Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: In gondoleta - Barcarole e Rime Veneziane
Author: Negri, Antonio
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "In gondoleta - Barcarole e Rime Veneziane" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



produced from images generously made available by Biblioteca
Nazionale Braidense - Milano)



IN GONDOLETA



  ANTONIO NEGRI

  (RATAPLAN)


  In Gondoleta

  Barcarole e Rime Veneziane



  MILANO

  CARLO ALIPRANDI, EDITORE

  _Via Stella, Num. 9._


  _L'Editore CARLO ALIPRANDI si riserva tutti i diritti
  di propriet�  letteraria secondo le vigenti leggi._



Milano--Prem. Stab. Tip. dell'Editore CARLO ALIPRANDI--Via Stella, 9.



PREFAZIONE


Eccoti, lettrice gentile, dei versi in dialetto veneziano, in quel
dialetto che, se sei veneziana, suona sulle tue labbra come una
carezzevole armonia, e che, anche se non sei veneziana, sa giungere
all'orecchio tuo come una facile musica dolce.

Non ti voglio annoiare con una lunga prefazione: debbo per� dirti che
questi versi sono stati composti dal 1893 al '95 e che sono inediti,
eccetto poche poesie che uscirono insieme ad altre non comprese nel
presente volume, nei giornali dialettali di Venezia, sotto il mio
pseudonimo: RATAPLAN.

Cos� ho detto quanto sentivo il bisogno di dirti: leggi ora i miei
versi, lettrice buona e cortese. E se le mie barcarole, le mie
canzonette, le mie _vilote_ ti saranno piaciute, o lettrice, ringrazia
la mia Venezia, la cara citt� che le ha dettate al mio cuore, quando,
a tarda sera, muto e raccolto passeggiavo lungo il Molo, sotto
l'argenteo fulgore lunare, di fronte all'isola di S. Giorgio,
misteriosa nell'ombra, mentre nella pace notturna l'alito soave della
brezza e l'onda quieta della laguna s'accordavano a una dolce armonia.

Venezia, 7 aprile 1895.

ANTONIO NEGRI.



_AVVERTENZA_


Per quanto riguarda l'ortografia adottata nel presente volumetto, devo
premettere due parole. Come consigli� Attilio Sarfatti nella �nota�
premessa alla prima edizione delle sue _Rime Veneziane_, anch'io
scrissi la consonante _c_ davanti ad _i_, _e_, con la _c�dille_, che
determina il suono _s_: e tolsi l'_h_, che si soleva una volta mettere
fra la _c_ e la _i_, la _c_ e la _e_. Cos� _�ielo_, _�imitero_,
_�it�_, _dol�e_, ecc., si leggeranno: _sielo_, _simitero_, _sit�_,
_dolse_, ecc.; invece di _vechio_, _vechi_, _vechie_, _ochio_, _a
chico a chico_, ecc., secondo la grafia antica, preferisco scrivere
_vecio_, _veci_, _vecie_, _ocio_, _a cico a cico_, ecc., le quali
parole, non avendo alcun segno, si leggeranno come sono scritte.

In quanto concerne il modo per indicare graficamente il suono palatino
della _c_ che segue alla _s_, convengo con quanto scrisse il Dottor
Umberto Spanio nella �Avvertenza� anteposta ai versi _Un toco de vita
veneziana_, pubblicati sotto il pseudonimo: GRILO. Trascrivo le sue
parole: �La difficolt� maggiore sta nel modo di indicare graficamente
il suono palatino del _c_ che segue alla sibilante dentale. Il Boerio
ed altri proposero di rendere questo suono coll'aggiunta di un _h_ ed
insegnarono quindi di scrivere: _rischiar_, _schioco_, _schiantar_,
ecc. Altri tentarono di indicare questo suono coll'interporre una
lineetta fra la _s_ e la _c_: _ris-ciar_, _s-cioco_, _s-ciantar_.
Perch� non adottare il sistema della linguistica moderna, che
distingue il suono palatino del _c_ per mezzo di un accento
sovrapposto? Cos�: _risc�iar_, _sc�ioco_, _sc�iantar_, si pronunciano
come fosse scritto: _ris-ciar_, _s-cioco_, _s-ciantar_, a differenza
della pronuncia di _sciar_, _scioco_ e simili�, che si pronunciano
come ad esempio l'italiano: _scia_.



    MONTA, NINETA, IN GONDOLA....


    Monta, Nineta, in gondola,
      Te condur� lontan su la laguna;
      Vien, Nina mia, destrighete,
      Ch�, fin dal �iel, le palide
      Stele te fa l'invito a una, a una.

    Su l'onda queta e limpida,
      El cuor xe pi� espansivo e pi� sin�ero;
      Fra la pase dol�issima
      Del mar, del �ielo splendido,
      L'amor ga un zentil senso de mistero.

    Adasio, el vento tiepido
      Che de l'Oriente porta la carezza,
      Ne sonar� la musica
      Che sente sole l'aneme
      Inamorae, co un'intima dol�ezza.

    E quando po' le nuvole
      Vor� ofuscar de la gran luna el viso,
      Ne la penombra, palide
      Fantasme dir� storie
      De cuori innamorai, de paradiso.

    E da lontan, Venezia
      Zentil e ciara[1] sora l'aqua piana,
      Velada[2] un fi�[3] da nebie
      Che pi� cressa el so' fassino,[4]
      Soridar� come oriental sultana.

    Storie de amor, de spasemi
      D'aneme inamorae cantar� el vento;
      I nostri cuori zoveni
      I sentir� in un'estasi
      La divina poesia del firmamento.

    De la laguna el pla�ido
      Specio, del �iel rifletar� i splendori;
      Ne l'incant� silenzio
      Sentiremo a l'unisono
      El bater spezzeg�[5] dei nostri cuori....

    Monta, Nineta, in gondola,
      Te condur� lontan su la laguna;
      Vien, Nina mia, destrighete,
      Ch�, fin dal �iel, le palide
      Stele te fa l'invito, a una, a una.


[1] _ciara_ = chiara.

[2] _velada_ = velata.

[3] _un fi�_ = un po'.

[4] _che pi� cressa el so fassino_ = che pi� accrescano il suo fascino.

[5] _el bater spezzeg�_ = il battere affrettato.



    �AMAR, AMAR, AMAR....�


    Nina, d'amor ne parla el �iel ros�,
		    Le rare nuvolete,
    El sol basso su l'aqua, imporpor�,
		    Le picole barchete
    Che su l'ondina placida, liziere,
		    Lontan le svola via....
    Tuto dise d'amor vose[1] sin�ere,
		    Bela Nineta mia.

    Se una vela se perde nel lontan
		    Pa�ifico orizonte;
    Se co ela se perde un senso arcan
		    De contentezze sconte[2],
    De l'altre vele vien a nualtri in volta[3]
		    Pi� alegre sora 'l mar....
    Tute 'ste cosse, mia Nineta, 'scolta,
		    No le te fa pensar?

    Varda el cocal[4] che sora l'aqua svola:
		    Come che 'l ride: senti!
    No par che anca lu creda a la parola
		    Dol�e e cara dei venti?...
    �Amar, amar�, ne la so vose el canta:
		    �Amar, amar, amar....�
    Ti, mia Nineta, a la parola santa
		    No ti ghe vol badar?...

    Le nuvole, el cocal, el sol, l'ondina,
		    Varda, crede a l'amor.
    Solo el ridar del �iel, dol�e mia Nina,
		    Te dise gnente el cuor?
    Pensa da novo, cara, al sentimento
		    Che me entusiasma mi:
    Che le vele lontane o pur el vento
		    No diga gnente a ti?


[1] _vose_ = voci.

[2] _sconte_ = nascoste.

[3] _vien a nualtri in volta_ = vengono verso di noi, alla nostra volta.

[4] _cocal_ = gabbiano.



    PARCOSSA?...


    Parcossa[1], quando mi te vardo el viso,
		Ti vardi in alto, in cielo?
    Parcossa, co' mi �erco el to soriso,
		Anzoleto mio belo,
    Ti seri quela boca coralina
		Bela come un bel fior,
    E el serar de la boca pi�inina
		A mi me sera el cuor?...

    Parcossa, co' ti parli, per un toco[2]
		Resto imag�[3] a vardarte?
    Parcossa a mi me trema, e no per poco,
		La lengua in tel parlarte,
    E co tute le tante bele cosse
		Che mi da dirte go,
    Me sento le ganasse[4] vegner rosse
		E parlar pi� no so?

