Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Col fuoco non si scherza
Author: De Marchi, Emilio, 1851-1901
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Col fuoco non si scherza" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



generously made available by Biblioteca Sormani - Milano)



  EMILIO DE MARCHI

  COL FUOCO
  NON SI SCHERZA

  ROMANZO
  _CON PREFAZIONE DI_
  GAETANO NEGRI


  MILANO
  CARLO ALIPRANDI--EDITORE
  VIA DURINI, 34


  PROPRIETÀ LETTERARIA

  _Le copie non firmate s'intendono contraffatte_.

  Milano 1901--Stabilimento Tipografico G. Mauri e C., Via Unione, 20.



È una voce d'oltretomba che ci parla dalle pagine di questo romanzo, è
la voce di Emilio De Marchi, il gentile poeta, il geniale ed arguto
scrittore, ahi troppo presto rapito agli amici, agli ammiratori, al
Paese di cui era ornamento ed onore.

La fama non ha sempre una misura perfettamente giusta nella
distribuzione de' suoi favori. Non sempre i più meritevoli sono i suoi
prediletti, e i suoi errori, ai tempi nostri, son forse più frequenti
e più gravi che nel passato. Per essere uditi in mezzo al frastuono da
cui è assordato il mondo moderno, bisogna farsi annunciare da squilli
di tromba ed aver un accompagnamento di cori. Chi parla solitario deve
rassegnarsi talvolta a lasciare che la sua voce sia soffocata
dall'onda tumultuosa dei suoni che le si innalzano intorno. Emilio De
Marchi, artista nel senso più genuino e più dignitoso della parola,
ch'altro non amava se non l'arte e la verità, non apparteneva a
nessuna consorteria letteraria; egli faceva parte per sè stesso, non
andava in cerca dell'applauso e del successo, rifuggiva da ogni
artifizio da cui potesse venire al suo nome un bagliore fallace. Da
qui la conseguenza che Emilio De Marchi non ebbe in vita il posto che
gli spettava nella gerarchia degli scrittori italiani nell'ultima
parte del secolo decimonono, mentre gli stranieri lo accoglievano con
una larghezza di spontanea ammirazione che era il più chiaro indizio
del suo grande valore.

Emilio De Marchi, in arte, era un verista, ciò che rettamente inteso
vuol dire un manzoniano. Egli fu dei pochissimi fra i discendenti del
grande lombardo a comprendere come non fosse un seguire il maestro
l'abbandonarsi ad una morbosa mollezza di sentimenti e di stile, ma lo
fosse bensì lo scrutare il vero ne' suoi più riposti avvolgimenti, per
riprodurlo con un intento altamente morale. Per questo, egli è stato,
insieme, un poeta ed un moralista.

Il tratto saliente dell'ingegno del nostro artista era appunto la
scrupolosa fedeltà al vero, fedeltà nella rappresentazione dei
personaggi e in quella dell'ambiente in cui li collocava, Nella
creazione dei tipi umani il De Marchi si_ _rivelava un pensatore
dall'anima vibrante a tutti i problemi detta vita moderna, un
psicologo che sapeva scrutare le passioni che tempestano nel cuore
dell'uomo in tutte le fasi del loro svolgimento. Tuttavia, per quanto
mirabili le analisi ch'egli eseguiva col suo scalpello provato e
sicuro, per quanto efficaci e parlanti le figure a cui egli dava il
soffio della vita, altri potrà, per questo rispetto, averlo
eguagliato, e forse superato. Ma nella pittura dell'ambiente il De
Marchi era propriamente un Maestro. La sua arte finissima e discreta
ci fa rivivere nel mondo ch'egli descrive con un'esattezza di
riproduzione veramente singolare. Il_ Demetrio Pianelli, _che
rimarrà del resto, per gli altri suoi pregi, come uno dei migliori
romanci contemporanei, è, veduto da questo aspetto, un capolavoro. Il
mondo milanese, la sua vita, le sue abitudini, il suo linguaggio,
l'aria, quasi direi, che vi si respira, tutto vi è riprodotto con
un'acutezza d'impressione che rivela l'intensità dell'osservazione. E
vi si unisce quell'arte squisita, che sa dare, nella pittura, il tocco
risolutivo dell'effetto, conservando la chiarezza del disegno e la
semplicità dell'insieme.

Quest'arte si ritrova in tutti i romanzi del De Marchi; la si ritrova
in_ Giacomo l'idealista _dove vela ed abbella una concezione di
carattere che è forse la più profonda e la più geniale di quante siano
uscite dalla mente pensosa del nostro romanziere, la si ritrova
nell'ultimo suo lavoro in_ _cui una storia triste si svolge in
mezzo a tanto sorriso di natura, a tanta trasparenza d'aria, a tanta
pace e tanto azzurro di lago e di cielo.

Lo stile del De Marchi, è limpido come l'acqua zampillante da fonte
montana e rispecchia mirabilmente lo spirito dello scrittore.
L'imagine precisa e vivace, la frase spirante un'emozione
profondamente sentita, il concetto espresso con facile eleganza, mai
nessun eccesso di parola, nessuno sfoggio di inutile virtuosità, quasi
un pudico aborrimento d'ogni lezioso artifizio, tutto ciò infonde
nelle pagine del De Marchi quel fascino che ha la bellezza quando ci
si affaccia nella sua semplice e genuina realtà.

Emilio De Marchi, mi piace ripeterlo perchè è il più grande fra i
titoli d'onore del nostro poeta, ha sempre accompagnato all'arte
l'ispirazione morale e fu guidato, in tutte le sue opere, da un
concetto educativo. Egli sentiva altamente la missione dello
scrittore, e voleva che da ogni suo libro venisse un insegnamento che,
purificando, ravvivasse i cuori. Quando egli parlava ai giovani, la
sua parola aveva un accento paternamente affettuoso. Il maestro
diventava un amico che aveva il segreto di toccar le corde più intime
del cuore. Ma l'idea morale regge ed anima non solo i suoi libri
educativi, bensì tutta l'opera sua.

Non si chiude nessun suo romanzo senza sentirsi migliori, perchè più
inclinati all'indulgenza, alla pietà_ _per le umane debolezze,
più sensibili alla simpatia per la sventura, più aperti all'influenza
d'ogni grande e generoso ideale.--

    Il fare un libro è meno che niente
    Se il libro fatto non rifà la gente

diceva il Giusti. A questa convinzione del poeta toscano, che era
anche la sua, Emilio De Marchi è rimasto fedele in tutte le
manifestazioni del suo ingegno. Artista squisito, scrittore altamente
civile e morale egli lascia una traccia duratura. Il suo spirito
rimane nelle figure viventi di cui ha popolato il mondo della fantasia
e del romanzo, rimane nei preziosi insegnamenti da lui sparsi a piene
mani lungo il cammino, ahi troppo presto troncato, della sua laboriosa
esistenza.

GAETANO NEGRI.



PARTE PRIMA.



I.

Due vecchi amici.


Cinque minuti prima dell'arrivo del battello, Beniamino Cresti era già
col suo inseparabile ombrello chiuso, che gli serviva di bastone, allo
sbarco di Tremezzo in attesa di Massimo Bagliani. Per la circostanza
il solitario misantropo del Pioppino aveva indossato un vestito d'un
grigio chiaro tutto eguale, che insieme al cappello chiaro di paglia
faceva comparire ancor più scura la carnagione del volto e delle mani
d'un color nero di terra lavorata.

Da qualche tempo i pochi amici canzonatori notavano che il solitario
ortolano del Pioppino faceva degli sforzi straordinari per essere
bello ed elegante. Ezio Bagliani, che tra i burloni era forse il più
feroce, voleva vedere in certe scarpe alla polacca che il Cresti
portava con ostentazione, una specie di dichiarazione per la bella sua
cuginetta che abitava al Castelletto. Altri nelle doppie suole e nei
talloni alti di quelle scarpe volevan vedere lo sforzo d'un uomo corto
di gambe per sollevarsi di qualche centimetro sul livello normale del
lago. Cresti lasciava dire e si limitava a sogghignare di quel sorriso
muto, che gli irritava le mandibole sporgenti senza arrivare a
muoverle: o digrignava i denti o si lasciava trascinare a pungere il
suo tormentatore col puntale dell'ombrello eternamente chiuso. In
fondo sentiva che tutti gli volevan bene e che in un momento grave
sapevan far conto dell'ortolano del Pioppino. Ezio Bagliani, per
esempio, il più dissipato di tutti, aveva più d'una volta ricorso
all'aiuto segreto di Beniamino Cresti, quando nelle sue strettezze di
studente, non osava affrontare la faccia dura di papà: e non sempre,
pare, aveva restituito con precisione. Maggiore di lui una buona
dozzina d'anni, il Cresti si permetteva di considerare l'allegro
giovinotto quasi come un suo nipote, gli dava spesso consigli brevi,
espliciti, opportuni, che non andavano sempre perduti, specialmente
quando il giovane si gloriava della sua compagnia del caffè Storchi e
del Ravellino. La vita dissipata di Ezio, i suoi rapporti costosi con
la famosa Liana non erano un mistero per Beniamino Cresti, che
deplorava spesso sinceramente che un giovine di così bell'ingegno,
ricco, simpaticissimo, perdesse il suo tempo coi _Lulù_ e coi
decadenti del Circolo dell'_Asse di cuore_, una combriccola di
eleganti malviventi.

A Massimo Bagliani, zio di Ezio, oltre a un lontano rapporto di
parentela lo legava un'antica amicizia fatta a Torino, quando l'uno
studiava all'Accademia militare e lui attendeva agli studi di legge.
Per quanto lontani d'indole e di studi, o forse appunto per questo, la
loro buona amicizia era andata crescendo col tempo e colla distanza,
che è, come vuole il proverbio, il vento che fa crescere la fiamma. Le
peripezie amorose di Massimo Bagliani l'avevano commosso:
l'ingiustizia di cui era stato vittima aveva trovato nella naturale
misantropia dell'amico Cresti un terreno preparato apposta per
germogliare.

Già poco inclinato a credere nella bontà degli uomini (e cogli uomini,
come quel predicatore, intendeva anche le donne), il caso di Massimo
ribadì nel cuore di Beniamino che un uomo è lupo all'altro e che non
si è mai tanto sicuri come quando si è soli. Per questo si era
confinato in quel suo Pioppino, lassù, a coltivare cavoli e rose.
Finiti gli studi legali avrebbe ben potuto percorrere una buona
carriera negli uffici erariali, perché non mancava di una certa
disposizione agli studi economici, specialmente nella statistica; ma
il nostro Cresti non potè mai conciliare l'ingegno col temperamento.
Mentre l'uno avrebbe voluto andar diritto allo scopo come una palla da
bigliardo sotto i colpi di un buon giocatore, l'altro, l'animale
restío e instabile, s'impuntava per ogni ombra, per ogni frasca.
Sdegnando di essere un mediocre, sdegnando le arti di riuscire,
sdegnando gl'inchini, sentendosi troppo migliore di cento altri, che
fanno fortuna, per rassegnarsi a far come loro, il misantropo del
Pioppino si era ridotto a vivere della sua rendita e a rinchiudersi
nel guscio come una lumaca. Suo padre, morendo, gli aveva lasciato
tanto da vivere bene, col reddito d'un grosso fondo sul lodigiano, una
casa a Como, e un pezzo di montagna sul lago, dove si ritirò in
seguito al suo primo disinganno d'amore, e donde non si moveva quasi
mai, tranne le poche volte che scendeva a dare un'occhiata alle sue
risaie di S. Angelo, o a vedere un carnevale a Milano. Ma un cavolo e
una rosa del Pioppino valevano per Cresti tutti i migliori prodotti
della civiltà. Nella rozza compagnia di due zitelle, dette da
cinquant'anni le _ragazze_, che erano cresciute e invecchiate con
lui, amando in lui la tradizione di una grossa famiglia ridotta a
quest'ultimo filo, si trovò sui trentasette anni, cioè quasi vecchio,
senza avere provato il piacere di esser giovane. Oltre alla poca
amministrazione della roba sua, non rifiutava qualche servizietto al
Comune e qualche consiglio gratuito ai vicini possidenti, che amano
litigare; ma faceva presto capire che preferiva d'esser lasciato in
pace. L'unica sua visita quasi giornaliera era per le signore del
Castelletto, dove restava anche volentieri a giocare agli scacchi con
Flora, colla Flora dai capelli rossi, che l'irritava continuamente con
mosse contrarie ad ogni regola di giuoco. La signorina leggeva bene
l'inglese e Cresti, che non conosceva l'inglese, le regalava
regolarmente tutti i romanzi dell'eterna collezione Tauchnitz, i più
bei Christmass illustrati che uscissero a Londra: e così tra una
partita e l'altra, passava mediocremente l'inverno. Coll'aprirsi della
bella stagione rifioriva coll'orto anche l'ortolano. Intorno alla casa
del Pioppino c'era coll'orto anche una vigna e tra l'orto e la vigna
correvano spalliere delle più belle pere, filari delle più belle rose,
due specialità in cui il signor Cresti era ritenuto insuperabile: tra
le pere un esemplare superbo di Martino Secco, buono d'inverno, era
rinomato su tutto il lago; e tra le rose famosa era una varietà di
borracine, ora così trascurate, e pur così belle nella loro gonnella
verdicina e molle e nei colori teneri di carnagione umana.

Un suono di cornetta avvertì il Cresti che il battello era in vista
alla punta del Barbianello. Massimo Bagliani, rassicurato che la sua
presenza in Tremezzina non sarebbe stata cagione di conflitti
diplomatici, aveva scritto segretamente a Cresti che sarebbe venuto il
giorno tale, l'ora tale, ma non dicesse nulla per il momento a Villa
Serena, al Castelletto e in altri luoghi, volendo prima abituarsi alla
respirazione della nuova aria e rientrare a poco a poco nelle antiche
impressioni con quella prudenza con cui si entra in un'acqua un po'
troppo fredda.

Se il Cresti apparteneva alla schiera di coloro che diffidano degli
uomini, questo signor Massimo, che stava per arrivare, apparteneva a
quella non meno numerosa di coloro che diffidano di sè stessi, cioè ai
malati di troppa riflessione.

L'uno era uno scontroso, l'altro un timido, colla differenza che c'è
fra una capra ostinata capace di cozzare, anche coi corni rotti,
contro un pilastro, e un coniglio a cui lo scatto d'una trappola fa
battere il cuore fino alla soffocazione. Il Cresti, rimasto sempre
solo, s'era rinforzato nella sua selvatichezza, che è come le squamme
per gli animali deboli. Massimo, in frequenti contatti cogli uomini e
colle cose, dopo aver viaggiato le quattro vie del mondo e preso parte
ai delicati intrighi della diplomazia, tornava a casa dopo dodici anni
d'assenza, un po' meglio dotato di quella esperienza che insegna a
compatire negli altri anche sè stesso.

Quando un nuovo suono di cornetta avvisò che il battello stava per
approdare, il cuore del Cresti si mosse sotto l'impulso di un soave
sentimento, che gli fece correre la saliva per la bocca. In questi
lunghi dodici anni, per quanto divisi dagli oceani, i due vecchi amici
non avevan mai cessato di scriversi, ed eran state lettere lunghe,
espansive, come sogliono essere quelle delle persone che parlan poco.
S'eran lasciati giovani, nel fiore della vita, e stavano per
rivedersi, non vecchi, ma al volgere di quella seconda età, che può
dirsi il settembre della vita. Le foglie non cadono ancora, ma è bene
che non piova troppo sopra le piante. Il tempo che abbrunisce le
muraglie e dà la patina al bronzo, non passa inutilmente sulla
facciata e sull'interno d'un uomo. Alcune idee e molte parole ch'eran
già fresche in giovinezza hanno ora un aspetto secco, altre prima così
care e preziose diventarono trite e frivole; la voce ha un tono più
basso e l'illusione che prima volava in un cielo spazioso, se non è
morta, vive malinconicamente in una gabbia.

Quando il battelliere sonò la campana e gridò la stazione di Tremezzo,
un signore vestito d'un perfetto costume di viaggio, con una borsetta
di cuoio a tracolla, girò il canocchiale che aveva agli occhi e cercò
di scoprire nella folla che si addensava all'imbarcadero una figura
d'uomo che gli ricordasse il vecchio amico; e quando il battello
cominciò a rallentare, provò ad agitare il fazzoletto, a cui rispose
un ombrello chiuso dalla riva, un segnale da innamorati che ebbe la
forza di farli arrossire tutti due. Massimo, dopo aver ben bene
esplorato, visto che non c'eran signore di sua conoscenza, si rallegrò
vivamente. Cresti aveva obbedito alla consegna. Un incontro improvviso
con una certa signora, lì sul ponte dello sbarco, sarebbe stata una
cosa molto imbarazzante.

Il battello appoggiò adagio adagio, scricchiolò contro i pali e la
folla cominciò ad incontrarsi sul ponticello mobile. Quasi sospinto da
essa e dai facchini che trasportavano i bagagli, il commendatore
Massimo Bagliani si trovò, non sapeva ben dire in che modo, all'ombra
d'una robinia con due mani nelle mani, davanti a un ometto vestito di
grigio, che aveva lasciata crescere una barbetta crespa sopra una
faccia di terra cotta, in cui brillavano due occhi neri, la faccia
bruna di can barbino dell'unico e invariabile suo amico Cresti. E
questi, dopo aver palpata e allacciata colle braccia la rotondità
d'una discreta pancia che dodici anni prima non esisteva ancora, si
arrampicò sull'amico colossale e volle baciarlo e farsi baciare: tutto
questo in silenzio, s'intende, come è bene di fare quando si avrebbero
troppe cose a dire. Pareva quasi che piangessero; ma bisognò occuparsi
subito del bagaglio, che un rapace portiere d'albergo pretendeva di
portar via.

Tognina--disse il Cresti a una delle due _ragazze_, che era
discesa con una gran gerla sulle spalle--prendi queste tre valigie.

La donna mise la roba nella gerla, caricò questa senza fatica sulle
vecchie spalle abituate da cinquant'anni a portar ben altri pesi e
andò avanti a battere la strada per un viottolo sassoso che si
distaccava quasi immediatamente dalla via grande presso la chiesa e si
arrampicava a scalini disuguali su per la schiena del monte.

--In questi paesi o su o giù, in piano se si può--disse finalmente
Cresti, che pareva diventato un turacciolo accanto alla massa
corpulenta del signor commendatore, che somigliava piuttosto a un
fiaschetto di Chianti.--Tu avrai dio sa che sete e che fame: ma
intanto che noi facciamo questi centotre scalini, l'Angiolina, che ci
ha visti partire dal battello, fa andare il risotto a tutto vapore.

--Centotre scalini...?--domandò l'ambasciatore con un senso di
sgomento, soffermandosi sopra uno dei primi dodici.

--Ma poi la strada va piana. Ti ricorderai dell'Angiolina e della
Tognina, le nostre due ragazze d'una volta. Questa è la Tognina.
Guardalo un po', Tognina: lo riconosci? non si è fatto più bello?

La Tognina che s'era voltata d'un terzo sopra i suoi zoccoli, colle
braccia arcuate come le anse d'una anfora, dopo aver arrossito al di
sotto della ruvida corteccia, disse colla cantilena del paese:--Stava
forse un pochetto più bene nella montura: però il tempo non gli ha
fatto male, sor Massimo.

--Sor commendatore, si dice--corresse il Cresti.

--Bisognerà pure che ci lasci parlare a nostro modo.

--Hai proprio detto centotre scalini?--chiese ancora Massimo,
fermandosi a prendere un po' di fiato all'ombra di una cappelletta
sull'incontro di tre viottoli.

--Il tempo di cuocere il risotto: abbi pazienza!

--C'eran questi centotre scalini dodici anni fa?

--C'erano, ma forse erano più dolci. Anche i sassi peggiorano col
tempo. Al Pioppino non troverai nulla di cambiato, nè un chiodo, nè
una sedia, nè una stoffa. Non manca che quella povera donnetta di mia
madre, che ho fatto portare laggiù, dove spunta quel cipresso. Era il
suo gusto negli ultimi anni di stare alla finestra a vedere il lago; e
spero di andare anch'io a mio tempo a vederlo da quel cipresso. È
stata lei che ha voluto far rinfrescare questa cappelletta e ritoccare
questa brutta Immacolata, per la quale aveva una divozione speciale. A
volte si dice: peccato non poter credere!.... Del resto qui il tempo
passa che tu non te ne accorgi. Non è scomparsa la neve che ci son le
violette; le violette cedono il posto al fiordaliso e al papavero;
questi all'uva, l'uva alle castagne, le castagne alle nebbie e al
freddo.

--E alle partite a scacchi....--aggiunse l'amico con intenzione.

--Anche--confermò l'altro, arrossendo un poco.

--Si ricorda ancora la piccola Flora di me?

--Piccola.... Tu vedrai che donnone s'è fatta.

--Sicuro, dodici anni son molti: me ne accorgo al peso di questi
scalini.

--Forse io ti faccio correre troppo.

--La diplomazia va sempre adagio nelle cose sue.

--Ha sempre questa bella pancia la diplomazia?

--Non giudicare dalle apparenze. Vorrei che il cuore fosse più giusto.
E invece fa quel che vuole.

--Tre mesi al Pioppino guariscono tutti i mali.

--Faremo i nostri conti.

Finita la scalinata, la strada prese a serpeggiare tra due muricciuoli
alti, ombreggiati dai gelsi e dalle piante di fico, che sporgevano dai
campi: salì poi un trattino dura e selciata, finchè la comitiva si
fermò a un cancelletto dipinto in rosso che metteva in un brolo, e il
brolo era attraversato nel suo lungo da un viale fiancheggiato da due
folte siepi di grossa mortella regolata e riquadrata come un
muricciuolo. In fondo a questo viale partiva una scala di cinque o sei
gradini lunghi di vecchia pietra sconnessa con grossi vasi di limone
ai lati, fino a un portichetto quasi rustico da dove l'occhio
spiccavasi liberamente su tutta quanta la superficie del lago, da
Lezzeno fino alle lontane sponde di Bellano o di Dervio, con tutto
quanto il monte Legnone per prospettiva, come se la montagna fosse
stata fatta apposta e messa lì nell'arco di quel portichetto.

--Qui è la mia officina, il mio salotto d'estate, il luogo dove faccio
i miei sonnellini, quando è troppo caldo. Quassù vedi i nidi delle
rondini che mi tengono buona compagnia: per di qua si va in cucina:
qua c'è un grottino fresco per il vin vecchio: per di qui si passa
agli appartamenti superiori, da dove la vista è ancora più larga. Ti
ho fatta preparare la stanza d'angolo che godeva la povera mamma e ti
prego, se non vuoi che vada in collera, di comandare come se fossi in
casa tua. L'Angiolina è ai tuoi ordini e tu le dirai quel che fa bene
e quel che non fa bene al tuo stomaco, se vuoi il caffè alla mattina o
la cioccolata.

Cresti non aveva mai detto tante parole in un mese quante ne disse
quel giorno, in cui sentiva moversi dentro e ronzare tutto uno sciame
di memorie di cose pensate e non dette, di sensazioni rimaste chiuse e
come sprofondate nei crepacci più oscuri della sua coscienza d'uomo
solitario e irritabile. A Massimo aveva scritto d'un certo suo
progetto in aria e Massimo era venuto per aiutare un povero uomo a
tirare abbasso questo grosso pallone, in cui viaggiava una sublime
speranza.

Flora, quella Flora dai folti capelli rossi, quella bambina che in
dodici anni si era fatta un donnone aveva ormai preso possesso del suo
cuore.... L'idea ch'egli potesse essere per Flora qualche cosa di più
d'un vecchio amico andava prendendo da un anno in qua sempre più
consistenza: e più ci pensava e più gli pareva di ribadire
quell'uncino nel cuore. E batti e batti, ormai se lo sentiva così
conficcato quell'uncino che levarlo da sè non avrebbe saputo senza
lacerarne tutta la carne. Ecco perchè aveva fatto venire un amico
dalla mano medica e delicata. Era strano, quasi inesplicabile alla sua
età (trentasette anni e mesi); ma ormai non c'era più dubbio: egli era
innamorato. Innamorato, egli, Cresti, d'una figliuola di ventidue
anni, di quella figliuola là? egli che si sentiva non vecchio
fisicamente, ma esteticamente vecchio e giunto a quella sazietà della
vita che fa parere tutto finito? Eppure era così, cari signori! e
questa passione era per lui molto più formidabile in quanto si
presentava al vecchietto con un'attrattiva nuova e sorprendente, non
come un ritorno d'un'antica primavera, non come un bel giorno di tardo
autunno, ma come un fenomeno non mai nè provato, nè previsto, con
tutti gl'incanti e con tutte le seduzioni d'un amore di sedici anni.
Egli non aveva mai amato così, a suo tempo, colpa sua, forse: ma il
rimorso di non avere saputo amare non faceva che aggiungere uno
stimolo di più a questo amore in ritardo e di riparazione.

Qualche volta egli si rimproverava questa debolezza nei frequenti
soliloqui con cui istigava se stesso.--Che vuoi che faccia di te
quella ragazza? che cosa vuoi ch'ella trovi in te, vecchio e rustico
coltivatore di cavoli? ha ben altri ideali per la testa la signorina
del Castelletto: o se per non saper far altro, si rassegnasse a
sposarti, non ci sarebbe pericolo che s'ingannasse sulle sue stesse
intenzioni e che vi trovaste ingannati a vicenda? Nel giuoco d'amore
una sola è la partita e a chi tocca lo scacco matto è suo danno.

Mille volte erasi già ripetuto queste considerazioni, stando tutto
solo le lunghe sere d'estate sotto il portichetto del Pioppino
coll'occhio fisso alla torretta merlata del Castelletto, finchè le
case alla riva s'immergevano nelle tenebre e nella luce d'una finestra
vedeva passare o credeva di veder passare un'ombra. Di questi suoi
scrupoli aveva riempite le ultime lettere a Massimo Bagliani che s'era
mosso anche per questo, uscendo da un esilio che, secondo il decreto,
doveva essere perpetuo.

La stanza assegnata al signor commendatore era la più grande della
casa, forse fin troppo sfogata e larga, con quattro finestre che
davano sul lago e sul monte, arredata di vecchi mobili nei quali sì
specchiava la luce. Le pareti erano dipinte a calce con strisce rosse
intrecciate a rombi in ciascuno dei quali era scarabocchiato un
fiorellino celeste, lavoro paziente del vecchio Bargella di Bellano,
un imbianchino celebre di cinquant'anni fa, annegato, chi dice
nell'acqua chi dice nel vino, un giorno di sant'Anna dopo una famosa
baldoria.

Quantunque una vasta tavola rotonda occupasse il mezzo di quello
spazioso ammattonato a spina di pesce, c'era ancor posto in giro per
una processione. Molti quadri e vecchie stampe occupavano le pareti,
tra gli altri il ritratto d'un altro Beniaminus Crestus, notaio
camerale, morto a Como nel 1771, che sotto una zazzera imponente
accusava anche lui un musetto di buon cane barbino.

Una grande incisione della scuola del Piazzetta rappresentava Amore
nella fucina di Vulcano nell'atto che ritrae la mano scottata dalla
vampa.

O che non sapeva il piccolo tormentatore dei cuori che il fuoco
scotta? il Dio e i ciclopi ridono di lui mentre le lagrime scendono
sul bel volto del più crudele dei numi.

--Un per volta ci si scotta tutti...--disse il Cresti, indicando a
Massimo la vecchia stampa, a cui attribuiva qualche valore.

--Col fuoco non si scherza--commentò l'amico.

--Eh.... lo so--disse l'altro, tirando lungo il respiro.

Le due _ragazze_ avevano preparato un magnifico letto coi
lenzuoli che sentivano di lavanda, col famoso piumino stato messo
insieme a pezzi e bocconi dalla povera signora Caterina durante
l'ultima sua malattia coi frastagli del suo vestito da sposa. Ai piedi
era un soppedaneo immenso, tutto verde come un prato, su cui
spiccavano due pantofole d'un rosso fiammante.

Beniamino corse a spalancare la finestra e:

--Guarda--disse con un sentimento d'orgoglio, come se ci avesse
qualche merito nella bella vista.--Ecco Lenno, Azzano, Mezzegra e là
in quel verde, villa Serena.

--Dove, dove? chiese subito l'amico, facendo canocchiale col pugno.

--Laggiù alla riva, quel gran giardino colla balaustrata. _Infandum,
regina, jubes renovare dolorem_. Ci andremo domani.

--Domani no; è troppo presto.

--Andremo quando ti sentirai in forze. Non la troverai molto mutata,
perchè queste donne tranquille non invecchiano. Sono i nervi che fanno
soffrire.

--Mio nipote sa che devo arrivare?

--Glie l'ho detto: e non desidera che di abbracciare il suo caro zio
d'America.

--Credi ch'egli sia a parte di quel che è passato tra me e suo padre?

--Ho tutti i motivi per credere che non sappia nulla: a meno che non
abbia trovato qualche lettera tra le carte del defunto.--E guarda un
po' anche da questa parte--disse il padrone di casa, aprendo l'altra
finestra verso levante. I più grossi paesi di Tremezzo e di Cadenabbia
eran lì immediatamente sotto i piedi, coi loro alberghi, coi loro
tetti accostati e sovrapposti, congiunti da una sottile collana di
ville incastonate nei verdi giardini, tra cui, sopra un minuscolo
promontorio, il Castelletto colla sua brutta torretta dipinta,

La colazione servita nel salotto che dava sulla parte più fiorita del
giardino fu veramente degna di un diplomatico, e le ore passarono come
un sogno nel riandare le centomila cose passate, quelle morte, quelle
che non avevan potuto nascere e che avrebbero dovuto nascere meglio.
Dopo aver fatta una visita alle pere e alle rose, all'ombra di due
grandi cappelli di paglia, il signor commendatore accettò volentieri
il consiglio di ritirarsi in camera a fare un sonnellino. C'era a
questo scopo una poltrona grande come un bagno, aperta come la
misericordia di Dio, nella quale Massimo si raccolse per prendere il
volo verso riposati lidi, mentre le foglie delle piante battute dal
vento mandavano un barbaglio di ombre attraverso alle gelosie sopra il
soffitto e sulla rosicchiata cornice del vecchio notaio.

Le cicale cantavano a tutto cantare nella lenta e calda quiete di
quella giornata di agosto.



II.

Due amici giovani.


Sonava la mezzanotte a S. Giovanni di Bellagio, quando Ezio Bagliani e
il contino Andreino Lulli, detto anche Lolò, sfuggendo alla baraonda,
scioglievano il canotto dagli anelli della darsena e si staccavano dal
piccolo molo del Ravellino.

Dal Ravellino a Villa Serena, a lago tranquillo, è una traversata di
una mezz'ora o poco più; ma per i due giovani, che uscivano caldi
dalla baldoria e che avevano da mettere d'accordo l'acqua un po'
grossa del lago col vino bevuto a tavola, fu impresa alquanto più
complicata.

--Vuol dare a intendere che è Sciampagna di dodici lire.... brontolò
Ezio Bagliani, continuando un discorso già avviato nel giardino.

--È del vin d'Asti malvestito in carta d'argento--soggiunse don
Andreino, che andava cercando suoi remi in fondo al canotto.

Dalla voce rauca e sepolta si capiva che Asti o Sciampagna ne avevano
bevuto un poco più della loro sete. C'era nel loro confuso
risentimento anche un segreto rancore contro un così detto _Cognac
tre stelle_, che don Erminio Bersi aveva travasato agli amici senza
economia. Lolò mezzo istupidito, per quanto annaspasse colle mani, non
riusciva a discernere il capo dalla coda de' suoi remi: e rideva,
rideva della sua incapacità d'un bel ridere fatuo, in faccia alla luna
che bianca e tonda versava sull'acqua una bella luce tremolante.

Tutte le cime dei monti che circondavano il lago si disegnavano nitide
sul cielo: in fondo il Legnone e la Grigna, due colossi, che parevano
ingranditi in una misteriosa trasparenza, e più avanti gli altri monti
più modesti, dai nomi meno conosciuti, dalla fisionomia meno
espressiva, che versavano i loro fianchi ossuti nei golfi oscuri,
densi di ombre e di secreti.

Nella spaccatura della Val d'Intelvi disegnavasi nel palpito lunare
una specie di scena interna, profonda, in cui dominava come su un
altare il Santuario di Sant'Anna.

Tutta la bella Tremezzina era lì spiegata in una sfilata di case
immerse nella gran pace dell'ora notturna, solenne, tremolante di
sogni.

--Lavora, fannullone--comandò Ezio Bagliani che nella sua qualità di
vice-presidente della Società dei Canottieri era detto anche il
vice-ammiraglio. E per essere più sciolto si tolse la giacca e il
cappello, che buttò sul sedile di poppa.--Andiamo, in quattro colpi
siamo al di là.

--Sento una zampa d'aragosta che mi graffia lo stomaco--sogghignò don
Andreino, che alle prime ondulazioni del canotto credette veramente
che qualche cosa di vivo si movesse in mezzo allo Sciampagna. Non
riuscendo nè di reggersi, nè di star seduto sulla banchina, andava
brancicando in ginocchio tra le assicelle del legno in traccia d'una
pipa che gli era sfuggita dal taschino e di cui non poteva più far
senza.

Il suo compagno, più forte, più superbo, dopo aver cercato di dominare
il suo vino col dirne male, afferrò i remi e colla salda vigorìa de'
suoi ventiquattro anni, riattivata l'energia dei muscoli e svampati i
bollori al soffio dell'aria frizzante, cominciò a battere l'onda con
colpi lunghi e ben assestati, che fecero volare il canotto riluttante
tra i larghi cumuli d'acqua, resi pesanti da un contrario venticello
di tramontana.

All'improvviso un colpo di pistola risonò nel grave silenzio a
risvegliare gli echi più addormentati della montagna.

--È ancora quella pazza ubbriaca di Vera che tira ai palloncini:
finirà coll'ammazzare qualcuno, se non la fanno smettere--disse Ezio.

Sul terrazzo del Ravellino dondolavano al vento gli ultimi palloncini
d'una illuminazione giapponese che don Erminio Bersi aveva allestita
in onore degli amici e di certe sue amiche, mentre or sì or no
venivano sui voli d'aria gli ultimi schiamazzi della baldoria.
Rovinato nel credito, diffidato dai parenti, perseguitato dai malvagi
creditori don Erminio Bersi a trent'anni, messo nel bivio o
d'imbarcarsi per l'America o di sposare le ottocentomila lire d'una
Pezzani di Codogno, un nome quasi glorioso nell'industria del
formaggio, aveva preferito le ottocentomila lire; ma prima di dare un
estremo addio al mondo e alle sue pompe aveva voluto radunare
un'ultima volta al Ravellino gli amici dell'_Asse di cuore_ e gli
altri ch'eran soliti ritrovarsi con lui d'inverno nelle sale superiori
del Caffè Storchi a Milano, cioè oltre a Ezio Bagliani e ad Andreino
Lulli, Tito Netti, Filippino Doria, il marchese Schiavi e le più
ragionevoli loro amiche, tra cui Vera Spino, Liana detta la Spagnuola
e quella patetica Gismonda, mima simbolica, come dicevano gli
adoratori, bellezza trasparente che morì tisica a San Remo, dopo aver
rovinato un paio di principi russi.

Nelle sale del Caffè Storchi i compagni dell'_Asso di cuore_ non
pretendevano di far dell'accademia, nè della politica, nè
dell'economia sociale; ma semplicemente divertirsi nel miglior modo,
ciascuno secondo i propri mezzi e le proprie facoltà. Vi si cenava
spesso dopo i teatri, vi si facevano dei giuochi atletici, della
ginnastica svedese, dello sport da camera, vi si giuocava a scopa, a
bezigue, perfino alla briscola plebea: vi si declamavano delle
concioni e dei versi, si cantava, si miagolava su un disperato
pianoforte, vi si facevano insomma delle allegre goffaggini in mezzo
al fumo degli avana e delle pipette di gesso all'unico intento di non
sentire il peso della noia, che facilmente strapiomba su chi ha poco
da fare e nulla da pensare. Tutto era permesso, tranne il dire una
cosa troppo seria e troppo sensata. Chi si fosse lasciato scappare di
bocca una sentenza o un proverbio con intendimento pedagogico doveva
pagare o scontare il delitto con qualche speciale supplizio. La notte
che arrivò il telegramma che annunciava il disastro di Dogali, per non
lasciarsi traviare a sentimenti di troppa commozione, Filippino Doria
comandò gli esercizii militari e per una mezz'ora condusse intorno al
biliardo la schiera degli Ascari ammantati in bianche tovaglie, col
viso dipinto di cioccolata, finchè fu decretata la morte di Ras Alula
nella persona di Lolò, cioè del contino Lulli. Gli fecero una testa
africana col nero fumo, lo addobbarono di tovaglioli e punf.... lo
fucilarono con le stecche. Liana per simulare il sangue gli versò nel
colletto della camicia una mezza bottiglia di vin di Barolo.

A parte questi giochi eran del resto tutti buoni figliuoli; buoni,
s'intende, a far nulla; ma già qualcuno cominciava a capire che a
questo mondo non si è venuti soltanto per far delle schiocchezze.
Erminio Bersi stava per prender moglie; Ezio Bagliani carezzava l'idea
di finire i suoi studi legali e di pigliarsi una buona volta la sua
laurea a Genova o a Pisa. Don Andreino, trascinato nell'orbita di suo
cugino deputato, il conte Andrea della Roncaglia, mescolava alle
corse, alle regate, un po' di sport elettorale e qualche sua personale
velleità politica,

--Sei proprio in collera del tutto con Liana?--chiese don Andreino,
quando dopo infiniti patimenti ebbe finalmente infilato il remo in una
forcella.--Mi ha detto che tu le fai un gran male,

--Ne ho gusto.

--Non vuoi proprio più saperne di lei?

--Non si è già consolata abbastanza col suo americano?

--L'americano è un ripiego.

--Sai quel che mi ha fatto a Nizza?

--Lo so: ma tu sei troppo feroce, Ezio.

--Vada a farsi benedire. Mi ha seccato abbastanza. E poi ho bisogno di
far giudizio quest'inverno.

--Ho capito--soggiunse Lolò quasi piagnucolando--vuoi prender moglie
anche te. Allora io faccio il deputato.

--Bada, tieni a destra. Vedo laggiù al Castelletto la finestra di mia
cugina Flora ancora illuminata. Andiamo ad augurarle la buona notte.

--Due minuti dopo il canotto ballonzava sotto il terrazzo d'una
modesta casa posta a picco sul lago sostenuta da tre archi di muro e
coronata da una torricciuola merlata dipinta a striscie rosse e nere,
che giustificava agli occhi della gente il nome di Castelletto. Per
quanto umile e goffa nella sua struttura di pasticcio mal riuscito,
tuttavia all'indulgente raggio della luna anche quel vecchio rudere di
casa colorata, chiusa tra un cipresso da una parte o un gran ciuffo di
oleandri dall'altra, aveva la sua modesta poesia.

--Ohe, Flora...--gridò Ezio, intonando il _deh vieni alla
finestra_ del Don Giovanni. La finestra illuminata si aprì e dalla
porta a vetri uscì sulla terrazza la ragazza dai capelli rossi, in una
vestaglia chiara, che il raggio candido della luna avvolse d'una luce
patetica.

--Che fate in giro a quest'ora, vagabondi? gridò Flora.

--E tu che cosa fai al mesto lume della lucerna?

--Sto copiando quella tua dissertazione di laurea. Sai che il tuo
gobbetto ha una scritturaccia da gallina?

--Ti presento don Andreino Lulli, una grande autorità sportistica e un
futuro uomo politico.

--Per celia, signorina--corresse il contino agitando il cappello.

--I vostri schiamazzi dal Ravellino arrivano fin qua, Chi è che giuoca
al bersaglio?

--Vogliono ammazzare la luna.

--È una vergogna, a quest'ora.

--La mamma sta bene?

--Dorme.

--Non logorarti troppo gli occhi per me, povera Flora. Domattina sei
in casa?

--Sempre ci siamo.

--Mi pigliate a colazione? ma _sans-gêne_; due uova, due fette di
salame e un caffè nero. Vedremo di leggere insieme qualche pagina di
questo malaugurato scarabocchio.

--Va bene: alle nove?

--Alle nove. Addio, Flora...

--Addio--rispose Flora, alzando la voce per seguire il canotto che si
allontanava come una freccia: e le parve che un piccolo eco nascosto
in qualche crepa del monte opposto ripetesse di là del lago;--Addio....

       *       *       *       *       *

Villa Serena nel seno più interno della riva spiccava solitaria nel
giardino vasto e oscuro, che l'abbracciava tutta nelle sue ombre
profonde. Era una casa aperta sul lago con terrazzo a lunga balaustra
di pietra bigia, ornato di grossi vasi di sasso, colla facciata d'una
gravità signorile senza pompa e senza leziosaggini, una casa ancora
senza storia, che Camillo Bagliani, il padre di Ezio aveva acquistato
poco prima della morte della sua prima moglie. Vi aveva poi condotta
la seconda moglie, Vincenzina, vi aveva raccolto le sue memorie e vi
era morto anche lui da poco tempo, dopo aver passato gli ultimi anni
di vita in uno stato di lenta paralisi sul balcone della camera che
prospetta il piano più vasto del lago.

Ezio vi era, si può dire, cresciuto negli anni più belli della sua
giovinezza e dopo la morte del babbo considerava Villa Serena come il
rifugio delle sue idee migliori. Per rispetto a donna Vincenzina, sua
seconda madre, l'eco dello gazzarre del Ravellino non vi doveva
nemmeno arrivare e dagli amici suoi, tranne questo contino Lulli, che
aveva una specie di salvacondotto nel titolo e nell'onorabilità del
nome, nessuno altro era mai stato introdotto tra le ombre oneste e
tranquille di quell'angolo invidiato. Ezio sapeva e voleva che gli
altri avessero a distinguere tra il compagnone allegro e il padrone di
casa. I piaceri della vita non l'ubbriacavano mai fino al punto di
fargli perdere il sentimento de' suoi doveri, e in questa specie di
governo di se stesso era la sua forza e la sua superiorità su tutti
gli altri che gli facevano la corte. Questo senso di orgoglio lo
faceva parere molte volte duro e aristocratico ai democraticoni della
gazzarra, pei quali lo stravizio non ha bisogno di guanti e nemmeno di
brache: ma Ezio voleva essere aristocratico, e sapeva di esserlo,
magnificamente, quando era il caso. Quarantamila lire di rendita ben
amministrata gli potevan concedere questo lusso.

Il canotto con una giratina magistrale imboccò l'arco oscuro della
darsena e andò ad arrestarsi ai piedi della scala che mena al
giardino. Ma il luogo era così buio che lo sbarcare non fu cosa
facile. Ezio saltò a terra per il primo, tirò il legno a riva, lo
legò, a tastoni, colla catena, bestemmiando contro quell'animale di
Moschino che non era venuto incontro colla lanterna. Accese un
zolfanello per rompere l'oscurità e alla fiamma che rischiarò l'antro
vide il ragazzetto seduto sulla scala, addormentato, colla lanterna
morta tra le gambe.

--Aspetta, lazzarone!--brontolò, frenando con fatica la voglia di
farlo rotolare nell'acqua. E presa uno ciotola di legno, di quelle che
servono a vuotar le barche, la riempì fino all'orlo e versò tutta
l'acqua sulla testa di Moschino, che gettò un urlo di spavento. Il
battesimo discese e serpeggiò fresco fino in fondo alla schiena.

--È così che tieni il lume acceso, pigro animalaccio?--gridò il
padroncino, mentre il disgraziato si dibatteva nei panni
bagnati.--Alza il lampione, se non vuoi che con un calcio ti butti
dentro.--Il ragazzo che conosceva per prova le furie del signorino, si
alzò grugnendo, levò il lampioncino di vetro: ma l'acqua aveva così
bagnato il lucignolo che si dovette rinunziare a ogni tentativo di
accenderlo.

Bisognò far di necessità virtù, arrabattarsi al buio e persuadere
Andreino a uscir dalla barca: ma nel frattempo Lolò s'era
beatissimamente addormentato nel fondo e giaceva come un sacco di
cenci. Abbruciandogli due o tre zolfanelli sotto il naso, Ezio potè
richiamarlo un poco ai sensi e persuaderlo a lasciarsi tirar fuori: ma
il contino che sentiva la zampa dell'aragosta grattargli l'ugola,
cominciò a piangere sulla sua sventura e a dichiarare d'essere il più
vile vermiciattolo che si nutra di fango e altre di quelle
melanconiche amarezze, da cui son presi i nobili spiriti che hanno
un'aragosta e del cattivo Sciampagna sullo stomaco.

Colle buone e colle brusche Ezio, che in queste tragedie non era alle
sue prime prove, potè finalmente schiodarlo dall'asse, impedì che il
più infelice degli uomini tuffasse le scarpette nell'acqua buia della
darsena, lo tirò sulla scala e a urti e a spintoni lo condusse per
l'oscura galleria alla luce del giardino. Era un peccato che don
Andreino non fosse in grado di ammirare la mite bellezza e l'incanto
della luce lunare, che stendevasi come un lenzuolo bianco sul
piazzaletto ghiaioso e gocciolava in vaghissime falde di neve
nell'ombra dei viali senza riuscire a dissiparne l'oscurità,

Tra una massa densa di cupe conifere e una parete di mimose, d'aloè,
di bambù, l'oscuro e tortuoso sentiero conduceva alla casa dove tutti,
fortunatamente, dormivano in quell'ora piccina, nella calma profonda
in cui il batter lento dell'onda pare anch'esso il respiro della notte
addormentata.

Don Andreino un po' sostenuto, un po' trascinato dalla mano robusta
dell'amico, non cessava di ripetere quel che aveva già detto le cento
volte, cioè, ch'egli era il più miserabile degli uomini, più vile del
più vile vermiciattolo che mangi il fango della terra: e ogni qual
tratto faceva il tentativo di fermarsi per dichiararsi indegno di
riporre il piede sotto il tetto ospitale del più generoso degli
uomini. Alle parole seguivano teneri abbracci, singhiozzi e vere
lagrime di tenerezza, a cui Ezio non sapeva opporre che frasi sorde
come queste: Sta zitto, asino: non svegliare quei di casa. Sì,
vermicciattolo, taci che ora ti mettiamo a letto.

Moschino corse in cucina a prendere un lume e per la scaletta di
servizio venne fatto a tutti e due di spingere il giovine ubbriaco
fino a una stanzina, che di solito serviva al guattero di casa. Lolò
cadde sul letto, su cui Ezio distese un coltrone e lo lasciò
mormorando: Ora ne hai fino a domani sera.

Moschino accompagnò il padroncino fin sulla soglia della stanza e
tornò a cercare il suo letto. Nello strapparsi di dosso i vestiti
bagnati, che mandavano un forte odore di pesce, mormorava:--E dicon
porci a noi!--Ma il sonno scese presto a dissipare ogni rancore. Anche
Ezio si addormentò presto, rotto com'era dalla fatica: e non sognò che
un chiarore vago di luna in cui una voce, la voce di Flora, andava
leggendo qualche cosa ch'egli non riusciva a capire.



III.

Studi severi.


Non si svegliò prima delle sette e il suo pensiero corse subito alla
promessa fatta a Flora.

Sonò. La vecchia Bernarda gli portò l'acqua ed il caffè.

--Dirai a don Andreino, quando si sveglia, che mi raggiunga verso le
due alla Boliviana, dove si radunerà il comitato delle regate.

Saltò dal letto e compiè la sua toeletta, dopo aver deterso colla
spugna nell'acqua diacciata tutto il suo corpo di elegante atleta, che
strofinò colla canfora e coll'aceto profumato. Quando si sentì
ripulito da tutti i fumi dell'orgia, si vestì della biancheria fresca
di bucato, che mandava un buon odore di ireos, spalancò le gelosie
verso il lago per lasciar entrare tutta l'aria e tutta la luce della
mattina,

Il lago era un tranquillo raso celeste senza una piega da questa
all'altra sponda. Per la china dei monti scendeva a pezze disuguali il
sole dorato a illuminare il vario verde dei boschi e le capanne più
alte, mentre una rara nebbiolina vagolava sui fianchi più bassi e
sulle rive che sentivano ancora qualche brivido della notte. Poche
barche di pescatori parevano immobili nello specchio, tra cui veniva
sbuffando il battello della mattina, che lasciava indietro un
pennacchio di fumo.

Il giovane respirò a grandi fiati la freschezza dell'atmosfera e
mentre si spazzolava i capelli corti alla repubblicana, sentì il
bisogno di far eco zufolando ai gorgheggi delle capinere e dei merli
che popolavano i boschetti. Il profumo caldo dell'_Olea fragrans_
veniva dagli sterrati del giardino, che tocco dal primo raggio del
sole, che sul lago sorge tardi, schiudeva i suoi verdi, da quello
scuro dell'_abies nigra_, al verde smunto del deodara, a quello
paglierino del bambù e al verde luccicante e bagnato del lauro ceraso
e della magnolia. E tutta questa festa di verde veniva sbattuta dal
riflesso del lago, che faceva luminello sulle pareti della stanza.

Questa era stata già del suo povero babbo. Qui il brav'uomo aveva
languito gli ultimi mesi, qui era morto. Vicino a questa camera si
apriva lo studio vasto, ancora arredato da solidi scaffali, pieni di
libri e di carte, e popolati dei cento oggetti che parlavano della sua
vita e delle sue opere. Tra due scaffali un busto di marmo lo
rappresentava nel vigore degli anni e della fortuna, quando su
proposta di Quintino Sella, che aveva avuto di don Camillo Bagliani
un'alta opinione, era stato mandato prefetto in Sicilia in un momento
di grave pericolo sociale. E in un quadro era esposta tutta la
raccolta delle sue decorazioni, che cominciavano con una piccola
medaglia commemorativa della battaglia di Palestro e finivano colla
commenda dei SS. Maurizio e Lazzaro.

In faccia al busto del babbo, nello spazio tra le due finestre, in una
ricca cornice d'oro pendeva il ritratto a olio di sua madre, la povera
contessa Saulina di Pianello, una bellezza dolce e delicata, scomparsa
troppo presto tra gli strazi d'un lento esaurimento nervoso.

Questo era per Ezio come un santuario: e quando, sottraendosi alle
dissipazioni della vita esterna, poteva raccogliersi una mezza
giornata tra le sacre memorie e metter le mani nella corrispondenza di
suo padre, il giovane Bagliani sentiva dentro di sè quasi un senso di
ribellione contro la miseria di quel suo vivere, tra gente fatua, che
nel suo orgoglio istintivo sentiva di stimare meno dei cani.

Fu in uno di questi momenti di resipiscenza che pensò di romperla con
Liana, una vagabonda che pretendeva di comandargli e che gli aveva già
fatto molte scene disgustose: e da tre mesi si vantava in cuor suo di
saper resistere alle tentazioni. Anche il desiderio di dar l'ultimo
colpo a' suoi studi e di prendere un titolo accademico secondo il
desiderio del povero babbo, andava parlandogli in cuore come un
rimorso.

Tra le molte disuguaglianze di spirito che la natura gli aveva
regalato c'era in Ezio un fondo massiccio d'orgoglio che gli impediva
di scendere fin dove il fango arriva agli occhi. Avveniva che dai più
irregolari eccessi, quasi per rifarsi un credito davanti a sè, si
chiudeva come un bimbo cocciuto per quindici o venti giorni in camera,
dove si dava a studiare a più non posso, come se dovesse pubblicare un
nuovo Digesto.

Da un mese era in questo periodo di penitenza e di esercizi spirituali
e, se aveva ceduto una notte all'invito di Erminio Bersi, sentiva di
esserne tornato ancor più sazio e ancor più convinto che la vita non
può essere soltanto in fondo ai piaceri.

Per far venir l'ora di andare da Flora, tolse il violino dall'astuccio
e corse una mezz'ora sulle corde, ripetendo a memoria tutte le scale
degli esercizi che da cinque o sei anni tormentavano il vecchio
strumento. Per quanto la naturale disposizione l'aiutasse, il nostro
filarmonico non aveva mai saputo uscire da quella mezza capacità, che
fa desiderare e rimpiangere l'altra mezza. Forse aveva ragione di dire
il suo maestro Pazzini che i topi avrebbero fatto più presto a
rosicchiare lo strumento di quel che Ezio Bagliani a studiarlo. Ma
quel poco, così frammentario e rappezzato, gli serviva qualche volta a
ingannare il tempo, quel benedetto tempo che in fondo, come si dice, è
galantuomo e non merita di essere ingannato.

       *       *       *       *       *

Prima delle otto al Castelletto era già tutto in ordine e nitido come
uno specchio. Dalle sei alle sette Flora nella brezzolina fresca, che
veniva dal lago, aveva finito di copiare la grossa dissertazione sulla
_Complicità_, che per settanta lire Ezio aveva acquistata da un
povero storpiatello di studente, bisognoso e bravo in questi studi
come un Cuiacio. Con quattro raffazzonature di stile gli aveva data
apparenza di roba nuova e sperava con quattro ciarle di darla a bere
ai professori della Facoltà, che hanno delle dissertazioni,
specialmente di quelle grosse, un rispetto quasi istintivo che lì
dispensa spesso dal leggerle. Flora aveva dovuto lottare un poco per
decifrare gli sgorbi d'una scrittura storpia come il suo autore. Tutto
quel gran latino ch'essa non capiva, tutte le citazioni giuridiche e i
commenti ermeneutici che avrebbero fatta la disperazione d'un
cancelliere, s'eran trasformati, passando sotto la sua penna di
acciaio, in una magnifica scrittura violetta, aperta, slanciata,
decorata di fregi e di svolazzi che gli eguali non avevano mai veduto
i parrucconi dell'Università.

Dalle sette alle sette e mezzo era scesa in giardino a innaffiare i
quarantacinque tra vasi e vasetti della sua botanica e a dar da
mangiare alle quattro galline del pollaio. Aveva portato il caffè in
camera alla mamma e combinato con lei una lista per far onore al quasi
cugino di Villa Serena, che si degnava di venire a colazione al
Castelletto. Si stabilì che alle due uova si dovesse aggiungere una
costoletta di montone, un caffè e panna e un piatto di fichi
primaticci. In quanto al vino si poteva far prendere all'osteria un
certo bianco non troppo brusco che Ezio aveva una volta portato alle
stelle.

Dati gli ordini alla vecchia Nunziata, Flora preparò la tavola sul
terrazzo in ombra con quanto vi era di più bello e di meno scornato
nella dispensa: e verso le otto si ritirò in camera a lavarsi e a
pettinarsi. De' suoi tre vestiti più presentabili scelse uno di
percalle celeste a fiorellini bianchi senza cintura, chiuso con una
semplice arricciatura intorno al collo: un abito di carattere
infantile, che la faceva parere più alta e più leggera. Que' suoi
folti capelli color del rame (checchè si dica contro il rosso) non
istavano male sopra il percalle scolorito, che oltre a scendere con
pieghe morte e lunghe, come si vedon dipinti certi angeli di frate
Angelico, coi capelli d'oro, aveva il vantaggio di nascondere un paio
di stivaletti non troppo in armonia tra loro.

Mai il tempo non le era parso così lungo e abbondante come quella
mattina! o le mani lavoravano troppo in fretta o troppo in fretta
lavorava il suo pensiero. Dacchè Ezio aveva ripreso a frequentare il
Castelletto col pretesto della _Dissertazione_, qualche cosa
d'insolito era entrato nella vita scolorita ed eguale della casa, che
da cinque o sei anni dormiva nella pigrizia delle loro padrone. Flora
aveva riaperto il vecchio pianoforte, detto il trappolone, e procurava
di farlo stridere meno orribilmente sotto le sue dita di acciaio. Un
po' meno di polvere si accumulava sui mobili e qualche ragnatela di
meno intorbidava il ritratto della nonna Celina sul fondo slavato
della tappezzeria di carta color ulivo.

Quantunque Ezio non fosse per Flora che un cugino posticcio, perchè la
zia Vincenzina non era che una seconda madre per il giovane, tuttavia
i due ragazzi eran cresciuti, si può dire, insieme all'ombra delle
stesse piante; e si trattavano col tu, sebbene la diversità della loro
condizione sociale e gli anni passati da Ezio all'università li avesse
separati più di quel che fosse nei loro gusti e nei loro intendimenti.

       *       *       *       *       *

Il Conte Stanislao Polony, padre di Flora, di antica famiglia di
Varsavia, era venuto giovanissimo in Italia col celebre poeta Adamo
Mickiewicz a offrire il suo braccio alla nostra causa nazionale e dopo
aver combattuto nelle cinque giornate di Milano, era stato con altri
polacchi incorporato nell'esercito sardo. Aveva col grado di capitano
combattuto in Crimea e nel cinquantanove era stato nominato colonnello
sul campo. Dopo la pace di Villafranca sposò Matilde Stellini, figlia
d'un modesto impiegato della Tesoreria provinciale, la quale lo
consolò presto col dono di una bella bambina dai capelli d'oro, i
capelli della nonna Celina. Scoppiata la guerra del sessantasei, il
conte Polony fu tra le prime file e cadde colpito al cuore alle prime
cariche alla testa del suo battaglione, lasciando la moglie e la
bambina in qualche strettezza.

I beni dell'antica famiglia erano stati confiscati fin dal dì che i
Polony s'eran mescolati ai moti politici del loro paese. Anche la
nonna Celina, che ora guardava dal di sopra del pianoforte con uno
sguardo tenero, dentro la sua vecchia cornice tarlata, anche questa
figurina minuscola dai labbri rosei e dai cappelli di fuoco aveva
rappresentata una parte tragica negli avvenimenti e nei rivolgimenti
della patria. Donna di singolare energia, accesa di santa fiamma per
la causa nazionale, inscritta ad una società segreta, la sua manina
delicata aveva saputo assestare una pugnalata mortale al Commissario
della polizia russa nell'uscire una notte in mezzo a una frotta di
maschere dal teatro dell'opera: e così aveva creduto di vendicare il
marito, il conte Vladimiro Polony, che i Russi avevan fatto morire
sotto le verghe. Storie d'altri tempi e d'altri cuori, che sembrano
leggende d'un altro mondo al nostro stanco quietismo; ma Flora che
aveva letto questi casi in un opuscolo stampato a Parigi, dove la
contessa Celina era morta in una dignitosa miseria, non poteva
guardare in faccia alla scolorita immagine della nonna senza provare
nel sangue un piccolo fremito d'orgoglio. Della antica grandezza di
casa Polony non ora rimasta che quella cornice d'oro sbiadito, e una
cassettina misteriosa che conteneva un pugnaletto sottilissimo e un
piccolo guanto di donna tinto di sangue. Ma al fasto delle memorie
poco, troppo poco, corrispondeva la tenue pensione che il governo
aveva assegnata alla vedova del colonello Polony, e se la zia
Vincenzina non fosse venuta spesse volte in soccorso della sorella più
povera, troppi giorni tristi avrebbero amareggiata la vita delle due
derelitte. La zia, entrata in una casa ricca, provveduta d'ogni bene,
non lasciò mai di giovar loro fin dove il soccorso non paresse
confinare coll'elemosina. Per loro aveva presa a pigione questa
piccola e sconclusionata casa detta del Castelletto, in cui le Polony
per economia passavano anche l'inverno. Nei mesi buoni amava avere con
sè la nipotina a Villa Serena, che la rallegrava colla sua vivacità: o
andava essa stessa a passare qualche ora ogni giorno al Castelletto
quando la sorella, già molto scossa dalle frequenti artriti, non si
arrischiava di affrontare i soffi dell'aria.

A questa loro sorte le Polony s'erano ormai abituate. Gl'inverni così
tiepidi sul lago facevano meno sentire alla madre il tormento dei
vecchi dolori che l'obbligavano quasi a un perpetuo ritiro: e in
quanto a Flora, per natura già alquanto selvaggia, sapeva trar
profitto della sua solitudine, anche quando il sole si specchia nelle
nevi, anche nelle più torbide giornate, quando il vento porta le nubi
sul lago e batte la pioggia dura contro le finestre. La lettura e lo
studio delle lingue, per le quali aveva una disposizione tutta slava,
la pittura, il «trappolone» le faccende di casa, le sue buone vicine
povere, l'assistenza a un asilo infantile di cui s'era lasciata
nominare patronessa, rubavano le ore delle brevi giornate; finchè al
tornare dell'aprile il lago cominciava a ripopolarsi. Allora colle
rondini tornavano le amiche straniere che son solite passare la
primavera in Tremezzina: più tardi si riempivano le ville delle
conoscenze più intime. Ricchi e poveri tutti conoscevano la signorina
del Castelletto, la contessina, la polacca dai capelli rossi, che per
quanto uscisse colle singolarità del suo modo di vivere dalle
compassate convenienze, pure era l'anima delle brigate. Non si faceva
una scampagnata, non si metteva insieme un ballo o una lotteria di
beneficenza senza prendere gli ordini al Castelletto, che veniva
considerato come il quartier generale delle buone imprese. In quanto
al popolo dei barcaiuoli o dei pescatori considerava ormai la
signorina come una figliuola del paese.--Peccato--dicevano qualche
volta tra loro i poveretti--peccato che n'abbia pochi....

       *       *       *       *       *

Per far venir quelle benedette nove che non sonavano mai, Flora
sedette davanti al «trappolone» e cominciò a correre colle dita sopra
un'indiavolata variazione, che faceva stridere e saltare tutte le
corde più svogliate e più addormentate nel cassone; e mentre le note
s'inseguivano urtandosi e incalzandosi, il pensiero si lasciava
trascinare a vecchie fantasie, a ricordi lontani, ai tempi della più
remota fanciullezza, quando era venuta a stabilirsi dopo la morte di
suo padre in quest'angolo del lago, in questa casa aperta a tutti i
venti; e vedeva Don Camillo Bagliani, un uomo grave che parlava con
tristezza; vedeva Ezio, un ragazzo poco più alto di lei, vestito alla
marinara, che l'invitava a giocare nel boschetto della villa o la
conduceva in barchetta: vedeva la bella zia Vincenzina, ancor giovine
in tutto lo splendore de' suoi vent'anni, vestita come una regina,
colle sue magnifiche buccole di diamanti. Con uno sguardo riassuntivo
(mentre le dita andavano per loro conto sui gialli avori del
trappolone) vedeva passare molti anni e molta gente. Gli uni morire,
gli altri farsi più grandi, la mamma rinchiudersi sempre più ne' suoi
piccoli mali, e delle amiche, che venivano a villeggiare sul lago,
quale andar sposa ed essere felice, quale andar monaca ed esserlo di
più, quale alzarsi, quale scomparire. Quel che era molti anni fa un
piccolo giardino s'era fatto quasi una selva: le rive una volta più
deserte s'erano popolate di casette: molti che essa aveva carezzato
ragazzi sulla riva c'eran già partiti e ritornati da soldato. Essa
sola era stata sempre la stessa; e presso ora a voltare la punta
pericolosa dei ventidue anni, si domandava (in un modo confuso che non
aspettava risposta) se proprio era scritto che per lei il tempo
dovesse sempre passare così.

La mamma avrebbe desiderato ch'ella sposasse il buon Cresti, il
misantropo del Pioppino, un misantropo non privo d'una sua singolare
amabilità, il fedele compagno delle loro lunghe serate d'inverno, il
buono e ruvido Cresti, non più giovane, non di bellezza un sole, ma
che avrebbe diviso tanto volentieri la vita con lei e colla mamma.

Cresti voleva dire la tranquillità e l'agiatezza serena per tutta la
vita, e ciò non era poco: perchè quando Flora correva fino a
immaginare quel che sarebbe di lor due povere donne tra un dieci o
dodici anni, non sapeva togliersi a un senso di sgomento. La miseria e
la vecchiezza son le due parche più giovani; la morte è la terza.
Cresti era un cuore poco espansivo ma solido, ostinato ne' suoi
affetti, di gusti selvatici, che non potevano dispiacere a Flora,
anch'essa un'erba selvatica dall'aroma forte; ma con tutto questo non
era ancor giunto il momento di dirgli di sì.

Posto che Ezio non poteva amar lei già vecchia e stracciona, posto che
essa non poteva sposar lui per la grande differenza di condizione
sociale: posto che il bel signorino amava divertirsi a modo suo e non
aveva alcuna intenzione di legarsi le mani e i piedi: posto ancora che
le belle--per quel che se ne diceva--eran già tutte sue e che per far
breccia nel suo cuor di ragazzo gaudente ed egoista Venere e Minerva
insieme non sarebbero bastate: posto finalmente che una contessina
Polony dagli stivaletti scompagnati aveva pure il suo bell'orgoglio di
razza--non era il caso di supporre ch'ella resistesse al desiderio
della mamma e alla muta adorazione del buon Cresti per qualche segreta
speranza o per un'illusione in aria che si fosse messa davanti. Ezio
Bagliani--lo sapeva benissimo--non era un ragazzo da vendere la sua
libertà a ventiquattro anni a una signorina di ventidue. Diceva anzi
nudo e crudo a tutti quelli che volevano sentire che prima dei
quarant'anni è follia per un uomo ricco il prender moglie. Troppo
bella gli si apriva la vita per tutti i quattro punti cardinali,
perchè volesse farsi eremita. Eran queste le massime sue e di tutti
quelli che amano, come si dice, godersi la vita. Con chi e che cosa
andasse a fare a Nizza nella stagione dei famosi carnevali era il
segreto di pulcinella: il nome di Liana e d'altre bellezze non era
sconosciuto al Castelletto. Il buon Cresti, che dalla sua solitudine
seguiva la cronaca elegante, non si faceva scrupolo di parlarne forte
anche in presenza di Flora, di descrivere le belle ossia le brutte
avventure del signorino di Villa Serena, che dopo la morte del babbo
s'era dato a battere allegramente la cavallina: e metteva quasi un
certo gusto, forse un interesse suo, a caricare le tinte e a suscitare
nell'animo impressionabile dell'onesta signorina orribili ripugnanze
morali.

Con tutto ciò Flora non sentiva ancora per il suo quasi cugino quel
senso di ribrezzo che il vizio dovrebbe suscitare in ogni animo ben
nato. Per lo meno fin che poteva sperare di poter esercitare qualche
benefica influenza, non voleva da parte sua perdere il vantaggio di
una posizione indipendente. Essa si era quasi convinta che il cielo
l'aveva prescelta a esercitare sopra il giovane dissipato una benefica
influenza, quasi la parte di buon genio e non voleva, fin che questa
convinzione durava, mettersi in condizione di non poter giovargli quel
giorno ch'egli fosse venuto a chiedergli un soccorso.

In che modo le fosse entrato nell'animo questa persuasione non sarebbe
difficile dimostrare, quando si ricordi che Flora nei primi anni della
giovinezza, allorchè si risvegliano per la prima volta i misteri del
cuore, era stata per Ezio la compagnina preferita in tutti i suoi
giuochi nel giardino della villa, nelle grotte della vigna, sul lago,
sui monti. S'eran più volte misurati nei vani delle finestre, segnando
ogni anno l'altezza con molte striscie sul muro: le lettere _E F_
intrecciate si vedevano ancora crescere scolpite nella carnosa
corteccia degli aloè. Giochetti da fanciulli, d'accordo. E fu appunto
per tagliar corto a questi giochetti pericolosi che don Camillo, il
babbo, dalla faccia triste, aveva fatto capire alla zia Vincenzina
come non fosse più decorosa una tanta famigliarità tra un giovinetto
di quasi vent'anni e una bambina che cresceva alta come un papavero.

La mamma Matilde alla sua volta aveva fatta una lunga predica per
dimostrarle che la troppa confidenza fa perdere la riverenza. Ezio non
era suo fratello e nemmeno suo cugino giusto, come credeva la gente.
Tutto il bene che poteva venir loro da Villa Serena non si aveva ad
accettare che come una grazia di cui era dovere corrispondere con
riverente riconoscenza e punto lì. Qualche volta scappò detto alla
buona mamma che dei signori in genere è bene non fidarsi, perchè i
signori meno degli altri capiscono il male che fanno e il bene che non
sanno fare. L'egoismo a differenza delle altre passioni, si rinforza
nella bambagia e nulla c'è di più crudele come una signorile pigrizia
che non vuole scomodarsi.

Questi avvertimenti ripetuti e ribaditi, la sopravvenuta malattia di
don Camillo, che durò molti mesi, la catastrofe della sua morte,
l'assenza prolungata della zia e di Ezio tennero per quasi due anni
separate le due famiglie e intanto il giovine ebbe tempo di
dimenticare e di stringere altre amicizie che l'avviarono in un altro
ordine di gusti e di preferenze.

       *       *       *       *       *

Passavano queste immagini nell'onda sonora del trappolone,
mescolandosi a una _Variazione_ sulla Norma, una complicazione
tremenda di semicrome, che le uscivano macchinalmente dalle dita....

Ora Ezio s'era dato tutto agli studî seri, voleva prendere la sua
laurea, non perchè avesse bisogno di attaccare un manico al suo nome,
ma perchè non si dicesse da nessuno ch'egli non aveva saputo fare quel
che cento imbecilli sanno fare. L'orgoglio non è sempre al servizio
del diavolo: e una volta inforcato questo cavallo, Ezio era uomo da
camminare un pezzo sulla strada del bene. Era il momento di aiutarlo
in tutti i modi, compreso quello di copiar per roba sua una scienza
comperata per settanta lire....

Passavano questi pensieri, quando il campanello del portone di strada
sonò in un modo più forte del solito, come soleva farlo sonar lui.
Ezio era qui: l'orologio segnava le nove precise. Flora alzò uno
sguardo alla nonna Celina e si scagliò sulla tastiera per darsi della
forza e un contegno di artista ispirata. Sentì il suo passo che
attraversava il cortiletto, lo sentì entrare, lo sentì fermo dietro le
spalle: e piombò sul triplice finale: boum, boum, boum.

--Boum, boum, boum... questo tuo Listz merita di essere impiccato, ma
tu non suoni male. Questa non è musica, ma semplicemente una
_Norma_ tirata a coda di cavalli.

--Forse è la prima volta che ne dici una giusta--rispose Flora colla
solita spigliatezza, in cui soleva rinforzarsi come in una
corazza.--Che sia effetto di quel cappellino nuovo di paglia?

--Che ha ella a dire del mio cappellino di paglia?--disse, mettendosi
ritto davanti a un gran vetro allumacato, che faceva da specchio al
ritratto della nonna Celina.

--È bello... è stupendo... è degno del padrone.

Egli era in giacchettina chiara con una larga fascia color pomodoro,
che spiccava assai bene sopra i suoi calzoni color del burro, cascanti
e flosci, da cui usciva un paio di scarpe zafferano,--Che cosa mi
manca per essere un bel giovine? Celiò mentre si carezzava colla punta
delle dita gli scarsi baffi neri e un cespuglietto di barba crespa
incipiente, che dava vigore e forza alla sua faccia abbronzata di vice
ammiraglio.

--Mamma, c'è Ezio--disse Flora, andando incontro alla signora Matilde,
che entrò ravvolta ne' suoi soliti scialli di lana, come se fossimo in
novembre, con in testa la sua cuffietta a nastrini celesti, in cui il
suo viso pareva ancor più delicato e pallido: ma la finezza dei
lineamenti manteneva in quella donna malaticcia un'apparenza di
giovinezza, che i quarantacinque anni avean passato da un pezzo.

--Già in piedi la mia cara zia? quando si va ancora alla Cappelletta
in canotto?

--Con te mai più--protestò la zietta, che si ricordava un brutto
quarto d'ora.--Non avete nessun rispetto dell'acqua.

--Sono i vostri peccati che fanno il lago cattivo.

--I nostri? chi c'era al Ravellino stanotte? è così che lor signori si
preparano agli esami di laurea?

--Tu predichi così bene in quella cuffietta che è peccato non far dei
peccati.

--E del tuo conte Lolò che n'hai fatto? chiese Flora,--Dove l'hai
fatto fare questo elegante attaccapanni?

--Don Andreino è il più impeccabile degli elegantissimi di Milano. È
lui che da il tono alla moda.

--È per questo che porta quel corvattone verde e crespo come
l'indìvia?

--È l'ultima parola di Parigi. Don Andreino, così minuscolo come lo
vedi, sa a memoria il nome di tutti i cavalli che hanno vinto sui
_turf_ d'Europa in questi dodici anni.

--E non quello degli asini che perdono?...--rimbeccò la lingua
maledica di Flora.

--Non per nulla tu hai sul capo quei capelli rossi e rabbiosi come
bisce.

--Se avete qualche cosa a fare non perdetevi in ciarle--osservò la
signora Matilde, prendendo posto nel suo seggiolone di velluto nel
vano della finestra, mentre i giovani si mettevano a sedere alla
tavola di mezzo.

--Brava, tu hai lavorato come un angelo, biondina, e bisognerà che ti
faccia un bel regalo...--Bello, mirabile, incantevole...--andava
ripetendo Ezio, mentre faceva passare le pagine del manoscritto.--Questi
svolazzi faranno colpo sugli esaminatori.

--Bisogna che rileggiamo insieme qualche pagina che non ho ben capita.
Quel tuo gobbetto, a ogni fiato, t'incastra una citazione latina che è
uno spasimo.

--Il latino dà il sapore alla scienza come i lardelli allo stufato.

Si cominciò col ridere a questo paragone dei lardelli.

La mamma cercò di far la voce grossa, ma i ragazzi risero ancor più
forte. Il sole entrava lieto per le due finestre e andava a battere
sul volto di nonna Celina, che pareva rider anche lei nella vecchia
cornice.

--Prima permettimi una pregiudiziale, come dite voi legali--soggiunse
Flora.--Non c'è pericolo che l'autore di questa dissertazione abbia
già presentata per roba sua la tesi o l'abbia già venduta ad altri? tu
faresti una brutta figura.

--Punto primo la roba vien da Napoli e da Napoli a Genova c'è di mezzo
il mare: punto secondo ho mutato il titolo e il principio dei
capitoli: punto terzo i professori non sono così bestie da legger quel
che noi presentiamo.

--Allora perchè fate le dissertazioni?

--È un uso così.

--Come le cravatte di Lolò.

--Oh no, più stupido.

--Sarete almeno chiamati a esporre le idee fondamentali del vostro
lavoro.

--Questo sì. Sarebbe un'eccessiva imprudenza andare agli esami senza
aver letto almeno una volta quel che si è scritto. Vuoi una sigaretta,
Flora?

--Cominciamo.

--Cominciamo pure. Leggi tu, mentre io tiro due boccate. Tu permetti,
zietta?

--Purchè non si faccian discorsi inutili.

Ezio si abbandonò sulla tavola, appoggiò la testa al palmo della mano,
e seguendo coll'occhio il manoscritto originale, invitò Flora a
leggere la sua copia.

La giovine cominciò con voce netta e scorrevole:

«Nella legge _de Sicariis_ troviamo eguagliato chi prepara il
veleno a chi lo somministra. _Qui hominis necandi causa_...--vuoi
masticarlo tu questo lardello?

--_Necandi causa_--continuò Ezio, mentre Flora seguiva il
manoscritto colla punta della penna--_venenum confecerit, dederit,
vel vendiderit, vel habuerit; quive falsum testimonium dolo malo
dixerit... quo... qui..._ tu hai ragione, questi son scorpioni, non
parole,

--Non c'è voluto meno che la mia pazienza e il mio amore per la tua
laurea, se ho potuto resistere sino alla fine.

--Tu avrai un bel posto in paradiso.

--Speravo che mi dicessi: ti troverò un bel marito.

--A questo potrò pensarci quando avrò presa la laurea.

--Ahimè misera allora...!--conchiuse ridendo la fanciulla, che sapeva
affrontare gli argomenti sdrucciolevoli per darsi il gusto di
scivolarvi sopra.

--_quo... qui pubblico judicio rei capitalis damnaretur..._ cioè
gli si tagli il collo--continuò il mariuolo, che sapeva anche lui
scivolare sugli argomenti sdrucciolevoli.

--...--_retur_--fece eco Flora:--E altrove nella stessa legge
Cornelia:--_Nihil..._

--_Nihil interest occidat quis an causam mortis praebeat._

--..._praebeat_, Ottaviano Augusto, Valentiniano, Valente,
Graziano sotto il titolo:--_de iis qui latrones_.....

--Salta il lardello, biondina.

--Ulpiano tiene responsale di furto chi persuade il servo a fuggire e
cita la conforme opinione di Pomponio Labeone che scrive:--_non
minus delinquunt_...

--Salta!

--Non capisco se questo Pomponio è una persona sola con Labeone o so
siano due giureconsulti.

--Che te ne importa? quando si sta bene in salute.

I due giovani risero di nuovo in coro e fecero ridere di nuovo la
mamma zietta, che si sforzava di aguzzare una faccia severa sopra il
calcagno d'una calza che teneva nelle mani.

