Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Il pastor fido in lingua napolitana
Author: Guarini, Giovanni Battista, 1538-1612
Language: 
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Il pastor fido in lingua napolitana" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



(This file was produced from images generously made
available by the Bibliothèque nationale de France
(BnF/Gallica) at http://gallica.bnf.fr)



IL
PASTOR
FIDO

In lingua Napolitana.

DI
DOMENICO
BASILE.

IN NAPOLI
Per Egidio Longo. 1628
Con licenza de' Superiori.



Imprimatur

Iacobus Terragnolus Vic. Gen.

Aloysius Riccius Can. deput.

Franciscus de Claro Can. Dep.



A LI QVATTO
DE LO MVOLO
De Napole.


Me venne capriccio sti mise arreto de
componere lo Pastore fido de lo
Caualiero Quarino à la lengua nostra
Napolitana: E tanto haggio
scacamaronato, scassato, postellato,
agghiunto, e mancato, che pè gratia de
lo segnore Apollo songho arreuato à
puorto, e ll'haggio scomputo. Pò penza,
repenza, fantastecheia, e torna à
penzare à chi lo voleua donare; haggio
concruso, che buie ve lo gaudite. Ed a
chi meglio se poteua fare sto presiento
autro ch'a buie, che site li chiù
antiche de Napole, e ve gaudite nà
Cetate tanto bella, Nobele, e Ricca, che
cò granne ragione se chiamma Regina
dell'aute Cetate Mparatrice de le
Prouinzie. Napole capo de Regno,
Giardino de tutto lo munno, vuocchie
deritto de tutta la Talia che puozze
sempre auonnare comm'auonnaua la tauola
de Cullo Romano. Ruga, Iermano, e chillo
che lo chiammano Peccione d'Agnano.
Donca à buie sia fatto sto presiento,
Raccordannoue, che se nge fosse
quarchuno (commo non gne ne mancaranno)
che borrà fare de lo bello ngiegno, e
deciarrà ch'è buono, ch'è tristo; le
potite da parte mia fare à sapere (comme
cò la presente facciano) cha chillo, cha
fatta stà fatica la fatta pe gusto suio
e non s'è piccato maie de poeta, ne ncè,
e se ncè fosse manco nge vò essere.
Tanto chiù ca le sona no vespone nè la
recchia de na noua venuta da Parnaso,
che lo segnore Apollo vò, che se fraueca
la casa de la gnorantia, e chisse che
banno cenzoranno, haueranno da seruire
pè parrelle à carreiare prete, e cauce:
Auzateue da stò nietto segnure Poete
mieie care; e con chesto segnure Quattro
zoè vuie che state ncoppa à la fontanaue
soschiauo, e se non è lo duono comme
meretate; pegliatene lo buono ammore,
mpromettennoue aurte compeseziune
Napolitanesce piacendo à lo Cielo, e se
no sgarro la via de la fontana
d'Alecona. Una sola cosa v'allecordo, e
me nne farrite nò gran piacere, e à buie
sarrà manco fastidio. Quanno senterrite
chisse magnifice (cchiù male lengue che
Poete) pè farele schiattare, no le date
aodientia, ne le respondite, ma facite
nfenta de nò l'hauere sentute pe lo
fruscio dell'acqua,

Da Napole lo mese de Iennaro.

1628.



DE MATTIO BASILE

O che gusto aggio figlio
De sso componemiento
Ch'aie fatto a lengua nostra
Benedetta la penna co lo nchiostro
Che te farranno ardito chiù de iglio,
Canta Vasile figlio.
Che singhe beneditto a braccia stese
Canta cà sulo si, no nc'è cortese.



L'ARRVRE DE LA
STAMPA.

Lautore se remette a la beuegnetate
de chi legge, sulo ve racorda
che a la scena de lo terzo atto, che
accommenza ò primma vera bella
nce trouarite uno vierzo lungho
vole essire dui verzette picciole.



OPERE DA STAMPARE

Lo dottore a lo sproposito.
L'ospitale de li pazze.
La casa de la ngnorantia.
La defenzione de li Poeta Napolitane
contro Troiano Boccalino;
e Giulio Giulio Cesare Caporale
n'anzi ad Apollo.



ATTO PRIMMO

SCENA PRIMMA

Siruio, e Linco.


Sir. Iate vuie, che nzerrasteuo.
La spauentosa fera, a dà lo signo
Cà volimm'ire à caccia; su scetate
Ll'vuocchie, e li core à suono de sto chuorno.
Se mai fù pè Porchiano
Pastore nnammorato de ssa Dea,
Che se sentesse pizzecare mpietto,
De fracassare sirue, e mmassarie,
Veccone ccà no piezzo.
Hoie me pozzo auantare
D'hauere sempre appriesso
Lupe, e puorce saruateche de spanto,
A tantillo de luoco;
Che borria fa s'hauessemo chiù largo.
Chillo Puorco nmarditto,
Spauiento de natura, co le sanne;
Chillo crudo, e feroce
Quanta case ha scasate
Se sape buono pe sti commecine:
Roina de campagne,
Paura de Befurche. Iate adonca.
Non solo ve spedite,
Mà ngioriate ancora
Co chisso chuorno la Signora Frora.
Nui, Linco priesto à onorà li Dieie,
Trouammo na via bona,
Comme auimmo farnuto iammo à caccia;
Ca chi buono accomenza hà miezo fatto,
Nò perzò, che lo Cielo nce consenta.

Lin. Lo llaudo Signor ssì, ire a li Dieie,
Ma dà fastidio à chille,
Che guardano lo luoco, no lo llaudo,
Tutte dormeno ancora.
Quanta songo à lo Tempio, è non hanno
Chiù tempestiuo, e chiù priesto lo Sole,
Autro, che da lo muolo.

Sir. E Fuorze à chi? lo suonno sempre all'vocchie,
Ogne ncosa le pare matarazzo.

Lin. O Siruio, Siruio, ed à che si arredutto.
Mò che ssì figliulillo,
Shiore de la bellezza,
Ianco comm'à no iglio.
E la scarpise, e no nne vuoie fà cunto?
Eh se fosse la mia ssà così bella
Facce saporitella,
Couernateue sirue diciarria,
Appriesso à nautra caccia
Me vorrià arreposa sta negra vita;
Sempre me vorria stare nfesta, è niuoco
La stat'allombra, e lo vierno a lo fuoco.

Sir. Ente belle conziglie,
E te si stato saudo?
La lammia se canosce ca và a bela.

Lin. Autre tiempe, autre ntriche,
Se fosse Siruio affe ca lo farria.

Sir. Ed io se fose Linco,
Mà perche songo Siruio,
Nò ne voglio fa niente, haie ntiso buono?

Lin. A fraschetta nò gnì tanto lontano
Cà puoi perecolare,
Se vuoie na fera vi call'aie vecino
Manza comme na pecora.

Sir. Dice da vero Linco? è tu mme burle?

Lin. Vuoie burlà tù, no io,

Sir. Ed è cossì becino?

Lin. Quanto tu da te stisso.

Sir. A quale Serua stace?

Lin. Tu si la serua, Siruio,
E sai qual'è la fera, che neè dinto?
Sì tu, che nò hai pietare.

Sir. A' mò che ll'aggio ditto, ca si pazzo;

Lin. Na Ninfa à cossì bella, e gratiosa;
Ma che Ninfa diss'io, anze na Dea?
Chiù fresca, e chiù bezzosa,
De lladdorosa Rosa
Chiù tennerella, e ghianca de lo Zinno.
Ped'essa nò è Pastore
Nfrà Nuie, che nò ne chiagna, e nò nsospira
Ma sospira à lo viento.
Pe te stò maccarone va a lo caso.
A tene è destenata
Mo, nnuno punto, sempre che la vuoie.
Nò mmierete d'auere ssò morzillo
Dinto a ssi diente; nò foir Siruio
Dì perche la despriezze, si ch'aie core,
Ma non de fera, anze si tutto fierro.

Sir. Io che nò insenta ammore, sò de fierro,
Linco, chessa è bertute, nò me pento,
Che stia dinto à sto core, sò contente
Si cò essere crodele venco ammore,
Sò d'isso chiù Segnore.

Lin. Dimme quanno llai vinto?
S'ancora nò t'hà tinto.

Sir. Llaggio vinto, perche mme sò arraffato.

Lin. Se na vota se nzecca, Messè Siruio.
Se sapisse na vota;
Comm'è fatto st'ammore,
Fuorze t'accostarisse à quarche Ninfa
E chella puro à tene.
Bene mio dicerrisse,
Ch'allegrezza hauerrisse,
E commo si benuta tanto tardo;
Lassa lassa ssè sirue,
Fuile ssè fere fraschettone, ed amma.

Sir. Ma ca chiagnie, che ffai?
Ciento de ssè caiotele darria
Pe na quaglia cacciata da Presutto;
Chi hà gusto de ss'ammore se lo tenga,
Io pe mè tanto no lo senta niente.

Lin. Nò siente ammore, e bbè che senterraie?
Tutto lo munno chesto sulo sente;
Crideme muccosiello,
Lo senterraie a tiempo,
Che sarà male tiempo.
Nò lo canusce buono sso figliulo,
Sà fare quarche schizzo,
Dillo a sto fusto, vasta.
Nò è chiù gran ndolore,
Quanno a n'hommo de tiempo vene ammore.
La chiaia quanno è bbecchia nò sperare,
Sia chi se voglia no la pò sanare.
Ma s'à no giouello ammore pogne,
Ammore puro l'ogne.
Se le dace dolore,
Lè dà speranza ancora,
Se pare che l'accìa, lo sana nfine,
mà se t'arriua, quando si arreuato
Vicino à lo desierto,
Diauolo, lo chiaieto è desperato:
Tanno si cà sarrisse lesto lesto
A la forca dell'anne chiatto mpiso,
E bbi se te scappasse, oime, piatate
Doue la truoue? nullo te la venne
Ntiennela Siruio, afferra stò buon tiempo,
Vi cà pò è male tiempo,
Tiene mente à stà varua iancheiata,
Voglio dicere mone,
Te n'addonarraie pone,
Quando potiste nò nboliste niente,
Pò che borraie, te spizzola li diente.
Lassa, lassa sse fere,
Lassale Siruio fraschettone, ed amma.

Sir. O che senco, è che beo,
Tenire mente cosa,
Ammore vò ped'isso ogne ncosa.

Lin. Sienteme, gia chè simmo à primmauera,
Stascione che fa stà nfesta lo munno,
Di? se pe parte, de vede shiorute
Li prate, le montagne, e le chiamure,
Pò vedisse la vita senza frunne,
L'ammennolella, e nò ncacciasse shiore,
La terra sempre secca, e senza frutto,
No diciarisse, cà lo mundo è ghiuto?
Me mmarauigliarria de la natura:
Cossì Siruio sì tune,
Sì cà sì primmauera,
Smacenatello, è penzance no poco,
Che t'hà potuto dare chiù lo Cielo
Farete Douaniero de bellezza?
Nò nc'hà penzato a la menore aitate
Senza hauerete dato coratore,
La ntese ch'à li viecchie nò commene
Ammore, vò che buie sempre gaudite;
E ncè vuoie contrastare? Vì c'affienne
Lo Cielo, cò la terra tutta nzieme.
Siruio votate ntunno,
Che bellezz'à lo munno, eche sbrannore
Songo opere d'ammore?
Nnammorato lo Cielo,
La Terra, co lo mare,
E chella pouerella nnante ll'arba.
Videla chella Stella,
Amma la meschinella,
E sente de lo figlio la frezzata,
Che le passa lo core,
E puro se nnammora,
Nammorata esce fora
Pe trouare l'ammore
Ridenno à cossì dice.
O che bita felice
O gusto, ò sfatione,
La pouerella và cercanno Adone
Ammano pe ssè sirue
Li Lupe, e pe lo maro le Canesche,
Le Ballene, e li Tunne;
Chillo auciello, che canta
Co la gargante sempre quanno vola;
Mò a na chianta, e mmo a natura,
O de Rosa, ò Viola
S'hauesse la parola,
Autro non sentarrisse, ardo d'ammore,
Ardo dinto a lo core,
Cossì canta isso stisso,
Lo sape bueno, e nò nse ne vò ire.
Siruio siente lo dire,
Grida doce confuorto,
Ardo d'ammore; ò frate mio, ch'aie tuorto:
Le Bacche, sempre chiammano li vuoi,
Le Cornacchie, li Gruoie,
Lo Leione a lo vosco,
Quanno grida, nò è ira,
Ma d'ammore sospira;
Tutt'ammano a la fine;

Siruio, tu sulo si sconzentiato,
Che nò nsi nnammorato.
Arma senza piacere,
Vuocchie senza vedere,
Lassale chesse serue
Fraschotta, fraschettone, amma nna vota.

Sir. Tiente chi m'è pedante,
Vedite bello mastro de vertute;
Pe parte de me da buone conziglie
Me và mettenno ncapo le pottane,
O nò nsi ommo, ò io sò n'anemale.

Lin. Sò ommo, e mme ne preio
Sò ommo, e nò le nnego; e tu chi sine,
Fusse maie le perammede d'Agitto;
Fuorze isso n'era ommo.
Stà ncelleuriello Siruio,
Ca chi vola troppa auto
Pe sse fa Dio, nterra fà no sauto.

Sir. Linco, vi se si pazzo; to nò nsaie
Doue scenne la schiatte de sto fusto?
Chillo, ch'eppe lo munno sotta coscia
Iusto da llà sceng'io, da chillo sango,
Fuorze ca nò vencette sempre ammore?

Lin. Và ca te stà no panno nnante all'vuocchie
Sciauratiello; e tu doue sarrisse
S'Ercole Valentone non ammaua.
Mò te staie zitto, bè quann'accedette
Chelle fere de fore a cossi crude
Chi nce le fece accidere? fù ammore;
Appriesso pone, che le fece fare,
Na gonnella se mese, e parea sninfia
Pe parte de iocare lo mazzone,
E 'ncuollo hauè la pella de lione,
Tenea lo fuso, e la conocchia nmano,
Se volea trasformare comm'à chella,
Che lo faceua ogn'ora sospirare.
Erano li sospiri farconette,
Passauolante, frezze de no fierro,
Che no nne stea chiù fino into lo nfierno.
Ammore le donaie chisso reiale,
Vì s'era forte, e pò fu femmenella;
Chi nce vole resistere ali strale,
E se le tira pò à na cosa bella
Commo si tune iunnolillo e riccio,
Shiore de Maggio graziuso, e frisco,
Fa quanto vole ammore, falle guerra,
Cà non è guerra, vi cà è no pasticcio,
Quant'auze lo cappiello, e che nce truoue?
L'ammore de na Ninfa, ed è di vista,
Punto haueffero à mmene sse quatrella,
Ncappassence sempre io dinto à ssò bisco.
Non te conziglio, che non facci chello,
Che faceua Ercole,
Tu già le sì nepote,
E bueie mmetare li costumme suoie,
Và pè le sirue, è nò lassare ammore,
E pò ch'ammore? de na Fatecella,
Nò morzillo, na giota, e nò sbrannore,
D'Amarille, à tè dico, ò comm'e bella.
Dorinna se couerna da Dottore;
Fai buono no lo nego, a la mogliere
Se porta nore, e repetatione.

Sir. Ancora Linco mio, non mmè mogliere.

Lin. Non n'hauiste la fede
L'autiere, fuorze dico la buscia?
Guardate fraschettone
Nò scorruccia li Diete,
Non te fedare, ch'aie la lebertate,
Chi te la dette, te la pò leuare.
Tienence mente buono, e fà penziero,
Se ntennere me vuoie, apere ll'vuocchie,
Cossi bole lo Cielo,
A chisto matremmonio te chiamma,
Le grazie, che mpromette n'anno fine.

Sir. N'haueano autro penziero
Li Dieie sulo de chesso, chesso appunto;
Stanno sempre à sguazzetto co li guste.
Linco, frate sò nato cacciatore,
Se tu si nnammorate vance appriesso.

Lin. Tu scinde da lo Cielo?
Tu si de chella schiatta?
Nne miente pe ssa canna.
Nno lo creo, nè nsi ommo,
E se puro si ommo iuraria,
Ca tune si chiù priesto
Figlio de Tigra, frate de Leione,
Nepote ntierzo grado à no Draone.



SCENA SECONDA

Merrillo, & Argasto.


Cruda Ammarill', e perzì co lo nomme
D'ammare, amare daie pene, e tormiento,
O Amarille de lo cannamele
Chiù doce, e chiù soaue,
Ma de l'aspeto surdo,
E chiù sorda, e chiù fera, e sempre fuie.
Pocca cossì t'affengo
A la morte correnno,
Gridarranno pe mmè vuosche, e montagne,
E sta padula ancora
Diciarrà quanta vote
M'à ntiso sospirare
Ssa bella nomme toia,
Chiagniarrà sta fontana,
Shiosciarà Tramontana,
Parlaranne sta facce,
E pietate, e dolore,
Se farrà muta ogn'autra cosa nfine,
Parlarrà lo mmorire,
Te diciarrà la morte li sospire.

Erg. Mertillo sempre ammore da tormiento,
Saie quanno ne da chiù, quann'è chiù chiùso.
Isso tene la vuriglia
Ddou'è llegata n'arma, che bò bene.
Mò ammolla, e mmò stregne,
Me chiù stregne, ch'ammolla lo cornuto,
Tu no nneuiue stare tanto tiempo.
Scopriremme sso ffuoco, che t'abbruscia;
Quanta vote lo disso, arde Mertillo
Dinto a no caudarone, e se sta zitto.

Mer. Vollette a mme, pe nò abbrosciare ad essa
Argasto caro, e starria zitto ancora;
Ma la necessetate fa gran cose,
Me sento sempre sosorrare ntuorno
Na voce, che correnno và a lo core,
Commo dicesse, ora và ca si fuso,
Amarille sto cuorpo nn'e la toia,
E lo comportarraggio ammaro mene.
Grido, e pò torno, à frate chi lo sape,
Se mme sente quarcuno, io negrecato
Sempre sto co sospietto, e co paura,
Lo saccio Argasto, e nò mme nganna ammore
Pe mmè no mbà troppo auto la Fortuna,
No nce speranza de cogliere pruna,
Nè manco haue ssà stella Angelecata:
O che bellezza; e pò è de no sangho
Lo chiù gentile, ch'è sotto la Luna.
Canosco buono la chianeta mia.
Nascette pe le shiamme; e lo destino
Voze ch'ardesse senza mai gaudere,
Cossì hà piaciuto à lo Cielo torchino,
Me scrisse la settentia de sto muodo,
Ch'ammasse morte, e nò la vita mia,
Vorria morì pe l'arma de Zì Antuono,
Ma che piacesse ad essa; e no sospiro
Sulo ascotasse, e pò dicesse muore.
Primma, che me ne iesse all'autro munno
Na cera ne vorria, ma nò tant'agra:
Ma tu se me vuoi bene Argasto caro,
Ed aie compassione de me scuro,
Dincello se la truoue, ò se la vide.

Erg. Nò è gran cosa; pouero chi amma,
Quanno penza hauè assaie, non haue niente.
Se sapesse lo patre tale cosa
(Arrasso sia) cha se nà mmescanno
Co li Pasture, che sò nnammorate,
Se ne sapesse niente, ò pure fosse
A lo ciociaro ditto, ò negrecata.
Chi sà se te foiesse pe sta cosa,
Fuorze t'ammasse, e no lo bò mostrare.
La femmena haue ncapo la magnosa,
Che segnifica essere norata,
E s'essa puro te volesse bene,
Che meglio porria fa, se nò nfoire,
Chi nò npò dare aiuto, face buono.
Ascota senza pagha sto conziglio,
Ca chi nò tene forte, n'aue niente.

Mer. Eh se fosse lo vero, oh bene mio,
Duce sospire, e pene troppo care
Ma (se agge sempre lo cielo pe frate)
Dimme quale è nfrà nui tanto felice
Pastore accossì buono abbentorato?

Erg. Canusce Siruio? L'vneco figliulo,
Ch'eie de Montano, Sacerdote nuosto
Pastore ch'è de granne zeremonia,
Nu bello figliulillo, chillo è isso.

Mer. Viato a te, ora chessa è fortuna,
Cogliere rose, quanno cade iaccio,
Nò te ne mmidio nò, ma chiango à mene.

Erg. Nò n'haue mmidia ca lo pouerello
E digno de pietate, chiù che mmidia,

Mer. Commo pietate?

Ar.                Commo, ca no llamma.

Mer. Ed hà bita? Ed hà core? ò che sia acciso.
Non ndeu'hauè abbespato
Lo viso angelecato.
Io sò chillo, ch'abbruscio, e me conzummo
Pe chill'vuocchie, che mm'hanno
Fatto deuentà pazzo comm'Orlanno:
Ma dimme, pe che causa se vò dare
Ssà bella gioia a chi no la canosce.

Erg. A chisto matremmonio lo Cielo
Mpromette la salute de Porchiano;
E to nò nsaie ca la gran Dea ogn'anno
Vole na Ninfa de nnozente sango,
Ch'è soleto à morì la sfortonata.

Mir. Nò llaggio ntiso maie, nne iurarria,
Tanto chiu ca sò nuouo a sti paise,
Male po mene a cossi boze Ammore;
Sò iuto sempre pe buosche, e montagne.
Peccato granne deu'essere chisto,
Che moppe tanta collera a la Dea.

Erg. Apparecchiate, e siente pe lo capo
La storia, ch'ogn'anno nce tormenta,
Commouarria a piatate li Leiune
Nò nche l'huommene propio de marmo.
A tiempo antico non se potea dare
Ncostodia de lo Tempio a Sacerdote,
Che fosse giouene, era ndegnetate;
L'eppe no cierto, e se chiammaua Amonta
Museco, iostratore, e nnammorato
De na Ninfa, Lucrinna, assaie lucente,
Ma era senza fede la sciaurata;
Amenta se la tenne no gran tiempo,
E le volea no bene, ch'arraggiaua,
Spisso deceua, ò arma, ò speretillo
De stò core, de st'vuocchio, e de sta meuza.
Lo diascace mò, che nò nnà lana,
Iette a Lucrinna a bennere na pecora,
Pe ffà, ch'Amenta hauesse la quartana.
No ntanto, ch'essa vedde no capraro.
Sostenere non pò la primm'occhiata,
No zinno, cò no pizzeco, e no squaso
Se ncrapecciaie la perfet'assassina.
Amenta se n'addona, e priesto trase
Dou'è la porta de la gelosia;
Si chiagne, si sospira, tu lo saie,
Che pe proua canusce buono ammore.

Mer. Chisto dolore sì ch'ogn'autro auanza.

Er. Ma po, ch'Amenta heppe perdute tutte
Li chiante, li suspire, e li lamiente
Pe causa soia, chiagnendo disse: ò Dea
Se maie sta Amenta te fece na sauza,
Se te fò seruetore Amenta scuro,
Signà Cintia lo saie, se te sacraie
Cò nò core nnozente n'arma pura,
Vendetta, ò Santa Dea de chella fede,
Che m'è stata mancata sa ssà cana.
Lo sentette la Dea, se scorrocciaie,
Ah zellosa ad Amenta correuare?
Afferra l'arco, e tanno saiettaie
Sta sfortunata Terra de na pesta,
Che nne moreano tommola, e megliara,
Era perduta ntutto la speranza
Soccurzo non se troua, ncrosione,
Accise bona parte de la gente,
Non serue lo sceruppo, ò la nzagnia,
Lo Miedeco stea peo de lo malato,
Vna sperana ncè restatte sola
De pregare lo Cielo nnenocchiune,
Corzero à n'Araculo vicino,
Chiagnenno, e sosperanno li meschine
La resposta, ch'auettero fu chesta,
Ca la Sia Cintia s'era assai nfummata,
Ma se pure accordare se volea
Locrinna fosse à lo Tempio portata,
E pe mano d'Amenta consagrata,
A la gran Dea, cà vittema voleua,
Se contentaie Locrinna, ed à lo Tempio
De la Signora Cintia fù portata,
Co na festa, e gra giubelo arreuaie,
Arreuata che fu vedette Amenta,
Le tenne mente pe lo salotare
Commo decesse, ammore mio scontento
Io moro sula, perche te gabbaie?
Ndenocchiata che fu nnante a l'autaro
Veccote Amenta co la fierro nmano
Cagnato de colore, e sosperando
A cossì disse, tiene mente ò Ninfa
Lo nammorato, che non te fu carò,
Vi chi lassaste, è chi secoteiaste.
Auzaie lo vuraccio, e se chiauatte ncuorpo
Lo fierro, che passaie no buono parmo
Quanno la sfortonata de Locrinna
Tra la morte, e la vita dubetaua,
Sò morta Io? ò puro è muorto Amenta?
Amenta le cadio ncoppa le braccie.
Se scippa, e se strauisa, ò core aspetta,
Tu haie voluto morì sacrefecato
Pe parte mia, desse essa, mà nò importa,
Ca nò la passarraggio ssa mmarcata,
Afferia lo cortiello, e se lo schiaffa
Dinto à la commessura de la panza,
Cadio ncoppa ad Amenta, che nò era
Ancor a muorto, sulo freccecaua,
Mà ncapo de no paco l'arme belle
Volaro, e se ne iero à li pariente.

M. Eh, fù lo Cielo, che le voze dare
Tiempo, che commattesse ffì a la morte,
E mostrasse la fede, e la piatate.
Soccesse niente appriesso, dimme, Argasto
De la mortaletate, la Sià Cice
Co la morte de chiste se quetaie?

Erg. Nò ntutt'à nnèna mbotta se quetàie.
Ncapo de n'anno, à lo stisso tiempo
La nfermetate se fece ncampagna
Chiù peo pe sette vote de la primma.
De nuouo all'Aracolo tornaieno
E siente la resposta, fò gostosa,
Se nchillo tiempo era, io, me nce sbracaua;
E che ogn'anno na Ninfa s'accedesse;
Idest zita, ò che nò arreuasse
A bint'anne, azzò la granne Dea
Co chesto se forria cierto quietata.
Ascota stautra recipe alle femmene
Na settentia, che nò nse pò appellare,
Col'asequatur de mandato Regio;
Conca vedola, ò zita, che mancato
Hauesse de la fede: sia de fatto
Connannata à morì senza reparo,
Se quarcheduno vorrà fa lo scagno,
Se nò ch'esca de fatto la iustitia.
Aie ntesa la meseria de sta terra,
Chiste sò guaie: ma spera lo buon patre
De fornire, co chisto matremmonio
Tutte sse cose, perche hà no gran tiempo
Che ieze a l'Aracolo, decenno
Quann'hauea da cessà tanta roina,
Le su respuso proprio de stò muodo:

Nò nfornerane maie chi v'affenne
Ffi che de Cielo nò cognonca ammore
Doie schiatte soccie, azzò l'antic'arrore
De na femmena fauza
No Pastore iustissemo l'ammenda.

Hora mò a Porchiano nò ncè autro
De Siruio, e d'Amarille, perche lloro
Scenneno da lo Cielo, da la schiatta
Lluna de Panno, e llautra pò d'Arcide.
E pe lo male nuostro maie a tiempo
Se scontraie matremmonio chiù fino,
Doie schiatre de lo Cielo belle, e oneste,
Femmena, e ommo; tale, che lo patre
Spera c'haggia grà luoco la resposta
Che l'Aracolo fece. Chesto è quanto
Io pozzo referire a vossoria,
De lo riesto lo sà sulo lo Cielo,
Isso farrà figliare quarche iuorno
Sto matremmonio co no figlio mascolo.

Mer. O pouero Mertillo sfortunato,
Tanta gente canaglia,
Cò le scoppette, e li cane calate
Contra no miezo muorto
Core, ch'è nnammorato,
Ammore n'abbastaua?
No nbalea, se lo cielo non s'armaua.

Erg. Mertillo, Ammore becco
Autro non beue, è maie non se ne satia,
Che lagreme d'ammante:
Iammo ca te mprometto
De mettere à li sische chisto nciegno,
Pe fare che ssà Ninfa oie t'ascota:
Tu stà no poco zitto,
Ca nò ssò comme pienze ssi sospire
Sfatione à lo core;
Ma saie che ssò, prouenze, e sceroccate,
Che portano co lloro grann'ardore,
Ca cossi bole Ammore,
Azzò li pouerielle nnammorate
Aggiano truone, lampe, e grannanate.



SCENA TERZA.

Corisca.


Encè nesciuno maie, c'hauesse visto
Cosa cruda, e spietata chiù de chesta,
Ch'aggio io dinto a lo core, ammore è sdigno
Se nce sò ncaforchiate, e forte stritte
L'vno cò l'autro ch'io nò saccio commo
Non me strua de docezza, mora, e campa,
S'io tengo mente à Mertelluccio mio
Da la capo à lo pede aggratiato,
Pare che sia no Rè, tant'è polito,
De costumme, de vista, e de parlare,
M'assauta ammore co no fuoco viuo,
Tutta menchie de shiamme, nfine ch'io
Confesso essere venta, e guadagnata.
Ma si pò penzo à chillo granne ammore,
Che porta à nautra femmena, e pe chella
A me fuie, e desprezza; stò pe dicere
La grà bellezza mia ch'à mille roseca,
Isso la fue le vanga la pepitola,
Me lo vorria magnare, quanno veo,
Che pe no brutto vurenzola sogliardo
Ammore mmà legata, e forte stretta,
Nfrà me penzo, e repenzo, e pò concrudo,
Cacciando llodio, ò Merteluccio, dico
Hauessete sempr'io dint'à ste braccia,
Fusse tutto lo mio, me tenerria
Corisca d'ogne nfemmena chiù nnauto.
Nchillo stante me vene no capriccio
Tutto chino d'ammore mmierzo d'isso,
Che de ire a trouarelo sospiro,
Se fosse chiù nne lla de casa miccio,
Azzò scopresse l'aspro fuoco mio,
Pregannolo dicesse, chisto core,
Nò è de Corisca, e de vessegnoria.
Ma pò dell'auta vanna, quanno penzo
E dicho nfrà me stessa: no schifuso,
E che pe nauta femmena me sprezza,
Nò pezzentiello chino de sodimma,
Fuie da me comme se fosse pesta,
Vennetta Ammore, nò me fà morire.
E isso mò che douerria venire
A ste pettole meie pregando sempre,
Le vago appriesso, ò che dolore, ò Dio,
Comportarraggio chesto? morta sia
Se no le voglio fà sentì nò scuoppo,
Che s'allecordarà mente isso è biuo.
Sia mmardetta chell'hora, e chillo punto,
Che trasette Mertillo int'a sto pietto,
Mertillo, ch'odio, chiù de scaranzia,
Vedere lo vorria lo chiù scontente
Pastore de ste vuosche, è s'i potesse
Quanno me vene st'ira de l'hauere
Co cheste mano meie lo scannaria
Tanto lo sdigno, e llodio, che ne sento.
Dicere cha so stata sempre fuoco
Ch'aggio arzo trenta milla per zune
Mò na vrenzola mm'arde, è me conzumma
Cossi sdigno volere, odio, e Ammore
Dint'a sto core sempre fanno fuoco.
Io che tant'anne dint'a la Cetate
So stata de le chiù belle lo schieccho
E beneano pè mme mosecheiate
De chierchiette, leiute, e calasciune,
Veneano à laua pò li nnamorate,
Chi cò lo matrecale, è lo sonetto:
Mò da no monnazzaro so beffeiata
Pè parte de canta, chiagno a stafetta.
O d'ogn'autra Corisca sconzolata,
Che ne sarria de tene, se sprouista
Tu te trouasse senza nnamorate?
Vesognaria, ch'ogn'ora te sceppasse.
Mparate à spese meie femmene tutte,
Se volite auè mille nnamorate,
Cas'io no hauesse auto, che Mertillo
Ve iuro affe ca l'haueria sgarrata.
Pe tornare à preposeto, ve dico
Cà femmena, che n'homm sulo cerca
Sarrà sempre pezzente la meschina,
Mà nò Corisca, che n'hà d'ogne mmesca.
Che fede? che costantia? zannarie.
Paparacchie boscie d'ommo geluso
Penganno le zetelle ssì forfante
Fede ncore de femmena? maie fede
E se quarchuna n'hì, lo che nno creo
No ne fede che benga da lo core
E perche la meschina hà un'Ammore.
Ma fà che nce ne vengano dell'autre
Salutanno, è ncrenanno, ed essa azetta,
Le salutate co la faccia à rriso
Và troua fede curr'à la staffetta.
Bella femmen'è pò sollecetata
Da nnamorate assaie, che banno attuorno
E d'essa ne vò uno, è l'autre caccia,
N'è femmena, e se pur è, gran sciocca
Che serue a na bellezza stà coperta?
E se puro è scoperta no la vede
Autro che nn'ommo sulo, o Brutta cosa
Quanta chiù sò, tant'essa chiù s'auanta
D'hauere nn'ammorate co la pala
Cossì se face à Napole, è lo fanno
Le chiù ricche, è chiù belle de cacciare
Lò nnemorato guarda, ch'è peccato
E bregogna, sciocchezza e betoperio
Chello che nò pò vno, farrà llautro
Chi a darete sei canne de Tommasco
Chi la guarnetione, e chi le perne
E cossì lo refonnere va lesto
L'vno non sape lo fatto dell'autro
La Gelosia nò ncè, peche le femmene
S'anno lo cunto lloro be mparato
Io mò che bidde chisto bell'Asempio
De sse femmene granne ll'afferraie
E mme mparai da peccerella ammare
Corisca mme deceano se vo fare
Iusto commo se face de li guotte
Quann'aie llo nnamorato int'alle mano
Hagene sempre chino nò repuosto
Pigliate lo chiù bello, e cagna spisso
Peche se viue ad vno, pò ncè resta
Lo llurdo, che nne vene lo schifare
Appriesso à lo schifare affè lo iette.
Non pò hauè peo no femmena che dare
Gusto à lo nnamorato, quanno vole
Fallo venire sempe scappellato
Npromiettele mà nò le da restoro
Accossi haggio fatt'io, è perzò nnaggio
Quanta ne voglio è le trattengo sempre.
Mò vno co na vista gioueiale,
Mo nautro cò no tuocco de Manella,
Chillo che mme dace, è chiù refonne.
Te lo squascio, è facciole carrize:
Ma finte, perche sempre co la chiaue
Nzerro lo core azzòcche nullo ncentra.
No nsaccio ammara me, commo sta vota
Ncè trasuto Mertillo, è mme tormenta,
De no tormiento, che maie arreposo.
La notte fuio, e orria sempre iuorno
Chiang'è sospiro, è mmai no nfaccio niente
Nfine me songo bona resoluta
Hi cercanno pe stuort'à tutte llore
Mertillo l'Odiato Ammore mio.
Mà che farraie Corisca se lo truoue?
Lo pregarraie, guarda ca nò mmole
Llodio si bè ammore lo bolesse,
E tù lo fuie, è bà pe nauta via.
A chesto ammore manco nce consente,
Ma lo deuerria fà pe ll'arma mia.
Mà che farraie Corisca, siente siente
Quanno llaggio trouato dicerelle
L'Ammore, ma de chi, nò le scoprire,
E se co chesto nò nfarraggio niente
Farrà lo sdigno na mennetta granne.
Mertillo nò mbuò ammore, odio te venga
E Amarille toa se pentarrane
Volere co Corisca sta attozzare
Ed'à la fine essa sentarrane
Quanto pò sdigno, à femmena ch'bbampa.



