Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Tristi Amori
Author: Giacosa, Giuseppe, 1847-1906
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Tristi Amori" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



(This file was produced from images generously made
available by Biblioteca Nazionale Braidense - Milano)



                 GIUSEPPE GIACOSA

                   Tristi Amori

         _Commedia in tre atti in prosa._



                      MILANO

             FRATELLI TREVES, EDITORI

                       1900.



                    ALL'AMICO

                   PIETRO COSTA

                     SCULTORE


                         _Giuseppe Giacosa._



            PERSONAGGI.


    L'AVVOCATO GIULIO SCARLI.
    La signora EMMA.
    Il Conte ETTORE ARCIERI.
    L'Avvocato FABRIZIO ARCIERI.
    Il Procuratore RANETTI.
    GEMMA bambina di 5 anni.
    MARTA, domestica.


La scena in una piccola Città di provincia.



    _Questa commedia fu rappresentata la prima
    volta a Roma dalla Compagnia Nazionale al teatro
    Nazionale nella stagione di Quaresima 1888._

               PROPRIETÀ LETTERARIA

  I diritti di riproduzione, di traduzione e di
  rappresentazione sono riservati per tutti i paesi,
  non escluso il Regno di Svezia e di Norvegia.

  È assolutamente proibito di rappresentare questo
  dramma senza il consenso scritto dell'autore.
  (_Articolo 11 del Testo unico, 17 settembre 1882_).



ATTO PRIMO.

Sala da pranzo in casa dell'avvocato Giulio.


SCENA PRIMA.

                EMMA e FABRIZIO.

    EMMA siede davanti al caminetto, pensosa.
    FABRIZIO entra dallo studio, si guarda
    attorno, viene non avvertito fin dietro di
    lei, le prende la testa fra le mani, la
    rovescia verso di sè e la bacia sulla bocca.

                      EMMA.

Mi fai morire!

                    FABRIZIO.

Dimmi che mi ami; dammi il buon giorno con una
parola d'amore! Dimmi che mi ami.

                      EMMA.

Ti amo.

                    FABRIZIO.

Dimmelo ancora.

                      EMMA.

Ti amo, ti amo, ti amo! Sei venuto, sono contenta.

                    FABRIZIO.

Non mi aspettavi?

                      EMMA.

Ti aspetto sempre!

                    FABRIZIO.

Stamane non dovevo venire così presto in studio. I
passi mi ci hanno portato. Ogni giorno mi dico:
non l'ho mai amata tanto! Sono salito. Non speravo
di vederti, volevo essere un momento nella casa
ove tu sei. Ma poi Giulio discorreva nel suo
gabinetto, non s'è accorto di me: ho sentito qui
il tuo passo tranquillo e lento.... Come sei
bella!

                      EMMA.

Mi vuoi bene?

                    FABRIZIO.

Ti amo.

                      EMMA.

Mi vuoi anche bene?

                    FABRIZIO.

Come facevo a vivere quando non ti amavo?

                      EMMA.

Mi vuoi anche bene?

                    FABRIZIO.

Lo sai.

                      EMMA.

Rispondi. Quando poi tu sei uscito, le tue parole
restano qui. Tu hai gli affari che ti distraggono,
le mie faccende mi lasciano andar via colla mente
e ascoltare la memoria. Quando sono sola ti lascio
dire, ti lascio dire, come facevo con te quella
sera lassù in montagna che tu avesti paura del mio
silenzio e io mi godevo la tua voce. Ma pensa!
Tutta la giornata! Bisogna dirmi tante cose che me
ne resti, e: tante cose vuol poi dire una cosa
sola, non è vero? e ripeterla mille volte come
un'orazione. Vai già via?

                    FABRIZIO.

Per forza--sono salito in furia, non mi posso
trattenere.

                      EMMA.

Ti rivedrò oggi?

                    FABRIZIO.

Non so, spero.

                      EMMA.

Lo sai che non sono viva quando tu non ci sei.
Stassera?

                    FABRIZIO.

Sì: ogni sera uscendo mi prometto di non tornarci
mai più e poi la mattina comincio a contar le ore.
Non potrei non venire, ma è un tormento!

                      EMMA.

E per me!

                    FABRIZIO.

Tu puoi tacere: sei lì china sul tuo lavoro, mi
senti vicino, mi ascolti parlare e puoi tacere e
pensare. Io devo discorrere con Giulio, badare a
quello che mi dice, sorridere, ridere, e intanto
sento il tuo sguardo e il tuo respiro che mi fanno
raccapricciare!

                      EMMA.

Ti ricordi prima? Che sere! Quante cose dicevano
tutte le parole! Tu lodavi la stagione e ti
sentivo dirmi il tuo amore e ti dicevo il mio
parlando della casa.

                    FABRIZIO.

Anche ora.

                      EMMA.

Sì: ma con tormento.--Che sarà di noi?

                    FABRIZIO.

Non pensiamo. Domenica da tuo zio?

                      EMMA.

Sì.

                    FABRIZIO.

Ti voglio anche bene.

                      EMMA.

Sì.

                    FABRIZIO.

Ma ti amo anche tanto!

                      EMMA.

Sì.

                    FABRIZIO.

Marta non è in casa?

                      EMMA.

No.

                    FABRIZIO.

Allora esco di là che Giulio non mi veda. Addio.

                                          Via.


SCENA SECONDA.

                EMMA poi GIULIO.


    Un silenzio. EMMA prende certe stoviglie che
    sono sulla tavola di mezzo e le mette nella
    credenza.

                     GIULIO.

Emma, c'è di là Ranetti; gli ho offerto il
vermouth.

                      EMMA.

Vedi che non ho finito di assestare.

                     GIULIO.

Ranetti vede di peggio a casa sua.

                      EMMA.

Lasciami levare quei panni dal fuoco.

                     GIULIO.

Perchè? Dove c'è bambini si sa! il vermouth è qui
nell'armadio?

                      EMMA.

Sì.

    GIULIO apre l'armadio, prende una bottiglia e
    il cavatappi mentre Emma ripone le stoviglie.

Ranetti mi ha portato il mio dividendo nella
liquidazione dei molini. Abbiamo venduto con un
profitto insperato. Ranetti è un diavolo per
queste cose! Indovina quanto mi tocca.

                      EMMA.

Non so.

                     GIULIO.

Undici mila lire. Non dici nulla?

                      EMMA.

Che devo dire?

                     GIULIO.

Già, tu non sai il valore del denaro. Quando tre
anni fa sono entrato per tre mila lire nell'affare
dei molini tu me ne sconsigliavi. Quei denari
volevi metterli ad abbellire la casa.

                      EMMA.

Sono una sciupona.

                     GIULIO.

Ti dico questo per scusarmi di avere avuto
giudizio.

    Vedendo che Emma prepara due soli bicchieri.

Due bicchieri soli?

                      EMMA.

Io non ne piglio. Faccio economia.

                     GIULIO.

Sei ingiusta.

                      EMMA.

Hai ragione, perdonami, ma mi farebbe male. E poi
ho da fare di là.

                     GIULIO.

Rimani un momento. Ranetti ha piacere di
salutarti. Lo chiamo?

                      EMMA.

Chiamalo.

             GIULIO verso lo studio.

Ranetti.


                   SCENA TERZA.

                RANETTI e detti.


               RANETTI di dentro.

Eccomi. Come sta madama?

                      EMMA.

Bene, e lei?

                     RANETTI.

Ho incontrato la sua bambina ora per strada. Gemma
la chiamano eh?

                      EMMA.

Sì.

                     RANETTI.

Emma la madre, Gemma la figlia.

                     GIULIO.

Volevo chiamarla collo stesso nome di mia moglie.
Essa non ha voluto dicendo che faceva confusione:
allora ho aggiunto un G.

                     RANETTI.

L'iniziale del tuo nome. E che bambinona
prosperosa! Marta stentava a tenerle dietro. Va
già a scuola?

                      EMMA.

No, Ha cinque anni. La mando con Marta a far la
spesa per farla camminare un po'. Io non trovo mai
tempo di uscire la mattina.

                     RANETTI.

Si sa! una casa!

              A Giulio che gli offre il vermouth.

Madama prima.

                      EMMA.

Grazie, non ne piglio.

                     RANETTI.

Le dà alle gambe? Alle signore il vermouth dà alle
gambe. A me le rinforza e ne ho di bisogno. Sono
in piedi da ieri mattina.

                      EMMA.

Come va?

                     RANETTI.

Non sa che stanotte c'è stato il ballo grande al
circolo?

                     GIULIO.

Chi lo direbbe il più attivo e solerte dei
procuratori? Balla tutta la notte.

                     RANETTI.

E sgobba tutto il giorno. Madama non mi domanda
nemmeno come è andato?

                      EMMA.

Com'è andato?

                     RANETTI.

È andato male. Oramai al circolo non si può più
ballare.

                                        A Giulio.

Son venuto anche per parlarti di questo.

                     GIULIO.

A me?

                     RANETTI.

Non sei tu il presidente? È la solita storia. Noi
paghiamo, gli ufficiali se la godono e ci
sbeffeggiano. Il tenente dei carabinieri balla
cogli speroni. Ieri sera ha fatto un sette
nell'abito della signora Pastòla, che ci passava
il mio cappello. Pastòla vuol mandargli il conto.
L'altra sera strepitavano che essi vengono in
spalline, che noi si doveva andare in marsina.
Almeno al ballo grande dicevano. Sono andato in
giacchetta e dirigevo io. La legge in paese ce la
devono fare i forestieri? Le ragazze non hanno
occhi che per loro. Rubano ad ogni giro! I
borghesi non possono mai ballare.

                     GIULIO.

Sono giovani.

                     RANETTI.

E noi? Intanto non sposano mai e fanno delle
scenate.

                     GIULIO.

Uh scenate!

                     RANETTI.

Ma sì! Ieri sera dirigevo io. Se non si comanda la
_queue_ non c'è più ordine, non è vero? E bisogna
vociare: scelgono me per questo: quando comando
io, tremano i vetri. Ebbene ieri sera una volta
che grido la _queue_, un capitano che stava in
prima fila colla signora Sequis dice: Che
cannonata! e si tura gli orecchi. Io mormoro fra
di me, fra di me, nota bene: se alle cannonate si
turano gli orecchi! Nient'altro! Finito il
ballabile, vengono due ufficiali e mi domandano
che avessi detto. Io ho usato prudenza e ho
risposto che non ricordavo: Lei ha detto di qui
fin qui; e mi ripetono la mia frase in tono
minaccioso. Io uso prudenza e nego. Come si fa?
Battersi? Le tocco. Più tardi al cotillon....

        GIULIO va all'uscio dello studio.

                     RANETTI.

Ti secco?

                     GIULIO.

No.

                   Guarda nello studio poi torna.

Tira innanzi.

                     RANETTI.

Al cotillon si faceva la figura delle farfalle:
nota che l'ho introdotta io al circolo quella
figura, e ho regalato le farfalle che avevo
fabbricato io nel retro bottega di Pasca. Sai
com'è la figura delle farfalle?

                     GIULIO.

Me lo immagino.

                     RANETTI.

Si prendono....

                     GIULIO.

Me lo immagino. Va' avanti.

                     RANETTI.

Ebbene Béssola mi avverte che c'era il tenente
Rovi che entrava sempre nella figura quando non
gli toccava. È uno sperlungone che sfonda le
cupole, naturale che le farfalle le acchiappa lui.
Béssola che è piccolo non ci arriva mai. Che
avresti fatto tu?

                     GIULIO.

Mah!

                     RANETTI.

Io adocchio e quando vedo il tenente Rovi entrare
fuori di turno, lo prego di ritirarsi. Colle buone
s'intende. Mi rispondeva di sì e seguitava. E una
volta lo prego, e due lo prego, e tre. Alla quarta
lo prendo per un braccio per tirarlo via. Si
scioglie con uno strappo e mi dà del villano, là,
forte!

                     GIULIO.

Oh diavolo! e tu?

                     RANETTI.

Io ho usato prudenza e sono andato a cena. Ma ti
avverto che al circolo si mormora contro di te. Tu
sei il presidente!

                     GIULIO.

Mi son già dimesso tre volte.

                     RANETTI.

E ti hanno riconfermato: dunque tocca a te a
provvedere. Ma le sere dei balli non ti si vede
mai.

                     GIULIO.

Non ci va mia moglie.

                     RANETTI.

E perchè, madama?

                      EMMA.

Non ne ho voglia.

                     RANETTI.

Una signora giovane! Anche di questo si mormora.

                      EMMA.

Non faccio del male a nessuno.

                     RANETTI.

L'anno passato ci veniva.

                     GIULIO.

Di mala voglia anche allora. Emma ha un carattere
posato, non ama trovarsi colla gente, non ama
discorrere.

                     RANETTI.

Oh! un'apparizione.

                      EMMA.

Bisogna vestirsi, far tardi.

          GIULIO torna verso lo studio.

                     RANETTI.

Vai via?

                     GIULIO.

No, guardo nello studio se non è entrato nessuno.
L'ho lasciato aperto.

                     RANETTI.

Il tuo sostituto ama i suoi comodi.

                     GIULIO.

Gli avvocati non hanno dei sostituti, hanno dei
collaboratori.

                     RANETTI.

Oh scusi!

                     GIULIO.

E il mio collaboratore non è in studio perchè è
andato in pretura per conto mio.

                     RANETTI.

Volevo ben dire che non era il ballo la cagione
del ritardo.

                     GIULIO.

Perchè?

                     RANETTI.

Perchè il signor conte Arcieri non ci fa l'onore
di mettere i piedi al circolo.

                     GIULIO.

Ha altro per la testa.

                     RANETTI.

E poi non siamo gente del suo bordo.

       EMMA si alza e fa per allontanarsi.

                     RANETTI.

Madama ha da fare. Leviamole l'incomodo.

                      EMMA.

No, volto questi panni perchè non brucino.

                     RANETTI.

Tanto.... la discrezione....

