vuotato d'un fiato lo depose sul tavolo con fracasso, dicendo:

— Che razza d'affare è mai questo?

— Un affare di diecimila dollari che potreste guadagnare,
immobilizzando un'automobile, operazione semplicissima per uno
_chaffeur_.

— Un colpo al radiatore ed è bella e finita, — disse l'ex-baleniere.

— Un affare di cinque minuti.

— Ma nemmeno d'uno, mio signore.

— E sareste proprio capace di darlo?

— Per diecimila dollari!... Farei saltare anche l'automobile e la
vettura di rimorchio.

Basta un zolfanello e la benzina scoppia come una bomba insieme a tutti
i suoi serbatoi.

— Che bel furfante!... — non potè a meno di pensare il maestro di
_boxe_. — Il signor Torpon ha avuto fortuna, e non sarà certo il
signor di Montcalm che andrà a pranzare là dove s'incrociano tutti i
meridiani. —

Levò da una tasca una bellissima pipa di schiuma levantina, regalo
certamente del suo munifico allievo, la riempì di tabacco, impiegando
un certo tempo che l'ex-baleniere occupava intanto a baciare
amorosamente la bottiglia di _wisky_, l'accese, e dopo d'aver lanciato
in aria tre o quattro boccate di fumo, in modo da avvolgersi quasi
completamente dentro una nuvola, riprese:

— Sapete per quale motivo il signor di Montcalm tenta di recarsi al
Polo?

— Eh!... — fece il baleniere. — Chi non lo sa? I giornali hanno parlato
abbastanza.

È una sfida che finirà dentro gli occhi azzurri d'una ricca ereditiera
_yankee_: _miss_ Ellen Perkins, se non m'inganno.

— Benissimo, giovanotto.

— E che _mister_ Torpon vorrebbe portare via al signor di Montcalm, è
vero? — chiese lo _chaffeur_, sorridendo.

— Meglio che meglio. Ciò mi eviterà di darvi soverchie e poco
interessanti spiegazioni.

— E _mister_ Torpon ha mandato voi ad offrirmi una somma, per impedire
che questo signor canadese vinca la sfida.

— Avete una intelligenza straordinaria, giovanotto. Al di là del S.
Lorenzo fareste maggior fortuna che al Canadà.

— Pare che si possa farla anche sulla riva sinistra del fiume, mio
_gentleman_, poichè centomila lire non si guadagnano facilmente in
un giorno quando non si portano i nomi d'un Carnegie o di un Pierpont
Morgan.

— Avete ragione.

— Ora spiegatevi meglio.

— Sareste deciso ad accettare la proposta che vi ho fatta?

— Sarà un tradimento assai nero, tuttavia pur di guadagnare una così
bella giornata, che mi permetterà un giorno d'armare anch'io una
goletta baleniera e di comandarla non più come marinaio, bensì come
padrone, sono pronto a tutto.

— Galeotto, — brontolò il maestro di _boxe_, facendo un gesto di
disgusto che sfuggì allo _chaffeur_, occupato in quel momento a mandar
giù un altro bicchiere. — Giacchè sono venuto qui, cerchiamo di fare
gl'interessi del mio allievo. —

Aspirò altre tre o quattro boccate di fumo, poi disse:

— A noi basta che il signor di Montcalm non superi il 90º. Conducetelo
pure molto al nord, a noi non importa. Quello che ci preme è che lo
immobilizziate prima di giungere al Polo.

Dove? Come? Quando? Questo riguarda voi.

— Diavolo!... — esclamò l'ex-baleniere, percuotendo il tavolo con un
pugno formidabile. — E non avete pensato alla mia pelle? Che cosa ne
farei dei vostri denari se io non potessi più ritornare?

— Passeranno ai vostri eredi, poichè io ho l'ordine di depositare, a
quella banca che voi mi indicherete, i diecimila dollari intestati al
vostro nome e non ritirabili prima di tre mesi. —

L'ex-baleniere fece una smorfia.

— Alla malora i miei eredi!... — esclamò. — Preferisco divorarmeli io
quei dollari.

— Ritornate e li ritroverete.

— E se, come voi desiderate, o meglio m'imponete, immobilizzo il treno
in mezzo ai ghiacci all'80º od all'85º od 88º parallelo, come farò poi
io a tornarmene indietro? Io non mi occuperò della pelle degli altri se
vorrete ma, _by-god!_... Ci tengo un po' alla mia!...

— Vorreste guadagnare una somma così rispettabile senza correre nessun
rischio? E poi, non vi sarà lassù _mister_ Torpon coi suoi compagni e
la sua automobile?

— Purchè riesca a spingersi tanto innanzi, — osservò lo _chaffeur_. —
Bisogna conoscerle quelle regioni per farsi un'idea delle difficoltà
che si possono incontrare.

— Esitate?

— Ah no!... Non voglio perdere un'altra fortuna.

— Accettate?

— Sì, mio _gentleman_.

— Quando parte il signor di Montcalm? — chiese il maestro di _boxe_.

— Domani a mezzanotte. Vuole andarsene senza fracasso e senza _hurràh_.

— Allora domani mattina, alle nove, vi aspetto qui coi diecimila
dollari che andremo a depositare insieme, a nome vostro, alla banca che
mi indicherete.

— Patto concluso: qua la mano, _gentleman_. —

Una stretta formidabile, una vera stretta all'americana, che fece fare
al briccone una brutta smorfia, chiuse il dialogo.

Dik Mac Leod si alzò, un po' traballando sulle gambe piuttosto malferme
e se ne andò colle mani sprofondate nelle ampie tasche, borbottando:

— Ecco una bella giornata!... Lo sapevo io che cambiando mestiere avrei
finito per fare una bella fortuna. Le foche, le morse e le balene che
da tre anni lascio in pace, devono aver pregato per me.

                             . . . . . . .

La mezzanotte suonava all'orologio del palazzo del governo, tosto
ripetuta su diversi toni da tutti gli orologi dei campanili delle
chiese cristiane e protestanti di Montreal, quando il cancello del
giardino in mezzo a cui s'alzava il _garage_ di Montcalm s'aprì per
lasciar passare il treno destinato a conquistare il Polo artico.

Nevicava fortemente ed un vento freddissimo, che giungeva a grandi
raffiche dalle immense pianure dell'Ontario, spazzava, sibilando
sinistramente, le vie della città ormai già deserte.

Dik Mac Leod sedeva al volante; dietro di lui, ben avvolti in ampi
gabbani di grosso feltro, stavano il signor di Montcalm e Walter,
l'allegro studente bocciato.

Nella vettura a rimorchio, ben chiusa e tutta oscura, non vi era
nessuno.

— Buon viaggio, padrone!... — disse il gigantesco portiere, alzando la
lanterna e spalancando i cancelli. — Che Dio vi assista in così grande
e così pericolosa impresa.

— Addio, mio buon Perrot, — rispose, con voce un po' commossa, il
signor di Montcalm. — Se gli orsi bianchi non ci divoreranno, prima di
due mesi noi saremo di ritorno.

Ti manderò notizie dal forte Severn e da quello di Churchill, se non
avrai premura. —

Poi alzando un po' la voce disse allo _chaffeur_, che si era ben
accomodato dietro allo scudo d'acciaio tutto ricoperto di _hickory_,
perchè le sue gambe non avessero nessun contatto col metallo:

— All'ufficio telegrafico, prima di tutto.

— Bene, signore, — rispose l'ex-baleniere.

L'automobile infilò la larga via, rumoreggiando e brontolando, e
spazzando dinanzi a sè la neve che si era già accumulata in alti
strati.

Attraversò alcuni corsi a velocità moderata, qualche piazza, poi si
fermò dinanzi all'imponente ufficio telegrafico, illuminato come in
pieno giorno da una moltitudine di lampade elettriche.

Il canadese balzò a terra scuotendosi di dosso la neve, fece segno a
Walter di seguirlo ed entrò dirigendosi verso uno sportello dietro cui
sonnecchiava un impiegato.

— Speditemi subito questo ad Albany, — disse il signor di Montcalm,
presentando un modulo già scritto.

L'impiegato sbadigliò un paio di volte, si accomodò sul naso gli
occhiali e lesse:

«Albany — _Miss_ Ellen Perkins.

Sono partito.

                                                    «G. di Montcalm».

— Null'altro? — chiese l'impiegato.

— Niente da aggiungere, — rispose il canadese.

Attese la ricevuta e tornò nell'automobile.

— Un po' secco quel telegramma, — disse Walter, riprendendo il suo
posto.

— Quella orgogliosa americana che per smania di farsi della réclame
manda gli uomini che la corteggiano a rompersi il collo perfino al
Polo, non merita di più, amico, — rispose il canadese.

— Ecco un amore poco saldo in gambe.

— Può darsi. Dik, avanti, e appena fuori della città non fate risparmio
di benzina. Prima di giungere ai grandi banchi del Polo, ne troveremo
dell'altra.

— Chi ce la provvederà, signor di Montcalm? — chiese lo studente. — Gli
orsi bianchi non ne hanno mai tenuta di certo in serbo per comodità dei
signori automobilisti.

— Ho prese le mie precauzioni, giovanotto mio. A quest'ora i due forti
della Compagnia delle pelliccie della Baia di Hudson, che si trovano
sui confini della regione abitabile, devono essere già stati avvertiti,
per cura del rappresentante della Compagnia di Montreal, del mio
passaggio.

Là non ci mancherà la benzina, ma dopo non dovremo contare che sulla
nostra riserva.

Sarà dopo il forte Churchill che le grandi difficoltà ed i grandi
pericoli cominceranno per noi.

— E per toccare quegli stabilimenti perduti fra le nevi polari voi
avete prescelto la via più lunga?

— Precisamente, Walter. Se noi seguissimo invece la rotta a levante
della baia d'Hudson, abbrevieremmo di molte centinaia di leghe il
tragitto, ma là i forti mancano.

— E voi credete che Torpon seguirà invece quella?

— Così mi hanno riferito.

— Speriamo che vada ad affogarsi nello stretto d'Hudson, che troverà
sulla sua rotta.

— E forse non ancora così solidamente gelato da poterlo attraversare,
poichè lo raggiungerà troppo presto.

— Mentre noi?

— Mentre noi troveremo sempre terra fino alla Terra di Boothia, che si
stende al di là del 70º parallelo e dalla quale potremo passare, senza
alcuna difficoltà, sulla Terra di Somerset che spinge le sue punte
settentrionali a pochi minuti dal 75º.

— A 15 soli gradi di distanza dal Polo.

— Sì, Walter.

— Ossia a sole novecento miglia.

— Precisamente.

— Distanza che noi potremo forse superare in ventiquattro ore.

— Oh, non correte tanto, amico, — disse il signor di Montcalm,
sorridendo. — Su quei ghiacci non potremo spingere il nostro treno
nè alla velocità di ottanta, nè di cinquanta e forse nemmeno di dieci
miglia all'ora

Chissà quali brutte sorprese ci offriranno quegli sterminati campi di
ghiaccio.

Io non mi illudo di trovare dei paks abbastanza lisci per far correre
le nostre ruote.

— Eppure io sono convinto, signor di Montcalm, — disse lo studente con
grande entusiasmo, — che noi riusciremo a sollevare il velo misterioso
che copre quel dannato Polo nord.

— Si vedrà. —

Intanto l'automobile continuava a correre in mezzo alla neve che
copriva le vie, mantenendo una velocità moderatissima di non più di
trenta miglia all'ora, per non imprimere troppe scosse alla vettura di
rimorchio.

Nevicava sempre a grandi fiocchi che il ventaccio faceva volteggiare
in tutte le direzioni, ma nessuno se ne inquietava, poichè la capote
di cuoio riparava magnificamente tanto lo _chaffeur_, quanto i suoi due
compagni.

Alle dodici e mezza il treno, quasi da nessuno notato, volgeva le
spalle ai vecchi bastioni di Montreal e correva attraverso alla bianca
campagna per raggiungere l'Ottawa, nel suo corso superiore.

Quantunque la neve fosse già alta più d'un metro, la macchina
funzionava magnificamente, aprendosi, senza fatica, un largo solco
entro cui s'incanalavano le ruote, turbinando e sobbalzando.

Il canadese e lo studente, stanchissimi pei lavori compiti durante la
giornata, a poco a poco avevano chiusi gli occhi, invitati al sonno
dal sonoro russare della macchina, e godendosi il dolce tiepore che
sfuggiva dai due tubi, volti uno verso la ridotta del guidatore e
l'altro verso l'interno della vettura, ed ottenuto coi semplici residui
dello scappamento.

Dik Mac Leod, rannicchiato dietro lo scudo protettore, colle mani
coperte da grossi guanti di pelle di foca, aggrappato al volante,
spalancava invece sempre più gli occhi. Temeva di incontrare qualche
improvviso ostacolo, non essendo le strade canadesi così ben tenute,
nè così sicure come quelle europee, quantunque le due grosse lampade a
carburo, fissate sul davanti, spandessero due intensi fasci di luce che
si prolungavano oltre i venti metri.

Alle cinque del mattino, il treno che aveva viaggiato tutta la notte,
attraversava l'Ottawa sul ponte metallico della linea ferroviaria e si
slanciava verso le grandi pianure dell'Alto Canadà, coperte d'immense
boscaglie di pini bianchi, di aceri, di betulle, di quercie nere,
rifugi quasi sicuri dei bufali, degli orsi, delle gigantesche alci e
sopratutto dei lupi, specialmente grigi e neri.

Al fracasso prodotto dal treno passando sulle lastre d'acciaio del
ponte, il canadese e Walter avevano aperti gli occhi.

— Come va, Dik? — chiese subito il signor di Montcalm.

— Benissimo, padrone, — rispose l'ex-baleniere. — La bufera di neve è
terminata ed il freddo rassoderà presto quella che è caduta.

— E la macchina?

— Funziona meglio d'un orologio.

— Allora possiamo bere il _the_.

— Approvato, — disse l'ex-studente. — M'incarico io di andarlo a
preparare. Non faccio per dire, ma gl'inglesi lo sanno fare meglio di
tutti gli altri popoli. —

L'automobile fu fermata ed i tre uomini passarono nella vettura-salon,
anche per vedere se tutto era rimasto in ordine durante quella prima
corsa.

Bevuta la profumata bevanda, accompagnata da un paio di bicchierini
di _wisky_ e fatta una fumata, i viaggiatori tornarono al loro posto
sull'automobile, riprendendo subito la corsa.

La strada ormai non esisteva più, poichè l'Alto Canadà è poco abitato
e poco frequentato. Essendo però formato da pianure o boscose o coperte
di laghetti e di vastissimi stagni, almeno nella sua parte meridionale,
che gelano subito ai primi freddi, il viaggio non poteva presentare
alcuna difficoltà.

Di quando in quando, attraverso gli squarci della nebbia, alzatasi coi
primi raggi del sole, apparivano delle vaste fattorie, costruite per
lo più in legname, con immensi recinti che si prolungavano per miglia
e miglia, gremiti di grassi bufali durante la buona stagione, ma ora
deserti.

Dei cavalieri, di tratto in tratto, si mostravano e si mettevano a
galoppare dietro all'automobile, lanciando grida selvagge.

Erano per lo più irochesi, gli ultimi discendenti di quelle formidabili
tribù che un tempo costituivano sei nazioni, ora ridotte solamente a
cinque: gli Oneida, i Seneca, i Tusiarora, gli Onondaga ed i Cayuga.

L'ultima è ormai scomparsa per le guerre sanguinose e non ne esiste
ormai più nessun rappresentante, nemmeno fra gli Assiboini e gli
Algonchini.

Non vi è più nessun Mandano nel Canadà.

Quegli indiani vestiti ormai quasi all'europea, con un cilindro in
testa spelato ed ammaccato, adorno di qualche etichetta di sardine
di Nantes, con dei lunghi calzoni neri sbrindellati, che altro non
conservavano dell'antico costume che una pelle di bisonte malamente
conciata o qualche coperta variopinta e tutta rattoppata, facevano una
ben meschina figura, quantunque non avessero ancora perduta la tinta
più o meno bruno-rossastra e le capigliature lunghe.

Fenimore Cooper non avrebbe potuto più riconoscere in quei guerrieri
degenerati nessuno dei suoi eroi.

— Peccato! — mormorava lo studente, il quale non si stancava di
osservarli, quantunque non vedesse più, sopra i lunghi capelli
svolazzanti, i diademi di piume multicolori, o sui loro dorsi le
artistiche acconciature di tacchino selvatico. — La civiltà ha
distrutto la poesia delle pelli-rosse perfino in mezzo alle regioni
nevose. —

A mezzodì l'automobile, sempre rimorchiando splendidamente la
carrozza-salon, dopo una corsa di oltre trecentocinquanta chilometri,
si cacciava sotto le immense foreste che coprono ancora buona parte
dell'Alto Canadà e che si spingono, quasi ininterrottamente, fino sulle
sponde meridionali della vastissima baia di Hudson.

— Walter, — disse il canadese, — ecco il momento di provare la vostra
abilità nel maneggio delle armi da fuoco. Entriamo nel regno della
grossa selvaggina. Spero che non vi rincrescerà assaggiare un buon
filetto di bisonte o d'alce o di mooses.

Io cercherò di aiutarvi, non essendo un pessimo tiratore.

— Non sareste nemmeno Canadese, — rispose lo studente bocciato. — Si
dice che i vostri compatriotti siano i migliori cacciatori del mondo.

— Ed infatti la Compagnia delle pelliccie della baia d'Hudson
preferisce arruolare i nostri piuttosto che gli altri.

Facciamo una fermata sul margine di questa gigantesca foresta per
prepararci il pranzo. Chissà che intanto non ci passi a tiro di fucile
qualche bel capo di selvaggina.

Dik, abbandonate il posto e lasciate che l'automobile russi. Un po' di
riposo non le farà nemmeno male. —



CAPITOLO VIII.

La caccia all'automobile.


Quantunque il freddo fosse abbastanza intenso, segnando già il
termometro 5° sotto zero, i tre esploratori si prepararono il
pranzo all'aria aperta, proprio sul margine della grande foresta e
precisamente sotto un gigantesco pino bianco che coi suoi folti e
ben disposti rami aveva lasciato intorno a sè un bel circolo di terra
sgombra di neve.

Contando, durante quella fermata, di provare le loro armi, avevano
tolte dalle casse delle rivoltelle Colt e tre _mauser_, nonchè una
grossa carabina a due canne, carica con proiettili a punta d'acciaio,
destinati a bucare la pelle dei grandi ruminanti, i quali sono ancora
abbastanza numerosi nelle selve del Canadà settentrionale, malgrado
l'attiva caccia che danno loro gli scorridori della Compagnia delle
pelliccie.

Pel momento però non si mostravano che degli uccelli, come falchi
pescatori ed aquile pescatrici, gru con becchi lunghi più di venti
centimetri e degli ortolani, chiamati anche uccelli delle nevi, perchè
di solito non si incontrano che là dove il candido lenzuolo copre la
terra.

In lontananza però, ben dentro la maestosa foresta, di quando in quando
si udiva risuonare lugubremente qualche urlo dei lupi cervieri, animali
pericolosissimi se si trovano in buon numero e che si frammischiano
anche coi grandi e grossi lupi neri, quando si tratta di dare la caccia
a qualche slitta od a qualche grosso capo di selvaggina.

— Proverei volentieri le vostre armi contro quegli urlatori, — disse lo
studente, dopo terminato il pasto, mentre stava accendendo la pipa. — È
vero quello che si dice, signor Gastone?

— Che ve ne sono ancora molti dei lupi nelle foreste canadesi?

— Precisamente, signore.

— Io sono certo che non ci mancherà qualche furioso inseguimento da
parte di quelle brutte bestie.

Quando l'inverno comincia, la loro fame aumenta anche pel fatto che
gran parte della selvaggina emigra in cerca d'un clima più dolce.

— Sicchè ne incontreremo di certo.

— Non avrete che da scegliere fra lupi cervieri, grigi e neri, —
rispose il canadese. — Così ci provvederemo di pelliccie che nelle
regioni più settentrionali ci faranno molto comodo.

— Per farci dei giustacuori, — disse l'ex-baleniere, il quale fumava
come una vaporiera con una vecchia pipa tedesca che doveva contare un
bel numero di anni.

— Siete anche voi cacciatore, Dik? — chiese Montcalm.

— Sì, padrone.

— Allora gli orsi avranno a che fare con noi. Volete che partiamo?

— Stavo per domandarvelo, signor di Montcalm, — disse lo studente. —
Non udite come i lupi si chiamano? Che ci abbiano fiutati?

— È probabile.

— Che ci mangino le gambe?

— Ci rifugieremo nella vettura-salon e vedremo se saranno capaci di
entrare. Sarà una vera fortezza imprendibile pei nemici a quattro
gambe. —

Sgombrarono il posto togliendo la piccola stufa portatile e risalirono
sull'avantreno portando con loro le armi e le cartucciere ben fornite.

La grande foresta lasciava dei varchi considerevoli, tali da permettere
al treno di avanzarsi comodamente, tanto più che il terreno era
abbastanza bene livellato.

Si sa già che i pini crescono ad una certa distanza l'uno dall'altro ed
in regioni dove i cespugli scarseggiano affatto e mancano assolutamente
le liane, i rotangi, i calamus e tutti gli altri arrampicanti che
rendono invece quasi impenetrabili le foreste equatoriali e tropicali.

E poi pareva che la grande boscaglia fosse stata già vigorosamente
attaccata dalla mano dell'uomo, poichè di quando in quando i
viaggiatori incontravano delle vaste radure, dove giacevano ancora
moltissimi tronchi già abbattuti e che davano non poca noia a Dik.

— Anche questa immensa riserva di legname, fra un paio d'anni, se
non prima, subirà la medesima sorte toccata a quelle che un giorno
coprivano le rive dell'Ottawa e del S. Lorenzo, — disse il canadese a
Walter, il quale si occupava più delle urla dei lupi che degli alberi.

— Si brucia dunque spaventosamente nel Canadà? — chiese lo studente. —
Eppure ci sono delle miniere di carbone anche qui.

— Ma con quello non si fabbrica la carta.

— La carta!... — esclamò Walter, guardandolo con stupore.

— Ma sì: è la peggiore nemica delle foreste e finirà, in un tempo più o
meno lungo, per distruggerle completamente.

— Oh diavolo!... Io non lo avrei mai supposto.

— Potrei invece dire che è il giornalismo, specialmente quello
americano, che finirà per farle scomparire.

— Non si adoperano più i cenci per fabbricare la carta, ora?

— Certo, anche quelli, ma a che cosa basterebbero? Tutti gli stracci
raccolti nel mondo non potrebbero bastare nemmeno alla decima parte del
consumo attuale della carta.

Sono i nostri vicini degli Stati dell'Unione che hanno decretata la
distruzione dell'abete bianco, dell'abete rosso e del pioppo, i quali
sono i più indicati per ottenere una buona carta adatta alla stampa a
buon prezzo.

In questi ultimi venticinque anni le dimensioni dei giornali americani
si sono raddoppiate ed il solo aumento nel numero di pagine rappresenta
la distruzione annua di una foresta lunga venti chilometri e larga
dieci.

— Fulmini di Giove!... — esclamò Walter.

— Questo immenso sviluppo del giornalismo americano va attribuito
al basso prezzo della carta, all'introduzione delle macchine ed allo
sviluppo enorme della _réclame_ per mezzo dei giornali.

Oggidì funzionano, nelle sole tipografie dei giornali dell'Unione,
oltre seimila macchine per comporre ed ognuna di esse fa in media il
lavoro di tre operai.

I più importanti periodici domenicali della sola città di New-York
hanno quasi tutti sessanta pagine ciascuno e ogni copia rappresenta la
quantità di carta necessaria per un libro in ottavo di 480 pagine, e
tuttociò per soli venticinque centesimi.

Se fate il calcolo vedrete che ogni domenica negli Stati dell'Unione
escono 456 edizioni su tanta carta quanta ne basterebbe per sei milioni
di volumi in ottavo di 500 pagine ciascuno.

— Quei giornali divorano una foresta alla settimana dunque!...

— Poco meno, Walter, — rispose il canadese. — E questo enorme
consumo comincia ad impensierire non poco i _yankees_, i quali vedono
scomparire le loro antichissime e meravigliose foreste con una rapidità
spaventevole.

— E quali parti impiegano delle piante?

— La corteccia, la quale viene lavorata con una rapidità incredibile.

Poco tempo fa si è anzi tentato un _record_ da una grande cartiera di
Eisenthal.

Alle sette e trentacinque del mattino tre alberi venivano tagliati
in una vicina foresta e subito portati alla fabbrica dove vennero
immediatamente scorticati e macinati. Il legname fu ridotto, passando
per diversi bagni, in una specie di pasta che fu affidata alle macchine
da carta che la distesero in fogli sottili ed alle nove e mezza il
primo foglio usciva già pronto per la stampa.

La tipografia di un giornale quotidiano sorgeva a quattro chilometri
dalla fabbrica.

I primi fogli furono caricati su un'automobile e portati alla
tipografia. Alle dieci le prime edizioni del giornale uscivano belle e
stampate cogli alberi abbattuti due ore e mezza prima.

— È meraviglioso!... — esclamò lo studente, — Ma se si va di questo
passo non vi saranno più foreste sulla superficie del globo.

— No, anche la distruzione delle boscaglie presto si arresterà, poichè
i chimici hanno già trovato di che surrogare le corteccie dei pini.

Oggi si comincia a ottenere della buona carta colla torba ed a un
prezzo quasi derisorio.

   [Illustrazione: .... gli si era precipitata addosso con rabbia
   feroce, azzuffandosi. (Cap. VIII).]

Un altro ritrovato molto recente, che dà già buoni frutti, si ha dai
detriti delle piantagioni di cotone.

Fino ad oggi i produttori di cotone lasciavano inutilizzati gli arbusti
spogliati dell'elemento tessile. Ora si è scoperto il procedimento per
mezzo del quale quelle canne triturate, macinate e ridotte in polpa si
possono convertire....

— In carta, — disse lo studente, vedendo che il canadese si era
bruscamente arrestato.

— In lupi....

— In lupi!... Che cosa dite signor di Montcalm?

— Eccoli!

— Chi? I piantatori di cotone od i fogli di carta?

— No, no, i lupi: guardateli come corrono!... Sono cervieri e neri!...
Me l'aspettavo questo attacco.

Ecco il momento, Walter, di dare una prova della vostra maestrìa nel
tiro a segno.

— Fulmini di Giove!... Altro che carta e giornali!... — gridò
l'ex-studente, afferrando lestamente uno dei tre _mauser_ che stavano
appoggiati ai sedili. — Qui si tratta di denti.

— E che denti anche, — aggiunse lo _chaffeur_. — Che cosa devo fare,
padrone? Lanciare la macchina a cinquanta o sessanta miglia all'ora?

— A cento!... — gridò lo studente.

— Vi dimenticate che abbiamo da rimorchiare la nostra casa che può
diventare, da un momento all'altro, una fortezza necessaria per salvare
le nostre gambe? A cinquanta miglia, Dik.

— Va bene, padrone, — rispose l'ex-baleniere.

L'automobile accelerò subito la marcia, filando sotto i pini giganti i
quali, fortunatamente, lasciavano dei vasti e numerosi passaggi.

Degli ululati feroci, che si ripercossero lugubremente sotto gli
immensi vegetali, seguirono subito quell'aumento di velocità.

Cinque o sei dozzine di lupi, tutti di alta statura, quali grigi e
quali nerastri, alti di gambe e coi musi affilati, si erano scagliati
dietro al treno, ululando a squarciagola.

Erano dei magnifici corridori, specialmente i primi che sono appunto
chiamati, per la loro straordinaria agilità, lupi cervieri.

— Walter, — disse il canadese, il quale si era pure armato d'un
_mauser_. — Volete divertirvi? Aprite pure il fuoco.

Se montassimo una semplice slitta vi proibirei di sparare, per non
renderli furiosi, ma noi non abbiamo gran che da temere poichè il
carrozzone che ci segue è sempre pronto a riceverci. —

Lo studente si alzò, appoggiò bene il calcio del fucile alla spalla ed
attese che l'automobile trovasse sotto le sue ruote un lembo di terreno
abbastanza liscio per non subire dei soprassalti improvvisi.

Qualche minuto dopo un colpo di fuoco si mescolava agli ululati delle
fameliche belve.

Un grosso lupo cerviero, che guidava la corsa, aveva spiccato un gran
salto, stramazzando subito in mezzo alla neve.

L'orda che gli veniva dietro gli si era precipitata addosso con rabbia
feroce, azzuffandosi.

Uno scricchiolìo d'ossa, pochi colpi di mascelle, e sul bianco tappeto
non erano rimaste che delle macchie di sangue.

Il povero cerviero era scomparso pelle e peli nelle gole dei suoi
compagni.

— Che denti!... — esclamò lo studente. — Povere le nostre gambe se
dovessero attaccarsi alle nostre uose!

— E che valente tiratore, mio caro, — disse il signor di Montcalm,
sorridendo. — Tutti gli studenti di Cambridge vi invidierebbero.

— No, signore, quelli di Oxford, — rispose l'allegro giovanotto,
prorompendo in uno scroscio di risa. — Quelli di Cambridge sapevano già
che ero il loro campione e che non potevano gareggiare con me.

— Ora riprendete la musica, amico.

Quando si cominciano a fucilare, i lupi attaccano con maggior slancio.

— E perchè?

— Perchè se non possono divorare gli uomini si divorano fra di loro.
L'avete visto come è finito quel magnifico cerviero?

Sotto: ci sono addosso!... —

I feroci animali, niente spaventati da quel colpo maestro, avevano
ripresa la corsa e con uno slancio così fulmineo, da raggiungere quasi
l'automobile.

Si erano divisi in due colonne e galoppavano furiosamente, sempre
ululando per chiamare i compagni dispersi per la foresta.

Quegli inviti di caccia non rimanevano inascoltati. Di quando in quando
delle coppie d'altri lupi sbucavano fra i cespugli di rose canine
che avvolgevano la base dei grandi pini e si univano al drappello
ingrossandolo continuamente.

Quegli ululati che si ripercuotevano sotto l'infinita foresta,
minacciavano di far accorrere legioni di affamati.

— Fulmini di Giove!... — esclamò Walter, il quale aveva già sparate
sei cartuccie gettando a terra ben cinque assalitori. — Mi pare che la
faccenda cominci a diventare seria.

Se lanciassimo il nostro treno a ottanta miglia si potrebbe lasciare a
distanza queste bestie ostinate.

— No, — rispose il canadese, il quale vuotava il serbatoio del suo
_mauser_ senza mai mancare il bersaglio. — Ci tengo troppo alla mia
casa.

— Ci sono addosso, signore.

— Lasciateli fare.

— Ed aumentano spaventosamente.

— Me ne rido.

— E non potremo più rifugiarci nella carrozza-salon.

— Questo è vero, Walter. Avremmo dovuto farlo prima.

Ora, discendere per passare nella nostra fortezza sarebbe pericoloso
per le nostre gambe.

— Ed anche per le nostre teste, credo.

— Non inquietatevi per così poco.

— Fulmini di Giove!... Guardate come diventano audaci. —

Un lupo enorme, un lupo nero dal pelo irsuto e fumante per la lunga
corsa, si era slanciato sul predellino di sinistra tentando di
azzannare le gambe dello studente.

Dik però l'aveva scorto a tempo, e senza abbandonare il volante, aveva
afferrata rapidamente una Colt che si trovava sospesa allo scudo,
fulminandolo con un paio di palle.

— Grazie, mio bravo _chaffeur_, — gridò lo studente, il quale si
trovava in quel momento col fucile scarico. — Cercherò di rendervi, più
tardi, questo favore. —

Un sorrisetto ironico fu la risposta dell'ex-baleniere.

— Signor di Montcalm, che cosa facciamo adunque? — riprese lo studente,
dopo d'aver sparato l'una dietro l'altra, cinque o sei rivolverate. —
Ci lasceremo rosicchiare i piedi?

— Dik, — disse il canadese, invece di rispondergli. — Arrestate la
macchina.

— E poi? — chiese l'ex-baleniere, mentre lo studente spalancava gli
occhi.

— Saliamo sulla _capote_ di cuoio e fuciliamo queste noiose canaglie.
Lassù non ci prenderanno.

— Meravigliosa idea!... — esclamò Walter, afferrando innanzi tutto
le due cassette contenenti le cartuccie dei _mauser_ e delle Colt. —
Assedio in piena foresta!...

Ecco un bel titolo per un capitolo d'un romanzo straordinario.

— Lasciate stare i romanzi e salite presto!... — gridò il canadese
prendendo le armi.

L'automobile si era fermata, affondando le sue ruote fra lo strato
nevoso, ed i lupi avevano rallentata la loro corsa per scagliarsi,
compatti, contro la macchina.

Come abbiamo detto, l'automobile aveva sopra di sè una grossa _capote_
di cuoio, situata a tre metri e mezzo dal livello delle ruote, per
proteggere i viaggiatori dalle raffiche di neve e dai freddi intensi,
senza obbligarli a cercare un rifugio nel carrozzone di rimorchio.

Una solida armatura in ferro, tutta rivestita di grosso feltro, la
sorreggeva.

I tre uomini, vedendo i lupi scagliarsi, in un momento si misero in
salvo lassù, scaricando le rivoltelle.

Sette od otto animali, che si erano già gettati dentro la _chassis_
sperando di trovare, se non gli uomini, almeno dei viveri,
stramazzarono a destra ed a sinistra della macchina, ululando
spaventosamente.

I loro compagni, niente spaventati dai colpi di fuoco che si
succedevano con rapidità meravigliosa, poichè ora erano i _mauser_ che
parlavano, in un baleno furono loro addosso divorandoli semi-vivi.

— Ah!... Diavolo!... — esclamò Walter, sospendendo per un istante il
fuoco. — Io non ho mai veduto animali così ripugnanti!...

— Rimettete a domani le vostre riflessioni e consumate invece delle
cartuccie, — disse il canadese. — Non vedete che l'orda, invece di
diminuire, continua ad ingrossare, malgrado i grandi vuoti che abbiamo
fatto?

— Che sia la foresta preferita dai lupi questa, signor Gastone?

— Parrebbe.

— Mi dispiace consumare tante munizioni. Dobbiamo serbarne anche per
gli orsi bianchi.

— Non temete: ne abbiamo una grossa provvista.

— Ed allora avanti. Pum!... Patatum!... Come cadono bene!... Ottime
armi questi _mauser_!... I boeri avevano ragione a provarli contro i
miei compatriotti in cambio dei loro vecchissimi _röers_.

— Chiacchierate troppo, Walter, — disse il canadese. — Guardate invece
Dik: non pronuncia una parola, ma ammazza invece continuamente.

— È vero, signor Gastone. Ah!... I signori dal pelame grigio o nero si
sono finalmente accorti che fa un po' troppo caldo qui!... Ah!... Miei
cari _gentlemen_ dei boschi nevosi, non conoscete ancora la portata
delle nostre armi.

Più indietro, più indietro se volete salvare la pelle. —

I lupi, che erano spaventosamente aumentati, poichè ne giungevano
sempre, attirati dagli spari e dagli appelli disperati dei loro
compagni, dopo un furioso assalto spinto perfino dentro lo _chassis_
dell'automobile, avevano rotto le loro file e si erano dispersi,
arrestandosi a cento o centocinquanta passi dal treno.

Si erano divisi in gruppetti di quattro o cinque, cercando di ripararsi
dietro gli enormi tronchi dei pini bianchi e rossi, assolutamente
impenetrabili anche alle palle dei _mauser_.

Avevano però formato una specie di cerchio irregolare intorno alle due
vetture, in modo da impedire ogni fuga.

Alcuni, più furbi, si erano rifugiati sotto lo _chassis_ della
macchina, pronti ad avventarsi contro i viaggiatori se avessero osato
abbandonare la _capote_ di cuoio.

— Fulmini di Giove!... — esclamò l'eterno chiacchierone, tormentando il
grilletto del fucile. — Che cosa dite voi, signor Gastone?

— Io dico che ci hanno bloccati, — rispose il canadese.

— Pare anche a me.

— Che possa durare molto questo assedio?

— Chi lo sa. Dipende dalla maggiore o minore pazienza dei signori lupi.

— Voi che siete pratico del paese e delle bestie che lo abitano,
potreste spiegarvi un po' di più.

— Mio caro Walter, io non sono mai stato un lupo e perciò non posso
indovinare le intenzioni di quelle bestiaccie.

— E se questo assedio dovesse prolungarsi?

— Ci armeremo di pazienza.

— Siamo senza viveri, signore, poichè le provviste si trovano nel
carrozzone-salon.

— Stringeremo la cintola dei nostri calzoni per ora.

— Ah!... Diavolo!...

— Ohè, signor studente, credevate di andare al Polo placidamente
sdraiato su un sedile o su un letto, col cuoco sempre ai vostri ordini
e la stufa sempre russante?

— No, no, signor Gastone, tutt'altro.

— Allora non vi lamentate così presto, mio bravo campione di Cambridge,
— disse il canadese, ridendo.

— Converrete però con me che la nostra situazione può diventare poco
allegra. Guardate: comincia a nevicare per di più.

— Ah!... Questa sì che secca, se l'assedio dovrà prolungarsi.

— Se non ci fossero sotto le vetture quei cinque o sei lupi si potrebbe
scendere sotto la _capote_ e metterci al coperto.

— Non vi consiglio di tentarlo, Walter. Queste bestie sono ancora
troppo affamate. Suvvia, riprendete il fucile e cerchiamo di decimare
quelle bestiaccie. —

L'ex-baleniere, durante quel dialogo, non aveva cessato di far fuoco.
Disteso sulla _capote_ mirava con calma, da uomo che ci tiene a
non sprecare le sue cartuccie, e ogni volta che un lupo commetteva
l'imprudenza di mostrarsi lo fulminava con una precisione meravigliosa.

Se parlava poco agiva molto, destando un vero entusiasmo nel canadese.

Per una mezz'ora i tre viaggiatori continuarono a sparare, sbagliando
ben pochi colpi, poi sostarono.

I lupi, diventati eccessivamente diffidenti, non ardivano più mostrarsi.

Avevano ormai compreso che avevano da fare con degli uomini ben
risoluti a difendersi e che sapevano maneggiare terribilmente quei
piccoli eppure tremendi arnesi di distruzione, e si tenevano in guardia
per non farsi sterminare troppo presto.

Che cosa aspettavano? Che gli assediati si decidessero ad offrire loro
le proprie gambe? Oppure aspettavano la notte, già non lontana, per
ritentare un assalto disperato?

Ed intanto la neve continuava a cadere, lenta, silenziosa, cadendo fra
albero ed albero, intorno all'automobile ormai arenata come un veliero
che ha dato in secco su un bassofondo.



CAPITOLO IX.

La baia di Hudson.


La notte calava rapidissima essendo le giornate assai corte nell'Alto
Canadà verso la fine dell'autunno, e la situazione non accennava a
cambiare, anzi minacciava di diventare di momento in momento più grave,
poichè la neve cadeva sempre, travolta da un freddissimo vento che
soffiava dalle non lontane plaghe della baia d'Hudson.

I lupi, più affamati che mai ed ostinati ad avere per cena un
abbondante pasto di carne umana, non si erano mossi, nè avevano rotte
le loro file.

Si lasciavano coprire dalla neve e sfidavano filosoficamente il freddo
che diventava sempre più intenso, raddoppiando le loro guardie per
paura che i tre assediati tentassero di fuggire.

Dopo le terribili lezioni ricevute, non avevano più abbandonati i loro
posti, con grande collera del campione di Cambridge, il quale aveva
ormai cacciate mezza dozzina di palle nei tronchi, dei giganteschi
alberi, sbagliando le punte dei musi dei prudentissimi animali.

E la neve intanto cadeva; cadeva senza posa, minacciando di
immobilizzare l'intero treno e di seppellire i disgraziati assediati,
sempre stesi sulla _capote_ di cuoio dell'automobile.

Ah!... Se avessero potuto raggiungere il carrozzone-salon, se ne
sarebbero infischiati di quel blocco. Avrebbero accesa la loro stufa,
si sarebbero preparati un buon pranzetto, avrebbero fatte delle buone
pipate e quindi una buona dormita sui loro comodi lettucci con delle
pesanti coperte indosso.

Disgraziatamente avevano indugiato troppo, credendo di poter respingere
facilmente le fameliche bestie con un fuoco d'inferno, ed ora era
troppo tardi per tentare la ritirata. Se l'avessero tentata, in
un baleno tutti quei lupi, un centinaio per lo meno, si sarebbero
scagliati loro addosso ed indubbiamente li avrebbero addentati prima
che aprissero la porta del carrozzone.

— Ebbene, signor Gastone, — disse ad un certo momento il giovane
studente, scuotendosi di dosso, per la ventesima volta, la neve
che lo copriva e gettando via, col calcio del fucile, quella che lo
circondava. — Sapreste dirmi come finirà questa avventura?

— Mah!... — si era limitato a rispondere il canadese, il quale,
abituato ai freddi intensissimi ed alle copiose nevicate del Canadà,
non sembrava preoccuparsi gran che del freddo.

— Noi corriamo il pericolo di gelare vivi, signore. Se questo assedio
dovesse durare tutta la notte, noi domani saremo più stecchiti dei
merluzzi di Terranuova.

— Guardate che cosa fa Dik.

— Sì, fuma placidamente la sua pipa monumentale e si lascia coprire
dalla neve come se fosse un esquimese.

— Si prepara la sua tana da orso bianco, — rispose il canadese.

— Ma quello è un baleniere, signor Gastone.

— Forse che la sua carne è diversa della mia e della vostra? Imitatelo,
mio caro Walter, e quando anche voi sarete ben coperto, non vi
lamenterete troppo del freddo.

Accendete la vostra pipa e lasciate che nevichi.

— Preferirei trovarmi nel carrozzone dinanzi ad una zuppa fumante di
fagiuoli.

— Veramente ci starei anch'io, mio bravo amico, ma i lupi non ci
vogliono permettere questo lusso.

— Un'idea, signor Gastone!... — esclamò improvvisamente lo studente,
picchiandosi la fronte.

— Dite pure.

— Voi avete portato con voi delle cartuccie di dinamite per far
saltare, se fosse necessario, i blocchi di ghiaccio che ci impedissero
di avanzare.

— Certo: ne ho un bel numero.

— Se le provassimo contro i lupi?

— Farebbero indubbiamente delle vere stragi.

— E perchè non le proviamo?

— Perchè si trovano nel carrozzone. —

Walter si era bruscamente alzato, levandosi dalla cintura un solido
_bowie-knife_, e collo sguardo aveva misurata la distanza che separava
la macchina dal carrozzone.

— Un paio di metri!... — esclamò. — Che miseria pel campione di
Cambridge. Anche un novellino dell'Università d'Oxford non si
guarderebbe indietro.

È vero che c'è il pericolo di scivolare e di cadere fra le bocche di
quei cento affamati.

— Che cosa vorreste tentare, Walter? — chiese il canadese.

— Credete che con questa buona lama si possa forzare il tetto della
nostra casa ambulante? Non sono troppo grasso, e levando qualche tavola
potrei passare.

— Una riparazione facile a farsi, è vero Dik?

— Sì, padrone, — rispose il meccanico, che era ormai quasi interamente
sepolto sotto la neve.

— Allora salto, — disse lo studente.

— Badate alle cadute.

— A me, Cambridge!... — gridò l'allegro giovanotto. — Proteggi il tuo
campione!... —

Le sue lunghissime gambe si tesero ed il corpo intero si sollevò,
attraversando facilmente la distanza che separava l'automobile dal
carrozzone.

— Ecco un vero saltatore!... — esclamò il canadese. — È vero,
Dik? —

L'ex-baleniere rispose con una specie di grugnito e non voltò nemmeno
la testa. Abituato agli intensi freddi dei mari polari, si trovava
benissimo sotto il lenzuolo nevoso, specialmente colla pipa fra le
labbra.

Oh, ne aveva passate ben altre delle nottate terribili al nord dello
stretto di Behring e sulle coste dell'Alaska!...

Lo studente era caduto quasi nel mezzo del tetto del carrozzone,
tenendosi ancora in piedi per un prodigio di equilibrio e provocando,
da parte dei lupi sempre vigilanti, degli ululati spaventevoli che non
lo avevano però affatto commosso.

Essendo quel tetto ben più alto della _capote_ di cuoio della macchina,
poteva ridersi delle minaccie dei cervieri ed anche dei neri, buoni
corridori ma pessimi saltatori di fronte ad un campione di Cambridge.

— Dik, — disse il canadese, volgendosi verso il meccanico. — Vi
sentireste in caso di tentare anche voi il salto?

— Preferisco starmene qui sotto la neve, signore. Non sono mai stato un
saltatore io.

— Ed io preferirei trovarmi al coperto. Dopo tutto non mi sembra
un gran che fare quella volata, ora che Walter si troverà pronto a
sorreggerci.

Là, proviamo.

— Venite anche voi, signore? — chiese lo studente che stava sbarazzando
il tetto del carrozzone.

— Vengo ad aiutarvi. Tenetevi pronto ad afferrarmi. —

Misurò collo sguardo per bene la distanza, si raccolse su sè stesso,
poi si slanciò cadendo fra le braccia aperte dello studente.

— Signor di Montcalm, — disse l'allegro giovanotto, — voi meritereste
di prendere parte alle gare del _Queen's Club_.

Io stesso avrei in voi un serio rivale nel salto.

— Io non appartengo nè all'Università di Cambridge, nè a quella di
Oxford, — rispose il canadese. — E poi senza il vostro pronto aiuto
sarei andato certamente colle gambe in aria ed avrei finito il mio
salto fra le mascelle dei lupi.

Orsù, amico, cerchiamo di aprirci una via attraverso al tetto. In due
lavoreremo più rapidamente. —

Sbarazzarono il coperto dalla neve, tagliarono coi loro robustissimi
coltelli lo strato di zinco, poi quello di feltro, e misero allo
scoperto le tavole.

Seguendo colle punte delle armi le connessure, dopo un quarto d'ora di
lavoro accanito riuscivano finalmente a levare due tavoloni, ottenendo
uno spazio sufficiente per far passare i loro corpi.

— Finalmente!... — esclamò lo studente che pel primo si era calato nel
carrozzone, andando a cadere su una cassa. — Ora i signori lupi avranno
da fare con noi.

— Accendete una lampada, — disse il canadese, il quale lo aveva subito
seguito.

— E poi la stufa, signore. Io non posseggo la pelle di quell'orso di
Dik. È vero che lui è stato baleniere. —

Come al solito, chiacchierava assai ma agiva anche molto. Il lume
fu acceso, poi subito dopo la stufa, operazione facilissima che non
richiedeva nemmeno mezzo minuto, non trattandosi che di dar fuoco
all'essenza minerale, quindi fu sturata una bottiglia di vecchio
_wisky_ che in quel momento era più necessaria della stufa, poichè i
due viaggiatori erano intirizziti dal freddo.

Riscaldatisi con un paio di bicchierini e rimesse a posto le due
tavole del tetto per impedire l'ingresso alla neve, che cadeva sempre
abbondante, si misero a cercare la cassetta contenente le cartuccie
di dinamite, impresa facile poichè tutte le casse erano state prima
diligentemente numerate.

— Ecco qui tanta materia esplosiva da far saltare tutti i lupi della
terra, — disse il canadese prendendone, con precauzione, cinque o sei.
— Walter, aprite una finestra mentre io accendo una miccia.

— Non salteremo anche noi per caso? — chiese lo studente. — Io ho
sempre avuto un gran terrore per questi terribili esplosivi.

— La cartuccia è pesante e andrà ben lontana.

— E la neve non spengerà la miccia?

— Non vi è pericolo. —

Il canadese si affacciò alla finestra, tenendo in mano una delle sei
cartuccie il cui cordoncino già fumava.