SCENA QVARTA.

Titero, e Montano.


Montano mio vaglia la verdate,
Saccio ca parlo, à chi de me chiù sape,
Non se ntenne cosi commo se penza
Le resposte de sse signure aracole?
So commo à lo cortiello, chi lo piglia
Pè taglià pane, caso, e d'autre cose
La mano, se nce troua, e nce va bene.
Chi lo piglia pè accidere eie acciso.
Ch'Ammarillede mia, commo te dico,
Sia da lo Cielo destinat'à dare,
La salute à Porchiano, a la bon hora.
Chi de me chiù gran gusto n'hauerria
De me che le so patre? ma s'io penzo
A chello, che l'Aracolo ncà ditto
La sgarrammo, è faccimmo propio niente,
S'Ammore ha da fà sto Matremonio,
Peche ffuie isso ammore? maie se vedde
Odio fa lo sanzaro, core ntienne,
Fà male, chi contrasta co lo cielo.
Perche se se contrasta è chiaro signo
Cà lo Cielo nò mmò, se le piacesse
Ch'Amarille de mia fosse mogliere
A Siruio tuio no lo farria ì appresso
A caccia à lupe, ma caccianno Ninfe

Mon. Non nmide tu ch'è fraschettiello ancora
Decedott'anne iuste nò à fornute,
Co lo tiempo pur isso, sente ammore.

Tit. Lo senterrà de Lupe, è nò de Ninfe.

Mon. A Gioueniello core pò chiù frate.

Tit. Ammore à tutte quante, e natorale.

Mon. Senza l'anne nò rompe ll'Aurenale.

Tit. Sì ll'Aruolo gioueniello fa lo shiore.

Mon. Pò shiorì signor sì, ma senza frutto.

Tit. Lo shiore amaturato dà lo frutto
Nò nzò benuto pè fa accustiune
Montano frate, voglio sta coieto
Ma t'allecordo, ca puro io sò patre
De na Zetella zita, che n'agg'autra
E cò lecientia toia starria pe dicere
Ca mm'è stata da mut'affè cercata.

Mon. Nò nte sconfidà Titero; lo cielo
Pare à tè, che non vea stò matremmonio
Lo vede lo destino; e che llafede
Ch'è data nterra alagra dea nostra
No mancammo de fede à la sia Cintia
Tu saie Titero mio, ca chessa Dea
Quanno se ncricca nce da lo mal anno.
Ma pe quanto me pare, è quanto pozzo
I cò l'argenio mio specolianno
Lo cielo ncè consente, è oie te dico
Cà lo cielo farrà ssò Matremmonio.
Recordatenne agge fede ammico
Se nò sarra cossi dì ch'io so becco
Te voglio dire chiù; sta norte nsuonno
Haggio visto na cosa pe la quale
Io ngagio na speranza che spatello.

Tit. Chi vò credere à suonne, è che bediste

Mon. Penso ca t'allecuorde, ma chi è chillo
Tanto sciuocco nfrà nnuie, ch'amment n'aggia
Chella notte de chianto, è de spauiento
Quann ascette sebeto è spannie l'acque.
Doue steano l'aucielle fece pisce
Ll'Huommene, è llanemale,
Le mantre, è li casale,
Annegaie chella laua.
La medesema notte,
Co recordanza amara, io sfortonato
Perdie lo core mio,
Che core perdie chiu,
No figliulo nfasciolla.
Che n'aueu'autro, ed era tanto bello,
Che sempre viuo, e muorto llaggio chianto.
Se lo pigliaie la laua
A tiempo, che boleamo appapagnare
L'vuocchie à lo suonno; curzemo ala mpressa
Io, Souero, Cecella, Renza, e Rosa.
Credenno de le dare quarch'aiuto
Nò ntrouaimo isso, e da no conolelle
Dou'era dinto, creo se nò mme nganno,
Ca la conola ed isso poueriello
Se saranno affocate mmiezo all'acque.

Tit. Che chiune se pò dire? chi no haue
Piatate de te, no è ommo, ma anemale.
O notte de dolore, e de spauiento:
O sciagura de tuosseco è de fele?
Senza boscìa puoie dicere duie figlie
Gnenetast', vn all'acque, llautro a sirue.

Mon. Fuorze con chisto viuo Panno nuosto
Farrà che tu te scuorde de lo muorto.

Tit. Speranza, è sempre bona? Hora mo siente
Era iusto chell'ora,
Nfrà lumme, è lustro, quanno l'arba vene
E caccia de la notte lo scurore,
Tann'io co lo pensiero
Stea de sto matremmonio,
Ed era stato chiù de meza notte
Senza potè dormire
Tanto, che, pe straquezza
Venne nò pò de suonn'all'vuocchie mie,
E co lo suonno vesione vera
Che dicere potea, veglio è nò ndormo.
Sopra la rìpa de lo gran Sebeto.
Me pareua, ch'all'ombra
De no sambuco io stesse,
E co na canna lla pescasse pisce.
Eccote nchillo punto
Esce da miezo l'acqua no vecchiotto
Vestuto d'oro da la capo à pede,
E co le mmano suie
Piatosamente me deua no figliulo
Nnuao, nga nga, chiagneua,
E lo viecchio diceua,
Piglialo ca te è figlio,
Fa priesto veccotillo,
Guarda, che nno l'accide.
E ditto ch'eppe chesto, via sparette.
E ne lo stisso punto
Ch'isso sparette, no scorore ncielo
Se vedde, no tronare, no lampare,
Doue ch'io pe paura
Stregnise la creiatura
Chiagnenno hoime nne nora
Mme lo daie, è lo lieue.
Decenno chesto subbeto
Mme parze de vedere,
Lo sole a tuorno à tuorno assai sbrennente
E cadeno a lo shiummo
Tanta fierre arregute
D'arche saiette è canne d'Arcabusce.
Tremmaua lo sammuco,
Nascette na vocetta
Comme fosse no canto de soprano.
Dicenno eilà no dobetà Montano.
Ca hoie sarraie felice co porchiano.
E cossi mm'è rommaso
Dint'à lo core ed'à lo celleuriello
Stò suonno, che mè da nò gusto granne,
Sempre me stace all'vuocchie
La facce piatosella,
De chillo vecchiariello.
Mò me pare vederelo
E pè chesto venea ritto alo tempio
Quanno tu me scontraste
Pe fare sacrificio à la Dieie
Azzò sto suonno, me rescesse 'mparo

Tit. Li suonne songo suonne
Non se ce crede mai
E chi nce crede affe ca pecca assaie
Siente lo iuorno ciento cose storte
Pò le suonne la notte

Mon. Ll'arma co lo ceruiello,
Ne sempe addormentata
Anze sta chiù scetata,
Quanno nè trauagliata
Dale busciarde forme
De lo ngiegno, che dorme.

Tit. Nfine lo Cielo, chello, ch'à despuosto
De le figliule nuoste, isso lo sape.
Mà saccio io puro ca lo figlio tuio
Aut'ammore no à si non ij a caccia.
Mo parlo dela mia si dette fede
La fece dar pè fa lo matremmonio.
Se sente ammore, chesto non lo saccio
Ma lo face sentire
A quanta siò pasture pe ssi vuosche.
Me pare de vederla
No ntanta allegra è rossolella nfacce,
Quant'era prima.
Tutta vroccolosa.
E mò sempe sdegnosa,
Mà volè maretare na zetella,
Ad vno, che non pò sentì gonnelle
Frate aie na porfidia de Carella:
Commo rosa tommasca alo Ciardino
Che sta guardata da le spine, è frunne,
Attorniata d'vrme,
Che le fann'ombra, è nò le danno lustro,
Pare nò fosse schiusa,
Resta la pouerella senza gusto.
Ma pò quanno lo sole
Ch'esce dall'Ariente,
Se spampana, è se sente,
E dice, signò Sole ssò sbrannore
M'à fatto rosa, & dongo à tutti addore.
O veramente commo
L'ape che la matina
Va cercanno rosata, la meschina,
Se tanno no nse coglie,
E se aspiette, che coca pò lo Sole,
La cose de manera,
Che se lassa cadè tutta nfronnosa.
E conca passa dice, mai fu rosa.
Cosi è la figliolella
Mentre la mammarella
Le tene ll'vuocchie sopra,
La fa stà cò respetto,
E nò hà d'Ammare affetto:
Ma sepò quarcheduno
Va smoschianno attuorno,
Ed essa che lo vede
Subet'apre lo core,
E lesto trase ammore,
Pe bregogna nò parla,
O pe paura zoffre,
Se strude, e se consumma à poco à poco,
Manca bellezza se lo fuoco dura,
Passa lo tiempo, è perde la ventura.

Mon. Titero fa buon core
No t'annega dinto no gotto d'acqua,
Ca chi confida ncielo,
Lo Cielo le da gusto,
Nè maie saglie llà ncoppa
Preghera secca, e asciutta;
Cossi vno quanno pregha
Che nnaue assaìe besuogno,
Che spera da li Dieie;
Quanto chiù nuie deuimmo
Preghà, se li fegliule
Scenneno da li Dieie;
Li Dieie pariente nuostre
Ncè farranno chiù tuoste.
Iammo Titaro, iammo
A ngratià lo Tempio, è llà portammo
Tu lo piecoro à Panno
Io à Ercole l'Annecchio
Che fà ngrassà l'Armento
Farrà ngrassar ancora
Chillo che de buon core
Offeresce al'autaro
Tu và caro Dameta
Sciglie n'annecchiariello
Lo chiù manzo è chiu bello
De quanta songo nfra la mantra nostra.
E pè la via de la scioscella viene
Portamillo à lo tempio, e llà t'aspetto

Tit. E da la mia dameta tù me porta
No pecoriello ianco?

Dam.                Mò ve seruo.

Tit. Chisto suonno Montàno
Faccia l'auta bontate de lo Cielo
Che teresca secunno spiere tune
Bbe sacc'io, bbe sacc'io
Quauto, che piace attene st'arrecuordo
Non che truuore figlieto perduto.



SCENA QVINTA.

Satiro solo.


Comme all'vuocchie lo fummo, eda le ddeta
La rogna, e lo tossere a la vecchia
Commo lo Codauattolo; à l'Aucielle
Lo pesce de lo maro à la cannuccia
E all'ommo lo pesone de la casa
Cossi nnemico à tutte è stato ammore,
E chi lo Chiammaie fuoco, la ntennette.
Ca si le tiene mente, ò comme è bello
Ma va t'accosta, guarda ca te coce.
Lo Munno na chiù d'Isso gran spauiento
Comm'a lo viento, vola e comme aspata
Feresce e passa, commè a boie te npenne
E doue ferma, chillo granne pede
Ogn'vno se coieta, e le dia luoco.
Iusto cossi è ammore quanno trase
Pe dui Bell'vuocchie, co na trezza ionna
Pare che te dia spasso è gioia nsiemme,
E comm'è gostosiello, ò quauto piace.
Mà se troppo t'accuoste, è tiene mente
No poco, nautro poco, e nce vai dinto
No na la Vecaria fierre ò mauette.
No nce sò carauuottole chiù triste
De le carcere soie, che mmalannaggia
Sso becco, presentuso, chino d'ira
Nnemmico de pietà, figlio de fuoco
Ammore, lo malan, che diè le dia.
Mà che parlo? nè isso lo meschino,
Nè preuene d'Ammore tanto male:
Ma saie chi è, lo siesso femmenino.
Tu femmena mmardetta, da te bbene
Tanta crodeletate, è nò d'Ammore,
Ca isso è de natura cierto bona.
Tu lo faie deuentare mpertenente,
Tu le chiude la chiazza de lo core,
Tu faie, che la raggione sempre mente.
Pigliate gusto, haggene restoro.
Allisciate, strelliccate ssa faccie,
Azzò che chi te vea ncappato resta,
Co la Bellezza toia fenta da fore,
Fente ll'opere toie, fenta la fede.
Nò ntè fedare à femmena che dice
Stregnimmonce ad ammare; ca te ceca,
Se dice miezo corè int'adduie pietto.
Ma à farese la ionna, stace lesta,
Acconciare lo tuppo, è fa li ricce,
Nodeca, sotta nodeca à le trezze,
Se fà la capo comm'à no canisto,
Azzò che, chi la vea ncappa a lo bisco.
O che buommeco vene quanno vide
Co lo detillo farese duie nchiastre
De russo, à chella facce de guaguina,
Ncè mette recentata, è capetiello,
Nce iogne russo azzone che la facce
Para na rascia de lo scarlatiello.
Le rrappe acchiana, è fa le diente ianche
Che songo nigre, e chine de defiette.
Appriesso po no filo se consegna
Nne fa tre capezzielle, è se lo chiaua,
Int'a le diente; è co la mano ritta
Nò capo afferra, è pò co ll'auta mano,
Lo filo fa ghì attuorno è seca, e striscia,
Comm'à rasulo radenno li pile
Che stanno pe la front'e pe le mmasche.
Cossi radenno fa cadè lo pilo,
Cò no dolore c'ogne poco straccia.
Ma quanto v'haggio ditto non è cria.
Appriesso sengha conca vole ammare,
Che nce è de doce a te che non sia amaro?
Si rapere la vocca, e si sospire,
Sospire, trademiente, è cose fauze.
Se muoue ll vuocchie, la faccie t'è contra.
Se parle, sempre dice la boscia.
Se vaie, se vene, ride, sona, ò canta
Sò tutte paparacchie, e chesto è niente.
Gabbare chiù, chi chiù, de te si fida
Ammà, chi manco t'amma, è pò la fede
Odia comme fosso scaranzia,
Cheste so l'arme chist'è lo mestiero
Che fface deuentare ammore crudo.
Senza piatate, per che tù ngè curpe
Anze la corpa eie de chi te crede.
Donca la corpa e mia che te credette
Ngrata Corisca femmana sassina.
Ma pe lo mmale mio, cca so benuto
A sso paiese chino de defietto
Doue l'ussuria n famma nce s'annida.
Sa tegnere ssà truffa tradetora,
Non fa vede le tramme quanno tesse,
Vetoperio, vordiello, è chiaie ncore
Saie commo à ssè padule essa squarceia,
Dicenno à tutte; Credite Signore
Corisca à lo stannardo de lo nore.
Quanta mal'anne, è quanta male iuorne,
Pe ssa ncanna verdate agio patuto.
Nmpenzandoce me veo da la vergogna
Esserenne nforrato, è be mestuto
Mparà ale spese meie ò Nnamorato,
No nte fà cauarcar, e da mme cride.
Ca femmen'adorata è fuoco viuo.
Là vedarraie quannò tu la ncrine
E le volisse fa nà salutata
Essa se picca è commo Dea se tene
No nte tenarrà mente, anze te schifa
Commo fosse monnezza, e feccia nsieme.
Che tanta seruetute, è tanta prieghe
Tanta chiant'è sospire, che sse cose
A femmen'à figliule stanno bone,
Ma llommo no, c'amore faccia forza.
No tiempo io puro nce schiaffaie de pietto
Chiagnette, è sospiratte pe na perra
Ch'hauea no core tuosto chiù de preta.
Mo lo beo, nce ncappaie, è la verdate,
Nà femmena chiù fredda de la neue,
Sospira quanto vuoie, ca no la scaude.
Ietta focile fann'ascì lo fuoco
Ca llesca maie no appicceca, e sta sauda.
Lassa lo sospirare, e dà mme cride
Se la Segnora toia vengere vuote.
E s'haie dinto à lo pietto na fornace
Fà che la vampa maie nò nnesca fora,
Nzerratell'a lo core, e quanto puoie
Nè nce dare conziento, e pò fa appriesso
Chello che la natura, e ll'arte nmpara.
Nnante nò le fa maie bona Creianza,
Femmena da che nasce, è screanzata
E si be quarche bota fa le squase.
Parennate creianza, n'è lo vero,
Tienele mente fitto, ch'è magagna.
Nò nsaccio che dì chiù; si chesto faie
Cride a me, ca co ammore staraie franco:
Ma puro io fui gabbato da Corisca,
Corrisca, vi che dico, aggelo ammente
No ntrouarraie nautro nnamorato
Chiù tiennero de mene; è da mò nnante
Ll'arme d'ammore chiù nò senteraggio,
Ma senterraggio, chelle de lo sdigno,
Pè mme te mangià viua, bè doie vote
Io l'afferraie ssa cana, ma no nsaccio
Commo da cheste mano essa scappatte.
Se nce ncappa la terza, haggio penzato
Afferrarele ncapo, de no muodo
Che no mpozza foire, essa cca sole
Pe ste padule ire spisso spisso.
Ed'io commo lo cano quanno sente
L'addore de la quaglia, voglì appriesso
Addoranno pe ffì che penna nnascio.
Sè la trouo, mennetta ne farraggio
E bedarrà cà chi cecaie no tiempo,
Mo apre ll'vuocchie azzò pozza vedere
La fauzetate, e lo gran trademiento
De na femmena ngrata senza fede.

PE CANTARE.

Non te creo cechato ammore
Perche si no tradetore
E chi te crede
Cechato è commo à te, manco nce vede.


Scompetura dell'Atto Primmo.



ATTO SECVNNO

SCENA PRIMMA

Ergasto, & Mertillo.


Quant'agio cammenato nfì ala Volla
Alo shiummo alo fonte e lo Iennazo
Te so iuto cercanno comm'à pazzo
Te trouo e nne rengratio le cielo.

Mer. Che noua puorte Argasto
Che curre tanto? enge vita ò morte?

Er. Morte non tè darria, se bè l'hauesse;
Spero darete vita quanto primmà,
Mà tu non te lassare à cossì forte
Vengere da li guaie fa buon core
Se vuò passà sso maro aspetta carma.
Pe dicerette la venuta mia.
Cossì à la mpressa; ascotame Mertillo
Canusce tù? mà chi nò la canosce
La sore ch'è d'Asprinio? n'autolella.
Npantuofa e và essa, sempre allegra
De ionna trezza cò lo russo nfaccie

Mer. Comm'ha nomme,

Er.                Cor.

Mer.                   La conosco
Benissemo, è cod'essa quarche bota
Nc'aggio chiacchiareato

Er.                     Saccie come
Da no tiempo ne chà (tiente ventura)
E fatta tutta cosa d'Amarille,
Compagne care, sempre vanno à caccia,
Argasto mò ch'à fatto, l'hà scopierto
Tutto l'ammore tuio, secretamente
Doue che m'hà mpromisso, e data fede
Voleret'aiutare pensi à ciente

Mer. Singhe lo benmenuto.
Si e, lo vero; ò trà l'innamorate
Mertillo affortunato de lo muodo
Hauete ditto niente?

Er.                 None ancora;
Perche me disse à me la sia Coresca,
Nò pozzo fà de muodo ch'aggia gusto
Se nprimma nprima nò saccio ogne ncosa,
Doue se nammoraie, e comm'è quando,
Saputo c'hauarrà tutto lo chiaieto
Parlarà co la ninfa, è pò parlato
Essa sà buono chello chà da fare
Se cò prieghe ò co'nganne; statte zitto
Ca ciert'eie na nauetta, e buono tesse.
Io pe la quale cosa sempre curze
Pe sapere sso fatto, e tu accomenza
E bommecamme quanto tiene ncuorpo

Mer. Farraggio quant'vuoi, ma sacci Ar.
Ca st'allecordamiento,
E troppo acieruo, à chi cò ammore campa
Senza sperà contiento.
Ed'eie iust' comm'à ntorcia à biento,
Che quanto chiù s'abbruscia
Tanto chiù face vampa,
E co la stessa vampa se consumma.
O cò ll'arco menare na saietta
A cogliere deritto
Quann'haue cuoto tirala se puoie,
Fà chiù grossa la chiaia,
Ma te derraggio cosa ch'è berdate,
E bedarraie com'è busciarda, e trista,
La speranza d'ammare, è comm'ammore
Haue radeca, doce, e frutto amaro;
Ntiempo de la stascione, ch'è chiù grande
Lo iuorno de la notte. ha n'anno lesto
Venne stà ianca fata, venne dico
Ssò schiecco de belezze
Pè farese à bedere,
Cà commattea co nautra primmauera.
Io steua à la pagliara de streppune
O felice pagliara; vi chi passa
Essa è la mamma soia
Che ghieuano à onorare
Marte, Mercurio, è Gioue;
A bedere li iuoche
Che chillo iuorno se fanno a Porchiano,
Llà se corre a la gioia
Pe onorà la festa de li Dieie.
O gioia, che tu fuste la chiù bella;
Trasiste pe chist'vuocchie,
Arriuaste a lo core;
Auiste gusto Ammore:
Io poueriello maie nò auca prouato
Tale fuoco allommato:
Ma pò nò cossì priesto
Vedde la faccie allegra,
Che subbeto sentiette,
Senza trouà defesa; a primmo sguardo,
Ch'essa me tenne mente,
Correre intr'a lo pietto
Nà grà bellezza autera,
Damme ssò core, desse, e bà ngalera.

Er. O potentia d'ammore, ad ogne mpietto,
Chi lo proua, lo ssà quant'ha potere.

Mer. E massem'a li piette giouenielle,
Se nce ncaforchia cò li gustecielle;
Ne fece conzapeuole à na certa
Sore carnale mia, ch'era compagna
A la crodele Ninfa.
Le contaie de Porchiano, e de lo iuoco
Tutto lo fatto comm'era passato,
Nnenocchiato le disse: ò sore bella
Aiutame ca moro spantecato,
Damme conziglio ò faccie d'agnelella,
A st'abbesuogno mio lo muodo, e strata.
Essa me ietta sopra na gonnella,
E mme la fece mettere, a garbata;
Appriesso cierte trezze a canestrella,
Conciannome la faccie, parea fata
Subbeto pò m'appende
Lo Torcasso a lo shianco,
L'arco sopra a lo vraccio,
Mmè mpara de parlare femmenisco,
Cà io n'hauea manco no pilo nfaccie,
Liscio comm'a tabio,
Parea chiù zitella io
De quant'erano lloro,
E bestuta che fuie, essa me porta
A doue ieua spisso
A spasso chella Ninfa che m'hà cuotto.
Llà de zitelle zite de la Torra
Ncè nnera na caterna,
Che steuano cod'essa,
O comm'erano belle,
Ma pareuano zenzelle
A front'ad essa, ch'era no paone.
Ma pò che nò gran mpiezzo
Erano nziemme state
Pàrlanno de lo chiune, e de lo mmanco.
S'auzaie na zetelluccia
De chelle de la Torre, e à cossi disse.
Oie se fà festa, e nuie manco cantammo?
Dicimmo na canzona a la marchetta,
Facimmo nnautra cosa che ve dico:
Sentite stò conziglio se ve piace,
Iocammo a quarche iuoco; sia lo tuocco:
Mostrammo cà nuie puro
Sapimmo quant'a llhuommene:
Se nò mmenà a la gioia
Comm'a li Cacciature;
A lommanco a bbasare,
E chisto sia lo iuoco; e chi d'ogn'autra
Vasarrà chiù souaue,
E darrà base duce chiù de mele,
Se le dia stà giorlanna,
Haggiane la vettoria.
Risero tutte le zitelle zite,
Subeto s'accordaro,
Lluna cò llautra; priesto sù iocammo,
(Guerra de vase guerra)
La pouera Torrese, eilà fermate
Disse, nnaccommenzate
Cà nce voglio lo iodece, e sia chella,
Ch'à la vocca chiù bella,
Tutte foro d'accordio,
Dicenno, singhe tu sign'Ammarille;
Ed'essa li bell'vuocchie
Abbasciaie co na gratia,
Tutta se fece rossa; ò ch'azzellentia,
E mostraie veramente le bellezze
Chiù dinto, che da fore:
Ma la perzona soia
Hauea no pò de mmideia cò la vocca
Commenzai a sentire,
Quase decesse, puro sò bell'io.

Erg. Vid'à che tiempo te vestiste Ninfa,
Comm'hauisse saputo
C'hauiue da natà dint'à lo mmele.

Mer. Ncrosione, se sede a fà l'afficio
De Iodecessa, chillo grà sbrannore,
Lo iuoco de lo tuocco accommenzanno,
Dicenno a conca tocca sia la primma.
Vasare chillo musso de docezza
Chella vocca veiata,
Chella c'hà dat'a st'arma na stoccata.
O concola de musco,
Zeppa de perne tutt'arientale.
Che quann'apre, e chiude,
Chisso bello tresoro
Nnesce perne, rubbin'e doppie d'oro.
Cossì potesse dicerette Argasto,
Quanta fù la docezza,
Che sentie cò basare
Chillo musso de zuccaro,
Penzace frate, penzace no poco,
La stessa vocca nò nte lo pò dire,
Che l'hà prouato: facciano squatrone,
Tutte le cose duce de lo munno,
Li dattole de Tunnese,
Le sorua de Resina,
E le fico pallare de Pezzulo,
Ca nò nfarranno niente
A front'a la docezza che sentiette?

Erg. Brau' arruobbo pe tè de va duce.

Mer. Duce, ma nò azziette,
Ncè mancaua de nuie la meglio parte,
Non ncera lo delietto
De l'vno, e l'autro core,
Le deu'ammore, e pò foieu'ammore.

Erg. Ma dimme, commo te sentist'allhora,
Che de vasare a te toccaie la sciorta.

Mer. Nfra cheste laura Argasto,
Venne l'arma pe fare testamiento,
La vita fù Notaro
Subbet'a cossì disse:
Faccio arede no vaso,
Sia Dommen'e patrone
Già che me sento tutto sconquassato.
Cossì m'abbecenaie
À chillo grà sbrannore;
Io che sapeua buono
Cà era nganno, chill'atto che faceua:
Hauea paura, ed essa me redeua,
E redendo s'accosta; io bello lesto
Me lasso, e la vasaie.
Argasto, Ammore steua
Nfrà doie vezzose rose
De chelle belle laura, s'annascose;
Ncrosione se stette
Chella soaue vocca
A lo basare mio,
E tanno sì cà io rommase zero,
Tanto fù la docezza de li vase:
Quann'ecco co na gratia me proiette
Le fresche, anze docissime doie rose:
(Fosse pe gratia, ò pe bentura mia,
Saccio cà nò nfù Ammore)
Sonaieno chelle laure,
E lluno, e llautro vaso se scontraro
O iuorno troppo caro,
Conzidera no poco, ma se puoie,
Lo prezeiuso mio caro tresoro
E perduto, e nò mmoro.
Tanno sì cà sentiette de la Vespa
Lo muzzeco, e nò nfù nfra cuoir'e pella,
Ma me trasi nfi dint'a le bodella.
Io negrecato me sentie feruto
Mortalemente; volea mozzecare
A chelle duce laure,
Che mmaueano nchiaiato;
Quann'eccote n'adore de proffummo
Ch'ascea da chella vocca,
E trasìe neann'a mene,
Iusto comm'a no spireto celiesto.
Ferma, disse, nò nfare,
Lassa, nò mmozzecare,
Cossi me resbegliaie,
E la mpresa lassaie.

Erg. O mpiedeco mmarditto,
O sprito pè tene scontraditto.

Mer. Ecco fernuto tutto lo basare,
Ogn'vna steu'attient'ed aspettaua
La settentia vasescha;
Quando la mia carissema Amarille,
Disse, li vase mieie
Chiù duce de chill'autre erano state,
E co le mano soie
Me mette na giorlanna
Ch'era stata (pe chi vencea) stepata,
Dicenno, tè Sià Ninfa,
Nce volea nnè ssa capo sta giorlanna.
Tanno sì mme pareua
Stà lo mese de Luglio a l'arenaccia,
Quanno lo Sole và da miez'a miezo
Ch'abruscia ll'erue, e fà seccà le chiante;
Cossì lo core mio,
Tutto ardea de docezza, e de speranza,
Hauea venciuto, ed essa mme vencea;
Nfine mm'allecordaie,
Nfra me disse, che faccio?
Commenzo bello a zeremmoneiare,
Leuaieme la giorlanna c'hauea ncapo,
E la mettette ad essa,
Te Sià Ninfa, le disse, a tè stà bona.
Tu che li vase miei
Ndociste co li tuoie,
Essa descretamente
Se la pegliaie, e messesela ncapo,
A mme ne dette n'autra,
Ed è chesta che porto,
E portarraggio nfi a la morte mia,
Secca commo la vide,
Llecordandome sempre chillo iuorno,
Llecordandome ancora
La speranza perduta, è morta ntutto.

Erg. Mierete chiù piatate ca nò mmidia,
Mertillo, n'autro Tantaro nouiello.
"Le passa l'acqua vecino la vocca,
"E d'isso sfortunato haue chiù secca.
N'abbesogna abburlà co ssò cecato,
Ssò figlio de pottana; dic'Ammore,
Ca da li butte quanno manco pienze;
Quanto patiste p'arrobà duie vase,
Vase chine de tuesseco, e de fele,
Ma s'addonaie mai essa de ssò nganno?

Mer. Argasto io no lo saccio,
Ma chille poco iuorne
Che Porchiano fù digno la gaudere,
Mme se mostraie piatosa,
Facennome na facce risarella.
Ma pò la sciorte mia
Nne portaie lo gaudere,
No poco che lassatte
La Primmauera mia chiena de shiure,
Pe ghì à troure patremo,
Commo saie tunè, a la massaria soia:
Haueua no gran piezzo,
Che bisto nò l'haueua,
Ndecenno la capanna soa moreua.
Iette, e benette, e subeto lo Sole
Fuiè, e benne la notte;
Sparìe lo iuorno chino de docezza,
Foiette l'arba, ch'auea accommenzato,
Mostrareme la via facele, e leggia,
A primmo ncuntro canuscie la zara;
La faccie nò chiù allegra,
Ll vuocchie nterra mme cala, e passa largo,
Io sfortunato, disse,
Chiste sò signe de la morte mia.
Appresso n'autra cosa, ch'è ch'iù peo,
De lo meschino patreciello mio,
Tanto fu lo desgusto, e lo dolore
De la partuta mia,
Eccote nne nò punto,
Le venne n'arzedente
E buono nne cadie malato à morte.
Doue ch'io poueriello
Necessario mme fu tornà a la casa,
Dou'isso stea mmalato.
Arreuann'io se sana; e pò sanato,
La freue se nnè venne a la via mia,
E le chiocche faceuano tappe tappe.
Sempre a lo peo dorandome, fa cunto
Da che lo Solo trase a lo Leione,
Pe ffì ad Attrufo, sempre stiè malato
Cò na terzana doppia
Me ne iea mpilo, mpilo
Co sta freue ammorosa;
Marauegliato patremo, deceua,
Ssò mmale vace a lluongo,
Se nne iette a l'Aracolo preganno,
Che me sanasse st'aspra nfermetate:
Ie resupse l'Aracolo, e le disse,
Cà ll'aria natiua me sanaua,
Si llane era portato.
Cossì se fece, Argasto;
Arriuaie, e bedette,
Chi mme sanaie nn'vn'attemo:
Ma l'Aracolo disse la boscia,
Sanaie lo cuerpo, e accise l'arma mia.

Erg. Gran cose haggio ascotato,
Lo fatto già sta ntiso chiatto chiatto;
Mierete hauè na naua de piatate,
Spera d'hauè carnumma,
Hagge speranza a ffè ch'arriu'a Cumma.
Ora mò c'haggio ntiso, voglio ire
A trouare Corisca, e dicerelle
Tutto quanto l'ammore ffì a no pilo,
Tu ire te ne puote a la fontana,
Aspettame ca vengo nfra mez'hora.

Mer. Te manna a buon viaggio,
E che te renga sempre
Chella piatate, c'haie de mene Argasto.


SCENA SECONNA

Dorinna, Siruio e Lupino.


O de lo sgrato, e bello Siruio mio,
Spass', e piacere, Presottiello ammato;
A cossì ammasse a mene ssò crodele,
Commo a te penza, e co la bella mano
Nott', e iuorno t'alliscia, e t'accarezza;
Ed'io, che penzo ad isso nott', e iuorno,
De caudo, e friddo; nò mme pò vedere.
Chiagno, prego, e sospiro; ed'è lo peo
Ca te dà cierte vase nzoccarate,
Ch'vno che n'hauess'io, viata mene;
E pe nò potè chiù pur'io te vaso,
Presutto, core mio; ma chi lo sape
Se ccà stella d'ammore t'hà mannato,
Azzò pè miezo tuo Presutto bello
Ammollesse no core troppo duro.
Ma me pare sentì sonà no chuorno,
Vecino assaie.

Sir.           Ttè, ttè Presutto, ttè.

Dor. Se nò mme nganno, chella voce pare
De Siruio caro, che lo cane suio
Vace chiammanno.

Sir.            Ttè Presuotto ttè.

Dor. Senz'atro chella eie la voce soia.
O viata Dorinna, Dio te manna
Chello che bbaie cercanno; sarrà meglio
Ch'annasconna lo cane, chi sà fuorze
Pe miezo de sto cane me contenta.
Lupino.

Lup.    Eilà.

Do.          Vattenne co sto cane
E t'annascunne a chella fratta, ntienne.

Lup. Io ntengo.

Do.              E nò ascì se nò te chiammo.

Lu. Si signò.

Do.           Và priesto.

Lu.                     E tu fa priesto
Che se à sto cane le venesse famma,
E mme magnasse, sarria peo lo riesto.

Dor. Ò commo sì sciaurato, sù spedisce.

Sir. O sfortunato me, doue vogl'io
Cercare chiù, ohimmene ca sò stracco;
Hauesse na campana, che dicesse,
Chi hauesse visto Presuttiello mio;
Sia mmardetta la Vorpa che bediste.
Ma ecco ccà na Ninfa, chi sà fuorze
Mè desse noua; ò che male scuntro,
Chest'è chella che sempre me tormenta,
Nfignimmo p'abbesuegno: ò bella Ninfa
Vediste ccà pe sciorta Presottiello,
Ch'assecutà na vorpa l'asciogliette?

Dor. Ha Siruio io bella, io bella
Perch'a cossi mme chiamme
Ngrato, s'all vuocchie tuoie sò peo de fummo.

Sir. O fummo, ò shiamma, aie visto tu Presutto,
A chesto me respunne, ò me ne vao.

Dor. Siruio nò tant'asprezza a chi t'adora,
Ca nò ncommene a na tanta bellezza,
Pò na tanta crudezza.
Tu curre notte, e iuorno
Pè tutte sti contuorne
Cercanno Leparella che te fuie,
Na Vorpa, co na Cerua che te stracqua,
Perche nò cirche a mme che tanto t'ammo.
Eh Siruio, Siruio, và de Ninfe a caccia,
Ma scigliela che sia de me chiù bella,
Sequeta quacche femmena ammorosa,
Che senz'essere cacceiata
E ncappata, e llegata.

Sir. Ninfa ccà bbenne pe cercà lo cane,
Nò a perdere lo tiempo; addio ch'è tardo.

Dor. Siruio mio nò nfuire
Ca de Presutto noua n'hauerraie.

Sir. Tu mmaburle Dorinna.

Do.                       Nò à la fede,
Nò pè l'ammore grande,
Che me t'hà fatta schiaua,
Sacc'io dou'eie lo cane
Nò llasciogliste tu appriesso a na fera?

Sir. E nò lo trouaie chiù lo poueriello.

Dor. Mò lo cane, e la fera le tengh'io.

Sir. Tu le tiene?

Dor.              Io sì, che n'haie dolore
Ca le tene chi t'amma, e chi t'adora.

Sir. Dorinna cara mia dammele priesto.

