Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: La rovina
Author: Novaro, Angiolo Silvio, 1866-1938
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "La rovina" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



(This file was produced from images generously made
available by Biblioteca Nazionale Braidense - Milano)



                   ANGIOLO SILVIO NOVARO



                         LA ROVINA

                          RACCONTO



                           MILANO
                    CASA EDITRICE GALLI

             DI G. GALLI & LELIO OMODEI-ZORINI
                         SUCCESSI A
                  CHIESA--OMODEI--GUINDANI
               _Galleria Vitt. Eman., 17-80_

                            1897

________



LA ROVINA


________


  DELLO STESSO AUTORE:

  _Manoscritto d'una Vergine_, 1887. (Esaurito)
  _Sul Mare_, 1889. (Esaurito)
  _Giovanna Ruta_, L. Roux e C., Torino, 1891. L. 2, 50
  _Il Libro della Pietà_, Casa Editrice Galli, Milano, 1894. L. 3

  IN PREPARAZIONE:

  _L'Apostolo_, romanzo.


________


  PROPRIETÀ LETTERARIA

  Milano, Tip. degli Esercenti, Via Vincenzo Monti, 31.

________


    A LAURA BUTTA
________



                _Io vidi già una gocciola di rugiada
                tremare, sospesa a un ramo, pari a una
                lagrima di piacere, prima di cadere in
                grembo all'erba.

                Così vedo tremare, sospeso a queste
                pagine, un iridato pensiero di amore,
                prima di cadere in grembo a Te!_



IL COMMIATO


--Un racconto che m'è costato sangue,--egli disse.--Ogni parola, una
goccia di sangue.

Io lo guardai, con un moto istintivo di repugnanza; ed ebbi ancora la
stessa penosa impressione di un'ora prima; quando ci eravam messi a
tavola, e Giuseppe era entrato ad accendere il gas. Allora m'avevan
colpito le occhiaie incavate e livide, e quello splendore insolito
degli occhi che contrastava sinistramente col gran pallore del volto
consunto e l'aria stanca e sofferente.

Io non osai parlare.

E il silenzio acuì l'oscuro senso di disagio a cui soggiacevo.

Ma un minuto dopo entrò Giuseppe col caffè, e depose il vassoio
dinanzi a lui.

Poi ch'egli stesso mi porse la tazza, m'accorsi che la mano gli
tremava. Anche notai, con inquietudine, ch'egli chiese il cognac.

--Non ne prendi mai,--gli dissi timidamente.--Cos'è?

--Una sciocchezza,--rispose sorridendo, mentre avvicinava il
bicchierino alle labbra.

Appena Giuseppe fu uscito, gli feci:

--Cos'hai?

Egli rialzò la faccia su cui moriva l'ultima traccia del sorriso; mi
fissò con quegli occhi che brillavano, e rispose:

--Voglio scacciar questo po' di languore.

Poi, avvedendosi forse del turbamento che mi teneva, soggiunse:

--Ti fo paura? Un poco fa mi son visto nello specchio, e mi son fatto
paura a me stesso. Eppure non mi son mai sentito forte così!

Queste parole mi agitarono.

--Lèggimi,--gli dissi,--il tuo racconto, se stasera non esci.

--Te lo leggerai tu domani.

--Perchè domani?--feci io rabbrividendo.

Egli abbozzò un sorriso.

--Allora dimmi il soggetto!--incalzai.

E lui:

--Abbi pazienza! Una notte è forse l'eternità?

Deluso e costernato, io pensavo.

Durante quegli ultimi otto anni che, scomparsa la povera mamma, noi
avevam seguitato, nella solitudine e nel silenzio del nostro èremo, a
coltivar l'Arte che adoravamo, noi eravam vissuti in una quasi
perfetta comunanza di vita intellettuale e morale. Con effusione e con
abbandono ci eravam scambiati tutte le nostre sensazioni, tutte le
nostre idee, tutti i nostri affetti. Avevam guardato l'uno nell'anima
dell'altro come attraverso alle acque d'un limpido lago.--Ma per ciò
che riguardava la nostra attività artistica, la comunanza era stata
assoluta.--Prima di metterci a qualche nuova opera--egli a' suoi
romanzi, io a' miei quadri--ci eravamo aperti, trepidando, il nostro
disegno, ed avevamo insieme combattuti i dubbi, svelte le esitanze,
sofferte le ansie e le angosce, e gustati i piaceri, le gioie, i
rapimenti che ne accompagnavano l'esecuzione. Ci eravam sorretti e
consolati e fortificati a vicenda. Era stata questa una delle più
profonde dolcezze della nostra vita di artisti. E non senza una soave
commozione avevam visto da altri porre in luce e notare come cosa
toccante la vicendevole influenza, che nelle nostre opere si scorgeva,
delle nostre dissimili nature.

Solo da qualche tempo il miracolo era cessato. Mio fratello aveva
bruscamente rotta e sconvolta l'atmosfera in cui respiravamo. S'era
fatto cupo e taciturno; e, quasi insofferente degli antichi legami,
s'era sciolto e allontanato da me.

Più che accorarmi, sulle prime questo fatto m'aveva urtato e sdegnato
come un'offesa immeritata. Ma, appena l'afflitto aveva, con l'acutezza
del suo intuito, trapelato il mio sdegno, s'era in mille modi
adoperato per mostrarmene tutta la irragionevolezza, e dissiparlo.
Aveva, per un momento, sorriso; s'era effuso in dimostrazioni così
spontanee, così candide e delicate di affetto, che io n'era subito
rimasto vinto e confuso. Era di nuovo entrato, dopo lunghe assenze,
nel mio studio; s'era fermato estatico dinanzi a certe mie nuove tele:
aveva risalutate le antiche con lo stesso vergine entusiasmo d'una
volta.

Ciò m'aveva intenerito, sollevato e abbattuto ad un tempo,
persuadendomi che il cuore di mio fratello era immutato per me, e che
quella profonda alterazione avvenuta nel suo spirito doveva avere una
troppo seria e dolorosa ragione.

Io avrei dato tutto quanto possedevo per poter penetrare in fondo alla
cara anima chiusa, e scoprire e toccare con mano la gran piaga che vi
doveva essere aperta; e medicarla.--Senza posa io mi affaticava
intorno alla scorza di quel duro enigma. Spiavo ogni atteggiamento,
ogni moto del desolato; e da ogni parola sua mi studiavo di trarre un
qualche senso riposto, quasi un filo da afferrare che mi guidasse per
entro il laberinto.

Ma come un cieco brancolavo nel buio, vanamente, disperatamente.

Il primo sospetto che mi s'affacciava era ch'egli soggiacesse a uno di
quei fieri scoramenti che spesso assalgono l'artista a mezza via; lo
colpiscono al cuore, lo stramazzano al suolo, e ve lo lasciano
esangue, quasi esanime. Qualche volta il colpo è tale che il misero,
dibattendosi in una tragica agonia, soccombe. Altre volte,
raccogliendo in un supremo atto di volontà le sue povere forze, egli
riesce a rialzarsi e a proseguir sorridente il cammino. Ma sempre una
riga di sangue rimane a segnarne la traccia....

In verità, da quando s'era incominciato a rabbuiare, mio fratello non
m'aveva parlato più mai della sua arte, nè dei suoi studi, nè de' suoi
progetti.

Non aveva più mai presa l'iniziativa d'una di quelle violenti
discussioni o letterarie o artistiche o filosofiche ch'egli soleva
ricercare avidamente, e nelle quali metteva tanto impeto, tanta
gagliardia di passione, e tanta voluttà.--Quando io m'era attentato di
chiedergli cosa stesse architettando di bello, m'aveva risposto:

--Sonnecchio!--con un sorriso senza luce che mi aveva stretto il
cuore.

Eppure come mai? Come crederlo disanimato proprio allora che l'Arte
gli offriva tutte le sue rose sorridendo, e il successo lo innalzava
agli occhi del mondo e gli spianava la via?--_Incontro al Sole_,
l'ultimo suo romanzo, non era stato acclamato dalla critica italiana
come la più originale e forte opera letteraria dell'ultimo decennio? E
un gran giornale francese non aveva testè chiesto per le proprie
appendici _Cristiana_, la novella ch'egli aveva stampata otto anni
prima da un oscuro editore, mentre, incerto ancora, tentava i primi
passi?

Evidentemente adunque io era fuori di carreggiata!

E mi toccava rifarmi da capo.--E immaginavo una passione d'amore: una
di quelle passioni che investono come un fulmine una esistenza, e
l'incendiano e la riducono in cenere. Oppure una di quelle passioni
che s'infiltrano lentamente nell'anima come un veleno, a goccia a
goccia; e la scavano, la rodono, la consumano nell'oscurità e nel
silenzio.

Ma la mia povera testa qui si smarriva. I ferri aguzzi delle mie
indagini si esercitavan nel vuoto.--Poichè il più fitto velo
circondava la vita intima di Pietro; e i pochi fatti esteriori
emergenti a' miei occhi e che, logicamente coordinati, avrebbero
dovuto sprizzare una luce improvvisa gettandola per entro alle cavità
del segreto, erano di per sè altrettanti enigmi i quali concorrevano
ad esacerbare lo stato d'incertezza in cui io viveva sospeso e mi
dibatteva.

Egli aveva incominciato con lo spezzare l'antica consuetudine delle
concordi passeggiate notturne,--uscendo dopo cena da solo, e scendendo
giù al paese, invece di seguitar per lo stradone, come un tempo, la
dilettosa salita.

Qualche volta anche era rientrato a notte molto inoltrata.

Io l'avevo aspettato sotto il mandorlo, immobile, ascoltando i lievi
murmuri della vallicella nel silenzio, e osservando i giuochi di luce
e d'ombra della luna tra le piante, che rischiarava come un sole il
giardino e il terrazzo, dall'alto del suo azzurro.

Al giungere di lui avevo finto di risvegliarmi improvvisamente,
quas'io mi fossi dimenticato là sul sedile, sorpresovi dal sonno.
M'ero levato, e gli ero andato incontro fregandomi gli occhi.

«Ancora qui?» m'aveva detto lui. E nulla lo aveva tradito: nè il tono
della frase, nè uno sguardo, nè un gesto.

In sèguito, a settembre, aveva fatto una gita a Napoli, a
rivedere--m'aveva detto--alcuni amici della prima giovinezza.--Io
l'avevo accompagnato a Genova; ero salito con lui sul vapore, e v'ero
rimasto fino alla partenza, sperando sempre di potermi decidere a
muovergli quell'unica domanda che mi premeva il cuore come un macigno.
Ma all'ultimo momento m'era mancata la forza. Ero disceso nella lancia
con un nodo nella gola, ed ero rimasto là ritto, a sventolar il
fazzoletto, mentre il vapore tra le lagrime fuggiva.

Una sola volta dopo d'allora m'ero creduto di poterlo riabbracciare
guarito. Ed era stato quando da Genova m'aveva scritto una lettera di
fuoco per narrarmi tutta la fascinatrice bellezza d'una Idea di
Umanità e di Giustizia che gli si era improvvisamente rivelata; e le
maravigliose visioni che da lei discendevano, e i sovrumani ardori di
battaglia ch'essa gl'infondeva nel sangue.

Ma rivederlo due mesi appresso era stata una cosa immensamente triste,
per me. Dei fili d'argento erano spuntati in mezzo al nero velluto
della sua capigliatura; un pallor terreo aveva trasfigurato il suo
volto, e un fosco velo era calato su quegli occhi ove non ardevan più
gli antichi lampi.

Io m'ero ancora sforzato di comprimere e soffocare il traboccante
affanno; col cuore attanagliato avevo ancora sorriso: avevo sostenuto
impassibile la tortura di que' lunghi silenzi carichi di cose oscure,
malaugurose, schiaccianti.--Ma un mattino ch'egli era uscito dicendo a
Giuseppe che tornerebbe solo per mezzodì, m'ero risoluto ad un passo
estremo. Ero penetrato nel suo studio, e m'ero messo a rovistare, a
cercar febbrilmente sulla scrivania, fra le carte e fra i libri che la
ingombravano. Avevo aperta la cartella ov'egli custodiva la
corrispondenza; e avevo letto, con la faccia in fiamme, tutte le
lettere, tutti i viglietti.--E poichè non avevo trovato nulla, nemmeno
l'ombra d'un vestigio, nemmeno l'ombra d'un indizio, m'ero lasciato
cadere sul seggiolone, affranto. Avevo atteso lui per dirgli,
supplichevole: «Vedi a che mi costringi?»--Egli aveva negato, aveva
protestato che nulla mi nascondeva, pallido come un cencio. «Sul nome
della povera mamma» io aveva incalzato, «me lo giureresti?» Allora
egli s'era smarrito; aveva balbettato, a capo chino: «Son scivolato
nel fango. Mi sono avvoltolato nel fango. E non mi levo più!»

Povero Pietro! La sua mano brancicava convulsa sulla scrivania quelle
carte, quasi fossero fango; e non se ne poteva staccare.--Ed io avevo
preso quella mano, e l'avevo serrata forte nelle mie. «Perdonami!»
avevo singhiozzato.--Ed ero fuggito.

Dieci giorni appena eran passati da quella scena: e mi parevan
cent'anni.--Avevo sempre aspettato lo scoppio definitivo con quel
nascosto violento affanno con cui si aspetta, sotto un cielo saturo di
elettricità, l'esplosione del temporale.

«Che sia questa l'ora?» mi domandavo adesso, tutto sbigottito.

E non osavo rispondermi.

--Abbi pazienza!--aveva detto lui.--Una notte è forse l'eternità?

Ma io non potevo più reggere a quell'ansia occulta. Impazientito
insorsi:

--Che gusto sfruttare la curiosità fino a questo punto!

Egli ebbe un sorriso tenue, appena percettibile, che aumentò il mio
affanno.

--È una crudeltà!--rincalzai.

E poi ch'egli seguitava a tacer sorridendo, mi detti a implorare, come
un mendico:

--Il titolo, almeno!

Allora vidi l'impronta di sofferenza ch'ei portava sul volto,
acquistare--quasi alla luce d'un lampo--una evidenza lacerante.--Nel
gran pallore egli proferì:

--_La Rovina._

--Lo sapevo!--scattai, involontariamente, meravigliandomi tosto della
mia esclamazione, poichè in verità io nulla sapevo.

Si udiva nel silenzio lo stridore delle ruote d'un carro per lo
stradone, e lo schiocco d'una frusta, fastidioso e insopportabile
anch'esso.

D'un tratto una raffica di vento irruppe, impetuosa. Le rame del
mandorlo, che incorniciavan la finestra, sussultarono. Le tende si
gonfiarono. L'uscio, dietro a noi, ch'era rimasto aperto, sbattè
forte.

Subito io mi levai. Chiusi l'uscio, chiusi la finestra; e mi soffermai
un istante presso i vetri a guardar gli olivi travagliati dal vento e
ad ascoltar la voce collerosa del mare che s'era repentinamente
destato nel buio laggiù.

Come mi voltai a riprendere il mio posto, rividi lui immobile, con gli
occhi bassi e una mano distesa sulla mensa accanto a un mucchietto di
briciole.

La fiamma del gas, improvvisamente scemata, rendeva una luce assai
povera, sotto la quale il quadro diventava tetro.

