Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Distruzione - Poema Futurista
Author: Marinetti, Filippo Tommaso, 1876-1944
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Distruzione - Poema Futurista" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                             DISTRUZIONE



                       Opere di F. T. MARINETTI


    La Conquête des Etoiles, poème épique. (3.me édition).
    _Editions de la «Plume»._ Paris......................... Frs. 3.50

    Destruction, poèmes _Léon Vanier, éditeur_. Paris....      »  3.50

    La Momie Sanglante, poème dramatique _Editions du «Verde
    e Azzurro_». Milan.....................................    »  2.--

    D'Annunzio intime, (4.me édition). _Editions du «Verde e
    Azzurro_». Milan.........................................  »  2.--

    Le Roi Bombance, tragédie satirique. (3me édition). _Editions
    du «Mercure de France_. Paris............................  »  3.50

    La Ville charnelle, (4.me édition). _E. Sansot et C.ie éditeurs_.
    Paris..................................................... »  3.50

    Les Dieux s'en vont, D'Annunzio reste, (11.me édition).
    _E. Sansot et C.ie, éditeurs_. Paris.....................  »  3.50

    La Conquête des Etoiles, (4.me édition suivie des jugements
    de la Presse internationale). _E. Sansot et C.ie éditeurs.
    Paris_...................................................  »  3.50

    Poupées électriques, drame en trois actes en prose, avec
    une préface sur le Futurisme. (4.me édition). _E. Sansot
    et C.ie, éditeurs_. Paris................................  »  3.50

    Enquête Internationale sur le vers libre, précedée du premier
    Manifeste du Futurisme. (8.me mille). _Editions Futuristes
    de «Poesia»_. Milan......................................  »  3.50

    Mafarka le Futuriste, roman africain. (21.me mille). _E. Sansot
    et C.ie, éditeurs_. Paris................................  »  3.50

    Re Baldoria, traduzione della tragedia satirica _«Le Roi Bombance».
    Fratelli Treves, editori_. Milano........................  »  4.--

    Mafarka il Futurista, romanzo, tradotto da Decio Cinti
    (12º migliaio). _Edizioni Futuriste di «Poesia»_. Milano   » 3.50



                           F. T. MARINETTI

                             DISTRUZIONE

                           POEMA FUTURISTA

               Traduzione dal francese in versi liberi



                          EDIZIONI FUTURISTE

                             DI "POESIA"

                        MILANO--VIA SENATO, 2

                                1911



                         PROPRIETÀ LETTERARIA



     POLIGRAFIA ITALIANA (Società Anonima)--MILANO--Via Stella, 9



  DEDICA



  1.

  INVOCAZIONE AL MARE ONNIPOTENTE
  PERCHÈ MI LIBERI DALL'IDEALE.



  Mare, divino Mare, io non credo, non voglio
  credere che la terra sia rotonda!
  Miopia dei nostri sensi! Sillogismi nati morti!
  Logiche defunte!...
  O Mare, io non credo
  che tu malinconicamente t'avvoltoli
  sul dorso della Terra
  come una vipera sul dorso d'un ciottolo!...
  L'han dimostrato i Sapienti,
  che tutto seppero misurarti, e che tutte
  scandagliarono le tue onde...
  E che importa?... Nessun sapiente mai
  saprà comprendere il verbo tuo di delirio!...
  Sei infinito e divino!... Me lo giurasti, o Mare,
  col grave giuramento delle tue labbra schiumanti
  che va da spiaggia a spiaggia, ripercosso
  dagli Echi attenti e protesi come vedette in agguato.
  Me lo giurasti, o Mare,
  coll'irosa tua voce, che i tuoni
  furiosamente scandono!


  Infinito e divino, tu viaggi, o Mare,
  come un fiume felice della sua vasta pienezza...
  Oh! chi potrà degnamente cantare
  l'epitalamio dell'anima mia
  che nuota nel tuo grembo immenso?...
  E le nubi abbagliate ti fanno cenni d'invito
  allorchè senza sforzo ti slanci
  nella profondità imperscrutabile
  degli orizzonti!...


  Come un fiume dall'acque lustreggianti
  e venate di fiamme,
  tu ti slanci, o Mare,
  dirittamante là, negli orizzonti!...
  Hanno torto i sapienti che lo negano,
  poichè spesso ti vidi, in meriggi d'apoteosi,
  folgoreggiar lontano come una spada d'argento
  puntata contro l'esasperante perfidia
  dell'Azzurro implacabile!...
  Rosseggiante e crudele io ti vidi,
  implacabilmente brandito
  contro il fianco carnale
  d'una sera d'aprile agonizzante
  fra le capigliature demoniache della Notte!...
  O Mare!
  O formidabile spada atta a fendere gli astri!
  O formidabile spada
  sfuggita dalle mani infrante d'un Dio moribondo!...


  Ed i Tramonti, i sempre diversi Tramonti,
  sono le sanguinanti ferite
  che tu apri, o Mare, attraverso il tempo,
  per vendicarti! per vendicarti!...
  Che ne dicono i Sapienti?
  E voi che ne dite, vecchi magici libri,
  lambicchi eterni, argentee bilance, telescopi obliqui?....
  D'altronde, checchè dicano, hanno torto, i Sapienti,
  se negano la tua essenza divina,
  poichè solo il Sogno esiste
  e la Scienza non è se non il triste
  deliquïo d'un Sogno!


  Come un fiume sterminato nell'infinito ti sprofondi,
  e le flessuose Stelle di zaffiro,
  in metalliche vesti
  che palpitano e accendonsi alle pieghe,
  indolenti si sdraiano sulle tue rive!
  Intanto gli Astri imperiosi dagli elmi aguzzi di fuoco,
  agili in lor guaìne di smeraldo,
  s'ergon sulle tue spiagge, stendendo sui flutti
  le loro braccia di luce,
  per benedirti, o Mare che t'avventuri
  via per le azzurre praterie del cielo,
  ove spargi il tuo desiderio eterno
  e la tua folle voluttà!...
  Radiose vene dello Spazio!
  Sangue puro dell'Infinito!


  Vennero a sgambettare sui tuoi promontorî i Sapienti,
  marionette ridicole
  sospese agl'intricati fili delle piogge d'autunno,
  per esplorarti, o Mare!...
  Tu non sei, per costoro, se non un misero schiavo
  senza posa atterrato, senza posa
  flagellato sulla sabbia
  dai Venti, carnefici tuoi!...


  Non si curano, i Sapienti,
  de' tuoi singhiozzi, nè della tristezza
  sommergente degli occhi tuoi...
  Hanno detto che sei l'idropisia d'un mondo decrepito
  e che nelle curve della terra t'insinui
  come gli umori malsani per entro i meandri
  del corpo umano...
  Altri ti videro inverdire di fiele, di sanie, di bava,
  e farti rosso ai crepuscoli....
  Dissero che tu, Mare, senza tregua indietreggi
  lontano dalle spiagge, e vai morendo
  miseramente disseccato!...
  Per essi, non sei che una serpe
  di cesellato oro giallo,
  che torcesi a guisa di borchia
  sul messale aggrinzato della terra...
  Ma che importa?... I martelli e i trivelli
  della tua voce, sapranno frantumar facilmente
  le effimere parole!...


  Io che t'amo e t'assomiglio... io che credo
  alla tua divina potenza,
  canterò la tua marcia trionfale nello spazio
  che da parte a parte attraversi
  spiegando scintillanti acque solenni
  pettinate dai turbini in seno all'Infinito!...
  Gonfia tu l'anima mia,
  o Mare, come una gran vela d'oro!...
  Batti e sommergi, o Mare,
  coi tuoi flussi e riflussi di porpora e di raggi
  la desolata spiaggia del mio cuore!...


  Innumeri stelle nostalgiche sono discese
  nella tua maestosa corrente di fiume,
  e van frugando a nuoto l'ampio orizzonte,
  e spiano attente il lontano
  chiaro estuario dalle eterne frescure,
  per placare il lor cuore dai rigidi nodi di fiamma,
  per calmare l'ardore
  delle loro braccia di luce!...


  Affrettati, o Mare!...
  Tori giganti di vapore, dalle groppe monumentali,
  scendon--li vedi?--indolenti verso le tue rive,
  trainando gli enormi carriaggi
  delle Costellazioni!...
  Vengono a dissetarsi alle tue lucide acque,
  e dondolan le teste informi
  sotto le divergenti corna di fumo,
  e grondano dalle froge
  innumerevoli mondi che brillano.


  Un prodigio? Un prodigio?... Echi sonori,
  ripercuotete il grido dello stupore e della gioia!...
  Il gran miracolo, o Mare, s'è dunque avverato?
  Sì! Sì! Finalmente
  nelle mie vene ti sento,
  o turbolento Mare, o Mare avventuroso!...
  Eccoti in me, come io ti desidero!...
  Galoppa or dunque, sotto il tuo gran pennacchio romantico
  di scarmigliate nuvole...
  inebbriato galoppa nel mio cuor che s'allarga!...
  Aizza, aizza l'accanita muta
  delle tue tempeste abbaianti,
  e coi tuoi lampi le sferza,
  perchè feroci s'avventino contro le Stelle nemiche!...



  2.

  LA MIA ANIMA È PUERILE.



  O Mare, la mia anima è puerile
  e strilla e si dibatte per avere un giocattolo!...
  Dàlle tu le tue barche pesanti e panciute,
  che vanno in processione simili a preti in gran pompa,
  alto portando l'albero come l'asta
  di un palpitante stendardo quadrato
  gonfio d'oro solare...
  per divertirla, o Mare, per divertire
  l'anima mia!


  Già mille volte, con tutta la fame del mio sogno gagliardo
  vi assaporai, lente vele ammainate a metà,
  vele color di concio, di ruggine e d'ocra,
  vele più succulente che grappoli favolosi,
  pendenti dall'alberatura
  come dalla vigna scintillante di una Terra Promessa!...


  A me gli àcini vostri, violacei e trasparenti!
  V'invoco per le labbra insaziate
  e per gli occhi voraci della mia anima!


  Che festa, o Mare, che festa radiosa
  l'averti tutto in me, liscio, le sere d'estate,
  con la tua pelle di serpe squamata di crisolito
  e col tuo ventre roseo, niellato, di lucertola!...
  Gioia della mia carne!
  Abbeverarmi io voglio, con delizia,
  alla freschezza, o Mare, dei tuoi spruzzi volanti
  e dei granelli di ghiaccio che mi metti alle ciglia...
  Orgia trionfale dei miei sensi!
  Afferro la criniera sferzante delle tue onde
  per cavalcare nuda la loro groppa veemente,
  fiutando a polmoni aperti
  un acido e melato odor di velli
  fermentanti di bionde putredini al sole!...


  Mi tuffo a mani giunte,
  e affondo, agitando le braccia,
  nella mollezza diafana del tuo seno che ondeggia,
  per cercare il tuo sangue più fresco
  nelle verdi tue viscere profonde...


  Ah! Ecco, risorgo! Risorgo scrollandomi
  con agili scatti di reni, fuor della schiuma che ribolle!
  Olà! Non so che farne,
  o marinai, dei vostri ramponi, e le vostre boe
  affonderebbero tutte
  sotto il peso del mio corpo!...
  Nel sontuoso orizzonte occidentale
  meravigliosamente pavesato,
  senza sforzo m'innalzo--puntando le braccia,
  che scivolano e s'irrigidiscono--
  su, da una pietra all'altra, da una sporgenza all'altra,
  ed a scatti mi rizzo,
  nudo e tutto grondante, su la cresta del molo!...


  Balzo tre volte, e già eccomi in piedi
  sul mucchio enorme di _coke_,
  che la magia della Sera diamanta
  miracolosamente!...
  Ritto, inalbero come in un delirio
  la mia figura aïtante d'eroe
  fra i grandi velieri che beccheggiano
  alla risacca,
  e fra le lor vele a brandelli
  sanguinolenti di porpora,
  che le gru dal fantastico lungo collo metallico
  laceran d'un gran colpo giravoltante di becco...


  Così, così, nudo e tutto grondante,
  con la pienezza risonante dei miei polmoni di bronzo,
  così io canto, o Mare, la sublime allegrezza
  delle tue mostruose spanciate di fiamme e di stelle!...


  Empimi il petto, o Mare, del frastuon de' tuoi porti
  sonanti come incudini infernali
  sotto pesanti martelli in tumulto
  che a volta a volta fingono la folgore e il tuono!...


  Con alte grida io t'invito, o Mar tentacolare,
  o Mar maledetto, a schiacciare
  sul tuo seno il mio corpo, teso come un grand'arco
  fatto per scoccar l'odio su bersagli invisibili.
  Ecco, o Mare, i baci neri d'un condannato a morte,
  ecco gli avidi baci di un'amante in agonia,
  ecco le mani adunche di un affamato ebbro d'odio!...
  Ecco: io afferro il mio cuore a piene mani
  così da spremerlo,
  per saziar la tua fame e per estinguere
  la tua gran sete, o Mare,
  abbeverandoti di me!..


  Ed ora fra le tue onde versicolori io vedo,
  in un gioco abbagliante di fuochi e di specchi,
  tutto il passato mio che lentamente affonda!...
  Il mio vasto cuore affamato
  che un tempo abbaiava alla luna
  come un cane, vomitando macigni di voce arrogante
  nelle tenebre fonde... il mio vasto cuore affamato
  di polpe siderali,
  galleggia in balìa dell'onda
  come una gonfia carogna, a zampe all'aria,
  scortata da sciami rombanti
  di grosse mosche verdi...
  Io vedo intanto,
  nella tua elastica trasparenza,
  farsi pallide e rosee, delicatissimamente,
  guance molli d'amore di lontane amanti obliate.
  Le tue piccole onde sorridono
  trotterellando sulla ghiaia...
  Così, così a timidi passi io seguivo
  il bel sogno fiorito di due verginali pupille
  e il riposo del cielo fra labbra innamorate!...
  Così io camminavo a passi timidi
  nel serico fruscìo delle vesti muliebri,
  andando verso l'ardente penombra persuasiva...


  Orrore! Imbottita è la spiaggia
  di fetide alghe, e vi giacciono
  le scorie delle navi, i rottami,
  le putrescenti schegge dei grandi naufragi!


  O mio Sogno, o mio Sogno tutto in lagrime,
  li odi, i vapori che van trascinando
  muggiti simili a grandi gesti spossati,
  lontano lontano,
  verso il vasto _al di là_ degli orizzonti?...
  E non vuoi tu seguirli, o mio Sogno
  mortalmente ubbriaco d'Infinito?
  Più in alto! ancora più in alto! Odi tu
  le lamentose chiamate della Notte in delirio,
  e il gocciar delle sue lente lagrime argentee
  che nelle campane tintinnano?...
  Non vuoi tu obbedire alla Notte?


  O Mare, vasto sepolcro abbagliante,
  verso di te io tendo le mie braccia,
  tôrte dal desiderio...
  O Mare che ti trasformi sotto i miei occhi
  in un tino gigantesco
  ove fermenta e ribolle
  una enorme vendemmia di vecchi mosti sfrenati,
  io, vacillante e briaco, un'altra volta mi rizzo,
  nudo e tutto grondante, su la cresta del molo,
  tra i tuoi fumi ossessionanti d'orgoglio e di Nulla!...
  Io m'adergo, esaltato,
  nello sbandieramento regale di questa Sera divina
  che solenne accompagna il mio funerale!...


  Oh! l'ebbrezza angosciosa di gettarmi,
  o Mare, nel tuo seno,
  giunte le mani come per pregare!
  M'immergerò cento volte nella freschezza lucida
  de' tuoi gorghi carnali,
  mollemente legati da chiome femminili!


  Vedo venirmi incontro
  una turba di piccole onde vezzose
  dalle braccia fiorite, dai grandi occhi pazzi,
  che mi sorridono e folleggiano tendendomi le guance!...
  Vedo correre a me
  una turba di piccole onde vezzose
  che scoppian dalle risa colle lagrime agli occhi
  sotto il tuo bacio, allegro Sole,
  sotto il tuo bacio d'oro che ratto svanisce...
  ed ecco piangono
  celando gli occhi fra le braccia ignude,
  quando tu destramente fra le nubi t'ascondi!
  Io balzerò da un'onda all'altra, fuggendo
  lontano dai tronconi delle gomene infrante,
  lontano dallo sguardo allucinante dei fari,
  scivolando fra le lor braccia grondanti di luce
  che senza fine si prolungano,
  o Mare, a notte alta,
  sulla tua folle ebbrezza di scolaro in baldoria.


  Olà! Sei tu ancora, vecchio Sol seminudo,
  che passi in un intreccio di lampi
  sull'orizzonte?
  Ti sei dunque camuffato da Re barbaro?...
  Non vedo infatti la tua faccia d'incendio
  volgersi in lontananza
  sotto una tiara colossale di ebano?
  Non vedo infatti oscillare
  la tua gran barba dai cespugli di rame?
  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
  Eccoti, o vecchio Sole, superbamente piantato
  su un onagro turchino,
  mentre sparisci là giù all'orizzonte,
  a gran carriera, inzaccherando
  di fuoco e d'ombra l'azzurro.
  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
  Oh! saprò ben raggiungerti
  nuotando con furore di ondata in ondata,
  e duemila bracciate mi basteranno certo per afferrarti
  vecchio Sol disilluso che fuggi l'orribile Terra!...


  Ecco: di qua, di là, dovunque lungo le spiagge,
  i preparativi di partenza delle luci febbrili,
  che salperanno fra poco verso l'infinito...
  Come pirati inseguiti par che s'affrettino
  ad ammucchiar su un veliero spettrale,
  laggiù alla punta estrema di un promontorio,
  grandi, preziose balle di nuvole scarlatte!...
  Sono i tesori, sono i gonfaloni disusati
  dell'Anima mia!... Dove mai li portate?
  Il Mare ha già assorbito
  il sangue vermiglio della Sera,
  tutto luccicante di pagliuzze d'argento,
  ed ora lentamente il grigio cielo incurva
  le sue vôlte di cripta funeraria,
  ove letargiche Stelle, sospese ancora per un artiglio,
  sembrano strani pipistrelli dalle palmate ali d'oro!...
  Sinistramente allineate su le banchine cupe, tutte avvolte
  in folte brume d'incubo,
  le Gru colossali si trasformano
  in kanguri fantastici di bronzo, giranti su sè stessi.
  I marsupii capaci delle lor pance son pieni
  di minuscole ombre,
  gesticolanti confusamente, al crepuscolo,
  nel fumo degli aliti loro!...


  Il Mare, in lontananza, sontuosamente arricchito
  di tutte le luci cadute dal cielo,
  va delicatamente mutandosi in un magico deserto
  dall'auree sabbie ondeggianti che all'infinito si stendono.
  Ombre violette le increspano,
  e un vento ingegnoso le squama e le niella
  con carezzevoli soffi, con lente puerili moine.


  Le Gru colossali, kanguri di bronzo
  allineati sulle banchine,
  col collo teso sinistramente
  spiano prede sul mare!...
  Ed ecco avanzarsi un piroscafo
  che volge diritta la prua verso di me.
  io lo vedo ingrossarsi, come una enorme palla,
  sotto i suoi grandi alberi branditi come lance!...
  A lunghi passi pesanti s'approssima
  sotto l'acque movendo le sue zampe immense,
  simile ad un fantastico dromedario
  che attraversi, con l'acqua a mezzo il corpo,
  il roseo guado placido
  di un Nilo paradisiaco in molli curve irrigante
  un'ampia prateria del cielo...


  Altro non è che un miraggio di questo mutevole mare,
  dalle chimeriche sabbie d'oro!...


  Or nella dubbia luce del crepuscolo,
  lo strano dromedario s'immensifica,
  intenebrando la banchina con l'ombra sua che s'allarga...
  Ai lati della gobba formidabile
  oscillan lentamente le smisurate saccocce
  d'una bisaccia nera,
  ov'io scorgo orecchie colore di rame,
  alla rinfusa, aguzzate dall'attesa,
  ritte verso l'orizzonte occidentale...
  lunghi, fioriti dorsi d'impossibili pecore,
  fra caftani nerastri... e cataste di gabbie...
  e fucili lunghissimi, damaschinati, da beduini,
  alti com'alberi di nave,
  nella bruma della sera.


  Ad un tratto la luna, bianca e succosa di luce,
  spaccandosi in mezzo al cielo come una favolosa noce di cocco,
  dondola e rotola giù
  sul mobile dorso del dromedario.


  Urrà! Urrà!... È quello, è quello il frutto
  che può saziarmi, il frutto che da sempre
  la mia anima invoca
  per la sua sete bruciante di viaggiator del deserto!...


  Solo io sono, ritto.
  nudo e tutto grondante su un alto ammasso di coke,
  e accanto a me, fra dense nebbie d'incubo,
  le Gru van raschiando lentamente
  col loro collo di bronzo fatidico
  le profondità, paurose dell'orizzonte.
  Il loro gozzo, pieno di tintinnanti catene
  disfrena a tratti lo spavento bianco
  de' suoi muggiti lunghi e gutturali di vapore.
  Allora, allora, come una molla,
  scatta il mio cuore, in alto...


  Tutti i miei nervi acuìti s'esaltano
  agli effluvi eccitanti del catrame,
  e a quando a quando s'afflosciano
  nella fragranza mista--miele dorato e nera liquirizia--
  dei frutti rancidi o fradici!...
  Poi, l'odore selvaggio e crepitante del sandalo
  rilancia verso l'odio e la demenza il mio cuore,
  ebbro così da morire, che subito balza nel ballo tondo,
  come un negro piumato che pianga
  in una rossa ubbriachezza forata da bianche risate...


  Più alto, ancor più alto
  che non le azzurre lagrime e i singhiozzi
  di cui le campane in lutto
  vanno impregnando la durezza del paesaggio...
  più alto, ancor più alto che non le grida strazianti
  dei piroscafi vôlti alle spiagge lontane...
  più alto, ancor più alto che non la tosse monotona
  e i singulti esasperati del vapore...
  con tutta la risonante pienezza de' miei polmoni di bronzo,
  la tua potenza immensa, o Mare ingordo, io canto!...


  Poichè ormai l'infinito t'appartiene
  tutto, o Mare pirata, come una preda di guerra,
  a me vieni dunque, e a saziare
  la mia fame di polpe siderali
  su la còncava spiaggia del mio cuore tu versa
  la porpora trionfale dei tramonti,
  le costellazioni ambiziose
  che le loro gemme sparpagliano in stelle filanti
  di cui s'adorna come di fulgidi nastri lo zenit,
  e le nubi dai pigri strascichi d'oro,
  e la nostalgia inconsolata degl'astri pellegrini,
  e il loro sangue che splende sui calvarî del cielo,
  e i loro pianti divini,
  e i loro rosarî di tinnuli raggi!...
  Tu versa alfine, o Mare saccheggiatore,
  tutta la grande disperazione
  del mio bellissimo Cielo dannato,
  naufragato per sempre nelle fonde tue acque!
  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
  Ah! Ah! troppo, troppo ho cantato!
  Or sono affranto! Ho sete... Da bere! Da bere!...
  Avvicinatevi dunque, bettole galleggianti
  dalle piccole tende color di vinaccia!
  Avvicinatevi dunque, canotti panciuti, che andate
  qua e là offrendo da bere e da mangiare
  ai marinai, da bordo a bordo,
  fra il cozzare dei remi e delle voci,
  nel fragore dei flutti, nell'ombra enorme dei velieri
  che dolcemente fanno oscillare su di voi
  l'immenso cielo tutto a chiodi d'oro.


  Vuotare voglio i vostri boccali d'argilla,
  le vostre pinte che hanno forma d'oca
  e i vostri barilotti rossicci... Da bere!
  Ancora da bere! Versate!... mentre mangio
  su questo piatto a colori le vostre buone pietanze
  con l'uova verdi e rosse di Pasqua
  salate dagli spruzzi dell'alto mare.
  Una... due... tre sorsate di vin denso!...
  Ch'io beva, ch'io beva ancora,
  prima di riprendere
  il vasto fiato del mio canto!...



  3.

  LE BABELI DEL SOGNO.



  I bei Tramonti dagli artigli d'oro
  e dalle criniere di fiamma,
  i Tramonti accosciati sulla soglia degli orizzonti
  come leoni dalle fulve zampe distese,
  lungamente straziarono la mia carne adolescente.


  Tu, Mar crepuscolare mi dèsti
  l'acre nausea di vivere e l'infinita tristezza,
  e per averti troppo contemplato nella mia giovinezza,
  ora nel tuo vasto alito vacillo,
  ebbro di disperazione!


  Certe sere, laggiù nell'Africa strega,
  ci conducevan sulle tue spiagge cupe e deserte,
  triste gregge di collegiali
  che docile e lento si trascinava, vigilato
  da preti neri e severi... Eravam piccole
  macchie d'inchiostro sulle immateriali
  sete di un divin cielo orïentale


  E tu indolentemente venivi
  verso di noi, o Mare sensuale,
  fresco, verde, coperto di schiuma,
  simile a donna seminuda fra bianchi merletti
  che ad asciugarsi venisse
  i nivei piedi sulla sabbia fine.
  Trepidando di collera facevi il broncio al Tramonto,
  pigro amante che s'indugia a carezzarti
  e che t'imbelletta le guance!
  Intanto in alto, su, fino allo zenit,
  coi giuochi agili e varii delle tue onde lanciavi
  le nostre stelle e i nostri sogni, a vicenda,
  vetruzzi multicolori che vengon dall'Oriente!


  S'inebriò il mio cuore allo scrosciar delle perle
  che la tua mano stanca
  sgrana nel cavo delle rocce...
  Singhiozzò il mio cuore fra le tue dita brucianti,
  come una lira satanica
  dalle corde tese, spossate da troppe carezze
  che ad un tratto prorompano in risate strazianti.
  Il mio cuore?... lo avvolsi
  nelle tue trecce notturne di donna lasciva;
  Il mio cuore?... lo trascinai
  tutto a brandelli, su le tue onde schiumose,
  dentate come crudeli seghe d'argento!...


  Che tu sia maledetto, che tu sia
  mille volte maledetto, o Mare,
  secondo le leggi astrali,
  per aver popolata la mia giovinezza pensosa
  di bocche levantine aperte a spasmodici canti
  e di onde sessuate
  dagli osceni contorcimenti!...
  o Mare, ballerina orïentale
  che rosse hai le poppe del sangue di tutti i naufragi!...