                     GIULIO.

Lascia stare la discrezione, e poichè sei un bravo
ragazzo abbi un po' d'indulgenza nei tuoi giudizî.

                     RANETTI.

Ho detto che il tuo collaboratore non è del nostro
ceto--un nobile!

                     GIULIO.

Firma: avvocato Arcieri senz'altro.

                     RANETTI.

Come a dire che il titolo non gli occorre
portarlo, che tutti lo dobbiamo conoscere.

                     GIULIO.

Se lo portasse gli fareste il rimprovero a
rovescio.

                     RANETTI.

Di' che non sta sulle sue!

                     GIULIO.

È serio, è vergognato della vita equivoca e
viziosa di suo padre.

                     RANETTI.

Suo padre almeno è gioviale, alla mano, pieno di
spirito.

                     GIULIO.

I dissoluti sono tutti così. Ma deve a mezza la
città. Il figlio in quanti incontra ha paura di
trovare un creditore.

                     RANETTI.

Non è obbligato a pagare.

                     GIULIO.

Ma paga come può. Il padre non ha più un soldo.
Campa di giuoco e di peggio. Ha dato fondo a tutto
il patrimonio del figlio. A questo non rimane che
una pensione di 2000 lire che gli deve passare
quell'usuraio di Maraschi. Ebbene non ne tocca un
quattrino, la mette tutta quanta a riturare qua e
là le buche più grosse. Questi sono fatti che
contano. Vive di quelle poche cause che gli cedo
io, ma nessuno di voi altri l'aiuta. Tu
procuratore avviatissimo, non gli hai ancora
mandato un cliente.

                     RANETTI.

Li mando a te.

                     GIULIO.

Non è la stessa cosa. Io ho una bambina e ne
possono venire degli altri. Del lavoro che viene a
me ho il dovere sacrosanto di sbrigarne io quanto
più posso. Egli stesso non ne vuol sapere: l'altro
giorno mi disse che s'accorgeva di essermi di
peso, parlava d'andar via per cercar fortuna. Ma
finchè sta qui spera di tenere in soggezione il
padre, che non le faccia troppo grosse. È una cosa
dolorosa. Altro che le farfalle del Cotillon! Vive
come un anacoreta. Si lesina il centesimo, non si
è associato al circolo per via della spesa.
Abitare col padre non può: è così poco
rispettabile quella casa! Sta a dozzina dal
cancelliere di Pretura: ha un aspetto elegante
perchè riduce e finisce di usare gli abiti smessi
di suo padre, che fa il damerino a cinquanta anni.
Ti prego poi di non andare a blaterare di queste
cose al Caffè Vasco. Ma chi può dire se tu ed io
saremmo capaci di fare altrettanto? E invece di
ammirare o almeno di apprezzare quella virtù, di
sostenere quel coraggio, voi altri gli mostrate
una freddezza ripulsiva che egli attribuisce a
diffidenza, a disistima per la triste fama del suo
nome. È una cosa dolorosa.

                     RANETTI.

Hai ragione. Vedrai.

                     GIULIO.

È da un pezzo che ti volevo dire queste cose. Ma
mi ripugnava mendicare amicizie a chi merita di
trovarle spontanee.

                     RANETTI.

Hai ragione. Gli mando oggi un famoso cliente. Sei
contento?

                     GIULIO.

Farai bene. È abilissimo.

                     RANETTI.

Tarderà molto a venire?

                     GIULIO.

Non so.

                     RANETTI.

Tu lo aspetti?

                     GIULIO.

No, alle dieci vado in tribunale.

                     RANETTI.

Allora bisognerà che gli lasci un biglietto perchè
vada subito dal dottor Brusio. Sai che il dottore
è invalido, non si può muovere.

                     GIULIO.

È quello il cliente?

                     RANETTI.

Sì. Buono eh? Rubbo l'impresario doveva pagare
ieri sera al dottore una somma di 15,000 lire.

                     GIULIO.

Rubbo è buono per un milione.

                     RANETTI.

È per questo che non paga. Lo conosco, è cavilloso
come un cattivo procuratore. E se non ha pagato
s'intavola una litaccia che si farà grossa come
una casa. Dove posso scrivere il biglietto?

                     GIULIO.

Di là nello studio.

                     RANETTI.

Va bene. Madama....

                                 Via nello studio.


                  SCENA QUARTA.

                 EMMA e GIULIO.


     EMMA siede vicino al fuoco pensierosa.

                     GIULIO.

È un buon diavolaccio.

    Emma non si muove. Giulio le si avvicina e
    quasi per svegliarla.

Oh!

                      EMMA.

Sei buono!

                     GIULIO.

Perchè? Perchè ho difeso Fabrizio? Farebbe lui
altrettanto e più per me. Non lo credi?

                      EMMA.

Sì. Sei buono.

                     GIULIO.

È così facile quando si è contenti. Paragono la
mia vita alla sua e mi trovo possedere tante
ragioni di felicità e lui così poche, che mi pare
di essergli in debito. Io ho te, ho Gemma, gli
affari prosperano, la gente mi vuol bene. E lui!
Domenica quando andavo a raggiungerti alla villa
di tuo zio, avevo presa la scorciatoia che
costeggia il Vasco: l'ho visto là tutto solo che
andava su e giù per il greto, con un'aria così
abbandonata! L'ho chiamato, è venuto arrossendo di
che lo avessi colto in flagrante delitto di
poesia, diceva lui! Gli altri della sua età e
della sua condizione la domenica vanno in brigata,
se la godono, egli aveva proprio l'aria di non
essere di nessuno. Eravamo a pochi passi dalla
villa, l'ho invitato ad accompagnarmi che avrebbe
pranzato con noi. Non ci fu verso. Mi sono voltato
due o tre volte a guardarlo ancora che tornava in
città. Povero diavolo! Ti fa pena eh?

                      EMMA.

Perchè?

                     GIULIO.

Si vede! Quel padre è così spregevole! I giorni di
mercato tutto elegante com'è, si rintana in un
bugigattolo alle _Tre Colombe_ e giuoca a macao
coi negozianti di bestiame che scendono dalla
montagna. Quindici giorni fa il Rosso,
l'impresario della diligenza, l'ha schiaffeggiato
perchè faceva saltare le carte.

                      EMMA.

Che orrore!

                     GIULIO.

Pensare che Fabrizio potrebbe innamorarsi di una
brava ragazza, e che c'è caso gliel'avessero a
ricusare perchè è figlio di suo padre.

                      EMMA.

Hai l'udienza oggi?

                     GIULIO.

Sì, alle 10.

                      EMMA.

Verrai a mezzogiorno per la colazione?

                     GIULIO.

Sì, sì.

               RANETTI di dentro.

Oh bravo.

                      EMMA.

Guarda, c'è gente.

                     GIULIO.

Sarà Fabrizio.


                  SCENA QUINTA.

           RANETTI, FABRIZIO e detti.


          RANETTI conducendo Fabrizio.

Venga qui, venga qui. Si parlava di lei in questo
momento.

               FABRIZIO a Giulio.

Buon giorno!

                     S'inchina ad Emma. A Giulio.

L'interrogatorio Bonola rinviato a quindici
giorni, Martino assolto.

                     GIULIO.

Un bicchierino di vermouth?

                    FABRIZIO.

Grazie, no.

                     RANETTI.

Ho bisogno di lei, sa?

                    FABRIZIO.

Di me?

                     RANETTI.

Sì, per un affare che può farsi grosso. Può venire
con me subito?

           FABRIZIO guardando Giulio.

Ma!

                     GIULIO.

Va' pure. Io ho udienza in Tribunale, ma non
aspetto nessuno.

                     RANETTI.

Le avevo scritto un biglietto, ma se viene lei si
fa più presto. In mezz'ora ci si sbriga. Le affido
un famoso cliente.

                    FABRIZIO.

Grazie.

              ETTORE dallo studio.

È permesso?

               GIULIO a Fabrizio.

Guarda un po'.

                  ETTORE c. s.

È permesso?

            FABRIZIO fra sè, stupito.

Mio padre!


                   SCENA SESTA.

                 ETTORE e detti.


                     ETTORE.

Posso entrare qui?

                     GIULIO.

Si accomodi.

           FABRIZIO pronto, ad Ettore.

Vuoi me? Vieni.

                     ETTORE.

Dacchè ho la fortuna di poter salutare una bella
signora, non me la lascio scappare. Come sta,
signora Scarli?

                      EMMA.

Grazie!

                ETTORE a Giulio.

Io non ho mai occasione di trovarmi con lei,
avvocato, ma so tutto quello che ha fatto e che fa
in favore di mio figlio. È inutile dirle che
gliene sono riconoscente.

                     GIULIO.

Fabrizio mi aiuta, stiamo bene insieme.

                    FABRIZIO.

Hai bisogno di parlarmi?

                     ETTORE.

Sì. Oh Ranetti!

                     RANETTI.

Come va, signor Conte?

                     ETTORE.

Bene, se godo le sue grazie. E stanotte ne abbiamo
fatte delle vittime eh? L'indomani di un ballo è
un coro generale d'imprecazioni mascoline contro
di lei.

                     RANETTI.

Qualche ufficiale?

                     ETTORE.

No, i mariti.--Vedo che l'avvocato ha intenzione
di offrirmi il vermouth.

                     GIULIO.

Oh scusi!

                                        lo serve.

                    FABRIZIO.

Bada che ho molto da fare. Se ti occorre veramente
di parlarmi.

                     ETTORE.

Mi occorre tanto che sono andato a cercarti in
Pretura.

                    FABRIZIO.

Se vuoi venire di là.--Scusi, signor Ranetti,
sento quello che vuole mio padre e poi sono da
lei.

                     ETTORE.

Devi uscire col signor Ranetti?

                    FABRIZIO.

Sì.

                ETTORE a Ranetti.

Ne avranno per un pezzo?

                     RANETTI.

Mezz'ora.

                     ETTORE.

Ebbene, siccome una mezz'ora almeno di colloquio
con mio figlio occorre anche a me, le cedo il
passo. Gli affari anzi tutto.

                                      A Fabrizio.

Tu ritorni qui?

                    FABRIZIO.

Qui!

                     ETTORE.

Domando perdono alla signora e all'avvocato se do
appuntamento a mio figlio in casa loro, ma siccome
vorrei parlare anche con loro, anzi prima con
loro....

                     GIULIO.

Il guaio è che io alle dieci devo essere in
tribunale e

                                guarda l'orologio

mancano pochi minuti.

                     ETTORE.

Parlerò con la signora.

                      EMMA.

Con me?

                     ETTORE.

Se mi permette.

               FABRIZIO a Ranetti.

È proprio indispensabile che io venga con lei?

                     RANETTI.

Sarebbe meglio.

               FABRIZIO ad Ettore.

Tu non puoi rimettere ad oggi?

                     ETTORE.

Impossibile: ma ti dico hai tutto il tempo, prima
di parlare con te io ho piacere di dire due parole
alla signora.

               FABRIZIO a Ranetti.

Abbia pazienza, vada senza di me.

               ETTORE a Fabrizio.

Si direbbe che ti dà fastidio di lasciarmi qui
solo. Sono sicuro che l'avvocato non ha nessuna
difficoltà a concedermi di rimanere mezz'ora con
sua moglie.

                     GIULIO.

S'immagini!

              EMMA piano a Giulio.

Ma io....

              GIULIO piano ad Emma.

Come si fa?

                                      A Fabrizio.

Allora tuo padre ti aspetterà qui.

            FABRIZIO piano ad Ettore.

Non si tratta mica di denari.

                     ETTORE.

Per chi mi pigli?

                     RANETTI.

Madama....

                      EMMA.

A rivederlo.

                     RANETTI.

Signor Conte....

                     ETTORE.

Giudizio eh? E mi voglia bene.

                     RANETTI.

Sempre.

          FABRIZIO ad Emma salutandola.

Torno subito.

                                        A Giulio.

Addio.

                   Via per lo studio con Ranetti.


                  SCENA SETTIMA.

         Detti, meno FABRIZIO e RANETTI.


                GIULIO ad Ettore.

Perdoni un momento, due parole a mia moglie.

                     ETTORE.

Faccia, faccia!

              EMMA piano a Giulio.

Mi dà una soggezione!

              GIULIO piano ad Emma.

Abbi pazienza. Fabrizio verrà subito, hai visto
com'era seccato. Se potessi rimanere, ma come si
fa? Del resto vedrai che è compitissimo. Non posso
immaginare cosa voglia da noi. Denari no, non
oserebbe. Se mai....

                      EMMA.

Io non ne ho, ma pensa che imbarazzo se me ne
domandasse!

                     GIULIO.

No, no, a te non osa. Se mi riesce di sbrigarmi,
vado e torno. Addio eh?

                      EMMA.

Addio.

                     GIULIO.

Se vuole accomodarsi.

                     ETTORE.

La ringrazio.

                         Giulio via dallo studio.


                  SCENA OTTAVA.

                 EMMA e ETTORE.


                     ETTORE.

È proprio una violazione di domicilio, a quest'ora
indebita. Ma per le belle signore non c'è ora
indebita. Esse trionfano a tutte le ore.

                      EMMA.

Scusi se la ricevo qui nel tinello, ma in sala fa
freddo, non c'è il fuoco acceso.

                     ETTORE.

Ma qui è bellissimo, qui si sta d'incanto, anzi
quest'aria casalinga è così attraente! Avevo già
più volte pregato Fabrizio che mi accompagnasse da
lei.

                      EMMA.

Io faccio una vita così ritirata! Nelle città
piccole non c'è l'abitudine....

                     ETTORE.

Sono dunque doppiamente indiscreto. Ma si tratta
di una cosa grave. Volevo rivolgermi a Fabrizio,
poi ho pensato che era meglio cominciare dai suoi
migliori amici. E sono anche contento di potermi
aprire prima con lei sola. Le donne sono migliori
alleati che gli uomini.

                      EMMA.

Segga.

                     ETTORE.