Preso da una grande inquietudine, io ruppi:

--Si spegne il gas, non te ne accorgi?

Egli levò la fronte, lento, a guardare, senza far motto.

(Che strazio riconoscere che non se n'era accorto!)

Fuori il vento fischiava, ululava. Il mandorlo si dibatteva forte, nel
tormento: si curvava a' vetri, accennava, picchiava, supplice.

E la luce moriva.

E Pietro non si moveva, non si commoveva; teneva ancora gli occhi
bassi e la mano scarna allungata in mezzo alla mensa.

Incapace di reggere quello strazio, mi slanciai all'uscio, l'apersi e
gridai:

--Giuseppe, una candela!

Ma era tardi.

Un sibilo acuto, lamentoso, prolungato come il rantolo di un
morente;--e la tenebra, la paventata tenebra ci avvolse.

Senza respiro, col cuore che mi martellava, io stetti,--aspettando che
la riga gialla sul pavimento appiè dell'uscio annunziasse la luce.

Quando Giuseppe entrò con un mozzicone di candela e lo posò sulla
tavola, apparvero sulle pareti le nostre ombre, mostruose.

--Ancora una candela!--ordinai, agitato da quella vista.

E fu portata un'altra candela; e la stanza si riempì di luce.

Allora Pietro mi guardò rischiarato, quasi rasserenato anch'esso. Poi,
subitamente accendendosi, mi fece:

--Vuoi un soggetto di quadro? Un soggetto semplice e grandioso
insieme?--Immagina. Una nobile figura d'uomo su cui or ora s'è posata
l'ala della morte. Giace supino sul suo bianco letto: le braccia lungo
i fianchi, e le mani distese in un dolce atto di riposo e di calma. Il
viso, che la morte non ha deformato nè contratto nè oscurato, è ancora
fresco, ancora roseo. Vi è sopra diffuso come un pacato splendore, lo
splendore d'una luce interiore immensamente pura. Poichè qui, intorno
all'_Immacolato_, tutto è mondo, tutto candido, tutto puro. Anche il
lino del letto, anche la luce che inonda la stanza, anche l'aria
mattutina che entra per la finestra spalancata, anche l'orizzonte
laggiù su cui s'inarca il concavo azzurro. La morte, così, l'esecrata
morte non ha più nulla di ributtante, di osceno, di orrendo. Nulla. È
il riposo dopo compiuta la giornata di lavoro: una giornata piena di
nobili, generose, feconde fatiche; e soprattutto piena di
candore.--Intendi?--Devi far questo quadro. Promettimi che lo farai!

A stento io abbozzai un sorriso e annuii.

Allora egli mi tese quella mano scarna.

--Giuralo sul nome dei nostri poveri morti!

Ed io strinsi quella mano; e giurai, con un brivido.

--Se tu sapessi,--riprese lui dopo una breve pausa,--se tu sapessi
come detesto tutto quanto ho scritto fino a ieri! Come ne ho rossore,
sdegno, ira!

--Ciò significa semplicemente--diss'io--che la tua arte si rinnoverà!

--Ahimè! Cos'è dunque stata l'Arte per noi fino a ieri?--Un trastullo
ozioso, sterile, inutile. Cos'è che l'ha scaldata e l'ha vivificata?
Cos'è che l'ha innalzata?--E noi, che cosa abbiamo noi fatto? Come
impazzati, come disperati siam corsi dietro un fantasma, una vana
ombra che sapevamo di non poter mai raggiungere nè afferrare. Ed
intanto avevamo un'anima. Ci siam noi curati di purificarla e di
nobilitarla? Avevamo un ideale di perfezione morale. Ci siam noi
studiati di seguitarlo e di esaltarlo agli occhi di tutti? Avevamo un
ideale di Civiltà e di Giustizia. L'abbiamo noi predicato? Ci siam noi
sforzati di apparecchiarne il trionfo nella coscienza della Umanità?

Oh se fosse possibile, se fosse ancora possibile tornare indietro con
l'innocenza e la vergine forza d'allora!

--E perchè non dovrebb'essere?--obiettai guardando angustiato il suo
viso su cui un gran fuoco s'era diffuso.

Ma egli non rispose: o forse non udì nemmeno. Si alzò, quasi con uno
strappo, si avvicinò alla finestra, e stette un istante curvo dietro i
cristalli, mentre le prime grosse gocce di pioggia vi crepitavan
sopra, e la rabbia del vento assumeva una straordinaria veemenza.

Poi voltandosi ruppe:

--Povere moribonde razze latine! Guarda come il Nord con le vaste
ombre de' suoi colossi ne ricopre l'agonia! E che sconsolata, che
turpe agonia!

Io era come colui che nel sogno avverte un tenebroso pericolo che gli
striscia alle spalle, e invano s'affanna a difendersene. Vorrebbe
fuggire, e le gambe, di piombo, lo inchiodano su quel palmo di suolo.
Vorrebbe alzar le braccia per agitarle--e le braccia non gli
obbediscono più. E rimane così, immoto, agghiacciato di terrore,
aspettando il colpo fatale che già vibra nell'aria.

D'un tratto parvemi che si soffocasse, in quell'aria chiusa e pesante.
Balzai in piedi e volli aprir la finestra. Ma il vento irruppe,
furibondo. Sollevò alte le tende, agitò e sconvolse le fiammelle delle
candele, fischiò attraverso le fessure dell'uscio, e versò dentro un
torrente di pioggia.

--Maledizione!

Richiusi dispettosamente, e chiamai Giuseppe, e ordinai il soprabito
per uscire.

Avevo temuto che Pietro osservasse:

--Sei pazzo con questa sera d'inferno? Io non esco.

Invece si levò per accompagnarmi; e ciò mi procurò un indicibile
sollievo. Dopo d'essermi soffermato a rimirarlo mentre s'avvolgeva nel
suo mantello e s'accendeva una sigaretta, sentii con un secreto
fremito di gioia il suo braccio che passava attorno al mio e vi si
attaccava.

--Coraggio!--mormorò lui sulla soglia, quasi a sè stesso, come vide
aperto l'unico ombrello. E un giocondo sorriso lo illuminò.

Nel fitto buio il vento ci salutò con un fiero assalto. La pioggia ci
investì, ci sferzò, ci inondò.

--È tremendo--gridò Pietro con accento ilare.

E mi fece abbassar l'ombrello per riparar meglio la pioggia obliqua, e
mi raccomandò che badassi a' piedi, per non isdrucciolare. Ce n'era
infatti bisogno, scendendo la lunga scala di mattoni che allacciava il
terrazzo al piano inferior del giardino, poichè l'acqua improvvisa e
abbondante non trovando sufficiente sfogo nelle docce del terrazzo si
precipitava per essa come in un fossato.

I miei piedi eran già tutti immollati, quando toccammo il fondo;
tuttavia non mi passò nemmen per il capo l'idea di tornare indietro.
Era così dolce, così commovente, così consolante tutto ciò!

Nell'affacciarci fuori del cancello ricevemmo un altro formidabile
saluto. Qui il libeccio, libero da ostacoli, imperversava come mille
diavoli scatenati. E il mare laggiù, sotto la rupe, rombava con un
fragore immenso.

Un po' di paura colse me a' primi passi per lo stradone.

--È una pazza impresa!--gridai.--Vieni via!

--È magnifico! Avanti!

Io m'accontentai di serrar più forte il suo braccio al mio fianco.

Ma d'un tratto egli s'arrestò con un grido, si voltò indietro tendendo
il braccio verso quel pezzo di strada che il fanale del cancello
rischiarava: e nella luce tremolante m'additò un oggetto nero che
scappava come una freccia, rotolando nella mota.

--Il mio cappello!--gemette. E gli si lanciò dietro correndo.

Io rimasi a guardarlo fino a che non lo raggiunse piantandovi sopra un
piede con una voce vittoriosa.

Le gran risate, allora! Il cappello tutto lordo e malconcio; il
vestito inzuppato e inzaccherato da cima a fondo--un vero orrore!

--Via presto per carità! A momenti ho tutta l'acqua
nell'ossa!--supplicava ora lui. E crollava le braccia, per iscuoter la
pioggia; e rideva, d'un riso fresco e spensierato di adolescente che
innamorava.

Poi a Giuseppe che s'ingegnava alla meglio di rasciugarci, raccontò la
storia, rabescandola di particolari.

Che felicità!

Il gas splendeva di nuovo nella sala. La faccia di Pietro s'era
spianata; ed il vecchio servo pendeva ancora dalle labbra di lui con
lo sguardo rilucente di attenzione e di devozione affettuosa.

Per questo io non mi meravigliai udendo:

--Datemi ancora un po' di cognac. Sono tutto gelato!

Bisognò che mi cadesse sotto gli occhi il bicchierino ricolmo, e
quella mano esangue che s'allungava tremando, perchè un nuovo soffio
d'inquietudine passasse sulla mia anima e la increspasse.

Ma egli si rizzò.

--Avrai tu voglia di leggere?--mi chiese a bruciapelo, prima di
allontanarsi.

Vedo ancora il suo sorriso ambiguo presto dileguato, soggiaccio ancora
adesso a quel pauroso smarrimento che mi prese allora, quasi io mi
fossi, per un attimo, affacciato a un abisso.

--Che significa questo?--esclamai, fissandolo, nella vertigine.

Egli rise un'ultima volta.

--Gli sprazzi del cognac!

E mi prese la mano, e me la strinse come in una morsa.

Oh perchè se io ebbi in quel punto il presentimento della catastrofe e
l'istintivo impulso di cacciarmegli dietro e abbrancarmegli alle
ginocchia gridando: «Non ti lascio più!»--perchè non mi mossi?

Come impietrato stetti a sentirlo salire su per le scale, e aprir
l'uscio della camera, e richiuderlo con dolcezza. Poi, come ogni
rumore fu cessato, nell'ansietà del silenzio, mi feci da Giuseppe
portare i giornali illustrati, e mi misi a sfogliarli, per distrarmi.

Fu forse dopo dieci minuti che scoppiò l'orribile tuono.

Giuseppe, che stava ordinando le seggiole, levò la faccia pallida,
gridando:

--Ohimè cosa succede?

Ah il terror cupo di quella corsa nell'oscurità! E il raccapriccio
mortale di quella vista! Lo squarcio nero della ferita dietro
l'orecchio, il sangue, il vivo sangue che colava a lordare il cuscino
e il lenzuolo; e quel roco lamento che gli usciva dalla bocca bavosa;
e quell'occhio, soprattutto quell'occhio spalancato, fisso nel vuoto,
vitreo!

Io non ebbi, subito, la forza di far nulla. Con le mani nei capelli,
pazzo, giravo per la stanza supplicando Giuseppe che facesse presto,
per carità, che prendesse questo e quell'altro, che non me lo
lasciasse morire. Poi tornavo a lui. Posavo il candeliere a terra
accanto al braccio che spenzolava fuori dell'orlo del letto, inerte; e
chiamavo «Pietro! Pietro!», tra le lagrime. Ma egli non udiva. Non
moveva quel braccio, non moveva quell'occhio, quell'afflittissimo
occhio sbarrato.

Alfine tolsi dalle mani di Giuseppe le strisce di tela ch'egli aveva
preparate; e mi curvai sul misero, e fasciai, tremando da capo a
piedi, la ferita; e sentii nelle mie mani cadere e scorrere alcune
gocce di sangue.

--Presto il dottore!--supplicai appena terminato.

Ma il pensiero di dover rimanere una mezz'ora lì nella casa
abbandonata, flagellata dalla pioggia e dal vento; ed in quella
camera, a quella luce fioca, davanti a lui, a mio fratello che
agonizzava,--mi riempì di spavento.

--Dal dottore vado io!--proruppi.

E uscii.

E ridiscesi, ancora sotto la pioggia molesta la scala del giardino; e
passai un'altra volta sotto a quel fanale ove mezz'ora dianzi egli
s'era chinato a raccattare il cappello ridendo. E mi misi a fuggire
con un brivido nella schiena, udendo alle mie spalle riecheggiare la
lugubre risata.

Così raggiunsi il paese, attraversai la piazza allagata e deserta, mi
internai per la stretta via bieca, e salii, trafelato, sfinito, a
battere a quell'uscio.

--È mio fratello che muore!--proferii dinanzi alla vecchia che mi si
presentò.--Dite al dottore che s'è ferito con un'arma da fuoco. Che
non perda un minuto, per carità!

Ella andò; ed io rimasi lì solo, nell'ombra, appoggiato al muro, ad
aspettare. E rividi la scena con una evidenza violenta. Chiusi gli
occhi, raccapricciando. E rividi ogni cosa ancora. Il sangue che
lordava il cuscino e gocciolava giù per il lenzuolo; lo squarcio della
ferita nera, orrenda; e quell'occhio, quell'occhio soprattutto,
spalancato, immobile, vitreo. Ed allora si rinnovò in me la mostruosa
impressione che m'aveva percosso in cospetto del suicida.--Mi pareva
che non quella mano, quella piccola mano innocente che spenzolava
fuori del letto avesse vibrato il colpo e fatto l'atroce scempio: ma
veramente una gigantesca mano nascosta nella tenebra e obbediente a
una terribile arcana potenza vendicatrice.

Ma venne il dottore con un silenzioso saluto a liberarmi.

Muti scendemmo le scale, muti ci avviammo su per lo stradone: egli col
solito suo passo tardo indolente: io costretto, fremendo, a frenare il
mio che s'affrettava.

Pure svoltammo, lassù; e scoprimmo il fanale, e la macchia biancastra
della villa, e la finestra illuminata e sconsolata.

Al nostro apparire Giuseppe che stava seduto appiè del letto si alzò e
guardò verso noi come un reo che si lascia sorprendere.

Senza una parola, senza un cenno, senza respiro io tolsi il candeliere
e lo levai alto perchè il dottore potesse esaminar la ferita. E, pur
combattendo dentro di me, gettai un'occhiata sul sofferente; e
osservai e conobbi la profonda alterazione avvenuta ne' suoi
lineamenti. Soffocato dall'angoscia, avrei voluto gridare: «È questo
mio fratello?»

Ma d'improvviso mi parve che quell'occhio, rispondendo a un mio
sorriso velato di lagrime, si animasse e mi fissasse con una
espressione di rimprovero e di dolore così intensa, così acuta, così
lacerante, ch'io non potei sostenerla. Lasciai cader nelle mani di
Giuseppe il candeliere, e mi cacciai in un angolo, col fazzoletto alla
bocca.

Un secolo rimase il dottore curvo in quell'atto.

Quando si fu rizzato ed ebbe consegnata a Giuseppe la ricetta, io lo
cercai con uno sguardo, muto, per interrogarlo, Ma egli tacque. Si
postò appiè del letto volgendomi le spalle, e non si mosse che al
ritorno del servo per predisporre l'occorrente alla lavatura e alla
fasciatura della ferita. Alfine aperse il suo astuccio di cuoio nero,
e ne cavò un oggetto che scintillò.

Come io vidi sotto il rasoio recisa cadere e ruzzolar giù pe 'l
lenzuolo la prima ciocca di capelli, quella bella ciocca nera che
soleva recingere l'orecchio del suicida, mi copersi la faccia, con le
mani, e mi rifugiai nell'anticamera, pazzo di dolore.