Trenta o quaranta lupi si erano radunati ad una cinquantina di passi
dall'automobile, come se si preparassero a tentare un nuovo assalto.

Era il buon momento per somministrare a quegli affamati una tremenda
lezione.

— Walter, — disse il canadese. — Gettatevi a terra. —

Poi lanciò a tutta forza la cartuccia attraverso la finestra, facendola
cadere in mezzo alla banda urlante.

Un momento dopo una detonazione formidabile si propagava sotto la
foresta e così forte che il treno intero fu scosso e spostato.

Walter ed il canadese si erano precipitati verso la finestra, mentre si
udiva Dik che imprecava.

Del gruppo dei lupi raccoltisi per ritentare l'attacco non ne esisteva
più uno.

Il potente esplosivo li aveva, per modo di dire, polverizzati. Gli
altri invece scappavano a tutte gambe, colle code basse, ululando
spaventosamente.

— Credo che sia bastato, — disse il canadese.

— Che strage, signor Gastone! — esclamò lo studente.

Poi udendo ancora il meccanico brontolare, gridò:

— Ohè, mastro Dik, vi è caduto addosso qualche lupo?

— Ho perduto la mia coperta di neve che mi teneva così caldo, — rispose
l'ex-baleniere. — Mi è stata portata via di colpo.

— Posso offrirvene una di buona lana accanto alla stufa, insieme a una
mezza bottiglia di _wisky_ vecchio quanto Noè.

Lasciate il vostro covo di orsi bianchi, ora che i lupi si sono
congedati. —

Se non vi fosse stata la promessa di un paio di bicchieri di quella
fortissima bevanda della quale tutti gli americani fanno un uso
smodato, probabilmente l'ex-baleniere, che se ne rideva delle nevi, non
si sarebbe mosso, ed avrebbe attesa un'altra coperta candida. Bevitore
emerito, come lo sono quasi tutti gli uomini di mare, non seppe
resistere alla tentazione e saltò a terra sprofondando nella neve fino
alle anche, e raggiunse la porta del carrozzone già aperta.

— Volevate proprio dormire lassù al fresco? — gli chiese Walter,
chiudendo subito, affinchè il dolcissimo calore della stufa non
sfuggisse. — Io mi trovo meglio qui, non essendo nato esquimese. —

Dik alzò le spalle e si attaccò alla bottiglia.

Il canadese rinchiuse accuratamente la cassetta delle pericolose
cartuccie e si mise a preparare la cena, aiutato dallo studente.

Intanto fuori continuava a nevicare ed il vento sibilava o ruggiva
attraverso la foresta, torcendo perfino i grossi rami dei pini bianchi
e rossi.

I lupi in lontananza ululavano sempre, senza però osare accostarsi al
treno.

Ne avevano avuto abbastanza di quella cartuccia, dopo le gravi perdite
subìte prima.

— Aspettiamo domani, — disse il canadese, quando ebbero terminato di
cenare. — Intanto il freddo rassoderà la neve.

— Purchè i lupi non attacchino le pneumatiche, — disse Walter.

— Sono così robuste da sfidare i loro denti. Orsù, cacciamoci sotto le
coperte. —

Tutta la notte il vento soffiò con estrema violenza, facendo tremare
perfino le grosse vetrate delle piccole finestre, e la neve non cessò
dal turbinare.

All'indomani, quando Dik aprì la porta per recarsi all'automobile,
trovò uno strato nevoso alto quanto i predellini delle due vetture, ma
così solido da reggere benissimo anche una piccola nave.

Un freddo intensissimo ed improvviso, aveva gelato tutto.

— Si può andare? — chiese il canadese, affacciandosi alla porta.

— Rompiamo lo strato che rinserra le ruote e poi vedrete che bella
corsa faremo. Io conto di farvi pranzare sulle rive della baia di
Hudson.

— Allora non perdiamo tempo. —

Mandarono giù in fretta un paio di tazze di _thè_ ben bollente, si
armarono di vanghe e di picconi ed attaccarono poderosamente lo strato
gelato, per fare alla macchina un po' di largo e prendere lo slancio.

   [Illustrazione: .... quelli del Canadà superano per statura e
   peso tutti gli altri, — disse il canadese. (Cap. IX).]

Un'ora dopo il treno già filava magnificamente attraverso la foresta
gelata, con una velocità di quaranta chilometri all'ora.

Walter ed il canadese, ben avvolti in pesanti pelliccie, avevano
ripreso il loro posto dietro il meccanico, tenendo i fucili fra le
gambe, sempre in attesa di fare qualche buon colpo onde variare, con
qualche buon pezzo di selvaggina, la minuta del pranzo.

L'automobile si comportava magnificamente anche perchè il terreno su
cui s'alzava l'immensa foresta, si manteneva costantemente piano.

La neve, tramutata ormai quasi in un banco di ghiaccio, non cedeva
sotto il peso del treno. Era bensì vero che qualche volta succedevano
degli slittamenti, ma poi la macchina riprendeva il suo slancio con un
_teuff-teuff_ sonoro.

Di quando in quando della piccola selvaggina s'alzava fra i cespugli
di rose canine e di bacche, semi-sepolte nella neve, e scappava via con
velocità fulminea.

Erano per lo più lupatti, volpi e martore. Di tratto in tratto però
qualche schiera di grossi cigni, emigranti verso il sud, passavano
fischiando, producendo un rumore strano colle loro ali piuttosto
deboli per sorreggere dei corpacci pesanti una trentina ed anche più di
libbre.

Verso il mezzodì il treno lasciava finalmente la grande foresta e si
slanciava attraverso ad una sconfinata pianura tutta bianca e gelata la
quale proiettava, verso le nubi gravide di neve, una luce intensissima,
acciecante: era l'_ice-blink_.

Il canadese stava per dar ordine a Dik di arrestare l'automobile per
preparare il pranzo, quando degli ululati si fecero udire verso il
margine della foresta che avevano appena lasciata.

— Toh!... — esclamò lo studente. — Ancora i lupi!...

— In caccia, — rispose il canadese, il quale tendeva gli orecchi.

— Di chi?

— Ma!... Forse di qualche _caribou_ o di qualche altro grosso animale.
Se si trattasse d'un piccolo capo di selvaggina non urlerebbero tanto.

Dik, fermate!... —

L'automobile slittò per una ventina di metri, poi si arrestò.

Gli ululati dei lupi continuavano verso la foresta. A giudicarlo dalle
urla non doveva trattarsi d'un grosso branco.

Il signor di Montcalm, ritto sul sedile, col mauser in mano, osservava
attentamente, pronto a far fuoco.

Ad un tratto un grosso animale che rassomigliava ad un grande cervo,
assai più alto di quelli comuni, fornito di lunghe corna ramose e colla
pelliccia bruno-rossastra, si slanciò fuori dalla foresta, filando
velocemente verso la vasta pianura.

Sette od otto grossi lupi grigi gli stavano alle calcagna, stringendolo
da presso.

Un colpo di fuoco risuonò.

L'animale fece un gran salto, rizzandosi poscia sulle zampe deretane e
scuotendo disperatamente la testa, poi si abbattè.

I lupi, sorpresi da quella detonazione e da quella inaspettata caduta,
si erano fermati bruscamente, non osando scagliarsi su quel corpo che
si dibatteva ancora fra le ultime convulsioni dell'agonia.

D'altronde il treno aveva ripresa la corsa e si dirigeva verso il
margine della foresta.

— A voi ora, Walter, — aveva detto il canadese, la cui arma fumava
ancora. — Sbarazzatemi da quei pochi predoni. —

Sei colpi rimbombarono uno dietro l'altro e cinque lupi caddero in
mezzo alla neve per non più rialzarsi. Solamente l'ultimo, sfuggito
miracolosamente alla sesta fucilata, potè rifugiarsi nella vicina
foresta.

— Diavolo d'uomo!... — esclamò il canadese, guardando con ammirazione
lo studente. — La Compagnia delle pelliccie della baia d'Hudson avrebbe
fatto con voi un buon acquisto.

Voi sparate meglio dei più vecchi _trappeurs_ dell'alto Canadà, mio
caro.

— Lo credete? — chiese Walter, ridendo.

— Rimpiango fin d'ora gli orsi bianchi che incontreremo sul nostro
cammino.

— Mi pare però, signor di Montcalm, che anche voi non scherziate quando
vi appoggiate il fucile alla spalla.

Avete fulminata quella povera bestia con una precisione matematica,
come avrebbe detto il mio vecchio maestro di tiro a segno, quell'ottimo
John Cardik.

— Ah!... Perchè s'insegna anche a sparare all'Università di Cambridge?
Poveri studi!...

— Ma si diventa uomini.

— Eh, lo vedo, — disse il canadese. — Poco pane della scienza ed invece
molto _sport_. —

L'automobile era giunto presso il _wapiti_. La povera bestia era
stata colpita presso l'occhio sinistro e la palla umanitaria — come
viene chiamata la pallottola del _mauser_ — gli aveva attraversato il
cervello.

— Che cosa ne faremo di tanta carne? — chiese lo studente. — È un cervo
splendido. Mai ne ho veduto uno di così grosso.

— Quelli del Canadà superano per statura e peso tutti gli altri, —
disse il canadese. — Carichiamolo sulla vettura di rimorchio e poi
penseremo a farlo a pezzi e gelarlo. I viveri non sono mai troppi per
la gente che va al Polo.

— Infatti mi hanno detto che la maggior parte degli esploratori polari
sono morti di fame.

— Purtroppo, — rispose il canadese.

Issarono, non senza grandi sforzi, il _wapiti_ sul carrozzone, poi
l'automobile riprese la corsa attraverso la sconfinata pianura bianca.

Il freddo era sempre intensissimo, malgrado che il sole, molto pallido
a dire il vero, si fosse aperto un varco fra le nuvole sempre gravide
di neve.

Sopra l'automobile sfilavano, di quando in quando, lunghissime file di
volatili diretti verso il sud, in cerca d'un clima più mite.

Erano corvi di mare, oche selvatiche, anitre e stormi immensi di gru.
Doveva fare un bel freddo sulla baia di Hudson.

— Essi scappano e noi invece saliamo verso il nord, — disse lo
studente, il quale si era provato a sparare qualche colpo senza buon
successo però, data la grande altezza. — Se incontrate quel caro
_yankee_ ditegli che siamo già vicini al Polo.

A proposito, che sia già partito o che stia ancora sospirando sotto le
finestre di _miss_ Ellen?

— Suppongo che sia già in viaggio, — rispose il canadese.

— Che lo incontriamo in qualche luogo?

— Forse nelle vicinanze del Polo, se entrambi riusciremo a giungervi.
Come vi ho detto mi si disse che invece di seguire le coste occidentali
della grande baia si sarebbe tenuto verso quelle orientali per
raggiungere al più presto la Groenlandia, terra che io invece non conto
affatto di toccare.

Noi saliremo direttamente fino alla terra di Grant, passando sempre
attraverso le isole.

— Vi spiacerebbe incontrarlo al Polo?

— Preferirei non vederlo, mio caro Walter. Già io non gli presterei
nessuna assistenza e lui farebbe certamente altrettanto, anche se ci
trovasse morenti di fame.

— Eh, da quei _yankee_ tutto si può attendere.

— Signore, — disse in quel momento lo _chaffeur_. — Siamo già in vista
della baia.

— Così presto!... Sento come il freddo aumenta rapidamente.

Gli _ice-bergs_ fanno sentire la loro influenza. —

Si era alzato e proteggendosi gli occhi con ambe le mani, per vincere i
bagliori acciecanti del sole riflettentisi sulla bianca pianura, aveva
spinti gli sguardi verso il settentrione.

Una linea azzurro-cupa spiccava vivamente sul luminoso orizzonte,
cosparso di grossi punti bianchi.

— È la baia coi suoi quasi eterni ghiacci galleggianti, — disse. —
Se qualche accidente non interrompe la nostra corsa, faremo presto a
raggiungere il Polo.

Speriamo che i canali delle terre boreali siano tutti gelati e tutto
andrà allora bene.

— Una grande bella baia, è vero signor di Montcalm? — chiese Walter.

— Sarebbe anzi stato meglio chiamarla mare di Hudson, poichè è un vero
mare.

È vero che il suo scopritore non aveva avuto il tempo di constatarne la
vastità.

— Perchè naufragò forse?

— Peggio che peggio, amico. La sua fine fu tragica e forse
terribilmente tragica.

Era un gran bravo navigatore quel vostro compatriotta che si era già
distinto in altre navigazioni polari nei pressi dello Spitzberg e
che era salito in grande fama per le sue osservazioni idrografiche e
magnetiche, fra le altre quella sull'inclinazione dell'ago magnetico.

Nel 1610, aiutato da negozianti, armata una nave, salpava per queste
regioni, animato dalla speranza di poter trovare il famoso passaggio
del nord-ovest, scoperto invece più di due secoli e mezzo dopo da
Mac-Clure.

— Che navi avevano allora quegli audaci naviganti?

— Dei miserabili navigli di cento o centocinquanta tonnellate e niente
di più.

— Continuate, signor Gastone. Le scoperte polari mi hanno sempre
interessato.

— Più fortunato di tanti altri, Hudson raggiunge felicemente l'America,
tocca l'estremità nord-ovest del Labrador, scopre il gran fiume che
oggidì porta il suo nome, ed avanzando nel canale intravvisto cento
dieci anni prima da Corte-real, scopre la grande baia che ci sta
dinnanzi.

Ma lì, su quelle acque, sventure inaudite piombano sulla spedizione.

I ghiacci imprigionano la sua nave nella baia di S. Michele, impedendo
il ritorno.

La fame non tarda a farsi sentire tremenda, poichè le provviste portate
erano state tutt'altro che abbondanti.

Per qualche mese si nutrono di pernici bianche, di oche, di anitre e di
cigni, poi, emigrati quei volatili, si vedono costretti a nutrirsi di
licheni.

Sul principio del Giugno dell'anno seguente lo sgelo permette
finalmente ai naviganti di rimettersi alla vela.

Avevano preso molto pesce durante la primavera, ma ben poco ne era
rimasto.

Hudson divide fra l'equipaggio diventatogli ostilissimo mercè le arti
infami del segretario Green, che pure aveva ricevuto tanti benefici
dallo sfortunato esploratore, e tenta di riguadagnare l'Inghilterra.

I suoi sforzi non sono condivisi dai suoi marinai, e la cospirazione,
da lunga mano preparata dal Green, il 21 Giugno scoppia.

Il disgraziato Hudson viene calato in una scialuppa insieme a tutti gli
ammalati che si trovavano a bordo, con viveri per qualche giorno, un
fucile e poche munizioni, ed abbandonato fra i ghiacci galleggianti.

— Ah!... Canaglie!... — esclamò lo studente. — E che cosa accadde di
quei disgraziati?

— Quello che doveva fatalmente accadere: morirono tutti di fame e di
freddo, almeno così si suppone, poichè nè di Hudson nè dei compagni che
aveva nella scialuppa più mai si ebbero notizie.

— E quel furfante di Green?

— Non godette a lungo il frutto della sua vigliacca azione, che privava
la marina inglese d'uno dei suoi più grandi esploratori.

Venuto a questione con una tribù di esquimesi del Labrador, fu
massacrato e probabilmente anche mangiato.

La nave, dopo una infinità di disgrazie ed i suoi ultimi marinai,
costretti a cibarsi di candele, di pezzi di pelle bollita e di
ossa d'animali triturate per formare una specie di pane, giungevano
finalmente alla baia di Galway, nell'Irlanda.

— Avrebbero dovuto appiccarli tutti!...

— Mentre pare che così non sia avvenuto, — rispose il canadese. —
Ecco la baia: vediamo se possiamo fucilare delle foche o qualche
morsa. —



CAPITOLO X.

Una caccia emozionante.


La baia di Hudson è una delle più vaste che si trovano nell'America
settentrionale e non ha che una sola rivale: la baia di Baffin che le è
però inferiore per vastità.

Sia l'una che l'altra potrebbero chiamarsi mari, poichè prima di
attraversarle occorrono parecchi giorni di navigazione, anche pei
grandi pericoli che presentano, essendo sempre ingombre di grandi
banchi di ghiaccio e di montagne galleggianti che le correnti polari
trascinano verso il sud.

Quella d'Hudson si trova al di qua del circolo polare artico, poichè
comincia all'isola di Southampton e finisce colla baia di James la
quale si caccia, come un gigantesco cuneo, entro l'alto Canadà, eppure
il suo clima è rigidissimo quasi quanto quello della baia di Baffin
che si sviluppa invece al di là del circolo polare e sulle sue coste
non possono sorgere città. Non vi sono che qua e là dei piccoli forti
appartenenti alla Compagnia delle pelliccie e che per sei od anche otto
mesi dell'anno si trovano quasi sepolti fra la neve.

Vi s'incontrano invece numerose tribù di esquimesi, specialmente lungo
le coste del Labrador, tribù che non hanno sedi fisse, quantunque
invece di vivere entro capanne di ghiaccio come i loro confratelli del
settentrione, si fabbrichino delle casupole di pietre ammonticchiate e
rinsaldate con ammassi di torba.

Non sono però nè leali, nè ospitali come i loro compatrioti dei ghiacci
eterni. La vicinanza della civiltà li ha corrotti e sono diventati dei
ladri temibili, ed hanno perduto completamente quel po' di buono che
avevano prima.

Nel punto ove l'automobile era giunto, la costa si profilava
frastagliata capricciosamente ed assolutamente deserta.

Qualche tribù di esquimesi doveva però aver trascorso l'estate in quei
luoghi, poichè esistevano ancora degli avanzi di casupole, circondati
da ammassi di ossami appartenenti a foche ed a morse.

La immensa baia non era ancora interamente gelata, quantunque lungo
le sue coste si fossero ormai fissati i primi banchi di ghiaccio. Al
largo fluttuavano pesantemente, dondolandosi, molti _ice-bergs_, alcuni
dei quali di proporzioni gigantesche, seguiti da un numero infinito
di _palks_ e di _streams_, ossia piccoli banchi circolari od allungati
staccatisi certamente dai grandi _palks_ delle baie e dei golfi situati
al di là del circolo artico.

— Si direbbe che siamo già giunti al Polo, — disse Walter, il quale
seguiva cogli sguardi gli immensi stormi di uccelli marini volteggianti
sopra quei ghiacci.

— Mentre non siamo che al principio del viaggio, — rispose il canadese,
il quale invece esaminava la costa occidentale, per rendersi conto
dello stato della via che dovevano percorrere.

— E non si possono vedere quei brutti musi di esquimesi?

— Oh, ne incontreremo certamente. A voi, guardate laggiù: non vi pare
di scorgere delle sottili colonne di fumo?

— Che vi sia qualche accampamento?

— Può darsi.

— Se andassimo a visitare quei bevitori d'olio?

— Si può salire quella costa, Dik? — chiese il signor di Montcalm.

Il meccanico che era già balzato a terra, non aveva risposto. Curvo
innanzi, colle mani tese dinanzi agli occhi, pareva che osservasse
attentamente qualche cosa navigante al largo.

— Mi avete capito, Dik? — chiese il canadese.

Ancora nessuna risposta.

— Fulmini di Giove!... Che sia diventato improvvisamente sordo!...
— esclamò lo studente. — Ohè, _chaffeur_, si può salire quella costa
colla nostra macchina? —

Questa volta il baleniere si scosse e dalle sue labbra contratte uscì
un grido:

— Scandaglia la _boete_!... —

Lo studente l'aveva guardato, domandandosi se per caso il meccanico
fosse improvvisamente impazzito.

Il canadese invece aveva fatto un salto innanzi, esclamando:

— Il grido della vedetta dei balenieri!... Dov'è, Dik!...

— Guardatela.... laggiù.... fra quei due _ice-bergs_!... Ah!... Se
avessi una scialuppa ed il mio rampone!...

— Signor Gastone, — disse lo studente. — Volete dirmi se sta per
sprofondarsi la baia d'Hudson?

— Non sprofonda affatto, anzi spinge a galla uno dei suoi più
giganteschi abitatori.

— Eccola la briccona!... Che colossale balena!... Deve essere una
_franca_, è vero, Dik?

— Sì, signore, — rispose l'ex-pescatore di cetacei, agitando in alto
il braccio destro e stringendo le dita come se cercasse di afferrare
qualche rampone.

— Fulmini di Giove!... — esclamò lo studente. — Ero dunque io cieco
poco fa per non vedere un simile mostro? —

A soli cinquecento metri dalla riva, fra due gigantesche montagne
di ghiaccio, era bruscamente comparsa a galla una enorme massa nera
che aveva l'aspetto d'un fuso di metallo, poichè percossa dal sole
luccicava come se fosse d'acciaio.

All'estremità d'uno dei due capi, delle nuvole di vapore sfuggivano ad
intervalli, producendo un rumore strano, allargandosi in forma d'un V.

Era una magnifica balena franca, una delle pochissime sfuggite alla
ferocia dei balenieri americani ed inglesi, i quali ormai le hanno
quasi completamente distrutte.

Quel gigante dei mari, il più grosso della specie, doveva misurare
per lo meno una ventina di metri in lunghezza e pesare intorno alle
settanta tonnellate, il peso di trecento grossi buoi legati insieme.

— Come mai si trova così presso la costa? — chiese il canadese al
marinaio.

— Cercherà forse qualche posto adatto per deporre il balenottero,
poichè quella è una femmina e non un maschio.

— Il suo piccino? — chiese lo studente. — Dico piccino per modo di dire
poichè suppongo che i neonati di questi bestioni debbono nascere ben
grossi.

— Come un vitello, — rispose Dik, — ed ingrossa così rapidamente che
dopo poche settimane misura già, quel piccino, sette ed anche otto
metri di lunghezza.

— Che ottime balie devono essere le balene.

— E che madri affettuose, — aggiunse il canadese. — Per difendere il
loro piccino non esitano a sacrificarsi, è vero, Dik?

— Sì, signore. Difendono la loro prole con un accanimento feroce, e per
salvarlo si espongono ai colpi dei fiocinieri, lasciandovi quasi sempre
la pelle.

— Ma che cosa fa quella bestiona? — chiese Walter. — Si tuffa e risale
subito spalancando le mascelle. Che abbia sete?

— Si guadagna la sua zuppa, — rispose Dik. — Deve aver incontrato un
banco di quei granchiolini minuscoli che noi chiamiamo _bolte_....

— E gli zoologi: _clios borealis_, — aggiunse il canadese.

— E sta inghiottendoli in grandi masse, — continuò l'ex-baleniere.

— E come fa?

— Spalanca le mascelle, empisce la bocca enorme d'acqua, serra i fanoni
che funzionano come una rete, si sbarazza del liquido per mezzo degli
sfiatatoi e manda giù il pasto, attraverso una gola non più larga del
mio pugno.

— È allora tutt'altro che una terribile gastronoma come i capidogli e
come i pesci-cani, — disse il canadese.

— Adagio, signore, — rispose il baleniere. — A questi enormi mammiferi
sono necessari, in un solo giorno, non meno di dieci o dodicimila
chilogrammi di piccoli crostacei e d'altre materie quasi gelatinose
chiamate cibo della balena.

— Che zuppa!... — esclamò lo studente.

— Dik, — disse in quel momento il canadese. — Guardate un po'!... Non
vi sembra molto inquieta quella balena?

— Era appunto quello che stavo osservando ora, — rispose lo _chaffeur_.

Infatti l'enorme cetaceo, dopo essersi immerso tre o quattro volte,
a non molta profondità di certo, poichè si trovava troppo vicino alla
sponda, si era messa a spiccare dei veri salti, slanciandosi quasi a
metà fuori dall'acqua e mandando nel medesimo tempo delle formidabili
note che avevano qualche cosa di metallico, poichè pareva che
ripercuotessero entro un enorme tubo di bronzo.

La sua possente coda sferzava rabbiosamente l'acqua, sollevando delle
gigantesche ondate le quali si rovesciavano verso la costa con grande
fragore, balzando e rimbalzando.

— Che sia stata ferita da qualche colpo di rampone? — chiese il
canadese.

L'ex-baleniere scosse la testa, poi disse:

— Fra le onde che solleva si vedrebbe qualche grossa macchia di sangue.
Che i delfini gladiatori le abbiano invece divorata la lingua? Oh!...
Ve ne sono molti di quei ferocissimi pesci nei mari artici.

— Come, dei delfini oserebbero assalire un tale colosso!... — esclamò
lo studente, con stupore.

— Sono bestioni lunghi sette ed anche otto metri e con certi denti che
non vorrei provare.

Nutrono un vero odio contro le balene, e quando si trovano in buon
numero non esitano ad assalirle e con una ferocia inaudita.

Aspettano che uno di quei disgraziati cetacei spalanchi l'enorme
bocca e subito vi si precipitano dentro, mentre uno di loro si getta
attraverso i fanoni per impedire che le mascelle si rinchiudano
completamente.

Divorata la lingua, se ne vanno tranquilli e ben pasciuti.

— Ah!... Birbanti!... E la povera mutilata poi muore?

— Si, e fra dolori spaventevoli, — rispose lo _chaffeur_. — Questo
cetaceo potrebbe invece essere tormentato da qualche _cyamo_.

— Che cos'è? — domandò il canadese.

— Un crostaceo carnivoro che gli rode la cotenna e gli entra nel corpo
intaccando la carne viva.

Si dice che quel piccolo mostro cagioni a quei disgraziati giganti tali
dolori da farli impazzire.

— Povere balene!... — esclamò lo studente. — E dopo hanno gli uomini
che le perseguitano senza posa, è vero, Dik? —

L'ex-baleniere invece di rispondere tese un braccio verso la costa di
ponente, dicendo:

— Li vedete?

— Chi? — domandarono ad una voce il canadese e lo studente.

— Tutti quei punti neri che si dirigono verso la balena.

— È vero, — disse Gastone. — Che cosa possono essere?

— Potrei ingannarmi, tuttavia scommetterei il mio vecchio rampone
contro una carica di tabacco che quelli sono _kayak_ esquimesi.

Guardate, escono appunto dalla piccola cala dove poco fa voi avete
osservate delle colonne di fumo.

— Che corrano all'attacco del gigante dei mari? — chiese lo studente.

— Certo, signore. Sono fortune che toccano di rado a quei poveri
diavoli sempre in lotta colla fame.

Che scorpacciate di lardo che faranno se riusciranno a catturarla!... E
che bevute d'olio!...

— Con quei piccoli canotti di pelle di foca o di morsa oserebbero
tanto? — domandò il canadese.

— Vedrete all'opera quegli audacissimi pescatori. Sono in buon numero:
una cinquantina per lo meno.

Ah!... Godiamo una caccia emozionantissima. Che peccato non aver qui il
mio rampone e.... —

Dik si era bruscamente interrotto, mentre un urlo spaventevole aveva
lacerata l'aria: l'urlo della balena.

— Si è arenata!... — esclamò quasi subito lo _chaffeur_. — Che festa
per gli esquimesi!... —

La sua voce si perdette fra i clamori assordanti che uscivano dalla
gola del gigante dei mari.

— Sì, sì, si è arenata!... — gridarono a loro volta il canadese e lo
studente.

Era vero!... Il colosso, reso certamente pazzo da atroci dolori
causatigli o dalla perdita della lingua o dai morsi del vorace
crostaceo, era andata a cadere, dopo un ultimo e più disperato slancio,
su un banco subacqueo che non aveva potuto scorgere, ed era rimasta
come ancorata, con tre quarti del corpo allo scoperto.

Solamente la possente coda era rimasta immersa, ma non poteva esserle
ormai di nessuna utilità, anzi le era di danno, perchè ad ogni colpo
delle due gigantesche pinne il corpaccio si insabbiava sempre più.

Quel banco non distava che duecento cinquanta o trecento metri dal
luogo ove si era fermata l'automobile, quindi nulla poteva sfuggire,
della lotta che stava per cominciare, ai tre viaggiatori.

Gli esquimesi, accortisi che la colossale preda non poteva ormai
più evitare il loro attacco, affrettavano la corsa, mandando clamori
assordanti.

Le loro leggierissime scialuppe, lunghe dai sei agli otto metri,
coll'ossatura di fanoni di balena solidamente legati fra di loro
con nervi di renna e di volpi ed il resto di pelli ben cucite e rese
impermeabili, scivolavano sulle acque con fantastica rapidità sotto i
colpi dei remi a doppia pala.

I piccoli uomini delle terre gelate erano coperti in modo da sembrare
tanti orsi bianchi, avendo perfino le teste riparate da ampi cappucci
villosi e pur continuando ad imprimere ai loro _kayaks_ dei grandi
slanci, non cessavano di urlare.

Una cosa aveva subito colpito il canadese: cioè che ogni canotto
portava a poppa, a fior d'acqua, un paio di grosse vesciche ben gonfie
d'aria.

— Che cosa ne faranno, Dik, di quei palloni?: — chiese allo _chaffeur_.

— Quelle vesciche sono legate alle fiocine e servono ad impedire
alla balena di affondare. In questo caso gli esquimesi non ne avranno
bisogno, poichè questo disgraziato cetaceo non lascerà più il suo banco
se non a pezzi.

Ecco che l'attacco comincia.

— E noi assisteremo a questa caccia senza fare nulla? — chiese lo
studente. — Cerchiamo di affrettare, a colpi di _mauser_, l'agonia
della balena.

Le risparmieremo altri dolori.

— Così avremo anche noi il diritto di reclamare qualche pezzo di quel
colosso, — disse il canadese.

— Osereste mangiare di quel lardo, signor di Montcalm?

— Oh no, quello lo lasceremo agli esquimesi e faremo loro un gran
piacere, essendo ritenuto un pezzo scelto. Domanderemo invece un po'
di lingua per trarne dell'olio che si dice sia ottimo per friggere il
pesce, quando però è fresco, è vero, Dik?

— Buonissimo, signore. Attenzione: ecco l'attacco!... —

I cinquanta _kayaks_ si erano rapidamente divisi in due ranghi,
per assalire il gigante a tribordo ed a babordo, presso la testa,
ed evitare i terribili colpi di coda che si succedevano senza
interruzione, sconvolgendo l'acqua della baia per una distanza
notevolissima.

La balena si era già accorta della presenza dei nemici e mandava dei
clamori sempre più formidabili.

Nel medesimo tempo faceva degli sforzi disperati per sottrarsi dal
mal passo ove si trovava, imprimendo al suo corpaccio dei sussulti
formidabili che facevano vibrare la sua grassa cotenna come se fosse
una massa gelatinosa.

— Mirate presso gli occhi!... — disse il canadese allo studente. —
Sprechereste inutilmente le palle se vi provaste a tirare contro quella
botte di grasso.

— Va bene, — rispose Walter.

   [Illustrazione: — E perchè brontola così? Non conterrà qualche
   spirito malefico? — (Cap. X).]

Un momento dopo, quando già gli esquimesi cominciavano a stringere le
linee e ad impugnare le loro fiocine, alcune di buon acciaio ed altre
di osso ben lavorato ed accuratamente affilato, parecchi colpi di fuoco
rimbombavano sulla spiaggia.

I due viaggiatori vuotavano rapidamente il serbatoio dei loro _mauser_,
tempestando l'enorme testa del cetaceo.

Gli esquimesi, udendo quegli spari, dapprima ristettero, poi avendo
compreso che gli uomini bianchi non volevano altro che aiutarli nella
difficile impresa, coprirono i fianchi del mostro di fiocine.

Quantunque i loro canotti danzassero come turaccioli sulle creste delle
onde sollevate dai potenti colpi di coda, lanciavano i loro dardi con
una precisione meravigliosa.

Ben presto i due fianchi del mostro apparvero irti di lancie infisse
abbastanza profondamente nello strato oleoso.

Larghi getti di sangue colavano in mare arrossando le acque a parecchi
metri di distanza.

Quello che sopratutto produceva una profonda impressione erano le
urla spaventevoli che uscivano da quella gran bocca, le cui mascelle
s'alzavano e si rinchiudevano convulsivamente.

Ad ogni clamore del povero animale rispondevano le urla selvagge dei
vittoriosi pescatori e gli spari dei _mauser_. Anche Dik, non avendo
potuto avere una fiocina, poichè i canotti non osavano accostarsi
troppo alla riva battuta da ondate irte di spuma sanguigna, si era
impadronito della grossa carabina a due colpi e bruciava, con una
specie di gioia feroce, le sue cartucce, scegliendo i punti più
sensibili del cetaceo.

Ben presto le note metalliche del mostro immane cominciarono
ad affievolirsi. Le sue forze scemavano e la vita se ne andava
rapidamente.

La coda si alzava ormai pesantemente, ad intervalli, e non più colla
suprema energia di prima.

L'agonia cominciava e la morte si avanzava frettolosamente.

Nemmeno quell'enorme massa l'aveva vinta o fatta indietreggiare.

— Ecco la fine, — disse Dik, appoggiandosi alla carabina ancora
fumante. — Guardate gli sfiatatoi. —

Due fitte colonne di vapore rossastro, cariche di sangue, si erano
alzate sopra la testa del gigante dei mari.

Annunciavano la morte.

Gli esquimesi, sapendo ormai che la gigantesca preda non poteva più
sopravvivere che pochi minuti a quella tempesta di fiocine e di palle,
si erano allontanati di tre o quattrocento passi per trovare una zona
di mare tranquillo; poi si erano diretti rapidamente verso la costa,
sbarcando e portando a terra i loro leggierissimi canotti.

Parevano premurosi d'incontrarsi cogli uomini bianchi che li avevano
così validamente aiutati in quella emozionante e non facile impresa.

— Andiamo loro incontro, — disse lo studente. — Sono curioso di vedere
da vicino questi abitanti delle nevi e dei ghiacci eterni. —

Il canadese, con un certo sguardo imperioso, lo fermò.

— Rimaniamo presso il nostro treno, — disse poi, — e tenete il
serbatoio del vostro _mauser_ pieno.

Non fidiamoci; questi non sono gli esquimesi del settentrione.

Che cosa dite voi, Dik? —

Il meccanico, invece di rispondere, si gettò ad armacollo la grossa
carabina, esclamando:

— Karalit!... Che fortunato incontro!... Non mi sarei mai immaginato di
trovarlo qui!... —

Gli esquimesi non erano che a pochi passi.

Il loro capo, un omiciattolo non più alto d'un metro e mezzo, tondo
come una botte, tutto infagottato in una pelle d'orso bianco e le
gambe cacciate dentro un paio di monumentali stivali di pelle di foca,
guidava la colonna brandendo fieramente un vecchio fucile a cui mancava
il cane e che doveva essere probabilmente un distintivo della sua alta
carica.

Dik gli si era mosso sollecitamente incontro, dicendogli:

— Non mi si conosce più, dunque? Eppure un giorno io ho salvato
te e anche il tuo _kayak_ alla foce del Wenisk. Te ne ricordi,
Karalit? —

Il capo rimase qualche momento immobile guardando attentamente
l'ex-baleniere, poi mandò un grido e gli si avventò quasi addosso
strofinando energicamente il proprio naso contro quello dell'uomo
bianco.

— Mio fratello il pescatore di balene, — disse poi, in un pessimo
inglese. — Sì, lo riconosco e sono ben lieto di rivederlo, quantunque
tre volte i ghiacci si siano sciolti.

Che cosa fa qui mio fratello il baleniere?

— Te lo dirò più tardi.

— Chi sono quelli? — chiese indicando il canadese e lo studente, i
quali assistevano al colloquio frenando a gran stento le risa.

— Sono miei amici, grandi cacciatori di balene.

— E quella bestia che brontola come un orso bianco?

— Una slitta o qualche cosa di simile.

— Piena d'animali feroci?

— Ma no!...

— E perchè brontola così? Non conterrà qualche spirito malefico?

— Spiegarti il perchè sarebbe una faccenda troppo lunga. È una slitta
che gli uomini bianchi hanno inventata e che corre meglio di tutti i
cani della tua tribù. —

L'esquimese lo guardò con una certa diffidenza, poi disse:

— Vedremo. Se sarà vero, nessuno mi leverà dalla testa che dentro
quella bestia vi siano degli spiriti maligni.

— Mio fratello Karalit avrebbe perduta la sua fiducia verso suo
fratello bianco?

— No, perchè non mi sono mai scordato che ti devo la vita.

— Allora tutto andrà bene. Dove si trova il tuo villaggio?

— Laggiù, dietro quella collina.

— Vuoi condurci?

— La mia capanna è aperta a te ed ai tuoi amici, ma non a quelle bestie.

— Non hanno bisogno della tua ospitalità. Quando sezionerai la balena?

— Domani, quando le ondate si saranno calmate.

— Allora precedici. —

Il capo fece ai suoi uomini un segno e la colonna si mise in marcia
verso il villaggio.

Dik, il canadese e lo studente erano risaliti sull'automobile la quale
pareva impaziente di riprendere lo slancio.

— Devo farla correre? — chiese Dik, riprendendo il suo posto dietro il
volante.

— No, no, — rispose il canadese. — Non spaventiamo questi uomini
primitivi. —

L'automobile si mise subito in moto, procedendo al passo e lanciando un
urlo poco dissimile da quello della balena.

Gli esquimesi si erano arrestati di colpo, presi da un improvviso
terrore, poi si erano slanciati a corsa disperata attraverso la pianura
nevosa, in direzione del loro villaggio.

Il capo, non importa dirlo, era stato il primo a far lavorare le sue
gambe.

— Non vi avevo detto di far risuonare la sirena? — disse il canadese.

— La loro paura passerà presto, signore, — rispose l'ex-baleniere, con
un sorriso strano. — Lasciate fare a me. —

E lanciò l'automobile dietro ai fuggiaschi, raggiungendoli dinanzi al
loro villaggio.



CAPITOLO XI.

Il traditore all'opera.


Gli esquimesi, che gli antichi naviganti norvegesi, che furono i
primi a vederli intorno al 1000, chiamarono Skrellinger, ma che
si fanno chiamare nella loro lingua invece Innuit, che vuol dire
«uomini», quantunque non siano molto numerosi, occupano tutte le coste
dell'America settentrionale, le isole polari, la Groenlandia e perfino
quelle dello stretto di Behering.

Anzi si trovano delle loro colonie perfino sulle coste asiatiche, verso
l'oceano polare artico.

Formano delle piccole tribù, disperse per lo più a grandissime distanze
le une dalle altre, eppure tutte parlanti, salvo poche varianti, la
medesima lingua.

Da dove proviene questa razza vivente sotto un clima così infame che
rende quelle regioni dei ghiacci eterni appena abitabili agli uomini
più robusti?

Dapprima si credette di ritrovare in quei piccoli uomini tutti i
caratteri della razza mongolica, poi quella degl'indiani dell'America
settentrionale, ma fino ad oggi il difficile problema non è stato
ancora risolto.

Il fatto sta che hanno degli uni e degli altri, e cosa ancor più
straordinaria, hanno anche delle strane rassomiglianze coi baschi, che
furono i primi pescatori di balene che si spinsero, in epoche lontane,
verso i mari nordici, forse ancora prima dei norvegesi, dei danesi e
degli islandesi.

Può darsi che siano usciti dalla fusione di tutte e tre.

La loro statura sorpassa di rado il metro e mezzo, nondimeno taluni
individui superano questa misura.

Hanno la faccia larga, appiattita, con mascelle massiccie, zigomi
sporgenti, occhi neri, naso stretto e corto, i capelli neri, grossolani
e poco folti, e la pelle, sotto lo strato d'olio e di sporcizia,
giallo-chiara con sfumature ramigne.

Sono robustissimi ed hanno invece mani e piedi piccolissimi.

Che un tempo la loro razza avesse abitato regioni più miti, non vi
ha dubbio, perchè sono stati trovati dei crani esquimesi perfino nei
pressi delle cascate del Niagara.

La ferocia delle pelli-rosse, specialmente delle bellicose tribù
canadesi, deve averli a poco a poco scacciati verso quelle terre
delle notti quasi eterne e dei grandi freddi, e là pare che si siano
perfettamente adattati, poichè trasportati in climi più miti ed in
paesi civili soffrono al punto di morire di nostalgia.

Tutti sono grandi cacciatori e grandi pescatori e vivono per lo più del
mare e dei suoi animali.

Infatti la loro alimentazione si può dire che è affatto animale
e divorano che è uno spavento a vederli. Come fare diversamente
d'altronde per mantenere il calore organico in quei climi così
terribilmente freddi?

Dotati d'un coraggio meraviglioso, osano affrontare i giganteschi orsi
bianchi, assalendoli prima a colpi di freccia e poi colle loro lancie
dalla punta d'avorio.

Sul mare poi sono veramente straordinari. Coi loro leggerissimi canotti
resi insommergibili da vesciche e così ben chiusi che l'acqua non
può entrare da nessuna parte, si allontanano dalla costa, per molte
centinaia di chilometri talvolta, sfidando le tempeste, i ghiacci, i
nebbioni intensi, e non ritornano senza qualche foca, qualche morsa, o
alla peggio con qualche lontra, se non con un grosso narvalo.

È la fame, l'eterna fame che li perseguita senza posa e che di quando
in quando distrugge delle intere tribù, quella che li ha resi così
coraggiosi e così sprezzanti della vita.

Due sorta di abitazioni usano gli esquimesi, secondo che servono per
l'estate o per l'inverno.

Durante la breve estate si accontentano di semplici tende; d'inverno
invece si costruiscono delle capanne che sono una specie di tumuli
molto bassi, a facce tronche, costruiti con zolle e pietre e coperte da
un tetto piatto, sorretto da grandi ossa di balena.

L'ingresso, stretto assai, mette in un corridoio a declivio, che poi si
rialza e che finisce in un'unica stanza la quale serve spesso d'asilo a
parecchie famiglie.

Una lampada, che è una specie di scodella un po' ovale, di pietra, con
un grosso lucignolo immerso nel puzzolente olio di foca, le illumina
e le riscalda così bene che spesso gli abitanti della catapecchia si
svestono mentre al di fuori il termometro segna 50° sotto zero.

Quelli che si trovano più al nord, usano invece la capanna fabbricata
completamente di blocchi di ghiaccio.

Comunque sia, le loro abitazioni sono dei veri porcili, dove dormono
alla rinfusa uomini, donne, fanciulli di varie famiglie insieme ai
cani, ai pesci in putrefazione, agli avanzi di foca. L'odore che
regna dentro quei covi è tale, che un europeo si sente asfissiare: gli
esquimesi invece ci si trovano benissimo.

A quante migliaia ammontano quei piccoli uomini dell'estremo nord?
È impossibile saperlo poichè si trovano delle tribù sperdute a tale
distanza dalle terre note da non poter farsene un'idea. Ne furono
scoperte talune perfino al di là dell'80º e può darsi che altre se ne
trovino anche nelle vicinanze del Polo.

                             . . . . . . .

L'automobile, urlando come una belva in furore, in pochi istanti aveva
sorpassati gli esquimesi che scappavano da tutte le parti mandando
urla di terrore, e dopo d'aver girata la collina si era precipitata in
mezzo ad una cinquantina di capanne allineate di fronte alla spiaggia,
provocando fra gli abitanti uno scompiglio indescrivibile.

Udendo quelle urla e vedendo quel mostro sconosciuto rantolante e
sbuffante, i vecchi che erano rimasti a casa, le donne, i fanciulli
si erano slanciati fuori dalle catapecchie disperdendosi in tutte le
direzioni.

Un uomo solo, che si avvolgeva in una gigantesca pelle d'orso bianco,
la cui testa gli serviva da cappuccio nascondendogli quasi interamente
il viso, era rimasto coraggiosamente fermo, minacciando l'automobile
con una specie d'arpione a doppia punta e con un gruppo di code di lupo
che agitava disperatamente colla sinistra.

Era l'_angekok_, ossia lo stregone della tribù.

— Ecco un personaggio importantissimo che noi dovremo trattare coi
guanti, — disse il canadese. — Dik, andate a portare, come primo
regalo, a quell'imbroglione, una bottiglia di _gin_.

Con un paio di sorsate si calmerà. —

Mentre lo _chaffeur_ si recava nel carrozzone, l'_angekok_, preso da un
improvviso delirio danzante, si era messo a girare e rigirare intorno
al treno, spiccando salti indiavolati e urlando a squarciagola.

Scagliava maledizioni contro il mostro rantolante, colla speranza di
farlo scappare, oppure manifestava in quel modo la sua sorpresa e la
sua gioia?

Sarebbe stato difficile saperlo.

Quella danza però ottenne un effetto straordinario, poichè gli abitanti
delle capanne, che poco prima se l'erano data a gambe, non tardarono a
ritornare insieme ai pescatori di balene ed al capo.

Il contegno eroico dello stregone doveva averli pienamente rassicurati,
tanto più che il mostro misterioso non l'aveva affatto divorato, anzi
non si era più mosso e continuava a russare tranquillamente dinanzi
alle capanne.

Dik frattanto aveva portate due bottiglie invece d'una, e dopo d'averle
decapitate con un colpo di coltello per fare più presto, le aveva
offerte una al capo e l'altra allo stregone.

I due messeri dovevano aver assaggiato altre volte la fortissima
bevanda, poichè a rischio di rovinarsi la lingua se le accostarono alla
bocca e cominciarono a vuotarle avidamente con un _glou-glou_ rumoroso.

— Corpo di Giove e di tutti i suoi fulmini!... — esclamò lo studente,
il quale era balzato a terra portando con sè il _mauser_ ed una Colt a
sei colpi. — Che stomachi!... Si ubriacheranno, se continuano ad alzare
il gomito a questo mondo!

— Lasciateli fare, — disse il canadese. — Sono imbottiti d'olio ed il
_gin_ non avrà facile presa su di loro.

— Stregone e capo gareggiano che è una meraviglia. Giù, giù, ancora....
hanno già finito!... Corpo di Giove!... Si direbbe che hanno bevuto un
litro di acqua fresca. —

I due esquimesi, dopo essersi ben assicurati che non era rimasta più
una sola goccia, passarono le bottiglie ben asciutte ai loro sudditi,
perchè potessero almeno fiutare l'odore, poi s'accostarono, non senza
una certa esitanza, all'automobile.

— Mio fratello bianco, — disse Karalit, rivolgendosi a Dik, — mi ha
grandemente spaventato colla sua brutta bestia. Questa bevuta mi era
necessaria.

Dovrebbe farmene fare un'altra per rimettermi completamente.

— Più tardi, — rispose l'ex-baleniere. — Fa intanto gli onori di casa a
me ed ai miei amici.

— La colazione deve essere pronta.

— Misericordia!... — esclamò Walter. — Che cosa ci offrirà questa botte
d'olio? Accettate, signor Gastone?

— E perchè no? — rispose il canadese, ridendo.

— Che cosa potrà offrirci? Qualcuno dei suoi cani fritto nell'olio di
foca?

— Si vedrà, Walter. Faremo però bene a portare con noi delle conserve
alimentari e qualche bottiglia di Bordeaux.

— Me ne incarico io. —

Lo studente corse nel carrozzone, empì un canestro di scatole e di
biscotti, tirò fuori dalla piccola cantina un paio di bottiglie
polverose, richiuse accuratamente la porta colla spranga e colle
chiavi, per paura che durante la loro assenza gli esquimesi tentassero
un saccheggio in piena regola, e raggiunse il canadese e Dik i quali
si erano fermati, insieme al capo ed allo stregone, dinanzi ad una
catapecchia un po' più vasta delle altre, adorna, sulla cima, d'una
mezza dozzina di cranî di renne e d'alci, infilati in corna di narvali.

Dinanzi all'abituro si stendeva, per una mezza dozzina di metri, una
specie di galleria che doveva essere ben bassa, formata con pietre e
coperta di torba e d'alghe marine.

— Dov'è la porta? — chiese lo studente, che aveva compiuto il giro
dell'abitazione senza vederne alcuna.

— E quel buco che immette nella galleria, — disse il canadese.

— Corpo di Giove!... È vero che gli esquimesi sono poco alti, ma non so
come facciano ad entrare.