Sissignora! Ma poi mi lascierà levarmi in piedi e
non troverà sconveniente se non so star fermo.
Sono un po' agitato. Si tratta di una cosa grave.
È la prima volta che parlo con lei, ma so che lei
è molto buona. Anche suo marito è un uomo di gran
cuore, ma le donne sanno meno cose e ne capiscono
di più. Mi perdo in preamboli, perchè non so come
entrare in argomento. Si vede che a mio figlio
spiaceva questa mia insistenza a rimanere. Io sono
un po' il pupillo di mio figlio. Egli ha un certo
diritto di sindacare la mia vita, io non ho
quello, non dico di sindacare, perchè non è il
caso, ma nemmeno di entrare nel giro della sua. Ci
sono degli elementi della sua vita, delle
abitudini, degli affetti che io devo ignorare, o
lasciargli credere che ignoro.

                   EMMA da sè.

Oh!

                     ETTORE.

Ciò rattrista, perchè non sono vecchio e potrei
essergli indulgente senza scapito della mia
dignità. Sono sicuro che lei approva questi
scrupoli, non è vero? Non mi risponde?

                      EMMA.

Che le posso rispondere? Non comprendo quello che
vuol dire.

                     ETTORE.

Quello che dico e nulla più.

                      EMMA.

Non so spiegarmi la ragione....

                     ETTORE.

Del mio discorso? È semplicissima. Quello che io
ignoro può forse esser conosciuto da lei.

                      EMMA.

Dica.

                     ETTORE.

Lei non sa se Fabrizio abbia qui in città.... o
altrove.... un qualche legame?

                      EMMA.

Legame?

                     ETTORE.

Sì.... un qualche amore.... sarebbe così naturale
alla sua età.... qualche passioncella virtuosa e
malinconica. Tutti ci passano e specialmente i
giovani seri come mio figlio. Lei non sa?

                      EMMA.

No.

                     ETTORE.

Si capisce, a lei non arrivano le ciarle della
gente.

                      EMMA.

Le ciarle?

                     ETTORE.

Oh le città piccole! Io non sono ingenuo, non è
vero? Eppure ascolto spesso qua e là delle
osservazioni così argute, delle malignità così
ingegnose, delle induzioni così sottili, da
esserne meravigliato e spaventato. Al caffè Vasco
ci sono dei genii in questa materia. Suo marito ha
torto di non andarci: per un avvocato dev'essere
un famoso esercizio. Fra una partita e l'altra a
tarocchi vi si dicono delle cose profonde. C'è
della gente che tiene registro, non per modo di
dire, ma che scrive veramente tutto quello che
succede in città, specialmente i fatti che paiono
insignificanti. È una fabbrica d'armi insidiose!
Sanno tutto; a che ora uno esce di casa, a che ora
ci ritorna, dove è andato, chi c'era, che aspetto
aveva rientrando. Ci sono degli oracoli che
predicono il futuro: per esempio, cito un fatto
senza importanza, ma per darle un'idea.... Lei è
andata al ballo ieri sera! Io non lo so. C'è
andata?

                      EMMA.

No.

                     ETTORE.

Ebbene ieri l'altro al caffè Vasco lo si
prevedeva.

                      EMMA.

Non ci vado da un anno.

                     ETTORE.

Lo credo.... ma faccio per mostrarle.... Per dirne
un'altra.... io non so nemmeno se c'è andato mio
figlio a questo ballo eh?

                      EMMA.

No, non c'è andato.

                     ETTORE.

Lei lo sa?

                      EMMA.

Sì, lo so. E prevedevano anche questo?

                     ETTORE.

Anche.

               EMMA, ridendo male.

Sono oracoli a buon mercato. Sanno che Fabrizio
non è socio del circolo.

                     ETTORE.

Ah ecco! Fabrizio non è socio. Insomma lei non può
dirmi nulla se Fabrizio sia libero.

                      EMMA.

No.

                     ETTORE.

Già. Eppure io ho bisogno di conoscere,... perchè
non vorrei contrariare i sentimenti di mio figlio.
Proverò a domandarne a suo marito.

                      EMMA.

Ah!

                     ETTORE.

Chissà che egli non sia informato e ad ogni modo
può aiutarmi a cercare.

                 EMMA, ridendo.

Cercare! Ma dunque lei crede proprio che
Fabrizio.... che idea! Io mi domando cos'è che ha
potuto mettere in mente.... Basta vederlo. Ha
tanto da fare! Tanti pensieri! Giurerei!... E poi
si capirebbe.... avrebbe capito anche lei: quando
uno è innamorato si capisce, non è vero? Ebbene io
lo vedo tutte le sere; viene qui, si fa tardi, si
discorre, lui fa la partita con Giulio, io sto lì
a lavorare, e le assicuro.... che pazzia! e poi me
lo avrebbe detto, sono sicura che mi avrebbe
confidata ogni cosa.--Mai più!

                     ETTORE.

Meglio così. Allora tutto è più facile. Voglio
dargli moglie.

                      EMMA.

Ah!

                     ETTORE.

Sì. Bisogna finirla con questa vitaccia di
espedienti. Non ci siamo nati. Gli ho trovato un
partito conveniente sotto ogni aspetto. Una
ragazza, giovane, anche bella, allevata
modestamente, 200,000 lire lì sulla tavola, senza
contare le speranze. Figlia unica. Fabrizio mi
farà delle difficoltà, me ne ha già fatte; ma deve
finire per accettare: è assolutamente necessario.
E si deve far presto. Io non ho tempo di
aspettare. Bisogna che tutti quelli che possono
agire su di lui, mi vengano in aiuto. Quando ho
cercato di parlargliene egli ha troncato il
discorso bruscamente, brutalmente, perchè ha preso
un tono con me! Ora devo dare una risposta
definitiva da cui dipendono molte cose, molte cose
gravi.... perdoni se parlo così vibrato, ma glie
l'ho detto in principio. Sono un poco agitato.
Sono sicuro che lei mi aiuterà a persuaderlo. È
necessario.

                   EMMA da sè.

Ah!

                     ETTORE.

Perchè, vede--caso mai--tutti questi amori mancini
vanno a finire scioccamente e non conchiudono. Da
principio tutto riesce.... l'amore, la poesia, le
promesse! Si va guardinghi, nessuno scoprirà mai,
e un bel giorno tutto si scopre, e allora l'amore
bisogna bene che finisca e la poesia e le
promesse. Ci sono delle altre promesse che
tengono, quelle sancite dalla legge. E intanto
l'occasione buona se n'è andata e non torna più, e
si rimane colla vita sciupata, collo scorno di una
caduta inabile, peggio che quello di una cattiva
azione. La gente non vi aiuta più, e vi si accusa
di ingratitudine.... bisogna ricominciare la vita
con più anni e meno risorse. Ecco tutto!

                         Piantandosele in faccia.

Non ho ragione?

                                     Lunga pausa.

Suo marito lo metto subito dalla mia, ma deve
aiutarmi anche lei, perchè non abbiamo tempo
d'andar per le lunghe. Bisogna far presto!
nell'interesse stesso di Fabrizio bisogna decidere
su due piedi. Tanto vale.--Non sposa per amore,
non è vero? Dunque?--Perchè quelli non aspettano
più. Hanno un'arma.

                            Sempre più concitato.

È la figlia di Rubbo l'impresario. Rubbo vuol far
contessa sua figlia. Rubbo ha un'arma, quello che
vuole, vuole. È venuto da me stamattina--a
mezzogiorno vuole la risposta. Bisogna almeno che
gli possa dare delle speranze, ma la mia parola
non gli basta. È così male educato! Vuol parlare
oggi con Fabrizio--se no!--Lei mi aiuta, non è
vero? non è vero che mi aiuta?

                      EMMA.

Sì.

                     ETTORE.

Parlerà con Fabrizio?

                      EMMA.

Sì.

                     ETTORE.

Subito appena torna?

                      EMMA.

Sì, sì--ma che non ci sia lei.

                     ETTORE.

Va bene.--Io prima gli dico di che si tratta.

                      EMMA.

Ecco--e poi dopo....

                     ETTORE.

Me ne vado.

                      EMMA.

Sì. Facciamo così: quando Fabrizio ritorna io li
lascio.

                     ETTORE.

Ma poi?

                      EMMA.

Glie l'ho promesso.

                     ETTORE.

Capisce bene che dev'essere una cosa grave, se
sono qui a pregarla come un'anima disperata.

             FABRIZIO dallo studio.

Sono qui.

                      EMMA.

Ah!

                                 Scatta in piedi.

    FABRIZIO entra dallo studio e si avvicina ad
    Emma.

             EMMA piano a Fabrizio.

Non ne potevo più.

                                   Via dal fondo.


                   SCENA NONA.

               ETTORE e FABRIZIO.


                    FABRIZIO.

Cos'è stato?

                     ETTORE.

Non so.

                    FABRIZIO.

Che le hai detto?

                     ETTORE.

L'ho pregata che mi aiutasse a persuaderti di
prender moglie.

                    FABRIZIO.

Che parole le hai detto?

                     ETTORE.

Non c'è tempo agli interrogatorii. Rubbo vuole una
risposta. Accetti?

                    FABRIZIO.

No!

                     ETTORE.

Bada!

                    FABRIZIO.

Non me ne parlare.--È inutile--vieni via!

                     ETTORE.

Bada!

                    FABRIZIO.

Vieni via, vieni via!

                     ETTORE.

Tu non sai di che si tratta--Fabrizio, ti prego
colle mani giunte, non mi ricusare.

              FABRIZIO spaventato.

Che cos'è? mi spaventi.

                     ETTORE.

Vedi bene che non dev'essere un capriccio.

                    FABRIZIO.

Dimmi la ragione.

                     ETTORE.

Voglio levarti da questa vita miseranda.

                    FABRIZIO.

No! Che t'importa di me?

                     ETTORE.

Oh!

                    FABRIZIO.

Quanto gli devi?

                     ETTORE.

Tu credi?

                    FABRIZIO.

Quanto? vediamo se ci arrivo.

                     ETTORE.

Come sei acerbo!

                    FABRIZIO.

Oh ti giuro che vorrei darti tanta tenerezza e
tanta riverenza.

                     ETTORE.

Non si direbbe.--Mi umilii continuamente. Tu
soccorri alla mia miseria, ma non sai rispettarla.

                    FABRIZIO.

Perchè....

                     ETTORE.

Non è rispettabile, lascialo dire a me. Dovresti
capire che delle qualità della mia razza, le più
tenaci sono quelle che non servono a nulla. Posso
gettare il mio orgoglio e degradarmi colla gente
che mi è inferiore, ma non con te.

                    FABRIZIO.

Non è questione d'orgoglio. Quel poco aiuto che
sono in grado di darti non può offendere la tua
fierezza e sostiene la mia. Quanto gli devi?

                     ETTORE.

Non si tratta di denari. Tu non potresti!

                    FABRIZIO.

Quel Rubbo ti tiene in qualche modo; come?

                     ETTORE.

Ha la mia parola.

                    FABRIZIO.

Per queste nozze?

                     ETTORE.

Ti supplico di acconsentire.

                    FABRIZIO.

Perchè vuol darmi sua figlia? Non sono un Narciso
da innamorare le donne a distanza e quella
pupattola non saprebbe innamorarsi.

                     ETTORE.

Vuol farla contessa.

                    FABRIZIO.

Sposala tu.

                     ETTORE.

Che pazzia!

                    FABRIZIO.

Ma sì. Io ti rinunzio i diritti di primogenitura.
Il primo figlio che ne avrai sarà Conte in luogo
mio.

                     ETTORE.

Non scherziamo.

                    FABRIZIO.

Non scherzo. Se credi che 200,000 lire valgano il
titolo che portiamo, ebbene esso è più tuo che
mio, dacchè l'ebbi da te. Tu sei vegeto, elegante,
sei più giovane di me, io sarò il nonno de' tuoi
figliuoli. Sei più tagliato alla vita che cercano
quelli là. Tu sai essere vistoso. Una volta
tornato nell'agiatezza saresti nel tuo stato
perfetto. Io no. Le gioie che tu potresti sperare
dal matrimonio, questo te le darebbe tutte: di
quelle che potrei sperare io, non ne avrei
nessuna. Perchè tormentarci in tanti, per ottenere
essi quello che io non posso dare ed io quello che
non cerco? Non è portando i tuoi abiti smessi che
potevo avvezzarmi all'eleganza. Mi sento così poco
nobile io! Non ho che virtù borghesi! So lavorare,
amo il lavoro, non ho ambizione, mi compiaccio
della vita intima. Un po' di tranquillità e la
sicurezza del domani mi bastano. E vederti
contento, e non essere costretto con te alla parte
ingrata del mentore, e poterti dare tanta
tenerezza figliale e tanto rispetto! non domando
altro! Sposala tu!

                     ETTORE.

Rubbo non vuole.

          FABRIZIO ridendo amaramente.

Hai già cercato e vieni da me alla peggio!

                     ETTORE.

Vedi che hai orgoglio anche tu!

                    FABRIZIO.

È vero. E non faccio mercati.

                     ETTORE.

Ma li consigli a tuo padre.

                    FABRIZIO.

Alla tua età i patti sono chiari; non c'è frode
possibile.

                     ETTORE.

Non saresti il primo a fare un simile matrimonio.

                    FABRIZIO.

Anche se rubassi, non sarei il primo ladro.

                     ETTORE.

Quando ti dico....

                    FABRIZIO.

Basta. Bisogna aver perduto ogni idea di
rettitudine per non capire che il mio consenso
sarebbe un'azione disonesta.

ETTORE.

Credi che sia più onesto entrare nella casa di un
galantuomo, guadagnarne l'amicizia, riceverne i
benefici e sedurne la moglie?

               FABRIZIO violento.

Questo hai detto alla signora Emma?

                     ETTORE.

Ora lo dico a te.

                 FABRIZIO c. s.

Rispondimi, le hai detto questo?

                     ETTORE.