Essa temeva sempre in cuor suo che Flora si abituasse a scherzare col
fuoco e ne avesse poi a riportare qualche scottatura. Ma Flora diceva
sempre:--Non aver paura, mamma; so fin dove posso andare.

--Tira avanti che è bello, Flora--comandò Ezio.

--«Ulpiano afferma...»--ma li conosci tu questi bravi signori?

--Ulpiano credo di averlo sentito nominare. In quanto a Pomponio
Labeone, dacchè l'ho dato alla balia, non ho mai avuto notizie de'
fatti suoi.

--«Noi non intendiamo con ciò di negare il fattore antropologico del
delitto--continuò Flora, leggendo nel manoscritto--ma intendiamo
soltanto di dimostrare questa verità: l'unione degli individui
peggiora moralmente ciascuno,»--Ma sai che quel tuo gobbino ne dice
delle belle? Par che abbia conosciuto Lolò.

--Va avanti, lingua velenosa,

--«Avviene allora...»--senti anche tu, mamma, come scrive bene il
nostro Ezio, quando fa il Pomponio Labeone:--«avviene allora una
degenerazione fatale dovuta a quella verità dolorosa che nella società
come nella natura sono i germi peggiori quelli che più facilmente si
riproducono e si diffondono. Il microbo del male ha una potenza
d'espansione infinitamente più grande di quella del bene--(Flora
andava alzando la voce in tono di predica, gesticolando con un dito in
aria)--giacchè, mentre pur troppo si sa che molte malattie sono
contagiose, non è ugualmente provato che sia contagiosa la salute...»

--Ti giuro, zietta, che non le ho scritte io queste belle parole: è
tutta sapienza del gobbetto.

La lettura andò avanti ancora un pochino a spinte e a calci; ma quando
si fu alla fine del primo capitolo e che si annunciò il secondo sul
_«Manutengolismo»_ Ezio si alzò e disse:

--Basta per oggi: ho fame.

       *       *       *       *       *

Mezz'ora dopo sedevano tutt'e tre intorno alla piccola tavola
imbandita sulla terrazza, nell'ombra fitta d'una pergola di vite
americana, che si appoggiava da una parte al muro della casa e
dall'altra al grande oleandro in fiore. I due giovani, messi in vena
dalla giurisprudenza, fecero onore alle uova, al montone, al pane
fresco e al vin bianco non troppo brusco. Si parlò delle prossime
Regate, che dovevano quest'anno aver luogo nel bacino di Tremezzo e
che avrebbero attirata mezza Lombardia. Ci dovevano essere corse a
vela, corse di canotto, corse di barcaiuoli, per le quali si stavano
già raccogliendo ricchissimi premi e vessilli dalle patronesse. Ezio
nella sua qualità di vice presidente aveva offerta la bella coppa
d'argento vinta lo scorso inverno col suo _Morning Star_ a Nizza,
dove aveva battuto i canottieri della Senna. Di Tremezzo avrebbe corsa
la gara dei barcaioli il bell'Amedeo, il fidanzato di Regina, che
sperava quest'anno di battere quei di Gravedona.

Ezio, animato dal vinetto bianco e dall'aria viva che rinfrescava il
terrazzo, passò dalla nautica a discorrere di scherma, e piantatosi
nel mezzo dello spazio libero, mostrò a quelle due donne e alla
vecchia Nunziata, che entrava col piatto dei fichi, come si giuoca una
finta all'avversario, quando lo si attira per appoggiargli una puntata
al petto. Flora corse a prendere due bastoni e provò a incrociare il
suo ferro con quello del quasi cugino, che dopo varie mosse di
cortesia, si lasciò ferire nello sparato della camicia per dar
spettacolo di un uomo che, colpito a morte, barcolla e cade
boccheggiando nel proprio sangue.

La mimica commosse tanto la povera Flora, che chinatasi con un
ginocchio a terra sul finto morente, finse di piangere e di strapparsi
i capelli rossi, i quali si sciolsero davvero dalle stringhe e dalle
forcine posticcie e scesero nella loro straordinaria e rubiconda
abbondanza sopra le spalle e il busto. La vecchia Nunziata,
affascinata, stava lì immobile come stanno le statue del Sacro monte,
colla faccia irrigidita nelle grinze, in una espressione di comica
afflizione, quasi dubitasse che il signor Ezio fosse ferito davvero; e
intanto lasciava cascare i fichi dal piatto.

Flora era ancora in quell'atteggiamento di Maddalena, cercando di
sollevare la testa del falso moribondo, quando la signora Matilde,
scattando improvisamente, gridò;

--O Cresti, da dove è scaturito?

--Dall'uscio.--Sulla porta della sala, due passi dietro la donna dei
fichi, s'era fermato anche lui in un atteggiamento tra il comico e il
disgustato, il solitario del Pioppino, che teneva tra le mani un
canestrello di vimini, coperto da un tovagliolo, una vera figura anche
la sua di presepio meccanico.

--O Cresti--declamò Ezio in accento tragico, stendendogli la mano dal
terreno--tu arrivi a tempo a baciare un moribondo. Pianta, ti prego,
una carota sulla mia tomba.--Com'ebbe detto ciò si lasciò andare morto
del tutto, acciuffando un paio di fichi che si mangiò colla pelle.

--Morirà la capra d'una povera donna, non certe bestie--brontolò,
facendosi avanti con lenti passi il padrone del Pioppino fino alla
tavola, dove collocò il prezioso canestrello, che dava dei guizzi come
se avesse dentro qualche cosa di vivo. Quando Flora potò supporre quel
che di veramente vivo ci doveva esser dentro, dette un grido di gioia,
e così come si trovava, con quella fiera chioma disciolta sulle
spalle, rimosso con precauzione il capo del tovagliuolo, si prese
nelle mani un coniglietta vivo, tutto bianco, una morbidezza calda che
faceva tenerezza a stringere: e piagnucolandogli sopra, colla bocca
appoggiata al pelo liscio e morbido-.--O che caro Cresti, si è
ricordato! guarda, mamma, come son belli, Son novellini?

--Hanno poco più di una settimana.

--Cari, cari! e mangiano da soli?

--Cari, cari--disse Ezio, risuscitando--e come si mangiano?

--Tu stai meglio morto...--gli disse Cresti, mettendogli la mano dura
sul petto.

--Tu mi odii, o Cresti: lo sento, lo vedo: uno di noi è troppo sulla
terra. Ti lascio la scelta delle armi.

--La scopa, la scopa--ribattè il misantropo, divincolandosi tra le
strette di Ezio che cercava di fargli ballare un minuetto. Quando fu
possibile avviare un discorso ragionevole, Cresti insegnò a Flora come
dovesse trinciare minutamente delle foglie di cavolo, ammollarle nel
latte in una scodella, e come dovesse a poco a poco imboccare i
coniglietti. Poi volgendosi a Ezio, gli disse bruscamente:

--È arrivato tuo zio Massimo.

--L'ambasciatore della Bolivia? e perchè non viene ad abbracciare
l'unico suo nipote?

--Verrà, verremo insieme, Ora è un po' stanco del viaggio.

Ezio tirò un poco in disparte la zia Matilde e abbassando la voce,
domandò:--Questo mio zio doveva sposare la mia madrina, non è vero?

--Come sai questa storia?--esclamò essa, arrossendo e confondendosi.

--Ho trovato alcune lettere tra le carte del babbo; ma voi sapete che
sono uomo di mondo capace d'intendere e di compatire.

La zia Matilde strinse la mano del giovane nelle sue e mormorò:--Son
storie di altri tempi: storie morte o sepolte.

--Io non desidero che di voler bene a chi mi vuol bene,

--Bravo Ezio!--disse la zia con voce commossa. Improvvisamente il
giovane si ricordò che per le undici e mezzo doveva trovarsi col Bersi
e con altri amici del Comitato.

Il tempo gli era volato via più presto del solito quella mattina.
Sentendo sonar mezzodì, scese la scaletta che dal giardino va alla
riva e diede una voce ad Amedeo, che stava stendendo alcune reti al
sole. Il giovinetto venne colla barca.--Addio, addio, e grazie di
tutto...--gridò saltando nel legno e afferrando un remo.--A rivederci
domani per il secondo capitolo; e tu, Cresti, non augurarmi una
perfida morte. Saluti carissimi allo zio: ditegli che l'aspettiamo a
colazione; sarà bene che veniate tutti quanti una di queste mattine.

--Addio, Pomponio Labeone--gridò Flora all'orlo dell'acqua, mentre
cercava di allacciare colle mani dietro la nuca quel suo mazzo di
bisce infocate dal sole.

La signora Matilde dall'alto del muro faceva addio colla mano
indulgente, ancor commossa delle parole che il giovane aveva saputo
trovare in fondo al suo cuore.

Quando si volsero per cercar Cresti, non lo trovarono più. Qualche
cosa aveva offesa la sua nervosa suscettibilità, al solito; ma il buon
Cresti era di quegli uomini che ritornano.



IV.

La Saetta.


Flora Polony non era di quelle bellezze che saltano agli occhi e che
fanno dire alla gente che passa;--Guarda che stupenda ragazza!
Piuttosto alta e slanciata, la sua persona più vigorosa che ricca
sentiva ancor molto lo squilibrio di uno sviluppo affrettato, che i
ventidue anni cominciavano appena ora a frenare e a consolidare.

La testa molto alta sul busto, sopra un collo ammirabile per candore e
per delicatezza, dominava un po' troppo con quella folta criniera di
capelli color del rame, ribelli al pettine, e sempre in aria come le
idee della padrona.

La natura sana, solida nei muscoli, flessibile ai cenni d'una volontà
piuttosto impaziente, traspariva da quel suo corpo non ancora finito
di grande collegiale, dalle lunghe braccia aguzze nei gomiti, dal
collo del piede che usciva dalla balzana troppo corta della veste, dai
movimenti soldateschi non corretti da nessun'ambizione femminile, anzi
peggiorati da un'ingenita pigrizia per tutto ciò che fosse ordine e
disciplina. Molto era in lei del colonnello di cavalleria--come soleva
dire la zia Vincenzina--che avrebbe voluto vederla più corretta e più
pettinata. Ma gli occhi d'un celeste chiaro erano di una bellezza rara
e parlante; la voce d'una risonanza metallica aveva nelle parole e nel
ridere degli squilli sonori di battaglia, che indicavano uno spirito
nato per dire e per fare cose non comuni, che si rifiuta agli effetti
volgari come alle regole della moda e del galateo dei salotti, in cui
le signore amano sparpagliare più di quanto possono disporre. Ezio,
abituato a bellezze più molli e più seducenti, non aveva mai posto
mente a quel non so che di insolito e di selvatico, che era nella
bellezza intellettuale di Flora; anzi ara uno de' suoi gusti, quando
poteva mettere in ridicolo gli angoli e i triangoli sporgenti di
questa figura geometrica di ragazzona selvatica, ingenua, ignorante di
tutto ciò che forma la forza della civetteria femminile, e a cui si
poteva dar a intendere tutto quel che si voleva. Certe spavalderie,
che alle amiche villeggianti parevano quasi il frutto di dottrine
anarchiche, non erano in Flora che la natura stessa tenuta incolta e
innocente da una vita semplice e solitaria.

A ventidue anni, per quanto andava intorno con un gran cappellaccio da
pastore e colle scarpe di montagna e con un passo da monello, Flora
non conosceva della vita che quanto se ne può capire attraverso ai
romanzi inglesi dell'edizione Tauchnitz. Si può essere sicuri che essa
non conosceva nemmeno sè stessa: e più sicuri ancora che Ezio, più
navigato nelle acque del mondo, sapeva per quanto poteva venderla e
comperarla.

Ma noi abbiam detto che il giovinotto era in un momento di
raccoglimento spirituale, in un bisogno di vita raccolta, come gli
capitava di tempo in tempo, quando la nausea e la stanchezza della
vita allegra lo spingevano verso idee di ordine e di riposo.

Il noioso conflitto con Liana, il bisogno che aveva di romperla con
questa bellezza noiosa e cretina e di compiere definitivamente i suoi
studi, gli facevano parere dolci le ore che passava a Villa Serena e
al Castelletto in tranquille occupazioni amministrative, tra i libri e
le memorie, nella lettura di vecchie riviste, che gli portavano in
ritardo una quantità di notizie e di curiosità a cui nella furia del
divertirsi non aveva tempo di fare attenzione.

Flora, creatura sana e intelligente, rivestita di bellezza morale,
ritornava in questi momenti a prendere il suo antico posto nello
spirito del giovine scapestrato, che nella grazia spirituale e pura di
lei risentiva il fascino misterioso che la virtù esercita sempre al di
sopra d'ogni altra lusinga, specialmente in chi sa e tocca colla mano
di quanta cipria e di quanto belletto sia impastata la bellezza
corrotta. Gli occhi di Flora avevano profondità marine: negli occhi di
Liana era come guardare nell'acqua scura d'uno stagno. Una risata
acuta di Flora saliva al cielo come uno scampanìo a festa; il sorriso
fatuo di Liana non usciva dai labbri dipinti. I moti della fanciulla
onesta erano l'espressione della forza sana e della volontà potente:
le cascaggini flessuose di Liana non erano che le contorsioni della
debolezza. Flora era l'aquila o il falco dell'aria; Liana e le sue
pari niente di più che delle graziose lucertole.

Questi confronti tornavano, come dico, assai spesso al giudizio del
suo pensiero e per quanto egli non fosse abituato ad approfondire la
riflessione per non farla pesar troppo sul cuore, tuttavia sentiva che
la verità della vita non era che in ciò che essa può avere di buono e
di sano. Sentiva nello stesso tempo che in questa patetica convinzione
vi poteva essere una trappola e un pericolo; e si propose di stare in
guardia contro le seduzioni dei cappelli rossi.

Dopo ch'egli ebbe combattuto con Flora una partita di scherma sul
terrazzo del Castelletto, che s'era lasciato ferire da lei, che aveva
visto quel profluvio di capelli cascanti sulla sua persona, un fascino
nuovo e pericoloso lo accompagnava sempre, come se il fantasma di
Flora lo perseguitasse, come se tutto quel rosso gli fosse rimasto
troppo impresso nella retina degli occhi.

--Adagio, Biagio!--andava raccomandando a sè stesso--qui non si
scherza. Se sdruccioli nella virtù, sei finito per sempre. Peccato che
Flora non abbia dieci anni meno! fra dieci anni io avrei potuto
rifarmi in lei una soave verginità di cuore. Ma ora no; sarebbe male e
per me e per lei... Uccel di bosco, non posso ancora desiderare la
gabbia d'oro. La virtù, una volta sposata, è difficile far divorzio.
Tu avrai sempre tempo di farti eremita; basta un sospiro a creare un
santo. Ma nessuno ti potrebbe compensare della giovinezza perduta,
quando ti vedessi già nonno a cinquant'anni.

Belle massime di beato egoismo, direte; ma per il momento egli non ne
aveva di migliori. Non pensano forse così tutti coloro che possono far
qualche conto sui piaceri della vita?--Il giudizio vien da sè in
groppa al tempo senza bisogno di mandarlo a cercare come un
chirurgo.--Era anche questa una delle sue massime!

Il caso del povero Bersi che a trent'anni si vedeva condannato al
matrimonio e i cento esempi di tristezze coniugali, che nella sua
breve esperienza aveva già avuto occasione di conoscere, bastavano a
metterlo in guardia contro i falsi gorgheggi di quell'idealismo, che
attira i merli per farli poi morire nella rete dei santi doveri, Non
gli pareva di aver la barba di un padre di famiglia; quest'idea lo
faceva ridere e nello stesso tempo rabbrividire.

Con ciò Ezio non rinunciava ad ammirare _en artiste_ quel che vi
poteva essere di bello e di ammirabile nella galleria della virtù,
cioè, per stare al caso suo, sentiva di voler bene a Flora, di cui
conosceva oltre a qualche singolare prerogativa fisica, il prezioso
valore morale, la linea aristocratica, la spontaneità, la freschezza,
il profumo d'una rosa non ancor passata in nessuna mano.

Volentieri tornava al Castelletto, andava spesso in barca con lei: o
colla scusa di farsi accompagnare in qualche esercizio di violino, la
invitava spesso a Villa Serena.

Dal giorno che gli era venuta la buona idea di mettere un poco
d'ordine nelle carte del babbo, l'aiuto intelligente di Flora gli era
stato preziosissimo. Si voleva dare un assetto nuovo a certe sale,
rimovere una libreria, preparare il materiale per una futura
pubblicazione: bisognava far passare un mare di carte vecchie, di
stampe, di lettere, di giornali: leggere, trascegliere il buono,
metter via quel che pareva meno opportuno.

Un giorno tra gli altri, mentre la mamma era in stretta e
confidenziale conversazione colla zia Vincenzina nella sala della
veranda, Ezio e Flora coll'aiuto di Moschino trascinarono nel
corridoio delle stanze superiori un vecchio e pesante baule, non
ancora esplorato, che conteneva non so quante centinaia di volumi
degli atti ufficiali del Parlamento subalpino. Che se ne doveva fare?
abbruciarli era peccato: nè si voleva ingombrar stanze e scaffali con
roba fuor di stagione. Ma intanto conveniva far passare quei grossi
volumi che potevano contenere note e postille di qualche valore, Da
un'ora i due giovani lavoravano con intenso raccoglimento, in mezzo a
una nuvola di polvere, presso la finestra del balcone, levando dalla
cassa i libri, che andavano disponendo in una lunga fila sopra la
tavola accostata al muro. Lavoravano in buona armonia, come due
camerati, comunicandosi a vicenda le loro scoperte, con tanto gusto di
sentirsi vicini che non si accorsero nemmeno che il cielo s'era andato
via via oscurando e che un fosco temporale rompevasi già sopra la
cresta del Grussgal.

Moschino scese a chiudere le persiane contro i primi goccioloni che
battevano sui vetri della veranda, mentre Ezio e Flora correvano
dentro e fuori per le stanze ad assicurare porte e finestre. La casa
fu presto invasa da quella oscurità, che dà ai muri e agli oggetti una
improvvisa espressione di sgomento e rende l'animo pauroso delle
proprie sensazioni. Il cielo divenne ben tosto d'un bigio cenere,
intenso, carico di vento e di tuoni: il lago, teso, d'un color di
ferro pareva scosso da impeti convulsivi, mal frenati dalla stanchezza
pesante dell'acqua, su cui roteavano i gabbiani con giri instancabili
e capricciosi. La pioggia cadeva già sulla montagna, ma veniva avanti
a corsa, preceduta dal gemito spaventato delle piante che luccicavano
nel sinistro crepuscolo: ed ecco subito scendere oscura e densa contro
la casa e scrosciare con furioso impeto sul giardino che si umiliò a
riceverla avvilito.

Non era un temporale come se ne danno tanti in agosto; e infatti si
seppe poi che nelle valli aveva fatto il diavolo, strappato alberi,
diroccato muri, gonfiato in malo modo i torrenti che menarono sassi e
rovine.

Oramai non rimaneva che di chiudere la finestra del balcone, dove
l'assalto dell'uragano era più forte e per la quale entrava già a
rigagnoli l'acqua a innondare i libri. Flora che correva di camera in
camera, gridando per un selvaggio gusto, come se in quella battaglia
di elementi trovasse anche lei il suo posto di combattimento, vedendo
la pioggia invadere il corridoio, cercò di chiudere le persiane anche
da questa parte. Ma per far questo bisognò prima aprire i vetri e
affrontare la furia dell'acquazzone, che fu più forte di lei, le
strappò di mano le imposte, l'avvolse, l'accecò con un turbine così
villano, che grondante acqua dai mille capelli dovette ritirarsi e
chiedere aiuto. In quell'istante la saetta, che s'era tenuta in
riserbo per il colpo finale, scoppiò sopra un ginocchio del monte,
tutta la casa traballò e un guizzo sanguigno passò nel cielo, tra gli
alberi, nel cuore della fanciulla, che si ricoverò atterrita nelle
braccia di Ezio. Egli l'accolse e la protesse, tirandola nella gabbia
della scala a riparo dal vento: l'accolse e l'avvolse nelle braccia e
la tenne così un poco, fin che gli parve di sentir battere il povero
cuore spaventato. Ma il profumo che esalava da quei molti capelli
avvolse lui che ci posò la bocca e ci lasciò cadere tre grandi baci,
che scesero profondi come tre goccie di piombo caldo a bruciare per un
istante tutte le fibre vitali della fanciulla, che si abbandonò più
pesante e si dimenticò in una breve e soave inerzia.

Fu essa la prima a rompere i lacci: e lo fece respingendolo con lenta
e rigida violenza. Era pallidissima, ma splendida di un amabile
terrore. Si liberò da lui, scosse due volte quella sua chioma leonina,
e scese a corsa la prima rampa della scala. Egli si tenne aggrappato
all'inferriata. Dal pianerottolo, Flora mandò sulla punta della mano
un gran bacio a lui e scese a precipizio a cercar la mamma, che
vedendola così bagnata e scomposta, le avvolse la testa in uno de'
suoi scialli di lana. La fanciulla andava ripetendo:--O mamma, che
spavento...!--e lasciandosi andare sopra un canapè, premendo il suo
cuore colle due mani, diceva a sè stessa:--mio cuore, che dolcezza!

Ezio rimase un pezzo avanti ai vetri della finestra su cui scorrevano
le goccie come lagrime lunghe, sbalordito, pentito, seccato, in
collera con qualcuno poco lontano, cogli occhi fissi all'uragano che
si allontanava come un vincitore, ma veramente egli non vedeva nulla.
Non vedeva il raggio di luce livida, che sprigionandosi dal nugolone
nero, correva sulle creste della burrasca come un faro elettrico a
illuminare la danza dei cavalloni bianchi e verdognoli. Quel raggio di
luce solare, come se fosse mosso da una mano nascosta nel grembo della
nube, si apriva a ventaglio e scendeva a illuminare le acque più
lontane che brulicavano in un colore verdicino, si posava sulla
montagna, schiariva d'un chiaror umido, e stinto le case, le ville che
parevano immerse in una grande lontananza. Ezio non vedeva nulla,
nemmeno gli uccellacci che volticavano nello spazio.

--Perchè l'aveva baciata?--Cominciava a capire d'aver commessa una
bestialità. S'era lasciato trasportare anche lui come un gabbiano da
un soffio temporalesco di passione, e ora se ne pentiva per tutti i
corollari che la testina logica di Flora ne avrebbe tirati.

--Maledetta la saetta!--brontolò, movendo qualche passo per il
corridoio, colle mani ciondoloni nelle tasche dei calzoni, curvo nelle
spalle, avvilito, pensando ai modi coi quali avrebbe potuto
purificarsi di quel grosso peccato d'irriflessione. Era la prima volta
che un bacio fuggiva dalle sue labbra senza il permesso del babbo:
quasi stentava a riconoscerlo per suo.

--Maledetta la saetta!--brontolò tutto quel giorno in cui parve più
distratto e più incontentabile del solito: e il rimorso, misto
all'amaro sapore della stizza, gli saliva alla gola e gli riempiva la
bocca ancora quando si cacciò sotto le coltri; per la prima volta
stentò a pigliar sonno: e il letto gli parve pieno di stecchi.



V.

L'incontro.


--Quando si va dunque a far visita a Villa Serena?--chiese per la
terza volta il Cresti a Massimo Bagliani.

--Che vuoi? ho sempre un po' di paura.

--Paura di che? dei morti?

--No.

--Dei vivi?

--Nemmeno. Ho paura di me stesso.

--Tu sei un gran ragazzo. Ezio non sa capire perchè io non abbia
ancora condotto il suo bravo zio d'America: e più aspetti, più dai a
questa tua paura un significato che non ha,

--Allora andiamoci domani--disse finalmente Massimo dopo una lunga
riflessione.

       *       *       *       *       *

Massimo, fratello di Don Camillo Bagliani, più giovane di lui un certo
numero di anni, poco prima della guerra del sessantasei aveva
conosciuto in casa del Colonello Polony la bella Vincenzina Stellini,
sorella di Matilde e se n'era perdutamente innamorato. Ma allora non
era che un ufficiale in principio di carriera, sprovvisto affatto di
fortuna, non in grado di pigliar moglie.

Matilde e Vincenzina Stellini, figlie di un umile cassiere della
Tesoreria provinciale, eran cresciute in una casa molto modesta: e se
proprio non avevan veduto la povertà, avevan vissuto in quelle piccole
angustie che come un paio di scarpe strette fan più male che l'andare
a piedi nudi. Ma belle e piacenti, trascinate dal padre, vecchio
gaudente, alle feste di tutti i carnevali torinesi, trovarono per via
la loro fortuna. Matilde sposò il conte Polony, uomo non più giovane
ma di una grande amabilità, soldato valoroso, già in bella posizione e
in via di andar più in su. Vincenzina, dopo alcuni anni, s'imbattè in
Massimo Bagliani, che non potè sposarla subito, per mancanza di quel
deposito che il regolamento chiede ai militari: ma promise di farlo
appena le circostanze lo avessero permesso.

Massimo sperò nell'aiuto di suo fratello Camillo, che occupava già un
grado autorevole nella magistratura. Pare che dell'asse paterno non
ancora diviso una parte gli spettasse di diritto: ma c'eran
contestazioni e liti da parte degli interessati per modo che non si
potè far conto di questo denaro.

Forse Camillo non volle o non potè rendere allora dei conti, che non
furono resi mai, nemmeno più tardi: forse Massimo non ebbe abbastanza
forza d'insistere nel far valere il suo diritto: forse il suo fratello
maggiore, coll'autorità che avea sempre esercitata nell'animo timido
del giovane, gli dimostrò che alla sua età non gli conveniva
intralciare una carriera sul principio, molto più che i tempi eran
pieni di minaccie e che la guerra poteva scoppiar da un giorno
all'altro... come infatti scoppiò.

Massimo dovette partire per il Veneto, e partì, lasciando nelle mani
della bella Vincenzina il suo cuore. Se una palla austriaca non la
faceva finita, egli sperava di tornare almeno capitano. La sua sposa
l'avrebbe conquistata sul campo di battaglia. Fu una separazione
dolorosa e lacrimosa di cui Vincenzina conservò un troppo debole
ricordo; o almeno così dovette giudicare la gente, quando s'intese
dire tutto ad un tratto che essa andava sposa ad un altro.

Che era accaduto? la storia era ancora per Massimo piena di ombre e di
mistero. Sul campo di battaglia il nostro ufficialetto si era
comportato assai bene, Il Conte Polony era spirato nelle sue braccia e
gli aveva raccomandato, morendo, Matilde e Flora; ma gli avvenimenti
precipitosi che seguirono al disastro di Custoza sconvolsero tutti i
suoi progetti. Scoppiata la rivoluzione in Sicilia, il suo reggimento
fu mandato laggiù in un'ingrata guerra civile: poi per nove o dieci
mesi si trovò confinato nel distretto di Caltanisetta, lontano da ogni
comunicazione col mondo, in continue scaramuccie coi briganti.

Qui lo raggiunsero le prime lettere di Matilde, che furono per il suo
cuore il segnale di un nuovo disastro morale. Morto il colonello
Polony, essa e la piccina avevano dovuto ritornare in casa del padre,
il quale non poteva più provvedere a tutti. Il povero uomo in seguito
a un errore commesso (che Massimo non potè mai conoscer bene) era
stato costretto a chiedere il suo riposo, mentre si faceva sempre più
vecchio e più esigente. Se Massimo non poteva mantenere la sua
promessa, toglieva alla povera Vincenzina ogni altra occasione di ben
collocarsi e di venir eventualmente in soccorso delle due famiglie.
Già molte onorevoli richieste si erano presentate e altre se ne
presentavano, a cui sarebbe stato imprevidenza nelle condizioni loro
chiudere gli orecchi: ma Vincenzina si sentiva obbligata dalla sua
parola. Il babbo Scellini reso querulo dalla sventura non cessava dal
dire che le sue figliuole non avevan cuore per lui, che volevano
lasciarlo morire di fame. Nel suo egoismo d'uomo gaudente e avido
scriveva anche lui lettere indelicato al povero Massimo per voler
sapere che conti si potevan fare sull'avvenire... Finchè Massimo, già
coll'animo scoraggiato e affranto per le cose pubbliche, in un momento
quasi di dispetto e di avvilimento, scrisse che egli lasciava libera
Vincenzina di disporre della sua mano. Tre mesi dopo, mentre si
trovava gravemente ammalato di scorbuto all'ospedale militare, suo
fratello Camillo gli scriveva da Torino che intendeva dare una seconda
madre al piccolo Ezio: e senza troppe parole annunziavagli il suo
matrimonio con Vincenzina Stellini.

Fu un colpo che per poco non lo trasse alla morte. La condotta di
Vincenzina e de' parenti suoi gli parve un basso tradimento: quella di
suo fratello iniqua. Come avesse potuto avvenir ciò egli non sapeva
immaginare, ma confusamente sentiva che Vincenzina, presa tra due
feroci egoismi, non aveva avuta la forza di resistere. A lei forse
avrebbe potuto perdonare: ma Camillo, che conosceva i suoi bisogni e
il suo cuore, quest'uomo che nell'alta sua posizione sociale poteva
scegliere fra cento donne della più eletta aristocrazia, questo
fratello che approfittava della debolezza di un fratello minore per
sopraffarlo, ah no, questo Caino non era degno di perdono.

Massimo non morì di quell'oltraggio, ma non volle che nessuno lo
vedesse soffrire. Scrisse a Camillo quel che credeva necessario di
scrivergli in forma alta e superba: non gli chiese nemmeno quel
piccolo rendiconto dell'eredità paterna a cui aveva pur diritto: lo
giudicò secondo i suoi meriti: e date le dimissioni, s'imbarcò sopra
una nave inglese per la via dell'America. E non era più tornato da
quel dì. Laggiù fece qualche fortuna in piccole imprese minerarie e il
governo ebbe a servirsi di lui prima come console, poi gli conferì il
grado di ambasciatore presso i piccoli Stati della Bolivia e della
Venezuela. Unico filo che lo tenne legato al vecchio mondo fu
l'amicizia di Cresti, col quale non cessò mai di corrispondere e che
lo teneva periodicamente informato delle vicende grandi e piccole del
suo emisfero. Quando Camillo Bagliani venne a morire, il Cresti fu il
primo ad aprir trattative per una conciliazione.

Morto l'uomo che era stato causa de' suoi mali, non ci era più motivo
perchè egli si condannasse a un eterno esilio.

Gli altri erano stati anch'essi vittima innocente delle circostanze.
Il tempo seppellisce coi morti anche molti rancori vivi, mentre i vivi
hanno bisogno di pace, di perdono, di soccorso.

Fossero questi consigli o parlasse più forte nell'animo buono di
Massimo un desiderio di rivedere il sole della sua patria e col sole
qualche fiore non appassito del tutto delle sue memorie, finì col
lasciarsi persuadere. Anche il suo cuore che era stato malmenato in
tante battaglie e che aveva palpitazioni troppo frequenti, sperava di
trovar quiete e vigore nell'aria nativa. Tornò, si lasciò condurre dal
vecchio Cresti fino al Pioppino; ma sul punto di scendere a Villa
Serena provava ancora qualche titubanza e una specie di sgomento,
quale proverebbe un attore sul punto di uscire sulla scena a recitare
una parte che non sa troppo bene.

--Allora ci andremo domani--aveva detto e promesso; ma la notte prima
non potò quasi dormire. Del passato non si doveva discorrere,
s'intende; era bene incontrarsi come vecchie conoscenze che si fossero
conosciute in _illo tempore_ in qualche amena villeggiatura,
d'accordo. Nè egli doveva ricordare i torti ricevuti, nè all'altra
parte conveniva riandare parole e violenze che avevano nel tempo
perduta ogni loro forza. La colpa era stata di tutti: forse di nessuno
o di quel destino che non si sa che cosa sia. Ezio aveva trovato in
Vincenzina una matrigna buona e indulgente, e in virtù di questo bene
doveva essere più disposto a far verso lo zio un atto di tenerezza,
che tenesse il luogo d'ogni altra riparazione. Egli, vecchio
vagabondo, sentiva il bisogno di voler bene a qualcuno. Le miniere gli
avevano procurato qualche vantaggio e non voleva buttare il suo ai
cani: mentre questo figliuolo, questo Bagliani, per poco che sapesse
fare col vecchio zio, avrebbe potuto cavargli il cuore.

Questo pensiero d'un appoggio per l'avvenire gli aveva fatto parer
dolce e ragionevole il ritorno: e poichè Cresti aveva delicatamente
così ben preparato il terreno, era una sciochezza aver tutta quella sì
grande paura, quasi che il rivedere la donna che si è amato
inutilmente in gioventù, fosse come aprire una tomba.

--Cresti ha ragione di dire ch'io son peggio d'un fanciullo. Che cosa
posso ormai temere?

Per non agitarsi troppo su questi pensieri, che gli toglievano il
sonno, lesse qualche pagina della storia del Consolato e dell'Impero
del Thiers, che insieme a qualche opera del Cantù e del Balbo
formavano la biblioteca del Pioppino: e si addormentò nel bel mezzo
della battaglia di Austerlitz.

Il giorno dopo si fece la barba e si vestì nel miglior modo con quella
compitezza tutta militare ch'era rimasta ne' suoi gusti anche in mezzo
ai più crudi bisogni. E dopo colazione si lasciò condurre al convegno.
La sua visita era stata annunciata da Cresti, che aveva in giuoco
anche lui il suo interesse. Massimo s'era assunto di aprire le prime
trattative di quell'atto, che doveva essere per l'amico il passo
risolutivo di tutta la sua vita.

--Donna Vincenzina--gli aveva detto il Cresti--vuol un gran bene a
Flora e Flora sta volentieri a quel che dice la zia Vincenzina. Tu le
devi chiedere prima di tutto quel che pensa di me, se gli sembro un
uomo ragionevole o un pazzo. Se essa ci incoraggia, nessuno meglio di
lei potrà fare il resto. Dille che io metto la mia vita nelle sue
mani. Al punto a cui sono arrivato non posso più vivere di dubbi e di
incertezze: meglio un bel colpo sul capo tutto in una volta che non
questo morire a goccia a goccia.

--Io farò del mio meglio, quantunque sia un ambasciatore in
disponibilità.

Per evitare il troppo sole seguirono un pezzo la stradicciuola alta in
mezzo ai campi e uscirono sulla strada di Bolvedro, dove Cresti si
fermò alla botteguccia d'un pasticciere a comperare un cartoccio di
bocche di dama e di schiumette per le signore. Massimo andò avanti
solo e alla prima ombra che trovò si fermò ad aspettare il compagno,
seduto sull'orlo di un muricciuolo. Dai giardini veniva un buon
profumo di erbe aromatiche. La montagna sparsa di casolari, divisa in
quadratelli coltivati, nella piena luce del sole saliva a disegnarsi
colla linea grossa delle sue creste sul fondo del cielo. Il lago
mandava alla riva un'onda blanda, senza spume, in cui riflettevasi
senza rompersi l'immagine di tre nuvolette bianche immobili sopra il
San Primo.

Massimo andava osservando queste cose sparse per non voler pensar
troppo alla sua parte di attore pauroso: ma per quanto cercasse di
uscir di sè, non poteva a meno di non rimasticare il suo
monologo:--Non è lei che debba perdonare qualche cosa a me; piuttosto
sono io che dovrei perdonarle di non aver avuto fiducia nelle mie
forze: ma a che giova riandare quel che non può più tornare indietro?
Il perdono è un vaso delicatissimo che è difficile tanto consegnare
come ricevere bene. Meglio sarà non parlarne. Ma il tempo, il tempo
che cosa avrà fatto di noi? Cresti dice che ella è ancora quella di
prima, se non forse più bella: ma io non son più quello e stenterò a
rientrare così rotondo come sono nella sottile immagine che forse ella
conserva ancora di me. Dovrà ridere un poco vedendo quel che il tempo
cava fuori da un brillante ufficiale di cavalleria, o, se è vero, come
vuol Cresti, ch'io sia rimasto ancor vivo nel suo pensiero, dovrà
piangere, vedendomi diventato l'astuccio di me stesso. Era forse
meglio ch'io non risuscitassi e restassi morto giovine nella sua
memoria. Ma andiamo avanti: oggi non è per me ch'io vivo: oggi devo
anch'io tornar utile a chi mi vuole adoperare. Ezio mi dovrà condurre
a visitare una tomba, che ha bisogno anch'essa d'un mio
_requiem_. Lo devo dire anche per riposo dell'anima mia, perchè
da troppo tempo porto chiuso nell'anima il peso morto d'un odio
inumano e inutile. Chi rientra nell'amore rientra nella vita: e nulla
fa tanto piacere come una buona fiammata domestica al comparire delle
prime nebbie d'autunno.

Su questo filo all'incirca correvano i suoi pensieri, mentre le cicale
facevano coro dagli ulivi. Finalmente il piccolo Cresti comparì nel
vano d'un portichetto e si avvicinò col suo passo diritto di soldatino
di piombo, tenendo l'ombrello chiuso sopra una spalla come uno
schioppetto e il pacchetto delle paste nella mano.

--Senti, ho pensato che oggi ci può essere anche Flora e che è forse
meglio rimandare il gran discorso a un'altra volta--disse quando fu
vicino.--E forse è meglio ancora che io non ci sia.

--Ho capito: anche tu hai una grande paura....--disse Massimo ridendo.

--Tanta paura che mi tremano le gambe.

--E allora--continuò Massimo, fermandosi nel mezzo della strada--che
cosa andiamo a fare a Villa Serena? a che pro tormentarci a vicenda?
Torniamo indietro.

Cresti stette a sentire se l'amico diceva da senno: a che pro
tormentarci? ma quando vide che Massimo rideva di lui, appuntando un
dito, gli disse:--Sei giusto tu il capitano senza paura!

--Tiriamo avanti, Massimo. Se saranno botte le piglieremo.

E in questo discorso giunsero davanti a un cancelletto che metteva nel
giardino della villa. Cresti lo spinse e fece suonare due forti
campanelli che ne custodivano la soglia e che riempirono il cuore di
Massimo di un diabolico spavento. Ma non fu solamente il suo cuore a
balzare allo schiamazzo di quei due campanelli pettegoli.

Anche donna Vincenzina, che aspettava da un'ora in ansietà, dopo una
notte mal dormita, trasalì, impallidì, si lasciò andare sopra una
sedia.

--E ora che cosa fai? sei pazza?--esclamò la sorella Matilde,
vedendola così smarrita--possibile che tu possa aver di queste paure?

--Non è paura: paura di che? ma egli non è per me il primo che capita.
Mi avrà perdonato davvero?

--Che ti deve perdonare? tu hai sempre fatto più del tuo dovere.

--Ma egli non sa tutto. Un mistero c'è tra me e lui.

--Oramai è storia finita.

--È storia finita: ma io, senza mia colpa, gli ho fatto un gran male.

--S'egli avesse in cuore qualche rancore, non sarebbe venuto.

--È vero. E poi, dodici anni sono una gran tomba. Va tu, va tu
incontro per la prima: io vi raggiungo subito.

Donna Vincenzina, rimasta sola, raccolse tutte le sue forze, si
arrestò un istante davanti allo specchio passò le mani sulle tempie,
corse col piumino della cipria leggermente sulla fronte e sulle gote,
si considerò, forse si confrontò con un'altra donna d'altro tempo e
nel venir via disse, lanciando un'occhiata al quadro ch'era a capo del
letto:--Cara Madonna, aiutatemi voi!

La zia Matilde trovò Ezio che aspettava nell'atrio e gli
disse:--Dunque siamo intesi. Quel che è morto è morto.

--Diavolo, zietta! e speriamo che nasca qualche cosa di bene.

Uscirono insieme sul piazzaletto, mentre Massimo e Cresti scendevano
adagio adagio per il sentiero ombreggiato. Al veder la figura di una
donna, Massimo s'arrestò un momentino e, sforzando il fiato, chiese
sottovoce:--Chi è?

--È Matilde--mormorò il Cresti. Di mano in mano che scendevano
dall'ombra verso la luce del piazzaletto, le cose si confondevano come
dentro a una nebbia per il povero Massimo, che non sentiva più nemmen
la voce del suo compagno, che gli faceva l'effetto d'un moscone. Fu
scosso dagli schiamazzi allegri d'un giovinotto che, allacciandolo,
stringendolo, palpandolo, gli gridava:--È questo dunque il mio vecchio
zio d'America? oh, bravo: lasciati abbracciare, uomo selvaggio. Come
ti si deve dire? cavaliere? commendatore? ambasciatore?

--Zio, zio, zio...--potè finalmente esclamare quel pover'uomo affogato
dall'emozione.

--Un bacio me lo vuoi dare?

--O caro...--proruppe con immensa effusione di affetto quel buon uomo
d'uno zio d'America, posando un bacio lungo sulla testa del giovine,
come se con quel bacio deponesse tutto il fardello de' suoi vecchi
dispiaceri. E le lagrime uscirono molli dagli occhi a tutti e due.

--Il merito è tutto mio d'averlo schiodato dagli antipodi--soggiunse
il Cresti, che preso anche lui dalla commozione, per non saper
piangere, andava movendo le gambe e agitando l'ombrello.

--Mia zia Matilde--disse Ezio presentandola.

--Oh.... oh.... Matilde, vecchia conoscenza--esclamò, ingrossando la
voce, Massimo Bagliani per darsi della forza.

--È sempre bello quando ci si ritrova--disse la pallida signora.

--Ho amato il colonello Polony quasi come un mio padre.. Ma dov'è,
dov'è.. la piccina? voglio dire quella piccina che dev'essere
diventata un donnone? Dov'è Flora? soleva specchiarsi così volentieri
nei bottoni d'argento della mia montura.

--Flora non è potuta venire oggi: l'aspettavano alla villa Carlotta
per non so quale complotto di matrimonio.

Presento invece mia sorella, Vincenzina....--soggiunse, tirandosi un
poco in disparte.

--Oh... oh... donna Vincenzina, grazie, ho piacere... Che bel sito!
una vista stupenda! brava...

--Bravo anche lei!...

I due personaggi si parlavano senza vedersi, perchè una specie di nube
era improvvisamente discesa in mezzo a loro. A poco a poco Massimo
potè in mezzo alla nebbia riconoscere una testa con molti capelli
chiari, due grandi occhi chiari anch'essi, una figura di donna molto
bella, forse ancor più bella d'una volta nella maestà matronale dei
trent'ott'anni: ma vedere non è capire: tutta la forza del suo
intendimento la concentrò nell'impedire a sè stesso di fare una
cattiva figura.

Ezio e Cresti vennero opportunamente in aiuto. Entrarono in casa, fu
servito il caffè nella bella veranda a vetri piena di ombre verdi e di
fiori, ingombra di oggetti smaglianti, nel vago disordine dei mobili e
nella mescolanza delle stoffe. La linea del lago si vedeva luccicare
tra la chioma dei platani e la balconata in uno sfondo luminoso in cui
passavano le vele gonfie di ritorno dal mercato. Nella buona compagnia
e nella _evocazione_ delle antiche memorie, molta gente morta e
dimenticata fu chiamata fuori e rimpianta, si consultarono molti
ritratti già sbiaditi nelle loro cornici, si ricordò la vita di
Torino, di Novara, di Vercelli, i tempi eroici e i tempi romantici con
una così buona volontà dalle due parti, che ricondusse il sentimento e
la giovialità della giovinezza.

La nebbia che velava gli occhi si dissipò a poco a poco e i due
antichi fidanzati si riconobbero. Essa era ancora la bella figura
alta, bionda, d'una biondezza cenericcia, dalla fisionomia larga o
delicata, dagli occhi quieti che parevano veder poco lontano e
somigliavano alla sua voce per la soavità dell'espressione. Parlava
scarso, in tono sommesso, svelando una natura _sensibile_ fino
alla paura, incapace d'imporsi e di affermarsi con una qualsiasi
iniziativa, incapace ancor di più di volere e di non volere, di agire
e di vivere per proprio conto. Ma appunto per tutte queste sue qualità
negative Vincenzina era di quelle donne che son più di altre capaci di
far la felicità di un uomo energico, che abbia bisogno di
un'obbedienza assoluta come un cuscino di piume su cui riposare la
forza dell'egoismo.

Camillo Bagliani era stato quest'uomo.

Dal giorno che con una violenza di passione aveva preso possesso di
questa creatura, se n'era compiaciuto gelosamente come d'un bene dolce
e arrendevole, che compensava gli acri umori del suo temperamento
biliare e le asprezze della sua rapida decadenza fisica.

Vincenzina, donna di istinti semplici e primitivi, di nessuna
resistenza sanguigna, come non aveva saputo opporsi all'egoismo di suo
padre, aveva per dodici anni ceduto umilmente al suo dovere di moglie
e di matrigna, portando nell'adempimento del suo dovere non sempre
facile quella docile indulgenza e quella riservatezza che nega a sè
stessa tutto quel che concede agli altri.

Adorata dal marito tiranno, aveva finito col conquistare anche la
benevolenza e la stima di Ezio, che si avviava alla sua volta a essere
un tiranno dispotico di deboli cuori.

Massimo ritrovò queste doti ancor fresche nella bellezza matura di sua
cognata. Di mutato non trovò che la carnagione fatta d'una bianchezza
un po' stanca che impallidiva di più sotto la massa dei suoi capelli
più scoloriti. Ma gli occhi d'un grigio marino avevano ancora tutte le
languidezze tenere e affettuose delle creature deboli che disarmano i
forti.

Si fecero molti progetti per le vacanze e si stabilì che tutti
sarebbero tornati a far colazione e a passare una giornata in
compagnia.

Massimo, nel risalire il viale fino al cancelletto, si trovò un
momento al fianco di lei e si meravigliò di sentirsi così tranquillo e
così contento.

--Ezio è stato buono con me, povero figliuolo, e mi ha fatto provare
una commozione di cui non mi sentivo capace. Il merito sarà anche
della buona matrigna.

--Io ci ho poco merito...--balbettò donna Vincenzina, arrossendo.

--Allora il merito è di Cresti che mi ha persuaso a tornare. Dovrò
discorrere anche di lui a lungo: ma ora che siam qui dovremo pur
vederci assai spesso; non è vero, Vincenzina?

--Sicuro, Massimo...--Fu tutto quanto ella potè dirgli per
ringraziarlo d'esser venuto: ma glielo disse in un modo così tenero e
commovente, che il signor zio fu per vacillare un'altra volta.

Ezio andò ad accompagnarli un bel tratto fin verso Bolvedro, stando in
mezzo a loro due colle braccia infilate nelle loro braccia.

Vincenzina ritornò colla sorella pel viale del giardino; ma quando fu
presso il casino svizzero si fermò improvvisamente e ruppe in un gran
pianto.

--Che cos'hai?--chiese Matilde.

--Niente.

--Perchè piangi?

--Non so.

--Voi vi siete portati bene. Ezio fu un tesoro. Non è bene forse
ch'egli sia tornato e che abbia perdonato?

--Sì, sì, Tilde: non piango per questo.

--E allora?

--Non ti pare ch'egli abbia sofferto?

--Tutti abbiamo sofferto: ma è sempre bene quel che non finisce
peggio. Ora tutt'insieme mi dovete aiutare a maritare quella mia
figliuola. Cresti farà presto una domanda, a cui sarebbe peccato non
rispondere bene. Flora ha delle idee romantiche per la testa: ma colle
idee romantiche non si vive e non si paga la pigione. Cresti è un
gentiluomo, è ricco, è un cuore delicato, ama la bambina e Flora stima
lui per tutti i suoi meriti. Un matrimonio oggi è diventato
necessario, perchè nè si vuole tenere un vecchio amico sulla corda, nè
si vuole lasciar Flora al pericolo d'una fantasia sbrigliata. Da
qualche giorno mi pare che la sua testa non sia molto a posto: parla,
canta, salta per la casa, esce e torna cento volte, si è data alla
devozione e parla di regalare un manto nuovo alla Madonna del
Soccorso. Suo padre era anche lui un poco così, una testa polacca: la
nonna Celina ne ha fatte di peggio. No, così non si deve più andare
avanti. Io ho bisogno di tranquillità pei miei dolori e non di avere
la tarantella in casa. Tu le devi parlare, tu la devi persuadere:
Cresti non aspetta che un nostro segnale per farsi avanti.

Le due sorelle s'intesero sui modi di pigliar la figliuola in un
momento di buone disposizioni. E intanto i due vecchi amici, lasciato
Ezio risalivano lentamente la strada del Pioppino. Massimo camminava
avanti raccolto ne' suoi vaghi pensieri; Cresti, che gli veniva
appresso, chinavasi spesso a raccogliere una foglia di menta, un
rametto di timo, o a contemplare una piccola lumaca annicchiata in
qualche corteccia: ma avvolgevasi anche lui nel filo di quei teneri
pensieri che da un anno andava tessendo alla trama della sua vita.
Massimo guardava più al passato, Cresti all'avvenire, e camminando
così fuor della loro strada, non sentivano nè il sole infocato che
faceva arrabbiare le cicale, nè i ciottoli che ingombravano il
sentiero.

Quando per una viottola in mezzo alle vigne sbucarono all'ombra della
Cappelletta della povera mamma, Massimo Bagliani arso e trafelato si
fermò, si asciugò la testa e il collo grondanti, e ruppe
improvvisamente in una risata sonora, che fece tremare il volume della
sua mole diplomatica.

--Che c'è da ridere?--chiese l'amico.

--Lasciami ridere, caro: è una facezia.

--Che cosa?

--Questa vita.

--Ehm! Sei forse pentito d'esser disceso a Villa Serena?

--Son felice, Cresti: tu sei un tesoro.

--T'avevo detto che l'avresti trovata più bella! queste donne senza
nervi migliorano stagionando.

--Tu sei cattivo con lei, Cresti...

--Dodici anni di schiavitù non le hanno fatto male. Va a credere alle
donne.

--E perchè mi tormenti allora colla Flora?--soggiunge Massimo,
ripigliando quel suo ridere convulso che finì col strizzargli le
lagrimette.--Sai perchè rido, Cresti?

--Che devo saper io?

--Penso che Vincenzina avrà trovato che io son diventato l'astuccio di
me stesso: che...? che?.., altro che astuccio: il cofano, la cassa
della mummia. Meno male che la vita è una facezia...

E su questa sentenza i due amici camminarono in silenzio verso al
Pioppino.



VI.

Una visita.


Flora da quel giorno famoso in cui Ezio l'ebbe tre volte baciata sui
capelli, cominciò a discorrere con la mamma e colla Regina del suo
dovere di regalare un nuovo manto alla Madonna del Soccorso per
ringraziare la Benedetta d'averla salvata dal fulmine.

La saetta era caduta poco fuori del giardino e aveva scavezzato un
antico olivo vecchio forse di duecento anni: ma questo era nulla al
paragone di quei tre fulmini che erano discesi nel suo cuore.

Ezio l'amava, Ezio l'amava, Ezio l'amava!

La Madonna meritava non un manto solamente, ma una corona d'oro
tempestata di diamanti. Qualche cosa bisognava ch'ella facesse dal
momento che il restar rinchiusa in casa era diventato per lei quasi un
supplizio.

Quel troppo di assoluto e quasi di asciutto, che era nell'espressione
del suo volto fatto di linee sottili e lunghe, dalle labbra tumidette,
dagli occhi pungenti, si spianò, si allargò, per così dire, in una
grazia di pensieri soddisfatti e fioriti, di benevolenza tenera, di
bontà amorosa, piena d'indulgenza e di carezze. E non il volto
soltanto, ma tutta la persona, si abbellì d'una mollezza più
femminile, che faceva comparir meglio i vestiti e toglieva al suo
portamento quel non so che di rigido e di soldatesco, che ricordava
troppo la figlia del colonnello.

Ora che tra lor due s'era fatta una luce solare temeva ch'egli avesse
a veder meglio le macchie della sua povertà morale. Non si sentiva più
così forte come prima. Una gran scossa interna aveva spezzato il
macigno della sua vita arida, senza verde e senza fiori e dal fondo
scaturivano in lei ruscelli da tutte le parti.

Anche le cose di fuori avevano tutt'altri colori. Il lago pareva
diventato più azzurro, più d'accordo con lei, le montagne più
trasparenti: le campane dicevano cose nuove e commoventi: i gridi dei
bambini sulla piazzuola, così noiosi prima, facevano eco adesso ai
cento fanciulli allegri che giocavano in lei. Perfino il trombone del
sarto, quel terribile trombone che urtava continuamente colle sue note
lacerate le case del piccolo golfo, era diventato anch'esso più
sopportabile dacchè vi sentiva il soffio d'un uomo felice. Solamente i
conigli del povero Cresti non ebbero grazia.

Per vedere la Regina usciva spesso a piedi o in barca e andava a
cercarla alla Villa Carlotta. Una volta trovò il vecchio Bortolo che
stava rattoppando una rete all'ombra dei grandi platani.

--È in casa Regina?--disse Flora al giardiniere.

--Credo che sia al ponticello.

--E quando si faranno queste nozze?

--Sento parlar della Madonna di settembre: ma i padroni son loro.
Amedeo vorrebbe prima lasciar passare le Regate e cercar di vincere
qualche premio. Quest'anno quei di Tremezzo voglion vincere.

--È un bravo figliuolo, siete fortunati.

--È un ragazzo a cui non pesa il remo.

--E per la casa avete potuto combinare?

--La mamma di Amedeo andrà a stare con sua sorella a Mezzegra e cederà
la sua casetta al torrente. Così Regina potrà avere la scuola
dell'Asilo in casa.

--È stato ben pensato. E voi Bortolo?

--Ci faremo compagnia io e la mia vecchia--disse Bortolo rassegnato--e
poi non vorranno tardar molto quegli altri.

--Certo: e saranno il balocco del nonno.

--La natura è un giro--finì col conchiudere il giardiniere che amava
entrare nello spirito delle cose.

--E lei, contessina, non pensa a trovare il suo Amedeo anche lei?

--Oh, oh...--protestò con enfasi la signorina del Castelletto--Chi
volete che si occupi de' fatti miei?

--Io no, poverina--rispose Bortolo buffonchiando--la mia rete non
piglia più pesci. Ma ho visto pescar delle anguille anche più furbe.

Flora rise alto, sentendosi paragonare a un'anguilla; e passando per
la cucina della fattoria, entrò nel giardino della villa, chiamando
Regina. Non sentendo rispondere, si avviò per il viale che s'inoltra
in un fitto boschetto di abeti, sicura di trovarla al ponticello.

       *       *       *       *       *

La Villa Carlotta, famosa in tutto il mondo per quel che ne dicono le
Storie del lago e le Guide dei viaggiatori, ha intorno a sè un
giardino vasto e profondo, in cui non sai dire fin dove l'arte
corregga la natura e fin dove questa colla sua potenza rigogliosa
nasconda i limiti dell'arte. Seguendo le sinuosità un po' erte della
montagna, su cui si appoggia, il giardino è tutto una selva di piante
di raro valore, antiche e folte, che nella dolcezza lusinghiera del
clima, nel lento e non trascurato lavorìo degli anni continuano a
mescolare i loro amplessi e i loro verdi diversi, in cui domina il
bruno fisso e cupo delle conifere colossali. La mano dell'uomo non le
disturba, se non in quanto vuole raddoppiarne le ombre, rimuovere gli
ostacoli morti, aprire nelle macchie che sarebbero inaccessibili,
qualche ombroso recesso asilo alle ninfe che ci passano, aumentarne
gl'incanti con improvvise aperture sopra lo specchio luminoso del
lago, con qualche grotta di tufo piangente, con scalinate rozze e
muscose che menano a chioschi isolati e taciturni, in cui dorme anche
il silenzio nella frescura della solitudine.

La Villa, che fu già dei Sommariva, è oggi nelle mani d'un principe
tedesco che fa pagare il piacere di visitarne le gallerie, in cui
trionfano _Amore e Psiche_ del divino Canova. Le mancie che
fruttano i tesori dell'arte nostra sul lembo azzurro del nostro lago,
servono a ingentilire i servi del principe tedesco, che nelle lunghe
assenze del padrone, inselvaticherebbero in una oziosa sonnolenza.
Così l'Italia continua l'opera sua di liberale educatrice dei popoli,
dietro la tenue tassa d'una lira per la villa e d'una lira per il
giardino.

Flora, per l'amicizia sua colla figlia del giardiniere poteva passare
senza pagar nulla alla Germania e considerare il giardino come suo. Vi
andava spesso, specialmente nei giorni più caldi del luglio e
dell'agosto quando l'estate arroventa le roccie e fa dormire anche le
acque del lago.

Regina, natura semplice e modesta, amava la compagnia della contessina
del Castelletto, da cui aveva sempre a imparare qualche cosa di bello.
E Flora da parte sua, nella sua superiorità morale sempre un po'
incomoda da portare, amava di riposarsi nella bontà alquanto ignorante
d'una ragazza del popolo, priva di concetti e quasi senza idee, per la
quale era nuova e fresca ogni impressione che non uscisse dal paiolo,
dalla calza e dal libro da messa.

Flora, che aveva letto, i suoi trecento volumi tra inglesi e tedeschi
e che da un mese si storpiava lo spirito coi drammi dell'Ibsen, si
rifaceva una non ingrata ingenuità e una specie di curiosità nuova e
primitiva nelle senzazioni infantili della figlia del giardiniere, su
cui tentava spesso delle piccole esperienze morali a sua propria
istruzione come un medico curioso farebbe sulla vita d'un coniglio.
Nelle ore in cui rimanevano sole nel giardino le insegnava qualche
ricamo sui modelli della _Mode illustrée_, le faceva ripetere le
canzonette che poi Regina insegnava ai bambini dell'asilo, schizzava
nella sabbia dei disegni geografici per darle un'idea di quel mondo
che la ragazza non avrebbe mai conosciuto: e in compenso si faceva
insegnare da lei oggi il modo di cucire un paio di sandali di corda,
domani quello di intrecciare un punto a rete o di cuocere una torta di
castagne. Eran poi compagne indivisibili in tutte le spedizioni di
montagna che non aveva più segreti per loro e di cui conoscevano tutti
i fiori e tutte le erbe lunghe e corte, che hanno un nome in botanica.

Flora, non trovando Regina al ponticello, sedette sulla solita
panchina ad aspettarla. Ivi il monte scende quasi a perpendicolo con
una spaccatura, in cui scorre e salta dopo le piogge un piccolo
torrente tra fitte boscaglie di rovi e di felci; e sulla spaccatura è
buttato un ponticello di legno rustico. Era il luogo dove le due
ragazze portavano i loro lavori, i libri, la merenda. Vi rimanevano le
mezze giornate a parlar dei piccoli casi del paese, tacevano spesso
insieme volentieri, cantavano sottovoce le canzonette delle filande,
mescolavano le loro intime confidenze fin dove lo spirito umile
dell'una poteva salire alle altezze alquanto vertiginose in cui si
sbizzarriva spesso lo spirito dell'altra.

Regina era una pia e sottomessa figlia di Maria. La sua religione era
quella del signor curato. Aveva imparato a credere dalla sua mamma,
come questa alla sua volta aveva imparato dalla nonna. Di questa
scienza fatta coscienza, non che dubitare, Regina non credeva nemmen
possibile che si potesse aver un dubbio, come non si dubita del sole
che porta il giorno.

Invece la contessina metteva forse nella sua fede troppi capelli
rossi. Ribelle alle convenzioni di quaggiù, dal suo spirito indomito
era spesso trascinata a rompere anche qualche convenzione di lassù.
Quel benedetto eterno paradiso, per esempio, con tutte le sue sedie
d'oro in fila gli faceva l'effetto d'un sito noioso.--Se ci
vado--diceva per bizzarria di spirito--la prima cosa è di cambiar
posto a quegli sgabelli che non si muovon più dalla creazione del
mondo...

Ma a giorni di eresie succedevano facilmente moti di grande fervore,
in cui la signorina del Castelletto sentiva l'anima allargarsi fino a
toccare gli orli del cielo. La felicità l'avvicinava facilmente a Dio.
Nella gioia profonda del suo cuore sentiva che era poca una vita, e
volentieri abbandonavasi verso una santa dolcezza in cui non le
sarebbe dispiaciuto di morire.

Ezio l'amava. A questo pensiero provava una gioia che le faceva quasi
paura, Bea conosceva la dolcezza infinita dell'amare, ma questa
soavità dell'essere amata le arrivava nuova, immensa e in gran parte
ancora incomprensibile. Per quanto nobile o sublime sia l'idea che una
ragazza o una donna si formi dell'amore, l'idea è un fuoco dipinto in
paragone della fiamma vera o viva che penetra in tutto l'essere e
morde le fibre più sottili dell'anima.

Oggi per Flora non c'era più dubbio che Ezio l'amasse. Egli stesso
aveva voluto dirglielo non richiesto col più eloquente linguaggio che
sia concesso alle labbra dell'uomo. Quei tre baci avevano rivelato un
Ezio buono, un Ezio tenero, un Ezio rispettoso, come non era mai
stato, nemmeno quando giocavano insieme nelle ombre del giardino o
guardavano insieme i torrenti della montagna o vogavano insieme nella
stessa barchetta.

Che cosa grande (pensava) che cosa divina la bontà di un uomo che ti
ama! la donna non saprebbe mai che cosa è l'immensità e l'infinito se
un uomo non la trasportasse colla sua forza al di là di questa povera
riva. Era ancora sulle braccia di Ezio che essa faceva il passaggio
del mistico oceano. Essa era felice. Dopo una lunga esistenza piena di
piccole angoscie e di piccinerie vane dipinte sul nulla, sentivasi
finalmente rapita da un fiotto di calda giovinezza in cui
rigermogliavano tutti i fiori appassiti e si schiudevano le più
segrete essenze della vita.

Come al calore del sole di aprile si squagliano le nevi e scendono a
precipizio i bei ruscelli chiari, mentre il sole si purifica dalle
nebbie, mentre le rondini fabbricano i nidi sotto le gronde e va per
tutta la natura una contentezza intima che fa fremere le foglie degli
alberi e delle siepi, così pareva anche a lei d'essere tutta una
primavera,

Avrebbe voluto parlar alto e cantare ai tronchi la sua felicità. Fin
la sua stessa ombra le era diventata cara, perchè era l'ombra d'una
creatura felice.

Sollevando gli occhi alle cime degli alberi tra le punte verdi
oscillanti sotto l'azzurro del cielo, stava a lungo colla testa
appoggiata alle mani, colla bocca schiusa ad aspirare la contentezza
che le faceva parere così bello il cielo e così buono il Signore che
vi abita.

A questa contentezza di tutti i sensi si accompagnava un senso
d'orgoglio d'aver saputo attendere con pazienza l'ora sacra e
predestinata del suo trionfo. Da un pezzo essa considerava il suo Ezio
come uno di quei traviati peccatori, colpevoli di spensieratezza che è
un onore e insieme una delizia per una donna di condurre al bene. In
questa lunga speranza aveva vegliato molte notti, e pregato a molti
altari, coltivando il suo amore nel giardino chiuso della
immaginazione respingendo ogni altro idolo, piangendo sopra di lui
come sopra un figliuolo del suo pensiero.

Ecco, Dio aveva voluto che essa raccogliesse il premio della sua
fede.--Tu sai, buon Dio, che io sarei rimasta contenta d'essere la sua
umile ancella; ma tu hai voluto ch'io fossi qualche cosa di più.
Grazie! che tu sia lodato per sempre! Tu hai fatto sonare nell'anima
mia molte corde che sarebbero state mute per sempre: tu mi dai una più
viva forza spirituale, una più piena coscienza di me? quest'amore mi
viene da te, o Signore, parche non può venire che dal cielo quel che
fa felice una creatura.--

Aveva ragione la sua mamma di dire che c'era molto della nonna Celina
in questa sua figliuola rivoluzionaria: e che bisognava darle marito.

Tanta era la contentezza e la persuasione che Flora aveva della sua
felicità che non diede nemmeno molta importanza al fatto che Ezio, dal
giorno fatale della saetta, non si era più lasciato vedere al
Castelletto, nemmeno sotto le spoglie di Pomponio Labeone. La
dissertazione era rimasta al capitolo del «_Manutengolismo_» ma
Pomponio Labeone non pareva già più quell'uomo diligente che aveva
promesso di essere.

Che importava a Flora se da sei o sette giorni non dava più segno di
essere vivo? Ezio, il suo Ezio essa l'aveva vivo e grande nel suo
piccolo cuore, lo portava con sè, nè c'era bisogno ch'egli si facesse
vedere. Oppure spiegava quest'assenza troppo lunga nel modo più
semplice e naturale. Ezio aspettava d'essere incoraggiato. Toccava a
lei forse di farsi vedere non offesa a Villa Serena e dare un segno di
grazia a quel brutto impertinentello. E l'avrebbe fatto: certo, essa
doveva andarci appena il suo cuore si fosse sentito pronto ad
affrontare per la seconda volta la prova della mitraglia.

E l'occasione venne a tempo nell'invito a colazione che il Cresti
portò al Castelletto in nome della zia Vincenzina e di Ezio per
festeggiare il ritorno dello zio d'America.

       *       *       *       *       *

--Ecco il gran giorno!--andava ripetendo Flora in cuor suo--Bisogna
che io ci vada con tutte le armi.--Volle per quella mattina essere
bella, ben vestita, raggiante di quel poco di buono che Dio le aveva
dato. Mai aveva sciolto tanto amido azzurro nella catinella come
questa volta per dare consistenza e splendore alla sua gonnella di
mussolina. Al collo volle mettere le due fila di corallo rosso che
facevano brillare il candore di cigno della sua carnagione; nei
capelli bastava che ci fosse un nastro che li stringesse forte nel
mezzo e li lasciasse cascare liberi alla greca.

Mentre stava nella sua stanza a dar gli ultimi punti a un paio di
stivaletti scuciti, sentì nel salotto da basso risonare una voce
sconosciuta, una voce di donna che parlava il falsetto, ma forse più
che parlare gorgheggiava con una intonazione di testa, framettendo
risate acute ed esclamazioni entusiastiche piene di _oh_, di
_ah_, di _stupendi_, di _splendidi_.

--Chi è e da dove viene questa Cocorita?--domandò facendosi sul
pianerottolo con quelle due scarpette in mano. E stette un poco a
sentire.

La voce continuava a raccontare alla mamma storie non mai sentite di
viaggi, di corse, di matrimoni, di carnevali in Riviera, di gente
incontrata a Parigi, a Nizza al Cairo, a Madera e in cento altri siti
meravigliosi, in cui madama Cocorita era passata ne' suoi inverni, in
compagnia del barone suo marito (madama Cocorita era una baronessa).
Ora eran venuti a passar qualche mese a Cadenabbia, sull'albergo,
nella speranza di poter acquistare una villa in Tremezzina, di cui il
barone suo marito, sovente malaticcio, era innamorato. Parlava quasi
sempre lei, madama la baronessa Cocorita, con un tono di festosa
declamazione, di piena soddisfazione di sè stessa, gorgheggiando,
stridendo sugli acuti come un violino: e solo di tanto in tanto
un'altra voce più bassa e querula andava intercalando una frase a mo'
d'accompagnamento:--_Mio genero el baron l'ha fato--mio genero el
baron l'ha dito_.

Dopo un quarto d'ora di quel concerto, stando in vedetta sul
pianerottolo e spiando dalle gretole delle gelosie, vide uscire una
signora--pallida e molto bella, che aveva in testa un gran cappello
alla Luigi XV, ornato di larghe piume di struzzo, una figura spagnuola
che pareva tolta da un quadro del Velasquez: e accanto a lei vide
girondolare un vecchietto piccolo e secco come un baccalà,
tutt'ufficioso e complimentoso, vestito di un'elegante stifelius di
società che non pareva folto sul suo dosso, da cui uscivano due
solinoni acuti e taglienti come trincetti, stretti in una cravattona
verde più dell'insalata.

Mentre la mamma accompagnava questi non mai veduti visitatori verso il
cancelletto, Flora sentì che la baronessa nominava la bella Vincenzina
e quel caro tesoro di Ezio...

--Che c'entra costei con Ezio? chi è, da dove viene questa baronessa
dalle piume di struzzo?--e appena vide la mamma ritornare, scese le
scale e le andò incontro:--Vuoi dirmi chi è questa Cocorita colle
penne di struzzo?

--È un'antica compagna di scuola della zia Vincenzina e venne a
cercarla qui, credendo che fosse al Castelletto,

--E quel vecchietto che pare un ombrello in una fodera troppo grande?

--È suo padre, il sor Paoletto: un antico sonatore di clarinetto del
teatro Regio.

--E come si chiamano?

--Lei da giovine si chiamava semplicemente Ersilia Baracchi e fu
sempre una povera ragazza come noi: ma trovò qualche fortuna sul
teatro.

--Ah ora capisco..! È un'ex cantante.

--Sposò un ricco banchiere. Oggi è la baronessa Ersilia Hospenthal,
ricca a milioni. Fortuna e dormi, dice il proverbio. È una cara
leggierona che non manca di buon cuore.

--E come ha potuto conoscere Ezio?

--Credo che si sian trovati quest'inverno a Nizza in occasione delle
regate. Il barone è un gran dilettante di nautica.

--E intende di rimanere qui ad appestare l'aria co' suoi profumi
giapponesi?--chiese con un tono rivoltoso la giovine aprendo le
finestre del salotto.

--Peccato che tu non abbia potuto vedere i suoi splendidi brillanti.

--Non me ne importa nulla. Spero che non ci seccherà troppo spesso
colle sue visite,

--Eh... che cosa ti ha fatto?

--Nulla; ma noi non abbiamo poltrone degne dei suoi milioni.



VII.

Colpo di mitraglia.


Flora scese alla Villa insieme alla mamma mezz'ora prima del tempo
convenuto per la colazione, colla segreta speranza d'incontrarlo in
giardino: ma egli non era lì ad aspettarla alla scaletta della
darsena, come si era immaginata, nè si lasciò vedere nel giardino.

Passando davanti alla veranda, sentì invece la voce del Cresti, che
parlava col signor curato,

--Faccio un giretto--disse la fanciulla, quando furono per entrare; e
corse verso il boschetto delle magnolie, come se sperasse di trovarvi
quel che era venuta a cercare o volesse mettere tra lei e il
desiderato incontro un nuovo atto di preparazione e di raccoglimento.

Salì e discese la montagnola: e giunta all'imboccatura della grotta,
sedette ai piedi di un'antica statua di Diana, in attitudine di donna
stanca e smemorata, chiedendosi umilmente con infantile semplicità:
--Perchè non era lì ad aspettarmi?

Nella grotta di tufo dove marcivano vecchie casse fuor d'uso,
riconobbe una logora carriola di legno, in cui Ezio l'aveva condotta
le cento volte su e giù pel viale della montagnola. Erano ancora le
stesse piante, o quasi, magre e lunghe, che tremavano all'aria,
popolate di tortorelle e di rossignoli: era ancora lo stesso odore di
lago misto al più acre odore di canape che fanno marcire alla riva del
torrente, un cattivo odore carico di idee buone per quel che suscitava
delle antiche memorie. Che cosa era avvenuto di lei che le pareva
d'esser così grande in mezzo a queste piccole cose? E perchè tanta
paura sul punto d'incontrarsi in quel ragazzo, che l'aveva condotta,
docile e obbediente come un buon cavallino, nella carriola di legno?
Perdio soffriva già tanto di non averlo visto ai piedi della scaletta,
come aveva sognato che ci dovesse essere? Pensò ch'egli fosse a far
toeletta. Il signorino mutava di vestiti almeno quattro volte al
giorno. Alla mattina scendeva in canotto in tela russa da marinaio:
poi faceva colazione colla matrigna in abito da casa: poi usciva in
costume di società, e qualche volta si lasciava imbrancare nella
compagnia che, in maniche di camicia, giocava alle boccie nel giardino
del curato.

Flora non osava pensare ch'egli non fosse lì a riceverla per un
sentimento cattivo; ad ogni stormire di foglie credeva di vederlo
uscir fuori, tra pianta e pianta, e di sentir le sue mani sugli occhi.
Ma la campanella del cuoco suonò il secondo segnale senza che Ezio
venisse a scovarla dal suo nascondiglio, lì allora si rassegnò a
entrare in casa. Il Cresti la vide subito e corse a prenderla per mano
per presentarla a Massimo, che non volle riconoscere nella grande
fanciulla, che aveva davanti, la bambinella che si specchiava nei
bottoni della montura. Di lei non era rimasta quasi che la gran fiamma
dei capelli, diventati un vulcano.

La zia Vincenzina la rimproverò perchè era stata tanto tempo senza
lasciarsi vedere; l'abbracciò, la carezzò, le raddrizzò quel che c'era
meno diritto in quel suo gran vestito di mussolina, e finì di dirle
sottovoce:--Ho un gran discorso a farti, in segreto. A tavola ti ho
messa vicino a Cresti: sii gentile con lui.

Il vecchio Andrea venne a dire che la colazione era pronta: e tutti si
avviarono verso il salotto.

Egli... egli non c'era ancora. Flora girò gli occhi e fu per gridare:
Dov'è?--Il Cresti venne a offrirle il braccio, che essa accettò senza
capire dove si andasse.

Si misero a tavola senza di lui: e venne in tavola il secondo piatto
prima che il padroncino facesse agli invitati l'onore della sua
presenza.

Flora stava già per piangere, quando Ezio entrò in gran furia,
chiedendo molte scuse, stendendo la mano allo zio, al signor curato, a
Cresti, prendendo il posto tra la zia e lo zio, guardando agli altri
cogli occhi vuoti e distratti. Egli fece sapere che per il tocco aveva
un'importantissima adunanza del Comitato dei Canottieri al Ravellino,
dove sarebbe stata provata la forza di resistenza di due imbarcazioni:
si voleva allenare una coppia di barcaiuoli e stabilire una
graduatoria di premi; ma questo era nulla. Ciò che aveva scombussolato
i suoi progetti e che lo aveva fatto comparire poco grazioso colla
cara compagnia era un telegramma urgente dell'amico Bersi, che gli
annunciava l'improvviso arrivo del Duca d'Aosta, il presidente
onorario del club dei Canottieri. Questo l'aveva costretto a
trasformare la sua toeletta; e la compagnia doveva perdonare non solo
il ritardo, ma la confidenza del suo vestito mezzo da pescatore e
mezzo da gentleman, cioè una maglia da canottiere sotto una giubba
nera di società. Oltre a questo doveva anche chiedere il permesso di
allontanarsi un po' presto, forse prima che fosse finita la
colazione...

--Tutte cose importanti, una più dell'altra--interruppe con un filo
d'ironia il Cresti.

--Per te non c'è nulla di più importante d'una conserva di pomodoro...
ribeccò il giovine con burbanza.

--Questa almeno è ricchezza nazionale. Ma il vostro correre non vi
serve che a pigliar caldo in agosto.

--Sei tu che corri?

--A me basta d'arrivare a tempo...--concluse il Cresti, piegando la
testa verso Flora e abbassando la voce come se volesse parlare
soltanto con lei e per lei.

--E tu, mio buon zio d'America, come hai ritrovata l'Italia dopo tanto
tempo?

--È sempre il paese di Dio...--proclamò lo zio--Gira e rigira, un
pezzo di lago come questo non lo trovi in nessun sito. Mi par di
ricominciare a vivere.

--L'Italia--volle aggiungere il Cresti--sarebbe senza dubbio il più
bel paese del mondo, se potesse essere liberata dagli italiani.

--Non prestare delle brutte parole al più buono degli zii, vecchio
selvatico, coltivatore di patate...--gridò Ezio, che lanciava di tempo
in tempo un'occhiata all'orologio. I suoi modi erano lieti e cortesi,
ma gli occhi no; gli occhi dicevano ch'egli non vedeva l'ora di
andarsene.

--Pare che tra voi due sia guerra dichiarata--osservò lo zio Massimo.

--Uno di noi due è di troppo sulla terra..--disse il giovine.

I discorsi a poco a poco si mescolarono e si scaldarono al rumore
delle forchette. Massimo aveva cento cose da raccontare di quei paesi
di laggiù, della Bolivia, della Venezuela, dell'America centrale: e
sentendo di essere ascoltato volentieri, si lasciava andare
liberamente a discorrere, provando nella famigliarità dei cari parenti
e degli amici il piacere e il riposo che prova il viaggiatore che può,
dopo una lunga giornata d'incomoda carrozza, stendere e sgranchire le
gambe in una buona poltrona.

Cresti fece una corte spietata a Flora. Lodò il bel vestito di
mussolina a bolle bianche e celesti, lodò la collana di corallo, che
faceva spiccare il candore marmoreo del collo; lodò le belle mani
magre e lunghe, a cui non mancava che una cosuccia sopra un dito...