Dor. Vide, che zaccariello, ente che cosa
Pe no cane, e na lepera m'adora:
Ma saie tu core mio, nò ll'hauerraie
Si nò mme daie quaccosa.

Sir.                    Io sò contente,
Teccote doie preccoca apretora,
Che mme le dette mamma, e nò hà n'hora.

Dor. Io nò mboglio preccoca, e manco pera,
Ca se tu ne volisse, fuorze, fuorze
Te ne darria assaie chiù saporite,
Si pò nò le schifasse.

Sir.                  E che borrisse,
Lo crapettiello, ò, buffe.
Patremo nò mmè dà tanta lecientia,

Dor. Nò mmoglio lo capretto, e nò lo sbruffo;
Vorria sulo l'ammore de te Siruio.

Sir. L'ammore mio? nient'autro.

Do.                             Niente chiune.

Sir. Siate donato, hora damme adonca
Lo cane, cò la caccia, Ninfa mia.

Dor. Eh si sapisse quanto
Chello che duone, vale
Eh se a ssà lengua toia
Responnesse lo core, ò bene mio.

Sir. Ascota bella Ninfa, tu mme vaie
Parlanno de n'ammore, che non saccio
Che cosa sia; tu vuoie ch'io t'amma, io t'ammo
E t'ammo quanto pozzo, e quanto sento;
Tu dice ca sò crudo, nò ncanosco
Chessa crodeletate, hagge pacientia.

Dor. O pouera Dorinna, a quale maro
L'ancora de speranza iette, e pierde;
O pouera Dorinna a quale Banco
Vaie pe lo tierzo, e nò ncè truoue niente.
Ammoruso fegliulo, tu nò nsiente
Chillo cocent'ardore,
Che sento io pouerella int'à lo core;
Tu puro sì de carne
E t'hà figliato ancora
La granne Dea, che ste padule honora;
Tu haie saiette, e fuoco,
Lo ssà sto pietto ch'arde, e nò hà luoco,
Vola cò chesse ascelle,
Viene nuouo Copiddo,
Nò nsia fierro lo core,
Ca si è de fierro, dico, nò sì ammore.

Sir. Che cos'è chist'ammore?

Dor. S'io veo ssò bello viso,
Ammore è parauiso:
Ma s'io penz'a ssò core,
E nfierno de dolore.

Sir. Ninfa nò chiù parole,
Damme lo cane, priesto.

Do. Damme primmo l'amore ch'aie mpromisso.

Sir. E nò nte l'haggio dato? ohimè che pena,
E contentàre chesta, te lo diette,
De nuouo te lo dongo, fa che buoie,
Vuoie niente chiù? fa priesto.

Dor. Tu simmene a lo maro, e niente miete,
Sfortunata Dorinna.

Sir. Che s'aspetta, forniscela stasera.

Dor. No accossi priesto tu hauerraie lo cane
Ca pò faie marco sfila, e te ne vaie.

Sir. Nò bella Ninfa, nò.

Do.                       Damme no pigno

Si. Che pigno vuoie?

Do.                  Nò pozzo dicerello.

Si. Perche?

Do.        Cà me vregogno.

Si.                        È me lo cirche.

Do. Vorria senza parlare essere ntesa

Sir. Vregognia haie dicerello,
Ma de l'hauere none.

Dor.                Nò me ntienne
Siruio mio bello, io te ntennaria,
S'a mme tu lo decisse.

Sir. Ca sì maletiosa chiù de mene.

Do. Chiù ammorosa de core assaie de tene.

Sir. Ma pe te dì lo vero,
Maie Zingaro fuie io, parla se vuoie
Esser ntesa.

Dor.        Ò dio, vno de chille,
Ch te sole dà mamma a ppezzechille.

Sir. No boffettone a cinco deta aperte.

Dor. Nò boffettone, a chi t'adora, Siruio?

Sir. Cossì me fà carizze.

Dor.                      Nnè lo vero,
Quarche bota te vasa.

Sir.                  Nò mè vasa,
Nè mbole, che nesciuno haggia st'ardire;
Fuorze pe pigno no vaso vorrisse;
Tu nò respunne, t'haggio canosciuta,
Commo nce anneuenaie; io me contento,
Ma lo cane, e la fera damme mprimma.

Do. Me lo mpromiette Siruio?

Sir.                        Lo mprometto.

Dor. E nò me mancarraie.

Sir.                   Sì, te dich'io,
No mmè tormentà chiù.

Do.                    Eilà Lupino,
Lupino, nò nce siente.

Lup.                    Eh che remmore,
Chi mme chiamma, mò vengo, nò ndormeua,
Lo cane dormea cierto.

Do.                   Piglia Siruio,
Chiù cortese de te venn'a ste braccia.

Sir. O valente Presutto caro mio.

Dor. Caro me fu quando lo vasaie io.

Sir. Teccote ca te vaso mille vote,
Dimme se niente te faciste male.

Dor. O bello cane; e perche nò mpozzo io
Cagnà cò ntico la ventura mia,
Ecco a che sò arriuata, gelosia
De no cane me scanna: ò sciorte ngrata.
Ma tu Lupino và mmierze la casa,
Ca io mò mò t'arriuo.

Lu.                  À Dio maiesta.



SCENA TERZA.

Siruio, e Dorinna.


Tu nò nt'haie fatto male a la perzona,
Dou'è la lepra, che mpromessa m'aie,

Dor. Vuoila tu viua, ò morta?

Sir. Viua nò è se lo cane l'accisa.

Dor. E se nò ll'haue accisa?

Sir. Donca è biua?

Dor.              Viua?

Si. Tanto chiù l'haggio a caro, e a gusto cierto.
Chiù cara me sarrà; e accossi diestro
Presutto fù, che nò la spelarciaie?

Dor. Sulo à lo core na pontura hauette.

Sir. Tu m'abburle Dorinna, ò staie mbreiaca.
Viua nò è, se fu a lo core ponta.

Dor. Chella lepra song'io
Siruio de preta marmora,
Senz'essere cacciata,
Tu m'haie vint', e pigliata.
Viua se me contiente,
Morta se me tormiente.

Sir. Tu sì la lepra co la bella caccia,
Che mò nnante deciue?

Do. Io, nesciun'autra, ohimè nò nt'arragiare,
Che t'è chiù cara femmena, ò anemale?

Sir. Nò t'ammo, e nò nte voglio, chesto piglia,
Brutta bosciarda, pigliate la striglia.

Do. Cheste songo le gratie, Siruio ngrato,
Chist'è lo grammerzì, che tu mme daie,
Fraschetta, presentuso; tè Presutto
Pigliatillo, e à me puro,
Fanne nzò che te piace, ma te prego
Sulo ssò Sole à st'vuochie nò me nieghe.
Sempre te sarrà appriesso
Chiù de Presutto assaie sempre fidata,
Dorinna sconsolata,
E sarrà chisto pietto,
Che pè tè sempre abruscia, à tè recietto,
Te portarraggio appriesso arco, e saiette;
Se mancaranno fere à ste padule,
Dorinna sarà fera, e nchisto pietto
Spararraie st'arco commo tu vorraie.
Siruio lo bederraie,
Ca te sarrane schiaua
Sta pouera figliola,
Si bè le miette ncanna na magliola;
Ma con chi parlo? ò Dio,
Cò vno che nò nsente, e se ne fuie:
Ma fuie quanto te piace, ca Dorinna
Si bbè iss'à lo nfierno, puro vene;
Ma che nfierno pozz'io
Trouà chiù peo de lo dolore mio.



SCENA QVARTA.

Corisca.


O Quant'haggio fauoreuole la sciorta
A li designe miei, chiù ch'io speraua,
Ma n'hà raggione de faurire à chella,
Che no dorme, e la cerca nfi a la stella,
Quanto pò ssa Fortuna, e no la chiamma
Lo munno, granne Dea senza raggione,
Besogna che la scuntr', e l'accarizze,
Facennole la strata; li potrune
Sò sfortunate, ca song'asenune,
Ma nò Corisca, che la ndustria soia
L'ha fatta d'Amarillide compagna,
O che commedetate, ò che bentura,
O braua accasione pe portare
Lo designo mio a ffine; n'autra sciocca
Te l'hauerria foiuta, e po mostrato
A la contraria soia, li signe apierte
De gelosia, che nfronte sò segnate,
E de mal'vuocchie tenutole mente.
Ma nò nfaceua buono, perche meglio
Da nnemmico saputo se pò guardare,
Che nò da non saputo; bè lo scuoglio
Che nò è beduto, annea lo marenaro.
"Chi coll'ammico semmola nò megna,
"Ncè và a la cacamagna. hoie vedarrasse
Quanto ssà fà Corisca.



SCENA QVINTA.

Amarille, e Corisca.


Care sirue viate,
E buie vallune solitarie, e cupe,
De repuoso, e de pace vere case:
O quanto sò contente
Quanno ve vego, e sole, stelle ammiche
M'hauessero asciortata
De stà sempre cò buie, e de fà vita,
Commo piacesse a mene;
Io già sarria contente
Chiù de chille che stanno
Dint'à li Campe Alise, e guaie nò hanno.
S'io tengo mente buono
L'hauè robbe a sto munno,
E hire a lo zeffunno.
Chi n'hà chiù, chiù ne vole,
Chi nò n'haue, ne cerca;
Robbe nò, ma catene,
Che legato te tene.
Che bale a giouenella
Ca eie bella zetella,
Norata senza fine,
Nata da na streppegna la chiù megliO,
Hauere da lo cielo, e de la terra
Tanta gratie, e fauure,
Munte, case, e chianure
Hauè no pretiuso, e ricco armiento,
Haggie che buoie, se n'haie core contiento.
Felice Pastorella
Pouera, e semprecella,
Ch'a mmala pena la gonnella ch'haue
L'arriua a la centura,
Ricca sì de natura,
Che de le gratie soie l'ha fatta degna,
Pouertà nò ncanosce, e manco sente;
N'ha gusto de recchezze,
Le vasta ch'ello ch'haue,
Nò mbole hauere cosa che tormenta,
Nuda sì, ma contenta,
Co duone de natura,
Li duone de natura và pascenno.
Lo latte co lo mmele,
Ch'essa l'haue donata
La fanno ianca, e fresca chiù de neue.
La fonte à doue veue,
Le face schieccho, e à l'acqua se conziglia
Nò dà cunt'à nesciuno,
Facciase quanto vò lo cielo vruno,
Chioua grannane, e truone,
Ca tale pouertà no la spauenta,
Nuda sì, ma contenta.
Na cosa schitto tene à lo penziero,
Pascere à ll'eruecciole
Le pecorelle, e buoie, ed essa pasce
Co li bell'vuocchie suoie lo pastorello.
Nò nchillo destinato
Da ll'huomene, e da stelle,
Ma chillo ch'Ammore
Le schiaffatte à lo core,
E nfra l'aruole, e l'ombre
De n'adoruso mirto tanto bello,
L'vna occhiecheia l'autro; ò che restoro
Sentì fuoco d'ammore, ed isso ancora
Arde, e ardendo vole ch'io lo senta,
Nuda sì, ma contenta.
O vera vita, che nò nsà che sia
Morire nnanze morte,
O potesse fà à cagno cò la sciorte;
Ma vide llà Corisca. Dio te guarde
Corisca bella mia.

Cor.              Chi me chiamma?
O de chist'vuocchie, ò chiù de chesta vita
A mme cara Amarille, à doue vaie
A cossì sola sola?

Am.               À nulla vanna
Si nò doue me truoue; e doue meglio
Pozz'ire io, trouando à te Corisca,

Cor. Truoue na schiaua, che t'è sempr'appriesso
Amarillede cara, e da te steua
Pensanno, e si benuta; ò fata mia,
Deceua nfra me stessa, ca nò pote
Senze Corisca soa stare Amarille,
E mentre che cò nchesto contrastaua
Tu te ne sì benuta, ò arma mia;
Ma tu nò amme chiù Corisca, none.

Am. E perche none?

Cor.              E perche none dice,
Hoie tu la zita.

Am.             Io zita.

Cor.                    Sì signora.
Ed à mè nò lo dice.

Am.                Commo pozzo
Dì chello che nò nsaccio.

Cor.                     E puro ancora
Faie nfenta nò nsapere,

A.                     E ca m'aburle.

Cor. Anze tu a burle à mè.

A.                        Dice da vero?

Cor. Te iuro pe chest'arma, nò lo ssaie?

Am. Io saccio ca mpromessa songo stata,
Ma nò ncè tanta pressa a lo festino,
Ma à te chi te l'hà ditto sore mia?

Cor. Fratem'Arminio, isso l'haue ntiso
Da certe gente, e nò nse parla d'autro
Pare ch'agge desgusto, e fuorze chesta
Noua de despiacere?

Am.                  È nò grà npasso
Corisca, e me dicea la mamma mia,
Ca de nuouo se nasce.

Cor.                 Ed'à che bita,
Be lo saccio io Amarille, e tu pe chesto
Stare allegra deuisse, e tu sospire;
Ma lassa sosperare a lo scontente.

Am. Chi scontente?

Cor.                Mertillo, che trouaiese
Co fratem'a st'ammaro parlamiento,
E niente nce mancaua, e lo vedeua
Morire llane, s'io nò l'aiotaue
Dicennole, nò chiagnere, hagge fede
Ca mo lo guasto chisso matremmonio,
Pe le dare confuorto, ma io puro
Sarria pe lo sgarrà.

Am.                 Dice da vero?
E te vastarria l'armo?

Cor.                  È de che muodo.

Am. Commo farrisse?

Cor.               Nò nce vole niente,
Puro che tu conziente, e diche sine.

Am. Se me iurasse, e dissemene fede
Starete zitto, io mo te scoprarria
No penziero, ch'è biecchio int'a sto core.

Cor. Io dicerello maie? aprase primma
La terra, e pe miracolo me gliotta.

Am. Sacce Corisca mia, ca quanno penze
Cò no fegliulo io essere legata,
Che m'hà nnodio, me fuie, e nò hà ncapo
Autro che ghir'a caccia, e de no cane
Face chiù cunto, che de ciento Ninfe;
Me roseco d'arraggia, e poco manco
Che me despera, io perzò stongo zitto,
Ca ncè lo nore mio, ed'è lo peo
Mentr'haggio dato à patremo (che dico?
Anze a la granne Dea) la pura fede;
Ma se vuoi fà quarcosa, sempre sarua
La fede, l'onestate, co la vita,
E respettà la Dea, che sia laudata,
si potesse tagliare chisto filo,
Che mm'ha legata; hoie sì ca tu sarrisse
La sciorta mia, ò mene abbenturata.

Cor. Si pe chesto tu chiagne haie gra ragione
O Ammarille, e quanta vote disse,
Na rosa a chi n'hà naso, e no gioiello
A chi è cecato, e nò lo bò bbedere,
Ma tu Amarille mia si troppo sapia,
Anze sì troppo sciocca a stare zitto,
Precura essere ntesa.

Am.                  Haggio vregogna.

Cor. No male haie sore mia, ch'è peo de rogna,
Nnante vorria la freue co lo friddo,
Ma puro nfine pò te sì sfacciata.
Amarille, na vota ch'accommienze,
Vregogna se ne fuie, e benciarraie.

Am.  Chi nasce vregognosa de natura
Nsi a la morte la porta; ca se niente
Vaie cercanno cacciarela da core,
Te vene nfaccia, e darte chiù tormiento.

Cor. Amarille, chi ha male, e vò stà zitto
Pè fa la sapia, pò da pazza grida.
Si chesse cose tu m'hauisse mprimmo
Scopierto, mo sarrisse senza guaie;
Ma stattene secura, e bedarraie
Hoie che ssà fa Corisca; nò potiue
Ncappar'a meglio mano; ma po quanno
Saraie p'opera mia già liberata
Da no brutto marito, nò vorraie
Pigliaren'uno bello.

Am.                 À chesso appriesso
Se vò votare chiù de no prociesso.

Cor. Ma veramente nò porraie mancare
A Mertillo fedele; ed hoie tu saie
C'ha lo pascone nò nce chi lo passa,
Tant'è bello, e fedele, e hommo raro.
E tu morì lo faie; ah troppo ngrata,
Fa che te dica schitto, vi ca moro,
Ascotalo na vota.

Am.              O quanto meglio
Farria si se leuasse da ceruiello
La radeca, che ncaue pastenata

Cor. Dalle chisto confuorto nnante morte.

Am. Hauarrà sopra cuott'acqua volluta.

Cor. Lassa de chesto ad isso lo penziero.

Am. E de me che sarria si se sapesse.

Cor. O femmena chiù tosta de na preta.

Am. E preta sia, che nò me chiaua ncapo.

Cor. Amarille de mia s'attene pare
Mancareme sta vota, ancora io
Te mancarraggio, a Dio.

Am.                    E doue vaio
Corisca, viene, ascota.

Cor.                   Na parola
Nò nsento, se nò dice sine sine.

Am. Te lo mpromecco; ma con chisto patto,
Che nò boglia nient'autro.

Cor.                      Niente chiune.

Am. E tu farraie de muodo, che de chesto
Io nò nne saccio iota.

Cor.                  E mostraraggio
Che tutto sia de scaso.

Am.                    E che io pozza
Partì quando me piace, e non contrasta.

Cor. Quanto vuoie tune, puro che lo siente.

Am. Ma se spedesca priesto.

Cor.                       Gnora sine,
Ancora se farrà.

Am.             E nò s'accosta
Quant'è luongo stò dardo.

Cor.                    Oimè che pena
Nceie a mettere a siesto chesta toia
Semprecetate, fore de la lengua,
Tutto lo riesto vedarraie legato
E secura starraie.

Am.               Io nò nboglio autro.
Ma quanno se farà?

Cor.              Quann'a tè piace
Puro che me conciede tanto tiempo,
De hì a la casa, e de sto matremmonio
Meglio me nforma.

A. và è stà ncelleuriello
Fallo secretamente.

Cor.               Siente chello
Che bao penzanno; hoie à la Scioscella
Te ne venisse sola, e senza nulla
De le compagne toie, perchene llane
Nce trouarraie à mene, è de cchiune
Portarraggio Cicella, Agrauia, e Assisa,
Rosa, e Renza ca cheste tutte songo
Compagne care meie, sapeie, e fedate,
Che le puoie confidare quant'haie ncapo;
Tu iocarraie a la gatta cecata
Comm'è soleto: doue che Mertillo
Se credarrà che sia socciesso a caso.

Am. Chesto me piace assaie, ma nò nborria,
Che chelle Ninfe fossero presente
A le parole de Mertillo, haie ntiso?

Cor. Te ntengo, lassa tessere a Corisca,
N'hauè paura, e se ncè niente, io pago,
Nne lo farraggio ire a lueco, e a tiempo;
Tu vauattenne, ma non te scordare
D'ammà Corisca toa, Amarille bella.

Am.  Se nne le mano toie stace sto core,
Fatte amà notte, e iuorno, e a tutte l'hore.

Cor. Parete che stia sauda, à chisto muro
Ncè vò chiù forza pe lo fà cadere.
A le parole meie po stare tosta,
Ma a chelle de Mertillo, cierto, cierto
Resister' nò mporrà, be lo sacc'io,
Quant'a no core de na figliolella
Pote de nnammorato, lagremella,
Eh se nce la carreio int'a sta grotte,
Che te la pozzo a muodo mio legare,
Te la voglio mbrogliare à tale mbruoglio,
Che de Corisca maie s'haggia a scordare;
Da le parole soie voglia, ò nò voglia
Me potaraggio meglio arregolare,
Co destrezza cacciarele da vocca
S'haue d'ammore mpietto na spagliocca,
Senza fatica manco na stizzella,
Voglio ch'essa medesemo nce schiaffa
Dinto l'arrore suio, e nesciun'autro
Pozza dicere è stato, sola essa
Che le piacie parlare cò Mertillo.



SCENA SESTA.

Satero, e Corisca.


Cor. O Imene ca sò morta.

Sat.                     Ed'io sò biuo.

Cor. Torn'Amarille mia ca sò presona.

Sat. Nò nte sente Amarille, e chesta vota
Forz'è che stinghe sauda.

Cor.                       Oimè le trezze.

Sat. Quant'haue che t'aspetto, e sì benuta
Int'à la rezza, e mò mò saparraie
Se chesta è touagliola, ò sò le trezze.

Cor. A me Satero.

Sat.             A tè, nò nsi tu chella,
Nommenata pè tutto gran Corisca?
Maiesta de vregogna, e trademiento,
Che binde parolette, occhiate, e zinne
A la velanza de lo vetoperio;
Corisca tradetora, che traduto
M'haie sempre delleggiato, e dato perro.

Car. Sì ca songo Corisca, ma nò nchella
Satero bello mio, ch'all'vuocchie tuioe
Nò tiempo te piacette.

Sat.                  Mo sò bello,
A pottanazza; ma tanno nò nfuie
Quanno pe Coretone me lassaste?

Cor. A tè pe nullo?

Sat.               O comm'è semprecella,
E cosa noua? fuorze n'haie fatt'vna?
E quando te donaie la pecorella,
Quand'arrobaie lo panneciello à Crole,
Li stiuale à Masiello, e li vestite
A chillo sfortunato d'Antoniello.
Pè che lo fice? pe l'ammore tuio.
E quando la bellissima giorlanna,
Ch'io te donaie, tu la diste à Sciorillo,
E nò m'haie sempre, pò de notte, e iuorno,
De caudo, e friddo dato le sdanghette,
E mò me chiamme bello? ah tradetora,
Femmena nteressata senza fede,
Nò nne la scappe, e pagarraie lo tutto.

Cor. Tu me strascine, commo fosse vacca.

Sat. Maie meglio cosa dicere haie potuto,
Scotola quanto vuoie, n'aggio paura,
Che me scappe à stà presa, e nò porraie
Ngannareme farfanta: nautra vota
Te ne foiste, ma la capo cierto
Stanne secura a ca mò lassaraie;
Fà forza quanto vuoie, ca nò nc'arriue
A scireme da mano.

Cor.              Nò negare
Tanto de tiempo, che co tico io pozza
Dì le ragione meie Satero.

Sat.                      Parla.

Cor. Commo vuoi, ch'io te parla, si me tiene?
Lassame,

Sat.    Io lassare?

Cor.               Te mprometto
De fede nò nfoire.

Sat.              Quale fede?
Haie tu femmena fauza, e mpertenente,
Vi chi parla de fede, mò te voglio
Portar'int'à na grotta troppo scura
De chisto monte, che maie vederraie
No tantillo de Sole, ò no Pastore,
De lo riesto mò mò lo sentarraie,
Farraggio a spasso mio, e à scuorno tuio,
Chella mendetta, che meretarraie.

Cor. E potarraie fà male à chesta trezza,
Che te legaie lo core? e chesta faccia,
Che fù lo schiecco, doue te mmiraue?
E pone quanta vote me deciste
Corisca, io pe tè sudo, e pe tè stracco.
E mo me vuoie fà danno; ò cielo, ò sciorte,
E lo comportarraie? à chi messe io
Ogne speranza, mo me fà ssò tuorto,
A chi chiù credarraggio?

Sat.                    À pottanone
Pienze de mme gabbare, ancora tiesse
Con chesse parolette tramme noue,

Cor. Satero caro, deh nò nfa chiù stratie
A chi t'adira, hoimè tu nò nsi vrzo
Tu nò haie core de marmo, ò de pepierno,
Eccome nnunocchiata à chisse piede,
Ammore bello mio, per duono cerco
Pe ste denocchiatoie grosse, e neruute,
Che l'abbraccio, e le stregno, e baso sempre,
Pè chillo ammore, che tu me portaste,
Pè chella grà docissema docezza,
Che pigliaue da st'vuocchie, e che chiammaue
Stelle luciente, e mò sò doie fontane.
Chiene d'ammare lagreme, te prego
Hagge pietà de me, famm'ammarciare.

Sat. M'hà muoppeto ssà fauza, s'io credesse
A ssò commouemiento, sarria vinto.
Ncrosione io te creo poco, e niente,
Tu si troppo malegna, e sempre pienze
Ngannare chiù, chi chiù de tè se fida,
Sotto a l'ommeletate, e à lo pregare,
S'annasconne Corisca, e tu nò puoie
Mutare de natura, ancora tiente?

Cor. Hoimè la capo mia, ferma no poco,
Nautra gratia te voglio supprecare
Nò mmè dire de nò.

Sat.              Che gratia è chesta

Cor. Sienteme nautra stizza.

Sat.                        Fuorze pienze
Cò chisse chiantarielle, e sospiriette
De mmè chiegare, và ca sì lontana.

Cor. Satero gioia mia, e puro vuoie
Fareme stratie.

Sat.            Mò lo prouarraie.

Cor. Senza niente piatate.

Sat.                      Manco sale.

Cor. E cossì haie concruso.

Sat.                       E segellato;
Haie fornuto cantà ssò matregale?

Cor. O vastaso pezzente, latrenaro,
Miez'ommo, miezo crapra, e tutto anchione,
Chiaueca fetentissem'asenone,
Sempre da chillo iuorno, che sì nato,
Se cride che Corisca a te nò amma,
Cride ca eie la stessa veretate.
Vuoie ch'amma chisto ciuffolo mpagliato,
Ssà varua de peducchie ntorniata?
Chess'aurecchie de crapa, co ssà vocca
Vauosa, schefenzosa, anze sdentata.

Sat. Ah sciaurata, a me chesto.

Co.                            À te beccone.

Sat. A me, pottana.

Cor.               À tene caperrone.

Sat. Ed'io con cheste mmano, che farraggio?
Voglio tirà ssa pessema, e canina
Lengua busciarda.

Cor.             Se t'accuoste niente
Presentoso, cornuto.

Sat.                Oimè, che sento?
E da na femmenella? e de ste mmano
Nò hà paura niente? e me sbraueia?
Io te farraggio.

Cor.            Che farraie, villano.

Sat. Te magnarraggio viua.

Cor.                      Sì s'hai dente
Brutto scognato.

Sat.            O cielo, e lo compuorte,
Ma nò la scappe affe, viene commico.

Cor. Signore nò.

Sat.            Nce venerraie pe forza.

Cor. Tu puoie morì ca nò.

Sat.                     Schiatta ca fine,
Si perdere ste braccia me credesse
Nce venerraie

Cor.         Nò vengo, se sta capo
Credessence lassare.

Sat.                Horsù vedimmo
Chi de nuie duie hà chiù forte, e potente
Tu lo cuollo, io le braccio; tu nce miette
Le mmano? l'hai sgarrata.

Cor.                     Vedarimmo.

Sat. Sì cierto sì.

Cor.              Tira Satero tira
Che te rumpe lo cuollo.

Sat.                     Oimè sò muorto,
Oh lo filetto manco, oimè li rine,
O che caduta; à mala pena pozzo
Mouereme da terra, ed è lo vero
Che se ne suga? e ccà la capo resta.
O marauiglia granna, ò Ninfe, ò Ninfe,
O pasture corrite a piede scauze
Ca vedarrite femmena, che fuie,
E campa senza capo; ò comm'è lieggio,
Nò n'haueua celleuriello; ma lo sango
Commo nò esce? Eilà che bide, ò sciuocco!
O pazzo mene, essa eie senza capo?
Senza capo songh'io? chi ha bisto maie
Catarchio chiù de mè; hai visto s'essa
Hà saputo foì; quando penzaue
Tenerela assaie stretta; ah cana perra,
Fattocchiara cornuta; nò a bastaua
D'hauè lo core chino de buscie,
Haie voluto mostrà perzì la faccie
Ch'è chiena de vregogna, e fauzetate;
Che ve pare Poete, che screuite
Lloro de li capille, e l'ambra pura,
Vregognateue tutto, e lo cantare
D'autro nò nsia si nò de sdign'e d'ira
Contra à na ngrata, nfamma, fattocchiara.


PE CANTARE.

Fuie Ammore, ò nnammorato,
Fuielo fuie ssò cecato,
Io mò m'allargo,
Ca chisso vede chiù che non vede Argo.


Scompetura dell'Atto Secunno.



ATTO TERZO

SCENA PRIMMA.

Mirtillo.


Mir. O Primmauera bella,
Giouentute dell'anno,
Vera mamma de shiure,
De nepeta, de marua, e nuo'ammure,
Tu tuorne, ma contico
Nò ntornano li iuorne
Asciortate, e chine d'allegrezza,
Tu tuorne sì, tu tuorne,
Ma io maie chiù nò ntorno,
A gaudè lo tresoro mio perduto.
O recordanza ammara chiù che fele:
Tu si chella, tu sine
Che sempre quanno tuorne haie petrosine.
Ma io nò songho chillo, che no tiempo
A cierte occhiuzze le pariette argiento.
O docezze d'Ammore, troppo amare
Site à conca ve perde,
Che maie nò nse prouassero ssi guste.
Sarria lo bolè bene na coccagna,
Se maie nò nse perdesse,
Lo bene, che se gaude;
Ma pò quanno se perde
Te vène a lo penziero
Nò squagliamiento, e scule comm'à cera.
Ma si non è boscia, e nò mme nganna
La gran speranza mia, ch'è comm'à brito,
E nò nse rompess'hoie,
Ccà pura vederraggio
Dell'vuocchie mieie lo raggio,
Se nò mmeganno, ò Panno;
Deh fa che benga, e ferma à sti sospire
Lo pede foieticcio,
Azzò sta negra vista
Se pozza notrecare,
Vedenno la perzona soa galante,
Che mme fa stà deiuno sempre maie.
Vedarraggio la ngrata
Mouere ll'vuocchie suoie; se nò piatuse,
A lommanco sdegnuse.
Se nò chine de spasso, e de piacere,
A lommanco patere.
O quanto tiempo t'haggio sosperato
Iuorno pe me affatato,
Se da pò tanta, e tanta
Iuorne chine de chianto
Me concedesse Ammore hoie de vedere
Lluocchie suoie piatoselle
Fare mmierzo li mieie li zennarielle.
Ma ccà mannaieme Argasto, e mè deciette
Ca veneuano nziemme
Corisca, ed'Amarille
Pè fa lo iuoco de Gatta cecata.
Ma nò nbeo autra gatta
De stà volontà mia,
Che bà gredanno miao, miao,
E nesciuno responne, musce, musce
Fosse quarche diascanne de ntuppo
Puostose pe lo miezo,
E nò nbolesse, c'hoie me recreiasse?
Troppo se tarda, ò Dio
Lo core sbatte cò no gran tremmore.
Veramente chi amma
Ogn'hora, ogne momente te le pare
Cient'anne l'aspettare.
Ma chi sà se tardaie,
E Corisca aspettà chiù n'hà boluto?
Saccio cha me partie pe tiempo assaie,
Oimè, se chesto è bero, ccà m'accigo.



SCENA SECONNA.

Amarille, Mertillo, Choro di Ninfe,
Corisca.


Am. Ecco ccà la cecata.

Mir. O vista de stopore.

Am. Spedimmonce nò poco.

Mert.                  Ò voce, ò voce
Che me faie reuenire
Iusto comme la lecora à la noce.

Am. Doue site foiute; eilà Lisetta,
Che sempre vuò iocare à la cecata;
Quando viene Corisca? puro fuie?

Mer. Mo si ca se pò dicere ch'Ammore
Haue n'appannator a n'ante à l'vuocchie.

Am. Sentiteme no poco,
A buie dic'io, che state nnante, e arreto,
Allascateme cà; quando po arriuamme
Doue songo chell'autre?
Faciteme scostare da li chiuppe,
Dou'è chiù largo me lassate sola,
Che se mettano ntuorno pè lo iuoco.

Mer. Che nne serrà de mè? lo core sbatto,
St'vuoccio ritto me fricceca,
Cierto male pe mè sarrè sto iuorno.
A lommanco venesse ccà Corisca,
Che m'aiutasse, aiutame tu cielo.

Am. Oh ca site venute,
Nò nserue à parlà chiano,
V'entengo, che credite che sia sorda?
Priesto sù, accomenzammo lo ghiocare.

Ch. Nò nte creo cecato Ammore,
Perche sì no tradetore,
E chi te crede
E comm'à te cecate, e senza fede.
Cecatiello l'haie sgarrata,
E nò l'haie nneuenata,
E mo m'allargo,
Ca tu nce vide chiù che nò ved'Argo.
Tu cecato me legaste,
Ah traitore, me ngannaste;
E mò sò fore,
Và te mpienne, e te squarta messè Ammore.
Fà carizze quanto vuoie,
Ca può grida a li grueie,
Becco cornuto
Nò me faie chiù la cura co lo muto.

Am. Vuie iocate da largo, non va buono,
Besogna, che ve piglia,
Fuite, ma toccateme à le bote,
Volite, ch'io sia sempre la cecata?

Mer. O Panno, oimè, che beo, a doue songo,
Nterra, ò Ncielo? ò Cielo,
Che gire sempre maie,
No lo credea, c'hauisse tanta stelle,
Cossì lociente, e belle.

Ch. Ma tu crudo cecato
Vuoie ch'aburla cò ntico,
Ecco lo faccio,
Sto caucio è fuio, e nò mme puoie dà mpaccio.
Pigliate sta chianetta,
Votate a sta boffetta,
Te pongho a bota a bota,
No mme piglie sta vota.
Cecato Ammore
No ncepupoie co sto core.

Am. A la fede Licore
Ca mme credea d'hauerete afferrata.
E n'aruolo afferraie,
E de chiù te ne ride?

Mer. Oh che foss'io chiss'aruolo;
Ma Corisca non vene,
Eccola stà moccosa,
Oimè, che dice? pe mè nò la ntengo.
Puro mme zenna, ò Dio.

Ch. Core lesto, n'hà paura,
De losenghe nò nse cura;
Manco ntiende,
Che quando faie carizze ncruocch'empiende.
Ed'io nautra vota vengo,
Voto, giro, e bè te ntengo;
Haie pigliato vaiano,
Tornatenne chiano chiano,
Signò Ammore
No nce puoie co sto core.

Am. Foss'acciso chist'aruolo mmarditto;
Quanta vote l'afferro,
Ma nò è isso, e n'autro, ch'è chiù gruosso,
Fuorze ca nò mme crise
D'hauerete afferrata, Signa Lisa.

Mir. Corisca puro zenna,
Dimme, che buoie che faccia? parla forte,
Fuorze vò che me mmesca co le Ninfe?
Oimè, lo core nò mme lo comporta.

Am. Donc'aggio da iocare
Tutt'oie con chiste chiuppe?

Cor. Besogna che spapora, s'io schiattasse.
Voglio ascì da sta fratta.
Afferrala, te sia data stoccata,
Fuorze pretienne, che te venga nbraccia?
Hà paura a la fe: curre su damme
Ssò spontone, e bà falle na vasata.

Mer. Quanto fa sconcordantia
Ll'arma, e lo desederio,
Lo core lo borria, ma hà gran paura.

Am.Tornammo nautra vota à fà lo iuoco,
Ca sò sodata, e buie madammelle
Site corriue, io nò n'afferro nulla.

Ch.Siente Ammore trionfante,
Piglia piglia stò diamante,
E sia trebuto
Cò isso sta sceruecchia, o Siò paputo,
Vide come te ntreuene,
Iusto comm'a le Morene,
C'hanne ciente pisc'à tuorno,
E le fanno guerra, e schuorno;
Ed essa grida
Haie pigliato vaiano, tira, tira.
Cossì tu sì abbuffato
Signò Ammore cecato,
Pigliate stà pretata,
E pò chesta mazzata,
Abbosca, abbosca,
Doue songo le scelle, o Pappamosca.