Non ho ragione?

                    FABRIZIO.

Nessuno può sospettare.

                     ETTORE.

Ma tutti sospettano.

                    FABRIZIO.

Non è vero.

                     ETTORE.

E tu allora denunzia la calunnia al marito.

                    FABRIZIO.

Guarda! Non curo difendermi! Ma se tu hai detto
una parola di ciò alla signora Emma....

                     ETTORE.

Lascia stare, ha quasi confessato.

               FABRIZIO atterrito.

Essa?

                     ETTORE.

Qui, or ora.

 FABRIZIO abbassa la voce, e si guarda attorno.

Sst! Vieni via. Andiamo a casa tua. Non è
possibile che tu abbia fatto questo! Un
gentiluomo! Vieni via, vieni via!

                     ETTORE.

No, tu rimani. La signora Emma ti vuol parlare.

                    FABRIZIO.

A me?

                     ETTORE.

Sì.

                    FABRIZIO.

Ti sei fatto promettere che ti avrebbe aiutato?

                     ETTORE.

Sì.

                    FABRIZIO.

E te l'ha promesso! Vedi bene che i tuoi sospetti
sono assurdi.

                     ETTORE.

Tu avresti mezzo di mostrarne anche più
chiaramente l'assurdità.

                    FABRIZIO.

Sposando la figlia di Rubbo? Ho un mezzo migliore.
Andarmene!

                     ETTORE.

Ricusi ancora?

                    FABRIZIO.

Certo!

                     ETTORE.

È la tua ultima parola?

                    FABRIZIO.

Oh! l'ultima!

                     ETTORE.

Anche se ti dicessi che ne va in parte dell'onore
del tuo nome?

                    FABRIZIO.

Tu ed io intendiamo così diversamente la parola:
onore!

                     ETTORE.

Addio!

                        Si allontana poi ritorna.

                    FABRIZIO.

Addio.

                     ETTORE.

Se mai, fino a mezzogiorno sono in casa. Dopo
sarebbe troppo tardi.

                               Via per lo studio.


                  SCENA DECIMA.

               FABRIZIO poi EMMA.


         FABRIZIO alla porta del fondo.

Signora Emma!

                       Silenzio,--poi Emma entra.

                      EMMA.

È andato via?

                    FABRIZIO.

Sì.

                      EMMA.

Ha scoperto ogni cosa!

                    FABRIZIO.

Lo so.

                      EMMA.

Non sarà il solo.

                    FABRIZIO.

Io parto.

                      EMMA.

Quando?

                    FABRIZIO.

Appena posso. Stasera.

                      EMMA.

Che penserà Giulio?

                    FABRIZIO.

Cercherò una ragione. Non oso guardarlo. Se mi
fissasse, capirebbe: non saprei trovare una parola
per sviarlo. Ma questo avvertimento viene in
tempo. Me partito, i sospetti cadono. Doveva finir
così. Che ha detto mio padre?

                      EMMA.

Non so più. Tante cose! Ho veduto subito che
sapeva, subito da principio. Mi guardava--mi
guardava! Le parole erano riverenti, ma lo sguardo
oltraggioso! Poi deve aver minacciato, ma non so
più. Che tortura! Lo sanno tutti eh?

                    FABRIZIO.

No. Mio padre vede così facilmente il male. È così
corrotto!

                      EMMA.

Che ci ha indovinati!

                    FABRIZIO.

Per carità non perdiamoci. Dobbiamo farci
coraggio, per fingere fino a stasera. Non posso
partire senza veder Giulio. Ci troveremo tutti e
due nella sua presenza. Egli vorrà dissuadermi.
Bisognerà sapere essere forti e fingere. Per lui!
per lui! L'unico bene che possiamo fargli è
d'ingannarlo.

                      EMMA.

Non sapremo--siamo vili.--È l'ultima ombra di
nobiltà che ci resta.--Ma l'avevamo preveduto eh?
Almeno l'avevamo preveduto. Non si può dire che
non avessimo coscienza di tutto.

                    FABRIZIO.

No.--Chi lo sa come si comincia? È un veleno così
sottile, così subdolo! Chi lo avverte da principio?
Ha tanti nomi! È pietà, è rispetto, è fede! Chi lo
teme? Non è che un ardore di bene. Si appiglia a
tutte le facoltà buone e forti dell'animo e le
esalta per stancarle. Quando avvertiamo l'insidia,
è padrone di noi.

                      EMMA.

Non cerchiamo scuse. Ci siamo amati--sono stata
vile--è finito!

                    FABRIZIO.

Emma!

                      EMMA.

Partire! E se scopre?

                    FABRIZIO.

No, troveremo modo.

                      EMMA.

Che dirgli da un'ora all'altra?

                    FABRIZIO.

Già lo meditavo. Glie ne avevo parlato. Non potevo
più accettare questa parte.

                      EMMA.

Non pensiamo a noi.

                    FABRIZIO.

Penso a lui. La scoperta della mia colpa potrebbe
ucciderlo; la continuazione dei benefici lo
farebbe ridicolo.

                      EMMA.

Partire così è una fuga--domani....

                    FABRIZIO.

L'amore è vile, Emma. Se non ci armiamo di questi
terrori esso ci ripiglia. È un mese che dico
domani e che trascino di giorno in giorno il buon
proposito.

                                 Avvicinandosele.

Ti amo tanto, Emma.

                EMMA ritraendosi.

No, no, no!

                    FABRIZIO.

E se domani non ho più coraggio? Se mi addormento
un'altra volta nella mia viltà? Tu mi
supplicheresti invano, Emma! Quanto non m'hai
supplicato! Ti vincerei un'altra volta, povera
donna debole! Non fidarti di me! Se volessi
portarti via, tu mi seguiresti.

               Emma fa un movimento verso di lui.

Lo vedi se ti riprendo? Non fidarti di me. Sono
uscito da una razza sfatta. Mio padre è uno
scroccone, potrei essere un ladro.

                      EMMA.

No, Fabrizio!

                    FABRIZIO.

Ora! ora! mentre ho la mente a queste paure,
mentre ti parlo di lui, e vorrei morire per non
averlo offeso, se ti guardo mi sale al cervello la
vampa della pazzia!


                SCENA UNDICESIMA.

                 MARTA e detti.


                      MARTA.

Signora!

                      EMMA.

Che!... La bambina?...

                      MARTA.

È rimasta di sotto a giuocare coi figli del
droghiere. C'è la lavandaia che domanda se non ha
portato ieri una tovaglia scompagna dalle nostre.

                      EMMA.

Non so--c'eri tu!

                      MARTA.

Già, il conto tornava, ma poi piegandola ho visto
bene io che ce n'era una non nostra.

          Apre la credenza e prende una tovaglia.

Eccola qui.

                      EMMA.

Dagliela.

                      MARTA.

Lasci fare.

                                             Via.



                SCENA DODICESIMA.

                 EMMA e FABRIZIO.


                      EMMA.

Vedi bene! È giusto, va! Non è possibile! È una
cosa degradante! Questa intromissione della casa
in.... oh!... Ci vogliono gli uomini oziosi, le
donne inutili.... Sì.... sì.... stasera parti....
stasera.... troverai un pretesto.... ma.... mai
più.... mai più.... mai più!

                                     Lunga pausa.

Dovevo anche parlarti di quello che vuole tuo
padre. Lo sai quello che vuole?

                    FABRIZIO.

Sì.

                      EMMA.

Ho promesso di persuaderti.

                    FABRIZIO.

Oh!

                           con isdegnoso rifiuto.

         EMMA con involontaria passione.

No eh?!

                    FABRIZIO.

Oggi verrò da Giulio. Gli dirò che voglio
liberarmi dalle sollecitudini di mio padre.

                      EMMA.

Sì.



                SCENA TREDICESIMA.

                 MARTA e detti.


                      MARTA.

Ecco fatto.


         FABRIZIO inchinandosi ad Emma.

A rivederla.

             EMMA c. s. a Fabrizio.

A rivederlo.

                                    Fabrizio via.



              SCENA QUATTORDICESIMA.

                  MARTA ed EMMA.


                      MARTA.

Glie l'ho mostrata e le ho detto che quando
porterà la nostra, glie la ridaremo.--Vuol
prendere i conti?

                      EMMA.

Ora?

                      MARTA.

Se no mi passa di memoria.

    EMMA va a prendere nel cassetto della mezza
    luna il libro dei conti e il calamaio, poi
    siede alla tavola di mezzo.

                      MARTA.

C'erano già dei carciofi in piazza--ma--salati!
L'avvocato n'è ghiotto. Ma strapagarli!

                      EMMA.

Di' pure.

                      MARTA.

Filetto venticinque, burro quindici, patate
tre....

                                    Cala la tela.



                  ATTO SECONDO.

         La stessa scena dell'atto primo.

    Sulla tavola di mezzo c'è una lunga scatola
    bianca e dentro un taglio d'abito di velluto.


                   SCENA PRIMA.

             GIULIO, GEMMA poi MARTA.


    GIULIO tiene Gemma sulle ginocchia e la fa
                 ballare dicendo.

    Il cavallo del gradasso
      Va di passo, va di passo
      Pian pian pian pian.
    Il caval del giovinotto
      Va di trotto, va di trotto
      Ran ran ran ran.
    Quando il re sta sulla groppa
      Si galoppa, si galoppa
      Vlan vlan vlan vlan.
    Ma nel giorno della guerra
      Il cavallo cade a terra.
      Dan dan dan dan.

           Rimette la bambina a terra.

                      GEMMA.

Ancora.

                     GIULIO.

Oh sì!

                      GEMMA.

Allora la storia.

              Arrampicandosi sulle sue ginocchia.

                     GIULIO.

Una volta c'era un Re....

                MARTA dal fondo.

Viene subito.

                     GIULIO.

Cosa fa di là?

                      MARTA.

Non so, era chiusa in camera. Ha detto che viene
subito.

                                             Via.

                      GEMMA.

C'era un Re....

                     GIULIO.

Non so altro.

                      GEMMA.

Che aveva un figlio....

                     GIULIO.

E una figlia.

                      GEMMA.

Vedi che la sai?

           GIULIO con aria di mistero.

Senti, Gemma, quando viene mamma..... noi non
diciamo niente....

                      GEMMA.

Sì.

                     GIULIO.

Lei vede quella scatola che c'è lì sulla tavola e
domanda: Cos'è?

                      GEMMA.

Sì.

                     GIULIO.

E noi rispondiamo: mah!

                      GEMMA.

Mah!

                     GIULIO.

E lei domanda. Chi l'ha portata?

          GEMMA suggerisce la risposta.

Non sappiamo.

                     GIULIO.

Cara! non sappiamo: sì. E allora la mamma....

               GEMMA vedendo Emma.

Sst!


                  SCENA SECONDA.

                  EMMA e detti.


       GIULIO facendo saltare la bambina.

    Il caval del giovinotto....

                      EMMA.

Mi vuoi?

                 GIULIO a Gemma.

Sst!

                                           Forte.

    Va di trotto, va di trotto! Pian pian....

                      GEMMA.

No: Ran, ran!

                      EMMA.

Mi hai fatto chiamare?

                  GIULIO c. s.

    Quando il Re sta sulla groppa....

    EMMA è ritta presso la tavola senza avvertire
    la scatola.

              GEMMA piano a Giulio.

Non la vede.

                     GIULIO.

Aspetta.

                  GEMMA forte.

Io vedo una cosa sulla tavola.

                      EMMA.

Dici a me?

                      GEMMA.

Sulla tavola.

              EMMA vede la scatola.

Ah! Cos'è?

                      GEMMA.

Mah!

                      EMMA.

Chi l'ha portata?

                     GIULIO.

Mah! Non sappiamo. N'è vero, Gemma?

                      GEMMA.

No: guarda, guarda!

                  EMMA l'apre.

Oh!

                      GEMMA.

Che cos'è?

                      EMMA.

Un abito di velluto! Giulio!

                     GIULIO.

Sono gli spilli per la vendita dei molini. Non lo
guardi?

                      EMMA.

È bello! grazie.

                     GIULIO.

Sei pallida.

                      EMMA.

No.

                     GIULIO.

Sì.

                      EMMA.

Ho un po' di emicrania. È molto bello questo
abito! Ma troppo lusso! è una follia!

                     GIULIO.

Sono due anni che la medito. L'anno passato avevo
cominciato dal primo gennaio a mettere in serbo
una lira il giorno. Poi è scappato quel Forgia che
mi doveva 800 lire e addio regali. L'altra sera al
contratto di nozze della Pianna c'era la signora
Sequis con un abito di velluto come questo. Ma lo
portava così male, ne spandeva da tutte le parti.
Il velluto non dona che alle persone sottili: le
grosse le ingrossa. Io pensavo: Ah quando vedrò
Emma vestita così! Appena Ranetti mi portò i
denari dei molini mi è tornato in mente. Tu sì che
starai bene! sì che sarai bella!

                      EMMA.

Come hai fatto a scegliere da te solo?

                     GIULIO.

Ho comprato male?

                      EMMA.

Ma no, benissimo!

                     GIULIO.

Guarda, esamina pure, è morbido? è fitto, è
lucido?

                      EMMA.

Sì, sì.

                     GIULIO.

È un pregiudizio il credere che gli uomini non
s'intendano di queste cose. I devoti sanno
adornare la Madonna. Gli uomini capaci di voler
molto bene, cioè di amare fortemente e virilmente,
hanno tutti il senso degli ornamenti femminili.
Gli è che in fondo di ogni loro pensiero e di ogni
loro azione sta l'immagine cara che li fa pensare
ed agire. E questa non è una debolezza! Tutti gli
uomini forti e buoni amano. Mi credi di quelli?


                      EMMA.

Sì.

                     GIULIO.

L'hai forte eh, l'emicrania? Si vede. Hai gli
occhi lucenti e stanchi.--Che voleva poi quel
conte Arcieri? È lui che ti ha dato il mal di
testa.

          EMMA sforzandosi a sorridere.