  Camminavamo trascinandoci,
  sanguinanti l'orecchie, come cani feriti a morte
  che si dissetassero a pozzanghere putride,
  fiorite già di stelle illusorie...
  Fantasticavamo, prostrati
  come mendicanti,
  sotto il portico abbagliante della venerabile notte,
  ove le tue frenetiche dita di flusso e riflusso
  notarono le cronache distratte di tutti i disastri.
  Ed io avevo in cuore il fastoso miraggio
  d'un palazzo nero dalle cento torricciuole d'avorio
  brandite contro l'azzurro, per tenervi chiusa e intangibile
  la Sposa delle Spose, conquistata
  al prezzo di tutto il mio cielo stellato di sogni!
  Intanto i miei occhi esploravano,
  in fondo al crepuscolo astioso,
  tra le forche verdastre delle nuvole,
  l'azzurrina profondità
  delle grotte favolose...


  Più tardi, al mio ritorno nella casa paterna,
  cominciava una dolce serata famigliare,
  sotto la lampada ch'erge il suo collo di fiamma
  arrotondando ali di luce sul desco,
  per covare i miei desideri
  tra lo scrollìo dei suoi raggi pennuti,
  simile ad una gallina dall'uova magiche, d'oro.
  Dall'ombra d'un angolo, allora,
  la mia rugosa nutrice sudanese
  cantarellava tristemente, con la sua voce gracile e nera,
  battendo in cadenza le mani più dure che nacchere.
  Nella soffocazione della sera traboccante di fuoco,
  la voce della vecchia istoriava il silenzio
  di leggende crespe come teste di negri,
  fendute da bianche risate
  e coronate di piume scarlatte.


  Io m'affacciavo alla finestra, a quando a quando,
  per sentirti, o Mare, mormorare inviti
  a indefiniti passanti,
  come donna in un trivio...


  Mare! Cortigiana sublime!
  Chi dunque nella tua burrascosa alcova
  ospiterai questa notte?
  Chi verrà a carezzare le minacciose spire
  del tuo corpo di serpente? Chi verrà
  a morsicar fino al sangue,
  in un rantolo di morte,
  le tue mammelle dalle punte di fuoco
  che scattan contro Dio, nelle tempeste?


  Ad un tratto, sorgendo d'un balzo fra le rocce,
  o Mare, schiumante e selvaggio
  come un pazzo adirato,
  in sussulti di rabbia agitavi
  le tue braccia d'avorio, ticchettanti d'amuleti,
  e digrignavi i denti, ghiaia rimossa dall'onda...
  .  .  .  mentre la Notte, piovra colossale
  dalle ventose d'oro,
  conquistava lenta la spiaggia.



  4.

  LE FUMATE DELL'ANIMA.



  M'avvolse la Notte nella sua ombra,
  come nelle pieghe di un ampio mantello,
  prendendomi le mani fra le sue molli dita di pasta.
  A passi lenti io seguivo
  la Notte, vecchia mezzana,
  verso i sinistri bassifondi dell'anima mia,
  via pei vicoli postribolari delle mie vene,
  in fondo alla mia carne, città millenaria...


  --No! No! Non voglio entrare
  nel vostro inferno!... Lasciatemi!
  Lasciatemi!... Mi fermo!...--


  Ritti ad un tratto, agl'angoli neri delle viuzze,
  i miei Peccati favoriti ghignarono,
  barcollando come briachi...
  Scoppiavano dal ridere, i miei vecchi e luridi Peccati
  dalla magra faccia giallastra, a losanga,
  e dai lunghi occhi di liquirizia,
  dimenando la loro contorta figura di fumo...
  Scoppiavano dal ridere,
  or spalancando le bocche come forni
  ed or strizzandole in forma d'ombelichi!...
  Ero, me ne ricordo, al quadrivio
  della mia defunta volontà.


  Dietro i rossi vetri, voci rauche gridavano:
  --Midolla e sangue per lunghe sorsate d'oblio!
  Il prezzo è questo dei sogni più belli!--
  Entrai allora coi miei Peccati nella bettola
  della mia carne!...


  Bettola araba? taverna indiana?... Chi sa?
  Certo è che la foia affocava quell'antro
  e il rimorso ne scrollava le mura!...


  V'erano molte donne, più nude e più oscene
  pel rossor liquefatto dei loro capelli e pel viscido
  socchiudersi delle palpebre...
  Avevano mammelle dure, violente e balzanti!...
  Illusione!... Non avevano corpo di donna,
  non avevano corpo...
  Di qua, di là, nella nebbia rossigna,
  vivevano e s'agitavano mani
  calde, vischiose...
  e certe bocche... e certe bocche...
  che strisciavano verso la mia!
  Io mi sdraiai su divani scarlatti,
  simili a giganti
  sbalzati da cavalli giganteschi,
  e giacenti sventrati, vermigli di sangue,
  in un fiammeggiante meriggio di furibonda battaglia!...


  Mi stesi su quei divani, aggrappandomi,
  contratte le dita come artigli, e frugai
  nelle viscere loro, cercandovi
  un'anima selvaggia e dolorante!...
  E aspettavo lo spasimo dei moribondi divani,
  bocca su bocca, per bere
  con ebbrezza il rosso, allucinante grido
  del velluto insanguinato!...
  Insanguinato?... Del mio sangue forse! il mio sangue...
  la mia carne e la sua nera tristezza!...
  Ed ero solo... solo, a consumare il mio corpo,
  a divorarmi l'anima,
  ansando sulle poppe irritate della Morte!
  Solo, per sempre solo, colle mie labbra solitarie!.


  Più tardi, mi ritrovai pauroso e tremante
  davanti all'idolo dal corpo d'ebano e dagli occhi d'agata
  che il mio futuro impersona!...
  Un idolo affumicato da lampade rossastre
  che han valve più sottili
  di piccole bocche infantili...
  lampade or vive or morte, in rapida vicenda!....


  Oh! lugubre, lugubre coito
  di un desiderio sovrumano,
  in preda al tenebroso delirio delle mie mani,
  davanti all'idolo che si sgretola,
  affumicato!...
  Lenti vagabondaggi delle mie mani affascinate,
  striscianti verso la Pipa che assopisce ...
  O dispensatrice dell'estasi prodiga d'oblio!


  Lente fumate... La pipa, fra le mie dita, somigliava
  ad uno strano minuscolo membro virile ossificato!...
  Ad un tratto mi parve che la mia mano incauta
  diventasse più grande, diventasse profonda,
  lungi da me, sotto di me,
  come un'immensa cripta del color delle viscere!


  E, lontanissimo, in fondo,
  sotto la vôlta sanguinante,
  una porta scoppiò, vomitando nel mio sogno
  turbe di mendicanti affannate,
  con un pesante fracasso di grucce trascinate...
  Ma non era che il rumore del cozzare
  delle lor gambe metalliche,
  rigidi compassi sotto fradici stracci....


  «Logiche»... lo sapete?... Si chiamano _Logiche_,
  codeste pezzenti che, senza riposo,
  che senza riprender mai fiato,
  si misero tosto a parlarmi d'affari,
  con viperine lingue velocissime,
  discutendo lunghi contratti di gioia!...
  Guizzavano le loro lingue,
  nelle bocche sdentate, guizzavano
  come serpi!... Oh! il mortale terrore
  di sentirmele come trivelli
  nella mia tromba d'Eustachio!


  Gesticolando seminude nei luridi cenci
  le Logiche m'offrivan grandi _stocks_
  di felicità disusata
  e dei barili pieni di piaceri stantii,
  tali da rallegrare appena uno straccione,
  e in cambio mi chiedevano
  somme di rimorsi!...


  --Perchè il rimorso, vedi?,
  è l'esca delle gioie più profonde...
  Con tanto di lussuria e tanto d'alcool,
  tu avrai... Che cosa?... facciam l'addizione...--


  Ma io, d'un balzo, ne afferrai una per la gola,
  gridandole con angoscia sul muso:
  --Che cosa mi darete?... dite... dite, perdio!...
  Senza mercanteggiare!... Denaro contante!... Su! Presto!--


  Tacquero impensierite le Logiche...
  Poi una con voce sorda mi disse:
  --Fuma! Fuma la pipa estenuante del tuo sogno!--
  un'altra:--Bevi, bevi quanto più puoi,
  fino alla nausea, fino al disgusto!...--
  Ed altre borbottarono:--Tu dovrai trascinare,
  sempre, il tuo corpo snodato e pesante come catena
  attaccata alla palla vuota del tuo cranio!
  --Le tue vene dovranno puzzare come fogne;
  il tuo cuore dovrà scampanare
  come campana a stormo, e tintinnare
  come un mazzo di chiavi fra le mani
  d'un carceriere in un fosco mattino
  di esecuzione capitale,
  affilato da un tepido sole primaverile...--
  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
  --Allora, solo allora, cantarono le Logiche
  sottovoce, tutte insieme, alzando al cielo le braccia,
  allora, solo allora, ti entrerà nel cuore
  la felicità!...
  Una Felicità rosea, flessuosa e leggiera,
  che sfiora la Terra col suo passo,
  scivolando via sulla brezza...
  Una bambina dagli occhi puri come pervinche umide...
  Le sue labbra insanguinate da gioie soprannaturali,
  inebbriano perdutamente gli Angeli,
  come le frutta che pendono dai frutteti di Dio!
  La felicità bambina ti entrerà nel cuore
  senza ragione, naturalmente,
  perchè è tanto buia la casa del tuo cuore!...


  «Cantando e sgambettando, ti farà sorridere,
  ridere a crepapelle, e riderà
  sgangheratamente essa pure
  con tutti i trentadue lontani Soli
  che le fanno da denti, e con mille moine
  rime obbligate intrecciando
  e smorfie puerili!...


  «Or dunque fuma nella tua pipa, fuma
  fino ad averne la nausea,
  perchè il canto della sirena ed il grido
  esasperato del tuo desiderio
  si disperdano alfine nella nebbia del Sogno!...--


  Allora la rabbia mi scosse
  dai talloni ai capelli, e balzando, alti i pugni,
  sulle Logiche fredde, gridai:
  --Ditemi, ditemi dunque il Perchè
  di questi loschi commerci!...--
  Categoricamente, le Logiche,
  con gesti brevi e netti, senza esitare,
  si segaron la gola per tutto argomento!...


  Un'ora dopo mi svegliai, senza sapere
  dove mi fossi...
  Bettola araba? taverna indiana? Chi sa?
  La foia affocava quell'antro
  e il rimorso ne scrollava le mura...
  Era una taverna indiana,
  dal soffitto bassissimo, fatto a spegnitoio,
  che d'ora in ora calava, schiacciando le lampade
  fumose dell'Anima mia!...


  Con la speranza di trovare ancora
  la Notte, mia vecchia ruffiana,
  la Notte cieca e sorda, dalle dita mollicce
  di lievito infernale, infransi i vetri
  delle finestre...


  La Notte se l'era svignata, scavalcando l'orizzonte,
  ed io sentii, compresi, che Stelle e Stelle piovevano,
  interminabilmente,
  nei pozzi senza fondo delle mie ossa!...


  --Midolla e sangue per lunghe sorsate d'oblio!...
  È questo il prezzo dei bei sogni... È questo!...--



  5.

  NOTTURNO.

  _(a tre voci)._



  Per noi, per noi soltanto, nella spossatezza
  di quella soave notte carnale,
  il Vento, stanco d'eterni viaggi e deluso
  della sua rapidità di fantasma,
  con mani illanguidite andava spiegazzando
  nelle profondità dello spazio i sontuosi velluti
  d'un gran guanciale d'ombra, indiamantato
  di lagrime siderali!


  Per noi, per noi, il Vento sveniva di dolcezza
  su le mammelle calde e ansanti
  delle onde primaverili,
  come un amante dal corpo spalmato d'aromi,
  coronata la fronte di papaveri,
  nella spossatezza vasta di quella notte carnale!...
  A fianco a fianco andavamo,
  cadenzando il pulsare dei nostri cuori
  sui singhiozzi e i sospiri dell'onde desiose...
  Ella aveva la grazia fragile e pieghevole dei fiori
  nel suo incedere ondeggiante, leggiero e persuasivo,
  fra veli azzurri che le davano l'ali.
  E lo spavento mi premeva la gola
  quando il mio braccio cingeva
  la sua snella ed aerea figura
  che ad ogni passo sembrava volesse involarsi
  con un agile e languido volo di tortorella,
  verso le nubi dalle spiagge d'oro!....


  Ella aveva negli occhi il silenzio umido e attento
  delle rade violette e solitarie
  che i velieri feriti, cacciati dalla tempesta,
  scoprono per miracolo, le sere di bonaccia,
  dietro qualche promontorio,
  lungo coste maledette!....


  Mi ricordo del pallore del suo viso
  ansimante sotto il peso d'una chioma gloriosa
  dallo _chignon_ d'oro massiccio che cadeva all'indietro
  come una corona regale disprezzata!...
  Mi ricordo de' suoi baci impregnati, d'ideale
  che lentamente scorrevano alle sue labbra socchiuse,
  e della sua voce che aveva il lungo serico frusciare
  delle rose calpestate....


  _La voce della donna._

  Amante mio, vedi laggiù le snelle stelle d'oro
  che vanno d'un passo lieve sulla spiaggia,
  agili, a due a due, in luminoso abbraccio?
  Son seminude, e a quando a quando
  il loro corpo di perla s'affusola
  e la loro carne rosea, sbocciando
  fuor dalle morbide madreperle
  gronda di rubini sanguinolenti!...


  _La mia voce._

  Trema il mio cuore al vederle sì dolci e sì fragili,
  al vedere i lor teneri volti chiarificati dall'estasi
  e perduti nei vortici
  delle loro folte chiome di turchese...
  Trema il mio cuore al vederle nuotare alla ventura
  con la tranquilla indifferenza delle lor braccia di raggi...
  Non sai, amor mio, ch'io saprei discendere
  negl'incommensurabili abissi dei mari,
  o nei labirinti della morte,
  sol per baciare le povere labbra peste
  di una Stella annegata?


  O moribonde Stelle delle mie notti di bimbo
  ancora singhiozzo al sentirvi agonizzare,
  come pallide naufraghe,
  nell'acque scellerate del mio cuore!...
  Oh! non potrò soccorrerle mai,
  poichè tutte le mie Stelle son lontane,
  assai lontane dalle nostre labbra umane!...


  _La voce della donna._

  Non pianger più, amante mio, chè il cuore mi si strazia!
  Disimparò la tua bocca l'ebrietà del mio bacio...
  Perchè vuoi tu consumare così il tuo desiderio
  su le pupille chimeriche delle Stelle?...
  Chiudi gli occhi perchè io baci le tue palpebre!...
  Chiudi gli occhi perchè io possa abbeverarli
  della mia tepida saliva, deliziosamente!...


  _La mia voce._

  Ahimè, mio amore! Tu per me sei più triste
  e più lontana, quando ti ho fra le braccia,
  che un'intangibile stella naufragata!...


  _La voce della donna._

  Non parlare così... Io non saprei comprenderti...
  Sono tutta inondata d'amore, tutta piena di te!...
  Guarda, cattivo! La tua tenera bocca
  m'incatena tutta...
  Lascia ch'io sciolga il mio velo
  e meglio potrai carezzare, come tu voglia,
  la mia carne che è tua!...
  Nulla aspetto da Dio, nè dalle Stelle,
  poichè tu m'ami!... Ti sento... ti bacio,
  e le mie labbra s'addormono
  sognando fra le tue labbra,
  e mi restano per sempre nelle vene i tuoi baci...


  _La mia voce._

  Oh! come la tua bocca è ancora lontana da me!...
  La vedo un poco aprirsi come una nuvola ardente
  sulla sorridente madreperla della luna,
  e tu mi sembri chinata languidamente
  su la poppa che fugge d'una galera chimerica...
  Ahimè! tu altro non fai che sfogliare i tuoi baci
  con la punta delle dita e di lontano,
  con un pallido gesto che come lampo svanisce!...


  _La voce del Mare._

  Le vostre carezze brucianti, le vostre sapienti carezze
  son come un tragico annaspare di ciechi
  remeggianti pei corridoi di un labirinto....
  I vostri baci hanno sempre l'accanimento instancabile
  di una disputa rabbiosa fra due sordi
  chiusi in fondo a una nera prigione...
  Con tutto il vostro acutissimo amore
  e con tutte le vostre carezze
  voi per sempre sarete perduti, sepolti
  nelle Tebaidi infocate della vostra carne!...
  Tu che t'ostini a baci insoddisfatti
  sul corpo della donna che rantola fra le tue braccia,
  perchè contempli con tanta mestizia
  la bocca irraggiungibile delle Stelle lontane?


  _La mia voce._

  O Mare, Mare sornione, che vai, vagabondo, lontano
  fra i tuoi stracci di bruma, maledetto stregone...
  conosci tu la gioia di strappar lentamente
  uno straziante spasimo a questa carne morente
  e d'ammucchiare, a forza di carezze e di baci
  tumultuosi, i mieli brucianti della lussuria
  nelle sue vene aperte?...
  Aspetto il supremo sussulto
  di questo corpo snodato che si dissolve in delizia,
  e voglio la comunione suprema
  delle nostre agonie, perchè il suo corpo
  alfine mi ringrazi, ebbro di gioia,
  della crudele lentezza dei miei pugnali...
  perchè alfine le labbra innumerevoli
  di tutte le sue ferite bàcino fervidamente
  le lame che le fan piangere e morire,
  felici e trafitte...


  Se da Lei m'allontano, subito le sue mammelle
  m'affàscinan lo sguardo,
  come le rive di vaporosa madreperla,
  nobilitate dall'aurora,
  che tante volte io vidi sull'arco dell'orizzonte,
  davanti alla prua della nave...
  Oh! rive fascinatrici, fiammanti d'Ideale,
  calmi origlieri di sabbia
  che i miei grandi sogni migratori
  sorpassarono a rapido volo!...
  E questa fronte pura splende talvolta nell'ombra
  come i vetri illuminati
  di una villa che tutta madida ne sembra
  d'una dorata felicità...
  Oh! la dolcezza di vivere
  nell'intimo calore della sua anima,
  sotto una fronte così trasparente!...


  _La voce del Mare._

  Per quanto tu viaggi, lanciato verso l'ignoto a galoppo,
  non potrai mai rivedere i chiari vetri
  illuminati, la sera, di calma felicità!...
  Com'è lontana dalla tua anima
  questa bella fronte ideale
  che le tue labbra sfiorano teneramente!...
  I vostri baci saranno sempre, sempre illusorî,
  poichè tutto un cielo infinito vi separa!...


  _La mia voce._

  Sì! Lo sento, lo sento...
  Abissi profondi s'immensificano fra i nostri cuori insaziati!...
  E ben so, immenso Mare, che i tuoi flutti turchini
  dalle braccia tese, stillanti di pietre preziose,
  sorridono lungi da me, all'altro polo,
  con occhi pieni di gioie ben più allucinanti!...
  So che tu scorri con più dolce abbandono
  e più profumi sparsi, sgranando le tue perle rosee,
  su spiagge liete che una gran Sera divina
  tutte bagna di felicità e di azzurro immutabile!
  Anche so che altri amanti
  vi si stendon su le sabbie, come noi,
  angosciati fra l'ardente sbocciare degli astri,
  e perdutamente inconsolabili
  di sentir le loro bocche sì lontane
  pur mentre si fondono in frenetici baci!...
  E sento che le nostre carezze, le nostre
  sapienti carezze, son simili
  a un tragico annaspare di ciechi
  remeggianti nei corridoi d'un labirinto!...
  Sento che i nostri baci hanno la foga pazza
  d'un dialogo rabbioso fra due sordi
  chiusi in fondo a una nera prigione!...
  Sento che noi saremo sempre, sempre sepolti
  nelle Tebaidi infocate della nostra carne...
  soli in mezzo al monotono vocìo di taverna
  che sale dalle profondità della lussuria...
  soli sotto il Destino e i suoi grandi macigni
  di Dolore, sospesi sopra le nostre teste...
  soli, sotto il Destino, che scroscia sinistramente
  come una chiusa colossale!...


  _La voce del Mare._

  Parti dunque, figlio mio, parti dunque
  sbarrando gli occhi del tuo delirio!
  Dà la scalata alle nere montagne della notte,
  visita le Stelle, ad una ad una...
  le Stelle, città d'oro maledette,
  dai merli di diamante,
  che incontrerai, qua e là, sull'immensa Via Lattea!...
  Te ne andrai pei sentieri del cielo
  da un firmamento all'altro, seguendo di lontano
  la luminosa scìa d'una cometa,
  ansando di passione per Colei che tu porti
  incatenata nel tuo cuore, ma intangibile,
  aderente alle tue labbra, ma per sempre lontana...
  verso colei che non può esser tua,
  ad onta dello spasimo orribile che vi strazia!...
  Andrai, andrai fino ai confini del cielo,
  e sempre, sempre sarai lontano da Lei,
  come quando la stringi fremente fra le braccia!



  6.

  LA CANZONE DEL MENDICANTE D'AMORE.



  Ti avevo vista una sera, tempo fa, non so dove,
  e da allora ansioso aspettavo...
  La Notte, gonfia di stelle e di profumi azzurrini,
  su di me illanguidiva la sua nudità
  abbagliante e convulsa d'amore!...
  Perdutamente, la Notte
  apriva le sue costellazioni
  come vene palpitanti di porpora e d'oro,
  e tutta la illuminante voluttà del suo sangue
  colava pel vasto cielo....
  Io stavo, ebbro, in attesa, sotto le tue finestre accese,
  che fiammeggiavano, sole, nello spazio...
  Immobile, aspettavo il prodigio supremo
  del tuo amore e l'ineffabile
  elemosina del tuo sguardo!...
  .... Poichè sono il mendicante affamato d'Ideale
  che va lungo le spiagge
  implorando baci e amore, per nutrirne il suo sogno!
  Con cupidigia astiosa bramavo i gioielli del cielo
  per abbellirne la tua nudità di regina...
  e verso di te protendevo
  i miei sguardi folli, insanguinati nell'ombra
  come braccia scarnite di moribondo!...
  Tutto parvemi ingigantito dall'ampiezza del sogno!
  Campane rantolavano nel cielo
  come bocche mostruose:
  le bocche, forse, del Destino!... Campane
  invisibili e selvagge
  sembravano aprirsi su me, nel silenzio,
  come abissi capovolti!...


  Un gran muro s'ergea davanti a me,
  implacabile e altero come la disperazione!
  Aspettavo solo, e migliaia di stelle,
  di stelle pazze sembravano sprizzare
  dalle tue finestre,
  come un vol di faville da una fornace d'oro!...
  L'ombra tua dolce apparve nel cavo dei vetri,
  simile a un'anima terrorizzata che s'agiti
  entro pupille agonizzanti,
  e tu per me divenisti una preda
  delirante lassù, su la cima estrema
  delle torri fastose del mio Sogno!...
  L'Amore mio--denti lucenti e occhi adunchi--brandì
  con un gran gesto le sue rosse spade
  e barbaramente salì
  verso il tuo tragico splendore.


  Poichè sono il mendicante insaziato che cammina
  verso il tepore dei seni,
  verso il languor delle labbra,
  l'implacabil mendicante
  che va lungo le spiagge,
  rubando amore e baci
  per nutrirne il suo Sogno!...


  S'aprì la notte cupa appiè del muro,
  e tu apparisti, soavemente sbocciata
  vicino a me, bianca e pura in mezzo alle tenebre,
  vacillando quasi ai consigli della brezza notturna!...
  E tutto fu abolito intorno a me,
  e il mio sogno infranse il mondo
  con un sol colpo d'ala!


  Certo--pensai--nei favolosi giardini
  ove s'esilia l'anima mia
  chimerici peschi foggiarono
  la tua carne flessuosa, con la neve
  odorante dei loro fiori
  che le sonore dita del vento plasmavano!...
  Io venni a te, tremante e religioso,
  come in un tempio... avanzandomi incerto
  come in un'umida grotta!...
  A te venni, inciampando a ogni mio timido passo,
  trattenendo il respiro
  per non destare il Dolor nel passare!...
  Si schiuse il tuo sorriso
  nella serena acqua del tuo viso,
  come al cadere placido d'un fiore...
  S'aprì a ventaglio il tuo sorriso
  fluttuando nel cielo, e fece impallidire
  il viso impetuoso degli Astri, nel silenzio!...
  Io ti parlavo volubilmente di strane cose,
  bagnata l'anima di una sgorgante angoscia,
  e mi pareva di sentirmi avvolto
  dalla corrente d'un fiume voluttuoso.
  Avidamente, spiavi tu sul mio labbro
  l'Anima mia, come un miele dorato!...


  Sentii che il volto mi s'infocava
  come un castello incendiato, che il nemico saccheggia.
  Ti parlavo, e i miei pensieri stravolti
  si riflettevan lontani e vaporosi
  nella tranquilla acqua del tuo viso!...


  Tu volesti rispondermi, ma non sapesti che dire.
  Mi domandasti le mie angoscie, i miei timori,
  poichè mi vedevi tremar sulla soglia
  come trema un colpevole...
  Ed io simile ero ai vagabondi feriti
  che vanno rantolando
  di porta in porta, in cerca di rifugio,
  tra i pugni alzati delle folle implacabili!...
  Mi parlasti di cose indifferenti!... Domandasti
  della mia vita passata, della mia patria lontana...
  Volesti sapere il mio nome
  e tutto ciò che si suol domandare
  ai viaggiatori stanchi, beventi alle fontane,
  la sera,
  quando tutto si fa nero...


  Poichè sono il mendicante affamato d'Ideale
  che vien non si sa d'onde,
  e va lungo le spiagge...
  implorando amore e baci, per nutrirne il suo Sogno!...


  Ti seguii fino in fondo alla tua casa;
  fummo soli, lontani dalle folle umane,
  sulla soglia dell'Infinito, e sentii
  la soavità dei crepuscoli sul mare,
  quando si ripara in un golfo violetto
  umido di silenzio!...
  Fummo soli, e il mio Sogno
  al tuo Sogno cantò:


  --Oh! abbassa languidamente le palpebre
  sull'errante follia del tuo sguardo.
  Abbassa le tue palpebre mistiche e lente
  come ali d'angelo che si chiudano...
  Abbassa le tue palpebre rosee,
  perchè l'agile fiamma dei tuoi occhi vi scivoli
  come sospiro di luna tra persiane socchiuse.
  Abbassa le tue palpebre e poi alzale ancora,
  e potrò smarrirmi alfine nei tuoi occhi,
  nei tuoi occhi, per sempre,
  come su laghi assopiti, la sera,
  tra fogliami placidi e neri!