SCENA TERZA.

Amarille, Corisca, e Mertillo.


Am. Affè cà t'aggio Agrauio,
Tu vuoie foire, sì, mò chiù t'astrengo.

Cor. Pe ll'arma de Serena,
Sì pè lo luoco de mprena vaiasse,
Ve iuro: ca se nò nce lo vottaua,
Maie isso nce arriuaua.

Am. Tu nò parle, sì ghisso, ò si sapone?

Cor. Ccà lasso lo spontone; e à chella fratta
Nascosamente voglio stà a bedere.

Am. Sì, ssì, mò te canosco, si Corisca,
Perche si longa, e ncapo n'haie capille;
Che gusto cierto, à tè sola voleua,
Pe te da trenta punia.
Pigliate chisto, e st'autro;
E vno, e treie, e quattro, e manco parle,
Asciuoglime cornuta pazzarella;
Priesto Corisca mia,
Ca po te voglio fare na vasata
Soaue, e nzuccarata;
Te tremmano le mano, sù fà priesto,
Miette li diente, se nò mpuoie cò ll'ogne:
O commo sì sciacquetta.
Lassa scioglere à mè, ca mo te faccio
Vedere se mme caccio.
Mannaggia, e quanta nodeca,
Auiste gusto à stregnere;
Chi sà se nautro iuorno
Toccasse à mme de farete cecata.
Oh ca songo sbrogliata; oimè, che beo,
Lassame tradetore, oimè sò morta.

Mer. Stà zitto musco mio.

Am.                       Vauattenne,
Squaglia tradetorazzo.
Ninfe corrite tutte, ca mme sforza,
Corrite, aiuto, aiuto,
Lassame ire cornuto.

Mer.                Aggie bene.

Am. Corisca tradetora; e tu farfante
Restate, ed'io mò auzo lo ferrante.

Mer. Ah Torca, nò foire,
Vi ca voglio morire; e mmò mme passo
Co sto spontone chisto cannarone,
Trase senza piatate.

Am.                 O Dio, che faie.

Mer. Na meuza ngrattinata,
Mò mme passo sto core, Ninfa sgrata.

Am. Fermate ca ssò morta.

Mer. Nò mbuò afferrare tune sto spontone,
E passa core, fecato, e permone.

Am. Sì lo mmeretarrisse? chi t'hà dato
Tanta lecientia presentuso?

Mer.                       Ammore.

Am. Ammore nò nfa cose da vellano.

Mer. Cride ca è stato Ammore,
Perche io dobbetaua, e tu afferraste
Primm'a mme, io pò a tè; no hai raggione
Chiammareme vellano cotecone.
Che chiù bella de chesta
Commodetate, tu essere cechata,
Nò nte poteua fà na masseiata;
Vuoz'essere descreto,
Tanto che mme scordaie volere bene.

Am. Era cechata, ca se nce vedeua?

Mer. Oimè ca chiù cechato
Songo io de te, perche sò nnammorato.

Am. Pregare, sopprecare, e no arrobbare.
Fà conca vol'ammare.

Mer. Esce la negra vorpa
Crepata da la famma,
Petrouà no pollastro, ò na gallina;
Cossì song'asciuto io,
Pe ssi bell'vuocchie tuoie,
Che mme fanno campare;
Ma nò pozzo manciare,
O è desditta mia, ò corpa toia,
Ch'io stia co st'appetico.
Vesogna ch'esca, ca nò npozzo chiune
stare a cossì deiuno.
Ma tu Ninfa de marmora chiù tosta,
Lamentate de tene,
Già che m'haie ditto ca se vò pregare,
E co descrettiòne supprecare;
Saie perche nò lo fice, arma de stucco,
Perche tu m'haie vetato
Co la tostezza toia, cò lo foire
Essere nnammorato
Senza descrettione, e sbregognato.

Am. Assaie potiue essere descreto,
"Lassà chi no nte vole, e chi te fuie;
Vi ca pierde lo tiempo;
Dimme che buoie da mene?

M.                      Che na vota
Me siente schiecco mio, primma che mora

Am. Buon'à fè ca la gratia
Primmo che l'haie cercata haie receputa
Vattenne sù?

Mer.         Ah Ninfa
Quant'aggie ditto è niente,
Manco è na spotazzella
De lo mare che fanno l'vuocchie mieie;
Ma se nò pe piatate,
Ascotame pe gusto, Torca perra,
Azzò vaga contente sotta terra.

Am. Pè leuà te d'arrore, e a mè da mpaccio
Sò contenta sentirete;
Ma vi con chiste patte,
Che parle poco, priesta, e chiù nò ntuorne

Mer. Tu lighe troppo stritto
Chillo grann'appetito,
C'haue sta miser'arma
Volè parlà cò ntico,
Allasca Torca, allasca,
E mesura no poco,
(S'haie la meza canna)
Mesura li tormiente,
C'haue sta miser'arma,
Chi'io t'amma, e t'amma chiù de chesta vita.
Se no lo cride, cruda,
Spialo a tutti ssi vuosche,
Ca te lo diciarranno, e pò co lloro
Li lupe, li liune, e le castagne
De cheste aute montagne;
Che passa mille vote
Le ntennerie, co li lamiente mieie;
Ma nò nce serue fare tanta fede
Dou'è no sparafunno de sbrannore.
Piglia quanta bellizze haue lo cielo,
Quanta n'haue la terra,
Fanne no mazzetiello, e bedarraie
Ca nò nso niente a l'aspro fuoco mio.
Commo lo fuoco saglie, e l'acqua scende,
E pe natura l'aria
Và pe ncopp'a la tera,
Cossì io pè natura a te me ncrino.
Autro no haggio ncapo, se non correre
A le bellizze toie
C'hanno fatta sogetta l'arma mia.
Se nce fosse quarch'vno
Che penzasse moueremme de pede,
E fa che te lassasse; cielo, e terra,
Acqua, e fuoco potarria fa mutare
Perzì lo munno; ma a mme che se ne rida
Chiù priesto vorria ncanna pe settentia
Meza chioppa de chiappe;
Ma mentre me commanne,
E buoie ch'io dica poco,
Derraggio poco, se te dico morò,
E fornerrà sta festa,
Pocca veo ca t'è spasso sto martoro.
Puro farraggio chello, che me resta
D'ammarete fi à fine.
Ma pò quanno sò muorto arma crodele,
Dimme, hauerraie piatà de me meschino
O bella, e cara a mme, no cierto tiempo,
Che diste vite a lo campare mio;
Vota na vota schieccho
Chelle doie belle stelle,
Votale piatoselle, ò fata mia
Fà sto picere à mme primma, che mora
Ca mme ne vao contente.
Ed'è iusta raggione
Mentre foro no tiempo
Signe de vita, mo siano de morte.
Ssi bell'vuocchie amoruse,
E tu autiero sguardo,
Che te vidde, e t'ammaie
Vide à mmene morire.
E chi fù l'arba mia,
Vea la morte, e pe mme notte sia;
Tu puro staie chiù tosta
Senza sentì piatate na chicherchia,
E quanto chiù te prego
Te faie chiù perchia,
Donca senza parlà cosi me siente,
A chi parlo? respunne? à no pepierno.
Se nò mme vuoie dir'autro, dimme muore,
Me vedarraie morire.
(St'ammore mio è cosa da crepare)
O che Ninfa ostenata,
Vole propio ch'io mora
Senza menn'hauè gratia,
Quanno sarraggio muorto sarraie satia?
Respunne co na vocca tutta fele?
Nò lo bò propio dire,
Và a morire.

Am. Se monnanze t'hauesse
Mpromisso de responnerette, commo
Sentirete mpromise,
Hauarrisse ragione sbrauciare,
Ca mme sò stata zitto.
Tu mme chiamme crodele? fuorze pienze
Cò ssa crodeletate fà gran cose,
E cride, che mme moua de preposito,
"La sgarre; nò nsaie tune ca l'arecchie
"Sò fatte pe sentì quanto le piace?
Nò serueno ssi titole,
Che me daie de bellezza; braua cierto
Sentireme chiammà selec', e breccia;
Essere cruda ad ogn'autro,
Nò lo nneo, è peccato;
Ma pò è gran mbertù a lo nnammorato
E la vera honestate,
Saie qual'eie à na femmena?
Chella che chiamme tu crodelerate.
Ma sia come vuoi tune, è gran peccato
Essere cruda co lo nnammorato;
Dimme, quanno te fu cruda Amarille?
Fuerze a chell'ora, ed'era gran iustitia,
Nò hauè de te piatate, e puro n'eppe;
Tanto, che te scanzaie d'essere acciso;
Io dico quanno ncommersatione
De zitelluccie zite,
Tu brutto villanchione
Vestuto da zitella,
Senza portà respetto,
Pò te mbescaste a pazzià co nnuie,
Vasanno fauzamente, mareiuolo?
Vase chine de ssuria,
Che mme vregogno sempre, che nce penzo?
Lo ssà lo cielo, nò mme n'adonaie;
Ma pone canosciuto,
T'odiaie ffi a la morte,
Pe sse manere toie; và e nò stà lesta,
Fece na bella sepa,
Azzò che nò npassasse lo serpente
Venenuso d'ammore,
A sto norato core.
Nfine, che mme faciste?
Se nò no miezo vaso lieggio lieggio.
Vocca a forza vasata,
Fà foì la vregogna, a na spotata.
Ma tu dimme no poco, quale frutto
Cogliue, s'a chell'hora io te scopreua,
A le compagne meie.
Se nne sapeano niente chelle Ninfe,
O sfortunato tene poueriello?
Te iuro mmeretate,
C'hauiue chiù mazzate, e chiù schiaffune,
Che nò eppe Masiello da le Ninfe,
Quann'isso le foieua;
Cossì stato da lloro
Sarrisse tu, se nò nte deua aiuto
Chella, che chiamme cruda, e despiatata;
Nò songo cruda quanto nc'abbesogna,
Se mò che te sò cruda
Te n'haie pigliato tanta.
S'io fosse cotta tu mme magnarisse.
Chello pò de piatà ch'aggio potuto
Sempre te ll'haggio data, e d'autro muodo
Nò la sperare, ca ssi arriuato a chiunzo;
La piatate ammorosa
Frate è na mala cosa
De darela à nesciuno,
Mentre essa nò nne troua.
Amma lo nore mio, se mme vuoie bene,
Amma l'honestetate, amma la vita,
Vuole troppo auto, vi ca nterra schiaffe,
Lo cielo no lo bò la terra manco,
La morte è co la fauce;
Ma saie chi hà afferrato lo brocchiero,
Lo nore, e mme defenne.
Che pote hauere meglio
Na femmena norata,
Essere da lo nore essa guardata?
Donca Mertillo serra ssò focone
Stuta ssò miccio, e no mme fà chiù guerra,
Allargate da me quanto à no truono;
Stamme da rrasso ca nò morarraie,
Cessarrà lo dolore,
Se quetarrà la morte.
Starraie d'alliegro core,
Crideme, ch'è bertute
"Foire chello che piace,
"Se chello, che piace, te tormenta.

Mer. Nò stà a mme de morire,
L'arma nò npote ascire.

Am. Armate de vertute, affè ca vince.

Mer. No vence la vertu doue stà Ammore.

A. Chi nò npò quanto vò, piglia chello che pò.

M. Nò haggio niente, e mamco ammore hà legge.

Am. Lò stà lontano ogne gran chiaia sana.

Mer. Ma nò chella ch'è becchia int'a lo core.

Am. No nuouo ammore, fa foì lo viecchio.

M. Quann'hauesse n'autr'arma, e n'autro core.

Am. Cò mmico ammore nce perde lo tiempo.

Mer. Io la vita cod'isso perdarraggio.

Am. Donca nò ncè remmedio pe ssò male.

Mer. Lo remmedio mio sarrà la morte.

Am. La morte? ora mò siente, e fa ch'assempio
Te siano ste parole; Io buono saccio
Lo morì de vui'autre, ch'è chiù priesto
Squaso de nnammorato senz'affetto,
Ca de morire pò ve nne guardate.
Ma se puro crapiccio
Fosse trasuto dintr'a sso ceruiello
De morì, nò lo fare?
Azzò che nò nse dica,
Ca so stat'io la causa de ssa morte.
Campa se mme vuoie bene;
Ma lontano da mè: se chesto faie,
E signo ca tu saie;
Operare ssò nciegno,
Studia de nò nbenireme chiù nnante.

Mer. O settentia de tuesseco,
Commo voglio campare
Senze la vita, e commo
Nò nbuoie che mora, se mme cacci, e comme?

Am. Scumpe Mertillo; è tiempo,
Che te nne vaie, ca troppo nce ssi stato.
Va vattenne à trouare
La compagnia de llautre nnamorate.
Che songo sbenturate,
Llà te puoie reposare,
O te puoie medecare ssa feruta
C haie dinto de lo core,
Ca nò nsi sulo a chiagnere d'ammore.

Mer. O dogliosa partuta
Che ll'arma haie sheuoluta,
Me ne parto, e nò mmoro; e puro prouo
La pena de la morte,
E sento a lo partire
N'aiuto à lo morire,
E dace a lo dolore
Vita, pe fa morì sempre stò core.



SCENA QVARTA.

Amarille.


O Mertillo, Mertillo arma mia cara;
Se vedisse da dintro
Commo stace lo core,
D' Amarillede toa, che chiamme ngrata,
Saccio ca n'hauarrisse
Chella piatate, che tu vaie cercanno.
O doie arme ad ammare senza a gusto,
Che mporta a te Mertillo essere ammato?
Che serue a mme sso caro nnamorato?
Perche destino nfammo
Nce sì contrario, mentre Ammore vole?
E tu perche nce lighe
Ammore, se destino sempre scioglie?
Abbenturate vuie Liune, e Vrze,
Vuie che dalla natura,
Autra legge n'hauite, se nò ammare.
Legge d'huommene cana,
Che daie pè pena à chi vò bene morte.
Se lo peccare è doce,
E nò peccare è buono, perche nfamma Natura
Nò ngride co la legge,
Che nò nte faccia tuorto?
E tu legge aspra, e dura,
Che buoie da la Natura?
Ma chi poc'amma, hà de morì paura.
Mirtillo mio, volesselo lo cielo,
Che concha pecca hauesse sulo morte.
Santissem'Onestate, tu che sine
D'ogn'arma bona nata, la patrona.
Ecco l'ammore mio ca te lo dono;
E lo  penziero tuio sapio, e descreto
Llà mme nzerro, e mme nchiauo.
E tu Mertillo arma mia, perdona
A chi t'è scanoscente, e nò piatosa,
Ca nò nse pò; perdona a le parole
De ssa nemmica toia? ah nò nemmica,
Ma nnammorata, e ammica.
Ma se puro mennetta vo sso core,
Saie qual'è sso dolore?
Se tu sì ll'arma mia,
Anchenò mboglia, dico,
Lo cielo, co la terra;
Quanno sospire, e chiagne
Sò li sospire, e lagreme sto sango.
Core mio, le pene, e li dolure,
Li chiant'e li lamiente,
Sò mmieie, nò ntuoie tormiente.



SCENA QVINTA.

Corisca, e Amarille.


Cor. No nserue t'annasconnere sorella.

Am. O negrecata mene, sò scoperta.

Cor. E l'aggio ntiso buono, mo che dice,
Si nnammorata, ò nò? troppo è lo vero,
E da mè t'annascunne, e da mè fuie,
Che t'ammo tanto? sì, nò nt'arrossire,
Ca sso male è commone pe lo munno.

Am. Corisca nce sò dinto, e lo confiesso.

Cor. Ca nò lo puoie negare, lo confiesse.

Am. Canosco io sfortunata
La lanciella, ch'è chiena int'a stò core,
E l'acqua và pe fore.

Cor. O selece a Mertillo,
Ma chiù breccia a te stessa.

Am. Nò n'è tostezza chella,
Che nasce da piatate.

Cor. Aie veduto tu maie
Na radeca de rose, fare frutto
D'aruta, e totomaglio?
Che defferentia faie
A na crodeletate, che t'accide,
E à na piatate che nò nserue a niente?

Am. Corisca, ah.

Cor.            Sore mia sospirare,
E iusto comm'hauè core de cerua,
E propio de le femmene de niente.

Am. Ma nò nsarria chiù peo
S'io lo pasciesse senza mai sperare?
Mentre lo fuio, è signo
C'haggio compassione
De li guaie suoie, e de lo mmale mio.

Cor. Perche senza speranza?

Am. Tu nò nsaie, ca mpromessa a Siruio songho?
No nsaie tu ca la legge
Connanna à mmorte, ogne Zitella, c'haggia
Ammachiata la fede?

Cor. O nsemprecella, nò nce autro de chesto?
Quale è chiù antica a nuie
La legge de Diana, ò de Copiddo?
Sta legge ad ogne pietto
Nasce, Amarille, e crescenno s'auanza,
Se mpara senza zotte,
Essa trase a li core
De tutte nuie; nò n vò che nce sia mastro
Autro che essa Natura, essa stessa
De mano soia segella,
A la carta tagliata d'ogne core,
Dice la scritta, s'obbedesca Ammore.

Am. Puro se chessa legge
Mme facesse scannare,
Chella d'Ammore nò mme farria campare.

Cor. Tu si troppo mollecchia; s'accossine
Fossero tutte ll'autre
Femmene, e ssi rispiette tutte hauessero,
Bonasera, e bon'anno: soggette a cheste pene,
Decerria ca nò nsanno manco sale.
Nò è fatta la Grosa
Pe chelle che sò sapie;
S'ogn'vna, che fa male, s'accedesse,
Affe ca senza femmene
Restarria lo paiese; se le sciocche
Nce ncappano, và buono;
"Nò nse meccha a rrobbare,
"Chi nò nsa pò stipare.
Nfine, ched è lo nore,
Autro, che parè onesta; io cossi creo,
Ogn'vno crea commo le piace.

Am. Và ca tu vuoie burlà Corisca mia,
"Fà buono chi fà priesto,
"Iettare chello, che nò npò tenere.

Cor. Te dico ca la vita
Trista se passa co no nnammorato,
Massema quanno è auaro,
O se picca de dare perro muorto;
Sore mia ne sò cotta.
Nuie tanto simmo care,
Tanto piacimmo, quanto simmo fresche;
Perza la giouentute, e la bellezza,
Commo a case de vespe,
Restammo senza cera, e senza mele.
Aruolo de Iennaro,
Sicche, senza hauè frunne, e manco shiure.
Lassa Amarille a l'huommene sbrauare,
Saie perche, ca nò nsanno,
Nè sentono li guaie de nuie meschine;
Nce na gra ndefferentia
Nfrà l'hommo, e nfra la femmena,
"Llhommo quanto chiù mmecchia,
"Tanto chiù se fa sapeio,
E se perde bellezze troua sinno.
Ma nuie quanno perdimmo
La giouentute, e nasceno le rappe,
Se nne vene la tosse, e senza diente,
Co le schazzimme a l'vuocchie; malannaggia
Iastemmaria, mpenzanno.
"Ca peo nò nse pò di, femmena vecchia.
Tu primma, che nce arriue
A ssa meseria de nuie autre tutte;
Và mirate à no schiecco,
Vederraie ca sì bella;
Nò nfa che singhe brutta;
"Nò nseruarria la coda
"A lo Paone, se nò la mostrasse;
"Che seruarria a l'hommo
"Hauè no bello nciegno, e stare zitto.
Così a nuie la bellezza,
Che è duono de natura, iusto commo
La coda de Paone,
E lo nciegno de l'hommo;
Seruimmoncenne mentre che l'hauimmo;
Gaudimmo sore mia,
Vi ca passa lo tiempo, e bene l'anno,
Pe nuie chino d'affanno;
Gaudimmo ca po vene la vecchiezza,
E fuie la giouenezza;
Se na vota se perde,
Lo ianco n'è chiù berde;
Ed à no cuorpo viecchio senza forza,
Che bò tornare ammore, na cocozza?

Am. Tu me pare, che parle de no muodo
Pe mme tentà Corisca,
E nò nce miette niente de concientia;
Ma nne puoie stà secura
Cha se tu nò mme mustre quarche bia
Fuì stò matremmonio;
Haggio concruso, e fatto no penziero;
De chiù priesto morì, ch'ammacchià maie
Lo nore mio, Corisca.

Cor. Io n'haggio visto a ffè la chiù ostenata
Femmena comm'a chesta:
Pocca chesso haie concruso, io me nce trouo.
Dì no poco Amarille,
Te cride tu ca lo signore Siruio
De fede è tant'ammico,
Quanto tu de lo nore?

Am. Vi ca mme farraie ridere? de fede,
Era anmmico ssò Siruio,
S'è nnemmico d'ammore?

Cor. Siruio nnemmico? ò se si moccosella,
Nò lo canusce, và ch'e muchio surdo;
Chisse che fanno de li schifusielle,
Nò nte fidà de lloro.
Nò nce d'ammore lo chiù bell'arruobbo,
Nè de tanta valuta,
Quanto à chi l'annasconne
Dint'a lo panariello d'onestate.
Siruio tuio, sì ca amma;
Ma m'attè sore mia.

Am. Quale sarra ssa Dea?
Ca cierto nò e femmena de terra,
Che ll'aggia nnammorato.

Cor. che Dea? nnè manco è ninfa.

A.                              Che mè dice?

Cor. Nò nsaie Lisetta mia.

Am.                       Quale Lisetta
La pecorara toia?

Cor.              Chella, chella.

Am. Dì lo vero Corisca?
Cor.                   Te ne iuro,
Lisetta è ll'arma soia.
A.                     O che ssia acciso,
S'hà abbuscato n'ammore de seuiglia.

Cor. E ssaie commo ne spasema, pell'aria,
Ogne gnuorno fa nfenta
De senne ire a caccia.

Am. La matina de notte
Sento sonare lo mmarditto chuorno.

Cor. Pe la via de la volla,
Vene a troua Pezzella,
Angrisano, e Morante
Cacciature de spanto;
L'abbìa lo forfantiello, ed isso sulo
Pe na via storta vene a lo ciardino,
A la sepa nnicà, ch'è mezza aperta,
E commenza à gridà, Lisetta mia,
Io spasemo pe tè, ò Dio ca more.
Dammo no vaso, nò mme fa morire,
Lisetta vene, e diceme ogne ncosa.
Nò nsaie ch'aggio penzato, stà a sentire,
De volè fare, anze l'haggio fatto,
E pe seruitio tuio, senza boscìa,
Ca chella stessa legge, che commanna
A la femmena fede; hà commannato,
Che se trouato fosse lo marito,
Cò auta femmena, pozza a gusto suio,
Anze a despietto de lo parentato,
Pigliarese chi vò senz'autro ntrico.

Am. E cosa vecchia, n'aggio ciento asempie;
Va liegge lo spetale de li Pazze,
Tolla à Merolla, e Renza à lo Leccese;
Rita a Masillo, cheste tutte foro
A lo stisso contrasto, n'hanno vinto?

Cor. Ascotame Amarille,
Lisetta da me bona nfrocecata,
Cò Siruio hoie hà pigliato appontamiento
Ireno à chella grotta, doue, che isso
D'allegrezza nò ncape int'a li panne;
Saccio ca st'aspettanno co na pressa,
Ogn'ora te le pare docient'anne.
Là boglio, che tu vaie; ed io cò ntico
De viso testemmonia sarraggio;
Le cogliarimmo quanno stanno nzieme,
Tu sempre gridarraie: ah potronaccio
Lierta è fuerze chiù bella de mene?
Nò nte voglio la fede chiù guardare;
Ed à cossi cò granne nore tuio
S'ascioglierrà lo nudeco, che è fatto,
De la fede, azzionene.

A.                    O quanto buono
Aie penzato Corisca; sù à lo riesto.

Cor. Ferma no poco, e spilance l'aurecchie
A ste parole mie. Mmiezo a la grotta,
Ch'è longa assaie, e strettoletta ancora,
Tuorce la vocca da la mano ritta,
Ca trouarraie de preta n'apertura,
Trase llà, e bedarraie na casecella,
(Nò saccio se lhà  fatta la natura,
O puro l'arte) tanto è commod'eie.
A tuorn'à tuorno d'ellera è bestuta,
No pertuso nce ncoppa, che dà lustro;
Tu adaso adaso chiauate llà dintro,
Nnascunnet'a lo scuro, e statte zitto,
Ca vedarraie venirence Lisetta,
Ca te la manno mone; pò io appriesso
Retomane pe ffi ch'abispo Siruio
Venire into la grotta; quanno nc'è ntrato
Nò perdo tiempo, subbeto me nficco;
E te le dò de mano a lo corzetto,
Azzò nò fuga nzieme co Lisetta,
Ca cossi animmo nzieme conzertato?
Tu che siente gridare, subbeto iesce,
Iustitia, iustitia, tradetore;
Contra de Siruio iammo tutte trene
Nnanze à lo Sacerdote, e cossi tune
Subbeto asciouta ssì da sse catene.

A. Nnanze a lo patre suio?

Co.                       Che mporta chesso,
Nò nte farra iustitia?
Te pienze tune ca messè Montano
Nò vorrà dare luoco a la iustitia?
Chi s'à rutto le gotto se lo paga.

Am. Io nzerro ll'vuocchie, tune
Portarraie lo temmone de stà Naua,
Guidamme à saruamiento.

Cor. Nò nse perda chiù tiempo; vauattenne.

Am. Vogl'ire primma a onorà li Dieie,
Ca chi fa chella via và sempre bona,
E cosa trista maie le pò benire.

Cor. Ogne banna Amarille è luoco santo
A no core deuoto.
Buono, ma pierde tiempo.

Am. Nò nse perde lo tiempo
Quanno prieghe a lo cielo,
Ch'è patrone a lo tiempo.

Cor. Ora và, e torna priesto.
Mò si ca mm'abbesognape iocare,
La nauetta, le sponne, e lo telaro.
E tessere na tela a Coredone;
Le voglio fare gliottere, ca io
Sò nnammorata d'isso, che mme moro;
Che benga into la grotta, ca pò llane,
Nce trouarrà Amarille, io bella lesta
Pe na secreta via faccio venire
Tutta la guardia de la Dea Deiana,
Carcerata sarrà la pouerella,
Mentr'è stata trouata co lo fatto;
Comm'aue auuto chisto presentiello;
A morte pe la corpa è connanata.
"Muorto lo serpe, muorto lo venino;
E co la morte soia ammollaraggio
Mertillo, che mme crudo. Veccotillo,
Brauo a la fè, te lo voglio tentare
Cò grà nnestrezza; mentre ch'Amarille
me dace tiempo; Ammore vienetenne
A sto core, a sta vocca pe parlare
A chisto, che m'abruscia chiù de nfierno.



SCENA SESTA.

Mertillo, e Corisca.


Mer. Sentite, e pò chiagnite,
Spirite vuie, che site int'a lo nfierno,
Vorcano pe mme hà fatta nautra ancunia,
Li trè cò nvuocchio nfronte,
Se songo confarfate
Co la nemmica mia, ch'è peo de nfierno.
Ll'anno ditto nò mmora,
Perche, na sola morte
Nò nte pò satiare,
Me commanna ch'io campa,
Azzò sta miser'arma
S'abbruscia int'a le shiamme, e chiù s'abbampa.

Cor. Voglio fa nfenta nò l'auè veduto.
Sento na voce chiena de lamiente
Sosorrà ntuorno, ma nò saccio chine;
Tu si Mertillo mio?

Mer. A cossi fosse n'ombra senza carne.

Cor. E bbe, commo te siente
Da pone, che parlaste nò gran piezzo
Cò la signora toia.

Mer. Iusto comm'ammalato,
Che sempre vole veuere
Ll'acqua, che l'è betata.
Cossì lo poueriello
Perde la vita, e rompe l'agliariello.
Io songo vno de chisse,
Che de freue ammorosa stò malato;
Me songo defrescato,
A chelle doie fontane,
Che li cannuole iettano venino,
E mentr'aggio veuuto,
Sò muorto, sò speduto.

Cor. Tanto è potente Ammore,
Quanto lo core nuostro le dà forza
Mertillo caro; e comm'a l'Orza face,
Che cò la lengua lecca
Chillo piezzo de carne, c'hà fegliato,
Leccanno le dà forma,
Tanto, che pò deuenta n'Orzacchiello.
Iusto, iusto accossi è lo nammorato,
Da che nasce abonato,
Commo a piezzo de pane
Senza forma, ò valore;
Ma quanno pone Ammore
Lo licca (comm'a l'Orza)
Deuenta gioueniello,
E ment'eie accossi, o quanto è bello,
Ma se troppo se ngrossa,
Deuenta assaie foriesteco.
Nfine Mertillo, no mmecchiato core
Te dà pena, e dolore;
E se co no penziero
L'arma se nce ncaforchia, e se nce schiaffa,
E troppo nce conzente
L'ammore, che deueua
Apportare docezza,
Te porta scontentezza,
Cò grà malanconia,
Ed è lo peo ca ncè morte, ò pazzia.
Perrò s'à chillo core,
Che cagna spisso ammore.

Mer. Primma ch'io cagna maie penziero, ò voglia,
Napole pozza perdere la foglia.
Mperrò che la bellissema Amarille,
Cossì commo mm'è cruda, e despiatata,
Sola è la vita mia,
E sulo sarraggio io
De nò cagnià penziero;
E sacce ca nò nporta chiù sta sarma,
Se nò no core, e n'arma.

Cor. Negrecato Pastore,
Nò nsaie lo cunto tuio.
De no polito ammore
Te si prouisto? ammare chi mme fuie?
Hi appriesso à chi mme caccia?
Vorria morì chiù priesto.

Mer. Commo lloro a lo ffuoco
"Cossì la fede int'à li guaie s'affina
Corisca mia; nè nse pò mostrare
Senza aue pene, chella gran speranza,
Ch'Ammore la chiammaie, granne costanza
Chessa sulo me resta
Mmiezo à tante sdanghette, e fonecelle;
Stò poco de restoro;
Arda, conzumma, e mora
Sto sfortonato core,
Ca no le sarrà niente
Pe ssa bella Signora, corda, e fuoco,
T'auerza nfrà le gamme, ed acqua ncapo;
Perda mprimma la vita,
Che stà fede s'ascioglia,
"Ch'assaie meglio è morì, che cagna voglia.

Cor. O bella mpresa à no grà nammorato,
Braua mpresa ostenata,
Comm'à scuoglio senz'arma,
Tuosto chiù de la marma.
Nò ntrouarraie peo pesta,
Nè benino, che acciga, e che dia morte
A n'arma nammorata de la fede.
Pouero chillo core,
Che se nce fà portare chiano chiano
Dinto à sa fossa chiena de despietto,
De collera, e d'appietto,
Che sempre te tormenta.
Dimme, siò nammorato,
Con chessa fantasia
Ch'aie ncapo, de costanza,
Perche bouie bene a chella, che te schifa?
Fuerze pe la bellezza;
Nò eie la toia, la gioia, manco llaie,
La piatà, vascio vaie.
Gaudere nò sperare,
Autro nò nnè ammore, ed è louero,
Che fuoco, cippe, corda, e ghì ngalera.
Vi ca sì scelleurato,
Vuoie ammà sempre, e nò essere ammato.
Sù, scetate Mertillo,
Trase, trase nte stisso?
Fuorze te mancarranno Ninfe? e fuorze,
Nò trouarraie chi te darrà carnumme?

M. Voglio chiù priesto ancine pe Ammarille,
"Che carnumme de mille.
E se gaudè cod'essa
Nò nvole lo destino, oie, chè se mora,
Pe mme perda l'aurora,
Campar'io affortunato
Ped'autra Ninfa, maie, ped'autro ammore
Se volesse, nò pozzo,
Se potesse nò mmoglio.
Se puro Parasacco me tentasse
De potere, ò volere.
Preo lo cielo, e le stelle,
Preo lo figliulo cò lle scelle, e l'arco,
Che nò mme faccia fare stò sammarco.

Cor. O core affattorato,
Pe na femmena cruda,
Tanto te cuoce tune?

Mer. Chi piatate nò spera,
"N'hà paura de guaie, Corisca mia.

Cor. Mertillo, vi ca pierde,
Nò essere ostenato,
Cridelo ca nò t'amma, e ca te fuie,
Pe st'arma? ca te sprezza.
Se tu sapisse chello,
Che mme dice de te, vasta nò chiune.

Mer. Chiste tutte songo arche
Dou'hà da trionfà la fede mia.
Llà trionfarraggio io,
Vencenno cielo, e terra,
Fortuna, pene, munno, ed essa cruda,
Se diciarrà pe tutto; ò che gran sciorte,
"Mertillo co la fede vense morte.

Cor. Ora che farria chisto se sapesse,
Ca chella le vò bene senza fine?
Oh gran compassione
Aggio de te Mertillo, e de ssa toia
Sfortunata arbaggia;
Dì, voliste tu bene
A quarch'autra femmena?

Mer. Ammarille fù primma
Ammore de stò core,
Ammarille mia bella
Sarrè l'vtem'ancora.

Cor. Donca, pè quanto veo
Tu nò nprouaste maie
Co sso nammoramiento, autro che fele.
Se prouasse na vota,
N'ammore, e fosse doce,
Gratiuso, e cortese;
Proua, proua no poco, e bedarraie,
Commo se piglia gusto,
Co no femmena bella, che t'adora.
Autro, de chella toia
Amarille; le sia data stoccata.
O recreatione,
O contentezza granne.
Auere quanto vuoie
Sentire da Ninfa,
Satiate quanto puoie,
E quanno tu sospire,
Essa puro sospira?
E dica, ò bene mio,
Llo tuio è quanto vide;
Che te pare, sò bella,
E gratia che Vossia le vole fare,
Lo buostro è quanto ncè ffi à li capille;
Into à sto pietto mio,
Nce stà vossignoria patrone mio;
Quant'aggio ditta, eie na spotazzella
Affronte à lo gran mmaro de docezza,
Che fa sentire ammore,
Và spialo no poco à chi le proua.

Mer. Veato chi le proua, veat'sso,
Chi nasce co ssa stella.

Cor. Ascotame Mertillo,
(Nce voze poco, e diceu'arma mia)
Na Ninfa tanto bella,
Nfra quant'anno le trezze à canestrella,
Ionne chiù ca n'è ll'oro,
Pe tè sospira, e more;
Nore de ste padule,
Creianza de lo munno,
Che sempre sputa tunno.
Da tutte occhechiata,
Li meglio nammorate
Pasture de sti vuosche,
Sempre le vanno à tuorno, e essa niente,
A te sulo vò bene
Chiù de la vita, chiù de l'arma soia;
Mertillo mò se vede
Se saie, no la despriezze;
Commo l'ombra à lo cuorpo
Cossi stà pouerella
Doue vaie tu và ella.
E se la commannasse,
Schitto co na zennata,
E le decisse, eilane,
Viene de notte, e iuorno a tutte ll'ore,
Saie che te decarria?
Si, Mertillo de st'arma, gioia mia.
Mertillo, nò lassare
Cossi granne ventura,
Sapisse quanto piace
Lo pesce de lo puorto frisco, e franca,
Pescato senza niente
Perdemiento de tiempo;
Quanno lo mange, che docezza è chella,
Da doue esce lo gusto, e l'appetito?
Donca lassa Mertillo
Hì appriesso a chi te fuie,
Fuila, fuila ssa caccia,
Chi te cerca, e tu abbraccia,
Cà nò nte passarraggio
De chiacchiare, ò papocchie.
Mertillo mio commanna,
Ca chi te cerca n'è troppo lontano,
Sempre t'è retomano.