--Assoluta quiete, assoluto riposo,--venne a raccomandarmi il dottore
prima di licenziarsi.--Nulla, presso l'infermo, che possa turbarlo.
Sarà bene che anche lei si allontani.

Nello stringergli la mano raccolsi le mie misere forze per
dimandargli:

--Posso sperare, dottore?

Egli rispose che il caso era assai grave, ma che sarebbe imprudenza
avventurare un giudizio. Bisognava aspettare fino al mattino per
decidere sull'opportunità di tentare un'operazione.

Pietrificato io ristetti sull'uscio a guardar gli strappi di azzurro
aperti fra i nuvoloni che posavan solenni dietro le cime degli olivi
rese immobili anche esse dalla calma sottentrata al furore
dell'uragano.

Ma a grado a grado uno straordinario languore m'aveva invaso.

Non mi restava che salire nella mia camera, e abbandonarmi sul letto,
annichilito dal pensiero di quelle otto ore di attesa.

E montai, e m'abbandonai.

Ma quella positura m'era insopportabile. Mi fu forza levarmi; e
aprire, spalancar la finestra, e mettermi a passeggiar su e giù per la
stanza.

Un supplizio.

A ogni istante mi strascinavo nell'anticamera in punta di piedi, e mi
affacciavo, trattenendo il respiro, di sulla soglia.

E improvvisamente trafitto da quello spettacolo mi discostavo, e me ne
tornavo disperato, perduto, alla mia finestra, a guardar la fiamma del
fanale che oscillava sinistra in faccia all'entrata del giardino, e a
riudir la voce del mare che avventava di laggiù implacato le sue
fastidiose rampogne e i suoi funesti presagi.

Una volta, una sola volta la stanchezza ed il sonno mi vinsero.

E fu allora, nella dubia luce dell'alba, ch'io mi riscossi, e
riconobbi la testa di Giuseppe che pendeva sulla spalliera della mia
seggiola,--e intesi dalla sua bocca l'orribile frase.

Io avrei ben voluto dissolvermi.

E dovetti, sanguinando, attaccarmi al braccio di Giuseppe, e
accorrere, e assistere all'agonia. Ascoltare una voce che nulla più
aveva di umano, guardar la bocca nera, spalancata, gli occhi
appannati, stravolti, da cui fuggiva l'ultima luce; e prendere tra le
mie l'esile mano disfatta,--e sentirla fredda, nelle mie, come una
pietra.

Finchè la Morte, l'atra Morte esecrata entrò, con un corteo di
brividi.

Io la guardai, pieno di orrore e di pianto, mentre tutte le rose
falciate le cadevano a' piedi.

Poi guardai, pieno di odio, la Vita.

Oh con che senso di velenoso disgusto sul mattino intesi il canto
improvviso d'un gallo rompente nella chiara serenità come un inno alla
luce, e alcune voci umane che si ripercotevan da un poggio all'altro,
in grembo all'aria sonora, come festevoli saluti!

Più tardi anche i passeri sul tetto, allegri, garrirono, in coro.

E sopra Porto Maurizio e sopra i monti si posò, come una carezza che
ardesse di passione, il sole.

E l'azzurro arrise, chino su quelle vette.

Ma io non osava chinarmi in fondo a me.

Quasi in un cerchio di fiamma viva, mi serrava la frase della vigilia:

_Ogni parola, una goccia di sangue._

Passai davanti all'uscio dello studio con un brivido nella schiena, e
scesi giù a precipizio, ed uscii nel giardino, per isferrarmi da quel
cerchio.

In ogni luogo il vento e la pioggia avevan lasciate le loro tracce.

La facciata della casa era livida. Il vecchio rosaio che, pur
indugiandosi ad avviluppar l'inferriata a pianterreno sull'angolo di
ponente, saliva, carico di rose, fino a sfiorar con le ultime rame
tenere un davanzale dell'ultimo piano,--era sbattuto e sconvolto. Le
rose, spampanate e quasi distrutte, portavan fra i petali arrovesciati
ancora qualche segreta lagrima.--All'altro angolo il mandorlo,
spogliato de' suoi fiori, spenzolava mesto un grosso ramo spezzato. I
nivei fiori, parte giacevan disseminati appiè dell'albero, parte
lunghesso la balaustrata, e parte si cullavan, co' petali delle rose,
in mezzo alle pozzette d'acqua che brillavan sul terrazzo qua e là
come gemme.

A quando a quando un leggero soffio animava gli olivi in seno alla
vallicella, e recava su col mormorio le acri e buone fragranze della
terra bagnata e del verde.

Dopo il flagello la Natura si rilevava, fresca e ridente, nella sua
giovinezza immortale, e prometteva e apparecchiava un nuovo scoppio di
rigoglio e di vita.

Certo questo era dolce e consolante!

Ed era orribile pensare ch'_egli_ non verrebbe più, con quella sua
nobile aria pensosa a seder su quel sedile, a rimirar quel cielo e
quel verde, ad ascoltar que' rumori, a respirar quegli odori. Che non
risponderebbe più al mio saluto con quel suo pio sorriso. Che non
proverebbe più, mai più la gioia di vivere e di sentirsi fino alle
viscere immerso nelle profonde ristoratrici ebbrezze della Natura e
dell'Arte!

Ma era anche più orribile pensare ch'egli avea potuto disprezzar tutto
ciò; e staccarsene, volontariamente; e per sempre!

Da quale cupo vertiginoso abisso aveva egli attinto la disperata forza
dell'abbandono e della rinunzia?

_Ogni parola, una goccia di sangue._

Levavo gli occhi alla finestra dello studio, chiusa; e inorridivo.

Pensavo a quel racconto, all'urna che custodiva forse il sanguinoso
segreto: e fremevo di febbre e di spavento.

Due giorni, due lunghi giorni, sostenni l'intima inaudita battaglia.

Il terzo giorno feci da Giuseppe aprire quell'uscio e schiudere un po'
la finestra perchè almeno un raggio di sole consolasse la penombra.

Feci mettere sulla scrivania un mazzo di rose.

E salii, come salissi a una tomba.



LA ROVINA



I.


Un mattino di giugno, per la stradicciuola solitaria lungo il mare,
ella mi ora passata dinanzi rapida, nera, con un'audace andatura;
avventandomi in faccia il fruscio delle sue sottane di seta e un
violento profumo: urtando e sconvolgendo fino alle ultime fibre tutto
il mio essere.

Io m'era, con un brivido, rivolto a dietro, ad assicurarmi che anche
quel tratto di strada alle mie spalle era deserto, che tutto intorno
era deserto e immoto, sotto la gran luce silenziosa.

Poi, in preda a una febbre che s'alimentava di procaci immagini di
lussuria sorte improvvise nella mia mente, l'avevo seguitata: gli
occhi annebbiati, le gambe che mi tremavan come giunchi, il cuore che
mi martellava.

La strada, svoltando bruscamente a un punto, si rinchiudeva
nell'angusto arco di una gola in mezzo a cui scorreva, nascosto, un
fossato, e s'adagiava una piccola casa bianca.--Quando io ebbi, dopo
la sconosciuta, svoltato; ed ebbi dinanzi quel segreto seno, e la
casetta bianca che brillava, unica, al sole,--qualche cosa di decisivo
scoppiò in me. I battiti del mio cuore si accelerarono. Ed io
accelerai il passo dietro lei che fuggiva; e raggiuntala mentre
metteva il piede sullo scalino del cancello per incurvarsi ad aprire,
l'avvolsi da capo a piedi in un lungo cupido sguardo; e trasalii,
sfiorandola.

In un sorriso che balenò come un lampo ella spalancò su me due grandi
occhi lucenti di tenebrosa maraviglia. Aperse, richiuse in fretta il
cancello facendolo sbatter forte; attraversò, leggera come un uccello,
il breve spazio ghiaioso (udii la ghiaia stridere sotto i suoi piedi),
e scomparve.

Non più di venti passi io potei procedere portando entro me prepotente
il tumulto suscitato da quella fugace visione passata lasciando sul
fondo oscuro della mia anima un solco di fiamma.

Quando mi voltai, e la rividi, affacciata alla finestra, che mi
fissava, sentii da me fuggire quasi l'essenza della vita. Come cera al
fuoco sotto quello sguardo mi sentivo struggere, e mi lasciavo
struggere.

Ma l'immobilità mi costava sangue. Con le gambe che mi si piegavano
rifeci quel pezzo di strada; e ripassai sotto la finestra, e bevvi
ancora, con gli occhi levati, avido, insaziato, inebriato. Gittai
ancora, allontanandomi, alcune ultime occhiate, ultimi saluti a cui
avrei voluto imprimere un particolar significato di promessa, di
pegno, e di suggello.

E scappai con in cuore il tesoro d'una certezza soave, calda,
irruente.

Nell'aperto riso, nel tripudio immenso di tutte le cose, come esultava
e traboccava, cantando, il mio essere!

Certo il mare, il mare turchino che alla spiaggia aveva il fruscio
della seta, non aveva tremolato mai così vago, nè il sereno aveva
brillato mai così vivido, nè l'aria aveva mai, così limpida, rivelati
in tutta la loro smagliante freschezza i colori e le forme delle cose.

Per tutto la vita, la gioia della vita si appalesava, zampillando
diffusa, intensa, vittoriosa.

E trionfava, baldanzosa, maravigliosa, sovrana.

Che voluttà, che inaudita voluttà, tuffarsi in quell'onda vivificante
di gioia! Che ebbrezza, che divina ebbrezza, annegarvisi!

Davanti a mio fratello durai fatica a comprimere la fontana
d'allegrezza che spicciava su dal mio intimo.

--Qualche novità!--gridò lui raggiante, alludendo ai miei lavori
letterarî, poi che quando componevo solevo aver sul volto quella
stess'aria di letizia esaltata, insolente, provocatrice.

Io mi sciolsi dalla stretta della sua mano con un ghigno ambiguo che
tutto confermava e tutto negava.

Ma non fiatai.--Udivo le parole di lui, che s'era messo a raccontar
d'un suo amico stato ferito in duello il mattino, come un ronzio
confuso che mi frastornava maledettamente, e m'opprimeva e
m'indispettiva.--Quando potei, in un momento di tregua, ripiegarmi a
cacciar, quasi di furto, uno sguardo in fondo alla mia coscienza, non
vi trovai più il tesoro di quella certezza soave, calda, irruente:
appena le vestigia in un pugnello di cenere fredda e in un'ombra di
fumo, grigia. Preso da uno smarrimento mortale, e incapace di rimaner
ancora immobile davanti a lui che seguitava, calmo e roseo, il
racconto, mi levai e uscii sul terrazzo, a passeggiare, sotto il sole,
solo.

Ma egli mi raggiunse, e mi si accompagnò, e rappiccò il discorso,
centuplicando l'oppressura.

--Un mal di capo assassino!--diss'io alfine per liberarmi. E gli tesi
la mano, e riparai nella mia camera, e mi buttai sul letto con la
testa fra le mani che mi scoppiava, a rievocare, a considerare, ad
architettare.

Mezz'ora dopo, il piano era stabilito.

Addio a Giovanni con un cenno, e giù per il giardino, e giù per lo
stradone,--difilato dal rivenditor di giornali: una vil creatura che
pel meschino utile che da me ritraeva mi professava una grande
riconoscenza.

Simile a un delinquente gli strisciai accanto e gli rivolsi, senza
guardarlo in viso, l'obliqua dimanda che da un'ora mi fremeva sulle
labbra.

Egli ebbe un sorriso che bruciò sulle mie guance come una scudisciata:
un di que' lubrici sorrisi di compiacimento ch'hanno tutti gli esseri
volgari e immondi quando inaspettatamente loro accade di scorgere un
punto di contatto fra la propria bassa natura e quella d'un altro
essere fino allora stimato superiore.

E mi raccontò ch'era una disgraziata maritata quattr'anni fa a un tale
impiegato all'ufficio del Registro, un giovane mezzo matto e mezzo
malato che, dicevano, la picchiava di santa ragione. In capo a tre
anni s'eran divisi: lui se n'era ito fuori: lei se n'era tornata in
casa della madre: una vecchia strega che ai suoi tempi n'aveva fatte
di tutti colori e adesso, dicevano, insegnava il mestiere alla figlia.
Dopo la separazione, lei s'era data a un signore, un banchiere che
teneva una villa fra Oneglia e Porto Maurizio. Di notte era stata
vista scendere di vettura a quel cancello infinite volte: perfino i
ciottoli della strada avevan saputo quella relazione. Ma un bel giorno
il banchiere s'era stancato e l'aveva messa alla porta. E allora lei
aveva cercato d'invescare un ufficiale...

Tanto bastava.

Io segnai, con la mano che mi tremava, sul taccuino il nome che avevo
raccolto dalla bocca di lui; ringraziai, e mi rincamminai verso la
villa.

Lassù la sfacciata luce del mezzodì aveva inondato il mio studio.

Accostai le persiane e abbassai le tende perchè anch'essa non fosse
testimone delle torbide impure cose che la mia anima doveva esalare.
Tolsi un foglio, e scrissi:

«Stamane per la strada solitaria lungo il mare mi siete passata
dinanzi rapida e tenebrosa. E il mio cuore s'è messo a battere,
indovinando. Vi ho raggiunta mentre stavate per aprire il cancelletto
del vostro giardino, e vi ho guardata in viso, la prima volta, curva
in quell'atto, E voi, con uno sguardo dei vostri diabolici occhi, mi
avete fulminato. E siete scappata via leggera come un uccello! E
improvvisamente siete apparsa alla finestra, e mi avete fissato,
ancora! Cosa avete voi in quei diabolici occhi? Come cera al sole io
mi son sentito struggere, e mi son lasciato struggere. Poi me ne son
venuto via col cuore gonfio d'una certezza calda, soave, inebbriante.
E tutto quest'oggi mi son nutrito di questa certezza, ho vissuto di
questa febbre di fiamma e di abisso. O bellissima tenebrosa! Perchè
non mi gettate la parola che io sospiro delirando? La parola che mi
farà morire, morire di ebbrezza, prima ch'io possa appressare le
labbra alla coppa della felicità? Guardate. Mi inginocchio a' vostri
piedi e vi supplico. Non prolungate, tacendo, questo supplizio!
Scrivete subito, oggi. Ditemi dove, quando, potrò parlarvi. Poichè ho
bisogno di dirvi cose che non posso scrivere, che incenerirebbero il
foglio.»

Io aveva così cercato di velare de' colori attraenti d'una passione
d'amore quel che non era se non un improvviso risveglio, una torbida
rabbiosa e cieca esplosione de' miei appetiti sessuali. Ed avevo
gioito in fondo al mio cuore pensando che il carco di miserie, di
tristezze e di abiezione che accasciava la vittima, me l'avrebbe più
presto sospinta nelle braccia: gioito come se già ghermissi e
sentissi, tra' miei artigli, viva dibattersi la preda.