— Strisciando come i serpenti.

— Dentro quel budello che sembra il tubo d'un pozzo nero?

— Non ci tengono gran che alla pulizia, mio caro.

— È tutta una fetente pozzanghera dove guazzano avanzi di pesci e
d'intestini di foca e di morsa.

— Non ci fate caso.

— Povere le nostre vesti!

— Ci cambieremo più tardi. Orsù, coraggio e spingete prima innanzi il
canestro. —

Il capo, l'_angekok_ e Dik si erano già cacciati dentro quel budello,
aiutandosi colle mani e coi piedi ed inzaccherandosi fino al collo.

Lo studente sternutò una mezza dozzina di volte, poi si fece animo e si
mise dietro ai talloni di Dik.

Appena dentro, credette di morire asfissiato, tanta era la puzza
che usciva da quel corridoio; sentendosi spinto innanzi dal canadese
che lo seguiva, sgattaiolò il più presto che gli fu possibile fra le
strette pareti, colla speranza di poter giungere subito in un posto
meglio arieggiato, e si trovò in una stanza circolare abbastanza vasta,
illuminata da un foro aperto in alto e difeso da un pezzo di vescica di
cavallo marino che bene o male serviva da vetro.

La speranza di poter trovare un'aria più respirabile, sfumò subito,
poichè la puzza che regnava là dentro era ben più acuta di quella che
aveva invasa la galleria.

Quello sopratutto che colpì e che prese alla gola il povero studente,
fu un acre odore d'ammoniaca. La catapecchia ne era addirittura
appestata in modo spaventevole.

— Per tutti i fulmini di Giove!... — esclamò, rialzandosi a fatica. —
Ohè, Dik, c'è qualche fabbrica d'ammoniaca qui dentro? Come fate voi a
resistere?

— Vi abituerete anche voi, — rispose l'ex-baleniere, il quale pareva
che non si trovasse troppo a disagio entro quel letamaio.

— E da che cosa proviene.... questo profumo, chiamiamolo pure così, se
è quello gradito dalle belle esquimese. —

Lo _chaffeur_ gl'indicò tre o quattro grossi vasi di pietra porosa, che
occupavano un angolo della stanza.

— Da quelli, — disse poi. — Sono pieni d'orina.

— E che!... Questi porci la conservano per....

— Per conciare i loro stivaloni di mare.

— Ed anche le nostre pelli a quanto pare, — disse il canadese, sbucando
dal corridoio. — Questo è un vero negozio di profumeria.

— Infernale, — aggiunse lo studente, il quale non cessava di sternutare
e di fare delle smorfie ridicole.

Si erano guardati intorno.

Tutto il mobilio si riduceva a grossi rotoli di pelli che alla sera
dovevano servire certamente da letti, ed a molti vasi dentro i quali
gelavano, immersi nell'olio puzzolente degli anfibi marini, pezzi di
foca, di morsa e di narvalo.

Tutto il soffitto era coperto di pesci appesi a delle corde fatte di
nervetti intrecciati, pesci già corrotti che spandevano un odore più
che nauseante, molto gradito però agli esquimesi i quali preferiscono
la carne già molto, anzi troppo passata, a quella fresca. Questione di
gusti.

— Se non crepiamo asfissiati è un vero miracolo, signor Gastone, —
disse lo studente. — Dovevamo portarci qualche bottiglia di eliotropio
o di ilang-ilang!... Per tutti i fulmini di Giove!... Che razza di
polmoni posseggono dunque questi orsi umani?

— Si sono abituati, — rispose il canadese.

— Ma io non ci riuscirei mai e poi mai.

— Nemmeno io, credo.

— Eppure quel diavolo di Dik pare che non si trovi troppo male qui
dentro.

— Era marinaio, mio caro.

— Già, me l'ero scordato. —

Mentre si scambiavano le loro impressioni, il capo e lo stregone non
perdevano il loro tempo.

Avevano levate, di sotto un cumulo di pelli di foca, certe scodelle di
forma ovale, di pietra oliare malamente scavata, e le avevano deposte
nel centro della catapecchia, su una splendida pelliccia d'orso bianco,
poi avevano portato quattro o cinque vasi di dimensioni piuttosto
enormi, tirando fuori, colle mani, si capisce, poichè l'esquimese ha
sempre ignorato l'uso della forchetta, delle teste di foca arrostite
prima sulla lampada e poi conservate nell'olio di balena, bocconi degni
solamente di essere assaggiati dai grandi personaggi

Poi da un altro vaso trassero un certo intruglio formato di sangue
coagulato e di quei tali licheni chiamati zuppa di roccia, altro
boccone scelto, quindi un paio d'oche marine conservate nel grasso di
balena dopo essere state arrostite al fuoco della fumosa lampada, che
per gli esquimesi serve da stufa e da fornello.

— Dio degli dei!... — esclamò lo studente, cacciandosi le mani
nei capelli come un disperato. — Ed io dovrò mandare giù queste
porcherie!... Fulmine di tutti i fulmini di Giove, del cielo e della
terra!... Io scappo!... —

Se il canadese non fosse stato pronto ad afferrarlo per un lembo
della sua villosa casacca, il campione del salto di Cambridge avrebbe
certamente dato un saggio dell'agilità e della robustezza dei suoi
garretti, filando come un'automobile attraverso la galleria.

— Avete dunque dimenticato che abbiamo portato un canestro contenente
qualche cosa di meglio di queste porcherie, tollerabili solo, sono il
primo a convenirne, dagli stomachi degli esquimesi?

Vi assicuro che nemmeno io assaggerò questi manicaretti polari, debbano
o no offendersene i nostri cari orsi del nord.

— Corpo di Giove!... Mi ero scordata la nostra colazione.

— Mettetela fuori dunque, e vedremo se il capo ed il suo compare
faranno più onore alle nostre conserve alimentari o alle loro teste di
foca.

— Ma si soffoca qui dentro, signor di Montcalm. Io puzzo già come un
pozzo nero.

— Ce ne andremo al più presto, Walter. Credo che anche Dik cominci ad
averne abbastanza.

— È vero, signore, — rispose lo _chaffeur_. — Preferisco respirare
della buona aria gelata a 50° sotto.

— Allora spicciamoci. —

Il canestro fu vuotato accanto alla zuppa di roccia ed alle teste di
foca ed alle oche e tutti cominciarono un poderoso attacco, sopratutto
i due esquimesi.

La zuppa ed i manicaretti polari fecero una gran magra figura, poichè
anche il capo e lo stregone preferirono divorare le provviste degli
esploratori e lasciare in pace le teste di foca ed anche le oche.

L'olio non fece la sua comparsa poichè le due bottiglie di buon vino
lo surrogarono e che furono prestissimo asciugate dai due compari del
nord.

— Andiamocene, — disse Walter, gettando in aria il canestro vuoto. —
Aria!... Aria!...

— Sì, sì, lasciamo subito questa cloaca, — disse il canadese. — Al
diavolo tutte le capanne di questi orsi polari. —

Ne avevano fino sopra i capelli, compreso Dik, il quale aveva finito
per trovarsi a disagio là dentro, quantunque avesse soggiornato molte
volte presso le tribù esquimesi.

Appena si trovarono all'aperto, la popolazione intera fu loro addosso
urlando e gesticolando. Pareva in preda ad un pazzo terrore.

— Che cos'è accaduto? — chiese il canadese. — Sono diventati nuovamente
matti questi cari amiconi? —

Una bestemmia era sfuggita a Dik.

— Hanno toccato la macchina e l'automobile si è spostata. Purchè non
abbiano guastato il radiatore!... —

Infatti il treno, durante la loro assenza, si era avanzato per oltre
centocinquanta metri e s'accaniva a salire una roccia incrostata di
ghiaccio assolutamente insuperabile.

Qualche curioso aveva mossa la leva e la macchina si era messa in moto
a rischio di frantumarsi contro quell'ostacolo.

Dik in pochi slanci la raggiunse ed arrestò il motore, mentre la
piccola tribù si disperdeva nuovamente in tutte le direzioni malgrado
le grida del capo e dell'_angekok_.

— Nulla di guasto? — chiese il signor di Montcalm, il quale, insieme
allo studente, aveva raggiunto lo _chaffeur_.

— Qualche cosa deve essersi rotto, — disse Dik, la cui fronte appariva
annuvolata.

— Il radiatore forse?

— Ah no, signore. Non sarà cosa grave. Prima di domani la nostra
macchina sarà in ordine.

Ne rispondo io.

— Saremo così costretti a fermarci qui questa sera.

— E necessario, signore. Devo visitare il meccanismo.

— Abbiamo commessa una imprudenza ad abbandonare il nostro treno, —
disse Walter.

— Sarà l'ultima, — rispose il canadese.

— Che il diavolo si porti via quel maledetto orso che ha avuto la
pessima idea di mettere in moto la nostra macchina.

   [Illustrazione: .... e la macchina s'era messa in moto, a
   rischio di frantumarsi contro.... (Cap. XI).]

— Possediamo tutto l'occorrente per guarire simili ammalati, è vero,
Dik?

— Sì, signore. Come vi ho detto, io rispondo di tutto.

— Ecco un buon medico!... — esclamò lo studente.

L'automobile fu fatta indietreggiare fino al villaggio, presso la
catapecchia del capo, fra le urla degli abitanti, i quali a poco a poco
erano ritornati, senza che gli esploratori potessero comprendere se
erano grida ostili o di gioia.

Cominciava a far buio poichè le giornate sono straordinariamente corte
d'inverno, sotto quelle alte latitudini, ed un vento freddissimo si era
alzato sulla vastissima baia, soffiando con molta violenza e spingendo
innanzi a sè nubi di nevischio.

Era il momento di ritirarsi nel comodo carrozzone-salon e di accendere
la stufa.

Anche gli abitanti cominciavano a rifugiarsi nelle loro catapecchie,
dove già le donne avevano accese le puzzolenti lampade.

Fuori non rimanevano che i cani, scorazzanti in mezzo alla neve,
insensibili al freddo ed al vento.

Un bel buco sotto la neve e la loro casa era pronta e preferibile forse
al pestifero corridoio delle capanne.

— Signore, — disse Dik al canadese. — Io non soffro affatto al freddo e
se non vi rincresce dormirò sulla mia macchina, così sorveglierò anche
questi uomini.

Non dobbiamo fidarci poichè, a quanto ho capito, ritengono il
nostro treno come un genio malefico destinato a distruggere tutta la
selvaggina che è così necessaria per la loro esistenza.

Prima di addormentarmi visiterò il motore e vedrò se vi è realmente
qualche guasto.

— Fate come volete, Dik, — rispose il canadese. — Per mio conto
preferisco addormentarmi presso la stufa.

— E sui nostri comodi lettucci, — aggiunse lo studente.

— Io starò benissimo anche sotto la _capote_ della macchina, — rispose
l'ex-baleniere. — Buona notte, signori. —

Si erano già congedati dal capo e dall'_angekok_, i quali si erano pure
ritirati nelle loro capanne.

Il canadese e lo studente, che si sentivano investire furiosamente
dalle raffiche nevose, si ritrassero in fretta nel carrozzone, mentre
l'ex-baleniere caricava tranquillamente la sua grossa pipa insensibile
al freddo ed alle folate, mormorando:

— È questo il momento di mettermi ai servigi di _mister_ Torpon e di
mantenere le mie promesse. _By-god!_...

Diecimila dollari non si gettano via come se fossero sabbia.

Karalit mi aiuterà, corpo di una balena sventrata!... Se gli ho salvata
la vita, mi deve della riconoscenza, e se si rifiuterà guai a lui. Dik
è stato sempre un bel briccone, lo dicevano tutti i miei camerati ed in
fondo non s'ingannavano.

Orsù, all'opera ed areniamoli qui!... —



CAPITOLO XII.

Un'orgia di carne e d'olio.


Il briccone si cacciò sotto la _capote_, si avvolse nella sua pelliccia
e dopo d'aver tracannati alcuni lunghi sorsi di _wisky_, avendo sempre
una bottiglia di riserva accanto allo scudo protettore, accese la sua
monumentale pipa mettendosi placidamente a fumare.

Che cosa aspettava? Certo che le tenebre fossero più fitte e che il
canadese e lo studente si fossero addormentati.

Aveva già fatto il suo piano e non attendeva che il buon momento per
metterlo in esecuzione. Karalit non si sarebbe certamente rifiutato di
prestargli man forte colla promessa di qualche buon regalo, d'un fucile
per esempio, arme ambita soprattutto da quel popolo di cacciatori.

Il vento continuava a soffiare forte sulla baia di Hudson, avventando
contro la costa delle grosse ondate, le quali rumoreggiavano
sinistramente.

Di quando in quando, fra gli ululati della gelida tramontana ed i
muggiti della risacca, si udivano dei rombi spaventevoli, seguìti poco
dopo da tonfi d'una sonorità estrema.

Erano gli _ice-bergs_, ossia le montagne di ghiaccio galleggianti che
si urtavano e che si capovolgevano sotto la formidabile spinta.

Per due volte Dik caricò e fumò la sua pipa, poi si decise finalmente a
muoversi.

Si cacciò nella cintura una Colt, non essendo improbabile che dei lupi
si aggirassero intorno al villaggio per fare la festa a qualche cane
esquimese, poi si accostò con precauzione al carrozzone-salon guardando
attraverso un finestrino.

Buio perfetto. I due esploratori dormivano già, invitati dal dolce
tiepore che si sprigionava dalla piccola stufa e dai ruggiti delle
raffiche.

— Benissimo, — mormorò l'ex-baleniere. — Speriamo che Karalit non li
abbia imitati!... —

Tornò indietro e si cacciò dentro la galleria che metteva nella capanna
del capo, giungendo ben presto nella stanza circolare.

Karalit non si era affatto coricato. Stava preparando una pelle di
morsa, battendola con un sasso mentre sua moglie, una donna ancora
giovane e abbastanza belloccia per essere una esquimese, seduta sotto
la lampada masticava coi suoi robusti denti gli stivaloni da caccia del
marito per renderli più morbidi.

— Mio fratello bianco qui!... — esclamò il capo, interrompendo subito
la sua nauseante operazione. — Che cosa vuole a quest'ora?

— Invitarti a bere con me una bottiglia, prima di tutto, di quell'acqua
forte che brucia e che scalda e che a te piace tanto, — rispose
l'ex-baleniere.

— L'hai portata con te? — chiese l'esquimese, i cui occhi si erano
subito accesi d'ardente bramosìa.

— Eccola: è quasi piena.

— Mio fratello bianco è un vero amico, — disse Karalit, allungando le
mani per afferrarla.

— Adagio, mio caro: te la berrai discorrendo con me.

— Che cosa vuoi?

— Ricordarti un'altra volta, innanzi tutto, che io ti ho salvata la
vita.

— Non l'ho mai dimenticato, — rispose Karalit.

— E che io non ho avuto da te mai nessuna ricompensa.

— Allora ero un povero pescatore, padrone d'un _kaiak_ sdruscito e
d'una sola fiocina.

— Ma oggi sei capo tribù.

— È vero: domanda quindi quello che vuoi. Delle foche? Delle morse? Dei
cani? Delle slitte?

— Niente affatto, poichè noi abbiamo abbondanza di viveri ed una
macchina creata dal genio del male, che sfida tutti i tuoi cani.

— Ed allora? — chiese l'esquimese, imbarazzato. — Le mie fiocine ed il
mio arco?

— Nemmeno, perchè anzi ho intenzione di regalarti un buon fucile da
caccia, che ho già sottratto nascostamente al mio padrone. —

I piccoli occhi dell'esquimese tornarono ad illuminarsi. Un fucile a
lui!... Gl'indiani canadesi che sono i nemici secolari di quei piccoli
uomini del nord e che li trucidano ferocemente ritenendoli spiriti
maligni, avrebbero ben dovuto guardarsi d'ora innanzi.

— Che cosa vuole da me dunque mio fratello bianco? — chiese, con voce
quasi tremante.

— Una cosa semplicissima.

— Parla.

— Impedire ai miei compagni di partire.

— Perchè? — chiese Karalit, con stupore.

Dik, invece di rispondere subito, si sedette su un ammasso di pelli
mettendosi fra le gambe la bottiglia di _wisky_ sulla quale si posavano
insistentemente gli occhi del capo, poi chiese:

— Sai che cosa vanno a fare quegli uomini che io conduco verso il gran
nord con quella macchina?

— Non me l'hanno detto.

— Vanno a distruggere tutte le foche, le morse, le lontre, i narvali, i
lupi, gli orsi bianchi e perfino i buoi muschiati che abitano le vostre
terre ed i vostri mari.

— E perchè?

— Per farvi morire tutti di fame.

— Noi non abbiamo mai fatto nulla di male agli uomini bianchi.

— Dicono che voi siete dei ladri e che sterminate tutte le balene che
si trovano in questi mari, mentre sono necessarie agli uomini bianchi
per trame l'olio occorrente alla illuminazione delle loro grandi case.

— E hanno mandata quella brutta bestia che brontola sempre!...

— Una bestia veramente terribile, amico, — disse Dik. — Tu l'hai veduta
come corre.

— Va come le grandi raffiche.

— E quando corre a tutta forza piomba su tutti gli animali e li uccide
col solo urto.

Capisci?

— Abbastanza, — rispose Karalit. — Sicchè distruggerà tutti gli animali
che sono necessari all'esistenza delle nostre tribù?

— E non vi rimarrà altra risorsa che quella di tapparvi nelle vostre
capanne e di lasciarvi morire di fame.

— E perchè tu, che sei nostro amico, hai accettato di guidare quella
brutta bestia?

— Se mi fossi rifiutato il gran capo degli uomini bianchi mi avrebbe
fatto bruciare vivo.

— Che cosa devo dunque fare per impedire che i miei sudditi ed i miei
fratelli del gran nord muoiano di fame?

— Impedire ai miei padroni di andare innanzi e ricacciarli verso il
gran sud. Tu hai abbastanza gente per costringerveli.

— E se facessi gettare quella brutta bestia nella baia insieme ai tuoi
padroni?

— Non ti consiglierei di farlo, perchè quella bestia nasconde nel suo
ventre del fuoco che potrebbe scoppiare e bruciare te e tutto il tuo
villaggio.

— Ed allora, che cosa devo fare? — ripetè l'esquimese. — Fermarli qui o
farli retrocedere?

— Fermali, se puoi.

— Hanno delle bocche da fuoco e quelle fanno paura.

— Ti ho detto che ne darò una anche a te.

— Mio fratello bianco è un vero fratello, — disse Karalit. — Ora mi dia
da bere.

La mia lingua ha parlato troppo ed è asciutta.

— A te, ora bevi, — rispose Dik.

Il capo afferrò la bottiglia e si mise a bere a garganella.

— E tua moglie? — chiese l'ex-baleniere, fermandolo.

— Lasciala gustare i miei stivali, — rispose l'egoista. — A lei
bastano. —

Rialzò la bottiglia con un gesto brusco, e per paura che suo fratello
bianco tentasse ancora d'intervenire, in tre o quattro colpi vuotò il
contenuto.

— Ecco il calore, — disse, facendo scoppiettare la lingua. — Ve ne sono
ancora di queste bottiglie nella bestia maledetta?

— È piena, — rispose Dik.

— Allora puoi tenerti certo che i miei sudditi, se tu vorrai,
muoveranno senza esitare all'attacco della bestia per spillarle dal
ventre l'acqua che riscalda e che raddoppia la vita.

— Io lascerò loro tutte le bottiglie e parte dei viveri purchè non
commettano dei guasti.

— Quando dovremo agire?

— Domani, dopo lo squartamento della balena, alla quale assisteranno
senza dubbio i miei padroni.

Di quanti uomini puoi disporre?

— Di un centinaio.

— Armi da fuoco?

— Nessuna: solamente archi e fiocine. —

Dik si tolse la rivoltella e la porse al capo, dicendo:

— Dirò ai miei padroni che voialtri me l'avete rubata. Hai otto colpi
da sparare.

— Me ne servirò. Conosco queste armi avendone appreso il maneggio da
un cacciatore che è passato per di qua prima dello scioglimento delle
nevi.

— A domani, — disse Dik, alzandosi. — Ah!... Farai bene a mandar via le
donne ed i ragazzi.

— L'avevo già pensato.

— Buona notte, Karalit.

— Che mio fratello bianco riposi tranquillo, — rispose l'esquimese.

L'ex-baleniere si ricacciò nel corridoio, passando sopra a sette od
otto cani che si erano rifugiati là dentro, e raggiunse l'automobile.

Le raffiche accennavano a diminuire di violenza, mentre il freddo era
rapidamente aumentato.

Sulle coste della baia le onde si frangevano sempre con estrema
violenza, rumoreggiando sinistramente nella notte cupa.

Dik si cacciò sotto la _capote_, si sdraiò sui soffici cuscini,
si avvolse per bene nella sua pelle d'orso nero e si addormentò
placidamente dopo d'aver mormorato più volte:

— Gli affari sono affari.... —

L'indomani, ai primi albori, fu svegliato da un gridìo assordante
mescolato a latrati di cani.

I cacciatori si disponevano a recarsi alla piccola cala sui cui banchi
si era arenata la gigantesca balena, con un lungo seguito di slitte
tirate da dozzine di cani irrequieti, un po' somiglianti ai lupi e
che non cessavano di azzuffarsi fra di loro, benchè i loro padroni
picchiassero forte colle lunghissime fruste a manico cortissimo.

Il canadese e lo studente, udendo tutto quel baccano, erano pure usciti
dal carrozzone e si erano accostati all'automobile dove Dik stava
montando la sua piccola incudine per procedere alla riparazione del
guasto che non esisteva che nella sua fantasia.

— Che cosa succede, amico? — chiese il signor di Montcalm.

— Nulla di male, signore, — rispose l'ex-baleniere, levando da una
delle cassette una quantità di ferri. — Quel caro Karalit sta per
recarsi alla costa coi suoi pescatori per pelare la balena. Sarà uno
spettacolo interessante a vedersi e vi consiglierei di approfittare
della bella occasione, anche perchè l'automobile non potrà essere
pronta prima di questa sera.

— È grave il guasto?

— Ma no, signore, richiederà solo un po' di tempo e di pazienza. Come
vi ho già detto, rispondo io di tutto.

— Allora possiamo accompagnare gli esquimesi, — disse lo studente.

— Stavo per proporvelo. Rimanendo qui vi annoiereste inutilmente, —
disse l'ex-baleniere.

— Si va, signor di Montcalm?

— Andiamo, Walter, — rispose il canadese.

Karalit aveva già fatto avanzare una slitta tirata da venti cani e
guidata da un giovane pescatore, mettendola a loro disposizione.

I due viaggiatori vi salirono, portando con loro i _mauser_ ed un
canestro di provviste, e subito i cani, al primo colpo di frusta della
guida, si slanciarono attraverso la pianura gelata, latrando e ululando
di quando in quando come i lupi.

Tutte le altre slitte si erano pure messe in moto, gareggiando fra
un incessante scrosciare di fruste ed un baccano assordante, poichè
i guidatori sono costretti a urlare non meno fortemente dei cani per
farsi obbedire.

Che quelle bestie, derivate a quanto sembra da un incrocio di lupi e di
volpi polari, prestino ai piccoli abitanti delle nevi eterne dei grandi
servigi, è innegabile; tuttavia non si creda che siano molto docili ed
obbedienti ai loro padroni.

L'istinto selvaggio delle due razze è sopravvissuto e la lunga
schiavitù non li ha affatto domati.

Si prestano al tiro delle slitte per paura della frusta, non per fare
una cosa gradita ai loro padroni, verso i quali anzi non nutrono
nessuna affezione e ci vivono insieme solamente perchè sanno che
qualche cosa rimarrà sempre anche per loro dopo il pranzo.

Solo gli esquimesi sanno guidarli. Un europeo non riuscirebbe ad altro
che ad andare a gambe levate ad ogni momento, insieme alla slitta.

Correndo rissano continuamente fra di loro, imbrogliando i legami, si
mordono, urlano, poi chi si scaglia a destra, chi a sinistra, generando
una confusione enorme che solo la terribile frusta, maneggiata dal
guidatore con una maestrìa ed un vigore straordinario, riesce a
calmare.

Guai poi se sulla loro corsa s'imbattono in una volpe, in una martora
od in qualche altro piccolo animale. Allora non c'è più direzione.

Si scagliano dietro alla selvaggina senza più badare alle grida ed
alla grandine di frustate, gettandosi all'impazzata dentro i crepacci o
dentro i burroni, finchè finiscono per rovesciare il veicolo ed il più
delle volte per renderlo anche inservibile.

Sono ben lontani dai nostri cani danesi o di Terranuova, sempre docili
e sempre obbedienti e di buona lena. Le cinquanta slitte, poichè tante
erano, in meno di venti minuti raggiunsero la costa, fermandosi di
fronte al bassofondo su cui si era arenata la balena.

L'enorme massa non era stata menomamente smossa dalle ondate della
notte e mostrava il suo potente dorso ancora tutto irto di fiocine.

La coda, rimasta fuori dal banco, fluttuava sotto i colpi della
risacca, la quale s'ingolfava perfino dentro l'enorme bocca,
rumoreggiando e spumeggiando intorno e fra mezzo i fanoni non ben
serrati.

Walter ed il canadese erano subito balzati a terra, ed approfittando
della bassa marea che aveva lasciato il banco quasi allo scoperto,
si erano spinti innanzi fugando, con due colpi di fucile, una miriade
di volatili radunatisi per prendere parte alla festa e rimpinzarsi di
lardo.

Gabbiani, falchi pescatori, aquile pescatrici, procellarie, albatros
giganteschi, erano accorsi da tutte le parti e volteggiavano sopra il
gigante marino con un gridìo assordante.

Le lumme poi si contavano a migliaia e migliaia.

Gli esquimesi si erano armati di certe pale di ferro, di forma
quadrata, assai taglienti, a manico corto, comperate certamente dai
balenieri, ignorando quel popolo nordico la lavorazione del ferro,
metallo che forse manca in quelle regioni, ed avevano invaso il banco
per spogliare quell'enorme massa del suo lardo e delle sue carni.

Prima ad essere assalita fu la testa del cetaceo, per mettere al sicuro
la lingua.

Sfondati i fanoni, dodici o quattordici uomini penetrarono nella bocca
e si misero subito all'opera, mentre altri cominciavano a piantare
le loro pale nei fianchi del gigante, segnando le striscie di lardo
che più tardi dovevano venire levate e trasportate, sulle slitte, al
villaggio.

— Ecco i viveri assicurati per tutto l'inverno, — disse il canadese
a Walter. — Questi uomini fortunati potranno attendere senza timore
le grandi nevicate, senza porre la punta dei loro nasi fuori dalle
capanne.

— Quanto olio potranno ricavare dalla lingua, signor di Montcalm? —
chiese lo studente, il quale si era avvicinato all'enorme bocca entro
la quale gli esquimesi lavoravano accanitamente.

— Circa otto barili, ed è il migliore che si ricava dalla balena.

— E dalla massa intera?

— Suppergiù trentamila libbre.

— Una vera inondazione.

— È la parola, Walter.

— Vediamo un po' questi fanoni, che devono essere i famosi ossi di
balena che si pagano ben cari.

— Sono grosse lamine, fisse nella mascella superiore, che scendono
diritte formando una specie di siepe, un po' dentellate ad uno dei
margini.

— Vedo, — rispose lo studente. — E nessun dente!... È strana!...

— Certi cetacei, quelli chiamati balene maschio, ne posseggono però, ma
non se ne servono.

— Mentre i capidogli?...

— Sono formidabilmente armati di denti di forma conica, ognuno dei
quali non pesa meno di due chilogrammi.

— Che morsi devono dare!...

— Lo sanno purtroppo le disgraziate balene.

— Perchè sono nemici?

— E terribili nemici; e sono, come potete immaginarvi, sempre le balene
che hanno la peggio, non servendo a nulla i fanoni.

— Sapete che idea mi dà la bocca di questo cetaceo?

— D'una scialuppa.

— Precisamente, — rispose lo studente. — A quanto stimate la lunghezza
di queste mascelle?

— A non meno di venti piedi, — rispose il canadese. — La larghezza di
questa bocca deve raggiungere i dieci, con unitezza di sei, ossia di
due metri.

Come vedete, gli uomini non hanno bisogno di curvarsi per lavorare.

Lasciamo che questa brava gente si avvoltoli nell'olio e nel lardo, e
noi andiamo a tirare quattro fucilate contro gli uccelli marini.

Non avete che da scegliere.

— Sparerò sugli albatros.

— Carne coriacea, amico. Preferisco gli altri. —

Mentre si divertivano a fare dei bei colpi contro tutti quegli immensi
stormi di volatili, i quali d'altronde non si mostravano affatto
spaventati, gli esquimesi tagliavano, rompevano, fracassavano con
energia febbrile, ansiosi di demolire il gigante e di mettere in
salvo la sua carnaccia ed il suo lardo prima che si scatenasse qualche
tempesta e lo portasse via, trascinandolo verso altre coste a formare
la fortuna di qualche altra tribù.

Schiere d'uomini, carichi di enormi pezzi di grasso sgocciolanti
d'olio, rossi di sangue fino ai capelli, passavano continuamente sulla
costa e caricavano le slitte, le quali ripartivano subito pel villaggio
per poi tornare al più presto.

Gli altri, sotto la direzione di Karalit, non cessavano di tagliare,
cacciandosi perfino dentro l'enorme carcame, per strappare alle viscere
brandelli enormi di grasso.

Sembravano tante formiche attorno al corpo d'un bisonte o d'un
rinoceronte.

A mezzodì i lavoratori presero un po' di sosta, radunandosi sulla
spiaggia cosparsa di vere montagne di lardo e di carne. Che festa!...
Uomini e cani gareggiavano nel rimpinzarsi e gli uccelli vi prendevano
parte indisturbati, giacchè nè le grida, nè le frustate sarebbero
riuscite a cacciarli di là.

Piombavano a legioni così fitte da oscurare talvolta la luce del sole,
ed erano così audaci da strappare di mano, con un fulmineo colpo di
becco, i pezzi che gli uomini stavano per portarsi alla bocca.

Soprattutto i grossi albatros mostravano un accanimento feroce e
resistevano energicamente alle frustate ed anche ai colpi di rampone,
sbattendo furiosamente le loro immense e poderose ali. Il canadese e lo
studente, nauseati da quello spettacolo e quasi soffocati dalla puzza
orribile che tramandavano le interiora del cetaceo in mezzo alle quali
si avvoltolavano cani ed uomini insieme, si erano tirati in disparte,
saccheggiando il loro canestro.

Durante la giornata, il via vai di uomini, di cani, di slitte non
cessò. Gli esquimesi, quantunque pieni di lardo al punto da correre
il pericolo di scoppiare, avevano nuovamente assalito il carcame, che
ormai mostrava le gigantesche costole, per privarlo di tuttociò che
poteva servire di nutrimento.

Alla sera ben poco rimaneva del disgraziato cetaceo. Perfino la testa
era stata sfondata per togliere il cervello, relativamente piccolo
riguardo alla massa imponente del corpo, che doveva fornire al capo ed
allo stregone una deliziosa frittura!...

Ricominciava a soffiare il vento sulla baia ed a cadere del nevischio,
quando i pescatori tornarono al loro villaggio cogli ultimi carichi.

Il canadese e lo studente avevano ripreso posto sulla slitta messa
a loro disposizione dal capo, e che per un certo riguardo, molto
apprezzato dai due esploratori, non era stata adoperata per trasportare
quelle montagne di grasso.

Venti minuti dopo giungevano al villaggio, fermandosi presso
l'automobile.

Dik stava vibrando alcuni colpi di martello su dei bolloni e su delle
viti, canticchiando a mezza voce, quantunque avesse la pipa stretta fra
i denti.

— Tutto accomodato? — chiese il canadese.

— Tutto, signore, — rispose l'ex-baleniere. — La nostra macchina filerà
meglio di uno _steamer_.

— Allora domani potremo riprendere la nostra corsa e spingerci fino al
forte Severn.

— Anche direttamente a quello di Churchill, signore. Avremo abbastanza
benzina per raggiungerlo.

— Walter, prepariamoci il pranzo, — disse il canadese, — e voi Dik
venite a dormire con noi nel carrozzone.

— Io mi trovo benissimo sotto la _capote_ dell'automobile, — rispose
l'ex-baleniere. — E poi non mi fido affatto di questi uomini dopo il
guasto che ho constatato.

Capirete che basta un momento a rovinare il radiatore o sventrarci le
pneumatiche, e sarà perciò meglio che io vegli.

Io già non ho mai avuto molta fiducia negli esquimesi, checchè si sia
detto sulla loro pretesa onestà.

Ho finito: vengo ad aiutare il cuoco.



CAPITOLO XIII.

Battaglia in mezzo alle nevi.


Il canadese e lo studente, dopo un'abbondante cena ed una buona dose
di pipate, si erano cacciati sotto le coperte, quando un fracasso
indiavolato, che veniva dal di fuori, li strappò bruscamente dal primo
sonno.

Pareva che fra gli abitanti del villaggio fosse scoppiato un vivo
alterco, poichè fra i latrati dei cani si udivano grida minacciose e
certi colpi come se delle slitte venissero spezzate.

Walter pel primo era balzato giù dal lettuccio, e dopo essersi
impadronito d'una rivoltella, la prima arma trovata sotto mano, si
era precipitato verso uno dei finestrini tentando di vedere ciò che
accadeva intorno al treno.

Quantunque la notte fosse oscurissima e la neve cadesse in quel momento
in abbondanza, travolta dal ventaccio che soffiava da settentrione,
vide subito numerosi uomini dibattersi e urtarsi gli uni gli altri,
spingendosi contro l'automobile.

— Signor di Montcalm!... — gridò. — Quei miserabili attaccano la nostra
macchina. —

Il canadese era già balzato, a sua volta, giù dal letto, ed aveva,
prima di tutto, accesa la lampada, poi si era armato d'un _mauser_ il
cui serbatoio delle cartuccie era pieno.

— Aprite la porta, Walter!... — gridò. — Pagheremo la loro ospitalità a
colpi di fucile. —

   [Illustrazione: .... tornarono al loro villaggio, cogli ultimi
   carichi. (Cap. XII).]

Lo studente si slanciò contro la sbarra di ferro, la tolse e si provò a
spingere, ma con sua grande sorpresa la porta non cedette.

— Signor di Montcalm!... — gridò. — Ci hanno chiusi dentro!...

— È impossibile!...

— Provate anche voi.

— Aiutatemi!... —

I due uomini fecero impeto senza ottenere alcun risultato. La porta
era stata chiusa esternamente forse colla sbarra che era rimasta fuori
e che gli esquimesi avevano ricollocata a posto per impedire ai due
esploratori di uscire.

— Ah!... Canaglie!... — esclamò il canadese.

Si affacciò al finestrino che lo studente aveva aperto e gridò:

— Dik!... Dik!... A noi!... —

Fra tutto quel vocìo confuso gli parve di udire la voce
dell'ex-baleniere, poi rimbombarono due colpi di rivoltella.

— Dik!... Dik!... — ripetè il canadese. — In nome di Dio,
rispondete!... Che cosa succede? —

Un gruppo di uomini armati di archi e di ramponi si diresse verso
il carrozzone-salon. Karalit era con loro e stringeva in una mano la
rivoltella ancora fumante.

— Miserabile!... — gridò il canadese, puntandogli contro il _mauser_,
mentre lo studente, aperto un altro finestrino, agitava la sua grossa
Colt, minacciando di sparare. — Contro chi hai fatto fuoco? Che cosa
significa tutto questo baccano? Rispondi o ti uccido come un lupo
arrabbiato.

— Non sono stato io a tirare quei due colpi, bensì il tuo marinaio, —
rispose Karalit. — Per poco non mi uccideva.

— Perchè?

— Non lo so.

— Dov'è il mio marinaio?

— Lo abbiamo legato ben bene e cacciato dentro una capanna.

— Per qualche motivo deve aver sparato, tanto più che era tuo amico e
quindi non poteva nutrire odio alcuno verso i tuoi sudditi.

— Ah, io non lo so, — ripetè Karalit.

— Allora te lo dirò io, furfante!... — gridò il canadese. — Tu ed i
tuoi uomini volevate rovinarci la nostra macchina. Ce l'avete guastata
anche ieri.

— Può essere, — rispose candidamente l'esquimese, il quale non perdeva
di vista la canna del _mauser_.

— E hai l'audacia di confessarlo!...

— Sì, uomo bianco, perchè noi non vogliamo che tu vada più oltre verso
il gran nord.

— E perchè?

— Perchè l'_angekok_ ha detto che la tua bestia ha uno scopo terribile:
quello di distruggere tutti gli orsi, le foche, le morse ed i cavalli
marini, e così far morire di fame tutte le tribù degli Innoit. —

Walter scoppiò in una sonora risata, poichè quantunque l'esquimese
masticasse la lingua inglese in modo orribile, aveva compreso tutto.

Il canadese invece aveva lanciata una grossa bestemmia.

— Il tuo _angekok_ è un pazzo e tu sei un triplice imbecille! — gridò,
furibondo. — Finiamola con questa commedia: noi siamo uomini di corta
pazienza.

— Il nostro _angekok_ non si è mai ingannato, — rispose Karalit, — e se
ha detto così, vuol dire che è la verità.

O torna indietro o noi distruggeremo la tua bestia.

— Fa togliere prima la sbarra che tu hai cacciata dinanzi alla porta.

— No.

— Per tutti i fulmini di Giove!... — gridò lo studente, il quale voleva
prendere parte anche lui alla conversazione. — Signor mangiatore di
lardo, è ora di finirla con questa storia.

Signor di Montcalm, piantategli una palla sulla punta del naso o lo
crivello io come una schiumarola.

— Aspettiamo un po', Walter, — rispose il canadese. — C'è la macchina
fuori e Dik non è più là a difenderla.

Se ce la guastano, addio viaggio al Polo.

— Ai primi colpi di fuoco scapperanno come volpi, ne sono sicurissimo,
signore.

— Non dobbiamo dimenticare che tengono nelle loro mani Dik e che gli
hanno presa la rivoltella.

— Corpo di Giove!... Che cosa fare dunque? Cedere?

— Vediamo, — disse il canadese. — Questi furfanti contano certamente su
qualche premio.

Alle carote dell'_angekok_ non credono nemmeno loro, scommetterei mille
dollari contro uno. —

Karalit, seduto su un _hummok_ di neve, colla rivoltella sempre in
pugno, circondato da una quarantina dei suoi sudditi, i quali provavano
la forza dei loro archi fabbricati con pezzi di corna di renna
strettamente legati, aspettava pazientemente che i due esploratori
avessero finito di chiacchierare.

Aveva del tempo da perdere il briccone, ora che le sue capanne
rigurgitavano di carne e di lardo di balena.

— Insomma, che cosa vuoi? — chiese il canadese, minacciandolo col pugno.

— Te l'ho già detto, uomo bianco, — rispose l'esquimese. — Impedirti di
avanzare verso il gran nord.

— Ma se ti ho già detto anch'io che il tuo _angekok_ è un pazzo da
mandare a casa dello spirito maligno.

— L'_angekok_ ha parlato e basta, — ripicchiò l'ostinato. — Non si
è mai ingannato nel predire le grandi tempeste, i grandi freddi, le
scarse caccie e non s'ingannerà ora.

— E vuoi che torniamo indietro?

— Sì: questo è il fermo volere mio e di tutti i miei sudditi.

— Sia pure, ce ne andremo, — rispose il canadese. — Metti in libertà il
mio marinaio e rimetteremo in moto la nostra bestia.

— Ah no!... — esclamò Karalit. — Senza bestia.

— Che cosa vorresti dire? — urlò il canadese.

— Che la bestia rimarrà qui, perchè tenga lontani, colle sue urla, gli
spiriti maligni. S'incaricherà l'_angekok_ di darle da mangiare.

— Come!... Tu pretenderesti che ti lasciassimo la nostra macchina!...

— Accoppiamolo, signor di Montcalm!... — urlò lo studente.

— Guardatevi!... — disse Karalit, con voce minacciosa. — Ho cento
uomini sotto di me e se volessi averne tre volte tanti non avrei che da
far attaccare i cani e mandare alcuni dei miei uomini da mio suocero,
il gran capo dei Katirak.

Cadremo noi, ma cadreste anche voi.

Ho detto!... Tornerò prima che il sole tramonti!... —

Con un'agilità meravigliosa Karalit si gettò dietro l'_hummok_, mentre
i suoi uomini si disperdevano in tutte le direzioni correndo come lupi
e scomparve fra le tenebre prima che i due esploratori avessero avuto
il tempo di far uso delle loro armi.

— Pezzo di galera!... — gridò lo studente. — Ci è scappato di sotto
mano!... E quell'animale di Dik, che si è lasciato cogliere come una
gru addormentata, e perfino farsi prendere la rivoltella!

— L'avranno sorpreso nel sonno, — rispose il canadese. — E poi, con
cento uomini che aveva intorno, ben poco avrebbe potuto fare, anche se
avesse avuto a sua disposizione due Colt.

— Che abbiano guastato l'automobile?

— Speriamo di no, Walter. Siccome ciò potrebbe succedere, sarà meglio
che cerchiamo un mezzo per uscire.

Questa carrozza funzionerà pur sempre da fortezza, ed in caso di
pericolo ci rifugeremo sempre qui.

— Canaglie!... Dopo d'averli aiutati ad ammazzare la balena, senza
chiedere per nostro conto nemmeno un pezzo di lingua, ci hanno
preparato questo bel giuochetto!... E mi avevano detto che gli
esquimesi erano delle brave persone!...

— Quelli che abitano più al nord sì, non questi che sono stati corrotti
dalla civiltà, — disse il canadese. — Orsù, cerchiamo di uscire.

— Vi è la sbarra al di fuori e le finestre sono troppo strette,
signore. —

Il canadese riflettè un momento, poi battendosi fortemente la fronte,
esclamò:

— Noi siamo proprio due stupidi!...

— Dite? Non me ne offendo affatto.

— Ma sì, Walter, due imbecilli. Quando i lupi ci assediavano come ci
siamo rifugiati qui?

— Attraverso il tetto.

— E dal tetto usciremo, — rispose il canadese. — I chiodi non sono
nemmeno stati ribattuti e le viti non più messe a posto.

— Corpo di tutti i fulmini dell'occidente e dell'oriente!... — esclamò
Walter. — Che io abbia lasciata la mia memoria nell'Università di
Cambridge?

— No, l'avete un po' perduta in quella famosa gara del salto, — disse
il signor di Montcalm.

— Credo che abbiate ragione, — disse Walter, scoppiando in una allegra
risata, segno evidente che le minaccie degli esquimesi non erano
riuscite affatto ad impressionarlo. — Un martello ed uno scalpello,
signor Gastone. A voi la guardia della fortezza ed a me quella del
bastione dominante l'automobile.

Guai a loro se toccheranno la nostra macchina!... —

Gli attrezzi da fabbro e da falegname non mancavano nel carrozzone.
Aprirono una cassetta indicata con un numero, si munirono
dell'occorrente, salirono su due sedie ed assalirono la tavola che era
stata già levata durante l'assedio dei lupi.

Pochi colpi di martello e di scalpello, uno sforzo, e l'apertura
s'offerse dinanzi ai loro occhi.

Walter, che era più magro del canadese, in tre tempi si issò sul
tetto della vettura, spingendo a destra ed a sinistra la neve che lo
ingombrava.

Il signor di Montcalm si era affrettato a passargli un _mauser_ ed una
cartucciera.

— Dunque? — chiese, dopo qualche istante.

— Per tutti i fulmini di Giove!... — esclamò lo studente. — Lasciate
che i miei occhi si abituino un po' all'oscurità.

— Se la pianura è bianca!...

— Ma la capanna di quel briccone di Karalip o Kaparaliko che sia, non
riesco a vederla bene. Pare che la neve l'abbia coperta tutta.

— Occupatevi dell'automobile.

— Diavolo!... È sempre dinanzi a noi.

— Nessuno la guarda?

— Non mi pare.

— E dove sono andati quei bricconi?

— Li odo gridare senza vederli. Dopo tutto io credo che abbiano fatto
bene a ritirarsi nelle loro tane.

È una vera notte da lupi, signor Gastone, e fa un freddo da spaccare le
pietre.

Vi assicuro che si sta meglio al coperto.

— Volete una pelle di bisonte?

— Accetto, purchè sia in compagnia d'una bottiglia di _wisky_ o di
_brandy_.

— Vi preparerò un buon _grog_ invece.

— Vada pel _grog_. Scommetto che ci starebbe anche Dik a vuotare un
buon bicchiere in mia compagnia.

Ah!... Signor Gastone, che questi pessimi soggetti siano capaci di
tormentarlo od anche di ucciderlo?

— Oh!... Non oseranno tanto. E poi non ho mai udito narrare che gli
esquimesi siano crudeli.

— Io però ho letto una storia di certi pescatori di balene di razza
esquimese che si divertivano a martirizzare i naufraghi di razza
bianca.

— Una storia antica, mio caro Walter.

Lasciate che accenda la stufa e che vi prepari il _grog_. Intanto non
perdete di vista l'automobile.

— Nemmeno un secondo, signore.

— A voi la pelle di bisonte.

— Benissimo: eccomi trasformato in un capo indiano in attesa d'un
viso pallido da scotennare. Sarò il gran _sakem_ Piede pesante o Testa
d'aquila.

— Al diavolo!... — esclamò il canadese. — Si è mai veduto un giovanotto
più allegro di questo? Se tutti quelli che frequentano l'Università di
Cambridge sono tagliati così, manderò anche i miei figli in Inghilterra
a tentare la corsa delle cento _yarde_ od il gran salto.

— E farete bene, — concluse lo studente, avvolgendosi maestosamente
nella gigantesca pelle di bisonte.

Era una vera notte da lupi polari. Il ventaccio non cessava di ululare
attraverso la bianca pianura, rovesciando addosso al villaggio e contro
l'automobile delle vere trombe di neve che però subito tornavano a
disperdersi.

Il freddo poi era diventato così intenso che l'alito dello studente,
appena uscito dalla bocca, si tramutava in nevischio.

Un termometro collocato all'aperto avrebbe certamente segnato 30° sotto
zero e fors'anche di più.

Gli esquimesi non si facevano vivi, però Walter di quando in quando
udiva le loro voci uscire attraverso i corridoi delle capanne.

Probabilmente stavano discutendo per formare il loro piano di guerra.
Fors'anche stavano interrogando il disgraziato Dik, disgraziato pei
due esploratori, i quali non potevano avere su quel birbaccione il più
lontano sospetto.

Walter bevette il suo _grog_, accese la sua corta pipa di radica
autentica e tornò ad avvilupparsi nella sua pelle di bisonte, mentre il
canadese vegliava dietro ai finestrini sagrando contro quella maledetta
sbarra di ferro che gli impediva di uscire.

Era trascorsa una mezz'ora, quando lo studente udì il signor di
Montcalm che chiamava:

— Walter!...

— Che cosa c'è, signore? — chiese l'inglese.

— Che sia questo freddo cane che ci rende stupidi?

— Perchè, signor Gastone?

— Voi siete fuori ed io sono ancora chiuso dentro e nell'impossibilità
di raggiungervi senza togliere un'altra tavola, mentre sarebbe così
facile, specialmente con un saltatore come voi, fare quattro passi
all'aperto.

— Che cosa diavolo dite, signor Gastone?

— Un salto di tre metri in mezzo alla neve non vi spaventa?

— Ma nemmeno se quel salto fosse di dieci _yarde_.

— Allora fatemi il piacere di lasciare il vostro osservatorio, di
gettarvi abbasso e di togliere quella maledetta sbarra esterna.

— Corpo di Giove!... — esclamò lo studente. — E tutto questo non vi è
venuto in testa prima!... Decisamente il gran freddo deve intorpidire
il cervello.