  «Sii dolce, poichè il mio cuore
  trema fra le tue dita... Sii dolce!...
  L'Ombra è attenta a spiare le nostre ebbrezze, e il Silenzio
  si china e ci accarezza
  come una madre intenerita... Sii dolce!...
  Per la prima volta adoro
  l'anima mia perdutamente e l'ammiro
  perchè t'ama così, come una povera pazza!...
  Adoro le mie labbra, poichè le mie labbra ti desiderano...
  La mia anima è tua, la mia anima
  è sì lontana ed azzurra da sembrarmi straniera!
  Davanti a te si umilia, la mia anima,
  qual pecora morente, e s'addormenta,
  abbrividendo sotto i tuoi fragili piedi
  come un prato che tutto s'inargenta
  sotto i passi furtivi della luna...


  «Vieni!... le mie labbra folli attireranno
  il tuo volto pensoso e i tuoi grandi occhi dolenti
  verso le spiagge abbagliate del Sogno...
  verso divini arcipelaghi di nuvole!...
  Le mie labbra saranno instancabili
  come i bardotti che lentamente traggono,
  nella rosea frescura dei mattini,
  le grandi barche dalle vele solenni
  verso lo scintillìo perlato
  del mar lontano... Ed io
  non sarò più che il tuo soffio... E il mio sangue
  travolgerà nel suo corso il profumo delle tue labbra,
  come un fiume a primavera, inebbriato di fiori!...--


  Allora la tua bocca rosea s'aprì,
  fragile conchiglia rombante,
  per mormorare sinuosamente
  il delirio dello spazio e il canto febbrile dei mari!
  Al ritmo della tua voce, il mio cuore
  si preparò lentamente a salpare
  verso porti esaltati di sole
  e verso sfolgoranti isole d'oro...
  Tu mi dicevi ingenuamente
  che mai nessuno avea così cantato
  alle porte del tuo cuore...
  che mai nessuno aveva pianto
  il suo sogno e il suo dolore
  profumandoti il seno di lagrime!...


  Poichè sono il mendicante che piange e si lamenta,
  il mendicante affamato d'Ideale
  che vien non si sa d'onde, e va lungo le spiagge
  implorando amore e baci
  per nutrirne il suo Sogno!...


  I tuoi gesti assopenti e vellutati
  ebbero il carezzevole languore
  che hanno i remi sopra l'acque brune, a sera...
  L'ora liquida e gemebonda s'increspò abbrividendo.
  Le nostre voci caddero...
  Ma la Lussuria, ahimè, ci spiava
  frugando insidiosa nell'ombra...
  la Lussuria ansimante lungo i muri strisciava!...


  Dalla finestra aperta, a quando a quando
  il vento della notte
  si rovesciava su di noi,
  avvolgendo la sua groppa oscena
  nella porpora delle tende...
  Noi vedemmo la lampada d'oro svenire
  come una bimba malata tra vaporosi lini,
  e dolcemente morire!...
  Vedemmo i casti bagliori della lampada
  inginocchiarsi, venendo meno, lungo i muri,
  come angeli preganti...
  e i nostri sogni s'inchinarono, malinconici
  e rassegnati, nel silenzio...
  Allora il mio folle desiderio t'apparve
  sguainato come una spada,
  e, brancolando sul tuo corpo puro,
  con un gesto selvaggio violentemente cercai
  il tepore assorbente della tua bocca.
  Fuori di noi, in una nera ebrietà,
  sinistramente ci prendemmo le labbra,
  come se commettessimo un delitto!
  Le labbra mie s'accanirono
  sulle tue, pesantemente,
  e le nostre bocche ne furono insanguinate
  come due lance!


  Con un gesto sublime,
  tu m'offristi, in delirio, la tua nudità soave
  come una fiasca di pellegrino, ed io
  abbeverai la mia sete immensa
  sul tuo corpo ignudo, fino al delirio,
  cercandovi l'immenso Oblìo...
  Tremante e come pazza di vertigine
  si chinò la mia Anima
  sulla tua bellezza radiosa,
  perdutamente, come sopra un abisso
  vertiginoso di profumi e di calde luci!...
  I tuoi occhi s'illanguidirono dolcissimamente
  sotto le rosee palpebre
  --lampade velate di vaporosa seta--
  e, chinato fra i tuoi svolazzanti capelli,
  io presi alfine la tua Anima, tutta
  la tua Anima, religiosamente,
  protese le labbra,
  come si prende l'ostia consacrata.


  Quando ripresi il cammino
  verso la profondità delle livide notti
  il cuore mio, fattosi nero, ebbe sete,
  e avidamente io bevvi la nera
  acqua delle fontane...
  .... Indi fuggii, precipitando i miei passi,
  verso l'Ignoto...
  Poichè sono il mendicante
  che va lungo le spiagge
  implorando amore e baci, per nutrirne il suo Sogno,
  con in cuore il terrore di affondare per sempre
  i suoi piedi sanguinanti
  nella freschezza carnale delle sabbie, in riva ai mari,
  in una qualche Sera
  di stanchezza mortale e di Vuoto infinito!...



  7.

  IL DEMONE DELLA VELOCITÀ.



  1.

  Le Terrazze dell'amore.


  L'anima mia insaziata s'abbeverò di gioia
  nella frescura vermiglia e succulenta delle verzure,
  là in alto sull'aerea terrazza che domina
  la città crepitante di luce e traboccante d'ombra
  ed il gran porto dall'alberature aggrovigliate
  fingenti una fumosa battaglia di scheletri!...


  La terrazza divenne per noi un serbatoio d'azzurro,
  immateriale bacino ove l'acqua
  vergine della sera s'accoglieva pensosa,
  in tondo, misteriosamente...
  L'anima mia insaziata s'abbeverò di gioia
  a quelle balaustrate, là in alto, tra l'involarsi
  dei nostri baci e la fumosa
  fantasticheria de' tuoi grandi occhi azzurri,
  a lungo prigionieri nelle fornaci del Giorno...
  de' tuoi grandi occhi azzurri che si liberano
  nello spazio, quando la notte cala!...


  Oh! come incatenare i nostri cuori
  già ebbri di seguire la dolce carovana
  delle nomadi stelle, e il loro trotto
  sfavillante, su, su, per le chine del cielo,
  e i loro agili raggi che vibrano e tintinnano,
  al crepuscolo, come sonagli d'oro
  sul deserto dei mari?...


  Oh! come incatenare i nostri cuori
  già ebbri di vivere in pace tra i fuochi sparsi
  delle stelle accampate come un'orda barbarica
  sulle cime lontane?...


  Io mi ricordo di te, chiaro volto inargentato
  dal vaporar delle lagrime, bel giglio sbocciato
  nelle profondità orribili della mia tristezza...
  bel volto che l'alito azzurro dell'infinito
  a quando a quando agitava
  sullo stelo del tuo corpo ideale!...


  Ahimè! fra altre braccia, su altri seni
  inesplorati, il mio cuore pesante
  ancora s'abbandona, inebbriato,
  alla possente altalena dell'amore
  su cui un giorno ondeggiarono l'anime nostre
  con languore e violenza a volta a volta...


  Malgrado la monotona identità delle spiagge
  costeggiate dalla noia di un eterno viaggio...
  malgrado l'indentità delle labbra in amore,
  ora su altri seni inesplorati
  il mio nero cuore affonda e riaffonda!...
  Così un tempo, amor mio, nella tua carne stanca,
  cercai oblio nelle vulcaniche
  profondità della lussuria, spezzando
  l'orgoglio del pensiero in mille bieche manie,
  e curvando la schiena, come uno schiavo,
  sotto il flagello della Morte!...


  Oh! sempre identico flusso e riflusso d'una marea
  sollevante nell'estasi
  i nostri cuori perdutamente fusi,
  che con delizia immergevansi, per risorgere poi
  fuor dalla schiuma amara,
  siccome un nuotatore fra gli scatti dell'onde
  che si cullano al ritmo cadenzato
  d'una tribù di stelle migrante in silenzio
  via per le vaste sere d'estate!...


  Nelle vaste sere d'estate, esasperate di lampi
  muti e d'amari profumi,
  ecco balzare ancora focosamente il mio cuore,
  come una volta, di tra le tue braccia,
  oltre gli aerei balconi naviganti pel cielo!...


  Balza il mio cuore, snudati gli artigli,
  come un cane abbaiando la sua rabbia
  di mordere, lontano, la polpa delle nuvole!...


  --Ripòsati! Ripòsati!... Solo dormire è dolce!...--


  Oh via!... No! No! Bisogna bruciare la vita
  come un fascio di paglia...
  Bisogna inghiottirla in un'ardita boccata
  come quei giocolieri di fiera che mangiano il fuoco
  facendosi sparire la morte nello stomaco!...


  O pastori sommersi nella bruma del vespro!...
  Flauti piangenti, flauti lamentosi,
  e languide canzoni dalle cadenze lascive
  che tristi vezzeggiate questo paesaggio rude
  tutto febbrile di stelle, cullandolo come un bambino
  nelle fasce sospese e trasparenti
  delle vostre arie nostalgiche frangiate d'azzurro!
  O pastori sommersi nella bruma del vespro!...


  Ah! Ah! li spezzerò, i vostri flauti
  persuasivi... Ed i loro tronconi?...
  A voi, a voi... per nutrirne la rosea fiammata
  del mio calmo bivacco!... Oh! non ridete!
  Altro non è che un fuoco di sterpi
  per allontanare le fiere
  e arrostir carni prima di ripartire!...


  Sotto la pergola azzurra ove le stelle felici
  vengono ad assopirsi, al crepuscolo,
  a due a due, in luminoso abbraccio...
  i nostri baci furono fitti... sì fitti
  e sì tenebrosi, che tutte le mie sere future
  ne furono oscurate!...
  Avidamente io bevevo la tua carne ferita
  e ferocemente ammucchiavo, a forza di carezze,
  gioia rossa come un alcool ed oblio
  nelle tue vene profonde:
  --Prendi! Prendi la mia voluttà!... Prendi il mio sangue!
  Prendi la vita mia!--Con morsi lenti,
  ferocemente ammassavo dolore cocente,
  e notte, e vuoto, in fondo in fondo ai tuoi nervi,
  in fondo alle tue ossa, come in fondo
  ad oscurissimi pozzi!...


  Staccando alfin la mia bocca dalla tua bocca satolla,
  vedo--oh terrore!--la Notte vorace
  salire verso le nostre labbra... la Notte,
  divoratrice eterna di speranze e d'oro solare!...
  Un giorno!... Ecco ancora tutto un gran giorno annientato!...
  Salvami, bel Destino!... mio Destino che amo!...



  2.

  Il Torrente millenario.


  La grande Notte insidiosa, inarcandosi
  alle ringhiere, s'arrampica senza rumore
  su, su, da un piano all'altro, agilmente,
  e s'aggrappa alle nubi sontuose di turchese!...
  Le sue ali membranose anneriscon le forme
  e l'ondeggiante indolenza delle verzure, metallizzate
  con la durezza lucida dell'acciaio
  e la pesantezza del piombo diffuso nell'atmosfera...


  Oh! calma, Anima mia, la tua febbre sovrumana,
  poichè ci è dato di assaporare un'ora squisita,
  in libertà, a piacer nostro,
  riposando i nostri desiderî inoperosi
  al ritmo dei ventagli pacificanti del silenzio!...
  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
  Partiremo a notte alta... La sera
  è prodiga insieme di chimeriche rose
  e di labbra illusorie profumanti i balconi!...
  T'affretta intanto, Anima mia,
  a gettare un lungo sguardo
  sulla vermiglia terrazza dell'Amore,
  poichè già lentamente si va coprendo di veli,
  e poichè incerte pàtine d'ombra
  e di vecchiezza sordamente divorano
  i fiammeggianti ori dei vetri che dànno sul mare!
  Piangeva forse la mia donna? Non so... E la sua voce?...
  E i suoi singhiozzi?... Dimenticati!
  M'afferra la vertigine subitamente alle viscere
  ed io mi slancio, e lascio a malincuore
  il gran porto assopito, per attraversare
  la città dal cuore di fuoco, gonfio d'angoscia,
  ed il suo soffocato rombar di caldaia!...


  A un tratto la strada fangosa s'esalta
  sotto i miei passi, violacea
  nel fulgor sussultante delle luci....
  la strada azzurreggiante s'eleva
  gonfiandosi in tutta la sua veemenza instancabile
  verso lo spegnitoio immenso del livido cielo
  che va schiacciando tutti i miei desideri
  or fiammeggianti diritti, ora striscianti a terra...


  Guardatevi dalle promesse
  ingannatrici delle belle sere,
  e dalle loro sparse speranze
  di liberazione e di gioia inaudita,
  fra la triste fuliggine che sale
  al basso soffitto del cielo
  col suo lezzo melato di nera prigione!...


  Io la sento fuggir furibonda sotto i miei passi,
  la grande strada azzurreggiante e violacea,
  lustrata dagli amari riflessi che la straziano
  coi loro innumerevoli stridi lunari!...
  E la sento balzare contro di me, lungi da me,
  verso la libertà che l'attira,
  verso la spaventevole caverna
  del livido cielo che dall'alto la spia,
  del vasto cielo liberatore e tiranno!


  Ecco: i binarî lucenti
  indolentemente si torcono,
  e frenetici sembrano nella pigra mollezza
  delle loro torsioni... I binarî lucenti,
  pur rimanendo immobili e silenti si slanciano,
  accaniti a raggiungere in cielo
  le fulgide costellazioni che viaggiano!...
  I binarî lucenti sembran tremare di gioia,
  allacciando con grazia sul basso orizzonte
  i moribondi fuochi della sera,
  densi come un belletto roseo...
  Son cento? Mille? Diecimila?... Assai più!...
  Innumerevoli sono i grandi occhi
  violetti, verdi e rossi dei fantastici tram
  i grandi occhi che scivolano,
  che affondano in folla, cozzando fra loro
  ed incrociando le loro ciglia di fuoco...
  Pazzia!... Pazzia! Lontano,
  lontano sulla strada, ecco scoppiano gli occhi
  rabidamente, e si mordon l'un l'altro,
  simili a bocche d'orco che azzannino corpi infantili...
  Pazzia! Pazzia! I grandi occhi
  si tuffano, svaniscono, s'involano,
  lottando di velocità,
  in un lontano andirivieni d'ombre e d'oro!...


  Rièccoli!... Rièccoli! S'accelera
  per prodigio la loro andatura aggressiva,
  di sussulto in sussulto, di continuo salendo
  a scosse dorate, orribilmente,
  contro i miei occhi, contro la mia fronte,
  senza posa, senza posa,
  quali teste di comete infocate!...


  Angoscia crudele!... E che ha mai, questo cuore?
  Perchè sì irrequieto mi balza
  nel petto, in gola, tra i denti?...
  Allucinanti tramvai tutti grondanti di fuoco,
  passate dunque, passate con le vostre ruote possenti
  sopra il mio cuore, e schiacciatelo
  come una sorca, su le rotaie!...


  Sotto il gran cielo d'estate infeltrato di caldo,
  che va sbadigliando rapidi lampi
  coll'istantaneo fuoco de' suoi denti
  e il suo possente alito che spandesi bianco,
  la strada tristemente sguaìna i suoi riflessi!


  Un fracasso di ponte levatoio tuona e risuona
  sulle rotaie... Son martelli che battono?
  son tamburi metallici?... incudini sonore?...
  Frenetici tramvai, che trepidate
  in una ebbrezza multicolore... ingombranti mucchi
  di viventi pietre preziose...
  rotolanti massi di gemme, lanciati come proiettili...
  lungi da me, su di me, volete dunque balzare?


  Come? perchè v'ingrossate subitamente, a migliaia,
  pupille iniettate di sangue, di odio e di ombra,
  pupille stravolte, da ogni parte rivolte,
  proiettate fuor dallo scafo d'un vascello infernale,
  siccome troniere minacciose e rossigne
  ai fuochi riverberati d'un arsenale di demoni?...


  A un tratto voi correte, sciolte gemme
  grevi di lagrime dolorose...
  Per prodigio i vostri sguardi forsennati
  ruzzolanti nella notte han mutata la strada
  in un gran letto vertiginoso di torrente
  dai vortici bizzari di rubini e di fiamme!
  Certo il cielo si fuse miracolosamente
  per gonfiar quel torrente che senza fine travolge
  le nuvole intrise di porpora e le costellazioni,
  dai tetti neri colando giù insieme
  con le rotaie che brillano in folli giuochi
  di serpenti diabolici!...
  Tutto il cielo avvilito, malato, dolorante,
  briaco del suo odio... tutto il cielo spaventoso
  spaventato dalla tristezza, si sfascia al pesante,
  esasperante frastuon dei binarî!...


  O torrente millenario
  enormemente gonfio di gemme e di tenebre,
  che scorri senza fine sotto il grottesco galoppo
  e il traballar dei fantastici tram,
  simili a enormi ricci sfavillanti...
  verso qual mèta vuoi dunque travolgere il mio desiderio?


  Verso quella stazione che fiammeggia, lontano,
  mostruoso topazio dalle faccette di fuoco?
  Non è la gabbia ardente d'un faro enorme a cui guida
  la treccia sfolgorante delle rotaie,
  scie fosfòree di un'elica?


  Chimerici tramvai occhiuti d'occhi rossastri,
  quando, quando saprà un ferreo braccio
  incatenare alla riva e domare
  i vostri galoppi terribili, i vostri pazzi beccheggi
  di torpediniere fantasmi,
  mentre voi navigate sul lontano pendìo
  della strada azzurrognola
  verso l'alto mare dell'ombra?
  La strada sembra incavarsi trasparente, infinita,
  sotto i miei lunghi passi,
  cupa di fango laggiù, e qua e là sprofondata
  incalcolabilmente
  come un abisso!...



  3.

  La Sera indiana.


  Oh! certo le case invecchiarono
  di centomila anni, dopo il chiaro meriggio
  che con serici raggi carezzò loro le guance!
  Le case invecchiaron da un'ora, ed eccole curve
  sotto un fardello di tenebre.
  Han facce dure, mummificate! Le rughe
  vi si moltiplican ratte, e le vuote pupille
  s'oscurano a contemplare, avide, intente,
  l'esasperato slancio della strada
  che follemente sospinge l'eterna disperazione
  di quello strano, immobile torrente.


  O decrepite case dalle facce arcigne,
  perchè aggrottate così le vostre ciglia granitiche?...
  Io non ascolterò i sinistri rimproveri
  che i vostri cupi androni van borbottando la sera!
  Ah! per forza dovrete consentir ch'io sia pazzo,
  e lentamente, lugubremente morrete,
  per non aver voluto gettar via
  la vostra cocolla di tenebre e seguirmi all'inferno
  nell'assurda avventura del mio sogno suicida!...


  Io?... Non altro desidero
  che di balzare nel baratro delle notti!


  Non sapete voi dunque ch'è piacere supremo
  schiacciare d'un colpo contro una muraglia nera,
  in un esplodente spasimo,
  un gran cuor mostruoso dal _teuf-teuf_ infernale
  e i giganteschi pneumatici dell'Orgoglio,
  gonfi di odio e d'amaro ideale?


  Su, su, dove il cielo è più alto,
  s'esagera un monte
  pallido e ardente di nubi gessose,
  velate di malefizî, che regge
  sulla sua cima un'architettura pesante
  di mostri dagli artigli d'oro!
  È una gran Sera indiana
  di pietra dura lucente ed azzurra
  e dall'orlo verdigno,
  sotto il dominio fatale del Drago
  che, fuoco alitando e calor bianco, punge
  di terrore le nostre miserabili vite ammucchiate
  ed il nostro scompiglio di formicaio calpestato!


  Oh! venerabil penombra di questa notte calante!
  Estasi insaziata dei raggi e delle gemme!
  Tenebre attente! Immobili frenesie!
  È un'ombrìa gigantesca di favolose foreste
  dai grevi fogliami di bronzo e di porfido
  che s'eternizza sopra la fuggente
  demenza d'un torrente!
  Nero torrente inanellato di lampi e d'ombra, che scorre
  nelle profondità immutate dell'India
  fra lo strisciar dei serpenti affamati sui greti,
  e i loro baci che sibilano
  sul gorgogliar gazoso delle sorgenti.
  Ed io affretto il mio passo nel velenoso abbraccio
  dei rettili e degli alberi,
  palpando l'aria vellutata di larve, e annaspando
  nei folti impregnati di rosei veleni
  che lentamente gocciano.


  Sta accoccolato lassù, in alto, in alto sul monte
  di nuvole bianchicce, il centenario Drago
  tutto a gobbe d'acciaio e di fosforo.
  Svolge la sua coda ondeggiante
  che digrada nel cielo
  in sfavillanti anelli di smeraldo.


  Mio bel Destino, salvami dall'alito orribile
  di torpori omicidi, che a boccate biancastre
  spande il Drago domando fra i suoi artigli d'oro
  l'incendiato topazio della stazione
  dai mille fuochi di faro allucinante!...
  Urrà! Partiamo, Anima mia! Fuggiamo
  oltre la molla dei muscoli che scatta,
  oltre i confini dello spazio e del tempo,
  fuor dal possibile nero, in pieno azzurro assurdo,
  per seguir la romantica avventura degli Astri!



  4.

  Il «Simoun».


  Rauchi fischi, date dunque il buttasella!
  L'arcuata tettoia della stazione spalàncasi
  verso il pallido e tenero ciel della sera,
  come la informe gola delle grotte favolose
  frequentate dai Draghi enormi e dal terrore
  della loro nera respirazione...
  La colossale e fumosa tettoia
  caccia lontano, a boccate,
  il suo biancastro alito globulato di tenebre
  in cui grevi e possenti farfalle elettriche
  vanno agitando ali di neve abbagliante.


  Or io mi sento tutto rugoso, annerito
  di vecchiaia, e ansimante a bocca aperta
  verso l'azzurro ventoso
  come all'uscir da una fetida stiva,
  come all'uscir dalle viscere della terra!...


  Rauchi fischi, date dunque il buttasella
  della mia tragica partenza!... Il mio treno
  si muove nel turbine d'un gran _simoun_ fantastico
  e notturno, in cui subitamente:
  neri cammellieri giganti,
  dromedarî fantastici dalla schiena merlata,
  con ferree zampe dal lungo pelo bituminoso,
  onagri dagli occhi rotondi che lagriman bragia,
  braccia involate nello spavento
  verso il cielo implacabile... tutto,
  tutto si slancia a galoppo, con grevi passi di piombo!...


  Carovane infernali dai pesanti cammelli di bronzo!
  Ciuffi di capelli ritti e per l'orrore giranti
  in balìa d'un rosso vento feroce!...
  Cammelli lanciati a corsa, che tuffansi
  nella marea del fuoco, radendo le mobili sabbie
  schiacciando la loro fuga in passi immensi
  come sotto soffitti incendiati!
  Colli tesi dal terrore, striati di fiamme,
  contorti dallo strazio di lunghi gridi bianchi...
  Mascelle di cammelli, deliranti mascelle
  di vecchie centenarie che vadan ruminando
  fuoco e strider di carrucole!...


  Si slancia il treno e si tuffa,
  ebbro, la testa innanzi, nella Sera
  liberatrice e dispotica.


  O mio Destino! laggiù, verso qual trono superbo
  dal baldacchino a grandi pieghe d'azzurro,
  salgono mai quei bellissimi cirri di giada
  che nello spazio ampiamente digradano?


  Dimmi piuttosto se all'orizzonte io non veda
  una gran belva accosciata, dal gigantesco grugno,
  che fa schioccar tratto tratto
  e sfolgorare in tondo, immensamente,
  come un lampo la coda,
  per scacciar dal suo dorso le stelle che lo mordono,
  e sferzare il calore vibrante del pallido cielo?...


  Segue il mio treno pazzo le coste sinuose
  che strapiomban sulle rade di freschissimo azzurro.
  Oh! artificiale splendore, lungamente voluto,
  meditativo e meditato
  di questo mare rinchiuso che ozioso sonnecchia
  in quell'ombroso golfo, che mi consigli tu?
  Lo so: tu mi consigli la sosta di riposo
  e di plenaria dolcezza
  sul morbido origliere delle sabbie!


  Piccole onde di stagno
  squaman la curva delle spiagge, come
  nelle stampe primitive, e un veliero
  di porpora e d'ocra ardente si dondola
  pazientemente, beccheggiando ancorato,
  con ombre nere di marinai sulla prua.
  che appaiono subitamente,
  coniate sul bruciante color delle vele
  con la durezza precisa che hanno gli eserghi
  delle monete cartaginesi!


  E il sol metallizzato simula un medaglione...
  S'immobilizzano il cielo ed il mare... Le onde
  insensibilmente si cullano in un benessere languido
  o mollemente si pavoneggiano in mezzo alle rocce.


  Via! Presto! Scavalchiamo e superiamo
  codesto promontorio di sventura!


  Ecco alfin l'alto mare selvaggio dagli onesti consigli!
  Il mar colpito da un improvviso pànico
  qui lotta e fugge... Ma verso qual mèta?
  Barche io vedo che spiegan le vele
  ad abbracciar le stelle
  e si lusingan di vincere i flutti del mare
  che lotta invano e senza mèta fugge!
  Dov'è andata l'Aurora?... E il suo alito di gelsomino?...
  Svanirono nell'umida calura
  e nella penembra che invecchia!...


  L'Aurora!... Tanto speravo vederla
  sorgere in un prodigio di sete inebbrianti
  sotto un ciel rinnovato!... Ma la notte ruina
  ed il Sol s'allontana, retrocedendo
  verso l'opposto polo lentissimamente!
  Splendore ossessionante
  di una Sera immobile, sul mare!...
  O Sera di rimorsi e d'impossibile,
  o Sera di dolori irreparabili,
  miserevole specchio che avvizzisce
  la mia tristezza... Su!... Presto!...
  ch'io sfondi alfine il tuo pallore
  pietoso, amaro, gravido di rimproveri!


  Eh! sì! Ben potevo cantare a becco aperto
  accanto al mio bicchierino colmo di miglio
  e bere, e bagnarmi la sera
  nell'acqua stagnante d'una tazzina,
  al pari d'un canarino!...
  Che dici?... Le donne? E che mai importava
  ch'io mi curassi del loro fermento carnale
  e dei loro seni spalmati di droghe,
  poichè l'anima mia gode sì poco,
  oh! niente, quasi, tra le loro braccia?...


  Nulla agguaglia il delirio di balzare nel buio!
  Urrà! cantiamo!... Il mio treno folle
  s'è liberato dal peso schiacciante del Sole!
  Urrà! Non lo vedete discendere agilmente
  verso il cuor della terra, come un enorme trivello,
  raschiando in giro le pareti dell'inferno?...



  5.