La mia coscienza non era già ottenebrata al punto ch'io non potessi
discernere tutto ciò che di abominevole e di vituperevole si
nascondeva sotto una simile azione. Ma io comprendeva altresì con
sufficiente lucidità come qualsiasi tentativo di resistenza da parte
delle mie migliori energie sarebbe inevitabilmente fallito. Un turbine
m'aveva sorpreso ed involto nelle sue spire mugghiando: ed io mi
moveva portato dalla sua rapina con la leggerezza di un fuscello.

Solo assai tempo dopo, ritessendo io nella mente la storia del mio
fosco passato, potei riescire a rendermi ragione del come quel primo
fatto e quelli non meno obbrobriosi che gli tennero dietro, dovessero
necessariamente accadere e succedersi quasi anelli d'una stessa
catena.--La mia adolescenza e la mia prima giovinezza erano state ben
singolari! Eccettuato un vago sentimentale amoretto che, sorto con
l'adolescenza, s'era a stento trascinato fino alle porte della
giovinezza per morirvi d'anemia e di consunzione,--si sarebbe potuto
dire che la donna non era entrata mai nella mia vita. L'unico vero e
serio e grande amore della mia vita era stata l'Arte. L'unica mia
ambizione, imprimere un'orma non cancellabile nella storia della
nostra letteratura, e incoronar di gloria il mio nome. Per quest'unico
amore e per quest'unica ambizione io aveva imparato a vivere, fin da'
quindici anni. Tanto mi ero preso d'essi, tanto mi ero sprofondato in
essi, che avevo finito per allontanarmi e straniarmi dal mondo. A
quella fiamma intensa ed assidua il mio cuore s'era quasi essiccato.
La mia parola era diventata arida ed aspra: ahimè! perfino con mia
madre!

Povera e santa mamma!

Che bella e dolorosa vita era stata la sua!--Nel '66, a soli ventidue
anni, aveva perduto il babbo, a Mentana, che adorava. Non le eravam
rimasti che noi due, e non aveva vissuto che per noi. Per poterci
mantenere agli studî aveva fatto mille sacrifici. S'era quasi privata
di tutto. Aveva sùbito smessa la vettura e licenziata la servitù.
Aveva lasciato l'antico palazzo di Genova, strappandosi d'un colpo a'
rumori, alle distrazioni ed a' piaceri cittadineschi; e s'era venuta a
rifugiar in quell'angolo abbandonato e selvaggio, a respirarvi, come
entro la cerchia d'un chiostro, la solitudine ed il silenzio: posando
sulle nostre teste infantili il delicato giglio della sua mano
protettrice e amorosa.

Vederla improvvisamente mancare, era stato uno schianto!

Io avevo pianto a lungo, maledicendo l'iniqua crudeltà del destino che
abbatteva così brutalmente un'esistenza innocente come un fiore. Avevo
guardato la vita con occhio torvo e corrucciato: avevo ripensato alle
mie battaglie, alle mie seti, alle mie fedi come a cose vane, sterili,
inutili. Ed avevo anelato il riposo, la pace, l'infinito sonno, il
Nulla!

Ma la vita m'aveva subito riafferrato. L'antica passione m'aveva di
nuovo investito. L'Arte m'aveva di nuovo tese le braccia, seducente di
rorida intatta bellezza. Ed io m'era salvato in grembo al mio mondo
chiuso e profondo.

Della cara Estinta non tutto avevo ereditato. Non quel vigile ardente
spirito di amore, di annegazione e di sacrificio che abbracciava in un
vasto amplesso tutte le forme dell'Essere e caratterizzava,
santificandolo, ogni atto della sua vita: ma sì l'inquieto affannoso
anelito verso l'Alto, e la sacra, tenace devozione a un ideale di
purezza e di nobiltà.

Cos'era dunque il brivido che m'arrestava dubitante sulla soglia
dell'infame asilo quando nel cuore della notte come un ladro io lo
cercava, cacciato dalla schifosa febbre de' sensi? Cos'era l'orrore
che mi pervadeva alla vista della livida creatura che senz'amore,
senza palpiti, senza desiderio mi offriva la sua bocca stanca e le sue
carni disfatte? Cos'era quel senso di nausea che mi penetrava fino
alle midolle nel contatto e mi faceva giurare a me stesso, nella
rivolta dell'umiliazione, ch'io non sarei per cadere più mai?

Io aveva, così, affrontato e sostenuto delle fiere pugne:--ma le poche
volte che avevo trionfato, la vittoria era stata sanguinosa!

Da una di tali pugne vittoriose ero appena uscito quando mi toccò il
fatale incontro!



II.


Il viglietto diceva: «Ho paura. Temo che mi vogliate far servire a un
capriccio, per poi gettarmi via come un limone spremuto. Sarebbe una
viltà. Pensateci. Ho sofferto già troppo. Sono una sventurata. Non
cercate di accrescere la mia infelicità. Lasciatemi. Sarà meglio anche
per voi.»

Questo fu l'ultimo soffio veemente per entro le tortuose fiamme
dell'incendio.--Il pensiero che il possesso di lei, così intensamente
agognato, non dipendeva più che da una mia sola parola, mi dominò
tutto d'un colpo, e mi piombò in un tremendo delirio.

Risposi immediatamente ch'era dell'amore sincero e leale e fedele
ch'io le offriva: che avevo bisogno di lei come dell'aria che
respiravo, che mi sentivo legato a lei come alla vita istessa, che mi
sarei squarciato il petto prima di abbandonarla.

L'indomani ella replicava: «Se tentaste d'ingannarmi, Dio vi
punirebbe. Confido nelle vostre parole. Venite. Stasera, verso le
dieci, mi troverete qualche passo innanzi alla svolta, seduta sul
parapetto, dalla parte del mare.»

Non era un'allucinazione. Eran parole sue, scritte di suo pugno,
queste su cui stavano adesso inchiodati i miei occhi. Ed ella mi
apparterrebbe veramente, immancabilmente. E nulla me l'avrebbe potuta
strappare: nessuna avversa forza al mondo. Era necessario, fatale,
indistruttibile, tutto ciò!

Oh la vorticosa ebbrezza che sgorgava da questo pensiero!

Ma sopra i gorgoglii e le spume dell'ebbrezza, il lampo d'una paura
tragica.--E se io non potessi reggere? Se nell'estremo supremo istante
ogni energia mi abbandonasse?--Che cosa dunque mio Dio sarebbe
avvenuto di me? Che cosa, più nera della morte, mi si apparecchiava,
ch'io non osava guardare in faccia?

Più volte già, levandomi di sul letto ove m'ero lasciato cadere
esausto, ero venuto alla finestra a misurar l'altezza del sole. E
m'ero dimandato s'ei non impiegherebbe tutta l'eternità a declinar
fino alle spalle de' monti. E se tanta luce diffusa sarebbe davvero
sparita; e se i monti, il mare, la vallicella, lo stradone, e perfino
il giardino, perfino il terrazzo, tutto si sarebbe ancora immerso nel
buio.

E m'ero tolto di là disperato.

Avrei voluto stendermi su quel letto come in una bara, per non
rialzarmi più che a quell'ora.--E invece mi toccò accogliere con un
sorriso Giovanni, e sedere a tavola con lui, e sostenere impassibile
la molestia de' suoi sguardi scrutatori; e alle sue amorevoli
premurose preoccupazioni perchè non assaggiavo nulla e non parlavo,
opporre un altro sorriso e uno scatto di simulata allegria.

Ma l'ora si appressava, oramai.

Il fuoco del sole si spegneva dietro i monti, la selva degli olivi si
velava d'ombre, la sala si oscurava.

A un momento Giovanni, che s'era messo a leggere il giornale accanto
alla finestra, si alzò dicendo:--Buio via buio, buio pesto!--E pregò
Giuseppe che accendesse il lume.

Fu il segnale.

Il mio cuore battè forte; e d'un colpo l'immobilità e la dimora nella
sala mi diventarono insopportabili.

Quando ebbi scesa la scala del giardino e varcato il cancello, che
torrente di gioia si rovesciò sul mio essere!

La sera, quasi incalzata anch'essa, cadeva e si spandeva, rapida. A
occidente, dietro la catena opaca de' monti, non sopravviveva, del
rosso incendio del tramonto, che uno smorto albore perlato. In alto,
sopra il mio capo, l'azzurro rincupiva, e una prima stella tremula
sfavillava.

Che acre, inquieta, palpitante dolcezza!

Scesi al principio del paese, attraversai quel braccio di vicolo nero,
notando con una nuova scossa di gioia che l'unico fanale era già
acceso,--e uscii alla marina. E mi incamminai su per il molo,
sforzandomi di soffermarmi a quando a quando per dare tutti i miei
sensi e lo spirito--come spesse volte inconsciamente mi accadeva--allo
spettacolo del lucido lago del porto ove si rispecchiavano il gruppo
intricato delle barche e le case alla riva e la guglia del
campanile--o alla pace vasta e solenne che regnava nell'aria e
dominava tutta la scena, dalla lontana chiostra delle alpi al lontano
arco del mare.

Ma non ero più padrone di me. Non avevo che un pensiero intorno a cui
i sensi vibravano e lo spirito si travagliava:--l'imminenza di
quell'ora, la certezza infallibile, la irrevocabile fatalità di
quell'avvenimento, e il suo infinito valore che tutto soverchiava,
appetto a cui tutto rimpiccoliva e diventava inutile--perfino la vita
istessa.

Ed ecco. I fanali s'erano accesi, alla riva; e le fiammelle si
riflettevan nel lucido lago, serpeggiando.

Non era dunque la notte? Non era l'ora che precipitava?

Come picchiava, come picchiava essa alle porte del mio cuore!

A cento passi dalla punta del molo sostai al sommo d'una
scalinata.--Col capo prono, la faccia sulle ginocchia e gli occhi
chiusi sotto le palme quanto tempo rimasi?

Udivo le rane che levavano un gran canto, nella valle; e, intramezzati
a quel canto, murmuri d'acque che si rompean tra gli scogli, voci di
pescatori che si chiamavan scambievolmente, tonfi di remi che
s'attuffavano, bisbigli di barche che scivolavan nell'ombra, passando.

Quando riapersi gli occhi, le tenebre m'avevano avviluppato. Mi rizzai
e mi avviai, precipitosamente, addentato dal dubbio ch'_ella_ potesse
precedermi.

Ma era ancora presto: il luogo del convegno era ancora deserto.

Passai la svolta, appuntai gli occhi sulla macchia della casa che
biancicava nel buio, e mi posi in ascolto, col cuore che martellava.
Nulla nemmeno qui.

Solo i grilli stridevano, su per la ripa nera.

Tornai indietro, colto da brividi di freddo; e mi misi a sedere sul
parapetto, con le spalle alla svolta.

Un momento dopo, battevano le dieci.

Allora io pensai, nello sconfinato smarrimento:

--Se tarda ancora un momento, io muoio.

E veramente mi parve che il senso della vita mi abbandonasse.

D'improvviso un fruscìo alle spalle mi fece trasalire. Mi voltai, e
scorsi un'ombra.

Era lei!

--Volevate farmi morire!--le dissi stringendo la mano ch'ella m'aveva
pòrta: una mano inverisimilmente piccola.

Ella sorrise; ritirò la mano; e stette immobile, con la testa
abbassata.

Al lume incerto delle stelle osservai ch'ella aveva dei capelli crespi
straordinariamente fini e abbondanti. Con una mano ripresi la piccola
mano, con un braccio le cinsi la vita e l'accostai a me fino a sentire
sul petto la molle pressione del suo seno. Poi le scoccai un bacio sul
collo, travolto da un nembo di voluttà.

Ella rialzò il capo e mi chiese, incredula:

--Come è possibile che voi mi amiate?

E fece atto di volersi scostare.

--Sono due giorni che non vivo più. Ho bisogno di voi come dell'aria
che respiro!--risposi con un soffio di voce.

--In fondo a voi non c'è l'amore, c'è l'indifferenza, e forse anche il
disprezzo. È questa la verità.

Io negai, reciso.

Ma ella proseguì:

--Sono una sciagurata. Nessuno mi ha compatita, quando sono caduta.
Nessuno mi ha aiutata a rialzarmi. A ogni sforzo che ho fatto, mi son
sentita ricacciar giù e calpestare. E adesso ho paura: ho paura che
anche voi vogliate fare così!

Io protestai che sarebbe stata un'infamia--con un tono stridulo che
risvegliò in me, acuendolo, un disgustoso senso di avversione a me
stesso.

--È il desiderio che vi offusca la mente. Domani, quando vi
ridesterete, vi sentirete il cuore secco come una pietra. Lo so.
Lasciatemi. Non prendetevi giuoco di me.

Allora una nuvola di tenerezza passò sul mio spirito velando a' miei
occhi lo spettacolo della mia vergogna.

--Povera creatura tormentata!--esclamai.--Come potrei abbandonarvi? E
poichè la mia voce uscì ammollita di pianto io pensai, commosso, che
forse ero stato sincero,

--Sono appena quaranta giorni--ripigliò ella soffocata
dall'ambascia--che ho giurato sulla memoria del mio povero padre di
non credere più a nessuno. Prima di credere un'altra volta volevo
morire. Ed ora ecco la mia forza, ecco la mia forza! Ho detto a mia
madre che andavo a trovare la zia, quando sono uscita. Essa s'è
spaventata. Mi ha gridato:--Bada a te!--Se sapesse che sono qui, guai!

Tacque sorridendo; e nel sorriso la bocca le si schiuse, fresca come
una corolla di fiore sbocciato appena.

Allora io sentii sciogliersi i lacci che trattenevan l'onda della mia
passione; e mi buttai perdutamente a baciarla sulle labbra e sugli
occhi mentr'ella prorompeva in una lunga risata cristallina.

--Andiamo!--imploravo io.

Ella rideva ancora, con gli occhi socchiusi, offrendomi la bocca. Ma a
un mio morso sussultò tutta tra le mie braccia, arrovesciò il capo e
mise un suono inarticolato ch'era invito e promessa, fremito e spasimo
di piacere.

--Andiamo a casa tua!--gridai.--Non reggo più!

--Se mia madre si sveglia, mi ammazza!--tentò di opporre ella,
debolmente.

--Non si sveglierà!--incalzai io, diventato rabbioso nella
insofferenza dell'indugio.

Ed ella si lasciò smuovere, si lasciò condurre...



III.


... Le pareti bianche della stanzetta ov'ella m'aveva silenziosamente
introdotto; le due immagini sacre appese in capo al letto e racchiuse
entro una cornice dorata, il cassettone sormontato da uno specchio ne'
cui angoli stavano infisse alcune fotografie; le due poltroncine di
seta gialla, e il letto alto ed ampio, con lo zanzariere candido
alzato come a una offerta!...

Ella era corsa, muta, ad accostar gli scuretti; curva sull'uscio aveva
un istante origliato; aveva, con infinita cautela, dato due mandate
alla chiave (che rimbombo dentro il mio petto!), poi era venuta verso
di me con le braccia tese, me le aveva cacciate al collo, e m'aveva
susurrato, con la voce spenta:

--Sono tutta tua!

Ma io m'era subito svincolato da quella stretta.

Ed ella, fissandomi con le pupille fosforescenti che indovinavano il
mio segreto pensiero, s'era incominciata a spogliare.

La vezzosa testa china ricca di capelli fini, le mani che slacciavan
convulse il corpetto e il busto, l'onda del seno che traboccava, e i
colpi de' nostri cuori anelanti, in quel silenzio di tomba: che
terribili cose!