    E parcossa, anca ti, quando te fisso
		In quei gran oci bei,
    Quando mi vardo quel tesoro risso
		Del neri to cav�i,
    Ti me deventi come 'l fogo rossa,
		Ti va lontan da mi....
    Dimelo, 'vanti, dime, zo: parcossa
		Ti te scaldi cuss�?...

    Parcossa nasse mai 'ste robe quando
		Nu soli se trovemo?
    Parcossa mi a ti vado ripensando
		Quando no se vedemo?
    Parcossa mai me bate forte in peto
		'Sto mio povaro cuor?...
    Dime: che 'l sia cuss�, bel anzoleto,
		Quelo che i ciama amor?...


[1] _Parcossa?..._ = Per che cosa? Perch�?

[2] _per un toco_ = per un po' di tempo.

[3] _imag�_ = estasiato, intontito.

[4] _ganasse_ = guancie.



    TRA BARCARIOI


    --Se s'� da vedar! Fiol d'un can! De ponta
      In te 'sto modo, in pope, zo 'l me vien!...[1]
      E po' 'l ride, quel bogia, anca per zonta....[2]
      Ma no ingioto[3] perdio, no, 'sto velen!

    El ga razon che so' oblig� col nolo,
      Se no lo ciaparave[4] per el colo;

    Ma speta, buratin, che vegna in tera:
      A pugni te far� cambiar maniera!

    (_due ore dopo, a terra_)

    --El diga, lu m'� d� in pope un urton
      Co' gera co foresti do ore fa....
      Go promesso de farme far razon:
      Da l'osto i testimoni ghe sar�.

    --Ma cossa gh'entro mi?... No � fato aposta....
      --Nato d'un can! se el ga sbreg�[5] na costa!

    --El diga, per so' ben, guai se nol tase!
      --Ben, zo, 'ndemo da l'osto e femo pase!--


[1] _vegner de ponta_ = colpire con la prua.

[2] _per zonta_ = per giunta, per di pi�.

[3] _no ingioto_ = non trangugio; qui: non mando gi� questo insulto.

[4] _ciaparave per el colo_ = prenderei per il collo.

[5] _sbreg�_ = squarciato.



    EL SCALDIN[1]


    Son tondo, son picolo,
      Son fato de tera;
      In mezo a le tecie[2]
      Son st� fabric�;
      E quando che lu�ido
      Gnancora[3] no gera,
      El mogio[4], el sol torido,
      Poarin[5], go prov�.

    Lavoro finissimo
      Mi d'esser no credo;
      Ufizio ben umile
      Me incorzo[6] d'aver:
      De piati, de cicare[7]
      Fradelo me vedo,
      El mio gran artefi�e
      Xe st� un.... pignater[8].

    De mi se desmentega
      Per pi� de mezo ano
      Chi amigo carissimo
      M'� za dito un d�;
      Ma questo xe un utile
      Piutosto che un dano,
      Perch� xe pi� fa�ile
      Che dura cuss�.

    Co' ariva qua el tiepido
      Calor de le ariete,
      Finisso el servizio,
      Finisse el dafar,
      E fra ratatuie[9]
      Al scuro i me mete,
      Finch� vien i brividi
      A farve tremar.

    Co' casca la candida
      Zentil biancolina,
      Co' 'l vento che fisc�ia
      Vien zo dal camin,
      I vien torme subito
      Per 'ndar in cusina:
      Alora i desidera
      L'amigo scaldin!

    E co' bronze e c�nere
      Go dentro e son caldo,
      'Na tosa, vardandome,
      Se scalda le man....
      E mi, contentissimo
      La vardo e la scaldo:
      Xe caro, carissimo
      Per mi el fredo can!

    E quando, nel massimo
      Del fredo, i penini[10]
      Se ingiazza, e informigola[11]
      Nel streto stival,
      De soto le cotole[12]
      Pia�eri divini
      Mi godo, e fantastico....
      No gh'� nissun mal.

    Scaldando, godendome,
      Mi passo l'inverno,
      Per questo des�dero
      Che svola l'ist�....
      Al fogo me abituo,
      No temo l'inferno....
      El fredo pi� rigido
      Pi� caldo me fa!...


[1] _El scaldin_ = il caldanino.

[2] _tecie_ = tegami.

[3] _gnancora_ = non ancora.

[4] _el mogio_ = il mollore.

[5] _poarin_ = poverino.

[6] _incorzo_ = accorgo.

[7] _cicare_ = chicchere.

[8] _pignater_ = pentolaio, stovigliaio.

[9] _ratatuie_ = oggetti in disuso (termine generale).

[10] _penini_ = piedini.

[11] _informigola_ = si intorpidiscono.

[12] _cotole_ = sottane.



    SU L'AQUA LIMPIDA....


    Su l'aqua limpida galegia arzento,
      Nel �iel, fra nuvole, passa la luna...
      I ri�i[1] se agita, cocola, al vento,
      Svola la gondola su la laguna.
	'Sto specio[2] arzenteo, senti, Nineta,
	  Come che 'l palpita soto de nu;
	  Come ne ninola[3] l'aqua discreta
	  Nel moto pla�ido, che xe un bis�[4].

    St'aqua, da secoli, Nina, xe avezza
      A vedar languidi, zoveni amori,
      Ela xe solita, co 'sta carezza,
      A unir ne l'estasi dol�e dei cuori.
	Difati, cocola, soto 'sto incanto,
	  Chi xe insensibile, dime: che cuor?
	  No xe continuo del vento el canto,
	  No parla l'aqua sempre d'amor?

    Senti, mio anzolo, a 'sto con�ento
      Che parla a l'anema, mi no resisto,
      N� ti, insensibile al dopio a�ento
      De l'incantevole note t'� visto,
	Dunque, contentime, dol�e Nineta,
	  Lassite, lassite, cara, basar....
	  Se vien de porpora la ganasseta,
	  Chi st� spiandole xe 'l cielo e 'l mar


[1] _ri�i_ = riccioli.

[2] _specio_ = specchio.

[3] _ne ninola_ = ci culla, ci dondola.

[4] _che xe un bis�_ = in modo delizioso.



    DAL MOLO

    All'amico GUIDO FUBINI.


    El �iel xe ciaro: trema el firmamento,
      La luna va tra bianche nuvolete;
      Che note bela! che armonia! che quiete!
      Che delizia el passar fresco del vento!

    'Na gondola atraversa el pian d'arzento
      De l'aqua che la luna alta riflete....
      Che splendido quel specio, e quele ondete
      Che se stua, che se impizza[1] ogni momento!

    El gondol�er l� zo canta: se sente
      La so' canzon lontana: che dol�ezza
      'Sto s�n che vien, che l'anema comove!...

    Cara Venezia mia: par sempre n�ve
      Le to delizie vecie: la belezza
      Vera cuss�[2] la resta eternamente.


[1] _che se stua, che se impissa_ = che si spengono, che si
    riaccendono.

[2] _cuss�_ = cos�.



    SU LA LAGUNA


    Su la laguna passa adasio[1] el vento;
      La luna tra le nuvole se sconde[2]
      De tanto in tanto, su le calme onde
      Magnifico se specia el firmamento.

    Ne la gran pase quanta po�sia,
      Fra 'l �ielo e la laguna che armonia!

    Su la laguna passa adasio el vento,
      Splendido riscintila el firmamento.


    Ogni stela soride a la laguna,
      Ogni onda specia l'oro de una stela;
      Dise l'aqua a la luna: �Ti xe bela.�
      �E ti xe un splendor� dise la luna.

    El vento nel passar conta[3] de amanti
      I alegri basi o i sconfortadi pianti,

    E le nuvole, a quel che dise el vento,
      Le regola el splendor del firmamento.


[1] _adasio_ = leggermente, lentamente.

[2] _sconde_ = nasconde.

[3] _conta_ = racconta.



    GO DITO CHE....[1]


    Go dito che un bel fior
      Par el to' lavro[2] belo e porporin:
      Go dito che l'amor
      Dona el t� viso languido e carin.

    Mostrandote crudel
      Co mi che fato gnente no te go,
      Che ti somegi[3] al �iel,
      In coscienza, pi� dir no podar�.

    El sol ride nel d�,
      Nol xe, come 'l to' viso, imuson�....[4]
      Zo, Nina mia, de mi
      Movite a compassion, gabi piet�.