— L'aveva detto anche Franklin, il grande ammiraglio della spedizione
polare dell'_Erebus_ e del _Terror_.

— Ci credo. Che bestia che sono!... Sono fuori e lascio voi
prigioniero!... Ah!... Signori esquimesi, ora l'avrete da fare con noi.
Imbottiremo le loro pelli oleose di buon piombo. —

Balzare in mezzo alla neve, togliere la sbarra e presentarsi al
canadese fu l'affare di pochi momenti.

— Eccoci nuovamente riuniti, signor Gastone, — disse. — Che brutta
sorpresa per gli esquimesi quando ci troveranno liberi, pronti a
caricarli.

— Andiamo a fare un giro intorno all'automobile, — disse il canadese. —
Guai a loro se ce l'hanno guastata.

— Incendieremo il loro villaggio, — disse lo studente, con voce
minacciosa.

— Sì, con questa neve!...

— Sono una vera bestia, signor Gastone.

— Credevate di trovarvi, non ostante questo freddo che fa soffiare
sulle dita, in mezzo a qualche villaggio africano formato di capanne di
paglia. —

Raggiunsero l'automobile affondata nella neve fino allo _chassis_ e
procedettero ad una rapida visita, avendo portato con loro una lampada.

— Nulla mi pare che sia stato toccato, — disse il canadese. — Avevo
avuto qualche timore pel volante, mentre vedo che funziona bene. Si
direbbe che non c'è stata nessuna lotta fra Dik e gli esquimesi, poichè
tutto è in ordine.

Che si sia lasciato portar via ancora addormentato? Che cosa dite voi,
Walter?

— Che quei bricconi hanno finito di gridare e che si preparano ad agire.

— Chi?

— Gli esquimesi.

— Ah!... Diavolo!... Bisognerà proprio fucilarli per calmare i loro
umori bellicosi.

— Signor Gastone, lasciate a me la cura di difendere l'automobile; voi
incaricatevi del carrozzone.

Se il pericolo stringerà vi raggiungerò.

— Rimarrete esposto al tiro delle freccie.

— Ah no, signore!... Mi rannicchierò dietro lo scudo e vedremo se i
dardi di quei mangiatori di lardo mi raggiungeranno.

Presto: eccoli!... —

Dalle capanne gli esquimesi uscivano in gran numero, gridando e
gesticolando, e si erano subito incolonnati dirigendosi verso il treno.

Il canadese fu lesto a riguadagnare il carrozzone, mentre lo studente
si inginocchiava dietro lo scudo di metallo foderato di grossa stoffa,
mettendosi dinanzi la rivoltella ed impugnando il _mauser_.

Vedendo che la banda continuava ad avanzarsi, mandò il primo grido.

— Chi vive!... Alt!... —

Un sibilo acuto fu la risposta ed una freccia si piantò nella _capote_
di cuoio, mezzo metro sopra la testa dello studente.

— Ah!... Birbanti!... — esclamò questi. — Pare che vogliano darci
battaglia!... E sia!... Dik se la caverà come potrà, giacchè è stato
così stupido da farsi prendere.

— Alt o faccio fuoco!... — gridò poi, con voce tuonante.

Altre tre o quattro freccie attraversarono l'aria sibilando
sinistramente, ed una ruppe la sua punta contro lo scudo del volante.

— Quand'è così, brutti bevitori d'olio, non mi trattengo più!... —

Un colpo di fucile rimbombò fra le urla del vento, seguìto da un grido
acutissimo e da una volata di dardi.

Poi fu un nuovo sparo che echeggiò, partito questo dal carrozzone. Il
signor di Montcalm, accortosi che gli esquimesi non avevano intenzione
di scherzare, aveva subito appoggiato il tiro dello studente.

Gli esquimesi sostarono un momento, poi girarono sui talloni
rifugiandosi più che in fretta dentro i corridoi delle loro capanne.

Sulla candida distesa di neve erano rimaste due grosse figure nere:
erano due esquimesi passati da parte a parte dalle palle dei _mauser_ e
fulminati sul colpo.

Il canadese, non scorgendo più nessuno, si era affrettato a lasciare il
carrozzone e avvicinarsi all'automobile.

— Ebbene, Walter? — chiese.

— Pare che si siano calmati, signore, — rispose lo studente.

— Siete stato colpito?

— Ma che!... Tirano le freccie peggio dei ragazzi del sud Africa.

— Ed ora, che cosa succederà?

— Che si vendichino su Dik?

— Se non si fosse lasciato portar via lancierei l'automobile a corsa
sfrenata, — disse il canadese. — Non sono un perfetto _chaffeur_,
tuttavia me ne intendo di queste meravigliose macchine e non mi
troverei imbarazzato neanche se dovesse succedere qualche guasto.

— Sapete che cosa dovremmo fare, giacchè ci lasciano un po' tranquilli,
signor Gastone?

— Dite, Walter.

— Aprire la via all'automobile, perchè possa prendere lo slancio. La
neve si è accumulata in abbondanza intorno alla nostra bestia, come la
chiamano quei luridi mangiatori di grascia.

— Mi pare che voi abbiate dato un buon consiglio. Andate a prendere le
pale, mentre io sorveglio le capanne ed i loro abitanti. —

Lo studente non si fece ripetere l'ordine due volte.

Un mezzo minuto dopo i due esploratori lavoravano accanitamente
per aprire il passo al treno, perchè potesse prendere, al momento
opportuno, il suo slancio.

Avevano già scavato un largo solco, lungo una ventina di metri, quando
gli esquimesi tornarono a mostrarsi.

Parevano in preda ad un folle furore. Urlavano come lupi arrabbiati, si
dimenavano come ossessi e scagliavano freccie in tutte le direzioni per
provare forse la portata dei loro archi.

— Pare impossibile come della gente che vive sempre in mezzo ai grandi
freddi, possa prendere fuoco in questo modo, — disse lo studente. — Che
l'olio di balena abbia la proprietà di ubbriacare questi mangiatori di
foche? Ne farò l'esperimento anch'io se ci verranno meno le bottiglie
di _gin_ e di _wisky_. —

Il signor di Montcalm, vedendoli dirigersi risolutamente verso
l'automobile, si era fatto innanzi col fucile imbracciato, gridando.

— Indietro, miserabili, o noi vi stermineremo tutti!... Mettete subito
in libertà l'uomo bianco, canaglie!...

— Arrendetevi!... — gridò una voce. — Vogliamo la bestia che divora gli
orsi bianchi.

— Sì, vieni a prenderla, poltrone, — disse lo studente. — Signor
Gastone, cerchiamo di mandare all'altro mondo quel briccone di
Karaliko.

È lui che ha parlato.

— Ripieghiamoci sull'automobile!... — gridò il canadese. — Andate a
chiudere il carrozzone.

— È subito fatto, signore.

— E poi fuoco a volontà.

— Lasciate fare a me!... —

Mentre delle freccie, lanciate piuttosto a casaccio, poichè la neve non
cessava di cadere ed il vento di soffiare con estrema forza, cadevano
intorno all'automobile, lo studente in quattro salti raggiunse il
carozzone e lo sprangò, poi tornò di corsa verso il canadese il quale
continuava a urlare:

— Indietro, canaglie, o vi massacriamo tutti!... —

Gli esquimesi pareva che non avessero molta fretta di esporsi al fuoco
dei _mauser_.

Invece di continuare ad avanzare, si erano a poco a poco gettati a
destra ed a sinistra, coricandosi in mezzo alla neve ed allargando
sempre più le loro file.

Strisciavano come le foche e le morse fermandosi solo qualche istante
per lanciare una volata di dardi affatto inoffensivi, data la distanza,
la quale anzi aumentava sempre.

Quella strana manovra però finì per preoccupare il canadese.

— Si direbbe che cerchino di chiuderci in mezzo, — disse. — Vi pare,
Walter?

— Sono dei volponi, signore.

— Che ci daranno dei gravi fastidi se non prendiamo una decisione senza
perdere un istante.

— Si tratterebbe di far cantare i fucili?

— Sì, Walter.

— E lasciamoli cantare, allora, — concluse lo studente. — Io ho sempre
udito raccontare che il piombo è l'unico nemico dei popoli selvaggi.

A me la linea di destra, signor di Montcalm, a voi quella di sinistra.
Vedremo come ballano i mangiatori di lardo. —



CAPITOLO XIV.

Tempesta polare.


Gli esquimesi, aizzati dal capo e dall'_angekok_, e persuasi di aver
da fare con un mostro destinato a distruggere tutta la selvaggina
polare, parevano ben decisi a muovere all'attacco del treno, quantunque
avessero provato già l'effetto terribile delle armi da fuoco.

Niente intimoriti dalle grida e dalle minaccie del canadese, si erano
disposti in modo da formare un grand'arco che al momento propizio
doveva chiudersi intorno ai due esploratori.

Essendo in buon numero, la vittoria non poteva riuscire difficile,
poichè il canadese e lo studente non avevano da difendere il solo
carrozzone, bensì anche l'automobile, il quale non offriva una difesa
completa, quantunque la _capote_ di cuoio fosse abbastanza resistente
per arrestare le freccie.

Non vi era quindi un momento da perdere. Era necessario arrestare la
marcia dei pescatori di balene con un fuoco terrorizzante, prima che il
cerchio fatale si stringesse.

— Siete pronto, Walter? — chiese il signor di Montcalm, dopo d'aver
intimato agli assalitori, per l'ultima volta, di ritornare alle loro
capanne e di mettere in libertà Dik, senza aver ottenuto obbedienza.

— Quando vorrete, — rispose lo studente.

— Allora diamo battaglia. Tanto peggio per loro, se subiranno delle
perdite crudeli. —

Due colpi di fuoco squarciarono l'aria illuminando per un istante la
notte cupa, poi seguì un craac craac precipitoso.

I serbatoi dei _mausers_ si vuotavano, seminando la bianca pianura di
proiettili.

Gli esquimesi, sorpresi da quel fuoco intenso che pareva non
dovesse finire più, e terrorizzati da quella continua successione
di detonazioni, erano balzati in piedi tentando di arrestare quella
grandine di palle con delle volate di freccie, poi vedendo che alcuni
compagni erano già caduti urlando di dolore, per la seconda volta si
erano slanciati a corsa furiosa verso il loro villaggio, ricacciandosi
nelle loro gallerie e quindi nelle capanne.

La rotta era completa. I mangiatori di lardo ne avevano avuto
abbastanza, poichè avevano lasciato sul terreno altri cinque uomini e
tutti colpiti in pieno petto da quei terribili bersaglieri.

— Signor Gastone, — disse lo studente, il quale si affrettava a
riempire il serbatoio del fucile. — Non vi pare che sia questo un
brutto mestiere?

Noi massacriamo senza quasi correre alcun pericolo e ciò diventa noioso.

— Vorrei anch'io risparmiare quei poveri diavoli che quel cretino
di stregone ha scaraventato contro di noi gonfiandoli di panzane, ma
se noi mostriamo un solo istante di debolezza in questo momento, non
risponderei più nè della nostra automobile nè della nostra pelle.

Ormai sono lanciati e non si arresteranno finchè non avranno vendicati
i loro compagni.

— E Dik?

— Che cosa volete che vi dica?

— Non possiamo abbandonarlo.

— Non ci penso affatto.

— Se provassimo a venire a trattative?

— Non vedete che scappano sempre?

— Signor Gastone, vorrei darvi un consiglio.

— I vostri li ho trovati, almeno finora, sempre ottimi, quindi potete
parlare liberamente.

— Se mettessimo in moto l'automobile per averlo sempre pronto?

— Ottima idea. Faremo una corsa intorno al villaggio.

Il freddo intenso ha rassodata la neve e le nostre ruote morderanno
bene.

Tenete d'occhio gli esquimesi, voi.

— Nessuno si avvicinerà, signor Gastone. Il mio serbatoio è pieno e
potrò coprire le capanne con una vera grandine di palle. —

Il canadese si era slanciato sull'automobile per far funzionare il
motore, cosa che richiedeva pochi minuti, essendo la vettura munita del
magnete Bosch a bassa tensione con candele a _rupteurs_.

Lo studente intanto sorvegliava attentamente le capanne, pronto a far
fuoco sul primo esquimese che si presentasse con intenzioni ostili.

— Sono pronto, — disse ad un tratto il canadese.

Il motore funzionava lanciando in aria i suoi metallici e poderosi
_teuff-teuff_. Tutta la vettura pulsava e fremeva, impaziente, dopo un
così lungo riposo, di riprendere le sue corse vertiginose.

— Devo salire? — chiese Walter.

— Certo, — rispose il canadese. — Faremo per ora una corsa intorno al
villaggio per provare la resistenza della superficie nevosa.

— E gli esquimesi?

   [Illustrazione: Gli esquimesi, sorpresi da quel fuoco
   intenso.... (Cap. XIV).]

— Vedremo che cosa sapranno fare vedendoci in corsa. A me il volante, a
voi il _mauser_. Se ci lasciano tranquilli non fate fuoco.

Ne hanno avuto abbastanza, credo, e noi abbiamo già dei delitti sulla
coscienza.

— Uh!... Le botti di grascia pesano poco, — rispose lo studente,
salendo a banco del canadese.

Una lunghissima nota metallica lacerò l'aria satura di nevischio,
propagandosi attraverso la pianura sulle ali del vento, ed il treno si
slanciò impetuosamente innanzi, sul largo solco aperto dalle pale.

Con un balzo brusco sormontò lo strato di neve che si trovava
all'estremità dello squarcio e si precipitò sulla pianura rumoreggiando
e traballando.

La sirena continuava a urlare coprendo gli ululati del vento e rombando
dentro le capanne ed i corridoi, con poco piacere certamente degli
esquimesi, già sinistramente impressionati dalla voracità di quella
bestia misteriosa.

Il treno descrisse un gran circolo intorno al villaggio, poi si arrestò
dietro l'ultima capanna, mentre i due esploratori gridavano a piena
gola:

— Dik!... Dik!... Saltate fuori!... —

Invece dell'ex-baleniere fu il capo che si mostrò, accompagnato
dall'_angekok_.

Da dove erano sbucati? Nè il canadese, nè lo studente si occuparono di
saperlo.

— Briccone!... — gridò il signor di Montcalm, abbandonando il volante
per afferrare la rivoltella che aveva appesa allo scudo. — Cerchi di
farci pagare ancora la tua ospitalità? Dov'è l'uomo bianco? Rispondi, o
ti imbottisco di piombo.

— L'uomo bianco si calmi, — rispose Karalit, tutto umile. — Io non
vengo più come nemico, bensì come amico.

— Che amicizia!... — esclamò Walter. — Fidatevi di questi furfanti!...
Si protestano amiconi quando le hanno prese, e non si sentono più in
grado di prendersi la rivincita.

Signor di Montcalm, non vi fidate troppo di questa gente.

— Non metterò i piedi sulla trappola delle volpi, — rispose il canadese.

Karalit aveva fatto altri tre o quattro passi innanzi, studiandosi di
mostrare la grossa rivoltella che non aveva affatto strappata a Dik,
poichè l'aveva avuta in regalo.

— Come vi ho detto, — ripetè, — vengo da amico.

— Dammene subito una prova lasciando libero l'uomo bianco, — rispose
pronto il canadese.

— Ma tu mi hai ucciso degli uomini, — ribattè con altrettanta prontezza
l'esquimese.

— Ci hanno assaliti e noi ci siamo difesi. Quando i lupi assalgono le
vostre slitte ed i vostri cani, che cosa fate voi? Vi lasciate divorare
tranquillamente?

— Ah no!...

— E noi abbiamo fatto altrettanto contro di voi.

— Non siamo lupi però noi.

— Forse peggiori, perchè non potendo lavorare di denti, ci scagliavate
contro delle freccie. Risponda l'_angekok_ che è il grande consigliere
della tribù. —

Lo stregone dondolò la testa, si avvolse maestosamente nella sua
pelliccia d'orso bianco e si guardò bene dal rispondere.

La logica stringente del canadese lo aveva messo certamente in grande
imbarazzo e la sua lingua in quel momento si era paralizzata.

— Deciditi dunque, — disse il canadese, il quale non perdeva di vista
la grossa Colt che l'esquimese impugnava, temendo qualche tradimento.

— Tu mi hai ucciso degli uomini, — ripetè Karalit, dopo una lunga
riflessione.

— E così?

— Devi ricompensare la tribù di una così grave perdita.

— Sono sette i caduti, è vero?

— Sì, — rispose Karalit.

— Che cosa chiedi per loro?

— La tua bestia e tutte le tue armi da fuoco.

— Tu sei pazzo!...

— Mandiamolo da Calkraff!... — gridò lo studente. — Se fosse qui lo
appiccherebbe per bene!... —

Il canadese si era bruscamente alzato. Aveva lasciata la rivoltella
per afferrare il _mauser_ ed aveva puntata rapidamente l'arma contro il
capo, dicendo:

— Se fai un solo passo per fuggire ti ammazzo!... A voi, Walter!...
Puntate lo stregone!... —

Lo studente aveva già compreso al volo l'intenzione del canadese.

Pronto come il lampo aveva già preso di mira l'_angekok_, il quale
aveva sbarrati spaventosamente gli occhi credendo che fosse giunto il
suo ultimo momento.

Karalit non aveva nemmeno osato alzare la rivoltella, la quale doveva
contenere ancora quattro o cinque cariche.

— Mi volete uccidere? — gridò, con voce tremante.

— Certo, se non dai subito l'ordine ai tuoi sudditi di mettere in
libertà l'uomo bianco e se non getti via quell'arma che non sapresti
d'altronde adoperare.

— Io sono venuto da te come amico, — balbettò il capo, il quale
guardava con spavento la canna del fucile.

— Ed io ti tratto come un nemico pericoloso invece, — rispose il
canadese. — O mi obbedisci o sparo.

Getta quell'arma!... —

Karalit capì benissimo che quello non era il momento di esitare nè di
tentare una qualunque resistenza, e lasciò cadere la rivoltella, mentre
l'_angekok_, che tremava come una foglia, gettava via la fiocina.

— Ora ordina ai tuoi uomini di mettere subito in libertà il prigioniero.

— Andrò a prenderlo io stesso.

— No, amico, — disse il canadese. — Darai l'ordine rimanendo qui.

— Ti prometto....

— Non promettere niente, perchè già non ti crederei. —

L'esquimese digrignò i denti e brontolò qualche cosa, poi finalmente si
decise a lanciare delle grida che dovevano avere il loro significato,
poichè pochi momenti dopo dal corridoio d'una capanna usciva una forma
umana, la quale si diresse sollecitamente verso l'automobile.

— Dik!... Dik!... — gridarono ad una voce il canadese e lo studente.

— Buona sera, signori, — rispose l'ex-baleniere, colla sua solita
voce tranquilla. — Spero che non vi sarete troppo inquietati della mia
prigionia.

— Un po' sì, — disse lo studente. — Avrebbero potuto uccidervi.

— Ah!... Baie!... Questi uomini non sono così cattivi come credete,
e se non si fossero cacciati in testa che la nostra macchina è una
divoratrice d'orsi e di foche, non ci avrebbero dato nessun fastidio.

Che cosa volete, sono un po' superstiziosi. Ecco tutto.

Signor di Montcalm, regalate loro alcune bottiglie di _gin_, se non vi
spiace, tanto per compensarli delle perdite subìte.

— Che hanno volute, — disse lo studente.

— Dategliele pure, — disse il canadese, — e lasciate pure al capo la
vostra rivoltella. —

L'ex-baleniere aprì il carozzone, empì un canestro di bottiglie e le
portò a Karalit, il quale pareva ancora istupidito.

— Va a berle alla nostra salute coi tuoi sudditi, — gli disse.

Poi aggiunse a bassa voce:

— Va a farti impiccare, minchione!... —

Ciò detto balzò sull'automobile prendendo il volante e lanciò il treno
a tutta velocità, attraverso la sconfinata pianura coperta già da un
buon metro di ghiaccio.

Karalit aveva raccolta prontamente la rivoltella ed aveva sparato un
paio di colpi, ma ormai l'automobile era lontana.

— Ah birbante!... — esclamò lo studente, il quale aveva uditi gli
spari, malgrado il fragore che produceva l'automobile. — Non credevo
che quei piccoli uomini fossero così cattivi.

Che gli dia una lezione, signor Gastone?

— Lasciatelo andare. — rispose il canadese, abbassandogli il fucile che
aveva già impugnato. — Non aggiungiamo un'altra vittima a quelle che
abbiamo già fatte.

— Graziamolo pure, egli però se avesse potuto, non ci avrebbe
risparmiati.

— Che cosa volete: sono vendicativi questi abitanti dei grandi freddi,
e non meno degli abitanti dei grandi calori.

Dik, badate!... Poggiate verso la baia e state attento ai corsi d'acqua
che sono ormai gelati e scomparsi sotto la neve.

Slittano le ruote?

— No, signore: mordono abbastanza bene.

— Rallentate un po'. Dobbiamo pensare anche al carrozzone, la
nostra casa che ci sarà più cara dei motori, quando i grandi freddi
piomberanno su di noi.

— Mi pare che comincino a prenderci già ora, — disse lo studente,
stringendosi addosso la pelliccia. — Mi pare che il mio naso voglia
andarsene a tener compagnia alla neve.

— E questo non è ancora nulla, — rispose il canadese. — Non abbiamo che
30° sotto, una vera inezia.

— Volete spaventarmi, signor Gastone?

— No, prepararvi.

— A sfidare....

— Una cinquantina di gradi.

— Mi sento gelare di già.

— Eppure gli esploratori polari che a migliaia e migliaia si sono
avventurati fra le alte latitudini, li hanno sopportati.

— Erano di ferro quelli.

— Lo diventeremo anche noi, Walter, — rispose il canadese, ridendo. —
Toh!... Ecco che ricomincia a nevicare.

La bianca dama ci accompagnerà certamente fino al Polo, se riusciremo a
giungervi.

— Ne dubitereste?

— Mah!...

— Badate che lassù splendono i begli occhi di _miss_ Ellen. —

Una nube passò sulla fronte del canadese e le sue labbra si contrassero
ad un sorriso ironico.

— Credo, — disse poi, con voce un po' sorda, — che gli occhi della
_miss_ abbiano ben poco a che fare col Polo ormai.

Ora non si tratta più che dell'onore della bandiera: il Canadà o gli
Stati dell'Unione? Spero di far impallidire le stelle di _mister_
Torpon sotto i colori della vecchia Francia.

— Non sotto il rosso infuocato dei miei compatriotti?

— No, Walter, — rispose con voce grave il signor di Montcalm. — I
vecchi canadesi sono rimasti francesi.

Dik.... rallentate! La pianura diventa cattiva. —

Ed infatti la immensa pianura che costeggiava la baia dalla parte di
ponente, cominciava a diventare pessima.

Le grandi raffiche che avevano soffiato nei giorni precedenti sul mare
interno, avevano accumulata la neve in ammassi considerevoli i quali
formavano delle vere montagnole, entro le quali l'automobile, che
filava con una velocità di cinquanta chilometri all'ora, si affondava
sfaldandole e seppellendovisi quasi dentro.

Per di più ricominciava a nevicare a larghi fiocchi ed un vento
impetuoso e freddissimo scendeva dalle regioni boreali spazzando, di
quando in quando, la sterminata pianura con una violenza inaudita.

— Brutta giornata!... — esclamò lo studente. — Purchè non veniamo
bloccati in mezzo a questo deserto di neve! —

Dik aveva rallentata la velocità anche perchè gli ostacoli aumentavano
continuamente e la tempesta di neve aumentava con una rabbia
impressionante.

La macchina si affannava a vincere i cumuli di neve, funzionando
con grande energia e riempiendo del suo fragoroso respiro la bianca
pianura.

Le sue ruote anteriori, che giravano vertiginosamente, aprivano nella
neve due larghe breccie, come due gigantesche ferite entro cui quelle
posteriori affondavano pesantemente, seco trascinando il carrozzone il
quale funzionava come una gigantesca catapulta.

Pareva che l'automobile fosse diventata una nave sbattuta dalla
tempesta, poichè rollava e beccheggiava entro i crepacci che la neve
aveva ormai coperti e che cedevano sotto il peso dei motori.

Intanto il vento aumentava e la neve turbinava così fitta che certe
volte l'ex-baleniere non riesciva a mantenere la direzione giusta,
quantunque il canadese tenesse la bussola in mano.

L'alba era ancora assai lontana, essendo le notti lunghissime in quelle
regioni dei grandi freddi.

Il treno si dirigeva ormai a caso, piegando sempre verso ponente per
non trovarsi improvvisamente sulle coste della grande baia e cadervi
dentro. Intorno agli esploratori, rannicchiati sui loro sedili, da ogni
parte imperversava la bufera di neve, piena di ululati e di fragori
sinistri.

L'orizzonte si era chiuso rapidamente sotto un denso velo di nebbia
il quale si avanzava coll'impeto delle onde del mare sospinte
dall'uragano. Pareva che una falce gigantesca, vertiginosamente
agitata, volesse precipitarsi sul treno e spazzarlo via o sminuzzarlo.

Nelle alte regioni dell'aria turbinavano migliaia di ghiacciuoli,
sottili come spilli, i quali di quando in quando si abbattevano
sull'automobile, colpendo senza misericordia Dik, non protetto dalla
_capote_ di cuoio, pungendogli dolorosamente il viso e le mani esposte
sul volante.

Di quando in quando le raffiche cessavano, come se desiderassero un
po' di riposo per riprendere maggior lena, poi si scatenavano con
furia indicibile, ululando o ruggendo e scagliando dentro l'automobile
turbini di neve e di ghiacciuoli i quali s'ingolfavano, come una
tromba, perfino dentro la _capote_, strappando al poco paziente
campione di Cambridge una interminabile sfilza di maledizioni.

L'automobile correva, correva: il suo motore funzionava sempre
rabbiosamente per vincere gli urti sempre più poderosi del vento. Si
era affondata nella nebbia, la quale aveva finito per raggiungerlo.

Una oscurità densissima ormai l'avvolgeva. Dove andava? Attraverso la
tempesta che ruggiva da tutte le parti, senza poter avere una direzione
esatta.

Ad un tratto la macchina si drizzò come un cavallo che s'inalbera sotto
un poderoso colpo di sperone e ricadde pesantemente, seppellendosi
quasi intera in un enorme cumulo di neve che aveva sfondato col proprio
peso.

La vettura di rimorchio, spinta dallo slancio, la investì con un
fragore spaventevole.

— Dik!... — gridò il canadese. — Che cosa è successo?

— Una cosa semplicissima, signore, — rispose l'ex-baleniere, colla sua
calma abituale, chiudendo d'un colpo i freni. — Siamo in _panne_.

— È guastata la macchina?

— Non lo so.

— Eppure il motore funziona sempre.

— Buon segno.

— Arresta ed aspettiamo l'alba.

— È fatto.

— Ed ora ritiriamoci nel carrozzone e lasciamo che la burrasca passi,
giacchè non si può più andare innanzi.

— E prepariamoci la cena che ieri sera ci è mancata, — disse Walter. —
Il mio stomaco la reclama imperiosamente.

Non so se quello di Dik sia stato riempito di teste di foca o di grasso
di balena. —

L'ex-baleniere masticò fra i denti qualche cosa, probabilmente una
bestemmia, poi balzò a terra affondando nella neve fino quasi alla
cintola.

— Una notte d'inferno, è vero, mastro Dik? — chiese lo studente.

— Uh!... Ne ho vedute ben altre nello stretto di Lancashir, — rispose
il marinaio, alzando le spalle.

Tolse la sbarra al carrozzone ed entrò accendendo subito la stufa e la
lampada.

Il canadese e lo studente, dopo d'aver sbarazzato le pelliccie dai
ghiacciuoli, l'avevano seguìto, mentre al di fuori la tempesta di neve
si scatenava con violenza inaudita, ed in lontananza le grosse ondate
della baia di Hudson muggivano più forte che mai, sfasciandosi contro
la desolata costa.



CAPITOLO XV.

L'attacco degli orsi bianchi.


Tutta la notte fu un rombo continuo intorno al treno che affondava
sempre più nella neve turbinante in tutte le direzioni, poichè pareva
che tutti i venti dei quattro quadranti si fossero messi in lotta,
urtandosi con rabbia folle.

I tre esploratori non avevano osato chiudere gli occhi pel timore che
qualche raffica riuscisse a mandare anche il carrozzone colle ruote in
aria, cosa non difficile ad accadere con tanta furia di vento.

Rannicchiati presso la stufa, colle pipe in bocca, attendevano
pazientemente che spuntasse l'alba, colla speranza che anche la
tempesta di neve cominciasse a decrescere e permettesse loro di
riprendere la corsa.

Dopo una lunghissima attesa, il cielo cominciò finalmente ad
imbiancarsi verso levante.

Una larga ferita si era aperta fra le tempestose nubi ancora gravide
di neve e di ghiacciuoli, allungandosi verso l'opposto orizzonte,
diventando rapidamente violacea, poi rossastra.

Il sole stava per mostrarsi fra un altro grande strappo di vapori
cavalcanti sulle ali del vento, e colla comparsa dell'astro la tempesta
accennava a diminuire rapidamente d'intensità.

Il canadese si era alzato, mentre lo studente preparava il _thè_, e si
era affrettato a lanciare uno sguardo attraverso un finestrino.

— Perbacco!... — esclamò. — Siamo quasi sepolti sotto la neve. Avremo
ben da fare per aprire una via alla nostra macchina.

Dik, preparatevi a raggiungerla e ditemi se ha sofferto.

— Subito, signore, — rispose l'ex-baleniere, gettandosi addosso una
pesante pelliccia. — Con questo freddo la neve si rassoda rapidamente e
non correrà il pericolo di affondare. —

Aprì la porta, ma subito si arrestò mandando un grido soffocato.

Un gigantesco orso bianco era sorto bruscamente dinanzi a lui, uscendo
dall'ammasso di neve che si addossava al carrozzone, spalancando
una bocca enorme armata di lunghi denti gialli, solidi forse quanto
l'acciaio.

Un momento di esitazione ed il terribile carnivoro balzava dentro.

Fortunatamente l'ex-baleniere non era un uomo troppo impressionabile,
tanto più che aveva avuto, durante la sua vita avventurosa fra le
regioni nordiche, altri incontri con quegli abitanti dei ghiacci
eterni.

Rimessosi prontamente dalla sorpresa, aveva chiusa con fragore la porta
sul muso del bestione, sprangandola.

— Che cosa avete, Dik? — domandò il canadese, il quale essendo occupato
a mettere a posto alcune casse, non si era avveduto di quel brutto
incontro.

— Che non mi aspettavo una simile sorpresa, signore, — rispose
l'ex-baleniere, con voce un po' alterata. — Credevo di doverli trovare
più al nord.

— Chi?

— Gli orsi bianchi. —

Lo studente che, come abbiamo detto, stava preparando il _thè_, udendo
quelle parole, aveva lasciato cadere il bricco pieno d'acqua bollente,
mentre il signor di Montcalm interrogava collo sguardo il meccanico
ancora pallido.

— Corpo di Giove!... Scherzate, mastro Dik? — gridò il campione di
Cambridge.

— Non mi pare che questo sia il momento, signore, — rispose il
baleniere. — Vi dico che quei signori dalla bianca pelliccia sono
venuti a farci visita.

— Vi hanno consegnato il loro biglietto di visita? — chiese Walter. —
Date qui.... Vedremo come lavorano gli stampatori polari.

— Andate a farvelo dare voi, se vi piace, — rispose Dik.

— Orsù, — disse il canadese, — spiegatevi meglio. Dove sono questi orsi?

— Davanti alla porta. Se non mi affrettavo a chiuderla il primo entrava.

— Non avrete preso un blocco di neve per un orso bianco?

— Ah no, signor di Montcalm. Aveva tanto di bocca e certi denti da
far venire la pelle d'oca al più coraggioso cacciatore della Compagnia
delle pelliccie.

— Erano molti? — chiese lo studente, per nulla impressionato.

— Io non ne ho veduto che uno, ma ve ne possono essere degli altri,
avendo quegli animali l'abitudine di andare accompagnati e talvolta
perfino a branchi.

— Vediamo, — disse il canadese, staccando un fucile dalla parete,
subito imitato dallo studente.

Aprirono uno dei finestrini più vicini alla porta e guardarono fuori.

Subito una testa comparve dinanzi a loro, alitando in pieno viso ad
entrambi un fiato caldo e fetente.

— Corpo di Giove!... — esclamò lo studente, balzando indietro. — È ben
un orso bianco questo.

— Vi ha consegnato il suo biglietto di visita? — chiese Dik,
ironicamente.

— Sarò io che gli darò il mio sotto forma d'una buona palla. —

Il canadese aveva pure fatto un passo indietro ed aveva passata la
canna del _mauser_ attraverso il finestrino, ma l'orso bianco era
scomparso.

— Non sparate? — chiese Walter, il quale aspettava il colpo.

— Il briccone si è nascosto sotto il carrozzone, — rispose il canadese.
— Vi sono tre o quattro larghe buche scavate quasi dinanzi alla porta.

— Che in ognuna vi sia un orso?

— Lo sospetto, Walter.

— Che aspettino che usciamo per mostrarsi?

— È probabile. Che cosa dite voi, Dik?

— Che siamo assediati, — rispose l'ex-baleniere.

— E potrà durare molto questo assedio? — chiese lo studente.

— Se sono affamati non se ne andranno se prima non avranno fatto almeno
una colazione colle nostre polpe.

— In quanto a questo, la vedremo, mio caro baleniere.

— Vi è poco da scherzare cogli orsi bianchi. Valgono i _grizly_ delle
Montagne Rocciose.

Quello che ho veduto io era lungo non meno di due metri.

— Signor di Montcalm, che cosa pensate di fare?

— Lo domando a voi, Walter.

— Se provassimo a sparare un po' di rivoltellate per deciderli a
mostrarsi?

— Si può tentare. Dik, prendete anche voi un fucile e mettetevi
all'altro finestrino.

Se si alzano, non fate economia di piombo.

— Sono pronto.

— Ed io pure, — disse lo studente, impadronendosi d'una Colt. — Se
sono dei coraggiosi, dovrebbero accettare subito la battaglia che loro
offriamo.

— Io credo invece che non saranno tanto minchioni, — disse
l'ex-baleniere. — Non devono trovarsi troppo male sotto il carrozzone,
colla stufa che brucia qui dentro.

— E non vi sarà qualche pericolo per l'automobile?

— Tutt'al più divoreranno la _capote_ di cuoio, — rispose lo
_chaffeur_, con un brutto sorriso.

— Provate, Walter, — disse il canadese.

Lo studente si affacciò al finestrino, allungando, prima di tutto, il
braccio armato della grossa rivoltella, e guardò entro le buche che il
canadese aveva notate e gli parve di vedere la neve muoversi.

— Sono lì sotto, — pensò. — Vediamo se salteranno fuori.

Si sporse più innanzi che potè e sparò, uno dietro l'altro, sei colpi,
urlando:

— Fuori!... Fuori poltroni!... —

Dei grugniti minacciosi furono la sola risposta che ottenne.

— Non si mostrano? — chiese il signor di Montcalm, il quale attendeva
col dito sul grilletto del _mauser_.

— Ma che!... Sono degli orsi vigliacchi, — rispose Walter. — Io al loro
posto mi sarei per lo meno degnato di mostrare la punta del mio naso.

— Questa avventura da nessuno desiderata comincia ad inquietarmi.

— Quando non troveranno di che sfamarsi se ne andranno, signore.

— Uhm!... Gli orsi bianchi sono abituati ai più lunghi digiuni.

— E sono realmente terribili, signor Gastone? A vederli non si
crederebbe.

— Sono ancora più pericolosi di quelli grigi delle Montagne Rocciose,
poichè posseggono una forza straordinaria ed un coraggio a tutta prova.

— Questi no, signore. Lo escludo assolutamente.

— Provate a mostrarvi fuori del carozzone e mi saprete dire poi qualche
cosa.

— E sono più grossi dei _grizly?_

— Sì, quando sono adulti, — rispose il canadese. — Si sono veduti dei
vecchi maschi lunghi perfino due metri e mezzo, e se ne sono uccisi di
quelli che non pesavano meno di quattrocento chilogrammi.

— D'ottima carne?

— Eccellente, poichè, eccettuato il fegato, che talvolta produce dei
grandi dolori a chi lo mangia, tutto è buono dell'orso bianco.

— Speriamo di assaggiare questa delizia polare. Mastro Dik, che cosa
fanno quei signori?

— Mi pare che russino tranquillamente, — rispose l'ex-baleniere.

— Ed allora prendiamo il nostro _thè_, — concluse lo studente. — Non vi
è ragione alcuna per rinunciare alla colazione.

— Così sarete un po' più grasso se qualcuna di quelle bestiame riesce
ad acciuffarvi, — brontolò l'ex-baleniere, ritirando il fucile e
richiudendo il finestrino.

La presenza di quattro o cinque orsi, pronti a fare una scorpacciata
di carne umana, non aveva tolto affatto l'appetito ai tre esploratori,
poichè divorarono tranquillamente la loro colazione, facendo un'ampia
breccia nella cassa del biscotto.

D'altronde non potevano correre alcun pericolo finchè si tenevano
rinchiusi nella loro fortezza, poichè la porta era bene sbarrata, le
finestre troppo piccole per permettere agli assedianti di entrare, e le
pareti così solide da sfidare tutte le unghie riunite di tutti gli orsi
bianchi della baia di Hudson.

C'era però il pericolo che quell'assedio si prolungasse per molti
giorni, facendo loro perdere un tempo troppo prezioso.

Altri uragani di neve potevano scoppiare e seppellirli anche per delle
intere settimane, e la stagione fredda era già abbastanza inoltrata per
contare sulle buone giornate molto problematiche e anche troppo brevi
in quelle regioni.

I tre esploratori si erano rimessi in osservazione dinanzi ai
finestrini, tenendo i fucili a portata di mano, ma pareva che gli orsi
bianchi si trovassero troppo bene sotto il carrozzone e che pel momento
non avessero nessuna intenzione di forzare la piazza forte.

Walter, che aveva levato il grosso feltro che copriva il tavolato,
accostando bene or l'uno ed ora l'altro orecchio, aveva dichiarato che
le gigantesche bestie russavano beatamente, come se fossero sicure di
fare, presto o tardi, una scorpacciata delle carni dei tre assediati.

A mezzodì nulla di nuovo era avvenuto. Solamente il tempo si era
rimesso al cattivo, facendo sparire il sole sotto una nuvolaglia
gravida di neve che pareva impaziente di scaricarsi del soverchio peso.

Dik, coricato su una poltrona, non aveva cessato di fumare come una
vaporiera; il signor di Montcalm aveva occupato il suo tempo a mettere
un po' in ordine le casse e le cassette che ingombravano il carrozzone;
il campione di Cambridge non aveva trovato di meglio che aprire un
libro che si occupava della vita degli orsi bianchi. Diavolo!...
Prima di affrontarli voleva almeno conoscere bene le loro abitudini e
sopratutto accertarsi bene della loro ferocia.

   [Illustrazione: .... ma pareva che gli orsi bianchi si
   trovassero troppo bene sotto il carrozzone.... (Cap. XV). ]

Non si trattava più della corsa delle cento _yarde_, nè del gran
salto!... Si trattava della pelle, altro che delle gambe!...

— E dunque, Walter? — chiese il signor di Montcalm, avvicinandosi allo
studente, dopo di aver guardato l'ora. — Pare che gli orsi vi abbiano
fatto dimenticare che tutti i mortali dell'orbe terracqueo, quando
battono le dodici, usano cacciare qualche cosa in corpo.

— Per tutti i fulmini di Giove, avete ragione, signor Gastone!...
— esclamò lo studente, scaraventando il libro dall'altra parte del
carrozzone.

— Tanto v'interessavano gli usi ed i costumi di questi abitatori polari
a quattro gambe e troppi denti?

— In fede mia sì.

— E che cosa avete appreso dunque?

— Che se non si ammazzano a colpi di fucile o di rampone non si
lasciano mangiare.

— Soltanto questo?

— Per ora sì.

— Lo sapevo anch'io, senza leggere quell'interessantissimo libro. Visto
e considerato però che quegli amabili animali non desiderano per ora
offrirsi ai nostri _mauser_, fareste bene a prepararci della carne di
bue conservata, con dei cavoli sotto aceto, così terremo lontano lo
scorbuto.

— Ecco il cuoco all'opera, signore, — rispose lo studente,
precipitandosi verso la stufa armato d'una padella.

— E voi, Dik, che nuove avete da darmi dei nostri vicini?

— Che si sono armati di molta pazienza, — rispose l'ex-baleniere,
alzando le spalle, — e che ricomincia a nevicare.

— Ancora?

— Fa molto buio al nord, signore.

— Brutto affare. Il nostro treno si immobilizzerà.

— Faremo come gli orsi, signore: ci armeremo di pazienza.

D'altronde che cosa ci manca qui? I viveri abbondano, il _wisky_ ed il
_gin_ sono eccellenti ed il tabacco non manca.

Non si potrebbe desiderare di più!

— Ed il tempo passa.

— Al Polo non ci si bada al tempo, signore.

— Ma _mister_ Torpon potrebbe giungervi prima di noi e questo non lo
desidererei affatto. —

L'ex-baleniere scrollò un'altra volta le spalle.

— Non vi è giunto ancora, — disse poi. — Non si va facilmente al
Polo quantunque anch'io riconosca che l'automobile abbia maggiori
probabilità d'un veliero o d'un piroscafo.

Per centomila balenotteri!...

— Che cosa avete, Dik? —

Il baleniere aveva volto lo sguardo sul fornello sul quale lo studente,
cuoco improvvisato eppure abbastanza abile, stava preparando la seconda
colazione.

— Hanno un buon naso gli orsi, — disse. — Ed infatti, quando noi
volevamo attirarli sulla costa, bastava dar fuoco ad una scatola piena
di grasso.

Anche se si trovavano a dieci miglia di distanza accorrevano, per
offrirsi gentilmente ai nostri colpi di carabina.

— Che cosa volete dire, Dik? — chiese il canadese.

— Che qualcuno viene a reclamare la sua parte di cola.... —

Non aveva finita la frase. Un vetro d'una delle piccole finestre
era stato infranto da un poderoso colpo di zampa, ed una testa era
comparsa, sbuffando dentro il carrozzone una fumata d'aria densa.

Lo studente aveva levata prontamente dal fuoco la padella e si era
precipitato dinanzi alla finestrina, gridando:

— Eccovi servito, signore!... La carne è pronta!... Favorite entrare,
se la vostra pelliccia non vi impedisce!... —

L'orso bianco, attirato certamente dal profumo che esalava la carne
aveva spalancate le mascelle mandando un urlo rauco.

Il canadese, con rapidità fulminea, si era impadronito d'una
rivoltella, gridando:

— Indietro, Walter!... Lasciate che gli faccia pagare anticipatamente
il conto del vetro e della colazione!... —

Lo studente si era precipitosamente abbassato, guardando bene di non
rovesciare la padella.

Il signor di Montcalm, che si trovava ad un passo dal finestrino, aveva
alzato il braccio sparando furiosamente.

Al primo colpo l'orso aveva spalancato maggiormente le mascelle:
al secondo aveva mandato un urlo ferocissimo che si era ripercosso
sinistramente dentro il carrozzone; al terzo le sue zampe, aggrappate
all'orlo del finestrino, si erano staccate; al quinto tutto il suo
corpo gigantesco si era alzato sotto la spinta delle zampe deretane,
mostrando il petto, ed al sesto era stramazzato, affondando nell'alto
strato di neve.

— Signore!... — gridò Walter, slanciandosi verso il finestrino. — E
la mancia? Pezzente, me l'avete frodata come un negro dell'Angola!...
Prendi, canaglia!... Mangia anche questo, giacchè hai annusato il
profumo!... Ti consolerà nelle ultime strette dell'agonia!... —

Ed il mattacchione, senza pensare che i suoi compagni attendevano
la colazione, scaraventò padella e contenuto dentro la buca dove era
affondato il gigante dei mari glaciali.

— Corpo di una balena!... — gridò Dik. — Che cosa avete fatto? E
noi? —

Lo studente si era voltato calmo, calmo, guardando ironicamente
l'ex-baleniere, il quale pareva che fosse lì lì per scagliare fuori una
interminabile sfilza di imprecazioni marinaresche.

— E noi, — disse, — mangeremo uno dei zamponi dell'orso. Non sapete che
valgono i prosciutti dei maiali d'Irlanda?

— E chi andrà a prenderlo? Io no di certo.

— Corpo di tutti i fulmini dell'amico Giove!... — esclamò Walter,
grattandosi la testa. — Mi ero dimenticato che vi sono altri tre
o quattro orsi nascosti sotto il carrozzone! Decisamente sono uno
stupido!...

— E grosso come un rinoceronte, — brontolò l'ex-baleniere, stritolando
il cannello della pipa che teneva fra i denti.

— Walter, — disse il canadese. — Era grossa la mancia?

— Non l'ho ancora ricevuta, signore, — rispose lo studente, il quale
appariva desolato.

— Il fornello è sempre acceso però.

— Lo vedo.

— Se potete offrirci uno zampone arrostito, io e Dik siamo pronti ad
assalirlo.

— Ah no, signore. Domani forse, ma per ora non mi sento al caso.

— Allora aprite delle altre scatole di conserva e rimettetevi al lavoro.

— Mi lasceranno poi finire, i signori orsi?

— Se verranno a disturbarvi ci penseremo noi, è vero Dik?

— Sì, purchè il cuoco faccia presto. Il _thè_ l'ho già in fondo ai
talloni io. —

Il canadese riaccese la sua pipa e si mise in osservazione dinanzi
ad uno dei finestrini, mentre lo studente si affannava a preparare la
colazione non senza brontolare contro gli orsi.

L'uragano continuava ad imperversare al di fuori con furia crescente.

La neve turbinava in forma di trombe immense, le quali finivano poi per
abbattersi contro il treno, minacciando di seppellirlo.

Degli orsi nessuna nuova. Sonnecchiavano pacificamente sotto il
carrozzone, in attesa che gli uomini si decidessero ad uscire.

Intanto aguzzavano l'appetito.



CAPITOLO XVI.

I cacciatori della baia di Hudson.


Durante tutta la giornata, la tempesta non cessò di ruggire intorno
all'automobile ed al carrozzone, aumentando le inquietudini degli
assediati, i quali temevano di vedersi seppellire sotto parecchi metri
di neve.

La scomparsa della luce non portò nessun cambiamento.

Fioccava sempre ed il vento non finiva mai di ululare. Sulla vicina
baia di Hudson la tempesta doveva infuriare tremendamente.

Il freddo aumentava. Un termometro appeso fuori da un finestrino aveva
rapidamente raggiunto i 30°.

— Signor di Montcalm, — disse lo studente dopo la cena, che era stata
piuttosto triste. — Come finirà questa faccenda? Se questa tempesta
continuerà, noi finiremo per non poterci più muovere.

Tutta questa neve che si accumula intorno a noi gelerà e ci chiuderà
come entro una morsa.

— Che cosa volete che vi dica? — rispose il canadese, il quale fumava
la sua pipa seduto dinanzi al tavolino collocato sotto la lampada. —
Aspettiamo che questa ira di Dio cessi.

— Può durare molti giorni.

— Oh!... Anche delle settimane, se non dei mesi, — disse
l'ex-baleniere. — Ne so io qualche cosa.

— Se attaccassimo gli orsi?

— Se si trattasse di affrontarne uno, fors'anche due, vi direi,
mio caro Walter, che io sono pronto a balzare fuori e ad impegnare
risolutamente la battaglia.

Quattro!... Ah!... Sono troppi per tre uomini. Che ne dite, Dik?

— Che ci mangerebbero, — rispose il marinaio.

— Cerchiamo un qualche mezzo per farli scappare.

— Cercate pure, Walter.