Ella era stata sublime, nelle furie della voluttà.

S'era abbandonata a tutti i rapimenti, a tutte le demenze. Mi aveva
insegnate le più riposte e più squisite vie del piacere. M'aveva d'un
colpo spalancato le porte d'un paradiso di delizie di fuoco. E m'avea
visto, trasfigurato dall'estasi, bere a lunghi sorsi, con avidità
feroce, alla coppa raccolta nelle sue mani.

Sull'alba io me n'era venuto via carico di sbalordimento e di stupore.

Ma già l'indomani, a una certa ora del pomeriggio, il desiderio era
inaspettatamente resuscitato in me, e m'aveva riafferrato, co' suoi
mille tentacoli.

La sera avevo rifatto quella strada, ed ero tornato a picchiare a
quell'uscio, come un affamato.--Era stata un'orgia più bieca e più
cupa della prima: e tuttavia non m'aveva saziato.

«Forse--pensavo--la vita è troppo breve, per votare intera la coppa.»

Ma intanto un vago senso di malessere aveva
incominciato--inavvertito--a strisciare e pesare dentro di me. E si
era fastidiosamente aggravato ogni volta che noi ci eravam concessi un
po' di tregua e la derelitta m'aveva scoperto un lembo dell'anima sua.

Gemendo, singhiozzando, ella m'aveva raccontato il suo gramo passato.

Aveva evocata la figura di suo marito: la persona slanciata coronata
da una bella testa di poeta--diceva lei--due occhi neri come carboni,
e dei capelli inanellati, neri e lucenti anch'essi.

E le prime indimenticabili dolcezze del nuovo stato. A diciassette
anni senza un timore, una cura, un pensiero: affrontando l'avvenire
con la baldanzosa e spavalda sicurezza della giovinezza che
ignora.--Allora ella s'era immaginata che tutto ciò dovesse durar
tutta la vita. E invece era durato appena tanto che il ricordo potesse
restare e trasmutarsi nel più doloroso tormento. Poichè era un
tormento di morte pensare a che ella s'era ridotta, e cosa le rimaneva
della festa di tutto quel riso folle e giocondo.

A misura che la malattia di ventricolo a cui egli era soggetto
s'andava esacerbando, si esacerbava il suo temperamento. Dappertutto
spigoli, dappertutto urti. E nulla che valesse a rasserenarlo più:
nemmeno i vezzi d'Irma, la più piccola e più graziosa delle due
bambine, la sua prediletta. Com'egli rientrava di ritorno
dall'ufficio, una cappa di piombo copriva la casa. I trilli delle
bambine, il ritardo di un minuto nell'apparecchiar tavola, una
pietanza mal riescita, una risposta un po' secca: il fatto più
insignificante bastava a metterlo sulle furie. Fracassava tutto quello
che gli capitava alle mani; poi pigliava il cappello, e se ne andava.
Lei dietro a scongiurarlo, a mani giunte, piangendo. E lui, niente.
Ella gli diceva:--Non vedi come ti riduci? E queste due povere anime
innocenti?--E lui a vomitare ignominie; e a picchiarla, persino. La
gente per la scala e giù per la strada risapeva ogni cosa e si
scandolezzava.--Dovreste provare a piantarlo--le suggerivano in
coro.--Vedreste. Dopo due giorni verrebbe a strisciarvisi a' piedi.

Ma ella no, ella no.

Quando l'itterizia lo aveva còlto e inchiodato in quel letto, ella non
se n'era staccata un momento. Il poveretto era diventato giallo come
lo zafferano, fino alle unghie delle dita; e non aveva più che pelle e
ossa.--Non garantisco nulla!--aveva avvertito il dottore. E per
quaranta giorni s'era dovuto nutrire a solo latte.

Alfine il pericolo era cessato, e la speranza era riapparsa, fra le
pareti della casa.--La prima volta ch'egli s'era alzato e avea tentato
i primi passi appoggiato al braccio di lei, che scoppio di
contentezza! Era una dolce estate di San Martino, sul principio di
novembre. Il cielo senza una nuvola, il mare senza una crespa: un sole
così tiepido, così benefico!

Delle ore intere egli se ne stava a sedere davanti a quella
finestretta, divertendosi come un bambino a osservar col binocolo il
traffico del porto, gli arrivi e le partenze de' velieri, od i vapori
che passavan lontani impennacchiati di fumo: una cosa che inteneriva!

Una sera persino egli le avea presa improvvisamente la testa fra le
mani, e l'aveva baciata, confessando con le lagrime agli occhi che
sapeva di doverle la vita, e chiedendo perdono di tutto il male che le
aveva fatto.

Ma appena ricuperate le forze--ancora da capo. Lo stesso umor nero, le
stesse procellose collere, gli stessi forsennati furori.

Finchè un bel mattino s'era dileguato lasciando sul tavolino una
lettera dove diceva che non gli bastava l'animo di seguitare così, che
l'unica soluzione era separarsi per sempre: ch'egli s'era fatto
trasferire lontano, in Sardegna: non lo cercasse più: desse un bacio
per lui alle bambine, e addio.

S'era portati con sè i risparmi di cinque anni: ed ella era rimasta
con le due bambine e la vecchia madre sulle braccia, e lo spettro
della miseria sulla porta.

Che fare?

Le sere che usciva sola a prendere una boccata d'aria per quella
strada lungo il mare, non poteva mai affacciarsi dall'alto del
parapetto a guardar gli scogli irti della riva senza sentirsi gelare
il sangue nelle vene, a un pensiero che la percoteva immancabilmente.

Ma sempre il ricordo di quelle due povere anime innocenti l'aveva
trattenuta, che dimandavan pietà co' grandi occhi smarriti, e che un
giorno l'avrebbero maledetta.

Ahimè! E non l'avrebbero maledetta a ogni modo?

Tanto è vero che quando il destino piglia a perseguitare invano si
tenta di sfuggire a' suoi colpi.

Per vivere ella s'era messa a cucire e a ricamare di commissione. A
Porto Maurizio, presso un banchiere, avea trovato lavoro per tre mesi:
aveva allestito lei quasi tutto il corredo per la figlia maggiore
fidanzata allora. S'era affaticata come una schiava, per riescir a
mettere in là un po' di quattrini, andando la mattina e tornando la
sera, sempre a piedi, per lo stradone polveroso che non finiva mai.
Pure a che cosa era giovato?

Una di quelle sere il primogenito del banchiere le si era avvicinato
con un pretesto, e l'aveva accompagnata un pezzo. E quando il sole era
scomparso e la strada s'era fatta deserta, le avea soffiato sul viso
certe parole infocate. Ella no! Ella no! Aveva altro pel capo! Non
voleva disonorar sè e quelle due tenere creature innocenti! E lui a
battere, a insistere, a giurare e spergiurare delle pazzie. Aveva
persino osato mostrarle una rivoltella piccola come una mano, che
teneva nascosta nella tasca interna della giacchetta, sospirando con
gli occhi stravolti:--Vedete, se mi lasciate senza speranza?--E
l'indomani di nuovo, a quello stesso punto, a quella stessa ora, con
quello stesso viso languido che la turbava, con quelle stesse parole
che le inondavano la faccia di rossore e le gettavano in seno un
improvviso scompiglio.

Così egli avea potuto, una volta, coglierla a tradimento. Aveva fatto
postar la vettura a quel recondito gomito della strada ov'ella non
passava mai senza un leggero tremito alle ginocchia. Le era venuto
incontro con gli occhi luccicanti e con una diabolica espressione di
trionfo. «Siete nelle mie mani!» le aveva detto. E l'aveva afferrata e
sollevata di peso, mentr'ella si sentiva mancare.

Dopo quella notte fatale, che vita!

Egli aveva affittata una villetta a mezzo cammino tra Oneglia e Porto
Maurizio, tutta velata di olivi. Era stato quello il nido del loro
perduto amore, dove s'eran promessi di non lasciarsi mai più. Oh
quante volte, rifacendo ella quel cammino, aveva veduto l'alba
nascente spargere intorno alle vette de' monti a oriente un umido
color di latte e di rose! Quante volte s'era soffermata a quella nota
svolta con le membra affrante dal piacere! V'era un fossato, laggiù,
in fondo a cui bisbigliava l'acqua, sommessa, scorrendo tra le pietre
e tra i roveti; e qualche pettirosso sempre vi si calava a bere, poi
risaliva ad appiattarsi nel roveto, a spittinare.

Nulla, nulla pareva potesse mai ammorzar quella febbre, spezzar quella
catena.

E invece!

Dopo quindici mesi, una bambina era nata.--Tutta lui, negli occhi
azzurri come la marina, e nei capelli biondi, fini come fili di seta:
una bellezza. Egli le aveva imposto il nome di sua madre, e l'aveva
data a balia a un paesello della valle di Taggia: tanto le si era
sentito legato.

Ma quando la difterite se l'era portata via, tutto s'era rapidamente
mutato, tutto s'era sfasciato. Egli s'era allontanato per gettarsi
nelle braccia d'una ballerina. Fiori, ori, gioielli: cosa non le aveva
deposto a' piedi? E lui, vile, ardiva negare! E faceva delle scene di
gelosia, lui che cercava i pretesti per abbandonarla! Inventava di
sana pianta delle storie di tradimenti, e gliele rinfacciava come se
fossero verità vive e parlanti.

E se ella piangeva, se si disperava, se gridava ch'era la fine, egli
si rivoltava: «Sono sazio di queste tue commedie!»

Era sazio infatti: sazio di lei e del suo tenace amore. Sentiva la
catena pesare, e voleva liberarsi.

Ed ella lo aveva liberato. Se n'era tornata a casa più morta che viva,
un mattino d'inverno.

E non aveva nemmeno avuta la consolazione di stringersi al petto le
sue due bambine, poichè la zia, inferocita, se l'era ritirate presso
di sè fin dal principio della relazione. Non aveva nemmeno potuto
sfogarsi con sua madre, giacchè essa le si era lanciata sopra per
cavarle gli occhi. L'aveva vilipesa, l'aveva pestata, le avea
gridato:--Meritavi peggio!

E non le avea lasciato requie, da quel giorno.

Sempre a morderla e flagellarla con ogni sorta di rimbrotti,
d'improperi, d'infamie. E a smunger denari per appagar le voglie della
sua gola!

Ella allora per affogar quelle amarezze aveva affrontato delle
amarezze maggiori. S'era data ad un altro che l'aveva anch'esso
attirata ed avvolta con le sue bugiarde promesse...

Così il supplizio era stato completo.--Agli occhi del mondo era
l'ultimo passo sulla via della colpa e della vergogna; e il mondo non
perdona. Anche le poche amiche che le eran rimaste le avevan tolto il
saluto, e le si eran voltate contro. La zia aveva proibito alle
ragazze di visitar la madre, anche furtivamente, una volta la
settimana, come solevan prima. Le donne al suo passaggio si tiravano
in là, per non lordarsi. Gli uomini rasentandola le scagliavano
occhiate e parole cocenti come staffilate.



IV.


--Ieri sera verso le otto sono passata. La finestra era aperta, ma tu
non c'eri. Nel ritorno mi son messa a sedere sul sedile di pietra,
davanti al tuo cancello, pensando: «Forse di lì a un po' si
affaccerà.» Non era quella, l'ora? Ho visto tuo fratello che
passeggiava sul terrazzo fumando.

Io risposi, improvvisando una bugia:

--Mi sono affacciato tre volte, e non ho visto un'ombra. Forse che
questo accadeva un minuto dopo che tu eri passata.

Ella soggiunse, insoddisfatta:

--Dove ti cacci, tu? Vivi tutta la giornata sepolto in casa tua tra
que' tuoi maledetti libri? Io verrò cinquanta volte in paese per
incontrarti, e non t'incontro quasi mai. Se sapessi le poche volte che
commozione! Appena ti riconosco di lontano, il sangue mi dà un tuffo.
Tu mi guardi alla sfuggita, come se passasse un'estranea. Io non posso
più staccarti gli occhi di dosso!

Poi che tacque, le posai una mano a sommo della fronte, e lentamente
insinuai le dita nella folta selva de' suoi capelli. Ella mi lasciò
fare, parecchie volte, reclinando un po' la faccia, sotto la dolce
pressione: come assorta, scoprendo la bocca e la gola alla luna.

D'un tratto riprese:

--Con quell'altro è durato quasi due anni, e poteva forse durare
ancora assai, se non capitava la disgrazia. Con te quanto durerà?

--Che pazza!---ghignai con una voce che non riconobbi per mia, mentre
la mia mano tremante tentava accarezzarle una guancia.

Ma ella si ostinava:

--Era un giorno di giugno, il giorno sette. Ho fatto il conto oggi che
sono ottantacinque in tutto. Mi giureresti che durerà ancora
altrettanto?

Nella ingrata necessità di sostenere una situazione falsa il mio animo
si inacerbiva.

--Smetti di torturarmi e di bestemmiare!--stridetti. E suggellai le
parole con un bacio, pur sapendo ch'eran esse le sole bestemmie, e che
il bacio era una perfidia.

La sconsolata tentennò il capo, incredula.

--L'altro mi dette una gran prova d'amore. Che prova mi daresti, tu?
Cosa sacrificheresti, tu?

E i suoi occhi fissi acutamente ne' miei tentavan scandagliarmi.

Allora le confessai ch'ero io pure uno spostato, un vinto della vita,
giacchè nella lunga accanita corsa verso que' miei folli sogni d'arte
e di gloria io aveva lasciato sul terreno a brandelli la miglior parte
di me, ed avevo perduto il sommo bene ed il sommo conforto, cioè la
capacità d'amare col completo abbandono dell'essere. Nessuno avevo io
mai saputo amare a quel modo: nemmeno mio fratello, nemmeno mia madre!

Mirando ad ottenere il doppio scopo di eccitare la sua compassione e
di appagare insieme un molesto bisogno di purificazione che
serpeggiava in fondo a me, mi spinsi fino a dirle che mi conoscevo
colpevole, indegno, abietto, dinanzi a lei!

Ella aveva abbassata la faccia, ascoltandomi. Quando l'alzò, due
grosse lagrime le scivolaron giù per le gote brillando. Non parlò, non
mi guardò, nemmeno. Asciugò col dorso della mano le lagrime, e
ricacciò indietro i ciuffi che le ricadevan sulla fronte, come per
liberarsi da un pensiero che la volesse schiacciare.

Nel silenzio, attraverso la folla degli ulivi veglianti in attitudini
desolate, saliva intanto la voce del mare che narrava il peso tragico
della vita e l'insopportabile affanno.

--Ho io forse una speranza? Sono io forse necessaria a qualcuno? Se
domani tu sentissi ch'io fossi morta, cosa proveresti tu?

A queste parole io mi rivoltava come a uno spettacolo di sangue. Era
mera compassione, che mi pungeva: ed ella, l'illusa, nel suo intimo
credeva forse ancora che potesse essere amore!--Io sapeva che s'ella
avesse attuato il funesto disegno non avrei sparsa neppure una
lagrima, che il giorno dopo l'avrei dimenticata, che avrei fors'anco
provato un gran sollievo, che avrei riabbracciato la vita con un nuovo
trasporto di gioia: e tuttavia gridai:

--Mi vuoi attossicare?