No!

                     GIULIO.

Che voleva?

                      EMMA.

Vuol dar moglie a suo figlio.

                     GIULIO.

E perchè viene da noi?

                      EMMA.

Perchè lo aiutiamo a persuaderlo. Il figlio non
vuole.

                     GIULIO.

In massima ha torto. Chi sarebbe la sposa?

                      EMMA.

La figlia di Rubbo.

                     GIULIO.

Ah! Fabrizio ha ragione. Rubbo è un cattivo
soggetto. Come te la sei cavata?

                      EMMA.

Insisteva tanto.

                     GIULIO.

M'immagino. Hai promesso di parlare a Fabrizio?

                      EMMA.

Ho fatto male?

                     GIULIO.

Hai fatto benissimo. E ne hai parlato?

                      EMMA.

No. È stato qui due minuti appena.

      Ha chiusa la scatola, la prende e si avvia.

                     GIULIO.

Vai via?

                      EMMA.

Vado a riporre....

                     GIULIO.

E a me?

                      EMMA.

Cosa?

                     GIULIO.

Gli spilli.--Sei tu che me li devi dare.

                      EMMA.

Che posso darti io?

                     GIULIO.

Oh!

    La prende per le mani e fa per attirarla a sè.

Qua!

   EMMA fa un involontario moto di resistenza.

                     GIULIO.

No?

                                        Sorpreso.

     EMMA rimettendosi gli porge le fronte.

                 GIULIO la bacia.

     EMMA prende la bimba e la copre di baci.

                     GIULIO.

Rendimeli pure a quel modo. Ne sono contento.--Sai
cosa si dovrebbe fare? Prendiamo Gemma con noi e
andiamo a fare una passeggiata fuori all'aperto.
Ti va?

                      EMMA.

Come vuoi.

                     GIULIO.

Gemma, va' da Marta e dille che ti vesta.

                      GEMMA.

Sì, sì.

                                   Via dal fondo.

                     GIULIO.

Un po' d'aria ti farà bene: sei sempre qui chiusa
a dar punti.

                      EMMA.

Già mi passa.

                     GIULIO.

Oggi mi do vacanza. Sai che stamattina ho fatto il
conto che da due mesi ho incassato, incassato,
nota, quasi 1000 lire! E a registro sono più di
2000. E vero che sono i mesi buoni, ma 9000 lire
all'anno escono. Siamo a posto; siamo quasi
ricchi, Emma! Domani porto 10,000 lire alla banca!
E otto anni fa non avevo un soldo. Va' là che hai
avuto coraggio a sposarmi. Il nostro bilancio era
presto fatto: zero via zero.... Come fa piacere
voltarsi indietro! Posso dire di avere sgobbato
come un facchino, ma tu mi aiutavi tanto! La vita
mi è stata facile. Sorridi!

                      EMMA.

Giulio!

                     GIULIO.

Ne abbiamo passate delle ore a sospirare i
clienti. Ti ricordi? che ti mettevi alla finestra
a vedere se ne entrava nel portone? E non ne
veniva mai. Ti ricordi quella volta che sei
entrata nello studio con un gran velo che ti
nascondeva la faccia, a domandare un consulto? Che
risate! Che pazza che eri! Come ridevi tutta
quanta! Ci tornerei guarda! E la casa! Che povera
casa avevamo!

                      EMMA.

Ora l'hanno demolita.

                     GIULIO.

È vero: per farci il quartiere degli alpini. Ci
sono capitato un giorno quando l'abbattevano. Ho
riconosciuta la nostra camera là in alto,
tappezzata di quella brutta carta olivastra a
fiori turchini: c'erano ancora tre pareti ritte,
la quarta era caduta con mezzo il soffitto.
Ricordavo tante cose! Ti rattristo? Va' là che le
gioie buone sono con noi: le abbiamo portate via
tutte! E nessuno le abbatte quelle.--Che hai?

                      EMMA.

Nulla.

                     GIULIO.

Vatti a vestire.

                      EMMA.

Sì.

                                        Si avvia.

                     GIULIO.

Marta sta in casa, eh?

                      EMMA.

Ti occorre?

                     GIULIO.

Oh! se viene Fabrizio che gli dica di trattenersi
a pranzo.

                      EMMA.

No!

                     GIULIO.

Perchè?

                         Scampanellata di dentro.

                      EMMA.

Non ci ho pensato. Ora il pranzo è combinato!

                     GIULIO.

Fabrizio non dà soggezione.

                      EMMA.

No: lascia stare.

                     GIULIO.

Perchè? oggi sono contento.

                      EMMA.

Ti prego, lascia stare.

                     GIULIO.

Come vuoi, ma non capisco.


                   SCENA TERZA.

             MARTA, RANETTI e detti.


                      MARTA.

C'è il signor Ranetti.

                     GIULIO.

Avanti.

                     RANETTI.

E seconda apparizione!

                                         Ad Emma.

La faccio scappare?

                      EMMA.

No, andava già.

                     RANETTI.

Un momento. Vuole che le dica cosa c'è lì dentro?

                            Le mostra la scatola.

Ci sono 18 metri di velluto in seta, nero, alto 60
centimetri, fabbrica di Lione. Giulio ha fatto la
spacconata oggi uscendo di Tribunale. È entrato
nel negozio del Biondo con un'aria risoluta e
grandiosa: ha messo sossopra tutta la mercanzia,
ha pagato come un banchiere, ed è venuto a casa
tirandosi dietro il figlio del Biondo che portava
la scatola. La gente si fermava sulle botteghe a
guardarlo.

                     GIULIO.

E poi?

                     RANETTI.

E poi se ne parla al Caffè Vasco. I tarocchisti
hanno mandato Mutria in missione dal Biondo per
sapere. Devo dire anche il prezzo?

                     GIULIO.

Ti prego di no.

                RANETTI ad Emma.

Faccia vedere.

             EMMA scopre la scatola.

                     RANETTI.

Magnifico!

                     GIULIO.

Sono i molini, vedi? Tu sei un diavolo che li hai
venduti così bene!

                     RANETTI.

Bada, la farina del diavolo va in crusca.

                     GIULIO.

Non c'è pericolo. Dunque cosa vuoi?

                     RANETTI.

Indovina!

                     GIULIO.

Eh sì! Guarda, vogliamo andare a passeggio con mia
moglie.

                     RANETTI.

Ah mi rincresce tanto per madama, ma tu non
potrai.

                     GIULIO.

Perchè?

                     RANETTI.

Perchè ho bisogno di te.

                      EMMA.

Vado dalla bambina.

                                   Via dal fondo.

                     RANETTI.

Mi hanno sfidato.

                     GIULIO.

Chi?

                     RANETTI.

Gli ufficiali, due ufficiali. Sono venuti da me,
due ufficiali da parte del tenente Rovi.

                     GIULIO.

Quello del cotillon?

                     RANETTI.

Bravo!

                     GIULIO.

E vieni qui e discorri d'altro come se niente
fosse?!...

                     RANETTI.

Dovevo arrivare affannato per una inezia? Casca il
mondo? Bella cosa! Dunque ho bisogno di te; e
vorrei pregare anche l'avvocato Fabrizio.

                     GIULIO.

Va bene.

                     RANETTI.

Sai dove si può vedere adesso?

                     GIULIO.

Fabrizio? Ma dovrebbe venire.

                     RANETTI.

Perchè dovete essere in due eh?

                     GIULIO.

Già, per le forme. Si può mandare a vedere in casa
se c'è.

                     RANETTI.

Vado io.

                     GIULIO.

No, mando Marta.

                                Chiama dal fondo.

                      MARTA.

                                 Torna a Ranetti.

Sei tranquillo!

                     RANETTI.

Ti fa meraviglia?

                     GIULIO.

Meraviglia! Sì, sono cose che agitano.

                     RANETTI.

Oh non li aspettavo, ma una volta presa una
decisione....

                     GIULIO.

Se te la lasciamo prendere. Come li hai accolti
quei due?

                     RANETTI.

Benissimo.

                     GIULIO.

Sono stati cortesi?

                     RANETTI.

Compitissimi. Mi hanno domandato se riconoscevo di
aver preso per un braccio il tenente Rovi.

                     GIULIO.

E tu?

                     RANETTI.

Ed io ho risposto che riconoscevo benissimo.

                     GIULIO.

Marta!

                     RANETTI.

Inutile negare, tanto più che....


                  SCENA QUARTA.

                 MARTA e detti.


                      MARTA.

Cosa vuole?

                     GIULIO.

Sai dove sta l'avvocato Fabrizio?

                      MARTA.

Io no.

                     GIULIO.

In casa del signor Peirone, il cancelliere della
Pretura, lo conosci?

                      MARTA.

Quello che ha quella serva gobba, rossa?

                     RANETTI.

Sì, Polonia.

                      MARTA.

Dove sta?

                     GIULIO.

D'accanto a San Biagio, la porta dove c'è il
botteghino del lotto. Qui a due passi. Va' a
sentire se l'avvocato Fabrizio è in casa, e
pregalo che venga qui subito. Fa' presto.


                  SCENA QUINTA.

                Detti meno MARTA.


                     GIULIO.

Dove li troviamo quei due signori?

                     RANETTI.

Al Circolo, alle cinque.

                     GIULIO.

C'è tempo. Io conto di fare così. Vado con
Fabrizio. Si rifà la storia dell'accaduto. Noi
dirigevamo il ballo....

                     RANETTI.

per mandato espresso della Direzione. Carattere
ufficiale, dunque....

                     GIULIO.

Voi non volevate obbedire alle norme....

                     RANETTI.

prescritte. Ma....

                     GIULIO.

Lasciami dire. Vi abbiamo invitato varie volte
colle buone.

                     RANETTI.

Sì, ma....

                     GIULIO.

Lasciami dire. Non avete ceduto. Allora nostro
malgrado noi siamo stati costretti a trattenervi
per un braccio.

                     RANETTI.

Noi, noi, noi! Io! Ero io solo che dirigevo.
Nessuno s'è mosso in mio sostegno: Solo ero.

                     GIULIO.

Ma si usa dire così.

                     RANETTI.

Ah basta, basta! Ma vai troppo per le lunghe. Io
direi semplicemente così: Il signor Ranetti non si
batte.

                     GIULIO.

Eh!

                     RANETTI.

Non si batte.

                     GIULIO.

Anch'io voglio arrivare a questa conclusione, ma
ragionando e persuadendoli.

                     RANETTI.

Che ragionando? che arrivare? Questo è un fatto.
Questo è il punto di partenza, non quello di
arrivo. Non mi batto. Tutto il resto è vanità.

                     GIULIO.

Ma allora perchè mandi noi?

                     RANETTI.

Per dirglielo.

                     GIULIO.

Potevi dirlo tu.

                     RANETTI.

Le forme!

                     GIULIO.

Ma non so se Fabrizio vorrà fare questa parte.

                     RANETTI.

Che parte?

                     GIULIO.

Andare a dire da bel principio che uno non si
batte.

                     RANETTI.

Subito che è vero.

                     GIULIO.

Va bene, ma....

                     RANETTI.

Tu stai per il duello?

                     GIULIO.

No, ma, o non si va, o si discute.

                     RANETTI.

Che! che! Non rispondere è una cosa grossolana,
discutere è una debolezza. Chi accetta la
discussione ammette di poter aver torto e di
doverlo riconoscere. Io non voglio.

                     GIULIO.

Diavolo! ma è difficile.

                     RANETTI.

Perchè? Quando c'è stato il colera avete visto se
me ne impippavo del pericolo, ma pigliarmi del
villano e una sciabolata, è cretino. Se il tenente
vuol venire all'erba con due bastoni ci sto. Pari,
pari. Ma non sono abbastanza ben vestito per la
cavalleria.

                     GIULIO.

Cosa vuoi che ti dica? io credo che Fabrizio non
ne vorrà sapere.


                   SCENA SESTA.

                  MARTA e detti.


                      MARTA.

L'avvocato Fabrizio non è in casa, non è nemmeno
andato a far colazione.

                     GIULIO.

Va bene.

                                       Marta via.



                  SCENA SETTIMA.

                Detti meno MARTA.


                     GIULIO.

Sarà dal dottor Brusio per quella causa.

                     RANETTI.

No, quella causa non si fa.

                     GIULIO.

Rubbo ha tirato fuori i quattrini?

                     RANETTI.

Ha pagato. Non tutto in contanti, ma.... Una
cambiale di 8000 lire del conte Arcieri.

                     GIULIO.

Il padre?

                     RANETTI.

S'intende.

                     GIULIO.

E il dottore l'ha accettata?

                     RANETTI.

Me lo domandi? con una buona firma!

                     GIULIO.

Per Dio! non so che buona firma abbia potuto
trovare quello spiantato!

                     RANETTI.

Come non sai? La tua!

                     GIULIO.

La mia?!

                     RANETTI.

Tu non hai firmato una cambiale del conte?

                     GIULIO.

Io non ho mai firmato cambiali in vita mia. Chi
t'ha detto questo?

                     RANETTI.

L'ho veduta un'ora fa.

                     GIULIO.

Colla mia firma?

                     RANETTI.

Diavolo! la conosco eh?

                     GIULIO.

Ma è falsa!

                     RANETTI.

Eh!

                     GIULIO.

È falsa! Ah! per esempio lo mando in galera
dritto. La mia firma tu hai veduto?

                     RANETTI.

Ma se ti dico....

                     GIULIO.

Ah questa!

                     RANETTI.

Anzi il dottore sapendo che abbiamo venduto i
mulini, contava....

                     GIULIO.

Ma è falsa, è falsa.... io non pago se mi
indorassero. Canaglia! in galera lo mando.

                     RANETTI.

Mi spiace per suo figlio.

                     GIULIO.

Pensa bene a quello che dici, Ranetti, tu oggi
avevi la testa via.

                     RANETTI.

Che? per il duello? non ci pensavo nemmeno: ma ti
dico una cambiale di 8000 lire avvallata Giulio
Scarli.