Mai il solitario del Pioppino era stato così eloquente e poetico; ma
sentendosi in quest'assedio spalleggiato dalla madre, dalla zia, da
Massimo, trovava nel vin bianco del suo amico Ezio un coraggio di cui
quasi aveva egli stesso paura.

Flora stava a sentirlo senza turbarsi, senza ridere, senz'arrossire,
senza rispondere, con una impassibilità che poteva parere
attenzione:--Perchè Ezio non osava guardarla? perchè questa smania in
lui di andarsene? perchè non si era lasciato vedere un momento prima?
perchè quei suoi occhi avevano un fondo immobile di noia e di
malcontento?

Non si era ancora arrivati al caffè che il giovine, confrontato il suo
orologio con quello del caminetto, disse:--Cari miei, bisogna proprio
che vada. Me ne duole assai, ma non vorrei che Sua Altezza andasse a
Cadenabbia e non ci trovasse.

Pare che tu non abbia soltanto degli amici a Cadenabbia--azzardò con
un tratto di sfida il misantropo del Pioppino, che in questa carta un
po' arrischiata aveva il suo buon giuoco.

--Cioè?--disse Ezio, coll'aria beffarda di chi accetta la sfida.

--Si dice che sarebbe arrivata anche una certa famosa altezza... Chi
me ne ha parlato? credo il Bersi quest inverno, quando tornò da Nizza.

--E se anche fosse, che te ne importa? troncò netto il giovine con
un'alzata aspra del viso.

A Flora, che stava parlando di musica con Massimo non isfuggì una sola
parola di questo breve dialogo, in cui Ezio affettò quasi del brutto
cinismo: e la colpì il modo violento con cui egli uscì senza degnarla
nemmeno d'un'occhiata. Cresti rideva del suo buon giuoco--Avete visto?
pare che l'abbia toccato sul vivo. Come si chiama, donna Vincenzina,
quella baronessa ex cantante di cui parlava quest'inverno il Bersi? Ci
deve essere stato un piccolo dramma a Nizza tra lei e quell'altra, di
nome spagnuolo. Son le prodezze di questi giovinotti.

Flora si mosse improvvisamente e andò incontro alla Bernarda, che
entrava col vassoio del caffè. Glielo tolse di mano e passò a
preparare il tavolino e le sedie nella veranda.

Aveva bisogno di essere sola un momento. Oh se avesse potuto buttarsi
colla testa in terra, piangere, gridare! Da un'ora non facevano che
tormentarla in tutti i modi; ma le ultime parole odiose del Cresti
avevano finito col configgerle uno spillo nel cuore. Essa non sapeva
nulla del dramma a cui si accennava, ma cominciava a sentire che
quella donna dalle penne di struzzo era venuta sul lago in tempo per
rompere la sua felicità. Si spiegò l'istintiva ripugnanza che le aveva
ispirata la sua presenza: si spiegò l'improvviso mutamento di Ezio,
che già cominciava a gustare le dolcezze dello studio e della vita
domestica: si spiegò la freddezza delle sue parole, la morte de' suoi
sguardi, il suo spirito eccitato e caustico..

Vedendolo passare, mentre si recava verso la scala della darsena, non
stette più alle mosse; ma obbedendo all'impetuosa forza che
l'avviluppò, gli andò dietro. Egli doveva dirle, almeno, in che cosa
si credeva offeso.

Giunta all'ingresso della darsena, sentì la sua voce irritata gridare
contro il povero Moschino, che doveva averne fatta una delle sue.

--Chi ti ha detto di toccare il canotto? ecco, asino calzato, ora mi
hai fracassato il timone. Ah questa non te la perdono, manigoldo.

--Misericordia!--gridò Moschino con voce atterrita.

Alle parole tenne dietro un brusco e scatenato sballottamento di
legni. Ezio era fuori di sè, con qualche ragione questa volta. Quel
disgraziato nel maneggiare il suo bel canotto _Morning Star_
gliel'aveva conficcato tra il battello pesante e il muro scabro della
darsena con tanta grazia che il delicato timone era saltato via in due
pezzi. E questo malanno quasi alla vigilia delle regate! C'era di che
morir avvelenato di rabbia. E l'ira gli andò così veemente al
cervello, che saltando dal canotto sul battello, con quel pezzo di
timone rotto in mano, Ezio, preso il ragazzo per il petto, dopo averlo
inchiodato sul muro, gli picchiò quel legno sulla zucca, fin che ne
restò un mozzicone. Il sangue colò abbondante sul viso del ragazzotto,
che andava gridando:--Padron, misericordia!

--Tu non sei amabile, stamattina--disse improvvisamente la signorina
del Castelletto, scendendo gli scalini e comparendo non invitata e non
aspettata ad assistere a quella brutta scena.--Nemmeno le bestie si
trattano così.

--Ma le arcibestie sì--ribattè Ezio senza scomporsi. E continuando
nelle sue minaccie, come se Flora non ci fosse, seguitò:--E pensa a
sbrattare da casa mia, brutto imbecille. Non dò da mangiare alle
bestie che mi rovinano i canotti, io.

--Ora hai gridato abbastanza--interruppe Flora che in questo frattempo
s'era chinata a bagnare il fazzoletto nell'acqua e cercava di fermare
il sangue della piccola ferita. Poi persuase Moschino a non dir nulla
e a tornare in casa dove sarebbe venuta subito anche lei. Il ragazzo
obbedì. Allora la fanciulla, che la pietà e lo sdegno rendevano
animosa, si volse di nuovo al signorotto di Villa Serena e gli
disse:--Prima di cacciar questo povero ragazzo dalla tua casa,
dovresti cacciare quel brutto diavolo che hai indosso.

Essa fremeva tutta. Commossa alla vista del sangue e dell'ingiustizia,
la Polonia si sollevò e parlò chiaro in tono di sfida, in cui
entravano dei personali risentimenti.

Ezio, lieto in cuor suo che essa gli offrisse così a buon mercato il
pretesto di rompere le buone relazioni diplomatiche, si alzò nel mezzo
del battello e parve un gigante sotto la volta bassa e tenebrosa della
darsena. Nella maglia bruna che lasciava nudo il collo e nude le braccia
abbronzate dal sole il suo corpo di giovine atleta si disegnò nella
plastica bellezza d'un busto di bronzo. E anche l'atteggiamento ebbe del
plastico, quando, appuntando verso Flora quel mozzicone di timone che
aveva in mano, le disse con un sottile sarcasmo:--Contessina, quando
voglio ricevere lezioni da lei so dove sta di casa.

--Ezio!--gridò la povera Flora, opponendosi con un supremo sforzo a un
fiotto largo di lagrime, che minacciava di soffocarla:--Perchè sei
così cattivo con me stamattina?

--Son quel che voglio essere, in casa mia--ribeccò con collera
nervosa.

--Sai che ti voglio bene, Ezio--si lasciò condurre a dire la poverina
con un'espressione umile di supplica; ma Ezio, aveva già col remo
distaccato il canotto, che scivolò a un secondo colpo fuor della
darsena nella luce aperta e svoltò dietro l'argine d'ingresso.

Essa rimase lì sull'ultimo scalino, coi piedi quasi nell'acqua mossa,
in cui la persona vestita di chiaro si sconnetteva tutta in una figura
tremula e convulsa.

--Sai che ti voglio bene...--stava per ripetere, mentre stringeva la
testa nelle mani, come se anche lei fosse stata percossa e tutto il
sangue uscisse da quella ferita.--Ezio! Ezio!--avrebbe voluto gridare,
scendendo in quell'acqua oscura per corrergli dietro; ma il suo
orgoglio si ridestò impetuosamente e non volle più ch'essa piangesse e
pregasse. Essa non aveva bisogno di avvilirsi fino alla viltà di
quell'uomo. Se egli si era abbassato fino alla menzogna e se da una
menzogna cercava di riscattarsi con una violenza, perchè doveva essa
seguirlo nel suo fango? no, morire prima: piangere mai!

Intanto il signor vice ammiraglio con una vigoria di colpi che
facevano volare il leggiero canotto sul pelo dell'acqua, pigliava il
largo come un contrabbandiere che sa come, perduto il momento
propizio, non si passa più. Da una settimana andava studiando il suo
piano per far capire a una ingenua che non bisogna credere troppo ai
temporali d'amore.

Acquazzoni di montagna! egli aveva voluto semplicemente scherzare.

Con un pizzico di malafede diplomatica oggi poteva dimostrarle che il
torto è di chi si mescola negli affari altrui.

--Piglia il tuo tempo mentre passa; (diceva accanto a lui un cattivo
diavolo) nelle guerre d'amore vince chi fugge.

Poichè l'animo non era del tutto pervertito bisogna anche dire che un
senso di malcontento, quasi di rimorso, gli faceva parere pesanti i
remi: ma il suo diavolo, seduto in poppa, al posto del timone
spezzato, andava soffiandogli negli orecchi:--Via, via, alla larga
dalle ragazze che piglian l'amore troppo sul serio.



VIII.

Trista ebbrezza di cattivo vino.


Ezio, accettando l'invito del barone, recavasi una mattina a far
colazione a Cadenabbia.

Sul battello s'incontrò in Erminio Bersi, che veniva dalla Brianza, e
che era stato invitato anche lui nella sua qualità di segretario della
società dei canottieri, della quale il Barone Samuele Hospenthal era
uno dei soci fondatori.

Il Bersi, un vecchio giovinotto dalla faccia rubiconda e grinzuta
sotto i capelli precocemente imbiancati, raccontò di aver trovato Lolò
a Merate tutto in faccende nel sostenere la candidatura di suo cugino
il Marchese di Roncaglia; ma lo sport politico non gli avrebbe
impedito di essere sul lago il giorno delle Regate.

--Sai chi ho visto a Como? ed abbiamo viaggiato sul battello insieme,
fino ad Argegno, dov'è discesa, probabilmente diretta in Val d'Intelvi
in compagnia del suo vecchio americano. Ha promesso di venire anche
lei sul lago per le Regate dopo che avrà condotto il suo vecchio
arcimilionario a vedere il lago di Lugano. Tu sai di chi parlo.

--Di Liana. Le hai parlato?

--Ha voluto presentarmi al suo vecchio miliardario, una specie di
baccalà cotto nel petrolio, che la copre di diamanti; ma mi ha fatto
capire che si annoia e mi ha chiesto di te.

--E tu che cosa le hai risposto?

--Ho detto che Ezio Bagliani si è dato interamente alla
Giurisprudenza.

--Precisamente..--confermò con secchezza il giovane.

--Dice che tu sei stato troppo cattivo con lei.

--Oggi o domani bisognava che io venissi a questa decisione. Potrei
risolvermi anch'io a prender moglie.--Ezio rise cogli occhi, mentre
offriva una sigaretta all'amico. Poi per girare il discorso gli
domandò:--Conosci il barone?

--Da un pezzo, ci siamo trovati tre anni fa ai bagni dell'Ardenza.

--Che uomo è?

--Uomo di molto ingegno, acuto come una lesina, che sa mescolare
l'utile al dolce, non privo di ambizione, che aspira a rendere qualche
grosso servizio alla deplorata finanza italiana. Non è l'Apollo del
Belvedere, poverino, con quella fronte a pera, con quel naso da
pappagallo, con quegli occhi da formica, che son sempre in cerca di
occhiali; ma è una testa che pensa. Conosce egualmente bene un quadro
d'autore come un titolo di rendita, e mentre ti espone un programma
finanziario, è capace di citarti un verso di Orazio.

--Che tu forse non sei capace d'intendere.

--È il nostro torto, Ezio. Il mondo, mi persuado sempre più, è di chi
sa.

--Paf! esclamò Ezio, picchiando un colpo di mano sul panciotto del
vecchio giovinotto. In un altro momento il Bersi avrebbe dovuto pagare
l'onore di aver pronunciata una sentenza così seria: ma costui
nicchiando continuò:

--In quanto alla baronessa pare che tu la conosca meglio di me; dicono
che ella sappia, come Rossini, pigliare il suo bene dove lo trova: ma
è d'una imprudenza fenomenale. Avviso al lettore.

Ezio non diede segno di capire, ma si mosse per salutare la bella
marchesa Lenzi che montava sul ponte in compagnia di due giovinette sue
nipoti e di don Gino Corsi. La Lenzi, che dopo aver divorata tutta la sua
parte di felicità, s'era consacrata a procacciare quella degli altri,
presentò il giovane Bagliani a Fanny e a Mimì che risposero con vigorosi
_shake hands_. Il Bersi ridendo gli disse sottovoce:--Essa ti cova...

La riva e lo sbarco di Cadenabbia erano affollati. Le belle giornate,
le prossime regate, il passaggio grande dei forestieri, che
incominciavano a piovere dall'Engadina, rendevano la stagione sul lago
molto promettente.

--C'è anche il professore--disse il Bersi, mentre il battello si
accostava al ponte.

--Che professore?

--Non conosci il sor Paoletto Baracchi celebre professore di
clarinetto? eccolo, quel vecchietto che agita il cappello. È il babbo
della baronessa, un ometto modesto, allegro, rassegnato, che gode il
papato all'ombra di sua figlia. Credo che sia l'uomo più felice del
mondo. Mangiare, bere, viaggiare e trovar tutto pagato per uno che ha
soffiato trent'anni in un pezzo di legno, si può dare di più?

In un gruppo in disparte Ezio riconobbe la baronessa che gli sorrise
al di sotto d'un cannocchialino d'avorio che teneva agli occhi. Vicine
a lei eran altre signore, tra cui due giovinette alte, bionde, di tipo
esotico, due Russe che viaggiavano sole il mondo. Il barone Samuele
col suo contegno umile, d'uomo che digerisce male, faceva da cicerone
a un grosso signore, un tedesco all'aspetto, che approvava tutto quel
che sentiva dire. Le presentazioni furono fatte sul piazzale
dell'albergo. Il barone presentò i suoi amici, il nobile Ezio Bagliani
e don Erminio Bersi, al commendatore Zuccani, segretario particolare
di S. E. il Ministro delle Finanze al signor Ignazio Bühler, direttore
della Banca federale, presidente anche lui del club dei Canottieri di
Zurigo.

--C'è voluta proprio tutta la forza di Samuele per averla una mattina
con noi, Bagliani--disse la baronessa, mentre serrava con una segreta
corrispondenza massonica la mano di Ezio. Questi cercò di soffocare
una prima emozione, mettendo in canzonatura le sue grandi occupazioni,
i restauri alla villa, le regate, gli studi, le Pandette e Pomponio
Labeone.

--Sì, sì, tutte belle cose, ma noi abbiamo bisogno dei nostri
amici--disse la baronessa, infilando il suo braccio pesante in quello
del giovine.

Ersilia Baracchi maritata al Barone Hospenthal, bella sempre nella sua
floridezza di donna leggiera e sciocchina, quella mattina poteva parer
bellissima anche per la singolarità del suo modo di vestire. Non più
penne di struzzo in testa, ma un cappello di paglia o piuttosto un
cestello di spighe e di papaveri. In dosso aveva una giacchettina a
vita, di sottile stoffa inglese paglierina con risvolti gialli, sopra
una sottana della stessa stoffa a pieghe pesanti, che non arrivava a
nascondere gli stivaletti alti di montagna e sulla quale cascava da
uno dei lati una borsetta di cuoio di Russia. Gli alti guanti svedesi
che le stringevano il braccio fino al gomito e il parasole dal lungo
bastone di bambù colla punta ferrata compivano il suo costume di
driade calzata, che poteva far sorridere le vere dame dell'eleganza;
ma che essa portava bene colla disinvoltura della seconda donna, che
ne ha portati di più stravaganti.

Prima di entrare nell'albergo, dove li aspettava la colazione, la
baronessa si voltò a salutare le signorine Sanin, le due sorelle
russe, e diede loro un prossimo convegno.

--Io dovrò presentarla a queste signorine, caro Bagliani, per
combinare con loro qualche bella gita in montagna. Sono innamorate
dell'Italia, dei nostri laghi, del nostro canto... e di me.

--Poco merito!--balbettò Ezio guardandola negli occhi. Che cosa le
volesse dire con quello sguardo non sapeva bene nemmeno lui; ma poichè
era venuto a questo invito e gli capitava l'occasione di divertirsi
con questa mimica, non voleva venir meno allo spirito della
situazione. L'anima superficiale e la coltura rudimentale di una donna
che scriveva _Ezzio_ ed _Ersiglia_ non potevano commuovere
troppo profondamente i gusti aristocratici di un raffinato, come il
nostro vice ammiraglio, che aveva navigato nei golfi più oscuri
dell'amore; ed era stato ben lieto che le scenate di Nizza (dove
Liana, come si raccontava, aveva preso a schiaffi la baronessa in
pieno giardino pubblico) l'avessero liberato da un pericoloso
perditempo e gli avessero data la forza di rompere una vecchia catena.

Ora che si trovava in un momento di raccoglimento spirituale, non
avrebbe voluto ripigliare il giuoco, se non fosse stato il bisogno di
opporre qualche distrazione al suo rimorso e di strapparsi alla
seduzione, forse più pericolosa, di Flora.

La baronessa tornò a ripetere il suo progetto di una bella gita in
montagna.--Sento che quassù c'è un'alpe dove si può anche riposare la
notte. Non ho mai passata una notte in montagna. Ci deve venire anche
lei, Commendatore--soggiunse volgendosi al giovine segretario
particolare che era sempre in moto a cercare il cordone degli
occhialetti tra i peli della barba nera e folta.

--_Ovve va la bbaronessa è ssempre un sentieru fiuriddu_--declamò
l'illustre uomo politico, alzando il mento e socchiudendo gli occhi,
come se recitasse una formola sacramentale.

--E voi, Buhler, siete alpinista?

--Fin dove arriva il barone, madama--rispose in discreto italiano il
direttore della banca federale, ridendo colla traboccante giovialità
d'uno svizzero contento di sè.

Il Bersi si lasciò acchiappare dal sor Paoleto, antica conoscenza, che
cominciò a ricordargli certe misteriose scappate fatte insieme a
Viareggio e a Chiavari nelle rosticciere popolari dei calli, dove più
che aria si respira pesce fritto.

Il vecchietto dagli occhi vivi, dalle guance infossate, come se il
lungo soffiare le avesse sgonfiate, solido e frettoloso come un
frullino, conservava al disotto della sua nuova felicità e del
signorile benessere che godeva in casa del baron suo genero, i gusti
dell'antico e modesto filarmonico e il suo piacere più forte era di
scappar dalla soggezione dei pranzi di lusso dei ricevimenti, per
correre a soddisfare la gola con un bel piatto di spaghetti al
pomodoro, _non tropo coti_, o di pescheria alla genovese,
mangiata in tre o quattro amici sotto un pergolato d'osteria. In
queste circostanze, se trovava un po' d'incoraggiamento, faceva
sentire ancora il clarinetto che da sei o sette anni dormiva
scomunicato nel vecchio astuccio.--Scarso e sottile nei vestiti ancor
buoni che il genero milionario gli faceva (con ben intesa economia)
portare, volonteroso e sempre pronto a render sevigio a tutti, il sor
Paoleto non era un uomo inutile in quella gran casa senza figliuoli;
curava i pappagalli, accompagnava a spasso la Tota, una vecchia cagna
stanca di vivere, portava lettere, involtini, ambasciate alle sarte e
alle modiste di sua figlia la baronessa e durante il tempo che i
figliuoli giravano all'estero, solo, nella gran casa di Milano,
restava a custodire le bestie, di cui mandava le preziose notizie fino
a Parigi, a Madrid, in Egitto.

La colazione fu preparata in un elegante salotto dell'albergo, che
faceva parte del quartierino che il barone aveva scelto per sè
nell'angolo più ombreggiato: e fu servita con una grande profusione di
piatti, di vasi, di fiori.

Bellissimi mazzi d'orchidee, dalle forme più strane e contorte,
s'intrecciavano fra i trionfi di cristallo sopra un tappeto di fiori
teneri dai colori delicati steso come un tovagliuolo nel mezzo della
tavola. Altre orchidee dalle corolle fantastiche in mezzo a foglie
vellutate e screziate come stoffe riempivano i vani delle finestre,
che davano sul verde nero dal boschetto, da cui veniva un chiarore
caldo, che moriva lentamente sulle argenterie, sulle cornici d'oro e
sugli specchi del bel salotto tappezzato di cuoio.

Si vedeva in quell'apparato di sfarzo e di ricchezza l'intenzione di
far colpo o sul segretario generale o sul direttore della Banca di
Zurigo, o su tutti e due. Il barone, che sapeva così bene far qualche
economia sui vestiti smessi, sapeva anche spender bene quando voleva
dare un saggio della sua potenzialità economica. Cattivo stomaco,
logorato da una vecchia dispepsìa, per conto suo mangiava come una
gallina e non beveva che vino comune molto allungato in una quantità
straordinaria di acqua di Vichy: ma conosceva troppo bene gli effetti
psicologici che un buon pranzo e delle buone bottiglie producono nelle
disposizioni umane. Da un anno Samuele Hospenthal, quest'uomo sempre
in preda a crampi di stomaco, andava tra una stazione e l'altra della
sua vita vagabonda preparando gli elementi per la costituzione di una
forte Banca italo-elvetica, che doveva aver sede in Milano con appoggi
solidi nella Banca Romana, che già fin d'allora godeva le simpatie di
molti deputati: e siccome tutto faceva prevedere un vicino patatrac,
il barone avrebbe voluto prepararsi a rilevarne le rovine con una
forte organizzazione Bancaria, che fosse lì pronta a sostituirsi. A
questo solo intento, tra una regata e l'altra, quell'uomo sobrio che
per risparmio di respiro non finiva mai un discorso, aveva trovato il
tempo di fondare e di sostenere due giornali, il _Corriere
Commerciale_ di Genova, e _l'Eco della Borsa_ di Napoli, che
andavano da sei mesi preparando un terreno propizio.

La baronessa fece sedere alla sua destra il Segretario generale che
bisognava carezzare e alla sinistra Ezio Bagliani, il piccolo ribelle;
in faccia aveva il marito tra Buhler e Bersi. Il sor Paoleto, per non
rompere la simmetria aveva mangiato prima alla _table d'hôte_, ma
si riservava di far onore al _punch frappé_ quando fosse venuto.

La conversazione corse rapida e animata tutto il tempo che durò
l'elegante servizio fatto sotto la direzione stessa di monsieur Detraz,
il maggiordomo, con un ordine silenzioso e colla precisione degna d'una
cerimonia religiosa. Il cartello della mensa cominciava con _oeufs
brouillés aux truffes_ e finiva col _punch frappé_ passando attraverso a
dei _rougets grillés_, a uno squisito _filet de chevreuil_ e a piatti
riboccanti di frutti e di confetture.

Nè meno squisita fu la lista dei vini che un cameriere biondo come
Apollo, versò di seguito in una serie di bicchieri di cristallo
degradanti come una zampogna, dal bianco Chablis, dal Bordeaux lucente
come sangue vermiglio, allo Champagne biondo e spumante che traboccava
fremendo dalle coppe fragilissime.

Era la calda abbondanza della buona tavola, a cui Ezio col vigor lieto
de' suoi ventiquattro anni, sotto l'occhio carezzevole d'una bella
donna che lo desiderava, fece un superbo onore. I discorsi seguitarono
a riscaldarsi nel tepore delle vivande, che spandevano un acre odore
di salse in quell'aria già carica del profumo dei fiori. Si parlò di
politica, di regate, del lago di Como, in paragone coi laghi svizzeri,
delle brutte notizie di Sicilia dove si faceva nuovamente sentire
l'azione rivoluzionaria dei Fasci socialisti. Il Bersi, che era sempre
un po' sfrenato nel bere, non trovava che un rimedio ai
torbidi:--Polvere e piombo.. come il general Radetzky soleva fare coi
milanesi nel 48. Finchè l'idra avesse avuta una testa (e i capi
bisognava fucilarli subito) la Sicilia non avrebbe mai ricuperato la
sua quiete: ma il guaio d'Italia--soggiungeva il vecchio giovinetto,
chiedendo scusa a sua eccellenza il commendatore Zuccani--il guaio era
tutto nella debolezza del Governo.

Il Commendatore si permetteva di osservare che la questione era
complessa: che veramente un po' di miseria c'era laggiù.

--E non soltanto laggiù,--aggiunse il barone.

--E non soltanto in Italia--appoggiò il direttore della Banca
federale.

--Quel che occorre è una buona circolazione monetaria e un
coordinamento più razionale delle banche.

I tre illustri uomini avviarono su questo argomento una discussione
piuttosto animosa, in cui entravano e il cambio traiettizio, e
l'arbitraggio bancario e la massa di rispetto e il fondo di riserva, e
altre astruserie di questo genere, che si accendevano come d'una lieta
fiamma passando nella trasparenza dei bicchieri.

Il Bersi, che cominciava a veder confuso, si lasciò trascinare nel
vano d'una finestra dal sor Paoleto che, tenendo il calice del
_punch frappé_ fra le dita, gli spiegò minutamente come si debba
trattare lo stoccafisso salato, se gli si vuol conservare il suo aroma
di mare; niente burro, ma olio, olio purissimo, con qualche
soluzionetta di acciuga.

Ezio si lasciò trascinare anche lui dall'onda del l'ambiente. Venuto
per soffocare un'idea cattiva in un cattivo vino, il vagabondo non
dolevasi di trovare nel vino qualche dolcezza. Nei fumi dell'ebbrezza,
le figure del giuoco gli si confusero in mano ed egli si trovò di
prender gusto alle parole insinuami di una donna, di cui sentiva il
fascino fisico.

La baronessa che i calori dello Sciampagna resero ben presto
irriflessiva lo dominava già cogli occhi, e lo esaltava col rapido
contatto delle mani, non gli lasciava quasi più tempo di riflettere.

--So che mi hai vendicata--gli disse una volta sottovoce, dandogli di
punto in bianco del tu, come se tra loro fosse già roba intesa.

--Di chi?

--Di quella svergognata tua spagnuola. È vero che l'hai battuta prima
di cacciarla via?

--Chi l'ha detto?

--Lo so.

Il pericolo della conquista che stuzzica sempre quel residuo di
cavalleresco ch'è nel fondo di ogni giovine elegante, l'attrattiva del
frutto proibito, l'idea che tra cinquanta possibili adoratori di una
donna essa sceglie te, e per te è pronta a sacrificare la sua
tranquillità, dovevano a lungo andare produrre nel giovine Bagliani,
che vantavasi come un uomo positivo, una cieca esaltazione, degno
castigo del suo peccato.

Ben presto egli non seppe più distinguere se parlasse in lui più forte
l'amore o l'orgoglio, o dove l'uno cedesse il terreno all'altro; ma si
sentì travolto da tutte e due, come da due cavalli eccitati e sfrenati
che trascinano un piccolo cocchio di paglia.

--Il caffè andremo a prenderlo nel chiosco--disse la baronessa
alzandosi; e impadronitasi del braccio del giovine Bagliani, lo
condusse verso il giardino. Gli altri seguirono infervorati, nei loro
discorsi, in cui la digestione mescolavasi alla riduzione della
rendita, allo scioglimento dei Fasci socialisti e alla non mai provata
squisitezza di una pizza napoletana abbrustolita con pane grattugiato.

--Tu mi dirai tutto quello che è accaduto. Sapevi che sarei venuta a
cercarti? non hai ricevuto una mia lettera da Parigi? Noi resteremo
qui, sul lago, fino a ottobre e tu devi aiutarci a cercare una bella
villa. Samuele è disposto a spendere quel che occorre e a me non
sembrerà vero d'essere così vicina a te. Tu sai quel che ho sofferto
dopo quella brutta scena di Nizza. Tu mi devi dare un giorno o l'altro
quella donna nelle mani. Ho bisogno di flagellarla...

E rompendo in una risata comica, come se si burlasse di questa sua
ferocia, soggiunse:--Ma che m'importa di lei se tu sei mio?

E intanto entravano nel piccolo chiosco costrutto in una foggia tra il
turco e il chinese nel fondo di un boschetto di pini, con piccole
finestre a vetri colorati, che versavano macchie rossastre e
giallastre sui pochi mobili che arredavano l'interno...

       *       *       *       *       *

--E ora dammi una sigaretta...--riprese la baronessa, E colla
sigaretta in mano discese ad aiutare Ignazio Buhler che pienaccio di
corpo e alquanto squilibrato dal vino, stentava a scalare gli ultimi
gradini.

Fu servito il caffè coi liquori nell'ombra verde di quel boschetto, in
cui, tratto tratto, ai grandi discorsi di economia politica osava
mescolarsi il trillo di un usignolo.



IX.

Una benedizione.


La settimana che precedette alle Regate furono per Regina giorni di
trepidazioni e di pensieri. Amedeo aveva accettato di entrare nella
gara dei battellieri e di rappresentare con Tremezzo anche gli altri
paesi minori, che stanno ai piedi del monte Crocione e tutto lasciava
sperare ch'egli avrebbe battuto questa volta quei di Dongo, che da tre
anni portavan via la bandiera.

Regina era in cuor suo orgogliosa, ma non c'è gloria senza palpiti.
Nella sua paurosa modestia avrebbe voluto che quel benedetto giorno
fosse già passato. Dopo le Regate si sarebbero celebrate le nozze: ma
già gli occhi della gente erano addosso a lei, come se toccasse a lei
di dar forza e coraggio ad Amedeo. Per conto suo poco ci aveva a
guadagnare il giovine, se anche avesse vinto tutte le bandiere del
lago, come poco ci aveva a perdere se quei di Dongo o d'altri siti
l'avessero battuto: la loro gloria ormai, era un'altra: anzi le pareva
che tutta questa gente che s'immischiava tra lor due portasse via la
parte migliore di quella contentezza, a cui dopo due anni di
aspettazione e di segreti sospiri, avevano diritto. Tuttavia, se
Amedeo avesse battuto veramente quei di Dongo e fosse tornato con
quella benedetta bandiera in mano, acclamato vincitore, portato in
trionfo dai compagni, messo al di sopra di tutti gli altri, le pareva
che sarebbe stata una bella consolazione di più.

Intanto coll'aiuto e coi consigli della signorina del Castelletto
lavorava a preparare il costume da battelliere, che era fissato in una
blusa di rigatino turchino con filettature bianche, nastro turchino
nel cappello tempestato di stelle bianche.

Questo piccolo corredo non fece dimenticare quell'altro. Bortolo che
non aveva tempo o non voleva spendere i denari di un viaggio fino a
Como, pensò d'incaricare un mercantello ambulante, di quei che vanno
colla cassetta sulle spalle a vendere tela e minuterie alle donne, di
portargli un assortimento di stoffe, cercando di combinare il buon
gusto colla non troppa spesa.

La casetta al torrente era stata imbiancata di fresco: l'aria e il
sole entravano da due parti ad asciugarla.

Maria Giulia, la mamma di Amedeo, ci aveva lasciato un paiuolo, un
calderotto, un armadio da cucina, quattro sedie e un laveggio: il
padre della sposa avrebbe provveduto il letto, i canterani e la
biancheria: alle gioie voleva pensare Amedeo colle duecento lire delle
Regate, che bisognava vincere e con qualche altro risparmio messo in
disparte.

La signorina del Castelletto prese sopra di sè l'incarico degli
addobbi, delle tende alle finestre, dei quadri e della Madonna a capo
del letto, che volle appendere essa stessa. Tutto l'appartamento degli
sposi consisteva in quattro stanze, due al pian di sopra, due a
terreno, che servivano anche di scuola ai bambini dell'asilo con un
piccolo chioso verso la riva ombreggiato da quattro piante di fico; ma
come non è mai disgrazia quando il frumento trabocca dallo staio, così
non è male che la felicità sia più grande della casa che abita.

Quei due figliuoli, alla loro maniera semplice eran proprio felici, di
quella felicità che non perde il tempo a definire sè stessa. Essi non
discorrevano mai del bene che avrebbero trovato in quella casetta
presso il torrente, per quella quasi paura che la gente incolta ha
della luce che esce dalle sue più vive emozioni; ma vi guardavano
ansiosamente come a una grossa moneta d'oro riposta che non conviene
buttare in spiccioli. Dei due, forse il più imbarazzato davanti a
questo avvenire era lo sposo, perchè era il meno ignorante dei misteri
della vita, mentre la sposa, nell'innocenza sua, ci andava fidente
come a un dovere voluto e benedetto da Dio: ma entrambi sentivano di
essere sicuri di quella felicità che ha le salde radici nei bisogni
della natura, che fiorisce e muore naturalmente nell'aria aperta e nel
benefico calore del sole.

È in mancanza di questa felicità naturale che i signori inventano le
serre e storpiano i fiori. Chiusi essi stessi in una atmosfera di
bisogni artificiali, non le copiose rugiade del cielo rinnovano e
rinfrescano le piccole radici sepolte in angusti vasi di porcellana,
non il caldo del sole rinforza i gracili steli tenuti ritti dalle
posticcie convenzioni. Vivono i poveri germi, senza terra di sotto di
una vita tutta superficiale, come le muffe e gli agrifogli selvatici
che rivestono le pareti di un umido sepolcro. Basta un soffio di
novembre a irrigidire tutta questa vegetazione di salotto.

       *       *       *       *       *

Se ne accorgeva già la povera Flora, per cui la felicità non era
durata più di quel che dura una goccia di rugiada sul filo di una
ragnatela. L'illusione era caduta e ora non le restava che di mostrare
il suo amaro disinganno. Quando fu veramente persuasa che essa si era
inebriata in un bel sogno, e che Ezio la respingeva per ricuperare
brutalmente la sua libertà, credette per un istante di morire. Livida,
coi lineamenti stravolti, passava molte ore al buio, buttata sul
letto, fingendo degli atroci mali di capo, fin che sentiva la mamma
che veniva a cercare di lei. In presenza sua e più ancora in faccia
agli estranei, sapeva trovar la forza di nascondere il patimento del
suo cuore e l'avvilimento mortale in cui l'aveva gettata la sua
credulità; ma appena sola, ricadeva in quella cupa tetraggine, che è
come l'ombra della morte. Idee cupe passavano nel suo cervello e la
spinsero una volta ad aprire il vecchio stipo e a trarre da un
nascondiglio il pugnaletto ancor col sangue rappreso, che aveva un
giorno vendicato l'onore dei Polony. La sua testa in fiamme non
sognava che incendi e distruzioni.

Perchè, quando ci pensava, la situazione non era più quella di prima,
nè essa poteva dire a sè stessa che Ezio da allegro egoista aveva
diritto di ripigliare una posizione perduta: no, non era più la stessa
cosa. L'antico equilibrio non poteva più essere ristabilito con un
semplice atto di volontà. Ezio l'aveva ferita al cuore e il cuore
perdeva il suo sangue dalla ferita. Perchè l'aveva onorata se era sua
intenzione d'oltraggiarla? perchè accendere una gran fiamma per
soffocarla in un mucchio di cenere... la cenere della sua povera vita?
e più si sprofondava in queste considerazioni, più andava
persuadendosi che qualche cosa di nuovo era intervenuto a rendere
impossibile la pace tra lei e il signorino della Villa Serena.

Che Ezio la sacrificasse al suo egoismo: che per amore di tutte le
vagabonde del mondo la lasciasse languire in un'inutile speranza era
storia antica: cosa dura, ma la poteva accettare, perchè sentiva di
essere sacrificata al suo egoismo, cioè alla parte più forte di lui;
ma che ella dovesse fare questo sacrificio a una donna... a quella
donna che entrava repentinamente a portarglielo via... Alle belle
Liane, Ezio non cercava che i passatempi della sua età, e una povera
creatura innamorata poteva ben restar di fuori al freddo ad aspettare,
come la moglie del cattivo operaio sta sull'uscio d'una bettola in
attesa ch'egli esca per ricondurlo a casa. Ma questa signora dalle
penne di struzzo, questa baronessa, questa donna maritata era venuta
in un momento sacro ad avvilupparlo colla fatale passione che accieca
e che perde. Non più giovine, ma forte della terribile bellezza che
non vuol abdicare, l'ex cantante era venuta apposta (se Cresti diceva
il vero) per riprendere possesso d'un tesoro contrastato, farne
ludibrio delle sue basse sensazioni.

Davanti alla invasione indecente di questo male, il suo antico e
modesto altare era andato travolto e distrutto. Ezio non sarebbe più
tornato a lei, o non poteva tornare se non quando era troppo tardi per
tutti e due. Nè essa l'avrebbe voluto più riavere, uscito da quelle
mani. L'orgoglio del suo sangue rifiutavasi a bassi perdoni; ma
intanto la sua misera vita soffriva come se il destino feroce la
facesse morire tra le verghe.

La mamma aveva avuto ragione di dire che col fuoco non si scherza: ma
una Polony discendente da eroi, poteva anche dimostrare al mondo che
si può ridere e cantare anche in mezzo alle fiamme, quando sorregge
un'altiera fierezza. Ma per far ciò bisognava chiamare tutte le forze
più superbe intorno al cuore, affettare un sublime disprezzo per ciò
che umilia, farsi vedere più occupata di altri che di sè, evocare
qualche dovere più grande in cui potesse star sepolto il suo
disinganno.

La mamma andava parlando di Cresti, del buon Cresti, del povero
Cresti...

Non sarebbe stata la migliore delle vendette?

Non osò fermarsi su questo pensiero, ma non osò nemmeno respingerlo.
Nella tempesta della sua vita Cresti era uno scoglio, in cui poteva
tanto approdare come rompersi la sua barca.

Per opporre pensieri a pensieri, cose a cose, per tutta la settimana
che precedette alle Regate volle mostrare di prender parte alle
angustie di Regina e ai voti che tutti quelli del paese facevano per
il trionfo di Amedeo. Non potendo star seduta in casa, usciva cinque o
sei volte al giorno, per recarsi ora alla casetta degli sposi, ora
alla Villa Carlotta, provando spesso la sensazione paurosa di una
persona che fugge colle vesti in fiamme.

       *       *       *       *       *

Un giorno sul piazzaletto che si allarga davanti alla fattoria, tra la
chiesa e la riva, trovò seduti all'ombra dei platani il vecchio
Bortolo, e la moglie sua Santina, Maria Giulia, la madre di Amedeo, in
contemplazione d'un armadio che un vecchietto lungo con un collo
lungo, munito d'un grosso pomo di Adamo, aveva collocato sul
muricciuolo della sponda e teneva aperto come un tabernacolo.

Il mercantello detto il Cernobbio andava levando dal tabernacolo e
spiegazzando sui ginocchi dei clienti una stoffa di mezzo cotone e
mezza seta ch'egli assicurava essere un merinos garantito, di un
colore solido che non sarebbe scomparso nemmeno a usarlo, parlando con
poco rispetto, per strofinaccio dei piatti. Provassero, toccassero,
palpassero: lui non aveva premura...--E per dimostrare la sua pazienza
trasse una pipetta e le diede fuoco.

Bortolo levò dall'astuccio di cartone i grossi occhiali; se ne
fortificò il naso e cominciò a stringere nei grossi polpastrelli di
vecchio giardiniere il tessuto fino e scivolante: ma non volendo
arrischiare un giudizio stette a sentire il parere delle donne.

La Santina, nella sua prudenza, dopo aver esaminata la stoffa
attraverso la luce, disse bruscamente:--Possiamo vederne qualche
altra?

--Finchè ne volete, la mia gente, e se non vi contento oggi voglio
accontentarvi domani--disse il Cernobbio sciogliendo un'altra pezza di
stoffa color acqua di mare, un alpagàs finissimo, che avrebbe fatto
soggezione a una principessa.

Ricominciarono le trattative. Maria Giulia trovava che il Cernobbio
diceva più spropositi che parole. A Como essa aveva visto e toccato
della roba cento volte più sostanziosa per un terzo del prezzo che
metteva fuori quel disgraziato mercantello.--Ora capisco perchè vi
s'ingrossa il pomo d'Adamo: son lo vostre bugie...--finì col dire la
mamma di Amedeo, una donna ancor viva e forte coi cappelli bianchi,
che cascavano sui pomelli rossi delle sue guance essicate.

Bortolo a quel proverbio del pomo di Adamo non potè trattenersi dal
ridere, mentre la Santina mostrava il desiderio di veder qualche altra
cosa.

--Che il mio pomo d'Adamo possa cascarmi nell'ugola e strozzarmi, se
questa roba non la pago io al _Bon marcê_ due lire e settantacinque. Ma
io non voglio far più prezzi: li farete voi i prezzi: anzi li farà questa
bella signoretta che mi conosce da un pezzo e che sa quel che costa la
roba bella.

Flora dovette intervenire, pigliar posto sopra una sedia, metter le
mani nelle stoffe che il mercantello andava cavando fuori dal
tabernacolo come se fosse il pozzo di San Patrizio.

La _breva_ che comincia a spirare sul mezzodì si mosse e mosse le
foglie dei platani, agitando le ombre e le luci di quell'angolo in cui
sedevano i piccoli bisogni di una modesta famiglia.

Mentre duravano le trattative e i tira tira sui prezzi, Regina,
uscendo dalla fattoria, venne a dire:--Vedete un po' e dite quel che
vi pare...--Dietro di lei seguiva Amedeo nel suo costume nuovo di
battelliere, con una tunica turchina dai risvolti bianchi e le stelle
bianche nel nastro del cappello. Le donne gli si misero intorno e lo
fecero girare sulle gambe. Chi suggerì di trasportare un occhiello,
chi avrebbe voluto più largo il bavero alla marinara: ma tutto
sommato, tutte si accordarono che il giovanotto valeva i suoi cinque
soldi.

Senza aspirare alla gloria di Apollo, il nostro Amedeo, non troppo
alto ma ben piantato e saldo nei muscoli, largo e corazzato il petto
di robustezza, era quel che si dice un bel barcaiolo. L'occhio piccolo
e fermo indicava uno spirito prudente ma tenace: e se qualche cosa di
troppo fiero vi poteva essere nel volto abbruciacchiato dal sole e
indurito dal faticoso esercizio del batter l'onda e il vento, veniva
raddolcito dalla tinta chiara dei capelli e da un velo sottile di
baffi biondi che non nascondevano nulla della sua bocca robusta e de'
suoi denti sani, bianchi come l'avorio.

--Regina, Reginella, ti fidi troppo a lasciarlo correre
domenica--disse burlando il Cernobbio.--Tutte le ragazze di Bellagio e
di San Giovanni ne vorranno un pezzetto del tuo Amedeo.

--Che mi fa?--si difese ridendo con insolito abbandono la ragazza--ho
fatto senza vent'anni, farò senza ancora.

--È dell'amore come del vin buono. Si può non berne mai, ma è più
difficile smettere che non incominciare.--E il vecchio mercante che
dava i suoi proverbi per nulla, rivolgendosi alla signoretta del
Castelletto, la chiamò in testimonio, soggiungendo:--Non è vero,
signorina? o non berne o bere fino in fondo.

Flora sentì di arrossire. Fortunatamente la brigata si mosse per andar
incontro a un vecchio prete, a don Malachia della Madonna del
Soccorso, che veniva dalla stradicciuola di Tremezzo, col suo passo
posato, agitando un bel ramo d'olivo.

--O don Malachia--disse Bortolo, togliendosi il berretto di testa e
cercando colla riverenza dei buoni tempi di baciare la mano del prete,
che offerse invece la tabacchiera.

--Ha proprio voluto venir giù con questo caldo...

--Nostro Signore andava lui in cerca di pecorelle.

--Si voleva venir noi alla Madonna--si scusò Amedeo,--ma non si trova
più un momento.

--Mi accompagnerai a S. Giovanni colla barca: sono a pranzo da quel
curato. E così? siete proprio disposti a sposarvi davvero? Che cosa mi
hanno detto? che Regina voleva farsi monaca missionaria.

Regina cercò una difesa dietro le spalle di Flora.

--Ecco la nostra brava contessina--disse il vecchio cappellano,
toccandola leggermente col lungo ramo che teneva in mano--Chi mi
parlava di lei, ieri, con mille elogi? ah, il signor Cresti del
Pioppino; anzi vuole che un giorno vada da lui a mangiar la polenta al
Pioppino, Pare che abbia in aria dei progetti... diplomatici...--e col
movimento delle sue dita magre e lunghe con cui accompagnò nell'aria
quella parola, di...plo...matici..., fece capire che sapeva qualche
cosa.

--Il tempo promette d'esser bello domenica, e sarà un gran giorno per
Tremezzo e dintorni se non si mette troppo presto il vento. Sta
attento al san Primo, Amedeo: se ti par di vedere della nebbia schiva
il filo dell'aria. San Primo è una grande spia, Ho visto dei rematori
famosi perder per tre colpi di remo appunto perchè non avevano fatto i
conti coll'aria. Ma Bortolo ne sa più di me.

--Non si può dir nulla. Alle Regate è come nel mondo: non sempre
arriva chi corre di più.

--Dobbiamo entrare, figliuoli?

Tutti seguirono il vecchio prete nella elegante chiesuola del palazzo
e si raccolsero sopra i gradini di marmo dell'altare. Don Malachia
mise al collo una stola e fece inginocchiare Amedeo, vestito della
tunica nuova, sulla predella più alta: pose un lembo della stola sopra
una sua spalla e cominciò a leggere delle orazioni in un libro latino.

Dietro il barcaiolo andò a inginocchiarsi Regina che aveva voluto e
combinata questa benedizione speciale per il suo Amedeo, perchè
potesse andare con più confidenza alla gara. Sulla soglia della porta
aperta, per dove entravano lo splendore del lago e il fruscìo delle
foglie scosse dalla _breva_, una frotta di ragazzetti che fan
presto a spuntare, bisbigliavano intorno alla figura allampanata del
Cernobbio che dava un'occhio all'altare e l'altro alla cassetta.

       *       *       *       *       *

Flora andò a inginocchiarsi su un banco in un canto, e mentre il
vecchio prete recitava sul giovane barcaiolo le preghiere della
benedizione, nascosta la faccia entro le mani, essa pensò con
tristezza a un altro campione che forse in quel momento era
inginocchiato ai piedi di una donna... di quella donna! Una voglia
amara di pungere l'assalì, la soffocò: ma seppe coll'aiuto materiale
delle mani che stringeva alla bocca reprimere questa debolezza. No:
non avrebbe pianto mai...

Le preghiere che i presenti risposero a voce alta, seguendo quella
tremula del prete, coprirono qualche singhiozzo del suo povero cuore;
e quando tutti si mossero, cercò di uscir la prima per dissipare
nell'aria e nel bisbiglio dei bambini che salutavano gli sposi,
l'ombra della cupa e invidiosa sua tristezza.



X.

Le Regate.


Le Regate ebbero luogo la prima domenica di settembre nel vasto bacino
del lago, che si apre tra Bellagio e Cadenabbia. Era stabilito che le
vele dovessero partire dalla punta di Barbianello e le barche a remi
dalla Cappelleria presso S. Giovanni per approdare allo sbarco della
villa Maria poco più in alto del grand'Hôtel Britannia.

Lungo la strada davanti alla Villa era stati rizzati i palchi
addobbati con maggior o minore sfarzo a seconda dei prezzi, con grande
sfoggio di bandiere e di pennoni che animavano l'aria coi loro vivaci
colori.

Nel giardino, dove insieme alla folla privilegiata e colle patronesse
si sarebbe radunato il Consiglio della giurìa, era stato eretto un
ampio e superbo padiglione sfolgorante di emblemi, dove sopra un
trofeo splendevano i vasi, le coppe, i piatti cesellati, di vero o
falso argento, tra le bandiere di seta ricamate d'oro che il Comitato
destinava ai campioni vincitori.

Il programma stampato in piccoli libri di forma graziosa e diffuso a
migliaia di copie, oltre ai nomi dei concorrenti e all'ordine delle
gare, recava il disegno in fototipia dei premi più ricchi, insieme col
ritratto dei membri del Comitato, che a questa industria delle gare,
così utile al commercio del popolo, dedicavano le ore che avrebbero
potuto consacrare a far nulla. Tutto era stato previsto, a tutto era
stato dedicato un pensiero: ma nulla sarebbe riuscito, se il tempo non
fosse stato d'accordo col desiderio di coloro che amano divertirsi e
di quelli più furbi e più delicati, che amano veder divertirsi gli
altri.

Già dalle prime ore del mattino don Malachia assicurò che la giornata
non avrebbe avuto un nuvoletto, ma non osò promettere il vento, un
capricioso che, come la fortuna, abbandona spesso i suoi sul più
bello. Ma se le corse a vela potevano correre pericolo di restar a
mezzo per mancanza di fiato, il lago era quel che ci voleva per
mettere alla prova la vigoria, la resistenza e l'occhio dei rematori:
non era un lago ma un biliardo.

Il popolo, che ama vedere la bravura delle braccia, la lotta aperta
dell'uomo col remo e col peso della barca, fin dalle prime ore del
giorno fu in moto: e finite le funzioni religiose nelle chiese, dai
paesetti lungo le rive e da quelli che stanno sulla montagna cominciò
a moversi in folla e a confluire verso Cadenabbia, mescolando i colori
vistosi dei vestiti di festa, godendo della bella giornata, facendo
pronostici e scommesse, rievocando le regate d'altri tempi, le vecchie
glorie, le non mai morte gelosie.

Aperte le ville, aperti e addobbati gli alberghi, popolato il lago di
barchette, rallegrata l'aria dal suono delle bande che i vari paeselli
mandavano a gara, già la festa era sul cominciare, quando arrivò verso
le due un gran battello a vapore da Como, sovraccarico di gente, tutto
festoso di bandieruole svolazzanti, con su un paio di altre bande a
bordo vestite come gli usseri; e tutta questa gente cominciò a
discendere in una fila interminabile al ponte di sbarco, mescolando
piume e strumenti luccicanti, si sparse per le strade, per le case,
per le osterie, su per i palchi a pagamento: era un incontrarsi e un
salutarsi allegro di persone che non si vedevano da un pezzo, uno
stringersi di mani, un confondersi confidente di tutte le classi
sociali, dal barcaiuolo, dal pescatore, dal sonatore d'organetto, dal
venditore di dolci, al negoziante, al grosso industriale, al
banchiere, alla contessa, al lord inglese: un viver lieto nella luce
ampia e diffusa di una di quelle belle giornate d'estate, in cui più
dispiacerebbe di morire, in una gioia naturale che vien dalla
benevolenza stessa della natura, che quando l'uomo sa fare, non lesina
i godimenti a' suoi figliuoli.

Amedeo, pettinato come uno sposino, tutto fresco nel suo vestito nuovo
alla marinara, quando gli amici verso il tocco vennero a pigliarlo
alla casetta del torrente, scese con Bortolo e colle donne alla riva
deserta, e fattosi il segno della croce, entrò nella barca che doveva
condurlo alla Cappelletta.

L'emozione non lo lasciava parlare e parve a tutti ch'egli fosse un pò
scoraggiato.

--Ci penseremo noi a fargli passare la tremarella con un paio di
bicchieri di vecchia rabbiosa--dissero i compagni.

--E soprattutto--raccomandò Bortolo--adagio se vuoi arrivare a tempo.

--E bacia la medaglia della Madonna--aggiunse Regina, che non sapeva
più dove avesse il cuore.

Con un'altra barca Bortolo, Regina, Maria Giulia, la Nunziata del
Castelletto con un'altra figliuola di nome Costanza si fecero condurre
all'osteria del Galletto, poco su della strada di Griante, un luogo
tenuto da un parente di Bortolo, da dove si potevano dominare e
seguire molto bene i movimenti delle barche e tutta la festa che
brulicava disotto.

Flora, quando li vide passare sotto il Castelletto, fece un segnale e
li pregò di prenderla con loro.

--Come?--disse Regina, quando la barca toccò la riva--vuol venire in
questa barca così alla buona? non va colla mamma e colla zia?

--La mamma ha i suoi dolori e la zia deve trovarsi col signor Cresti e
con altri signori sul gran balcone dell'Albergo. Se non vi disturbo,
preferisco venire con voi.

--Noi andiamo al Galletto--disse Bortolo--da quel nostro parente che
fa l'oste.

--Ci sarà un posto anche per me--disse Flora, mettendosi a sedere sul
nudo sedile tra Regina e Costanza.

--Credevo che il signor Ezio avesse riservato per loro dei buoni posti
nel palco del Comitato--disse Regina, che da qualche tempo andava
notando sul volto della signorina qualche cosa di insolitamente
triste.

--Ha mandato dei biglietti, ma non conosco nessuno di quei signori.
Preferisco venir con voi.

--Perchè non si è messo il suo bel vestito chiaro? provò a chiedere
--Regina, chinandosi a toccare il vestito nero sciupato, mal assestato
--in vita, che Flora portava alle Regate come una protesta contro la
--gioia di tutti. Essa rispose con una spallata e girò lo sguardo per
--il piano dell'acqua come se cercasse lontano una ragione per non
--rispondere.

La barca spinta dai colpi lenti e pesanti dei due remi passò davanti a
Tremezzo, in mezzo al fitto viavai delle barchette d'ogni foggia e
d'ogni colore, che scaricavano o pigliavano gente. Dai balconi
pavesati, dalle finestre, dai terrazzi delle case, dai pergolati, dai
giardini era un continuo chiamare, uno schiamazzio di voci femminili,
di risa, di pianoforti e di mandolini, un rimescolarsi di cappellini
infiorati, di parasoli dai colori vivaci, di canotti che si
distaccavano dalle darsene come canestri galleggianti di fiori, di
barche e barcaccie che menavano cori di ragazze, cantanti le arie del
filatoio, di lancette e di sandolini che guizzavano come pesci, mentre
dalle case i servitori, le fantesche, i cuochi, sui muriccioli e sulle
scale andavano stendendo le file dei palloncini, che dovevano servire
per la illuminazione della sera.

Quando dal giardino della villa Maria, si sparò il primo colpo di
cannoncino, che segnava il principio della gara, fu un crescere
improvviso di tutte quelle voci, un affollarsi di tutte quelle
imbarcazioni, che mossero come una flottiglia verso Cadenabbia, finchè
si raccolsero in una piccola città galleggiante. Bortolo sforzò anche
lui la macchina e venne colla barca a un approdo quasi nascosto tra i
muri di due terrazze, d'onde, salendo per un brutto viottolo, si
riusciva sulla strada di Griante quasi davanti all'osteria del
Galletto.

Flora, attraversato un piccolo orto, condotta dalla brigatella, si
trovò sotto un pergolato lungo il muricciolo, che dominava come un
balcone il padiglione e i viali della villa, già gremiti di una folla
elegantissima di signori e di signore!

Dalla torre del palazzo fu sparato un secondo colpo: la banda intonò
un inno popolare patriottico che destò gli entusiasmi e gli applausi
della folla, che si pigiava nei palchi e nelle barche, mentre un gran
personaggio (chi diceva un principe, chi diceva perfino che fosse il
re) scendeva da una peota veneziana condotta da otto rematori, che
strascinava il lembo della sua bandiera nell'acqua.

I signori del Comitato muovono ansiosi incontro all'illustre
personaggio, che sale la scalinata del padiglione, seguito da alcuni
ufficiali in divisa. Cominciano le presentazioni, gli omaggi,
gl'inchini, le strette di mano, i sorrisi delle belle signore, che
hanno sfoggiato per questa circostanza le più fosforescenti
acconciature... quand'ecco il terzo colpo di cannone avvisa che il
giuoco incomincia.

Alla punta di Barbianello chi ha buona vista vede o crede di veder
guizzare nell'acqua qualche cosa di bianco: sono i canotti a vela. Si
muovono? non si muovono? chi lo sa. Visti da lontano sembrano
uccellacci imbalsamati dall'ali bianche: ma poco importa, pare, di
quel che fanno o non fanno alla gran folla accorsa a godere sè stessa,
a spandere alla bell'aria e al sole la gioia d'una giornata libera e
senza affanni. Quel dì, ciascuno aveva cercato di lasciare a casa i
suoi.

Meno che a tutti gli altri importa a Flora di sapere chi vincerà e chi
perderà. Seduta sul muricciuolo del giardinetto, appoggiata la testa
al tronco di un vecchio gelso che la protegge dai rami del sole,
lascia che i suoi sguardi pieni di una triste stanchezza si perdano
nel gran brulichìo delle cose che la circondano, ma non vede quasi
nulla. Intorno a lei è il frastuono d'una gran gioia. Regina vien
spesso a parlarle de' suoi palpiti, c'è chi l'invita a scegliere un
posto più bello: Bortolo vuole offrirle un cuscino, perchè non abbia a
sentir il freddo del sasso. Essa risponde e si difende amorevolmente,
vincendo una specie di violenza interiore che vuol trascinarla a
piangere e a gridare.

Comunque vadano le cose, Amedeo ha promesso di venir subito dopo la
corsa al Galletto a bere un bicchiere, o anche due, coi parenti.

Sotto il pergolato le ragazze stendono una tovaglia e tratti dai
panieri le torte e i cibi freddi preparano la tavola su cui Bortolo e
il cognato dispongono le bottiglie. Se sarà la vittoria ne verranno
delle altre...

I vicini fanno i più sicuri pronostici su Amedeo, che è conosciuto
come uno dei più bravi barcaioli del lago: e obbligano Regina a bere
un mezzo bicchiere di vin bianco per tener su lo spirito, quasi che
toccasse a lei a batter quei di Dongo: e c'è chi celia sulla forza che
una donna può dare e può togliere a un uomo... Ma Flora a cui arriva
il bisbiglio dei discorsi non capisce che la sua tristezza.

Non solamente Ezio non si era lasciato più vedere al Castelletto, nè
aveva mandato a dire una parola di scusa; ma per dichiarar bene il suo
pensiero non aveva nemmeno inviato quei tre o quattro biglietti di
invito che aveva promesso. Dovette correre Cresti a cercarli: ma Flora
dichiarò che non si sentiva di andar tra la gente... La mamma che
vedeva avverarsi quel che aveva sempre temuto, non osò contraddirla e
si fece venire i suoi dolori articolari. Così ormai si metteva la sua
vita ed era a domandarsi perchè fosse venuta a rattristare col suo
viso duro la buona allegria di questa povera gente. Quale malsana
curiosità l'aveva spinta a cercare nella festa un'altra prova della
sua miseria? non era abbastanza convinta dell'umiliazione sua? e
quando avesse raccolta una prova di più, che le poteva giovare? che
può giovare il conoscere lo strumento di tortura che ti deve
straziare?

Colla testa appoggiata al tronco, le mani avvinghiate ai ginocchi,
socchiudendo spesso gli occhi davanti a un ostile visione, provava di
tanto in tanto l'amara voluttà di abbandonarsi a strani sogni di odio
o di vendetta. Davanti a quella festa variopinta e al trionfo di tante
belle creature, sfolgoranti nell'oro e nei diamanti, essa sentiva
risorgere un violento spirito di ribellione e di anarchia per tutto
quel che vedeva rubato a lei. Se non poteva più amare quel che era
suo, ch'era sempre stato suo fin dalla fanciullezza, nessuno le poteva
contendere il diritto di odiare.

Gettando lo sguardo su quel giardino di sfolgoranti bellezze, non
poteva sottrarsi alla mortificazione di qualche confronto tra
l'oscurità del suo destino di ragazza appassita nella solitudine, e il
trionfo di quelle belle signore a cui sorrideva la vita con tutti gli
incanti della bellezza, della ricchezza, dell'amore. Troppo aveva
contato sopra se stessa, lo sentiva, quel giorno che si era lusingata
di vincere con uno sforzo del suo cuore le mille seduzioni che la
femminilità splendente e ridente offre a un giovine bello, ricco,
geniale, desideroso di emozioni e di pericoli. Cresciuta nell'uggia
incresciosa della sua mediocrità, misero arbusto all'ombra, aveva
osato chiedere a un giovine eroe, pel quale amare voleva dire
trionfare e le donne erano belle prede di guerra, un troppo grande
sacrificio. Essa era stata punita della sua presunzione. Forse aveva
fatto bene a procurarsi questa persuasione, a vedere cogli occhi suoi
la verità di queste condizioni. Per quanto il suo orgoglio ne uscisse
scornato, pure cominciava a sentire che la pazza, la pretenziosa, la
sciocca era stata lei, lei la monaca del Castelletto, la povera
strimpellatrice di musica, lei, la bisognosa che non aveva nemmeno un
vestito di moda per assistere alle regate, che rifiutava con
irragionevole orgoglio l'affettuosa proposta d'un galantuomo come
Cresti, il quale avrebbe potuto farla sedere su un trono, vestirla di
drappo e di seta come tutte le altre, adornarla di oro e di
diamanti... e tutto ciò per correr dietro al fantasma d'un amore che
l'umiliava e la rendeva cattiva...

--Partono adesso...--susurrò Regina con voce tremante, accostandosi
alla signorina, che correva dietro alla corsa vertiginosa dei suoi
pensieri.--Mi lasci star qui, accanto a lei. Madonna, aiutate quel
poverino! Vede laggiù quelle due barche? la bandiera bianca è la
nostra.

Flora si scosse dal suo torpore e cercò cogli occhi le due barche, che
non più grandi di due ciotole venivano colla punta verso Cadenabbia.

Un leggero svolazzo delle bandiere e un cadenzato moto dei remi, che
uscivano luccicanti dall'acqua, eran segni che già la gara era
incominciata e che in quelle piccole ciotole galleggianti nei flutti
fosforescenti battevano dei cuori e nei cuori delle speranze.

Altri cuori cominciarono a battere nella folla quando uscite dal
riverbero solare, le barche, cinque in tutto, si disegnarono più nette
in una riga nel fondo ombroso del monte e si potè discernere il colore
delle bandiere. Ogni barca aveva due battellieri, che remavano in
piedi: già si poteva dai più pratici riconoscere la statura e la
battuta di ciascuno. Quei di Dongo erano ancora davanti a tutti, quasi
la misura di due battelli; poi venivano quei di Cernobbio. Amedeo era
tra il terzo e il quarto...

L'oste, Bortolo, gli amici di casa, le donne, le ragazze stavan lì
cogli occhi fermi, presi già dal fascino della gara, non osando quasi
di parlare per non guastar il desiderio.

--È la rossa davanti.--No, è la turchina.--Amedeo si è tenuto da
conto, è il consiglio che gli ho dato io. Vedrete verso la fine.--Ahi,
Cernobbio perde acqua.--Qua, qua, don Malachia, che ne dice? Bortolo
fece posto al vecchio rettore, che era venuto quasi a corsa sotto il
sole.

--Dove sono? vediamo...--e facendosi aiutare volle salire sul
muricciolo per dominar meglio la posizione. Fattosi visiera colla
mano, dopo aver strologato il lago, l'aria, lo spazio tra le barche e
la riva:--Non si può ancora dir nulla--sentenziò--tutto dipende dai
polmoni. La battuta dei nostri è buona, e se quei di Dongo non hanno
fatto patto col diavolo, potrebbero avere un osso duro da rosicchiare.
In cinque minuti Napoleone ha vinto e ha perso delle battaglie.

Tacquero tutti in devoto raccoglimento, attenti a quel che il prete
diceva. Vecchio laghista, figlio anche lui di barcaiolo, don Malachia
in sessantacinque anni ne aveva viste arrivare delle barche e anche
molte andare a fondo, proprio come capita nella vita.

Chi arriva, chi resta a mezzo, chi si lascia cogliere dal cattivo
tempo, chi parte per un luogo e approda a un altro, chi s'imbarca e
non torna più. Tanto nella vita come nella barca, dove non soccorre la
fortuna del vento, bisogna supplire colla forza delle braccia e fidare
pel rimanente nel Padrone dell'aria e dell'acqua.

--Senta come mi batte il cuore...--disse sottovoce Regina, posandosi
la mano inerte e rigida di Flora sul petto.

--Meglio...--fece costei, che sentiva il suo farsi piccino e duro come
un ciotolo.

--È come fare una malattia.

--Certo: e ci si muore anche.

Mentre così sussurravano all'ombra del gelso, un grande movimento si
produsse accompagnato da un improvviso bisbiglio di tutta la
moltitudine.

--Ecco, ecco...--sclamò il vecchio prete--Amedeo si muove, tocca quei
di Dongo a randa: attenti: il fiocco va fuori, va, va: mezza barca è
fuori... Bella volata, corpo di mille bombe! bravi, bravo Amedeo. Su
vispa, Regina...--E che taglio netto, avete visto?... eh, eh, vien
fuori anche la coda... Zitto, figliuoli; o mi sbaglio, o Tremezzo
stavolta batte la campagna.--

--Forza, Amedeo!--gridò anche Bortolo, facendo conca colle mani.

La folla elegante del giardino e quella che si accalcava nei palchi,
nelle barche, si agitò, come un prato di fiori alti in cui scenda un
soffio di vento. Un gran tumulto d'incoraggiamento partì da tutte le
parti.

Regina che teneva le mani di Flora, quando vide che Amedeo pigliava la
testa, si scosse, saltò in piedi anche lei sul muro e agitando il
fazzoletto, cominciò a gridare: Viva, viva, viva!

Maria Giulia e la Santina piangevano di gioia, mentre don Malachia,
battendo le mani, faceva tripudio colle gambette secche come si balla
a quindici anni.

--Una barca e mezza è fuori... E non si perde un'oncia, per bia! ah
polentoni quei di Dongo! Già portan fuori la bandiera... Su, su una
bella volata finale. Benone! stupendissimamente bene! Avete visto che
arcate di violino?

Così andava commentando il prete. Un grande clamore e un confuso
agitarsi di mani, di fazzoletti, di cappelli salutò gli ultimi trenta
colpi di remo, che fecero volare Tremezzo al traguardo col vantaggio
almeno d'una dozzina di barche. I signori del Comitato si
precipitarono verso i vincitori e li condussero quasi in trionfo
davanti al padiglione, dove furono circondati dalle patronesse,
acclamati dalle signore. L'illustre personaggio volle stringere la
ruvida mano dei valorosi barcaioli, che ricevuta la bandiera, uscirono
a corsa incontro agli amici.

Furono subito presi in mezzo e portati fin al Galletto, Bortolo, Maria
Giulia, la mamma, il prete corsero fuori; ma Regina corse più di tutti
col suo scialle di lana aperto nelle mani, e quando vide il suo Amedeo
venir a corsa sudato e trafelato l'avviluppò nello scialle e lo
strinse nelle braccia, lasciando ch'egli la baciasse sulle gote con
una sfacciataggine che don Malachia non aveva mai vista l'eguale.

Flora, inosservata mentre tutti correvano a prendere i bicchieri, si
tirò in disparte e seguendo un vialetto, andò a celarsi in fondo a un
cortile, presso il fienile, dove alcune galline razzolavano tranquille
fuori dai rumori della festa. Essa non volle guastare colla sua rigida
presenza la gioia espansiva di quella povera gente, che senza aver
letto troppi libri, o avendone letto uno solo dalle grosse parole,
sapeva tuttavia misurare gli affetti a quel che dà la sorte, spendere
bene l'interesse naturale che fruttava a loro il modesto tesoro della
vita, mentre altri non sa trarre dalle sensazioni che compera alla
bottega della vanità se non tristezza e afflizione di spirito. Avviene
della contentezza come dell'appetito, che non dipende mai dal piatto
in cui si mangia.

Io per la prima sono colpevole di questa incontentabilità--pensava e
rimproveravasi la fanciulla, fissando gli occhi sulla riga azzurra del
lago, che disegnavasi dietro una siepe di pomidoro.

Per non aver voluto andare con Cresti aveva disgustato un vecchio e
fedele amico, amareggiata la mamma e procurata a sè stessa l'aspra
sensazione di non essere nè cercata nè desiderata da Ezio.

Aveva ben altro per la testa il signor vice-ammiraglio che di pensare
a lei!

E così eccola qui rincantucciata nell'angolo di un fienile, in
compagnia delle galline, invidiosa dell'altrui felicità, vergognosa di
non saper godere nemmeno di quel poco che faceva ballare don Malachia
sul muricciuolo. A questo punto si mosse come se obbedisse al comando
di una voce interna. Non voleva soffrir più. Nulla di più umiliante
che il farsi vittima di sè stessi. Al di sopra delle illusioni sta la
verità e chi non ama la verità è un disgraziato che vive dormendo.

Una buona scossa d'orgoglio doveva svegliarla. La mendicante doveva
cedere il posto alla signora, alla contessa, alla Polony che aveva
diritto di comandare e di redimersi con un atto di sacro orgoglio.
Dove vien meno un piccolo piacere della vita, c'è sempre il posto per
un grande dovere.

Il pensiero della povera mamma rimasta a casa sola le fece desiderare
di tornar presto. Bortolo si offrì di riaccompagnarla colla barca fino
al Castelletto e nel breve tragitto Flora si lasciò distrarre e portar
via dalla gioia e dai discorsi dei suoi compagni di viaggio. Più di
tutti era felice la buona Regina, che la gioia mescolata a qualche
bicchieretto di vin bianco rendeva più ciarliera del solito e come
raggiante di una nuova bellezza.

       *       *       *       *       *

Poco prima delle case di Tremezzo la barca s'incrociò e quasi venne
urtata dalla lancia dell'_Hôtel Bellagio_, che un ragazzetto
vestito di verde col cappello alla marinara guidava con poca
esperienza. Bortolo gli diè sulla voce e lo mandò a imparare il
mestiere.

--Ci vuol altro che il cappello alla marinara, Moschino--gli gridò
dietro, quando ebbe riconosciuto nel ragazzo il servitorello di villa
Serena.--Mangia un po' di pane ancora prima di menar a spasso i
forestieri.--Moschino, cacciato da Ezio, aveva trovato questo posto
presso un vecchio signore americano arcimilionario, che abitava in una
dipendenza dell'_Hôtel Bellagio_. Seduta, per non dire sdraiata
mollemente ai fianchi del vecchio negoziante di merluzzi, che dopo
aver ammucchiati i dollari veniva a buttarli via in Europa, stava in
uno spumoso vestito bianco una giovane bellissima, che poteva essere
sua figlia. Ma Bortolo aveva sentito dire che la bella creatura era
semplicemente una dama di compagnia.

--Addio a tutti, e grazie, Bortolo...--disse la signorina, scendendo
al Castelletto, mentre già cominciava a imbrunire. Salì la scala del
giardino e trovò la mamma sola, tutta ravvolta ne' suoi scialli sulla
terrazza, seduta nella sua poltroncina di vimini, già nascosta dalla
semioscurità della sera.

--O povera mammetta, che sei rimasta sempre sola--disse la figliuola,
correndo verso di lei, inginocchiandosi, circondandola, come soleva
fare nei momenti buoni, colle sue braccia.--Avrei dovuto restar
anch'io a tenerti compagnia. Quanta gente, avessi visto! grande
vittoria per Tremezzo; Amedeo fu portato in trionfo; le vele invece
son rimaste a mezza via... Ma tu, poverina, avrai fame. Vieni in casa
mammetta, che accendo la lucerna e ti preparo il solito caffè e latte.
Mi par quasi di aver fame anch'io come se avessi vogato e vinto.

La signora Matilde era rimasta in compagnia di cattivi presentimenti.
Pur troppo vedeva avverarsi quel che aveva sempre temuto. Flora non
aveva voluto andare con Cresti sul balcone dell'albergo, ma era poi
quasi fuggita di nascosto nella barca di Bortolo quasi per fare una
dichiarazione, per non dire un dispetto anche alla sua mamma. Era
troppo chiaro che la figliuola si preparava degli amari disinganni per
voler correre dietro al fuoco fatuo della sua illusione.

Accesa la lucerna, Flora stese il tovagliolo e corse in cucina a far
un po' di fuoco nel fornello.

--E invece non ho nè vogato nè vinto...--pensava tra sè. Vedendo che
la mamma stentava a rispondere alle sue parole, tornò a
carezzarla:--Scusami, sono stata cattiva: dovevo restare a farti
compagnia.

--Non mi fa nulla restar sola: ma non mi piace che tu abbia a usare
degli sgarbi al povero Cresti.

--Domanderò scusa anche a lui.

--Non c'è alcun motivo perchè tu abbia a disgustare un vecchio amico.

--Lo so, hai ragione...--confermò in tono arrendevole.

--Non si vuol far violenza al tuo cuore, se proprio non ti senti di
corrispondere alla sua devozione e alla sua tenerezza: ma non è giusto
d'altra parte che tu lo offenda.

--Povero Cresti, merita ogni riguardo--ripetè umile e persuasa.

--Sai quel che gli dobbiamo. Son cinque mila lire di cui da un anno
non paghiamo gl'interessi. Speravo che un giorno o l'altro tu avessi
potuto cancellare questo debito, ma capisco che non puoi sacrificarti,
se il cuore non ti dice nulla. E allora, mia cara, noi dovremo pur
restituire questo denaro. Bisognerà che io ne parli a tua zia
Vincenzina o a Ezio.

--No, niente--interruppe imperiosamete--tu non parlerai di queste cose
con nessuno. È un debito che dobbiamo pagar noi...

--Pagare è subito detto: ma per pagare ci vogliono i denari.

--Li troveremo, mamma--dichiarò solennemente la contessina del
Castelletto--ma non voglio più ricever nulla, nemmeno un fiore da
Villa Serena.

--Son parole, mia povera ragazza. La pensione di tuo padre vedi che
basta appena per vivere poveramente.

--Lavorerò.

--Come vuoi lavorare se non hai un mestiere nelle mani? Ci vuol altro,
poverina... a meno che non abbia a sposare un ricco signore... La
mamma non potè non far sentire una certa canzonatura in queste parole.

--No, no... mamma--protestò Flora arrossendo io non sposerò un ricco
--signore; ma posso lavorare e pagare i miei debiti. Sento anch'io che
--questa vita vegetale non è degna di me e già ho scritto a Elisa
--D'Avanzo che conosce molte famiglie, perchè mi procuri qualche posto
--d'istitutrice o mi trovi delle lezioni di disegno, di musica o di
--lingua inglese. Essa mi assicurava un giorno che con quel che so
--dovrei vivere bene a Milano o a Torino. Nelle vacanze potrei trovare
--delle lezioni anche qui sul lago, in queste ville... Forse abbiamo
--vissuto già troppo della benevolenza altrui. Di chi è questa casa?
--come paghiamo il tetto che ci copre?

--Tu sai che tua zia Vicenzina è sempre stata buona con me.

La carità e l'ospitalità della zia Vicenzina non mi pesano: ma questa
casa non è sua: è di Ezio Bagliani.

Flora pronunciò questo nome con voce ferma, come se si trattasse d'un
signore straniero.

--Non è più sua da un anno.

--L'avrebbe venduta?

--Dovette cederla in pagamento di un antico debito che aveva verso
Cresti.

--Ah... meno male...!--fece la ragazza e non disse altro. La modesta
cena finì in silenzio. Troppe cose eran uscite fuori in un momento,
perchè si potesse e da una parte e dall'altra collocarle a posto senza
guastarle.

Mentre la povera mamma sentiva gelare il cuore al pensiero che Flora
potesse correre il mondo in cerca di un tozzo di pane, che non avrebbe
saputo inghiottire, Flora sentiva crescere la sua commozione per
questo segreto e umile benefattore, che da un anno le aveva ricoverate
nella sua casa senza mai avanzare il suo credito di benevolenza.

A scoterle dalle loro riflessioni entrarono il sarto e il calzolaio
venuti in rappresentanza del paese per pregare le signore a lasciar
mettere una fila di palloncini sulla terrazza del Castelletto, che in
mezzo alle altre case pareva una macchia scura.

Quando Flora e la mamma uscirono a vedere, già tutto l'Arco della
Tremezzina era illuminato dai più vaghi colori che si riflettevano
nello specchio tranquillo del lago; e illuminate pure eran le case, le
ville, gli alberghi dell'altra riva, con striscie e con disegni che
spiccavano sul fondo oscuro del monte. Vagavano barche luminose nel
lago, da cui veniva l'onda di serenate e di cori. Poche stelle erano
nel cielo piuttosto scuro con vantaggio di quella miriade di lumini
dondolanti e galleggianti infilati come pietre preziose in una lunga
collana.

Flora stette a lungo quella sera alla finestra della sua camera,
ricordando, meditando, contrastando co' pensieri. Non le era ignoto
che dovevano a Cresti una somma di danaro prestata a poco per volta
alla mamma nei momenti di tristezza; ma non sapeva che da un anno
Cresti fosse il padrone del Castelletto e che a lui dovessero anche
questa beneficenza. Questo non dover più nulla a Villa Serena fu per
il suo orgoglio un primo conforto: poi s'intenerì al pensiero del bene
umile e nascosto che il buon Cresti faceva alle sue amiche del
Castelletto...

Ora si parlava ch'egli volesse acquistare dal Bersi anche il
Ravellino, di cui Flora vedeva il giardino illuminato. Per poco
ch'ella dicesse di sì poteva essere la signora di là e vendicarsi
assai abilmente di chi l'aveva oltraggiata.

--Perchè no?--chiese a sè stessa nel chiudere la finestra.

--Perchè no?--chiedeva ancora una voce sommessa, mentre stanca delle
emozioni della giornata si addormentava d'un sonno tranquillo.