Mer. Nò piace à chisto core,
Se nò lo primmo amore.

Cor. Proue sulo na vota,
E pò torna a lo soleto tormiento,
Azzò puozze sapere,
Che piso hà lo gaudere.

Mer. Corrutto gusto ogne docezza schifa.

Cor. Fallo pe caretate,
Fa viuere a chi campa co lo Sole
De ssi bell'vuocchie tuoie.
Crodele tu ben saie.
Che cosa è pouertate,
E cercà la lemmosena, fammella,
Damme meza panella de piatate,
Se rennuta te sia, quanno l'haie data.

Mer. Piatate, aggie pacientia,
Nò n'aggio, e nò nne trouo,
Piatà nò nte pò dare,
Chi nò la pò trouare;
Ma pe te di lo vero
Voglio asseruare fede,
Mentre chest'arma hà bbita,
A chella che me dace morte, e bita.

Cor. O cecato scontent'e sconzolato,
O Mertillo gabbato,
A chi tu assierue fede?
Mettere nò mmorria sopr'a lo cuotto
Acqua volluta; haie ntiso?
Sacce ca si traduto,
Ed'io che t'ammo, nò npozzo stà zitto.
Te pienze tu ca la Signà Amarille
Te sia cruda, e spiatata,
Pe bolè fa la femmena norata.
Se lo cride, si pazzo,
(Vi ca llaie, e lo puorte)
A tè tocca de chiagnere,
Quann'autro ride, e canta,
Tu nò parle? si muto?

Mer. Stace la vita mia
Nfra campare, e morire,
Mente lo core dubbeta,
Se lo creda, ò non creda,
Perrò te paro pazzo, surdo, e muto.

Cor. Donca to nò mme cride?

Mer. S'io chesto te credesse
Cierto mme vedarrisse asbeolire,
E ccà propio morire.

Cor. Campa scontente, campa,
Trouat'a la mennetta

Mer. Nò nte creo, n'è llouero, ed'è buscìa.

Cor. Nò mme lo cride, vaie cercanno peo;
Vuò, che te dica cosa, che te scippe.
Non vide chella grotta,
Che s'hauesse la lengua,
Te deciarria la fede d'Amarille.
Llà te goffeia, e dice,
Hauesse na radice
Lo Siò Mertillo mio.
E siente cierte vase,
Co lo contrario tuo, che se ten'essa.
Brinnese Siò Mertillo,
Gotta le chiaua, responn'Amarille.
Llane (pe te fornire)
Spisso sole venire
La Sia Amarille tosa,
E co no crapariello se mbroscina.
Và asserua fede tu, singhe costante,
Ca te la carda la lana crapina.

Mer. Dice lo vero? oimè, forz'è ch'io creda.

Cor. Quanto chiù vaie cercanno,
Trouarraie sempre peo,
Vedarraie lo mal'anno,

Mer. Hailo veduto buono, dì Corisca?

Cor. Nò nsulo l'aggio visto,
Ma tu perzì se vuoie,
Vedere lo puoie; ca hoi'è tiempo,
Mò se sò confarfate, chest'è l'horà,
Ch'anno pigliato nziemm'appontamiento.
Se tune t'annascunne
Dereto à quarcheduna
Sepala chiù becina, vedarraie
Hire Mertillo into de sta grotta,
E appriesso chell'ammica che te disse.

Mer. E lloco moraraggio.

Cor.                    Eilà nò nvide
Pe la via de lo Tempio,
Ca vene chiano, chiano;
Nò la vide Mertillo.
A latra, ò commo è fina,
A mariola, pettola, guauina.
Hora ccà aspetta, e bedarraie lo tutto,
Chiaietate n'vosso mastro, e no presutto,
Ca pò nce vedarrimmo.



SCENA SETTEMA.

Amarille.


N'accommenza nesciuno nulla mpresa
Senza aiuto de cielo: assaie confosa,
E co no core nigro me partiette
Pe hì a lo Tempio, doue che pe gratia
De Dio torno content', e conzolata,
Ch'a le preghere meie, leste, e deuote
M'hà parzo de sentir' int'a lo pietto
No spireto celiesto, che deceua,
Và secura Amarille, n'haie paura;
E accossi voglio hì securamente.
A tè m'arrecomanno, tu me guida,
Bella mamma d'Ammore.
Faurisceme Signora,
Da te spero faore,
Femmena de tre gire;
Se maie fuoco de figlito sentiste,
Hagge piatà de chisto,
Soccurre ò Dea cortese;
Ma cò pede carrese
A chillo pastoriello, che dìe fede.
E tune grottecella
Reciue chessa Ninfa meschenella,
Ch'è d'ammore zitella, e che fornire
Vò lloco li sospire.
Mò, ch'aspetto. Amarille?
Ccà nò ncè nullo, che mme veda, ò sente;
Entra sù allegramente.
O Mertillo, Mertillo,
Se lo sapesse cierto, viat'illo.



SCENA OTTAVA.

Mertillo.


Ah troppo sò scetato, e troppo veo,
Cossi nato cecato
Foss'io chiù priesto, ò chiù priesto nò nato.
Ah destino traitore, vuoie che campa
Pe me fare vedere
No maro de patere.
O chiù de Farfarella,
Arma tormentatella,
Tormentato Mertillo.
Nò stare ndubio nò, cridelo cride,
Nò nte lambeccà chiù lo celleuriello;
L'haie ntiso, l'haie veduto, e ne sì cierto.
Pocc'Amarille nò n'è chiù la toi,
Nò pè legge de munno
Che la leua ad ogn'autro,
Ma pe legge d'ammore,
Che fuie da chisto core.
Amarille crudele,
Donca nò t'abbastaua
De dare a mene misero la morte,
S'ancora nò mmancaue
Con chella malegnosa, e senza fede,
Vocca, che le docezze de Mertillo
Le prouaste na vota.
Mò l'odiato nomme,
Che fuorze pe concientia
Te vaie arrecordanno.
N'haie voluto lassare,
Ma pone vommecare le docezze
Toie de no tiempo, ch'a mme foro frezze;
Ninfa tradise core co le trezze.
Ma che aspiette Mertillo?
Chella che te dà vita,
A tè l'haue arrobbata,
E ad autro l'hà donata;
E tu campe scontente, e tu nò mmuore?
Muore Mertillo, muore,
Cò pena, e cò dolore,
Mentre de gusto, e spasso ssi preiore.
Già ssi muorto Mertillo,
Fornuto haie lo campare,
Fornisce lo strillare.
Nàmmorato hiesce fore,
Da chesta dura angoscia de la morte,
Che pe te fa chiù peo te tene n vita;
E che, voglio morì senza mendetta?
Morarrà primma, chi me vò da morte;
Tanto voglio campare,
C'haggio da stroppeiare,
Chillo cornuto cano tradetore,
Che m'hà robbato l'arma mia, e lo core.
Ferma dolor' dà luoco à la mennetta,
e tu piatà, a lo sdigno,
E tu morte a la vita,
Fi c'haggio co la vita
Dato morte a la vita.
Nò nbeuarrà sto fierro
Lo sango de Mertillo,
Se nò nprimma de chillo;
Nò nsia maie chesta mano
Piaceuole, e piatosa,
Se nò nprimma sdegnosa.
Te farraggio sentire,
O conca sì, galano d'Amarille,
A la caduta mia, pò tuoie li strille.
Mà mme mecco dereto
A chesta sepetella; e quanno vene,
Ed'io lo veo trasì dint'a la grotta,
De fatto te l'assauto, e da dereto,
Te le conzegno stò spontone ncuorpo.
Ma nò nsarrà vregogna? a trademiento
Accider'vno? Sì. Desfida adonca,
Che se ne venga mmiezo a l'arenaccia,
Azzò se via de me la fede schietta.
Nò, ca porria passà no Caporale
Co la guardia soia, e dicerence,
Auciello, auciello maneca de fierro.
Be? perche ccà facite accostiune;
S'io dico la boscia, non dico buono,
S'io le dico lo vero, ò braua fede.
Ed'è lo ppeo ca sarria sbregognata
Chella meschina, e pouera figliola.
Figliola; puro l'ammo, a stratio mio;
Nò nporta, io ammo chello, che bediette,
E amarraggio nfi a la morte sempre.
"Chi manca, manca à ssè, lo mutto dice.
Mora adonca sso nfammo femmeniero,
Ch'arrobba vita, e nore nne na botta.
Ma se l'accido ccà, lo stisso sango
Nò nsarrà nnitio, e torno a ghì legato?
Che paura haie Mertillo de la morte?
Vuoie burlà, ch'è mmecidio appenzato,
Se scopere, o nce cado lesto, lesto
A sso maciello, e songo sbregognato.
Vengane quanto vò: hora sù entra,
E llà dinto le fà na stompagnata.
Chesto me piace, ntrammo chiano, chano,
Zzò ch'essa no mme senta; io saccio buono
Ca se sarrà chiauata a bascio, a bascio
Pe stare chiù secreta, e nò nsia vista;
Ca cossi disse: ed io manco nò nvoglio
Camminà troppo ndintro; n'apertura
Stace a la grotta, coperta de frunne
A mano manca, à muodo de casella,
Llà dinto mo mme schiaffo, e sò securo,
Lo tiempo aspettarragio pe fa chello,
Che mme sta ncapo; lo nemmico muorto,
E la nemmica mia legata nnanze
Portaraggio, e cossi faccio mennetta
De tutte duie, e co lo stisso fierro
Pò me lo chiauarraggio int'à sta panza;
Tre morarranno, duie de mala morte,
E vna de dolore; che te pare?
Vedarrà sta rebauda
Lo nammorato ammico,
E puro lo nemmico,
Tutte duie comm'à puorce intr'à na vara;
E sarrà chesta grotta,
Ch'esser deuea casa de gusto,
Dess', e lo nammorato,
Mo sarrà de desgusto,
Fossa fetente, pe ssa sbregognata.
Ma vuiepedate, che tanto ve venne
Appriesso, e fece niente,
Portateme sta vota à chillo luoco
Doue pe mme ncè fummo, shiamma, e fuoco;
O Corisca, Corisca
Lo vere è quant'haie ditto, e mò te creo.



SCENA NONA.

Satero.


Chisto crede à Corisca? e le và appriesso?
Vanno à la grotta de li sportegliune?
Surdo sia io, se nò ntese lo riesto.
Ma auierte t'abbesogna hauè gran pigno
De ssa fede Torchesca, se nò pierde,
E tenerela stretta, ma nò commo
Fec'io, quanno scappaie, e me foiette;
Ca chessa ngrata te farrà bedere
Lo ianco pe lo nigro; ò brutta nfamma,
Nemmica d'honestate, ch'oie con chisto
Se vole fa na bona stennecchiata;
E chello, ch'è lo peo, ca ccà dintro
Se venne, e non è iuorno de marcato,
Chi sà fuorze lo cielo, m'hà mannato
Pe lo castico suio, e sfatio mio.
Da lo parlà de chisto vao squatranno
Grancose, mentre l'è benuto appriesso,
Hauarà bsito ca sarrà nficcata
Dintr'à la grotta. Hora ssù fa no cuorpo,
Chiude la vocca, e falle ssò piacere,
Fa che chillo petrone cada iusto,
E serra l'apertura co li guste;
Pò me ne vago da lo Sacerdote
Pe na via storta, che poco la sanno,
E contale lo ntrico commo passa;
Lo sacerdote mannarrà la guardia,
(Auciello, auciello maneca de fierro)
Tre legna co lo baia: braua penzata.
Sacc'io ca chessa dette a Coretone
La fede maretale, e se stà zitto,
C'hà paura de me, chiù de no truono.
Nò nse perda chiù tiempo; no rammone,
Mò spezzo da sto chiuppo,
Chisto me pare tuosto,
Io co na forza bona,
Smouarragio sta preta; ò commo è forte?
Stà troppo tosta, vesogna che lo palo
Nce iogna forza, azzò trasa chiù dintro
Po farela cadè iusta, e preffetta.
Fù buono lo conziglio, che se faccia
Lo stisso da ssa vanna; ò comm'è forte,
E chiù dura la mpresa, che penzaua.
Votta che buoie, ca nò npozzo fa niente;
Fossence miezo munno lloco dinto?
Me mancano le forze, ò stelle ngrate
Vuie site contr'a mme; te mouarraggio.
Malanaggia Corisca, e bì ca dico
Quanta femmene sò: ò Panno ammico,
Panno, che tutto puoie, e tutto saie,
Muouete a ste preghere,
Vi ca tu puro fuste nammorato.
Mennetta de ssa perra de Corisca,
Ca m'haue assassenato.
Cossine Nnommo toia mouo la preta,
Cossine Nnommo toia inst'è caduta,
La vorpa nce ncappaie dint'a la rezza.
Hora a mo sò contento, e conzolato,
E maie sarraggio satio, se nò nvedo
Tutte le nfamme femmene abrosciate.


PE CANTARE.

Core lesto n'hà paura,
  De losenghe nò nse cura.
  Ammore ntienne,
  Ca quanno faie carizze tanno npienne.


Scompetura dell'Atto Terzo.



ATTO QVARTO

SCENA PRIMMA.

Corisca.


Stodeiaie tanto nsi che la schiaffaie
Dint'a no lauorinto de tormiente;
Ma fù lo peo, ca nò m'allecordaie
De la trezzella mia ionna chiù d'oro,
Che lo Satero nfammo m'arrobbaie;
Recoperare la vorria, ma commo?
Abbesogna no poco che nce penza;
Chiappare ca fù meglio à scì da mano
Da no miez'hommo, e tutto besteiale,
Ca nautra trezza bè nce l'aboscammo.
Iss'è de natura iusto commo
A no coniglio friddo chiù che ghiaccio,
Ca si nò m'hauarria bona cardata
La lana, e dato quarche schiacco matto,
L'haggio comm'à corriuo correuato
Con certe parolette duce, duce,
E comm'a sangozuca pò zucato.
Me deceua, Corisca tu me fuie?
Chi vò secotià na vestiaccia;
Nò nse po ammare cosa senz'ammore,
Comm'a l'erua de muro, che se coglie
Pe fare lo remmedio a lo ventre,
La spriemme azzò che n'esca chillo zuco,
Cacciato che ne l'haie, priesto la hiette,
Perche nò nserue a niente, chiu nò mmale.
Accossi haggio fatt'io, sempre spremmenno
N'haggio zuco cacciato cò denare,
Mo che n'ha niente chiù, che se couerna,
Co no palicco pote passeiare.
Voglio vedè se Coresone è sciso
Dint'a la grotta; ma che sarrà chesto?
Che nouetate veo? dormo, ò me nzonno?
Stù mbriaca, ò  straueo? io saccio cierto
Ca sta vacca de grotta steua aperta,
Che nò hà troppo, e mo stà accossi chiusa?
E commo chesta preta accossi grossa,
E tant'antica ncè caduta iusta
Tremmoliccio nò nfu, e manco viento;
A lo mmanco sapesse se cca dinto
Coretone, e Amarille songo ntrate,
Ca de lo riesto nò mme curo niente.
Partute sò ch'è na mezz'hora bona,
Si Lisetta haue ntiso pe deritto;
Ma chi sà che nò siano ntrate dinto,
E che messere sdigno puosto mmiezo
Nò mmolesse fà puro lo maruaso;
Ma che meglio sarria se nò sta cosa,
Pe fa Corisca hoie tutta conzolata?
Votta Mertillo, ca la Luna è broca.



SCENA SECONNA.

Dorinna, e Linco.


E canosciuta cierto
Tu nò m'hauiue Linco.

Lin. Chi te canosciaria
Vestuta de ssi panne tanto brutte,
Pe Dorinna vezzosa?
S'io fosse cano (commo songo Linco)
A guaie de l'ossa toie
T'hauarria canosciuta;
O che beo, ò che beo.

Dor. Autro nò mmide Linco, si nò ammore,
Ch'è ntrato int'a sto core,
E nò mmole ascì fore.

Lin. Na figliolella commo sì tu molla
Pastosa, e tennerella,
Che l'autro iuorno se pò dì nfasciolla,
Anze me parea hiere,
Che te portaua a mammara nocèlla.
Che manco te reiue,
Ed io te mparaua
Dicere, cacca, pappa,
Quanno serueva patreto, nò nsaie?
Tu che comm'à na cerua chiù paurosa
Temmiue d'ogne cosa,
Primma sentire ammore.
Tu, che s'io te deceua, lo vattente
Moriue llà presente.
E se vediue na lacerta ascire
Da quarche pertosillo,
Te vedeva foire.
Se no froncillo sulo
Scotolaua na frasca.
Se na fronna de foglia
Se mouea pe lo viento,
Sempre foiue co no gran spauiento.
E mò accossi sola
Vaie pe buosche, e montagne,
E n'haie paura, e manco te sparagne.

Dor. Chi è feruta d'ammore, n'hà paura
D'auta chiaia, aspr', e dura.

Lin. E c'hà potuto affè sto cuorpo Ammore,
Mente de femmen'hommo,
E da femmena lupo, t'ha mutata.

Dor. O se ccà dinto Linco
Me potisse vedere,
vedarrisse no Lupo
Magnarese n'agnella,
Pe ffi a la coratella.

Lin. Qual'è lo Lupo, Siruio?

D.                          Tu l'hai ditto

Lin. E Tu, perch'isso è lupo,
Da lupo si bestuta, e si cagnata,
Mentre ssa bella facce n'ha seruuta
Serua ssa loparia, ca fuorze t'amma.
Ma doue le trouaste
Ssi panne accossi brutte?

Dor. Siente, me sò sosuta
Stammatina pe tiempo,
Perche hauea ntiso, ca lo Signò Siruio
Vecino a lo pascone
Haueua apparacchiata
A no puorto, na caccia smesorata;
Fece la via de lo molino granne,
P'arriuare chiù priesto,
E arriuanno propio trouaie
Presottiello, lo cane
De Siruio, che stea a no prateceiello
Dou'è na fontanella d'acqua chiara,
E creo, lo poueriello,
Ca pe tanta a la seta,
Hauea vippeto, e llà se reposaua.
Io, che de Siruio mmè cara ogne cosa,
Nò nsulo l'ombra soia, ma le pedate
Quanno cammina: vedenno lo cane,
Co n'allegrezza granne
Subeto lo pigliaie,
E lo cagnuolo senza contrastare,
Commo n'agniello venne;
E mente vao penzanno
De lo portare a Siruio, lo patrone,
Azzò con chisto duono io m'acquistasse
La bella gratia soia;
Eccote Siruio, che benea deritto
Cercanno doue fosse Presuttiello.
Linco mio, io nò mmoglio
Perdere tiempo, à dire
Pe lo capo ogne cosa,
Ch'è passato nfra nuie;
Ma te derraggio sulo pe fornire,
Che da pò constrastato
Doie hore, e fuerze chiune, de parole,
Se ne sbignaie, lo ngrato
Chino d'ira, e de sdigne
Co Presuttiello suio,
E a mme lassaie scontente, e sconzolata.

Lin. O Siruio senz'ammore, e tutto pazzo,
Tanno tu che faciste?
Nò t'iraste pe tanta zerronia?

Dor. Anze commo se iusto
Fosse stato sto core,
Fuoco de grann'ammore.
Crescette chiù la vamp', e chiù m'arde
Nfine le iett'appriesso reto mano,
Pe la via de la caccia guatta, guatta
Ffi che scontaie Lupino crapariello
Mio, che poco primma
Da me s'era partuto,
E nfra chesto me venno no penziero
Vestireme sti panne de Lopino,
Che sso cossi Lupigne,
Azzò nascosamente nfra pasture,
Ogn'vno pe pastore me tenesse,
E correre, e bedere sempre maie
Siruio, che me dà guaie.

Lin.                    E tu da Lupo
Te ne iste a la caccia,
Li Cane t'hanno vista? e sì tornata?
Dorinna crid'à me c'haie fatt'asseie.

Dor. Nò nte maravigliare ca li cane
Nò nponno fare affesa,
A chi de lo patrone
E destenata presa;
Hora cossi io mmiezo nfra la turba,
De millanta pasture,
Ch'erano llà venute pe la caccia,
Me scostaie da na vanna,
Ma con bista ammorosa
Nò de la caccia, ma de chella cosa.
Quanno la brutta vestia se moueua,
Lo core me sbatteua;
E ad ogn'atto de Siruio mio bello
Correa lo sango, e l'arma
Co allegrezza pe ffi a la coratella.
Ma pò lo spasso mio
Nò npotea hauere gusto, pe la vista
De chillo brutto puorco
De forza, e de grossezza assaie spantuso,
Comm'à shiummo che corre,
Quanno lo cielo è nigro, e fà tempesta,
Che quanto scontra aruole, e petrune
Sbaratta, annea, e ietta a li vallune.
Cossi chillo gran puorco, cò le sanne
Chiene de scumm', e sango
Faceuà no maciello
D'huommene mieze muorte, e cane accise.
Quanta vote deceua,
Auzate nella patta puorco mio,
Pe la vita de Siruio, chisto sango,
E quanta vote voze fà brocchiero,
Sto nigro pietto, pe lo pietto suio.
Quanta vote deceua
Nfra me stessa, perdona,
Perdona puorco, frate,
A Siruio caro mio, Siruio agarbato.
Cosi nfra me parlaua,
Chiagnenno, e sospiranno.
Quann'isso scapolaie da la catena
Presutto suio armato,
Contr'a lo puorco co no gran fracasso,
E chiù superbia assaie
C'hauea fatto lo puorco,
Quanno li cane accise,
E li pasture miezze stroppiatte;
Linco nò npozzo dire
Quanto vò bene Siruio a chillo cane,
Commo lione irato, che lo chuorno
Vò schità de lo Tauro,
Se scontra, e zompa diestro,
Fi che na vota sola
Da dereto l'afferra,
Cò chesse forte zampe
Lo squarta de manera, che l'atterra.
Cossi lo buono Presutto
Foieua destrattamente
Da le botte mortale,
De lo brutto anemale;
Ma pò vedde la soia, e diestro zompa.
A n'aurecchia l'afferra
Te lo sbatte da capo forte nterra,
Fermo lo tene, e no lo fa partire,
Ca muodo suio ogne Cacciatore
Te lo pò frezzeiare nfi a lo core;
Tanto l'afferraie priesto,
Ssò cane d'ogne cane lo chiù diestro.
Accossi Siruio mio subetamente
Chiammaie Diana, e disse,
Nnderizza tu sto cuorpo,
Ch'a tene faccio vuto
De te portà la capo, ò granne Dea.
Cossi decenno, piglia na saietta
De n'acciaro polito assaie preffetto,
Mette nnordene l'arco,
E ne lo stisso tiempo
Tira, e coglie a lo cuollo de lo puorco,
Che trasie nfi a la spalla la saietta,
E subeto cadie; io resperaie
Vedenno Siruio mio fora de guaie.
Oh fortunato puorco
Tu che ssi stato muorto
Pe chelle belle mano
Ch'arrobbano li core chiano chiano.

Lin. Ma de lo puorco acciso, che se fece?

Dor. Nò nsaccio; io me ne venne nnante à tutte
Pe nò essere vista; ma me creo,
Ch'aueranno à lo Tempio già portato,
Zoè la capo pe comprì lo vuto,
Che fice Siruio, quando le menaie.

Lin. E tu con chiste panne vorraie stare?

Dor. Signor nò, ca Lupino
Heppe li panne mieie, co ll'aute cose,
E me disse, t'aspetto
A la fontana, e nò l'haggio trouato.
Linco, se me vuoie bene,
Và ntorneia da ccà ntouorno
Cercanno, ca nò è troppo lontano,
E io t'aspetto, vì à chella pagliara
Perche sò stracqua assaie,
E me moro de suonno, e nò mmogl'ire
Cò sti panne à la casa.

Lin. Mo vao, nò nte partire
nfi che nò tuorno, haie ntiso?



SCENA TERZA

Choro, & Ergasto.


Ch. Pasture hauite ntiso,
Ca Siruio nuosto, qual'è miezo Dio,
E figlio de Montano
De lo cippo d'Arcide,
Hoie nc'haue liberato
Da la lopa arraggiata,
Che chiagnere facea tutta Porchiano;
Perzò mo s'apparecchia,
De hiremo à lo Tempio
A sciogliere lo vuto;
E nuie mente che disso
Nc'ha fatta tanta gratia;
Iammo tutte à scontarelo cantanno,
A laude soia dicenno:
O Cacciatore granne,
Viua ssa nomme toia pe trecient'anne.
Sso nore che t'è fatto non è niente,
Piglia lo buon'ammore,
Viua, viua sto granne Cacciatore.

Erg. O sciorta trista, ò pe nuie male iuorno,
Oh chiaia, che de morte haie lo stoiello,
Oh iuorno chiagnolente, e sempre ammaro.

Ch. Che boce sent'oimè chiena de chianto?

Erg. Stelle nemmiche de lo bene nuosto,
La fede è iut'a mitto,
E la speranza nosta
Cossi cade de fatto.

Ch. Chisto me pare Argasto, ciert'è isso.

Erg. Ma nò accusà lo cielo,
Accusate tu Argasto
Perche tu abbecenaste
L'esca, e lo zorfariello,
A lo focile, e dopò ne cacciaste
Le schiamme cò lo fuoco
D'ammore, ch'arde mò sso poueriello;
Ma sallo Panno santo, si me mosse
Sulo pe gran piatate, e nò pe male.
Ah nammorate affritte,
Oh pouer'Amarille,
Oh sfortunato Titaro, lo patre,
Oh Montano meschino,
Oh fradecata Volla, cò Porchiano,
Oh sfortunato sempre, sempre dico,
Quant'haggio visto, e beo,
E quanto parlo, e sento, e quanto penzo.

Ch. Oimè che sarrà chesto,
Quarche guaio troppo acieruo
Sarrà socciesso pe nce da dolore,
Iammo Pasture, iammo
Scontammolo; a ca vene
Nnant'isso à la via nostra.
Quanno sarrà lo tiempo,
Che cessarà lo chianto;
Dince Argaste da bene,
Che ntrabenuto t'è, che chigne tanto?

Er. Ammice care mieie
Io chiagno la roina vostra, e mia,
E de Porchiano tutta.

Ch.                  Oimè, che dice?

Er. E spezzato lo rammo,
De la speranza nosta.

Ch. Deh parlance chiù chiaro.

Erg. La figliola de Titaro scontente,
Che Zerra de lo cippo la streppegna,
E nò ncè auta de la schiatta soia,
Chella speranza sola
De la salute nosta,
Ch'era stata mpromessa da lo cielo
A Siruio de Montano,
Pe liberà Porchiano,
Chella Ninfa celeste,
Chella sapia Amarille,
Chell'assempio d'honore,
Chella rosa d'adore,
Oimè, chella, lo core
Crepa dicere.

Ch.          È morta.

Er. Nò, ma ncè vò no dito.

Ch.                       Oimè che sento.

Erg. N'haie intiso niente ancora,
Le peo ca more nfamma.

Ch. Nfamma Amarille? e comme? dillo Argasto?

Er. Trouat'è stata cò lo nammorato,
E si nò ve partite, mò ccà le bedarrite.
Legate hì a lo Tempio.

Ch. O bella, ma rebauda, pe la vita,
Femmene sì ca site, e senza nore.
Nò nse porrà dì femmena norata,
Se nò nchella che maie
E stata nammorata.

Ch. Veramente è lo vero,
Chi credere vò maie,
Che nesciun'autra femmena sia bona,
Se la bontate stessa è senza nore.

Ch. Pastore caro fance no piacere,
Contance sta facenna.

Erg. De gratia. Stammatina assaie pe tiempo,
Vennue (commo sapite)
A lo Tempio Montano,
Co lo nfelice patre
De la nfelice Ninfa,
A lo Tempio, preganno tutte duie,
Se poteano hauè gratia,
Fornì lo matremmonio
De li figliule lloro;
E ne lo stisso tiempo
Accisero capriette, e pecorelle,
Facenno sacreficio
A laude, e grolia de lo Tempio santo.
Che tale sacreficio nò nfu bisto
Maie chiù bello, e chiù azzietto,
Le bampe allegre tutte risarelle,
Doue che tale signe
Moppero lo cecato,
Terrenio, eilà Montano,
Disse, sarrà marito oie cierto Siruio
De la figlia de Titero;
Và chiamma Giallonardo p'abballare.

Ch. Oh ceruiello de Strolache,
Oh Terrenio cecato,
Chiù dinto, che da fora;
S'à Titaro deciue,
Pe parte d'abballà, và pe la vara,
De la strolacaria n'hauiui paro.

Erg. Cossi tutte le gente,
Che steano nziemme co li viecchie patre.
Chiagnicano d'allegrezza.
Partuto che fù Titaro, se sente,
E se vede a lo Tempio cierte signe
Co buce de spauiento,
Cò tronola, co lampe, e fuorte viente,
Mannate da cielo.
Oimè, ch'è chesso, oimè diceano tutte,
Prencipio de guste, e guaie de riesto;
o che gra mmarauiglia,
Deceano, ncè peccato pe stò miezo.
L'huommene chiù d'abbene,
Sule s'erano nchiuse int'a lo Tempio,
E mente lloro dint'e nuie da fore,
Chiagnenno, e sospiranno,
Preganno co le lacreme lo cielo,
Nfra sto miezo; lo Satero se vede
Che benne cò na pressa troppo granne,
Dicenno, audientia, voglio à buie, dich'io,
Pe na cosa che nporta; ed'io pe chesto;
Commo Vossoria sape,
Ch'è afficio mio, lo fece trasire,
E trasuto che fù
Spaparanza la vocca, e commenzaie:
Patre, si a tanta vate,
E a tante ncienze, e a tant'accesiune
De tanta Caperrune
Sopra li vuostre autare,
Nò songo azziette, e manco songo care,
Nò ve marauegliate; ma sacciate,
Ca oie contra la legge,
A la grotta d'Arpino,
Na Ninfa marranchina
Stà co lo nammorato, e là sbregogna,
A buie la legge, e ad'autro fede rompe;
E si nò mene credite,
Vengha chi vò co mmico,
Ca mò le trouarimmo
Dint'à la grott'à fare le bregogne.
A l'hora, ò mente d'hommo,
Commo te faie portare
Cecata a lo peccare.
Sospiraieno li Patre
Affritte, e sconzolate;
Parze à loro trouata,
La causa, che sospise
A lo sacrefecare erano state;
Ed'accossi lo Signò Patrassone
Manaie Nicandro fiscale, e le disse:
Và nziemme co lo Satero, e portate,
Legate conca llane nce trouate;
Doue che s'abbeiaieno
Cò nfi a trenta perzune
(De la guardia mperzò) e pe na via
Che lo Satero fece, iero tutte,
(Comm'era longa, e stretta;)
Arriuaieno a la grotta,
Trasieno de foracchio;
La pouerella Ninfa
Vedenno la lenterna a l'amprouisa,
Che nfacce le fu aperta, eppe à morire,
Sbagottuta esce fora da la tana,
Che stà mmiez'à na grotta,
Pe se potè saruare, me cred'io,
E trouaie la trasuta che serrata
Fù da chill'anemale,
Satero besteiale.

Ch. E lo Satero ncera?

Erg.                  Se partette
Subeto che mostrato
Heppe la via à Nicandro;
Nò nse pò dì fratiello
Quant'ogn'vno de nuie
Hebbe à morì, vedenno
Ca chell'era la figlia
De Titaro, la quale
Nò ntanto fu pigliata,
Che subeto venette,
(Nò ve saparria à dì da dou'ascette)
L'anemuso Mertillo,
Pe sconciare Nicandro,
Na spontonata tira,
Che chiatteiaie, ca se pigliaua ritto,
Nò nsarria viu'a st'hora;
Ma fu lieggio de pede,
E nchillo stisso tiempo
Che Mertillo le mena,
Isso se fece arreto, ò grà bentura,
Commo la scappaie bona,
Lo fierro nò npassaie,
Nfine no le toccaie carne, nè pella,
Fece no pertosillo
A chillo valantrano, che portaua
Mertillo, sango no le vidde ascire,
La ponta de spontone manco troua,
Iastemma dinto diente.

Ch. D'isso che se ne fece?

Erg. Pe n'autra via lo portaieno a lo Tempio.

Ch. A fare chene?

Erg.             Pe sapè da isso
Lo fatto pe lo filo, mà chi sape,
Se nò nse ne farrà resentemiento;
Te pare poco cosa hauè menato
Lo spontone à Necandro,
Hommo de qualetate?
Hauesselo potuto
Conzolà lo meschino.

Ch. E perche nò npotiste?

Erg. Perche nò mmò la legge,
Sulo li Delegate, parlan'a carcerate.
Perzò me fo partito,
Mo faccio n'autra via,
E me trou'à lo Tempio,
Arreuato che songo, nnenocchiune
Cò lagreme deuote, e cò sospire
Pregarraggio lo cielo, che sta varca
La porta a puorto senza gran fortuna;
A Dio Pasture mieie,
Restate mpace, e co li prieghe vuoste
Fauritece d'accompagnà li nuoste.

Ch. Accossi faciarimmo tutte nuie,
Ment'hauimmo de Siruio,
Fornuto lo cantar'a grolia soia.
O grannisseme Dieie,
Mostrateue piatuse,
Facite tratia de ste grann'accuse.



SCENA QVARTA.

Corisca.


Cegniteme vuie ntuorne,
Ellere, Rose, e Llaure,
Facite na corona à cheste trezze,
Ca hoie felicemente
Aggio vinto ad Amore, e sò contente.
Hoie lo cielo, e la terra,
La Natura, cò ll'Arte,
La fortuna, e le Stelle,
L'ammice, e li nemice,
Pe mmè hanno commattuto;
E perzine lo Satero cornuto,
Che tanto m'odiaua, iusto commo
De lo gaudere mio la part'hauesse.
Comm'è benuta netta,
Asaie meglio è Mertillo intr'à la grotta,
Che Coretone; cierto
La corpa è d'Amarille, che cod'essa
S'è trouato Mertillo;
Non è niente de l'hommo, ca la pena
E sola de la femmena, che pecca.
O vettoria granne, e gratiosa,
Nnauzateme na statua,
Ammorose boscie,
Vuie site nne sta lengua, e nne sto pietto;
Cose contra natura,
Ma che aspiette Corisca?
Nò è tiempo stare ccane,
Allontanate sù, nffi che la legge
A la contraria toia connanna à morte.
Chi sa, pe se scorpare,
Deciarrà ca Corisca ne fu causa;
E cossi lo Scriuano cremmenale
Primma de nzammenare,
Da me bolesse ntennere lo tutto.
Sbigna adonca Corisca, ca nce ncappo,
La lengua de boscia,
Che nò hà pede, hà bia.
mo m'annasconno dinto de ste sirue,
Spettarraggio lo tiempo
Gaudereme Mertillo;
O viata Corisca,
Chi maie vedde cossi contente mpresa?



SCENA QVINTA.

Nicandro, Amarille.