                     GIULIO.

Ma capisci bene se io.... 8000 lire! Come mai il
Dottore ha potuto credere?...

                     RANETTI.

Chi è che va a pensare ad un falso! D'altronde tu
sei tanto amico del figlio che potevi
benissimo.... Io stesso quando ho visto il tuo
nome, ho pensato: ecco uno dei bei regali
dell'amicizia! E mi son detto: Giulio si fida!

                     GIULIO.

Mi fido! Certo mi fiderei di Fabrizio!

                     RANETTI.

Denari e donne non fidarsi di nessuno!

                     GIULIO.

Sì, va', lascia le sentenze ora. Fabrizio non
c'entra. L'essenziale è che io non riconosco la
firma, e che il dottore lo deve sapere sul
momento.

                     RANETTI.

Bisognerà provare.

                     GIULIO.

Oh le firme false si conoscono. Vieni con me,
andiamo dal Dottore.

                     RANETTI.

Bada che quello non ci mette tempo in mezzo. Va
dal Procuratore del Re, dritto.

                     GIULIO.

Ebbene ci vada.

                     RANETTI.

E Fabrizio?

                     GIULIO.

Povero ragazzo!

                     RANETTI.

Può pagare?

                     GIULIO.

Mai più!

                     RANETTI.

Allora è un processo.

                     GIULIO.

Oh!

                                  Siede accorato.

                     RANETTI.

Capirai che col padre accusato di falso e
condannato, la sua carriera è bell'e finita. È
certo che se non pagate nè tu, nè lui, il Dottore
non è tenero, il processo lo fa.

                     GIULIO.

Povero ragazzo!

                     RANETTI.

Ma non mi hai detto che ha una pensione di 2000
lire?

                     GIULIO.

È vero!

                     RANETTI.

Allora può trovare.

                     GIULIO.

Sì sì sì. Non ci pensavo. Già con quelli può
rispondere.

             RANETTI accomiatandosi.

Se lo vedo te lo mando.

                     GIULIO.

Sì, 8000 lire eh?

                     RANETTI.

Otto mila.

                     GIULIO.

Bene--ora vai--lasciami. Inutile che ti raccomandi
il segreto.

                     RANETTI.

Oh!--E per il mio affare?

                     GIULIO.

Quale?

                     RANETTI.

La sfida!

                     GIULIO.

Se tu potessi scusare senza di me? Vedi bene?

                     RANETTI.

È perchè tu sei il Presidente del Circolo.

                     GIULIO.

Signore Iddio!

                     RANETTI.

Abbi pazienza!

                     GIULIO.

A che ora è l'appuntamento?

                     RANETTI.

Alle cinque al Circolo.

                     GIULIO.

Sono le tre. Ci sarò.

                     RANETTI.

E se incontro Fabrizio te lo mando.

                     GIULIO.

No... non gli dir nulla. E va' via--lasciami
pensare--va' via.

                     RANETTI.

Addio!

                          Scampanellata violenta.

Questo è Fabrizio e sa tutto: si sente dalla mano.

                     GIULIO.

Non una parola.

                     RANETTI.

Siamo intesi eh? Non mi batto.

                                             Via.


                  SCENA OTTAVA.

               FABRIZIO e GIULIO.


                    FABRIZIO.

Tu hai firmato una cambiale di mio padre?

                     GIULIO.

Chi ti ha detto?

                    FABRIZIO.

Lo sai già! Ranetti è venuto ad avvertirtene. Non
ci ha creduto nemmeno lui! Sono disonorato!

                     GIULIO.

Ma no, Ranetti non è venuto per questo.

                    FABRIZIO.

Non importa! sono disonorato!

                     GIULIO.

E quando l'avessi firmata?

                    FABRIZIO.

Non è vero.

                     GIULIO.

Ma se....

                    FABRIZIO.

Non è vero, non è vero. Non cercare d'ingannarmi.
Me l'avresti detto. Prima di tutto non l'avresti
firmata. Tu non metteresti il tuo nome d'accanto
a... E poi me lo avresti detto. E va bene! Sono il
figlio di un falsario.

                     GIULIO.

Fabrizio!

                    FABRIZIO.

Oh! non mi fa nemmeno meraviglia, guarda! Non ho
visto la cambiale, ma appena il Dottore mi ha
detto che aveva la tua firma, ho pensato subito: è
falsa! Subito! Come alla cosa più naturale del
mondo! Lui stesso stamattina.... ora capisco!...
Mi rincresce che è il tuo nome di mezzo!

                     GIULIO.

Senti, Fabrizio.... non l'ho firmata, è vero, è
inutile ingannarti. Tu resti quello che sei e
nessuno conosce nulla. Dunque tutto si riduce alla
perdita del denaro... che è una cosa gravissima.

                    FABRIZIO.

Oh!

                     GIULIO.

No--gravissima, lascia stare. Ad ogni modo nel
male non è il peggio danno. Questione di trovarli.

                    FABRIZIO.

Per questo....

                     GIULIO.

Faremo così. Tu mi passi una scrittura d'obbligo
con cui vincoli in mio favore per quattro anni la
rendita....

                    FABRIZIO.

Ma....

                     GIULIO.

Lasciami finire.

                    FABRIZIO.

Spero di aver provveduto.

                     GIULIO.

Bene, mi dirai dopo le tue combinazioni; adesso
sta' a sentir le mie. Tu sei più agitato di me,
dunque c'è probabilità ch'io ragioni meglio. Tu
vincoli in mio favore per quattro anni la pensione
di due mila lire che ti passa il Maraschi; di più,
siccome io non sono un signore, ti obblighi di
pagarmi l'interesse del 5 per cento. I tuoi
guadagni te lo permettono. D'altronde questo andrà
sempre scemando. E io riconosco la firma e pago.

                    FABRIZIO.

Grazie--no!

                     GIULIO.

Nota che non devo ricorrere a nessuno per avere i
quattrini. Ranetti mi ha portato stamane undici
mila lire di mia parte per l'affare dei molini che
tu conosci. Dunque li ho.

                    FABRIZIO.

Grazie, ma è già fatto. Ho già quasi disposto e
avrò la somma domani.

                     GIULIO.

In che modo?

                    FABRIZIO.

Una combinazione. Ti assicuro....

                     GIULIO.

Ti rincresce che paghi io? ma io ti do la somma.

                    FABRIZIO.

Non è questo: ti dico che ho trovato.

                     GIULIO.

E dimmi anche come. Se esiti è segno che è un
carrozzino. So bene che non mancheresti di fiducia
in me.

                    FABRIZIO.

Ho realizzato il capitale.

                     GIULIO.

Del tuo vitalizio?

                    FABRIZIO.

Sì.

                     GIULIO.

Con Maraschi? Maraschi ha acconsentito?

                    FABRIZIO.

Sì.

                     GIULIO.

Quanto ti dà?

                    FABRIZIO.

Più di quanto mi occorre.

                     GIULIO.

Per Dio! lo spero bene! Ti occorrono otto mila
lire!

                    FABRIZIO.

Me ne dà dodici.

                     GIULIO.

Dodici mila lire per un vitalizio di due mila! Con
un giovane di 28 anni; robusto che ha 30 anni di
vita, a dir poco, davanti a sè. E lui te ne paga
sei! Che ladro!

                    FABRIZIO.

Ti prego di non insistere.

                     GIULIO.

Hai un bel pregare! Sei matto!

                    FABRIZIO.

L'importante è di pagare.

                     GIULIO.

Subito che pago io.

                    FABRIZIO.

Non voglio debiti.

                     GIULIO.

Dal momento che sei sicuro di rendermeli.

                    FABRIZIO.

Potrei morire.

                     GIULIO.

Prima di quattro anni?

                    FABRIZIO.

Chi lo sa! Tu hai famiglia.

                     GIULIO.

Ebbene facciamo così. Tu possiedi ancora quella
bicocca a Gardena.

                    FABRIZIO.

Quattro muraglie.

                     GIULIO.

Quattro muraglie che sono una casa. Pastòla te
l'ha voluta comprare.

                    FABRIZIO.

E non volli disfarmene.

                     GIULIO.

In tua vita. Ma se devi morire prima di questi
benedetti quattro anni.

                    FABRIZIO.

Guarda, Giulio, ho appuntamento con Maraschi. Ti
ringrazio di quello che vuoi fare per me. Non ne
dubitavo. Lascia che ne esca a modo mio. Non sono
un ragazzo.

                     GIULIO.

Ma sì che lo sei e caparbio. È così assurdo quello
che fai, che.... ci dev'essere qualche ragione che
non vuoi dire, perchè non viene in mente a
nessuno. Nemmeno se ti offrissi un patto
disonorevole. Eviti perfino di guardarmi: si
direbbe che ti pesa accettare un piccolo servizio.

                    FABRIZIO.

Sono già troppi.

                     GIULIO.

Ah! è per questo? Bada, questo è il ragionamento
degl'ingrati. D'altronde, che servizio ti ho reso?

                    FABRIZIO.

Mi hai accolto, mi hai ospitato, mi hai dato da
lavorare, hai spartito con me i tuoi guadagni....

                     GIULIO.

Oh! oh! Come li conti! sì che ne tieni registro!

                    FABRIZIO.

Ebbene sono orgoglioso; non voglio che la
gente....

                     GIULIO.

Che ci ha vedere la gente? Vieni qui, vieni qui:
oggi non puoi ragionare a segno. Ma appunto per
questo devo supplire io. È naturale che ora in te,
ferito così nella tua dignità e nella tua
fierezza, l'orgoglio s'inacerbisca e che
t'ingrossi le cose... E mettiamo, puoi anche
credere che io colpito dalla gravità e
dall'urgenza del pericolo, abbia pensato un
provvedimento fuori di luogo. Ebbene, sentiamo una
terza persona che non sia al fatto.

                    FABRIZIO.

Ma....

                     GIULIO.

Non un estraneo. Guarda, chiamo mia moglie!

              FABRIZIO prontissimo.

No!

                     GIULIO.

Essa è di buon consiglio e conosce le tue
condizioni.

                    FABRIZIO.

No, no!

                     GIULIO.

Abbiamo parlato insieme tante volte dei tuoi
affari... tu stesso....

                    FABRIZIO.

Non voglio.

                     GIULIO.

Oh non temere, non dico parola della cambiale.
Essa non saprà mai. Le faccio il quesito.

                               Va verso il fondo.

                    FABRIZIO.

No--no, Giulio! te lo proibisco!

                     GIULIO.

Ma sei pazzo!

                                          Chiama.

Emma! Emma!

              FABRIZIO per partire.

Addio!

              GIULIO trattenendolo.

Ah no! Stai qui.

                                           Pausa.

Lo senti eh! che ti darà torto? Vedrai, alle prime
parole! È così evidente!


                   SCENA NONA.

                  EMMA e detti.


                      EMMA.

Mi hai chiamato?

                    FABRIZIO.

               fa un rapido movimento verso Emma.

             GIULIO interponendosi.

No, no, no! Non prevenirla. Essa non deve sapere!

                GIULIO è in mezzo, EMMA a destra,
                FABRIZIO a sinistra.

                 EMMA impaurita.

Che cos'è?

                     GIULIO.

Vogliamo sentire la tua opinione....

                                      A Fabrizio.

Di' pur tu se vuoi.

                    FABRIZIO.

È inutile, non accetto.

                     GIULIO.

Allora parlerò io. Fabrizio deve pagare domani una
somma di otto mila lire. Non l'ha naturalmente. È
un debito d'impegno che gli ha fatto suo padre.
Per procacciarsele ha pensato di realizzare il
capitale di una pensione che gli deve passare
Maraschi. Ma il Maraschi che è un ladro, offre
dieci per quello che vale trenta.

                    FABRIZIO.

Come vuoi che una signora....

                     GIULIO.

Oh Emma sa fare i conti benissimo. Io gli ho
offerto la somma.

                    FABRIZIO.

E io non voglio.

                     GIULIO.

In prestito, bada. Tu sai che stamane Ranetti mi
ha portato.... Cogl'interessi. Che ne dici tu?

                      EMMA.

Ma non saprei... è una questione... come posso
io?...

                    FABRIZIO.

Ma sicuro!

                     GIULIO.

In prestito ti dico--per impedirgli di fare un
carrozzino.

                      EMMA.

Capisco, ma....

                     GIULIO.

Ma?...

                    FABRIZIO.

Vedi che essa pure.... È così imbarazzante questo
discorso.

                 GIULIO a Emma.

Tu non trovi?

                      EMMA.

Che vuoi? Il miglior giudice è lui. Se non
crede... avrà i suoi motivi.

                     GIULIO.

Fuori questi motivi.

                    FABRIZIO.

Li ho detti.

                     GIULIO.

Delle assurdità--e tu Emma?

                    FABRIZIO.

Ah adesso hai visto!

                     GIULIO.

Lascia, lascia, ero così lontano da aspettarmi.

                      EMMA.

Non vorrà che la gente....

                     GIULIO.

Anche tu l'hai colla gente! È strano che ti
vengano in mente delle obbiezioni che io non avrei
mai sognato. In un affare fra noi due, che ci ha
che vedere la gente?

                    FABRIZIO.

Si saprà che ho pagato.... si sa che non li ho....
se non dimostro dove li ho presi....

                     GIULIO.

Li hai presi da me--andremo dal notaio, se vuoi.

                    FABRIZIO.

Ecco... e diranno....

                     GIULIO.

Che siamo amici.

                      EMMA.

Per te stesso.

                     GIULIO.

Per me? Cosa possono dire di me?

                    FABRIZIO.

No--ma....

                     GIULIO.

Cosa possono dire di me? Che faccio per lui quello
che lui farebbe per me. Tu non credi?

               A Fabrizio che vuole interrompere.

Lascia!

                                          A Emma.

Tu non credi che Fabrizio?...

                      EMMA.

Sì certo.

                     GIULIO.