XI

Fiori e fragole.


La signora Matilde scriveva qualche giorno dopo alla sorella:--«Mi
pare che Flora cominci a essere ragionevole. Bisognerebbe battere il
ferro mentre è caldo».

Il Cresti, che ogni anno celebrava al Pioppino una specie di festa
della polenta, mandò gli inviti anche alle signore del Castelletto
coll'ordine di non mancare, Questa volta sarebbe venuto, oltre a don
Malachia, anche quel poco di buono del signor Bersi, che era sulla
strada della penitenza: forse si sarebbe firmato, al fumo della
polenta, il contratto di vendita del Ravellino, Soltanto Ezio, in
tutt'altre faccende affaccendato, sarebbe mancato quest'anno. Si
sarebbe pranzato all'aperto, all'ombra degli agrifogli fioriti, colla
vista dei monti da una parte, collo sfondo infinito del lago
dall'altra, in mezzo ai fiori... Ma a dir tutto quello che di fresco,
di dolce, di leccardo, di aristocratico, il padron di casa aveva
preparato intorno alla volgare polenta di gran turco, sarebbe un far
dell'arte simbolica. La polenta era un pretesto per sfoggiare ogni
anno le ricche porcellane di casa Cresti e l'abilità non mai
abbastanza riconosciuta delle due vecchie ragazze, che da trent'anni
tenevano lo scettro della cucina.

Quest'anno c'era di nuovo la presenza di Massimo Bagliani; e la
polenta guarnita dei più squisiti piaceri dell'amicizia, condita dalle
profumate speranze, che avrebbero portato dal Castelletto, doveva
avere un sapore particolare, un sapore che il vecchio e arruffato
padron di casa sentiva già correre per la bocca prima ancora che la
farina fosse gettata nel paiolo.

--Mi rincresce che questa volta non ci sia Ezio--disse a Massimo, che
stava leggendo un gran lenzuolo di giornale inglese sotto il
portichetto--ma è forse meglio per lui e per noi. Il Bersi me ne ha
raccontate di belle di questa ex cantante moglie d'un barone banchiere
e di altre vagabonde internazionali in mezzo a cui il nostro
giovinotto fa una vita di vero nichilismo morale. È stato veduto più
volte in canotto in costume di battelliere, colla maglia succinta e le
braccia nude in compagnia di una signorina russa, a cui insegna i
segreti della ginnastica italiana. Gl'inglesi ne sono orribilmente
scandolezzati. In quanto al barone, giocatore nato, tira spesso il
nostro ragazzo in piccole trappole, a cui tien mano anche la baronessa
e il suonatore di clarinetto. Cose brutte, insomma, che fanno rabbia e
a cui si dovrebbe trovare un rimedio. Tu dovresti parlarne oggi a
donna Vincenzina, che una certa autorità ha sempre esercitato colla
sua dolcezza sul figliuolo: e ancor meglio sarà, se gli parlassi tu
stesso da uomo di mondo, che sa come si nasce e come si vive. Non si
vuol mica pretendere che un giovinetto bello, ricco, simpatico prenda
moglie o faccia il frate a ventiquattro anni, ma c'è modo e modo di
divertirsi. Il peggio è quello che mena dritto a fracassarsi il collo.

--Io gli parlerò...--disse Massimo, persuaso.

--Ti lascio di sentinella e vado in cantina a vedere che non mi
confondano i classici.

Massimo rimase sotto il portichetto con quel suo gran lenzuolo in mano
in attesa degli invitati. Il pranzo, secondo il buon uso di campagna,
doveva cominciare a un'ora e già dalle sponde del lago venivano le
squille che annunciavano il mezzodì. Poco dopo comparvero in cima al
vialetto delle mortelle tre signore, prima Flora, in capelli sotto il
parasole, e donna Vincenzina per ultima con in testa un cappello
rotondo di paglia a larga tesa sovraccarico di grossi fiori violetti.

Massimo, quantunque si fosse trovato ormai con lei tre o quattro volte
e avesse avuto una lunga conversazione sul balcone dell'albergo
durante le regate, non potè vedere quel cappello di paglia senza
provare una specie di stringimento alla gola.

Del passato non s'era toccato nulla, nemmeno una parola: il perdono
era stato portato e ricevuto dalle due parti con dignitosa
benevolenza: essi avevano potuto ritrovarsi sani e salvi dopo dodici
anni come gente che è sfuggita miracolosamente al disastro d'un lungo
viaggio e che può allegramente congratularsi. Ma con tutto questo, o
forse in virtù di questo, Massimo Bagliani non sapeva sottrarsi al
dolce fascino che la memoria ringiovanita nell'immagine vivente della
donna andava esercitando sul suo cuore naturalmente tenero e di poca
resistenza.

Mentre le signore risalivano lentamente il viale, soffermandosi a
considerare le novità introdotte nell'orto, Massimo si compiacque di
seguire coll'occhio e di accompagnarsi alla bella signora di villa
Serena. L'affanno e il caldo del salire avevano colorito il suo viso,
dandole un colore giovanile che faceva un poco scomparire la povera
Flora nella sua patita e battuta magrezza. Come in un golfo profondo e
chiuso, le tempeste avevano potuto qualche volta increspare le acque
della sua esistenza, ma donna Vincenzina non aveva mai perduta la
serena trasparenza delle anime semplici. Quest'anima traspariva dai
grand'occhi umidi, dai movimenti placidi, senza risoluzioni proprie,
dal modo quasi infantile con cui sapeva nascondersi alle spalle degli
altri, sia che la minacciasse una grande responsabilità, sia che
sentisse abbaiare un grosso cane.

Massimo, che l'aveva amata appunto per questo suo timido candore di
fanciullona buona da pigliarsi in braccio, credette di tornare
indietro a' suoi bei tempi: ma nel muoversi, gli occhiali cascarono
dal naso e andarono tra la vecchia cassapanca e il muro. Tosto si fece
quasi buio. Ebbe appena il tempo di rimuovere il pesante cassone e di
raccattare i suoi occhi di vetro: ma nel tirarsi su e nel risospingere
quel diavolo di mobile al posto sentì scendere come tre acuti dardi al
lato sinistro... Ah pur troppo, era passato il suo bel tempo! e non
c'è nulla che paghi un amore perduto, nulla, nemmeno il piacere di
ritrovarlo.

Cresti in vestito grigio sasso, colle uose grigie sulle scarpe gialle,
lindo, ripicchiato, ingioiellato coi suoi due grossi diamanti allo
sparato della camicia, con una cravatta verde ramarro, su cui faceva
sangue una grossa goccia di corallo, fu pronto a riceverle ai piedi
della scalinata. Agitando un enorme cappello alla panama, diede il
benvenuto e corse a offrire il suo braccio a donna Vincenzina. Massimo
offrì il suo a Matilde e preceduti da Flora entrarono nel luminoso
salotto a terreno, dove trovarono acqua diacciata, succo di limone,
piatti di uva e di fichi per un primo ristoro.

--Qui c'è dell'acqua, dell'uva, del ghiaccio e sarà bene non fare
complimenti.

Le signore che non venivano al Pioppino da un pezzo trovarono tutto
bello, tutto lucido e netto, come se fosse non la casa d'un vecchio
scapolo, ma quella d'una sposa nuova.

--Cresti ha delle idee--disse Massimo, cominciando a lanciare un primo
proiettile nella fortezza. Flora che aveva scoperto un pianoforte:--Come?
come?--esclamò--da quando in qua si fa della musica al Pioppino?

--Da due o tre mesi--rispose Cresti, perdendo un poco l'equilibrio
delle gambe e arrossendo sotto la pelle di patata abbrustolita.

--Chi suona?--dissero le signore.

--La sposa!--disse Massimo.

Flora avrebbe dovuto chiedere chi fosse e dove fosse questa sposa
misteriosa di cui si parlava tanto, ma preferì lasciarsi bombardare.

--E come va l'inglese, Cresti?--chiese la signorina.

--Leggo, leggo, _pas mal_...

--Tu confondi l'inglese col francese--osservò l'ambasciatore, ridendo
e facendo ridere le signore.--_Pas mal_! che avessi per isbaglio
studiata una lingua per un'altra?

Cresti, che aveva già l'animo teso a punte di spillo sulle sue
emozioni, non sapendo come uscir da quelle burle, esclamò:--Vado a
veder la polenta--e scappò.

Tornò cinque minuti dopo con due quadretti antichi che diceva d'aver
scoverti in una sagrestia di montagna, arrivando a tempo a salvarli
dalla bocca dei topi. L'uno rappretentava una Maddalena, l'altro un
sant'Antonio, due brutte croste in apparenza con qualche sfilacciatura
irrimediabile nella tela; ma le carni e le teste d'una morbidezza non
comune indicavano un pennello antico, forse un Lorenzo Lotto, anche a
giudizio dei più competenti.

Flora senz'osare un giudizio trovò che Cresti aveva avuta la mano
felice e gli raccomandò di non fidarsi troppo dei restauratori che son
peggio dei topi. Inginocchiata sul tappetino del divano, essa andava
scoprendo sempre nuovi particolari pregevoli nell'intonazione delle
tinte e lodava Cresti, che stava lì, colle due cornici in mano, tutto
contento di sentirsi lodare; tanto che Massimo gli disse:--Guarda che
faccino gustoso che fa! si direbbe che li ha dipinti lui.

--La Maddalena ha una testina ideale--disse Flora.

--Anch'essa coi cappelli rossi... come il famoso ritratto di donna del
Rembrandt che è a Milano, come la Venere del Tiziano, come tutte le
bellezze rare... e pericolose.--Chi parlava? il signor ambasciatore,
per procura; ma Cresti beveva cogli occhi quegli elogi, come se
l'amico parlasse di lui. Per trovar un complimento non è necessario
aver studiata diplomazia, ma egli sentiva che non gli avrebbero
strappata nemmeno cogli uncini una parola un po' ragionevole. La
macchina era carica di vapore, ma le valvole eran chiuse e ribadite:
se non scappava via di tanto in tanto, c'era a temere ch'egli avesse a
scoppiare.

A salvarlo e a renderlo meno impacciato venne a tempo l'occasione di
sfoggiare tutte le sue cognizioni di orticoltore e di botanico, quando
accettò di accompagnare le sue ospiti nel giardino e nel brolo, che
col nome generico di vigna circondava la casa.

L'orto, il giardino e la vigna si mescolavano veramente bene in quel
pezzo di montagna lavorata, che formava l'Eden del solitario Adamo del
Pioppino.

Qualche vecchio olivo dal tronco rugoso e forte uscendo dalla roccia
screpolata copriva coll'antichissima ombra cespugli di aloe,
aggrovigliati come serpenti. Accanto alla rosa del Bengala,
verdeggiava il nespolo del Giappone: filari di novelle viti di
Borgogna correvano lungo gli scaglioni, alternandosi a spallierati di
pere invernali che avevano rinomanza sul lago; le rive dei praticelli
intermedi tra cui volgevasi una stradina polita e pastosa erano
sostenute e continuamente incorniciate da un cordone di tufo scavato a
foggia di cassette e dentro, a seconda delle esposizioni, il bravo
giardiniere vi aveva coltivato le piante più rare, le acute spade
dell'iride, i bulbi spinosi dei cacti, le felci filiformi e
arborescenti, i delicati e cascanti capelveneri, le tredescanzie
pioventi, chiazze giallastre e calde di nasturzi, sassifraghe dai
fiorellini rosei, orchidee dai gambi contorti e carnosi: e sugli
angoli dei viali e nel bel mezzo del clivo macchie di cupe sabine, o
di evonimi dal verde tenace, o una magnolia dalla foglia lucente, o un
giovine abete dai bruni festoni che rigavano il fondo aperto
dell'aria.

Nei luoghi meno in vista, dietro gli svolti dei cigli, il giardino
nascondeva l'orto; le rose tée dai flessuosi gambi coprivano il
fiorellino vile del fagiuolo e della patata, al viridario dei fiori
tropicali si appoggiavano gli sterrati degli asparagi e dalla cicoria.

Mai l'utile s'era così bene mescolato al bello come in questa vigna
del Signore, come soleva indicarla don Malachia, che con tutte le
benedizioni di cui poteva disporre non aveva mai potuto salvare
quattro rose dalla ruggine e un gambo di vite dalla crittogama in quel
suo freddo orticello del Santuario.

Cresti era nel suo migliore elemento quando poteva parlare sui propri
esemplari, delle forze benefiche della terra e del sole, la mamma e il
babbo della vita. Dove trovare un meccanismo più bello e più
sorprendente di questo che ti trasforma pochi nitrati in pane, in
vino, in rose, in datteri, in zucchero, in medicine che salvano, in
veleni che uccidono? E di questi prodotti arricchiamo, noi animali, i
nostri tessuti, i fosfati delle nostre ossa, i globuli del nostro
sangue, per cui la vita scorre calda e vigorosa nelle vene; e quando
si muore, lasciamo alla terra in pio compenso della vita che ci ha
dato la spoglia azotata che deve rinnovare altre vite, dar volo e
canto ad altri animali.

Nè i miracoli della natura si arrestano qui. Eccovi del grano da cui
io saprò cavar dell'amido: eccovi un papavero che vi stillerà la
morfina, il riposo: eccovi la cicuta, la morte istantanea, in poche
stille. La vita si mescola colla morte, o con quella che a noi sembra
morte e che in fondo non è che una vita più ignota. In questa lenta e
fatale circolazione di atomi nessuna energia si perde, cosicchè al
ricominciare del ciclo sono in giuoco le stesse quantità di forze che
erano in giuoco all'inizio; l'animale, dopo aver mangiato una certa
quantità d'alimento vegetale non ha che da aspettare: dopo un certo
tempo le sue materie stesse di rifiuto gli verranno ripresentate sotto
forma di materie organiche nuove...

Cresti parlava con viva eloquenza, non nascondendo quel senso di
materialismo filosofico che formava il fondo roccioso del suo
carattere poco verde e fiorito al di sopra.--Cresti vuol dire--osservò
Massimo--che un giorno o l'altro dovremo ritornare anche noi sotto
forma di cavoli.

--Perchè no? io credo di essere stato già mangiato una volta da una
capra...

--Speriamo invece di rifiorire in queste belle rose--osservò donna
Vincenzina, mentre se ne metteva nei capelli una stupenda che il
Cresti tolse da un cespuglio.

La signora Matilde chiese di poter ritornare, mentre Flora, la zia e
Massimo, seguendo i passetti e i minuetti disuguali del loro ospite,
discendevano verso una spianata divisa in molti quadratelli di terra
coltivata a fragole straordinarie per quella stagione. Tra gli
alberelli si vedevano rosseggiare grosse e appetitose.

--Questo è il mio pascolo--disse Flora--correndo avanti per un piccolo
sentiero marginale, mentre donna Vincenzina e Massimo spaventati da
quel diavolo di sole, che coceva il sasso, si fermavano all'ombra d'un
vecchio pero.

--Venga di qua, Flora--cominciò a dire il povero ortolano, quando si
trovò solo colla fanciulla nel riparto segregato delle fragole.

--Queste son più buone. Guardi: non sono fragole, ma bombe...--E
siccome bisognava coglier l'occasione col suo gambo:--Provi--le
disse--supponga di assaggiare il mio cuore.

Era un primo passo verso quella grande dichiarazione, che da un anno a
questa parte non aveva ancora trovata la sua formola.

--Buonissima, squisitissima...--disse Flora colle labbra ancor dolci
di quel rosolio.

--Che cosa? la fragola o il cuore?

La grammatica qui non andava forse molto d'accordo col pensiero; ma
bisognava pure ch'egli cercasse di non lasciar morire un discorso che,
se fosse caduto anche questa volta, non avrebbe forse saputo
raccogliere in mille secoli.

--Che il suo cuore sia buono, caro Cresti, è un pezzo che lo so, e
anche pochi giorni fa ne ho avuta la prova, quando la mamma mi disse
che il Castelletto non è più dei Bagliani.

--La mamma ha fatto male a parlare.

--Oh perchè non vuol che si sappia che ci vuol bene?

--Perchè non voglio? che cosa non voglio? lei sa bene, cara Flora, che
cosa sogno nella mia selvatica modestia...--e nel dir questo le sue
mani tremavano nelle foglie.

Flora ch'era venuta al Pioppino col sereno proposito di mettere alla
prova il suo cuore e di essere sincera anche con se stessa, dopo un
istante di riflessione, rispose colla sua voce ferma e naturale:--Vorrei
poter pagare in qualche modo questo debito di gratitudine, non perchè mi
pesi d'essere sua debitrice, Cresti: anzi mi piace questo sentimento che
mi obbliga a riconoscere la mia povertà e il mio nulla.

--Se lei è nulla, cara Flora--interruppe con un'argomentazione
arruffata il povero innamorato--che cosa sono io che in suo paragone
sono meno di nulla?

--No, Cresti, abbia pazienza--replicò Flora con una specie di severa
benevolenza--ognuno ha nel mondo il suo valor assoluto e il suo valor
relativo; meglio è darsi per quel che si vale. Lei sa che io sono una
ragazza superba come Lucifero.

--Lucifero era un angelo.

--Ma la superbia l'ha perduto.

--Quando si conoscono i propri peccati, si è già sulla buona via per
convenirsi.

--Ma ci vuol la grazia, Cresti.

--Se sapessi che a fare un pellegrinaggio alla Madonna del Soccorso
ottenessi un miracolo, ci andrei a piedi nudi. Che mi consiglia di
fare?

--La fede muove le montagne--disse tranquillamente la signorina del
Castelletto, che non voleva nè ingannare nè ingannarsi.

--E allora speriamo che la fede aiuti la speranza a compiere un atto
di carità...--concluse con una complicata perorazione il buon Cresti,
cercando la mano della fanciulla che non osò rifiutarla. Tra lui e
Flora stendevasi ancora una nuvoletta, ma non era più la nuvola di
prima. Il vento vi aveva fatto molti strappi, attraverso i quali
pareva al nostro amico di veder come tanti pezzi di paradiso. Ma non
si poteva, nè si doveva concludere un sì delicato affare, lì, tra le
fragole, sotto quel sole che coceva la testa.

Rimasero intesi che tutti e due avrebbero fatto un pellegrinaggio alla
Madonna del Soccorso, anche colle scarpe e senza corda al collo: poi
si sarebbero trovati a comunicarsi sinceramente la loro ispirazione.

Lentamente, facendo colle fragole mazzetti, vennero verso il luogo
dove Massimo e donna Vincenzina stavano seduti all'ombra del vecchio
pero. Non avendo nulla a dirsi o per evitare di entrare in discorsi
pericolosi, i due antichi fidanzati erano intenti a contar certe vele
bianche che spinte dal buon vento di mezzodì uscivano una dopo l'altra
dalla punta di Bellagio, di ritorno da Lecco, dirette verso Colico. Ne
avevano già contate due, tre... quattro... pronunciando i numeri a
voce alta, all'unissono, mentre il signor ambasciatore, posata la mano
sulla manina morbida e grassoccia di donna Vincenzina, la teneva così
prigioniera sull'erba fresca.

--Cinque!--esclamarono insieme, quando Flora si presentò col mazzetto
delle fragole.

--O belle! come si chiama questa qualità?--chiese la zia, arrossendo
anche lei come una fragola.

--Finora non hanno un nome speciale: è un mio prodotto--disse
Cresti.--Glielo faremo dare a Flora il nome.

--Quando saranno più mature--fu pronta a soggiungere la briccona con
un sorriso di amabile compiacenza, che non dispiacque all'ortolano del
Pioppino.

       *       *       *       *       *

«Tutto mi persuade a credere che questa sarebbe la mia pace--scriveva
Flora qualche giorno dopo a Elisa D'Avanzo, che aveva le confidenze
del suo cuore--e tu mi dici sempre che alla felicità non si va che
per la via della pace. Sento anch'io che gli anni passano senza
frutto, l'uno più vecchio dell'altro e mi fa paura l'idea ch'io abbia
a trovarmi un giorno nell'incapacità di provvedere a mia madre, e alla
mia dignità. L'amico che tu conosci è buono, ricco di cuore, d'una
devozione a tutta prova, d'una virtù molto superiore al mio orgoglio:
e se io mi guardo nello specchio, non ho alcun motivo per aspettare
_le prince charmant_...

«Ma con tutto questo, stento a rinunciare al mio sogno, non mi pare
che ancora sia morta tutta la mia speranza. Spesso mi assale il dubbio
che una vita materialmente solida e felice non valga il piacere di un
sogno che esca dalle misteriose profondità dell'anima nostra; e per
poco che mi abbandoni ai ricordi, sto per dire che tutto ciò che di
più tenero e bello ho goduto negli anni della mia giovinezza fu più
sognato che vissuto. Chi sa? forse soltanto il sogno è vero: forse è
tutto quanto rimarrà di noi anche quando dormiremo all'ombra dell'erba
nostra. Il mondo si trasforma a piacer nostro attraverso ai colori del
nostro pensiero e per quanto l'inverno nevichi ed imperversi di fuori,
chi mi vieta d'avere in me stessa una primavera sempre verde? Ma non
bisogna rompere questi soavi incanti con risoluzioni che una volta
prese ti immobilizzano nella realtà.

«Molto male mi dicono di _lui_: molto male ne penso io stessa:
ormai non c'è dubbio che l'ultima speranza è perduta e sciupata; che
siamo giunti al bivio--io e _lui_--da dove ogni passo non può che
allontanarci di più. Io scenderò nell'umida valle della mia desolata
vecchiezza, mentre _lui_ seguiterà a salire il monte della vita
militante e trionfante; ma fin che resto libera potrò sempre guardare
a lui anche da lontano. Egli non mi ama, nè potrà, nè vorrà amarmi
mai: ma a me basta d'amare....

«Oh Dio, quasi sto per dire che mi basta d'averlo amato. Nè _lui_
nè altri potranno togliermi questo bene che è tutto mio, che può
essere il dolce viatico di tutti i miei giorni: e troppo stimo e amo
me stessa per rassegnarmi a sostituire un'insipida menzogna al mio
dolcissimo sogno. Ecco perchè esito a dir di sì al buon Cresti, per
quanto le vostre ragioni siano tutte belle e persuasive....

«Ma intanto soffro in due maniere: e per quel che mi hanno fatto e per
quel che non so fare. Qualche volta mi pare che la fede vacilli e
provo oscuri sgomenti come chi si trovasse perduto sopra altissime
creste, dove è tanto pericoloso il muoversi come il rimanere. Procuro
di attaccarmi più che posso agli arbusti della vita e di leggere nelle
coscienze di quest'umile gente che lavora e prega, il segreto della
pace. Sono stata alle Regate, ho accettato un invito al Pioppino, e
domani mi lascierò condurre da Regina all'alpe di Giosuè, dove si
accenderanno i falò per la festa della Madonna. Quanto ti desidero,
qui, mia cara Elisa! come sapresti consigliarmi e consolarmi colle
parole che escono dall'esperienza di una vita così ricca e così cauta
come la tua! Qui non ho nessuno con cui discorrere e dissipare, queste
tristezze. La mamma, poverina, non vede che un bene e verso questo
bene mi sospinge senza che io me ne accorga. Regina è spirito troppo
semplice per intendere un problema complicato, fatto metà di
immaginazione e metà di disperazione: nè la zia Vincenzina è donna da
saper sostenere il mio coraggio, quando io lo perdessi del tutto, come
dubito di perderlo in certi istanti di oscura malinconia, un'oscurità
in cui mi par di vedere balenare dei pensieri rossastri....

«Sento che attraverso un momento pericoloso della mia vita, una specie
di «passo del lupo» che ti fece così paura l'anno scorso, quando
andammo lassù verso il Resegone. Sotto mugge un torrente che precipita
in un baratro e devi passare sopra una vecchia trave mal ferma. Queste
montanare si fanno il segno della croce e passan leste a occhi chiusi
cariche le spalle di una gerla di fieno: noi cariche di troppi
pensieri squilibrati, nè sappiamo chiudere gli occhi, nè osiamo
credere al segno della croce.... E intanto l'abisso è lì che ci
affascina e ci attira.»



XII.

Una gita in montagna.


Regina aveva preparata una gita all'alpe del Giosuè per fare una
sorpresa ad Amedeo, che vi doveva accompagnare alcuni signori di
Cadenabbia. Una zia del giovine barcaiolo, che aveva lassù un pascolo
e alcune capanne, avrebbe dato alloggio e allestito un letto sulle
foglie di faggio: e poichè la luna viaggiava verso il suo pieno, c'era
da godere una notte incantevole nella pace di quei monti. Flora, che
cercava volentieri le distrazioni che aiutano a riflettere, accettò di
accompagnarla. Per rendere l'improvvisata più gustosa, Regina propose
di andare tutte e due vestite come le pastorelle «bergamine» che vi
tengono le mandrie nei mesi di estate, cioè con una gonnella corta di
traliccio turchino, colla bustina di velluto nero e una pezzuola in
testa di cotone rosso, allacciata sulla nuca colle cocche sporgenti.
Flora aveva già indossato questo costume montanino nell'occasione
d'una festa di beneficenza data a favore dell'asilo infantile. Lo si
cercò, lo si tirò fuori dalla guardaroba con gioia anche della mamma,
che vedeva volentieri tutte le occasioni che aiutassero a portar fuori
la figliuola da' suoi pensieri. Regina indossò la gonnella della
Nunziata, si accomodò una specie di zendado in capo e ci mise di suo
la faccia tonda e rubiconda e i fianchi solidi di una vera montanara.

Quando Bortolo, che si era offerto come guida, venne al Castelletto
sul far della sera, fece i suoi complimenti alla signorina, che in
quel vestito semplice da pastorella gli parve la vera beata Giannetta
della Madonna di Caravaggio.

--Ho preso con me un canestro con qualche provvigione di bocca, a buon
conto, per non piombare sulla povera Maddalena come un volo di corvi
affamati. L'aria dei monti è aguzza come una lesina e non fa mai danno
aver con sè del pan bianco e del formaggio. Più che latte e polenta e
acqua fresca l'alpe non dà... Amedeo non immagina certo che arriveremo
prima di lui, perchè la strada dalla Cadenabbia fa un giro, mentre noi
taglieremo per i sentieri: e poi i signori amano viaggiare con comodo.

Prima che il sole fosse scomparso del tutto dietro i monti, la
brigatella uscì dalla strada dell'orto, e infilato il viottolo del
castello, che si arrampica e passa sopra le case del paese, si trovò
sul sentiero che va all'alpe. Regina camminava avanti, col suo passo
di capra, Flora nel mezzo, e Bortolo che aveva qualche annetto di più,
alla retroguardia, col suo canestro sul braccio e il lungo bastone in
mano.

La strada uscì presto dai muricciuoli che cingono le piccole vigne, e
cominciò a serpeggiare sotto l'ombra già densa dei castagni, che
lasciavano vedere attraverso alle foglie il chiarore del cielo ancora
soffuso della luce del crepuscolo. Usciti anche dal bosco, il viottolo
divenne subito irto e sassoso su per il fianco del monte fino a un
primo balzo o terrazzo naturale, da dove l'occhio poteva dominare
tutto il bacino del lago, che pareva sprofondato in una valle.

Nella luce dimessa del tramonto s'impiccolivano e si rattristavano i
paesi e le ville: morivano già fioche le voci e le squille delle
campane portate lontano dal corso più veloce del vento. Nitido il
cielo era sul capo, d'un candore profondo, in cui biancheggiavano le
prime stelle: e a queste parevano rispondere i primi lumi, che
folgoreggiavano nelle tremule acque del lago.

Regina dal cuor contento, dopo aver intonato alcune canzonette, presa
dall'affanno del salire e più ancora dal raccoglimento quasi religioso
della luce morente, si arrestò ad aspettare il babbo accanto ad una
rozza croce, dove intonò l'_Angelus_.

Flora rispose alla preghiera a voce alta, come se volesse farsi
sentire e sentire la sua voce in quel grande spazio diffuso.

Di mano in mano che si andava su, lontani dalle cose solite e urtanti,
il suo cuore provava un senso quasi di leggerezza e di liberazione.
Avrebbe voluto andar sempre verso una meta altissima e lontana, che la
portasse fuori da ogni triste pensiero. Il suo cuore aveva bisogno non
soltanto di pace, ma di un vero lavacro di purificazione che
distemprasse e sciogliesse i germi dell'odio e dei cupi rancori. Il
male per la prima volta l'aveva urtata e offesa colla sua mano ruvida
e caliginosa e come tutte le nature candide sentiva la vergogna e il
ribrezzo di non essere senza macchie. Lassù, in quell'aria, in quel
cielo purissimo, lontanissima dai contatti indecenti della realtà,
Flora sentiva quasi risorgere la sua buona innocenza infantile, quando
è così facile credere a tutto quello che emana dal cuore. Oh se avesse
potuto andar sempre verso quelle lucidissime stelle che la guardavano!

Quando svoltarono in una valle più interna, cominciò a ondeggiare
sulle piante e sulle creste una penombra vaga e confusa uniformemente
sparsa, che si stringeva sempre più in se stessa, mentre dal fondo
saliva una frescura umidiccia che ammolliva le foglie. Regina volle
che la signorina si mettesse uno scialle di lana sulle spalle.

Lasciato il viottolo, che tendeva a sprofondarsi verso il torrente,
presero a battere un sentiero appena segnato sul pelo dell'erba, nel
mezzo d'una prateria in forte pendenza. Qui erano gli ultimi e
piccioli campi di segale e di colza, chiusi da stecconati di legno,
dopo i quali la stradina procedeva tra basse siepi fino a un gruppo di
capanne basse dal tetto di lavagna, che parevano appiattarsi sotto la
misteriosa protezione di un gruppo di piante gigantesche.

Era l'alpe detta del _Boss_, dove pascolava una mandra sparsa per
i prati e che non si vedeva più per l'aria già fatta oscura: ma
venivano da tutte le parti i suoni rotti delle campanelle, intonate
agli accordi di una musica in cui cantano senza stonare le cose più
disparate.

Flora, che amava la voce delle cose, mentre Bortolo s'era fermato a
cangiar quattro parole coi pastori, andò a sedere in disparte sopra
alcuni tronchi rovesciati e appoggiata la testa al palmo della mano,
seguiva mentalmente la linea del paesaggio, colle casette scure che
mandavano i tetti fino al suolo, umiliate sotto le ramificazioni ampie
e bizzarramente frondose delle piante, che ricamavano il cielo
bianchiccio strisciato da un'ultima venatura sanguigna. Dentro
all'armonia sparsa e mescolata delle campanelle risuona una voce
continua e profonda di acque correnti, di vento che fugge carico del
buon odore del fieno. La giovenca chiama il torello dal fondo del
prato, la capra si querela sulla roccia da cui ti guarda cogli occhi
gialli: guizzano nei fondi umidi come spilli d'oro le lucciole: esce
dalle stalle il morto tonfo delle cose misto al comando della voce
umana. E voci ed ombre e lumi vagano lentamente nell'oscurità che si
addensa, si raccolgono, si fanno fievoli al venir della notte
silenziosa, che versa rugiada sulle erbe e sogni nelle menti degli
uomini.

       *       *       *       *       *

Mentre Flora si lasciava trascinare a queste poesie, nel rumor vago e
fuggevole credette di udire un più distinto suono di campanelli, misto
a un bisbiglio di voci e di squilli di corni, che si avvicinavano a
poco a poco: e subito dopo vide sbucare dalla strada bassa della valle
un baglior vagolante, come di lampioncini a vento, che si agitassero
nell'aria, e tra l'ombra e le luci guizzare molte persone, che si
avvicinavano insieme al frastuono crescente.

Regina venne a dire:--Son qui, son quei signori di Cadenabbia. Stiamo
ben nascoste, che Amedeo non ci abbia a conoscere.

La bella compagnia si accostò, salendo pel viottolo come una
mascherata. Davanti erano due uomini con lanterne chiare di carta
attaccate a un bastone, che precedevano un asinello vestito e bardato
come un principe. E sull'asinello era una signorina vestita di bianco
come una beduina. Seguivano altre lanterne d'un colore giallastro, che
accompagnavano un'altra signora pure a cavallo d'una bestia ornata di
piume rosse e di campanelli.

Era questa la baronessa, imbacuccata anch'essa come una beduina. A
piedi seguivano il barone, il commendatore, il banchiere svizzero, e
altri giovani signori che si perdevano nell'ombra e non si facevano
sentire che per un frequente strombettare nei corni da caccia che
portavano al collo, a cui rispondevano altri corni più lontani, dove
ondeggiavano altri lumi col resto della compagnia in ritardo. Flora
non conosceva nessuno di questi eleganti viaggiatori notturni che
giunti davanti alle case del _Boss_, si fermarono in crocchio ad
aspettare chi stava più indietro.

Sotto le grandi piante quel dondolare di lumi variopinti, quel
rimescolarsi di colori, quel ridere allegro di gente allegra, quel
tintinnare festoso di sonagliere, quello schiamazzar di corni, offriva
uno spettacolo magico e pittoresco di fiera e di festa carnevalesca,
che rallegrò gli spiriti alquanto sonnolenti della nostra patetica
contessina. Dal posto dove s'erano nascoste, le ragazze videro Amedeo,
che pareva il capo della masnada, parlare a lungo coi pastori, e
quando gli accordi furono presi, la compagnia si mosse verso un prato
declinante a sinistra fino a una spianata prospiciente il lago,
dov'era stato preparata un'alta catasta per un solenne falò, che
doveva essere veduto, e per il luogo e per il concorso dato
dall'albergo, a cento miglie lontano.

Le nostre due pastorelle lasciarono passare la comitiva ed esse poi
per un sentiero dietro le case riuscirono sulla spianata, a destra
della catasta, nel momento che due uomini inginocchiati mettevano il
fuoco nella paglia e soffiavano colla bocca nella fiamma.

Cominciò a svolgersi un gran fumo, che spinse la bella compagnia a
cercar miglior posto verso il luogo dove Flora e Regina stavano
nascoste. Il Bersi per poco non veniva a piantar il suo lampione sotto
il castano, dove si appiattavano le nostre due vaghe ninfe. Fu per
entrambe un argomento di risa questo fuggi fuggi. Flora si dichiarò
subito innamorata del bell'asinello bardato come un principe e se non
fosse stato per rispetto alla bella beduina, che gli stava sopra,
sarebbe riuscita a carezzargli le orecchie.

La fiamma della paglia non morse così subito alla legna alquanto verde
del faggio e dei querciuoli e alle stramaglie fresche che addobbavano
l'alta piramide su cui era stata conficcata la vetta d'un pino comune;
ma nella nuvola fumosa che il vento andava dispiegando come una fascia
cinericcia non tardarono a guizzar avide lingue di fuoco, che
crepitavano con un rumor secco, penetrando nelle fibre dei tronchi.

Le fiamme alquanto trattenute dal fumo e dal verde del frascame,
uscendo dalla base, cominciarono a lambire i fianchi della piramide, a
scalarne l'altezza, a prender un vigore interno, a incidere con punte
di fuoco i tronchi, i rami, le decorazioni di pino, finchè la vampa la
vinse sul fumo e con un fremito vigoroso avviluppò tutta la catasta,
rischiarando col suo baglior fantastico il verde smeraldo del prato,
il masso del monte, le case dell'alpe svegliate al di sotto delle
gigantesche ramificazioni, da cui fuggivan gli uccelli spaventati.

Nell'accensione libera di quella gran vampa s'illuminò pure (e fu un
quadro non meno fantastico e bello) la compagnia schierata in
disparte, le signore sulle cavalcature bardate, i signori nei loro
eleganti costumi alpini, gli uomini dell'alpe che contemplavano con
compiacenza e con un raccoglimento quasi devoto la sacra fiamma accesa
in onore della Madonna e a cui per la corona dei monti in giro
rispondevano altre fiamme, che accendevano altre fiamme nei
profondissimi e freddi silenzi del lago, immobile come una lastra di
piombo.

La fascia di fumo, dopo esser montata alta nel cielo si lasciò piegare
dal vento come un pennacchio, si disperse allargandosi, scendendo
verso l'oscuro vallone, che nel contrasto pareva fatto ancor più nero
e pauroso; e intanto era una meraviglia il vedere come alle lingue
serpentine bianche e purpuree con fuggenti anime azzurre nel mezzo
succedesse a poco a poco un braciere di rubini ardenti, che cascavano
fiaccandosi, mettendo in vista altri tesori più intimi e più
fosforescenti, un vero incanto degli occhi, che faceva pensare ai
misteriosi ripostigli delle fate e ai sogni irraggiungibili della
bellezza.

Tutti si specchiavano meravigliati e assorti in questo mucchio di
gemme accese, tra cui spiccavano come degli occhi ardenti e curiosi;
tutti, tranne Flora, che non vedeva più nulla, non sentiva più nulla.
Al sorgere impetuoso della vampa ella aveva riconosciuto Ezio, che
ritto alle staffe della superba baronessa ne accoglieva le tenere
espansioni, appoggiando, di mano in mano che l'ombra tornava a
coprirli, la testa alla mano che essa gli abbandonava. Flora che era
lì a due passi, spettatrice non invitata, sentì il cuore farsi duro
come un pezzo di pietra. S'era lusingata, venendo a questa gita
notturna di lasciare a basso ogni pensiero cattivo e di trovare nella
solitudine dei monti un sentimento buono di perdono e di riscatto: ed
ecco invece, come una malvagia evocazione, uscir di mezzo ai bagliori
fantastici dell'incendio l'oltraggioso castigo della sua vita,
l'ingiuria viva di quella donna trionfante sulle rovine del suo
ideale. Fu buona fortuna che l'avvilimento da cui fu subito presa le
impedisse di correre verso quella donna e di gridare una brutta
parola; ma quando, consumato l'ultimo tizzone non rimase che un
focolare di cenere e carboni, quando vide la lieta brigata muoversi
per procedere verso l'alpe di Giosuè, dove era la meta della gita,
essa persuase Regina ad accompagnarsi a quei signori, e si mise quasi
sull'orme della coppia innamorata, suscitando le proteste della sua
compagna, a cui pareva un po' troppo pericolosa l'avventura.

Ma così potè assistere, coperta dall'ombra, al momento in cui, giunta
davanti alla capanna dell'albergo, la bella baronessa, scioltasi dallo
sciamma in cui s'era avviluppata contro la brezza notturna, si
abbandonò per discendere dalla cavalcatura nelle braccia del giovine,
che la tenne un istante sul petto.

--È orribile!--mormorò tra i denti stretti, portando una mano alla
bocca come per voglia di mordere. E infatti se essa misurava la colpa
di quella donna al patimento che ne provava, doveva sembrarle un
delitto esecrabile quel che per gli altri non era che un dei soliti
amori di passatempo. Nella sua innocenza del male, nell'atto di
conoscerlo, se ne sgomentava come il bambino che balza esterrefatto di
mezzo al suo sogno al comparir di un bieco fantasma, che non esiste se
non nella sua immaginazione. Ma non aveva essa innalzato il suo
edificio di speranze al di là del vero? Non aveva essa creduto troppo
al suo sogno?

--Torniamo indietro, signorina: il babbo cercherà di noi--andava
replicando Regina.

--Aspetta, vediamo che è bello...--rispose Flora, trattenendola per la
gonnella.

Nessuno per fortuna si accorse di queste due pastorelle che
adocchiavano nell'ombra. Soltanto una volta una delle due signorine
russe, sopraggiungendo alle loro spalle, chiese a Flora in buon
italiano:--Come vi chiamate, cara?

La contessina Polony avrebbe voluto rispondere: _Vendetta,
esecrazione_... ma la buona Regina la strappò per la mano e la
trascinò via.

Il sentiero, che dalle capanne dell'albergo mena alle casette bianche
della zia Maddalena, scende per un tratto fino a una sorgente che
gorgoglia tra i sassi all'ombra e risale un altro tratto fino al colmo
della prateria, battuta dal chiaro tremulo della luna che faceva
luccicar l'erba.

Bortolo, che aveva presa un'altra strada, stava già discorrendo colla
Maddalena, quando le due giovani sopraggiunsero. La vecchietta che non
si aspettava questa visita fu tutta in tripudio: ma quando seppe chi
era la bergamina che accompagnava Regina cominciò a lamentarsi che non
l'avessero avvisata a tempo, perchè avrebbe fatto trovare un
materasso, una coperta di lana, un po' di salame cotto; e intanto
invitava la compagnia a entrare nel suo umile tugurio.

Quando le quattro persone ebbero preso posto sugli sgabelli, non ci fu
più luogo per nessuno in quel bugigattolo, reso nero dal fumo, che un
lumino scarso riempiva più di puzzo che di luce. Le travi gregge,
oblique, logorate dal tempo e dall'uso s'incrociavano in un angolo a
cui si appoggiava la pietra del focolare. Il fumo, dopo aver vagato a
tingere le pareti, si risolveva a uscire per l'apertura d'un
finestrino, che lasciava vedere attraverso alle lavagne del tetto la
luce delle stelle.

Una piccola madia, fatta lustra dalle mani che vi eran passate sopra,
un paiolo, quattro piatti di peltro, quattro scodelle di terra,
quattro cucchiai di stagno formavano tutto l'arredamento di
quell'antro, che serviva a un tempo di cucina e di sala di
conversazione ai pastori che passavano lassù la stagione del pascolo.

Bortolo fu incaricato dalla Maddalena di stendere della paglia nuova e
qualche poco di stramaglia pulita in una «baita» vicina, che serviva
spesso di alloggio ai forestieri e agli alpinisti che capitavano lassù
di proposito o sviati. E intanto la zia mandò Regina a sciacquare il
paiolo al torrente, perchè voleva scaldare due mezzine di latte e
preparar loro un po' di cena prima di mandarle a dormire.

La vecchietta, non più alta dell'usciolino della sua capanna, pareva
essa pure un travicello affumicato, stretta come era o indurita ne'
suoi vestiti senza pieghe e senza colore. Soltanto la faccia era ancor
mobile e gli occhi in quel volto solcato da mille rughe concentriche
mettevan fuori un'anima ancor giovanile e viva come l'acqua che stilla
da un ruvido tufo.

--Se lei mi cerca una chicchera di caffè, cara figliuola mia, sarei
imbarazzata a contentarla--disse a Flora che stava immobile ad
asciugare i piedi davanti alla pietra del camino--Acqua fresca, latte
fresco, polenta calda e castagne fin che ne vuole e anche dei
caciolini di capra, se ne ha voglia: ma in compenso di quel che ci
manca, qui non bazzica mai il dottore e non si sa che cosa sia la
malinconia che fa dolere la testa ai signori. Dovrebbe lasciar giù
tutto e venir a stare con noi tre o quattro mesi: vedrebbe queste
braccia diventar belle e grasse--e la donna stringeva nella mano
l'avambraccio della signorina come se andasse in cerca di polpa.--E
non avrebbe questa ciera lunga e spaventata come se avesse visto il
lupo. Ci ha già l'amoroso?

--Perchè?--chiese Flora con un atto quasi sdegnoso.

--Quando le ragazze non sono allegre, gatta ci cova. Ci son passata
anch'io cinquantanni fa: ma poi le cose vanno a posto e addio buon
tempo!

Bortolo entrò con un fascio di legna minuta. Regina riportò il paiolo
coll'acqua della fonte: la fiamma fu suscitata e il tugurio si riempì
d'una luce d'oro che ridestò tutte le mosche appiccicate ai travi. La
rugiada presa e la frescura della notte rendevano piacevole anche
quella vampata in cui presto cominciò a muggire il latte.

--Amedeo non tarderà a picchiare all'uscio--disse Regina--Non può far
dormire gli asini in compagnia di quelle belle signore. Zitto... non
vi pare di sentire un suono di campanelli?

Stettero un istante ad ascoltare e veramente un tintinnio di
campanelli, a cui si mescolava una voce d'uomo, veniva su per il
sentiero della sorgente.

--Nascondiamo la testa nei grembiuli e voi, babbo, voltatevi di
là--disse Regina, avvolgendo la testa di Flora e la propria.

--Zi' Maddalena, siete ancora lì?--gridò la voce di Amedeo di fuori.

--Chi comanda?--chiese alla sua volta la zia Maddalena, che si
divertiva allo scherzo come a' suoi tempi migliori.

--Son Amedeo con due amici. Li meno in stalla.

--Sei tu, Deo? menali e vien subito che ti dò una bella cosa...--Voi
fatevi costà--disse alle ragazze--e vediam se vi conosce. Voi,
Bortolo, fingete di rimestare nel paiolo.

Due minuti dopo Amedeo ritornò fischiando.

--Come state, zi' Maddalena? cent'anni che non vengo a trovarvi e voi
non scendete mai.

--Ho a fare, Deo. Entra. Ci ho qui della gente venuta ieri da Bergamo.

--Da Bergamo? buona sera alla compagnia--disse Amedeo, chinando il
capo per poter infilare l'usciolino.

--Sì, da Bergamo. Son due figliuole di quest'uomo venute a cercar
marito all'alpe del Giosuè.

--Fate la burla a dir che son di Bergamo. Questa che ride sotto il
grembiule non è di Bergamo. Questi è Bortolo e questa è... so io chi
è: e se vuol maritarsi all'alpe del Giosuè, buona padrona. Io ho di là
alle capanne dell'albergo tre grazie di Dio...

--Voglion giusto pigliar voi... quelle là...--fece la Regina,
scoprendo il capo, tra le matte risa di zia Maddalena e di Bortolo.

--Voi non state male vestita in quella maniera--disse Amedeo,
arrossendo un poco di gioia--e fu un bel pensiero il vostro d'esser
venuti. Ma chi vedo? anche la signorina venuta a piedi per questi
sassi? e voi, Bortolo, tenete mano al sacco? bravi! se il maggiordomo
dell'albergo mantiene la promessa, ora vi porto da fare un brindisi in
compagnia.

--Voi forse immaginate che vi faccia dormire nella stessa baita--entrò
a dire la zia Maddalena, facendosi tra i due promessi sposi e
guardando in faccia ora all'uno ora all'altra con una espressione di
soddisfatta allegrezza.--Niente affatto: finchè il sor curato non avrà
detta la sua, voi non direte la vostra.

--È venuto anche il signor Ezio--disse bonariamente Amedeo a Flora,
che fatta rossa in viso dal calor vivo della fiamma, potè nascondere
il suo interno patimento.--E pare che non perda il suo tempo colla
bella cantante, un pezzo di donna che mi ha stancato due
asini...--Risero tutti a questa facezia, tranne Flora che fissò gli
occhi tristi nella brace.

In mezzine di terra fu versato il latte, mentre Bortolo toglieva dal
canestro i cartocci e il pane.

Amedeo uscì a prendere la bottiglia che gli aveva promesso il
maggiordomo. Ciascuno mangiò secondo il suo appetito; ma l'aria
frizzante e la lunga camminata non dissero nulla a Flora, che solo per
cortesia e per non parere selvatica in mezzo a gente così buona,
trangugiò a stento una goccia di latte.

Sentendosi quasi soffocare in quel basso tugurio, si mise a sedere
sulla porta da dove l'occhio correva sulla prateria, che il raggio
della luna scoloriva in un verde pallido e molle. Nella conca, oltre
il torrentello, nereggiavano le capanne dell'albergo, da cui venivano
schiamazzi e risate allegre con un frequente pizzicare di mandolini. A
un tratto s'intese una voce chiara ed educata di donna cantare con
comica vivacità la canzonetta del _Funiculì funiculà_.. una voce
da teatro, distesa, che in quel vasto silenzio alpestre correva a
riempire la valle e a destare gli echi addormentati del monte.

Flora rispose al brindisi di Amedeo, bevendo un sorso di vin bianco in
una pulita ciotola di legno: (la zia Maddalena non aveva altra
cristalleria) e quando Bortolo cominciò a pisolare, mostrò anch'essa
il desiderio di stendere le gambe stanche sulla paglia. La vecchia
accompagnò le ragazze su per una scaluccia aperta, che metteva in un
fienile esposto alla luce della luna e le lasciò colla buona notte.

Regina preparò due tane nel giaciglio, spiegò una coperta di lana e
fattosi un covo, si addormentò presto sulla sua felicità.

Anche Flora si distese e si rannicchiò nella paglia e cercò di
sprofondarsi, di annientarsi nel suo giaciglio, invocò il sonno, il
riposo, l'oblio, chiuse gli occhi, ma non potè dormire.

Non le giovava di richiamare tutte le vecchie ragioni che l'avevano
persuasa a rinunciare a quel che essa credeva un diritto del suo
cuore, ma che non era in fondo che un audace desiderio del suo
orgoglio. Non aveva già fatto capire alla mamma, a Cresti, e ad altri
che essa era morta a questo passato? non le giovava nemmeno
l'inventare ragioni nuove o ingegnosi sofismi per dimostrare a sè
stessa che nulla era mutato nel destino antico della sua vita e che il
soffrire, come faceva lei, poteva parere ormai a ogni persona
ragionevole una debolezza ridicola d'un orgoglio non meno ridicolo; ma
che servono le dimostrazioni a un cuore che non vuole sentirle? Al
contatto crudele del male il suo cuore era arrivato a un tal punto di
sofferenza che non l'avrebbe spaventata nemmeno l'idea di morir lì,
nella paglia, quella notte stessa, come una mendicante a cui si è
rifiutato per crudeltà un misero tozzo di pane.

Nella quiete assoluta della solitudine alpestre le pareva di sentir
martellare il suo povero cuore così dolorosamente che più d'una volta
si pose a sedere sulla paglia come per cercare un sollievo: poi
sentendo che là dentro le mancava il respiro, scivolando adagino
presso Regina, che dormiva con una lenta pesantezza, spinse
l'usciolino e venne a sedersi sulla scaletta di legno, provando nella
freschezza dell'aria notturna un subito ristoro.

La luna alta nel mezzo del cielo, col disco nitido e vivo diffondeva
su per le vette sassose e per le pieghe aspre dei monti la sua luce,
che attenua le linee più pesanti in una leggiera trasparenza quasi di
cose che si sognano. Il paesaggio dell'alpe pareva palpitare come
animato dai segreti spiriti della natura. Una punta rocciosa, in
fondo, forse il Legnone, resa diafana dal tocco dei raggi, si alzava
come un'aspirazione al cielo blando e casto, senza una nuvola, seguita
a poca distanza da altre vette minori, che avevano nel tremolìo molle
dell'aria e della luce una trepidazione di cose vive: spettacolo bello
e sacro da strappar la preghiera a chi non avesse avuta la morte al
posto della fede.

Le casette sparse, coi tetti bagnati d'una luce così bianca che pareva
neve, versavan l'ombra sul verde prato e parevano anch'esse
addormentate in un pensoso raccoglimento. Tratto tratto si svegliava
una campanella con due tocchi sonnolenti, a cui rispondeva da lungi il
belato pauroso d'una capra. Sottili fischi uscivan dall'erba, ma sui
fuggevoli suoni incombeva il gran silenzio dell'ora notturna, un
silenzio che pareva piovere anch'esso dalle remote scaturigini
dell'infinito.

È l'ora sacra in cui pare che l'anima resa più diafana riceva nel
profondo silenzio delle sue acque il riflesso delle cose invisibili
che passano e s'increspano all'alito degli spiriti che non possono più
nè morire nè dormire.

È l'ora in cui i desideri sepolti bussano al cuore delle fanciulle che
vegliano e i sogni fanno ridere i bambini che dormono.

La notte serena versa le sue rugiade anche sui fiori del male,
assopisce il rimorso indomabile, ristora le speranze affrante, rinnova
i voti traditi. Quando più dormono le cose fuori di noi e come sottili
profumi si sprigionano le più recondite memorie di vite che ci
aspettano e ronzano intorno a noi sensazioni di oscuri mondi ignoti
che ignorano il nostro sole, i nostri uccelli, le nostre rose, i
nostri dolori, dove da cause più sottili derivano vite più delicate e
fragili.

Il luccichìo del torrente che serpeggiava in mezzo alle erbe folte
della prateria risvegliò a un tratto in Flora la sensazione fisica
d'una lunga e acre arsura che la tormentava da un pezzo, confusamente
percepita, ma non riconosciuta nell'oscurità del suo patimento morale.
Si mosse, discese i pochi scalini spezzati, e battendo il sentiero per
cui era venuta nel salire, si avviò verso la sorgente da cui quella
striscia lucente d'acqua che serpeggiava nell'erba era alimentata.

Quando vide la sua persona riflessa sul terreno, nella gonnella corta,
colle due cocche sporgenti del suo zendado di mandriana, invidiò
l'ombra sua e stette a contemplare quel che avrebbe potuto essere, se
Dio l'avesse fatta nascere in una di quelle capanne brune che toccano
coi tetti la terra. Che giova alzarsi se mancano le ali al volo? umile
creatura, nella terra è la tua felicità.

Prima di giungere alla sorgente entrò in una macchia di esili pioppi,
che spandevano la loro ombra sottile e tremolante sul greto chiazzato
del torrente: ma il luogo non era così oscuro ch'ella non potesse
discernere anche nell'ombra il filo dell'acqua che usciva dalla bocca
d'un canale di quercia e versavasi in una barba di spume tra i
ciottoloni e le felci del solco. Scese fino al canale, vi appoggiò la
bocca riarsa e bevette a lungo di quell'acqua sincera che veniva dal
cuor della montagna. Poi si voltò a contemplare la luna che dietro il
ricamo delle mobili piante pareva navigare verso un polo lontano.

Stette un istante inerte ad ascoltare il bisbiglio dell'acqua che
rompeva tra i sassi e che nel silenzio vasto della valle pareva
raccontare le sommesse storie della sua grotta oscura e meravigliosa,
e avrebbe dovuto poi tornare sopra i suoi passi, se una forza non meno
irresistibile di quella che trascina le nuvole nel cielo, non l'avesse
condotta a proseguire oltre il boschetto, verso le capanne nere, che
dormivano nell'ombra, o piuttosto verso la ragione della sua
tristezza.

Essa non avrebbe saputo dire se in quel pauroso desiderio che la
moveva fosse più la speranza d'incontrarsi in Ezio o la paura; se,
vedendolo, per caso, uscire da una di quelle capanne sarebbe corsa a
lui, a stringerlo nelle braccia, a redimerlo da una selvaggia
seduzione o se invece sarebbe corsa a rimpiattarsi come una timida
fiera dei boschi; ma non cessava per questo di dirigersi a quella
volta, e già le capanne chiuse e silenziose eran lì a pochi passi, già
ne rasentava l'ombra, quando le parve di udire un rumore, come un
frascare vicino.

Si ritrasse dietro una siepe di spino che cingeva uno di quei
casolari.

Qualcuno veniva alla sua volta: qualcuno entrava nel recinto stesso
che chiudeva il casolare deserto e andava a sedersi sulla soglia d'un
usciolino chiuso, dov'erano alcuni grossi tronchi rovesciati,
nell'ombra del piovente del tetto.

Non era lui... ma una donna, la baronessa... la baronessa che, non
potendo forse riposare sul giaciglio insolito del suo letto di
montagna, veniva a far della poesia al chiaro di luna.

Il cuore di Flora insorse in un impeto d'ira, ma non ebbe quasi il
tempo di formolare un pensiero che da un ciglione, a cui si appoggiava
il muro della capanna, saltò sul prato un giovine...

Flora celata dalla siepe si trovò caduta sulle ginocchia come se a un
tratto le fossero tolte le forze della vita, le si ghiacciò il cuore,
le si mozzò il respiro. Sentiva che essa non poteva restar lì,
invocava mentalmente da Dio l'aiuto di sorgere, di fuggire: ma non
poteva reggersi.

Finalmente con un atto di estrema violenza se la comandò questa forza
e la trovò: si alzò, si ritrasse con precauzione, aggrappandosi agli
arbusti per non ricadere.

Nessuno saprebbe dire come avvenisse, come nessuno sa perchè un
fulmine si accende e l'altro no. C'eran delle piastre di selce sparse
sul terreno. Flora si chinò, se ne trovò in mano una che fischiò
nell'aria come soleva farle fischiare alla riva, quando faceva il
giuoco del rimbalzello a fior di acqua... e fuggì mentre uno
straziante grido di donna rompeva il silenzio della notte. L'aveva
colpita!



XIII.

Convalescenza.

Seguirono alle emozioni di quella notte giorni di febbre cocente e di
delirio, che tennero in pena l'animo del dottore, il quale non sapeva
a che cosa pensare, se a una febbre infettiva di carattere maligno o a
una congestione cerebrale: e invece, quando nessuno se lo aspettava,
il male si dissipò da sè, lasciando indietro una grave prostrazione di
forze e una straordinaria tranquillità morale inesplicabile in quel
carattere rivoluzionario.

Era discesa dai monti colla febbre in corpo e si pensò che la fatica
del viaggio, il sole preso nel ritorno, il latte della zia Maddalena e
la quantità d'acqua trangugiata per spegnere l'arsura avessero
prodotto questo male: e Flora lasciò che credessero al sole,
all'acqua, al latte della zia Maddalena. Essa vedeva bene da dove era
venuta la sua febbre.

Tuttavia nella debolezza grande in cui era caduta le pareva di trovare
in fondo a' suoi mali una pace nuova, non priva di qualche conforto,
come se la febbre avesse abbruciata anche l'idea maligna che l'aveva
fatta soffrire. Non era stato male ch'ella avesse potuto vedere co'
suoi occhi la verità: e non era male che la sua vita si costituisse
nella verità.

Mentre il dottore parlava alla mamma di crisi, di flogosi del sangue,
di sovraeccitazione nervosa, di macchie epatiche, essa compiacevasi
d'aver finito di soffrire. Strappata l'ultima illusione, non aveva che
da aspettare che la ferita si rimarginasse da sè. Per chi l'aveva
fatta soffrir tanto e inutilmente non rimaneva in lei più che una
immensa compassione: a quella donna non osava nemmen discendere col
pensiero. La figlia del colonello Polony, la contessina del
Castelletto, la nipotina della donna, che aveva con un colpo di
pugnale vendicata un'ingiuria, s'era avvilita fin troppo a credere che
la sua felicità potesse essere contrastata da questi volgari intrugli
di amori melodrammatici celebrati al raggio di luna. La nausea è un
male che libera spesso da altri mali.

Ad avviarla e a guidarla su questa buona strada di pensieri modesti e
ragionevoli giovò non poco la parola dolce e misurata di Elisa
D'Avanzo, la buona amica che al primo telegramma della signora Matilde
era corsa a sedersi accanto al letto della malata. Con Flora s'erano
conosciute durante le vacanze, che Elisa D'Avanzo veniva a passare
tutti gli anni sul lago: e quantunque questa fosse di parecchi anni
più innanzi e d'indole grave, quasi austera, Flora aveva trovato in
lei un'interprete intelligente che l'aiutava mirabilmente a
comprendere sè stessa. L'amicizia non è in fondo che la fortuna di
trovare in altri la parte che ci manca. In questa funzione integrale
Elisa D'Avanzo rappresentava per Flora Polony quella virtù riflessiva,
che non abbondava nell'indole della più giovane, troppo facile a
credere agli impeti del cuore. Poco era il tempo che le due amiche
vivevano insieme, perchè le condizioni ristrette e l'ufficio
d'insegnante non permettevano alla D'Avanzo che un breve soggiorno sul
lago tra il settembre e l'ottobre; ma la buona relazione continuava
nelle copiose lettere che Flora mandava a Torino tutto l'anno,
specialmente nelle lunghe e vuote giornate d'inverno, in cui pare che
ogni vita morale si ritiri dalla campagna per rifugiarsi nei grandi
centri. Erano lunghe confessioni, sfoghi innocenti, confidenze
illimitate, nelle quali Flora amava mettere a nudo il suo cuore per il
piacere di contemplarlo; erano sunti di letture fatte, consigli
chiesti, pensieri trascritti dai libri, pagine intere della sua vita e
di sensazioni che nascevano spesso e morivano sul foglio stesso che le
raccoglieva.

Elisa D'Avanzo era a parte di quel segreto che la fanciulla non aveva
mai osato confessare molto apertamente nemmeno a se stessa; nè si era
maravigliata che un'illusione fondata sull'egoismo altrui dovesse
cadere un giorno o l'altro come una baracca mal costruita nella
sabbia. Essa era venuta subito, anticipando il suo arrivo, a
raccogliere le rovine di questa illusione e ora sforzavasi di
costruire con quel che si poteva salvare un edificio più modesto, ma
più solido per il bene della povera Flora.

Elisa D'Avanzo aveva sofferto la parte sua nella vita, perchè potesse
parlare con qualche autorità: ma più che i dolori conosceva della vita
quelle spinose necessità e quei nudi bisogni, che sdegnano la pietà e
che vivono giornalmente della nostra carne viva.

Da quasi vent'anni era insegnante nelle scuole comunali di Torino,
costretta a mantenere una povera sorella scema che non aveva altro
aiuto. Per quanto esaurita dal lavoro, conservava ancora al di sotto
del logoramento fisico della persona magra e leggera, i tratti di una
sana e delicata bellezza, vivificata dalla luce di due grandi occhi
pieni di pensieri e sempre attenti alle cose buone. Vestita quasi
sempre di nero o con pochi ornamenti vedovili, essa portava da dieci
anni il lutto all'unico amore della sua vita, perchè si considerava
veramente la vedova dell'uomo che l'aveva amata, che aveva promesso di
sposarla e che a ventisei anni era morto vittima di una infezione
cadaverica sul punto in cui stava per ottenere una cattedra di
fisiologia all'università.

Colla morte di Annibale Perrone la scienza ebbe a rimpiangere una
forte speranza spenta troppo presto per l'onore della patria. Amici,
colleghi, discepoli, corpi scientifici, riviste italiane e straniere
ripeterono per un anno l'elogi che segue ai valorosi e benemeriti
cittadini; un busto di marmo fu innalzato nel cimitero dov'è
sepolto... ma ad altre cose ebbe poi a pensare il mondo. Altri uomini,
altri studi, altri maestri, altri ideali sorsero a far dimenticare
l'opera di un trapassato, come l'erba cresce sull'erba segata dalla
falce del villano; ma dopo dieci anni la donna era ancor viva al suo
dolore. Il mondo si rinnova e dimentica: la donna che ha amato bene
una volta, vive e muore nel suo amore. Crollano le lapidi e i
monumenti attaccati ai muri: ma una memoria che sia sepolta nel cuore
di una donna è un albero sempre verde che mette ogni anno una radice
di più. Così Annibale Perrone, che nessuno ricordava più, continuava a
vivere delle luminose speranze della giovinezza nel modesto cuore
d'una povera maestra elementare, che all'educazione dei figli del
popolo dava tutto quel che non era morto in lei, in compenso della
pace che il lavoro le aveva procurato.

Per Flora fu una vera medicina la compagnia della cara amica, che,
senza bisogno di interrogarla, seppe rispondere con carità e con
prudenza ai gemiti di quel povero cuore lacerato.

--No, no--le andava dicendo Elisa, nei momenti in cui vedeva la malata
più disposta ad ascoltarla--tu non puoi sacrificare il tuo avvenire, i
tuoi pensieri, i tuoi doveri al culto di un uomo che non ti ama e che
non puoi stimare. Se egli ha potuto suscitare in te un'illusione, non
fu che un raffinamento del suo egoismo, perchè volle cogliere in te un
fiorellino modesto dal profumo delicato e ornarsene per un'ora
l'occhiello; ma non tardò a farti capire che si è subito pentito di
quest'atto d'imprudente poesia. Per tutto l'oro del mondo egli non
sacrificherebbe un giorno della sua libertà e un solo dei suoi
capricci alla perpetua felicità di una donna che lo vuole tutto per
sè. Il nostro modo di amare, cara Flora, non è tutto piacevole perchè
coll'amor nostro noi diamo tutte noi stesse e per sempre. Ma questi
signori più che la donna amano le donne: o almeno non ci considerano
se non come carte che servono a fare il giuoco e che si cambiano ad
ogni partita. Tu, nell'ingenuità tua, non potevi immaginare che il
mondo fosse così; ma è forse bene che il caso t'abbia aperti gli
occhi. Ogni tua violenza farebbe peggio. Più si sente incalzato da te,
più ti si ribella e provocherà le occasioni per dimostrarti che non
intende sacrificarti nulla, nè un risentimento, nè una vendetta, nè
una seduzione. Più cattivo lo renderesti quel giorno che tu ti
presentassi come creditrice. Nulla è più odioso quanto un creditore
che non si può pagare. Sicchè per il tuo meglio, se proprio ti pare di
avergli voluto bene e se ti duole di sciupar del tutto una immagine
che ti fu cara, credo che ti convenga rinunciare tranquillamente a
lui, e riprendere invece quei modesti doveri che tu hai verso tua
madre e verso te stessa. Vedi me. Quando ho dovuto per forza
rinunciare alla felicità, mi son rifugiata ne' miei doveri, come mi
sarei rifugiata in una chiesa per salvarmi da un acquazzone, E così il
mio sacrificio invece di restare morta radice nel suo egoismo, fruttò
a me e agli altri, se non una felicità migliore, certamente un riposo
non inutile e qualche beneficio.

Flora ascoltava attentamente e ringraziava cogli occhi teneri l'amica
del bene che le faceva colle sue parole.

Un'altra volta il discorso cadde sulle grandi obbligazioni che sua
madre aveva verso il signor Cresti del Pioppino e sull'avvenire
incerto che avrebbero incontrato tutt'e due, se per non voler più
aumentare queste obbigazioni, Flora avesse persuasa sua madre a
lasciare il Castelletto e a seguirla in una grande città in cerca di
lavoro e di pane. Anche su questo punto Elisa D'Avanzo aveva le idee
chiare e positive di chi ha vissuta la sua esperienza.

--Vivere in una grande città oggi è un negozio arduo e faticoso per
chi vi è nato, per chi vi ha parenti, amici, clientela, avviamento
naturale; ma a chi arriva nuovo la grande città si apre come un
deserto inesplorato; la piccola come un sepolcro. Tu vai in città a
chiedere il tuo pezzo di pane; ma nessuno ha mai pensato che tu avessi
diritto di averne: anzi molti si meraviglieranno che tu possa osar
tanto e venir da lontano apposta per portar via un poco di quel pane
che basta appena a chi c'è: molti se ne sgomentano; molti stringono i
pugni e digrignano i denti.

Vincere colla forza la concorrenza di chi aspira al tuo medesimo pezzo
di pane non sempre si riesce: perchè più abile della forza è
l'astuzia: e di tutte più ancora la malignità. Onde i buoni in questa
gara son già vinti prima di entrare. Ma date pure eguali condizioni,
il vincere non riesce facile nemmeno a chi fin da fanciullo si preparò
l'animo alla lotta e per tutti gli anni della sua giovinezza non fece
che addestrarsi nell'esercizio di questa lotta, rompere, per dir così,
la volontà a tutte le ripugnanze, fortificarsi contro gli assalti dei
più cupi avvilimenti. Ma chi non ha mai lavorato o imparò l'arte sua
solamente come un diletto della vita, se anche l'ingegno l'assiste,
non può essere sicuro di non smarrirsi, di non stancarsi, di non
avvilirsi, di non trasformare il suo stesso lavoro in un acuto
strumento di tortura e di cader vittima della sua stessa energia.

--E allora--diceva la buona amica--che sarebbe di tua madre?

--La povertà è cosa assai triste--soggiungeva malinconicamente col
tono di chi sa quel che significa contrastare giornalmente colla sorte
avara e cogli intrattabili bisogni.--La povertà è cosa triste per
tutti, anche per chi vi è nato in mezzo e non conosce altra sorte; ma
per una fanciulla bella e gentile, che non voglia rinunciare al suo
prezioso orgoglio, l'essere povera è una condizione insopportabile.

La gente fa ai poveri una colpa persino di quella stessa dignità che
nei ricchi è stimata come un pregio del carattere; e io ho sentito
accusare di alterigia certe povere donne, che preferivano una goccia
del loro magro caffè fatto in casa, alla grassa abbondanza d'una
minestra offerta per nulla da una cucina economica. Il povero ha
sempre torto d'essere povero e di offendere col suo spettacolo gli
occhi beati di chi lo vede; ha torto di essere seccante, quando
chiede, e arrischia di offendere il beato egoismo della gente felice
anche quando si ostina a non chiedere. Al povero è difficile perfin
d'esprimere la sua riconoscenza, o perchè dice troppo o perchè dice
troppo poco; ma più per la ragione che il ben ricevere non è più
facile che il ben dare.

Chi poi può paragonare la povertà sopravvenuta a una perduta agiatezza
ed è nella condizione dolorosa di dover continuamente paragonare quel
che è a quel che era, quel che aveva prima a quel che non ha più,
condanna sè stesso ad un supplizio, che è paragonabile soltanto allo
strazio che farebbero due cavalli che tirassero un misero corpo in due
versi opposti: tra le memorie e i disinganni, tra il passato e il
presente Io strazio rompe la vita.

Ora tu hai qui sull'uscio--conchiudeva la giudiziosa amica--chi ti
offre amore, amor vero, non fiamma di paglia, tranquillità d'animo,
ricchezza con decoro: è un uomo schietto che tu non potrai non amare,
quando potrai più da vicino conoscere il suo cuore e misurare il
valore della sua virtù nascosta. Non è il biondo cavaliere della
leggenda che passa nei sogni della giovinetta bionda: ma tu non sei
romantica e sai quel che valgono i cavalieri di ventura.

L'uomo che io ho amato più di mio padre e più di mia madre non era
bello: nè mai mi son chiesta s'egli lo fosse o se era un male che non
lo fosse. Era il dottor Perrone che aveva guarita mia madre, era il
bravo professore, amato da' suoi allievi, era la gloria della scienza
e bastò perchè a me paresse più bello d'un dio. Sento che l'amerei
dell'istesso amore anche se egli mi comparisse davanti coi capelli
bianchi, già vecchio cadente. Consacrarsi al valore di un uomo è
qualche cosa di più attraente che non amarlo per la sua gioventù e per
la sua bellezza. Perciò ti ripeto che tu fai male a non incoraggiare
il signor Cresti. Sarebbe per te il miglior modo per guarire del tutto
da una febbre non buona, che non vien tutta dal cuore...--

Flora arrossì: gli occhi le si riempirono di lagrime di
pentimento.--Forse, sì, forse avete ragione; io devo però meritarmi
quest'amore e fargli un posto degno nel mio cuore. Avete ragione, non
vi può esser nulla di buono in questa febbre d'odio e di gelosia che
consuma la parte migliore di me. Dite intanto al buon Cresti che venga
a trovarmi.--

       *       *       *       *       *

Quando il solitario del Pioppino, incoraggiato da tutte le patti,
scese al Castelletto a far visita all'illustre inferma si consolò
tutto nel vedersi accolto con un sorriso di tenera bontà.

La malata ancor ravvolta negli scialli, con in testa una delle
cuffiette della mamma, che faceva brillare i riccioli dei capelli
sull'orlo della fronte, coi colori attenuati della convalescenza,
stava nel seggiolone di mamà, nel vano della finestra, dove il sole
batteva, mettendo nel salotto un lieto e giallognolo tepore.

La mamma era in cucina a preparare la seconda minestra della
convalescenza, in cui era stato concesso di lasciar cadere un fegatino
di pollo: Elisa era uscita per la sua solita passeggiata mattutina,
che doveva riattivare un appetito da lunghi mesi inerte: Flora nel
vano della finestra, fissi gli occhi a due nuvolette vaganti nel cielo
come fiocchi di lana, si abbandonava con un molle piacer fisico alla
sua dolce stanchezza, appoggiando la testa al dorso della poltrona,
correndo dietro col pensiero ai rumori che venivano dal villaggio e
allo sciacquìo dell'onda che gorgogliava ai piedi della casa: voci e
suoni che si mescolavano a visioni e a memorie di cose lontane, cadute
da un pezzo in dimenticanza.

La mente fatta più docile e meno impedita dal vigore della resistenza
fisica si abbandonava con più indulgenza a ripensare le cose passate e
a considerare con un senso di maggior benevolenza il destino della
vita. Il bene, andava persuadendosi, è nella moderazione dei desideri
e non si riposa mai così bene come nella propria bontà. E come il suo
corpo godeva del tepore del sole e l'appetito invocava come un gran
bene la piccola scodella di minestra, silmilmente nella sua
convalescenza morale essa augurava al suo spirito la guarigione che fa
godere d'ogni minimo bene, e quella sana volontà naturale che dà
sapore ad ogni modesta fortuna.

Era così assorta, in contemplazione d'un farfallone che, svolazzando,
urtava nel vetro, ostinato anche lui contro l'impossibile, quando
Beniamino Cresti entrò.

--E così, Flora? va bene, sento....

Flora, che non l'aveva sentito entrare, piegò la testa e vide il
signoretto del Pioppino con un enorme mazzo di rose gialle in mano, le
più belle rose di quella qualità che fossero sul lago.

--O Cresti, buon dì. Grazie, sto bene davvero. Son per me queste rose?

--S'intende: le ho colte apposta.

--Come si chiamano?

--Rose _rêve d'or_....

--Come son belle! me le lasci veder bene.

Cresti lasciò cadere il grosso mazzo sciolto in grembo alla fanciulla,
che rispose con un piccolo grido di gioia.

--Hanno un profumo inebriante: o è forse la mia debolezza che me lo fa
sentire?

--Il profumo è l'anima dei fiori--sentenziò l'amico, che da qualche
tempo andava spigolando in un florilegio di bei pensieri; e per far la
sentenza più rotonda e più significante, chinandosi sulla fanciulla,
che pareva sprofondata nel seggiolone della mamma, soggiunse:--E il
sorriso è il profumo dell'anima.

--Ma ci son dei profumi acri che fan pensare più alle spine che non ai
fiori.

--Dunque, proprio bene? sentiamo un pò....--Cresti le prese il polso,
trasse l'orologio d'oro e misurò le pulsazioni sul tic tic dei minuti
secondi--Polsetto un pò debole ancora, ma regolare: segno che il
cuore è in ordine.

--Domani potrò uscire in giardino. Ma sieda, Cresti.

--Ho premura--si scusò egli--son venuto soltanto per far la mia visita
medica e anche per chiedere un consiglio.

--A me?

--Sì, un consiglio d'arte.

Cresti che pareva già sulle spine, fatto un mezzo giro intorno alla
tavola, tornò presso la poltrona, trascinandosi dietro una sedia; ma
si accontentò di appoggiarvisi colle braccia.

--Sa che ho comperato il Ravellino....--riprese in tono semplice,
fissando lo sguardo al di là dei vetri verso la riva, dove si poteva
scorgere la piccola villa.

--È affare fatto? benissimo.

--Bersi mi stava alle costole e io ho detto: Cosa fatta capo ha.

--Ha fatto bene--disse lentamente Flora, portando alla bocca una rosa,
su cui tenne fisse le labbra.

--Per me ne ho fin troppo del mio vecchio Pioppino, ma capisco che non
a tutti possa piacere un luogo così solitario, lontano dal lago,
ficcato in una crepa di montagna. Al Ravellino avremo la nostra
barchetta...

Cresti si arrestò, sentendo che parlava in plurale; socchiuse un poco
gli occhi e aspettò che altri finisse un discorso che non osava andar
avanti da sè.

--Avremo la nostra barchetta... ma il Ravellino è in un disordine
orribile. Bisognerà che ci spenda molto denaro per ripulirlo e per
togliere tutto quel che c'è di barocco e cattivo gusto. Avrò quindi
bisogno di molti consigli.

--Verremo a vedere, consiglieremo...--disse lentamente, con dolcezza,
Flora, secondando con benevolenza il pensiero del suo buon amico,
mentre coll'orlo delle labbra andava mordendo e sfogliando la bella
rosa.

Cresti si appoggiò allo schienale, distese un braccio sulla sponda
della poltrona e con una intonazione in cui tremolava il suo povero
cuore riconoscente, soggiunse:

--Sicuro, vorrei far restaurare una bella camera grande in stile del
Rinascimento con un bel soffitto a rosoni dipinti: e poi anche il
giardino ha bisogno di mille adattamenti. Quel Bersi era un
ostrogoto... Un artista ha posto di guazzare fin che vuole: e io
faccio conto sul buon gusto degli amici.

--Grazie. Metteremo fuori tutta la nostra dottrina artistica.

--E poi c'è ancora una cosa...--soggiunse l'amico, che tirava
lentamente il pensiero come se temesse che, rompendosi il filo,
l'animo dovesse precipitare in un pozzo.--Ravellino è un nome che non
dice nulla; troppe baldorie vi hanno fatto in questi anni quei famosi
scapestrati: e quando sia lavato e purificato, bisognerà battezzarlo
con un nome un po' poetico.

--È giusto--disse Flora.

--Ho scritto qui alcuni nomi--riprese, mentre levava con mano tremante
dal portafogli un cartoncino; e balbettando per l'estrema
commozione:--Cioè... veramente ne ho scritto uno solo; anzi o sarà
questo o non sarà nulla. Ma non posso scriverlo sul.. sul
frontispizio, se prima non ho la debita autorizzazione.