Cierto, c'hauarria core de Nirone,
Chiù tuosto de pepierno, e de diamante,
Chi n'hauesse de te compassione,
Pouera Ninfa, e nò sentesse affanno
De li guaie tuoie, de ssa mala ventura;
Quano nce penzo, quase ca nò nchiagno.
Dicere de vedere na zetella,
De perzona chiù bella de la Luna,
Che lo munno ped'essa hauerria fatto
Scendere ccà le stelle ad vna, ad vna;
Mo esser'ariuata a tale passo,
Pe parte de hì à lo Tempio, e gaudere,
Ncè va à morire. Oimè, che gran fracasso,
Oimè, che doglia, e chianto che mo vene.
Ma chi lo sape commo pò ssi nata,
E commo destinata? già si figlia
De Titero, e Nora de Montano
essere hauiue; quale tutte duie
Sò de conziglio li chiù masaudune;
L'honore de Porchiano, ch'io nò saccio
Si le deuo chiammà pasture, ò patre.
Doue che mò vedere na zitella
Fare no sauto, e hire a l'autro munno,
Ncompagnia de la morte, la scurella.
Chi sà chest'e nò chiagne, e nò nse scicca.
Ommo cierto nò è, ma farfarella.

Am. Se à sta mala ventura io nce corpasse
Signò Alicandro, ò mmè l'hauesse schitto
Sonnato quarche notte
St'opera che te pare vetoperio;
Bello m'abbracciaria
Co la Signà pacientia,
De morte la settentia,
E sarria de iostitia
Lo sango mio lauare
St'arma lorda, e ammacchiata.
Cossi nnocì lo cielo,
E dare luoco à la iostitia nterra.
Cò nchesto io potarria.
Conzolà l'arma affritta,
E frà me stessa dinto de lo core,
Diciarria, nce lo bole;
Apparecchiate cuorpo.
Mmezza ire à lo puorto,
Arma, sì marenaro,
Schiega la vela, e boca a l'autro munno.
Ma, oimè Nicandro caro,
Sto iuuo pesa troppo nne ste spalle,
Sò figliolella ancora,
Conzidera na morte accossi priesto,
Penza pò tu lo riesto.

Nic. Volesselo la mamma de Copiddo,
Ninfa, e nò hauisse fatto sso peccato
Contr'à lo Cielo; se peccato hauisse
Co ll'huommene, sarria manco male,
Pigliala pe mogliere, e stammo pace,
Li Dieie starriano zitto, è mmaretata.
Ma quanno penzo, trouo ca tu stessa
T'haie chiauat'a lo pede ss'accettata.
Dì? nò nsi stata dinto de la grotta
Trouata cò lo auterio, e cod'isso
Da sulo à sulo? tu nò nsi mpromessa
A Siruio, lo figlio de Montano?
Commo nnocente sì, mentr'haie traduto
Lo nore, co la fede mmaretale?
Bella nnotentia cierto.

Am.                    N'è lo vero,
Maie sso tristo peccato haggio fatt'io
Contro la legge, e perzò sò nnocente.

Nic. Contro chella d'ammore Ninfa, fuorze
Tu nò haie peccato, ammà se te piace,
Contr'à chella de l'huommene, e de cielo,
Tu nce haie peccato, ammà se commene.

Am. Peccato hanno pe mmè huommen'e cielo,
Ment'è lo vero, che da coppa scenne,
Lo destino d'ogn'vno,
Cossi vole lo mio,
Autro magnaie le pera, e lo cac'io.

Nic. Ninfa, serra ssa vocca,
Appila, ch'esce feccia; tropp'ardisce
Volare tanto nnauto,
Doue pe nce saglir'hommo d'abbene
Pate tormient'e pene;
Nò ngridar' co lo cielo,
Nuie simmo, perche nuie nce lo causammo.

Am. Nò ll'haggio co lo cielo,
Ll'haggio co lo destino tradetore,
Ma chiù de lo destino,
Chi m'hà ngannat'accuso.

Nic. Tu stessa te ngannaste, e tu t'accusa.

Am. Me ngannaie sì, ma co lo nganno d'autra.

Nic. Vasta, c'hauiste guste, e te fu caro.

Am. Commo caro? fuorz'io sò quacche infamma.

Nic. Io nò lo saccio, l'opera lo mostra.

Am. Chi lo core non vede, affè la sgrarra.

Nic. Ll'oper'haggio vist'io, ma nò lo core.

Am. Vede lo core ll'vuocchie de la mente.

Nic. Cecate sò se n'hanno sentemiento.

Am. Aggio ragione, e n'haggio sentemiento.

Nic. Sì committa nò nsì, nce torquiato.

Am. Sia commo piace a te, lo core è iusto,

Nic. Si è iusto, perche ntraste intr'a la grotta.

Am. L'asenetate mia, credere troppo.

Nic. Donc'a lo nammorato tuo crediste.

Am. Segnor nò, a l'ammica, è none ad'isso.

Nic. A qual'ammica, a l'amorosa voglia.

Am. A la sore d'Arminio, e m'hà traduta.

Nic. O bello trademiento co lo fatto

Am. Trasie Mertillo, ed io nò nsapea niente.

Nic. Tu perche nce trasiste, dì la causa?

Am. Vasta ca pe Mertillo nò trasiette.

Nic. S'autra scusa nò haie, nce sì ncappata.

Am. Spiate ad'isso de la veretate.

Nic. Testemmonio non è lo prencepale.

Am. Chella che m'hà traduta faccia fede.

Nic. Che fede te pò dà chi nò n'hà niente.

Am. Te iuro pe la nomme de Diana.

Nic. L'haie iastemata troppo co l'auterio,
Ninfa nò sbesseneio, te parlo chiaro,
Nò ntè hì confonnenno, hagge pacientia,
Già nce sì dintro, e quanto dice è brenna.
"Acqua ch'è negra maie cammisa annetta.
"Vocca bosciarda, perde a lo chiaitare.
Te douiue guardà l'honore Ninfa
Chiù de la vita toa, chiù de te stessa.
"C'arrore fatto, collera fa peo.

Am. Ed haggio da morì, oimè, Nicandro
Senza nesciuno aiuto?
Nesciuno me darrà quacche confuorto?
Da tutte abbannonata? anze perduta
Pe me ogne speranza; sulo resta
Na pietà che nò nserue,
Na caretà ch'ammorta m'accompagna.

Nic. Ninfa, fornisce adonca,
E s'appeccare fuste tutta pazza,
Mostra mò de sapere na stizzella,
Co patere la pena.
Nnerizza l'vocchie ncielo,
Se scinne da lo cielo,
Tutto quanto nce vene,
O sia bene, ò sia male,
Scenne da suso, iusto comm'à sciummo
Ch'ogn'autra fontanella ad isso vace.
E quanto ch'è lo vero,
"C'hà va stizza de bene ncè assaie male,
"Ma lo bene assoluto ncielo stace.
Sallo lo patre Gioue, che nascuse
Nò ll'è penziero d'ommo; sallo ancora
La nostra Dea, che sempre adoro, e seruo,
Quanto de te me ncresce.
E sì co sto parlà t'haggio nchiouata;
Fece commo de miedeco la mano
Piatosa, e puro taglio,
E mentre taglio, cerca
Le bbene, co l'arterie,
De no le fare male,
Ma vò fedè se la feruta sfonna.
Coietate oramaie
Ninfa nò contrastare co lo cielo,
Mentre ncielo de te s'è scritt'assaie.

Am. O settentia ngnostissema,
Se fosse scritta sette vote ncielo.
Ma ncielo nò è scritta,
Ca sape buono la nnocentia mia.
Ma che me serue s'haggio da morire;
O passo troppo luongo, o gotto amaro,
Chino d'aloia, e fele; oimè Nicandro,
Te preo pe la piatate che mme mustre,
Nò mme portar'à lo Tempio,
Aspetta mezz'autr'hora, viecchio mio.

Nic. O Ninfa conca sà ca vò morire,
"Ogne mmomento è morte,
Hiescene co no shiushio,
Nò ncè peo de la morte,
Che penzare a la morte.
E chi deue morire,
Quanto chiù priesto more,
Tanto chiù preisto esce d'affanne fore.

Am. Fuorze me venarrà quarche soccurzo,
Patre mio, patre caro,
Tu puro m'abbannune,
Patre, tu c'haie na figlia,
E la lasse morire, e nò l'aiute?
A lo mmanco le dà l'vtemo vaso.
Accedarrà duie piette n'accettata,
Esiarrà da la chiaia
Sango chiù tuio, che mmio.
Patre mio bello, che la nomme toia
Sempre m'anchiea la vocca de docezza;
Voeme à bedere figliata,
Mente l'haie mmaretata,
Ma con chi? co la fossa, ò negrecata.

Nic. Ninfa nò chiù sciabbacco,
Nò nte dare tormiento,
Cà tormiente ad ogn'autro,
E tiempo ch'à lo Tempio te porta,
Nè l'afficio mio vò che chiù io tarda?

Am. Donca padule, a Dio,
A Dio tu Iennazziello,
Receuite chist'vteme sospire,
Pe ffi che l'ombra mia,
Torn'a le boste ammate
Perche dint'à lo nfierno
Non và arma nozente,
Nè manco pò hì ncielo
Arma chiena de hielo.
O Mertillo, Mertillo,
Lo iuorno, che te vidde, e te piacette
Iastemmare vorria.
Mente là vita mia,
T'era chiù cara assaie, che nò la toia.
Accossi nò ndeueua
Essere vita toia
Pe dare morte à me pouera, e sola.
Cossì è chì hò mala sciorta,
E chiammata crodele,
Pe campare norata,
Ed'è lo peo ca more,
E more sbreognata.
Oh pe mme tropp'ardore,
Oh pe tè gran dolore.
Era assaie meglio peccare, e foire,
Ca fuorze nò prouaua lo morire.
Mo moro cò desgusto core mio,
E senza te Mertì.

Nic.             Affe ca more,
Corrite, la scur'essa,
Tenitela ca cade; oh nne no punto,
Nommenanno Mertillo,
L'ascìe lo speretillo,
E fornie lo dolore, e lo mmorire,
Nne na dramma de tiempo?
Sfortunata figliola.
N'è morta ancora, e senco,
Che lo core le face zafe, zafe,
Portammola vecino a sta fontana,
Menamol'acqua nfacce,
Ca fuorze se reuene, e piglia shiate.
Ma chi sà, che nò nsia
Opera de crodele fà piatate,
A chi more de doglia,
Pe nò morì de fierro.
Siase commo se voglia, voglio fare
Commo commene à mmene,
Nne voglio hauè piatate,
Chello che bene appriesso Dio lo sape.



SCENA SESTA.

Choro de Cacciature, Choro de
Pasture, e Siruio,


Ch. C. Groliuso figliulo
O streppegna d'Arcide,
Che chiste lupe, e chiste puorce accide.

Ch. P. Groliuso figliulo,
Tu che da ste padule
Cacce, anze accide ssi brutt'anemale,
Che muorte ancora, pare c'haggian'ale.
O lo brutto capone,
Sorreiere te fa, tant'è negrone,
Chest'è la vera grolia,
Chesta fatica sulo tu ll'haie fatta;
Tu Siruio miezo Dio,
Cantate vuie Pasture allegramente,
Ch'è muorto scarzamente;
Ogn'anno chisto iuorno sia sestuso.

Ch. C. O figlio groliuso,
O streppegna d'Arcide,
Che chiste lupe, e chiste puorce accide.

Ch. P. Groliuso figliulo,
Che pe da vita a autro, la toa spriezze,
Cossi se saglie n'auto,
Pe la via de Mont'auto.
Sodanno, e faticanno;
Legge, ch'è scritta ncielo,
Nò nvace a grolia, chi nò proua fele.
Chi vò gustà lo doce,
Rompa primmo la noce;
Ma nò cò diente, ch'è potronaria,
Ma co la preta viua,
Nò porta si fa male na stezzella,
Ca pò starraie festuso.

Ch. C. O figlio groliuso,
O streppegna d'Arcide,
Che chiste lupe, e chiste puorce accide.

Ch. P. Groliuso figliulo,
Pe tene à ste padule,
Se chianta foglia co lo chiantaturo;
Và pastena da luongo ò Ortolane
Và securo, e te piglia
Lo vommaro p'arare,
E pò semmena grano,
Semmena huorgio, e miete lo iermano.
Nò dobetare chiune,
Muort'è chi scarpesaua, e pò magnaua.
Canta, ca sì contente,
O vita, ò iuorno assaie vettoriuso.

Ch. C. O figlio groliuso,
O streppegna d'Arcide,
Che chiste lupe, e chiste puorce accide.

Ch. P. Groliuso figliulo
Comm'hauisse saputo ca lo Cielo
T'era frate carnale; a cossi iusto
Fece lo grann'Arcide.
Che scortecaie chillo brutt'anemale;
Accossi haie fatto tù, perche ccà scinne;
Da la streppegna soia,
Anze n'accederraie treciento l'hora,
Ca si figliulo ancora
Quanno haie posta la mola de lo sinno
Che ruina de lupe senterrimmo,
Co sso vraccio forzuso.

Ch. C. O figlio groliuso,
O streppegna d'Arcide
Che chiste lupe, e chiste puorce accide.

Ch. P. Groliuso figliulo
La forza, a la pietate te sò sore,
Sià Cintia, ecco lo vuto,
De Siruio à tè deuuto,
Vide che capo gruosso,
Che mò ccane, e mò llane iea votanno
Cò chelle brutte sanne.
Che pareano doie corna de le ttoie.
Sù grandissema Dea
Recordate ca Siruio chillo strale
A laude, e grolia toia sulo menaie,
Perrò e bettoriuso.

Ch. C. O figlio groliuso,
O streppegna d'Arcide,
Che chiste lupe, e chiste puorce accide.



SCENA SETTEMA.

Coridone.


Io songo stato pè ffi mmò mpenziero
Credere chello, che mmò nnante hà ditto
De Corisca, lo Satero; temmeua
Nò nfosse mbruoglio suio, a danno mio,
Parennome boscia, e nò berdate.
S' essa s'hauea da trouà cò mmico
Hoie à stà grotta se nò nfu buscia,
Quanno da parte soia Lisa me disse.
E mone accossì, subeto sia stata
Co lo fatto trouata; ma da vero
Me pare na gran cosa, e me dà pena,
La vocca de sta grotta accossi chiusa,
Iusto cossì m'ha ditto, ò che piatate,
Commo nce stà nzippata iusta iusta.
O Corisca, Corisca, io troppo buono
T'haggio ntiso a la mano; ca no iuorno
Ntroppecaue, e faciue na caduta
Senza de te, n'auzare; tanta frappe,
Tanta boscie, cò tanta paparacchie,
L'anno portata lesta a la iostitia,
E creo cà mmò se scriue lo decreto,
De frustigetur, e e postea nnasilio.
Buono pè mmè, fu gran ventura cierto.
Ca me trattenne patremo, e io sciuocco
Me rodeua de raggia, e de despietto.
E s'io veneua ne lo stisso tiempo,
Che me disse Lissetta, n'era fuso?
Cierto ncappaua, e mò sarria ngalera;
Ma che farraggio? armareme de disgno?
E correre pe farene mennetta?
Nò nfaccio buono, perche si lo vero,
A sammenare voglio, chisto caso,
Chiù digno è de piatate, che mennetta.
Vuò hauè piatate de chi t'hà traduto?
S'è tradut'essa stessa, c'hà lassato
Lo vero, e assaie fedele nammorato,
Ed'hà dato de pietto à no pastore
Frostiero, pezzentiello, ch'oie, ò craie,
Mancia, mancia sarrà (da pouer'hommo,)
Che farraggio io pe tale mancamiento?
Dongo de pietto à la mennetta, e a l'ira,
Oimè ca la piatate, oimè mme vence;
Me ne contento, perche sì confosa.
Tu co lo trademiento, io co piatate
"Femmena ch'à lo peo sempre se stregne,
Nè nsà la legge, che commann'ammore,
D'ammare chi chiù t'amma; e tune ngrata
Ame, chi mancò t'amma, anze l'adure.
Ma dimme Coretone? nò nte moue
Lo sdigno, e lo despietto, che te moua,
La perdenza c'haie fatto, à la mal'hora.
Io n'haggio perdut'essa, se n'è mia,
Haggio trouato à mme ch'era lo suio,
Restare senza femmena, te pare
Che sia perdeta; ò ch'ogne iuorno
Ne moressero tommola, e megliara;
Che cosa haggio perduto? na bellezza
Senza nore? na facce senza sinno?
No pietto senza core?
No core senza l'arma?
N'arma senza la fede? embra de viento;
No piezzo de carnaccia, ch'oie, ò craie
Fetarrà a cane muorto; ma se chesto
Se porrà dire perdeta? e guadagno,
Lo meglio ch'aggio fatto mbita mia.
Femmene mancarranno à Coretone,
S'hà mancato Corisca gran pottana,
Me trouarraggìo quattro, ò seie segnore,
E mme le boglio crescere à la mano.
Nò ncierto trouarrà n'hommo fedele
Comm'era Coretone, che lo quale
Essa nò mmeretaie pe nammorato;
Ma s'io volesse fare chello tanto
Che lo Satero hà ditto, e conzeglioato,
Mò te la farria hì canna legata,
Decenno, Siò Necandro ssa sciaurata
M'ha mancato de fede; e bedarisse
Commo a lo manco ne sarria frostata.
Nò haggio core accossi tanto crudo,
Lo core mio a femmena è guarzone;
Campa pe mme Corisca, e singhe viua,
Viua, perche te porria dare morte,
E satorare la mennetta mia.
Va gaude nfamma cò lo Cicco tuio,
Dille da parte mia ca sì chiaruta,
E d'isso haggio piatà, nò gelosia.
O sfortunato, è commo ncè caduto,
Ammare, chi n'hà fede? ò poueriello,
Cà sì ncappato dinto a lo maciello.



SCENA OTTAVA.

Siruio.


O Dea, che Dea, mmannà li vische tuoie,
Dea de gente cecata,
Ch'autro nò hanno ncapo
Se nò de te nn'auzare,
Catafarche, ed autare
Chine de vetoperio,
E saie perche lo fanno,
Azzò che pò se dica
Ca sò gente norate
Mentre veneno appriesso à tè Dea latra.
E tu nsorduta Dea
Perchia, sciocca, e cecata,
Vaiassa sbregognata,
Recietto de vregogne,
Che le bregogne toie bè sò palese;
Dicalo conca n'hà male franzese;
Nemmica de raggiune,
Nauetta de telaro,
Ch'autro nò ntiesse, se nò mmarcia, e sango,
Mariola de l'arme,
Calamita, de nuie meschine tutte,
Figlia de chillo fierro
Chiammato gammautto,
Che taglio trauoncielle,
E taglianno te dice,
Nò tanto sosperare,
Ca fuorze sì felice,
Vide de chi sì figlia,
Dea de chianto, e dolore,
Cossì te deuerria chiammà lo munno,
E nò mamma d'Ammore.
Ecco dou'haie portato
Chille duie sfortunate
Pouere nammorate.
Ora tu, che t'auante,
Ca commanne pe tutto,
Vide, è lardo, ò presutto?
Addora, e bedarraie,
Ca si na Dea, che ffiete sempre mmaie.
Và Signà Dea, va sarua
La vita à chella Ninfa,
Co le docezze toie, sarua se puoie,
Che mmannà ll'arma de li vische tuoie.
O pe mmè affortunato
Lo iuorno che donaie l'arma, e lo core
A tè Sià Cintia dea
De tutto l'autre Dee,
Signora de lo cielo,
Patrona de le stelle,
E de l'arme chiù belle.
O quanto stanno meglio, e chiù secure
Li care ammice tuoie, ch'autro nò nfanno
Se nò accidere lupe.
Ma chist'autre che banno appriess'à Benere
Restano li meschine sfortunate
Da li lupe scannate;
O arco bello mio strale valiente,
Vraccie chiene de forza, e de valore,
Chi vorrà stà co buie à le frontere?
Forze chella fantasema d'Ammore
Vorrà fuorze coll'arme nfamme soie,
Fà guerra a l'arme meie?
Hora sù venga, venga ccà senz'autro
A lo gran paraone,
Ammore valentone.
Ma che? troppo t'honoro
Cecato, scelle mozze,
E pe te fà sapere
Ca sì no Dio de stoppa,
Ad auta voce io dico
Sta forza a castecarete
Sola me vasta.                             "vasta"
Chi sì tu, che respunne,
Si Ecco, ò puro Ammore, dì louero,
Ecco, ò Ammore sì.                            "Sì"
Lo figlio de chella, che p'Addone
Accossi fortemente ardea?                    "Dea"
Idest, chella Dea, ch'ammaua Marte,
E tant'era sfacciata ch'ammorbaua
Stelle, & alemiente.                      "miente"
Miente, e remiente, e tu si peo de viento
Iesce da lloco', asenone.                   "none"
Io t'haggio pe potrone, ma dì tune
Sì legitemo figlio, ò sì bastardo?          "ardo"
Vh, de Vorcano adonca tu sì figlio,
Mo de cred'io.                               "Dio"
Dio de che? dello nfierno, ò munno?        "munno"
Buffe, d'ogne paiese? tu sì chillo,
Ch'ogn'vno che te sprezza,
Tu l'aggiuste de piso,
Nò n'e lo vero?                             "vero"
E quale sò le pene
C'hà li rebbelle, e contumace tuoie
Daie tant'amare?                           "amare"
E de mè che te sprezzo, che farraie,
Si nò nso nammorato?                   "nammorato"
Io nammorato, ò pazzo, e quano ammore
Venerrà a chisto core? craie, ò oie?         "oie"
E se nammora accossi priesto.            "priesto"
Ma quale sarrà chessa,
Che bole che l'adori.                       "Dori"
Dorinna dice fuorze?
O tartagliuso, nò ndic'essa.                "essa".
Ma chi me forzarà se nò mmogl'io?             "io"
Tu? commo, e con qual'arme, e con qual'arco?
Fuorze lo tuio?                             "tuio"
Lo mio? oh la sgarre, haie fatt'arrore,
Nò nce penzà che sia corrutto.             "rutto"
L'arme meie rotte? e romperaile tu?           "tu"
Ora và ca si lesto, chino chino
De no preffetto vino;
Va duorme và, ma dimme
Doue sarranno chesse cose, ccà?              "ccà"
O pappafico, io sbigno,
Vide che bello strolaco mmreiaco,
Chino de vino.                            "diuino"
Ma veo, se nò me nganno
A chella fratta starece na pella
De colore negrogna,
Che à lupo s'assomeglia,
Me pare lupo cierto, cierto è isso.
O comm'è gruosso; ò iuorno pe mme santo,
Se n'autro ne scocozzo co sta frezza.
Che faure sò chiste granne Dea,
O che brauo lupone
Chiù forte de leione,
Ma ch'aspetto Sià Dea,
Nnomme toa dò de mano à sta saietta
Pognente de n'acciaro assiae preffetto,
Che maie la soccia chisto stucchio hauerte,
A tè l'arrecommanno,
Guidala tù Sià Cacciatrice Dea;
Fà che baga deritto a st'anemale,
Santa Dea, falle fà chiaia mortale.
A Nnomme toa mò mengo;
O che cuorpo stopenno,
Mò sì, ca so mastrone,
Doue l'vocchie mmiraie, la mano couze.
Se hauesse lo spontone,
Mò mò lo spedarria,
Nnonte che se schiaffasse a quarche grotta.
Ma mentre n'haggio autr'arme,
Voglio piglià na preta da ccà nterra;
Nò nne vedo a la fè; ente cosella,
A nò ncessere preta? mala pena
Vna n'haggio trouata;
Ma che ne voglio fare,
S'haggio dintr'a lo stucchio
N'autra frezz'appontura,
Nfronte le voglio dare; oimè, che beo,
Oimè Siruio scontento,
Oimè c'haie fatto Siruio,
Feruto haie no Pastore, che bestuto
Lopigno hieua, e tu crediste lupo.
O sfortunato Siruio sconzolato,
Ca sempre camparraie annegrecato,
Pare che lo canosca lo meschino,
Ncè Linco, che lo porta sobbracciune?
O saietta cornuta, ò vuto nfammo;
E tu chiù nfamma Dea,
Che la portaste iusta
Pe dare morte a chisto poueriello.
Io caccia sango d'hommo?
Io causa de la morte de nesciuno?
Io che sò stato sempre
Apparecchiato, e prunto,
E nò nfece maie cunto
De morire pe dà vita a li Pasture.
Va ietta l'arco, e chiù nò comparere,
Stutata è la superbia Cacciatore.
Ecco lo sfortunato,
Ma io chiù d'isso, che l'haggio nchiaiato.



SCENA NONA.

Linco, Siruio, e Dorinna.


Lin. Appoiate Dorinna,
Iettate tutta sopra de ste braccia,
Sfortunata Dorinna.

Sir. Oimè, Dorinna?
Sò muorto?

Dor.      Ah Linco patre;
Patre secunno mio.

Sir. E Dorinna pe Dio, oh pouerrella.

Dor. Commeneua à te Linco, che Dorinna
Portasse sobbracciune,
Se la portaste mbraccia
A l'hora, che nasciette;
Era iusta raggione,
Che le braccia piatose
De no secunno patre,
M'hauessero à la fossa accompagnata.

Lin. O figlia de stò core,
Figlia de st'arma; oimè, che gra ndolore.
Oimè, che grann'ammore,
Nò npozzo, songo iuto tanto l'ammo.

Sir. Maro salato, e comme nò mme gliuite?

Dor. Nò nchiagnere, arreposa,
Hagge pacientia Linco,
Mme daie chiù pena tu, de sta feruta.

Sir. Pouerella fegliola,
Pe bolè bene, perde la fragola.

Lin. Stà de buon'armo figlia,
Cà stà feruta nò nsarrà mortale.

Dor. Saccio cà morraggio,
E poco camparraggio.
Alommanco sapesse chi mm'accisa.

Lin. Sanammo ssa feruta, haggie pacientia.
Cà pe mennetta maie se mese nchiastro.

Sir. Ma che faccio? che aspetto?
N'e giusto, che me vea.
Sbigna Siruio spiatato,
Fuie chellla vista, fuie,
Fuie lo cortiello de la voce soia.
Oimene cà nò pozzo, e manco saccio
Chi mme tene afferrato;
Lo cielo è cierto; và cà sò barato,
Pe parte de foì, stò nnante ad essa.

Dor. E puro nà gran cosa,
Deciteme alommanco chi m'accisa.

Lin. Siruio t'hà frezzeiata.

Dor. Siruio? e che nnè saie?

Lin. Chesta è la frezza soia.

Dor. O che doce frezzata,
Se Siruio ll'hà menata.

Lin. Villo ca sta mpostura,
Tienemente a la faccia, cà l'accusa?
(Sia laudato lo cielo) sia beneditto Panno?
Siruio già sì arriuato,
Haie fatto na corzera, pe ste sirue,
Co ssò bell'arco tuio;
Cò ssi strale valiente ad ogne mpresa?
Bello cuorpo c'haie fatto (da mastrone)
Bbe che nne dice? Tu si Siruio, ò Linco?
Ssò cuorpo c'haie tirato à no carrino,
E stato Linco, ò puro è stato Siruio?
Fraschetta lo sapiue;
Hauiesselo creduto
A chisto viecchio pazzo;
Respunne nzallanuto,
Che ne sarrà de te, se chesta more?
Lo saccio; diciarraie,
Ca te crediste de ferì no lupo.
Scusate quanto saie, ca si tenuto
Da no moccuso senza celleuriello:
Si obbrecato vedè si è hommo, ò fera;
Quanta crapare, e quanta Beforchielle
De questa sò copierte,
Propio de chesta pelle; ò Siruio, Siruio,
Acieruo de ceruiello,
Mà pò ammaturo a la vigliaccaria;
Pienze tu Zaccariello,
Cà chesta cosa sia soccessa à caso?
Dì, quanno nce penzaue? hora mò siente.
Nò scioscia maie lo viento,
Nò nse moue na fronna,
Nè manco vannà l'huommene,
Cose, che nò npiaceno à lo cielo.
Lo cielo è scorrocciato,
Li Dieie se sò aggrauate,
Sò comparze de sera, e hanno ditto,
Sottascriuete Ammore à sto decreto?
Anze Mercurio, Marte, e perzì Gioue
Sacciate, commo nce no cierto nterra.
Che se picca cò nnuie vole fà guera;
Zitammolo à nformanno, ed isso dica,
Si è compagnio, si è hommo, ò si è fromica.

Dor. Siruio, lassalo dire,
Ca nò nsà Linco quanto pote Ammore:
Tu sulo sì patrone de Dorinna.
O se campa, ò se more,
E se tu m'accediste,
Cosa toia accediste;
Beneditto lo strale,
Benedette le mano,
C'hanno secotiato a ssi bell'vocchie,
C'hanno hauto la mmira, à chi odeiaue
Vederela squartata;
Ecco ncieie arreuata;
Gustaue de spercià, sperciata ll'haie;
Voliuela legà, legata ll'haie.
Nfine se la vuò morta; morta ll'haie.
Nò npò fa chiù Dorinna pouerella,
Autro nò nte pò dare; ah ngrato, ngrato,
Core senza piatate; nò ncrediste
La chiaia che pe tè mme fece Ammore;
Negarraie chesta che m'haie fatta tune?
Nò ncrediue à lo sango,
Che mme sceua da l'vocchie;
Cride à sto shianco, vide quanto n'esce?
Nò nfare che ssia morta la piatate,
Mentre sì de no sango troppo autiero;
Nò nte ncresca (te prego)
Arma de l'arma mia, crodele, e bella,
Nò nte fà arreto à l'vtemo sospiro,
Fa che sia degna d'vno de li tuoie,
La morte me sarrà no spasso aterno.
Moro Siruio; sospirane vno sulo,
La voce accossi sia,
Lo cielo te dia requia, ò arma mia.

Sir. Dorinna cara mia (commo la mia?)
Mia sì, mente te perdo, e te dò morte.
Io songo l'assassino  de strata,
Io t'haggio spertosata;
Nò nporta, tu sì mia.
Nnè sfastio de lo cielo, e de la sciorta.
Starrimmo sempre nziemme, ò viua, ò morta;
Fi cà voglio morire.
Sò resoluto, vide
Ste frezze, e sto carcasso;
Cò cheste arme t'accise,
Tu cò le stesse me fa hi ngalera;
Che dica la trommetta,
Pe bia de la cartella
Scritta a la banca de crodeletate.
Pe Siruio, n'è piatate.
Ecco cà mmè nnenocchio nchiana terra,
E te vaso ssi piede,
E te cerco perduono, mà nò n vita;
Ecco li strale, e l'arco;
Ma nò ferire à l'vocchie co le mmano,
Ca nò nso' state loro;
Saie chi è stato, sto pietto.
Feriscelo, saiettalo,
Nè le portà respetto e manco ammore.
Smafarame stò core, che fu crudo,
Ecco lo pietto nnudo.

Dor. Commoglia Siruio mio,
(Che te serue à scroprì sso ianco pietto)
A st'vuocchie, se ferire lo voliue?
No scuoglio duro nò nè
Tuosto a l'onne, e a lo viento;
De chisto chianto mio, de sti sospire,
E mmai puotte fa niente;
Ma se non è boscia,
Che sentisse piatate à lo dereto,
Sso pietto, e muollo, ò è de preta selece?
Nò mme ngannà te prego,
Lo beo, ca è chiù bianco de la neue.
O pietto de na fera,
Pietto che ncaie gabbato a tutte duie,
No nte voglio ferì, feresca Ammore,
Mennetta ò gran Segnore?
Nò nnò ca è deuentato nammorato.
Sia beneditto chillo iuorno sempre,
Che chiagnette pe te, che sosperaie;
Vuie site state causa de sso bene.
Ma tune coreciello
Siruio, à che te nnenucchie
Nnanze à chi si segnore.
Auzate schieccho; susete
Ca nò nsi seruetore;
Auzate, mm'è faore,
Chisto sia primmo pigno de la fede;
Lo secunno, ch'io campa,
Faccia lo cielo, isso è lo patrone;
Tu daie vita à sto core,
Nò morì, ca se muore, io puro moro.
Ma se t'è gusto, che sia castecato,
Chi m'haue spertosato;
Chi hà menato castica;
È stato l'arco, ad isso dà la morte;
Nò nsi tu contumace,
Spezza chiss'arco, e nuie facimmo pace.

Lin. O settentia è settentia troppo iusta.

Sir. Priesto accossi se faccia;
Tu pagarraie la pena, ligno nfammo,
Nò nseruarraie ped'arco, mò te spezzo,
Nò mmoglio, che compare chiù a lo munno;
Te rompo, e pò te ietto a lo zeffunno,
Arco, becco cornuto;
Tè cà t'aggio speduto.
E buie strale, ch'apriesteuo lo shianco
De Dorinna, la bella fata mia.
Ah tradeture, mo lo sentarrite;
Nò hiarrite chiù a caccia,
Nò nsarrite chiù strale;
Ecce ve ietto nterra, e ve scarpiso,
Và che siate accise,
Nò npozzate seruì, se nò npe fuoco.
Ammore te sò schiauo; lo deciste;
Si, ca nce nneuenaste;
O gran Segnore, azzetto ch'è lo vero;
Sì, ca faie nammorare,
L'huommene, e li Dieie;
Te sò schiauo, e t'adoro;
Patrone caro mio,
Sia laude, e grolia toia,
Ca no soperbo, è fatto nammorato;
Ma famme no seruitio
Manna a dicere à Marte,
Che nò nfaccia stò scuoppo;
Ca s'accide Dorinna, co Dorinna,
Siruio, che tu l'haie vinto,
Morarrà, sì pe Dio, se chessa more,
E perdarrà duie nammorate Ammore.

Lin. O chiaie troppo care;
Ma senza fine amare,
Si chella de Dorinna, hoie no nse sana?
Iammo, cà spero à Dio de la sanare.

Dor. Nò mme portare Linco viecchio mio,
Co stì panni à la casa de messere.

Sir. Che dice tu Dorinna? nò penzare
De hì à nesciuna casa,
Se n'à chella de Siruio,
O morta, ò viua, mme sarraie mogliere
E Siruio, ò mora, ò campa
Semp'è appriesssso sso shianco.

Lin. Ente iornata; e chi l'hauesse ditto,
A tiempo, ch'Amarille è morta nfamma.
O benedetta chioppa; ò granne Dieie,
Che co na morte sola,
Date la vita a Duie.

Dor. Siruio comme sto stracqua, affè nò npozzo
Spora stò shianco ch'è feruto, stare.

Sir. Nò ndobbetà de niente,
Trouarrimmo remmedio, che te sana;
Spero ca tù sarraie lo spasso nuostro,
Linco damme ssà mano.

Lin.                 È che buò fare?

Sir. Portammonnella a mmammara nocela.
Iusta è na seggiolella.
Dorinna ccà t'assetta,
Pò co lo vraccio ritto,
A lo cuollo de Linco, ed'a lo mio.
Po co lo manco vattenc'acconcianno
Coietamente, azzò che la feruta
Nò nte dia pena. Dor. O ponta,
Che m'haie ponta.

Sir.              Sì acconciata?

Dor. Accossi bene mio.
Hòra và sto bona.

Sir. Linco, ferma lo pede.

Lin.                      E tu lo vraccio
Nò gnì mouenno, portalo deritto;
Sta ncelleuriello, ca no nè crapetto,
E autra chesta Ninfa de na fera.

Sir. Dorinna te fa male chiù lo shianco,
Dimme te pogne? Dor. Sì core mio bello.
Ma nchesse braccio toie
Mm'è doce spata, spito, e mort'ancora.


PE CANTARE.

Oh ch'ammore trionfante,
Che nne scioscia no diamante,
Ente fortna
Menare à lupo, e cogliere à na luna.