    E un'ociadina al cuor
      Dona, caro amor mio, che te vol ben....
      Somegia ancora a un fior,
      Fa el to' viseto come 'l sol, seren!...


[1] _Go dito che...._ = Io dissi che....

[2] _lavro_ = labbro.

[3] _somegi_ = somigli.

[4] _imuson�_ = imbronciato.



    ANTITESI


    Dise 'na vecia[1]:
      Che mondo bruto!
      Che tempi oribili
      Xe mai sti qua!
	     Par impossibile:
		S'� cambi� tuto
		In te 'sti strepiti
		Tuto � cambi�!

    Dise 'na zovene:
      Tempi beati!
      Mi tuta in gringola[2]
      Me sento andar.
	     Se vive in estasi
		Che se par mati;
		Qua de continuo
		Se pol amar.

    La vecia brontola:
      B�gia de un fredo!
      Me sento i brividi
      Per i ossi andar,
	     Presto in malorsega[3]
		Andar me vedo,
		Presto me imagino
		Dover crepar!

    Canta la picola:
      El moro mio[4]
      Coi oci lu�idi
      El m'� vard�;
	     Lu xe el mio idolo,
		Lu xe 'l mio Dio;
		Geri, basandome,
		El m'a strig�!...


[1] _vecia_ = vecchia.

[2] _in gringola_ = in allegria.

[3] _in malorsega_ = alla malora, al diavolo.

[4] _el moro mio_ = il mio amante.



    NE LA QUIETE


    Mia Nineta: te par? tuto tase,
      Tuto dorme pa�ifico e queto....
      Che pia�er che ne dona 'sta pase
      Stando qua, da vi�ini, cuss�!

    Xe lontan quela gondola nera
      E quel remo che l'aqua rompeva....
      El silenzio seren de la sera
      No 'l xe roto cuss� dal remar.

    E l'arieta che passa, che sfiora
      El to viso belissimo e caro
      Via la core, tasendo, e ne indora
      Col so' ciaro la luna del �iel.

    E seguimo co l'ocio le bele
      Nuvolete che passa l� in alto,
      E contemo la palide stele
      Che se risc�ia vegnerse a mostrar.

    E la luna ne varda, ridendo,
      Tonda, tonda, fasendo de ocieto....[1]
      Nu ridemo, e se 'ndemo strenzendo
      Un co st'altra, parlandose al cuor.

    Po, su l'aqua che va, tremolando,
      Rifletendo, pi� granda, la luna,
      Nu chinemo la testa vardando
      Quel belissimo specio del �iel,

    E voressimo dirse qualcossa
      Per la quiete che dorme, che tase,
      Per l'arieta che xe apena smossa,
      Che ne ispira, tasendo, l'amor;

    Ma vardandose i oci, tasemo,:
      Rispetemo el silenzio tranquilo,
      E, vardandose, ai cuori parlemo:
      Co le ociae[2] se capimo benon!

    Finalmente, strenzendose ancora
      Pi� vi�ini, contenti, beati,
      Finch� 'l caldo respiro ne sfiora
      Riscaldandone el viso.... e anca el cuor,

    Nu, coi brazzi[3] ligandose el colo[4],
      Su la boca se demo dei basi:
      Ne la quiete soavissima solo
      Fa susuro dei basi 'l sc�iocar.


[1] _fasendo de ocieto_ = strizzando l'occhio.

[2] _co le ociae_ = a occhiate.

[3] _brazzi_ = braccia.

[4] _ligandose el colo_ = legandoci il collo.



    TRADIMENTI


    --La xe stada cuss�:[1] lu me ga dito:
      �Che anzoleto! che splendidi cavei!�
      Mi go risposto: �El diga, el tira drito
      Per la so' strada!..� E _lu_: �Che ocioni bei!�

    Po mi go dito: �Nol se toga impasso[2]
      Co le tose onorade� e � slong� 'l passo....

    _Lu_, a tradimento, un baso el m'� sc�ioc�....[3]
      Mi, a tradimento, un sc�iafo go mol�!...[4]--



[1] _la xe 'ndada cussi_ = l'and� cos�.

[2] _nol se toga impasso_ = non si prenda libert�.

[3] _sc�ioc�_ = schioccato.

[4] _sc�iafo go mol�_ = gli lasciai andare uno schiaffo.



    PRIMAVERA

	_Che tu sii maledetta, o primavera!..._
				STECCHETTI


    Fin che 'l vento portava, malegnaso[1],
      Dei brividi e del giazzo[2], ti, mia Nina,
      In tinelo, a la pigra stua[3] vicina
      Ti scaldavi la to' pele de raso[4].

    Che ti pensassi a mi no gh'era caso,
      Stando a spiarme drio[5] de 'na tendina....
      Mi a la finestra dava un'ociadina
      E te �ercava per butarte un baso.

    Sto inverno, a la finestra, inutilmente
      Te go �erc� de matina e de sera
      Sperando el to bel viso soridente....

    Co l'aria nova, la testina nera
      Adesso me soride dol�emente....
      Che ti sii benedeta, o primavera!...


[1] _malegnaso_ = maledetto.

[2] _giazzo_ = ghiaccio.

[3] _stua_ = stufa.

[4] _pele de raso_ = pelle liscia come il raso.

[5] _drio_ = dietro.



    A CHI D� E TOL....


    �A chi d� e tol, ghe vien la bissa al cuor�[1]
		      E questo xe un gran mal,
    Che per�, in quelo che riguarda amor,
		      'Na fregola[2] no val:

    Che nualtri do femo cuss�: te par,
		      Caro tesoro mio?
    Co' un baso xe sc�ioc� quanto pol far[3]
		      Che se lo demo indrio?...


[1] _A chi d� e tol, ghe vien la bissa al cuor_ = A chi d� e poi
    ritoglie, viene un serpente al cuore. (Proverbio veneziano).

[2] _fregola_ = bricciola.

[3] _quanto pol far_.... = quanto tempo lasceremo passare senza
    restituircelo?...



    SAMARCO[1]


    Che bel tramonto: rosso sfogon�[2]
      Xe 'l �ielo in fondo, sora l'Ascension;
      Come, Samarco mio, ti � ilumin�,
      Come te sluse i ori del fronton![3]

    In ogni capitelo[4] per svegi�
      Quel santin bianco, drito o in zenocion[5],
      E par che se vergogna, ranzign�[6],
      Ogni colombo soto el cornizon[7].

    Nel �iel ros� pi� alegri i par stassera
      I colombi che svola, e che deboto[8]
      Tra le colone un posto i trovar�.

    E i splendidi Cavai sluse de fiera
      Vita, e par quasi che i se slanza al troto
      Verso el �iel de ponente imporpor�....


[1] _Samarco_ = la basilica di San Marco.

[2] _sfogon�_ = rosso come il fuoco.

[3] _sluse i ori del fronton_ = rilucono le cose dorate della facciata.

[4] _capitelo_ = tabernacolino.

[5] _in zenocion_ = ginocchioni.

[6] _ranzign�_ = rannicchiato.

[7] _cornizon_ = cornicione.

[8] _deboto_ = fra poco.



    RICORDI

    A l'amigo VINCENZO TOSI.


    Ti te ricordi, Cencio mio, le sere
		  Passae su la laguna
    A contemplar el �iel per ore intiere
		  Al ciaro de la luna?

    Poeti tuti do, fantasticando,
		  Pensando a la morosa[1],
    A la luna se 'ndava domandando
		  La vena spiritosa

    Perch� i nostri verseti andasse subito
		  Driti a tocar el cuor
    Dei nostri anzoli biondi, che insensibili
		  Restava al nostro amor.

    Che parole detava a le nostre aneme
		  La gran �it� lontana
    Che sluseva a fior d'aqua, nel so' fassino
		  D'or�ental sultana!

    Lontani assae da ela e squasi persi
		  De la laguna in fondo,
    Se se godeva a declamar dei versi
		  L� zo, fora del mondo.

    Ne la pase del mar, nel gran silenzio
		  Del �iel seren, d'arzento,
    La fantasia ai nostri cari anzoli
		  Coreva ogni momento.