Ma quando ella si levò con un gesto costernato, e mi si avventò al
collo singhiozzando: «Perdonami!» e mi tempestò di baci, que' baci nei
quali si dibatteva la disperata ansia del naufrago che tenta
aggrapparsi all'ultima tavola di salvezza,--da capo io vidi nella sua
repugnante nudezza tutta l'oscenità della mia commedia.

Nauseato e avvilito, mi staccai dal fianco dell'inconsapevole, quella
notte.

E l'indomani mi svegliai soffocato dallo sgomento di chi
all'improvviso si vede prossimo ad affogare.--Ahimè che cosa ho io
fatto!--mi domandavo con le mani nei capelli.--E pensavo: «Ella non è
solo fango. Anche nel suo corpo vive e s'agita un'anima capace di
godere e di soffrire. E tu non sospettasti neppur questo,
accostandotele! Con un meschino inganno l'avvolgesti, e l'asservisti
alle tue basse voglie. Come fosse fango ti avvoltolasti in lei! Ella
ti porgeva una mano credendo alla tua parola che le prometteva di
aiutarla a rialzarsi, e tu di nascosto sputavi su quella mano! Di
nascosto la calpestavi! Chi ti dava dunque il diritto di far tutto
ciò?»

A più riprese m'ero risposto che questo diritto mi derivava dal fatto
stesso della irreparabile condizione in cui ella era precipitata, e da
cui nessun umano sforzo di generose energie l'avrebbe più saputa
ritrarre.

Ma un tale ragionamento ed altri simili che andavo facendo, non
raccoglievan altro effetto che quello di rivelar meglio a' miei occhi
le mie occulte vergogne.

In verità un senso di scontentezza e di disgusto aveva sempre
ondeggiato in me ogni volta che m'ero strappato alle braccia della
misera. Un fastidioso fumo d'inquietudine aveva sin da' primi giorni
turbato e offuscato il mio spirito.--Ed ora io non poteva appuntare il
pensiero nell'enigma dell'avvenire senza che una paura di abisso mi
agghiacciasse le reni. E mi rodevo, e mi struggevo, rievocando
involontariamente le memorie del mio antico passato: un passato puro e
immacolato come la vita di un fiore. La vista, così dolce un tempo, di
quella casa, di quel terrazzo, di que' luoghi che avevano assistito
allo sbocciare della mia giovinezza felice, mi riempiva ora di
amarezza; gli occhi di mio fratello, quegli occhi che si posavan su me
timidamente, e mi accarezzavan affettuosamente inquieti, e
m'interrogavan muti e dolenti,--e le parole, quelle rare parole rotte
con cui egli trepidando tentava sollevare il velo del segreto che mi
circondava,--tutto ciò mi premeva, mi pungeva, mi trafiggeva. Schiaffi
roventi eran quelli sguardi, quelle parole, quelle carezze, poi che
non eran più per me, ma per un altro che da me era esulato, per
l'antico fratello, compagno d'innocenza e di candore.

Allora io assumeva un'aria quasi ostile. Fremente di dispetto e
d'indignazione, mi levavo d'avanti a Giovanni, con un gelido saluto, e
mi rifugiavo nel mio studio.

Ma nella solitudine e nel raccoglimento il tormento diventava più
penoso e più acuto. Qualche carta abbandonata che serbava, incompiuta,
la traccia luminosa d'un pensiero d'arte e di poesia anelante, ebbro
d'azzurro, all'Alto; qualche libro nella cui lettura mi solevo beare
come in un divino lavacro ideale, e che aveva dischiuso agli occhi
della mia mente stupita ed avida nuovi orizzonti e nuovi cieli, che
aveva mantenute deste e rinvigorite le mie nobili energie, e mi aveva
insegnato il desiderio e la visione d'un'Arte eccelsa, grande e
serena,--tutto insorgeva unanime contro di me, e mi accusava.

--È necessario--gridai a me stesso togliendomi di schianto alle
riflessioni in cui m'ero sprofondato passeggiando sul terrazzo un di
quei giorni--è necessario che questo abbia fine!

Salii risoluto le scale, entrai nello studio, afferrai la penna, e le
scrissi.--Le confessai che fino a ieri l'avevo vilmente ingannata. Che
non l'avevo amata, che non l'amavo, che non potevo amarla. Che la mia
coscienza si riscoteva ora dal suo obbrobrioso torpore, e m'imponeva
di troncare la relazione. Io non poteva nè voleva esitare ad obbedire.
Addio. Mi dimenticasse. Mi perdonasse, se potesse. Fino a ieri l'avevo
vilipesa. Da oggi incominciavo a stimarla e a rispettarla.

Tutta la notte non chiusi occhio. Aspettai la risposta sudando freddo,
come il reo che aspetta la sentenza. E la risposta venne: ma
tutt'altra da quella ch'io m'era immaginata. La derelitta non inveiva
nè implorava: si rassegnava con repressa amarezza, incolpando sè e
l'avverso destino!

Io bagnai di lagrime di riconoscenza, di rimorso e di umiliazione quelle
parole che in luogo di condannarmi mi proscioglievano e mi restituivan la
mia libertà e la mia dignità d'uomo. E mi riconsolai pensando la nuova vita
che mi si apparecchiava; e giubilai, guardandomi attorno. I libri dagli
scaffali, i ritratti dalle pareti sorridevano di compiacimento; gli ulivi
che sormontavan con le cime nel vano della finestra annuivan con cenni di
consenso e di augurio: uno spirto di pace di serenità e di letizia
rinnovellate brillava in grembo all'aria e sulle cose, circonfondendole di
un inusitato fascino di poesia e di bellezza.--Oh la tenerezza appassionata
che inumidiva certi primi sguardi, che vibrava in fondo a certe prime
parole susurrate con Giovanni nella quiete solinga ombrosa del terrazzo,
come a un convegno di innamorati che si riconciliano! E il sottile squisito
diletto di riaprir certi libri su cui la polvere e l'obblio s'erano a lungo
posati; la commozione del vedere a certe letture inaspettatamente
risorgere, quasi per opera di magia, una cara folla di idee, di sentimenti,
di immagini, di affetti legati ad un dolce passato di cui tutto credevamo
perito in noi, persino il mesto ricordo! E la impetuosa concitata gioia
dell'ascendere e toccar col pensiero le aeree vette dell'Ideale, per
lanciare di lassù uno sguardo vittorioso e superbo alla misera vita vana ed
effimera brulicante nelle brume del piano!

Lunghe ore rimanevo così seduto innanzi alla finestra del mio studio
spalancata, o sul sedile di pietra del terrazzo, ora assorto nella
contemplazione delle grate visioni interiori, ora in quella della
natura esterna che mi attirava e mi soggiogava con le sue ineffabili
grazie.

Lasciavo lentamente errare lo sguardo pel giardino intorno irrorato
dalla rosea luce del vespero, o su per la linea ondulata de' ceruli
monti lontani incoronati dalla gloria del sole che loro cadeva alle
spalle, o su per l'ampia distesa della marina che s'increspava a
quell'ora e si popolava di vele che venivan giù gonfie, in braccio al
ponente.

Ma le ombre si allungavano, rapide; la rosea luce moribonda tremava
un'ultima volta nell'aria, sospesa come un desiderio fuggitivo; e il
cielo si oscurava, i fumi salivano, torpidi; una campana, desolata,
nel silenzio ricordava e piangeva, mesceva memorie e lacrime.

Così, pari ad una fontana inesauribile, la Natura versava nel cavo
dell'anima mia sonora le divine armonie della sua misteriosa ed
infinita bellezza.

E la mia anima le ripercoteva, estasiata.



V.


Pure una sera, mentre attendevo Giovanni, solo, nella dubia luce del
crepuscolo, mi assalì il ricordo di _lei_: l'acre violento ricordo del
suo profumo e delle sue carni.

Oh la mia povera anima! Sopra i carboni ardenti del desiderio come si
contorceva, come gemeva, come ululava!

D'un tratto una scampanellata risonò nell'atrio; e di lì a un momento
Giuseppe entrò con un biglietto.

Io stesi la mano a ghermirlo, col cuore che mi batteva.

Mio fratello mi avvertiva che rimarrebbe ancora qualche giorno a
Dolcedo, un borgo della valle di Porto Maurizio che gli aveva fornito
il soggetto d'un quadro.

Io esultai: più che se fosse stato un biglietto di lei (come nel
calore dell'immaginazione m'ero dato a credere), un biglietto che mi
dicesse: «Vieni, non reggo più!»

Libero ormai dalla imbarazzante soggezione della presenza di Giovanni,
non diventava io padrone di me? Quali ostacoli avrebbero avuto forza
di arrestarmi o solo un poco trattenermi sulla ruinosa china fiorita?
Il mio scialbo sogno di purezza, di dignità, di pace! Che cosa valeva,
che cosa poteva esso più di fronte alla realtà fiammeggiante di quel
paradisiaco bagno di piacere, il cui pensiero bastava a mettere in
tumulto tutto il mio sangue?

Silenzioso come uno spettro scivolai per la lunga scala, attraversai
il giardino e uscii, fingendo di non udir la voce di Giuseppe che
dall'alto del terrazzo mi richiamava per la cena.

Laggiù trovai la stradicciuola già buia. Il grillo che strideva
ancora, su per la ripa nera. Il mare che suggeriva oblique lascivie,
leccando la spiaggia supina con guizzi di voluttà impudici rilucenti
nell'ombra.

D'un colpo un vento di delirio m'investì e mi squassò; una fitta benda
mi calò sugli occhi.

In capo al muricciuolo m'era apparsa la figura di lei, immota, curva
ad aspettare.

Ma presto cadde la benda. Non era _lei_. Era una figura maschile: un
giovane, forse.

--Scellerata!--pensai. E un'ondata di sangue mi montò al
cervello.--Cosa oserai rispondere quand'io ti intimerò:--Non mentire!
Con questi occhi ho veduto!--?

La libidine della carne si mescolava a quella dell'oltraggio: a
vicenda si rinfocolavano, nel satanico connubio.

Appena svoltato, gettai avidamente uno sguardo al breve tratto di
strada che mi separava dalla casetta, e alle finestre. E provai una
gioia amara nel veder tutto deserto, tutto buio.

In punta di piedi mi spinsi fino al memore cancelletto che tante volte
aveva cigolato al mio passaggio,--e chiamai:

--Susanna!

E stetti ad aspettare, col collo teso, la faccia supina, nel silenzio,
in preda a un affanno mortale.

--Susanna!--replicai, spaventato dalla mia stessa voce che tremava
forte.

Ed aspettai, senza respiro, senza un'oncia di sangue nelle vene.

Alfine qualche cosa si mosse, dietro la tendina che biancicava: un
leggero romore s'intese, la finestra si aprì; una vita bruna si piegò
verso me.

--Sei tu?

Un incredibile, inenarrabile sogno!

E pure era la sua piccola mano deliziosa che mi si tendeva nell'ombra,
era la sua vita flessuosa ch'io stringeva, era l'alito della sua bocca
ch'io beveva, eran le sue labbra rosse come il melograno ch'io
suggeva!

--Come mai?--interrogò ella con una voce molto velata, quasi
rauca,--che cosa è accaduto?

Io risposi:

--Credevo di poter vivere senza di te! Credevo di poterti scordare!

Ella mi prese tutte e due le mani, e mi chiese, con quella sua voce
fioca, che pareva di sepolcro:

--Pietro, sarebbe vero?

Ma d'un tratto si svincolò, si coperse la faccia, e mormorò,
costernata dal ricordo:

--Anche allora avevi giurato!

Io le strappai le mani dal volto, le inghirlandai con le mie braccia
il collo, ed esalai, curvo sulla sua bocca triste:

--Luce delle mie pupille! Non vedi come mi ti striscio a' piedi? Non
vedi come sanguino? Abbi pietà!

Quasi non avesse udito, ella taceva, piegato il mento sul petto che
pulsava agitato.

Ma io, reso audace dal presentimento e dalla visione della vittoria,
la urtai alle reni e la sospinsi. Tutto fremente le domandai:

--Dorme tua madre?

--Non è qui,--sospirò ella.

--Tornerà presto?

--Non credo che tornerà più. Ci siamo bisticciate, oggi. Non senti che
voce? Le dissi ch'ero incinta, e lei mi fece una scena. Pretendeva che
ti scrivessi.--Pestatemi--le dissi:--non gli scriverò.--Ella mi venne
co' pugni sul viso. Mi picchiò, mi afferrò pe' capelli, mi sbattè
contro il muro come un cencio. Guarda qui la piccola ferita. E se
n'andò minacciando di correre da te. Per carità: se mai venisse non
darle ascolto. Cacciala via!

Io non pensavo che a quell'unica cosa incredibile, scoppiata sul mio
capo col fragor della folgore.

--Incinta?--balbettai, pieno d'orrore, sentendo rizzarmisi i capelli.

Nell'ombra ella non potè certo scorgere l'espressione del mio volto,
nè i goccioloni di sudore che m'irrigavan le tempie. Ma la mia voce mi
tradì, alterata da quell'orrore.

--Lo sapevo,--soggiunse ella dopo una pausa che mi parve eterna,--lo
sapevo che questa notizia t'avrebbe un po' sconcertato. Avevo pensato
di non dirti nulla, perciò. Non volevo che avessi noie a cagione di
me. Poveretto! La colpa è stata mia: lo so: sono io che la devo
scontare! Di che ti vuoi dar pensiero, tu? Un giorno, questo m'avrebbe
schiacciata, è ben vero. Mi ricordo quella volta: s'ei non m'avesse
fatto un po' di coraggio, addio. Avevo già deciso, dentro di me, in un
lampo. (Oh l'avessi fatto davvero!) Adesso, invece, mi adatto. M'hanno
piantata lì come un cane. So che domani, appena sapranno, strilleranno
più forte, e mi mostreranno tutti i loro artigli. Che importa! Finchè
mi restano quelle due poveracce! Mia zia ha già insegnato alla prima
che sua madre è una mala femmina appestata. «Guai a voi se vi lasciate
baciare! Guai a voi se accettate una carezza!»--Ma quelle povere anime
di nascosto vengono a trovarmi, e mi raccontano tutto, e mi vogliono
bene.--È nostro padre, che ha trattato male--dice la Irene. E per
questo l'altro giorno da sua zia s'è buscata un ceffone.»

Trangugiò in silenzio quel po' di fiele; poi, con un tono estremamente
dolce, conchiuse:

--Ma tu non preoccuparti. Non vedi? Non ti chiedo nulla. Non cerco di
aggrapparmiti. Ti rendo tutta la tua libertà.

Io avrei preferito ch'ella m'offrisse qualche pretesto di ribellione,
per non trovarmi costretto a denudare la mia ributtante viltà. E fu
nell'insano desiderio di ricoprirla, cotesta viltà, che osai
affacciare--di mezzo a certi ipocriti avvolgimenti di frasi--un
ingiurioso dubbio.

--Miserabile!--ruggì ella, troncandomi le parole in bocca.--Perchè
venivi dunque? Chi ti aveva chiamato?... Lasciami! Non toccarmi! Se
sapessi che ribrezzo mi fai!