— Se fossi certo che il carrozzone non prende fuoco, aprirei un buco
nel pavimento e bagnerei per bene quelle bestiaccie.

— E perchè no!... — esclamò il canadese, colpito da quella idea
originale. — Si spegne la stufa e la lampada ed ecco evitato il
pericolo d'un incendio.

— M'intendevo di arrostirli, signore.

— Ah no, mio caro!... Abbiamo troppe munizioni e troppa benzina qui e
non mi sorride affatto l'idea di saltare in aria insieme al carrozzone.

Voglio andare al Polo io!...

— Allora li arrostiremo quando verranno fuori.

— Sì, se si terranno a debita distanza.

— Approvate dunque la mia idea?

— Pienamente.

— Dik, aiutatemi.

— Mentre io cerco una grossa trivella, — disse il canadese.

Furono tolti il tavolo e parecchie casse e fu levato il tappeto di
feltro, mettendo a nudo il tavolato.

Lo studente accostò innanzi tutto un orecchio, ascoltando attentamente
ora più innanzi ed ora più indietro.

— Si odono? — chiese il canadese, che si era armato della trivella.

— Sono qui sotto, signore. Russano come contrabbassi scordati.

— Dik, spengete la stufa e la lucerna ed anche la vostra pipa, e
portate qui una latta di benzina. Le precauzioni non sono mai troppe
con un liquido così infiammabile. —

Il pavimento fu subito attaccato ed un buco della circonferenza d'un
dollaro, fu ben presto aperto.

Gli orsi dovevano trovarsi proprio lì sotto, poichè il loro poderoso
russare giunse subito più sonoro agli orecchi dei tre esploratori,
accompagnato anche da qualche grugnito soffocato.

Qualcuno di quei bestioni doveva aver avvertito il rumore prodotto
dalla trivella, quantunque fosse stata maneggiata con molta prudenza.

— Accostate la latta e lasciate colare attraverso il foro, Dik. Un paio
di litri basteranno per inzupparli.

— Che si ubbriachino, signor Gastone? — chiese Walter.

— Non ho mai conosciuto il gusto degli orsi, — rispose il canadese. —
Può darsi che la benzina piaccia a questi giganti.

— Procurerà in tal caso loro dei dolori atroci. Prepariamo la nostra
piccola farmacia per poter somministrare loro un forte emetico.

— Sì, burlone. —

Un _glu-glu_ li avvertì che la benzina cominciava a colare attraverso
al foro.

— Vedremo se bevono, — disse lo studente. — Scommetto che sono capaci
di leccarsi il pelame ed anche i baffi. —

Dei brontolii, che parevano dei ruggiti soffocati, lo persuasero invece
del contrario.

— Hanno ragione, — disse il chiacchierone. — Avrebbero preferito
dell'olio di foca.

Sarà per un'altra volta. —

Gli orsi, sorpresi da quella inondazione di nuovo genere, si agitavano
furiosamente e sopratutto sternutavano sonoramente.

I loro poderosi dorsi urtavano il fondo del carozzone con tale
violenza, da imprimere alla casa viaggiante un vero movimento di
rollìo.

— Walter, — disse il canadese. — Alle finestre coi _mauser!_ Basta,
Dik!... Riaccendete invece la stufa e subito preparatemi un po' di
canape che inzupperete nella benzina.

Guardate nella cassa N. 7.

— Signor Gastone, volete fare un arrosto? — chiese lo studente.

— Sì, d'orso vivo, — rispose il canadese.

Mentre l'ex-baleniere levava il recipiente chiudendolo per bene, si
erano slanciati verso due finestrini dopo di essersi armati dei fucili.

Gli orsi stavano per abbandonare il loro rifugio e s'aprivano il passo
attraverso la neve già gelata, scavando rabbiosamente.

Erano dalla parte della porta, poichè era proprio là che il carrozzone
subiva i più poderosi urti.

— La stufa!... — gridò il canadese. — Vengono!...

— È pronto, — rispose Dik.

— La lampada ora.

— È fatto.

— Eccoli!... — gridò in quel momento lo studente.

Un orso enorme, forse più grosso ancora di quello che era stato ucciso,
era comparso rizzandosi, con una brusca mossa, sopra lo strato di neve.

Muggiva come un giovane toro, alternando dei nitriti di cavallo.

Un altro gli aveva tenuto subito dietro.

Il canadese aprì il finestrino gridando a Dik:

— Accendete la canapa!... —

Una luce intensa illuminò l'interno del carrozzone. L'ex-baleniere
aveva dato fuoco ad un grosso rotolo di canape incatramato ed inzuppato
abbondantemente di benzina.

— Qui!... Qui!... Dik!... Gettate!... —

I due orsi si erano arrestati a tre o quattro metri dal carrozzone e
pareva che attendessero i compagni prima di scagliarsi all'assalto.

Era il momento opportuno.

Dik d'un salto fu presso il finestrino che il canadese aveva
precipitosamente abbandonato per lasciargli il posto e gettò la canapa
fiammeggiante.

Una vampata gigantesca avvolse tosto i due disgraziati orsi il cui
pelame era inzuppato di benzina.

Urla spaventevoli lacerarono l'aria, vincendo in potenza perfino i
ruggiti della tempesta.

Le due bestie che ardevano come torcie e che si sentivano crepitare la
pelle addosso e calcinare le carni sotto i morsi del terribile liquido,
girarono per alcuni istanti su loro stessi come se fossero stati
colpiti da una improvvisa pazzia, poi si slanciarono a corsa sfrenata
attraverso la pianura nevosa lasciandosi dietro due immense striscie di
fuoco e di scintille.

— Ah!... Poveri diavoli!... — esclamò lo studente. — Dovevano piuttosto
lasciarsi ammazzare docilmente da noi e servirci dei copiosi pranzi.

Chi mangerà ora la loro carne arrostita alla benzina?

— Ci penseranno i lupi, — rispose l'ex-baleniere. — I loro stomachi non
soffriranno. —

Aveva preparato un altro rotolo di canapa e l'aveva asperso di benzina.

Il canadese si era riaffacciato al finestrino.

Anche gli altri due orsi, attirati dalle urla dei loro compagni, ancora
galoppanti fra la bufera di neve, si erano mostrati.

— Sotto, Dik!... — gridò. — Non li lasciate scappare!... —

Il baleniere diede fuoco alla canapa e la gettò nuovamente, colla mano
sicura di un esperto fiociniere.

Il risultato, come era già da prevedersi, fu identico al primo.

I disgraziati animali che mai di certo avevano conosciuto il fuoco,
furono avvolti in una gigantesca fiammata, e pazzi di dolore si erano
slanciati a loro volta in mezzo alla tempesta di neve, mescendo le loro
urla orribili a quelle del vento.

Per parecchi minuti i tre esploratori videro vagolare per la pianura
quelle quattro torcie viventi spandendo di tratto in tratto dei grandi
sprazzi di luce, poi l'oscurità ripiombò, e la neve che continuava a
cadere con rabbia estrema coperse tutto.

— È finito, — disse lo studente, la cui voce sembrava un po' commossa,
— Ah!... Che terribile fine hanno fatto quei poveri orsi!... Dal grande
freddo sono passati improvvisamente al gran caldo e che caldo!... Non
vorrei provarlo mai!...

— Avete cinque delitti sulla coscienza, dei quali dovrete rendere conto
al genio protettore benigno di tutti questi abitanti del gran nord.

— Dovevamo lasciarci divorare dunque, come semplici bistecche? Con
quelle bocche non vi era da scherzare.

Se il buon o cattivo genio polare verrà a rimproverarmi di aver fatto
fare ai suoi figli una morte così atroce, lo inviterò a mettersi in
mezzo a cinque dei suoi orsi e vedremo che cosa lasceranno di lui.

— La vostra idea è stata veramente meravigliosa, Walter. È vero che
potevamo fare anche noi l'egual fine.

Se invece di fuggire si fossero precipitati contro il nostro
carrozzone, che scoppio sarebbe avvenuto, se il fuoco si fosse
comunicato!

— Lo ammetto, signor Gastone, ma quei bravi orsi hanno avuto il buon
senso di non farlo.

— E siete loro riconoscente?

— Certo, — rispose seriamente lo studente.

— Ciò non v'impedirà però di assaggiare gli zamponi del bestione che
è caduto sotto le nostre palle e che è affondato nella neve, quasi
dinanzi alla porta.

— Per tutti i fulmini di Giove!... Me l'ero scordato!...

— Un cuoco che dimentica quattrocento chilogrammi di carne deve essere
un pessimo cuciniere.

— No, uno stordito, signore, perchè io vi farò vedere come arrosolerò
quegli zamponi.

— Uhm!... Uhm!... — fece Dik, guardando lo studente di traverso.

— Signor Gastone, — riprese Walter, — che proviamo?

— A che cosa fare?

— A issare quel bestione.

— Ci vorrebbe una _grue_ con un buon paranco. Lo faremo a pezzi sul
posto quando questa dannata bufera sarà cessata.

Pel momento preferisco fumare la mia pipa accanto alla stufa e leggere
la storia delle spedizioni polari.

— Io allora andrò a cercare un trattato dell'_Ottimo cuoco_ che ho
veduto nella piccola biblioteca, per prepararvi dei manicaretti....
conditi coll'olio di foca.

— Ah!... Birbante!...

— Quando saremo giunti più al nord, signore, dovremo ben abituarci
all'olio di quegli anfibi.

Io ho letto che Nansen, il famoso esploratore norvegese, cucinava i
suoi pezzi d'orso, quando ne poteva avere, su una lampada alimentata
con olio di foca.

— Questo è vero, anzi si dichiarava abbastanza soddisfatto di quella
cucina veramente esquimese.

Andate pure a studiare, signor cuoco. —

Anche durante tutto quel giorno la tempesta non cessò di ruggire
intorno al treno, nè la neve di cadere. Fortunatamente le raffiche si
succedevano così violenti da disperdere rapidamente i grandi cumuli di
nevischio che si formavano qua e là, diversamente il carrozzone sarebbe
rimasto sepolto sotto uno strato di parecchi metri.

Solamente verso sera, nel momento in cui il sole, mostratosi per
qualche minuto fra uno strappo delle nubi, «pallido come se avesse
fatto una grave malattia» come diceva lo studente, il vento cominciò a
cadere e la neve a sostare.

Un freddo intensissimo che superava i 35° era subito succeduto,
trasformando la sterminata pianura in un immenso campo di ghiaccio
tutto ondulato.

Alle 9 di sera non vi era più una nube in cielo e la luna splendeva
meravigliosamente, facendo scintillare tutto lo spazio.

Era il momento di tentare qualche cosa per liberare il treno il quale
poteva correre il grave pericolo di subire quelle terribili pressioni
prodotte dal dilatarsi dei ghiacci e che schiacciano le navi più
poderose come fossero nocciuole.

I tre esploratori, che avevano trascorsa quasi l'intera giornata
sonnecchiando sui libri, invitati dal dolce russare della stufa, dopo
essersi ben coperti, si armarono di picconi e di pale e sicuri ormai di
non correre più alcun pericolo, saltarono sul campo di ghiaccio.

— Questo si chiama veramente freddo!... — esclamò Walter, fregandosi
furiosamente il naso per paura che gelasse. — E non siamo ancora al
polo!... Come fanno dunque gli esquimesi a resistere? È vero che sono
prossimi parenti degli orsi bianchi!... —

Il ghiaccio si era ormai formato intorno al carrozzone ed
all'automobile, d'uno spessore d'un paio di metri, ed aveva cominciato
a stringere le ruote.

Non vi era un momento da perdere. Il treno correva il pericolo di
venire sfondato prima che l'alba spuntasse.

I tre esploratori, consci della gravità della situazione, si misero
valorosamente all'opera, maneggiando i picconi con suprema energia.

La prima cosa che misero allo scoperto fu l'orso, sulla cui carne
molto contavano per aumentare le loro provviste di trecentocinquanta o
quattrocento chilogrammi di eccellente carne.

Non potendo trarlo dalla buca, entro la quale stava gelando, a gran
colpi di scure lo fecero a pezzi sul luogo, sacrificando la pelliccia
per non perdere troppo tempo, poi dopo aver messo al sicuro quei
grossi quarti sulla cima della vettura perchè si conservassero meglio,
ripresero il duro lavoro.

Soltanto verso la mezzanotte riuscirono a raggiungere e liberare
l'automobile, la quale aveva sfidata impavida la bufera senza riportare
danno alcuno.

Si trattava ora di aprirsi dinanzi un solco a scarpata per prendere lo
slancio e montare sul campo di neve, ed i tre esploratori, quantunque
estenuati, vi si accinsero con novella lena facendo volare intorno a
loro, a colpi di piccone, larghi pezzi di ghiaccio.

Al primo impallidire delle stelle, tutto era pronto per la partenza,
ed il motore aveva ricominciato a sbuffare, pronto a slanciarsi
animosamente alla conquista del Polo.

— Dik, — chiese il canadese, prima di dare l'ordine della partenza. —
Quanta benzina avremo ancora?

— Tanta da poter percorrere comodamente quattrocento miglia senza aver
bisogno di rifornirci.

— Allora lasciamo da parte il forte Severn e muoviamo direttamente su
quello di Churchill. Così risparmieremo tempo.

— E ne guadagneremo su Torpon, — disse Walter. — Non so che cosa
pagherei per sapere dove si trova quel bisonte.

— Speriamo che si trovi ancora sulle coste del Labrador, — rispose il
canadese.

— Che riesca anche lui ad andare al Polo? —

Il signor di Montcalm guardò lo studente sorridendo:

— Voi dunque, — gli chiese, — siete ben sicuro di giungervi?

— Per tutti i fulmini di Giove!... Mi pare già di vedermi seduto
sull'incrocio di tutti i meridiani dell'orbe terraqueo, signor Gastone.

Chi potrebbe dubitare che uomini come noi non vi giungano? Andremo
a fumare la nostra pipa lassù ed a vuotare una buona bottiglia di
_champagne_ in onore del vecchio Polo.

— Questa vostra fiducia mi piace, Walter, — disse il canadese. — Sì,
noi arriveremo al Polo.

— E prima di quel bisonte, anche.

— Certo, Walter.

— Allora posso gridare: _hurràh_ pel Polo.

— Sì, mattacchione, e se.... —

Un brusco salto dell'automobile gli spezzò la frase.

— Che cosa succede, Dik? — chiese, riprendendo subito l'equilibrio.

— La via diventa pessima, signore, — rispose l'ex-baleniere. — Questa
neve copre delle insidie che non sempre si possono evitare.

Vi sono sotto dei crepacci che non si sa quanto siano larghi.

— Volete rallentare?

— Preferirei invece aumentare e passare sopra quelle spaccature in
piena volata.

— Fate come volete, purchè la vettura di rimorchio non si spezzi.

— Rispondo io di tutto, signore. —

La interminabile pianura che si stende lungo le coste occidentali della
baia di Hudson, spingendosi fino al golfo di Boothia, incominciava
infatti a diventare pessima.

La tempesta che doveva aver infuriato con estrema violenza verso il
nord, aveva accumulata la neve in quantità enormi, formando delle
vere bastionate alte parecchi metri e che l'automobile era costretto a
montare, non esistendo altri passaggi.

Per di più il gelo intenso l'aveva rassodata sopra i numerosi corsi
d'acqua che si scaricano nella baia, in modo da non potersi più
scorgere.

Una rottura dello strato nevoso poteva accadere da un momento all'altro
sotto il peso delle due vetture, piuttosto considerevole, e delle
gravissime conseguenze potevano succedere.

Lo _chaffeur_ che ci teneva, dopo tutto, alla propria pelle per poter
godersi più tardi i dollari di _mister_ Torpon, aveva aumentata la
velocità per passare di slancio sopra quei pericolosi ostacoli.

Da trenta miglia all'ora era passato alle cinquanta. Il motore
funzionava rabbiosamente imprimendo alle ruote una rapidità
vertiginosa.

La vettura traballava come una nave in piena tempesta, inclinandosi
ora a babordo ed ora a tribordo, poi si alzava di colpo per superare le
bastionate di neve che si succedevano senza interruzione e sempre più
ripide.

   [Illustrazione: Il canadese e lo studente gettano la benzina
   addosso agli orsi che li assediano. (Cap. XVI).]

Il canadese e lo studente sotto quelle scosse incessanti si urtavano
l'un l'altro con grande pericolo di rompersi la testa.

Dik, aggrappato al volante, stava invece saldo come un blocco di
granito e non cessava di aumentare la velocità, poco preoccupandosi
della vettura.

Quella corsa pazza durava da un paio d'ore, quando alcune detonazioni
rimbombarono in lontananza.

— Rallenta, Dik!... — gridò il canadese. — Siamo vicini a qualche forte.

— Che vi siano dei cacciatori qui? — chiese lo studente.

— Quelli della Compagnia delle Pelliccie.

— Allora Churchill non è lontano.

— Ah!... Come scappano!... —

Presso una collinetta erano comparsi degli animali somiglianti ai
daini, ma molto più alti e più grossi di quelli comuni. Erano cinque
o sei e fuggivano con grande rapidità sollevando, nella loro corsa
sfrenata, coi robusti zoccoli, un turbinìo di nevischio.

— Che cosa sono? — chiese lo studente, il quale aveva preso un fucile,
colla speranza di fare un buon colpo.

— Daini mooses, e se vi piace meglio, dei mangiatori di legno. È
inutile che sprechiate una palla; qualcuno sarà già rimasto a terra
poichè i cacciatori della Compagnia quasi mai mancano il bersaglio.

Ah!... Eccoli!... —

Due uomini coperti di pelli villose ed armati di fucile, muniti di
racchette di rete per poter camminare anche sulla neve molle, erano
comparsi a circa cinquecento passi dall'automobile la quale avanzava
lentamente.

Vedendo la macchina si erano arrestati, poi entrambi, con una mossa
simultanea, avevano puntate in aria le loro carabine scaricandole.

— Rispondete al saluto, Dik, — disse il canadese.

Un urlo lacerante che durò parecchi secondi, mandato dalla piccola
sirena, risuonò per l'aria, ripercuotendosi contro la collinetta.

I due cacciatori affrettarono il passo ed in pochi istanti raggiunsero
l'automobile, la quale si era arrestata dinanzi ad un bastione di neve.

Erano due giovani di forme vigorose, con barbe appena nascenti, gli
occhi azzurri ed i capelli biondi, distintivi delle razze nordiche.

— Buon giorno, signori, — disse il più attempato dei due, portandosi
una mano al cappuccio di pelle d'orso che lo riparava per bene dai
grandi freddi e dai venti taglienti del settentrione. — Come mai
vi ritroviamo qui, mentre quattro giorni fa eravate sulle coste del
Labrador? —

Il canadese, udendo quelle parole, aveva fatto un soprassalto.

— Buon giorno giovanotti, — si affrettò a rispondere poi. — Siete
cacciatori della Compagnia?

— Sì, signore, del forte Churchill.

— E siete ben sicuri di averci incontrati ancora? —

I due cacciatori si guardarono l'un l'altro, poi il primo riprese:

— Sicuri proprio no, ma noi abbiamo veduto passare una macchina simile
alla vostra ad un miglio appena dalla costa della baia, sulla terra del
Labrador.

— Proprio precisa?

— No, perchè non aveva dietro di sè una vettura.

— Chi la montava?

— Tre uomini.

— Avete parlato con loro?

— Non ne abbiamo avuto il tempo, e poi correva a gran velocità in mezzo
alla bufera di neve che spazzava allora tutto il Labrador.

— E quando l'avete veduta quella macchina?

— Quattro giorni fa.

— Avevate attraversato la baia?

— Sì, per cacciare le lontre, e non siamo sbarcati che tre o quattro
ore fa, lasciando la nostra scialuppa sulla spiaggia, entro una caverna
ove potrà sfidare tutte le nevicate.

— Non poteva essere che l'automobile di quel bisonte di Torpon, — disse
Walter. — Ci si è messo d'impegno anche lui.

— Non poteva fare diversamente, — rispose il canadese. — Ero certo che
avrebbe presa la via del Labrador per raggiungere poi gli stabilimenti
danesi della Groenlandia.

C'incontreremo al Polo, se riuscirà ad arrivarci.

— Io spero di no, signor Gastone.

— Chi lo sa? Per nostro conto faremo il possibile per giungervi. —

Si rivolse ai due cacciatori i quali aspettavano pazientemente che quel
dialogo terminasse, e chiese loro:

— Tornavate verso il forte?

— Sì, signore, — rispose il più attempato dei due. — La stagione della
caccia è finita e non sarebbe prudente battere ora le grandi pianure.

Comincia lo svernamento anche pei cacciatori della Compagnia.

— Avete carico?

— Sette pelli di lontra che non varranno meno di mille dollari, signore.

— Quanto distiamo dal forte?

— Una sessantina di miglia.

— Ed i _mooses_ li avete mancati?

— Erano troppo lontani, signore. D'altronde la loro pelle non vale gran
che.

— Andate a prendere le vostre pelli di lontra e salite con noi. In un
paio d'ore saremo al forte.

— Che macchine meravigliose s'inventano oggi!... — esclamò il
cacciatore. — Grazie, signore, siamo con voi. —

Cinque minuti dopo il treno riprendeva la sua corsa verso il
settentrione, costeggiando la baia d'Hudson, e due ore più tardi
giungeva dinanzi al forte di Churchill, il più settentrionale che la
Compagnia abbia fondato su quelle sterminate plaghe spazzate dagli
uragani polari.



CAPITOLO XVII.

Una battaglia coi trichechi.


La Compagnia delle Pelliccie, che conta oltre trecento anni di
esistenza, tiene un numero ragguardevole di stabilimenti che chiamansi
_forti_, disseminati su quella immensa regione che è sottoposta al
dominio britannico e che dai confini degli Stati Uniti va fino oltre il
circolo polare Artico, ed è bagnata dall'Atlantico e dal Pacifico.

Quei _forti_ non sono gran cosa, poichè consistono in un fabbricato
centrale, per lo più in pietra, ed in poche tettoie dove vengono
conservate le pelliccie in attesa che la buona stagione permetta di
spedirle verso i porti più prossimi per poi disperderle pel mondo
intero.

Un capitano, chiamato il _borghese_, li comanda ed ha sotto di sè
venti o trenta cacciatori, per la maggior parte canadesi, tiratori
infallibili che di rado sbagliano i loro colpi, ed abituati a sfidare
tutte le fatiche e tutte le intemperie.

Dopo lo sgelo quei bravi avventurieri si mettono in campagna, facendo
strage di lupi, di volpi bianche ed azzurre, di martore, di foche,
di morse, di alci, di _wapiti_, di daini _mooses_, di lontre dalla
pelliccia preziosissima, che si paga perfino mille e cinquecento lire,
ed anche di orsi bianchi.

Vanno lontano, percorrendo regioni quasi inesplorate, vivendo alla
meglio sotto tende o capannuccie improvvisate con avanzi di navi
naufragate e con ossami di balene e di capidogli, e non ritornano fino
a che le loro slitte, tirate da grosse mute di cani, non siano ben
cariche.

Quelli che rimangono al forte attendono le tribù indiane ed esquimesi
che accorrono numerose a vendere pelli e ricevere in cambio coperte,
polvere, fucili e ornamenti per le loro donne.

Alle prime nevicate i cacciatori tornano ai forti e durante l'inverno
se la passano fumando e raccontandosi le loro avventure di caccia
intorno alle stufe russanti.

Quantunque la selvaggina sia oggidì molto scemata, la Compagnia
continua a fare affari d'oro, ripartendo fra gli azionisti somme
considerevoli.

Il forte di Churchill è il più settentrionale di quelli fondati nella
regione dell'Hudson, ma è anche quello che raccoglie maggior numero
di pelliccie per la sua vicinanza al circolo polare Artico, dove la
selvaggina si trova ancora abbondante, non spingendosi le tribù indiane
fino lassù, e rare essendo quelle esquimesi.

Al pari degli altri consiste in una casa di pietra tale da poter
resistere alle furiose bufere polari ed alle enormi nevicate, ed in
poche tettoie che d'inverno sono riparate da bastionate di ghiaccio.

L'accoglienza che ebbero i tre esploratori, giunti come una bomba
dinanzi al forte, fu entusiastica.

Il _borghese_, ossia il comandante e tutti i suoi uomini, una ventina,
portarono come in trionfo quegli audaci, che si proponevano di levare
il velo misterioso che copriva il terribile e fino allora inaccessibile
Gran Nord, nel gran salone del forte, dove russavano due stufe
monumentali, offrendo subito loro, giacchè era l'ora del pranzo, un
piccolo banchetto inaffiato copiosamente da vini e da liquori.

Essendovi al forte una grossa provvista di benzina per l'illuminazione,
il canadese non ebbe alcuna difficoltà a farsene cedere tanta da
riempire tutti i suoi lattoni.

— Se noi rimarremo senza, — disse l'ospitale _borghese_, — bruceremo
olio di foca o di morsa.

I miei uomini non sono così delicati da non soffrire un po' di
sgradevole odore. —

Quella notte gli esploratori si riposarono in buoni letti, al riparo
dalle intemperie e soprattutto dal freddo che aumentava spaventosamente
di ora in ora, ma all'indomani, ai primi albori, malgrado le proteste
dei cacciatori che desideravano averli loro ospiti qualche giorno
ancora, erano già sull'automobile, pronti a slanciarsi verso il Grande
Nord.

Gli addii furono commoventi e gli auguri infiniti, e verso le otto,
nel momento in cui la nebbia cominciava a diradarsi sotto gl'impetuosi
colpi di vento del settentrione, il treno riprendeva la sua corsa
fra gli _hurràh_ rimbombanti ed i colpi di fucile della piccola
guarnigione.

— Che brava gente!... — esclamò il campione di Cambridge, ancora
entusiasmato dall'accoglienza ricevuta. — Avrei passato fra quei
cacciatori l'inverno intero.

— Senza andare al Polo?

— Ah questo no, signor Gastone. Preferisco andare a vedere che cosa c'è
lassù.

— E che cosa credete di trovare lassù? — chiese il canadese, ridendo.

— Che ne so io? Almeno uno dei due cardini del mondo al quale noi
daremo un po' d'olio.

Per Giove!... Dopo tante centinaia di secoli, deve essere bene
arrugginito.

— Dite delle migliaia.

— Come volete, signor Gastone. Fa lo stesso.

Ma, dite un po': che ci siano degli abitanti al Polo?

— Può darsi, amico, — rispose il canadese. — Gli esploratori Artici
hanno trovato degli esquimesi nelle sue vicinanze, gente emigrata lassù
chissà da quanti secoli, e che credeva di essere sola al mondo, non
avendo mai avuto alcun contatto colle tribù del sud.

— Dite un po', signor Gastone, da che parte sono venuti questi piccoli
uomini che hanno preferite le pianure gelate del Polo alle fertili
pianure del continente americano?

— Un tempo si credette che fossero giunti, intorno al mille, da una
emigrazione asiatica passata attraverso lo stretto di Behring e poi
dispersasi per l'America settentrionale.

Oggi invece, recenti scoperte hanno dimostrato che l'Asia non ha nulla
a che fare colle razze primitive americane, perchè anche su queste
terre si sono trovate tracce umane assai più antiche di quelle che
finora erano state rinvenute nell'Europa e negli altri continenti.

— Me lo aveva già detto il mio professore Hart, quell'ottimo e
terribile bevitore di birra, fra un salto e l'altro dell'allenamento
per la sfida d'Oxford, ma io non ci avevo fatto gran caso.

Allora, da dove sono derivati questi americani, indiani ed esquimesi?

— Chi lo sa? Io vi posso solamente dire che in varie regioni del
continente, specialmente in quello settentrionale, si sono trovati
numerosi avanzi d'uomini vissuti ai tempi dei _mammouth_, ed anche
molto più antichi, cioè avanti il periodo quaternario, in un'epoca
nella quale la vita vegetale ed animale era ben diversa da quella
d'oggi.

— Si direbbe che l'America ha avuto i suoi primi uomini prima ancora
degli altri continenti, — disse lo studente.

— Tutto lo indicherebbe, — rispose il canadese, il quale era un uomo
istruitissimo. — Or sono pochi anni, in una caverna dell'Arizona, fu
trovata la mummia d'un bambino che fu giudicata appartenente all'epoca
terziaria, e che aveva notevolissime somiglianze col _pithecanthropus
erectus_, ossia della scimmia che più si avvicina all'uomo.

D'altronde ormai è provato che l'uomo, sia esquimese od indiano, visse
qui avanti la fine del periodo glaciale, ossia in un'epoca in cui
l'uomo forse non aveva ancora popolato il continente antico.

— Il continente americano doveva essere ben diverso da quello che è
oggi, in quei lontanissimi tempi.

— Non aveva la forma che ha presentemente. La sua ampiezza era molto
minore e si estendeva sopra i due oceani come una immensa isola
allungata verso il Polo.

Molto diverse di quelle attuali erano allora la sua flora e la sua
fauna, della cui ultima facevano parte delle specie gigantesche oggidì
completamente e da gran tempo scomparse.

Come e quando quegli abitanti e quegli animali comparvero su queste
terre, non è facile dirlo. È un problema che ha affaticato tante menti,
senza che una così interessante questione sia stata definitivamente
risolta.

Chissà che il Polo non riservi a noi delle straordinarie sorprese. Ohè,
Dik, che cosa fate? —

Un rombo assordante sfuggiva in quel momento sotto le ruote
dell'automobile. Si sarebbe detto che passasse sopra un ponte metallico
d'una eccessiva sonorità.

— Da che cosa proviene questo fracasso dunque, Dik? — chiese nuovamente
il canadese, alzandosi bruscamente.

— Pare che ci sia del vuoto sotto lo strato di ghiaccio, — rispose
finalmente l'ex-baleniere, rallentando subito.

— Passiamo forse sopra un fiume?

— Che ne so io, signore? —

Lo _chaffeur_ stava per obbedire, quando si udì uno scricchiolìo
fortissimo seguìto da un _crac_ spaventevole.

— Sprofondiamo!... — urlò Walter.

Lo strato gelato si era improvvisamente spezzato sotto il peso ed il
treno intero era precipitato in un abisso apertosi sotto le sue ruote.

Tre urla si erano confuse in una sola, tre urla di spavento, seguìte un
istante dopo da un rombo.

Il canadese, lo studente e l'ex-baleniere si sentirono proiettati
innanzi, come se una bomba fosse scoppiata dietro di loro, e
stramazzarono in mezzo a degli ammassi di neve più o meno indurita,
mentre il motore dell'automobile si arrestava di colpo.

Trascorsero parecchi minuti, poi un uomo si alzò penosamente,
tastandosi le costole e le gambe.

— Corpo di tutti i fulmini di Giove e di tutti i suoi parenti!... —
esclamò. — Questo si chiama un capitombolo, almeno all'Università di
Cambridge!... —

Stette un momento immobile, come istupidito, guardando l'automobile e
la vettura che si erano affondati in mezzo ad un enorme cumulo di neve,
poi si slanciò avanti come un pazzo.

Aveva scorto un corpo umano pochi metri più innanzi.

— Signor Gastone!... Signore!... — urlò con quanta voce aveva in corpo.

Il signor di Montcalm giaceva dinanzi a lui colle braccia e le gambe
allargate e gli occhi socchiusi.

— Fulmini!... — gridò lo studente, spaventato. — Del _wisky_, del
_gin!_... —

Si precipitò verso la vettura che si trovava quasi rovesciata su un
fianco, ma per un caso miracoloso ancora in buon stato, levò la sbarra
che chiudeva la porta, si gettò nell'interno ed uscì con una bottiglia
in mano.

Spezzò il collo contro la parete di ghiaccio e versò nella bocca aperta
del canadese alcuni sorsi di _wisky_.

Uno sternuto sonoro fu la risposta, accompagnato da due o tre colpi di
tosse.

— Buon segno!... — esclamò lo studente allegramente. — I morti non
sternutano nè tossiscono. _Hurràh!_... _Hurràh!_... —

Il signor di Montcalm si era messo a sedere, guardandosi intorno con un
vivo stupore.

— Walter, mi ubbriacate? — chiese con voce abbastanza robusta. — Ah!...
Diavolo!... Siamo caduti, è vero?

— Pare di sì, signore, — rispose lo studente.

— Mi ricordo vagamente....

— Ed anch'io.

— E Dik?

— Non so se sia morto o vivo. Spero però che la sua ossatura da bisonte
non avrà ceduto.

— E l'automobile?

— Ce ne occuperemo più tardi, signore. Mi pare che non abbia gran che
sofferto. Ce lo dirà Dik, se sarà ancora vivo.

— Ne avreste dubitato? — chiese in quel momento una voce un po'
ironica. — I balenieri hanno la pelle dura, mio caro signore. —

La testa di Dik era in quel momento comparsa fra un grosso ammasso di
neve che si trovava a cinque o sei metri dall'automobile.

Una fortuna veramente prodigiosa aveva protetto i tre esploratori,
poichè se fossero stati scaraventati un po' più innanzi si sarebbero
fracassate le ossa sulla superficie quasi liscia del sotto-campo di
ghiaccio, duro quasi quanto il granito.

Il baleniere, facendo forza di braccia, uscì dal cumulo, si scosse di
dosso la neve che gli si era appiccicata alla pelliccia, e dopo d'aver
aspirata l'aria freddissima, empiendo per bene i suoi polmoni, disse:

— Nulla di spezzato nè dentro nè fuori. Non poteva andare meglio.

— Per noi, ma per l'automobile? — chiese il signor di Montcalm.

Lo _chaffeur_ alzò impercettibilmente le spalle, poi rispose:

— Se avrà qualche cosa di rotto la medicheremo sul posto, senza
mandarla all'ospitale.

— Che sarebbe troppo lontano, — aggiunse lo studente. — Corpo di tutti
i fulmini di Giove!... Dove siamo noi?

— Ve lo dirò io, — disse il canadese. — Sulla superficie gelata d'un
corso d'acqua.

— E perchè questo vuoto? Si direbbe che noi siamo precipitati in una
galleria.

— Perchè l'acqua prima era alta assai ed ha fatta la sua prima crosta
di ghiaccio, poi si è abbassata ed ha formata questa, lasciando così un
gran vuoto che può prolungarsi per parecchie centinaia di chilometri.

— E come faremo noi a risalire alla superficie? Ci vorrebbe un potente
argano a vapore.

— Seguiremo il fiume fino alla sua foce.

— E dove andremo a finire?

— Nella baia d'Hudson, senza dubbio, — rispose il canadese.

— Questa brutta avventura ci farà perdere del tempo.

— Non so che cosa farci, mio caro. E dunque, Dik? —

L'ex-baleniere che stava esaminando l'automobile, alzò la testa, e dopo
d'aver fatta schioccare la lingua, rispose:

— Bisogna credere che qualche Santo abbia protetto noi e la nostra
macchina insieme. È vero che abbiamo fatto un salto di soli quattro
metri, tuttavia potevano toccarci dei guasti irreparabili.

Se la benzina avesse preso fuoco, a quest'ora non rimarrebbero che i
cilindri intatti.

Devo convenire però che questa automobile è stata costruita a prova di
capitomboli.

— Nemmeno il radiatore si è guastato?

— Fortunatamente no.

— Ed il carrozzone?

— Ha resistito meravigliosamente e le sue ruote non hanno ceduto.

— Sicchè potremo riprendere la nostra corsa dentro questa galleria?

— Quando vorrete, signore. Ecco, udite come il motore funziona ancora
perfettamente? I colpi sono regolarissimi.

— Allora, mio caro Walter, imbarchiamoci.

— Non desidero di meglio, signor Gastone, — rispose lo studente.

Rimontarono sui comodi sedili, ben felici di essersela cavata così
a buon mercato: Dik riprese il volante ed il treno si rimise in moto
sfondando impetuosamente i cumuli di neve.

Quella galleria si presentava meravigliosamente bella. La vôlta,
formata da una crosta di ghiaccio ben consolidato, dello spessore
di qualche metro, si manteneva ovunque ad un'altezza variante fra i
quattro ed i cinque metri, mentre le due pareti, costituenti le rive
del fiume, distavano cinquanta passi l'una dall'altra.

Una luce diafana, stranissima, trapelava attraverso lo strato superiore
su cui si rifrangevano in quel momento i raggi dell'astro diurno.

Il piano poi si svolgeva con larghi serpeggiamenti, come una splendida
pista, con pochissimi ostacoli, poichè la superficie del fiume doveva
essersi gelata quasi tutta d'un colpo, forse durante la bufera dei
giorni precedenti, senza lasciare il tempo alla formazione dei piccoli,
eppure noiosissimi _hummoh_.

Il fragore che produceva l'automobile, lanciato ad una velocità di
quarantacinque miglia all'ora, era impressionante. Un rombo continuo
si propagava sotto quella vôlta interminabile, ripercuotendosi
indefinitamente. Un urlo della sirena era sembrato lo scoppio d'una
gigantesca mina.

Dik, ben stretto al volante, guidava con una grande sicurezza ed
abilità. Pilota sul mare, era tale in terra con non meno bravura.

Per tre ore il treno divorò lo spazio, seguendo le larghe curve del
corso d'acqua, senza aver incontrato anima viva, poi Dik bruscamente
rallentò.

Avevano allora percorso circa cento cinquanta miglia.

— Vi sono degli ostacoli? — chiese prontamente il canadese.

L'ex-baleniere, invece di rispondere, arrestò il motore e si mise in
ascolto.

Quando i fragori cessarono dentro la galleria, i tre esploratori
poterono udire distintamente uno strano concerto a base di muggiti
cavernosi, che si ripercuoteva sotto le vôlte con intensità sonora.

— Si direbbe che dinanzi a noi vi sono dei bisonti!... — esclamò lo
studente, il quale, per ogni buon caso, si era armato del suo fedele
_mauser_.

— Dei bisonti qui!... Siete pazzo, Walter? Non siamo già nelle praterie
del Far-West, — rispose il canadese.

— Eppure questi sono muggiti, — disse lo studente.

— Non lo nego. Che cosa dite voi, Dik?

— Che siamo vicini alla foce di questo corso d'acqua, — rispose
l'ex-baleniere, rimettendo in moto la macchina.

— Che sia l'acqua che produce questo fragore? — chiese lo studente.

— Preparate il fucile.

— Per accoppare chi?

— Le morse, signor mio, diventano talvolta pericolose quando sono in
buon numero e si disturbano i loro accampamenti.

Si sono scelte la foce di questo fiume per svernare tranquillamente.

— È almeno buona la loro carne?

— Puah!... — fece l'ex-baleniere. — Tutt'al più il fegato.

— Ci prenderemo l'olio. Di quello almeno ne danno.

— Non è benzina, — disse il canadese. — Avanti, Dik, con
prudenza. —

L'automobile si avanzava lentamente, seguendo una grande curva, la
quale impediva di scorgere la foce del corso d'acqua.

Malgrado il fragore prodotto dal motore, i muggiti giungevano sempre,
aumentando d'intensità.

Pareva che il campo dei trichechi fosse ben popolato, a giudicarlo da
tutto quel fracasso.

Oltrepassata la curva, uno spettacolo terribile si offerse dinanzi agli
occhi dei tre esploratori.

Radunati all'estremità della galleria, la quale finiva sui banchi di
ghiaccio della baia d'Hudson, si trovavano tre o quattrocento anfibi,
di dimensioni enormi, poichè quasi tutti misuravano non meno di tre
metri di lunghezza con una circonferenza di due.

Erano delle morse, chiamate anche trichechi, e dagli esquimesi _awak_.

Quei mostri delle regioni polari, nella forma si avvicinano alle foche,
ma sono più giganteschi, con un muso corto ed ottuso, le labbra fornite
di grosse setole irte come quelle dei gatti in collera e armate di due
lunghissime zanne, d'un avorio assai più fino di quello degli elefanti.

Il loro aspetto è terribile, mentre invece quei disgraziati sono
tutt'altro che battaglieri, essendo in terra estremamente pesanti.
Ciò non esclude però che assaliti, specialmente in mare, si difendano
qualche volta disperatamente, affondando le imbarcazioni che osano
attaccarli.

Vedendo l'automobile avanzarsi, tutti quei colossi si erano prontamente
radunati come se fossero risoluti a chiuderle il passo, mandando nel
medesimo tempo dei muggiti spaventevoli che talvolta sembravano dei
veri ruggiti.

— Fulmini di Giove!... — esclamò Walter, il quale si era alzato,
imbracciando il _mauser_. — Si direbbe che noi, invece di trovarci
nelle regioni polari, siamo entrati in una foresta equatoriale abitata
da una banda di ferocissimi leoni.

Se quelle bestie lì avessero degli artigli, poveri noi!...

— Fortunatamente non posseggono che delle zanne di superbo aspetto e
niente affatto pericolose, — rispose il canadese.

— Non vorrei però provarle, signor Gastone.

— Non sanno servirsene quando questi anfibi si trovano a terra. Non
vedete come si muovono a stento?

— Sfido io!... Sono botti d'olio!...

— È precisamente per quello che si arenano. Se fossero invece in acqua
vedreste quelle botti balzare e rimbalzare sulle onde come gavitelli.

— Mastro Dik, voi che avete già conosciuto da vicino questi signori
abitanti del Polo, diteci che cosa possiamo fare.

— Provatevi a sparare, — rispose l'ex-baleniere.

— Scapperanno.

— Lasciate che scappino.

— Per tutti i fulmini di Giove!... Come mostrano i denti e rizzano i
baffi!...

   [Illustrazione: Erano delle _morse_, chiamate anche
   _trichechi_, e dagli esquimesi: _awak_. (Cap. XVII).]

— Fate fuoco!... Voi chiacchierate troppo.

— Non sono un baleniere io, mastro Dik. I lupi di mare, si sa già da
lungo tempo, sono assai avari di parole.

— E prendono le balene.

— Ed io, pur chiacchierando, vi mostrerò, mastro Dik, come si ammazzano
i trichechi. —

L'allegro campione di Cambridge balzò giù dall'automobile e sparò
sei colpi uno dietro l'altro, facendo stramazzare altrettanti giganti
polari. Sparava con una sicurezza meravigliosa ed anche con una calma
stupefacente, che strappava grida d'ammirazione al canadese. Perfino il
baleniere pareva estremamente stupito.

Sei morse, colpite tutte alla testa, erano cadute l'una vicina
all'altra, senza però far indietreggiare le altre, le quali anzi
parevano decise a scagliarsi contro il treno e tentare di metterlo a
pezzi.

— Mastro Dik, — disse lo studente. — Che vogliano, queste otri d'olio,
provare su di noi la robustezza delle loro zanne?

— Continuate, — rispose l'ex-baleniere. — Poi lancerò il treno a tutta
velocità e passeremo su quei mastodonti che creperanno appunto come
otri.

— E manderete l'automobile a sprofondarsi nella baia, — disse il
canadese, il quale era pure balzato a terra, armato di un fucile.

— Non ci pensate, signore: io rispondo di tutto. —

Walter aveva riempito il serbatoio ed imbracciato nuovamente il
_mauser_.

— Voi a destra, signor Gastone, ed io a sinistra. Per tutti i
fulmini di Giove!... Dovremo preparare agli orsi bianchi un banchetto
colossale?

— Sparate, — disse Dik. — Io mi preparo a caricare a fondo. —

Fu un vero fuoco di fila che rimbombò ai due lati dell'automobile. Lo
studente ed il canadese gareggiavano in abilità e le morse cadevano
sotto i loro colpi, fulminate da quei colpi meravigliosi che le
toccavano al cuore o al cervello.

Le compagne, rese furiose per le perdite subite, non accennavano
affatto a cedere il campo.

In file compatte, s'avanzavano verso l'automobile, trascinandosi
penosamente, con delle contrazioni furiose, tentando di venire a
contatto.

Ruggivano ferocemente, facendo rintronare la galleria tutta, provocando
perfino delle piccole frane nello strato superiore.

— Salite, — disse ad un tratto l'ex-baleniere. — Giacchè si ostinano,
passeremo egualmente.

Tanto peggio per quelli che rimarranno sotto le nostre ruote.

Tenetevi saldi!... —

Walter ed il signor di Montcalm si erano slanciati sui predellini,
poi si erano messi dietro all'ex-baleniere, ricaricando prontamente i
fucili.

— Bestie dannate!... — esclamò lo studente. — Non credevo che fossero
così ostinati i barilotti d'olio. —

L'automobile prese lo slancio e si scagliò innanzi colla violenza
d'un ariete che sfonda la porta d'una fortezza, passando quasi di volo
attraverso quell'ammasso mostruoso di corpi.

Fu una serie di salti spaventosi che mise a dura prova i muscoli
dei tre esploratori, poichè l'automobile passava, insieme al pesante
carrozzone, sopra i disgraziati anfibi, lasciandosi dietro un vero
fiume di sangue e d'olio.

Lo slancio era stato così improvviso e così fulmineo, che i trichechi
non avevano avuto il tempo di tentare nessun attacco, nemmeno contro
le pneumatiche, che passavano sui loro corpacci aprendo dei solchi
sanguinosi.

In tre o quattro secondi il treno attraversò il campo e si precipitò
verso l'uscita della galleria, slanciandosi sui banchi di ghiaccio che
si erano formati lungo le spiaggie della baia d'Hudson.

L'ex-baleniere, che conservava il suo meraviglioso sangue freddo, virò
quasi sul posto, a meno di trecento metri dai giganteschi _ice-bergs_
che si erano già accumulati in gran numero, trasportati dalla corrente
polare e spinti dai venti di levante, poi risalì di volata la costa
riguadagnando la sconfinata pianura.

— Ventre di Giove!... — esclamò lo studente, il quale pareva che in
quel momento si fosse dimenticati i suoi eterni fulmini. — Questo
marinaio è diventato uno _chaffeur_ prodigioso.

Non potevate trovarne uno migliore, signor Gastone.

— È vero, — rispose il canadese. — Colpo d'occhio, mano sicura e
un'audacia straordinaria.

Dik, come si presenta la pianura?

— Buona, signore, almeno per ora, — rispose l'ex-baleniere, sempre
appoggiato al volante.

— Potremo giungere, prima che la notte scenda, al lago di Yath-kyed?

— Lo spero.

— Allora spingete pure, giacchè il ghiaccio è abbastanza liscio. Non
dimentichiamo che Torpon corre pure verso il Polo.

— Lasciate fare a me, signore, — rispose l'ex-baleniere, con un
risolino un po' sardonico. — Andremo più presto dell'americano.

— Fate attenzione ai corsi d'acqua. Un altro salto potrebbe riuscirci
fatale.

— Aprirò gli occhi, signore. —

L'automobile correva velocissima senza scosse, senza soprassalti,
poichè la pianura polare si presentava bellissima come una pista. Pochi
_hummok_ di quando in quando si mostravano, formati all'ultima tempesta
di neve, ostacoli insignificanti che l'ex-baleniere evitava facilmente.

Bande di uccelli polari si alzavano dinanzi al treno, spaventati dal
fragore del motore. Erano gabbiani venuti dalla vicina baia di Hudson,
borgomastri, piccoli _plectrophanes nivales_ eternamente pigolanti,
e graziosissimi _auk_, uccelli che vivono in stormi immensi e che gli
esquimesi prendono in gran numero servendosi d'una rete simile a quella
usata dai nostri ragazzi per impadronirsi delle farfalle.

Anche la piccola selvaggina si levava, scappando con rapidità fulminea
e cacciandosi sotto gli _hummok_.

Ora era una magnifica martora, di quelle chiamate dai cacciatori della
Compagnia di Pelliccie _charsa_, lunga un mezzo metro, con una coda
di quaranta e più centimetri, col pelame giallo-brillante; talvolta
invece era una coppia di linci polari che balzava fuori dalla neve e
che s'allontanava soffiando rabbiosamente e scuotendo i due bizzarri
pennacchi biancastri che adornano i loro orecchi.