    La malatia de l'isolan[2] vegneva
		  Alora ai nostri cuori....
    A la �it� tornar nu se voleva,
		  Pi� 'rente[3] ai nostri amori,

    E alora, avi�inandose a l'incanto
		  De la Venezia bela,
    Amor e amirazion univa el canto
		  Per inegiar a ela,

    E per un momentin dei nostri anzoli
		  Se se desmentegava,
    Davanti a la �it� d'arte miracolo
		  Che 'l cuor ne entusiasmava.


[1] _morosa_ = l'amante.

[2] _la malatia de l'isolan_ = la nostalgia.

[3] _'rente_ = appresso, vicino.



    QUANDO....


    Quando, Nineta mia, quando saremo
      Do veci bianchi, sechi, sdentegai[1],
      Forse 'l tempo pass� ne scordaremo
      Quando s'avemo tanto idolatrai.

    No capiremo pi� come in tel cuor
      Ghe sia sta in te quei tempi tanto amor,

    No capiremo pi�, Nina, pi� mai,
      Quanti basi fra nu si sta scambiai.

    No ricordando pi�, Nina, l'afeto
      Che tuti do 'na volta s'� sentio,
      Se trovaremo el desiderio in peto
      De riadorar el nostro vecio Dio.

    Alzaremo la sbezzola[2], e slongando[3]
      El colo e i lavri se 'ndar� �ercando

    Se tra le rughe mai, per qualche caso,
      Ghe fusse el logo adato per un baso.

    E quando po, ne l'estasi beata
      De un baso riuniremo i veci cuori,
      Ricordaremo ben la vita mata
      Gioconda e dol�e de quei nostri amori.

    Se vedaremo zoveni e fiorenti,
      Ritrovaremo i za scordadi a�enti,

    E ne l'estasi dol�e, Nina, 'scolta,
      Se adoraremo, cara, un'altra volta.


[1] _sdentegai_ = sdentati.

[2] _sbezzola_ = mento sporgente.

[3] _slongando_ = allungando.



    RONDINELE


    Alegre rondinele, se' tornae
		      Per ralegrarne el cuor,
    E pass� svelte, drite, scompagnae,
		      Predicando l'amor.

    'Na volta che[1] port� la primavera,
		      Che a nissun fe' del mal,
    Se tuti a vualtre fa la bona �iera
		      Xe giusto e natural.

    Ma a mi, no ve incorz�, che pi� quel tanto
		      Afeto no e�it�?
    Inve�e che soriso, el xe del pianto
		      Quelo che me port�!

    Ve recorden l'altr'ano? 'Na putela
		      Co mi la ga spet�
    El vostro comparir, alegra e bela,
		      Per el cielo indor�.

    De bei bocoli[2] el nostro pergoleto[3]
		      El gera tuto pien,
    E in mezzo a lori el mio bel anzoleto,
		      Dis�: No 'l stava ben?

    Ma st'ano, se vualtre se' tornae
		      Zigando[4], a far l'amor;
    Se le piante, per quanto trascurae,
		      Ga messo fora el fior,

    De bei fiori ormai pi� no me n'importa
		      E manco po de vu....
    La mia bela da un toco la xe morta....
		      Mi no ve bado pi�!

    No ghe xe pi� quel'anzolo contento
		      Qua, da vi�in de mi;
    No ghe xe pi� quei ri�i perch� el vento
		      Ghe fassa dir de s�!...

    Se adesso mi me vardo, per el �ielo
		      Limpido a voltegiar,
    El vostro corpetin[5], liziero e snelo,
		      Assae bruto me par;

    E per el �iel lontan, crose[6] che svola
		      Voialtre me par�....
    Crosete triste e nere.... e xe 'sta sola
		      Vision che me port�!

    Dunque, mie rondinele, el vostro n�o
		      'Nd�velo[7] a far lontan
    Desso che non ghe xe el tesoro mio,
		      E co' zigh�, fe a pian....

    E de l'amor le sempli�i storiele
		      No stemele a dir su....
    Davanti al mio balcon, no, rondinele,
		      No ste a passarghe pi�!...


[1] _'na volta che_ = perch�, per questo che.

[2] _bocoli_ = bocciuoli, bottoni delle rose.

[3] _pergoleto_ = poggiuolo, loggia.

[4] _zigando_ = gridando.

[5] _corpetin_ = corpicciuolo.

[6] _crose_ = croci.

[7] _'nd�velo_ = andatevelo.



    SOTO EL FELZE[1]


    La gondoleta, Nina, xe un bel nio[2],
		      Un nio dol�e d'amor,
    Dove se pol confondar, sa, ben mio,
		      El nostro in un sol cuor.

    Ninai[3] da l'onda e carezzai dal vento,
		      Cuss�, tra 'l �ielo e 'l mar,
    Xe un secolo felice ogni momento
		      Che in ela se pol star.

    Soto 'l felze, tra el bel veludo nero
		      E tra 'l legno indor�,
    Par de sentirse un senso de mistero,
		      Por el logo incant�.

    Nina, lontan da tuto e persi in fondo
		      Del felze, su un cussin,
    Se se imagina soli, uni�i al mondo
		      Sul mar senza confin.

    Quando, pura e zentil, l'arzentea luna
		      Difonde el so splendor,
    E el specio queto de la mia laguna
		      Riflete el so slusor,

    Nel nero felze, de bel oro l'onde
		      Che se move me apar....
    La luna zo dal �iel quieta difonde,
		      El so' splendor sul mar....

    Quando ti �erchi, povara Nineta
		      La pase e 'l dol�e amor,
    Sc�ndite[4] ne la snela gondoleta,
		      Soleva el to' bel cuor!

    Ninai da l'onda e carezzai dal vento,
		      Bisogna, cara, amar....
    La luna parla col so' dol�e a�ento,
		      Queto ne nina el mar!...


[1] _soto el felze_ = sotto il felze: felze � la parte coperta in
    mezzo della gondola.

[2] _n�o_ = nido.

[3] _ninai_ = cullati, dondolati.

[4] _sc�ndite_ = nasconditi.



    AMOR....


    L'amor, anzolo mio, xe quela �erta
      Cossa che vien spontaneamente al cuor
      Quando ogni strada a l'anema xe averta...
			Quelo xe amor!...

    Per quei cuori che parla quando 'l mondo
      Nel belo de la sera dorme e tase,
      E el so' queto gioir no ga secondo,
			Amor xe pase.

    E per quei che patisse[1] e che se afana
      No corisposti ne la note nera
      Drio de un fantasma, e che per lu i se dana,
			Amor xe guera!

    Per quei cuori zentili che se ispira
      Comossi da ogni roba e dapertuto;
      Che, alegri, i canta, o pur, seri, i sospira,
			Amor xe.... tuto.

    Per mi, per ti, che tanto se brameno
      Uno co st'altra, e che ne trema el cuor
      A ogni baso che insieme nu se demo,
			Amor xe.... amor!...


[1] _per quei che patisse_ = per coloro che patiscono.



    FILOSOFIA


    Cara, t'� dito un d�, te vogio ben;
		  Per ti 'sto cuor me palpita....
    Quando te vedo, torna a mi 'l seren,

    Po' le go dito: anzolo del �iel,
		  Co quei che per ti spasema
    No voler essar, no, tanto crudel!

    E infin t'� dito: quando ti me basi
		  Mi son trasport� in estasi....
    Al cuor, che no voria[1], comando: tasi!...

    'Desso, inve�e, che so quanto ti xe
		  Dopia[2] come 'l demonio,
    Co' son lontan da ti devento un re,

    E, devent� filosofo, � piet�
		  De quel povaro stupido
    Che ne la rede tua sar� casc�....


[1] _che no voria_ = che sarebbe riluttante.

[2] _dopia_ = furba, astuta.



    LA PET�GOLA[1]


    La xe 'na petegola,
      La st� tuto 'l d�
      Pusada sul pergolo
      A far: ci-ci-ci!...[2]

    La ga 'na lengua perfida:
      De ognun la dise mal,
      A far fin�a fa ciacola[3]
      Nissun rimedio val.

    A furia de mignognole[4]
      La fa parlar ognun....
      Al mondo lengua simile
      �erto no ga nissun.

    La xe 'na pet�gola,
      La sta tuto 'l d�
      Pusada sul pergolo
      A far: ci-ci-ci!...


[1] _La pet�gola_ = La pett�gola.

[2] _ci-ci-ci_ = suono onomatopeico per rappresentare un chiaccherin�o
    udito da lontano.

[3] _ciacola_ = il chiacchierare.

[4] _mignognole_ = moine.