Scompetura dell'Atto Quarto.



ATTO QVINTO

SCENA PRIMMA.

Vranio, e Carino.


Pe tutto stace buono, chi hà denare,
Ogne Casale à balent'ommo è patria.

Car. Auranio caro, e saccelo pe proua
Fatta da me, che le paterne case,
Gioueniello l'assaie, nè mme piacette
Zappà la terra, ò coli vuoie arare,
Sempre mò ccà, e mò llà me llaggio fatta,
Nfine, che partìe iunno, e torno viecchio.
Nò nnego, che nò nfia doce lo frutto
A chi n'è pazzo, ò scelleurato affatto,
De tornare à la casa, e a lo paiese,
Doue Natura proprio lo stampatte;
Mm'è muosso int'à lo core n'appetito,
Che sempre hà famma, e nò nse satia maie,
Iusto com'a quarerea cremmenale,
Curre, và doue vouie, ca quann'è scritta
Lo Scriuano t'appeda s'hauisse ale,
Autro ncapo nò hà, sempre fatica
Si te potesse hauè no iuorno mmano.
Cossì chi và lontano dalla patria
Cammenanno lo munno, voglio dicere
Si bbè arriuass'a terra, che li zimmare,
E le triobbie ogn'ora se sonassero
Lo penziero a la casa sempe tirate.
O da me sospirata, e cara Napole,
Tu de l'autre citate la llustrissema,
Napole bella recca, e gentelissema,
Nnenocchiato te faccio reuerentia;
Voglio morì chiù priesto che partireme
Da te ch'aie lo dominio, ch'abbenata
Me sento pe le bene no grà giubbelo,
Lo sango co lo core fa canalio;
Saie che n'è causa, Napole docissema;
Tu caro Auranio mio, ch'à lo cammino
Mme sì stato compagnio, ed'a li guaie,
Iust'è che bieng'a la casella mia,
E de le gioie meie la parte nn'aie.

Vra. Compagno de li guaie, e de desgusto
Te songo stato; ma mò tu ch'arriue
A la casella toa, llà t'arrepuose
La mente co lo cuorpo, frate mio.
Ma io che sò frostiero, commo faccio?
Penza tu, si fa miglia stò ceruiello mio,
Dicere ca lassaie la moglierella,
Co li figliule mie, ch'è no grà piezzo,
Secotiannote à tè; Io che sò biecchio
Pozzo bè arreposà sto stracco cuorpo,
Ma nò nse pò quetà lo celleuriello.
Chi vò dormì, penzanno a lo cammine
Ch'aggio da fare, Auranio frate mio,
E nnautra cosa, cridemella cierto,
Ca nullo sì non tu, me pote fare
Partire da la casa e nò nsapere,
Doue iunno, e perche tanto lontano.

Car. Tu saie, che lo bellissemo Mertillo
Datome da lo Cielo, à mme pe figlio,
Cadìe malato, c'ha chiù de duie mise;
Cossi pe se sanà lo poueriello
Iette à l'Aracolo, e la resposta fune
Ca llaria natiua lo sanaua,
Llà se ne iette; lo mone Auranio caro,
Nò npotea stare, si nò lo vedea,
Tornaiemenne à l'Aracolo, preganno
Si nce deuea ire; isso me disse.
Torn'a la patria toa, ca lla felice
Starraie tu co Mertillo, e senza guaie.
Ma fora de la patria cierto maie,
Trouarraie de lo bene la radice.
Tu adonca fedelissemo compagno
Auranio amato, e caro, tu che sempre
De la fortuna mia si stato a parte,
Reposate cò mmico, e auerraie
Da reposà perzì lo celleuriello,
E de la bona sciorta, che lo Cielo
Mm'haue pronostecato, nce haie la parte
Carino senza Auranio, farria zero
Si pò se lamentasse.
Aur.                Ogne nfatica
Ch'aggio fatta pe tè, si t'eie azzietto,
Carino chisto premmio le vasta.
Ma quale fu la causa, che lassaste
La patria, doue proprio nasciste.

Car. Comenziae gioueniello à berziare,
Voze, ch'ognuno proprio me ntennesse,
E n'hauie no golio, che nne crepaua;
Nò mme piacie, che sola me laudasse
Napole, terra mia, doue nasciette,
Ma voze acquista famma, e cammenaie,
Passanno Auerza, e Capua, iognette
Doue de lauro Petrarco ncoronaro,
A chella gran Cetate pò vedette
Lo Russo, che facea schuorn'à lo Sole,
Deuotamente le donaie cantanno
La giorlanna, ch'io fece da figliulo,
Me deueua abbasta mentr'arriuaie
A signo, che de mè nò nse redeua;
Nò ncanoscette la fortuna mia,
Me ne voze partire, e la sgarraie.
Che mme seruea lassare tanto bene,
E correre a lo nigro, ammaro mene,
Chello pe seruire pò patiette,
Sarria na storia, che si la sentisse,
A te darria antecore, e amme pietto,
Te dico ca perdì l'voglio, e lo suonno,
Scrisse, chianse, cantaie de caudo, e friddo,
Corrette, stette, comportanno sempre
Bone, e triste parole, e ncoppa, e sotto.
Ncrosione facea la sagnopengola;
E commo à lo cortiello tomaschino,
Che taglia nzò che bbueie, ò fauza, ò fina.
La paura me fu sempre nemmica,
E la fatica pò, sore carnale,
Perche lo ffece, pe cagniare luoco,
Stato, penzier, e bita, pile, e panno.
Nè mmaie cagnaie fortuna;
E cossi nfine (Auranio de sto core)
Me resolette, e bello me partie,
Lassanno chesse case de granezze,
E facenno de Napole la via,
Tornammoncenne, ca nò nfa pe mene;
Arriuaie, e pe gratia de lo Cielo
Trouaie Mertillo bello caro mio,
Che mme fece scordare d'ogne guaie.

Vra. O mille vote fortunato, e mille
Chi se contenta de lo stato suio
Carino mio, maie se deue lassare
"Lo proprio, pe trouà l'appellatiuo.

Car. Ma chi hauerria creduto, mpezzentire
Nfra le ricchezze, a doue nasce lloro?
Io me credea, che chesse case granne
Fossero tanto chiù le gente bone,
Quant'hanno chiù recchezze, e chiù denare;
Ma, Aranio mio nce trouaie lo contrario,
Gente c'hanno lo mele int'a la vocca,
E lo rasulo le stà sempre mmano,
Gente de faccia allegra, ma lo core
Nigro chiù della pece, e de tezzone,
Gente d'apperascentia, che la facce
Hanno caretatiua, e pò la mente
Mmediosa, forfanta, e trammaiola,
Chi parla, chiù de fede, e chiù pezzente,
A doue ad autre banne nce verdate
Ccà nce regna malitia, e trademiento,
Dire lo vero senza fentione,
Hauè na piatà sencera, e santa,
Essere pò de fede colonnone,
Hauere le mmano nette, leste, e hianche,
Diceno ca è na cosa d'asenone,
Sempre ridenno, ò gente de leuante,
De nganno, de buscie, de fauz', e furto,
Hanno vestuta la piatà meschina,
Ll'vno vace chiauanno nterra l'autro,
Dice ca chillo è latro, e isso è fino,
Chesse sò le bertù de ssa canaglia;
Nò portano respetto, nò hanno mira
A l'anne, ed'a lo grado, e a la vertute,
Nò n vonno hauè la vriglia de temmore,
Doue sì nato, e perche sì bbenuto,
N'hanno a memoria maie li grà nfaure,
Che le sò state fatte; e ncrosione
Nò nse lauda maie cosa, che sia bona.
Nò ns'à resguardo à la iostitia, none.
La caretate sempre và mancando,
Vasta che serua nCorte, e ccà fermammo.
Hor'io che saccio quarcosa a lo munno
Me scrisse nfronte chello c'hauea ncore;
Tu Auranio può penzare sì sse pene
Me fecero cagnare de colore.

Vra. Chi dicere vorrà ca stace buono,
Se mmideia a la vertute sempre affenne?

Car. Auranio mio, sì da chillo iuorno,
Che la Sià Musa mia, commo te dico,
Da Napole partìe, e iette a Lauro,
Hauesse hauuto spatio de cantare,
Comm'eppe spatio de se scippà sempre
Te iuro affè, ca se potea vantare,
Ca de li vierz'ess'era la locerna,
Merolla, co Cechala se couerna,
Ca m'hauarria toccato pe iostitia,
De foglia ncapo na corona aterna.
Ma oie frate è fatta assaie malissema
L'arte de Poetare; e nautra cosa
Ca vonno Cigne, e lloro sò asenisseme,
Vonno sentire de chisto, e de chillo
Lu strusce, e li soniette, e le canzune,
Perche lloro se piccano ca sanno,
Ma che? dì male, pouerielle lloro,
Ca sò tenute d'anemale à stalla;
Ma tiempo pare, che cerca Mertillo,
E me pare trouare ste padule
Cagnate, ma nò belle commo à primmo,
A mala pena canosca la Volla.
Nò nporta niente. Auranio caro mio,
Ch'à lengua, và nsardegnia, disse chillo;
Ma se te piace, à la chiù bbecina
Pagliara t'arreposa, e te sò schiaua.



SCENA SECONNA.

Titaro, Messo.


De te che chiagniarraggio, ò figlia mia,
Lo nore, ò lo campare?
Chiagniarraggio lo nore,
Perche ca tu ssi nata
Da no patre norato,
E nò da schornacchiata;
Ma de la vita toia, chiagniarraggio
La mia, ch'à da vedere
Co pena, e co dolore,
Morire, vita, e nore.
O Montano Montano,
Coss'Aracole tuoie,
E co sse strolachezze, vi che haie fatto,
Pouera figliolella; lo decette
Ca desprezzaua ammore,
Sso Siruio tradetore.
O gra settentia antica,
De Dottore saputo,
Che trouaie l'anteprimma a lo leiuto,
Disse de sta manera,
"Sacciate ca lo nore
"Nò contrasta co ammore,
"E femmena senz'ommo,
"Galera, e senza Commito.

Mes. Si nò è stato acciso, ò se lo viento
Vippeto nò nse ll'haue, deuarria
Trouarelo sta sera;
Veccolo affe? guardate,
Quanno manco penzaua. O vecchiariello,
Sia beneditto Dio ca te trouaie.
Ca te porro na noua.

Tit. E cosa vecchia, figliama ch'è morta,
Quale fierro l'accise?

Mis. Nò è morta, ma stà a chello;
Primma de mè quarchuno te l'hà ditto?

Tit. Donca nò è morta?

Mes                   None, è mano soia
Stà campare, e morire,

Tit. Puozze stare contente, e conzolato,
Tu che da morte a bita m'haie tornato;
Commo nò nse ne vene,
Se ne le mmano soie
Stà campare, e morire.

Mes. Ca nò nvole campare.

Tit. Nò nvò campare; oimè, quale pazzia
Le fa sprezzà la vita?

Mes. La morte de no cierto,
E se vossegnoria
Nò nfà de muodo
Leuarela de pede,
S'haue chiauato dint'à la cocozza
Morire, e conca resta se couerna.

Tit. Iammo, nò nchiù parole.

Mes. Fermate ca le porte,
De lo Tempio sò chiuse,
E nò nsaie tu, ca nò mpò tozzolare
Quanno lo sacreficio sta dinto
Si nò nè Sacerdote de Diana,
Azzò esca a l'autare bello, e limpio.

Tit. E se essa nfra stò miezo
Se ntossecasse, sarria peo lo riesto.

Mis. Nò npote, ch'è guardata.

Tit. E pò ch'è chesto, frate
Scaruoglia chisso gliuommaro mbrogliato,
Famme sapè lo tutto.

Mis. Arriuaie la scoressa (ò negra vista)
Nnanz'a lo Sacerdote, la figliola
Tutta gialla, tremmant'e appaorata,
Quanno fu bista, lo chiagnere granne
De l'huommene, che huommene? le prete
Chiagneuano, dicenno, nne no punto
Senza defenzione
E connanat'à morte? ò grà mmotore.

Tit. Figlia mia quanta pressa hauiste sopra.

Mes. La puzza ca na Ninfa
De causa scientia sapea la verdate,
De la nnocentia soia,
Maie venette stà Ninfa,
E perzò se le dette
Decreto, moriato;
E pò li signe, che foro sentute
Dintro a lo Tempio chine de spauiento,
Era na cosa granne,
Maie tale cosa è stata à sto pascone,
Da chillo iuorno, che la Signa Cintia
Se voze vennecare de l'ammure
De Locrinna e d'Aminta tradeture,
Che causa fu de la roina nostra,
Suda sango la Dea, tremma la terra,
E dinto de la cella
Se sente no strillare,
Remmure de catene,
Vuce d'arme dannate,
Lampe de fuoco fetente de pece;
Creo ca lo stisso nfierno
Non torn'essere peo; mà vanno apierto,
Ecco ca s'abbiaua
Lo Sacerdote, e figliata legata,
Ieua male contenta, e sconzolata;
Vedennola Mertillo (ò caso granne,
Che senterraie) diss'isso,
La morte mia, dia vita à chesta Ninfa,
Gridaua ad auta voce,
Scioglitele le mmano; ah fune nfamme
Portate à mme pe scagno suo a l'autare,
Faciteme scannare,
Co nchisto patto dico,
Ch'Amarille de mia pozza campare.

Tit. O granne nammorato,
O de fede lo chiù, che mmaie sia stato.

Mes. Siente sta mmaraueglia,
Chella che primma steua
Co na paura granne de morire,
Quanno sentìe Mertillo, fu colonna?
Co core franco disse:
Che te pienze Mertillo,
Co sso morire tuio
Fare campare à mme, che pe tè campo?
Haie fatto gran arrore.
Sù de la guardia, priesto
Portatem'a l'autare,
Stà caretà pelosa nò mme serue.
Torn'a gridà Mertillo,
Ah crodele Amarille,
Vide ca ssà piatate
Affenne troppo st'arma desperata;
Amme tocca morire. Amme te dice,
(Responneua Amarille) che pe legge,
Sò connannata; e lloco
Commatteano nfra loro, comme iusto
Fosse la morte vita, e bita morte.
O arme benedette: ò chioppa degna
D'essere ncielo auzate
O viue, e muorte sempre groliuse,
S'hauesse tante lengue, e tante vuce,
Quante sò à mmaro arene, e ncielo stelle,
Quant'à Gaieta mela gaitanella,
Deciarria poco, e niente
Laudanno notte, e iuorno a tutte ll'ore
Duie nammorate chine de valore.
O famma, che staie ncielo
Groliosa figliola,
Che co lo tiempo muste ciento cose,
Scriue a lettere d'oro, e de diamante,
Llun'e ll'autra piatà de ssi costante.

Tit. Chi de lloro vencette
A ssa grà commattuta?

Mes. Mertillo vense; ò che stupenna guerra,
Lo muorto vence, e la viua và nterra.
Cossì lo Saciardote
Diss'a la figlia toa; stà zitto Ninfa,
Chisto nò npò campare,
Mente pe tè s'è offierto a chist'autare,
Cossì la legge nostra nce commanna;
Disse a la guardia, che la figlia toia
Fosse bona guardata, azzo dolore
No le facesse fare quarch'arrore;
Autro de chesto nò nte pozzo dire;
Montano à te me disse che trouasse.

Tit. Ncrosione è lo vero
Napole vedarraie senza pegnate,
Senza polliere stare lo marcato,
Chi dice ca na bella figliolella
Stà senz'amore, è iusto no Carella.
Ma si se tarda, commo saparrimmo
Llora de hì à lo Tempio?

Mes. Ccà meglio assaie, de nesciun'autra banna
Potimmo stare, perche ccà è lo luoco
A doue lo pastore è connannato.

Tit. E perche nò a lo Tempio.

Mes. Loco delicti, dice lo decreto.

Tit. E perche nò à la grotta,
Se dinto de la grotta fu lo fatto.

Mes. A cielo spaso se fa sacreficio.

Tit. Chì ll'hà ditto sse cose, io no le saccio.

Tit. Montano me l'hà ditto, ed isso dice,
Da lo antico Terrenio l'hà sentuto
Ch'Aminta pe Locrinna tradetora
A cielo spaso fù sacrefecata.
Ora ssù iammoncenne, vi ca scenne
Lo sacreficio pe sacrefecare,
Iammo cà sarrà meglio
Pe chesta via chiù corta
Arriuare à lo Tempio
Pe sapè de figliata lo tutto.



SCENA TERZA

Choro de Pasture, Choro de guardia,
Montano, e Mertillo.


O Figlia a lo grà Gioue,
O sore de lo Sole, ch'à lo munno
Daie puro luce, e sì Frebbo secunno.

Ch.g. Tu che nce daie la vita,
Quann'esce abbota, abbota,
Cacce lo caudo de lo fratre tuio,
E pò daie frisco à nuie.
Sempre mezzana sì da la natura.
Tu puorte ne la terra la verdura,
Ngrasse le bacche, e lluommen'arricchisce,
E lo maro ammollisce,
Ammolliscete mò Sià Dea cortese,
Fance quarche piatate,
No nfa che chesta terra sia sporchiata.

Ch.p. O figlia a lo grà Gioue,
O sore de lo Sole, ch'à lo munno
Daie puro luce, e sì Frebbo secunno.

Mon. Nnerezzate l'autare
O de la guardia, e buie
Pasture a la grà Dea,
Deuotamente auzanno,
Chiammatela cantanno.
Ch.p. O figlia a lo grà Gioue,
O sore de lo Sole, ch'a lo munno
Daie puro luce, e sì Frebbo secunno.

Mon. Scostateue no poco
Pasture, e serueture, e nò n venite
Si nò nsentite, ch'io ve chiamma forte.
Giouane vertoluso,
Che pe dà vit'ad autro, muore tune,
Muore, ca sì balente, sulo eie
Vno sospiro à te, ma a l'autre è assaie;
O armo de grann'ommo,
Che co la morte toa te faie mmortale,
Saie che se diciarrà, tìenelo cierto,
Da mò pe ffi a la fine de lo munno,
Mertillo è stato asempio de la fede,
Legga chi nò lo sape, ca lo bede.
Ma perche bò la legge
Ch'a assierue lo selentio mente muore,
Primma che te nnenucchie a chist'autare?
Dì se t'accorre niente, e pò stà zitto.

Mir. Patre mio caro, e se patre te chiammo,
Nò nporta ca mm'accide, sò contento.
Lasso lo cuorpo nterra,
E ll'arm'ad Amarille vita mia.
Ma, oimè, s'essa moresse, quale parte
De mè restarria viua?
o che morì gostuso quanno sulo
Moress'io, e no essa,
Ca si more essa, more ll'arma mia.
(Che nò nsia maie, guard'arrasso sia)
Ma se piatate mmereta, chi more
Pe soperchia piatà; patre coriese
Fà chella campa, ed io
Co sta bona speranza mme ne vaga
A pagà lo destino, e la moneta
Sia Morte, patre caro.
Ma quanno pò sò muorto
Me conciede, ch'io campa dou'è essa?
Co ll'arma sulo, ma nò co lo cuerpo,
Pocca la varca mia voca a sto puerto.

Mon. Pe bregogna nò nchiagnio, e no nsospiro,
"O carne d'ommo, e commo sì mmollecchia.
Figlio stà de buon'armo; e quanto vuoie
Te mprommetto e fare; e pe sta capo
Te iuro, e co sta mano te do fede.

Mir. Mo moro conzolato.
A tè bengo Amarille,
Recipete Mertillo
De lo FIDO PASTOR l'arma te piglia
E co la nomme d'Amarille mmocca,
Fornesco lo parlare, e me nnenocchio,
Laso la vita, e m'abbraccio a la morte.

Mo. Che nò nse tarda chiù, Menistre a buie,
Allummate lo fuoco,
E iettatence dint'aggienzo, azzone
L'addore corra nfi a la granne Dea.

Ch. p. O figlia a lo Siò Gioue,
O sore de lo Sole, ch'a lo munno
Daie puro luce, e sì Frebbo secunno.



SCENA QUARTA.

Carino, Montano, Nicandro, Mertillo,
Coro de Pasture.


Me maraueglio, doue sso l'agente?
Vh quanta poco case? si no è arrore,
Veccone ccà la causa,
Ville tutte ca fanno lo torniello:
E quanta gente, e quanta
Belle vestute tutte de taranta;
Ccà se fa sacreficio.

Mo. Damme lo gotto d'oro
Necantro, doue è puosto
De Bacco lo tresoro.

Nic.                Veccelo lesto.

Mo. Cossi lo sango puro
T'ammollesca lo pietto, ò bona Dea,
E te faccia cenera
Come fa stà stizzella
De vìno ch'è bbenuto da cerella.
Stipate chisso d'oro, e à me date
Lo vocale d'argiento.

Nic.                 Veccouillo.

Mon. Accossi sia stotata
La collara c'hauiste pe Locrinna,
Comme chest'acqua fresca
Stuta la shiamma, e l'esca.

Car. Senz'autro è sacreficio,
Ma nò nce vedo piecoro.

Mon. Tutto stà apparecchiato,
Nò nce manca autro, sù damme l'accetta.

Car. Veo, ò nò nveo, vno da dereto
Co le denocchia nterra,
Ch'à hommo s'assemeglia,
Homm'è lo poueriello; ma nò nvide
Lo Saciardote ca le tene ncapo
La mano, pe le dà co lo martiello;
Sfortonata Porchiano, nò è fornuta
L'ira contro de tene pouerella.

Ch. O figlia à lo Siò Gioue,
O sore de lo Sole, ch'à lo munno,
Daie puro luce, e sì Frebbo secunno.

Mon. Ecco gia Dea, che la priuata corpa
Co prubeco castico à nuie tormiente,
Mentr'accossi te piace
Accossi s'assequesca,
Chella prouesione, c'haie stampata,
Già che nò nfù bastante
Lo sango de Lucrinna, e che nò vauze
A desseccare chella sete ardente
De la iostitia toia;
Viuete stò nozente
Che bolontariamente vò morire,
Te, n'autr'Amenta fido.

Ch. O figlia à lo siò Gioue,
O sore de lo Sole, ch'à lo munno,
Daie puro luce, e sì Frebbo secunno.

Mon. O che granne piatate sento npietto,
Tutto me ntennerisce,
Oh che granne stopor', tutto me lega,
Lo core no haue ardì, nè pò la mano
Auzà lieggio lo fierro; tutto tremmo.

Car. Lo vorria vedè nfaccia
Primma che mme ne iesse, lo scontente,
Ca nò n'aggio armo vedè nullo muorto.

Mon. Chi sà, nfaccia à lo Sole, che mò trase,
Nò nsia buono sgarrà la carne d'hommo,
E perzò me senteua
Mancà le forze, e sbattere lo core.
Votate a chesta vanna,
E co la faccia mmierzo de lo monte,
Cossi staie buono.

Car.              Che beo io sfortunato
Nò nvide ca mme figlio,
Oh bene mio, Mertillo.

Mo. Accossi pozzo.

C.                Troppo eie isso.

M.                                Menà
Lo cuorpo iusto.

Car. Che faie patrone mio?

Mo. E tu ommo de niente
Perche tiene lo fierro, ed haie ardire
Auzà la mano doue è cosa sacra?

Car. Mertillo bene mio
Cossi t'abbraccio mò, che buoie morire.

Mo. Viecchio và ca sì chino de pazzia.

Ca. Nò mme lo credea maie.

Nic.                      Fatt'arreto
Nò ntoccà co ssa mano schefenzosa
Cosa cara a li Dieie.

Car. Le songo caro pur'io, perche lloro
Ccà mme mannaieno.

Mo.               Zitto
Sentimmolo Necantro, e pò se parta.

Car. Patrone caro mio
Primma ch'a chella capo
De chillo sfortunato cada fierro,
Decite perche more, e te ne prego
Pe chella Dea ch'adure.

Mo. Pe cosa tale tu m'haie scongiurato,
Che nò npozzo dì none;
Ma che te nporta chesso? Ca nporta assaie

Mo. Perche ca isso de volontà soia
Vò morire ped'autra.

Car. Donca ped'autro more?
Morarraggio io pe isso; eh pe piatate
Nnerezzate a sta capo
Lo cuorpo, ch'à Mertillo è apparecchiato.

Mo. Ammico haie fatto arrore.

Car. Perche a mme negate
Chello ch'ad autro date?

Mo. Perche ca sì frostiero.

Ca.                         E si nò nfosse.

Mo. Manco te seruarria;
Nò npò campare chillo
Che s'eie affierto a morte pe quarch'autro.
Ma dimme chi sì tu? nò nte canosco,
Nè maie ccà t'aggio visto;
Vaie vestuto a no muodo
Nò da Napolitano.

Car. De Napole songo io.

Mo. A chesta terra maie nò nte vedette,
Nè maie te canoscette.

Car. A Napole sò nato, e sò Carino
Patre de sso meschino.

Mo. Tu padre de Mertillo? ah ch'arriuata
C'haie fatta, pe nuie troppo sconzolata.
Sù dico, fatt'arreto,
Co chesse lagremelle
De patre, nò nfacisse, che nò nvaglia
Lo scareficio azzietto.

Car. Eh, se tu fusse patre.

Mon. So patre, e n'aggio chiù de no figliulo,
Che me lo tengo caro; e bi che dice,
Se chesta fosse de Siruio la capo,
Sarria apparecchiato a fà a lo mio
Chello, che de lo tuio aggio da fare.
"Ca conca veste manto de iostitia
"Deue serrare l'vuocchie, e nò npenzare
"Ca t'è figlio, ò compare.

Car. Lassate, che lo vasa nnante muorto.

Mo. E chesto manco.

Car.              Mertillo, ò sango mio,
E tu pure chiù crudo,
Che nò respunne à patreto dolente?

Mir. Coietate gniò patre.

Mo.                      Ò nigre nuie
Lo sacreficio è rutto; ò granne Dieie.

Mir. Ca nò npoteua meglio chesta vita,
Fare chello, ch'à fatto.

Mon. Già me lo smacenaie,
Da quanno vedde chiagnere lo patre,
Disse, chisto mò parla.

Mer. Oimè ca fece arrore,
Me scordaie stare zitto,
La legge de selentio sgarraie.

Mon. Ma che s'aspetta; sù priesto a lo Tempio
Tornatelo a portare,
E a la cella nostra nnautra vota
Renoua volontario lo vuto,
E pò cà lo tornate, e portate
Vintesett'onze d'acque, vino, e fuoco;
Su spediteue priesto
Primma, che lo Siò Sole faccia riesto.



SCENA QVINTA.

Montano, Carino e Dameta.


Tu viecchio presentuso
Rengratia lo cielo cà sì patre,
Che si no era, pe sta capo iuro,
Te voliue sentì no remicannum.
Ente presenzione?
Canusce chi songo io,
Vide sta mazza, tienemente buono,
Con chesta quanto voglio pozzo fare.

Car. P'addommannà piatate,
"ò vaggio ncioriato.

Mon. Sì ca te nnaggio fatto tre cantara,
Presentuso pezzente,
Si mme saglie a lo musso lo senapo,
Se mme vene ncapriccio,
Dameta piglia palle, porua, e miccio.

Car. Chiano, no tanta collara,
No ve stà bona cierto,
Aggiate a ll'vuocchio sempre la piatate,
Facite, ch'aggia luoco la ragione,
Stienne ssa mano ritta a fare bene,
Se nò mme vuò fa gratia, te sò schiauo;
Fa à lo mmanco iostitia, te ne prego;
Perche lo diue fare,
Mentre daie legge a tutte;
Nò nfa, che manca a te ca t'è grà scuorno,
Commanna quanto puoie,
Ca sarrà fatto cuiù de quanto vuoie;
Ma te cerco na gratia, ch'è iostitia,
Fammella core mio,
Se no la vuò fà a mme, fall'a te stisso,
Nò accidere Mertillo ca è peccato.

Mo. Comm'è peccato, fammelo sentire.

Car. Nò mme llaie ditto tu, ca no è buono
Sacrefecare sango de frostiero.

Mo. Ll'aggio ditto, e lo dico, tu che buoie.

Car. Chillo è frostiero, nò nse le pò fa male.

Mo. Frostiero, brauo? commo, nò nt'e figlio?

Car. Vasta, nò chiù nò iammo tanto nnante.

M. Fuorz'era nato à Trocchia, ò a Pascarola

Car. Chi vò ntennere assaie, sà poco cose.

Mo. Siase commo se voglia, nò nt'è figlio?

Car. Nò m'e figlio te dico, ch'è frostiero.

Mo. Spedimmola t'è figlio, o no nt'è figlio.

Car. Nò llaggio gnenetato, e nò m'è figlio.

Mo. Ora và ca mò nnante lo deciste.

Car. Te disse figlio, ma nò de sti rine.

Mo. Si pazzo và te viue le cient'oua.

Car. Se fosse pazzo nò auerria dolore.

Mo. No può negà d'essere latracchione.

Car. Conca dice lo vero è mariuolo.

Mo. Ette figlio, ò nò nfiglio, forfantone.

Car. Lo cresette, ma nn'e de me carnale.

Mo. Veccote ca t'è figlio, e no nfrostiero,
Si nò nn'è figlio, di che ne vuò fare?
Già sì committo ca nò le sì patre.

Car. Dico la veretate a Vossoria,
No ndico la boscia.

Mo. E boscia, ca te si contraditto;
Co lo parlare tuio ssi a sette vote.

Car. Te dico ca tu faie na grà ngiostitia.

Mo. Venga sopra sta capo,
E sopra chella de figliemo
Tutta chesta ngiostitia.

Car. Tu te ne pentarraie.

Mon. Te ne pentarraie tu, se nò me lasse
Fornì l'afficio mìo.

Car. Testemmonia vostra, huommene, e Dieie.

Mon. Auza la voce sì, ca sì sentuto.

Car. Se nò mme siente, none,
Sencame cielo, e terra,
Sencame la grà Dea, che cà s'adora,
Ca Mertillo è frostiero,
Nò m'è figlio, e chisto sacreficio
Nò è azzietto.

Mon.          Aiutame tu cielo
Co st'ommo npertenente;
Nfine quale è lo patre
Pocca no è figlio a te.

Car.                   Io no lo saccio,
Vasta ca no nsongo io.

Mon. Vi se nò ndice niente,
Nò è nato de sso sango?

Car.                   Nò signore.

Mon. Perche lo chiamme figlio?

Car. Da chillo primmo iuorno
Sempre l'aggio tenuto comme a figlio
Pe da ffi a mò, e commo a figlio l'ammo.

Mon. Fuorzete fù donato, ò l'arrobbaste?

Car. A Preta Ianca llà me fu donato
Da no cierto frostiero.

Mon. E bbè chillo frostiero
Isso da doue l'eppe.

Car. Nce l'haueua dat'io.

Mo. Me vene rraggia, e riso a sso parlare,
Brauo, te fù donato
Chello, c'hauiue dato.

Car. Lo suo proprio le dieze,
Ed isso mme ne fece no presiento.

Mon. Tu oie me faie votà lo celleuriello,
Doue l'hauiue hauuto?

Car. Sotto na macchia d'addoruso mirto
Poco primma trouaielo,
Proprio a la volla ceca de lo pascone,
Tanto bell'era, e lo chiammaie Mertillo.

Mon. Nò gliotto tanto priesto, quanto pienze,
Sonce lupe a la volla.

Car.                  E sò feruce?

Mon. E nò nse l'hanno magnato.

Car. Se l'onne de lo shiummo
L'haueuano portato co na furia
A na certa ripetta
Chiana a muodo de scuoglio,
Che le stess'onne guardia le faceuano.

Mon. O commo arringhe brauo le boscie,
L'onne sò tanto chiene de piatate
Che nò l'hanno annegato;
M'allegro ca li shiumme sò notricce
Ch'allattano li ninne.

Car. Steua dinto a na connola de chiuppo,
A muodo de varchetta,
Bona nchiauata cierto,
Me creo che fosse fatta pe iettare
Sto nigro peccerillo,
Ma lo shiummo da bbene
Lo portaie a saruamiento a la ripetta.

Mo. A na conola steua?

Car.                  Te l'aggio ditto.

Mo. Nfasciolla lo figliulo?

Car.                       Tanto bello.

Mo. Quanto ha buono ch'è stato?

Ca.                           Fa lo cunto,
Quattro e tre, noue, e noue a dicedotto,
Da che fu lo delluuio tanta songo.

Mo. Me sento no prodito pe le carne.

Car. Nò nsape che se dicere,
E stà puro ostenato,
O celleuriello duro chiù de maglio.
Manco se vò cagliare,
Pe l'amore, ch'è Sinneco sbraueia,
Vo sapè chiù de tutte,
Non mbì ca strolacheia,
Vò che sia proprio comme piace ad isso;
Hà fatto arrore, e mmò lo bbò coprire
Co lo brocchiero d'ostenatione,
E s'hà chiauato ncapo,
Dio mme la manna bona sta iornata.

Mo. Chill'ommo, che decea ca ll'era figlio,
Nò npotea hauè ragione, chi lo dice.

Car. Frate nò nsaccio cria.

Mo.                        E nè mmaie,
Lo vediste, ò te fù ditto mmente?

Car. Tanto ne saccio, quanto t'aggio ditto.

Mo. Di, lo canusciarrisse.

Ca.                       À primma vista.
No pastore a la bona, gruosso gruosso.
De varua castagnaccia,
De mezzana statura,
Le ciglie supra ll'vuocchie, e naso nfacce.

Mo. Venite a mme pasture, e bbuie guarzune.

Dam. Vecconce ccane.

Mo.                 Ora tiene mente
Quale de chisto s'assomeglia à chillo
Hommo che faie

Car.           À chillo che co tico
Iusto s'arresemglia?
Patrone mio eie isso,
E mme pare lo stisso,
Ch'aue vint'anne e manco no pilillo
Aue cagniato, ed io sò tutto ianco.

Mo. Tornateuenne arreto, sulo tune
Dameta resta, e dimme
Si canoscisse chisto.

Da.                  Me pare lo conoscere,
Ma doue, nò llo saccio.

Car.                  Io farraggio
Che t'allecuorde buono.

Mo.                    Lassa a mene
Pimma parlà co isso, agge pace,
Cò llecientia te scosta.

Car. Quanto me commannate.

Mo. Respunne à mme te dico
Dameta, e nò me dire la boscia.

Dam. Oimè, che sarà chesto.

Mon. Quanno tornaste tu mo fà vint'anne
Da cercare nfasciolla lo fegliulo,
Che mm'arrabaie la laua;
No mme deciste, c'hauiue cercato
Pe tutto a tuorno l'acqua della volla,
E nò ntrouaste niente?

Da. Perche lo buò sapere.

Mo. Respunne a tunno, nò mme lo deciste?
Ca perdiste lo tiempo.

Da.                   Signore sìne.

Mon. E be, quale figliulo tu donaste
A chill'hommo da bene
Che ccà t'hà canosciuto?

Da.                     Aue vint'anne,
Chi se vò allecordare tanta cose.

Mo. E chisto è biecchio, e puro s'allecorda.

D. Ca deue pazziare.

Mo.                 Mo mò lo bedarimo
Doue sì pelegrino.

Car.              Ccà;

Dam.                  Ò fusse
State acciso.

Mon.         Dimme
N'è chisto che te fece lo presiento.

Car. Isso fune.

Dam.           De che presiento parle?