  Le Foreste vendicative


  Perchè, mio folle cuore, ti lanci così,
  perdutamente, nella foltezza delle foreste?
  Non senti contorcersi irosi, a te intorno
  i vendicativi fogliami che il Sole feroce
  martirizzò tutto il giorno coi suoi pugnali di fuoco?
  Come te le foreste, esasperate
  d'ira malvagia, si vanno accanendo
  in sussulti terribili, per graffiar, mentre passano,
  le nubi grevi e panciute, di porpora.


  Ma passano le nubi noncuranti
  su la tua follia di gran fiume polare
  che infrange i suoi ghiacci,
  e sui gesti forsennati delle foreste vendicative.
  S'allontanan noncuranti le nuvole grevi
  come vecchi guardiani disillusi
  nel cortile di un manicomio!
  Sii dunque pazzo, focoso treno dell'Anima mia!
  Sii dunque pazzo a piacer tuo!... Tanto meglio!
  Ed a tutti rispondi, scoppiando in bianche risate
  di vapore, con lucidi fischi
  impennacchiati d'orrore!


  O povera Saggezza!... Oh! l'immensa gioia
  di sentirsi assurdo!...


  Ora il Sole al tramonto ti segue da presso
  nel tuo veloce andare, accelerando il suo palpito
  sanguinolento lungo l'orizzonte...
  Si slancia con grandi balzi, laggiù, laggiù... Guarda!
  Hop! Hop! Hop! Galoppa egli pure...
  La sua rossa, informe bocca di orco, la vedi?...
  Divora senza posa la carne delle nubi,
  insieme masticando e inghiottendo i fogliami
  tenebrosi e poi rivomitandoli
  in fondo ai boschi!...


  Oh! che il diavolo porti tutti i Soli satolli,
  e le nubi panciute, e le foreste arcigne!...


  Alfine, alfine il mio cuore si bagna
  --ed è gioia suprema!--
  nella notte mendace e divina,
  piena di filtri amorosi
  come una coppa fatidica dall'orlo fiorito di stelle
  che tocca lo zenit!...
  Alfine, alfine il mio treno si tuffa--ed è l'estasi!--
  in questa notte plenaria, sotto l'intenerimento
  delle stelle inebbriate
  che s'assopiscon tenendo fra le dita
  morbidi fiori di turchese!...


  Alfine, alfine balza il mio treno--ed è incanto!--
  nella mollezza diffusa di questi pesanti ventagli
  odorosi di rugiada e di brezze lascive,
  che la notte trascina, senza fine, lontano,
  sui balsamici fieni!...


  Ahimè! Presto svanì quella gioia squisita!...


  I Cieli sono assordati dal rumor dei miei passi
  di gigante... e acciecati
  benchè vi scorrano azzurri fiumi di stelle!...
  Ed io mi sento vinto dalla cupa oppressione
  degli Elementi dominatori!...
  Qual mai piacere è il vostro,
  onnipotenti forze che mi rompete la schiena?
  Io sento gli stridori
  che dànno le vostre enormi tenaglie strangolatrici
  nel richiudersi sopra il mio cuor vagabondo!...
  Ma non importa, o folle treno!
  Io sono in tua balìa!... Prendimi! Prendimi!
  Sotto il cielo assordato, benchè tutto vibri
  d'echi loquaci; sotto il cielo acciecato
  benchè folto di stelle,
  io vado esasperando la mia febbre
  ed il mio desiderio,
  scudisciandoli a gran colpi di spada,
  e deliziato mi piego, a destra, a manca,
  per sentirmi sul collo la carezza
  delle braccia del Vento, vellutate e freschissime!


  Son le tue braccia ammaliatrici e lontane
  che m'attirano, e il vento è il tuo fiato vorace,
  o Infinito terribile che con gioia m'assorbi!
  A me la tua bocca di dèmone saziata di lampi!
  Eccoti un bacio pesante, in cui l'anima mia
  tutta si vuota, o Infinito monotono dagli sguardi piovorni,
  ondeggiante lontano fra umidi suoni
  di campane funeree!
  O monotono Infinito dalle aride labbra
  come un porto insabbiato, abbandonato dal mare!...
  O monotono Infinito che sul viso mi soffi
  il tuo alito orribile d'ignoto
  e di mistero impenetrabile!


  Il mio treno ubbriaco di lampi verdi e di vento
  fugge incessantemente, e rotola
  il suo galoppo di tuono con balzi e sussulti,
  con mezzi giri elegantissimi sulla curva
  dei binarî che brillano, tuffandosi nel buio
  con un pericoloso piegar spagnolesco dell'ànche,
  a picco su abissi senza fondo!...


  E i miei ferrei cavalli trascinan sugli echi
  lo scalpitìo fragoroso dei loro zoccoli
  risonanti come campane, e la Notte li eccita
  con una irrefrenabile follia!


  Colonne di fumo, braccia immense di negri
  inanellate di scintille e di sanguinanti rubini,
  spazzate, raschiate le fuligginose
  profondità del crepuscolo!
  Spirali d'oro e di cenere infocata,
  simili a spoglie d'un rutilante serpente,
  il mio cuor v'abbandona e vi semina
  attraverso lo spazio!
  Oh! godi, godi, Anima mia sfrenata!
  Se vuoi intenerirti, puoi seguir collo sguardo
  quei bianchi sentieri di sogno, su pei fianchi d'un colle,
  bagnati d'una serica luce nostalgica....
  quei greggi di pecore, piccoli
  e pure immensi, che dilagano all'infinito,
  a destra e a sinistra per monti e per valli!...
  Oh! le pecore immote dai velli celesti
  e le lor fragili teste di polvere d'argento
  e i loro musi d'azzurro madreperlaceo, tesi
  verso la scapigliata corsa trionfale del mio treno!


  Oh! per un solo momento divertiamoci dunque
  anima mia, a gustare
  quei bianchi greggi immoti, piccoli ed infiniti,
  che sembrano trottare e stan fermi,
  serpeggiando sbandati per sentieri di sogno...


  Oh! per un solo momento divertiamoci dunque
  a singhiozzar sulla voce illusoria
  d'una zampogna lontana che mi piange
  in fondo alla memoria melodie
  appassite e tremanti sulle ciglia
  come lagrime di morte!...
  Così potrò sentire la tiepida angoscia
  di veder rifiorire per prodigio
  nei pianti della zampogna il mio lontano passato,
  tutti i miei soli defunti che di nuovo s'indorano
  nel mio cuore, e l'antico villaggio
  subitamente rinnovato, smagliante
  nel _din-don_ soleggiato delle campane!...
  Solo un momento ti concedo, o mio cuore!...
  Più non s'indugi!... Allentate i freni!
  Non potete? Schiantateli!...
  Che il polso delle macchine centuplichi i suoi slanci!
  Ecco: rimbalza il mio treno
  in un alone di fiamma e d'oro sanguinolento!...
  Oh! nere braccia di fantasmi, fate,
  fate girar senza fine le sue ruote dentate di fuoco,
  in una velocità esasperata,
  precipitevolmente,
  perchè io possa saziarmi di tenebre e di vento!



  6.

  La Tregenda.


  Bene! Bene! o mio treno!... Hai ragione
  di disprezzare così
  la corpulenza oscura delle montagne
  rigide di silenzio, che d'ora in ora ingigantiscono
  sotto la loro cappa di nuvole.
  Via! Via! Corri veloce, diritto alla mèta,
  perchè io possa lodare il tuo coraggio!...
  Son vane le vostre minacce, vecchi Titani invisibili,
  che levate le braccia a tutti gli angoli dell'orizzonte
  brandendo in giro cime nere, sospese
  sopra il mio capo!...
  Io mi burlo di te, Scorpione colossale
  accosciato su l'altipiano supremo...
  tu che agiti in cielo
  le immense tue antenne armate di stelle sanguigne
  come di massacranti mazze dorate!...


  Subitamente ànsima il mio treno,
  spossato e strisciante,
  snodando a fior di terra il suo ventre tenebroso,
  flessuoso come un gatto gigantesco.
  Soffia lontano il mio treno lo sgomento biancastro
  dell'alito suo, che si mesce alle scintille
  vomitate dalla valle...


  Di qua, di là, appiattate nelle vaste pieghe del suolo,
  come in fondo a caverne ove brulichi
  una tregenda, officine dai cent'occhi di luce,
  rantolan senza fine,
  con le rosse bocche stupite dei loro grandi forni...
  Sembran malefiche gatte, che rizzano
  verso il ciel lunghe code
  di fumo globuloso...


  E il mio treno dal corpo disossato
  con destrezza s'insinua sotto le rosee carezze
  dei loro grandi sbadigli di fuoco...


  Ed ecco che una bava rossiccia di lava
  cola fuor dalle porte, mascelle scoppiate...
  Vi si rizzano scheletri
  di vecchie mendicanti dal passo spezzato, che vanno
  trascinando sulla loro schiena ogivale
  un gran fascio di fiamme!...


  O mio cuor migratore, vuoi tu dunque esplorare
  la profondità dei loro occhi violacei?


  Quella danza instancabile di sguardi infernali,
  quel ribollire di grosse lagrime specchianti
  dietro grandi vetrate,
  evocavano mostri intenti a fondere
  raggi massicci pel Giorno futuro...
  Simili essi ad orefici dalle dita sottili,
  manipolavano azzurri riflessi
  e cesellavan fuochi graziosi,
  con febbrili martelli fabbricando
  la grande aureola solare.


  Frattanto un torpore malarico invischia l'acque stagnanti.
  I licheni sui greti son bruciacchiati dai passi
  infocati dei demonî che strisciano
  verso i rifugi delle streghe...


  Maledetto scannatoio, lugubremente infestato
  dall'eterno gracchiare dei rospi inspirati!...
  Satura di fuliggine e striata di fosforo,
  l'aria s'infeltra tutta di vampiri
  dai grandi occhi di donna levantina...


  Il mio treno veemente si scaglia
  nella rasa pianura, ove di tratto in tratto
  le tragiche officine si moltiplicano,
  lontano, nel buio, furtivamente come lucciole...
  Mi avvicino, e subito i fumaiuoli
  sembrano lunghe narici
  che febbrilmente mandino, a scatti brevi, nervosi,
  viventi fumi meticolosi!...


  O follia, mia follia, giocoliera eterna!
  Al fumo tu dài l'apparenza
  d'un grande chimerico verme che rinnovi
  e senza posa rigonfi i suoi anelli,
  d'un chimerico verme dalla testa puntuta
  che sembra mordere il tetto inverosimile
  d'un'officina che pure esiste in fondo all'incubo!


  Fiera, sinistra, inebbriata di solitudine,
  esasperata dalla minaccia degli abissi,
  un'officina dal gran dorso merlato
  grondante di spavento azzurrognolo, sorge
  d'improvviso, a una curva dei binarî,
  scoppiando in molteplici risate d'oro!...


  Ridiamo, ridiamo, o mio cuore!... Non vedi?
  La fonderia ferve tutta d'un caldo sghignazzare
  nei suoi enormi forni che fiammeggiano!
  Orrore! Sussulta, la fonderia, come un cane infernale
  tutto intriso di bragia, e mi vomita in viso
  la sua fosforea rabbia e i suoi ferrei polmoni
  che crollano interminabilmente!


  Cuore! Mio cuore!... Come avrei preveduto
  un sì orribil custode
  a quegli assurdi muri barcollanti lontano?...
  Come un ladro mi accolgono... Eppure sì poco
  bramavo io di vedere quella città che dorme
  fra le bende del Silenzio, come una mummia,
  sotto il giogo opprimente delle Stelle!


  Si corra via presto!... Più lungi! Più lungi!...
  Ed io fuggo, mollati i freni, contemplando
  il sonno immemorabile della città
  suppliziata sulle grandi braccia in croce
  di quattro immense strade bianche!...


  O Titani di granito, le cui braccia alzate
  brandiscono montagne sopra il mio capo,
  schiacciatemi sotto i vostri massi sospesi!...
  Già lo spavento agghiaccia le mie reni di bronzo
  con l'alito esasperante della Morte!...
  Delle pupille, dovunque, di porpora e d'ocra,
  mi stanno immote dinanzi, sbarrandomi la via...


  Una fucina massiccia dagli sguardi diabolici,
  dalle guance imbellettate di sangue nerastro
  emerge lontano, come un volto d'Erinni,
  sotto innumeri serpi di fumi aderti e tôrti!...


  Vuole atterrirmi forse? La compiango!...
  È sì pura delizia traveder, più lontano,
  sul tetto d'una officina, raggi infiniti
  che in angolo luminoso s'allargano,
  simili alle corna di luce che si vedono
  sulla fronte a Mosè, nei quadri sacri!...


  Di sobbalzo in sobbalzo, con strappi crudeli
  e lunghe scivolate, il mio treno fa finta
  di schiacciar degli scheletri,
  e, a tratti, di saltellare su pance
  flaccide di cadaveri!...


  All'intermittente chiaro di luna
  che pullula e piove dalle nuvole
  vedo sotto di me, nella campagna immensa,
  una città addormentata accanto a un fiume
  che maestosamente s'aggira,
  tirannico e bonario come un vecchio guardiano...
  Al chiaro di luna intermittente,
  i flutti non fingono forse
  una lucente armatura?


  Ecco il fiume! Ecco il fiume!... Già siamo
  sopra il suo dorso!
  Danziamo sul ponte, sul grande ponte di ferro,
  tettoia dell'Inferno!... Danziamo
  nella gabbia del ponte,
  fra indiavolate sbarre intrecciate che fuggono
  come legioni di scheletri sbandati
  correnti in senso inverso alla corsa del treno!


  Come potrà non inciampare il mio treno
  nell'orrido intrico dei binarî scintillanti?
  Attenti! Attenti!... Sono grovigli di serpi,
  sfolgoranti e dorati che combatton nell'ombra!...
  Son centomila, sono milioni di serpi
  che sotto il mio focoso galoppo s'ingolfano
  nell'ampia tettoia nerastra
  di una profonda stazione!... La corsa è finita!...
  S'arresta il mio treno, sbuffante, ansimante
  come una belva inseguita nella fonda sua tana!...



  7.

  Il Fiume tirannico


  O perchè non volesti riposarti,
  mio povero cuore torturato dall'angoscia
  e dall'amarezza, mio povero cuore
  sballottato dal beccheggio del desiderio?...


  In questa vecchia città insonnolita
  presso il suo fiume millenario, coricato
  come davanti a una porta un guerriero dormente
  dall'armatura che luccica al ritmo del respiro,
  in questa città vive la tua Josie adorata!...
  Dorme Josie, a quest'ora, nella sua piccola casa
  in fondo a una viuzza pia e raccolta
  che beata assapora la sabbia del silenzio,
  colante nella placida clessidra
  del suo verde giardino!...


  È qui, Josie, e languidamente beve,
  con un dolce alitare, i filtri soavi del sonno
  sotto la tirannia crudele
  di un'implacabile stella fissa....
  Te ne ricordi, o mio cuore?... Appena te ne ricordi!...


  Eppure, Ella mi amava con tutto il calore
  vibrante del suo corpo, con tutta l'anima sua
  che in fiamme azzurre moriva nei suoi occhi purissimi!...
  Mi amava ella con tutto il miele
  della sua saliva felice,
  quando le mie braccia si sforzavano
  di amalgamare le nostre carni ed i nostri
  poveri cuori errabondi!...
  Era soave, Josie, e certo non avrebbe
  pesato molto il portarla
  fra le braccia per tutta la vita,
  verso il gran nulla della vecchiaia... Eppure!...


  Ricordo la terrazza ove scorrevano
  le nostre belle sere, sotto l'azzurro,
  entro l'azzurro odoroso delle glicine,
  tra il gonfiarsi e lo sbattere dei panni multicolori
  distesi sulle corde e che sembravano
  vivere a un tratto la vita ardente e gioiosa
  delle vele sul mare!... Gonfi di vento,
  i panni multicolori volevano forse
  rapire a volo la terrazza e invitarmi a fuggire
  vagando via pel rosato cielo della sera!


  In un impeto pazzo talvolta afferravo
  le sue piccole poppe gonfie di desiderio,
  come si afferra ad un tratto una vela vibrante
  a un brusco salto del vento,
  per raddoppiare il suo slancio
  verso l'abbraccio impossibile d'un lontanissimo cielo.


  Quando le mani mie trepide
  slacciando e lacerando ogni gentile ostacolo
  strigliavano il languore estenuato
  e la purezza del suo corpo, a saziarne
  in ogni punto l'angoscia lasciva,
  la voce sua si rompeva ad un tratto
  in disperate grida:
  --Io sento, caro, io sento che tu non mi ami!--
  Dimentica, o mio cuore, quelle grida desolanti
  e sogna ancora, piuttosto, le delicate stelle
  che certe notti venivano a carezzarci le labbra!
  Stelle addomesticate dal calore dei baci!...


  Sulla soglia, Josie, a notte alta,
  verso di me chinandosi, tese le braccia,
  m'offriva le labbra e versavami in cuore
  il suo languido addio e le lagrime
  della sua carne!
  Le sue labbra? Gli azzurri suoi occhi intrisi d'oblio?
  ... E non seppi goderne!... Ero cieco, mio Dio!...


  Nei tepidi meriggi, a primavera,
  sulla soglia, Josie mi porgeva le labbra
  attente e gli occhi suoi,
  prigionieri adorati del mio sogno.
  --Sei tu, amor mio?... Brutte cose ho sognato!...
  ... Ho sognato che i ladri mi rapivano
  la tua bocca per sempre!... T'aspettavo,
  arsa la carne nella tunica ardente
  di un desiderio terribile, ed ero sì ebbra
  della mia attesa sfrenata, da volerne morire!
  I miei baci errabondi
  creavan senza posa il tuo corpo
  nell'aria della notte!... Ma tu,
  ma tu che hai, amor mio?... Il cuore ti scoppia...
  tremi tutto... oh! perchè,
  dimmi perchè ti vedo ansimare così!...--


  --Saliti ho i gradini a passi giganti,
  come si sale con la spada in pugno
  la scala d'una torre, per piantarvi
  una bandiera di vittoria!
  Josie, Josie mia, mentre salivo a te,
  simile ero allo spasimo accelerato della lussuria
  che nella tua carne so spingere
  a forza di carezze!... Simile ero allo spasimo
  che ti morde le viscere,
  e a poco a poco bruciandoti il dorso,
  annegandoti gli occhi, soffocandoti il petto
  d'angoscia e di piacere, fa scoppiar la tua bocca
  in un altissimo grido,
  e lancia alfine la tua anima in fiamme
  nell'Infinito!...


  «Tutte le mète io voglio raggiungere,
  voglio balzare su tutte le cime,
  insanguinandomi l'unghie
  ai più inaccessibili greppi!
  Ho paura che il Tempo nero dai passi veloci
  a precedermi giunga sui supremi altipiani
  d'un Ideale assurdo!
  Odo il tempo pesante dall'ossa di bronzo cozzanti
  già risuonare sui miei sentieri,
  panoplia sconquassata dal vento dell'inverno!
  Voglio che quella rozza morente,
  dalle budella profonde come sepolcri,
  domandi grazia ai miei garretti instancabili!
  Oh! come colmar la mia sete di spazio e d'impossibile
  e la mia angoscia nostalgica sulla sua bocca conquisa?
  Giammai, giammai Josie le tue braccia soavi
  potranno incatenare questo cuore bramoso
  di confondere la sua follia
  con la follia sfolgorante degli Astri!...


  «Oh! che faremo noi due, reclusi nel nostro amore,
  sotto il serico lacerarsi delle brezze primaverili,
  quando la Sera, crepitante d'un desiderio sfrenato,
  verrà senza pudore davanti a noi a spogliarsi,
  offrendoci le sue mammelle ignude?
  Un simbolo è dunque, là giù, in lontananza,
  quel gran fiume d'argento,
  che sordamente vuol strozzare con una larga carezza
  la Città ebbra e sì vecchia,
  e sì rugosa, e sì fragile,
  già presa nei nodi gordiani
  della vasta corrente squamata di lune molli?


  «O perfida Fortuna dal chiaro volto soleggiato,
  Fortuna che trascini il tuo gran corpo idropico
  squassato da un'eterna risacca
  sotto cenci d'azzurro mirabolanti,
  ben saprò vincerti, e fermarti
  contro un rudere polveroso,
  e forzarti, fra i lampi dei miei coltelli alzati,
  a concedermi alfine lo scintillìo
  magico e l'illusoria melodia
  che fanno le tue stelle monetate
  tintinnando sul terso metallo dei mari!
  Con ondate d'amore, con l'aerea freschezza
  di mille azzurre campane, che inaffian di felicità
  la nostalgia senza fondo degli spazi
  voglio che tu m'inebbrî sollevandomi l'anima
  fino alla vasta scalca d'un castello fantastico.
  Voglio che vi si spieghi, a saziare la mia rossa fame,
  lo splendore fumante d'un impossibil banchetto
  sotto i raggi intrecciati delle gemme e delle pupille
  lussuriose, e tra le fiamme lanciate
  a rimbalzello sull'acqua serena degli specchi!--


  --Per sorbire, tu dici, dei vini colore di sogno?--
  --No! No! Per ingollare avidamente
  della gioia succulenta, poichè sempre,
  malgrado i bei demoni che sprizzano ignudi
  e grondanti di chiaro di luna,
  dalle bevande inebbrianti... sempre,
  malgrado tutti gli artigli e le chele roventi
  che le droghe m'affondan nella gola,
  con crudeltà di granchi mostruosi,
  io voglio lasciare la tavola
  sputando in viso ai commensali muti
  ed andarmene altrove, col sapiente
  occulto rodimento del rimorso
  e con gli ondeggiamenti
  d'una nausea amara che dovrò vomitare
  nella laguna della Morte!--


  --È qui, è qui, la tua Josie!--Che m'importa?
  Tu lasciala dormire, mio cuore!... Ho bevuto
  lunghe sorsate d'orgoglio, vuotando
  a garganella l'anima mia inebbriante...
  Pietà! Già son ebbro e barcollo
  corro qua e là inseguendo il mio corpo
  e ad ogni passo incespico, sulla riva
  di questo fiume sinistro!...
  Laggiù... i neri campanili della città rugosa
  remeggian nel cielo inarcandosi l'uno sull'altro
  per cercar d'infilzare a casaccio le Stelle
  come monelli armati di forche a rubar degli aranci!...


  Orrore! Orrore! Il terribile fiume ora strangola
  la città dove dorme la donna che adori!...
  Il fiume febbrilmente allaccia
  nelle sue spire d'acciaio
  la città dai lunghi campanili puntuti,
  che cadono nel buio, ciascuno con la sua stella
  tutelare, infilzata come un fulgido arancio
  già marcio ma ben guadagnato!--



  8.

  La posta del giuoco sublime.


  Un'altra volta, un'altra volta ancora
  i venti selvaggi dàn fiato alle trombe
  per invitarmi a raddoppiare lo slancio
  del mio galoppo e le mie scivolate diaboliche
  sui binari animati che fuggono,
  e le mie ruzzolate coi piedi innanzi entro ferrei stivali
  verso il fumoso nulla dei prati in pendio.


  Lo so: io devo raggiungere in un angolo dello spazio
  le vostre corse disinvolte, o Stelle,
  e sorpassarvi, poichè lasciaste le strade di luce
  che vi son consuete, e correte lontano
  agitando le braccia in segno di sfida!
  Io vedo il grande vortice e la corrente
  che sospinge le vostre coorti di fuoco...
  I vostri gesti azzurri a un tratto si moltiplicano
  fra la cupa architettura delle nubi rugose,
  simulando grevi tetti e porticati profondi!
  È ben questo un complotto di guerrieri in maglie d'oro
  a un romoreggiante quadrivio di città medioevale,
  con flussi e riflussi di lotte a corpo a corpo,
  e corazze fracassate, e rossi colpi di spada
  che trinciano l'angoscia nera
  del silenzio infinito!...


  Avanti! Avanti! Al disopra
  della ribellione che si propaga a poco a poco
  negli eserciti vostri sfavillanti,
  udite, Stelle d'oro, l'alto grido:
  «Avanti! Avanti!» che vi rimette in sella
  sopra il dorso illusorio e fra la danzante criniera
  delle vostre nuvole?... Udite
  il grido che ancora m'incalza?...
  Olà!... Urlatemi dunque
  qual'è l'aurea posta di giuoco che promessa vi fu
  laggiù in fondo al cielo?...
  È dunque assai bella, la mèta lontana a cui correte?...


  La pianura s'è mutata in un oceano vasto
  di bruma vellutata e intirizzita di mistero,
  eppure il mio treno vi si tuffa
  con mollezza irresistibile... stupito
  di fracassare ad ogni istante il colossale tamburo
  di un invisibile ponte levatoio...
  Sono allora singhiozzi di bronzo e rimbalzi
  d'artiglierie gettate giù dai bastioni, in un fossato...
  Troppo tardi!... Vedete, il mio treno è impazzito!...
  Calmate, se potete, l'atroce frenesia,
  i battiti del suo gran cuore arroventato
  e i rantoli bollenti della sua caldaia,
  e il suo soffio possente che guaisce e si lagna
  bagnando gli echi delicatamente
  d'un miagolìo nostalgico di zufolo!...


  Stelle! o mie Stelle!... Fissata, è l'ora delle vostre sconfitte!
  Stelle stravaganti, esultate per l'ultima volta!
  Inebbriatevi al tintinnare dei vostri carriaggi
  adamantini! Lanciate a corsa
  i vostri cocchî di gemme, sotto lo scampanellare
  delle fulgide redini di perle!


  V'ammirano i Saggi, vi credono tutelari;
  ma invece io darei mille vite per mordervi
  e per mangiarvi il cuore bevendovi il sangue!


  Accetto la sfida!... Più presto!... Più presto ancora!
  Senza posa nè riposo!...
  Mollate i freni!... Non potete?... Schiantateli!...
  A destra, a sinistra io vedo
  neri mulini dinoccolati,
  che sembrano correre, a un tratto,
  sulle loro palmate ali di tela
  come su gambe smisurate...
  La luna versa a ondate
  i suoi chiari beveraggi di delirio
  e d'amor sovrumano, il suo veemente
  desiderio di correre con la spada in pugno
  sopra infocate mura, verso il bacio morente
  delle bocche immortali...
  La luna inaffia e abbrucia
  col suo liquido argento vivo le curve solenni
  d'un paesaggio illimitato, ungendo di forza
  e di coraggio i muscoli induriti delle colline striscianti...
  I torrenti non sono più
  che lucidi intrecci di spade!...