    PERCH�?...


    --Perch� ti me voi ben?
      Go dito a Nina un d�:
      Cossa ghe xe in quel sen
      Che palpita per mi?--

    Quel viso inamor�,
      Rosso, l'� vard� in zo,
      Po' la m'� susur�:
      --Gnanca[1] mi no lo so!...--

[1] _gnanca_ = neanche.



INCANTO


Nel nostro amor, Nineta,
  Ghe xe come un incanto:
  Guai se tase l'arieta,
  Guai se se ferma el canto
  Del gondolier e 'l fremito
  Zentil de la laguna,
  Guai se manca l'arzenteo
  Soriso de la luna,
  Guai per la nostra anema,
  Guai per el nostro cuor!



    ...E T'� VARD�!...[1]

		      a I. M.


    Ti ga d'aver ne i oci inamorai,
      In te quei oci grandi e neri, neri,
      Qualche cossa che atira, che i fa seri,
      Che li fa pi� splendenti, pi� adorai.

    Mi gaveva zur�[2] de pi�, pi� mai
      Fissarte in quei to bei oci severi,
      Lo gaveva zur�, quando che geri[3]
      Da quei to oci i mii xe sta atirai.

    Go fato finta[4], mi, de no vardarte,
      Go fato al volto mio mostrar la smara[5],
      Go tent� de vardar da 'n'altra parte,

    Ma 'l zuramento go desmenteg�
      Per quela bela testolina cara....
      No voleva vardarte.... e t'� vard�!...



[1] _....e t'� vard�!..._ = e ti guardai.

[2] _zur�_ = giurato.

[3] _geri_ = ieri.

[4] _go fato finta_ = feci le viste.

[5] _mostrar la smara_ = mostrare il corruccio.



    BELA CRUDEL


    Ti ti splendi, Nineta, pi� del sol,
		  De pi� del firmamento....
    Xe 'l to bel canto pien de sentimento,
		  Ti par un rusignol[1].

    Ti xe pi� fresca de un bel fior d'april
		  Al sol de la matina....
    La bela e gen�al to' testolina
		  Xe d'anzolo zentil.

    Ma nel to corpo splendido, gh'� un cuor
		  Giazz�[2], crudel, de piera[3];
    Ma gh'� un'anima sorda a la preghiera
		  Del disper� mio amor!...

    Mi go tent� el tentabile per far
		  Che no ti sii cativa,
    Ma ti, bela crudel, ti xe giuliva
		  De farme tribolar!


[1] _rusignol_ = usignuolo.

[2] _giazz�_ = ghiacciato.

[3] _piera_ = pietra.



    CO' TI RIDI....


    Co' ti ridi, ti trovi averta subito
		      La via de la mia anema;
    Co' ti ridi, ti porti el bon umor
		      Dentro de 'sto mio cuor.

    Co' ti ridi, ti par, se xe possibile,
		      Pi� bela del to solito....
    Co' ti ridi, el to' viso par un fior,
		      Un fior zentil d'amor!...



    SMARA[1]


    Dei zorni andemo in c�lera
      Fra mi e la mia Nineta,
      E Amor, scandolizzandose,
      Scampa lontan da nu.
    Ela, crudel e seria,
      No la vol dar pi� reta;
      Mi vado sperzurandoghe
      De no vardarla pi�!...
	      Pianz�, done sensibili,
	      Sul nostro mal pianz�!...

    Mi el tegno el muso[2], e 'l palido
      So' viso varda in tera;
      Mi co la coa de l'ocio[3]
      Vardo quel che la fa...
    La ga segni de lagreme,
      La ga na trista �iera,
      Povera Nina! in gringola
      Per mi pi� no la va![4]
	      Pianz�, done sensibili,
	      Sul nostro mal pianz�!...

    Ela, per�, risc�iandose
      De vedar se la vardo,
      La trova che insensibile
      Del tuto sta no son....
    Ela tenta de ridarme,
      E mi de pi� me azardo....
      Tornemo ami�i subito
      E Amor deventa bon!
	      Sugh�, done, le lagreme:
	      Sul nostro ben rid�!...



[1] _smara_ = corruccio.

[2] _tegner el muso_ == tener il broncio.

[3] _coa de l'ocio_ = coda dell'occhio.

[4] _in gringola per mi pi� no la va_ = non si ringalluzza pi� per me.



    DRIO LA TENDINA[1]


    Nina mia, credistu
      Che la tendina
      Basta per scordarme
      El to splendor?
	      O ti te imagini
		Che no indovina
		Che l�, spiandome,
		Ghe xe el to cuor?

    L� drio, al palido
      Zentil viseto,
      Pena[2] 'l pol vedarme
      Vien el rossor.
	      Tuto per scondarte,
		Caro anzoleto,
		Xe sempre inutile
		Contro 'l mio cuor!

    No xe 'l to' movarte
      Drio lo tendina,
      No xe el rifleterse
      Del to splendor
	      Quel che scoverzarte
		Me fa, mia Nina,
		Ma xe un gran palpito
		Che me d� el cuor.

    La tenda scondarte
      Pol, mia Nineta:
      Ti pol, ne l'anema
      Scondar l'amor,
	      Ma a chi xe inutile
		Far la furbeta
		Xe a 'sto mio zovene,
		Povaro cuor!...


[1] _drio la tendina_ = dietro la tenda.

[2] _'pena_ = appena.



    VUSTU MONTAR?...

    I.

    Nina, la gondola, varda, te speta,
      Su l'aqua placida viente[1] a ninar....
      'Vanti[2], destrighete[3], mia cocoleta:
			Vustu[4] montar?...

    La luna arzentea sluse nel �ielo:
      La fa de ocieto, la dise: �s�!�
      Dunque destrighete, anzolo belo,
			Vien qua co mi.

    Come un bel specio del firmamento
      Lisso, in silenzio, dorme el mio mar....
      L'amor ne l'anema, Nina, me sento....
			Vustu montar?...

    Zo, vien in gondola, tesoro mio,
      Ne la dol�issima pase, co mi,
      'Ndemo su l'aqua, d'amor nel nio,
			Dime de s�!...

    Come un bel specio del firmamento,
      Lisso, in silenzio, dorme el mio mar....
      L'amor ne l'anema, Nina, me sento....
			Vustu montar?...


    II.

    Xe la nostra Giudeca un incanto
      De bengala, de mile colori:
      Gh'� un giardin sora l'aqua, gh'� fiori,
      Gh'� 'l riflesso de un splendido �iel.
		    Vustu montar? La gondola
		      Nineta mia, xe pronta;
		      Dame la man, zo, monta,
		      Andemo al Redentor!...

    No pensar che la mama te cria[5]
      Se co mi ti vegnessi a la festa;
      Se la ziga, gran scusa xe questa:
      No fasevistu istesso anca ti?...
		    Vustu montar? La gondola,
		      Nineta mia, xe pronta;
		      Dame la man, zo, monta,
		      Andemo al Redentor!...

    'Ndemo, fidite, presto, Nineta,
      Par d'amor la mia gondola un nio:
      No pensar a la mama, amor mio,
      Vien tra i ciassi[6], tra i canti, co mi.
		    Vustu montar? La gondola,
		      Nineta mia, xe pronta:
		      Dame la man, zo, monta,
		      Andemo al Redentor!...


[1] _viente_ = vienti.

[2] _'vanti_ = avanti, andiamo.

[3] _destrighete_ = spicciati.

[4] _vustu?_ = vuoi tu?

[5] _cria_ = sgridi.

[6] _ciassi_ = chiassi, festini.



    I SOGNI

    Un d� t'� dito: - Nina, m'� insogn�[1]
      Che ti me vogi[2] tanto, tanto ben:
      Che creda ai sogni?--mi t'� domand�:
      --S�--m'� risposto el to viso seren.

    Ma co' t'� dito:--Nina, m'� insogn�
      Che tanti basi ti me vogi dar,
      El to' parer[3] sui sogni s'� cambi�:
      --No starghe--ti m'� dito--pi� badar.--


[1] _m'� insogn�_ = ho sognato.

[2] _che ti me vogi_ = che tu mi voglia.

[3] _parer_ = parere, opinione.



    STORNEI


    Fior de lavanda:
      Bele speranze e fede, a onda a onda[1],
      Quel to viso zentil sempr� me manda.

    Fior de gia�into:
      Da un baso tuo scombussol�[2] me sento;
      Credeva far el forte, ma son vinto.