Walter non mancava, di quando in quando, di sparare qualche colpo di
fucile, ma la rapidità dell'automobile non gli permetteva di mandare le
palle a giusta destinazione.

Due ore prima del tramonto, il treno, sempre lanciato a grande
velocità, raggiungeva il North Lined, uno dei più bei laghi dell'alta
terra hudsoniana, popolato sempre da stormi immensi di cigni
trombettanti dalla mattina alla sera, ritrovo preferito dei cacciatori
canadesi durante la stagione estiva, ma in quel momento assolutamente
privo persino d'esquimesi.

Due colpi di fucile sparati dallo studente assicurarono una copiosa
cena di carne eccellente e ben grassa.

Alle sei, nel momento in cui il sole scompariva in mezzo ad un fitto
nebbione, che il gelido vento del nord spingeva furiosamente attraverso
quelle desolate plaghe coperte di neve e di ghiacci, l'automobile
si arrestava all'estremità meridionale dell'Yath-kyed, un altro lago
perduto fra le alte terre hudsoniane.



CAPITOLO XVIII.

Un dramma polare.


Quella notte, passata sulle rive di quel lago gelato, fu
tranquillissima, ed i tre esploratori poterono riposarsi placidamente
sui loro piccoli ma soffici lettucci, russando insieme alla stufa che
era stata lasciata accesa dopo la cena.

L'indomani una nebbia intensa copriva la sterminata pianura polare.

Il canadese, dopo aver rilevato alla meglio, sulla bussola, la
posizione e aver fatti accendere i due potenti fanali, diede il segnale
della partenza.

Era forse una imprudenza avventurarsi attraverso a quel denso strato
di vapori che un vento freddissimo del nord ora lacerava ed ora
addensava. Se Torpon non si fosse già spinto tanto innanzi, il canadese
avrebbe accordato un giorno di riposo, non avendo stabilito il giorno
per raggiungere il Polo; l'idea però che il rivale potesse giungere
prima di lui all'incrocio di tutti i meridiani e spiegarvi la bandiera
stellata dell'Unione Americana, lo spingeva ad affrettarsi.

— Aprite bene gli occhi, Dik, — disse, prendendo il solito posto
insieme allo studente. — Non spingete troppo la corsa, almeno fino a
che la nebbia non si sia diradata.

Se tutto va bene, faremo quest'oggi un bel tratto di via e ci lasceremo
alle spalle il circolo polare artico. —

E l'automobile si era slanciata in mezzo a quel caos di vapori
turbinanti, procedendo con una velocità di trenta miglia all'ora,
velocità che se fosse durata sole dieci ore, avrebbe potuto condurre
gli esploratori fino sulle coste meridionali del vastissimo golfo di
Boothia.

La pianura si manteneva sempre abbastanza buona, quantunque, di quando
in quando, si presentassero dei crepacci che l'ex-baleniere evitava con
grande fatica e che talvolta invece superava quasi di volata, facendo
subire alle due vetture dei soprassalti spaventosi.

A mezzodì il treno giungeva sulle rive del Chesterfied, una specie di
fiord che staccandosi dalla baia d'Hudson s'inoltra entro terra per
parecchie dozzine di leghe.

Essendo la sua superficie tutta gelata, l'automobile vi si avventurò,
senza perdere tempo a girarlo verso ponente.

Giganteschi _ice-bergs_, alti due e perfino trecento metri, si erano
qua e là accumulati, formando talvolta delle barriere che apparivano
insuperabili.

Il freddo intenso li aveva però saldamente imprigionati entro il
_pak_, sicchè non c'era pericolo che da un momento all'altro perdessero
l'equilibrio e schiacciassero il treno.

Descrivendo delle grandi curve e dei vasti angoli, l'automobile
avanzava sempre, perseguitato da vere nubi di volatili, i quali osavano
perfino precipitarsi sugli esploratori colle loro grida rauche e
discordi.

Erano così poco paurosi, che anche presi a fucilate, dopo qualche
minuto tornavano alla carica.

Walter era riuscito a strozzarne perfino alcuni colle mani, e li aveva
messi da parte, contando di prepararseli per la cena, quantunque il
canadese ed anche l'ex-baleniere avessero fatto delle smorfie molto
significanti. Valeva infatti molto meglio la carne dell'orso bianco,
più saporita e meno coriacea.

Un'ora più tardi l'automobile correva nuovamente sulle pianure
settentrionali, muovendo sul Wager River, che non è affatto un fiume,
bensì un altro lunghissimo e largo _fiord_ che sbocca di fronte
all'isola di Southampton.

Il terreno era diventato nuovamente migliore, sicchè Dik, il quale
pareva pel momento che si fosse dimenticato delle promesse fatte a
_mister_ Torpon, spingeva la velocità talvolta perfino a sessanta
miglia all'ora.

Se non vi fosse stato il carrozzone, quel diavolo d'uomo non avrebbe
esitato a lanciarlo anche a cento, non essendovi alcun pericolo
di schiacciare delle persone, ma non doveva dimenticare il peso
considerevole che il motore era costretto a trainare.

Ancora tre ore di corsa velocissima in mezzo ad un piccolo uragano di
neve ed il treno giungeva sulle rive del golfo di Boothia, un grado e
mezzo sopra del circolo polare artico.

— Se continuiamo così e non succedono guasti, fra cinque o sei giorni
al più, noi faremo colazione al Polo, mio caro Walter, — disse il
canadese, nel momento che l'automobile si arrestava.

— Siamo infatti molto innanzi, signor Gastone. Me ne accorgo dal freddo
intenso.

Quanti gradi avremo?

— Trentacinque sotto.

— Brrr!... Eppure si può ancora resistere abbastanza bene.

— Perchè non soffia il vento del nord.

— Ci fermiamo qui?

— Voglio prima assicurarmi dello stato dei ghiacci.

— Correremo sul mare?

— Sarà molto meglio, Walter, così raggiungeremo più presto l'isola di
Devon.

Lasciamo che si occupi Dik della cucina per oggi, e noi andiamo a fare
una piccola esplorazione lungo la costa.

— Avete capito, mastro baleniere? — gridò lo studente. — Vi raccomando
i miei gabbiani.

— Che mangerete voi solo, — rispose lo _chaffeur_. — Io preferisco un
filetto d'orso bianco.

— Come vi piace: io tengo più ai miei volatili.

— Andiamo, Walter, — disse il canadese.

Presero i loro fucili ed i loro coltellacci, non essendo improbabile
l'incontro di qualche orso bianco, e scesero la spiaggia interrotta da
seni e da minuscoli _fiords_.

Tutto il golfo, il quale si prolunga fra la terra omonima che si
frastaglia a ponente e quella di Baffin a levante, era gelato.

S'aprivano però qua e là dei larghi canali, in mezzo ai quali sfilavano
gli _ice-bergs_.

Una luce intensissima, d'una bianchezza diafana, che il cielo,
coperto di nubi gravide di neve, rifrangeva, lo illuminava tutto: era
l'_ice-blink_.

— Che inverno precoce, — disse il canadese. — Guai se i balenieri si
fossero quest'anno indugiati.

— Che ne troviamo qualcuno rinchiuso fra i ghiacci? — chiese lo
studente.

— Può darsi, Walter. Questo freddo intenso è però favorevole a noi
poichè potremo correre, senza alcun pericolo, attraverso i canali
del Reggente e di Lancaster e raggiungere le terre di Lincoln e di
Ellesmere. Oh!... Toh!... Che cos'è quella massa oscura che si scorge
laggiù, rinserrata nel _pak?_

— Qualche tricheco forse?

— Non mi sembra, Walter. Si direbbe piuttosto un rottame.

— Possibile?

— Andiamo a vedere. —

Una massa piuttosto grigiastra, anzichè nerastra come una morsa od
una foca, si scorgeva in mezzo al ghiaccio, ad un duecento metri da un
piccolo _fiord_. Un animale non doveva certo essere, poichè scorgendo i
due uomini avanzarsi, non avrebbe tardato a fuggire.

— Sì, deve essere un rottame o per lo meno una scialuppa, — disse il
canadese.

— Una scialuppa, signore, — aggiunse Walter, il quale forse aveva la
vista più acuta.

Affrettarono il passo avanzandosi sul ghiaccio e si avvidero di non
essersi ingannati.

Una piccola scialuppa baleniera si trovava incastrata nel _pak_, con
un fianco già sfondato dalle prime pressioni, e dentro vi era un uomo
ormai ridotto allo stato di scheletro, semi-avvolto in una vecchia
pelliccia.

Il cranio sporgeva da una parte; le due gambe dall'altra prive dei
piedi, i quali si erano staccati e giacevano in fondo al battello.

Accanto a quel disgraziato vi era un fucile arrugginito, un'ascia ed
un barilotto che doveva aver contenuto dei viveri e che ora invece era
affatto vuoto.

— Chi sarà quest'uomo? — chiese lo studente, con voce commossa. — Che
sia morto di fame e di freddo? —

Invece di rispondere, il canadese, passato il primo istante di doloroso
stupore, era entrato nella scialuppa ed aveva messe le mani su un pezzo
di carta ingiallita, su cui erano state vergate alcune righe con una
materia rossastra, probabilmente del sangue.

Molte parole erano assolutamente indecifrabili, ma due colpirono subito
il canadese:

«_Sarya_ e _barone de Tolt_».

Un grido di profonda sorpresa gli era sfuggito.

— Una scialuppa della _Sarya_ qui!... Come l'hanno condotta fino a
questi luoghi le correnti polari? Ah!... Mi ricordo benissimo della
disgraziata spedizione del barone de Tolt, che commosse non solo
la Russia intera, ma anche tutti i naviganti polari dell'Europa e
dell'America.

— Che cosa dite voi, signor Gastone? — chiese Walter, il quale
continuava a guardare, con un misto di terrore e di compassione, quel
teschio umano le cui vuote occhiaie pareva che lo guardassero. — Chi
sarà questo naufrago sperduto sui mari del Grande Nord?

— Chi lo sa? Forse il barone de Tolt in persona od uno dei marinai che
lo seguivano.

— Qui vi è una drammatica istoria che mi pare voi conosciate.

— È vero, Walter.

— Chi era dunque quel barone?

— Un ardito esploratore russo che nel 1900, ossia cinque anni or sono,
si era proposto di esplorare le isole della Nuova Siberia, sulle quali
sperava di trovare ancora qualche _mammouth_ vivente o almeno ancora
ben conservato fra i profondi strati sabbiosi.

Già molti denti giganteschi, d'un avorio ben più fino di quello degli
elefanti, erano stati trovati su quelle terre desolate da indigeni
siberiani spinti lassù dalle tempeste.

— Narrate, signor Gastone. I drammi polari mi interessano ed hanno
destato sempre in me una profonda impressione, dopo che ho letto
dei rapporti dell'Ammiragliato sulla terribile fine dell'_Erebus_
e del _Terror_, che l'ammiraglio Franklyn conduceva al Polo e che
l'Inghilterra ancora piange.

— Seguiamo la costa, Walter, — rispose il canadese. — La vista di
questo disgraziato mi impressiona.

— E me non meno di voi, — rispose lo studente.

— Vi dicevo dunque, — riprese il canadese, rimettendosi in cammino,
— che quel disgraziato scienziato voleva visitare quelle isole così
prossime al Polo.

Aveva, a tale scopo, armata una nave che si chiamava la _Sarya_. Ai
primi di Giugno del 1900 la spedizione aveva oltrepassato lo stretto di
Kara filando lungo le coste siberiane.

Il ghiaccio era pessimo ed ostacolava continuamente la nave,
minacciando ad ogni istante di rinchiuderla in qualche _wake_ o nei
grandi _paks_.

Alla fine di Settembre la _Sarya_ veniva strettamente imprigionata
sulle coste settentrionali dell'isola Taimer, oltre l'imboccatura
dell'Jenissik.

Svernò in quel luogo, colla speranza che la prossima estate sciogliesse
i grandi banchi di ghiaccio, ma soltanto verso la fine dell'Agosto potè
muoversi, e dopo una lotta spaventosa cogli _ice-bergs_, si diresse
verso le isole della Nuova Siberia.

Nel Settembre la _Sarya_ raggiungeva l'isola Bennett, la famosa isola
scoperta dall'equipaggio della _Yeannette_, perito così tragicamente,
quasi tutto, di fame e di freddo alla foce della Lena, il grande fiume
siberiano.

I ghiacci che circondavano quell'isola inospitale costrinsero il barone
de Tolt a cercarsi un altro rifugio e lo trovò infatti in una baia
dell'isola Kotelinoi.

Era ormai troppo tardi per pensare al ritorno. Il _pak_ si stringeva da
tutte le parti intorno alla poco fortunata nave e fu deciso un secondo
svernamento.

Nella primavera del 1902 il coraggioso barone parte con delle slitte,
una scialuppa, probabilmente quella che abbiamo trovata or ora, in
compagnia d'un astronomo e di un medico, risoluto a raggiungere l'isola
Bennett.

Aveva avvertito il capitano della nave che se dopo tre mesi non fossero
tornati, si mettesse in cerca di loro.

La spedizione pareva però perseguitata da un triste destino.

Un'altra volta la _Sarya_, che nel frattempo aveva potuto raggiungere
la costa siberiana, approfittando del breve estate, per rifornirsi di
viveri e di carbone, viene presa dai ghiacci.

Raggiungere l'isola Bennett era impossibile, ed erano già trascorsi
cinque mesi.

Un coraggioso, votatosi prima ad una morte certa, il tenente Kolchak,
parte a bordo d'un piccolo canotto, e passando fra i canali aperti
fra i banchi di ghiaccio, dopo sforzi sovrumani riesce a raggiungere
l'isola e la percorre in lungo ed in largo.

Trova finalmente un _cairn_, ossia una piramide formata di pietre, la
atterra e vi trova dentro una scatola di zinco contenente una lettera
scritta dal barone che datava dall'anno precedente, ossia dal Novembre
1902, se la memoria non m'inganna.

Il disgraziato esploratore diceva in quelle righe che stava per partire
pel sud, non avendo viveri che per sole tre settimane.

Fu cercato invano e più nulla mai si seppe di lui e dei suoi compagni.

Si suppose che i ghiacci si fossero aperti sotto le slitte e che lo
avessero inghiottito, mentre invece noi abbiamo ora la prova che lui
solo o insieme all'astronomo o al medico si erano imbarcati sulla
scialuppa baleniera forse colla speranza di raggiungere le coste della
Siberia.

— Ma come quella imbarcazione può essere giunta qui? — chiese lo
studente. — Non sono mai stato molto forte in geografia, tuttavia mi
pare che le isole della Nuova Siberia siano lontane assai.

— Delle migliaia di miglia, mio caro Walter. Voi però dovete tener
conto delle correnti le quali girano intorno al Polo da ponente a
levante.

Pensate inoltre che questa scialuppa ha impiegato ben due anni prima
di incanalarsi attraverso il passaggio del nord-ovest scoperto da
Mac-Clure e finire qui.

— E che cosa sarà succeduto degli altri due che mancano?

— Chi potrebbe dirlo? Forse quei disgraziati, rôsi dalla fame, si sono
divorati.

— Ah!...

— Forse che i superstiti della spedizione Franklyn non hanno fatto
altrettanto? Si assassinavano per riempire le caldaie di carne umana.

— È orribile!...

— Il Polo, mio caro, ha avuto centinaia e centinaia, e forse delle
migliaia, di vittime umane.

Orsù, ritorniamo. Ricomincia a nevicare ed il nebbione si avanza
scendendo lungo il golfo.

Questa sera non faremo un passo innanzi. —

Dopo essersi accertati della resistenza del ghiaccio, risalirono
la sponda bruciando qualche cartuccia contro i volatili polari e
raggiunsero il treno proprio nel momento in cui la neve cadeva a
larghe falde attraversando silenziosamente la nebbia che s'avanzava
velocissima, tutto avvolgendo.

Il sole era già scomparso e la notte era scesa, ma una bella luce
usciva attraverso i vetri del carrozzone e dal tubo della stufa
uscivano dei profumi appetitosi.

— I miei gabbiani? — chiese lo studente, entrando.

— Pronti, signore, — rispose l'ex-baleniere, il quale si affaccendava
intorno alla stufa, prestando tutta la sua attenzione ad un enorme
pezzo d'orso bianco già perfettamente arrosolato.

— A tavola!... — aveva concluso il canadese, sbarrando la porta e
sbarazzandosi della grossa pelliccia.

Tutta la notte la neve cadde senza interruzione; il freddo però era
così intenso che la gelava quasi di colpo.

Nondimeno all'indomani, quantunque con molto ritardo, avendo dovuto i
tre esploratori rompere il ghiaccio per un buon tratto, l'automobile
ed il carrozzone ripartivano, scendendo sul golfo, che, come abbiamo
detto, era gelato a perdita d'occhio, per raggiungere lo stretto del
Reggente.

Il tempo era sempre pessimo ed il freddo così intenso da non poter più
appoggiarsi ad un pezzo di metallo od impugnare un oggetto qualsiasi di
ferro senza riportare alle mani delle vere bruciature.

I grossi guanti di pelle di foca erano stati messi in opera con poco
piacere da parte di Walter, il quale si trovava imbarazzato a far uso
dei suoi fucili.

E la selvaggina non scarseggiava sui banchi di ghiaccio, tutt'altro!...
Di quando in quando dai canali salivano drappelli di foche e di morse,
salivano per scomparire subito appena il treno s'avvicinava a loro.

Abbondavano sopratutto le volpi azzurre dalla pelliccia preziosissima,
animali ormai quasi scomparsi nei dintorni della baia di Hudson, in
seguito alle caccie accanite degli uomini della Compagnia.

— Valgono proprio molto, signor Gastone, quelle pelliccie? — chiese il
campione di Cambridge, il quale le seguiva cogli sguardi ardenti, senza
provarsi nemmeno a far fuoco, poichè le astute bestie si nascondevano
subito in mezzo alla neve.

— Si pagano perfino duemila e cinquecento lire l'una, — rispose il
canadese, — ed il prezzo certamente aumenterà poichè sono diventate
rarissime.

Un tempo si cacciavano non solo su questi territorî, nell'Alaska e
nelle isole dello stretto di Behring, bensì anche in Siberia e perfino
nell'Europa settentrionale, ma ora non se ne trovano più.

Sono diventate rarissime poichè su 25,000 volpi che si uccidono ogni
anno nel distretto di Beresow è molto se se ne trovano cinquanta di
azzurre.

In Siberia su cento volpi non se ne trovano che tre o quattro, mentre
una volta erano più numerose.

Solo in Groenlandia sono ancora abbastanza in buon numero, però anche
là non tarderanno a scomparire.

— E da che cosa proviene quella splendida tinta azzurrognola?

— Alcuni credettero che ciò dipendesse più che altro dal cambiamento
delle stagioni; ora però si suppone che derivi dal sesso e dall'età.

— E sono anche quelle delle volpi, signor Gastone? — chiese lo
studente, il quale si era precipitosamente alzato.

— Quali?

— Per tutti i fulmini di Giove!... Che l'automobile abbia fatto, a
nostra insaputa, una volata in pieno Far-West?

Si direbbero bisonti quegli animali che accennano a tagliarci la strada.

— Fermate, Dik!... — gridò il canadese. — Abbiamo dinanzi a noi un
grosso branco di buoi muschiati!... —

   [Illustrazione: .... dovettero rompere il ghiaccio, affinchè
   l'automobile e il carrozzone potessero ripartire. (Cap.
   XVIII).]



CAPITOLO XIX.

La carica dei buoi muschiati.


Una lunga fila composta di animali d'aspetto imponente, s'avanzava
attraverso i ghiacci dirigendosi verso la costa.

Quantunque i buoi muschiati non abbiano le dimensioni mostruose dei
bisonti delle praterie americane, sono delle splendide bestie, grosse e
alte quanto i tori comuni, armate di corna più arcuate e d'aspetto più
selvaggio in causa anche del fitto e magnifico vello, di color bruno, a
riflessi giallastri, che scende, come un mantello, fino a terra, sicchè
appena appena si possono scorgere i bianchi e robustissimi zoccoli.

Questi animali, che un tempo erano numerosi anche nel Canadà, ormai non
si trovano più che sulle grandi isole polari o sui territorî situati al
nord della baia di Hudson.

Sembra che si siano perfettamente abituati ai grandi freddi, poichè
si moltiplicano abbastanza bene e sfidano le terribili bufere di neve
senza risentirne gran danno.

Al pari dei bisonti, sono emigranti e viaggiano continuamente per
cercare i licheni ed i muschi dei quali si nutrono, non essendo
riusciti ad abituarsi, come i cavalli islandesi, a nutrirsi di pesci.

La loro carne non sarebbe meno eccellente di quella dei buoi comuni se
non sapesse di muschio, forse in causa del genere del loro nutrimento.

Se il canadese aveva dato ordine a Dik di fermare prontamente
l'automobile, aveva avute le sue buone ragioni.

I buoi muschiati, al contrario dei bisonti americani che si lasciano
massacrare senza quasi mai rivoltarsi, sono ombrosi come i bufali
indiani, e se si credono minacciati caricano con furia irresistibile,
a testa bassa, presentando le loro formidabili corna. Guai a chi ha la
sventura di trovarsi sulla loro corsa!... Viene scaraventato in aria e
poi finito a colpi di zoccolo.

La schiera che si avanzava sul golfo e che proveniva probabilmente
dalla Terra di Baffin in cerca d'un rifugio migliore, si componeva di
due dozzine d'animali, tutti adulti, senza piccini fra di loro.

Probabilmente erano tutti maschi, a giudicarne anche dallo sviluppo
delle corna.

— Signor Gastone, — disse lo studente, il quale aveva già preso il
suo _mauser_. — Lascieremo noi andarsene in pace quella splendida
selvaggina che io non ho mai assaggiata, senza consumare una mezza
dozzina di palle?

— Sono troppi, mio caro Walter, — rispose il canadese. — Voi ignorate
la forza che posseggono quegli animali.

Una volta preso lo slancio non si arrestano più, e sarebbero capaci di
guastare seriamente il nostro treno. È vero, Dik?

— Sono infatti terribili, — rispose l'ex-baleniere, il quale aveva
accesa tranquillamente la sua pipa.

— Se provassimo, signor Gastone? — insistette lo studente. — Non sono
che a quattrocento metri e siamo abili cacciatori.

Il canadese, che sapeva di che cosa fossero capaci quei bestioni, non
meno terribili degli orsi bianchi, esitava, poi finalmente la passione
del cacciatore lo vinse.

— Sì, — disse. — Venire al Polo per non provare le forti emozioni della
caccia sarebbe una sciocchezza.

Proviamo, Walter. Dopo tutto non getteranno in aria il nostro treno a
colpi di corna.

Dik!... Armatevi anche voi di un fucile.

— Pronto, signore, — rispose l'ex-baleniere, il quale amava le forti
emozioni non meno degli altri.

Mentre si dirigeva verso il carrozzone per prendere la grossa carabina
da caccia, il canadese e lo studente erano balzati sul campo di
ghiaccio, mettendosi in ginocchio l'uno accanto all'altro.

I buoi muschiati si erano già accorti della presenza di quel mostro
a loro sconosciuto, ed avevano arrestata la loro marcia verso la
spiaggia, disponendosi su una doppia fila, colle teste basse, come se
si preparassero a caricare.

— Che siano veramente così terribili? — si chiese lo studente. — Ora lo
sapremo. —

Si volse indietro. Dik giungeva in quel momento portando tre grosse
carabine da caccia, già cariche.

— Per Giove!... — esclamò lo studente. — Che tutti i fulmini mi
piombino addosso se questa sera non assaggerò un pezzo di bue polare.

Se sarà muschiato come un coccodrillo, tanto peggio per la
cucina. —

Mirò con estrema attenzione e fece fuoco. Il canadese lo aveva subito
imitato.

Un bufalo, fulminato da una o dall'altra palla, era caduto subito sulle
ginocchia, mandando un lungo muggito.

Gli altri rimasero un momento come stupiti, forse un po' spaventati da
quei due spari che forse mai avevano uditi, poi con un insieme fulmineo
si slanciarono a corsa sfrenata verso il treno, mentre il loro compagno
si rovesciava pesantemente su un fianco, vomitando un torrente di
sangue dalla bocca.

Dik aveva mandato un grido:

— Nel carrozzone, signori!... —

Il canadese e lo studente, prima di obbedire, vuotarono celeremente
i serbatoi dei _mauser_ colla speranza di arrestare la carica che
diventava di momento in momento più fulminea, poi vedendo che le
terribili bestie avanzavano, quantunque dovessero aver ricevuto non
poche palle, poichè anche Dik aveva fatto fuoco, saltarono dentro il
carrozzone, nella loro fortezza che nessun corno poteva certamente
sollevare e rovesciare.

— E l'automobile? — gridò il signor di Montcalm.

— Lasciate fare a me, — rispose lo _chaffeur_, tornando
precipitosamente indietro.

Un istante dopo un urlo interminabile lacerava l'aria. Essendo il
motore sempre in funzione, Dik aveva aperto la valvola della sirena e
le urla stridenti si succedevano con un fracasso infernale.

I ventiquattro o venticinque buoi muschiati che arrivavano a corsa
sfrenata, udendo quelle note, si divisero in due piccole colonne,
passando a destra ed a sinistra dell'automobile, senza osare di
attaccarlo.

Probabilmente l'avevano scambiato per una belva terribile, qualche
enorme orso di nuovo genere, di colore oscuro anzichè bianco.

Vedendo però il carrozzone, uno di loro vi si scagliò addosso con tanta
furia che le sue corna attraversarono le tavole rimanendovi confitto.

Walter, che vegliava ad una delle piccole finestre, fu pronto a
fulminarlo cacciandogli una palla nel cranio.

Gli altri, impressionati forse dallo sparo ed anche dalle urla
laceranti della sirena che non dovevano cessare finchè vi era benzina
nel serbatoio, ripartirono a corsa furiosa prima ancora che il canadese
e Dik avessero potuto far fuoco, arrestandosi a cinque o seicento metri
di distanza.

— Per tutti i centomila fulmini di Giove!... — esclamò lo studente. —
Parola d'onore che non credevo questi animali così terribili.

Valgono bene gli orsi bianchi, signor Gastone.

— Se non sono peggiori, — rispose il canadese.

— Ed ora, ci assedieranno?

— Pare.

— Non sono che a mezzo chilometro, signor Gastone.

— A tale distanza non sarà facile abbatterli, anche perchè questi
animali, al pari degli orsi bianchi, possono resistere a parecchie
palle.

— Noi abbiamo commessa una vera corbelleria.

— Siete stato voi.

— Ed ora me ne pento.

— Troppo tardi.

— Per mille milioni di fulmini di Giove!.....

— Mettete pure dei miliardi, per ora la nostra situazione non cambierà.

— All'Università di Cambridge non si conoscono dunque i buoi muschiati?
— chiese ironicamente Dik.

— No, solamente i montoni, e quando sono bene arrostiti, — rispose lo
studente, ridendo.

Voleva dare forse del montone all'ex-baleniere? È probabile, ma il
marinaio era troppo ruvido per capire.

Il canadese intanto aveva deposto il fucile ed aveva caricata la pipa.

— Che cosa fate, signor Gastone? — chiese Walter.

— Come vedete, mi accingo a fare una bella fumata.

— Ed i buoi?

— Lasciateli per ora nel loro muschio. Non avranno fretta di assalirci,
ve lo dico io.

Guardateli: fingono di non accorgersi nemmeno della nostra presenza e
sfondano il ghiaccio per cercarsi la colazione. —

Era proprio vero. Dopo quella carica furiosa, si erano improvvisamente
calmati, ed a gran colpi di corna si erano messi a rompere la
superficie gelata per cercare forse dei licheni che non dovevano
certamente trovare, poichè sotto le loro zampe stava il mare.

— Se sprofondassero tutti? — disse lo studente.

— Uhm!... — fece il canadese. — Non saranno così sciocchi da prendere
un bagno che è troppo freddo in questa stagione.

Non sono già degli orsi bianchi.

— E che abbiano proprio intenzione di tenerci prigionieri?

— Pare di sì, Walter.

— E noi aspetteremo i loro comodi? Ah no, per tutti i fulmini di Giove.

Signor Gastone, ho ancora in tasca tre dollari, gli ultimi. Volete che
li giuochiamo?

— Contro chi? Contro i buoi muschiati?

— Io li giuocherò sulla canna del mio fucile. I _mauser_ tirano ben
altro che a cinque o seicento metri.

— Io punto un dollaro su ogni palla.

— Ed io una sterlina, — rispose il canadese.

— Perderete.

— Vedremo.

— Ed io le mie tre pipe, — disse l'ex-baleniere.

— Vada anche per le vostre pipe, quantunque puzzino come se fossero
passate attraverso di loro dieci piantagioni di tabacco.

— Sono ben cotte, signor mio, e perciò più pregiate.

— Le proveremo: io metterò contro ognuna tre bottiglie di _gin_ che il
signor di Montcalm mi addebiterà.

— Sì, Walter, — rispose il canadese, scherzando. — Avanti, signor
campione del salto, se volete guadagnarvi anche il campionato del tiro
al bersaglio.... bovino.

— Vi farò stupire, — rispose lo studente, imbracciando il fucile ed
affacciandosi ad uno dei finestrini. — Quale scegliete signor Gastone?

— Quel bel maschio che ha il pelame macchiato di nero e le corna più
lunghe di tutti.

Si presenta anche ottimamente per un bel tiro.

— A me, mio polso e miei occhi, — esclamò lo studente.

Puntò il _mauser_, mirando con estrema attenzione, poi dopo alcuni
istanti rimbombava uno sparo.

Il bue muschiato che in quel momento stava rompendo il ghiaccio coi
durissimi zoccoli, alzò bruscamente la testa, la scosse come per
cacciar via un insetto importuno, poi riprese il suo lavoro come se
nulla fosse avvenuto.

— Corpo di tutte le scarpe di Giove!... — esclamò lo studente al colmo
della sorpresa.

— Tho!... Anche le scarpe dopo i fulmini!... — esclamò il canadese,
scoppiando in una risata. — Signor campione di Cambridge, avete perduto
uno dei vostri tre dollari.

— Eppure sono sicuro di averlo colpito.

— Non dico di no; vi faccio solamente osservare che il bue è ancora
ritto sulle sue quattro zampe.

— Che i proiettili dei _mauser_ abbiano perduta la tanta loro vantata
penetrazione?

— Non lo credo affatto. Gli è che voi dovete aver colpito quell'animale
in piena fronte e che la vostra palla ha dovuto per forza rimbalzare
altrove.

Hanno le ossa dure, mio caro, i muschiati. —

L'ex-baleniere in quel momento si fece innanzi, dicendo con comica
gravità:

— Signor mio, datemi la bottiglia che io ho vinto, così intanto
l'assaggerò.

— Andate a prendervela all'inferno!... — gridò Walter, furioso.

— Niente affatto, vado a prendermela nella dispensa.

— Avete ragione, Dik, — disse il canadese. — Servitevi pure: Walter più
tardi me la pagherà.

— Mi rimangono ancora due dollari da giuocare, signor Gastone, — disse
lo studente. — Io spero ancora di fare un buon affare, corpo di tutti i
fulmini di Giove.

— Volete ricominciare?

— Diamine!... Con due palle posso andare molto lontano. —

Tornò ad imbracciar il fucile, allargò ben bene le gambe per prendere
una posa rigida, mirò più a lungo di prima e lasciò partire il secondo
colpo.

Questa volta il vecchio maschio fece un brusco scarto, alzando
vivamente la testaccia e mandando un lungo muggito, ma rimase ancora
ritto sulle sue zampe.

— Per tutte le code del diavolo!... — urlò lo studente. — Come va
questa faccenda?

— Il diavolo ci ha messo una delle sue code ed io ho guadagnato
un'altra bottiglia e salvata la mia seconda pipa, — disse Dik.

— Signor Gastone, ci capite nulla voi? — chiese Walter al canadese, che
lo guardava ridendo.

— Anzi, ci capisco molto, mio caro Walter, e cioè che la vostra borsa
si è alleggerita di un altro dollaro.

— Eppure anche questa volta ho colpito il bersaglio.

— Non lo nego.

— Sono dunque impastati coll'acciaio quei maledetti animali?

— Ve lo avevo detto che a grande distanza avreste sprecate inutilmente
le nostre munizioni.

— Mi rimane ancora un dollaro.

— Giuocatelo.

— Ed una bottiglia che pagherò quando potrò.

— Io non sono un taverniere inesorabile. Vi concedo un credito
illimitato.

— Che Dik mi berrà. A me, miei occhi: fermi i nervi, corpo d'un bue
muschiato!... Si tratta di buttar giù un semplice bue, che diamine!
e di guadagnare un campionato di tiro al bersaglio anche senza
l'Università d'Oxford. —

Si era rimesso in posizione mantenendo il fucile in linea rigida. Le
sue mani non davano nessuna vibrazione.

Un terzo sparo echeggiò, seguìto da un _hurràh_ fragoroso.

Il bue muschiato, colpito in qualche organo vitale, era caduto dapprima
sulle ginocchia battendo pesantemente la testa contro la superficie
gelata, poi si era rovesciato bruscamente su un fianco, rimanendo
immobile.

Walter depose il fucile e stese la destra dicendo:

— Signor di Montcalm, date qui la vostra sterlina, e voi, mastro Dik,
tirate fuori dalle vostre tasche una delle tre vostre pipe.

Questa sera vedrò se tirerà bene!...

— Adagio, amico, — disse il canadese, che rideva a crepapelle. — Gli
affari sono affari, dicono i nostri vicini d'oltre S. Lorenzo.

Mi dovete due dollari e due bottiglie che da onesto mercante ve le
metterò un dollaro ciascuna, quindi vi debbo cinque sole lire.

— Che ladroni sono i tavernieri canadesi!... — esclamò lo studente.

— Prezzo del mercato. —

Un grande scoppio di risa chiuse la discussione. Nemmeno l'assedio
dei terribili buoi muschiati aveva guastato il buon umore dei tre
esploratori.

Essendo giunto il momento di far colazione, funzione molto importante
che non volevano affatto trascurare, si misero tutti insieme intorno
alla stufa per sgelare un zampone d'orso bianco e divorarselo appena
arrosolato, dopo una zuppa fumante di _pemmican_ con biscotti.

I buoi muschiati intanto, colla testardaggine della loro razza,
continuavano a vigilare a cinque o seicento metri di distanza, decisi,
a quanto pareva, a non lasciare il passo libero al treno, senza aver
prima vendicato il loro compagno che pendeva sempre lungo il lato
destro del carrozzone, colle corna confitte nel fasciame.



CAPITOLO XX.

La caccia al treno.


La giornata trascorse senza che la situazione cambiasse per nulla.

Quantunque quegli ostinati animali non avessero potuto scoprire di
certo nè muschi, nè licheni sotto il ghiaccio, che come abbiamo detto
si stendeva sopra le acque del golfo, non avevano lasciato il loro
posto.

Si erano contentati di girare e di rigirare intorno al vecchio maschio
abbattuto dallo studente, mandando dei muggiti poco rassicuranti, poi
calata la notte si erano coricati dinanzi al treno, formando una lunga
linea e mantenendo la distanza di cinque a seicento metri.

Si sarebbe detto che ormai avessero perfettamente conosciuta la potenza
delle armi da fuoco dei loro avversari.

I tre esploratori cominciavano già ad inquietarsi non poco di quella
situazione che minacciava di prolungarsi assai, quando verso le sei
di sera un gran nebbione cominciò ad avanzarsi attraverso il golfo,
scendendo dal settentrione e guadagnando rapidamente via.

L'ex-baleniere che l'aveva già previsto, e che stava fumando presso uno
dei finestrini, levò dalla bocca la sua pipa, e rivolgendosi verso il
canadese, disse:

— Signore: io credo che stia per giungere il momento di ripartire.

— Senza fanali?

M'incarico io di condurre egualmente l'automobile e di farlo passare
sul corpo di quei maledetti animali.

— Che cosa dite voi, Walter? — chiese il signor di Montcalm.

— Io dico che abbiamo aspettato perfino troppo, e che colle armi che
noi possediamo potremo passare.

— E se nella nostra corsa incontrassimo un ostacolo, ed i buoi
muschiati si precipitassero su di noi colle corna calate?

— Li fucileremo a brucia-pelo, signor Gastone.

— Voi avete pronta la risposta a tutto.

— Mi preme di giungere al Polo.

— Sareste un altro concorrente, o meglio un rivale? — chiese il
canadese, scherzando.

— Gli occhi, per quanto bellissimi, di miss Ellen non hanno bruciato
affatto il mio cuore, ve lo assicuro, — rispose lo studente. — Io non
amo le donne americane.

— Forse avete ragione, — disse il canadese, mentre la sua fronte
s'increspava lievemente. — Dik, aprite la porta e andate a riempire i
serbatoi.

I buoi non vi scorgeranno con questa nebbia che diventa sempre più
fitta.

— Forse dormono, — rispose l'ex-baleniere, con accento strano.

Tolse la sbarra e uscì, scomparendo in mezzo alla nebbia.

Il canadese e lo studente spensero la stufa e la lampada affinchè la
luce non attirasse l'attenzione dei buoi muschiati, ed indossarono le
loro pesanti pelliccie.

Avevano prese le loro armi, aggiungendo due grosse rivoltelle, e
stavano per raggiungere lo _chaffeur_ quando se lo videro comparire
dinanzi.

— Siete voi, Dik? — chiese il signor di Montcalm, il quale subito non
aveva potuto distinguerlo.

— Sì, signore, — rispose l'ex-baleniere.

— Che cosa c'è di nuovo, dunque?

— Devo darvi una brutta notizia, signore.

— Quale?

— Che il motore non funziona più e che noi siamo in una _panne_
completa.

— Che diavolo mi raccontate?

— Mi pare di essermi spiegato.

— Voi scherzate, mastro Dik!... — gridò lo studente, riaccendendo
subito la lampada.

— Non ne ho l'abitudine, — rispose seccamente l'ex-baleniere.

— Per tutti i fulmini di Giove!...

— Dite quello che volete, il fatto è che noi siamo arenati.

— Che cosa si è guastato? — chiese il signor di Montcalm, il quale era
diventato pallidissimo.

— Non lo so, signore, ma certo deve essere avvenuto un guasto
importante, poichè i miei sforzi per far funzionare il motore sono
stati vani.

— Che si sia spezzato od alterato il radiatore?

— Con questo nebbione mi sarebbe impossibile, per ora, trovare il
malanno.

— Come va questa faccenda? — chiese lo studente. — Fino a stamane
l'automobile funzionava perfettamente.

— Non so che cosa dire, — rispose Dik. — Gli automobili hanno gli
organi delicati, checchè si dica.

— Accendiamo i fanali ed andiamo a vedere.

— Ed i buoi muschiati li avete dimenticati? — chiese lo _chaffeur_,
con un leggier tono ironico, che produsse però sugli animi dei due
esploratori una sgradita impressione. — Se scorgono i fuochi si
getteranno su di noi e ci faranno a pezzi a colpi di corna.

Chi vi assicura che non abbiano approfittato della nebbia per
avvicinarsi? M'è anzi parso di aver udito a brevissima distanza un
muggito.

— Che sia stato uno di loro a produrre il guasto con qualche cornata? —
si chiese il signor di Montcalm con ansietà.

— Può darsi, signore, — rispose Dik, — anzi io lo credo.

— Che cosa fare ora? — chiese Walter.

— Non ci rimane che aspettare l'alba, — rispose il canadese.

— E ci lasceranno quei dannati animali riparare il guasto?

— Questo è un vero punto interrogativo, mio caro Walter. Speriamo che
durante la notte se ne vadano.

— Corpo di tutti i fulmini di Giove!... — gridò lo studente furioso.
— Guastarsi la macchina proprio ora, mentre con questo nebbione
avremmo potuto passare improvvisamente su di loro e scappare a tutta
velocità!... Che il Polo cominci a congiurare contro di noi? Eppure
finora si era mostrato benigno!

— Forse il guasto è meno grave di quello che Dik suppone, — disse
il canadese. — Ne succedono sempre ai motori delle automobili, e noi
possediamo una piccola officina fornita d'ogni istrumento necessario
per una riparazione di qualsiasi genere.

Giacchè non possiamo fare nulla per ora, lasciamo che i buoi si godano
i soffi della nebbia e noi cacciamoci sotto le coperte.

— Non sarebbe prudente montare la guardia, signor Gastone? — chiese lo
studente.

— Lo ritengo affatto inutile. Con questa oscurità i buoi non oseranno
assalirci, nè d'altronde credo che siano stati essi a danneggiare la
nostra macchina.

Forse è avvenuto quel guasto in causa dell'intenso freddo.

Orsù, a letto. —

Tornarono a spegnere la lampada per non attirare l'attenzione dei
maledetti animali, e si cacciarono, dopo essersi a metà spogliati,
sotto le coltri.

Malgrado le loro preoccupazioni — preoccupazioni che Dik non
condivideva di certo — tutti si addormentarono.

Dei muggiti minacciosi che si ripercuotevano perfino dentro il
carrozzone, li fecero balzare in piedi dopo moltissime ore di sonno.

Una luce scialba, grigiastra, trapelava a malapena attraverso i
vetri dei finestrini, incrostati esternamente d'uno spesso strato di
ghiaccio.

— Per tutti i fulmini di Giove!... — esclamò lo studente,
precipitandosi sul suo fucile. — Ci sono addosso. —

Aprì, non senza fatica, un finestrino e guardò al di fuori.

Fra le ondate di nebbia che un vento terribile, tagliente e freddissimo
sospingeva, scorse delle grandi ombre le quali si aggiravano a soli
pochi metri dal carrozzone.

Lo studente non esitò un solo istante ed esplose, con grande rapidità,
tutte le cartuccie del serbatoio, sparando ora a destra ed ora a
sinistra.

Il canadese non aveva tardato ad imitarlo, facendo fuoco dall'opposto
finestrino dove altre ombre erano comparse.

Dei muggiti formidabili accolsero quelle scariche che si succedevano
furiosamente, poi seguì un galoppo fragoroso che faceva risuonare
cupamente la superficie gelata del golfo.

— Sono scappati!... — gridò lo studente. — Mastro Dik,
all'automobile. —

L'ex-baleniere fece una smorfia, poi disse:

— Ne siete proprio sicuro?

— Mastro Dik, grande baleniere, avreste paura?

— Oh mai, signor mio.

— Allora seguiteci, — disse il canadese. — Noi vi scorteremo coi
_mauser_ e le Colt. —

Prima di scendere si misero in ascolto, per paura che non tutti i buoi
muschiati fossero fuggiti, poi rassicurati dal silenzio che regnava
intorno al treno, rotto solamente di quando in quando da qualche
ululato del vento, si diressero sollecitamente verso l'automobile, le
cui ruote erano coperte da uno strato di ghiaccio.

— All'opera, Dik, e subito, — disse il canadese, con voce imperiosa. —
Approfittiamo di questo momento di sosta.

Io me ne intendo abbastanza di meccanica e vi aiuterò.

— Ed io che non me ne intendo affatto monterò la guardia, — disse lo
studente. — Corpo delle cento balene ramponate da mastro Dik!... Voglio
vedere se quelle bestiaccie oseranno ancora circondarci. —

Si gettò sulle spalle anche il secondo mauser, e mentre lo _chaffeur_
ed il canadese si mettevano alacremente all'opera per cercare il guasto
e ripararlo, si mise a battere audacemente i dintorni, tuffandosi nel
nebbione, il quale non accennava a lasciare il posto ai raggi solari.

Sia che fosse per dare una prova del suo coraggio o che se ne
infischiasse delle corna dei bufali, l'imprudente prese il largo
smarrendosi ben presto fra le masse di vapore.

Quando se ne accorse era troppo tardi.

Il treno era scomparso in mezzo al nebbione.

— Che diamine!... — esclamò lo studente, un po' pentito della sua
imprudenza. — Non ammetterò mai che il signor di Montcalm sia partito
senza di me. Se fosse quel Dik!... —

Tese gli orecchi e non udì più i colpi di martello che poco prima
giungevano fino a lui, nè i fragori del motore.

   [Illustrazione: Dei muggiti formidabili accolsero quelle
   scariche, che si succedevano.... (Cap. XX).]

— Corpo di Giove!... — esclamò, — che mi sia proprio smarrito? Ed i
buoi muschiati? Il brutto sarebbe che andassi a battere la mia testa
contro le loro corna.

Giove imbecille, aiutami insieme a Venere, a Marte e tutti gli astri
che ti accompagnano.

Cerchiamo di orientarci. —

Era assolutamente impossibile prendere una direzione qualsiasi fra quel
nebbione che diventava sempre più fitto, intercettando completamente la
luce del sole.

Una semi-oscurità che nemmeno l'_ice-blink_ riusciva a vincere,
avvolgeva i grandi campi di ghiaccio stendentisi sul golfo.

— Dove andare? — si domandò per la decima volta lo studente. — Proviamo
a volgere le spalle alla via che ho seguito finora.... Oh!... Triplice
imbecille!... Forse che non ho due fucili per fare dei segnali? —

Ne impugnò uno e lo puntò in aria. Stava per far fuoco, quando un
terribile pensiero lo arrestò.

— Stavo per commettere una grossa sciocchezza, — disse, abbassando
prontamente l'arma. — Ed i buoi maledetti non accorreranno allo sparo e
non mi scaraventeranno in aria?

Walter mio, tu minacci di diventare un vero stupido. Forse questo
freddo cane non sarà estraneo al rammollimento del mio cervellaccio di
studente poco meno che asino.

Gambe e occhi aperti ed orecchi tesi. —

Il giovanotto girò tre o quattro volte su sè stesso non sapendo quale
direzione prendere, poi partì a gran passi senza sapere dove potesse
andare a finire, poichè la nebbia non gli permetteva di distinguere un
oggetto qualsiasi a cinque passi dalla punta del suo naso.

Marciava verso l'automobile o gli volgeva le spalle? Si allontanava
dai pericolosi animali o si cacciava proprio sotto le loro formidabili
corna?

Quanto avrebbe dato per saperlo!...

— Gira e rigira in qualche luogo andrò a finire, — si disse l'allegro
giovanotto, il quale essendo armato di due fucili non si inquietava
gran che. — Che finisca al Polo? Le mie gambe, dopo tutto, sono quelle
d'un saltatore e d'un corridore. —

Camminò per una diecina di minuti, bestemmiando contro il nebbione che
gli si accumulava addosso, rinserrandolo da tutte le parti, poi fece
un rapido dietro front e si cacciò dietro un piccolo _hummok_ cercando
di farsi più piccino che gli era possibile. A breve distanza aveva
udito un muggito, seguìto poco dopo da un altro più rauco e non meno
minaccioso.

— I buoi muschiati!... — esclamò, a mezza voce. — Altro che
automobile!... Che io sia proprio destinato a lasciare le mie budella
sulle corna di quegli animali? —

In quell'istante udì uno sparo, poi un secondo, quindi un terzo.

— Le Colt del signor Gastone!... — mormorò. — Deve essersi accorto
della mia scomparsa e mi chiama.

Che cosa fare? Se rispondo mi attirerò addosso tutta la banda dei buoi,
e non sarà questo miserabile monticello di ghiaccio, che non è più alto
di due metri, che mi salverà.

Corpo di tutte le corone e di tutte le spade di Giove!... Eccomi in un
bell'imbarazzo. —

Un quarto, poi un quinto sparo rimbombarono, ma così lontani che lo
studente ne fu spaventato.

Doveva aver percorso parecchi chilometri in mezzo al nebbione, credendo
di girare sempre intorno al treno.

Malgrado il freddo intensissimo che avrebbe spaccato perfino una
pietra, Walter si sentì bagnare la fronte da grosse goccie di sudore.