  La luna empie lo spazio
  d'una immortalità sublime, ove subitamente
  le montagne lontane, accentuando l'audacia
  della loro postura insolente
  levan alte nel cielo radiose facce superbe!...
  L'orizzonte merlato di rocce titaniche
  con gioia si ritempra in un'acqua d'eroismo
  e le cime bagnate di atmosfere divine
  aspettan con angoscia i passi rudi d'un nuovo Dio!


  Il mio treno scrollandosi qual folleggiante monello
  getta alfine il suo lungo cappello puntuto di fumo,
  per meglio tuffarsi
  nell'oceano indiasprato del chiaro di luna....
  Ora la vasta pianura ha vaporose pigrizie
  fingendo d'inclinarsi come una morbida spiaggia...
  O sfolgoranti sciami di viventi scintille,
  danzanti mosche d'oro dall'elitre di zolfo,
  io vi son grato perchè tanto punzecchiate
  le affrante groppe dei miei vagoni arrembati,
  esasperando il loro spavento
  e il desiderio instancabile che li anima!...


  Sull'immensa pianura tenebrosa e schiacciata
  che stride qua e là di grida bianche
  sotto gli aguzzi raggi delle stelle,
  elevan le montagne la loro sprezzante alterigia
  tenendo alzata colle loro braccia nodose
  l'ombra fresca delle valli,
  come un gran manto di velluto nero.


  Ed ora le montagne già stanno per gettare
  sulla mia fuga tabarri di sonnolenta frescura...
  là, là... guardate, a quello svolto sinistro...
  Presto! Ancora più presto!... lo devo fuggire, fuggire...
  nuotando estasiato sul fiume inebbriante degli Astri
  che si gonfia in piena nel gran letto celeste!...


  O morte pianure, estenuate
  sotto i vivi pugnali della luce,
  pianure d'ombra bituminosa, crivellate
  di raggi, senza fine, ben potete
  soffiarmi in viso l'alito purulento del Rimorso!...


  Molli pianure del passato, intrise di pianto,
  visitate dai curvi fantasmi del ricordo,
  io vi scavalco sul mio treno impennecchiato d'orgoglio
  e mi dondolo in cielo, vogando in accordo
  col ritmo impetuoso e la cadenza
  meravigliosa di questo fiume stellare!
  Che importa se il mio cuore si lamenta, spossato,
  traboccante d'amarezza,
  stanco d'ebbrezza titillante, gonfio
  di gioia grossolana, e pur tanto leggiero,
  sottile, come impalpabile, per aver troppo bevuto
  alla diaccia lusinga della velocità
  verso la notte vorace dell'Infinito?...
  Ah! che il mio petto scoppi
  al pulsar del mio cuore!...
  S'allarghi, s'allarghi il mio cuore,
  inghiottente e rosso come il bacio voluttuoso
  con cui il sole disseterà
  l'agonia della terra!...


  A piacer tuo, mio cuore disilluso!...
  Nulla deve arrestarti, malgrado l'immensa stanchezza
  e l'immensa disperazione!
  Nessun'oasi più, sulla terra, per la tua sete, o cuore!


  Senza terrore contempla la curva Notte,
  ammantata nelle sue tenebre a lunghe pieghe,
  che verso lo Zenit trascina la Via Lattea
  come una enorme rete d'oro,
  piegando sotto la follia ed i fulgidi guizzi
  delle stelle squamate come anguille!...
  Oh! mangiane, se vuoi, per saziar la tua fame!...


  Lo sai, che queste stelle, grappoli succulenti
  di luminose uve gonfie di rosso sugo,
  uve che maturarono al basso del ceppo
  inzaccherate dei vapori cocenti
  che all'orizzonte stagnano...
  lo sai, mio cuore,
  che questi grappoli siderali
  sono assai più saporosi d'ogni altro grappolo d'astri?
  Ecco di che placare l'immemorabil tua sete!...


  Città rugose dai ponti neri
  le cui tremule dita affondano
  nella giovinezza chiassosa dei torrenti...
  Città inchiodate dalla paralisi,
  che contro le nubi
  in urti sonori spaccate la fronte vibrante
  dei vostri campanili cascanti dal sonno...
  non vi stancate invano a trascinar lontano
  dietro al mio correr veloce le vostre mura crollanti!
  Piuttosto riposatevi, e rimanete così,
  tutte adunche d'invidia e di rancore
  focosamente immote, ebbre d'odio,
  perduti gli occhi a contemplare
  gli uccelli migratori che fanno soste brevi
  sui vostri lunghi campanili,
  per schizzar fimo e rivolarsene via
  con la stanca indolenza disdegnosa
  delle loro ali librate!...
  Urrà! Urrà!... Cantate! Ballate,
  miei cari desiderî suicidi!
  Suvvia, fieri demoni che pedalate furiosi
  cavalcando senza sella le ruote giganti
  del mio folle treno!...
  Addosso! Addosso ai monti!... Dobbiam superarli,
  poichè domani il Rimorso
  forse potrebbe schernirci ed avrebbe ragione!...
  poichè la Morte--pensate!--
  potrebbe domani afferrarmi alla cintola
  ed obbligarmi a lasciare le staffe!...


  Monti! Mammùt in mostruosa mandra
  che pesanti trottate, inarcando
  le vostre immense groppe,
  eccovi superati, eccovi avvolti
  dalla grigia matassa delle nebbie!
  E odo il vago echeggiante rumore
  che sulle strade stampano
  i favolosi stivali da sette leghe
  dei vostri piedi colossali!...


  Lampi! o bei lampi, io disdegno
  i vostri colpi d'ascia violetti, vibrati
  in pieno sul mio nero cuore!
  Lampi! o bei lampi, io disdegno
  i vostri scatti sonori!...
  Urrà! Urrà! Venti che volete uncinarmi
  coi vostri lunghi raffi allo svoltar delle valli,
  io vi ho sorpassati, frantumati, vinti!...
  Urrà! Urrà!... Son sorpassate o vinte
  le cupe Città suppliziate
  sulle grandi braccia in croce delle candide strade
  Vi ho sorpassate, foreste gesticolanti!...
  Ed ecco già sull'arco lontano dell'orizzonte
  il Mare dalla lucente armatura lunare!...
  Oh! Ebbrezza di tuffarmi nell'onde,
  fra l'alito effuso del largo, saturo d'_al di là_!...
  Ed ora, a noi due, bel Destino!...
  Giochiamo alfine la nostra partita sublime!...
  Folle partita che intavolare dovremo
  sull'immenso tappeto del firmamento,
  in fretta, in fretta, assai prima
  che l'Aurora dalle mani scarlatte
  venga con un gesto furtivo di baro
  a rubarci, l'una dopo l'altra,
  le stelle bipartite di nero e d'azzurro
  che sono i nostri dadi fortunosi!



  9.

  Il Demonio lusingatore


  O laceranti fischi, bei lampi a zig-zag!...


  Sono fosforee forbici di streghe,
  che tagliano il velluto e l'orpello delle nuvole,
  con ebbrezza squarciando
  i palpitanti panneggiamenti delle tenebre seriche
  per farne il mio sudario?


  Ben vedo sulle cime lontane
  fili d'oro ondeggianti che mostruosi gomitoli
  sdipanano a casaccio, mentre il Vento
  dal lungo pelame di gatto d'Angora
  si trastulla con essi, agitandoli
  con la sua morbida zampa...


  I fischi funerei del vento
  squartano senza fine con l'accese unghie loro
  il cuor sanguinolento della macchina!...


  Che il mio treno voglia forse disossarsi
  per mordersi meglio con avidi aguzzi denti,
  inondando gli echi del suo dolore irreparabile
  e gonfiando d'amarezza la notte
  ebbra delle lagrime contenute delle Stelle?...


  Ah! no!... Non più singhiozzi!... Mi spezzi la schiena!
  Vuoi tu dunque, o mio cuore, commuovere fino alle lagrime
  gli echi femminei che un tempo conobbi sulla mia strada
  e che ancora m'attendono, in ginocchio, preganti
  come domestiche curve intorno a un'agonia...
  alla mia agonia danzante e frenetica?...


  Il mio cuore trabocca, gronda il mio cuore
  d'un orgoglio fantastico e temerario
  impennacchiato di rumorosa ebbrezza
  e agghiacciato di freddo terrore
  come una coppa di _champagne_ avvelenato!


  La morte? M'annunciate la mia morte?...
  Lo so: laggiù, in quella città stretta dall'odio
  sotto il suo campanile alzato come un pugno nero....
  lo so: nell'intestino fumoso di una viuzza,
  dietro la porta chiusa d'una bettola,
  la Morte m'aspetta... (È là ch'ella vive!)
  Essa, pezzente scarnita sotto i suoi stracci di nebbia,
  è là da sempre, seduta a una tavola,
  e tende al visitatore predestinato
  la sua faccia d'incandescente cenere,
  in cui sfavillano occhi di stagnante putredine!...


  Orrore!... Mi sento sulle guance e nell'ossa
  il tenebroso brivido di un abbraccio mortale!


  Serrate i freni!... Son rotti?... Che fare?
  Bisogna dunque che io abbandoni
  la pazza frenesia del mio treno
  alle ostili sdrucciolate del binario!
  Vedete? Come potrei rallentare il mio slancio
  ed il ritmo possente del mio cuore nero?


  Esploro lontano, e vedo tettoie formidabili
  dagli occhi di porpora, arrotondati dall'attesa,
  che s'accosciano intorno alla fumida bocca
  della stazione,
  sulle matasse e le trecce dei luccicanti binarî...
  Le sinistre tettoie a quando a quando oscillano,
  come nordici pescatori dal gabbano incatramato
  che agli scogli s'aggrappan, nello sforzo
  di trarre a riva grandi reti ricolme di pesca...


  Lo so: voi mi aspettate
  sotto i vostri sonori cappelli di latta
  dalla falda piatta, aperte le braccia
  per regger nasse immense, in cui presto
  (voi lo sperate, lo so!) il mio folle treno
  balzerà assurdo e guizzante come un pesce preso.
  Sono un pesce, lo ammetto!... Ma ribelle, ma invitto!...


  Che! Nulla vi spaventa?... Eppur le mie rosse branchie
  soffian lontano un alito di fucina,
  e le raffiche sferzanti, che torcono i vostri cappelli
  di latta vibrante, sapranno atterrarvi!...
  Ebbene? che dite? Questo vento pesante
  non potrà soffocare il vostro violento ansimare?


  Oh! davvero vi ammiro, o sacripanti
  irrigiditi nello sforzo d'inchiodare
  le vostre fatidiche nasse agli scogli della riva!
  Ma non importa: io sono indomabile e posso
  flettermi come un'anguilla, cacciandomi
  attraverso le strette maglie, e mi diverto oltremodo
  ad ascoltare i vostri gridi gutturali
  di vapor crepitante!...


  Sento incessantemente le mani impazienti
  d'un Dèmone carezzevole, furtivo, onnipresente,
  che senza sforzo mi strappa con le unghie dorate
  un occhio:... gli occhi... le ciglia!...
  Oh! qual delirio! Quale orrore squisito!
  Le sue unghie s'accaniscono a lisciarmi
  la carne del volto, e la sua bocca vorace
  passa e mi mangia le labbra!...
  Il mio volto è spianato, levigato
  come i Cristi scolpiti sui vecchi reliquiarî,
  divorati dai baci d'innumeri pellegrini...
  Grazie, grazie, Demonio di Frenesia e d'Impossibile,
  poichè certo sei tu che sazî la tua fame
  sulla mia faccia!... Sei tu che rivesti il mio corpo
  d'invisibili labbra e di elettriche nari!...
  Per te, tutto il mio corpo
  beve, mangia e fiuta
  il soffio glacial della Morte!...


  Un urto brusco!... un grande scrollìo di cerniere!...
  Ah! maledetto guscio di tartaruga! Il mio treno
  è incatenato! Io ne fuggo fuori
  rompendo i vetri, come un lupo che scappi
  abbandonando la coda superflua,
  (non è forse un oggetto di lusso?)
  alle mascelle d'una trappola!...
  Ed entro finalmente nella città!...



  10

  Il Veliero condannato.


  Già il cielo nero si gonfia
  del singhiozzo straziante che il mio cuor condannato
  sta per lanciare allo Zenit...
  Alba sinistra e macerata d'angoscia!... Alba contratta!
  Il vento, agonizzando a un quadrivio,
  aguzza un suo rantolo estenuato...
  O vento crocifisso dai chiodi delle Stelle!...
  Riboccano le vie d'un bitume di folla
  tutto fumante di tenebre, che scuotere sembra
  penosamente la corpulenza delle facciate.
  E dovunque il soffio selvaggio del mare
  s'ingolfa con fracasso, sbatacchiando
  le sue mille teste dai capelli ritti,
  le sue mille braccia, le sue mille voci a trivello...
  E il Terrore dovunque m'insegue da presso
  pungendomi le reni con la spada!...
  Pennacchi crollanti di fumo greve e grasso
  invischiano orribilmente il tumultuar della folla,
  che svolge intorno a me i suoi tentacoli
  di piovra colossale dalle ventose fetenti...
  Maschi e femmine... tutti mi somigliano!
  Sei sempre tu, Demonio delle Frenesie,
  che divorasti loro la faccia... Oh! eterna lebbra!...
  ... Come a me?... Come a me!


  Nessuno sentiva l'angoscia
  e il crudele rimorso d'aver perduto così
  i proprî lineamenti, la propria maschera, il proprio viso
  fra le unghie d'un ignoto,
  per amor dell'Inferno o del Cielo?
  No: per amor delle Nuvole!
  Ecco: una donna!... Le mie dita
  t'hanno riconosciuta!... Per le poppe t'afferro...
  Gridami dunque, gridami se senti
  l'orror della mia faccia corrosa!
  E non hai tu la brama angosciosa di sapere
  il delitto, la follia, la disperazione nascosta
  dietro la mia fronte d'avorio?
  Poichè son io, il colpevole, il condannato a morte
  che trascinate senza saperlo
  verso il nulla delle vostre vendette!...
  Forse lo ignori?... Silenzio...
  Sanno farsi capire le mie dita, affondando
  nella tua carne?... Hai tu compreso?...
  Ahimè! Io non sento che un pesante scalpiccìo
  molle di piedi nudi sulla strada fangosa,
  che sembra fermentar d'odio sotto i miei passi...


  A destra ed a sinistra, le mura delle case
  furtivamente fuggono fra l'ondeggiare
  dei fumi e delle fiamme... e la folla si spande,
  sinistro ventaglio di palpitante velluto,
  nell'ombra spaziosa dei moli e delle banchine...
  delle banchine immense di questo porto fatidico!...


  Ecco! Uno dopo l'altro gli schiaffi colossali
  di un'ondata che s'erge, impennacchiata di luna verde,
  imprimono alla folla sussulti e risacche violente
  in cui rapido piroetta il mio corpo.


  Orrore! che mai vedo, in lontananza,
  in cerchio intorno a me?


  Non tremare, o mio cuore!...
  Digradanti sui declivî dei monti lontani
  vedo le case nere che scendono, sbarrando
  i loro vetri rossi, col dolce sghignazzare
  e col sorriso truce dei loro vecchi balconi sdentati...


  A me intorno la folla automatica e bituminosa
  si mesce e si confonde coll'agitazione del mare.
  Ma da ogni parte fiammeggian pupille,
  pupille vive di case precipitanti
  il loro galoppo fantastico, di gradino in gradino,
  dall'alto al basso di questo gran circo di monti,
  per vedermi e seguirmi
  con un lungo sguardo inesplicabile.


  Le finestre battono le palpebre, rapide,
  poichè la bufera raddoppia.


  Il porto cupo altro non è
  che un vasto scricchiolamento
  d'alberature infrante
  sotto lo sforzo delle vele dal ventre squarciato,
  saccheggiato da artigli feroci!...
  Aiuto! Aiuto! Il vecchio porto contorce
  la sua immensa carcassa schiacciata
  di capanna masticata dal fulmine...
  Aiuto!... La tempesta?... Ah! no!...
  Questo è un assalto di onde dai denti di lupo!...
  Sembrano lupi furibondi per fame,
  che s'avventino sulla porta d'una casa,
  e in torrenti accaniti
  penètrino dalle finestre!


  Un gran veliero leva alto il suo scheletro
  davanti a me, sul molo.
  Le sue ossa piegan sotto cordami simili a budella.


  Accorrete dunque in folla, o case scellerate
  dalle facce forate di pupille febbrili!...
  Inarcate le vostre braccia
  e i vostri tetti coperti di tegole... Issatevi
  le une sull'altre, per assaporare
  il sublime spettacolo della mia morte!


  Uragano! Uragano dalla bocca tôrta
  come le vaste brecce che il fulmine di Dio
  scava nella fronte dei templi sacrileghi,
  scatena, scatena dunque la muta
  delle tue onde dai denti di lupo!...
  Urrà! vedo la lucente madreperla
  delle lor zanne, che si arrota, intaccando
  il molo irremovibile,
  qui sulla soglia di questo gran porto,
  le cui alberature oscillanti sussultano
  crollando giù come travi carbonizzate!...


  Urrà! Urrà!... Mentre dunque l'Angoscia
  delle Angoscie mi serra feroce la gola,
  io  mi rizzo
  sull'altissimo cassero di questo veliero spettrale.
  Alfine, o mio cuore, prepàrati
  a goder della festa gloriosa che la Morte,
  tua patrona, t'appresta nei Regni del Nulla!...
  Fa presto i tuoi voti, o mio cuore,
  i tuoi ultimi voti assurdi!...
  Sul mio capo, le vele si gonfian mostruose,
  e cozzan le loro mammelle e le lor pance di streghe,
  Il molo è superato!... Uragano, mi strozzi!
  O Luna verde, mistico ragno
  che con laboriose zampe intrecci i miei cordami,
  lascia dunque ch'io vomiti l'anima mia frenetica
  sulla tua bocca triangolare!... Bevi
  sulla mia fronte l'ebbrezza e la demenza
  del mio sogno!... Il sogno
  è un tormento dalle delizie divine,
  ma pur sempre un tormento!...
  Tu mi schiacci, Uragano!...
  Terrore!... Ecco le onde dai denti di lupo!...
  Io vedo i vostri occhi di porpora acuta!...
  Io sento i vostri artigli... Li sento!... I vostri denti
  mi màstican le guance!... Oh! il dolore
  di morire addentato da voi!...
  Ahi! Ahi! Sto per morire! Il mio petto
  è infranto!... La mia carena scricchiola e si lamenta.
  Vele impregnate d'azzurro liberatore!
  Vele arricchite dei fiori dell'orizzonte!...
  Stridente alberatura, tu sfondi il mio corpo!...
  Ahi! Ahi! Più forte!... Ancora! Ancora! Ancora!
  Tu godi, t'inebbri, a schiacciarmi così?...
  Anch'io ne godo!... Anch'io m'inebbrio!...
  Baci dei venti!... Assolventi carezze dell'Infinito!
  Io v'assaporo con tutte le labbra
  di tutte le mie ferite!...


  Oh! Spazio!... Spazio!... Il mio Desiderio,
  folle nuotatore uso ai tuffi più audaci,
  con furore t'abbraccia
  nella schiuma volante e nel vento rapace!...
  A me il Sogno sommergente
  e l'estasi ondeggiante delle foreste sottomarine!
  A me il verginale sbocciar delle perle!...
  Alito assopente, trascinami
  per le immense pianure di corallo, sommerse!


  Aroma dei mari notturni
  già spalmati d'aurore profumanti!...
  Malinconia delle piovre che snodano il loro sonno
  contemplando dal profondo dell'abisso,
  attraverso l'elastico cristallo delle acque,
  il greve sole levante
  galleggiar molle e vermiglio sul mare
  come una favolosa ninfea d'oro!...


  Aroma evocatore di paradisi perduti,
  tutto il mio corpo a brandelli
  beve il tuo vigore divinizzante
  e muor di te senza fine!...
  Ahi! Ahi!... Mi sento morire!... Morire!...



  8.

  I CAFFÈ NOTTURNI.

  (_Canto che finisce in prosa volgare_).



  Quand'ero adolescente,
  io venivo ogni sera a mendicare oblìo
  sotto bassi soffitti, saturi di luce,
  seguìto da allegri compagni, l'uno a braccetto dell'altro,
  e coi _Fumi_, miei vecchi amici fedeli,
  agili e beffardi giocolieri
  d'azzurro vestiti e di grigio-perla, abilissimi
  nell'arte di far scomparire le apparenze
  con una piroetta, e d'imbrogliare
  i fili delle nostre memorie.


  Tutte le sere, _le Luci_ in tumulto si radunavano là,
  spesso ferite a morte e sanguinanti ancora
  dopo una rissa a corpo a corpo
  con l'Ombra implacabile...
  ma sempre ugualmente pronte a scoppiar dal ridere
  e a lanciar fino al cielo
  le loro bianche grida di martiri inutili!
  Io pagavo loro da bere, volentieri,
  del Nulla a tutti e del Fuoco in bottiglia,
  perchè già sono buoni diavolacci,
  nottambuli impenitenti che s'affollano
  al crepuscolo, in quell'antro, per soffocare
  in sinistro complotto il gran Sogno maledetto,
  il gran Sogno ossessionante e puro
  delle notti divine...


  Bisogna pure, infatti,
  strangolare il nostro Sogno,
  in qualche posto, allo svolto
  d'una viuzza infame, o in un postribolo,
  o, meglio ancora, in un caffè-concerto,
  tra i vasti specchi mendaci
  che sanno scusare i nostri delitti
  e le nostre tristezze, moltiplicandoli!...


  Specchi sôrti ad un tratto, come miraggi
  di trasparente frescura, nel deserto
  soffocante e nostalgico dei caffè notturni!...
  ... In voi più che altrove
  si può uccidere il Sogno,
  per poi, più tardi, nell'ore gialle dell'alba,
  portarne via il cadavere a lenti passi,
  e gettarlo in un nero canale,
  semplicemente, come si vomita il mal di mare
  dal parapetto di bordo!...


  Quando non lo si uccide, bisogna metterlo in fuga,
  con gran fracasso, picchiando
  su la latta rovente del suo cranio,
  come fanno gli Orientali, quando sbattono
  l'una contro l'altra casse di petrolio,
  per sciogliere l'amoroso abbraccio
  del Sole e della Luna in eclisse...


  Subitamente gli _Alcool_, ritti intorno a noi,
  gesticolan dimenando la pancia
  e le tonde facce apoplettiche
  simili a culi di vecchie scimmie,
  e parlan tutti insieme per aver tutti ragione.
  Quand'ecco cento odori vischiosi e granulosi
  vi palpano dolcemente le nari
  o bruscamente vi tiran pel naso....
  e si vaga, non si sa dove,
  fra l'urtarsi dei Sosia, che fanno smorfie e lazzi
  nei mirifici corridoi degli specchi profondi...
  Allora, orchestre pesanti si scagliano su la calca,
  come orde di negri, con urli selvaggi
  e saliva schizzante tra i denti,
  con precipitosi tam-tam e con penne
  variopinte piantate ritte nei capelli crespi...


  E nella folta notte dei loro volti,
  a quando a quando, al ritmo della danza,
  brilla il gran lampo sbrandellato del loro sorriso
  di neve scintillante!...
  Ma già i salti pazzeschi delle orchestre
  s'incrociano e s'imbrogliano ne' miei nervi, e si urtano
  tumultuosi, e dànno impossibili tuffi,
  piegati in due, dall'alto di neri vascelli...


  Oh! i caffè-concerti della mia giovinezza,
  dove trascinavo la mia Anima barcollante,
  come si trascina, appeso al braccio, dopo un'orgia
  un amico briaco fradicio,
  per coricarlo su un qualche divano!...


  Ci sedevamo a un tavolino, io e la mia Anima,
  a notte inoltrata,
  per aspettar la Gioia, e sentivamo piegarcisi
  le ginocchia, oppressi dal peso
  di un'infinita tristezza, forse millenaria!
  Avevamo al collo grevi stole di noia,
  e curvi stavamo come vecchi preti,
  stanchi, assai stanchi
  di far sacrifici al nostro idolo antico!...
  Oh! i brividi delle nostre braccia
  che sollevavano, fra dita malferme, verso il soffitto
  coppe funeree: assenzio o rhum!
  E brillavano, fantasmagoriche, le bevande,
  sgranando l'ombra loro e il loro fosforo
  prima d'assolvere i nostri rimorsi!...


  Poi, ad un tratto, al disopra dei nostri pallori
  le lampade elettriche brandivano
  i loro cuori bianchi,
  tenendoli stretti fra dita di ferro,
  così da farli gridare, spumanti di latte azzurro...
  Oh! poveri cuori feriti
  delle lampade elettriche...
  Oh! cuori di fuoco, contusi,
  spasimanti per mille dolori,
  sotto mille pugnali indifferenti e placidi,
  pugnali arroventati!...


  E quei pugnali di luce
  si volgevano contro di noi, inchiodando
  le nostre volontà ipnotizzate
  sui divani profondi, dalla carne scarlatta
  grondante di lave,
  sui divani profondi come un tramonto
  doloroso d'autunno,
  affranto da voluttà cocenti e nostalgiche.


  Talvolta le lampade elettriche ci versavan nel cuore
  chiari di luna acciecanti, acidi e corrosivi,
  nei quali i nostri profili, le nostre lussurie
  e i nostri desideri metallizzati
  apparivano ad un tratto cesellati
  nella madreperla e nell'acciaio scintillante...


  Una sera, me ne ricordo,
  dei vecchi Soli disperati rotolarono,
  con gran fracasso, sotto il soffocante soffitto,
  tra le macerie delle nostre tristezze,
  come in fondo a cave di tufo abbandonate
  che ardessero fra turbini di polvere...


  Allora la mia Anima, a me accanto seduta,
  comprimendosi il petto con le mani
  e agitando il capo stanco,
  si mise a piangere, vinta, compassionevolmente,
  come un cane lapidato!