    Fior de gag�a:
      Co' xe lontana la testina tua,
      Lontana xe de mi l'anema mia.


[1] _a onda a onda_ = a poco a poco.

[2] _scombussol�_ = sconvolto.



    REDENTOR ANTICO[1]


    Presto, Nineta, giustite[2]
      El to zendal[3] in testa;
      Presto, quel fior che resta
      P�ntilo sul tup�!...[4]

		Basta, no dar pi� �ipria
		  Su i to' pometi sguardi...[5]
		  Fa presto che xe tardi:
		  Ti sta benon cuss�!...

    Nineta, zo[6], destrighete[7],
      Al Redentor
		  Zo, vien....
      Per nu la festa parar�[8] belissima
      Co tanto amor
		  In sen.

    Za pronta xe la gondola,
      No tocar pi� i cavei,
      Non metarte altri n�i[9];
      Cuss� ti xe un bis�!

		Eco: te tegno el str�ssino[10]:
		  Che amor xe la to testa....
		  Regina de la festa
		  Stanote ti sar�.

    Nineta, zo, destrighete,
      Al Redentor
		Zo, vien....
      Per nu la festa parar� belissima
      Co tanto amor
		In sen.


[1] _Redentor_ = festa del Redentore: festa-baccanale che si
    solennizza a Venezia nella notte della terza domenica di luglio di
    ogni anno, sino dal 1577.

[2] _giustite_ = acc�modati.

[3] _zendal_ = zendado. Il Boerio:

      �Drappo di seta leggerissima e notissimo di cui in quasi tutto
      il secolo ultimo scorso formavasi una specie di abito divenuto
      quasi nazionale delle Dame e Donne civili in Venezia. Egli era
      un vestito nero che adattavasi con artificio appuntato sul capo,
      che copriva e discopriva con malizia il volto, e con eleganza
      attorcigliavasi alla vita, il che gli dava il potere veramente
      magico di abbellire le brutte e di fare vie maggiormente
      spiccare le attrattive delle belle: come vivacemente s'esprime
      la nobile autrice delle Feste Veneziane.�

[4] _tup�_ = �toupet�: acconciatura dei capelli di moda nel secolo
    scorso a Venezia.

[5] _pometi sguardi_ = guancie vermiglie, rubiconde.

[6] _zo_ = esortativo: andiamo, via.

[7] _destrighete_ = spicciati.

[8] _parar�_ = sembrer�.

[9] _n�i_ = n�i: quei segni posticci di taffet�, rotondi, falcati o di
    varie altre figure che si usavano porre sul viso per moda nei
    tempi andati.

[10] _str�ssino_ = lo strascico della veste.



    XE 'L TO BALCON SER�!...

    (PER MUSICA)


    Xe un zorno malinconico:
      No piove e no gh'� sol....
      Passa su l'aqua, adasio[1],
      Tasendo, el barcariol.

    Pesa su la mia anema
      Gran fiaca[2] e gran sconforto....
      Se tento de resisterghe,
      El cuor tase: el par morto!

    No penso: par da nebie
      El pensier mio cop�[3]....
      Xe un zorno malinconico,
      Xe 'l to' balcon ser�!...


[1] _adasio_ = adagio.

[2] _fiaca_ = stanchezza.

[3] _cop�_ = oppresso.



    TRE TERNI


    --Siora Gegia: ghe par? gala sentio?[1]
      De tre terni, no un numaro cav�[2],
      E s� l'� visto proprio[3], mio mario[4],
      L'altra note, co' mi me so' insogn�...,

    Come 'na iena el me coreva drio
      (I numari za ela la li sa),
      E el me zigava: �Prega el to gran Dio
      Che no te ciapa!...�[5] Infin, me go svegi�!...

    La creda, siora Gegia, cuss� vero
      El m'� parso[6], cuss�, dir�, efetivo,
      Che no uno, tre terni go zog�!

    Per v�nzar, go impizz�[7] l� al �imitero
      Un lumin.... Stranatasso!... tal qual vivo,
      Anca morto, se vede, el xe inrabi�!...--


[1] _gala sentio?_ = ha udito lei?

[2] _cav�_ = estratto.

[3] _proprio_ = davvero, sul serio.

[4] _mario_ = marito.

[5] _che no te ciapa_ = che non t'agguanti.

[6] _el m'� parso_ = mi parve,

[7] _impizz�_ = acceso.



    VIEN IN GONDOLA


    Vien in gondola, Nina, contentime,
      Vien in gondola, amor del mio cuor....
      Sora l'aqua par squasi che l'aneme
      Le se infiama d'un magico amor.

    Soli soli, ninai[1] da la gondola,
      Carezzadi[2] dal vento de oriente,
      Se se sente sospesi in un'estasi
      Che compagna no al mondo no gh'�.

    Se riflete la luna, le nuvole
      Nel gran specio de l'aqua lontana,
      E le picole onde moltiplica
      De la luna d'arzento el splendor.

    E ne l'ombre lontane, fantasime
      Silenziose, bianchissime, apar....
      Par che un vento le mova a fantasti�i
      Bali fati tra 'l �ielo e tra 'l mar.

    E l� in alto, le stele che tremola
      Nel mandarne un soriso de luse,
      Par le diga: �Ma am�ve! s� zoveni,
      Za del mondo la vita xe amor!�

    Se par squasi nel queto silenzio
      Trasportai nel gran mondo dei sogni,
      Fra l'incanto del cielo, su l'aqua
      Se voria per dei secoli star....

    Vien in gondola, Nina, contentime,
      Vien in gondola, amor del mio cuor....
      Sora l'aqua par squasi che l'aneme
      Le se infiama d'un magico amor!...


[1] _ninai_ = cullati.

[2] _carezzadi_ = accarezzati.



    MARINA


    El mar lontan xe splendido, tranquilo,
      A la riva el ga un'onda che va e vien,
      El riflete el gran �ielo de berilo,
      Quel �ielo pien de sol, cuss� seren.

    Ghe xe 'na vela bianca in fondo in fondo,
      Squasi persa, la zo, fora del mondo;

    E un cocal sora 'l mar el sta libr�,
      Ridendo co' 'l se vede rispeci�.



    �NO� E �S̻


    Voleva dirte tante e tante cosse,
      Ma te go dito una parola sola;
      Te xe restada ogni risposta in gola;
      Le ganassete[1] tue s'� fato rosse.

    Co la testa, a dir �no� ti te afanavi,
      Ma rossa rossa, sempre ti restavi....

    Ma se � tasesto quei to' bei lavreti,
      �S� m'� dito el rubin dei to pometi[2].


[1] _ganass�te_ = ganasciue, guancie.

[2] _el rubin dei to' pometi_ = il rubino delle tue guancie.



    AH! POVARETA MI!...


    --M'� visto el barba[1] Bortolo
    Ferma a parlar co ti....
    Madona! quante ciacole[2]
    Desso el far� su mi!
	      �Fermarse in strada!...� subito
		Sbragiar[3] me sentir�....
		�Mi te go vista in estasi
		Filar el rococ�!...[4]

    La prima volta e l'ultima
      Varda che sia sta qua....
      Tose onorade....� e�etera
      Desso el me cantar�!
	      M'� visto el barba Bortolo
		Ferma a parlar co ti....
		Madona! quante ciacole
		Desso 'l far� su mi!...


[1] _el barba_ = lo zio.

[2] _ci�cole_ = chiacchiere.

[3] _sbragiar_ = gridare.

[4] _filar el rococ�_ = fare all'amore.



    NELL'ALBUM


    El mar xe verde, �elestin, imenso,
		Per questo adoro el mar....
      Ne l'ocio tuo, del mar, quando me penso,
      Color e imensit� vedar me par.

    La porpora del lavro e del to' viso,
		Cara, pensar me fa
      Ai tramonti del sol, al rosso riso
      Del �iel in te una sera de l'ist�!...[1]


[1] _ist�_ = estate.



    GONDOLA NERA

    NELL'ALBUM DELLA SIGNORINA L. C.

		    Questa gondola comparo io
		    ad una culla e la sua cassa
		    ad una tomba. Appunto cos�:
		    fra una culla e la tomba noi
		    vacilliamo attraversando,
		    spensierati, pel gran canale,
		    la vita.

		    GOETHE-- _Epigr_.