--Dalla prefettura?--chiese ridendo dietro il fascio di rose la
contessina.

--Eh... già... forse anche dalla prefettura, ma prima ancora ci vuole
un'altra autorizzazione. Ecco: io le lascio questo cartoncino in una
busta, Flora. Non dica nulla a nessuno, ma ci pensi e mi sappia dire
schiettamente il suo parere... No, non lo guardi adesso.

Flora aveva già letto sul cartoncino: Villa Flora.

--Lei non mi deve dare la risposta nè oggi, nè domani, nè dopo: potrà
anche non darmela mai e non cesseremo per questo d'essere buoni amici.

Egli aveva ripreso la piccola mano della signorina e se la teneva
stretta nelle sue. Flora sentì gli occhi intenerirsi davanti a questa
devozione così pietosa, così tenera, così umile e prima di ritirare la
mano strinse quella del vecchio amico con un lungo indugio di
benevolenza.

--Scriveremo...--balbettò essa, guardandolo cogli occhi molli.

Il pover'uomo, che non si aspettava tanto, fu per piegare un ginocchio
in terra. Si limitò ad appoggiare la testa al dorsale del seggiolone
fino a toccare coll'orlo delle labbra i nastrali della cuffietta. Ma
parendogli che la casa si rovesciasse col tetto nel lago, fuggì senza
manco dire addio. Nel corridoio s'incontrò nella signora Matilde che
veniva colla minestrina in mano. Le fece alcuni segni colle mani,
senza riuscire a farsi capire; finalmente la baciò in fronte e scappò
via. Sulla porta di strada dette proprio nella signorina d'Avanzo, che
tornava dalla passeggiata: fece anche a a lei alcuni segni, baciò
anche lei in fronte e corse verso il Pioppino nella speranza
d'incontrare a mezza via il suo caro Massimo. Una grande beatitudine
istupidiva il suo cuore e non capiva perchè egli seguitasse a tenere
alla bocca la mano chiusa come se stringesse una moneta preziosa. Su
quella mano ancor calda della muta promessa non cessava dall'imprimere
baci.

E intanto non restava dal fuggire, come se la sua felicità gonfia di
vento lo portasse in aria. Camminò un bel pezzo verso la strada
lacuale; passò oltre, senza vederla, la strada del Pioppino: si
arrampicò per un viottolo, che metteva in un altro, scese per la
strada d'un torrente, saltò rive e scarpe di campi e di vigne, sempre
stringendo in mano il suo prezioso pensiero, e non si arrestò, se non
quando la schiena del monte gli si rizzò erta e minacciosa davanti.
Sentendosi stracco, affannato, colle ossa dislogate, si lasciò cadere
sopra uno strato d'erba ancor molle di rugiada e lasciò che le lacrime
non mai sparse durante la sua vita colassero tutte in una volta.



XIV.

Tra zio e nipote.


Le giornate di Ezio non avevano più regola. A casa non lo si vedeva
quasi più o vi passava appena il tempo di togliersi un vestito e di
mettersene un altro, di cambiare un paio di scarpe, di far volare in
aria qualche cosa con grande spavento della povera Bernarda, che non
arrivava a tempo a contentarlo. Poi scompariva di nuovo, per
ricomparire dopo tre o quattro giorni come un luminello riflesso da
uno specchiotto lontano.

Lo specchietto era a Cadenabbia.

Col pretesto di frequenti gite, di scampagnate e di colazioni in
comitiva egli era sempre con lei o accanto a lei; e siccome la
prudenza non era la virtù principale della bella baronessa, e amore è
cieco anche perchè non abbia a vedere i pericoli, ne venne fuori un
lieto pettegolezzo, per non dire uno scandalo, che finì
coll'impensierire gli amici. Il Bersi ne parlò al Cresti che ne
discorse con Massimo, perchè vedesse d'intervenire colla sua autorità
di zio e di uomo saggio. Questi provò a scrivergli, e in tre righe
serie, da uomo serio che sa di compiere un dovere, gli chiese un
abboccamento per cose, gli diceva: «che riguardano il tuo onore e la
tua pace».

Ezio capì il latino: e dopo aver nicchiato alquanto, non osò rifiutare
al caro zio, tornato fresco dall'America, la consolazione di recitare
la sua parte di padre nobile: e per aver un terreno neutro, su cui
ciascuno fosse padrone delle sue idee, fissò egli stesso un
bell'incontro all'albergo Bazzoni a Tremezzo con una letterina
umoristica, che finiva così: «Gravi o non gravi che siano le cose che
hai a dirmi, è inteso che la colazione la paghi tu».

Zio e nipote furono precisi all'abboccamento: e poichè la giornata era
bella e tiepida, piuttosto che rinchiudersi in una sala, preferirono
sedersi a una tavola sulla terrazza che prospetta il lago all'ombra
fitta d'un pergolato, che faceva il luogo segregato e fresco.

Massimo, che sentiva tutta la delicatezza della sua missione
diplomatica e che temeva di rompere prima di toccare, fece di tutto
per essere fin dal principio tenero, affettuoso, espansivo; prese il
ragazzo sotto il braccio, si fece ragazzo con lui e rimproverandolo
amorevolmente, gli disse:--Che ti abbiamo fatto noi poveri vecchi che
non ti si vede più?

Ezio, che senza mai essere stato nè in Bolivia nè in Venezuela,
credeva di conoscere anche lui la sua diplomazia, stringendo tra le
due mani il panciotto bianco del suo caro zio ambasciatore,
rispose:--Non si è mai meno padroni di sè stessi come quando non si ha
nulla a fare. Ma vedo che tu hai indossato il _gilet_ delle
grandi circostanze. Che c'è di nuovo? è vero che Cresti prende moglie?
Non si parla d'altro sul lago: e si dice anche che quell'altro animale
poco ragionevole, che risponde al nome di Bersi, gli abbia venduto il
Ravellino: una bella trappola. Conta, conta.

Si misero a tavola e mentre una bella ragazza si affrettava a stendere
la tovaglia, il giovane che temeva di perdere la parola, continuò
sempre con un'intonazione tra il tenero e il burlesco:--Però avete
ragione di lamentarvi di me e bisognerà che io faccia qualche cosa per
contentarvi. Intanto, se permetti, facciam dire a questa bella ragazza
quel che si potrebbe mangiare, perchè mi sento vuoto come la canna
d'un fucile sparato. Bevi vin toscano, zio Massimo? qui è eccellente.

--Ordina quel che vuoi...

In poche parole s'intesero. Quando il piatto del salame fu portato in
tavola e che il vino fu trovato buono, lo zio sentì ch'era arrivato il
momento d'intonare l'antifona:--Raccontami un po' il gran nulla a fare
che porta via tutto il tuo tempo. Che diavolo fai a Cadenabbia?

--Si fa di tutto per non annoiarci, zio.

--Alla tua età non si dovrebbe aver paura della noia.

--La noia è come il veleno della vipera: guai se ci lasciamo cogliere
dal sonno!

--E per fuggire al fumo tu vai ad abbrustolire nelle braci--arrischiò
il buon zio, che aveva sempre una delicata paura di offendere la
irritabile suscettibilità del giovane.

--Mi sono assicurato contro i danni delle scottature--riprese con
gaiezza il nipote che, quando si trattava di fuggire, possedeva
l'agilità del gatto.

--Se tu ti diverti, non so che cosa dire: sei nel tuo diritto. Ma ho
paura che tu prenda troppo sul serio il tuo piacere...--Un altro passo
era fatto, per quanto il cortese diplomatico andasse col piede di
piombo.

--Troppo sul serio, no--ribattè Ezio canzonando--perchè di serio al
mondo non c'è che la morte; ma si procura di non lasciar scappare le
buone occasioni. Chi sa quante volte ti sei pentito anche tu, mio
amabile pedagogo, di aver lasciato scappare una lepre che ti passò
sotto il naso. Se l'Italia non avesse lasciato scappare le buone
occasioni....

--Lascia stare l'Italia che di cattive figure ne ha fatte fin
troppo--fu pronto a interrompere lo zio.--Tu parli di piaceri e
quando si hanno ventiquattro anni è assurdo che si abbia a discorrere
di teologia; ma non ci sono soltanto piaceri a questo mondo.

--Lo so: ma i dispiaceri vengono da sè senza bisogno che uno vada a
cercarli. Intanto procuro di sfruttare più che posso i vantaggi della
mia età.

--Volevo dire che ogni età accanto a' suoi piaceri ha i doveri suoi,
mio caro--disse lo zio con uno stile eguale e freddo come un
protocollo.

--Eccoti arrivato a parlare della mia laurea--fu lesto e furbo a
continuare il giovine vice-ammiraglio che sapeva con rara abilità
schivare i colpi di vento.--Non è vero che tu mi hai invitato a
colazione per questo? Ebbene, mio vecchio sentimentale, ti assicuro
che ci penso sempre a quella benedetta laurea come a una ragazza che
ho l'obbligo di sposare. E la sposerò se tu mi dai tempo. _Quod
differtur non aufertur_. Dillo alla mia matrigna che ti ha
incaricato di farmi questo discorso. Ci penso. Se non sarà questo
autunno, sarà a Pasqua: se non sarà a Torino andremo a pigliarla a
Genova o a Napoli dove la piglian tutti, ma sento che di quà devo
passare. È una promessa che ho fatto al povero babbo e la voglio
mantenere. Se quest'inverno vieni a stare un poco con noi, vedrai che
Aristotile d'un nipote! e tu mi devi aiutare anche a pubblicare quelle
care memorie che devono onorare il nome di mio padre: e questo te lo
dico sul serio, vè, da uomo d'onore.

Il giovine parlava con tanta e così sincera convinzione che lo zio
Massimo, stendendogli la mano al di sopra della tavola, credette
giunto il momento propizio di conquistarlo:--Bravo!--gli disse--e
allora fa anche il resto.

--Che cosa devo fare ancora?

--Lasciar quella donna che ti perde.

Ezio ritirò la mano che stava per offrire e abbandonandosi sulla
sedia, disse con ironico sorriso:--Tu non mi avrai invitato a
colazione per farmi mangiare un piatto indigesto, Se questo è il
motivo del nostro abboccamento, fa conto che sia finito.

--Ezio--disse lo zio Massimo, asciugandosi i baffi col tovagliolo--non
si è viaggiato mezzo mondo senza fare qualche esperienza.

--Ma è anche una bella cosa che ognuno faccia la sua esperienza da sè.

--Non c'è nulla di più noioso che di far delle prediche. Se insisto su
questo argomento, è perchè ti vogliamo bene, Ezio.

--E se mi volete bene che gusto avete di annoiarmi? Guarda, tu mi fai
scappare l'appetito.

--È in giuoco il tuo avvenire, Ezio.

--So difendermi da me.

--Si vede--soggiunse lo zio, sorridendo amaramente--Questa donna ti ha
accecato.

--Ebbene, che giova dissimulare? prese a dire colla testa alta il
giovine e in tono imperioso di spavalderia.--L'amo e mi ama: è la cosa
più semplice del mondo.

--È la più indegna di te--fu pronto a soggiungere lo zio con una
intonazione austera che Ezio non si aspettava di sentire da quell'uomo
blando, vestito di cerimonie. Massimo Bagliani era di quegli uomini
timidi, che nel fitto d'una mischia si fanno avanti per i primi.

--Ora hai detta una brutta parola, amico mio--disse lentamente Ezio,
impallidendo un poco.

--Ebbene la ripeto:--la più indegna di te.

--Sei stato giovine, tu?--

--Io?--e il dabben uomo non seppe nascondere un'emozione che
gl'imporporò la testa.--Credo di essere stato giovine in un tempo,
quando l'essere giovani voleva dire qualche cosa di più che il far
correre una barca. E sarei anche morto volentieri ai miei
ventiquattr'anni, se mi fosse toccata una palla nello stomaco. Tu
faresti lo stesso, son certo, se i tempi avessero bisogno del tuo
sangue: è dunque inutile che tu mi tiri il discorso su queste
sciocchezze.

Ezio arrossì lui questa volta.

Seguì un momento in silenzio penoso per tutt'e due le parti. Il
giovine Bagliani pareva irrigidito in un senso di cupo dispetto, e
mentre il signor commendatore non cessava di pulirsi nervosamente col
tovagliolo i baffi e la bocca, il nipote faceva saltellare la lama del
coltello sull'orlo del piatto.

Fu Ezio il primo a uscir da questa noiosa reticenza:--Forse ti hanno
male informato, il mio caro zio: o forse hai di me una idea sbagliata.
So da chi hai ricevuta l'imbeccata. Donna Vincenzina tutte le volte
che vede naufragare un suo vecchio ideale si prende dei grandi
pensieri per la salute dell'anima mia.

--Tu intendi parlare della tua seconda madre, quando dici donna
Vincenzina?--sorse a dire il severo inquisitore, che alla freddezza
caustica del giovine sentiva di dover opporre un risentimento quasi
personale:--Io non so di quale ideale tu intenda parlare: ma son certo
che quella donna che tu nomini in un modo così poco decoroso non può
che desiderare il tuo bene: e noi in questo suo desiderio siamo tutti
solidali con lei. Cresti mi ha sempre scritto che essa ti ama come un
suo vero figliuolo e fino a cinque minuti fa non c'era nulla che ti
autorizzasse a credere il contrario. Essa non desidera che una cosa
sola.... che tu faccia onore al nome di suo marito.

--Ora la pigli troppo alta--balbettò Ezio che si sentiva dominato da
quel modo lento e preciso di argomentazione.--Quando avrò bisogno d'un
buon avvocato non avrò molta strada da fare.

--Non la piglio troppo alta, ragazzo mio--ribattè Massimo con uno tono
alquanto arruffato, che tradiva il turbamento di un spirito che non
sapeva dominare se stesso. Non c'è nessun motivo che tu attribuisca
alla tua matrigna delle basse intenzioni per giustificare i torti che
tu hai verso di lei e verso te stesso.

--Essa non potrebbe trovare un più zelante difensore--uscì a dire il
giovinotto con un fare di monelleria con cui cercò di coprire la sua
disfatta--Ed è naturale.

--Che cosa è naturale?--interrogò l'uomo offeso nel suo più intimo
affetto.

--Nulla--troncò secco il giovine.--Ti pare che questi discorsi possano
far digerire una cattiva colazione? non sarebbe meglio che noi
ordinassimo due caffè con due bicchierini di cognac? ho promesso ad
alcuni amici d'essere a San Giovanni e possiamo dire come alla Camera
che l'incidente è esaurito.

--Si, è meglio. Mi avvilirei a chiedere spiegazioni a un ragazzo che
non sa quel che si dice.

Ezio capì che dallo zio commendatore e ambasciatore della Bolivia
stava per uscire il capitano d'artiglieria d'altri tempi: e non
volendo ritirarsi colla peggio, si alzò, distaccò il suo bel
cappellino di paglia dal pergolato ed accostandosi al signor zio con
un portamento più spavaldo che contegnoso, credette secondo l'indole
sua presuntuosa di farla finita del tutto con quattro di quelle parole
enigmatiche che possono far intendere tutto quel che si vuole.

--Caro zio--gli disse--quando tu mi hai fatto l'onore di chiedere la
mia ospitalità, dopo non so quanti anni di assenza, io non ti ho
chiesto se ti riconduceva un sentimento di rispetto alla memoria d'un
defunto, o un pentimento o una curiosità o quale altra memoria de'
tuoi ventiquattro anni. So di averti ricevuto bene, con discrezione,
con rispetto. Non invoco per me che un egual trattamento di tolleranza
e di libertà.... E con ciò grazie della colazione....--E gravemente
stese la mano per congedarsi.

Massimo Bagliani non rispose, non si mosse, ma coll'occhio
rimpicciolito, con un tremito nervoso addosso che scoteva tutto il suo
grosso corpo d'uomo lento e ipocondriaco, fece capire che non aveva
più nulla a dire. Ma non volle stringere la mano che il giovine gli
aveva stesa.

Ezio si carezzò con un atto d'irritazione i piccoli baffi, mosse
qualche passo intorno alla tavola, esitò un istante tra il bene e il
male; ma come sempre, anche questa volta vinse il diavolo peggiore.
Levò il portafogli e cavato un biglietto da cinque lire lo buttò sul
suo piatto e se ne andò. C'era da pagar lautamente quel che aveva
mangiato coll'aggiunta d'una buona mancia per la bella ragazza.

Massimo, il povero zio Massimo, rimase lì sotto il peso
dell'oltraggio, tutto tremante, colla testa appoggiata ai palmi.
Improvvisamente gli parve che il cielo si rannuvolasse: ma capì che un
pugno di lacrime gli faceva gli occhi grossi. Una brutta frase si
presentò in quell'oscuro turbamento, ma non osò pronunciarla per
rispetto ai morti e ai vivi. «Il figlio è degno del padre» avrebbe
voluto dire: ma ebbe compassione di tutt'e due.



XV.

Tra il marito e... l'altro.


Il barone Samuele Hospenthal che un _potage_ troppo sugoso aveva
reso più disgustato e più svogliato del solito, da una settimana non
usciva dalla sua camera se non per muovere quei dugento o trecento
passi cadenzati, che gli erano necessari per digerire la sua acqua di
Vichy. Il resto della giornata lo passava rinchiuso a scorrere una
quantità di riviste e di giornali inglesi e tedeschi, a cui mescolava
qualche avventuroso romanzo di Rudyard Kipling, il suo ultimo autore
prediletto.

Alla rapida decadenza della sua giovinezza fisica egli sapeva opporre
uno spirito resistente, instancabile, invincibile davanti a uno scopo,
fosse questo l'impianto di una nuova banca o il piacere di battere un
cavallo in una sfida di corsa o quello più modesto di dare agli amici
una colazione superiore alle solite.

Quando ebbe conosciuta la bella Ersilia Batacchi la prima volta a
Cannes in un Casino-Concetto, la sua prima idea era stata di far di
lei una moglie della mano sinistra: ma la resistenza passiva di lei e
quella più cauta del sor Paoleto lo persuase a sposarla secondo la
legge civile e a presentarla al suo mondo misto di uomini d'affari, di
grandi uomini e di oscuri agenti di cambio, di artisti e di vagabondi
internazionali, in mezzo a cui le signore passavano quasi senza
vedersi. «Libera coscienza in fedeltà d'amore» poteva essere il motto
della famiglia. Il contratto era stato pari dalle due parti: egli
aveva portato i suoi milioni, essa la sua vistosa bellezza: egli una
tristezza fondamentale su cui a stento correva qualche sorriso di
compiacenza e di critica bonaria: essa una giovialità senza fine, che
avrebbe rallegrata una sinagoga: egli un'esistenza minuziosa che
minacciava di triturare la sua vita: essa una risoluzione pronta e
capricciosa, che travolgeva come un torrente furioso i progetti di suo
marito. Ma giova dire che in questa volontà così diversa dalla sua il
barone trovasse qualche vantaggio, perchè difficilmente osava
contrastrare a sua moglie anche quando il muoversi rappresentava per
lui una passività o una inquietitudine.

La baronessa poco si faceva vedere nei giorni in cui suo marito stava
rinchiuso in camera. Veniva e restava con lui qualche mezz'ora al
mattino, qualche mezz'ora dopo colazione, qualche minuto la sera, ma
gli obbediva volentieri se le diceva di non lasciar soli gli amici. La
malattia di suo marito era di quelle che guariscono più presto quanto
meno si secca il malato: nè ci poteva essere rimorso da parte sua dal
momento che Samuele desiderava di rimaner solo anche per sbrigare
un'enorme quantità di corrispondenza, che gli correva dietro di posta
in posta come uno sciame di mosche a un cavallo accaldato.

Per spedir telegrammi, per impastar francobolli sulle buste, per
mandare a ricevere vaglia postali eragli di sufficiente aiuto il sor
Paoleto suo suocero, un ometto svelto e discreto che sapeva tacere,
quando vedeva l'acqua di Vichy più torbida, e sapeva in un altro
momento raccontare mille storie, aneddoti e reminiscenze della sua
vita di teatro e riportare i piccoli pettegolezzi d'albergo, di cui
l'illustre genero si dilettava nei momenti di lingua meno sporca.

In ricompensa di questi servigi il barone gli regalava di tanto in
tanto sotto forma di gratificazione un pezzo di venti lire in oro col
patto che non dicesse nulla a Ersilia, che avrebbe voluto tenere il
vecchietto goloso e dissipatello più a stecchetto; ma anche questa
piccola frode rendeva il regaluccio più saporito tanto a chi dava
quanto a chi riceveva. Il pezzo d'oro barattato secondo il corso del
cambio fruttava un altro piccolo guadagno, che aggiungeva al piacere
del dono il gusto più squisito della speculazione. I cinquanta, i
sessanta, i sessantacinque centesimi che a seconda dell'aggio il
vecchietto guadagnava, gli erano quasi più gustosi che non le venti
lire del suo pezzo d'oro: e non minore era la sua felicità di quella
che fosse la gioia un po' patetica del suo illustre genero, quando con
due righe di telegramma guadagnava alle Borse di Parigi e di Amburgo
le sessanta o le centomila lire sulle oscillazioni dei valori. Il che
dovrebbe ancora una volta dimostrare che la miglior felicità, come la
miglior scarpa, è quella che va bene al piede di chi la porta.

       *       *       *       *       *

Fra le molte lettere che il sor Paoleto portò in camera una di queste
mattine in cui il barone rimase ritirato, l'occhio strologato
dell'affarista ne sceverò una d'una scrittura poco commerciale, chiusa
in una busta profumata, color carne, su cui svolazzava un piccione
d'argento entro i ghirigori azzurri d'un'elle maiuscola.

Vecchio frequentatore di alberghi e di _maisons garnies_, non del
tutto refrattario a qualche umile distrazione, il banchiere fiutò
nell'acuto profumo di sapone Windsor una di quelle seduzioni, che per
chi si lascia prendere si risolvono, alla fine, in un conto da pagare
aux ordres de madame. Mise in disparte la letterina e quando ebbe
pazientemente percorsa tutta la corrispondenza utile, mentre il
segretario tornava per la seconda volta alla posta, gettò un'occhiata
svogliata anche al piccione svolazzante, aprì la letterina galante
dall'acuto profumo di sapone e credette di decifrare in un ghirigoro
sotto una mezza dozzina di righe non troppo solide nell'ortografia il
nome di Liana, un nome di guerra che probabilmente minacciava guerra a
qualcuno.

La lettera diceva: «_Caro Barone, il mondo ride di_ _te che sei
uomo di troppa buona fede e di sublime confidenza. Se vuoi vedere come
la tua bella moglie t'inganna con un falso amico traddittore trovati
la mattina tra le dieci e le undici alla Pasticceria Omoboni di fianco
al Coiffeur.»_

Samuele Hospenthal, uomo riflessivo e filosofo quanto è necessario per
non dare alle cose del mondo più peso che non abbiano naturalmente,
sulle prime prese la cosa in ridere e credette di vedere in questa
letterina lo sfogo d'una gelosia e d'una vendetta di donna;
diversamente che poteva importare a Liana che la moglie d'un banchiere
di passaggio andasse a mangiare delle sfogliate tra le dieci e le
undici nella bottega d'un pasticciere? Evidentemente un senso d'odio
contro il falso _traddittore_ aveva messa la penna in mano alla
misteriosa donna dal piccione svolazzante.

Chi poteva essere il falso amico _traddittore_?

Eran presto contati sulle dita i suoi amici: ma si guardò bene dal
fermarsi a far delle indagini. Nella sua esperienza di uomo pratico e
positivo il barone credeva di conoscere sua moglie più di chiunque,
quando diceva di fidarsi più del temperamento che della virtù di una
donna.

La virtù come ogni meccanismo morale, è suscettibile di composizione o
di scomposizione, e, simile a un orologio in mano a un ragazzo, di
rado la virtù nell'opinione di una donna segna l'ora giusta.
All'incontro il temperamento è il metallo stesso del meccanismo, che
non si muta se non si distrugge. Ersilia era vana, desiderosa di
piacere e amava provocare gli adoratori per quell'ambizione che nella
sua antica povertà le aveva insegnato a provocare gli applausi del
pubblico: ma era troppo scarsa di cuore e di immaginazione per
accendere una passione in casa sua e per sacrificare la sua felicità
agli intrighi d'un romanzetto d'amore. Troppo attaccata ai vantaggi
della sua ricca posizione sociale, era troppo egoista per non essere
abbastanza savia: ed era appunto perchè la sapeva virtuosa per
interesse, che suo marito le permetteva di concedere agli adoratori
tutte le frangie e tutti i frastagli della sua civetteria. Purchè
fosse salvo il suo diritto, nel suo ipocondriaco egoismo non vedeva
mal volentieri che gli amici lo sollevassero qualche volta del peso di
far divertire una donna insaziabile di passatempi, come su una festa
da ballo uno stanco ballerino cede volentieri a' suoi compagni una
dama troppo pesante. Questi patti di reciproca tolleranza, se non
erano stati esplicitamente discussi, si osservavano ormai da troppo
tempo, perchè una delle due parti avesse a non trovarli utili e
legittimi.

La bella Ersilia sapeva che, se fosse venuta meno agli obblighi suoi
con scandalo e incomodo di suo marito, non aveva più a sperar grazia
presso di lui. Conosceva troppo bene l'ostinazione morale di quel
filosofo per arrischiarsi ad un giuoco così pericoloso. La divisione
assoluta, la perdita d'ogni diritto d'assegno per lei e per suo padre
era ciò che l'avrebbe aspettata al di là d'un tradimento.

Ma se il sistema aveva dei vantaggi per le due parti contraenti,
riusciva qualche volta pericoloso agli ingenui, che, poco esperti di
economia domestica e di bilanci compensatori, si fidavano alle
apparenze e cedevano all'esca d'una passione. Per un pelo il Bersi fu
per abbruciarsi le ali alla fiamma di questa candela più luminosa che
ardente; e ora si sentiva in obbligo di avvertirne Ezio Bagliani dalle
ali più leggiere. Ma pare che questa volta il giuoco di far saltare il
fuoco nelle mani finisse col danno dei giocatori.

Da parte di Ezio c'era già stato un precedente pericoloso a Nizza.
L'incauto intervento della gelosa Liana, la scenata ai giardini
pubblici, l'animo presuntuoso, caldo, prepotente del giovine, fecero
sì ch'egli, entrato nella partita quasi per passatempo, si sentisse
impegnato seriamente nel cuore e nell'onore. In lei il puntiglio di
vincerla sopra una rivale, la giovinezza dell'amante, un senso di amor
proprio e di curiosità insoddisfatta la condussero questa volta più in
là di quel che era utile e nello stesso tempo onesto.

Al punto in cui erano arrivate le cose nè egli, come s'è visto, sapeva
arrendersi ai buoni consigli della prudenza, nè essa sapeva resistere
alla forza della passione. Acqua lenta, placida, trasparente, contenta
di riflettere in pace le cose, una volta che s'era avviata per la
china sentiva con terrore la forza del gorgo che l'attirava; ma non vi
poteva più contrastare. A molte donne fantastiche questo finire in
spume nelle vertigini di un abisso piace più che lo stagnare inerti
nella placida palude della virtù casalinga. Essa avrebbe voluto andar
fino all'orlo della cascata e poi tornare indietro; ma non si urta
colle leggi della gravità.

Ecco perchè il mondo, ossia la poca gente che stava a pigliare il
fresco nelle poltrone, cominciò a ridere, a pigliare scandalo e gusto
tutte le volte che la strana baronessa andava a comperare _marrons
glacés_ alla pasticceria Omoboni e a scegliere saponi e cosmetici
dal vicino _Coiffeur_.

       *       *       *       *       *

Il barone avrebbe finito col gettare nel cestino il roseo biglietto,
se il bisogno di riflettere non l'avesse trattenuto a sofisticare sul
caso. Gli capitava spesso d'essere infelice per troppa riflessione,
che è il castigo di chi pensa bene.

Sonò il campanello e alla cameriera che accorse domandò se la signora
era in camera.

--Nossignore, è uscita mezz'ora fa--rispose la ragazza.

Eran le dieci e mezzo all'orologio del caminetto. Che una signora esca
al mattino, sola, senza una necessità, da un albergo, senza avvertire,
poteva essere una cosa poco naturale. Ma la giornata era così
bella....

--Ha detto quando ritorna?

--Nossignore.

--Esce tutte le mattino a quest'ora?--avrebbe voluto domandare
ancora, ma o gli parve di chiedere troppo a una cameriera o lo
trattenne lo sgomento di saper troppe cose in una volta.

--Va bene--e licenziata la ragazza, tornò a passeggiare per la stanza.
Ma poco dopo gli parve che non ci fosse aria abbastanza e uscì per
discendere in giardino. Ai piedi della scala s'incontrò in Bühler che
passeggiava nell'atrio in compagnia del commendatore Zuccani. Li
schivò, uscendo da un'altra porta sulla piazza dell'albergo, dove
rimase un pò di tempo a strologare l'aria, incerto su quel che doveva
fare di sè.

Finalmente seguendo il primo impulso, si mise lentamente per il viale
di acacie che costeggia il lago e lo risalì di malavoglia,
giocherellando con una sottile bacchettina sui sassolini del terreno.
Andò così fino a uno dei capi del paese dove tra le molte botteguccie
del solito olivo lavorato e del solito corallo di Napoli svolazzava
sopra una tenda rossa la scritta in grandi parole bianche:
_Pasticceria Omoboni_.

Nella bottega arredata con qualche gusto cittadinesco non c'era in
quell'ora che un vecchio signore esotico seduto davanti a un
bicchierino di cognac in compagnia di una bellissima giovine, vestita
con una estrema eleganza in chiaro, che rosicchiava con grazioso
appetito un piatto di pasticcini usciti allora dal forno.

Se il barone avesse avuto occhi per vedere qualche cosa al di là de'
suoi pensieri, avrebbe notato che al suo entrare la bella giovine
s'era scossa con un moto quasi involontario. Sedette anche lui sulla
soglia del caffeuccio, all'ombra della tenda rossa in un posto da dove
poteva coll'occhio correre per tutta la strada fin oltre l'albergo e
per tutto il viale del lago. Tutte le botteguccie splendevano in fila
nella chiara e aperta luce del sole: tra le altre, sull'angolo d'una
vecchia casa sporgente sopra una viuzza laterale, luccicava in grosse
parole d'oro la scritta _Coiffeur_. Le indicazioni erano precise.

La mattina era lucida, arieggiata e preludiava a una di quelle
giornate di lieti colori, di molli godimenti signorili, di feste
deliziose, che il lago di Como offre così volentieri a chi ha tempo e
denaro da spendere.

Per un senso di sincera rettitudine verso sè stesso il barone confessò
che non era venuto nè per fare la spia, nè per dar la caccia a nessuno
e molto meno per il gusto di tormentare sè stesso. Egli era troppo
epicureo nel suo animo freddo e metodico per andare in traccia di
dolori inutili sopra gl'indizi malfidi d'una lettera anonima, molto
più che nella sua languidezza fisica cominciava a sentire che le
brighe e le gelosie d'amore non valgono gl'interessi di quel capitale
che una bella donna tien impegnato o morto.

Mentre col cucchiaino andava rimestando nella chicchera un caffè mezzo
freddo, che non aveva voglia di farsi bere, correva di pensiero in
pensiero, di ipotesi in ipotesi fino ad immaginare che cosa avrebbe
dovuto fare nel caso che Ersilia avesse mancato indegnamente al suo
contratto. Non gli pareva ch'egli dovesse dare in ismanie, perdere
l'equilibrio della vita e molto meno dar spettacolo, come un attore
tragico, del suo furore e della sua vendetta.

Per il suo spirito aritmetico, che secondo la teoria del Bentham suo
filosofo prediletto, metteva il bene nell'utile, Ersilia cominciava a
rappresentare una passività nel bilancio della sua vita e in questo
disavanzo il suo stomaco non era il meno danneggiato de' creditori. E
allora piuttosto che andare incontro agli svantaggi d'un fallimento,
la più semplice della contabilità insegna a venir presto a un
concordato prima che le liti e gli avvocati abbiano a consumare quel
che si può meglio impiegare in economie.

La figlia del sor Paoleto, che egli aveva sposato per assicurarsi un
sano godimento, non meritava il sacrificio di tutta la sua vita e di
quei grandi interessi ch'egli andava fabbricando nel mondo; forse
conveniva sfruttar anche quest'accidente e liquidare in una
composizione amichevole i danni emergenti e i lucri cessanti....

Stava seguendo il filo d'una logica di cui era tessuta per nove decimi
la stoffa del suo sentimento, quando, a scompaginare le somme, vide
comparire non dalla bottega del _Coiffeur_, ma da una porticina
contigua, Ezio Bagliani, che, attraversata la strada, venne a cercar
l'ombra delle acacie, e due minuti dopo sua moglie usciva dalla
bottega, senza ch'egli l'avesse vista entrare in tutto il tempo ch'era
rimasto sulla soglia della pasticceria. Attraversò anch'essa la strada
dove, fingendo d'incontrarsi per caso, si salutarono......

Il barone, prima ancora che il ragioniere di casa consultasse i
registri della convenienza, si mosse. Un gran buio sì fece a un tratto
nel suo cervello e i numeri scritti col gesso scomparvero sul fondo
della tavola nera. I sottilissimi fili logici, che legavano l'uomo ai
pioli del suo egoismo, non valsero a trattenere il gigante che si
risvegliò in lui in quel momento e che gli diede il senso d'una forza
terribile. Mai s'era sentito così violento in vita sua, tranne una
volta a Nizza, quando si accorse che un conte ungherese gli rubava sul
giuoco con carte false. Gli parve di vacillare su un terreno insidioso
e malfermo: anzi tale fu la confusione de' suoi sensi, che non si
accorse che la bella coppia s'era incontrata in quella de' suoi amici
Bühler e Zuccani, che scendevano anch'essi lungo il viale. Egli
sopraggiunse quinto non previsto. La baronessa, arrossendo, cercò di
coprire un improvviso turbamento coll'esclamare:

--Oh ecco il mio gran malato... Hai fatto bene a uscir con questo bel
tempo...

--Permetti una parola, Bagliani?--disse con voce gelida senza turbarsi
il barone, invitando il giovine a seguirlo in disparte, mentre Ersilia
si attaccava, come se cercasse una protezione, al braccio robusto di
Bühler.

Per quanto Samuele Hospenthal mantenesse al di fuori una meravigliosa
imperturbabilità e parlasse umile e discreto, come se proponesse un
affare, con tutto ciò gli amici, ai quali non era ignoto quel che sì
poteva dire il segreto di pulcinella, videro o intuirono che il marito
chiedeva una di quelle spiegazioni che gli amanti non sono in grado di
dare.

Unico segno di risentimento di quell'uomo corretto come una somma
giusta era un picchiare nervoso della bacchettina sul tronco della
vicina pianta.

Il giovane sosteneva il noioso interrogatorio con un viso duro,
provocante, in cui passavano dei guizzi ironici.

Fu un colloquio breve, di due minuti che parvero una eternità a
Ersilia, la quale andava stringendo e quasi graffiando il braccio del
buon banchiere di Zurigo. Questi interrogò cogli occhi il commendator
Zuccani, che, non sapendo che pesci pigliare e non volendo impacciarsi
di cose che uscivano dal suo dicastero, prese a pulire le lenti degli
occhiali.

--Non toccarmi--disse repentinamente con voce quasi sguaiata il
giovine Bagliani, alzando una mano contro la bacchettina che il barone
gli faceva vibrare sopra la testa.--Guai se mi tocchi!--e prima ancora
che il barone avesse idea di nuocere, il temperamento del giovane la
vinse sulle ragioni della prudenza, perchè a un tratto fu visto
strappar di mano all'avversario, romper la bacchettina e buttargliene
in viso i mozziconi.

--Ecco quel che rispondo--disse il disgraziato trascinato o dalla sua
superbia, o da un falso giudizio che convenga, quando più si ha torto,
sopraffare colla violenza le ragioni dell'avversario. Il temperamento
monotono e remissivo del barone potè forse fargli credere in un
vantaggio che la violenza non ha sempre sopra la resistenza.

Il barone gli fu coi pugni sulla testa. Accorse il commendatore,
mentre Ignazio Bühler trascinava via Ersilia, che non aveva saputo
trattenere un grido. Già alcuni passanti si eran voltati e stavano a
vedere...

--Allora sarà necessario vederci altrove--disse quasi umilmente il
barone, che non potendo impallidire s'era fatto giallo.

--Dove vuoi, quando vuoi, come vuoi...--rispose con fredda cortesia il
giovine spavaldo, e fatto un inchino, se ne andò svelto per la sua
strada, cioè per quella che aveva davanti.

Il barone si accompagnò al commendatore che gli si pose ai fianchi, in
un rispettoso silenzio per tutto il tempo che occorse a misurare tre
volte innanzi e indietro il viale delle acacie.

Quando all'orgasmo e ai giallori della bile sottentrò il giudizio e la
visione delle cose, il barone aprì la bocca e col tono di chi invita
un camerata a una partita a domino, disse al suo vicino:

--Commendatore, posso far conto anche sopra di lei?

--Ella mi onora, barone--disse colla sua cantilena il meridionale
segretario generale, alzando la barba.

Se Bühler accetta, non desidero di meglio che di essere assistito da
lor due. Essi hanno vista l'offesa, intendono, forse sanno anche quel
che non posso dire. Non desidero che due cose: far presto e senza
rumore.

--Forse sarà bene che ella non ritorni all'albergo in questo stato
d'eccitazione--si arrischiò di consigliare l'illustre personaggio,
pensando alla povera signora, a cui da ventiquattro ore andava facendo
un poco la corte.

--Ci ho già pensato. Prenderò questo battello che sta per arrivare e
andrò a far colazione a Bellagio, dove resterò a vostra disposizione.
Ella intanto, commendatore, mi renderà un primo favore, se dirà a mio
nome a quella signora che vada direttamente a Milano con suo padre in
attesa de' miei ordini. Non bisogna dar spettacolo di sè alla gente:
e, ripeto, più presto che si può, nel miglior modo che si può.

Quando il battello ebbe gettate le corde, il barone, stringendo la
mano del commendatore, gli disse con sorridente tristezza:

Scusate, cari amici: sono piccole avventure di viaggio.

--Sul ponte s'incontrò di nuovo nel vecchio esotico e nella bella
giovine vestita di chiaro, che lo carezzava dolcemente cogli occhi; ma
Hospenthal aveva l'itterizia ne' suoi.

Ezio intanto era corso in cerca del Bersi e insieme mandarono un
telegramma ad Andreino Lulli.

Poichè si era venuti ai ferri corti voleva amici fidati, discreti,
gentiluomini provati, che non gli lasciassero fare una cattiva figura.



XVI.

Il duello.


Il temporale rumoreggiava da una mezz'ora nelle alte valli, quando,
cessato un poco il vento che faceva stridere le frasche, cominciò a
cadere nella chiusa oscurità della notte un'acqua torbida e grossa,
che riempì ben presto i solchi, i viottoli, le incavature del monte e
prese a correre e a inondare le strade più basse. Ogni qual tratto un
lampo vermiglio s'accendeva nelle lontane regioni del cielo e faceva
passare un guizzo, come un'idea luminosa, nell'anima oscura della
notte; e a quel bagliore uscivano per un istante le creste, le rive,
le case, il fondo livido del lago; poi l'oscurità ripiombava in una
nerezza più fitta, più chiusa, più profonda in cui il tuono non
cessava mai dal brontolare. Era però un temporale più rumoroso che
cattivo, che nelle stesse sue furie faceva sentire, come, una volta
sfogati i risentimenti d'una giornata calda ed afosa, avrebbe lasciato
il tempo più bello di prima. I lavoratori dei campi, che vedevano la
terra farsi già dura e spaccarsi in screpolature aride e sitibonde,
sentivano con piacere stramazzare questo stroscio refrigerante di
pioggia sopra i campi e sopra gli orti, saltare e gorgogliare nei
canali e sui tetti delle case, ristorare le fatiche di tutti, come se
in ogni goccia di quel diluvio scendesse dal cielo in terra una
piccola benedizione; e allentando i corpi nei loro giacigli, dopo aver
alzato un poco la testa per ascoltare se in mezzo all'acqua non
saltasse qualche cosa di cattivo, cedevano più dolcemente al sonno.

La furia della pioggia non era ancora cessata, quando il Cresti, che
girava per la sua casa ad assicurare usci e finestre, credette di
sentir sonare il campanello del cancelletto di strada.

--Chi sarà con questo diavolo di tempo?--disse tra sè, aprendo un poco
una finestra meno esposta alla sferza della pioggia; e stette lì ad
ascoltare se era un'immaginazione o uno scherzo del vento. Il
campanello risuonò ancor più forte.

--Chi è?--gridò, sporgendo il capo e gettando la voce verso la strada,
per vincere il frastuono della pioggia.

--Mi manda il signor Ezio con una lettera--rispose una voce mezzo
affogata.

--Ezio?--si chiese con un'intonazione di meraviglia come se
dicesse:--l'imperatore della China?--e senza poter immaginare di che
cosa potesse aver bisogno il signor Ezio in quel momento, con quel
tempo, ma presentendo qualche cosa di poco allegro, scese sotto il
portico, scelse tra molte ombrelle una assai grande e massiccia di
tela rossa, e accesa la candela d'un lanternino a vetri, si fece
coraggio e prese a discendere tra le due siepi di mortella per il
viale che spicciava acqua da tutti i sassolini.

La luce del lanternino, che riempiva la cupola dell'ombrellone,
sbatteva vermiglia sulla faccia e sulle mani e mandava l'ombra nera di
due gambette sull'arena lucida del viale tutto chiazzato di fossatelle
di acqua: e un'ombra più larga e spampanata passava sotto gli alberi
di frutta come quella d'un immenso fungo proiettato da una gigantesca
lanterna magica.

--Che cosa c'è Amedeo? una disgrazia?--chiese quando ebbe ravvisato
l'uomo che, rannicchiato anche lui sotto una rustica ombrella dalle
ossa dislogate stava attaccato colle mani alle sbarre del cancelletto,
che gli offriva l'illusorio riparo di due magri pilastri ritti senza
tetto.

--È per il signor ambasciatore. Il signor Ezio mi ha raccomandato di
consegnarla subito stasera, ma c'è voluto del bello a trovare il
Pioppino con questo buio.

--Qualche cosa di male?

--Ho paura di sì. È partito, credo per la Svizzera. A Tremezzo si dice
si abbia a battere in duello.

--Venite dentro.

--No, torno subito, mentre son già bagnato, a pigliare il resto.

--Buona notte, povero Amedeo.--E lottando di nuovo contro il vento,
che cominciava a pulir qualche stella e che minacciava di portar lui e
l'ombrello nelle nuvole, il Cresti, risalì a saltucci il viale e,
grondante come un pesce venne a cercar rifugio sotto l'atrio. Che fare
di quella lettera molle anch'essa come una pezza? Massimo s'era già
chiuso in camera da un'ora e cullato dal rumore della pioggia, che
persuade il sonno, dormiva così placidamente ch'era peccato guastargli
la notte per i capricci d'un moscardino che andava a battersi per chi?
per la donna d'un altro: vergogna! e questo dopo le belle amabilità
che il caro nipote aveva risposto al caro zio in un colloquio quasi
degno di storia. Il povero Massimo, dopo quel malaugurato incontro con
Ezio a Tremezzo, non aveva mangiato per tre dì, come se le amabilità
del caro nipote degno figlio d'un uomo duro ed egoista gli fossero
rimaste sullo stomaco. E se ora il signor Ezio Bagliani affogava, che
cosa voleva da loro? che corressero con quel tempo in piena notte a
gettargli una corda per trarlo a riva? Era meglio lasciarlo dormire
l'amato zio e aspettare la luce del dì. Il Cresti pensava giusto. Zio
e nipote non si eran più visti, nè Massimo si sentiva disposto a
correre in cerca d'un giovinotto, anzi d'un ragazzaccio, che l'aveva
stupidamente, bambinescamente oltraggiato nei suoi più nobili
pensieri. Per non correre il pericolo d'imbattersi in lui e per non
aver l'aria di mendicare un'ospitalità ch'egli non voleva più
accettare, non si era lasciato più vedere a Villa Serena, tanto che
laggiù non sapevano che cosa pensare. Cioè, donna Vincenzina, temendo
di aver mancato in qualche cosa, in pena per sè e per lui, non osando
mandare a chiedere al Pioppino, fece domandare al Castelletto se
sapevano qualche notizia: e quando tornarono a dire che stavano tutti
bene sentì crescere la sua tristezza. Si domandava se per caso ella
non si fosse mostrata troppo poco indulgente con un vecchio amico e
nello stesso tempo cominciò a dubitare d'essere stata troppo
indulgente fino al punto di mettere il vecchio amico in qualche
perplessità: nè ora avrebbe voluto mostrar di desiderarlo troppo e
nemmeno rattristarlo con un atto di fredda trascuranza. Per quanto
antica sia questa giurisprudenza dell'amore, che si sappia, non pare
ancora compilato un prontuario che risponda a tutti i casi: e per
quanto uno vada col piede di piombo, arrischia sempre di dare un
cattivo consiglio, specialmente a sè stesso.

Prima che il sole dipingesse in rosa le cime biancheggianti delle
montagne, che l'uragano della notte lasciava spruzzate di neve, il
Cresti ricevette un altro biglietto di Erminio Bersi, che gli
scriveva:

«Ezio e il barone si batteranno domani alla pistola--il biglietto era
stato scritto la sera prima--a condizioni piuttosto gravi che non fu
possibile evitare. Per vostra norma l'indirizzo è Lugano per Villa
Elvetica. Manderò subito un telegramma al Pioppino se sarà
necessario.»

--Cioè, se occorrerà di aggiustare una testa rotta commentò
--acerbamente il Cresti, che per regola generale non sentiva mai una
--grande compassione per chi va a cercare i suoi guai col lanternino
--come si cercano le lumache. In questo caso particolare poi, in cui
--era in giuoco la riputazione d'un pericoloso rivale, non sarebbe
--stato uomo, se non avesse sfruttato a suo vantaggio la cavalleresca
--avventura. Se un rimasuglio di rimpianto restava ancora nel cuore di
--Flora, questo duello veniva opportuno a dimostrare che i tempi della
--cavalleria nobile e generosa sono scomparsi da un pezzo. I giovani
--campioni si battono ancora qualche volta per le belle, ma lo fanno
--per necessità; per esempio, per non lasciarsi infilzare dai mariti
--gelosi. E in quanto alle belle Angeliche di questi nuovi paladini
--potrebbero essere anche loro balie. Che ne sanno dell'ideale questi
--gaudenti giovinotti? (continuava nel suo umor sarcastico il
--misantropo del Pioppino). Se non possono aver l'amore a buon
--mercato, c'è sempre un buon amico che fa le spese. Così godono e
--invecchiano questi furbi: e quando gli acciacchi cominciano a farsi
--sentire, prima che la macchina irrugginisca del tutto, procurano di
--rifarsi una seconda giovinezza legale, collo sposare qualche ingenua
--ragazza provinciale, che insieme all'ignoranza dell'anima porti in
--dote un sacco di denari. L'idealismo è poco, ma il ragioniere di
--casa trova che l'operazione accomoda meravigliosamente le partite
--sconnesse, rimette in equilibrio il bilancio domestico e augura al
--suo padrone un erede che gli somigli.

Ecco la vera poesia pratica della vita, che non ha nulla a che fare
con quella vaporosa poesia del cuore che fa sognare le ragazze belle e
povere, che hanno la testa piena di letture, le dita piene di musica e
lo spirito pieno di coraggio.

Il buon Cresti metteva in questi suoi segreti brontolamenti un
sentimento alquanto involuto in cui lottavano confusamente mescolati e
il piacer d'aver avuto ragione e il rancore contro gli avventurieri
della felicità e dell'amore, che guastano il cuore delle ragazze.
Vecchio idealista non avvizzito del tutto nel suo bozzolo, anzi presso
a mettere le ali d'una nuova speranza, si avviava a riconoscere che
una certa legge di equilibrio c'è nel mondo, la quale somiglia e
rasenta qualche volta la giustizia.

Prima di entrare a discorrere con Massimo mandò un ragazzo con un
biglietto a Regina per sapere da lei se la notizia del duello era già
arrivata al Castelletto. La pregava di far in modo che le signore non
sapessero nulla, se si era ancora in tempo a nascondere la verità: più
tardi sarebbe venuto lui. Verso le sette bussò alla camera di Massimo.

Questi era ancora a letto, immerso nella descrizione della battaglia
di Waterloo, nella tiepida tranquillità delle coltri, che
abbracciavano dolcemente la sua pigrizia; e quando vide entrare
l'amico, capì che un pensiero doloroso gli attraversava la fronte.

--To', leggi e vedi quel che significa essere giovani senza giudìzio.
È il tuo amabile nipote che scrive.

Massimo prese la lettera, si rizzò un poco a sedere sul letto, e corse
su queste parole:

«Caro zio, parto stasera per Lugano, dove dovrò avere una partita
d'onore col barone. Cose che capitano ai vivi! procura che a Villa
Serena non si sappia nulla o ritarda la notizia fin che è possibile.
L'amico Bersi, nel caso d'una disgrazia sa quel che deve fare. Se,
come non credo, non tornassi subito, ho lasciato per te, mio burbero
benefico, una lunga lettera in camera di papà. Perdona al tuo Ezio.»

--Ecco, ecco, ecco...--uscì a dire il povero zio, agitando la lettera
in aria.--Ho detto io che si doveva venire a questa! benedetto
figliuolo, se mi avesse ascoltato. Ora non si è più in tempo a
impedire nulla.

--Che cosa vorresti impedire? non possiamo volargli dietro. Del resto
se l'è cercata.

--No, no, non possiamo star qui a far nulla, caro Cresti--disse
l'amico.--Vediamo se siamo ancora in tempo... Lugano non è in fin del
mondo.

--Si potrà andar a sentire... Intanto che tu ti vesti, faccio una
scappata a Cadenabbia, dove si saprà qualche cosa. Il direttore
dell'albergo potrà mettere a nostra disposizione una carrozza con due
buoni cavalli se non saremo più in tempo a prendere la ferrovia di
Menaggio. Bersi ha promesso di telegrafare: e forse, mentre parliamo,
è già tutto finito colla pace di tutti.

--No, no, va a sentire, Cresti. Io ti raggiungo subito.

Mentre l'amico scendeva a corsa le scale, il buon zio ambasciatore, a
cui la notizia aveva fatto battere il cuore in un modo straordinario,
nel raccogliere i vestiti sul letto, andava sospirando:--L'ho veduta
come in uno specchio. Mi avesse ascoltato! Che ci posso fare ora?...--

L'ultima frase della lettera: «Perdona al tuo Ezio» aveva d'un tratto
disarmato i risentimenti d'un uomo, che a differenza di molti altri,
più che le baruffe dell'amor proprio, amava di voler bene e di farsi
voler bene.

Dopo una lunga vita sterile e vagabonda sentiva il bisogno di qualcuno
che gli occupasse il cuore: e poichè c'era al mondo un ragazzo
simpatico e ardito, che portava il suo nome, che non aveva che a
chiedere il suo affetto, avrebbe voluto che Ezio corrispondesse con
altrettanta confidenza. Per questa disposizione s'era commosso fino
alle lacrime il giorno che l'avevano ricevuto a Villa Serena con tanta
amorevolezza: e per questa disposizione aveva sofferto le pene
dell'inferno nel vedersi a un tratto respinto, quasi oltraggiato da
quel figliuolo. Ma ora che la mala passione aveva tirato il castigo,
il cuore dell'uomo si sentì giovine, indulgente, tratto dalla sua
stessa esperienza a compiangere nel povero ragazzo questa nostra
povera vita, che tra i mali è una pagliuzza raggirata da un turbine.

Non conosceva le condizioni del duello: ma un duello alla pistola è
sempre una partita seria. E c'era di mezzo una donna, la più
irragionevole delle ragioni, ma la più difficile a confutare. Se i
padrini non avevano potuto far accettare altre armi, era segno che gli
animi erano troppo eccitati da una parte e dall'altra. Povero Ezio!
già dalle sue parole spirava quel cattivo presentimento che galoppa
sempre una mezza giornata davanti al cattivo destino.

Massimo pensava anche a donna Vincenzina, che doveva, poveretta,
provare anche questa. Quasi restava incerto fra i due partiti, se era
meglio correr dietro al giovine o rimanere presso la madrina: se andar
lui e far restar Cresti: se partir subito o aspettare prima il
telegramma.

In queste esitanze, l'uomo di sua natura già troppo meticoloso,
restava immobile colla roba in mano, nel mezzo della camera, cogli
orecchi aperti a tutti i rumori della casa, pronto a trasalire ad ogni
colpo di campanello, imbarazzato a compiere quel solito cerimoniale
del vestirsi, che turba le donne che hanno pochi pensieri e gli uomini
che ne hanno troppi.

Il Cresti arrivò a Cadenabbia sul punto stesso che il fattorino usciva
dalla Posta con un telegramma per lui.

--Date qua--disse, strappando quasi di mano all'uomo il foglietto. E
tornò su' suoi passi, senza leggere. Invece di svoltare sulla strada
ripida del Pioppino, tirò diritto coll'idea sottintesa di portare la
notizia al Castelletto. Ma quale notizia? l'aveva in pugno e non osava
guardare. E non osava, per paura che fosse troppo paurosa, mentre non
osava augurarla nemmeno troppo lieta. Come potesse essere o troppo
brutta o troppo bella questa notizia, non avrebbe saputo dire, perchè
quando sono in zuffa interessi contrarii, non convien mai aver idee
troppo chiare.--Si vede che il duello ha avuto luogo nelle primo ore.
Bersi ha telegrafato subito e così potremo risparmiare una corsa
inutile con questo caldo.

E mentre, seguendo la spinta d'un primo pensiero buono e generoso,
correva verso il Castelletto, un secondo pensiero sbucando come un
cane, che da una siepe esce contro un altro, lo arrestò di botto coi
piedi nella polvere.

--Ma se egli è sano, salvo e glorioso, non c'è ragione che tu vada a
raccontare a queste donne il nuovo trionfo di don Chisciotte. Le donne
s'esaltano all'idea delle audaci imprese e c'è a scommettere che,
circonfuso dell'aureola del pericolo corso, il signor Ezio abbia a
ritornare più bello e più caro di prima. Flora non avea ancor detta
l'ultima parola e in questo momento psicologico della sua vita non era
prudente turbarne il giudizio col racconto d'un episodio epico in cui
Ezio arrischiava di fare la figura d'un eroe. Flora non era più saggia
delle altre donne, tutte più o meno romantiche, nel giudicare del
valore di un uomo; anzi c'era a dubitare che un'avventura cavalleresca
compiuta nel rimbombo delle armi avesse ad esaltare il suo spirito
fantastico, imbevuto di pregiudizi rivoluzionari e di poesia polacca.

Ecco perchè il nostro umile coltivatore di cavoli, che non aveva mai
sparato pistole, se non contro pipistrelli, s'era fermato coi piedi
nella polvere della strada, esitante su quel che conveniva fare;
finalmente scoprì che prima di fare o di non fare conveniva leggere il
telegramma: e colle mani che tremavano per la troppa emozione aprì il
dispaccio, si assicurò le lenti sul naso....

«Ezio ferito gravemente forse mortalmente alla testa. Venite subito
tutti.»

       *       *       *       *       *

--Ferito gravemente, forse mortalmente..... oh Dio mio!--uscì a dire
con voce alta e dolente il buon amico, che si credette quasi punito
della sua stessa malevolenza. Oh non era possibile una sì grande
disgrazia; no, no: egli non aveva desiderato questo male. Nè c'era a
lusingarsi che il Bersi esagerasse. Non era della sua indole e non si
esagera mai nel peggio in queste circostanze. Come poteva recare
questa notizia a Massimo? come avvertirne di punto in bianco queste
povere donne? davanti alla crudele verità veniva meno ogni piccola
invidia, ogni sofisma; e le stesse ragioni logiche, che si vantavano
poco fa d'aver preveduto il male, si vergognavano ora d'essere state
così buone sibille.

Cresti non aveva desiderato quel male, e ora il suo cuore buono e
generoso temeva soltanto di non aver la forza di rammaricarsene
abbastanza; ma aveva fatto troppi passi sulla via della gelosia e del
disprezzo, perchè nella sua squisita delicatezza morale non avesse a
provare un brivido di rimorso. Il godere del male altrui è già per sè
una specie di complicità. Così amaro è il sapore di certe ragioni,
quando ritornano in gola nei momenti del castigo, che uno si pente di
essere stato troppo logico come di uno scongiuro fatto al destino.
Forse questo spiega come il volgo attribuisca all'astrologo una
responsabilità nei mali ch'egli ha il torto di prevedere e come la
sapienza che si vanta d'aver sempre ragione sia tanto odiata nel
mondo.

Riavutosi dal primo colpo, però colla testa ancora intronata, prese a
salire col passo rotto e pesante la strada del Pioppino, che mai gli
si era presentata così ripida.

O povera gente!--andava rimpiangendo impaurito all'idea dello spavento
che doveva recare a Massimo, a donna Vincenzina e a quelle povere
signore del Castelletto.

--O povero figliuolo!--soggiungeva, correndo col pensiero a immaginare
Ezio buttato là su un letto, colla testa in sangue, forse agonizzante,
forse già morto.--O noi imbecilli!--finì col dire nel suo amaro
disgusto, vedendo con quanta facilità gli uomini buttino via la
felicità che la natura mette loro davanti, la giovinezza, la salute,
la pace, la ricchezza, l'amore, l'amicizia, l'aria, il sole, per
correre dietro alle melensaggini d'una fantasia sbrigliata.

Che mancava a Ezio perchè fosse l'uomo più beato del mondo? non
l'ingegno, che fa intendere il valore delle cose, non la salute che dà
la forza di goderle, non i denari che pagano le spese: non gli
mancavano intorno affetti, amicizie, tenerezze, che son la cornice
d'oro, più bella, non di raro, del quadro.

Per poco ch'egli avesse stesa la mano, il mondo era suo; ma
nossignori! nessuno vorrà essere quel che natura lo fa, ma il
desiderio di quel che non si può avere ucciderà sempre la volontà che
non si contenta. Bisognava proprio ch'egli andasse a rompersi il capo
per una baronessa di princisbecco, per un ex cantante di provincia,
per una donna d'altri, nè fresca, nè rugiadosa, anzi discretamente
sciupata, e scioccherella. E pazienza si fosse trattato di amore, di
quell'amore che non lascia tempo a riflettere; ma tutti sappiamo di
che cosa son fatti questi pasticci che il mondo chiama amori di
contrabbando e che i romanzieri, che non li assaggiano, amano
spacciare coi colori più falsi della loro immaginazione. Per un grano
di simpatia son due grani di concupiscenza diluita in un secchio
d'acqua sporca di tutte le falsità d'una vita oziosa e senza sapore.
Mettici un po' di spirito di avventura, un pizzico d'amor proprio e di
gusto del pericolo e bevi tiepido senza sete. L'effetto finale è quasi
sempre un tedio infinito, la nausea dell'amore, quando non è l'odio
per la donna, un odio che avvelena per sempre il fondo della vita.

Cresti predicava ancora dentro di sè, soffermandosi di tratto in
tratto a prendere forza come se portasse su un sacco di malanni,
quando si trovò faccia a faccia con Massimo, che era uscito impaziente
per venirgli incontro.

--E così?--chiese paurosamente l'amico.

--E così... ecco--rispose l'altro con una voce cupa, presentandogli il
telegramma.

Massimo vide tremare le parole sotto gli occhi e dovette appoggiarsi
colla mano al muro per non cadere sulla strada.

--Bisogna partir subito...--balbettò costui, quando potò ricuperare un
filo di voce.

--Prima bisogna avvertire donna Vincenzina: non possiamo partire senza
di lei.

--Andiamoci insieme--confermò Massimo colla voce strozzata.

--Mentre io entro in casa a dar qualche ordine e a prendere un po' di
denaro, tu vai a fissare una barca. Ogni momento è prezioso.

Massimo rimasto solo continuò la discesa, ma ad ogni passo credeva di
precipitare in una buca. Non per questo, non per assistere a questi
dolori aveva attraversato il mare dopo dodici anni di esilio. Ma non
mai come in questo momento aveva sentito che il suo posto era presso
quella donna.

       *       *       *       *       *

Flora dopo una notte dolce e riposata s'era alzata più presto del
solito e, lasciando entrar l'aria nella stanza, prese a rileggere il
principio d'una lettera che da due giorni stava preparando per Cresti.

Essa gli aveva promesso una risposta nè poteva ormai tardar più senza
tener il povero amico sulle spine. La riflessione che la vita non è
fatta di sogni, la morte delle antiche illusioni, i consigli della
buona Elisa e il desiderio di accontentare la povera mamma avevano
finito col farle parere non soltanto ragionevole, ma una vera fortuna
per lei l'offerta di un uomo che vantava già tanti titoli di
gratitudine e di benevolenza.

Il suo cuore non credeva dunque di mentire, quando diceva a Cresti in
frase alla buona:

«Mi pare, mio buon amico, che io le abbia sempre voluto bene: e
rispondendo sempre alla sua generosa richiesta, non dovrei che
sottolineare questa parola _bene_, che un nuovo sentimento di
gratitudine rende ancora più sacra. Come posso dubitare della mia
felicità se io avrò ai fianchi una guida così tenera e così prudente?
Io ho troppo vissuto nella nebbia dei vani idealismi, credendo che la
vita si potesse fabbricare nelle nuvole: e ho inutilmente sofferto e
fatto inutilmente soffrire, mentre la vita è cosa vera, più dolorosa
che buona, per cui non bastano sempre le forze del cuore, se non sono
confortate dalle ragioni della prudenza. Fidandomi in Lei, mio vecchio
amico, sento che io rientro nel vero e mi colloco nella migliore
condizione per compiere il mio dovere che ho forse troppo confuso fin
qui colla mia volontà».

Rileggendo queste righe, che contenevano una felice argomentazione, la
fanciulla vedeva quasi dissiparsi l'ultima nebbia d'un dubbio che la
tratteneva dal credere troppo alla sua sincerità.

Non chiedeva più se amava l'uomo che la cercava in isposa: ma sentiva
che il suo dovere era di amarlo e ch'egli meritava d'essere amato.
Forse era un sofisma del suo spirito, che credeva di risolvere un
problema coprendolo con un altro; ma in quest'abbaglio cascano
incoscientemente anche i logici più consumati senz'aver le ragioni
secondarie che potevano scusare la nostra Flora.

Questa, se paragonava quel che era stata finora a quel che poteva
diventare sposando Cresti, la sua stanzuccia dai mattoni screpolati,
alla bella villetta che dalla finestra vedeva biancheggiare nell'ombra
fredda dell'altra riva: se ricordava i giorni delle lunghe tristezze
invernali, quando il gran freddo che scrolla le finestre par che
insulti alla poca legna che langue nel caminetto, doveva riconoscere
che l'offerta di Cresti scendeva sopra di lei come una benedizione.

Un senso di quiete e il presentimento di una consolazione non priva di
orgoglio dilatava il suo cuore. Forse parlava forte, senza che ella
sapesse distinguere questa voce dalle altre, anche un risentimento
contro un destino troppo avaro e crudele e una certa irritazione di
amor proprio offeso, che è sempre nel fondo della tazza in cui
precipita un amore che si guasta. Se altri non l'aveva creduta degna
d'una grazia, ecco il buon Cresti che la invitava a salire i gradini
di un trono... Colla pace dello spirito, col bene compiuto per sè e
per gli altri, coll'adempimento di un dovere reso ormai necessario,
era la dignità d'una vita signorile, senza della quale non intendeva
che vi possa essere una grande elevazione. Non c'è bellezza senza
eleganza, non c'è eleganza senza gioia, non c'è gioia senza dominio.
Chi è servo dei propri bisogni non può regnare nemmeno sopra di sè
stesso.

Ogni donna dovrebbe essere regina, com'è regina la femmina
dell'alveare. Ma i tempi snaturati vanno apprestando troppi doveri
rudi e logoranti alle mani delicate delle figlie della terra, troppo
pesanti responsabilità alle tenere spalle, e disseccando le aiuole,
isteriliscono i giardini della vita. Quella malinconica scienza
economica che insegna che si può cavare un bastone anche da un cespo
di rose, mette a usura anche le tenere grazie femminili per cavarne
strumenti di lavoro, e trasforma l'aereo pizzo di Fiandra e di Venezia
in un volgare strofinaccio. Questo era lo spavento di Flora tutte le
volte che si affacciava alla porta del suo vuoto avvenire o che
discuteva con sè stessa il rischio di dover guadagnarsi il pane per sè
e per la mamma con un lavoro miseramente mendicato e miseramente
eseguito colle dita fredde e stanche. Non soltanto la lettera di
risposta a Cresti le parve buona e sincera, ma volle levarsi anche le
ombre d'un ultimo rimorso con una serie di interrogazioni, a cui
lasciava a lui la responsabilità di rispondere.

Riprese la penna e continuò:--«Sarò io capace di farla felice, amico
Cresti, o non sono io una ragazza troppo leggera, svolazzante,
rivoluzionaria, intinta un poco di anarchia come i miei capelli?...
(Eran le solite facezie del buon amico del Pioppino).... E non crederà
il mondo che io ceda, più alle lusinghe dell'onore che mi fanno, e
meno a un santo dovere del cuore?...

       *       *       *       *       *

A questo punto Flora si alzò in preda a una strana agitazione e corse
alla finestra a chiudere le persiane contro il sole che entrava
sfolgorante: e in quello stesso punto in un modo che aveva della
veemenza squillarono i campanelli della porta di strada. Stando dietro
le spie delle persiane, potè vedere, senza essere veduta, il Cresti
che s'incontrava con Regina e fermavasi a mostrarle un telegramma e a
discorrere con lei in una maniera concitata, mettendo fuori delle
piccole parole, che afferrava e stringeva in aria colle mani.

Regina una volta si coprì gli occhi colle mani e corse in casa, mentre
il Cresti pareva voler ritornare verso la porta: ma fatti quattro
passi, veniva di nuovo verso la casa per ripetere a Elisa d'Avanzo il
suo gran discorso serrato, pieno di segni che parevano minaccie. Di lì
a poco Regina li raggiunse, precedendo la mamma che aveva un viso
slavato, e che alle prime parole del Cresti si lasciò cadere sulla
panchina.

--Che è accaduto, o voi?--domandò improvvisamente Flora, buttando
all'infuori le due persiane, che suonarono come due colpi di pistola.
E tutti trasalirono a quella voce.

--Chi è che sta male? Chi è che è morto?--Vedendo che non sapevano
rispondere, scese a volo. Sulla scala s'incontrò nella Nunziata, che
ebbe a pronunciare confusamente le parole di Ezio, duello, signora
maritata, come le aveva raccolte nella bottega del fornaio.

--Che cosa è stato? un duello? un duello per causa di quella donna? o
grave? dov'è? l'hanno ucciso?--

S'erano radunati nello stretto corridoio della scala, all'appoggiatoio
della quale Flora stava attaccata per non cadere. Alle troppe domande
rispondeva crudelmente l'imbarazzo e il silenzio dei presenti. Fu il
Cresti che uscì finalmente a dire:--Nessuno è morto: solamente una
ferita leggera...

--Il vostro spavento dice di più: no. Ezio è in pericolo... Datemi
quel telegramma che avete ricevuto...

--È inutile: è un duello come se ne danno tanti, o Dio...--ripetè il
Oresti.

--Datemi quel telegramma...--balbettò la fanciulla con tono oppresso e
con un tremito delle labbra, che disegnò sulla sua bocca un brutto
sorriso.

Il Cresti esitava: ma Flora gli si avventò contro e gridò:--Allora è
segno che l'hanno ucciso...

--No, per bacco! ecco qua... è un caso un po' grave... ma, ma...

Flora, tolto di mano a Cresti il dispaccio, corse avidamente cogli
occhi sulle parole.

--Voi mi condurrete là...

--Dove?

--Là, da lui.

--Questo poi no--oppose con burbera energia il Cresti.

--Oh, oh... perchè no?--chiese essa con voce alterata, in cui suonava
un non so che di aggressivo.--Chi è che non vuole?

--Io... noi tutti... credo...--rispose l'amico, cercando umilmente
l'adesione delle donne. Dove c'è sangue, non o il posto delle ragazze.

--Certamente--approvò la mamma.

--E chi me lo impedirà se io ci voglio andare?--strillò con una mossa
tragica di tutta la persona, minacciando coll'occhio corrucciato e con
una mano chiusa il povero Cresti, che stava lì umilmente sicuro del
suo pensiero.

--Noi tutti, perchè vogliamo bene a tutti e due.

--Io non sono più malata.

--Ma egli ha bisogno di pace.

--Ma egli mi chiama... Oh Dio... non sentite che egli mi chiama?--E
come se veramente sentisse una voce venir da lontano, allibì, stralunò
gli occhi, si agitò con una mossa bizzarra e sconnessa, tanto che
Regina ed Elisa se la presero in mezzo per impedire che fuggisse di
casa.

--Andrò senza di voi, prima di voi, cattive, lasciatemi andare... Non
sentite? oh Dio... è proprio la sua voce...--Andava ripetendo, mentre
con risoluta energia le due amiche la tenevano ferma. Il Cresti si
consultò rapidamente colla mamma e credendo far opera di legittima
autorità, con voce grave e paterna:--Oh andiamo, Flora, queste sono
sciocchezze--le disse.--Non è a questo modo che si parla colla
mamma...

--Sono nel mio diritto--protestò la fanciulla delirante.

--Qui non è questione di diritto, ma di obbedienza, di carità e di
buon senso...

--Taccia lei che non c'entra...--fu l'aspra risposta della fanciulla,
che un brutto assalto di nervi buttò come irrigidita sugli ultimi
gradini della scala. Alle parole succedette un rantolo, quasi un
gorgoglìo della voce morente; poi nulla. Il corpo come roba morta fu
portato e disteso sul vecchio canapè.

Il povero Cresti come un uomo fulminato, stette un istante senza
capire: poi al primo risveglio di lei, come se sentisse il bruciore di
un'atroce ferita, se ne fuggì, attraversò il giardino, che gli parve
diventato tutto nero e se ne tornò a Villa Serena, dove sapeva
d'essere aspettato, senza vedere nè la strada, nè le case nè la gente,
che lo guardava con pietosa curiosità.

La voce del grave duello era già corsa nei paeselli di Mezzegra e di
Porlezza, dove Ezio e le sue prodezze erano abbastanza conosciute. La
buona gente, che al di fuori dei propri bisogni non comprende troppe
cose, ne discorreva sugli usci come d'un caso incredibile, non
necessario, che non si osa credere. Ma come avviene delle notizie che
corrono, davano già per certo che il giovane fosse stato ammazzato dal
marito con tre colpi di pistola in una camera presso la pasticceria di
Cadenabbia. Si voleva da alcuni che il feroce marito avesse uccisa
anche la donna.

All'oscura emozione che lo acciecava il povero nostro amico
oltraggiato seppe opporre un volere violento, e un impeto di tanta
collera e di tanto orgoglio che vinse ogni altro pensiero e potè
essere di conforto agli amici.



XVII.

Un triste viaggio.


Portato dal soffio di questo suo grosso affanno si trovò
senz'accorgersi a Villa Serena, dove incontrò donna Vincenzina in
giardino con Massimo, mentre i barcaiuoli preparavano la gondola. La
vecchia Bernarda, il giardiniere, i servitori atterriti, immobili sui
gradini della casa, non avevano voce per augurare un buon viaggio
qualunque a quella povera gente. Una grande ombra pesava sul verde e
sulla casa, che parevan fatti per le gioie perpetue della vita.

Il viaggio fu rapido, triste, senza parole. La ferrovia di Menaggio li
condusse prima a Porlezza, scavalcando il monte, e di là s'imbarcarono
sul battello per Lugano. Il lago era quel dì d'un azzurro verde senza
una ruga; e scendeva dai dossi delle montagne, che lo serrano come una
pietra preziosa, il soffio caldo e alacre delle ore calde che
asciugano i prati.

Ma nè donna Vincenzina aveva occhi per vedere, nè Massimo aveva parole
per distrarla. In quanto a Cresti era come un uomo schiacciato tra due
dolori, il suo e quello degli amici.

Egli si era illuso che Ezio potesse essere morto nel cuore di Flora:
ma era invece a credere che il colpo di pistola del barone lo avesse
fatto improvvisamente risuscitare. Ma se era male augurar male, non
era bene nemmeno pensar troppo a sè in un momento in cui la vita d'un
povero ragazzo pendeva attaccata a un filo sopra un abisso.

Massimo, che nelle forti trepidazioni perdeva di vista i contorni
delle cose, durante il mesto viaggio non fece che asciugarsi la testa
sudata e cercare la mano di donna Vincenzina per stringergliela e per
farle sentire che doveva contare fino ai più estremi casi sulla pietà,
sull'aiuto, e sulla devozione d'un vecchio amico.

Essa era pallidissima, quantunque il caldo le accendesse un poco le
sporgenze del viso. Gli occhi grandi e sereni tratto tratto si
riempivano di lagrime, che essa raccoglieva nel finissimo fazzoletto
dolcemente profumato. Nel gran cappello di paglia a tesa floscia e
cascante il suo volto di fanciulla buona e obbediente si rimpiccioliva
con vantaggio, talchè Massimo avrebbe potuto in certi istanti non
ricordarsi più che eran passati dodici anni dal giorno che il Ministro
della guerra l'aveva improvvisamente richiamato sotto le armi: ma se
pur ne sentiva il misterioso fascino, non osava goderne in sì triste
momento. Nel sentirsi a lei così vicino e così utile, il suo cuore
riposava in una compiacenza tutta paterna, che sarebbe scomparsa se
avesse potuto definirla.

Allo sbarco del battello trovarono il Bersi, che stava ad aspettarli
con ansietà.

--Dunque?--chiese affannosamente donna Vincenzina per la prima,
andandogli incontro.

--Coraggio, non c'è più pericolo...--esclamò con un respiro di
sollievo il Bersi.

E i nuovi arrivati trassero anche loro quel fiato, che da tre ore
pesava loro sul cuore. Massimo cercò un'altra volta la mano di donna
Vincenzina, mormorando:--C'è una provvidenza.

--È salvo? sarebbe stato troppo orribile ve'...--pronunciò con brusca
franchezza il Cresti, lieto di sentir anche il suo cuore libero e
contento. E come se si sentisse salvo anche lui dopo un passo
scabroso, da questo momento fu il più agile e il più ciarliero.

--Non c'è pericolo, ma intendiamoci, il caso è sempre grave--continuò
il Bersi, mentre faceva segno a una carrozza a due cavalli di
avvicinarsi.

--Dove si va?

--Mezz'ora fuori di città a una villa che potremo tenere a nostra
disposizione fin che sarà necessario. Per ora l'infermo non è
trasportabile.

--Dove si sono battuti?

--In una villa in vendita.

--Lo avete fatto una bella _réclame_--conchiuse il Cresti, che
sentiva arrivata l'ora di agitar l'aria e di far coraggio anche a
Massimo, che pareva asfissiato.

--In mezzo alla sua disgrazia, Ezio ebbe la fortuna che fosse da ieri
arrivato all'_Hôtel Excelsior_ un famoso chirurgo dell'esercito
russo, che gli levò il proiettile senza farlo troppo soffrire.

--Dove fu ferito?--chiese il Cresti, socchiudendo gli occhi quasi per
non voler vedere la risposta.

--La palla entrò di qui e s'infossò qui--il Bersi, che la scossa
morale faceva parer più vecchio di dieci anni, segnò coll'indice
l'osso frontale sopra l'occhio sinistro e col pollice il lobo
posteriore.

--Madonna, Madonna!--pianse donna Vincenzina, premendo le dita delle
mani sugli occhi.

--Ringraziamo Dio che non sia stato peggio--mormorò Massimo, posando e
dimenticando la sua mano pesante sul ginocchio di lei.

--E il barone?--chiese il Cresti.

--Si comportò con perfetta cortesia, nè volle partire, se non quando
seppe che l'operazione era riuscita bene.

--E com'è lo spirito del povero ragazzo?

--Buono. Ride, scherza, fuma. Ha sopportato l'operazione con mirabile
fortezza.

--Senza cloroformio?

--Il dottore non trovò prudente di servirsene in vista della gran
perdita di sangue che aveva già indebolito il soggetto. Ora ha
raccomandato un assoluto riposo, un'oscurità perfetta per tutto il
tempo che sarà necessario, sian quindici, sian venti giorni: ma grazie
al cielo non è più questione che di pazienza. Ezio dovrà forse
cangiare un poco di pettinatura.