  Ed io le dissi:--Anima mia! Povera Anima mia!
  che vuoi? Qual nuova pena inconsolabile ti tormenta?
  Lentamente la mia Anima
  sospirò allora il suo lamento:
  --Tu conosci la Donna in fiore
  dalle labbra di profumo,
  conosci la Donna dagli occhi d'azzurro attiranti
  che amo ed aspetto dal giorno che seppi
  la speranza di vivere, la fame d'amare e godere...
  l'amante che le Stelle mi promisero,
  nel passato, sui bei laghi della mia giovinezza
  piena di cielo!... Oh! io vorrei questa sera
  inginocchiarmi davanti a lei,
  e spiare il suo sorriso
  come spiavamo, io e lei, dall'alto d'una scogliera
  lo sbocciare felice degli astri sul mare!...
  Ma Ella non verrà, la Donna in fiore
  dalle labbra di profumo!...
  Uno stregone, forse, la fece prigioniera
  mentre passava per qualche sentiero notturno!--


  Ancora! Ancora! Moltiplicate i vostri zig-zag,
  instancabili archi dei violini!
  Archi febbrili che una strana pazzia
  incatena agl'istrumenti,
  segate, segate furiosamente il cuore dei violini,
  e demolitemi l'anima, archi vibranti e slogati
  che sussultate, più rossi di martiri
  scorticati vivi, inchiodati in croce!...
  Oh! Indugiatevi dunque, perdute le mani,
  a strizzare senza fine le stanche mammelle,
  le mammelle esauste delle bestie agonizzanti,
  per trarne, per trarne senza fine del dolore!...


  In un terribile incubo, a un tratto,
  l'orchestra si gonfiò come dorso di balena,
  fra uno scorrere diffuso di amare nostalgie...
  Allora, gigantesche brenne
  presero a inerpicarsi per la china
  d'un calvario esecrabile,
  intimo calvario che s'erge nella mia carne!...
  Scalpitavano nel mio sangue, le fantastiche rozze,
  arrampicandosi per la salita del mio passato...
  Le loro groppe montuose, scheletriche,
  crocchiavano come colossali panoplie.
  Enormi, le loro ossa, che quasi spuntavano nude,
  reggevano l'ampia pelle, come un mantello
  teso e sollevato su punte di lance!...


  Le cavalle mostruose dell'orchestra
  mi scalpitavan fra i nervi, come fra i grevi cordami
  di una nave squassata dalla burrasca,
  e il mio terrore cresceva
  quando le cavalle balzavano,
  fingendo ad ogni istante di saltare
  dal ponte giù nell'immenso naufragio!...


  Io tremavo, al sentire mani unghiate di ghiaccio
  pettinarmi a piccoli strappi i capelli,
  che mi stavano ritti sulla testa!
  La mia Anima accanto a me,
  sommersi gli occhi nel sogno,
  borbottò, come una mendicante allucinata:
  --Vedi? Questa bevanda
  ha la soavità inebbriata d'un crepuscolo ardente
  in cui lentamente inverdisca
  e si copra d'ombra un bel volto agonizzante...
  Appunto in un crepuscolo così dolce, io sogno
  di vederla apparire
  e venirmi incontro a braccia aperte!--


  Allora sui nostri pallori cadaverici,
  sulla mia Anima e su di me,
  i violini immensificati, inarcando la groppa
  del loro suono, soffiarono come gatti
  l'odio acido e giallo della loro gola bavosa!
  E la mia Anima esaltata gridò con voce sorda:
  --Amico! Amico!... Guarda! Non vedi tu
  un'isola rossa, ardente, insanguinata
  sbocciare per miracolo, simile a una ferita,
  sul mare d'ametista?...
  Un'isola presa fra le maglie d'oro
  di una purissima sera in deliquio sull'acque?...
  Non vedi tu un'isola in fiamme che dondola
  come una vasta rosa vellutata?...


  Le sue rive son petali colorati di carminio
  che sembran vivere e palpitare
  sotto la languida carezza dei flutti...
  Guarda! Quelle rive s'accendono,
  man mano che la nave s'approssima...
  L'isola è tutta imbottita di folte verdure;
  l'isola gronda di gomme e di lacche rosee,
  che tingono i nostri cordami...
  Non senti? L'aria crepita e brucia come un incenso.
  Vapori dorati di miele
  avvolgono gli alberi lungo la riva!
  (--_Sacramento!... Chi è quell'animale, quel porco che ha
  urtato il mio tavolino?..._)
  Amico, guarda! Il Sole scarlatto agonizza
  sotto un soffitto di nuvole... Il Sole è schiacciato,
  a mezzo il corpo, sull'orizzonte,
  e pare una bettola infame, dalle rosse tendine accese!...
  Il Tramonto non è più che una lurida osteria,
  per metà sepolta sotto il pavimento montante
  del mare che oscilla!...
  (Oh! Dio!... Cresce il rullìo, e già ruzzolo
  nella nausea impura d'un assenzio infernale!...
  Certo, s'impastarono ossa di vecchi demonî,
  per distillare questo elisir d'oblìo!)--


  Con un lungo urlo di rabbia,
  il Sole ha rantolato
  sotto il tetto pesante delle nubi, laggiù....
  Nuvole di sugna, dagli orli aranciati
  che lentamente assopiscono
  l'isola felice!...
  Ah! mi ricordo, mi ricordo, d'aver vissuto, un tempo,
  in qualche vita lontana,
  sulle vermiglie sabbie di quell'isola
  che chiude ad una ad una
  le palpebre brune delle sue calde verzure!...
  E mi ricordo d'una sera, come questa
  inconsolabile e pura!...
  Ma è troppo tardi, ormai!... La mia amante
  dalle labbra di profumo non verrà più,
  poichè è l'ora che i serpenti s'intrecciano in molli tappeti
  sui sentieri fioriti dell'Isola felice!...


  Una certa sera d'autunno,
  dolorante e come stretto da un'angoscia amara
  avevo condotta la mia Anima, come al solito,
  in un caffè notturno...
  La mia Anima? Non aveva bevuto nulla...
  Eppure, barcollava come un ubbriaco!
  Basta sì poco, per ubbriacarla!...
  Poche ore di solitudine, e già eccola brilla!...
  Entrammo... Appesa al mio braccio,
  floscia e slogata come un fantoccio,
  la mia Anima si piegava
  a destra ed a sinistra,
  battendo l'aria con le braccia
  ed urtando le tavole e i passanti!...


  UN SIGNORE (_urtato, alzando il bastone_)--Ohè!...
  siete ciechi!

  LA MIA ANIMA (_canticchiando_)--Tra la la!... Tra la la!...

  IO.--Scusate, signore ... Il mio amico è un po' brillo....

  IL SIGNORE (_furibondo_)--Andate al diavolo!... Portatelo
  altrove, il vostro ubbriaco!...

  IO (_alla mia Anima_)--Andiamo! Basta! Non far più
  sciocchezze! Sta ritto, e taci! Mi procuri delle seccature!...
  Zitto, se non vuoi che ti pianti qui, in mezzo al caffè!

  LA MIA ANIMA.--Sì! Sì! hai ragione... Ma non è lecito
  avere una faccia come quella!...

  (Lulù, una bellissima ragazza, ci chiama con un gesto
  alla sua tavola... È l'amante della mia Anima. Sembra
  molto ammodo, è vestita di nero, ha la bocca in forma
  di cuore, occhi sensuali. Fa smorfie, con grazia, sotto i
  pesanti capelli neri che ombreggiano delicatamente il pallore
  del suo volto.)

  LULÙ.--Amici miei, sedetevi, vi prego... (_Alla mia
  Anima_) Come va, caro?... A proposito: ho letto la tua
  ultima poesia...

  LA MIA ANIMA (_di cattivo umore_)--Mi dispiace, cara... Naturalmente,
  non ne avrai capito nulla! Sei troppo stupida...

  IO.--Suvvia! Non essere villano!... Tu non dovevi
  darle da leggere i tuoi versi... E poi, non mi seccate più
  con la vostra letteratura!... Stiamo allegri, e facciamo del
  baccano!... Conosci Rosina, la divette?... È deliziosa... Quando
  canta, rapisce.

  LA MIA ANIMA.--Tanto meglio!... Viva Rosina!... Viva
  Rosina!... Ohe! Balliamo!... Viva l'allegria, e al diavolo
  la letteratura!... Olà! Olà!... Voglio del baccano! Facciamo
  del baccano!... (_La mia Anima ansima, con gli occhi stravolti,
  annebbiati di sangue sotto le palpebre frementi_). Ribalterò
  la tavola su codesti imbecilli... Vedrai!... Sarà bellissimo!...
  Patatrac!... Ecco fatto!... Anche tu, anche tu, devi
  far del chiasso!... Ah! ecco Rosina! Silenzio!...

  (La mia Anima, puntati i gomiti sulla tavola, guarda
  fissamente la scena; ma, presa a poco a poco dal sonno,
  piega il capo, in abbandono, sulle braccia incrociate. Subito,
  l'orchestra ci si scaglia addosso, picchiando sulla calca
  grandi colpi d'archi, coll'indignazione ridicola di un Gesù
  nell'atto di flagellare i mercanti nel tempio.)

  IO (_alla mia Anima_)--Dormi?... Su! Svegliati! Come
  ti pare, Rosina? (_Al cameriere_) Tre _absinthes_!

  LULÙ (_rivolta a me, strizzando l'occhio_).--Dite
  su... È un gran pezzo che non vi si vede!... Non ci
  sente (_Indicandomi col dito la mia Anima addormentata_)
  Perchè non venite a trovarmi? _Lui_ (_indicando la
  mia Anima_) non c'è mai. Se sapeste com'è noioso!...
  Verrete, non è vero?... Quando?... Mi direte cose molte
  allegre, e ci divertiremo moltissimo! Ve lo prometto!...
  Ma... zitti!

  IO.--Siamo intesi, Lulù!...

  (E rispondo alla sua occhiata con uno sguardo languidissimo,
  pur pensando che è schifoso tradire così, senza
  piacere, il mio migliore amico, la mia Anima, con una
  ragazza che egli ha il torto di adorare!... Basta!...)

  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .

  (Entrano nel caffè dei nostri amici. Uno di essi batte
  sulla spalla della mia Anima, che si desta di soprassalto).

  L'AMICO (_alla mia Anima_)--Sai? Lulù mi ha dato da
  leggere il tuo poema ... Mi ha detto che è una cosa senza
  senso!

  LA MIA ANIMA.--Lulù è una sciocca! D'altronde, non
  val la pena che tu lo legga!... Non ne capirai un'acca!

  GLI AMICI (_in coro_)--La! La! La! Lulù ha ragione...
  Siamo del suo parere!... Il tuo poema non è interessante!...
  Hai fatto di meglio!...

  LA MIA ANIMA.--Cretini!

  GLI AMICI (_in coro_)--Che arie!... Sei molto villano,
  questa sera, caro amico!

  LA MIA ANIMA. (_Lo tengo fermo, per le spalle contro la
  tavola. Pure, col volto congestionato e con gli occhi fuor
  dall'orbita, egli urla:_)--Sì! Sì!... Siete tutti cretini! Tutti
  imbecilli!... L'Arte... la Poesia... Voi non capirete mai nulla
  di queste cose!... D'altronde, io sono un grande Artista...
  ho del genio... vi disprezzo tutti!... E me ne infischio, dei
  vostri giudizî!...

  IO (_alla mia Anima_)--Suvvia!... sta zitto! Sei pazzo!...
  Vuoi tacere?... È stupido, quello che vai dicendo!... Dopo
  tutto, costoro hanno soltanto espressa un'opinione... Non
  ti hanno già insultato, che io sappia!... Pensano che tu
  sprechi il tuo talento a cercare delle cose senza importanza...
  Ognuno ha le proprie idee... Tu te ne infischi... e
  buona notte!...

  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .

  «In fondo, Anima mia, tu sai benissimo che non basta
  aver dell'ingegno, del genio, anche, di fronte al nostro
  Ideale comune: la Felicità assoluta, la Gioia pacificatrice...
  Tutto è collegato, nella vita... I geni e gl'imbecilli si danno
  la mano, per ballare in tondo, nelle Tenebre, sotto l'Infinito
  muto e beffardo!... La bellezza dell'Arte e la stupida
  Realtà sono ugualmente colpite dall'impotenza e dall'imbecillità,
  davanti all'ineluttabile miseria dei nostri destini
  e all'irrealizzabile assoluto!... Non v'è nulla di più ingenuo
  che il voler raggiungere e fissare l'Assoluto, tanto
  nell'amore che nella letteratura, per mezzo della lussuria,
  del verbo, o del silenzio!... Mi ascolti?... Ebbene: ragioniamo
  un poco!... Vuoi che la tua arte sia apprezzata, o
  vuoi che sia disprezzata?... Alludo alla folla, alla maggioranza,
  ai cretini!... Vuoi forse essere compreso?... Prevedo
  la tua risposta: «L'Arte basta! Basta l'ebbrezza di creare
  della Bellezza!...» Allora, Anima mia, bisogna sputare insolentemente
  sulla vita, sulla gloria, sulle donne, sull'amore,
  e rimaner solo!... Solo? No, non assolutamente!... Bisognerebbe
  conciliar le cose... Infatti... infatti... Capisco perfettamente.
  L'Arte è inafferrabile e lontana come una Stella....
  ed è triste, molto triste, adorare una Stella!... Inoltre, bisogna
  soddisfare il proprio orgoglio con un po' di dominazione....
  Dunque, ti occorre della gloria immediata... ti occorrono
  delle donne che vengano a offrirti le loro labbra.

  «Tu pensi, come penso io, che il creare stanca,
  come pure il comprendere tutto e sempre?... Si resta
  invariabilmente a mezza strada, non è vero?... quando si
  sale il calvario dell'impossibile perfezione artistica!... E
  poi, pensa... Noi dovremo morire, nonostante il nostro
  genio... E saremo dimenticati prestissimo!... I capolavori
  sbiadiscono, dopo qualche secolo .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .

  «Quanto alla felicità, essa appartiene ai mediocri e
  agl'imbecilli... La vita di costoro scorre con la pienezza
  felice e satolla dei grandi fiumi che affondano pigramente
  nell'orizzonte. La loro corrente calma e trasparente, non
  ha colore nè luce singolare, e trascina incoscientemente,
  verso l'ignoto della morte, innumerevoli paesaggi capovolti
  e divenuti assurdi...

  «Tutta la felicità sta in questo, e non bisogna disprezzarla...
  Nulla è più triste che il disprezzare ogni cosa,
  prima di averne goduto, poichè è senza dubbio un'inferiorità
  l'essere insoddisfatto, foss'anche d'Ideale!...

  «Tu sei ridicolo, vedi?, come un gran re decaduto,
  che vada portando in giro le sue torce fiammeggianti, le
  sue porpore sontuose e le sue squillanti fanfare... in un
  paese di sordi e di ciechi!  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .

  «E la povera Lulù?... Hai torto d'insultarla, perchè
  ti ha detto una sciocchezza!... Che pazzia, l'esigere sempre,
  e da tutti, dell'intelligenza!... La sua stupidaggine è in
  perfetta armonia col gioco dell'universo! Sei tu, Anima
  mia, che urti e sconvolgi l'ordine!... Il tuo genio è
  assolutamente sconveniente!

  «Inoltre, Lulù è graziosa e ti vuol molto bene... E tu
  sai di non poter fare a meno di lei!... Ricordati, Anima
  mia, che in certe notti di novembre, in una di quelle notti,
  lugubri e tutte intirizzite di stelle freddolose, in cui
  l'orgoglio del Genio crolla ad un tratto nel nulla... in una di
  quelle notti astiose, piene di rancore, in cui il coraggio e
  la forza si sgretolano come per incanto... ricordati, Anima
  mia, che ella seppe pacificare il tuo povero cuore con una
  sola carezza... anzi, con un solo sorriso!...

  «Tu sai, anche, che è dolce avere nella propria camera
  tiepida e chiusa, la donna soave dalle labbra primaverili,
  che lentamente si slaccia e si sveste per te, soltanto
  per te, accanto ad un gran letto protettore e che assolve
  da ogni rimorso!...

  «Calmati, dunque!... Hai commesso, or ora, delle pazzie
  imperdonabili... Ebbene: adesso bisogna che tu faccia le
  tue scuse agli amici e domandi perdono a Lulù...»

  La mia Anima mi guardò avidamente, con occhi feroci,
  e sentii che un torbido e rosso desiderio lo trafiggeva: il
  desiderio d'uccidermi, per liberarsi dei miei sermoni! Infatti
  bisogna essere legati ad una profonda amicizia, per
  odiarsi, talvolta, con tutte le proprie forze, e per voler
  mangiarsi il cuore reciprocamente, con delizia...

  Poi, ad un tratto, la mia Anima si mise a piangere
  dirottamente...

  IO.--Suvvia! Non piangere! Non pensarci più... Domanda
  scusa ai tuoi amici, e tutto sarà finito.

  LA MIA ANIMA.--Miei cari amici... perdonatemi le mie
  villanie e le mie offese!... Sono ammalato, questa sera... Sono
  nervosissimo!... Sento un dolore, qui, vicino al cuore,
  profondissimamente... Forse, sono spacciato!...

  IO.--Su, amici!... Fate la pace, e tutto sia dimenticato!...
  (Alla mia Anima) Vieni qui... Non piangere più...
  stringetevi la mano... Così! Benissimo!...

  LULÙ.--Caro! Caro! (_accarezzando la mia Anima_)
  Baciami sulla bocca... Così!... Tremi, povero amore mio?...
  Hai la febbre?... Stasera verrai da me... Ti curerò!...

  Allora, la mia Anima, ubbriaca fradicia d'angoscia e
  di tenerezza, pianse ancora dirottamente, come un vitello,
  fra le braccia di Lulù...

  Quella notte, dunque, la mia Anima l'avrebbe passata
  con la sua amante... Li accompagnai a casa di Lulù. Sulla
  soglia, la mia Anima, che barcollava, mi salutò con un
  lieve sorriso di trionfo... poichè, vedete, in fondo, è troppo,
  troppo stupida, la mia Anima!...



  9.

  IL CANTO DELLA GELOSIA.



  1.

  Sulla spiaggia.


  O Giulia mia, non abbandonare così le tue palpebre
  e tutta la tua carne bramosa che adoro
  ai baci voraci del Sonno!...


  Vedo le tue ànche grondare
  di un profumato sudore inebbriante,
  simili ai tondeggianti fianchi d'un vaso
  che trabocchi di miele o d'un prezioso unguento,
  ed ho, sinistro, il terrore
  di vederti addormentata!...
  Scuoti, piuttosto, la tua indolente capigliatura,
  perchè s'apra intorno a noi
  come una rete d'oro per prendere il Sole...
  E stendi le braccia!... Sembran più molli che petali
  di magnolia, agonizzanti....


  Allontana a uno a uno i sonnolenti papaveri
  che invischian la tua nudità sulla spiaggia...
  Non dormire, o mia Giulia...
  Un dio verrebbe a possederti nel sonno,
  un dio dall'elmo di fuoco
  e dal torso fiorito d'amorose pupille!...
  Io graffio l'aria che ti circonda,
  perchè vedo ansare il tuo corpo bianco che affonda
  nelle sabbie fresche e lisce dell'oblio!...
  Vedo la carne tua, tutta aperta e abbandonata...
  la tua carne pregante che implora baci!...
  e lo sento: il tuo corpo è scavato da una carraia profonda
  che accoglierà le ruote dentate
  di uno spasimo possente!...


  Ah! chi potrà liberarmi dal dubbio?...
  Ah! il mistero terribile del tuo sonno!...
  È il meriggio, lo so... È questo il più chiaro
  e trasparente meriggio della terra!...
  Eppure, la Notte greve,
  la Notte vellutata di piume
  striscia sull'anima mia senza rumore!...
  Ah! Sempre, labbra tenebrose bevono i nostri baci,
  nei nostri più scintillanti meriggi!...


  Tu dolcemente abbandoni il molle tuo dorso
  fra le mie braccia;
  Il tuo busto delicato s'illanguidisce
  fra le mie dita, che si trastullano inconscie
  con le tue piccole costole...
  Tu hai tremanti implorazioni
  nelle pupille piene di azzurri silenzî...
  Ahimè! si capisce: vuoi soltanto dormire
  e andartene alla deriva, lontano da me,
  sulla grande cantilena dei mari,
  verso i tuoi sonni lontani!...


  Marinai! Pescatori! Abitatori delle rive!
  I miei denti battono dal terrore... Soccorretemi!...
  Mani di ghiaccio mi frugano senza posa nel cranio,
  su questa spiaggia maledetta, soffocata
  dalla fiamma eterna e dall'attesa!
  Le sabbie intorno a me si gonfiano
  come un immenso petto, villoso di scintille...
  Guardate, guardate laggiù, nell'ampio grembo dei golfi!
  Il vento solleva e travolge
  grani di sabbia mostruosi,
  che sembran spicchi di stelle!...
  Furono dunque infranti degli astri incandescenti
  per innalzare una scogliera insuperabile d'oro
  davanti alla nave del Dio?...


  Giulia! Fiore carnale! Non dormir, Giulia mia!
  Non senti che io ne muoio?...
  Simile io sono alle cagne raucamente ululanti
  che si stringono intorno i loro piccoli,
  in fondo ai crepuscoli invernali,
  davanti al mare, ai suoi clamori
  ed alle sue sataniche devastazioni!...
  Oh! gli artigli delle mie dita!... Poichè t'amo,
  infatti, come una cagna ama i suoi piccoli!...
  Sì!... Io, ti partorii!... Io, senza posa ti partorisco
  ne' miei baci felini!...
  Ti trassi dalle mie viscere,
  ed ho per te il delirio terribile d'una madre,
  cui si lacerano i fianchi quando tu trasalisci
  graziosa e turbolenta nel mio abbraccio!...
  Oh Giulia mia!... Tu che passi
  nelle mie vene boccheggianti,
  come un tizzone che faccia ustioni di miele!...


  Lo so, che tu aspetti il dio osceno,
  e ti vedo tremare d'un brivido ignoto a mè stesso!
  Oh! questi spasimi dolci
  sulle tue labbra semiaperte
  non sono più miei!... E la saliva di voluttà,
  a chi, a chi la dài tu, in questo istante?...
  Certo l'azzurra ombra che ti si accumula
  ora sotto le ciglia, è l'ombra
  medesima del tuo Dio!
  Oh! carne della mia carne, mille volte dannata!...
  No! egli non ti avrà, poichè io veglio
  sulla spiaggia, e nessuno, nessuno potrà rapirti!...
  I miei denti ed i miei artigli adunchi
  brillano al sole... Soltanto i miei denti
  vivono ancora sotto le mie labbra morte!...
  Svègliati! Svègliati! Non voglio
  che ti addormenti, poichè mi appartieni,
  dal giorno che fra le mie braccia
  mi concedesti l'umida confessione
  del tuo piacere!...



  2.

  Il risveglio di Giulia.


  Ebbrezza e gioia profonda!... La mia bionda amante
  s'è destata, seminuda,
  nella sua verde veste di bagnante
  che le inguaìna il corpo fino ai rosei polpacci...
  Ella striscia lentamente sulle ginocchia,
  verso la freschezza dell'onda,
  inarcando il dorso, come una gatta.
  Poi, respingendo la terra con le piccole mani,
  rizza il busto orgoglioso che tutto vibra nel sole,
  e il suo _chignon_ vermiglio fiammeggia
  come una corona barbara d'oro!


  Ecco: la mia bionda amante
  mollemente discende
  sulla spiaggia, a passi ritmici, nella schiuma dell'onde
  che le inanellan di perle preziose le dita
  de' suoi piedini freddolosi... Io la seguo.
  Con un agile gesto ella s'infila
  nel galleggiante cerchio di salvataggio,
  poi vi dispone pigramente i fianchi
  come nel cavo di una candida cesta...


  Allora, inebbriato dal colpo d'ala imperioso
  de' suoi grandi capelli d'oro
  che si scatenan come un incendio sui flutti,
  io nuoto sul fianco a veementi bracciate,
  e, lacerando col capo in avanti la schiuma che fruscia
  nel flic-flac delle onde impennacchiato,
  traggo verso l'ignoto la barca illusoria,
  teso il braccio, come una gomena, all'indietro.


  Oh! nulla uguaglia allora la dolcezza nostalgica
  del suo volto ardente e pallido,
  nulla uguaglia l'ideale balbettìo
  delle sue palpebre preganti!...


  .... Poichè tu sai, amor mio, il delirio fantastico,
  l'onnipotente soffio che m'afferra alle viscere
  nel soleggiato riscintillare dei mari!...
  .... Poichè conosci lo spasimo crescente e cadenzato
  che m'insegue da un'onda melodiosa all'altra
  nella gran sinfonia sommergente dell'acque,
  @192
  verso il divino abisso di un impossibile accordo
  con voi, Soli allucinanti...
  con voi, Mari men vasti dell'anima mia!...


  O Sole! Sole accanito come un tafano mostruoso
  nella criniera fiammeggiante del mare!...
  O Mare, Mare di lava
  dai forsennati ribollimenti!
  .... e il tuo corpo, o mia Giulia che portiamo con noi!...


  Sole dal ventre abbagliante,
  simile a un idolo indiano!
  Mare dai flutti prostrati,
  che strisciano, sgomenti, all'infinito,
  immensa strada selciata di schiavi!
  .... e il tuo corpo adorato che portiamo con noi!...


  Oh! nulla arresterà la mia corsa verso la Morte!...
  Soli divoratori, soffocateci
  fra le vostre braccia incandescenti!


  Con tutto lo slancio degl'innumerevoli
  vostri incensieri d'oro,
  sollevatemi, o Mari! Scagliate
  la mia anima consunta, verso lo Zenit,
  come vapore d'incenso!...


  O Sole! portatore di fiaccole incendiarie
  che appicchi il fuoco alle cime dei monti,
  mura merlate della terra!
  O Mare dalle mille braccia d'avorio gesticolanti
  .... e il tuo corpo adorato che portiamo con noi!...


  Raggiungeremo così i confini del Mare...
  E alfine chinandoci a picco sull'infinito,
  in mezzo al notturno franare
  delle costellazioni sublimi,
  che crollano giù in vaporose valanghe,
  noi vedremo nell'abisso senza fondo dei flutti
  la faccia lunare della Morte...


  Ma tu tremi, Giulia! E le tue mani tese
  implorano clemenza dal Mare e dall'Ignoto!...


          _La voce di Giulia._

  Amante mio, dove vuoi trascinarmi così?
  Fermati! Siamo lontani assai dalla riva,
  perduti sul Mare infocato... Dammi, dammi
  le tue rosee labbra da baciare
  voluttuosamente,
  perchè il mio cuor sonnolento vi riposi!



  3.

  In alto mare.


  Io ti posseggo alfine, viva, mia e risvegliata!...
  Eccoti fra le mie braccia, sospesa come nel cavo
  d'un cestello cullantesi in silenzio sul mare...
  Non tremare: sono l'onde del mio cuore
  che ti fanno oscillare...

  Con un braccio ti reggo sotto le morbide cosce...
  (lo senti, Giulia mia?) mentre coll'altro ti cingo
  l'agile dorso, dove s'arrotonda.
  Sei felice, mio amore?...