E dunque? Un aiuto di questo genere è vergognoso
per chi lo accetta, e ridicolo per chi lo dà,
solamente se è immeritato.

                    FABRIZIO.

Giulio!

                     GIULIO.

Ti prego di lasciarmi dire. Parlo con lei. Vattene
se vuoi.

                                         Ad Emma.

Proprio tu stai dalla sua? E senza esitare un
momento, così risolutamente. Bisogna dire ch'io ho
perduta la testa, perchè la cosa mi pare così
chiara! Bisogna dire che sia una fissazione. Sarà
una fissazione. Spiegati, Emma.

                      EMMA.

Non dico mica la mia opinione--io sono una povera
donna.... capisci?... cerco d'indovinare
quello.... che.... egli....--Probabilmente
Fabrizio penserà che tu hai famiglia.

                     GIULIO.

Sì--me l'ha già detto anche lui! Tu ripeti quello
che m'ha detto lui.

                      EMMA.

È certo che non gli puoi imporre....

                     GIULIO.

I miei servigi eh? Di' la parola anche tu: che
sono già troppi!

                      EMMA.

No... ma se il suo orgoglio....

                     GIULIO.

Quello che è certo si è che se vi foste intesi
prima non andreste più d'accordo.--Oh Emma! non
senti com'è ingeneroso?

                    FABRIZIO.

Ma vedi come metti la questione fuori di posto!

                     GIULIO.

È così poco naturale.

             FABRIZIO violentissimo.

Basta insomma!

                     GIULIO.

Basterà, basterà.--Hai un tono! Basterà. Non mi
hai mai parlato con quell'accento.

                    FABRIZIO.

Perdonami. Ma d'altronde è un affar conchiuso.

                     GIULIO.

Ah! Avevi detto: quasi.

                    FABRIZIO.

Avrò sbagliato; sai in che stato ero.

                     GIULIO.

Sì, sì, e anche adesso sei in uno stato... e anche
Emma.

                    FABRIZIO.

È naturale che essa....

                     GIULIO.

Oh non hai da giustificarla. Ti dura il mal di
testa eh?

                      EMMA.

Sì.

                    FABRIZIO.

Ma guarda! Lasciamola, parleremo poi.

                     GIULIO.

Oh no! se è conchiuso. Questo argomento taglia la
testa al toro, perchè avrai già scritto eh? Cogli
usurai se non si scrive!...

                    FABRIZIO.

Ho scritto.

                     GIULIO.

Oh bene! D'altronde se il ricevere un beneficio da
me ti disonora....

                    FABRIZIO.

Non ho detto....

                     GIULIO.

Ma sì... e anche Emma la pensa così. Quello che mi
fa meraviglia è che tu abbia avuto tempo... perchè
il debito lo hai conosciuto un'ora fa.

                    FABRIZIO.

Ne avevo già parlato prima.

                     GIULIO.

Con Maraschi?

                    FABRIZIO.

Sì.

                     GIULIO.

Prima di averne bisogno?

                    FABRIZIO.

Perchè voglio andar via.

                     GIULIO.

Ah!

                    FABRIZIO.

Sai che già ti avevo accennato....

                     GIULIO.

In nube sì--ed ora hai deciso?

                    FABRIZIO.

Non posso più star qui. Mio padre mi perseguita.
Parto domani.

                     GIULIO.

E non me lo dicevi?

                    FABRIZIO.

Oh! te lo avrei detto!

                     GIULIO.

Al momento di salire in diligenza.

                    FABRIZIO.

Contavo di parlartene oggi. La signora Emma lo sa.

                 GIULIO colpito.

Tu lo sapevi?

                      EMMA.

Sì.

                     GIULIO.

Da quando?

                    FABRIZIO.

Da stamattina.

                     GIULIO.

Fabrizio ti aveva detto stamattina....

                    FABRIZIO.

La signora Emma aveva avuto incarico da mio
padre....

                     GIULIO.

Rispondi sempre tu quando interrogo mia moglie.
Temi che si confonda?

                    FABRIZIO.

No, ma sembri un giudice istruttore!

                     GIULIO.

In caso, è indubitato che voi altri sembrate
due....

                    FABRIZIO.

Che pensi?

                     GIULIO.

Non ho detto la parola! Non so quello che penso.
Delle cose informi. Vedo confusamente....

                                          A Emma.

Tu stamattina hai parlato con Fabrizio,
dell'incarico avuto da suo padre?

                      EMMA.

Sì.

                     GIULIO.

Perchè chini la testa? Gli hai fatta la proposta
di sposare la figlia di Rubbo?

                    FABRIZIO.

Certo!

                     GIULIO.

Non affrettarti a confermare tu--tu non sai quello
che fai.

                    FABRIZIO.

Perchè?...

                 GIULIO ad Emma.

Gli hai fatto la proposta?

                      EMMA.

Sì.

                     GIULIO.

Ricordati però che mezz'ora fa, qui, hai detto di
no.

                      EMMA.

Io!

                     GIULIO.

Mi hai detto che Fabrizio s'era trattenuto due
minuti appena.

                    FABRIZIO.

Infatti....

                     GIULIO.

Infatti ha mentito!--Perchè hai mentito, Emma? Ci
dev'essere una ragione. Non me la puoi dire? È la
prima volta che tu mentisci ch'io sappia..., ch'io
sappia, bada! Perchè sono così credulo io!

                                       Atterrito.

Lo vedi bene quello che penso, lo vedi bene, Emma?
Dimmi di no--dimmi di no--Emma! Per carità! Emma!

                    Le si avvicina supplichevole.

         FABRIZIO interponendosi rapido.

Giulio!

                     GIULIO.

Che fai? La difendi! Parola d'onore che hai l'aria
di difenderla. Essa può dunque temere?

                                       Imperioso.

Va' via.

                      EMMA.

Ah!

                                Cade ginocchioni.

                    FABRIZIO.

Giulio!

                     GIULIO.

Via dalla mia casa!

                    FABRIZIO.

Ti giuro che essa....

                GIULIO terribile.

Va' via!

                  FABRIZIO via.

     GIULIO cade piangendo sopra una sedia.

Ah! ah! ah! ah!


                                   _Cala la tela._



                   ATTO TERZO.

         La stessa scena dei precedenti.


                   SCENA PRIMA.

          RANETTI, MARTA e poi GIULIO.


         RANETTI è in scena aspettando.

            MARTA entra dallo studio.

C'era poi e non si era mosso!

                                             Via.

                     GIULIO.

Ah sei tu? Cosa vuoi?

                     RANETTI.

Ho bussato per un quarto d'ora alla porta del tuo
studio.

                     GIULIO.

Non ho sentito.

                     RANETTI.

Hai la faccia stravolta e gli occhi grevi come uno
che ha dormito. Anche a me succede spesso di fare
un pisolino sulle carte. Dormivi?

                     GIULIO.

No, lavoravo. Facevo la comparsa conclusionale per
la causa degli eredi Morèna.

                     RANETTI.

Per Dio come c'eri dentro! Ho picchiato tanto!

                     GIULIO.

È una bella questione.

                     RANETTI.

E così tu servi gli amici? Tu badavi alle
comparse.

                     GIULIO.

Che dovevo fare?

                     RANETTI.

E io aspetta al Circolo! GIULIO.

Oh! sono già le cinque?

                     RANETTI.

Sono le sei. E non mi hai nemmeno mandato
Fabrizio.

                     GIULIO.

Ah Fabrizio! Non l'ho veduto.

                     RANETTI.

Come? Se ero qui quando è venuto.

                     GIULIO.

Ah già! Ma guarda! Scusa un po' eh? Ho la
testa.--Andiamo allora.

                     RANETTI.

Dove?

                     GIULIO.

Al Circolo.

                     RANETTI.

Oh sì adesso. È tutto accomodato. Ti aspettavo là
per dirtelo.

                     GIULIO.

Oh bravo!

                     RANETTI.

Il colonnello l'ha saputo. Non glie l'ho detto io
veh! Ma Béssola avea visto gli ufficiali entrare a
casa mia. La questione era nata.... ti ricordi? te
l'ho detto stamattina.... la storia delle
farfalle.... che Béssola....

             GIULIO come trasognato.

Già. La madre di Béssola era una francese.

                     RANETTI.

E questo, cosa ci ha a che fare?

                     GIULIO.

Nulla, così. Si sente una parola e la testa
lavora.... eh! eh!...

                     RANETTI.

Béssola era sulla bottega di Pastone il ceraio che
è proprio dirimpetto alla mia porta di casa: sai
che fa l'asino colla moglie di Pastone, quella
bionda....

    GIULIO fisso in qualche idea che gli sta in
    mente.

Eh! eh! eh!

                                            Ride.

                     RANETTI.

Quando ha visto entrare gli ufficiali....

                  GIULIO c. s.

Pastone è un cattivo soggetto.

                     RANETTI.

Sì. Un po' ladro, un po' cane, ma....

                     GIULIO.

E sua moglie lo tradisce lo stesso. eh! eh! eh!

                                            Ride.

                     RANETTI.

Mi stai a sentire?

                     GIULIO.

Sono tutto orecchi, mio caro. Racconta.

                     RANETTI.

Adesso mi hai imbrogliato. Dov'ero?

              GIULIO sempre ridendo.

Tu credi che si diano degli appuntamenti? eh! eh!
eh!

                     RANETTI.

Sei molto allegro!

                     GIULIO.

Sì: è la primavera.

                     RANETTI.

Béssola ha capito che venivano per la quistione
del Cotillon, e fila al Circolo a portar la
notizia! Al Circolo c'era il colonnello che è una
perla d'uomo!

                     GIULIO.

Scapolo eh?

                     RANETTI.

No, Chinese, decorato dell'Ordine di Brama Putra.

                     GIULIO.

Che dici?

                     RANETTI.

Rispondo a segno come tu domandi. Se vuoi farmi
dire.... avanti.... musica!... tu batti, io
ripicchio e andiamo d'accordo.

                     GIULIO.

Seguita, va'.

                     RANETTI.

È bell'e finito. Il colonnello s'informò, chiamò
gli ufficiali, mandò a cercare di me, poi ci
raccolse tutti a casa sua.... c'era anche il
tenente Rovi, un bravo ragazzo! Se tu sentissi
come imita Ferravilla! sai, quell'attore milanese.
Io non ho mai sentito Ferravilla, ma.... tale e
quale. Il colonnello mi dimandò: Cosa vuole lei
dal tenente Rovi? Io gli risposi: Non voglio
niente, ne ho già avuto; mi ha dato del
villano.--E lei cosa vuole dal signor Ranetti? Mi
ha preso per un braccio.--Bene, lo preghi di darle
la mano e lo prenda per la mano. E fu lì che
stringendomela, il tenente ha detto una frase....
non mi ricordo.... in milanese, ma così buffa, che
siamo scoppiati a ridere tutti quanti. Bravi
ragazzi! Pensare che loro vanno alla guerra!
Stasera ho offerto da pranzo io.... e domani il
tenente. Voleva esser lui il primo; ma il
colonnello, sa anche il latino, ha detto: _Cedant
arma_.... Tu ci vieni?

                     GIULIO.

Io?

                     RANETTI.

Si sa! Tu certo, e vorrei anche
Fabrizio.--Fabrizio non parte mica che tu sappia?

                     GIULIO.

Perchè?

                             Subitamente attento.

                     RANETTI.

Ha accomodato l'affare della cambiale?

                     GIULIO.

Non so.

                     RANETTI.

Non l'hai mica pagata tu eh?

                     GIULIO.

No! no!

                                            Ride.

no! no! fino lì no! eh! eh!

                     RANETTI.

Che hai?

                     GIULIO.

È un nervoso che mi piglia.

                     RANETTI.

Tu lavori troppo!

                     GIULIO.

Quando si ha la fortuna di avere una famiglia....
Ma non pago io, dillo pure. Paga lui. Ne ha.

                     RANETTI.

Ma paga, insomma.

                     GIULIO.

Oh! Io credo!

           RANETTI quasi a sè stesso.

Imbarcherà il padre forse.

              GIULIO insospettito.

Imbarcherà....

                     RANETTI.

Sì lo farà partire.

                     GIULIO.

Perchè?

                     RANETTI.

Oh ti dirò. Lo cercavo per invitarlo e sono
passato al Cannon d'oro per combinare il pranzo.
Siccome Fabrizio sta proprio lì d'accanto, ho
domandato alla padrona se lo aveva visto passare.
Mi dice: è stato qui un momento fa a ordinare una
carrozza.--Per quando?--Per subito. Una carrozza
chiusa che deve trovarsi al ponte del Vasco.
Capirai che se partisse lui, salirebbe in carrozza
all'albergo, l'ha sull'uscio di casa! Si vede che
vuole imbarcare il padre senza farsi scorgere. Non
ti ha detto nulla?

                     GIULIO.

No.

                     RANETTI.

Ma non pare anche a te?

                     GIULIO.

Sì, sì.

                     RANETTI.

È la meglio già! Che farne qui di quel mobile? Sai
che tiene in casa la Gazza, la figlia del
sagrestano del Duomo, quella che ebbe due processi
per truffa!

        GIULIO segue il proprio pensiero.

È evidente.

                     RANETTI.

Se almeno se la portasse via, sarebbe un famoso
repulisti.

                     GIULIO.

Oh c'era da aspettarselo.

                     RANETTI.

Il repulisti? Non tanto! Se i creditori lo
sapessero non lo lascierebbero partire....

                  GIULIO c. s.

Perchè? Oh! se tu credi che io li trattenga! Per
me.... guarda.... padronissimi!

          RANETTI guardandolo stupito.

Sai cosa ti voglio dire?

                     GIULIO.

Di' pure di' pure liberamente.... tanto o prima o
poi....

                     RANETTI.

Mi fai paura!

                     GIULIO.

Paura? Eppure no! non faccio paura.

                             Sorride tristemente.

                     RANETTI.

Che hai?

                     GIULIO.

Nulla!

                     RANETTI.

Tua moglie è in casa?