Invano tentavo, con le mie mani, di trattenerla. Ella si dibatteva,
nella stretta; si divincolava con tutta la persona, come se realmente
il mio materiale contatto dovesse ammorbarla.

--Per carità, Susanna, sentimi!--insistevo tra smarrito e furente.

Ma ella no. Era riuscita a sfuggirmi, s'era avventata all'uscio,
teneva già la mano sulla chiave.

Nel colmo dell'esasperazione, io mi cacciai perdutamente in braccio
alla mia viltà.

--Bugiarda!--le scagliai alle spalle,--ho visto chi ti aspettava
stasera al solito posto!

L'offesa si rivoltò con un sibilo di belva ferita, e mi sputò in viso
il suo estremo insulto. Poi s'affisse davanti a me fieramente: quasi
avesse raccolto una sfida, ed attendesse l'assalto, impavida.

Ma quando si sentì abbrancare alla vita, e vide la mia mano levata
nell'aria come una scure, mi si lasciò sdrucciolare a' piedi.

--Ammazzami!--soffiò.

E dette in uno scoppio di pianto.



VI.


Come l'assassino dopo vibrato il colpo nell'ombra, ero fuggito. Tutta
la notte ero incessantemente fuggito: e sempre invano, poichè avrei
voluto poter fuggire me stesso, o poter credere che fosse un sogno
d'inferno quello che m'era balenato alla mente.

Ed era invece realtà vera, irrecusabile, indistruttibile!

In una di quelle malvage sere in cui quasi un'altr'anima entrava in
me, briaca de' fumi di una immonda passione--in uno di que' turpi
abbracciamenti in cui io saziava, latrando, i pruriti di quella
lebbrosa passione--io aveva generato un essere. E questo essere
maturava ora nelle viscere di quella donna, succhiando i germi del
vizio e dell'abbrutimento. E sarebbe un giorno venuto alla luce--chi
sa con che anima!--e sarebbe stato _mio figlio!_

In nulla avrebbe egli potuto appartenermi, poichè nulla di veramente
mio avevo dato a quella donna, poichè in quell'infame connubio non
avevo portato che la feccia, putrida e fetente, di me stesso. Non un
palpito, non un guizzo, una scintilla, un alito del mio vero _io_:
nulla! E tuttavia egli sarebbe stato _mio figlio!_ Egli m'avrebbe
forse fisicamente rassomigliato. Io avrei forse riconosciuto in lui
l'ampiezza della mia fronte, il color de' miei occhi, il taglio della
mia bocca. Tutto avrebbe gridato contro di me. Avrei dovuto posargli
una mano sul capo e benedirlo, e accoglierlo fra le mie braccia, e
serrarlo al mio petto: e questo mentre la mia anima lo repudiava,
mentre tutte le fibre del mio cuore lo respingevano con un fremito di
repugnanza e di orrore!

E l'enorme schifosa macchia non si sarebbe mai più cancellata; e la
sorda, occulta, inconfessabile angoscia, non avrebbe avuto fine mai
più!

Addio! Tutto adesso veramente si spezzava, si sfasciava, ruinava.
Innocenza, purezza, serenità: tutto era distrutto, sommerso, perduto:
e per sempre!

Seduto in capo a quella ultima scalinata del molo con la testa fra le
mani seguitavo a guardare inebetito le acque nerastre, quando un nuovo
pensiero ruppe nella mia mente con un bagliore acuto e improvviso.

--E se fosse un colpo di astuzia? Se, approfittando della mia patente
inesperienza e del mio cieco confidente ottimismo, ella m'avesse fin
dal principio ingannato? Ed io, nell'esaltato travaglio di quella
crisi morale, avessi soggiaciuto a dei ridicoli rimorsi,
prosternandomi davanti a un tipo quasi ideale di rejetta e vinta nella
diseguale lotta della vita: un tipo che io stesso con le mie mani
commosse di reverenza mi fossi foggiato, mettendolo al posto della
realtà volgare ed urtante?--Quando ella s'era vista lasciare, non
s'era mossa, per corrermi dietro. In nessun modo m'aveva cercato. Non
aveva messo una lacrima, non aveva proferito una parola che tradisse
il desiderio di ripossedermi.--O non era forse questo il mezzo più
efficace e più sicuro per riattirarmi?--Nel darmi adesso il terribile
annunzio, aveva con bel garbo insinuato che sua madre verrebbe a
trovarmi. E se una intesa esistesse fra la figlia e la madre? Se tutto
ciò non fosse che una losca farsa architettata a' miei danni? Se non
fosse che un triviale ricatto?

Considerando simili ipotesi, facevo come colui che sogna cose
meravigliose e felici, e mentre loro sorride con gli occhi, in cuore
già s'attrista, mòrso dal dubbio di sognare, e piange pensando che
l'alba presto verrà a spazzar le rose e gli ori, e a spargere ovunque
cenere fredda.

Misero me! Ciò che soprattutto mi aveva colpito, osservando la figura
morale di lei, non era forse quel profondo marchio di sincerità che
improntava ogni sua manifestazione? Ciò che m'aveva intimamente
toccato, non era quella totale rinunzia ad ogni speranza, quella
rassegnazione spruzzata quasi di sprezzo e di scherno, ma grondante di
segrete lacrime amare?--Come una di quelle creature a cui i soverchi
pesi della vita e i procellosi urti della sventura han logorate e
svigorite le molle del volere, ella era venuta a me quasi senza
resistenza, illudendosi forse per un attimo di potersi scaldare a una
fiammata di affetto. Aveva un istante creduto alle mie ribalde parole;
e m'aveva aperte le braccia.--Ma appena io, vergognandomi di me
stesso, m'ero levato e codardamente allontanato,--ella aveva
incrociate le braccia sul suo smunto seno, ed aveva abbassata la
testa: rigida e muta come una statua di pietra.

Ed era costei quella a cui, per supremo oltraggio, attribuivo ora una
bassezza che solo la mia mostruosa perversità poteva concepire!

Oh come accanto a me appariva ella grande, nella coscienza della
propria irreparabile abiezione e nell'austera fierezza del proprio
sdegno!

E come invano io annaspava e lottava per distornar dal mio capo la
giusta e severa condanna!--Mani e piedi incatenati dovevo, co' miei
occhi, assistere al mio perpetuo supplizio!

Perpetuo, mi dicevo. E tuttavia non credevo, non mi risolvevo a
credere.--Chi sa! Il pauroso essere ancora non era venuto alla luce.
Appena esisteva nel grembo di lei come informe embrione privo di
coscienza, e che nulla aveva di umano. Se la Natura, provvida, prima
che raggiungesse il suo completo sviluppo, l'avesse distrutto? O se la
mano di colei, in un istante di criminosa demenza, si fosse rivolta,
per odio a me, contro il frutto delle proprie viscere?

Ma infine un'altra via mi restava: una via obliqua e obbrobriosa, ma
facile e sicura.

Il tremendo segreto era posseduto da una sola persona al mondo dopo di
me: e costei non era degna di fede!

Impunemente io avrei potuto rinnegar la paternità di quell'essere.
Davanti a tutto il mondo avrei potuto giurare, con la fronte levata,
senza arrossire, senza battere ciglio. Avrei potuto rimaner l'_unico_
testimone della mia infamia: e vivere, come tanti miseri fanno,
stringendo un losco mercato con la propria coscienza.

Chi sa!

Il tempo avrebbe, forse, mitigata l'acre acerbezza di tutte quelle
cose. Io mi sarei allontanato da quei luoghi e da _lui_. Mi sarei
ricacciato in braccio all'Arte ed ai miei folli sogni.--O forse,
ribellandomi arditamente alla schiavitù di quel selvaggio feroce
egoismo a cui avevo fino allora aggiogata la mia esistenza, mi sarei
innalzato ad una più nobile visione della Vita: mi sarei tuffato nelle
pure e fresche correnti di un sublime ideale altruistico: avrei ad
esso votato tutto me stesso: fino all'ultima stilla di sangue: e avrei
così ricomprata la mia dignità d'uomo e la mia pace....

Scoccavano le undici, quando mi tolsi di là per incamminarmi verso
casa.

La luna, di recente apparsa, spandeva dall'alto dell'opaco azzurro
sulla costa e sulla macchia del paese la sua bianca e fredda luce.

Salire su per lo stradone squallido, sotto la bianca e fredda luce;
riaprire il cancello stridulo, e ridestar gli echi della villa
dormente, doveva essere una cosa carica d'immensa tristezza.

Col piede sul gradino del cancello mi arrestai, la testa nelle mani,
esitando.

Poi mi feci animo: sospinsi il battente, traversai, come un ladro, lo
spazio ghiaioso, ed affrontai la lunga scala.

La voce del cucùlo che cantava nascosto nel folto dell'oliveto; una
folata di vento che passò sul mio capo improvvisa facendo stormire gli
alberi; una foglia secca che cadde, roteando, a' miei piedi: tutto ciò
mi riempì di spavento. Quando giunsi sul terrazzo, e potei co' miei
occhi accertarmi che il sedile sotto il mandorlo era vuoto, respirai.

Già in fondo alla scala avevo trasalito, al pensiero di trovarvi mio
fratello immobile, con le mani conserte, come un giudice, a domandarmi
ragione!



VII.


--Quello che la vostra coscienza vi suggerisce!--proferì la vecchia,
intimidita forse dalla ostilità del mio atteggiamento.

Cavai il portafogli, e ne estrassi un grosso biglietto di banca.

--Tenete!--le dissi, senza guardarla, mentre ella sporgeva le mani
grifagne.

--Se Dio vuole--ripigliò con l'evidente intenzione di dirmi cosa grata
e compensarmi almeno in parte dell'atto generoso--se Dio vuole è un
affare che scorre liscio come l'olio. La levatrice m'ha assicurata che
non l'allunga fino a domattina. Appena il bimbo sia nato m'incarico io
di portarlo all'Ospizio. Nessuno m'ha da vedere, nessuno ne ha da
saper niente. Niente chiacchiere, niente pettegolezzi. Susanna
strillerà, lei che vorrebbe darselo a balia. Lasciatela strillare. Una
volta che la faccenda sia fatta, si adatterà. E se non s'adatterà,
tanto peggio per lei. Doveva pensarci due volte, prima di mettersi
negli impicci, quella carogna.

--Scusatemi,--ruppi con uno sforzo, levandomi in piedi
subitamente,--avrei un impegno...

L'importuna comprese. Si levò anch'essa; fece in fretta le sue scuse e
i suoi ringraziamenti, e si avviò.

Io rimasi così ritto fino a che non udii la porta del pianterreno
richiudersi con un colpo secco: allora, cadendo sulla seggiola, ebbi
la sensazione di piombare in fondo a un pozzo.

--Spaventoso!--pensavo, colla faccia nelle mani.

Come il sole sorgeva il mattino dall'orizzonte, come sul mio tetto i
passeri garrivano, come il mandorlo del terrazzo metteva i suoi
fiori,--così, naturalmente, necessariamente, inevitabilmente, sarebbe
egli venuto alla luce!

_Domani_, aveva detto tranquillamente la strega.

In qual modo adunque avevo io vissuto fino a ieri? Come avevo,
vivente, potuto assistere al precipitare del dramma? Che cosa aveva io
fatto per parare il terribile colpo?

Mi passavo una mano sulla fronte ghiacciata; e penavo a rievocare e
ricomporre i ricordi, come se una barriera di cent'anni si fosse d'un
tratto frapposta tra quel passato e me.

Stoltamente, pazzamente da prima m'ero adoperato a cancellare e
disperdere gli ultimi esterni vestigi di rapporti con la sciagurata.
Avevo dato a credere a me stesso che, una volta raggiunto quello
scopo, mi sarei sentito estraneo a lei ed al temuto avvenimento,--e
sarei stato salvo. Parecchi giorni dopo la memorabile scena, ero
andato a reclamar le mie lettere, in preda a una straordinaria
agitazione, attanagliato dalla paura che con un pretesto ella si
rifiutasse; o che--come s'addiceva meglio alla franchezza del suo
carattere,--mi dichiarasse di voler tutto serbare per poter a suo
tempo portar le prove che mi smascherassero.

Invece, nulla di tutto ciò!

Ella m'aveva semplicemente detto, con un sorriso mordace:

--Tanto, le avrei buttate nel fuoco!

Io avevo allungato la mano rapace, non credendo a me stesso. Le avevo
prestamente raccolte e deposte in fondo alla tasca interna della
giacchetta. E quando avevo potuto mettere il piede fuori del
cancelletto, m'ero dato a scappare di corsa, leggero come un uccello.
In capo al molo, alla luce verdastra del fanale, le avevo tutte scorse
ad una ad una,--dando di tanto in tanto una sguardata sospettosa
intorno. Dipoi, ridotte in minutissimi brani, le avevo strette nel
pugno; m'ero calato giù tra le macchie dei massi al mare; m'ero sporto
con tutta la vita, avevo aperto il pugno,--ed ero risalito tacito
nell'ombra, simile a un malfattore.

Un alito di sollievo aveva sfiorata la mia fronte. Quas'io fossi
scampato da un pericolo di morte, avevo provato la sconfinata gioia
della salvezza e della vita.

Ma l'indomani, ridestandomi, non era più stato così! Le eccezionali
emozioni della sera m'erano parse inesplicabili, incomprensibili. A
che poteva giovare--mi dicevo--aver sottratte le lettere, se la mia
coscienza, se tutte le cose intorno insorgevan gridando con voci alte
e formidabili?

Allora avevo cercato refugio lungi da quei luoghi crudeli, da quelle
cose spietate.

A Genova m'ero imbarcato sopra un vapore, per Napoli. Napoli e la sua
riviera erano state un sogno della mia prima giovinezza. Chi sa! Forse
mi sarei beato ancora negli spettacoli della Natura come a' felici
tempi in cui gli ultimi purpurei strascichi d'un tramonto che
agonizzasse sul mare, o le perle e i gigli d'un'alba che si alzasse
pel cielo fresca e pura come uno zampillo di fonte o come un giulivo
canto di vergine; o gl'intatti candori d'una notte attonita di
silenzio e di luna, pari a un arcano tempio poggiante sopra colonne di
sospiri:--queste semplici cose bastavano a rapire e imparadisar
l'anima mia.

Ma troppe corde omai erano stanche di vibrare, in lei!

Napoli e la sua decantata riviera.--Una scialba visione, passata
innanzi ai miei occhi senza una parvenza di vaghezza, senza un lampo
di seduzione!

E me n'ero tornato a Genova.

Avevo tolto a pigione un quartierino sul porto, dal lato d'occidente,
e dato a mio fratello l'annunzio che mi mettevo a lavorare, mentre
appena avevo in animo di tentare. Ma poi che m'ero trovato dinanzi
alle cartelle bianche, un indicibile sgomento m'aveva assalito. Invano
m'ero studiato di risvegliar la mia fantasia, invano avevo chiesto al
mio cervello un'idea.