          _La voce di Giulia._

  Oh! tutto ciò che mi viene da te
  sempre mi dà piacere, sempre!...


          _La mia voce._

  Tu la faccia protendi per giungere alle mie labbra,
  e con le braccia il collo m'imprigioni... ed io ti sfioro
  la bocca con le dita!... Sei felice?... Dimmi!... Godi?...


  Pian piano mi mordi e mi succhi le dita
  in languido abbandono... La tua lingua
  secca ed aspra di gatta le lecca,
  dardeggiando frequente.
  Ecco: innocentemente i tuoi occhi si chiudono,
  e sotto le palpebre si riposano
  come sotto foglie molli di rugiada!
  Non forse ti senti fondere le midolla, o mia Giulia?
  Oh! dammi, dammi l'anima tua, nel concedermi
  la gioia umida e calda della tua carne!...
  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
  L'anima tua?... L'anima tua?... Che ne hai fatto?...
  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
  Oh! certamente la tua profonda carne ora è piena
  d'ombra fresca ed azzurra,
  come un sentiero di bosco in estate!...
  Ma il tuo corpo ringrazia le mie dita solamente,
  e le mie dita son tanto lontane,
  tanto lontane dalla mia anima!...
  Mi par che secoli interi non mi basterebbero
  per raggiungere la mia mano
  e le mie dita infide!...
  Io non le sento più, le mie dita...
  Sono straniere per me... E tu hai tutto dimenticato:
  i miei occhi, le mie labbra, la mia anima,
  e a tutto preferisci le mie dita,
  perchè ti fan morire,
  crudelmente morire, con sinistra lentezza!...
  Versan nelle tue vene deliziosi filtri,
  gonfiano d'un latte d'oro le tue mammelle,
  e tu--dimmelo!--senti caldi e umidi fiori
  sbocciarti fra le cosce!
  Oh! dimmelo, Giulia!... Perchè non vuoi dirmelo?...


  No! No!... Non voglio più che ti posseggano, Giulia,
  i miei occhi, le mie labbra, le mie dita...
  No! No!... Tu devi appartenere soltanto
  alla mia Anima!... E più non avrai
  da me l'esecrabil carezza,
  poichè muoio di gelosia per tutti gli amanti
  che nel tuo letto condussi dandoti il mio corpo!...



  4.

  Gli amanti di Giulia.


  Ahimè! febbrili vapori
  striscian sui fanghi brucianti del mare!...
  Io sento dissolversi tutto
  il corpo mio putrefatto!... La vista
  mi s'imbroglia, e mi sanguinan gli occhi
  sotto i chiodi del sole!...
  Ma no... Balza, rimbalza il mio corpo,
  dinoccolato, come uno scheletro
  che a pezzi si sparpagli, mentre balla
  una giga sfrenata intorno a te!...
  Intorno a te, mille putride ossa,
  dalle ventose fetenti!...
  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
  Sono gli sparsi pezzi del mio corpo, coperti
  di vermi neri, pesanti, villosi,
  e salgono all'assalto della tua bellezza superba!...
  Accaniti, battagliano essi per la conquista
  della tua nudità,
  e abbeverarsi vogliono del tuo amore!...
  Ecco le mie dita!... Eccole! (Non tremare,
  poichè calmo rimango ad osservarle, lontane,
  come si osserva una lunga teoria di formiche!...)
  Ecco le mie dita!... Da sole
  son penetrate fra le tue cosce!...
  Oh! già tu fremi di voluttà profonde,
  e il tuo rotondo ventre si riga di sudore,
  e sussulta!... e sussulta!...
  Vedo già sul tuo volto le ombre verdigne
  che macchiano i cadaveri...
  È dunque tanto dolce, lo spasimo
  che le mie dita ti danno, lontano da me?!...


  L'Odio, lo spaventevole Odio e la Discordia
  si scatenano nel mio corpo!...
  Le mie membra si mordono fra loro
  mentre tu ti abbandoni alle mie dita scellerate!...
  E son queste, che vincono... più forti
  delle mie labbra, e più forti
  della mia anima... queste dita,
  queste mie dita che adori!...
  Anch'io--che vuoi?--Anch'io
  mi sento vile davanti a loro,
  nè saprei arrestarle... Le guardo,
  mentre violente e disperate s'accaniscono
  a spossarti, a esaurirti dal piacere,
  rapide, sempre più rapide,
  prima che gli altri arrivino!...


  S'affrettano come ladri...
  Sono grotteschi intrusi... sono stranieri per me!
  Sono le dita d'un altro... le dita d'un morto!...
  Non siamo forse già morti
  e putrefatti noi pure, noi tutti?...
  La divisione in me regna,
  come fra i vermi d'un carnaio!...


  Vedi, mio amore? Le labbra mie, le mie orecchie
  ed i miei occhi, _sentono, guardano_
  e _sorveglian_ le dita, _ruggendo_!...
  Profondi abissi separano le nostre membra, e giammai,
  checchè facciamo, potremo esser soli!


  È tardi! Troppo tardi!... Mai più
  potrò raggiungere io le mie dita lontane
  che vittoriosamente ti accarezzano!
  Oh! come ansimi dal piacere!...
  Non fosti mai--confessalo!--
  non fosti mai più terribilmente felice!...



  5.

  Stesi sulla sabbia.


  Che hai, amante mio?


          _La mia voce._

  No!... La carezza delle mie dita,
  non l'avrai più!... Le mie dita
  non le avrai più... perchè muoio
  di gelosia!...
  Sono dieci, son mille, gli amanti che ti cercano
  E tu dimmi, tu gridami sulla bocca
  qual'è il preferito!... Lo voglio!...


          _La voce di Giulia._

  Oh! mi piace, mi piace agonizzare così,
  sotto le tue dita sottili,
  che sono piccoli, deliziosi pugnali
  nell'amorosa ferita della mia carne!...
  Ma più ancora mi piace addormentarmi
  senza fine, fra le tue braccia,
  poichè il Sole mi morse le palpebre!...


          _La mia voce._

  Su!... Su!... Che tu sorga io voglio
  nell'aria libera e pura che ti circonda!...
  Gli Dei del meriggio s'aggirano
  per le lucenti boscaglie del cielo!
  Ti cingeranno il corpo con le lor braccia possenti
  come colonne tôrte bizantine,
  con le lor braccia che scivolan calde,
  più forti che serpenti boa!
  Poi stenderanno a terra la tua nudità per violarla
  nei sepolcri d'oro massiccio del tuo sonno...
  e t'apriranno le cosce coi loro ginocchi di bronzo!
  Oh! dimmi... dimmi, Giulia, l'affascinante splendore
  del tuo Dio, del Dio che tu attendi
  su questa spiaggia!... Dimmelo,
  perchè io ne muoia!...



  6.

  Il Sonno ha sepolcri d'oro massiccio.


  Fra poco il Sole tramonterà,
  e la verde acqua della sera
  ti colerà sulle spalle!...
  Tu sarai liberata
  dai loro desiderî, finalmente...
  Ti stenderai pigramente
  sotto le ciglia azzurre delle nubi,
  e il tramonto disporrà come origlieri
  sotto il tuo volto le sue piume, intrise
  di freschezza e d'oblio!...
  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
  Finalmente ti posseggo!... La mia Anima
  è finalmente vittoriosa!...
  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
  Poc'anzi--vedi?--mi pareva d'essere
  affacciato al balconcino d'un gran faro,
  a picco sull'onde nere,
  mentre esploravo il tuo sonno,
  impenetrabile come l'oceano taciturno
  nelle notti senza stelle.
  --È questo il rumore che sale, (gridai),
  di un orrendo naufragio?...
  Mille disastri su rocce invisibili!
  .... E che frastuono, nel tuo cuor senza fondo!...--


          _La voce di Giulia._

  Chiude il sonno le sue ali di velluto
  sulla mia anima, e sento
  azzurra ombra sui laghi delle mie vene.


          _La mia voce._

  Guàrdati dai vampiri,
  che infeltrano d'ali i sepolcri del sonno!...
  Tutta languida ti vedo,
  tutta greve di linfe e d'oblio,
  simile a quelle navi, cui le vele
  cascan dal sonno nella luce... simile
  a quelle navi che troppo hanno piena la stiva!
  Tu vorresti deporre sulla riva
  il tuo carico d'amore,
  per salpare, spiegate tutte le vele al vento,
  attraverso la fresca ombra, nell'aria
  agile e lieve... verso i regni
  trasparenti del tuo divino sogno...
  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
  Ma io ti dirò crudeltà sanguinose,
  come chi, per star desto, si morde le dita,
  quando si veglia un morto!...
  Ahimè, tu sei già stesa, mio amore,
  nel sepolcro tutto d'oro del tuo sonno.,.
  Dimmi: che cosa farò?... Non dormire!
  Eccoti le mie dita, le mie labbra,
  tutte, tutte le membra del mio corpo!,..
  Son questi i tuoi amanti?
  Prendili tutti insieme, prendili ad uno ad uno...
  Sàziati d'amore brutale, come le femmine
  che si vendono ai soldati,
  purchè il Dio infame non t'abbia,
  non t'abbia mai!...



  7.

  Il Dio dei Meriggi.


  Viene, viene correndo lungo le spiagge!
  Viene sul vento di porpora e d'oro!
  Viene, il vermiglio Iddio, solcando le sabbie!...
  Lo sento!... Le mie orecchie risuonano e ronzano,
  scoppiano, le mie orecchie, al tonante fracasso
  che da una roccia all'altra rimbalza
  e varca i promontorî!


  Le rocce sono colpite da uno stupore solare...


  Cielo! Cielo!... la spiaggia tutta riluce d'ebano
  e di fuliggine azzurra... Io lo sento venire,
  a galoppo, instancabile, il Dio dall'elmo di fuoco!
  Ed il fracasso de' suoi grandi passi pesanti
  si ripercuote sull'incudine incollerita dei mari!...
  Fumiga il mare come un'incudine
  irta di faville... E sembra
  che il Dio s'avanzi da tutte le parti,
  da ogni punto dell'orizzonte...
  e il rimbombare dei suoi grandi passi pesanti
  ammucchia suoni su suoni, di spiaggia in spiaggia!


  Echi ribelli, calati dalle montagne lontane
  e vinti dalla stanchezza,
  elastici Echi in agguato, puntate l'orecchie,
  grandi Echi di bronzo,
  inarcano il loro dorso di vecchi gatti metallici
  dal ventre vuoto che fa le fusa!...


  È troppo tardi! Il Dio sta per raggiungerci!
  I suoi garretti tesi, serrati entro maglie di barbaro oro,
  vibrano e risplendono... I suoi grevi passi
  risuonano sulla riva d'argento,
  e il suo torso colossale, muscoloso di raggi,
  ingombra il profondo azzurro
  fino allo Zenit!...
  È troppo tardi!... Tutto è perduto!
  Il Dio ci raggiunge... Per noi,
  non altro scampo che il mar che ci guarda,
  pupilla immensa, tutta cigliata di fiamme!
  Egli viene, ebbro di corsa, agile e nudo,
  tese le braccia, a te, per abbracciarti!
  Già la tua carne ha fremuto di gioia,
  avviluppata dal suo rosso alitare,
  che tutto sràdica, forsennato come una valanga
  o come la lava di un vulcano!...
  Dèstati, Giulia!...


  Ahimè! s'è addormentata, la mia amante,
  indifferente e lontana, e pur vicina a me...
  Ma ella non sa d'esser crudele:
  ha sonno, semplicemente,
  vuol soltanto dormire, distesa sulla sabbia,
  senza sentire il mio contatto!


  No! No! Capisco... Il nostro amore è finito...
  Giulia mia mi respinge, mi rifiuta le labbra,
  per offrirle al suo Dio!...
  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
  Dov'è? Non vedo. La spiaggia s'intenebra
  entro le mie pupille... Eccolo! Eccolo!...
  Il Dio si china; il suo dorso s'infiora
  di labbra scarlatte... il suo dorso ignudo
  è corazzato di ardenti smeraldi
  e di pupille verdi, liquefatte
  da un sole di disperazione!...


  Laggiù, bianche muraglie acciecate dalla luce,
  muraglie imbottite di fiamma e tutte avvolte
  nelle rigide pieghe d'una calce viva,
  s'avanzano verso il mare
  inciampando ad ogni passo, annaspando
  come mendìche dagli occhi bendati di candide tele.


  Come cieche galoppano in fila,
  le muraglie dagli occhi bendati di candide tele
  e di calce viva... giù, giù, verso il mare,
  sotto l'esplosione fatale dei meriggi!...


  E il mare infocato non è più che la polvere
  di brace e d'oro, che i passi pesanti
  del Dio sollevarono...


  Ah! egli si china, si stende
  sul tuo corpo, t'abbraccia,
  e le sue bronzee ginocchia
  scavan la sabbia per insinuarsi
  fra le tue cosce!...


  È coricata, a me in braccio,
  rivolta al cielo la faccia...
  Maledizione! Sono diventato
  il letto vivente e disperato
  dei loro amori! Il mio petto singhiozza
  sotto il feroce allacciamento
  dei corpi loro in una intensa luce...
  Eppure, una strana notte profonda
  con mille e mille ventose assorbe l'Anima mia
  ed il suo Sonno, e l'eterno silenzio
  della spiaggia soleggiata,
  nel pieno Meriggio!...



  10.

  I LAGHI D'ORO.



  Stanco io sono di schiudere la mia tomba a spallate,
  per vedere, fra le ghignanti mascelle delle pietre
  il bell'Aprile panciuto,
  orgoglioso della sua giacca nuova domenicale,
  color lattuga e tutta oliata di luce!


  Come un beone, sotto i pergolati
  dell'osterie campestri, l'Aprile in baldoria
  si sganascia in un ridere grasso
  così che il Sole gli saltella sul ventre,
  gran ciondolaccio d'oro.


  Stanco io sono d'inarcare il mio corpo
  sotto il peso della morte!...


  Su me ricada il coperchio della mia tomba,
  e mi fracassi il cranio,
  dove ardono e si consumano d'amore
  le Notti d'estate, crepitanti di Stelle...
  le belle Notti, spossate da onanismi implacabili,
  in cui le Stelle s'affaccian nostalgiche
  agli orli delle nubi... le lente Notti
  divorate dall'insonnia delle Stelle...
  le Notti impazienti, corrose da oscuri rimorsi,
  le Notti in cui palpitano le costellazioni,
  veementi e calde sulle nostre guance
  come arterie che pulsino frequenti...
  tutte, tutte le Notti velenose
  che uccisero i poeti!...


  Su me ricada il coperchio della mia tomba,
  e mi fracassi il cranio, ove ristagnano
  i bei laghi fosfòrei delle mie lussurie ideali...
  i laghi d'oro, villosi e infeltrati di vampiri
  che la dissoluzione soffiano e il Nulla!


  O bei laghi dalle rive che s'arrotondano
  come cosce, e ove affondano i passi,
  perdutamente, con delizia,
  nella sabbia che schiude le labbra per berli!


  Su me ricada il coperchio della mia tomba,
  e mi fracassi il cranio, in cui vaporano i laghi
  delle lussurie mie!...
  O laghi d'oro affranti di languore e di frescura lunare,
  verso di voi, verso di voi, instancabile io striscio!..
  Quando potrò riposar finalmente
  la mia torrida fronte su l'origliere assopente
  delle vostre gelide sabbie?...


  Oh! mai!... mai toccherò le vostre sponde,
  laghi tanto vicini e pur tanto lontani!
  laghi a cui non s'approda!
  laghi abbaglianti nella calura del mio desiderio!
  laghi subitamente forcuti di ali membranose!...
  Mille vampiri che intrecciano l'ali spalancate
  hanno ostruite, imbottite le vostre rive
  morbide d'oro, che bruciano
  nell'intenebrarsi dei crepuscoli!
  A colpi di stelle brandite, a colpi di stelle affilate,
  sorgendo di sopra i monti, dovrai
  trafigger gli osceni vampiri della mia carne,
  o Notte complice! o Notte liberatrice!


  Un giorno, io vidi sulle vostre rive,
  bei Laghi d'oro, sbocciare
  la pallida e flessuosa amante che attendo,
  la donna subitamente fiorita
  e subitamente morta!
  Vidi la sua nudità saporosa dileguare per sempre
  sulle vostre rive,
  dolcissimamente in una vasta sera d'estate,
  come uno sguardo svanisce sotto palpebre d'ombra!


  Si frantumi il mio cranio con la sua fioritura
  d'insaziabili brame, coi suoi orizzonti cangianti
  da cui le foreste
  ventilate mi chiamano
  con tutti i loro fogliami
  non men persuasivi che gesti di donne
  stanche e desideranti!...


  Si frantumi il mio cranio, con tutti i pennacchi
  delle sue lontane foreste, che sotto la luna
  han luccicori vanenti, e gorghi violetti,
  e sparse volute d'incenso,
  e fruscii più soavi del fruscio
  inebbriante di una gonna adorata
  che la mia mano tremando alzi come in sogno
  per la prima volta!...



  11.

  IL CAVALIERE NERO.



  Dio d'odio e di follia, dammi la forza
  d'arrampicarmi fino alla cima! Ecco: l'Alba
  imbianca le dirupate groppe dell'immensa scogliera...
  Coraggio, buon Walnur, mio fedele corsiero!...
  presto saremo giunti all'albergo di Satana!
  Berrai alle fonti di fuoco, ti ciberai
  dei biondi fieni dell'Aurora
  e di fasci di raggi fiammeggianti!


  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
  In alto assai, sulla costa granitica,
  a cento cubiti a picco sul mare,
  un Cavaliere nero, grande, piantato ritto
  nelle staffe, tendeva le braccia
  verso l'abisso delle Notti...
  Ischeletrito dalla fatica e dalla fame,
  il suo cavallo aveva piegati i garretti
  posando il collo su la gelida roccia.
  Un'alba grigia e senza speranza,
  curva sotto le nuvole scarmigliate,
  trascinava sull'arco dell'orizzonte
  mammelle esauste, rugose...
  L'Alba avea tutto esaurito
  il latte divino della sua luce
  senza nutrire il Giorno neonato,
  che agonizzava trascolorando
  nella sua culla... E l'Alba
  come una mendicante singhiozzava
  battendo i denti, freddolosamente,
  nella ghiaia sonora della spiaggia...


  Allora il Cavaliere, ritto, tendendo le braccia
  all'invisibile mare, con rauca voce gridò:


  --Ho attraversata la terra, correndo
  alle calcagna della Felicità!
  Ho conquistato città, devastati reami,
  e ho ritagliato il mio desiderio,
  con grandi fendenti di spada
  nella pancia romoreggiante delle folle.
  Poi, ho spiato il mistero entro i lambicchi!...


  La sua nera armatura
  era tutta fracassata...
  I suoi begli occhi, attizzati da un'estasi frenetica
  piangevan tratto tratto su la sua guancia cava
  una goccia di lava,
  ed il suo volto incandescente ansimava.


  --Ho posseduto--gridò ancora--
  donne e donne, agitate
  da un'atavica foia, insaziate
  d'ebbrezza e di piacere...
  E a lunghi sorsi bevvi le loro inebbrianti nudità,
  liquefatte da un torrido amore.


  «Ohè! Ohè!... Quali voci,
  quali martelli e quali campane
  van demolendo lo spazio a me intorno?
  È forse questa un'eco della mia voce rauca
  ripercossa dagli echi
  lenti e sonnolenti delle rocce?...
  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
  Ah! ah! son tutte le campane a stormo del Rimorso,
  ammutinate e lanciate a galoppo sulle mie tracce!
  Tutte le campane a stormo
  delle città che risuscitai, dando loro
  un cuor di fuoco e di follia!


  «Ah! ah! mi ricordo che in un meriggio d'estate
  subitamente entrai nel silenzio
  d'un chiostro azzurro, tutto oliato d'ombra
  e di vecchio oro solare...
  Vi entrai regalmente,
  sul mio cavallo monumentale, come una Tentazione
  superba di Gloria e di Lussuria,
  altissima brandendo, la torcia del delirio!...


  «Son esse, che corrono! Odo il loro rumore
  di vivente ferraglia arrugginita...
  Son esse: le Campane a stormo del Rimorso,
  povere martiri squartate, che rimasero
  lungamente inchiodate sulle croci dei campanili,
  e che una sera dall'alto ruzzolarono giù,
  coi cauti parafulmini
  e le piagnucolose banderuole dei tetti.
  Ah! Ah! sul mio passaggio, udii appena
  il frastuono delle campane,
  risonanti di spavento, lanciate a volo
  come casseruole d'oro dalle finestre
  d'una cucina imperiale incendiata!...
  Le ràbide Campane del rimorso
  subitamente balzarono in sella,
  e accanite m'inseguono,
  poichè tracciai strade vive di dolore,
  e gonfiai di singhiozzi il placido seno
  delle antiche città che respirano in pace
  sotto le stelle!... Ho addobbate
  di sontuosi incendii le loro mura,
  per passare, impassibile cavaliere di bronzo,
  sul mio cavallo monumentale,
  con all'elmo un pennacchio globuloso di tenebre
  che mèscesi alle scintille del fuoco notturno!


  «Forsennate Campane del Rimorso!
  Campane a stormo del Passato, che volete da me?...
  Perchè accanirvi dietro alla mia corsa veloce?...
  Non avete sorriso, voi, d'una gioia infernale,
  non avete gioito, grondando di una rossa ebbrezza
  nelle profonde rughe delle vostre mura millenarie,
  al contemplare il mio bel volto di luce,
  mentre rizzandomi sulle staffe brandivo
  fino allo zenit la sfolgorante mia spada
  di arcangelo satanico...
  la mia bella spada, più agile
  d'un raggio di luna?


  «Ahimè! la mia vecchia spada che un tempo levai
  tra le tresche fiamme dell'Aurora,
  la mia buona spada è smussata!...
  Galoppai per trent'anni, e il mio cavallo ormai
  è arrembato, e sputa i polmoni!...


  «Che importan le Campane? Non potrò mai toccarti,
  o mia Stella ideale, o mio unico Sogno,
  Sete della mia Sete eterna,
  o sorridente Stella che fuggi di cima in cima!.,.
  Mai non potrò fermarti nel cavo
  delle montagne sublimi, nè avvincerti,
  per inchiodarti alla vetta d'un promontorio,
  o affascinante Stella dalle labbra diaboliche!...


  «In una grande sera apocalittica
  incoronata d'una vasta aureola,
  io scorsi la tua morbida, azzurra nudità,
  e da allora mi ostino a inseguirti
  con un galoppo di ciclone devastatore!


  «Ecco: ho raggiunto già
  i confini della terra, e tu fuggi
  per sempre, e tu fuggi,
  inesorabile Stella!... Il mio grande corsiero,
  rotte le reni, crolla e domanda la morte!
  Io sono vinto, agonizzo, e più nulla dal cielo
  nè dall'inferno m'aspetto!...
  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
  Perdonami d'aver lungamente,
  immensamente amate le tue Labbra ideali,
  o mio Sogno supremo, o Stella delle Stelle!...



  12.

  INNO ALLA MORTE.



  Acide grida m'han trivellata l'anima
  da parte a parte... Dove, dove udii già
  questo strido verdastro?
  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
  Or mi ricordo... È il terribile strido
  dei naufraghi sublimi,
  ebbri mortalmente d'ideale, che bevono
  alla tristezza augusta delle Stelle!...


  Un giorno, in un gran porto, sauro, bituminoso,
  pieno d'alberi di navi in grovigli di malefiche croci,
  e tutto palpitante di vele,
  come di ali d'enormi vampiri,
  io mi trovai--per qual caso?--
  sotto le basse travi d'una bettola da marinai,
  alla punta d'una gettata, su palafitte malferme.
  La sera colava il suo olio, dai bronzei riflessi
  di cangianti putredini, e le onde
  n'eran tutte impeciate...
  --Burrasca! burrasca!--mugghiavano i marinai.
  Vidi, attraverso i vetri,
  carene d'ebano angolose, fumanti come incudini,
  e, nella bruma, giganti fuligginosi che martellavano
  spade arrossate a un ardentissimo fuoco!


  Il cielo color di sabbia e d'ocra s'indurì,
  più insuperabile che le mura d'un chiostro...


  --Inchiodate gli ormeggi!--ululavano i marinai,
  con le mani a portavoce;--serrate
  tutte le corde al bompresso! Soffia il libeccio!...--


  L'onde pesantemente sembravano travolgere
  mille naufragi frantumati, in alto mare...
  Fuori dalle tenaglie dei moli, oltre le mandre
  delle nubi dai velli motosi
  che la bufera assale con pungoli feroci,
  ecco gli ultimi gesti spaventati della luce!


  Poichè un sublime annegato (incandescente sole
  o moribondo pianeta) affondava all'orizzonte,
  dopo aver lungamente battuta l'aria
  con le sue grandi braccia di fuoco,
  nell'amarezza atroce di quella sera maledetta...
  Soffiò subitamente la tempesta
  nelle sue trombe sonore; scoppiarono gli echi
  dovunque spaccati da note di piombo,
  ed i vetri giallastri si striarono,
  s'empirono d'un tintinnìo di acidi lampi!


  Son vani i vostri colpi di maglio formidabili,
  neri giganti intraveduti fra la bruma,
  neri demoni che spezzate, infaticabili,
  coltellacci di ferro ed antiche alabarde,
  in alto mare, sui dorsi fuggenti
  d'illusorie balene dal pelame di fosforo!...


  Sotto i nostri piedi, in ogni senso,
  la baracca ballò la sua giga sfrenata
  sulle nere palafitte, come su trampoli...


  O instancabile mare, che vai gonfiando
  e rigonfiando il tuo ventre azzurro,
  di sabbie nutrito e di rocce frantumate...
  tu che arroti i capezzoli irritati
  delle tue poppe esauste di sirena,
  qui sotto il malfermo impiantito,
  urla, urla dunque il tuo enigma!...
  Dimmi qual'è la tortura e qual sarà il frutto
  del tuo funebre parto?...


  E rantolò l'impiantito, movendosi tastoni,
  di qua, di là verso un appoggio,
  come un ubbriaco ferito a morte...
  Penosamente l'impiantito
  gonfiò il suo petto in singhiozzi,
  come scosso dagli urti d'una tosse di gigante!...
  John e Fritz, marinai dai gabbani di cuoio
  eran con me seduti a una tavola,
  legati i polsi e i piedi, intorno a una gialla lanterna
  e udivo la lor voce densa
  gorgogliare preghiere, come un'acqua nera...