— Triplice imbecille, — mormorò. — Che cosa fare dunque? Continuare a
rivolgermi questa domanda senza nulla risolvere? —

Una sesta, poi una settima detonazione si propagarono fra la nebbia,
la quale, contrariamente a quello che si crede, è una eccellente
conduttrice dei suoni.

— Accada ciò che si vuole, io risponderò, — disse. — Se i buoi
maledetti mi daranno la caccia tanto peggio per me.

Dopo tutto sono il campione della corsa delle cento _yarde_ e per
qualche motivo mi sono guadagnato quel grado. —

Alzò risolutamente uno dei due _mauser_ e sparò, uno dietro l'altro,
due colpi.

L'eco si era appena spenta quando altri due colpi risposero e questa
volta non erano di rivoltella. Il canadese doveva essersi provveduto di
qualche altro _mauser_ essendovene parecchi nel carrozzone.

— Ora a me, garretti!... — gridò lo studente. — In marcia! —

Stava per slanciarsi a corsa sfrenata, quando udì dietro di sè un
galoppo furioso.

— Fulmini!... — esclamò. — I buoi mi danno la caccia!... Via, Walter
mio, se vuoi salvarti le tue budella. —

Si era messo a correre a tutta lena, spiccando di quando in quando
dei grandi salti, spronato da un fragore di zoccoli che risuonavano
vicinissimi a lui.

Dall'automobile il canadese o l'ex-baleniere continuavano a sparare ad
intervalli di mezzo minuto.

Lo studente però, avvolto da quel gelido sudario, si trovava
immensamente imbarazzato a mantenere una esatta direzione, anche perchè
il vento spostava il rimbombo dei colpi.

Nondimeno non cessava di correre, raccomandandosi ai suoi garretti,
fortunatamente robustissimi.

Diamine!... Si era ben allenato sulla pista di Cambridge prima di
misurarsi coi corridori d'Oxford.

Correva come il vento, colle braccia tese innanzi per prevenire una
disastrosa caduta, la bocca ben chiusa e le nari invece bene aperte, in
preda ad un'angoscia che fino allora non aveva mai provata.

Dietro di sè udiva sempre il rombo prodotto da una ottantina di zoccoli
percuotenti il ghiaccio.

I buoi gli davano una caccia spietata, accanita, colla speranza di
fargli fare un bel salto in aria e di ricevere il suo corpo sulle punte
delle corna.

Avevano però da fare con un vero campione di corsa, poichè lo studente
manteneva la distanza tuffandosi sempre più nel nebbione.

— Se non ci vedo io, non ci vedranno nemmeno loro, — si diceva il
fuggiasco, allungando sempre. — Quando troverò l'automobile? —

Ad un tratto si tolse dalle spalle uno dei fucili, si arrestò un
momento e scaricò sei colpi dietro di sè, a casaccio, all'altezza d'un
metro.

— Ormai mi hanno scoperto, — disse, riprendendo la corsa, — tanto vale
quindi a rispondere al signor Gastone. —

Due spari risposero tosto a quella scarica. Il canadese e
l'ex-baleniere segnalavano sempre la loro posizione.

Quei colpi erano echeggiati vicinissimi, forse alla distanza di cinque
o seicento metri.

Il treno quindi non era lontano e non doveva essere difficile
ritrovarlo se gli spari continuavano.

Lo studente si orientò rapidamente, impugnò il secondo fucile e riprese
lo slancio urlando:

— Forza, campione di Cambridge!... Batti il _récord_ di Oxford! —

Pareva però che anche i buoi muschiati volessero stabilire il _récord_
polare, poichè non cessavano un istante di galoppare sulle tracce del
disgraziato studente.

Avanzavano con un fragore d'uragano, muggendo ferocemente, furiosi di
non aver ancora potuto raggiungere il fuggiasco che li teneva così bene
in scacco e di non aver ancora potuto affondare le loro corna nelle sue
carni.

Un altro minuto di corsa disperata, poi due lampi squarciarono il
nebbione a pochi metri dinanzi allo studente.

L'automobile ed il suo carrozzone stavano a pochi passi, pronti
a ripartire poichè il guasto, più per opera del canadese che
dell'ex-baleniere, il quale se avesse potuto l'avrebbe invece
aggravato, era stato nel frattempo riparato.

— Signor Gastone!... Dik!... — gridò lo studente con voce strozzata.

— Qui!... Qui!... — rispose subito il canadese.

— I buoi!... I buoi!... Mi danno la caccia!...

— Li odo!... Saltate!... —

La sirena lacerò l'aria, mentre il motore ricominciava i suoi
_teuff-teuff_ affannosi.

Walter in quattro salti raggiunse l'automobile ormai visibile pei suoi
fanali proiettanti attraverso la nebbia due splendidi fasci di luce,
si slanciò sul predellino e cadde fra le braccia del canadese il quale
gridò subito:

— Via Dik!... A cinquanta miglia!... —

Poi prendendo una bottiglia di _wisky_ ancora mezza piena, la porse
allo studente, dicendogli:

— Mandate giù un sorso e poi sparate. —

I buoi muschiati giungevano come una valanga, in gruppo serrato, le
teste basse, colle corna quasi rasentanti la superficie gelata.

Guai se tutte quelle masse, lanciate come erano, si fossero precipitate
addosso al treno. Fortunatamente giungevano con qualche mezzo minuto di
ritardo.

— Via, Dik!... — ripetette il canadese, impugnando le due grosse Colt.

L'automobile scricchiolò tutta sotto lo sforzo supremo fatto per
sbarazzare le sue ruote dal ghiaccio che le imprigionava, con un salto
raggiunse il livello del banco e si slanciò innanzi rumoreggiando
sinistramente.

I buoi vedendola fuggire non interruppero la loro corsa, anzi
raddoppiarono di velocità, ma un fuoco terribile partito dai due lati
dell'automobile e che gettò a terra tre o quattro di loro li obbligò
ben presto a sostare.

D'altronde non avrebbero potuto gareggiare a lungo con quella splendida
macchina che divorava la via sfondando il nebbione. Qualche istante
dopo il loro galoppo furioso cessava, mentre il canadese e lo studente
lanciavano le loro ultime cariche.

— Signore, — disse Dik, il quale cominciava a rallentare, temendo di
trovarsi, da un istante all'altro, dinanzi qualche canale pronto ad
inghiottirli tutti. — Così non possiamo continuare.

Io non posso rispondere delle vostre vite se questo nebbione non si
alza.

— Infatti è una corsa da pazzi che finirà in una catastrofe, — disse il
canadese, il quale pensava pure alla possibilità di fare un terribile
salto in qualche spaccatura del campo di ghiaccio. — Si odono più i
buoi?

— No, signor Gastone, — disse lo studente. — I miei amici sono rimasti
indietro e ci hanno perduti di vista.

— Potete avanzare al passo con piena sicurezza, Dik?

— I fanali proiettano abbastanza luce per scorgere a tempo un ostacolo.

— Allora tirate innanzi come potete, mantenendo la rotta sempre al nord.

Rimonteremo più tardi la riva.

E voi, Walter, come vi siete smarrito nel nebbione? Simili imprudenze,
come avete veduto, possono costare la vita.

— Mi è costata invece, le gambe la mia, — rispose lo studente,
ridendo. — Ah!... Che corsa, signor Gastone!... Se tornerò un giorno
in Inghilterra lancerò una sfida in piena regola a tutti i corridori
dell'Università di Oxford e di Cambridge insieme, sicurissimo ormai di
batterli senza troppa fatica.

Meno male che tirando su di me l'attenzione dei buoi, ho lasciato a voi
il tempo di lavorare tranquilli.

Era grave il guasto?

— Oh!... — rispose il canadese, facendogli segno di troncare subito.

— Che diavolo vi è qui sotto? — brontolò lo studente, un po'
impressionato dall'aria grave del canadese.

Il dialogo terminò lì.

L'automobile intanto continuava ad avanzare quasi a passo d'uomo,
sempre affogata in mezzo al nebbione. Dik non osava lanciarlo,
quantunque la luce dei fanali, potentissima, si proiettasse fino ad una
decina di metri.

Quella marcia durò un paio d'ore, poi il canadese comandò l'alt.

— Andiamo a prepararci la colazione, Walter, — disse, — e voi Dik,
giacchè non temete nè il freddo nè gli orsi, andate a esplorare un po'
la via.

Prendetevi un fanale e non dimenticate il fucile. —

Attese che lo _chaffeur_ si fosse allontanato, poi si ritrasse nel
carrozzone assieme allo studente e accese la lampada e la stufa.

— Amico mio, — disse poi, — che cosa avete voi pensato di quel guasto
misterioso?

— Aspettavo da voi anzi una spiegazione, — rispose lo studente. — Si
trattava di cosa grave?

— No, perchè è forse mancato il tempo all'autore del guasto di dare il
colpo di martello esattamente, ma un po' più innanzi, ed il radiatore,
l'anima della nostra macchina, andava a pezzi.

— Signor Gastone, quello che mi narrate è molto grave.

— Non dico di no, — rispose il canadese, il quale appariva assai
preoccupato.

— Sicchè voi dubitereste di Dik?

— Non potrei affermarlo, tuttavia....

— Ed a quale scopo il baleniere avrebbe tentato di arrestarci?

— Chi lo sa? Vi potrebbe essere sotto la mano di Torpon.

— Signor Gastone, quel guasto non potrebbe essere stato prodotto da
qualche scossa o da una cornata di qualche bue muschiato?

— Non è possibile.

— Corpo di tutti i fulmini di Giove!... Che la faccia di quel Dik
non mi rassicuri pienamente, non ve lo nego, tuttavia non lo crederei
capace di compiere una simile infamia.

— Potrò essermi ingannato, Walter, però vi consiglio di aprire anche
voi ben bene gli occhi.

È facile guastare un automobile, e se ciò accadesse non dovremmo più
pensare a conquistare il Polo.

— Aprire gli occhi!... Non lascerò un solo momento, da questo istante,
il baleniere, e se lo sorprendo, giuro su tutti i fulmini di Giove di
fracassargli il cranio con una rivoltellata.

Ed ora, signor Gastone, prepariamoci la cena. —



CAPITOLO XXI.

Le estreme terre boreali.


Per due giorni l'automobile, avvolta sempre da quel fitto nebbione che
non permetteva alla luce del sole di penetrare, rimase immobilizzata
sul campo di ghiaccio del golfo di Bosnia.

La mattina del terzo giorno, dopo una notte burrascosa, accompagnata
da furiose raffiche freddissime, l'automobile finalmente si riponeva in
marcia fra una vera tempesta di neve.

La nebbia però, spazzata dalle folate, se n'era andata verso il sud,
raccogliendosi all'estremità del golfo.

Il canadese e lo studente si erano messi sotto la _capote_
dell'automobile, dietro all'ex-baleniere, per sorvegliarlo
strettamente.

Ormai il sospetto, non infondato, si era infiltrato nei loro cuori e
non volevano correre il pericolo di rimanere a mezza via.

Procedevano rapidamente poichè il ghiaccio si prestava
meravigliosamente ad una corsa anche velocissima, non essendovi che dei
rarissimi _hummok_ incastrati fra i ghiacci.

In due ore raggiunsero le isole Murchison che si stendono lungo la
costa occidentale della terra di Boothia, poi filarono verso la terra
di Somerset, cacciandosi audacemente dentro il canale del Reggente.

Di quando in quando apparivano degli orsi bianchi i quali però,
udendo la sirena fischiare, si affrettavano a fuggire a tutte gambe,
abbandonando perfino le foche che avevano pescate sull'orlo dei
crepacci e che stavano divorando.

La traversata, dal sud al nord, del canale del Reggente, non richiese
più di quattro ore, poichè avendo trovato il _pak_ quasi liscio, il
canadese aveva ordinato a Dik di spingere la velocità dell'automobile a
ottanta chilometri all'ora.

Già le coste meridionali della grande isola di Devon cominciavano
a delinearsi, quando l'immenso _pak_ sul quale l'automobile correva
sfrenatamente, tutto d'un tratto cominciò a vibrare in maniera strana
ed a mugghiare come se un immenso armento di bisonti stesse in quel
momento attraversandolo.

— Per tutti i fulmini di Giove!... — esclamò lo studente, assai
impressionato da quei fragori che aumentavano di momento in momento
d'intensità. — Sta per scatenarsi qualche spaventevole bufera? Eppure
il cielo è sgombro di nubi e di nebbia.

— Sono le pressioni, — rispose il canadese, mentre Dik rallentava
subito la corsa.

— Prodotte da che cosa?

— Da un salto improvviso del freddo. Il ghiaccio in questo momento
aumenta il suo spessore, e non trovando più posto, il nuovo si
accapiglia col vecchio tentando di sfondarlo.

All'Università di Cambridge vi avranno già insegnato che quando l'acqua
gela aumenta considerevolmente il suo volume.

— Mi pare, — rispose lo studente, sorridendo. — E che cosa succederà
ora?

— Una cosa gravissima, mio caro Walter, — disse il canadese, il quale
appariva assai preoccupato. — Queste pressioni schiacciano le più
solide navi come se fossero delle semplici nocciuole e sono le nemiche
più temute dai navigatori artici.

— Ma la nostra automobile non è una nave, signor Gastone.

— Può correre egualmente dei gravissimi pericoli, poichè il pak,
sotto l'enorme spinta del nuovo ghiaccio sarà costretto ad aprirsi, a
creparsi, ed una spaccatura può manifestarsi, da un istante all'altro,
sotto le ruote del nostro treno.

— Ed allora che succederebbe?...

— Un capitombolo in fondo al mare senza alcuna speranza di tornare
a galla poichè il ghiaccio, durante le pressioni si apre e si chiude
quasi istantaneamente.

— Le pressioni sono adunque i terremoti polari.

— Nè più nè meno, Walter.

— Diavolo!... — esclamò lo studente, grattandosi la punta del naso. —
Io non sono mai stato un ammiratore dei terremoti.

— Dik, — chiese il canadese, — che cosa ci consigliate di fare?

— Aspettare, — rispose asciuttamente l'ex-baleniere, il quale aveva già
fermato il motore.

— Non si potrebbe fare una volata fino all'isola di Devon? Là almeno
potremmo riderci delle pressioni, poichè sulla terra ferma non
avvengono.

— Ci occorrerebbe per lo meno una buona mezz'ora, signore. Aspettiamo
qui che il movimento del _pak_ cessi.

Il pericolo d'altronde sta qui come a dieci o venti miglia più innanzi.

— Walter, guardate il termometro.

— Quarantadue gradi sotto, — rispose lo studente.

— Mentre poco fa non ne segnava che 36. Che salto di freddo!...

— Me lo sento indosso, signor Gastone. Mi caccierei volentieri nel
nostro carrozzone accanto alla stufa.

— Lo farete più tardi, quando il pericolo sarà cessato. Ecco che
le pressioni ricominciano: come la finiremo noi? Stritolati od
inghiottiti? —

L'immenso _pak_, dopo alcuni minuti di sosta, ricominciava a vibrare ed
a rumoreggiare.

Delle fessure o meglio delle spaccature che si prolungavano per
parecchi chilometri, di quando in quando si succedevano, accompagnate
da detonazioni non meno intense di quelle prodotte dai pezzi grossi
della marina.

Succedeva un altro momento di calma, poi quei fragori tutto d'un colpo
acquistavano una sonorità spaventosa.

Mille muggiti si fondevano accompagnati da urla e da spari, poi il
banco compresso enormemente ai suoi confini da una forza incalcolabile
si curvava in alto, gonfiandosi come una gigantesca onda.

Allora avvenivano delle rotture. Dei canali si aprivano per
rinchiudersi subito dopo d'aver vomitato blocchi di ghiaccio e masse
d'acqua spumeggiante che si solidificava quasi istantaneamente.

Certe volte s'aprivano improvvisamente delle buche più o meno
circolari e sorgevano delle punte di ghiaccio le quali s'ingrossavano
rapidamente, s'alzavano in forma di torri e di campanili, per poi
diroccare con un fracasso assordante che si ripercuoteva fino agli
estremi limiti dell'orizzonte.

Guai se l'automobile si fosse, per caso, trovata presso qualcuno di
quei centri di pressione!... Sarebbe stata schiacciata sul colpo dallo
strapiombare di quegli enormi massi di ghiaccio.

— È uno spettacolo che fa tremare il cuore, — disse lo studente, il
quale si teneva stretto al sedile, poichè la vettura oscillava come una
nave percossa da un violentissimo rollìo. — Non credevo che i ghiacci
fossero capaci di animarsi.

E dureranno molto queste pressioni?

— Fino a quando il _pak_ si sarà completamente assestato, — rispose il
canadese. — Forse dei grandi _ice-bergs_ sono scesi lungo lo stretto
di Lancaster ed esercitano anche loro delle spinte poderosissime per
aprirsi il passo e cacciarsi dentro quello del Reggente.

— E noi giuochiamo la fortuna.

— Certo, Walter, e se la fortuna dovesse abbandonarci, allora potreste
dare e per sempre un addio al Polo.

— Non poteva toccare a quel bisonte di Torpon un simile affare?

— Le pressioni non risparmieranno nemmeno lui.

— Potessero inghiottirlo insieme alla sua macchina.

— Siete più feroce di me, Walter.

— Quel bisonte mi è antipatico.

— Saldo, Walter!... —

Il ghiaccio si era gonfiato sotto di loro ed il treno era stato spinto
in alto con un rombo spaventevole.

Per un momento i tre esploratori credettero che tutto fosse finito e
che s'aprisse qualche immensa spaccatura, invece nulla accadde.

Il _pak_, dopo d'aver vibrato e dopo d'aver oscillato in tutti i
sensi come se fosse diventato una massa liquida, s'abbassò bruscamente
riprendendo il primiero livello.

Tre o quattrocento passi più innanzi però una torre di dimensioni
enormi si era innalzata per cinquanta o sessanta metri, e dopo d'aver
oscillato spaventosamente si era sfasciata, scagliando dei massi del
peso di parecchie tonnellate, in tutte le direzioni.

La pressione del ghiaccio si era sfogata, e pel momento più nessun
pericolo poteva minacciare i tre audaci esploratori.

— Credevo già di vedermi in fondo al mare, — disse lo studente, il
quale era ancora pallidissimo. — Signor Gastone, l'abbiamo scappata
bella.

— Anch'io per un istante ho creduto che tutto fosse finito, — rispose
il canadese. — Se quella torre fosse sorta trecento passi più vicina,
l'automobile ed anche il carrozzone sarebbero stati sminuzzati.

— E noi con loro. Che belle bistecche per gli orsi bianchi! Che il
_pak_ si risollevi? —

Invece di rispondergli, il canadese si volse verso Dik il quale,
abituato a quei terribili spettacoli, non appariva affatto
impressionato e gli disse:

— Lanciate e cerchiamo di guadagnare la terra ferma. Il freddo è
aumentato d'un altro grado e le pressioni continueranno chissà per
quanto tempo, il pericolo esiste qui come più innanzi.

Sfidiamolo. —

L'ex-baleniere scosse il capo, poi rimise in movimento il motore
ed approfittando d'un momento di calma, scagliò le vetture a cento
chilometri di velocità.

Aveva pur lui compreso che solo la terra ferma avrebbe potuto salvarli
da un disastro spaventevole che poteva succedere da un momento
all'altro.

Ben presto la corsa del treno divenne fulminea. Pareva che volasse,
tutto avvolto in un turbinìo di sottilissimi aghi di ghiaccio i quali
balenavano stranamente sotto gli ultimi raggi del sole.

Di quando in quando faceva dei balzi giganteschi e rollava
disperatamente come un veliero sbattuto dalla tempesta, fra i mille
muggiti delle formidabili pressioni che si potevano benissimo scambiare
pei muggiti delle onde in furore, completando così l'illusione.

Intorno, il _pak_ si sollevava, crepava, detonando, si alzavano
bruscamente immani colonne di ghiaccio spinte in alto dalle possenti
strette e che poi, come sempre, crollavano, lanciando a grandi distanze
i loro blocchi i quali rimbalzavano in tutte le direzioni.

— Dio!... Comincio ad aver paura!... — aveva esclamato lo studente. —
Raccomandiamo le nostre anime. —

Vi era infatti da aver paura delle tremende convulsioni dell'immenso
banco di ghiaccio, il quale s'apriva e si rinchiudeva come se sotto
le acque un formidabile terremoto scuotesse le estreme parti del mondo
settentrionale.

La terra di Devon era scomparsa fra una cortina di nebbie scendenti
dal nord, ma l'ex-baleniere aveva la bussola dinanzi a sè, e quantunque
l'ago fosse così inclinato da toccare quasi la rosa dei venti in causa
dell'attrazione magnetica del polo, funzionava ancora abbastanza bene
per non ingannarlo sulla vera direzione.

Ed intanto il treno continuava a correre, rombando spaventosamente,
fra una vera tempesta di ghiacciuoli che cadevano non si sapeva da
qual parte, lambendo profondi crepacci in fondo ai quali il mare
rumoreggiava tentando di montare alla superficie del _pak_, saltando e
balzando sopra i blocchi di ghiaccio disseminati in tutte le direzioni.

Mezz'ora era trascorsa e cinquanta chilometri erano stati divorati,
quando la vettura fece un soprassalto e si rizzò come un cavallo che
s'impenna sotto una terribile frustata, poi ricadde raddoppiando la
corsa.

L'ex-baleniere aveva mandato un grido.

— Che cosa è accaduto, Dik? — chiese il canadese, il quale per poco non
era stato scaraventato sul _pak_ dal contraccolpo.

— L'automobile si è alleggerita e mi scappa sotto le mani.

— Alleggerita di che cosa?

— Corpo di tutti i fulmini di Giove!... — gridò in quel momento lo
studente, il quale si era alzato aggrappandosi all'orlo della _capote_
di cuoio. — La vettura si è staccata ed è rimasta indietro!...

— Mille dannazioni eterne!... — urlò il canadese.

— Devo frenare? — chiese Dik.

— Lasciamola andare per ora, — rispose il signor di Montcalm. —
Tornare, sarebbe come cercare la morte.

Torneremo più tardi a riprenderla se il ghiaccio non l'avrà inghiottita.

Via, Dik!... Via!... —

Le pressioni ricominciavano in quel momento con rabbia crescente. Il
_pak_, compresso contro le sponde meridionali dell'isola di Devon, si
contorceva tutto come se fosse diventato di gomma.

Da tutte le parti sorgevano blocchi di ghiaccio, i quali saltavano
fuori dalla grande massa coll'impeto di blocchi scaraventati in aria
dallo scoppio di una mina.

La morte aleggiava intorno ai tre audaci e dava loro la caccia per
afferrarli e seppellirli in fondo ai gelidi baratri dell'oceano artico.

Si poteva dire che ormai gareggiavano coll'orribile megera.

— Via!... Via!... — continuava a gridare il signor di Montcalm, con
voce strozzata. — Lanciate Dik!... Lanciate!... —

L'ex-baleniere non aveva bisogno di quei consigli. Aggrappato
disperatamente al volante, cogli occhi spalancati, quasi rannicchiato
dietro lo scudo protettore, non scemava d'un metro la spaventosa
velocità del motore pulsante febbrilmente.

Passarono altri dieci minuti lunghi come dieci ore pei tre disgraziati,
poi la vettura s'alzò scagliandosi in mezzo ad una fitta cortina di
nebbia.

— Saliamo la costa, — gridò Dik, — Tenetevi fermi!... Cerco di
frenare!.... —

   [Illustrazione: — L'automobile si è alleggerita e mi scappa
   sotto le mani. — (Cap. XX).]

Avevano raggiunto la terra ferma ed ormai le pressioni più non potevano
afferrarli. Dalle pressioni però erano caduti in seno ad una furiosa
tempesta di neve che si dibatteva in mezzo ad un fitto nebbione.

L'automobile risalì di volata una costa, traballando come un ubbriaco,
spiccò una mezza dozzina di salti, poi sprofondò in mezzo ad un ammasso
di neve.

Nel medesimo istante il motore cessò di colpo di funzionare.

— Dik, che cosa è avvenuto? — chiese con angoscia il canadese.

L'ex-baleniere esitò un momento a rispondere, poi abbandonando il
volante disse:

— Un nuovo guasto è avvenuto, signore. Siamo immobilizzati.

— Grave?

— Chi lo sa? —

Il canadese e lo studente si guardarono l'un l'altro con estrema
ansietà, poi il primo disse con rassegnazione:

— Fatalità questa volta.

— Che cosa faremo ora, signor Gastone? — chiese il secondo.

— Aspettare che la bufera cessi e poi ritornare sui banchi di ghiaccio
a ricuperare il nostro carrozzone senza del quale non potremmo
resistere a lungo ai terribili freddi del Polo.

— E se il mare l'avesse inghiottito?

— Tenteremo di avanzare egualmente.

— Senza viveri e senza stufa?

— Bruceremo il grasso degli orsi bianchi e l'olio delle foche.

— Ed i serbatoi di benzina che sono tutti nel carrozzone? —

Il canadese guardò lo studente con ispavento. Non aveva pensato alla
benzina, la forza vitale ed unica dell'automobile che si era lasciata
dietro in balìa alle formidabili pressioni del pak.

— Ebbene, signor Gastone? — chiese lo studente, vedendo il canadese
diventato cupo.

— Che cosa volete che vi dica, Walter, — rispose finalmente il signor
di Montcalm. — Se è stato ormai scritto sul gran libro del destino che
noi dovremo morire senza vedere il Polo, sapremo affrontare la nostra
fine da uomini forti.

Il Polo ha divorato in dieci secoli centinaia e centinaia di arditi
naviganti: può divorare anche tre automobilisti.

Aspettiamo!... —



CAPITOLO XXII.

Le ultime corse.


L'uragano di neve scoppiava allora con una furia veramente
spaventevole, come se volesse gareggiare colle terribili convulsioni
del grande _pak_ che si stendeva sul golfo di Boothia.

Un vento d'una violenza inaudita e così gelido da far screpolare la
pelle dei volti e sopratutto le labbra, soffiava dal nord con ululati
sinistri, sconvolgendo gli altissimi strati di neve che coprivano
quella grande isola perduta ai confini del mondo abitabile.

Le folate, o meglio le raffiche, giungevano con tanta rabbia da
scuotere l'automobile, quantunque questa fosse, per sua fortuna,
sepolto nella neve fino sopra le ruote.

Il signor di Montcalm, Dik e Walter si erano rifugiati in fondo alla
_capote_ dopo aver abbassata e ben legata la grossa cortina di cuoio,
portando con sè una bottiglia di _gin_, l'unica che ormai possedevano e
la sola che potesse dare ai loro corpi intirizziti da 45° di freddo, un
po' di calore.

Ben stretti l'uno contro l'altro e avvolti nelle loro folte pelliccie
d'orso bianco, attendevano pazientemente che quell'ira di Dio si
calmasse.

Il canadese era diventato più taciturno di Dik; lo studente aveva
perduto completamente il suo buon umore.

Di fronte a quel disastro non si sentiva più in grado di scherzare.
Preferiva dare, di quando in quando, qualche bacio alla bottiglia per
combattere alla meglio quel freddo feroce che non accennava affatto a
diminuire.

La notte era scesa, una notte oscurissima marina, e la tempesta non
cessava d'infuriare.

La neve continuava ad accumularsi intorno all'automobile formando
dei bastioni alti tre ed anche quattro metri, che di quando in quando
venivano sfondati dalla furia del vento polare.

— Bella notte, — disse ad un tratto lo studente, dopo di aver
sbadigliato come un orso. — Che domani ci svegliamo con un contorno di
ghiaccio? E la cena?

— Andate a prendervela nel carrozzone, — disse il canadese.

— Se le pressioni fossero cessate mi ci proverei, signor Gastone, anche
perchè io non sono mai stato abituato a coricarmi senza aver prima
cacciato qualche cosa nel mio ventre, fosse pure un miserabile biscotto
bagnato con un po' di _gin_.

— Non vi consiglierei di avventurarvi sul _pak_ con un simile tempo.
Non andreste certamente molto lontano.

— Freddo e ventre vuoto!... Questo non può durare.

— Volete un altro consiglio?

— Dite pure, signor Gastone.

— Stringete la cintura dei vostri calzoni, copritevi bene e chiudete
gli occhi. Chi dorme non sente più gli stiracchiamenti dello stomaco.

— Farò come voi dite.

— Dik, accendete un fanale per tenere lontani gli orsi bianchi.
Potrebbero approfittare di questa tempesta per farci una visita, da me
non certo desiderata.

— E da me anzi invocata, signor Gastone, — disse lo studente. — Sarebbe
l'arrivo della cena e di non so quanti pranzi poi.

— Potreste però servire voi da cena a quei messeri dalla bianca
pelliccia. —

Attesero che la lanterna fosse accesa, si misero accanto le armi,
fecero riabbassare la tenda di cuoio, e dopo di aver vuotate le
ultime gocce della bottiglia, si ricacciarono in fondo alla vettura,
stringendosi bene dappresso, per scaldarsi un po' reciprocamente.

Al di fuori la bufera si scatenava sempre più formidabile.

Il vento scaraventava addosso alla vettura, fra ululati e ruggiti
spaventosi, una grandine di ghiacciuoli ed immense colonne di neve.

Vi era il pericolo che tutto rimanesse seppellito prima che sorgesse
l'alba.

La stanchezza, le emozioni provate ed il freddo che li intorpidiva
ebbero ben presto ragione sulle apprensioni, ed i tre uomini non
tardarono ad addormentarsi.

Lo studente soprattutto, malgrado la mancanza della cena, non aveva
tardato a cadere nel mondo dei sogni.

Sognava di trovarsi in un grande albergo americano, seduto dinanzi
ad una tavola copiosamente imbandita, e fornita d'un bel numero di
bottiglie di _champagne_, e di essere lì per allungare una mano verso
un magnifico _pudding_ appena levato dal forno.

La mano infatti fu allungata dallo studente anche se dormiva, ma quale
fu il suo stupore nel sentirsela afferrare da certe granfie che un
momento prima, nel sogno, non aveva vedute dinanzi a sè!... Sentendo
quella stretta si era svegliato di colpo spalancando gli occhi.

La tenda di cuoio era caduta ed una massa enorme, che la luce
della lanterna volta verso l'interno della vettura illuminava, si
era arrampicata sul dinanzi dello scudo protettore, allungando due
zampaccie villose verso lo studente che si era addormentato quasi
dietro al volante.

Walter con una mossa fulminea aveva ritirata la mano urlando a piena
gola:

— Aiuto!... Aiuto!... Gli orsi bianchi!... —

Il canadese e Dik, strappati bruscamente dal loro torpore da quelle
grida terribili, erano balzati in piedi stringendo ognuno una Colt.

Vedendo quella massa bianca si misero a sparare all'impazzata,
bruciando fino l'ultima cartuccia.

L'orso, poichè si trattava realmente di uno di quei giganti abitatori
delle regioni polari, imbarazzato dal volante che gli aveva impedito di
avanzare, ricevette quel fuoco di fila senza nemmeno protestare.

Crivellato a brucia pelo dai proiettili delle grosse rivoltelle, si
piegò da un lato, poi rotolò giù dalla vettura scomparendo sotto la
neve prima che Walter, il quale era riuscito a trovare uno dei due
_mauser_, avesse avuto il tempo di dargli il colpo di grazia che
d'altronde non era necessario.

— Ve lo avevo detto io che malgrado la tempesta ci avrebbero fatta
qualche sgradita visita? — disse il canadese, mentre Dik rimetteva a
posto la tenda di cuoio per arrestare la neve che il vento spingeva
dentro la vettura. — Nemmeno la luce dei fanali arresta più queste
bestiaccie.

— Che sia proprio morto, signor Gastone? — chiese Walter.

— Con dodici palle che ha ricevuto? Io credo che nessuna sia andata
fuori bersaglio.

— I lupi non ce lo mangeranno? Ci tengo a ritrovarlo intatto per
rifarmi della cena che mi è mancata.

— I lupi sono piuttosto scarsi oltre il circolo polare artico, e poi
non oseranno lasciare le loro tane con una notte così orribile.

Walter riprendiamo il nostro sonno.

— Volentieri, signor Gastone. Ora che so di non dover morire di fame
dormirò più tranquillo. —

Si rincantucciarono in fondo alla vettura, ricaricarono per precauzione
le armi, quantunque avessero la convinzione di non ricevere altre
visite da parte di quei pericolosi signori del Polo, e non tardarono a
riprendere il sonno così bruscamente interrotto. Al mattino la tempesta
infuriava ancora e, sempre con eguale violenza, la neve continuava a
turbinare.

Una semi-oscurità avvolgeva l'isola quantunque la dormita degli
esploratori si fosse prolungata fino dopo le dieci.

Intorno alla vettura si erano accumulate delle enormi masse di neve le
quali oltrepassavano la _capote_.

— Siamo come sepolti, — disse lo studente, mentre Dik si sforzava di
far agire il motore per riscaldare un po' l'interno della vettura. —
Come faremo a uscire, signor Gastone?

— Colle nostre gambe e colle nostre picozze, — rispose il canadese.
— Fortunatamente nella cassa abbiamo anche dei badili per aprirci il
passo.

— E ritrovare il nostro orso, signore. Se mi dovesse mancare anche la
colazione mi sentirei di morire molto presto.

— Il grande freddo domanda la sua parte di carbone che pei nostri
corpi deve essere rappresentato da carne, a qualunque specie d'animali
appartenga.

— E dove cucineremo noi le nostre bistecche? Non abbiamo qui la stufa.

— Se fossimo degli esquimesi non ci troveremmo imbarazzati, Walter.

— Volete dire?

— Che si potrebbe farle arrostire sulla fiamma dei fanali.

— Puah!... — fece lo studente sputando un pezzo di ghiaccio che gli si
era formato in bocca.

— Ed allora, mio caro, divoreremo le nostre bistecche crude. Su,
prendete i picconi e le pale e cerchiamo di liberare la vettura dalla
neve che la stringe da tutte le parti, prima che geli completamente.

Dopo cercheremo l'orso.

— Mi premerebbe prima, signor Gastone.

— Abbiate un po' di pazienza, signor affamato. Sbarazziamo almeno
prima le ruote per evitare che il ghiaccio faccia scoppiare le
pneumatiche. —

Lavorando febbrilmente liberarono dapprima la parte anteriore della
vettura che era quasi scomparsa sotto la neve, poi assalirono i
bastioni di ghiaccio che tendevano a restringersi contro le ruote per
effetto delle pressioni che si manifestano anche a terra, non però
colla violenza spaventosa che si nota sui _paks_.

Per quattro ore quei tre uomini, quantunque sfiniti dalla fame,
maneggiarono ora i picconi ed ora le pale, sotto una continua bufera
di neve, poi ottenuto, almeno pel momento, uno spazio sufficiente, si
misero in cerca dell'orso.

Il bestione, sprofondando, aveva aperta una buca nella neve, sicchè
non fu difficile scovarlo, quantunque sepolto sotto uno strato di due
metri.

A gran colpi di scure il canadese e l'ex-baleniere gli troncarono
le zampe posteriori senza perdere tempo a scuoiarlo tutto, poi si
affrettarono a rifugiarsi sotto la _capote_ non potendo più resistere
alla furia del vento ed al freddo intensissimo che aveva raggiunto
ormai i 45°.

Togliere la pelle e tagliare a fette uno zampone ben grosso fu l'affare
di pochi momenti.

— _Rosbif_ sanguinanti riscaldati sotto la neve!... — gridò
allegramente lo studente. — Cucina polare!... —

Ed i tre uomini, divorati dalla fame, assalirono quel gigantesco
prosciutto divorando a crepapelle e senza provare alcun ribrezzo.

Si provarono poi ad accendere le pipe, ma dovettero ben presto
rinunciare, poichè dopo poche tirate si trovavano in bocca un pezzo di
ghiaccio ed il tabacco si spegneva.

Il termometro sospeso all'esterno era disceso di altri due gradi in
meno di un'ora.

— Finiremo per morire gelati, se questa tempesta non cessa, — disse
lo studente, il quale pensava al tiepido carrozzone riscaldato dalla
russante stufa.

Non potendo recarsi fino alla spiaggia per vedere se la loro vettura
esisteva ancora od era stata inghiottita, non trovarono di meglio che
di riaddormentarsi, ciò che riuscì loro facile poichè le bassissime
temperature intorpidiscono l'uomo più vigoroso annichilendogli quasi il
cervello.

Anche durante tutto quel giorno la bufera rumoreggiò ed urlò intorno
alla vettura, però la neve dopo mezzodì era completamente cessata.

I tre esploratori che si erano svegliati, ne approfittarono per cercare
di riparare il guasto toccato al motore.

Come già il canadese ne aveva avuto il sospetto, il pezzo che avevano
forse troppo frettolosamente saldato, si era nuovamente spezzato.
Fortunatamente il radiatore non aveva nulla.

Dik, sorvegliato strettamente dallo studente e dal canadese, il quale
lo aiutava, si mise di buona o mala voglia all'opera, e prima che le
tenebre scendessero il motore aveva ricominciato a funzionare.

— A domani, — disse il canadese. — Lasciamo che questa notte la neve si
rassodi, poi ci scaveremo una via per far rimontare la vettura che si
trova due buoni metri sotto lo strato.

Durante la notte anche la bufera, che durava da due giorni, finalmente
si calmò, sicchè al mattino sulla grande isola regnava una calma
relativa.

La neve era però caduta in così grande quantità che lo spessore del
ghiaccio era aumentato di quasi tre metri, rendendo l'atmosfera quasi
irrespirabile tanto era fredda.

Il canadese ed i suoi compagni, quasi completamente assiderati,
malgrado lo spessore delle loro pelliccie, con un ultimo sforzo
aprirono un varco nella massa gelata, improvvisando una strada saliente
verso la superficie del ghiaccio, poi lanciarono l'automobile, ansiosi
di tornare sul _pak_.

Avrebbero ritrovata la loro vettura che portava con essa tutte le
loro speranze, poichè nei suoi fianchi stavano rinchiusi i serbatoi di
benzina? Ecco quanto si chiedevano ansiosamente.

Se il golfo di Boothia l'aveva inghiottita potevano considerarsi come
perduti, poichè l'automobile non avrebbe potuto percorrere più d'una
cinquantina di chilometri nè, anche se avesse avuto una grossa riserva
di benzina, proteggerli contro i terribili freddi del Polo artico.

La tempesta di neve aveva trasformata la costa meridionale dell'isola.
Se due giorni prima era quasi piana, ora mostrava una serie infinita
di ondulazioni più o meno accentuate, simili alle _rolling prairies_
delle sconfinate praterie del Far-West, che l'automobile però superava
facilmente, pur rollando e beccheggiando disperatamente.

Con una volata di mezz'ora, a sessanta chilometri di velocità, la
vettura raggiunse la costa, arrestandosi bruscamente sulla cima sotto
una poderosa stretta di freni.

Il canadese, lo studente e perfino il flemmatico Dik erano balzati in
piedi.

L'immenso _pak_, tutto scintillante d'una luce intensissima in causa
del rifrangersi dei raggi solari, si stendeva dinanzi a loro.

In mezzo a quello scintillìo che accecava, un punto oscuro attrasse
subito l'attenzione dei tre esploratori.

— Il nostro carrozzone!... — gridò il canadese.

— Sì, il nostro _vagone-salon!_... — urlò lo studente dimenando le
braccia come le ali d'un mulino. — _Hurràh!... Hurràh!_... La conquista
del Polo è assicurata!... —

Anche Dik pareva commosso. Dopo tutto non doveva garbargli troppo di
trovarsi arrestato al di là del circolo polare artico in piena _panne_,
colla sola risorsa di ritornarsene al Canadà a piedi sia pure coi
diecimila dollari di _mister_ Torpon.

— Dik, — disse il canadese. — Il _pak_ a quanto pare ha ripreso il suo
equilibrio. Possiamo scendere?

— Sì, signore.

— Andiamo a riprendere il nostro carrozzone.

— Purchè il motore non si guasti ancora.

— Lasciate a me allora il volante, — disse il signor di Montcalm,
con tono un po' acre. — È impossibile che ogni momento succedano
dei malanni ad una macchina che è stata costruita con tutte le cure
possibili.

Si direbbe che voi avete sbagliato mestiere.

— E che avreste fatto meglio a continuare a fare il baleniere, —
aggiunse Walter.

Dik si era alzato, lanciando sui due uomini un brutto sguardo.

— Pare che mi vogliate offendere, — disse poi, con calma glaciale. —
Se siete stanchi di me, ditemelo francamente, ed io me ne tornerò al
Canadà colle mie sole gambe, purchè mi si dia un fucile colle relative
munizioni.

— Per farvi mangiare dagli orsi bianchi? — disse lo studente.

— Siete pazzo, Dik? — disse il canadese.

— Uh!... Un baleniere non ha paura nè del freddo, nè degli orsi. Se
volete, parto subito.

— Riprendete il volante, — comandò il canadese, con voce imperiosa. —
Io vi ho arruolato e dovrete venire con noi fino al Polo.

— Avete ragione, — rispose asciuttamente l'ex-baleniere, dopo una breve
esitazione.

Tornò a sedersi dietro il volante e dopo d'aver guardato per qualche
istante la spiaggia che scendeva rapidissima, rimise in moto il motore,
tenendo una mano sul freno.

Più che una discesa fu uno scivolamento, poichè le ruote erano
state chiuse. La vettura balzò finalmente sul _pak_, il quale aveva
riacquistata la sua immobilità e filò verso quel punto grigiastro che
ingrandiva a vista d'occhio, scomparendo la distanza rapidissimamente.

Dopo d'aver girato intorno a numerosi e giganteschi _ice-bergs_, i
quali erano riusciti a cacciarsi a forza dentro l'immenso campo di
ghiaccio, la vettura potè finalmente raggiungere il carrozzone scampato
miracolosamente alle formidabili pressioni che avrebbero potuto
stritolarlo in un attimo e mandarlo rotto in fondo al golfo di Boothia.
Nessun danno aveva subìto. Solamente le sue ruote si erano affondate
nel ghiaccio e l'intera massa si era inclinata su un fianco.

— Signor Gastone, — disse lo studente, il quale era balzato a terra
prima di tutti. — In questo miracolo io vedo una straordinaria
protezione da parte della fortuna verso di noi. Ora non dubito più di
poter sedermi in quel punto dove tutti i meridiani s'incrociano e di
bagnarli con una bottiglia di _champagne_.

— Lo spero anch'io, Walter, — rispose il canadese. — Sono anch'io
fermamente convinto ormai che la fortuna ci abbia accordata la sua
intera protezione.

Dik, guardate di attaccare e rinforzare le catene. Ne abbiamo altre in
serbo.

E noi, Walter, accendiamo la stufa e sgeliamoci le membra che ne hanno
proprio bisogno dopo tanto freddo.

— E prepariamoci un pranzetto più o meno luculliano per riscaldare
anche le nostre budella, signor Gastone, — rispose lo studente. — Corpo
di tutti i fulmini di Giove!... La carne dell'orso mi scendeva nello
stomaco come pezzi di ghiaccio.

— Lascio a voi preparare la minuta, signor ghiottone.

— E vedrete che fagiolata fumante vi preparerò io!... Me l'ha insegnata
la mia povera mamma, e come le faceva eccellenti!... —

Il bravo e sempre allegro giovanotto balzò nella vettura per accendere
la stufa prima di tutto, mentre il canadese e Dik si occupavano
dell'allacciamento delle catene che si erano spezzate durante quella
corsa disperata attraverso al _pak_.

Un'ora dopo i tre esploratori si trovavano riuniti intorno alla stufa,
dinanzi ad un pranzetto sapientemente preparato dallo studente.

Avevano proprio bisogno di un po' di calore esterno e sopratutto
interno dopo due giorni, passati quasi a digiuno fra una temperatura
oscillante fra i 42° ed i 45° sotto lo zero.

Quantunque avessero desiderato riposarsi alcune ore sui loro lettucci,
il timore che le terribili pressioni potessero ancora sorprenderli li
decise a riprendere senz'altro il viaggio.

Lasciarono molto a malincuore quel tiepido ambiente, allietato dal
russare dolcissimo della stufa, e ripresero il loro posto nella vettura
non senza aver prima rifornito il serbatoio della benzina.

Con una volata rapidissima riguadagnarono l'isola di Devon e dopo una
breve fermata per fare il punto, alle tre pomeridiane tagliavano il 75º
parallelo.

Lo stesso giorno, con un tempo relativamente calmo, si accampavano
sulle rive settentrionali di quella vasta terra, di fronte allo stretto
di Jones che era completamente gelato ed in vista dell'isoletta di
Coburg.

L'indomani, dopo una notte tranquillissima, rischiarata da una
magnifica aurora boreale, passavano sulla terra di Lincoln, terra
appena esplorata lungo le coste e che si ignora ancora esattamente se
sia una grande isola o se sia congiunta alla terra di Ellesmore.

Il ghiaccio era sempre buono e permetteva all'automobile di percorrere
senza fatica i suoi cinquanta chilometri all'ora.

Qualche orso di quando in quando si mostrava, subito salutato da una
scarica di _mauser_, e anche delle foche e delle morse apparivano in
vicinanza delle coste, presso i buchi che avevano aperti nei banchi
di ghiaccio per venire a respirare e godersi qualche pallido raggio di
sole.

Il secondo giorno da che avevano lasciato il _pak_ del golfo di
Boothia, correvano già sulla terra di Ellesmore, una delle ultime
esplorate dai navigatori americani ed europei in questi ultimi anni.

Le difficoltà però cominciavano a farsi sentire di miglio in miglio che
l'automobile si avvicinava al Polo.

Dei vasti canali di quando in quando interrompevano la corsa, canali
a mala pena gelati, quantunque il freddo si mantenesse sempre elevato,
obbligando gli esploratori a fare dei lunghissimi giri.

Ora invece erano ammassi formidabili di vecchi _ice-bergs_, che la
cortissima estate da tanti anni non aveva potuto sciogliere, che si
presentavano dinanzi al treno senza mostrare alcun passaggio, il che
obbligava gli esploratori a perdere delle lunghissime ore ed a sprecare
molta benzina per cercare una salita abbastanza accessibile.

Ora erano i _pak_ dei larghi stretti aperti al di là della terra di
Ellesmore, che mettevano a dura prova ed a grandi rischi quei tre
animosi — o meglio i due animosi — colle loro pressioni.

Da quattro giorni correvano senza posa, talvolta bersagliati da
improvvisi uragani di neve, quando verso il mezzodì del quinto giorno
il treno passò sulla terra di Smith, una delle più settentrionali e
delle meno note.

— Prendiamoci ventiquattro ore di riposo, — disse il canadese, dopo
che l'automobile, con grande fatica, ebbe superata l'alta costa,
sprofondando fino all'altezza delle ruote in un campo di neve non
ancora rassodato. — Ne abbiamo bene il diritto.

— È ancora molto lontano questo signor Polo? — chiese lo studente.

— Io spero, fra due giorni, se nulla di grave succede, di sturare la
nostra famosa bottiglia di _champagne_ sull'incrocio dei meridiani e di
vuotarla....

— Alla salute dei begli occhi di _miss_ Ellen Perkins, — interruppe
Walter.

Il canadese lo guardò socchiudendo più volte gli occhi, poi rispose
bruscamente:

— No.... alla nostra. Pranziamo; e poi, giacchè il vento non ci
tormenta e la temperatura è diventata stranamente mite, andremo ad
esplorare un po' il paese ed a cacciare. —



CAPITOLO XXIII.

L'ultimo mammouth?


Come ebbero mangiato in fretta per approfittare delle poche ore di luce
che rimanevano, avvicinandosi rapidamente la lunga notte polare, i tre
esploratori che sentivano un grande bisogno di muoversi per combattere
il torpore che li invadeva in causa del grande freddo, presero le
armi e si allontanarono verso il settentrione, colla speranza di fare
l'incontro di qualche orso.

Ne avevano già veduti parecchi durante la loro fulminea corsa e si
tenevano certi di sparare non pochi colpi di fucile.