                     GIULIO.

Sì.... ci sarà ancora.

                     RANETTI.

Si può vederla?

                     GIULIO.

No, lasciala stare. Vuoi dirle che ti sembro
strano? Non t'inquietare. Sono stato due ore chino
sulle carte, ed ho un po' di sangue alla testa! Ma
l'aria mi farà bene.--Andiamo.

                     RANETTI.

Vieni a pranzo?

                     GIULIO.

Con te?

                     RANETTI.

Se ti ho detto! Con me e cogli ufficiali.

                     GIULIO.

Ah! perchè no? A che ora è il tuo pranzo?

                     RANETTI.

Alle sei e mezza: subito.

                     GIULIO.

Sicuro--va benissimo--guarda--va benissimo. Altro!
Ci staremo un pezzo eh?!...

                     RANETTI.

Come vorrai, ci stiamo fino a mezzanotte se ti
piace. Se sapessi dove trovare Fabrizio.

                     GIULIO.

Oh non verrà. Questi guai del padre lo hanno molto
colpito. È un uomo tanto delicato! Sì.... Sì.... è
meglio così. Pranzo con te.

                     RANETTI.

Vieni allora!

                     GIULIO.

Usciamo per lo studio.

                     RANETTI.

Non avverti in casa?

                     GIULIO.

Oh!

                     RANETTI.

Ma no.... ti aspetterebbero.... tua moglie, la
bambina.

                 GIULIO colpito.

Ah la bambina!?

                     RANETTI.

Avverto io?

                     GIULIO.

No--non vengo.

                     RANETTI.

Eh?

                     GIULIO.

Mi ricordo ora che ho promesso a mia madre di
portarle la bambina stasera. Mi rincresce ma non
posso. Sarà per un'altra volta.

                     RANETTI.

Non insisto, ma guarda, vado via inquieto.

                     GIULIO.

Ma no.... che pazzie?

                                          Chiama.

Marta? Vedi? chiamo Marta perchè vesta la
bambina.... ti assicuro.

                     RANETTI.

Va bene, va bene! Buona sera allora.

                     GIULIO.

Buona sera e grazie.


                  SCENA SECONDA.

                 MARTA e detti.


                      MARTA.

Che vuole?

                     GIULIO.

Accompagna il signor Ranetti e poi vieni qui.

                     RANETTI.

Se tu capitassi almeno a bere un bicchiere dopo
pranzo.

                     GIULIO.

Chissà! Al ponte del Vasco eh?

                     RANETTI.

Che dici?

                     GIULIO.

Ah no! al Cannon d'oro!

                     RANETTI.

Sì. Ti aspettiamo. Guarda, il tenente Rovi ti farà
ridere come un ragazzo. Gli facciamo rifare
Ferravilla.

                     GIULIO.

Perchè no?

                     RANETTI.

A rivederci allora.

                                   Via con Marta.


                   SCENA TERZA.

                GIULIO poi MARTA.


                     GIULIO.

La bambina no.... per esempio! Ah no!

                      MARTA.

Sono qui.

                     GIULIO.

Metti il cappello a Gemma e il mantello.

                      MARTA.

La vuole portar fuori?

                     GIULIO.

Sì.

                      MARTA.

A quest'ora? È quasi notte. E il pranzo?

                     GIULIO.

Fa quello che ti dico. Pranzeremo più tardi.

                      MARTA.

Io venivo per apparecchiare la tavola.

                     GIULIO.

C'è tempo. Va'.

                      MARTA.

Esce anche la signora?

                     GIULIO.

No. Dov'è?

                      MARTA.

Nella sua camera. L'avverto?

                     GIULIO.

Gemma è con lei?

                      MARTA.

No. Giuoca alla bambola nel corridoio.

                     GIULIO.

Sei passata nella camera della signora?

                      MARTA.

Ci sono stata un momento fa.

                     GIULIO.

Che faceva?

                      MARTA.

Metteva ordine.

                     GIULIO.

Ah! Vesti Gemma. Devo condurla da mia madre.
Presto. E non dir nulla alla signora: è inutile!

                      MARTA.

Va bene.

                                             Via.


                  SCENA QUARTA.

         GIULIO solo poi GEMMA e MARTA.


                     GIULIO.

È evidente--Padroni!... tanto!... è evidente!...

    GEMMA entra correndo vestita con la bambola.

                     GIULIO.

Ah sei qui!

          La prende in braccio, la copre di baci.

Vieni.... lascia la bambola.

          Getta la bambola sulla tavola di mezzo.

Torniamo subito. Vieni.

                                   Via con Gemma.


                  SCENA QUINTA.

                 MARTA poi EMMA.


    MARTA apre l'armadio a muro e ne prende i
    piatti che porta sulla tavola a mezza luna,
    poi cava dal cassetto della credenza la
    tovaglia e si dispone a distenderla sulla
    tavola.

                      EMMA.

Chi è uscito ora?

                      MARTA.

L'avvocato colla bambina.

                      EMMA.

Colla bambina?

                      MARTA.

Sì--non ha voluto che l'avvertissi.... dice che si
pranzerà più tardi.... io intanto apparecchiavo.

                      EMMA.

Lascia pure, farò io.

                      MARTA.

Più tardi.... cosa vorrà dire più tardi?

                      EMMA.

Non so.

                      MARTA.

Fortuna che c'è il lesso.... lo levo dal fuoco
già.

              EMMA porge orecchio.

Hanno aperto lo studio. Guarda un po'.

                      MARTA.

Sarà l'avvocato Arcieri.... ha la chiave. Guardo?

                      EMMA.

No, lascia pure.... farò io.

                      MARTA.

Pranza qui l'avvocato?

                      EMMA.

No.

                      MARTA.

Ah! perchè avvertono sempre all'ultim'ora!

                                   Via dal fondo.


                   SCENA SESTA.

                EMMA e FABRIZIO.


         EMMA apre l'uscio dello studio.

                 FABRIZIO entra.

                      EMMA.

Lo sapevo.

                    FABRIZIO.

Ero nascosto sulla scala. L'ho veduto uscire e
sono entrato. Tu parti con me. Ho pensato a tutto.
Vedrai--ora sei agitata, ma....

                      EMMA.

No.... non parliamo.... non parliamo. Dopo.... più
tardi.... qualche cosa sarà.... ma non parliamo
adesso. Come si fa?

                    FABRIZIO.

C'è la carrozza fuori al ponte. Tu esci dal
giardino.... si può uscire dal giardino?

                      EMMA.

Sì.

                    FABRIZIO.

Subito allora.

                      EMMA.

Subito, subito. Dove andremo?

                    FABRIZIO.

Dove vorrai.

                      EMMA.

Non importa. Via di qui. Avremo tempo a
pensare.... tutta la vita avremo tempo. Dovunque
si vada è irreparabile, non è vero? E allora?

                    FABRIZIO.

Vatti ad apparecchiare.

                      EMMA.

Sì: tu aspetti qui?

                    FABRIZIO.

Io faccio il giro e ti aspetto fuori dell'usciolo
del giardino, là non c'è mai nessuno.

                      EMMA.

No--aspettami qui--non avrei coraggio e bisogna
averlo. Che sarebbe di me in questa casa? Non ci
posso stare. Dunque?--Hai visto? Ha portato via la
bambina.

                    FABRIZIO.

Sì.

                      EMMA.

Sai perchè? ci ha indovinati.

                    FABRIZIO.

No.

                      EMMA.

Ci ha indovinati.

                    FABRIZIO.

Ma no.... Come vuoi?

                      EMMA.

Oh lasciamelo credere.... aiutami a crederlo; non
è meglio? E poi ne sono sicura, queste cose si
sentono. Perchè sarebbe uscito ora colla bambina?
È così naturale. Non è più il mio posto questo!
Con che diritto io?... Guai se non l'avesse
indovinato! Pensa.... se rientrando.... credesse
di trovarmi.... se cercasse per la casa.... Oh!
oh! oh! no.... no.... lo sa.... È tutta sua la
casa ora. tutta tutta, tutta sua! Noi saremo già
lontani.... tornerà, accenderà la lampada.... si
prenderà la bimba in braccio.... le farà tante
carezze.... la parte mia!

                    FABRIZIO.

Vieni! vieni, vieni!

                      EMMA.

Sì, vado; guarda c'è ancora un barlume di giorno.
È meglio aspettare che oscurisca del tutto. È più
prudente!--Povero Fabrizio! Che catena per te! che
impedimento nella tua vita!

                    FABRIZIO.

Oh sei crudele, Emma!

                      EMMA.

Me lo dirai eh? il giorno che ti sarò di peso!

                    FABRIZIO.

Vedi come sei! Se non ti strappi subito, tu
rimani. Emma. Io son sicuro che tu rimani.

                      EMMA.

Non vengo mica per te!

                    FABRIZIO.

Non mi ami più?!

                      EMMA.

Ci vengo perchè mi sento indegna di questa casa.

                    FABRIZIO.

Sono stato io!

                      EMMA.

Anche tu!... Ti voleva tanto bene!

                    FABRIZIO.

Non mi ami più?

                      EMMA.

Ti amo--ma ti perderò venendo con te.

                    FABRIZIO.

Non importa.... vieni.... non andar più di là....
vieni come sei....

                      EMMA.

Sì sì, come sono.... aspetta.... qui c'è uno
scialle.

    Sulla sedia presso la tavola da lavoro ci
    sarà uno scialle modestissimo, grigio, EMMA lo
    prende.

Così....

                                Indica lo studio.

Usciamo di là eh?

    Si appoggia alla tavola di mezzo per reggersi
    e vede la bambola, la mostra a Fabrizio.

Fabrizio! guarda!

                    FABRIZIO.

Che?

                      EMMA.

Guarda. Lei, sì che crede di trovarmi tornando.
Domanderà tanto di me! colla sua piccola voce
cara. Tanto domanderà! che potranno risponderle?

                    FABRIZIO.

Dio! Dio! Dio!

                      EMMA.

Lei non sa nulla. Si avvezzerà certo a fare senza
di me. Sì che l'amerà suo padre! E lei.... che
adorazione!

                FABRIZIO scorato.

Resta.... resta, va!... povera donna! resta!

                      EMMA.

E quando sarà grande....

                    FABRIZIO.

Addio!

      EMMA lasciandosi cadere sulla sedia.

Addio!

                    FABRIZIO.

Lo sapevo, sai, venendo.

                      EMMA.

Sì, anch'io--volevo--ma sentivo che non avrei
potuto.--Dove vai?

                    FABRIZIO.

Non so.

                      EMMA.

Parti subito?

                    FABRIZIO.

Sì

                      EMMA.

Che sarà di te?

                    FABRIZIO.

Lavorerò.

                      EMMA.

Mi scorderai?

                              Con sorriso triste.

                    FABRIZIO.

Non lo spero.

                      EMMA.

Tuo padre resta?

                    FABRIZIO.

Sì. Io non l'ho più veduto. Ho pagato un suo
grosso debito e gli ho lasciato....

                      EMMA.

Penserò a lui.

                    FABRIZIO.

Grazie!

                      EMMA.

Non diciamoci nulla! eh?

                    FABRIZIO.

No.... ci lasciamo per sempre.

                      EMMA.

Pregherò tanto per te!

                    FABRIZIO.

Addio, Emma!

                      EMMA.

Addio, Fabrizio!

                      FABRIZIO via per lo studio.


                  SCENA SETTIMA.

                   EMMA sola.


                      EMMA.

Così, così.

    Si passa la mano sulla fronte, guarda
    piangendo la porta per cui è uscito Fabrizio.
    Singhiozzando prende la bambola, la bacia, la
    depone sul sofà, poi si dispone ad
    apparecchiar la tavola: d'un tratto scoppia in
    un dirotto pianto e si getta sul sofà col viso
    nelle mani. In questo, suono del campanello.


                  SCENA OTTAVA.

            Detta, GEMMA indi GIULIO.


                      GEMMA.

Ah ci sei!

                               Corre dalla mamma.

                      EMMA.

Oh Gemma, Gemma! Sì ci sono! Credevi di non
trovarmi!...

             Prendendola in braccio.

            GIULIO entra ed osserva.

                EMMA seguitando.

Ti avevano detto che non mi avresti più trovata?
No, bimba mia, no; non sono andata via, no, cara,
non sono andata. Sono qui. La tua mamma sta qui
sempre, sempre, sempre con te. Cara la mia bimba!
Con te! Hai il viso freddo freddo, poverina! Qui
che te lo scaldi! Qui! fa freddo eh fuori? Gemma!
Gemma!

    Si accorge di GIULIO, depone la bambina e
    scatta in piedi.

Ah!

                     GIULIO.

Perchè deponi la bambina? Gemma, va' di là un
momento eh?... un momentino!

                               GEMMA via. A EMMA.

Non sei andata via.--Hai fatto bene. C'è la
bambina! Capisci che non perdono. C'è la memoria
che non si può distruggere. Ho creduto che tu
andassi: e non te lo avrei impedito! Ma così potrò
far meglio la parte mia che è di procacciare uno
stato a Gemma. Se un giorno sarà ricca, potrà
forse sposare un uomo che non sia costretto a dare
tutto il suo tempo al lavoro, e chi sa.... che non
le riesca più facile essere un'onesta donna.--Noi
siamo due associati in un'opera utile e sarà così
per tutta la vita! Queste cose non finiscono....
si trascinano disperatamente. Ora chiama Gemma, e
quando sarà pronto, chiamerai anche me. Io vado
nello studio. Il mio posto è là!

       Si avvia allo studio, EMMA rimane immobile.


                 _Cala la tela._


                      FINE.



NOTA del trascrittore:

Sono state effettuate le seguenti correzioni;
in [parentesi] l'originale:


  subdolo! Chi lo avverte da principio[princicipio]?
  e virilmente[vilmente], hanno tutti il
  Ah mi rincresce[rincrese] tanto per madama,
  Non affrettarti[affrettati] a confermare tu--tu





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Tristi Amori" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home