--Mi persuado sempre più che l'uomo è il meno furbo degli
animali--commentò sogghignando il filosofo del Pioppino, mentre la
carrozza attaccava al passo la strada dei colli, che si arrampica tra
ville e giardini.

--Non far il Catone, vecchio selvatico--protestò il Bersi. Cerca
d'innamorarti anche tu seriamente d'una donna, e se sarà necessario,
ti batterai anche tu come l'ultimo degli imbecilli.--

La risposta andò a colpire un cuore malato. Cresti crollò un poco il
capo, e sentendo d'arrossire, volse la faccia verso lo sfondo
sottoposto, in cui andava spiegandosi la bella cittadina nell'arco
azzurro del lago.

Poco dopo, la carrozza, svoltando tra i pilastri d'un ricco cancello
dalle lande dorate, penetrava nelle dense ombre d'un giardino
principesco, per cui si saliva a una villa, che aveva già una storia
di avventure galanti, di fallimenti, di suicidi e di duelli.

Rifabbricata cinquant'anni indietro da un negoziante tedesco sulle
rovine d'un collegio di monache, era caduta ultimamente nelle mani di
un cantante, che vi aveva ospitato più d'una vagabonda bellezza
mimico-danzante. Morto il cantante di febbre gialla al Perù, i
creditori vi avevano sloggiata l'ultima ninfa, sequestrando casa e
mobili in attesa di qualche principe che ne volesse vivificare la
leggenda: e intanto l'_Hôtel Excelsior_ se ne serviva come di una
_dépendance_ per piccole partite di caccia, per pranzi sociali e
offriva le placide ombre ospitali anche a coloro che avessero una
briga da comporre con due colpi di pistola o necessità di farsi un
occhiello nel ventre. Essendo il duello severamente proibito dalla
legge della Confederazione, i danni, se ce n'erano, restavano a carico
dei signori avventori.

L'_Hôtel_, a richiesta, poteva però offrire il medico e i mezzi
di trasporto senza aumento _sur le prix des consommations_.

Il luogo era veramente bello e delizioso. Dal viale principale, che si
svolgeva come un nastro largo e lento nella selva, distaccavansi molti
sentieruzzi, che or salivano in rampe e scalinate a più alti passi,
ora parevano precipitare e nascondersi in vallette folte d'erba,
popolate di statue nel fresco mormorìo d'acque cascanti. Il viale
metteva a una spianata, dall'alto della quale l'occhio correva libero
sulla stesa del lago e sulla scena dei monti davanti a una palazzina,
che in un arzigogolato stile gotico-francese, più che la nobiltà d'un
edificio spirava l'odore d'un grosso pasticcio di zucchero tostato. Ma
se la linea non era bella, il soggiornarvi doveva avere mille incanti
per quel poco che si poteva vedere dal lato dove giaceva il ferito.

Il sequestro vi aveva imprigionato non soltanto il grosso dei mobili,
ma anche le piccole raffinatezze della ninfa saltellante, che vi aveva
passato le ultime estati e che forse sognava di ballarvi le ultime
contraddanze della vita.

Al rumore che fecero le ruote sulla sabbia, uscì dalla casa don
Andreino Lulli, a cui il trambusto di quella sciagurata spedizione,
l'affanno di molte ore di ansia, la paura e le cure prestate al
paziente durante la terribile operazione non avevano fatto perdere la
_contenance_.

Per quanto scosso e reso bianco come una candela, quando seppe dai
telegrammi del cavalier Cresti che sarebbe venuta anche donna
Vincenzina, procurò di andarle davanti con un vestito non troppo
_voyant_: un tutto grigio con cravatta _mauve_ gli parve una
mezza _condoléance_, che doveva esprimere e riassumere abbastanza
bene il lieto e il triste della situazione. Colla faccia patita e
quasi cerea, rigido e stecchito nel collare alto che gl'incastrava il
mento tra due trincetti di moda, strinse la mano di donna Vincenzina
tra le sue, tutte ossa e nervi, con due forti scosse, una di
compatimento, l'altra d'incoraggiamento.

Quand'ebbe riconosciuto il cavalier Cresti lo pregò di presentarlo al
commendatore Bagliani.--_Tout va comme sur des roulettes_.... non
c'è febbre; ma abbiamo un e...eoe di più.--La debolezza dell'erre non
stava mica male alla costituzione magra, sottile, allungata e di
trasparenza aristocratica di don Andreino Lulli. Se per necessità di
professione o per ambizione di popolarità avesse dovuto agitare
davanti alla folla i grandi principii della libertà, della
rivoluzione, dei diritti popolari e di tutte quelle altre cose di cui
l'erre è l'elemento più forte e più articolato, o se, in più modesta
condizione avesse dovuto bestemmiare Cristo e i sacramenti per far
andare un magro ronzino, certamente quel suo difetto avrebbe potuto
nuocere al risultato delle cose: ma per discorrere in una questione di
sport e di cravatte non stava male quel non so che di rotto e di
strofinato che si strisciava ne' suoi discorsi, inzuccherati di
_bons mots_ e di amabilità sempre pronte e rispettose.

Sentendosi quasi obbligato a fare gli onori di casa, don Andreino
precedette i nuovi arrivati per un atrio a vetri sino ad un salotto
semichiuso pieno di mobili coperti, dove il maggiordomo dell'albergo
si mise ai loro ordini. Intanto il giovine conte andava ad annunciare
delicatamente al ferito la presenza dei parenti. L'ordine medico era
la massima quiete e la più assoluta oscurità: ma una stretta di mano e
una carezza da parte de' suoi non avrebbero potuto che fargli bene,
povero figliuolo.

Tornò a riprendere gli ospiti, e passando leggermente per la gran sala
del biliardo, non rischiarata che dalla luce della porta, entrarono in
una stanza d'angolo posta verso il lato più fresco, dove Ezio giaceva
in una grande oscurità col capo fasciato da un grosso turbante
insanguinato.

--O cari, cari...--pronunciò con voce molle e ridente l'infermo,
allungando le braccia fuori dal letto.

--Sai gli ordini--disse don Andreino assumendo quel tono alto e
imperativo che usava nel comandare un _cotillon_.--Sai gli
ordini: silenzio e immobilità. Noi siamo qui tutti per te nulla ti può
mancare, ma il dottore ha parlato chiaro: «attenti all'emorragia.»
Dunque, se ci vuoi bene, obbedienza, coraggio e rassegnazione.

--_Che bagolon_!--disse sottovoce Ezio con quello spirito
caustico che era quasi l'aroma del suo carattere.--Non vedo nessuno ma
vi sento.--Stese la mano a donna Vincenzina, dicendo:--Grazie,
grazie!--E riconosciuto alla voce lo zio, gli disse:--Crepi
l'astrologo!--E quando gli dissero che c'era anche Cresti, gli
domandò:--Come vanno i conigli?--

Don Andreino, fedele alla consegna ricevuta, volle che uscissero
presto presto dalla camera, di cui socchiuse anche la porta e pose in
sentinella una vecchia donna che aveva assunta come infermiera.

Ripreso il discorso col maggiordomo, si accordarono intorno ai modi di
rimanere alla villa, finchè il malato fosse in grado di ritornare a
casa; e fu stabilito che donna Vincenzina e Massimo avrebbero occupato
il quartierino a terreno nell'angolo verso il boschetto delle
magnolie, don Andreino avrebbe piantato un letto da campo nella sala
del biliardo per esser pronto alle chiamate dell'infermo: per la
cucina, l'albergo avrebbe provveduto nel miglior modo e col minore
disturbo dei signori.

Meno necessario risultò il Cresti, che accettò volentieri di tornar
subito lo stesso giorno a portar le notizie al Castelletto dov'erano
rimaste altre anime in pene. E con il Cresti partì anche il Bersi, che
da parecchi giorni non vedeva la sposina. Mentre scendevano insieme a
piedi per il viale ombroso, commentando il doloroso accidente, il
Bersi condusse il compagno a visitare il campo della battaglia dove
aveva avuto luogo lo scontro, un praticello segregato da due parti
dall'alto muro di cinta, che vi faceva angolo, da un terzo lato dal
fianco roccioso del colle e chiuso sul davanti da una fitta siepe di
agrifoglio. Il vecchio negoziante tedesco vi aveva avuto il suo giuoco
dei birilli; ma l'erba era cresciuta sul terreno, l'ombra era
diventata più fitta in mezzo ai grandi alberi.

--Ecco, si sono battuti qui, stamattina, alle sei--disse il Bersi,
precedendo il Cresti nel chiuso campicello.--Si era fatto di tutto, da
parte di noi padrini per veder di ridurre lo scontro ai minimi
termini, o, se era possibile di appianare la vertenza con quattro
righe di verbale, ma pare che Ezio non si sentisse di fare certe
dichiarazioni e una volta esclusa l'arme da taglio, perchè il barone
non vede più in là del suo naso, non restava che la pistola: due colpi
in aria alla americana colle novantanove probabilità che lo spavento
fosse tutto degli uccelli.

Il barone, che non è un guerriero romano, avrebbe accettata volentieri
una soluzione diplomatica, purchè fosse salva la sua dignità maritale:
e nemmeno Ezio una gran voglia di ammazzare e di farsi ammazzare non
se la sentiva. Nè l'uno nè l'altro portarono il cuore sul terreno. Si
può battersi e anche morire per una donna, ma non per la tenera figlia
del sor Paoleto, un'ideale che pesa a occhio e croce una settantina di
chilogrammi: ma queste ragioni non si possono dire al colto pubblico e
non si possono scrivere in un verbale. Per quanto il barone consideri
sua moglie come un mobile decorativo della sua casa, per quanto gli
affari della Italo-Elvetica siano per avviarsi bene e abbiano bisogno
di tutta l'attività del suo cattivo stomaco, tuttavia non poteva
dimenticare che nel banchiere c'è anche il marito; che l'offesa era
stata pubblica, che la gente ne parla, che non si può per il credito
stesso della ditta, lasciar credere ai clienti che si speculi sulle
acquiescenze: e quindi bisognava battersi.... ma è così facile
battersi, per modo di dire... Se non che, quei due suoi padrini, quel
tedesco e quel napoletano, presero la cosa troppo sul serio e vennero
sul terreno come se andassero ad una messa cantata.

Col codice dell'Angelini alla mano e in nome della correttezza
cavalleresca questi due ostinati don Chisciotti della Mancia
contrastarono tutti gli sforzi, con cui io e Lolò, cercammo di
alleggerire le condizioni dello scontro. Più cocciuto fu il
napoletano, che messo in suggezione dal compagno svizzero, trattò la
cosa come se fosse in giuoco l'onore stesso della patria e come se
quei quattro inglesi che pigliano il fresco a Cadenabbia
rappresentassero l'Europa.

Per poco non mi accapigliavo con questo ignorante ostinato che faceva
piovere le sue massime dall'alto, come se per ammazzarsi sia
necessario ricorrere alla metafisica: e allora si avrebbero avute due
teste rotte invece di una sola. Ezio fu calmo, sorridente per quanto
avesse un po' di febbre addosso. Il barone fu un po' ridicolo con quel
suo fare impacciato, con quegli occhi bigi che non distinguevano la
pistola dal suo astuccio. Domandò il permesso di tenersi il panciotto,
con la scusa che l'aria gli porta i reumi: e, sul panciotto sì, sul
panciotto no, s'intavolò tra Lulli e il napoletano una quistione
accademica, in cui credo sia stato citato anche Omero e Senofonte. Poi
ci fu un'altra piccola bega anche per gli occhialetti, se si potevano
permettere; ma finalmente, contati i passi.... Ma anche qui nacque una
contestazione. Le gambe del commendator Zuccani sono più lunghe delle
mie, la bellezza di dieci centimetri: e Lulli ha un passetto che è la
metà del mio. Chi doveva contare i passi? capisci che nove o dieci
centimetri di più o di meno per passo, sopra un percorso di trenta o
di quaranta metri, fanno una differenza molto sensibile, specialmente
quando uno dei combattenti è miope di primo grado.

Dopo un gran misurare di gambe, finalmente trovammo una gamba media
nel buon svizzero di Zurigo, che cercò di abbondare nella misura col
suo bel passo di scavalca montagne. Come vedi, il luogo non poteva
essere più adatto. Non pare la valletta descritta dal Tasso nel famoso
duello di Argante e Tancredi? Il barone, che dovette proprio levarsi
il panciotto e che perdeva bretelle da ogni parte, prima di prender
posto votò il fondo della sua bottiglia di Wichy; quindi i due
avversari sorteggiarono ciascuno una pistola carica, e si lasciarono
collocare ai relativi posti, voltandosi le spalle. Il povero barone
era livido come un panereccio, ma a forza di ostinazione morale si
sostenne bene. Ezio sogghignava... Io contai a voce alta uno, due...
al tre si voltarono, spararono immediatamente senza mirare. La palla
di Ezio andò a conficcarsi qui nel tronco di questo faggio due spanne
sopra la testa del barone: quella del miope dalle bretelle cascanti si
fermò nella testa di Ezio, che senza gettare un grido venne a cader
correndo nel mezzo del prato.--

Il Bersi si arrestò un istante per indicare all'amico il luogo
preciso:--Uno spruzzo sottile di sangue si sparse sul verde dell'erba,
che abbiamo fatto segar subito per non lasciar noie agli azionisti
dell'albergo. Convien dire però che le cose furono condotte con molta
prudenza, perchè non si è visto nè un gendarme nè un ispettore
federale.

Il barone potè partire senza seccature, lasciando i suoi biglietti da
visita: a me nessuno domandò nulla: un vero ideale di paese libero.--

Il Cresti, dopo aver sogghignato un pezzetto e riassunte le sue
osservazioni con una nervosa contorsione di spalle uscì a dire come
morale della favola:--Poco fa, ho detto, che l'uomo è il meno furbo
degli animali: ho sbagliato. Dovevo dire, la più bestia.--



XVIII.

Pentimento.


Il Cresti arrivava al Castelletto ch'era già notte fatta. Di mano in
mano che si avvicinava alla casa delle Polony andava crescendo in lui
il dolore della ferita, che durante il giorno e le scosse della
battaglia pareva assopito.

Era partito, anzi fuggito, davanti a una ruvida domanda:--Che c'entra
lei?--e ritornava col puntiglio di dimostrare che intendeva non
entrarci per nulla, nè per il passato nè per l'avvenire, nè per debiti
nè per crediti, e di lasciare a ciascuno la sua libertà di dire e di
fare quel che credeva suo diritto. Era un gran colpo per un uomo che
si era pasciuto di così lunghe speranze: ma è inutile far conto sopra
le nespole che non vogliono maturare nemmeno sulla paglia: c'è da far
stridere i denti e null'altro.

Stava per mettere la mano sul martello della porta, quando si sentì
stringere il braccio. Era Flora, che, seduta nell'oscurità, aspettava
da tre ore che da Lugano arrivasse qualche notizia. Riconobbe subito
il passo dell'amico e infilando il braccio nel suo, lo accompagnò in
casa.

--E così?

--Tutto bene: niente di grave: umore allegro, ma un assoluto bisogno
di quiete e di silenzio.--

Vennero incontro le altre donne col lume e tutte si rallegrarono delle
buone notizie. Flora, un po' più pallida del solito, si mostrò
tuttavia perfettamente tranquilla, guarita e persuasa. Pregò Cresti di
sedere, di riposare, di prendere qualche cosa, almeno un caffè: ma il
signor cavaliere col pretesto che le sue donne l'aspettavano a casa,
Dio sa con quanta ansietà, chiese subito licenza e senza accettare
nemmeno un bicchier d'acqua, si ritirò da una casa in cui non aveva, a
parer suo, più alcun diritto di entrare.

Non era una vendetta, ma una legittima difesa. Promise di mandare
altre notizie di mano in mano che arrivassero, e augurando la buona
notte a tutti, senza guardare in viso a nessuno, ritrovò al buio la
strada del Pioppino, e rientrò nella sua solitudine, dopo una lunga e
perfida giornata, come un capitano, che dopo una tremenda disfatta,
pianta le tende in qualche luogo sicuro. La stanchezza fisica gli
procacciò subito un tal sonno che potè dormire tutta la notte.

Dormiva ancora, quando l'Angiolina gli portò il caffè in camera la
mattina verso le sette.

Insieme al caffè sul vassoio c'era una lettera che un ragazzo aveva
portato poco prima... una lettera di Flora.

Ne riconobbe subito la scrittura larga ed energica sulla busta di
carta verde: ma non osò aprirla subito.

Dopo che ebbe lentamente sorseggiato il suo caffè amaro, alzando la
voce come se parlasse a qualcuno un po' sordo, disse:--Eccomi a lei,
signorina. Immagino quel che mi deve dire.--

Immaginava: ma le sue mani secche ed abbrustolite dal sole tremavano
tanto nel toccar la lettera, che dovette aspettare che passasse anche
questa morbosità. Passò lentamente: tornò la ragione e poichè quando
un dente fa male, è meglio strapparlo se non c'è altro rimedio, con
una curiosità coraggiosa corse cogli occhi sulla lettera e vide....
ch'erano due, l'una nell'altra: e quest'altra non era finita, ossia
finiva con dei punti sospensivi come se fosse stata bruscamente
interrotta.

Nella letterina accompagnatoria la contessina Polony diceva:

«Caro Cresti, mi dicono che stamattina io ho pronunciato parole dure e
scortesi contro il migliore de' miei amici: e devo pur credere, perchè
non posso dubitare de' testimoni. Ma io non ho coscienza di nulla,
glielo giuro, mio buon amico. Quando mi hanno richiamata ai sensi,
tornai in me stessa come chi si sveglia da un sogno grave e
fastidioso, di cui conserva l'impressione e lo spavento, ma non
ricorda più i particolari. Flora, sveglia nella sua coscienza, non
avrebbe mai osato dire una parola cattiva al suo buon Cresti,
all'amico di casa, al benefattore, proprio in un momento in cui stava
scrivendo la lettera che chiudo in questa. Non è tutta la risposta che
le dovevo e non trovo opportuno questo momento per darla: forse
nemmeno lei la vorrebbe da me in queste condizioni: ma glie la mando
come un documento per dimostrarle, mio tenero amico, che se una parola
cattiva è uscita da questa bocca, non è Flora che l'ha detta, ma una
febbre o una suggestione misteriosa, che mi tolse ogni responsabilità.
Non saprei spiegar tutto adesso; ma certamente io ho attraversata
un'ora pericolosa della mia vita, come la _Sonnambula_ del
dramma, che a fosco cielo e a notte bruna, scende per il ponticello
del molino.

«Amico, benefattore mio, cancelli quell'ora dalla sua memoria e mi
renda tutta intera la sua cara amicizia. Se mi abbandonano i migliori,
che potrò fare sola nel mondo, forse in balìa di cattivi spiriti? Ora
mi par di star bene. Il cuore è tranquillo e non desidera che pace.
Gliela offro e gliela chiedo con umiltà; abbia compassione di questa
povera rivoluzionaria».

       *       *       *       *       *

Cresti lesse due volte questa lettera: rilesse tre volte l'altra: le
mescolò per leggerle insieme, commentò l'una coll'altra, traendo da
tutte due la convinzione che Flora era sincera, che il passato non era
tutto morto in lei, ma che non aveva più ragione di vivere, che
bisognava veramente aver compassione di lei, volerle bene, aiutarla,
aspettare che il frutto maturasse da sè. Nè Ezio, in qualunque modo la
brutta storia andasse a finire, poteva risorgere per Flora, nè questa
nel suo orgoglio poteva rassegnarsi a raccogliere le briciole di una
scandalosa cronaca. Se il giovinotto usciva dell'avventura colla testa
accomodata, più di prima l'avrebbe legato a quella donna un sentimento
di solidarietà, che è quasi sempre castigo degli amanti. Messa alla
porta dal marito, non restava ad Ersilia Baracchi altro rifugio che la
fedeltà dell'amico che l'aveva compromessa. Per quanto ingenua e
inesperta delle cose della vita, Flora aveva troppo ingegno, per non
sentire, a cuore riposato, la forza di questa ragione ed era naturale
che il buon Cresti, il povero Cresti, il vecchio ortolano del
Pioppino, con tutti i suoi difetti, con tutte le sue stravaganze
dovesse parere un miracolo di rettitudine in confronto di questi
grossi fallimenti e di queste avarie morali. C'era dunque a sperare
che il senso logico la vincesse sopra le irragionevolezze della
fantasia, cioè che Flora in compenso di quella pace che invocava con
tanta umiltà, avesse a offrire forse con orgoglio il suo amore.

L'uomo dubbioso e timoroso stette a lungo nel tepore delle coltri a
contemplare e a covare il suo sogno, procurando di sceverare quel che
di più sincero poteva essere nel sentimento di Flora da quel che vi
poteva introdurre il dispetto, l'interesse, la necessità, la debolezza
della donna; e finì col concludere che il mondo è di chi se lo
conquista: che invalido capitano è colui, che potendo occupare una
buona posizione mentre il nemico dorme, aspetta che il nemico si
svegli: che poichè Flora invocava da lui pace e perdono, sarebbe stata
una vana crudeltà rispondere con dei puntigli e con delle musonerie.

Saltò dal letto, e fatta una toeletta sommaria sedette a preparare un
bollettino di guerra; ma ebbe un grande arzigogolare colla penna prima
di infilare una parola. Provò due o tre fogli con frasi che gli
parevano sempre troppo banali per sonar bene nel grandioso proclama
che doveva riassumere le speranze, i sospiri, le ansie, i tremiti, le
aspirazioni e le vertigini della sua vita. Finalmente decise di
pigliar la strada più corta che non è sempre la più faticosa. Levata
da una scatola una carta da visita, la completò così:


BENIAMINO CRESTI

_avverte la rivoluzionaria che verrà stamattina a far colazione al
Castelletto. Al melone ci pensa lui._

       *       *       *       *       *

Qualche giorno dopo corse la voce che la signorina del Castelletto
avrebbe sposato il cavallier Cresti del Pioppino. Le nozze si
sarebbero fatte, nulla intervenendo in contrario, ai primi di ottobre,
e la luna di miele gli sposi l'avrebbero passata al Ravellino,
trasformato in villa Flora.

Per quanto prevista, la notizia piacque a tutti e diede motivo a
Bortolo di dire:--Oh, oh! l'anguilla trovò il pescatore.--


FINE DELLA PARTE PRIMA.



PARTE SECONDA.



I.

I coniugi Hospenthal.


Dopo la brutta scena sulla strada di Cadenabbia, Ersilia aveva dovuto
fare di necessita virtù, raccogliere in fretta le sue robe più
necessario e farsi portare in una barchetta di nascosto al vicino
Tremezzo per prendere il battello di mezzodì senza dar conti a
nessuno. Suo padre che l'accompagnava non cessava di ripetere:--_Te
l'avea dito, benedeta!_--

Gli ordini del barone erano stati precisi, perentori. Non cercassero
di commoverlo, badassero a non comparigli davanti, perchè sentiva una
gran voglia di schiaffeggiarli tutti e due: andassero a Milano in
attesa di ordini ulteriori. Egli avrebbe fatto in modo che non
avessero a morir di fame, ma non calcolassero più oltre sulla sua
dabbenaggine e sulla sua misericordia. Ogni pazienza ha un fine.

Convenne obbedire nella speranza che la tempesta passasse a poco a
poco anche questa volta, come erano passata molte altre.

Il barone non era stoffa da tiranno, ma vedendosi così
oltraggiosamente tradito, il suo primo movimento fu quello d'un uomo
semplice e primitivo, quasi direi d'un animale offeso che risponde
coll'impeto naturale dell'istinto e della gelosia. Sotto la prima
eccitazione egli s'era lasciato trascinare a una provocazione, a un
gesto, che forse oltrepassarono le sue intenzioni; e ciò rese più
gravi le circostanze e portò alle armi. Ma ultimo e languido
discendente d'una antica stirpe di banchieri e di uomini d'affari, che
avevano sempre coltivate le sedentarie arti della speculazione pratica
e positiva, Samuele Hospenthal non era uomo nato per far l'Orlando
furioso. Troppo forte parlava in lui il senso logico delle cose, che
tra mille ragioni sa sciegliere la più solida, cioè quella che
contiene tutte le altre: e troppo bene vedeva quel che sia la commedia
umana per desiderare l'onore di ammazzare e molto meno quello più
discutibile di farsi ammazzare in un mondo in cui la vita è tutto e la
morte un cattivo affare. Ma una volta in ballo, ben doveva ballare; un
duello non rimedia, ma placa; non giustifica, ma soddisfa: non
restituisce l'onore, ma rinforza l'orgoglio: non fa un eroe, ma
impedisce che un uomo si avvilisca del tutto.

Anche Ersilia sulle prime non aveva creduto che le cose dovessero
andare fino alle estreme conseguenze: e se alle prime ingiunzioni
obbedì prontamente e si ritirò sottomessa, non era tanto una paura che
avesse di lui e de' suoi furori, quanto un'astuzia per disarmarlo più
presto, facendogli sentire l'incomodo della sua solitudine.

Venne a Milano, dove non rimase che il tempo di riempire il baule e
dopo aver scritto quattro righe supplichevoli, andò a nascondere la
sua umiliazione in una casa di campagna presso Vigevano, dove il
barone aveva dei fondi umidi. Il vecchio Baracchi, che in queste
circostanze era il Talleyrand della situazione diplomatica, rimase a
Milano più stordito che impaurito di questo brusco avvenimento, che
sperava potesse finire in un lieto _embrassons nous_... Ma quando
arrivò la notizia che il barone si doveva battere e battersi alla
pistola, il sor Paoleto cominciò a capire che questa volta il caso era
più serio.

«Battersi?--pensava--un uomo come Sam battersi, e alla pistola? a che
scopo? valeva la pena di far colpi in aria per una quistione ch'era
meglio mettere a dormire? e non avrebbe potuto l'adirato genero
provvedere al suo onore, se proprio ci teneva tanto, con qualche altro
ripiego meno drammatico e alla sua età, via, anche meno ridicolo? Un
uomo di quarantacinque anni, mezzo invalido, che scende in campo
contro un giovinotto di ventiquattro per una quistione di donna, aveva
tutta l'aria allampanata di un barone di Monchausen in pantofole, a
cui tutti dovessero augurare la mala fortuna, mentre si sarebbe
provveduto così bene, se si fosse partiti tutti insieme per un bel
viaggetto, per luoghi ignoti, dove non potessero arrivare le ciarle
dei quattro gatti, a cui si attribuisce l'onore di rappresentare il
mondo. Si era tanto parlato di un viaggio in Svezia, Norvegia e capo
Nord che al sor Paoleto pareva un errore imperdonabile, da parte del
barone suo genero, di non aver saputo cogliere il momento per
sottrarre la povera Ersilia alle tentazioni. Un duello invece, se nove
volte su dieci riesce bene, capita la volta che le paga tutte: e se il
povero Sam, miope come una formica, si pigliava una palla nello
stomaco chi ci guadagnava _Dio benedeto?_ Lui no, perchè non c'è
nulla di più stupido come barattare una rendita di cento mila lire con
un funerale di prima classe. Non ci guadagnava la povera Ersilia, che
restava compromessa per tutta la vita: e molto meno ci guadagnava
l'altro bel giovinetto, che probabilmente aveva creduto di scherzare.
E poi prima di morire bisognerebbe almeno fare un piccolo testamento:
e c'era a temere che il barone in un momento di esaltazione mentale
avesse piuttosto distrutte le buone intenzioni del suo cuore per
lasciar parlare unicamente i risentimenti dell'uomo oltraggiato».

Queste apprensioni, questi sospetti non potevano lasciar quieto un
uomo così tenero della sua prole come il sor Paoleto. Violando la
consegna, fece una corsa sul lago per vedere d'impedire una
catastrofe: ma il barone era già partito e non si sapeva per dove. Il
pensiero della figliuola rimasta a Vigevano, in aria cattiva con tutto
il caldo d'agosto, lo richiamò indietro e s'incontrò con lei alla
stazione di Milano. Ersilia, coll'aiuto segreto del Bersi, era stata
avvertita da un telegramma che si dovevano battere: sperava che suo
padre avesse a portare qualche migliore notizia.

--Si devono battere, lo so, ma non so dove... Forse si son già
battuti...

--Si ammazzeranno?

Perchè si devono ammazzare, _benedeta?_ i duelli non si fanno
mica per ammazzarsi, cara mia. Non è mai morto nessuno di questa
malattia. Pim, pum, un po' di polvere negli occhi della gente, l'onore
è salvo, e _embrasson nous_...--

Belle parole, degne di quell'amoroso padre, ma Ersilia ne fu
atterrita.

--Si batteranno alla pistola?--L'idea che questi due uomini fossero
per uccidersi per colpa sua, la sgomentò siffattamente, che per poco
non cadeva in deliquio sui gradini della stazione. Il Bersi nel
telegramma aveva taciuto la gravità e le condizioni dello scontro, che
suo padre aveva creduto di attenuare con quel suo pim pum...

--O Dio, o Madonna, io muoio...--

Il babbo fu appena in tempo a sostenerla e a ricoverarla in una
piccola sala del buffet, dove fece portare subito un'acqua di tutto
cedro ben calda e un bicchierino di cognac. Ci volle tutto un
fazzoletto di bucato per asciugare le lagrime di un'infelice creatura
che si stemperava in un dolore disperato. Ersilia si accusava, si
condannava, si accasciava, si scomponeva i capelli colle mani al
pensiero che forse uno di quei poveretti fosse già morto per lei. A
suo marito essa voleva bene sinceramente, riconosceva volentieri il
gran bene che aveva ricevuto da lui: avrebbe voluto dimostrargli che
un capriccio d'un'ora non guasta la fedeltà del cuore: avrebbe voluto
correre, precipitarsi fra i due combattenti, ricevere essa i due colpi
come la moglie del Padrone delle Ferriere...

--Tu mi devi condurre là--proruppe, quando potè porre un freno a' suoi
singhiozzi.

--Là, dove? hanno detto che andavano in Svizzera, ma la Svizzera è
grande, angiolo mio. E se andassimo a casa dove a quest'ora possono
essere arrivate delle notizie? Sam ci deve pur scrivere...--E fatta
accostare una vettura di piazza, ordinò al cocchiere di tornare in via
del Gesù.

Sulla porta trovarono il fattorino del telegrafo. Ersilia strappò di
mano al ragazzo il foglietto giallo, l'aperse con furia nervosa e
lesse a voce alta:--Sano e salvo. Bagliani alquanto ferito. Arrivo
alle tre.--Il telegramma era diretto al suo segretario, che sentì
subito sotto le quattro parole una buona disposizione da parte
dell'adirato genero.

--Ho detto io che tutto andava a finire in niente? Pim, pum, un po' di
polvere in aria e poi: «Sano e salvo, l'altro alquanto ferito.» Ma
sarà cosa da nulla, una scalfittura.--

Ersilia stette un istante col telegramma in mano in un'attonita
sospensione, in cui non mancava un senso di contentezza. Poichè il
duello doveva avere un esito doloroso per qualcuno, meglio
così...--pareva che le dicesse il cuore.

--Dio, Dio, non sapevo che si potesse soffrir tanto a questo mondo!--

Mai forse era stata così sincera come in questa esclamazione.
Oscillando sempre incerta nella sua debolezza morale, tra la
inconsapevolezza del suo fallo e una tenerezza esaltata per i due
poveretti ch'essa aveva scagliato l'un contro l'altro, si martirizzava
in un supplizio di accuse e di giustificazioni: si pentiva con un
sgomento più di paura che di persuasione: piangeva senza capire essa
stessa che significato avessero le sue lagrime. Soffriva insomma
davanti a questa dura contrarietà della sua vita come una bambina che
dopo essere stata distratta tutto il tempo della scuola si vede
costretta dalla mamma severa a ripetere un quesito astruso
d'aritmetica, che è sicura di non capire anche se glielo danno
risolto. Le idee di bene e di male erano così liquefatte nel suo
spirito di bambina maleavvezza che era un pretendere troppo il volere
che ella separasse l'un dall'altro o scoprisse qualche verità nel
dolore che la faceva soffrire.

Questo solo le risultava, che mai le era parso di voler bene a suo
marito come in questo momento. Guai se non le avesse perdonato! non
avrebbe potuto resistere nella sua disperazione.

--Egli non immagina che tu sia qui, e sarà bene che per il primo
momento ti faccia desiderare, _povareta!_ Se dice che arriva, è
perchè ha delle buone intenzioni; e in verità adesso, che è tutto
finito bene, sarebbe assurdo mantenere dei rancori, e amareggiare
questi pochi anni che abbiamo da stare al mondo. Anche lui non o senza
torti, lo sa bene. Quando ti ha sposata, sapeva bene che tu non eri
una mammalucca e che potevi essere sua figliuola. La colpa è anche sua
se ti lascia esposta. Non puoi sempre vivere di acqua di Wichy,
_povareta_, come vive lui: e poichè tutto è finito con un
«alquanto ferito» stiamo allegri e ringraziamo la Provvidenza che non
sia avvenuto di peggio. E non pensare a quell'altro, che tra due o tre
giorni starà benone. Alla sua età si è come gli scarabei. Puoi tenerli
infilzati un mese su uno spillo che non muoiono mica ve'...... Sicuro
che non lo devi più vedere: oh sì, sarebbe troppo sfacciato, se osasse
comparirti davanti. Tu devi ora tutti i riguardi al povero Sam: gli
devi mostrare che gli vuoi bene, che sei pentita sinceramente, fargli
qualche carezza, povero figliuolo: e vedrai che ti regalerà qualche
cosa. Non gli dico che sei a Milano: tienti nascosta e non uscire se
non quando te lo dico io.

Mezz'ora dopo il sor Paoleto riceveva nelle sue braccia l'amato
genero, che arrivava da Como, fresco e quasi ringiovanito, come se
uscisse allora da una cura ricostituente. Parlava ne' suoi occhi un
nuovo piacere, quasi un nuovo coraggio, che se non si sentiva padron
di casa, aveva la soddisfazione di chi gode un bell'appartamento, di
cui ha pagata regolarmente la pigione. Per la prima volta da che era
andato vicino a un pericolo mortale sentiva il piacere della vita,
come se avesse ereditato inaspettatamente il diritto e il piacere di
vivere. Gli spasimi di tre giorni d'agonia, le scosse date al freddo
tronco della sua vita intirizzita, avevano mosso in lui una nuova
linfa, che prometteva una fioritura di affetti più naturali e più
disinteressati.

Si lasciò abbracciare dal vecchio suocero, si lasciò condurre da lui
fino alla vettura, lasciò ch'egli parlasse e si congratulasse: non
ritirò la mano ch'egli volle baciare e quando gli parve di aver vinta
la grande emozione del primo incontro, domandò con voce, in cui
tremava una timida emozione:--Dov'è lei?

--Lei... lei, è a Vigevano. Piange, si dispera e fu lì per morire.
Avete esagerato, ecco: ma tutto è bene quel che finisce bene. Hai
pranzato, Sam?--

Il barone si accorse di aver fame. Dal momento che i padrini l'avevano
condotto via dal campo di battaglia con tutta la sua pelle intatta,
sentiva con piacere un'esigenza di nutrizione che da molti anni non
parlava più nel flaccido sacco del suo stomaco ipercloridato.
L'offerta del suocero lo toccò come un piccante aperitivo.

--Dove mi meni?

--Dobbiamo fermarci al Rebecchino? c'è una cucina sana.

--Mi metto nelle tue mani. Mentre dò una capatina in Borsa, puoi
scendere e ordinare una costoletta.

--Con un risottino bianco...--

Quando la carrozza ebbe passata la barriera daziaria, il padre che non
si era mai sentito tanto padre come in quel momento, cercò la mano
delicata del suo carissimo genero e lasciando cadere due lagrime, che
da un pezzo stagnavano nell'angolo degli occhi, provò a supplicare:--E
di', Sam, non la vuoi proprio vedere quella poverina? me la vuoi
proprio far morire? Se io ti dicessi che vuol bene a te più che a
tutti?

--S'è visto...,--brontolò il barone, diluendo l'amarezza della
risposta in un sorriso che non potè essere del tutto ironico.

--Anche i santi sentono le tentazioni e si starebbe freschi noi poveri
peccatori, se Dio non dimenticasse volentieri i nostri peccati.

--Sai che ti ho proibito di parlarmi di Dio e del tuo clarinetto....
Non son cose che si possono risolvere in una carrozza. Ora vado in
Borsa, poi torno al Rebecchino e ti dirò quello che avrai a fare; ma
non voglio essere seccato.

--Il vino lo preferisci bianco, Sam?--disse il vecchietto, mentre
scendeva alla porta dell'albergo.

Mentre la carrozza, continuando la sua corsa, portava il barone al
palazzo della Borsa, il sor Paoleto scriveva due righe nell'ufficio
dell'albergo e le faceva spedire in via del Gesù. Vedendo il
direttore, gli disse:--Il barone Hospenthal verrà qui a pranzo colla
sua signora. Vorrei un salottino solo per noi.--

Il nome del barone non era ignoto al Rebecchino e le cose furono
combinate in modo da accontentare lo stomaco più schifiltoso. Brodo
liscio in principio: costoletta ai ferri con risottino bianco poco
cotto: un quarto di dindo lessato e un fritto di pesce persico senza
maionnese. In quanto al vino, dopo una breve discussione il sor
Paoleto si fermò su un Monte Orobio secco, profumato, un vero tesoro
nazionale che se fosse francese, gl'inglesi pagherebbero venti lire la
bottiglia.

Ersilia arrivò cinque minuti prima che il barone tornasse dalla Borsa,
il tempo necessario perchè il padre diplomatico la mettesse a parte
delle cose.

--Gli ho detto che tu non eri a Milano. Se devo giudicare dall'umore,
direi che anche questa volta non è mal disposto. Ma vuole delle
promesse, è nel suo diritto e tu glie le devi fare solenni e
mantenerle poi. È buono, povero Sam; è peccato disgustarlo. Devi anche
riflettere che gli anni passano per tutti e due, senza contar me che
sono già un fico secco e che, quando tu me l'avessi disgustato per
l'ultima volta, si potrebbe andar a sonar la chitarra per le piazze.

Cinque minuti dopo i coniugi Hospenthal erano nelle braccia l'uno
dell'altro. Essa avviluppò così improvvisamente il suo Sam nelle sue
moine, lo intenerì così bene colle sue lacrime e co' suoi baci, che il
furore già non troppo armato del barone si lasciò disarmare del tutto.
Egli aveva bisogno di essere soggiogato. Se a quel tesoro di carezze e
di tenerezze non osava rinunciare senza patimento prima, quando si
sentiva più svogliato e malato, meno sentiva di potervi rinunciare ora
che provava il gusto di vivere come non aveva provato mai.

--Bene, bravi: ecco tutto finito....--conchiuse il sor Paoleto.--Non
lasciamo venir freddo il brodo.



II.

Nelle tenebre.


La giornata era stata caldissima anche per i prigionieri di Villa
Elvetica, che tra ansie e speranze e con una pazienza da santi avevano
potuto persuadere Ezio a rimanere a letto tutti gli otto giorni
trascorsi dopo il loro arrivo; otto giorni ch'eran parsi otto secoli.

Il giovine, che si sentiva abbruciare nella sua cameruccia, protestava
di continuo di non voler più rimanere col capo fasciato nel ghiaccio,
al buio come un uccello di muda, tuffato nell'aceto, nel cloroformio,
nell'acido fenico; e non ci voleva che l'autorità scientifica del
medico e forse un resto di buon senso, ancor vivo nel malato per
trattenere il giovine da un atto di follia.

Il caldo portò anche a lui una grande stanchezza e quel giorno aveva
dormito a lungo d'un sonno tranquillo; talchè Massimo persuase don
Andreino a prendere mezza giornata di svago e a scendere in città.

Il povero Lolò era stato per l'amico, il più devoto e il più paziente
degli infermieri. Una suora di carità non avrebbe potuto sacrificarsi
di più. Di notte dormiva presso la soglia in un lettuccio, pronto ad
ogni chiamata: di giorno, tranne l'ora dei pasti e della toeletta, non
si allontanava mai dall'infermo. Libero del suo tempo, don Andreino
era persuaso che non avrebbe potuto impiegarlo meglio che in
quest'opera doverosa di carità e di amicizia: ma era un mistero anche
per lui dove attingesse la forza fisica per resistere agli strapazzi e
alle inquietudini del più insofferente degli infermi.

Quel giorno, una domenica, accettò volentieri il suo congedo e scese
in città in un perfetto vestito tutto bianco, che era in piena armonia
coi trentadue gradi di caldo che infocavano le strade e le case.

Massimo e Vincenzina rimasero soli a pranzo. Questo fu servito in un
salottino che dava sulla vista del lago e rimasti soli, dopo il caffè,
i due vecchi innamorati si trovarono immersi nelle vecchie memorie
prima che avessero il tempo di guardarsene: e discorrendo, i loro
spiriti continuavano ad avvicinarsi con quel senso di curiosa
trepidazione con cui si ripassa da un luogo ove si è corso un mortale
pericolo.

--Forse facciamo male a rimescolare queste foglie secche, Vincenzina:
ma c'è un punto enigmatico in questo nostro passato che non so ancora
a quale dei due abbia fatto più torto.

--Dite quale.

--Perchè non avete resistito di più a vostro padre il giorno che vi
obbligò a rompere la vostra fede? perchè non mi avete scritto che
volevano far violenza al vostro cuore? Sarei accorso, vi avrei aiutato
in qualche modo. Forse non avreste sposato un uomo ricco....

--Cattivo!--interruppe essa, guardandolo con aria di
rimprovero.--Perchè dite queste cose?

--Perchè ora le possiamo dire senza soffrire, come si raccontano le
storie dell'Antico Testamento. Io non avrei potuto offrirvi una grande
protezione, ma si sarebbe combattuto insieme.

--Questo non era possibile.

--Ecco quel che mi ha fatto più soffrire. Voi non avete avuto
abbastanza fede in me.

--No, Massimo; tra me e voi... ma perchè volete farmi parlare? che
giova risuscitare queste cose morte? io non ho potuto non sposare
vostro fratello, ecco tutto: così ha voluto mio padre.

--Vostro padre avrà avuto dei torti, ma non fu mai un tiranno. Amabile
egoista, questo sì, ma non tiranno.

--Amabile egoista--avete trovata la giusta definizione; ma egli ha
sbagliato e io ho pagato, ecco tutto. Perchè volete farmi parlare di
più?

--Perchè vorrei persuadere me stesso che non sono stato troppo vile e
che non ho meritato il mio castigo.

--Chi fu più castigato di noi due, Massimo?--chiese donna Vincenzina,
sollevando i suoi grandi occhi umidi.

Egli pure respingendo una leggera onda di tristezza, che minacciava di
travolgerlo:--Sta bene--disse--siamo stati castigati entrambi: ma
perchè mantenere fra noi due un mistero? non sarebbe più bello che i
nostri cuori si vedessero innocenti anche a traverso alla nostra
sventura? perchè volete ch'io dubiti fino alla morte ora di me, ora di
voi? Se i morti hanno avuto dei torti, a noi non manca ora la pazienza
di perdonarli.

Donna Vincenzina esitò ancora un istante come se finisse di consultare
il suo cuore: poi riprese:

--Ci son delle ragioni sacre che comandano il silenzio...--

--Se credete che io non meriti ancora la vostra confidenza...--

Ma essa lo interruppe di nuovo per dirgli:--Devo accusare il mio
povero babbo, capite? Che valore avrebbe il mio sacrificio se io lo
facessi scontare a un povero morto a prezzo di vergogna? Se ho creduto
utile di tacere, quando ero più giovine, quando ero bella, quando
avevo qualche diritto di ribellarmi al mio destino, come potrei ora
pentirmi del bene che ho fatto, senza commettere quasi un delitto? Ma
voi oggi non siete più semplicemente un amico di casa; troppo ho
bisogno della vostra assistenza e della vostra stima perchè non abbia
a considerarvi quasi come un mio fratello, a cui posso e devo
consegnare le carte più preziose e i segreti più gelosi della mia
vita. Se voi dovete far da padre a Ezio, se i nostri rapporti devono
continuare nell'avvenire, è bene che non vi siano diffidenze,
sospetti, recriminazioni tra noi. Solamente a questo patto credo di
poter rompere un segreto che doveva morire con me. Mi sarete poi grato
di questo sacrificio che vi faccio? e promettete che morirà con voi la
confidenza che dopo dodici anni mi tolgo per la prima volta dal cuore?
e che non me ne parlerete più? e che sarete più buono e più savio con
me? Quel che io sto per dire a voi, non è conosciuto nemmeno da mia
sorella, che ha creduto ad altre apparenze.

--E allora, mia cara...--disse il vecchio amico come se volesse
rinunciare a questo privilegio; ma o egli non ebbe abbastanza
prontezza per resistere alla sua curiosità o essa non ebbe abbastanza
forza per respingere il suo bisogno di parlare.

--Voi vi ricordate, Massimo, che nostro padre era impiegato alla
Tesoreria provinciale, in un posto di fiducia--riprese a dire
frettolosamente senza mai levare gli occhi da terra.--Quando cominciò
a sentire le strettezze del vivere, non volendo nella sua bontà, che
alle sue figliuole avesse a mancare nulla, bisognoso egli stesso di
vivere bene, troppo incosciente dei pericoli e delle responsabilità a
cui andava incontro, il pover'uomo ebbe in più riprese ad abusare
della fiducia de' suoi superiori: e una volta non potè rifondere una
riserva di cassa. Fu una volta sola per una somma non troppo grande:
ma fu scoperto. Egli aveva anche dei nemici: immaginate. Era il
disonore, la rovina, un processo, la prigionia. Il suo capo l'aveva
già denunciato al procuratore del Re, che era allora vostro fratello,
Camillo Bagliani, e fu sotto il terrore di questa minaccia che il
povero babbo.... Dio, che giorni!... mi prese in disparte e fece a me
sola, la sua cara Vincenzina, la confessione del suo peccato.
Piangendo, strappandosi i capelli, mi pregò di aiutarlo, di
salvarlo... Come potevo fare?--Donna Vincenzina si arrestò un momento:
poi seguitò, cercando di uscir più presto dalle spine di quel
racconto:--Gli proposi di andar insieme dal procuratore del Re. Mi
gettai a' suoi piedi e lo pregai con tutte le mie lagrime; anche in
nome vostro, Massimo, di non far male al mio povero papà. L'austero
magistrato parve commosso e promise che avrebbe fatto in modo che il
deposito di riserva fosse immediatamente restituito per rendere
regolare il rendiconto mensile: e anticipò del suo la somma. Non
mancava che di arrestare l'istruttoria del processo: e anche in questo
giovò l'opera di un uomo così autorevole. Una sera venne egli stesso
in casa nostra a promettere il suo valido appoggio, ma poi... (qui la
voce di Vincenzina tremò) pose una condizione ch'io non ho potuto
rifiutare. Ecco perchè ho sposato vostro fratello. Era il minor male
che potessi fare in quel momento...--

Con voce umile e fredda troncò quasi improvvisamente una confessione,
che stentatamente aveva dovuto cavare dal cuore, sulla quale era corsa
colle parole come se volesse abbreviare a sè e a chi l'ascoltava un
inutile martirio. Con un sorriso d'indulgenza stese la mano a Massimo,
che rimase inerte come un uomo che sia stato mortalmente ferito in
qualche parte del corpo e resta un istante in piedi in attesa che la
morte lo faccia stramazzare.

Non era difficile intendere che Camillo aveva contrattata vita per
vita. Affascinato dalla molle e tenera bellezza di Vincenzina, che il
destino gli aveva condotto ai piedi, uso, come tutti i forti, a creder
suo tutto quanto cadeva nel dominio del suo egoismo, stese la mano sul
bene di un fratello povero e ramingo: e se ne impadronì... ossia lo
comperò col denaro che servì a coprire un furto.

Massimo, che ora si pentiva d'aver troppo voluto conoscere, dopo aver
fatto forza sopra sè stesso, tirò una sedia accanto a quella di lei,
sedette, cercò timidamente una sua mano ch'ella non gli seppe
rifiutare, e parlandole con voce dimessa e carezzevole, le disse:--voi
siete una santa.

--No, no, Massimo, protestò essa, ridendo, mentre le lagrime, a stento
trattenute, scendevano a inondarle il viso.

--Sì, e io sono un piccolo cuore avaro e permaloso. Sento però quanto
sia stato più doloroso per voi alzar la pietra di queste memorie
sepolte: è un sacrificio di cui vi sarò sempre riconoscente,
Vincenzina. Se io pronunciassi davanti a voi, così buona e così santa,
una parola di rancore, non sarei degno di voi. Mi vergogno di non aver
saputo trovare da me la ragione che ha ispirata e sostenuto il vostro
sacrificio e di aver guardato più al mio che al vostro dolore.
Aiutatemi a esser buono: devo dimenticare chi mi ha fatto un così
grave male.

--Io credevo già di tenerlo il vostro perdono.

--Non a voi devo perdonare, capite: voi siete sempre per me un raggio
luminoso.

--Ora mi fate la corte, Massimo--interruppe essa ridendo.

--Dite più semplicemente che vi amo ancora, oggi, coi capelli quasi
bianchi come vi ho amata dodici anni fa. Forse che vi offende di
sentirvelo dire?

--Perchè dovrei offendermi, caro Massimo?--si lasciò condurre a dire
donna Vincenzina, in cui quelle dolci dichiarazioni schiudevano le
misteriose fonti della tenerezza.--Come potrei non rallegrarmi di
essere stata per voi qualche cosa di buono? anche voi lo foste per me.
Non posso dire che il vostro pensiero mi abbia aiutata a compiere
meglio quel difficile dovere che mi ero imposto: forse è più giusto
che vi dica che ho fatto di tutto per dimenticarvi, per cacciarvi via
come il diavolo e non ci son sempre riuscita, pare...--

Massimo si rallegrò di sentirsi paragonato al diavolo e stava per
portare la mano piccola e morbida di lei alle labbra, quando risuonò
nella quiete dell'aria, e precisamente dal lato dov'era la stanza del
malato, un grido straziante, che parve la voce di Ezio.

Trasalirono entrambi, si mossero con quello spavento che si può
immaginare e accorsero verso la stanza. Massimo arrivò primo, spinse
l'uscio e trovò il malato in piedi semivestito, presso la finestra
aperta. S'era levato le bende e le fasciature e stava così a capo nudo
e raso, girando gli occhi nel vano, in cui agitava le mani.

--Cosa fai Ezio? sei impazzito? stare con quest'aria, in questa luce,
mezzo nudo, nel tuo stato di debolezza?

--Vuoi sentirne una bella, zio Massimo?--cominciò a dire il giovane,
sforzandosi di giocare d'ironia contro un mortale accasciamento. Vuoi
vedere che son rimasto orbo come un fringuello?

--Cosa ti passa per la mente? torna in letto, sii buono.

--Orbo ti dico, se è vero che questa è una finestra aperta e non un
armadio: orbo, se è vero che quest'aria calda vien dal giardino e non
dalla bocca di un forno; orbo, se è vero che il mio naso sente un gran
profumo di fiori e di piante resinose, mentre io non vedo una saetta.
Avete un bell'ingannarmi, ma son tre giorni che nutro questo sospetto.
Era troppo il buio, qua dentro. Non bastavano le imposte chiuse, le
fasciature, le vostre ciarle, le fanfaluche della Russia a fare questo
buio maledetto... Oh, oh: questa è la finestra aperta, queste sono le
frasche della glicina: questo è l'odore del pino e dell'erba tagliata.
Il naso c'è, zio Massimo, ma io non ci vedo un accidente, nulla vedo,
come se fossi chiuso nella scatola d'un cappello. Che il barone mi
abbia portato via gli occhi?--

Sentendo a questo punto entrare donna Vincenzina, drappeggiandosi alla
meglio nelle coltri, che trascinava come un paludamento, le
disse:--Guarda un po', madrina, quel che hanno fatto de' miei occhi.
Se io ci avessi qui due capocchie, ci vedrei di più!

--Che cosa dici, figliuolo? i tuoi occhi son belli e sani come prima.

--Sani e belli, ma io non ci vedo. Vi giuro che non ci vedo--ripetè
con più voce, alzando le braccia e brancicando nello spazio per
afferrarsi alle cose.--Chiamate subito quell'animale di dottore che mi
ha rovinato. Altro che guarigione: questa è la cassa da morto
inchiodata e ribadita.

--Non dir così. Sarà lo stato di debolezza--disse lo zio.

--O il molto sangue perduto--aggiunse affannosamente la mamma.

--O uno scherzo della polvere da fuoco... commentò il giovane con acre
ironia.

--E se ti rimettessi in letto?

--C'è Andreino?

--È uscito, non può tardar molto.

--Bene, non ditegli nulla. Chiudete ermeticamente la finestra in modo
che non entri il minimo filo di luce e lasciate parlare a me:--Dreino,
Lolò, dove sei tu?--cantarellò mentre cercava di raggiungere a tentoni
il letto, annaspando come se giocasse a mosca cieca.

Quando, aiutato dallo zio, sentì il molle delle coltri, vi si
rannicchiò, mentre Andreino entrava nella stanza.

Ezio sentì il suo passo prima che gli altri avessero il tempo di
parlargli:--Dreino, vien qua: fa chiudere bene quella benedetta
finestra. Mi è caduta la benda e ogni po' di luce mi abbaglia la
vista.--

Andreino in buona fede corse a chiudere le imposte.--Più ancora, più
ancora: non sto bene che nel buio. Chiudete anche l'uscio...--E quando
sentì che tutto era sbarrato come una prigione, stese la mano
all'astuccio dei zolfanelli, che stavano sul tavolino, e strofinando
un cerino se lo tenne acceso davanti agli occhi come una candela,
finchè non sentì la fiamma attaccargli la punta delle dita.

Fu un mezzo minuto di triste silenzio nella camera, mentre la fiamma
rischiarava il volto dell'infermo, pallido, irrigidito nei tratti, in
cui gli occhi fissi in una vitrea immobilità parevano aver perduta
l'anima.

--Buona notte, sonatori: sono orbo!--e lasciò cadere pesantemente sul
cuscino la testa che rimase come un pezzo di marmo.

--Tu ti spaventi per nulla, figliuolo.

--Ora sentiremo il medico.

--È un effetto della debolezza

--Sarà una paralisi momentanea.--

Così si affrettavano or l'uno or l'altro a consolarlo; ma Ezio,
cantarellando sulle parole, respingeva le loro consolazioni con una
insistenza disperata che stringeva il cuore.

--Vi dico che non c'è più stoppino. La palla del barone deve avere
scassinato il meccanismo della luce elettrica e le cure di quel
moscovita avranno fatto il resto.

--Dammi una sigaretta, Dreino! che bella sorpresa, Giovannino, restar
orbo a ventiquattro anni!--

Scherzava coll'umore ferito, resistendo con ferocia di anima
all'assalto della nera disperazione che lo ghermiva, come un superbo,
che, vinto e conculcato dal nemico potente, lo oltraggia
sogghignandogli in faccia.

Donna Vincenzina, sentendosi venir meno, si aggrappò alla sponda del
letto e s'inginocchiò per soffocare contro la coltre un doloroso
singulto. Massimo perdette un istante il senso delle cose, preso da
una vertigine come se precipitasse da una torre. Soltanto Andreino
Lulli fu calmo e ragionevole. Colla voce naturale e convinta
disse:--Il medico ha già preveduto questo caso in seguito alla forte
emorragia: non per nulla ti raccomandava la quiete, il silenzio e la
perfetta oscurità: ma assicura che col rinnovarsi dei globuli rossi e
col ritornare delle forze, tutto scomparirà come nebbia al sole.--

Don Andreino non aveva mai detto tante bugie, ma le disse così bene e
con tanta naturalezza che i cuori si confortarono.

--E allora mandalo a chiamare questo fabbricatore di globuli
rossi--disse Ezio, ricuperando un poco di quella speranza che
galleggia sempre anche in mezzo alle più fiere tempeste. Nelle parole
dell'amico egli aveva sentito abbastanza di quel verosimile, che in
cento casi tiene il posto del vero, e quasi lo tien meglio.

       *       *       *       *       *

Seguirono tristissimi giorni. Il medico, che aveva fama di uomo dotto,
colpito dalla novità del fenomeno patologico, non osò pronunciare un
giudizio. Il proiettile non era penetrato nel cranio, non aveva
attraversato le cavità orbitali e quindi non poteva aver occasionata
l'atrofia assoluta dei nervi ottici e prodotta l'abolizione totale
della vista. Continuando nella cura del ghiaccio sulla fronte e nella
quiete somma del soggetto, che pietosamente persuase ad aver fede
nella parola della scienza, egli rimise un definitivo pronostico al
giorno, in cui fosse sembrato utile alla famiglia di interrogare un
consulente specialista. Subito fu fatto il nome del celebre dottor
Dantelli di Torino, che il Cresti aveva conosciuto all'Università. Si
scrisse subito a costui che venisse a Lugano, mentre Andreino
telegrafava poche parole al Bersi. Arrivarono quasi insieme col cuore
pieno di paurosi sospetti e si tenne una specie di consiglio di
famiglia. Che si doveva fare? Cresti era partito senza dir nulla alle
donne del Castelletto. Aveva lasciato solamente due righe per
giustificare una momentanea assenza.

Il Bersi si offrì di partir per Torino con una lettera di Cresti per
il dottor Dantelli, che avrebbe cercato di ricondurre con sè, non
parendo il caso di perder tempo, sia per riparare subito al male se il
male era riparabile, sia per recare al più presto a Ezio il conforto
di una parola autorevole prima che la disperazione andasse alla testa
del povero figliuolo.

Le cose furono così ben condotte, che in men di ventiquattro ore dopo,
il dotto specialista, ornamento dell'Ateneo torinese, scendeva alla
villa. Era un uomo di apparenza ancor giovane, dalla barba brizzolata,
dal viso pallido, dall'aria pensosa e modesta degli uomini, che sanno
quanto scarso sia il potere umano davanti alla grandezza smisurata dei
mali.

In presenza dell'infermo la nuova diagnosi non si allontanò di molto
da quella del dottor russo; il fenomeno si poteva interpretare come
una interruzione momentanea dell'azione visiva prodotta da coaguli
sanguigni. La quiete, la cura ricostituente e la fiducia nelle buone
forze della natura dovevano confortare il malato a sperar bene; ma nel
venir via in carrozza con Bersi, Cresti e Andreino, il dotto clinico
non nascose qualche paura che il male potesse essere irreparabile.

--Cioè... cioè?...--esclamarono in coro con un senso di raccapriccio
gli amici.

--Cioè ch'egli resti cieco per sempre.

--Cieco per sempre? a ventiquattro anni?--ripetè il povero Cresti con
una voce fuggevole, in cui tremava la compassione.

--Il proiettile, passando sopra la cavità orbitale dell'occhio
sinistro, ha offeso i vasi neuro-retinici e occasionato un gran
disturbo di circuito. L'occhio destro è rimasto illeso; ma la cecità
di questo può dipendere da quella che in gorgo medico si dice
compiacenza simpatica o da un travaso di sangue che una diligente cura
antisepsi potrebbe--chi sa?--far scomparire. Non escludo
assolutamente che vi possa essere in giuoco una morbosità nervosa
dipendente dalla eccezionale eccitabilità del soggetto: ma ad ogni
modo, se gli volete bene, dovete far di tutto per prepararlo al
peggio...

--Ezio--disse il Bersi, mordendosi le unghie--non è un ragazzo che
possa rassegnarsi a una condanna di questa natura.

--Il meno che farà--aggiunse don Andreino--sarà di tirarsi un colpo di
pistola nella testa.

--Io farei lo stesso--completò il misantropo del Pioppino.

--È religioso il vostro amico?--chiese il dottore.

Gli altri si guardarono in viso per chiedersi a vicenda una risposta
di cui sentivano tutta la gravità. Ezio era religioso sì e no, come lo
sono un po' tutti i giovani a seconda del tempo che fa. Andava a messa
in campagna per non scandalizzare la povera gente e per non perdere
l'amicizia dell'arciprete; ma, figlio di un razionalista ed educato
alla scuola del lieto vivere, non si era mai posto probabilmente
davanti il problema filosofico di una fede in qualche cosa di
superiore,

--Io ho sempre visto--continuò colla, sua parola facile e serena il
dottore--che dove non arriva la nostra scienza, arriva la religione.
Tutti i giorni assisto a spettacoli edificanti di pazienza e di
sacrificio in gente rozza, primitiva, in poveri contadini, in povere
fantesche che perdono quasi senza piangere la vista degli occhi,
perchè son sicuri di veder sempre qualche cosa ancora al di là delle
tenebre. Voi, amici suoi, non dovete abbandonarlo, ma far appello a
tutte le forze più nobili ed elevate del suo cuore: dovrete offrirgli
la parte migliore di voi, prestargli la vostra fede, se ne avete.

--Se ne avete...--brontolò il Cresti, saltando per il primo dalla
carrozza, mentre arrivavano sul piazzale della stazione. Dopo aver
accompagnato il dottore fino al vagone, ritornarono a piedi alla
villa, discorrendo malinconicamente di questa tremenda disgrazia, che
nessuno sapeva augurare a sè senza provare un brivido di morte. Chi
doveva dare a Ezio la tremenda notizia? e conveniva mantenere i
parenti nell'illusione? e se la pazienza e la rassegnazione fossero
mancate all'infermo?

Il Cresti per parte sua si domandava che cosa avrebbe dovuto dire alle
donne del Castelletto e come avrebbe intesa questa notizia Flora. Non
volendo scrivere, partì lo stesso giorno, in compagnia del Bersi.
Entrambi sentivano quasi una smania nelle gambe di essere cento miglia
lontani. Che catastrofe! che castigo! che disgrazia per la povera
donna Vincenzina e anche per il povero Massimo, ch'era venuto
dall'America apposta per assistere a queste torture!

Il solo Andreino, detto Lolò, rimase fedele a quel dovere di amicizia
che si era imposto. Fuggire in quel momento gli sarebbe parsa una
_impolitesse_ anche rispetto a donna Vincenzina: ma non rimase su
un letto di rose. Il malato, passato il primo istante di confidenza,
ricadde in un abbattimento morale peggiore di prima, che fece saltar
fuori qualche brivido di febbre. Tre dì e tre notti rimase così
rovesciato sul letto senza parlare, senza gemere, come se la morte
l'avesse già toccato colle sue mani di ghiaccio.



III

Una scappata


Per quanto il Cresti nascondesse a Flora la tristissima notizia, non
fu difficile alla fanciulla di leggere sulla sua faccia e di capire
dalle sue risposte imbarazzate e incoerenti che le cose a Villa
Elvetica non erano così liscie come si voleva far credere. Anche la
mamma aveva silenzi e reticenze piene di tristezze. Regina, che per
mezzo di Amedeo era in grado di raccogliere le voci correnti, pareva
imbarazzata a rispondere e lasciava morire freddamente il discorso.
Flora capì che volevano nasconderle una brutta verità, ma non osò
chiedere quel che non si voleva dire. Colse invece l'occasione d'una
sua visita a Villa Serena e interrogò con abilità la vecchia Bernarda.
Ma la donna non seppe dire se non che da Lugano avevan chiesto molta
biancheria, che il signor Ezio aveva la febbre, che era stato chiamato
un dottore famoso da Torino... e che intanto non si parlava di
tornare.

La partenza di Elisa D'Avanzo le fece sentire ancor di più la
solitudine e la tristezza del Castelletto, dove pesava continuamente
un'aria di mistero. La stessa Nunziata andava ripetendo che essa non
sapeva nulla; ma lo diceva in un modo così spaventato, povera donna,
che faceva pensare alle più orribili cose. Flora cominciò a non
dormire la notte. Era evidente che intorno a lei s'era fatto congiura
di tacere: segno che Ezio correva un brutto quarto d'ora. Se non ci
fosse stato nulla di male, perchè tanti misteri? perchè la mamma aveva
così spesso gli occhi rossi? perchè non le lasciavano leggere le
lettere che arrivavano da Lugano?

Il non dormire la notte accrebbe questo stato di vane apprensioni.
Ezio poteva essere stato ucciso, ma Ezio era pur sempre vivo nel suo
cuore. Il non poter parlare di lui colla gente non impediva che essa
non ne parlasse con sè stessa; a poco a poco divenne questo il suo
pensiero dominante, come una luce fissa accesa nel mezzo d'una grande
oscurità.

Di notte balzava a sedere sul letto scossa ancora da quella voce che
l'aveva chiamata la prima volta ch'era arrivato il doloroso
telegramma, una voce lamentevole, ma chiara, che chiamava:--Flora...
Flora.--Al punto che essa scendeva fino all'uscio e stava a sentire,
se mai fosse la mamma che la chiamasse così.

Se avesse pregato che la conducessero per carità a vedere l'infermo,
non poteva aspettarsi che una risposta.--A che pro? e con qual
pretesto?--avrebbero detto:--Ezio aveva bisogno di quiete. Dacchè essa
apparteneva a un altro uomo, meno ancora di prima poteva invocare le
ragioni dell'amicizia e dell'umanità. Nè a chiedere quel che le
sarebbe stato crudelmente negato si rassegnava più il suo orgoglio,
che si sentiva già prigioniero e quasi incatenato dalle meschine
convenzioni: e allora si domandò se non poteva andar senza permesso.
Il viaggio non era lungo. Partendo la mattina, essa poteva essere di
ritorno la sera stessa. Non aveva nulla a recare, nulla a chiedere, ma
voleva soltanto vedere la verità, quella verità che fa tanto più paura
quanto più si presenta vestita in panni non suoi.

Fece un breve studio sull'orario delle corse e vide che, partendo la
mattina col battello delle sei da Cadenabbia, poteva essere a Lugano
per le nove e di ritorno al Castelletto sull'imbrunire. Prese con sè
una valigietta in cui pose un libro, un pezzo di pane e una tavoletta
di cioccolata, ma si accorse di non aver denaro: nè volle chiederlo
alla mamma. Scrisse un biglietto a Regina in cui la pregava di recarsi
subito al Castelletto: «Dirai alla mamma che son partita per Lugano,
ma tornerò stasera. Non stia in cattivi pensieri per me».

Uscì di casa poco prima delle cinque, mentre era ancora tutto quieto
alla riva e nello strade, e si avviò verso Cadenabbia.

Quando fu davanti al fornaio, su cui aveva già fatto i suoi conti,
entrò nella bottega e chiese in prestito al padrone dieci lire in
piccoli biglietti.

--Dove va a quest'ora fresca, contessina?--chiese il padrone.

--Vado su verso Menaggio per alcune compere... C'è qui un ragazzo che
voglia portare questo biglietto subito alla Regina di Bortolo?

--Ci deve andare per il pane.--

Camminando lesta, fu a Cadenabbia prima dell'approdo del battello. A
Menaggio trovò pronto il treno e montò in un vagoncino di terza
classe, dove non c'erano che tre o quattro guardie di finanza.

Si rincantucciò, si raccolse e per tutto il tempo che il treno sbuffò
su per le rampe del monte, non tolse mai gli occhi dallo specchio
fermo del lago, che si dilatava a' suoi piedi. La mattina era nitida,
ma prometteva una giornata calda e senz'aria.

A Porlezza discese dal treno e risalì sul battello, prendendo posto
fra le ceste e i colli che ingombravano la punta di prua. Fatti i
conti, s'era accorta che le dieci lire erano scarse per viaggiare in
prima classe: c'era quasi pericolo di non averne abbastanza per il
ritorno. Ma a questo avrebbe provveduto la zia Vincenzina. Vicino a
lei sedevano altre donne coi canestri sui ginocchi, si radunavano
operai e pescatori, chiocciavano le galline nelle gabbie, i discorsi
comuni della gente si mescolavano ai comandi del capitano e alle voci
dei battellieri che gridavano le stazioni.

Seduta su di un fascio di grosse corde, sotto il suo cappelluccio
schiacciato sulla testa colle tese rovesciate per assicurarlo contro
il vento, Flora, sorpresa di sentirsi così tranquilla e convinta, come
se andasse a compiere un dovere naturale, fissava il punto lontano
dalla sua meta, affrettando col desiderio il momento d'arrivare.--La
mamma--pensava--riceverà il mio biglietto prima di alzarsi. Stasera mi
sgriderà, naturalmente, ma poi mi perdonerà. Perchè io sola non devo
sapere quello che tutti sanno? Quando vedrò che l'opera mia è inutile,
tornerò a casa, non ci penserò più, sposerò Cresti, farò tutto quello
che vorranno.--

Pensare non è la parola precisa. Era piuttosto un passar rapido di
immagini, d'impulsi, di sgomenti, di riflessioni, che viaggiavano con
lei, ma di cui essa non era padrona.

Giunta a Lugano, quando fu dalla folla sospinta fin quasi nel mezzo
della piazza del mercato, chiese a una fruttaiola la strada per andare
a villa Elvetica.

La donna non aveva mai sentito nominare questa villa, ma una guardia
di città insegnò alla signorina il modo di prendere il tramwai della
stazione che l'avrebbe condotta a pochi passi dal luogo. Così fece.
Tutto andava bene come se fosse guidato da una mano benevola.

Dieci minuti dopo, il conduttore le indicava la villa sopra un poggio
in fondo a una salita battuta dal sole. Ringraziò, discese e prese la
sua strada, provando ai primi passi un senso di debolezza: ma si
ripigliò subito.

L'ora si faceva già calda e il bianco della strada riverberava già la
vampa cocente di quel sole, che prometteva un'altra giornata di bel
tempo. Il cancello della villa era aperto ed essa entrò liberamente
sentendosi tutta consolata dalla freschezza delle ombre e dei viali
oscuri che salivano alla casa. Una volta si fermò ad asciugarsi la
fronte, per ricomporre i capelli scompigliati dal vento, accomodò il
cappellino di paglia, che aveva perduto le sue penne e fattosi cuore,
disse a sè stessa:--ora ci sono: botte non me ne daranno.--

E per non lasciarsi avvilire da quella debolezza che l'aveva presa
alle gambe, provò a ridere di sè e dell'ombra sua che, allungandole
sul terreno la persona stretta nel suo giubbetto leggero, e dilatando
le tese del suo cappelline, le faceva la figura di un giovine prete
lungo lungo. Veramente la scappata era più da studente biricchino che
da teologo, e chissà? chissà che cosa avrebbero detto di lei a casa la
mamma, il rigido Cresti, la beata Regina, la Nunziata... E che
sorpresa per la zia Vincenzina di vederla arrivare in quel modo.... Ma
comunque la volesse andare, adesso era qui, stava per rivederlo dopo
un secolo che non lo rivedeva, gli avrebbe parlato, ed egli avrebbe
dovuto almeno ringraziarla della sua carità. Oh non gli chiedeva nulla
nulla; un «grazie» un «addio Flora...» un... «poverina che sei venuta
con questo caldo...» e poi sarebbe tornata a casa tranquilla com'era
venuta.

       *       *       *       *       *

La villa era chiusa da tutte le parti, immersa in un silenzio di
chiostro.

Provò a girarle intorno, in cerca di una porta d'ingresso, provò a
scuotere e a battere nelle persiane; nessun segno di vita, nè di
dentro nè di fuori.

Accostando l'orecchio alle persiane chiuse, non sentì che vi fosse
anima viva. Sfette un istante avvilita senza sapere che cosa pensare.
Che avesse sbagliata la casa? no, il nome di Villa Elvetica era
scritto a lettere d'oro sul frontone; e le soprascritte e i telegrammi
che aveva potuto consultare parlavano nettamente di una villa Elvetica
sopra Lugano, a pochi passi dalla stazione. Dunque non ci poteva esser
errore da parte sua, e bisognava piuttosto credere che fossero partiti
tutti, o che Ezio... oh Dio!... che il povero Ezio fosse stato ucciso
nel duello, e che le lettere e i telegrammi non fossero che un inganno
pietoso dei parenti per preparare a poco a poco l'animo suo a ricevere
la tremenda notizia.

Fu tanta la violenza persuasiva di questa supposizione che le
mancarono le forze e si lasciò andare sui gradini della casa,
tenendosi su a fatica colle mani aggrappate agli stipiti della porta.
Se non perdette i sensi del tutto fu per forza di una volontà quasi
irritata che comandò di resistere, di non smarrirsi in quel deserto,
di opporre agli inganni la forza de' suoi diritti

Se Ezio era morto, perchè non doveva essa saperlo? se era morto
l'ideale della sua vita, ben poteva ritenere finita anche per lei ogni
ragione di essere e di soffrire. Se l'avevano ingannata, non solo era
stata un'ingiustizia, ma una crudeltà; una inutile crudeltà che essa
avrebbe dovuto far scontare a' suoi ingannatori.

A confermarla in questo odioso sospetto ritornavano in mente alcune
circostanze.

Cresti era partito una prima volta coll'animo sollevato, ma era stato
chiamato improvvisamente, mentre facevano venire da Torino un celebre
dottore: da allora era incominciata quell'aria cupa di mistero, che
faceva gli occhi rossi alla mamma, e confuse le risposte di Regina e
delle altre donne....

No, no: era possibile ch'egli fosse già morto, che lo avessero sepolto
in segreto senza che la sua Flora fosse stata chiamata a piangere
sopra la sua bara? Non avrebbe mai più perdonato questo delitto, ma
avrebbe vendicato in sè stessa l'oltraggio, lasciandosi morire di
disperazione sulla fossa chiusa....

--Ezio--gridò non sapendo più resistere alle violenze di quel dolore
acerbo, battendo colla testa e colle palme contro le gretole delle
persiane che risuonarono nel silenzio del giardino....--Ezio!--gridò
una seconda volta più forte, stringendosi i capelli--o mio povero
Ezio, dimmi che non sei morto! oh Dio, non ingannatemi. O cattivi,
pietà di questa poverina; aiuto, Madonna...--

E sentendo che lo spasimo più forte della resistenza stava per
travolgerla in un torrente d'angoscia si accoccolò, si rannicchiò sul
freddo sasso, appoggiò la testa alle braccia; e mentre non cessava di
chiamare con voci alte e straziate il suo Ezio, pianse in uno scroscio
di lagrime infinite.

       *       *       *       *       *

Si ridestò dopo alcuni istanti al suono d'una voce che la chiamava:
credette anzi di sentir pronunciare il suo nome e alzò la testa.

--Si sente male, poverina?--chiese la donna del giardiniere, mentre
cercava di sollevarle la testa.

--Fatele odorare questo profumo--soggiungeva una voce più gentile: e
fu appunto all'acuto effluvio d'un'essenza che Flora si ridestò,
riconobbe il luogo, riprese coscienza di sè, del suo dolore, del suo
pianto, ravvisò la donna e accanto a questa, seduta su una panca del
giardino, un'altra donna pietosa, assai giovine e bella, che le
parlava con soavità, compassionandola, e dava qualche segno di
conoscerla.

Era forse questa signora, che aveva pronunciato poco prima il suo
nome.

--Perdonate--cominciò a balbettare la poverina--sto meglio. Ero
venuta a cercare di questi signori, voglio dire di quel giovane che fu
ferito in duello. È morto? dite. È morto?

--No. Son partiti tutti fin da ieri mattina--disse la donna.

--Partiti?--esclamò Flora, rianimandosi.--Scusate, pensavo che fosse
morto e ho provato un gran colpo di cuore. La sua ferita è guarita?

--Quasi guarita o almeno il dottore assicura che da questa parte non
avrà più nulla a temere. Non so per il resto.

--Cioè?

--È forse una parente la signorina?

--Sono una sua lontana cugina. Dite pure: dovrò pur sapere come sono
andate le cose.

--Si teme che il poverino abbia a rimaner cieco per tutta la vita.

--Cieco?!--gridò Flora, afferrando le mani della donna--Cieco?!--E
lottando contro una specie d'interna incapacità a comprendere il senso
doloroso delle cose, guardava negli occhi la donna per cercare la
soluzione di un enigma che non si lasciava sciogliere.

Ma a poco a poco la verità si fece strada, La nozione del male si
trasformò in una sensazione oscura che l'avvolse come una notte. Il
giardino così pieno di sole sprofondò in una tenebra fitta come se la
verità acida e velenosa, saltandole agli occhi, accecasse anche lei.

La giardiniera, vedendola vacillare di nuovo, la sorresse col braccio
e cercò di rianimarla con delle buone parole, a cui Flora si sforzò di
rispondere per non perdere del tutto una forza di resistenza di cui
aveva ora più bisogno di prima.

--Cieco!--Ora sentiva tutta la grandezza di questa nuova sciagura, che
non osava confrontare con quella che aveva temuto prima, per paura
che, dovendo sceglier tra due terribili mali, il suo cuore avesse a
ingannarsi. Piangeva Ezio come morto e glielo rendevano vivo, ma
cieco: non sepolto morto nella terra, ma sepolto vivo nelle tenebre,
Era una scoperta orribile, da togliere ogni virtù: ma dopo aver
dissipato con un atto materiale delle mani la nebbia che le ingombrava
la vista, tornò in sè stessa per non so qual forza riposta, si alzò e
chiese con voce subitamente rinvigorita:--Sapete se essi intendevano
di tornare a casa?