    Su l'aqua lissa[1], nera
      E misteriosa va 'na gondoleta....
      La pase de la sera
      Pesa su l'aqua pla�ida del mar....
		      Fresca e zentil l'arieta
      Dol�emente continua a susurar.

    El remo, ogni momento,
      Sc�iafisa[2], susurando, la laguna;
      Tristo come un lamento
      Par el canto lontan del gondolier....
		      Dal �iel, e stele e luna
      Manda a l'aneme un intimo pia�er.

    Cuss�, nel so' mistero,
      La gondoleta va sul mar.... l'� sola
      Su l'aqua.... un punto nero
      Ormai quasi la xe.... presto sparir
		      La dovar�, la svola....
      Se la vede adasieto impicolir.

    No so perch�, ma quela
      Gondola che sul mar presto va via
      Nera, zentil e snela,
      Dei sentimenti strambi[3] me d� al cuor;
		      Ela a l'anema mia
      Parla d'amor zentil e de dolor.

    Dentro ela, tosi amanti
      Unisse[4], forse, in uno i so' do cuori,
      Do cuori palpitanti
      Che nel sogno d'amor i va sul mar;
		      Soto quel felze, lori[5]
      Fora del mondo i se sente portar.

    Ma tanta vita penso
      Che forse no ghe xe nel felze nero;
      Forse, sul mar imenso
      Un morto, povareto, vien port�
		      Lontan, co quel mistero,
      Sul mar lisso, pa�ifico, incant�!...

    Prima, me par che stele
      E luna ai tosi amanti amar le diga;
      Me par che, bionde e bele,
      Le canta insieme a l'aria ini d'amor....
		      Dopo, me par le ziga
      Le oraz�on dei morti e del dolor.

    De dentro, zentil cuna[6]
      Del caro amor me par la gondoleta
      Che va su la laguna;
      De fora[7], nera tomba la me par....
		      Ride o pianze l'arieta
      Su la pase infinia de 'sto mio mar....


[1] _lissa_ = piana.

[2] _sc�iafisa_ = schiaffeggia.

[3] _strambi_ = strani.

[4] _unisse_ = uniscono.

[5] _lori_ = essi.

[6] _cuna_ = culla.

[7] _de fora_ = di fuori.



    LA V�NTOLA


    Son bela, volubile,
      Go piume, go fiori,
      Farfale, bei anzoli
      Su mi disegn�:
      Mi dono fresca aria,
      Mi scaldo dei cuori,
      Me mostro alegrissima
      De inverno e de ist�.

    Mi posso in un atimo
      Slargarme[1], far roda,
      Pi� granda, pi� picola
      Mi paro cuss�;
      Da tanti bei secoli
      Son sempre de moda,
      In moto carissimo
      Mi son note e d�.

    La bela, belissima
      Ganassa[2] mi sfriso[3],
      Ma el sfriso[4] xe inocuo
      Su quel molesin[5]:
      Se bianco, se palido
      Xe sempre quel viso,
      Lo fasso in t'un atimo
      Vegner porporin.

    Se in pressa[6] mi supio[7]
      El mio venteselo,
      Dei ri�i[8] biondissimi
      Se move su e zo.
      El viso de un anzolo
      Se mostra pi� belo
      Se i ri�i, movendose,
      Ve dise: S� e no.

    Nel moto mio solito
      Che cresse, che cala,
      Me mostro volubile,
      Liziera, zentil....
      A un'ala somegio[9]
      De bionda farfala
      Che svola ne l'aria
      In magio o in april.

    'Sta vita belissima
      Per mi sempre dura
      Finch� bela e splendida
      Ancora mi son....
      Co' 'rivo a essar vecia
      Nissun pi� me cura,
      E son messa in pevare[10]
      In fondo a un casson.


[1] _slargarme_ = distendermi.

[2] _ganassa_ = guancia.

[3] _sfriso_ = tocco passando.

[4] el sfriso = il frego.

[5] _su quel molesin_ = su quel morbido, su quel delicato.

[6] _se in pressa_ = se in furia.

[7] _supio_ = soffio.

[8] _rici_ = riccioli.

[9] _somegio_ = assomiglio.

[10] _messa in pevare_ = messa in riposo, abbandonata.



    TEMPESTA


    Sul mar furioso, ne la note oribile,
		    Fisc�ia, tremendo, el vento;
    La note nera dentro a tute l'aneme
		    Porta el pi� gran spavento.

    Par che la ziga[1] nel so tristo strepito
		    Le angosse de chi mor;[2]
    Par che la conta[3] quante grame vitime
		    Fa 'l mar co' 'l xe in furor.

    Quante famegie, quanta zente palida
		    Speta che sia finio
    'Sto oror de tempo, che dispera le aneme
		    Che se rifugia in Dio!...

    Doman tornar� 'l sol nel �ielo limpido,
		    El mar se quietar�,
    Ma pescaori a le so' case povare
		    Doman ne tornar�.

    Doman el sol confermar� a dei orfani
		    La sentenza crudel
    Che 'l vento ne la note, co 'l so' spasemo
		    Ga url� via per el �iel.

    Almanco[4] el sol scondendose drio nuvole
		    No amarizasse[5] el luto,
    Ma l'ironia de sto destin oribile
		    Fa torturar co tuto!...


[1] _ziga_ = gridi.

[2] _le angosse de chi mor_ = le angoscia dei morenti.

[3] _conta_ = racconti.

[4] _almanco_ = almeno.

[5] _amarizasse_ = amareggiasse.



    XE PASS� EL TEMPO


    Xe pass� el tempo, sa, del bon umor,
      De dirse madrigali e almanacar
      Su i to' tiepidi basi, sul to' cuor,
      Sora el to' �erto modo de vardar;

    Su mi (pur tropo un fi� tardi lo vedo)
      I to' basi no fa caldo n� fredo,

    E l'amor tuo che mi credeva eterno,
      Me fa sofrir le pene de l'inferno.



    IN GONDOLETA


    Dame la man e monta, mia Nineta,
		    Monta, no aver paura;
    Ne la mia snela e longa gondoleta
		    Ti ti pol[1] star sicura.

    Mi sar� el gondolier; de mi fidarte
		    Ti pol, caro mio ben:
    Ti sa che sempre, al minimo vardarte,
    Palpita forte el cuor in tel[2] mio sen.

    Da l'alta pope[3] far� andar col remo
		    La barca come 'l vento.
    Come in sogno svolar se vedaremo
		    Tra spolverio d'arzento.

    La luna bela nel so' splendido arco
		    Sluser� su nel �iel;
    Da lontan vedaremo de San Marco
    L'anzolo d'oro sora el campaniel.

    Storie de amanti cantar� l'arieta
		    Svolando sora l'onda....
    Fermando el mio vogar, la gondoleta
		    Se movar� a seconda.

    Vi�in de ti mi vegnar�, mia Nina,
		    Parlandote d'amor,
    Basandote la picola manina,
    Mostrandote l'in�endio del mio cuor....

    Fregola mia, no diventar, no, rossa,
		    No st� temer mai gnente[4]:
    Insieme a mi, pustu temer qualcossa?...
		    L� zo[5], nissun ne sente.

    Monta, presto, Nineta: anca la luna
		    Fra nuvole s'� sconta....
    Varda: xe poco bela la laguna?
    Brava! cuss�!... Dame la man, zo, monta!...


[1] _ti ti pol_ = tu puoi.

[2] _in tel_ = nel.

[3] _pope_ = la poppa; la parte posteriore della gondola.

[4] _gnente_ = niente.

[5] _l� zo_ = laggi�.



    STRIG�!...[1]


    Stassera el firmamento
      Ga un �erto slusorio,
      E in tel so' mormorio
      Ga �erte cosse el vento!...

    No so: mi son contento
      Stassera come un Dio;
      Stassera nel cuor mio
      Un �erto che me sento!...

    Go caldo, son liziero....
      Eh! proprio! no gh'� caso,
      Mi go da essar mal�.

    Mal�?... Corpo!... xe vero:
      Za un'ora, co quel baso,
      Birba, ti m'� strig�!...


[1] stregato.



    EL GONDOLIER

	AD ANTONIO MASCHIO.


    I tempi cambia e lu no cambia mai:
      Sempre alegro, zentil e ciacolon[1],
      Pronto a inrabiarse[2] e a far la pase, bon
      Co' in gondola el conduse inamorai.