  Tu ti placavi a quando a quando, gran Mare insidioso,
  e nelle pause del silenzio sovrano
  noi guardavamo, pietrificati,
  la stella gialla della lanterna,
  che con alta e monotona voce parlava,
  allungando verso di noi la sua lingua
  fumosa di fetido olio friggente.
  E ci guardava intanto, la lanterna,
  come un gufo, strizzando il suo occhio
  di tenebroso augurio...


  Fritz borbottò:--Sant'Anna!
  pregate, pregate per noi!...
  Chi potrebbe salvarci da questo vento satanico?...
  Guardate! gridò; non vedete passare
  là nel nero la scopa delle streghe,
  dalla saggina di fosforo?--


  Allora l'impiantito,
  sotto i nostri piedi si torse sfuggendo.
  La bettola parve crollare
  nelle attiranti ventose dell'abisso,
  e la porta scoppiò, fracassati i battenti!...


  Disse John:--È il libeccio che màstica duro!...--
  Fritz gridò:--Fermi tutti!
  son essi che ritornano!...--
  La porta spalancata miagolava
  come la bocca affamata d'un gattaccio infernale
  dalle vaste pupille fosforee,
  soffiando il rauco suo odio e la sua bava fischiante,
  tutti a nudo gli artigli, aguzzati
  sulla madreperla delle lune abolite!...


  --Issa-ooh! Issa-ooh!...--Aggrappandosi,
  con un febbrile ansare, alle corde,
  tre marinai entrarono!...
  Strisciavano sul pavimento,
  piatti, grondanti d'acqua come pesci...
  --Issa-oooh! Issa-oooh!...--Trascinavano
  grevi tronconi d'albero e lembi di vele
  ritorti come serpenti!...
  Con voce rauca gridarono:--Le barche
  sono infrante!... Siam soli!... Tutti gli altri son morti!...--

  Allora un acuto clamore
  dominò sul terribile frastuono delle acque...
  Un ciclone avea dunque lanciato,
  dall'alto d'un promontorio, fra le mascelle
  scellerate del mare, immense mandre di iene
  che s'azzannavano rabbiosamente a vicenda?...
  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
  Era invece--oh! terrore!--
  il grido d'acciaio verdastro, che lanciano al cielo
  i naufraghi sublimi
  caduti giù dalla prua di diamante
  delle galere ideali!...
  Era la vostra voce esasperata d'amore,
  o naufraghi sublimi che navigaste un giorno
  sugli abbaglianti gorghi delle Vie lattee,
  da un firmamento all'altro, verso lo Zenit!...


  E la porta scoppiata, vociferante e rossa
  fumava come la bocca d'un Drago!...
  Ad un tratto sussulta l'impiantito!... Un sobbalzo
  e noi strisciamo, tastoni, verso il mare!
  I nostri corpi?... convulsi
  dall'orrore e reclini sull'abisso,
  tutti grondanti di lave turchine e violette!...
  I nostri volti?... illuminati dai lampi,
  che alacremente trinciavano l'infinito
  con le lor lame verdastre!...
  I nostri occhi?... Come schizzati fuori dall'orbite!...


  Il mare, il ribollente mare fingeva
  il tumulto finale d'un banchetto di giganti,
  con un cozzar di fragorosi metalli
  fra immense tovaglie arrossate
  di sangue, di vini scarlatti,
  e issate, da enormi guerrieri, su punte di lance
  in un delirio d'ebbrezza e di canti!


  --Urrà! Urrà!... cantavano in cadenza i guerrieri...
  Gloria alla Morte che mai non trapassa,
  dolce amante dal corpo d'anguilla
  sotto una faccia incandescente d'acciaio!...
  Gloria ai suoi occhi abbaglianti di ghiacciaio al sole!...
  Gloria ai suoi denti d'ebano!... Gloria ai suoi diti di ghiaccio,
  che addormentan con una carezza
  i nostri vecchi desideri cocenti!...
  Urrà! Urrà!... la Morte è una gioconda amante!...--


  Ecco: subitamente, i più forti han forate
  le sontuose tovaglie della burrasca,
  con la punta accesa dei loro elmi possenti...
  Ballano essi al fragore
  dell'armature fracassate,
  fra il tintinnare assordante delle stoviglie impure.
  Ballano quei guerrieri dal volto imbrattato,
  con una mano alto levando la lancia
  e coll'altra una coppa d'oro massiccio,
  che il Fulmine riempie
  di stelle e di fosforee pallottole,
  furtivo coppiere dai gesti rapidi
  e variegati come lucertole!...
  Urrà! Urrà! la Morte è una gioconda amante!


  Bellissimi guerrieri seminudi
  col torso abbrustolito dal lingueggiar delle fiamme
  scavalcavano i tripodi e veloci correvano
  da una tavola all'altra, dappertutto attizzando
  la crepitante fiammata di gioia!...
  Frattanto Re di colossale statura
  barcollavano, immersi fino ai fianchi
  nell'immane frastuono, e cadevano
  vinti dal peso oscillante delle loro corone,
  tra il mareggiare dei purpurei manti!...
  Alfine, alfine, nell'andirivieni brumoso
  dei convitati in baldoria,
  io ravvisai sotto il loro diadema
  dei potenti, degli amici, dei fratelli,
  cercatori d'Impossibile, affamati d'Ideale,
  degli Eroi, dei Poeti!...


  Ritti, levando altissime
  le loro coppe incrostate di stelle,
  cantarono, questi Dei, come gonghi
  colpiti forte dal tuono:


  --Urrà! Urrà! Tutto vincemmo noi,
  tutto gustammo, tutto distruggemmo, e or beviamo
  a lunghi sorsi la bevanda della Morte,
  la chiara bevanda siderale che all'infinito lustreggia...


  «Ecco la porpora, le corone e le donne
  che conquistammo!... Son nostre,
  le città orïentali dai minareti ritti in sentinella
  su mille porte d'oro dai battenti di bronzo
  che, girando sui cardini, cantano come lire!
  Eccoci finalmente padroni
  del nostro gran sogno ideale!...


  «Urrà! Urrà! Gloria alla Morte che mai non trapassa,
  dolce amante dal corpo d'anguilla
  sotto una faccia incandescente d'acciaio!
  Gloria ai suoi occhi abbaglianti di ghiacciaio al sole!...
  Gloria ai suoi denti d'ebano! Gloria ai suoi diti di ghiaccio
  che addormentan con una carezza
  i nostri vecchi desideri cocenti!...
  Urrà! Urrà! la Morte è una gioconda amante!...--


  Allora, sotto il nero soffitto della bettola,
  i marinai coperti di catrame,
  a me accanto proni, aggrappati alle tavole,
  protesero verso l'abisso le loro facce pietrificate,
  le loro facce turchine come la fiamma dell'alcool,
  lugubremente cantando in cadenza:
  --Urrà! Urrà! la Morte è una gioconda amante!



  13.

  INVOCAZIONE AL MARE VENDICATORE
  PERCHÈ MI LIBERI DALL'INFAME REALTÀ.



  1.

  Contro la Terra.


  La Terra, le sue simmetrie, le sue curve geometriche
  e la sua pigra andatura d'asino
  che, bendati gli occhi, fa girare
  la fulgida ruota solare, attingendo da sempre
  nelle profondità dello spazio una luce avvelenata...
  La Terra!... La Terra?... Oh! la nausea di vivere
  sulle sue spalle, simili noi alle scimmie
  fronzolute che si vedono alle fiere!...


  Io t'amo, o Mare liberatore,
  d'un grande amore insaziato...
  t'amo, solo sentiero che mi conduca all'infinito!
  Han tali balzi le tue onde verso le nubi viaggianti,
  ed una linea sì tenue divide
  dall'Azzurro il tuo azzurro,
  che è una delizia infinita partire fra le tue braccia
  senza pilota, senza vela e senz'alberi,
  sia pure a nuoto... sia!... purchè si parta
  verso l'arco profondo e affascinante dell'orizzonte
  che sussulta lontano!...


  È tanto facile andare
  verso l'Al di là, per le tue vie
  di morbida seta ove s'affonda!...


  Ecco già tutte le scintillanti navi del Sogno
  allineate al largo!...
  Ecco gli alberi loro, branditi come le lance
  di un accampamento barbarico!
  Ecco le loro vele
  imbrattate di sangue e di vini scarlatti
  come le tovaglie di un'orgia!...


  Urrà! balliamo, o mio cuore,
  sulla cadenza del rullio! Balliamo!
  Son molti i viaggi che al mio cuore s'impongono...
  Tutti i naufragi inghiottenti mi attirano!...
  A me, a me la Rosa spampanata dei Venti!...


  Le vele sopra il mare, le nuvole al tramonto
  gonfiano già le loro rosse guance d'arcangeli,
  soffiando fanfare di guerra
  che bersagliano gli echi e li crivellano,
  perchè alfine io veleggi incontro all'Impossibile
  negli abbaglianti vortici delle loro bufere!


  Che vedo mai, lontano, fra quel cozzare confuso
  di grandi massi di fosforo,
  e fra quei tintinni di lampi affilati?
  Una gran roccia nerastra e angolosa
  erge la sua figura di scheletro elegante...
  La sua cima è d'avorio, rotonda,
  simile a un cranio enorme, e la luna
  d'acciaio tagliente scintilla ai suoi piedi neri
  quale una falciuola insanguinata!


  È la Morte dalla falce leggendaria!
  È la Morte che assiste
  al tenebroso bacio che io depongo, o Mare,
  sul tuo unico dente frantumatore di rocce!...
  Distruggiamo! distruggiamo! distruggiamo!...
  Poichè non v'è splendore che in questo verbo selvaggio,
  tagliente come lama di ghigliottina,
  distruggiamo! distruggiamo! distruggiamo!...


  O Mare gonfio d'odio e di rancori eterni,
  le mie vene assorbirono la tua liquida follia,
  e cento volte ti torsero
  nei loro innumerevoli intrecci,
  precipitando il tuo folle galoppo
  sulla china esasperata del mio furore,
  per gole strangolatrici,
  attraverso le arterie, verso il mio cuore,
  verso il mio cuore che tutto intero ti bevve!


  Il mio cuor t'ha bevuto,
  e perciò io ti sento salire e ribollire
  nelle mie viscere in flussi e riflussi di collera,
  mentre ritto sulla punta di un promontorio
  la tua furia sfido, ritemprandomi
  le guancie al tuo schiaffo dentato di schiuma
  e di frantumi di roccia!


  O Mare, io sento la tua voce che urla
  nella mia gola profonda i comandi rabbiosi
  dei piloti, imbavagliati dalla pioggia,
  fasciati di bruma, al timone,
  fra grida annegate dal vento e dalla disperazione,
  nella tempesta!...


  O Mare, io sento la tua voce che urla
  nella mia gola profonda,
  le bestemmie dei piloti rovesciati ad un tratto,
  quando la prua si solleva in pieno sogno e s'impenna
  sognando d'arrampicarsi a grandi scatti di schiena
  su per la serpeggiante salita di un lampo!


  Mi sento qui, nel petto,
  lo sbatter delle vele che tu gonfi,
  ho nell'ossa le alberature scricchiolanti
  dei velieri moribondi che rantolano,
  come un organo gigantesco,
  sotto le tue dita feroci,..
  e dalla mia bocca vapora
  la nebbia salata del tuo alito!
  Oh! balza, balza alfine fuor dal mio corpo,
  di spiaggia in spiaggia!... Son io
  che ti scateno, o Mare, verso un'atroce carneficina,
  verso la Distruzione impossibile!...


  Scoccata è l'ora del naufragio della Terra!
  I grandi fari si rizzano, per offrire un tesoro
  d'effimera luce!... Frugarono i fari
  nei profondi, e ora traggon dall'acque
  alghe e coralli splendenti!
  Sono le luminose viscere della terra,
  che ci porgono essi, a mani piene,
  di sopra alle nuvole!...


  Dicon che tu divori a poco a poco la Terra!
  Letizia e gioia profonda!...
  Oh! chi potrà negare che già tu abbia inghiottito
  prima del nostro più mondi, per saziare il tuo odio?...
  Io lo giuro per la tua fame eterna e per la mia!
  Credo ne' tuoi silenzi massicci
  di vecchio colosso ubbriaco,
  crollato giù dagli altipiani,
  sotto le scimitarre snudate
  dei Soli meridiani!...
  Che aspetti, o Mare?... Affrèttati!
  Affrèttati a divorare la Terra!


  Distruggiamo! distruggiamo! distruggiamo!
  Poichè non v'è splendore che in questo verbo terribile
  e fracassante come un martello ciclopico,
  distruggiamo, distruggiamo! distruggiamo!



  2.

  Contro le Città.


  Olà! venite a me, vecchi mendichi affranti,
  e furfanti e banditi, scacciati come cani rognosi
  fuor delle chiese del mondo dall'ira dei sagrestani!
  Eterni vagabondi dai piedi sanguinanti,
  vecchi cenci feroci, limati dalle lame dei venti,
  venite a me che vi chiamo,
  ritto in cima alla punta estrema di un promontorio
  con le mani a portavoce sulla bocca... Venite!


  Ohè! m'udite?... Ed io vi vedo uscire
  a passi lenti dai vostri informi tugurî,
  che giacciono schiacciati sulle rocce.
  come colossali escrementi di pachidermi aboliti!
  Verso quali patiboli trascinate voi dunque
  i vostri passi sì stanchi?...


  Raddrizzatevi! Su!.... Alzate al cielo la faccia!
  Accorrete! Accorrete ad ammirare
  il Mare liberatore!
  il Mare, dall'unghie d'acciaio che ora si sdraia
  nella tana, là giù, di quel suo nero golfo...
  il Mare, dagli sbadigli di lampi multicolori
  che col suo soffio sparpaglia vele e nuvole d'oro...
  il Mare, con la sua muscolatura
  possente e vibrante di tigre in amore...
  il Mare, dal pelame picchiettato di stelle...
  il Mare vendicatore che ci libererà!


  Venite a me, sfidando la marea
  e le sue onde lanciate come lacci rapaci
  sui pescatori che spiano pazienti, armati di lenza,
  il pesciolino di una benefica legge!
  Il Mar s'impenna?... Avanti! Nessun timore v'arresti!
  Son gli scherzi consueti d'una tigre
  che vuol divertire i suoi piccoli
  prima che mettan gli artigli!...
  D'altronde, poichè qualche mano
  dovrà insanguinarvi la faccia, Vagabondi e Banditi,
  vi convien preferire
  agli schiaffi metodici dei Re
  lo schiaffo rovesciante del Mare!
  Meglio assai che gli sputi dei potenti
  un pesante sputacchio di schiuma marina
  che abbia l'odore, o Pezzenti,
  degli scogli dentati e della libertà!
  Ma affrettatevi, dunque!... Furon bruciati i troni!
  Non vi son più gradini!... Irrigidite
  le vostre grevi ginocchia spossate!


  Bei cani ammaestrati, vecchi servi...
  fate, suvvia, un inchino
  davanti ai vostri padroni per l'ultima volta!
  Piegate la schiena... Più giù! Più giù ancora,
  per evitare il randello!
  Ma non dimenticate, o Pezzenti, d'incidere
  sulle lor pance illustri il vostro oscuro nome
  con un pugnale fino,
  come fanno i turisti sui monumenti!...
  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
  Non siete armati?... E i coltelli... e i lampioni
  a che cosa vi servono? E i miei saggi consigli,
  ve li scordaste, o Pezzenti?...
  @250
  Ah! troppo lungamente ansimaste, rabbiosi,
  chiedendo l'elemosina con monotona voce,
  e dondolandovi impazientemente
  sulle vostre grucce polverose,
  che pur risonavano come pesanti calci di fucile
  sulle soglie dei castelli!...


  Mendicanti sornioni e falsi storpi,
  disimpacciate le vostre gambe
  dalle bende menzognere!... Con le fasce,
  con le filacce delle vostre piaghe,
  voi potrete legare, imbavagliare
  i padroni che odiate!...
  Le vostre grucce?... Branditele come flagelli!
  E picchiate, e picchiate sui musi sgretolati,
  sulle barbe fluviali e i rigidi capelli
  dei grandi Re auriferi del Mondo!...


  E battete, e battete allegramente,
  sull'Aia grandiosa dell'Odio,
  codesta canape scellerata, mietuta
  nella storia e fioccante
  come una neve sulle vostre teste!
  I suoi semi, spremuti, vi daranno l'ebbrezza!
  Così, l'ardente sogno di un _haschich_ ideale
  paveserà divinamente
  i vostri cervelli amplificati
  di una vermiglia aurora dagli splendori orientali
  e d'un sole pomposo, tutto grondante di gioia
  sui vostri cuori scatenati
  e sull'agonia delle leggi!...


  O conigli impagliati! O vil razza di cani!
  Che mai aspettate?... Volete dunque
  cuocere senza fine e ricuocere
  il vostro miserabile cuoio di belve perseguitate
  e i vostri grugni classificati e simmetrici
  nelle casone annerite delle città,
  come pani da soldati nei forni delle caserme?
  . . . . . . . . . . . . . . . . .
  Oppure volete per sempre annientare
  il vostro grande ideale di libertà e la vostra
  insaziata sete di giustizia?...


  Forse dunque è una vita piacevole, la vostra,
  o mendicanti confitti come cariatidi
  fra le rughe dei muri,
  in fondo alle vie che le industrie frodolente ricoprono
  di notte, di fuliggine e di noia mortale?...
  Del Cielo?... Ne volete, sorci presuntuosi?
  Il cielo non è più, per voi, che uno spiraglio
  sbarrato di fili telefonici!...


  E vi divertono forse le loro lampade,
  che sussultan, la sera, sui loro pranzi avari
  dal condimento di odio?...
  Son lampade innocenti, che bagnano di luce
  facce usuraie, rotonde come marenghi,
  tutte segnate d'un conio invariabile
  da un coronato Imbecille!...
  O lampade innocenti sulle mense dei ricchi,
  poveri raggi rapiti agl'inutili Prometei!...
  incatenate stelle, piangenti alle finestre!...


  Ben potevate, strisciando sotto le tavole
  dei generali briachi e gonfi di lussuria
  aureolati d'alcool, nella calda
  luce dei candelabri... ben potevate fingendo
  di raccattare briciole spregevoli,
  rubare in fondo alle tasche le chiavi
  delle polveriere sotterranee!...


  E poi?... E poi colare come olio di ricino
  salutifero, giù, nel puzzolente intestino
  degli antichi palazzi, e gettarvi
  l'aurea miccia terribile,
  la miccia crepitante che vi libererà!...


  .... Che vi libererà dalle sinistre pattuglie
  scandenti caute il silenzio con passi di bronzo
  con tintinni di sciabole, con stridor di manette
  che vi mordono i polsi,
  mentre sognate, stesi nell'erba dei bastioni,
  fra l'ampia nostalgia d'un gran chiaro di luna
  immensificato dai vostri
  desiderî di libertà!...


  La terribile miccia che vi libererà
  dalle sinistre pattuglie
  che con ilari baionette vi spazzano
  senza pietà fuor dalle mura, fuori
  dalla soglia delle città,
  come se foste immondizie!...


  Immondizie?... Sia pure! Ammucchiatevi!
  Ammucchiatevi dunque, o viventi Immondizie!...
  In voi potremo nascondere la dinamite impaziente!
  È un'allegra maniera di fecondare la terra!...
  Poichè la Terra, credetemi,
  sarà gravida presto... (sì gravida da scoppiarne!)
  di una Stella sublime dalle esplosioni di luce!...



  3.

  Contro la speranza di ricostruire


  O gran Mare ribelle e veemente!
  Gran Mare vendicatore!
  Mare di caucciù nerastro!... Su! Balza!
  Balza, in un elastico slancio,
  di sopra alle nuvole, fino allo Zenit!...
  .... E poi piomba e ripiomba, instancabile,
  come una palla di gomma, enorme, pesante!
  Sfonda le rive, i porti e i docks accovacciati
  siccome bufali, sotto le loro contorte corna di fumo!


  Schiaccia, o Mar, le città dagli androni di catacomba,
  e schiaccia, senza posa, il popolo vile
  dei gozzuti e degli astemî... e falcia, e falcia,
  d'un solo colpo, mèssi rattrappite
  di pieghevoli schiene!...
  Sfonda le pance miliardarie,
  come tamburi, sonandovi la carica..
  e lancia, e lancia, o Mare vendicatore
  i nostri cranî esplosivi nelle gambe dei Re!...
  Oh! non è questo... dite, Vagabondi e Banditi,
  il vostro giuoco di bocce?...
  Urrà! Urrà! Urrà!...


  O Mare! ti libera dalla palpitazione immonda
  delle vele membranose che s'intrecciano
  come ali di vampiri, e che covano
  sui ponti delle navi le balle scintillanti
  simili a enormi uova d'oro!...


  Col tuo flusso e riflusso,
  sforza e devasta, o Mare, i grandi porti d'ebano
  strangolati dagli scogli e soffianti
  dalle lor bocche anguste un alito rosso,
  sotto Fumi giganti e diritti, coronati di stelle,
  che superbamente li calpestano
  con passi di fantasmi!...
  Sforza e devasta le rade africane
  che tre cannoni inchiodati
  in batteria sulla punta d'un molo
  vorrebbero ancora difendere, accosciati in agguato
  come i cani fulminati d'una capanna maledetta!
  Sforza e devasta le insenature solitarie
  che le vaganti piroghe ammantate di bruma
  visitano furtive, con fiamme sospette
  striscianti sull'acque d'acciaio!...


  Ed i tuoi porti arcigni com'antri di stregoni,
  dormenti sotto l'occhio verdastro e tondo d'un faro
  che veglia, a notte alta, come un gatto a tregenda...
  e golfi, e rade, e porti dai voraci cantieri,
  dai moli tesi come lunghe braccia di ladri
  che brandiscan tenaglie contro la fragilità
  tremolante dell'isole lontane...
  assalta, o Mare, al crepuscolo!... Assaltali,
  facendo impennar le tue ondate... ed allacciali
  coi tentacoli formidabili
  de' tuoi flutti di elastico smeraldo!...


  Dà fiato alle trombe delle tue raffiche!
  Getta il terrore nel cuore delle città tenebrose,
  e col rovescio schiumante delle tue onde schiaffeggia
  il grosso grugno rugoso delle oscure fortezze
  occhiute di lanterne che sanguinano
  nell'acqua nera!
  Schiaffeggia le fortezze,
  e torci le lor baionette, capelli ritti
  che brillano al chiaro di luna!...
  Scardina e sradica alacre le ferree muraglie
  fasciate dalle tue trecce giganti
  in triplici nodi gordiani
  cui mordono gemme radiose!...
  Sconvolgi i promontorî, spezzando con un gesto
  le torri sovrane dei fari,
  e pesta, e sminuzza con gioia
  sotto i tuoi instancabili piloni,
  le corazzate che scintillano,
  fiammanti al sole come divise militari!...
  Addenta, o Mare, e mastica, e rimastica
  il loro guscio di colossali aragoste,
  e gli speroni e gli alberi, e le miopi troniere
  e le antenne forcute, pavesate di rosso,
  simile a chele a cui pènzoli un lembo di carne!


  Indi rapido ammassa e mille volte arròtola
  brandelli di vele, frammenti di navi, carcasse
  di velieri, in pallottole mostruose!...
  Fa che risalgano a galla dal fondo dei tuoi abissi
  e poi, facendo scattar come molle
  i tuoi muscoli onnipotenti,
  scaglia al cielo quelle masse incandescenti
  come bolidi, nei vortici
  delle forze siderali!...


  --E quando alfine sarà distrutta ogni cosa?--


  --Allora... oh! allora perchè fare ancora
  la fatica di rifare le favolose armature
  d'un gran mondo ideale, sulle ruine dell'antico?
  Qualunque sia il nostro sogno, non partoriamo che Odio!
  Nulla sa costruire la mano dell'uomo
  se non prigioni, e nulla sa fucinare
  se non pesanti catene!...


  Seduti sulla punta dei promontorî superstiti
  che lentamente franano,
  noi, Mar vendicatore, attenderemo la Morte!...
  L'attenderemo, sinistri e placati,
  incollate le labbra sulla tua formidabile bocca
  frantumatrice di rocce... e a questo funebre bacio
  presiederà la Morte!...


  Oh! guardate, guardate, Pezzenti e Banditi,
  eterni vagabondi dai piedi sanguinanti,
  fratelli miei, ultimi a sopravvivere!
  La Morte affonda già l'unghia sua d'oro
  nell'arco del lontano orizzonte nerastro,
  e sembra quell'artiglio la falce di luna
  delle bonacce d'estate!...
  Guardate! Udite, Vagabondi e Banditi!
  Le vele sopra il mare... le nuvole al tramonto...
  gonfiano già le loro rosse guance d'arcangeli
  soffiando fanfare di guerra!...


          _Voci lontane del mare:_

  --Olà-eh! Olà-ooh! Distruggiam! Distruggiamo!



                      CON QUESTO GRIDO HA PRINCIPIO
                              IL POEMA EPICO
                       «LA CONQUISTA DELLE STELLE»



                           SCHELETRO DEL POEMA.

                                                               pag.

  DEDICA                                                         7

  1.--=Invocazione al Mare onnipotente perchè mi liberi
           dall'Ideale=                                         15

  2.--LA MIA ANIMA È PUERILE                                    25

  3.--LE BABELI DEL SOGNO                                       43

  4.--LE FUMATE DELL'ANIMA                                      51

  5.--NOTTURNO (a tre voci)                                     63

  6.--LA CANZONE DEL MENDICANTE D'AMORE                         77

  7.--IL DÈMONE DELLA VELOCITÀ                                  91

        1.--_Le Terrazze dell'Amore_                            91

        2.--_Il Torrente millenario_                            97

        3.--_La Sera indiana_                                  104

        4.--_Il "Simoun"_                                      107

        5.--_Le Foreste vendicative_                           113

        6.--_La Tregenda_                                      120

        7.--_Il Fiume tirannico_                               128

        8.--_La posta del giuoco sublime_                      137

        9.--_Il Demonio lusingatore_                           147

        10.--_Il Veliero condannato_                           153

  8.--I CAFFÈ NOTTURNI (Canto che finisce in prosa volgare)    163

  9.--IL CANTO DELLA GELOSIA                                   185

  10.--I LAGHI D'ORO                                           211

  11.--IL CAVALIERE NERO                                       217

  12.--INNO ALLA MORTE                                         227

  13.--=Invocazione al Mare vendicatore perchè mi liberi
            dall'Infame Realtà=                                241

        1.--_Contro la Terra_                                  241

        2.--_Contro le Città_                                  247

        3.--_Contro la speranza di ricostruire_                254





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Distruzione - Poema Futurista" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home