--Sentivo dire che il signor Ezio desiderava tornare: ma che volesse
tornar subito non saprei dire.

--Grazie, buona donna; scusate se vi ho spaventata.--La fanciulla,
appoggiandosi al braccio della giardiniera, si fece accompagnare un
tratto per il viale fin verso il cancello; ma fatti alcuni passi,
accortasi di non aver ringraziata e salutata la bella signora che
l'aveva soccorsa e di cui teneva ancor stretta nella mano un'elegante
fialetta di cristallo:--Quella buona signora....--disse voltandosi a
cercarla cogli occhi. Ma la buona signora era già scomparsa.

--La conoscete?--chiese alla donna.

--Dev'essere una signora americana che sta all'Hôtel. È venuta anche
lei due sere fa per la prima volta a chieder notizie del ferito e
restò molto impressionata, quando il contino le diede la brutta
notizia. Oggi è tornata per veder la villa, perchè spera che suo
marito, un milionario americano, abbia a comprargliela. Dicono che non
sia propriamente suo marito: ma per noi è lo stesso, purchè la villa
si venda e si esca da questa melanconia. È peccato buttar via questa
grazia di Dio: e anche mio marito potrebbe guadagnare qualche cosa di
più che non a servire questi usurai dell'hôtel che non danno mai un
soldo di mancia. Si sa, siam povera gente che vive di incerti e di
piccoli proventi.--

In Flora, al sentir parlare di mancia, si rivegliò il senso di quel
dovere civile che vuole che ogni servigietto abbia il suo compenso.
Tolse dal magro portamonete una lira di carta italiana e offrendola
modestamente alla donna le disse:--Pregate per quel poverino e un poco
anche per me.

--Lo farò, bella ragazza; non avrebbe per caso moneta svizzera?

--Oh no...--esclamò la povera Flora, arrossendo, cercando inutilmente
tra le poche lire stracciate che eran rimaste nel fondo.

--Fa nulla, pregherò lo stesso.

--E ringraziate per me la signora...--disse, affrettandosi verso le
strada che scendeva in città.--

La donna dalla soglia del cancello la seguì un pezzo cogli occhi e
quindi, pesando il barattolo di cristallo in una mano, la logora lira
nell'altra, mentre tornava sui suoi passi, prese a dire:--Peccato
davvero che resti cieco quel povero figliolo, quando ha la fortuna di
farsi ben volere dalle donne, dalle bionde, dalle rosse, e forse anche
dalle nere. Era forse meglio che morisse addirittura laggiù in quel
prato, povero figliuolo!--E seguitando ne' suoi pensieri, mentre
tornava in traccia della bella americana, almanaccava:--Questa
rossa, pare una sartina o una maestrina di laggiù, e a giudicare dai
capelli dev'essere un diavoletto intelligente, un'anima calda: e come
piangeva! sento ancora il calore delle sue lagrimone sulla pelle delle
mani. Peccato che il suo borsellino sia smilzo come un agone secco.
Per una lira italiana e sporca io dovrei pregare per lui, per lei, e
magari accompagnarli in paradiso. L'americana non ha bisogno delle mie
orazioni e se devo giudicare dall'odore, è di quelle che pregano una
volta sola in punto di morte, quando il diavolo si muove per portarle
via. Questa boccettina--soggiunse, portando il buon odore al naso--par
di cristallo fino e il collo par d'argento, guai se non avessimo di
questi proventi in questi anni di miseria!--E se la mise in
tasca.--Ora non mi resta che di conoscere la maritata, quella per cui
il giovinotto arrischiò di farsi ammazzare. Dev'essere assai bella se
l'ha pagata con un paio d'occhi, scartando la bionda e la rossa. Ma,
ah povera me! che cosa serve la bellezza, se non hai gli occhi per
vederla?--

Ridendo, crollando la testa sulle sue considerazioni, la donna, che
aveva nei suoi giovani anni conosciuto il mondo, finì col conchiudere
che bisognerebbe nascere due volte: la prima per imparare, la seconda
per vivere.



IV.

Belvedere.


Ezio smanioso di tornare a casa sua, appena si sentì in grado di
affrontare le noie del viaggio, fu come se avesse i carboni accesi
sotto i piedi. Sperava che a cambiar aria, potesse rompersi quel
sinistro augurio che gli pesava sul capo; ma non volle ritornare per
la valle di Menaggio, temendo di ripassare troppo presto da luoghi
ch'egli aveva ancora negli occhi. Mostrò invece il desiderio di
scendere ad Argegno sul lago di Como a poca distanza da Villa Serena,
attraversando il valico d'Intelvi. Lassù, a Lanzo e al Belvedere, era
andato da giovinetto con suo padre e gli era rimasta la memoria come
di siti incantevoli, d'aria frizzante e leggiera, di una luce
trasparentissima, piena di azzurro. Deviando un poco, era facile
raggiungere anche la vetta del Monte Generoso, famoso per la
grandiosità delle sue vedute sopra la catena delle Alpi e delle
prealpi, e più ancora per gli spettacoli quasi divini delle sue
aurore. Si ricordava di aver passata una notte di settembre in
compagnia di alcuni cacciatori, che dopo averlo condotto in mezzo ai
boschi oscuri della valle di S. Fedele e di Casasco, avevano acceso un
fuoco e fumato nelle pipe in attesa del sole. Quel bivacco luminoso
nella gran selva dei castagni gli tornava spesso nella mente e aveva
la virtù di accendere ancora una vampa di fuoco nel suo viso. E
ricordava quando, avvolti negli scialli per difendersi dalla brezza
acuta dell'alba, s'erano accovacciati in una specie di fossa a ridosso
dell'ultimo dente, e di là aveva visto schiarirsi a poco a poco il
cielo, prima in un colore opalino verso la somma volta, poi in
striscie più calde all'orizzonte, in cui guizzavano delle pagliuzze
d'oro, finchè un vivo braciere di fuoco purpureo venne a divampare
sopra le vette e a tingere di sangue le pozze e i rigagnoli dei
pascoli. Ricordava con una chiaroveggenza quasi dolorosa questo
sublime spettacolo, in virtù di quella vista che non è negli occhi, e
che va spesso più lontano, oltre i confini del senso. Sperava di
ritrovare di nuovo lassù queste vive immagini a cui l'anima sua
attaccava un'ultima speranza. Quasi se le prometteva come un premio
alla sua costanza, con quell'ostinazione propria delle anime forti,
che rifiutano di credere ai mali che le opprimono.

Non osava ancora ammettere che le sue pupille, così pronte poco prima,
osassero disobbedire al cenno imperioso della sua volontà ancora così
piena di luce e di cose. Non si scongiura un male se non ribellandosi.
La rassegnazione, la più umile delle virtù, non è buona se non quando
è necessaria.

Arrivarono all'Albergo del Belvedere sul far della notte, dopo un
viaggio lento, melanconico, in cui quasi nessuno parlò. Soltanto don
Andreino si sforzò di parer qualche volta di buon umore: ma i suoi
discorsi, per quanto cercasse di farli parere spontanei, avevano
nell'animo de' suoi compagni di viaggio quella falsa risonanza, che
mandano le posate e i bicchieri a un pranzo che segue un triste
funerale. Ezio, sentendosi le ossa affrante e lo spirito depresso, si
mise subito a letto dopo aver persuaso Andreino a svegliarlo la
mattina all'alba, perchè desiderava di assistere alla levata del sole.
E quasi che in questa speranza trovasse il suo riposo, si addormentò
subito.

Intanto che il contino prendeva alcuni accordi coll'albergatore, donna
Vincenzina che il doloroso viaggio aveva stancata d'anima e di corpo,
era andata a sedersi in un angolo del terrazzo che domina,
dall'altezza di quasi mille metri, il lago di Lugano e stava fissa a
contemplare ora le stelle che luccicavano nel fondo del cielo, ora i
lumi della città sottoposta, collocata nella profonda oscurità
dell'abisso.

Massimo la trovò immersa nelle lagrime.

Dopo una settimana di torture, sul momento di avvicinarsi a casa, essa
sentiva tutta la grandezza della sventura che li aveva colpiti e
cercava nel pianto un sollievo.

Massimo sedette accanto a lei, nell'angolo dove arrivava, diluita, la
luce dei fanali e languivano gli ultimi rumori che uscivano
dall'albergo.

--Abbiamo ragione di piangere--disse con voce soave e tremula il
vecchio amico,--È una grande sventura e non vedo come, col suo
temperamento autoritario e irritabile, Ezio possa sopportarla. Temo
anch'io che in un momento di maggior avvilimento egli possa commettere
uno sproposito. Colla sua è la vostra disgrazia, poverina. Quale sarà
la vostra vita da ora innanzi? come potete legarvi per sempre, alla
sorte di un cieco?

--Che cosa pensate, Massimo? che io possa abbandonare Ezio?

--Non posso pensare nulla di male di voi, sapete: ma temo che il
sacrificio sia maggiore delle vostre forze.

--Io ho sempre amato Ezio come un figliuolo.

--È vero. Avesse egli corrisposto con altrettanto affetto! Ora che la
sventura l'ha colpito così tremendamente, credete ch'egli saprà
trovare quella ricchezza di cuore di cui voi avete bisogno? Già
sacrificata una volta all'egoismo del padre....

--Vi proibisco di parlare, Massimo--fece donna Vincenzina, posando una
mano sulla mano di lui.

Massimo chinò la testa e stette un istante in silenzio. Fu essa la
prima a riprendere la parola dopo un lungo intervallo, durante il
quale gli occhi avevano a lungo contemplata una stella.

--Voi che cosa mi consigliereste di fare?

--Una cosa semplicissima, Cenzina--disse Massimo con una tenerezza che
ricordava nel suono e nelle parole un'antica famigliarità.--Che si sia
in due a portare questa croce.

--Oh sì... io faccio affidamento sul vostro aiuto, Massimo--disse
lentamente.

--Ma io potrei ripartire, capite? quando fossi vostro, tutto vostro,
Cenzina....--

Essa non rispose. Come se un improvviso malore l'assalisse posò la
testa sul braccio appoggiato al balaustro di sasso e lasciò che il
vecchio amico portasse la sua mano alle labbra. Ve la tenne un pezzo
il vecchio amico e la bagnò di lagrime calde che uscivano dal vecchio
cuore.

       *       *       *       *       *

Fu il primo Ezio a svegliarsi e chiamò Andreino che dormiva in un
letto accanto.

--Ho sentito sonar le tre all'orologio del corridoio. Aiutami a
vestirmi: noi dobbiamo essere su qualche altura prima che il sole
metta fuori le corna. Voglio respirare la brezza dell'alba, la buona
brezza che sveglia gli uccelli e gli alberi: voglio lavarmi gli occhi
nella rugiada e ricevere in viso il primo raggio di sole, riceverlo
puro attraverso alla pura atmosfera.--

E su questa intonazione, in cui non avresti saputo discernere quanto
di enfatico egli mettesse per sostenere i dolori del suo spirito,
seguitò a discorrere finchè Andreino non fu pronto ad accompagnarlo.

--Ora sta zitto, perchè a quest'ora i cristiani dormono--gli disse il
contino.

--È buio?

--Buio pesto. Appoggiati al mio braccio e sta attento a fare gli
scalini che ti conto. Troveremo qui abbasso il _portier_ che ci
aspetta.

--Non lo voglio: andiamo soli, Andreino.

--Ma io non conosco queste strade.

--Non fa nulla. Menami fuori, all'aperto, in una di queste vicine
alture. Ho bisogno di respirare un'aria alta. Poi ti dirò quel che
dovrai fare. Tu mi vuoi bene, Andreino: tu sei stato per me in questi
giorni più che una sorella.

--Oh senti, se non hai nulla di meglio da contarmi, lascia stare anche
i complimenti. Eccoti invece un buon bastone di montagna che ti
aiuterà a trovare la strada. È buio anche di fuori, come se si fosse
in una cantina.

--È buio? è proprio buio? Oh com'è fresca l'aria qui fuori--esclamò il
giovane, vagolando sul piazzale--questa vien dal lago. Che silenzio di
chiesa! dormono tutti?

--Non sono ancora le quattro.

--È nuvolo?

--No, ci sono le stelle.

--Allora questa è rugiada....--disse Ezio, tenendo alto il
viso.--Andiamo bene di qua?

--Ieri sera mi son fatto insegnare un sentiero che mena alla
capannuccia detta _des artistes_: di là dicono che si domina
tutta la valle.--

I due giovani cominciarono a salire per un viottolo spianato che
s'internava con arte nelle fitte ombre d'un bosco di faggio. Già il
biancore primo dell'alba andava rompendo il cielo dietro le creste e
un primo alito di luce animava insieme alla brezza la trama degli
alberi. Qualche frullo d'ala usciva all'avvicinarsi dei loro passi.
Ezio camminava appoggiato pesantemente al braccio dell'amico: ma di
tratto in tratto arrestavasi e alzando il bastone in atto di protesta
gridava:--Sei sicuro che di quà si va bene? mi pare invece che si
discenda nella valle.

--C'è quì un cartello colla freccia che insegna la strada.

--Dov'è questo cartello?

--L'abbiamo di poco passato.--

Si ripigliava il cammino. Ezio a un punto si distaccò dalla sua
guida:--Voglio provare a camminare da me. La strada è molle come un
tappeto. Direi che quasi comincio a veder qualche cosa. Di', non c'è
lì in faccia una fontana con un cavallo che beve?

--Dove?--chiese Andreino imbarazzato.

--Lì, in mira al mio bastone. Un bel cavallo bianco.

--Ah sì... è una grossa rupe.

--C'è però qualche cosa di bianco.

--Sì, una macchia di granito.--Non c'era nulla: ma il giovine cercava
di secondarne le allucinazioni per tenergli alto lo spirito.

Ripresa la strada e usciti dal bosco, cominciarono a montare sul bel
sentiero che sale il dosso erboso del monte. Sentendo un mormorìo
d'acqua, Ezio volle arrestarsi a bere. S'inginocchiò sull'erba, stese
la mano al rigagnolo, bevette nei palmi di quell'acqua diaccia, se ne
bagnò il viso, la testa, s'inebriò di quella freschezza.

Cominciava ad albeggiare. Le creste si colorivano di rosa: il cielo
diventava sempre più turchino, il verde dei vecchi boschi, meno
oscuro, più ridente il verde dei prati: rumori vaghi e indistinti
uscivano dai cespugli, dalle piccole siepi: e più acuto si sollevava
l'odore dei muschi e delle erbe selvatiche. Il fondo delle valli
continuava a restare immerso in una fredda e nebulosa oscurità, mentre
si andavano via via accendendo le vette più alte, dapprima le nevose
che pigliavano una chiarezza rosea di carnagione viva, poi le altre
ferrigne e taglienti, che si rinforzavano nella luce, più tardi ancora
i greppi, i dirupi, che parevano scostarsi per lasciar adito
all'incanto luminoso dei pascoli, coi casolari alpestri raggruppati in
un lieto disordine. Uscivano di mano in mano dai fuggenti vapori, come
da veli lacerati e scossi, gli spacchi dei laghi, movevansi le
ondulazioni delle colline lontane, svegliavansi al tocco insinuante
della luce i borghi fitti di case, ridevano i poveri villaggi adunati
alle falde e un intimo affetto univa la terra, patria dei dolori e il
cielo, patria delle serene speranze....

Ezio andava avanti, prudentemente, alzando la faccia contro la brezza,
aspirando quei profumi, raccogliendo quei suoni, sentendo intorno a sè
il ritorno del solo, indovinando colla fantasia la bellezza delle
cose: ma un cerchio di ferro cingeva il suo capo.

--Ah....--fece una volta, aprendo la bocca a un grido, che morì
soffocato dall'angoscia mortale.--A te lo posso dire, perchè sei un
uomo ragionevole. O mi tiran fuori di questa cantina o la faccio
finita....

--Perchè pensi a queste cose?

--Perchè non posso a meno di pensarle. Ti par possibile questa vita di
fringuello in muda? Quando sentirai che mi son tirato un colpo nel
cervello, dirai: Povero diavolo, s'è liberato.

--Non dovresti dirmele queste sciocchezze che mi fanno male--protestò
Andreino, facendo sentire nella voce un tremito di dolore.

--Sì, sì, hai ragione, povero Lolò, non dovrei dirle a te queste cose.
Tu credi alla Provvidenza, tu... mentre io, in questo caso, proprio
non so vedere che ci possa essere una ragione nel tormentare così un
uomo come una bestia. Vien qua: dammi il braccio. Siam fuori del
bosco? da qual parte è il lago? Sento che va diventando chiaro: sento
che è bello qui intorno a me. Non è vero che le cime son accese come
tanti falò?... Lascia che io mi sieda, qui, qui, in qualche sito:
mettimi in faccia al sole. Lasciami qui solo. Non aver paura, Dreino,
non mi farò del male: no, povero Lolò, vi ho già dato abbastanza noie,
povera gente. Ho bisogno di star solo, un momento, per pensare al caso
mio e a quel che devo fare di me.... Non immagini che pena sia sentir
il sole sulla faccia e non vederlo: è una maledizione orrenda, ve',
aver gli occhi, questi maledetti occhi impiombati. È una cosa ben
crudele che un uomo sia condannato a questo supplizio. Tu non puoi
immaginare quel che soffro: no. Nessuno al mondo può immaginare fin
dove si può soffrire senza morire. È un'atrocità orribile, uno spasimo
indescrivibile. È come l'esser sepolti vivi senza nemmeno la speranza
di morir presto. È tutto il male del mondo concentrato nel cuore d'un
uomo. O papà, o la mia povera mamma, se mi vedete, aiutatemi, fatemi
morire!--

       *       *       *       *       *

Steso bocconi, colle mani che raspavano la terra, il povero figliuolo
lasciò uscire tutti i gridi e tutte le lagrime che da dieci giorni
andava rinserrando nell'anima orgogliosa. C'era da commovere le pietre
soltanto a vedere quella giovinezza schiantata nel suo fiore e a
sentire quel suo dolore piangere così lamentosamente.

Andreino Lulli non seppe far altro che buttarsi a piangere anche lui
sul povero suo amico. Lo carezzò, gli fece sentire il calore delle sue
lagrime, lo strinse nelle braccia, lo baciò sul capo, sforzandosi di
patire anche lui nella misura enorme del suo compagno, oltre la sua
capacità.

Intanto il sole continuava a illuminare in una festa di colori le cime
e scendeva a baciare col raggio le falde erbose popolate di pascoli.
La brezza calava tra le valli, piegando gli steli rugiadosi dei fiori,
recando lo scampanellare sparso degli armenti. In questi due giovani
soffriva qualche cosa di più sensibile e forse di più forte della
natura, qualche cosa di cui non avevano ancora la chiara coscienza, ma
che sta nella vita come la scintilla nella pietra.



V.

Triste incontro.


La sera del giorno successivo i nostri viaggiatori arrivavano a Villa
Serena. Andreino aveva mandato avanti un telegramma a Cresti che
avvisò le persone di servizio e fece aprire la casa. Per evitare a
Ezio il su e giù del battello a vapore, ad Argegno avevano presa una
barca con due buoni rematori che in breve tempo li portarono alla
punta del Barbianello, dove giunsero sull'ora d'uno splendido
tramonto.

La vecchia Bernarda, che non aveva quasi più lagrime per piangere,
quando vide dalla punta spuntare la barca e riconobbe le persone, come
se vedesse venire non una barca ma un mortorio, esclamò:--Povero il
mio Ezio! ha fatto bene la sua mamma a morire.--

Il Cresti, che passeggiava da un'ora coll'orologio in mano, inquieto,
colla febbre indosso, al cenno che Andreino fece da lontano col
fazzoletto, vide farsi oscura l'aria. Amedeo e il vecchio Giosuè, che
spiavano dalla terrazza della darsena, si mossero dicendo:--Son qui.--

Cresti non aveva detto nulla al Castelletto di questo ritorno per
risparmiare a quelle donne la tristezza del primo incontro. Le cose eran
andate in modo che egli non sapeva nulla del viaggio di Flora a Lugano e
credeva che la fanciulla ignorasse la disgrazia toccata ad Ezio. Ma
Flora, alle prime mosse aveva saputo strappar la verità di bocca ad
Amedeo che il Cresti volle condurre alla villa per avere un aiuto pronto
e intelligente. Prima che la barca uscisse dal Barbianello, Flora era
alla casa di Regina al torrente.--Accompagnami--le disse--non possono
tardar molto. È inutile che mi facciate dei misteri. So tutto.--

Regina mormorò qualche parola di commiserazione e uscì con lei. Per
non lasciarsi vedere da Cresti, che avrebbe potuto mandarle via, le
due ragazze si trattennero in disparte dietro il casino svizzero, da
dove, senza essere viste, potevano dominare il lago.

Flora era delle due la più tranquilla. Mentre Regina non poteva
frenare le lagrime e cercava di soffocare i singhiozzi nell'angolo del
suo grembiule, la figliuola del colonnello Polony guardava fissa
innanzi a sè come forse aveva spiato suo padre dall'alto del poggio,
cinque minuti prima di comandare l'ultimo assalto.

La barca approdò non alla darsena, ma alla riva aperta, a' piedi della
scala. Andreino saltò per il primo a terra e porse la mano a donna
Vincenzina. Cresti, Amedeo, Giosuè scesero loro incontro: ma nessuno
seppe trovare la parola che valesse a rompere un silenzio così
doloroso. Aiutato da Massimo e da Andreino, Ezio, che nel toccare la
soglia di casa sua sentiva venire incontro tutte le belle cose della
sua giovinezza, discese dalla barca, si fece dare il bastone e quando
gli parve d'essere orientato, disse:--Lasciatemi, ora son pratico.--

E venendo avanti col passo misurato e cauto del cieco, raggiunse la
rampa della scala, sentì sotto la mano il ruvido della cinta e
cominciò a salire.

--Son fioriti gli oleandri--disse quando fu in cima, dove si fermò un
istante colla faccia rivolta verso la stesa del lago di cui sentiva
l'ampiezza aperta ed il mormorìo pieno di seduzioni. I parenti
seguivano a pochi passi di distanza colla stanchezza di chi torna da
una battaglia perduta. Cresti non vedeva gli scalini, tante erano le
lacrime che gli velavano la luce.

       *       *       *       *       *

Quando ebbe respirato un poco il soffio del vento, il cieco piegò
verso il boschetto delle magnolie dove s'era avanzata ad aspettarlo
Flora. Pallidissima, ma rigida e forte accanto al tronco di un albero
a cui appoggiava la testa, la fanciulla addolorata guardava con occhi
spasimanti.

Regina, nascosta fra gli alberi, s'era lasciata cadere in ginocchio e
pregava a voce alta, perchè la Madonna desse a tutti la forza di
sopportare quel gran male.

Ezio veniva abbastanza sicuro, guidato dal sentiero sabbioso che
strideva sotto i suoi piedi nell'ombra già folta del viale che aveva
per sfondo la luce del lago; quando, parendogli di udire una voce, si
fermò, alzò il bastone come spada e domandò in modo di scherzosa
esclamazione:--Chi va là?--

Flora non rispose, ma si precipitò verso di lui che si sentì chiuso
nelle sue braccia. Egli sentì le sue labbra sulla fronte, sentì
l'affanno della muta angoscia e credette per un istante che la morte
più volte invocata venisse davvero non senza qualche conforto. Tutti
si strinsero davanti a quella scena improvvisa in un sacro
raccoglimento, come se in quei due giovani cuori vedessero soffrire
tutta la natura umana.

Il silenzio che seguì per circa un minuto fu così religioso e profondo
che la voce di Regina uscì come un mesto suffragio, come la preghiera
del sacrificio.

--Vedi, Flora, come mi hanno conciato?--fu il primo a dire il
poverino, che si sforzava di mantenere nello spirito e nella voce la
pacatezza dell'antico elegante:--Addio, maschere, Flora! nemmeno
Pomponio Labeone l'avrebbe prevista.--

Essa rispose con tutte le sue lacrime, che Ezio sentì cadere così
spesse e così calde sul viso che, dimenticando sè stesso si fece a
consolarla.--Povera Flora--disse commovendosi, mentre lasciava
scorrere la mano tremante nel fitto dei folti capelli, come se
cercasse con quella carezza di darle un segno dell'antica
fratellanza:--Ti faccio piangere troppo, povero cuore. So che mi
volevi bene, povera Flora, è un castigo grosso... ma ci vorrà molta
pazienza. Ti conterò tutte le fandonie che mi hanno dato a bere in
questi quindici giorni. Fu una cura di bugie: ma ora non c'è più
dubbio. Sono orbo, orbo come una talpa. Però son contento di essere a
casa mia... Dove siamo? dammi la mano, Flora, così... Questa è la
porta di casa, ecco il primo gradino. Qui ci sarà la Bernarda,
immagino, nascosta in qualche cantuccio. Dove sei tu? credi che non ti
senta piangere, mia vecchia trottola?

--Son contenta di vederla, sor padron..--fece per dire la povera
donna; ma le rughe del vecchio volto s'irrigidirono in una contrazione
nervosa, quasi in una smorfia di pianto trattenuto.



VI

La grande battaglia,


Seguirono giorni di pena, di ansietà, di paura. Ezio mostravasi calmo,
quasi rassegnato: ma non c'era da fidarsi. Don Andreino, scrivendone
al Bersi, non nascondeva le sue preoccupazioni: «Se egli non me lo
avesse già dato ad intendere a chiare parole, basta conoscere il
carattere di Ezio per ritenere che un giorno o l'altro troverà un
estremo rimedio a questa estrema sventura. Nessuno potrà impedirlo:
quasi sto per dire poco cristianamente che non si oserebbe dargli
torto.

«Ora sta sistemando le cose sue, vuol pagare i suoi debiti, ordinare
le carte di suo padre, preparare un testamento. A sentirlo parlare con
tanta freddezza ti fa gelo al cuore. Vi son parole di conforto per
questi mali? io non ne so trovare.

«Anche mia zia, la marchesa di Villamare, è cieca da dieci anni: ma
_ce n'est pas la même chose_. La marchesa ha settant'anni e dopo
aver adoperato assai bene i suoi bellissimi occhi s'è data al buon
Gesù. Ezio è un agnostista (uso la parola che il Brunetière adopera in
un suo stupendo articolo della _Revue des deux Mondes_) e a
ventiquattro anni non manca il coraggio di morire. _Le gest est
beau._»

La Bernarda ebbe presto motivo di persuadersi che questi sospetti non
erano infondati.

Un giorno, mentre stava accomodando la biancheria, vide entrare nella
stanza Ezio, che in pochi giorni aveva riacquistata la pratica della
casa. Dopo aver toccato i vari cassetti dell'antico scrigno di mogano,
fece scattare un battente e ne ritirò una cassetta di cuoio. Apri
l'astuccio, palpò, carezzò colla punta delle dita le canne lucide e
brunite delle pistole mollemente tuffate nella loro custodia di
velluto, ne levò una piccola rivoltella di cui fece scattare
rapidamente il grilletto....

La povera donna fu lì lì per corrergli addosso e strappargliela di
mano, ma si trattenne, vedendo che il giovine rinchiudeva l'astuccio,
collocava questo di nuovo nello stipo, ne ritirava la chiave,
mormorando qualche parola secondo l'abitudine che aveva preso di
parlare con sè stesso, quando sapeva di esser solo, quasi per un
bisogno di ritrovare nel buio la sua personalità.

La vecchia domestica raccontò quel che aveva visto a donna Vincenzina,
che ne parlò a Massimo e a Cresti. Che si doveva fare? mettere a
fianco del giovine una persona che lo seguisse in tutti i passi non
era possibile, perchè Ezio aveva dei momenti di cupa sofferenza in cui
non voleva nessuno accanto a sè: e a questi succedevano ore di non
meno cupa oppressione morale, durante le quali rimaneva disteso sul
letto in una muta tetraggine che non sempre le lagrime riuscivano a
rompere.

Se una vigilanza era possibile di giorno non era egualmente facile di
notte, se anche si fosse trovata la persona capace di assumere un
incarico così pericoloso.

Se ne parlò a lungo col Cresti, ma il signor Cresti aveva già troppi
pensieri suoi, perchè potesse consigliare o sacrificarsi. Il
matrimonio con Flora era stato fissato per la metà o per la fin
d'ottobre e allo sposo stava a cuore che il Ravellino per quel tempo,
lavato e ribattezzato in Villa Flora, fosse discretamente in ordine
almeno nelle sue stanze principali.

La terribile disgrazia di Ezio aveva gettata un'ombra di cattivo
augurio sulla felicità del solitario del Pioppino; ma alla fine
bisognava che tutti si facessero ragione. Ezio non era mica un suo
parente e bisognava anche dire che era andato a cercarla col
lanternino. Giudicando dalle apparenze, anche Flora per la prima
pareva persuasa di questa necessità. Tutto era possibile tranne il
tornare indietro. Se il buon Dio avesse voluto con un miracolo
ridonare la vista al cieco, Flora non poteva raccogliere l'eredità di
uno scandalo. Tra lor due c'era oggi un orgoglio ferito che non si
poteva più medicare, e l'orgoglio divide più della morte.

Così il buon Cresti procurava di far in modo che la logica non
impedisse la sua felicità; la quale era veramente grande, saporita,
luminosa. Finalmente gli pareva di aver trovata la parola lungamente
cercata che spiegava l'enigma intorno a cui si era logorata la sua
mente per tutti gli anni della vita. Tutte le parti dell'indovinello
si schiarivano negli elementi parziali di quella parola che le
riassumeva. Dite «amore» e la vita è la cosa più facile del mondo.

E Flora?

Flora viveva come una sonnambula. Quel suo povero cuore s'era quasi
spezzato del tutto alla vista del cieco che veniva titubante, col viso
alto e pallido, spento.... Quello non era più il suo Ezio, ma il
cadavere di Ezio che camminava.

Un sacro orrore si era impadronito del suo spirito e andava
continuamente scompigliando i suoi pensieri e i suoi affetti. Non
sapeva più che cosa desiderare nè per sè nè per il disgraziato.
Arrivavano momenti in cui non capiva nemmeno i ragionamenti più
semplici e le dimostrazioni che la mamma andava ripetendo per la
centesima volta.--È una grande disgrazia--diceva la signora Matilde
alla figliuola--ma dal momento che egli non ha avuto occhi per te
quando ci vedeva, non c'è motivo che tu perda ora i tuoi a piangere
quel che non si può riparare. Ciascuno ha i suoi doveri nella vita, e
come hai rinunciato a lui quando era felice e trionfante, devi per un
motivo ben più nobile e santo rinunciare, a lui, ora che hai promesso
il tuo cuore e la tua mano a un galantuomo che ti vuol bene. Cresti
non ama veder questo tuo abbattimento. Per quanto grande sia la
disgrazia di Ezio, tu non gli puoi giovare colle tue lagrime.

--Io non piango, mamma--diceva Flora.

--Non piangi, ma fai peggio. Non parli, non mangi, non capisci nulla.

--Dicono che egli si ucciderà.

--A Ezio non mancano le ragioni per vivere, se nella sua coscienza c'è
ancora qualche cosa che non sia orgoglio e vanità. Ma comunque sia, o
mia cara, che giova il tuo piangere?

--Io non piango mica, mamma.

--Che gli giova il tuo soffrire? egli deve essere contento di sapere
che hai trovato in Cresti un onesto e sincero protettore. Settembre è
quasi per finire e troppe cose abbiamo a preparare, perchè abbia a
perdere il tuo tempo in questa malinconia senza rimedio.

--Tu hai ragione, mamma.--

Pareva persuasa di queste ragioni: ma scrivendone di lì ad pochi
giorni a Elisa d'Avanzo essa tornava a girare ancora intorno alla sua
dolorosa idea: «Dicono che se Ezio avesse la fede delle nostre madri e
la nostra, troverebbe la forza di sopportare la sua sventura: e per
invocarla questa fede la zia Vincenzina ha fatto celebrare un triduo
alla Madonna del soccorso. Ci siamo andato ieri per la prima volta
sull'albeggiare, e ho cercato di portare lassù quanto c'è di meno
cattivo nell'anima mia. La buona Regina mi persuase ad accostarmi alla
Santa Comunione e volentieri seguii i consigli di un'anima semplice
per mettermi anch'io in quello stato di semplicità che provoca la
grazia. Ho bisogno di tutti i soccorsi del cielo, mia cara, perchè
questa povera testa non afferra più certe ragioni e non sa più che
cosa credere e che cosa pensare. Che faccio io per salvare un'anima in
pericolo? Ora egli parla di stabilirsi in un suo fondo del basso
milanese, dove potrà, dice, attendere all'amministrazione delle cose
sue, vivere in pace, solo, senza dar noia a nessuno: ma tutti sentiamo
ch'egli cerca i mezzi per meglio ingannarci e che il suo viaggio sarà
ben più lungo e più triste. E intanto mi parlano di nozze...»

La mamma se la vedeva spesso comparire in camera, di notte, pallida e
agitata perchè diceva di aver udito un colpo nell'aria dalla parte di
Villa Serena. Le prime volte che aveva tentato di varcare il cancello
della villa dopo il suo incontro con Ezio, s'era sentita respingere da
una forza invisibile. Il suo cuore era diventato un garbuglio di
sentimenti, di desideri, di paure, di sgomenti, in cui non sapeva
raccapezzarsi. Una specie di ripugnanza fisica urtava collo spirito
avventuroso del suo carattere. Temeva di essere avara o crudele con un
poverino così disgraziato, ma non vedeva in qual modo avrebbe potuto
essere pietosa. Ora l'idea del suo matrimonio con Cresti le si
presentava come un grottesco assurdo, ora rifugiavasi in questo
destino con un senso di sollievo, cedendo volentieri al dovere, come
chi approda su uno scoglio che salva da un naufragio.

Una mattina la zia Vincenzina le mandò a dire che aveva bisogno di
parlarle. Venisse subito per una comunicazione urgente, ma non dicesse
nulla per ora alla mamma.

Il giorno prima Ezio s'era fatto condurre dai barcaiuoli a Lezzeno in
cerca di un vecchio notaio Morelli, che aveva goduto la fiducia del
babbo, ed aveva avuto con lui un lungo colloquio.

Ora il notaio scriveva con riservatezza, per avvertire la signora
Bagliani, che il giovine aveva dettato un vero testamento, come se
fosse alla vigilia della morte. All'Istituto dei ciechi poveri di
campagna aveva lasciato il grosso della sua sostanza, cioè le rendite
del suo fondo di Brentana: una somma era destinata per la
pubblicazione delle memorie di suo padre: venti mila lire come regalo
di nozze a Flora Polony, oltre a molti altri ricordi e regali a
parenti e ad amici.

Il buon notaio sentiva il dovere di rompere in questo caso i suggelli
della circospezione professionale, perchè gli era parso di comprendere
che il disgraziato giovine meditasse un sinistro proposito. Vedessero
i parenti quel che si poteva fare per salvarlo.

La zia Vincenzina prima ancora di parlarne a Massimo e a Cresti,
seguendo un segreto istinto del cuore, aveva voluto discorrerne a
Flora, in cui sentiva una naturale alleata.

La fanciulla giunse alla Villa verso lo due, e dal vialetto dei
carpini fece seguo alla Bernarda che corse ad avvertire la signora. La
zia disceso subito e risalendo colla fanciulla il giardino, le diede a
leggere la lettera del notaio e si consigliò con segreta ansietà su
quel che si doveva fare.

Flora lesse e impallidì: però dopo un istante, senza smarrirsi,
riprese:--Lasciami questa lettera, zia, gli parlerò io. Sì, sì, gli
devo parlare. Non si può abbandonare un'anima che soffre. Non c'è
nulla che vale più d'un'anima. Dov'è? andiamo subito da lui: forse ho
già tardato troppo.--

       *       *       *       *       *

Parlava ora con una calda animazione, senza tremiti, senza lacrime.

Il suo volto si era rianimato come sotto il riflesso d'una fiamma
interiore, che fosse balzata all'improvviso dal suo cuore coperto di
cenere, ma non spento. Dopo aver tentennato un pezzo tra oscuri
viottoli, le pareva di vedere finalmente aprirsi una strada luminosa
davanti a sè, la strada diritta che menava alla mèta, la sua strada,
insomma!

--Non dirgli che ti ho parlato--soggiunse la zia Vincenzina--ma fingi
d'essere venuta qui da te, a caso. Eccolo che esce ora in compagnia di
suo zio. Va loro incontro e procura di scoprire i suoi pensieri. Noi
vi raggiungeremo poi: oh si, dobbiamo combattere tutt'insieme questa
grande battaglia. Va, e che la Madonna ci aiuti tutti, cara la mia
figliuola!--

Flora andò incontro ai due che scendevano lentamente per il viale
della darsena. Quando fu loro vicina cinque passi, fece un segno colla
mano allo zio Massimo perchè tacesse e sentì Ezio che diceva;--No, no,
miei cari. Io non voglio essere di carico a nessuno; la mia disgrazia
non dev'essere la disgrazia di tutti. Per quanto non dubiti del vostro
affetto e del vostro coraggio, penso che laggiù a Brentana, lontano
dal mondo, mi sarà meno difficile rassegnarmi al mio destino.--

Il volto del giovine parve a Flora molto dimagrato. La barba bruna,
che aveva dovuto lasciar crescere, faceva comparire ancor più pallida
la tinta del suo viso, che nelle linee acute e corrette del profilo
aveva un non so che di freddo e di marmoreo sotto la cornice nera d'un
berretto d'astracan alla Russa, che gli copriva il capo e parte della
lunga cicatrice.

L'immobilità degli occhi, oltre a dare a tutta l'espressione di quel
viso affilato una rigidezza statuaria, versava sulla fisionomia, un dì
così luminosa ed aperta, quasi un velo di triste oscurità. La voce già
così balda e dominatrice, risonava come depressa in una lenta
estenuazione piena di lacrime segrete e di rancori, che si
manifestavano in bruschi scatti di tutta la persona e nel modo con cui
agitava davanti a sè il bastone che gli serviva di guida. Vinto,
prigioniero, incatenato nella sua sventura, il vincitore di ieri
trascinava non umilmente la sua miseria: e non era difficile scorgere
ch'egli pensava di procacciarsi una suprema rivincita, quasi quasi una
vendetta, nell'estremo castigo che andava segretamente preparando a sè
stesso.

--Ecco quà la nostra Flora--disse lo zio Massimo, quando la fanciulla
con un gesto del capo ebbe acconsentito.

--Flora?--esclamò Ezio con una dolente cantilena--beato chi la può
vedere! Credevo che mi aveste dimenticato voi altre del Castelletto.
Anche Cresti non si vede quasi mai.

--Si teme di disturbare--mormorò la fanciulla.

--Vado a vedere se è arrivata la posta--interruppe lo zio, obbedendo
ad un richiamo che donna Vincenzina gli fece da lontano.

       *       *       *       *       *

Quando i due giovani sentirono di essere soli caddero e si indugiarono
in un pensiero oscuro, che avvolse come una nube tutta la loro vita.
Il silenzio che ne seguì parve a entrambi più pesante della pietra
d'un sepolcro. Ezio sentì la necessità di uscirne per compassione di
tutt'e due, per rispetto a sè e anche per quel senso orgoglioso di
ribellione che non era ancor morto in lui e su cui andava facendo gli
ultimi conti.

--Stanotte credo di aver avuta un po' di febbre e sento volentieri il
caldo del sole--Riprese a dire, mentre sedeva sul muricciuolo di
sponda, voltando le spalle ai raggi. Flora gli si fermò accanto, in
piedi.

--Stavo dicendo a questo sant'uomo di mio zio che mi pare arrivato il
momento di sistemare la nostra reciproca situazione. Oramai ho perduta
ogni speranza ch'io possa ricuperare i miei occhi di prima. Se fosse,
come volevan farmi credere, un fenomeno di debolezza nervosa, a
quest'ora dovrei provare qualche miglioramento, mentre invece mi pare
di scendere sempre più in un sotterraneo. È un po' dura, ve', Flora,
ma è così...--E vinta anche questa amarezza, continuò, con una voce
più rinvigorita:--Dunque ho pensato di farmi portare a Brentana.

--Fin laggiù?

--Per me ormai laggiù o quassù è lo stesso. Laggiù sentirò a cantare
le rane.

--In quella tristezza? qui c'è chi ti vuol bene.

--Lo so; ma non posso pretendere che altri si sacrifichi per me. La
mia madrina mi vuol bene, certo: e ora c'è anche questo sant'uomo
dello zio Massimo, che si offre di stare con me: ma io non devo
dimenticare che l'una ha già sacrificato alla mia casa forse più di
quanto è giusto che una donna sacrifichi al suo dovere: e l'altro...
non è alla sua età e con qualche vizio di cuore che si possono
cambiare gusti e consuetudini...--E dopo aver fatto di nuovo un
piccolo sforzo sopra sè stesso, come se saltasse una dolorosa idea
intermedia, uscì a chiedere:--E il vostro matrimonio quando si fa?
Sono un po' in collera con Cresti e un poco anche con te, Flora,
perchè ho saputo di questo vostro matrimonio quasi per caso dalla
Bernarda...--

Flora, saltando anch'essa con supremo sforzo alcune idee intermedie,
troncò il discorso tedioso, uscendo a chiedere:--Non ti pare che qui
l'aria sia troppo forte?--

Il vento di sud cominciava a muovere lo acque del lago, che
luccicavano in infinite piccole increspature e a fremere nelle foglie
degli antichi platani.

--Forse hai ragione. Dove siamo? Quando mi distraggo perdo facilmente
la trebisonda del giardino, Dà il braccio a questo pover'orbetto.--

Flora stese la mano e strinse quella del giovine ancora irrigidita da
un resto di febbre.

--Tu hai freddo--essa balbettò.

--Sempre, dacchè non vedo più il sole--rispose, appoggiandosi col peso
alquanto inerte del corpo al braccio della fanciulla.

--O Ezio, tu devi aver molto coraggio...--prese a dire Flora
carezzevolmente.

--Perchè? per chi? Flora?--chiese egli soffermandosi.

--Per te, per i tuoi, per noi tutti...

--So che mi volevi bene, povera Flora--si abbandonò a dire
imprudentemente l'infermo, lasciandosi prendere e trascinare dall'onda
di quella soave compassione ch'era venuto a cercarlo.--Mi hai
perdonato, Flora, il male che ti ho fatto? Io non avrei attirato sopra
di me e sopra di noi questo castigo, se avessi ascoltato i buoni
suggerimenti del cuore.

--Non pensare al passato e a quel che non si può più fare--disse la
fanciulla con animo sostenuto, persuasa di essere in quel momento
quasi la voce di Dio:--Tu devi vivere, Ezio, non per ricordare quel
che è scomparso, ma per quel che puoi fare ancora di bene: e nel bene
che farai a te e agli altri troverai la forza di sopportare il male.
Non devi credere di aver perduto tutto, fin che ti resta un cuore che
ti vuol bene: e noi siam qui tutti intorno a te non di altro occupati
che di volerti bene e di aiutarti a sopportare questa sventura. Quanto
potrai vedere attraverso al nostro amore, lo vedrai come prima, forse
più bello di prima. La luce non è soltanto negli occhi: anzi quella
che viene dall'amore delle anime è forse più chiara. Noi ti aiuteremo
a ricordare, a sperare, a credere. Non lasceremo spegnere le immagini
della tua giovinezza, che invecchieranno meno presto per te che per
noi, perchè tu le conserverai come un tesoro riposto e non le
dissiperai in cose nuove. Qui conosci il paese: sai da dove spunta il
sole e dove tramonta: conosci le piante e i fiori che ti circondano e
ad ogni primavera sentirai nel profumo degli alberi ringiovanire la
terra, rinverdire le siepi, rinnovarsi il piacere di vivere. E intanto
noi ti leggeremo i libri più belli, ripiglieremo il nostro Beethoven
in cui si può vedere tutto quello che si vuole: insomma tu vivrai di
noi, qui, al Castelletto, al Pioppino, pigliando di noi soltanto
quello che è più caro. E se sentiremo che ci sono altri infelici nel
mondo, chi ti vieterà di ritrovare in essi la tua famiglia? Ma perchè
ciò si possa fare, Ezio, è necessario che tu non ci nasconda nulla.
Chi nasconde i suoi dolori comincia a disperare. Noi abbiamo troppi
motivi per credere che tu c'inganni e stai preparandoci un tradimento.
Ebbene, no, Ezio: tu non devi morire.

--Che cosa è il morire davanti a questo soffrire?

--No, Ezio, tu non devi morire per rispetto al tuo stesso dolore, che
è più alto e più santo d'ogni rancore. L'anima è più forte della
morte....

--Ma io, cara Flora, non ho più nulla a leggere in questo libro
stracciato della mia vita.

--Ma puoi scrivere pagine nuove. Tu non puoi dire che la tua vita non
valga nulla fin che non ne hai afferrato il significato ultimo; e meno
ancora puoi dire che nulla valga la vita di là, se non hai finito di
leggere questa, che comincia non quando si nasce, ma quando nasce la
coscienza. Hai tu mai avuto tempo di pensare a queste cose, mentre ti
divertivi e cercavi di affogare la coscienza nelle distrazioni? Forse
è Dio che ha bisogno di te, Ezio, che non ha voluto perdere quel che
tu gli devi e gli puoi dare: e se Dio ti vuole, inutilmente cerchi di
sfuggirgli. Resta, resta dunque con noi a studiare e ad imparare tutto
quello che è bello e utile di sapere: la morte verrà da sè
naturalmente, a suo tempo, buona e pietosa come un sacro epilogo della
nostra esperienza....

--Flora, chi ti mette in bocca queste parole?--esclamò il giovine
infelice, arrestandosi e aggrappandosi più forte al braccio della
fanciulla. Essa pure si scosse un poco meravigliata nell'inseguire
l'eco di parole che non aveva mai nè pensate nè preparate. Chi aveva
parlato in lei?

--Può essere che parli in te qualcuno a cui bisogna obbedire: ma nella
morte dev'essere una gran pace, Flora.

--Ma tu lasceresti indietro un'inquietudine eterna. Tu non puoi
uccidere in te tutti quelli che ti amano.--

Il tremito lagrimoso con cui Flora pronunciò queste parole disse a
Ezio ch'egli non poteva morire senza ferir mortalmente anche il cuore
di chi s'era fatto di lui un idolo. Egoista nel piacere, si accorse di
non esserlo meno nel suo dolore: ma non volendo arrendersi tutto ad un
tratto e confessare il suo torto, cercò ne' suoi stessi mali la sua
giustificazione:--Ah tu non sai che significhi avere sulle spalle una
testa chiusa e pesante come una palla di bronzo. Senti com'è fredda
questa testa senza luce....--

Flora prese nella mani la testa che il giovine le porse e la strinse a
lungo come se volesse col lungo contatto far entrare un poco di calore
della sua anima. Vedendo che quasi stava per perdere i sensi, lo
sorresse sotto il braccio e lo menò a sedere dietro una fitta siepe di
sabine dov'erano alcuni sedili in un spazio erboso. Qui s'inginocchiò
sull'erba e tratto il fazzoletto asciugò le piccole stille di sudore
freddo che gli imperlavano la fronte e le lagrime che stillavano dagli
occhi spenti, come se in essi si riaprisse una nuova fonte di
commozione.

Rimasero così un gran pezzo in silenzio, nel segreto di quell'ombra in
cui il vento che fuggiva tra gli alberi recava il profumo dei fiori
misto all'umido odor del lago che ciangottava contro la ghiaia della
riva vicina. Egli avrebbe voluto dire molte cose: ma una stretta
convulsa gli serrava la voce nel petto pieno di dolori nervosi.
Tremava tutto, agitando le mani sottili e bianche con cui cercava
d'invocare pietà e compatimento. Eran troppe le cose che avrebbe
voluto dire e più ancora quello che non avrebbe saputo dire e che
sgorgavano nuove e impetuose dall'inesplorato fondo della sua
coscienza.

Una volta la mano cadde sulla testa di Flora e vi si fermò nel fitto e
caldo volume dei capelli.--O Flora, o mia povera Flora, che bene che
mi fai. Tu mi scaldi la mano e il cuore. Resta, resta, tu sei il mio
sole... Non ti ho mai veduta così bene come ti vedo ora. Come sei
bella, Flora!

--Mi giuri che non ti farai del male?

--Sì per te, soltanto per te, lo giuro, Flora.



VII.

Verso la luce.


Una sera donna Vincenzina, sentendosi dei brividi nelle ossa, andò a
letto più presto del solito. La notte i brividi divennero febbre, che
crebbe sul mattino forte e ardente. Le sensazioni troppo violente dei
giorni passati dovevano avere il loro contraccolpo nel suo
temperamento non abituato alle fiere battaglie della vita.

Il dottore, chiamato d'urgenza, giudicò il caso non gravissimo; ma
avvertì di stare in guardia contro i pericoli di una febbre infettiva.

Due giorni dopo si dichiarò il tifo, con tutti i suoi sintomi di coma
e di delirio.

Non essendovi a Villa Serena una donna giovine che potesse assistere
la malata, nè potendosi far molto conto sopra la povera Matilde e meno
sulla vecchia Bernarda, Flora trovò che il suo posto era accanto al
letto della zia, e nessuno osò contrastarla.. Per tre settimane,
quanto durò il primo periodo del male, quasi non si tolse il vestito
da dosso, ritrovando nella sua energia, non solo la forza di assistere
la inferma ma anche quella di far andare la casa in modo che ognuno
avesse il suo posto e il suo da fare. Massimo restò fin che gli parve
di non essere d'impedimento: e fu un bene, perchè intorno a lui si
raccolsero gli altri come intorno a un capo di famiglia.

In quest'improvviso sconcerto, nell'apprensione comune, Ezio dimenticò
alquanto sè stesso e cercò di farsi dimenticare. E nell'alternativa di
bene e di male, di speranze e di timori, che formavano la vita di
quelle dolorose settimane, seguì un tempo di tregua salutare per lui e
per tutti gli altri. Lo stesso Cresti che veniva sempre a chiedere
notizie della malata non osava pensare alla sua felicità.

Per non essere d'imbarazzo Ezio usciva spesso a passeggiare solo per
le stradine a lui note, ora verso la chiesa dove s'incontrava spesso
coll'arciprete, ora verso il cimitero dov'erano sepolti i suoi cari,
un cimitero romito e tranquillo in mezzo alle vigne; e vi restava
volentieri seduto all'ombra del muricciuolo a leggere sè stesso.

Intorno a lui ronzavano i mosconi nel caldo odore dell'erba tagliata e
messa a seccare. Frulli d'ala, cinguettii di passeri vagabondi e i
colpi spessi delle coti sulle falci, portati dal vento e mescolati
alle voci erranti del villaggio, gli facevano intorno un piccolo
mondo, in cui sentiva mescolarsi la vita alla morte.

Poco lontano, colle teste quasi appoggiate al muricciuolo, ov'egli
sedeva, dormivano suo padre e sua madre. Per poco ch'egli discendesse
coll'occhio dell'anima sotto le zolle fiorite, ne rivedeva le care
spoglie composte nell'eterno silenzio, immagini evidenti come non eran
tornate mai davanti al suo occhio vivo, quando altre forze lo
trascinavano ad altri pensieri. Ora fatto più chiaroveggente e più
penetrante il suo spirito non si arrestava più alla superficie delle
cose, ma come se una mano potente levasse il muro che separa il regno
dei vivi da quello dei morti, vedeva allargarsi lo spazio in cui si
muovono le cose.

Siam noi che ci sforziamo di alzare una barriera tra i vivi ed i
morti; ma veramente la natura non sa dove gli uni finiscano e dove
incominciano gli altri. Le cose vanno in una seguìta continuità
trascinate dall'intimo spirito che le penetra, mormorando tra loro in
un pensiero solo che le raccoglie, sommessa armonia che sfugge a chi
ha l'orecchio pieno di frastuoni mondani, ma che le anime raccolte
sentono passare insieme alle mille cose che scendono nel tempo. La
morte non è che un principio. Essa è buona quando arriva a tempo come
è buono il cadere d'un frutto maturo, da cui scendono alla terra nuovi
semi: ma non tocca al tronco dell'albero scuotere da sè i suoi frutti.

Colui che aveva meditato il suicidio come la fine d'un triste viaggio,
sentiva ora che il fiume scorre anche nelle tenebre verso un fine
profondo che può essere anche un ritorno.

Ezio seduto all'ombra di quel muricciuolo cercava di richiamare
coll'aiuto delle memorie il passato nel presente per rivivere le ore
che aveva sbadatamente buttato via, ciascuna delle quali aveva dovuto
contenere un sapore non gustato, un valore non apprezzato a tempo,
scaduto per sempre, come quello delle vecchie monete che il contadino
scopre in un angolo del suo campicello. L'avvenire non paga
gl'interessi della vita se non a chi ha saputo ben impiegare il
capitale del suo passato: ma può concedere un largo credito a una
onesta speranza.

Vivere in una buona speranza è il miglior modo per consolidare
l'avvenire nel presente, di dar consistenza al tempo che fugge, di far
della vita l'espressione di qualche cosa.

Il cieco non sapeva capire che cosa fosse questa nuova speranza che
veniva a sorreggerlo nel momento in cui tutte le forze stavano per
abbandonarlo: non capiva nemmeno da dove venisse; ma ne sentiva il
caldo raggio intorno al cuore come intorno al capo quello del sole
ch'egli non poteva vedere.

Intanto non pensava più a morire,

--Non potresti uccidere in te, tutti quelli che ti amano--aveva detto
Flora con ragione. Sì, triste è sopravvivere nel cuore altrui come un
triste fantasma. La vita che viviamo in noi è troppo poca cosa in
paragone a quella che ci lega agli altri. L'anello non si può
strappare senza che tutta una catena di cuori si spezzi. E allora
cercar la pace nella morte è un cercar il vantaggio suo nel castigo
altrui, qualche cosa di più crudele e nel tempo stesso di più vile che
il vivere a spese delle lagrime de' tuoi simili.

La morte che vien da Dio è invece cosa matura e buona, e nessuno dorme
così bene come chi dorme benedetto nel cuore d'un fratello.

Flora aveva ragione. A lui pareva già di riposare in questa soave
benevolenza piena di carità in cui avevano raccolta una povera anima
ferita i suoi parenti, i suoi amici, i servi stessi della casa e le
persone in mezzo a cui sentiva di passare, quando andava per le strade
del paese. La povera madrina s'era ammalata di dolore, il buon zio
Massimo non aveva voluto lasciar la sua casa: perfino quel piccolo
uomo di Andreino aveva saputo compiere per lui meravigliosi atti di
sacrificio e di coraggio: il Bersi, il buon Cresti.... tutti avevano
avuto uno slancio di cuore per salvarlo dal naufragio. E Flora? che
dire di questa tenera creatura, di quest'antica compagna della sua
infanzia, che gli era venuta incontro nel momento più doloroso, quasi
per impedire ch'egli cadesse affranto dai mali, e l'aveva rigenerato
nel lavacro ardente di tutte le sue lagrime?

Da troppe parti ora si sentiva assediato e stretto perchè potesse
ancora pensare a fuggire. Per tradire tante anime buone gli sarebbe
abbisognata una forza ch'egli non possedeva più. Il vecchio egoista si
sentiva un Sansone avvilito e disarmato.

       *       *       *       *       *

Fuori della cinta del giardino continuava a salire nell'erta del monte
una strada a scalinata che passando nell'ombra degli ulivi menava a
una spianata molto verde e aperta dove spiegavasi la gran luce del
cielo e del lago. Qui era anche una piccola grotta naturale rivestita
di molte erbe e per la frescura del sito erano stati collocati alcuni
sedili che invitavano a restare. Ezio imparò a contare i gradini che
menavano fin lassù e una volta arrivato si compiaceva di rimanere a
«contemplare» la larga distesa azzurra che dilagava davanti.

Non la vedeva propriamente con gli occhi, ma ne sentiva l'immensità in
un non so che di più libero e di più arioso che circondava la sua
persona.

Nella freschezza del vento sentiva un refrigerio anche al suo
patimento col quale andava a poco a poco familiarizzandosi: e stupiva
qualche volta di non sentirsi più così fieramente infelice. Si può
amare il proprio dolore? può un'anima stanca riposare nel suo
patimento come un viandante affranto dalle fatiche del viaggio trova
riposo e sonno sopra un mucchio di spine? può fiorire il dolore come
in mezzo alle nevi sboccia un cespuglietto di ellebori? doveva egli
credere a una grazia invocata e intervenuta dall'alto o ritenere che
nella vita e la fonte inesauribile di tutte le forze sempre fresche e
sempre in moto come il mare?

Qualche volta portava lassù il violino che Flora aveva cavato dal
polveroso astuccio e messogli nelle mani e si compiaceva di ritrovare
le note dei vecchi esercizi sulle corde, evocando nell'oscura memoria
frammenti di frasi melodiche che trovavano nel vecchio strumento un
obbediente interprete. In breve, nella raccolta tensione del suo
spirito, scoprì che le dita e l'archetto andavano agevolmente da sè in
cerca di armonie nuove, di accenti sconosciuti, di voci che egli non
aveva mai udito uscire dal cavo legno del suo strumento, quali forse
non erano mai state scritte in nessun rigo di musica. Meravigliato
inseguiva quelle note e quei gemiti in cui esalava il suo patimento e
che avevano la virtù di farlo piangere.

Flora lo sorprese una volta in questa attitudine di ispirata mestizia.

--Tu ti fai bravo--gli disse.

--È sorprendente, Flora. Io comincio ora soltanto a capire che cosa è
la musica. Ho sempre creduto che la musica fosse quella scritta sulla
carta e mi accorgo invece che l'abbiamo in noi. Con un po' più di
pratica meccanica spero di far dire al mio violino delle grandi cose.
Capisco come Orfeo movesse le pietre e le piante; è una cosa divina,
una cosa che fa quasi paura.

Flora, quando la zia cominciò ad aver meno bisogno di lei, saliva
spesso alla grotta per riaccompagnare il cieco in una passeggiata
attraverso ai campi, lungo le siepi e intanto raccoglieva un mazzetto
di fiori per la sua malata.

Ezio imparò a «vedere i fiori nell'erba». Colla mano leggera toccava
la riva erbosa e sceglieva la margherita e il bottone d'oro, il
ranuncolo, il timo silvestre, la menta con una delicatezza prodigiosa
di tocco.

--E dire che io son sempre stato un grande ignorante in fatto di
botanica! e non c'è nulla di più bello di questi fiori naturali che la
terra offre per nulla. Mi piacevan tanto quand'ero bambino e che
venivo colla povera mamma a passeggiare sui monti. Me li ricordo quei
bei fiori di allora... Li vedo tutti come tanti occhi che mi guardano
con tenerezza infantile.--

Flora potè accompagnare il povero cieco in passeggiate sempre più
lunghe per sentieri diversi nel fitto delle erbe di mano in mano che
al venire avanti dell'ottobre anche la stagione si attenuava in una
specie di tenera stanchezza.

Il sole entra con minor vampa nella trasparenza della vegetazione più
rarefatta, in cui qualche foglia già rosseggiante nel verde accenna a
un primo declinare dell'anno. Giornate non troppo lunghe animate da
brezzoline settentrionali passano con luminosa freschezza sulle acque
del lago, in cui i colori del cielo si smorzano in flutti che sembrano
foglie di rose bianche. Le vette dei monti spruzzate dalle prime nevi
ricevono al mattino la dipintura rosea del sole che ristora e stanno,
se si può dire, quasi a ridere di gioia sotto il velo d'un cielo
trasparente e senza fondo. Il rosso carmino delle aurore e dei
tramonti urta e si mescola al bel verde smeraldo dei prati innaffiati
ogni notte dalle larghe guazze e col grigio dell'acqua che sente già i
tremiti paurosi dei venti freddi.

Contemplavano insieme questi spettacoli dagli alti gioghi, ove Ezio
amava inerpicarsi o dagli aperti sagrati delle chiesuole sparse pel
clivo, dove rimanevano a riposare. Ezio vedeva attraverso alle parole
di Flora come dentro a cornici aperte per quella virtù di evocazione
che suscita le luminose visioni dell'artista.

Una volta (era verso il tramonto di una giornata serena e mite)
sentendo suonare una campanella, si lasciarono condurre dal bisbiglio
e dal rumore degli zoccoletti a entrare in una di quelle cineserie che
il sole bacia per ultime, mentre le case del villaggio si oscurano
nella sera e si avvolgono nel fumo delle cene. Quattro muri chiudono
un rozzo altare davanti a cui una povera lampada arde della fede di
tanti cuori. La scienza non è mai salita fin lassù, e il dubbio, se
mai vi passa stanco e perduto, si arresta volentieri a riposare sulla
porta. Entrano le vecchie donne e i coloni che hanno finito di
lavorare e quasi di vivere, insieme al rumore delle zoccolette che
hanno corso tutto il giorno dietro alle capre: e a quell'unica fiamma
d'olio che contrasta coll'ultimo raggio di sole, dietro a una voce che
invita seguono le altre a rispondere il rosario in cui di umano e
d'intelligibile non c'è che il sentimento che l'ispira. Poi quella
stessa voce intona una litania e tutte le altre cantano, nell'ombra
crescente, mentre al dondolare della lampada par che escano ombre ed
immagini dal rozzo intonaco dei muri.

Ezio quella sera era in vena di cantare e provò a mescolare anche la
sua alla voce delle donne e dei ragazzi. Non l'aveva mai fatto in vita
sua, nemmeno da bambino le poche volte che la mamma l'aveva condotto
in chiesa: più tardi aveva creduto che il cantare in chiesa fosse il
teatro dei contadini che mescolano al profumo dell'incenso troppo
odore di prossimo selvatico. Ma quella sera i suoi nervi affievoliti
furono improvvisamente scossi da una soave pietà per tutte quelle
anime che, sprigionandosi dai rozzi corpi, s'armonizzavano in una
cantilena che per le finestre aperte usciva a spandersi per il cielo.

Tornarono a casa un po' tardi quel giorno, mentre già usciva qualche
stella; e per tutta la strada non si dissero una parola.

       *       *       *       *       *

Ai primi di ottobre ebbero luogo le fauste nozze di Amedeo e di
Regina, alle quali Flora non potè assistere come aveva promesso. A
stento trovò un quarto d'ora nella giornata per correre a salutare e
baciare all'imbarcadero la sposa, che partiva per un breve viaggio di
due giorni fino a Locarno e alla Madonna del Sasso, dove aveva
promessa una «divozione». Erano alla riva Bortolo, Maria Giulia, la
zia Maddalena, il parente dell'osteria del Gallo, dove s'era celebrato
il modesto pranzetto, don Malachia che li aveva benedetti, gli amici
barcaiuoli che avevano diviso con Amedeo i trionfi delle regate, le
compagne della sposa e una piccola folla di gente del paese, che
prendevano parte alla gioia di quei due ragazzi come se fosse la gioia
di ciascuno e di tutti. Amedeo vestito di nuovo con una giacchetta di
panno nero, su cui spiccava una lunga cravatta celeste, aveva l'aria
imbarazzata e confusa di un monello colto sul fatto di una
bricconeria, schivava gli occhi degli amici che tentavano di
abbracciarlo, e per darsi un'attitudine seguitava a mordere ed
accendere un bel sigaro nuovo che gli aveva regalato il signor Cresti
in un elegante astuccio di cuoio. Regina in un vestito di pannino
grigio su cui il suo bell'oro giallo faceva una stupenda figura con
nulla in testa, e per tutto bagaglio uno scialle sul braccio e una
valigetta in mano, si lasciava carezzare, baciare e stringere da tutte
le donne, da tutte le ragazze che la invidiavano senza rancore. Era un
pò pallida per le molte emozioni e per la stanchezza delle ultime
giornate, ma gli occhi sereni e aperti lasciavano vedere fino in fondo
la sua felicità resa sicura dall'inconsapevolezza e dalla piena
fiducia nell'uomo a cui aveva detto di sì.

Nulla sarebbe stato più fuori di luogo e avrebbe fatta una più bella
figura barbina di chi fosse venuto a citare a quei due figliuoli un
aforisma sulla vanità delle cose e su la tristezza della vita. Oh
sapevan ben essi che cosa fosse la vita, meglio di qualunque filosofo!
una citazione amara e pessimista non avrebbe potuto intaccare tale
felicità più che la punzecchiatura d'una mosca possa intaccare una
statua di bronzo. La loro vita era così ben fusa e così ben colata
negli affetti naturali che potevano senza timore affrontare le
inclemenze dell'aria e le follie delle stagioni sicuri di acquistar
nel tempo, che rode le macerie, anche uno smalto di più sicura
bellezza. La natura non teme sofismi.

Mentre aspettava il battello che venisse a portarli via, Regina scorse
in una lancetta la signorina Flora che fece un segnale col fazzoletto.
Ai remi sedeva Ezio, il povero cieco, che destò un bisbiglio di
compassione in tutti i presenti. La sposa si sciolse dalle compagne e
scese a riva incontro alla contessina, che saltò a terra e se la prese
tra le braccia.

Regina ebbe appena il tempo di nascondere la faccia nel seno della
buona amica, perchè un improvviso colpo di pianto le schiantò il
cuore.

--Taci, non piangere--le sussurrò Flora.--Non farti sentire, non farti
vedere a piangere per me, non c'è ragione. Dio c'è per tutti,
specialmente per i più infelici. Vedrai che Iddio mi aiuterà e
preparerà anche a me qualche compenso. Tu non cessare di pregare per
me, per _lui_... per tutti. Ho bisogno che Egli compia un
miracolo e che mantenga in me la fede che muove le montagne, fa vedere
i ciechi e camminare i morti. Guai se viene a mancare la fede a chi
cammina sui flutti! si precipiterebbe tutti sul fondo. Pregherai?

--Sì, sì, tutte le volte che mi sentirò più contenta--disse Regina,
asciugandosi di nascosto le lagrime.

--Grazie. Io godrò di ogni tua ora felice, Regina. Salutami il tuo
Amedeo e digli che non ti rubi troppo. Avrò forse ancora molto bisogno
di te....

--Anche lei presto, contessina, farà questo passo. Voglio metterle io,
in capo, il velo di sposa.

--Chi sa? l'avvenire è nelle mani di Dio: e non le facciamo noi le
strade per cui si cammina. Non meravigliarti se le cose andranno per
un'altra strada.--

Regina cercò di scoprire negli occhi della contessina il segreto di
queste parole: ma un improvviso squillo di cornetta avvertì che il
battello era in vista. Le due giovani si baciarono ancora una volta
sulle gote e si sciolsero senza poter pronunciare altre parole. Flora
entrò nella lancetta che si distaccò lentamente dalla riva, mentre
nuovi auguri e nuovi evviva salutavano i due sposi.

       *       *       *       *       *

L'ottobre a un tratto si volse al piovoso, e, come accade spesso, la
stagione precipitò verso l'inverno con giornate tristi e agitate da
freddi venti di nord.

Il dottore fece intendere che il rimanere sul lago non poteva essere
prudente per donna Vincenzina, che usciva da una grossa battaglia; e
consigliò un lungo soggiorno in Riviera, dove anche Ezio avrebbe
potuto trovare più conforto nella mitezza del clima.

Massimo approvò questo consiglio e si offerse di essere compagno e
guida. La zia Vincenzina mise quasi per condizione che anche Flora
l'accompagnasse. Era un premio che la sua infermiera s'era ben
meritato; e non avrebbe fatto male manco a lei un mese di riposo dopo
si grandi strapazzi. Ma bisognava ottenere l'approvazione del signor
Cresti, dell'impaziente fidanzato, che vedevasi offeso nei suoi
diritti per ogni minuto sottratto alla sua felicità.

Questa partenza, foss'anche per un mese solo, minacciava di ritardare
ancora un matrimonio, che era già andato fin troppo per le lunghe tra
mille dolorosi accidenti.

Ma la zia Vincenzina assunse sopra di sè l'incarico di scrivere al
signor del Pioppino una bella lettera, a nome anche di Massimo, per
implorare la desiderata grazia. Un mese di riposo in Riviera avrebbe
restituita una sposa ancor più bella e robusta; e del resto chi
impediva il signor Cresti di fare un paio di valigie e di partire
anche lui in compagnia?

La zia lesse la lettera a Flora che s'incaricò di farla recapitare; e
seguendo un suo segreto pensiero, colse questo pretesto per andare
essa stessa in cerca del suo padrone e fidanzato, lassù al Pioppino.



VIII.

Verso le tenebre.


Pioveva a dirotto quando Cresti la vide venire per il viale delle
mortelle sotto un piccolo ombrello, che riparava a stento la testa,
colle gonnelle raccolte sui fianchi per difenderle contro i colpi di
vento.

A tutta prima stentò a riconoscerla: poi disse correndole
incontro:--Flora? al Pioppino con questo tempo?

--Proprio io. Mi son fidata un po' troppo del tempo e l'acquazzone mi
ha colta a mezza via: ma d'altra parte non potevo tardare--soggiunse
correndo a ripararsi sotto il portichetto, dove depose in un cantuccio
l'ombrello grondante e scosse la pioggia dalle vesti.

--Entriamo in casa dove faremo una fiammata. Ma che idea con questo
tempo?

--Avevo urgente bisogno di parlarle, Cresti.

--Sarei venuto io stesso abbasso.

--No, ho bisogno di parlarle qui, in casa sua, senza testimoni.

--O diavolo, un affar diplomatico--soggiunse lo sposo, offrendole il
braccio e guidandola verso il salotto. Quando furon nell'andito,
abbassando un poco la voce, riprese in tono carezzevole:--Non si era
rimasti d'accordo di trattarci un po' più in confidenza? che cos'è
questo lei, che imbroglia tanto tutt'e due?--

Flora rispose con un moto del capo e con un freddo sorriso: ma Cresti
capì che per quanto cercasse di farsi forza, la fanciulla aveva lo
spirito agitato.

Il fuoco fu presto acceso. Cresti accostò una poltrona e invitò la
fanciulla ad asciugarsi i piedi. Flora si levò il cappello e accomodò
un poco colle mani la testa scomposta.

--Dunque a che cosa devo attribuire questa visita straordinaria?

--Ora dirò. Ma prima mi dia la sua mano, me la dia da vecchio amico e
mi prometta di essere buono.

--Quando fui cattivo con.... _lei_, signorina?--mormorò egli,
piegando un poco la testa per cercare uno sguardo d'incoraggiamento:
ma Flora guardava fissa nel fuoco.

--È forse necessario chiudere anche la porta?--chiese di lì a poco il
padrone di casa, dopo aver ordinato all'Angiolina un caffè molto
caldo.

--Non avremo bisogno di leticare.

--È però un grande discorso, da quel che vedo.

--Sì, grande. Avrei potuto scrivere, ma ho detto: «No, è meglio che
vada io stessa e che gli parli.» La mamma non sa che son qui e non mi
approverebbe se potesse indovinare perchè son venuta.--Flora lottò
ancora un istante contro l'affanno che l'opprimeva, poi soggiunse:

--Ho una lettera della zia Vincenzina per lei, Cresti: veda--e gliela
porse.

--Donna Vincenzina? in che cosa posso servirla?--E fattosi più presso
la finestra per aver più luce, scorse lentamente i pochi periodi con
cui si faceva appello alla sua indulgenza.

--Sta bene l'idea d'un soggiorno in Riviera; certamente farà bene a
tutti. Sicuro che si rimanda ancora alle calende greche il nostro
matrimonio, ma non vorrei aver l'aria di un tiranno. Che cosa pensa la
mamma di questo progetto?

--Povera mamma! sento che io sono una cattiva figliuola per lei, come
sono una cattiva amica per il mio buon Cresti, e una cattiva compagna
per me stessa.

--Qualche volta sì--approvò con una punta di canzonatura il romito del
Pioppino.--Ma veniamo al nostro caso. Per quanto il rimandare di
qualche mese ancora quel che dovrebbe essere già fatto mi pesi un
poco, tuttavia, per non dir di no alla zia, ci si potrebbe intendere.

Il Ravellino non è ancor pronto; ma sentiamo: ottobre, novembre....
bastano?--

Cresti tenne alzate le due dita aperte, agitandole nell'aria, poi
riprese:--Possiamo far i conti almeno per la Madonna di dicembre?

--Non so!--rispose faticosamente la sposina senza togliere gli occhi
dalla fiamma.

--Io non voglio, nè saprei essere un tiranno: ma ho pur bisogno di far
i miei conti. Non parlo, s'intende, de' miei diritti e delle mie
legittime impazienze; ma via, se la Riviera deve far bene anche a noi,
giorno più giorno meno, non è quel che conta. Che cosa dice la mamma?

--Non sa nulla--rispose con tono asciutto e pauroso la signorina. Il
segreto pensiero che l'aveva condotta a questo colloquio s'irrigidì
quasi visibilmente nei tratti del suo volto pallido e stanco.

--Cioè.... intendiamoci--balbettò il pover'uomo che cominciava a non
capire.--Questo viaggio sarebbe per caso un pretesto per... per...--

Flora si coprì gli occhi colla mano, in cui raccolse tutte le rughe
della sua fronte dolente.

Cresti credette questa volta di capir troppo e s'impaurì. Che diavolo
voleva dire questo improvviso scoraggiamento, questo parlar sibillino?
Si smarrì, barcollò sulla sedia, si alzò, mosse un poco le mani in
aria e chiese soffrendo:--Che c'è? non capisco... cioè temo di capir
troppo. O Dio, Flora, m'inganno o è dunque vero, è dunque vero quel
che io temo da un pezzo?

--Noi dobbiamo essere sinceri, Cresti: sì, noi dobbiamo essere forti e
sinceri--ripigliò la signorina del Castelletto rianimandosi, alzandosi
essa pure come per darsi quella forza di cui aveva bisogno.--Io non
posso ingannare, nè Cresti vuol essere ingannato. Oggi sono troppo
necessaria a quella povera gente, perchè possa pensare di
abbandonarla.

--Io... non dico che si abbia ad abbandonare nessuno--balbettò il
poverino--ma chiedo solo se Flora è venuta a portarmi la morte.

--Cresti, mio buon Cresti!--proruppe con un vivo abbandono di cuore la
fanciulla, afferrando la mano inerte del povero amico, che si era
oscurato tutto e quasi rattrappito nel suo tetro dolore.

--Oggi le cose son tutte mutate. Una grande disgrazia, un grande
castigo ha colpito quel poverino. Dio non vuole che io l'abbandoni. Il
mio posto è accanto a lui. Era scritto che io doveva essere per lui
qualche cosa. Non potendo essere altro, sarò la sua infermiera, la sua
guida. Devo vivere per aiutare lui a vivere: devo volere e vedere per
lui: devo accompagnarlo fin dove Dio vorrà, per quella strada che Dio
vorrà, consacrandomi a lui, tutta a lui che non vedrà più la luce del
sole. Sento che l'anima sua è nella mia mano.--

La voce di Flora dapprima esitante s'era andata via via rinfrancando
con un calore di convinzione che non poteva non ferire il suo timido
amico. Dopo aver cercato invano due o tre volte di sorridere alle
nobili declamazioni della signorina e a quel gesto con cui faceva
vedere di stringere un'anima in pugno, uscì finalmente a dire con un
tono tra l'amaro e il beffardo:

--Dio, già, già: è così comodo questo benedetto Iddio che è peccato
non credergli...

--Egli parla attraverso il nostro cuore.

--Come in un fonografo... Eh via, è una commedia!--aggiunse con
asprezza quel pover'uomo oltraggiato.--Ho diritto anch'io a qualche
rispetto.--

Flora sentì alla sua volta il colpo degli oltraggi ch'egli le gettava
in viso e si lasciò cadere sulla sedia.

Seguì un minuto di silenzio gelido, duro, pieno di oscure tristezze,
durante il quale si fece sentire la pioggia battere contro ai vetri.

Fu ancora essa la prima a uscirne. L'uomo si sentiva così irrigidito
nel male, che temeva quasi di dover spezzarsi e cadere in frantumi al
minimo sforzo che avesse fatto per parlare. L'unica idea che gli
andava al capo investendolo come una fiamma era quella che aveva già
espresso colle parole: «Ho diritto anch'io a qualche rispetto...» Ma
dai denti non usciva che un sibilo morto.