    Filosofo, educ�. Tra i �_premi_� e i �_stai_�[3]
      Lu canta malinconiche canzon
      Co' 'l va per la laguna a zirondon[4]
      O co' 'l va via tra 'l scuro dei canai.

    Anema bona e calma de poeta,
      Franco, fid�, sempre col cuor in man,
      Muscoli tuti assal[5], corpo d'atleta,

    Eco 'sto caro tipo del sovran
      Dei canai, de la mia laguna quieta,
      Eco 'sto caro tipo venezian.


[1] _ciacolon_ = chiacchierone.

[2] _a inrabiarse_ = a montar sulle furie.

[3] �_premi_� e �_stai_� sono le grida convenzionali tra gondolieri
    per dire di voltare la gondola a sinistra o a destra.

[4] _a zirondon_ = in giro.

[5] _assal_ = acciaio.



    OTOBRADA


    Semo a met� de otobre, el mese classico
      De le fogie[1] da i �lbari cascae;
      El mese dei poeti malinconici,
      De l'anime da amor mistificae.

    Beato sia l'otobre! Canta in estasi
      El mio zovene cuor tuto contento....
      Da la campagna xe torn� el mio idolo....
      Urla che 'l cuor no ti me giazzi, o vento!


[1] _fogie_ = foglie.



    RELOGIO FERMO[1]


    Se ga ferm� el relogio l� in saleta;
      A le sete e tre quarti el s'� ferm�;
      A l'alegro _tic-tac_ no dava reta:
      Desso, tasendo, che tristezza el fa!

    Quel s�n pareva farme compagnia:
      Quanta, senza de lu, malinconia!

    Quel s�n me dava vita e bon umor,
      _Tic_ e _tac_ el bateva col mio cuor.

    'Desso, co sto silenzio, me par squasi
      D'essar solo, soleto, abandon�;
      E me par sia sta i ultimi quei basi
      Che za tempo, Nineta, ti m'� d�.

    Su i to' lavri ghe gera, sa, Nineta,
      Quel tristo fredo che ghe xe in saleta!

    Pareva el fogo del to amor stu�....[2]
      Come el relogio, in peto el cuor ferm�!...


[1] _relogio fermo_ = orologio fermo.

[2] _stu�_ = spento.



    NEVE


    'Sta neve che vien zo xe un'ironia:
		    'Sta pase cossa val
      Se son in guera co la Nina mia,
      Se sempre pi� lontan va l'id�al?

    'Sta bianca neve xe, sul serio, un luto,
		    Un luto del mio amor....
      Ela vien zo, la sepelisse tuto,
      Fin le speranze che go qua in tel cuor!



    NEVE E AMOR


    Quela neve dei copi[1], per sgiazzarse[2],
      Quanto tempo, Madona, che ghe vol!...
      Se la vede adasieto ritirarse
      Dopo le longhe ociae[3] che ghe d� el sol.

    Par che a ogni tristo d� de nebie o vento,
      De sgiazzarse ghe vegna el pentimento;

    Par che la diga: �Resto ancora qua....
      Palido sol, xe assae lontan l'ist�!...�

                     *
                    * *

    Per tornar a sperar, quanto che speta
      El mio zovene cuor za sconfort�!...
      Ghe xe n�ve ilusion, gh� 'na segreta
      Speranza, ma el mio cuor resta ser�.

    Se le speranze de dorade e care,
      Le disilus�on xe tanto amare!...

    No fidarte: sta atento, sa, mio cuor:
    Ocio ai fantasmi.... xe lontan l'amor!...


[1] _dei copi _= delle tegole, dei tetti.

[2] _s_giazzarse_ = sciogliersi.

[3] l_onghe ociae_ = lunghe occhiate.



    MISTICA


    La gera bionda, bionda come 'l mar
		    Soto un tramonto d'oro;
    Se sentiva nel canto suo scherzar
		    De rusignoli un coro.

    Splendeva ne i so' oci el senso arcan,
		    Dol�e del firmamento,
    Ghe portava dei basi da lontan
		    De l'or�ente el vento.

    El mar ninava[1] el so' sogno d'amor
		    Co un'intima dol�ezza:
    El sol scaldava el so' zovene cuor
		    Co un'infantil carezza.

    Le stele che sluseva su nel �iel,
		    In alto l'atirava;
    La luna, col nebioso e bianco vel
		    A l'anema parlava.

    *
    * *

    ....In una note nera, malinconica,
		    El vento ga ruz�[2],
    E el mar, el queto mar, fato teribile,
		    Orendo, el s'� inrabi�[3].

    El sol, el zorno dopo, nel �iel limpido
		    Sul mar s'� lev� su....
    Da quela note in �iel 'na fulgidissima
		    Stela ghe xe de pi�!...


[1] _ninava_ = cullava.

[2] _ruz�_ = ruggito.

[3] _el s'� inrabi�_ = mont� in collera.



    A VENEZIA


    Quanto bela ti xe, Venezia mia!
      Mi no posso finir mai d'amirarte....
      Paradiso sul mar, cuna[1] de l'arte,
      Viver sempre e morir qua mi voria.

    Co' ti xe tuta piena de alegria
      Ti ti me scaldi 'l cuor solo a vardarte;
      Co' 'l �iel xe bruto e par che 'l vogia odiarte,
      Sento in tel cuor 'na gran malinconia.

    Venezia cara, silenziosa e quieta,
      Xe la belezza tua che � sugerio
      Versi al zovene cuor mio de poeta;

    Venezia, logo che no ga 'l secondo,
      Te vogio ben come a 'na mare el fio:
      Lontan da ti mi son fora del mondo.


[1] _cuna_ = culla.



    ADIO!


    Adio, povari versi, abandonai
      Come liziere piume in brazzo al vento....[1]
      Adio! 'nd� via.... no podar� dir mai
      La tristezza che in cuor desso me sento.

    Vu se' mio sangue; vu se' destacai[2]
      Tochi del mio cuor[3] zovene e contento;
      Vu se' intimi amici afezionai
      Che de lassar, purtropo xe 'l momento....

    Vard� el bianco cocal: sicuro, atento,
      Su la laguna queta voltegiando,
      Tanto tempo el se mostra a l'ocio mio;

    Fe come lu! Mi nel lassarve, al vento
      De la laguna mia ve racomando....
      Libr�ve in alto tanto tempo!... Adio!...


[1] _come liziere piume in brazo al vento_ = come leggere piume in
    braccio al vento.

[2] _destacai_ = staccati.

[3] _lochi del mio cuor_ = brani del mio cuore.



  INDICE

  Prefazione.................... Pag. 9
  Avvertenza.......................� 11
  Monta, Nineta, in gondola........� 13
  Amar, amar, amar.................� 15
  Parcossa?........................� 17
  Tra barcarioi....................� 19
  El scaldin.......................� 20
  Su l'aqua limpida................� 23
  Dal molo.........................� 24
  Su la laguna.....................� 25
  Go dito che......................� 26
  Antitesi ........................� 27
  Ne la quiete.....................� 29
  Tradimenti.......................� 31
  Primavera........................� 32
  A chi d� e tol...................� 33
  Samarco..........................� 34
  Ricordi..........................� 35
  Quando...........................� 37
  Rondinele........................� 39
  Soto el felze....................� 41
  Amor.............................� 43
  Filosofia........................� 44
  La pet�gola......................� 45
  Perch�?..........................� 46
  Incanto..........................� 47
  E t� vard�?......................� 48
  Bela crudel......................� 49
  Co' ti ridi......................� 50
  Smara............................� 51
  Drio la tendina..................� 53
  Vustu montar?....................� 55
  I sogni..........................� 57
  Stornei..........................� 58
  Redentor antico..................� 59
  Xe 'l to balcon ser�!............� 61
  Tre terni........................� 62
  Vien in gondola..................� 63
  Marina...........................� 65
  No e S�..........................� 66
  Ah! povareta mi!.................� 67
  Nell'album.......................� 68
  Gondola nera.....................� 69
  La v�ntola...................... � 71
  Tempesta.........................� 73
  Xe pass� el tempo................� 74
  In gondoleta.....................� 76
  Strig�!......................... � 77
  El gondolier.....................� 78
  Otobrada.........................� 79
  Relogio fermo....................� 80
  Neve............................ � 81
  Neve e amor......................� 82
  Mistica..........................� 83
  A Venezia........................� 85
  Adio!............................� 86





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "In gondoleta - Barcarole e Rime Veneziane" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home