Pel treno, affondato nella neve fino alla parte inferiore dello
_chassis_, non avevano nulla da temere, tanto più che avevano prima
sprangato il carrozzone il quale conteneva i viveri.

La selvaggina non si presentava troppo abbondante. Qualche volpe polare
scappava con velocità fulminea, sfidando le palle che lo studente
le sparava dietro senza riuscire a colpirle; abbondavano invece i
volatili, specialmente i borgomastri ed i gabbiani, ma nessuno pensava
a sprecare delle munizioni diventate ormai piuttosto scarse.

Avevano percorso un paio di chilometri quando, con loro grande
sorpresa, trovarono impresse sulla neve delle orme gigantesche che non
potevano essere state prodotte dalle zampe di orsi bianchi, gli animali
più grossi fino allora conosciuti.

— Signor Gastone, — chiese lo studente, al colmo dello stupore. — Quale
bestione può aver impresse su questa neve queste orme? —

   [Illustrazione: Il _mammouth_, spaventato da quelle
   detonazioni.... (Cap. XXIII).]

Il canadese invece di rispondere si era curvato, guardandole
attentamente.

— È strano!... — esclamò finalmente. — Si direbbero traccie di
elefanti!... —

Lo studente rispose con una sonora risata.

— Degli elefanti al Polo!... Ah!... Signor Gastone, che cosa dite voi
mai?

— Vi stupite?

— Non siamo già all'equatore. Non sentite questo freddo cane?

— E allora?

— Vorreste proprio dire che queste traccie somigliano a quelle d'un
pachiderma?

— Pachiderma: ben detto, mio caro Walter, perchè la bestia che è
passata per di qua non può appartenere che a quella famiglia.

— Volete scherzare, signor Gastone.

— Niente affatto. Chi può assicurare che i giganteschi mammouth, quei
fratelli degli elefanti, che un tempo popolavano queste regioni, siano
veramente tutti scomparsi? Chi ha esplorate queste terre per affermare
ciò?

— Infatti, signore, io ho letto in non so quale libro della biblioteca
di Cambridge, che in tempi remoti i mammouth abitavano la Siberia e le
grandi isole dell'oceano polare.

— Non tanto remoti quanto credete, amico, — rispose il canadese. —
Nel 1900, se ben ricordo, giungeva all'Accademia di Pietroburgo la
strabiliante notizia che un cosacco aveva scoperto sulle spiaggie
dell'oceano polare, in un luogo assolutamente deserto, il cadavere
di uno di quei colossali pachidermi in uno stato di conservazione
splendido.

Aveva ancora intorno alle sue ossa la carne, e la pelle era ancora
coperta di peli: non gli mancava che la proboscide.

— Nel 1900 avete detto?

— Sì, Walter. Ammetto che il ghiaccio abbia conservato a lungo la carne
di quel colosso, ma ammetterete pure che non l'avrà conservata per
secoli e secoli.

Ciò vuol dire che i _mammouth_ se sono veramente tutti scomparsi, sono
finiti molto recentemente.

Ed infatti Behering affermava di aver veduto sulle isole dello stretto
degli animali giganteschi, i quali potevano benissimo essere dei
pachidermi.

— E fu ricuperato quell'animalaccio?

— Il governo russo, appresa la notizia di quella scoperta, mandò subito
in Siberia il conservatore delle collezioni zoologiche di Pietroburgo,
ed il _mammouth_, che si era affondato in mezzo ai ghiacci, poco
lontano dal villaggio di Sredne Kolynk, fu portato in Russia non senza
grandi difficoltà, non esistendo allora nessuna linea ferroviaria fino
agli Urali.

Oggi lo scheletro di quel bestione figura nel museo imperiale di
Pietroburgo.

— Che non siano proprio tutti scomparsi?

— Chi lo sa?... Qualcuno può essere sopravvissuto.

— Corpo di Giove!... Una caccia all'elefante al Polo!... Chi ci
crederebbe? Signor Gastone, seguiamo queste tracce.

— Certo, Walter.

— Ho udito narrare che la tromba degli elefanti è un vero manicaretto.

— Così si afferma.

— Corpo di tutti i fulmini di Giove!... Se potessi assaggiarla
anch'io!...

— Guadagnatevela, signor ghiottone.

— È quello che tenterò di fare.

— Allora in marcia dietro le orme. —

I tre uomini esaminarono prima i fucili, trattandosi d'una caccia
tutt'altro che facile, poichè se il _mammouth_ era un animale
tranquillo quando non era disturbato, diventava invece, al pari degli
elefanti, terribile se assalito; poi si misero in marcia risolutissimi
a scovare quell'animale che fino allora si credeva scomparso da qualche
centinaio d'anni se non di più.

Le larghe orme si dirigevano verso un picco isolato, contornato da
colossali _ice-bergs_ alla sua base e che probabilmente doveva essere
un isolotto.

Giunti a duecento metri, i tre cacciatori, con loro non poca sorpresa,
scopersero due traccie.

Una si dirigeva verso ponente del picco e l'altra verso oriente. Erano
due i colossali pachidermi od uno solo che aveva girato e rigirato
intorno agli _ice-bergs_?

— Dik, — disse il canadese, — se vi trovaste dinanzi ad un simile
animale, avreste paura? —

Un sorriso quasi sprezzante spuntò sulle labbra dello _chaffeur_.

— Un uomo che ha ucciso più di venticinque balene può affrontare un
elefante, a qualunque razza appartenga, — disse. — Gli sparerò dentro
il naso.

— Allora voi girate il picco verso ponente, mentre noi lo gireremo
verso levante e se lo trovate spingetelo contro.

— Va bene, — rispose l'ex-baleniere.

Accese la sua pipa, quantunque avesse poche probabilità di fare molte
tirate, in causa del freddo sempre intensissimo, e si allontanò col
fucile sulle spalle.

Il canadese e lo studente, dopo aver esaminate nuovamente le orme, si
misero a loro volta in marcia, girando il picco in senso contrario.

Un ardore bellicoso animava entrambi. La prospettiva d'una caccia così
colossale li esaltava, unita alla grande curiosità di vedere, ancora
vivente, un animale appartenente alla razza antidiluviana, scampato
chissà per quale miracolo alla formidabile sommersione della crosta
terrestre.

Le traccie continuavano, traccie profonde, formate da cinque unghie
assai larghe che avevano perfino spezzato il ghiaccio.

Non si poteva ormai più dubitare che si trattasse veramente d'un
_mammouth_ o di qualche altro animale simile, forse l'ultimo della sua
razza sperdutosi sugli ultimi confini della terra di Ellesmore.

I due cacciatori raggiunsero l'estrema punta del picco che scendeva
verso levante in forma d'uno sperone colossale, e piegarono verso il
settentrione per incontrarsi con Dik che doveva procedere dal lato
opposto.

Le traccie continuavano ma l'animale non compariva. Forse pascolava
dall'altra parte, spaccando il ghiaccio colle robustissime zanne per
mettere allo scoperto i pochi muschi ed i licheni sepolti sotto.

Già cominciavano a disperare d'incontrarsi con quel colosso, quando
uno sparo rimbombò a poca distanza seguito da un urlo acutissimo che li
fece trasalire.

— Aiuto!... Aiuto!...

— Dik!... La voce di Dik!... — gridò Walter, prendendo lo slancio. —
Signor Gastone, accorriamo!...

— Sì, preparate il fucile!... — rispose il canadese, con voce
soffocata. — Il _mammouth_ ha assalito il baleniere! —

Girarono a gran corsa una specie di bastione che si stendeva sul fianco
settentrionale del picco, ed uno spettacolo terrificante si offerse ai
loro sguardi.

Un animale gigantesco, assai più grosso e più alto d'un elefante,
armato di due lunghissime zanne ricurve in alto, d'un avorio
bianchissimo, aveva afferrato l'ex-baleniere colla sua tromba
e lo scuoteva furiosamente a venti metri dal suolo, barrendo
spaventosamente.

Il disgraziato _chaffeur_, semi-soffocato da quella poderosa stretta,
agitava pazzamente le braccia e le gambe gettando delle grida orribili.

Il signor di Montcalm in pochi salti raggiunse il colossale pachiderma,
imbracciò il fucile e sparò uno dietro l'altro, con una calma
meravigliosa, sei colpi, mirando le spalle anzichè la testa.

Il pachiderma, spaventato da tutte quelle detonazioni che si
succedevano senza tregua e colpito in pieno, sciolse la tromba
lasciando cadere Dik in mezzo ad un ammasso di neve fortunatamente
non ancora gelata, scosse le larghe orecchie, lanciò un formidabile
grido di guerra che si ripercosse contro i fianchi della montagna e si
scagliò innanzi, cercando di precipitarsi verso lo stretto di Smith che
era poco lontano.

Altri sei colpi rimbombarono in quel momento. Walter, passato il primo
istante di stupore, a sua volta vuotava il serbatoio del suo _mauser_.

Il colosso si fermò un momento lasciandosi fucilare quasi a bruciapelo,
lanciò tre o quattro barriti spaventevoli, poi, quantunque avesse in
corpo ben dodici palle, riprese la corsa verso la spiaggia.

Giunto però sulla ripa si fermò nuovamente lasciando penzolare, quasi
inerte, la sua proboscide pelosa, scosse le orecchie, poi rovinò sul
_pak_ sottostante con un cupo rimbombo.

L'ultimo _mammouth_ era morto!...

Mentre fuggiva, il canadese si era slanciato verso Dik il quale si
teneva le mani strette ai fianchi.

— Siete ferito, Dik? — gli chiese premurosamente.

— Bah!... — rispose lo strano uomo con un sorriso. — I balenieri hanno
le costole dure. Se però tardavate un istante a giungere, non so se
avrebbero resistito ad un'altra stretta.

Quei bestioni posseggono la forza delle balene. —

Si alzò senza dimostrare alcuna sofferenza, incrociò le braccia e
dopo d'aver guardato lo studente che si era precipitato dietro al
_mammouth_, gli disse:

— Signor di Montcalm, vi devo la vita.

— Mi è costato ben poco a conservarvela. Al mio posto voi avreste fatto
altrettanto.

— Non lo so, signore, — rispose l'ex-baleniere, con voce grave.

— Che cosa vorreste dire, Dik? — chiese il signor di Montcalm con
stupore.

— Che avendomi salvata la pelle, io vi condurrò al Polo.

— Dik!... Siete impazzito? Io non riesco a comprendervi.

— Mi comprenderete subito quando vi dirò che _mister_ Torpon mi ha dato
diecimila dollari per impedirvi di andare al Polo.

— Miserabile!... — gridò il canadese, levandosi la rivoltella che
portava alla cintura e puntandogliela contro.

— Uccidetemi pure, — disse l'ex-baleniere. — Siete nel vostro
diritto. —

Il canadese aveva subito abbassata l'arma, poi l'aveva rimessa nella
guardia.

— Vi ha versato diecimila dollari!... — esclamò.

— Sì, signor di Montcalm.

— Mi aspettavo qualche brutto tiro da parte di quel yankee. Mi stupisce
però che voi vi siate lasciato comperare da quell'uomo.

— Sono un miserabile, signore, — rispose Dik, con voce sorda. —
Che cosa volete? Quei diecimila dollari caduti dal cielo mi avevano
acciecato.

In quel momento pensavo con quella somma di armare una piccola goletta
e di ritornare baleniere per mio conto.

— Confessate di aver cercato di rovinare il nostro motore?

— Lo confesso.

— Disgraziato, e non pensavate che perdendo noi nelle solitudini gelate
del Polo perdevate anche voi?

— A questo non ci avevo pensato.

— Io avrei il diritto di uccidervi.

— Non ve lo contesto: se volete, armate la vostra rivoltella e
finitemi. Questa vita che voi avete strappata alla proboscide di quel
bestione vi appartiene.

— No, — disse il canadese. — Io non commetterò mai un assassinio così,
a sangue freddo, ma vi avverto Dik, che se vi sorprendo a guastare la
mia automobile vi ammazzerò come un cane, e vi avverto pure che io sono
un uomo da mantenere la parola.

— E farete bene, signor di Montcalm. Dovendovi però troppa
riconoscenza, siate sicuro che io farò tutti gli sforzi possibili per
condurvi al Polo.

— Non se ne parli più di questo affare. Se il destino mi farà
incontrare Torpon, qualche cosa di terribile succederà, e le nevi
immacolate del Polo si tingeranno per la prima volta di sangue umano.

Seguitemi: andiamo a vedere l'ultimo _mammouth_, poichè sono certo che
è l'ultimo della sua razza.

— Mi avete perdonato, signor di Montcalm?

— Vi ho detto di sì, — rispose un po' asciutto il canadese.

— Vi giuro che sarò da questo momento il vostro fedele marinaio.

— Vedremo. —

Raccolse il fucile e si diresse verso la spiaggia, dove si udiva lo
studente strepitare come un'oca marina.

In meno di cinque minuti i due esploratori raggiunsero la ripa dalla
quale era rotolato sul _pak_ il gigantesco animale.

Il ghiaccio che copriva il canale di Smith doveva avere uno spessore
enorme, poichè non aveva ceduto sotto l'enorme urto, sicchè il colosso
non si era sprofondato nel mare.

Giaceva rovesciato sul fianco sinistro, colla proboscide tesa dalla
quale era uscita una larga pozza di sangue, colla bocca spalancata
dalla quale era sfuggito l'ultimo barrito e l'ultimo rantolo. Una delle
sue gigantesche zanne si era spezzata ed era rimbalzata a cinque o sei
metri dal corpo; l'altra invece si ergeva ancora minacciosa, arcuata in
alto, molto più bianca dei denti degli ippopotami che danno il miglior
avorio, assai superiore a quello degli elefanti.

— Che sia proprio un vero _mammouth_, signor Gastone? — chiese Walter
al canadese, girando e rigirando intorno alla mostruosa massa.

— Avete mai veduto degli elefanti con delle zanne così arcuate?

— Io no.

— E così coperti di pelo? Se guardate bene il pelame è di due tinte
diverse: uno breve, fitto, rossastro ed il secondo più lungo e più
biondastro.

— Infatti è vero.

— Anche la coda è diversa da quella degli elefanti: guardatela. È più
breve, poichè non misura più di cinquanta o sessanta centimetri ed è
formata esclusivamente da peli neri.

— E questi colossi devono possedere una vitalità straordinaria. Dodici
palle e palle di _mauser_ e sparate, almeno da parte mia, in direzione
del cuore.

— Mio caro, nel _mammouth_ scoperto a Sredne Kolynk si è potuto
constatare che le pareti del cuore avevano la bagatella di cinque
centimetri di spessore.

— E sono intelligenti questi animali?

— Non meno degli elefanti, avendo il loro cervello uno sviluppo quasi
eguale.

— E voi dite che un tempo erano numerosissimi in queste regioni?

— Non solo qui, bensì, ma in Siberia e perfino allo Spitzberg.

— E perchè sono scomparsi? Distrutti a poco a poco dal freddo o dalla
fame?

— No, gli scienziati danno una versione ben diversa. La causa che ha
determinato la fine di questi colossi, che secoli indietro dovevano
essere numerosissimi, a giudicarlo dalla grande quantità d'ossami che
si scoprono continuamente, specialmente in Siberia, la si deve cercare
nel movimento dei ghiacciai.

Rotolando questi, attraverso le valli, continuamente dei massi, vi
formavano delle vere trappole sulle quali i _mammouth_ si arrischiavano
per cercare i muschi ed i licheni dei quali avevano bisogno per
nutrirsi.

L'enorme peso degli animali sfondava quelle croste di ghiaccio ed i
disgraziati precipitavano in gran numero dentro quelle trappole senza
poter poi più uscire.

Infatti tutti gli avanzi dei _mammouth_ si sono sempre trovati a dieci
e perfino a quindici metri sotto lo strato attuale del ghiaccio.

Dik, andate a prendere un paio di scuri e tagliate un pezzo di
proboscide, — continuò il canadese, volgendosi verso lo _chaffeur_. —
Noi l'assaggeremo, è vero Walter?

— Ve la preparerò in salsa piccante.

— Come vorrete, amico, — rispose il canadese, ridendo.

Mezz'ora dopo i tre uomini tornavano al treno reggendo a grande stento
mezza tromba del disgraziato animale, la quale non pesava meno di
centocinquanta chilogrammi, aumentando così considerevolmente le loro
provviste diventate già piuttosto scarse.



CAPITOLO XXIV.

Un duello al Polo.


Nel pomeriggio, dopo una vera scorpacciata di carne di _mammouth_
sapientemente preparata dallo studente con grande abbondanza di droghe
e di pepe per toglierle quel sapore di selvatico che si riscontra in
tutti i grossi animali, il treno riprendeva la sua corsa.

Ormai soli dieci gradi, ossia seicento miglia, li separavano dal Polo,
una vera inezia se potevano trovare il ghiaccio sempre buono.

In tre giorni, e fors'anche in minor tempo, quella distanza poteva
essere superata anche senza troppo spingere l'automobile.

Dopo essersi assicurati del buono stato del ghiaccio steso sullo
stretto di Smith, lasciarono la terra di Ellesmore e scesero sul _pak_
per raggiungere la terra di Grinnell, le cui coste si profilavano
distintamente sul limpido orizzonte.

Enormi _ice-bergs_ si erano radunati nel vasto canale, piantandosi
saldamente sul campo di ghiaccio e formando qua e là delle barriere
le quali interrompevano sovente la corsa del treno, costringendolo a
perlustrare per miglia e miglia prima di poter trovare un passaggio.

Fortunatamente in quel momento le pressioni non si facevano sentire che
assai leggermente.

Di quando in quando il campo di ghiaccio vibrava e muggiva e qualche
_ice-berg_, perduto l'equilibrio, strapiombava sul _pak_ con un fragore
assordante, aprendosi uno squarcio attraverso a cui l'acqua del mare
saliva spumeggiando e rimbalzando. Gli uccelli marini, che erano
tornati numerosissimi, e che nidificavano sui fianchi o sulle cime di
quei colossi, scappavano via spaventati, mentre migliaia e migliaia di
uova si fracassavano sul ghiaccio, gigantesche frittate perdute, come
diceva, molto amaramente lo studente, il quale non aveva ancora potuto,
fino allora, permettersi il lusso di regalarsene una.

Tre ore dopo l'automobile, varcato lo stretto, saliva la terra di
Grinnell, una terra assai accidentata, cosparsa di profondi _fiords_ e
tagliata in vari sensi da catene di montagne di considerevole altezza.

È una delle ultime conosciute, che si stende di fronte agli estremi
limiti settentrionali della Groenlandia, da cui è separata dal canale
di Kennedy e più oltre da quello di Robison.

Quantunque non formi che una massa sola, si divide in due terre un
po' separate dalla lunga baia di Lady Franklin, chiamandosi quella
più boreale terra di Grant, nome datole dagli esploratori americani in
memoria del loro glorioso Presidente.

Essendo la parte occidentale piuttosto piana, il treno piegò verso
quella direzione per raggiungere il Greely _fiord_ e più tardi la costa
di Garfield; nondimeno dovette ben presto rallentare la corsa poichè i
ghiacciai delle montagne orientali avevano già spinto molto innanzi le
loro enormi masse di ghiaccio, disperdendole in tutte le direzioni.

Dik, che ormai dirigeva risolutamente la corsa, premuroso di mostrare
al canadese il suo pentimento pei tradimenti passati, era costretto
suo malgrado a fare delle frequenti fermate, delle quali d'altronde
approfittavano i suoi compagni per sparare sugli orsi bianchi e sui
buoi muschiati che si mostravano numerosissimi.

Una cosa aveva colpito gli esploratori: la improvvisa mitezza del clima.

Mentre più si avvicinavano al Grande Nord, la temperatura, invece di
aumentare vertiginosamente, scemava di ora in ora.

Il sole splendeva magnifico, durante le quattro o cinque ore che
rimaneva sull'orizzonte, poichè la lunga notte polare s'avvicinava
a grandi passi; l'aria si manteneva sgombra di nebbie ed aveva una
mollezza che contrastava stranamente coll'altezza dei paralleli, i
quali ormai toccavano l'82º.

— Che esista realmente un mare libero intorno al Polo, come hanno
affermato tanti navigatori, cominciando da Barentz? — si chiedeva
continuamente il canadese. — Se questa temperatura continua a diminuire
invece di aumentare, come sarebbe nel suo diritto, noi fra poco
troveremo gli ultimi canali quasi sgombri dai ghiacci.

Fortunatamente ho portato con me un canotto di _cauciu_ e mi spingerò
da solo verso il Polo.

Ah!... Io non tornerò senza averlo veduto e senza avere spiegata lassù
la bandiera della vecchia Francia. —

Alla sera il treno, dopo una traversata assai laboriosa, si arrestava
sulle rive del Greely _fiord_. Erano allora appena le tre pomeridiane
ed il sole era già tramontato.

Non essendovi nè luna, nè stelle, nè aurora boreale, i tre esploratori
si accamparono poco lungi dal _pak_, non fidandosi di attraversarlo per
paura che non fosse abbastanza solido per reggere il peso del treno.

La temperatura, che diventava sempre più dolce, li costringeva ormai a
diffidare del ghiaccio marino.

Alle nove del mattino, quando un leggiero barlume di luce cominciava
a mostrarsi verso levante, riprendevano la marcia a piccola velocità,
girando il _fiord_ il quale era formato da aspre colline non sempre
accessibili, e verso le undici, al primo raggio di sole, passavano
sulla terra di Grant, terra assolutamente deserta, poco nota, che
spinge le sue spiaggie fino al canale di Robison, l'ultimo esplorato.

Anche l'83º parallelo era stato felicemente superato. Sette gradi
ancora ed il Polo, quel terribile polo che in quattro o cinque secoli
aveva divorate tante vittime umane per non lasciarsi togliere il velo
misterioso che lo copriva, era vinto.

— Avanti giorno e notte, — disse il canadese a Dik, preso da un
improvviso entusiasmo. — Vi offro mille dollari ogni grado che mi
farete vincere.

— Ed io vi prometto di intascarli, — aveva risposto l'ex-baleniere. —
_Master_ Torpon per me ora è morto!... —

Ed il treno era subito ripartito a grande velocità, salendo e scendendo
le larghe ondulazioni della pianura gelata, sprofondando però talvolta
entro la neve rammollita da quello strano tiepore che non aveva cessato
di aumentare.

Al tramonto anche la terra di Grant, l'ultima rilevata ed osservata
dagli esploratori artici, arrestatisi allo stretto di Robison ed alla
baia di Morkham, era attraversata.

Malgrado i molteplici ostacoli, Dik aveva condotto meravigliosamente
il treno, imprimendogli talvolta una velocità di sessanta e perfino di
settanta miglia.

Al di là dell'ultima terra esplorata dagli audaci navigatori americani
ed europei, si stendevano parecchie isole che sembravano picchi
vulcanici emersi dal mare chissà in quali lontane epoche, congiunte fra
di loro da terre basse e contornate da ghiacci ancora abbastanza solidi
per reggere il treno.

Non vi era però da fidarsi gran che. La temperatura non cessava di
scemare, e verso il settentrione apparivano degli ampi canali d'acqua
libera, quantunque ingombri d'_ice-bergs_ natanti, vecchi forse da
secoli.

— Adagio Dik e scandagliamo prima il ghiaccio, — disse il canadese, il
quale temeva che da un istante all'altro il _pak_ cedesse sotto il peso
del treno e li facesse scomparire nei baratri dell'oceano artico. — E
noi, Walter, gonfiamo il canotto _cauciu_ e teniamolo pronto.

Non è di grande portata, tuttavia potrà, in caso disperato,
reggerci. —

L'automobile ormai non avanzava che con estrema lentezza, passando da
un'isola all'altra, non senza che Dik, esperto conoscitore dei ghiacci,
avesse prima provata la solidità dei campi di ghiaccio.

L'89º parallelo era stato già superato quando il treno, dopo d'aver
attraversato un'isoletta di mediocre vastità, si trovò improvvisamente
dinanzi ad una distesa d'acqua intensamente azzurra, ingombra solamente
da enormi montagne di ghiaccio che il vento del nord faceva oscillare
spaventosamente ed urtare le une contro le altre con rombi che
impressionavano.

Un picco aguzzo, tutto coperto di ghiaccio, forse un antico vulcano,
dai fianchi quasi inaccessibili, spiccava su quel mare libero che una
superba aurora boreale, sprigionatasi in quel momento, tingeva d'un
rosso vivissimo.

Il canadese mandò un grido altissimo:

— Ecco uno dei due cardini del mondo!... Il Polo è là!... Dik, il
canotto!...

— Il polo!... Quello è il polo!... — esclamò lo studente.

— Sì, Walter: domani a mezzodì io farò il punto, e vedrete che è
proprio sul vertice di quel picco che s'incrociano tutti i meridiani
del mondo.

— Possibile, signore?

— Che cosa credevate di trovare dunque voi al Polo? La luna forse, o
tutti i vostri fulmini di Giove riuniti in fascio?

— Non lo so, signor Gastone, — rispose lo studente, che pareva
sbalordito.

— Dik, il canotto!... — ripetè il canadese. — Metteteci dentro la
gloriosa bandiera della vecchia Francia.

— Eccomi, signore, — rispose l'ex-baleniere uscendo di sotto il
carrozzone, dove in un cassetto di ferro si trovava il canotto ben
ripiegato, coi pezzi dell'armatura, i due remi e la pompa premente per
gonfiarlo.

Lo studente era accorso in suo aiuto.

In dieci minuti la piccola imbarcazione, capace di portare non più di
due uomini, fu gonfiata, armata e portata sulla spiaggia.

— Lasciate che per ora io solo prenda possesso del Polo nord, — disse
il canadese con voce grave, fissando e spiegando sulla poppa una
piccola bandiera coi colori di Francia.

— Ne avete il diritto, signor Gastone, — rispose lo studente. — A
voi spetta pel primo di posare i piedi sul cardine boreale dell'orbe
terracqueo. —

Il canadese aveva già afferrati i remi, quando un colpo di fucile
rimbombò sul mare libero, ripercuotendosi fragorosamente fra i monti di
ghiaccio.

— Uno sparo.... qui.... a due passi dal Polo!.... — esclamò il signor
di Montcalm con vivo stupore.

Poi un nome gli sfuggì:

— Torpon!... —

Dik e Walter si erano slanciati giù dalla spiaggia, spingendo i loro
sguardi al largo.

In quel momento un secondo sparo rimbombò, e sui fianchi d'un enorme
_ice-berg_, il quale oscillava spaventosamente a cinque o seicento
metri dalla sponda, salì una nuvoletta di fumo.

— Un uomo laggiù!... — disse l'ex-baleniere.

— Aspettatemi qui!... — gridò il canadese. — Chiunque sia cercherò di
salvarlo. —

Afferrò i remi e fece volare il canotto sulle acque spingendolo verso
la gigantesca montagna di ghiaccio la quale, quantunque il mare
fosse calmo, continuava a rollare come se fosse lì lì per perdere
l'equilibrio e rovesciarsi.

Su una specie di piattaforma che declinava verso l'acqua, una forma
umana era comparsa ed agitava pazzamente le braccia, urlando a
squarciagola:

— _Help!... Help!_...["Aiuto!"]. —

Il canadese, abilissimo canottiere, come tutti i suoi compatriotti del
S. Lorenzo, in pochi minuti attraversò la distanza, gettò un gancio sul
ghiaccio e balzò sulla piattaforma.

L'uomo che gridava era scomparso qualche istante prima dietro una
sporgenza.

— Dove siete? — gridò il canadese. — Sono venuto a salvarvi!... Non
abbiate alcun timore!... —

Aveva già raggiunta la cima della piattaforma, quando un uomo gli
rovinò addosso, bestemmiando.

Stringeva fra le mani un fucile, impugnandolo per la canna.

— Ah!... Miserabile!... — gridò, con accento feroce. — Ti ho trovato
finalmente ed ora ti uccido!... Tu non andrai al Polo!...

— Voi.... Torpon!... — aveva gridato il canadese, balzando indietro. —
Disgraziato, che cosa volete fare? —

Era proprio il _yankee_, il suo rivale, che gli stava dinanzi,
spaventosamente dimagrito, colla pazzia negli sguardi, il viso smunto,
col naso gelato e già intaccato dalla cancrena.

Che cosa era toccato a quel miserabile, ritrovato in vista, anzi a
poche centinaia di metri dal Polo? Dov'era la sua automobile? Dov'erano
i suoi compagni, poichè non era ammissibile che si fosse slanciato da
solo nella grande e perigliosa impresa?

   [Illustrazione: Il canadese volle andar solo ad inalberare la
   bandiera... (Cap. XXV).]

— Giù quel fucile!... — gridò il canadese, estraendo rapidamente
il _bowie-knife_ che portava appeso alla cintola, e che era l'unica
arma che in quel momento possedeva. — Io non voglio farvi alcun male,
_mister_ Torpon, quantunque abbiate ordito contro di me dei tradimenti
infami!... —

Lo _yankee_ rispose con uno scoppio di risa, e dardeggiò sul suo rivale
uno sguardo feroce.

— Io non ho potuto andare al Polo quando già stavo per metterci il
piede, — disse con voce cupa. — Il freddo ha spento i miei due compagni
e l'oceano ha inghiottita la mia automobile, ma nemmeno voi andrete al
Polo, signor di Montcalm.

Già se anche io ci andassi, _miss_ Ellen non mi vorrebbe più ora che il
mio naso è putrido.

Guardatevi: non ho più che una sola cartuccia, perchè le due ultime
le ho sacrificate per richiamare la vostra attenzione, però ho ancora
abbastanza forza per uccidervi.

Nessuno di noi guarderà più mai gli occhi di quella terribile e crudele
fanciulla!...

— Giù quel fucile, _mister_ Torpon, — ripetè con tono minaccioso
il canadese. — Vi ripeto che non voglio farvi alcun male e che vi
ricondurrò sul continente, perdonandovi i vostri tradimenti.

— Quali? — chiese ironicamente l'americano.

— Dik, il mio _chaffeur_, mi ha narrato tutto.

— Ecco una grande canaglia: mi prende diecimila dollari e vi lascia
giungere al Polo. Bisogna che vi uccida tutti!... —

Con un balzo improvviso si era scagliato sul canadese, mandando un
ruggito di belva.

Il suo avversario che già si teneva in guardia, aspettandosi qualche
brutto giuoco da parte di quell'uomo a cui le sofferenze avevano
guastato il cervello, con un salto di fianco si sottrasse al calcio
del fucile che avrebbe dovuto spaccargli la testa, poi gli si precipitò
addosso afferrandolo strettamente e gridando:

— Arrenditi!... Ho un coltello nelle mie mani!... —

La risposta fu una bestemmia seguita da uno scroscio di risa.

L'americano aveva lasciato cadere la carabina ed aveva, a sua volta,
avvinghiato il canadese, cercando di spingerlo giù dalla piattaforma e
scaraventarlo nel mare.

Una lotta terribile, feroce, si era impegnata fra i due uomini, i quali
ormai non avevano altre armi che le loro mani, poichè anche il canadese
si era lasciato sfuggire il _bowie-knife_.

Erano caduti sul ghiaccio e si rotolavano tentando di sopraffarsi e
scambiandosi, quando potevano, dei poderosi pugni.

Imprecazioni e ruggiti di belve in furore sfuggivano dalle loro labbra.

Walter e Dik, impotenti, assistevano a quella lotta selvaggia senza
nulla poter tentare, poichè il canotto era rimasto fisso al ghiaccione
col raffio.

Intanto l'enorme _ice-berg_, sospinto dal vento polare, s'avvicinava
alla spiaggia rollando sempre più spaventosamente.

Gli uccelli marini che nidificavano sulla sua cima erano già volati
via abbandonando le loro uova, e dai fianchi della gigantesca massa
rotolavano, rimbalzando, gran numero di ghiacciuoli.

Era un avvertimento ben conosciuto ai marinai pratici delle
regioni artiche. Il colosso, rôso alla sua base dalle acque non
più così intensamente fredde, stava per perdere il suo equilibrio e
capovolgersi.

Dik se n'era accorto.

— Signor di Montcalm!... — gridò, facendo colle mani porta-voce. —
Fuggite!... La montagna sta per rovesciarsi!... Al canotto!... Al
canotto, signore!... —

Disgraziatamente la sua voce veniva coperta dal continuo grandinare dei
ghiacciuoli, e poi i due uomini erano tanto accaniti nella lotta da non
vedere e da non udire più nulla.

Continuavano a rotolarsi per la piattaforma, tempestandosi di pugni,
l'uno facendo sforzi disperati per non lasciarsi precipitare in mare, e
l'altro per gettarvelo.

Ad un tratto l'enorme montagna s'inclinò su un fianco tuonando, come se
nel suo seno fosse scoppiata una mina.

Le due vette descrissero sull'azzurro del cielo un grande arco,
poi l'enorme massa, che pesava quanto un'alta montagna, si rovesciò
rapidamente mentre la parte fino allora sommersa s'alzava sollevando
una immensa ondata.

Dik e Walter avevano mandato due grida d'angoscia.

— Signor di Montcalm!... —

Per qualche istante videro i due uomini, strettamente aggrappati,
sollevarsi in aria insieme alla piattaforma sulla quale lottavano, poi
non scorsero altro che una immensa colonna di acqua e di spuma da cui
emerse, con un salto immenso, la parte inferiore dell'_ice-berg_.



CAPITOLO XXV.

Il ritorno.


— Ebbene, signor Gastone, come va dunque?

— Ho un freddo terribile, mio buon Walter.

— Sfido io!... Con quel po' po' di ghiaccio che avevate intorno!...
L'acqua non doveva essere certamente calda.

— Chi mi ha ripescato?

— Quel bravo Dik. Corpo di tutti i fulmini di Giove, quell'uomo è un
vero orso marino.

Si è appena cambiato ed è corso subito fuori per cercare di trovare
l'altro, ma io non credo che sia tanto fortunato, o meglio tanto
sfortunato, poichè quel bisonte americano sta meglio in fondo
all'oceano artico piuttosto che sopra.

— Il canotto dunque?

— Si è staccato nel momento in cui l'_ice-berg_ si rovesciava ed
abbiamo potuto raccoglierlo subito essendo stato scaraventato sulla
spiaggia dal contraccolpo dell'onda.

— Che sia proprio morto, Torpon?

— Vorrei sperarlo, signor Gastone, — rispose lo studente.

Nel carrozzone, bene riscaldato, poichè la stufa, abbondantemente
alimentata, brontolava più forte che mai facendo gorgogliare il ramino
per l'acqua del _thè_, regnò per alcuni istanti un certo silenzio.

Il canadese, che si trovava coricato sul suo lettuccio, sepolto sotto
un mucchio di coperte di lana, aveva alzato la testa e pareva che
ascoltasse ansiosamente.

— Walter, che l'abbia trovato? — chiese finalmente.

— Io spero di no, — ripetè lo studente, versando l'acqua bollente nella
teiera dove aveva già messo due cucchiai di _thè_ polvere di cannone.

— Quell'uomo era pazzo.

— Era un gran birbante invece, signor Gastone. Cercava di spingervi
nell'abisso. —

In quell'istante la porta si aprì e comparve l'ex-baleniere.

— Nulla? — chiesero ad una voce il canadese e lo studente.

— Ogni ricerca è stata inutile, signori, — rispose Dik, con voce un
po' alterata. — Qualche masso deve averlo schiacciato ed il mare lo ha
inghiottito.

— Avete compiuto il giro dell'_ice-berg_?

— Sì, signore.

— Che il mare se lo tenga, — disse lo studente, alzando le spalle.
— Signor Gastone, ed anche voi Dik, mandate giù una tazza di questo
eccellente _thè_. Dopo il bagno che avete preso, vi assicuro che vi
farà bene. —

I due uomini trangugiarono a gran sorsi la profumata bevanda, poi anche
Dik si gettò sul suo lettuccio, mentre il canadese si ricacciava sotto
le coperte.

Le tenebre erano già scese con rapidità fulminea poichè ormai il sole
non si manteneva sull'orizzonte che sole tre ore.

— Dormite tranquilli, — disse lo studente, accendendo la sua pipa. — Io
vado a far la guardia al Polo dentro l'automobile.

Perdinci!... Ora che l'abbiamo raggiunto, bisogna guardare che non ci
scappi. —

E l'allegro giovanotto se ne andò mentre il cielo si tingeva tutto
d'immensi raggi bianchi, verdi, giallastri e sopratutto rossi.

L'aurora boreale illuminava il cardine settentrionale del mondo.

                             . . . . . . .

Dopo il mezzodì dell'indomani il signor di Montcalm approfittando del
mare tranquillo e di quelle poche ore di luce, s'imbarcò da solo sul
leggiero canotto per prendere possesso della montagna polare sopra la
cui cima, la sera innanzi, lo studente aveva veduto brillare la fulgida
stella dei naviganti boreali.

Arrancando di gran lena, poichè il bagno e le emozioni del giorno prima
non lo avevano affatto indebolito, mezz'ora dopo sbarcava alla base
della montagna, e su una roccia che era riuscito a scalare piantava la
bandiera francese, dicendo:

— Io prendo possesso di te, o Polo artico, che per secoli e secoli
sei stato il sogno ardente dei più arditi naviganti dell'America e
dell'Europa.

Io solo ti ho domato e sei mio!... —

Guardò la cima della montagna, guardò a lungo il mare libero che la
circondava, poi scese lentamente verso la spiaggia, balzò nel canotto
e ritornò verso i compagni, i quali lo aspettavano in preda ad una viva
emozione.

— Partiamo, amici, — disse. — Ormai non abbiamo più nulla da fare
qui. —

Poi tese loro le mani dicendo:

— Grazie: è stato per sforzi anche vostri che io sono riuscito a
raggiungere il Polo. —

L'automobile pulsava fragorosamente come se fosse impaziente di tornare
verso il sud, orgogliosa, nella sua anima d'acciaio e di fuoco, d'aver
aggiunta un'altra vittoria alle tante guadagnate dall'automobilismo su
tutte le piste del mondo.

Il sole, pallidissimo, come se fosse ammalato, si coricava rapidamente
come se s'immergesse nel mar libero polare, quando l'automobile e
la sua vettura volsero le spalle al nord slanciandosi attraverso le
isolette collegate fra di loro da banchi di ghiaccio abbastanza solidi
per reggerli.

Fuggivano temendo che le grandi nevicate li immobilizzassero sulle
terre di Grant, di Grinnell o di Ellesmore, le più fredde e le
più battute dagli uragani di tutte quelle che si stendono al di là
dell'oceano artico.

Dopo due giorni di corsa quasi continua, poichè splendide aurore
boreali illuminavano, meglio che il pallidissimo sole, quelle plaghe
desolate, il treno riattraversava felicemente lo stretto di Robison
all'altezza della baia di Markham.

Dieci ore di sosta, o meglio di sonno, poi eccoli nuovamente in corsa,
prima attraverso la terra di Grant, poi quella di Grinnell.

Il freddo era aumentato spaventosamente. L'enorme calotta polare,
formata di ghiacci antichissimi e di campi di ghiaccio sconfinati,
soffiava nebbioni e nevicate abbondanti.

Due giorni ancora ed ecco i fortunati conquistatori del Polo sulla
terra di Ellesmore, in rotta per quella di Lincoln.

Poi eccoli in gran corsa attraverso il canale di Jones, che superarono
senza provare le tremende pressioni che li avevano sorpresi sullo
stretto di Lancaster.

La benzina sfumava rapidamente, ma i grossi serbatoi del carrozzone ne
davano sempre come se fossero inesauribili.

Erano ancora ben lontani dal forte di Churchill, l'unico posto dove
potessero rifornirsi, pure non disperavano di raggiungerlo e non
completamente asciutti.

E la corsa continuava furiosa, febbrile, giorno e notte, con brevissimi
riposi, sovente fra spaventose bufere di neve, attraverso prima la
terra di Devon, poi quella di Baffin, quella di Boothia; quindi
eccoli sulle spiaggie della immensa baia di Hudson. Sette giorni
dopo giungevano finalmente, ancora con qualche centinaio di litri di
benzina, al forte di Churchill, quasi interamente sepolto sotto la
neve.

Ormai potevano considerarsi nel Canadà.

I fortunati esploratori, grandemente festeggiati da quei bravi
cacciatori e dal _borghese_, sostarono un paio di giorni al forte per
rimettersi dalle terribili prove subìte e dalle dure fatiche.

Erano giunti assai dimagriti e molto sfiniti.

La partenza pel sud infinito fu salutata da tutti i cacciatori del
forte con entusiastici _hurràh_ e con grandi scariche di moschetteria.

Quantunque non tutti i pericoli fossero cessati, poichè l'inverno
scatenava quasi ogni giorno furiose tempeste di neve, i tre esploratori
ridiscesero verso l'alto Canadà, sempre costeggiando la baia di Hudson
in gran parte gelata, poi nel basso, e ventitrè giorni dopo aver
lasciato il Polo, una bella notte calma, di luna piena, entravano in
Montreal fermandosi dinanzi la palazzina che avevano creduto di non più
mai rivedere.

— Silenzio con tutti per ora, — disse il signor di Montcalm quando si
ritrovò nel suo gabinetto da lavoro. — Per quarantotto ore desidero che
tutti ignorino, canadesi ed americani, che noi abbiamo conquistato il
Polo nord.

Poi forniremo ai _reporters_ dei giornali tutto quello che vorranno
sapere sul nuovo trionfo di queste macchine impareggiabili che si
chiamano automobili. —

Prese un foglietto di carta e vi scrisse sopra rapidamente alcune
righe, poi lo porse al suo gigantesco portiere dicendogli:

— Manda subito a _miss_ Ellen Perkins questo dispaccio.

— Subito, padrone, — rispose il colosso, uscendo frettolosamente.

Il signor di Montcalm stette un momento silenzioso, poi volgendosi
verso l'ex-baleniere disse:

— Dik, andate pure a riposarvi nella stanza che vi ho fatta preparare.
Domani mattina verrete qui ad incassare uno _cheque_ di diecimila
dollari che uniti agli altri che voi avete guadagnati in quel modo che
voi sapete, vi permetteranno di armare una buona goletta da pesca e
diventare capitano baleniere.

— Grazie, signore, — rispose Dik, curvando il capo ed arrossendo.

— Andate: anche voi avete bisogno di riposo. —

Si alzò, prese da uno scaffale una vecchia bottiglia di Bordeaux, la
sturò ed empì due bicchieri, poichè nella elegante stanzetta non era
rimasto che Walter.

— Che cosa credete che io abbia telegrafato a _miss_ Ellen? — chiese
allo studente, il quale sgranava gli occhi come per interrogarlo.

— Che _mister_ Torpon è morto, che voi avete vinta la sfida e che
attendete la sua mano, — rispose Walter.

— Davvero? — chiese ironicamente il canadese.

— Diamine!... Non avete trionfato voi? Non è morto il vostro rivale?

— Bevete, Walter: domani ne saprete di più.

— Corpo di tutti i fulmini di Giove!... Vi assicuro che non ci vedo
chiaro in tutta questa faccenda.

— Ci vedrete meglio domani, poichè quella graziosa _miss_, dagli occhi
di tigre, non mancherà di farci visita sulla sua automobile.

Le donne americane quando promettono mantengono, ma l'aspetterà una
sgradita sorpresa.

— Come?... Voi....

— Bevete, Walter, — disse il canadese, interrompendolo bruscamente. —
Ora che ci siamo perfettamente conosciuti, e che ho avuto il tempo di
apprezzare le vostre meravigliose qualità, vorrei farvi una proposta.

— Dite pure, signor Gastone.

— Voi siete venuto al Canadà per crearvi una posizione.

— È vero.

— Vi nomino, se non vi spiace, mio segretario a vita. Voi vi occuperete
delle mie immense boscaglie e delle mie segherie e comanderete da
padrone.

— Ah!... Signor Gastone!... — esclamò lo studente, allargando le
braccia.

— Sì, qua una buona stretta mio giovane amico, con cinquemila dollari
all'anno.

Ed ora, Walter, andiamo a dormire in un buon letto.

                             . . . . . . .

Alle nove del mattino, una splendida automobile di 60 cavalli, si
arrestava bruscamente dinanzi la palazzina del signor di Montcalm e
_miss_ Ellen Perkins, più bella e più fresca che mai, quantunque sotto
le spoglie poco simpatiche delle automobiliste, balzava leggermente a
terra senza l'aiuto dello _chaffeur_ e del suo aiutante.

Il gigantesco portiere, già avvertito dal suo padrone di quella visita,
la introdusse tosto nel salotto di ricevimento.

Un momento dopo il canadese entrava, salutandola con un profondo
inchino e senza porgerle la mano.

Walter era pure entrato, quasi di soppiatto, celandosi nell'angolo più
oscuro.

— Ah!... Signor di Montcalm!... — esclamò la giovane. — È dunque vero
che voi avete raggiunto il Polo?

— Ho dei testimoni, _miss_, — rispose freddamente il canadese, facendo
un nuovo inchino.

— E _mister_ Torpon?

— Riposa laggiù, nei baratri dell'oceano artico, vittima della sua
audacia.

— Morto!... Già, non aveva mai avuta fortuna quel disgraziato.

— Ah!... — fece il canadese, coi denti stretti.

— Sicchè domani tutti i giornali dell'America parleranno di voi,
diventerete l'uomo più popolare degli Stati dell'Unione e del Canadà,
e parleranno del nostro matrimonio, poichè voi avete conquistata
valorosamente la mia mano.

— Quale, _miss_? — chiese il canadese, un po' ironico.

— La mia: siete voi che avete vinto.

— Ebbene _miss_, a quella vittoria alla quale era impegnata la vostra
mano io vi rinuncio, — rispose il signor di Montcalm, con voce grave.
— Le donne che esigono delle vittime e che cercano di spingere degli
uomini ad uccidersi in imprese arrischiate, non hanno mai fatto fortuna
nel Canadà.

_Miss_, cercatevi pure un marito fra i vostri compatriotti.

— Avete detto? — gridò la giovane furente.

— Che _miss_ Ellen Perkins non diventerà mai la signora di
Montcalm. —

Ciò detto il canadese le volse le spalle e uscì dalla stanza.

La giovane spezzò con un pugno un magnifico vaso giapponese mandandolo
in mille pezzi, ed a sua volta uscì seguita da uno scroscio di risa
sardoniche del campione di Cambridge.

L'indomani tutti i giornali degli Stati dell'Unione e del Canadà
salutavano con grande entusiasmo la nuova vittoria dell'automobile e la
conquista del Polo artico.

  FINE



INDICE


  CAPITOLO I     I due rivali                      Pag. 1
     »     II    Una partita di «boxe»              »  14
     »     III   Un duello all'americana            »  25
     »     IV    I due colpi di coltello            »  41
     »     V     Una sfida grandiosa                »  53
     »     VI    L'equipaggio dell'automobile       »  67
     »     VII   I traditori                        »  79
     »     VIII  La caccia all'automobile           »  92
     »     IX    La baia di Hudson                  » 105
     »     X     Una caccia emozionante             » 120
     »     XI    Il traditore all'opera             » 134
     »     XII   Un'orgia di carne e d'olio         » 147
     »     XIII  Battaglia in mezzo alle nevi       » 160
     »     XIV   Tempesta polare                    » 174
     »     XV    L'attacco degli orsi bianchi       » 186
     »     XVI   I cacciatori della baia di Hudson  » 198
     »     XVII  Una battaglia coi trichechi        » 213
     »     XVIII Un dramma polare                   » 230
     »     XIX   La carica dei buoi muschiati       » 241
     »     XX    La caccia al treno                 » 251
     »     XXI   Le estreme terre boreali           » 265
     »     XXII  Le ultime corse                    » 275
     »     XXIII L'ultimo mammouth?                 » 288
     »     XXIV  Un duello al Polo                  » 298
     »     XXV   Il ritorno                         » 308



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Una sfida al Polo" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home