Car. Nò nt'allecuorde tu quanno veniste
A lo Tempio de Panno, e la resposta
Auiste da l'Aracolo,
Te ne voliue ire;
Io me te fece nnante, e pò te disse,
Che cercaue, e che hauiue, e lo deciste,
E mme diste li signe, e contrasigne;
E pone te portaie
A la capanna mia, nò nce trouaste
No figliulo a na connola, e diciste
Sia lo tuo, te ne faccio, no presiento?

Da. Che pe chesto, nce niente.

Car.                          Lo figliulo
Che mme donaste tune, io pò sempre
Llaggio comm'a no figlio notrecato,
E mò lo sfortonato a chiste autare
Se vò sacrefecare.

Da. Potentia de destino.

Mo.                     Ancora nieghe?
Quanto a ditto è lo vero.

Da. Cossi fosse muort'io, comm'è verdate.

Mo. Morraie cierto, si nne miente appriesso,
Quale causa te mosse
De donà chello, che no era tuio?

Da. Nò ncercà tanto nnante
Patrone, nò ncercà, pe Dio ca vasta.

Mo. Tu mmaie muosso a chiù seta,
Parla dico, te do ssa mazza ncapo,
Vecino sì a la morte
Se faie che nautra vota te lo dica.

Da. Perche lo Signò Aracolo preditto,
Mme disse: lo figliulo c'haie trouate
Pericolo porta d'essere (se torna)
Acciso da lo patre.

Car.               Ò ch'è lo vero
Me nce trouaie presente.

Mo.                     Oimè ca tutto
E chiaro lo fatto, e troppo lesto
Lo suonno, e lo destino
Fanno de viso testemonianza.

Car. Ence quarc'autra cosa, sinne cierto?
Che ntorracà.

Mo.          Certissemo ne songo,
Assaie deciste tu, assaie ntise io;
Oh n'hauesse cercato, e tu manco saputo;
O Carino, Carino
Co tico cagno dolore, e fortuna;
Chello che circe tu, sò fatte miei.
Chisto m'è figlio: ò figlio,
Troppo desgratiato,
Chiù io nfelice patre,
Figlio mio da la laua
Arrobato, e saruato,
E mo ste mmano t'anno da sgarrare,
Mentre che t'aggio trouato,
O sango sì bbenuto a lo steccato.

Car. Tu patre de Mertillo? ò grà stopore,
E comme lo perdiste?

Mo. L'arrobaie lo delluuio mmarditto,
Mo nnante no ll'aie ntiso; ò figlio bello
Fuste saruato quanno te perdiette,
Ma mo sì bero schiauo
De lo Signò Maimet.

Car. O prouedentia granne,
O che granne sapere
Quanta cose aie stipate, e oie le cacce,
Si pignataro cierto
Miette la mano doue piace a tene.
Grà ncosa aie gnenetato,
Prieno è sso fatto,
Figliarrà creo priesto
O grà bene, ò grà male.

Mo. Ecco quanto me disse lo siò suonno,
Suonno sbregognatone,
A mmale verdatiero,
A bene busciardone.
Nò è chesta chella nzoleta piatate,
Chesta è chella paura,
Che facenno lo chiappo,
Sentie pe dinto a llossa,
Cosa contra natura, e mme dicea;
Ferma sì patre, e le vuò fa so cuorpo.

Car. E che pretienne? addonca
Tu le sì patre, e le vuò fa sso sceruppo?

Mo. Nò npò pe autra mano,
O sia femmena, ò ommo
Cader'à chiste autare.

Car.                  Patre a figlio
Le vorrà dà la morte?

Mo. Cossì commanna a nuie la nostra legge,
Nò nse pò perdonà pe nullo muodo.
Prega, e sconciura, ca lo Signò Amenta
Nò nvoze perdonare ad isso stisso.

Car. O destino drautto,
E doue mmaie condutto.

Mo. Vedere de duie patre
La soperchia piatate fa lo bboie,
Tu mmierzo de Mertillo,
Io mmierzo de li Dieie,
Te crediste saruarelo
Neganno essere patre, e llaie perduto.
Io penzaua, e credeua
D'accidere lo tuio,
Lo mio va pe lo miezo.

Car. Ecco lo suonno, vecco
Vi comm'è chiaro, quanto male figlia.
Mertillo vita mia, chesto è chello
Che de tene l'Aracolo m'hà ditto?
Cossi a la terra mia,
Me faie gaudere; ò figlio
De stò viecchio meschino, e sbenturato,
Mazza pe m'appoiare,
E mo la morte me la vò leuare.

Mo. Lassa chiangnere a me Carino frate;
Ca eie lo sango mio;
Commo, perche lo mio?
De sto cortiello ca da fa la festa.
Figlio perche nasciste? perche te gnenetaie
Figlio chino de guaie.
La laua te saruaie,
L'onne nò ntannegaie,
E mò lo patre t'hà da stroppeiare.
Granne Dieie de lo Cìelo,
Vuoe che site patrune aternamente,
Vuie nò nfacite mouere na fronna,
Nè ammaro manco n'onna,
Nè auciello pe llaria, decite
Quale granne peccato
Hà fatto chisto viecchio sfrotonato,
Accidere no figlio, che nnaue autro.
Ma se puro io peccaie,
Figliemo che haue fatto?
Perduono pe stà vota,
E co no furgolo comme a li giagante
Forgoreia a mmene ò Signò Gioue.
Lo furgolo no spara,
Spararà sto cortiello;
Die sì ca se renoua
L'asempio d'Amenta,
Muorto li patre vedarrà lo figlio,
Chiù priesto che ste mano diano morte
A lo propria figlio;
Muore priesto Montano,
Oie te tocca morire.
O là vuie tutte Dieie,
Nò nsaccio sì de Cielo, ò de lo nfierno,
Vuie, che auite grà gusta
Quanno vno se despera,
Ecco sò desperato, a la bon'ora,
Chisto è lo gusto mio, chesto me piace,
Sospire, chiante, guaie, pene, e tormiente,
Co buie fornesco st'aspra, e negra vita.
Nò nce speranza chiù d'auere sciorte,
A la morte, a la morte.

Car. O viecchio poueriello,
No haue chiu celleuriello,
La collera la fatto sbareiare,
Conzidero la pena, che ne siente,
Chi no lo crede, mente
Si digno de piatate,
E chi no nnà, le cadano li diente.



SCENA SESTA.

Tirrenio, Montano, e Carino.


Fa priesto figlio mio,
Stienne lo pede iusto
Azzò te secoteia, e nò nderrupa
Pe chisto petrecuso, e stuorto monte,
Io pouero cecato,
Ca tu sì l'vuocchio mio;
Stà ncelleuriello figlio,
E quanno sì arriuato
Nnanze à lo Sacerdote llà te ferma.

Mon. Non è chillo che scenne da lo monte
Terrenio patre nuostro?
Che nò hà vuocchie nterra, e bede ncielo?
Quarche gran cosa cierto,
Lo fa benire, perche hà no gran piezzo
N'è asciuto de la cella.

Car. Piacesse a la bontate de li Dieie,
Che te portasse quarche bona noua.

Mon. Che meracolo veo Patre Terrenio,
Tu fora de lo Tempio? doue vaie?

Tir. Veng'a trouare a tè,
E cose noue porto, e noue cerco.

Mo. Commo tu no lo saie quant'è socciesso
Ntuorno a lo sacreficio? perzone
S'è tardato no poco,
Azzò che bengha nietto, ianco, e puro.

Tir. "O quanto è meglio
"Ll'vuocchie senza la vista, e bed'assaie,
"La vista fa che l'arma
"Stia sempre trauagliata,
"Massema quanno è ntrata
"Dintr'a chillo giardino,
"Apere l'vuocchie, e tira a no carrino.
"N'abbesogna Montano
"Passare allegramente quarche guaio,
"Che n'aspettaste maie,
"Ca l'opere de terra quarche bota
"Scenneno da lo cielo,
"E pò li Signè Dieie
"Non prattecano nterra,
"Nè nparlano co l'huommene de viento;
"Ma quanno siente quarche cosa granne,
"Che lo puopolo tutto và decenno,
"Autro no è se nò nparlà celiestro.
"Cossì fanno co nuie ssi Dieie de spanto,
"E sò le buce lloro,
"Sord'a l'aurecchie, e gridano a lo core
"De chi le ntenne, ò cinco vote, e seie
"Viato chi le ntende, e ne fa cunto.
Steua già pe portà lo sacreficio
Commo tu commannaste, a Necantro;
Ma io lo nterroppette pe no signo
Accaduto a lo Tempio;
Oie tutto nne no tiempo,
A tene s'è scontrato,
No mbruoglio, e me fa stà tutto confuso
Mmiezo de la speranza, e la paura,
Che quanto chiù lo ntenno, no lo ntenno;
E bide che te dico,
O è buono, ò tristo ntrico.

Mo. Chello che tu no ntienne,
Lo ntengo io negrecato, anze lo prouo;
Ma dimme tu che puoie
Co chisto nciegno adotto
Sapere de lo cielo li secrete,
Che sarrà de sto fatto.

Tir.                   O figlio, figlio
Si sapessemo sempre
Li secrete de suso,
Sarriamo chiù lla suso de li Dieie,
Ma saccio buono, e co la mente mia
Te dico ca li Dieie sso grà nsecreto
Nò nvonno che lo saccia si nò lloro;
Perrò mme songo muosso, e bengo a tene,
Si pe ntennere meglio
Qual è che s'è scopierto oie patre,
Pe quanto da Necantro haggio saputo,
De chillo gioueniello,
Ch'à morte è connanato.

Mo. Oimè ca lo canusce
Terrenio, chiagnarraie
Tanto t'è seruetore, e boun'ammico.

Tir. La laudo ssa piatate, è bona cosa
Haue compassione de l'affritte.
Ma famme no piacere figlio caro,
Fa che io parla co isso.

Mo. Canosco ca lo cielo
Sta vota n'ha boluto,
Che tu sonasse a mmene sto leiuto;
Lo patre che tu cirche
E con chi vuò parlare io songo chillo.

Tir. De chillo gioueniello ch'appontato
Sacrarese a la Dea?

Mo. Lo sfortunato patre
De figlio annegrecato.

Tir. De chillo gran Pastore,
Che pe da vita a n'autra vò morire?

Mo. Chillo che fa morenno
Campà chì le dà morte,
Morì chi lo stampatte

Ti.                  E chesto è bero?

Mo. Ecco lo testemmonio.

Car. Quanto t'hà ditto è bero chiu che bero.

Tir. Tu chi sì, che respunne?

Car. Io so Carino
Patre nfi mmò de Mertelluccio mio.

Tir. Chisso figliulo tuio fosse maie chillo,
Che t'arrobaie la laua?

Mo.                    Oimè ca sine
Terrenio.

Tir.      E tu pe chesto
Te chiamme patre affritto? sù Montano
Doue sì, sì cecato, torna ntene,
Nò nvide ca sì dinto de na grotta,
Chiena de scuretate; hù che notte
Che nc'addormenta ll'arme;
Scetance Sole tu sant'e saputo,
Tu sì lo vertoluso,
Nò ncò l'huommene nò da te procede
Quant'hauimmo de bene, e de sapere;
Ll'hommo è cò ntico iusto na formica,
Tu faie che llerua pognia, e nò nsia ordica.
O Montano de mente chiù cecato,
Che nò nsongo io de ll'vuocchie,
Farfarella t'hà fuorze addobbiato,
Mentr'è la veretate,
Che chillo bello figlio haie gnenetato.
O patre assaie felice,
E da li Dieie tenuto lo chiù caro
De quanta sò à lo munno,
C'hanno fatto maie figlie.
Ecco lo grà nsecreto,
Che mme s'annasconneua,
Vecco lo iuorno, vecco,
Cò ntanto sango nuosto
E cò tante sospire pò aspettato,
Ecco lo fine de l'affanne nuoste.
A doue sì Montano
Scetate, e torna ntene.
Fuorze t'è asciuto da lo celleuriello
L'Aracolo fammuso?
L'Aracolo che sempre è stato ncore
De tutto sto Porchiano poueriello.
Nò nvide ca te dace a no momento
Quanno manco penzaue lo fegliulo.
Nò nsiente ll'aute vuce;
"Ca maie nò nfornarane chi v'affenne,
"E si che da Cielo non cognonga ammore.
(M'esceno da lo core,
Lacreme de docezza senza fine,
Che io nò npozzo parlà) No nfornarane

Nò nfornerane maiè chi v'affenne
Ffi che de Cielo nò cognonca ammore
Doie schiatte soccie, azzo l'antic'arrore
De na femmena fauza
No Pastore iustissemo l'ammenna.

Dì no poco Montano, stò pàstore
De chi se parla, che deuea morire,
Nò scende da lo Cielo, nò nt'è figlio?
Amarille no scenne da lo cielo?
Chi l'haue strinte nziem autro ch'ammore?
Siruio da li pariente fù pe forza
Fatto, che co Ammarille se znorasse,
Ca nò nc'haueua niente de penziero,
Tutto l'ammore suo steua a la caccia.
Si assammene lo tutto vedarraie,
Ca de Mertillo ntesero li Dieie;
Quanno maie s'è beduto, ò quanno ntiso
Da pò d'Aminta, dico
Morì, si nò Mertillo?
Eccote na piatà de gran Pastore.
Ch'abbasta a fa purgà l'antico arrore
De la nfedele, e perfeta Lucrinna;
Ent'atto c'haue fatto de stopore;
Che ne vò fa lo cielo de lo sango,
Vò vedere lo core,
S'è prunto hauè castico de l'arrore,
E laua chella macchia de no tiempo.
Che Locrinna facette, comm'è scritto.
Ecco nò ntanto priesto ch'iss'arriua
A lo Tempio pe renouà lo vuto,
Che cessano li signe, e cessa l'ira;
Non suda chiù l'autaro de la Dea
Sango, nè mmanco tremma lo solaro;
Nò chiù se sente vuce de spauento
da chella cella, anze n'esce
N'addore de prefummo, e no cantare
Lo chiù soaue che sia stato ntiso;
(Voglio dicere a muodo de parlare;)
O prouedentia de li granne Dieie,
Si ste parole meie
Fossero arme tutte,
E tutte à nore vuostro
Fossero conzacrate, manco niente
Sarriano a chelle gratie, che m'haie fatto!
Ma comme voglio fare, ecco ve renno
Nnenocchiato, e basanno sempre nterra
Vmmelemente; ò Dieie
Quanto ve deuo dà, cient'anno songo
Che nascette a lo munno,
Nè maie sentì che cosa fosse vita
Si nò oie la conosco, e oie mm'è care.
ma che perdere tiempo co parlare,
Dammo à lo matremmonio;
Auzame figlio mio ca io nò mpozzo
Senza te de m'auzà, piacesse à Dio.

Mo. Terrenio, n'allegrezza haggio a lo core,
Ma co na marauiglia s'è nzerrata,
Che nò n vo scire fore,
Nè pò ll'arma confosa
Mannare fora tanta granne gioia.
Sta mmarauiglia tutto m'hà legato.
O nò mmeduto maie, nè maie ntennuto
Meracolo de cielo;
O gratia senza fine.
O piatà troppo granne de li Dieie,
O abbènturata Terra,
O sopra tutte l'autre, che lo Sole
Dace lo llustro, tù sì la chiù bella,
De tè gusto tant'io,
Che nò nsento lo mio, nè de Mertillo
Che lo perdiè doie vote,
E doie vote trouato, e io ancora
Esco da na shiomara de patere,
E traso à na shiomara de gaudere,
Mentre penzo de te nò mm'allecordo
De l'allegrezza mia, ch'è na spotazza,
E nò nse sente affront'à lo grà mare
De le docezze toie;
O beneditto suonno,
Non suonno nò, ma veseione vera,
Ecco Porchiana mia
Comme deciste tu ca sarrà bella.

Tir. Mò, ch'aspiette Montano,
Nò mbole chiù da nuie
Sango d'hommo lo Cielo,
No nnè chiù tiempo de mennetta ed ira,
Ma de gratie, e de guste; oie nce commanna
La granne Dea pe parte de scannare,
Se faccia matremmonio, feste, e iuoche.
Ma dì no poco tu che nc'è de Sole?
Mo. Vn'hora, ò poco chiù.

Tir.                      E bene notte;
Sù tornammo a lo Tempio e ccane venga
Mò la figlia de Titaro, e lo tuio nziemme
Che se diano la fede tutte duie,
De marito, e mogliere, l'vno porta
L'autr'a la casa de lo patre, priesto
Facciase mone mprimma che lo Sole
Se n'entra, ca cossi vonno li Dieie
Che siano tutte duie legate nzieme.
Torname figlio doue m'haie pigliato,
Secoteiame Montano ne lo Tempio.

Mo. Ma vide buon'Terrenio,
Che nò nfacimm'arrore co la legge,
De chella fede ch'essa dette à Siruio.

Car. E da Siruio sia data,
Siale data la fede,
Ca Siruio co Mertillo sò tutt'vno,
Ch'è proprio nomme soia, nò Mertillo,
Voz'isso, che Mertillo lo chiamasse,
Ma Siruio me disse lo guarzone.

Mo. Và ch'è lo vero, m'allecordo buono
Siruio ch'è lo secunno,
Pe me scordà lo primmo che perdiette.

Tir. Mportaua chesta cosa; ora ssu viene.

Mo. Viene a lo Tempio puro tu Carino,
E sacce ca Mertillo hoie hà trouato
Duie patre, tu no frate, ed'io no figlio.

Car. D'amore le so patre, a te fratiello,
A tutte duie no schiauo ncatenato
Sarrà sempre Carino;
E mentre a me te mustre tanto grato,
Te prego de nò piacere,
Sto compagno te sia arrecommannatò,
Ca mm'eie caro quanto se pò hauere.

Mo. Fanne chello che buoie.

Car. O cielo singhe sempre beneditto,
Chi vò  arriuare a tè sempre saputo?
Ente gratia ch'è scesa nne no punto,
Cosa de nne fà cunto;
E nuie meschine co lo strolacare
Penzammo pe bbia storta d'arriuare.


SCENA SETTEMA.

Corisca, e Linco.


Cossì, Linco, lo Signore Siruio
Quanno manco penzaie fù nammorato;
D'essa che se ne fece?

Lin.                  La portaiemo
A la casa de Siruio, e la mamma
Chiagnenno se l'accouze,
Affe ch'è na grà nfemmena norata.
Deceua, ò figlio bello
Haggio grà gusto ca te sì nzorato.
Ma pone c'hebbe visto lo pertuso
De Dorinna meschina
Sospiranno decea,
Chi me l'hauesse ditto sta iornata,
Na sogra haue doie nore,
Ll'vna sorata, e ll'autra smarfarata.

Cor. Ed è mort'Amarille?

Lin. Mmè creo ca sì, nn'è chino stò paiese,
Perzò corro a lo Tempio a trouare
Messè Montano, e dire, che nò grida,
Se perdut'hà na Nora, n'ascia nn'autra.

Cor. Dorinna nò è morta.

Lin.                    Gnora none.
Campasse accosi tu con chella festa,
E cò nchella allegreza, che sent'essa.
Nò sfondaie la frezzata, e hìe de sguinzo;
A la piatà de Siruio,
Si bbè fosse sfonnata
Puro sarria sanata.

Cor.                Quale nchiastro
La sanaie cossì priesto?

Lin.                    Siente buono,
Tutta ssa cosa, e spanta de stopore.
Steuano tuorno a la feruta Ninfa
Miedeche, e medechesse,
Deceuanto, te volimmo medecare,
Maie se fece toccare,
Sempre decea, chella ianca mano
De Siruio, che mme ferie
Venga, e me tocca essa ca sò sana,
Se ne iezero tutte,
Restai Siruio, la mamma, & io perzine
Duie a fa la stoppata,
E Siruio iea toccanno la frezzato
Co nn'armo de leiono lo fraschetta
Chiano chaino annettaie
Lo sango ch'era scurzo da la chiaia;
Io vidde chella carne iancolella;
O Dio comm'era bella,
Dapò c'hebbe annettato, iea cercanno
Soauemente cacciare la frezza,
Ma chella frezza cruda
Tanta forz'heppe quanno fu terata,
Che nce restaie la ponta; ora mo lloco
Siente l'angoscia, e li stridure granne;
Maie se ne potte ascire;
Spriemme, fa quanto vuoie
Netta paletta, cacciala se puoie;
Nò nserue co lo tasto hì attentanno,
O co lo gammautto hì taglianno.
Steuano ncrosione,
Ma troppo era piatosa, e nammorata.
De Siruio la mano a la frezzata;
Fierre ccà, fierre llane,
Cierto ammore nò nsana de ssò muodo.
Ma chella pouerella sfortunata,
Parea che nò hauesse la frezzata;
Ca steuambracca a Siruio,
Lo quale co no core de leione
Disse, a fierro traitore, mareiuolo
Mo tu te n'haie da scire, nne stò punto;
Chillo che t'ha tirato
Mo mo te cacciarrà da chisso shianco
Te cacciarraggio mò pe bia de caccia,
Mentre pe bia de caccia nce trasiste.
De n'erua s'allecorda,
Ed'eie la ferrania, che la crapa
Quann'haue famma se và a satorare;
Essa mostraielo a mme, Natura ad essa;
Ca nò è troppo lontana e cossì hiette
Vecino a na padula, e ne cogliette
Nò fascio, se ne venne dou'a nuie;
Spremmette, e caccia zuco,
Co zuco de veruena, e la radice
De cinco nierue, e la mmescammo nzieme,
Ne fecemo no nchiastro muollo, muollo
Sopra la chiaia, bello;
O vertute de ll'erue, lo dolore
Nò nsente chiù, lo sango se stagnatte,
E ncapo de no poco
Spremmette, e lo fierro ascette fore;
Le torna lo colore a la zitella,
Commo n'hauesse maie sentuta chiaia,
Nò nfu pericolosa,
Lo pericolo fu ca nce restaie
Chella ponta mmardetta,
Nò ntoccaie ntereiure,
Nè mpassaie banna, e banna.

Cor. O grà bertute d'erua, e chiù bentura
De Dorinna, ch'è sana.

Lin. Mo chello ch'è passato nfra de loro
Se pò chiù priesto penzare, che dire;
Dorinna già stà bona, e già se reie
Sopra lo shianco, e se ne sente meglio.
Cò ntutto chesto dimme tu Corisca
Nò ncride ch'è feruta de chiù cose,
Ll'arm'erano de fierro, e mmò de botta
Se sò cagnate, e vò che siano vase.
Ma chillo fraschettone, hauite visto?
Da cacciatore è fatto nammorato
Quanno vedeua na femmena foieua,
Mò se la tene mbracca, e spereteia;
Sempre dice: Dorinna bella, e cara,
Nò nvuoie tu bene à Siruio che t'odiaua?
Essa responne, e dice,
Sì, core mio felice.

Cor. O Linco, dì no poco
Sì puro chillo Linco
D'ammor, chi'ere no tiempo.

Lin. D'armo sò Linco, ma de forze none,
La coda è fatta secca, e n'è chiù berde,
Spengo sempre pe doppie sore mia.

Cor. Ora ssù iammoncenne;
Mò ch'è mort'Amarille.



SCENA OTTAVA.

Argasto, e Corisca.


O iuorno zippo zippo de docezza
Tutto chino de gioie, e d'allegrezza,
O terra abbentorosa, ò cielo santo.

Cor. Ecco ccà Argasto, ò comme vene a tiempo.

Erg. Lo cielo, co la terra, fuoco, ed'acqua
Fanno allegrezza nziemme co lo munno;
Ma che munno dic'io? dint'a lo nfierno
Se fa Festa, e le pene sò cessate.

Cor. Ch'allegrezz'haue chisto.

Ar.                           Care foglie
Ch'à lo chiagnere nuosto, e a li sospire
Chiagniste a sciabbacco, mo gaudite,
E cantanno gioite, chè s'hauesse
Lengue, quanta sò frunne
Aruole scure, e frutte
Pe la terra, e pe tutto, hoie se fa festa;
Se canta le benture, e le grannezze
De sti duie nammorate.

Cor.                  Iss'è cierto,
Parla de Siruio, e de Dorinna, creo;
Forz'è ch'io campa, e priesto
La fontana de lagreme seccare,
E a chella de lo spasso me sciacquare,
Pocch'è mort'Amarille
D'autro cuiù nò nse parla sulo sulo
De hì a spasso a Posileco, e a Pezzulo.
No npenzammo chiù à guaie campammo ngustoto;
Argasto doue vaie cossi festuso
A quarche zita fuorze?

Ar.                   Tu l'haie ditto
Haie ntiso buono tale sciorta granne,
De ssi duie nammorate, dì Corisca,
Vediste maie no caso accossi sciuocco?

Cor. Me ll'haue ditto Linco, ed'io pe chesso
Nn'haggio hauuto no gusto troppo gruosso,
Che m'hà fatto scordà, se Dio me guarde
La morte d'Amarille pouerella.

Ar. Mort'Amarille, e commo, e quanno è stato
Fuorze nne st'hora, dimme?

Cor. De Dorinna, e de Siruio.

Arg. Che Dorinna, che Siruio,
Nò npische troppo nfunno; st'allegrezza
Esce da na fontana
Chiù de chella ch'è à Porta Capoana.
Te parlo d'Amarille, e de Mertillo,
Chioppa la chiù felice c'haue Ammore,
Chioppa allegra de core.

Cor.                    Non è morta
Donc'Amarille?

Ar.           È biua, e mmaretata,
Contente, conzolata.

Cor.                Tu me burle?

Arg. Te burlo? mò lo bide.

Cor.                      Vi ch'à morte
Fù connanata.

Ar.          Ma pò liberata.

Cor. Te nsuonne fuorze, ò io nzonnanno sento?

Arg. Tu mò la vedarraie se ccà te firme,
Co Mertillo venire da lo Tempio
Doue sò iute, perche s'anno dato
La fede, co no vaso nzoccarato,
Lo matremmonio è fatto, ed'à le case
De Montano iarranno tutte duie
Pe cogliere lo frutto ammaturato,
Che tanto tiempo lloro hann'adacquato.
O se vedisse l'allegrezza granne,
Se sentisse lo gaudio che se face,
Corisca, da lo puopolo, e d'ogn'vno,
Femmene, huommene, picciole, e becchiune,
Tutte mmescate nzieme intr'à lo Tempio,
Facenno festa, cantanno, e sonanno,
Pare che p'allegrezza siano pazze;
Se marauiglia ogn'vno,
Correno co grà nfesta à salotare
Sta chioppa che lo cielo hà da sposare;
Chi lauda la piatà de lo Pastore,
Chi de la Ninfa canta lo grà nnore;
Chi rengratia lo cielo nnenocchiato;
Chi à Panno, dice, oie singhe laudato;
Ncrosione, Porchiano va cantanno,
Viua lo PASTOR FIDO pe mill'anne.
Mmeretate che bentura,
Da poueriello, ricco;
Da pastoriello, farese Signore;
Sautare nne no punto
Lo fuosso de la morte, e ghì a la vita;
Fare no matremmonio
Che mmaie se lo credeua.
Corisca che te pare,
Hauenela scieruecchiata à la bon'hora;
Gaudiscete Amarille ca t'attocca
Chella che poco nnanze
Volea morire prìmma che l'ammare
Chella che pe l'honore facea fuoco.
T'hà portato a lo luoco de gaudere,
Alegrezza, allegrezza ogn'vno dica,
Allegrezza Corisca bon'ammica,
Fà allegrezza Corisca pe Amarille
Commo facc'io pe lo Signò Mertillo.

Cor. E no lo bide Argasto
Commo stò allegra.

Ar.               Eh, se tune hauisse
Vista la Siàbellissema Amarille
Quanno dette la mano pe la fede
A Mertillo, (ò che spasso)
E quanno po Mertillo dette ad essa
No vaso, c'haueria fatto cadere,
Pe tanta la docezze, n'ommo muorto;
Che Rose, che Papagne,
Ogne ncolore, le dia luoco, e ceda,
Ceda lo russo che bene da Spagna,
A chella facce ch'a l'arma Natura
L'hà fatta rossa, bella, netta, e pura,
Steua vergognosella
Chella faccella bella;
Ma chello russo le facea brocchiero.
Foieua ne nchill'atto,
Quanto lo Siò Mertillo
Le voleua conzegnare no vasillo,
Mm'à lo foire se trouaie destra
A lo scuntro vasisco, e co chiù festa,
Vasaua, ed arrobbaua
Co arte de mastressa
Lo vaso de Mertillo,
Facea la schifosella, commo iusto
Hauesse doglia, e gusto;
Decea, nò nfare sune, azzò che isso
La vasasse chiù spisso.
O vaso ch'arrobaste
Duie core da duie piette;
O vaso, che la chiaua
Tu l'haie de lo recietto,
O docissemo vaso,
Che singhe beneditto
Nò pozzo chiù Corisca,
Mo voglio hì deritto;
A trouare mogliere,
Ca chi nò ll'hà becino è grà nsommiere.

Cor. Se sta cosa è lo vero
Corisca sta iornata
O sì nfamma, ò sarraie sempre norata.


SCENA NONA.

Choro de Pasture, Corisca, Amarille,
e Mertillo.


Viene viene Ammeneo,
Viene à sti vute de sti nammorate;
Tutte duie sò biate,
Scenneno da lo cielo semmedeo.
Stringne ssò matremmonio Siò Ameneo.

Cor. Oimè tropp'è lo vero, ecco lo frutto
De le malitie toie, che cuoglie, e miete;
O penziere, ò speranze,
Comm'à pallune carreche de viento;
Donca à na nzeprecella
Cercaie de da la morte
Pe satorà ste boglie carnalacce,
Cossì cecata fuie,
Mò chi m'apere ll'vuocchie? oimè, che beo?
Lo gra npeccato mio,
Che me parea felicetate sempre.

Ch. Viene viene Ammeneo,
Vien'à sti vute de sti nammorate,
Tutte duie sò biate,
Scenneno da lo cielo semmedeo,
Strigne sso matremmonio Siò Ammeneo.
O Pastore fidato,
Vi doue sì arriuato,
Dapò de tante lagreme, e dolure.
Dì nò nn'è chesta chella che lo Cielo,
La terra, e lo destino te vetaua?
Chesta sempre t'ammaua,
Perzò no lo mostraua,
Perche hauea dato fede,
Se la rompeua, morte l'accedeua.
Ecco tocca Mertillo,
Chella facce celeste, e li bell'vuocchie;
Lo pietto co le mmano,
Fanne chello che buoie, parpezza, e tocca,
Tocca ca nullo te pò dire niente,
Nò nce sò chiù tormiente, e no nparole.

Mer. Co mme pozzo parlare
Se nò ncreo de campare,
Nò nsaccio doue stongo,
S'è lo vero, ò me sonno,
Dicalo la docissema Amarille,
Perche m'ha trasformato
Tutto doue stac'essa, e sò biato.

Ch. Viene viene Ammeneo
Viene à sti vute de sti nammorate,
Tutte duie sò biate
Scenneno da lo cielo semmedeo,
Strigne sso matremmonio Siò Ammeneo.

Cor. Che facite co mmico
Vuie bellezze busciarde, e tradetrice,
Ornamiente a lo chiuppo, e macchie a ll'arme.
Iate, ch'assaie m'hauite
Abrusciato, e ngannato,
E perche terra site llà ve ietto,
Fuga ammore da me cagno conziglio,
Abbraccio l'honestate, e llà mm'appiglio.

Ch. Viene viene Ammeneo
Viene a sti vute de sti nammorate
Tutte duie sò biate
Scennno da lo cielo semmedeo,
Strigne sso matremmonio Siò Ammeneo.

Cor. Ma ch'spiette Corisca,
Prega ch'ancora è tiempo pe perduono,
Haie paura de pena:
Che chiù grà pena puoie
Hauè de sso dolor', che t'accora.
Chioppa bella, e biata,
Che tanto da lo cielo sine Amata,
Ed'à ssò matremmonio se ngrina
Ogn'vno che stà nterra,
Ben'è ragione ch'io perzò v'adora,
Io che tessiette tanta trademiente,
Pe ve dà nott'e iuorno pene, e stiente;
Perdoname Ammarille, se cercaie
Chillo che tu cercaste, gaudetillo,
Ca gaude no Pastore
Lo chiù chino de fede che sia nterra
E tu Mertillo sacce
Ca chessa Ninfa è chiaua de lo nore,
Cridelo à mme pastore chino de fede;
Ma tu sapia Ammarille
Primma che ll'ira toa mè cada ncapo,
Tiene mente a la facce de Mertillo
Vedarraia lo peccato
C'hà Corisca meschina è perdonato.
Donc'Amarille bella
Perdoname te prego,
Perdoname, pe amore te scongiuro,
Ammorosa Amarille, e de ragione,
Ch'io troua lo perduono, ment'ammore
E trasuto co gusto int'a sso core.

Am. Nò nsulo te perdono
Corisca, ma t'abbraccio,
Voliste bene, e nò nce nneuenaste,
Lo fierro co lo fuoco, che dà pena,
Quann'ha sanato a chi è sanato è caro;
Commonca me sì stata
Hoie ammica, ò nemmica
E stato lo destino, che te fice
Pe fà gaudere à mme, penzare a tante
Trademiente, e boscie;
O felice boscie, o care nganne;
Ma se puro te piace
D'hauere gusto de li guste miei
Viene a le feste meie Corisca bella,
Viene ca t'ammo chiù de na sorella.

Cor. O ch'allegrezza sente
Lo core mio de lo perduono hauuto.

Mer. Io puro te perdono
Quant'haie fatto Corisca; ma nò nchesto
Tanto chiacchiarià, scumpela mone.

Cor. Restate mpace, à Dio.

Ch. Viene viene Ammeneo
Viene à sti vute de sti nammorate,
Tutte duie so biate,
Scenneno da lo cielo semmedeo,
Strigne sso matremmonio Siò. Ammeneo.


SCENA DECEMA.

Mertillo, Amarille, Choro de
Pasture.


Cossi donca song'io
Dint'a li guste, e pur'aggio dolore?
Cossì donca song'io
Dint'a lo grasso, e puro me ne scolo?
Chest'autro nce mancaua
Lo ntuppo de Corisca,
Spedimmonce ch'è tardo ò gioia mia.

Am. Come si pressarulo.

Mer.                   O spasso caro,
No stò securo ancora, ancora tremmo;
Nè maie sarraggio cierto te gaudere
Pe ffi che n'arriuammo
A la casa de patremo, e llà stammo.
Chisto me pare suonno,
Tremmo che nò mm'asciasse pò scetato,
E tu Amarille cara
Te ne sbignasse, ò vis'Angelecato;
Facimmone la proua,
Famme schitto sentire
Iammo Mertillo mio, iamm'à dormire.

Cor. Viene viene Ammeneo,
Viene a sti vute de sti nammorate,
Tutte dui so biate
Sceneno da lo cielo semmedeo,
Strigne sso matremmonio Siò Ammeneo.


CHORO.

O benedetta chioppa,
Che chianto haie semmenato, e riso cuoglie
Gaudisce ca li mbruoglie
Sò asciote, e nò nsongo chiù mbogliate.
Acossi buie mparate
Cechat'e troppo tiennere mortale,
Li pesature, che ve fanno male.
Nò nn'è sano ogne spasso,
Sempre nc'è lo compasso,
Chell'è bero gaudere,
Che nasce da vertut'è da sapere.


Scompetura de tutto lo Pastor Fido





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Il pastor fido in lingua napolitana" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home