--C'è qualche cosa che è sempre più forte di noi, amico Cresti: e se
il nome di Dio la offende in questo momento, ebbene la chiami pure
fatalità: ma preferisco essere disprezzata e odiata piuttosto che
avvilirmi ad ingannare la bontà d'un uomo giusto. Questa confessione
non deve offenderla, Cresti, perchè ella sa che non è storia di ieri.
Siam cresciuti quasi insieme, come fratello e sorella, Ezio ed io:
insieme è cresciuta in me quell'affezione che ora si fa
prepotentemente sentire e ch'è più forte di me e delle mie promesse.
Avevo potuto rinunciare a lui quand'era superbo e felice: non posso
abbandonarlo ora che è così misero. Amo il suo dolore. Io non ho
cercato questi avvenimenti; lo sa: ero quasi superba d'aver rinunciato
a lui; ma la fatalità fu più forte di noi tutti. Oggi quella
pover'anima ha così bisogno di me che io non potrei essere d'altri
senza rimorso e senza raccapriccio. È illogico? ebbene il mio buon
Cresti non potrà accusarmi di egoismo e di grettezza di cuore. Sento
tutto il male che faccio al mio vecchio amico: sento che non potrei in
un modo peggiore ricompensare la sua devozione, il suo affetto: sento
che per poco lo rendo il giuoco della mia volubilità: ma qui davanti a
lui, nella sua casa, io non devo ragioni ad altri che a lui e non
voglio essere quel che non sono.

Egli mi deve giudicare perchè appartengo più a lui che a me, ed egli
conosce la storia del mio cuore più di quanto la conosco io stessa. So
tutto il bene che perdo e non so a quale destino di miseri dolori mi
consacro: ma oggi non posso abbandonarlo, no, senza esporre la sua
anima debole e vacillante ai pericoli d'una nera disperazione. Dio mi
ha messa nella mano un'anima e non posso allargare la mano. Un mio
amico protettore mi offre amore, ricchezza, agiatezza, pace con
decoro, per sempre: questo povero cieco non mi può offrire che
tristezze. Per Cresti potevo essere più che una sorella, sarei stata
una regina. Per Ezio... che cosa potrò essere? non so, non oso
cercare. Non sarà Dio che parla attraverso al cuore, ma sento che una
forza invincibile mi chiama a compiere questo dovere.

--Dovere?--mormorò con ironica meraviglia--non storpiamo i nomi più
sacri.

--Il mio posto...

--E nell'assurdo.

--No, Cresti: nella sincerità.--

Era un'aspra sentenza in una dolce parola che veniva a cadergli sul
capo. Illogico, assurdo o mostruoso, che valeva ormai contrastare a
ciò che fatalmente era andato tanto avanti? Sincerità voleva dire
partita perduta. Del resto, se tornava indietro col pensiero, quel che
la signorina del Castelletto era venuta a dire non era interamente
ignoto a lui che per molti anni aveva assistito al lungo e silenzioso
aspettare di quell'amore. Più d'una volta aveva preso parte egli
stesso ai dubbiosi dibattiti di quel cuore e aveva sofferto delle
ingiurie che gli erano state fatte: ora non vedeva che avverarsi in un
atto per lui mollificante, ma non imprevisto, le mille apprensioni, i
mille oscuri sospetti, le segrete paure e le gelosie del suo stesso
amore. Era dunque fatale che ciò avvenisse.

--E la mamma che dirà?--provò a chiedere.

Il colloquio fu interrotto dall'entrare di Angiolina che portava il
caffè. Il padrone tolse di mano alla donna il servizio e colla minuzia
dell'uomo ordinato e casalingo versò egli stesso il caffè e porse la
chicchera alla signorina.

--Sediamoci, Flora--riprese a dire poco dopo sottovoce, mentre
rimestava col cucchiaino nella sua chicchera.--Sediamo e lasciamo
riposare un momento il cuore. Posso dire di avere sempre temuto questo
istante doloroso, quantunque l'avessi più temuto che preveduto. Può
essere che domani mi sembri la cosa più naturale del mondo e che
l'assurdo sia io: e dovrà essere così, perchè non per nulla un uomo
come son io ha potuto vegetare fin quasi a quarant'anni in una vita
solitaria, scontrosa, senza scopo e senza corrispondenza di spirito.
Io son stato assurdo quel dì che ho potuto credermi degno di qualche
considerazione.

--Non dica questo--cercò di protestare Flora che sentiva lo strazio di
quelle parole.--La nostra riconoscenza...

--Oh, la vostra riconoscenza non mi potrà mancare, lo so: anzi farete
di tutto per pagarmela in lire soldi e quattrini.

--No, no, Cresti.

--Sì, sì, non vi mancheranno i mezzi per pagarmi e ve ne dovrò
rilasciare ampia ricevuta, perchè non abbiate ad averne il più piccolo
scrupolo. Così sarà fatta la volontà di Dio.--

La voce dell'uomo ferito rantolò, l'occhio addolorato si accese di una
tenue fiamma d'orgoglio. Egli si mosse di nuovo come se scattasse da
irti aculei, girò per la stanza lottando con tutto sè stesso, portando
ora una mano ora l'altra alla bocca quasi per voglia di mordere,
finchè voltando le spalle alla signorina Polony si fermò davanti ai
vetri di una finestra vibrando in tutti i muscoli del suo piccolo
corpo robusto, reso quasi cieco da un velo di lagrime morte che non
sapeva più trattenere.

Flora ebbe pietà di quel gran dolore: ma non avendo più parole per
consolarlo, nascose la testa fra le mani e stette così piangente in
un'attitudine di umile colpevole.

Durante questo nuovo silenzio si sentì ancora la pioggia cruda battere
contro i vetri e fremere sulle depresse foglie del giardino.

Le case a riva parevano agli occhi del povero Cresti sprofondate in
una oscura lontananza, il cielo basso e ristretto, le cose tutte
chiuse in una grigia tristezza.

E una grigia tristezza pioveva nel suo cuore. Qualche cosa di vitale
si accorse che cominciava a venir meno in lui. Qualcuno già piangeva
sul povero Cresti che una forza brutale trascinava a morire nel
ridicolo e nell'umiliazione.

A sentir singhiozzare si voltò e vide Flora scossa dal pianto, che
riempiva di lagrime il fazzoletto. Eran lagrime di sincera pietà per
il male che era venuta a portare colle sue mani. Essa per la prima era
la vittima delle cose. Qual colpa aveva lei se non poteva offrire un
amore che non era mai nato? bisognava tener conto del suo coraggio,
della sua sincerità; e perchè era venuta a deporre ai piedi di un
vecchio amico la confessione del suo cuore, bisognava non negare un
segno di riconoscimento a quell'atto di coraggiosa sincerità.

Non bisognava infine denudar troppo un vecchio e poco attraente amor
proprio, non avvilir troppo un'antica dignità, non rimpicciolirsi
troppo nelle proprie sconfitte. Cresti insomma davanti a quella
bambina piangente si sentì ancora il più forte, forse perchè volle
essere il più orgoglioso. Vecchio amico e protettore sentì che toccava
a lui a dir la parola definitiva e si affrettò a cercarla.

--La mamma non sa nulla.... dunque....

--No.

--E non immagina nemmeno.

--Essa non vuol nemmeno che io accompagni la zia Vincenzina.

--Capisco che ella non possa approvare.... perchè... via.... quali
sono i vostri progetti? ma io non voglio saper nulla di quello che non
mi riguarda. Dirò solamente alla mamma le ragioni per le quali può
parere utile che Flora accompagni la zia e resti per qualche mese in
Riviera: le farò capire che potrei accompagnarvi o raggiungervi dopo
qualche tempo e che intanto il nostro matrimonio si ritarda: va
bene?--

E dopo un'altro istante di combattimento riprese:--Per ora mi pare
inutile turbare la pace della povera mamma con delle spiegazioni che
essa non capirebbe e che ci metterebbero tutti in un grave imbarazzo.
E così anche alla gente si potrà dire che il matrimonio è rimandato a
tempo indeterminato.... va bene?--a poco a poco potremo preparare la
così detta opinione pubblica ad accettare i fatti compiuti. Tra noi
due però resta inteso che fin d'ora tutto è.... (e compì il pensiero
soffiando un poco sulle dita), mettiamo d'aver fatto un sogno.... va
bene, Flora?--

E finì quasi ridendo.

--Amico mio, o come devo dire? mio protettore?--sorse a dire Flora
ponendogli una mano sulla spalla--ero sicura, venendo qui, che avrei
trovato indulgenza e soccorso. Nessuno al mondo--mi ero detto--mi darà
ragione: ma Cresti sì. Lui solo mi aiuterà a compiere un pietoso
dovere perchè Cresti è buono e mi ama come una sua figliuola.

--E allora chiamami papà--disse confusamente il vecchio amico,
stringendo fra le tozze mani annerite dal sole la fulva testa di
Flora, a cui accostò il viso contratto e lasciò che la grande
battaglia degli spiriti combattenti passasse tutta. Flora aspettò che
la battaglia finisse, poi portò le mani dell'amico alle labbra e le
baciò più volte.

Non parlavano più, perchè erano arrivati a quel punto di elevazione in
cui la più piccola parola può rompere la serenità del bene, come basta
un sassolino a smuovere una rovina nei declivi delle altissime rupi.

Si strinsero tre o quattro volte le mani in segno muto di pace, di
promessa e di alleanza. Cresti promise come potè di scendere la sera
stessa al Castelletto a persuadere la mamma e a dimostrarle che un
mese di Riviera avrebbe fatto bene a tutti: e accompagnò la fanciulla
smarrita che non trovava più la via di uscire fino al principio del
viale, mentre, cessata la pioggia, un raggio sparso di sole veniva a
battere sulle grigie muraglie.

Il tuono fuggiva morendo lontano nelle alpi e dai rotti del nembo
uscivano lembi di sereno, da cui veniva una fresca brezzolina a
scuotere le frasche grondanti dei pergolati.

Flora si voltò una volta ancora a salutare colla mano quando fu al
cancelletto e scomparve. Egli rispose colla mano e si lasciò andare
sui gradini del portichetto come uomo affranto da una inesprimibile
stanchezza.

Era fatale che ciò avvenisse. Non avrebbe saputo dire nè il come nè il
quando, ma da un pezzo il cuore gli andava dicendo che egli seguitava
a camminare per una strada sbagliata. Flora aveva per lui della buona
amicizia, della stima, della riconoscenza, ma tutte queste cose messe
insieme e condite dalla migliore volontà non bastano ancora a fare un
boccone d'amore.

L'amore vien dal lievito dell'anima. L'amore va solo anche senza il
corteo delle venerate virtù, va al tristo, al povero, al malato, al
mendicante, allo storpio, al cieco: ma non c'è catena che possa
trascinarlo per forza. Amore sale dove la sua natura ignea lo porta,
abbrucia tanto il palazzo di marmo, come la capanna di paglia: ma tu
non puoi suscitare una scintilla in un cuore di ghiaccio.

Si mosse, col corpo indolenzito, come se uscisse dalle verghe. Si
trascinò verso casa, rientrò nel salotto dove morivano gli ultimi
tizzoni della fiammata nella cenere. Il sole entrava per le finestre
ancora sgocciolanti di piova: ma l'aria pareva fatta scura, i mobili
rimpiccioliti. Sulla tavola, presso il servizio di caffè era rimasto
un piccolo guanto che essa aveva dimenticato, un piccolo guanto ancor
pieno della sua mano, ch'egli raccolse e strinse nel pugno, portò alla
bocca per strozzarvi il singhiozzo mortale che gli usciva dal cuore.

Aveva fatto un sogno. _Amen!_

       *       *       *       *       *

A villa Serena non rimase che la Bernarda a custodire la casa. A poco
a poco i balconi e i terrazzi si spogliarono dei loro vasi, le barche
vennero chiuse nella darsena, le palme rivestite di paglia e gli
ultimi scarsi soli d'autunno morirono silenziosi sopra i muri tristi e
desolati.

Nè più liete scesero le giornate al Castelletto dove la signora
Matilde rimase sola senz'altra distrazione che qualche visita poco
allegra del vecchio amico del Pioppino, che dopo aver implorato e
concesso un congedo a Flora, si faceva un dovere di venire con qualche
giornale in mano a leggere qualche fatterello di cronaca o sedeva ad
attizzare i primi focherelli nel caminetto per combattere i brividi
crescenti dell'aria.

Quando arrivava qualche lettera dalla Riviera, la signora Matilde che
aveva già mille ragioni d'essere malcontenta:--Ecco--diceva
amaramente--tutta la sua famiglia è là. Avrei creduto che Flora avesse
più cuore per la sua mamma e per gli amici.

--Il cuore c'è, poverina... provava a risponder il vecchio misantropo,
accatastando fuscellini su fuscellini nella cenere--ma il cuore non ha
l'obbligo di ragionare.

--Ha l'obbligo d'esser giusto. Che posto è il suo in quella casa? di
dama di compagnia? di suora di carità? d'infermiera? di serva? e
intanto non pensa che a casa c'è la mamma mezza malata. Io non avrei
dato questo permesso, caro Cresti: lei oggi ha diritto di comandare e
di volere.

--Ci vuol pazienza...--seguitava a ripeter lui con aria rassegnata: ma
tutti coloro che erano abituati a vederlo passare prima, svelto come
una saetta, si meravigliavano che in poco tempo si fosse fatto così
secco ed appassito, fin trasandato nei vestiti, lui sempre così pulito
ed elegante.

--Sento che morirò di questo dispiacere--diceva qualche altra volta
colla sua querula cantilena la malaticcia signora, che cominciava a
veder buio nell'avvenire. Cresti, in faccia a lei, si mostrava
paziente e disposto a rimandare il matrimonio a gennaio, o anche a
primavera: ma non ci voleva una straordinaria penetrazione per vedere
che la pazienza di Cresti avrebbe avuto un limite e che al tornar
dell'inverno si sarebbe ricaduti in una tremenda tristezza. Flora era
una testa romantica, di quelle che non si arrestano davanti a nessuna
poesia e a nessuna stravaganza: ed era anche naturale che Ezio nel suo
egoismo, rincrudito ora dal castigo, trovasse comodo e bello d'aver
vicino un aiuto in una così cara infermiera. Suo padre aveva anche lui
trovato comodo e bello sacrificare una ragazza ancor giovine a' suoi
umori bisbetici, calpestando i diritti d'un fratello. Fin che ci
saranno uomini ci saranno egoisti: ma Flora aveva altri doveri: nè
poteva ora dimenticarli: nè avrebbe potuto sposare un cieco: nè poteva
rimanere a lungo in questa posizione assurda. L'unica sua
giustificazione erano i suoi capelli che dicevano una testa esaltata,
com'era stato suo padre, com'era stata la nonna Celina, tutta gente
che si sarebbe fatta ammazzare per una idea fissa.

--Peggio per noi che ne abbiamo troppe di idee....!--soggiungeva
malinconicamente il vecchio amico.

Questi tristi discorsi non facevano che lasciar indietro tristezze
sempre più oscure, che andavano crescendo coll'accorciarsi delle
giornate, coll'allungarsi dei crepuscoli, coi freddi preludi
dell'inverno, che sul lago si fa annunciare non di rado prima del dì
dei Morti con piccole burrasche di pioggia e di neve.

Il Ravellino era stato bruscamente chiuso, i lavori interrotti, gli
operai mandati via, la roba lasciata là accatastata sopra i mobili
fuori di posto: ed era bene che le nebbie scendessero folte tra l'una
e l'altra riva del lago a togliere fin la vista di quella casa in cui
troppe illusioni morivano di freddo.

Dopo che Flora era perduta, Cresti non vedeva che ci fosse una ragione
perchè il sole splendesse nel cielo. Quella ragazza aveva riempita
dell'immagine sua tutti i contorni de' suoi pensieri. Far senza di lei
era come togliere la luce a un quadro. Ecco perchè le cose perdevano
intorno a lui ogni colore e i desideri cadevano fracidi come le foglie
del suo giardino sotto le pioggie d'autunno. Il domani non prometteva
nulla a un disgraziato che non aveva nulla da ricordare della sua
vita... di questa povera vita, che dondola tra una memoria e una
speranza.

Mentre negli altri anni, al venir meno dei giorni caldi il solerte
giardiniere prendeva cura de' suoi vasi delicati, o riordinava le
serre, copriva i palmizi, riponeva le uve mangiereccie, riempiva la
legnaia e dava mano alle molte faccende che porta con sè il primo
soffio freddo, questa volta lasciò che le cose andassero come volevano
andare, non toccò nulla, non mutò nulla, non provvide a nulla.

Le sue giornate le passava seduto nel vano d'una finestra, colle mani
strette intorno a un ginocchio, cogli occhi immobili sui vetri al di
là dei quali non vedeva che una nebbia confusa, vuota di cose e di
pensieri, come se cominciasse anche per lui una fatale cecità. Non
riceveva più nessuno, non apriva la bocca nemmeno colle vecchie
ragazze di casa che credevano di conoscere il motivo di quel
mutamento, che inutilmente si sforzavano di distrarlo, di farlo
mangiare, di provocarne le care impazienze, che per le donne
rappresentavano un necessario tormento nella loro vita senza casi e
senza varietà.

A implorare una grazia, le due zitelle facevano accendere tutte le
sere la lampada alla cappelletta dell'Immacolata.



IX.

Fascio di lettere.


FLORA A ELISA D'AVANZO.

«Da una settimana siamo qui in un villino lungo la bella strada
marina, che da Albenga va ad Alassio, un luogo solitario in mezzo al
verde con un terrazzo che dà immediatamente sul mare, al quale si
scende per un rozzo scalo tagliato nella roccia.

«Dalla mia finestra vedo a levante diradarsi l'azzurra linea degli
Appennini, e a ponente un promontorio roccioso su cui domina un'antica
chiesa in rovina.

«Alle nostre spalle in mezzo ai boschi d'olivi, di lecci, e a gruppi
di pini o una serie di poggi sparsi di casolari e di ville. Davanti è
il mare ampio quanto ne può bere l'occhio avido, il mare che batte e
freme senza posa sulla spiaggia biancheggiante e contro gli scogli.

«È novembre: ma qui è primavera e par che tutto rinasca, l'anima e i
fiori.

«Dalla villa staccasi una specie di molo naturale fatto di grossi
massi anneriti dal tempo, sui quali vanno spesso i ragazzi dei
pescatori a specchiarsi nell'acqua, quando la marea è più bassa, in
cerca di conchiglie e di frutti di mare; e mentre scrivo vedo Ezio che
va a raggiungere un sassolone sporgente a foggia di sedia curule, dove
suol passare molte ore, solo, quasi prigioniero del mare, a capo nudo,
sotto il raggio carezzevole del sole, colla faccia rivolta allo
sconfinato specchio delle acque di cui sente i mobili bagliori
balzellargli sul viso, esposto agli sbuffi delle brezze che gli
portano ora gli acri odori del pesce, ora il profumo tiepido dei
giardini, ora il fiato resinoso di un vicino cantiere di cui sentiamo
i tonfi dei martelli sulle stive sonore misto al grido dei fanciulli
che giocano sulla spiaggia.

«Qualche volta Ezio porta con sè fin a quel suo trono il violino e
cerca di raccogliere i discorsi dell'onda, che ora mormora umile sulla
sabbia, ora striscia lunga e faticosa, ora sospira gonfia o minaccia
le pareti dello scoglio, fiera di segreti rancori.

«Il nostro povero cieco, nella oscura sua solitudine, impara a
distinguere queste varie voci, a raccoglierne gl'intimi sensi che
vengono dalle lontane luminosità dello spazio e dalle oscure
profondità dell'abisso e dice che vuol un giorno comporre la gran
_Sinfonia del mare_, che non fu ancora scritta.

«A queste emozioni esterne mescola le sue, abbandonandole al ritmo del
flusso lasciandole cadere e portar via, obliandosi in questo vasto
campo di forze combattenti come un soldato ferito, ma non a morte, che
nel mite crepuscolo d'un giorno di battaglia si addormenta in un sogno
di vittoria. Dal momento ch'egli potè vincere la disperazione con un
atto di pazienza, spegnere l'ira nelle lagrime, indugiarsi in una
speranza, Ezio non è più quello di prima. La feroce ribellione morale
ha ceduto il posto ad una calma o per dir meglio, a una tristezza più
tranquilla, a una volontà nuova di esser buono per meritarsi i
benefici del proprio dolore.

«Mentre prima era così indifferente per tutto ciò che riguardava il
male degli altri, ora dice che gli pare di sentire nella sua miseria
tutte le spine delle miserie umane....

«Ma egli ha molto bisogno di noi: oh guai se gli mancassimo in
quest'oscuro deserto in cui va brancolando in cerca d'una via! Ecco
perchè, a dispetto di tutti i vostri rimproveri, non so pentirmi
d'aver contribuito la parte mia a quest'opera di pacificazione e di
salvezza morale. Per quanto la mia condotta possa parere ingrata ed
egoista verso Cresti e verso mia madre, sento che il mio posto è qui
accanto a lui, dove Dio mi ha posta.

«A Cresti non potrei dare un cuore, di cui non sono padrona, nè egli
lo vorrebbe più. Mia madre non può voler da me più di quanto io possa
fare.

«Questa mia breve assenza dal Castelletto deve aiutarci tutti a
formarci una convinzione.

«_E dopo?_--tu mi domandi.--Dopo ciascuno riprenderà la sua
posiziona naturale e sarà fatta la volontà di Dio. Il romanzo non avrà
il lieto fine che piace ai buoni lettori, non avrà quel fine che
doveva avere e che è nella struttura stessa delle cose di quaggiù. Può
essere che io torni a bussare al tuo uscio per cercarti i mezzi di
vivere e di rendere meno tristi gli ultimi anni di mia madre. Il
lavoro oggi non mi fa più paura, e purchè Dio accolga il mio voto di
rendere la pace a _lui_, sarei pronta a rinchiudermi anche in un
monastero e a dare questa mia vita in sacrificio.

«Non potrò esser sua, lo so. Vedo troppo bene l'abisso che ci divide.
Nè egli oserebbe chiedermi un'elemosina, nè io oserei oggi umiliarlo
colla mia carità. Tra me e lui c'è troppo orgoglio ferito e una
tenebra che non saprei attraversare senza paura. Ma come tu hai potuto
essere fedele a un'ombra, lasciate ch'io resti fedele al mio sogno. Si
sposa qualche cosa di più di un uomo, quando si sposa il suo ideale.
Se, per un cuore che ama, è nulla la distanza che divide i vivi dai
morti, e tu lo sai, io non devo temere nessun'altra distanza, se Ezio
vivrà come ha sempre vissuto in questo piccolo cuore.

«Monaca o vestale, io ne avrò sempre abbastanza di questa fiamma: ed
egli deve sapere che a questa fiamma potrà sempre accendere la lampada
della sua vita.

«Lasciatemi dunque in pace e non vogliatemi condannare coi criteri
borghesi che giudicano ogni vita umana come una calza che si mette sui
ferri e che deve andar bene a un piede.

«_Dopo_ sarà come _prima_: e forse meglio».

       *       *       *       *       *

Qualche giorno più tardi, ripigliando la penna, scriveva di nuovo:

«Qui la nostra vita continua tranquilla con una stagione mite e
serena.

«Abbiamo fatto una buona amicizia con una famiglia di signori
americani, certi Jameson, che occupano una villa poco distante.

«Son due ragazze della mia età che viaggiano col loro padre, un dotto
filosofo dell'università di Boston, che sta compiendo non so quali
studi comparativi sui dialetti d'Italia. È gente assai a modo, che ama
il nostro paese, che fa volentieri della musica: e spesso si fanno
piccoli quartetti sotto la direzione d'un maestro che vien tre volte
la settimana a dar lezione di violino a Ezio. Io siedo al pianoforte e
ho una bella occasione per sciogliere lo scilinguagnuolo nel mio
inglese che le amiche mie trovano quasi elegante. Anche Ezio fa grandi
progressi, quantunque sia obbligato a imparare tutta la sua musica a
memoria: ma superata la fatica, dice che egli si rende padrone delle
sue note, che parlano e piangono con lui.

«Di tanto in tanto fa la sua comparsa nel piccolo golfo un
_yacht_ d'un altro ricco americano, amico dei Jameson, che
soggiorna a san Remo, e che ci porta a fare delle piacevoli escursioni
fino a Genova e alla Spezia.

«Per caso si chiama anch'esso «_Morning star_» Ezio si trova
subito nel suo elemento e impara, nella varia distrazione e nella
compagnia di persone così buone e intelligenti, l'arte preziosa di
dimenticare quel che non serve più a nulla.

«Io resterò qui finchè la mamma verrà a prendermi, cioè non più tardi
della metà di dicembre. Prima avrà luogo un avvenimento di cui ti dirò
i graziosi particolari quando mi sarà permesso di farlo.

«Dopo non so quel che faremo, cioè, se torneremo al Castelletto o se
resteremo qui tutto l'inverno, o se verremo a Torino a bussare al tuo
uscio. Questa ultima sarebbe la mia proposta. Ho bisogno di lavorare
per consolidarmi e per fortificarmi nella realtà. Sento che non mi
manca nè il coraggio nè la fede: anzi, se devo essere sincera anche
con me stessa, mi pare di aver trovato finalmente in me, la persona
che prima era sempre fuori di casa. L'idea che potrei andar monaca
ospitaliera o missionaria e stendere l'opera delle mie mani alle più
lontane miserie mi esalta qualche volta con giubilo interiore come una
poesia. Non sempre sono stata buona nella mia vita e ho bisogno di
espiare qualche peccato d'inconsiderazione anche per la pace di chi ha
creduto troppo in me. Ma non posso abbandonare mia madre. A lei devo
rendere tutto quello che non le ho dato. Lavorando per lei, per
rendere più agiata la mia vecchiezza, mi sembrerà di lavorare per il
cielo. Tu mi devi aiutare. Cerca, cerca intorno a te una scuola,
un'istituzione, una famiglia dove possa far fruttare quel poco che so.

«Tu, che hai potuto vivere così bene col tuo morto nel cuore potrai
insegnare anche a me come si viva d'un dolce pensiero.

«Ora Ezio parla della eventualità ch'egli possa accompagnare questi
signori americani in un lontano viaggio. Se don Andreino Lulli si
lascia persuadere ad andare con lui, il viaggio potrebbe spingersi
fino in America e durare parecchi mesi. Mi si parla anche d'una
prodigiosa scoperta fatta di recente da uno scienziato di laggiù,
certo dottor Gibbon, che guarisce di cecità coll'applicazione dei così
detti raggi chimici. Le Riviste dei due mondi hanno discorso a lungo
di questa meravigliosa terapia e può essere che anche questa volta la
scienza trionfi della nostra incredulità e della crudeltà della
natura. Se questo viaggio si farà, io l'accompagnerò col pensiero: ma
nè i prodigi della scienza nè i miracoli di Dio potranno cambiare i
nostri rapporti.

«_Neque nubent!_--è scritto sulla nostra bandiera, che procuriamo
di tenere alta e asciutta al di sopra di questo mare agitato. Entrambi
dobbiamo rispettare il nostro onesto orgoglio. Se un'umana dignità
impedisce a lui di mendicare nel suo misero stato una limosina, un
sentimento non meno dignitoso toglie a me di trasformare il padrone
del mio cuore in un umile beneficato. Oltre il rispetto che devo a me
stessa, mi salva il pensiero che deve un gran rispetto all'uomo
innocente che ho condannato. Tu sai di chi parlo.

«Ti ha scritto ancora? ti ha confidato il mistero del suo cuore?
povero Cresti; povero innocente! io non potrò mai trovare la parola
che lo risani: ma digli che nel mio «convento» sarà sempre accesa una
lampada anche per lui.

«Cresti mi ha insegnato a credere nella bontà degli uomini, una
dottrina che ha così pochi maestri. Un uomo come lui ogni cento, e
l'umanità non avrebbe bisogno di altri benefattori. Tu, che hai saputo
consolare te stessa, saprai trovare anche per lui la parola che tocca
e sana. Oh, non è colpa nostra se la bufera ci porta come le foglie
d'autunno! E siamo foglie al vento tanto più leggere quanto più
sottili e gracili sono le nostre radici nella terra. Ma la luce e il
cielo ci attirano, cara Elisa...

«Ma io faccio delle eterne divagazioni come se fossimo in vacanza.
Scrivo, scrivo, qualche volta senza capire io stessa quel che penso,
colla furia di chi sta dipanando una grossa matassa, di cui si potrà
fare poi quel che si vuole. Non ne avrai sgarbugliate mai di più
difficili.

Ama la tua FLORA.

«P.S.--È arrivato stasera don Andreino _irreprochable_ nel suo
_tout-de-même_ color «barbagliata» e pare che il viaggio per
l'America sia deciso. Condurrebbero un cameriere che fu già altre
volte a servire negli alberghi inglesi. Così tra il passato e
l'avvenire metteremo la stesa delle acque. Il contino è sempre quel
piccolo uomo inamidato che sai: ma non oso più ridere nè di lui, nè di
altri, nè di nessuna cosa, dopo che ho visto quanta ricchezza di cuore
può nascondersi sotto un _plastron d'englisch fashion_».

       *       *       *       *       *

Verso la metà di novembre Massimo Bagliani scriveva a Matilde Polony:

_Carissima amica_,

«Dodici anni or sono, credo, un giorno di ottobre bello come una
primavera, io Le scrivevo una di quelle lettere che segnano una data
storica nella vita di un uomo. Se ne ricorda? aprendole tutto il mio
cuore, La pregavo allora di sapermi dire quel che di me pensava sua
sorella Vincenzina e come sarebbe stata accolta una mia timida e
rispettosa domanda.

«Molte, troppe dolorose vicende passarono su quella mia lettera, che
appartiene ormai ai palinsesti, ed è inutile che io rifaccia qui la
storia del mio lungo esilio, de' miei dolori e dei rancori, che mi
tennero per questi dodici anni quasi diviso dal mondo.

«Ma la Provvidenza, alla quale da vecchio mazziniano impenitente
continuo a credere, volle che io ritornassi a rivedere il mio paese e
la tomba, dirò così, in cui stavano rinchiuse le mie giovanili
illusioni. Non tutti i fiori sono seccati su questa fossa, e ora non
so più resistere a cogliere quel bene che mi è stato per una via quasi
miracolosa conservato. Vincenzina le avrà scritto su questo argomento
meglio che io non sappia fare con questa penna strapazzata dai
protocolli. Era possibile non rivederci più e dimenticarci per sempre:
non era nè umano nè giusto che potessimo incontrarci senza ritrovare
in noi le antiche disposizioni.

«Tra me e Vincenzina non scendeva che un tenue velo di errori e di
falsi giudizi che non fu difficile rimuovere. Una grande sciagura ci
sospinse più animosamente verso quella meta alla quale saremmo
arrivati per una strada forse più lunga: ma ora la nostra parola è
detta e vogliamo che anche il mondo la sappia.

«A togliere qualche ultima titubanza entra il pensiero che solo a
questo patto potremo essere utili a Ezio, il quale senza di noi
resterebbe senza asilo e senza conforto: e il poverino non ha tardato
a dimostrarci la sua compiacenza. Egli troverà nella nostra casa la
sua casa, nel vecchio zio un nuovo babbo che desidera soltanto di
voler bene a qualcuno. Così, dopo dodici anni, si compiranno i sacri
voti, ma non è men buono un vino che è rimasto dodici anni sotto
terra. Il vino poi non può che migliorare per una lunga sete. È un
romanzetto? è un idillio? una farsa onesta e piacevole? Lasciamo dire:
è sempre bello quello che si deve fare.

«Dunque ci sposeremo. Non saranno nozze segrete; ma vogliamo una
formalità molto semplice alla presenza di pochi intimi, in qualche
angolo alpestre di questa incantevole spiaggia, dove sorga un
solitario campanile in mezzo a una macchia verde, dove un modesto
servo di Dio funzioni in una logora stola.

«Ma Vincenzina non potrebbe far senza della sua madrina di dodici anni
fa. Venga dunque al più presto, cara Matilde, e procuri di trascinare
anche il nostro Cresti che ha avuto così gran parte in quest'episodio.
È vero che è un po' malato? è vero che il suo matrimonio sarà
ritardato fino alla primavera? Dalle poche righe ch'egli mi scrisse e
dai silenzi di Flora ho paura che tra lor due ci sia una cattiva
intesa. Venga e schiariremo le cose.

«Come Flora avrà scritto, Ezio partirà per un lungo viaggio di mare in
compagnia di alcuni amici americani e di don Andreino Lulli. Se non
troverà, come gli promettono, la luce, raccoglierà per via forza,
salute, distrazioni e.... il desiderio di tornare».


ANDREINO LULLI A ERMINIO BERSI.

«Ti avevo promesso di mandarti qualche notizia del nostro disgraziato
amico e son lieto di poterlo fare con inchiostro azzurro. _Tout va
pour le mieux dans le meilleur des mondes._ Ho trovato Ezio di buon
animo, sereno, pacificato, quasi sto per dire più bello ora che si è
lasciato crescere una barba che gli dà l'aria d'un profeta. Chi abbia
compiuto il miracolo non so. O bisogna credere alla mano di Dio, o
bisogna ammettere che la vita abbia in sè stessa il pozzo delle sue
consolazioni. Certo è che in questo miracolo è entrata per molta parte
la carità amorosa di questa sua gente, specialmente della cara
cuginetta dai capelli rossi, che ha voluto tutto dimenticare per
essere la più devota delle infermiere, la più tenera delle sorelle. Su
cento casi in cui la donna è la rovina d'un uomo può darsi un caso in
cui l'uomo deve la sua salvezza a una donna. Pare che Ezio abbia
sentito la medicina di queste carezze.... ed è per sfuggire a questo
fascino che mise in campo l'idea d'un viaggio in America. Con me non
ha toccato questo tasto, ma si capisce che non vuole essere per Flora
nè una catena, nè un castigo. Il passato è irremediabile. Oltre a un
orgoglio ferito c'è tra lor due un uomo.... che aspetta al Pioppino.
Se nel passato Ezio non ha avuto occhi per vedere il bene che aveva
vicino, questa non è una ragione perchè faccia valere oggi la sua
sventura come un credito. Ezio è troppo superbo ancora per credere
alla sua decadenza.

«Mamà e la nonna non volevano che io lo seguissi in così lungo
viaggio: ma si son lasciate persuadere dallo zio, che mi ha dato buone
lettere di raccomandazioni e dal cugino il marchese della Roncaglia,
che ha impegnato dei capitali in una fabbrica di automobili e spera di
trovare in me un non volgare _commis voyageur_. Bisogna pure che
anch'io mi slanci nell'onda dei tempi e che faccia valere quel poco
inglese che ho imparato dalla buona miss Multon. Il mondo, mi persuado
sempre più, è di chi si muove: e poichè nessuna forza può fermare il
destino, meglio è cercare di corrergli davanti.

«Sento che anche tu ti dai alla grande agricoltura e che pensi di
migliorare il nostro cavallo friulano incrociandolo all'ungherese. È
una trovata: e se al mio ritorno vorrai mettermi a parte dell'impresa,
sarò lieto di concorrere nei limiti delle mie forze alla prosperità di
questo ramo dell'industria nazionale.

«Gli automobili avranno un grande avvenire: ma un bel cavallo sarà
sempre un bel cavallo.

«Il mio rispetto a donna Carolina a cui auguro eterna la luna di
miele.

tuo DREINO.


«P.S. Sai chi ho visto di sfuggita da queste parti? ho cercato di non
conoscerla, ma essa fece di tutto per tentarmi. Liana, la bella
spagnuola dagli occhi grandi e vendicativi. Pare che abbia abbandonato
il suo vecchio protettore e che sia diretta a Monte Carlo per tentarvi
qualche altra fortuna».


REGINA A FLORA.

«_Carissima signora Contessina_,

«Poichè il suo ritorno al Castelletto da quel che sento sarà ancora
ritardato, non voglio aspettare più oltre a darle le nostre notizie.

«Noi stiamo tutti bene grazie al Signore: e io sono proprio tutta
felice. Il mio Amedeo non potrebbe essere più buono con me e sebbene
d'inverno ci sia poco a fare e i guadagni siano scarsi, cerchiamo di
far bastare quello che c'è.

«Ho ripreso la scoletta. Quest'anno è cresciuto il numero dei bambini
che in questa nuova casa al torrente si trovano più al largo: e se Dio
mi conserverà la salute spero di averne ancora di più l'anno venturo.

«La mamma vien spesso a trovarmi e mi tiene in ordine la casa: ma ogni
domenica andiamo noi a desinare da loro.

«Amedeo aiuta un poco i giardinieri della Villa nei lavori delle serre
e così ripara un poco ai danni della stagione morta. Per fortuna non
ha vizi. Si figuri che non fuma più e ha smessa l'abitudine di dire
certe parole di cattivo cristiano che mi davano dispiacere.

«Che il Signore ci benedica.

«Vedo di raro la sua signora mamma, ma so che sta benino. Anche il
signor Cresti non scende quasi mai dal Pioppino. Pare che questi
freddi gli abbiano procurata un po' d'influenza.

«Quando vedo dalla finestra villa Serena tutta chiusa, penso alla
terribile disgrazia che li ha colpiti e non trascuro di recitare
un'avemaria per quel povero signore che ne ha tanto bisogno.

«La Madonna gli darà fede e coraggio. _Fiat, fiat!_ il signore sa
sempre quel che fa.

«Mi scriva presto, cara signora contessina, e mi dica che lei è sana e
contenta.

«Riceva un abbraccio dalla sua

_Devot._ REGINA.


BENIAMINO CRESTI A ELISA D'AVANZO.

«Una lampada sarà sempre accesa per me nel suo «convento»?

«Una lampada non è il sole, ma basta a rompere una grande oscurità.

«Grazie a tutte e due. Vedo che tutti i lumini che accendono nel campo
santo non bastano a far vivere un morto, ma io devo pur credere alla
fede altrui, se anche mi manca una fede mia. Ella, buon'amica, fa
appello alla mia filosofia e cerca dimostrarmi che a sopportare i mali
della vita è utile talvolta farsene una ragione. Ho creduto anch'io un
pezzo a questo sofisma e nella mia selvaggia solitudine mi ero
abituato a credere che un uomo non abbia bisogno del fiato di un altro
uomo per vivere.

«Sì, io ero abbastanza sufficente a me stesso, finchè vivevo come
Diogene in una botte. Ma Diogene ha in sè un cattivo compagno. Ora che
ho bruciata la vecchia botte, non so più dove rintanarmi.

«Potrò credere a qualche altra cosa ora che non credo più in me
stesso? Voi dite di sì e so che pregate per questo. Per quanto stenti
ad ammettere che le preghiere facciano dei buchi nel cielo, siate
benedette! Il profumo dell'incenso piace anche a chi non entra in
chiesa. Pazienza! io non sono di quei malati che odiano il chirurgo
che li ha fatti soffrire e benedico la mano che mi ha fatto
un'amputazione necessaria: ma non so se un animale possa vivere senza
cuore.

«In ogni modo tenete accese le vostre lampade: scrivetemi e parlatemi
di tutto ciò che mi possa far bene».



X.

Amore e rimorso.


Ezio, fatto pratico dei luoghi, amava passeggiare solo lungo la bella
strada litorale, soffermarsi davanti alle case dei pescatori che
impararono a conoscerlo e aver pietà di lui, scendere qualche volta
nelle loro barche e andar con loro alla pesca. Le donne e i ragazzetti
lo circondavano con pietosa curiosità e amavano raccontargli la storia
della loro vita non più varia di quella delle ostriche.

Qualche volta spingevasi oltre le ultime case del paese fino a uno
scoglio, su cui sorgeva un modesto caffè detto dell'_Aurora_ che
dava con un terrazzo direttamente sul mare. La sora Cecchina, quando
lo vedeva comparire, metteva a scaldare l'acqua del tè e mandavagli
incontro Sabinetta, una sua bambina di undici anni, che aveva trovato
nel signor Ezio il suo angelo ausiliario.

Sabinetta andava a scuola e non era delle ultime nel leggere e nello
scrivere: ma c'era il terribile scoglio dell'aritmetica e dei quesiti
ad risolvere, che eran cagione di pianti e di guai. Ezio aveva la
pazienza di ascoltare questi piccoli corrucci e a poco a poco aiutava
la bambina a dipanare le piccole matasse de' suoi conti col vinaio e
col mercante d'olio.

In compenso voleva che ella gli facesse sentire qualche bella poesia
del suo libro di lettura.

Sedevano a un tavolino sulla terrazza, alla brezza viva del mare, e
mentre la mamma preparava il tè, Sabinetta declamava il suo Metastasio
e il suo Parzanese colle modulazioni d'una piccola artista.

Nella voce argentina e nelle emozioni della fanciulla, che aveva
graziette tutte sue, pareva a Ezio di vedere le movenze delicate
d'un'anima e il suo cuore s'inteneriva d'un piacere quasi paterno. Tra
le altre amava farle ripetere una lirica sulla _Cecità_, che il
libro dava come tradotta dal tedesco:

    Me pur lontan la giovine
    Inquieta pupilla un dì traea;
    Sul mio capo le aeree
    Nubi, in un mar di luce, errar vedea.

    Pei campi fino all'ultimo
    Orizzonte scorrea lo sguardo anelo,
    Dove in azzurra linea
    Si confondono insiem la terra e il cielo...

    Or quegli anni fuggirono;
    Serena luce, ahimè perduta, addio!
    Nella più fitta tenebra
    S'è rinchiuso, per sempre, il guardo mio.

    Se me più non allietano
    I rai del dì, sovra il mio triste fato
    Non versate una lagrima:
    Gioje novelle ora gustar m'è dato.

    Io son siccome un reduce
    Da lochi estranei al suo paterno ostello;
    Non è, credete, l'intimo
    Mondo dell'altro esterior men bello.

    Come in Sacrario, l'anima
    Quanto di grato in lei scende, ritiene;
    Ciò che vale a commoverla,
    Internamente suo tosto diviene.

La ragazzina diceva questi versi colla dolce cantilena che le avevano
insegnato a scuola e non sempre il suo pensiero penetrava nel senso
delle cose: ma Ezio non ne restava meno commosso.

Un giorno egli tornava dall'_Aurora_, solo, col bastoncello in
mano che gli apriva il passo, ripetendo a voce alta i versi

    «Io son siccome un reduce
    Da lochi estranei al suo paterno ostello»...

quando a un tratto gli parve di sentirsi chiamare per nome. Si fermò
una prima volta dubbioso d'aver ben inteso. Un passo leggiero suonava
accanto sulla terra asciutta del viale.

--Ezio...--mormorò ancora la voce di prima un po' meno paurosa. E
questa volta sentì nello spazio la presenza d'una persona che non
osava appressarsi.

--Chi mi chiama?

--Son io, Ezio: io, Liana...

--Ah!--fece il giovine, alzando meccanicamente il bastone in atto di
difesa. E dopo esser rimasto alquanto perplesso, riprese:--Ebbene, che
cosa vuoi? perchè ti metti sulla mia strada?

--Sai che ti ho voluto bene--riprese la voce dolente.

--O ti pare? fammi la carità, lasciami andare per la mia strada.

--Tu non sai quanto piangere faccio...

--Tu... piangi?

--O Ezio!--proruppe questa volta la voce piena di singhiozzi--perchè
non sono morta io cento volte prima? perchè mi hai cacciata via?

--Io son cieco e sordo per te... Ma insomma che cosa vuoi?

--Il tuo perdono.

--Non so che cosa io debba perdonare a te. Tu non mi hai fatto alcun
male...

--Sì sì, io sono stata tutta la colpa...

--Di che? o inutile che tu venga a farmi altre scene. Va per la tua
strada; la mia è un'altra.--

E agitando il bastone, come per aprirsi una via, mosse qualche passo.

--Io mi rodo del mio rimorso. Ho bisogno del tuo perdono, Ezio. Son io
che ti ha ridotto in questo stato, io donna maledetta...--

Il modo con cui la donna pronunciò queste parole fu di una veemenza
così dolorosa e sincera, che il cieco fu arrestato da un
sospetto:--Tu? che cosa hai fatto?

--Io ho scritto al barone.

--Tu?

--Vi ho denunciati come una spia.

--Tu?--balbettò con un lieve fremito d'ira.

--Ti amavo tanto Ezio...--proruppe di nuovo la ragazza, cercando di
afferrare la mano del giovine.

--Ah!--esclamò egli, alzando le mani per non lasciarsele toccare--tu
mi hai amato troppo, Liana.--E quando gli parve di aver dominato
abbastanza il primo impeto di collera che aveva suscitato nel suo
spirito quella improvvisa rivelazione, movendo qualche passo, le disse
con voce soffocata e raccolta:--Ebbene, Dio ti perdoni, disgraziata.

--No, no: è il tuo perdono che voglio, Ezio; tu hai diritto di
uccidermi. Son qui ai tuoi piedi, Ezio: non lasciarmi così...--Il
giovine si sentì stretta la mano da due piccole mani ardenti e
intralciata la via da una persona che s'era inginocchiata a' suoi
piedi.

--Che cosa fai? una scena, qui, sulla pubblica strada?

--Tu devi pronunciare la mia sentenza, Dimmi che cosa devo fare per
espiare il mio delitto. Lascia che io venga con te.

--Oh, va, va, che cosa dici?--riprese egli con asprezza, cercando di
liberare la mano ch'essa teneva prigioniera?--Rispetta la mia
disgrazia, ragazza.

--Voglio essere l'ultima delle tue serve.

--Va, sii quel che puoi essere e prega Dio che ti aiuti. Io non posso
far nulla per te.--

E con un moto repentino e brusco si tolse da lei che rimase sul
terreno a piangere colla faccia nella sabbia.

Ezio, che conosceva il carattere tragico della bella avventuriera,
molto amica delle scene melodrammatiche, affrettò il passo per
sottrarsi a un fastidioso senso di stizza, che per poco non gli fece
alzare il bastone sopra le spalle d'una donna.

--Sciagurata!--mormorò tra i denti, ripensando all'antica scenata di
Liana contro la baronessa nei pubblici giardini di Nizza.--Vipere, non
donne...--tornò a dire, fermandosi con animo sdegnato su questa nuova
confessione di lei, che chiariva un punto oscuro del triste episodio.
Se il barone s'era trovato quella sciagurata mattina sopra i suoi
passi, il merito era stato di questa donna perduta che... gli voleva
bene.

Era giusto che il rimorso la rodesse: ma, disgraziato lui! per troppo
poco egli aveva perduta la bella luce del sole!



XI.

Addio....


Nuovi pensieri gli fecero ben presto dimenticare questo episodio.
Andreino aveva letto bene nell'intenzione che spingeva il suo
disgraziato amico a intraprendere un viaggio lungo e forse
avventuroso, pel quale mancavagli il lume dagli occhi, che è il
piacere più vivo di chi va in cerca di nuovi orizzonti. Più che la
speranza di ritrovare nei miracoli del dottor Gibbon la grazia della
vista, lo menava lontano il pensiero di mettere tra lui e Flora un
lungo intermezzo di silenzio, un impedimento materiale, uno spazio
insuperabile, nel quale egli potesse svincolarsi e spogliarsi del
nuovo fascino che la vicinanza di lei esercitava sul suo spirito
stanco e bisognoso.

Ezio aveva paura della sua debolezza morale, la quale spesso si adagia
a vivere della vita degli altri ed è non meno vorace nel suo
parassitismo di quel che sia il più feroce egoismo.

Dal giorno che lo zio Massimo, leggendogli qualche malinconiosa
lettera della zia Matilde, aveva richiamato la sua attenzione su
questo nuovo pericolo e sugli obblighi che aspettavano Flora a casa
sua e sui diritti che il vecchio amico del Pioppino vantava sopra di
lei, era entrata nel suo cuore la convinzione che ora toccasse a lui
il dovere di essere il più forte perchè non poteva rispettare in
nessun miglior modo Flora, se non col restituirle la libertà d'essere
fedele a' suoi doveri.

La sua sventura non gli dava altro diritto oltre a quello che si
risolve nel meritare le lagrime dell'altrui compassione. Voler di più
sarebbe stata nella sua meschinità fisica un'abbietta usurpazione, una
violenza che avrebbe deturpata la santità del dovere.

Toccava a lui, toccava a lui essere non solo il più forte per conto
suo, ma sorgere difensore non chiesto della naturale debolezza di lei,
già inclinata al sacrificio, già trascinata da mille memorie, già fin
troppo intenerita da troppe lagrime.

Poichè gli amici Jameson parlavano di voler essere per le feste di
Natale nel seno delle loro famiglie, Ezio pensò di approfittare del
loro replicato invito e affrettò con Andreina segretamente i
preparativi del viaggio. Egli era persuaso che Flora l'avrebbe seguito
col pensiero... ma ogni parola di addio non poteva essere tra lor due
che uno strazio inutile o una volgare menzogna.

Il silenzio o l'eloquenza del sacrificio.

Il _Morning Star_, il grazioso _yackt_ dell'amico americano
era venuto a prendere i vicini Jameson per una gita notturna da farsi
al chiaro di luna e a cielo stellato, una gita che doveva spingersi
questa volta fin quasi alle coste di Marsiglia. Ezio e Andreino Lulli
furono invitati a prendervi parte. Donna Vincenzina e Massimo,
occupati nei preparativi del loro matrimonio si scusarono e
approfittarono di quest'occasione per far una corsa a Genova a finir
certe spese.

Flora rimase quel giorno sola a custodire la casa e a preparare la
cena.

Dalla terrazza della villa si poteva vedere il _Morning Star_
ancorato nella piccola baia: e se dalla sera si doveva arguire la
notte, il viaggio di quei signori sarebbe stato delizioso. Col
canocchiale Flora potè assistere all'imbarco degli amici quando
salivano a bordo, mentre il sole cominciava a discendere dietro il
promontorio, su cui l'antica chiesa diroccata sfolgorava in una gloria
d'oro, versando nel seno tranquillo delle acque un tesoro infinito di
gemme.

Poco dopo vide spuntare a bordo un primo lume e dalla finestrella
della stiva accendersi il fuoco della macchina, mentre un leggero
sibilo e un pennacchietto di fumo annunciavano la prossima partenza.
Poi credette di veder sventolare qualche cosa di bianco, a cui ella
rispose agitando il fazzoletto: e stette a seguire il corso del
piccolo legno finchè, rimpicciolito, scomparve dietro la punta di
terra,

Allora si ritirò dalla loggia mentre già cominciava a imbrunire: e per
far venire l'ora in cui gli zii sarebbero tornati da Genova, accese le
candele e sedette al pianoforte a evocare dalla tastiera reminiscenze
musicali a cui mescolava le sue improvvisazioni come scaturivano
naturalmente dalle dita.

Una tenera frase di Chopin, venuta da sè a frammischiarsi tra le note
d'un confuso rondò, volse l'animo suo a un senso misterioso di
malinconia, che richiamò immagini riposte di cose morte e lontane.
Pensò alle tristi giornate del Castelletto, a sua madre, agli amici di
laggiù: e intanto che le mani illanguidivano sugli avori, gli occhi si
fissavano inerti alla fiamma della candela.

--Signorina, un lettera per lei--disse la cameriera entrando--l'ha
portata una ragazzina.

Era una soprascritta grande, di mano inesperta, una vera scrittura di
bambina di scuola. Chi poteva essere? Aprì la carta, e lesse nella
prima riga: «_Scrivo... colla manina di Sabinetta._»

Corse a vedere in fondo al foglio. Era lui, Ezio. Che aveva a dirle?
purchè le aveva fatto scrivere? Il cuore ebbe un primo sussulto. Capì
subito e le mani le caddero un istante sui ginocchi. Stette così cogli
occhi chiusi, finchè le parve che la breve vertigine fosse passata,
poi mormorò:--Doveva esser così.--

       *       *       *       *       *

La lettera, scritta sotto la dettatura di Ezio dalla manina di
Sabinetta, continuava: «Quando riceverai questa mia, io sarò già
lontano da te, lontano per non tornare troppo presto. Sbarcheremo
forse a Marsiglia io e Andreino, da dove c'imbarcheremo più tardi
sopra un piroscafo della Navigazione francese. Gli amici Jameson ci
raggiungeranno per la via di Genova a Barcellona o a Gibilterra, per
compiere insieme il viaggio fino a New York. Addio, Flora..

«Ho creduto utile andarmene così, _insalutato hospite_, per non
essere obbligato a ringraziarti. Lo zio Massimo che è a parte della
congiura ti dirà quel che è inutile che io ti scriva. Addio, Flora...

«Starò lontano forse due, forse tre o quattro mesi, ma non tornerò se
non quando mi sentirò ben sicuro di me stesso, più fermo in quella
persuasione che dev'essere d'ora in poi il fondamento della mia vita.

«Pomponio Labeone non sa trovare le belle frasi; ma non può andarsene
senz'invocare anche da lontano la benedizione di Flora, che dev'essere
come il fascio di luce che lo accompagni attraverso a questo deserto
di tenebre.

«Tu sai perchè vivo, sai perchè parto, sai quel che sono e quel che
posso essere, perchè tutto quello che resta in me di non morto non è
che l'opera delle tue mani: ma l'uomo non paga il suo Creatore.

«Parto adunque tuo debitore nella cara idea che io non potrò mai
pagarti del tutto, che ti dovrò sempre qualche cosa e che dovrò vivere
fin che tu potrai vantare qualche credito sopra di me.

«Addio, Flora...

«Troverò quel che mi promettono al di là dell'Atlantico? La luce del
sole, tu dicesti una volta, non è che un raggio di una luce più
universale che penetra gli spiriti delle cose: in questa luce potrò
sempre trovare me stesso.

«Addio, Flora. Fa che io abbia presto a Barcellona o a Gibilterra la
tua assoluzione e la notizia che tu hai ripreso a camminare
serenamente per il tuo sentiero, lieta di te stessa. Tu mi insegnasti
a tenere asciutta, sopra i flutti amari, la bandiera del dovere.

«Baciami caramente la mamma e stringi per me due volte la mano al tuo
Cresti.

«Addio, Flora... Addio, Flora... Addio, Flora!

EZIO».

       *       *       *       *       *

Doveva esser così!

Dal momento che essi non potevano camminare sulla medesima strada, era
bene che si dividessero prima che la forza morale della loro
resistenza li abbandonasse.

Ezio aveva risparmiato con questa specie di fuga clandestina un'ora di
inutili spasimi e di dubbiezze; ma il cuore della donna non poteva
rimanere impassibile davanti all'ultima parola di un lungo dramma, che
aveva riempiuto or bene or male tutti gli anni della sua vita.

Tutto ciò che finisce, anche un grande dolore, lascia dietro di sè una
specie di vuoto in cui pare che l'anima si sprofondi. Ma per Flora
finiva con questa scena tutto il dramma della sua giovinezza e
cominciava la stagione in cui non si aspetta più nulla.

Era bene che tutto fosse finito con dignità, con ragionevolezza, colla
coscienza d'aver voluto il bene; ma la sbiadita bandiera del suo
dovere sventolava sopra una grande rovina.

Sentendosi soffocare da un improvviso senso di scoraggiamento, uscì di
nuovo sulla terrazza e corse coll'occhio verso la punta del
promontorio, dietro il quale era scomparso il piccolo legno.

In quel momento una stella cadente attraversò lo spazio e parve
spegnersi nelle acque.

Ah sì: la tela cadeva sopra un dramma assai triste e inconcludente.
Ezio, fuggendo davanti a lei, per timore di intralciare la via de'
suoi doveri, aveva inconsapevolmente portato con sè la ragione del suo
sacrificio. Nè essa poteva tornare indietro a dar la vita a speranze
deluse, nè poteva continuare a fabbricarsi delle illusioni. Con parole
crude si dovrebbe dire che essa non poteva restituire a Cresti
l'elemosina che Ezio sdegnava di ricevere.

Nessun epilogo poteva essere più triste; ma la storia dei nostri mali
non è mai ragionevole. Era a sperare che il tempo rinnovasse in lei
nuovi desideri di bene; ma intanto non poteva proibire a sè stessa di
piangere.

Le lagrime scendevano mute e calde, mentre gli occhi cercavano le
stelle nel cielo.

La notte si faceva sempre più oscura su quel mare oscuro, che nella
sua placidità conteneva la forza di tante tempeste.

Piangeva ancora in silenzio, quando le parve di sentire parlare nel
giardino. Credendo che fossero gli zii di ritorno, si asciugò in
fretta gli occhi e il volto e cercò di raccogliere tutte le forze di
cui aveva bisogno in quel momento.

--Venga avanti, signora--diceva la cameriera, precedendo col lume una
signora imbacuccata in una mantiglia pesante da viaggio, col volto
coperto da un fitto velo.

--Signorina!--chiamò la ragazza, entrando nel salotto.

--Chi è?--chiese Flora, fissando gli occhi sulla signora forestiera.

--Sono io--disse questa, levandosi il velo dal viso.

--La mamma, la mia mamma?--gridò Flora allargando le braccia.--Oh sei
tu?--e se la strinse e vi si appoggiò tutta. Aveva bisogno di chi la
sorreggesse.

--M'hanno scritto che potevi aver bisogno di me e son partita subito.

--Sì, sì: ora non vivo che per te, mamma.--



XII.

Le nozze.


San Benedetto è un villaggio o gruppo di case, che non si trova su
tutte le carte geografiche, ma noi vi possiamo andare per una discreta
strada carrozzabile, che sale lentamente in tre o quattro giravolte
sulla spalla del monte, ora aperta alla luce turchina che vien dal
cielo e dal mare, ora rinchiusa tra muricciuoli, ville, giardini e
macchie di lauro e di aranci.

Nel mezzo delle trenta o quaranta casupole che formano il paese sorge
una modesta badia che fu già dei padri benedettini, con un campanile
tozzo in pietra scura, rosicchiato dai secoli, non privo di qualche
ornamento da cui parlano ancora dei vecchi tempi tre campanelle,
quelle stesse che chiamavano i frati a compieta.

Il sagrato verde, che dà come un terrazzo sulla prospettiva del mare,
è ombreggiato da antiche piante e il resto del villaggio son viuzze
oscure, anguste, spesso senza uscita, nido di povere donne e di
marinai in riposo, che vi attendono tranquillamente la volontà di Dio.

Per quella strada, il vespro d'una mite giornata sui primi di
dicembre, saliva al passo una carrozza chiusa, tirata da due cavalli,
che riempivano coi loro corpi quasi tutto lo spazio disponibile.
Saliva adagio, fermandosi ai punti più ripidi, trottando un poco dove
il clivo facevasi più dolce, finchè sboccata sul piazzaletto verde
faceva un giro intorno a una pianta per fermarsi davanti alla porta
della chiesa.

Il sagrestano, che stava in vedetta stringendo nella mano la berretta
di lana, aperse la portiera della carrozza e s'inchinò a un signore
piuttosto grassotto vestito di scuro che discese per il primo. Dopo di
lui discesero due signore velate che entrarono subito in chiesa, dopo
essersi guardate intorno con aria quasi di sospetto; ma sul sagrato
non ci erano che due o tre fanciulli e qualche vecchio che fumava la
pipa nella rubiconda luce del tramonto.

Il sagrestano avvicinò di nuovo i battenti, lasciando penetrare in
chiesa solo uno spiraglio di luce, che saliva fino all'altare e per
quella via luminosa precedette la compagnia.

--Il prete--disse in uno stretto dialetto ligure--finisce di mangiare
un pesce e vien subito.--

Le due signore velate si raccolsero e s'inginocchiarono su un banco,
su cui era stato disteso un drappo rosso, e si immersero in una calda
preghiera. Massimo Bagliani intanto (il signore piuttosto grasso
vestito di scuro) mentre il prete finiva di mangiare il suo pesce, si
mosse per la chiesa come chi non sa dominare una nervosa inquietudine:
tornò fin verso la porta a specchiarsi nel gran tramonto che metteva
nell'ombra raccolta della navata una striscia sanguigna.

È sempre bello quello che si deve fare...--Era stato questo il suo
motto eccitatore, ma ora che stava per sposare e far sua per sempre la
donna così lungamente amata, per la quale aveva tanto sognato e
sofferto, temeva anche lui la realtà che gravita spesso sui pensieri
nostri come una pietra troppo pesante. Avrebbe voluto sentirsi più
tranquillo e trovare in sè stesso un maggiore convincimento e un più
sereno spirito di pace: ma il cuore debole temeva la troppa felicità.
Un nodo, che pareva fatto da un pugno di lagrime, lo strozzava, lì,
alla gola, e l'assaliva l'avvilimento che piglia il giovinetto sulla
soglia del suo primo incontro d'amore.

I quarant'anni non gli servivano a nulla, nemmeno di contrappeso alla
paura: nulla significava la neve che il tempo aveva lasciato cadere in
piccole striscie sulle tempie; sul punto d'impadronirsi di quella
creatura che gli era sempre sfuggita, Massimo Bagliani, temendo di
rompere un delizioso incanto e di essere incapace della sua felicità,
stava in guardia per non sfigurare troppo davanti a sè stesso.

La signora Matilde, che era venuta ad incoraggiare i buoni propositi,
assisteva la sorella in questo nuovo passo della vita. Si sperava di
avere anche il buon Cresti come testimonio, ma il vecchio brontolone
si era scusato col pretesto di cento mali e di una grande pigrizia.

Bisognò contentarsi di due umili testimoni presi sul sito, cioè un
vecchio pescatore e il procaccia postale, che aspettavano nella casa
del prete d'essere chiamati.

Intanto il sagrestano continuò ad accendere i lumi dell'altare, adagio
adagio, per dar tempo al prete di finire il suo pesce, mentre il sole,
piegando dietro la curva del monte, lasciava indietro un cielo terso
come un cristallo in cui cominciava a uscire qualche stella.

Quando le candele furono accese e che nella cresciuta oscurità
dell'abside uscì alla loro luce il modesto splendore dell'altare,
Massimo fatto un virile proposito, si accostò con passo sicuro alle
due donne, mentre dall'usciolino della sagrestia veniva fuori un prete
umile e tozzo dalla faccia rugosa come quella di un pescatore, che
dopo essersi rispettosamente inchinato agli illustrissimi signori,
fece un cenno ai due uomini che venivano dietro e che si collocarono
come sentinelle ai lati dell'altare.

Matilde incoraggiò un'ultima volta la sorella che si mosse e andò a
inginocchiarsi sul gradino.

Il prete lesse nel libro latino le promesse e le profezie che la
Chiesa riserva agli sposi: le mani si congiunsero sotto la protezione
della sacra stola e il vecchio amore pianse come un fanciullo.

       *       *       *       *       *

Tornarono ch'era già buio. Nell'attraversare il paese la carrozza
dovette mettersi al passo per non urtare in una grossa folla di gente,
che si adunava presso il casino della Sanità.

--Che c'è--chiese Massimo al cocchiere, sporgendo la testa dalla
finestra.

--Hanno pescato una donna....

La carrozza riprese la sua corsa e cinque minuti dopo gli sposi
scendevano alla villa illuminata.

Intanto presso il casino della Sanità era un accorrere di guardie di
finanza, di carabinieri, di autorità comunali intorno al cadavere di
una giovine donna che alcuni pescatori avevano tirato poco prima alla
riva. Il medico comunale aveva dichiarato che non c'era più nulla a
fare. Seduto davanti a un tavolino, al lume di una povera candela un
commissario di pubblica sicurezza scriveva un breve verbale del fatto,
raccogliendo le testimonianze dei pescatori, del sindaco, delle
guardie.

--Nessuno di voi conosce questa creatura?--

Qualcuno ebbe a dire d'aver visto tre ore prima di sera correre lungo
il molo una giovine signora che all'aspetto pareva forestiera.

--Nelle tasche si è trovato un portafoglio con qualche
biglietto....--disse il brigadiere.

--Che cosa c'è scritto?--chiese il commissario,

--Liana....

--Liana? è il nome d'una pianta.

--Sì, d'una pianta che s'attacca....--commentò il segretario comunale,
che si piccava di possedere qualche nozione di storia naturale.



XIII.

Rose gialle.


Il giorno di Natale fu preceduto da una larga nevicata. I monti tutti
bianchi stringevano coi loro fianchi coperti d'ermellino il lago scuro
che aveva l'immobilità del piombo.

Rigida era l'aria sotto il cielo opaco e carico.

Amedeo e Regina erano stati invitati a passar la festa in casa del
babbo, alla fattoria, e vi si trovarono a mettere i piedi sotto la
tavola oltre a Maria Giulia, la madre di Amedeo, e alla zia Maddalena,
qualche vecchio parente abbandonato e don Malachia della Madonna del
Soccorso, che in quella sua solitudine a mezza montagna non aveva
nessuno con cui rompere un augurio.

Gli sposi, che avevano verso il signor Cresti qualche dovere di
riconoscenza, insistettero tanto finchè promise di lasciarsi vedere
anche lui a prendere il caffè e ad assaggiare una fetta di torta in
compagnia. Che cosa voleva fare lassù in quella fredda solitudine del
Pioppino?

Era la prima volta che il Cresti passava le feste di Natale solo
soletto. Gli altri anni aveva sempre accettato volentieri l'invito di
questo o di quello. L'ultima volta s'era lasciato tirare volentieri al
Castelletto da quelle signore.... Ma questa volta cento mila malanni
l'avevano persuaso a non uscire dal suo nido di piccione selvatico.

Oltre a un languore inesplicabile e a una grande debolezza di gambe si
era sviluppata un'affezione di fegato, che dava al suo volto il colore
della tristezza. Non mangiava quasi più, quantunque le due ragazze
facessero di tutto per stuzzicargli l'appetito con cosuccie tenere e
saporite. Però l'umore dell'uomo non era cattivo.--Anzi è fin troppo
buono--dicevano le due donne--ci fa quasi paura.

Il pensiero di dare dispiacere ai giovani sposi l'aveva indotto ad
accettare l'invito e a scendere alla villa sul far della notte, quando
gl'invitati eran già arrivati all'arrosto. Fu accolto con molti segni
di gioia. Don Malachia, che stava bagnando il becco in un eccellente
barolo gli andò incontro col bicchiere in mano; ma Regina volle aver
l'onore di farlo sedere tra lei e Amedeo, mentre il vecchio Bortolo
metteva un altro ceppo di castagno sul camino dell'ampia cucina, che
si riscaldò e si ravvivò tutta d'una nuova fiamma scoppiettante.

Regina non era mai stata forse così bella come quella sera, quantunque
soffrisse un poco, dolcemente, per l'affanno d'una prima maternità: ma
i colori un poco stanchi e attenuati conferivano al suo volto di
barcaiola una gentilezza e una mollezza quasi signorile. Gli occhi
brillavano d'un'interna felicità, che non sapeva sempre nascondersi e
sfuggiva dalle mani dell'istintivo pudore come un uccellino che batte
le ali nelle mani d'un fanciullo.

Amedeo s'era messa indosso la blusa turchina delle Regate colle
filettature bianche e in vita la fascia a rete con cui Regina aveva
avviluppato il suo cuore.

L'amore di questi due figliuoli continuava a essere la cosa più
semplice del mondo: e beati loro che non avevano ancora imparata
l'arte inutile di complicarlo. Essi avrebbero potuto dimostrare che
vero e unico creatore di bene è l'affetto, l'affetto naturale che
scorre quieto, ma inesauribile, a portare i freschi ruscelli della
vita, mentre la passione o è fiamma che dissecca o è un torrentaccio
rovinoso che assorda, strascina, devasta; ma per dimostrar questa
verità avrebbero dovuto studiar tutte quelle cose inutili che guastano
quell'unica necessaria. Essi eran felici appunto perchè non sapevano
di che cosa era fatta la loro felicità.

Alla torta si aggiunsero le castagne fumanti che Maria Giulia scodellò
nella tafferia di legno. Al vecchio barolo si mescolò un nebbiolo
dolce spumante; al ceppo fu aggiunta una manata di sterpi secchi e
resinosi che fecero scoppiettare il camino come una fortezza.

Il nostro Cresti accettò e assaggiò qualche cosa, prese parte al
brindisi che si fece in onore del futuro erede, applaudì a certi versi
in dialetto rustico che don Malachia recitò sul tema: _Che cosa è
Amore._

Eran versi scritti da un antico compagno di scuola del prete, morto
all'ospedale dopo una vita agitata di congiure, di combattimenti e di
studi che gli avevano procurata qualche celebrità sui giornali di un
tempo. Amore in quei versi di schietta vena vernacola era definito un
angelo, un demonio, una furia, una carezza, un sospiro, una croce, una
delizia, un fiato di Dio. La rima semplice e naturale che risonava con
un accento di ironica malinconia sulle labbra del vecchio prete fece
ridere la brigata: ma strinse un poco il cuore malato del nostro
amico. Quella stessa mattina aveva ricevuta una lettera della signora
Matilde da Torino in cui gli faceva gli auguri per le feste e gli dava
qualche notizia dei parenti. Massimo era ancora a Parigi; Ezio in
viaggio per l'America; Flora aveva cominciato le sue lezioni; tutti
speravano che si sarebbe lasciato vedere anche lui qualche volta o a
Torino o in Riviera.

Ma egli si sentiva malato, molto malato.... Mai il suo spirito era
stato così pesante, così vuoto di volontà, così ottuso in tutti i suoi
sensi.

L'idea che un nuovo anno stava per cominciare e che avrebbe dovuto
stendere la sua povera vita sul tempo come sopra una croce gli faceva
parer bella l'idea di chiudere gli occhi per sempre e di sottrarsi per
sempre alle sensazioni. Della morte non poteva avere un concetto molto
chiaro nemmen lui come nessun filosofo osa dire di averlo: ma credeva
che i morti riposano senza desideri e questo era già per lui un soave
invito. La bufera aveva schiantata la vecchia pianta, che dopo aver
perduto a poco a poco le sue foglie, stava per irrigidirsi del tutto
ai venti gelidi dell'inverno.

Questo freddo sentiva spesso scorrere come un'acquolina gelata nella
midolla delle ossa, e lo sentì in un modo straordinario quella sera di
Natale quando, uscito dalla casa riscaldata di Bortolo, si trovò sulla
via esposto ai colpi della brezza notturna coi piedi nella neve. Era
nevicato durante il giorno, ma ora il cielo ripulito da un vento
asciutto del nord lasciava vedere le stelle, che parevano
rimpicciolite e anch'esse tremanti di freddo.

Costeggiò il giardino delle ville silenziose, passò sotto i portici
del paese tutto deserto, quantunque dalle finestre e dagli archi delle
botteghe uscissero i bagliori o i rumori delle cene. Passò oltre,
fuori delle case, rimbacuccato in un vecchio tabarro, toccò la chiesa
parrocchiale e cominciò lentamente la salita che mena al Pioppino.

Sonarono in quell'istante le undici al campanile della chiesa.

Prese a salire per la strada e per la scalinata che biancheggiavano in
mezzo ai muretti, soffermandosi ogni qual tratto per raccogliere
insieme alle fonte i pensieri dispersi. Avrebbe detto che il nebbiolo
spumante del vecchio Bortolo gli fosse andato alla testa, tanta era la
confusione di idee e l'oscurità mentale da cui si sentiva quasi
coperto.

Quel prete l'aveva fatto ridere colla sua frottola d'Amore, di cui ora
ritornava a sonargli nell'orecchio il ritornello:

    Amor d'Amor l'è pader,
    Amor l'è el cap di lader...

Chi si fida, guai! esso vi porta sempre via qualche cosa, o la
ragione, o il cuore, o la pace, o il sonno, quando non vi porta via
tutta la vita.

Aveva un bell'aiutarsi colle ragioni positive del buon senso e con
quelle ineluttabili della necessità; ma da quel dì che Flora era stata
perduta, la vita s'era smontata come una chitarra dalle corde rotte.
Egli aveva creduto in principio che il sacrificio potesse avere in
fondo qualche dolcezza e che un amore potesse trasformarsi in un altro
come si muta il vino, mutandolo di botte: ma il miracolo della
trasformazione tardava troppo a compiersi e c'era a temere che il suo
vecchio vin buono s'alterasse in un corrosivo e velenoso aceto.

Si fermò ancora una volta per ascoltare una voce vicina a lui che
ripeteva:

    Amor l'è el cap di lader...

Chi aveva parlato così forte? non c'era nessuno sulla strada che
saliva sempre più incassata nei muri. Forse quel benedetto nebbiolo...

Allo svolto del muro spuntò la cappelletta dell'Immacolata, innanzi
alla quale ardeva la lampada che le due vecchie ragazze facevano
accendere quando avevano una grazia speciale da domandare alla
Madonna. Da qualche tempo l'olio era consacrato a invocare la salute
del povero padrone malandato nelle gambe: e Cresti sapeva anche
questo.

Al comparire di quel bagliore rossiccio che, battendo sul muro, veniva
a cadere e a morire sulla strada bianca di neve, il vecchio cuore
accartocciato si dilatò come sotto il soffio d'una tenera commozione.

Quelle vecchie povere ragazze, a cui l'Amore non aveva mai detto
nulla, amavano lui come si ama un figliuolo. In quella lampada ardeva
lo spirito di una tenerezza femminile, quasi materna: e si sarebbe
detto che anche la pallida Madonna, meschinamente dipinta sul muro, si
commovesse in un raggio di bellezza al tremare della fiamma.

Cresti era stato in sua vita un tranquillo miscredente, pel quale la
vita non aveva valore se non in quanto è fenomeno di consumazione.
Tollerante e rispettoso delle illusioni altrui, egli si era tenuto
pago a questa discreta persuasione che c'è vita fin che c'è olio nella
lucerna; ma dacchè Flora gli aveva stracciato il cuore, al cospetto
del suo dolore, andava dubitando che nella fiamma possa entrare
qualche cosa di più sottile e di sensibile che non si compera alla
bottega e che crepita e vibra nel fuoco stesso che alimenta.

Non soltanto olio ardeva nella lampada che le due ragazze avevan fatto
accendere per lui... ma la luce veniva dalla fede di due cuori
addolorati come il suo, una fede che penetra il mondo e
alimenta--forse--tutto ciò che splende negli occhi degli uomini e
sugli altari di Dio.

La scintilla che si sprigiona dalle pietre battute è ancora questo
spirito che pare assiderato nel sasso, ma che, evocato, va dalla selce
a riscaldare la povera cenere dei freddi pensieri...

Qualcuno andava ripetendo accanto a lui queste sue riflessioni con
voce così netta, che a un tratto si fermò per guardarsi intorno e per
cercare chi veniva dietro di lui. Per un momento pensò che fosse don
Malachia che tornasse anche lui per la medesima strada al Santuario.
Ma non c'era nessuno. Non cessò per questo la sua meraviglia, anzi
crebbe quando scorse ai piedi della cappelletta, dove diluivasi sulla
neve ammucchiata la luce rossigna della lampada, un bel mazzo di rose
gialle fiorite, di quelle belle rose _rêve d'or_ che egli aveva
regalate il Flora il primo giorno della sua convalescenza.

Come potessero fiorire delle rose in quel mucchio di neve era un
miracolo inesplicabile. Che la Madonnina le avesse fatte sbocciare al
calore della lampada? che le due donne le avessero segretamente
coltivate e messo lì per invocare un divino soccorso?

Era un miracolo inesplicabile...

Provò a toccar colla mano il meraviglioso cespuglio e vide ch'eran
rose vive e vere spuntate lì nel mucchio della neve come un pensiero
di fede che esca da un'anima intirizzita...

La mattina chi passò per primo presso la cappelletta trovò il povero
signor Beniamino Cresti morto sulla strada colle mani distese al
mucchio di neve. La lampada sul finire mandava gli ultimi guizzi,
lottando cogli splendori d'una nitida alba d'inverno.


FINE.



  INDICE

  Prefazione di Gaetano Negri.


  PARTE PRIMA.

      I. Due vecchi amici                                pag.   9
     II. Due amici giovani                                »    25
    III. Studi severi                                     »    37
     IV. La saetta                                        »    63
      V. L'incontro                                       »    73
     VI. Una visita                                       »    92
    VII. Colpo di mitraglia                               »   105
   VIII. Triste ebbrezza di cattivo vino                  »   116
     IX. Una benedizione                                  »   129
      X. Le regate                                        »   142
     XI. Fiori e fragole                                  »   162
    XII. Una gita in montagna                             »   178
   XIII. Convalescenza                                    »   199
    XIV. Tra zio e nipote                                 »   215
     XV. Tra il marito e... l'altro                       »   225
    XVI. Il duello                                        »   240
   XVII. Un triste viaggio                                »   262
  XVIII. Pentimento                                       »   275


  PARTE SECONDA.

      I. I coniugi Hospenthal                            pag. 285
     II. Nelle tenebre                                    »   296
    III. Una scappata                                     »   312
     IV. Belvedere                                        »   325
      V. Triste incontro                                  »   335
     VI. La grande battaglia                              »   340
    VII. Verso la luce                                    »   356
   VIII. Verso le tenebre                                 »   371
     IX. Fascio di lettere                                »   388
      X. Amore e rimorso                                  »   403
     XI. Addio                                            »   409
    XII. Le nozze                                         »   417
   XIII. Rose gialle                                      »   423





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Col fuoco non si scherza" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home