Avevo finito per gettarmi a capofitto nel vortice dei rumori e delle
distrazioni cittadine. Avevo voluto stordirmi, visitando
un'esposizione d'arte, frequentando assiduamente i teatri e i caffè,
annodando effimere amicizie. Una sera ero anche andato a un comizio di
popolo. Ed avevo, la prima volta, inteso a parlare dell'infinito
cumulo di miserie e di dolori che grava e accascia e atterra la grande
maggioranza dell'Umanità. E d'un ideale di Eguaglianza che spuntava,
come un grande astro recente, sull'orizzonte della storia, lucente
messaggero d'un'êra di Giustizia e di Pace, e d'una Umanità
rigenerata. Un ideale che soltanto un manipolo di buoni e di forti
osava oggi proclamare e difendere: ma che tutto il mondo in un
prossimo avvenire avrebbe riconosciuto e inchinato.

Era un giovane, che parlava; una pallida figura d'asceta: pallida e
luminosa.

La sua voce tonava nella sala, veemente e commossa, in un silenzio di
tempio. Brividi di consenso attraversavano la folla. E il radioso
ideale emergeva, con la sua gran luce abbagliante. E la sospirata Vita
si offeriva, leggiadra di armoniche bellezze.

Ero uscito di là col cuore che mi scoppiava. La sera avevo lungamente
passeggiato sulle _terrazze_, meditando ciò che avevo udito,
fantasticando, e promettendo a me stesso di togliermi alla colpevole
accidiosa inerzia in cui poltrivo,--e iniziare la nuova Vita
stringendomi a quel manipolo di buoni, e sposando la loro causa.

E l'indomani avevo voluto conoscere quell'uomo.

Egli era venuto a trovarmi lassù nella mia stanzetta al quarto piano,
dove solo il volo delle rondini di quando in quando arrivava con certi
gridi prolungati, ebbri anch'essi di azzurro e di sole. E m'aveva
stretto la mano come a un fratello, parlandomi a lungo con quella sua
voce che pareva una musica, e fissandomi con que' suoi occhi stellanti
in cui risplendeva tutta la luce del mondo ch'egli predicava.

--Perchè non scrivi?--m'aveva detto.--Sotto il magico velo dell'Arte
l'Idea passa più fulgida di fascino e di bellezza.--Scriverò!--avevo
risposto io, col cuore gonfio di tenerezza e di ambascia. Ed avevo
avuto un momento di debolezza: ero stato lì lì per prender la sua
mano, la mano affilata e rigata di vene azzurre che posava sulla
ringhiera,--e confessargli il peso insopportabile del mio
passato.--Lassù, dinanzi a quella finestra, a quell'ora, mentre le
ultime rose del sole appassivan sulla parte alta della città, e nembi
di violette si rovesciavan sul porto, e qualche goccia d'oro cadea
brillando sulla nera folla dei vapori.

Erano stati quelli i miei migliori giorni!

A traverso le agitate febbrili letture nelle quali m'ero sprofondato,
la mia fantasia s'era eccitata; era tornata fervida ed agile. Nelle
lunghe passeggiate notturne avevo ordito la tela d'un nuovo romanzo,
in cui avrei a piene mani versati i freschi fiori odorosi della mia
fede e le folli candide spume del mio entusiasmo: e m'ero accinto
all'opera sorridendo, forte di fiducia e di amore.

Ma d'improvviso, pari a una molla lungamente compressa, era risorto il
terribile pensiero flagellatore.

Una sera che m'ero messo, senza disegno, a vagar pe' vicoli della città
bassa, sfinito da un'intera giornata di fatica cerebrale,--l'ululo della
tramontana era passato sul mio capo con un'ala di spavento. Una voce
interiore aveva gridato:--Come puoi vivere quì, mentre l'avvenimento di
morte laggiù si matura?--E l'antico gelo m'era sceso nell'ossa. E il
pensiero d'una notte di attesa mi aveva atterrito,

Ero come l'infermo che peggiora, e sa di peggiorare, e tuttavia si
strugge di scoprire la piaga, mosso dalla irragionevole speranza di
potersi trovar di fronte a un miglioramento.

Volevo accertarmi s'_ella_ vivesse ancora. S'ella fosse ancora
_laggiù_. E se il suo corpo recasse già, manifesti, i segni della
maternità imminente.

Delirando, pensavo:--Se per isfuggire alla nuova onta ella fosse
migrata lontana non lasciando di sè traccia nessuna? O se, presaga
delle nuove tempeste che il futuro le addensava sul capo, stanca della
vita, fiaccata, si fosse risolta a un estremo atto di disperazione?

Ma l'indomani, nella tormentosa corsa del viaggio, avevo lasciato, ad
ogni fermata, un brandello di coteste pazze speranze, E le avevo viste
spenzolar sanguinanti al vento, tra le lagrime, mentre mi allontanavo.

A capo chino m'ero avviato a casa, premuto alle calcagna da una paura
inenarrabile.

Poi a notte alta m'ero strascinato laggiù, avevo di lontano vista la
finestra gialla di luce, e me n'ero tornato via senz'ardire di
avvicinarmi, colpito in pieno petto da una pugnalata.

Che cosa dunque sarebbe stato di me s'io l'avessi un giorno
incontrata?

Pure anche questo era accaduto!

Un unico pensiero: salvarmi fuggendo.--Ma un bisogno più possente
aveva vinto. Ed io m'ero sentito trattenere da una mano di ferro, e
cacciare innanzi, come alla morte.

Così l'immagine, più detestabile della morte medesima, mi si era
impressa negli occhi. Sempre la vedevo. E pensavo, perduto:

--Che ti rimane oramai?

Un mattino che avevo sorpreso Giovanni nel mio studio e m'ero udito
chiedere, con una voce che passava le viscere, l'elemosina d'una
parola che gli rivelasse il mistero,--Lasciami!--avevo risposto,--Son
scivolato nel fango. E non mi levo più!

Ero come coloro che un morbo incurabile affligge: i quali, pur
assistendo al progressivo dilatarsi del male, pur non nutrendo
illusioni sul proprio stato e sulla propria sorte,--stanno tuttavia
attaccati alla vita perchè quel tenue filo ve li lega ed essi non
trovano in sè il coraggio di spezzarlo.



VIII.


Appena restai solo in faccia alla realtà, caddi in un abbattimento
mortale.

Ma sulla sera improvvisamente mi levai, pensando che l'ora di agire
era venuta.

Ed uscii, e rifeci quella strada, senza un piano prestabilito, senza
neppur confusamente sapere a che mirassi.

E arrivai sotto la finestra di fuoco, e tesi gli orecchi, aspettando,
con un brivido nelle reni, l'eco d'un vagito.

--Volete salire?--chiese un'ombra accennante verso me.

Io volevo a mia volta muovere una domanda, e non potevo. Battevo i
denti, nella febbre.

L'ombra, indovinando, soggiunse:

--La levatrice tornerà prima dell'alba.

Poi replicò:

--Volete forse salire?

Io fuggii.

Un'ora dopo salivo le scale della levatrice.

E attendendo che qualcuno venisse ad aprirmi, mi domandavo se la
decisione fosse veramente stata improvvisa o non piuttosto maturata
assai prima, nelle più oscure cavità del mio essere, fino dal giorno
che avevo incominciato a temere l'evento.

Una fanciulla bionda aperse, con in mano una lucerna a petrolio; e mi
fece passare in una piccola sala dov'erano due poltrone, un divano, un
tavolo ed uno specchio alto, con mazzi di fiori finti a' lati della
cornice dorata. M'invitò ad accomodarmi, posò il lume sul tavolo, ed
uscì.

Nell'istante che rimasi solo, alzando a caso gli occhi, mi riconobbi
nello specchio, e raccapricciai.--Sono io conscio di me?--pensavo a
capo chino.

Una voce gridò:

--Fuggi!

Ed io mi slanciai, per fuggire.

Ma la chiamata stava già davanti a me, sulla soglia.

--Fate andar via questa fanciulla!--pregai, vedendo che la tenera
creatura, ritta accanto al tavolo, non si moveva.

Quando fummo soli, ed ella intese ciò ch'io voleva da lei, si turbò
forte.

--Chi vi dette questo coraggio?,--mi fece, bianca come un cencio
lavato.

--La vita di un minuscolo essere incosciente vale forse la
mia?--obiettai.

Ella giunse le mani, esterrefatta.

--Iddio mi guardi!

E soggiunse che la legge infliggeva severissime pene a chi si rendesse
reo di quel delitto.

Dopo agitò le mani aperte nell'aria, per iscacciar la peste; e ripetè,
con crescente avversione:

--Mai più! Mai più!

Allora me le gettai a' piedi, e le proffersi tutto ciò che possedevo,
purchè mi salvasse, mi salvasse.

--Promettetemi!--gridavo piangendo.--Promettetemi!

--Mai più!

--Lasciatemi almeno un filo di speranza!

Cavai dalle mie dita i due preziosi anelli della mamma, strappai la
perla dalla mia cravatta: ogni cosa le deposi in grembo.

--Maria Vergine aiutami!--combatteva ella, con le mani nei capelli.

--Non temete! Dirò al giudice che vi costrinsi a viva forza. Il
castigo cadrà tutto su me!

--Andate! Andate!

Mi alzai, e presi quelle mani.

--La mia vita dipende da voi!

Ella si svincolò, e si ricoperse la faccia, singhiozzando.

--Sull'alba ritornerò!

--Ch'io non vi veda più!

--Tornerò,--gridai, fuori di me.--Pensate che in casa ho un'arma. Che
cosa volete ch'io faccia?

Ella scoteva il capo, sempre singhiozzando.

--Promettetemi almeno che tenterete!

--Tenterò! Lasciatemi!

Io uscii.

E andai, nella notte, molte ore, con le gambe spezzate.

Perseguitato da un grido atroce, pensavo:--Egli avrà appena forza di
mettere un vagito: un vagito soffocato che nessuno udirà.--Eppure il
grido mi feriva ancora!

Più tardi, verso l'alba, un'immagine di adolescente da' capelli bruni
m'era entrata nella mente, incutendomi un gran terrore.--Non
vivrà!--pensavo.--Non sarà mai un adolescente.--E tuttavia l'immagine
viveva. Invano mi affannavo a distruggerla. Rinasceva con le medesime
fattezze, co' medesimi riccioli bruni. E il mio terrore cresceva!

Dappertutto la ritrovavo, e la riconoscevo. Inutile fuggire: mi teneva
dietro sorridendo, mentre io fuggiva con ribrezzo. Quel sorriso! Mi
velavo gli occhi: e lo vedevo ancora, tra i brividi.

Sull'alba risalii quella scala, picchiai di nuovo a quell'uscio.

Ricomparve la ragazza bionda col lume.

--Tua madre?

L'aspettata irruppe, pallida come la morte.

Io le afferrai un braccio. Sospeso tra la morte e la vita gridai:

--Ebbene?

--Ah perdonatemi!--scoppiò.--Ci vorrebbe un cuore di tigre! Se vedeste
che bel bambino!

... Quando riapersi gli occhi, la lucerna era spenta; e la bianca luce
mattutina penetrava per l'unica finestra, rischiarando il profilo
dell'estranea, che mi vegliava.

Io mi levai, e mi avviai; sulla soglia ritirai come dalle spire d'un
serpe la mano ch'ella mi teneva fra le sue, e ridiscesi.

Tre volte, andando, mi rivolsi a vedere chi m'inseguisse. Tre volte mi
dissi ch'era l'eco de' miei passi che risonavan sul selciato della via
vuota come una tomba.

Davanti al piccolo cancello pensai:

--A che questo supremo strazio?

Ma più di mille braccia mi sforzarono.

E salii, ed entrai.

E vidi, con questi occhi.

La culla di là del letto; e in mezzo al bianco, sotto il velo, la
macchia rossastra.

Chi mi spinse sulla culla? Chi mi curvò sovr'essa? Chi alzò quel velo?

Orribile!

E una voce pregò:

--Bacialo!

Ed io mi chinai; e lo baciai.

Ebbi ancora la forza di rialzarmi, di stringere una mano che nell'aria
mi si tendeva, e di scendere quelle scale.

Fuori l'aurora saliva, lasciando cader fasci di rose sulle cose che si
risvegliavan sorridendo.

Ed io pensava, incamminandomi, che era forse quello l'ultimo loro
sorriso.


FINE



  PUBBLICAZIONI DELL'ANNO 1897


  Edite:


  __A. Fogazzaro.__ _Valsolda_, poesia dispersa. (B. P.)      L. 3 --
  __Contessa Lara.__ _Nuovi versi_, edizione postuma »        »  3 --
  __L. Donati.__ _Ballate d'amore e di dolore_  »             »  2 --
  __G. Tecchio.__ _Le visioni_                                »  3 --
  __E. Castelnuovo.__ _Il fallo di una donna onesta_, romanzo »  3 --
  __S. Farina.__ _Madonnina bianca_, narrazione               »  3 --
  __A. Vertua Gentile.__ _Da un natale all'altro_, romanzo    »  3 --
  __D. Valle.__ _Cuor di maestrina_, memorie                  »  1 50
  __A. S. Novaro.__ _La rovina_, racconto                     »  2 50
  __G. De Rossi.__ _L'Addolorata_, romanzo                    »  3 --
  __G. Molli.__ _Le spedizioni marittime militari moderne e
                              i trasporti militari a Massaua_ » 3 --
  __E. Werner.__ _Presso l'altare_, romanzo (B. M.)           »  1 --
  __Marchesa Colombi.__ _Serate d'inverno_, racconti          »  3 --
  __Marchesa Colombi.__ _La Cartella N. 4_, racconti          »  3 --
  __S. Lopez.__ _Ninetta_, commedia in tre atti               »  1 50
  __D. Oliva.__ _Robespierre_, dramma in cinque atti          »  2 --
  __S. Pagani.__ _Selve pagane_, azione drammatica            »  2 --
  __E. Marlitt.__ _Fantasima_, due volumi                     »  3 --
  __Mercedes.__ _Laura Dalmeno_, romanzo                      »  2 50


  __In preparazione:__

  __G. Anastasi.__ _La fine_, romanzo.
  __A. Avancini.__ _Idolo infranto_, romanzo.
  __G. Antona Traversi.__ _La civetta_, commedia in tre atti.
  __A. Colautti.__ _Mezzo soprano_, romanzo.
  __E. Conti.__ _Il gobbo_, romanzo.
  __F. De Roberto.__ _Spasimo_, romanzo.
  __F. De Roberto.__ _Gli amori_, novelle.
  __G. Gigli.__ _Le sorelle_, romanzo.
  __A. Galli.__ _Liriche dell'universo_.
  __C. Giorgeri Contri.__ _Sulle trame del sentimento_, novelle.
  __S. Lopez.__ _Il destino_, commedia in tre atti.
  __G. P. Lucini.__ _I drami delle maschere_.
  __Neera.__ _Per la bellezza_, note d'estetica.
  __Neera.__ _Prime novelle_.
  __O. Novi.__ _L'Esca_, romanzo.
  __U. Ojetti.__ _Il vecchio_, romanzo.
  __C. Varese.__ _Danton e Robespierre_, tragedia di Roberto Hamerling.

Dirigere commissioni e vaglia alla __CASA EDITRICE GALLI__ di _G.
Galli & Lelio Omodei-Zorini_, successi a _Chiesa-Omodei-Guindani_,
Galleria Vittorio Emanuele, Milano.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "La rovina" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home